Page 1

giugno 2018

Periodico d’informazione locale - Anno XXV n. 79

Cultura p.19

Sport p.20

Salute p.29

p.34

del Miranese Sud

on-line: 


Sport p.20

p.34

Salute p.29

giugno 2018

Periodico d’informazione locale - Anno XXV n. 79

Cultura p.19

del Miranese Sud

Questa copia è certificata da

6 7 8 11 12 12 23

MIRANO

Ancora troppi ostacoli in centro per i disabili

on-line:  Amministrative: il Veneto premia la Lega di Zabeo Samuele >redazione@givemotions.it <

A

Treviso e Vicenza due “risultati strepitosi”. Lo afferma il presidente del Veneto, Luca Zaia, all’indomani del voto amministrativo che ha viSCONTO 50% SU TUTTE LENTI la DAnetta VISTAaffersto, soprattutto nella sua LE regione, mazione del partito di Salvini su tutti gli altri, caViale Sanremo, 42/d · Spinea (Ve) · Tel. 041 997018 pace di aggiudicarsi al primo colpo, praticamente da solo, due capoluoghi amministrati dal Pd. “A Treviso è stato fatto un lavoro ciclopico - ha proseguito Zaia - per recuperare una partita che prima dell’inizio della campagna molti pensavano persa. Mario Conte è stato l’uomo giusto nel momento giusto: ha un bel progetto per la città e soprattutto è riuscito a spiegarlo ai cittadini. Era da una vita che Treviso non veniva presa al primo turno. Oltre al grande candidato e ai tanti giovani, voglio sottolineare anche l’ottimo risultato della Lega. Missione compiuta”. Colpiscono soprattutto i risultati che vedono servizimentre alle pagg. 3 e 10 le liste targate lega al 46 per cento Forza Italia esce da queste urne praticamente polverizzata, con un misero 3,66 per cento: il risultato più basso di sempre per il partito di Berlusconi. Il Pd si è fermato al 17 per cento, mentre la civica di Manildo ha incassato 10.59 per cento. Modestissimo il risultato del M5S che con Domenico Losappio si è fermato al 4.2 per cento. Storia simile per Vicenza che usciva da 10 anni a guida Variati. Per Zaia il risultato è il frutto del “dibattito che ha accompagnato le candidature e dimostra la bontà della nostra scelta di sostenere Rucco, un debuttante che strappa il comune al primo turno”. Il nuovo Sindaco è stato incoronato da un buon 50,64 per cento dei voti mentre il fisico Otello Dalla Rosa per il centrosinistra si è fermato al 45.87 per cento. Il dato dell’affluenza, invece, non è dei migliori: nei 46 Comuni veneti andati alle urne per il rinnovo di sindaci e consigli comunali si è registrato un netto calo, in linea con il dato nazionale.

Un’estate ricca di eventi per tutto il miranese

“Mirano Summer Festival”, notti bianche, appuntamenti musicali e letture al parco, sarà una bella stagione nel segno dimusica, buon cibo e divertimento

MIRANO

E’ scontro fra M5S e Italia Nostra sui parchi MIRANO

Cantieri, villa Errera si rifà il look SPINEA

Polemiche sulla nuova viabilità in via Alfieri SANTA MARIA DI SALA

Via i vigili, arrivano i vandali in villa Farsetti SANTA MARIA DI SALA

“La differenziata raggiunge quota 80%” POLITICA

Governo: tre ministri veneti

La Piazza cresce, in Veneto e in Europa

FERRAMENTA

PASQUAL S.A.S. di PASQUAL EUGENIO & C.

ARTICOLI INDUSTRIALI · TIRANTI E FUNI IN ACCIAIO FERRAMENTA · UTENSILERIA · BULLONERIA · COLORI VIA MALCANTON, 31 · 30034 MALCONTENTA DI MIRA (VE) T 041 5470131 · F 041 5479168 · ferramentapasqual@gmail.com

IMPRESA ONORANZE FUNEBRI

COPPOLECCHIA

>redazione@givemotions.it<

I

giornali La Piazza si avvicinano ad un importante anniversario, i 25 anni dalla fondazione. E per noi de La Piazza questi anni sono sinonimo di espansione, di nuove aperture, di evoluzione tecnologica, di partnership importanti. Siamo orgogliosi dei nostri traguardi, della storia che ci portiamo dentro e che cerchiamo sempre di usare a favore del futuro, del miglioramento, della crescita professionale e quantitativa. segue aa pag pag 18 17 segue

Rimani sempre aggiornato con le news in tempo reale direttamente sul tuo smartphone

NUOVA SEDE A SPINEA

via Roma, 51/c - tel. 041.5085461 Agenzia di MESTRE via Verdi, 87/b info 041.962714 24/24 h

www.onoranzecoppolecchia.net

Agenzia di MARGHERA via Trieste, 87 info 041.921009 24/24 h

disponibile ampio parcheggio privato

FUNERALI A TARIFFE AGEVOLATE a partire da euro 1.300,00

facebook.com/lapiazzaweb

Clicca mi piace!


WWW.ROCCOTENDEDASOLE.IT WWW.ROCCOTENDEDASOLE.IT

NON ASPETTARE L’ESTATE LE TENDE DI MARCA SCONTATE LE TENDE DI MARCA SCONTATE TENDE DI MARCA PRENOTA ORA LE TUE DEL 35% MONTAGGIO COMPRESO DEL 35% COMPRESO 35% MONTAGGIO COMPRESO SCONTATE DELMONTAGGIO

e guide antivento Larg. e350 - H.antivento 250 / €550,00 guide Larg. 350 - H. 250 / €550,00

Tenda Pergola con motore Larg. 450 - con Sp. 400 Tenda Pergola motore Euro 2.800,00 Larg. 450 - Sp. 400 Euro 2.800,00

Tenda a Braccia Larg. 3480 - Sp. 210 Tenda a Braccia 590,00 Larg.Euro 3480 - Sp. 210 Euro 590,00

Tenda a Cassonetto Larg. 400 - Sp. 210 Tenda a Cassonetto Euro Larg. 400900,00 - Sp. 210 Euro 900,00

Tenda a Caduta guide in acciaio 400guide - H. 300 Tenda aLarg. Caduta in acciaio Euro 450,00 Larg. 400 - H. 300 Euro 450,00

Tenda Oscurante conTenda cassonetto e guide Zip Oscurante 300- eH.guide 250Zip conLarg. cassonetto Euro 650,00 Larg. 300H. 250 Euro 650,00

CAMBIO TELO SU OGNI TIPO DI TENDA CAMBIO TELO SU IMBATTIBILI OGNI TIPO DI TENDA A PREZZI

A PREZZI IMBATTIBILI

DETRAZIONE FISCALE DEL 65% 65% DETRAZIONE FISCALE DEL 50% RESPONSABILE PREVENTIVI 335.7717955 Via Obbia bassa 28/A - Trebaseleghe (PD) - Tel. 049.9385821 RESPONSABILE PREVENTIVI 335.7717955

WWW.ROCCOTENDEDASOLE.IT WWW.ROCCOTENDEDASOLE.IT

e-mail: - www.roccotendedasole.it Via roccoprotezionisolari@virgilio.it Obbia bassa 28/A - Trebaseleghe (PD) - Tel. 049.9385821 e-mail: roccoprotezionisolari@virgilio.it - www.roccotendedasole.it


3

Facciamo. il punto

www.lapiazzaweb.it

Amministrative: il Veneto premia la Lega >redazione@givemotions.it<

A

Le “Notti del Miranese” ravvivano l’estate B

Sono 8, a: Salzano, Olmo, Mirano, Scorzè, Maerne, Martellago, Spinea e Noale

Treviso e Vicenza due “risultati strepitosi”. Lo afferma il presidente del Veneto, Luca Zaia, all’indomani del voto amministrativo che ha visto, soprattutto nella sua regione, la netta affermazione del partito di Salvini su tutti gli altri, capace di aggiudicarsi al primo colpo, praticamente da solo, due capoluoghi amministrati dal Pd. “A Treviso è stato fatto un lavoro ciclopico - ha proseguito Zaia - per recuperare una partita che prima dell’inizio della campagna molti pensavano persa. Mario Conte è stato l’uomo giusto nel momento giusto: ha un bel progetto per la città e soprattutto è riuscito a spiegarlo ai cittadini. Era da una vita che Treviso non veniva presa al primo turno. Oltre al grande candidato e ai tanti giovani, voglio sottolineare anche l’ottimo risultato della Lega. Missione compiuta”. Colpiscono soprattutto i risultati che vedono le liste targate lega al 46 per cento mentre Forza Italia esce da queste urne praticamente polverizzata, con un misero 3,66 per cento: il risultato più basso di sempre per il partito di Berlusconi. Il Pd si è fermato al 17 per cento, mentre la civica di Manildo ha incassato 10.59 per cento. Modestissimo il risultato del M5S che con Domenico Losappio si è fermato al 4.2 per cento. Storia simile per Vicenza che usciva da 10 anni a guida Variati. Per Zaia il risultato è il frutto del “dibattito che ha accompagnato le candidature e dimostra la bontà della nostra scelta di sostenere Rucco, un debuttante che strappa il comune al primo turno”. Il nuovo Sindaco è stato incoronato da un buon 50,64 per cento dei voti mentre il fisico Otello Dalla Rosa per il centrosinistra si è fermato al 45.87 per cento. Il dato dell’affluenza, invece, non è dei migliori: nei 46 Comuni veneti andati alle urne per il rinnovo di sindaci e consigli comunali si è registrato un netto calo, in linea con il dato nazionale.

uona le prime, con giugno entrano nel vivo le “Notti nel Miranese”, organizzate anche quest’anno da Confcommercio con i commercianti e le delegazioni locali. Otto appuntamenti che anche quest’anno stanno coinvolgendo i centri di Salzano, Olmo, Mirano, Scorzè, Maerne, Spinea, Noale e Martellago. Un tour di eventi che lo scorso anno, con 7 appuntamenti, ha portato in piazza 180 mila persone tra concerti, esibizioni di danza, balli di gruppo, spettacoli, giochi per bambini, mostre, attività sportive e culturali, ma anche specialità gastronomiche di ogni tipo e shopping fino a tarda ora. In regia oltre 300 attività commerciali, in campo per promuovere i centri del Miranese e le loro attività. Dopo Salzano e Olmo, il 9 giugno sarà la volta della “Notte Bianca” di Mirano, il 16 giugno della POLITICA “Notte Blù” a Scorzè, il 23 giugno della “Notte Azzurra” a Maerne, il Governo: 7 luglio della “Notte Gialla” a Spinea, il 14 luglio della “Notte Rosa” a ministri Noaletre e il 21 luglio della “Notte Rossa” a Martellago. Non mancano veneti le novità: a Mirano, per esempio, per la prima volta verrà chiuso anche il tratto centrale di via Cavin di Sala, lo stesso avverrà a Noale sulla Noalese per collegare le due piazze. Ogni Notte inoltre, sarà caratterizzata da un tema: a Mirano saranno di scena l’eleganza e le passioni con lo slogan “Tra sogni e passioni”, a Maerne la “Notte Azzurra” sarà dedicata a “Sapori, musica e mestieri”. A Spinea la >redazione@givemotions.it< “Notte Gialla” sarà in note, con il titolo “Un viaggio nella musica” e a Martellago il rosso caratterizzerà “Un amore di notte”. “La forza delle Notti – spiega Ennio Gallo, presidente di Confcommercio delgiornali La Piazza si avvicinano ad un importante Miranese – sta nel sapersi rinnovare ogni anno con un tocco dianniversario, i 25 anni dalla fondazione. E per noi deELa Piazza questi anni sono sinonimo di espansiooriginalità, non presentandosi mai uguali all’anno precedente. ne, di nuove aperture, di evoluzione tecnologica, di questo le rende sempre attuali e molto gettonate. Per questo ringrapartnership importanti. Siamo orgogliosi dei nostri ziamo il gran lavoro e l’impegno dei nostri commercianti”. traguardi, della storia che ci portiamo dentro e che cerchiamo sempre di usare a favore del futuro, del miglioramento, della crescita professionale e quantiÈ un periodico formato da 15 edizioni localitativa. mensilmente recapitato Direzione, Amministrazione e Redazione: del Miranese Sud a oltre 250.000 famiglie del Veneto. Concessionaria di Pubblicità Locale: segue a pag 18 Direttore responsabile (ad interim)

La Piazza cresce, specialità in Veneto e in Europa

tramezzini e snack caffetteria

I

Via XX Settembre, 4/a · SPINEA (Ve) · Cell. 338 567 20 48 orari: dal lunedì al venerdì 7-21 - sabato 7-14 - domenica chiuso

Questa edizione raggiunge le zone di Mirano, Spinea e Santa Maria di Sala per un numero complessivo di 16.395 copie. Iscrizione testata al Tribunale di Venezia n. 1142 del 12.04.1994; numero iscrizione ROC 22120

via Lisbona, 10 · 35127 Padova tel. 049 8704884 · fax 049 6988054 >redazione@givemotions.it< >www.lapiazzaweb.it<

è un marchio registrato di proprietà Rimani sempre aggiornato con le news in tempo reale direttamente sul tuo smartphone di

Srl

Germana Urbani >direttore@givemotions.it< Ornella Jovane >o.jovane@lapiazzaweb.it<

facebook.com/lapiazzaweb

Periodico fondato nel 1994 da Giuseppe Bergantin Centro Stampa: Rotopress International via Breccia · Loreto (An) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

Clicca mi piace!

Chiuso in redazione l’8 giugno 2018


4

Mirano

www.lapiazzaweb.it

Alla ricerca di giovani per lavori a rischio estinzione

L

L’Associazione Artigiani ha avviato, in collaborazione con le scuole medie, il progetto “Conoscere l’artigianato”

I

l falegname, il muratore, il dipintore, il pavimentista, il lattoniere, il metalmeccanico, la sarta: mestieri fondamentali, a cui purtroppo mancano manodopera qualificata e nuove generazioni a cui passare il testimone.Sono professioni a caccia di giovani volenterosi ai quali i giovani, però, non guardano più. A stilare l’elenco di alcuni tra i lavori a rischio estinzione è l’Associazione Artigiani Piccole Imprese e Professioni del Miranese, che per sventare nel territorio il pericolo “scomparsa delle attività manuali” anche per l’anno scolastico 2017-2018 ha promosso nelle scuole medie dei sette comuni del comprensorio, il progetto “Conoscere l’artigianato. Un lavoro alternativo”. “Oggi gli imprenditori delle nostre zone – afferma Andrea Dal Corso, funzionario sindacale dell’Associazione – faticano a trovare manodopera qualifica-

ta. Alcuni settori, come ad esempio l’edilizia, senza forza lavoro straniera (circa il 50%, dato nazionale) non starebbero in piedi. Altri, e la meccanica è uno di questi, rinunciano a crescere perché non hanno le necessarie figure specifiche (in molti casi anche ben retribuite) per soddisfare le richieste dei clienti. A pesare sulla scelta di questi lavori, da parte delle nuove generazioni sono vecchi stereotipi, del tutto sorpassati: l’evoluzione tecnologica ha cambiato completamente il modo di lavorare, migliorandone qualità e sicurezza. Iniziative come “Conoscere l’Artigianato”, sono pensate per infondere nei giovani la curiosità per questi mestieri e i risultati non mancano. Risultati per noi rassicuranti, che allontanano la paura di vedere definitivamente interrotto il passaggio generazionale. Una staffetta sempre più a rischio. Il nostro

Sono stati coinvolti nel territorio 11 Istituti comprensivi per circa 1300 alunni iscritti alle classi terze

Impresa Onoranze Funebri

delegato ai rapporti con le scuole, Luigi Cervesato, fabbro di Scorzè, ne è un esempio: i suoi due figli hanno intrapreso strade diverse dalla sua, così ha dovuto reinventarsi virando dalla produzione di manufatti in ferro battuto per la casa come cancelli e portoni al ramo artistico, quindi a decorazioni di più piccola taglia”. Giunto quest’anno alla sesta edizione, il concorso “Conoscere l’Artigianato” ha coinvolto 11 istituti comprensivi e circa 1.300 alunni iscritti alle classi Filippo De Gaspari terze.

COPPOLECCHIA NUOVA SEDE A SPINEA

via Roma, 51/c - tel. 041.5085461 24/24 h Agenzia di MESTRE via Verdi, 87/b info 041.962714 24/24 h

Premiati gli alunni dell’istituto “Gabrieli”

Agenzia di MARGHERA via Trieste, 87 (Catene) info 041.921009 24/24 h disponibile ampio parcheggio privato

FUNERALI A TARIFFE AGEVOLATE a partire da euro 1.300,00

www.impresafunebremarghera.com

’Istituto “Gabrieli” di Mirano vince al Concorso musicale nazionale di Bardolino: lo scorso 10 maggio infatti, 29 alunni del corso a indirizzo musicale dell’Istituto comprensivo miranese hanno partecipato alla kermesse nazionale, aggiudicandosi il prestigioso primo premio del concorso, andato in particolare agli alunni Carlo Tombolini (categoria flauto solista di I media), Francesca Ghedin (flauto solista di II media), Alessandro Stangherlin (chitarra solista di III media), Angelica Patron (pianoforte solista di I media), più l’ensemble di violini guidati dalla professoressa Monia Zampieri, categoria Formazioni cameristiche. La giuria formata da musicisti professionisti si è congratulata e complimentata per la bravura e il livello raggiunto dai ragazzi del “Gabrieli”, che da molti anni contribuisce a divulgare la cultura musicale nel Miranese. Grande anche la soddisfazione per tutti i docenti di strumento musicale: Alfonso Baschiera, Marco Maida, Sara Scatto e Monica Zampieri. (f.d.g.)

Riconoscimenti internazionali per l’istituto Fancelli

I

l blasone dell’istituto musicale Fancelli-Boschello, confermato da nuovi titoli mondiali: già nutrita di importanti successi con tre primi premi Internazionali, un europeo, un nazionale, un triveneto e ben 5 secondi classificati dal 2014 al 2017, la classe di chitarra del maestro Alessio Somovigo porta anche quest’anno a Mirano nuovi riconoscimenti nella chitarra classica, affermandosi in ben 6 concorsi: quello nazionale “Rospigliosi” a Lamporecchio (Pistoia), l’internazionale “Città di Treviso”, “Musica Insieme” di Musile di Piave, il “Diapason d’oro” di Pordenone e il premio “Città di Palmanova” (Udine), oltre a “Un po’ di Note” di Occhiobello (Rovigo). Merito delle nuove leve, vere e proprie promesse della musica: Eleonora De Pieri, 13 anni di Marghera, aggiunge infatti al suo già nutrito palmares di 5 titoli, altri importanti traguardi con la coppa conquistata a Musile di Piave e un primo assoluto a Pordenone, con il massimo del punteggio, oltre a un secondo posto al concorso toscano di Lamporecchio, al Città di Treviso e a Palmanova. La giovanissima promessa Matilde De Lorenzi, 8 anni di Mirano, porta invece a casa il prestigioso Internazionale di Occhiobello, con la coppa del primo assoluto ottenuta con il massimo dei voti, oltre a un meritevole secondo posto a Palmanova. Degno di nota anche il secondo posto di Vittoria Artuso al concorso pianistico “Giovani Promesse” di Piazzola sul Brenta. Oltre alla felicità del direttore, il professor Carlo Boschello, complimenti sono giunti da più parti e confermano come l’eredità artistica lasciata dal maestro Elio Boschello, scomparso nel settembre dello scorso anno, prosegua al meglio nei figli Carlo ed Alessandra, visibile nei numerosi corsi di strumento, accademici e moderni, che l’Istituto svolge fin dal lontano 1951. (f.d.g.)


terrida.com

Per VIAGGIARE in tutta LEGGEREZZA

Collezione FLOW

TROLLEY SET FL20 - FL24

1 TROLLEY CABINA 24X33X54 CM 1 TROLLEY GRANDE 28X40X64 CM In policarbonato e alluminio, 4 ruote indipendenti, serrature a combinazione, dotati di scompartimenti interni.

Avio

Fucsia

Nero

€ 299,00 ORDINA il tuo SET

Telefonando al 041 992002 on-line www.terrida.com CONSEGNA a DOMICILIO

ISCRIVITI alla nostra NEWSLETTER e scopri tutti gli SCONTI RISERVATI agli abbonati. BORSA DELLA SETTIMANA Vai sul notro sito www.terrida.com, per UNA SETTIMANA hai la possibilità di ACQUISTARE ONLINE a PREZZI VANTAGGIOSI alcuni dei nostri prodotti.


6

Mirano

www.lapiazzaweb.it

Sociale La “Skarrozzata”, iniziativa dell’associazione “Oltre il Muro” di Pietro Martire

Tanti ostacoli nel centro di Mirano per i portatori di disabilità P

asseggiata a ostacoli nel cen- chitettoniche. Provano per primi tro di Mirano: “La Skarroz- assessori e consiglieri comunali: zata” organizzata per conoscere sfilano un po’ tutti seduti sulla see mostrare i punti critici della dia a rotelle e scoprono una Miramobilità per disabili in città, mo- no mai vista. Provano per prima i stra tutte le criticità, a cominciare membri della giunta, i consiglieri proprio dalla piazza della movidi maggioranza e opposizione, da. Lo spritz, insomma, non è per prova anche il dirigente dall’area tutti. L’iniziativa, organizzata dal tecnica, l’ingegner Roberto LuComune, con i consiglieri Elena mine, che torna in ufficio con un Spolaore, Francesco Venturini e bagaglio senz’altro utile: “EffettiAlessio Silvestrini e l’associazione vamente ci sono punti critici da “Oltre il Muro” di Pietro Martire risolvere - dirà a fine passeggiata ha portato una decina di ammi- - soprattutto nella zona del sagranistratori e tecnici comunali in to del duomo. Sono lavori fatti 40 una dimensione nuova: scoprire, anni fa, quando si guardava più muovendosi in sedia a rotelle, all’aspetto estetico, altre sono dove serve ancora intervenire per zone degradate ancora da riquaeliminare davvero ogni barriera. lificare”. E paradossalmente, per L’esempio più claLumine, la situaAssessori e moroso proprio nel zione è peggiore in cuore della movida, centro che nelle fraconsiglieri dove insistono i lozioni: “Dove - spiecomunali cali più frequentati: ga - i centri sono il nemico è la rete di hanno trovato stati sistemati più canalette aperte che di recente. A Mirano problemi raccolgono l’acqua siamo comunque utilizzando piovana. Per chi è avanti: stiamo esecostretto alla disala carrozzina, guendo il 21.esimo bilità è peggio dei stralcio di lavori per in via XX gradini. E’ solo un eliminare le baresempio tra i tanti, riere. Ogni 12 mesi Settembre, forse il più clamoroinvestiamo una meall’ex cinema so, anche perché la dia di 50mila euro, piazza così concepi- Eva, sul sagrato il 10% degli oneri ta è recente. Ammidi urbanizzaziodel duomo nistratori e addetti ne su base annua”. ai lavori hanno potuto conoscere Per l’assessore Federico Vianello: diversi di ostacoli in città: i vec- “Ripartiamo da quello che c’è da chi portici di via XX Settembre, il fare, a volte la segnalazione dei marciapiede dell’ex cinema Eva, cittadini è preziosa. A Martire e gli attraversamenti tra il sagrato alle associazioni dico: non standel duomo e la Carive. Strisce pe- catevi di urlare”. “Due anni fa a donali che terminano su uno sca- Dolo - spiega proprio Martire - l’ilino, accessi ai negozi con gradini niziativa è servita a far investire 15 di 10-15 centimetri, rampe brevi e mila euro per abbattere la barrieripide, selciati in pavè di porfido. re segnalate. Per i bipedi un’ora Bella la piazza, ma forse ancora di disabilità può mostrare come poco pratica. E pensare che Mi- anche un semplice gradino può rano è tra i comuni più avanti con essere un muro impossibile da afFilippo De Gaspari l’abbattimento delle barriere arfrontare”.

Segnalati problemi anche nelle frazioni, come all’ufficio postale di Scaltenigo

“I

l buon esempio parte proprio dal palazzo, dove c’è chi da anni aspetta un ascensore per accedere in municipio e le stesse difficoltà ci sono anche nella sede dell’Unione dei comuni”. A dirlo, dalle minoranze è Giorgio Babato, lista di centro. “Mancano anche percorsi in sicurezza - affermano i 5 stelle - tipo in viale delle Rimembranze dove pedoni e carrozzine devono dribblare le auto che entrano ed escono dai parcheggi”. Ma i temi dell’accessibilità nel Comune fanno discutere anche le frazioni. “Abbiamo apprezzato - spiega la portavoce del comitato di Scaltenigo Ivana Cagnin - l’iniziativa, ma vogliamo ricordare anche le difficoltà che incontrano le persone con problemi motori anche nelle frazioni. Un

esempio per tutti: l’accessibilità all’ufficio postale di Scaltenigo, a causa degli scalini”. Ironia della sorte il paese si era mobilitato, qualche anno fa, per mantenere aperto lo sportello a beneficio proprio di anziani e disabili che non hanno possibilità di accedere comodamente ai vicini uffici postali di Caltana e Mirano centro. “Un problema grave e annoso - scrive Cagnin - per le persone anziane, con difficoltà motorie o invalide in carrozzina, che devono accedere all’ufficio postale o al bancomat superando due alti gradini. Un ufficio che svolge un servizio pubblico, a cui tutti hanno diritto di accedere, non può essere collocato con poca oculatezza in un edificio privato”. F.D.G.


7

Mirano

www.lapiazzaweb.it

Giardini storici, e’ scontro fra M5S e Italia Nostra

La Lega:”serve maggior fruibilità in estate“

L

I grillini presentano una proposta per 5 aree verdi. Gli ambientalisti: “le aprono ad un uso incompatibile con la loro tutela”

R

egolamento per i parchi comunali, i 5 stelle rompono gli indugi e presentano una proposta in commissione per normare la tutela e la fruizione dei giardini storici di Mirano. La bozza dei 5 stelle prevede non solo criteri per l’uso e limitazioni, ma interventi di carattere manutentivo, attività didattiche e scientifiche o di volontariato, stabilendo regole chiare anche riguardo il presidio e la sorveglianza. I pentastellati miranesi ci lavorano da due mesi e hanno individuato anche 5 aree verdi miranesi da sottoporre a tutela: i parchi di Villa Belvedere e 25 Aprile, quello di Villa Bianchini a Zianigo, quello di Villa Tessier e anche viale delle Rimembranze. Mano tesa a Italia Nostra, che però boccia la proposta: “Da un lato - spiega il rappresentante dei soci miranesi Adriano Marchini - i 5 stelle riconoscono il valore dei parchi stori-

ci, dall’altro però aprono a molteplici possibilità d’uso incompatibili con la loro tutela”. Per l’associazione, la proposta, anche se afferma il contrario, tratta i giardini storici alla stregua dei parchi urbani: “ammettere, come prevedono i 5 stelle, di accedere ai tappeti erbosi calpestandoli, qualsiasi sia la ragione, la durata e la frequenza, porterebbe al loro degrado progressivo modificando lo scenario concepito dal progettista”. Controreplica dei pentastellati: “L’obiettivo era ottenere un regolamento per tutti i giardini e parchi storici di Mirano, ma se vince la polemica, non si arriverà ad alcun risultato. Dove sta scritto nella nostra proposta che verrà consentito di calpestare i prati di Villa Belvedere e 25 Aprile? Abbiamo proposto un regolamento per 5 giardini e parchi diversi tra loro, demandando ad altri organi cosa e quanto consentire o vie-

Le aree individuate sono: Villa Belvedere, 25 Aprile, Villa Bianchini, Villa Tessier e viale delle Rimembranze

Sopra il parco Belvedere, a fianco Federico Vianello

tare in ognuno di essi”. “Abbiamo da tempo allo studio - interviene l’assessore Federico Vianello - un regolamento specifico per i parchi storici, essendone vigente uno generale per tutte le aree verdi e i parchi urbani”. Filippo De Gaspari

Orari_

09.00 /16.00 12.00 -13.00

a Lega era stata tra i primi a parlare di calpestabilità dei prati delle ville: “Sulla gestione dei parchi – interviene ora il capogruppo Andrea Tomaello – la giunta è sempre stata vaga e confusa, senza nessuna idea di valorizzazione e attrattività. Siamo pronti a sederci a un tavolo e discutere: bisogna prendere in esame tutti i parchi, diversi tra loro: Villa Belvedere e Villa Bianchini devono essere più valorizzati, attraverso una maggiore fruizione da parte dei cittadini. Perché non concedere la possibilità durante il periodo primaverile-estivo di potersi tranquillamente stendere nella zona di parco compresa tra la Barchessa e la Villa 25 Aprile o in Villa Bianchini? Alla base di questo ci deve essere una adeguata campagna di sensibilizzazione volta al rispetto, all’ordine e alla pulizia dei parchi, evitando barbecue e partite a pallone. Villa Farsetti a S. Maria di Sala ha saputo creare eventi, Mirano è ancora ostaggio di resistenze e vincoli”. (f.d.g.)

- (ritrovo dalle ore 8.30) - Pranzo al sacco

(solo Merende e Bibite comprese nel prezzo)

Prezzi_

Sconti:

- 1° sett.

- € 160,00

- 2°-5° sett. - Soci:

- € 130,00 - € 120,00 a settimana

(comprensivi di patente e quota sociale)

- Per fratelli (in 2 o in 3 si paga meno) - Su Prenotazioni dalle 3 sett. in su SCUOLA DI EQUITAZIONE e PONY PENSIONE CAVALLI - MANEGGIO

Centri Estivi 2018 Date_ - 18-22 giugno 2018 - 02-06 luglio 2018 - 16-20 lulgio 2018 - 27-31 agosto 2018 - 03-07 settembre 2018 - Settimane aggiuntive: su richiesta Partecipanti_

min >7 - max <15 (età min. 5 anni)

Info&Prenotazioni_ Telefono +39 338 4122679 Via Aquileia 19 - 30036 Santa Maria di Sala (VE) scuderiab19@gmail.com - facebook: Scuderia b19 ASD giornale B19_2.indd 1

09/06/2018 13:03:43


8

Mirano

www.lapiazzaweb.it

Eventi A fine giugno nel piazzale impianti sportivi

“Summer festival”, un mese di musica, spettacoli e beneficienza Presentata a bordo della nave da crociera “MSC Poesia”, ormeggiata a Venezia, la 12ma edizione del Mirano “Summer Festival”. Che animerà il piazzale degli impianti sportivi di Mirano da giovedì 29 giugno a venerdì il 27 luglio, con 29 giorni di musica, spettacoli, beneficenza. In regia c’è sempre l’associazione “Volare” del patron Paolo Favaretto. La macchina organizzativa si è messa in moto già da tempo, con annunci di ospiti d’eccezione come Steve Hackett (Genesis, 6 luglio) e Negrita (27 luglio). Ma torneranno anche i Rumatera (5 luglio), i Sonhora (30 giugno, all’interno della Macchina del Tempo, festival nel festival), Fiordaliso (che accompagnerà “80 che Spettacolo”) e le migliori cover band come Ascolta (Pooh), Elton John tribute, OI&B (Zucchero), Barracuda (Ligabue), Timodà (Modà), Sergio Cortes (Michael Jackson), Diapason band (Vasco), Abba Show, Liveplay (Coldplay), Riff Raff (Ac/ Dc), Pink Floyd tribute, Max Pianta (Renato Zero), Freeway (cartoons e sigle tv), Velvet Dress (U2). Ci saranno appuntamenti dedicati agli anni Ottanta e Novanta, condotti dai dj delle migliori radio locali e nazionali (Radio Company, Rtl 102,5, Stereocittà, Radio 105 con il famoso “Zoo”). Ci sarà anche l’#Hashtag Music Festival, appuntamento incentrato su un dj set curato da artisti e performer di fama nazionale e internazionale, coreografie di grande impatto, effetti speciali e sponsor village. In regia ci sarà Give Emotions, che organizza eventi musicali come Capodanno, Notti Bianche, eventi nelle spiagge e tanto altro ancora, molto gettonati soprattutto dai giovani. L’#Hashtag Music Festival farà tappa a Mirano il 20 luglio, quando sul palco salirà la guest star Gregor Salto, top dj e produttore olandese, da 25 anni ai vertici della scena elettronica mondiale. Salto, al secolo Gregor van Offeren, è artefice di un’indovinata fusione di gene-

ri diversi che costituiscono oggi quella che viene definita world music. Ha collaborato con artisti del calibro di Fatboy Slim e label Pizzalonga_Mirano_ads_settembre_IMP.pdf 1 06/09/17 11:22 di musica dance ed elettronica tra le più prestigiose, fino a dominare la console dei club e dei festival più importanti. Attesi per

il Festival decine di migliaia di visitatori, con oltre 200 volontari al lavoro. Si riaccenderà il faro sulle nuove proposte, grazie al Coorsal Music Summer Contest e tornerà anche la Tornado Run, che lo scorso anno aprì le porte del “Summer Festival” allo sport con una corsa per le vie della città. Infine il ballo, la moda, i concorsi di bellezza. Per Paolo Favaretto: “Sarà una bella sfida, anche perché ripetere il successo del 2017 non sarà facile, ma siamo pronti a vincerla e se possibile anche mi-

gliorarci. Vogliamo restare fedeli all’obiettivo di creare un momento di svago per le famiglie, in particolare quelle che non andranno in vacanza. I presupposti per fare bene ci sono, grazie ai numerosi sponsor e ai volontari, associazioni, partner. Ci sono già 773 stanze d’albergo prenotate grazie agli ospiti presenti quest’anno, credo che un beneficio arrivi per tutto il territorio”. Per informazioni su #HMF: www.hashtagmusicfestival.it Sul Mirano Summer Festival www.miranosummerfestival.it

VIA A. GRAMSCI, 28 APERTO DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ 12.00 - 14.00 18.00 - 22.00 SABATO E DOMENICA 18.00 - 22.00

Villa Errera si rifà il look con interventi a lungo attesi Sono iniziati il 15 maggio e termineranno verso metà giugno i lavori di manutenzione del manto di copertura dell’ala ovest della Barchessa di Villa Errera in via Bastia Fuori a Mirano. Un luogo pubblico molto frequentato perché ospita la sala conferenze al primo piano e la sala dell’Apsam (Associazione Promozione Anziani) al piano terra. L’intervento si è reso necessario, perché il tetto era degradato in più punti. Perciò si sta provvedendo alla rimozione di tutti i coppi della copertura, con riutilizzo di quelli esistenti e sostituzione di quelli ammalorati ed al controllo ed eventuale riparazione della guaina impermeabilizzante. In programma anche la pulizia dei canali di gronda e pluviali. È stata installata una linea vita per agevolare i lavori manutentivi in quota, garantendo la sicurezza degli operatori. Con l’occasione nella sala conferenze al primo piano verrà sostituita una trave portante della copertura in legno del sottotetto. I lavori sono stati affidati alla ditta Costruzioni Generali Poletto di Fossò per un importo complessivo di 30.923,20 euro. Lo scorso marzo era stata completata la manutenzione straordinaria di tutti i serramenti della barchessa di Villa Errera (relativi a sala consiliare, sala conferenze, sala Musa, sala Apsam, sala Lorenzo Lotto e sala Alcolisti Anonimi). I lavori erano stati eseguiti da una ditta specializzata in falegnameria. L’importo speso è stato di circa 10 mila euro. Negli ultimi anni il volto di Villa Errera è cambiato grazie anche agli interventi resi possibili dei finanziamenti per il “Distretto del commercio”, che ha portato in corte una galleria chiusa all’accesso della sala consigliare, utilizzabile per eventi espositivi. (f.d.g.)


RIA E M U F

E N PE E I IG

ONALE RS

P RO

F ra n c e s c h i n i

PROMO SCONTO SCONTO

15%

NON AP

PL IC

A

BI

su spesa minima LE

AI

PR

€ 40

ODO

TTI IN NE PROMOZIO

I GH

IV

S

LIN

I

CA

A

DETE

S R

Piazza Maestri del Lavoro, 14 · Olmo di Martellago (Ve) · Tel. 041 540 35 35 orari: 8.45- 12.30 | 15.45-19.30 · chiuso mercoledì pomeriggio


10

Spinea

www.lapiazzaweb.it

Al via i saldi con la “Notte Gialla” Tutto pronto per sabato 7 luglio. Per le vie del paese sono attese decine di migliaia di persone. Le vetrine dei negozi saranno decorate in giallo. Non mancheranno spettacoli di strada e animazioni

S

abato 7 luglio, si terrà la de-

cima edizione della “Notte Gialla”. L’evento è organizzato dalla Confcommercio del Miranese in collaborazione con i commercianti e le associazioni. Il giallo è il colore che contraddistingue la notte di negozi aperti, che quest’anno coincide con l’inizio dei saldi estivi. L’appuntamento dell’anno scorso ha visto quasi 30 mila persone affollare via Roma, resa pedonale per l’occasione, probabilmente quest’anno si bisserà lo stesso successo. Ogni comune che organizza questo tipo di evento ha ottenuto grande successo, complice l’estate e il desiderio di rimanere fuori casa passeggiando e complice anche la partecipazione di commercianti e attività del territorio che in queste occasioni trovano valorizzazione. Il tema di quest’anno sarà la musica e il divertimento, lungo la strada ci saranno diversi punti di ani-

Patrizia Vianello di Confcommercio

mazione. Parteciperanno una sessantina di commercianti diversi anche provenienti da altre zone di Spinea e che aderiranno all’iniziativa con dei gazebi. Non mancherà la proposta di percorso gastronomico con specialità diverse ma sempre a carattere locale. Le vetrine dei negozi degli aderenti all’iniziativa, saranno decorate di giallo per rendersi riconoscibili. “Ogni anno la notte gialla diventa sempre più impor-

tante sia per i commercianti sia per tutti i cittadini – dice Patrizia Vianello dirigente Confcommercio del Miranese - tutti vivono questo evento con grande partecipazione adornando le finestre e i balconi con i fiocchi gialli proprio perché è diventata la festa di tutti. Quest’anno la notte gialla sarà

un evento pieno di sorprese, grazie anche al buon lavoro della delegazione della Confcommer-

cio di Spinea che in questi mesi si è prodigata a sviluppare nuove idee e progetti. La “Notte gialla” sarà un viaggio nella musica e ci saranno dei punti di animazione con vari tipi di musica: abbiamo cercato di differenziare un punto dall’altro”. Come nelle edizioni precedenti parteciperà all’evento, anche la biblioteca comunale che farà un’apertura straordinaria serale dalle 20:30 e poi, alle 21, “Me-

“Festa della musica” e letture al parco con la biblioteca La biblioteca di Spinea organizza due appuntamenti estivi: la “Festa della musica” e “Un mercoledì da lettore al parco”. Giovedì 21 giugno a Spinea si terrà la terza edizione della “Festa della musica”. Nel giorno del solstizio d’estate, un appuntamento culturale che proporre musica nelle strade, l’evento è completamente gratuito, e offre partecipazione aperta a tutti per promuovere e favorire la pratica dell’arte musicale a ogni livello. La “Festa della musica” può ritenersi ormai un incontro desiderato per i cittadini di Spinea. I vari gruppi musicali che si esibiranno in giro per la città avranno modo di mostrare il proprio talento in diversi luoghi: piazza Municipio, piazza Cortina, Parco Nuove Gemme, via Roma e chiesa parrocchiale Santi Vito e Modesto con il concerto di Organo. Tra i gruppi che hanno confermato la loro partecipazione: la scuola di musica “gor Stravinski, Daghe Power, il coro la Spineta, Adriano Rustici, l’associazione Armonia, Neverland Music, Marzorg, Bloko Intestinha, Ins. Morelli con 6 gruppi, e la pizzeria Barone Rosso. L’attività della biblioteca “Un mercoledì da lettori” è seguitissima da bambini e bambine (e anche da molte mamme) durante tutto l’inverno e, con la bella stagione, si trasferisce al parco Nuove Gemme. Da mercoledì 16 maggio 2018 e per tutta l’estate, sempre alle ore 17.30, ci saranno tantissime letture ad alta voce sotto l’ombra dei grandi alberi. L’iniziativa è organizzata dalla biblioteca in collaborazione con Colors 2018 di Solidalia ed è aperta a tutti i bambini e le bambine. Non serve la prenotazione. In caso di pioggia le letture si terranno in biblioteca. (r.p.)

Eventi nel segno della pace A giugno ricco calendario di appuntamenti organizzato dal Tavolo per la Pace e la Nonviolenza di Spinea. Il Comune di Spinea vuole essere un ponte tra differenti sguardi sul mondo, in grado di unire persone diverse per tradizioni, culture,

religioni, considerando la diversità una ricchezza per la società. Sabato 16 giugno, al parco “Nuove Gemme”, un torneo di calcio tra Spinea-Marocco (Centro Culturale Salam)-Senegal, nell’ambito della ventesima “Festa Multietnica” organizzato dal Tavolo stesso con il Comune di Spinea, il Cism e Solidalia. Domenica 17 la festa e la tradizionale sfilata dei popoli lungo via Roma, nel pomeriggio concerti degli Yerbaguena e delle StorieStorte, banchetti di associazioni e Onlus, laboratori delle differenti

sthriller OFF 2018”; un incontro con Piergiorgio Pulixi, in occasione dell’uscita del nuovo libro “Lo stupore della notte” a giugno. Il thriller che rivoluziona il thriller, l’autore è la nuova voce del nero italiano. La notte gialla inizierà alle 20 e terminerà alle 24. Via Roma sarà chiusa al traffico dalle 19 e nel tratto dal cinema teatro Bersaglieri e fino alla chiesa di San Vito. Roberta Pasqualetto

comunità (Thailandesi, Pakistan, Marocco, Ucraina, Afganistan, Senegal). Pomeriggio di danze popolari, orientali e del ventre, mostre fotografiche sul rapporto tra cambiamenti climatici (a cura di Cdat), le migrazioni viste dai bambini (a cura di Emergency Miranese). Il 20 giugno, “Giornata del Rifugiato”, sarà presentato il progetto SprAR del Comune di Spinea e i ragazzi e le ragazze accolte. Sarà anche proiettato il corto di Alberto Guariento “La Gita” in presenza degli attori. La sensibilizzazione continuerà il 29 con lo spettacolo teatrale: “E che la fuga non sia l’unica via” della compagnia teatrale Fralesteda. Il 30 giugno, un’altra festa al parco “Nuove Gemme”, con i giochi senza frontiere in collaborazione con l’associazione “Io clandestino”, laboratori con i ragazzi rifugiati e un concerto finale. Il 24 giugno, durante FestAmbiente, organizzata da Legambiente miranese e Cdat Spinea, il Tavolo per la Pace - e il Tavolo Intercomunale per la Pace - avrà l’onore di ospitare Lisa Clark responsabile disarmo nucleare per la Rete Italiana per il Disarmo, coordinatrice di “Mayors for Peace“cui anche Spinea fa parte, e membro italiano della Campagna Internazionale per la messa al bando delle armi nucleari (Ican), vincitrice del Premio Nobel per la Pace 2017. (r.p.)


11

Spinea

www.lapiazzaweb.it

Senso unico alternato in via Alfieri, fra proteste e soluzioni possibili Il tratto interessato parte dall’inizio della strada e arriva fino alla piazzetta Dante, dove sono stati collocati new jersey in plastica

I

l mese scorso è stato applicato un sistema di senso unico alternato in via Alfieri per risolvere il problema di sicurezza di questo tratto stradale. Il tratto interessato parte dall’inizio di via Alfieri e arriva fino a piazzetta Dante, dove sono state inserite delle barriere spartitraffico (new jersey in plastica) per dissuadere la velocità dopo la richiesta di alcuni cittadini. Il sistema è ancora sperimentale e se sarà considerato valido, vedrà sostituire gli spartitraffico provvisori con quelli definitivi in cemento. Il tratto di strada è stato definito pericoloso dai residenti perché è privo di marciapiedi in entrambi i lati ed è in prossimità delle scuole, inoltre, lungo la strada, ci sono diversi passi carrai. Adriano Caverzan, un residente della zona, non è d’accordo con il senso unico, e dice che non solo non risolve il problema delle auto che corrono comunque forte ma provoca anche intralcio alla circolazione. “Questa strada non ha dei pericoli reali perché non è molto trafficata dalle automobili – dice Caverzan il residente – per costringere gli automobilisti a ridurre la velocità era meglio inserire dei dissuasori. L’amministrazione sta buttando soldi pubblici, questa strada rettilinea è corta e non ha le problematiche di traffico e velocità come ad esempio la vicina via Dante”. Il tratto di strada ha il limite di velocità dei 30 all’ora ma probabilmente, trattandosi di un rettilineo, le auto la percorrono a una velocità più elevata. La modifica di percorrenza di via Alfieri è legata al piano urbano della mobilità sostenibile per una città più sicura. Piano che è stato elaborato da alcuni tecnici anche dello Iuav di Venezia. Tra le applicazioni già fatte a Spinea vi è la nuova segnaletica di via Roma. “In questo tratto di strada non si possono mettere dei dossi perché creerebbero dei disagi ai residenti con il continuo rimbombo delle auto in transito – dice Mario Zorzetto consigliere comunale con delega mobilità sostenibile - non si possono mettere nemmeno i rivelatori di velocità perché andrebbero affiancati a una pattuglia. Non si può pensare neanche all’ipotesi del vigile fisso su questo tratto di strada. Per ora stiamo facendo una prova di funzionalità del

senso unico. Su segnalazione dei cittadini, le barriere potranno essere spostate se intralciano i passi carrai. A parte il signor Caverzan non abbiamo altre lamentele di residenti. Il problema della velocità in questo tratto stradale va risolto perché, nonostante il limite di 30 all’ora, gli automobilisti la percorrono agli 80 all’ora”. La sperimentazione di questi restringimenti in carreggiate a doppia percorrenza trasformate in senso unico, con il

Il consigliere Zorzetto con vigili durante una iniziativa e una immagine di via Alfieri

conseguente fermo delle automobili che devono dare la precedenza, è un’iniziativa già applicata in molte città europee. Roberta Pasqualetto

Benvenuti alla nuova Residenza Anziani “Adele Zara” di Mira

“Costruiamo insieme il tuo benessere con passione e professionalità” Visita il sito residenzemira.it o contattaci al numero 041.5600801 per qualsiasi informazione. Le “Residenze Sociosanitarie” della Cooperativa Socioculturale si trovano in una zona residenziale immersa nel suggestivo paesaggio delle Ville Venete della Riviera del Brenta in località Mira Porte

Beneficienza per l’Honduras L’associazione “Amici del Graspo de Ua” in collaborazione con l’associazione “Una Strada” hanno fatto una cena solidale, alla quale hanno partecipato 140 persone. Lo scopo è stato raccogliere fondi per i bambini dell’Honduras, la cena si è tenuta all’ex-bocciodromo al Graspo De Uva. Il ricavato è stato di oltre 2 mila euro, una cifra importante. Le due associazioni: una di quartiere di Spinea e l’altra una Onlus di Mestre, hanno organizzato la cena e l’intrattenimento musicale. L’associazione “Amici del Graspo” si pone l’ambizione di svolgere attività a scopo benefico, devolvendo il ricavato degli eventi alle realtà del territorio che ne hanno bisogno. Negli anni scorsi, sono stati aiutati i terremotati delle Marche e le persone colpite dal tornado in Riviera del Brenta. Il presidente Riccardo Righetto è in carica da 10 anni, ovvero dalla fondazione dell’associazione che conta oltre 400 iscritti. Tra i vari impegni dell’associazione spinetense, vi è una convenzione con il Comune, attraverso la quale i volontari si occupano della cura del “Ptarco delle Stagioni”” delle aree adiacenti e del centro polifunzionale dell’ex bocciodromo. La prossima cena dell’associazione si terrà per la festa del Redentore, il ricavato sarà investito nelle attività e nei servizi per il territorio. L’associazione onlus una “Strada di Mestre” sostiene progetti di sviluppo nei paesi più poveri e promuove l’educazione all’incontro con le altre culture del nostro territorio. La sua missione è assistere i bambini bisognosi, orfani e abbandonati costruendo strutture per l’istruzione, centri di accoglienza e di assistenza dei minori.


12

Santa Maria di Sala

www.lapiazzaweb.it

Villa Farsetti, vanno via i vigili, arrivano i vandali

A

M5s all’attacco: “Servono più agenti. Raccogliamo firme per un loro ritorno in sede. Siamo pronti a un referendum”

V

ia i vigili da Villa Farsetti, campo libero ai vandali. Il sindaco Nicola Fragomeni è preoccupato: “Prima queste cose non succedevano”. Lo spartiacque, secondo il primo cittadino, è stata la partenza della polizia locale dell’Unione, confluita nelle sedi di Mirano e Spinea. Le proteste, un paio di mesi fa, per la chiusura della sede, non erano mancate, ma il sindaco aveva giustificato la riorganizzazione con la maggior presenza di agenti sul territorio. Quello che manca è il presidio stabile, in ottica di deterrenza. E così sembrano in aumento i casi di abbandono dei rifiuti, vandalismi nei parchi e nelle aree pubbliche e proprio in Villa, spariti i vigili, il parco sembra diventato luogo di ritrovo di bulletti che disturbano i cittadini a passeggio, perfino le assistenti sociali. Per Fragomeni:

“i vigili in villa erano un deterrente a compiere certi atti e soprattutto, per quanto pochi fossero, potevano monitorare quello che accadeva in giro, anche con le telecamere: l’ufficio del comandante era una sala di controllo e si occupava di polizia giudiziaria. Adesso tutte le immagini registrate finiscono a Venezia. Forse serve rivedere qualcosa”. Le repliche non si fanno attendere: “La pistola non serve - attacca Christian Giordan, M5S - servono gli agenti. Adesso se ne accorge anche il sindaco, allora si consideri la volontà popolare. Stiamo raccogliendo firme per chiedere il ritorno dei vigili, se non verranno prese in considerazione dall’Unione, indiremo un referendum di uscita”. Giù duro anche Cristiano Coletto, Lista Salese: “Finalmente il sindaco se n’è accorto che in questa Unione qualcosa

“Nessun controllo Veritas nel Salese”

Per il sindaco Nicola Fragomeni, il problema è che, le immagini registrate finiscono a Venezia e i tempi di azione si allungano

non va: l’hanno imposta a maggioranza in consiglio, oggi la criticano. Chiediamo di parlarne, i dati seguono al percezione popolare, vanno rivisti i termini della nostra adesione a questa Unione”. Diversa invece la posizione del centrosinistra: “Non basta riorganizzare - intervengono Giuliana Andreello e Giuseppe Rodighiero, Civica Insieme - ogni cambiamento va calibrato. È sicuramente necessario un rafforzamento della presenza dei vigili nel nostro territorio, ma con assunzioni di personale, necessarie per garantire il costante pattugliamento”. Filippo De Gaspari

S. Maria di Sala nessun ispettore Veritas, con tutti i problemi di abbandono dei rifiuti. Lo denuncia Possibile Salese, snocciolando i dati dei controlli nel Miranese nei primi mesi del 2018. “Ci sono state 126 ispezioni a Mirano - elenca il portavoce Stefano Artusi - 18 a Salzano, 32 a Scorzè, 42 a Spinea e via dicendo. A Santa Maria di Sala, nessun verbale. Ci siamo chiesti: vuoi vedere che qui siamo tutti bravi? O forse Veritas ci snobba e non ha fatto alcuna ispezione nel nostro territorio? Abbiamo chiesto alla direzione ambiente e servizi pubblici locali dell’azienda, che ci ha risposto testualmente: Siamo in attesa di autorizzazione da parte del Comune per iniziare il servizio ispettivo”. Si scopre che nel Salese dal 1 gennaio non c’è stata alcuna ispezione di Veritas semplicemente perchè il Comune non l’ha chiesta. Vero che il servizio costa e non poco: “Ma sarebbe importante - conclude Artusi - avere dei periodici controlli, per evitare che i più furbi agiscano con la certezza di farla franca”. (f.d.g.)

“La differenziata arriva a quota 80%”

“Q

uasi l’80% di differenziata, ma si può fare di più”. Snocciola i dati sul riciclo dei rifiuti l’assessore all’ambiente Stefano Bacchin: “Nel 2016 abbiamo prodotto 8.336 tonnellate di rifiuti, di queste 6.609 sono state avviate alla raccolta differenziata, e solo 1.728 hanno costituito il secco residuo, materiale costoso da smaltire. In percentuale, si tratta del 79,3% di differenziata”. Tradotto in costi, significa che senza differenziata,nel 2016 il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti sarebbe finito in bolletta con 710 mila euro in più. “Un ottimo risultato - secondo Bacchin - ottenuto grazie all’impegno dei cittadini. Ma si può fare ancora di più in due ambiti: conferire il rifiuto nel giusto contenitore e non gettare rifiuti differenziabili nel secco. In pratica differenziare meglio porterebbe ad aumentare la raccolta differenziata di ben 3,5 punti percentuali”. Nel 2016 ben 619 tonnellate di rifiuti differenziati sono stati messi nei contenitori sbagliati: il 26% di plastica, vetro e metalli non erano conformi, l’11% dell’organico non era rifiuto biodegradabile, il 7% della carta e del cartone non era riciclabile. Nel residuo sono finite ben 916 tonnellate di materiali (il 53%) che invece potevano essere differenziati: soprattutto plastica (21%), carta e cartone (17%), ma anche organico (10%), vetro (2%), verde, ramaglie, pile e batterie (2%) e metalli (1%), tutti tolti al riciclo. “A Santa Maria di Sala aggiunge il sindaco Fragomeni - la raccolta differenziata potrebbe arrivare all’82,8%, percentuale che si tradurrebbe immediatamente in ulteriori risparmi in bolletta. Più aumenta la quantità e la qualità del materiale, più aumentano i ricavi. Risultato, un ulteriore diminuzione della tariffa”. (f.d.g.)


messaggio pubblicitario

Pagina a cura Servizi Informativi Comunicazione Supporto Organi di Governo

www.spinea.gov.it - Posta Certificata: protocollo.comune.spinea.ve@pecveneto.it

AMBIENTE:

CONCORSO ZERO EMISSIONI, ECCO I VINCITORI Viva la scuola di Spinea. Nel Concorso Zero Emissioni di quest’anno il tema era la riduzione dei rifiuti ed il riciclo. Si tratta di una tematica decisiva e l’Assessorato Ambiente con questo concorso ha puntato a coinvolgere famiglie, docenti e ragazzi per cambiare le abitudini quotidiane e far maturare una maggiore consapevolezza ambientale. Tutti hanno veramente dato prova di fantasia e rigore scientifico ma chi ha vinto? SEZIONE CLASSI SCUOLA PRIMARIA: 1° classificato classe V^A scuola Marco Polo che ha vinto il premio di € 300. Il lavoro presentato dai bambini consiste in un power-point con la rappresentazione del percorso didattico con le nozioni teoriche apprese in merito al riciclo, al rifiuto come risorsa e immagini che descrivono il laboratorio creativo effettuato. I piccoli hanno poi presentato anche un file audio contenente una canzone. SEZIONE CLASSI SCUOLA SECONDARIA: 1° classificato classe 3B scuola Ungaretti che si è aggiudicata un premio di € 500. L’elaborato consiste in una presentazione power-point, contenente video e musica che documentano il percorso didattico nonché l’attività pratica svolta dagli alunni della classe. SEZIONE CLASSI SCUOLA SECONDARIA: 2° classificato classe 2B scuola Ungaretti che ha vinto un premio di € 200. L’elaborato consiste in una presentazione power point con un riassunto schematico di nozioni base dell’argomento trattato ed alcune fotografie di creazioni manuali. SEZIONE SCUOLE 1° classificato scuola Marco Polo che si è aggiudicata il premio di ben € 1.400. L’elaborato consiste in una presentazione power

I ragazzi della scuola Marco Polo con la loro insegnante e l’assessora alla pubblica Istruzione Loredana Mainardi

point molto interessante e coinvolgente. Il tema del concorso è stato rielaborato in modo trasversale: scienze, matematica, italiano, immagine, tecnologia. Sono stati attuati dei “grandi laboratori” dove tutti i bambini, a turno, hanno realizzato la carta riciclata e la stampa del sacchetto “Io non spreco”. I ragazzi più grandi hanno seguito la realizzazione del compost e di indagini statistiche sulle abitudini delle famiglie. Sono state organizzate poi delle giornate speciali per la riduzione della produzione della plastica “Merende senza plastica” e “La giornata del baratto” per sperimentare lo scambio che ha dato nuova vita a giochi e libri. La scuola Marco Polo ha coinvolto le famiglie in incontri di classe e d’interclasse e nella giornata di Scuole pulite. Ma i ragazzi hanno voluto andare oltre. Hanno applicato scelte sostenibili nel servizio mensa mediante l’utilizzo di posate, bicchieri riutilizzabili e stoviglie compostabili e hanno scelto il consumo di acqua del rubinetto contenuta in caraffe riutilizzabili. Si premia quindi il coinvolgimento dell’intero plesso e la realizzazione di un programma pluriennale di azioni positive che dimostrano creatività e passione. Un grazie a tutti i docenti che hanno scelto di partecipare al concorso.

PIU’ MANUTENZIONE DEI CORSI D’ACQUA CON IL CONSORZIO DI BONIFICA ACQUE RISORGIVE E’ stato approvato a maggio il protocollo d’intesa con il Consorzio di Bonifica Acque Risorgive per effettuare la manutenzione dei corsi d’acqua. Si tratta di un documento importante che ha lo scopo anche di risolvere le criticità idrauliche individuate nel Piano delle Acque approvato dal Consiglio Comunale nel 2014. L’accordo ha la durata di tre anni e prevede che ogni anno il Consorzio rediga un programma annuale dei lavori per le manutenzioni dei corsi d’acqua individuati nel piano delle acque risolvendo criticità idraulico sanitarie. Il Protocollo prevede inoltre l’intensificarsi degli sfalci degli argini dei corsi d’acqua consortili. Significa che non solo migliorerà la manutenzione rispetto alle erbe superficiali ma anche della vegetazione acquatica con il taglio delle piante infestanti presenti nell’alveo del fiume, sulle sponde e sulla sommità arginale dei corsi d’acqua consortili. Spinea si dota così di un ulteriore strumento per ottimizzare le risorse a servizio di un maggiore decoro urbano migliorando la sicurezza e attuando le misure previste nel Piano delle Acque.

L’Assessore ai Lavori Pubblici Gianpier Chinellato con i Consiglieri Delegati Paolo Barbiero e Mario Zorzetto Penzo

APPROVATO ACCORDO DI PARTENARIATO CON LA CITTA’ METROPOLITANA La Giunta ha approvato la scorsa settimana lo schema di accordo di partenariato, relativo al bando ministeriale RE.MO.VE. per il recupero delle periferie e la mobilità sostenibile. L’Assessorato ai Lavori Pubblici fin dal 2016 aveva proposto come progetti la sistemazione dell’area verde lungo la linea ferroviaria in zona via Bennati e la Riqualificazione ex Bocciodromo per attività socioculturali. Approvando l’accordo, si regolano i rapporti e si definiscono le modalità di cooperazione tra la Città metropolitana di Venezia e il Comune di Spinea per la realizzazione degli interventi inseriti nel progetto «RE.MO.VE (REcupero periferie e MObilità sostenibile per la città metropolitana di Venezia). Il Comune ha ottenuto così un finanziamento di 172.000 euro a cui aggiungerà circa 61.000 euro di risorse dal proprio bilancio. La riqualificazione urbana delle aree limitrofe alla linea ferroviaria – riqualificazione aree parchi via Bennati ha un costo complessivo di 33.000 euro mentre “Riqualificazione dell’ex bocciodromo prevede una spesa di 200.000 euro.

VIDEOSORVEGLIANZA. PIU’ SICUREZZA NEL NOSTRO TERRITORIO Spinea è uno dei comuni più video-sorvegliati del Veneto. Dal 2013 Spinea ha effettuato massicci investimenti che hanno via via implementato il numero e la dislocazione degli apparecchi. Da 47 telecamere presenti nel 2014 con un investimento complessivo di 170.000 euro si è oggi passati a 62 con una centrale di video sorveglianza presso la Polizia Locale ed una presso i Carabinieri. Si tratta di telecamere fisse e telecamere rotanti con specifici apparecchi dedicati al controllo targhe ma anche puntate sulle aree di raccolta dei rifiuti. L’utilizzo della videosorveglianza migliora e facilita il lavoro delle Forze dell’Ordine per le eventuali indagini. E’ importante per contrastare gli illeciti stradali e per i rilievi degli incidenti stradali accaduti nei luoghi che vengono visionati. Le video camere hanno poi una grande utilità per la prevenzione del degrado socio-urbano. Vuoi saperne di più? Ascolta l’intervista al Comandante della Polizia dell’Unione Michele Cittadinhttps:// www.facebook.com/ComunediSpinea/videos/1872960866330184/


I Professionisti al tuo Servizio!

“Un punto di riferimento nel settore per risolvere in tempi brevi tutte le problematiche del cliente, anche grazie ai continui investimenti in attrezzature tecnicamente avanzate per il recupero e lo smaltimento dei rifiuti liquidi pericolosi e non pericolosi”: è questo il punto di forza di S.E.F. Servizi Ecologici Formentin.

pompe aspiranti per raggiungere i rifiuti anche in tutte le condizioni: ecco i mezzi propri di S.E.F., attrezzati per la raccolta di rifiuti liquidi. Accuratezza, professionalità e pulizia i punti di forza, con l’obiettivo di conciliare la competitività all’ecocompatibilità, per un servizio conforme alla normativa europea in ambito di gestione dei rifiuti.

L’azienda di Stefano e Fabrizio Formentin, nata a Noale e attiva da 25 anni nel settore dei servizi ecologici, conta oltre ai proprietari due dipendenti.“In questi 25 anni - racconta Stefano - la nostra azienda per scelta non si è ingrandita poiché preferiamo eseguire personalmente gli interventi”.

La differenza rispetto ad altri? “Garantiamo la risoluzione totale del problema senza azzardare soluzioni sbagliate e costose per il cliente arrivando subito alla soluzione” spiega Stefano Formentin. Non mancano, infine, velocità e puntualità, per risolvere i problemi del cliente, nelle zone di VeneCanal-jet, autocarri attrezzati con zia, Padova, Treviso”.

Via Bucchignana, 11 · 30033 Noale (Ve) Tel. e Fax 041 441735 · Cell. 348 0821088 | 348 8855754 group@serviziformentin.it · www.spurgoformentin.it


15

Provincia

www.lapiazzaweb.it

Territorio Arrivano a 20 i comuni che chiedono il completamento dell’opera incompiuta

“L’Idrovia va completata, il governo non ha più alibi” S

i è raggiunta quota 20, tanti sono i consigli comunali della Riviera del Brenta e del Padovano che hanno approvato la mozione che chiede il completamento della progettazione e della realizzazione dell’opera idroviaria fra Padova e la laguna di Venezia. Per ultima, nelle scorse settimane è arrivata l’adesione del consiglio comunale di Vigonovo. Prima erano già arrivate le adesioni di Fossò, Campolongo, Camponogara, Campagna Lupia, Dolo, Stra, Pianiga, Fiesso D’Artico, Piove di Sacco, Arzergrande, Bovolenta, Legnaro, Cadoneghe, Saonara, Pontelongo, Polverara, Sant’Angelo di Piove, Vigonza, Saonara. Il voto a Vigonovo è avvenuto all’unanimità. A giorni dovrebbero arrivare anche i pronunciamenti dei consigli comunali di Vigodarzere, Codevigo e Noventa Padovana. Fra le posizioni dubbiose sull’utilità dell’idrovia c’è però quella del Comune di Mira che teme problemi legati all’inquinamento alla foce del nuovo canale idroviario. Intanto i comitati non demordono. Sulla questione interviene Marino Zamboni portavoce del “Comitato Intercomunale Brenta Sicuro” che in questi anni si è sempre battuto per il completamento dell’opera. “Visto che c’è un governo dello stesso colore della Lega Nord a Roma- spiegachiediamo che il completamento dell’idrovia Padova – Venezia, avvenga in tempi brevi. Porremo al nuovo governo M5S- Lega il tema del completamento dell’Idrovia”. Si sottolinea poi il fatto che se non si interviene i disastri possono ripetersi. “Il Comune di Vigonovo – spiegano i comitati - duramente colpito dall’inondazione del 1966 a causa alla rottura arginale del Piovego all’altezza di villa Gemma a Noventa Padovana, per “rigurgito” del fiume Brenta. L’adeguamento di portata del Piovego ed il completamento dell’idrovia potrebbero sensibilmente abbassare questo rischio. Per i danni che, di certo, verranno provocati da questa carenza di “portata”, (gli esperti in modo unanime concordano), sarebbe molto più conveniente il celere completamento dell’opera idroviaria, anzichè attendere in modo passivo i disastri”. L’approvazione della mozione è avvenuta per la Riviera

del Brenta e il Padovano in coincidenza di un fatto significativo per la comunità locale: lo stop al progetto di elettrodotto aereo Fusina- Dolo- Camin di Terna che verrà presentato tenendo conto delle istanze del territorio, vittoria delle amministrazioni locali della Riviera e del comitato “Noelettrodottoaereo”. Sulla questione interviene il deputato del Pd Nicola Pellicani . “Il completamento dell’idrovia Padova - Venezia - spiega Pellicani- è un’ope-

ra attesa e fortemente voluta dalle comunità locali e anche dalla Regione. Il completamento è atteso per mettere in sicurezza idraulica il territorio del Veneziano e Padovano e a monte anche Vicentino, che tanto hanno sofferto le fragilità idrogeologiche. Speriamo che il governo M5S - Lega si attivi per realizzare in tempi rapidi l’intervento”. Per il consigliere regionale Franco Ferrari: “un’opera non va mai lasciata a metà e quindi è importante che venga

Marino Zambon

realizzato innanzitutto un canale scolmatore per la sicurezza idraulica, dopo le gravi esondazioni del 2010 e poi anche potrà essere un canale navigabile per lo meno per imbarcazioni da diporto e turistiche. Un’opera questa

LA TUA CASA È AL SICURO?

Non aspettare che sia troppo tardi! Vieni a trovarci e scopri come renderla più sicura e confortevole in ogni stagione.

PRIORITÀ ALLA SICUREZZA In Veneto si contano circa 689 furti in abitazione ogni giorno! Tapparelle di sicurezza, portoncini blindati e inferriate anti-taglio sono ottimi deterrenti per tenere alla larga ladri e malintenzionati.

PROTEGGITI DAL SOLE Per salvaguardare i tuoi serramenti e ridurre il calore interno tende da sole, pergole e schermature tecniche sono elementi fondamentali. Lo sapevi che usandole in maniera intelligente puoi risparmiare fino al 10% in bolletta? Contattaci o richiedi un sopralluogo gratuito su benettidue.it indicando PROMO CASA 2.0, sulle tue nuove tapparelle il KIT SICUREZZA è GRATIS! -50% DETRAZIONI FISCALI

KIT An Sollevam ti e in Omaggnto io

SEDE E SHOWROOM:

Via M. Verena, 2/1 30030 Cazzago di Pianiga (Ve) Tel. 041415321 · info@benettidue.it www.benettidue.it

che comunque va realizzata compatibilmente con i tempi e le priorità indicate dalla Regione e dagli esperti da questa interpellati. Avevo interessato della questione l’allora sottosegretario Baretta”. Alessandro Abbadir

Per completarla servono 560 milioni di euro

L

a Regione sulla questione idrovia non si tira indietro e con l’assessore all’ambiente Giampaolo Bottacin ma sottolinea l’importanza dell’opera da finire. Per la Regione e l’assessore Bottacin, questo è un intervento che servirà per la sicurezza idraulica dell’area interessata, del padovano e del veneziano dopo la tremenda alluvione del 2010. Ben fanno quindi per la giunta guidata da Zaia, i comitati e gli enti locali, a sottolineare il problema. I costi però sono importanti per completare l’infrastruttura iniziata negli anni ‘60 e mai più continuata, servono 560 milioni di euro. Va ricordato che negli anni scorsi sono stati chiesti fondi europei per un’opera che ha una valenza sia idraulica che trasportistica, cioè anche come canale navigabile. Le priorità e finanziamenti delle opere sono decisi a livello nazionale. Negli ultimi tempi comunque molte opere a livello regionale sono state fatte proprio in funzione dell’area di bacino del Bacchiglione - Brenta. Qui sono stati attivati 8 bacini di laminazione a monte che hanno positive ricadute idrauliche ovviamente anche a valle.


16

Provincia .

www.lapiazzaweb.it

Precariato, la battaglia delle maestre Cinzia Frezzato, insegnante a Bojon e assessore comunale di Cavarzere, racconta la difficile situazione delle insegnanti che dalla sentenza della plenaria del Cosiglio di Stato dello scorso dicembre, rischiano il licenziamento di massa

“U

na profonda ingiustizia”. Così Cinzia Frezzato, assessore comunale di Cavarzere e insegnante a Bojon, definisce la triste situazione generata dalla sentenza dell’adunanza plenaria del Consiglio di Stato del 20 dicembre scorso, con cui si nega il diritto ai diplomati magistrali ante 2001-2002 ad entrare nelle Gae (graduatorie ad esaurimento) cioè gli elenchi dai quali il Ministero attinge per l’assunzione in ruolo dei docenti abilitati all’insegnamento nella scuola statale dell’Infanzia e della Primaria. Intende rimediare a questa situazione l’ordine del giorno del Comune di Cavarzere in sostegno alle maestre diplomate che “impegna il Sindaco e il Consiglio comunale ad operarsi presso tutte le sedi istituzionali affinché si trovi una soluzione che tuteli i lavoratori, gli allievi, le famiglie e l’intera comunità educante attraverso la salvaguardia dei con-

tratti stipulati a tempo indeterminato e la tutela dei docenti in possesso del diploma magistrale attraverso un’idonea procedura che non vada in conflitto con la presenza dei docenti in possesso di laurea”. Coinvolte nel disagio molte insegnanti cavarzerane. “Molti sono stati gli scioperi dall’inizio dell’anno a cui tutte noi abbiamo aderito (l’ultimo il 29 maggio, ndr) - racconta Frezzato -. Con altre due colleghe siamo scese a Roma e abbiamo avuto alcuni colloqui con molte forze politiche”. Anche i genitori si sono mobilitati promuovendo manifestazioni in favore delle loro maestre. Eppure, se la soluzione non dovesse evolvere, si assisterà a un licenziamento di massa. Più precisamente, il diploma magistrale ante 2001/2002 sarà titolo valido per la copertura di supplenze da seconda fascia d’istituto. “Saremo condannate a un precariato

Il Consiglio comunale di Cavarzere sostiene le maestre diplomate e la loro battaglia

a vita - commenta Frezzato -. Ma anche questo non è corretto perché la Legge 107/2015 (comma 131, art. 1) altrimenti detta Buona Scuola, dice che dopo 36 mesi di lavoro non potremo più insegnare”. Una vicenda complessa, nata con la legge 124 del 1999, con cui il legislatore aveva tolto il valore abilitante al diploma magistrale. All’epoca, i diplomati erano stati inseriti nelle graduatorie di

istituto di terza fascia, destinate ai non abilitati. Tale situazione aveva determinato una serie di ricorsi, che si sono conclusi nel 2014, quando il Consiglio di Stato ha riconosciuto il valore abilitante del diploma magistrale. Successivi ricorsi al Tar, al Giudice del Lavoro e al Consiglio di Stato, tuttavia, hanno risposto in maniera schizofrenica alle richieste dei docenti: alcuni accogliendo, altri rigettando, altri ancora non

ritenendosi competenti. A dare un indirizzo a tutte queste disparità la sentenza del Consiglio di Stato in seduta Plenaria del 20 dicembre scorso. Una doccia fredda per gli insegnanti: la corte ha infatti smentito quanto detto dalle varie Sezioni e stabilito il decadimento del diritto dei diplomati magistrali nel 2007, in corrispondenza della chiusura delle Gae. Giorgia Gay

Vendita Auto Usate a km 0 PREZZI SPECIALI su pneumatici GOOD YEAR - DUNLOP Officina con riparazione e Assistenza Multimarca Gommista con Pneumatici delle Migliori Marche e Deposito Stagionale Carrozzeria Convenzionata con Assicurazioni Revisioni Auto e Moto e Trasporto leggero in sede Auto Sostitutiva - Servizio Aria Condizionata - Sostituzione Batterie Viale G. Ferraris, 14/a • z.i. • 30036 S. Maria di Sala (Ve) Tel. e Fax 041 487766 • pattarellosrl@libero.it • www.pattarellocarservice.it


www.lapiazzaweb.it

Con le difficoltà che tutte le aziende venete, italiane ed europee affrontano quotidianamente ormai da anni, ma con la fierezza di essere il free-press più longevo d’Italia, il primo giornale gratuito distribuito nelle case ad essere nato nel nostro Paese. Traguardi e miglioramento costante: quasi delle parole d’ordine per noi. La Piazza negli ultimi dodici mesi ha aperto due nuove edizioni cartacee ed online nella provincia di Padova, con

17

Novità a La Piazza

La Piazza cresce, in Veneto e in Europa importanti risultati, e si accinge ad aprire la sedicesima edizione del suo circuito in provincia di Treviso! Ma le novità sono molte, per voi lettori e per i tantissimi clienti, oltre 300 ogni mese, che credono in noi e che consentono alle nostre quindici edizioni della

segue dalla pag 1

provincia di Padova, Venezia e Rovigo di sostenersi e di arrivare a circa il 70% delle famiglie residenti nelle aree da noi coperte ed al nostro giornale di svolgere quello che dai più viene ritenuto un “servizio pubblico”: portare ogni mese l’informazione locale di prossimità nelle case di

oltre 220.000 famiglie. Siamo fieri non solo dei traguardi del passato, ma anche di quelli del presente! Di recente infatti, si sono concretizzate due importanti novità, dopo mesi di progetti e di test, che di certo rappresentano prestigio ed opportunità per il nostro settore. Ne parliamo nel dettaglio con Giuseppe Bergantin, fondatore del giornale La Piazza, e con Valeria Marcato di Give Emotions.

Siglato l’accordo tra le testate leader in Europa

La Piazza è il primo giornale certificato in Italia

A

S

cavallo tra il 25 aprile ed il Primo Maggio, è stato siglato l’ingresso de La Piazza tra le più importanti testate giornalistiche europee appartenenti al network del “free to home”, ossia recapitate gratuitamente nelle case di milioni di cittadini europei. Questa modalità distributiva è molto diffusa in Europa, in particolare nei paesi di lingua tedesca, e nel nostro paese il circuito dei giornali La Piazza è il più importante per quantità e longevità. Giuseppe Bergantin, fondatore de La Piazza e promotore del network europeo, ci racconta come è andata. “Da molto tempo lavoriamo al progetto di creare un gruppo di editori europei che collaborino tra di loro e che possano scambiarsi esperienze, idee e condividere le nuove sfide del nostro settore. Ce l’abbiamo fatta! Ad aprile infatti abbiamo siglato i primi accordi, editoriali e commerciali. In particolare i nostri giornali La Piazza hanno stretto una forte alleanza con le più importanti testate free press austriache e tedesche, le nostre sorelle”. La Piazza infatti è stata identificata quale testata free press più importante a livello nazionale, per quantità di copie diffuse e per qualità dell’informazione locale. “I due gruppi editoriali più importanti in Europa nel free to home – spiega Bergantin – sono gli editori del settimanale austriaco Woche e del tedesco Hallo ed hanno accettato con grande entusiasmo la mia idea di creare questo network di editori europei, oltre ad aver riconosciuto ne La Piazza il loro più valido alleato italiano. Abbiamo dunque stilato degli accordi editoriali e commerciali, che prevedono la reciproca sinergia, la condivisione di contenuti e rubriche e la possibilità di pubblicare nelle rispettive testate”. Alcuni numeri: il gruppo austriaco RMA edita settimanalmente 127 edizioni locali del giornale Woche, per un totale di 3 milioni e mezzo di copie a settimana; il gruppo tedesco Hallo distribuisce oltre 5 milioni di copie settimanali nella sola Baviera,

empre prima, La Piazza dal mese di maggio 2018 ha scelto di farsi certificare da Recapito Certo, società di caratura nazionale che ha creato una piattaforma digitale per tracciare le consegne delle copie. Tutte le 15 edizioni entro l’estate aderiranno a questo servizio.

to di vista tecnologico ma anche perché per noi è una garanzia di qualità. Recapito Certo infatti, oltre alla tecnologia, negli anni ha sviluppato anche dei parametri qualitativi, essenziali inizialmente per chiunque voglia aderire al servizio, ma anche mensilmente aggiornati attraverso un punteggio di qua-

Sopra Markus Salli Ad Rma

A fianco Giuseppe Bergantin

attraverso le sue 60 edizioni locali. “E’ un gemellaggio importante quello che abbiamo stretto, non solo perché assieme – continua Bergantin – siamo la quintessenza dell’editoria locale gratuita, ma perché siamo anche accomunati dagli stessi intenti: portare l’informazione delle nostre provincie nei luoghi in cui tradizionalmente non arriva, arriva poco e sempre meno approfondita. I nostri tre giornali hanno creduto in questo da circa 100 anni sommati assieme e tutti abbiamo cercato le migliori soluzioni per dare alle nostre testate sempre maggiore diffusione, capillarità e qualità. Sappiamo inoltre come l’economia del nostro Veneto guardi con grande interesse ai territori di lingua tedesca ed ai loro abitanti e anche per questo ho fortemente voluto questi accordi, per dare la possibilità in primis ai tanti imprenditori del nostro territorio di farsi conoscere in Austria e Germania ed attirare potenziali clienti, fino ad ora difficilmente raggiungibili. Da qualche mese quindi La Piazza veicola messaggi editoriali e pubblicitari in Austria ed in Germania, con grande soddisfazione e con importanti risultati”.

Mappe Gis, Google Earth, e codice Datamatrix

Valeria, ci spieghi meglio in cosa consiste questa certificazione? “Innanzi tutto ci tengo a sottolineare che La Piazza ha affidato questo incarico a Recapito Certo, che non è una agenzia di distribuzione, ma un ente terzo, che verifica scientificamente e certifica l’avvenuto recapito delle copie del nostro giornale. Questo per noi è stato fondamentale. Nel dettaglio, i nostri addetti alla distribuzione, nel momento del recapito, scansionano con degli appositi lettori il codice univoco e progressivo stampato in ciascuna copia del nostro giornale. Tutti i codici scansionati vengono trasmessi in tempo reale alla piattaforma di Recapito Certo, titolare della stessa e della tecnologia di rilevazione del dato. Tutti questi codici vengono dunque riportati in mappe catastali e satellitari, come Gis e Google Earth, nelle quali è visualizzabile in tempo reale non solo l’avvenuto recapito, ma anche il numero progressivo della copia recapitata in quel preciso momento!”. E perché è così importante per La Piazza? “Perché la certificazione del recapito grazie alla geolocalizzazione della consegna è una grande innovazione, non solo dal pun-

lità. Questo per noi rappresenta un orgoglio, perché un ente certificatore garantisce non solo il recapito ma anche la bontà dello stesso”. Cosa cambierà quindi per il futuro? “La Piazza anche nel passato mappava le aree di consegna delle copie e verificava l’avvenuta consegna delle sue centinaia di migliaia di copie mensili, che ricordo vengono recapitate a mediamente il 70% delle famiglie residenti nei Comuni che serviamo. Ma da oggi il nostro giornale potrà non solo fregiarsi di questo certificazione, ma potrà anche garantire degli standard qualitativi ottimali e quindi il giusto riconoscimento per tutto il lavoro di centinaia di persone che quotidianamente rendono possibile ogni singola copia di ciascuna delle nostre quindici edizioni. E come è normale che sia, è molto importante per noi e per il futuro dei nostri giornali ricevere mensilmente una certificazione di qualità di recapito da parte di un ente preposto a questo e che dal 2011 si occupa esclusivamente di questo. E’ un importante traguardo per la nostra azienda, per i nostri giornali, per i nostri lettori e per i nostri clienti”.


18

Cultura .

www.lapiazzaweb.it

Un teatro a cielo aperto Un teatro a cielo per celebrare la grande per musica celebrare la

Il prossimo 14 luglio nella suggestiva cornice di Piazza Vittorio Emanuele Il prossimo II si14terrà luglio il nella concerto suggestiva cornice di dell’Orchestra sinfonica e Coro “T. Serafin” diretti dal maestro Renzo dell’Orchestra Banzato sinfonica e Coro “T. Serafin” dire

“S

arà la doppia ricorrenza legata al 150° anniversario della scomparsa di G. Rossini e al 50° anniversario della morte di T. Serafin (illustre direttore d’orchestra, del quale ricorre anche il 140° anniversario della nascita) il tema conduttore della settima edizione del Concerto Lirico Sinfonico che l’Orchestra Sinfonica e Coro “T. Serafin”, sotto la direzione del M° Renzo Banzato, terranno sabato 14 luglio nella suggestiva cornice di Piazza Vittorio Emanuele II a Cavarzere, che diverrà così un teatro a cielo aperto dove risuoneranno le pagine più celebri del repertorio lirico. Il concerto, realizzato dall’assessorato alla Cultura della Città di Cavarzere, è stato reso possibile grazie alla generosità ed alla disponibilità di Adriatic Lng, della Ditta Turatti e di Bancadria, che ha inserito l’evento all’interno

della decima edizione della rassegna “Appuntamenti in corte”. Nel corso della serata, che sarà presentata dalla giornalista di Rete Veneta Vanessa Banzato, risuoneranno le pagine più significative del repertorio lirico europeo: le sinfonie, le arie, i cori e i concertati tratti dalle opere più amate e conosciute di Verdi, Händel, Leoncavallo, Bizet (con il brioso “Couplet d’Escamillo” da Carmen) e di Mascagni, presente con una selezione da Cavalleria Rusticana e con il possente “Inno del Sole” da Iris. Ampia parte della serata sarà dedicata a Rossini, del quale sarà eseguita la spigliata “Aria di Rosina” da Il barbiere di Siviglia, seguita dalla coinvolgente “Preghiera” dal Mosè e dal grandioso Finale dal Guglielmo Tell. Per l’evento, che non mancherà di attirare (come nelle precedenti

“S

edizioni) un pubblico numerosissimo, sono state inoltre selezionate alcune composizioni particolarmente amate dal M° Serafin: è il caso del suggestivo Preludio da Aida di Verdi e dell’introduzione al 3° atto di Nabucco “È l’Assiria una regina” (energica pagina corale che raramente viene proposta in ambito concertistico). La Piazza del Municipio ospiterà pertanto una produzione musicale di notevole spessore artistico, che prevede la presenza dei qualificati professori d’orchestra, affiancati dagli ottimi elementi del

arà la doppia ricorrenza legata al 150° anniversario della scomparsa di G. Rossini e al 50° anniversario della morte di T. Serafin (illustre direttore d’orchestra, del quale ricorre anche il 140° anniversario della nascita) il tema conduttore della settima edizione del Concerto Lirico Sinfonico che l’Orchestra Sinfonica Coro “T. coro e di quattro solistie vocali di Serafin”, sottonel la direzione M° primo piano panoramadel della Renzointernazionale, Banzato, terranno sabato lirica per un tota14diluglio le oltre nella cento suggestiva esecutori: ilcornitutto ce di Piazza Vittorio Emanuele II sotto la direzione del M° Renzo a Cavarzere, che diverrà un Banzato, docente presso così il Conteatro a cielo aperto laureato dove risuoservatorio di Adria, in neranno led’orchestra, pagine più celebri del direzione composirepertorio lirico. musica corale, zione, pianoforte, Il concerto, realizzato dall’asdirezione di coro e fondatore dei sessorato alla Cultura dellamusiCittà due prestigiosi complessi di Cavarzere, è stato reso possibile cali. grazie generosità ed alla diIl M°alla Banzato si avvarrà della sponibilità AdriaticChiara Lng, della presenza deldisoprano MiDitta Turatti e del di Bancadria, che lini (vincitrice Premio Maria ha inserito l’evento all’interno Callas), del mezzosoprano Erica

Orchestra Sinfonicaedizione e Coro T. Serafin della decima della rasseIl maestro Renzo Banzato

gna “Appuntamenti in corte”. Nel corso delladel serata, cheFransarà Zulikha Benato, tenore presentata giornalista di cesco Meddadalla e del basso Gabriele Rete Veneta Vanessa Banzato, Sagona, che nello scorso mese ridi suoneranno le pagine più signidicembre è stato tra i protagonisti ficative delChénier repertorio lirico alla eudi Andrea al Teatro ropeo: sinfonie, le arie, i cori Scala di le Milano. e La i concertati tratti che dalle opere manifestazione, gode del più amate della e conosciute Verdi, Patrocinio Regionedi Veneto, Händel, Bizet (con si avvaleLeoncavallo, del supporto della Proil briosoComitato “CoupletCittadino d’Escamillo” da Loco, di GriCarmen) e di Mascagni, gnella, Gruppo Comunalepresente Voloncon Protezione una selezione da Parrocchia Cavalleria tari Civile, Rusticana e con il possente “Inno di S. Mauro, Gruppo Solidarietà delGiuseppe, Sole” da Iris. S. Unitalsi, Circuito InAmpia parte della seratad’inisarà ternational Radio. L’orario dedicata a Rossini, quale sarà zio è fissato alle ore del 21.00; in caso eseguita la spigliata “Ariameteodi Rodi sfavorevoli condizioni sina” da Ilil barbiere Siviglia, rologiche concerto di si svolgerà seguita dalla coinvolgente “Predomenica 15 luglio. L’ingresso è ghiera”ma dalsu Mosè e dal grandiolibero, prenotazione; per so Finale informazioni dal Guglielmoè Tell. Per maggiori possibil’evento, cheil non mancherà di le contattare numero telefonico attirare (come nelle precedenti 335-6139668.

“Come si impara un mestiere”, l’esperienza di Giorgio Rado

“Come si impara un mestiere”, l’esperienza di Giorgio Rado

U

U

n libro sui cinquant’anni di attività di parrucchiere. Sabato 30 giugno alle 21 al centro Civico di Bojon di Campolongo Maggiore in concomitanza con la “Notte Bianca” della frazione, Giorgio Rado, originario di Bojon presenterà alla cittadinanza la sua vita attraverso la biografia realizzata nel 2016 in occasione dei suoi cinquant’anni di attività. Il volume “Come si impara un mestiere” – realizzato dallo scrittore Alessandro Fort. Il volume, non è soltanto una biografia, è anche una serie di riflessioni utili per chi vuole intraprendere la sua professione e più in generale per chiunque sia disponibile ad ascoltare la saggezza di una persona davvero buona e generosa. Cinquant’anni di lavoro, cinquant’anni di vita guardando il mondo attraverso la vetrina e attraverso le vite di migliaia di clienti, sempre soddisfatti della professionalità, sensibilità e pazienza di un vero artigiano. L’evento avrà come ospiti oltre all’autore dei testi, anche Patty Ferraro nel suo ruolo di lettrice e l’acconciatore Michele Bernardi anch’egli originario di Campolongo. “Ringraziamo sin d’ora per la disponibilità il Comune di Campolongo Maggiore, il sindaco e la giunta - spiegano gli ideatori dell’appuntamento- in particolare l’assessore alla pubblica NUMERO VERDE istruzione e Cultura Mattia Gastaldi”.

800 598 006

Alessandro Abbadir

n libro sui cinquant’anni di attività di parrucchiere. Sabato 30 giugno alle 21 al centro Civico di Bojon di Campolongo Maggiore in concomitanza con la “Notte Bianca” della frazione, Giorgio Rado, originario di Bojon presenterà alla cittadinanza la sua vita attraverso la biografia realizzata nel 2016 in occasione dei suoi cinquant’anni di attività. Il volume “Come si impara un mestiere” – realizzato dallo scrittore Alessandro Fort. Il volume, non è soltanto una biografia, è anche una serie di riflessioni utili per chi vuole intraprendere la sua professione e più in generale per chiunque sia disponibile ad ascoltare la saggezza di una persona davvero buona e generosa. Cinquant’anni di lavoro, cinquant’anni di vita guardando il mondo attraverso la vetrina e attraverso le vite di migliaia di clienti, sempre soddisfatti della professionalità, sensibilità e pazienza di un vero artigiano. L’evento avrà come ospiti oltre all’autore dei testi, anche Patty Ferraro nel suo ruolo di lettrice e l’acconciatore Michele Bernardi anch’egli originario di Campolongo. “Ringraziamo sin d’ora per la disponibilità il Comune di Campolongo Maggiore, il sindaco e la giunta - spiegano gli ideatori dell’appuntamento- in particolare l’assessore alla pubblica istruzione e Cultura Mattia Gastaldi”. Alessandro Abbadir

edizion simo, s te alcu larmen il caso Aida d al 3° at una re rale ch in amb La Pi rà pert cale di che pre lificati fiancat


la piazza 16 APRILE.qxp_Layout 1 16/04/18 17:21 Pagina 1 MESSAGGIO PUBBLIREDAZIONALE

L

Agricoltura sostenibile alla AZIENDA AGRICOLA SANT’ILARIO

’impresa agricola Sant’Ilario, situata a Giare di Mira, è una delle aziende più grandi d’Europa a mettere in campo l’agricoltura Blu, cioè conservativa, nell’ottica di un tipo di coltivazione che sia finalmente sostenibile sia per i cittadini che per l’ambiente. Ma cosa significa in concreto agricoltura blu ? Lo spiega Ivan Furlanetto, agronomo dell’azienda, che ha avuto la lungimiranza di introdurre questa modalità di lavoro all’intero di Sant’Ilario. “Questa espressione significa puntare su una serie di pratiche agronomiche che abbiano come scopo quello di massimizzare la produzione aumentando però il rispetto del suolo: preservare l’ambiente in questo caso significa anche ridurre i costi e questo si traduce alla fine in un prezzo inferiore

per l’utente finale”. E’ una dichiarazione di principio, che però poi per essere compresa, deve tradursi in aziende concrete, comprensibili a chiunque. Quindi: in cosa si differenzia, nel concreto, l’agricoltura Blu da quella tradizionale? “La differenza maggiore è che noi non ariamo il terreno,

non andiamo in profondità per rivoltare le zolle. Quella modalità, porta con sé una perdita di azoto per dilavamento, e questo significa che quando piove l’azoto finisce nei corsi d’acqua e quindi in laguna.

lo solleva e lo rimette dov’era cose se fosse una specie di ‘onda sismica’. La zolla si alza e si adagia dove era rima, rispettando lo strato organico. Questa modalità permette di far diventare più soffice il terreno. La seconda lavorazione avviene con una macchina con dei dischi, che prepara definitivamente il suolo ad accogliere la semina che avviene come atto finale”. Cosa comporta tutto questo ? “Si fanno 1-2 passaggi in meno di estirpazione ed erpicatura: inoltre con la arieggiatura si fanno 6 ettari l’ora, cioè il doppio di quello che si riesce a fare con l’aratura”. Per assolvere a questo compito, l’azienda si è dotata di un trattore acquistato in Iowa (Usa) che è attualmente il modello più grande in commercio nel mondo.

COLTIVIAMO REDDITO: INIZIATIVA DEL CONSORZIO DEL NORDEST OSPITATA A SANT’ILARIO Coltiviamo Reddito è lo strumento che il Consorzio Agrario del Nordest ha messo in campo per i soci e clienti. Si articola in spazi fisici e digitali dove gli Imprenditori Agricoli possono trovare strategie vincenti e soluzioni pratiche per facilitare il raggiungimento dei 4 obiettivi fondamentali della nostra agricoltura: l’incremento della produttività, della redditività, della qualità e della sostenibilità. Nell’agosto del 2017 questo evento si è tenuto nell’azienda agricola Sant’Ilario a Mira, richiamando circa 10.000 imprenditori del settore che sono arrivati da tutto il nordest per approfondire gli argomenti oggetti di dibattito e per confrontarsi nel merito delle questioni più importanti. Il tutto, all’interno della cornice di una delle aziende agricole più moderne d’Europa.

Per una azienda come Sant’Ilario, che si estende su 1.400 ettari di cui 400 a coltivazione, si capisce che il risparmio di tempo è un fattore determinante. L’azienda Sant’Ilario non è solo agricoltura, ma anche allevamento di pesce: orate, anguille, sogliole e cefali allevati a ‘metri zero’ in pieno accordo con le più moderne pratiche. Non per caso l’azienda è spesso meta di visite ed escursioni come la biciclettata che si terrà il 13 maggio organizzata dal comune di Mira in collaborazione con le associazioni del territorio. La modalità che abbiamo scelto noi invece – continua Furlanetto – prevede lavorazioni del suolo modeste, e questo ne migliora la fertilità e la capacità di ritenzione dell’acqua, contribuendo alla salvaguardia della biodiversità. Come questo sia possibile, è presto detto: usiamo attrezzi arieggiatori, che fanno una lavorazione profonda di 40-50 cm ma senza rivoltare la zolla. In pratica la macchina passa sotto il terreno,


20

Sport

www.lapiazzaweb.it

Touch rugby a Mira

Eventi Presentato a Palazzo Ducale a Venezia

Moutain bike, a settembre sfida mondiale sulle Dolomiti E

’ stato presentato nelle scorse settimane a Venezia, nella sede della giunta veneta, partner istituzionale dell’evento, l’Uci Mtb Marathon World Championship 2018. Per gli atleti della categoria Elite, convocati dalle rispettive nazionali, la competizione si svolgerà ad Auronzo di Cadore (Belluno) il 15 settembre prossimo, mentre il giorno successivo, nello stesso splendido scenario dolomitico, sarà il turno della 3Epic Mtb Marathon dedicata alle categorie amatori. Il percorso del campionato mondiale, prevede 113 km per la gara maschile, con 4.500 metri di dislivello, mentre 98 km e 3.600 metri di

dislivello per la gara femminile. I bikers transiteranno a fianco di alcuni luoghi spettacolari tra cui le Tre Cime di Lavaredo e il lago di Misurina. A presentare la manifestazione sono intervenuti: Luca Zaia, presidente della Regione Veneto; Tatiana Pais Becher, sindaco di Auronzo di Cadore; Massimo Panighel, presidente dell’associazione Pedali di Marca ed organizzatore dell’evento sportivo. Si tratta di un evento atteso a cui parteciperanno tantissimi bikers da tutta l’area del veneziano. “La competizione - ha detto Luca Zaia - si svolgerà ad Auronzo, nel cuore delle Dolomiti patrimonio dell’Unesco. È un altro grande

“Synergy Miranese Volley”, campione provinciale under 12

N

elle scorse settimane, al Palasport Concordia di Concordia Sagitaria, in un palazzetto gremito, le bimbe dell’Under 12 femminile si sono confermate campionesse provinciali Fipav. Si è ripetuta la finale del torneo Under 12 di febbraio, contro le pari età del Volley Clodia Varimar conclusasi questa volta con il netto risultato di 3-0 con i parziali 25-22, 25-9 e 25-19, la squadra di coach Samuel Zanetti e Beatrice Donadel, ha potuto così esultare. Nella finalina il Libertas Scorzè ha raggiunto il terzo posto battendo la Galvanica Noventana Imoco. E’ stata una lunga cavalcata in cui la squadra della Miranese Volley in ha lasciato, in 12 partite precedenti, alle squadre avversarie solo tre set. Insomma una cavalcata davvero impressionante. Le compagne di squadra del capitano Agnese Costantini, sono Sara Zennaro, Sara Messina, Anna D’Albenzio, Ana Cairovic, Lara Frangione, Gaia Novello, Melissa Vianello, Arianna D’Urso, Aurora Toso, Maddalena Peres, Nicla Baro e Eleonora Davide. Tanto l’entusiasmo dei genitori e dei dirigenti della Synergy Miranese Volley, che non si aspettavano un risultato così chiaro e una conferma così decisa in questa stagione. Ora per l giovanissime pallavolliste di Mirano è tempo di vacanze ma anche in estate e da settembre non mancheranno gli allenamenti compatibilmente con i necessari impegni scolastici. Il Miranese Volley così incamera un altro risultato positivo che conferma la presenza di un vivaio di giovani atleti davvero di altissima qualità. (a.a.)

E

evento di caratura internazionale che va ad aggiungersi a quelli in programma nella montagna veneta: la tappa 15 “TolmezzoSappada” del 101’ Giro d’Italia, i mondiali 2021 di sci a Cortina, la candidatura della stessa Cortina per le Olimpiadi invernali 2026”. Il sindaco del comune bellunese, Tatiana Pais Becher, ha segnalato la grande opportunità che il campionato del mondo offrirà per promuovere il territorio e sviluppare un turismo sostenibile. Il presidente di Pedali di Marca, Massimo Panighel, ha invece evi-

denziato la bellezza della montagna e la capacità di realizzare eventi importanti come questo, attraverso i quali far conoscere le grandi strutture ciclabili a disposizione di un’attività, il cicloturismo, che è priorità a livello europeo. Durante la conferenza di presentazione è stato proiettato il video ufficiale dell’Uci Mtb Marathon World Championships 2018. Si tratta di un viaggio emozionale che parte dal Palazzo Ducale di Venezia ed arriva alle Tre Cime fino ad Auronzo di Cadore. Giacomo Piran

’ terminata a Mira la prima edizione del torneo di touch rugby “Serenissima Super League”. Ad ospitare la manifestazione è stato il campo di rugby di via Oberdan, “casa” del Rugby Riviera 1975 del presidente Flavio Lupato. Alla manifestazione, disputatasi in varie tappe, hanno partecipato oltre dieci team da tutto il Triveneto. A vincere sono stati i “Neanderthal” di Paese (Treviso) che hanno superato gli “Old Cayman” Casale. “Questo torneo iniziato quasi in sordina - ha detto soddisfatto Marco Verduci degli Antachbols Riviera - si è rivelato una manifestazione accattivante sotto l’aspetto sportivo e aggregativo. Questa è la nostra idea di rugby per tutti. Il nostro grazie va ai partecipanti, ai promotori, e soprattutto a Massimiliano Camuffo vero motore dell’iniziativa”. Il trofeo consegnato alla formazione vincitrice dei “Neanderthal” è stata un’opera d’arte realizzata dai maestri Riccardo Carlin e Christian Ballarin. (g.p.)

Nuova attrazione al parco acquatico di Noale Splendido scivolo con effetti di luce psichedelici lungo ben 100 metri L’estate è alle porte e il nuovo trend che sta prendendo sempre più piede tra le famiglie è la vacanza nei parchi divertimento. Il motivo? “Si evitano le infinite code in strada tipiche delle mete balneari – spiegano i gestori del parco - i bambini si divertono con le numerose attrazioni in totale sicurezza e i genitori possono rilassarsi e godersi la giornata senza pensieri”. In Veneto, una forte realtà che si è imposta in questo settore è il parco acquatico Aquaestate di Noale, nel Veneziano. Il parco, che si sviluppa su un’area di 40 mila metri quadri di natura e spettacolari attrazioni, sabato 2 giugno apre ufficialmente la stagione. Per l’occasione verrà presentata al pubblico la nuova attrazione chiamata “Aquatube”, uno scivolo lungo cento metri e alto dodici: sarà completamente chiuso, per un viaggio psichedelico fra colori e riflessi di luce d’effetto. Un’esperienza sensoriale unica nel suo genere, ricca di emozioni e sana adrenalina sia per famiglie che per gruppi di ragazzi. D’altronde il parco Aquaestate è abituato ai grandi numeri, infatti oltre alla “new entry”, dispone di otto vasche, tra cui la mega piscina Eldorado di mille metri quadri con il suo Castello Magico, con scivoli, cascate, getti d’acqua, percorsi e spruzzi improvvisi per il divertimento dei più piccoli in tutta sicurezza. C’ è poi

l’adrenalinico scivolo Kamikaze e il Toboga ricco di curve in versione maxi per ragazzi e adulti e mini per i bimbi. Non solo, c’è anche la Laguna Baby con tanto di fontane e idrofungo. E fuori dall’acqua? “Oltre all’immenso prato verde dove poter fare pic-nic o prendere il sole – chiudono i gestori del parco – c’è il Magico mondo di Ricky che custodisce una vasca con ben quindicimila palline di tutti i colori, tappeti elastici, giochi gonfiabili, il coloratissimo Castello di Ricky e l’amata sabbia per fare i castelli, proprio come al mare. C’è anche un’ampia area sport per tutti i gusti, dal campo da calcetto a quello di basket fino al beach volley passando per il beach tennis, senza dimenticare i tavoli da ping pong. Per chi invece ricerca una pausa ristoratrice in pieno relax è ideale l’Oasi del Sol, una zona riservata agli adulti con lettini a bordo piscina”. Non solo, lo staff di animazione di Aquaestate propone ogni weekend anche lezioni gratuite di aquafitness per tenersi i forma, balli di gruppo, tornei e mini club.


2018

29 VEN

09 LUN

19 GIO

Pooh Tribute Band

Modà Tribute Band

AC/DC tribute Band

ASCOLTA

TIMODÀ

RIFF RAFF

30 SAB

10 MAR

20 VEN

Ospiti speciali: Sonohra, Via Verdi e tanti altri...

11 MER

2a Edizione, organizzata da “Tu Modella per un Giorno”

LA MACCHINA DEL TEMPO IN TOUR

01 DOM

THE ELTON SHOW Elton John Tribute

02 LUN

BALLANDO SOTTO LE STELLE

80 CHE SPETTACOLO CON FIORDALISO TORNADO RUN COORSAL

Selezione music summer contest

RTL 102.5

Fernando Proce e le ragazze di non è la RAI

MISS MIRANO SUMMER FESTIVAL SERATA HASHTAG CON GREGOR SALTO

21 SAB

PINK SONIC

Pink Floyd Tribute Band

12 GIO

22 DOM

03 MAR

Reggaeton

Renato Zero Tribute

04 MER

SERGIO CORTES

A.d.S. Dance Studio diretto da Germana

MISS CITTÀ MURATA COORSAL

Selezione music summer contest

RADIO 105 Lo Zoo di 105

05 GIO

RUMATERA

Serata offerta in collaborazione con l’AVIS

06 VEN

STEVE HACKETT

Chitarrista Genesis (ingresso a pagamento)

07 SAB OI&B

Zucchero Celebration Band

BESAME

13 VEN

23 LUN

Michael Jackson Tribute Band

Pop Lirico

24 MAR

Vasco Tribute (Serata offerta in collaborazione con l’AVIS)

Sigle TV & cartoni Rock

DIAPASONBAND

15 DOM

ABBA SHOW

Abba Tribute Band

16 LUN

LIVEPLAY

Coldplay Tribute (Serata offerta in collaborazione con l’AVIS)

17 MAR

IL DIAVOLO & L’ACQUA SANTA

08 DOM

Il cantante della Solidarietà

COORSAL

BARRACUDA

Ligabue Tribute Band

LUCA FOFFANO

14 SAB

Rock'n' Roll Band

SALVATORE RANIERI

MAX PIANTA

18 MER

FREEWAY

25 MER

FINALE COORSAL

Selezione music summer contest

SERATA 9.0

Stereocittà con ospite Ice Mc

26 GIO

VELVET DRESS U2 tribute band

27 VEN NEGRITA

Ingresso a pagamento

Selezione music summer contest

RADIO COMPANY Ospite Samantha Fox

MESTRE Via Giustizia, 12 autoservicemoderna.it tel. 041 926084


NE FACCIAMO

DI TUTTI I COLORI

Ogni 10€ di spesa* 1 Bollino! e tanti bollini in più con i prodotti sponsor Dall’11 giugno al 2 settembre

*scontrino unico, multipli inclusi


www.lapiazzaweb.it

23

#Politica

Fontana, Fraccaro, Stefani: tre veneti nel nuovo governo

Da sinistra: Erika Stefani, Lorenzo Fontana, Riccardo Fraccaro e Luca Zaia

Luca Zaia “Ora per l’autonomia non ci sono più ostacoli. Al Governo due forze che hanno sostenuto il nostro referendum”

L

’Italia ha finalmente un Governo. Dopo quasi tre mesi di tira e molla Lega e Movimento 5 stelle si sono accordati e il Nostro Paese è uscito dall’impasse. Nutrita la schiera dei ministri anche se poco equilibrata sotto il profilo del genere: troppi uomini e poche donne. Una di loro, però, è Veneta ma soprattutto dirigerà, senza portafoglio, il ministero per gli affari regionali, strategico per la nostra regione. Si tratta di Erika Stefani, 46 anni, avvocato vicentino e fedelissima di Salvini, già nell’amministrazione di Trissino e senatrice al secondo giro parlamentare. Nella sua prima dichiarazione, la neo ministra pensa subito al Veneto e afferma proprio che “se si affossa l’autonomia salta il Governo, per noi è una partita fondamentale. Ci abbiamo messo la faccia - ricorda la neoministra - e abbiamo preteso fosse inserita nel ‘contratto’. Non vedo però per quale ragione dovrebbero mettersi di traverso: in Veneto e in Lombardia l’hanno sostenuta, perché non dovrebbero farlo in Parlamento. E lo stesso si può dire di Forza Italia e del Pd. Spero non vogliano tradire i loro elettori”. Sul rischio che la burocrazia possa frenare la realizzazione del progetto di maggior autonomia per le Regioni che hanno già visto una pre-intesa

con lo Stato, Stefani risponde: “l’autonomia è una rivoluzione e non mi aspetto piaccia a tutti. Il percorso però è tracciato e non saranno cavilli o le manovre di Palazzo a fermare la volontà del popolo”. Stefani poi conferma l’intenzione “ di portare in Parlamento la legge con l’intesa tra lo Stato e la Regione entro la legislatura”, quando sarà possibile. “L’autonomia del Veneto – afferma soddisfatto il Governatore Luca Zaia sul suo profilo facebook – come priorità per l’azione amministrativa del nuovo ministro Erika Stefani, per noi è una garanzia: pancia a terra, si faccia presto e si porti la legge in aula, dove con voto palese si vedrà subito chi è a favore e chi contro all’autonomia! Ora non ci sono più ostacoli: col nuovo Governo, composto dalle due forze che hanno sostenuto il referendum dello scorso 22 ottobre, si deve portare a casa l’autonomia senza sconti”! L’altro leghista veneto di cui parla il Presidente è Lorenzo Fontana, vicesindaco di Verona e vice segretario federale della Lega che, come nuovo ministro della Famiglia e della Disabilità, ha già imbastito una sua personale campagna contro le famiglie arcobaleno. Su famiglia, aborto e adozioni gay ha posizioni radicali che fin dalla sua nomina hanno sollevato un polve-

rone di commenti e reazioni dei movimenti progressisti e femministi.Ma lui si difende dicendo che la priorità per il suo dicastero sarà la natalità. “Voglio lavorare per invertire la curva della crescita – ha dichiarato -che nel nostro Paese sta diventando davvero un problema”.Anche di questa nomina Zaia si dice molto soddisfatto: “Per la prima volta – afferma – nel Governo esiste un ministro alla disabilità. Proprio nella sua Verona è attiva da anni l’iniziativa “Negozi senza barriere”, e si svolge il festival degli artisti con disabilità. Una sensibilità speciale, quella della città scaligera, che sono certo Lorenzo porti con sè, e lo dimostrerà presto”! L’ultimo ministro Veneto è, invece, in quota Movimento Cinque Stelle. Si tratta di Riccardo Fraccaro, 37 anni, trevigiano ma trentino di adozione e vicinissimo a Di Maio. Sarà ministro dei Rapporti con il Parlamento e alla Democrazia diretta, una novità di cui per ora non si conoscono i dettagli. I suoi capisaldi sono: lotta agli sprechi della politica, salvaguardia dell’ambiente, democrazia diretta. Laureato in Giurisprudenza presso l’Università di Trento con una tesi in diritto internazionale dell’ambiente, prima di fare il suo ingresso in Parlamento Fraccaro ha lavorato per una

Confindustria Veneto

Confartigianato Imprese Veneto

Dall’assemblea nazionale annuale dei giovani industriali il messaggio al governo è stato chiaro: “Abbiamo bisogno di Tap, Terzo Valico e Tav: avere centinaia di camion che attraversano la Val Susa non è sostenibile”. E’ stato chiaro Alessio Rossi, presidente dei giovani industriali di Confindustria che ha sottolineato come “le infrastrutture del futuro saranno ferrovie ultra veloci, autostrade di dati, porti e retro porti collegati da snodi viari intelligenti e interconnessi”. Nessun paso indietro, dunque se vogliamo che l’Italia diventi a tutti gli effetti la piattaforma logistica d’Europa. E dal Veneto, il delegato alle infrastrutture Franco Miller (nella foto), che è anche presidente di Transpadana, comitato promotore della tav e il presidente Matteo Zoppas auspicano, che il nuovo governo non torni indietro su alcune scelte fatte dai suoi predecessori. “È molto preoccupante avere un ministro del M5S che sappiamo come la pensa sull’AV/AC – ha dichiarato Miller. – Siamo seriamente preoccupati perché mettersi di traverso sul completamento della Brescia Verona Padova per la Tav sarebbe gravissimo a questo punto. In un territorio ad alta produttività come il nostro non si capisce l’opposizione a un sistema di trasporto anche merci che consentirà di alleggerire del traffico pesante l’A4 o l’A22 che ormai stanno scoppiando. Sia chiaro che Confindustria e Transpadana monitoreranno con molta attenzione le prime decisioni di questo nuovo governo”.

Un buon lavoro al Governo e al neo incaricato presidente del consiglio, Giuseppe Conte arriva da Confartigianato Imprese Veneto e, “in particolare – sottolinea il presidente Agostino Bonomo (nella foto) – il nostro in “bocca al lupo” va ai ministri veneti, Erika Stefani agli “affari regionali” e Lorenzo Fontana, “famiglia e disabili”. Fatto ciò, però, Bonomo raccomanda prudenza in fatto di Europa. E lo fa con i numeri visto che “65 turisti su 100, - afferma - dei 19 milioni e mezzo che arrivano ogni anno in Veneto, sono stranieri. Non solo, la loro permanenza è superiore alla media con il 68% di incidenza sul totale delle presenze, e ancora più ‘prezioso’ è il turista tedesco che vale un quarto della fetta straniera e soggiorna ancora più a lungo. Si tratta quindi di un turismo ricco e non mordi e fuggi”. Agostino Bonomo alza così l’asticella dell’attenzione sul rischio che si correrebbe “con un inutile quanto dannoso scontro con l’Europa”. “Se guardiamo poi all’export – spiega il presidente – l’UE28 è non solo il primo partner commerciale per le merci manifatturiere venete con quasi 35 miliardi e mezzo

“Non fermate le grandi opere”

società di servizi energetici. E questo fa ben pensare sulla sua preparazione e come si legge nella sua scheda pubblicata sul Blog delle Stelle, il deputato trentino è “l’autore della norma che ha consentito di eliminare gli affitti d’oro di Montecitorio con un risparmio per la finanza pubblica di 32 milioni di euro l’anno, circa 130 milioni nella legislatura”. “Puntiamo a fare poche leggi e fatte bene – ha affermato il neoministro – non dobbiamo correre nell’approvazione delle leggi e credo che gli italiani capiranno se ci metteremo qualche mese in più. Speriamo di lavorare in maniera costruttiva, cerchiamo di far lavorare in maniera collaborativa il Parlamento, la scorsa legislatura non è stato possibile”. “Con il nuovo governo – ha commentato Zaia - sta per scatenare la tempesta perfetta per l’autonomia del Veneto. Il tavolo si può riaprire in un mese. Daremo la risposta a 2 milioni e mezzo di cittadini che hanno detto sì al referendum. E poi programmi seri su sicurezza, immigrazione, welfare. Finalmente potremo pensare prima alle difficoltà dei veneti e degli italiani stremati dalla crisi. Massima collaborazione istituzionale al Presidente Conte e ai Ministri. Costruiamo assieme un futuro migliore”.

“La nostra economia è Europea” di acquisti (nel corso del 2017) pari al 60% del totale, ma è punto di riferimento per interi settori come quello dell’automotive -la cui subfornitura di altissima qualità è garantita da migliaia di imprese artigiane, il made in Italy della moda e dei mobili e ovviamente bevande e alimentari”.“Il nostro Pil – spiega – dipende molto dai Paesi Europei (Germania in primis dato che è il primo partner con 8 miliardi) – Ci lega una solida relazione manifatturiera ma non solo, un reciproco rispetto. Ricordo che il Veneto è spesso paragonato per efficienza e valori al nord Europa”. “Bene i due ministri veneti – ha detto infine Bonomo – ma ci aspettiamo un sottosegretario veneto al Ministero dello sviluppo economico. La preoccupazione rimane il contratto di governo che parla di taglio alle infrastrutture mentre abbiamo un urgente bisogno di colmare l’assenza di banda larga in parte del territorio, per dirne una. Ma non si transige neppure su Pedemontana e Valdastico Nord. Per non parlare dell’Iva al 25% – conclude Bonomo – che potrebbe mandare alle ortiche tutta la lotta all’evasione”.


24

Politica

www.lapiazzaweb.it

Cala la disoccupazione in Veneto, livelli tra i più bassi d’Italia A crescere è anche l’occupazione stabile a tempo indeterminato con oltre 10.500 posti di lavoro in più

“T

ra gennaio e marzo 2018 in Veneto si sono guadagnati oltre 53 mila posti di lavoro dipendente: un valore che non solo è più alto di quello dello scorso anno ma che rappresenta, in relazione ai primi tre mesi dell’anno, il miglior risultato occupazionale registrato in regione dal 2009 a oggi”. Commenta così, con soddisfazione, il Presidente della Regione del Veneto, i dati occupazionali resi noti dall’Osservatorio di Veneto Lavoro attraverso il report periodico la “Bussola”. “A crescere è anche l’occupazione stabile a tempo indeterminato – prosegue il Presidente – con oltre 10.500 posti di lavoro in più; tuttavia il 60% dei nuovi posti di lavoro è a tempo determinato. Da notare, poi, che la crescita ha interessato diffusamente tutti i settori produttivi, a partire dall’industria metalmeccanica e dal turismo, tra i comparti più positivi dell’ultimo

anno, ma anche l’edilizia, che dopo aver pagato forse il prezzo più alto alla crisi, è tornata a crescere, registrando il saldo trimestrale più elevato degli ultimi dieci anni, con 3.200 posizioni di lavoro in più, e un aumento delle assunzioni del 18% rispetto allo stesso periodo del 2017”. Con un tasso di disoccupazione del 6,3% (dati Istat 2017), il Veneto si conferma inoltre la seconda regione italiana per livelli di disoccupazione più bassi, dietro solo al Trentino Alto Adige. I disoccupati veneti sono circa 144 mila, 7 mila in meno rispetto al 2016. Tra i disoccupati troviamo almeno 9 mila lavoratori scoraggiati, ovvero quelle persone che dichiarano di non lavorare ma sarebbero disponibili a rientrare nel mercato del lavoro a particolari condizioni. “Sono incoraggianti segnali di crescita – conclude il Presidente – che devono indurci a

favorire ulteriormente l’accesso al lavoro di quanti oggi sono ancora in attesa di occupazione, favorendo la partecipazione alle

politiche attive e riallineando le competenze dei lavoratori più deboli con le effettive esigenze del mondo delle imprese, anche

in risposta alle mutate caratteristiche del mercato del lavoro regionale”. Maria Pavan

La Regione acquisisce il controllo di Veneto strade Spa Con la firma davanti al notaio si è conclusa l’operazione di acquisizione da parte della Regione Veneto del 41,42 % del capitale sociale di Veneto Strade, portando così la propria partecipazione al 71,42.%. Lo rende noto il vicepresidente della giunta regionale, che ha fra le sue deleghe anche le partecipazioni societarie, ricordando che tutto parte dall’art. 1 del collegato alla legge regionale di stabilità 2018 (LR 45/2017) che autorizza a procedere in tal senso al fine di avere il controllo della società. A cedere la propria partecipazione societaria sono la Provincia di Belluno (che cede il 5%, ma rimane socia al 2,14%), la Provincia di Verona (7,14%), la Provincia di Rovigo (7,14%), la Provincia di Vicenza (7,14 %), A4 Holding (5%), Autostrade per l’Italia (5%) ed Autovie Venete (5%). E’ prevedibile la successiva cessione nelle prossime settimane anche da

parte di Società delle Autostrade Serenissima (5%). “Per effetto di questa operazione – aggiunge il vicepresidente - la Regione diventa il socio di controllo di Veneto Strade e può finalmente iniziare il percorso di riorganizzazione societaria, insieme al socio attuale Provincia di Belluno e, in futuro, ad ANAS, così come sancito nel protocollo di intesa firmato il 23 febbraio scorso che prevede il possibile ingresso di ANAS in aumento di capitale, una volta che sarà dato riscontro a tutte le condizioni poste a base dell’intesa”. “L’operazione – conclude - fa finalmente chiarezza a livello societario, spostando il baricentro della governance verso la Regione Veneto e i soggetti che erogano i trasferimenti necessari al finanziamento delle spese di gestione delle strade venete non a pedaggio”.


26

Politica

www.lapiazzaweb.it

Violenza di genere: progetto europeo di prevenzione anche per uomini maltrattanti Il progetto ASAP è stato finanziato con 308 mila euro dalla Commissione Europea (i soggetti aderenti integrano con altri 77 mila euro) e mette in rete sette realtà, sotto la regìa della Regione Veneto

L

a Regione Veneto è capofila del progetto sperimentale europeo biennale di prevenzione e contrasto alla violenza di genere ASAP, che si rivolga anche agli uomini autori di violenza. Istituzioni e associazioni di tre paesi (Italia, Bulgaria e Croazia) condividono studi ed esperienze per mettere a punto un modello di approccio sistematico e multidisciplinare di prevenzione, contrasto e aiuto, che non si rivolga solo alle donne vittime di violenza e ai minori, ma anche agli autori delle violenze di genere. Obiettivo del lavoro transnazionale è creare linee-guida di intervento, da estendere in seguito ai partner dell’Unione Europea. “La Regione Veneto ha il coordinamento di questa esperienza progettuale – spiega l’assessore regionale al Sociale – in forza del quadro normativo che ha adottato con la legge 5 del 2013 “Interventi per prevenire e contrastare la violenza contro le

donne” e delle competenze maturate in questi anni con l’approccio multidisciplinare, la stretta collaborazione tra pubblico e privato e la rete capillare dei 43 centri di accoglienza e case rifugio che accoglie e offre assistenza e affiancamento a migliaia di donne ogni anno. L’adesione al progetto europeo Asap ci aiuterà a studiare le esperienze maturate all’estero, a condividere modelli e strategie di intervento e ad affinare la rete dei servizi e delle competenze. Approfondire la conoscenza e le problematiche degli autori di violenza e interrogarsi su come trattare queste devianze significa potenziare il raggio degli interventi di prevenzione e lavorare per un approccio sistematico e globale al fenomeno dei maltrattamenti in famiglia e dei comportamenti violenti tra uomo e donna”. Il progetto ASAP è stato finanziato con 308 mila euro dalla Commissione Euro-

pea (i soggetti aderenti integrano con altri 77 mila euro) e mette in rete sette realtà, sotto la regìa della Regione Veneto: l’associazione bulgara Naia di Targovishte, che gestisce case rifugio e tre centri per il trattamento degli uomini autori di violenza, l’associazione croata Duga che a Zagabria gestisce servizi di accoglienza e trattamento medico, psicologico e legale per le vittime e gli autori di violenza, la città di Zagabria con i suoi servizi sociali, l’associazione di Montebelluna “Una casa per l’uomo’ che gestisce un centro per uomini maltrattanti, in collaborazione con altre realtà terapeutiche; la fondazione di

ricerca sul genere (Bgrf) di Sofia, che ha avviato un sistema di servizi multidisciplinari per il contrasto alla violenza sulle donne rivolto anche agli autori delle violenze, il ‘Gruppo R’ di Padova, che gestisce il Centro antiviolenza di Chioggia e dal 2015 opera nel trattamento degli uomini autori di violenze, e, infine, il network europeo ‘Work with perpetrators’ che ha sede a Berlino, riunisce 18 associazioni di 13 paesi europei e opera nella prevenzione della violenza di genere e per il miglioramento della sicurezza delle donne e dei figli offrendo anche una rete di servizi rivolti agli uomini maltrattanti.


VENDITA E SOSTITUZIONE ELETTRODOMESTICI DA INCASSO Sopralluogo gratuito

Appuntamenti fuori orario

Ritiro e smaltimento dell’usato gratuito

Elettrodomestici funzionanti nel nostro ShowRoom

Montaggio eseguito da personale specializzato

Personale cordiale

Elettrodomestici in prova

30 anni di lavoro e di esperienza per farti felice

Assistenza diretta

quando l’esperienza IERI

OGGI

IERI

OGGI

si sposa con l’efficienza LOGICA snc di Fabrizio Spolador & C. via Roma 163 · 30030 Salzano (Ve) · tel 041 5746112 | 041 5749084 · fax 041 5746266 · www.logicaelettrodomestici.it · logica - elettrodomestici da incasso orari: dal lunedì al venerdi dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 19.00 · sabato dalle 8.30 alle 12.30


I NOSTRI CORSI

OPERATORE DELLA RISTORAZIONE

OPERATORE ELETTRICO

anche in sistema duale!

ENAIP VENETO SCUOLA DI FORMAZIONE PROFESSIONALE SEDE DI DOLO Via Brenta Bassa, 39 - Villa Ferretti Angeli - Dolo (VE) Tel:041/413056 - E-mail: dolo@enaip.veneto.it Percorsi di istruzione e formazione professionale dopo la scuola media gratuiti e riconosciuti dalla Regione del Veneto Realizzazione a cura della Direzone Comunicazione e Promozione ENAIP Veneto I.S.

www.enaip.veneto.it

PROMO AREA GIOVANI DGR 751-752-753-754 5/2018 DGR 509-518 4/2018 - DGR 1986 12/2016 â&#x20AC;&#x201C;DGR 2029 12/2017


laPiazza

www.lapiazzaweb.it

Informazione a pagamento a cura degli esperti del settore

Salute

Salute / Si Viaggiare

Per partecipare alla rubrica chiamare il numero 049 8704884

Ministro Grillo: “Non penalizziamo i bimbi non vaccinati”

Nuove cure dentarie gratuite per bambini, malati, poveri e anziani a pag 30

Cibo e corpo, dialogo importante

a pag 31

29 1

www.lapiazzaweb.it/category/salute/

Editoriale “Cura di coppia” un decalogo per ricostruire un rapporto in crisi

N

on riguarda una coppia qualsiasi, ma si tratta di ricostruire un rapporto in crisi fra Medici e Cittadini (gli atti di violenza nei confronti degli operatori sanitari ne sono l’ ultimo tragico epifenomeno) ridando centralità alla relazione umana e alla fiducia reciproca. Su queste basi nasce una campagna informativa in collaborazione con associazioni di pazienti, associazioni mediche con il ruolo sostanziale della Federazione Italiana Medici Medicina Generale, strutture sanitarie, esperti, Ministero della Salute e con il patrocinio della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri. Comprendere le cause sociologiche di un rapporto in difficoltà è certamente rilevante, ma porre l’attenzione sugli aspetti organizzativi e individuare le esigenze degli uni e degli altri è un buon viatico per iniziare a ricostruire un legame che si è logorato nel tempo. Secondo un’indagine promossa da Cittadinanzattiva otto cittadini su dieci avvertono poca sensibilità all’ ascolto o poca empatia, una persona su tre trova scarsa disponibilità ad essere orientata tra i vari servizi, una su quattro si confronta con un linguaggio troppo tecnico e poco comprensibile, una su cinque lamenta scarsa attenzione al dolore.

Luce Pulsata: un metodo innovativo per la cura dell’occhio secco a pag 31

Vuoi collaborare con noi? Contattaci!

Salute

>> Condividi la tua esperienza ed i tuoi consigli sul nostro >> Inserto Salute

via Lisbona, 10 · 35127 Padova · tel. 049 8704884 · info@givemotions.it · www.givemotions.it


laPiazza

30

Salute

Consulenza scientifica OFTALMOLOGIA Dott. Massimo Camellin Oftalmologo Via Dunant, 10 • Rovigo tel. 0425 411357 mail: segreteria@sekal.it web: www.lasek.it

Nuove cure dentarie gratuite per bambini, malati gravi, poveri e anziani

L

a Giunta regionale ha ampliato in maniera significativa la fascia di cittadini veneti che potranno ricevere assistenza odontoiatrica gratuita o un consistente contributo per la realizzazione di protesi dentarie, destinando allo scopo 8 milioni di euro, reperiti all’interno del budget destinato all’attività specialistica ambulatoriale. “Con questa decisione – ha commentato il Presidente della Regione presentando il provvedimento nel corso del punto stampa seguito alla seduta di Giunta – diamo una risposta di civiltà a tanti nostri concittadini che a causa della crisi hanno deciso di tagliare prima di tutto le spese del dentista, teniamo fede a un impegno preso in campagna elettorale in tempi non sospetti, né troppo vicino né troppo lontano dal voto, ma realizziamo anche una vera e propria azione di prevenzione per la salute, perché i problemi dentari non risolti comportano, a cascata, l’insorgere di tante altre patologie, a cominciare da quelle digestive, per arrivare all’insufficiente apporto di nutrimenti indispensabili perché difficili da masticare. Significativa è anche la scelta di non limitarci alle ‘solite’ fasce di reddito, ma di rivolgerci anche all’età evolutiva (zero-quattordici anni), agli anziani e ai portatori di molte gravi malattie”. Tre le categorie di persone che potranno usufruire del servizio: i ragazzi nell’età evolutiva da zero a quattordici anni, le persone in condizioni di vulnerabilità sociale e sanitaria, quelle affette da patologie odontoiatriche che necessitano di un trattamento immediato con accesso diretto. Nella vulnerabilità sanitaria – e quindi nella fascia esente – rientrano, a esempio, i trapiantati e i pazienti in attesa di trapianto, tutti i malati oncologici, le persone affette da dipendenze di vario tipo e da virus HIV, le persone nate con gravi deficit, i portatori di malattie rare e i malati di psicosi gravi. Sono considerati invece socialmente vulnerabili, e quindi esenti e assistibili con la nuova delibera, gli invalidi

www.lapiazzaweb.it

L’editoriale

“Cura di coppia” un decalogo per ricostruire un rapporto in crisi D’altro canto fra i medici, stressati nel loro compito delicato e difficile da molteplici interferenze atte a minarne l’ autonomia, la libertà e l’indipendenza professionale, spesso sollecitati da un potere politico-amministrativo ad esercitare una “medicina amministrata” secondo logiche di puro risparmio economico, uno su tre ritiene insufficiente o inadeguato il tempo a disposizione per la cura, nella stessa proporzione riscontra difficoltà per mancanza di personale e uno su cinque per cattiva organizzazione dei servizi. Inoltre non esiste nel percorso di laurea del medico una formazione specifica sui temi della comunicazione e della relazione. Partendo dall’ esigenza di agire su aspetti cruciali, originati in parte da atteggiamenti individuali, in parte da carenze organizzative o disposizioni miopi, che rischiano di innescare conflitti e contenziosi evitabili, è stato realizzato un decalogo per essere consapevoli dei rispettivi diritti e doveri, indicati nella Carta Europea dei diritti del malato e nel Codice di Deontologia Medica. Per riprendere quel “rapporto di coppia” che non può prescindere da empatia,conoscenza, rispetto e fiducia fra chi cura e chi è curato.

civili al 100%, gli invalidi di guerra, del lavoro e per servizio, le vittime del terrorismo e della criminalità organizzata con invalidità superiore all80%, i danneggiati da vaccinazioni obbligatorie e da trasfusioni, i disabili gravi in generale, i disoccupati con famigliari a carico con reddito lordo non superiore a 8. 263,31 euro, aumentati a 11.362,05 euro in caso di coniugi legalmente ed effettivamente separati più altri 516, 46 euro in caso ci sia un figlio a carico, i fruitori di pensione sociale ultrasessantacinquenni con famigliari a carico, gli ultrasessantenni con pensione minima. Duecento euro per la protesi dentaria superiore e altri 200 per quella inferiore, ripetibili ogni quattro anni,  saranno erogati infine per le persone con più di 64 anni che abbiano un reddito del nucleo famigliare non superiore a 36.151, 98 euro lordi annui.

Salute è anche WEB

Salute

>> I consigli dei nostri Medici di Zona su www.lapiazzaweb.it >> Seguici !!!

via Lisbona, 10 · 35127 Padova · tel. 049 8704884 · info@givemotions.it · www.givemotions.it


laPiazza

www.lapiazzaweb.it

Salute

31

Il cibo e il corpo: un dialogo importante per curare i disturbi del comportamento alimentare E

’ stimato che in Italia ben 3 milioni e 200 mila persone soffrano di questa malattia, ogni anno si verificano 8 mila nuovi casi, il 10% dei pazienti è di età inferiore ai 16 anni e il 10% sono di sesso maschile. Sono questi alcuni dati emersi durante un seminario, che si è svolto a palazzo Ferro Fini, dal titolo ‘Il cibo e il corpo: dialogo fra una psicoterapeuta e un sociologo sui disturbi del comportamento alimentare’. I disturbi dell’alimentazione sono caratterizzati da una alterazione delle abitudini alimentari e da un’eccessiva preoccupazione per il peso e per le forme del corpo. Insorgono prevalentemente durante l’adolescenza e colpiscono soprattutto il sesso femminile, in percentuale sempre più preoccupante su tutto il territorio nazionale e anche in Veneto. I comportamenti tipici di un disturbo dell’alimentazione sono: la diminuzione dell’introito di cibo, il digiuno, le crisi bulimiche (ingerire una notevole quantità di cibo in un breve lasso di tempo), il vomito per controllare il peso, l’uso di anoressizzanti, lassativi o diuretici allo scopo di controllare il peso, un’intensa attività fisica. I principali disturbi dell’alimentazione sono l’anoressia nervosa, la bulimia nervosa e il disturbo da alimentazione incontrollata.  Per la persona che soffre di una disturbo dell’alimentazione tutto ruota attorno al cibo e alla paura di ingrassare. “Nella fascia di età ricompresa tra i 14 e i 24 anni, ricorda Loredana Borgato, Presidente dell’Associazione

‘Ali di Vita’ - le patologie dell’alimentazione sono la prima causa di morte, dopo gli incidenti stradali, e questo dato ci deve far riflettere. Ci troviamo quindi di fronte a una vera emergenza sociale che sconvolge le famiglie e che spesso costringe uno dei genitori ad abbandonare il lavoro per assistere il figlio, ingenerando al contempo enormi sensi di colpa per non aver compreso prima il malessere del giovane. E’ fondamentale investire nella formazione dei medici di base, spesso impreparati di fronte a queste nuove patologie, in quanto è decisiva una tempestiva diagnosi e una cura precoce”. Michela Pepe, Psicologa clinica e Psicoterapeuta, ha spiegato “i meccanismi che ingenerano i disturbi alimentari e le cause dell’anoressia e della bulimia, i mezzi naturali di autodifesa del corpo nel ciclo vitale dell’alimentazione, in primis il rallentamento del metabolismo. Sono gravi anche gli effetti psicologici sulle persone colpite, come la distorsione della propria immagine corporea e l’abbassamento del tono umorale. Noi psicoterapeuti, psicologi e medici di base, abbiamo una grande responsabilità civile e deontologica nell’approcciarci e nel curare i pazienti affetti dalle patologie dell’alimentazione, di cui dobbiamo essere ben consci. Per fare prevenzione occorre innanzitutto conoscere bene il problema, quindi essere curiosi e sapere ascoltare chi ci troviamo di fronte e chiede il nostro aiuto. E’ fondamentale, oltre alla prevenzione, portare avanti anche

Epatite C, l’aiuto del web

attività di informazione e di sensibilizzazione”. Per Filiberto Tartaglia, Sociologo ed esperto di comunicazione, “i vecchi e i nuovi Media possono influenzare negativamente i nostri adolescenti, che sono persone molto fragili, che stanno costruendo a fatica la loro identità. Parto dal mito di Ulisse e delle Sirene per descrivere una seduzione della conoscenza che caratterizza la nostra società. Tutti noi, in particolare gli adolescenti, abbiamo sete di conoscenza, ne siamo sedotti, vogliamo saperne sempre di più, su tutto. Il problema nasce quando, alle tradizionali agenzie di socializzazione, per i nostri ragazzi, da sempre rappresentate dalla famiglia, dalla scuola e dalla comunità locale, si affianca ora l’interferenza dei nuovi Media, in particolare i Social, che porta i giovani a essere sempre più disconnessi dalla realtà e connessi al web, di cui troppo spesso fanno un uso distorto e hanno un approccio superficiale, con rischi evidenti di omologazione sociale, di

seguire valori negativi e di assorbire messaggi fuorvianti. Proprio le famiglie, la scuola e la comunità devono saper reagire e vigilare con più attenzione. Il pericolo è che la nostra società sia sempre più ossessionata non più, come in passato, dalla salvezza dell’anima, bensì da quella del corpo, di cui abbiamo sviluppato un vero e proprio culto, a tal punto che ci infliggiamo da soli pene e sacrifici ingenti pur di corrispondere a effimeri ideali di bellezza e di estetica. Dobbiamo arginare il pericolo del cyber bullismo e del proliferare incontrollato nel web di siti proana e pro-mia, che caldeggiano il raggiungimento della perfezione attraverso la magrezza ossessiva, spingendo gli adolescenti a ridurre le calorie giornaliere ingerite fino allo zero, a vomitare tutto quello che mangiano. Su questi blog, le ragazze si fomentano e si motivano a vicenda per raggiungere un solo obbiettivo: morire. Dobbiamo assolutamente intervenire”.

Veneto secondo in Europa per le cure al cancro al seno L

“C

urare sempre meglio è la stella polare della sanità veneta e, per farlo, bisogna usare tutte le possibili armi. Il web è in questo senso una nuova occasione che ci viene fornita dal progresso. Come sempre, questa prima esperienza nazionale attuata con la piattaforma informatica Navigatore 2 la mettiamo a disposizione di chiunque ritenga di volerla replicare. Non siamo gelosi dei nostri successi, ne siamo semplicemente orgogliosi”. Con queste parole, il Presidente della Regione del Veneto commenta la principale novità emersa dal Convegno dell’iniziativa itinerante nazionale denominata “Motore Sanità”, tenutosi a Vicenza: la Regione Veneto è la prima in Italia che ha strutturato un programma di eliminazione dell’ Epatite C che intende ridimensionare in maniera importante l’epidemiologia della malattia (del numero dei soggetti infetti) e delle conseguenze cliniche e, per farlo, ha

strutturato la piattaforma informatica online “Navigatore 2”, una rete web di integrazione ‘territorio’-ospedale per la presa in carico del soggetto Hcv positivo nei diversi setting epidemiologici. La piattaforma online ha collegato tra di loro i centri specialistici che trattavano soggetti con malattia di fegato, i Ser.D e le carceri. Sono stati così sviluppati dal Gruppo di Lavoro vari algoritmi di presa in carico dei soggetti Hcv positivi, nei diversi setting epidemiologici. Regione e Aziende Sanitarie monitorano costantemente le informazioni contenute nel registro Navigatore e si adoperano per evitare ritardi ingiustificati dei trattamenti. “Già novemila pazienti trattati – fa notare il Governatore – sono la dimostrazione del successo di un’iniziativa originale con la quale sono state messe a frutto le conoscenze sviluppate dalla sanità veneta in anni di impegno sul fronte dell’informatica e dell’informatizzazione”.

a prestigiosa rivista scientifica internazionale “Lancet” ha collocato la sanità del Veneto al secondo posto in Europa, dopo la sola Finlandia, per la percentuale di esiti positivi di un cancro al seno, arrivata a essere superiore al 90%. La notizia è piovuta come elemento di soddisfazione per il presente e di speranza per il futuro, all’incontro annuale organizzato dalla delegazione di Conegliano della Lilt – Lega Italiana per la Lotta ai Tumori – incentrato quest’anno sul tema della prevenzione. Il Governatore ha prima di tutto ringraziato la presidente della Lilt di Conegliano Anna Iva Bin, il Sindaco di Godega, il Dg dell’Ulss 2 Marca Trevigiana, i medici e senologi relatori, perché, ha detto, “non è facile trovare tante persone disposte a impiegare il loro tempo per incontrarsi a discutere di temi come questi in una domenica d’estate”. Il Presidente della Regione ha anche portato una buona notizia: “tra pochissimo – ha annunciato – approveremo in Giunta regionale la delibera con cui l’età di ingresso delle donne nello screening mammografico scenderà da 50 a 45 anni, allargando così in modo significativo il numero delle donne che potranno ricevere la prevenzione gratuita. “In Veneto – ha tenuto a sottolineare – nell’ultimo anno sono stati erogati 70 mila screening, ma abbiamo raggiunto livelli unici in Italia e in Europa anche per le cure

xxx

e la loro organizzazione, basata sulle ‘breast unit’ ospedaliere che si prendono completamente in carico la donna, provvedendo anche alla definizione e alla prenotazione delle prestazioni necessarie, dalla prima diagnosi, attraverso l’assistenza psicologica, specialistica, senologica, radiologica, oncologica e chirurgica, fino ai follow up e all’auspicata guarigione. In Italia non esiste nulla di simile. Ma non basta – ha concluso

il Governatore – perché il livello di attenzione è arrivato anche a prevedere la fornitura di caschetti di capelli per le pazienti in chemioterapia e l’esecuzione di tatuaggi per celare al massimo gli eventuali segni lasciati dalla chirurgia. Si chiama umanizzazione. Un messaggio a tutte le donne: combattiamo assieme un male che possiamo battere, non siete sole un minuto, la sanità veneta vi accompagna passo dopo passo”.


laPiazza

32

Salute

www.lapiazzaweb.it

Un milione Luce Pulsata: di uneuro metodo innovativo per dell’occhio perla lacura terza giovanesecco età Se il disturbo non viene curato il fastidio diventa permanente causando una iperlacrimazione e alterazioni più importanti della superficie oculare Coinvolgereparadossa i cittadini con riduzione della capacità visiva

anziani come protagonisti a sindrome da disfunzione del film lava di occhio secco è la più frequente ed è Ldella crimale, o sindrome secco, principalmente dovuta all’assenza o insufvistadell’occhio sociale

è una patologia comune che colpisce fino al 25% della popolazione, e in particolare nziano’ non è più sinonimo di ‘vecle donne dopo i 45 anni di età, e sta divenchio’. L’85 per cento degli ultracintando sempre più frequente e fastidiosa per quantacinquenni del Veneto gode di buona tutta una serie di fattori che ormai fanno salute ed è in forze. Fa leva su questo dato parte della nostra vita quotidiana: lavoro al epidemiologico e sul trend demografico che videoterminale, inquinamento atmosferico, vede attualmente in Veneto 155 over 65 luce artificiale, guida automobilistica, uso di ogni 100 giovani - destinati a diventare 240 lenti a contatto. È dovuta ad una eccessiva tra quarant’anni - il primo piano regionale evaporazione o ridotta produzione del film per l’invecchiamento attivo, messo a punto lacrimale. Il film lacrimale è una secrezione dalla Giunta regionale del Veneto. liquida che riveste la superficie dell’occhio Il piano, ora all’attenzione del Consiglio ed è composto da 3 strati: lo strato mucoso per la definitiva approvazione, disegna le che ha il compito di rendere impermeabile strategie per valorizzare la ‘terza’ e la ‘quarla superficie anteriore della cornea, lo strata’ età come risorsa per la società veneta, to acquoso che ha la funzione di favorire declinando in obiettivi e interventi le finalità lo scorrimento delle palpebre e difendedella legge regionale n.23/2017 “Promore la superficie corneale dal contatto con zione e valorizzazione dell’invecchiamento microrganismi (grazie alle sostanze in esso attivo”. “L’aspettativa di vita continua ad contenute). Infine lo strato lipidico, prodotaumentare grazie a un migliore approccio to dalle ghiandole del Meibomio, che ha sanitario e ai progressi della scienza – evila funzione di impedire l’evaporazione dei denzia l’assessore regionale al Sociale – e due strati precedenti. La forma evaporatil’invecchiamento non coincide più solo con

‘A

ficienza dello strato lipidico. Per supplire a questa comune deficienza, siamo costretti una condizione di fragilità e di non autoad usare lacrime artificiali specifiche per sufficienza. Il piano intende valorizzare una questo tipo di disturbo, anche molte volte fascia sempre più numerosa di popolazione al giorno. Nonostante le lacrime artificiali che dispone di ‘tempo liberato dal lavoro’ e sintomi come fastidio, bruciore, arrossache, quindi, può essere attivamente partecimento, alterazione della vista, sensazione pe, offrire disponibilità, trasferire ai giovani di corpo estraneo, fotofobia e dolore perprofessionalità e competenze, essere protasistono. Se il disturbo non viene curato il gonista della vita sociale, civile e culturale”. fastidio diventa permanente causando una Destinatari del piano sono i comuni, le iperlacrimazione paradossa e alterazioni Ulss, i centri servizi e le strutture residenpiù importanti della superficie oculare con ziali, scuole e università, associazioni e il più riduzione della capacità visiva. La luce pulvasto mondo del non profit: tutti potranno sata è un trattamento innovativo che stimoconcorrere, elaborando progetti e sostela la funzione delle ghiandole di Meibomio. nendo iniziative già in atto, a promuovere E’ usata già da molti anni in dermatologia il coinvolgimento diretto dei cittadini ‘meno per diverse patologie quali l’epilazione e lo giovani’ e a stimolarne forme di impegno e sbiancamento delle macchie cutanee. Sedi valorizzazione. La dotazione finanziaria quenze di impulsi luminosi perfettamente del piano ammonta ad un milione di euro, calibrati ed omogenei, con un intervallo ed riservato per il 15 per cento a iniziative riun’energia idonea a stimolare le ghiandole volte alla salute e all’autonomia, e per il di Meibomio ripristinano il loro normale restante 85 per cento dedicato a favorire la funzionamento. Il trattamento consta di partecipazione sociale.

tre sedute di pochi minuti nell’arco di circa un mese e mezzo, senza alcun fastidio o effetto collaterale, poiché il trattamento coinvolge esclusivamente le palpebre, dove risiedono le ghiandole di Meibomio, senza minimamente coinvolgere il bulbo oculare. Il paziente può riprendere le sue normali attività subito dopo la terapia e gli effetti possono essere valutati anche dopo la prima o seconda seduta. Nei mesi successivi, se necessario, può essere fatta una seduta di richiamo per consolidare l’effetto terapeutico. Sono stati condotti studi in Francia, Nuova Zelanda e in Cina, che hanno mostrato un miglioramento dei sintomi nel 90% dei pazienti sin dalle prime due sedute. Il miglioramento delle condizioni cliniche della superficie oculare è stato valutato mediante specifiche strumentazioni oculistiche. Tre, infatti, le linee di intervento previste Per la prima volta dunque dopo molti dal piano: la salute e il benessere; l’occupaanni in cui l’unica soluzione era la continua zione e la formazione per chi è ancora nel istillazione di lacrime artificiali, la tecnomercato del lavoro; e, infine, la partecipaziologia ci viene incontro con una procedura ne attiva alla vita della comunità. veloce semplice ed a costi contenuti! La prima forma di investimento è nella

Dott. Massimo Camellin Oftalmologo salute e nel benessere over 60. Buone Via Dunant, 10degli • Rovigo condizioni di salute e autonomia andranno tel. 0425 411357 difesemail: con lasegreteria@sekal.it prevenzione, stili di vita corretti e iniziative di educazione al mangiar sano, web: www.lasek.it all’attività fisica, all’evitare fumo e alcol. Il piano contribuirà a sostenere programmi di

prevenzione e di attività motoria, palestre della salute e forme innovative di coabitazione (dalla badante di condominio al portierato sociale) Il secondo ‘focus’ è dedicato al mercato del lavoro e ai lavoratori senior perché siano protagonisti del loro periodo di completamento dell’attività lavorativa attraverso percorsi di ricollocazione (per chi ha perso il lavoro) e di formazione, forme di interscambio generazionale, alternanza con impegni di cittadinanza attiva nel mondo del volontariato. La ‘leva’ finanziaria per questo tipo di progetti è stata individuata nel Fondo sociale europeo. Infine, la terza linea di intervento è all’insegna del ‘welfare generativo’, cioè punta a valorizzare esperienze, conoscenze, disponibilità e tempo delle persone anziane a vantaggio sia dei protagonisti che della comunità. Potranno essere finanziate iniziative di sorveglianza di scuole e parchi, guide turistiche e culturali per esperienze di turismo sociale, trasporti solidali in funzione delle esigenze di persone non autosufficienti, interventi di salvaguardia ambientale, promozione di musei e biblioteche, esperienze di volontariato e di animazione culturale.


Upgrade your business

WEB & SOCIAL BRAND & MARKETING

GESTIONE D’IMPRESA

CREDITO & FINANZA

I servizi di Forum Impresa sono strutturati per dare visibilità alla vostra azienda e al tempo stesso garantirne un’organizzazione quotidiana ottimale! Il tutto con un investimento decisamente contenuto e svolte pari zero, grazie agli strumenti di credito offerti dai partner di Forum Impresa!

Padova - Tel. 049.87.04.884 info@forumimpresa.com - www.forumimpresa.com Powered by


laPiazza

34

Purmontes, S bioarchitettura nel futuro

i chiama Purmontes ed è un progetto – un bellissimo e innovativo progetto di bioarchitettura - che farà molto parlare di sé nei prossimi mesi. E’ l’esempio a 5 stelle di come si possa progettare in sintonia con la natura. La bellezza sposata alla tecnologia del futuro. Dà l’idea di dove può spingersi la bioarchitettura, ovvero l’insieme delle discipline legate alla progettazione che presuppongono un atteggiamento eticamente corretto nei confronti dell’ecosistema. Tutto ciò in una visione caratterizzata dalla più ampia interdisciplinarietà e da un utilizzo parsimonioso delle risorse. Purmontes è un villaggio com-

di Renato Malaman

www.lapiazzaweb.it

posto da cinque chalet, realizzato a Mantana, alle porte di Brunico, dalla famiglia Winkler. Famiglia di origini contadine che è riuscita a trasferire i valori di quel proprio mondo ancestrale nell’intrapresa arte dell’accoglienza. I l villaggio è un nuovo concept capace di coniugare armoniosamente la natura al lusso, rispettando l’ambiente ed evitando sprechi. E’ un gioiello architettonico di gusto contemporaneo che sembra però sospeso nel tempo in quel suo richiamo a forme architettoniche tradizionali – come i vecchi fienili della zona – e a materiali di uso comune da secoli in Valle Pusteria e nelle valli limitrofe.

continua alla pag. seguente


Costruiamo

il

tuo

benessere

La nostra azienda nasce nel 2014 dall’esperienza pluriennale dei due soci Andrea e Michele nei settori delle energie rinnovabili e delle ristrutturazioni industriali.

Ci occupiamo di:

• BONIFICA AMIANTO • Rifacimento coperture industriali e civili • Progettazione di impianti fotovoltaici • Consulenza Finanziaria

TUTTO CHIAVI IN MANO. FORNIAMO SOPRALLUOGHI E PREVENTIVI TOTALMENTE GRATUITI E TI LIBERIAMO DA OGNI ONERE BUROCRATICO.

049.099.83.11 Via Germania, 19 Vigonza (Pd)

info@ekonic.it www.ekonic.it seguici su

Ekonic


36

laPiazza

www.lapiazzaweb.it

Purmontes, bioarchitettura nel futuro L’innovativo villaggio realizzato dalla famiglia Winkler a Mantana, alle porte di Brunico è l’esempio di come si possa progettare un luogo di vacanza in armonia con la natura

di Renato Malaman

S

i chiama Purmontes ed è un progetto – un bellissimo e innovativo progetto di bioarchitettura - che farà molto parlare di sé nei prossimi mesi. E’ l’esempio a 5 stelle di come si possa progettare in sintonia con la natura. La bellezza sposata alla tecnologia del futuro. Dà l’idea di dove può spingersi la bioarchitettura, ovvero l’insieme delle discipline legate alla progettazione che presuppongono un atteggiamento eticamente corretto nei confronti dell’ecosistema. Tutto ciò in una visione caratterizzata dalla più ampia interdisciplinarietà e da un utilizzo parsimonioso delle risorse. Purmontes è un villaggio composto da cinque chalet, realizzato a Mantana, alle porte di Brunico, dalla famiglia Winkler. Famiglia di origini contadine che è riuscita a trasferire i valori di quel proprio mondo ancestrale nell’intrapresa arte dell’accoglienza. Il villaggio è un nuovo concept capace di coniugare armoniosamente la natura al lusso, rispettando l’ambiente ed evitando sprechi. E’ un gioiello architettonico di gusto contemporaneo che sembra però sospeso nel tempo in quel suo richiamo a forme architettoniche tradizionali – come i vecchi fienili della zona – e a materiali di uso comune da secoli in Valle Pusteria e nelle valli limitrofe. L’architetto Stefan Gamper, professionista con studio a Chiusa, ha avuto carta bianca dai Winkler nel pensare a qualcosa che in Alto Adige non c’era ancora. A un’opera destinata a cambiare il paesaggio, ispirata alla filosofia della grande architettura dei paesi nordici. Purmontes è stato costruito a tempo di record in pochi mesi di cantiere (circa 7,5 milioni il costo dell’opera) e dal primo luglio può già accogliere i primi ospiti. “Sono dei turisti cinesi residenti a Verona – rivela Kurt Winkler – clienti fidelizzati, il cui unico merito nella circostanza è di aver semplicemente prenota-

L’architetto altoatesino Stefan Gamper (foto qui sopra) è il “padre” di Purmontes (in alto la visione d’insieme del nuovo villaggio realizzato a Mantana), un complesso innovativo sotto tanti punti di vista di cui mostriamo anche alcuni dettagli degli interni. Il villaggio aprirà le porte ai primi ospiti in luglio: i primi prenotati sono alcuni turisti cinesi

Il gruppo di cinque chalet-suite in legno antico e vetro rispetta l’ecosistema e si inserisce bene nel paesaggio. Prevede servizi esclusivi per un turismo di alta fascia, con tanto di laghetto balneabile e maneggio

to per primi”. L’obiettivo dichiarato di Purmontes è il wellness allo stato puro, l’essenza, il benessere assoluto. La struttura è luminosa, realizzata con criteri “green”. Ogni chalet è una suite dotata di infinity pool privata, di una grande terrazza (o giardino) e di camino. Accanto sorge il maneggio con tanto di box privato per il proprio cavallo. Di fronte c’è il laghetto balneabile, con acqua di fonte non additivata al cloro: invita gli ospiti ad immergersi per un fresco bagno di salute. Gli spazi comuni comprendono un’incantevole spa e un salotto–biblioteca di forma circolare con un originale camino orizzontale a parete che ricorda certi templi di epoca romana. Tutt’intorno solo pace, tra pascoli e boschi. Il piccolo paese di Mantana è a portata di passeggiata. I 5 chalet–suite sono un’originale sintesi an-

che nei dettagli. Le forme contemporanee si coniugano armoniosamente con il carattere alpino dei materiali utilizzati: il legno antico, la pietra e i tessuti pregiati realizzati artigianalmente. Creano suggestioni anche gli elementi di arredo dal design audace, i corpi illuminanti studiati ambiente per ambiente, le grandi pareti di vetro che permettono all’ospite di “entrare” nella natura. La spa del Purmontes – come snocciolato dai depliant - è dotata di sauna finlandese e bagno turco; l’area relax panoramica con letti di fieno è un luogo che fa tornare indietro nel tempo. Il menu dei trattamenti prevede coccole a gogò, in linea con il livello esclusivo della struttura: massaggi rilassanti o rigeneranti, trattamenti corpo o viso di ultima generazione. La palestra e la sala fitness-cardio completano l’offerta benessere della Purmontes Loft – Spa.

Ci sono altre chicche che rendono elitaria questa struttura: la colazione viene servita direttamente nello chalet-suite, oppure in alternativa si può scegliere quella a buffet al vicino hotel Lanerhof, sempre del gruppo Winkler, di cui fa parte Purmontes. La scuderia dei cavalli è open, ovvero permette di cavalcare sia con i cavalli del maneggio a uso esclusivo degli ospiti, sia di poter portare il proprio destriero. Il Purmones completa l’offerta del gruppo Winkler che solo da poco aveva presentato l’altro gioiello di famiglia, il Winkler, altro hotel con molti concept innovativi e con uno stile architettonico in sintonia con i tempi. Winkler famoso anche per la sua cucina. Completa la gamma il Sonnenhof, albergo più tradizionale che sorge alle porte di Brunico ed è particolarmente adatto anche alle famiglie.

Vi aiuteremo dalla vostra prima cena di pesce con ricette pratiche e veloci ed il pesce lo prepariamo noi, pronto da cuocere.

Venite a trovarci! Via Niccolò Tommaseo, 7 · SPINEA · Tel. 041 541 12 35 ·

Pescheria Adriatica


Ă&#x2C6; on-line il nuovo lapiazzaweb.it Il nuovo portale di informazione locale, con oltre 15.000 notizie del tuo territorio, sempre aggiornate! Seguici su www.lapiazzaweb.it La Piazza Web e su

www.lapiazzaweb.it

La Piazza Web

w w w. g i v e m o t i o n s . i t


laPiazza

Food & Drink CENA SPETTACOLO DI FRIULI VENEZIA GIULIA VIA DEI SAPORI AL CASTELLO DI SPESSA DI CAPRIVA DEL FRIULI In scena 22 chef, 22 fra vignaioli e distillatori e una quindicina di artigiani del gusto

Al Castello di Spessa di Capriva del Friuli, il 3 luglio, appuntamento glam con il sofisticato Dinner Show del cartellone estivo dei Concerti del Gusto 2018 di Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori, che mettono in scena quanto di più raffinato propone in tavola il Friuli Venezia Giulia. La cena spettacolo sarà allestita in un contesto carico di suggestione, il parco storico che circonda il maniero, ora elegante Resort. Legato a nobili casate e illustri ospiti come Giacomo Casanova, il Castello di Spessa – le cui origini risalgono al 1200 – si trova nel cuore del Collio Goriziano ed è completamente circondato dalle vigne della tenuta, fra cui si snodano le 18 buche del Golf Country Club Castello di Spessa. Nel suo sottosuolo è scavata la più antica e scenografica cantina del Collio, dove invecchiano i pregiati vini della tenuta, che Casanova definì “di qualità eccellente”. Dopo il benvenuto con golosità di una quindicina di produttori, inizierà per i presenti uno straordinario percorso del gusto in 22 tappe firmate dagli chef dei 21 ristoranti del gruppo, che cucineranno in diretta davanti al pubblico inediti piatti di alta creatività. Attenti alle esigenze alimentari, gli chef proporranno anche piatti per celiaci e vegetariani. Accanto ad ogni chef, altrettanti vignaioli proporranno raffinati abbinamenti fra cibi e vini. In chiusura, ciascun chef presenterà la sua personalissima interpretazione del dolce estivo. Da 18 anni portabandiera delle eccellenze enogastronomiche di questa regione del Nord Est, straordinario melting pot di genti, culture, cibi, il Consorzio Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori è un affiatatissimo gruppo composto da 62 aziende top-quality: 22 ristoratori che - dal mare Adriatico alle Alpi - sono portabandiera delle molteplici anime della cucina regionale, pensata e rielaborata da ciascuno secondo il proprio personalissimo percorso di ricerca; 22 tra vignaioli e distillatori, 19 fra artigiani del gusto e realtà ad essi collegate. Insieme rappresentano quanto di meglio offre questa terra in fatto di enogastronomia.

Il gruppo è pioniere del format, oggi in gran voga, che vede i grandi chef cucinare in contemporanea davanti al pubblico, per raccontare la propria terra attraverso cibi e vini. Il menù della serata è dispo-

nibile su www.friuliviadeisapori.it. La Cena Spettacolo inizia alle 20.00. L’entrata sarà consentita fino alle 21.00. È gradito l’abito elegante. Il costo è di 60 €. In caso di maltempo, la cena si terrà il 4 luglio.

ASSISTENZA NOTTURNA IN OSPEDALE VEGLIA NOTTURNA E/O ASSISTENZA DIURNA

ASSISTENZA AL PASTO

SOSTITUZIONE INTEGRAZIONE BADANTE

DIMISSIONI OSPEDALIERE PROTETTE

REPERIBILITÀ TELEFONICA H24 TUTTI I GIORNI DELL’ANNO

H24

041 413004

365

DOLO E MIRANO Via dei Pensieri, 11/B · Mirano (VE)

www.privatassistenza.it

VESPAIOLONA 2018: LA NOTTE BIANCA E ROSSA TRA LE CANTINE DELLA DOC BREGANZE

Appuntamento venerdì 22 giugno 2018 per l’undicesima edizione della Vespaiolona, la notte bianca e rossa tra vigne e cantine, l’evento glamour dell’estate della DOC Breganze organizzato dall’associazione Strada del Torcolato e dal Consorzio Tutela Vini DOC Breganze. La manifestazione prende il nome dal Vespaiolo, il vino tipico della zona di Breganze e della Pedemontana Vicentina. Nella notte più corta dell’anno 13 cantine della DOC Breganze apriranno le loro porte per ospitare le migliaia di appassionati e tutti coloro che vogliono conoscere meglio questo territorio ed i suoi prodotti tipici. In ogni cantina oltre ai vini in degustazione, saranno proposti abbinamenti gastronomici e spettacoli d’intrattenimento. Sarà a disposizione un servizio di bus navetta che dalla centrale Piazza Mazzini porterà alle diverse cantine e viceversa. Sarà bloccato il traffico privato. Il tutto all’insegna del bere consapevole. Le Cantine che partecipano a questa edizione sono: Bonollo Giuseppe, Cà Biasi di Dalla Valle Innocente, Cantina Beato Bartolomeo da Breganze, Col Dovigo, IoMazzucato, La Costa, Le Colline di Vitacchio Giampietro, Le Vigne di Roberto, Maculan, Miotti Firmino, Transit Farm, Vigneti dell’Astico e Vitacchio Emilio. Per motivi di sicurezza, la partecipazione alla Vespaiolona è a numero chiuso (4500 partecipanti al massimo) riservata ai possessori del kit-pass, composto da calice di degustazione, vademecum delle cantine aderenti e portabicchiere, che serve anche da lasciapassare per accedere alle stesse. Prevendite on line a partire dal 5 giugno sul sito www.vespaiolona.it.


GEPACAR SRL

Via Pioga, 31 • 35011 • Campodarsego (PD) IT T. +39 049 5564455 • C. +39 340 0719212 • F. +39 049 5565132 info@novatecno.it • www.novatecno.it

01_Uscita LA PIAZZA 04_2018.indd 1

16/04/18 10:20


Protagonisti

40

www.lapiazzaweb.it

Salute Francesca Battaglin, 33 anni, dello Iov, premiata al convegno di Chicago

Ricercatrice padovana miglior giovane oncologa I

n anni di “fuga dei cervelli” fa senz’altro bene ricordare che i ricercatori di casa nostra, giovani e preparati, fanno scuola in tutto il mondo. Succede in settori chiave come la medicina e fa ancora più notizia quando c’è di mezzo la ricerca sui tumori. Ad inizio giugno una pattuglia di scienziati dell’Istituto Oncologico Veneto è voltata a Chicago per l’appuntamento mondiale più importante per fare il punto sulle nuove frontiere terapeutiche in campo oncologico. E non è un caso che il premio internazionale assegnato ai migliori giovani oncologi di tutto il mondo sia andato a Francesca Battaglin, 33 anni, padovana di Abano, specialista in tumori gastrointestinali nella U.O.C di Oncologia Medica 1 diretta da Vittorina Zagonel. Il prestigioso riconoscimento è stato attribuito alla Battaglin (che attualmente sta svolgendo un’attività di ricerca presso il laboratorio di Heinz-Josef Lenz, Direttore dell’oncologia gastro-intestinale del Norris Comprehensive Cancer Center, University of Southern California di Los Angeles), per lo studio che ha permesso di identificare una specifica variante in un gene, associata ad una ridotta risposta al trattamento chemioterapico in pazienti affetti da tumore del colon metastatico. “I risultati della mia ricerca – precisa la stessa Battaglin – rappresentano una prima evidenza del possibile valore del polimorfismo genetico individuato come marcatore predittivo di risposta al trattamento. Risultati che necessitano di successiva validazione, ma che già rappresentano un ulteriore passo nello sforzo condiviso dalla comunità di ricerca per meglio comprendere i meccanismi che regolano la risposta e la resistenza tumorale alle terapie oncologiche attualmente disponibili”. La giovane ricercatrice padovana era in buona compagnia al convegno di Chicago, insieme ad altri medici dello Iov, a partire dalla professoressa Valentina Guarneri (Oncologia Medica 2) che ha nella sessione plenaria dedicata al carcinoma mammario i risultati finali di uno studio specificio. In ambito di glioblastoma è stato apprezzato il contributo di Giuseppe Lombardi, specialista tumori cerebrali (On-

cologia Medica 1) mentre Marta Schirripa, dello stesso reparto, ha presentato un’ulteriore ricerca sui tumori al colon-retto. Gian Luca De Salvo (responsabile dell’Unità di Ricerca Clinica dello IOV) ha illustrato un report nella sessione plenaria dedicata ai tumori solidi in età pediatrica. “La sottolineatura voluta quest’anno dal convegno di Chicago sulla medicina di precisione - spiega Giuseppe Opocher,

Francesca Battaglin è specialista in tumori gastrointestinali

direttore scientifico dello Iov - è un tema sul quale nostro Istituto è decisamente impegnato con tutte le sue forze e con precise scelte organizzative, dall’altro perché è chiaro che più siamo in grado di accorciare i tempi tra risultati della ricerca e attività a fianco del paziente, e più confermiamo la convinzione clinica e sociale che la battaglia al cancro è una sfida che si può vincere”.

Appuntamenti in corte: al via la rassegna

È

partita a Ca Bonelli la X edizione degli “Appuntamenti...in corte”, la rassegna estiva di Bancadria-Credito Cooperativo del Delta quest’anno si snoderà fino al prossimo Settembre, in 17 tappe itineranti. La serata deltina, organizzata all’insegna della buona musica, è iniziata con la degustazione di piatti a base di riso prodotto dall’azienda agricola Ca Bonelli, seguiti dai dolci alla farina di riso dell’azienda agricola della famiglia Moretto che produce tutto senza glutine. Il tutto servito dai volontari della Pro loco locale. A fare gli onori di casa il direttore dell’azienda agricola della famiglia Daccò, Terenzio Finotti, affiancato dal sindaco Claudio Bellan e a seguire i vertici territoriali di Bancadria. Il presidente di Bancadria Giovanni Vianello ha commentato: “Il mondo del credito cooperativo sta vivendo una fase molto delicata e molto particolare, imposto da certe riforme che tenderebbero a massimizzare e omologare le banche per farle tutte uguali. Qualunque cosa si voglia fare, noi come Bancadria non perderemo mai la nostra connotazione di banca del territorio. Siamo

nati come banca agricola, nel senso che lavoravamo con il mondo agricolo, siamo cresciuti con il territorio di Porto Tolle, ci riteniamo orgogliosi di aver portato l’economia su Porto Tolle a buoni livelli. Il territorio è cresciuto per merito della banca e la banca è cresciuta molto per merito del territorio”. Ad iniziare le performance musicali i Dixie Gang, band che si ispira alla musica di New Orleans dagli anni “20-“30 all’epoca del dixieland e charleston. Un trio formato da Andrea Smiderle(tromba), Gigi Grata (sousafone) e Filippo Cavalieri (Banjo). A seguire ha cantato Ronnie Jones, uno dei cantanti più originali e versatili della scena europea, diventato famoso in Italia per la trasmissione televisiva pop corn, in onda in un canale privato negli anni “80,in cui cantava “Video Games”. L’artista inglese 81enne ha incantato il pubblico alternando i propri ricordi con brani che hanno fatto la storia della musica. (Gu.Fe.)


www.lapiazzaweb.it

a

Tavola

41

Proposte per una cucina biologica, integrale, vegetariana, in sintonia con la natura Barchette di zucchine

Crostini alla salsa di asparagi Ingredienti: 200 g di asparagi - 1 pizzico di paprika - sale e olio q.b. - 1 cipolla - 80 g di ricotta.

Ingredienti: 6 zucchine - 1 cipolla - 2 spicchi d’aglio - 7-8 asparagi - 1 pizzico di peperoncino - 1 C di parmigiano - 2 C di pane grattugiato - olio e sale q. b.

Crostata di frutta fresca Ingredienti: 180 g di farina per dolci - 75 g di zucchero integrale - 60 g di tahin - 1 uovo - 2 c di lievito - 1 bustina di vanillina - 1 pizzico di sale - 4 hg di fragole alga agar-agar.

Carmen Bellin Educatore Alimentare dell’Associazione Culturale La Biolca di Padova: tiene corsi e conferenze su alimentazione e cucina, collabora al mensile Biolcalenda, ha pubblicato Metti una sera a cena libro di ricette e consigli utili per una cucina in armonia con i ritmi della natura. LA BIOLCA · www.labiolca.it info@labiolca.it · tel. 049 9101155

Preparazione: sbucciare gli asparagi, tenere da parte le punte (che si cuoceranno a vapore), tritare la cipolla, metterla in una pentola con gli asparagi tagliati a pezzetti, il sale, la paprika e un po’ d’olio. A fine cottura aggiungere la ricotta, frullare bene il tutto e guarnire con le punte degli asparagi.

Preparazione: lavare le zucchine e dividerle a metà, con un cucchiaino togliere la parte interna. Tritare questa polpa con gli asparagi precedentemente cotti con la cipolla e l’aglio e far rosolare il tutto in una padella con un po’ d’olio; aggiustare di sale e peperoncino e riempire le zucchine con questo composto. Adagiarle in una teglia da forno oliata, cospargere con parmigiano e pane grattugiati. Coprire la teglia e metterla in forno a temperatura media per 15-20 minuti. Passato questo tempo scoprire e terminare la cottura.

VENITE A TROVARCI PER SCOPRIRE LE NOVITÀ PER IL

2018

La massima Qualità del Serramento per la tua casa …

SEA

SERRAMENTI ed AFFINI

Preparazione: in una terrina mettere la farina, lo zucchero, l’uovo, il lievito, la vanillina, il sale e il tahin. Amalgamare bene tutti gli ingredienti; lasciare riposare l’impasto in un luogo fresco per almeno 15 minuti. Quindi spianare l’impasto con il matterello, disporlo in una teglia unta d’olio e cosparsa di pane grattugiato e passare in forno per 15 minuti. La crostata non deve essere troppo cotta. Lasciar raffreddare e intanto preparare la gelatina con l’agar-agar. Disporre la frutta fresca, unire la gelatina e tenere in luogo fresco.

Note

La quantità degli ingredienti si riferisce a un menù tipo per 4 persone. Abbreviazioni usate: C = cucchiaio · c = cucchiaino g = grammo · kg = chilogrammo L = litro · dl = decilitro olio (quando non è specificato altro) = olio extra vergine di oliva q.b. = quanto basta.

• PVC Classe AAA • Legno Qualità CasaClima • Legno Alluminio • Legno Vetro • Alluminio Taglio Termico • Ingressi Blindati • Porte Interne • Schermature Solari

PRODOTTI ITALIANI

Showroom: via Menin dei Mille, 48/a • Camponogara (Ve) • tel. 041 466 605 • cell. 331 608 27 24 | 335 707 90 82 info@seaserramentiedaffini.com • www.seaserramentiedaffini.com • SEA Serramenti ed Affini


Oroscopo

42

l’

Ariete Desiderate chiarire, in modo da comprendere meglio alcune situazioni. Amore al top e spazio al dilago

Toro E’ tempo di cambiamenti e la luna nuova ti darà una mano a gestire diversamente qualcosa o ad arricchire le tue qualità.

Giugno L’estate è ormai vicinissima, e presto vi sentirete leggeri, distratti, capaci cioè di vivere e di affrontare ogni cosa in modo brillante e goloso

www.lapiazzaweb.it

Bilancia Imparate a leggere nell’animo della persona che amate, interpretate al meglio i suoi sogni. Ve ne sarà grato

Scorpione Scegliere non è mai facile. Meglio provare prima a mettersi nei panni dell’atro o degli altri. Pensate e ponderate meglio

Gemelli

Sagittario

Ora potete fidarvi di voi stessi e delle vostre intuizioni. Concedetevi un momento fatto apposta per pensare

Siete perseguitati da una schiera di dubbi interiori. Dovete avere più fiducia in voi stessi, infondo sapete qual’è la cosa giusta

Cancro

Capricorno

Leggerezza. Non dimenticate di tenere accesi i dialoghi di coppia e i progetti da vivere in due. Fantasia e viaggi

Siate più dolci ed emozionante con chi amate, sia al telefono che di persona. Un poco di miele in più non guasta

Leone

Acquario

Vi aspettano tensioni, energie negative e un poco di stress. Forza! Alla fine avrete ragione su tutto

Il futuro è dietro l’angolo e le premesse non sono niente male. Avrete emergeva da vendere per cogliere ciò che volete

Vergine

Pesci

Concentratevi sulle cose importanti da vivere insieme al vostro partner e chiedetevi se è quel che volete davvero

Rivedete alcune posizioni e allineatevi meglio con le idee del vostro partner. Andare allo scontoo non è sempre utile


sovracop 285x350 III


Miranese sud giu2018 n79  

Miranese sud giu2018 n79

Miranese sud giu2018 n79  

Miranese sud giu2018 n79

Advertisement