Page 1

Sport p.18

p.33

Salute p.27

DICEMBRE 2018

Periodico d’informazione locale - Anno n.169

Cultura p.17

di Treviso Ovest

Questa copia

laPiazza è distribuita e certificata da

SCOPRI DI PIÙ a pag. 21 6

6 10 11 15 16 18

on-line:  Parole nuove, Buon Natale! Germana Urbani >direttore@givemotions.it<

È giusto che sia così: socialmente siamo spinti ad acquistare oggetti per dimostrare l’affetto e non c’è niente di male nel farlo. Anzi. Facciamolo al meglio perché il dono che scegliamo per gli altri un po’ ci rappresenta sempre e racconta qualcosa di noi. E se possibile accompagniamo l’oggetto scelto con parole vere, diciamolo anche l’amore, la stima, la simpatia, non diamo per scontato che un profumo costoso parli al posto nostro. Oggi giorno, purtroppo, preferiamo le cose alle parole. Con l’avvento dei cellulari e di Whatsapp si è persa anche l’abitudine di spedire biglietti e cartoline d’auguri, eppure tutti ricordiamo ancora il piacere che provavamo trovando nella cassetta delle lettere i bei biglietti colorati di Buone Feste. Non dico che sia necessario tornare ai vecchi servizi modo alle pagg. 4, 8 e 17 tempi, no. Ma riflettere sul nostro di dimostrare l’amore verso il prossimo questo sì. Noi veneti, nel profondo del nostro cuore, non siamo davvero il popolo che polemizza sul presepe: farlo, non farlo… Il presepe fa parte di noi e, per quel che mi riguarda, non sarà certo Salvini a convincermi che devo farlo perché è un segno di identità etnico-politica. Ma nel farlo, ricordiamoci che quella nascita parla il linguaggio universale dell’amore, della famiglia, del calore umano. Della generosità, anche, verso chi ha di meno o attraversa un momento di difficoltà. Le statistiche ci ricordano che la povertà in Italia continua ad aumentare. Sempre più spesso ha il volto di un vicino di casa, o perfino di un parente. A volte non basta più nemmeno avere un lavoro per sentirsi al sicuro: sono troppo precari, troppo malpagati, tanti impieghi al giorno d’oggi. Facciamo spazio anche a loro, ai poveri di soldi come di relazioni e di affetti, nelle nostre feste e nei nostri cuori. Condiviso, sarà certamente un Natale migliore.

Un Natale tra mercatini, tradizione e cultura

A Villa Lattes laboratori per i bambini, a Quinto due grandi alberi di Natale e a Zero Branco torna “Natale sotto Zero”

ZERO BRANCO

La Lega riapre la sede e si prepara al voto QUINTO DI TREVISO

Rifiuti: sequestrate 200mila tonnellate ISTRANA

Lavori pubblici e cultura per la città MORGANO

Quasi fatta la prima casa di paglia IL PERSONAGGIO

Il dottor Bhatti da Papa Francesco SPORT E SOLIDARIETÀ

Successo per la corsa dell’Avis

Parole nuove, Buon Natale!

LA NOSTRA ENERGIA NON È MAI STATA COSÌ VICINA. Vieni a trovarci al Negozio Enel per scoprire tutte le offerte luce e gas.

NOALE via Piave 15 tel. 041 4766895

MORGANO via G. Marconi 12/B tel. 0422 837300

VIGHESSO SERVICE

Germana Urbani >direttore@givemotions.it<

I

n questi giorni tutti noi, chi più chi meno, ci troviamo a riflettere sulle persone che amiamo, con cui lavoriamo o stimiamo particolarmente perché, con l’avvento delle festività, vorremmo far loro un regalo piacevole, mai scontato, che aggiungesse un pizzico di felicità ulteriore al Natale. Sì perché questa festa è già di per sé molto ricca: addobbi, cenoni, nuove mise e cure per il nostro corpo e la nostra mente. segue a pag 3

Rimani sempre aggiornato con le news in tempo reale direttamente sul tuo smartphone

assistenza caldaie autorizzata

Sime · Baxi · Ferroli · Fer Ariston · Unical gestione impianti di riscaldamento e solare Via Giotto, 39 - 30030 Maerne di Martellago (Ve) Tel. 041 914 296 - info@vighesso.com - www-vighesso.com

facebook.com/lapiazzaweb

Clicca mi piace!


Clinica consigliata

PORTa IL NOsTRO sORRIsO IN gIRO! Offriamo servizi di trasporto e allogio Primo viaggio gratuito Prima visita, preventivo e piano di terapia gratuiti Prezzi al 50-60% piĂš bassi 12 studi dentistici, materiali a norma CE, attrezzature dâ&#x20AC;&#x2122;avanguardia Viaggi organizzati settimanali A/R in giornata

www.ortonova.it NUMERO VERDE

800 598 006

Rijeka, Croazia 00385 51 829 600 info@ortonova.it

PREVENTIVO ONLINE


3

Facciamo. il punto

www.lapiazzaweb.it

Parole nuove, Buon Natale! Germana Urbani >direttore@givemotions.it<

Francesca vende i suoi peluche per l’Enoa S

La bambina di 9 anni di Istrana ha allestito un mercatino

È giusto che sia così: socialmente siamo spinti ad acquistare oggetti per dimostrare l’affetto e non c’è niente di male nel farlo. Anzi. Facciamolo al meglio perché il dono che scegliamo per gli altri un po’ ci rappresenta sempre e racconta qualcosa di noi. E se possibile accompagniamo l’oggetto scelto con parole vere, diciamolo anche l’amore, la stima, la simpatia, non diamo per scontato che un profumo costoso parli al posto nostro. Oggi giorno, purtroppo, preferiamo le cose alle parole. Con l’avvento dei cellulari e di Whatsapp si è persa anche l’abitudine di spedire biglietti e cartoline d’auguri, eppure tutti ricordiamo ancora il piacere che provavamo trovando nella cassetta delle lettere i bei biglietti colorati di Buone Feste. Non dico che sia necessario tornare ai vecchi tempi, no. Ma riflettere sul nostro modo di dimostrare l’amore verso il prossimo questo sì. Noi veneti, nel profondo del nostro cuore, non siamo davvero il popolo che polemizza sul presepe: farlo, non farlo… Il presepe fa parte di noi e, per quel che mi riguarda, non sarà certo Salvini a convincermi che devo farlo perché è un segno di identità etnico-politica. Ma nel farlo, ricordiamoci che quella nascita parla il linguaggio universale dell’amore, della famiglia, del calore umano. Della generosità, anche, verso chi ha di meno o attraversa un momento di difficoltà. Le statistiche ci ricordano che la povertà in Italia continua ad aumentare. Sempre più spesso ha il volto di un vicino di casa, o perfino di un parente. A volte non basta più nemmeno avere un lavoro per sentirsi al sicuro: sono troppo precari, troppo malpagati, tanti impieghi al giorno d’oggi. Facciamo spazio anche a loro, ai poveri di soldi come di relazioni e di affetti, nelle nostre feste e nei nostri cuori. Condiviso, sarà certamente un Natale migliore.

ono i gesti piccoli ma significativi, quelli che non ti aspetti, a scaldare il cuore. Come quello di Francesca, una bambina di 9 anni di Istrana, che ha voluto fare qualcosa di utile e concreto, anche rinunciando a ciò che amava come i suoi peluche, per aiutare i cani in difficoltà. Un cuore grande e una passione per i pelosi amici a quattro zampe: questa è Francesca. Un amore che l’ha spinta ad adottare Brigitte, un cocker che era stato vittima di maltrattamenti e che era stata accolta dal rifugio “in condizioni pietose” come riferiscono all’Enpa Treviso, al quale la bambina ha voluto donare felicità e affetto. Apparteneva a un cacciatore che a un certo punto ha deciso che non serviva più e a 11 anni l’ha abbandonata. È stato un colpo di fulmine, per Francesca, non solo per il cagnolino, da tempo desiderato, che ora fa parte della sua famiglia, ma per tutto il rifugio Enpa che ha sede a Ponzano. La nostra specialità di Così, ha deciso che adottare Brigitte non bastava e che DICEMBRE voleva dare una mano anche agli altri ospiti in attesa di nuove famiglie. “Ha fatto tutto di sua spontanea volontà GNOCCHI - racconta Massimo Bordoni, responsabile dei volontari CON CHIODINI E MORLACCO di Enpa -: ha allestito un mercatino di fronte a casa della TREBASELEGHE (PD) nonna, ha venduto i suoi peluche e poi tutta contenta è Germana Urbani >direttore@givemotions.it< Via Ronchi, 1 venuta a portarci questa donazione. L’abbiamo ovvian questi giorni tutti noi, chi più chi meno, ci troviamente nominata volontaria ad honorem”. Ed eccola, info e prenotazioni Francesca, che mostra orgogliosa la sua targa, con i vo-mo a riflettere sulle persone che amiamo, con cui Tel. 049 9385126 lavoriamo o stimiamo particolarmente perché, con lontari del rifugio. l’avvento delle festività, vorremmo far loro un regalowww.ristorantebaracca.it piacevole, mai scontato, che aggiungesse un pizzicoinfo@ristorantebaracca.it Giorgia Gay di felicità ulteriore al Natale. Sì perché questa festa è già di per spazi 160x90 LA PIAZZA.indd 3 sé molto ricca: addobbi, cenoni, nuove mise e cure per il nostro corpo È un periodico formato da 16 edizioni localie mensilmente recapitato Direzione, Amministrazione la nostra mente. seguee a pag 3 Redazione:

PRENtaOvToA lo il tuo

Parole nuove, Buon Natale!

I

di Treviso Ovest

a oltre 250.000 famiglie del Veneto. Questa edizione raggiunge le zona di Istrana, Morgano, Quinto di Treviso e Zero Branco per un numero complessivo di 11.500 copie. Iscrizione testata al Tribunale di Venezia n. 1142 del 12.04.1994; numero iscrizione ROC 32199

Concessionaria di Pubblicità Locale: via Lisbona, 10 · 35127 Padova tel. 049 8704884 · fax 049 6988054 >redazione@givemotions.it< >www.lapiazzaweb.it<

Rimani sempre aggiornato con le news in tempo reale direttamente sul tuo smartphone

è un marchio registrato di proprietà Srl di

Direttore responsabile (ad interim) Germana Urbani >direttore@givemotions.it< Ornella Jovane >redazione@givemotions.it<

facebook.com/lapiazzaweb

FOLLOW US ON

06/11/18 12:18

Periodico fondato nel 1994 da Giuseppe Bergantin Centro Stampa: Rotopress International via Breccia · Loreto (An) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

Clicca mi piace!

Chiuso in redazione il 5 dicembre 2018


4

Zero Branco

www.lapiazzaweb.it

“Natale sotto Zero”: al via la rassegna Il comune zerottino ha organizzato per tutto il mese di dicembre diversi eventi e manifestazioni, per coinvolgere la comunità tra passeggiate, concerti, mercatini, mostre e una gita al palaghiaccio di Feltre

A

ppuntamenti su appuntamenti, fino al 6 gennaio. Per vivere un Natale diverso, un Natale che abbia sempre più il sapore della comunità, rivolto in particolare ai più piccoli. Sono quelli che stanno caratterizzando “Natale sotto Zero”, il cartellone che anima Zero Branco per le festività natalizie. Dopo lo spettacolo che ha aperto la stagione teatrale dell’auditorium comunale “Giovanni Comisso” il 1 dicembre, la 39° corsa lungo il fiume Zero, con il ricavato andato all’associazione “La musica di Angela” il 2 dicembre e domenica 9, invece, una serie di concerti. Quanto ai prossimi eventi: il 15 e 16 dicembre si torna nel vivo con i mercatini di Natale in piazza Umberto I, di fronte al municipio. Alle 9 l’apertura, tra casette e bancarelle, con il supporto - in 2018– Falcon Dueffe.pdf varie forme del gruppo Alpini, delle associazioni d’Arma e dei Colmelli Zairo. Dalle 16 alle 17

spazio ad “Acqua, aria, terra: la narrazione di un territorio” e illustrazione della mostra “Due anni dal cratere del sisma”. I Monti sibillini scendono in pianura a Zero Branco per i mercatini di Natale con la Pro Loco di Bolognola (MC), la capofila di una serie di attività produttive umbre e marchigiane. Sarà un momento di incontro per scoprire tante cose di un territorio, ma anche per ascoltare storie e vedere molte foto di due anni vissuti intensamente nel cratere del sisma. Alle 17.30 lo spettacolo comico con Luigi Spaccamonti, organizzato da “La Musica di Angela all’Auditorium Comisso e alle 21 gli “Auguri in musica” con la banda musicale Luise & Scattolin diretta dal maestro Gastone Novello. Per tutta la giornata si sono tenute mostre per grandi e piccini. 1 22/03/18 10:31 Domenica 16 svolgimento simile ma alle 10.30 anche l’esibizione della banda musicale e

Un momento dello scorso anno

del gruppo Majorettes del circolo Gilles Villeneuve e alle 11 la premiazione della creazione in mattoncini più originale. Alle 15 l’associazione Chromatica propone un’esibizione con percussioni africane, mentre il 20 dicembre alle 20.30, all’auditorium Comisso, andrà in scena lo spettacolo di cabaret e musica organizzato da La musica di Angela e dal gruppo Zero per Zero. Il ricavato andrà ai

progetti di musicoterapia dell’associazione presso la casa di riposo Insieme si può “Santa Maria de Zairo” di Zero Branco e per le missioni di Totora e Mamara di Padre Andrea Dentelli sostenute dall’associazione “Un sorriso sulle Ande Onlus”. Sabato 22 alle 20.30 il concerto di Natale nella chiesa parrocchiale con il coro voci bianche dell’associazione Manzato e dell’orche-

stra regionale Filarmonia Veneta a cura di Asolo Musica. Il giorno di Santo Stefano, 26 dicembre, l’ormai tradizionale camminata “Quattro passi par pair”, passeggiata lungo le strade del paese per una mattinata insieme alla scoperta de territorio in maniera salutare. (Partenza dal piazzale della Chiesa di Sant’Alberto alle 9.30). Il 29 dicembre l’uscita al Palaghiaccio di Feltre organizzata dagli oratori delle tre parrocchie mentre il 30 dicembre, alle 16.30 in chiesa a Scandolara, il concerto con le fisarmoniche dei maestri Mirko Satto e Irene Squizzato. Ultimo appuntamento, con l’anno nuovo, il 5 gennaio al pomeriggio, in auditorium Comisso Fisaorchestra Armonia in concerto per Fondazione Pura Gratuità Onlus. Alessandro Bozzi Valenti

Grande attenzione anche al Natale dei bambini Dalla

La Qualità del made in Italy

consegna delle letterine a Babbo Natale fino all’arrivo

Dueffe

INFISSI E CUCINE

Via Moglianese G. 142 - Gardigiano di Scorzè (VE) - Tel. 041 449 050 - www.dueffefalcon.it

della befana

U

n Natale a misura soprattutto di bambino, cominciato giovedì 6 dicembre in biblioteca comunale con il laboratorio “Libralbero”. Domenica 9 invece è stato dato spazio all’esibizione con canti e poesie dei bambini di alcune classi delle scuole primarie di Zero e Sant’Alberto oltre alla premiazione del quarto concorso grafico Disegna il tuo Natale sotto Zero. E’ seguito l’arrivo di Babbo Natale con la consegna delle letterine e lo spettacolo Rudolf in love di Barbamoccolo, con animazioni varie. Per tutta la giornata poi ci sono stati giochi e intrattenimenti per i più piccoli. Si arriva dunque al 20 dicembre con la riproposta in biblioteca di “Libralbero” dalle 17:00 per bambini dai 4 agli 8 anni. Infine, ad inaugurare il 2019 ci sarà l’appuntamento del 5 gennaio dietro la chiesa di Sant’Alberto, l’arrivo della befana alle ore 20 “chiamata” dal gruppo giovanile e dall’oratorio NoiAltri. A.B.V.


Costruiamo

il

tuo

benessere

Ci occupiamo di: •

BONIFICA AMIANTO

Rifacimento coperture industriali e civili

Progettazione di impianti fotovoltaici

Consulenza Finanziaria

TUTTO CHIAVI IN MANO. FORNIAMO SOPRALLUOGHI E PREVENTIVI TOTALMENTE GRATUITI E TI LIBERIAMO DA OGNI ONERE BUROCRATICO.

049.099.83.11 Via Germania, 19 Vigonza (Pd)

info@ekonic.it www.ekonic.it seguici su

Ekonic


6

Zero Branco

www.lapiazzaweb.it

Politica Era chiusa da tre anni

Il Carroccio riapre la sede e si prepara alle prossime comunali L

a Lega torna a suonare le trombe in vista delle elezioni comunali della prossima primavera 2019. Il sindaco Mirco Feston, giunto alla fine del secondo mandato, non potrà più ricandidarsi. E il Carroccio è pronto a correre per conquistare la seggiola più alta del municipio. Anche da solo, se non verranno stretti accordi con la galassia delle civiche dell’area del centrodestra. Si tratta di una rinascita per il gruppo. La sezione leghista era stata chiusa ormai tre anni fa. Non dismessa. Ma alla fine non erano pria sezione autonoma. Si tratta rimasti che tre militanti. Uno in di un passaggio che deve essere meno rispetto al minimo con- formalmente sancito dalla sesentito per una gestione autono- greteria provinciale del Carrocma. Così, come precio. E al momento, vede lo statuto, la l’elezione alla Erano rimasti dopo Lega di Zero Branco Camera di Dimitri solo tre è stata accorpata a Coin, tra l’altro oriquella di Morgano, ginario proprio di sostenitori. la sezione vicina Morgano, è comOra si è con più tesserati, missariata sotto la guidata dal segretaarrivati a una guida di Roberto rio Alberto RossetCiambetti. Bisognequarantina to, vicesindaco diel rà attendere il prosComune di Morgasimo congresso. Ma no. la Lega di Zero Branco ha già tutti In tre anni quest’ultimo ha lai numeri per poter riprendere a vorato sodo per rilanciare il Car- camminare da sola. roccio di Zero Branco. E adesso Bisogna ammettere che gli c’è riuscito. “Abbiamo messo obiettivi non mancano. Il primo, assieme una grande squadra di già dichiarato, è la corsa alla seggiovani – spiega – e sono tutte giola di sindaco che partirà con persone pronte a impegnarsi con l’inizio del nuovo anno. “La Lega grande entusiasmo”. nel 2019 si presenterà alle elezioOggi si contano complessiva- ni comunali”, assicura Rossetmente una quarantina di soste- to. Con qualche alleato? Non si nitori. Più un gruppetto di mili- esclude. Anche se alcuni gruppi tanti. Solo tre di questi hanno già hanno messo il veto sul simbolo lavorato con l’amministrazione della Lega: vorrebbero costituire di Maria Margherita Sagramora, una formazione almeno appal’ultimo sindaco della Lega prima rentemente del tutto civica. Ma dell’avvento dell’era Feston. Per chiaramente per il Carroccio non il resto è tutto nuovo. se ne parla. Tecnicamente Zero Branco Mauro Favaro non può ancora avere una pro-

Iniziato lo scavo dello scolo Vernise: scopo la riqualificazione e il miglioramento della sicurezza dell’area

H

a preso il via lo scavo dell’alveo dello scolo Vernise a Zero Branco da parte di Acque Risorgive. L’intervento interessa in parte anche il territorio di Scorzè ed è mirato alla riduzione dei nutrienti che annualmente defluiscono con le acque del Vernise verso la Laguna veneta. Si continua così la realizzazione del progetto di riqualificazione ambientale finanziato dalla Regione veneto per un importo complessivo di 3 milioni 432mila euro. Nonostante la finalità ambientale prioritaria, non è da trascurare il miglioramento della sicurezza di tutta l’area. Vi sono poi altri aspetti che vengono considerati, come la riqualificazione estetico/paesaggistica

del sistema idrografico del Vernise, la conservazione e l’incremento del suo ‘valore’ naturalistico. Tali obiettivi verranno raggiunti attraverso il rifacimento di buona parte delle immissioni di capofossi e scoline e la piantumazione di siepi e alberature con piante autoctone. “Con questo progetto – spiega il direttore del consorzio di bonifica Carlo Bendoricchio – puntiamo a ridurre di 5.000 kg/anno l’apporto di azoto e di 500 kg/anno quello di fosforo. Un obiettivo che raggiungeremo attraverso la creazione di golene e aree umide destinate alla fitodepurazione tra via Onaro e via Montiron”.

OFFICINA NASATO VANIO di Lievore Alberto

Vendita e assistenza cicli e macchine per il giardinaggio Piazzale Roma 31, Istrana TV Tel. 0422-738017

Gaia Ferrarese


7

Zero Branco

www.lapiazzaweb.it

Tradizioni 26° edizione

In arrivo la “Mostra del radicchio” L

’attesa kermesse dedicata al radicchio è pronta anche per quest’anno a deliziare quanti vorranno parteciparvi con un programma davvero ricco. Giunta alla sua 26esima edizione, la “Mostra del radicchio rosso di Treviso Igp”, si terrà a Zero Branco, nella zona industriale di via Taliercio, dall’11 al 20 gennaio 2019. Questa del radicchio a Zero Branco è una delle fiere più storiche a livello provinciale dedicate al “fiore che si mangia” e dà luogo ogni anno a più di dieci giorni di irrinunciabili festeggiamenti. Nella mostra ortofrutticola, sarà data ai visitatori la possibilità di acquistare il

radicchio rosso di Treviso Igo a chilometro zero e il radicchio variegato di Castelfranco oltre ad altri prodotti “dal produttore al consumatore” coltivati nel pieno rispetto dell’ambiente. Doveroso evidenziare la particolarità delle sementi utilizzate per produrre questo radicchio unico Igp Tardivo dal sapore particolare. Queste infatti sono state attentamente selezionate dagli agricoltori che hanno unito il loro sapere all’acqua. La creazione di un prodotto unico come questo, è senza dubbio frutto di una perfetta sinergia tra uomo e natura. Presenti anche quest’anno le bancarelle, gli stand e prodotti tipici nonché diversi irri-

Aprirà come di consueto il 2019 con una dieci giorni dedicata al “Rosso di Treviso IGP” con lo stand gastronomico, il mercato e un’escursione

nunciabili appuntamenti. Tra questi ricordiamo la serata di giovedì 17 gennaio “Sapori anni Cinquanta” che porterà tutti i partecipanti indietro nel tempo tra bontà della tradizione e l’attesa edizione del concorso curato e ideato dalla ProLoco intitolata “Nel Radicchio Rosso di Treviso IGP l’acqua, il sole, la terra e le cure dell’uomo – Io lo cucino così, giunto alla sua

LA FATTURA ELETTRONICA Dal 1° gennaio 2019 tutte le fatture emesse, a seguito di cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti o stabiliti in Italia, potranno essere solo fatture elettroniche. L’obbligo di fattura elettronica, introdotto dalla Legge di Bilancio 2018, vale sia nel caso in cui la cessione del bene o la prestazione di servizio è effettuata tra due operatori Iva, sia nel caso in cui la cessione/prestazione è effettuata da un operatore Iva verso un consumatore finale. COS’È LA FATTURA ELETTRONICA La fattura elettronica si differenzia da una fattura cartacea, in generale, solo per due aspetti: 1) va necessariamente redatta utilizzando un pc, un tablet o uno smartphone 2) deve essere trasmessa elettronicamente al cliente tramite il cosidetto Sistema di Interscambio (SdI). Il SdI è una sorta di “postino” che svolge i seguenti compiti: • verifica se la fattura contiene almeno i dati obbligatori ai fini fiscali nonchè l’indirizzo telematico al quale il cliente desidera che venga recapitata la fattura. • controlla che la partita Iva del fornitore e la partita Iva ovvero il Codice Fiscale del cliente siano esistenti. In caso di esito positivo dei controlli, il Sistema di Interscambio consegna in modo sicuro la fattura al destinatario comunicando con una “ricevuta di recapito” a chi ha trasmesso la fattura la data e l’ora di consegna del documento.

nona edizione. Imperdibile anche l’escursione prevista per domenica 20 gennaio “Passeggiare nella storia” che con partenza alle ore 9, condurrà quanti lo desidereranno attraverso un viaggio tra ricordi ed emozioni del passato senza però perdere di vista il principe di questa festa: il radicchio. Lucia Russo

a m r o f In

CHI È ESONERATO DALL’EMISSIONE DELLA FATTURA ELETTRONICA Sono esonerati dall’emissione della fattura elettronica solo gli operatori (imprese e lavoratori autonomi) che rientrano nel cosiddetto “regime di vantaggio” e quelli che rientrano nel cosiddetto “regime forfettario” . A tali categorie si aggiungono i “piccoli produttori agricoli”. QUALI SONO I VANTAGGI DELLA FATTURA ELETTRONICA La fatturazione elettronica innanzitutto permette di eliminare il consumo della carta, risparmiando i costi di stampa, spedizione e conservazione dei documenti. Inoltre, potendo acquisire la fattura sotto forma di XML, è possibile rendere più rapido il processo di contabilizzazione dei dati contenuti nelle fatture stesse, riducendo sia i costi di gestione di tale processo che gli errori che si possono generare dall’acquisizione manuale dei dati. Infine, essendo certa la data di emissione e consegna della fattura (poichè la stessa viene trasmessa e consegnata solo tramite SdI), si incrementa l’efficienza nei rapporti commerciali tra clienti e fornitori. La fattura elettronica, poi, determina ulteriori vantaggi dal punto di vista strettamente fiscale.

CAMPOSAMPIERO (PD) - Via Tentori, 62/2 - Tel. 049.9303025/049.9303001 - Fax 049.9316764 - E-mail: info@impresa2000.net


8

Quinto di Treviso

www.lapiazzaweb.it

Le festività natalizie tra banchetti, mostre del libro e due grandi alberi Il Comune si accenderà a festa per questo Natale, inagurato già a fine novembre dai mercatini in piazza e grazie al lavoro dell’Auser e delle scuole

S

arà un Natale all’insegna delle luci quello che si apprestano a vivere i cittadini di Quinto di Treviso. Le festività ormai imminenti saranno infatti salutate da due magici grandi alberi della tradizione e dall’apposizione delle luminarie nelle zone più centrali della cittadina. Oltre alla luminaria di Piazza Roma, l’arrivo della festa più amata da grandi e piccini sarà salutata soprattutto dai due Alberti di Natale che sono stati posizionati uno Santa Cristina e l’altro invece a Quinto, in via Costamala all’altezza della rotonda che porta verso Morgano. Si è invece già svolto nell’ultima domenica di novembre il tradizionale mercatino di Natale, organizzato in collaborazione con la Pro Loco. Oltre 100 i banchetti che hanno impreziosito uno degli scorci più belli di Quinto, a ridosso del fiume Sile, lungo le via Roma e Ciardi e all’interno del parco di Villa Memo Giordani Valeri, per una passeggiata tra le offerte di commercianti e artigiani locali che ha registrato, come anche in ogni edizione precedente, un grande successo di pubblico. Il tutto arricchito dallo stand enogastronomico. Nel frattempo è andata avanti fino al 14 dicembre la Mostra del Libro e gli eventi collaterali legati alla manifestazione. Ospitata tra la biblioteca e Villa Memo Giordani Valeri la mostra del libro è il frutto dell’impegno delle lettrici volontarie “Leggimi Forte”, del circolo Auser di Quinto e dell’istituto comprensivo. Quest’anno il tema a cui è stata dedicata la mostra è il rispetto della natura. Un argomento che ha fatto da filo conduttore alla mostra mercato, alla mostra degli elaborati dei bambini della scuola materna e della primaria e degli eventi nei fine settimana. Le iniziative sono state curate dall’Auser e da alcuni degli insegnati dell’Istituto comprensivo, così come delle attività di lettura a voce alta offerte a tutti i

bambini e i ragazzi delle scuola di Quinto dall’amministrazione comunale, con la collaborazione delle lettrici volontarie e di alcuni degli alunni della secondaria “Ciardi”, guidati da Marisa Gasparin. Denis Barea

Audi Audi Service Service

Il Il tempo tempo passato passato con con noi noi ha tutto un altro valore. ha tutto un altro valore. Solo con Audi Service il tempo non lascia tracce: grazie all’elevata qualità degli interventi Solo con Audi Service il tempo non lascia tracce: grazie all’elevata qualità degli interventi di manutenzione e all’esclusivo vantaggio offerto da myVoucher, il valore della vostra vettura di manutenzione e all’esclusivo vantaggio offerto da myVoucher, il valore della vostra vettura rimane inalterato negli anni. Ecco perché conviene affidarsi a chi un’Audi la conosce da sempre. rimane inalterato negli anni. Ecco perché conviene affidarsi a chi un’Audi la conosce da sempre. MyVoucher, valido fino al 31 dicembre 2018, può essere utilizzato in occasione del prossimo MyVoucher, valido fino al 31 dicembre 2018, può essere utilizzato in occasione del prossimo tagliando e/o degli interventi di manutenzione previsti dal Programma Service della vostra auto tagliando e/o degli interventi di manutenzione previsti dal Programma Service della vostra auto ed è riservato a tutte le vetture immatricolate dall’1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2015. ed è riservato a tutte le vetture immatricolate dall’1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2015. Per maggiori informazioni riguardo al dettaglio degli interventi di manutenzione che rientrano Per maggiori informazioni riguardo al dettaglio degli interventi di manutenzione che rientrano nella promozione visitate www.audi.it/myvoucher nella promozione visitate www.audi.it/myvoucher Gamma A3. Valori massimi: consumo di carburante (l/100 km): ciclo urbano 8,8 Gamma A3. Valori massimi: consumo di carburante (l/100 km): ciclo urbano 8,8 ciclo extraurbano 6,1 - ciclo combinato 7,1; emissioni CO2 (g/km): ciclo combinato 164. ciclo extraurbano 6,1 - ciclo combinato 7,1; emissioni CO2 (g/km): ciclo combinato 164.

SCANTAMBURLO SCANTAMBURLO AUTOMOBILI AUTOMOBILI S.r.l. S.r.l. Via Via Venezia, Venezia, 165 165 -- 30037 30037 Scorzè Scorzè (VE) (VE) tel. 041 446029 info@scantamburlo.it tel. 041 446029 - info@scantamburlo.it www.scantamburlo.it www.scantamburlo.it

E l’elenco telefonico? “Fate attenzione: se non vi è arrivato l’elenco telefonico ma trovate la spesa in bolletta chiedete il rimborso”. Paolo Durigon, 82enne di Quinto, pensionato, ha lanciato il suo appello qualche settimana fa, tramite le colonne del quotidiano La Tribuna. “Perchè è giusto si sappia - spiega con l’umiltà tipica di chi ne ha già viste parecchie - nella mia zona l’elenco telefonico si paga, ma non arriva da ormai quattro anni. La questione non è per quei 3 euro e 90 addebitati, ma è un aspetto di principio”. Quindi la spiegazione. “La consegna sarebbe biennale, ma l’ultimo che ho ricevuto era per il biennio 2015-2016, consegnato a fine 2014 da Poste Italiane” aggiunge il pensionato, “eppure in bolletta il corrispettivo annuo per la consegna degli elenchi continua ad essere addebitato. Trovo ancora più grave, tuttavia, il fatto che alcuni utenti della mia zona siano già stati rimborsati dopo averne fatto richiesta, che da poco ho fatto anch’io. Ma se chi di dovere si era accorto o comunque era venuto a sapere del mancato recapito perché non hanno proceduto col rimborsare tutti? Bisogna stare attenti”. Alessandro Bozzi Valenti


10

Quinto di Treviso

www.lapiazzaweb.it

Rifiuti: sequestrate 200mila tonnellate Un’enorme contaminazione presente all’interno della cava di Campagnole. Il maxi-sequestro è avvenuto dopo due anni di indagini e a seguito di 4.500 firme cittadine richiedenti la rinaturalizzazione del luogo

O

ltre 200mila tonnellate di materiale contaminato da metalli pesanti come rame, nichel e piombo sono stati sequestrati all’interno della cava Campagnole, sul confine tra Padernello e Quinto, dopo due anni di indagini coordinate dal pm Giorgio Gava, aggregato alla Direzione distrettuale antimafia di Venezia. Senza contare 5mila metri cubi contenenti amianto, che erano già stati sequestrati dal Corpo Forestale. Il materiale in questione è stato stivato negli anni dalla Cosmo Ambiente di Noale nel ventre del sito estrattivo di proprietà della ditta Canzian. Da quanto si apprende, avrebbe dovuto essere usato per la terza corsia dell’A4. Il punto è che non sarebbe stato bonificato, ma semplicemente miscelato con altri rifiuti per “diluire” gli inquinanti. Il sequestro è una vittoria per il comitato di cittadini che in pochi mesi ha raccolto oltre 4.500 firme

per chiedere la rinaturalizzazione della cava. Purtroppo, però, non c’è nulla da festeggiare. “Tutti sapevano che lì c’era quel materiale. Ci hanno accusato di dire cose inesatte. Quello che è successo, invece, ci dà ragione – mette in chiaro Leonella Grespan, assieme a Giulia Piva, Valerio Marconato e Bruno Grespan – la verità sta venendo a galla. Chiediamo una bonifica completa. Speriamo che la cava torni a essere un polmone verde”. Il Comune di Paese puntava a convertire 80mila metri quadrati dello stesso sito estrattivo in zona industriale. Un anno e mezzo fa ha sottoscritto un accordo con la Canzian. Un progetto che oggi sembra irrealizzabile. “Abbiamo fatto una variante urbanistica – specifica il sindaco Francesco Pietrobon – con un vincolo chiaro: il materiale improprio avrebbe dovuto essere asportato”. Ora, però, il Pd chie-

de le sue dimissioni. Anche il sindaco di Quinto, Mauro Dal Zilio, si era schierato contro la trasformazione della cava in zona industriale, eviden-

ziando la presenza di materiale improprio. “La salvaguardia delle falde dall’inquinamento deve essere un imperativo categorico – dice dopo il sequestro – siamo

Dal Zilio: “Se potessi mi ricandiderei a sindaco”

N

on può più candidarsi a sindaco. Ma resterebbe più che volentieri nella “stanza dei bottoni” del municipio. Mauro Dal Zilio, primo cittadino leghista di Quinto, non si nasconde. Come al solito, è schietto e diretto. Oggi viaggia verso la fine del suo secondo mandato alla guida del Comune. Con le elezioni della primavera prossima dovrà cedere la seggiola ad altri. “Se fosse possibile, mi ricandiderei a sindaco per la terza volta. Sono molto legato alla mia gente e al mio territorio – rivela – e comunque resterò a disposizione per qualsiasi incarico all’interno del municipio. Mi metto già a disposizione per ricoprire il ruolo di vicesindaco, di assessore ma anche quello di semplice consigliere, nessun problema. Sempre che chi verrà dopo di me lo desideri. Nel momento in cui il mio contributo non dovesse più essere ben accetto, non avrei difficoltà a finire la mia esperienza”. Insomma, patti chiari, amicizia lunga. In casa Lega a Quinto funziona così. Per quanto riguarda il nome del nuovo candidato sindaco del Carroccio è ancora presto. La sezione starebbe prendendo in considerazione una terna di nomi. Su questi c’è il massimo riserbo. Non si vuole bruciare nessuno lanciandolo troppo presto rispetto all’appuntamento con le urne. Certo, sostituire Dal Zilio non sarà esattamente una passeggiata. L’attuale sindaco ha preso le redini del municipio nell’ormai lontano 2009. Prese il posto di Dino Brunello conquistando oltre il 52% dei consensi. E cinque anni dopo arrivò una nuova consacrazione: Dal Zilio strappò la riconferma sfiorando il 55%. (Ma.Fa.)

Un momento di un incontro cittadino

Ancora proteste sui voli al Canova Il Comitato è pronto a denunciare anche i ministeri La nuova frontiera della protesta del gruppo contro lo sviluppo dell’aeroporto è emersa nell’assemblea che a metà novembre ha riunito oltre 300 persone nell’audito-

rium della parrocchia di Quinto. “Il rischio di disastri provocati dai voli del Canova è insostenibile – è l’urlo che si è levato dal gruppo guidato da Giulio Corradetti – dobbiamo fermare questa follia”. L’obiettivo è fare in modo che lo scalo non superi più il tetto dei 16.300 movimenti all’anno. E ciò significherebbe affossare il master plan con cui Save/AerTre, società di gestione, punta a far crescere il

già stati scottati nel 2003 con l’atrazina e poco tempo fa con il mercurio. Non possiamo correre altri rischi”. Mauro Favaro

Canova fino ad arrivare a toccare nel 2030 quota 22.499 voli (+6% rispetto all’anno scorso) per 3 milioni 227mila passeggeri (+7%). A Quinto c’era anche Arianna Spessotto, deputata M5S. “Il Canova deve rispettare il limite. Cosa che assolutamente non fa. È scandaloso: si continua a operare in una situazione di illegalità – mette in chiaro – con il rispetto del limite, Ryanair probabilmente se ne andrà (oggi opera l’85% dei voli di Treviso, ndr). A quel punto si potrà ripianificare la gestione aeroportuale. Treviso non servirebbe più”. Lei punterebbe solo su Venezia, Ronchi dei Legionari e Verona. La deputata ha anche chiesto a Danilo Toninelli, ministro dei Trasporti, di aprire un tavolo ad hoc. I sindaci di Treviso e Quinto, invece, non ha partecipato all’assemblea. Mario Conte (Treviso) ha avviato un confronto con Save per far crescere il Canova, pur chiedendo sostenibilità. Mentre Mauro Dal Zilio (Quinto), assente giustificato, non arretra di un centimetro: “Alle condizioni attuali il Canova deve rispettare il limite di 16.300 movimenti all’anno. Non ci sono discussioni. Invece già quest’anno arriveranno molto vicini agli obiettivi sulla carta fissati per il 2030. Parlano di nuove rotte quando stanno già sforando tutti i limiti. È una grande presa in giro”. Ma.Fa.


11

Istrana

www.lapiazzaweb.it

Bilancio Il punto del sindaco

Lavori pubblici ed eventi culturali per rilanciare la città Un anno davvero ricco quello del Comune di Istrana che ha visto per la prima volta la sedia del Municipio “colorarsi di rosa”. Il primo cittadino donna della storia del Comune è Maria Grazia Gasparini che in questi mesi di mandato ha portato a termine diversi lavori iniziati dalla precedente amministrazione guidata da Enzo Fiorin che la vedeva nel ruolo di assessore alla Cultura. Tanti sono però i progetti che Gasparini ha in mente di portare avanti a partire proprio dall’ampliamento dell’offerta culturale. “Numerose sono già state le occasioni di formazione come quella dell’aperitivo europeo che ha portato una ventata di

internazionalità a Istrana offrendo di fronte a una folta platea momenti di riflessione ad ampio raggio sulle opportunità offerte da un contesto allargato come quello dell’Europa sotto diversi profili”. Sempre nella stessa ottica che guarda “oltre i confini”, il progetto organizzato con il gruppo di Polistrana e Trevisani nel Mondo, “Istrana calling” che si terrà il 20 dicembre alle 20.45 a Ca’ Celsi e che godrà anche della collaborazione di Fondazione Migrantes. Sul tavolo dei relatori, oltre a esperti del settore, anche i giovani istranesi emigrati all’estero alla ricerca di un’opportunità lavorativa. Rimanendo nel tema conferenze, importanti quelle tenutesi in concomitanza con la Festa dell’Agricoltura per “coinvolgere esperti del settore tra colture del

passato e innovazione”, come più volte sottolineato dall’assessore di competenza Luciano Fighera. Tra i progetti portati a termine, il sottopasso di via Fabio Filzi, che dopo anni di attesa e numerose incomprensioni con i cittadini e

la minoranza, ha visto la fine dei lavori e la riapertura. “Il sottopasso ha reso più agevole il tratto che collega via Filzi con l’incrocio semaforico - affermava la prima cittadina durante un consiglio comunale –. Molto è stato fatto ma ci

Il sindaco Maria Grazia Gasparini

sono delle cose che possono essere ancora migliorate”. Tra queste, i lavori legati alla viabilità secondaria. Intanto, sono state sistemate le buche e il manto stradale della strada secondaria. Lucia Russo

Fiore all’occhiello il rilancio di villa Lattes, anche per il Natale Sempre con lo sguardo rivolto alla comunità, tra i progetti del sindaco, anche l’apertura delle porte di uno dei più splendidi poli culturali del Comune: Villa Lattes. Subito dopo la fine dei lavori di restauro, la dimora di Bruno Lattes, è stata aperta ai cittadini sia nel meraviglioso e immenso giardino, sia nei locali interni. Proprio questi, per volere di un lavoro coordinato dell’amministrazione con i musei di Treviso, hanno ospitato tutti i carillon della collezione dell’avvocato. Si tratta di manufatti davvero molto rari che, Lattes, da gran appassionato, ha custodito con molta cura nella sua dimora e che, oggi, sono visibili all’interno della stessa. “Nella giornata del Fai, i carillon hanno suonato all’unisono” ricorda la prima cittadina. Medesimo rituale si è ripetuto in occasione dell’apertura della villa ai mercatini di Natale. Location straordinaria in quanto questi si erano sempre svolti in piazza Franceschetti ma che ha reso l’atmosfera festiva ancora più magica. “Abbiamo trasformato la villa in un contenitore culturale in occasione dei mercatini di Natale – afferma la sindaca –. Numerosi laboratori e iniziative si sono avvicendate al suo interno pensate ad hoc per unire lo spirito natalizio allo stimolo della manipolazione e della creatività dei più piccoli”. (Lu.Ru.)


12

Istrana

www.lapiazzaweb.it

Opposizione La richiesta dei cittadini

Sottopasso via Filzi, è polemica La proposta di Attivi per Istrana: risolvere le criticità istituendo una commissione di cittadini e Comune

È

polemica a Istrana per il sottopasso di via Filzi. Nel corso dell’ultimo consiglio comunale di fine novembre il gruppo di Attivi per Istrana aveva proposto la formazione di una commissione ad hoc per risolvere le criticità del sottopasso. La proposta comprendeva una commissione formata sia da cittadini che da consiglieri. “La nostra mozione proponeva l’istituzione di una commissione consiliare temporanea che facesse da facilitatore tra i cittadini e il comune circa la viabilità secondaria del

nuovo sottopasso - ricordano -. L’obiettivo era quello di creare un collegamento diretto tra l’amministrazione che è chiamata a risolvere queste criticità e i cittadini che stanno subendo questa situazione” dichiarano con un video diffuso su Facebook i consiglieri Annalisa Crespan, Francesca Fuser, Vito Nicola Caprioli e Stefano Volpato. “Purtroppo il sindaco e la maggioranza in consiglio comunale hanno detto no alla costituzione di questa commissione continuano in coro i consiglieri -. Tale

Sopra, il gruppo Attivi per Istrana

strumento è stato definito dalla maggioranza una “sovrastruttura inutile”. Noi invece pensiamo che creare strumenti di maggiore comunicazione tra le amministrazioni e i cittadini non siano sovrastrutture inutili, ma un impegno concreto per offrire ai cittadini i nostri maggiori sforzi, il nostro sostegno, la nostra presenza. Consideriamo che il coinvolgimento, la partecipazione e l’in-

formazione dei cittadini su temi importanti come quelli del sottopasso siano fondamentali”. Così, dice il gruppo, la maggioranza ha invece “certificato di fatto una distanza tra l’amministrazione attuale e i cittadini e la incapacità di garantire la necessaria opportuna informazione a chi sta subendo i disagi per le criticità rilevate”. Giorgia Gay

“Il dialogo con i cittadini è già aperto” La replica del sindaco: “La commissione sarebbe solo un plus”

BOMBONIERE · PARTECIPAZIONI · OGGETTISTICA via roma 33 MASSANZAGO PD

I

n merito alla mozione proposta dalla minoranza Attivi per Istrana, la prima cittadina Maria Grazia Gasparini non sembra voler cedere e durante il consiglio risponde con un “no” alla creazione di una commissione dove consiglieri, amministrazione e cittadini si potessero riunire e confrontare. “I fini sostenuti dallamministrazione e dalla minoranza sono gli stessi – afferma la Gasparini –. Sono gli stessi non solo ora ma dalle campagne elettorali. Vogliamo che i cittadini siano informati di quanto accade ma questo lo stiamo già facendo, è un dialogo che portiamo avanti da diverso tempo e creare una commissione sarebbe un plus visto che già le comunicazioni ci sono”. Questa non è la prima volta che Gasparini si dice contraria alla creazione di questa commissione. Anche nel precedente consiglio comunale, alla medesima richiesta delle minoranze, la prima cittadina, aveva risposto con le medesime parole sottolineando però come però il dialogo e l’informazione dei cittadini siano al centro del modus operandi dell amministrazione che guida. La minoranza però rimane insoddisfatta dal “no” e rincara affermando: “Il Consiglio si è mosso a seguito di una mozione di Attivi per Istrana. E’ paradossale che da parte vostra, da un lato ci sia l’impegno a informare i cittadini e poi si rinunci a uno strumento immediato e comune”. Lucia Russo


Vedi regolamento interno - salvo errori di stampa. Non cumulabile con altre promozioni. Promozione valida fino al 10.01.19

il Natale ci rende + Buoni A Dicembre ricevi in regalo un

Buono DEL 20%

sui TUOI ACQUISTI Da spendere* per te o per chi desideri *dal 15 Gennaio al 28 febbraio 2019

ORIAGO di MIRA Via Ghebba, 67 Tel. 041.5639923

MESTRE

Via Forte Marghera, 33 Tel. 041.3098130

SAN GIORGIO DELLE PERTICHE (PD) C. Comm. Le Centurie Tel. 049.7423070

SILEA (TV)

C. Comm. Emisfero Tel. 0422.361658

otticaveneta.it


15

Morgano

www.lapiazzaweb.it

Casa Respiro La nuova sede

La prima casa di comunità in paglia è quasi terminata A

desso c’è anche il tetto. La nuova sede di Casa Respiro è al coperto. Viaggiano verso il traguardo i lavori di costruzione del co-housing per persone con disagi mentali lievi gestita dall’omonima associazione, guidata dal parroco, don Mario Vanin, in collaborazione con la Caritas diocesana e l’Usl della Marca. I metodi non sono convenzionali. Quella che sta prendendo forma in via Munara, a pochi metri dalla sede attuale, in affitto, è

ventina di persone con disagi di natura psichica. Alla fine verranno messi in piedi circa mille metri cubi di costruzioni. Accanto alla casa sorgerà un orto sinergico, che contribuirà al finanziamento della struttura, un boschetto, un parcheggio verde e un sistema per la depurazione naturale delle acque domestiche e agricole. L’obiettivo è inaugurare la nuova sede di Casa Respiro entro luglio del 2019. Mauro Favaro

La Casa Respiro

La prima in Veneto per il particolare materiale costruttivo, sarà la sede di spettacoli, concerti, eventi e laboratori a disposizione di tutti la prima casa di comunità di paglia dell’interno Veneto. Proprio così. La struttura dell’auditorium è realizzata con il legno e la paglia. Sarà il cuore pulsante del nuovo co-housing. “In questa regione ci sono ancora poche case di paglia. Tutte costruite da famiglie. La nostra, invece, sarà la prima casa di comunità – fa il punto Mariagrazia Tonon, una delle responsabili storiche dell’associazione, che conta una cinquantina di persone tra soci e simpatizzanti-. Sorgerà all’interno del nuovo auditorium, sulla scia di quanto fatto negli ultimi quattro anni, verranno organizzati spettacoli, concerti, laboratori ed eventi di ogni tipo. In base al calendario, inoltre, la sala sarà a disposizione di tutti, in modo da rafforzare il legame tra noi e il territorio”. Insomma, diventerà una fucina di idee e attività. Di pari passo, cresce anche il resto del co-housing. Questa parte verrà realizzata in modo tradizionale. E’ prevista la costruzione di camere per accogliere fino a cinque persone. Più un mini-alloggio per emergenze abitative e dei locali per un nuovo centro diurno per una

SOLIDALI SI NASCE. E POI TI LAUREI, TI SPOSI... Per fermare la sclerosi multipla ogni occasione è buona.

Matrimonio, nozze d’oro e d’argento, battesimo, prima comunione, laurea, momenti speciali che possono essere resi unici e indimenticabili con un gesto di solidarietà. AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla www.aism.it - bomboniere@aism.it - Tel. 010 27131

Mille alberi saranno piantati nel territorio

M

ille nuovi alberi sono quelli che verranno piantati a Morgano nell’ambito del progetto Fabbrica dell’aria, promosso da AscoTrade in collaborazione con AzzeroCO2. Ad annunciarlo è la stessa società. A livello generale, negli ultimi due anni attraverso il progetto la Fabbrica dell’aria sono già state creare tre nuove aree verdi, con la riqualificazione complessiva di oltre 10mila metri quadrati di territorio. Oltre a Morgano, adesso verranno donati mille alberi anche a Treviso. Mentre altri 2mila, inizialmente destinati a Vicenza, verranno regalati ad Asiago, nell’altopiano messo a dura prova dal maltempo. “Duemila alberi da cui ripartire. E’ questo il prossimo impegno di AscoTrade per i territori veneti distrutti dal maltempo – spiega Stefano Busolin, presidente dell’azienda trevigiana – nei prossimi giorni, insieme ai tecnici, andremo a identificare le essenze più adatte e la zona in cui avviare la piantumazione. In totale saranno 2mila le piante che comporranno il nuovo

bosco di Asiago: alberi che rappresenteranno il nostro sostegno e il nostro impegno concreto per la tutela dei territori in cui operiamo”. Sempre per quanto riguarda Morgano, pochi giorni fa sono terminati gli interventi di recupero naturalistico delle zone del Sile, compresi i fontanassi, portati avanti dal Parco attraverso il finanziamento europeo da oltre 3 milioni di euro garantito dal programma Siliffe (1,8 milioni dall’Europa e 1,2 milioni dallo stesso ente, Provincia e Regione, più un partner privato: la cooperativa Bioprogramm). Ma.Fa.


16

Morgano .

www.lapiazzaweb.it

Il dottor Bhatti e il messaggio di pace da Papa Francesco

Domenica 16 il Natale è alla Rotonda

D

Nell’incontro, il pontefice lo ha ringraziato ed esortato a continuare a predicare la cristianità in Pakistan

“A

uspico che possiate estendere la vostra azione in tutto il Pakistan, dove i cristiani sono più presenti e, purtroppo, anche discriminati e fatti oggetto di soprusi e violenze. Ringrazio Paul Bhatti. E rendo omaggio alla memoria di suo fratello Shahbaz. Mi rallegra sapere che il suo sacrificio sta portando frutti di speranza”. Papa Francesco si è rivolto così a Paul Jacob Bhatti, 56 anni, medico di famiglia a Morgano e Badoere, ma soprattutto ex ministro per le minoranze in Pakistan, incarico che era di suo fratello Shahbaz, assassinato nel 2011. Il 30 novembre il medico ha incontrato il pontefice in Vaticano, invitandolo a intraprendere un viaggio pastorale proprio in Pakistan. Assieme a lui c’era una delegazione dell’associazione

Shahbaz Bhatti, messa in piedi dallo stesso medico dopo l’attentato contro il fratello, impegnata a promuovere la convivenza pacifica nel paese asiatico che conta 210 milioni di abitanti, la maggior parte musulmani e con una minoranza tra il 2 e il 5% di cristiani. “Sono un chirurgo, specializzato in Chirurgia pediatrica e d’urgenza. Ho scelto di fare il medico di base perché mi permette di organizzarmi per passare dei periodi in Pakistan – racconta Paul Jacob Bhatti – abbiamo illustrato al Papa il lavoro che portiamo avanti nel paese. In particolare siamo impegnati a promuovere il dialogo interreligioso e a difendere le persone ingiustamente accusate di blasfemia”. Durante l’incontro in Vaticano si è parlato anche di Asia Bibi, la 47enne cri-

Paul Jacob Bhatti è medico di base a Morgano, questo gli permette di tornare spesso al suo Paese dove è un chirurgo pediatrico

A NATALE CONTANO I PICCOLI GESTI fATTI CON AmOrE.

omenica 16 dicembre, dalle 9 alle 19, ci sarà un’intera giornata dedicata al Natale in piazza Indipendenza a Badoere. La Rotonda ospiterà i classici mercatini, con le arcate della piazza addobbate di luci che faranno da cornice alle circa 150 bancarelle di prodotti artigianali che proporranno oggettistica e addobbi natalizi. A testimonianza del lavoro artigiano che sta dietro ogni singolo pezzo, molti espositori mostreranno sul posto la lavorazione del proprio prodotto. Ci sarà spazio anche per la gastronomia con la possibilità di assaggiare e acquistare i prodotti tipici dell’enogastronomia veneta e non. Infine, non mancheranno spettacoli e animazione in musica con la Mosson Marching Band gruppo di 25 musicisti e ballerine. Per info rivolgersi alla Pro Loco di Morgano, 0422 837219 o 347 7890146, oppure sul sito www. prolocomorgano.it.

stiana assolta dalla Corte suprema pachistana dopo 3.422 giorni di prigione e la condanna a morte per blasfemia. Il fratello del medico di Morgano l’aveva conosciuta direttamente. Anche Paul Jacob Bhatti ha poi lavorato a lungo per la sua liberazione. Alla fine è arrivata. Dopo la sentenza, però, i gruppi islamici sono insorti. E la donna è ancora in pericolo di vita. Mauro Favaro

Alber o di Natale: come Verde e Ramaglie al Centr o di Racc olta

Luci di Natale:

come RAee al Centro di Racco lta

C arta da regalo: C arta e C artone

B icchieri Vetr o

Vi augura

Buone Feste PICCOLI GESTI CHE CONTANO conferisci conchiglie e gusci di molluschi nel secco e non nell’umido. recuperA le vAschette di gAstronomiA conferendole con gli imbAllAggi in plAsticA AsticA e metAlli, non nel secco. conferisci i giocAttoli e i piAtti rotti nel secco.

www.etrAspA www.etrAspA.it sp .it spA

cAmpAgnA di sensibiliZZAZione per unA correttA rAccoltA differenZiAtA


17

Cultura .

www.lapiazzaweb.it

Un Natale culturale per i bambini A Villa Lattes di Istrana si terrà una kermesse natalizia pensata per i più piccoli attraverso laboratori e letture animate per incentivare tutti i cinque sensi grazie a storie di creature magiche come fate e trolls

I

l Natale a misura di bambino. Istrana sta aprendo le porte alla cultura e, nel farlo, volge lo sguardo anche ai più piccoli con una kermesse natalizia di laboratori e letture animate. “Bianco Natale” nasce proprio da qui, dall’idea sviluppata dall’Amministrazione guidata dalla prima cittadina Maria Grazia Gasparini, di aprire Villa Lattes ai residenti e quindi, perché non anche ai bambini? Laboratori didattici di stimolazione della manipolazione dei più piccoli attraverso non solo l’utilizzo del tatto ma anche attraverso l’utilizzo degli altri sensi incentivati anche da un percorso di lettura animata. Dicembre è quindi “Bianco Natale attraversiamo l’inverno” che, come si legge nel segnalibro diffuso dal Comune, è un “inverno tutto da esplorare, alla scoperta del bianco” che dà la possibilità ai “bambini di sperimentare il fascino di questo colore attraverso

percorsi sensoriali e tattili, suggestioni musicali e sperimentazioni manuali”. I laboratori iniziati a inizio mese hanno riscontrato molto successo e scatenato la curiosità dei più piccoli ma, non sono ancora finiti quindi, per tutti coloro che non hanno avuto la possibilità di prendervi parte, nessun timore, ce ne sono ancora. Giovedì 27 e venerdì 28 alle ore 11, sabato

29 alle ore 16 e domenica 30 alle fate e brutti ma gentili troll, un ore 11. Gli appuntamenti non si percorso di fantasia legato alle esauriscono nel mese di dicem- leggende e alle tradizioni del terbre, proseguono anche nel primo ritorio del Nord Italia, lì, dove tra mese dell’anno, gennaio con altri i boschi si nascondono queste interessanti spunti ed un cam- creature magiche. bio di argomento: “Passeggiate Questi percorsi si terranno fantastiche con scarpe di fata e quindi a gennaio in diverse date: occhi di troll”. Un percorso che giovedì 3 e venerdì 4 alle 11.30, attraverso letture animate porsabatoExpress 5 alle ore 15.30 e domeRiparazioni terà tutti i bambini in un mondo nica 6 alle 11. Uno spazio della magico dove vivono splendide splendida dimora di Bruno Lat-

tes, adibita a museo dei carillons sarà allestito ad hoc per ospitare i bambini che avranno anche la possibilità di visitare gli spazi della stessa. Per partecipare ai laboratori e alle letture in Villa Lattes nei mesi di dicembre e gennaio, è consigliata la prenotazione al numero 0422/831888 o mandando una mail a villalattes@coopculture.it.

Preventivi Gratuiti

“Il vero falso”: un thriller sul mondo dell’arte

“S

crivo perché mi diverto, mi fa sentire vivo e mi aiuta a capire vizi e virtù di tutti noi. Mi libero l’anima viaggiando nella fantasia dell’emozione esplorando i sentimenti del cuore. Credo che la finzione stimoli la realtà e la traduca in verità. Le emozioni non si vivono solo nella fantasia”. Così Andrea Augusto Tasinato si racconta: scrittore, consulente aziendale, una passione per la politica (è assessore a Monselice), l’artigianato artistico, la vela e la cucina. Recentemente ha dato alle stampe il suo ultimo libro: “Il vero falso”, un nuovo thriller, genere che più ama. “Racconta un ambiente in cui l’arte alimenta il mercato dell’archeo-mafia - spiega -. Il mondo dell’arte è sempre più animato da motivazioni avulse dalla sua accezione più aulica, assume più spesso il duplice ruolo di strumento per favorire il riciclaggio di denaro e fonte di finanziamento primaria a sostegno delle guerre” . L’arte accompagna Riparazioni Express i personaggi del romanzo evidenziando le stesse sfumature emotive che hanno alimentato i più famosi pittori della storia. “Ci sono simmetrie tra i sentimenti introspettivi dei protagonisti e quelli espressi dagli artisti. I sentimenti, esplosi nel libro, trovano un parallelismo con quelli espressi da Van Gogh, Matisse, Fontana, Botticelli, CaPreventivi Gratuiti ravaggio. Il sentimento dell’amore, della rabbia, del tradimento vengono tradotti, letti e spiegati attraverso dipinti che esprimono il medesimo sentir comune”. Per Tasinato, l’arte non è mai un falso. “Può non piacere, può essere banale ma comunque sempre autentica - afferma -. Quando si guarda un falso però non si sente il proServizi e Assistenza fumo delle fatiche di chi l’ha realizzata. Non si intravedono le sue emozioni. La vita non è mai un falso perché è vissuta tutti i giorni. Lo stesso dicasi di un’opera artistica”.

Accessori

Servizi e Assistenza

Riparazioni Express

Accessori

Preventivi Gratuiti

Vendita Usato

Servizi e Assistenza

Assistenza tecnica Pc Microsoft e Mac

Accessori

Pellicole protettive autorigeneranti

Vendita Usato

Assistenza tecnica Pc Microsoft e Mac

Pellicole protettive autorigeneranti

Lucia Russo


18

Sport

www.lapiazzaweb.it

Una maratona di grande solidarietà Ogni anno la manifestazione podistica “Corsa lungo il fume Zero” organizzata dall’Avis nel comune zerottino, attira tantissimi professionisti e amatori, per una mattinata di beneficenza e sensibilizzazione

U

n fiume di persone ha invaso Zero Branco lo scorso 2 dicembre per la 29esima edizione della “Corsa lungo il fiume Zero”. La manifestazione podistica attira ogni anno nella cittadina non solo i residenti ma persone provenienti anche dai Comuni limitrofi come Quinto di Treviso, Istrana, Morgano e Paese. Tante persone unite in un evento sportivo dal duplice scopo: benefico e informativo. L’appuntamento più atteso di carattere ludicomotorio del Comune infatti è organizzato dall’Avis, su patrocinio del Comune di Zero Branco, in collaborazione con l’associazione “La musica di Angela Onlus”. Proprio quest’ultima associazione che si occupa di musicoterapia rivolta ai bambini malati, riceverà parte del ricavato. La musica di Angela è una Onlus nata nel dicembre del 2014 su volere dei genitori della piccola

Un momento della partenza

Angela Dell’Anna, bimba che a causa della malattia è scomparsa a soli 10 anni. Dopo la tragica perdita, i genitori di Angela hanno incanalato il proprio dolore in un supporto per le altre famiglie che stavano attraversando un momento drammatico come il loro cercando però, attraverso la musicoterapia di creare un clima emotivamente più vivibile e di supporto all’interno di lunghe degenze ospedaliere. Si tratta di un’iniziativa volta a portare sollievo, senza dubbio al bambino costretto nel letto di un reparto pediatrico di un ospedale ma anche alle loro famiglie. Proprio per il continuo di quest’importante iniziativa, la “Corsa lungo il fiume Zero” dona fondi a questa Onlus. La manifestazione podistica a passo libero dava la possibilità di affrontare diversi percorsi con un diverso chilometraggio: 5.3 km, 12,5 km, 19 km. Diversi percorsi e diversi obiet-

STUDIO

tivi. Il percorso “Rosso – del donatore” da 5,3 km si sviluppava interamente su strada asfaltata e ha visto una grande partecipazione anche di bambini. Il percorso “Azzurro – classico” da 12,5 chilometri invece si sviluppava su strada asfaltata e sterrato con tre punti di ristoro. Numerosi i

SERVIZI IMMOBILIARI: Assistenza e consulenza complete per compravendite immobiliari e all’asta

temerari che hanno affrontato i 19 chilometri del percorso “Giallo – più allenati” con ben 4 ristori. Alle 9.30, il primo step della corsa che, prima del “via”, ha visto gli atleti attraversare il tipico passaggio sotto “l’arco” rosso dell’Avis posizionato lì per ricordare a tutti quanto il dono sia im-

portante. Sempre in aumento sono infatti le richieste di sacche di sangue e purtroppo, seppur il numero di donatori sia in aumento, non riesce a far fronte alle richieste. Per questo motivo, l’Avis ricorda sempre che con un piccolo gesto si possono salvare delle vite. Tra le gradite presenze, anche quest’anno c’era la possibilità di acquistare prodotti tipici, legati al mondo del “fai da te” e a quello alimentare. Un momento di svago dopo lo sforzo era altresì offerto dai punti di ristoro posizionati in maniera cadenzata durante il percorso e al traguardo. Oltre ai singoli partecipanti, di tutte le età, anche numerosi i gruppi che, con magliette o simboli dello stesso colore hanno reso la manifestazione ancora più colorata. Lucia Russo

AMMINISTRAZIONI CONDOMINIALI: Assegnati i premi Preventividi per la gestione contabile e “Rotonda Badoere” amministrativa di ogni tipo di condominio

Valutazioni su ogni genere di immobile

Revisioni contabili condominiali

Stesura e registrazione contratti di locazione/affitto e di preliminari di compravendita

Consulenza su appuntamento a proprietari e inquilini per problemi inerenti l’amministrazione condominiale, la ripartizione delle spese, i rapporti con l’amministrazione e i rapporti con gli altri condomini/inquilini

Dichiarazioni di successione

S

è rinnovato l’appuntamento con la consegna del prestigioSERVIZI IMMOBILIARI: Valutazione su ogni genere di immobile; Stesura e registrazione iso contratti di locazione/affitto e di preliminare di Premio Rotonda di Badoere. A ricevere i riconoscimenti

compravendita; Dichiarazioni di successione; Assistenza e consulenza complete per compravendite di immobili all’asta.

per il 2018 sono stati l’emiliano ex professionista e organizzatore

AMMINISTRAZIONI CONDOMINIALI: Preventivi per la gestione contabile e amministrativa di ogni tipo di condominio; Revisioni condominiali; Consulenza su appuntamento di grandi gare,contabili Adriano Amici (Premio Nazionale); il trentino Caldonazzi (riservato Sportivi del Trivenea proprietari e inquilini per problemi inerenti l’amministrazione condominiale, la ripartizione delle spese, i rapporti con Claudio l’amministrazione e i rapporti conaigliDirettori altri condomini/inquilini.

to); la società friulana Libertas Ceresetto Pratic Danieli (Organizzazioni Sportive) e il giornalista e scrittore genovese, Marco Pastonesi (Giornalismo Sportivo-Memorial Adriano Morelli). Un appuntamento nato nel 1991 grazie ad un gruppo di amici appassionati di ciclismo di Badoere di Morgano e di Montebelluna, guidato dai compianti Orlando Guerra, Roberto Voltan e Rino Gobbato (ripreso da Daniele Rostirolla e da Giovanni Zanatta). LOREGGIA - CENTRO LOREGGIA - CENTRO LOREGGIA - CENTRO Un premio che fin dall’inizio rappresentato un’importante Prestigioso e LUMINOSO APPARTAMENTO, In centro paese, con VISTA PANORAMICA, Proponiamo in vendita ha CASA SINGOLA, completamente travato a vista, disposto su due piani, dalle ottime finiture. proponiamo in vendita un ATTICO. indipendente, con AMPIO gratificazione soprattutto nei confronti di SCOPERTO. quanti operano “dieLa soluzione, in centro paese, è caratterizzata da terrazzo L’abitazione è composta da: zona giorno, Lailsoluzione, LIVELLO, tro le quinte”siper bene deidisposta giovanisue UN delUNICO ciclismo e non hanno di oltre 40 mq, usufruibile anche nelle giornate di pioggia. camera matrimoniale, cameretta e bagno. caratterizza per la presenza di ottimi spazi abitativi. Dispone, inoltre di: open-space, tre camere e due bagni. grandi visibilità. Un premio può vantare un albo d’oro inviL'immobile dispone di terrazzo e garage di proprietà. Di pertinenza 3.000 mqche di terreno con possibilità edificatoria. CL.EN.: in fase di definizione CL.EN.: in fase di definizione CL.EN.: in fase di definizione. diabile se si considerano i personaggi che in un quarto di secolo Prezzo: Euro 180.000,00 RIF. LOR_01 Prezzo: Euro 90.000,00 RIF. LOR_02 Prezzo: Euro 250.000,00 RIF. LOR_15 lo hanno ricevuto. Alla cerimonia sono intervenuti, tra gli altri, i vertici della FeSTUDIO CZ di Curtarolo Silvia via caduti di Nassiriya, 61 LOREGGIA cell.: 380 75 35 548 www.studio-cz.it cercaci su derazione Ciclistica Italiana e le varie autorità.


Raggiungi i tuoi potenziali clienti con le nostre 16 Edizioni!

Tutti i vantaggi di scegliere laPiazza >> Arriviamo sempre a destinazione Tramite una distribuzione dedicata e certificata da , garantiamo mensilmente l’avvenuto recapito dell’intera tiratura. In questo modo il cliente ha la certezza che la pubblicità arrivi a destinazione. Per garantire la massima fruibilità ai nostri lettori, le edizioni cartacee de laPiazza sono disponibili, fino ad esaurimento scorte, in molti punti di distribuzione, selezionati tra le amministrazioni comunali, i luoghi di aggregazione e le attività commerciali. Attraverso laPiazzaweb.it, laPiazza è sfogliabile anche on line.

>> Direttamente a casa di ogni famiglia L’invio diretto in cassetta postale permette una distribuzione certa che consente di raggiungere 223.840 famiglie residenti nel territorio. >> Tagliati su misura per ogni cliente La flessibilità del mezzo permette di differenziare il messaggio e di scegliere i destinatari da raggiungere con le edizioni provinciali, cittadine e locali. >> Letto anche dai “non lettori” Grazie alla distribuzione diretta La Piazza raggiunge anche un’ampia fascia di pubblico che abitualmente, per motivi diversi, non acquista giornali.

Carta, Web, Mobile. Dentro il territorio nel cuore della gente!

>> COME FUNZIONA

1 Ogni copia del Giornale viene contrassegnata con un codice datamatrix univoco e progressivo.

2 I recapitisti sono dotati di rilevatori per la lettura del codice; ad ogni consegna vengono tracciate latitudine, longitudine, data ed ora di consegna.

3 Il Dato viene inviato via Satellite alla Centrale che controlla in tempo reale la Distribuzione e ne Garantisce l’affidabilità.

w w w. g i v e m o t i o n s . i t www.lapiazzaweb.it

lapiazzaweb

app.lapiazzaweb.it


20

#Politica

Rifiuti, il Veneto è leader nella gestione e nel riciclo Il sistema di gestione anticipa gli obiettivi delle Direttive sull’economia circolare per il continuo riutilizzo della materia

A

riciclare noi veneti siamo bravissimi. La raccolta differenziata raggiunge il 68% (dato al netto degli scarti) e anche nel 2017 è caratterizzata da un leggero incremento rispetto all’anno precedente. Sono state raccolte in modo differenziato oltre 1,6 milioni di tonnellate che secondo il metodo nazionale corrispondono al 73,6% (dato al lordo degli scarti) rispetto ad un valore nazionale di 64,2% (dato Ispra – anno 2016). La percentuale raggiunta risulta molto vicina agli obiettivi del Piano regionale che al 2020 prevedono il 76%. In generale, la somma totale di rifiuti recuperabili intercettati resta invariata e diminuisce significativamente il rifiuto residuo (-1,8% rispetto al 2016) pari ad una produzione giornaliera procapite inferiore ai 330 grammi. La totalità delle frazioni raccolte in maniera differenziata è avviata a recupero di materia, permettendo la valorizzazione dei materiali recuperati come materia prima seconda nei vari comparti industriali. Dal rapporto sulla “Produzione e Gestione dei rifiuti urbani nel Veneto”, curato dall’Osservatorio Regionale Rifiuti istituito presso l’Agenzia regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto, si evince che la produzione totale di rifiuti urbani in Veneto nel 2017 è stata di 2,2 milioni di tonnellate, valore sostanzialmente stabile negli

ultimi anni. La produzione pro capite ha raggiunto 452 chilogrammi per abitante, che corrispondono ad una produzione giornaliera pro capite di 1,24 chilogrammi, uno dei valori più bassi a livello nazionale nonostante il Veneto abbia un PIL elevato e quasi 70 milioni di presenze turistiche annue. “E’ un sistema che funziona – sottolinea l’assessore Bottacin – e di questo va detto grazie a tutti i veneti. Il raggiungimento degli obiettivi nazionali e regionali è infatti merito delle scelte coraggiose degli amministratori, dei gestori del servizio e dei cittadini, che hanno contribuito quotidianamente alla separazione domestica. Il sistema di gestione, così come è strutturato oggi, anticipa gli obiettivi delle Direttive sull’economia circolare, realizzando gli scenari di continuo riutilizzo della materia, permanendo all’interno del ciclo economico”. L’assessore Bottacin mette in rilievo anche l’attività di controllo realizzata dall’ARPAV e la collaborazione con il nucleo dei Carabinieri del NOE per individuare le situazioni di criticità sul territorio. “Le operazioni effettuate con successo – aggiunge – sono il risultato di una costante sorveglianza, soprattutto per l’accertamento di traffici illeciti di rifiuti, fronte sul quale non possiamo abbassare la guardia perché si può pre-

L’Assessore regionale all’Ambiente e protezione civile Gianpaolo Bottacin

stare a infiltrazioni da parte della malavita organizzata”. Il sistema veneto di gestione dei rifiuti nel 2017 ha mostrato un costo regionale medio procapite di 136 euro/ abitante rispetto ad una media nazionale decisamente più elevata, 167 euro/ abitante (dato Ispra – anno 2016). La tariffa pagata dagli utenti è modulata su diversi fattori tra cui: i servizi forniti, l’imputazione ad utenze domestiche e non domestiche e le presenze turistiche (70 milioni di presenze nel 2017 in Veneto). Escludendo i comuni turistici, il costo medio scende a 114 �/abitante, per un servizio in linea con gli obiettivi comunitari.

www.lapiazzaweb.it

Economia del riciclo

L

e frazioni secche riciclabili raccolte (carta, vetro e imballaggi in plastica e metallo) rappresentano il 30% del rifiuto totale prodotto e sono avviate a impianti di selezione e valorizzazione presenti sul territorio regionale per la produzione di materie prime seconde. In Veneto operano anche numerose aziende che utilizzano questi flussi per la produzione di nuovi prodotti in carta, plastica, metalli e vetro. Nell’ambito del recupero di materia e riciclo numerose sono le aziende che hanno già implementato modelli di economia circolare e simbiosi industriale per la valorizzazione dei propri scarti. Per questo il Veneto è stato e rimane una regione che importa flussi di “rifiuti recuperabili” da destinare ai cicli produttivi in particolare alle filiere di metalli, vetro e plastica selezionata. Anche i rifiuti ingombranti e residuo, frazioni storicamente destinate alla discarica, pur con qualche difficoltà sono oggi prevalentemente destinati a recupero di materia. Nuove frontiere di sviluppo del settore del recupero sono l’attivazione di alcuni impianti per la valorizzazione dello spazzamento stradale che depurano la frazione liquida e producono materiale inerte da utilizzare nell’edilizia, nonché la sperimentazione per il riciclaggio di cellulosa, plastica e materiali assorbenti a partire da frazioni come i “pannoloni-pannolini”. Il 10% del rifiuto urbano prodotto, pari a 224 mila tonnellate, è destinato ai 2 impianti di termovalorizzazione attivi in Veneto che producono energia elettrica e calore, utilizzato in parte in linee di teleriscaldamento. Solo meno del 4% del rifiuto urbano prodotto, corrispondente a 95 mila tonnellate, è avviato direttamente in discarica, dato sostanzialmente in linea con i valori degli ultimi anni. Sul territorio regionale sono presenti 10 discariche per rifiuti non pericolosi, che ricevono principalmente rifiuti urbani, prevalentemente pubbliche con tariffa approvata.


21

Politica

www.lapiazzaweb.it

“Inn Veneto”, borse di studio per il rientro dei cervelli in fuga I progetti approvati favoriranno una contaminazione tra l’economia veneta e le start-up nate all’estero dal genio di veneti

S

i chiama “INN Veneto” il progetto voluto dalla Regione del Veneto per affrontare il tema della cosiddetta “fuga dei cervelli” (brain drain), sostenendo la realizzazione di pratiche di innovazione sociale che perseguono il duplice obiettivo di contrastare la disoccupazione e di incrementare la competitività del sistema socio-economico regionale. “Con il provvedimento di approvazione dell’iniziativa ‘INN Veneto - Cervelli che rientrano per il Veneto del futuro - Progetti di innovazione sociale’ abbiamo stanziato 3,5 milioni di euro per 14 progetti, dai quali deriveranno 55 borse di rientro”, fa presente l’Assessore Regionale all’Istruzione, alla Formazione e al Lavoro Elena Donazzan. “Lo scopo è quello di attirare sul territorio regionale eccellenze provenienti da diversi ambiti e favorire la mobilità, lo scambio e la permanenza di alte professionalità che intendono rientrare nelle nostre imprese e nelle nostre università dopo un periodo di permanenza all’estero”. Quattordici i progetti valutati: tre di questi trattano al Brain exchange per la crescita del territorio, con la finalità di sostenere processi di innovazione sociale e sviluppo sostenibile aumentando gli investimenti in ricerca e sviluppo, attraverso il ricorso a figure altamente qualificate che, con le competenze acquisite dopo un periodo di permanenza all’estero, possono contribuire allo sviluppo dell’intero sistema socioeconomico regionale. Altri cinque progetti fanno parte della linea Idee per il Veneto che si propone di sostenere la competitività del territorio regionale favorendo processi di contaminazione da parte di start-up innovative che intendono avere un impatto positivo sulla società, perseguendo la

Lavoro: tornano a crescere i contratti a tempo indeterminato

L

’occupazione in Veneto continua a crescere, seppure a un ritmo meno sostenuto rispetto allo scorso anno. È quanto emerge dai dati della Bussola trimestrale sul mercato del lavoro regionale a cura dell’Osservatorio di Veneto Lavoro. Nell’ultimo anno i posti di lavoro dipendente sono cresciuti in regione di circa 37 mila unità, nonostante il terzo trimestre dell’anno si sia rivelato negativo, come sempre accade in tale periodo per la conclusione dei contratti di lavoro stagionale, con una perdita di 11.500 posti. Tra luglio e settembre 2018 sono tornati a crescere i contratti a tempo indeterminato, aumentati di 6.500 unità nel trimestre e di quasi 8 mila posizioni su base annua. Merito soprattutto delle trasformazioni di rapporti a termine (+66% rispetto al 2017), sospinte dagli incentivi introdotti dalla legge di stabilità per l’assunzione dei giovani under 35 e dall’elevato numero di contratti a tempo determinato stipulati lo scorso anno, di cui le trasformazioni attuali sono diretta conseguenza. Prosegue inoltre il trend di crescita del tempo determinato (+6%) e in particolare dei contratti di durata superiore ai 6 mesi, mentre il lavoro somministrato registra una brusca frenata (-26%).

La dinamica trimestrale risulta fortemente influenzata dalla stagionalità tipica del periodo, che spiega il calo dei settori del commercio (-3.500 posizioni di lavoro) e del turismo (-23.100), così come il saldo positivo dell’istruzione (+13.400), effetto dell’assunzione del personale precario della scuola, e dell’agricoltura (+7.400), che registra un saldo anche migliore di quello dello scorso anno. Sul fronte industriale, segno meno per il manifatturiero (-1.800), positiva l’edilizia (+500). Su base annua la crescita si conferma trainata dal settore dei servizi (+20.000). Venezia è la provincia che ha risentito maggiormente della fine della stagione turistica, perdendo 20.300 posti di lavoro, ma saldi negativi si registrano anche a Belluno (-2.200) e Rovigo (-800). Bilancio positivo nelle altre province: +5.600 a Verona (un risultato migliore rispetto a quello dello scorso anno), +2.800 a Padova, +2.100 a Treviso e +1.200 a Vicenza.

creazione di valore condiviso per la collettività. Sei proposte progettuali si concentrano su Eccellenze arti e mestieri cha ha la finalità di realizzare progetti innovativi a sostegno dello sviluppo creativo ed artistico del Veneto, attraverso la creazioni di reti, che avvalendosi della collaborazione di diverse professionalità, possano dare vita a spazi ibridi in grado di coniugare produzione e fruizione creativa ed artistica, con altre funzioni legate al lavoro, al tempo libero, all’inclusione sociale. “Sentiamo ogni giorno parlare di cervelli in fuga, di questo che è visto e percepito giustamente come un impoverimento del nostro territorio - continua Donazzan - noi a questi cervelli vogliamo rivolgere un messaggio chiaro: il Veneto è pronto a riaccoglierli. I progetti approvati favoriranno una contaminazione tra l’economia veneta e le start-up che, nate all’estero dal genio di veneti o di italiani, ora possono tornare per arricchire il nostro tessuto produttivo territoriale”. Le 55 borse di rientro, per un importo pari a 656.700 euro, avranno infatti lo scopo di attirare sul territorio regionale eccellenze provenienti da diversi ambiti e favorire la mobilità, lo scambio e la permanenza di alte professionalità che intendono rientrare dopo un periodo di permanenza all’estero o intendono realizzare periodi di lavoro in Veneto. Le borse intendono, inoltre, promuovere collaborazioni di ricerca, permettere lo scambio e la contaminazione di buone pratiche già esistenti, favorire lo sviluppo di interventi di innovazione sociale e culturale, promuovere progettualità congiunte tra professionalità diverse in grado di contribuire allo sviluppo socio-economico dell’intero territorio regionale. Maria Pavan


22

Politica

Polemica Il Partito Democratico boccia la maggioranza sul bilancio

“Non c’è niente sulla lotta ai cambiamenti climatici” “È

una manovra che solletica i problemi senza affrontarli. Stiamo usando mezzi inefficaci per affrontare problemi epocali, non c’è nessuna novità. Siamo di fronte a un bilancio vetusto ricco di tante voci, ripetute da anni, che affronta diversi problemi con mezzi e finanziamenti inadeguati ai tempi che corriamo”. È netto il giudizio di Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico, sul provvedimento in discussione oggi nell’aula di Palazzo Ferro Fini. “Rifiuti sotterrati ovunque, aria avvelenata e che peggiora di anno in anno, cambiamenti climatici epocali vedi tornado luglio 2015 e uragano dello scorso ottobre, consumo di suolo a livelli record, infiltrazioni mafiose e incendi continui ai centri riciclo e trattamento dei rifiuti, pesticidi nelle falde acquifere. Tutto vero e documentato. E il Veneto che fa? Affronta con la fionda problemi che dovrebbero essere risolti con i bulldozer. Così gli facciamo il solletico. Percorriamo da anni la stessa strada che, abbiamo visto, non conduce da nessuna parte ed è inefficace nel risolvere i problemi”, continua Zanoni, prima di illustrare la manovra emendativa del Pd sui temi ambientali. “Abbiamo chiesto di

stanziare 70 milioni per gli interventi utili ad aiutare le popolazioni e l’ambiente devastato dall’uragano, un milione per un Piano straordinario di controllo delle attività di smaltimento dei rifiuti per contrastare le troppe attività illecite, 400mila euro per incentivare la viticoltura biologica, 50mila per la lotta al bracconaggio da parte delle Guardie venatorie volontarie e altrettanti alla Provincia di Rovigo per l’acquisto di imbarcazioni leggere ad alta capacità di movimento da destinare alla Polizia provinciale per contrastare il bracconaggio nel Delta del Po, 200mila euro per finanziare un Piano di azioni di contrasto ai cambiamenti climatici, cinque milioni di contributo alla rottamazione di veicoli inquinanti e altri tre per quella delle stufe a legna per contrastare l’inquinamento devastante da polveri sottili. Ma non solo - prosegue il consigliere democratico - Ci sono poi 400mila euro per uno studio sugli effetti su salute e ambiente dell’uso dei pesticidi in agricoltura, nove milioni in tre anni per completare la bonifica dei rifiuti pericolosi della ex C&C di Pernumia, 300mila euro per uno studio che permetta di identificare la fonte primaria di inquinamen-

to da mercurio che ha contaminato le falde acquifere nei Comuni di Treviso, Preganziol, Quinto e Casier, 30mila euro come contributo al Comune di Treviso per effettuare una caratterizzazione ambientale dei rifiuti occultati sotto Viale della Serenissima Porta del Leon in località San Giuseppe e 50mila sia per la caratterizzazione dei rifiuti nella ex Mestrinaro a Zero Branco, altri 50mila per la caratterizzazione e messa in sicurezza della discarica ex Sev a Padernello di Paese; infine 50mila euro per uno studio ricognitivo dei materiali nel fondo e per l’eventuale messa in sicurezza di cava Morganella di Ponzano Veneto e Paese. Le nostre proposte ci sono, la maggioranza dimostri di avere a cuore il futuro, l’ambiente e la salute dei cittadini e le approvi”.

Tendaggi · Tappeti Tessuti d’Arredamento Tende da Sole

Palazzo San Giorgio P.zza Martiri, 36 35010 S. Giustina in Colle (Pd) Tel/Fax 049 9300470 casaarredo.fassina@gmail.com

Mese del Copripiumino ritaglia il Coupon, alla consegna avrai uno: Sconto %

20

Biancheria per la Casa

www.lapiazzaweb.it

Moretti: “Zaia tentenna anche sull’autonomia”

“L

a relazione di Zaia è stata reticente sui fondi per l’emergenza; omertosa sul negoziato per l’autonomia e inconsistente sulle misure finalizzate al rilancio della montagna veneta”. È una bocciatura netta quella che arriva dalla consigliera del Partito Democratico Alessandra Moretti a proposito dell’intervento in Consiglio regionale del presidente della Regione nel corso della sessione dedicata al bilancio. “All’indomani del referendum Zaia aveva dichiarato che si poteva portare a casa l’autonomia in un mese. È passato più di un anno e dell’autonomia non si vede neanche l’ombra, nonostante il Governo amico gialloverde e periodiche, rassicuranti, dichiarazioni dei ministri. Per non parlare dei 20 miliardi di residuo fiscale evaporati come nebbia al sole. Cos’è cambiato da allora? Cosa impedisce di portare a casa il risultato? L’abbiamo chiesto, ma non c’è stata risposta”.


Prezzi promozionali validi dal 7 al 27/01/2019

Anno nuovo convenienza di sempre!

69,00€ -13,1%

39,90€ -25%

59,90€

29,90€

Aspiratore solidi-liquidi

1200W, capacità serbatoio in acciaio inox 30 lt, tubo flessibile 1,5 mt, in dotazione accessori. Cod. 1123795

Olio Magnatec 5W40 Per motori diesel, lt 4.

Cod. 455182

89,00€ -21,4%

109,95€ -27,2%

69,90€

79,95€

Compressore 24 lt

Potenza max. 2HP/ 1,5kw, 230V 50Hz, pressione max 8bar, con doppio manometro, regolatore di pressione e attacco rapido. Cod. 1216424

Trapano avvitatore a percussione 18V

Mandrino autoserrante 10mm. Velocità variabile 0-360/0 - 1.400 giri/min. Sistema di percussione 21.000 colpi/min. In dotazione una batteria 1.5 Ah e caricabatterie. Cod. 1271406


PREZZO

PREZZO

SHOCK

PREZZO

SHOCK

SHOCK

40 kg h113 cm

H130 cm

79,90€ -25%

139,00€ -14,3%

14,90€ -20,1%

59,90€

119,00€

11,90€

22 cm

60 cm

Motosega da pota LD825

40 kg

40 kg

Scaffale in kit

In melaminico, colore rovere o bianco. Cod. 1231316-7

Cilindrata 25,4cc, potenza 0,9Kw, barra 25 cm, velocità di taglio 15,8 m/s, sistema antivibrazione, carburatore Walbro, leggera e compatta: 3,8 kg. Cod. 823043

Armadio Gear

Scaffale kit incastro

Contenitore sottoletto

Cod. 1270683

Cod. 1095804

Scarpiera Eco

Disponibile alto tuttopiani o portascope, colore nero/grigio. Cod. 1270685-6

4 ripiani, in legno e metallo.

In pino grezzo, 4 ripiani.

30 cm

65 cm

Cod. 1083870

Disponibile in vari colori.

DISPONIBILE ANCHE...

BASSO

Cm. 68x39xH97. Cod. 1270687

175 kg

49,90€ h176 cm

175 kg

h182 cm

79,90€ -12,5%

32,90€ -21,2%

69,90€

25,90€

39 cm

68 cm

h17,5 cm

58,5 cm

19,90€ -20%

175 kg

90 cm

40 cm

15,92€

77 cm

COLORI DISPONIBILI

FUCSIA

AZZURRO

VERDE TRASPARENTE

ED INOLTRE ... Sconto SU TUTTI GLI ARMADI IN PLASTICA 10%

ED INOLTRE ... Sconto SU TUTTI GLI SCAFFALI 20% IN METALLO E IN KIT

ED INOLTRE ... Sconto SU TUTTI I CONTENITORI IN PLASTICA 20%

Scala Libellula casalinga

In alluminio, 6 gradini, certificata EN131.

Stendibiancheria Rio

A cavalletto, in acciaio. Capacità di stenditura 18 m. Portamollette incluso.

Piantana portasalviette o portascopino Rainbow

Cod. 1270688

Cod. 801471

Cod. 1181550

Colore argento.

150 kg

44,90€ -22,2%

12,90€ -31%

39,90€ -20%

34,90€

8,90€

31,92€

ED INOLTRE ...

Sconto

20%

SU TUTTE LE SCALE CASALINGHE

ED INOLTRE ...

Sconto

20%

SU TUTTI GLI STENDIBIANCHERIA

ED INOLTRE ...

Sconto

20%

SU TUTTE LE PIANTANE


PREZZO

PREZZO

SHOCK

SHOCK

7,50€ -34,6%

49,90€ -20%

4,90€

39,90€

A partire da: Cm. 100x30xsp.1,8.

Cod. 171621

9,90€ cm. 100x50x1,8 11,90€ cm. 100x40x1,8

116,7 cm

PREZZO

SHOCK

LED

19,90€ -34,7%

12,99€

Baule Comfi Wood

Proiettore portatile

Tavole lamellari in pino

Cm. 116,7x44,7xH57. 270 lt, colore marrone.

In alluminio e vetro, IP65, 20W, 1440 lumen, luce naturale. Incluso cavo 2 mt. con presa Schuko.

Cod. 1270684

Cod. 1236675

Saliscendi Syros

Sedile WC

Plafoniera Luna

3 getti, con piedino aggiustabile, asta Ø25 da 60cm.

Universale, in termoindurente, slim, con chiusura a caduta rallentata e cerniere a sgancio rapido.

In vetro bianco, Ø 30cm, 12W, circuito integrato 220V, effetto alabastro.

Cod. 1228599

Cod. 1068801

Cod. 1272457

LED

34,90€ -28,6%

34,90€ -28,6%

21,99€ -20%

24,90€

24,90€

17,59€

ED INOLTRE ...

ED INOLTRE ...

Sconto

15%

SU TUTTI I SALISCENDI

Miscelatore lavello Florida

Bocca alta, Ø 35 mm, disponibile cromo o bianco satinato. Cod. 1178578-9

Sconto

ED INOLTRE ... SU TUTTI I SEDILI WC

20%

Mobile bagno sospeso Giudi

Composto da: • base 2 cassetti 79x38x51cm • lavabo integrato in mineralmarmo 80x39cm • specchio 80x68cm • lampada alogena 60W. Finiture disponibili grigio larice, bianco larice e bianco lucido.

Sconto

20%

SU TUTTE LE PLAFONIERE

Spot 1 luce Serie Cooper

Base nickel, incluse lampadine led attacco GU10, 3W, 3000K. Cod. 1204861

Cod. 817014-1081596-9

Risparmi 65,80€

LED

59,90€ -33,3%

329,00€ -20%

7,99€ -20%

39,90€

263,20€

6,39€

ED INOLTRE ...

Sconto

15%

ED INOLTRE ... SU TUTTI I RUBINETTI

Sconto

20%

SU TUTTE LE COMPOSIZIONI BAGNO

ED INOLTRE ...

Sconto

20%

SU TUTTI I FARETTI LED


24,90€ -20%

14,90€ -33,5%

4,50€ -18%

19,90€

9,90€

3,69€

Idropittura murale per interni, ottimo punto di bianco, buona copertura. Resa 150 mq. Cod. 770303

9,95€ -30,6%

6,90€ Stufa tufa con resistenza al quarzo

800W, 2 elementi riscaldanti, peso 2 kg. Cod. 1258149

7,15€ -17,4%

5,90€ Liquido radiatori -10° kg 5 Cod. 1215358

(Disponibile anche lt. 1. 1,90€ Cod. 1215357)

Bagni e cucine Brico io lt 4

Pittura murale traspirante ideale per ambienti con presenza di vapore, ottimo punto di bianco, pronta all’uso, resa 44 mq. Cod. 1062662

Aspiracenere 12 lt

Aspiratore per le ceneri fredde di camini, stufe e barbecue. 600W, 230V. Cod. 1263739

Batterie per auto 45,90€ 49,90€ 60AH 55,90€ 70AH 65,90€ 80AH 75,90€ 100AH 89,90€ 50AH 55AH

SCORZÈ (VE)

Potenza 1200W, regolabile. Peso 2 kg, 2 elementi.

Cod. 1258151

5,50€ Spazzola tergicristallo Flat singola Varie misure, da cm 35 a cm 70.

Cod. 1215328

Vi aspettiamo dal 7 gennaio con le nostre fantastiche promozioni.

Via Malcanton, 36 c/o C. C. Emisfero Tel. 049.9386427

ORARIO DI APERTURA: dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.30 sabato dalle 9.00 alle 20.00 domenica dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.30

Stufa con resistenza al carbonio

6,95€ -20,8%

A partire da:

35,90€

Cod. 125025

24,90€

24,90€

44,90€ -20%

73,5x74 cm.

29,90€ -16,7%

29,90€ -16,7%

45Ah. Cod. 1271800

Cavalletto in pino grezzo

Brico io è un marchio registrato e di proprietà di Brico io S.p.A. Alcuni articoli di questo volantino potrebbero non essere presenti in tutti i negozi. Tutte le immagini hanno il solo scopo di illustrare i prodotti. I prezzi sono comprensivi di IVA e dell’ eco-contributo RAEE (ove previsto dalla legge). Offerte valide fino a disponibilità della merce - salvo errori di stampa e/o omissioni.

S.O.S. GRAPHICS

Traspirante lt 14


laPiazza

www.lapiazzaweb.it

Informazione a pagamento a cura degli esperti del settore

Salute

Salute / Si Viaggiare

Per partecipare alla rubrica chiamare il numero 049 8704884

27 1

www.lapiazzaweb.it/category/salute/

Intervento Nuove cure per il cancro e la celiachia dagli atenei di Padova e Verona

“C

i sono malattie contro le quali non si finisce mai di combattere. Tumori e celiachia sono tra queste e, pur se con caratteristiche molto diverse, condizionano pesantemente la salute e la vita dei malati. Che nello stesso giorno due università venete annuncino di aver fatto importanti passi avanti è motivo di grande orgoglio”. Lo dice il Presidente della Regione, Luca Zaia, alla luce delle notizie che provengono dagli Atenei di Padova e Verona in materia di ricerca scientifica nella lotta al tumore e alla celiachia. A Padova, un team di ricercatori universitari, guidato dal Dott. Giorgio Cozza del Dipartimento di Medicina Molecolare, ha scoperto una molecola chimica, l’Ivacaftor, in grado di prevenire e problemi intestinali provocati dalla celiachia. Nel frattempo, a Verona, un team dell’università scaligera, coordinato dall’immunologo Vincenzo Bronte, docente del dipartimento di Medicina, identificava una molecola che ostacola l’efficacia delle terapie per la cura dei tumori e lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Nature Communications, può aprire nuove frontiere nella lotta al cancro. “Con queste nuove scoperte – dice Zaia – le Università di Padova e Verona confermano di essere entrambe proiettate nella sanità del terzo millennio, e di costituire grandi punti di riferimento per la medicina non solo veneta, ma nazionale e internazionale. A questi bravi ricercatori – conclude il Governatore – esprimo il mio personale ringraziamento ma, prima di tutto, quello dei tanti malati che, ce lo auguriamo tutti, potranno ricevere nuove cure e benefici dal loro difficile lavoro”.

Report a pag.2

Lotta all’Aids: il nuovo report della Regione Veneto a pag 28

Batterio killer, la Regione richiama 10mila pazienti a pag 29

Lenti Fachiche per Miopie, Ipermetropie, Astigmatismi a pag 30

Vuoi collaborare con noi? Contattaci!

Salute

>> Condividi la tua esperienza ed i tuoi consigli sul nostro >> Inserto Salute

via Lisbona, 10 · 35127 Padova · tel. 049 8704884 · info@givemotions.it · www.givemotions.it


laPiazza

28

Salute

Consulenza scientifica OFTALMOLOGIA Dott. Massimo Camellin Oftalmologo Via Dunant, 10 - Rovigo tel. 0425 411357 mail: segreteria@sekal.it web: www.lasek.it

Intervento

Ipab: assessore Lanzarin, “Presto la riforma, ma con l’intero settore dell’assistenza residenziale

“S

Lotta all’Aids: il nuovo report della Regione Veneto

L

www.lapiazzaweb.it

’Aids è tra noi e colpisce ancora. E’ bene ricordarlo perché nuovo Rapporto AIDS-HIV realizzato a cura della Direzione dopo l’introduzione del farmaco che blocca l’evolvere del Prevenzione della Regione Veneto. virus se ne è parlato molto meno, eppure l’Aids uccide ancora. Nel rapporto si legge che dal biennio 2009-2010 il numero “Le terapie messe a disposizione – precisano infatti i di nuove infezioni si è stabilizzato tra i 250 casi e i 300 casi, tecnici della Direzione Prevenzione del Veneto - non sono mentre risultano essere 240 i casi HIV segnalati nel corso del in grado di eliminare l’infezione e portare a guarigione ma 2017. Dal 1984 a dicembre 2017, sono state notificate 3.837 possono sopprimere completamente la replicazione del virus, diagnosi di AIDS per soggetti residenti sul territorio regionale. assicurando la sopravvivenza dei pazienti e la loro qualità Complessivamente, tra tutti i casi segnalati sino al 2017, sono di vita comparabile ai pari età non infetti da HIV. Affinché stati notificati 2.540 decessi (il 66,2%). questo avvenga è però necessaria una La diffusione anche in Italia della diagnosi precoce, essendo le diagnosi terapia HAART ha certamente influito il 15% dei tardive gravate da un notevole eccesso di sulla speranza di vita dei malati di AIDS. La sieropositivi non mortalità”. probabilità di sopravvivere per coloro che Se si sono vissuti rapporti non protetti, si sono ammalati nel periodo compreso tra sa di esserlo. dunque, è sempre meglio fare un test. il 1996 e il 2000, a due anni dalla diagnosi, I più contagiati Purtroppo oggi si riscontra che molte si attesta difatti attorno al 68%. tra i 25 e i 29 anni persone sottostimano la probabilità di All’interno del territorio regionale, la essere state infettate. Ciò le porta a non provincia che, nel corso del 2017, presenta sottoporsi al test e giungono alla diagnosi solo in presenza di il maggiore tasso di incidenza di casi di AIDS è quella di sintomi severi, che compaiono quando le difese immunitarie Verona. Il maggior numero di casi segnalati provengono dalle sono già molto depresse”. Fare un test non costa nulla, è Ulss Euganea (9 casi), Berica (7 casi) Marca Trevigiana (6 completamente anonimo, tutela la persona e i suoi partner casi). Il 77,4% dei casi di AIDS è di genere maschile. Poco o famigliari. meno del 76% della totalità casi ha un’età alla diagnosi Lo sanno bene i circa 8.092 veneti con infezione da compresa tra i 25 e i 44 anni, anche se l’età media è in netta HIV in carico a servizi sanitari nel 2017. Il dato viene dal crescita negli anni sia per gli uomini che per le donne.

ono consapevole che la riforma delle Ipab è molto attesa e importante. Ma dovrà essere affrontata in un ridisegno complessivo della residenzialità e delle politiche per la non autosufficienza, perchè se da un lato è ormai improrogabile riformare l’assetto e la gestione delle istituzione pubbliche di assistenza e beneficenza, dall’altro è necessario pensare anche riorganizzazione complessiva del privatoconvenzionato”. Così l’assessore regionale al sociale, Manuela Lanzarin, ha replicato ai rappresentanti delle organizzazioni sindacali della Cisl (Cisl Funzione pubblica, Fisascat e Federazione nazionale pensionati) che hanno presidiato la sede del Consiglio regionale e ottenuto un incontro con il presidente e dell’assemblea legislativa Roberto Ciambetti e l’assessore di comparto per rappresentare le ragioni della giornata di mobilitazione. Ai rappresentanti sindacali che sollecitano l’approvazione di una legge regionale di riforma delle Ipab, attesa ormai da quattro legislature, l’assessore Lanzarin ha ricordato “i passi in avanti avvenuti negli ultimi dodici mesi con l’approvazione del collegato alla legge di stabilità 2017 e con il nuovo piano sociosanitario 2019-2023 che andrà presto in approvazione”. “I due provvedimenti – ha chiarito l’assessore - incentivano le aggregazioni e le fusioni delle Ipab su base distrettuale e aprono la strada alla novità dei finanziamenti a budget e non più per rette pro-capite”. “Inoltre – ha aggiunto l’assessore - con l’approvazione del riparto 2018 del fondo regionale per la non autosufficienza, sono stati recuperati 13 milioni in più per le strutture residenziali degli anziani e dei disabili, aumentando le impegnative di residenzialità nei territori che storicamente erano più deficitari. E nel bilanci di previsione 2019, ora in discussione in Consiglio, si prevede un aumento di 10 milioni di euro per i servizi residenziali di assistenza alle persone non autosufficienti”. ” “Non appena approvato il Piano sociosanitario, ormai in dirittura d’arrivo non appena conclusa la sessione di bilancio – ha assicurato Lanzarin - la priorità di questa amministrazione sarà approvare la riforma delle Ipab, ma nel quadro complessivo della riorganizzazione dell’intero comparto pubblicoprivato dell’assistenza residenziale”.

Salute è anche WEB

Salute

>> I consigli dei nostri Medici di Zona su www.lapiazzaweb.it >> Seguici !!!

via Lisbona, 10 · 35127 Padova · tel. 049 8704884 · info@givemotions.it · www.givemotions.it


laPiazza

www.lapiazzaweb.it

Salute

29

Batterio killer: la Regione richiama 10.000 pazienti operati al cuore A caccia del Microbatterio Chimera: i sintomi principali sono stanchezza, febbre e perdita di peso

S

e siete stati operati al cuore tra il 2010 e il 2017 riceverete una comunicazione da parte della Regione Veneto perché potreste aver contrato un battere potenzialmente mortale. Si tratta del microbatterio Chimera che ha un tempo di incubazione lunghissimo, dai 3 mesi ai 6 anni, e che sarebbe all’origine della morte di sei pazienti. Va detto che oggi, in Regione Veneto, sono stati diagnosticati 16 casi di infezione da Mycobacterium chimaera, di cui due con intervento cardiochirurgico eseguito in altre Regioni. Su oltre 30.000 interventi chirurgici eseguiti dal 2010 presso le Cardiochirurgie della Regione Veneto, sono stati individuati 14 casi di infezione. I pazienti potenzialmente interessati sono stimati in circa 10.000. A tutti verrà inviata una scheda informativa contenente le informazioni sui sintomi e l’indicazione dei numeri di telefono da contattare per qualsiasi evenienza e

per gli eventuali approfondimenti clinici necessari. E’ quanto ha deciso il Gruppo di Lavoro istituito dalla Regione Veneto per la Prevenzione e la Gestione delle Infezioni da Micobatteri non Tubercolari in Soggetti Sottoposti a Intervento Cardiochirurgico con Impiego di Dispositivi per Riscaldamento/ Raffrescamento con il coordinamento della Direzione Regionale Prevenzione e dell’Unità Operativa Rischio Clinico dell’Azienda Zero. E’ stato rilevato come “il Mycobacterium chimaera è un batterio diffuso in natura e generalmente non pericoloso per la salute umana. Rari casi invasivi di infezione da Mycobacterium chimaera sono stati riscontrati in Europa e negli Stati Uniti, associati all’utilizzo di dispositivi di raffreddamento/riscaldamento necessari a regolare la temperatura del sangue durante interventi cardiochirurgici in

Luca Coletto nominato sottosegretario alla Salute

I

l nuovo sottosegretario alla salute è Veneto, già assessore alla sanitàin Regione. Luca Coletto è stato nominato a fine novembre, indicato dal presidente Conte in sede di Consiglio dei Ministri. “Sono molto contenta – ha commentato Giulia Grillo, ministro della Salute -. Con il suo arrivo la nostra squadra diventa ancora più forte. Coletto conosce benissimo il mondo della sanità e, porta con sé la lunga e autorevole esperienza di assessore della Sanità per la Regione Veneto, incarico che ricopre dal 2010, contribuendone alle positive performance in ambito salute degli ultimi anni. “La nomina dell’Assessore Coletto a sottosegretario alla Sanità è davvero una splendida notizia. Auguro all’amico e collega un buon lavoro insieme a una grandissimo in bocca al lupo”. Queste le parole con cui il Presidente Zaia, esprime la sua soddisfazione per la nomina dell’Assessore Coletto. “E’ una bella notizia – prosegue Zaia - perché con questa nomina si riconosce il valore del lavoro fatto in questi anni sulla sanità veneta”. “Ringrazio il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ma anche il vicepremier e ministro Matteo Salvini per la sensibilità dimostrata indicando politicamente un uomo del Veneto – aggiunge il Governatore -che

circolazione extra corporea. Le evidenze scientifiche suggeriscono che l’infezione dei pazienti può avvenire tramite aerosol proveniente dall’acqua dei dispositivi. La Regione del Veneto congiuntamente

alla Regione Emilia Romagna ha messo in atto un monitoraggio microbiologico relativo alla contaminazione dei dispositivi in parola. I macchinari presenti nelle cardiochirurgie di tutti gli ospedali veneti

sono già stati messi in sicurezza e, in alcuni casi, sostituiti. Viene comunque data a tutti i reparti l’indicazione di collocare tali macchinari, di qualsiasi marca di fabbricazione essi siano, all’esterno della sala operatoria.

Pronto il cuore bionico: servono finanziatori O

non ho dubbi garantirà non soltanto grandi risultati ma porterà anche quella visione di grande efficienza peculiare del Veneto, nella qualità delle cure, nel rigore sull’erogazione dei servizi e sulla spesa, sulla lotta agli sprechi, sull’innovazione tipica della nostra regione. Da otto anni Coletto è impegnato senza risparmio in questa battaglia per l’eccellenza, e possiede tutti gli skills professionali per portare questo vento nuovo a Roma”.

ggi chi aspetta un trapianto spera che un altro essere umano, che sta per lasciare la via su questa terra, sia un donatore di organi compatibile con lui. La decisione che spetterà ai parenti del donatore, però, è difficile e, spesso straziante. Quanto sarebbe bello, invece, se un giorno avessimo a disposizione degli organi artificiali, ad alta tecnologia che potessero essere disponibili per tutti quando servono senza aver bisogno che altri muoiano per aver salva la nostra vita. Ebbene, probabilmente la scienza sta andando in quella direzione. Manca poco. Il Professor Lino Gerosa, Cardiochirurgo padovano di fama internazionale, ha Iop, due ingegneri e i due inventori del brevettato un piccolo cuore bionico di cuore bionico”. appena 8,5 centimetri già testato e per Per vedere la luce il cuore bionico il quale manca ha bisogno di solo da mettere a finanziatori punto il motore. perché lo sviluppo Il brevetto è del Negli obiettivi del del cardiochirurgo padovano definitivo team che lavora prototipo e con Gerosa c’è il del motore Gerosa che spera fatto di renderlo miniaturizzato di non dover andare silenzioso, elettrico nonché la alimentato da a produrlo in Cina sperimentazione batteria esterna. animale e umana Con Gerosa costeranno molto. lavora il laboratorio di medicina “Finora abbiamo avuto 1 milione di euro rigenerativa diretto dalla biologa Laura dalla Fondazione Cariparo – ha dichiarato

Gerosa - Ne servono altri 50”. Il Cardiochirurgo ha lanciato un appello perché il cuore bionico diventi realtà qui in Italia, dove è stato progettato e sognato. A quanto pare ci sono già stati degli incontri con eventuali finanziatori stranieri e con la Cina in particolare. Il Veneto ha fatto la sua parte, assicura Gerosa, il governatore Luca Zaia ha già erogato 3,5 milioni per il laboratorio di medicina rigenerativa che sta lavorando al progetto. Ora tocca ad altri soggetti privati che, per ora, hanno fatto orecchie da mercante o hanno chiesto di poter prevedere sin da ora profitti stellari in poco tempo.


laPiazza

30

Salute

www.lapiazzaweb.it

Prelievo di rene in chirurgia robotica avanzata per la prima volta in veneto Il donatore ha riportato una piccola cicatrice e perso poco sangue

M

eno di due ore per prelevare un rene e la paziente, una signora di 63 anni, dimessa dopo appena alcuni giorni. Questi i risultati davvero unici dell’intervento eseguito con successo presso l’Azienda ospedaliera di Padova. Grazie alla nuova tecnica, che coniuga i vantaggi della laparoscopia già da tempo applicata in questo centro, presenta ora con il robot evidenti vantaggi sia per le basse percentuali di complicanze che per il recupero molto veloce del paziente, sia per il dolore post operatorio minore che per i migliori risultati estetici (soli 6 cm. la ferita) oltre che per l’eccellente funzionalità del trapianto effettuato. L’equipe guidata dalla Professoressa Lucrezia Furian e dalla Dottoressa Cristina Silvestre, ha deciso di eseguire l’espianto del rene sano in chirurgia robotica (Robotic Assisted Surgery). La Furian, con training in Belgio, primo operatore ha eseguito l’intervento chirurgico manovrando a distanza ravvicinata il robot che, al suo comando, eseguiva le manovre più delicate di chirurgia mini invasiva. L’elaborazione del software robotico otti-

mizza la visione e la cura dei dettagli durante l’intervento. La visione magnificata, la cura del dettaglio - dove si vedono anche i vasi sanguigni di piccolissime dimensioni - ha consentito di evitare anche il minimo sanguinamento. Sono bastate solo due dita per manovrare dei sensibilissimi joystick del robot connessi a strumenti di piccolissime dimensioni di alta precisione. Il rene prelevato è stato subito raffreddato in ghiaccio e perfuso con un’apposita soluzione. A questo punto era preparata la seconda equipe nella sala operatoria sottostante - piastra Tropea, guidata dal Professor Paolo Rigotti, direttore del Centro Trapianti Rene e Pancreas dell’Azienda Ospedaliera/Università di Padova, che è stato coadiuvato dal chirurgo Dottor Francesco Tuci. Espiantato il rene malato, è stato immediatamente trapiantato l’organo sano. Questo secondo intervento, svoltosi con susseguenza di fasi per via tradizionale, è durato circa un’ora e mezza e il rene sano trapiantato nell’arco di un’ora ha ripreso prontamente a funzionare.

Lenti Fachiche per Miopie, Ipermetropie, Astigmatismi I

difetti visivi possono essere leggeri (entro 3 diottrie), medi (da 3 a 8) ed elevati (oltre le 8 diottrie). Per un paziente, da un punto di vista funzionale, anche un difetto leggero quale una miopia di sole 3 diottrie, è fortemente invalidante. La distanza di messa a fuoco è infatti in questo caso limitata a circa 33 cm. In relazione all’entità del difetto, possono essere utilizzate tecniche chirurgiche differenti ed in particolare per difetti leggeri-medi, si può usare un trattamento laser, mentre questo non è indicato se il difetto è elevato in quanto il tessuto da asportare con il laser sarebbe eccessivo ed il processo di guarigione potenzialmente più turbolento. Per eliminare quindi una miopia, per esempio, di 15 diottrie, non potendo effettuare un trattamento laser, possiamo agire inserendo una lente all’interno dell’occhio. Queste lenti sono state utilizzate in diverse foggie e materiali, ma il migliore ed ormai collaudato è un collamero brevettato da una ditta americana. La mia esperienza personale con questi impianti data da oltre 20 anni e le migliorie introdotte in questo lungo periodo hanno visto modificare la forma di queste piccole lenti che, essendo inserite dietro all’iride, sono posizionate davanti al cristallino

(piccola lente dietro la pupilla). Le migliorie di forma hanno permesso al giorno d’oggi di correggere anche ipermetropie ed astigmatismi di grado elevato con una

qualità ottica difficilmente raggiungibile con altre chirurgie. In sintesi, possiamo immaginare che, come una lente a contatto esterna rimane appoggiata sulla

Le migliorie di forma hanno permesso al giorno d’oggi di correggere anche ipermetropie ed astigmatismi di grado elevato con una qualità ottica difficilmente raggiungibile con altre chirurgie

cornea, così una lente fachica (significa che è presente assieme al cristallino naturale) viene appoggiata, all’interno dell’occhio, sul cristallino. Uno dei pregi di questa chirurgia è la reversibilità ossia la possibilità di rimuovere la lente. Se nel corso della vita dovesse manifestarsi per esempio una cataratta o qualunque altra malattia, è possibile rimuovere la protesi ottica in quanto questa con comporta alcuna aderenza con i tessuti oculari. L’intervento si esegue in anestesia locale (una piccola infiltrazione di anestetico sotto alla palpebra addormenta l’occhio) od in anestesia topica (gocce di anestetico che addormentano la superficie). La scelta dell’anestesia è legata alla collaborazione del paziente e può essere decisa anche all’ultimo momento. Si effettua un piccolissimo taglio di 3mm alla periferia

Dott. Massimo Camellin Oftalmologo Via Dunant, 10 - Rovigo tel. 0425 411357 mail: segreteria@sekal.it web: www.lasek.it

superiore della cornea ed attraverso questo taglio la lente viene iniettata arrotolata su se stessa. Una volta all’interno dell’occhio questa si svolge e viene posizionata al di sotto dell’iride. L’intervento dura mediamente cinque minuti ed il paziente rimane bendato due giorni. Il recupero visivo è veloce e già in seconda giornata la visione è ottima. Abbiamo parlato di difetti miopici ma esiste anche l’astigmatismo e l’ipermetropia. L’astigmatismo (legato alla non sfericità della superficie corneale, simile ad un pallone da rugby invece che sferica) può essere associato alla miopia o all’ipermetropia. L’ipermetropia è il contrario della miopia e qui l’occhio è più corto. Una preoccupazione dei pazienti è la durata di queste lenti. Il materiale è perfettamente biocompatibile e la durata eterna!


AFFIDEA è un provider sanitario specializzato nella erogazione di indagini diagnostiche e prestazioni specialistiche. NEL VENETO SIAMO A PADOVA, MONSELICE E PIOVE DI SACCO

PADOVA

ISTITUTO DIAGNOSTICO ANTONIANO

POLIAMBULATORIO MORGAGNI

CENTRO DIAGNOSTICO ACCREDITATO SSN

POLIAMBULATORIO SPECIALISTICO PRIVATO

35123 PADOVA - Via Cavazzana, 39/4

35123 PADOVA - Via Cavazzana, 39/2

Tel. 049 663055 info.ida@affidea.it

Tel. 049 8787479 info.morgagni@affidea.it

MONSELICE

INIZIATIVA MEDICA

DELTA MEDICA

CENTRO DIAGNOSTICO ACCREDITATO SSN

POLIAMBULATORIO SPECIALISTICO PRIVATO

35043 MONSELICE (PD) - Via Rialto, 14

35043 MONSELICE (PD) - Via Rialto, 12

Tel. 0429 786666 info.iniziativamedica@affidea.it

Tel. 0429 783000 info.deltamedica@affidea.it

PIOVE DI SACCO

UNI-X MEDICA

UNI-X POLIAMBULATORIO

35028 PIOVE DI SACCO (PD) P.zza G. Dossetti, 1 (Via L. Da Vinci, angolo Via Montagnon)

35028 PIOVE DI SACCO (PD) P.zza G. Dossetti, 1 (Via L. Da Vinci, angolo Via Montagnon)

Tel. 049 9708666 info.unixmedica@affidea.it

Tel. 049 9708688 info.unixpoliambulatorio@affidea.it

CENTRO DIAGNOSTICO ACCREDITATO SSN

POLIAMBULATORIO SPECIALISTICO PRIVATO

www.affidea.it


laPiazza

www.lapiazzaweb.it

Libano, la pace fa breccia di Renato Malaman

V

’ita da cicala, spregiudicatamente. Pensando solo all’oggi, perché “del doman non v’è certezza”. Il visitatore se ne accorge subito che il Libano sta vivendo in preda a un’euforia quasi ossessiva e soprattutto ben al di sopra delle proprie possibilità. Pare di essere tornati all’illusione degli anni ‘60 quando il paese dei Cedri era la “Svizzera” del Medio Oriente. Auto di lusso ovunque, guidate magari da ventenni che le hanno acquistate a rate, locali pieni fino all’alba, negozi con vetrine sfavillanti che espongono ogni sorta di beni di lusso. Capricci da “dolce vita” in un paese che avrebbe ben altro a cui pensare. Passato e futuro non contano oggi in Libano, perché di mezzo c’è sempre la guerra. Soprattutto quella civile che dal 1975 al

33

1991 ha lasciato cicatrici profonde, nei palazzi e nelle coscienze. I libanesi oggi non si illudono che l’attuale pace (iniziata solo 12 anni fa) possa durare in eterno. Lo sperano, questo sì. Ma lo stallo di governo che si protrae da quasi sei mesi - a causa dei soliti veti incrociati - qualche inquietudine la giustifica. Il Libano è un caleidoscopio, politico e religioso. La comunità cristiano maronita, che nel 1943 - all’indomani dell’indipendenza dalla Francia - era maggioranza assoluta, ora è in perfetto equilibrio numerico con quella musulmana. Però quest’ultima è divisa a metà al suo interno, da una parte gli sciiti del sud, dall’altra i sunniti del nord. Che non si scambiano propriamente rametti d’ulivo. continua alla pag. seguente


ALIMENTAZIONE BIOLOGICA PER IL TUO BENESSERE

a t e n e BioV Panettone tradizionale 750g Fior d’arancio spumante dei Colli Euganei DOCG 750ml Esse di Burano 250g Zaeti veneziani 250g Miele di castagno dei Colli Euganei 250g Crostata all’albicocca 250g Riso Carnaroli del Delta del Po 500g Olio di girasole altoleico 1l

Consegne a domicilio per importi spesa superiori a 80 Euro

o t r e p a o i z o g e n . e . . r e l b a m t e a A Dic niche sino a N e m o d ! e l o m a i t tutte t e ti asp

Orari negozio 8.30 - 12.30 | 15.30 - 19.30 Via Sorgaglia, 11 • Arre (PD) Lungo la Monselice Mare Tel. 049 5389722 o 049 5389741 • Cell. 393 9789862 o 347 1890623 • marketing@ciaobio.it

Visita il nostro negozio on line: www.ciaobio.it con spedizioni in tutta Europa


www.lapiazzaweb.it

laPiazza

35

Libano, la pace fa breccia

Il paese dei Cedri vive da 12 anni senza conflitti e il suo popolo – pur restando profondamente diviso – sembra preda di un’euforia quasi ossessiva concedendosi un tenore di vita sopra le proprie possibilità. Di questa terra affascina la straordinaria complessità di Renato Malaman se g u e dal l a pag. pr ec ed ente

R

ealtà complessa e piena di contraddizioni il Libano, ricco ma anche povero, di una bellezza struggente ma non valorizzata come meriterebbe. Custode di una storia millenaria che però sembra aver insegnato ben poco. Ma la contraddizione più evidente è il rapporto con i quasi due milioni di profughi, soprattutto siriani scappati dalla guerra, a cui si aggiungono i palestinesi, il cui primo insediamento risale al 1948, all’indomani della nascita dello Stato di Israele. Oggi il Libano è il paese con la più alta concentrazione di rifugiati, quasi 200 per kmq. A questi “ospiti” però non darà mai cittadinanza e di conseguenza mai un lavoro. Insomma, il Libano oggi è un rebus. Al punto da ispirare un neologismo, sinonimo di complessità estrema: libanizzazione. Eppure non è audace affermare che il Libano è un paese di straordinario valore turistico, per i luoghi da vedere ma anche - appunto per la sua indecifrabile complessità. Scoprirlo viaggiando in auto, una volta prese le misure con una circolazione stradale praticamente senza regole, riserva molte sorprese. A cominciare dalla capitale Beirut, la mediterranea che - specie lungo la Corniche - ha mantenuto il fascino che mezzo secolo fa attirava il jet set internazionale. La “green line” che divideva con le barricate i quartieri cristiani da quelli musulmani oggi è un moderno boulevard dove non si contano i cantieri e le gru. La città ha fretta di cancellare tutte le ferite della guerra. Il centro è identificabile con Hamra, dove lo stile di vita non si discosta molto da quello europeo. E poi ci sono i caratteristici quartieri di Achrafye e Gemmayzeh, pullulanti di localini animati fino all’alba. La moschea blu è il focus religioso della città,

N ella foto di copertina un’immagine sfavillante

della Beirut di oggi, viva 24 ore su 24, come mostra la foto sotto. Al centro uno dei cedri millenari simbolo del paese e le grotte di Jeita, patrimonio Unesco. In questa pagina: una panoramica di Beirut vista dal mare, Caschi Blu fra giovani libanesi, una scuola per figli di rifugiati siriani seguita dall’associazione Annas Linnas e uno dei tanti campi profughi allestiti per i siriani fuggiti dalla guerra. Al centro: una delle moschee con madrasa a Tripoli, l’area archeologica di Tiro e barrique nella cantina Ixsir, azienda giovane che nell’ambito di un piano Onu ha piantato viti dove c’erano coltivazioni illegali di canapa indiana

circondata dai campanili delle chiese cristia- c’è Chateau Musar, per tanti anni simbolo inne. La religiosità in Libano è vissuta in modo ternazionale del vino libanese di alta qualità. apparentemente laico, a parte che a Tripoli, la Un’istituzione. La visita a questa cantina, foncittà più settentrionale, in area sunnita, dove data nel 1933 da Gaston Hochar, va aggiunta le invocazioni dei muezzin sono il sottofon- a quelle - altrettanto imperdibili – di Ksara (la do costante di una città tipicamente araba. più grande, con gallerie di epoca romana) e di Donne velate di nero che camminano veloci Ixsir, la più giovane e moderna, i cui vigneti nei vicoli dei suk, antiche moschee e madra- sorgono in sei diverse zone del Libano. Quelli se, lo storico caravanserraglio dove ancora si messi a dimora nella valle della Beka’a hanno produce un prezioso sapone all’olio d’oliva e preso il posto di coltivazioni illegali di caal miele, profumato di cedro. Tripoli che nel napa indiana. Un piano patrocinato dall’Onu 2014 ha respinto l’unico tentativo di estende- ha reso possibile questo miracolo dal grande re in Libano il conflitto siriano. valore etico. La cucina libanese, poi, è tra le Salendo sulla montagna si incontra la Qa- più famose del Mediterraneo. A proposito di disha, valle aspra dove c’è Onu: i caschi blu dell’Unifil Beirut aspira a tornare l’anima ancestrale della copresenti in Libano sono in munità cristiano maronita. capitale del Mediterraneo larga parte italiani e a guida Testimoniata da tanti moitaliana. Lungo le strade ci Tiro, Sidone, Byblos nasteri, santuari e grotte. sono dei check point, gestie Baalbek sfoggiano tesori ti in prevalenza dall’esercito Douma è la città più carina con le sue case di pietra. Più archeologici di epoca fenicia libanese, ma i controlli sono e romana da lasciare su si incontra la più grande rapidi e informali. Non fanno riserva dei cedri del Libano, paura. Il Libano stesso, per a bocca aperta chiamata Cedri di Dio, pianfortuna, non fa più paura. I vini della valle della te millenarie. Nemmeno avventurandosi Beka’a sorprendono Da vedere anche Tiro e fra i vicoli dei tristemente Sidone, antiche città prima per l’originalità del terroir noti campi palestinesi (ora fenice e poi romane, dense sobborghi) di Sabra e Chache esprimono di tesori archeologici. Il più tila, teatro del massacro del prezioso però è Baalbek, città della valle della 16 settembre 1982. Nemmeno dedicando una Beka’a resa grande da Roma. Il tempio di Bac- visita anche ai campi dei rifugiati siriani che co è il più imponente e meglio conservato del non è raro cogliere ai bordi delle strade. Ci mondo romano. Byblos espone i suoi reperti sono associazioni anche italiane - come la Anin un porticciolo così incantevole che negli nas Linnas Italia di Roma – che garantiscono anni ’60 vi hanno scattato foto vip di tutto una scuola ai figli dei profughi. Queste visite il mondo. Ma la bellezza più ammaliante è aiutano a capire che il Libano va conosciuquella delle grotte di Jeita… giustamente pa- to in profondità, per guardarlo in faccia per trimonio Unesco. Tappe d’obbligo anche per il quello che è: un paese amico. Degli italiani in vino. A Ghazir su un’altura che guarda il mare modo particolare.


BABBO NATALE ALLA SPANESI CAR SERVICE SABATO 15 DICEMBRE | 15 - 18.30

PROGRAMMA

Ti aspettiamo sabato 15 dicembre dalle ore 15 alla Spanesi Car Service per ricevere da Babbo Natale il coupon con gli sconti per il 2019.

• 15.00 Apertura con cioccolato, vin brulè e biscotti • 15.30 Laboratorio per bambini sul tema Natalizio • 17.30 Arrivo di Babbo Natale e consegna regali • 18.30 Brindisi finale e scambio degli Auguri

ESSERE SCELTI OGNI GIORNO È IL REGALO PIÙ BELLO CHE POTESSIMO RICEVERE! E noi vogliamo ringraziarti con i nostri migliori Auguri di un Buon Natale. Conferma la tua presenza via WhatsApp al numero 345 099 48 54 SPANESI CAR SERVICE Via Praarie 52 35010 Cavino di San Giorgio delle Pertiche (PD) Tel 049 574 10 11 info@carrozzeriaspanesi.it


www.lapiazzaweb.it

laPiazza

37

Food & Drink È IL PANETTONE DI SAPORÈ IL MIGLIORE DEL VENETO Si è chiusa domenica 2 dicembre, da Osterie Meccaniche ad Abano Terme l’edizione 2018 di Panetthòn che ha incoronato il panettone di Saporè di San Martino Buon Albergo (VR). Sul podio al secondo e terzo posto due pasticcerie della provincia di Vicenza: Olivieri 1882 di Arzignano e Il Chiosco di Lonigo. Saporè di San Martino Buon Albergo (VR), Il Chiosco di Lonigo (VI) e pasticceria Olivieri 1822 di Arzignano (VI) si erano guadagnati il podio già nella semifinale locale del 27 novembre a I Tigli a San Bonifacio e si sono confermati in cima alla classifica nel corso dell’evento finale. A votare il migliore panettone del Veneto una giuria tecnica composta da giornalisti ed esperti di enogastronomia ma anche

il pubblico, chiamato ad esprimere un giudizio alla cieca. Ecco gli altri partecipanti: pasticceria Marisa di Arsego di San Giorgio delle Pertiche (PD), pasticceria Celso di Padova e ristorante Val Pomaro di Arquà Petrarca (PD) si erano qualificati nel corso della seconda serata il 28 novembre da Osterie Moderne a Campodarsego; Battistuzzi di Conegliano (TV), pasticceria Centeleghe di Farra D’Alpago (BL) e la pizzeria Rocca d’Asolo di San Vito di Altivole (TV) si erano guadagnati la finale il 29 novembre da Ezio ad Alano di Piave; l’Osteria Zero di Zero Branco (TV), la pasticceria Fabris di Fontanelle (TV) e la pasticceria Max di Treviso erano stati decretati i migliori della semifinale del 30 novembre al Perché a Ronca-

de. Panetthòn è una sfida solidale fra i migliori panettoni artigianali del Veneto. Quelli prodotti senza additivi l’emulsionante E471 e con materie prime di alta qualità. Panettoni “classici”, con uvetta e canditi, che hanno una durata limitata ma che in cambio presentano una bontà senza paragoni. L’etichetta “solidale” definisce le finalità benefiche del concorso, il cui ricavato sarà destinato a due progetti: all’“Amici di Adamitullo” dell’omonima Onlus creata da Don Cesare Bullo che in Etiopia garantisce il sostegno ad attività scolastiche ed educative rivolte alle comunità locali, e all’associazione Co-Meta di Padova che da qualche anno sostiene attività di cooperazione sociale rivolte ai bambini in Burkina Faso. Ampia

la partecipazione del pubblico all’evento che oltre ad aver espresso una preferenza sui 12 panettoni degustati, acquistando il biglietto di ingresso ha contribuito a sostenere il progetto “Amici di Adamitullo” dell’omonima ONLUS. La manifestazione è sostenuta anche dal Consorzio Vini di Arcole (Verona) e dall’agenzia di marketing IDEA Food & Beverage con sede a Padova e Milano.

VALLE DEL CHIESE: PIATTO DELL’AVVENTO, LECCORNIE A KMZERO C’è più Gusto in Valle del Chiese con le emozioni e le proposte dell’Avvento che anche quest’anno è caratterizzato da un ricco calendario di manifestazioni, incastonate tra atmosfere ed esperienze magiche, a cominciare dai Mercatini di Natale di Cimego che tutti i fine settimana animeranno la storica borgata di Quartinago, sino al 23 dicembre. E per i più golosi l’Avvento in Valle del Chiese propone alcune leccornie della gastronomia locale proprio con la rassegna C’è più Gusto. Tutti i giorni sino al 23 lo speciale piatto Degustazione dell’Avvento (declinato autonomamente da ogni Chef) al prezzo di 15 euro, bevande escluse, dai ristoranti Hotel Aurora e da Tina a Borgo Chiese; Hotel Borel a Pieve di Bono-Prezzo; degli Hotel Ginevra, Genzianella e Roncone a Sella Giudicarie. Ghiotte occasioni da leccarsi i baffi: dai canederli offerti in varie declinazioni (con speck Trentino, rape di Bondo, burro di Malga della valle del Chiese, Trentingrana e Spressa delle Giudicarie) alla tradizionale polenta (da quella magica delle streghe e a quella tradizionale di Storo) con carne (guancetta di vitellone, carne salata, bocconcini di manzo, goulasch e controfiletto) e i formaggi, sino al tortel di patate e il carpaccio di cervo. E poi il trionfo dei dolci con strudel, semifreddo alle castagne o al profumo di miele, tortino di noci e castagne e Charlotte della Festa con mele del Trentino. Tutte pietanze della tradizione gastronomica rurale locale a Km zero. Naturalmente nella Valle della Polenta (al recente Festival a Storo ve ne erano in degustazione una decina di differenti tipi, compresa quella di Patate) questa pietanza classica non può mancare, a cominciare dalla Carbonera (con burro, formaggi e salame della zona) e Macafana (con burro, Spressa e cicoria). Golosità per il palato proposte tutto l’anno dai Ristoranti della Valle del Chiese. E poi la Polenta delle Strie nata con il Mercatino di Cimego. Benvenuto Avvento.

È on-line il nuovo lapiazzaweb.it Il nuovo portale di informazione locale, con oltre 15.000 notizie del tuo territorio, sempre aggiornate! Seguici su www.lapiazzaweb.it La Piazza Web e su

www.lapiazzaweb.it

La Piazza Web

w w w. g i v e m o t i o n s . i t

A CREAZZO E’ TEMPO DI BROCCOLO FIOLARO

Il Broccolo Fiolaro di Creazzo (VI) torna sulla tavola dei buongustai grazie al lavoro di ricerca e valorizzazione messo in campo dai ristoratori del paese, che propongono una nuova edizione de “A Tavola con il Broccolo Fiolaro di Creazzo”. Saranno otto i locali – a cui si aggiunge una gastronomia – che delizieranno il palato degli estimatori del Broccolo Fiolaro di Creazzo, protagonista di speciali piatti, pizze e menu a tema creati dagli chef del paese. “Negli anni questo ortaggio ha saputo conquistarsi una fama ben oltre i confini provinciali perché si tratta di un prodotto molto versatile, che ha grandissime possibilità di utilizzo, sia come ingrediente principale dei piatti, sia come ottimo comprimario” conferma Emanuele Canetti, presidente dell’Associazione Provinciale Ristoratori Confcommercio e ristoratore di Creazzo. Per diffonderne la qualità si sono messi in rete produttori e ristoratori, supportati dalla Confraternita del Broccolo Fiolaro di Creazzo De.Co, dal Comune e dalla Pro Loco. Il risultato è una rassegna gastronomica che prevede sei serate in altrettanti locali del paese e menu a tema sempre presenti nei locali aderenti. “Molti dei piatti in menu sono nel segno della tradizione, ma ogni anno la rassegna è anche un po’ una sfida tra i partecipanti su nuovi abbinamenti o nuove proposte. E anche questa volta gli estimatori di questo straordinario prodotto non rimarranno delusi”. Tra i piatti proposti, solo per citarne alcuni, la “Terrina di branzino con Broccolo Fiolaro in crosta di pane e cozze, purea di broccolo con cozze gratinate”, la “Faggianella in salsa di Broccolo Fiolaro”, il “Budino di polenta con Broccolo Fiolaro, mostarda vicentina su crema di formaggio verde e scaglie di tartufo nero”, le “Caramelle ripiene di Broccolo Fiolaro, formaggio e porro”. Vasta anche la scelta di pizze, dove il Broccolo Fiolaro di Creazzo finisce anche nell’impasto con la pizza “Impasto Broccolo: mozzarella e bacon”, oppure si sposa con una grande varietà di ingredienti, come la “Pizza con Broccolo, zucca spadellata, speck a julienne, ricotta affumicata e riduzione di uva fragola”, oppure la pizza “B&B al Broccolo e burrata”. Originale anche la proposta di un “Hamburger con lombo di maiale, tortino di Broccolo


ACQUISTA I TUOI CAPI Dâ&#x20AC;&#x2122;ABBIGLIAMENTO DIRETTAMENTE IN FABBRICA

FUORI TUTTO da 19 a 49 Euro

Viale della Navigazione Interna, 113 Tel. 049 8705788 NOVENTA PADOVANA


Appuntamenti

www.lapiazzaweb.it

Treviso, Poetic Boom Boom

O

oLe Gallerie delle Prigioni presentano la mostra Poetic Boom Boom, che si inserisce nel percorso di ricerca e nel lavoro di interpretazione del progetto Imago Mundi. La mostra racconta la poesia visiva ed è strettamente legata alla collezione Imago Mundi Visual Poetry in Europecomposta da 210 lavori. È una collezione unica, la prima a essere strutturata non solo come parte di una mappatura geografica dell’arte, ma anche come focus su un tema, e nello specifico su un movimento storico: la poesia visiva, un ibrido di arte e comunicazione. Poetic Boom Boom sottolinea la natura intermediale di una corrente artistica che ha iniziato a svilupparsi negli anni Cinquanta come parte del movimento europeo della neoavanguardia: la poesia visiva supera infatti la dimensione orale per acquisire una dimensione iconica e rilegge un’ampia serie di espressioni artistiche creando un contesto fatto di nuove narrazioni. La mostra presenta anche un’importante selezione di 44 opere realizzate tra gli anni Sessanta e i giorni nostri con tecniche come stampa, fotografia, scultura, installazioni, video e performance. Aperta sino al 7 aprile 2019, la mostra sarà affiancata da eventi collaterali tra cui proiezioni, talk, progetti educativi e visite guidate.

Rovigo, l’esoterismo a Palazzo Roverella

D

emoni, spiriti, streghe, maghi, vampiri, fantasmi e altre oscure presenze. Fascinosi abitanti di un immaginario che ha stregato maestri dell’arte come Kandinsky, Rodin, Munch, Basile, Klee, Previati, Mondrian. Sono i protagonisti di Arte e Magia. Il fascino dell’esoterismo in Europa, la nuova grande mostra che fino al 27 gennaio 2019 trasformerà le sale di Palazzo Roverella in tappe di un vero e proprio percorso iniziatico. Un viaggio alla scoperta delle correnti esoteriche che, a cavallo tra ’800 e ’900, hanno influenzato la pittura in Europa mettendola in contatto con una dimensione in cui la ragione tace e si spalancano le porte di un mondo fatto di mistero, sogno e inconscio.

39

Venezia, Cows by the Water’ a Palazzo Grassi

Padova, le meraviglie fossili di Palazzo Cavalli

V

P

isitabile fino al 6 gennaio a Palazzo Grassi la mostra ‘Cows by the Water’, una personale dedicata all’artista tedesco Albert Oehlen (1954, Krefeld, Germania) a cura di Caroline Bourgeois. La mostra traccia un percorso lungo la produzione di Albert Oelhen attraverso una selezione di oltre 80 opere, dalle più note a quelle meno conosciute, realizzate dagli anni ‘80 ad oggi e provenienti dalla Pinault Collection e da importanti collezioni private e musei internazionali.

M9, a Mestre il museo multimediale del ‘900

A

ffrettarsi è d’obbligo. Fino al 20 dicembre 2018, presso l’Auditorium M9 vi aspetta una rassegna di 9 appuntamenti, tutti gratuiti, per incontrare il passato e comprendere meglio il presente. Si tratta di una nuova officina del sapere, tecnologica e interattiva. Un’opportunità per confrontarsi, studiare e interrogarsi sulla contemporaneità, e allo stesso tempo uno spazio storico restituito alla cittadinanza e reintegrato nel tessuto urbano del centro di Mestre.

alazzo Cavalli, edificio storico della città e attuale sede del museo di geologia e paleontologia dell’università di Padova, apre le porte al pubblico gratuitamente fino al 6 gennaio 2019. “L’iniziativa rientra in una serie di azioni progettate dall’ateneo per rendere più fruibili le nostre collezioni museali” ha riportato Giovanna Valenzano, prorettrice al patrimonio artistico, musei e biblioteche. Le aperture con ingresso libero saranno il giovedì dalle 14 alle 18 e il venerdì, sabato e domenica con orario continuato, dalle 10 alle 18. L’occasione è da non perdere perché le collezioni sono davvero eccezionali. Tra i gioielli del museo la magnifica sala delle palme è un unicum. Poi il Tridentinosaurus antiquus delle Alpi meridionali, risalente a 250 milioni di anni fa e più antico dei dinosauri. Ci sono poi i pesci di Bolca, che ci testimonia i paesaggi tropicali che caratterizzavano il veneto sud occidentale tra i 50 e i 30 milioni di anni fa.

Treviso, Barbiere di Siviglia smart

N

el 2018 ricorre il 150° anniversario della morte di Gioachino Rossini e in tutto il mondo si celebra colui che è definito uno tra i compositori d’opera più importanti della storia. E così, giovedì 20 dicembre, alle 20.30, la Fondazione Benetton, in collaborazione con l’Associazione Lirica Trevigiana, e con la direzione artistica di Giuseppe Aiello, organizza il Gala Rossini, Barbiere di Siviglia smart, con solisti dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini e cantanti selezionati dalla direzione dell’Accademia Rossiniana “Alberto Zedda” (Manuel Amati tenore, Il conte d’Almaviva; Giorgia Paci soprano, Rosina; William Hernández baritono, Figaro). L’Orchestra Rossini, orchestra della città di Pesaro, ha predisposto il progetto “Barbiere Smart”, cioè una versione agile e accattivante con un ampio estratto del capolavoro rossiniano, trascritto per ensemble di strumentisti e con la presenza dei cantanti principali dell’opera.

Fenice di Venezia, Concerto di Natale

V

enerdì 21 dicembre La Fenice porta in segna il Concerto di Natale. In programma Antonio Vivaldi, Salve Regina RV 617, con Sara Pegoraro, soprano. Nulla in mundo pax sincera RV 630, con Oriana Kurteshi, soprano. Ostro picta, armata spina RV 642, con Sara Pegoraro, soprano. Laudate pueri RV 600, con Oriana Kurteshi, soprano. Dirige l’ Orchestra Accademia Vivaldiana il maestro Mario Merigo.


“Siamo un’azienda famigliare che si occupa di mobili da due generazioni, ovvero dal 1984. Venite a scoprire le promozioni in atto e trovare il giusto equilibrio tra la qualità e i prezzi. Progettiamo con voi la vostra casa e ci occupiamo del montaggio, perché sia perfetto. Possibilità di dilazione dei pagamenti, per fare tutto con tranqiullità. Ci trovate a Curtarolo (Pd) in via Valsugana, 5 e se volete televonarci questo è il numero 049 557059 o allo 049 9620145. Controllate il nostro sito: www.bortolozzomobili.it. o scriveteci ad info@bortolozzomobili.it. Siamo chiusi la domenica ed il lunedì mattina.”

Bortolozzo Mobili augura Buon Natale e Felice Anno nuovo


www.lapiazzaweb.it

Appuntamenti

41

Hashtag Capodanno a Jesolo Il 31 dicembre non vorrete essere in nessun altro luogo: dalle ore 21.00 musica da capogiro, Dj, Guest star e spettacolo garantiti

Gionny Scandal GionnyScandal, al secolo Gionata Ruggieri, nel 2011 comincia a pubblicare su Youtube le sue prime composizioni che iniziano a suscitare interesse e raccogliere visualizzazioni. Lui ha la capacità di fare musica davvero per tutti, combinando il rap con la melodia, l’elettronica e testie emozionanti. Ad oggi, Gionny, conta una media di 4.000.000 di views ai suoi video caricati su Youtube. Nel 2016 firma con Universal Music Italia e pubblica l’album “RESET”, che debutta all’ottava posizione della classifica FIMI, preceduto dal singolo “BUONGIORNO”, che ad oggi conta 5 milioni e mezzo di ascolti su Spotify, 12 milioni di views su youtube ed è stato certificato prima disco d’oro e poi disco di platino. Dopo il disco Gionny parte con il tour live che finisce a Milano, facendo Sold Out. Pubblica poi il suo primo libro autobiografico “LA VIA DI CASA MIA” con la cas editrice Rizzoli e debutta nei libri più venduti.

Dj Margot MamboLosco è il rapper che ha conquistato il web con “Guarda come flexo”. Originario di Vicenza, parla perfettamente sia l’inglese che l’italiano, una particolarità che ha reso ancora più unica la sua musica. Nato da padre statunitense (militare dell’esercito USA) e madre italiana, è membro del collettivo della Sugo Gang. La sua carriera è iniziata quando ha caricato alcuni video su Youtube, fra cui “Mama I did It Again”, in collaborazione con Luscià e “Come se fosse normale” realizzato con Nashley. L’uso perfetto sia dell’inglese che dell’italiano e il talento di MamboLosco, hanno consentito al cantante di farsi notare, anche grazie al singolo “Giovanotti”. La fama di MamboLosco però è esplosa con altri due singoli: “Me lo sento” feat. Nashley e “Guarda come flexo”. L’enorme successo delle canzoni ha consentito a Mambo di farsi conoscere nell’ambiente trap/rap insieme a Edo Fendi. MamboLosco ha uno stile tutto suo, che unisce la wave americana alla trap italiana, rivisitandole in chiave personale. A settembre 2018 è uscito il suo ultimo successo “Guarda come flexo 2”, da subito ai primi posti delle classifiche Spotify.

Danko Danko (Samuel Gori) mostra il suo interesse per la musica sin dalla prima infanzia. Inizia a suonare in importanti club italiani e festival internazionali, che gli danno l’occasione di incontrare mostri sacri della musica EDM come Dimitri Vegas & Like Mike, W&W, Getter, Will Sparks e Carnage. Viene influenzato positivamente dal loro carisma e dalla loro musica, collabora con DJ e produttori emergenti, ed è presente in importanti festival. Nel 2017 Danko è stato il più giovane DJ producer italiano a suonare sul Main Stage del prestigioso Reload Music Festival di Torino, nello stesso anno, firma un contratto discografico con la storica e blasonata Time Records per il suo primo singolo “Savior” che riceve in breve tempo il supporto di nomi importantissimi della scena EDM come Tïesto e i Marnik. Danko a soli 16 anni vanta un curriculum di tutto rispetto, ed entra a far parte dell’esclusivo management di Ilan Tenenbaum dove, i fratelli maggiori si chiamano Marnik e Lush and Simon, contestualmente viene annunciato il suo ingresso nel roster più prestigioso d’Italia e uno dei più importanti in Europa, la AGE di Alberto Gobbi che diventa ufficialmente il Booker di Danko.

N

umeri da capogiro per questo Capodanno 2019, che candida Jesolo per il primato quale evento più significativo del Veneto. 3.000 metri quadri a disposizione, 7 ore di musica, 5 Dj resident, 3 ospiti internazionali. Aspettare la mezzanotte sarà solo incidentale durante questa serata che promette di essere adrenalinica e senza precedenti lungo tutto il litorale veneto. Come sempre la scelta degli organizzatori è quella di di seguire i gusti musicali più in auge nei giovani, con tre Guest Star ai vertici delle classiche musicali del loro genere. Inizia con questo evento la collaborazione tra il Comune di Jesolo e Give Emotions, agenzia e titolare del marchio Hashtag Music Festival e di altri format musicali. Presso il Palazzo del Turismo infatti, l’Amministrazione comunale ha scelto di ambientare la festa di Capodanno rivolta ai giovani della città e non solo.

Grande è l’impegno dell’Assessore Flavia Pastò nel coinvolgere i giovani cittadini a questo grande evento, grazie anche alla scelta di omaggiare loro un voucher gratuito per l’ingresso alla manifestazione. A scaldare la serata infatti ci sarà l’attesissima esibizione live di Gionny Scandal, tra i più importanti rappresentanti della musica trap in Italia. Forte dei suoi successi, sempre ai vertici delle classifiche nazionali e con una media di 15 milioni di visualizzazioni dei suoi video, Gionny Scandal canterà per il pubblico di Hashtag Capodanno a Jesolo. Nel susseguirsi di Dj resident, coreografie ed effetti speciali, altri due grandi ospiti solcheranno il palco di HMF: Dj Margot e Danko.

Moltissimi i servizi offerti durante la lunga serata (dalle 21 alle 4), dal food&beverage ed il guardaroba interni, fino alla possibilità di raggiungere la località con navette appositamente organizzate da partner dell’evento. Molto importante la convenzione con il Consorzio di Promozione Turistica di Jesolo e con AJA, associazione albergatori, attraverso la quale si potrà soggiornare a Jesolo a prezzi calmierati e con servizi accessori di tutto vantaggio. Gli organizzatori hanno riposto un occhio attento e particolare a tutti gli aspetti legati alla sicurezza durante l’evento, con personale specializzato e molte misure di sicurezza adottate per assicurare a tutti un sano divertimento.


www.lapiazzaweb.it

il

Crucilibro

43

Un libro sotto l’albero è sempre una bella sorpresa Scegliere il regalo giusto può essere più facile entrando in libreria: romantici, visionari, ironici, amanti della storia… Basta scegliere bene Bernhard Schlink

Fabrizio De André

Elizabeth McKenzie

Giorgio Triani

Olga

Fabrizio De Andrè

Veben, una ragazza particolare

La società

Alter Ego

Herbert e Viktoria, figli di ricchi

I personaggi delle sue canzoni

Lo scoiattolo con cui parla

Le ideologie

Location

Pomerania di inizio ‘900

La musica

Palo Alto, in California

Il mondo intero

Co-protagonisti

La grande storia Europea

I vinti e i futuri vincitori

Paul Vreeland, il fidanzato

I cambiamenti epocali

Intrigo

Olga, povera e orfana dei genitori, vive con la nonna poco lontano da una famiglia di ricchi proprietari che ha due figli: Herbert e Viktoria. I ragazzi crescono insieme, finché tra Olga e Herbert nasce un amore, fortemente contrastato dalla famiglia

Il libro raccoglie alcuni dei suoi testi e le parole fuori dalle canzoni che in qualche modo li hanno accompagnati, assecondando aree tematiche topiche: “L’infanzia negata”, “La vita subita”, “Il conflitto”, “La cecità”, “La vita negata”, “Il riscatto”

Veben, cresciuta in una famiglia problematica, passa da un lavoro all’altro è appassionata di scoiattoli e parla con loro, uno in particolare è il suo miglior amico. Il suo fidanzato, viene anch’esso da una famiglia strana che ne ha determinato le scelte

Ci stiamo avviando verso una realtà in cui il lavoro fisico sarà compiuto da macchine, il traffico stradale verrà automatizzato, le produzioni agricole e l’allevamento conosceranno mutazioni radicali e inimmaginabili. Fantascienza?

Finale

Lei diviene maestra, lui è sempre in viaggio in cerca di fama. Convinto di poter esplorare l’Artico, Herbert si fa finanziare un’impresa e parte. Lei lo aspetta fedele e gli scrive delle lettere che non leggerà mai ma che sono la parte più intensa del libro

“Le mie canzoni sono degli addii - dice De André - Addio alle parole che canto, ai pensieri che vanno lontano dalla bocca, dalla lingua, dalla testa. (…) E d’altra parte si scrive per liberarsi di qualcosa, per dire addio a qualcosa o a qualcuno”

Giunto il tempo del matrimonio le due famiglie di devono conoscere e l’incontro con i rispettivi genitori non va troppo bene. Nella coppia ci sono differenze sufficienti a mandare tutto all’aria, ma quale giovane coppia ci crederebbe mai?

Prepariamoci! Ma senza abbandonarci a isterismi apocalittici, anzi cercando di alimentare in noi e fuori di noi il “pessimismo allegro” che raccomanda Giorgio Triani, aprendoci fiduciosamente nei riguardi di un futuro sostenibile

Cosa dire del libro

Un romanzo capace di mettere insieme in un intreccio narrativo avvincente, la storia della Germania lungo il corso di tutto il Novecento

2. Un libro rivelatore del pensiero che ha dato vita e voce ad un unicum poetico della canzone italiana. Da regalare sicuramente anche ai figli

Divertente, godibile fino alla fine, questo libro è il regalo giusto per chi ha bisogno di ridere sull’amore e sulla vita, un vero spasso

Un libro serio, che potrebbe venir definito addirittura preoccupante, se non fosse qua e là giocato sul filo del paradosso e dell’ironia. Per i visionari

Eroe/Eroina

Leggere

Bernhard Schlink Olga Neri Pozza pp. 221 € 17.00

Fabrizio De André Anche le parole sono nomadi Chiarelettere, pp. 204 € 18.00

Elizabeth McKenzie L’amore al tempo degli scoiattoli Marsilio, pp. 242 € 18.00

Giorgio Triani Allegre apocalissi Castelvecchi, pp. 94 € 12.50 A cura di Germana Urbani

______________________

_________________________

MARTEDì E MERCOLEDì 09:00-12:30 / 14:30-19:00 GIOVEDì 14:00-21:00 VENERDì 08:30-18:30 SABATO 08:00-17:00

PRESENTANDO QUESTO COUPON HAI DIRITTO AL 10% DI SCONTO SU UN TRATTAMENTO UOMO O DONNA.

ILE

Per info e prenotazioni: 327.4254213

_________________________ _________________________

VIA GRAMSCI, 28 - MEJANIGA DI CADONEGHE

Parrucchieri


Sogno una scuola straordinaria ed è proprio a portata di mano

Se sogni un futuro che ti appaghi e un lavoro che ti stimoli continuamente e creativamente, scegli una scuola di formazione professionale che unisce il sapere con il saper fare. Unisciti a noi. Con ENGIM sei in buone mani.

Operatore del Benessere Acconciatura Operatore Elettrico Operatore Meccanico Operatore Meccanico Auto Operatore ai Servizi di Vendita Operatore Agroalimentare PER ALLIEVI CON CERTIFICAZIONE

Open day 10 Novembre ore 14.30/18 24 Novembre ore 14.30/18 01 Dicembre

ore 14.30/18

12 Dicembre

ore 14.30/17.30

12 Gennaio

ore 14.30/18

+39 041 430800 amministrazione@engimve.it mirano.engimveneto.org 30035 - Mirano (Ve) Via Murialdo, 1

D.G.R. n. 824 del 08/06/2018 - D.G.R. n. 753 del 28/05/2018 - D.G.R. n. 752 del _28/05/2018 - D.G.R. n. 509 del 17/04/2018 - D.G.R. n. 2029 del 06/12/2017 - D.G.R. n. 579 del 15/06/2018 - D.G.R. n. 520 del 30/05/2018 - D.G.R. n. 751 del 28/05/2018


www.lapiazzaweb.it

a

Tavola

45

Lasagne con crema di radicchio Ingredienti per 6-8 persone: - 1 pirofila o teglia di circa 30cm per 22cm - 1confezione di pasta per lasagne pronta - 1 busta da - 600 gr di Crema di Radicchio rosso DelSanto - 100 gr di pancetta affumicata a fette o dadini -formaggio grattugiato q.b. -sottilette (facoltative) Per la besciamella: -40 gr di burro -3 cucchiai di farina bianca - 500 ml circa di latte Sale q.b.

Preparazione Per la besciamella: sciogliere in un pentolino 40 g di burro, aggiungere 3 cucchiai di farina, un pizzico di sale, mescolare e poi aggiungere 500 ml di latte. Cuocere mescolando finché non sarà diventata densa. In una pirofila stendere sul fondo un leggero strato di besciamella, poi mettere il primo strato di lasagne, coprire con la besciamella, il radicchio, la pancetta, 2 sottilette spezzettate e il formaggio grattugiato. Continuare così per tre strati (a seconda dell’altezza della teglia usata). Finire con uno strato di lasagne, besciamella mescolata alla crema di radicchio e abbondante formaggio grana. Infornare a 180 gradi per circa 30 minuti. Servite caldo. IDEA IN PIÙ La Crema di Radicchio DelSanto è già pronta all’uso. Può essere usata come sugo per la pasta, per risotti, torte salate. Per chi non ama l’amaro del radicchio consigliamo di abbinare la crema a panna da cucina, affettati e formaggi.

APERTURA UFFICIO TERZISTI:

Produzione di conserve alimentari italiane con materia prima stagionale biologica e tradizionale, pronte all’uso a base di verdure, legumi, cereali, frutta: tutto senza additivi-conservanti-glutammato-coloranti. Orario apertura dal lunedì al venerdì Mattino: 9,00-12,00 Pomeriggio: 15,00-18,00 LAVORAZIONE CONTO TERZI via San Pio X, 18 – Santa Giustina in colle (PD) – Tel.049-5790598 – info@delsanto.it

IL RADICCHIO

Il radicchio è un ortaggio che appartiene alla famiglia delle Composite la stessa del gruppo delle cicorie. È un tipo di insalata rossa-violacea dal gusto amaro, grazie all’acido cicorico in esso contenuto. È un ortaggio che si trova tutto l’anno ma il periodo migliore per consumarlo va da ottobre fino a primavera, in base alla varietà. Le varietà più diffuse sono: Radicchio rosso di Treviso: di colore rosso scuro con nervature bianche, di forma allungato, croccante e amarognolo. Masticandolo diventa dolce. Radicchio di Chioggia: di forma tondeggiante, rosso (di intensità variabile) con nervature bianche. È il più coltivato e consumato in Italia ed è la varietà più sapida di tutte. Radicchio Variegato di Castelfranco: di forma arricciata, ricorda i comuni ceppi di insalata. Le venature vanno dal rosso intenso al viola, il sapore può variare dal dolce all’amaro ma resta sempre delicato. Radicchio Rosso di Verona: allungato e compatto, è la varietà più amara, si usa soprattutto per insalate e meno per pietanze cotte.

Le Proprietà: Il radicchio è un alleato prezioso per la nostra salute perché vera miniera di antiossidanti, in grado di contrastare i radicali liberi, l’in-

DelSanto augura ai lettori della Piazza un Felice Natale! Vieni a trovarci allo spaccio entro il 21 dicembre ti aspettiamo con un piccolo omaggio*! *Su una spesa di almeno 15 euro

I nostri uffici chiuderanno per festività dal 23 dicembre al 06 gennaio

vecchiamento cellulare e utile inoltre contro diabete, stipsi e colesterolo alto. E’ un alimento molto leggero e digeribile, particolarmente consigliato a chi ha bisogno di disintossicare l’organismo. È composto per la maggior parte da acqua e fibre, ma è ricco anche di minerali. E’ un ottimo anti-anemia, previene l’osteoporosi e grazie alla vitamina K facilita la coagulazione del sangue. Ma non solo, aiuta infatti la digestione, l’espulsione dei gas intestinali e, come tanti alimenti amari è un prezioso alleato del fegato, contribuendo a mantenerlo sano e attivo stimolando la produzione di bile.

Controindicazioni E’ un ortaggio sconsigliato a chi ha problemi di calcoli e coleocististe. Da evitare se si soffre di ulcera gastroduodenale. Il radicchio può avere effetti stimolanti sull’utero e quindi andrebbe consumato solo dietro consulto medico durante la gravidanza. Per tutti gli altri il radicchio può essere riconosciuto come l’ortaggio che stimola la fantasia per la quantità di piatti in cui compare in una variegata gamma cromatica e, soprattutto, come quello che favorisce il mantenimento di una buona salute durante il periodo più freddo dell’anno.

Radicchio in cucina, come utilizzarlo? Grazie al suo sapore amarognolo, risulta perfetto per creare stimolanti abbinamenti e dar vita a piatti gustosi e nutrienti. Molto utilizzato in cucina per la sua versatilità, è possibile consumarlo cotto al forno, ad esempio per farcire lasagne o cannelloni, oppure in padella, come ingrediente di un perfetto risotto o saltato per insaporire pesce o arrosti; ma l’ideale per non disperdere i suoi sali minerali è consumarlo a crudo, in insalate o in pinzimonio. L’alta temperatura infatti tende a ridurre le sue proprietà nutritive, in particolar modo la vitamina C che si ossida molto facilmente. Una curiosità: come per la “cugina” cicoria, le radici del radicchio si utilizzano anche per la preparazione del caffè!


Oroscopo

46

l’

Ariete Evitate inutili nervosismi, state calmi e vivetevi il omento con serenità e allegria: saranno feste davvero uniche!

Toro Se intendete fare denomini a casa vostra trovate il servizio che più vi rende sereni: Un catering o uno chef a domicilio?!

Dicembre Salutate il vecchio anno festeggiando come si deve: non accontentatevi, fate faville e inizierete il nuovo anno all’insegna delle belle novità

www.lapiazzaweb.it

Bilancia Buone notizie in arrivo e nuove attività: ciò che non avete mai osato provare vi si ripropone e voi vi lancerete in nuove imprese

Scorpione La fortuna è dalla vostra, effetti straordinari sul conto in banca: un nuovo lavoro o un nuovo contratto?!

Gemelli

Sagittario

Ottime opportunità di lavoro in vista, le conferme non tarderanno a venire. Per i regali di Natale non fare a caso, piuttosto rimanda

Volete cambiare qualcosa in meglio? E’ tempo di farlo perché i sogni si realizzeranno, le stelle vi assistono

Cancro

Capricorno

Mostrate il vostro talento non appena ne avrete occasione: vi attende un periodo ricco di gratificazioni

Vi arriverà una proposta importante in campo sentimentale: non temete nulla, è tempo di provare a crescere

Leone

Acquario

Uscite il più possibile, partecipate a tutte le feste a cui sarete invitati: questo il segreto del vostro successo, splendidi!

Organizzate un programma elastico per le feste, qualcuno potrebbe non stare troppo bene. Fine anno ricca di promesse

Vergine

Pesci

La vostra casa sarà al centro dei vostri pensieri. Qualunque cosa vogliate fare pensateci un pò su, la calma è buona consigliera

Date libero sfogo alla creatività, progettate un menù con ricette mai provate prima e scegliete per la tavola stravaganti decorazioni!


O T T A HAI F

IL ? O N BUO

*20€ BUONO

*20€ BUONO O

VALIDO FINO AL 31 GENNAIO | 2019

VALIDO FINO AL 31 GENNAIO | 2019

*SU TUTTE LE ULTIME NOVITÀ OCCHIALI DA VISTA

*SU TUTTE LE ULTIME NOVITÀ OCCHIALI DA SOLE

NOALE | Via degli Ancilotti, 23 Tel. 041/442867

OCCHIALI DI BARBARA

Scoprici qui


La Piazza di Treviso ovest dic2018 n169  

La Piazza di Treviso ovest dic2018 n169

La Piazza di Treviso ovest dic2018 n169  

La Piazza di Treviso ovest dic2018 n169

Advertisement