Page 1

della Bassa Padovana

www.lapiazzaweb.it

Periodico d’informazione locale. Anno XIX n. 90

Sanità locale Ospedale Unico cantiere avanti come previsto

Montagnana Palio avanti con il nuovo presidente

pag.5

pag.

Monselice Ceneri e gessi in Cementificio è polemica

8

pag.

9

EDITORIALE

Cambia il clima, dobbiamo cambiare anche noi

LO NAZ/19/2010/CT

01 04 2010

ESTE, AL VIA I LAVORI ALLA NUOVA ROTONDA

Con luglio sono partiti i lavori per la nuova rotatoria dell’Extense. Il cantiere verrà chiuso entro la fine di settembre. Saranno dunque mesi di lavoro e di passione lungo la Padana Inferiore per il nuovo rondò della Padana Inferiore. “Il progetto esecutivo è stato validato” conferma il vicesindaco Agujari Stoppa. pag. 6ww

TAGLI ALLE PROVINCIE, PADOVA COMPRESA

Il Governo va giù duro e mette mano alle Province. Ma dall’altra parte del campo di battaglia, la risposta non si fa attendere e inizia uno scontro durissimo. Il punto di rottura è stato senz’altro la riunione indetta dai presidenti del nord per minacciare lo sfratto a Prefetture, Questure, comandi e caserme e persino ai Provveditori agli studi. pag. 16

di Mauro Gambin*

I

Addio al Tribunale Este passa a Rovigo Il Governo chiude l’ufficio giudiziario e sposta le competenze in Polesine

I

l tribunale di Este chiude ufficialmente i battenti e si sposta in Polesine. Il Consiglio dei Ministri, che ha rivoluzionato il panorama giudiziario nazionale stabilendo la riduzione e l’accorpamento di 37 tribunali e di 38 procure e soprattutto la soppressione di tutte le 220 sezioni distaccate di tribunale della penisola, ha emesso il proprio verdetto per Este. Il decreto legislativo di revisione delle circoscrizioni giudiziarie ha infatti deciso di tagliare tutte le sezioni distaccate di tribunale del Veneto, e tra queste

anche Este. Un provvedimento annunciato da tempo, che tuttavia non rappresenta neppure la vera “pietra dello scandalo”. La novità eccellente è il fatto che il tribunale di riferimento per gran parte della Bassa Padovana non sarà quello di Padova, bensì quello di Rovigo. Il reset del mondo giudiziario italiano voluto dal Governo ha infatti ridisegnato tutte le competenze territoriali, facendo emigrare i nostri Comuni nel Rodigino. Si parla di 37 enti comunali. Da Montegrotto Terme a Masi, passando per Vo’ e

Urbana, ora bisognerà guardare a Rovigo e non più a Este, né tanto meno a Padova. Il passaggio delle competenze atestine al tribunale rodigino arriva in seguito ad un “effetto domino” determinato dalla soppressione del tribunale di Bassano del Grappa: questi, infatti, avrebbe dovuto accorpare la sezione distaccata di Cittadella. Senza Bassano, il Comune murato è stato dirottato verso Padova, scalzando Este e destinando la sezione atestina a Rovigo. pag. 6

l clima cambia e non è più una cosa che ci può lasciare indifferenti. Qualche anno fa all’esperto in meteorologia che annunciava un brusco innalzamento delle temperature, a causa dell’effetto serra, di solito replicava lo storico climatologo sostenendo che si trattava di una cosa normale, in quanto il clima della Terra è in continua mutazione. 35 milioni di anni fa, del resto, i colli Berici e quelli euganei erano rispettivamente una barriera corallina e degli atolli che spuntavano da un mare caldo popolato da pesci tropicali. Dunque a chi dei due dare ragione? All’esperto meteorologo, perché appurato che le temperature cambiano anche noi dobbiamo cambiare. Fino a 150 anni fa una stagione siccitosa poteva innescare brutali carestie che nei piccoli comuni davano luogo ad ondate di morte per fame, è stata l’agricoltura intensiva e lo sviluppo dei commerci a rendere le emergenze meno esiziali e a dissociare dal clima le esigenze alimentari. Oggi però che su buona parte degli ettari coltivati a seminativi nella nostra regione è rimasta stecchita per il grande caldo, magari nessuno avrà percepito il pericolo della “fame”, definitivamente debellata in occidente ome la peste o il colera, ma un pensiero ai rincari che si prospetteranno credo sia passato per la testa di tutti. continua a pag. 3

direttore@lapiazzaweb.it

L’Intervento

Il Veneto cresce se nel rigore c’è più Europa di Franca Porto*

I

provvedimenti del Governo di revisione della spesa pubblica che seguono quelli per la sua riduzione pongono ancora in maggior evidenza il nodo del Patto di Stabilità interno, cioè del vincolo che impone a tutti gli enti autonomi della Repubblica e non solo allo Stato centrale limiti precisi di spesa e di indebitamento. *Segretaria Cisl Veneto

continua a pag.

13

ENTRA IN RETE CON NOI! Troverai il nostro giornale prima che venga distribuito con nuove news che riguardano il tuo territorio


Portami r con te pedei usufruiregi! vantag

Visita di prevenzione senza impegno

È iniziato il mese della prevenzione ed estetica dentale

I pazienti che presenteranno questo numero de avranno diritto a:

-20 €

Sbiancamento - meno 20 € Dentartrasi (pulizia) €. 45 Otturazione semplice estetica €.70 Corona ceramica €. 395

È EVI_DENTE che conviene

Impianti in titanio €. 575 Moncone su impianto a titanio €. 175 OPT (panoramica) €. 35


Implantologia a carico immediato

Sbiancamento denti totale

I

davvero soddisfacenti senza arrecare alcun danno ai denti. Si stima che siano finora stati effettuati all’incirca 30 milioni di sbiancamenti professionali in tutta sicurezza. Il grande beneficio dello sbiancamento dentale è quello di restituire ai denti il loro bianco naturale, eliminando le eventuali macchie che si sono formate. La dentina e lo smalto dentale, infatti, assorbono e scambiano sostanze con la saliva. Attraverso questi processi il fluoro contenuto nei dentifrici riesce a penetrare all'interno del dente, remineralizzandone lo smalto e proteggendolo dalla carie. La nuova sede Dentalcoop di C AME NT O N A Padova garantisce tutto ciò tramite la professionalità dei suoi medici e collaboratori ad un costo decisamente contenuto.

SB

Sempre più persone decidono ogni anno di sottoporsi a questo tipo di trattamento che consente di ottenere denti più bianchi nel giro di poche sedute. Il desiderio, sempre più diffuso, di apparire in una forma perfetta, si è esteso negli ultimi anni al settore dell’odontoiatria. Lo sbiancamento denti del resto ha origini antichissime. Già dai tempi degli antichi romani esisteva l’usanza di sbiancare i denti con prodotti naturali, anche se non sempre con risultati apprezzabili. L’utilizzo di prodotti per ottenere uno sbiancamento dentale risale alla fine dell’Ottocento, quando si cominciò ad utilizzare l’acido ossalico per rendere i denti più bianchi. Negli anni Trenta si usavano processi con l’acqua ossigenata, mentre a partire dal 1989 si cominciò ad utilizzare il perossido di carbammide. Lo sbiancamento dei denti eseguito dal professionista è in grado di raggiungere livelli

TOTALE

230 €

STA ZION

E FE

RRO VIAR

IA

In passato il posizionamento degli impianti era associato a lunghe procedure chirurgiche. Le nuove tecnologie hanno rivoluzionato questa situazione, permettendo ai pazienti che abbiano parametri anatomici e fisiologici adeguati, di ottenere una riabilitazione funzionale ed estetica, con denti fissi, nell’arco di 24/48 ore. Tale intervento è indicato per quelle persone che vivono la eventualità di usare una protesi mobile, (anche provvisoria) come un vero dramma personale.

Giardini dell’Arena

Parcheggiate al PARK PADOVA CENTRO angolo via Trieste/ via Gozzi ci raggiungete con una passeggiata di soli 5 minuti

P Giardini dell’Arena

n Sa

lla L

ia

V

ibe

rtà

Ferrovia

Via Eremitani

Riviera dei Ponti Romani

ribaldi

VIA DEL RISORGIMENTO

Corso Ga

ri d e Via Ma rti

a Davil

Via Giuseppe Verdi

avour

Via Altinate

ta Lucia

Via S

Via C

Via San

allo 049 8751943 Aperti anche il sabato

Agosto chiuso per ferie dall’11 al 19

o rm Fe terino

a Via C

PRENOTA SUBITO LA TUA VISITA GRATUITA

ant’A

ndrea

www.dentalcoop.it - padova1@dentalcoop.it


ad una Vacanza di almeno 3 o 4 giorni

Cogli l’opportunità nei nostri Villaggi AYS HOLID

0080017112009

w w w. i s a h o l i day s . c o m

3 gio

rni

a Par tire da

372 €

Per 4 Per sone !

Active & Nature Holiday Village w w w. V i l l a g g i o b a r r i c ata . c o m

3 gio

rni

a Par tire da

369 €

Per 4 Per sone !

Active & Fun Holiday Village w w w. V i l l a g g i o i s a m a r . c o m

3 gio

rni

a Par tire da

330 €

Comfort & Relaxing Holiday Resort w w w. i s a r e s i d e n c e . c o m

Per 4 Per sone !


Villaggio barricata

chalet miami

Villaggio barricata Villaggio isamar

isa residence

Villaggio barricata

lodge suite

sPiaggia delle conchiglie

isa residence

Villaggio barricata

Villaggio isamar


TROVI SEMPRE QUELLO CHE CERCHI bottega del pesce Rivenditore autorizzato

TABACCHI


EDITORIALE

segue da pag.

Cambia il clima, dobbiamo cambiare anche noi

Monselice - Este, rassegna

EUGANEA FILM FESTIVAL GRANDE SUCCESSO

Dopo 13 giorni di proiezioni, 8 comuni coinvolti ed attraversati, più di 70 lavori presentati, tanti eventi speciali ed un pubblico di oltre 5000 appassionati si è conclusa ai Giardini del Castello di Monselice l’undicesima edizione dell’Euganea Film Festival con la cerimonia di premiazione ai vincitori delle tre sezioni del concorso, premi speciali e ben cinque menzioni speciali. Euganea Film Festival chiude con un bilancio assolutamente positivo consolidato dall’affluenza di spettatori in costante aumento che continuano a premiare la rassegna e l’alta qualità dei film selezionati anche in serate in luoghi meno conosciuti come Il Parco delle Fiorine a Teolo o il Parco delle Ginestre a Baone. “Il festival ha dimostrato ancora una volta come sia possibile realizzare un progetto culturale di alto profilo coinvolgendo amministrazioni, associazioni, artisti ed avere anche un ottimo riscontro di pubblico – sottolinea Marco Segato, direttore artistico del festival - Un risultato straordinario che dimostra ancora una volta come investire in cultura generi un valore aggiunto straordinario per un territorio dalle enormi potenzialità paesaggistiche, ma anche relazionali e sociali”. Coldiretti: allarme nella Bassa

SICCITÀ RECORD COLTURE A RISCHIO

Danni irreversibili per l’agricoltura padovana, compromessi interi raccolti di colture estensive, soprattutto mais, soia, barbabietola nelle zone dove l’irrigazione è più difficile.Secondo le stime di Coldiretti Padova, la situazione resta molto critica, ben più grave del 2003, soprattutto nella Bassa Padovana. Con l’unica possibilità per le imprese di recuperare parte delle perdite attraverso l’assicurazione contro le avversità atmosferiche. Fra Este e Montagnana perso anche il 100 per cento del mais.

La crisi, del resto, ci ha resi molto sensibili anche agli umori di Scipione, Caronte e Minosse visto che hanno comportato perdite importanti, stimate seppur approssimativamente dalle associazioni di categorie in diversi milioni di euro. Un colpo pesante per un settore dal quale ci si aspettava molto per contenere gli effetti della crisi. Ma la siccità non si è mica vista solo sui campi, è mancata anche l’acqua. Nelle scorse settimane alcuni sindaci del bellunese hanno emesso delle ordinanze per proibirne l’uso a scopi irrigui o per lavare l’auto e le stesse ordinanze sono state auspicate da un Ulss del veneziano anche se l’acqua non è mancata, per evitare il diffondersi della salmonella, visto l’alto inquinamento registrato dall’Ulss nei canali. La crisi ci spaventa, preoccupa la penuria di denaro liquido. E la mancanza d’acqua? Dovrebbe preoccupare altrettanto. Secondo alcuni economisti dalla crisi si uscirà proprio quando la società, e non solo la politica, comincerà a correggere le conseguenze di decenni di percezioni errate nate dalla retorica di uno sviluppo imperniato sul consumo e si affermerà invece la consapevolezza che non è più possibile permettere lo spreco. Se è vero che una nuova epoca comincerà con quel cambiamento di mentalità che permetterà di ritenere opportunità quelle cose fino a ieri non lo erano mai state, forse allora sono da applaudire quegli agricoltori italiani c’è chi al posto del mais o della soia hanno iniziato a coltivare piante per le spezie, banane e manna, senza aspettare che cada dal cielo. Mauro Gambin - direttore@lapiazzaweb.it

PROMOMEDIACOMMUNICATIONS Srl Edito da: Give Emotions Srl CONCESSIONARIA

DI

PUBBLICITÀ LOCALE

Padova, via Svezia 9 Tel. 049 8704884 - Fax 049 6988054 numero verde 800 465040 promomedia@lapiazzaweb.it Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

RADUNO REGIONALE DELLE PENNE NERE

Potrebbe svolgersi a Este, nel Padovano, l’edizione 2015 del raduno triveneto degli alpini. La richiesta del sindaco Giancarlo Piva è stata formalizzata a Feltre, ai vertici dell’Associazione nazionale alpini da Lino Rizzi, presidente provinciale dell’Ana. Al raduno in terra bellunese, festeggiato da 35 mila presenze, hanno partecipato oltre seicento “penne nere” patavine, in rappresentanza delle 37 sezioni articolate nel Padovano e nel Rodigino, una struttura organizzativa che, in qualche modo, anticipa la riforma delle Province avviata dal Governo Monti.

PARK A PAGAMENTO IN PIAZZA MAZZINI

Bassapadovana MONSELICE

Provincia ECONOMIA

Il sindaco Lunghi: Federalismo Economico

ESTATE pag.

SPORT LOCALE

9

Vernice per la Rocca di Monselice, tutte le novità

pag.

21

Questa edizione raggiunge le zone Montagnana, Monselice, Este, per un numero complessivo di 12.504 copie. Iscrizione testata al Tribunale di Venezia n. 1142 del 12.04.1994; numero iscrizione ROC 15752

REDAZIONE:

Direttore responsabile

MAURO GAMBIN direttore@lapiazzaweb.it ORNELLA JOVANE o.jovane@lapiazzaweb.it Chiuso in redazione il 27 luglio 2012 CENTRO STAMPA: ROTOPRESS INTERNATIONAL LORETO, VIA BRECCIA (AN)

pag.

Notturni d’arte per tutta agosto pag.

CULTURA

Regione VACANZE

Export sopra la media, ma la crisi resiste

DIREZIONE - AMMINISTRAZIONE E

Este, la proposta del sindaco

Monselice, nei giorni feriali

È un periodico formato da 14 edizioni locali mensilmente recapitato a oltre 250.000 famiglie del Veneto.

è un marchio registrato di proprietà della

1

18

Este, alberi di nuovo morti

Cresce il numero di chi denuncia disavventure pagg. 22-23

SOCIALE

Cresce il numero dei casi di violenza sulle donne

20

I musei della Provincia affidati a due cooperative pag. 20

MOSTRE

Un’euro all’ora, dalle 8 alle 20 nei giorni feriali, per lasciare l’auto in piazza Mazzini. La giunta comunale ha istituito la sosta a pagamento nell’area della piazza che già era stata adibita a parcheggio. Si tratta di una ventina di posti auto, collocati a ridosso dei portici e sulla piazza vera e propria. Sino ad ora questi parcheggi sono stati liberi, con l’unico vincolo del disco orario.

pag.

26

A Villa Pisani una mostra sulla nobiltà del lavoro pag. 27

CIPRESSI DEL CIMITERO NUOVA SOSTITUZIONE

Non c’è pace per i cipressi del cimitero di Este. Da tempo il camposanto ospita una quarantina di cipressi che, purtroppo, sono quasi tutti morti. Le piante erano state piantumate qualche anno fa e già da subito avevano dimostrato di non voler attecchire, tanto che 25 esemplari erano già stati sostituiti. La questione è stata sollevata in consiglio da Carlo Zaramella (Lega Nord), da alcuni utenti del cimitero e da ultimo da Orietta Ravazzolo (Lega Nord), che ha interrogato l’amministrazione sul futuro delle piante. Il sindaco Piva conferma che saranno tutti sostituiti.


4 Argomento del mese SANITÀ VENETA La revisione della spesa varata dal Governo Monti impone una cura dimagrante e porta l’entità dei tagli a quasi 700 milioni di euro. Salvi tutti gli ospedali, ma ora vanno riorganizzati posti letto e singoli servizi. Anche alla luce del nuovo piano socio sanitario l’intera rete ospedaliera va rivista e sono almeno 3500 i posti letto da eliminare di Nicola Stievano

Zaia: “Il modello veneto consente già notevoli risparmi, noi avanti così”

Puppato: “Anche da noi ci sono situazioni di spreco e disparità da sanare”

L

Meno posti letto, meno d

a “cura dimagrante” per la sanità veneta costerà quasi 700 milioni e oltre 3.500 posti letto. Salvi i piccoli ospedali e i centri d’eccellenza, nella nostra regione andranno comunque ridotti i costi fissi, tagliati i doppioni, rivisto l’intero sistema di spesa. La scure della “spending review” del governo Monti si abbatte con meno violenza in Veneto perché da un paio d’anni la sanità locale ha già intrapreso il non facile cammino della razionalizzazione, sfociato nella redazione del piano socio sanitario regionale. Ad esempio, sul numero dei posti letto pro - capite il Veneto vorrebbe spingersi anche oltre le decisioni del governo, che abbassa la media da 4,2 posti per mille abitanti a 3,7, portando invece a 3,5 per mille abitanti. Anche sulla riorganizzazione degli ospedali minori la Regione ha fissato degli obiettivi nel nuovo piano socio sanitario che dovrebbero concretizzarsi in significativi ridimensionamenti per strutture che non hanno tutte le caratteristiche dell’ospedale per acuti. Tagli in vista anche per convenzioni con la medicina privata (-1% quest’anno, -2% il prossimo) con un risparmio che dovrebbe aggirarsi sui venti milioni. Ulteriori economie dovrebbero arrivare dalla nuova mappa delle aziende socio sanitarie venete, disegnata proprio per ridurre gli sprechi. Le decisioni del governo sulla revisione della spesa

LE SPESE IL CAPOGRUPPO DEL PDL DARIO BOND

“Da noi siringhe a 2-3 centesimi”

A

Luca Zaia e Laura Puppato

l Veneto l’introduzione dei costi standard non fa paura. Ne è convinto il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond, il quale ricorda come nelle Uls della nostra regione il monitoraggio della spesa sia diventato trimestrale, mentre la tracciabilità dei presidi sanitari ha fatto passi da gigante. “Ho chiesto a campione dei dati ad alcune Ulss del Veneto - aggiunge il capogruppo del Pdl - e i numeri ci danno ancora una volta ragione. Una siringa monouso sterile con ago costa dai due ai tre centesimi, a seconda della tipologia, contro una spesa massima che in altre parti d’Italia arriva anche a 70 centesimi, un ago ipodermico meno di un centesimo, mentre un inserto di tibia per protesi non cementata 194 euro contro un massimo rilevato di circa 2500 euro in altre parti d’Italia. Qui da noi, poi, il costo della giornata alimentare è mediamente sotto i dieci euro. I numeri riguardanti altre realtà del Paese sono di gran lunga superiori e difficili da giustificare. Detto questo - conclude Bond - non possiamo far finta che il Veneto sia uguale alle altre regioni. I numeri parlano chiaro: per questo dobbiamo andare a Roma con gli economi delle nostre Ulss e dire che non siamo disposti a farci massacrare”.

si tradurranno in ulteriori tagli, in questo contesto? Secondo il governatore veneto Luca Zaia la nostra sanità ha già intrapreso un percorso che va nella direzione del risparmio e dell’efficienza, senza attendere le imposizioni da Roma. Zaia non ha timore di affermare che “siamo la Regione più virtuosa della sanità italiana e ci è riconosciuta la palma di Regione meno “sprecona” del paese. Abbiamo un tasso medio di ospedalizzazione di 7 giorni contro anche 30 in altre Regioni e ciò significa che nei nostri ospedali si cura presto e meglio; da due anni teniamo i conti in attivo senza avere, unici in Italia, l’addizionale Irpef sulla sanità. Non ci sottrarremo ad una spending review anche fatta di lacrime e sangue, - aggiunge Zaia - ma a condizione che venga applicato il modello veneto, quello che consentirebbe di risparmiare molto di più di quanto proposto dal Governo. Quello di Monti-Balduzzi è un piano senza visione strategica, un taglio brutale e insensato che squilibra l’intero sistema sanitario. Infatti, se non si riorganizzano i servizi territoriali, per esempio la medicina di base, si arriva a un taglio orizzontale e quindi cieco, che danneggia esclusivamente il Nord. In nessun punto del piano viene chiesta una revisione profonda del modello organizzativo. Questo comporterà l’affossamento dei modelli virtuosi che rimarranno senza

risorse. Il governo dovrebbe come media per i costi standard quella che si desume dalla sanità veneta”. Ben diversa la posizione di Laura Puppato capogruppo del Pd in Consiglio regionale, che contesta a Zaia di usare due pesi e due misure. “Con il governo Berlusconi, Zaia due anni fa ha accettato senza fiatare un taglio di 400 milioni. Ora con Monti rifiuta ogni trattativa. Un atteggiamento che non possiamo accettare anche perché non è vero che nel Veneto nella sanità pubblica non vi siano differenze eclatanti. Basti pensare alla spesa pro capite, dove sappiamo che in alcune Uls è intorno ai 1400/1500 euro per persona contro i mille di altre. Anche qui, come nel resto d’Italia, vi sono situazioni a macchia di leopardo che vanno sicuramente riviste”. “Perché Zaia si scaglia così tanto contro il Governo Monti? - si chiede il capogruppo dell’Udc Stefano Valdegamberi - In fin dei conti sta introducendo nella sanità il principio dei “costi standard”, tanto auspicato anche dalla Lega, ma rimasto sempre inattuato. Pensiamo al programma di razionalizzazione degli acquisti di beni e servizi. Non resta che augurarci tutti che finalmente il modello arrivi anche nelle Ulss, dove troppo spesso a fare il prezzo è “l’amico dell’amico”. Le forniture sanitarie hanno rappresentato per anni un luogo privilegiato per la corruzione”.


Argomento del mese 5 Nella Bassa Padovana cantieri e conti

doppioni e più risparmio Il caso Dissipati i timori di chiusura di una realtà unica nella regione

Nessun rischio per l’Istituto Oncologico Veneto di Nicola Stievano

“F

antasanità”, così il professor Pier Carlo Muzzio direttore generale dell’Istituto oncologico veneto di Padova, ha chiosato l’ipotesi di chiusura del centro d’avanguardia nazionale emersa da una prima bozza del decreto sulla “spending review”. Di fronte all’ipotesi di tagliare i piccoli ospedali, tramontata poi nell’arco di 24 ore con l’approvazione del testo definitivo, sembrava infatti che vi rientrasse anche l’Istituto Oncologico Veneto, da sette anni un faro nella sanità locale per la cura dei tumori. Nell’elenco delle 154 strutture ospedaliere c’era infatti anche lo Iov, ma a quanto pare si è trattato di un clamoroso errore, perché non stiamo parlando di un ospedale come gli altri ma di un istituto molto particolare. Inoltre i dati riportati risalgono a cinque anni fa, tanto che oggi lo Iov conta 121 posti letto, uno in più del limite fissato dal governo. Quello ospitato all’ex ospedale Busonera di Padova è l’unico Irccs (Istituto di ricovero e cura di carattere scientifico) specificatamente dedicato alla cura dei tumori in del Veneto, istituito con Legge regionale del Veneto n. 26 del 22 dicembre 2005, quale “ente dotato di personalità giuridica di diritto pubblico, operante in conformità con gli obiettivi della programmazione sanitaria regionale”. Il riconoscimento a Irccs è arrivato dal ministero della Salute con un decreto del 18 marzo 2005. Significa che lo Iov non è un semplice ospedale ma un servizio che affianca alle prestazioni di ricovero e cura di alta specialità un’intensa attività di ricerca. Anche il semplice criterio del numero dei posti letto salta per questo genere di struttura, per la quale vengono tenute in considerazione altre variabili, a partire dalla qualità dell’assistenza e dal valore della ricerca. Allo Iov lavorano 577 operatori sanitari, di cui 382 dipendenti e 195 con contratti di collaborazione . Ogni anno vengono eseguite oltre 350 mila prestazioni ambulatoriali e ben duemila interventi chirurgici.

Intanto il bilancio chiude con 1,3 milioni di attivo

Ospedale unico cantiere nei tempi M

entre ci si chiede dove andrà la sanità nazionale e veneta, per capire cosa sta succedendo nella Bassa Padovana è sufficiente percorrere la nuova strada regionale 10 fra Este e Monselice per notare che il cantiere di costruzione dell’Ospedale Unico dell’Uls 17 a Schiavonia sta prendendo forma. E’ l’opera più importante degli ultimi anni nella Bassa Padovana, è la struttura che dovrebbe rivoluzionare la concezione di ospedale in tutto il territorio. Il direttore generale Giovanni Pavesi in occasione dell’ultimo sopralluogo ha confermato che il cronoprogramma procede come previsto e che entro 18 mesi i lavori saranno portati a termine. Completamente terminate, infatti, tutte le opere in calcestruzzo, dai solai alle strutture in elevazione. Sono inoltre state posate le parti di carpenteria che sosterranno la copertura: è quindi già facilmente intuibile la sagoma “ad onda” che assumerà la struttura, elemento caratteristico della nuova struttura architettonica. Attualmente sono stati utilizzati 35 dei 130 milioni di euro previsti nel cantiere. Nessun problema alla struttura nemmeno dal recente terremoto, così come nel 2010 l’alluvione non creò particolari difficoltà. Intanto anche l’Uls 17 è stata coinvolta nell’operazione anti evasione del ticket condotta il mese scorso dalla Guardia di Finanza. Le Fiamme gialle incrociando i dati hanno scoperto in cinque Uls venete, fra cui quella della Bassa Padovana, ben 2.300 “falsi poveri” che usufruivano dell’esenzione dal pagamento del ticket. Ben 30 mila le prestazioni in esenzione del biennio 2009--2010 passate al setacci, e non finisce qui. Restando in tema di soldi l’Uls della Bassa ha chiuso il proprio bilancio con un utile di 1,3 milioni di euro grazie ad una incisiva operazione risparmio. Nel dettaglio, i ricavi complessivi sono stati pari a 334,7 milioni di euro, in leggero incremento rispetto al 2010 (332,5 milioni), ma con una significativa riduzione dei costi, passati dai 334,5 milioni del 2010 ai 328,7 del 2011 (-5,8 milioni): il risultato d’esercizio è stato quindi un utile di 1,3 milioni, che sarà destinato al potenziamento delle dotazioni tecniche aziendali. “Questo dato è il frutto di una duplice strategia. - spiega il direttore generale Giovanni Pavesi - In primo luogo ci siamo impegnati a incrementare le attività svolte, soprattutto grazie ad una forte azione di recupero di pazienti in servizi nei quali in passato subivamo la concorrenza di altre realtà e, in misura minore, diventando sempre più polo di attrazione anche per cittadini di altri bacini geografici in determinate specialità. Il secondo, fondamentale aspetto ha riguardato la riduzione dei costi. È importante osservare che queste due strategie sono state perseguite in modo parallelo e complementare, ad indicare che non c’è stato alcun taglio indiscriminato o penalizzazione della qualità dell’assistenza sanitaria fornita, ma al contrario un’attenta valutazione di come ottimizzare allo stesso tempo i servizi e la gestione finanziaria. Il 2012 dovrebbe riconfermare una gestione finanziaria all’insegna dell’equilibrio. Va sottolineato inoltre che il positivo bilancio non è frutto di alcuna cessione straordinaria di beni patrimoniali, al contrario abbiamo ancora la disponibilità di alcuni immobili destinati alla vendita, con un valore complessivo compreso tra i 2,5 e i 3 milioni di euro, il che ci fa guardare con fiducia al futuro”.


6 Este Il caso Il Governo rivoluziona il panorama della giustizia nella Bassa Padovana

Tribunale, tutti a Rovigo

Passano in Polesine non solo le competenze ma anche tutti i magistrati e i dipendenti

I

l tribunale di Este chiude ufficialmente i battenti e si sposta in Polesine. Il Consiglio dei Ministri, che ha rivoluzionato il panorama giudiziario nazionale stabilendo la riduzione e l’accorpamento di 37 tribunali e di 38 procure e soprattutto la soppressione di tutte le 220 sezioni distaccate di tribunale della penisola, ha emesso il proprio verdetto per Este. Il decreto legislativo di revisione delle circoscrizioni giudiziarie ha infatti deciso di tagliare tutte le sezioni distaccate di tribunale del Veneto, e tra queste anche Este. Un provvedimento annunciato da tempo, che tuttavia non rappresenta neppure la vera “pietra dello scandalo”. La novità eccellente è il fatto che il tribunale di riferimento per gran parte della Bassa Padovana non sarà quello di Padova, bensì quello di Rovigo. Il reset del mondo giudiziario italiano voluto dal Governo ha infatti ridisegnato tutte le competenze territoriali, facendo emigrare i nostri Comuni nel Rodigino. Si parla di 37 enti comunali. Da Montegrotto Terme a Masi, passando per Vo’ e Urbana, ora bisognerà guardare a Rovigo e non più

a Este, né tanto meno a Padova. Il passaggio delle competenze atestine al tribunale rodigino arriva in seguito ad un “effetto domino” determinato dalla soppressione del tribunale di Bassano del Grappa: questi, infatti, avrebbe dovuto accorpare la sezione distaccata di Cittadella. Senza Bassano, il Comune murato è stato dirottato verso Padova, scalzando Este e destinando la sezione atestina a Rovigo. Con il passaggio di funzioni al Polesine, emigreranno sotto le dipendenze del tribu-

nale di Rovigo anche tutti i dipendenti e i magistrati in forza ad Este. Il tribunale di Este conta 10 dipendenti, tra dirigenti, funzionari, assistenti e ausiliari. Altri 10 sono invece i lavoratori legati al Giudice di pace, per il cui futuro non c’è ancora chiarezza (anche se l’accorpamento a Rovigo è probabile pure in questo caso): 4 a Este, 3 a Monselice e 3 a Montagnana. Sulla vicenda si sono espressi in maniera negativa gran parte dei sindaci e dei politici della Bassa Padovana.

Il Tribunale di Este, da pochi anni nella nuova sede

GRANDI EVENTI ALL’OASI FIORITA!!!

NOT TE VERDE

VI ASPETTIAMO... OGNI VENERDI ' E SABATO DI SETTEMBRE FINO ALLE ORE 24:00 CON SERATE A TEMA E INTRATTENIMENTO Montagnana (PD) V. Luppia Alberi, 138/A Tel. 0429 804473 Fax 0429 807868

IL FUTURO I dipendenti cercano di essere ottimisti, disagi per i cittadini

PER IL TRASLOCO CI VORRANNO FINO A 4 ANNI

I

l trasferimento vero e proprio verso Rovigo potrebbe richiedere qualche anno. In tribunale ad Este si parla addirittura di quattro anni. Non solo. Per i procedimenti civili pare che sarà mantenuto una sorta di presidio nella Bassa Padovana, a Montagnana o al massimo a Legnago. Questo potrebbe favorire i dipendenti residenti in zona, ma soprattutto quei cittadini più vicini a Verona che a Rovigo. Già, perché la rivoluzione Una delle aule del Tribunale giudiziaria della Bassa ha inserito nella lista dei Comuni alle dipendenze del tribunale polesano anche molte municipalità veronesi. Su tutte Vigasio, realtà che si trova a soli 18 chilometri dal tribunale di Verona e a ben 92 da quello di Rovigo. Quasi un paradosso, che probabilmente verrà limato prossimamente. I disagi che la nuova organizzazione ha portato non hanno però intimorito i dipendenti del tribunale atestino, che anzi hanno accolto positivamente l’avvicinamento a Rovigo. “Premesso che mantenere il tribunale a Este era la migliore soluzione, sia in termini di efficienza che di comodità - sèoegano - il trasferimento a Rovigo è il male minore. Risiediamo a Montagnana, Este, Monselice e pure a Rovigo e ci risulta molto più facile raggiungere Rovigo che Padova. Anche a livello di mezzi pubblici, il numeri di treni diretti a Rovigo e in partenza da Sant’Elena sono più numerosi e veloci di quelli che da Monselice portano a Padova». Già da tempo, inoltre, i dipendenti atestini stringono rapporti di collaborazione con quelli rodigini: “Oltre ad aver stima di loro in quanto a professionalità, ci sentiamo anche molto legati culturalmente e sensibilmente”. Più forte, invece, il disagio per gli altri professionisti legati al tribunale di Este: 123 avvocati, 127 commercialisti e 13 notai, che ora dovranno allargare il proprio raggio d’azione.

NUOVA RONTONDA, PARTITI I LAVORI

C

on luglio sono partiti i lavori per la nuova rotatoria dell’Extense. Il cantiere verrà chiuso entro la fine di settembre. Saranno dunque mesi di lavoro e di passione lungo la Padana Inferiore per il nuovo rondò della Padana Inferiore. “Il progetto esecutivo è stato validato - conferma il vicesindaco Stefano Agujari Stoppa - e dunque a breve il privato che realizzerà l’opera potrà partire con i lavori. Ricordo infatti che i costi di realizzazione dell’incrocio saranno sostenuti interamente da Aspiag Service srl”, ossia la concessionaria dei marchi di distribuzione alimentare che hanno sede nell’Extense. Il rondò avrà un raggio di 8 metri e si collocherà su via Versori. Nell’incrocio tra via Tono, via Paleoveneti e via Morlungo sparirà il semaforo e verrà creata una sorta di isola pedonale rialzata di venti centimetri. Sarà quindi istituito il divieto di svolta a sinistra in entrambi i sensi di marcia. Il vicesindaco dà ulteriori dettagli sull’intervento: “Il cantiere di fatto è già aperto. La nuova rotatoria dovrebbe essere consegnata entro settembre. Non ci saranno disagi per i pendolari e per il traffico, visto che i lavori non richiederanno mai la chiusura al traffico della regionale. Al massimo si procederà in certi momenti con un senso unico alternato”. Il fatto che il cantiere si apra tra luglio e agosto limiterà i danni. Oltre che per l’utilità dell’opera, l’amministrazione comunale si dice soddisfatta soprattutto per la partnership che ha porterà alla realizzazione della rotatoria. Questa in-

fatti è la seconda rotonda finanziata grazie agli investimenti del privato: “Si parla di un intervento di 345 mila euro che si somma a quello compiuto al Famila, dove l’Aspiag ha investito 260 mila euro, e all’accordo stretto con la CementiZillo per l’asfaltatura di alcune strade del centro storico. I rapporti con questi privati hanno già permesso al Comune un risparmio di un milione di euro”. A proposito di “patto col privato”, un’altra collaborazione vedrà innalzare su via Ateste un impianto pubblicitario a led. La giunta comunale ha infatti approvato l’installazione di un impianto video a messaggio variabile nell’area verde che si trova tra via Ateste e via dell’Industria. A realizzarlo, installarlo e gestirlo sarà la ditta World Appeal di Noventa Vicentina. La World Appeal si è impegnata a cedere al Comune la metà degli spot da 30 secondi che saranno proiettati durante le 24 ore di attività del pannello.


CASA DI RIPOSO

“San Giorgio”

Certificato n. 11064

Centro di Servizi per il Territorio

La lungimiranza, la magnanimità e la passione per il sociale, hanno reso possibile, negli anni ’70, la creazione di una Casa di Riposo a Casale di Scodosia. Voluta dall’allora Sindaco Nevio Missaglia e da un gruppo di cittadini costituitisi in comitato promotore, ampliata e modernizzata nel corso degli anni dalle Amministrazioni che sono succedute, rappresenta oggi una realtà concreta, solida ed insostituibile. La Casa di Riposo di Casale di Scodosia, entrata in funzione nel febbraio 1983 dapprima come casa di riposo comunale e poi, da luglio 1997, per opera del Sindaco Renato Modenese, come ente autonomo (Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza - IPAB) denominata Casa di Riposo San Giorgio, ha lo scopo di fornire assistenza alla popolazione anziana del territorio; è cresciuta e nel tempo si è ampliata nella struttura e nei servizi per dare risposte efficaci alle necessità delle persone anziane e a tutte quelle che versano in stato di bisogno o di emergenza sociale. Il percorso di quasi un trentennio ha richiesto impegno, passione e risorse. Volendo brevemente ripercorrere e analizzare il periodo, risulta necessario rilevare come le cose, nel tempo, siano cambiate sia a livello normativo che sociale. Nel corso degli anni vi è stata un’aumentata attenzione da parte dell’Amministrazione Regionale verso le IPAB. L’aumento della popolazione anziana e il cambiamento nel tessuto sociale, ha comportato la difficoltà di permanenza degli anziani, affetti da particolari patologie, nelle famiglie; ha reso necessario l’inserimento delle IPAB nella rete sociale, facendole diventare attori principali nell’assistenza sociale ma soprattutto sanitaria, diventando partner importante ed insostituibile del servizio sanitario; quindi si è reso necessario l’adeguamento delle stesse a livelli assistenziali definiti (rispetto di precisi standard strutturali, sanitari ed assistenziali, autorizzazione al funzionamento, accreditamento, ecc.). Oltre all’adeguamento normativo, la Casa di Riposo San Giorgio ha sempre operato affinchè il proprio servizio rispondesse a dei requisiti di qualità precisi: dal 2006 l’Ente è in possesso della certificazione di qualità ISO 9001:2008. Alla evoluzione normativa, la Casa di Riposo San Giorgio ha saputo adeguarsi, a volte anche anticipando i tempi, fornendo le

risposte attese dai cittadini, accogliendo gli obblighi imposti, onorandoli e sfruttandoli quali stimoli di miglioramento. La struttura può accogliere oggi 121 persone di cui 107 non autosufficienti di 1° e di 2° livello assistenziale e 14 autosufficienti. Gli Ospiti non autosufficienti possono fruire di camere singole, doppie, triple; gli autosufficienti di mini appartamenti situati in villette con alloggi per singoli e per coppie. Tutti i locali sono dotati di servizi igienici, climatizzazione, tv e arredi adeguati alle diverse patologie e potenzialità degli Ospiti, allo scopo di conservare la maggior autonomia in un ambiente comunque protetto e assistito. La necessità di miglioramento, secondo canoni che rispettino al tempo stesso, la salute, il gradimento e la sicurezza alimentare, ha imposto la costruzione di una nuova cucina, allestita esternamente al blocco centrale, dotata di moderne attrezzature e profondamente rivisitata nel servizio di ristorazione. Particolare attenzione è stata riservata alla socialità, alla condivisione di momenti con i familiari ed al relax, mediante la creazione di spazi comuni quali la sala bar, un giardino attrezzato e strutturato in modo che le persone con maggiori difficoltà possano accedervi con sicurezza e autonomia, oltre a spazi verdi attrezzati ad uso delle villette. Il servizio, garantito 24 ore su 24 con personale assistenziale e sanitario, vede la presenza di tutte le figure professionali necessarie a garantire un’assistenza adeguata sotto tutti i punti di vista. Al momento dell’ingresso, periodicamente o a seconda dei bisogni, l’equipe multidisciplinare (assistente sociale, psicologo, logopedista, fisioterapista, infermiere, operatore socio-sanitario, educatore-animatore, coordinatore e medico) si riunisce per valutare lo status e l’evoluzione di ciascun Ospite, appronta il piano assistenziale individualizzato che si ritiene più adeguato, verificandolo a cadenze prestabilite e modificandolo ogni qual volta se ne presenti la necessità. Questa assistenza personalizzata trova completezza nella divisione in nuclei assistenziali (nucleo rosmarino, basilico e salvia) dove l’assistenza ruota intorno alla persona, quindi centralità dell’Ospite e dei suoi bisogni, relazione con il personale diretta e priva di barriere create da tempistiche lavorative pensate per i grandi numeri. L’attenzione all’Ospite si concretizza anche in attività di gruppo che, partendo dall’aspetto puramente ludico, mira alla riabilitazione mediante interventi di stimolo e di esercizio psichico

atti a contrastare e rallentare il declino cognitivo; un esempio significativo è stata la realizzazione di una raccolta di “Storie di Vita” narrata dagli Ospiti, arricchita da foto, riassunta in un libro che racconta le varie fasi della vita. I servizi dell’ente non si esauriscono nell’attività interna alla struttura, ma si aprono anche al territorio. Il punto prelievi e l’accoglienza diurna, strutturata in varie tipologie di servizi ed orari, diversa dal semplice centro diurno, rappresentano un importante servizio per gli esterni; oltre al servizio direttamente volto all’utente, si sono voluti creare momenti di incontro e di integrazione. Il percorso di crescita della Casa di Riposo San Giorgio, la creazione di benessere e sicurezza per le persone in stato di bisogno, rappresenta la cornice di un sistema al cui centro vi è l’Ospite; nel corso degli anni la mission non è cambiata, si è arricchita, scevra da ogni fredda burocratizzazione. A testimonianza di ciò vi sono, agli atti, numerose testimonianze di Familiari e di Ospiti, alcuni dei quali hanno contribuito, nel tempo, con le loro risorse, a far crescere l’ente a beneficio di tutta la collettività. L’intreccio di tutti i fattori, le collaborazioni con altri enti, le competenze e le capacità dei singoli e dello staff in generale, contribuiscono a garantire economicità, efficienza ed efficacia; permettono una gestione corretta, rette diversificate ed adeguate alla realtà territoriale, bilanci trasparenti e di segno positivo. Pur nell’esposizione degli aspetti principali, le potenzialità della Casa di Riposo San Giorgio, per essere pienamente comprese, hanno bisogno di essere toccate con mano e verificate. Per questo motivo ci si può rivolgere all’Ente, conoscere gli Ospiti e i servizi nel dettaglio; il personale preposto, previamente contattato, è a disposizione di tutti coloro i quali, per semplice curiosità o necessità, volessero rendersi edotti della realtà brevemente illustrata, fornendo tutte le informazioni necessarie e per una visita alla struttura. Luciano Borin – PRESIDENTE

CASA DI RIPOSO “San

Giorgio”

Via dei Placco, 31 - CASALE DI SCODOSIA (PD) Tel. 0429 87329 - 0429 879166 - Fax 0429 849168 www.casadiripososangiorgio.it casadiripososangiorgio@itpec.it amministrazione@casadiripososangiorgio.it


8 Montagnana Rievocazioni storiche Dopo le difficoltà, la macchina organizzativa si è rimessa in moto

Palio avanti con il nuovo presidente Lo scorso 17 di luglio è stato votato il bilancio e nominato Fiorenzo Greggio. Ora a tappe forzate fino al 2 settembre

di Mauro Gambin

L

’edizione 2012 del Palio dei dieci comuni è salva e il prossimo 2 settembre il colorato circo storico tornerà ad animare la città murata e il vallo della “Rocca degli alberi”. Dopo quattro mesi di stallo, dovuti dalle dimissioni del presidente del Comitato Palio, Fabio Borin, nell’assemblea dello scorso 17 di luglio, partecipata dai presidenti dei comitati locali e dai sindaci dei dieci comuni, è stato votato il bilancio ed eletto il nuovo presidente. La macchina organizzativa ha quindi potuto rimettersi in moto, anche se nelle prossime settimane dovrà viaggiare a tappe forzate. Il presidente uscente non nasconde che tra le cause delle difficoltà incontrate nel suo mandato, ci possa essere anche la spiacevole vicenda legata alla mancata realizzazione dell’edizione dello scorso anno, quando un forte temporale aveva compromesso la riuscita della manifestazione, comportando anche importanti mancati introiti che hanno fortemente aumentato lo stato debitorio del comitato ma è stato il forte pregiudizio esercitato dai presidenti dei comitati locali sul suo operato, a convincerlo che era arrivato il tempo di lasciare le redini del Palio. “In questi anni non ho trovato grande collaborazione – spiega lo stesso Borin – ho cercato di mettere in ordine una situazione

NEWS

I

abbastanza ingarbugliata. Cito solo l’esempio delle attrezzature del Palio di cui chiunque si serviva a proprio piacimento e senza rendere conto a nessuno. Ecco, queste cose non mi sono mai piaciute e in questi anni ho cercato di portare delle regole oltre ad un sistema di lavoro che puntasse sulla continuità e sulla costanza dell’impegno sulle attività da portare avanti ma, ripeto, per lo più le mie proposte sono rimaste lettera morta. In questi anni ho cercato anche di cambiare il format di una manifestazione che da troppo tempo veniva proposta sempre nella stessa veste, situazione che innegabilmente aveva comportato ad un calo delle presenze tra gli spettatori. Per questo avevo ideato il sabato del Palio, ovviamente tirandomi addosso le contestazioni dei più conservatori ma ottenendo anche un buon risultato sia in termini di pubblico sia per quanto riguarda l’aspetto contributivo da parte della Regione, visto che da qualche anno finanzia solo le iniziative che hanno una forte connotazione legata alla rievocazione storica. Feltre, tanto per precisare, non becca un soldo da palazzo Balbi. Insomma, in questi anni ho cercato di portare avanti un progetto che non è stato, legittimamente, condiviso dagli altri. Da qui la scelta di presentare le mie dimissioni”. Ma le pressioni dei comitati locali si è fatta

L’immagine di un’edizione del Palio degli anni passati e nella foto piccola l’ex presidente Fabio Borin sentire anche con i continui voti a vuoto sul bilancio, forse dovuti anche al forte indebitamento. Stiamo parlando della ragguardevole somma di quasi 50 mila euro. “I debiti il Palio li ha sempre avuti, prima che diventasse associazione erano stati raggiunti i 170 mila euro, poi vennero in parte assorbiti dalle amministrazioni comunali. Comunque sia: certo, lo stato debitorio esiste, la cifra è quella corretta ma va tenuto conto che dei quasi 50 mila euro, 22 mila dipendono dalla mancata realizzazione del Palio dello scorso anno, altri 14 mila dipendono dalla riduzione del contributo da parte della Regione. E la situazione continuerà ad essere questa fino a quando il Palio continuerà a vivere con i soli contributi degli enti locali. Perché vede, quando si chiede di ottenere un finanziamento ci

si accorda su una cifra che non viene mai liquidata subito ma a distanza di tempo, a volte anni, e quasi sempre poi l’incasso è decurtato rispetto a quanto concordato. Però su quella somma di solito si impostano le possibilità di spesa, che vengono fatte subito, e dunque il saldo è quasi sempre negativo”.

PROGRAMMA

Ora però il bilancio è stato votato, dopo tre presentazioni i comitati locali e i Comuni, tranne Montagnana, si sono risolti nel dare il loro assenso. “Anche questo è un aspetto che non ho capito – conclude Borin – i conti sono sempre gli stessi però ora ai presidenti vanno bene. Va beh, è andata così”.

SI PARTE IL 25 AGOSTO CON IL “GIURAMENTO”

L

a 36esime edizione del Palio dei dieci comuni prenderà ufficialmente il via sabato 25 agosto all’Arena Martinelli-Pertile (Porta Padova) con la cerimonia del Giuramento dei capitani; seguirà giovedì 30 agosto la tenzone degli Arceri nel vallo della Rocca degli Alberi; la Cena Medioevale in Piazza, invece, sarà la sera del 31 agosto. Nel clou della manifestazione si entrerà sabato primo settembre con l’incendio della Rocca degli Alberi mentre domenica 2 settembre sarà il gran giorno con la tenzone del Palio.

Fiorenzo Greggio

“MI SENTO PRONTO AD ORCHESTRARE LA 36° EDIZIONE”

l nuovo corso del Palio sarà sotto l’egida del neo eletto presidente Fiorenzo Greggio che pur non vivendo nel mandamento dei Dieci comuni, è un architetto padovano, da tempo conosce e partecipa alla rievocazione storica della città murata. Ad accompagnare il presidente nella realizzazione della 35esima edizione oltre ai comitati locali, ci sarà l’amministrazione di Montagnana che ha prestato la sua disponibilità per cercare di recuperare il tempo perduto. In questi mesi, infatti, la macchina organizzativa è rimasta bloccata insieme

a tutte le richieste e le autorizzazioni necessarie per mettere in piedi il giorno del Palio e tutte le manifestazioni correlate a cominciare dal “giuramento”. “Con l’impegno, l’entusiasmo ma anche la consapevolezza dell’importanza di questo incarico – ha esordito Greggio subito dopo la nomina a presidente dell’Associazione Palio-, accetto l’onore e l’onere di essere il nuovo Presidente dell’Associazione (il sesto della storia del Palio). Nell’organizzare la manifestazione 2012 ci sono tempi ristretti e disponibilità finanziarie limitate, ma con franchezza e senza nessun timore, aiutato

anche dall’unanimità dei consensi avuti dai rappresentanti dei comitati Palio locali, mi sento pronto ad orchestrare la 36° edizione del Palio dei 10 Comuni del Montagnanese. Non posso dimenticare comunque il lavoro svolto dal Sindaco di Montagnana Loredana Borghesan che ha contribuito in maniera decisiva ad appianare i forti contrasti tra i Comitati locali e la ex presidenza del Palio; contrasti che stavano oramai per dissipare il poco tempo a disposizione per organizzare la manifestazione, in pratica in gioco vi era la vera sopravvivenza del Palio”. Ma.Ga.

DIAMO VOCE A CHI NON CE L’HA. ACTIONAID È INSIEME A CHI OGNI GIORNO RIVENDICA I PROPRI DIRITTI. È INSIEME A CHI NON RIMANE IN SILENZIO DI FRONTE A INGIUSTIZIE SOCIALI, FAME E POVERTÀ. È INSIEME A CHI VUOLE FARSI SENTIRE PER CAMBIARE LE COSE. UNISCI ANCHE TU LA TUA VOCE SU ACTIONAID.IT

IL DIRITTO DI CAMBIARE


Monselice 9 Ambiente Posizioni nettamente discordanti fra i rappresentanti politici

Cementerie, è polemica

Un deposito di cemento pronto per la consegna

L’azienda ha richiesto di poter usare ceneri e gessi all’interno del processo produttivo

L

a questione dei rifiuti nelle cementerie è tornata di stretta attualità a seguito della richiesta della Cementeria di Monselice di utilizzare ceneri e gessi nel processo produttivo. Una notizia che ha avuto un seguito quasi da telenovela con tutto l’universo politico monselicense in totale subbuglio. Il nocciolo della questione è semplice: una parte (in primis il sindaco Francesco Lunghi) sostiene che non verranno in nessun modo utilizzati rifiuti nel combustibile che entrerà nei forni della cementeria. Ma dall’altra parte (con il consigliere Francesco Miazzi in prima linea) fanno notare che se i rifiuti o gli scarti industriali non vengono bruciati,

Proposta

ma finiscono “nell’impasto”, il danno c’è che se al posto di calcare e argilla si insecomunque. “Per capire come funziona la riscono fanghi industriali, ceneri, scarti di produzione del cemento, possiamo utilizza- lavorazione o rifiuti industriali, il “profumo” re come esempio il forno di cucina – spiega che si libererà nell’aria sarà ben diverso e fortemente caratterizMiazzi - Per fare una torzato da inquinanti di ta, si prepara l’impasto Miazzi attacca: vario tipo. Nel 2005 e lo si versa nella teglia. “I rifiuti finiscono Il fuoco sotto provvede fra gli “ingredienti” a seguito del fenomeno degli “odori acri”, alla sua cottura. Chi en- e andranno sulla base delle analitra in cucina potrà senti- ad inquinare” si Arpav, la Provincia re i piacevoli profumi rilasciati dagli ingredienti. Per fare il cemento di Padova sospese le autorizzazioni all’uso si usano il calcare e l’argilla, si butta nella dei rifiuti nel processo produttivo, proprio “teglia” e si scalda utilizzando vari tipi di alla Cementeria di Monselice. Queste cose combustibile. Lo capisce anche un profano il Sindaco di Monselice le dovrebbe conosce-

FEDERALISMO COMUNALE L’IDEA DEL SINDACO LUNGHI

U

na legge di Federalismo Economico Comunale sperimentale, della durata di 5 anni. E’ questa la proposta presentata dal sindaco Francesco Lunghi alla Regione Veneto. L’iniziativa ha preso vita a Venezia con la presenza dell’Assessore Regionale al bilancio e agli enti locali, Roberto Ciambetti, e i sindaci di

re, ma continua imperterrito nella strategia scarti che l’azienda chiede di poter riutilizdella confusione”. zare nel processo produttivo, andranno a Ma il primo cittadino è del parere op- sostituire i materiali che servono per creare posto. “Dire che la Cementizillo ha chiesto il cemento, riducendo così l’apporto di madi poter bruciare rifiuti terie prime naturali è clamorosamente Il sindaco Lunghi: (argilla, calcare, gessbagliato – risponde “I rifiuti non so naturale) nel proFrancesco Lunghi - vor- potranno essere cesso di produzione rei dare ai cittadini di usati come del cemento. Si tratta Monselice una rassicu- combustibile” di una decisione che razione in più: l’ammitra l’altro è perfettanistrazione che ho l’onore di rappresentare, mente in linea con il Testo Unico Ambiennon approverà e non permetterà mai che nei tale e con le Direttive di Recupero dei Rifiuti forni degli stabilimenti presenti a Monselice, Europee, in quanto permette una gestione vengano usati rifiuti come combustibile. Gli virtuosa del rifiuto stesso”.

Monselice, Conselve, Lozzo Atestino, Carceri. Il Sindaco Lunghi ha esposto alla Regione una proposta di federalismo comunale che ha avuto l’appoggio oltre che dei sindaci presenti all’incontro, anche dei primi cittadini del territorio: Arquà Petrarca, Cinto Euganeo, Boara Pisani, San Pietro Viminario, Piacenza d’Adige, Pernumia, Due Carrare, Tribano e Pozzonovo. La proposta presentata consiste nel richiedere alla stato centrale una legge di Federalismo Economico Comunale sperimentale, della durata di 5 anni solo per la

Regione Veneto. Alla fine della sperimentazione si potrà valutare se estenderla a tutte le regioni che eventualmente lo richiedessero. “Chiediamo sostanzialmente di fare questo esperimento - dice il sindaco Francesco Lunghi - visto che la situazione attuale è del tutto insostenibile per le amministrazioni. I nostri cittadini, con l’introduzione dell’Imu, pagano più di prima e i Comuni hanno meno fondi per dare servizi. Questo perché i Comuni stessi devono versare allo stato centrale la metà dei soldi che incassano con l’Imu”.

REVISIONI AUTO

CONSAPEVOLEZZA DI UN GESTO DI ALTRUISMO I controlli necessari sulla tua auto, per rendere la strada più sicura per tutti, sono pochi e molto semplici. Richiedono tuttavia una certa quantità di tempo. È per questo motivo che per premiare e ringraziare i nostri nuovi e vecchi clienti abbiamo pensato di OFFRIRE GRATUITAMENTE, per tutti coloro che risiedono o lavorano nel comune di Monselice, il servizio di ritiro e riconsegna al proprio domicilio (casa o luogo di lavoro) dei mezzi da revisionare. Basta una telefonata e il vostro mezzo verrà revisionato e riconsegnato senza perdere tempo e senza alcun costo aggiuntivo. L’INIZIATIVA PARTIRÀ DAL MESE DI SETTEMBRE

TAC & SERVICE snc di Ciliesa Riccardo & C. - MONSELICE (PD) Via Emilia, 8 - Tel. e Fax 0429 783037


10 Sguardo a Conselve L’evento Dal 20 agosto al 2 settembre il ricco calendario di appuntamenti

Conselve scommette sulla Fiera di S. Agostino U

n ricco calendario per accendere i riflettori su Conselve per quasi due settimane, un carnet di appuntamenti che abbraccia ogni aspetto della vita sociale ed economica del territorio: dalle categorie produttive alle associazioni di volontariato, dalla cultura allo sport, dal divertimento alla tradizioni. La Fiera di Sant’Agostino si conferma anche per l’edizione 2012 l’evento dell’anno ed è frutto dell’impegno e del lavoro di gruppi e associazioni mobilitate da mesi per mettere a punto il programma. Il tempo della Fiera vera e propria, quest’anno si allunga perché l’inaugurazione ufficiale del 24 agosto è preceduta da quattro serate, dal 20 al 23 agosto, dedicate alla musica dal vivo, alla ginnastica ritmica e alla danza. Poi si prosegue con un fitto programma di eventi fino al gran finale di sabato 1 settembre con la tombola e i fuochi e alle iniziative di domenica 2 settembre, dal mercato agricolo con i prodotti a “km 0” in piazza alla rassegna cinofila in Prato Comunale. Come ogni anno sono attese migliaia di persone soprattutto il giorno della Fiera il 28 agosto, quando oltre trecento bancarelle invaderanno le piazze e le vie principali e saranno aperte tutte le esposizioni e gli

In vetrina le eccellenze del territorio, dall’artigianato e commercio all’agricoltura.Taglio del nastro e festa in Cantina

La Conselve Vigneti e Cantine inaugura il punto vendita rinnovato

da

l1 97 9!

Marchiori Ettore ESTE (PD) Via G. Callido, 6 - Tel. 0429 600570

La nostra passione... sono i Vostri Lavori!!!

LA FESTA

Come ogni anno la Fiera richiama in città migliaia di persone da tutta la provincia stand. Intenso come sempre il lavoro della Pro Loco, del Comune e delle associazioni di categoria (Ascom, Upa, Cna, Coldiretti, Cia, Confagricoltura) che, insieme alla Camera di Commercio, allestiscono “Città di Conselve in mostra”, che porta in scena le eccellenze del territorio. La sera dell’inaugurazione sarà animata dalla sfilata delle macchine e delle attrezzature agricole di oggi e di ieri, con tanti mezzi d’epoca, e dalla banda cittadina “Giueppe Verdi”. Il sindaco di Conselve Antonio Ruzzon sottolinea l’impegno “corale” per questa grande manifestazione. “Nonostante le ristrettezze di bilancio siamo riusciti ad impegnare risorse sufficienti per garantire un buon livello alla Fiera, occasione unica per promuovere Conselve nel suo insieme, dalle attività economiche al volontariato sociale, culturale e sportivo. Mi auguro che la dedizione ed il lavoro di tante persone sia ricompensato con una massiccia partecipazione di pubblico. Fra le novità di quest’anno spicca la mostra collettiva di pittura degli artisti del Conselvano e l’esposizione fotografica organizzare dalla Pro Loco nell’ex negozio Berto. In Prato Comunale sarà operativa, fra le altre realtà no profit, la nuova associazione “Pronto Conselve” con un gruppo di volontari che prossimamente garantirà un nuovo servizio ambulanza. Tra

le curiosità spicca il “triathlon dei boscaioli in Prato il 25 e 26 agosto, con gare di taglio e di scultura sul legno. Non dimentichiamo poi le celebrazioni in Duomo per la solennità di Sant’Agostino e il concerto sacro “Lacrime di San Lorenzo” il 30 agosto. Ci sono tutti gli ingredienti per una grande Fiera”. Artigiani, commercianti e agricoltori animeranno l’esposizione in Prato, dal viale al grande stand riservato alle attività produttive, una vetrina di richiamo per il “made in Conselve” in tutte le sue declinazionbi. Domenica 26 agosto una giornata dedicata ai vini Doc e Docg della Conselve Vigneti e Cantine con l’apertura del nuovo punto vendita con spazi ampi e rinnovati e l’inaugurazione del mercato settimanale degli agricoltori, che si terrà ogni sabato mattina in Cantina.

E’ il più longevo di Conselve

105 ANNI: RECORD A GUERRINO BOTTON

PRODUCIAMO E INSTALLIAMO: • • • • • • • • • • • • • • • •

cancelli in ferro e ringhiere inferriate di sicurezza scale e parapetti da interno e da esterno parapetti in acciaio inox a misura lavori in ferro Le DETRAZIO NI porte blindate FBS su misura FISCALI del 5 5 % e del basculanti e sezionali anche motorizzati 36% continua no per serrande, vetrine e allestimenti per negozi tutto il 2012!! tapparelle alluminio e Pvc pensiline esterne zanzariere e tende da sole serramenti Pvc made in Italy serramenti in alluminio e legno taglio e piega lamiere in ferro, acciaio, rame e alluminio sostituzione vetri su serramenti e vetrine riparazioni e manutenzioni di ogni genere

Marchiori Ettore

APERTO TUTTO IL MESE DI AGOSTO

F

esta grande per il super-nonno del Conselvano: dall’alto dei suoi 105 anni Guerrino Botton ha battuto ogni record di longevità. Classe 1907, nato il 15 luglio, contadino per una vita, il “nonno” di Conselve è stato festeggiato nella sua abitazione, insieme ai tre figli, Luigi, Clara e Marina, ai tre nipoti, ai due pronipoti, ai parenti e agli amici. Partecipata anche la messa celebrata da mons. Luciano Danese alla presenza dei sindaci di Conselve Antonio Ruzzon e di Bovolenta, dove Guerrino ha vissuto per 54 anni, Vittorio Meneghello. E’ il figlio Luigi, infermiere in pensione, a prendersi cura del padre, tutti i giorni. Nonostante la veneranda età e qualche acciacco che gli impedisce di muoversi ha conservato la presenza di spirito ed il gusto per la battuta. “Ama recitare le filastrocche di una volta - racconta la figlia Marina Botton - e gli piace anche cantare. Ha conservato tutta la sua simpatia”.


fitness

MDF DANZA FITNESS

Montagnana piazza Vittorio Emanuele 15/06/2012

NUOVA APERTU

SEDE DI MON

TAGNANA

CORSI FITNES

S

Di Eros Bonamigo e Federico Veronese

La nuova aerobica latina che fa impazzire il mondo!

Il programma ZUMBA si bas a su esercizi di fitness accompagnati dalla coinvolgente musica latin a ed internazionale. Lo sforzo fisico diventa divertimento e il tuo allenam ento si trasforma in una vera festa!! Ben efici: ottima tonificazione, rassodame nto e graduale perdita di peso. Org ogliosi di essere i primi a portare ZUM BA in numerose piazze del veneto: PAD OVA, ESTE, MONSELICE, ABANO TERME, MONTAGNANA, NOVENTA VIC ENTINA, SOLESINO, CHIOGGIA, ROVIGO, VENEZIA E VICENZA!

: Zumba Fitnes s - Zumba To ning - Walking - Fit Boxe - Circuit i di tonificazione-S tretching Tone - Pancafit (metodo Rag gi) - Postural Pilates - Step - G.A.G. -Fun zionale - P.T.( Personal Training) CORSI DANZA

: Zumba Fitnes s - Danze Ca raibiche - Hip Hop (con Chiq uito) - Ballo Liscio •per bambin i - Zumbatom ic •per adult i over 50 - Z umba Gold

CORSI DIFESA P

E

RSONALE • Kravmaga/K alah • Antiaggress ione Donne

:

a settembre RA

NS79ELICE SECrDistEoforDoI CoMloO mbo, n.

via merciale AIRONE 1° piano centro com

CORSI FITNESS :

- Fit Boxe Zumba Toning - Walking - Stretching - Circuiti di tonificazione o Raggi) Tone - Pancafit(metod e Spring Postural Pilates - Step -Funzionale Energy(novità) - G.A.G. ) -Aerobica. -P.T. (Personal Training

CORSI DANZA :

Danze Caraibiche ) Hip Hop (con Chiquito batomic •per bambini - Zum 50 - Zumba Gold •per adulti over

CORSI DIFESA PERSONALE • Kravmaga/Kalah e • Antiaggressione Donn

SUMMER TOUR 2012

hip hop

con Corsi di inicano il maestro dom o ore e ballerin tt a , O IT U IQ CH t dance 2” in nel film “stree I le al cinema!! ri p a d a a it c s u ce ddivisi per fas corsi sono su ulti. i, giovani e ad d’eta’: bambin

Per informazioni ed iscrizioni

 392 6953159 MDF Montagnana Danza Fitness via Papa Giovanni XXIII n.1 zona ZAICO Montagnana Segreteria aperta dalle ore 09.00 alle ore 21.00 ogni giorno esclusa la domenica. Ogni sabato dalle ore10.00 alle ore 15.00.

• Eros Bonamigo: 349 4651960 • Federico Veronese: 348 3951212

:

• Venerdi’ 3 agosto

Sagra paesana a Montagnana, piazza Vittorio Emanuele II dalle ore 21.30

Le altre nostre sedi: • PADOVA (PALESTRA COMUNALE CADONEGHE)

• Domenica 5 agosto Sagra paesana a Vighizzolo d’Este zumba+serata latina con dj fabio

• ABANO TERME (NEW FIT VILLAGE)

• 8-19 Agosto Convention Mondiale

• ALBIGNASEGO BARCHESSA (strada battaglia)

• Venerdi’ 24 agosto

• ESTE (SPORTLIFE) • CINTO EUGANEO (Centro Fitness Evolution) • SOLESINO (Dance Mania Academy) • NOVENTA VICENTINA (NOVENTA FITNESS)

www.erosbonamigo.com - www.adrenalinalatina.com - www.montagnanadanzafitness.com

istruttori Zumba ad Orlando ,Florida( u.S.A.)

Presentazione attivita’ MDF stagione 2012-13 nella piazza principale di Monselice (e non più a Montagnana). Dalle ore 21.30 Zumba!!

• Sabato 8 settembre Notte Rosa di Abano/Montegrotto.


CANTINA DI MERLARA Nuovo Punto Vendita

Solo da noi lo SPRITZ pronto da stappare!! Vendita Diretta Vini Sfusi E Confezionati

A 5 KM DA MONTAGNANA COLLIS - Veneto Wine Group - Società Cooperativa Agricola Consortile Via Cappuccini, 6 - 37032 Monteforte d’Alpone (VR) Tel. 045 6108222 - Fax 045 6170161 - info@collisgroup.it - www.collisgroup.it Orari: dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.00. Chiuso la Domenica e Lunedì


Sguardo a Conselve 13 L’Intervento

Conselve All’insegna del contenimento della spesa e della razionalizzazione

Imu stabile, cresce l’Irpef

L’imposta sulla casa resta alle aliquote fissate dal governo, aumenta invece dello 0,15% l’addizionale Irpef, invariati quasi tutti i servizi erogati dal Comune

L

’intenzione è quella di non pesare troppo sulle tasche delle famiglie e di recuperare denaro dai redditi più alti piuttosto che dalle imposizioni sulla casa. L’amministrazione quindi sceglie di non aumentare l’ex Ici mentre rivede verso l’alto l’addizionale sui redditi. Nessun ritocco, pertanto, per l’Imu che resta alle aliquote stabilite dal Governo mentre sale dello 0,15 per cento l’addizionale Irpef. Per recuperare parte del mezzo milione di euro che viene a mancare alle casse comunali l’amministrazione recuperare una parte dell’avanzo di bilancio 2011 e 190 mila euro dal via libera all’apertura del nuovo centro di articoli di elettronica in zona industriale. Un’operazione contestata dai commercianti, con l’Ascom sul piede di guerra che ha già annunciato un ricorso al Tar, la quale però porta del denaro contante a Palazzo Zen. “Rispetto all’anno scorso mancava all’appello un milione di euro - spiega il sindaco Antonio Ruzzon - con l’Imu alle aliquote “nazionali” raccoglieremo circa metà di questa somma. In questo momento non ci sembra il caso di infierire sulla proprietà immobiliare e in particolare sulle prime case, quindi abbiamo scelto di non aumentare l’imposizione. Ci sembra più equo recuperare qualcosa alzando di poco l’addizionale Irpef, che passa dallo 0,5 allo 0,65 per cento, ferma restando l’esenzione per i redditi più bassi, sotto i 7.500 euro. Questo aumento corrisponde ad un gettito di poco inferiore ai 200 mila euro. Poi aggiungiamo i 190 mila euro dalla nuova attività commerciale in zona industriale, di cui 70 mila di oneri di urbanizzazione e 120 mila come atto unilaterale per il cambio di destinazione d’uso

del capannone. Si tratta di una somma importante che altrimenti avremo dovuto recuperare in altri modi. I 110 mila euro mancanti li copriamo con la parziale applicazione dell’avanzo di amministrazione. In questo modo riusciamo a tenere in piedi il bilancio senza aumentare troppo le tasse”. Per i servizi a domanda individuale infatti l’unico ritocco verso l’alto è quello della mensa, i cui buoni pasto passano da 3,10 euro a 3,60 euro. “Non aumentiamo invece il trasporto scolastico, pagato per il 75 per cento direttamente dal Comune. - aggiunge Ruzzon - Lo sforzo fatto dall’Amministrazione, assieme a tutta la struttura comunale, è stato quello di limitare, per quanto possibile, l’aumento del carico fiscale verso la cittadinanza, garantendo, nel contempo, il mantenimento dei servizi generali, anche grazie ad una graduale e costante razionalizzazione delle spese di funzionamento del Comune. Nella redazione del bilancio abbiamo tenuto in debita considerazione l’influsso negativo sull’economia reale del Paese generato dalla crisi finanziaria globale in atto ormai dal 2008. Fatto che continua a pesare sulla tenuta del tessuto economico del territorio. Da parte nostra ci proponiamo di mantenere gli interventi predisposti negli anni precedenti in termini di contenimento del disagio sociale. Nonostante la crisi dell’edilizia prevediamo, comunque, un trend positivo degli introiti derivanti dai permessi di costruzione, diretti a finanziare non solo gli investimenti ma anche parte delle spese correnti. Un bilancio all’insegna del risparmio e della riduzione di spesa - conclude Ruzzon - senza però incidere sulla qualità dei servizi”.

Il Veneto cresce se nel rigore c’è più Europa di Franca Porto*

segue da pag.

Il Patto di stabilità italiano è una applicazione del patto sottoscritto nel 1997 ad Amsterdam tra i Paesi europei che, dopo Maastricht si accingevano a dotarsi di una moneta unica, l’euro. Il Patto interno italiano, che nasce nel 1999, si presenta con alcune caratteristiche che lo rendono poco “europeo”. Il nostro Patto è solo verticale e fissa vincoli assoluti per tutte le amministrazioni (centri di spesa pubblica), dallo Stato centrale al più piccolo dei oltre 8 mila Comuni italiani. Se il coinvolgimento di tutti è corretto e obbligato, oltre che equo, non lo è altrettanto che non si tenga conto di altri parametri come ad esempio il PIL della singola regione, il suo comporto specifico alla massa del debito pubblico, i saldi effettivi dei conti di Comuni e Province. Così se per l’Unione Europea tutti i gatti non sono grigi e i conti si fanno a saldo (tanto che ci siamo beccati una procedura di infrazione nel 2005 dopo che dal 2003 eravamo fuori dai parametri) applicando così una visione federalista e responsabilizzante di tutte le parti in gioco (governi nazionali, governo europeo, ecc.) per la versione interna la stabilità è costruita sul controllo totalizzante che azzera federalismo e responsabilizzazione. In questa situazione il Veneto, che senza enfatizzare e generalizzare, in molti casi è dentro i parametri della stabilità europea e ben concorre al prelievo fiscale determinato dall’emergenza nazionale (in percentuale, questo sì, sul proprio PIL), si trova sempre più dentro una tenaglia che stringe e comprime le sue risorse economiche e finanziarie altrimenti disponibili per la crescita. Siccome chi si occupa di politica, a meno che non sia un asino, sa bene che il rigore dei conti, crisi o non crisi, ci accompagnerà per almeno altri 10 anni, è chiaro che si devono rivedere le modalità di applicazione del Patto di stabilità interno proprio sulla logica, europeista, di federalismo e corresponsabilità. In questo modo sarà chiamato a stringere la cinghia chi (Regione, Provincia, Comune) continua a fare la cicala mentre chi è già formica potrebbe impegnarsi compiutamente a fare buoni investimenti (senza polemica va anche ricordato che spesso chi ha la spesa fuori parametro, al contrario di chi è già in regola, ha anche la maggiore evasione fiscale, in percentuale, e la minore capacità di investimenti produttivi). In caso contrario si andrà a prosciugare le risorse di chi, come il Veneto e altre regioni, può rimettere in moto la crescita. Vorremmo ricordare e sottolineare che l’accordo di Amsterdam venne chiamato, e non a caso, con il nome di “Patto di stabilità e crescita”. Non è pensabile che quello interno, italiano, sia un “Patto di stabilità e declino”. *Segretaria Cisl Veneto

Entro il 21 settembre 2012 è possibile richiedere alla Regione Veneto l’assegnazione di un Voucher per partecipare ai seguenti corsi del Catalogo di Alta Formazione En.A.I.P. Veneto:

CONTABILITÀ, CONTROLLO DI GESTIONE, BUDGETING (cod. 10848) Ore 250 di cui 70 ore di project work/stage presso aziende partner

En.A.I.P. Veneto per l’Alta Formazione

Centro Servizi Formativi di Cittadella (PD), tel. 049-9402400, cittadella@enaip.veneto.it Centro Servizi Formativi di Porto Viro (RO), tel. 0426-634069, portoviro@enaip.veneto.it

• Attività formativa ammessa al Catalogo Interregionale Alta Formazione 2012 che potrà essere anche fruita attraverso la richiesta di un Voucher del valore massimo dell’80% del costo del corso

Ore 250 di cui 70 ore di project work/stage presso aziende partner

• L’assegnazione del Voucher è subordinata alla verifica dei requisiti del richiedente e all’immissione in graduatoria.

TECNOLOGIE AVANZATE DI MODELLAZIONE E PROGETTAZIONE INDUSTRIALE CON CAD 3D (cod. 10928) Centro Servizi Formativi di Padova, tel. 049-8658201, padova@enaip.veneto.it Centro Servizi Formativi di Legnago (VR), tel. 0442-21299, legnago@enaip.veneto.it Destinatari Laureati indipendentemente dalla condizione occupazionale. Diplomati solo se occupati. Persone in cassa integrazione e mobilità. Le persone in Cigs, Cig, Cid e in Mobilità potranno fruire di un Voucher del valore del 100% del costo del corso. Richiesta del Voucher da presentare alla Regione Veneto entro il 21 Settembre 2012 sul sito www.altaformazioneinrete.it En.A.I.P. Veneto fornisce assistenza gratuita per la compilazione e presentazione della domanda di Voucher ai fini del rispetto dei criteri di ammissibilità. Contatta il Centro Servizi Formativi di tuo interesse per fissare un appuntamento con il nostro operatore. Per ulteriori informazioni visita il nostro sito:

DGR 595 del 26/07/2012

1

www.enaip.veneto.it


14 Sguardo a Conselve Il caso Accantonata l’ipotesi del trasloco dal costo di 29 milioni di euro

La Bonollo non si sposta

La storica distilleria è in via Padova da 60 anni Ora il progetto di riqualificazione ambientale

L

a Distilleria Bonollo resta dov’è: accantonata l’ipotesi di un trasferimento in zona industriale o addirittura in un altro comune, ora si fa strada il progetto di “riqualificazione ambientale e archiettonica”. Si apre pertanto un nuovo capitolo nella vicenda dello stabilimento di via Padova, azienda d’eccellenza ma anche motivo di proteste da parte dei residenti per odori acri, rumori e fumi. Ora la svolta, con la doppia decisione, formalizzata il mese scorso a pochi giorni di distanza con due delibere della giunta comunale. Nella prima l’amministrazione guidata dal sindaco Antonio Ruzzon dichiara la “non fattibilità” del trasferimento dello storico stabilmento di produzione della grappa dall’attuale sede alle porte della città. La giunta ricorda che la distilleria è attiva in quella zona esattamente da 60 anni ma aggiunge che “che dall’epoca dell’insediamento dell’impianto si sono verificate alcune condizioni di trasformazioni del territorio. Da un lato, lo sviluppo residenziale dei

Fa discutere la decisione sul futuro della Distilleria Bonollo siti limitrofi all’insediamento produttivo e, dall’altro, a partire dall’anno 2000, il concomitante aumento della produzione ed il mutamento del processo produttivo della Bonollo. Condizioni che hanno contribuito all’i-

noltro di molteplici segnalazioni, provenienti sia da privati cittadini, sia da comitati, evidenzianti, in particolare, fenomeni di percezione di inquinamento atmosferico ed acustico”. Da qui la prima ipotesi di trasferimento dell’azienda e di riqualificazione di tutta l’area. Costo previsto, circa 29 milioni di euro. Dopo mesi di discussioni e richiesta di pareri l’amministrazione ha concluso che l’idea del trasloco è difficilmente realizzabile, anche sotto il profilo urbanistico. Meglio puntare, invece, su una radicale riqualificazione e messa in sicurezza dell’impianto esistente, che può essere realizzata in tempi certi e con costi ben definiti. Quindi la seconda deliberazione, a pochi giorni di distanza, che dà il via libera al protocollo d’intesa proposto dalla Bonollo per una ristrutturazione globale dell’intera area produttiva finalizzata all’abbattimento delle emissioni e anche degli odori. Ora la parola passa ai tecnici, intanto la decisione infiamma il dibattito politico e civile in tutta Conselve.

IL PROGETTO Per il sindaco Antonio Ruzzon è la soluzione migliore

EMISSIONI SOTTO CONTROLLO E NUOVA PISTA

U

na soluzione andava trovata e questa è l’unica strada percorribile in tempi brevi e con risultati certi. Per il sindaco Antonio Ruzzon non c’era altro modo per risolvere il “caso Bonollo” che da anni è fonte di polemiche e di tensione con l’azienda e i cittadini. “Abbiamo valutato ogni aspetto della vicenda - spiega Ruzzon - e ogni circostanza, compresa quella del possibile trasferimento. Siamo giunti alla conclusione che la strada migliore, anche per dare una rapida risposta alla cittadinanza, è quella della riqualificazione ambientale, che va a risolvere Il camino della distilleria anche un problema di disagio sociale. L’azienda è disposta a sostenere investimenti impegnativi per risolvere una volta per tutte i problemi delle emissioni e degli odori. A questo proposito abbiamo ricevuto adeguate garanzie. Ora seguiremo con attenzione l’intera opera di riqualificazione”. Come si legge nella delibera di giunta “la Società ha programmato un insieme sistematico di opere finalizzate non solo a specializzare la capacità produttiva aziendale ma anche a migliorare l’inserimento del compendio agroindustriale nel contesto territoriale sotto il profilo ambientale, funzionale e della qualità architettonica. Inoltre la Bonollo si è assunta l’impegno di attuare i lavori infrastrutturali/ urbanizzatori afferenti all’itinerario ciclo-pedonale, previsto dallo strumento urbanistico generale, in estensione rispetto a quello esistente di livello provinciale per una lunghezza di 700 metri, a partire da via Cavour fino all’altezza del distributore Agip nella direzione Conselve capoluogo – Comune di Cartura e comunque fino alla concorrenza della somma di 415 mila euro. A garanzia di questo impegno l’azienda presenterà una fideiussione di pari importo. Allo stato attuale - conclude la giunta - il progetto necessita di maggiori indicazioni anche in riferimento alle problematiche di natura ambientale che si sono manifestate nel corso degli anni e che sono collegate al ciclo produttivo”.

OPPOSIZIONI E COMITATO IN RIVOLTA

B

TRIBANO, porzione di testa di trifamiliare con ingresso-soggiorno, cucina, tre camere, ripostiglio e due bagni. Garage e magazzino staccati per totali 34 mq circa con giardino privato. � 145.000 Rif. 111069

TRIBANO: in palazzina di poche unità, in perfetto stato, SAN PIETRO VIMINARIO: in bifamiliare in orizzontale, al piano primo spaziosa unità abitativa distribuappartamento con ampia zona giorno, due camere matri- ita su: ingresso, ampia zona giorno, due camere matrimoniali, bagno ripostiglio, poggiolo e terrazzo coperto, moniali, bagno, w.c., due poggioli e garage. legnaia e pollaio. Terreno adiacente di circa 2000mq. � 120.000 Rif. 111059 � 110.000 Rif. 101012

CONSELVE: porzione di bifamiliare in orizzontale di BAGNOLI DI SOPRA: centro, porzione di bifamiliare oltre 140 mq ben distribuiti, tutta al piano terra, con da riattare distribuita su ingresso, soggiorno-pranzo, cucina, disbrigo, c.t., e garage al piano terra; tre camere a giardino di circa 500 mq. bagno al piano prima. Scoperto ed ingressi privati. � 148.000 Rif. 121038 � 95.000 Rif. 101060

CONSELVE

Affiliato: PI.CO. s.a.s. Via Matteotti, 95 Tel. 049 9501541 - Tel. 049 9501537 www.grimaldifranchising.it conselve@grimaldifranchising.it

SOLESINO: In centro paese, porzione di schiera centrale da risistemare e distribuita su ingresso-salotto, soggiorno, cucina, bagno, sgombero e ripostiglio al piano terra; 2 camere al piano primo. � 70.000 Rif. 111014

occiatura senza appello da parte dell’opposizione in Consiglio Comunale. Gli sviluppi del “caso Bonollo” hanno provocato la reazione delle minoranze, decisamente contrarie al progetto. Luca Martinello e Valentina Sattin del “Movimento 5 Stelle” attaccano il sindaco Ruzzon: “Nonostante numerose e svariate segnalazioni, non ha mai preso, sia nel passato e men che meno ora, una posizione chiara e dirimente che fosse di garanzia e salvaguardia dei cittadini. Quando gli fa comodo non considera i disagi patiti dai cittadini che invece usa per giustificare l’ennesima “operazione ad personam”, quanto mai ingiusta e certamente inopportuna e miope. Ribadiamo quanto da sempre sostenuto: per tutti i casi di problematiche ambientali legate alle emissioni in atmosfera (e non solo) di industrie, quali e non solo la Bonollo, è necessario il monitoraggio costante tramite centraline fisse, con l’invio in tempo reale, dei dati rilevati on-line, per l’immediata fruizione e consultazione di quanti possano essere interessati, in segno di trasparenza e fattiva prevenzione”. “Perché Bonollo dovrebbe pagare un’opera del Comune come parte della pista ciclabile? - si chiede Maria Luisa Nucibella del gruppo “Insieme per il bene comune” - Noi chiediamo il risanamento ambientale, senza nulla in cambio! Il Sindaco, massima autorità sanitaria comunale, dovrebbe prima tutelare gli interessi della salute pubblica, e successivamente gli interessi di parte del privato. Chiediamo una maggiore trasparenza

La soluzione individuata dalla Giunta viene letta come contraddittoria e un maggiore coinvolgimento nelle scelte. Ma anche l’uso sostenibile dell’ambiente, che ne rispetti la vivibilità ora e domani, e maggiori certezze sui controlli”. Promette battaglia, intanto, il Comitato “Lasciateci Respirare”, che da anni denuncia i disagi patiti dai residenti. “Ecco l’amara sorpresa, nell’aria già da prima delle elezioni. Ruzzon ha sapientemente pianificato ogni cosa ed era cosi sicuro di essere rieletto che ha precorso i tempi concedendo quanto più poteva. Bonollo di fatto ottiene quanto voleva e ha pianificato e poi imposto al sindaco tutto ciò che più gli intereressava. Tutte le segnalazioni e le denunce dei cittadini non sono mai state prese in considerazione da Ruzzon. Se anche noi cittadini avessimo potuto contare su ingenti disponibilità finanziarie, forse una chance per evitare quanto ora è evidente l’avremmo avuta anche noi. Scorrendo le due distinte delibere vien voglia di urlare per tante incongruenze, contraddizioni e trabocchetti, il cui denominatore non è certo la chiarezza. Siamo convinti che molti particolari saranno motivo di analizi giudiziaria già dalle prossime settimane”. Il braccio di ferro è appena iniziato e sicuramente porterà un autunno “caldo” a Conselve.


Via Marconi, 6 45012 Ariano nel Polesine (RO) Tel. 0426 372202 - 346 6868151 Fax 0426 373035 info@parcodeltapo.org www.parcodeltapo.org

GIUGNO

Parco Regionale Veneto del Delta del Po

M

V

V

LUGLIO

Via Marconi, 24 45010 Rosolina (RO) Tel. 0426 340195 Fax 0426 664285 cultura@comune.rosolina.ro.it www.rosolinamare.it

Viale dei Pini, 4 45010 Rosolina Mare (RO) Tel. 0426 326020 - 68012 Fax 0426 326007 iat.rosolina@provincia.rovigo.it www.provincia.rovigo.it

S n

L

Comune di Rosolina Assessorato al Turismo

Ufficio Informazione ed Accoglienza Turistica IAT

L

L

S

M

M

L

M

S

V

V

D

V

AGOSTO

Martin pescatore

Naturalmente Veneto

L

S

L

S

M

L

M

S

Fino al 1 settembre 2012

V

V

Centro Congressi in Piazzale Europa Provincia di Rovigo

Agosto e Settembre

• Inizio serate ore 21.00 •

Lunedì 6-20 Agosto

Mercoledì 28 Agosto

Serata natura (proposte di itinerari ambientali)

Serata micologica i funghi del Delta

Serata di videoproiezioni naturalistiche

Vendita prodotti e degustazione

Lunedì 27 Agosto

Mercoledì 1-8-22 Agosto Laboratorio didattico con l’argilla

Venerdì 3-10-17-24-31 Agosto Domenica 5-12-19-26 Agosto e 1 Settembre Vendita prodotti e degustazione

Comune di Rosolina

D 1

V


16 8

VIAGGIO IN

PROVINCIA PADOVA

La polemica Non piace affatto la decisione del Governo Monti

Tagli alle Province anche Padova in trincea La presidente Degani pronta a fare resistenza “Non è così che si mette mano alla spesa” di Nicola Stievano

I

l Governo va giù duro e mette mano alle Province. Ma dall’altra parte del campo di battaglia, la risposta non si fa attendere e inizia uno scontro durissimo. Il punto di rottura è stato senz’altro la riunione indetta dai presidenti del nord per minacciare lo sfratto a Prefetture, Questure, comandi e caserme dei carabinieri, pompieri e persino ai Provveditori agli studi. Un’azione estrema causata dalla proposta del Governo di far sparire alcune province e di fonderne altre. La riunione “rivoluzionaria” è andata in scena a Verona con 23 presidenti su 27 province di Lombardia, Piemonte e Veneto. Senza contare che l’incontro ha messo in forte discussione anche l’autorità dell’Upi (unione delle province italiane). “Rappresentiamo il 33% della popolazione, il 32,8% del Pil e il 51% dell’export italiano – ha esordito Leonardo Muraro, Presidente della Provincia di Treviso – Siamo stanchi di fare i virtuosi ed essere trattati come le cicale. Siamo disposti a tutto, anche ad azioni clamorose”. E l’intenzione generale è proprio quella. Tra i veneti presenti al vertice, manca solo Belluno visto che la provincia è commissariata. Tanto per sottolineare che il Veneto è unito in questa lotta. Soprattutto contro il Governo che in sei mesi ha stravolto la fisionomia delle province togliendo cospicue risorse (500 milioni nel 2012, 1,5 miliardi l’anno prossimo), svuotandone le competenze, togliendo l’elezione diretta dei suoi amministratori ed infine massacrandone i confini con il doppio criterio dei

2.500 chilometri quadrati e dei 350 mila abitanti. A Padova la minaccia di sfratto riguarderebbe istituzioni di altissimo livello: la Prefettura, la Questura, il comando carabinieri in Prato della Valle, il comando interregionale dei carabinieri, le caserme dei pompieri di Este e Cittadella e il Provveditorato, che in tutto contano circa 2 milioni di euro di affitti. Ma il vertice non si è limitato a minacciare azioni clamorose. Al termine dell’incontro è stato prodotto un documento con le richieste avanzate dalle province. Al primo posto c’è una completa revisione dei criteri di accorpamento che tenga conto anche del Pil e delle infrastrutture. Ma dai presidenti di provincia arriva un monito ancora più pesante: se il Governo non fa marcia indietro non saranno garantiti nemmeno i servizi indispensabili. Insomma, a rischio c’è l’apertura delle scuole superiori, ma anche lo spazzamento delle strade innevate. I tagli più eclatanti riguardano quindi la manutenzione degli edifici scolastici di secondo grado superiore e le migliaia di chilometri di strade di competenza provinciale, spesso arrampicate in paesi di montagna dove Veneto Strade non arriva. “Ma siamo proprio sicuri che questo riordino comporti dei risparmi di spesa? - si è chiesta Barbara Degani, Presidente della Provincia di Padova – Il Veneto ha fatto molti risparmi, anche in tema di provincia: ad esempio non ha mai costituito la provincia di Bassano del Grappa. Non ci stiamo, non è così che si mette mano alla

Barbara Degani con il presidente della Provincia di Verona Giovanni Miozzi

revisione di spesa né agli assetti istituzionali”. La linea generale pertanto, è una sonora bocciatura alla spending review che sembra essere una penalizzazione per gli enti virtuosi e un premio per quelli che non hanno mai pensato a risparmiare. “La proposta del Governo per l’accorpamento delle Province deve potersi considerare solo come un indirizzo – si legge nel documento sottoscritto durante il vertice di Verona - che consenta ai Consigli delle autonomie locali e alle Regioni di operare una proposta condivisa di riduzione del numero delle Province credibile e sostenibile in tutto il Paese, anche nelle Regioni a statuto speciale”. Fuori dai palazzi delle Province, però, gli umori sono ben diversi e in pochi sembrano disposti a scendere in piazza, di questi tempi, per difendere questa istituzione. La gente chiede alla politica segnali forti, anche a costo di essere dolorosi. Da oltre un anno le Province sono nel mirino e ora di fronte alla concretezza delle misure governative se da una parte gli attuali amministratori sollevano le loro obiezioni e si dicono pronti a resistere dall’altra i cittadini si aspettanno provvedimenti ben visibili, non solo a parole. Anche a Padova il futuro della Provincia è visto come una istituzione con confini più vasti e allo stesso tempo più snella sotto il profilo della rappresentanza politica, senza comunque toccare l’occupazione.

Finanziato dalla Provincia

ESTE, NUOVO LICEO COSTATO 16 MILIONI

C

onclusi i lavori per la realizzazione del nuovo Liceo Ferrari di Este e, a settembre, le aule accoglieranno gli studenti iscritti al nuovo anno scolastico. “La struttura – ha spiegato Gilberto Bonetto, assessore provinciale all’edilizia scolastica - è costata 16 milioni di euro finanziati dalla Provincia ed è stata sviluppata per realizzare un istituto scolastico in grado di rispondere alle nuove esigenze didattiche per gli indirizzi classico, scientifico, linguistico. In tutto si tratta di 34 aule didattiche normali adatte a ospitare stabilmente e senza rotazione altrettante classi per i vari indirizzi. Sono state poi ricavate altre 5 aule speciali (informatica, lingue, video-musica e due per il disegno), 3 laboratori (fisica, chimica e scienze-biologia), 4 sale lettura, una sala relax per studenti, una biblioteca dotata di aule studio e aule video.

IL FUTURO DI PADOVA INSIEME CON ROVIGO NUOVA PROVINCIA FINO AL POLESINE

I

l decreto varato dal Consiglio dei ministri che ha definito i criteri per il riordino delle Province previsti dalla spending review ha affondato anche Padova. In Veneto ufficialmente salve sono solo le province di Verona e quella di Venezia (che diventerà città metropolitana). Nella restante porzione di Veneto sarà necessario modificare gli attuali confini per creare delle maxi-province. Il criterio con cui il Governo ha deciso i tagli ha lasciato tutti sorpresi per l’enorme superficialità: i nuovi enti dovranno infatti avere almeno 350 mila abitanti ed estendersi su una superficie territoriale non inferiore ai 2.500 chilometri quadrati. Pertanto saranno 64 su 107 le Province da accorpare, di cui 50 in Regioni a Statuto ordinario e 14 in Regioni a statuto speciale. Le Province salve sarebbero dunque 43 su 107 di cui: 10 metropolitane, 26

in Regioni a Statuto ordinario e 7 in Regioni a statuto speciale. Per questo durante il vertice tra le province lombarde, venete e piemontesi è stato sottoscritto un documento che chiede al Governo di fare marcia indietro. “Oltre alla popolazione residente e all’estensione territoriale, si deve poter considerare un numero minimo di Comuni e anche parametri importanti come Pil, infrastrutturazione, peculiarità socioeconomiche e storia del territorio, che evidentemente il Governo non conosce – si legge nel documento - Il processo di accorpamento deve essere preceduto da un congruo periodo transitorio durante il quale si svolgano obbligatoriamente in forma associata le funzioni tra le amministrazioni da accorpare almeno sino alla scadenza naturale delle attuali amministrazioni democraticamente elette”-

SEDE CENTRALE:

Padova Via Svezia, 9 - tel. 049 8704884 n. verde 800.46.50.40 - fax 049 6988828 www.promomedia.it • look@promomedia.it

magazine

Vivi il tuo tempo, cerca il tuo Look!


Spazi aperti 17 9 Energie alternative Al via il progetto di Legambiente e società Padova Tre per l’acquisto a prezzi concordati

Anche il pellet entra nel circuito dei Gas Intanto con il varo del nuovo Conto Energia riparte anche l’iniziativa per incentivare l’installazione di pannelli

Padova è la provincia con la più alta concentrazione di nuovi impianti

di Nicola Stievano

Non tutto il pellet in commercio è uguale: attenzione alle caratteristiche perché possono incidere sulla resa e sui costi di manuntenzione

I

gruppi d’acquisto sono la vera rivelazione degli bientali, è anche meno costoso. “Il pellet non è tutto ultimi anni. Con l’avanzare della crisi economica, uguale – avverte Federico Gianesello, responsabile di comprare dei prodotti o dei servizi mettendosi in Legambiente e sportello energia - per questo abbiamo gruppo, si è rivelata la scelta migliore per ottenere costi selezionato solo aziende della zona in grado di fornire ridotti e qualità di alto livello. Tra i gruppi d’acquisto di pellet di qualità, certificato secondo i più alti standard imposti dalla nuova normativa euromaggior successo c’è senza dubbio pea ENplusClasse A1. La normativa il Gas, ovvero un gruppo informale L’aumento europea impone importanti stanpromosso dagli sportelli energia di del costo dard, valutando l’intero processo Legambiente che offre la possibilità dei carburanti lavorativo e la gestione sostenibile di acquistare impianti solari per la favorisce delle foreste. Inoltre consente la propria abitazione risparmiando sui le nuove fonti rintracciabilità completa, garantendo costi, accompagnati da un soggetto indipendente, con garanzie più durature, e ammortiz- maggiore trasparenza ai consumatori. Quindi pellet mizando l’investimento in tempi più brevi. Ma la vera gliore per capacità calorifica, meno impatto ambientale e sulla salute”. novità di quest’anno è senza dubbio il Gda Pellet. Insomma, chi fosse interessato all’acquisto di pellet Sempre più famiglie decidono di ridurre l’utilizzo dei vecchi combustibili fossili e di riscaldare la propria dovrà visitare il sito www.energiacomune.org/padovacasa con caldaie e stufe a pellet. Per loro è nato que- tre e scegliere il proprio Comune per vedere il prezzo sto nuovo progetto di Legambiente e Padova Tre per d’acquisto. A questo si aggiunge anche la consegna ottenere la fornitura di prodotti di qualità alle migliori a domicilio inclusa per organizzare al meglio l’ultimo condizioni. Il Pellet è semplicemente segatura in legno miglio e dare un piccolo contributo alla riduzione del pressata che, oltre ad offrire importanti vantaggi am- traffico veicolare.

Ma oltre al Gda pellet, quest’anno è stato riattivato il Gas per la quarta volta, dopo i successi degli scorsi anni (dal 2010 sono stati realizzati 214 impianti fotovoltaici per un totale di 800 kwp con un risparmio medio a famiglia di 2.600 euro). Con i prezzi del Gas Bassa Padovana, l’ammortamento di un impianto fotovoltaico è di soli 6 anni mentre il solare termico si ripaga in poco meno di 9 anni. Per il resto del tempo (altri 14-16 anni di funzionamento) ci guadagna l’ambiente e i singoli cittadini (fino a 15.000 euro con il fotovoltai-

co). “E’ possibile aderire fino al 30 settembre, ma è meglio sbrigarsi per accedere alle tariffe del quarto conto energia – continua Gianesello - non ci sono costi ne vincoli (a differenza di altri gruppi d’acquisto nati ultimamente). Si ha diritto ad un preventivo gratuito a prezzo bloccato per i prodotti selezionati. Se nel frattempo fosse emanato il quinto conto energia, il capitolato di gara prevede una ricontrattazione al ribasso del prezzo “chiavi in mano”. Come novità del 2012 abbiamo inserito la elaborazione del certificato energetico della casa (nel prezzo complessivo): un modo per far comprendere che, aldilà della produzione di energie rinnovabili, bisogna fare attenzione a sprechi e dispersioni della nostra abitazione”.

CALDO E AFA: TORNA L’ALLARME OZONO

C

on l’afa estiva torna l’allarme ozono. Un pericolo che di fatto viene continuamente e sistematicamente ignorato dalle amministrazioni locali. In questo, Padova non fa eccezione. In Italia è in vigore un nuovo limite fissato a 120 microgrammi per metro cubo d’aria al giorno da non superarsi per più di 25 giorni l’anno. Ad oggi, gli sforamenti sono già più di 30, destinati ad aumentare inesorabilmente sotto il peso della calura estiva. Il motivo della concomitanza tra estate ed ozono è presto detto: l’ozono aumenta la sua concentrazione nell’aria quando gli alti livelli di radiazioni solari trasformano gli inquinanti emessi dai tubi di scappamento, nell’ozono stesso. Il “gemello diverso” dell’ozono è l’inquinamento da polveri sottili (Pm10) che si verifica nei mesi più freddi. Sono già una sessantina gli sforamenti del limite, contro i 35 ammessi per legge, anch’essi destinati ad aumentare con il ritorno del freddo negli ultimi mesi dell’anno. “Ad aggravare l’inquinamento da ozono sono i frequenti periodi consecutivi del superamento della soglia d’attenzione fissata a 180 microgrammi per metro cubo d’aria – ha spiegato Lucio Passi, portavoce di Legambiente Padova - a questi livelli di concentrazione l’ozono può causare effetti immediati: nei soggetti più sensibili, può irritare il sistema respiratorio, causando tosse, senso di irritazione in gola e nei polmoni, fino a ridurre la funzione polmonare ed ad aggravare l’asma e altre patologie respiratorie”. La causa maggiore di questo problema

In rosso le zone critiche

“Sono sempre più numerosi gli sforamenti dei limiti di legge per la salute” è il traffico di auto e camion. Per questo risulta fondamentale potenziare e sfruttare al meglio la mobilità pubblica. “L’Amministrazione comunale non può continuare a procrastinare serie misure e politiche di contrasto – ha continuato Passi - E’ indispensabile intraprendere in modo urgente azioni strutturali sulla mobilità urbana, disincentivando seriamente il traffico privato e promuovendo modalità sostenibili di trasporto di persone e merci, a partire dal potenziamento del trasporto pubblico sostenuto dal pedaggio urbano (il cosiddetto ecopass). Solo così si potrà davvero combattere l’inquinamento atmosferico, liberare i polmoni dei cittadini e le strade delle nostre città”.

Aism, AssociAzione iTALiAnA scLerosi MuLTipLA, e i notAi ti invitAno A pArtecipAre AgLi inconTri grATuiTi per ricevere risposTe ALLe Tue doMAnde.

Con il patrocinio e la collaborazione del

PER INFORMAZIONI suglI INCONtRI:

800.09.44.64 - www.aism.it


18 12 Economia Il rapporto di Confindustria. Luci e ombre del sistema impresa padovano

Export sopra la media ma la crisi c’è ancora Pavin: “Più risparmio e investimenti, meno tasse, sfoltiamo la giunta della Camera di Commercio”

di Giovanni Giovetti

N

onostante la crisi economica Padova e il Veneto continuano a guardare con fiducia ai mercati esteri, dove i risultati certo non mancano. Ma la contrazione industriale non accenna a fermarsi e fa registrare un nuovo calo. Luci e ombre del sistema impresa padovano, fotografato come ogni anno da Confindustria. Nel 2011 le esportazioni padovane sono cresciute del +15,8% (Veneto +10,2%, Italia +11,4%), pari a un volume di 8,3 miliardi di euro: lo attestano i dati del centro studi di confindustria Padova illustrati dal presidente Massimo Pavin. Non solo l’export ha completato il recupero dai minimi della recessione (5,7 miliardi nel 2009), ma ha superato il picco di attività pre-crisi (7,6 miliardi nel 2007). Nel primo trimestre 2012 le esportazioni hanno realizzato un sorprendente +11%. Il Veneto si è fermato al +2,1 (Italia +5,5%).

Massimo Pavin, presidente di Confindustria Padova “La contrazione della produzione industriale è del 4% su marzo 2008 siamo ancora sotto del 19% - puntualizza il presidente Pavin - I dati relativi ai primi tre mesi dell’anno in corso . Nei primi cinque mesi dell’anno abbiamo visto 132 procedure di crisi aprirsi che coinvolgono 3072 lavoratori. Quindi vuol dire che la crisi è ancora in atto ed è ben lungi dal finire: ma guardando i dati dell’export vediamo che l’industria padovana ha reagito, puntato sulla qualità, esplorato nuovi mercati. Vuol dire che non è in declino, non intende rassegnarsi alle difficoltà. Ha imboccato una selezione darwiniana durissima, ma continua ad avere opportunità di sviluppo, a determinate condizioni anche in questo contesto di crisi. La performance dell’export indica la strada: oggi si salvano le aziende che internazionalizzano. Dalla Russia alla Cina, dagli Stati

Uniti al Brasile alla Turchia: la capacità di intercettare la domanda estera è il discrimine tra sviluppo e declino”. Sulle politiche del governo Monti, Pavin ha avuto parole positive: “il governo Monti va sostenuto; si sta facendo negli ultimi mesi quello che non si è fatto per troppi tempi. Certo il carico fiscale sia per le imprese che per i lavoratori non è più sostenibile, ma si cominciano a vedere in modo oggettivo le manovre per la crescita. Un primo passo sulla riforma del lavoro si è visto, certo si può fare di più, ma guardiamo al bicchiere mezzo pieno. Vediamo con estremo favore la lotta alla evasione fiscale: è giusto riequilibrare nel nostro tessuto sociale ed economico il gap tra chi paga le tasse e chi le elude. Siamo positivi anche sulla spending review, che sembra essere un provvedimento importante, che porterà dei

risultati anche nel breve”. Pavin guarda anche a Padova e lancia una proposta: “La legge dà la possibilità di ridurre il numero dei componenti della Giunta camerale. Credo che debba essere una opportunità da cogliere al prossimo rinnovo dell’Ente padovano, come segnale di responsabilità di tutto il sistema associativo”. Proprio la razionalizzazione della spesa è un punto decisivo. Le politiche fiscali restrittive hanno avuto l’effetto di ridurre i consumi e la crescita. Hanno portato la tassazione a un livello che la stessa Banca d’Italia ha giudicato incompatibile con gli obiettivi di crescita. “Con un total tax rate del 68,5% - vale a dire il carico fiscale, contributivo e amministrativo per un’impresa medio-piccola – l’Italia supera di oltre 20 punti la Germania. - aggiunge Pavin - Siamo al 170° posto su 186 Paesi osservati! Bi-

sogna invertire la rotta. E farlo subito. A partire dal principio che il recupero di evasione deve essere “reinvestito” in un’operazione di equità finalizzata a ridurre un prelievo insostenibile. Lo stesso vale per i tagli di spesa. Occorre una riduzione coraggiosa dei 700 miliardi di spesa pubblica corrente, da tradurre – a parità di saldi – in contestuali tagli alle imposte. Perchè il loro livello le rende il primo e più aspro ostacolo alla ripresa. Dal Governo ci aspettiamo che dica che questi tagli energici vanno fatti per un dividendo comune: abbassare le tasse a lavoro e imprese e crescere tutti di più. È questo il nuovo Patto che chiedono le imprese. Solo quantificando con chiarezza agli italiani l’intervento, e in cambio della promessa di uno scambio per meno imposte a favore della crescita, è pensabile realizzare un’opera tanto energica”.

V. Petrarca 11 - Battaglia Terme (PD) Tel. 049 525680 Fax. 049 9101344 termelacontea@virgilio.it www.termelacontea.com

Lo Stabilimento La Contea apre la stagione termale da APRILE a NOVEMBRE. Convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale consente a tutti di fruire di un ciclo convenzionato di terapia termale all’anno presentando la ricetta del Medico di Famiglia o del Pediatra. Il nostro centro termale sito nella bellissima località dei Colli Euganei in provincia di Padova, sfrutta le fonti naturali di acqua ipertermale a 72° supermineralizzata del gruppo salso-bromoiodico, consente a tutti coloro che ne necessitano di accedervi assistiti da Medici specialisti anche SENZA OBBLIGO DI SOGGIORNO.

Lo Stabilimento termale La Contea è una struttura dotata delle tecnologie più avanzate per tutti i tipi di cure termali. • Cure Fangobalneoterapia • Cure Inalatorie • Percorso Vascolare • Cure per la sordità Rinogena • Cure Fisiokinesiterapiche • PISCINE TERMALI


Villa Momi’s

ristorante·pizzeria

Villa Momi’s è il luogo ideale per matrimoni, cresime ed ogni altro tipo di ricorrenza. Per gli sposi e i loro invitati è riservata un’ospitalità particolare, con aree e intrattenimenti privati.

B E A U T I F U L D AY Villa Momi’s permette anche cene e pranzi di lavoro, con la massima tranquillità e distensione per i propri colloqui d’affari. Alla sera i locali sono destinati anche a chi desidera un po’ di intimità, con un’armonia

che

solo il lume di candela riesce a creare

Due sale separate in due piani. Giardino estivo. Oltre 300 posti a sedere. Locale rustico in chiave moderna unico nel suo genere, immerso nel verde.

Cavarzere (VE) Loc.Santa Maria 3B Tel. 0426 53538 chiuso il lunedì siamo presenti su

www.villamomis.it


20 Cultura provinciale

Cultura provinciale 13

La novità Per tre anni si occuperanno della gestione delle strutture culturali di proprietà di Palazzo S. Stefano

Musei provinciali a due Coop

A PADOVA

Incarico a “Terra di Mezzo” ed “Ecofficina” per creare un circuito sul territorio e coinvolgere il mondo della scuola

P

er i prossimi tre anni la gestione dei musei della Provincia di Padova è affidata alle cooperative “Terra di Mezzo” ed “Ecofficina”. La nuova gestione si pone l’obiettivo di valorizzare la vocazione espositiva e divulgativa del circuito museale provinciale grazie alle competenze che le due realtà hanno maturato in particolare nel mondo della scuola, con le associazioni del territorio e, soprattutto, le famiglie. “Vogliamo coniugare sempre più l’offerta dei musei con il contesto in cui sono inseriti – spiega la presidente della Provincia Barbara Degani –affidando la gestione a chi meglio riesce a far rete con tutte le espressioni territoriali. Partendo dai contenuti scientifici, il museo deve diventare un luogo dove trascorrere del tempo piacevole e apprezzare anche l’ambiente che lo circonda, magari sfruttando gli spazi esterni per il picnic o approfittando della giornata per escursioni sui Colli, percorrendo le piste ciclabili o sostando nelle strutture ricettive. Il nostro impegno è fare del museo una casa di cultura vivente capace di guidare il visitatore nei luoghi che lo ospitano”.

L’orto botanico di Padova “Il concetto che ci proponiamo di sviluppare – aggiunge l’assessore alla Cultura Leandro Comacchio - è riassunto nello slogan ‘Musei: spazio vivo, spazio da vivere’. Questo include la capacità di soddisfare i bisogni delle più varie tipologie di visitatori, puntando soprattutto alle famiglie mettendo a disposizione spazi, proposte e stimoli adeguati. Ma oltre alla vivibilità del museo, puntiamo anche alla sua vitalità organizzando eventi culturali, rievocazioni storiche, rappresentazioni teatrali e spettacoli musicali e letterari che diventano occasioni per mettere il museo al centro dell’attenzione di un pubblico sempre più ampio”. Le due cooperative sono state scelte per la loro esperienza. “Terra di Mezzo” si occupa infatti della gestione di attività in alcuni luoghi del Parco Regionale dei Colli Euganei: il centro di educazione ambientale “Casa Marina”, l’ostello “Colli Euganei”, l’ostello di Monselice, una biblioteca e il museo dell’acqua di Valle San Giorgio. Il personale impiegato annovera anche numerose guide naturalistiche patentate, oltre a professionalità capaci di valorizzare

le specificità dei luoghi. Essendo una cooperativa sociale di tipo B, si occupa anche dell’inserimento lavorativo di persone svantaggiate. La cooperativa sociale “Ecofficina” nasce nel 2011 ed è costituita da persone impegnate da anni in progetti finalizzati all’educazione delle giovani generazioni, alla valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale, allo sviluppo della socialità. È una cooperativa sociale di tipo “A + B” impegnata nella promozione sociale e nell’integrazione dei cittadini attraverso la gestione di servizi socio-sanitari ed educativi, oltre ad attività finalizzate all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate. Le competenze introdotte nella gestione del circuito museale permetteranno quindi di sfruttare le strutture ricettive di appoggio (Casa Marina, l’ostello Colli Euganei e il Venetian Hostel) che la cooperativa “Terra di Mezzo” gestisce direttamente. Inoltre le professionalità educative presenti in “Ecofficina” permettono di avvalorare le proposte con un taglio non solo didattico, ma anche pedagogico e legato ad attività di doposcuola o centri estivi. Anche gli spazi interni saranno

Notturni d’arte per tutta agosto

F

Il Museo Cava Bomba a Cinto allestiti per offrire la migliore accoglienza con angoli per la lettura e l’approfondimento degli argomenti presentati dalle esposizioni, ma anche locali per i bambini dove sperimentare e giocare per scoprire i contenuti in modi a loro congeniali. Contemporaneamente, le proposte più tipicamente “museali” devono essere rinnovate per rispondere alle diverse esigenze dei visitatori, a partire dal mondo della scuola. Pertanto saranno introdotte alcune novità anche a livello tecnologico e nella presentazione delle esposizioni.

uoco, Terra, Aria, Acqua: sono i quattro elementi naturali a fare da corollario all’edizione 2012 dei Notturni d’Arte. Come sottolinea l’Assessore alla Cultura, Andrea Colasio, se da un lato, con la loro grande forza simbolica ed evocativa essi ci conducono alle nostre radici, dall’altro fanno da ponte alle proposte del RAM 2012 e in particolare alla grande mostra di Fabrizio Plessi Il flusso della Ragione, che da ottobre si aprirà al Palazzo della Ragione. I Notturni d’Arte, giunti alla XXVI edizione, si presentano pertanto con un calendario di visite e di spettacoli particolarmente ricco. Ventisei serate fino al primo settembre per conoscere monumenti e storie della città, con corredo di undici spettacoli che vanno dalla danza classica, al teatro, al flamenco, alla musica classica, al jazz per chiudere con la Civica Orchestra di Fiati di Padova. Il calendario su www.padovanet.it/padovacultura L.O.


14

LO GINNASTICA

21

SPORT in PRIMO PIANO LE “FARFALLE” DELLA BUTTERFLY TRIONFANO ALLE NAZIONALI DI PESARO

Calcio Tutte le novità della formazione in vista del prossimo campionato

Rocca Monselice in campo

di Walter Lotto

I

Le ragazze della Butterfly si sono imposte ai campionati di Pesaro

D

opo un anno di lavoro intenso ed entusiasmante le “farfalle” della Butterfly di Cervarese Santa Croce hanno trionfato ai campionati nazionali Gtp di ginnastica ritmica e artistica. Merito della preparazione tecnica molto accurata che ha permesso alle ragazze padovane di padroneggiare sulle società più forti d’Italia. Guidata da Marianna Menocchio e dall’assistente Laura Domenichini la Butterfly si è presentata a Pesaro con la rappresentativa composta per la prima fascia da Emma Ghiotto, Emma Zovi, Martina Guarise, Allyson D’Oria, Giulia Alfonso, Giada Trevisan e Marta Tomasi che per pochi centesimi sfiorano l’entrata nella top ten delle migliori sia nella Coppa Italia che nel Sincrogym collettivo con attrezzi. Ma è pioggia di medaglie: un oro e un argento per Giulia Alfonso, un bronzo per Martina Guarise e due quarti posti per Giada Trevisan. La seconda fascia, formata anche da Giada Pattaro, conquista un bronzo alla palla con Alessandra Beccaro mentre Giulia Grussi vince un argento e un bronzo alle clavette e alla palla. Ottimo quarto posto per Alice Griggio alle clavette. Grandi soddisfazioni anche per le atlete di terza fascia: Michelle Canton, Martina Grassetto, Cecilia Carlotto, Lisa Quartesan, Vanessa Zuin e Melissa Masiero nella gara di Serie D, di altissimo livello tecnico. Per chiudere in bellezza altro bronzo con Vanessa Zuin, quarto e quinto posto per Melissa Masiero e ottimo piazzamento per Michelle Canton nella classifica assoluta su quattro attrezzi.

l comunale di via S.Filippo Neri ha ospitato la presentazione ufficiale dell’organico della Rocca di Monselice che si schiererà ai nastri di partenza nel prossimo campionato di Prima Categoria. L’avvenimento ricopriva un fatto di grande interesse per la tifoseria locale, perché la società neroverde del presidente Claudio Finesso, da sempre considerata la “seconda” squadra di Monselice, dopo la mancata iscrizione dei cugini biancorossi è di fatto l’unica rappresentante di una piazza che ha sempre vissuto il calcio in maniera straordinariamente passionale. “Abbiamo accolto con dolore la notizia della mancata iscrizione del calcio Monselice- dice Renzo Trambaioli diesse neroverde- una delle società più gloriose del calcio padovano, sentiamo forte la responsabilità di rappresentare una città abituata da sempre a vivere il calcio in maniera totale, sarà per noi un ulteriore molla per fare bene”. Poi un invito ai tifosi dell’ex squadra biancorossa: “Li aspetto numerosi al comunale per

Pallavolo. La prima divisione femminile domina i play off del girone A e B

Vision Volley guadagna la D Gaino: “Complimenti ragazze” “P

untiamo a campionati dignitosi” era stato l’annuncio a caldo, e in qualche modo anche l’auspicio, dell’ex presidente Roberto Casumaro del Me.Scu.Volley dopo la “fusione” tra Me.Scu Volley, Top Volley e Pallavolo Montagnana di un anno fa che ha dato vita alla nuova società pallavolistica della bassa padovana Vision Volley. Il nuovo assetto societario, infatti, imponeva calma e un lavoro che sarebbe dovuto partire dal settore giovanile vista anche l’abbondanza di compagini, ben 14, e le difficoltà di trovare per tutte campi consoni all’allenamento e al gioco. Invece è bastato un solo campionato per arrivare ad assaporare i primi risultati. La Prima divisione femminile, infatti, quest’anno ha tagliato l’importante traguardo del passaggio di categoria, approdando alla serie D. “Abbiamo concluso il campionato al terzo posto del girone A – ha commentato Giorgio Gaino, nome noto nell’atletica degli anni ’70 e oggi in veste di responsabile della squadra e consigliere della nuova società – ma abbiamo dominato il girone poolpromozione vincendo quattro partite su quattro. Siamo molto soddisfatti anche perché durante il percorso non sono mancate le difficoltà come l’avvicendamento dell’allenatore dopo la fase della Coppa

La squadra della Rocca di Monselice sostenere il nostro progetto”. La squadra è stata costruita con un occhio al bilancio, elemento di sopravvivenza indispensabile in tempi di crisi, vanno visti in quest’ottica gli inserimenti di Mattia Giosuato, Filippo Bottin e Riccardo Maggese giovani classe 93 promossi dalla juniores. Dal mercato sono invece arrivati i centrocampisti Enrico Rigoni, (87) ex Legnarese e Davide Viale (92) prelevato dal Mestrino. Rinforzata anche la difesa con l’ingaggio di

MUSICI E SBANDIERATORI. Pioggia di medaglie alle nazionali

MEGLIADINO SAN VITALE PIGLIA TUTTO S. MARGHERITA D’ADIGE TORNA IN SERIE A1

I gruppi di musici e sbandieratori del Montagnanese trionfano

D

La formazione della Prima divisione, da sinistra a destra: Alessia Diantini, Elena Crivellaro, Daniela Faccioli, Alice Morandi, Giulia Selmi, Nicole Dal Bello, Denise Romanello, gli allenatori Ilaria Filon e Pino Scalzotto. In ginocchio Marta Lunardi, Giovanna Cavion, Linda Galante, Francesca Businaro e Giulia Friemel Veneto o i non pochi infortuni che hanno privato la squadra di validissime atlete anche per lunghi periodi. Fortunatamente con l’inserimento di cinque ragazze dell’Under 16 (Verde) e con la bravura e la costanza degli allenatori Ilaria Filon e Pino Scalzotto si è giunti ad un risultato insperato ad inizio campionato. Quindi, davvero, tanti complimenti alle ragazze, ai loro allenatori e ai tanti che hanno permesso il conseguimento di

questa importante affermazione”. Ma il risultato ottenuto dalla Prima divisione femminile non è stato l’unico tra le squadre della Vision Volley, importanti risposte sono arrivate anche dalla serie C,D maschile e Prima divisione che hanno partecipato alla Coppa Veneto e dalla Seconda divisione che ha partecipato alla Coppa Padova. “Ora – ha concluso Gaino – è importante fare una buona preparazione in previsione dell’avvio del nuovo campionato ad ottobre. F.M.

Andrea Cavaliere (87) proveniente dal Boara Polesine. ”Pochi innesti mirati - ha aggiunto Trambaioli- che vanno ad irrobustire il gruppo che lo scorso torneo ha entusiasmato raggiungendo la salvezza con un straordinario girone di ritorno, è da li che vogliamo partire per migliorarci ancora”. Il gruppo con in testa mister Andrea Franzolin, lo scorso torneo all’Atheste, ha iniziato la preparazione il 13 agosto, negli impianti sportivi del Kennedy.

oppio successo per i gruppi locali di musici e sbandieratori: Megliadino San Vitale sbanca tutto ai campionati giovanili nazionali e Santa Margherita d’Adige ritorna invece in serie A1. Il gruppo sanvitalese ha dominato i Campionati giovanili nazionali di Rubiera (Re) laureandosi campione d’Italia, con un bottino di 5 medaglie d’oro: un record che resterà negli annali per il gruppo rossoblù. Il primo oro è quello della coppia tradizionale, raccolto da Riccardo Zaglia (11 anni) e Walter Martinelli (10 anni). Zaglia, già campione veneto, bissa il primo posto anche nella gara dei singoli, battendo la concorrenza di ben trenta coetanei. San Vitale domina pure la gara per le Piccole Squadre dove vengono valutati dalla giuria anche i musici. San Vitale pure qui era l’osservato speciale ed infatti i pronostici vengono rispettati: campioni d’Italia sia con la Piccola che con i musici. L’ultimo alloro è quello della Grande Squadra. Questi i nomi dei premiati: Riccardo Zaglia, Walter Marti-

nelli, Alessandro Malaman, Luca dal Bello, Gloria Vascon, Leonardo Faggion, Lorenzo Luise, Martina Martinelli, Silvia Barollo, Anna Filippi, Anna Adami, Letizia Chiarello, Ilaria Gaino, Sara Filippi, Giulia Rossetto, Elena Feffin, Margherita Barollo, Giorgia Dal Bello, Veronica Baratto. Ritorna in serie A1 invece Santa Margherita d’Adige, grazie al successo prestigioso nella recente “Tenzone argentea” di Oria (Br), riuscendo a portare a casa una promozione nella massima serie della Federazione Italiana Sbandieratori, che mancava ormai da diversi anni. Il risultato è arrivato grazie al quinto posto di Stefano Gaiofatto nella gara assoluta del singolo, al quarto del duo Encicliati-Gaiofatto nella coppia, al settimo nella classifica della Piccola Squadra e al quarto della Grande Squadra. Due terzi posti sono invece arrivati per i musici e per la graduatoria della coreografia. Nella combinata, Santa Margherita chiude al secondo posto alle spalle del gruppo Santo Spirito di Ferrara. Ed è promozione.


22 6

IL VENETO

in PRIMO PIANO

Troppi problemi in ferie, troppe vacanze rovinate

Low cost o a prezzo intero, cresce il numero di vacanzieri che denunciano disavventure. Uno su 5 ha avuto brutte sorprese di Ornella Jovane

R

imane ancora impresso nella memoria perché terribilmente attuale quello spot sulle vacanze: il sorrisetto “malefico” di quel tipo che accoglieva turisti maldestri in arrivo nella tanto sognata meta mentre si rendevano immediatamente conto della bufala nella quale erano incorsi. “Turisti fai da te?” Chiedeva sarcasticamente l’ometto a vacanzieri in pieno sconforto. I casi di vacanze rovinate - e non solo fai da te - continuano ad avere una consistente incidenza anche per i veneti. L’associazione consumatori Adico stima che un turista su cinque si imbatte in uno o più problemi, con la percentuale assoluta di casi di disservizi in ferie rispetto al totale delle segnalazioni estive che anche quest’anno sfiora l’1 ogni 3. In estate cioè un problema su tre è legato alle ferie. Voli in ritardo, hotel o case poco rispondenti alle aspettative, sporcizia o disservizi, fino a problemi con i documenti di viaggio che complicano se non impediscono la partenza o il rientro. I primi aneddoti cominciano a giungere presso l’associazione di Mestre. E’ accaduto ad una viaggiatrice

veneziana di avere avuto un rientro problematico dalle vacanze siciliane. La signora aveva acquistato con largo anticipo 6 biglietti di andata e ritorno da Venezia a Catania con una compagnia aerea low cost, per un valore complessivo di 948,36 euro per i voli del 22 giugno e dell’1 luglio. All’andata tutto è andato secondo i piani, i problemi si sono avuti al ritorno. “Quattro giorno prima del rientro - spiega la viaggiatrice veneziana - la compagnia ci ha inviato un sms per avvisarci che il volo delle 6.40 di mattina del 1 luglio era stato cancellato, invitandoci a prendere contatti con il loro servizo clienti per capire cosa fare”. Un’operazione - a quanto racconta la signora - non proprio così semplice tanto che è stato necessario sacrificare un’intera giornata di vacanza per arrivare a contattare l’operatore. L’alternativa proposta è un volo delle 12.50 sempre programmato per il 1 luglio. Giunti all’aeroporto l’ulteriore sorpresa con una partenza annunziata per le 15.50, ma effettivamente avvenuta alle 16.30. “Sottolineo - racconta la signora - come nel periodo

di attesa non ci sia stata fornita alcuna assistenza, e solo dopo numerose e pressanti insistenze abbiamo ottenuto 6 buoni per un panino e una bibita”. I bagagli sono rimasti a Milano, i turisti erano imbarcati in una nave per una crociera nelle isole caraibiche. E’ accaduto a fine maggio ad una coppia di Padova. I due sono partiti da Milano con un volo di 8 ore che li ha portati a Pointre A Pitre, capitale dell’isola di Guadalupa, dove si sono imbarcati per una crociera da sogno di 7 giorni ma, a loro insaputa, senza bagagli. I primi tre giorni di navigazione sono stati impiegati dai turisti padovani per recuperare le valigie, vissuti in una situazione di emergenza e disagio. “Era la nostra prima crociera - raccontano - e siamo rimasti fortemente delusi. La sera dell’arrivo e il giorno successivo abbiamo dovuto riutilizzare gli abiti usati durante il viaggio, oltre a non poter utilizzare piscine e spa perché non avevamo il costume e a bordo non ne vendevano. Abbiamo perso la visita all’Isola Martinica avendo dovuto impiegare quel tempo per cercare un centro commerciale dove acquistare ciò di cui avevamo bisogno

e per parlare con la responsabile del servizo clientela”. “Estate dopo estate - spiega il presidente di Adico, Carlo Garofolini - cresce il numero delle persone che si rivolgono a noi denunciando problemi legati alle vacanze e chiedendo assistenza legale per ottenere la giusta tutela”. L’associazione ha perciò predisposto una campagna, “vacanza informata”, che in due fasi, si propone di aiutare i cittadini a fare ferie senza intoppi. L’attenzione si concentra sui disservizi aeroportuali, ma l’associazione rimane a disposizione tutta l’estate anche per i problemi di altra natura. “La prima fase di Vacanza informata - conclude Garofolini - mira a dare ai cittadini strumenti agili e di facile consultazione relativi ai diritti che si hanno in qualità di viaggiatore, in modo da partire informati e consapevoli, e quindi in grado di far valere prima e meglio le proprie ragioni. La seconda, invece, che si attiva al ritorno, prevede un canale di assistenza privilegiato e modulistica ad hoc nel malaugurato caso in cui lo stesso cittadino si fosse imbattuto in qualche problema”.

LAST MINUTE, LOW COST COME TUTELARSI DALLA “BUFALA”

L

a caccia al last minute è diventato negli anni uno degli “sport” più praticati da chi si accinge a programmare le vacanze estive e, quest’anno in particolare, un sistema cui anche gli operatori del turismo fanno ricorso con generosità per ovviare alle defezioni dei turisti italiani che, con la loro assenza o presenza ridotta, un vuoto lo hanno lasciato. In agenzia o su internet le offerte della vacanza all’ultimo minuto si moltiplicano per un agosto un po’ “magro” di soddisfazione per gli operatori.

Le associazioni di consumatori tuttavia rinnovano l’invito alla prudenza. I siti e le vetrine sono “carichi” di offerte, gli sconti sono accattivanti, fino al 40 per cento sul prezzo di listino, ma non vanno trascurate o sottovalutate le insidie che si nascondono dietro sperticati elogi di vacanze da sogno tutto compreso a cifre incredibilmente low cost. E’ bene sapere - rimarca Aduc - che il contratto di last minute è del tutto analogo a quello tradizionale con obblighi per il turista e il tour operator. Attenzio-

ne - è l’ammonimento - alle condizioni contrattuali, ad eventuali spese non messe in sufficiente evidenza come le commissioni, i costi per i trasferimenti, le iscrizioni, le tasse aeroportuali, i supplementi e così via. Per chi preferisce percorrere la strada della ricerca e prenotazione in rete, perché più comoda, rapida e anche per il fatto di poter valutare molte più offerte, il livello di guardia dev’essere ulteriormente alzato. Quando si “viaggia” su Internet per organizzare la vacanza il suggerimento di Aduc è quello di confrontare

innanzitutto su più siti prezzi di hotel e di voli, di cercare riscontri - per l’attendibilità delle informazioni - sui forum dei viaggiatori. Una volta individuato il sito da cui prenotare è buona cosa verificarne l’attendibilità (che sia indicata la denominazione sociale, l’indirizzo, il telefono - che vale la pena comporre - il fax). Aduc consiglia quindi di stampare sempre il contratto, la prenotazione e la risposta del venditore. Se il pagamento viene effettuato con carta di credito va verificato che il sito sia dotato di un sistema di sicurezza. O.J.

Messaggio Pubbliredazonale Messaggio publiredazionale

UN PEZZO DI OROGEL ANCHE NEL VENETO La missione è di allargarsi e a radicarsi sull’intero territorio nazionale avendo per missione specifica quella di produrre e vendere prodotti per la maggior parte coltivati in Romagna, in Puglia, Calabria, Basilicata e nel Veneto, nei territori, cioè, in cui sorgono i suoi stabilimenti produttivi. E’ la missione per Orogel, l’azienda cesenate leader nel surgelato, che ha l’obiettivo è di entrare ancor più nelle case degli italiani, di ampliare il numero delle famiglie che, abitualmente, acquistano i suoi prodotti così com’è stato nel 2011 con ben 10 milioni e 358 mila famiglie contro i 9 milioni e 307 mila dell’anno precedente.

Tutte con notevoli simpatie per i prodotti Orogel, con particolare attenzione al minestrone, a passati di verdura e agli spinaci. Per Orogel il Veneto non è solo importante per i ricavi, per le vendite, A Ficarolo, nel rodigino, esiste uno dei tre stabilimenti produttivi di Orogel che permette di produrre ciò che le terre fertili della regione sanno dare, nel rispetto di severi e scrupolosi piani di produzione. Proprio per questo l’operazione di Ficarolo è stata condotta e realizzata da Apora, una delle principali cooperative di I° grado del gruppo che rappresenta la base produttiva della società. La produzione del nuovo insediamento, in-

sieme a quello di Polidoro, in Basilicata, è andato ad integrarsi con i prodotti ottenuti nei tre stabilimenti di Cesena specializzati nella lavorazione di vegetali, piatti pronti e prodotti pastellati. Lo stabilimento di Ficarolo vede, oggi, impiegati 60 dipendenti tra fissi e stagionali e vanta una produzione di diecimila tonnellate di prodotto fresco pari a circa 8 mila tonnellate di prodotto surgelato. La fortunata posizione geografica del sito produttivo, al centro della zona di coltivazione e raccolta, in una zona tra le più fertili del nostro paese, garantisce produzioni d’eccellenza di piselli, fagiolini, fagioli borlotti, cipolla e

non ultima la nuova soia endamame che trova nella pianura padana l’unica zona in Italia vocata alla sua coltivazione. I surgelati Orogel hanno fatturato, nel 2011, 170 milioni di euro, + 5% rispetto all’anno precedente, con una vendita di 88 mila tonnellate. Il fatturato aggregato è passato da 243 milioni di euro a 257 e le previsioni per il 2012 sono confortanti. Si pensa ad un più 3%.

di Giorgio Naccari


Il Veneto in primo piano 23 7 Una stagione difficile Gli italiani non si fanno vedere, stranieri non da record

Tasse sui turisti e proposte per invogliarli a sceglierci di Ornella Jovane

A

ccesso in spiaggia a due euro per i pendolari. E’ stata la proposta del presidente di Confturismo e Federalberghi Marco Michielli che ha proposto a inizio estate l’introduzione di un ticket - misura che avrebbe potuto trovare applicazione peraltro anche a Venezia per il turismo giornaliero - da far pagare a chi non è cliente d’albergo nelle spiagge del litorale veneto. Michielli ha motivato l’iniziativa con l’opportunità di far pagare ai pendolari una serie di servizi offerti lungo gli arenili - pulizia,

CURIOSITÀ

soccorso e altro - pensati per i clienti degli alberghi, di cui però usufruiscono anche i turisti “mordi e fuggi”. Oltre a risultare impopolare, come del resto Michielli aveva fin da subito previsto, la proposta ha incontrato una serie di oppositori. Primo fra tutti il governatore del Veneto Luca Zaia. Ancora più convinto il no dell’assessore regionale al Turismo Marino Finozzi. Si pone, invece, nella posizione dei contrari il presidente di Federalberghi

sull’applicazione della tassa di soggiorno. La stagione non va bene, si stima un 30 per cento in meno di italiani compensato in parte dagli stranieri, i cui arrivi non sono tuttavia da record. La tassa di soggiorno sarebbe dunque un ulteriore disincentivo che va ad aggiungersi alla crisi economica e alla psicosi da terremoto. Gli operatori chiedono all’assessore regionale al Turismo Marino Finozzi incontri per mettere a fuoco la situazione e studiare

strategie di contrasto in tempo per la seconda metà della stagione turistica. Da Chioggia e Sottomarina, dove l’introduzione della tassa di soggiorno è stata approvata con grande disappunto delle categorie economiche del turismo, si avanzano proposte per attirare i vacanzieri. Alla Regione lanciano l’idea dei buoni benzina riservati ai turisti che vengono a villeggiare nelle coste venete.

LA CREMA SOLARE? SI RICLICLA QUELLA DELL’ANNO PRIMA

I

nformati, prudenti, protetti ma anche accorti e attenti a non sprecare. In tempo di crisi non si butta via niente, neanche la protezione solare avanzata dalle vacanze dell’anno precedente. E’ quanto risulta da un’indagine di Adico, l’Associazione veneta a difesa dei consumatori, condotta in territorio trevigiano alla vigilia delle prime partenze in massa per le ferie. L’obiettivo era in realtà quello di verificare la conoscenza sul corretto uso di lozioni e spray solari e invece è emerso un dato significativo e inaspettato. Oltre il 60 per cento degli intervistati ha dichiarato di utilizzare i solari avanzati dalla stagione precedente, pur sapendo - almeno nella maggior parte dei casi - che da un anno all’altro le confezioni aperte perdono parte del filtro protettivo. Di questi un 15 per cento si limita a farlo con le protezioni a fattore alto, perché - è la risposta - non riesce a consumare

l’intero flacone nell’arco di una sola stagione. C’è però un 48 per cento che, invece, finisce la confezione a prescindere dal fattore di protezione. Mentre rimangono stabili i dati relativi all’utilizzo di protezioni solari - confermando una buona consapevolezza sui rischi e le controindicazioni derivanti da esposizione al sole senza adeguata protezione - è in deciso aumento proprio la percentuale di chi utilizza creme dell’anno prima. “Un comportamento - commenta il presidente Adico, Carlo Garofolini - assai rischioso soprattutto nei primi giorni di esposizione, quando sono necessari filtri ben attivi per evitare arrossamenti ed eritemi, ma diretta conseguenza della crisi”. In virtù di questo fenomeno le case produttrici di solari sono ricorse ai ripari: si è infatti registrato il boom della vendita di mini dosi di altissima protezione. O.J.

Entra nel Team Promomedia! Se hai voglia di crescere professionalmente, con un lavoro stimolante, diventa Agente Promomedia! Diventare Agente Promomedia significa abbracciare una professione indipendente, un nuovo lavoro con ottime possibilità di guadagno. Offriamo rimborso spese e alte provvigioni, formazione e training, un gruppo di lavoro serio, motivante e mezzi accreditati e di sicuro ritorno. Per informazioni

800.46.50.40

invia il tuo curriculum a: personale@promomedia.it

Un’offerta pubblicitaria unica nel Nord-Est L’informazione locale a casa tua

Il free magazine di moda e tendenza

Il magazine dei grandi eventi

La TV del trasporto pubblico

I nostri mezzi di comunicazione, insieme o singolarmente, permettono di scegliere i destinatari da raggiungere, di mirare le campagne pubblicitarie ad un target ben definito e di differenziare il messaggio.

La Piazza, Look, MobyTV: impossibile passare inosservati!

Via Svezia, 9 Padova - tel. 049 8704884 fax 049 6988828 - www.promomedia.it


24 8 Il Veneto in primo piano Patrimonio architettonico L’analisi dell’istituto regionale Ville Venete

Ville venete, risorsa da valorizzare Giuliana Fontanella. ”La messa in rete del patrimonio aumenta del 20% l’economia turistica” di Alessandro Abbadir

“S

e tutte le ville del Veneto fossero messe in rete e valorizzate, come meritano l’economia turistica potrebbe fare un balzo in avanti del 20%. In Veneto abbiamo oltre 3700 ville di cui solo 1500 sono valorizzate e sono saperte alle visite“. A dare queste cifre è Giuliana Fontanella presidentessa dell’istituto Regionale delle Ville Venete, istituto attivo da decenni e che da qualche anno ha la sua sede a Mira (Venezia) in Villa Venier, nella rinomata Riviera del Brenta. In Veneto la provincia che ha più ville censite è quella di Treviso con 785, seguita Verona con 676, e poi Vicenza con 670, Padova 633, Venezia 573, Rovigo 250 e infine Belluno con 195. Giuliana Fontanella fa un’analisi della situazione partendo dalla crisi in atto. “Ci si accorge ora dell’importanza di sviluppare e recuperare il patrimonio artistico e architettonico del Veneto in cui anche le ville hanno una parte importante - spiega la Fontanellaquando per anni si è puntato tutto sullo sviluppo di aree industriale e capannoni. Solo

ora si capisce che il paesaggio insieme all’agricoltura, e alla gastronomia è una risorsa, anzi può diventare la risorsa trainante. Ora si deve recuperare il tempo perduto e certamente fare tesoro dall’insegnamento che in qualche modo arriva da questa crisi. Una crisi che ha mutato radicalmente il modo di intendere e valorizzare le risorse del territorio”. In questo momento di crisi però recuperare tutte le ville Venete e renderle visitabili è davvero un’opera impossibile è possibile però mettere in rete il sistema ville con la ricezione turistica, la gastronomia e l’agricoltura promuovendo ad esempio nei castelli del trevigiano un prodotto internazionale come il Prosecco. “Finora abbiamo creato “pacchetti” di messa in rete di ville in diverse aree del Veneto – dice la presidentessa Fontanella – che cominciano a dare i loro frutti con visite organizzate e turisti che arrivano quotidianamente. Per l’economia turistica questa messa in rete di 20-30 ville a pacchetto, porta mediamente ad un incremento dell’economia turistica

Sopra Villa Venier, a fianco Giuliana Fontanella locale del 20% ma in alcune zone come la Riviera del Brenta, già rodate a questo sistema anche del 30%. In altri paesi europei un patrimonio artistico più scarso, gli enti di promozione del territorio riescono ad attrarre un numero di turisti maggiore soprattutto investendo massicciamente nei mezzi di comunicazione più moderni”. Fra le iniziative intraprese in questi anni dall’ Istituto Regionale Ville Venete, c’è anche la formazione

di insegnanti e operatori turistici in Veneto. “Abbiamo creato dei corsi di formazione per insegnanti e anche ristoratori e operatori del settore - spiega - per dare le nozioni principali di storia locale. Il Veneto non è solo le sue bellissime città, ma soprattutto paesaggi agresti e ville che devono diventare bagaglio culturale anche scolastico e da inorgoglire”. L’istituto si occupa anche delle Ville del Friuli che sono circa 500.

NEWS Iniziative

FERRAGOSTO A VILLA VENIER

L

a sede dell’istituto Ville Venete, Villa Venier a Mira, sarà al centro delle iniziative culturali con gli appuntamenti “E_state in Villa” e “Ferragosto in Villa” che termineranno il 23 agosto. Per estate in villa è il primo appuntamento è stato con la proiezione del film “The Ripley.s game”. Un tributo della regista Liliana Cavani al patrimonio delle ville venete. Il 9 agosto alle 21 “Storie di Orchi Storie di Streghe”. Saranno lette fiabe della tradizione italiana ed europea. Il 15 agosto festa per tutta la giornata. Dalle 10 alle 22. Ci saranno visite guidate, laboratori didattici (dalle maschere in cuoio alla land art, passando per pittura e scultura), concerti e jam session, degustazione vini e prodotti tipici e danza del ventre: quest’ultima una vera e propria giornata di festa di mezza estate. Infine il 23 agosto alle 19 Pic Nic delle fate e visita al lume di candela. Insomma un esempio di come una villa veneta può diventare luogo di aggregazione per tutti. A.A.

Nel vicentino

PERCORSI DIDATTICI IN VILLA FOGAZZARO

“P

ercorsi culturali in Villa Fogazzaro”. Questo il progetto didattico delle 18 classi dell’Istituto Comprensivo “G. Toaldo” dei Comuni di Montegalda, Montegaldella e Grisignano di Zocco (Vicenza) che hanno aderito alla proposta dell’Istituto Regionale Ville Venete volta a sensibilizzare i più giovani all’importanza della valorizzazione del patrimonio architettonico-culturale - Di cosa si tratta? A fine anno scolastico Un momento della in quest’area del vicentino 400 alunpresentazione dell’iniziativa ni, accompagnati dai loro docenti e da tutor professionali, sono stati coinvolti in cinque percorsi didattici che interessano sia Villa Fogazzaro sia Villa Gualdo, sede del municipio di Montegalda. Nella prima, gli studenti hanno avuto la possibilità di conoscere l’architettura della dimora privata e la storia del suo più celebre abitante, lo scrittore Antonio Fogazzaro, anche grazie alle letture animate tratte dal testo “Il folletto allo specchio”. Hanno approfondito inoltre, le caratteristiche del giardino all’italiana, considerando in particolare le diverse specie di alberi e fiori e la ricca entomofauna che abita o che si ferma in questi luoghi. Si sono accostati infine, alla musica assistendo al concerto di campanelli nel parco della villa e visitando il “Museo Veneto delle Campane”, ospitato all’interno dell’edificio. A Villa Gualdo, invece, è stato dato spazio alla storia e all’architettura della villa, alla mostra su Fogazzaro e all’itinerario a lui dedicato. La scuola insomma come la fucina in cui si trovano i cittadini del futuro e, soprattutto, come strumento privilegiato per rendere consapevoli i bambini del patrimonio, unico al mondo, che il loro territorio offre: “Il progetto dell’Istituto Toaldo- ha detto il consigliere dell’ Istituto Ville Venete Mariella Mazzetto - non è solo di tipo culturale ma anche identitario e paesaggistico. In una fase di grave crisi di identità, in cui il mercato sembra essere l’unico idolo, è giusto che i giovani trovino la loro strada anche attraverso percorsi didattici come questi, in cui sono coinvolti in maniera attiva. Per loro può essere l’occasione per conoscere le ville, gli affreschi, i modi di vivere di ogni epoca, e al contempo per individuare possibili percorsi lavorativi” L’iniziativa si ripeterà A.A. a settembre con il ritorno fra i banchi dei ragazzi


Residenza Saloni Chioggia Per la tua casa vista mare

€ 90.000

MONOLOCALE al piano primo di 35 mq.

Complesso Edilizio Residenziale situato sull’Isola dei Saloni nella città di Chioggia: ubicazione di pregio in prossimità al Centro della Città e affacciato sul mare e su una nuova piazza pubblica. Vicinissino al porto turistico di Chioggia “Darsena le Saline” MODELLO INNOVATIVO DI RESIDENZA Abitazioni organizzata in quattro edifici a corte, corredate di garage nel piano semi interrato, molteplici tipologie di varie dimensioni, in ampi spazi a verde, aperte all’aria e al sole. Adozione di tecniche dell’abitare sostenibile, criteri per abbassare i consumi energetici, sistemi attivi di captazione dell’energia solare con pannelli fotovoltaici e solari, alto isolamento termico e acustico, riscaldamento radiante a pavimento.

BILOCALE al piano seco do vista lguna con una camera e bagno

€ 110.000

TRILOCALE al piano primo con 2 letto, ripostiglio e loggia

€ 185.000

QUADRILOCALE al piano primo con 3 letto, 2 bagni, ripostigli e loggia € 300.000 UFFICIO al piano terra accanto uffici comunali di mq. 57 (no pianta)

€ 160.000

www.residenzasalonichioggia.it VENDITA DIRETTA. Per info: 349 2353550

UFFICIO al piano terra accanto uffici comunali di mq. 100 (no pianta)

€ 280.000

* Possibilità di accedere a finanziamenti per acquisto abitazione con spread agevolati, durate massime fino a 20 anni, spese pratica istruttoria e condizioni agevolate. ecohouse@email.it


LA MIGLIORE IDEA CONTRO LA CRISI

*passaggio di proprietà escluso

km0

1.4 BZ - 16v - 95cv - euro5 Ultimi pezzi disponibili in vari colori A SOLI

€9.600

*

DISPONIBILI ANCHE VERSIONI gpl e diesel

di ser ie: abs, adio ebd, airbag , clima, telecomando ap/ch, autor

gruppoceccato.com

, nta i t n ii ecch p s , ici lettr e i r io anter i r t e ti, v arlan p o t l a cd + 6

” a 15 d e t ruo

Albignasego 049 8625950

Arzignano 0444 472500

Bassano del Grappa 0424 21110

Lonigo 0444 830690

Castelfranco Veneto 0423 734800

Schio 0445 694401

Padova 049 7800996

Thiene 0445 375701

Tencarola 049 8686280

Thiene outlet 0445 807400


12 Cultura veneta

Cultura veneta 27

Villa Pisani Fino al 4 novembre “Arti e Mestieri nella Pittura Veneta tra 800 e 900”

La nobiltà del lavoro Contro il buio di spread, default, Bund e Btp la risposta semplice del lavoro come valore morale essenziale del singolo e della collettività

C

ontinuando nel solco di una ricognizione a largo raggio sulla pittura dell’Ottocento veneto, che caratterizza da anni l’offerta espositiva del Museo Nazionale di Villa Pisani a Stra (Venezia), la mostra “Nobiltà del Lavoro. Arti e Mestieri nella Pittura Veneta tra 800 e 900”, promossa dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici, illustra i diversi aspetti del lavoro attraverso le raffigurazioni dei mestieri svolti a Venezia e nell’entroterra veneziano lungo tutto il secolo che segue la caduta della Serenissima fino ai primi decenni del Novecento. In un’epoca come la nostra, preme l’esigenza di un radicale ripensamento sul senso e sul valore del lavoro. Contro il buio di spread, default, Bund e Btp, contro l’imperscrutabile economia irreale, per tornare a vedere equilibrio nella società la risposta è semplice, trasversale, globale: il lavoro che, naturalmente, è stato, è e resta valore morale essenziale che dà senso, misura e stabilità al singolo e alla collettività. Nella nostra Costituzione, all’articolo 1 si legge: L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro e la parola “lavoro” risuona con una intensa e cristallina carica salvifica. Da qui è nata l’idea di creare una rassegna tra Ottocento e Novecento che si concentri sui

Nelle foto alcune delle opere in esposizione: in alto “Mondine in Polesine” di Ettore Tito, Fausto Zonaro “Il sarto”, a sinistra Cesare Laurenti “La fruttivendola” e Oreste Da Molin “Barbiere rusticano” vecchi mestieri, vivi nella pittura veneta, che mostri come nell’arte a cavallo dei due secoli la potenza del lavoro sia glorificata con tutta la sua carica concreta e dinamica dai pennelli più noti del tempo. La mostra conduce il pubblico in una Venezia con campi e campielli popolati dall’animazione caratteristica dei mercati, con calli, ponti e canali percorsi dal vociante passaggio di ambulanti: arrotini, venditori di caldarroste, lustrascarpe, fiorai, carbonai, burattinai, suonatori girovaghi. Le donne lavorano accanto agli uomini come bigolanti, che al grido “acqua mo” portano, con il

secchio o bigol, sulle spalle, l’acqua dolce direttamente alle case; vendono polli, fiori, frutta, sono lavandaie o venditrici di zucca, o balie, cuoche, serve a servizio delle famiglie dei ricchi borghesi o della nobiltà di un tempo. Le immagini dipinte invitano a curiosare all’interno di case o di laboratori dove sartine, ricamatrici e merlettaie sono all’opera con aghi e fili, in ambienti umili dove un notaio stipula un contratto di matrimonio, dentro le botteghe dove calzolai, sarti e barbieri sono colti nell’esercizio del loro mestiere e dove gli antiquari espongono coloratissime e preziose merci o nelle fucine

La Fondazione Stépán Zavrel compie 30 anni

NUOVA SEDE E UNA MOSTRA IN CANTIERE

P

er festeggiare la nuova sede e i trent’anni di attività, la Fondazione Stépán Zavrel di Sarmede ha in serbo un’edizione straordinaria de “Le immagini della fantasia”. Una mostra che aprirà i battenti, il 27 ottobre e proseguirà fino al 20 gennaio, con un tema conduttore: 30x2 , ossia gli anni di attività della fondazione per due, in totale 60 illustratori invitati nella sola sezione Panorama, dedicata ai libri recentemente pubblicati ma con l’aspirazione di coinvolgerne altri, in numero anche maggiore, insieme agli editori riunendoli nell’ambito di un ricco programma di eventi collaterali. La rassegna offrirà così al suo pubblico un discorso sempre più ampio sul libro illustrato che comincerà dall’osservazione di oltre 350 illustrazioni provenienti da numerosi Paesi, rifletterà sulle modalità espressive di oltre 100 illustratori, e 50 allievi della Scuola Internazionale d’Illustrazione viaggiando sul filo delle parole di un centinaio di libri e suggerendo infiniti spunti di dialogo che affioreranno sfogliando emozionanti pagine illustrate. Le immagini della fantasia proporrà, inoltre, anche altri approfondimenti nelle sue sezioni speciali: una dedicata all’ospite d’onore Roberto Innocenti, l’altra dedicata alle fiabe dalla Russia ed infine “Come nasce un libro Illustrato”, dove André Neves racconta il suo modo di lavorare. Si celebrerà il trentennale anche grazie

dove ferve il lavoro dei fabbri. Chiamano ad addentrarsi lungo le callette veneziane dove le impiraresse (infilatrici di perle) svolgono a domicilio, talora appena fuori dell’uscio, prolungamento dell’angusto spazio domestico, le loro attività con il pensiero ai compagni che sono sulle barche, fuori in mare, a pescare. Uscendo dalla laguna, il visitatore è accompagnato nel brio luminoso di un giorno di mercato in Piazza delle Erbe a Verona, nell’umida atmosfera di una pescheria a Chioggia, nella effervescente confusione dei mercati di Badoere e Serravalle e nelle campagne dove sono al lavoro mondine,

contadini, zappatrici, fienaiole, pastore. Attraverso una selezione di dipinti che coprono un arco cronologico di più di un secolo, dal principio dell’Ottocento ai primi decenni del Novecento, si compie un percorso accattivante attraverso la pittura di genere di area triveneta (con pittori friulani come Brass, Fragiacomo, Mazzoni, Rotta e Veruda), tracciando un reportage sulle attività della gente che, nell’operosità come nel travaglio, nella fatica come nella solerzia, nei gesti e negli sguardi diventa protagonista di una grande epopea, quella del lavoro, nella sua concreta, industriosa, sostanziale nobiltà.

Personale di Renato Pengo dal 14 settembre

Shock ai Musei Civici degli Eremitani

L

ad interventi critici d’eccellenza come quelli di Roberto Denti in apertura del volume che correda la Mostra, di Paola Pallottino, dando nuova lettura all’opera di Roberto Innocenti, di Silvia Burini, di Anastasia Arkhipova, di Davide Giurlando sull’opera di Iurij Norstejn, accanto alla consueta presentazione della Mostra a cura di Monica Monachesi e al saggio sui racconti popolari della Russia a cura di Luigi Dal Cin. Sempre sulla scia delle celebrazioni per il trentennale sarà in uscita ad ottobre la pubblicazione “Storyboard, come nasce un libro illustrato”, dove 7 illustratori raccontano come nasce un libro illustrato, un editore ed uno stampatore offrono la propria esperienza e le parole di Stépán Zavrel come ouverture.

e stagioni dell’arte non hanno date precise, vengono comunemente classificate in base alle tendenze storiche che le contengono. Così c’è stata un’arte romana fino a quando è esistito l’impero romano d’occidente, pur essendo sopravvissute geograficamente parte delle prerogative di quest’arte in quello d’Oriente e temporalmente anche nell’arte successiva paleocristiana, ed esiste un Rinascimento che comunemente viene collocato agli inizi del Quattrocento anche se la sua genesi risale, dal punto di vista tecnico, ad un secolo prima e nei duecento anni precedenti andrebbero cercate anche le premesse economiche che l’hanno consentito. Insomma l’arte non volta pagina insieme ai calendari, a volte fa una fuga in avanti rispetto ad essi ma in altre circostanze è un corpo resiliente che tenacemente non vuol saperne del mutare dei tempi. Oggi, per esempio, da almeno cinquant’anni sembrerebbe dare solo spettacolo di se stessa ed essere inconsistente come un’entità astratta che latita nascondendosi sotto una coltre di ventagli giocattolo. Servirebbe una riattivazione sensoriale, emotiva, intellettuale. Secondo Renato Pengo solo uno “Shock” permetterebbe di far ripartire il dialogo tra storicizzazione artistica e arte contemporanea. Come? Con la mostra che dal 14 settembre troverà posto nella sala delle esposizioni temporanee dei Musei Civici degli Eremitani mettendo a stretto confronto una scelta di dipinti tra il Quattrocento e l’Ottocento della Pinacoteca dei Musei con le tele appartenenti al ciclo pittorico “Shock” degli anni Novanta e a elementi video realizzati dall’artista per questa personale. E’ infatti a partire dagli anni Novanta che Pengo affronta nuovi ambiti legati all’antropologia e alla psicoanalisi, raffrontandoli con

il mezzo tecnologico e con la cultura mediatica contemporanea focalizzando la sua immagine sul cosiddetto “shock tecnologico”, cioè la trasposizione su tela del brusio elettrostatico del televisore, che al tempo aveva anche suscitato l’interesse del celebre critico francese Pierre Restany. In poche parole Pengo pratica una sorta di intrusione artistica nei Musei Civici, uno turbamento appunto, collocato a metà strada tra l’arte moderna, rappresentata dalle opere della Pinacoteca del Museo, e quella contemporanea delle sue tele e dei video che con l’effetto neve del tubo catodico, proiettato tutt’intorno, arriva a coinvolgere anche il pubblico.


Vacanze estive 2012 Terme Šmarješke Toplice

10. 8.–9. 9. 2012 L‘offerta comprende: • ALLOGGIO: pernottamento con mezza pensione • PIACERI TERMALI: bagni illimitati nelle piscine termali • PIACERI WELLNESS: uso illimitato delle saune (potete scegliere tra la sauna finlandese, romana, turca, finlandese rustica e alle erbe), buono regalo per 5 € per i servizi nel centro benessere • ATTIVITÀ FISICHE: ogni giorno aerobica e ginnastica in acqua

Hotel Šmarjeta**** Hotel Vitarium**** superior

2 notti

3 notti

5 notti

7 notti

10. 8.–18. 8.

146,00

208,05

328,50

459,90

19. 8.–9. 9.

146,00

176,84

279,23

367,92

10. 8.–18. 8.

154,00

219,45

346,50

485,10

19. 8.–9. 9.

154,00

186,53

294,53

388,08

I prezzi sono in € e si intendono per persona in camera doppia.

*Offerta speciale: bambini fino ai 6 anni e un bambino fino ai 12 anni gratis! Sconti: membri del Club Terme Krka – 10 % (soggiorno minimo 2 notti) Supplementi: la tassa di soggiorno (1,01 € per persona al giorno), pensione completa (7 € per persona al giorno) Terme Šmarješke Toplice, Slovenia T: 00 386 7 38 43 565 E: booking.smarjeske@terme-krka.si www.benessere.si

Bambini GRATIS*


RUBRICHE Rubrica curata dal prof. Marco Canova, insegnante di Educazione Fisica, direttore tecnico di un centro sportivo

Marco Canova IN INVERNO C’È LA NEBBIA ED USCIRE PER ANDARE IN PISCINA O PALESTRA NON SE NE PARLA, IN ESTATE (SOPRATTUTTO QUESTA ESTATE) È CALDO E FARE ATTIVITÀ FISICA È DURA

CON L’ESTATE ROVENTE CHE SPORT FARE? ASPETTO SETTEMBRE?

(ANCHE SE IN PISCINA SI STA SEMPRE BENE), MA ALLORA CHE FARE?

L

a risposta più facile sarebbe quella di dire: beh, riposiamoci ed aspettiamo settembre (e non sarebbe poi così sbagliato far riposare il nostro corpo), però qualcosa per stare in movimento si deve trovare. Allora ecco una serie di idee, dalle più classiche a quelle più innovative: LE CLASSICHE: - in PISCINA… ACQUAGYM, NUOTO, HYDROBIKE - Da soli o in compagnia all’aperto: FOOTING alla sera o al mattino negli orari meno caldi, una partitina a TENNIS –calcetto-touch rugby o altro sport, - In palestra... beh, quel poco che le palestre in estate propongono. LE NOVITA’: - lo zumba in acqua….. o la Zumba fitness, corsi di Fitness a bordo piscina, nei parchi o nei villaggi, i tornei estivi di beach volley serali, ritrovarsi tra amici e GIOCARE (si, giocare) ad alcuni giochi della nostra giovinezza che ci facevano divertire e correre. - Con un pò di fantasia ognuno di noi può trovare la sua attività fisica. Ed a settembre, cosa faccio? L’importante è aver voglia di stare assieme, divertirsi e fare sport per stare meglio, dopo di che cerco la cosa più adatta al mio corpo, alla mia età ed alle mie esigenze (anche in termine di prezzo). Da esperto del settore ciò che consiglio a settemre è di recarsi presso un Centro sportivo polivalente (e non la solita palestrina che offre 2 corsi in croce) e provare tutto ciò che offre il centro stesso e solo dopo, dopo aver provato, verificato la struttura e la qualità degli insegnanti, i prezzi, la possibilità di recuperare le lezioni perse (incredibile che ancora oggi con tutti i problemi legati al lavoro, alla famiglia, ci siano centri che non ti fanno recuperare e ti fanno pagare anche se non frequenti il corso perche lavori), allora decido. Ora voglio dare un consiglio da tecnico del settore ed azzardare un programma tipo: - Lunedì e Giovedì: un corso in palestra, tonificante (gag, body tonik, un circuit), il mercoledi una lezione aerobica (SPINNING, WALKING, ZUMBA, LA STESSA ACQUAGYM), ed il venerdi o il sabato nuoto o una lezione rilassante (yoga, pilates, la panca fit), - oppure: 2 giorni di acquagym-nuoto o hydrobike, 1 o 2 di un corso di palestra (spinning o gag), poi ci metto la zumba o lo yoga

- Bello, ma quanto mi costerà? ed il tempo? la famiglia, i figli, il lavoro, gli impegni vari!!!!!! Per il tempo, se vediamo lo sport come qualcosa di divertente da fare piuttosto che andare al bar o fare shopping, beh, il tempo lo si trova perche diventa parte integrante della settimana, Quanto al costo:…….ritorniamo a quanto detto sopra, ovvero ricercare un centro che con poco dia la possibilità di fare molto o tutto (parliamo di 60-65 euro

per i programmi sopra descritti). Non mi resta ache congedarmi, augurare a tutti gli sportivi e non...… una buona estate ricca di benessere e salute, auspicando che alcuni dei tanti consigli o articoli trattati su questa rubrica in questi ultimi 2 anni sia servito a qualcuno/a o possa servire a praticare più sport perche lo Sport è salute. BUON FITNESS A TUTTI e BUONA ESTATE a tutti. info: >canovasport@alice.it < >www.canovasport.it<


Parco Regionale Veneto del Delta del Po Via Marconi, 6 45012 Ariano nel Polesine (Ro) Tel. 0426 372202 - 346 6868151 Fax 0426 373035 info@parcodeltapo.org www.parcodeltapo.org

“Dovelaterranonèpiùterraeilmarenonèancoramare”

Un territorio, le sue eccellenze e un’estate di tempo per conoscerle Ente Parco del Delta del Po ha messo la marcia della promozione del territorio e dei suoi prodotti di eccellenza. “Mai come in questo periodo - spiega infatti il presidente Geremia Gennari - c’è stata tanta carne al fuoco o, visto che quando si parla di prodotti deltizi si parla prevalentemente di specialità ittiche, di pesci al fuoco”. Cozze e vongole veraci, ovviamente, ma anche tartufi, riso, patate americane, aglio, radicchio, carote. Insomma il parco è anche grande un orto nel quale le produzioni di qualità non mancano. “Con la Regione e gli altri parchi veneti - prosegue il presidente

Gennari - stiamo lavorando ad un «pacchetto di prodotti» da promozionare nelle principali fiere internazionali, questo ci consentirà di lavorare in modo sistemico in un’offerta pluri-comprensiva capace di andare oltre alla frammentazione che ha determinato quella sorta di «nanismo» che da sempre ci impedisce di raggiungere i mercati globalizzati; ancora con la Regione stiamo lavorando, in previsione dell’Expo 2015, ad una via d’acqua che collegherà Milano a Venezia, lungo la quale verrà collocato il Delta come area del riso, del tartufo, del pesce; con la provincia di Verona stiamo costruendo

«la via del riso»; con il Gal stiamo portando avanti il Progetto Camargue per la promozione delle eccellenze gastronomiche deltizie; la Fondazione Cassa di Risparmio, inoltre, ha dato avvio insieme all’Ufficio Unesco di Venezia ad un iter programmatico per il riconoscimento del Delta come area riserva della biosfera. Stiamo lavorando tanto su scala internazionale, cercando programmazioni condivise con tutti i parchi deltizi del Mediterraneo, quanto su quella locale cercando il coinvolgimento delle scuole, siano esse l’alberghiero di Adria o lo Iuav di Venezia. E ancora: esiste il progetto per un

Visite guidate da Rosolina. Terra sospesa tra cielo e acqua PerconosceredavicinoilParcoelesuemeraviglienaturalistiche,ènecessarioavereuno “punto di vista” speciale, quello offerto dalla miriade di canali che danno forma e luogo all’areaumidapiùgranded’Europa.Questa,infatti,èunaterrachevavistadall’acqua.Altrove leescursionisifannoapiediquiinveceènecessarioscivolaresulpelodellacorrenteper conoscereisuoiabitanti:falchianatre,aironi,cavalierid’Italia,beccaccedimareevolpoche. DalcentrodiRosolinaognimartedìegiovedì,dal14giugnoal18settembre,epossibilepartecipareadueitinerariall’internodelParcodelDelta. La rotta del martedì, “Dove il fiume incontra il mare” proponeun’escursioneinmotonave lungoilPodiVeneziafinoallefocidelPodiPila,delPodiSciroccoedelPodiTramontana.Tre iluoghidaiqualièpossibileprenderel’autobuscheportadirettamentealluogod’imbarco: PiazzaleEuropaore14.45;viadellePetunieore14.47,piazzasanGiorgioore14.50.Losbarco èprevistoaPilaversole17.30circa L’itinerario del giovedì, Navigando negli orti d’acqua Inquestocasol’escursioneèinbattello,ilpercorsoprevedeunalentanavigazionenella lagunadiCaleridoveoltreagliallevamentidivongoleèpossibileammirareunafaunaselvatica straordinariaedunica.L’imbarcoèprevistoperle15.30all’attraccodiPortoCalerimentreil rientroèprevistoperle17.00circa. Prenotazione obbligatoria per tutte le escursioni: +39 345 25 18 596

museo del miele e un museo della cinematografia girata nel Bassopolesine”. Infatti tra i prodotti del Parco non c’è solo quello che la terra produce ma anche la terra stessa e le grandi distese di acqua delle lagune, gli scanni, le barene e la secolare storia degli uomini e la loro cultura. Per questo ogni anno il Parco propone una nutrita rassegna di convegni, mostre e visite guidate dedicate al territorio rivolte alla conoscenza di questo angolo di mondo sospeso tra una terra che non è più terra e un mare che non è ancora mare.

Videoproiezioni, laboratori e degustazioni

Tra il conoscere e il sapere

TraleofferteculturalidelParcononmancano quellelegatealletipicitàdeltizie,sianoessei prodottidelterritorio,iluoghidaconoscereo laboratori didattici per la scoperta di alcune produzionilocali.Finoalprimosettembre,infatti, al Centro Congressi di piazzale Europa di Rosolina si terranno serate dedicate a vari approfondimenti.Lunedì6e20agostocisaràla serata natura,conlapropostadivariitinerari perlascopertadelterritorio;lunedì27,invece, verrà proposta una serata di videoproiezioni con le immagini più suggestive del Delta. E ancora: mercoledì 1-8-22 agosto saranno i maestri artigiani dell’argilla a tenere banco con un laboratorio didattico sulle produzioni locali,alcunedavverotipichecomele ocarine, o i “cuchi” come vengono chiamati da queste parti, delle quali esiste un bel campionario in esposizionealmuseo di Grillara traquellerealizzatedalmaestrocentenariomaancoraattivo IdelmoFecchio.Laseratadi mercoledì28 agosto invece,saràdedicataaifunghi conun espertomicologocheinsegneràariconoscere le specie edibili che crescono del Delta. Nei venerdì3-10-17-24e31enelledomeniche5-1219-26 invecesaràattivalaBottega del Parco conlavenditaeladegustazionedeiprodottidel Delta.


32 Crucipiazza Azzurra Edizioni S.n.c. - C.P. 93/B - 35028 Piove di Sacco (PD)

>info@azzurraedizioni.com<

LE OMBRE Trova l’ombra corretta

A

SOPRA E SOTTO

B

Risolvendo entrambi i giochi otterrete, rispettivamente, il nome e il cognome dell’attrice in foto

AIL - CAST - CINEMA - ELISA FICTION - LICEO - MARIA MOTIVO - NONNA - NOTA PARTENZA - ROMA - RUOLI SLOGAN - SOTTOLINEARE VITA - ZERO Chiave (5,5) - Il nome..........................

C

D

Inserite all’interno dello schema inferiore le parole elencate in modo da completare il cruciverba. A schema ultimato, nelle caselle grigie, apparirà il cognome.

AD-CA-CD-ID-TI-ATE-D’ORE ICS-IDO-ILA-ORA-REO-SIR-TAP CINO-ERMO-IENA-LODE-ODOR ORMA-AMPIA-DIPOI-EDMEA ODEON-PINOT-RADON RODIO TAPPE-DORRAI-IRONIA EDITORIALE The objects (gli oggetti) Impariamo l’inglese

CHIAVE (8) - Un oggetto.......................................................................................................... Aforismi divertenti • Non sono vegetariano perché amo gli animali. Il fatto è che odio le piante. • Mia moglie ed io siamo stati felici per vent’anni. Poi ci siamo incontrati. • Un piacere senza rischi piace meno.

Soluzioni: corretta: B LE OMBRE:

• La moglie al marito: “Caro, Tu preferisci una donna bella oppure una intelligente?” Lui: “Nessuna delle due cara. Ti amo così come sei!” • Che cosa vuol dire per un uomo “Aiutare nelle faccende domestiche?” Sollevare le gambe quando la moglie passa l’aspirapolvere. • Tra amiche londinesi: “Mi sono messa con un tipo underground!” “Fantastico! Cosa fa? Il pittore?” “No, guida la metropolitana.” • Tra amiche: “Voglio provare a entrare nell’ambiente del cinema!” “Allora c’è una sola cosa che tu devi fare.” “Quale?” “Comprarti un biglietto!” • Sulla spiaggia un ragazzo dice ad una ragazza: “Perché non fai il bagno?” La ragazza: “Ho le mie cose.” E lui risponde: “Vai, che te le tengo io.” • Chi è il portiere della squadra femminile di calcio più forte del mondo? Sara Cinesca. • Era così sofisticata che guidava con le gambe accavallate. • Fra due amiche: “Non c’è niente da fare, non ci capiamo. Pensa che gli ho detto che non volevo più vederlo!” “E lui?” “Ha spento la luce!” • Una ragazza si lamenta con

un’amica: “Incredibile come guidi la gente! Anche oggi ho tamponato tre auto!” • Un camionista si ferma ad un semaforo rosso. Da una macchina dietro di lui scende una bionda che si avvicina al finestrino e gli dice: “Buongiorno, volevo avvertirla che lei sta seminando il suo carico lungo la strada.” In quel momento il semaforo diventa verde e il camionista riparte. Ma al semaforo successivo la scena si ripete. E anche a quello dopo, a quello dopo e a quello dopo ancora. Finché l’uomo esasperato risponde: “Buongiorno a lei signorina. Mi chiamo Giorgio, siamo in inverno e questo è uno spargi sale.” • La maga ad una giovane ragazza: “Lei sposerà presto un uomo meraviglioso, bello, simpatico e intelligente.” La cliente allora domanda: “E del mio fidanzato cosa ne faccio? • Una donna affascinante è l’inferno dell’anima, il purgatorio del portafoglio ed il paradiso degli occhi. • “Come si chiama una ragazza che ha deciso di non fare all’amore con nessuno prima del matrimonio?” “Perché la volete chiamare?” • Lei: “Tu non mi capisci.” Lui: “Cosa intendi dire?”

trova l’ombra

Le donne

BED - BOOK CALCULATOR CHALK CURTAINS DOLL DOOR ERASERS FLAG KEYS LAMP - MAP MONEY PEN POSTER RULER SHOES SOFA - TAPE TOY VASE WARDROBE WINDOW

Giochi e tanto Simply... divertimento: li trovate su Simply... Puzzle! Tutti i mesi in edicola!

Puzzle

100 pagine solo € 1,20


A tavola 33 CUCINA

VINO

CALAMARATA IN CREMA FRESCA DI CAPRINO E PORRI

IL SANGIOVESE Denis Meneghini AL GIORNO D’OGGI OGN’UNO DI NOI, UN PO’ PER PASSIONE E UN

PO’ PER QUESTIONI DI ETICHETTA

CONOSCE I VINI PIÙ FAMOSI AL MONDO MA NON TUTTI SANNO CHE DIETRO AD UN GRANDE VINO C’È SEMPRE UN ALTRETTANTO GRANDE VITIGNO.

QUESTA VOLTA PARLIAMO DI SANGIOVESE, UN VINO CHE PRENDE IL NOME DAL VITIGNO, E CHE NEGLI “VINO DI BOTTEGA”. LA STORIA RACCONTA CHE IL SANGIOVESE È UNA DELLE UVE PIÙ VECCHIE DI CUI SI ABBIA NOTIZIA. ADDIRITTURA IN UN DOCUMENTO DEL 1772 SI DICE CHE GIÀ 2000 ANNI PRIMA, AL TEMPO DEGLI ETRUSCHI, SI USAVA QUESTA UVA PER PRODURRE VINO. IL LUOGO DI ORIGINE DEL SANGIOVESE È LA TOSCANA, ANCHE SE ORAMAI VIENE COLTIVATO IN QUASI TUTTA L’ITALIA, IN PARTICOLARE IN EMILIA ROMAGNA. INOLTRE ULTIMI ANNI È RIUSCITO A SCROLLARSI DI DOSSO L’ETICHETTA DI

NEGLI ULTIMI DECENNI IL SANGIOVESE HA AVUTO UN SUCCESSO PLANETARIO, IN QUANTO ALCUNI PRODUT-

N.20-2 ‘A SMORFIA. I NUMERI DEI SOGNI SPESSO INGANNANO, INVECE OGNI NUMERO DELLA PASTA DI GAROFALO È UNA GUSTOSA REALTÀ CHE APPAGA I VOSTRI DESIDERI. METTETE IN GIOCO LA FANTASIA CON UNA COMBINAZIONE VINCENTE: “CALAMARATA E CALAMARIELLE”. MEGLIO DI UN TERNO SECCO!!! ABBIAMO VOLUTO VARIARE RISPETTO ALLA CLASSICA VERSIONE DI QUESTA PASTA SOLITAMENTE CONDITA CON IL PESCE, PROPONENDO UN PIATTO DI VERDURE, MORBIDO QUASI DOLCE.

PORRI DELICATI, FRESCO PROFUMO DI LIMONE E DEL CARPINO LEGGERO E GUSTOSO PER CONDIRE UNA PASTA SPECIALE. IL PIATTO PARLA DA SOLO E CON QUESTE TEMPERATURE È L’IDEALE: VELOCE DA PREPARARE, LIGHT E RENDE PERFETTAMENTE ANCHE FREDDO.

INGREDIENTI PER 5 PERSONE: 500G PASTA TIPO CALAMARATA 470G PORRI 160G FORMAGGIO CAPRINO LEGGERO 2 CUCCH. MIELE D’ACACIA 1 LIMONE SCORZA GHERIGLI DI NOCE

TORI CALIFORNIANI, ARGENTINI, AUSTRALIANI E CORSI, HANNO PIANTATO QUESTI VITIGNI NEI LORO TERRITORI CON OTTIMI RISULTATI. IL NOME SANGIOVESE HA ORIGINI MITOLOGICHE, INFATTI DERIVA DAL LATINO” SANGUIS JOVIS”, CIOÈ SANGUE DI GIOVE E NEL CORSO DEL TEMPO SI È TRASFORMATO NEL NOME ATTUALE. RE INCONTRASTATO DEL CENTRO ITALIA, IL SANGIOVESE HA SVARIATI CLONI CHE DI FATTO SONO RICONDUCIBILI AD ESSO, MA IN BASE ALLE ZONE DI COLTIVAZIONE, HANNO ASSUNTO NOMI DIVERSI. INFATTI DIVENTA BRUNELLO A MONTALCINO, PRUGNOLO GENTILE A MONTEPULCIANO E MORELLINO IN MAREMMA. COMUNQUE, ANCHE SE CAMBIA NOME, NON CAMBIA LE PROPRIE CARATTERISTICHE: ACINI DI UN ROSSO NON TROPPO CARICO, TANTA ACIDITÀ E TANNICITÀ CHE LO FANNO APPARIRE UN PO’ GREZZO DA GIOVANE MA GLI DONANO QUEGLI ELEMENTI CHE LO FARANNO EVOLVERE AL MEGLIO NEGLI ANNI A VENIRE, FACENDOLO DIVENTARE UNO DEI MIGLIORI VINI AL MONDO.

SALE, PEPE NERO

PROCEDIMENTO

MONDARE, AFFETTARE E LESSARE I PORRI. MESCOLARLI CON IL MIELE, LE SCORZETTE DI LIMONE ED I GHERIGLI DI NOCE. INSAPORIRE CON SALE E PEPE. CUOCERE LA PASTA IN ACQUA BOLLENTE SALATA, SCOLARLA TENENDO DA PARTE UN PO’ DI ACQUA DI COTTURA. CONDIRE LA CALAMARATA CON IL PREPARATO AI PORRI, QUINDI AGGIUNGERE IL CAPRINO ED AMMORBIDIRE CON L’ACQUA DI COTTURA. SERVIRE SPOLVERANDO CON UN’ALTRO PO’ DI PEPE NERO.

DENISMENEGHINI@ALICE.IT

Photo: Kate Holt/Eyevine/ActionAid

“È IMPOSSIBILE CHE LA MARMELLATA L’ABBIA RUBATA IO!”

MANUELA E SILVIA BIZZO

SPIZZICHI E BOCCONI B

ADOTTA UN BAMBINO A DISTANZA, SOSTIENI LA SUA COMUNITÀ. Per ricevere materiale informativo e la cartellina di un bambino compila il coupon e spediscilo in busta chiusa all’indirizzo indicato sotto; oppure invialo via fax al numero 02 2953 7373 o chiamaci allo 02 742 001. Nome Cognome Via

Tel.

Cell.

e-mail Cap

Città

Prov.

Ai sensi del d.lgs. 196/2003, La informiamo che: a) titolare del trattamento è ActionAid International Italia Onlus (di seguito, AA) - Milano,via Broggi 19/A; b) responsabile del trattamento è il dott. Marco De Ponte, domiciliato presso AA; c) i Suoi dati saranno trattati (anche elettronicamente) soltanto dai responsabili e dagli incaricati autorizzati, esclusivamente per l’invio del materiale da Lei richiesto e per il perseguimento delle attività di solidarietà e beneficenza svolte da AA; d) i Suoi dati saranno comunicati a terzi esclusivamente per consentire l’invio del materiale informativo; e) il conferimento dei dati è facoltativo, ma in mancanza non potremo evadere la Sua richiesta; f) ricorrendone gli estremi, può rivolgersi all’indicato responsabile per conoscere i Suoi dati, verificare le modalità del trattamento, ottenere che i dati siano integrati, modificati, cancellati, ovvero per opporsi al trattamento degli stessi e all’invio di materiale. Preso atto di quanto precede, acconsento al trattamento dei miei dati.

ZLP12

Ci sono bambini che, una volta nella vita, vorrebbero poter rubare della marmellata. Ma sono nati in Paesi dove la terra non produce quasi nulla. Dove le “case” sono baracche. Dove si va a dormire a stomaco vuoto. Si lavora anziché andare a scuola e si muore per un banale morbillo. Eppure un destino diverso è possibile. Dipende anche da te. Con l’adozione a distanza di ActionAid e 82 centesimi al giorno puoi trasformare la vita di un bambino e della sua comunità: dall’estrema povertà a un futuro di dignità e diritti. E - perché no - con della marmellata da rubare!

Data e luogo Firma

ActionAid Via Broggi 19/A, 20129 Milano - Tel. 02 742001 E-mail: richieste@actionaid.org - www.actionaid.it


34 Oroscopo ARIETE 21/03 AL 20/04

DAL

FASCINO CLIMA AGITATO IN FAMIGLIA E IL PARTNER NON VI SODDISFA COME VORRESTE. ARMATEVI DI PAZIENZA L’ APPAGAMENTO È ALTROVE · S ALUTE DOMINATEVI A TAVOLA E CONCEDETEVI IL TEMPO PER L’OTTIMA GINNASTICA DI COPPIA. CHE PERÒ NON BASTA: INCREMENTATE LO SPORT

TORO DAL 21/04 AL 20/05 FASCINO

NON

SIETE IN VENA DI RINCORRERE IL PIACERE E CON IL PARTNER STATE AFFRONTANDO TROPPE SPESE CHE METTONO TENSIONE. RELAX · S ALUTE VOLTATE PAGINA, VE LO CHIEDE ANCHE LA BILANCIA E, NONOSTANTE LA FORMA DISCRETA, L’UMORE È MALINCONICO

Oroscopo COME ALATI PREDATORI

SCORPIONE DAL 23/10 AL 22/11

TUTTO CIÒ CHE LUCCICA

L’AMORE

F

A S C I N O

È CONDITO DA SUSPENSE E TRAGICITÀ MA RICORDA CHE È UN’IDEA ROMANTICA, LA REALTÀ È BEN ALTRO CHE QUESTO · S ALUTE LA FASE CRITICA È PASSATA MA NON È ANCORA IL MOMENTO DI ABBANDONARSI ALLA PIGRIZIA. L’ELEMENTO ACQUA TI AIUTERÀ MOLTO

SAGITTARIO DAL 23/11 AL 21/12

FASCINO GIOVE ILLUMINA QUESTO VOSTRO ANNO POSITIVO. I SENTIMENTI VOLANO VERSO METE SICURE DOVE L’AMORE SBOCCIA · S ALUTE SE SIETE IN VACANZA E DOVETE TORNARE CONCEDETEVI IL LUSSO DI RIMANDARE DI QUALCHE GIORNO. PUÒ SOLO FARVI BENE!

DI RECENTE L’AMORE VI HA FATTO SOFFRIRE. APPROFONDITE LA CONOSCENZA DI QUALCUNO CHE DA POCO AVETE INCONTRATO · S ALUTE OMBROSI PIÙ CHE MAI TENDETE AD ISOLARVI… NON È QUESTO IL MODO MIGLIORE PER GODERE DEL SOLE ESTIVO FASCINO

CANCRO DAL 22/06 AL 22/07

CAPRICORNO DAL 22/12 AL 20/01

FASCINO LASCIATEVI ALLE SPALLE AMAREZZE E MALUMORI DEGLI ANNI PASSATI. VESTITEVI DI LEGGEREZZA E NON PRENDETEVI SUL SERIO · SALUTE OGNI TANTO LASCIATE CHE GLI AMICI VI DIANO PER DISPERSI E NEL FRATTEMPO RICARICATE LE PILE IN QUALCHE PARADISO DI SILENZIO

FASCINO

FASCINO STAI CAMBIANDO E QUESTO VIAGGIO INTERIORE TI PORTERÀ ANCHE VARIAZIONI IN AMORE: SI RIVELERANNO UNA FORTUNA · S ALUTE ALLEGRI E PIMPANTI NON RIUSCITE A TRATTENERVI DAL FARE MILLE COSE E TROVARE PURE IL TEMPO PER LO JOGGING E LA PALESTRA

CONSERVATE L’AMORE ESTIVO PER

GEMELLI DAL 21/05 AL 21/06

LEONE DAL 23/07 AL 23/08

BILANCIA DAL 2 3/09 AL 22/10

FASCINO ATTENZIONE, IN QUESTO PERIODO RISCHI DI FAR PASSARE DAVANTI A TUTTO I TUOI IMPEGNI PROFESSIONALI. APRI GLI OCCHI · SALUTE LA GOLA VI TENTA MOLTO MA SE SARETE COSTANTI CON L’ATTIVITÀ FISICA ARGINERETE QUALCHE DISASTRO. AGGIUNGETE LA MEDITAZIONE

ACQUARIO DAL 21/01 AL 19/02

ESPRIMERVI

CON AGGRESSIVITÀ NON VI AIUTA ANCHE SE, IN QUESTO PERIODO, L’ISTINTO È QUELLO. VI ASPETTANO TEMPI DURI · S ALUTE SE AVETE INTENZIONE DI FARE UN VIAGGIO SCEGLIETE METE TRANQUILLE, VICINE A CASA. IL PERICOLO È DIETRO L’ANGOLO

MANTENETE I PIEDI PER TERRA PER EVITARE DELUSIONI, UN IDILLIO CONTINUA MA NON DIMENTICATEVI DI METTERVI SEMPRE IN GIOCO · S ALUTE IL CALDO DI QUESTI GIORNI VI PROCURA QUALCHE FASTIDIO DI BASSA PRESSIONE: MANGIATE FRUTTA E BEVETE IN ABBONDANZA FASCINO

L’INTERVENTO

Grandi opere, i veneti chiedono partecipazione di Alessandro Abbadir

VERGINE DAL 24/08 AL 22/09

FASCINO IL

TUO CUORE HA FINALMENTE TROVATO SERENITÀ. LA GELOSIA, UTILIZZATA POSITIVAMENTE, ACCENDE IL DESIDERIO · S ALUTE I PENSIERI NON VI DANNO PACE, UN CONTINUO ASSILLO VI TORMENTA E NON VI AIUTERÀ CERTO SVUOTARE VASCHETTE DI GELATO

*dottore oculista

L

Campolongo

L’ECOMOBILE PER RIFIUTI INGOMBRANTI

e devastanti alluvioni nel vicentino e nel padovano dello scorso novembre, però, hanno cambiato le carte in tavola. L’idrovia Padova – Venezia è diventata di nuovo un’opera utile. Da degli studi idraulici fatti, infatti, appare chiara la sua funzione di valvola di sfogo delle acque del padovano e del vicentino, senza perdere poi la caratteristica di infrastruttura di comunicazione commerciale (su acqua con chiatte fra Padova e Venezia), che tra l’altro ha un impatto inquinante minore della cosidetta “camionabile”. Il problema però, come nel caso della Romea Commerciale, è che spesso le valutazioni su cosa realizzare, non seguono le priorità che emergono dal territorio. Queste opere progettate da tempo, sono viste per lo più come grandi affari, operazioni che una volta avviate sono difficili da cambiare e da adattare alle nuove priorità. Questo perché hanno già mosso ed impegnato gruppi imprenditoriali, fiumi di denaro potenziale o già stanziato che punta più su strade, su nuovo cemento, su ferrovie o idrovie. I cittadini però cominciano a svegliarsi e con loro anche tante forze politiche locali che “disubbidiscono” platealmente agli input che arrivano dai vertici dei partiti e si dimostrano più moderni degli imprenditori nel campo degli interventi sostenibili. Non si accettano più decisioni calate dall’alto che qualche ente locale finge di contrastare per poi accettare supinamente. Nascono comitati e fronti trasversali, che vogliono assemblee partecipazione, referendum. Sul futuro del territorio la gente vuole decidere non subire le scelte dei potentati d’affari. Xdci^cjVYVeV\#1

professionalità risultati

E’ in funzione da gennaio a Campolongo Maggiore (In Riviera del Brenta) un nuovo servizio chiamato ecomobile. Potranno essere conferiti rifiuti ingombranti come mobili ed elettrodomestici. Sarà possibile conferire i rifiuti ingombranti: Boion ogni 2° sabato del mese dalle 8 alle 12 in Via Pasolini (parcheggio ad ovest della piazza della chiesa). Campolongo Maggiore ogni 4° sabato del mese dalle ore 8 alle 12 in Via Majorana (parcheggio del campo sportivo).

relax

LA PROVINCIA VENDE QUOTE AUTOSTRADE

La Provincia di Venezia vende il 7 per cento delle quote possedute nell’autostrada Spa Venezia-Padova, pari a 171.173 azioni per un valore complessivo di 9.120.319,96 euro e lo 0,71 per cento delle azioni di Interporto di Venezia spa per un valore di 191.427,64 euro. I bandi di avviso sono pubblicati all’albo pretorio e sono disponibili sul sito www.provincia. venezia.it sezione bandi e concorsi. Il termine ultimo per la presentazione delle offerte è il 7 febbraio 2011

igiene

PESCI DAL 20/02 AL 20/03

Territorio

AMBIENTE: MENO CO2, PIÙ QUALITÀ

Chioggia

Sanità

TORNA A COLPIRE L’INFLUENZA SUINA L’influenza A (H1N1) torna a colpire anche in Veneto, all’inizio del mese di gennaio si registravano 9 ricoverati e un decesso. Si tratta per lo più di persone già debilitate da malattie o convalescenti. Il virus quest’anno si presenta con caratteristiche meno aggressive ma può avere delle complicazioni. Nel Veneziano si è registrato anche il caso di un uomo di San Donà. Nel Miranese il presidente della Conferenza dei sindaci dell’Ulss 13, Fabio Livieri, sollecita maggiori controlli nelle scuole del territorio considerato il picco atteso per fine mese.

cortesia

Economia

Provincia

CONRIBUTO AFFITTI

Regione

POLITICA

6XXdaid ^a,%eZgXZcid YZaaZYdbVcYZ eV\#14

PRIMO PIANO

EVgZcideda^ kZcZo^VcV! Xdcigdaa^^cXdghd eV\#28

SOLIDARIETÀ

SCUOLA

L P GVXXdai^fjVh^&%%% ZjgdeZgaVJ^aYb Y^8]^d\\^V

INTORNO A NOI

;dgbVo^dcZ# AVhigVYV

>bb^\gVo^dcZ! ^aeZg^XdadƒjcV \jZggVigVedkZg^

Sanità X]ZedgiVVaaVkdgd eV\#16 eV\#30 Ulss 14 e osped CULTURA ale, quale destin8^cVZ8]^d\\^V/ >aW^aVcX^d o Y^:cg^XdOZccVgd ^cXdcigdY^YjZ per Chioggia?

eV\#41

Il caso 6EVaVood Intoppi per YZaBdciZ^iZhdg^ la riscossione YZaaV<gZX^VVci^XV 43 dei bonuseV\# gas

VELA

XjaijgZ eV\#22 eV\\#

10-14

MOSTRE A PADOVA

eV\#34

Si sono riuniti lo scorso 14 gennaio a Ca’ Corner per una riunione operativa il presidente della Provincia di Venezia Francesca Zaccariotto e il collega della Spezia, Marino Fiasella, insieme con gli assessori all’Ambiente Paolo Dalla Vecchia, al Trasporto Giacomo Gandolfo e alla Viabilità Emanuele Prataviera, con il direttore generale di Tecla (l’associazione che dal 2001 supporta la collaborazione fra le Province e l’Unione europea) Mario Battello. Due gli obiettivi. In primo luogo individuare un percorso comune tra le due Province per l’attuazione del Patto dei sindaci, il protocollo promosso dalla Direzione generale energia dell’Unione europea, per favorire la riduzione delle emissioni di Co2 siglato dalla Provincia di Venezia lo scorso 25 settembre. Sono inoltre state valutate le prospettive di finanziamento europeo su nuovi progetti imprenditoriali finalizzati all’utilizzazione di fonti energetiche alternative.

di Chioggia

HigZ\Vi^YValZW# FjVcYd^ciZgcZi ƒeVidad\^Xd eV\\#36-37

www.lapiazz

aweb.it

Il viaggio Da Chioggia alla Mongolia in moto

eV\#14

eV\#26

“TOLÉLE” IN MOSTRA DI CHIOGGIA A CATTOL ICA

EDITORIALE

Grandi opere, i veneti chiedono partecip azione

Gli ex voto fanno patrimonio di Fede parte di quel e di cultura che comunemente si chiama devozione pietà popolare. o La “pietà può essere ignorata, popolare non ne trattata con indifferenza o disprezzo” scriveva il papa Giovanni Paolo II. eV\#21

PARENTOPOLI NEL VENEZIA NO

di Alessand

Elezioni, parti politici in fermeti e gruppi nto

G

ro Abbadir

randi opere, il Veneto e i veneti, interrogano e si chiedono più partecipazione alle scelte infrastrutturali determineranno che il futuro del loro territorio. Sul tavolo di interventi e progetti sono molti. ce ne

Alcuni già conclusi come la Pedemontan o da completare, a e il Passante Mestre (con le di opere Parentopoli, dopo sistema Metropolitan complementari), il Roma anche Veo Ferroviario di nezia, anche se ficie (appena avviato), Superle possibili proporzioni di un eventuale altri da definire alcuni addirittura scandalo, non sembrano e solo abbozzati. certamente quelle alla Romea Commerciale Si pensi emerse nella capitale. A lanciare le accuse , alla camionabile Padova – all’amministrazione Venezia, al completamen comunale e alle dell’Idrovia Padova municipalizzate Venezia, all’elettrodotto veneziane era stato to Dolo-Camin, a campagna elettorale il sindacato Usb. al Polo logistico portuale di Mira, Veneto City, te e le consultazioni è ormai alle por- l’impegno l’alta e tra la compattezza Velocità i diversi partiti e nel Veneto orientale. i gruppi politici del partito nella eV\#28 passata esperienza sono iniziate da 2007, rendendosi amministrativa. tempo. Il partito più corteggiato Sono opere che disponibile come All’interno del Pdl le candidato possibi- come insistono e hanno al momento si attende l’esito sembra l’Udc, quasi terminale ultimo, delle centrodestra. sindaco per una coalizione conteso tra centrodestra consultazioni per capire di le province attraversando e centrosinistra nella passata amministrazise i consiglieri che . Ma i tempi non di Padova Si tratta, a detta sono maturi per una della Commerciale e Rovigo (nel caso one erano rimasti www.lapiazzawe di Tiozzo, “di un decisione e l’Udc ancora fino alla fine fedeli ), il territorio della po politico grup- vincia al mandato, siano b.it ha imparato cittadino ra prodi Venezia. Ma l’arte parte del partito. anco- si appresta coeso, con idee ben chiare, che le ricadute sono Il gruppo smentisce puntare su un’alleanzadella mediazione. A ora ad iniziare a testa tutti i veneti. Si su la creazione di per scheletri pensi alta e senza una lista civica negli armadi l’imminente sia il Pd, che prende con l’Udc sarebbero e attende pletamento dell’Idrovia ad esempio al com:cigV^cGZiZX separata alcune risposte campa- L’opera Padova – Venezia. veneziana di Orsoni, a modello l’esperienza dai vertici del Pdl. gna elettorale”. dccd^ cominciata negli Certa è invece in coalizione con anni 60 è stata la discesa in campo titi di centro, sia realizzata solo i par- Romano il Pdl, che ha nella parte iniziale di Tiozzo con apprezzato a ridosso della laguna di rata, esattamente una lista civica sepaVenezia, ed è sempre come aveva fatto considerata un’opera stata nel mastodontica inutile costosissima da eV\\#4-8 e finire. 8dci^cjVVeV \#3

>Xdch^\a^Zg^gZ\ ^dcVa^IZhh Zg^c!EYa!Z ^ckdXVcdX dZh^dc^Vb I^dood!EY e^ZZeZgh ! dcVa^i|Y^h eZhhdgZ

L

il sito del giorna

le

L’Intervento Eneldevoti ed Eneldipendenti di Gianni Nonnato

Con cortesia e profession alità il tuo ORO o ARGENTO acquistiamo in contanti alle migliori quotazioni Via S. Marco, 1933/C Sottomarina Borgo S. Giovanni, (VE) Tel. 041 4968055 Chioggia (VE) 7/z Tel. 041 4968379

Vivi il tuo tempo, cerca

*

G

li Eneldevoti e gli Eneldipendenti si sono sempre accontentati di qualche concerto in centrale dell’inquinamento, in cambio dell’uso di olio colombiano e della poca manutenzione degli impianti.

*Partito Socialista

Xdci^cj

VVeV\

il tuo

#8

lll#iZ XcdXVhV#^i %) &#* *#) )) #() e-mail: vehs2@ tecnocasa.it

Lo trovi nelle

nostre selezion

ate location

FASCINO VI ASPETTANO SORPRESE ECCITANTI E UN RINNOVATO OTTIMISMO VI DARÀ ENERGIA PER COSTRUIRE UNA BELLA STORIA · S ALUTE CAMMINARE MOLTO VI FA BENE E FINALMENTE SENTITE IL VOSTRO CORPO APPARTENERVI. QUALCHE ACCIACCO MUSCOLARE RISOLVIBILE


Solo ad Agosto. Solo ad Agosto.

Solo ad Agosto.

Solo ad Agosto.

CLIOCOLLECTION LIMITEDCOLLECTION COLLECTION CLIO LIMITED CLIO LIMITED S PORTE 1.2 1.275cv 75cv PORTE 5 PORTE 1.2 5575cv CLIO LIMITED COLLECTION OLO VE 5 PORTE 1.2 75cv 8 T DIS TUR * PO E € 10.950 NIB 55 PORTE,EPS, CLIMATIZZATORE 5 PORTE,EPS, CLIMATIZZATORE PORTE,EPS,AUTOMATICO CLIMATIZZATOREAUTOMATICO AUTOMATICO ILI NAVIGATORE INTEGRATO LIVE INTEGRATO NAVIGATORE NAVIGATORE INTEGRATOLIVE LIVE

10.950 € 10.950 € 10.950

5 PORTE,EPS, CLIMATIZZATORE AUTOMATICO NAVIGATORE INTEGRATO LIVE RADIO CD MP3,IN CERCHI IN LEGA MP3, CERCHI LEGA RADIO CD MP3, CERCHI LEGA RADIOIN CD MP3, CERCHI IN LEGA VERNICE METALLIZZATA

RADIO CD VERNICE METALLIZZATA VERNICE VERNICEMETALLIZZATA METALLIZZATA

8,51% TAEG 8,51% Tua anche a al mese** TAEG ANTICIPO ZERO 8,51% 4 ANNI € 299,42 ANTICIPO ZERO

ANTICIPO ZEROANTICIPOTAEG ZERO

8,51%

TAEG

FURTO E INCENDIO

E INCENDIO 4 ANNI FURTO E INCENDIO 44 ANNI FURTO ANNI PIÙFURTO ECOLOGICA EPIÙINCENDIO ECOLOGICA CONSUMO MISTO 5,8 L/100KM

PIÙ ECOLOGICA

EMISSIONI CO2 135 GR/XM

PIÙ ECOLOGICA

PIÙ ECOLOGICA PIÙ ECOLOGICA CONSUMO MISTO EMISSIONI CO2 PIÙ ECOLOGICA PIÙ ECOLOGICA 5,8 L/100KM 135 GR/XM *Renault Clio Limited, prezzo chiavi in mano, IVA inclusa, IPT esclusa. **Esempio CONSUMO MISTO EMISSIONI CO2 di finanziamento. Anticipo 2.500,00 €, 36 rate da 299,42 € comprese di Finanziamento Protetto e Pack CONSUMO MISTO CO2 Service che comprende 2 anni di Assicurazione Furto e Incendio e 5EMISSIONI anniGR/XM di Garanzia/60.000 Km. TAN 3,99%TAEG 7,27%. Spese di gestione pratica comprese + imposta di bollo a misura 5,8 L/100KM 135 5,8 L/100KM GR/XM europee di base sul credito ai consumatori disponibili presso i punti vendita della Rete Renault convendi legge, spese di incasso mensili 3 €. Salvo approvasione Finrenault.135 Informazioni zionata FINRENAULT e sul sito www. renault.it. Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Foto non rappresentativa del prodotto. E’ una nostra offerta valida fino al 31 Agosto 2012. CONCESSIONARIA PER PADOVA A PROVINCIA

ESTE (PD) Via Atheste 40/d - Tel. 0429 600677 - Fax 0429 600737

Via dell’Artigianato, 14/16 - Albignasego (PD) Tel. 049 8626100 - Fax 049 8626063 www.autobase.it

ROVIGO (RO) Via del Mercante, 34 Zona Borsea Tel. 0425 412069 - Fax 0425 412387

CONCESSIONARIA PER PADOVA A PROVINCIA

ESTE (PD) Via Atheste 40/d - Tel. 0429 600677 - Fax 0429 600737 CONCESSIONARIA (PD) Via34 Atheste 40/d - Tel. 0429 600677 - Fax 0429 600737 Via dell’Artigianato, 14/16 - Albignasego PER (PD) PADOVA A PROVINCIA ROVIGO (RO) Via ESTE del Mercante, Zona Borsea CONCESSIONARIA PER PADOVA A PROVINCIA ESTEESTE (PD) Via(PD) Atheste 40/d - Tel.40/D 0429tel 600677 Fax 0429 600737 Via Atheste, 0429 -600677 Tel. 0425 412069 - FaxROVIGO 0425 412387 dell’Artigianato, 14/16 - Albignasego (PD) 49 8626100 - Fax 049 Via 8626063 www.autobase.it (RO) Via del Mercante, 34 Zona Borsea

Via dell’Artigianato, 14/16 - Albignasego (PD) Tel. 049 8626100 - Fax 049 8626063 www.autobase.it Tel. 049 8626100 - Fax 049 8626063 www.autobase.it

LEGNAGO 16/A34 telZona 0442Borsea 24800 ROVIGO (RO)Via ViaMantova, del -Mercante, Tel.(VR) 0425 412069 Fax 0425 412387 Tel. 0425 412069 - Fax 0425 412387 www.autoteam.it


STUFE A LEGNA & CAMINETTI - CLIMATIZZATORI CONSELVE (PD) - Via Padova, 51 - Tel. 049 9500869 - caldofreddo@toffanoleopoldo.it - www.toffano.it

STUFE A LEGNA & CAMINETTI - CLIMATIZZATORI

Promozione valida dal 10 maggio 2012 al 30 giugno 2012 e/o fino ad esaurimento scorte. Le fotografie del presente volantino hanno valore puramente illustrativo. TAEG variabile,TAN 0%. Prezzi validi franco negozio. Costo installazione escluso, da quantificare dopo sopralluogo tecnico. S.E.&O. - I.P. - I marchi dei prodotti appartengono ai legittimi proprietari. - Non disperdere questo volantino nellâ&#x20AC;&#x2122;ambiente. Operazione promo pubblicitaria comunicata al sindaco del Comune di appartenenza.

(PD) - Via Padova, per 51 - Tel. 9500869 - caldofreddo@toffanoleopoldo.it - www.toffano.it IlCONSELVE Centro della Fiducia la 049 climatizzazione!

SPECIALE SPECIALE STUFE STUFE A A PELLET PELLET

e caminetti. Lâ&#x20AC;&#x2122;alternativa al caro e gasolio!Chiedi Chiediun un sopralluogo sopralluogo tecnico, gratuita alloallo 049049 9500869 StufeStufe e caminetti. Lâ&#x20AC;&#x2122;alternativa al caro gasgas e gasolio! tecnico,con conconsulenza consulenza gratuita 9500869

ECONOMICA

Fino al 30 giugno Carotatrice Carotatrice in USO GRATUITO per chi USO GRATUITO per chi in â&#x20AC;&#x153;PREDISPONE DA SEâ&#x20AC;? PREDISPONE DA SEâ&#x20AC;? la stufa* â&#x20AC;&#x153;PREDISPONE la stufa* acquistando a

ET LL E P

ET LL E P

KIT TUBI Ă&#x2DC; 8 CM SPESSORE 1,5 mm: 4UBOLINEAREDAMM TUBOLINEAREDAMM

TUBOLINEAREDAMM CURVAÂŞ RACCORDOA4ÂŞ CONTAPPOCOMPRESO ROSONEDIlNITURA FASCETTA

E 127

,00

DORINA Pot. term. nom.: K7Pot. term. max.: K7 Peso:KGLPH #RONOTERMOSTATOTELECOMANDO ,00 OPTIONAL CASSETTOCENERE FOCOLAREINGHISA RIVESTIMENTOIN ACCIAIOVERNICIATO

E 1.490

E 899

E 1.380

,00

,00

GRANDE

ET LL E P

' (&'# %(

ET LL E P

MONIA Pot. term. nom.: K7Pot. term. max.: K7 Peso:KGLPH ,00 #RONOTERMOSTATOTELECOMANDO OPTIONAL CASSETTOCENERE FOCOLAREINGHISA RIVESTIMENTOIN ACCIAIOVERNICIATO

E 1.440

E 1.330

,00

ET LL E P

SABRINA Pot. term. nom.: K7Pot. term. max.: K7 Peso:KGLPH ,00 #RONOTERMOSTATOTELECOMANDO OPTIONAL CASSETTOCENERE FOCOLAREINGHISA RIVESTIMENTOIN ACCIAIOVERNICIATO

E 1.850

E 1.650

,00

MELINDA AIR STEEL Pot. term. nom.: K7Pot. term. max.:K7 Peso:KGLPH ,00 #RONOTERMOSTATOTELECOMANDO CASSETTOCENEREFOCOLAREINGHISA RIVESTIMENTOINACCIAIO VERNICIATOEMAIOLICA

E 1.990

E 1.813

,00

Paghi Paghifino finoaa48 48mesi mesi--Con Conlelestufe, stufe,iicaminetti, caminetti,lelecaldaie caldaieaa biomassa biomassaed edililsolare solaretermico, termico,detrazione detrazionefiscale fiscaledel del50% 50%

* Le stufe vanno installate secondo le normative vigenti da personale abilitato

E 999

VIVIANA Pot. term. nom.: K7Pot. term. max.:K7 Peso:KGLPH ,00 #RONOTERMOSTATOTELECOMANDO CASSETTOCENEREFOCOLAREINGHISA RIVESTIMENTOINACCIAIO VERNICIATOEMAIOLICA

* Le stufe vanno installate secondo le normative vigenti da personale abilitato

Tribano via Roma, 7 049 5342033

SEMPLICE

CONTRO EDIZIONI e GRAFICA - Lonigo (VI) - 0444 432670 - Maggio 2012

IMBATTIBILE

La Piazza della Bassapdovana - 2012lug n90  

La Piazza della Bassapdovana - 2012lug n90

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you