BARCHE OCTOBER 2021

Page 1

In edicola dal 25 Settembre - OCTOBER

Tankoa S501 Olokun People • Filippo Cagnotto • Raphael Sauleau - Fraser • Roberto Piatti Companies Seastema 1993-2021

Years

28

BARCHE

®

Charter La Datcha by Imperial

2021 - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (convertito in Legge 27/02/2004 n° 4 6) art. 1, comma 1, LO/MI

Cover

Components Sunbrella

Shipyards • MIG

Marine • Elica One

The Idea Factory • Lazzarini

Pickering • Isa Ayrton 63 meters

Boats • Swan 58 • Azimut 53 Fly • Sealine C335v • Jeanneau Cap Camarat 12.5 WA • Bma X277

ANNO//year 28 • N° 10 • AUT 9,00 € • BE 9,00 € • Côte d’Azur 10,60 € • F 10,50 € • D 11,50 € • PTE CONT. 8,00 € • E 8,00 € • CH 10,50 Chf • CH CT 10,00 Chf

Ottobre//October 2021

Italy only

6€










EDITORIAL

Il quaderno delle parole PERDUTE The Dictionary of LOST WORDS 8

Some words have been lost, others have fallen out of use, while others still are yet to be abandoned. In the nautical world, there are certainly some that deserve to be revived

Ci sono parole perdute, altre dismesse, altre ancora da abbandonare. Nella nautica ce ne sono alcune che andrebbero certamente recuperate by Francesco Michienzi

LEGGENDO IL QUADERNO DELLE PAROLE PERDUTE, un romanzo complesso e delicato che ripercorre la situazione femminile di fine Ottocento, scritto da Pip Williams, ho pensato alle nostre parole perdute e a quelle di cui si potrebbe fare tranquillamente a meno. Il libro è un inno alle parole: quelle scartate perché usate solo nella lingua comune e quindi non ritenute attendibili, oppure quelle che delineavano la figura femminile di fine Ottocento che vennero considerate non adeguate a entrare nel Dizionario perché troppo forti, volgari o inutili. Ma la protagonista ci dimostra con pazienza e costanza che ogni parola acquista un significato diverso a seconda della persona che la usa e del contesto in cui viene pronunciata. Tornando alle parole che riguardano il mondo delle barche, ma anche la nostra società contemporanea, ce ne sono alcune Il quaderno delle parole perdute racconta la storia di Esme e di come ha dovuto lottare per restare in superficie in una società maschilista.

The Dictionary of Lost Words tells the story of Esme and how she had to fight to keep afloat in a male-dominated society.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

che mi ronzano nella testa più di altre. Inizierei con quelle di cui potremmo fare tranquillamente a meno. Ne cito solo alcune per rendere più concreto il mio pensiero. Non in ordine di importanza, ma solo casualmente, così come mi vengono in mente. Innovativo, lussuoso, iconico, elegante, confortevole, ecosostenibile, green, resiliente e politicamente corretto. Sia chiaro, le usiamo anche noi, ma è una ragione in più per lasciarle nel pentolone dell’aria fritta. Spesso sono solo termini vuoti senza un vero contenuto descrittivo, parole sparate a caso per riempire pagine bianche. Indice di povertà culturale, pronunciate per mascherare l’assenza di vera competenza. Poi ci sono quelle che dovrebbero stare nel nostro breviario quotidiano. Sono le parole giuste per caratterizzare non solo noi stessi, ma anche le persone che ci circondano e la società in cui viviamo. Potrebbero essere la risposta al bisogno di ciascuno ad essere identificati nei vocaboli, come se questi potessero mettere nero su bianco la nostra personalità. In questo caso l’ordine non è casuale. Etica, rispetto, umanità, onestà, umiltà, passione, visione, ironia e leggerezza. Ci sono anche quelle che non vanno eliminate perché necessarie a definire i nostri confini. Ipocrisia, la metto in cima, arroganza,


NOTHING ELSE

Iseo • Aquariva Super • Rivam are • Dolceriva • 56’ Rivale • 66’ Ribelle - 68’ Diable 76’ Perseo Super • 76’ Bahamas • 88’ Folgore • 88’ Florida • 90’ Argo • 110’ Dolcevita a Ferretti Group brand www.riva-yacht.com


EDITORIAL

avidità, ignavia e invidia: sono le parole neglette del nostro mondo ideale. Infine, ci sono le parole della nautica che rischiano di essere perdute, e qui ci possiamo sbizzarrire. Ne cito solo una, le altre le aspetto da voi: marinità. La redazione di Barche è un po’ come lo Scriptorium che alla fine del 1800 divenne il modo per contribuire a dar voce alle donne ridotte al silenzio, a quelle dimenticate, a quelle non considerate e che invece avevano un disperato bisogno di essere ascoltate. Abbiamo la

The publication of last century’s universal dictionaries was only possible thanks to the impressive work carried out behind the scenes over many decades by a group of lexicographers.

Dietro la stampa dei dizionari universali del secolo scorso c’è l’impressionante lavoro svolto da un gruppo di lessicografi durato decenni.

presunzione di diventare lo Scriptorium del mondo nautico. Perché ciò possa avvenire c’è bisogno che ci arrivino le parole dimenticate da tutti coloro che immaginano un mondo migliore. WHEN READING THE DICTIONARY OF LOST WORDS, a complex and subtle novel by Pip Williams that explores the situation faced by women in the late nineteenth century, I thought about our lost words and the ones we could easily do without. The book is an ode to words: the ones that have been discarded because they are only used in the common tongue and are therefore not held to be reliable, or words used to describe women in the late nineteenth century, which were not considered adequate to feature in the Dictionary because they were too strong, vulgar or useless. However, the main character patiently and consistently shows us that every word can acquire a different meaning according to the person who uses it and the context in which it is pronounced. Going back to words that regard the world of boats, but also our contemporary society, some seem to buzz around my head more than others. I would like to start with the ones we can easily do without. I’ll mention just a few to illustrate my ideas more tangibly. These are simply listed in random order, as they come to mind: innovative, luxurious, iconic, elegant, comfortable, eco-sustainable, green, resilient, and politically correct. Let’s be clear about this, we’re guilty of using these words

10

barchemagazine – Ottobre-October 2021

too, but it’s an added reason to leave them in the cauldron of hot air. They’re often simply empty terms without any real descriptive content, words fired out randomly to fill blank pages. They’re an indicator of cultural poverty, pronounced to mask the lack of any real competence. Then there are the words that ought to form part of our daily breviary. These are the right words not only to describe ourselves but also the people around us and the society we live in. They could be a response to each individual’s need to be identified in terms as if they could put our personalities down on paper in black and white. In this case, they are not in random order. Ethics, respect, humanity, honesty, humility, passion, vision, irony, and levity. There are also words that should not be eliminated because we need them to describe our boundaries. I’d put hypocrisy at the top, followed by arrogance, avidity, indolence, and envy. They are words that go against our ideal world. Lastly, we have the yachting words that risk being lost, and here we can really let loose. I’ll mention just one and wait for you to tell me the others: seaworthiness. The editorial team at Barche is rather like the Scriptorium that, in the late nineteenth century, helped give a voice to women reduced to silence, to the forgotten women, to those not taken into consideration, and yet who had a desperate need to be heard. We have the presumption to become the Scriptorium of the nautical world. For this to happen, we need to receive forgotten words from all those who imagine a better world.















CONTENTS

COVER 198

Tankoa S501 Olokun

RUBRICHE//COLUMNS

116

188

Filippo Cagnotto

Swan 58

040

News

064

Outer Reef 640 Azure

068

60 Sunreef Power Eco

074

Car Militem Magnum 5.7L V8

090

Boutique Maison Boucheron

096

Boat Gourmet Takato

EVENTS 106

Barocco & Neobarocco

PEOPLE 116

Filippo Cagnotto

140

Raphael Sauleau - Fraser

COMPONENTI//COMPONENTS 126 24

228

164

Azimut 53 Fly

Lazzarini Pickering

Sunbrella

CHARTER 132

La Datcha by Imperial

LA FABBRICA DELLE IDEE//THE IDEA FACTORY 148 Isa Ayrton 63 meters 164

Lazzarini Pickering

CANTIERI//SHIPYARDS

90

238

Maison Boucheron

Sealine C335v

156

MIG Marine

266

Elica One

AZIENDE//COMPANIES 180

Seastema

TEST 188

Swan 58

228

Azimut 53 Fly

238

Sealine C335v

248

Jeanneau Cap Camarat 12.5 WA

258

Bma X277

L’UOMO E LA SUA BARCA//THE MAN AND HIS BOAT

248 Jeanneau Cap Camarat 12.5 WA

216

258 Bma X277

Roberto Piatti

MERCATO//TRADE 276

Brokerage Section

barchemagazine – Ottobre-October 2021





BRIDGE TAVOLO SHAPE SEDIA CIRCLE LAMPADA PLANET TAVOLINO

bontempi.it



BARCHE

®

FULL ENGLISH TEXT

MONTHLY INTERNATIONAL YACHTING MAGAZINE

DIRETTORE RESPONSABILE//Editor in chief

CONCESSIONARIA PUBBLICITÀ//Advertising

Francesco Michienzi f.michienzi@barcheisp.it

International Sea Press Srl, Viale Brianza, 17/A - 20821 Meda tel. + 39 0362 344140 b.borgonovo@barcheisp.it, a.tonelli@barcheisp.it

DIRETTORE EDITORIALE//Editorial director Barbara Borgonovo b.borgonovo@barcheisp.it

Gian Marco Lari, Via Flaminia Vecchia, 732 - 00198 Roma tel. +39 335 6268932 m.lari@barcheisp.it

ART DIRECTOR Francesca Villirillo grafici@barcheisp.it

SEGRETERIA DI DIREZIONE//Chief assistant Anna Tonelli a.tonelli@barcheisp.it

Concessionaria per il Principato di Monaco e la Costa Azzurra //Advertising for Principality of Monaco and Côte d’Azur

FOTOGRAFO//Photographer

INVESTOR MEDIA MONACO Sarl Andrea Dini a.dini@barcheisp.it

Andrea Muscatello redazione@barcheisp.it

DISTRIBUZIONE//Distribution CORRISPONDENTE DAGLI STATI UNITI D’AMERICA//US correspondent Fabio Massimo Bonini fabio@fabiobonini.net

30

HANNO COLLABORATO A QUESTO NUMERO //Contributing editors/writers

Press-di Distribuzione Stampa e Multimedia S.r.l. Via Cassanese 224, 20090 Segrate (MI)

DISTRIBUZIONE ESTERO//Sole Agent for Distribution Abroad

Fabio Massimo Bonini, Alberto Mario Capelli, Angelo Colombo, Claudia Giulia Ferrauto, Massimo Longoni, Marco Mariani, Sophia Negri, Carla Pagani, Francesca Portoghese, Luca Sordelli, Niccolò Volpati

SEGRETERIA DI REDAZIONE//Editorial assistant redazione@barcheisp.it

EDITORE//Publisher International Sea Press Srl, Viale Brianza, 17/A - 20821 Meda, tel. + 39 0362 344140, fax + 39 0362 73790 redazione@barcheisp.it

STAMPA//Printing TIBER SpA Via Della Volta, 179 – 25124 Brescia

JOHNSONS INTERNATIONAL NEWS ITALIA srl Via Valparaiso, 4 - 20144 MILANO

UFFICIO ABBONAMENTI Viale Brianza, 17/A - 20821 Meda, tel. +39 0362 344140 Abbonamento annuo € 60; abbonamento estero € 150 Europa; € 180 resto del mondo; un numero € 6,00; arretrati € 10. Pubblicazione mensile registrata al Tribunale di Milano in data 05/04/2004 al n. 233/2004. Tutti i diritti sono riservati. Vietata la riproduzione se non autorizzata per iscritto. Printed in Italy. Iscrizione ROC 34967 del 17/09/2020. How to subscribe Subscription: International Sea Press Srl Viale Brianza, 17 - 20821 Meda, tel. +39 0362 344140. Subscription rates (one year): Italy € 60,00 - Europe € 150,00 - all over the world € 180,00. Published monthly. All rights reserved: reproduction in whole or in a part of any article without prior written permission from the publisher is strictly prohibited. Printed in Italy.

ON LINE App Store - Barche www.barchemagazine.com

CONFINDUSTRIA

MEDIA PARTNER YACHT CLUB PORTO ROTONDO

Questo numero è stato chiuso in Redazione il 10 Settembre 2021. This issue ended on 10th September 2021.

Manoscritti e fotografie, anche se non pubblicati, non si restituiscono. Gli articoli firmati sono la libera espressione degli Autori e non rispecchiano necessariamente la linea editoriale del giornale. Even if not published, handwritten manuscripts and pictures cannot be returned. The signed articles are the free expression of the writers and do not necessarily reflect the editorial policy of the magazine.

www.facebook.com/BarcheMagazine

App Store - Barche

@francescobarche

barchemagazine – Ottobre-October 2021

#francescobarche

ISSUU.COM







#sustainability #greensailing #vibroacousticsolutions #hybridarchitect

Our competences grow. Your dreams become reality.

Discover green sailing with VULKAN Hybrid Architect.

VULKAN Italia S.R.L. | Via dell‘Agricoltura 2 | 15067 - Novi Ligu +39 0143 310211 | vendite.italia@vulkan.com

LA_VULKAN_IT_AD_BARCHE_JULI2021_460x297_CDE_A03_20210728.indd 1


www.vulkan.com

Novi Ligure / AL | Italy Hall 7 - Stand number 07.441A

Follow us on

28.07.21 13:06


Inverigo - Como - ITALY | www.voguexperience.it



NEWS

NEWS

WALLY WHY200

«Siamo profondamente orgogliosi di WHY200, uno yacht su cui abbiamo scommesso e che oggi ci ripaga con un risultato anche superiore alle nostre aspettative», ha detto Stefano de Vivo di Wally. Questo motoryacht, capace di coniugare il comfort e lo spazio di uno yacht dislocante di dimensioni maggiori con le velocità e le prestazioni di un semi-dislocante, è stato sviluppato dal design team Wally guidato da Luca Bassani, insieme al Ferretti Group Engineering Department, con la collaborazione dello studio Laurent Giles NA per l’architettura navale e dello Studio A. Vallicelli & C per l’interior design. «We are very proud of WHY200, a yacht on which we have gambled and which today repays us with a result even higher than our expectations», said Stefano de Vivo of Wally. This motor yacht, capable of combining the comfort and space of a larger displacement yacht with the speed and performance of a semidisplacement yacht, was developed by the Wally design team led by Luca Bassani, together with the Ferretti Group Engineering Department, alongside the Laurent Giles NA studio for the naval architecture and the A. Vallicelli & C studio for the interior design.

40

Draga & Aurel Opera Contemporary presenta Aurora, lounge chair dal carattere forte, arredo iconico e senza tempo, capace di coniugare eccellenza manifatturiera e stile contemporaneo. Fabio Merli, Ceo di Opera Contemporary ha dichiarato: «È per me motivo di orgoglio e grande soddisfazione annunciare il nuovo progetto di Opera Contemporary, sviluppato in collaborazione con Draga & Aurel, coppia di designer di fama internazionale. La lounge chair Aurora nasce dal gesto creativo dei due progettisti che hanno saputo interpretare magistralmente i valori del nostro brand, tra cui una grande capacità manifatturiera, una spiccata attitudine sartoriale e una lunga tradizione ebanista, dando vita a un prodotto innovativo, dal design dinamico e dai raffinati dettagli materici». Opera Contemporary presents Aurora, a lounge chair with a strong character, a piece of iconic and timeless furniture, capable of combining manufacturing excellence and contemporary style. Fabio Merli, CEO of Opera Contemporary said: «It is a source of pride and great satisfaction for me to announce the new Opera Contemporary project, developed in collaboration with Draga & Aurel, two internationally renowned designers. The Aurora lounge chair is the result of the creative feat of the two designers who were able to masterfully interpret the values of our brand, including a great manufacturing ability, a strong sartorial attitude, and a long cabinet-making tradition, giving life to an innovative product, with a dynamic design and with refined material details».

barchemagazine – Ottobre-October 2021



NEWS

FIFTY-FIVE BY HOT LAB

Hot Lab ha completato il progetto di interior design di Fifty-Five, superyacht di 41 metri di lunghezza, costruito nel cantiere navale turco Yıldız Gemi, con design esterno e architettura navale di Ginton Naval Architects e Liman. Fifty-Five può accogliere 12 ospiti in 6 cabine, di cui una suite armatoriale sul ponte 42 principale. Hot Lab has completed the interior design project of Fifty-Five, a 41-meter long superyacht, built in the Turkish yard Yıldız Gemi. The exterior design and the naval architecture are by Ginton Naval Architects and Liman. Fifty-Five can welcome 12 guests in 6 cabins, including an owner suite on the main deck.

ISA Yachts, brand di Palumbo Superyachts, presenta ZEFFIRO, un catamarano a motore di 130 piedi frutto del lavoro del team francese di Berret-Racoupeau Yacht Design.

CHEF’S TABLE AT THE SEA

The Sea, The Sea, ristorante nel Acton Mews, ad Hackney, nel Regno Unito, presenta il suo Chef’s Table per solo 12 ospiti. L’Executive Chef, Leo Carreira, propone un menu degustazione in stile omakase dalla sua cucina a vista. Menu e piatti cambieranno regolarmente in linea con il pescato giornaliero.

CHEF’S TABLE AT THE SEA

The Sea, The Sea, a restaurant in Acton Mews, Hackney, UK, presents its Chef’s Table for 12 guests only. The Executive Chef, Leo Carreira, offers an omakase-style tasting menu from his open kitchen. Menus and dishes will change regularly in line with the daily catch.

ISA Yachts, a brand of the Palumbo Superyachts, presents ZEFFIRO, a 130-footer motor catamaran, which is the result of the work done by the French team of Berret-Racoupeau Yacht Design. THE DREAMERS

Fondato nel 1960, l’October Salon, Biennale di Belgrado, è uno degli appuntamenti culturali più importanti dell’area balcanica. La 58esima edizione ha visto la partecipazione di oltre 60 artisti da tutto il mondo in un progetto dedicato ai “sognatori” firmato dai curatori italiani Ilaria Marotta e Andrea Baccin. Founded in 1960, the October Salon, the Belgrade Biennial, is one of the most important cultural events in the Balkan area. The 58th edition saw the attendance of over 60 artists from all over the world in a project dedicated to the “dreamers” by the Italian curators Ilaria Marotta and Andrea Baccin.

barchemagazine – Ottobre-October 2021



NEWS

ENRICO CHIEFFI CEO DI SLAM.COM

Enrico Chieffi, ex olimpionico di vela e tattico del Moro di Venezia, da 23 anni top manager nel business dello yachting, è il nuovo amministratore delegato di SLAM.com. La nomina di Chieffi arriva dopo che VAM Investments ha acquisito gli asset di Slam S.p.A., storico marchio italiano di abbigliamento sportivo per la vela e il tempo libero. Enrico Chieffi, a former Olympian sailor, and tactician of the Moro di Venezia, a top manager in the yachting business for 23 years, is the new CEO of SLAM.com. Chieffi’s appointment comes after VAM Investments acquired the assets of Slam S.p.A., a historic Italian sportswear brand for sailing and leisure.

44

Varata a Viareggio la prima unità del Benetti Motopanfilo 37M le cui linee, che evocano ricordi della più raffinata tradizione nautica, sono rielaborate in chiave contemporanea. Ispirato alle “navette” Benetti degli anni ’60, il superyacht è stato concepito come un guscio che avvolge e protegge, reinterpretando gli stilemi dell’epoca incorporati in un design senza tempo che si sviluppa lungo i suoi quattro ponti. Lazzarini Pickering Architetti ha disegnato gli interni e Francesco Struglia, in collaborazione con il cantiere, le linee esterne.

EVO V8 BY BLU EMME YACHTS

Presentato l’Evo V8 di 24 metri di lunghezza disegnato da Valerio Rivellini. Si tratta del primo esemplare della linea V del cantiere Blu Emme Yachts. La filosofia del progetto si basa sull’idea di offrire momenti di convivialità e relax anche navigando a velocità sostenute. Il layout è totalmente customizzabile.

The first unit of the Benetti Motopanfilo 37M, whose elegant lines evoke memories of the finest nautical traditions with a contemporary twist to meet the needs of modern owners, has been launched in Viareggio. Inspired by the Benetti “navette” from the ’60s, this Superyacht was conceived as a shell, which protects and envelops reinterpreting the iconic features of that time, incorporating them into a timeless design across the yacht’s four decks. Lazzarini Pickering Architects designed the interiors and Francesco Struglia, in collaboration with the yard, was responsible for the exterior lines. barchemagazine – Ottobre-October 2021

EVO V8 BY BLU EMME YACHTS

The 24-meter long Evo V8 designed by Valerio Rivellini has been presented. This is the first unit of the V-line by the Blue Emme Yachts yard. The concept is based on the idea of offering conviviality and relaxation moments even sailing at high speeds. The layout is fully customizable



NEWS

RIVA 68’ DIABLE

Il Riva 68’ Diable porta la firma di Officina Italiana Design, di Mauro Micheli e Sergio Beretta. Eleganza, sportività e vivibilità sono le parole chiave che fanno da cornice alle innovazioni tecnologiche, alla cura assoluta di ogni dettaglio 46 che sono la cifra stilistica di tutti i modelli Riva. The Riva 68’ Diable is a result of Officina Italiana Design, of Mauro Micheli and Sergio Beretta. Elegance, sportiness, and livability are the keywords that frame the technological innovations, and the absolute attention to every detail, which are the signature styles of all Riva models.

Marc Pajot ha disegnato per Wider Yachts un catamarano di 44 metri di lunghezza. Il 145 EcoYacht sarà costruito in alluminio e carbonio. Il baglio massimo è di 15,5 metri e la larghezza di ogni singolo scafo è di 410 centimetri. Marc Pajot has designed a 44-meter long catamaran for Wider Yachts. The 145 EcoYacht will be made of aluminium and carbon. The maximum beam is 15.5 meters and the width of the hulls is 410 centimeters each.

QS SEAMASTER QSB 300-300

I propulsori QS Seamaster sono 100% made in Italy e sono sviluppati grazie all’esperienza e all’affidabilità di Saim Marine e Quick Spa. QS Seamaster è estremamente efficiente con bassi consumi operativi. La rumorosità e la manutenzione sono ridotte al minimo. Il QSB 300-300 ha una spinta di 300 kg, doppie eliche controrotanti ed è adatto per imbarcazioni da 22 a 30 metri di lunghezza. The QS Seamaster thrusters are 100% made in Italy and are developed thanks to the experience and reliability of Saim Marine and Quick Spa. QS Seamaster is extremely efficient with low operating consumptions. Noise and maintenance are limited. The QSB 300-300 has a thrust of 300 kg, double counter-rotating propellers and is suitable for boats from 22 to 30 meters in length.

SESSANTASETTE CRANCHI YACHTS

Il Cranchi Sessantasette ha ereditato dal Settantotto, ammiraglia del brand italiano, molti dei contenuti tecnologici e di design. Il profilo dello yacht è certamente un elemento caratterizzante del modello disegnato da Christian Grande e di tutta la linea di flybridge di Cranchi Yachts. The Cranchi Sessantasette inherited many of the technological and design contents from the Settantotto, the flagship of the Italian brand. The yacht’s profile is certainly a characterizing detail of this model designed by Christian Grande as well as the entire flybridge line of Cranchi Yachts.

barchemagazine – Ottobre-October 2021



NEWS

DENISON AND ALPHA YACHTS

Denison annuncia la sua partnership con Alpha Custom Yachts come dealer esclusivo per il Nord America. Lo scafo numero due dello Spritz 102 sarà presentato al prossimo Salone Nautico Internazionale di Fort Lauderdale. Alpha Yachts costruisce barche che privilegiano gli spazi esterni e cabine per gli ospiti molto ampie. Nella foto lo Spritz 116. Denison has announced its partnership with Alpha Custom Yachts as an exclusive dealer for North America. The hull nr. 2 of the Spritz 102 will be presented at the next Fort Lauderdale Boat Show. Alpha Yachts builds boats, which underline external areas and very large guest cabins. In the picture, the Spritz 116.

NICOLA POMI

Nicola Pomi ha assunto la carica di Direttore Generale Azimut Yachts. Gli è stata affidata dal board del Gruppo Azimut Benetti. Il manager vanta una lunga esperienza in Volvo Penta dove, negli ultimi 15 anni, ha ricoperto il ruolo di Vice Presidente Global Business Unit Marine, sviluppando il settore marino in diverse aree del mondo e in molteplici segmenti di mercato. Nicola Pomi has taken on the 48 position of General Manager of Azimut Yachts. He has been entrusted with this role by the board of the Azimut Benetti Group. The manager boasts a long experience in Volvo Penta where, in the last 15 years, he has held the role of Vice President of the Global Marine Business Unit, developing the marine sector in different areas of the world and in several market segments.

AMER 120

L’Amer 120 è motorizzata con 4 IPS 1350 Volvo Penta per una potenza complessiva di 4.000 cavalli. L’opera di sostituzione di parti in composito con altri materiali riciclabili ha permesso una riduzione di circa 4 tonnellate di vetroresina. Aumentando la superficie vetrata, la luce naturale raggiunge gli interni attraverso 97 metri quadrati di finestrature.

AMER 120

The Amer 120 is powered by 4 Volvo Penta IPS 1350s for a total power of 4,000 horsepower. The work of replacing composite parts with other recyclable materials has allowed a reduction of about 4 tons of fiberglass. By increasing the glazed surface, natural light reaches the interiors through 97 square meters of windows.

Heesen ha posato la chiglia di YN 20255, Project Apollo della Steel Class di 55 metri di lunghezza. L’exterior design è di Omega architects di Frank Laupman, gli interni sono di Luca Dini Design and Architecture. Heesen has laid the keel of YN 20255, the 55-meter long Project Apollo of the Steel Class. The exterior design is by Omega architects of Frank Laupman, whilst the interiors are by Luca Dini Design and Architecture.

BESENZONI PI 890

La passerella girevole di Besenzoni PI 890, grazie a quattro sezioni telescopiche, comprensive di carrello iniziale per superamento del gradino, è adatta per essere installata nelle scale di poppa. La rotazione raggiunge i 50 gradi a destra e a sinistra e ha un’inclinazione di 10° up/down, è perfetta per l’imbarco dalla banchina in tutta sicurezza. The rotating gangway PI 890 by Besenzoni, thanks to four telescopic sections, including initial carriage extension to overcome the step, is suitable for installation in the aft stairs. The rotation reaches 50° port /starboard and an inclination of 10° up/down. It is perfect for boarding from the quay in complete safety.

barchemagazine – Ottobre-October 2021



NEWS

PERSHING 6X

Il Pershing 6X, disegnato da Fulvio De Simoni, esprime la parte più audace e temeraria del brand, quella che conquista da sempre gli amanti delle emozioni a pelo d’acqua. Lungo 18,94 metri e largo 4,80 metri, ha una velocità massima di circa 48 nodi grazie a una coppia di motori Man V12 di 1.550 cavalli ciascuno. The Pershing 6X, designed by Fulvio De Simoni, expresses the boldest and most daring part of the brand, the one that has always won over the lovers of emotions on the surface of the water. 18.94 meters long and 4.80 meters wide, it has a top speed of around 48 knots thanks to a pair of MAN V12 engines of 1,550 horsepower each.

50

Overmarine Group ha venduto il secondo Mangusta Oceano 50 ad un armatore americano. Il superyacht dislocante è costruito in acciaio e alluminio con una stazza di 499 GT. Le linee esterne sono di Alberto Mancini, mentre l’architettura navale è stata curata da P.L.A.N.A. Design dell’Ing. Ausonio. La nave ha due motori Mtu 12V 2000 M86 da 1.700 cavalli che le consentono di navigare fino alla velocità di 16 nodi. L’autonomia è di 4.500 miglia nautiche all’andatura di crociera di 11 nodi.

RYCK BY HANSE YACHTS

HanseYachts AG presenta RYCK, il suo terzo marchio di barche a motore “Made in Germany”. Il nuovo brand è stato sviluppato a Greifswald in collaborazione con il designer Bill Dixon. Il primo modello presentato è il RYCK 280. La barca può essere configurata in vari modi per ottenere il miglior layout possibile per l’uso previsto.

Overmarine has sold the second Mangusta Oceano 50 to an American boat owner. The displacement superyacht is made of steel and aluminium with a gross tonnage of 499 GT. The exterior lines are by Alberto Mancini, whilst P.L.A.N.A. Design of the Ing. Ausonio was responsible for the naval architecture. The ship has two MTU 12 V 2000 M86 engines of 1,700 hp, with which it can reach a speed of 16 knots. The range is 4,500 nautical miles at the cruising speed of 11 knots. barchemagazine – Ottobre-October 2021

RYCK BY HANSE YACHTS

HanseYachts AG presents RYCK, its third “Made in Germany” motorboat brand. The new brand was developed in Greifswald in collaboration with designer Bill Dixon. The RYCK 280 is the first model to be presented. The boat can be configured in various ways to obtain the best possible layout for its intended use.



NEWS

KANDO 130XL BY AVA YACHTS

AvA Yachts presenta un nuovo modello di yacht explorer della serie Kando. Il 130XL è un motoryacht di 39 metri costruito in acciaio e alluminio. La XL nel nome si riferisce all’aggiunta di un lungo ponte di poppa progettato come area multifunzionale per ospitare toys, tender e una grande piscina a sfioro. Lo scafo consente un’autonomia di oltre 6.000 miglia a velocità di crociera di 11-12 nodi. AvA Yachts presents a new model of explorer yacht from the Kando series. The 130XL is a 39-meter motoryacht made of steel and aluminium. The XL in the name refers to the addition of a long aft deck designed as a multifunctional area to house toys, tenders and a large infinity pool. The hull allows a range of over 6,000 miles at a cruising speed of 11-12 knots.

SIRENA YACHTS 68

Presentato il Sirena Yachts 68, new entry della flotta. «Il Sirena 68 riunisce tutte le qualità che un crocierista esperto cercherebbe in un nuovo yacht – essenzialmente un miglioramento del comfort e della sicurezza in tutte le aree», dice il direttore commerciale di Sirena, Ali Onger. Sirena Yachts 68, a new entry in the fleet, has been presented. «The Sirena 68 brings together all 52 the qualities which an experienced cruiser would look for in a new yacht - essentially an improvement in comfort and safety in all areas», says Sirena’s commercial director, Ali Onger.

Ocean Independence ha celebrato l’undicesima stagione charter di AZZURRA II. Questo superyacht di 48 metri di lunghezza, costruito nel 1988 da CRN, è stato mantenuto in condizioni impeccabili grazie ad un armatore esperto e all’attenta gestione del capitano Malcolm Kelliher.

Ocean Independence has celebrated the eleventh charter season of AZZURRA II. This 48-meter long superyacht, built in 1988 by CRN, has been kept in impeccable condition thanks to an expert owner and careful management by the Captain Malcolm Kelliher.

LOMAC GRAN TURISMO CRUISER

Lomac ha presentato i nuovi GranTurismo Cruiser 12.5 e 11.0. Si tratta di due maxi rib di alta gamma nati per coniugare l’esigenza di prestazioni, sportività e linee filanti con il comfort e l’abitabilità di una generosa cabina con bagno e capienti aree storage. Le linee di carena garantiscono ottime performance sia in doppia sia in tripla motorizzazione. Lomac has presented the new GranTurismo Cruiser 12.5 and 11.0. These are two high-end maxi ribs created to combine the need for performance, sportiness and sleek lines with the comfort and habitability of a generous cabin with bathroom and spacious storage areas. The hull lines guarantee excellent performance with both double and triple engines.

barchemagazine – Ottobre-October 2021


SUNSEEKER ALL NEW 90 OCEAN AVA I L A B L E N O W C O N TAC T F O R M O R E I N F O R M AT I O N

Italy SALES

• CHARTER • BROKERAGE • CO-OWNERSHIP

APRILIA MARITTIMA

SUNSEEKER ITALY S.R.L .

Piazzetta dell’Imbarcadero, 33

Porto Turistico 52, 16033 Lavagna (GE), Italy

33053 località Aprilia Marittima,

Tel: +39 0185 30 53 17

Latisana (UD)

Mob: +39 366 144 0325

RIMINI Via Ortigara 80, 47921 – Rimini

Email: info@sunseeker-italy.com www.sunseeker-italy.com

Sunseeker 90O - Italy - Barche - 230x297_FP.indd 1

01/09/2021 17:24


NEWS

DARWIN 115 BY CANTIERE DELLE MARCHE

Cantiere delle Marche ha varato lo yacht più grande della sua Darwin Class. Questo explorer yacht di 115 piedi ha uno scafo in acciaio, una prua alta e attrezzature tecniche ridondanti che garantiscono una navigazione sicura nelle aree remote del pianeta. Le linee esterne e l’architettura navale sono di Hydro Tec, mentre gli interni sono stati disegnati da Nauta Design. Cantiere delle Marche has launched the largest yacht of its Darwin Class. This 115-foot explorer yacht has a steel hull, a high bow and redundant technical equipment, which ensure safe navigation in remote areas of the planet. The exterior lines and naval architecture are by Hydro Tec, while the interiors were designed by Nauta Design.

The Italian Sea Group è entrata in SYBass. La Super Yacht Builders Association rappresenta i principali costruttori di superyacht del mondo, nata per sviluppare e adattare normative e professionalità vitali all’interno del mondo della nautica.

54

The Italian Sea Group has joined SYBass. The Super Yacht Builders Association represents the world’s leading superyacht builders, created to develop and adapt vital regulations and professionalism within the nautical world. AZIMUT 68 FLYBRIDGE

L’Azimut 68 flybridge è uno yacht high-tech che propone un ventaglio di tre differenti layout pensati per adattarsi allo stile di vita preferito dall’armatore. Il primo layout proposto, quello della configurazione, denominata Lanterna, è caratterizzato da un salone all’ingresso del main deck, con la cucina in posizione defilata che è stata chiusa con una soluzione che abbina cannettato e plexiglass.

AZIMUT 68 FLYBRIDGE

REFIT FAR FAR AWAY

The Azimut 68 flybridge is a hightech yacht, which offers a range of three different layouts designed to suit the owner’s preferred lifestyle. The first layout proposed, that of the configuration, called Lantern, is characterized by a lounge at the entrance to the main deck, with the galley in a secluded position that has been closed with a solution that combines ribbed and plexiglass.

Lusben ha completato nel cantiere di Varazze il refit di Far Far Away, un superyacht costruito nel 2012 da Inace Yachts. I lavori, iniziati nel novembre 2019, hanno comportato delle modifiche strutturali importanti, a partire dalla lunghezza dello scafo, che dai 36,7 metri inziali è arrivata a 47 metri.

REFIT FAR FAR AWAY

At the Varazze shipyard, Lusben has completed the refit of Far Far Away, a superyacht built in 2012 by Inace Yachts. The works, which began in November 2019, involved important structural changes, starting with the length of the hull, which from the initial 36.7 meters has increased to 47 meters.

CICHERO DESIGN

Cichero design ha ampliato il suo team di progettazione con l’intento di realizzare il sogno di chiunque grazie al suo approccio olistico al design, che si tratti di un superyacht, una tenuta o un’opera d’arte. Il team di progettazione è composto da Aldo Cichero, Alberto Bettuelli, Kristel Tagi. Il gruppo di lavoro è completato dall’esperto di yacht Nizar Tagi. Cichero design has expanded its design team with the aim of making anyone’s dream come true thanks to its holistic approach to design, whether it be a superyacht, an estate or a work of art. The design team is made up of Aldo Cichero, Alberto Bettuelli, Kristel Tagi. The working group is completed by yacht expert Nizar Tagi.

barchemagazine – Ottobre-October 2021




Cranchi Settantotto

RIMINI SERVICE YACHT & SAIL srl Viale Ortigara 80 47921 Rimini (RN) Tel. +39 335 1626600 info@riminiserviceyacht.it www.riminiserviceyacht.it

DEALER UFFICIALE CENTRO NORD ADRIATICO








PREVIEW

OUTER REEF 640 AZURE

64

Ideal for the Mediterranean

Il ponte panoramico Bridgeview, i grandi spazi esterni e la possibilità di navigare per 1.500 miglia nautiche ne fanno la barca ideale per gli amanti delle lunghe crociere The panoramic Bridgeview, the large outdoor area, and the possibility of sailing for 1,500 nautical miles make this boat ideal for the long cruise enthusiasts

by Massimo Longoni

Il Bridgeview Deck è un’area di coperta aggiuntiva creata davanti alla postazione di guida. I vetri trasparenti assicurano una protezione completa dal vento, offrendo al contempo una vista panoramica a 180 gradi sull’orizzonte del mare. The Bridgeview Deck is an extra deck area created ahead of the helm station. The clear glass ensures full protection from the wind, while offering a 180-degree panoramic view over the ocean horizon.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

L’OUTER REEF 640 AZURE È UN MOTORYACHT PROGETTATO CON PARTICOLARE ATTENZIONE alle esigenze dei diportisti che amano navigare nel Mediterraneo. Questo yacht della gamma Classic, lungo fuori tutto 19,53 metri e largo 5,23, può essere motorizzato con 2 John Deere di 500 cavalli ciascuno o con due Caterpillar C93 di 476 cavalli ciascuno. La carena è semidislocante e la costruzione è realizzata secondo la certificazione CE in classe A. Il 640 Azure ha un’autonomia di crociera di 1.000 miglia nautiche a 10 nodi, evitando così l’inconveniente di continui rifornimenti di gasolio. Una circumnavigazione da Antibes alla Sardegna o alla Costiera Amalfitana, senza interruzioni e con facilità, è del tutto fattibile. Una distanza ancora maggiore, fino a 1.500 miglia, può essere raggiunta a una velocità di dislocamento di 8 nodi. La velocità massima dell’Outer Reef 640 Azure con i motori standard è di 14 nodi e una di crociera economica di 10 nodi. Con i motori opzionali, si può raggiungere una velocità massima di 20 nodi e una velocità



OUTER REEF 640 AZURE di crociera di 17 nodi. Il direttore delle vendite europee, Trevor de Faoite, ha commentato: «Il lancio del nuovo 640 Classic Azure è stato in gran parte in risposta alle richieste della nostra clientela esigente che desidera lo yacht perfetto per la crociera nel Mediterraneo, nelle Americhe e oltre. È uno yacht estremamente stabile in grado di navigare per giorni e giorni senza fare rifornimento, fornendo allo stesso tempo spazio per l’equipaggio, ampi spazi esterni di cui divertirsi e la possibilità di soddisfare gli amici e la famiglia all’interno della spaziosa cucina e della zona di intrattenimento sul ponte di poppa».

Il ponte principale è dotato di una grande cucina di poppa che copre il trentacinque per cento dello spazio disponibile nella tuga, completata da elettrodomestici da cucina di dimensioni domestiche e da ampie superfici di lavoro.

66

The main deck is equipped with a large aft galley covering 35% of available space in the deck house, complimented with domestic sized kitchen appliances, and large work surfaces.

Thanks to a high level of customization, the Outer Reef 640 Azure Motor Yacht can be made according to the specific needs of every owner.

Grazie a un alto livello di personalizzazione, l’Outer Reef 640 Azure Motor Yacht può essere realizzato in base alle esigenze specifiche di ogni singolo armatore.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

THE OUTER REED 640 AZURE IS A MOTOR YACHT DESIGNED WITH PARTICULAR ATTENTION for those boat owners who love to sail in the Mediterranean. This yacht of the Classic range is 19.53 meters long overall and 5.23 meters wide and can be powered with two John Deere engines of 500 hp each, or two Caterpillar C93 engines of 476 hp each. Based on a semi-displacement hull design and built to EC class A classification, the 640 Azure has a cruising range of 1,000 NM at 10 knots, thus avoiding the inconvenience of continuous refueling. A circumnavigation from Antibes to Sardinia or the Amalfi coastline, without interruption and with ease, is completely feasible. An even greater range of up to 1,500 NM can be achieved at a displacement speed of up to 8 knots. With standard engines, the maximum speed of the Outer Reef 640 Azure is of 14 knots and the economic cruising speed of 10 knots, whilst with the optional engines, you can reach a maximum speed of 20 knots and a cruising one of 17 knots. European Sales Director, Trevor de Faoite said: «The launch of the new 640 Classic Azure was largely in response to requests from our discerning clientele who desire the perfect yacht for cruising the Mediterranean, Americas and beyond. She is an extremely stable yacht capable of cruising for days on end without refueling, while providing room for crew, expansive outdoor spaces to enjoy, and the ability to cater to friends and family within the spacious galley and aft-deck entertainment zone».



NEWS

NEWS

68

barchemagazine – Ottobre-October 2021


60 SUNREEF POWER ECO

barca del CAMPIONE La

The champion’s boat Fernando Alonso, due volte campione del mondo di Formula 1, ha commissionato il catamarano 60 Sunreef Power Eco al cantiere fondato da Francis Lapp

69

Two-time Formula One World Champion Fernando Alonso has commissioned a 60 Sunreef Power Eco catamaran with Sunreef Yachts at the yard founded by Francis Lapp by Marco Mariani

GRANDE SODDISFAZIONE AL CANTIERE SUNREEF YACHTS per aver siglato il contratto di costruzione tra Fernando Alonso e il fondatore e presidente di Sunreef Yachts Francis Lapp. Un’altra superstar degli sport motoristici si unisce alla famiglia degli ambasciatori di Sunreef Yachts. Francis Lapp ha dichiarato: «Siamo molto orgogliosi di accogliere Fernando Alonso nella nostra famiglia. Iniziamo un grande viaggio insieme avviando un nuovo progetto elettrico con il 60 Sunreef Power Eco. Questo è un altro grande passo verso un’esperienza di navigazione più sostenibile e siamo entusiasti di poterlo compiere insieme con un ambasciatore eccezionale e stimolante». Il 60 Sunreef Power Eco custom di Fernando Alon-

so sarà dotato di motori elettrici e del sistema di energia solare sviluppato internamente dal cantiere. Lo yacht sarà inoltre fornito di batterie ultraleggere progettate su misura da Sunreef Yachts e di un sistema di aria condizionata a risparmio energetico. Fernando Alonso ha detto: «La capacità di Sunreef Yachts di combinare qualità e tecnologia è impressionante. Osservo da un po’ l’evoluzione di questo marchio e apprezzo il loro impegno nel portare avanti l’innovazione con la gamma Sunreef Yachts Eco. Sono entusiasta di intraprendere questo progetto perché so che il 60 Sunreef Power Eco rappresenta tutto ciò che sto cercando: ingegneria di alto livello, know-how straordinario e un prodotto ecologico straordinario».

barchemagazine – Ottobre-October 2021

Il contratto di costruzione è stato firmato il 1° settembre allo Yacht Club de Monaco da Fernando Alonso e dal fondatore e presidente di Sunreef Yachts Francis Lapp. The building contract was signed on September 1st at the Yacht Club de Monaco by Fernando Alonso and Francis Lapp, founder, and president of Sunreef Yachts.


NEWS

SUNREEF VENTURE S.A. ul. Doki 1 PL- 80-863 Gdańsk - Poland www.sunreef-yachts.com www.sunreef-yachts.com/en/contact 70

PROJECT: Sunreef Yachts (naval architecture and design) HULL: Length overall 18.3m • Beam overall 10.7m • Fuel tanks volume 2 x 1,500 l • 2 x 3,000 l • Water tanks volume 2 x 800 l SOLAR PANEL: up to 14 kWp BATTERIES: battery bank 250kW (716 V) • 320kW GENSET: 2 x genset 100kW MAIN PROPULSION: 2 x 180 kW CERTIFICATION: CAT A, number of people 12+4

barchemagazine – Ottobre-October 2021

GREAT SATISFACTION AT THE SUNREEF YACHTS YARD for having signed the building contract between Fernando Alonso and Francis Lapp, founder, and president of Sunreef Yachts. Another motor sports superstar joins the family of the ambassadors of Sunreef Yachts. Francis Lapp said: «We are very proud to welcome Fernando Alonso into our family. We begin a great journey together as we start a new electric 60 Sunreef Power Eco project. We take another big step towards a more sustainable yachting experience and we are thrilled to take it together with an outstanding and inspiring ambassador on board». The custom 60 Sunreef Power Eco of Fernando Alonso will be powered with electric motors and the solar energy system completely developed by the yard. The yacht will also be equipped with Sunreef Yachts’ customengineered ultralight batteries and an energysaving air-conditioning system. Fernando Alonso said: «Sunreef Yachts’ ability to combine quality and technology is impressive. I have been observing the evolution of this brand for a while and I appreciate their commitment to push innovation forward with the Sunreef Yachts Eco range. I’m excited to embark on this project as I know the 60 Sunreef Power Eco represents everything I am looking for: top engineering, amazing know-how and an amazing eco-friendly product». Il 60 Sunreef Power Eco utilizza motori elettrici all’avanguardia alimentati dal banco batterie ultraleggero per una navigazione silenziosa e senza vibrazioni.

The 60 Sunreef Power Eco features cutting-edge electric motors powered with the ultralight battery bank for silent and vibration-free cruising.



O F F I C I A L

D E A L E R

GPY MARINE Exclusive dealer for Italy Marina Cala dè Medici (LI) Maurizio Granai T > + 393356113832 W> www.gpylongrange.it

FUTURA YACHT NORD-EST DISTRIBUTOR sales@futurayacht.com San Giorgio di Nogaro (UD) T > +390432667242



CAR

CAR

Militem, brand italiano luxury premium, con il nuovo Magnum reinventa il Ram 1500 Laramie Sport secondo una filosofia progettuale sintesi perfetta tra Dna americano e maestria artigianale italiana Militem, a premium Italian luxury brand, reinvents the Ram 1500 Laramie Sport with its new Magnum, following a design philosophy that offers a perfect blend of American DNA and Italian master craftsmanship by Massimo Longoni

74

American Tech, Italian Style

barchemagazine – Ottobre-October 2021


MILITEM MAGNUM 5.7L V8

75

barchemagazine – Ottobre-October 2021


CAR Sul RAM 1500 Laramie Sport sono disponibili il sistema infotainment con display da 12”, il navigatore con mappe europee, l’impianto audio Harman Kardon e le pedane elettriche. The RAM 1500 Laramie Sport offers an infotainment system with a 12” display, a sat nav with maps of Europe, a Harman Kardon sound system and power running boards.

76

IL MILITEM MAGNUM, SINONIMO DI GRANDE, POTENTE E MAESTOSO è una vettura che ha fatto dell’unicità la sua cifra stilistica. Si presenta con tutta una serie di importanti novità tecnologiche e stilistiche abbinate ad interni particolarmente lussuosi. Si tratta di una vettura travolgente capace di regalare emozioni su tutti i terreni e su ogni tipo di percorso, asfalto o sterrato, ed è pronto ad assecondare il naturale desiderio di distinguersi di ciascuno. L’abitacolo, estremamente spazioso, parla di lusso e tradizione, grazie al valore aggiunto assicurato dalle mani esperte dei migliori maestri artigiani. Militem è un marchio registrato italiano, che realizza vetture “luxury premium” per accontentare i desideri dei clienti e superarne le più alte aspettative. Lavora esclusivamente su veicoli americani, con la visione, la passione, l’eleganza e la cura per il dettaglio tipicamente italiani. Veicoli dal design esclusivo, che uniscono il meglio dell’affidabilità americana all’artigianalità, classe e gusto inconfondibilmente Made in Italy, garantendo una sicurezza totale e un piacere di guida assoluti. Il brand nasce dalla visione e da un’idea di Hermes Cavarzan, imprenditore lombardo operativo nel settore automotive da 40 anni con il Gruppo Cavauto. Il Militem Magnum è un modello basato sulla più recente generazione del pick-up di grandi dimensioni Ram 1500, un “colosso” lungo 592 cm, largo 215 cm e alto 208 cm. Militem ne ha rafforzato ulteriormente l’aspetto, allargando i passaruota, scegliendo ruote di 20” e ridisegnando la mascherina, priva del fregio trasversale di cui è dotato il Ram 1500, che ora ha una enorme griglia con trama a nido d’ape, la scritta Militem e, in evidenza, una stella a 5 punte, emblema dell’azienda.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

La personalizzazione della Militem interessa anche l’interno, dov’è stato fatto ampio uso di materiali pregiati: i sedili, la plancia, il volante, i pannelli delle portiere e il bracciolo centrale sono rivestiti con oltre 30 metri quadrati di pelle, mentre per i tappetini e il tappeto del cassone è stato scelto il velluto. A fare bella figura è anche lo schermo verticale a sfioramento di 12” dal quale si gestiscono la multimedialità ed i sistemi di assistenza alla guida, fra i quali quello contro l’involontario cambio di corsia, il sistema di ausilio al parcheggio, il regolatore di velocità adattativo e il monitoraggio dell’angolo cieco negli specchietti. Il Magnum è dotato inoltre di sospensioni regolabili con molle ad aria, riviste da Militem per maggiorare l’altezza da terra. Motorizzato con il poderoso 8 cilindri a V Hemi da 5,7 litri, con potenza massima di 401 cavalli a 5600 giri/minuto, ha una coppia di 556 Nm a 3950 giri/minuto. Il propulsore utilizza il dispositivo Multi-Displacement System che consente di utilizzare solo 4 degli 8 cilindri, permettendo una riduzione dei consumi e relativo abbattimento di CO2. Militem Magnum è disponibile nelle versioni a benzina con omologazione 6d, oppure Bifuel benzina e Gpl con impianto Prins. È possibile utilizzare anche il carburante bioetanolo E85, molto più ecologico rispetto alla normale benzina ed ampiamente diffuso all’estero. I consumi per il ciclo urbano sono di 15,7 litri ogni cento chilometri, di 10,7 extra urbano e di 14,9 per il ciclo combinato. Le emissioni di CO2: 352 g/km. Le sospensioni pneumatiche ad aria permettono di viaggiare sempre col medesimo assetto, indipendentemente dal carico, e si adattano in base allo stile di guida e alla velocità. Avendo sospensioni con cinque livelli di regolazione elettronica, la vettura è in grado di superare qualunque ostacolo in fuoristrada e allo stesso tempo di entrare in garage con limiti di altezza al soffitto. Il cambio è automatico a 8 rapporti, mentre la trazione integrale 4WD è inseribile elettronicamente. In caso di utilizzo in fuoristrada, la valenza del Militem Magnum è dimostrata dalle sue specifiche 4×4: angolo di attacco 23,1°, angolo di uscita 27,1°, angolo di dosso 28°, altezza minima da terra 260 mm.



CAR Dimensioni 592 x 215 x 208 cm • Peso 2.650 kg • Motore V8, 5.654 cc, benzina • Potenza massima 401 cv • Coppia massima 556 Nm • Peso/potenza 8,7 kg/cv • Trazione Integrale • Cambio Automatico a 8 rapporti • Capacità di traino 3.500 kg

78

Size 592 x 215 x 208 cm • Weight 2,650 kg • Main propulsion V8, 5.654 cc, petrol • Maximum power 401 hp • Maximum torque 556 Nm • Weight/power 8,7 kg/hp • All-wheel drive • 8 speeds automatic gearbox • Towing capacity 3,500 kg www.militem.com

I dispositivi di sicurezza prevedono il sistema anti collisione e quello di mantenimento della carreggiata, frenata assistita con segnalazione di pericolo, ausilio al parcheggio in parallelo e in perpendicolare, sistema di monitoraggio dell’angolo cieco, cruise control di tipo adattivo, telecamera con visione a 360°, sensori di parcheggio anteriori e posteriori, telecamera posteriore. The safety devices include an anti-collision system and lane-assist, brake-assist with hazard warning lights, parallel and perpendicular parking assistance, blind-spot monitoring, adaptive cruise control, 360° surround-view camera system, front and rear parking sensors, rear camera.

Militem Magnum è dotato di gancio traino rimovibile a sfera, con capacità di carico fino a 3.500 kg, doppio tetto apribile panoramico, fari a Led, sospensioni pneumatiche regolabili elettronicamente. The Militem Magnum is fitted with a removable spherical tow hook, with a load capacity of up to 3,500 kg, a double panoramic sunroof, LED headlights, and electronically adjustable pneumatic suspension.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

THE IMPOSING, POWERFUL AND MAJESTIC MILITEM MAGNUM is a vehicle characterised by its unique design. It features an entire series of significant technological and stylistic innovations combined with particularly luxurious interiors. This captivating pickup is capable of rousing the emotions on every terrain and all types of surface, whether asphalt or dirt and is ready and waiting to fulfil everyone’s natural desire to stand out. The extremely spacious cabin oozes with luxury and tradition thanks to the added value guaranteed by the expert hands of the best master craftsmen. Militem is a registered Italian brand that produces “premium luxury” vehicles to make its customers’ dreams come true and exceed their wildest expectations. It works exclusively on American vehicles, with typically Italian vision, passion, elegance and attention to detail. Vehicles with an exclusive design, combining the best of American reliability with unmistakably Italian craftsmanship, class and taste, ensuring total safety and absolute driving pleasure. The brand was founded thanks to the vision and intuition of Hermes Cavarzan, a Lombard entrepreneur with forty years of experience in the automotive sector through the Cavauto Group. The Militem Magnum is a model based on the most recent generation of large Ram 1500 pickups, a “giant” measuring 592 cm long, 215 cm wide and 208 cm high. Militem has further enhanced its appearance by widening the wheel arches, choosing 20” tyres and redesigning the grille, on which the horizontal front grille of the Ram 1500 has been replaced by a huge honeycomb grille with the word Militem and a visible five-pointed star, emblem of the company. Militem has also customised the interior, making extensive use of prized materials: the seats, the dashboard, the steering wheel and the door panels and central armrest inserts have been covered with over 30 m2 of leather, while velour has been used for the rugs and the carpet in the rear of the pickup. There is also an impressive 12” touchscreen infotainment and driving assist system, including lane-assist, parking assistance, adaptive cruise control and blind-spot monitoring. The Magnum is also fitted with adjustable air-spring suspension, revised by Militem to increase its height above the ground. Powered by an impressive 5.7-litre Hemi V8 engine, with a maximum power of 401 hp and 5600 rpm, it has a 556 Nm torque at 3950 rpm. The engine uses a Multi-Displacement System that makes it possible to use just four of the eight cylinders,



CAR La calandra definisce il family feeling della nuova gamma, ulteriormente rafforzato dai parafanghi Extra Tire Coverage in tinta carrozzeria e dai cerchi in lega Black Edition da 20”, abbinati agli pneumatici maggiorati All-Terrain da 35×12,50 R20 Cooper Tire. The grille defines the family feeling of the new range, further reinforced by the body-coloured Extra Tire Coverage fender flares and the 20” Black Edition alloy wheels, combined with the oversized All-Terrain 35×12.50 R20 Cooper Tires.

80

barchemagazine – Ottobre-October 2021

allowing for reduced fuel consumption and a relative reduction in CO2 emissions. Militem Magnum is available in petrol versions with 6d certification, or petrol and LPG bi-fuel with Prins system. It is also possible to use E85 bioethanol, which is much more eco-friendly than normal petrol and widespread in other countries. Urban consumption is 15.7 litres per 100 kilometres, extra-urban consumption is 10.7 litres and combined consumption is 14.9 litres. The CO2 emissions amount to 352 g/km. Pneumatic air suspension makes it possible to travel with the same setup at all times, whatever the load, and adapts to the driving style and speed. Thanks to its suspension with five levels of electronic regulation, the vehicle can overcome all off-road obstacles while also entering garages with restricted ceiling heights. It has an automatic 8-speed transmission, while the integral 4WD traction can be engaged electronically. During off-road use, the Militem Magnum’s worth is demonstrated by its 4x4 specifications: approach angle 23.1°, break-over angle of 27.1°, departure angle of 28° and minimum ground clearance of 260 mm.





PRENOTA LA TUA VACANZA IN CATAMARANO NOLEGGIA IL SAMANA 59 charter@eurosailyacht.com | +39.346.37.88.888







BOUTIQUE

BOUTIQUE

90

barchemagazine – Ottobre-October 2021


MAISON BOUCHERON

High-tech

LOOK La Holographique Jewelry Capsule Collection è la nuova ed audace collezione realizzata con la stessa tecnica innovativa della serie Alta Gioielleria Holographique, ma questa volta viene prodotta in ceramica ed esclusivamente per le collezioni iconiche della Maison: Quatre e Jack The Holographique Jewelry Capsule Collection is the new and daring collection made with the same innovative method as the Holographique High Jewellery series, but this time it is in ceramic and produced exclusively for the iconic collections of the Maison: Quatre and Jack by Sophia Negri

barchemagazine – Ottobre-October 2021

91


BOUTIQUE Jack Box Questo set completo di cinque spille Jack in oro giallo e diamanti porta i suoi codici a un nuovo livello per creare un gioco di riflessi cangianti e luccicanti. This complete set of five Jack brooches in yellow gold and diamonds takes Maison’s codes to a new level to create an interplay of iridescent and shiny reflections.

IL NUOVO PEZZO FORTE DELLA MAISON, IL MOTIVO JACK DE BOUCHERON, si veste di un nuovo look high-tech. A complemento dei modelli singoli e triple wrap esistenti, questo bracciale double wrap è disponibile in tre versioni, oro giallo, bianco e rosa con pavé di diamanti. Oggi si rinnova con il motivo in ceramica dando vita a nuove sfumature ipnotiche che vanno dal verde al rosso, o al blu. Il set completo di cinque spille Jack in oro giallo e diamanti porta i suoi codici a un nuovo livello per creare un gioco di riflessi cangianti e luccicanti. Un crescendo iridescente da indossare insieme con orgoglio, sia a cascata sul bavero di una giacca, sia raggruppati insieme in uno sweep radicale. Il massimo dello stile, senza dubbio. La collezione Quatre, già caratterizzata dai colori blu e rosso elettrico, ora ha un nuovo look in una versione olografica. Ad eccezione della linea con diamanti, il rivestimento di questo anello è stato realizzato in ceramica olografica per creare un contrasto con il design classico, per un look giovane e sorprendente.

Jack de Boucheron Il motivo Jack de Boucheron ha un nuovo look high-tech. Questo bracciale a doppio giro è disponibile in tre versioni, oro giallo, bianco e rosa. Si può scegliere tra le sfumature verde, rosso o blu. The Jack de Boucheron motif takes on a new high-tech look. This double wrap bracelet is available in three versions, yellow, white, and pink gold. Choose between the shades of green, red, and blue.

92

barchemagazine – Ottobre-October 2021



BOUTIQUE THE MAISON’S NEW SHOWPIECE, THE JACK DE BOUCHERON MOTIF, acquires a new high-tech look. Complementing the existing single and triple wrap models, this double wrap bracelet is available in three versions, yellow, white, and pink gold paved with diamonds. It is time for innovation with the ceramic motif giving life to new hypnotic shades ranging from green to red and blue. The complete set of five Jack brooches in yellow gold and diamonds takes Maison’s codes to a new level to create an interplay of iridescent and shiny reflections. An iridescent crescendo to wear with your watch, whether cascading over a jacket lapel or clustered together in a radical sweep. The ultimate in style, without a doubt. The Quatre collection, which already features colors like electric blue and red, now takes on a new look in a holographic version. Except for the diamond line, the codes in this ring are made in holographic ceramic to create a contrast with classic design and generate a young and surprising look.

Quatre Collection La collezione Quatre, già caratterizzata dai colori blu elettrico e rosso, ha ora un nuovo look in una versione olografica. Ad eccezione della linea di diamanti, i codici di questo anello sono realizzati in ceramica olografica per creare un contrasto con il design classico. L’anello conserva comunque il suo carattere originale.

94

The Quatre collection, which is already characterised by electric blue and red, now receives a new look in a holographic version. Except for the line with diamonds, the codes in this ring are made in holographic ceramic to create a contrast with the classic design. The ring nonetheless retains its original character.

barchemagazine – Ottobre-October 2021



BOAT GOURMET

BOAT GOURMET

96

barchemagazine – Ottobre-October 2021


TAKATO

Sublime

FUSION

Takato è un singolare ristorante aperto sul Beach Boulevard di Ft. Lauderdale, a 25 minuti di auto da Miami, in Florida Takato is a singular open-air restaurant on Beach Boulevard in Ft. Lauderdale, just 25 minutes from Miami, Florida by Fabio Massimo Bonini 97

SUBLIME È UNO DEI SIGNIFICATI DI TAKATO, NOME CHE IN GIAPPONE VIENE DATO IN GENERE AI FIGLI MASCHI, ma che significa anche “Preziosa misura di esaltazione” o anche “Esaltazione di felicità estrema”, come mi dice Paul-Antoine Fabre, general manager di Takato. La proposta “fusion” di questo locale non è, come solitamente accade, di tradizioni orientali che si amalgamano con quelle occidentali, ma un vero e proprio incontro oriente con oriente, cucina Giapponese servita in perfetta armonia con quella Coreana. Il ristorante si trova all’interno dell’hotel Conrad e dispone di una terrazza affacciata sull’oceano. Sono le 5 del pomeriggio e il ristorante è già in piena attività. Paul continua a raccontarmi dell’incontro con lo Chef coreano Taka, che è il fautore di questo concetto. La loro conoscenza e collaborazione iniziata anni prima con altri ristoranti ha convinto la proprietà a dare vita a questa unicità di grande successo. «Il ristorante ha due cucine, il Sushi bar, dove vengono preparati principalmente i piatti freddi come il Sashimi per la cui realizzazione utilizziamo pesce che arriva direttamente dal Giappone, e la cucina centrale, da cui escono in generale i piatti della tradizione Coreana. Takato fonde delicatamente l’anima amata degli antenati dell’Executive Chef Taek Lee e vi porta in un viaggio gastronomico attraverso la sua eredità asiatica che è piena di creatività, sapori autentici e straordinarie tecniche culinarie.

Takato delicately distils the beloved soul of Executive Chef Taek Lee’s ancestors and takes you on a culinary journey towards his Asian heritage, which is full of creativity, authentic flavours and extraordinary culinary techniques.

barchemagazine – Ottobre-October 2021


BOAT GOURMET

The restaurant is located in the Conrad Fort Lauderdale Beach facing the Atlantic ocean.

Il ristorante si trova nel Conrad Fort Lauderdale Beach, di fronte all’oceano Atlantico.

L’idea poi era di creare un Izakaia, molto amato dai giapponesi, un gastropub dove le persone si possono incontrare in un ambiente informale per un drink accompagnato da molti piatti degustazione che vengono serviti tutti insieme al centro tavolo e condivisi dai commensali». Accomodato sulla terrazza godo di questa vista meravigliosa e intanto dalla cucina arriva qualche assaggio. Inizio con un sushi Crispi Tuna diverso da tanti al palato, palese la grande qualità del pesce e la sapiente preparazione. Della cucina coreana mi arrivano due piatti unici: il Duck Bao Bun, in pratica un petto di anatra servito come sandwich con spezie versione teryaki e glassa di sciroppo d’acero, straordinario, e il Kimichi, in pratica il piatto forte, composto da riso fritto, carne di manzo, cavolo fermentato e alghe marine. Ad accompagnare i piatti, mi viene versato anche un calice di Borgogna bianco raccontato da Fadzio Buda, il sommelier di Takato. Scorro la lista dei vini e anche in questo caso resto piacevolmente colpito.

98

barchemagazine – Ottobre-October 2021



BOAT GOURMET Fadzio, col suo simpatico accento francese, mi racconta che la clientela del ristorante è prevalentemente americana, quindi nella lista sono presenti molti vini americani, ma non mancano le bottiglie europee. «In lista abbiamo circa 200 etichette. I vini italiani più venduti nel locale sono il Pinot Grigio e il Prosecco, il primo è molto trendy mentre il secondo è molto amato dagli americani che conoscono bene la differenza tra lo Champagne, le bollicine italiane e il Cava spagnolo. Inoltre, nelle valli californiane oggi si producono ottimi champenoise. Vendiamo naturalmente anche Champagne

francese, Cabernet della Napa Valley e Chardonnay della vicina Sonoma Valley. La scelta del vino è un fatto molto soggettivo e va abbinata al piatto, al tempo e allo stato d’animo del momento. Anche se sono francese di madre italiana, suggerisco sempre il miglior pairing in base ai piatti che vengono ordinati». Nel frattempo è arrivato il momento del dessert e Fadzio e Paul mi consigliano di provare il Sushi di Gelato, dove il riso è riso soffiato dolce e il ripieno è gelato alla vaniglia. Da mangiare utilizzando rigorosamente i bastoncini e dopo aver inzuppato il “sushi” nel cioccolato fuso.

100

SUBLIME IS ONE OF THE MEANINGS OF TAKATO, A NAME WHICH IS USUALLY GIVEN TO MALE OFFSPRING IN JAPAN and which also means “Precious measure of exaltation” or “Exaltation of extreme happiness”, as Paul-Antoine Fabre, general manager of Takato, explains. The ‘fusion’ proposal of this establishment is not, as is often the case, a fusion of oriental and western traditions, but rather an actual meeting between East and West, Japanese cuisine served in perfect harmony with Korean cuisine. The restaurant is located inside the Conrad Hotel and features a large terrace overlooking the ocean. It is 5 p.m. and the restaurant is already fully running. Paul continues his story about his meeting with the Korean chef Taka who is the author of this concept. Their meeting and collaboration started years earlier with other restaurants and convinced the owners to give life to this unique and highly successful concept. «The restaurant has two kitchens, the Sushi bar, which mainly prepares cold dishes like Sashimi, which we prepare with fish coming directly from Japan, and the central kitchen, mainly featuring dishes from the Korean tradition. The idea was to also create an Izakaia, very popular among the Japanese, a gastropub where people can meet in an informal environment for a drink accompanied by several tasting dishes which are served all together and

In Japanese Takato means “in a state of extreme happiness”.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

Takato in giapponese significa “in uno stato di estrema felicità”.



BOAT GOURMET placed in the centre of the table for guests to share». Sitting at a table on the terrace, I enjoy this marvellous view while a few dishes reach me from the kitchen. I start with Crispy Tuna sushi, which is different to the palate of many others, thanks to the quality of the fish and the expert preparation. From the Korean cuisine, I am offered two unique dishes: the Duck Bao Bun, which is a duck breast served as a sandwich with teriyaki spices and maple syrup glaze - simply extraordinary - and the Kimichi, which is the restaurant’s highlight, made with fried rice, beef, fermented cabbage, and seaweed. To pair with the dishes, I am served a glass of white Burgundy masterfully explained by Fadzio Buda, Takato’s sommelier. As I read through the list of wines, I am once again pleasantly surprised. In his enjoyable French accent, Fadzio tells me that the restaurant’s clientele is mainly American, which is why the wine list features many American wines, although the European labels are also well represented.

In addition to sushi, Takato offers a series of artisanal cocktails, sakè and a collection of vegan wines. 102

barchemagazine – Ottobre-October 2021

«We have about 200 labels on the list. Our bestselling Italian wines are the Pinot Grigio and the Prosecco, the former being very trendy while the latter is loved in particular by Americans who know the difference between Champagne, Italian bubblies, and Spanish Cava. Furthermore, excellent champenoise is produced in the Californian valleys today. We naturally also sell French Champagne, Cabernet from Napa Valley, and Chardonnay from the close-by Sonoma Valley. The choice of a wine is a very subjective matter and needs to be paired with the dish, the weather, and the mood of the moment. Although I am French with an Italian mother, I always suggest the best pairing based on the dishes the guests prefer». In the meantime, it is time for dessert, and Fadzio and Paul suggest that I try the ice cream sushi, where the rice is sweet puffed rice and the filling is vanilla ice cream. It must be enjoyed using chopsticks only and after dipping the ‘sushi’ in hot melted chocolate.

Oltre al sushi, Takato propone una serie di cocktail artigianali, sakè e una collezione di vini vegani.





EVENTS

EVENTS

SPIRITO

106

Lo del nostro tempo The SPIRIT of our time

barchemagazine – Ottobre-October 2021


BAROCCO & NEOBAROCCO

Barocco & Neobarocco è un festival ideato da Roberto Semprini e Valentina Fisichella nato con l’obiettivo di far dialogare la cultura del progetto e quella d’impresa sulle espressioni del design ‘neobarocco’. Una tre giorni di confronto, ricca di incontri ed eventi, con installazioni artistiche distribuite tra prestigiose location di Ragusa Barocco & Neobarocco is a festival conceived by Roberto Semprini and Valentina Fisichella to launch a dialogue between design culture and corporate culture on the expressions of ‘Neo-baroque’ design. Three days of discussions, rich in meetings and events, with artistic installations spread in various prestigious locations in Ragusa by Sophia Negri

barchemagazine – Ottobre-October 2021

107


EVENTS

The suggestive location of Palazzo della Cancelleria, a UNESCO World Heritage Site in Ragusa, hosted the Moon ceiling lamps by Davide Groppi and the spectacular floor lamp Giraffe in Love, designed by Marcantonio for Qeeboo.

Nella suggestiva location del Palazzo della Cancelleria, sito UNESCO di Ragusa, erano esposte le lampade a sospensione Moon di Davide Groppi e la scenografica lampada da terra Giraffe in Love, disegnata da Marcantonio per Qeeboo.

“BAROCCO & NEOBAROCCO - LO SPIRITO DEL NOSTRO TEMPO” È STATA L’EDIZIONE ZERO DI UN DESIGN FESTIVAL DI IMPRESA, nel contesto delle scenografie barocche settecentesche del Val di Noto. Il festival di Ragusa ha offerto l’occasione di un confronto sull’interpretazione contemporanea dell’estetica barocca. Maestrie, saperi e imprenditorialità del territorio sono stati coinvolti in una dialettica creativa a tema, insieme a designer, artisti e fashion stylist, con la partecipazione attiva di protagonisti della cultura progettuale e con il contributo di aziende affermate a livello internazionale. Oggi viviamo certamente in un periodo neo-barocco, lo testimoniano innumerevoli fattori. È un periodo di entusiasmo tecnologico-scientifico, un periodo nel quale internet ha abbattuto ogni distanza. È un periodo di predominio dei grandi monopoli e di rafforzamento delle entità statali dominanti. È un periodo di crisi delle ideologie filosofico-po-

Oltre a un programma di incontri e approfondimenti specialistici per addetti ai lavori, il festival ha messo in scena installazioni artistiche site-specific esponendo gli esiti del lavoro di ricerca di accademie e università, dispiegandosi in location diverse e prestigiose, in un percorso di attraversamento meraviglioso e sorprendente degli spazi della città di Ragusa.

108

barchemagazine – Ottobre-October 2021

litiche e di rafforzamento dell’ideale estetico. L’apparire, mai come oggi, ha ricoperto un’importanza trasversale: i social network e la costante propensione alla comunicazione effimera hanno riportato in auge l’idea settecentesca della finzione legittimata. È un’età multistilistica e di contaminazione, è l’età dei contenuti shocking e del primato polisensoriale attestato dalla diffusione della tecnologia 3D. Oltre ad un programma di incontri e approfondimenti specialistici per addetti ai lavori, il festival ha messo in scena installazioni artistiche site-specific esponendo gli esiti del lavoro di ricerca di accademie e università, dispiegandosi in location diverse e prestigiose, in un percorso di attraversamento meraviglioso e sorprendente degli spazi della città. Questo design festival ha avuto l’obiettivo di far dialogare cultura del progetto e cultura di impresa. Il contesto è stato favoloso, composto dalle scenografie barocche della Città di Ragusa,

In addition to a programme of meetings and indepth technical conferences for industry experts, the festival staged site-specific artistic installations putting the results of research conducted at academies and universities on display in different prestigious locations creating a marvellous and surprising itinerary throughout the spaces of the city of Ragusa.


BAROCCO & NEOBAROCCO BOLOGNA ARTE FIERA

109 109

barchemagazine – Ottobre-October 2021


EVENTS

110

barchemagazine – Ottobre-October 2021


BAROCCO & NEOBAROCCO

Uno dei principali siti artistici che hanno ospitato le installazioni è stato Palazzo Cosentini, tipico esempio di barocco siciliano del ’700. Qui erano esposte le creazioni dei designer, tra cui figurano Roberto Semprini, Elena Salmistraro e Stella Orlandino. One of the main artistic sites that hosted the installations was Palazzo Cosentini, a typical example of 18th-century Sicilian Baroque art. The installation included creations by several designers, such as Roberto Semprini, Elena Salmistraro, and Stella Orlandino.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

111


EVENTS fulcro della rinascita settecentesca del Val di Noto. Il festival è stato l’occasione di un confronto sulle espressioni del design “neobarocco”, inteso come interpretazione contemporanea di quell’estetica barocca che ha segnato felicemente la storia del territorio ibleo e che è ancora una costante formale comune ad alcune tendenze culturali del nostro tempo. “BAROQUE & NEO-BAROQUE – THE SPIRIT OF OUR TIME” WAS THE VERY FIRST EDITION OF AN “ENTREPRENEURIAL DESIGN FESTIVAL, in the context of the 18th-century Baroque scenography in Val di Noto. The Ragusa Festival offered an occasion to debate the contemporary interpretation of Baroque aesthetics. Local masteries, know-how, and entrepreneurship were involved in a theme-based creative dialogue with designers, artists, and fashion stylists counting on the active participation of key personalities from the field of design and the contribution of internationally acclaimed companies. Today we are certainly living in a Neo-baroque period, as several factors show. It is a time of technological and scientific enthusiasm, a period in which the internet has broken down all distances. It is a time when big monopolies prevail and the dominant government bodies are strengthened. It is a time of crisis for philosophical

112

The design festival was sponsored by local bodies and ADI, Accademia di Brera, Accademia di Carrara, Università di Napoli Luigi Vanvitelli, IULM, the Italian Order of Architects, and counted on the support of enterprises from all over Italy.

Il design festival ha avuto il patrocinio degli Enti territoriali e di ADI, Accademia di Brera, Accademia di Carrara, Università di Napoli Luigi Vanvitelli, IULM, Ordine degli Architetti, nonché il sostegno di realtà imprenditoriali diffuse in tutto il territorio nazionale.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

Elena Salmistraro ha esposto i tavolini da caffè Maniace e Calafato progettati per la storica azienda siciliana Lithea. Elena Salmistraro exhibited the coffee tables Maniace and Calafato for the historical Sicilian company Lithea.


BAROCCO & NEOBAROCCO Roberto Semprini ha proposto la nuova collezione di carte da parati Neo-Baroque disegnata per Zambaiti Parati, insieme ai tavolini in marmo Aragona e Macramè realizzati per Kimano.

Roberto Semprini proposed his new Neo-Baroque wallpaper collection designed for Zambaiti Parati, together with the marble side tables Aragona and Macramè made for Kimano.

113

barchemagazine – Ottobre-October 2021


EVENTS Le opere di Patricio Parada hanno la capacità di donare emozioni particolari, i suoi gioielli sono delle vere sculture da indossare, da vivere e per vivere con esse tutte le emozioni che l’artista trasferisce con straordinaria passione in ogni sua creazione. Patricio Parada’s works are capable of evoking particular emotions, his jewels are authentic wearable sculptures to be experienced and to help you experience all the emotions that the artist transfers into each one of his creations with extraordinary passion.

114

Local masteries, know-how, and entrepreneurship were involved in a creative dialogue with designers, artists, and fashion stylists counting on the active participation of key personalities from the field of design and the contribution of internationally acclaimed companies.

and political ideologies and enhancement of the aesthetical ideal. More than ever, appearances take on a transversal significance: social networks and the constant inclination towards ephemeral communication have brought back the 18th-century idea of legitimated fiction. It is a multi-stylistic era of contamination, the era of shocking contents and poly-sensorial records, as the diffusion of 3D has shown. In addition to a schedule of meetings and in-depth technical conferences for industry experts, the festival staged site-specific artistic installations putting the results of research conducted at academies and universities on display in different prestigious locations creating a marvellous and surprising itinerary throughout the spaces of the city. This design festival had the aim of launching a dialogue between design culture and corporate culture. The context was fabulous, set within the spectacular Baroque spaces of the city of Ragusa, the heart of 18th-century rebirth in Val di Noto. The festival was the occasion for a confrontation on the expressions of the ‘Neo-baroque’, intended as a contemporary interpretation of the Baroque aesthetics that positively influenced the history of the Hyblaean territory and which is still a formal constant common to some cultural trends of our time.

Saperi e imprenditorialità del territorio sono stati coinvolti in una dialettica creativa, insieme a designer, artisti e fashion stylist, con la partecipazione attiva di protagonisti del mondo del progetto e con il contributo di aziende affermate a livello internazionale.

barchemagazine – Ottobre-October 2021



PEOPLE

PEOPLE

Firmitas,

116

UTILITAS,

Venustas Abbiamo incontrato Filippo Cagnotto fondatore insieme a Luca Tedde di Progetto REb, uno studio che si occupa di fornire servizi di progettazione e consulenza attraverso una sintesi tra architettura, ingegneria e design We met Filippo Cagnotto, co-founder along with Luca Tedde of Progetto REb, a firm offering design and consultancy services featuring a blend of architecture, engineering, and design by Carla Pagani barchemagazine – Ottobre-October 2021


FILIPPO CAGNOTTO

117

barchemagazine – Ottobre-October 2021


PEOPLE LESS IS MORE, DICEVA MIES VAN DER ROHE, PADRE DELL’ESTETICA ARCHITETTONICA CONTEMPORANEA. Quel motto, felicemente tornato in auge dopo gli eccessi degli anni Ottanta e Novanta, in architettura e non solo, anima anche la filosofia di un nuovo studio di architettura che ha già fatto parlare di sé per il grandioso progetto di riqualificazione del vecchio pastificio Federici ad Amelia, in Umbria, oggi sede di Talenti, azienda di arredamenti outdoor. Si chiama Progetto Reb e nasce dall’idea di Filippo Cagnotto e Luca Tedde che hanno fatto della sintesi tra architettura, ingegneria e design il loro fattore X. È Filippo Cagnotto, classe 1988, a raccontare cosa c’è dietro la luminosa torre trasparente del nuovo headquarter di Talenti ad Amelia. «Un tempo quella torre veniva utilizzata per la conservazione del grano». Oggi è una grande installazione verticale e luminosa e piena di piante che dialoga con il paesaggio intorno. «È fondamentale progettare tenendo conto dell’elemento naturale. Le piante cambiano colore e sembianze in base alla stagione e con loro cambiano anche gli edifici. La natura deve aiutare l’architettura, lo può fare in termini di cambiamento e rinnovamento costante dello spazio che abitiamo ma anche in termini di benessere per chi poi quello spazio lo vive concretamente». Cagnotto pensa al famoso bosco

118

«The world of design today is characterised by attention to detail. Because detail is what establishes the quality of a furnishing element».

«Il mondo del design oggi si caratterizza per l’attenzione al dettaglio. Perché è il dettaglio ciò che rende un elemento di arredo di qualità».

barchemagazine – Ottobre-October 2021


FILIPPO CAGNOTTO

119

barchemagazine – Ottobre-October 2021


PEOPLE

120

Progetto REb si occupa di progettazione architettonica e ingegneria e presto debutterà anche nel design di complementi d’arredo.

Progetto REb works in the field of architectural design and engineering and will soon also make its debut in the world of furnishing accessories.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

verticale di Boeri che ha rinnovato lo skyline di Milano dal 2014. Da allora di strada ne è stata fatta e oggi è praticamente impensabile ipotizzare di progettare senza tener conto dell’elemento naturale. «La pandemia ha accentuato questa tendenza mettendo architetti e progettisti di fronte alla necessità di pensare a spazi aperti godibili e fruibili più di quanto non accadesse prima». Nel quartier generale di Talenti ad Amelia, progettato prima dell’arrivo del Covid, i dipendenti possono passeggiare nel parco, trascorrere la pausa pranzo all’aperto, vivere lo spazio in modo diverso da quanto si faceva prima che la pandemia entrasse a far parte delle nostre vite e cambiasse ritmi e abitudini. Il tutto all’insegna del minimalismo e della purezza delle linee. Come non pensare proprio alle architetture essenziali di Mies van der Rohe? Non è un caso se il grande maestro della Bauhaus occupi un posto speciale nel pantheon dei big che ispirano il lavoro di Filippo Cagnotto e Luca Tedde. «Abbiamo cercato di assecondare il credo del grande maestro del modernismo: togliere, anziché aggiungere. Cerchiamo di farlo in ogni nostro progetto. Sembra una cosa semplice ma non lo è affatto». E cosa resta degli insegnamenti della gloriosa scuola della Bauhaus di cui tutto il design contemporaneo è permeato? «Di sicuro il rigore, il metodo, lo studio. Qualcosa che del resto fa parte anche dei percorsi di studio italiani. È importante studiare cosa è venuto prima di noi, e il nostro paese da questo punto di vista ha molto da insegnare», dice Cagnotto. Già, il metodo, lo studio rigoroso. Eppure l’improvvisazione è dietro l’angolo. «Oggi è forte la tendenza di progettare senza criteri, un po’ per soddisfare il gusto del momento, un po’ per seguire mode assolutamente temporanee».



PEOPLE Invece bisognerebbe progettare sempre ricordandosi del grande Vitruvio: firmitas, solidità, utilitas, funzione, venustas, bellezza, sono tre principi indissolubili che ogni progetto architettonico deve possedere. «Invece a volte vediamo progetti incentrati solo sulla venustas ma che hanno dimenticato completamente l’utilitas o la firmitas», dice Cagnotto attualizzando in maniera impeccabile il De architectura del 15 a.C. E i tre principi cardine valgono tanto nella progettazione di un edificio quanto in quella degli interni. Tanto più che oggi, più che mai, la fusione tra spazi lavorativi e spazi privati è diventata fortissima. E allora ecco che i principi vitruviani devono andare di pari passo. «L’elemento di arredo deve essere bello, solido e funzionale, ma oggi l’equilibrio è diventato molto più sottile perché ai nostri oggetti quotidiani, piegati anche alle esigenze lavorative dello smart working, chiediamo anche una maggiore funzionalità rispetto al passato». E a proposito di oggetti, Progetto REb si sta cimentando anche nella progettazione di complementi d’arredo. «Siamo in una fase di studio e di realizzazione di prototipi e sicuramente è una grande nuova sfida per noi. Fondamentale è l’attenzione al dettaglio, che è ciò che davvero conta nel design contemporaneo». E c’è da giurare che il risultato sarà frutto di studio, metodo e rigore.

«Teachers are important, as are studying and method, but the experience of the construction site itself is perhaps the most important teacher of all».

122

«I maestri sono importanti, come lo sono lo studio e il metodo, ma la realtà del cantiere è forse il maestro più importante».

LESS IS MORE, SAID MIES VAN DER ROHE, FATHER OF CONTEMPORARY ARCHITECTURAL AESTHETICS. That motto, which has happily returned to the fore following the excesses of the 1980s and 1990s, both in architecture and elsewhere, is also the philosophy adopted by a new architecture firm that has already made a name for itself following its impressive regeneration of the former Federici pasta factory in Amelia, Umbria, now home to Talenti, an outdoor furniture company. The firm is called Progetto REb and was set up by Filippo Cagnotto and Luca Tedde, whose X factor is represented by their blend of architecture, engineering, and design. Filippo Cagnotto, born in 1988, tells us what is behind the luminous transparent tower of the new Talenti headquarters in Amelia. «That tower was once used to store wheat». Today it is a large luminous vertical installation, full of plants, which establishes a dialogue with the surrounding landscape. «It is fundamental to take the natural element into account when designing. Plants change colour and appearance according to the season and buildings change along with them.

barchemagazine – Ottobre-October 2021



PEOPLE Progetto REb ha curato il progetto di riconversione industriale che ha trasformato lo storico pastificio umbro Federici di Amelia nell’headquarter all’avanguardia di Talenti, azienda di arredo outdoor. Progetto REb looked after the industrial conversion project that transformed the old Federici pasta factory in Amelia into the cutting-edge headquarters of Talenti, an outdoor furniture company.

Nature has to aid architecture and can do so in terms of constantly changing and updating the space we live in, as well as creating wellbeing for those who make tangible use of that space». Cagnotto is thinking of Boeri’s famous vertical forest that has regenerated Milan’s skyline since 2014. Progress has been made since then and today it’s practically impossible to think of designing without taking the natural element into account. «The pandemic has 124 accentuated this tendency, presenting architects and designers with the need to think up open spaces that can be enjoyed and used more than before». In the Talenti headquarters in Amelia, designed before the arrival of Covid, employees can walk in the

park, spend their lunch break outdoors and use the space in a different way than they did before the pandemic became part of our lives and changed our customs and habits. Meanwhile, the design as a whole is all about minimalism and linear purity. Who can help but think of the simple architecture of Mies van der Rohe? It is no coincidence that the great master of the Bauhaus occupies a special place in the pantheon of the big names that have inspired the work of Filippo Cagnotto and Luca Tedde. «We sought to follow the credo of the great master of modernism: subtracting instead of adding. This is what we try to do in all our designs. It might seem straightforward, but that’s not the case at all».

barchemagazine – Ottobre-October 2021

And what remains of the teachings of the wonderful Bauhaus school, which permeate all of the contemporary design? «Stringency, method, and study, without a doubt. What remains also forms part of Italian study programs. It’s important to study what came before us, and our country has a great deal to teach in this sense», says Cagnotto. Indeed, method and stringent studies. And yet improvisation is just around the corner. «Today there is a strong tendency to design without criteria, perhaps to comply with the tastes of the moment or to follow fleeting trends». Instead, we should always design with the great Vitruvius in mind: firmitas/solidity, utilitas/function, and venustas/beauty are three indispensable principles that every architectural design must possess. «And yet we sometimes see designs focused purely on venustas, while completely overlooking utilitas and firmitas», states Cagnotto, bringing De architectura written in 15 B.C. right up to date. And these three key principles are equally valid when it comes to designing buildings and interiors. Even more so today, given that the fusion between workspaces and private spaces is stronger than ever. And so Vitruvian principles have to go hand in hand. «Interiors have to be beautiful, solid and functional, but the balance is even more subtle today, because we demand even more functionality from our everyday objects compared to the past, given the demands imposed on them by working from home». And as regards objects, Progetto REb is also establishing itself in furnishing accessory design. «We are currently designing and developing prototypes and this is undoubtedly a great new challenge for us. It ultimately comes down to attention to detail, which is what matters in contemporary design». And we can take a bet that the result will be achieved thanks to study, method, and stringency.



COMPONENTS

COMPANIES

Technological FABRICS I tessuti marini Sunbrella Collection soddisfano ogni necessità in fatto di protezione e di arredo a bordo per tutti i tipi di imbarcazioni a vela e a motore The marine fabrics in the Sunbrella Collection meet every need in terms of onboard protection and décor for all types of sailing and motorboats by Massimo Longoni

126

barchemagazine – Ottobre-October 2021


SUNBRELLA COLLECTION

127

photo credits Nicolas Claris.

barchemagazine – Ottobre-October 2021


COMPANIES

128

Sunbrella’s fabrics offer an excellent hold of colours through time and good resistance to water, greasy substances, and UV rays. They are easy to clean and can resist outdoors in any kind of weather.

I tessuti Sunbrella offrono un’ottima tenuta dei colori nel tempo e una buona resistenza all’acqua, alle sostanze grasse e ai raggi UV. Facili da pulire, possono restare all’esterno con qualsiasi tipo di tempo.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

I TESSUTI SUNBRELLA SONO PROGETTATI E REALIZZATI DA TEAM DI PROFESSIONISTI, designer e ingegneri per garantire l’estetica e la qualità premium di ogni pezzo. Sono famosi per le alte prestazioni di resistenza e durata. Nel mondo nautico Sunbrella è un punto di riferimento. Fantasie, tinte unite o disegni grafici, tele lisce o strutturate, colori semplici o audaci, Sunbrella crea una gamma di pezzi per soddisfare esigenze specifiche, sia tecniche sia decorative. La collezione impiega una tecnologia all’avanguardia che permette ai tessuti di sopportare le più dure condizioni meteomarine. Tinti nel cuore stesso della fibra, questi resistono anche ai raggi UV e allo scolorimento, nonostante l’esposizione prolungata al sole, alla salsedine e al cloro. Inoltre, i tessuti Sunbrella consentono il passaggio dell’aria, evitando così muffe e cattivi odori. Se si dovessero presentare funghi e muffe a causa dell’esposizione a sporco, detriti o elementi atmosferici, i teli marini Sunbrella si possono lavare con velocità e facilità con una semplice soluzione di candeggina senza il rischio che perdano il loro colore. Tutti i prodotti Sunbrella hanno il sigillo di approvazione della fondazione per la lotta al cancro alla pelle, perché offrono una protezione efficace contro il sole consentendo agli equipaggi di godersi in sicurezza lunghe ore in mare. I tessuti della linea Sunbrella Cushions sono specificamente concepiti per un utilizzo esterno. Sono prodotti utilizzando una fibra acrilica tinta.

The fabrics in the Sunbrella Cushions line have been specifically conceived for outdoor use. They are made with dyed acrylic fibre.



COMPANIES

The characteristics of the fabrics are checked systematically in the laboratory and every square metre of fabric produced is subjected to a series of tests performed onsite.

I tessuti Sunbrella si adattano a tutti i tipi di imbarcazioni, dalle piccole barche a motore alle barche a vela e agli yacht di lusso, offrendo protezione dagli ambienti marini più difficili e garantendo il comfort e il benessere di chi è a bordo, in modo che possa godersi appieno il mare.

Sunbrella’s fabrics adapt to all kinds of vessels, from small motorboats to sailboats and luxury yachts, offering protection from the most difficult marine environments and guaranteeing comfort and wellbeing for everyone on board to let them enjoy long stays at sea.

130

barchemagazine – Ottobre-October 2021

Le caratteristiche dei tessuti vengono sistematicamente verificate in laboratorio e ogni metro quadrato prodotto è sottoposto a una serie di test effettuati in loco.

SUNBRELLA’S FABRICS ARE DESIGNED AND MADE BY A TEAM OF PROFESSIONALS, designers, and engineers to guarantee the premium aesthetics and quality of every piece. They are famous for their high performance in resistance and durability. In the nautical industry, Sunbrella is a point of reference. Patterns, solid colours, or graphic designs, smooth or structured canvases, simple or bold colours, Sunbrella creates a range of pieces to satisfy specific technical and decorative needs. The collection is produced with cuttingedge technology to allow the fabrics to weather even the harshest sea conditions. Dyed in the very heart of the fibre, they even resist UV rays and discolouration, despite long exposure to sun, saltiness, and chlorine. Furthermore, Sunbrella’s fabrics allow air to flow through them freely thus avoiding moulds and bad smells. Should fungi or mould appear due to exposure to dirt, debris, or atmospheric agents, Sunbrella’s marine fabrics can be quickly and easily washed with a simple bleach solution that doesn’t damage the colour. All Sunbrella’s products bear the seal of approval of the skin cancer foundation because they offer effective protection from the sun allowing crews to safely enjoy long hours on the water.



CHARTER

CHARTER

Per tutte le LATITUDINI For all

LATITUDES 132

barchemagazine – Ottobre-October 2021


LA DATCHA BY IMPERIAL

133

Imperial offre, come exclusive central agent per le attività di charter, La Datcha, un expedition superyacht di 77 metri di lunghezza costruito dal cantiere olandese Damen Yachting As an exclusive central agent for all charter activities, Imperial offers La Datcha, a 77-metre expedition superyacht built by the Dutch shipyard Damen Yachting by Massimo Longoni barchemagazine – Ottobre-October 2021


CHARTER

Le finestre a tutta altezza della lounge del salone principale e della suite dell’armatore consentono di godere di viste mozzafiato, mentre la zona di osservazione del ponte superiore è un luogo ideale per panorami infiniti.

The floor-to-ceiling windows in the lounge of the main salon and the owner’s suite offer breathtaking views, while the observation area on the upper deck is the ideal place to enjoy endless landscapes.

134

barchemagazine – Ottobre-October 2021

DISPONIBILE ESCLUSIVAMENTE PER IL NOLEGGIO TRAMITE IMPERIAL, è il più recente explorer di lusso disponibile sul mercato. Consegnato nel 2020, La Datcha è un moderno superyacht per navigare a tutte le latitudini che combina servizi ultra-lussuosi con caratteristiche tecniche di alto livello per consentire di affrontare le condizioni meteomarine più impegnative. Tutti gli aspetti legati alle prestazioni nautiche sono stati predeterminati nella costruzione e successivamente provati durante le prove in mare e la consegna. La Datcha è fatta per vagare per i sette mari e si comporta esattamente come ci si aspetterebbe da una costruzione di grande qualità. Il livello di avanguardia e personalizzazione di questo superyacht è spettacolare. Non sorprende che abbia le capacità di navigare per 40 giorni in autonomia e senza restrizioni. Lo scafo in acciaio Ice Class può resistere ai climi più avversi e viaggiare verso le destinazioni più remote. La Datcha ha dimostrato di come si possa vivere un’emozionante esperienza di viaggio senza limiti. La Datcha è stata progettata per l’esplorazione globale dall’Artico all’Antartico ed è conforme al codice polare IMO. È il perfetto mix di lusso e avventura, destinata a soddisfare ogni esigenza dei suoi passeggeri. Gli eleganti interni progettati da Vasiliy Shprits offrono un rifugio rilassante dopo un’intensa giornata di visite turistiche. Gli arredi contemporanei e la tavolozza dei colori tenui trasmettono un senso di serenità a bordo. Questo superyacht offre sistemazioni di lusso per un massimo di dodici ospiti in sei cabine, tra cui due master e quattro doppie. Gli ospiti hanno l’opportunità



CHARTER di guardare le orche dal comfort della loro sala di osservazione e sperimentare panorami mozzafiato dei paesaggi più straordinari. Sul ponte principale c’è una vasca idromassaggio, un centro benessere dove i servizi spaziano dall’hammam turco alle tonificanti docce con fontana di ghiaccio. Ci sono anche sale per trattamenti dedicati per un massaggio rilassante o trattamenti viso rivitalizzanti. Per chi è alla ricerca della buona forma fisica, c’è una palestra attrezzata con vista sul mare e un centro immersioni certificato. La Datcha trasporta due elicotteri che offrono la flessibilità di far volare gli ospiti verso destinazioni appartate nell’entroterra per visitare laghi, crateri di vulcani spenti o fiumi di montagna. Inoltre, questo superyacht ha anche un sommergibile a tre posti, due scooter da neve, due tender da spiaggia e due RIBS da spedizione pronti a partire per un incontro inaspettato.

Gli ospiti possono godersi in sicurezza i paesaggi più spettacolari dell’Artico e dell’Antartico grazie all’Ice Class e all’ingegneria IMO Polar Code.

Guests can enjoy the most spectacular landscapes of the Arctic and Antarctic in all safety thanks to the Ice Class and IMO Polar Code engineering.

136

barchemagazine – Ottobre-October 2021

AVAILABLE EXCLUSIVELY FOR CHARTER THROUGH IMPERIAL, it is the most recent luxury explorer on the market. Delivered in 2020, La Datcha is a modern superyacht to navigate on all latitudes combining ultra-luxurious services with top-level technical specifications to face even the harshest weather and sea conditions. All aspects connected to the nautical performance have been predetermined in the construction and later tested at sea and upon delivery. La Datcha is made to wander the seven seas and behaves exactly as you would expect from a high-quality construction. The level of avant-garde and personalization of this superyacht is spectacular. It is not surprising that it can navigate for 40 days without any restrictions. The hull in Ice Class steel



CHARTER

SCHEDA TECNICA TECHNICAL DETAILS Shipyard: Damen Yachting Year of delivery: 2020 Interior designer: Vasiliy Shprits Length overall: 77m • Beam: 14m • Draft (full load): 3.8m Guests: 12 guests in 6 cabins (2 master and 4 convertibles) Crew: 19 • Gross tonnage: 2,517 • Cruising speed: 14.5 knots Range: 6,000 NM • Guest accommodation: 2 x master stateroom + 4 x convertible cabins Tenders: 1 x VIP tender/rescue boat 1 x Dive support tender 1 x Beach lander tender 2 x Expedition RIBS Water sports equipment: 1 Submersible 3 pax • 2 B3 Eurocopter helicopters • 2 Snow scooters • 4 Waverunners • 3 Seabobs Kayaks SUPS • Surfboard • Windsurf and kitesurf gear Water slide • Fat wheels bicycles

Il comfort a bordo è garantito da un sistema di stabilizzazione attiva dello yacht. Comfort on board is guaranteed by the yacht’s active stabilization system.

For further charter information, please contact: Ekaterina Pavlova Charter Department T +33 640 61 95 06 E charter@imperial-yachts.com

138

barchemagazine – Ottobre-October 2021

can resist the most adverse climates and travel towards the most remote destinations. La Datcha has proven that you can experience a thrilling journey without limits. La Datcha was designed for global exploration from the Arctic to the Antarctic and complies with the IMO Polar Code. It is a perfect mix of luxury and adventure, destined to satisfy its passengers’ every need. The elegant interiors designed by Vasiliy Shprits offer a relaxing refuge after an intense day of tourism. The contemporary furniture and soft colour palette convey a sense of serenity onboard. This superyacht offers luxury accommodation for a maximum of twelve guests in six cabins, including two master suites and four double cabins. Guests can enjoy the view of orcas from the comfort of their observation room and take in the breathtaking sceneries of the most extraordinary landscapes. The main deck features a jacuzzi, a wellness centre with services ranging from Turkish hammam to invigorating showers with an ice fountain. The yacht also features rooms for dedicated treatments such as a relaxing massage or revitalizing face treatments. For those who want to get in shape, there is a fully-equipped gym overlooking the sea and a certified diving centre. La Datcha transports two helicopters offering the flexibility of letting guests fly towards distant destinations in the inland to visit lakes, extinct volcano craters, or mountain rivers. Furthermore, this superyacht also has a threeseater submarine, two snow scooters, two beach tenders, and two expedition RIBS ready to go in case of an unexpected encounter.



PEOPLE

PEOPLE

140

Photo by Thierry Ameller.

barchemagazine – Ottobre-October 2021


RAPHAEL SAULEAU

Raphael Sauleau, Ceo di Fraser, con una lunga esperienza nel mondo degli UHNW, ci parla del mercato dello yachting di lusso Raphael Sauleau, CEO of Fraser, with extensive experience in the field of UHNW, tells us about the luxury yachting market by Francesco Michienzi

I believe in

TEAM

work L’APPROCCIO DI RAPHAEL SAULEAU ALLO YACHTING DI LUSSO POGGIA SU SOLIDE BASI CULTURALI E MANAGERIALI. Raphael è guidato, professionalmente e personalmente, dalla sfida di ottenere il massimo dalla vita e la sua mission è quella di assicurare che la compagnia continui ad acquistare e vendere più yacht di lusso rispetto a qualsiasi altro operatore al mondo. Oltre a sviluppare ulteriormente la flotta di quasi 100 yacht in gestione. Per conseguire questi obiettivi ha aperto cinque nuovi uffici a Hong Kong, Phuket, TCN Palma e Barcellona, e ha aumentato la sua forza lavoro qualificata di oltre il 13%. La storia di Fraser inizia nel 1947 quando il giovane David Fraser decise di unire la sua passione per la vela con il suo talento per la vendita fondando una società di brokeraggio di yacht sulla costa occidentale degli Stati Uniti. Man mano che l’azienda cresceva, David ha instillato il suo entusiasmo e il suo senso di integrità in tutti coloro con cui ha lavorato. L’intermediazione si è espansa a Fort Lauderdale negli anni ’70 e poi si

141

Il team dedicato di 170 persone di Fraser viene scelto per il suo entusiasmo, potenziato da una profonda conoscenza e ispirato a pensare in modo innovativo. Fraser’s dedicated team of 170 people is selected for its enthusiasm, which is powered by deep knowledge and inspired on thinking innovatively.

Mirgab VI, for sale with Fraser.

barchemagazine – Ottobre-October 2021


PEOPLE è fusa con la società europea United Yachting negli anni ’90 e ha iniziato a offrire servizi di noleggio e gestione. L’azienda ha ora più di 70 anni, con 16 uffici in tutto il mondo e oltre 170 dipendenti dedicati. Raphael è un fermo sostenitore del valore di lavorare insieme, per soddisfare meglio i clienti ed è attivamente coinvolto con due delle associazioni oggi più influenti della nautica di lusso: LYBRA (Large Yacht Brokers Association), di cui è attualmente presidente, e MYBA (Mediterranean Yacht Brokers Association), in qualità di Responsabile del Comitato per le Comunicazioni. Raphael Sauleau, il cambio degli azionisti di maggioranza ha coinciso con una diversa strategia di mercato? Ogni cliente che sceglie Fraser beneficia della nostra posizione come parte di MarineMax, il più grande rivenditore di barche da diporto al mondo e il numero uno dei rivenditori di imbarcazioni da diporto negli Stati Uniti. MarineMax è una società quotata in borsa a New York, HZO. Nel 2019, MarineMax ha acquisito Fraser con una mossa significativa che ha aumentato drasticamente la sua presenza e forza nella categoria strategicamente importante dei superyacht e ha ampliato le sue capacità e la sua rete internazionale. Questa partnership rappresenta un’ulteriore opportunità per Fraser di rafforzare le proprie radici e di far crescere la sua presenza in tutto il Nord America, condividendo la sua gamma di servizi con i clienti di MarineMax. Gli ultimi 12 mesi sono stati senza dubbio complicati. Come li avete gestiti? Cosa è cambiato 142 nei vostri piani? Fraser ha continuato a lavorare con i clienti attuali per sostenerli in tutti i campi della nostra esperienza di yachting, e siamo stati

felici di accoglierne tanti nuovi che, dopo anni di considerazione dell’acquisto di uno yacht, hanno deciso di fare questo passo. Fraser ha superato il suo precedente record nel 2020. I broker di Fraser hanno chiuso più vendite per i loro clienti rispetto al precedente e straordinario 2017. Infatti, le vendite degli ultimi due anni hanno visto l’azienda superare la sua media di 12 anni sia nel valore totale degli yacht venduti (in aumento del 45%) sia nel prezzo medio di vendita (in aumento del 40%). Nel 2020 sono stati venduti più yacht rappresentati da Fraser che da qualsiasi altro fornitore. Quali sono i segmenti del vostro business che hanno ottenuto risultati migliori degli altri? Come già accennato, abbiamo assistito a un anno record per le vendite. La nostra flotta è più forte che mai e conta più di 100 yacht. Abbiamo anche visto una stagione di noleggio molto forte nei Caraibi e quest’anno sembra andare ancora meglio, perché sempre più persone si rivolgono allo yachting come un’opzione di viaggio sicura e protetta. La vostra offerta in cosa differisce da quella dei vostri principali concorrenti? I broker Fraser acquistano e vendono più yacht per i clienti di qualsiasi altra azienda del settore al mondo. Celebrando 74 anni di risultati costanti, Fraser è la società di brokeraggio a servizio completo più longeva al mondo. Con oltre 170 specialisti che operano da 16 uffici in tutto il mondo che lavorano con oltre 1.000 clienti di oltre 40 nazionalità diverse, l’azienda offre assistenza e guida ai clienti con esperienza in tutti i settori chiave tra cui vendite, gestione di nuove costruzioni, gestione di yacht, gestione di charter, charter al dettaglio, Yacht Marketing e posizionamento dell’equipaggio di qualità.

Difendendo l’eccellenza nel servizio, l’etica e la sostenibilità, Fraser è rispettata da armatori, membri dell’equipaggio, acquirenti, noleggiatori, costruttori di yacht e professionisti del settore. Standing for excellence in service, ethics, and sustainability, Fraser is respected by owners, crew members, buyers, charterers, yacht builders, and industry professionals.

Yersin - photo by Thierry Ameller.

barchemagazine – Ottobre-October 2021


RAPHAEL SAULEAU

143 Wheels, for charter with Fraser - photo by Jeff Brown.

barchemagazine – Ottobre-October 2021


PEOPLE

K2, for charter with Fraser - photo by Alberto Cocchi.

144

Working with skippers, crews, and customers, Fraser is committed to promoting actions and initiatives that nurture life at sea and protect the world’s oceans.

Lavorando con i capitani, gli equipaggi e i clienti, Fraser è impegnata a promuovere azioni e iniziative che alimentano la vita marina e proteggono gli oceani del mondo.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

Prevedete o immaginate che questo business cambierà nel medio/lungo periodo? Speriamo di vedere una crescita ancora maggiore nei prossimi 12 mesi. Il 2021 ha certamente visto una continua ondata di vendite e noleggi e non ci aspettiamo che questo diminuisca. RAPHAEL SAULEAU’S APPROACH TO LUXURY YACHTING HAS SOLID CULTURAL AND MANAGERIAL FOUNDATIONS. Professionally as well as personally, Raphael is guided by the challenge of obtaining the very best from life, and his mission is to ensure that his company continues to purchase and sell more luxury yachts than any other operator in the world, in addition to further developing the fleet of almost 100 managed yachts. To reach these goals, he opened five new offices in Hong Kong, Phuket, TCN Palma, and Barcelona and increased his qualified workforce by more than 13%. Fraser’s history started in 1947 when the young David Fraser decided to combine his passion for sailing with his talent for selling and founded a yacht brokerage company on the West coast in the United States. As the company grew, David instilled his enthusiasm and sense of integrity in everyone he ever worked with. The intermediation expanded to Fort Lauderdale in the ’70s and then merged with the European company United Yachting in the ’90s to start offering charter and management services. Now the company is more than 70 years old, with 16 offices worldwide and more than 170 dedicated employees. Raphael is a stern supporter of the value of working together to better meet clients’ needs. He is actively involved in two of the most influential associations in contemporary luxury yachting: LYBRA (Large Yacht Brokers Association), of which he is currently the President, and MYBA (Mediterranean Yacht Brokers Association), where is responsible for the Communications Committee. Raphael Sauleau, has the change of majority shareholder coincided with a different market strategy? Every client that chooses Fraser benefits



PEOPLE Noleggiare una nave con equipaggio consente di esplorare una varietà di destinazioni con tutti i comfort e i servizi di una villa di lusso nel relax assoluto o nell’avventura mozzafiato. Chartering a vessel with a crew allows you to explore a variety of destinations with all the comforts and services of a luxury villa in total relaxation or for a breathtaking adventure.

from our position as part of MarineMax, the world’s largest recreational boat retailer and the N°1 pleasure craft dealer in the US. MarineMax is a New York Stock Exchange-listed company, HZO. In 2019, MarineMax acquired Fraser in a significant move that dramatically increased its presence and strength in the strategically important superyacht category and expanded its international capabilities and network. The partnership continues to allow 146 Fraser to reinforce its roots, and further grow its footprint across North America and share its range of services with MarineMax clients. The last 12 months have undoubtedly been complicated. How did you manage them? What has changed in your plans? Fraser continued to work with our existing clients to support them in all areas of their yachting experience, and we were happy to welcome many new clients who, after years of considering buying a yacht, decided to take

that step. Fraser outperformed its previous record in 2020. Fraser brokers closed more sales for their clients than in 2017, the previous outstanding best year. Sales in the last two years have seen the company outperform its 12-year average both in the total value of yachts sold (up 45%) and the Average Asking Price of yachts sold (up 40%). Yacht and Project Management keep on growing year on year. And more yachts represented by Fraser were sold in 2020 than by any other provider. Which are the segments of your business that have performed better than the others? As above, we saw a record year for sales. Our yacht management fleet is stronger than ever with 100+ yachts. We also saw a very strong charter season in the Caribbean and this year is looking stronger than ever as more people are looking at yachting as a safe, secure travel option. How does your offer differ from the ones of

Baba’s, for charter with Fraser.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

your main competitors? Fraser brokers buy and sell more yachts for more clients than any other provider in the world today. Celebrating 74 years of consistently delivering results, Fraser is the longest-serving, full-service brokerage house in the world. With over 170 specialists operating from 16 offices around the world working with over 1,000 clients of over 40 different nationalities, the company offers experienced client support and guidance in all key sectors including Sales, New Build Management, Yacht Management, Charter Management, Retail Charter, Yacht Marketing and quality Crew Placement. Do you expect and/or imagine that this business will change in the medium/long term? We hope to see even more growth over the coming 12 months. 2021 has certainly seen a continued wave of sales and charters and we do not expect this to diminish.



THE IDEA FACTORY

148

barchemagazine – Ottobre-October 2021


ISA AYRTON 63 METERS

New GEOMETRIES 149

Enrico Gobbi - Team for Design ha firmato il progetto di Ayrton per ISA Yachts, un superyacht con un richiamo forte al mondo della Formula 1 Enrico Gobbi - Team for Design signed the Ayrton project for ISA Yachts, a superyacht with a strong reference to the world of Formula 1 racing by Massimo Longoni barchemagazine – Ottobre-October 2021


THE IDEA FACTORY QUESTO PROGETTO NASCE DAL DESIDERIO DI SPERIMENTARE IL POTERE EVOCATIVO DELLA FORMA E DEI PATTERN PRIMIGENI del mondo delle corse automobilistiche. Il lavoro di Enrico Gobbi - Team for Design è il frutto di un’intensa ricerca sulle nuove geometrie, richiamando forme indefinite aperte alla libera interpretazione. Il progetto di Ayrton si esprime all’interno di questo contorno unico, regolare e fluido della nave. Elementi ben precisi polarizzano lo spazio e attraggono l’occhio con il potere unico delle forme eidetiche, ovvero quelle figure che ci ricordano altro e suggeriscono immagini percepite altrove. Il primo, di una gamma che comprende tre modelli da 50 a 70 metri, ad essere introdotto è ISA Ayrton 63 metri dove il concept si basa non solo su dettagli sportivi del mondo automotive combinati a grandi volumi interni, ma anche sulle forme della natura. Questo dettaglio è ben visibile dal profilo che evidenzia, a prua, cinque finestrature trasversali della cabina armatoriale full-beam, che richiamano le branchie di un pesce. Il filo conduttore che emerge forte e distintivo è lo studio delle vetrate cielo-terra che creano ambienti panoramici suggestivi su tutti i ponti. Muovendosi verso poppa le geometrie accompagnano l’occhio con tagli trasversali a 45 gradi. Il primo, a centro barca, è evidenziato da queste grandi finestrature apribili del fly deck e dell’upper deck, mentre sulla murata di destra del main deck troviamo un balcone apribile; il secondo, dato dall’allineamento dei ponti a poppa dove, per eliminare l’effetto di 150 ISA Ayrton 63m può ospitare 12 persone suddivise in 4 cabine doppie posizionate nel lower deck, una cabina Vip e la suite armatoriale a tutto baglio sul ponte principale. L’equipaggio è composto da 15 membri suddivisi in 9 cabine.

The ISA Ayrton 63m can accommodate 12 people divided into 4 double cabins placed on the lower deck, one VIP cabin, and the full-beam owner’s suite on the main deck. The crew counts 15 members divided into 9 cabins.

barchemagazine – Ottobre-October 2021


ISA AYRTON 63 METERS

151

barchemagazine – Ottobre-October 2021


THE IDEA FACTORY “castello galleggiante”, sono stati creati deck filanti che infondono movimento, anche grazie all’effetto ali di aereo riprese dal mondo del jet design/aeronautica sottolineati dal colore grigio e dalla forma ad unghia. Enfasi è stata data allo studio cromatico di tutti i dettagli poppieri in grigio metallizzato e da un sistema di luci integrato che evidenzia queste forme. Imperdibile il beach club, un progetto nel progetto, dove una vetrata ha sostituito il classico portellone di poppa per creare un effetto scenico senza eguali. La vetrata include una cascata sulla piscina ed è l’elemento di unione con la jacuzzi posizionata internamente. Tutto su un unico livello che grazie alle due aperture laterali trasforma questo beach club nel più grande su questa dimensione di imbarcazioni. Infatti, l’area tender, una volta varato quest’ultimo, è a tutti gli effetti parte integrante del beach club. Ultimo dettaglio esclusivo che completa questa area è l’accesso al main deck che può avvenire con le sue scale laterali, ma anche internamente da una comoda scala posizionata sulla murata di sinistra. Il fly deck è votato al wellness ed include oltre alla palestra panoramica anche una jacuzzi a prua. Gli interni avranno un sapore ricercato con un accento alla connessione interno/esterno data dalle grandi finestrature cielo-terra apribili e presenti su ogni ponte.

152

The ISA Ayrton 63m will feature a steel hull and aluminium superstructure with a tonnage of about 1,200 GT.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

ISA Ayrton 63m avrà scafo in acciaio e sovrastruttura in alluminio con una stazza di circa 1.200 GT.



THE IDEA FACTORY Grazie a due motori Caterpillar 3512C da 1.800 cv l’uno, questo superyacht dislocante potrà raggiungere una velocità massima di 17,5 nodi, una di crociera di 15 nodi con un’autonomia superiore a 5.000 miglia nautiche a 12 nodi.

154

Thanks to two Caterpillar 3512C with 1,800 hp each, this displacement superyacht will be able to reach a top speed of 17.5 knots, cruising speed of 15 knots with a range of more than 5,000 nautical miles at 12 knots.

THIS PROJECT SPRINGS FROM THE DESIRE TO SENSE THE EVOCATIVE POWER OF THE PRIMORDIAL SHAPES and patterns of motorsports. The work of Enrico Gobbi - Team for Design is the result of intense research on new geometries, with a reference to indefinite shapes open to free interpretation. The Ayrton project expresses itself within this unique, regular, and fluid frame of the boat. Very precise elements polarise the space and catch the eye with the unique power of eidetic shapes, i.e. those figures that remind us of something else and suggest images we have perceived elsewhere. In a range comprising three models from 50 to 70 meters, the first to be introduced is the ISA Ayrton 63 meter, whose concept is based not only on the sporty details derived from the automotive world combined with large interior volumes but also on the shapes of nature. This detail is highly visible in the profile, which features five windows on the fore that are transversal with the full-beam owner’s suite, as a reference to the gills of a fish. The red thread that emerges strongly and distinctively is the study of the floor-to-ceiling windows that create suggestive panoramic environments on all decks. Moving aft, the geometries accompany the eye with 45-degree transversal cuts. The first, at the center of the yacht, is

barchemagazine – Ottobre-October 2021

highlighted by the large openable windows of the fly deck and upper deck, while the right-hand wall of the main deck features an openable balcony. The second is constituted by the alignment of the decks astern, where, to eliminate the ‘floating castle’ effect, streamlined decks were created to create movement, also thanks to the airplane-wing effect taken from the world of jet design/aeronautics and underlined by the grey color and nail shape. Special attention was paid to the chromatic study of all details aft in metallic grey, which is highlighted by a system of integrated lights to emphasise the shapes. The beach club deserves special mention as it is a project within the project, where a large window has replaced the typical transom door to create an unparalleled scenic effect. The large glass window includes a cascade over the pool and is the element of unity with the jacuzzi placed on the inside. Everything is on one level and thanks to the two side openings this beach club can be transformed into the biggest beach club on crafts of this size. Once the latter has been deployed, the tender area becomes an integral part of the beach club. The last exclusive detail completing this area is the access to the main deck, which is granted by the lateral stairs and from the inside thanks to a comfortable staircase positioned on the lefthand wall. The fly deck is dedicated to wellness and includes a panoramic gym and a jacuzzi aft. The interiors will have a sophisticated flair with an accent on the connexion between interior and exterior given by the large openable floor-to-ceiling windows present on each deck.



SHIPYARDS

SHIPYARDS

156

BACK to the barchemagazine – Ottobre-October 2021


MIG Marine

Federico Fiorentino ha ridisegnato tutto ciò che è al di sopra della linea di galleggiamento dei nuovi modelli della flotta MIG, tenendo presenti le tendenze stilistiche attuali e quelle connesse con la sicurezza Federico Fiorentino has redesigned everything above the water line in the new MIG ranges, taking into account style trends and current safety requirements by Angelo Colombo

157

FUTURE barchemagazine – Ottobre-October 2021


SHIPYARDS MIG È UN MARCHIO CHE, SOPRATTUTTO AL PUBBLICO DEGLI APPASSIONATI LAZIALI, SUONA MOLTO FAMILIARE. È uno di quei cantieri nati sulle rive del fiume Tevere dove hanno preso vita numerose altre iniziative industriali nautiche di rilievo. Anche il suo nome porta con sé la storia di un ambiente cantieristico vivace, caratterizzato da una competizione che dalle placide acque del fiume di Roma portavano a battaglie in mare a suon di nodi in più per uno o per l’altro. MIG, come tutti sanno, è il nome di una serie di aerei da combattimento prodotti nella ex URSS, acronimo di Mikoyan I (“e” in russo) Gurevich, i progettisti di questi velivoli. Negli anni ’80 c’era già un altro storico cantiere sulle sponde del Tevere, Tornado, come il caccia Grazie al sistema di governo elettronico di Volvo Penta anche un armatore alle prime armi riuscirà a gestire in sicurezza e senza stress questa barca.

Thanks to the electronic management system by Volvo Penta, even a firsttime owner will be able to handle the boat safely and without stress.

multiruolo con ala a geometria variabile sviluppato in un programma congiunto tra Germania Ovest, Regno Unito e Italia. Il management del cantiere di allora ha voluto enfatizzare questa competizione scegliendo come nome MIG, quello del suo omologo al di là del Muro. Storie di cantieri che sarebbe stato un peccato perdere. Ad evitarlo ci ha pensato un imprenditore appassionato di motoscafi veloci che ha tenuto tutto quello che di buono c’era nel progetto MIG proiettandolo in un nuovo futuro. Sono stati rilevati i progetti, gli stampi e le attrezzature utili per poter avviare la produzione dei nuovi MIG basandosi su concetti di qualità e sicurezza attuali. Per riuscire in quest’ambizioso progetto ci si avvale di un team di designer e ingegneri che hanno riprogettato tutto tranne le linee d’acqua, che hanno sempre dato prova di essere valide per prestazioni e tenuta di mare, tanto da essere state scelte in passato da Adriano Panatta, noto non solo per i suoi grandi successi internazionali sui

158

barchemagazine – Ottobre-October 2021

campi da tennis, ma anche per la sua passione per le gare di Off-shore. Infatti, con il suo MIG 38 vinse la Venezia-Montecarlo con un secondo posto assoluto e un primo nella categoria di appartenenza. Il cantiere oggi vive una stagione di rinnovamento non solo dei progetti, ma anche nella visione a medio e lungo termine, con barche capaci di attrarre nuovamente il grande pubblico appassionato di open mediterranei di qualità. L’architetto Federico Fiorentino ha ridisegnato tutto ciò che è al di sopra della linea di galleggiamento dei nuovi modelli della flotta MIG, tenendo presenti le tendenze stilistiche attuali e quelle connesse con la sicurezza. Per questo le murate sono più alte e i passaggi laterali più larghi. Il nuovo design propone anche soluzioni come plancia poppiera movimentabile, murate abbattibili per estendere la zona dedicata ai bagni oltre ad attenzioni tecniche e materiali d’avanguardia. Il cantiere ha già previsto dei nuovi modelli per la sua flotta, varianti in grado di incontrare gusti ed esigenze diverse. Per questo i nuovi open di MIG saranno anche disponibili in versione con hard top e, ai classici motoscafi, si aggiungerà poi un modello denominato T-Rib di 35 piedi, omologato come natante. Il primo esemplare che sarà varato il prossimo anno e presentato in occasione del salone di Genova 2022, è il 45 piedi, uno yacht moderno e gradevole nelle linee che offre spazi all’aperto e al coperto progettati con cura oltre a


MIG Marine

MIG 45 HT.

159

MIG 45 OPEN.

barchemagazine – Ottobre-October 2021


SHIPYARDS

160

The MIG 45 will be fitted with Volvo Penta IPS transmissions to ensure that fuel consumption is minimised, while performance levels are in line with yachts of this size.

Il MIG 45 sarà dotato di trasmissioni IPS di Volvo Penta per garantire consumi contenuti a fronte di prestazioni in linea con yacht di queste dimensioni.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

elementi di rottura con il passato, come le grandi finestrature sulle murate, la pontatura di coperta in stile walk-around e un parabrezza di grandi dimensioni che contribuisce a conferire personalità al progetto. Per quanto riguarda la produzione di scafo e coperta, MIG si avvale di aziende terziste di provata esperienza e dalla qualità certificata dalle numerose imbarcazioni prodotte per blasonati cantieri nazionali per i quali lavorano da anni, mentre gli allestimenti sono curati da collaboratori che operano all’interno del cantiere MIG di Sabaudia (LT), anch’essi provenienti da esperienze presso altri noti cantieri. Il nuovo MIG 45 che attendiamo di vedere, e soprattutto provare in mare, sarà dotato di trasmissioni IPS di Volvo Penta per garantire consumi contenuti a fronte di prestazioni in linea con yacht di queste dimensioni. Inoltre, grazie al sistema di governo elettronico proposto dall’azienda svedese con i suoi gruppi di trasmissione, anche un armatore alle prime armi riuscirà a gestire in sicurezza e senza stress questa barca. Se a questo aggiungiamo che gli scafi MIG sono stati concepiti sin dall’inizio della loro storia con una larghezza importante in relazione alla lunghezza, ne consegue che gli interni e la coperta beneficeranno di spazi ampi ai quali era necessario dare nuova vita in termini progettuali. MIG IS A BRAND THAT IS WELL KNOWN TO BOAT FANS IN THE ROME AREA AS ONE OF THE BOATYARDS that have grown up on the shores of the Tiber where several other significant nautical manufacturing ideas were born. Even its name carries with it the history of a lively working atmosphere, which was reflected in a competition,



SHIPYARDS which took the boats from the calm waters of Rome’s river to a sea battle waged in terms of knots. As everyone knows, MIG is the name of a series of combat aircraft produced in the former USSR: MIG is an acronym derived from Mikoyan I (“I” means “and” in Russian) Gurevich, who designed the planes. During the 1980s there was another historic boatyard on the shores of the Tiber, which had the same name – Tornado – as the sweepwing multipurpose fighter produced jointly by West Germany, the UK, and Italy. The yard management at that time sought to stress this competition by choosing the name MIG, just like the Tornado’s counterpart on the other side of the Wall. It would be a shame if these boatyard stories disappeared, and an enthusiast of fast motorboats has taken everything good in the MIG project and propelled it into a new future. He has taken over the designs, molds, and equipment needed to start production of the new MIGs based on current concepts and

MIG boats have been designed with a significant beam to length, and that means that the interiors and deck benefit from large spaces.

safety. To succeed in this ambitious plan, the yard uses a team of designers and engineers who have redesigned everything apart from the water lines, which have always shown themselves to be worthy in terms of performance and sea holding, to such an extent that in the past they were used by Adriano Panatta, who is famous not only for his great success in international tennis but also for his passion for offshore racing. Panatta came second overall, and first in class, in the Venice-Montecarlo race with a MIG 38. The yard is currently going through a period of renewal not just with the projects it is handling, but also in terms of the mid and long-term view, with boats that can once again appeal to a wider group that is enthusiastic about high-quality open Mediterranean boats. The architect Federico Fiorentino has redesigned everything above the water line in the new MIG ranges, taking into account style trends and current safety requirements. That is why the sides are higher

Gli scafi MIG sono stati concepiti con una larghezza importante in relazione alla lunghezza, ne consegue che gli interni e la coperta beneficeranno di spazi ampi.

162

barchemagazine – Ottobre-October 2021

and the gangways are wider. The new design also has a movable stern platform, sides that can fold down to extend the swimming platform, and has also used cutting-edge techniques and materials. The yard has already got some new models on the way, variations that suit various tastes and requirements. That is why the new MIG open boats will also be available with hardtops, and the 35foot T-Rib (officially classed as a 10-meter natante boat) will be introduced. The first of the boats that will be launched next year and presented at the 2022 Genoa Boat Show, is the 45-footer. A modern yacht with pleasing lines that has both open and covered spaces that have been carefully designed, as well as aspects that break with the past, such as the large side windows, the walkaround deck, and a very large windscreen which helps to give the design character. As far as the production of the hull and deck is concerned, MIG relies on tried and trusted third-party companies with a quality that has been proven by the number of boats produced over many years for celebrated Italian boatyards, while the fittings and set-up have been done by the people who work inside the MIG yard in Sabaudia (province of Latina), who also have considerable experience at other well-known yards behind them. The new MIG 45 that we are waiting to see, and above all to try out on the water, will be fitted with Volvo Penta IPS transmissions to ensure that performance levels are in line with yachts of this size. Furthermore, thanks to the electronic management system that the Swedish firm offers with its transmission packages, even a first-time owner will be able to handle the boat safely and without stress. If we add the fact that MIG boats have been conceived from the very start as having a large beam to length, the consequence is that the deck and inside areas will benefit from large spaces that have required a new approach in design terms. Sito web www.mig-marine.com E-mail info@mig-marine.com Tel. +39 338 9651566



THE IDEA FACTORY

Visionari e

Sensitive Lo studio di Claudio Lazzarini e Carl Pickering ha svolto nella sua storia un’attività che comprende tipologie di progetti che spaziano in moltissimi ambiti, interpretando ogni periodo storico con grande sensibilità

164

Over the years, Claudio Lazzarini and Carl Pickering’s firm has worked on a wide variety of projects incorporating numerous different fields, always offering a highly sensitive interpretation of each historical period by Claudia Giulia Ferrauto photo by Studio LPA and Matteo Piazza

barchemagazine – Ottobre-October 2021


LAZZARINI PICKERING

SENSIBILI visionaries 165

barchemagazine – Ottobre-October 2021


THE IDEA FACTORY INNOVAZIONE. VISIONE D’INSIEME. FRESCHEZZA. Quando si varca la soglia dello studio Lazzarini Pickering - nel cuore pulsante del quartiere Trastevere a Roma - si entra in un’altra dimensione, avvolti da un pieno di luce morbida, doppie altezze inaspettate, spazi pieni di eleganza e ordine. Due splendidi labrador retriever, color panna e cioccolato, ci seguono docili mentre attraversiamo lo studio e l’architetto Pickering spiega che «In questi spazi, hanno creato, lavorato, vissuto grandi artisti, prima che lo acquistassimo, da Schifano a Gino De Dominicis, fu la sede della Fondazione Boetti, la dimora di Abel Ferrara. Molto di quello che esiste qui parla anche di loro». A questo punto, prima di entrare nel pieno dell’intervista, sarà bene introdurre i protagonisti di questo nostro ritratto. Lo studio Lazzarini Pickering, fondato a Roma nel 1982 dagli architetti Claudio Lazzarini e Carl Pickering, ha

collezionato, in quasi quarant’anni di attività, un lavoro che abbraccia tipologie di progetti che spaziano dal design nautico all’architettura, passando poi attraverso la ristrutturazione di edifici storici, per arrivare fino alla progettazione di hotel, Spa, ristoranti, senza dimenticare l’industrial design, la grafica e il branding. Negli anni lo studio LPA ha saputo rispondere ai desiderata di clienti tra cui figurano diversi importanti cantieri nautici come Benetti, Rossinavi, Wally, poi Valentino, e poi ancora Fendi, per cui ha progettato l’immagine internazionale delle 80 boutique sparse nel mondo dal 1997 al 2002, per non parlare dei progetti per Montblanc o per Ferrero, insomma l’elenco è lungo e inquadra uno spirito progettuale che va letteralmente “dal cucchiaio alla città”. Non stupisce quindi la collezione di prestigiosi premi internazionali, tra cui il Compasso d’Oro, l’AR + D Prize, il Gold Bundesrepublik

Ritratto di uno studio

Lo studio, fondato nel 1982 dagli architetti Claudio Lazzarini e Carl Pickering, ha ottenuto nel corso degli anni prestigiosi premi internazionali, tra cui il Compasso d’Oro, l’AR + D Prize, il Gold Bundesrepublik Design Prize, il Dedalo Minosse Architectural Prize e il Millennium Design Award. L’arch. Claudio Lazzarini si laurea in architettura presso l’Università “La Sapienza” di Roma, dove studia con Ludovico Quaroni. L’arch. Carl Pickering nasce a Sydney (Australia) ma vive in Italia dal 1980, dove si laurea in architettura presso l’Università IUAV di Venezia, studiando con Peter Eisenman, Gino Valle, Massimo Scolari. Nel corso degli anni, oltre all’attività di progettazione, i due fondatori dello studio LPA hanno svolto un ruolo didattico e divulgativo tenendo conferenze presso importanti istituzioni - tra cui il MAXXI e la Casa dell’Architettura - nonché come Visiting Professor presso diverse Università internazionali. Sono inoltre stati entrambi docenti presso la Facoltà di Architettura “La Sapienza” di Roma “Ludovico Quaroni”.

Portrait of a studio

166

VILLA IN THE CHILTERNS Questo progetto, immerso nella campagna tra Londra e Oxford, nasce da un’operazione di demolizione e ricostruzione di una casa dei primi del Novecento immersa nel verde. L’intervento ha coinvolto sia la scala architettonica sia quella paesaggistica. Due gli elementi che stilisticamente la caratterizzano: l’ingresso all’abitazione con una rotonda percorribile delimitata da siepi; la casa, ricoperta da un manto erboso, situata a un livello inferiore, a scomparsa rispetto all’intorno. Un concept dove fa da padrona la leggerezza ma non solo. È una casa a impatto zero come energia d’uso grazie ai molti accorgimenti green adottati.

This project, set in the countryside between London and Oxford, began following the demolition and reconstruction of an early 20th-century house surrounded by greenery. It involved both architectural and landscaping work. The villa is characterized by two main stylistic features: the entrance to the home with a rotunda delimited by hedges; the home, wrapped in a mantle of grass and situated at a lower level, almost hidden within its surroundings. A concept where weightlessness reigns supreme. It is also a zero-impact house in terms of energy use thanks to the numerous green features.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

Over the years, the studio founded in 1982 by the architects Claudio Lazzarini and Carl Pickering has won several prestigious international awards, including the Compasso d’Oro, the AR + D Prize, the Gold Bundesrepublik Design Prize, the Dedalo Minosse Architectural Prize, and the Millennium Design Award. Claudio Lazzarini graduated in architecture from “La Sapienza” University in Rome, where he studied under Ludovico Quaroni. Carl Pickering was born in Sydney (Australia) but has lived in Italy since 1980, where he graduated in architecture at IUAV University in Venice, studying under Peter Eisenman, Gino Valle, and Massimo Scolari. As well as their design work, the two founders of LPA have also been involved in teaching and education, holding conferences at major institutions – including the MAXXI and la Casa dell’Architettura – as well as working as visiting professors at various international universities. They have also both taught at the “Ludovico Quaroni” Faculty of Architecture at “La Sapienza” University in Rome.


LAZZARINI PICKERING

VILLA A POSITANO Una villa del Settecento, il cui tema progettuale è la creazione di un intervento contemporaneo nel contesto di un’antica città marinara, per reinterpretarne le tradizioni di chiara influenza araba annidate in diversi dettagli. La ristrutturazione prevede il ripristino dell’originaria ampiezza degli spazi e degli archi a tutto sesto modulati da un paesaggio di elementi geometrici. La continuità degli ambienti, collegati tra loro da cornici scatolari in ferro, firma gli ambienti portando la forza del contemporaneo nel cuore della storia.

VILLA IN POSITANO An 18th-century villa, redeveloped to create a contemporary design within the context of an old fishing village, reinterpreting the traditions of clear Arabic influence tucked away in various details. The renovation involves the restoration of the original large spaces and the round arches modulated by a landscape of geometric elements. The continuity of the rooms, linked by box-shaped iron frames, characterizes the environments, bringing the power of modernity to the heart of history.

167

barchemagazine – Ottobre-October 2021


THE IDEA FACTORY

SENSE HOTEL L’Hotel Sense, a Sofia, ruota attorno alla ricostruzione nel 2013 in chiave moderna, di un edificio storico. L’hotel è situato in una delle strade più prestigiose della città, e la peculiarità è la capacità che la soluzione finale apporta all’edificio, di creare un dialogo rispettoso con il contesto, nonostante il look assolutamente contemporaneo. La nuova facciata che caratterizza l’hotel è composta da una superficie vetrata interrotta da una griglia metallica che definisce il motivo delle finestre nelle camere.

The Sense Hotel, in Sofia, revolves around the 2013 reconstruction of a historic building in a modern key. The hotel stands on one of the city’s most prestigious roads, and it stands out for the building’s capacity to establish a respectful dialogue with the setting, despite its extremely contemporary appearance. The hotel’s new facade is made up of a glazed surface interrupted by a metal grille that sets the pattern for the bedroom windows.

168

Design Prize, il Dedalo Minosse Architectural Prize e il Millennium Design Award. Il carattere versatile, parte della natura dello studio, si sposa a una visione che resta tuttavia integra in ogni diverso progetto, come si percepisce osservando il senso di leggerezza che traspare in ogni realizzazione. Qual è lo spirito con cui lo studio affronta sfide così diverse restituendo sempre un chiaro imprinting identitario della vostra firma? La nostra specificità è che siamo architetti e ne andiamo orgogliosi, perché chi ha fatto questo percorso di vita e di studio ha una scala temporale diversa da tutti nell’approcciare i progetti. Le cose che facciamo sono pensate per non avere tempo ed essere sempre attuali. Molte nostre realizzazioni di vent’anni fa, sembrano fatte oggi. Un’altra nostra caratteristica, legata proprio a questo Dna, è la multidisciplinarietà che ci porta ad essere spesso degli outsider, con una profonda vocazione ad innestare da un campo ad un altro le ricerche che stiamo facendo. Questo ci permette di approcciare ogni progetto in modo molto fresco. A proposito di freschezza, tra i tanti progetti iconici che hanno firmato, quelli in campo nautico hanno segnato dei punti di riferimento, basti pensare al Wally Power 118 o al Wally 80, Shaka, con cui, nel 2008, hanno vinto il Compasso d’Oro ad esempio. Come siete entrati nel settore nautico e con quale sensibilità vi muoverete per trovare risposte così dirompenti eppure tanto apprezzate? Il nostro ingresso nella nautica avviene un po’ per caso, occupandoci degli interni del Wally B, nel 1995, nonostante nessuno di noi due avesse radici in questo ambiente. Ci contraddistingue da sempre però il fatto di essere dei designer strategici. Approcciamo ogni progetto con l’apertura di quando si affronta qualcosa per la prima volta, e questo produce risultati inaspettati, come il Wally pensato per Ferrero, che poi ci chiese di rilanciare anche i Ferrero Rocher.

«Come Studio di architettura, noi andiamo da masterplan urbanistici a edifici nuovi, alla ristrutturazione di edifici storici, agli hotel, alle boutique, e infine disegniamo anche mobili. Non ci sono barriere o confini, la contaminazione multidisciplinare è il nostro elemento fondante». «As an architecture firm, we range from urban masterplans to new buildings, the renovation of historic buildings, hotels, and boutiques, and we even design furniture. There are no barriers or boundaries. Multidisciplinary fusion is our founding element». Carl Pickering barchemagazine – Ottobre-October 2021


LAZZARINI PICKERING

169

SPA A BEIRUT Il progetto, sito a Beirut (Libano), è volto alla realizzazione di una Spa pubblica come parte integrante di un albergo degli anni ’60. La volontà è quella di ristrutturare con un linguaggio contemporaneo il tradizionale edificio libanese nei pressi dell’hotel, caratterizzato da muri di pietra a vista e da un grande loggiato ad archi. L’intervento architettonico abbraccia circa 1.000 mq disposti su due livelli e prevede un nuovo corpo di fabbrica connesso a quello esistente. Le grandi vetrate sono schermate da Moucharabieh, reinterpretati in chiave moderna, mettendo in comunicazione spazi interni ed esterni. Il risultato è di un incredibile rigore, perfettamente integrato a un caleidoscopio di colori e geometrie.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

SPA IN BEIRUT This project, located in Beirut (Lebanon), aims to develop a public SPA as an integral part of a 1960s hotel. The objective is to adopt a contemporary style in the renovation of a traditional Lebanese building near the hotel, characterized by bare stone walls and a large arched loggia. The architectural work embraces almost 1,000 m2 spread over two floors and envisages a new building linked to the existing one. The large windows are screened by Moucharabieh, reinterpreted in a modern key, creating a link between interior and exterior spaces. The result is incredibly precise, perfectly integrated with a kaleidoscope of colours and patterns.


THE IDEA FACTORY Un salto di scala inusuale, passare dal progettare uno yacht al rilancio del brand di un cioccolatino, come avete reagito? Con stupore, la nostra prima risposta fu di perplessità. Noi non comprendiamo il cioccolato al latte, forse non siamo le persone giuste per questo concept, abbiamo detto, e invece lui ci rispose che gli piaceva proprio il nostro modo strategico e fuori dagli schemi di pensare. Insomma, il vostro segreto è il fatto di non essere iperspecializzati in un solo tema, ma saper valorizzare ogni cosa in base ai riferimenti del contesto, potremmo dire così? Esattamente, e questo lo vediamo nella nautica come in architettura come pure nel design. La nostra non specificità disciplinare, diventa un’estrema specificità rispetto al luogo. Che vuol dire capire i contesti, interpretarne i segni, le geometrie, i materiali, la luce, il vento, le viste. Nel caso di un edificio storico - e con lo studio ne abbiamo curati diversi - si tratta di capire la stratificazione di quel luogo. Il nostro intervento in questi casi ci vede, metaforicamente, come dei chirurghi che operano con un bisturi per cercare di ottenere il massimo, rendendo il nostro intervento il più invisibile possibile. Per comprendere meglio questo concetto molto interessante può farci qualche esempio? Per l’architettura potrei citare la Villa in The Chilterns, che convive in perfetta armonia immersa nel verde, come anche Villa G, o la Spa di Beirut, dove l’innovazione sposa il contesto storico con armonia senza mai travolgerlo. Anche la sostenibilità può 170 essere una guida che diventa elemento portante di design, ne è un esempio nella Villa in The Chilterns. Nella nautica di esempi ce ne sono molti, in ogni nostro progetto cerchiamo la linea, il carattere, l’elemento geometrico dominante, cui far convergere tutto il resto. Può essere la corrispondenza del pagliolato tra esterno e interno, o il mettere a nudo la struttura dello yacht, come abbiamo fatto anche recentemente sul Motopanfilo di Benetti, come pure creare una maggiore coerenza tra i molti modi di stare a bordo e la configurazione degli spazi. In quest’ultimo caso, l’idea di conferire agli interni di uno yacht la possibilità di trasformarsi - grazie a una serie di accorgimenti di design - rendendo gli ambienti polifunzionali è stata vista forse con una certa ritrosia nel primissimo momento, mentre in seguito ha preso piede ed è diventata un vero trend. Più si ascoltano le risposte più nella mente si creano nuove curiosità. La bellezza dei progetti e la capacità di raccontarli hanno aumentato le domande lasciando tutto il resto in sospeso. E mentre riordino gli appunti e prendiamo accordi per le immagini, la dolcezza dei due labrador, che hanno pazientemente ascoltato accucciati, si trasforma in un saluto festoso che diventa un abbraccio - letteralmente - nei confronti di Claudio Lazzarini e Carl Pickering. È arrivato il tempo di congedarsi.

VILLA G Villa “G” fa parte di un progetto del 2016 immerso in un’area boschiva protetta nei pressi di Todi, e segna l’esito di un lavoro di ristrutturazione di un intero borgo risalente tra il Sette e l’Ottocento. La superficie totale del lotto è di circa 9 ettari. L’unità “G” ha una superficie di 357 mq ed è la prima nuova architettura completata. Il risultato manifesta una capacità di far dialogare con equilibrio tradizione e contemporaneità, toccando un risultato estremamente elegante e moderno, rendendo omaggio alla storia.

INNOVATION. OVERALL VISION. FRESHNESS. When you cross the threshold of the Lazzarini Pickering studio – in the vibrant heart of Rome’s Trastevere neighbourhood – you enter another dimension, enveloped by soft light, with unexpected double-height ceilings and spaces packed with elegance and order. Two Labradors, one yellow and one chocolate, follow us docilely as we make our way across the studio and Pickering explains that «Before we purchased these premises, great artists

barchemagazine – Ottobre-October 2021

Villa “G” is part of a 2016 project in a protected woodland area near Todi. It marks the outcome of a renovation project involving an entire hamlet dating back to the 18th and 19th centuries. The total surface area of the plot is around 9 hectares. Unit “G” has a surface area of 357 m2 and was the first new piece of architecture to be completed. The result reveals an ability to establish a balanced dialogue between tradition and contemporaneity, producing an extremely elegant and modern result that pays tribute to history.


LAZZARINI PICKERING

171

barchemagazine – Ottobre-October 2021


THE IDEA FACTORY

Farr 85, ph.credits: Matteo Piazza (interiors).

172

FARR 85 ROMA Lo studio LPA ha lavorato su barche che sono rimaste nel cuore, come il Farr 85 Roma (prodotto dal cantiere Latini Marine - tra i primi in Europa a misurarsi nella costruzione di barche in fibra di carbonio) sviluppato da Farr Yacht Design in collaborazione con Lazzarini Pickering Architects.

LPA has worked on many vessels that have remained in people’s hearts, such as the Farr 85 Roma (made in the Latini Marine yard – one of the first in Europe to build carbon fiber boats) developed by Farr Yacht Design in partnership with Lazzarini Pickering Architetti.

Farr 85 ph.credits: (exteriors) Antonio Latini.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

lived, worked and created here, from Schifano to Gino De Dominicis. This was the headquarters of the Fondazione Boetti, the home of Abel Ferrara. Much of what you see here also tell their story». At this point, before our interview gets properly underway, it would be a good idea to introduce the two protagonists of this portrait we’re painting. Lazzarini Pickering Architetti (LPA) was founded in Rome in 1982 by the architects Claudio Lazzarini and Carl Pickering. For almost forty years in business, it has embraced a wide variety of projects ranging from nautical design to architecture, incorporating the renovation of historical buildings and the design of hotels, SPAs, and restaurants, without forgetting industrial design, graphics, and branding. During its time in business LPA has succeeded in catering to the wishes of its clients, which include many major shipyards such as Benetti, Rossinavi, and Wally, and then Valentino and even Fendi, for which it designed the international image for its eighty boutiques dotted around the world from 1997 to 2002, not to mention its projects for Montblanc and Ferrero. In short, it’s a long list and it embodies a design spirit that goes “from spoons to cities”. It should therefore come as no surprise that the firm can vaunt a prestigious collection of international awards, including the Compasso d’Oro, the AR + D Prize, the Gold Bundesrepublik Design Prize, the Dedalo Minosse Architectural Prize, and the Millennium Design Award. Versatility, which forms part of the firm’s nature, goes hand in hand with a vision that remains intact in every project, whatever it might be, as we can see when observing the sense of weightlessness apparent in every creation. What spirit does the firm adopt when tackling such different challenges, always producing an


LAZZARINI PICKERING

WALLY La collaborazione tra lo studio Lazzarini Pickering Architetti e il cantiere Wally vanta progetti memorabili, dagli splendidi interni progettati per il Wally 80’, progetto nautico Farr Yacht Design, che nel 2008 valse il Premio Compasso d’Oro, vinto fino all’iconico Wally Power 118’ per cui firmarono l’interior design e lo styling, in collaborazione con Luca Bassani e il cantiere.

The collaboration between Lazzarini Pickering Architetti and the Wally yard boasts some truly memorable projects, from the splendid interiors designed for the Wally to the Wally 80’, the Farr Yacht Design project, which won the Compasso d’Oro in 2008, all the way through to the iconic Wally Power 118 of which they signed the interior design and the styling in partnership with Luca Bassani and the yard.

173

Wally Power 118 ph.credits: Gilles-Martin Raget (exteriors); Industrial & Corporate Profiles (interiors).

barchemagazine – Ottobre-October 2021


THE IDEA FACTORY FLYING DAGGER Gli interni del Flying Dagger - superyacht di 50 metri completamente custom dei cantieri Rossinavi - curati dallo studio Lazzarini Pickering Architetti nel 2018, presentano un layout minimalista pieno di personalità. Si gioca sulla luce, naturale e artificiale, e ci si trova sospesi nelle nuvole in un’architettura fluida, nella quale funzioni, materiali e colori si inseguono, si specchiano e si mescolano tra loro lasciando una sensazione di libertà e leggerezza.

174

barchemagazine – Ottobre-October 2021

The interiors of the Flying Dagger – a completely custom-made 50-meter superyacht from Rossinavi – designed by Lazzarini Pickering Architetti in 2018, feature a minimalist layout packed with personality. The design makes great use of natural and artificial light and we find ourselves suspended in the clouds within a fluid architecture, in which functions, materials, and colours pursue, mirror, and mix with one another, producing a sensation of freedom and weightlessness.


LAZZARINI PICKERING

175

identifying imprint that reveals your signature so clearly? We stand out for the fact that we’re architects and we’re proud of it because anyone who has chosen this path of life and study operates on a different timescale from everyone else when approaching projects. The things we do are designed to be timeless and always contemporary. Many of our projects from twenty years ago look like they’ve been made today. Another of our characteristics, linked precisely to this DNA, is our multidisciplinary nature, which means we are often outsiders, with a profound vocation for inserting the research we are doing in one field into another. This enables us to take a very fresh approach to every project.

BENETTI MOTOPANFILO 37 Lo studio Lazzarini & Pickering ha curato e sviluppato il design degli interni del Benetti Motopanfilo 37 metri lavorando per trovare delle costanti costruttive e stilistiche che fossero però flessibili all’interpretazione da parte dell’armatore. È uno yacht dal carattere molto forte che permette di personalizzare gli ambienti senza stravolgere l’unicità dello stile. LPA developed the interior design for the 37-meter Benetti Motopanfilo 37, working to find constructive and stylistic constants that still offered flexibility to be interpreted by the owner. It is a yacht with a very strong personality, whose spaces can be customized without overturning its unique style.

barchemagazine – Ottobre-October 2021


THE IDEA FACTORY

176

Polytropon, ph.credits: Franco Pace.

SWAN POLYTROPON Lo splendido progetto Polytropon, costruito nel 2008 da Swan, è un progetto custom che vanta soluzioni originali e innovative, quali ad esempio la tuga schermata con una soluzione “all white” per consentire una luce morbida e piacevole in coperta, creando al contempo condizioni climatiche migliori. Caratteristica fortemente voluta da LPA per gli interni, la multifunzionalità degli spazi, resa possibile da infiniti accorgimenti di trasformabilità degli arredi.

The wonderful Polytropon design, built by Swan in 2008, is a custom project that boasts original and innovative solutions, such as the deckhouse screened with an “all-white” solution to create soft and pleasant lighting on the deck, while also improving the climatic conditions. The interiors feature multifunctional spaces, as pushed for by LPA, achieved thanks to countless devices that make it possible to transform the furnishings.

Polytropon, ph.credits: Matteo Piazza (interiors).

barchemagazine – Ottobre-October 2021

As regards freshness, among the many iconic designs that bear their name, the ones they have produced in the yachting field have become real reference points, including the Wally Power 118 and the Wally 80, or Shaka, with which they won the Compasso d’Oro in 2008, for example. How did you enter the yachting sector and what kind of sensibility do you employ when coming up with such disruptive yet much-appreciated solutions? Our entry into the world of yachting happened rather by chance, when working on the interiors of the Wally B in 1995, although neither of us had any background in this field. However, we have always stood out for the fact that we’re strategic designers. We approach every project with the openness typical of when one faces something for the first time. This produces unexpected results, such as the Wally designed for Ferrero, which then also asked us to relaunch Ferrero Rocher. An unusual change of scale, going from designing a yacht to relaunching a chocolate brand. How did you react? With amazement. Our initial response was one of perplexity. We don’t know anything about milk chocolate, perhaps we’re not the right people for this concept, we said, and instead, he replied that he liked our strategic approach and the way we think outside the box. So your secret is the fact that you’re not hyperspecialised in a single field, but instead, weigh up each project based on the context. Would you say that’s true? Exactly, and we see this in yachting as well as in architecture and even design. Our lack of disciplinary specificness becomes



THE IDEA FACTORY

178

Dal Salone del Mobile del 2015, lo studio stabilisce con MSE (Marta Sala Editions) una proficua collaborazione che porta alla luce una collezione di mobili, tappeti, sedie, poltrone, divani, ma anche pezzi personalizzati e in edizione limitata, tra questi: la seduta Murena (di cui esistono diverse versioni); il tappeto Ludovico; la poltrona Wanda. Il fil rouge che lega i progetti risiede nella linea fluida e minimalista dello studio LPA che tesse un dialogo armonioso con materiali e forme.

Following the Salone del Mobile in 2015, the firm established a profitable partnership with MSE (Marta Sala Editions) that has led to a collection of furniture, rugs, chairs, armchairs, and sofas, as well as customized and limited-edition pieces, including the Murena chair (produced in many different versions), the Ludovico rug and the Wanda armchair. The common thread that links the project can be found in the flowing lines and minimalist style of LPA, which establishes a harmonious dialogue with materials and shapes.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

extreme specificness concerning the place. This means understanding the contexts, interpreting their signs, geometries, materials, light, wind, and views. In this case of a historic building – and our firm has dealt with a number of these – it means understanding the layers of history in that place. In these cases, we could metaphorically describe ourselves as surgeons operating with a scalpel to seek to achieve the very best, making our intervention as invisible as possible. Can you give us a few examples to provide us with a better understanding of this very interesting concept? As regards architecture I could mention the Villa in The Chilterns, which stands in perfect harmony amidst the surrounding greenery, and also the Villa G and the SPA in Beirut, where innovation harmoniously embraces the historical context, without ever overwhelming it. Sustainability can also be a guideline that becomes a key feature of the design, as illustrated by the Villa in The Chilterns. There are lots of examples in the yachting sector. We look for the dominant line, character, and geometric element in every one of our projects, making everything else converge with it. This could be the correspondence of the exterior and interior floorboards, or baring the structure of the yacht, as we did recently on the Motopanfilo from Benetti, or even creating more consistency between the many ways of being on board and the configuration of the spaces. In this latter case, the idea of giving the yacht interiors the possibility of being transformed – thanks to a series of designer devices – by making the spaces multifunctional, was perhaps viewed with a certain degree of hesitancy at the beginning, before setting a real trend as soon as it took hold. The more I hear their responses, the more curiosity is aroused in my mind. The beauty of their designs and their ability to describe them have triggered even more questions, leaving everything else in suspense. And while I put my notes in order and we agree on the images, the two Labradors, who have been lying down waiting patiently, suddenly perk up and demand the attention of Claudio Lazzarini and Carl Pickering. The time has come to say goodbye.



COMPANIES

COMPANIES

All in one

TOUCH

180

barchemagazine – Ottobre-October 2021


SEASTEMA

Antonio Spadoni, responsabile business unit di Seastema, ci ha raccontato lo sviluppo delle plance di comando. Da un’unica postazione si può accedere a tutti i sistemi di bordo, ma l’azienda ha ancora nuovi progetti da implementare Antonio Spadoni, Seastema’s business unit manager, told us about the development of their bridge systems. All on-board systems can be accessed from a single station, but the company has even more new projects in the pipeline by Francesca Portoghese

181

barchemagazine – Ottobre-October 2021


COMPANIES

182

«The console for the Diamond 44M anticipated the even more innovative one dedicated to the Oasis 40M which was developed on the idea of some applications made for tugboats of the North Sea».

«La consolle per il modello Diamond 44M anticipò quella ancor più innovativa dedicata all’Oasis 40M che arrivò pensando ad alcune applicazioni realizzate per i rimorchiatori dei mari del Nord».

barchemagazine – Ottobre-October 2021

SE FINO AD OGGI IL PONTE DI COMANDO DEGLI YACHT È SEMPRE STATO CONFINATO AD UN AMBIENTE SQUISITAMENTE TECNICO, con Seastema, azienda italiana che fornisce sistemi integrati di automazione navale, le cose cambiano radicalmente. Ne parliamo con Antonio Spadoni, responsabile business unit dell’azienda, che racconta come la plancia si sia guadagnata le luci della ribalta diventando a tutti gli effetti una delle parti nobili e vivibili dell’imbarcazione. Con Seastema, la tecnologia di navigazione diventa protagonista insieme al design e contribuisce a plasmare il carattere distintivo della barca. Seastema nasce nel 2009 come joint venture tra Fincantieri e ABB Marine, azienda in cui Antonio Spadoni ricopriva il ruolo di direttore vendite e che aveva già sviluppato per Fincantieri molti progetti per la Divisione Navi Militari, tra cui l’automazione di piattaforma della Portaerei Cavour. «Nel 2008, ABB vince la gara per il nuovo programma che prevedeva la costruzione di dieci fregate per la Marina Militare Italiana, un programma congiunto con il governo francese. Per l’automazione delle imbarcazioni, Fincantieri propone ad ABB una partnership e nel 2009 nasce Seastema S.p.a. Nel 2014, Fincantieri acquisisce il 50% delle quote di ABB e diventa l’unico proprietario di Seastema». Oltre alla Divisione Navi Militari di Fincantieri e alla Marina Militare Italiana, Seastema ha creato una rete di clienti molto vasta sia in Italia, sia all’estero. «Siamo presenti in Corea con molte commesse, e in Italia, per quanto riguarda il segmento del mercato yacht, oltre alla lunga collaborazione con il cantiere Benetti iniziata nel 2002, abbiamo lavorato con Perini Navi e Fincantieri Yachts. Quello che Seastema ha costruito con Benetti è un rapporto di fiducia reciproca che ha dato vita a molti progetti innovativi. Abbiamo cominciato con Ambrosia, uno dei primi yacht al mondo a propulsione diesel-elettrica, per arrivare ad un sistema integrato, concepito per tutta la serie Benetti Classic. Poi è stata la volta del più rivoluzionario dei progetti, quello della Light Bridge Consolle installata su Rebeca, modello Oasis di 40 metri. Questo prodotto nacque nel 2016 da un disegno che feci su un tovagliolino di carta, parlando


PARTECIPA AL

CONCORSO! Concorso valido dal 16/09 al 17/11/21. Montepremi €8.876,69. Regolamento su

www.gruppoboero.it/volaadubai


COMPANIES

184

«The bridge on Rebeca is a very welcoming environment from which the owner and his guests can enjoy the view from a brand new perspective».

«La plancia di Rebeca è un ambiente molto accogliente da cui ospiti e armatore possono godere del panorama da un punto di vista inedito».

dell’integrazione di plancia e degli sviluppi sino ad allora fatti con la Marina, e del fatto che, con la nostra tecnologia, tutto poteva essere integrato fino a far scomparire quasi del tutto la consolle. Era già chiaro allora che su uno yacht di 40 metri fosse necessaria una consolle che riuscisse ad alleggerire i volumi del locale dedicato alla plancia. Sviluppammo l’idea e nacque la consolle per il modello Diamond 44M che anticipò quella ancor più innovativa dedicata all’Oasis 40M che arrivò pensando ad alcune applicazioni realizzate per i rimorchiatori del mare del Nord. La sfida era far entrare nella mentalità dei comandanti questo nuovo tipo di consolle che garantisce possibilità di manovra solo con l’utilizzo di qualche pulsante. Dopo i primi confronti, risultò subito chiaro che i comandanti avrebbero

barchemagazine – Ottobre-October 2021

apprezzato moltissimo questa nuova tecnologia». A rappresentare l’entusiasmo della categoria, arriva chiara la risposta di Roberto Cuomo, l’esperto comandante di Rebeca, che si dice felice di poter tenere sotto controllo tutti gli equipaggiamenti dello yacht stando seduto su una comoda poltrona, in una plancia che regala grande visibilità grazie alle vetrate a tutta altezza. Con questo progetto, infatti, per la prima volta, l’implementazione di un locale squisitamente tecnico ha sconfinato con successo nel design e nella progettazione. «Con il valido supporto di uno studio di design esperto nel settore, siamo stati capaci di presentare un progetto completo, ben accolto dal cantiere e che prevedeva l’idea di utilizzare il carbonio, un materiale resistente e leggero ma anche molto elegante e che assicura silenziosità. La plancia di Rebeca diventa quindi un ambiente molto accogliente da cui ospiti e armatore possono godere del panorama da un punto di vista inedito». Seastema investe moltissimo nel segmento Ricerca&Sviluppo, uno dei punti di forza dell’azienda. Professionisti altamente specializzati si occupano di tutto il ciclo di vita dei progetti, insieme agli ingegneri di commessa, garantendo sempre al cliente il servizio Plug and Play che prevede l’installazione, il cablaggio e l’avviamento della consolle in pochi giorni. La tecnologia di Seastema fa la differenza grazie all’alto livello di integrazione: da un’unica consolle di plancia si può accedere a tutti i sistemi di bordo. «Si tratta di un’esigenza che abbiamo dovuto soddisfare dalle prime commesse della Marina Militare Italiana. Tutto doveva poter essere controllato in maniera simultanea: oltre alla navigazione, alla cartografia, al controllo del radar, era necessario avere accesso anche all’automazione di piattaforma come gli apparati di macchina, gli impianti, la propulsione, la generazione e i sistemi di sicurezza della nave. L’elevata integrazione ha permesso di sviluppare un software come quello installato su Rebeca: su un unico monitor, il comandante può tracciare la rotta, controllare il radar e la cartografia su due scale diverse e può anche verificare gli allarmi di macchina con un altissimo livello di accessibilità a tutte le informazioni con un touch». Dopo l’enorme successo ottenuto con questa tecnologia, l’obiettivo a breve termine di Seastema è sviluppare ed integrare la consolle su barche di dimensioni maggiori. «Oggi siamo impegnati in numerosi progetti di ricerca, tra cui il progetto Marin, finanziato dalla Regione Puglia, per permettere di pilotare un’imbarcazione da remoto; stiamo sviluppando anche la Situation Awareness, il sistema di anticollisione che, in base alla presenza di imbarcazioni e al loro movimento, informazioni ricevute dai radar e dai sistemi di navigazione, verifica un possibile pericolo di collisione tramite un modulo software che usa algoritmi molto complessi basati su tecniche di intelligenza artificiale». Tra i tanti progetti, anche l’implementazione dell’assistenza tecnica da remoto. L’isolamento obbligato a cui la pandemia ha costretto interi Paesi ha aiutato Seastema a rendere ancora più efficienti tutte le tecnologie di assistenza a distanza. «In questo difficile periodo, siamo stati in grado di fare le prove a mare di una nave della marina coreana, gestendole dalla nostra sede italiana e abbiamo addirittura superato il SAT ufficiale (Sea Acceptance Test). Ciò che abbiamo capito è che si imporrà necessaria una messa a punto di questo sistema da proporre come plus ai nostri clienti, sia esteri sia italiani».



COMPANIES UNTIL NOW, BRIDGES ON YACHTS HAVE ALWAYS BEEN CONFINED TO A PURELY TECHNICAL ENVIRONMENT, BUT WITH SEASTEMA, an Italian company supplying integrated naval automation systems, things are taking a radical turn. We had a talk about this with Antonio Spadoni, the company’s business unit manager, who told us how the bridge has stepped into the limelight, truly becoming one of the noble and liveable parts of the boat. With Seastema, the navigation technology goes hand in hand with the design and contributes to shaping the distinctive character of the boat. Seastema was founded in 2009 as a joint venture between Fincantieri and ABB Marine, a company where Antonio Spadoni was the sales manager and which had already developed many projects for Fincantieri’s Naval Vessel Division, including the platform automation of the Cavour Aircraft Carrier. «In 2008, ABB won the tender for a new program to build ten frigates for the Italian Navy, a joint program with the French government. Fincantieri proposed a partnership with ABB to develop the automation of the vessels, and in 2009, Seastema S.p.a. was founded. In 2014, Fincantieri acquired 50% of ABB’s shares and became the sole owner of Seastema». In addition to Fincantieri’s Military Ship Division and the Italian Navy, Seastema has acquired a very large network of clients both in Italy and abroad. «We are

186

«We have a strong presence in Korea where we collect many orders, and in Italy, concerning the segment of the yachts market, in addition to the longstanding collaboration with the Benetti shipyard that began in 2002, we have worked with Perini Navi and Fincantieri Yachts».

present in Korea with a high number of orders, and in Italy, concerning the segment of the yachts market, in addition to the long-standing collaboration with the Benetti shipyard that began in 2002, we have worked with Perini Navi and Fincantieri Yachts. Seastema and Benetti have built a relationship of mutual trust that has resulted in many innovative projects. We started with Ambrosia, one of the first yacht in the world with diesel-electric propulsion, and reached an integrated system designed for the entire Benetti Classic series. Then came the most revolutionary of projects, the Light Bridge Console installed on Rebeca, a 40-meter Oasis model. This product was born in 2016 from a drawing I made on a paper napkin as I was talking about bridge integration and the developments made until then with the Italian Navy, and about the fact that, with our technology, everything could be integrated until the console almost completely disappeared. It was already clear at the time that a 40-meter yacht needed a console that could reduce the volumes needed for the bridge area. We developed the idea and that gave life to the console for the Diamond 44M, anticipating the even more innovative one for the Oasis 40M, which was developed along the lines of some applications made for tugboat of the North Sea. The challenge was to get this new type of console into the skippers’ mindset,

«Siamo presenti in Corea con molte commesse, e in Italia, per quanto riguarda il settore degli yacht, oltre alla lunga collaborazione con il cantiere Benetti iniziata nel 2002, abbiamo lavorato con Perini Navi e Fincantieri Yachts». Antonio Spadoni

barchemagazine – Ottobre-October 2021

as it guarantees the possibility of maneuvering just by using a few buttons. After a few comparisons, it was immediately clear that the skippers were going to highly appreciate this new technology». Representing the enthusiasm of the category, Roberto Cuomo, Rebeca’s expert skipper, declares that he is happy to be able to keep an eye on all the yacht’s equipment while sitting in a comfortable armchair on a bridge that offers great visibility thanks to the full-height windows. In fact, for the first time, this project has successfully introduced the implementation of a specific technical room into the field of design and planning. «With the valuable support of a boating expert design studio, we were able to present a complete project, which was well received by the shipyard and which included the idea of using carbon, a resistant and light material that is also highly elegant and perfect to ensure low sound emissions. Rebeca’s helm station thus becomes a very welcoming environment from which the owner and his guests can enjoy the view from a brand new perspective». Seastema invests heavily in the Research & Development segment, one of the company’s strengths. Highly specialised professionals take care of the entire life cycle of the projects in collaboration with contract engineers to always guarantee customers a Plug and Play service that includes the installation, wiring, and startup of the console in just a few days. Seastema’s technology makes the difference thanks to the high level of integration: from a single bridge console, you can access all onboard systems. «This is a need that we have had to meet since our first orders from the Italian Navy. Everything had to be under control at the same time: in addition to navigation, cartography, radar control, it was also necessary to have access to platform automation such as engine equipment, plants, propulsion, and the ship’s generation and safety systems. The high level of integration made it possible to develop software like the one installed on Rebeca: on a single monitor, the skipper can plot the course, control the radar and the cartography on two different scales, as well as check the engine alarms enjoying a very high level of accessibility to all the information with one-touch». After the huge success obtained with this technology, Seastema’s short-term goal is to develop and integrate the console on larger boats. «Today we are engaged in many research projects including Marin project funded by the Region of Apulia concerning remote steering for boats; we are also developing Situation Awareness, the anticollision system which detects the presence of boats and their movement collects information from radar and navigation systems and verifies a possible danger of collision through a software module that uses very complex algorithms based on tecniques of artificial intelligence». Among the many projects in the pipeline, the company is also working on the implementation of remote technical assistance. The forced isolation which the pandemic has forced on entire countries has helped Seastema to make all its remote assistance technologies even more efficient. «During this difficult time, we were able to perform sea trials on a Korean Navy ship, managing the trials from our Italian office and we even passed the official SAT (Sea Acceptance Test). What we were able to conclude is that it will be necessary to fine-tune this system to propose it as a plus to our customers, both abroad and in Italy».



TEST

TEST

Paganini non ripete, ma Swan sì. Il 58 è l’ennesima barca ben riuscita sia per le performance sottovela, sia per i volumi e il comfort che offre sopra e sottocoperta Paganini doesn’t do repeats, as they say, but Swan do. The 58 is the latest in a long line of boats that are 188 great successes both in terms of performance under sail and also for the amount of room and comfort levels both above and below decks by Niccolò Volpati

barchemagazine – Ottobre-October 2021


SWAN 58

189

Bene, BRAVI, bis barchemagazine – Ottobre-October 2021


TEST Colori, tessuti, essenze: Misa Poggi propone tre versioni per scegliere gli interni più in sintonia con la personalità e i gusti dell’armatore. Colours, fabrics, materials: Misa Poggi offers three versions so that owners can choose the interiors that best suit their tastes.

LE COSE LE FANNO PER BENE E, DA SEMPRE, LE FANNO DENTRO LE MURA DEL LORO CANTIERE IN FINLANDIA. Swan è quasi autarchica, perché, fatta eccezione per il progetto di German Frers, tutto il resto nasce a Pietarsaari. Il nuovo 58 però rappresenta un modello che inizia a beneficiare di un allargamento del team di lavoro. Al momento questo è avvenuto solo per la parte progettuale, visto che all’insostituibile architetto navale argentino si è aggiunta Misa Poggi che si è occupata dell’interior design. Non è un caso dato che tutta l’organizzazione produttiva del cantiere si sta predisponendo per ottimizzare i tempi, ingegnerizzare e avvalersi di fornitori qualificati. In questa direzione 190 rientra l’arrivo di Michelangelo Casadei, nuovo Chief Technical and Operations Officer con una lunga esperienza nel Gruppo Ferretti. L’obiettivo è presto detto: continuare a garantire uno standard produttivo di altissima qualità aumentando la produzione. È il mercato che lo chiede. E non solo perché Swan ha recentemente deciso di aprirsi al mondo del motore, ma anche perché la richiesta dei suoi modelli a vela è sempre forte. Un esempio è questo 58 con tredici unità vendute sulla carta e altri contratti in fase di definizione, per un’imbarcazione che arriva quasi a due milioni di euro. E chi l’acquista adesso deve pazientare fino al 2023 per averla.

La qualità non è in discussione e quello che molti cantieri considerano optional, Swan lo inserisce nelle dotazioni standard. A conti fatti quindi i due milioni sono ragionevoli, ma per capire il valore del brand, e la sua reputazione, dobbiamo considerare che ci sono stati tredici armatori che hanno deciso di staccare un assegno solo guardando i rendering fatti da German Frers. Iniziamo proprio da questi. Il lavoro di Frers ha dell’incredibile. Riesce a fare ogni volta una barca nuova, senza tradire la filosofia del cantiere. Il design è pulito, ma a bordo non manca niente. La filosofia è sempre quella del Blue Water Cruiser, quindi una barca confortevole, performante e soprattutto in grado di affrontare lunghe navigazioni in tutto il mondo. Il design della coperta mi è piaciuto particolarmente. Il concetto è semplice: dare il massimo del comfort e della vivibilità, insieme alla massima efficienza per la navigazione a corto raggio, senza perdere la capacità di regatare con un equipaggio completo con la tuga e le linee del pozzetto particolarmente equilibrate. Queste infatti contribuiscono a dare quella sensazione di pulizia, senza però rinunciare ai volumi indispensabili per il comfort a bordo. Le panche del pozzetto a L ne sono una dimostrazione. Lo spazio del resto non manca anche grazie a un baglio che supera abbondantemente i cinque metri.

barchemagazine – Ottobre-October 2021


SWAN 58

191

barchemagazine – Ottobre-October 2021


TEST

192

The interior layout has a standard version with three cabins and three bathrooms, or, as an optional, you can have four cabins and three bathrooms.

I layout degli interni prevedono una versione standard con tre cabine e tre bagni oppure una optional con quattro cabine e tre bagni.

barchemagazine – Ottobre-October 2021


SWAN 58 All’abilità dei progettisti si aggiunge l’esperienza del cantiere. Così si spiegano alcune soluzioni di allestimento particolarmente indovinate. Come i winch in coperta che sono cinque, uno per la scotta di randa al centro e due su ciascuna fiancata. Tutto è a portata di mano. Chi usa la barca in regata, infatti, preferisce avere dei winch accessibili anche all’equipaggio e non tutti a pochi millimetri uno dall’altro. È facile per il timoniere accedere a uno dei cinque winch elettrici e quindi è possibile condurre la barca da soli, ma se si è in tanti, magari perché si sta partecipando a una regata, tutti i tailer avranno il loro spazio. La cura nei dettagli si nota nella piattaforma di poppa, nella scaletta a scomparsa ma con i tientibene per scendere in acqua, nel garage per il tender capace di ospitare un gommone di tre metri con poppa abbattibile e, soprattutto, nel vano per l’autogonfiabile che si trova in mezzo al pozzetto, facilissimo da raggiungere. Sottocoperta la musica non cambia: abitabilità, comfort e allestimenti funzionali alla navigazione. Si può personalizzare, scegliendo tra le opzioni che il cantiere offre. La prima scelta riguarda il numero delle cabine. La versione standard ne prevede tre con tre bagni, quella optional ne offre quattro, ma la particolarità è che non si deve sacrificare un bagno. Sarà anche per questo che la metà degli armatori che ha comprato questa barca sulla carta ha scelto la versione con quattro cabine e tre bagni. La quarta cabina può avere uno o due letti sovrapposti e si presta a una triplice funzione. Serve all’armatore/skipper durante le lunghe navigazioni oppure, nella versione a due letti, per due giovani ragazzi o, ancora, come locale di stivaggio. Tante le opzioni anche per il carteggio. Si può scegliere la dimensione del tavolo e perfino la sua collocazione. Anche questa customizzazione è stata pensata per incontrare il

favore di diversi armatori. Chi naviga molto, magari in oceano, di spazio al carteggio ne ha bisogno tanto. In prova abbiamo avuto un vento variabile tra otto e dodici nodi e la velocità che abbiamo rilevato è stata sempre tra i sette e gli otto nodi e mezzo. Abbiamo navigato a vele bianche e la randa è un modello avvolgibile nel boma, quindi non certo troppo invelata. Nonostante ciò lo Swan 58 fila che è un piacere. A 40°, con poco meno di undici nodi di vento reale, ne facevamo quasi otto e mezzo di velocità. A motore, anche grazie a un modello più potente di quello standard che è da 110 cv, dato che il nostro era un Volvo D3 da 150 cv, abbiamo raggiunto performance da navetta a motore. Senza sforzare troppo il propulsore si naviga, infatti, tra otto e nove nodi. Una velocità che permette veloci trasferimenti quando il vento è assente. Per il resto, è così facile e piacevole da condurre che anche con un soffio di aria conviene sempre srotolare le vele. THEY DO THINGS WELL AND HAVE ALWAYS DONE SO WITHIN THE CONFINES OF THEIR YARD IN FINLAND. Swan is nearly self-contained because except for the German Frers project, everything else is born at Pietarsaari. But the new 58 represents a model that starts to benefit from the enlargement of the team. Thus far that has only taken place in the design area, given that Frers, the irreplaceable Argentine naval architect, has been joined by Misa Poggi, who handled interior design. It is not by chance, given that the entire production process of the yard is being organised to optimise times, improve engineering and use certified suppliers. This includes the arrival of Michelangelo Casadei, the new Chief Technical and Operations Officer who has lengthy experience at the Ferretti Group. The aim is simple: to continue to

barchemagazine – Ottobre-October 2021

193 Anche la calavele di prua si può personalizzare, allestendola come cabina per il marinaio.

You can even customise the sail lockers in the bows, by fitting them out as a crew cabin.


TEST

194

Integrated bowsprit, a Code 0 with winder, furling mainsail, and self-tacking jib. You can opt for a racing sail plan, or one that is more for cruising, but still doesn’t neglect performance.

Bompresso integrato, Code 0 con avvolgitore, randa avvolgibile e fiocco autovirante. Si può scegliere il piano velico più da regata o più da crociera, ma sempre senza rinunciare alle performance.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

ensure very high standards in production while increasing output. It is the market that demands it. And not just because Swan has recently decided to open up to the world of powered boats, but also because the demand for their sailing craft is as strong as ever. An example of this is the 58, of which thirteen units have been sold off-plan, while other contracts are being finalised for a boat that costs nearly two million euros. And buyers have to wait until 2023 for delivery. There is no doubt as to the quality, and Swan includes as standard what a lot of other yards consider to be optional. So at the end of the day, two million isn’t an unreasonable price, but to understand the value of the brand, and its reputation, you have to bear in mind that there have been thirteen buyers who have decided to sign a check after just seeing the rendering by German Frers. Let’s begin from that point. Frers’s work is incredible. He manages to design a new boat every time but without betraying the yard’s approach. The design is incredibly clean, but nothing is missing on board. The result is still a bluewater cruiser, so a comfortable boat that performs well and above all that is capable of tackling long trips throughout the world. The deck design was something I especially liked. The concept is easy: to give the maximum comfort and liveability at rest, together with maximum efficiency for short-handed sailing, without losing the capability to race with a full crew, thanks to a deckhouse and the cockpit lines well balanced able to create a clean feeling, but without losing out on spaces that are essential to keep life on board comfortable. The L-shaped benches in the cockpit are a perfect example of that. And a beam that is easily over five meters is a further reason why there is no lack of room. The experience of the yard has combined well with the designer’s ability. That is what is behind some particularly fortuitous solutions in the setup. Like the five-deck winches, one for the mainsheet


SWAN 58 Nautor’s Swan Pietarsaari, Finlandia

Velocità max di bolina nodi Hauling max speed in knots

8.4 Superficie velica m

2

Sailing surface m2

214 Rapporto lung./larg. L/W

3.6 Dislocamento Displacement

25.4

Condizioni della prova Conditions on test

Nautor Holding Italian Headquarters Borgo SS. Apostoli, 29 I-50123 Firenze T. +39 055 240382 info@nautorswan.com www.nautorswan.com

Località//Place Scarlino (GR) Persone a bordo//People on board 11 Carburante imbarcato//Fuel volume on board 450 l Mare//Sea state Calmo//Calm Vento//Wind speed Tra 8 e 12 nodi Between 8 and 12 knots

PROGETTO: German Frers (architettura navale e coperta) • Misa Poggi (interni) SCAFO: Lunghezza f.t. 19,11m • Lunghezza scafo 17,96m • Lunghezza al galleggiamento 17,09m • Baglio massimo 5,27m • Pescaggio 2,70m • Pescaggio performance 3,80m • Dislocamento a vuoto 25.400 kg • Zavorra 7.500 kg • Serbatoio carburante 1.080 l • Serbatoio acqua 946 l • Randa 116,52 m2 • Genoa 97,48 m2 • Gennaker 334 m2 MOTORE: Volvo Penta D3-150 • Potenza 110 kW (150 cv) • Ciclo operativo 4 tempi • 5 cilindri • Alesaggio per corsa 81mm x 93,2mm • Regime di compressione 16.5:1 • Cilindrata 2,4 l • Regime di rotazione massimo 3000 giri/min • Peso a secco 301 kg CERTIFICAZIONE CE: CAT A PROJECT: German Frers (naval architecture and superstructure) • Misa Poggi (interiors) HULL: LOA 19.11m • Length 17.96m • LWL 17.09m • Maximum beam 5.27m • Draft 2.70m • Performance draft 3.80m • Light mass displacement 25,400 kg • Ballast 7,500 kg • Fuel tank volume 1,080 l • Water tank volume 946 l • Mainsail 116.52 m2 • Genoa 97.48 m2 • Gennaker 334 m2 MAIN PROPULSION: Volvo Penta D3-150 • Outlet mechanical power 110 kW (150 hp) • 4 stroke • 5 cylinders • Bore&Stroke 81mm x 93,2mm • Compression ratio 16,5:1 • Swept volume 2,4 l • Maximal rotational speed 3000/min • Dry weight 301 kg EC CERTIFICATION: CAT A

195

Zavorra Ballast

7.5

Prestazioni a motore//Under power performance

Prestazioni a vela//Under Sail Performance

Giri/min Engine rotational speed 1/min 1500 2000 2500 2800 3000

Andatura

Angolo

Velocità Nodi

Vento Reale Nodi

Point of sail Bolina//On the wind Bolina//On the wind Bolina//On the wind Bolina//On the wind Bolina larga//Close reach Traverso//Beam reach

Angle 30° 35° 40° 45° 60° 90°

Speed knots 6,9 8,1 8,4 7,0 7,5 7,0

Real Wind knots 8,5 12,0 10,9 9,1 9,9 10,7

Velocità kn Boat speed in knots 5,2 7,2 8,1 9,4 9,7

Rumore su scala A (cabina di poppa) dB Sound level on scale A (aft cabin) dB 62 66 70 73 76

barchemagazine – Ottobre-October 2021


TEST

Tanto spazio, ma tutto ben sfruttato. Ottima la scelta del doppio tavolo a ribalta del pozzetto che permette di muoversi comodamente 196 a bordo oppure di avere un ampio tavolo da pranzo.

There is a lot of room, but all of it is well used. There is a very good option of having the double fold-down table in the cockpit that means you can get around easily, or, alternatively, you can have a large dining table.

in the center, and two on either side. Everything is to hand. Anyone using the boat in a race wants to have winches that are also accessible to the whole crew, and not all of them right next to one another. The helm can easily reach one of the five electrical winches and so the boat can be handled alone, but if there are a lot of you, perhaps because you are taking part in a race, all of the tailers have got space for themselves. Attention to detail can be seen in the stern platform in the ladder for getting to the water, which folds away but nevertheless has handrails, and in the tender garage that can take a three-meter dinghy with the stern that can be

barchemagazine – Ottobre-October 2021

opened up and, above all in the locker for the selfinflating life raft located in the middle of the cockpit, where it is very easy to get at. It’s the same story below decks: it is comfortable and the headroom is good and is well set up for sailing. It can be customised by choosing between the options that the yard provides. The first choice involves the number of cabins. The standard version has three, with three bathrooms, while the optional has four and yet does not lose the bathroom. That is why half of the off-plan buyers have gone for the four-cabin/ three-bathroom version. The fourth cabin can have a single bed or two bunk beds and can have three functions. The owner/skipper can use it during long journeys or, in the two-bed version it can be used by two youngsters or even as a storage area. There are also a lot of options for the map area. You can choose the size of the table, and even where it is located. It is a customisation that has been designed to cater to the preferences of a variety of potential buyers. People who sail a lot, perhaps in the ocean, need plenty of space for maps. During our test, the wind varied between eight and twelve knots, and we always registered between seven and eight and a half knots speed. We use the mainsails and the mainsail furls into the boom, so it certainly doesn’t carry too much sail. Despite that, the Swan 58 moves beautifully. At forty degrees and with true wind at just under eleven knots, we did nearly eight and a half. Using the engine, not least because we had a 150 hp Volvo D3, rather than the standard 110 horsepower motor, we got to a similar performance level to motorised navetta boats. So, without pushing the engine very much we did between eight and nine knots. That is a speed that means you can get around quickly when there isn’t any wind. It is also easy and pleasant enough to handle that even with a breath of air it always makes sense to unfurl the sails.



SUPERYACHT

Suggestive

VISIONS

198

49.90m barchemagazine – Ottobre-October 2021


TANKOA S501 Olokun

Olokun, terzo Tankoa di 50 metri, è il risultato di un lavoro di concerto fra il cantiere, l’armatore, lo studio Francesco Paszkowski Design che ha realizzato gli esterni ed il layout complessivo e Dio Rodriguez che ha firmato gli interni Olokun, the third 50-metre Tankoa yacht, is the result of an orchestrated effort between the shipyard, the owner, Francesco Paszkowski’s design studio, which created the exteriors and overall layout, and Dio Rodriguez, who signed the interiors by Francesco Michienzi

199

barchemagazine – Ottobre-October 2021


SUPERYACHT OLOKUN, NELLA LINGUA YORUBA, indica la personificazione di diverse caratteristiche umane, quali la pazienza, la meditazione, l’osservazione e le visioni future. Le sue caratteristiche si trovano e sono visibili sul fondo del mare dove Olokun governa le ricchezze materiali, le abilità psichiche, i sogni, la meditazione, la salute mentale. Da solo, il nome scelto dall’armatore di questo superyacht, costruito da Tankoa, potrebbe svelarne la filosofia e le caratteristiche peculiari. Olokun sembra semplice, essenziale nella forma, ma ad un’osservazione più attenta ci si rende conto della sua valenza progettuale e si può immaginare quanto sia stato complesso per il cantiere costruire uno yacht del genere. Le linee sinuose e muscolari di questo 50

metri, disegnato da Francesco Paszkowski, evidenziano il desiderio dell’armatore di privilegiare l’ampiezza e l’altezza dei locali. Paszkowski ha espresso un design che fa dialogare in modo armonico gli ampi spazi conviviali interni ed esterni di ogni ponte, una soluzione che permette di avere aree che offrono riparo, ma che al contempo non fanno perdere comunicazione con l’esterno. Gli interni sono firmati da Dio Rodriguez di Casa Dio Miami, artefice di ambienti eleganti e rigorosi nei quali la composizione architettonica degli spazi si sposa alla perfezione con le forme, i materiali e i colori scelti. Quello di Olokun è un progetto totalmente tailor made sviluppato in stretta collaborazione con l’armatore che è intervenuto in prima

L’arredamento, lineare e sofisticato nella sua semplicità, è il frutto di un progetto in cui Casa Dio si è concentrata sullo sviluppo di mobili appositamente disegnati e realizzati dai suoi artigiani per l’armatore e la sua famiglia.

The furnishings are linear and sophisticated in their simplicity. They are the result of a project in which Casa Dio has focused on developing made-to-measure pieces specifically designed and produced by its craftsmen for the owner and his family.

200

barchemagazine – Ottobre-October 2021

«Ci siamo concentrati sul far sì che l’intero interno della barca trasmettesse un senso di vita residenziale riflettendo l’esterno e trasformando l’interno in un’esperienza in mare particolarmente emozionante». «We focused on making sure that the interior of the yacht conveyed a sense of residential life by reflecting the exterior and transforming the interior into a particularly thrilling experience at sea». Dio Rodriguez


TANKOA S501 Olokun

201

barchemagazine – Ottobre-October 2021


SUPERYACHT

202

barchemagazine – Ottobre-October 2021


TANKOA S501 Olokun

A prua l’appartamento dell’armatore è dotato di due terrazze private e di finestrature con apertura verso l’alto che rendono questo spazio molto luminoso. The owner’s apartment on the bow is equipped with two private terraces and windows opening upwards which make this space very bright.

203

barchemagazine – Ottobre-October 2021


SUPERYACHT persona nella definizione di molti elementi. Gli input erano molto chiari, design essenziale e moderno, dove la percezione del volume doveva prevalere rispetto alla decorazione dell’ambiente. Oltre ad avere un hammam, un salotto e un’area relax il più vicino possibile all’oceano. Dio Rodriguez ha dichiarato: «Per realizzare le esigenze dei proprietari, abbiamo trasformato lo spazio del beach club per creare l’hammam. Abbiamo convertito il garage del tender, trasformandolo in un salotto dove i proprietari avrebbero trovato un ulteriore spazio per il relax. In questo modo siamo stati in grado di superare le loro aspettative». Il design è basato sulla linearità e sul dettaglio, tanto nelle geometrie degli spazi quanto nella ricerca di materiali e finiture che rendessero il decor una scoperta continua.

204

Olokun is the third superyacht in the S501 series built by the Tankoa yard.

Olokun è il terzo superyacht della serie S501 costruito dal cantiere Tankoa.

barchemagazine – Ottobre-October 2021


TANKOA S501 Olokun

205

barchemagazine – Ottobre-October 2021


SUPERYACHT

206

barchemagazine – Ottobre-October 2021


TANKOA S501 Olokun «La poppa potente è un altro elemento di design riconducibile al family feeling di Tankoa ed esprime il dinamismo delle linee. Osservandola all’ancora trasmette una sensazione di movimento. La sovrastruttura, compatta sull’acqua, è mix armonico delle geometrie realizzate per le finestrature. L’equilibrio delle linee verticali integra i montanti e gli aggetti dei ponti a poppa». «The massive stern is another design element that can be traced back to Tankoa’s family feeling and expresses the dynamism of the lines. If you observe her from the anchor, she conveys a sensation of movement. The superstructure, which is compact on the water, is a harmonious mix of geometries created for the windows. The balance of the vertical lines integrates the pillars and overhangs of the stern decks». Francesco Paszkowski

207

barchemagazine – Ottobre-October 2021


SUPERYACHT L’architettura navale è di Francesco Rogantin, pensata per avere un’efficienza idrodinamica in grado di consentire ottime performance in termini di velocità e consumi. Grazie a due motori Mtu 8V4000 M54 di 895 kW a 1800 rpm la nave raggiunge una velocità di 17 nodi. The naval architecture is by Francesco Rogantin and is conceived to be hydrodynamically efficient and able to ensure outstanding performances in terms of speed and consumption. Thanks to two 895 kW MTU 8V4000 M54 engines, at 1800 rpm the yacht reaches a top speed of 17 knots.

208

Tanti dettagli di ebanisteria, minimi, quasi invisibili, ma che rivelano una maestria artigianale e una tecnica costruttiva di alto livello. I grandi volumi interni, generati dalle forme del design dell’esterno e dalle grandi vetrate, consentono alla luce naturale di arrivare in ogni ambiente. Sono stati messi in relazione gli ambienti interni con quelli esterni dove l’arredo, disegnato e prodotto su misura, è progettato per godere degli incredibili scorci e delle innovative prospettive che questo progetto porta con sé. Il salone principale, di estremo rigore formale, biglietto da visita dell’intero progetto degli interni, accoglie in un unico open space una doppia linea di chiari divani contrapposti. Dice Rodriguez: «Per il progetto di Olokun, siamo stati ispirati dall’ambiente minimal giapponese. L’uso di colori neutri in tutta la falegnameria e nei mobili ha consentito un elevato contrasto e una qualità senza tempo». Le cabine per gli ospiti sono distribuite secondo uno schema tradizionale con l’armatoriale a prua del ponte principale e quattro cabine ospiti sul ponte inferiore. La suite armatoriale, a tutto baglio, dispone di un guardaroba di grandi dimensioni, di area relax, lobby privata, doppio balcone a murata, bagno per lui, bagno per lei e di Hammam. Tankoa, nei tre 50 metri fino ad oggi realizzati, ha evidenziato la capacità di personalizzazione che è in grado di offrire all’armatore. Ne sono un esempio la scelta delle terrazze abbattibili, non sono uguali né in numero né per disposizione su Vertige, Bintador ed Olokun, e la divisione degli spazi interni che sulle 3 barche è completamente differente. Olokun è uno yacht interamente costruito in alluminio 5083 con scafo progettato dal cantiere in collaborazione con Francesco Rogantin. Una coppia di Mtu 8V4000 M54, di 895 kW a 1800 rpm, consente una velocità di punta di 17 nodi a mezzo carico e un’autonomia di 4.500 miglia nautiche a 11 nodi.

Noise summary test UNDER WAY dB (A) MOORING ANCHOR dB (A) FLY DECK EXTERNAL AREA

62.2

//

WHEELHOUSE

50.7

44.9

CAPTAIN’S CABIN

49.4

46.7

DINING AREA

52.3

46.3

EXTERNAL AREA

65.5

//

UPPER DECK

MAIN DECK OWNER’S CABIN

46.9

42.4

RELAX AREA

48.7

45.6

SALOON FWD

54.4

45.6

SALOON AFT

56.2

46.8

EXTERNAL AREA

71.2

//

CREW CABIN double port side fwd

50.9

49.5

CREW CABIN double starboard side fw

50.8

47.2

CREW CABIN double port side aft

54.0

48.6

LOWER DECK

CREW CABIN double starboard side aft CREW MESS

//

46.4

51.5

46.8

GUEST CABIN aft port side

52.9

40.8

GUEST CABIN aft starboard side

49.8

41.3

VIP CABIN aft port side

56.8

47.4

VIP CABIN aft starboard side

56.9

45.5

barchemagazine – Ottobre-October 2021


TANKOA S501 Olokun

Velocità max nodi Top speed knots

Autonomia mn Range nm

4500 Rapporto peso kg kw

199

Rapporto lung./larg. L/W

5,31

HULL: Length overall 49.90m • Length between the perpendiculars 49.41m • Breadth (max) 9.40m • Depth 4.15m • Displacement, lightship 315 t • Displacement, at half load 357 t • Displacement, at full load 391 t • Draft, at full load 2,35m • Gross Registered Tonnage: 499 GT MAIN ENGINE: 2 x MTU 8V4000 M54, (2 x kW 895 @ 1800 rpm) SPEED: 18 knots max, cruise 14 knots RANGE: 4.500 NM at 11 knots Diesel tanks volume 57.3 m3 Fresh water tanks volume 16.2 m3 Grey and black tanks water volume 10.14 m3 Clean/dirty lube oil tanks volume 3.00 m3 THRUSTERS: Naiad 90 kW STABILIZERS: Naiad E 575 (3,49 m2) GENERATORS: 2 Kohler 125 ekW AIR CONDITIONING MFR: Condaria PAINT: Awlgrip/Awlcraft Lsa NUMBER OF CABINS/PEOPLE: Owners + VIP + 4 guest CREW/STAFF: 4 crew + 1 capt (total 9 crew) TENDER: no tender, yes chase boat CONSTRUCTION MATERIALS: Hull and Superstructure in light alloy 5083 CLASSIFICATION: LLoyds

Giri/min

Gross Tonnage GT

499

Conditions on test

NAVAL ARCHITECTURE: NAMES by Francesco Rogantin EXTERIOR DESIGN: Francesco Paszkowski Design INTERIOR DESIGN: Casa Dio Miami / London INTERIOR JOINERY MANUFACTURER: Cantù Contract OWNER’S PROJECT MANAGER: C&N

17

potenza Mass outlet power

Condizioni della prova

TANKOA YACHTS S.P.A. Via Cibrario, 1H I-16154 Genova T. +39 010 8991100 sales@tankoa.com

Engine rotational speed 1/min

Località//Place La Spezia Mare//Sea sate Calmo//Calm Vento//Wind speed 0 Persone a bordo//People on board 8 Carburante imbarcato//Fuel volume on board 53,250 l Acqua imbarcata//Water volume on board 16,000 l

Velocità in nodi Speed in knots

Consumi l/h

Fuel consumption l/h Rpm

kn

17

452 343

16

1680 1540

259

15 14

1410

229

13

1250

187

12

1100

159

11

1040

130

10

1000

110 0

50

100

150

200

250

300

350

400

450

La velocità di crociera ideale è di 12 nodi con un’autonomia di 4.000 miglia nautiche. The ideal cruising speed is 12 knots with a range of 4,000 nautical miles.

Litro miglio

(velocità di crociera)

l/ na mi (Cruising speed)

12

Velocità kn

Consumi totali l/h

Consumi litro miglio

Autonomia mn

Boat

Total Fuel consumption

Total Fuel consumption

Range

speed in knots

(as volume flow) l/h

(as volume hanging) l/ na mi

na mi

1000

10

110

11.0

4818

1040

11

130

11.8

4484

1100

12

159

13.2

4000

1250

13

187

14.3

3684

1410

14

229

16.3

3240

1540

15

259

17.2

3069

1680

16

343

21.4

2472

1800

17

452

26.5

1993

barchemagazine – Ottobre-October 2021

1800

209


SUPERYACHT

210

barchemagazine – Ottobre-October 2021


TANKOA S501 Olokun

Gli esterni sono stati progettati da Francesco Paszkowski che ha dato vita ad uno yacht dalle forme equilibrate e contemporanee con spazi ininterrotti esterno-interno e ambienti interni luminosi. The exteriors are by Francesco Paszkowski who gave life to a yacht with well-balanced and contemporary shapes and uninterrupted exterior-interior spaces with bright interior environments.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

211


SUPERYACHT IN THE YORUBA LANGUAGE, OLOKUN means the personification of various human characteristics such as patience, meditation, observation, and future visions. Its characteristics can be found and are visible on the bottom of the sea where Olokun governs material treasures, psychic abilities, dreams, meditation, and mental health. Already in itself, the name chosen by the owner for this superyacht built by Tankoa is quite revealing of its philosophy and peculiar features. Olokun seems simple and essential in its shapes, but if you look closer you notice its design value and can imagine how complex it must have been for the yard to build a vessel of this kind. The sinuous and muscular lines of this 50-metre yacht, designed by Francesco Paszkowski, highlight the owner’s desire to prioritise the width and height of all rooms. Paszkowski expressed a design that makes the wide interior and exterior common spaces of each deck coexist harmoniously, a solution that provides areas offering shelter, but which, at the same time, never cut off communication with the exterior. The interiors are signed by Dio Rodriguez from Casa Dio Miami, who has given life to elegant and rigorous environments in which the architectural composition of spaces perfectly matches the chosen shapes, materials, and colours. The Olokun project is entirely tailor-made and developed in close collaboration with the owner who intervened first-hand in defining many elements. The input was a very clear, essential, and modern design, where the perception of volumes had to prevail over the decoration of the environment. In addition to having a hammam, a lounge, and a relaxation area as close as possible to the ocean. Dio Rodriguez declared: «To meet the owners’ needs, we have transformed the space of the beach club to create the hammam. We converted the tender garage, transforming it into a lounge where the owners could find one more space for relaxation. This way, we were able to exceed their expectations». The design is based on linearity and details, both in the geometries of the spaces and in the search for materials and finishes that make the décor a continuous discovery. Plenty of cabinet-making details, minimal and almost invisible, reveal top-level artisanal mastery and building technique. The generous interior volumes generated by the shapes of the exterior design and large windows, allow natural light to pervade every environment. The interior spaces have been put into close relation with the exterior, since the furniture, which has been entirely designed and produced to measure, is conceived to enjoy the incredible views

212

The vertical bow is a distinctive and typically contemporary element of the exterior lines, which makes it possible to increase the interior volume of the yacht. barchemagazine – Ottobre-October 2021

La prua verticale è un elemento caratterizzante delle linee esterne, di tipica impronta contemporanea, che permette di aumentare il volume interno della nave.



SUPERYACHT

214

«Quello del Tankoa S501 è un progetto di grande successo. In questo momento stiamo già costruendo altre due barche uguali, una venduta per consegna a febbraio 2022 e l’altra on speculation per luglio 2022. Ritengo che l’exterior design di Paszkowski sia stato fondamentale per il riscontro sul mercato di questa nave che si vende perché ha delle belle linee che si esaltano con elevate qualità costruttive e di customizzazione».

«The Tankoa S501 is a very successful project. We are currently building two more identical yachts, one has been sold to be delivered in February 2022 and the other on speculation for July 2022. I believe that Paszkowski’s exterior design was key to determine this yacht’s impact on the market; it sells because its lines are beautiful and are further enhanced by the high quality of the construction and level of customization». Giuseppe Mazza

barchemagazine – Ottobre-October 2021

and innovative perspectives that this project has to offer. The main lounge, which displays extreme formal rigour and is the business card of the entire interior project, is made of one single open space featuring a double line of light-coloured counterposed sofas. As Rodriguez declares: «For the Olokun project we were inspired on minimal Japanese environments. The use of neutral colours in all the woodwork and furniture allowed us to create higher contrast and a timeless quality». The guest cabins are distributed according to a traditional plan with the owner’s suite located forward on the main deck and four guest cabins on the lower deck. The full-beam owner’s suite features a large closet, relaxation area, private lobby, double side balcony, a bathroom for him, bathroom for her, and Hammam. In the three 50-metre yachts built to date, Tankoa has always highlighted the degree of personalization it can offer the owner. An example is the choice of the adaptable terraces, which are not the same either in number nor in position on the Vertige, Bintador and Olokun, and the division of interior spaces which is entirely different on the 3 yachts. Olokun is a yacht built fully in 5083 aluminium with the hull designed by the shipyard in collaboration with Francesco Rogantin. A couple of 895 kW MTU 8V4000 M54 engines at 1800 rpm allows the yacht to reach a top speed of 17.5 knots at half load and give it a range of 4,500 nautical miles at 11 knots. La caratteristica carena nera è unica ed è stata realizzata utilizzando una pittura high performance che riduce la temperatura del metallo, quando colpito dalla luce del sole, fino a 8 °C.

The distinctive black hull is unique and was finished with highperformance paint that reduces the temperature of the metal when it is in the sunlight by up to 8 °C.



THE MAN AND HIS BOAT

ADORO

navigare

I LOVE sailing 216

barchemagazine – Ottobre-October 2021


ROBERTO PIATTI

Roberto Piatti è passato dai gommoni di 3 metri con un fuoribordo da 2 cavalli fino a un Riva Superamerica che ci ha permesso di visitare in lungo e in largo la Laguna di Venezia Roberto Piatti has progressed from 3-meter RIBs with a 2-hp outboard motor to a Riva Superamerica that has enabled us to explore the Venetian lagoon far and wide by Niccolò Volpati – photo by Andrea Muscatello

217

barchemagazine – Ottobre-October 2021


THE MAN AND HIS BOAT «TUTTO È COMINCIATO PER CASO. ERO CON MIO PADRE, AVEVO DIECI ANNI e lo accompagnai in un negozio di nautica a Torino. Cercava una strana canoa tedesca da due posti con intelaiatura in legno e rivestimento in stoffa. Non so dove l’avesse vista. Era così strana che prevedeva addirittura una vela da aggiungere in mezzo alle due sedute in modo da navigare a remi o con il vento. Il negoziante non ce l’aveva e forse non ne aveva nemmeno mai sentito parlare. Prima di uscire dal negozio ci cadde l’occhio su un piccolo gommone che si trovava in vetrina. Se non sbaglio si trattava di un Callegari con un fuoribordo da 2 cavalli. Erano le sette e mezza di sera, il negozio stava per chiudere e il giorno dopo saremmo partiti per le vacanze. Fu così che mio padre decise di acquistare la sua prima barca», racconta Roberto Piatti. Oggi Roberto è un affermato Car Designer, fondatore e Ceo di Torino Design, che da allora non hai mai smesso di navigare. È cresciuto un gradino alla volta senza mai fare il passo più lungo della gamba. «Dal Callegari mio padre passò ad altri due gommoni più grandi e, infine, siccome era appassionato di pesca, acquistò un fisherman tipo Boston Whaler». Roberto la passione però non l’ha solo subita per scelta paterna, ma l’ha ereditata. «Quando avevo vent’anni ho fatto tutte le Incoronate in Croazia con un gommone e un motore fuoribordo da 15 cavalli. A prua avevo una tenda tipo igloo che ogni sera montavo su una spiaggia diversa. Eravamo in due: io e la mia fidanzata, che dopo quella vacanza divenne mia moglie». Dai 23 fino ai 35 anni Roberto 218 ha navigato in posizione eretta e non su qualcosa di gonfiabile, ma su una tavola. Si è dedicato, infatti, a lungo, al windsurf. Successivamente è tornato alla barra di un timone. La vela gli era entrata nel sangue e così la sua prima barca è stata l’Hallberg Rassy 352. «I primi rudimenti li ho ricevuti a Chiavari da Umberto Verna, che mi ha insegnato a navigare con un J24». Da allora ha macinato tante miglia, molte navigazioni diurne e notturne in lungo

e in largo nel Mediterraneo. Dopo qualche anno di Hallberg Rassy è passato alla barca che più gli è rimasta nel cuore: lo Sweden 45. «Non credo ci sia una barca perfetta in assoluto, ma ci sono barche ideali per ogni periodo della tua vita». E lo Sweden 45 è stato lo scafo che ha coinciso con il periodo della sua vita nel quale si è a lungo dedicato alla navigazione. «La vita cambia ed è giusto anche cambiare barca». E con il tempo cambiano le esigenze famigliari e lavorative. «Ho pensato che non avesse senso avere una barca come quella per andare a fare il bagno e così l’ho venduta a un tedesco che mi assillava da due anni. Voleva comprarla per attraversare l’Atlantico partecipando alla ARC e così fece». Ma il destino ha voluto che Roberto non rimanesse a terra senza una barca su cui navigare. E così, proprio mentre consegnava al

barchemagazine – Ottobre-October 2021

neo armatore tedesco il suo Sweden 45, gli è caduto l’occhio su un Menorquin che stava facendo rimessaggio. «Quando l’ho visto ho pensato che quella era una barca a motore che mi sarebbe potuta piacere», racconta Roberto. E così, con grande naturalezza, è passato dalla vela al motore, o meglio, è tornato al motore, visto che aveva iniziato con i gommoni di tre metri di lunghezza. «A quel tempo lavoravo in I.DE.A. (Institute of Development in Automotive Engineering) e con me c’era Vittoria Baglietto. Fu lei a presentarmi Vincenzo Codino, un signore nato a Varazze a pochi metri dal cantiere e che da Baglietto ha trascorso tutta la sua vita professionale. Conosceva tutto di Baglietto e accettò di accompagnarmi in giro per l’Italia alla ricerca di un Ischia, il modello che secondo lui faceva al caso mio. Girammo a lungo senza trovare nulla in buono


ROBERTO PIATTI Le acque della Laguna erano più limpide e pulite perché la presenza di un numero minore di imbarcazioni che transitavano in laguna ha creato meno turbolenze e quindi molti materiali rimanevano sul fondo dei canali. The waters of the lagoon were clearer and cleaner because the reduction in the number of boats using the lagoon created less turbulence and therefore a lot of material remained at the bottom of the canals.

219

barchemagazine – Ottobre-October 2021


THE MAN AND HIS BOAT stato, fino a quando non arrivammo in Sicilia e lì trovammo un Baglietto Ischia del 1963 che si chiamava Gia». Gia ha accompagnato Roberto e sua moglie per molti anni fino a quando non è affondata nella mareggiata che a fine ottobre del 2018 ha travolto e distrutto il Porto Carlo Riva di Rapallo. Rimasto orfano, fu Sergio Abrami a dargli una dritta dicendogli che sul Lago d’Iseo c’era un Riva Superamerica che avrebbe potuto cercare di lenire il dispiacere della perdita del Baglietto Ischia. Così fu. E dopo un periodo necessario per terminare il refitting, Roberto ha trasferito la barca a Venezia, occasione che ci ha permesso di navigare in laguna.

220

Murano is always fascinating with its glass factories and workshops. It is also home to one of the oldest churches in the entire lagoon, the basilica of Santa Maria e San Donato.

Murano è sempre affascinante con le sue fabbriche e botteghe del vetro. Inoltre, ospita anche una delle più antiche chiese di tutta la laguna che è la Basilica di Santa Maria e San Donato.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

NAVIGARE IN LAGUNA È stata un’occasione particolare per due fattori: il primo è stata la compagnia, perché Roberto Piatti ha scoperto la laguna di recente, se n’è innamorato e ha deciso di navigare in queste acque ogni volta che gli impegni di lavoro glielo hanno permesso. Oltre a lui, a bordo del Riva Superamerica, c’era un giovane marinaio, nato e cresciuto tra calle e isole. Il secondo motivo è che eravamo ancora in zona arancione causa Covid, quindi, oltre a noi, c’erano solo le barche di servizio autorizzate. Nessun turista, cosa che a Venezia e dintorni è assai rara e che ci ha permesso di ammirare i paesaggi in modo speciale. La prima cosa di cui ti rendi conto è che la laguna è un sistema organizzato e complesso. Fonda le basi nella storia della Serenissima, quando Venezia doveva resistere agli attacchi dei genovesi, e non solo, e si è quindi “fortificata”. Così, come una città medievale erigeva mura e alzava all’occorrenza il ponte levatoio, la laguna controllava i


ROBERTO PIATTI

221

barchemagazine – Ottobre-October 2021


THE MAN AND HIS BOAT Burano merita sempre una sosta, soprattutto per le case colorate dei pescatori e il campanile pendente della Chiesa di San Martino che nulla ha da invidiare alla Torre di Pisa, ma, proprio di fronte, si trova l’ingresso dell’approdo di San Francesco del Deserto. Burano always deserves a visit, primarily because of the colourful fishermen’s houses and the leaning bell tower of the church of San Martino comparable to the Leaning Tower of Pisa, while right opposite we have the entrance to the harbour of San Francesco del Deserto.

222

barchemagazine – Ottobre-October 2021

suoi tre ingressi. Durante la notte, infatti, venivano collocate delle catenarie per impedire alle navi nemiche di accedere alla città e all’interno si strutturava per resistere all’assedio. Mi ha colpito l’isola di Sant’Erasmo, conosciuta anche come l’orto di Venezia. Ancora oggi è un’area agricola molto estesa, poco distante dall’arsenale. Sbarcando e inoltrandosi a piedi al suo interno, ci si dimentica di essere circondati dall’acqua. Il paesaggio che si vede è rurale, fatto di campi coltivati, trattori, Apecar che gli agricoltori usano per spostarsi da un punto all’altro dell’isola, orti e alberi da frutta. Tutto quello che viene prodotto, ancora oggi, viene venduto al mercato ortofrutticolo di Venezia. Ma non proprio tutto è rimasto come un tempo, nuovi agricoltori si sono aggiunti come Michel Thoulouze, viticoltore francese, che produce un vino chiamato appunto Orto di Venezia. L’organizzazione della laguna non è solo militare e alimentare, ma anche sanitaria. Proprio davanti a Sant’Erasmo c’è l’isola Lazzaretto, che servì nel 1630 per confinare gli appestati. La peste, raccontata da Alessandro Manzoni nei Promessi Sposi, colpì duramente anche Venezia. La laguna, oltre alle isole più famose come Murano e Burano, offre altri spunti non meno interessanti. Burano merita sempre una sosta, soprattutto per le case colorate dei pescatori e il campanile pendente della Chiesa di San Martino che nulla ha da invidiare alla Torre di Pisa, ma, proprio di fronte, si trova l’ingresso dell’approdo di San Francesco del Deserto. L’isola ospita un convento, ancora oggi abitato da frati, che fu fondato dallo stesso San Francesco. L’approdo è piccolo, ma è possibile sbarcare e, se evitate l’ora delle preghiere, è possibile anche visitare il convento. Proseguendo, la nostra navigazione ha fatto tappa a Torcello, che fu l’isola più popolata durante la Repubblica di Venezia, quando la popolazione della terraferma ci si trasferì



THE MAN AND HIS BOAT

per sfuggire all’invasione degli Unni, e fu molto importante almeno fino all’esplosione della malaria, che convinse i vertici della Repubblica a trasferirsi a Venezia. E poi, non poteva mancare Murano perché, anche se lo avete già fatto, una visita alle fabbriche e alle botteghe del vetro vale sempre la pena. Inoltre, ospita anche una delle più antiche chiese di tutta la laguna che è la Basilica di Santa Maria e San Donato. «EVERYTHING BEGAN BY CHANCE. WHEN I 224 WAS TEN YEARS OLD I accompanied my father to a boat shop in Turin. He was looking for a strange German two-seater canoe with a wooden frame covered in fabric. I don’t know where he’d seen it. It was so strange that it even included a sail that could be added between the two seats so that you could either propel it with oars or with the wind. The shopkeeper didn’t have one and had possibly

never even heard of one. Before leaving the shop, our eyes fell on a small RIB in the window. If I’m not mistaken it was a Callegari with a 2-hp outboard motor. It was 7.30 in the evening, the shop was about to close and we were due to go on holiday the following day. This was how my father decided to purchase his first boat», recounts Roberto Piatti. Today Roberto is an established car designer, the founder, and CEO of Torino Design, and he’s never stopped sailing since then. He evolved one step at a time, without ever taking on more than he could chew. «From the Callegari, my father progressed to two other larger RIBs and then, as he was a keen fisherman, he bought a Boston Whaler style fishing boat». However, Roberto did not just submit to his father’s passion, he inherited it from him. «When I was twenty I explored all the Kornati islands in Croatia with a RIB and a 15-hp outboard motor. I had an igloo-style tent in the bow, which I put up

on a different beach every night. There were two of us: me and my girlfriend, who went on to become my wife after that holiday». Between the ages of twenty-three and thirty-five, Roberto rode the waves in an upright position and not on something inflatable, but on a windsurf. He devoted himself to windsurfing for many years. He subsequently went back to the tiller. Sailing had entered his blood and so his first boat was the Hallberg Rassy 352. «I learned the basics in Chiavari from Umberto Verna, who taught me to sail with a J24». Since then he has covered thousands of miles, sailing far and wide around the Mediterranean by both day and night. After a few years with the Hallberg Rassy, he moved on to the boat that carved out a place for itself in his heart: the Sweden 45. «I don’t believe any boat is truly perfect, but there are boats that are ideal for each period of your life». The Sweden 45 was also the vessel that coincided with the period of his life when he devoted himself to sailing. «Life changes and it is only right to change boat too». And family and work requirements also change with time. «I thought it wouldn’t make sense to have a boat like that just for going swimming and so I sold it to a German who had been pestering me for two years. He wanted to buy it to cross the Atlantic by taking part in the ARC rally and that’s exactly what he did». But fate would have it that Roberto didn’t remain on land without a boat to sail in. Just as he was handing over his Sweden 45 to its new German owner, his eye fell upon a Menorquin that was in storage. «When I saw it, I thought that it was a motorboat I might like», says Roberto. And so he made the move from sail to motor very naturally, or rather he went back to motors, given that he had started with three-meter RIBs. «At the time I was working at I.DE.A. (Institute of Development in Automotive Engineering) with Vittoria Baglietto. She introduced me to Vincenzo Codino, a gentleman who was born in Varazze just a few meters from the shipyard and had spent all his working life at Baglietto. He knew everything about Baglietto and he agreed to accompany me around Italy in search of an Ischia, the model he thought would suit me perfectly. We searched and searched without finding anything in good condition until we arrived in Sicily and found a Baglietto Ischia from 1963 called Gia». Gia accompanied Roberto and his wife for many years until it sunk in the storm that overwhelmed and destroyed Porto Carlo Riva in Rapallo in late October 2018. Having been orphaned, Sergio Abrami gave him a tip, telling him that there was a Riva Superamerica on Lake Iseo that might help him recover from the loss of his Baglietto Ischia. And so it proved. After a period needed to complete the refitting, Roberto transferred the boat to Venice, when we had the chance to sail in the lagoon. L’isola di Sant’Erasmo, conosciuta anche come l’orto di Venezia, è ancora oggi un’area agricola molto estesa, poco distante dall’arsenale. Sbarcando e inoltrandosi a piedi al suo interno, ci si dimentica di essere circondati dall’acqua.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

The island of St Erasmus, also known as the garden of Venice, is still a very extensive agricultural area not far from the Arsenal. Upon disembarking and exploring its interior on foot, you forget you’re surrounded by water.



THE MAN AND HIS BOAT

Roberto Piatti

226

Entra a far parte del mondo dell’automobile e, mentre frequenta l’università, collabora alla rivista Auto & Design come contributing editor. Scrive libri sull’auto e collabora alla pagina Motori del quotidiano torinese La Stampa. Dopo la laurea in Ingegneria Meccanica al Politecnico di Torino, inizia la sua carriera lavorativa presso I.DE.A. Institute come project leader di progetti Automotive, maturando esperienze in paesi emergenti quali Cina, India e Sud America. Nel 1996, Piatti accetta l’invito di Nuccio Bertone ed entra in Stile Bertone dove resta dieci anni e dove dal 1998 ricopre la carica di Direttore Generale. A lui si deve l’espansione della struttura e della gamma servizi della Stile Bertone ed il concepimento di progetti fortemente legati all’innovazione quali la Opel Filo (2001) e la Saab Novanta (2002) con tecnologia drive by wire ed il concetto architettonico espresso della Cadillac Villa (2005). Appassionato velista, trasferisce l’esperienza maturata nel settore Automotive verso i settori nautici ed aeronautici. Nel marzo 2006 fonda la Torino Design, società che si occupa di Automotive Design e di cui è proprietario e amministratore delegato. Riunisce un pool di esperti nei settori progetti e design, engineering e sviluppo modelli per l’auto e l’industrial design e grazie ad anni di collaborazioni con le industrie automobilistiche e di veicoli industriali del mondo, acquisisce una reputazione come azienda leader nell’Automotive Design. In anni recenti Roberto Piatti contribuisce con la sua azienda allo sviluppo di molti veicoli innovativi legati alla mobilità sostenibile, ibridi ed elettrici, per costruttori e start up internazionali. Tra questi la collaborazione con Electromobility Poland per lo sviluppo di Stile della nuova gamma di veicoli elettrici. Nel 2019, la Torino Design rende operativo il nuovo Centro Stile all’interno del comprensorio storico torinese di Villa Gualino, sulla collina torinese, grazie ad un accordo trentennale con la Regione Piemonte.

Roberto Piatti entered the world of cars and, while still at university, worked with Auto & Design magazine as contributing editor. He has written books on cars and contributed to the ‘Motori’ page of the Turin-based newspaper La Stampa. After graduating in Mechanical Engineering at the Politecnico di Torino, he began his professional career with I.DE.A. Institute as project leader for automotive projects, gaining experience in emerging countries such as China, India, and South America. In 1996, Piatti accepted Nuccio Bertone’s invitation to join Stile Bertone where he remained for ten years, occupying the position of General Director from 1998. He was responsible for expanding the structure and the range of services offered by Stile Bertone and for coming up with designs closely tied to innovation, such as the Opel Filo (2001) and the Saab Novanta (2002) with drive-by-wire technology and the architectural concept conveyed by the Cadillac Villa (2005). A keen sailor, he transferred the experience he had gained in the automotive sector to the nautical and aeronautical sectors. In March 2006 he founded Torino Design, an automotive design company, of which he is the owner and managing director. He formed a pool of experts in the sectors of planning and design, engineering, and model development for cars and industrial design. Thanks to years of collaborations with the world’s automotive and industrial vehicle industries, it has acquired a reputation as a leading automotive design firm. Over recent years, Roberto Piatti’s company has contributed to the development of numerous innovative vehicles linked to sustainable mobility, hybrid and electrical technology, for international manufacturers and start-ups. They include the partnership with Electromobility Poland to develop the style for its new range of electric vehicles. In 2019, Torino Design opened its new Style Centre inside the historic Turin district of Villa Gualino, on the hill in Turin, thanks to a thirty-year agreement with the Region of Piedmont.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

SAILING IN THE LAGOON It was a special occasion for two reasons: the first was the company because Roberto Piatti had discovered the lagoon recently, fallen in love with it, and decided to sail these waters whenever his work commitments allowed. In addition to him, aboard the Riva Superamerica, there was also a young sailor who was born and grew up among the calle (Venetian streets) and islands. The second reason is that we were still in the orange zone due to Covid, meaning that the only other vessels out there were authorised service boats. There were no tourists, something that is almost unheard-of in Venice and the surrounding area. We were, therefore, able to admire the scenery as it is practically never seen. The first thing you realise is that the lagoon is an organised and complex system. It is rooted in the history of the Most Serene Republic when Venice had to withstand the attacks of the Genoans and others and consequently “fortified” itself. Like a medieval city, it built walls and raised the drawbridge as and when required, so that it was able to control its three entrances. During the night, catenaries were put in place to prevent enemy ships from accessing the city, and inside it was structured to withstand sieges. I was struck by the island of St Erasmus, also known as the garden of Venice. Even today it is home to an extensive agricultural area, not far from the Arsenal. Upon disembarking and exploring its interior on foot, you forget you’re surrounded by water. The landscape you see is rural, made up of cultivated fields, tractors, the Apecars used by farmers to move around the island, vegetable plots, and fruit trees. Even today, everything grown there is sold at the fruit and vegetable market in Venice. But not everything has stayed the same. New farmers have arrived, such as Michel Thoulouze, a French winemaker, who makes a wine called Orto di Venezia. The lagoon is not just organised in the military and food-related terms, but also as regards health. Right opposite St Erasmus is the Lazzaretto island, used to quarantine plague sufferers in 1630. The plague described by Alessandro Manzoni in The Betrothed struck Venice very hard too. In addition to the most famous islands such as Murano and Burano, the lagoon is also home to other equally interesting spots. Burano always deserves a visit, primarily because of the colourful fishermen’s houses and the leaning bell tower of the church of San Martino comparable to the Leaning Tower of Pisa, while right opposite we have the entrance to the harbour on San Francesco del Deserto. This island is home to a convent, still inhabited by monks today, which was founded by St Francis himself. The harbour is small, but you can disembark there and you can even visit the convent outside prayer times. Continuing on our way, we visited Torcello, which was the most densely populated island during the Republic of Venice when the mainland population moved here to escape the Hun invasion. It remained very important until the malaria outbreak that convinced the leaders of the Republic to move to Venice. And of course, we couldn’t leave out Murano because, even if you’ve already been, a visit to the glass factories and workshops is always well worth it. It is also home to one of the oldest churches in the entire lagoon, the basilica of Santa Maria e San Donato.



TEST

TEST

Fly for

FAMILY 228

barchemagazine – Ottobre-October 2021


AZIMUT 53 FLY

229

Una taglia formato famiglia per spiccare il volo e rimanere a bordo a lungo. Caratteristiche offerte: comfort, prestazioni e facilità di conduzione A family size boat to take flight and spend time onboard. It offers comfort, performance and is easy to drive by Niccolò Volpati - photo by Andrea Muscatello barchemagazine – Ottobre-October 2021


TEST IL MARE CHE CI ATTENDE AL DI FUORI DELLA DIGA FORANEA DI VARAZZE È PIUTTOSTO FASTIDIOSO. Non proibitivo, ma con un’onda di almeno 70 centimetri in scaduta. Nei giorni precedenti era sicuramente più agitato e non si è ancora del tutto calmato. Il vento, in compenso, è decisamente debole. In sala macchine ci sono due motori Volvo Penta D11 di 750 cavalli ciascuno. 1.500 cavalli complessivi sono una potenza abbastanza sostenuta per un’imbarcazione che misura, fuori tutto, poco più di sedici metri e mezzo. La trasmissione è con Ips 950 con eliche traenti. Affondo la manetta e la carena si comporta egregiamente. L’accelera-

zione è sportiva, soprattutto se consideriamo che siamo a bordo di un fly di quasi trenta tonnellate di dislocamento. In circa otto secondi lo scafo è fuori dall’acqua. Anche la massima è ragguardevole: 31,7 nodi a 2500 giri con un consumo istantaneo di 284 litri/ora e poco meno di 9 litri per un miglio. Al minimo di planata, invece, i nodi sono poco più di tredici, i litri/ora 105 e i litri per miglio otto. Se immaginassimo di metterli in fila come se si trattasse di una pagella, potremmo certamente dire che lo studente Azimut 53 Fly è promosso a pieni voti. Il comportamento sulle onde è altrettanto lodevole. Le fende senza particolari problemi. Certo, non si tratta di onde oceaniche, ma sono, in ogni caso, in grado di infastidire una barca di queste dimensioni che naviga a velocità elevate. Il 53 Fly, invece, non mostra difficoltà anche a 20 nodi e a 25. L’unica accortezza che si deve avere quando si raggiungono velocità elevate, è quella di dosare il gas per evitare salti sulle onde. Basta un minimo di anticipo per mantenere la navigazione confortevole. Le linee della carena sono state realizzate dall’ufficio ricerca e sviluppo di Azimut in collaborazione con

230

barchemagazine – Ottobre-October 2021

Micad. L’angolo di deadrise della V di prua è sufficiente per affrontare un mare abbastanza formato come quello che abbiamo incontrato durante il test. La barca prima di planare è un po’ “seduta”, lo si nota anche dalla visibilità della postazione interna che risulta limitata. Accelerando, ovviamente, si ottiene un assetto ottimale con lo scafo orizzontale sull’acqua. Merito anche degli interceptor che troviamo a bordo. Sono automatici e quindi il timoniere non se ne deve preoccupare. L’effetto del loro lavoro si vede anche dalla scia perché quando intervengono per abbassare la prua e ottenere così un assetto corretto dell’imbarcazione, alzano un buon volume d’acqua. In navigazione la timoneria mi è apparsa molto equilibrata. Rappresenta un giusto compromesso tra morbidezza e prontezza nella risposta. Gli Ips di Volvo garantiscono una buona dose di agilità, ma anche l’altezza complessiva del bordo libero contribuisce a dare la sensazione di stabilità e sicurezza in virata. Nonostante la presenza del fly, infatti, l’altezza del 53 sopra la linea di galleggiamento non è eccessiva. Un altro grande lavoro fatto da Azimut è quello per l’insonorizzazione della sala macchine.


AZIMUT 53 FLY Molto razionale l’allestimento in coperta con il giusto equilibrio delle zone pranzo e relax. Tra prua, pozzetto e fly, le superfici da destinare al comfort non mancano. The deck set-up is very rational, with the right balance between dining and relaxation areas. With the bow, cockpit and flybridge, there is no lack of areas set aside for comfort.

231

barchemagazine – Ottobre-October 2021


TEST Per questi due locali, il bagno è uno solo, ma nel complesso un layout con tre cabine e due bagni è decisamente accogliente, soprattutto se teniamo conto che siamo a bordo di un 53’. Il salone è tradizionale con tante vetrate e portelloni che consentono di avere un’area in continuità tra dinette e pozzetto con la cucina che è stata collocata proprio in prossimità di quest’ultimo. Il progetto della coperta è stato curato da Alberto Mancini e quello che ho avuto modo di apprezzare è la razionalità. L’area per la zona pranzo si trova all’interno del salone e sul fly, quindi il pozzetto non è dotato di tavolo pranzo. Razionali anche le zone relax che si trovano a prua e sul fly che offrono una buona dose di privacy anche se si è ormeggiati di poppa in banchina. Infine, c’è la piattaforma di poppa immergibile dalla quale si può accedere alla cabina marinaio. La scelta delle trasmissioni Ips, infatti, oltre a garantire manovrabilità e prestazioni, permette anche di avere volumi interni maggiori da sfruttare per l’abitabilità e per lo storage. Tre cabine e due bagni, oltre al locale per il marinaio. A conti fatti, non poco per un 53’. L’abitabilità che il progetto è riuscito a ottenere per ciascuna cabina è sufficiente per immaginare una lunga 232 permanenza a bordo.

There are three cabins and two bathrooms, as well as the crew cabin. That adds up to a lot for a 53-footer. The headroom that the design has managed to get for each cabin is enough to imagine spending time onboard.

Le vibrazioni ci sono e non sono provocate solo dai motori e dagli impianti, ma anche dal mare formato, eppure i decibel che misuro con il fonometro sono sempre molto contenuti, sia in plancia, sia nella cabina armatoriale. La sensazione che si prova nella postazione di comando è positiva. La plancia, il volante, le manette e il joystick sono tutti a portata di mano. Ci si muove bene, si riesce a manovrare senza intoppi. Anche la seduta per il pilota è avvolgente e confortevole. Gli interni sono stati curati dal cantiere e sono all’insegna dello spazio e del comfort per sei persone. L’armatoriale è a centro barca e occupa per intero il baglio, mentre a prua, la zona notte si articola in una cabina matrimoniale e in una con letti paralleli.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

THE SEA WAITING FOR US OUTSIDE THE HARBOUR WALL AT VARAZZE WAS FAIRLY DIFFICULT, although not prohibitive. But the residual swell produced waves of at least 70 centimetres. In the previous days, it had been rougher, but it certainly hadn’t completely calmed down. The good news was that the wind was weak. In the engine room, there were two Volvo Penta D11s each developing 750 hp. A total of 1,500 horsepower is a fairly large amount for a boat with a length overall of just over sixteen and a half metres. Transmission is through a lower unit with IPS 950 forward propellers. I opened the throttle right up and the hull behaved superbly. The acceleration was sporty, particularly if you take into account that we are on board a flybridge boat of nearly thirty tonnes displacement.


AZIMUT 53 FLY

Condizioni della prova

AZIMUT YACHTS Via Martin Luther King, 9/11 I-10051 Avigliana (TO) T. +39 011 93161 www.azimutyachts.com

Velocità max nodi Top speed knots

Conditions on test

PROGETTO: Azimut R&D in collaborazione con Micad (hull design) • Alberto Mancini Yacht Design (exterior styling & concept) • Azimut Yachts (interior design) SCAFO: Lunghezza f.t. 16,78m • Larghezza massima 4,95m • Pescaggio 1,41m • Dislocamento a pieno carico 30.000 kg • Serbatoi carburante 2.400 l • Serbatoi acqua 590 l MOTORI: 2xVolvo Penta D11-Ips950 • Ciclo operativo 4 tempi • 6 cilindri in linea • Potenza 533 kW (725 cv) • Cilindrata 10,84 l • Alesaggio per corsa 123mm x 152mm • Regime di compressione 16,5:1 • Regime di rotazione massimo 2500 giri/minuto • Peso a secco 1.800 kg CERTIFICAZIONE CE: CAT B PREZZO: 1.200.000 €, Iva esclusa (prezzo base)

31.7 Autonomia mn Range nm

289

Località//Place Varazze (SV) Onda//Wave height 70 cm Vento//Wind speed 6 nodi//knots Persone a bordo//People on board 5 Carburante imbarcato//Fuel volume on board 1.200 l

Velocità in nodi Speed in knots

Consumi l/h

Fuel consumption l/h Rpm

kn

284 2500

31.7

278

29.5

21.7

Rapporto peso potenza Mass outlet power

kg kw

28

Rapporto lung./larg. L/W

3.4 Giri/min

1750

135

13.1

1650

105

11.0

PROJECT: Azimut R&D in partnership with Micad (hull design) • Alberto Mancini Yacht Design (exterior styling & concept) • Azimut Yachts (interior design) HULL: LOA 16.78m • Maximum beam 4.95m • Draft 1.41m • Full load displacement 30,000 kg • Fuel tanks volume 2,400 l • Water tanks volume 590 l MAIN PROPULSION: 2xVolvo Penta D11-IPS950 • 4 stroke • 6 cylinders inline • Outlet mechanical power 533 kW (725 hp) • Swept volume 10.84 l • Bore&Stroke 123mm x 152mm • Compression ratio 16.5:1 • Maximal rotational speed 2500/min • Dry weight 1,800 kg EC CERTIFICATION: CAT B PRICE: 1,200.000 €, Excl.VAT (as standard)

2000

180

16.2

1500

95

8.2

1000

30 0

50

100

150

200

250

Velocità minima di planata: 13,1 nodi a 1650 giri Minimum gliding speed: 13.1 knots at 1650/min Da 0 a planata in 8 secondi Gliding time of 8s from 0 to glide Da 0 a velocità massima in 30 secondi Gliding time of 30s for a speed change from 0 to 31.7 knots (maximum speed)

Litro miglio

(velocità di crociera)

l/ na mi (Cruising speed)

8.3

Velocità kn

Consumi totali l/h

Consumi litro miglio

Autonomia mn

Rumore su scala A (in plancia) dB

Boat

Total Fuel consumption

Total Fuel consumption

Range

Sound level on scale A

speed in knots

(as volume flow) l/h

(as volume hanging) l/ na mi

na mi

(at the dashboard) dB

1000

8.2

30

3,6

666

59

1500

11.0

95

8,6

279

61

1650

13.1

105

8,0

300

62

1750

16.2

135

8,3

289

64

2000

21.7

180

8,3

289

65

Engine rotational speed 1/min

2200

25.2

227

9,0

266

67

2400

29.5

278

9,4

255

69

2500

31.7

284

8,9

269

70

barchemagazine – Ottobre-October 2021

2400 2200

227

25.2

233


TEST The hull came out of the water in around eight seconds. Even the top speed is remarkable: 31.7 knots at 2500 rpm with a spot reading of 284 litres used per hour, and slightly under nine litres per nautical mile travelled. Whereas at the planning minimum, it did just over thirteen, the litres per hour reading was 105 and litres per mile was eight. If it were an end-of-term report card, we have to say that the student Azimut 53 Fly had passed with flying colours. How it behaved on the waves is just as praiseworthy. It fends them off without any particular problems. We aren’t, of course, talking about ocean waves, but they were nevertheless ones that could trouble a boat of this size that is moving fast. Even so, the 53 Fly doesn’t have any difficulty at 20 knots, or even at 25. The only thing to remember when you are going fast is to measure out the throttle to avoid jumping on the waves. You just need to anticipate a bit to ensure that it is a comfortable ride. The lines of the hull were done by the Azimut R&D, together with Micad. The deadrise angle at the V-shaped hull is enough to handle a fairly rough sea, like what we came across during the test. Before starting to plane, however, the boat sits back a bit, something you can ascertain from the limited visibility you get from the internal steering position. Obviously, as you speed up you get just the right trim with the hull horizontal to the water surface. That’s also because of the interceptors that are fitted. They are automatic and so whoever is at the helm doesn’t have to worry about them. The effect of what they do can also be seen from the bow wave because when they start to work to lower the bow and get the right trim, they bring up a good amount of water. When underway, the steering felt very balanced. It was the right compromise between being soft and reactive. The Volvo IPS system gives it a good dose of agility, but also the overall height of the freeboard helps to give a feeling of stability and stability when turning.

234

To Azimut, a family boat means comfort for long stays on board, being easy to handle and giving good performance both in terms of speed and fuel consumption. barchemagazine – Ottobre-October 2021

Family Boat, che per Azimut significa comfort per lunghi soggiorni, facilità di conduzione e buone performance sia per velocità, sia per i consumi.



TEST

Engine room 236

Due Volvo Penta D11 da 750 cavalli ciascuno per un totale di 1.500 cavalli. Si tratta di una potenza notevole in grado di spingere l’Azimut 53 Fly fino a 31,7 nodi di velocità massima. Two Volvo Penta D11s, each turning out 750 horsepower, give a total of 1,500 hp. That is a significant amount of power able to push the Azimut 53 Fly up to 31.7 knots top speed.

Maneggevole sia in virata, sia in manovra ai bassi regimi, anche grazie alla scelta di montare il sistema Ips di Volvo con i piedi azimutali. La V di prua è sufficientemente profonda per non soffrire il mare formato.

It is both easy to move around when turning and when manoeuvring at low revs, not least because of the decision to fit the Volvo IPS system with azimuth drives. The V-shaped bow is deep enough to mean that it doesn’t suffer from the rough sea.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

Despite having a flybridge, the 53’s height over the water isn’t excessive. Another great piece of work done by Azimut is how they soundproofed the engine room. Although we did feel some vibration, it was not just caused by the engines and the onboard equipment, but also by the rough sea. But even so, the level of decibels that I measured with the sound metre was always very limited, both at the bridge and in the master cabin. You get a good feeling at the helm. The dashboard, the wheel, throttles and joystick are all within easy reach. You can get around easily, and do manoeuvres without bashing into anything. Even the steering seat is welcoming and comfortable. The interiors have been done carefully by the yard and are designed to give a feeling of space and comfort for six people. The master cabin is midships, and takes up the whole beam, while going forward, the sleeping accommodation has a double room, and another twin room. There’s just one bathroom for these two cabins but looked at overall, a layout with three cabins and two bathrooms is most definitely comfortable, especially if we bear in mind that we are on board a 53-footer. The lounge is traditional, with a lot of windows and doors that mean there can be continuity between the dinette and cockpit with the kitchen located close to the cockpit. The deck design was handled by Alberto Mancini and what I appreciated in it was its rationality. The eating area is inside the lounge and on the flybridge, so the cockpit does not have a dining table. The relaxation areas in the bows and on the flybridge have also been drawn up rationally and provide a good dose of privacy even if you are moored at the quay by the stern. And finally, there is the submersible aft platform, from where you reach the sailor’s quarters. As well as giving manoeuvrability, the use of IPS transmissions means the interior volumes can be larger, allowing better headroom and storage capacity.


SAREMO PRESENTI

Una gamma completa dai 40Kgf fino ai 1000Kgf di spinta, disponibile in DC, AC, idraulica e con tecnologia Brushless DC-AC. Le eliche di manovra QS-Seamaster sono sviluppate e realizzate interamente in Italia. Grazie

MONACO

alla partnership tecnologica con Quick Spa e agli oltre

22 - 25 SEPT 2021

25 anni di esperienza di SAIM Marine, QS-Seamaster

DS31 / DARSE SUD

offre quanto di più avanzato si possa avere sul mercato e le caratteristiche ideali per ogni tipo di applicazione. Pensate per chi le usa, progettate con chi le installa.

qs-seamaster.com


TEST

TEST

Fuoribordo MON AMOUR 238

Outboard my love

barchemagazine – Ottobre-October 2021


SEALINE C335V

Con i due motori installati sullo specchio di poppa aumentano ulteriormente i volumi interni. Si ricava così altro spazio, tanto prezioso per il comfort in crociera With two engines on the transom, the interior volumes have increased further. That way more space has been found, which is so important for comfort when cruising by Niccolò Volpati – photo by Andrea Muscatello

239

barchemagazine – Ottobre-October 2021


TEST ANALIZZANDO NOME E SIGLA DEL NUOVO SEALINE SI HANNO GIÀ ALCUNE INDICAZIONI IMPORTANTI. C335v, la prima lettera, indica che si tratta della versione Cruiser e la “v” finale ci dice che la motorizzazione è fuoribordo e non entrofuoribordo come il precedente modello. Cambia anche il numero, da 330 si passa a 335 perché si è leggermente allungato. Questa barca, per soli sette centimetri, non è omologata natante. Lo scafo, infatti, misura 10,07 metri. Chi è affezionato al natante può optare per la motorizzazione con piede poppiero. I vantaggi dei fuoribordo però sono numerosi. Oltre a quelli ovvi, come la ridotta manutenzione, la versione fuoribordo dispone di un più ampio spazio di stivaggio sotto il piano di calpestio del pozzetto. Il cantiere ha deciso di destinare questi volumi a un unico grande gavone il cui portello si trova al centro del pozzetto. Ci si possono riporre le dotazioni, i parabordi e anche ogni genere di toys come wakeboard, sci d’acqua, seabob e ammennicoli vari. Lo spazio davvero non manca e in crociera è sempre prezioso. Analogo risultato è stato ottenuto per i volumi interni. Merito del cantiere e, soprattutto, di Andrea Zambonini che ne ha seguito la realizzazione. Il bordo libero è piuttosto pronunciato, ma comunque non dà mai, dall’esterno, la sensazione di essere troppo. Nonostante ciò l’abitabilità sottocoperta è notevole. L’altezza c’è, in entrambe le cabine. A prua, dove è stata collocata l’armatoriale, era abbastanza facile prevederla, ma nella cabina di poppa meno. Qui il progetto prevede una cuccetta da due posti comodi o addirittura tre un po’ più sacri240 ficati che rimane sotto il pozzetto. Ovviamente non ci si può aspettare un letto sul quale stare in piedi, ma l’aria non manca. E poi c’è lo spazio all’ingresso della cabina, prima di arrivare alla cuccetta, dove l’altezza è sempre superiore ai 180 cm ed è stato collocato perfino un divanetto. Insomma, si tratta di

un locale davvero abitabile, non solo di una cuccetta dove dormire. Anche armadi, stipetti e vani per lo stivaggio sono numerosi. L’unica soluzione non del tutto convincente è quella della porta del bagno perché si apre verso l’interno e occupa uno spazio importante, tanto che per chiuderla si deve entrare nel box doccia. La dinette è uno spazio che definire interno forse non è troppo esatto. C’è un grande portellone affacciato sul pozzetto che si apre completamente, così come la finestratura in prossimità della cucina, anch’essa limitrofa al pozzetto e, infine, la porta che dalla postazione di comando consente di accedere direttamente al passavanti di dritta. E, oltre ai lati, C335v si apre anche verso l’alto perché l’hard top ha un sistema elettroidraulico e perfino il softop che protegge il pozzetto è apribile. In conclusione, quando tutto è aperto, dinette e pozzetto sono un tutt’uno. In coperta mi è piaciuta molto la soluzione della spiaggetta intorno ai due fuoribordo. Come è facile immaginare, si tratta di due piattaforme esterne che circondano le gambe dei motori, ma c’è anche una porzione di piano calpestabile che rimane a pruavia dei fuoribordo. È un’ottima soluzione perché consente di passare da un lato all’altro senza alcuna difficoltà, dato che proprio il piano di calpestio della spiaggetta a pruavia delle due calandre è indispensabile per muoversi in sicurezza quando si è ormeggiati in rada. Che fare però quando si aziona il tilt per sollevare il piede del motore dall’acqua? Niente paura, perché questo pezzo di spiaggetta si solleva consentendo alle due ingombranti “teste” dei fuoribordo di occupare lo spazio fino al divanetto del pozzetto. Per il resto la coperta è ben organizzata, con equilibrio tra comfort e spazio dedicato alle manovre di ormeggio, a prua come a poppa. Quello di cui ho sentito la mancanza sono alcuni centimetri in più. Lo spazio per muoversi c’è, e quando ci si trova in porto con lo scafo

barchemagazine – Ottobre-October 2021


SEALINE C335V

241

La coperta può essere più aperta o più protetta, a voi la scelta. Oltre ai portelloni e alle finestrature che delimitano il perimetro della dinette, anche l’hard top e il soft top che protegge il pozzetto si possono aprire elettricamente per avere una coperta interamente quasi del tutto “open”.

The deck can be closed or more open, it’s up to you. As well as the doors and windows that surround the dinette, the hard and soft tops that protect the cockpit are electronically operated to give a deck that is nearly entirely open.

barchemagazine – Ottobre-October 2021


TEST

Due cabine, entrambe accoglienti, una all’estrema prua e una a centro barca, collocata sotto il pozzetto. Nonostante ciò, il layout è stato studiato in modo da garantire sempre una buona abitabilità.

There are two cabins, both of them welcoming, one right in the bows and one midships, located under the cockpit. Despite that, the layout has been designed to always ensure good headroom.

242

barchemagazine – Ottobre-October 2021

immobile non si avverte questa necessità. Quando invece si è alla fonda, dove un po’ di rollio è inevitabile, si sente la necessità di qualche centimetro in più lungo i passavanti e nella zona di prua dove c’è il verricello e il gavone dell’ancora. Ma come dicevamo all’inizio, la caratteristica del C335v sono i fuoribordo. Nel nostro caso si tratta di due Suzuki da 300 cavalli, entrambi con doppia elica controrotante. Si tratta della massima potenza installabile e in effetti la spinta in accelerazione è piuttosto sportiva dato che in soli cinque secondi la carena è fuori dall’acqua. Anche per quanto riguarda la velocità massima, il risultato è più che soddisfacente. Durante la prova il Gps è arrivato a 38,4 nodi. Il motore era montato piuttosto alto e quindi sollevando il trim aumentavano i giri fino a 6000, ma diminuiva la spinta. La massima quindi l’abbiamo raggiunta a 5900 giri/minuto. I consumi a tutte le andature di crociera sono moderati sia in termini di litri per miglio, sia istantanei. Non è eccessiva la capacità dei serbatoi per la benzina, solo 570 litri che ne limitano un po’ l’autonomia. C335v in manovra si è comportato egregiamente, virando stretto senza patemi e anche all’ormeggio in porto ha dimostrato di essere uno scafo docile da domare. Lavorando con la marcia avanti e indietro dei singoli motori e con l’elica di prua non si sente la necessità di un altro ausilio come il joystick. Onda non ne abbiamo incontrata, ma il traffico estivo si faceva sentire, pertanto abbiamo avuto modo di attraversare numerose scie, anche di imbarcazioni molto grandi. La sensazione è che la carena si comporta sempre bene, fendendole


SEALINE C335V

Gli interni hanno un’abitabilità adeguata per essere vissuta da quattro persone. Il comfort in crociera è assicurato. The interiors have sufficient headroom to be used by four people. Comfort while cruising is guaranteed.

243

in modo corretto, con qualsiasi direzione le si affronti. Meno riuscito l’assetto, nel senso che la barca è un po’ seduta, almeno fino a 25 nodi di velocità. Quando si affondano le manette del gas, invece, lo scafo si mette correttamente parallelo alla superficie dell’acqua. Per migliorare l’assetto anche ai bassi e medi regimi, forse, si potrebbero montare dei flap idraulici o degli interceptor. A LOOK AT THE NAME OF THE NEW SEALINE GIVES YOU A GOOD IDEA OF WHAT TO EXPECT. The first letter of the C335v is for “cruiser” and the “v” at the end means that it has an outboard rather than an inboard/outboard like the previous model. The serial number also changes, moving from 330 to 335 because it has been slightly stretched. This boat is just seven centimetres too long to be classed as a natante, as the hull is 10.07 metres long. Anyone who wants a natante can go for a sterndrive. But there are many advantages to having an outboard. As well as the obvious ones, like not having to do so much maintenance, the outboard version has a larger storage space under the cockpit.

barchemagazine – Ottobre-October 2021


TEST

244

The ergonomics are excellent, and everything is at exactly the right distance. The wheel, the throttles and the display are all to hand and are easy to read.

Ottima l’ergonomia, tutto è alla distanza giusta. Volante, manette, display sono a portata di mano e facilmente leggibili.

The yard has decided to give over this large volume to being used as a single large locker, the door to which is in the middle of the cockpit. The locker can be used to stow the equipment, fenders and all kind of water toys like wakeboards, jet skis, sea bobs and various bulky extras. There is really no lack of space, and that is always good to have when on a cruise. The same has been achieved with interior volumes. That is thanks to the boatyard and, above all, Andrea Zambonini who has handled the construction. The freeboard is fairly high, but seen from outside never gives the feeling of being excessive. Despite that, there is a lot of headroom below decks. So, both cabins are high. That’s something you could have imagined in the bow, where the master cabin is located, but the height in the stern cabin was rather less to be expected. It is there, under the cockpit that the designers have put two roomy berths, or three slightly smaller ones. You clearly can’t expect to have a bed you could stand on, but there is no lack of space. Then there is the area at the cabin entrance before you get to the berth, where the height is always above 180cm and they have even placed a sofa. So basically, it is a place you can spend time in, and not just a cabin to sleep in. There are even a lot of cupboards, cabinets and rooms for storage. The only design feature that isn’t entirely convincing is the bathroom door, which opens inwards and uses up some important space, so much that you have to go into the shower cubicle to close it. The dinette is an area that you couldn’t describe as being indoors. There is a large door that gives onto the cockpit which opens right up, just like the window close to the galley, which also borders the cockpit, and finally the door which means you can go straight from the helm to the starboard gangway. The C335v doesn’t just open to the sides, it opens upwards as well because the hardtop has an electrohydraulic system and even the softop which protects the cockpit can be opened. So in conclusion, when everything is open, the dinette and cockpit become one. On the deck, I liked the way the beach area has been done alongside the outboards. As you can imagine, they are two external platforms, which surround the drive units, but there is also part of the deck surface which is aft of the outboards. That is an excellent way of doing it because it means you can move from one side to the other without any difficulty, given that the deck in the beach area aft of the two engine grilles is essential for getting around when you are at anchor. But what do you do when you activate the tilt mechanism to bring the drive unit out of the water? There isn’t anything to worry about, because this piece of beach area comes up, allowing the bulky top sections of the outboards to occupy the room up to the cockpit sofa. The rest of the deck is well organised, with a nice balance between comfort and space dedicated to the mooring ropes. What I felt Le tante aperture garantite da hard top scorrevoli e portelloni laterali non sono comode solo quando ci si trova all’ormeggio, ma anche in navigazione per assicurare un grande afflusso di aria fresca.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

The many openings provided by the sliding hardtop and side doors aren’t just useful when moored, but also when underway as they ensure a good flow of fresh air.


SEALINE C335V

Velocità max nodi Top speed knots

Località//Place Golfo del Tigullio//Gulf Tigullio Persone a bordo//People on board 3 Carburante imbarcato//Fuel volume on board 230 l Mare//Sea state Quasi calmo//Almost calm Vento//Wind speed 0

Velocità in nodi Speed in knots

Consumi l/h

PROGETTO: Bill Dixon (scafo e coperta) • Andrea Zambonini (interni) SCAFO: Lunghezza f.t. 10,31m • Lunghezza scafo 10,07m • Larghezza massima 3,50m • Pescaggio 0,89m • Dislocamento a secco 7.270 kg • Serbatoio carburante 570 l • Serbatoio acqua 220 l MOTORI: 2xDF300B Suzuki • Potenza 224 kW (300 cv) • Ciclo operativo 4 tempi • 6 cilindri a V55° • Cilindrata 4.028 cc • Alesaggio per corsa 98mm x 89mm • Rapporto al piede 2,08:1 • Regime di rotazione massimo 5700-6300 giri/minuto • Peso 290 kg CERTIFICAZIONE CE: CAT B per 6 persone PREZZO: 186.950 €, solo scafo

Autonomia mn Range nm

154

Rapporto peso kg kw

Fuel consumption l/h

Rapporto lung./larg. L/W

2,9

Rpm

kn

38.4

215 179

36.4

27.4

5000 4500

105

21.1

4000

77.3

18.5

3500

62.5

12.7

3200

54

10

3000

52.4 0

50

100

150

200

Da 0 a planata in 5 secondi Gliding time of 5s from 0 to glide Da 0 alla velocità massima in 29 secondi Gliding time of 29s for a speed change from 0 to 38.4 knots (maximum speed) Il minimo di planata @ a 12.7 nodi e 3200 giri/min The minimum gliding speed is 12.7 knot @3200/min

Litro miglio

(velocità di crociera)

l/ na mi (Cruising speed)

3,7

Velocità kn

Consumi totali l/h

Consumi litro miglio

Autonomia mn

Rumore su scala A (in plancia) dB

Boat

Total Fuel consumption

Total Fuel consumption

Range

Sound level on scale A

speed in knots

(as volume flow) l/h

(as volume hanging) l/ na mi

na mi

(at the dashboard) dB

10.0

52,4

5,2

109

69

3200

12.7

54,0

4,2

135

72

3500

18.5

62,5

3,4

167

73

4000

21.1

77,3

3,7

154

74

4500

27.4

105

3,8

150

78 79

Engine rotational speed 1/min 3000

5000

31.6

136

4,3

132

5500

36.4

179

4,9

116

81

5900

38.4

215

5,6

101

85

barchemagazine – Ottobre-October 2021

5900 5500

136

31.6

PROJECT: Bill Dixon (hull and superstructure) • Andrea Zambonini (interiors) HULL: LOA 10.31m • Length 10.07m • Maximum beam 3,50m • Draft 0,89m • Light mass displacement 7,270 kg • Fuel tank volume 570 l • Water tank volume 220 l MAIN PROPULSION: 2xDF300B Suzuki • Outlet mechanical power 224 kW (300 hp) • 4 stroke • 6 V-shaped 55° cylinders • Swept volume 4,028 cc • Bore&Stroke 98mm x 89 mm • Reduction ratio 2.08:1 • Maximal rotational speed 5700-6300/min • Weight 290 kg EC CERTIFICATION: CAT B - 6 people PRICE: 186,950 €, bare boat

17,52

Giri/min

Conditions on test

Italian dealer Blu Service Srl Portosole, Via del Castillo, 17 I-18038 Sanremo (IM) T. +39 0184 990770 info@bluserviceitalia.com www.bluserviceitalia.com www.sealine-italia.com

38.4

potenza Mass outlet power

Condizioni della prova

SEALINE Ladebower Chausee, 11 D-17493 Greifswald www.sealine.com

245


TEST

Engine data

C335v è la versione fuoribordo del Sealine C330. Sullo specchio si può montare una coppia di motori da 250 o, al massimo, da 300 cavalli. The C335v is the outboard version of the Sealine C330. You can fit a pair of 250 horsepower motors, or 300 hp ones, which is the upper limit.

was the lack of a few extra inches. There is enough room to get around, and when you are in port and the hull is stationary, you don’t notice this need. But when you are anchored, you feel the requirement for a few more inches along the gangways and in the bow area where the winch and the anchor windlass are. But, as we said at the start, the feature of the C335v is the outboards. In our case, they were two 300 horsepower Suzukis, each of them with

double counter-rotating propellers. That is the most power the boat can carry, and indeed the thrust when accelerating is distinctly sporty, given that in just five seconds the hull comes out of the water. And the outcome in terms of top speed is also more than satisfactory. During the GPS trial, we got to 38.4 knots. The engine was set fairly high and so as we eased off on the trim the revs rose to 6000, but the thrust decreased. So, the most we reached was 5900 rpm. We didn’t use much fuel at any cruising speed, both in terms of litres per nautical mile and snapshot readings. The fuel tanks don’t have a huge capacity, just 570 litres, which limits the range a bit. The C335v behaves very well underway, turning tightly without any issues and even when moored in port it showed it was an easy boat to tame. As you work with forward and reverse gears on the individual engines, and with the bow thruster you don’t feel the need for further aids, such as a joystick. We didn’t come across any waves, but the summer traffic made itself felt, and so we were able to go across a lot of bow waves, including some from very large craft. The feeling you get is that the hull always handles well, pushing aside the waves as it should do, regardless of where they come from. The trim is not quite as good, in that the boat sits back in the water a bit, at least up to 25 knots. But when you open up the gas throttle, the hull positions itself properly, parallel to the surface. To improve the trim, even at low and medium revs, hydraulic flaps or interceptors could be fitted.

Molto maneggevole in navigazione e all’ormeggio. È una barca facile da condurre e con i due fuoribordo è forse perfino più indicata per un armatore alla prima esperienza.

246

It is very easy to manoeuvre both when underway and when mooring. It is easy to steer and with two outboards, it is perhaps best for a firsttime owner.

barchemagazine – Ottobre-October 2021



TEST 248

TEST

La formula della FELICITÀ The formula for HAPPINESS Tre fuoribordo per sei cilindri per dodici metri di barca, è la formula della felicità. L’hanno scoperta Jeanneau e Yamaha Three outboards times six cylinders by twelve metres of boat - that’s the formula for happiness. It’s been discovered by Jeanneau and Yamaha by Niccolò Volpati photo by Jean-Jacques Bernier and Tom King

barchemagazine – Ottobre-October 2021


JEANNEAU CAP CAMARAT 12.5 WA

249

barchemagazine – Ottobre-October 2021


TEST PARTIAMO DA DIETRO, NEL SENSO DELLA POPPA. Attaccati allo specchio ci sono tre fuoribordo Yamaha da 300 cavalli. Si tratta dei nuovi Premium V6, ovvero la rivisitazione del sei cilindri della casa giapponese. Meno peso e più maneggevolezza, in parte fornita da un uso massiccio dell’elettronica. Il V6 300, così come il 250 cavalli, è dotato di Digital Electronic Steering, ovvero lo sterzo elettronico digitale. Miglior controllo, più precisione, grazie soprattutto agli attuatori che sostituiscono le tradizionali pompe idrauliche. È un fuoribordo dotato di Drive by Wire con manette elettroniche e, volendo, anche il sistema Helm Master EX, perfetto per gli appassionati di pesca perché integra Gps, autopilota e propulsore. Il peso è ovviamente minore rispetto ai V8 XTO di Yamaha, ma da questi eredita il TotalTilt, un ingegnoso sistema che consente di sollevare dall’acqua il piede del fuoribordo occupando il minor spazio possibile a poppa. Il TotalTilt è anche fornito di un sistema di allarme che avvisa quando il motore è in movimento proprio per impedire danneggiamenti a cose o persone. E poi c’è TERE, acronimo di Thrust Enhancing Reverse Exhaust. In pratica quando si ingrana la retromarcia e si rimane al di sotto dei 2500 giri al minuto, le bolle dello scarico rimangono lontano dall’elica, sopra alla piastra di ventilazione. In questo modo, l’elica pesca in un’acqua densa e non contaminata dalle bolle causate dai gas di scarico. E quando l’acqua è densa, l’elica lavora meglio e il fuoribordo è più efficiente in retromarcia. Ma è la marcia avanti quella che ci interessa di più 250 e quindi per testarla non facciamo altro che ingranarla e accelerare per vedere se il restyling fornisce buone prestazioni in accelerazione e velocità.

Tanta l’abitabilità e la luminosità grazie a molte finestrature che consentono alla luce naturale di filtrare sottocoperta. I posti letto sono 5, di cui tre nella cabina a centro barca e 2 nella dinette trasformabile.

Il Cap Camarat 12.5 WA di Jeanneau è una barca di quasi dodici metri di lunghezza fuori tutto per tre e mezzo di baglio e più di settemila chili di dislocamento a vuoto. Insomma, è una barca sportiva, ma con volumi generosi e quindi anche pesi conseguenti. Novecento cavalli sono comunque parecchi, non a caso si tratta della motorizzazione massima installabile. E il risultato si vede subito. Nonostante servano più di sedici nodi per tirare fuori lo scafo dall’acqua, la planata si raggiunge in soli tre secondi e mezzo. È davvero un’accelerazione che ti inchioda alla seduta del pilota, merito di una cubatura notevole, dato che i cc sono ben 4.169. Alla massima siamo arrivati a 42,7 nodi con un consumo di 299 litri/ora, praticamente 100 litri per motore. Sulla stessa lunghezza d’onda anche i valori dei consumi a 30 e a 25 nodi di velocità. Per navigare a 30 nodi, infatti, servono 163 litri in totale, mentre a 25 il consumo è di circa 120 litri/ora per tutti e tre i fuoribordo. Il comportamento in navigazione rappresenta un equilibrio tra prestazioni sportive e comfort. Il progetto di Michael Peters mi ha convinto proprio perché l’equilibrio tra queste due caratteristiche è stato trovato senza rinunce. La barca, merito anche dell’elettronica che assiste la virata, è molto maneggevole. S’inclina quanto basta, risponde prontamente alle inversioni di rotta. La visibilità dalla plancia è sempre ottimale, perfino quando si vira a tutta barra. Il T-Top, che è robusto e piuttosto ampio, non è mai un ostacolo alla visuale, nemmeno laterale. Anche con onda tra i 40 e 50 cm, la V di prua riusciva a fenderla senza problemi. Fino a trenta nodi di velocità non si sentiva la necessità di dosare il gas perché la barca non saltava eccessivamente sull’onda.

It has a lot of living space and light thanks to the large number of windows, which allow natural light to filter below decks. There are five berths, of which three are in the cabin amidships, and two in the convertible dinette.

barchemagazine – Ottobre-October 2021


140 12.5 WA JEANNEAUPERSHING CAP CAMARAT JEANNEAU CAP CAMARAT 12.5 WA

251

barchemagazine – Ottobre-October 2021


TEST

252

In keeping with the walkaround concept, it is easy to get from stern to bow. It takes just a few moves to get an ideal set-up for relaxation or to provide a lot of seats for guests.

In ogni caso l’erogazione è progressiva e le manette assolvono egregiamente al loro compito. L’unico aspetto non del tutto convincente della barca è di tipo strutturale. È proposta da Jeanneau con due o tre motori fuoribordo, ma, purtroppo, i serbatoi sono solo due e non comunicano tra di loro. La conseguenza è che in caso di tripla motorizzazione, due fuoribordo pescano da un unico serbatoio. Va da sé che quando un serbatoio è vuoto, l’altro abbia ancora carburante. Per ovviare a questo inconveniente è stata collocata una pompa che consente di alternare l’alimentazione dei fuoribordo da uno o dall’altro serbatoio. Sarebbe stato meglio però avere serbatoi comunicanti oppure averne tre, uno per ogni motore.

Fedele al concetto Walk Around, è facile muoversi a bordo da prua a poppa. In poche mosse si può avere un allestimento ideale per il relax oppure per offrire numerose sedute agli ospiti.

LET’S START FROM THE STERN. Three 300 hp Yamaha outboards are fitted to the transom. They are the new Premium V6s, which is the Japanese firm’s new take on the six cylinders. They weigh less and are easier to handle, in part because of the extensive use of electronics. The V6 300, like the 250hp model, is fitted with digital electronic steering. This gives better control, and more precision, thanks above all to the actuators that take the place of traditional hydraulic pumps. It is an outboard fitted with an electronic throttle drive-by-wire system, and if you want there is also the Helm Master EX programme, which is perfect for fishermen because it integrates GPS, autopilot and engine. It obviously weighs less than

barchemagazine – Ottobre-October 2021


JEANNEAU CAP CAMARAT 12.5 WA

253

barchemagazine – Ottobre-October 2021


TEST

Engine data

254

Tre motori da 300 cavalli rendono la navigazione sportiva, ma senza compromettere il comfort e la sicurezza. Volendo è possibile optare anche per una doppia motorizzazione fuoribordo. Three 300 hp engines make it a sporty ride, but without any compromise in terms of comfort and safety. Another option is having two outboard engines.

Buono il comportamento con mare formato e, soprattutto, molto maneggevole in virata e in manovra ai bassi regimi. Merito della carena e dei fuoribordo Yamaha con l’elettronica che consente una perfetta regolazione.

It handled well in rough sea, and above all was very manageable when turning and when manoeuvring at low revs. That is thanks to the hull and the Yamaha outboard engines with electronics that mean they can be set perfectly.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

the Yamaha V8 XTO, but it has inherited from that engine the ingenious TotalTilt system, which means that you can bring the propeller out of the water so that it takes up as little room as possible in the stern. TotalTilt is also fitted with an alarm system that lets you know when the engine is moving, specifically to prevent one from harming people or objects. And then there is the TERE system, which stands for Thrust Enhancing Reverse Exhaust. Basically, when you go into reverse and are under 2500 rpm, the bubbles from the exhaust stay away from the propeller and above the anti-ventilation plate. That way, the propeller can bite into dense water without the bubbles caused by the exhaust gas. And when the water is dense, the propeller works better and the outboard is more efficient when reversing. But it is when you are moving forward that interests us most, and so to try that we did no less than putting it in gear and accelerating to see if the restyling has produced a good performance in terms of acceleration and speed. The Cap Camarat 12.5 WA from Jeanneau is a boat of nearly twelve metres overall, with a three and a half metre beam and over seven thousand kilos dry weight. Essentially it is a sporty boat, but with generous volumes and as a result also weight. But even so, nine hundred horsepower is a lot, and it is no coincidence that you can’t fit any larger engines. And you see the result immediately. Even though you need to be doing over sixteen knots to get the hull out of the water, you start planing in just three and a half seconds. That is acceleration that nails you back to the chair as you helm, and comes from the size of the engines, with a full 4,169 cc. At top speed we got to 42.7 knots, using 299 litres per hour, effectively 100 litres per motor. Fuel consumption at 25 and 30 knots are in line with that. To do thirty we needed a total of 163 litres, while at


JEANNEAU CAP CAMARAT 12.5 WA

Velocità max nodi Top speed knots

Conditions on test

PROGETTO: Michael Peters Yacht Design, Sarrazin Design e Jeanneau Design SCAFO: Lunghezza f.t. 11,90m • Larghezza massima 3,58m • Dislocamento a vuoto 7.123 kg • Serbatoio carburante 1.150 l • Serbatoio acqua 200 l MOTORE: 3xF300NSB Yamaha • Potenza 220,6 kW (300 cv) • 6 cilindri a V 60° • Cilindrata 4.169 cc • Alesaggio per corsa 96mm x 96mm • Rapporto di trasmissione 1.75:1 • Regime di rotazione 5000-6000 giri/minuto • Peso 260 kg CERTIFICAZIONE CE: CAT B per 11 persone • CAT C per 12 persone PREZZO: 193.614 €, Iva inclusa

42.7 Autonomia mn Range nm

212

Località//Place Saint Raphael (France) Onda//Wave height 40 cm Vento//Wind speed 12 nodi/kn Persone a bordo//People on board 3 Carburante imbarcato//Fuel volume on board 800 l

Velocità in nodi Speed in knots

Consumi l/h

Fuel consumption l/h Rpm

kn

42.7

299 281

40

PROJECT: Michael Peters Yacht Design, Sarrazin Design, and Jeanneau Design HULL: LOA 11.90m • Maximum beam 3.58m • Light mass displacement 7,123 kg • Fuel tank volume 1,150 l • Water tank volume 200 l MAIN PROPULSION: 3xF300NSB Yamaha • Outlet mechanical power 220.6 kW (300 hp) • 6 V-shaped 60° cylinders • Swept volume 4,169 cc • Bore&Stroke 96mm x 96mm • Transmission ratio 1,75:1 • Maximal rotational speed 5000-6000/ min • Weight 260 kg EC CERTIFICATION: CAT B 11 people • CAT C 12 people PRICE: € 193,614, Inclusive VAT

Rapporto peso potenza Mass outlet power

Condizioni della prova

CHANTIERS JEANNEAU 32 Avenue des Sables - CS 30529 F-85505 Les Herbiers Cedex www.jeanneau.com

kg kw

13.6

Rapporto lung./larg.

31.9

16.3

speed 1/min 3000

3600

111

15.9

3500

99

11.7

3000

81 0

50

100

150

200

250

300

Da zero a planata in 3,5 secondi 255 Gliding time of 3.5s from 0 to glide La velocità minima di planata è 16,3 nodi a 3600 giri The minimum gliding speed is 16.3 knots at 3600 rpm Da zero alla massima velocità in 24 secondi Gliding time of 24s for a speed change from 0 to 42.7 knots (maximum speed)

Litro miglio

(velocità di crociera)

l/ na mi (Cruising speed)

5.4

3.3 Giri/min

4000

137

L/W

Engine rotational

4500

172

24.5

Velocità kn

Consumi totali l/h

Consumi litro miglio

Autonomia mn

Rumore su scala A (in plancia) dB

Boat

Total Fuel consumption

Total Fuel consumption

Range

Sound level on scale A

speed in knots

(as volume flow) l/h

(as volume hanging) l/ na mi

na mi

(at the dashboard) dB

11.7

81

6,9

166

73 77

3500

15.9

99

6,2

185

3600

16.3

111

6,8

169

78

4000

24.5

137

5,6

205

79

4500

31.9

172

5,4

212

82

5000

36.4

226

6,2

185

82

5500

40.0

281

7,0

164

84

5900

42.7

299

7,0

164

87

barchemagazine – Ottobre-October 2021

5500 5000

226

36.4

5900


TEST

256

The T-Top is strong because it has a solid base. It is wide and protective and even comes with an extension to give shade to the cockpit.

Il T-Top è robusto perché poggia su solide basi. È ampio e protettivo, dotato perfino di prolunga per assicurare ombra alla zona del pozzetto.

barchemagazine – Ottobre-October 2021

25 knots, 120 litres an hour was needed for all three outboards. The way it handles when underway is a balance between sporty performance and comfort. The project from Michael Peters convinced me precisely because the equilibrium between these two characteristics was found without giving anything up. The boat is very easy to handle as a consequence of the electronics that help when turning. It tilts the right amount and reacts quickly to changes in direction. Visibility from the steering console is always excellent, even when you are turning as hard as possible. The T-Top, which is strong and fairly large, never means you can’t see, not even to the side. Even with waves between 40 and 50 cm, the V-shaped bow managed to cut through them without any difficulties. Up to thirty knots, we didn’t feel the need to go easy on the throttle because the boat didn’t jump off the waves too much. In any case, the fuel delivery is progressive and the throttles do their job very well. The only thing about the boat that is not completely convincing is a structural matter. It is offered by Jeanneau with two or three outboard engines but, unfortunately, there are just two tanks, and they aren’t linked. That means if you have three engines, two of them have to be fed by a single tank. Clearly, if one tank is empty, the other will still have fuel left. To get around this hitch, a pump has been supplied to allow alternating the feed from one tank or the other. Even so, it would have been better to have two linked tanks, or three – one for each motor. L’apertura laterale della fiancata permette di avere un accesso all’acqua alternativo a quello delle spiaggette di poppa che circondano i fuoribordo.

The opening along the side means you can get to the sea and is an alternative to the stern beach area which surrounds the outboards.



PREVIEW

PREVIEW

Attention to DETAIL

258

barchemagazine – Ottobre-October 2021


BMA X277

È il primo sundeck e il quarto modello della gamma, ma la crescita non si ferma perché BMA ha in cantiere diversi altri modelli che presenterà nei prossimi mesi It is the first model with a sundeck and the fourth in the range, but the growth doesn’t stop there because BMA has some others lined up that it will present over the next few months by Niccolò Volpati - photo by V. Pelagalli

259

barchemagazine – Ottobre-October 2021


PREVIEW

Sottocoperta gli spazi sono ottimamente studiati per consentire anche brevi crociere a una famiglia di quattro persone. Il bagno è in un locale separato.

Underdeck, spaces are cleverly designed to allow a four people family even short cruises. The bathroom is in a separate room.

260

barchemagazine – Ottobre-October 2021

DOPO TRE MODELLI DI DIVERSE TAGLIE E UNA SERIE DI OPEN, BMA, brand che fa parte di Ribitaly, ha deciso di realizzare il suo primo sundeck. L’X277 si è affacciato per la prima volta lo scorso anno all’unico salone nautico che si è riusciti a realizzare in quel di Genova, ma il vero e proprio debutto lo ha fatto quest’anno, sia con le prime consegne estive, sia con i saloni nautici autunnali. Per non sbagliare, il cantiere si è affidato a Carlos Vidal, il designer spagnolo esperto nell’ottimizzazione degli spazi dei natanti. Il lavoro di Vidal si apprezza per alcuni dettagli e per i volumi che è stato capace di creare sottocoperta. Nonostante X277 sia uno scafo da meno di sette metri e mezzo, gli interni offrono quattro posti letto divisi in due cabine con il bagno in un locale separato. Merito di una prua piuttosto imponente che regala volumi nella cabina sottostante, senza appesantire le linee esterne. La tuga si alza ed è interamente ricoperta da un’area prendisole e la battagliola rimane pochi centimetri sopra le fiancate. In questo modo non si ha l’effetto fisherman e l’aspetto di questo sundeck rimane molto sportivo. I dettagli, frutto del progetto di Vidal e dell’esperienza del cantiere, sono tutti volti a garantire comfort in navigazione. Alcuni accorgimenti accentuano le doti “marine” della barca, come la soluzione che è stata adottata all’estrema prua per l’ancora. Per non sacrificare volume nella cabina si è scelta una via di mezzo tra l’occhio di cubìa e il musone. L’ancora fuoriesce dallo scafo, ma lo fa nella parte superiore, proprio per evitare di avere un pozzo catena voluminoso e ingombrante. Altri dettagli che incontre-


BMA X277 ranno il favore degli armatori che amano navigare sono l’ergonomia delle sedute e della plancia. Tutto è alla giusta distanza, inclusa la manetta del gas, i seggiolini per il pilota e il copilota sono confortevoli e allo stesso tempo protettivi in caso di navigazione sportiva sulle onde. Ottimo anche lo spazio dove può essere inserito il display del plotter perché è verticale quel tanto che basta per non soffrire la luce solare diretta sullo schermo in modo da non compromettere la visibilità. Per quanto riguarda la motorizzazione, le opzioni sono numerose, tutte fuoribordo. Si può optare per un solo motore con un notevole risparmio sul costo complessivo, oppure su una coppia di 200 cavalli se si desidera più spinta e più manovrabilità. Lo specchio di poppa e le relative plancette sono state progettate proprio per accogliere questa opzione. Ma le novità in casa BMA non si fermano. Nei prossimi mesi sarà presentato uno scafo più piccolo. Si tratta di una barca che avrà la stessa filosofia, ma una lunghezza di omologazione al di sotto dei sette metri, perché in alcuni paesi europei è quella la taglia che conta. Il nome è già pronto: X233. Il piano di sviluppo BMA prevede anche tre nuove barche nei prossimi due anni e quella prevista dopo X233 sarà uno scafo di quasi dieci metri di lunghezza. Con queste novità il cantiere conta di arrivare ad avere una gamma sufficientemente completa per quella che è la fascia di mercato che si era proposto, ovvero, dai cinque ai dieci metri di lunghezza. E i diversi modelli saranno disponibili in versione open e sundeck, proprio per soddisfare le diverse esigenze degli armatori. 261

The X277 is the BMA’s first sundeck. The sevenmeter long X233 should also be presented during 2021, while next year there will be a boat of nearly ten metres.

L’X277 è il primo sundeck di BMA. Entro il 2021 dovrebbe essere presentato anche l’X233, di sette metri di lunghezza, e l’anno prossimo una barca di quasi dieci metri.

barchemagazine – Ottobre-October 2021


PREVIEW La plancia è protetta da un parabrezza, che incorpora anche due maniglie laterali per mantenersi in sicurezza durante la navigazione con velocità sostenute. The dashboard is protected with a windshield, which also includes two side handles to keep you safe while cruising at high speeds.

262

Over the next two years, BMA will complete the range with seven and ten-metre models.

Nei prossimi due anni, BMA completerà la gamma con modelli di sette e dieci metri di lunghezza.

AFTER THREE MODELS OF DIFFERENT SIZES AND A SERIES OF OPENS, BMA – a brand that is part of Ribitaly – has decided to make its first sundeck boat. The X277 appeared for the first time last year at Genoa, in the only boat show that could be put on. But its real debut has come this year, both with the first deliveries over the summer and with the boat shows on the way in the autumn. To ensure they get things right, the yard has entrusted itself to Carlos Vidal, the Spanish designer who is an expert in optimising spaces on smaller boats. Vidal’s work can be admired in some of the details and because of the volumes that he has been able to create below decks. Even though the

barchemagazine – Ottobre-October 2021

X277 only measures seven and a half metres, the interiors have four berths divided between two cabins, with a separate bathroom. That is thanks to a fairly imposing bow, which creates volumes in the cabin below, without weighing down the exterior lines. The deckhouse has been raised and is completely covered by a sun area and the guardrail has stayed a few centimetres above the sides. That way, it doesn’t end up looking like a fisherman, and the sundeck keeps looking sporty. The details, which are the fruit of Vidal’s design work and the experience of the yard, are all aimed at ensuring comfort when underway. Some of the aspects accentuate the marine feel of the boat, such as the solution that has been used for the anchor right in the bows. To not sacrifice space in the cabin, they have gone for a halfway house between the hawse-hole and the bow. The anchor stands out from the hull, but it does so in the upper part, to avoid having a chain well that is too large and cumbersome. Other details that will be liked by buyers who love to get out on the sea are the ergonomics of the seats and the bridge dashboard. Everything is at the right distance, including the gas throttle. The seats for the helm and assistant are comfortable, and at the same time protective if the ride becomes more sporty when going over waves. The area where the plotter display can be inserted is also excellent because it is vertical enough to not suffer from direct sunlight on the screen which would compromise visibility. As far as motorisation is concerned, there are many options, all outboard. You can opt for just one engine with considerable savings on total cost, or a pair of 200 hp engines if you want more thrust and greater manoeuvrability. The transom and respective swimming platforms have been designed precisely to house this option. But there is no stop to the new developments at BMA. Over the next few months, a smaller boat will be presented. It is a boat that will have the



PREVIEW Sotto i due sedili di guida, che consentono di timonare sia in piedi sia seduti, c’è un frigorifero. La dinette del pozzetto si trasforma facilmente in prendisole.

RIBITALY SRL, MILANO, ITALIA 264 www.bmaboats.com PROGETTO: Carlos Vidal e ufficio tecnico del cantiere SCAFO: Lunghezza f.t. 8,10m • Lunghezza di omologazione 7,45m • Larghezza massima 2,55m • Dislocamento a vuoto 2.000 kg • Serbatoio carburante 350 l • Motorizzazione minima 1x200 cv • Motorizzazione massima 1x350 cv oppure 2x200 cv

PROJECT: Carlos Vidal and shipyard technical department HULL: LOA 8.10m • Certificated length 7.45m • Maximum beam 2.55m • Light mass displacement 2,000 kg • Fuel tank volume 350 l • Minimum power rated 1x200 hp • Maximum power rated 1x350 hp, or 2x200 hp

barchemagazine – Ottobre-October 2021

Under the two driver’s seats, which allow you to steer both standing and seated, there is a refrigerator. The cockpit dinette easily turns into a sundeck.

same approach, but a certified length below seven metres – since that is the length that counts in some European countries. The name has already been chosen: X233. BMA’s also plans to develop a further three boats over the next two years, and the one that is scheduled after the X233 will be a boat of nearly ten metres. With these newcomers, the yard is counting on having a range that sufficiently covers the area of the market that it has decided upon, so from five to ten metres in length. And the various models will be available in open and sundeck versions, precisely to meet the various needs of potential owners.



SHIPYARDS

SHIPYARDS

L’alveare 266

PERFETTO The perfect hive All’interno di un alveare tutto è perfettamente organizzato e sincronizzato. La stessa cosa avviene nei cantieri ONE, dove maestranze qualificate si alternano per raggiungere l’obiettivo primario: il refit d’eccellenza A hive is perfectly organised and synchronised on the inside. The same can be said of the ONE yard, where highly qualified craftspeople alternate with one another to achieve the primary objective: a top-quality refit by Carla Pagani barchemagazine – Ottobre-October 2021


ONE Officine Navali Elica

267

barchemagazine – Ottobre-October 2021


SHIPYARDS NEL CUORE DELLA COSTA SMERALDA NASCE UN POLO DI ECCELLENZA PER IL REFIT di imbarcazioni fino a 40 metri. Si chiama ONE, Officine Navali Elica. Il nuovo cantiere è stato inaugurato quest’anno da Elicapital e si va ad aggiungere alla già consolidata e vincente attività di Elica Yachts che da tredici anni si occupa di trading di yacht usati e di refit & repair di alto livello. Il mercato dell’usato negli ultimi anni ha assunto una nuova veste fatta di unicità, eccellenza, qualità. Il second hand infatti incrocia sempre più spesso il bespoke, il fatto su misura. Elicapital lo fa puntando su un lavoro di refit “tailor made” di altissimo livello che oggi, grazie al nuovo cantiere, può contare su una squadra ancora più forte. Con una base operativa a Olbia e una a Malta, Elica Yachts ha collezionato finora un successo dietro l’altro. I nuovi cantieri ONE rappresentano un tassello ulteriore di una crescita continua destinato a imprimere un cambio di passo significativo all’azienda. Una volta c’erano esperti alatori che erano addetti al tiro delle alzaie, le robuste funi utilizzate per portare in secca le barche per rendere possibili i lavori di manutenzione. Nell’antica Roma era stata ideata la via helciaria, ovvero una strada pavimentata che costeggiava i fiumi e consentiva un agevole svolgimento dell’alaggio, sia con traino umano sia animale. Oggi l’alaggio si avvale delle più moderne tecnologie. Eppure, vedere una barca emergere dalle acque sollevata da potenti cinghie provoca sempre una certa emozione, anche se gli alatori di una volta non ci sono più. Ma cosa accade dopo, fuori dall’acqua? Mani esperte si prendono cura del268

barchemagazine – Ottobre-October 2021


ONE Officine Navali Elica Oggi, Elicapital, con Elica Yachts e le Officine Navali Elica, è diventato un marchio globale nel settore della compravendita e del refit di yacht usati mescolando artigianalità, innovazione, esperienza e passione. Today, Elicapital, along with Elica Yachts and the Officine Navali Elica, has become a global brand name in the second-hand yacht sales and refitting sector, offering a combination of craftsmanship, innovation, experience and passion.

269

barchemagazine – Ottobre-October 2021


SHIPYARDS

270

barchemagazine – Ottobre-October 2021


ONE Officine Navali Elica l’imbarcazione per riportarla a nuova vita. È ciò che accade nel nuovo cantiere di ONE, dove un team di maestranze esperte si dà da fare per realizzare un prodotto su misura del cliente con artigianalità, competenza, esperienza. Falegnami, elettricisti, meccanici, verniciatori si alternano a bordo come in una danza delle api in cui ognuno con il proprio ruolo contribuisce a creare un alveare perfetto. Un lavoro meticoloso e certosino fatto di precisione e attenzione al dettaglio. Sì, perché le imbarcazioni usate vengono riqualificate secondo le richieste, lo stile e i desideri di ogni singolo armatore. Tra le ultime barche vendute da Elica Yachts ci sono un Itama 62, un Pershing 46, ma anche un Riva Rivale 52, un Sunseeker Portofino 53, un Princess V48 e un Itama 45, per citarne solo alcune. Su ognuna l’esperta squadra delle maestranze ha impresso un tocco unico. Ma come funziona precisamente il trading di yacht usati? Elica Yachts prima seleziona accuratamente le imbarcazioni da inserire in catalogo e le acquista dopo un’attenta valutazione. Poi arrivano le richieste dei clienti, assistiti da un prezioso servizio di customer care che risponde alle varie esigenze e fornisce tutto il materiale utile per valutare l’imbarcazione. Video tour, colloqui telefonici e videochiamate in una fase iniziale e poi visita a bordo. In una seconda fase, una volta che il cliente ha scelto la barca da acquistare, entrano in gioco i cantieri ONE, che riportano la barca al suo stato originale integrando personalizzazioni e ulteriori interventi richiesti dall’armatore. Gli uffici di ONE, al piano di sopra del nuovo cantiere di Olbia, sono stati pensati proprio per accogliere al meglio i clienti più esigenti. Dalle finestre si vede il mare di Cala Saccaia. Il sole entra morbido, filtrato dalle finestre, mentre lo sguardo si perde all’orizzonte. Già, perché negli uffici si comincia a sognare mentre intanto al piano terra, nel cuore pulsante del cantiere, il sogno prende forma.

In the recently opened ONE yard, boats are regenerated according to the requirements, style and wishes of each owner.

Nei cantieri ONE, da poco inaugurati, le imbarcazioni vengono riqualificate secondo le richieste, lo stile e i desideri di ogni singolo armatore.

A CENTRE OF EXCELLENCE FOR REFITTING VESSELS UP TO 40 METRES LONG has been established in the heart of Costa Smeralda. It is called ONE, Officine Navali Elica. The new yard was opened this year by Elicapital and adds to the already established and successful Elica Yachts business, which has been trading used yachts and offering top-end refits and repairs for thirteen years. Over recent times, the second-hand market has taken on a new guise of uniqueness, excellence and quality. Indeed, second-hand is becoming more and more closely associated with bespoke. Elicapital achieves this by focusing on “tailor-made” refits of the very highest standards. Today, thanks to its new yard, it can count on an even stronger team. With an operative base in Olbia and another in Malta, Elica

barchemagazine – Ottobre-October 2021

Yachts has recorded one success after another to date. The new ONE yard is another step forward in its ongoing growth, destined to impose a significant change of pace for the company. There were once expert men responsible for pulling upon ropes, the strong cables used to bring boats up onto dry land for maintenance work. The via helciaria was developed in Ancient Rome. This paved towpath ran alongside rivers and made it easier for humans or animals to haul boats. Towing uses the most up-to-date technology today. And yet seeing a boat emerge from the water, lifted by powerful straps, always produces a certain emotion, even if the expert men of the past are no longer required. But what happens afterwards, out of the water? Expert hands take care of the vessel and restore it to life. This is what takes place in the new ONE yard, where a team of expert craftspeople work hard to produce a bespoke product for their clients, employing their artisanal skills, competence and experience. Carpenters, electricians, mechanics and painters alternate with one another on board, like a dance of the bees, in which everyone has their role to play in the creation of a perfect hive. Meticulous and painstaking work carried out with precision and attention to detail. The second-hand boats are regenerated according to the requirements, style and wishes of each owner. The latest boats sold by Elica Yachts include an Itama 62, a Pershing 46, but also a Riva Rivale 52, a Sunseeker Portofino 53, a Princess V48 and an Itama 45, to mention but a few. The expert team of craftspeople has made their unique mark on each 271 one. But how does used yacht trading work exactly? Elica Yachts starts by handpicking the vessels to feature in its catalogue and purchases them after a careful assessment. Requests then come in from customers, assisted by the invaluable customer care service that responds to their various requests and provides all the material they need to evaluate the boat. Video tours, telephone interviews and video calls take place initially, followed by an onboard visit. During the second phase, once the customer has chosen the boat to purchase, the ONE yard enters into action to restore the boat to its original condition, while incorporating customisations and other work requested by the new owner. The ONE offices, on the floor above the new yard in Olbia, have been designed specifically to cater to the most demanding customers. The windows look out over the sea of Cala Saccaia. The sunlight is filtered by the glass as it enters the room and one’s eyes lose themselves on the horizon. When visiting the offices you start to dream, while dreams take shape on the ground floor, at the very heart of the yard itself.






BROKERAGE SECTION

C² LOA: 85.6m BUILD: 2009 (refit 2019), Abeking & Rasmussen, Germany EXTERIOR: Raymond Langton Design INTERIOR: Raymond Langton Design/Brian Callahan GUESTS: 31 in 15 cabins ASKING PRICE: € 90,000,000

u

Burgess

Tel: +44 20 7766 4300 www.burgessyachts.com

VISMARA V62 MILLS

HALLBERG RASSY 64

2016: leasing in corso, scafo carbonio, boma avvolgibile, 3 cabine più cabina equipaggio, garage tender e spiaggetta di poppa idraulica. € 1.100.000 Iva assolta. Toscana.

2012: due cabine più equipaggio, randa, fiocco, trinchetta avvolgibili, passerella e spiaggetta di poppa idrauliche, dissalatore, generatore. Toscana. € 1.420.000 Excl. VAT

u

Grabau International

u

3337489281, michele@grabauinternational.com

PRINCESS 75’

INSPIRATION

Year 2004, LOA 75’ 0”, Beam 19’ 0”, Engine MAN, City North Miami Beach, Price USD 1,279,000

Length 38.1 M, Beam 8.23 M Draft 1.83 M, Gross Tonnage 349 Ton, Guests 10, Crew 8 Builder Benetti, Year Built 2017 Construction Fiberglass Cruising Speed 17Knots. Asking Price $ 18,500,000

u Florida Yachts International

276

Grabau International

3337489281, michele@grabauinternational.com

sales@fyiyachts.com www.floridayachtsinternational.coms

u

Northrop & Johnson

www.northropandjohnson.com

BERTRAM 31

CAYMAN 43 HT

MAGNUM 44

OTAM 45 S

BLUEGAME 60

Year: 1977, Lenght: 9,30 mt, Beam: 3,30 mt, Engines 2x340 hp Mercruiser V8, Location: Italy, Asking Price: € 140.000

Year: 2004, Lenght: 13,24 mt, Beam: 4,24 mt, Engines 2x480 hp Volvo Penta, Location: Italy, Asking Price: € 160.000

Year: 2000, Lenght: 13,45 mt, Beam: 3,85 mt, Engines 2x660 hp Caterpillar, Location: Italy, Asking Price: € 495.000

Year: 1998, Lenght: 13,45 mt, Beam: 2,80 mt, Engines 2x800 hp Caterpillar, Location: Italy, Asking Price: € 345.000

Year: 2010, Length: 17,63 mt, Beam: 5,38 mt, Engines 2x1100 hp MAN, Location: Italy, Asking Price: € 690.000

u

SANTA MARINA YACHTS

+39 335 334 192 info@smy.it

u

SANTA MARINA YACHTS

+39 335 334 192 info@smy.it

u

SANTA MARINA YACHTS

+39 335 334 192 info@smy.it

u

SANTA MARINA YACHTS

+39 335 334 192 info@smy.it

FERRETTI CUSTOM LINE 28 Anno 2017, LOA 28,31m., 2 X V8-1200 MAN, 5 cabine ospiti + zona equipaggio. Stabilizzatori. Prezzo € 5.500.000 + Iva

u

FORWARDYACHTS S.r.l.

Porto Mirabello - La Spezia. tel. 0187934692 - 3924685455 info@forwardyachts.com www.forwardyachts.com

u

SANTA MARINA YACHTS

+39 335 334 192 info@smy.it

BENETTI 105 T YEAR: 2012 - Refitting 2019 Boat very well equipped and maintained. Powered 2 X CAT 1000 hp PRICE: € 4.900.000 Vat paid

u

CMM Yacht Service

sales@cmmyachtservice.com www.cmmyachtservice.com

AICON 85 Anno 2010, lunghezza 23,98 m., 2 X 1800 Hp CAT, 4 cabine ospiti + zona equipaggio. Stabilizzatori. Prezzo di richiesta € 1.500.000.

u

FORWARDYACHTS S.r.l.

Porto Mirabello - La Spezia. tel. 0187934692 - 3924685455 info@forwardyachts.com www.forwardyachts.com

FALCON 82s

GUY COUACH 2200

Anno 1998/2020, lunghezza 23,96 m., 2 x 1350 Hp CAT, 4 cabine ospiti + zona equipaggio. Condizioni ottime. Prezzo di richiesta € 600.000.

Anno 2004, Lunghezza 20,70 m., 2 X 1350 Hp MTU, 4 cabine ospiti + zona equipaggio. Prezzo di richiesta € 469.000. Disponibilità dopo la stagione.

u

FORWARDYACHTS S.r.l.

Porto Mirabello - La Spezia. tel. 0187934692 - 3924685455 info@forwardyachts.com www.forwardyachts.com

barchemagazine – Ottobre-October 2021

u

FORWARDYACHTS S.r.l.

Porto Mirabello - La Spezia. tel. 0187934692 - 3924685455 info@forwardyachts.com www.forwardyachts.com



BROKERAGE SECTION

Q80 Builder Pershing, Year Built 2016, Length 21.44 M, Beam 4.88 M, Draft 1.22 M Guests 12, Construction Fiberglass, Cruising Speed 40Knots. Asking Price € 2,240,000

u

Northrop & Johnson

www.northropandjohnson.com

HANG TIME

TIGRA 37 M

Year Built 2020, Length 21.95 M Beam 5.18 M, Draft 1.52 M Gross Tonnage 37 Ton Guests 8, Crew 2, Cruising Speed 28knots, Asking Price $ 2,949,000

Year 2008, LOA 35.24 M Beam 8.2 M, Cruising Speed 12 Knot, Main Engines 2 X MAN 440 hp, Asking price - € 2,290,000.

u

u

Northrop & Johnson

www.northropandjohnson.com

278 CANTIERI DI SARNICO 45 1997, Liguria. Totalmente refittato, pronto alla boa. Tagliando appena eseguito. Motori 2x600 hp MAN € 165.000

u

Valbroker

LOMAC AIRONE 2000 Lago di Como. Pozzetto autosvuotante, pochissime ore di moto, solo acqua dolce. 2x320 hp Mercruiser V8 MX 6.2 mpi trasmissioni BRAVO I. € 86.000.

u

Valbroker

tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

CUSTOM LINE NAVETTA 33

MIG 38

Year: 2013. Elegant and comfortable super yacht 5 cabins, 5 toilets Powered 2 x MAN 1400 hp PRICE: € 5.900.000

Anno 2010, mt.12,50, 2 X D-4 300 hp diesel P.P., ore moto 510 ca, buone condizioni, 2 cabine, 1 bagno, elica di prua, passerella idraulica. € 110.000 iva assolta.

CRUISER 390 SC

YMB Yachting Ltd

+905439538678, eliad@yacht-marine.com www.yacht-marine-brokerage.com

ALALUNGA 72

SEALINE S 34

SANLORENZO SL 100

2003, Liguria. Usata solo in acqua dolce, ottime condizioni, manutenzioni regolari. 2x Volvo Penta KAD 300. € 79.000.

u

tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

Anno 2002, m.21.90, Man 2x1300 hp, bow thruster, aria cond., full optional, 4 cabine. € 470.000. u FLORIO YACHT tel. +39 0184 532626 www.florioyacht.it, info@florioyacht.it

PERSHING 115

ITAMA FORTY

ARAGON

SCARAB 35 SPORT

Boat in excellent condition Sole owner. Never used for rental. Hull painting and superstructure with metallic pearl finish in the year 2013. € 5.500.000

Year: 2006, LOA: 22.00 m Beam: 5.00 m, Draft: 4.00 m Flag: Netherlands New Asking Price: € 992,000 - VAT Paid

Anno 2007 immatricolata 2008 3x300 Verado – Scafo blu Imbarcazione ben accessoriata e in Perfette condizioni. € 115.000 u AC Yacht Broker di Vittori Tel. 0773/520047, www.acyachtbroker.it, info@acyachtbroker.it

2008 Liguria. 2 x IPS 500 Volto Penta. 1 cabina 1 bagno con doccia e divano trasformabile. € 145.000

u

Valbroker

u

Valbroker

tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

Year 2000, LOA 28.83 Beam 6.8 m, Draft 1.9 m Max Speed 24 Knots, € 1,490,000

YMB Yachting Ltd

+905439538678, eliad@yacht-marine.com www.yacht-marine-brokerage.com

sales@cmmyachtservice.com www.cmmyachtservice.com

+393358263146 commerciale@yachtservicerapallo.it

sales@cmmyachtservice.com www.cmmyachtservice.com

anno 2007 - 2×450 Man Scafo blu - Imbarcazione FullOptional. Perfetta - Pronto Boa € 250.000 u AC Yacht Broker di Vittori Tel. 0773/520047, www.acyachtbroker.it, info@acyachtbroker.it

PRINCESS YACHTS 68’

BOSTON WHALER 42’

RIVA 88 DOMINO SUPER

ODYSSEY 21 M

Year 2018, LOA 42’ 5”, Beam 13’ 0”, Engine Mercury Verado, City Miami, Price USD 789,000

Year 2014, LOA 20,98 m Beam 5.65 m, Cruising Speed – 15 knots, € 920,000

u Florida Yachts International

2005, Lago Maggiore. Usato solo lago, motori 2X 225 Hp Volvo Penta 4,3 GXi V6 Benzina. € 55.000

Year 2010, LOA 27 m Beam 6.5 m, Draft 1.7 m, 4 cabins for 8 guests, $1,490,000

u Florida Yachts International

YEAR: 2016. Boat well equipped Refitting 2019 Possibility of trade-ins PRICE: € 4.300.000

CRANCHI ZAFFIRO 28

HAKHANORYA

Year 2017, LOA 68’ 0”, Beam 17’ 8”, Engine MAN 12V, Location: Miami, Fl, Price USD 2,799,000

u

sales@fyiyachts.com www.floridayachtsinternational.com

sales@fyiyachts.com www.floridayachtsinternational.com

u

CMM Yacht Service

u

Yacht Service Rapallo

u

u

CMM Yacht Service

CMM Yacht Service

sales@cmmyachtservice.com www.cmmyachtservice.com

u

Valbroker

tel. 0039 3475006999 www.valbroker.com

barchemagazine – Ottobre-October 2021

u

Bernard Gallay

+33 467 66 39 93 info@bernard-gallay.com, www.bernard-gallay.com

YMB Yachting Ltd

+905439538678, eliad@yacht-marine.com www.yacht-marine-brokerage.com

u

YMB Yachting Ltd

+905439538678, eliad@yacht-marine.com www.yacht-marine-brokerage.com





BROKERAGE SECTION

Centro assistenza e ricambi Allestimenti personalizzati Riparazione gommoni (vetroresina, PVC, hipalon) Riparazioni e diagnostica di tutte le marche

Faeton 1040 Moraga Fly - Anno 2004 2 x 315 hp Yanmar EB TD - € 72.000

NA TA NT E

Sciallino 25 - Anno 2000 2 x 140 hp Yanmar EB TD - € 68.000

282 Sciallino 19 - NUOVO 1 x 30 hp Volvo Penta EB D - € 59.000

Sea Best srl via Giacosa, 6 - 20093 Cologno Monzese MI T. 02 25 39 11 34 - F. 02 27 30 45 42 info@seabestsrl.it - www.seabestsrl.it

Princess 50 Fly - Anno 2009 2 x 670 hp Volvo Penta EB TD - € 479.000

NA TA NT E

VZ 16 - Anno 2005 2 x 730 hp Man EB TD - € 320.000

Colombo Alldays 39

RIVA VENERE 75

2011, revisionato completamente. 2 volvo IPS 500, ore moto 300 circa , Joystick di manovra, Aria Condizionata, Teak in coperta, Pilota automatico, Chart Plotter 7012. € 275.000 + iva u Yacht Service Rapallo +393358263146, commerciale@yachtservicerapallo.it

YEAR: 2009. Elegant interiors, fine finishes, comfortable and convivial spaces, 4 cabins, 4 toilets. Powered 2 x MTU 1524 hp PRICE: € 1.590.000 Tax paid

AZ 50 FLY

SERENDIPITY

DALLA PIETÀ 59’

Year 2005. LOA m. 16,02 - Beam m. 4,72. 2x Cat C12 669HP Price € 290.000

Year 2008, LOA 13.36 m, Beam 3.95 m, Engines 2x MAN 450hp, Asking Price € 265,000 VAT Paid

Year 2007 - 2x900 Hp MAN LOA: m 18,30 - Beam: m 4,94 - Price: € 420.000

u

CMM Yacht Service

sales@cmmyachtservice.com www.cmmyachtservice.com

SARNICO 60’ Anno 2010; mt. 18,57; 2x1100 hp Man; ore moto 1400 ca; ottime condizioni; n. 3 cabine, n. 1 cabina marinaio; Vis. Nord Sardegna. Prezzo: € 445.000 IVA assolta (+ comm.) u Yacht Service Rapallo +393358263146, commerciale@yachtservicerapallo.it

Sweden Yachts 390 - Anno 2002 1 x 40 hp EB D - € 160.000

Affidaci la vendita della tua imbarcazione usata. Chiama subito! +393357112251

u

Inmar snc

329.0907407 - 348.1250078 info.inmar@gmail.com www.inmar.it

u

Idea Yachting Limited

+377 99901094 +33 640623795, info@ideayachting.com

u

Inmar snc

329.0907407 - 348.1250078 info.inmar@gmail.com www.inmar.it

AMER 94 Anno 2015, lunghezza 29 m., larghezza 6,30 m., 2x Volvo Penta IPS D13. 4 cabine + 5 bagni + 2 cabine equipaggio. Prezzo € 3.200.000 + Iva se dovuta.

u

FORWARDYACHTS S.r.l.,

Porto Mirabello - La Spezia. tel. 0187934692 - 3924685455 info@forwardyachts.com

RIZZARDI CR 63 TOP LINE Anno 2004 immatricolata 2005 2 x 1100 Man. Ben accessoriata e in perfette condizioni. Possibile Permuta € 340.000. u AC Yacht Broker di Vittori Tel. 0773/520047, www.acyachtbroker.it, info@acyachtbroker.it

VISMARA V62

TOAD

2008: Refit completo 3 o 4 cabine più equipaggio, boma avvolgibile. Pronta per uso privato o charter. Palma di Mallorca. € 750.000 Vat paid.

u

u

Grabau International

3337489281, michele@grabauinternational.com

barchemagazine – Ottobre-October 2021

Year: 1996 | Refit: 2021 LOA: 21.14 m, Beam: 5.26 m Draft: 2.77 m, Asking Price: 730,000 EUR - VAT Paid

Bernard Gallay

+33 467 66 39 93 info@bernard-gallay.com, www.bernard-gallay.com


BROKERAGE SECTION

283

barchemagazine – Ottobre-October 2021


BROKERAGE SECTION

TATOOSH LOA: 92.4m (303.2ft) BUILD: 2000 (refit 2021), Nobiskrug, Germany EXTERIOR: Claus Kusch INTERIOR: Terence Disdale GUESTS: 19 in 11 cabins ASKING PRICE: EUR 90,000,000

u

Burgess

Tel: +44 20 7766 4300 www.burgessyachts.com

SAF_Layout 1 30/01/20 09:10 Pagina 1

284

DALLA PIETÀ 58 HT

DALLA PIETÀ 72 HT

CIGARETTE BULLIT 31

MONTEFINO 78

Del 2006, 18,67 mt. x 5,00, 2x1100 Man, ore moto 800, velocità 30 kt. crociera 35 di massima, gruppo da 13 KW, aria condizionata, perfetta in ogni sua parte meccanica, elettrica, idraulica. Prezzo € 380.000.

Del 2012, 23,02 mt. per 5,81, ore moto 450, 2x1650 Cat, velocità crociera 27Kt max 33Kt, versione 3 cabine, 4 bagni imbarcazione come nuova, tenuta al coperto di inverno e da due marinai in estate. Prezzo € 1.300.000.

Anno 1990, Mercruiser 454 MAG MPI 7.4/8V Bravo , buonissime condizioni. Richiesta € 50.000 - Iva assolta. u Yacht Service Rapallo +393358263146, commerciale@yachtservicerapallo.it

2008: 2x Catepillar C32 1,550hp, due generatori, watermaker, gru per tender, pronta per charter o uso private. Palma de Mallorca.£850,000 tax not paid.

u

Fabio 338.4531398

u

Fabio 338.4531398

u

Grabau International

3337489281, michele@grabauinternational.com

HYLAS H60 2018 (2019 launched), from US$ 1,700,000 ex Vat, available for inspection East Coast USA. Designed by German Frers.

u

Grabau International

3337489281 michele@grabauinternational.com

ABSOLUTE 47 HT 2008, lago di Garda. Moltissimi lavori eseguiti, manutenzioni costanti. 2x 435 HP Volvo Penta IPS 600. Joystick presente. € 257.000.

u

Valbroker

tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

MORGAN 70

FERRETTI 881 RPH

Year 2018-2020, Length 21.21 m, Beam 5.23m, Draft 1.37m, Engines 2 x CAT C18 1018hp - Engine Hours: 277, Max Speed: 30 Knots. Asking Price € 1.150.000 VAT EU PAID

Year 2008, LOA 27 m, Beam 6.72 m, Cabins - 4 cabins for 10 guests, Main Engine 2 X 2000 hp MTU, Engine Hours 1600 hrs. €2,490,000 VAT PAID

Infinite Yachts

+33 6 15 25 83 63 gt@infiniteyachts.com

+905439538678, eliad@yacht-marine.com www.yacht-marine-brokerage.com

SANLORENZO 96’

PRINCESS YACHTS 85’

Length overall 29,06 m, Maximum beam 6,76 m, Maximum Speed: 28 kn, Cabins: 4. $8,950,000

Year 2009, LOA 85’ 0”, Beam 20’ 8”, Engine MTU 12V2000, City Fort Lauderdale, Price USD 2,989,000

u

u

Denison Yachting

+1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

s.r.l. Servizi Assicurativi e Finanziari s.r.l.

Choose a specialist to insure your boat Via Balduzzi, 26 - 27036 Mortara (PV), Mobile +39 329 4790656 / +39 335 8182838 – Ottobre-October 2021 Office +39 0384 93295, Fax +39 0384 93297, E-mail:barchemagazine info@safsrl.org - p.farina@safsrl.org

u

YMB Yachting Ltd

u Florida Yachts International sales@fyiyachts.com www.floridayachtsinternational.coms



BROKERAGE SECTION

STAMA 37 OPEN Del 2006 imm. 2008. 2X VOLVO D6-310/PPH ore moto 485 – 2 cabine – 2 bagni- dinette trasformabile – angolo cotturaGPS del 2020 -pilota automaticopasserella idraulica – pozzetto e plancetta in teak. € 120.000 Iva Assolta

u

Yacht Service Rapallo

VAN DAM NORDIA PC 70 2017, usata con cura, scafo e strutture in alluminio, ponte in teak, aria condizionata, generatore 17kw, mogtore Volvo 265hp, elettronica raymarine, vele Doyle. € 1.700.000 + IVA.

u

Grabau International

3337489281, michele@grabauinternational.com

CAYMAN 43 WA 2003, Veneto. Motori 2x 425 Hp Caterpillar 3126. 2 cabine, 2 bagni. Cucina interna e angolo cottura con fornello e lavello in pozzetto. € 148.000.

u

Valbroker

tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

+393358263146 commerciale@yachtservicerapallo.it

Year 2005. Engines: Man V10 2 X 1100 HP - 1516 hours. Full optional. Bow Master cabin with private bathroom and shower box. HL: 19,10 mt, Beam: 4,70 mt, Price € 330.000. u Giorgio Dalla Pietà –

Archipelago Cell +39 333 7886745 info@archipelagodp.it, www.archipelagodp.it

Cantieri di Sarnico Spider Anno 2008; 13,40 mt; 2x435 hp Volvo Penta; ore moto 755 ca; ottime condizioni; Visibile Sud Tirreno; Prezzo di richiesta € 235.000 iva pagata (+ comm.). u Yacht Service Rapallo +393358263146, commerciale@yachtservicerapallo.it

GIANETTI STAR 64 2011, € 630.000 Tax not paid. Twin Yanmar 100hp engines with GORI folding propellers. 2.60m draft keel. 3-bladed folding prop. 4 cabins 3 heads layout. Electric winches. Electric furling jib.

u

Grabau International

3337489281 michele@grabauinternational.com

ARREEE!

LAZZARA 95’

Year/Refit 2007/2020, Length 32m, Beam 7.32m, Draft 2.13m, Gross Tonnage 0, Cruising Speed 24 Kts, Hull Material Fiberglass Staterooms 5, $4,950,000

Year 2014, LOA 95’ 0”, Beam 20’ 4”, Engine Volvo IPS 1200, City Fort Lauderdale, Price USD 4,599,000

u

286

RIZZARDI CR 63 TOPLINE HT

FGI YACHT GROUP

u Florida Yachts International

M: 954 830 4867, fng@fgiyachtgroup.com www.fgiyachtgroup.com

sales@fyiyachts.com www.floridayachtsinternational.com

GITANA

KELLY ANN - BENETTI

Length 48.15 M, Gross Tonnage 499 Ton, Guests 12, Crew 10 Builder Feadship Year Built 1997, Construction Steel Cruising Speed 12knots, Asking Price $ 14,900,000

Year Built 2015, Length 32.99 M, Beam 7.32 M, Draft 2.13 M, Gross Tonnage 210 Ton, Guests 10, Crew 6, Construction Fiberglass, Cruising Speed 11 Knots, Asking Price € 7,500,000

u

Northrop & Johnson

www.northropandjohnson.com

barchemagazine – Ottobre-October 2021

u

Northrop & Johnson

www.northropandjohnson.com


BROKERAGE SECTION

DIANO 24 Year 2007 2 MAN V12 1360HP Boat in good condition. LOA: 24,50 mt (80,38 ft) BEAM: 6,00 mt (19,68 ft) Price € 590.000 u Giorgio Dalla Pietà –

Archipelago Cell +39 333 7886745 info@archipelagodp.it, www.archipelagodp.it

DALLA PIETÀ DP 48’ Altair Year 2001. 2 x CAT 3196 DITA 660 HP – 1600 hours. Double Master cabin at bow with private toilet and shower box. 2 Guest cabins. Sun bed next to the pilot seat. LH:15.35m, BEAM: 4.15m. Price € 165.000 u Giorgio Dalla Pietà – Archipelago Cell +39 333 7886745 info@archipelagodp.it, www.archipelagodp.it

SUNSEEKER PREDATOR 64

SANLORENZO 82

COASTAL 10

PRINCESS V 58

Year 2009, LOA 20.10 m, Beam 4.85 m, Guest Cabins 3, Cruising Speed 24 kn, Location South of France, Engines 2xMAN 1200hp Heads 3, Max Speed 32 kn Hull Material GRP. Asking Price € 775,000 VAT Paid

Anno 2000, m.23.95, Caterpillar 2x1400 hp, bowthruster, aria cond., full optional, 4 cabine, plancetta poppiera idraulica. € 1.000.000 + 5%. u FLORIO YACHT tel. +39 0184 532626 www.florioyacht.it, info@florioyacht.it

Anno 2020, m. 9,99, Mercury 2x300 hp, ore moto 50 circa, leasing in corso, € 155.000 + 5% u FLORIO YACHT tel. +39 0184 532626 www.florioyacht.it, info@florioyacht.it

2006, Lago Maggiore. Visibile in capannone, manutenzioni regolari, solo acqua dolce. SOFT TOP. 2x1.100 HP MAN. € 385.000.

u

Idea Yachting Limited

+377 99901094 +33 640623795, info@ideayachting.com

u

Valbroker

tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

HALKIN - MANGUSTA 72

ELISE WHISPER

Builder: Overmarine Year: 1999, LOA: 21.56 m, Beam: 5.56 m, Draft: 1.15 m Flag: Italy, Location: Alassio, Italy. New Asking Price: € 430 000.

Year: 2001 | Refit : 2018 LOA: 23.99 m, Beam: 5.91 m Draft: 2.39 m, Flag: UK Location: Genoa, Italy, € 1,550,000

u

Bernard Gallay

u

Bernard Gallay

+33 467 66 39 93 info@bernard-gallay.com, www.bernard-gallay.com

+33 467 66 39 93 info@bernard-gallay.com, www.bernard-gallay.com

GOLDEN HORN 42 M

MY TOY MANGUSTA

Year: 2007, L.O.A 41.4 m, Beam 8 Draft 2.65 m, Displacement 365 tons, Gross Tonnage 442 GT, Range 5,000 NM. Asking price: € 7,500,000

Year Built 2018, Length 25.1 M Beam 5.79 M, Draft 1.52 M Gross Tonnage 83 Ton Guests 7, Crew 3 Cruising Speed 40Knots, Asking Price € 2,800,000

u

YMB Yachting Ltd

u

+905439538678, eliad@yacht-marine.com www.yacht-marine-brokerage.com

Northrop & Johnson

287

www.northropandjohnson.com

La Marina del Lago Maggiore

APERTI ANCHE I FESTIVI E LA DOMENICA - GIORNO DI CHIUSURA MERCOLEDÌ

Unica MARINA dei Laghi, Certificata Ri.Na. Dealer

barchemagazine – Ottobre-October 2021

Via delle Ferriere, 15 - tel. +39 0331/92.11.08 21018 Sesto Calende (VA) Lago Maggiore www.verbella.it


BROKERAGE SECTION

SARNICO SPIDER

Anno 2006 immatricolato 2007 – 2 x 1550 Man + ASD. FullOptional – Perfette condizioni. Possibile Permuta. € 595.000 u AC Yacht Broker di Vittori Tel. 0773/520047, www.acyachtbroker.it, info@acyachtbroker.it

Anno 2009 - 2x435 Volvo Penta IPS. Sscafo blu - Imbarcazione Full-Optional. Perfetta - Refitting 2019/20/21. € 245.000 u AC Yacht Broker di Vittori Tel. 0773/520047, www.acyachtbroker.it, info@acyachtbroker.it

2005 € 550.000, Custom built regardless of cost for her demanding owner, Keep Kool is one of a pair of German Frers designed. u Grabau International +39 333 74 89 281 michele@grabauinternational.com

CIGARETTE 30 VICE

PERSHING 74

PERSHING 90

year 2006, Lombardia. Natante offshore non targato. 2x 425 hp Mercruiser MAG 496 V8 solo 339 ore di moto!!! € 102.500

Year: 2013 - Luxury finishing for the interior, 3 elegant cabins, 3 toilets plus crew. PRICE: € 2.180.000 Vat paid

YEAR: 2006 - Refitting 2019 Powered 2x MTU 2435 hp. One owner from new Full service history PRICE: € 2.750.000

u

288

HYLAS 66

PERSHING 62

Valbroker

u

CMM Yacht Service

CMM Yacht Service

tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

sales@cmmyachtservice.com www.cmmyachtservice.com

u

DIANO 24

SANLORENZO SL 62

DIANO 22 S

Anno 2007, m.23.95, Man 2x1360 hp, bow & sternthruster, aria cond., full optional, 4 cabine. € 650.000. u FLORIO YACHT tel. +39 0184 532626 www.florioyacht.it, info@florioyacht.it

Anno 2007, m.19,00, Mtu 2x1100 hp, ore 980, aria cond., bowthruster, 3 cabine + crew, eccellenti condizioni. € 600.000. u FLORIO YACHT tel. +39 0184 532626 www.florioyacht.it, info@florioyacht.it

Anno 1998, m.23.95, Cat 2x1360 hp, ore 1600, stern+bowthruster, aria cond., dissalatore, tre cabine + crew. € 340.000 u FLORIO YACHT tel. +39 0184 532626 www.florioyacht.it, info@florioyacht.it

MIG 43’

AB YACHTS 100

CUSTOM LINE NAVETTA 30

Year 2016. Engines: MAN V-12 3 x 1900 HP– 730 hours. Boat in excellent conditions. LOA: 30.50 m (100.07 ft) BEAM: 6.80 m (22.31 ft). Price € 4.980.000 u Giorgio Dalla Pietà –

Year: 2003. Nice yacht subjected a refitting on 2016 with a full painting of all internal furniture in white lacquered PRICE: € 2.900.000 Vat paid

Archipelago

sales@cmmyachtservice.com www.cmmyachtservice.com

Year 2009. Engines: Volvo Penta D6-370 2 x 370 HP – 687 hours. LH: 12,80 m, BEAM: 4,00 m. Price € 179.000 u Giorgio Dalla Pietà Cell +39 333 7886745 info@archipelagodp.it, www.archipelagodp.it

Cell +39 333 7886745 info@archipelagodp.it, www.archipelagodp.it

sales@cmmyachtservice.com www.cmmyachtservice.com

u

CMM Yacht Service

SOLARIS ONE 48

C&C 51.8

EVOMARINE DOUVILLE 76’

Year 1987. LOA: m 14,60 - Beam: m 4,19 - Max draft: m 2,50 Price: € 90.000

Year: 1984. LOA: m 15,75 - Beam: m 4,75 - Max draft: m 3,40 - Price € 120.000

Year 2006. 2x1675 Hp CAT C32 - LOA: m 17,71 - Beam: m 5,52 Price:€ 639.000.

u

Inmar snc

329.0907407 - 348.1250078 info.inmar@gmail.com www.inmar.it

u

Inmar snc

329.0907407 - 348.1250078 info.inmar@gmail.com www.inmar.it

barchemagazine – Ottobre-October 2021

u

Inmar snc

329.0907407 - 348.1250078 info.inmar@gmail.com www.inmar.it




Issuu converts static files into: digital portfolios, online yearbooks, online catalogs, digital photo albums and more. Sign up and create your flipbook.