Page 1

Sport p.18

FEBBRAIO 2017

Periodico d’informazione locale - Anno XXIV n. 20

Cultura p.17

4 6 7 10 11 35 37 38

p.27

Salute p.21

on-line: 

della Bassa Padovana SRL cell. 3395739186 · terry.battistella@gmail.com

monselice, il proGetto

Polo Agrologic investimento da 280 milioni monselice

Nuova gara per la gestione del canile

pfas, anche a montagnana i primi esami del sangue Lo screening gratuito nei 12 Comuni della “area rossa” inizia con i quattordicenni, servizio a pag 12 al via il piano di sorveglianza

scandalo riFiuti

Padova Tre la Finanza passa al setaccio i conti este, l’intervista

Gallana racconta i suoi primi mesi da sindaco este, casa di riposo

Tutti assunti i dipendenti della S. Tecla appuntamenti

Concerti, mostre ed eventi di casa nostra a tavola

La cucina biologica, integrale e vegetariana Oroscopo

Febbraio, stelle positive quasi per tutti

Godiamoci la festa Germana Urbani >direttore@givemotions.it<

C

’è un tempo dell’anno in cui è giusto lasciare gli ormeggi e concedersi qualcosa che altrimenti non faremmo mai. Quando la vita era dura, come dicono i nostri nonni, questo periodo dell’anno era il Carnevale. Ed eccoci qua, dunque, pronti a rendere omaggio alla tradizione che ci vuole veneti golosi di fritelle, favette, crostoli o galani, che dir si voglia, burloni e disposti a fare e ricevere scherzi. Ma soprattutto pronti ad andare al Carnevale! segue a pag 3

Rimani sempre aggiornato con le news in tempo reale direttamente sul tuo smartphone

scopri la promozione a pagina 5 OTTICA LE LENTI Centro Commerciale

facebook.com/lapiazzaweb

Rovigo

Scarica la nostra App Le Lenti By Masina

seguici su

clicca mi piace!


Villa Momi’s

ristorante·pizzeria

Villa Momi’s è il luogo ideale per matrimoni, cresime ed ogni altro tipo di ricorrenza. Per gli sposi e i loro invitati è riservata un’ospitalità particolare, con aree e intrattenimenti privati.

B E A U T I F U L D AY Villa Momi’s permette anche cene e pranzi di lavoro, con la massima tranquillità e distensione per i propri colloqui d’affari. Alla sera i locali sono destinati anche a chi desidera un po’ di intimità, con un’armonia

che

solo il lume di candela riesce a creare

Due sale separate in due piani. Giardino estivo. Oltre 300 posti a sedere. Locale rustico in chiave moderna unico nel suo genere, immerso nel verde.

Cavarzere (VE) Loc.Santa Maria 3B Tel. 0426 53538 chiuso il lunedì siamo presenti su

www.villamomis.it


3

Facciamo il punto

www.lapiazzaweb.it

Godiamoci la festa Germana Urbani >direttore@givemotions.it<

Ambiente e rifiuti, sale la tensione S

ale la tensione sociale nella bassa padovana. A infiammare x il clima è la conferma della dolosità dell’incendio alla Nek a scopo di vendetta. Un epilogo che fa suonare un assordante campanello d’allarme. Un segnale che la politica, a questo punto, non potrà più ignorare. La Nek, ditta di Monselice che si occupa di gestione e trattamento rifiuti plastici, nei mesi scorsi ha subito un incendio devastante che ha procurato 3 milioni di euro di danni. I sospetti erano ricaduti dapprima sulle ecomafie. Ma dopo le prime indagini dei carabinieri della Compagnia di Abano sono cresciuti i sospetti nei confronti di due ex dipendenti. L’operazione delle forze dell’ordine, denominata “fuoco incrociato”, ha portato all’arresto dei due marocchini, smontando la pista della criminalità organizzata. Si tratta quindi di vendetta dettata anche dall’innalzamento repentino della tensione nel comparto rifiuti. Una situazione quella della Nek che si affianca al clima tesissimo relativo alle recenti indagini su Padova Tre. L’azienda, che gestisce i rifiuti in 50 Comuni della bassa, è finita in concordato a causa di un buco da 30 milioni di euro. Un dissesto “pagato” anche dai dipendenti che hanno perso il posto in 40. Per non parlare dei fornitori che probabilmente non si vedranno mai saldate le vecchie pendenze. Per capire la gravità del problema basta fare un giro veloce su Facebook: sono centinaia gli utenti che minacciano azioni fisiche e, più in generale, di non pagare le bollette. Una conseguenza quasi ovvia, figlia dello stallo gestionale che perdura ormai da troppi mesi e dalla mancanza di polso della politica ormai incapace di prendere decisioni che tutelino gli interessi di tutta la comunità e non dei soliti noti.

della Bassapadovana

è un marchio registrato di proprietà Srl di

Individuati gli autori dell’incendio alla Nek ma il clima è teso

Quasi in ogni paese vengono organizzate feste in piazza con carri allegorici più o meno grandi ed elaborati ma che, comunque, raccontano l’impegno di tanti cittadini che raccolgono la sfida del tempo e che, di sera, nel fine settimana, quando possono si ritrovano in qualche capannone per trasformare un rimorchio in un carro allegorico. Certo è che nell’era dei mondi virtuali in 3D, dove qualsiasi cosa sembra più vera della vita vera, tutto questo sforzo per un carretto di cartapesta pare davvero sprecato. Vien da chiedersi che senso abbiano oramai questi carnevali di paese. Se un tempo i carri sapevano stupire i bambini di ogni età e divertire gli adulti, oggi non è più così. Le nuove generazioni sono abituate a ben altro, il mondo che li cattura è tutto contenuto sullo schermo dello smartphone, una scatola che si apre ovunque e in ogni momento per portarli altrove. La rete, i social li catapultano con un clic nel mondo che non c’è e che, come accade nella favola a Peter Pan, è, tante volte, più affascinante e divertente del mondo che c’è. La tecnologia cattura e incanta…La carta pesta? Certo se assistiamo al carnevale di Viareggio o a qualche altro evento di quella portata possiamo dire che lo spettacolo vale ancora la pena ma per quanto durerà? Che sia il gusto del ricordo e della tradizione che mantiene in vita i nostri carnevali di paese? O la tenacia di quanti pensano che una giornata all’aria aperta, piena di colori e coriandoli valga ancora la pena di essere vissuta fino in fondo con tutti “i santi crismi”: carri, sfilata di mascherine, bancarella di dolciumi e karaoke? Forse è questo, ed è bene che sia così. A dimostrarlo sta il fatto che i nostri carnevali a volte non si fanno più, saltano qualche anno e poi tornano più belli di prima. E quando i carri tornano in piazza la gente partecipa e si diverte, segno che quando la festa salta si crea un vuoto, una mancanza. E’ un peccato, si dice. Allora infiliamo la maschera e andiamo, che la festa inizi. Sosteniamo, almeno partecipando numerosi, Pro Loco e comitati che tanto si impegnano senza guadagnare nulla se non la soddisfazione di vedere le piazze piene di bambini sorridenti. Il ricordo del carnevale in piazza, l’odore dei coriandoli polverosi, delle frittelle da carretto, il colore acceso dei costumi…tutto questo sarà prezioso e indelebile per loro perché solo la vita vera si incide davvero nella memoria di un essere umano. Altro che giochi virtuali!

• visita e preventivo gratuiti • impianti a carico immediato via Amendola, 45/b-d 45100 Rovigo tel. 0425 074035 cell. 320 0577655

È un periodico formato da 14 edizioni locali mensilmente recapitato a oltre 250.000 famiglie del Veneto. Questa edizione raggiunge le zone di Montagnana, Monselice, Este e Casale di Scodosia per un numero complessivo di 12.500 copie. Iscrizione testata al Tribunale di Venezia n. 1142 del 12.04.1994; numero iscrizione ROC 22120

Direzione, Amministrazione e Concessionaria di Pubblicità Locale: via Lisbona, 10 · 35127 Padova tel. 049 8704884 · fax 049 6988054 >redazione@givemotions.it< >www.lapiazzaweb.it<

• corone in zirconia • pulizia più sbiancamento professionale da 90 euro Redazione: Direttore responsabile (ad interim) Germana Urbani >direttore@givemotions.it< Ornella Jovane >o.jovane@lapiazzaweb.it<

Periodico fondato nel 1994 da Giuseppe Bergantin Centro Stampa: Rotopress International via Breccia · Loreto (An) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

Chiuso in redazione il 13 febbraio 2017


4

Monselice

www.lapiazzaweb.it

Il progetto Opera faraonica

investimento da 280 milioni per agrologic La nuova struttura agroalimentare del gruppo Cervet sorgerà in zona industriale e occuperà circa 400 persone

C

on un investimento di 280 milioni di euro e 133.000 metri quadrati di superficie coperta il progetto Agrologic si candida di diritto ad essere un’opera faraonica. Forse una manna dal cielo per la martoriata zona artigianale e industriale di Monselice che negli ultimi anni hanno preso le sembianze di una “ghost town”. Ma andiamo con ordine. Il nuovo polo. Agrologic rappresenta una nuova struttura del comparto agro-alimentare del gruppo Cervet. Sorgerà nell’area compresa tra la Sr10 e il confine sud del territorio di Monseli-

ce, all’interno della nuova zona artigianale-commerciale via Rovigana-Campestrin che conta ben300.000 metri quadrati. L’investimento è addirittura più alto rispetto ai costi di realizzazione dell’ospedale unico: 280 milioni di euro. I numeri del progetto. Il motivo che avrebbe spinto Cervet a realizzare un’opera simile è la vicinanza con le reti viarie. Il casello dell’A13 Bologna-Padova, la Monselice-Mare e di conseguenza l’innesto con la Valdastico sud. I lavori dovrebbero iniziare prima dell’estate e la superficie

In alto, un dettaglio del progetto, qui sopra l’area interessata dall’intervento

Marchiori Ettore la nostra Passione sono i Vostri Lavori! • cancelli in ferro e ringhiere • inferriate di sicurezza • scale e parapetti da interno e da esterno • parapetti in acciaio inox a misura • lavori in ferro • porte blindate su misura • basculanti e sezionali • serrande, vetrine e allestimenti per negozi • tapparelle alluminio, Pvc, Fibra di Vetro • pensiline esterne • zanzariere e tende da sole • serramenti Pvc • serramenti in alluminio e legno O N A U CONTIN AZIONI • taglio e piega lamiere in ferro, acciaio, R rame e alluminio. LE DETC FIS ALeIl 50% • sostituzione vetri su serramenti e vetrine d del 65% e • riparazioni e manutenzioni

con l’arrivo della Primavera sconti particolari su zanzariere, inferriate, tende da sole... Via G. Callido, 6 ESTE (Pd) Tel. 0429 600570 info@marchioriettore.it visita il nostro sito: www.marchioriettore.it

coperta sarà di 133.000 metri quadrati con la costruzione di un complesso articolato in un centro lavorazioni carni e in un centro di stoccaggio e distribuzione di prodotti agroalimentari, con annesse funzioni logistiche, amministrative e gestionali. Alcune porzioni dell’area verranno trattate a verde. Inoltre la manutenzione di 92.000 metri quadrati di strade e verde all’interno del lotto non sarà a carico del Comune. L’altezza dell’edificio potrebbe

raggiungere i 32 metri. Viabilità e posti di lavoro. Verranno realizzate delle rotonde che puntano all’eliminazione di incroci semaforizzati e un collegamento diretto con l’autostrada, evitando il centro abitato, con la realizzazione di un nuovo casello autostradale o in alternativa una bretella complanare all’autostrada fino alla Monselice-mare. I nuovi posti di lavoro potrebbero essere 400. Emanuele Masiero

Grandi manovre in Giunta scambiate le deleghe

R

impasto in giunta a Monselice? Non proprio, ma qualcosa di simile è stato fatto. I cinque assessori investiti dal primo cittadino Francesco Lunghi hanno accettato uno scambio di deleghe che ne ha modificato le competenze. L’iniziativa coincide con un bilancio di metà mandato della compagine guidata da Lunghi. Il motivo del valzer di deleghe servirebbe “ad assicurare una più soddisfacente funzionalità e corrispondenza alle linee di programma”. Ma si sa, la politica spesso richiede qualche piccolo assestamento negli incarichi ed è più probabile che le modifiche rendano più stabili gli equilibri generali. Il vice sindaco Andrea Parolo mantiene bilancio, tributi, programmazione, controllo di gestione, promozione del patrimonio, artigianato, commercio, industria, agricoltura e sportello unico attività produttive, anagrafe e stato Civile. A Giorgia Bedin vanno sport, protezione civile e verde pubblico. Per Gianni Mamprin ci sono cultura, istruzione, turismo, spettacolo ed edilizia scolastica, ambiente, assetto forestale e geologico del territorio, relazioni con Parco Colli. La giovane Ilenia Brigo mantiene la responsabilità per politiche sociali, pari opportunità, politiche della famiglia e della terza età, politiche giovanili, volontariato e no profit. Infine l’assessore Andrea Tasinato si occuperà di lavori pubblici, impianti sportivi e smart city. “La situazione economica non accenna a migliorare - ha commentato il sindaco Lunghi - il bilancio è stato quindi impostato salvaguardando completamente il sociale e la scuola ponendo un’attenzione particolare sul tema dell’ambiente”. (e.m.).


ANCHE QUEST'ANNO REGALATI IL SOLE! ANCHE QUEST'ANNO ANCHE QUEST'ANNO ACQUISTA UN PAIO REGALATI IL SOLE! REGALATI IL DI OCCHIALI DA SOLE SOLE!

IL SECONDO TE LO ACQUISTA UN PAIO ACQUISTA UN PAIO REGALIAMO NOI DI OCCHIALI DA SOLE DI OCCHIALI DA SOLE (promozione (promozione valida valida su su tutti tutti ii prodotti prodotti esposti) esposti) IL IL SECONDO SECONDO TE TE LO LO REGALIAMO REGALIAMO NOI NOI (promozione (promozionevalida validasu sututti tuttii iprodotti prodottiesposti) esposti) Scarica Scarica la la nostra nostra App App Le Le Lenti Lenti By By Masina Masina

seguici seguici su su

Scarica Scaricalalanostra nostraApp App LeLeLenti By Masina Lenti By Masina

OTTICA LE LENTI

seguici seguicisu su

Centro Commerciale Rovigo Abano Terme Piove di Sacco (Loc. Tognana) Selvazzano Dentro Copparo (Fe)


6

Monselice

www.lapiazzaweb.it

Il servizio Decine di animali ritrovati o abbandonati di cui ci si prende cura in attesa di un padrone

canile sempre in “prima linea” nuova gara per affidare la gestione V

errà fatta una nuova gara gli amici a quattro zampe sono le per stabilire chi si aggiudi- fughe dalle case dei loro padrocherà la gestione del canile di ni senza poi ritrovare la strada. Monselice. La struttura di via Er- Molto spesso capita per la paubecè doveva cambiare gestione, ra. Altre volte invece è semplicema il recente bando non è andato mente la curiosità e la voglia di a buon fine. Questo significa che giocare che portano cani e gatti a i cagnolini saranno abbandonauscire dai soliti spazi. Per questo ti a loro stessi? Certo che no. La il canile di Monselice ha messo a cooperativa che ha gestito finora disposizione un’apposita sezione la struttura potrà farlo ancora in dedicata agli animali scomparsi. proroga. Il canile è infatti un ser- Un album dove gli amministravizio utilissimo dove il personale, tori pubblicano foto e informaaiutato da dei volontari si prende zioni utili per mettere in contatcura di tanti cani e gatti voluta- to cani e gatti con i loro padroni mente abbandonati o dispersi preoccupati. Intanto si attende dai loro padroni. La quantità di l’aggiudicazione del bando per la animali che transitano è molto gestione del canile che richiede elevata. l’esecuzione di diversi servizi: il A testimoniarlo sono i post ricevimento da parte dell’Ulss 6 di smarrimenti e “Euganea”, seguire ritrovamenti pregli animaletti nel Cani e gatti senti nella pagina decorso post sanivengono Facebook del catario compresa la nile. Un esempio? fornitura di evenospitati e “Io sono Hanya, tuali medicinali, curati, se sono stata trovata garantire il servizio vicino alla statale, necessario, poi sanitario, gestire a Cartura. Ho circa parte la ricerca l ’ a l i m e n t a z i o n e 4 mesi, sono una compresa la fornidi una casa dolce femminuccia tura del cibo e la gemolto timida inistione delle pulizie zialmente ma anche con tanto e delle sanificazioni delle strutbisogno di amore e compagnia. ture. Chi mi vuole con sé?”. E ancora: “Ci sono cose, emozioni, espe“Ciao amici. Mi hanno chiamato rienze che non vanno spiegate, Dora: sono una meticcia di taglia ma vanno vissute - spiegano i media, bella cicciotta e morbida, responsabili - cani che vagano molto giovane e timida, trovata per le strade da settimane, cani a Cartura. Vorrei tanto una casa, persi ma non microchippati, cani con la vecchia famiglia o con una abbandonati o ancora lasciati nuova..”. Tanti annunci strappa- nelle gabbie perché considerati lacrime: “Ciao a tutti amici. Sono aggressivi solo perché gli umaarrivato anch’io qui, sono un ni non sono in grado di gestirli. nonnetto di circa 11 anni, buono, Tante vite diverse, tanti caratteri affettuoso, pacato e socievole. diversi. Ma se li guardate attenAvrei tanto bisogno di tornare a tamente, con gli occhi del cuocasa mia o di trovare una famiglia re, sono tutte anime disperate in che mi voglia bene e che mi coc- cerca di serenità”. Info al numero coli… Mi aiutate?”. 338 3810183. Uno dei problemi più gravi per Emanuele Masiero

“oltre l’ostacolo” premia gli sportivi e ricorda l’impegno di massimo arboit

E

’ giunto alla seconda edizione il premio “Oltre l’Ostacolo”. L’iniziativa è suddivisa in due diverse sezioni: miglior sportivo veneto e miglior sportivo monselicense. La premiazione si è svolta un’ospite d’eccezione: la giovane campionessa italiana di karate Sara Cardin, specializzata nella disciplina kumite. Per quanto riguarda la rassegna locale sono stati premiati come miglior: atleta Silvia Canazza (51 voti), squadra Asd Gruppo Podisti Monselicensi (63 voti), allenatore Luca Simonato (66 voti), dirigente Vanni Mario Tincani (54 voti), atleta monselicense autore di un gesto di fair play Ac La Rocca (109 voti) e under 18 Ilenia Galante (66 voti). Per la sezione

miglior sportivo veneto invece: atleta Francesca Pattaro (51 voti), atleta diversamente abile Francesca Cipelli (51 voti), squadra veneta allievi Acd Monselice (101 voti), allenatore Emanuele Biondi (100 voti). Il più votato è stato il premio alla memoria Massimo Arboit (169 voti) medico ospedaliero nonché fondatore e dirigente del club sommozzatori, scomparso improvvisamente lo scorso autunno. Premiati anche l’atleta veneto autore di un gesto di fair play Alessandro Pescante (101 voti) e l’atleta under 18 Andrea Sturaro (73 voti). “L’iniziativa nasce nell’intento di riconoscere e incentivare l’attività sportiva” hanno spiegato gli organizzatori. (e.m.)


7

Monselice

www.lapiazzaweb.it

la Finanza indaga sui conti, padova tre al setaccio

S

Intanto sul fronte del servizio idrico si fa tutta in salita la strada verso la fusione già avviata tra Cvs e Polesine Acque

N

on accenna a migliorare la situazione dei servizi pubblici nella bassa padovana. Se da un lato arriva un sonoro stop alla fusione tra Centro Veneto Servizi e Polesine Acque, dall’altro continuano le indagini in Padova Tre. La Guardia di Finanza ha recentemente ascoltato gran parte dei dipendenti per cercare di ricostruire l’intricata situazione della gestione rifiuti che vanterebbe più di 30 milioni di “buco”. A farne le spese intanto, è un dirigente dell’azienda municipalizzata che è stato sospeso dal lavoro senza paga. Ma i provvedimenti potrebbero riguardare tutto il precedente consiglio di amministrazione composto da Stefano Chinaglia, Simone Borile e Egidio Vanzetto, per i quali l’assemblea dei sindaci che controlla

l’operato di Padova Tre ha chiesto di intraprendere azioni di responsabilità. Le ipotesi di reato al vaglio sono diverse e ancora non confermate: falso in bilancio, fatture false e addirittura sovrafatturazione, che in parole povere significa bollette più alte di quello che effettivamente avrebbero dovuto essere. Intanto continua il lavoro del CdA attuale che sta cercando di risanare i conti con una politica di fortissimi tagli. A farne le spese anche i lavoratori: dei 55 amministrativi, quasi 38 sono stati messi in cassa integrazione e vengono richiamati al lavoro all’occorrenza. Situazione meno drammatica in fatto di bilanci, ma altrettanto spinosa politicamente, quella del Cvs dove la fusione con Polesine Acque sembrava cosa fatta.

Affitto da 25 euro l’anno per gli orti sociali

passati in rassegna i bilanci e i piani finanziari di tutti i Comuni per capire se ci sono state spese o altre voci gonfiate a danno dei cittadini

In realtà il progetto ha incassato una sonora battuta d’arresto per mano di una parte del polesine. Il primo cittadino di Trecenta, Antonio Laruccia, lamenta la non osservanza sulle percentuali deliberative minime previste nell’approvazione degli atti autorizzativi nei confronti del consiglio di amministrazione, ovvero almeno il 75% delle quote sociali. In polesine si raggiunse il 70%. (e.m.)

pinaci, insalata, carote o fragole. Poco importa cosa si coltivi, il bello è che si tratta di Orti Comunali. Si tratta di 27 appezzamenti di terreno che verranno dati in gestione agli over 60 che ne faranno richiesta. L’assegnazione avrà una durata triennale e visto il successo delle precedenti edizioni sarà bene affrettarsi a fare domanda. Ovviamente bisognerà soddisfare alcuni requisiti, come ovviamente essere residenti a Monselice, ma poi si potrà disporre del proprio orto con un modico affitto di 25 euro all’anno. Il terreno è situato in Via Vò de Buffi. In questi anni c’è chi ha realizzato una pompa alternativa, in aggiunta a quella predisposta dal Comune, e chi si è affidato per il proprio orto al metodo di coltivazione biodinamico. Per chi è appassionato di api e miele c’è invece il corso dell’associazione Patavina Apicoltori. (e.m.)

da 29,90 €

Centro TIM: Centro Comm.le LANDO Conselve tel. 0498597247

Deeptel Store: Via C. Colombo, 34 Monselice S.S. 10 - Vicino Famila - Tel. 0429 767207

PASSA IN NEGOZIO


8

Este

www.lapiazzaweb.it

L’evento Appuntamento il 26 febbraio

carnevale 2017: i carri allegorici tornano a sfilare in centro storico Novità ad Este per il Carnevale 2017: dopo diversi anni, infatti, tornano all’ombra della Porta Vecchia i carri allegorici, che domenica 26 febbraio attraverseranno le vie del centro storico “In questa prima edizione abbiamo coinvolto un gruppo di appassionati della provincia di Padova” spiega l’Assessore al Turismo, Sergio Gobbo. “Il sogno, nel prossimo futuro, sarebbe quello di rendere protagonisti i nostri cittadini, come succedeva un tempo, riprendendo la tradizione dei carri realizzati dai

14.30 dalla stazione ferroviaria, percorrerà le vie Principe Amedeo e Principe Umberto fino a piazza Maggiore, svolterà poi lungo via Matteotti, alla Porta Vecchia imboccherà via Massimo d’Azeglio e poi a destra ver-

so le piazze Trento e Trieste per poi ritornare in piazza Maggiore, dove sarà allestito un palco con spettacoli di animazione e intrattenimento. Soddisfatto il sindaco Roberta Gallana. “Este ha grandi potenzialità anche come

palcoscenico naturale di eventi. Il Carnevale vuole essere una delle tante iniziative che vogliamo proporre come appuntamento fisso, per riportare le persone a frequentare la nostra bellissima città”. (d.p.).

CARRARE SPURGHI di

PERARO FILIPPO

Notte al liceo Classico, al Ferrari eventi dedicati al mondo greco-latino Anche l’Istituto Ferrari di Este ha preso parte alla Notte nazionale del Liceo Classico. L’iniziativa, nata tre anni fa da un’idea di Rocco Schembra, insegnante di latino e greco al “Gulli e Pennisi” di Acireale (CT), ha lo scopo di ribadire il valore formativo della cultura umanistica contro il luogo comune secondo il quale si tratterebbe invece di un indirizzo di studi ormai superato. All’edizione 2017, patrocinata dal Ministero della Pubblica Istruzione, hanno aderito quasi 400 licei classici di tutta Italia. Quello atestino ha offerto una serie di eventi e spettacoli dedicati

CARRARE SPURGHI di

L’assessore Sergio Gobbo, in alto la folla in centro ad Este (foto da pagina Este in Centro)

quartieri e dalle frazioni”. Nel momento in cui scriviamo l’’Amministrazione comunale sta definendo gli ultimi aspetti del programma, organizzando le aree da adibire a parcheggio e valutando le necessarie modifiche alla viabilità. Gli Alpini, i Carabinieri in congedo e la Protezione civile contribuiranno alla sicurezza e alla logistica dell’evento. A sfilare saranno in particolare dieci carri allegorici con il loro seguito di figuranti. Il corteo partirà alle

PERARO FILIPPO

RAPIDO • EFFICIENTE • CONVENIENTE

049 9115058 info@carrarespurghi.it

PRENOTAZIONI e preventivi

www.carrarespurghi.it

al mondo greco e latino, proponendo collegamenti tra diverse culture per dimostrare come il pensiero degli antichi abbia un’influenza importante anche sulla realtà attuale. La serata si è aperta alle ore 18 con la lettura di un brano tratto dall’Antigone di Sofocle e si è chiusa alle 24 con il Lamento di Danae di Simonide. Buona la partecipazione del pubblico all’evento. (d.p.)


affidea piazza apr2016_Layout 1 19/04/16 17:54 Pagina 1

AFFIDEA è un gruppo internazionale presente in 14 Paesi europei con 157 centri medici. AFFIDEA è un provider sanitario specializzato nella erogazione di indagini diagnostiche e prestazioni specialistiche. Nel Veneto siamo a

• PADOVA (IDA - ISTITUTO DIAGNOSTICO ANTONIANO) • MONSELICE (INIZIATIVA MEDICA e DELTA MEDICA) • PIOVE DI SACCO (UNI-X MEDICA e UNI-X POLIAMBULATORIO)

IDA

ISTITUTO DIAGNOSTICO ANTONIANO CENTRO DIAGNOSTICO

35123 PADOVA - Via Cavazzana, 39 Tel. 049 8787479 - 049 663055 Fax 049 8786666 - 049 663689 www.ida.affidea.it info.ida@affidea.it

INIZIATIVA MEDICA CENTRO DIAGNOSTICO

35043 MONSELICE (PD) - Via Rialto, 14 Tel. 0429 786666 www.iniziativamedica.affidea.it info.iniziativamedica@affidea.it

DELTA MEDICA

POLIAMBULATORIO SPECIALISTICO PRIVATO

35043 MONSELICE (PD) - Via Rialto, 12 Tel. 0429 783000 www.deltamedica.affidea.it info.deltamedica@affidea.it

UNI-X MEDICA

CENTRO DIAGNOSTICO ACCREDITATO

Tel. 049 9708666 www.unixmedica.affidea.it info.unixmedica@affidea.it

UNI-X POLIAMBULATORIO

POLIAMBULATORIO SPECIALISTICO PRIVATO

Tel. 049 9708688 www.unixpoliambulatorio.affidea.it info.unixpoliambulatorio@affidea.it

35028 PIOVE DI SACCO (PD) P.zza G. Dossetti, 1 (Via L. Da Vinci, angolo Via Montagnon)

RISONANZA MAGNETICA convenzionata SSN TAC convenzionata SSN TAC POLMONARE HRTC convenzionata SSN COLONSCOPIA VIRTUALE TC convenzionata SSN ECOGRAFIA - ECODOPPLER convenzionata SSN MAMMOGRAFIA- SENOLOGIA convenzionata SSN

DENSITOMETRIA OSSEA convenzionata SSN RADIOLOGIA RX convenzionata SSN VISITE SPECIALISTICHE Allergologia - Andrologia - Cardiologia Dermatologia - Geriatria - Ginecologia Medicina interna - Neurochirurgia Neurologia - Neurologia Pediatrica Oncologia - Ortopedia - O.R.L. O.R.L. Pediatrica - Reumatologia Senologia - Urologia

RISONANZA MAGNETICA convenzionata SSN TAC 128 convenzionata SSN ECOGRAFIA - ECODOPPLER convenzionata SSN MAMMOGRAFIA SENOLOGIA CON TOMOSINTESI convenzionata SSN RADIOLOGIA RX DENSITOMETRIA OSSEA

Ginecologia - Medicina estetica Neurologia - Neurofisiopatologia Oculistica - Ortopedia - O.R.L. Proctologia - Psicologia - Reumatologia Senologia - Terapia del Dolore Urologia - Visita per rinnovo Patenti di Guida

VISITE SPECIALISTICHE Allergologia - Cardiologia Chirurgia Plastica - Chirurgia Vascolare Dermatologia - Dietologia Endocrinologia - Gastroenterologia RISONANZA MAGNETICA convenzionata SSN RADIOLOGIA RX convenzionata SSN SENOLOGIA convenzionata SSN TAC DENTALE VOLUMETRICA convenzionata SSN DENSITOMETRIA OSSEA FISIATRIA E TERAPIE RIABILITATIVE PISCINA RIABILITATIVA VISITE SPECIALISTICHE Allergologia - Cardiologia Dermatologia - Dietologia

ESAMI STRUMENTALI Audiometria - Ecocardiogramma Ecodoppler - Ecografia Ecografia 3D/4D EEG Elettroencefalogramma Elettrocardiogramma - Elettromiografia Esame OCT - Holter Cardiaco - Holter Polisonnografia - Impedenzometria PEV Potenziali Evocati - Posturometria Stabilometria Endocrinologia - Ginecologia Medicina Estetica - Medicina Legale Nefrologia - Neurochirurgia - Neurologia Oculistica - Ortopedia - Osteopatia O.R.L. - Podologia - Proctologia Psicologia - Reumatologia - Senologia Terapia Antalgica - Medicina Sportiva (visite e rilascio certificazione idoneità) Visita rinnovo Patenti di Guida ESAMI STRUMENTALI Ecodoppler - Ecografia Ecografia Pediatrica - Ecocardioagramma Elettrocardiogramma - Elettromiografia Posturometria - Stabilometria


10

Este

www.lapiazzaweb.it

“este è ancora in convalescenza” Roberta Gallana racconta i suoi primi mesi alla guida del Comune. Preoccupa la situazione economica “avvieremo progetti per i giovani, sul fronte sicurezza maggiori controlli e soldi per la videosorveglianza”

S

indaco Gallana, a distanza di alcuni mesi qual è la sua analisi della vittoria elettorale di giugno? “In campagna ho avuto modo di vivere un’esperienza umana molto forte, che mi ha permesso di entrare a stretto contatto con i bisogni dei cittadini. Dal punto di vista politico il risultato è stato netto. Ora siamo al lavoro per realizzare il programma. La nostra è una coalizione ampia: il confronto è costante, ma c’è anche grande compattezza”. Le opposizioni? “Mi aspettavo da parte loro un atteggiamento più costruttivo. Forse, però, devono ancora digerire del tutto l’esito delle urne”. Come sta oggi Este? “E’una città che definirei in convalescenza. Non ha più la centralità di un tempo e deve fare i conti con un certo degrado. Non ho la bacchetta magica, le necessità sono tante ma un po’ alla volta cercheremo di dare una

risposta”. Anche all’ombra della Porta Vecchia l’emergenza disoccupazione si avverte forte e chiara… “Le difficoltà di diverse realtà produttive hanno fatto perdere a Este una parte della sua identità industriale. Noi stiamo tentando di cogliere tutte le opportunità che si presentano per sostenere le fasce deboli. Presto avvieremo progetti destinati ai giovani, mentre siamo in attesa di chiarimenti riguardo al riconoscimento della Bassa padovana come area di crisi non complessa”. Sulla sicurezza la sua Amministrazione ha fatto scelte molto chiare. Tra queste quella di uscire dal Distretto di Polizia Locale Euganeo Estense. “Il Distretto ingessava i nostri agenti e ci privava di risorse, perché i proventi delle sanzioni venivano distribuiti tra i vari Comuni. Sul tema sicurezza voglio ribadire, poi, la mia fiducia nelle forze dell’ordine, con cui la col-

A fianco, il municipio di Este, in basso la sindaco Roberta Gallana

laborazione è costante. Abbiamo iniziato a monitorare il fenomeno dell’accattonaggio e destineremo fondi all’aumento della videosorveglianza”. Qual è la sua posizione sul tema dei migranti? “Noi al momento ne ospitiamo oltre un centinaio. Ritengo che sia un numero eccessivo e il mio obiettivo è ridurlo. L’accoglienza

consorzio Bonifica “euganeo” Flavio Girotto, ex sindaco di Pozzonovo, è il nuovo vicepresidente del Consorzio di bonifica Adige Euganeo. L’ente ha “silurato” il suo ormai ex vicepresidente. Mattia Cappello, 39 anni, allevatore di Stanghella, è stato sfiduciato dall’assemblea consortile che lo aveva eletto vicepresidente nel febbraio 2015. Una uscita di scena condita da molte polemiche.

centralina mobile dell’arpav controlla l’aria di ospedaletto E’ stata posizionata qualche settimana fa la centralina mobile dell’Arpav, che garantirà il monitoraggio della qualità dell’aria del territorio comunale di Ospedaletto Euganeo. La stazione Arpav è stata collocata nel parcheggio dei campetti comunali. L’indagine punta in particolare a rilevare eventuali anomalie nel numero di cittadini che sviluppano patologie legate all’apparato respiratorio. La centralina Arpav rimarrà stabile in paese per tre mesi. Ritornerà, per garantire un’analisi più completa, anche nel periodo estivo per altri due mesi.

tensostruttura “rinata” Ad oltre due anni dal fortunale che l’ha letteralmente scoperchiata, la tensostruttura di via Monte Cero ritornerà ad essere funzionante. Il nuovo telone è stato posato e fissato, garantendo dunque una copertura alla palestra che mancava da tre anni. Ora sarà ripristinato l’impianto elettrico e si procederà alla lunga operazione di asciugatura del massetto prima di ridistendere la pavimentazione e di poter riprendere le attività che potranno essere previst in questo spazio. (n.c.)

Il discusso muro di contenimento a ridosso del Castello

polemica sui lavori alle mura Terminerà pochi giorni prima di “Este in Fiore” la campagna di lavori ai giardini del castello e l’ex foro boario

Il cantiere, pensato dalla scorsa amministrazione di Giancarlo Piva e confermato dall’attuale di Roberta Gallana, si propone di eliminare le barriere architettoniche dei giardini e a riorganizzare gli spazi in cui solitamente si animano concerti e spettacoli: l’area destinata ad ospitare i palchi – non ne sarà costruito uno permanente – è stata infatti indietreg-

deve essere proporzionata al numero di abitanti: sono contraria alle grandi concentrazioni”. C’è futuro per il Parco Colli? “Di certo il Parco così com’è oggi non funziona. Serve un percorso di condivisione tra Regione e sindaci per trasformarlo in un valore aggiunto per il nostro territorio”. Daviide Permunian

giata per aumentare la capienza dell’ex foro boario, che arriverà a poter ospitare 3 mila spettatori. Tra gli interventi disegnati per questo speciale capitolo di progetto c’è anche la realizzazione di una rampa che dalla Torre di Soccorso passerà dietro l’area palchi: servirà come passaggio per gli utenti disabili e anche come vano tecnico in caso di manifestazioni. La realizzazione del doppio muro di contenimento ha suscitato non poche polemiche tra opposizioni e cittadini, sia per l’utilizzo di cemento armato che per alcune scelte progettuali. Soprintendenza e Comune, tuttavia, hanno attestato la piena regolarità delle opere. Durante i lavori non sono poi mancate scoperte e incidenti di percorso. Una scoperta è ad esempio la porzione di mura ezzeliniane trovate accanto ai bagni: lì si sarebbero dovute realizzare altre 12 toilette ma sotto la terra sono state ritrovate queste fondazioni che hanno richiesto un cambio di progetto. Nel corso dello sbancamento del vecchio palco – dove sarebbe dovuto sorgere un belvedere – sono inoltre stati scoperti 700 metri cubi di detriti di demolizione, “rifiuti” che vanno smaltiti con tempi e procedure più articolati. Nicola Cesaro


11

Este

www.lapiazzaweb.it

riassunti i 112 lavoratori “esterni” dalla Fondazione santa tecla cla: “L’accordo è anche segno dell’impegno della Fondazione a proseguire il suo servizio di qualità alle persone non autosufficienti: la scelta di puntare sul personale va a braccetto con gli investimenti fatti per aumentare il numero dei posti letto con la costruzione della nuova sede, e con le azioni intraprese per ripristinare e mantenere l’equilibrio economico e finanziario fondamentale per l’ente”.

Da inizio febbraio tutto il personale è dipendente diretto, entrato in vigore l’accordo sindacale: “puntare sul personale per il bene degli anziani”

G

li “esternalizzati” della casa di riposo sono ritornati ad essere dipendenti della Fondazione Santa Tecla. Dall’1 febbraio tutto il personale che lavora a Fondazione Santa Tecla, il centro di servizi per anziani di Este, è dipendente diretto della Fondazione. E’ entrato in vigore, infatti l’accordo firmato da Matteo Segafredo, presidente della Fondazione, e Cgil Fp, unico sindacato con una rappresentanza costituita nell’ente, con il delegato aziendale Wanni Zotto e la segretaria provinciale Roberta Pistorello. Sono 112 gli operatori sociosanitari, ausiliari, addetti alla sanificazione e al centralino che fino ad oggi hanno lavorato in Santa Tecla attraverso la cooperativa Cipres di Padova e che ora diventano dipendenti della Fondazione. Nel 2014, anno dell’esternalizzazione, si consumarono feroci proteste e clamorose manifestazioni per evitare quel passaggio occupazionale. Quasi tutti i lavoratori firmano un contratto a tempo indeterminato: sarà a tempo determinato solo chi lo era già con Cipres. Il passaggio alle dipendenze della Fondazione è per i lavoratori garanzia di stabilità e sicurezza del lavoro. Ai 112, come pure ai 56 dipendenti già in forza alla Fondazione, si applica il contratto nazionale Uneba, con i benefici aggiuntivi del contratto regionale Uneba per il Veneto. Nel complesso una condizione di maggior favore. Spiega il presidente Segafredo: “Abbiamo scelto di puntare sul personale, sulla loro professionalità e passione. Ci teniamo a ringraziare la Cgil Fp per il cammino percorso assieme che ha portato, con reciproca soddisfazione, all’accordo. Questa scelta è fatta anzitutto pensando al bene degli anziani che accogliamo:volti noti e persone fidate continueranno a prendersi cura di loro. Una garanzia di serenità per le famiglie dei nostri ospiti, a cui anche quest’anno abbiamo garantito rette stabili senza aumento”. Continuano dalla Santa Te-

L’esterno del Centro Servizi Anziani della Fondazione Santa Tecla a Este, raggiunto l’accordo sul personale

Nicola Cesaro >nicolacesaro84@gmail.com<

entra nel team! Se hai voglia di crescere professionalmente, con un lavoro stimolante, diventa Consulente pubblicitario. Una professione indipendente, un nuovo lavoro con ottime possibilità di guadagno.

protezione civile colli Aurelio Puato, vicesindaco di Este, è il nuovo presidente del distretto di protezione civile Colli Euganei Sud. La nomina è avvenuta da parte del comitato dei sindaci di Arquà Petrarca, Baone, Cinto Euganeo, Este, Galzignano Terme e Torreglia. Il distretto conta un totale di 123 volontari. Vicepresidente è Marco Veronese di Baone.

Offriamo rimborso spese e alte provvigioni, formazione e training, un gruppo di lavoro serio e motivante, mezzi accreditati e di sicuro ritorno.

chiamaci!

pasquetto a cardiologia

invia il tuo curriculum a: info@givemotions.it

l’informazione locale a casa tua

una finestra aperta sul mondo dell’informazione

Un’offerta pubblicitaria unica nel Nord-Est I nostri mezzi di comunicazione, insieme o singolarmente, permettono di scegliere i destinatari da raggiungere, di mirare le campagne pubblicitarie ad un target ben definito e di differenziare il messaggio.

e : impossibile passare inosservati! via Lisbona, 10 · 35127 Padova · tel. 049 8704884 · info@givemotions.it

E’ il dottor Giampaolo Pasquetto, padovano di 51 anni, il nuovo direttore della Cardiologia dell’Ospedale di Schiavonia. Per il medico padovano si tratta di fatto di una promozione sul campo, dal momento che lavora in Azienda (nell’ex Usl 17) fin dal 2012 come responsabile dell’Unità operativa di Emodinamica. (n.c.)


12

Montagnana .

www.lapiazzaweb.it

pfas, al via i primi esami del sangue Montagnana inserita con altri 11 Comuni in “Area Rossa”, zona considerata a rischio contaminazione I primi prelievi interesseranno i quattordicenni, 76 residenti in città, già invitati allo screening

E

sami del sangue per valutare la contaminazione da Pfas. C’è anche il Comune di Montagnana tra le dodici municipalità inserite nella cosiddetta “Area Rossa A”, una zona considerata ad alto rischio sulla base di parametri di contaminazione delle acque superficiali e profonde, disegnata dalla Regione all’interno del cosiddetto “Piano di sorveglianza sulla popolazione esposta alle sostanze perfluoroalchiliche”. Questo è uno dei due strumenti che, assieme al “Piano di campionamento per il monitoraggio degli alimenti in relazione alla contaminazione da sostanze perfluoroalchiliche (Pfas) in alcuni ambiti della Regione del Veneto”, si pone come obiettivo di capire se e quanto male hanno fatto i Pfas all’ambiente complessivo e alle persone, e quali cure e attenzione sono necessarie. I residenti di questi dodici Co-

il programma è gratuito, in caso di concentrazioni superiori ai limiti verrà attivato un percorso assistenziale

muni tra i 14 e i 65 anni saranno sottoposti a specifici esami del sangue. I primi ad essere chiamati saranno i quattordicenni, che a Montagnana sono 76. La Regione ha annunciato che le lettere di invito allo screening sono già state inviate. La fase operativa verrà coordinata dall’Ulss 5 Ovest Vicentino. La chiamata

è strutturata come uno screening oncologico, convocando i singoli cittadini, con periodicità biennale. Coloro che riveleranno concentrazioni di Pfas superiori all’intervallo di normalità saranno presi in carico dal proprio medico di famiglia ed inseriti in un percorso assistenziale di secondo livello per la diagnosi tempestiva

di eventuali patologie correlate all’esposizione a Pfas. Per la popolazione target invitata, il programma è completamente gratuito. Secondo le tabelle del Piano, la popolazione eleggibile per lo screening a Montagnana tocca quota 9.421, anche se gli “invitati” dovrebbero limitarsi a 6.074. Oltre al prelievo venoso (tra le voci analizzate ci sono colesterolo totale, glicemia, creatinenemia, enzimi epatici, ormoni tiroidei e ovviamente dosaggio Pfas), il paziente sarà sottoposto ad un questionario, alla raccolta di un campione di urine e alla misurazione della pressione arteriosa. Le risposte dovrebbero arrivare entro un mese. I prelievi, per i cittadini montagnanesi, si dovrebbero tenere in ospedale a Noventa Vicentina. Il Piano prevede che il 70 per cento della popolazione aderirà alla campagna . Nicola Cesaro

ex soci di crediveneto si appellano alla regione

Porta il nostro Sorriso in giro! numero verde 800 598 006 • Primo viaggio gratuito • Prima visita, preventivo e piano di terapia gratuiti • Prezzi al 50-60% più bassi • 8 studi dentistici, materiali a norma CE, attrezzature d’avanguardia • Viaggi organizzati settimanali A/R in giornata

ORTO·NOVA Medicina Dentale · via Lošinjska, 16 · Rijeka 00385 51 829 600 · info@ortonova.it · www.ortonova.it

Sono stati ricevuti dall’assessore lanzarin, erano la base sociale dell’istituto messo in liquidazione

H

anno bussato alle porte della Regione gli ex soci di Crediveneto, l’istituto bancario che più di un anno fa è stato messo in liquidazione coatta dalla Banca d’Italia. Il “Comitato per la salvaguardia dei diritti e interessi dei soci della Bcc Crediveneto”, presieduto da Terenzio Zanini, il cui scopo principale è il recupero delle quote sociali sottratte con la liquidazione coatta amministrativa di Crediveneto, ha chiesto e ottenuto un incontro con la giunta regionale. Zanini, assieme ai soci Gaetano Giadone e Brunetto Guarisi, ha esposto all’assessore Lanzarin le vicissitudini che hanno colpito gli ex soci di Crediveneto, evidenziando le responsabilità legali su cui si basa il ricorso al Tar del Lazio contro la messa in liquidazione coatta e le responsabilità civilistiche degli organi di vigilanza e di garanzia, che avrebbero dovuto esercitare il controllo per conto dei soci sull’attività della banca. All’assessore sono state presentate alcune richieste: il sostegno della Regione al comitato per recuperare la dignità calpestata e il riconoscimento dei diritti dei soci, la possibilità di ottenere contributi economici per sostenere le azioni legali, la partecipazione del gruppo alle attività che la Regione intraprenderà nei confronti delle banche. (n.c.)


I Professionisti al tuo Servizio! NEW IDRO COME E QUANDO EFFETTUARE LA MANUTENZIONE OBBLIGATORIA DELLA CALDAIA La Manutenzione della Caldaia è un aspetto fondamentale che ci permette di avere una maggiore funzionalità dell’impianto riducendo i consumi, prevenire anomalie o guasti e soprattutto vivere sicuri e sereni nelle nostre case. Diversi sono i dubbi che sorgono quando ci chiediamo quando e come fare la pulizia della caldaia obbligatoria, la manutenzione ed i controlli periodici.

Quando fare la Manutenzione della Caldaia Avere perplessità su modalità e tempi entro i quali effettuare i controlli è del tutto normale, in quanto non è chiaro quando debbano essere fatti i controlli di efficienza delle caldaie, dal momento che saranno le Regioni a fissarne la periodicità. In genere due anni per gli impianti termici a combustibile liquido o solido superiori ai 10 kW e inferiori a 100 kW di potenza o quattro anni per gli impianti a gas metano o Gpl superiori ai 10 kW e inferiori a 100 kW di potenza. Dal 15 ottobre 2014, sia i proprietari di immobili che per gli amministratori di condominio, vi è l’obbligo di avere un nuovo libretto di impianto, che contiene molte più informazioni utili e specifiche riguardanti i controlli vari e la pulizia della caldaia obbligatoria. Per ottenere questo documento bisogna seguire uno specifico iter che cambia in base al comune di residenza. Tuttavia, anche per quanto riguarda il libretto obbligatorio, non vi è chiarezza in quanto molte regioni italiane non sono riuscite a recepire nei tempi stabiliti la normativa, pertanto al riguardo invitiamo i cittadini a verificare la normativa nella propria Regione di residenza. A tal proposito è utile tenere a mente che la normativa che regola l’ambito della pulizia della caldaia obbligatoria è il DPR 74/2013.

Come fare la Manutenzione della Caldaia Se non l’avete già fatto, il primo passo da fare è quello di verificare che la caldaia funzioni correttamente e soprattutto sia in linea con quelli che sono gli standard minimi di sicurezza e procedere alla certificazione dell’impianto di riscaldamento. Per capire quando effettuare la manutenzione della caldaia, che come già accennato precedentemente non ha un obbligo specifico, è necessario consultare sia il libretto delle istruzioni della caldaia che il libretto dell’impianto, dove potrete trovare anche molte indicazioni relative a come effettuare la pulizia della caldaia ed altri dati relativi alle caratteristiche e funzionalità dell’impianto. Se avete bisogno di un controllo approfondito e di una nuova documentazione potete contattare gratuitamente un TECNICO TERMOIDRAULICO SPECIALIZZATO. Il secondo passo da effettuare riguarda il controllo dei fumi della caldaia in modo da valutare l’efficienza energetica dell’impianto. Questo intervento è obbligatorio e deve essere svolto a cadenze temporali prestabilite, ogni due o quattro anni in base all’impianto termico che avete in casa.

Richiedetemi preventivi gratuiti

Ricordatevi che il controllo e la manutenzione della caldaia sono fondamentali per la sicurezza in casa oltre che essere richiesti dalla legge e per chi non rispetta la normativa le multe previste sono salatissime.


15

Elezioni .

www.lapiazzaweb.it

Amministrative 2017 La battaglia più dura si consumerà a Padova

Bintoci punta al bis, già in corsa Giordani e sposato S

i avvicinano sempre più le elezioni amministrative a Padova e provincia e l’atmosfera inizia a scaldarsi, specialmente in città dove si torna al voto dopo la caduta di Bitonci. Tra le varie forze politiche e cittadine cominciano a delinearsi le coalizioni e i nomi dei candidati che, già nelle scorse settimane, hanno visto scendere in campo diverse personalità più o meno note nella politica padovana. Ha ritrovato l’unione Lega Nord e Forza Ita-

Dopo la caduta della giunta leghista si riaprono i giochi, in campo anche Cinque Stelle, centristi, Coalizione Civica lia che, come nella scorsa tornata elettorale, sosterranno Massimo Bitonci nella corsa a primo cittadino di Padova. Il sindaco uscente ha quindi alle sue spalle un forte elettorato che lo aveva portato all’elezione alle scorse elezioni a cui si è unito, negli ultimi giorni, anche Fratelli d’Italia. L’altro candidato sindaco confermato è Sergio Giordani, che correrà alle elezioni appoggiato da una coalizione di liste civiche e Partito Democratico. L’imprenditore, anche ex presidente del Calcio Padova e attuale Presidente dell’Interporto, ha ribadito alla stampa al momento della sua presentazione come candidato che non correrà come rappresentante di partito ma come candidato sindaco civico, riprendendo il modello milanese di Sala. Dopo un primo periodo di indecisione anche i centristi che avevano appoggiato Saia nelle scorse elezioni, e lo stesso Saia, appoggeranno Giordani nella sua corsa a primo cittadino. Altro candidato civico sarà Luigi Sposato, presidente e fondatore dell’Eurointerim, che nelle scorse settimane ha già cominciato ad incontrare rappresentati delle realtà cittadine di Padova, come il questore per parlare di sicurezza, il presidente dell’ordi-

ne degli architetti per riportare la biennale di architettura in città e il vicario episcopale. Sono inoltre in fase di apertura dei punti di ascolto per ascoltare la gente e presentare le 21 azioni del suo programma. Tra i nomi dei candidati anche quello del deputato Domenico Menorello, che avrebbe scelto di correre da solo nel primo turno appoggiandosi ad una coalizione centrista. Per il Movimento 5 Stelle non si ha ancora un nome

per il candidato, che verrà deciso sul web entro la prima settimana di marzo. Il Movimento con i suoi rappresentanti è già al lavoro per il programma con il quale presentarsi alle elezioni. Coalizione civica, formata dall’accordo fra Padova 2020, Rete Dem, Rifondazione e Sinistra Italiana deve ancora decidere il nome del candidato che verrà nominato nel corso di un’assemblea interna. Martina Celegato

Massimo Bitonci

Sergio Giordani

Luigi Sposato

in provincia. al voto conselve, saonara e vigonza Intanto anche in provincia si aprono i giochi. A Conselve il sindaco uscente Antonio Ruzzon è al secondo mandato, pertanto sarà caccia al successore. Il gruppo di maggioranza cercherà di restare nella stanza dei botti nel segno della continuità, probabilmente proponendo uno degli attuali amministratori. Il centrosinistra potrebbe ricorrere alle primarie, intanto dovrebbe delinearsi un’altra lista centrista. Non mancherà poi la presenza del Movimento 5 Stelle che nel 2012 aveva raccolto ampi consensi. Anche a Vigonza il sindaco uscente Nunzio Tacchetto è al secondo mandato e i giochi sono più aperti che mai, da una parte il centrodestra cercherà di mantenere il controllo del municipio, dall’altra il centrosinistra si proporrà come alternativa. Da tenere d’occhio poi il Movimento 5 Stelle, già presente in consiglio comunale. A Saonara potrebbe invece puntare al secondo mandato l’attuale primo cittadino Walter Stefan. Le prossime settimane saranno decisive per alleanze e formazione degli schieramenti.


16

Economia .

padova soft city “serve una svolta smart alle imprese” Il Coordinamento delle Sezioni servizi innovativi e tecnologici delle categorie economiche della provincia di Padova detta la tabella di marcia. Nato ad ottobre per rafforzare la collaborazione su temi strategici ha indicato come priorità per il 2017 “L’esigenza di una svolta “smart” per Padova, nei fatti capitale dell’innovazione digitale con 4.174 imprese e oltre 10mila nella provincia” attraverso un documento che punta a rilanciare il progetto-pilota per realizzare nel quadrilatero tra Stazione e Zip Sud, passando per Università, Fiera e La Cittadella, l’avamposto della città del futuro fatta di mobilità intelligente, connettività e servizi digitali.

“Dobbiamo potenziare la capacità attrattiva di Padova, vera capitale di quel terziario innovativo che può trainare il manifatturiero verso nuove prospettive di sviluppo” ha sottolineato Ruggero Targhetta, presidente Confindustria Padova, “la nostra città al 13mo posto nella classifica italiana delle smart cities, è già un polo innovativo di rilievo regionale e nazionale, anche per la presenza significativa di aziende driver. Dobbiamo valorizzare questa vocazione con iniziative concrete su infrastrutture, logistica, pubblica amministrazione, su cui chiediamo alle istituzioni uno sforzo condiviso”. Uno sforzo quindi necessario per poter andare oltre la crisi e dare una svolta ben delineata alla ripresa, in grado di trainare tutte le imprese verso un futuro produttivo e in crescita. E se la città smart, rivoluzionata dal digitale è il punto di arrivo, gli imprenditori dei servizi innovativi individuano come condizioni abilitanti una maggiore conoscenza del comparto e una nuova generazione di imprenditori. Martina Celegato

www.lapiazzaweb.it

scuola e lavoro 65 anni con enaip F

ormare le competenze professionali dei giovani, anche combattendo l’abbandono scolastico, riqualificare quelle dei lavoratori, fungere da cinghia di trasmissione per l’innovazione di prodotto e di processo (in particolare per un comparto strategico per il Veneto come il manifatturiero), infine essere incubatore d’impresa. A tutte queste funzioni risponde Enaip Veneto, ente di formazione professionale delle Acli, che ha celebrato 65 anni di vita e di storia. Nato negli anni della necessaria e faticosa ricostruzione postbellica su sollecitazione proprio di alcuni imprenditori illuminati e della Chiesa di Padova, Enaip Veneto vede la posa della prima pietra del primo centro nel giugno del 1952, a Padova. Sei decenni dopo Enaip Veneto, il maggiore ente di formazione professionale del Veneto, è diffuso capillarmente nella regione con 20 centri presenti in tutte le province. Sono 4.000 i giovani studenti iscritti ai 180 corsi di formazione professionale a qualifica triennale, nei settori agroalimentare, meccatronica, meccanica auto, ristorazione e turismo, servizi per il benessere, commercio e servizi. “Come negli anni della nascita dell’en-

Gli sudenti durante una lezione di meccanica

te e dei primi centri – sottolinea Giorgio Sbrissa, amministratore delegato dell’ente –, c’è bisogno anche oggi di alleanze forti per disegnare le direttive di un nuovo sviluppo. È il nostro contributo a quel “Veneto oltre” a cui stanno lavorando le dieci organizzazioni venete riunite nel progetto #arsenale2022, che vede peraltro largamente riconosciuto il ruolo della formazione. L’appello che rivolgiamo alla nostra rete è dunque di dare più forza e significato alle nostre relazioni catalizzandole intorno al senso di una “responsabilità sociale di comunità”, da condividere per il bene del territorio”.

Lovable C.C. Lando Conselve (Pd) · Via dell’Industria, 2 · Tel. 049 5352900


17

Cultura

www.lapiazzaweb.it

padova palcoscenico di Be comics! A marzo il festival dedicato ai fenomeni della cultura pop tra mostre, eventi, giochi. La città sarà invasa da cosplay, laboratori e spettacoli. A farla da padrone il mondo dei robot, coinvolta anche l’Università

I

l 17, 18 e 19 marzo, il centro storico di Padova diventa il palcoscenico di Be Comics!, il primo festival internazionale del Nordest dedicato ai fenomeni della cultura pop: manga, libri, cosplay, mostre, giochi, games, presentazioni invaderanno vie, piazze e luoghi cittadini per la gioia degli appassionati. Il festival, promosso dal comune di Padova, Assessorato alla Cultura e da Arcadia Arte, ha l’ambizione di imporsi tra i più qualificati a livello nazionale. Diversi gli ingredienti di Be Comics!: innanzitutto comics e manga: fumetti, graphic novel, sci-fi, e ancora workshop e presentazioni che faranno del centro culturale San Gaetano il palazzo degli espositori dell’editoria, fra colonne, lucernari e installazioni d’arte. Non mancheranno i giochi, da tavolo, di ruolo e videogames, con padiglioni sparsi in tutta la città che fungono da veri e propri portali per raggiungere

nuovi livelli e provare creazioni mai viste. A farla da padrone sarà il mondo giapponese, tra figures, modellini, costumi, artigianato, demoni e ramen, con professionisti del cosplay, l’arte del travestimento e dell’interpretazione, che sfileranno tra le vie cittadine. Ai più piccini saranno dedicati giochi, eventi, laboratori e momenti di scoperta. Anche la gastronomia durante Be Comics! diventa pop, grazie ai food truck, piazzole itineranti che portano per le strade del centro sapori (ed esperimenti) culinari da tutto il pianeta. In occasione del festival sarà inaugurata, la mostra Super Robot World, in esposizione al Centro Culturale Altinate fino al 21 maggio, a cura di Fabrizio Modina. Attraverso disegni originali, animation cel, manifesti, giocattoli e memorabilia, si ripercorre l’impatto epocale di un’idea che ha conquistato il mondo ed è stata particolarmente apprez-

Be Comics! porterà una primavera originale a Padova con gli eroi dei cartoni giapponesi

zata nel nostro paese, facendo assurgere a mitologia moderna alcuni dei più importanti protagonisti di un’avventura che rinnova il proprio valore artistico di generazione in generazione. Ben 16 le sezioni tematiche di questa esposizione pensata per raccontare l’evoluzione del robot, dagli antefatti simbolici e storici - samurai, shogun e ninja - alla tra-

sformazione di quei simboli e di quei personaggi in macchine al servizio dell’uomo e delle sue attività. La mostra si chiude infatti con un omaggio ad Isaac Asimov, lo studioso che nel 1942 introdusse le celebri tre leggi della robotica. Proprio a lui è stato infatti dedicato il primo robot umanoide, ASIMO (acronimo di Advanced Step in Innovative Mobility),

creato da Honda in Giappone nel 2000 e divenuto il simbolo della robotica che ha ormai raggiunto i traguardi della fantascienza. L’Università degli Studi di Padova si colloca tra le realtà di questo miracolo tecnologico, occupando una posizione di assoluto prestigio con il proprio Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, dedicato a sviluppo e ricerca di automi in collaborazione con alcuni dei più importanti laboratori mondiali, in particolare nipponici. Super Robot World offrirà all’ammirazione dei visitatori alcune delle più sorprendenti piattaforme dell’Università, macchine complesse e straordinarie concepite per utilizzi industriali, medici e di pura sperimentazione. Un salto nel futuro per dimostraci che il domani e già oggi. Laura Organte

“dal materalismo all’essenziale”, la scommessa di tim Jackson

I

l sesto incontro della rassegna culturale Segnavie, ha visto ospite il professore di fama internazionale Tim Jackson, autore del libro “Prosperità senza crescita”. L’incontro “Eco-scenari possibili. Dal materialismo all’essenziale, vivendo bene” si è tenuto a Padova, all’Auditorium dell’Orto Botanico e ha visto il professore impegnato in un interessante dialogo con Gabriele Beccaria, giornalista scientifico. Jackson sostiene che l’attuale crisi economica e finanziaria non possa essere superata come le precedenti attraverso l’innalzamento della crescita, che comunque rimane essenziale per i paesi in via di sviluppo. Al contrario l’innalzamento della crescita in paesi già sviluppati porta solo a conseguenze negative come un preoccupante incremento dei livelli di disuguaglianza e maggiore infelicità. Nel modello proposto da Tim Jackson viene ipotizzata una prosperità che va oltre il materialismo e che mira a migliorare la qualità della vita attraverso una riduzione degli orari di lavoro, che favorirebbe una maggiore occupazione, e attraverso una maggiore importanza ai servizi con particolare attenzione all’aspetto green delle aziende e delle professioni. Ecco perché deve essere data maggiore attenzione alle imprese eco, le professioni green e anche finanza ed economia devo avere un occhio sempre puntato verso l’ecologia e l’etica. Perché il nostro pianeta ci impone dei limiti ecologici che devono necessariamente essere rispettati e all’interno dei quali le società umane devono costruire la loro prosperità. (m.c.)

Aism, AssociAzione iTALiAnA scLerosi MuLTipLA, e i notAi ti invitAno A pArtecipAre AgLi inconTri grATuiTi per ricevere risposTe ALLe Tue doMAnde.

Con il patrocinio e la collaborazione del

PER INFORMAZIONI suglI INCONtRI:

800.09.44.64 - www.aism.it


18

Sport

www.lapiazzaweb.it

Team Euganeo La squadra in serie C

Gli atleti del Team Euganeo schierati a bordo piscina, la squadra milita in serie C

pallanuoto “ci manca una piscina” E

’ cominciato a fine gennaio il campionato di serie C del Team Euganeo di pallanuoto. “Lo scorso anno ci salvammo all’ultima giornata battendo il Bolzano 12-7. Ora la strada sarà ancora più difficile perché, oltre alle squadre del Nordest, nel nostro girone incontreremo anche alcune compagini dell’Emilia Romagna come Bologna, Ravenna e Reggiana, per cui le trasferte si annunciano particolarmente impegnative. Gli avversari sono tosti e non è raro trovarsi a giocare contro qualche ex olimpionico”. A parlare è il dirigente Giuseppe Guarini, fondatore della waterpolo atestina negli anni ‘80 assieme a un altro attuale dirigente, Antonio Ferro. Nonostante l’alto livello della competizione, gli

obiettivi per il 2017 sono chiari. “Noi nella passata stagione abbiamo perso diverse gare per un solo gol, sbagliando un rigore o subendo un contropiede evitabile. Adesso vogliamo guadagnarci con più tranquillità la permanenza nella categoria per poi puntare, in futuro, alla promozione in serie B. Il nostro è un gruppo giovane e, dopo qualche difficoltà iniziale, in crescita: i margini di miglioramento sono ancora ampi”. La rosa agli ordini dell’allenatore-giocatore Alberto Turra è composta da 22 atleti, tra cui sei under 20. Uno degli elementi più rappresentativi è Simone Angeloni, che in B ci è già stato con il Civitavecchia. E da quest’anno la pattuglia dei laziali si è arricchita con l’innesto di Mattia

l’impianto casalingo di Este non è omologato per questo campionato e gli atleti giocano nella vasca di Sant’urbano. il caledario prevede sfide importanti

Tampellini. “I ragazzi si allenano tre volte a settimana. Ogni seduta prevede una parte atletica in vasca, più intensa durante la preparazione precampionato, e una parte tecnico-tattica. La prima è importantissima perché questa disciplina richiede un grande dispendio di energie. In partita puoi recuperare solo nelle pause e quando rientri in difesa dopo un attacco, poi devi essere pronto a sbarrare il passo agli avver-

sari. Se vai in debito d’ossigeno viene meno la lucidità e la mancanza di questa, quasi sempre, si traduce in errori”. Ma quali sono, allora, le doti di un buon pallanuotista? “Prima di tutto bisogna saper fare bene almeno dorso e stile libero. E poi servono voglia di sacrificarsi e disponibilità a lavorare tanto. Il nostro è uno sport di intelligenza e di contatto: in acqua c’è rispetto, ma non mancano duri confronti fisici. Perciò le interpretazioni dell’arbitro sono determinanti, così come il ‘mestiere’ che si acquisisce gara dopo gara, con l’esperienza”. La nota dolente è rappresentata dalla vasca di gioco, che non si trova ad Este. “La piscina atestina ha una profondità ridotta e non è omologata per la serie C, cosa che ci costringe a disputare i match casalinghi a Sant’Urbano. Di conseguenza, purtroppo, non riusciamo ad avere un grandissimo pubblico che ci sostenga”. Un intervento di adeguamento dell’impianto di via dello Stadio richiederebbe una spesa piuttosto elevata e al momento non sembrano esserci certezze. Davide Permunian

Basket redentore “paga la perseveranza”

C

Esame Impedenziometrico · Test Intolleranza Alimentare · Test DNA Test Metabolico “Monitora” · Integratori Alimentari da estratti naturali Tè e Tisane · Alimenti ipocalorici · Cosmetica naturale Padova - Via Piovese 198,b

Tel. 049 2020 342

ontinua ad essere piuttosto accidentato il cammino della Pallacanestro Redentore nel campionato regionale di serie D. La squadra allenata da coach Fabio Baù, ha iniziato il 2017 con altri quattro ko consecutivi. I biancorossi hanno perso in casa il derby con il Solesino (46-64), offrendo poi un’altra brutta prestazione a Vicenza (60-49). Anche il match contro la corazzata Isola della Scala non ha avuto esito felice, nonostante una prova di grande carattere fornita davanti al proprio pubblico: la formazione veronese ha costruito nel finale la fuga decisiva, chiudendo sul 60-69. La classifica al termine della quarta di ritorno vede l’Este stazionare al terz’ultimo posto a quota otto punti. Il tecnico del Redentore, però, continua a predicare calma: “La società non ci mette nessun tipo di pressione e tra i miei giocatori ci sono grande serenità e rispetto reciproco. Se mancano i successi è inevitabile perdere un po’ di autostima, ma l’importante è credere sempre nell’impegno e nel sacrificio. Sono sicuro che il tempo ci darà ragione, perché il lavoro alla fine paga”. Tramontato il sogno playoff, l’obiettivo ora è quello di arrivare ai playout nel miglior modo possibile, per affrontarli con la giusta tranquillità e guadagnarsi così la permanenza nella categoria. “Siamo consapevoli di quello che dobbiamo fare, pensiamo solo a crescere per cercare di raggiungere a tutti i costi la salvezza. Nei prossimi mesi ci vorrà un gruppo unito, coeso, forte mentalmente. Il clima è positivo e in allenamento c’è sempre grande determinazione”. (d.p.)


Luca’s Tende PERGOLE BIOCLIMATICHE

pergole tende da sole frangisole di facciata tende da interno rulli tecnici zanzariere

PERGOLE IMPACCHETTABILI

SOPRALLUOGO E PREVENTIVO GRATUITO

ECOBONUS statale con l’acquisto di una nuova tenda da sole

puoi recuperare il 65% della spesa sostenuta

INOLTRE oggi ti conviene

hai una vecchia tenda da sole?

ROTTAMARLA

SULL’ACQUISTO DI UNA NUOVA TENDA DA SOLE IL MOTORE TE LO REGALIAMO NOI Show Room: via Antoniana, 118 · 35011 Campodarsego (Pd) · Luca Nardo 393 8117797 Sede Legale: via Carlo Giorato, 25/I · 35020 Ponte San Nicolò (Pd) i n fo @ l u c a s t e n d e . c o m · w w w. l u c a s t e n d e . c o m


laPiazza

www.lapiazzaweb.it

Informazione a pagamento a cura degli esperti del settore

Salute

Salute / Si Viaggiare

Per partecipare alla rubrica chiamare il numero 049 8704884

Non è mai semplice: chi corre in soccorso nel bisogno va ringraziato sempre

21 3

www.lapiazzaweb.it/category/salute/

Editoriale

I soccorritori non possono morire! dott. Giovanni Leoni

I

n data 24 gennaio 2017 è andato giù un elicottero in Abruzzo, cause in via di accertamento, e sono morti in 6, tra cui il pilota Gianmarco Zavoli di 47 anni, il medico rianimatore Walter Bucci, 57 anni, Davide De Carolis tecnico dell’elisoccorso, Giuseppe Serpetti, infermiere, Mario Matrella, verricellista, lo sciatore a cui era stato prestato soccorso Ettore Palanca 50 anni. Leggo sulla stampa che tra i caduti Bucci e Carolis erano elementi che si erano già distinti a Rigopiano. Pochi giorni dopo Andrea Pietrolungo, speleologo del corpo nazionale del soccorso alpino, muore a 39 anni per un infarto dopo aver partecipato a decine di missioni di soccorso ai paesi del Teramano isolati dalla neve nelle stesse ore e a poca distanza dalla tragedia all’hotel Rigopiano. Infuriano le polemiche sull’opportunità dell’attivazione del servizio, ma nei casi dubbi o al limite, fatti i relativi ragionamenti e visti i regolamenti, chi ha scelto questo mestiere tende sempre a prendersi qualche responsabilità in più, a darsi per gli altri, fa parte del loro DNA. Hanno rischiato eccome a Rigopiano a scavare nelle macerie e sotto la neve per salvare gli ospiti dell’albergo ma chi poteva fermarli? Non la neve da superare a piedi nè quella da togliere a mano, non il buio, non il pensiero di poter essere travolti loro stessi dalle macerie gelate che stavano spostando o di rimanere intrappolati nei cunicoli dove si infilavano. I soccorritori appartengono alla categoria degli “speciali” quelli che salvano gli altri e nell’immaginario collettivo non possono essere coinvolti loro stessi nel male che sono deputati a curare. Nell’agosto 2009 vi fu un’analoga tragedia a Cortina d’Ampezzo, anche lì un elicottero è caduto sul Monte Cristallo con a bordo un pilota, Dario de Felip di 49 anni, un medico, Fabrizio Spaziani di 46 anni, due i tecnici di soccorso alpino, Marco Zago di 42 anni e Stefano da Forno di 40 anni. Durante il trasporto da Roma a Cagliari di un cuore da trapiantare nel febbraio 2004 un aereo Cessna precipita : a bordo vi erano il responsabile della divisione di Cardiochirurgia Alessandro Ricchi di 52 anni, il suo assistente Antonio Carta di 38 ed il tecnico perfusionista Gian Marco Pinna. Con loro i due piloti, entrambi austriaci, Helmut Zullner e Thomas Giacomuzzi. La sesta vittima è stato un altro italiano, Daniele Giacobbe, 35 anni, in addestramento. Presidente OMCeO Provincia di Venezia

Malattie respiratorie: ne soffrono 600mila veneti

a pag 22

Giornata Mondiale contro il cancro infantile

a pag 23

Proloterapia: tutto quello che c’è da sapere

a pag 24

Vuoi collaborare con noi? Contattaci!

Salute

>> Condividi la tua esperienza ed i tuoi consigli sul nostro >> Inserto Salute

via Lisbona, 10 · 35127 Padova · tel. 049 8704884 · info@givemotions.it · www.givemotions.it


laPiazza

22

Salute

Consulenza scientifica poliambulatorio

www.lapiazzaweb.it

Editoriale

I soccorritori non possono morire!

N

Dr. Giampiero Salvati Medico Chirurgo Specialista in malattie reumatiche Ecografia articolare e muscolo-scheletrica Delta Medica - Affidea Via Rialto, 12, 35043 Monselice PD Tel. 0429 783000 – www.deltamedica.affidea.it

Più di 600mila veneti soffrono di malattie alle vie respiratorie ono 90 mila ogni anno i morti per patologie legate veneti soffrono Più diin Italia 600mila Snazionale all’inquinamento. Il dato emerge dal ventesimo Congresso sulle malattie respiratorie dal titolo “Asma Bronchiale di malattie alle vie respiratorie e Bpco: nuovi obiettivi, nuovi rimedi, nuove strategie” che si è svolto il mese scorso a Verona alla presenza di 350 specialisti. Gli ono esperti dubbi nell’individuare il fumo e 90 non mila avrebbero ogni anno i morti capoluogo scaligero, l’asma interessa l’inquinamento atmosferico comelegate principali responsabili delle in Italia per patologie 18 mila persone e il Bpco 14 mila. Ma malattie respiratorieIl persistenti che affliggono quindici italiani all’inquinamento. dato emerge dal è tutto il Veneto ad essere interessato su 100. ventesimo Congresso nazionale sulle da questo flagello: qui le malattie “Per combattere abbiamo potuto contare sulla legge malattie respiratorieil fumo dal titolo “Asma respiratorie rappresentano la terza Sirchia. Dopo 23 tentativi di formulare Bronchiale e Bpco: nuovi obiettivi, nuoviuna normativa antifumo causa di morte e si prevede che la arimedi, partirenuove da inizio Novecento il Responsabile del Centro strategie” che si- dice è svolto prevalenza di tali patologie sia destinata nazionale Studi adiVerona farmacoeconomia il mese scorso alla presenzae farmacoepidemiologia ad aumentare. Di questa correlazione respiratoria, Roberto Dal – finalmente l’ultimo è andato di 350 specialisti. Gli Negro esperti non con gravi malattie è convinto da anni in porto grazie al nell’individuare fatto che è statoilindividuato un responsabile: il avrebbero dubbi fumo anche un illustre pneumologo veronese, L’inquinamento proprietario del locale, costretto a far rispettare il divieto per non e l’inquinamento atmosferico come Roberto Dal Negro, responsabile del questo è certo. La incorrere sanzioni”. Pochi passimalattie avanti, principali inresponsabili delle Centro Nazionale Studicorrelazione Respiratori tra di da polveri sottili presenza di tumori e presenza polveri invece, sul fronte dell’inquinamento L’inquinamento respiratorie persistenti che affliggono Verona, secondo il quale “di dismog si e il fumo i principali sottili certa. èNon solo, è cresciuta nel atmosferico: a onor quindici italiani“l’imprenditoria, su 100. muore,èquesto certo. La correlazione tra da polveri sottili corso deglidianni. E aepagarne del“Per vero,combattere ha fatto molto per ridurre imputati il fumo abbiamoil presenza tumori presenzaledimaggiori polveri e il fumo i principali conseguenze soggetti più deboli: fenomeno – sottolinea NeroSirchia. – sul potuto contare sulla Dal legge sottili è certa.sono Non isolo, è cresciuta nel anziani, categoria in conseguenze cui arriva al 60%, piano enti,di invece il una trasporto Dopo 23degli tentativi formulare normativa antifumo a imputati partire corso degli anni. E a pagarne le maggiori sono e bambini, dove pubblico è balbettante quanto a del Centro nazionale i soggetti più deboli: anziani, da inizio Novecento - dicee,il Responsabile categoria in cuisiamo arriva addirittura al 60%, e all’80%”. La lotta alle malattie respiratorie si attua emissioni domestiche, doveecifarmacoepidemiologia sono i controlli, è facilerespiratoria, eluderli”. Studi di farmacoeconomia bambini, dove siamo addirittura all’80%”. La lottacon allel’adozione malattie misure preventive a medio e lungo termine e limitiaidonei, I veneti soffrono di malattie alleèvie respiratorie Roberto Dalche Negro – finalmente l’ultimo andato in porto hanno grazie di respiratorie si attua con l’adozione di misure preventive medio polveri sottili (Pm10 e Pmdelle 2,5),polveri a salvaguardia dellae superato quota 600 mila. al fatto che è stato individuato un responsabile: il proprietario specie e lungodelle termine e limiti idonei, specie sottili (Pm10 salute dell’intera popolazione. Sarebbero 270 mila quelli malati di Bpco (broncopneumopatia del locale, costretto a far rispettare il divieto per non incorrere in Pm 2,5), a salvaguardia della salute dell’intera popolazione. cronica ostruttiva) e diavanti, asma invece, bronchiale e 340dell’inquinamento mila gli affetti da sanzioni”. Pochi passi sul fronte asma grave. “l’imprenditoria, Secondo ESCAPEa (European Study Cohortes for atmosferico: onor del vero, ha of fatto molto per Air Pollution Effects), uno studioDal europeo 2010 al 2014 ridurre il fenomeno – sottolinea Nero –che suldal piano degli enti, ha esaminato 21 città europee, Verona èe,risultata secondo invece il trasporto pubblico è balbettante quanto aalemissioni Nel febbraio scorso, la Procura di Venezia è posto per l’aria irrespirabile e le polveri sottili. In particolare nel domestiche, dove ci sono i controlli, è facile eluderli”. intervenuta dopo l’allarme lanciato da un gruppo di capoluogo l’asma interessaalle 18 mila persone e ilhanno Bpco I veneti scaligero, che soffrono di malattie vie respiratorie pediatri veneti, ha ascoltato le loro preoccupazioni, 14 mila. Ma è tutto il Veneto ad essere interessato da questo superato quota 600 mila. riservandosi l’ipotesi di aprire un fascicolo così da flagello: qui 270 le malattie rappresentano la terza Sarebbero mila quellirespiratorie malati di Bpco (broncopneumopatia accertare la presenza di reati ambientali. I pediatri causa morte e sie prevede che la prevalenza di tali cronicadiostruttiva) di asma bronchiale e 340 mila gli patologie affetti da veneti hanno evidenziato la potenza distruttiva delle sia ad aumentare. Di(European questa correlazione con gravi asmadestinata grave. Secondo ESCAPE Study of Cohortes for polveri sottili sui sistemi immunitari dei bambini malattie è convinto da anni un che illustre pneumologo Air Pollution Effects), uno studioanche europeo dal 2010 al 2014 che provoca casi molto gravi e cronici di malattie al veronese, Roberto Dal Negro, responsabile CentroalNazionale ha esaminato 21 città europee, Verona è del risultata secondo sistema respiratorio. Studi di Verona, secondo il quale si muore, posto Respiratori per l’aria irrespirabile e le polveri sottili.“diInsmog particolare nel

S

l’allarme dei pediatri L’allarme

ell’ottobre 2001 durante un volo notturno di soccorso un elicottero del 118 si schianta sulle colline di Poggio Ballone, vicino a Grosseto, muoiono in cinque. Questi incidenti occupano per qualche giorno le prime pagine dei giornali ma subito gli articoli vengono sostituiti da altra cronaca, la vita ed i turni continuano ed altri, con semplicità, prendono il posto dei morti, come in guerra. Certo la caduta di un aereo o di un elicottero colpiscono di più l’immaginario collettivo di un incidente in cui è coinvolta un autoambulanza, una macchina della polizia o dei carabinieri, solo un po’ più strano magari se ad essere coinvolti sono pure i vigili del fuoco. La velocità nel soccorso non è un ebbrezza ma una necessità. Volare a volte è l’unico sistema per arrivare in tempo. In urgenza si deve uscire anche con il brutto tempo e di notte, con la nebbia, si corre anche quando le strade sono viscide e scure, fa parte del mestiere. A bordo non ci sono i reduci da una notte in discoteca, ci sono dei padri di famiglia che vanno in soccorso di feriti e malati. Nella mia carriera ho fatto il Pronto Soccorso per 2 anni in provincia e sono uscito anche in ambulanza per dei trasporti urgenti. In epoca pre 118 le cose erano un pò diverse. Mi riferisco ad un’era antecedente al 27 marzo 1992 quando il Presidente della Repubblica Francesco Cossiga firmò il decreto di istituzione delle centrali operative di allarme sanitario, riproponendo su scala nazionale il modello originale sperimentato a Bologna, In emergenza bisognava fare un giro di telefonate per mezzi e destinazione ad esempio di un paziente neurochirurgico, per un trasporto medicalizzato si sceglieva fra il medico del pronto soccorso e l’anestesista, non esistevano le èquipe predefinite, se il paziente non era intubato era il medico del PS che usciva per un “cranico” o un “vascolare”, sostituito dal chirurgo di reparto. Si viveva così. In autostrada in ambulanza ti passano tutti… Ti prendi la tua rivincita sulle statali e in città. A bordo fai i tuoi controlli, speri che tutto vada bene, confidi nell’abilità dell’autista mentre la sirena sulla testa ti spacca le orecchie. Pensi raramente a te stesso e a quello che può succedere quando passi col rosso ad un incrocio, sei solo concentrato sul malato e sulla destinazione di arrivo sempre troppo lontana. Ormai da tanto tempo lavoro a Venezia centro storico, qui ci sono le barche, faccio servizio in un reparto, non esco più. Ma penso spesso agli equipaggi delle idroambulanze che partono di notte, con la pioggia, in inverno, a prendere qualcuno nelle isole dell’estuario a Treporti o a Pellestrina. E’ un tipo di soccorso decisamente singolare, l’opposto di quello alpino. A Venezia le idroambulanze vengono osservate con curiosità dai turisti, si notano eccome di giorno, nel loro colori giallo e rosso, magari in estate col sole. A volte gli equipaggi corrono preceduti dalla sirena facendo lo slalom in Canal Grande fra gondole e vaporetti, a volte vanno piano di ritorno da una dimissione protetta. Un bel lavoro all’aperto si può pensare lavorando all’interno di uffici o ospedali. Ma è brutta la laguna di notte, in inverno, con il vento e la pioggia, pessima con la nebbia anche se hai il radar. Non ci sono luci sui pali che segnano i canali appena fuori dal centro e si corre in planata, se qualcosa va storto sei solo. Di notte, vestito, in mezzo all’acqua, per quanto ce la fai a nuotare? Se la radio è fuori uso e sei vivo puoi solo sperare ed aspettare anche tu che qualcuno ti venga a prendere, un altro che abbia il coraggio di uscire per te, quando le persone normali si assicurano di aver chiuso bene tutte le finestre e vanno a letto. Qualcuno dirà: è il loro mestiere, rischiano ma saranno pagati bene. E’ vero solo che rischiano e sono molto stimati. Elicotteri ed ambulanze, Vigili del fuoco, PS e Carabinieri, Guardia Costiera e Finanzieri, quando sfrecciano coi lampeggianti accesi provo un senso di sicurezza, ma temo per loro e quello che vanno ad affrontare. Questa gente crede nella propria scelta e la vive come una missione ed a volte muore nel tentativo di salvare un altro, Un’ occasione di riflessione spero profonda e produttiva per chi ha responsabilità di governo e la possibilità di stipendiare dignitosamente una classe di lavoratori troppo orgogliosa per lamentarsi di un trattamento indegno di chi rischia per professione nell’aiutare il prossimo. E noi ogni tanto non perdiamo l’occasione di ringraziali per tutto quello che fanno, da vivi.

Salute è anche WEB

Salute

>> I consigli dei nostri Medici di Zona su www.lapiazzaweb.it >> Seguici !!!

via Lisbona, 10 · 35127 Padova · tel. 049 8704884 · info@givemotions.it · www.givemotions.it


la laPiazza iazza

www.lapiazzaweb.it

alute Salute

23

Il cancro infantile si sconfigge insieme Editoriale

I soccorritori non possono morire!

L’assenza di una copertura sanitaria universale porta a diagnosi tardive, abbandono delle cure e difficoltà nel procurarsi medicinali

pediatrico. L’80% dei tumori infantili si presenta già Paesi piùdipoveri. Essi sono l’1% dei casi totali ell’ottobre 2001 durante unoggi voloneinotturno soccorso di cancro PaesidiadPoggio alto/medio reddito, ma ben il un elicottero del 118 si schianta sullenei colline 4%inincinque. quelli aQuesti bassoincidenti reddito. La differenza nei tassi Ballone, vicino a Grosseto, muoiono di sopravvivenza segna un’ulteriore diseguaglianza. occupano per qualche giorno le prime pagine dei giornali ma In occidente sopravvivela ilvita 75-85% dei bambini a cui subito gli articoli vengono sostituiti da altra cronaca, diagnosticato un cancro, ed i turni continuano ed altri, viene con semplicità, prendono il nei Paesi a medio e tra di il 50 il 20%. posto dei morti, come in guerra.basso Certo reddito la caduta uneaereo Per bambini ecollettivo adolescenti conincidente il cancro, o di un elicottero colpiscono di più l’immaginario di un in l’assenza cui è una copertura universale portasolo a diagnosi coinvolta un autoambulanza, unadimacchina della sanitaria polizia o dei carabinieri, un metà febbraio si ricordano tutti i bambini e cure e La difficoltà po’ più strano magari se ad esseretardive, coinvoltiabbandono sono pure i delle vigili del fuoco. velocità nel gli adolescenti malati di tumore e anche tutti i procurarsi medicinali o seguire Anche in nel soccorso non è un ebbrezza ma una necessità. Volare a volteilèfollow-up. l’unico sistema medici e i ricercatori impegnati a salvare loro la vita. Italia, la con presenza di tempo un sistema sanitario per arrivare in tempo. In urgenza si devenonostante uscire anche il brutto e di notte, In Italia circa 1.380 bambini e 780 adolescenti pubblico, la mancanza di risorse in sanità e la tossicità con la nebbia, si corre anche quando le strade sono viscide e scure, fa parte del si ammalano di tumore ogni anno, pari a 164 casi finanziaria delnotte cancro, compromettono mestiere. A bordo non ci sono i reduci da una in discoteca, ci sonoi risultati dei padridelle per milione di bambini e 269 casi per milione di terapie e mettono rischiomia le risorse di famiglia che vanno in soccorso di feriti e malati.a Nella carrierafinanziarie ho fatto ildelle adolescenti. E se il trend con cui si ammalano i più famiglie.e “Sconfiggere il cancro è una delleper piùdei grandi Pronto Soccorso per 2 anni in provincia sono uscito anche in ambulanza piccoli resta ancora stabile, per teenager e giovani pererano la salute – dice trasporti urgenti. In epoca pre 118sfide le cose un pòdell’intero diverse. Migenere riferiscoumano ad un’era adulti continua a salire (circa del 2 per cento all’anno). presidente di SoleterreFrancesco - Nel nostro antecedente al 27 marzo 1992 Damiano quando il Rizzi, Presidente della Repubblica A livello mondiale l’organizzazione Soleterre ha lavorodelle abbiamo toccato con mano come sanitario, la possibilità Cossiga firmò il decreto di istituzione centrali operative di allarme presentato un dossier costruito sull’esperienza in 6 di cancrosperimentato e di curarsi dipenda da diversi riproponendo su scala nazionale diil ammalarsi modello originale a Bologna, In Paesi in 3 continenti, Italia compresa, che traccia un sociali,per ambientali, economici ad e esempio politici. Dal emergenza bisognava fare un girofattori di telefonate mezzi e destinazione quadro delle diseguaglianze nella cura del tumore è più che mai chiaro come di un paziente neurochirurgico, nostro per un osservatorio trasporto medicalizzato si sceglieva fra il solo pediatrico e spiega come per vincere la sfida globale sistemi sanitari pubblici, finanziati la fiscalità medico del pronto soccorso e l’anestesista, non esistevano le èquipe con predefinite, 90 sia milanecessario ogni anno i morti capoluogo scaligero, l’asma interessa contro ilono cancro investire sulla sanità generale e gestiti pluralità soggetti,o con il paziente non era intubato era il medico del PS da cheuna usciva per undi“cranico” La giornata internazionale contro il cancro infantile è stata ideatase da Childhood in Italia per patologie legate 18 mila persone e il Bpco 14 mila. Ma pubblica. L’OMS, infatti, stima che nel 2030 saranno il diretto coinvolgimento dei cittadini, siano lain sola un “vascolare”, sostituito dal chirurgo di reparto. Si viveva così. In autostrada Cancer International, rete mondiale associazioni guidate all’inquinamento. Il dato emerge dal il doppio è tutto il Venetodiad181 essere interessato locali e nazionali, diagnosticati 21,4 milioni di tumori, quasi risposta credibile arginare prossimi ambulanza ti passano tutti… Ti prendi la tua rivincitaper sulle statali eleinmorti città. dei A bordo da genitori, provenienti 90 Paesi e 5 qui continenti: sei sono i messaggi chiave ventesimo nazionale sulle che vede da da questo flagello: le malattie rispetto al 2008.Congresso Una crescita esponenziale nella cura del cancro appare fai i tuoi controlli, speri che tuttoanni. vada L’ineguaglianza bene, confidi nell’abilità dell’autista mentre malattie dal titolo “Asma terza anche con della campagna 2017. Erespiratorie lo slogan rappresentano della Giornatalacoincide il fine ultimo i Paesi a bassorespiratorie e medio reddito in prima linea contro evidentePensi nei Paesi in viaadite sviluppo, se ilche nostro la sirena sulla testa ti spacca le orecchie. raramente stesso e ama quello Bronchiale e Bpco: di alle mortecure e siper prevede la dell’iniziativa: “Migliore causa accesso bimbiche e adolescenti malati di cancro in passi col rosso la piaga del secolo: qui,nuovi doveobiettivi, i tassi dinuovi sopravvivenza sistema non verràsul nutrito può succedere quando ad unsanitario incrocio, pubblico sei solo concentrato malatodelle nuovesistrategie” si è svolto di tali patologie siapiccoli destinata sonorimedi, più bassi, avranno che il 60/70% dei tumori risorse umane ed economiche necessarie, anche e sulla destinazione troppo lontana. Ormai da tanto tempo lavoro a in tutto il mondo”, in modoprevalenza tale da garantire ai più il diritto di essere seguiti condi arrivo sempre il mese scorso a Verona alla presenza ad aumentare. Di questa correlazione globali. Italia guarire dal cancro diventerà una questione di Venezia centro storico, qui ci sono le barche, faccio servizio in un reparto, non esco le migliori terapie disponibili. di 350 specialisti. non malattia con gravi malattie è convinto da anni L’ineguaglianza socialeGliallaesperti base della ricchidelle e poveri”. più. Ma penso spesso agli equipaggi idroambulanze che partono di notte, con avrebbero dubbi nell’individuare il fumo anche un illustre pneumologo veronese, si mostra particolarmente evidente nel cancro la pioggia, in inverno, a prendere qualcuno nelle isole dell’estuarioFrancesca a Treporti oBruni a L’inquinamento e l’inquinamento atmosferico come Roberto Dal Negro, responsabile del Pellestrina. E’ un tipo di soccorso decisamente singolare, l’opposto di quello alpino. principali responsabili delle malattie Centro Nazionale Studi Respiratori di da polveri sottili A Venezia le idroambulanze vengono osservate con curiosità dai turisti, si notano respiratorie persistenti che affliggono Verona, secondo il quale “di smog si eccome di giorno, nel loro colori giallo e rosso, magari in estate col sole. A volte e il fumo i principali quindici italiani su 100. muore, questo è certo. La correlazione tra gli equipaggi corrono preceduti dalla sirena facendo lo slalom in Canal Grande fra imputati “Per combattere il fumo abbiamo presenza di tumori e presenza di polveri gondole e vaporetti, a volte vanno piano di ritorno da una dimissione protetta. Un potuto contare sulla legge Sirchia. sottili è certa. Non solo, è cresciuta nel bel lavoro all’aperto si può pensare lavorando all’interno di uffici o ospedali. Ma è Dopo 23 tentativi di formulare una normativa antifumo a partire corso degli anni. E a pagarne le maggiori conseguenze sono brutta la laguna di notte, in inverno, con il vento e la pioggia, pessima con la nebbia da inizio Novecento - dice il Responsabile del Centro nazionale i soggetti più deboli: anziani, categoria in cui arriva al 60%, e anche se hai il radar. Non ci sono luci sui pali che segnano i canali appena fuori dal Studi di farmacoeconomia e farmacoepidemiologia respiratoria, bambini, dove siamo addirittura all’80%”. La lotta alle malattie centro e si corre in planata, se qualcosa va storto sei solo. Di notte, vestito, in mezzo Roberto Dal Negro – finalmente l’ultimo è andato in porto grazie respiratorie si attua con l’adozione di misure preventive a medio all’acqua, per quanto ce la fai a nuotare? Se la radio è fuori uso e sei vivo puoi solo al fatto che è stato individuato un responsabile: il proprietario e lungo termine e limiti idonei, specie delle polveri sottili (Pm10 e sperare ed aspettare anche tu che qualcuno ti venga a prendere, un altro che abbia del locale, costretto a far rispettare il divieto per non incorrere in Pm 2,5), a salvaguardia della salute dell’intera popolazione. il coraggio di uscire per te, quando le persone normali si assicurano di aver chiuso sanzioni”. Pochi passi avanti, invece, sul fronte dell’inquinamento bene tutte le finestre e vanno a letto. Qualcuno dirà: è il loro mestiere, rischiano ma atmosferico: “l’imprenditoria, a onor del vero, ha fatto molto per saranno pagati bene. E’ vero solo che rischiano e sono molto stimati. Elicotteri ed ridurre il fenomeno – sottolinea Dal Nero – sul piano degli enti, ambulanze, Vigili del fuoco, PS e Carabinieri, Guardia Costiera e Finanzieri, quando invece il trasporto pubblico è balbettante e, quanto a emissioni Nel febbraio scorso, la Procura di Venezia è sfrecciano coi lampeggianti accesi provo un senso di sicurezza, ma temo per loro domestiche, dove ci sono i controlli, è facile eluderli”. intervenuta dopo l’allarme lanciato da un gruppo di e quello che vanno ad affrontare. Questa gente crede nella propria scelta e la vive I veneti che soffrono di malattie alle vie respiratorie hanno pediatri veneti, ha ascoltato le loro preoccupazioni, come una missione ed a volte muore nel tentativo di salvare un altro, Un’ occasione superato quota 600 mila. riservandosi l’ipotesi di aprire un fascicolo così da di riflessione spero profonda e produttiva per chi ha responsabilità di governo e la Sarebbero 270 mila quelli malati di Bpco (broncopneumopatia accertare la presenza di reati ambientali. I pediatri possibilità di stipendiare dignitosamente una classe di lavoratori troppo orgogliosa cronica ostruttiva) e di asma bronchiale e 340 mila gli affetti da veneti hanno evidenziato la potenza distruttiva delle per lamentarsi di un trattamento indegno di chi rischia per professione nell’aiutare asma grave. Secondo ESCAPE (European Study of Cohortes for polveri sottili sui sistemi immunitari dei bambini il prossimo. Air Pollution Effects), uno studio europeo che dal 2010 al 2014 che provoca casi molto gravi e cronici di malattie al E noi ogni tanto non perdiamo l’occasione di ringraziali per tutto quello che fanno, famosi pugni verdi del personaggio della Marvel più amato dei fumetti, ossia ha esaminato 21 città europee, Verona è risultata al secondo sistema respiratorio. da vivi. l’Incredibile Hulk, diventano il simbolo della campagna di sensibilizzazione posto per l’aria irrespirabile e le polveri sottili. In particolare nel #Lottoanchio2017 promossa dall’Ageop Ricerca Onlus – Associazione Genitori Ematologia Oncologia Pediatrica – che da oltre trent’anni si impegna per accogliere e assistere i piccoli pazienti oncologici e le loro famiglie – in occasione della XV Giornata mondiale contro il cancro infantile che ricorre il 15 febbraio. Per la campagna sono stati scelti i pugni di Hulk poiché rappresentano l’emblema della forza che ciascuno può donare a un bambino che sta lottando i pensa che il volontariato sia qualcosa Il progetto, che ha ricevuto dalla Regione capito il valore della formazione perché duramente contro il cancro. solo per i pensionati e non per i Veneto un finanziamento di 50mila euro, a volte ci sono momenti non facili da Come ha spiegato la presidente dell’Ageop Ricerca Onlus, Roberta Zampa: giovani perché non sono affidabili. La realtà ha visto il coinvolgimento di 30 giovani, gestire emotivamente. Il volontariato non “Non serve essere supereroi per prendere parte alla lotta contro il cancro infantile. è che non sono preparati”. Così Patrizia perlopiù donne, delle province di Padova va assolutamente improvvisato”, hanno Ognuno di noi, nella sua quotidianità, può fare qualcosa di importante”. Serblin, psicologa dell’Istituto Serblin per e Vicenza, selezionati mediante colloquio. commentato alcuni partecipanti. La campagna, che è presente sulla piattaforma di crowdfunding Ideaginger, l’Infanzia e l’Adolescenza di Vicenza, che Il percorso li ha portati a comprendere Il tema del volontariato è stato affrontato nasce con l’intento di raccogliere 30 mila euro per assicurare un anno di cura a tre nel 2014 ha avviato, in collaborazione con come operare in tre specifici contesti: anche sotto il profilo della trasparenza: visto bimbi malati di tumore e offrire a loro e alle loro famiglie ospitalità gratuita nelle la Fondazione Città della Speranza, un nei reparti di Pediatria e Oncoematologia l’alto numero di associazioni esistenti, è case Ageop. percorso di formazione per gli aspiranti Pediatrica degli ospedali di Padova e quanto mai necessario che anche chi dona Tanti sono gli artisti italiani che hanno deciso di sposare questa causa solidale volontari con l’obiettivo di sensibilizzare e Vicenza; nelle iniziative di raccolta fondi; sappia orientarsi e capisca come vengono attraverso i loro spettacoli. Per informazioni e acquistare i biglietti degli spettacoli: accompagnare i giovani dai 18 ai 30 anni nell’accompagnamento delle scolaresche gestiti i soldi. Proprio su sollecitazione di www.coupononlus.it al vero significato del fare volontariato. Che nella cosiddetta “Torre della ricerca”. Città della Speranza, il Veneto ha fatto un

N

A

Più di 600mila veneti soffrono di malattie alle vie respiratorie

la scHeda

S

#Lottoanchio2017 Una campagna per aiutare i bimbi che lottano

Il progetto: volontari tra i letti dei bambini malati di cancro

l’allarme dei pediatri

I

“S

non è improvvisazione!

“Attraverso questa esperienza abbiamo

importante passo avanti.


24

laPiazza

Salute

www.lapiazzaweb.it

Proloterapia: tutto quello che c’è da sapere sui Ntrattamenti Editoriale

I soccorritori non possono morire!

ell’ottobre 2001 durante un volo notturno di soccorso un elicottero del 118 si schianta sulle colline di Poggio Ballone, vicino a Grosseto, muoiono in cinque. Questi incidenti occupano per qualche giorno le prime pagine dei giornali ma a proloterapia (o terapia proliferativa) è una terapia che vengono basandosi su una importanti nella stabilizzazione e nella dinamica subito gli articoli vengono sostituiti da altra cronaca, la vita basata sul concetto che la flogosi (o infiammazione) somministrati buona anamnesi articolare. ed i turni continuano ed altri, con semplicità, prendono il non debba essere combattuta con la somministrazione direttamente ed un buon La proloterapia si presenta quindi come una valida posto dei morti, come in guerra. Certo la caduta di un aereo topica o sistemica di farmaci antiinfiammatori, come nelle sedi colpite approccio clinico. alternativa alla terapia tradizionale nel trattamento del o di un elicottero colpiscono di più l’immaginario collettivo di un incidente in cui è abitualmente (e spesso erroneamente) viene fatto. Tali dall’infiammazione, Un esempio dolore causato da infiammazione. coinvolta un autoambulanza, una macchina della polizia o dei carabinieri, solo un farmaci svolgono infatti la loro azione rallentando o aumentando la particolarmente Basandosi sull’uso di sostanze naturali (come il po’ più strano magari se ad essere coinvolti sono pure i vigili del fuoco. La velocità impedendo la cascata di eventi che porta (attraverso vascolarizzazione importante viene glucosio) o addirittura autologhe (come i fattori di nel soccorso non è un ebbrezza ma una necessità. Volare a volte è l’unico sistema l’infiammazione stessa) alla guarigione dei tessuti (neoangiogenesi) dalla cervicalgia crescita derivati dalle piastrine dello stesso paziente), per arrivare in tempo. In urgenza si deve uscire anche con il brutto tempo e di notte, colpiti. In altre parole, l’infiammazione è quel fenomeno e incrementando e dalla lombalgia, è praticamente priva di controindicazioni, effetti con la nebbia, si corre anche quando le strade sono viscide e scure, fa parte del naturale ed “interno” che l’organismo sfrutta per il richiamo situazioni molto collaterali o interazioni farmacologiche, e può pertanto mestiere. A bordo non ci sono i reduci da una notte in discoteca, ci sono dei padri arrivare, in stadi differenti, alla riparazione delle lesioni. delle cellule comuni, che essere somministrata a tutti i tipi di pazienti. I pazienti di famiglia che vanno in soccorso di feriti e malati. Nella mia carriera ho fatto il L’infiammazione determina dolore a causa di alcuni proinfiammatorie, in molti casi stessi vanno tuttavia informati circa la possibilità di Pronto Soccorso per 2 anni in provincia e sono uscito anche in ambulanza per dei “mediatori”, che sono liberati nei tessuti colpiti, ma allo scopo di far non hanno una un lieve e transitorio peggioramento delle condizioni trasporti urgenti. In epoca pre 118 le cose erano un pò diverse. Mi riferisco ad un’era che in realtà precorrono l’arrivo di cellule specializzate pervenire in loco origine chiara, e cliniche e del dolore stesso, così come della possibilità antecedente al 27 marzo 1992 quando il Presidente della Repubblica Francesco (i fibroblasti), i quali daranno il via alla cicatrizzazione le cellule deputate nelle quali con la di un altrettanto transitorio bruciore che può essere Cossiga firmò il decreto di istituzione delle centrali operative di allarme sanitario, e alla guarigione dei tessuti malati. Interrompere alla guarigione del tessuto. Pertanto si può affermare radiografia tradizionale, la TAC, la RMN, l’ecografia o la avvertito durante la somministrazione delle sostanze riproponendo su scala nazionale il modello originale sperimentato a Bologna, In questa cascata di eventi complessi allo scopo di lenire che la proloterapia non combatte, bensì “aiuta” scintigrafia non si giunge ad una diagnosi di certezza. proloterapiche. emergenza bisognava fare un giro di telefonate per mezzi e destinazione ad esempio il dolore porta sì alla scomparsa dello stesso, ma rende l’infiammazione a svolgere la sua fisiologica azione Nella maggior parte di questi casi il dolore è causato di un paziente neurochirurgico, per un trasporto medicalizzato si sceglieva fra il incompleta la guarigione di muscoli, tendini, legamenti riparativa. da lesioni misconosciute o distrazioni e distensioni medico del pronto soccorso e l’anestesista, non esistevano le èquipe predefinite, o articolazioni, la possibilità di cronicizzazione della La proloterapia viene utilizzatacapoluogo negli Stati Uniti l’asma abnormi (anche senza lesione) dei numerosi legamenti ono 90conmila ogni anno i morti scaligero, interessa se il paziente non era intubato eraDr. il medico del PSSalvati che usciva per un “cranico” o Giampiero flogosi. Senza contare che alcune strutture come da quasi 60 anni. Le sue applicazioni sono, comeesiil Bpco presenti livello della colonna vertebrale, e che in Italia peril fatto patologie legate 18 mila persone 14 mila.a Ma un “vascolare”, sostituito dal chirurgo di reparto. Si Medico Chirurgoviveva così. In autostrada in le entesi (aree di inserzione tendini dal all’osso) o gli può immaginare, estremamente ènumerose: artriti, portano a cronicizzazione della infiammazione. Queste all’inquinamento. Il datodeiemerge tutto il Veneto ad essere interessato ambulanza ti passano tutti… Ti prendi la tua rivincita sulle statali e in città. A bordo Specialista in malattie reumatiche stessiventesimo tendini hanno una scarsissima tendinopatie (forme acute e croniche), di qui situazioni cliniche purtroppo rispondono molto poco a Congresso nazionalevascolarizzazione, sulle da forme questoiniziali flagello: le malattie fai i tuoi controlli, speri che tutto vada bene, confidi nell’abilità dell’autista mentre Ecografia articolare e muscolo-scheletrica pertanto i farmaci assuntidalpertitolo via “Asma sistemica hanno artrosi, traumatismi muscolari e tendinei, cervicalgie terapielafarmacologiche e/o fisiche, che spesso sono malattie respiratorie respiratorie rappresentano terza la sirena sulla testa ti spacca le orecchie. Pensi raramente a te stesso e a quello che Riceve: Affidea-Delta Medica pochissime possibilità arrivare al bersaglio e lombalgie, metatarsalgie, neuroma peraltro particolarmente costose e non sempre prive di Bronchiale e Bpco:dinuovi obiettivi, nuovi causa del causadi diMorton morte ed e si prevede che la può succedere quando passi col rosso ad un incrocio, sei Rialto, solo concentrato sul malato Monselice PD, Via 12 dolore. altre ancora. I bersagli della proloterapia possono effetti collaterali. rimedi, nuove strategie” che si è svolto prevalenza di tali patologie sia destinata e sulla destinazione di arrivo sempre troppo Tel. 0429lontana. 783000Ormai da tanto tempo lavoro a Lail proloterapia in alla senso diametralmente essere infatti tutte le strutture cheadhanno subito Di deiquesta Lecorrelazione patologie legamentose sono inoltre diffuse a mese scorso agisce a Verona presenza aumentare. Venezia centro storico, qui ci sono www.deltamedica.affi le barche, faccio servizio dea.it in un reparto, non esco opposto, basandosi su sostanze come non il glucosio (lo danni, a volte piccoli e non evidenziabili con lemalattie comuni è convinto tutte ledaarticolazioni, essendo i legamenti strutture di 350 specialisti. Gli esperti con gravi anni più. Ma penso spesso agli equipaggi delle idroambulanze che partono di notte, con zucchero comune) o inell’individuare fattori di crescita delle piastrine, metodiche di indagine, e che pertanto vanno estremamente poco considerate) avrebbero dubbi il fumo anche un sospettati illustre pneumologo veronese, (e assolutamente la pioggia, in inverno, a prendere qualcuno nelle isole dell’estuario a Treporti o a L’inquinamento e l’inquinamento atmosferico come Roberto Dal Negro, responsabile del Pellestrina. E’ un tipo di soccorso decisamente singolare, l’opposto di quello alpino. principali responsabili delle malattie Centro Nazionale Studi Respiratori di da polveri sottili A Venezia le idroambulanze vengono osservate con curiosità dai turisti, si notano respiratorie persistenti che affliggono Verona, secondo il quale “di smog si eccome di giorno, nel loro colori giallo e rosso, magari in estate col sole. A volte e il fumo i principali quindici italiani su 100. muore, questo è certo. La correlazione tra gli equipaggi corrono preceduti dalla sirena facendo lo slalom in Canal Grande fra imputati “Per combattere il fumo abbiamo presenza di tumori e presenza di polveri gondole e vaporetti, a volte vanno piano di ritorno da una dimissione protetta. Un potuto contare sulla legge Sirchia. sottili è certa. Non solo, è cresciuta nel bel lavoro all’aperto si può pensare lavorando all’interno di uffici o ospedali. Ma è Dopo 23 tentativi di formulare una normativa antifumo a partire corso degli anni. E a pagarne le maggiori conseguenze sono brutta la laguna di notte, in inverno, con il vento e la pioggia, pessima con la nebbia da inizio Novecento - dice il Responsabile del Centro nazionale i soggetti più deboli: anziani, categoria in cui arriva al 60%, e anche se hai il radar. Non ci sono luci sui pali che segnano i canali appena fuori dal Studi di farmacoeconomia e farmacoepidemiologia respiratoria, bambini, dove siamo addirittura all’80%”. La lotta alle malattie centro e si corre in planata, se qualcosa va storto sei solo. Di notte, vestito, in mezzo Roberto Dal Negro – finalmente l’ultimo è andato in porto grazie respiratorie si attua con l’adozione di misure preventive a medio all’acqua, per quanto ce la fai a nuotare? Se la radio è fuori uso e sei vivo puoi solo al fatto che è stato individuato un responsabile: il proprietario e lungo termine e limiti idonei, specie delle polveri sottili (Pm10 e sperare ed aspettare anche tu che qualcuno ti venga a prendere, un altro che abbia del locale, costretto a far rispettare il divieto per non incorrere in Pm 2,5), a salvaguardia della salute dell’intera popolazione. il coraggio di uscire per te, quando le persone normali si assicurano di aver chiuso sanzioni”. Pochi passi avanti, invece, sul fronte dell’inquinamento bene tutte le finestre e vanno a letto. Qualcuno dirà: è il loro mestiere, rischiano ma atmosferico: “l’imprenditoria, a onor del vero, ha fatto molto per saranno pagati bene. E’ vero solo che rischiano e sono molto stimati. Elicotteri ed ridurre il fenomeno – sottolinea Dal Nero – sul piano degli enti, ambulanze, Vigili del fuoco, PS e Carabinieri, Guardia Costiera e Finanzieri, quando invece il trasporto pubblico è balbettante e, quanto a emissioni Nel febbraio scorso, la Procura di Venezia è sfrecciano coi lampeggianti accesi provo un senso di sicurezza, ma temo per loro domestiche, dove ci sono i controlli, è facile eluderli”. intervenuta dopo l’allarme lanciato da un gruppo di e quello che vanno ad affrontare. Questa gente crede nella propria scelta e la vive I veneti che soffrono di malattie alle vie respiratorie hanno pediatri veneti, ha ascoltato le loro preoccupazioni, come una missione ed a volte muore nel tentativo di salvare un altro, Un’ occasione superato quota 600 mila. riservandosi l’ipotesi di aprire un fascicolo così da di riflessione spero profonda e produttiva per chi ha responsabilità di governo e la Sarebbero 270 mila quelli malati di Bpco (broncopneumopatia accertare la presenza di reati ambientali. I pediatri possibilità di stipendiare dignitosamente una classe di lavoratori troppo orgogliosa cronica ostruttiva) e di asma bronchiale e 340 mila gli affetti da veneti hanno evidenziato la potenza distruttiva delle per lamentarsi di un trattamento indegno di chi rischia per professione nell’aiutare asma grave. Secondo ESCAPE (European Study of Cohortes for polveri sottili sui sistemi immunitari dei bambini il prossimo. Air Pollution Effects), uno studio europeo che dal 2010 al 2014 che provoca casi molto gravi e cronici di malattie al E noi ogni tanto non perdiamo l’occasione di ringraziali per tutto quello che fanno, ha esaminato 21 città europee, Verona è risultata al secondo sistema respiratorio. da vivi. posto per l’aria irrespirabile e le polveri sottili. In particolare nel

L

Più di 600mila veneti soffrono di malattie alle vie respiratorie

S

Studio dentistico Dott. Mario Lenzi PROMOZIONE:

l’allarme dei pediatri

Visita + Ablazione Tartaro e Sbiancamento a

50€

• i m p l a n to log i a da co m p u t e r • co ro n a i n z i r co n i o • m a n u f at t i p r o t e s i c i

regaliamo uno Spazzolino via Grande, 93 · 35040 Casale di Scodosia (Pd) · tel. 042985402 · cell. 3339526660


laPiazza

www.lapiazzaweb.it

M Prosecco y Tapas al salone della gastronomia stellata di Madrid

etti insieme le bollicine veneto-friulane e tapas di pesce per un aperitivo e non passerai più alla cena! A proporre il felice connubio a Enofusiòn, evento internazionale riservato al vino, organizzato nel cuore di Madrid, lo chef stellato Quim Casellas, del Restaurant Hotel Casamar di Girona, prima stella Michelin conquistata nel 2011. “Il Prosecco a me ricorda il Mediterraneo e ho pensato di abbinarlo a delle Tapas di pesce che richiamano questa comune identità – ha più volte affermato lo chef Quim Casellas durante la MasterClass – così per ciascun diverso Prosecco ho proposto un piatto di mare che esaltasse questo profilo nei vini in degustazione: La Jara, Astoria, Villa Sandi, Az. Agr. Soligo, Vivo Cantine”. Enofusiòn, organizzato nel cuore di Madrid come costola di Madridfusiòn, salone della gastronomia stellata, la cui notorietà sta oltrepassando i confini della Spagna, ha visto la partecipazione di cento espositori e pubblico selezionato per evento internazionale riservato al vino. Nel Palacio Municipal de Congresos de Madrid

27

la manifestazione, conclusa in questi giorni, ha registrato un afflusso medio di 120 visitatori l’ora, composto per l’85-90% da addetti ai lavori, il restante 10-15% da consumatori finali. Presente per la prima volta anche il Consorzio Prosecco Doc con una MasterClass sul tema “Prosecco Doc y Tapas” alla scoperta di piacevoli e innovativi abbinamenti tra le bollicine veneto-friulane e le tapas, specialità spagnola che accompagna tipicamente l’aperitivo. In questo caso si è trattato di stuzzichini davvero ‘chic’ firmati, appunto, Quim Casellas. La MasterClass, tenuta per conto del Consorzio Prosecco Doc da Tobia Capuzzo, dallo chef Casellas, dall’export manager di Villa Sandi, ha registrato un pronto sold out e un’entusiastica partecipazione gratificata anche dagli indovinati assaggi gourmet. Ad Enofusiòn il Consorzio ha pure partecipato -in prima fila- nella Wine Gallery, la sezione dedicata alla degustazione ‘libera’ ovvero accessibile a tutti i partecipanti ed è stato subito boom: di richieste d’informazione sulle caratteristiche della Denominazione e di assaggi.


APERTO nuovo PUNTO VENDITA CAMPOSAMPIERO - a fianco del LIDL

Zorzi … sinonimo di progettazione e affidabilità Siamo in grado di realizzare su misura le TUE idee

All’interno trovi anche il Bar dove potrai fare una Comoda Pausa con Caffetteria e Pranzi Veloci. SALOTTI SALOTTI Produttori per Passione Produttori per Passione

SALOTTI SALOTTI

TENDAGGI TENDAGGI Interni ed Esterni

Interni ed Esterni

TENDAGGI TENDAGGI

ARREDAMENTI ARREDAMENTI Design e Progettazione Design e Progettazione

ARREDAMENTI ARREDAMENTI

NOTTE NOTTE Riposo e Benessere Riposo e Benessere

NOTTE NOTTE

ARSEGO - SAN GIORGIO DELLE PERTICHE - 35010 Via Brose, CAMPOSAMPIERO - 35012 A. MEUCCI, 2 ARSEGO - SAN GIORGIO DELLE PERTICHE (Pd)(Pd) - 35010 - Via- Brose, 19 19 CAMPOSAMPIERO (Pd) - (Pd) 35012 - Via A.- Via MEUCCI, 2 Tel. e Fax 049.5742491 info@zorzisalotti.it www.zorzisalotti.it Tel. 049.9301147 Fax 049.8595150 info@zorziarredamenti.it - www.zorziarredamenti.it Tel. e Fax 049.5742491 - info@zorzisalotti.it - www.zorzisalotti.it Tel. 049.9301147 - Fax 049.8595150 - info@zorziarredamenti.it - www.zorziarredamenti.it Interni ed Esterni Design e Progettazione Riposo e Benessere Produttori per Passione Z ORZ I S ASLALO O T TTT I S. c..c. di di ZorZor zi zi Ivone 35010 A R S EAGROSE diG O S Adi N G I ONR GGI O DE H ER TI (PCD) ZORZI I n. S .n Ivonee C.e -C . Sede - S e dlegale: e l e g a Via l e : VBirose, a B r o19 se , - 19 - 35010 SA IOR G ILOL EDEPLELRET I CPE H E ( PD) ARSEGO - 35010 -R Via - 35012 2PD 3 0 9-9 0z3o r z- isazorzi Cod ice F-iFiscal sSAN ca l eGIORGIO IVA 3 403354237502(Pd) 27809289 - R- egist ro prese di Padova 13 1-5-Via E-AMEUCCI, l o tti@pe Codice ee eP.DELLE P .IV A0PERTICHE e gBrose, i st rIm o 19 I m p rCAMPOSAMPIERO e se d i P a d o1999-3151 v a(Pd)19991 1RA. RPEDA 309903 s al otc t.it i @ pec. i t Interni ed Esterni Design-eFax Progettazione Riposo e Benessere Produttori per Passione Tel. e Fax 049.5742491 - info@zorzisalotti.it - www.zorzisalotti.it Tel. 049.9301147 049.8595150 - info@zorziarredamenti.it - www.zorziarredamenti.it


www.lapiazzaweb.it

laPiazza

29

N e lla

f oto d i c op e rtina e in q ue lla a la to d ue sp le nd id e im m a g ini d i Sid i Bou Sa id , la P ortof ino d i Tunisia . In a lto, d a sinistra : il Fe stiv a l d e l Sa h a ra d i Douz , il v illa g g io d i C h e nini, l’ a nf ite a tro rom a no d i El Je m , l’ oa si d i Toz e ur e una sp ia g g ia d a sog no. P iù sotto: una d e lle c a se sc a v a te ne lla roc c ia a M a tm a ta , uno sc orc io d e lla Tunisi v e c c h ia , la m inistra d e l Turism o Se lm a Elloum i e m ilita ri lung o il v a llo d i sic ure z z a c ostruito a l c onf ine c on la L ib ia

Tunisia a braccia aperte

Il paese dopo gli attentati terroristici del Bardo e di Sousse del 2015 ha fatto grandi sforzi per migliorare la sicurezza e invogliare i turisti a ritornare. Nelle spiagge, nei siti d’arte e nelle oasi ora si respira fiducia

di Renato Malaman

L

a Tunisia vuole risvegliarsi in fretta dall’incubo, tornare a sognare e a far sognare. Lo sanno tutti: dopo gli attentati del Bardo e di Sousse del 2015 le presenze turistiche nel paese nordafricano hanno subito un tracollo, provocando una grave crisi con effetti evidenti sull’economia nazionale. “Il paese oggi è più sicuro” ha detto poche settimane fa la bella ministra del Turismo Selma Elloumi all’apertura Festival dei popoli del Sahara di Tozeur, informando che dopo gli attentati dell’Isis di due anni fa il governo di Tunisi ha messo in atto un piano senza precedenti per garantire più sicurezza e invogliare i turisti a ritornare. Un piano realizzato anche attraverso collaborazioni di alto profilo a livello internazionale. Tra le misure più evidenti adottate figura la costruzione di un vallo blindato di oltre 200 chilometri, profondo 6 metri e largo 3, lungo il confine con la Libia. Inoltre, tutti gli alberghi sono stati dotati di metal detector come quelli obbligatori negli aeroporti. Intensificati anche i controlli nelle moschee, per stroncare sul nascere deviazioni terroristiche. La Tunisia, dunque, non si nasconde dietro a un dito: il governo

moderato di Yussef al Shahed sa bene che per parlare di ripresa del turismo è necessario far sapere al mondo, specie a quello Occidentale, che il paese oggi è più al riparo da certi rischi di ordine pubblico. Gli sforzi per ottenere questo risultato sono tuttora in atto e timidi segnali di ripresa dell’attività turistica già si avvertono. I primi a ritornare nelle spiagge e nei siti archeologici della Tunisia sono stati i turisti del Nord Europa. Gli italiani, a dire il vero, fanno ancora un po’ fatica a vincere la paura. Un viaggio in Tunisia oggi è un’esperienza forte, perché ovunque si respira questa atmosfera sospesa, un misto di ansia e di entusiasmo, di preoccupazione ma anche di fiducia. I controlli in effetti ci sono, ovunque. E sono attenti, discreti, onnipresenti. Tanto che ci si scrolla di dosso in fretta quel senso di inquietudine. All’uscita dall’aeroporto di Tunisi filari di eleganti palme sembrano simbolicamente dare il benvenuto al visitatore, schiudergli le porte per cogliere le infinite bellezze del paese. Prima che l’incanto si interrompesse di brutto nelle sale del Museo del Bardo, erano oltre un centinaio di migliaia i turisti italiani che sceglievano

I tanti pensionati italiani che risiedono a Tunisi e nelle località di mare testimoniano che non c’è pericolo e che sono tante le bellezze da riscoprire. Dall’anfiteatro romano di El Jem alle case sotterranee di Matmata, all’elegante Sidi Bou Said

ogni anno le spiagge bianche di Hammamet, Sousse o di Djerba. Alcuni di loro hanno scelto di trasferirsi in Tunisia godendosi il privilegio di una pensione che arriva dall’Italia quasi esentasse. Anziani che sono rimasti anche dopo gli attentati del 2015 perché, a sentir loro, non è mai prevalsa la sensazione di sentirsi in pericolo. Oggi a Tunisi, sia nella sua parte moderna e molto “occidentale” che nella tradizionale Medina, come pure nei raffinati caffè della bianca (e azzurra) Sidi Bou Said, come anche nelle ammalianti oasi nel deserto (Tozeur, Nefta, Tamerza e Douz), si respira un’aria di speranza. Come di attesa che qualcosa di positivo accada. Che all’orizzonte del Canale di Sicilia ricompaiano, ad esempio, le navi da crociera della grandi compagnie italiane o che negli aeroporti si riveda l’invasione festosa del popolo delle spiagge. Il paese, va detto, ha molto da offrire. Sono quarantamila i siti turistici e i più belli sono i meno conosciuti. In Tunisia tutti i popoli dell’antichità hanno lasciato tracce evidenti: i fenici, i cartaginesi, i romani, gli arabi, i berberi, i nomadi arrivati dal deserto. A El Jem c’è un anfiteatro romano che lascia a

bocca aperta, il terzo più grande dopo il Colosseo e l’Arena di Pola. A Matmata ci sono ancora villaggi di case sotterranee scavate a cilindro. A Chenini e a Tataouine sono rimasti intatti altri villaggi di case sovrapposte, dall’architettura tradizionale, costruiti in pietra. A Kairouan si coglie ancora l’anima araba e religiosa di questo paese. Insomma, la Tunisia è un caleidoscopio di bellezze che per il momento è come nascosto dietro a un sipario. Il momento della riapertura del palcoscenico turistico sembra però molto vicino. Se lo augurano i tanti amanti di questo paese, viaggiatori “fai da te” e turisti dell’ “all inclusive”, ma se lo augurano soprattutto i tunisini, popolo che, al di là dei facili e ingiustificati luoghi comuni di questi ultimi due anni, è estremamente aperto all’ospitalità e incline al sorriso. Perché ama la pace, da sempre. Perché il rapporto di amicizia con gli altri popoli al di qua del Mediterraneo è avvalorato da decenni di intensa collaborazione economica e di vivace interscambio culturale. Che nessuna forma di violenza terroristica potrà mai mettere in discussione.


www.lapiazzaweb.it

laPiazza

31

Eataly lancia il Tiramisù Day Il dessert veneto gustato in tutto il mondo

I

l 21 marzo sarà la giornata dedicata al dessert italiano forse più amato e conosciuto nei quattro angoli del mondo: il Tiramisù. A fissare la data è stato Eataly, il colosso della distribuz i o ne e no gas t ro no m i ca d i Oscar Farinetti. Così, per la prima volta, gli Eataly  Store di tutto il mondo offriranno ai propri visitatori la possibilità di gustare ed acquistare il celebre dessert, presentato  secondo la ricetta riportata nel libro di Gigi e Clara Padovani, Tiramisù – Storia, curiosità, interpretazioni del dolce italiano più amato (Giunti). L’analisi dei due coniugi, infatti, fa luce sulla storia del Tiramisù, collocandone la nascita in Friuli ma menzionando anche altre realtà che ne hanno contribuito alla fama, tra cui Le Beccherie, lo storico locale di Piazza Ancillotto, in centro a Treviso. La decisione di Farinetti fa subito notizia, in particolare nella città veneta: fonti storiche

infatti dimostrano che la prima codificazione del Tiramisù risale al 1962, quando fu inserito tra i dessert à la carte proprio del ristorante Le Beccherie. “Un’iniziativa bellissima quella di Farinetti – commenta Paolo Lai, attuale patron de Le

Beccherie – che porta in primo piano il grande lavoro fatto da Gigi e Clara Padovani per far luce su un tema, quello della nascita del Tiramisù, che ancora oggi affascina critici e curiosi. In tutto questo però va ricordato che Le Beccherie ha giocato

un ruolo importantissimo. La ricetta del nostro Tiramisù è l’unica ad essere stata depositata presso l’Accademia Italiana della Cucina e la forte presenza dei trevigiani nel mondo ha portato un contributo fondamentale alla diffusione di questo dessert

in tutto il mondo. Il mio augurio è che questa iniziativa permetta di far conoscere tutta la storia del Tiramisù, coinvolgendo tutti coloro che, in qualche modo, ne hanno costruito un pezzetto”.

crostoli passati al forno e cotti al forno fritelle alla crema, alla crema chantilly, zabaione e cioccolato Cell. 393 9433694 Tel. e Fax 0426 357022 - Fax 0426 505025 panzampirolo@libero.it - www.panificiozampirolo.it


Protagonisti

32

www.lapiazzaweb.it

Eccellenze Giovani veneti che costruiscono il futuro

pietro marinelli vola in texas ed entra in un team di ricercatori Q

uello di Pietro Marinelli non è di certo il caso di chi si trasferisce all’estero in cerca di fortuna e senza reali prospettive, quanto piuttosto la conferma di un meritato percorso di studi, intrapreso con serietà e impegno. Il giovane portovirese, classe ’91, al momento prepara i bagagli per una preziosa opportunità formativa e lavorativa: da febbraio sino ai primi mesi estivi sarà infatti impegnato nel celebre centro di ricerca statunitense Mary Kay O’Connor Process Safety Center per poter redigere la propria tesi magistrale. Laureato in ingegneria per l’ambiente e il territorio presso l’università Alma Mater di Bologna, Marinelli è stato così accettato a far parte di un team di ricercatori nella prestigiosa università texa- sta esperienza oltreoceano e na A&M University. Nell’ateneo ansioso di capirne l’evoluzione bolognese, il giovane portovi- – conclude Marinelli – perché rese è laureando alla biennale e vorrei di certo poter ritornare a frequenta il corso di studi magi- casa arricchito e formato ma non strale in ingegneria chimica e di posso escludere di volere conprocesso. tinuare questa esperienza fuori “La tesi che dovrò produrre dall’Italia”. Nell’ateneo bolognesulla base della rise Marinelli riveste cerca e del lavoro anche dal 2013 il Studierà che mi aspetta in ruolo di rappresenl’affidabilità Texas – spiega Pietante degli studenti tro Marinelli – è e la sicurezza in diversi consigli, incentrata sull’aftra cui il consiglio negli impianti della scuola di infidabilità e la sicurezza negli impiandell’industria gegneria e architetti dell’industria e di tura, la giunta ed il e di processo processo: in pratica consiglio di dipardovrò prestare anatimento Dicam ed lisi di rischio, valutare e quindi il consiglio di corso di studi in strutturare sistemi di prevenzio- ingegneria chimica. Dopo la mane o contenimento degli eventi turità scientifica conseguita al liche potrebbero accadere, dalle ceo Bocchi di Adria, Marinelli si esplosioni fino alla fuoriuscita di è anche diplomato presso il consostanze tossiche, cancerogene servatorio statale “A. Buzzolla”. o corrosive”. “Sono emozionato per queMassimiliano Beltrame

una nuova band: “sabry on the rocks”

A

Rovigo è nata una nuova band. Il nome è “Sabry on the rocks” e, oltre a raccogliere musicisti di esperienza, che hanno dato tanto alla scena rodigina e non solo, propone un video d’esordio che è una vera e propria celebrazione artistica del capoluogo polesano. Il nuovo progetto musicale - spiega la nota stampa di presentazione della band - nasce dall’incontro di tre tra i più interessanti musicisti della scena rock/pop rodigina: Sabrina Scarpati, Luca Boniolo e Andrea Mazzetto. I Sabry on the rocks sono un trio elettroacustico che propone cover angloamericane reinterpretate con uno stile completamente nuovo. Le migliori hit degli ultimi 20 anni vengono destrutturate e ricostruite con arrangiamenti di chitarra acustica accompagnata dal potente groove del basso elettrico ma con

un cantato di estrazione Soul e Jazz. Per celebrare la nascita del nuovo progetto, esce in questi giorni il loro primo video musicale. Si tratta della cover di “Lovesong”, splendida canzone del 1989 dei Cure. Il video è nato da un’idea dei Sabry on The Rocks ed è stato diretto e montato da Luca Boniolo. Girato interamente a Rovigo, le numerose location sono state selezionate accuratamente per fornire allo spettatore un affresco contemporaneo della città, vera protagonista del video e alla quale il testo della canzone è idealmente dedicato. Parchi, strade, negozi, palestre e scuole di danza si avvicendano in un carosello di luoghi, persone e personaggi dando vita ad una città da moltipercepita come noiosa e dimenticata ma che invece ha ancora molto da offrire. Melania Ruggini

Ambulatorio Polispecialistico ASA racchiude al proprio interno gli ambulatori privati di Medici professionisti operanti in vari ambiti. Il nostro team mette a disposizione la propria consulenza e professionalità, con la possibilità di effettuare visite e terapie in tempi rapidi senza rinunciare alla qualità e al benessere del paziente. Via G. Marconi, 50/52 · 35020 Ponte San Nicolò (Pd) · Tel, 049 8963212 · info@studioasa.com


Protagonisti

www.lapiazzaweb.it

33

unica in europa, la dottoressa padovana vince il concorso per perfezionarsi a lund Da Brugine fino in Svezia, la dottoressa lavorerà per sei mesi nella prestigiosa università per approfondire il tema dei tumori endocrini

A

nna Caterina Milanetto, ricercatrice dell’Università degli studi di Padova, giovane specialista in Chirurgia generale, ha vinto, unica in Europa, il prestigioso concorso internazionale “Sten Tibbling - per perfezionamento e ricerca sui tumori endocrini” all’Università di Lund, la più antica università della Svezia. La giovane, originaria di Campagnola di Brugine, ora avrà la possibilità di lavorare per sei mesi e approfondire le sue ricerche nel reparto di Chirurgia endocrina di Lund, svolgendo ricerche e interventi chirurgici di oncologica endocrina. Anna Caterina Milanetto, 33 anni, è assegnista di ricerca alla

Caterina milanetto, ricercatrice all’università di padova, ha vinto un prestigioso concorso internazionale

Clinica chirurgica 1 dell’Università di Padova, diretta da Donato Nitti. Nonostante la giovane età, la dottoressa ha già maturato esperienze di ricerca oncologica con il professor Claudio Pasquali, chirurgo pancreatico e suo tutor. Questa non è nemmeno la sua prima conquista: due anni fa ha vinto una fellowship europea (borsa di studio per ricerca clinica) ad Heidelberg in Germania, per ricerche in chirurgia pancreatica. “Questa nuova opportunità ottenuta dalla dottoressa Milanetto, che consolida legami universitari internazionali già esistenti - si legge in una nota stampa diffusa dall’Università - è il frutto di eccellenze maturate

nell’ambito della chirurgia padovana e della capacità dei nostri giovani ricercatori di raccogliere consensi internazionali che fanno ben sperare per il futuro della ricerca medica patavina”. “Siamo tutti molto orgogliosi per questo importante risultato – il commento del sindaco di Brugine, Michele Giraldo - perché porta alto il nome del nostro comune e, più in generale, quello dei giovani nel mondo che in questo particolare periodo, non riescono purtroppo a trovare la giusta collocazione in una società che non lascia il tempo di crescere con serenità Martina Maniero

Soladria è stata scelta come partner del gruppo d’acquisto solare GAS 2016-2017 Padova

Scopri i vantaggi riservati agli aderenti al GAS : • Fotovoltaico • Solare Ter mico • Pompe di Calore • Climatizzazione

Per informazioni e approfondimenti contatta lo Sportello Energia presso Legambiente Padova P.zza Caduti della Resistenza 6 Padova (Pd) aperto martedì 9.00-12.30/14.30-17.30 e venerdì 9.00-12.30 · Tel. 049 8561212 Cell. dedicato 348 9877714 sportello.energia@legambientepadova.it www.legambientepadova.it/GAS

L’offer ta è dedicata a tutti i residenti in Provincia di Padova


L’ENERGIA È UNA COSA SERIA. Antenore nasce per essere semplice, chiara, comprensibile. Poche proposte, facili da capire e veloci da attuare. Richiedete subito una verifica, un preventivo o anche solo un confronto. L’energia del leone è calma e affidabile. PARLIAMO DI ENERGIA. PARLIAMO DI ANTENORE.

PUNTI ENERGIA ANTENORE • RUBANO (PD) via della Provvidenza, 63 tel 049 630466 – fax 049 635289

2016551LO-00-pagina istituzionale singola.indd 1

• LIMENA (PD) via del Santo, 54 tel 049 768792 – fax 049 8843294

• PADOVA (PD) via del Vescovado, 10 tel 049 652535 – fax 049 8360967

01/12/16 10:59


www.lapiazzaweb.it

gli

Appuntamenti

35

Mario Biondi: 10 anni di successi

Mosta Super Robot World

Il 30 marzo al Gran Teatro Geox di Padova

Padova, 21 maggio, Centro Culturale Altinate

I

A

n occasione del festival sarà inaugurata, la mostra Super Robot World, in esposizione al Centro Culturale Altinate fino al 21 maggio, a cura di Fabrizio Modina. Attraverso disegni originali, animation cel, manifesti, giocattoli e memorabilia, si ripercorre l’impatto epocale di un’idea che ha conquistato il mondo

partire da marzo Mario Biondi sarà in concerto nei teatri di tutta Italia con l’imperdibile Best Of Soul - Tour, la tournée che segue l’uscita della raccolta “Best Of Soul”, con cui l’artista festeggia i dieci anni dal celebre disco d’esordio “Handful of Soul”! Il 30 marzo al Gran Teatro Geox di Padova..

J-Ax e Fedez, concerto evento all’Arena di Verona Il 6 maggio live per presentare “Comunisti col Rolex”

J

-Ax e Fedez sono pronti per le 19 date nei palasport d’Italia ma non si fermano qui e annunciano ufficialmente la data del loro concerto-evento all’Arena di Verona: il 6 maggio. Uno show unico che ospiterà anche amici e colleghi del mondo della musica. Per la prima volta, i due saliranno sul palco insieme per presentare live il loro ultimo progetto discografico “Comunisti col Rolex” oltre ai loro più grandi successi. Il concept scenografico, progettato da Lemonandpepper e Cromantica, rappresenterà la piramide sociale che i due artisti raccontano nel disco. Radio Partner è la prima. Il 6 maggio all’Arena di Verona.

Padova palcoscenico di Be Commics! Centro storico, 17,18 e 19 marzo

I

l 17, 18 e 19 marzo, il centro storico di Padova diventa il palcoscenico di Be Comics!, il primo festival internazionale del Nordest dedicato ai fenomeni della cultura pop: manga, libri, cosplay, mostre, giochi, games, presentazioni invaderanno vie, piazze e luoghi cittadini per la gioia degli appassionati. Il festival, promosso dal comune di Padova, Assessorato alla Cultura e da Arcadia Arte, ha l’ambizione di imporsi tra i più qualificati a livello nazionale. Diversi gli ingredienti di Be Comics!: innanzitutto comics e manga: fumetti, graphic novel, sci-fi, e ancora workshop e presentazioni che faranno del centro culturale San Gaetano il palazzo degli espositori dell’editoria, fra colonne, lucernari e installazioni d’arte. Non mancheranno i giochi, da tavolo, di ruolo e videogames, con padiglioni sparsi in tutta la città.

Fiorella Mannoia, Combattente in tour

Green Week, Festival dell’economia verde

Il 20 maggio al Gran Teatro Geox di Padova

Dal 28 febbraio al 5 marzo

D

V

opo il successo della sua partecipazione a San Remo e della prima parte della tournée, che lo scorso dicembre ha fatto registrare un sold out dopo l’altro, sono in prevendita, nel circuito Ticket One e nei punti vendita autorizzati, i biglietti per la seconda parte di “COMBATTENTE IL TOUR” che vedrà ancora Fiorella live sui palchi dei più prestigiosi teatri italiani nella prossima primavera. Il 20 maggio al Gran Teatro Geox di Padova.

ivere sostenibile, abitare sostenibile: è questo il tema di fondo della sesta edizione della Green Week, la settimana della Green Economy che da martedì 28 febbraio a domenica 5 marzo attraversa l’intero territorio delle Venezie, da Udine a Trento.  Una settimana dedicata alla scoperta di ben 18 “fabbriche della sostenibilità”, aziende che hanno scelto, anche come leva competitiva, di adottare processi o realizzare prodotti ecosostenibili. Si affronteranno così i temi dell’economia circolare, del riuso, della lotta agli sprechi, del risparmio energetico e delle nuove forme di energia, delle nuove tecniche costruttive, della responsabilità sociale e ambientale d’impresa. Da venerdì 3 a domenica 5 marzo Trento sarà la capitale della Green Week, con la seconda edizione, dopo il successo dello scorso anno, del Festival della Green Economy. Il programma completo della Green Week è disponibile online sul sito www.greenweekfestival.it.

Incontri: Veneto, Italia, Mondo

Cavarzere, Carnevale con i carri allegorici

Gli appuntamento proseguiranno fino al 23 maggio

Centro storico, 17,18 e 19 marzo

U

nche quest’anno il Carnevale si avvicina e Cavarzere si veste a festa con la sua ordinaria sfilata di Carti Aleggorici che annualmente richiama spettatori e partecipanti dentro e fuori il paese. IlCarnevale di Cavarzere ormai arrivato all 16esima edizione rientra nella routine della collettività che ogni anno aspetta la riccorenza. Anche quest’anno la parata si svolgerà in prossimità della festività del santo patrono, precisamente il 19 marzo. L’evento, organizzato come sempre dalla Pro loco, avrà la collaborazione e il patrocinio del Comune. La presidente, Lina Figoni, tiene a sottolineare l’aiuto inestimabile nella realizzazione dell’evento , da parte delle forze produttive del paese quali artigiani e commercianti. “Grazie al loro contributo, noi di Pro Loco, abbiamo consegnato loro un blocchetto di biglietti della lotteria di Carnevale del valore complessivo del contributo contenente buoni spendibili e consumabili nelle attività del comune, in modo da incentivare il commercio interno e la valorizzazione delle tante attività”. Il programma per domenica 19 marzo vede l’inizio della manifestazione alle 14.30 con la sfilata di carri allegorici provenienti da tutto il Veneto, successivamente verrà premiata la maschera più bella, il Carro Allegorico più bello, il gruppo mascherato e la scuola. Al termine verso le 17.30 si svolgerà l’estrazione della lotteria Non resta che aspettarsi un Carnevale magico, ricco di sorprese e divertimento.

na serie di incontri per riflettere sulla lingua italiana e sulla situazione linguistica del Veneto. È l’iniziativa dell’associazione Dante Alighieri di Rovigo che organizza la rassegna: “Veneto, Italia, Mondo: riflessioni sul repertorio linguistico tra passato, presente e futuro”. Gli appuntamenti iniziati a febbraio proseguiranno fino al 23 maggio a palazzo Roncale. Un ciclo di seminari pensato e valutato attentamente, come spiega Mirella Rigobello, presidente della Dante, grazie al contributo di Matteo Santipolo dell’Università di Padova. “Cinque incontri con nomi di rilievo che ci aiuteranno a pensare al nostro patrimonio linguistico”. Martedì 21 marzo 2017 l’incontro “Cantando in ‘talian’: valorizzazione del patrimonio immateriale linguistico e culturale dell’emigrazione veneta in Brasile attraverso la musica e i giochi” con Giorgia Miazzo (interprete/traduttrice); venerdì 7 aprile con Antonella Benucci (Università per Stranieri di Siena) “Lingue e culture del cinema italiano”. Mercoledì 10 maggio Matteo Santipolo (Università di Padova) parlerà di “Il rapporto tra italiano e dialetto nel Veneto d’oggi: tra storia, emozioni e politica linguistica”. Martedì 23 maggio 2017 appuntamento con Carla Marcato (Università di Udine) “Nomi di luogo del Veneto”.

A

menù a pranzo fisso anche pizza Piatti per vegani e celiaci Pizze no glutine e Kamut Pizza Multicereale 35027 Noventa Padovana (Pd) · via Panà, 56 · tel. 049 2322335


36

il

Crucilibro

www.lapiazzaweb.it

Guardare le stelle di notte, comprendere la vita Le infinite vite della narrativa seminano la sensazione che anche la nostra esistenza possa essere non finita Kent Haruf

Edna O’Brien

Charlotte Link

Sharon Guskin

Addie, vedova

Fidelma, romantica e sognatrice

Simon, bellimbusto rimasto solo

Janie, una mamma single

Alter Ego

Louis, il suo vicino di casa

Vladimir, bieco impostore

Nathalie, ventenne disperata

Noah, un bimbo di 4 anni

Location

Holt, Colorado

Coonoila, cittadina irlandese

La Costa Azzurra

Luoghi sospesi

I piccoli gesti quotidiani

Abitanti del paese

Ragazze-prede

Jerome Anderson, psichiatra

Intrigo

I due protagonisti sono vedovi da anni e si conoscono da decenni. Una sera Addie fa visita a Louis per fargli una proposta scandalosa ma diretta: vuoi passare le notti da me? I due vivono ormai soli, spesso senza parlare con nessuno

Una notte d’inverno uno straniero raggiunge un villaggio sulla costa irlandese. Dice di essere un poeta e un guaritore, di avere erbe e pozioni per curare qualsiasi cosa. La cittadina tutta se ne innamora ma lui seduce Fidelma, la moglie sognatrice di un negoziante

Simon si ritrova solo, a dieci giorni da Natale: in vacanza sulle spiagge della Provenza, d’inverno, abbandonato da ex moglie, figli e nuova partner mancata. Qui si imbatte in una ragazzina braccata da poliziotti, mal nutrita e sporca e decide di aiutarla

Janie è una mamma single. Ha avuto Noah dopo una notte d’amore con un uomo sconosciuto. Il bimbo adesso ha quattro anni, è felice e dotato di una mente che è una vera e propria fabbrica di storie realistiche e coerenti

Finale

I figli sono lontani e gli amici molto distanti. I due anziani iniziano a frequentarsi di notte per chiacchierare e guardare le stelle. Inizia così una delicatissima storia di amore, coraggio e orgoglio

Vladimir è in realtà un ricercato pericoloso che dopo aver gravemente compromesso Fidelma la abbandona tragicamente allo scandalo. Lei ripara a Londra, sola, e poi all’Aia per seguire il processo a carico di Vladimir, il mostro

La storia di Nathalie è drammatica e comincia anni prima lontano da lì dove si trova ora e assomiglia a quella di altre ragazze-preda che sognavano un futuro ricco e felice, molto diverso dal destino che sono costrette a subire

Le stranezze di Noah vengono segnalate dalla scuola e Janie non può più evitargli la perizia psichiatrica. Sarà l’incontro col dottore l’evento che sconvolgerà per sempre la loro vita

Cosa dire del libro

Un romanzo magnifico, delicato e struggente. Una stupenda lettera d’addio dell’autore, morto di recente, ai suoi numerosissimi lettori

Un libro bellissimo, ardito e tagliente. L’ennesimo capolavoro di una delle più influenti e cosmopolite scrittrici del nostro tempo

Avvincente e sorprendente come sempre il nuovo thriller di Charlotte Link, la scrittrice tedesca che ha venduto in tutto il mondo milioni di romanzi

E’ una storia sbilanciata tra due mondi, tra la vita e la vita oltre la morte, che parla di reincarnazione ma non solo

Eroe/Eroina

Co-protagonisti

Leggere

Kent Haruf Le nostre anime di notte NNE, pp. 200 € 17.00

Edna O’Brien Tante piccole sedie rosse Einaudi, pp. 304 € 18.00

Charlotte Link La scelta decisiva Corbaccio, pp. 244 € 18.60

Sharon Guskin L’altro figlio Neri Pozza, pp. 352 € 18.00 A cura di Germana Urbani

Studio

L.A.F. F F.

Studio Legale Avvocati - Procuratori Conciliatori accreditati presso Ministero Giustizia

Amministrativo Successioni - Testamenti Donazioni Contenziosi su proprietà e condominio Divisioni ereditarie

Infortunistica (Delegazione Q2-SCAI)

Consulenza e gestione incidenti stradali Infortuni in genere Valutazione danni da sinistro

Via S. Marco, 294 - 35129 Padova - Tel. e Fax 049 2322463 - Cell. 347 2517327 - benetti.an@gmail.com


www.lapiazzaweb.it

a

Tavola

37

Proposte per una cucina biologica, integrale, vegetariana, in sintonia con la natura Insalata di cappuccio al cumino Ingredienti: 600 g di cavolo cappuccio - 80 g di olive nere snocciolate - 2 C di semi di cumino - 4 C di limone - 2 C di olio - sale q. b.

Sformatini di grano saraceno

Fritelle di frutta

Ingredienti: 250 g di grano saraceno - 1 cipolla - 1 spicchio d’aglio - ½ broccoletto - un pizzico di: timo, maggiorana, origano - olio e sale q.b. (Attrezzatura: 4 stampini).

Ingredienti: 500 g di farina 150 g di zucchero - ½ bicchiere d’olio - 5 uova - 1 bicchiere di latte di riso - 1 pizzico di sale - 1 c di vanillina - 1 bustina di lievito - 500 g di frutta: ananas, mele, uvetta - olio per friggere.

Carmen Bellin Educatore Alimentare dell’Associazione Culturale La Biolca di Padova: tiene corsi e conferenze su alimentazione e cucina, collabora al mensile Biolcalenda, ha pubblicato Metti una sera a cena libro di ricette e consigli utili per una cucina in armonia con i ritmi della natura. LA BIOLCA · www.labiolca.it info@labiolca.it · tel. 049 9101155

Preparazione: lavare il cavolo, eliminare il torsolo e affettarlo a striscioline sottili. Tritare le olive e unirle al cavolo, aggiungere il succo di limone, l’olio, il sale e i semi di cumino. Lasciarlo macerare 10 minuti prima di servire.

Preparazione: cuocere il grano saraceno come da ricetta base con le cimette dei broccoletti, amalgamarlo con la cipolla tritata, il succo d’aglio, un pizzico di timo, l’origano, la maggiorana. Nel frattempo spennellare d’olio gli stampini, riempirli con il composto, compattarli bene, scaldarli a bagnomaria prima di servirli. Rovesciarli su ogni piatto e guarnire a piacere con una foglia di lattuga, dei filetti di carote o delle erbe aromatiche.

Carrozzeria

Nota Preparazione: tagliare la frutta a fettine sottilissime ed asciugarle bene. In una terrina preparare una pastella non troppo densa sbattendo le uova con lo zucchero, il sale, l’olio, il latte, la vanillina e la farina. Aggiungere da ultimo il lievito. Amalgamare bene, lasciare riposare il composto in luogo fresco per almeno un’ora. Passare quindi a friggere

La quantità degli ingredienti si riferisce a un menù tipo per 4 persone. Abbreviazioni usate: C = cucchiaio · c = cucchiaino g = grammo · kg = chilogrammo L = litro · dl = decilitro olio (quando non è specificato altro) = olio extra vergine di oliva q.b. = quanto basta.

UNIVERSAL

sas

• SOSTITUZIONE PARABREZZA • RIPARAZIONE DANNI GRANDINE • SOSTITUZIONE PNEUMATICI • GESTIONE COMPLETA DEL SINISTRO • IGENIZZAZIONE ABITACOLO • RADDRIZZATURA TELAI E CABINE • ALLINEAMENTO ASSI • ALLESTIMENTI • PERSONALIZZAZIONI • RIPARAZIONE RIMORCHI

AUTOVETTURE · FUORISTRADA · CAMPER · AUTOBUS · VEIC OLI INDUSTRIALI E C OMMERCIALI viale germania, 6 · ponte san nicolò (padova) tel. 049 8962876 · fax 049 719744 · sncuniversal@libero.it


Oroscopo

38

www.lapiazzaweb.it

l’

Ariete E’ il momento giusto per conoscere nuovi amici o coltivare i tuoi interessi personali. Concedetevi un viaggio

Toro Qualche difficoltà relazionale, in ambito sociale o familiare o con chi incontrate tutti i giorni. Attenzione, siate chiari

Gemelli Arriveranno buone notizie, ti divertirai e farai una vita sociale vivace e dinamica. Nuova vita ai progetti personali

Febbraio Stelle positive quasi per tutti in questo secondo mese dell’anno. Regalano lucidità e capacità di pianificare, affrontare e risolvere oltre zie oti n 0 0 0 . 18 na: o z a u t della IVIO PIÙ L’ARCHIO DEL AMP TO! VENE

Bilancia Sarete pieni di progetti ma a giorni anche demotivati e stanchi; vivaci e sorridenti ma anche polemici

Scorpione Qualche equivoco o tensione in famiglia, con gli amici o con le persone che vi circondano in altri ambiti

Sagittario Finalmente un bel mese per voi! Una rinnovata vivacità attirerà gente nuova, che allargherà i vostri orizzonti

Cancro

Capricorno

Armatevi di pazienza perché, purtroppo, potreste incontrare un’atmosfera instabile e parecchio nervosa

Vi attraverseranno tensioni emotive destabilizzanti. Non fate scelte impulsive che potrebbero rivelarsi sbagliate

Leone Determinati e irruenti, attenti a quello che dite per evitare discussioni con le persone con cui lavorate o vi relazionate

Vergine Passati i brutti momenti ora è tempo di ripresa ma rimanete con la guardi alzata, verso fine mese sono previste turbolenze

+80% di nuovi utenti ogni mese sceglie di rimanere informato con noi!

L’informazione locale sempre con te! Seguici su

via Lisbona, 10 · 35127 Padova · tel. 049 8704884 · info@givemotions.it

Acquario Un mese eccellente: ci sarà posto per tutto, anche per qualche bella sorpresa che vi stamperà il sorriso sulle labbra

Pesci Molte situazioni che vi preoccupavano, si stanno risolvendo. Le stelle a febbraio vi vedono più rilassati


40

www.lapiazzaweb.it

Bassapadovana feb2017 n20  

Bassapadovana feb2017 n20

Advertisement