__MAIN_TEXT__

Page 1

swiss multikulti lifestyle magazine, www.inewsswiss.com - Nr. 46 January/Januar 2018 - Chf- 4.-

WWW.INEWSSWISS.COM

MICHELLE HUNZIKER A SANREMO PEPPE ZULLO IL CIBO GIUSTO ART MARBELLA 18 GAETANO PORCASI

COOP SAPORI D’ITALIA ISABELLA PILERI


Inhalt

WWW.INEWSSWISS.COM

EDITORIAL 5 - REDAKTIONELLE GABRIELLA GROPPETTI 7 - EDITORIALE PINA BEVILACQUA 9 - EDITORIAL BY BRIAN BASNAYAKE 11 - EDITORIAL CARLA BORDOLI CRIVELLI VISCONTI TOURISM 14 ISCHIA. MARE E RELAX TUTTO L’ANNO 16 PALERMO. ALLA SCOPERTA DEL TESORO ARABO NASCOSTO: “LE SORGENTI DEL GABRIELE” CINEMA 20 VENEZIA 74. HA TRIONFATO DEL TORO 22 STAR TV. «FRÜHER WAREN KÜNSTLER UNSERE KUNDEN, HEUTE SIND WIR DIE KÜNSTLER FÜR UNSERE KUNDEN» ENOGASTROMONIA 26 VENDEMMIA 2017. PER IL PRIMITIVO DI MANDURIA UVE SANE E OTTIMO GRADO ZUCCHERINO 28 LA PUGLIA. CUORE DEL CIBO GIUSTO DA ORSARA A LECCE IL TOUR DI PEPPE ZULLO 30 COOP LANCIA SAPORI D’ITALIA, IL NEGOZIO DI SPECIALITÀ DEL BEL PAESE 34 ARRIVA TUTTI I SEGRETI DEL TORTELLO CREMASCO NON C’È LA ZUCCA! ENTERTAINMENT 36 BOURNEMOUTH AIR FESTIVAL CELEBRATING 10 YEARS ANNIVERSARY 38 SPICY FOOD TO ACCOMPANY A FASHION SHOW WATCHES&JEWELS 42 CLASSIC PORTUGIESER TIMEPIECES – NOW ALSO IN BLUE KUNST 46 FIRENZE È TRIPUDIO DI ARTISTI 48 GAETANO PORCASI. L’ANTIMAFIA IN PITTURA I COLORI DELLE VITE SPEZZATE 50 VIVA ARTE VIVA. L’ARTE INVADE VENEZIA 52 DAVID YARROW PHOTOGRAPHY “NELLA NATURA SELVAGGIA” 56 KIAF 2017 / ART SEOUL 58 APPRODA A GENOVA “SCHEGGE DI MEMORIA” 60 RUBALDO MERELLO. AL DUCALE LA PORTA GENOVESE SULL’ARTE EUROPEA 62 GALLERIA ORLANDO COMMUNICATION 64 AD APRILE 2018 APRIRANNO I PRIMI 27 NEGOZI SPECIALIZZATI GLOBUS 66 FÜHRUNGSWECHSEL BEI SSANGYONG SCHWEIZ PERSONALITY 68 PM MANAGEMENT GROUP PRODUCTION/FILM PRODUCTION SRLS PIERO MELISSANO MUSIC 76 IL TOUR NEGLI STADI CON 6 IMPERDIBILI DATE E IL NUOVO ALBUM IN USCITA IL 17 NOVEMBRE 78 NICK LUCIANI

iNEWS

3


Impressum MPRESSUM

IMPRESSUM

VERLAG

EDITOR

EDITORIAL DIREKTOR

MANAGING EDITOR

Antonio Campanile

Antonio Campanile Pina Bevilacqua

Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIREKTOR MARKETING/ Salvo Buttita

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

Director Ereignisse. Piero Melissano

Inews Salento

Sabrina Tortomano Luana Nocco Antonella Montesi Pietro De Seta Emanuele Iacovo Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Mariella Nica Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Ventura Erika V entura Laura Lamarra

CHIEF EDITOR

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

DIRECTOR EVENTS Piero Melissano

Inews Salento Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Giuseppe Iacovo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto Isabella Pileri

SOCIAL MEDIA MANAGER

REDAKTION CHUR Cosimo Vonghia

DIREKTOR MARKETING / A DVERTISING

Salvo Buttita Antonio Campanile

CHEFREDAKTOR

REDAKTION

TESTIMONIAL VIP

Antonio Sellito

EDITORIAL BOARD Sabrina Tortomano Luana Nocco Antonella Montesi Pietro De Seta Emanuele Iacovo Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Mariella Nica Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Erika Ventura Laura Lamarra Cosimo Vonghia

REDAKTION VIENNA

VIA PERI LUGANO Rita Albrecht Antonio Varrica

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

Erich Bauer

REDAKTION BASILEA

Piero Esteriore, Michele Ferranter, Mimmo Esteriore, Davorka Zguric, Salvo Buttita

REDAKTION MOSCA Antonella Rebuzzi

REDAKTION ROM Alfonso Benevento Michele Viola

Brenda Liquadri

REDAKTION MAILAND

Eugenio Forestieri, Laura Lamarra

Antonio Sellito

EDITORIAL BOARD IN TICINO Ludovico Gentile Nicola Cathieni

EDITORIAL BOARD IN VIENNA Erich Bauer

EDITORIAL BOARD IN BASILEA

Piero Esteriore Esteriore, Michele Ferranter, Michele Ferrante Mimmo Esteriore Esteriore, Davorka Zguric,Zguric Salvo Buttita Davorka

EDITORIAL MOSCA Antonella Rebuzzi

Angela Verde

SOCIAL MEDIA MANAGER

EDITORIAL BOARD IN CHUR

REDAKTION TESSIN - Via Peri Lugano

Rita Albrecht Antonio Varrica

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Giuseppe Iacovo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto Isabella Pileri

Brenda Liquadri

EDITORIAL BOARD IN ROME Alfonso Benevento Michele Viola

Angela Verde

EDITORIAL BOARD IN MILAN

REDAKTION TURIN

Eugenio Forestieri, Laura Lamarra

REDAKTION SIZILIEN

Francesco Mescia

Francesco Mescia

Francesco Di Dario

Rita Pennisi

REDAKTION APULIEN Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

REDAKTION PARMA Giuseppe Laudano

REDAKTION BOLOGNA Simona Artanidi

REDAKTION ORSARA-FOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Nicoletta Altieri

Brenda Liquadri

MARKETING/ WERBUNG antonio@campanile.ch

GRAPHICS: Morena Fiorucci Paolo Ugolini ART DIRECTOR: WEB MASTER: Claudio Giuliani PHOTOGRAPHER

Claudio Giuliani Nuccio Mastrogiacomo Rocco Lamparelli Patrizio De Michele Lino Sprizzi Nicola Tramonte photos-people.ch www.fb-photografie.ch Francis Bissat www.fb-photografie.ch Patrick Frischknecht Daniele Maiolo

ABO-SERVICE

antonio@campanile.ch

DRUCKZENTRUM

VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich

VERLAG

MEDI@PRESSE SWISS Agency Marketing & Communication i NEWS swiss life style magazine Herostrasse 9 Zürich Switzerland Swiss Tel. 0041 79 405 39 85 Italy Tel. 0039 334 839 3583 Inews: Zürich-Roma-Berlin-Mosca-Marbella-Como. www.campanile.ch www.inewsswiss.com Abbonamento / soci CHF 100.Monatliche Ausgabe

4

iNEWS

EDITORIAL BOARD IN TORINO EDITORIAL BOARD IN SICILY Francesco Di Dario

Rita Pennisi

EDITORIAL BOARD IN APULIA Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

EDITORIAL BOARD IN PARMA Giuseppe Laudano

EDITORIAL BOARD IN BOLOGNA Simona Artanidi

EDITORIAL BOARD IN ORSARAFOGGIA-PUGLIA Eustachio Cazzorla Nicoletta Altieri

Brenda Liquadri

MARKETING/ADVERTISING antonio@campanile.ch

GRAPHICS: ART DIRECTOR: WEB MASTER: PHOTOGRAPHY

Morena Fiorucci Paolo Ugolini Claudio Giuliani

Claudio Giuliani Nuccio Mastrogiacomo Rocco Lamparelli Patrizio De Michele Lino Sprizzi Nicola Tramonte photos-people.ch Francis Bissat www.fb-photografie.ch Patrick Frischknecht Daniele Maiolo

ABO-SERVICE: Redaktion@italiannews.ch PRINT: VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich PUBLISHER

MEDI@PRESSE SWISS Agency Marketing & Communication i NEWS swiss life style magazine Herostrasse 9 Zürich Switzerland Swiss Tel. 0041 79 405 39 85 Italy Tel. 0039 334 839 3583 Inews: Zürich-Roma-Berlin-Mosca-Marbella-Como. www.campanile.ch www.inewsswiss.com Abbonamento/ soci CHF 100.- Montly issue

8

iNEWS

www.inewsswiss.com


Redaktionelle Liebe Leserinnen, liebe Leser, Das freut: Es war seit Messbeginn einer der drei wärmsten Sommer in der Schweiz. Die Badeanstalten melden Rekordzahlen, bis spät nachts draussen sitzen, grillieren und Glacé geniessen - man fühlte sich auch in der Schweiz Wochen lang fast wie im Urlaub. Das ärgert: Es ärgert nicht, es macht traurig und es fehlen die Worte. Für die extremen Hurricans die ganze Landstriche dem Erdboden gleichmachten, von Erdbeben, von Flutwellen und Felsstürzen und von dem vielen Leid, die diese innerhalb weniger Wochen auftretenden Naturkatastrophen für Millionen von Menschen mit sich brachten. Wir sollten an sie denken und mitfühlen. Aber ganz anderes Thema wie immer zum Auftakt der neuen Modesaison: Es geht ein Aufschrei durch die Welt der relevanten Fashion Magazine, denn sie vermelden: „Es gibt in dieser Saison nichts Neues mehr zu entdecken“. Den Strick-Look, die silbern glänzenden Star Wars-Outfits, die überdimensionierten Vestons und Mäntel, den Denim-Look, sogar die unsäglich hässlichen Schlaghosen aus den 70ern - haben wir doch alles nicht schon gesehen? Doch darf ich Sie aufklären was auf Schweizerdeutsch ein „Hutzelwiibli“ ist? Dieses Wort benennt eine alte Bäuerin, die in der selben Kleidung wie schon ihre Grossmutter durchs Dorf spaziert. Also langer Faltenjupe, gestrickte Wolljacke, dicke Strümpfe und an den Füssen derbe Wanderschuhe. Nicht weil es gerade Mode ist, sondern Armut (manchmal auch Geiz oder Gewohnheit) machen diese Frauen auf dem Land zum allgemeinen Gespött. Wenn jedoch First Lady Melania Trump, Prinzessin Kate oder Madame Macron demnächst beim Staatsempfang in diesem Look abgelichtet werden: Keine Sorge. Weder ist die Armut ausgebrochen noch machen die Damen auf Solidarität mit Links/Grün. Ihr Stilberater hat nur bei Louis Vuitton oder anderen Modegrössen für etliche tausende Franken den neuen Herbstlook entdeckt. Mein persönlicher Tipp wie Sie stilgerecht durch die kühleren Tage gehen und die hübschen Sommeroutfits nicht für Monate „Zwischengelagert“ werden müssen: Kombinieren sie ihr Lieblingskleid mit einer Lederoder Wolljacke sowie Leggings oder blickdichten Strümpfen. Dazu tragen Sie modische Stiefeletten oder halbhohe Sneakers. Eine Verlängerung des Sommers ist zumindest optisch garantiert. Herzlich Ihre Gabriella Groppetti

www.inewsswiss.com

iNEWS

5


REGIONE SICILIA Piero Melissano

Direttore Regionale rivista INEWS e responsabile per le Pubbliche Relazioni di MEDI@PRESSE SWISS AG

Andrea Mercatante

Foto Reporter Presse /Pubbliche Relazioni

REGIONE LAZIO Piero Melissano

Direttore Regionale rivista INEWS e responsabile per le Pubbliche Relazioni di MEDI@PRESSE SWISS AG

Andrea Lomoro

Pubblicista Nazionale/Internazionale e Regionale, rivista INEWS, per la Regione Lazio Pubbliche Relazioni Nazionali/Internazionali e Regionali per la Regione Lazio

REGIONE EMILIA ROMAGNA Piero Melissano

Direttore Regionale rivista INEWS e responsabile per le Pubbliche Relazioni di MEDI@PRESSE SWISS AG

6

iNEWS

www.inewsswiss.com


Editoriale W LO STIVALE!!! La tanto vituperata Italia sta diventando il paradiso dei pensionati svizzeri, Ebbene sì, gli over 65 elvetici sono sempre più attratti dal Bel Paese, tanto che negli ultimi tempi in decine hanno fatto le valigie per traslocarvi. Anche perché in Confederazione molti vivono in affitto e non hanno neppure il problema di dover dare una diversa destinazione alla loro casa di proprietà. Così negli ultimi anni il fenomeno di chi ad una certa età molla tutto e si trasferisce in Italia è aumentato. Soprattutto i ticinesi, che dopo una vita di lavoro decidono di godersi la meritata pensione oltralpe. E questo non solo per l’elevata qualità del clima, del cibo, della vita italici. Per il minor costo della vita (ad esempio, un espresso da noi difficilmente costa meno di due franchi, mentre in Italia raramente supera l’euro). Infatti c’è da considerare anche che i ticinesi masticano l’italiano. Che spesso dispongono di ben 3 pensioni (quella pubblica, quella professionale, quella integrativa privata) e quindi di una rendita di diverse migliaia di euro al mese che gli assicura un’esistenza dorata nel Bel Paese. In effetti i pensionati in fuga dal Canton Ticino secondo l’Istituto Assicurazioni Sociali Canton Ticino nel 2011 erano 67 e nel 2015 già 164, cioè in appena 4 anni sono più che raddoppiati. Certo in valore assoluto i numeri di questo fenomeno sono ancora poco significativi, specie se si considera che, di contro, nel solo 2016 oltre 90mila italiani si sono trasferiti, per motivi fiscali, in Spagna e Portogallo, ma la tendenza è in crescita e presto potrebbe diventare importante. E pesare positivamente su molte cose. A cominciare dalle casse dello splendido Stivale, purtroppo ancora un po’ impantanato nella sabbie mobili del post-crisi. E dagli scambi italosvizzeri, sempre troppo arretrati rispetto all’infinito potenziale di sviluppo. Cordiali saluti.

www.inewsswiss.com

Pina Bevilacqua

iNEWS

7


Salvo Buttita

Isabella Pileri

SOCIAL MEDIA MANAGER

Piero Esteriore, Michele Ferranter, Mimmo Esteriore, Davorka Zguric, Salvo Buttita

8

iNEWS

www.inewsswiss.com


Editorial Dear Readers Summer is all but over, and the autumn is already on its way, so we hope that all our readers had a wonderful holiday in a far-flung, blissful place or somewhere closer to home but equally idyllic. Summer defines the colourful and relaxed side of life, that time of getting away from the daily stresses and basking in longed-for tranquility and irreproachable withdrawal. The summer holiday was one of the finest and most ingenious contributions that European liberal thinking gave to humanity. We hope that you took advantage of it again and had a delightful time and have come home rejuvenated and ready to take on the daily challenges in pursuit of your chosen path in life. It was a fantastic summer all over Europe, but, as it is the case every year now, it is lamentable that deadly and devastating natural disasters and wanton acts of terrorism are becoming literally and ever more commonplace. In fact, the two phenomena – natural disasters and terrorism – have become commonplace not only in Europe but, in fact, all over the world and they are not bound to any particular season either. Switzerland too faced another major calamity this summer: in Grisons (Graubunden), the small village of Bondo was battered by a ferocious landslide following a massive storm. Switzerland mourned the loss of eight mountain hikers who perished under the rock and stones. Climate change, man induced climate change, in particular, may or may not be responsible for the shocking number of natural catastrophes around the globe. That is a debate that will go on and on amongst the academia and the general public alike, but the culpability of human beings in all the acts of terrorism is beyond dispute and just unforgivable. Western Europe is especially susceptible to the terrorist threat, mainly because of the large migrant populations that have come from the most unstable of nations around the globe, in particular in the war-torn Middle East, some of whose members are now living discontented and alienated lives in the large cities and towns across the continent. Indeed, it is the issue of uncontrolled migration to Europe that is, unfortunately, often seen as inextricably linked to the threat of terrorism in Europe. There may be a modicum of truth in the arguments of the proponents of this viewpoint, but all too often asylum seekers are scapegoated for the cruel acts of mindless and cowardly terrorists. And certainly, the truth is a little more complicated and uncomfortable, depending on one’s standpoint. As we did point out at this time of last year, the question of asylum and migration will be moot points in most political discourses for many years to come or until visionary politicians in Europe find a solution to halt the surge of migrants coming across the sea or, even better, manage to induce a total stop to the brutal wars in the Middle East. Enforced migration has also hit one of the poorest nations in Asia as the minority, Muslim Rohingya from Myanmar have fled in their tens of thousands across the sea and the border of Bangladesh. Amidst the incredible suffering of the hapless Rohingya, the UNO showed once again how ineffective it is when it matters. Instead of fueling a disastrous situation with reckless bias, the UNO should have acted sooner to alleviate the enormous agonies of the displaced persons. However, we shall end as usual with a note of optimism: as do the seasons change we too must adapt to the conditions and as always expect the best outcome. We wish you a pleasant read and an autumn full of promise! Yours sincerely, www.inewsswiss.com

Brian Basnayake iNEWS

9


Impressum m p re ssu m EDITOR

Antonio Campanile

MANAGING EDITOR Pina Bevilacqua

TESTIMONIAL VIP DIRECTOR DE MARKETING Y PUBLICIDAD

Antonio Campanile Salvo Buttita

JEFES DE REDACCIÓN

Gabriella Groppetti (Redacción alemana/deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (Redacción alemana/deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (Redacción inglesa/englische Redaktion) Mursia Petrachi (Redacción italiana/italienische Redaktion) Carla Bordoli Crivelli Visconti (Redacción española/spanische Redaktion) Luisa Pavesio (italienische Redaktion)

EVENTOS DIRECTORA Piero Melissano

Inews Salento

REDACCIÓN

Daniela Corti Cristiana Corti Isabel Moreno Sánchez Gabriele Beate Hefele Juan Miguel Fernández Pérez Ana Parra Rojas Jorge Juan López Carrera Lola Montes Bruña Lidia Moreno Aguilar Luana Pavesi Sofia Beatrice Monti Zulay Gómez Carrera Luciano Pappalardo Pasquale Balestriere María José Camacho Pérez Corina Butas Vania Penha da Silva Rosario Martínez Rodríguez

INFORMACIÓN EN ALEMÁN, COSTA DEL SOL Gabriele Beate Hefele (periodista)

MARKETING/PUBLICIDAD

antonio@campanile.ch www.inewsswiss.com - www.campanile.ch

RELACIONES PÚBLICAS

Luana Pavesi (marketing/PR/comunicación)

FOTOGRAFÍA Antonia Guerra Eugenio D'Hamo

INFORMACIÓN MÚSICA Y EVENTOS Sofía Beatrice Monti (cantante y relaciones públicas)

MODA, IMAGEN, TENDENCIAS Lola Montes Bruña (personal shopper) María José Camacho Pérez (hair stylist) Vania Penha da Silva (beauty consultant)

GASTRONOMÍA NACIONAL E INTERNACIONAL

Bruno Filippone Luciano Pappalardo (Chef) Pasquale Balestriere (Chef) Zulay Gómez Carrera (ayudante Chef y control aprovisionamiento)

INFORMACIÓN ECONOMÍA Y FINANZAS Juan Miguel Fernández Pérez (derecho y fiscalidad) Jorge Juan López Carrera (inversiones financieras) Eduardo V. Luján

INFORMACIÓN MÉDICO-CIENTÍFICA Ana Parra Rojas

ARTE

Emilio Bordoli

Katia Biundo

COLABORADORES WEB Y REDES SOCIALES Vincenzo Ottavio Pesce (web&community manager) Lidia Moreno Aguilar (community manager) Corina Butas (social networker)

INICIATIVAS SOCIO-CULTURALES Rotary Club Estepona – Costa del Sol

www.inewsswiss.com 10

iNEWS

www.inewsswiss.com


Editorial Queridos lectores: Después de un verano intenso y repleto de eventos, alegría, sol, playa, golf, arte y mucho más, en la Costa del Sol se respira (y se puede ver gracias a un creciente número de grúas trabajando a pleno ritmo) aire de recuperación. El mercado inmobiliario está remontando, el suelo disponible disminuye, y él que todavía es urbanizable adquiere mayor valor. Indudablemente, es el momento de invertir nuevamente. Ahora más que nunca me doy cuenta, desde que vivo en España, cerca de Marbella, que la Costa del Sol es un mundo aparte respecto al resto del País. Por ejemplo, mientras aquí estamos viviendo una recuperación paulatina y ascendente también por ser Málaga meta de cruceros y de turismo cultural además de ser ciudad universitaria, en Catalunya tenemos situaciones dramáticas que involucran a todos los españoles y a los extranjeros que residimos en esta estupenda nación. No hablaré en este editorial de las implicaciones no solo sociales, sino además económicas de algo que todos auguramos llegue a una negociación pacífica en la mesa pertinente, en lugar de la calle. Pero sí necesito exteriorizar mi preocupación frente a la imagen que equivocadamente transmiten muchos medios de comunicación en otros Países, dando una interpretación nada objetiva, sino parcial y no documentada apropiadamente. Ya me he puesto en contacto con algunos medios para proveerles información desde distintos puntos de vista y traduciéndoles textos de comentaristas, ciudadanos, políticos, magistrados etc…para ayudar a tener una visión global más completa y verídica. La información tiene que ser eso: información. Y precisamente hablando de información, es un orgullo para mí pertenecer al team de Inews y Inews Kunst, que ha colaborado, gracias a nuestro editor Antonio Campanile, con la bienal de Arte Contemporáneo de San Leucio, en Italia. La agencia de comunicación Medi@presse Swiss, (www.biennalebelvedere. it) que edita nuestro magazine ha sido nombrada responsable de la prensa internacional para el evento. Medi@presse Swiss AG es una sociedad que además, entre sus clientes, cuenta con el famoso chef italiano “Slow Food” Peppe Zullo (www.peppezullo. it) cuyo lema es “Simple food for intelligent people”, promoviendo las excelencias gastronómicas de su tierra, la región Puglia, en el mundo entero. Y volviendo a la estupenda Costa del Sol, queridos lectores, ¡os invito a organizar un viaje, un fin de semana, unas vacaciones, a esta tierra que casi siempre está soleada, alegre y en crecimiento! Las mangas cortas y las gafas de sol…nos acompañan también en este espléndido mes de octubre y seguramente también hasta finales de año será así. ¡Les esperamos! Un cordial saludo, Carla Bordoli Crivelli Visconti

www.inewsswiss.com

iNEWS

11


WWW.INEWSSWISS.COM


tourism

FRANCESCO RIZZUTI

ISCHIA MARE E RELAX

TUTTO L’ANNO

14

iNEWS

www.inewsswiss.com


I

schia è affascinante, divertente, romantica, sicura, rilassante in tutte le stagioni. Ce lo ha voluto ricordare un’importante iniziativa di Imperatore Travel, il principale tour operator dell’Isola, e Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A., che hanno portato sul bellissimo suolo ischitano la stampa di mezzo mondo. Nota come “Isola Verde” per l’infinita ricchezza e varietà della sua vegetazione (a tratti ancora del tutto incontaminata!), che ne fa un giardino terrestre perennemente fiorito, Ischia offre una magica atmosfera tutta sua, panorami mozzafiato, colline, spiagge e scogliere incantate, mare tutto l’anno. Sì, perché è una specie d’isola tropicale dove, grazie a un ricchissimo patrimonio di miracolose sorgenti termali e un clima dolcissimo, si può fare il bagno anche in pieno inverno. Basti pensare alle acque calde delle incantevoli baie di Sorgeto e di Cartaromana (nell’area archeologica marina dell’Isola) o alle fumarole dei Maronti (la spiaggia più grande dell’Isola), ma anche alle terme comunali, agli attrezzatissimi parchi termali, ai centri benessere e alle piscine termali degli alberghi. A Cavascura, una specie di canyon che declina fin giù la spiaggia, dove si può fare una sauna naturale 365 giorni su 365. Nei secoli le meraviglie ischitane hanno attirato greci, romani, visigoti, vandali, saraceni, normanni, svevi, angioini, aragonesi e personaggi come Giuseppe Garibaldi, Oscar Wilde, Henrik Ibsen (che vi scrisse “Peer Gynt”), Truman Capote, Liz Taylor, Richard Burton, Ava Gardner, Charlie Chaplin fino alla cancelliera tedesca Angela Merkel. E tra le infinite meraviglie dell’Isola Verde c’è senz’altro il maestoso Castello Aragonese (474 a.C.), che sorge su un isolotto roccioso collegato alla terraferma da un ponte di 220 metri e che domina il caratteristico borgo di Ischia Ponte, un dedalo di palazzi patrizi e case di pescatori in pieno stile mediterraneo. C’è poi la bianca Chiesa del Soccorso di Forio (il più grande dei 6 comuni dell’Isola), a picco sul mare, piena di caratteristiche tele ex voto, dove, se si è fortunati, si può assistere verso sera al fenomeno ottico del “raggio verde”. La celebre Piazzetta di Sant’Angelo, antico borgo di pescatori collegato all’Isola da un sottilissimo istmo di terra. Le terme di Cavascura, del periodo romano. Il museo di Villa Arbusto, che conserva la famosissima ed importantissima Coppa di Nestore. Gli scavi di Santa Restituta, che sotto il pavimento del santuario dedicato alla Santa (patrona dell’Isola) hanno riportato alla luce una cripta paleocristiana.

www.inewsswiss.com

Anche per gli amanti del trekking a Ischia c’è solo l’imbarazzo della scelta. I fatati sentieri di Barano e di Panza. Le bellissime pinete di Ischia, Casamicciola e Fiaiano. I magnifici boschi di leccio, di castagno, come il bosco della Falanga, dove ammirare le cosiddette “Case di Pietra”, scavate nella roccia tufacea, le grandi vasche per la raccolta dell’acqua piovana e i “Cellai”, grossi fori sul terreno utilizzati anticamente per la conservazione del ghiaccio. I Giardini La Mortella, una meravigliosa oasi naturalistica di circa 2 ettari costruita nel secolo scorso dal compositore inglese William Walton, che racchiude specie vegetali provenienti da ogni latitudine. Il monte Epomeo (789mt. s.l.m.), da cui si possono scorgere Capri, Ponza, Napoli, il Vesuvio e la penisola sorrentina. Natale e Capodanno meritano un discorso a parte. Con l’Isola letteralmente addobbata a festa e pulsante di eventi e manifestazioni, come il sacro rito della benedizione dei pesci, il 23 e 24 dicembre a Forio. O come i presepi viventi di Campagnano, Ischia Ponte, Forio… Mentre numerose associazioni culturali locali si cimentano con l’antica arte presepiale realizzando degli autentici gioielli, che fanno bella mostra nelle tante splendide chiese e in strutture pubbliche e private. Ma Ischia è anche un paradiso enogastronomico, ricco di squisiti prodotti di terra e di mare, a cominciare dall’ottimo vino. E regno di una vivacissima movida e dello shopping, che qui offre tanto articoli esclusivi e firmati, nelle scicchissime boutiques dei centri storici, che prodotti della versatile tradizione artigiana isolana, a cominciare dalle preziose ceramiche.

iNEWS

15


tourism

PIERO MELISSANO

PALERMO

ALLA SCOPERTA DEL TESORO ARABO NASCOSTO: “LE SORGENTI DEL GABRIELE”

SOPRA: Esterno Sorgente Gabriele A DESTRA: Interno Sorgente Gabriele e Francesca Currieri 16

iNEWS

www.inewsswiss.com


U

no dei grandi temi che riveste un interesse rilevante, in ambito sociale e culturale, è legato al tema della natura e delle bellezze che da essa traspaiono. Da esperto paesaggistico e scenografo ambientale, spesso colgo occasione di entrare in comunione profonda con la natura, considerandola luogo di delizia e benessere, materiale e contemplativo. A Palermo, sotto la via Umberto Maddalena, meglio conosciuta dai palermitani come “La Conigliera”, su di un terreno dell’Acquedotto di Palermo, immerso, in mezzo a una vegetazione di macchia mediterranea, si trova uno scrigno d’acqua, con piccole sorgenti che affiorano tra le rocce, raccolte in un cristallino laghetto, denominato Gabriele. Un luogo di una bellezza sconfinata, di cui sono rimasto affascinato. Ho cercato di attingere notizie in merito alla sorgente, confrontandomi con l’addetto stampa dello stesso acquedotto palermitano, Francesca Currieri. “Si tratta di una delle quattro fonti che contribuiscono all’approvvigionamento idrico della città” (inizia così il racconto della Currieri). “La storica Sorgente del Gabriele, tra le vie d’acqua che scorrono nelle viscere di Palermo, è senza dubbio la più affascinante e carica di storia. Il nome deriva dall’arabo “Al Garbal” e vuol dire www.inewsswiss.com

iNEWS

17


tourism

“Grotta Irrigante” e viene usato per designare, quattro sorgenti naturali, denominate Gabrielotto, Cuba, Nixio e Campofranco. Trattasi di 4 affioramenti di acqua, che risalgono ai primi del 700, molto vicini fra loro. Già durante la dominazione araba, queste acque venivano impiegate, non solo per usi igienici e domestici, ma anche per alimentare i mulini, allora numerosi in città e i bacini della Zisa e della Cuba. Inoltrandosi nel cuore delle sorgenti del Gabriele, ci si tuffa in un luogo fresco, dove l’acqua fluisce limpida e abbondante, scorrendo attraverso le rocce, formando bolle d’aria che danno vita a suggestivi cerchi concentrici e giochi d’acqua. E’ possibile udire il gorgoglio dell’acqua che fluisce dalle rocce e scorre sul fondo trasparente, in mezzo alle pietre, per poi insinuarsi nei cunicoli che la convogliano al ricettacolo, detto “Magistrale”. Suggestivo anche il laghetto formato dalla sorgente del Gabriele, che mantiene una temperatura costante sia in estate che in inverno. Le sorgenti del Gabriele hanno un grande valore storico e sono legate a uno dei più importanti servizi, offerti ai cittadini: quello dell’erogazione dell’acqua.

Nella penombra, si nota una scala ripida che conduce ad un ambiente fresco, coperto da un tetto, sostenuto da travi in cemento armato. La fonte è provvista di illuminazione artificiale di tipo a led che, permette di godere al meglio, questa meraviglia della natura. L’acqua, che affiora tra le rocce, è fredda e limpida, lo spettacolo è magistrale. Durante l’anno (continua la Currieri) “sono diverse le visite guidate alla Sorgente del Gabriele, promosse da talune associazioni culturali, in collaborazione con l’Amap e il Comune di Palermo. Il corso delle acque, derivate dalle fonti Gabriele, è raffigurato in un quadrone ad olio del 1722, conservato all’Archivio del Comune di Palermo”. Attraverso l’intervista e le immagini riportate, ho avuto l’opportunità di entrare dentro la notizia, alla ricerca del tesoro arabo nascosto. Si ringrazia, la giornalista Francesca Currieri per la collaborazione e Pippo Carollo, esperto di immagine, per le foto

SOPRA: Interno Sorgente Gabriele 18

iNEWS

www.inewsswiss.com


WWW.INEWSSWISS.COM

C

I

N

E

M

FRANCESCA INAUDI

A


cinema LIVIA PRUCCOLI

20

iNEWS

www.inewsswiss.com


VENEZIA 74 HA TRIONFATO DEL TORO

F

ilm che hanno emozionato pubblico e critica. Grandi star sul red carpet che hanno scatenato fan e fotografi. Polemiche e pellicole shock. Non è mancato davvero niente al 74° Festival di Venezia, che resterà perciò nella storia. Alla fine il Leone d’oro 2017 è andato a The Shape of Water del messicano Guillermo del Toro. Una fiaba che racconta la relazione tra una donna delle pulizie muta (Sally Hawkins) e una misteriosa creatura anfibia e che ha incantato proprio tutti, innnzitutto la giuria, presieduta da Annette Bening. Così il grande favorito della vigilia, Tre manifesti a Ebbing, Missouri di Martin McDonagh, si è dovuto ‘accontentare’ del premio per la miglior sceneggiatura.

Quest’anno, dunque, sulla Laguna, come è ormai tradizione, non sono mancate neanche le sorprese. Infatti ha stupito la coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile consegnata a Kamel El Basha per L’insulto di Ziad Doueiri, che ha superato il più quotato Donald Sutherland di Ella & John. La coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile è stata invece attribuita a Charlotte Rampling per Hannah dell’italiano Andrea Pallaoro.

www.inewsswiss.com

Piuttosto imprevisto anche il Leone d’Argento per la migliore regia al francese Xavier Legrand per Jusqu’à la garde, che si è portato a casa pure il premio Venezia opera prima “Luigi De Laurentiis”. Più in linea con le previsioni della vigilia il Leone d’argento – Gran premio della giuria a Foxtrot, una coproduzione Israele, Germania, Francia e Svizzera dell’israeliano Samuel Maoz, risultata tra i lavori più apprezzati della manifestazione. Mentre Nico, 1988 dell’italiana Susanna Nicchiarelli ha vinto nella sezione Orizzonti. Da segnalare Dove cadono le ombre di Valentina Pedicini (che lo scorso anno ha trionfato alla Settimana della Critica di Venezia con il cortometraggio Era Ieri), un drammatico caso di sistematico ‘genocidio’ avvenuto in Svizzera dal 1926 fino agli anni ’80 ai danni di un’etnia nomade, gli Jenisch. E The Millionairs, il cortometraggio che segna il debutto alla regia dell’attore Claudio Santamaria, presentato alle Giornate degli Autori del Festival, che è tratto dall’omonimo racconto dell’illustratore elvetico Thomas Ott.

iNEWS

21


cinema HEIER LÄMMLER

«FRÜHER WAREN KÜNSTLER UNSERE KUNDEN, HEUTE SIND WIR DIE KÜNSTLER FÜR UNSERE KUNDEN» Mit den Augen seiner Frau: Paul Grau, Gründer von STAR TV, dem ersten nationalen Privatfernsehsender der Schweiz (Bild: Bine Grau) 22

iNEWS

www.inewsswiss.com


Faul Grau, wohin geht die Fernsehreise für Sie, dem Pionier des Privatfernsehens in der Schweiz? «Ganz eindeutig Richtung Verschmelzen von Fernsehen und Internet. Was heute eigentlich nichts anderes ist als HbbTV. Das Fernsehen wird interaktiv und damit gleichwertig wie das Web. Auch wenn das die Google-Religionsführer vielleicht nicht so sehen. Die TV-Geräte, die in den letzten Jahren verkauft wurden, sind ja bereit für diesen technischen „Quantensprung“. Für uns und unsere Kunden geht es nun darum, dass wir die Möglichkeiten der sogenannten SMARTTVs optimal nützen und anbieten können.» Sind die klassischen TV-Sender mit dem linearen Angebot am Sterben? «Ich konnte mich in letzter Zeit oftmals mit asiatischen Geschäftsleuten darüber unterhalten, wohin die Reise geht. Was in Asien – insbesondere in China und Japan – abläuft, geht stark in der Richtung Verknüpfen von klassischen Fernsehinhalten mit interaktiven multimedialen Zusatzdiensten übers Web. Anbieter von Inhalten, sei es im redaktionellen oder im Werbebereich, wie wir das schon immer auf unsere eigene kreative Art waren, haben meiner Meinung nach eine gute Zukunft.» Das heisst, Star TV besinnt sich wieder mehr seiner kreativen Wurzeln? «Das Bewegtbild ist nun mal das Medium der Gegenwart und der Zukunft. Unsere Kernkompetenz ist das Produzieren von kreativen Inhalten und die nonkonformistische Kreativität, die unsere Mitarbeiter schon seit jeher auf Star TV ausleben konnten. Zurzeit geht es vor allem darum, unseren Werbekunden möglichst ohne Umwege die neuen interaktiven Möglichkeiten von Star TV aufzuzeigen und anbieten zu können. Wir sind nicht mit der Suche nach dem technologischen Fortschritt beschäftigt, sondern mit dem optimalen Ausnützen dieser bereits bestehenden technischen Lösungen. Mit der Kampagne für Globalwine, dem offiziellen Weinimporteur von Dieter Meier, konnten wir im Mai ein sehr gutes Muster vorlegen, wie diese Verknüpfung aussieht.» Und wie sieht diese Verknüpfung aus? «Einerseits haben wir im TV-Programm in der Primetime einen vierminütigen, redaktionell aufgemachten Bericht mit Dieter Meier gezeigt, der bei uns zur besten Sendezeit gelaufen ist. Mit einer Smart-, resp. HbbTV basierenden Idee, konnte man zudem direkt auf das Internet-Angebot des Kunden, in dem Fall Globalwine, schalten und den Meier-Wein bestellen. Schon mit dieser Verknüpfung hatte der Kunde einen enormen Mehrwert gegenüber einem klassischen TV-Spot - und er konnte den Beitrag leicht auch über all seine eigenen Werbekanäle im Web und den sozialen Netzwerken verbreiten.» Wer hat die Verknüpfung realisiert? «Das Pilotprojekt wurde von uns, zusammen mit unserer neuen IT-Abteilung realisiert. Mit Dieter Meier und dem Team von Globalwine hatten wir ideale Partner, dieses doch eher komplexe Projekt zielstrebig und erfolgreich durchzuziehen.

wir am Ende einer langen Reihe von Vermarktungskonstellationen. Vom Werbefranken den ein Kunde einsetzt, damit seine Sache am TV ausgestrahlt wird, bleibt dem Sender wenig. Das ist ungesund. Der Branche geht es ja nicht sonderlich gut. Einige Media-Agenturen haben das auch erkannt und setzen ebenso auf die Direktheit neuer Werbeformen und unterstützen uns dabei.» Die bestehende Struktur, wie heute Werbung verkauft und distribuiert wird, erscheint Ihnen zu kompliziert? «Der Zwischenhandel, der heute in der Werbebranche betrieben wird, ist eindeutig zu gross und könnte künftig mehrheitlich über WebApps abgewickelt werden. Damit wir uns im Werbemarkt behaupten können, der immer mehr von den grossen Playern dominiert wird, müssen wir kreative Vermarktungsideen haben und die Nähe zum Kunden suchen. Die Umsetzung in einem idealen Umfeld muss einfach und schnell sein. Das ist unser Dienstleistungsangebot an unsere Kunden und die Herausforderung an die Werbebranche. Dank Dieter Meier und seinem Team sind unsere Innovationen in der Werbebranche sichtbar geworden und bei unseren Kunden gut aufgenommen worden. Damit kehren Sie, Paul Grau, an Ihre Ursprünge zurück, wo Sie einer der ersten und kreativsten Musikvideo-Macher in der Schweiz waren. Back to the roots? «Auch das kann man durchaus so sehen. Früher machte ich mit meiner Crew Musikvideos, und die Künstler waren unsere Kunden. Heute erwarten unsere Kunden, dass wir Künstler sind. Scherz bei Seite. Meine Aufgabe ist heute eher die Refinanzierung des Aufwandes unseres privaten Fernsehsenders zu gewährleisten. Wie funktioniert ein privater Fernsehsender in der Schweiz? Das ist die Frage, die wir uns stellen müssen. Hier sind wir nämlich von der Gesetzgebung her schon ziemlich stark eingeschränkt. Oft entsteht der Eindruck, dass man Privatfernsehen in der Schweiz gar nicht will. Zurück zu den Musikvideos: Die wurden von uns redaktionell aufbereitet. Die Ideen von Songs wurden in Bilder umgesetzt. Vieles, was Star TV anschliessend gemacht hat, die Kreativität, die Vielfalt, die Lockerheit und die Direktheit wie bei uns über Sport, Musik, Film, auch Politik geredet wurde, ist heute bei YouTube gelandet.» Und davor erscheint ein Werbespot und saugt Schweizer Werbegelder für Google ab… «Genau. Allerdings – und wie die jüngste Vergangenheit zeigt – hat der Kunde mehrheitlich kaum Einfluss, welche Inhalte nach seiner Werbebotschaft ausgestrahlt werden, weil Google nebst der Profilierungsneurose das Giesskannenprinzip anwendet, was extrem und unangenehm sein kann, aber einfach ist. Bei STAR TV hat man die bessere Kontrolle, weil die Redaktionsauswahl bei uns liegt. Und weil wir eine eigene Farbe, Meinung und Wertschätzungsskala haben. Dafür steht Star TV mit seinen beiden Sendern und ihren WebApplikationen. Star TV ist bis heute und in der Zukunft ein guter Brand, der bei den Konsumenten im Free-TV und natürlich auch im Web für Wertschöpfung steht.»

In diesem Fall haben Sie den ganzen Zwischenhandel mit Werbeagenturen, Werbefilmproduzenten und Vermarktern ausgehebelt, nicht? «Ja. So kann man das auch sehen, war aber nicht unser Ziel. Andererseits war es gut, dass nicht all zu viele mitgeredet haben. Wenn ein privates Medienunternehmen wie Star TV Werbung verbreitet, dann stehen www.inewsswiss.com

iNEWS

23


24

iNEWS

www.inewsswiss.com


WWW.INEWSSWISS.COM

F

O

PEPPE ZULLO

O

D


enogastronomia

VENDEMMIA 2017 PER IL PRIMITIVO DI MANDURIA

UVE SANE E OTTIMO GRADO ZUCCHERINO

L

a vendemmia 2017 del Primitivo di Manduria si è conclusa confermando i pronostici: qualità eccellente con uve sane e grado zuccherino al punto giusto. La prospettiva favorevole era infatti stata preannunciata durante il monitoraggio e le analisi della fase di maturazione delle uve ed espressa dai vertici del Consorzio di Tutela prima ancora di tagliare i primi grappoli. “Siamo agli ultimi giorni di raccolta per le uve della nostra doc. Considerati i vari fattori, possiamo prevedere che la vendemmia di quest’anno sia paragonabile nelle quantità alla scorsa campagna. È da registrare un calo delle rese in campo, legato sia ad una minor carico dei vigneti sin dalla fioritura, sia a due settimane di caldo intensissimo verso la fine luglio. Molti agricoltori hanno quindi preferito dedicarsi alla produzione a Doc rispettando chiaramente i parametri qualitativi e la composizione ampelografica prevista dal disciplinare. - dichiara Roberto Erario, presidente del Consorzio di Tutela del Primitivo di 26

iNEWS

Manduria - Il calo è stato quindi contenuto grazie ai nuovi impianti che hanno permesso un aumento di superficie dei vigneti a Doc. Abbiamo un prodotto dal punto di vista organolettico perfetto: uve senza muffa e maturazione con grado zuccherino ottimale. Il 2017 sarà ricordato come l’anno del caldo record (in Puglia si sono toccati anche 45°) e assenza di piogge, ma il vento di tramontana, una gestione oculata delle risorse idriche e la provvidenziale capacità di adattamento e resistenza alle alte temperatura della varietà Primitivo ha permesso di conservare bene lo stato dei grappoli. Una minor produzione si è registrata per le uve destinate alla Docg perché il grado zuccherino non si è presentato cosi elevato per il Dolce Naturale. Venti milioni di litri per questa vendemmia, una cifra che permetterà di produrre circa 25 milioni bottiglie destinate soprattutto ai mercati esteri come Messico, Sud Est Asiatico, Europa, Cina, Russia e Brasile, Uk, Belgio, Olanda e Germania. www.inewsswiss.com


“Proprio perché è così amato all’estero anche per il suo straordinario appeal, – continua il Erario - il Primitivo di Manduria è il prodotto sul quale maggiormente si possono concentrare fenomeni di imitazione. Una situazione alla quale abbiamo risposto, negli ultimi due anni, con una controffensiva senza precedenti in termini di vigilanza e tutela. Abbiamo messo in atto una ventina di azioni di contrasto in sede stragiudiziale e le denunce stanno portando a interventi d’ufficio da parte delle autorità competenti nei Paesi mondiali. Attualmente in Cile, in Spagna e anche in Italia, la vigilanza e la tutela del Consorzio ha bloccato la commercializzazione di falsi e ingannevoli marchi di Primitivo di Manduria. Con il riconoscimento Erga Omnes per la DOC stiamo agendo non più nell’interesse dei soli soci, ma di tutti coloro che producono, trasformano ed imbottigliano il Primitivo di Manduria sul territorio nazionale. Sono state implementate le funzioni di tutela, di promozione, e, con i nuovi fondi, si è aggiunto un compito importante, quello di vigilanza. Le nostre misure di intervento sono attive costantemente non solo per difendere i produttori ma anche i www.inewsswiss.com

consumatori. Un risultato che è frutto di una crescita culturale e di un’attenzione sempre crescente alla tutela dell’unicità e tipicità che distingue la produzione della nostra denominazione”.

CONTRAFFAZIONE: IL CONSORZIO OTTIENE IL BLOCCO PER PRODOTTI INGANNEVOLI IN CILE, SPAGNA E ITALIA iNEWS

27


enogastronomia

LA PUGLIA CUORE DEL CIBO GIUSTO

DA ORSARA A LECCE IL TOUR DI PEPPE ZULLO

O

RSARA DI PUGLIA (FG) – Oltre 1000 ospiti, più di 30 produttori, 18 cantine e poi cuochi e relatori da tutto il mondo hanno dato lustro alla ventiduesima edizione di “Appuntamento con la Daunia”, a Orsara di Puglia, nelle giornate di domenica 8 e lunedì 9 ottobre. Nelle tenute di Peppe Zullo, lo chef del “matrimonio” tra la terra e la tavola, “Il cibo giusto – The right food” è stato il tema attorno al quale discutere, progettare, confrontarsi sul presente e su quanto può essere realizzato nel futuro. Moltissimi gli spunti interessanti, a cominciare dall’intervento di Felice Limosani digital storyteller apprezzato in tutto il mondo, che ha spiegato come il gioco e la creatività, applicati alle nuove tecnologie, possano più di ogni altro strumento aiutare le nuove generazioni a fare propri i significati profondi del “cibo giusto”: la magia dei sapori autentici, la loro salubrità, la lotta contro la fame da un lato e l’ipernutrizione dall’altro. “La 22esima edizione di Appuntamento con la Daunia è stata un grande successo” – ha dichiarato Peppe Zullo, soddisfatto degli esiti dell’evento –. 28

iNEWS

Ogni anno, mettiamo al centro questo territorio come un paradigma delle potenzialità espresse dal ‘made in Italy’ più vero, più autentico, promuovendo eccellenze e qualità di chi ha a cuore la cultura della buona alimentazione”. Dopo il successo di Appuntamento con la Daunia, Peppe Zullo continuerà anche nei prossimi giorni a portare in giro per l’Italia la sua filosofia del simple food for intelligent people: domenica 15 ottobre, alle ore 11, sarà al Castello Ducale di Torremaggiore per la prestigiosa manifestazione nazionale del Girolio d’Italia 2017; sempre nel segno dell’ulivo, pianta simbolo del 22esimo Appuntamento con la Daunia, Peppe Zullo sarà anche a Cerignola per tenere a battesimo “La più Bella sei tu”, il primo Festival Nazionale dell’Oliva da tavola che si svolgerà dal 20 al 22 ottobre; il 26 ottobre, inoltre, lo chef di Villa Jamele sarà a Lecce, dove è stato chiamato a intervenire alla nuova edizione di “Conversazioni sul futuro”, con 200 ospiti da tutto il mondo impegnati in un articolato programma sulle nuove frontiere della cultura del cibo. www.inewsswiss.com


AD APPUNTAMENTO CON LA DAUNIA PIÙ DI 1000 OSPITI, SUCCESSO PER L’EDIZIONE N.22 PROSSIME TAPPE DELLO CHEF A TORREMAGGIORE, CERIGNOLA E NEL SALENTO

Info: 0881.964763 – 0881.968234 Piano Paradiso, Orsara di Puglia (Fg) www.peppezullo.it www.villajamele.it www.nuovasalaparadiso.it www.inewsswiss.com

iNEWS

29


enogastronomia

La focaccia appena sfornata, i cornetti al cioccolato e un cremoso espresso preparato con la macchina originale Cimbali: con questi sapori e profumi l'Italia è servita in tavola! Non a caso, la cucina italiana è una delle più apprezzate nel nostro Paese. Per questo motivo Coop porta ora in Svizzera tutto il piacere del cibo italiano. Con Sapori d'Italia, l'azienda di commercio al dettaglio apre oggi nella stazione di Aarau il primo negozio dedicato alle specialità del Bel paese. Il negozio porta in tavola tutto l’amore per la cucina dei nostri vicini oltreconfine: peperoncini ripieni di formaggio fresco perfetti come antipasto, pasta in tutte le sue declinazioni, focacce appena sfornate e, per concludere, specialità stagionali come il panettone.

30

iNEWS

www.inewsswiss.com


UN PEZZETTO D’ITALIA NELLA STAZIONE DI AARAU

COOP LANCIA SAPORI D’ITALIA, IL NEGOZIO DI SPECIALITÀ DEL BEL PAESE www.inewsswiss.com

iNEWS

31


enogastronomia

32

iNEWS

www.inewsswiss.com


C

hinotto, focaccia, mortadella… queste parole suonano come musica e richiamano alla mente piacevoli ricordi delle vacanze trascorse sulla costiera amalfitana, all’isola d’Elba o sul lago di Garda. Quella italiana è infatti una delle cucine più amate in Svizzera. «Abbiamo voluto creare un negozio di autentiche specialità italiane. Per farlo ci siamo confrontati con i nostri fornitori, produttori e partner commerciali in Italia. Con Sapori d’Italia siamo ora in grado di offrire ai nostri clienti un assortimento delle più apprezzate specialità del Bel paese e altri prodotti di uso quotidiano», spiega il presidente della Direzione generale di Coop Joos Sutter. L’italianità si sente in ogni prodotto L’impasto per focaccia realizzato esclusivamente per Sapori d’Italia acquisisce un particolare aroma grazie alle 24 ore di lievitazione. Le focacce vengono quindi cotte in negozio e arricchite con rucola, prosciutto di Parma appena tagliato o delicata mozzarella. Ovviamente non mancano gli antipasti, le insalate e i prodotti di pasticceria quali cannoli, amaretti, cantuccini e brutti e buoni. Sapori d’Italia offre inoltre un’ampia scelta di vini italiani e bibite tipiche come la gazzosa, nonché pasta, risotti, sughi e olio d’oliva. La torrefazione dei grani di caffè avviene in negozio Per garantire il massimo del gusto, i grani di caffè vengono torrefatti direttamente nel negozio Sapori d’Italia. Solo se i grani vengono tostati appena prima della macinatura, infatti, possono sprigionare al meglio i loro circa 800 aromi diversi. Grazie all’abilità del barista e alla macchina originale Cimbali, i grani di caffè si trasformano quindi in un meraviglioso ristretto, espresso, cappuccino o latte macchiato. Ogni negozio dispone di circa 20 posti a sedere dove i clienti possono gustare il caffè e le altre specialità direttamente in loco lasciandosi cullare nella tipica atmosfera del Bel paese.

www.inewsswiss.com

iNEWS

33


enogastronomia

ARRIVA TUTTI I SEGRETI DEL TORTELLO CREMASCO NON C’È LA ZUCCA!

N

essuno aveva mai pubblicato prima un libro sui Tortelli Cremaschi, un piatto “originale, tipico e gustoso”, come l’ha definito Isabella Radaelli, giornalista esperta gourmet e di viaggi, che ha deciso di omaggiare la città di Crema e il famoso Tortello, scrivendo il libro Tutti i segreti del Tortello Cremasco – Non c’è la zucca!, coinvolgendo nella stesura dello stesso Annalisa Andreini, insegnante di lettere e foodblogger, che ha accettato positivamente l’invito. Un libro scritto a quattro mani in maniera giovane, fresca e moderna e con un pizzico di ironia. Oltre alla storia e alle origini del Tortello Cremasco, nel libro si parla della disfida lanciata nel 2002 da Beppe Severgnini, noto giornalista e scrittore cremasco, tra i due tortelli, quello Cremasco e quello Mantovano con la zucca. Nel libro c’è anche un’assoluta novità: la reinterpretazione della ricetta del Tortello da parte di alcuni chef stellati e anche l’abbinamento con il vino proposto da famosi sommelier, oltre che dalle due autrici. Inoltre è presente un capitolo dedicato ai prodotti tipici cremaschi e

34

iNEWS

anche una guida dei ristoranti e trattorie dove poter gustare i Tortelli. Il libro è corredato dalle originali foto-illustrazioni di Clara Scapecchi, in arte Desda, artista italiana che risiede a Berlino, la quale ha ideato una serie di particolari immagini dove Isabella e Annalisa rappresentano il fil rouge. Il libro sarà in vendita in tutte le migliori librerie, sul sito della casa editrice www.arpeggiolibero.com e sui maggiori stores online come Amazon ecc. Tutti i segreti del Tortello Cremasco - Non c’è la zucca! di Isabella Radaelli e Annalisa Andreini Collana Hybrida Edizioni Arpeggio Libero - Lodi (Lo) pp.164 - 15 euro - ISBN 978– 88–99355–83–8 I edizione settembre 2017 www.inewsswiss.com


WWW.INEWSSWISS.COM

E N T E R TA I N M E N T


entertainment HEIDI GIULIANI

Red Arrows with formation Tornado

BOURNEMOUTH AIR FESTIVAL CELEBRATING 10 YEARS ANNIVERSARY 31ST AUGUST – 3RD SEPTEMBER 2017

T

he Bournemouth’s first air festival in 2008 took off in style with stunning displays in the skies between the two piers. The distinctive drone of the Merlin engines of a Lancaster Bomber, Spitfire and Hurricane captivated the thousands of spectators lining the clifftop and promenade below. Visitors spent hours wandering along the seafront, which was packed with attractions, displays, rides and stalls. On the final day’s flying the Red Arrows performed a variety of high precision high speed aerobatic manoeuvres, and the crowds were left jaw-dropped. A tough act to follow. But the loud and proud RAF Typhoon was just the aircraft for the job. Other display teams included the Tucano, Royal Navy Black Cats, Royal Navy Seahawk, the Blue Eagles, the Yakovlevs, the Blades, Sea Vixen and the DC-6, to name but a few. Ever since it was introduced ten years ago the festival was a soar-away success, getting better and bigger with every year. In 2016 the air festival crowds were treated to a stunning display from the iconic Vulcan XH558 bomber. Bournemouth said a final goodbye to ‘the most famous aircraft in Britain’ as the Avro Vulcan bowed out. The Cold War nuclear bomber made its last appearance at the air festival before it retired from flying. The Vulcan’s final appearance in Bournemouth 36

iNEWS

proved an emotional affair. ‘Bye bye rockstar’ the commentator lamented over the loud speakers as it flew back to base with an impressive roar and a visual impression of the afterburners. Other notable performances during 2016 came from the skilled helicopter pilots of the Royal Navy’s Black Cats and for the first time the Swiss Air Force’s Super Puma, giving the event a truly international feel. Both teams performed in tough display conditions with blustery winds and low visibility. A delighted and honoured Mayor, Councillor Lawrence Williams is thanking everybody who helped stage the event, and of course festival goers, as without each and everyone of them the festival wouldn’t be what it is today. So much has been achieved and overcome – from challenging adversity to great highs and success. Over the last 10 years the Bournemouth Air Festival has been celebrated, awarded and recognized, challenged and tested amongst much happiness, euphoria, great highs and, sadly, times of tragedy. Since 2008 the festival has hosted more than 60 display teams and aircraft, entertained around 9 million people by approximately 140 hours of thrilling displays and has not only been recognized as the event of the year but has become UKs biggest air festival across air, sea www.inewsswiss.com


Red Arrows with formation Detonator

and on land.With so much to enjoy in the skies and on land, out at sea and in the evening – four fantastic days of exciting entertainment are guaranteed every time. Over the years the Bournemouth Air Festival has played a big role for the Royal Air Force Red Arrows. What started as an annual display for them has become one of the UKs biggest air events and they are proud to have displayed every year. Bournemouth is one of their favourite display venues, not only is it a great site for the pilots to see a beach front packed with crowds while gracing the skies over Bournemouth but it’s a perfect location for the face of the Royal Air Force showcasing the excellence of the service with its trademark combination of close formation and breath taking manoeuvres. One of the fans of the Red Arrows since his teenage years is Bournemouth born and bred Peter Howard Rees. Not only has he been following every aerobatic display of them at the airshows in Farnborough and later also Bournemouth he has also co-designed the tip fences as fitted to some of the Airbus range of civil aircraft. The tip fences are a distinctive signature of the airbus A300, A310, A320 and A380 series of aero planes. The tip fences are also sometimes called winglets. Their main feature is to reduce lift-dependent drag, resulting in fuel efficiency improvement. Being an aerodynamicist for British Aerospace Systems he started working on the design in 1985 together with Jeff Jupp. With the Airbus A380 this invention is still in production. Peter made paper planes as a boy and thus already experimented with tip fences. He studied aerodynamics at the Royal Aircraft Establishment technical college Farnborough. Later on he took part in a wing tip research program at Hatfield with Jeff Jupp. From this initial 1 month project to get the system patented, designed and installed on the first production aircraft it took five years. The patent was owned by British Aerospace but signed in the names of the inventors. Peter remembers getting about £300 compensation in total. How did this idea come about? Initially it was experimenting with modifications to the wing-tip navigation light fairings, such as mounting them vertically instead of horizontally as had been done hitherto, and testing in the wind tunnel. Analysis soon revealed that the performance was better than theoretically predicted. Further modifications to the profile and section shape resulted in the optimum tip fences seen today on so many Airbus aircraft. Inevitably this involved many many hours of low speed and high speed wind tunnel testing to refine it in such a way as to minimize the wing structural weight increase resulting from wing bending moment changes. Acknowledgement must be made to the hard work, dedication and enthusiasm of the wind tunnel crews especially. Back to the Bournemouth Air Festival 2017. For the spectators the event is free of charge and there is enough room for everybody to get a great view of the display. The central flight line never seems as close as here in Bournemouth, and where else can you watch an air display while taking a dip in the sea? With a packed schedule of air displays not only plenty going on in the air, there’s lots happening on the ground as well. Flying has been cancelled on the final day of 2017 due to adverse www.inewsswiss.com

Peter Howard Rees, co-inventor of the Airbus tip fence

People swimming while watching the Red Arrows display

weather. Organisers of the Bournemouth Air Festival said ‘strong crosswinds, low visibility and forecast rain, particularly at the airport’ meant Sunday’s aerial displays could not go ahead. The four-day annual event is run by Bournemouth council which said any financial loss would be ‘marginal’. It said attendance on previous days had been ‘really strong’. Congratulations Bournemouth Air Festival to this impressive milestone and to have become one of the leading aviation events in Europe. Apparently the Bournemouth Air Festival is the second biggest event in the UK, only topped by the London Marathon. The next festival line of many hours of display time will be brought to you on August 30th to September 2nd 2018. www.bournemouthair.co.uk iNEWS

37


entertainment BRIAN BASNAYAKE

SPICY FOOD TO ACCOMPANY A FASHION SHOW

38

iNEWS

www.inewsswiss.com


F

or the second year in succession, the Sri Lankan community in Switzerland regaled in a colourful spectacle that had the distinct sounds and ambiance of a tropical festival in pretty much autumnal weather. The fair took place at the town hall and its grounds in the historic township of Bülach from 8th to 10th of September 2017. A foreign-festival at the Bülach town hall is no longer a rarity. As a municipality so close to the Zurich International airport, Bülach has a fair history of welcoming foreigners – who mainly work at the airport – as new members of its burgeoning community of farmers, artisans, traders, small industrialists, and workers in the service sector. The Sri Lankan Cultural- and Trade Fair & Asian Food Festival was organized under the auspices of the Honorary Consulate of Sri Lanka in Zurich, with the support of “The Swiss-Sri Lankan Business Council” based in Zurich.

On Friday, in the early evening light of a late summer’s day, with just a little nip in the air, the Festival opened with the lighting of the traditional Sri Lankan oil lamp and the blessings of the Buddhist and Muslim prelates who were at hand for the occasion. His Excellency Ambassador Ravinatha Aryasinha, the Permanent Representative of Sri Lanka to the United Nations Organization in Geneva graced the event as the Chief Guest. As the main speaker, H.E. Ambassador Aryasinha gave an excellent address befitting the occasion and lauded the Honorary Consul General Mr. Vidarshana Munasinghe, whose singular efforts made the event a reality and opened so many avenues of interaction between all the communities including the Swiss people. The Ambassador stressed the importance of the occasion for the betterment of the Sri Lankan community and, in particular, to provide a very significant display of Sri Lankan culture to the Swiss and other visitors. Sri Lanka claims a rich tradition in cultural displays including music and dancing. Some of the best known and some less well-known dances came to life on stage with impressive performances by Sri Lankan dancers both locally and from abroad. The colourful and rhythmic performances delighted not only the Swiss crowds but also the Sri Lankan expatriates who had come to see a bit of their culture on display in Switzerland. Unlike around the same time last year, the weather gods were less benign this weekend, and on Saturday in particular, they were petulant and uncompromising. It rained incessantly and brought the temperature down, making the event in Bülach a drenched shadow of last year’s festivities. The cold and the damp kept much of the expected crowds away from the festival, but the party had to go on. And it did, mainly inside the hall, with spectacular shows featuring traditional dances and musical performances alongside some modern musical renditions. The variety of performers and performances was awe-inspiring for one single day, and the highlight of the evening, the pièce de résistance, came in the form of the Asian European Fashion Show. It may have been a most untraditional of shows, but it went down well with the audience like honey down a child’s www.inewsswiss.com

throat. Two iconic fashion designers from Sri Lanka, Ms. Gayani Batz, and Mr. Gihan Ediriweera, along with the producer/owner of the Asian European Fashion Show in Paris, Mr. Rex Christy Fernando, presented a spectacular parade with a bevy of models from France wearing exquisite batik saris, evening wear, and beach gowns. The show competed genially with the traditional offerings to the sheer delight of the audience. Out on the grounds, a veritable tropical bazaar presented itself to the discerning public as well as to the uninitiated. The Asian Food Festival was not simply an appendage to the Sri Lankan Festival; it was in its own right a fundamental part of the fair and provided a reasonable selection of traditional Asian fare. And throughout the weekend, the appetizing aromas of the various foods from the numerous stalls hung in the air and gently wafted to the surrounding neighbourhood. But for the unwelcome damper on Saturday, the festival drew enthusiastic admiration from the majority of the visitors while it highlighted some of the characteristic features of Sri Lankan culture and tempted the guests’ palates with a heady variety of Asian cuisine. It may not have been the best weekend for a spectacular festival, but in the end, it was indeed a spectacular weekend full of excellent performances and mouth-watering food. This year, Sri Lanka celebrates 150 years of growing and producing some of the world’s best tea under the iconic brand “Ceylon Tea.” The Sri Lanka Tea Board, representing the tea industry in Sri Lanka as a whole, operated a stall alongside the Sri Lanka Tourist Board at the festival, serving cups of tea free to every visitor coming to the booth.

iNEWS

39


entertainment

40

iNEWS

www.inewsswiss.com


WWW.INEWSSWISS.COM

WATCHES&JEWELS

www.inewsswiss.com

iNEWS

41


Watches&jewels

CLASSIC PORTUGIESER TIMEPIECES – NOW ALSO IN BLUE

IWC produced its first watches with blue dials 50 years ago, setting a design trend that has now spread throughout the entire watch industry. For its latest blue highlights, the Swiss watchmaking company is now unveiling two versions of particularly popular Portugieser models: The Portugieser Automatic (Ref. IW500710) is driven by the IWCmanufactured 52010 calibre. The Pellaton automatic winding system is adorned with ceramic components and generates a 7-day power reserve in two barrels. A display at “3 o’clock” indicates the energy remaining at any given time. The small seconds subdial is positioned at “9 o’clock”. The stainless-steel case and the rhodiumplated hands provide a winning contrast to the deep blue of the dial. 42

iNEWS

www.inewsswiss.com


The Portugieser Chronograph (Ref. IW371491) is one of the most famous IWC watches ever and is now available with a blue dial for the first time. With a look based on the timeless design of the Portugieser watches from the 1930s, this timepiece with a diameter of just 40.9 millimetres will flatter any wrist. The stainless-steel case and the rhodium-plated hands also harmonize perfectly with the blue dial on this watch. The new models will be available in IWC boutiques and from authorised IWC retailers from September.

www.iwc.com www.inewsswiss.com

IWC SCHAFFHAUSEN With a clear focus on technology and development, the Swiss watch manufacturer IWC Schaffhausen has been producing timepieces of lasting value since 1868. The company has gained an international reputation based on a passion for innovative solutions and technical ingenuity. One of the world’s leading brands in the luxury watch segment, IWC crafts masterpieces of Haute Horlogerie at their finest, combining supreme precision with exclusive design. As an ecologically and socially responsible company, IWC is committed to sustainable production, supports institutions around the globe in their work with children and young people, and maintains partnerships with organizations dedicated to environmental protection. iNEWS

43


JULY 21ST JULY 25TH

CAMPÀ, ITALIANITÀ Trittico - olio su tela - 180x120 cm


arte

LIVIA PRUCCOLI

FIRENZE

È TRIPUDIO DI ARTISTI

D

opo la statua dorata di Jeff Koons e la maxi tartaruga di Jan Fabre, in piazza Signoria a Firenze, fino al 21 gennaio, svetta il ‘colosso’ di Urs Fischer. Si tratta di un’enorme scultura metallica di 12 metri, Big Clay, una sorta di gigantesco totem. Sull’arengario di Palazzo Vecchio, tra la riproduzione del David di Michelangelo e quella di Giuditta e Oloferne di Donatello, due figure in cera sempre dell’artista svizzero, simboli della finitezza umana e della durevolezza dell’arte, che si consumeranno lentamente per tutta la durata della mostra. L’esposizione, promossa dal Comune di Firenze e dalla Biennale Internazionale di Antiquariato di Firenze, è stata ideata da Fabrizio Moretti e Sergio Risaliti e curata da Francesco Bonami.

Nella splendida città medicea anche l’11a edizione della kermesse internazionale d’arte contemporanea Florence Biennale, in programma alla Fortezza da Basso dal 6 al 15 ottobre, con il suo tema intrigante “eARTh: Creativity & Sustainability” e le sue innumerevoli sezioni (disegno, arte grafica e calligrafia, pittura, tecnica mista, scultura, arte 46

iNEWS

www.inewsswiss.com


ceramica, arte tessile, gioiello d’arte, fotografia, arte digitale, video arte, installazione d’arte e performance). In tutto un migliaio di opere esposte, tutte in lizza per l’ambito premio internazionale “Lorenzo il Magnifico”. Gli artisti partecipanti saranno 462, provenienti da 72 nazioni di tutti e 5 i continenti. Il Paese più rappresentato è l’Italia con 65 artisti, seguito dalla Cina che ne porta 60. Tra le proposte più curiose, lo svizzero che, oltre a dipingere, è una star di latin pop, l’argentino che espone installazioni con i mattoncini di Lego, la danese portatrice di handicap dalla nascita che dipinge con la bocca, un fotografo israeliano che presenta una serie di scatti sul tema della pace, un russo di 18 anni (il più giovane partecipante) che propone istallazioni con tanti piccoli T.Rex e un’artista indigena della foresta amazzonica che mostra le sue opere per la prima volta in Europa. Particolarmente affascinante la sezione della Biennale dedicata all’arte orafa. Qui l’Italia è presente con la romana Raffaela Laura Pitzurra, www.inewsswiss.com

che mostra 3 pezzi ispirati alle culture del Mediterraneo: “Il nastro di Mahbuba”, “Il filo di Arianna” e “Il camaleonte”, realizzati con la tecnica della fusione a cera persa. E con l’artista lucana Antonella Rubertone, che propone la sua “Ankita”, tiara in bronzo dorato impreziosita da un mandala in ceramica decorata a pennello con smalti pregiati cristallizzati a terzo fuoco. Dalla Turchia Chala espone una spilla e due collane in argento di squisita leggerezza. Dall’Armenia Arman Nur mescola scultura e gioiello in una spilla di bronzo dorato, topazi, ferro, plexiglas e vetro. Dall’Iran Farish Alborzkouh porta una parure di collana, orecchini e bracciale che fondono le tradizioni mediorientali di oreficeria e tessitura del tappeto. «L’obiettivo di Florence Biennale è quello di dare una rappresentazione globale del contemporaneo sia in termini anagrafici che geografici con artisti dall’esperienza consolidata accanto a figure emergenti da angoli diversi del mondo», ha spiegato Jacopo Celona, direttore dell’esposizione, curata per l’11° anno consecutivo da Melanie Zefferino. iNEWS

47


arte

PIERO MELISSANO

GAETANO PORCASI L’ANTIMAFIA IN PITTURA I COLORI DELLE VITE SPEZZATE

G

aetano Porcasi è nato a Partinico (PA) nel 1965. Fin da piccolo ha manifestato uno straordinario ed innato talento artistico che ha arricchito, modellato e sviluppato frequentando, prima, l’Istituto d’Arte di Monreale e successivamente, l’Accademia di Belle Arti di Palermo, dove ha conseguito la laurea col massimo dei voti. Ultimati gli studi ha insegnato presso l’istituto Statale d’Arte di Sassari, presso il Liceo artistico di Tempio Pausania e l’Istituto Statale d’Arte di Alghero. Tornato in Sicilia ha ottenuto la cattedra di discipline pittoriche all’Istituto Statale di Monreale e infine, presso il Liceo Scientifico “Santi Savarino” di Partinico dove contribuisce nella realizzazione di percorsi didattici che promuovono nei giovani cultura, legalità e impegno civile. Gaetano Porcasi è il Pittore che ha inventato la pittura antimafia…

48

iNEWS

il pittore che ha ristrutturato la storia della Mafia, delle vittime e dei carnefici, facendo diventare il tutto, opere pittoriche, in tempi non sospetti. Come Sciascia ha riportato la mafia nella letteratura, Porcasi ha fatto tutto questo attraverso le sue tele, attraverso la pittura, entrambi corregionali siciliani. La Sicilia ha una sua storia spesso dimenticata e non scritta, la storia di una lunga lotta di liberazione che ancora continua e di cui non si intravede la fine, la storia della guerra contro la il parassitismo e l’ostentazione di ricchezze rubate alla povera gente e ai lavoratori, contro le collusioni del potere con i signori della violenza, in una parola contro la mafia. Nella sua pittura ha cercato di tracciare alcuni momenti di questa tragica storia, raffigurando storie, visi, attività, sentimenti, valori, cui fa da coreografia la nostra luce mediterranea, la vivacità dei colori che ci circondano e la costante e prepotente www.inewsswiss.com


rinascita ed esplosione della nostra vegetazione, attraverso il lavoro della nostra gente. L’opera di Porcasi può considerarsi una grande silloge storica dell’ultimo secolo, il centro è sempre la Sicilia in tutti i suoi molteplici risvolti di luce, ombre, colori, visi, case, vegetazione, reperti storici…la periferia è tutto il mondo. L’immensa produzione del Porcasi, supera i 600 quadri, con l’attenzione rivolta a momenti dimenticati o rappresentati a senso unico. Quindi la storia illustrata, la storia per immagini, il racconto che nello stesso tempo diventa oggetto di studio, trasmissione del sentire interiore, colore, disegno, immagine, momento didattico, documento, viaggio nella memoria non limitato a un episodio, ma come frammento di un insieme, sull’esempio delle tele e dei racconti dei cantastorie siciliani. Non si tratta di anedottica, bensì di trasmissione di un forte messaggio civile di cambiamento, di ribellione, di progetto e proposta per una società nuova e libera dalle ombre di violenza e di morte in cui si dibatte. Porcasi raggiunge la sua maturazione artistica attraverso una sua ricerca personale della sua vita, attraverso la sua grande fantasia e quella voglia di combattere con il suo impegno civile, la situazione

www.inewsswiss.com

della sua terra che tanto ama e rispetta. Infatti nelle sue opere la Sicilia è il suo punto di riferimento, ogni sua opera non è altro che un frammento di un percorso culturale e civile che porta sempre ad un unico scopo: raccontare i vari volti di una terra misteriosa, dove spesso e sempre emerge il volto della violenza, le barbarie di pochi miserabili individui, l’insensibilità dei politici, collusi e corrotti, da un lato, ed una natura affascinante, stupenda, mitica, misteriosa e complessa, abitata da un popolo generoso e semplice, intrappolato in un perenne vassallaggio. La sua pittura è un messaggio sociale ed impegno civile. L’arte del Porcasi non è mai retorica, ma comunicazione semplice, percepibile, divulgativa che mira a rendere condivisi il rispetto, la riconoscenza e l’esaltazione eroica dei leader politici e sindacali protagonisti di battaglie sociali e contemporaneamente, l’orrore ed il disprezzo per la violenza, la barbarie, l’ignavia, il torpore, la collusione e la contiguità verso la criminalità organizzata, la cultura dell’illecito e del malaffare. Nel rappresentare la natura, il lavoro, la sua terra, l’arte del Porcasi diventa poesia, sinfonia di colori, armonia di tonalità che esaltano l’effetto estetico coinvolgendo anche il più distratto dei suoi osservatori.

iNEWS

49


arte

FRANCESCO RIZZUTI

VIVA ARTE VIVA

L’ARTE INVADE VENEZIA

50

iNEWS

www.inewsswiss.com


La Biennale di Venezia 57. Esposizione Internazionale d’Arte Intervento di Paolo Baratta Presidente della Biennale di Venezia

C’

Siamo soliti definire La Biennale come luogo di ricerca. Siamo soliti ripetere che qualunque sia il tema o l’impostazione della Mostra, Biennale si per deve visitare qualificare lacome Molte luogo che ha come le novità di questa 57a Esposizione, all’insegna di una maggiore è tempo fino al 26 Lanovembre a come ragion d’essere, il libero dialogo tra gli artisti e tra questi e il pubblico. metodo, e 57 quasi Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia, uno disponibilità da parte degli artisti, che addirittura incontrano il Le Biennalidei degli anni hanno tutte confermato questo spirito. piùultimi importanti e attesi appuntamenti del mondo pubblico all’ora di pranzo ai Giardini e all’Arsenale. 23 poi gli Eventi

artistico. Un evento che dopo anni di riflessioni su

Collaterali proposti da enti e istituzioni internazionali. Tra questi il

Con la 57. Esposizione Internazionale d’Arte si introduce un ulteriore sviluppo; è come se quello ritornodiventasse del ragazzo ideologie, tecnologie derive trova e il dialogo, che deve sempre esserenuove il metodo principale edel nostrocognitive lavoro, l’incontro il cattivo della Young British Art Damien Hirst alla (Punta della dogana e Palazzo Grassi) e di un il suo focus racconto della vita. Cosi tuttoBiennale ruota attorno all’uomo e Fondazione temasul stesso della Mostra. Perché questa Arte è proprio dedicata a celebrare, e Pinault quasi colosso del design agli intriganti sogno e della render temi grazie,del all’esistenza stessamagia. dell’arte e degli artisti, che ci offrono con i loro mondi una italiano come Ettore Sottsass, alle Stanze del Vetro dilatazione dellapercorso nostra prospettiva e dello spazio della nostraintorno esistenza.a della Fondazione Giorgio Cini. La Mostra offre un espositivo che si sviluppa ispirata all’umanesimo, dice Christine Macel. umanesimo non focalizzato su un 9 capitoliUna o Mostra famiglie di artisti, con 2 primi universi nel Un Padiglione artisticoeda inseguire, né tanto meno caratterizzato celebrazione dell’uomo Centraleideale ai Giardini 7 che si snodano dall’ Arsenale fino al dalla Giardino «Una Mostracome ispirata all’umanesimo. Un umanesimo non focalizzato essere capace dominare su quanto lo provenienti circonda; semmai un Paesi, umanesimo la capacità delle Vergini. 120 glidiartisti partecipanti, da 51 di chesucelebra un ideale artistico da inseguire, né tanto meno caratterizzato dalla dell’uomo, attraverso l’arte, di non essere dominato dalle forze che governano quanto accade nel cui 103 presenti all’Esposizione per la prima volta. 85 le partecipazioni celebrazione dell’uomo come essere capace di dominare su quanto lo mondo, forze che se lasciate sole possono grandemente condizionare in senso riduttivo la nazionalidimensione negli storici Padiglioni ai Giardini, all’Arsenale e nel centro circonda; semmai un umanesimo che celebra la capacità dell’uomo, umana.

città, tra cui le new entry Antigua e Barbuda, Kiribati e Nigeria.

attraverso l’arte, di non essere dominato dalle forze che governano mondo, forze che se lasciate sole possono I Padiglioni delle nazioni ai Giardini sostanzialmente si interrogano grandemente condizionare in senso riduttivo la dimensione umana. Macel, nel presentarci le opere, adotta per la sua drammaturgia una forma ricorrente tra i grandi sul presente servendosi di nomi già noti e quotati come Mark È un umanesimo nel quale l’atto artistico è a un tempo atto di resistenza, autori umanisti: quella del viaggio; un viaggio lungo un percorso di Mostra nel quale si incontrano Bradfordgliper il Padiglione degli Stati Uniti, Phyllida Barlow per la di liberazione e di generosità», racconta la curatrice Christine Macel, artisti, i quali si avvicinano gli uni agli altri, o si allontanano in relazione alle affinità che si chief del Center Pompidou. La 4a donna chiamata alla Gran Bretagna e Anne Imhof per la Germania. da Il Padiglione manifestano nel tipo di impulsi e sollecitazioni cui sono statiItalia mossi, o nel tipocurator di sfide che all’Arsenale, da Cecilia Alemani, dahanno moltiscelto giudicato il più direzione artistica nei 122 anni di storia della manifestazione, dopo hannocurato inteso affrontare, o nelle pratiche che di seguire. sbalorditivo, presenta la mostra “Il mondo Magico” e punta solo su epico Maria deprologo Coral ee Rosa Martinez, che curarono insieme quella del Non una classificazione, ma una disposizione, una coreografia, un poema in un nove episodi nel quale di comunque, ciascuna Adelita opera singolarmente, compito di 3 riuscitissime installazioni Robertoa Cuoghi, Husni-Bey è lasciato 2005, ile Bice Curiger a cui fu affidata l’edizione del 2011. «Il titolo della impegnare il visitatore la sua vitalità dalle (e so con quanta curaedizioni Macel ha proceduto alla selezione e Giorgio Andreotta Calò,con smarcandosi precedenti Esposizione “Viva Arte Viva” è perciò un’esclamazione, un’espressione di ogni singola opera). Il Padiglione svizzero, curato da Philipp sempre piuttosto affollate. della passione per l’arte e per la figura dell’artista», proclama Kaiser, propone la mostra “Women of Venice” con opere inedite di soddisfatta la Macel. E qui veniamo a un altro aspetto di questa edizione, che da solo basterebbe a qualificarla al di là di Carol Bove e Teresa Hubbard/Alexander Birchler. Nelsono Padiglione ogni tema o narrazione: dei 120 artisti invitati, ben 103 presenti per la prima volta nella Dionisiaco sfoggiano la loro sessualità allusiva glialtre, indumenti Mostra del nostrotutta curatore. Alcune sono scoperte, molte almeno per la presente edizione, intimi femminili di Heidi Bucher. sono riscoperte. E anche questo un modo concreto di esprimere, con il coraggio delle scelte, la È un umanesimo nel quale l’atto artistico è a un tempo atto di resistenza, di liberazione e di accade generosità.nel quanto

propria fiducia nel mondo dell’arte. Abbiamo sperimentato molte volte in passato, e in tutti i nostri settori, la pratica dell’incontro diretto tra artisti e visitatori: in Architettura, nella Musica, nella Danza, nel Teatro, nel Cinema. Occasionalmente è stato fatto anche nelle Arti Visive e, quando lo abbiamo fatto, ci siamo resi conto di quanto possa essere importante ai fini di una più compiuta partecipazione alla Mostra. www.inewsswiss.com Con questa Biennale Arte l’incontro diretto con l’artista assume un ruolo strategico, tanto da costituire uno dei pilastri della Mostra stessa, con un programma che per dimensione, per

iNEWS

51


arte

PAOLA COLOMBARI AND VALERIO TAZZETTI

DAVID YARROW PHOTOGRAPHY “NELLA NATURA SELVAGGIA” FROM OCTOBER 27TH TO NOVEMBER 24TH, 2017 SPAZIO ERSEL - PIAZZA SOLFERINO 11 TURIN OPENING TIMES: FROM MONDAY TO FRIDAY, 10 AM - 6 PM

52

iNEWS

www.inewsswiss.com


S

pazio Ersel will host in Turin from From October 27th to November 24th, 2017 the exhibition “Nella Natura Selvaggia”, with photographs by the most important artist on an international level of Fine Art photography: the Scottish photographer David Yarrow.

“Nella Natura Selvaggia” is the first exhibition in Italy of Yarrow’s Fine Art photographs of wildlife and animals. The show is realized in collaboration with Valerio Tazzetti from Photo&Contemporary and Paola Colombari, who represents the artist in Italy. David Yarrow, among the most original of contemporary photographers and a UK Ambassador for Nikon, is supported by Prince William’s Tusk Foundation. He participated in the gala auction for Leonardo di Caprio’s Foundation, dedicated to protecting and safeguarding the Planet through the adoption and the diffusion of eco-friendly measures. Yarrow’s photographs are present in numerous museums, such as the Perot Museum of Dallas, the New Museum of Natural History in Missouri and the Bührle Museum in Zurich. His work is also present in many prestigious galleries in the United States and Europe. Recently his work set an important record at a Sotheby’s auction. Yarrow investigates in unexpected and surprising ways the “Animal Kingdom”, transmitting the obscure sensation of freedom beyond our human perception. The transposition of his large-scale black and white images display the power, beauty and strength of tigers, lions, zebras, elephants, and rhinoceros with a highly personal technique in approaching these animals in their spontaneity, without startling them, and therefore immortalizing them with his lens in all of their wild essence.

In February of 2017, he photographed for the first time his impressions of the land of Zaire, previously called the Democratic Republic of Congo. “Belgium’s oppressive and infamous heritage the French language, Belgian architecture and a slight note of French cuisine - still remains. Yet this is not a colonial ‘Happy Valley’. The DRC was a violent ‘Valley of Death’.” As such David Yarrow feels that the poor population of 67 million people still suffers the influence of colonialism.

His subjects are often photographed frontally in order to interact on a deeper level with the beauty of their gaze. His animals become surreal and dreamlike presences, suspended forever in time. The exhibition “Nella Natura Selvaggia” is composed of fifteen extraordinary photographs (in small, standard and large formats) of thrilling shots from Yarrow’s last journeys in Nigeria, Kenya, Yellowstone, Congo and finally from his experience in North Korea. Yet, Yarrow’s focus is not limited only to wild fauna. His photographic investigations also include the immortalization of ghost towns, tribes or “tribal” communities, such as Green Bay or Dortmund, as well as remarkable men such as Arnold Palmer at Augusta.

In Congo, the photographer discovered the magnificent chimpanzees. “To impose onself in the habitat of the Silverbacks’ rainforest, over 10.000 feet, requires respect and at times a somewhat abrupt approach. For these portraits I wanted to work with a short and technically practical lens.

The image for Yarrow is regardless a poetic, unrepeatable moment which transcends all levels and requires dedicated time for preparation, creative courage, and technical fluidity. Through his photographs he also narrates the life of Man and of communities distant from the Western world, suspended in time, such as in the latest stunning photographs of Makoko, known as the “black Venice” or the “Venice of Africa.” Makoko is a shanty town located in the outskirts of Lagos in Nigeria, a fisherman’s village inhabited since the 18th century by one hundred thousand people in wooden stilt houses interconnected by canals navigated in canoes by the residents.

This means to get as close as possible without colliding with the rage of the Silverback or of ranger that is always around the corner. “This experience gave rise to the extraordinary portraits of the series “Silverbacks”, “Congo”, and “All Our Yesterdays,” in which faces appear as antique paintings not of primates but of the ancestors of our roots, elegant and intense in black and white. An archaic color leads us back to our cosmic nature. David Yarrow can be defined as the artist of light. Through his technique and the power of his images he allows us to feel the beauty of these animals, so close that it almost feels like we can caress them. In occasion of the exhibition “Nella Natura Selvaggia,” David Yarrow will hold a lecture including a video presentation which illustrates his approach to wild fauna and his adventurous travels in extreme continents where nature is still uncontaminated. The exhibition is accompanied by the beautiful book “Nella Natura Selvaggia,” edited by Rizzoli Libri.

David Yarrow immersed himself in this reality and created a natural set, submerging himself in the water and photographing from extreme angles the traditions and faces of Togo and Benin. www.inewsswiss.com

iNEWS

53


arte

ABOUT ERSEL Ersel represents development and tradition in 80 years of expertise in portfolio management and stock brokerage. Absolute independence and a highly professional staff make Ersel unique in the Italian financial industry. Ersel offers investors, both institutional and individual, a top-quality service. Created in Turin as Studio Giubergia, Ersel immediately focused its business on management of a large pool of client large assets. Ahead of its time, in 1983 it set up the first company authorised in Italy to manage and place mutual funds and in 2000 it was among the pioneers in the hedge fund sector. With 13.5 billion Euros in assets under management and 215 staff at its offices in Turin, Milan, Bologna, London and Luxembourg, Ersel offers both private and institutional clients tailored and highly specialised private banking services. The company is still managed by the founding family, currently at its fourth generation. Ersel’s profound link with the city and its focus on corporate social responsibility over 80 years are the principles which underpin Ersel’s action in the cultural field; not just to create a positive image and the possibility of personal meetings with clients and opinion leaders, but also real and active participation in the cultural and social life of Turin.

54

iNEWS

www.inewsswiss.com


www.inewsswiss.com

iNEWS

55


arte

56

iNEWS

www.inewsswiss.com


muestra lo mejor, sólo una parte, la que queremos enseñar y, al mismo tiempo, la que deseamos creer, a la que nos aferramos para sentir que hay esa parte amable y encantadora en nuestra historia. Franco Scalese recuerda las casi leyendas y relatos que su abuela le contaba y, una vez aprehendidos, interiorizados, formando parte de su yo más íntimo, como una segunda piel, emergen en su arte en ese ritual mágico de mezclar elementos y, como genial demiurgo, conseguir piezas elegantes y enigmáticas. Son obras que atraen por su sabor antiguo y esa sensación de “déjà vu” que nos provocan las fotografías antiguas.

S

TOA Gallery será la única galería española que participará en la prestigiosa Feria de Arte KIAF, en Seúl, Corea del Sur. Una feria que atrae cada año a gran número de coleccionistas de toda Asia, y que se celebrará entre los días 21-24 de septiembre. Para el estand de STOA presentamos un proyecto de cuatro artistas con los que la galería trabaja habitualmente: el francés Eric Aman, el suizo Franco Scalese, la francesa Julie Alegre y la española Conchi Álvarez. Eric Aman es un artista formado en Francia e Italia, país en el que ha vivido 17 años. Vive y trabaja en Málaga. Nuestra propuesta se centra en esculturas de bronce, piezas únicas pertenecientes a una serie en la que está trabajando actualmente y que se inspira en la obra “Iconología” de Cesare Ripa, un clásico del siglo XVII sobre la teoría de las imágenes, esencial para adentrarse en el mundo de las alegorías, así como en el porqué de las imágenes en un contexto determinado. Eric toma el texto de Ripa como punto de partida para elaborar una mitología propia, en la que seres antropomorfos representan conceptos, estados de ánimo, virtudes, vicios, pasiones… Para Ripa toda alegoría debe ser enigmática, y no debe ser comprendida fácilmente. Fiel a ese consejo, Eric dota a sus obras de enigmáticas letras y signos. Por lo tanto son esculturas epigráficas en las que aparecen incisos letras y signos de alfabetos antiguos no descifrados, o legibles, como el ibérico o el etrusco, cuya lectura es posible, pero no su traducción. Al igual que Ripa utilizó para su libro numerosas fuentes de información, destacando la mitología clásica, Eric recurre a múltiples canales, producto de su formación, eminentemente clásica. Franco Scalese es un artista suizo de ascendencia italiana. Vive y trabaja en Zúrich (Suiza). Realiza pequeñas esculturas que podríamos llamar “objetos escultóricos”, piezas realizadas en resina, donde la yuxtaposición de elementos se convierte en arte exquisito y elegante. En ellas aborda un tema universal y atemporal, la memoria, y al mismo tiempo personalísimo, el recuerdo, las vivencias más subjetivas, planteándose la ambivalencia perenne entre los recuerdos bellos y amables, y las memorias amargas, oscuras y dolientes. Y las obras pertenecen a uno u otro universo, que es el del propio artista, una personalidad en la que confluyen su origen italiano, mediterráneo, católico, y su formación y vivencia zuriquesa, de fuerte componente germánico, calvinista. En nuestra propuesta, las esculturas describen la mirada al pasado desde la atalaya de una remembranza alegre y nostálgica, son memorias áureas, objetos elegantes en los que fotografías antiguas se sumergen en una viscosidad transparente y dorada para recordarnos lo que decía Jorge Manrique, “…cualquiera tiempo pasado fue mejor”, porque todo momento congelado, premeditado y posado, siempre www.inewsswiss.com

Julie Alegre es una pintora francesa que vive y trabaja desde hace años en Málaga. Presentamos sus más recientes obras, realizadas en tinta sobre papel, una técnica usual en ella, con la que consigue, mediante las aguadas, una luminosa vaporosidad. Su obra esel resultado de una introspección interior profunda que se manifiesta en obras de gran sincretismo, tendentes a la abstracción y de compleja conceptualización. Dominan en sus tintas los colores planos e intensos, resultado de una desintegración de síntesis cubista. Las teselas resultantes, yuxtapuestas en aparente desorden, recuerdan los antiguos mosaicos bajoimperiales y bizantinos. En la obra de Julie hay dos temas recurrentes: el paisaje urbano de las medinas y casbas del norte de África, inspirados en sus recuerdos y sueños infantiles (Julie vivió en Argelia algunos años de su infancia), y el tema de la maternidad. Para esta muestra presentaremos obras recientes, de pequeño formato, que tratan este tema centrándose en la Diosa Madre, desde la Diosa Madre Mediterránea, la Potnia Theron, pasando por algunas interpretaciones personalísimas de ciertas civilizaciones que han rendido culto a la Diosa de la Fertilidad, a la Madre Tierra. Conchi Álvarez. Pintora española que trabaja en la esfera de la figuración en varias series. Para KIAF presentamos obras de dos de ellas: por un lado, acrílicos sobre tabla de su serie “Ensoñaciones urbanas”. Un realismo mágico muy subjetivo, pues sólo representa las ciudades amadas. Nunca es la urbe, sino “su” ciudad, y siempre el casco histórico, lugar donde se concentra la historia urbana, donde se superponen, a modo de capas, esencias y vivencias que estallan en sus pinturas, en una metamorfosis de color que no afecta a las formas, pues se reconocen rincones y calles. Momentos y espacios solitarios, sin gente, pero cargados de humanidad ausente. Su pasión por la arqueología explica su proceso creativo: espacios cargados de un inconmensurable código de formas, luces y colores sólo accesible e interpretable por su descubridora que, estrato a estrato, desentraña, estudia, en un itinerario vital porque la mirada de la artista hacia la ciudad se convierte en un espejo de su propia existencia, o de su propio anhelo, devolviéndole la imagen más amable y bella, la más optimista. Por otro lado, de esta pintora en cuyas obras predominan los temas españoles, presentaremos obras de su serie sobre la mujer andaluza, la mujer flamenca. La atracción que siente por el flamenco la artista, es indudable, y es una de sus más importantes fuentes de inspiración. El comienzo de la serie fue “El Ritual de la Mujer”, un ritual que se ha desarrollado en todas las culturas y que, en el caso de la mujer flamenca, tiene una plasticidad y belleza espectaculares. Conchi elabora retratos de flamencas luciendo sus magníficos vestidos de volantes, cargadas de una elegancia sublime. Pero a la vez, mujeres con una rica vida interior, cargadas de inseguridades, temores, deseos. Reinas de sus propios sueños, orgullosas de sus raíces, aventureras de la vida, prisioneras del amor... La serie ha ido profundizando en el interior femenino y la autora ha ido indagando en cuestiones cada vez más complejas: para qué ese ritual, para quien, por qué… ahora mismo el trabajo está generando obras en las que, unas veces la mente, otras, las más, el corazón de la mujer flamenca, hace su propia catarsis preguntándose acerca de sí misma, acerca del ser amado, dudando, burlándose, desgarrándose… y ya no es más sólo la mujer flamenca, pues pasa a representar, en realidad, al género Mujer. iNEWS

57


arte

LUISA PAVESIO

58

iNEWS

www.inewsswiss.com


APPRODA A GENOVA “SCHEGGE DI MEMORIA”

A

fine settembre, finalmente anche nella sua Genova, il terzo romanzo della giovane giallista Isabella Pileri, “Schegge di memoria” per i tipi dell’Editore,pure genovese ma di livello nazionale, De Ferrari. Un rose noir, nella definizione della presentatrice della serata, l’altrettanto giovane e brillante conduttrice tv Erika Repetto di Antenna Blu, perché nella scritture al giallo tradizionale – il detective e l’intreccio, e pure un delitto non si sa quanto vero od immaginato – si aggiunge una nuovissima nota sentimentale. Una Londra tenebrosa alla Conan Doyle, un anziano psichiatra alla ricerca del proprio passato, una giovane paziente disturbata, e due storie parallele nel passato e nel presente con tanti punti in comune, sono gli ingredienti di questo libro pieno di suspense e di sorprese, riuscito nell’intreccio e dalla scrittura elegante. Ad accogliere il romanzo alla Libreria Coop del Porto Antico, proprio di fronte alla sfera di Renzo Piano, una delle opere più suggestive che l’architetto abbia donato alla sua città, una platea composta dai fans più accaniti della romanziera e dagli aficionados della Libreria. Sono loro i più curiosi e pieni di quesiti. Cosa pensa la scrittrice del sogno, è una domanda, visto che Isabella sostiene di essere visitata in sogno dai personaggi dei romanzi precedenti che si lamentano perché non li fa rivivere. E perché i riti alchemici al tenebroso Castello Tennenwood, è una moda o un sincero interesse? Per tutti Isabella Pileri si ingegna di scovare una risposta. Sul sogno evoca Turner e Fuessli, pittori romantici da lei particolarmente amati. E sui riti alchemici sorprende l’uditorio, sostenendo che a suo parere la famosa “pietra filosofale” è stata sempre mal interpretata, perché l’oro in cui avrebbe dovuto trasformare i metalli vili è da intendersi come una qualità tutta spirituale, coincidente con il livello di purezza che ogni anima dovrebbe cercare di raggiungere. Trascorso il firmacopie, ormai un rito per ogni scrittore che si rispetti, la serata si conclude al Bigo Cafè per un’ apericena comune, in cui ognuno ha la possibilità di estorcere a Isabella le informazioni che magari non aveva avuto il coraggio di chiedere.

www.inewsswiss.com

Prossime tappe, dopo il successo al Premio Bancarella di Pontremoli (presentazione a carico del Presidente del Premio, scrittore anche lui, Giancarlo Perazzini, e della giornalista Monica Garruzzo): Massa, alla Libreria dei Sogni, dove il romanzo ritroverà la creatrice della copertina, la pittrice Maria Rita Vita, e Lucca, al Caffè Letterario. A chiudere l’anno, Acqui, dove la giuria dei lettori del Premio Acqui Storia, presieduta da Claudio Bonante, ha scelto fra tutti i candidati proprio Schegge di Memoria per una lettura il 21 dicembre a Palazzo Robellini, condotta dal critico prof. Prosperi e dalla giovane Annalisa Vittore Ricagno.

iNEWS

59


arte

LUISA PAVESIO

Olivi a San Fruttuoso

60

iNEWS

www.inewsswiss.com


RUBALDO MERELLO AL DUCALE LA PORTA GENOVESE SULL’ARTE EUROPEA

A

circa quarant’anni dalla prima antologica su Rubaldo Merello, nel 1970, curata da Franco Sborgi e Gianfranco Bruno, torna a Genova l’opera del pittore ligure con un’ampia mostra di circa 95 opere, suddivise in 12 sezioni fra dipinti e grafica, più alcune testimonianze scultoree (in primo luogo l’impressionante “Dolore”, riprodotto in due versioni, di grande emozionalità). Nell’anteprima di stampa i due curatori, Matteo Fochessati e Gianni Franzone, tengono a sottolineare come l’intento primo dell’esposizione sia quello di inquadrare l’opera di Rubaldo Merello nel suo tempo, presentando in mostra anche gli Artisti coevi che ebbero con lui relazione o qualche influenza sui suoi lavori. Ecco quindi Nomellini e Discovolo, e poi i grandi nomi di Previati, Segantini e Pellizza, quest’ultimo presente con due opere, “La diana del lavoro”, che per la tematica sociale anticipa l’opera per cui Pellizza restò famoso, “Il quarto Stato”, e l’altra , “Il Fienile”, connotata da un paesaggio ancora naturalistico. Al centro dell’esposizione, tuttavia, si colloca la parabola artistica di Rubaldo Merello - scomparso prematuramente dopo aver perduto il figlio per difterite, e poi la moglie, per il dolore di tale perdita - dal naturalismo al divisionismo e addirittura all’Art Nouveau, con un paesaggio che smarrisce, di pittura in pittura, i tratti naturalistici divenendo progressivamente rappresentazione dell’interiorità. A latere sono anche rintracciabili i rapporti internazionali di Rubaldo Merello, con Monaco di Baviera e con Parigi, dove il pittore partecipò nel 1907 al Salone dei Divisionisti. Alla mostra, arricchita da un’ampia sezione fotografica in bianco e nero, proveniente per lo più dal tedesco Alfredo Noack e solo in piccola parte dall’archivio Alinari, hanno contribuito la Galleria Giannoni di Novara e le due Gallerie di Arte Moderna di Roma e di Genova (con due dipinti della costa ligure vicini per espressione e per tempo), nonché numerosi collezionisti privati. Anche la ricchezza e varietà di questi contributi fanno capire come l’esposizione non sia, come potrebbe parere di primo acchito, un’esaltazione dell’arte del genovesato, ma piuttosto un paradigma dell’evoluzione da un paesaggismo di impianto fortemente regionale verso i più avanzati linguaggi del Novecento.

www.inewsswiss.com

Il Dolore, 1918-1919 bronzo

iNEWS

61


arte

B GALLERIA ORLANDO 62

iNEWS

rescia. Dal 2012 la Galleria Orlando colleziona successi nel mondo dell’arte. La passione per l’arte di Alessandro Orlando, fondatore e presentatore dell’azienda, nasce da una piccola calzoleria nei pressi di Firenze. Grazie ad un primo cliente che pagò il padre con un’opera d’arte, la passione si trasforma in qualcosa di più: egli cresce respirando serate artistiche di notevole valore, giornate ricche di incontri con grandi artisti come Mino Maccari, Giuseppe Migneco, Ernesto Treccani, Remo Brindisi, Mario Schifano per citarne alcuni. Fin dalla giovane età apprende la magia dell’asta di cui molto presto diventa protagonista. In lui matura il grande sogno di una Galleria, di un’asta interamente sua. Ed è così che nel 2012 nasce Orlando Arte che, da piccola azienda nei primi anni, si trasforma in un’efficiente sistema aziendale con presenza capillare in tutta Italia. Più di mille opere d’arte antica, moderna, contemporanea e oggetti d’arredamento provenienti dall’Inghilterra come divani, poltrone e pouff Chesterfield sono presenti negli spazi di Orlando Arte, che potrete ammirare ogni sera dalle 21 all’1 sul canale 130 della televisione italiana. Uno staff cordiale e brillante è lieto di accogliere le richieste, le domande e le esigenze del grande pubblico ogni giorno con orario continuato dalle 9:00 alle 19:00. Vi aspettiamo numerosi.

Lo Staff Orlando Arte www.inewsswiss.com


WWW.INEWSSWISS.COM

COMMUNICATION


communication

AD APRILE 2018 APRIRANNO I PRIMI

27 NEGOZI SPECIALIZZATI GLOBUS Globus evolve nel mercato stazionario e in quello online e si appresta a diventare la più ampia rete di shopping svizzera nel segmento premium. Il raggruppamento dei formati Globus, Schild e Globus Uomo sotto il marchio ombrello Globus, annunciato a maggio 2017, procede secondo i piani. Ad aprile 2018, le prime 27 filiali Schild e Globus Uomo verranno convertite in negozi specializzati Globus.

64

iNEWS

L’

applicazione a tappe della strategia «one brand» del Gruppo Globus procede a pieno ritmo. Come comunicato a metà maggio, Globus rafforza la sua posizione nel segmento premium grazie all’integrazione dei due formati dedicati alla moda Schild e Globus Uomo. Ad aprile 2018, conclusa una prima analisi delle località, 27 delle 68 filiali Schild e Globus Uomo verranno convertite in negozi Globus specializzati in moda femminile e/o maschile e collegate in modo digitale all’assortimento online. «Stiamo lavorando alacremente per offrire alle clienti e ai clienti di Globus, Schild e Globus Uomo un’esperienza d’acquisto unica sotto il marchio ombrello Globus», spiega Thomas Herbert, CEO della Grandi Magazzini Globus SA. www.inewsswiss.com


Il ricollocamento interno dei collaboratori assume massima priorità La ristrutturazione della rete delle filiali prevista per la primavera 2018 interesserà circa 30 posti di lavoro a tempo pieno. Per il personale coinvolto nel processo, il Gruppo Globus è attualmente alla ricerca di soluzioni d’impiego interne finalizzate a evitare quanto più possibile i licenziamenti. Come mostra l’esempio del Sihlcity, infatti, sono previste anche nuove aperture. «Nelle sedi che presentano interessanti potenzialità intendiamo attrarre nuovi clienti e al tempo stesso creare nuovi posti di lavoro», spiega Thomas Herbert. I partner sociali sono stati coinvolti da vicino e con largo anticipo nel processo.

Uno shop online, un’app mobile, una carta cliente

«Con i primi negozi specializzati Globus, a primavera 2018 daremo avvio alla costituzione della più ampia rete di acquisti svizzera nel segmento premium.»

Ristrutturazione della rete dei punti vendita a primavera 2018 Come preannunciato, a partire dalla primavera 2018 il raggruppamento sotto il marchio ombrello Globus darà luogo a diversi cambiamenti nella rete di vendita stazionaria. Oltre alla prevista conversione delle 27 filiali, nelle tre sedi di Lucerna, Winterthur e Basilea due filiali esistenti verranno fuse in un unico negozio specializzato Globus. Le ridotte potenzialità locali renderanno inoltre inevitabile la chiusura, a primavera 2018, delle cinque filiali di Schild Wohlen, Outlet Hinwil nonché Globus Uomo Friburgo, Bienne e Lugano. «Se decidiamo di liberare uno spazio commerciale, non significa che abbiamo scelto di scomparire per sempre», sottolinea il CEO Thomas Herbert. Nuove aperture sono possibilissime, soprattutto là dove si evidenzieranno interessanti potenzialità locali. Nel Sihlcity di Zurigo, ad esempio, è prevista una nuova apertura a primavera, e ulteriori nuove sedi sono già state prese in considerazione a media scadenza.

Nella centrale Globus di Spreitenbach sono in corso i lavori per la creazione del futuro assortimento premium destinato alle sedi stazionarie e alla nuova offerta online, nonché della relativa organizzazione di vendita e marketing. Grazie alla strategia «one brand», i clienti approfitteranno di considerevoli semplificazioni. In futuro essi troveranno l’intera offerta Globus in un unico shop online centralizzato nonché tramite un’app mobile, e potranno avvantaggiarsi di un’unica carta cliente.

Strategia «one brand» e trasformazione digitale per un rafforzato posizionamento sul mercato La Grandi Magazzini Globus SA, una società affiliata alla Federazione delle cooperative Migros, impiega in Svizzera circa 3400 collaboratrici e collaboratori ed è presente con negozi e punti vendita moda in 83 località (Globus: 15, Schild: 45, Globus Uomo: 23). Nel 2016 il Gruppo Globus ha realizzato un fatturato di 879 milioni di franchi. Considerata la massiccia flessione del mercato tessile in tutta la Svizzera, soprattutto nel segmento di prezzo medio, a metà maggio 2017 il Gruppo Migros ha deciso di riorganizzare la strategia della Grandi Magazzini Globus SA orientandola al crescente segmento premium sotto il marchio ombrello Globus, nonché di accelerare in modo coerente la trasformazione digitale.

I restanti punti vendita Schild e Globus Uomo, la cui situazione necessita di un’analisi più approfondita, continueranno a rimanere attivi fino a inizio 2019. A conclusione di tale valutazione, verrà reso noto quali tra le sedi saranno interessate da una seconda fase di conversione in negozi specializzati Globus. www.inewsswiss.com

iNEWS

65


communication

FÜHRUNGSWECHSEL BEI SSANGYONG SCHWEIZ

N

eue Struktur im Top-Management von SsangYong Schweiz: Nicole Sahlmann übernimmt Position als General Manager von SsangYong Schweiz Dienstag, 3. Oktober 2017 — Dietlikon. Mit Wirkung zum 02. Oktober 2017 übernimmt Nicole Sahlmann als neuer General Manager die operative Geschäftsführung der SsangYong Schweiz AG. Sie folgt auf Robert Stoepman, der das Unternehmen verlässt. Nicole Sahlmann (46) kennt die Automobilbranche seit mehr als 11 Jahren aus verschiedensten Funktionen im Marketing, Sales, Leasing und Fleet Management. Sie hat umfassende Kenntnisse der Schweizer Automobilindustrie und verfügt über langjährige Führungs- und Managementerfahrung. Herman Claes (Managing Director of SsangYong Motors Middle Europe): »Nicole Sahlmann verfügt über das ideale Profil, um die Position der Marke SsangYong in der Schweiz tatkräftig mit ihrem Team auszubauen.»

66

iNEWS

60 JAHRE ALLRAD-ERFOLGSGESCHICHTE Die Geschichte von SsangYong ist seit über 60 Jahren vor allem mit einem verknüpft: mit außergewöhnlichen Allradfahrzeugen. Diese Offroad-Tradition und das damit verbundene langjährige Know-how finden sich heute in jedem SsangYong wieder.

Alle Modelle stehen für ansprechendes Design, moderne Technik und höchste Qualität. Dabei überzeugt jeder SsangYong durch seine umfangreiche Ausstattung zum vernünftigen Preis.

www.ssangyong.ch www.inewsswiss.com


WWW.INEWSSWISS.COM

PERSONALITY

PIERO MELISSANO


personality

PM MANAGEMENT GROUP PRODUCTION/FILM PRODUCTION SRLs

PIERO MELISSANO

68

iNEWS

www.inewsswiss.com


L

a PM Management Group Production/Film Production è un articolato sistema d’impresa, che opera trasversalmente in vari settori e con società satellite. Il suo fondatore, Piero Melissano, nasce come esperto di giardinaggio e giardini storici. La sua esperienza lavorativa fa si che, i giardini che lui progetta siano dei veri giardini scenografici e ciò grazie all’amicizia col pittore e scenografo IVANO MAZZUCCHI che dal 2010 lo accompagna nel suo lavoro all’estero e in Italia, insegnandogli l’arte della scenografia artistica, orientata nel giardino classico, mediterraneo e asiatico. Nel 2012 apre una filiale a Ruffano in provincia di Lecce, riuscendo in poco tempo a far conoscere la sua attività con il suo modo di trasformare un pezzo di terra in un vero e proprio giardino Scenografico. Il 2016 lo vede autore di due opere letterarie, Il Senso Del Giardino e Il Respiro Della Tua Luce, libri sulla psicologia ambientale e sulla poesia, che lui stesso ritiene, opere importanti per il suo percorso. Grazie all’amicizia con numerosi Artist Manager italiani e anche esteri, Melissano entra nel settore televisivo, come Scenografo Ambientale per la produzione di numerosi Reality Televisivi. Istrionico e capace, ragazzo dai mille interessi, Melissano inizia a interessarsi ed entrare sempre più nel mondo dello spettacolo, affiancando nel suo percorso artisti, attori, autori, collaborando di persona a numerosi progetti per giornali e tv nazionali. Poi la decisione di aprire una sua agenzia, per valorizzare maggiormente la propria vocazione, volta ad un obiettivo ambizioso: sviluppare al massimo le potenzialità che ciascun professionista è in grado di esprimere, portando ai massimi livelli il suo percorso artistico. La PM Management Group Production/Film Production SRLs, ha il suo core businnes nelle produzioni televisive e cinematografiche: quello che contraddistingue la società è la capacità di mantenere elevati gli standart produttivi come qualità ed efficienza, grazie ad un Team consolidato in grado di coinvolgere professionisti come registi, attori, sceneggiatori, ecc... Ma è anche una società specializzata nella gestione artistica, e nel management di nuovi talenti e artisti noti nell’ambito del cinema, della televisione, del teatro, della musica e della pubblicità, e rappresenta ad oggi più di un centinaio di artisti.

www.inewsswiss.com

iNEWS

69


personality

L’Agenzia si occupa anche di procacciare contratti televisivi, cinematografici, commerciali, sponsor e testimonial nazionali ed esteri per i suoi assistiti. La PM Management Group Production/Film Production SRLs, procura e cura per i suoi assistiti partecipazioni televisive in tutte le più’ importanti reti italiane (Rai, Mediaset, La7, ecc.). Inoltre procura e cura l’inserimento dei suoi assistiti in film cinema, serie televisive, fiction, cortometraggi, spettacoli teatrali, musical, ecc. Piero Melissano è anche produttore e autore di numerose trasmissioni televisive. Infatti grazie alla collaborazione con una emittente televisiva, TELE JATO, realizza un programma televisivo “L’officina dell’arte e della cultura” un programma televisivo che ha come obiettivo, quello di portare alla ribalta artisti noti e talenti emergenti nel territorio. Al suo attivo la fiction televisiva “Storia di un Boss”, il cortometraggio “Il coraggio di rinascere”, e numerosi altri mediometraggi sulla realtà contemporanea e passata della Sicilia, come “Pane, Pizzo…e Libertà” che racconta un problema attuale ancora dei nostri giorni, quello del Pizzo, con un messaggio forte e decisivo, cambiare si può, basta volerlo. Per Melissano questo è un periodo importantissimo della sua carriera, infatti si dedica allo studio, riuscendo a colmare ancora una volta un suo sogno, diventare giornalista. È il 2017 l’anno decisivo in cui diventa Giornalista della FREE LANCE INTERNATIONAL PRESS.

70

iNEWS

Melissano non si ferma qui, ben presto, grazie all’idea di un suo caro amico editore, entra a far parte di una rinomata rivista di informazione internazionale, I NEWS / MEDI PRESSE SWISS AG con un inarico di Direttore Responsabile Eventi della Redazione Sicilia, Lazio e Emilia Romagna e Direttore per le Pubbliche Relazioni per la Sicilia, Lazio e Emilia Romagna che affiancata alla PM Management Group Production/Film Production SRLs e alla Scenografia Ambientale crea un sistema aziendale all’avanguardia, deciso a puntare ancora più in alto. Nel 2018 si avvererà il grande sogno di Piero Melissano, la realizzazione del film “Il Coraggio di Morire” prodotto dalla Magic Effect Production SRL, con cui Melissano collabora da anni, quest’ultimo è organizzatore generale e produttore esecutivo. In itinere, un altro progetto, stavolta rivolto al mondo della scuola, sotto la lente d’ ingrandimento un tema emergente e attuale: Il Bullismo, un fenomeno che attanaglia sempre più i giovani, occorre sensibilizzare l’opinione pubblica e coinvolgere i più piccoli che rappresentano il nostro futuro. In cantiere inoltre altri progetti rivolti al sociale; è importante accendere i riflettori su problematiche che riguardano la società attuale al fine di incentivare, motivare e lanciare messaggi di speranza in questo mondo privo ormai di valori. Quest’ultime opere cinematografiche sono: “Il richiamo del mare” e “Stalking” che portano alla luce fenomeni attuali a cui è importante dare risalto e rilievo.

www.inewsswiss.com


PM Management Group Production / Film Production SRLs di Piero Melissano

SEP CAGLIO GIU

PE

PRESENTA

PARTNER UFFICIALE MANAGEMENT

LA LOCATION APPREZZATA DAI VIP PER LA SUA QUALITÀ E PROFESSIONALITÀ DI GAGLIO GIUSEPPE - LOCALITÀ CAPACI (PALERMO)

www.inewsswiss.com

iNEWS

71


COMPO ODUCTION/FILM PR GROUP

A GE O N A N M MAN G P U A L R L B E MARINANENTE DEL TEAM D PRODUCTION SRLS

MENT

personality

Scrittric e, Giorn alista, , Conduttric e nti. ic e di eve Org anizz a tr

Determ in un a vo a ta, c onside per po c e libera, s ra ta rta i ba e prob re all a ribalta tte lemi ch illeg alit e a t t a n a gl i a à il tess del no uto soci ale no stro t errito rio.

ATTR

ICE

RO SAR I

A M AN

ISCAL

CO

l’arte in a ta c on te m r e t e d i ba t Do nn a ne, che s ema. io z a it c e r dell a : il Cin obiettivo io r p o r p per il

72

iNEWS

www.inewsswiss.com


ATTO

LO SEALVLOIO E L IE N A D RE / MOD

PIERO ZARCONE

ATTORE / CANTANTE / IMITATORE

Un di be pro fessi onist ll a pr e a Capir senz a e nel s uo e il v me a l t è il s ero sign e qu alità stiere, è il s uo compit i f icato d artistich e e u o ob o iettiv , interpre ll a vita . o t a e r la su a mis d esprim lo erlo sione .

caric o U n u om o umanità. di valori e

Un attore poliedric o dalle mille sfaccettat ure in gr ado di st upirvi, capace di interpre tare qu alunque ruolo; umano, carico di valori e sensibile ai prob lemi che attana gliano la nostra società.

F EB O

ATTORE

MATT EO MARIA DI GIA

RE

COMO

ALESS ANDRO

ATTO

tondo, Un’artista a tutto o no to profession ale, volt ma nel mondo del cine sc oprire. con mille qu alità da

www.inewsswiss.com

iNEWS

73


personality

ATTORE

DIEGO CAMMILLERI

N AN D O M ORRA

ATTOR E/ SCENE REGISTA / A GGIAT UTORE ORE

Un talento con lo sguardo e l’interesse rivolto verso la produzione indipendente. Il suo motto è “ non mollare mai”, la sua migliore alleata è la fortuna.

isivo ndo telev o m l e n o sia ic o; Volto no t ndo cinema togra f o sia nel m umorismo riesc e c on il s uo re la stima a ca tt ura ta tori. et dei telesp

U n u om o caric o d e pieno d i valori umani i esper pro fessio ienz a n ale.

CHICCO

CO CI

ATTO R CAB E / PRES ARET E TISTA NTATOR E / IMI TATO /DOPPIA RE / T ANIM ORE ATO RE

74

iNEWS

www.inewsswiss.com


WWW.INEWSSWISS.COM

M

U

S

NICK LUCIANI

I

C


music

IL TOUR NEGLI STADI CON 6 IMPERDIBILI DATE E IL NUOVO ALBUM IN USCITA IL 17 NOVEMBRE

S

arà un’estate all’insegna del live per i negramaro con 6 imperdibili concerti nei più grandi stadi italiani. La band infiammerà con il loro suono potente e inconfondibile i palchi degli stadi di Lignano Sabbiadoro (UD), Milano, Roma, Pescara, Messina e Lecce.

I biglietti per il tour saranno disponibili per il fan club ufficiale su www.community.negramaro.com e per gli iscritti a MyLiveNation su www.livenation.it già dalle ore 10.00 di sabato 21 ottobre per 48 ore. La vendita generale partirà invece dalle ore 11.00 di lunedì 23 ottobre su www.ticketone.it e in tutti i punti vendita autorizzati.

“Amore che torni” è il titolo del nuovo attesissimo album di inediti, in uscita il 17 novembre per Sugar. Un ritorno attesissimo alimentato dal grande successo del primo singolo “Fino all’imbrunire” (https://SugarMusic.lnk.to/FinoAllImbrunire) che ha debuttato direttamente al numero 1 su iTunes, al numero 1 nella Viral 50 Italia di Spotify e al primo posto nella classifica tendenze su YouTube (https://youtu.be/Djk4Obv0C7o).

“Amore che Torni Tour Stadi 2018” segue il grande successo del precedente “La Rivoluzione Sta Arrivando Tour” che ha visto i Negramaro esibirsi e infiammare i principali palchi italiani nel 2015 e nel 2016 con oltre 300.000 presenze, macinando un sold out dietro l’altro (ancora vivo il ricordo dello straordinario show al Circo Massimo di Roma il 31 gennaio 2015). Il gruppo vanta due primati: quello di essere stata la prima band italiana a calcare da protagonista il palco dell’Arena di Verona nel 2007 e quello dello Stadio San Siro di Milano nel 2008. Ogni spettacolo live (così come ogni loro progetto discografico) è frutto della condivisione di ogni singolo dettaglio fra i componenti del gruppo, seguendo sempre una linea creativa che congiunge testi, melodie e “concept” musicali e scenici.

“Amore che Torni Tour Stadi 2018”, prodotto da Live Nation Italia, prenderà il via il 24 giugno 2018 a Lignano Sabbiadoro presso lo Stadio G. Teghil, per poi arrivare il 27 giugno a Milano allo Stadio San Siro, il 30 a Roma allo Stadio Olimpico, il 5 luglio a Pescara presso lo Stadio Adriatico, l’8 a Messina allo Stadio San Filippo ed infine concludersi il 13 luglio a Lecce allo Stadio Via Del Mare. 76

iNEWS

www.inewsswiss.com


Per maggiori informazioni: www.negramaro.com www.livenation.it Infoline 02 53006501 info@livenation.it

www.inewsswiss.com

iNEWS

77


music

PIERO MELIISANO

LA PM MANAGEMENT GROUP PRODUCTION/ FILM PRODUCTION SRLS DI PIERO MELISSANO VUOLE DIVULGARE, A LIVELLO INFORMATIVO IL CANTAUTORE NIK LUCIANI E LA SUA VOCE

L

a voce di Nick Luciani, nel tempo ha conquistato un pubblico sempre più vasto. La vibrazione della sua voce aumenta il battito del cuore di chi ascolta. Il suo stile è semplice, diretto ed emotivo. La sua voce è in grado di cogliere sfumature e colori singolari. Pronto ad esibirsi nelle piazze, coinvolgendo i suoi fans, con delle storie in musica da raccontare. Il celebre cantautore ci riporta alla mente il brano “anima mia” una delle interpretazione ancora oggi, più ascoltata, del panorama musicale ed artistico. Nick, che tutti ricordano per i lunghi capelli biondi e ricci e per il suo accattivante sorriso, esprime se stesso e le sue idee, in musica. Da piccolo sognava di poter girare il mondo col suo trenino, uno dei suoi giocattoli preferiti. Un’infanzia e una adolescenza da favola, trascorsa nei meravigliosi Castelli Romani. Un uomo semplice, umile e solare, col ricordo del padre nella mente. Un padre dal quale ha appreso la coscienza sonora e musicale, la consapevolezza del valore e della centralità del canto. I valori e gli affetti familiari rappresentano per Nick, le radici della vita da cui attingere la forza interiore, per andare incontro al suo mondo artistico. Dal passato al presente, dal presente al futuro. Nick con impegno e dedizione, traccia e percorre, a piccoli passi, la sua strada, con la musica nel cuore. Autore, arrangiatore e strumentista, 78

iNEWS

il biondissimo Nick ha intrapreso la strada solista con energia ed entusiasmo. Non è una voce nuova è una voce autentica che sprigiona emozioni e piacevoli ricordi. Le canzoni sono belle, molte appartengono alla categoria malinconica, ma tutte sono animate da eccellenti melodie e testi significativi e profondi. La redazione giornalistica PM Management Group Production/Film Production SRLs Piero Melissano / Francesca Currieri / Marina Brugnano

UFFICIO STAMPA PM Management Group Production/ Film Production SRLs

www.inewsswiss.com


Umberto

TOZZI Quarant’anni che «Ti Amo»

Martedì

6.2.18 ore 20:00 Kaufleuten Zürich

www.allblues.ch www.kaufleuten.ch www.ticketcorner.ch

ludovico einaudi [elements]

Domenica

6.5.18 ore 19:00

Hallenstadion

Zürich

www.allblues.ch www.ticketcorner.ch

Profile for iNEWS - Swiss Multikulti Lifestyle Magazine

INEWS - ITALIANNEWS  

SWISS MULTIKULTI LIFESTYLE MAGAZINE

INEWS - ITALIANNEWS  

SWISS MULTIKULTI LIFESTYLE MAGAZINE

Advertisement