Issuu on Google+

Martedì 20 Gennaio 2009 Euro 1,00 Anno XII - Numero 19

Calabria

Il Cartellone - Appuntamenti in Calabria (da pag. 31 a pag. 40) CATANZARO Si conclude oggi con la figlia di Totò la rassegna all’Auditorium “A. Casalinuovo”

CATANZARO Un’opera di Brecht, stupenda, andrà in scena il 27 e il 28

C’è Liliana De Curtis a “Parole Chiave” Madre coraggio al Politeama CATANZARO — Torna oggi alle 18, nella raffinata cornice dell’Auditorium “A. Casalinuovo” di Catanzaro, la rassegna “Parole Chiave”. Ultima protagonista di un incontro che si annuncia sin d’ora emozionante, Liliana De Curtis, l’unica figlia dell’attore italiano più amato di sempre, Totò.

A PAGINA 31

CATANZARO

La parola e l’immagine

CATANZARO — Madre Coraggio è la prima commedia del grande teatro classico inserita nel cartellone del Politeama per il 2008-2009. E’ un’opera di Brecht, stupenda, e andrà in scena il 27 e il 28 di questo mese a Catanzaro.

A PAGINA 31

CASTROVILLARI

La giornata della Shoah A PAGINA 32

A PAGINA 32

Galati (Nuovo Psi) e Aiello (Forza Italia) hanno proposto una “crociata” contro la Giunta regionale di centrosinistra. Ma non hanno già governato?

Alla Calabria non servono giri di valzer L’operato di Loiero verrà giudicato fra un anno e mezzo. Il Pdl affronti il tema del cambiamento reale Alla fine della scorsa settimana i consiglieri regionali Francesco Galati (Nuovo Psi) e Piero Aiello (Forza Italia) hanno diffuso una nota stampa che avrebbe meritato - se la politica calabrese non avesse perso la voglia di discutere e approfondire - ragionamenti attenti. Galati e Aiello hanno proposto una «crociata per liberare la Calabria da una Giunta regionale che è senza programmi, senza idee e che fa un cattivo uso delle risorse pubbliche». Si riferiscono, ovviamente, alla giunta di centrosinistra guidata da Agazio Loiero, sorretta, a loro avviso, «da una maggioranza ormai sfarinata». Una prima domanda sorge spontanea: ma Francesco Galati e Piero Aiello non sono

due degli esponenti della maggioranza di centrodestra che ha governato la Calabria dal 2000 al 2005 e che è stata sonoramente bocciata dagli elettori, tanto che Loiero ottenne una sorta di investitura plebiscitaria? Galati venne eletto nel cosiddetto listino, e cioè il premio di maggioranza attribuito alla coalizione vincente: un doppio valore politico. Aiello fu anche assessore con importanti deleghe. Lungi da noi voler aprire polemiche inutili o volersi abbandonare ad argomentazioni populistiche e facilmente demagogiche. Sarebbe facile, in una circostanza come questa, con una Calabria assillata da mille emergenze e una crisi economica spaventosa, sventolare la bandiera

del rinnovamento ad ogni costo, proprio a partire da un centrodestra che ha già avuto negli ultimi lustri più di un’occasione duratura per tentare di promuovere il tanto atteso sviluppo. Non lo facciamo, per senso di responsabilità e perché ci sembra più utile l’arma del ragionamento pacato ed equilibrato. Veniamo al dunque, quindi. Al presidente della Regione, Agazio Loiero, abbiamo chiesto, di recente, un impegno straordinario per quest’ultimo scorcio di legislatura. Siamo convinti che in questi primi tre anni e mezzo si sarebbe potuto fare molto di più. Ma ora la cosa più importante non è quella di trarre bilanci definitivi, ma piuttosto di stimolare una forte azione

Parodossi, certezze e squadre da primato di Maurizio Bonanno

SOVERATO — Il Piano Spiaggia come il Piano regolatore? A Soverato si corre il rischio di procedere ancora a vista sul terreno delle politiche urbanistiche. E’ già capitato con il Prg, bocciato sonoramente della Cur.

A PAGINA 29

CONTINUA A PAGINA 45

Apicella sospeso. Trasferito Jannelli

A PAGINA 16

IL PUNTO SULLE CALABRESI

uno sport, il calcio, che si ciba anche di paradossi. E tra le squadre professionistiche calabresi in questo momento di paradossi non ne mancano, eccome… L’esempio più evidente lo si coglie mettendo a confronto Reggina e Crotone. Gli amaranto possono vantare una società ben strutturata (forse con il difetto di aver peccato di presunzione in estate, quando ha fatto certe scelte con determinate conferme e determinati arrivi e relative partenze), in grado di agire assumendosi la responsabilità di scelte forti (il cambio dell’allenatore, il richiamo di un certo direttore sportivo); eppure, la squadra sembra non rispondere: arranca come se non si sentisse sufficientemente protetta e mostrandosi psicologicamente debole, aspetto questo pericolosissimo, perché non c’è schema che tenga se la testa dei giocatori non regge allo stress. I pitagorici, invece, vivono una realtà societaria che definire difficile è un pietoso eufemismo. A causa di vicende che nulla hanno a che fare il calcio, la società è priva di punti di riferimento e soprattutto di quel sostegno, che è dirigenziale e di conseguenza economico, necessario per affrontare un campionato particolarmente impegnativo come quello di Prima divisione. Eppure, la squadra risponde alla grande: vince, sorprende, gioca un buon calcio, sta nei quartieri alti della classifica. E tutto questo, compreso un rapporto conflittuale con la propria tifoseria. Dunque, ambiente che potrebbe deprimere chiunque ed invece campionato entusiasmante. Prenda esempio dal Crotone, la Reggina. E lo faccia anche la Vibonese.

CASO DE MAGISTRIS Le decisioni della sezione disciplinare del Csm dopo 5 ore di camera di consiglio

ROMA — La sezione disciplinare del Csm ha sospeso dalle funzioni il procuratore di Salerno Luigi Apicella e ha trasferito d’ufficio il pg di Catanzaro Enzo Jannelli (nella foto), il suo sostituto Alfredo Garbati e i due pm di Salerno Gabriella Nuzzi e Dionigio Verasani. Il tribunale delle toghe non ha invece trasferito il sostituto pg di Catanzaro Domenico De Lorenzo e il suo collega Salvatore Curcio.

di recupero e una netta inversione di tendenza in settori strategici quali, ad esempio, il turismo. Si può fare ancora tanto in un anno e mezzo ed è giusto che venga esperito ogni tentativo possibile. Lo pretende una Calabria che rischia di rimanere definitivamente soffocata dallo tsunami della crisi economica che sta piegando anche le regioni più ricche. Ma qualora il governo di centrosinistra dovesse fallire, di tutto avrebbe bisogno la Calabria tranne che dell’ennesimo “giro di valzer”, e cioè di un semplice scambio di ruoli tra maggioranza e opposizione che non fosse preceduto da un’analisi seria, articolata, non rituale e non ipocrita circa lo stato della politica nostrana, tra rappresentatività reale delle esigenze del territorio e capacità di produrre risposte concrete ed efficaci. Qualora, tra diciotto mesi, il giudizio dei Calabresi sulla Giunta Loiero dovesse risultare negativo (ma la partita è ancora aperta), anche il Pdl sarebbe chiamato a porre al centro della propria azione la questione del cambiamento, del rinnovamento reale, dell’inversione di rotta sostanziale. Non siamo iscritti al partito del nuovismo fine a se stesso, né riteniamo che rinnovamento e cambiamento debbano necessariamente riguardare anche il dato anagrafico dei politici. Diciamo solo che, qualora neanche la Giunta Loiero ce la facesse a presentare un bilancio positivo, tutta la politica calabrese dovrebbe avviare una fase molto responsabile e trasparente di riflessione critica.

CASO DE MAGISTRIS

Why Not al centro dello scontro A PAGINA 16

SOVERATO

Sul nuovo Piano Spiaggia la maggioranza rischia

E’


2 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Un mondo di immagini Accusato di lesa maestà 3 anni di carcere a scrittore

A Milano l’uomo nuovo è rock and roll

In Thailandia, dove il Re è venerato come un semidio, è considerato un reato molto grave.

Passerella di moda a Milano Collezioni Somalia

I soldati islamici di guardia al bus Giubbotti in pelle con ricami sulla schiena, camice con le punte, pantaloni in nappa a vita bassa e stivaletti neri. L’uomo secondo John Richmond

Gli islamici somali hanno giustiziato un politico con l’accusa di spionaggio

Quest’anno il Salone si svolge al Palaexpo dal 19 al 23 gennaio

L’orologio al polso? Solo d’alta gamma quello in mostra a Ginevra

L’australiano Harry Nicolaides ha scritto che la corona thailandese si è macchiata di abuso di potere. Il romanzo sotto accusa, dal titolo “Verosimilitude”, è stato pubblicato solo in qualche decina di copie, la maggior parte delle quali rimaste invendute.

Tokyo riapre ai turisti il mercato del pesce

I visitatori ‘cacciati’ per un mese dall’area delle aste mattutine in seguito alle continue proteste dei gestori

Tokyo aveva vietato ai turisti stranieri l’accesso alla famosa asta dei tonni, in seguito a episodi di maleducazione, tra fotografi improvvisati a caccia dello scatto proibito

Distrutte quattro scuole per mano dei talebani

Il Salone Internazionale dell’Alta Orologeria al Palaexpo di Ginevra. Si svolge ogni anno dal 1991 ed è riservato solamente agli addetti ai lavori e ai creatori

Crisi dell’auto in Inghilterra

Quindici giorni di stop in casa Jaguar - Land Rover

Anche l’Indonesia festeggia il Capodanno cinese

Un lavoratore cammina tra le Jaguar nel piazzale della fabbrica di Birmingham

Ultimi preparativi per le candele del Capodanno Cinese in Indonesia

L’etnia cinese festeggia il 26 gennaio

Rasi al suolo 4 istituti nella valle dello Swat, dopo che il governo aveva annunciato la loro prossima riapertura

Nonostante i rapporti con il Nord comunista si siano distesi, grande attenzione è riservata ai reparti militari

Gli edifici erano chiusi per la pausa invernale e nessun civile è rimasto ferito. I Taleban, secondo i residenti, hanno ormai il controllo della valle dello Swat, situata a nord-ovest di Islamabad e si oppongono con prepotenza all’educazione femminile nel paese

Membri del reparto d’assalto dell’esercito dello Stato asiatico mentre sono impegnati a guadare un fiume nel corso di un addestramento nei pressi di Seoul

Le truppe della Sud Corea vanno alle grandi manovre, ma per esercitazione


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 3

SPECIALE Ospiti di “Inchiostro elettronico”: Giuseppe Fata, Paolo Manciameli, Eugenio Conforto, Giacomo Carbone, Giovanni Scorcia

Una puntata dedicata ai saperi Al centro del dibattito: economia, moda, salute, teatro, sport, politica, musica, teatro presenta i più alti valori culturali della moda italiana che si propone di tutelare, coordinare e potenziare, sia in Italia che all'estero. La Calabria è la prima regione italiana a dotarsi di tale organismo che diventa un importante riferimento culturale ed operativo nei diversi settori: moda, cinema, teatro. La crisi economica in atto si ripercuote sul settore moda strategico per la nostra economia. La moda nel mondo è il “made in Italy”. La Camera si sta impegnando in modo concreto per affrontare e fronteggiare tale problema; stiamo cercando di fare in modo che le piccole aziende sartoriali rimangano a produrre in Italia, vistia la minaccia rappresentata dai bassi costi di manodopera di altri paesi. Inoltre diamo la possibilità ai giovani stilisti che hanno conseguito il diploma di una accademia o di una scuola professionale di entrare nel mondo del lavoro attraverso i laboratori delle aziende di sartoria sia al nord

CATANZARO — E' stata trasmessa

ieri dagli studi di Telespazio la puntata numero 30 di “Inchiostro elettronico”. Il conduttore, Massimo Tigani Sava, partendo dalla rassegna stampa, ha introdotto temi di attualità molto interessanti di economia, salute, politica, cultura, musica, moda. Allo sport è stato dedicato un siparietto durante il quale si è discusso di calcio. Ha supportato il direttore de “Il Domani”, nonché portavoce dell'Associazione di giornalisti “Jonici” Tigani Sava, il collega Vittorio Ranieri, il quale a proposito della performance delle calabresi nell'ultima giornata di campionato ha commentato: «Partendo dalla seconda divisione, Catanzaro e Cosenza, di questi tempi, non saranno belle a vedersi ma sono tremendamente vincenti. Il 2008 per loro è iniziato nel migliore dei modi. Ottimo avvio di anno anche per la Vigor Lamezia che contro ogni pronostico, è andata a violare il campo del Pescina.

Nella foto da sinistra: Fata, Manciameli, Tigani Sava, Conforto, Carbone

Un momento della diretta: Paletta, Scorcia, Fata, Manciameli

Come dire nella città della piana “poveri”, ma belli e vincenti proprio come capita a Crotone. Che bella realtà quella di Francesco Moriero: una squadra che nonostante i noti problemi societari continua a inanellare successi. Male, molto male, invece la Reggina, condannata a Siena dai suoi limiti tecnici e di concentrazione». Tra gli ospiti presenti in studio il professore Giovanni Scorcia, direttore della clinica oculistica dell'Università

Vittorio Ranieri

Magna Graecia di Catanzaro, il quale ha illustrato le principali patologie di cui soffrono circa 23 milioni di italiani: «In molti in Italia hanno difetti visivi; tra questi i più comuni sono la miopia e l'astigmatismo. In forte crescita le patologie imputabili all'invecchiamento, visto l'allungamento dell'età media, come: la cataratta, ossia l'invecchiamento del cristallino; la degenerazione maculare senile, ossia la malattia della porzione centrale della retina; il glaucoma e le varie malattie degenerative. In crescita anche la retinopatia diabetica; si stima infatti che nel 2030 la popolazione diabetica dovrebbe quasi raddoppiare nei paesi industrializzati. Sin da piccoli occorre monitorare i regimi alimentari, ma soprattutto evitare i fattori di rischio come il fumo o lo stress. Nulla si può fare contro i fattori ereditari: su questi potrà intervenire solo la ricerca genetica. Consiglio di fare una visita oculistica a tutti i bambini e gli adulti che abbiano compiuto i 40 anni, età in cui si iniziano a manifestare i primi segni di invecchiamento». Infine un argomento di estrema attualità, che non poteva non essere citato, sono le patologie della cornea e la loro indicazione chirurgica. A tal proposito il dottore Scorcia ha precisato: «Già da tre anni presso la clinica oculistica di Germaneto trapiantiamo la cornea o lembi di cornea su pazienti che presentano patologie risolvibili chirurgicamente. Ogni caso va studiato con molta attenzione; si deve attuare una ispezione clinica per valutare l'effettuabilità di questa procedura. Questo tipo di intervento può restituire una potenzialità funzionale di riparazione per migliorare o risolvere il pro-

blema corneale». Hanno ampliamente discusso di teatro i due appassionati di questa forma artistica: il dottor Eugenio Conforto, medico oculista e membro del consiglio di amministrazione del Politeama, e l'avvocato Giacomo Carbone, membro del comitato scientifico del teatro Politeama. Quest'ultimo ha commentato: «A fronte di un enorme aumento dell'offerta di spettacoli in città, anche per effetto dell'apertura del Politeama, non si è verificato uno sviluppo ed una crescita culturale di riflesso. Sono appassionato di teatro, anche se nella vita faccio l'avvocato. Abbiamo assistito a stagioni teatrali prestigiose; penso che il Politeama debba essere supportato dalla poli-

Per diventare i protagonisti di “Inchiostro elettronico” occorre rivolgersi alla redazione contattando il numero: 3484929505

Rosalba Paletta, il regista Franco Selvaggio e Rita Macrì

tica a diffondere la cultura e l'arte tra i giovani della nostra città. È difficile fare teatro oggi; le nuove generazioni non lo seguono perché sono interessate maggiormente ad altre forme artistiche come la danza o la musica. Occorre instaurare un legame con le scuole e le università. In riferimento al reality show trasmesso da Mediaset, “Grande Fratello”: «Ritengo che la gente vada educata; in tv deve esserci un freno; spiare la vita della gente o stare a tutti i costi sotto i riflettori non può essere più importante di andare a lavorare. Bisogna educare i giovani ed insegnare loro quali sono i valori veri della vita». Sempre di giovani ha parlato il dottor Conforto: «E' iniziata domenica scorsa “Primi passi a teatro: educazione alla visione”, una rassegna di quattro appuntamenti che ha come protagonisti i ragazzi di età compresa tra i 5 ed i 12 anni, che vorremmo siano accompagnati di domenica a teatro dalle famiglie. Una domenica al mese per socializzare ed immergersi nella cultura. Questi gli orari: 10.30 e 17.30. Un'iniziativa promossa dalla Fondazione Politeama, dall'Assessorato comunale alla pubblica istruzione e dalla Media Service. Gli spettacoli sono in scena ad opera della compagnia teatrale romana “Il cilindro”». Il presidente della camera regionale della moda Calabria, Giuseppe Fata, ha posto l'accento su questo organismo: «La Camera regionale della moda Calabria rap-

sia in Calabria». Tra i presenti anche Paolo Manciameli, didatta e concertista di chitarra, oltre che direttore dell'Accademia musicale “Mauro Giuliani” di Laureana di Borrello, in provincia di Reggio Calabria. «Questa Accademia prende vita verso la metà dell'800, grazie all'impegno ed alla passione dei suoi fondatori, le famiglie Manciameli, Guarino e Carucci ed ha come obiettivi: la valorizzazione e la formazione musicale di giovani talenti; fornire e conseguire un'adeguata preparazione artistica; dare ad ogni allievo la possibilità di intraprendere percorsi discografici, orchestrali inerenti al professionismo; promuovere la cultura musicale in tutto il territorio nazionale ed internazionale; realizzare nuovi progetti al passo con i tempi e a misura di ogni allievo, venendo incontro alle esigenze di questi ultimi». Per diventare i protagonisti di “Inchiostro elettronico”, un nuovo format in onda in diretta su Telespazio Tv dal lunedì al venerdì, in replica sullo stesso canale all'una di notte e sulla seconda rete, Telespazio Tv studio 3, a partire dalle 20.30, occorre scrivere all'indirizzo di posta elettronica: inchiostroelettronico@telespaziotv. com o contattare il numero 3484929505. Preziosa la collaborazione per la buona riuscita del programma dello staff tecnico e della redazione. Rita Macrì


4 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Primo piano

Vaciago: è ora di rimboccarsi le maniche Il tasso di disoccupazione in Area Euro

9,0 7,7

2005

in Italia

8,3 6,8

2006

9,3 7,5 6,1

2007

Dati in %

7,5

10,2 8,7

8,2

6,7

2008

2009

2010

ANSA-CENTIMETRI

“Fare squadra e rilanciare il Paese ” ROMA - Il peggioramento dell’economia italiana è in linea con quello degli altri paesi europei. Per combattere la recessione l’Europa deve riuscire a fare squadra e individuare soluzioni comuni. E in questo contesto, l’Italia nel 2009 deve «rimboccarsi le maniche» e «governare in modo bipartisan e senza litigi quest’anno difficilissimo». Le priorità sono: infrastrutture, Mezzogiorno e efficienza nella pubblica amministrazione. È l’analisi sulla crisi economica dell’economista Giacomo Vaciago che sottolinea: «Non dobbiamo inventarci nuovi problemi e nuove ricette. Dobbiamo far meglio nel 2009 ciò che già dovevamo fare da tempo». E soprattutto, Vaciago fa appello a una «tregua politica». Bisogna «litigare molto meno e rimboccarsi le maniche tutti, enti locali e governo». L’economista non vede rischi particolari sui titoli di Stato italiani rispetto a quelli degli altri paesi europei. Il rischio c’è, dice, soltanto se «continuiamo a sprecare tempo e soldi. I mercati ci guardano e si domandano quando la smettiamo

di litigare, ci rimbocchiamo le maniche e iniziamo a funzionare in modo più efficiente». In questa fase, sottolinea, il problema per attuare le riforme strutturali non sono le risorse. L’economista sostiene infatti che «i soldi sono l’unica cosa abbondante che c’è oggi. Al mondo oggi c’è un eccesso di soldi, te li tirano dietro a costo zero. Prendiamo la liquidità dove c’è, sui mercati è pieno, se li usiamo bene ce li danno tutti, fanno la coda per darceli». Ma, avverte, «bisogna riuscire a scommettere che li impieghiamo meglio, ci vuole una garanzia seria che li spendiamo bene. Se si guarda al nostro passato e si vede una lunga storia di sprechi - prosegue è chiaro che nessuno metterebbe un euro in Italia». Le cose cambiano invece «se riusciamo a mandare i messaggi giusti: bisogna litigare molto meno e rimboccarsi le maniche tutti, enti locali e governo. Bisogna cooperare e non litigare. È chiaro che se litighi, e a turno diciamo che quel ministro è scadente, i mercati prendono nota. Ci vorrebbe una tregua politica».

Stime al ribasso, 2009 anno nerissimo per Eurolandia

Recessione da paura Europain ginocchio l’Italiaun po’meno L’Ue promuove il piano Tremonti anche con il Pil a -2% e il deficit che avanza

Previsioni Ue per l’Italia I principali indicatori diffusi dalla Commissione

2008

BRUXELLES - Recessione nera per Eurolandia, che in base alle ultime stime della Commissione europea chiuderà il 2009 molto peggio del previsto, con un Pil a quota -1,9% e una perdita di circa 3,5 milioni di posti di lavoro. Male l’andamento dell’economia in tutti i principali Paesi: non fa eccezione l’Italia, con una crescita al -2% quest’anno e con un deficit che tornerà a sforare il tetto di Maastricht, attestandosi nel 2009 al 3,8%. E con un debito pubblico destinato a schizzare nei prossimi due anni oltre il 110%. Ma - vista la situazione dell’economia e dei conti italiani - il commissario Ue agli affari economici e monetari, Joaquin Almunia, plaude all’azione del ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, giudicando il pacchetto anticrisi varato dal governo «un giusto mix tra gli incentivi alla crescita e la dovuta prudenza sul fronte dei conti pubblici». Un piano che, insieme al calo dell’inflazione, darà una mano alla ripresa. Anche se ciò non impedirà «una ulteriore perdita di competitività e un significativo aumento della di-

Crescita pil

Deficit/pil

0,5

0,0 2,3

2,5 Debito/pil

103,2

104,1 Inflazione

stime attuali

stime di aprile stime di novembre

cifre in %

3,0

3,6

2009

0,8

-0,6

0,0 2,4

2,8

105,7

2,6 102,6

104,3

3,5

2,2

2,0

2010

-2,0

0,6

0,3

3,8

2,1

3,7

109,3 103,8 110,3

1,2

2,1

2,2

ANSA-CENTIMETRI

soccupazione». «Siamo nel momento peggiore della crisi», ha ammesso Almunia, sottolineando come nella prima metà del 2009 il Pil della zona euro dovrebbe toccare il punto più basso, lasciando il passo nella seconda metà dell’anno a una «modesta ma graduale ripresa». L’incertezza e i rischi, però, sono tanti: «Tutto di-

penderà dal funzionamento dei mercati finanziari, dalle misure che verranno prese per meglio regolarli e dalla rapida e totale attuazione dei piani anticrisi», spiega il commissario, che giudica «adeguato ed efficace» il pacchetto di misure fin qui adottate dai vari governi. Detto ciò, le nuove previsioni fanno tremare: e più che l’Italia, che

partiva già da una previsione di crescita zero e che nel 2010 dovrebbe risalire a quota +0,3%, a preoccupare Bruxelles sono soprattutto i numeri della Germania (-2,3% nel 2009 e +0,7% nel 2010), il Paese che dovrebbe fare da locomotiva per la ripresa dell’intero Vecchio Continente. A quota -2% anche l’Olanda e la Spagna, che resterà

Sono tornati in fabbrica dopo oltre un mese i lavoratori di Mirafiori ma nuove nubi si addensano su quelli di Termini Imerese

La Fiat guarda ai conti e all’americana Chrysler Il Lingotto potrebbe vendere negli Stati Uniti l’Alfa e la “500”

TORINO - Potrebbe essere la Chrysler il futuro partner della Fiat, un’alleanza strategica che potrebbe includere l’acquisto di una quota nella casa americana. L’indiscrezione è del sito Automotive News Europe e il Lingotto non commenta. In Borsa il titolo, tra i peggiori del settore in Europa, chiude in calo del 4,88% a 4,48 euro, dopo avere registrato perdite anche superiori al 7%. L’accordo aiuterebbe la Chrysler ad accelerare il suo piano di rilancio: la Fiat potrebbe dare alla società Usa l’accesso alle sue piattaforme, dalla mini all’alto del medio di gamma, ai suoi motori e trasmissioni. La Chrysler potrebbe così costruire velocemente una gamma completa di auto a trazione anteriore e a bassa emissione e potrebbe così recuperare il ritardo rispetto alle altre case di Detroit, la General Motors e la Ford. Il Lingotto secondo AutomotiveNews Europe - potrebbe vendere negli Stati Uniti l’Alfa Romeo e la Fiat 500, visto che la condivisione dei siti produttivi con la casa americana permetterebbe un taglio dei costi. Non è

La richiesta del presidente della Tod’s, Della Valle

Detassare ricerca e salari per salvare il made in Italy ROMA - Il made in Italy, come punta di eccellenza del sistema produttivo nazionale «è in grado di resistere agli effetti recessivi della crisi», ma per centrare l’obiettivo ha bisogno di interventi rapidi di defiscalizzazione per quanto riguarda la ricerca e lo sviluppo e la contribuzione che grava sulle buste paga reali dei dipendenti. La richiesta viene dal presidente della Tod’s, Diego Della Valle, una delle griffe celebri della moda italiana, che in un’intervista all’Ansa, analizza il difficile momento per le industrie italiane. «Il clima generale è abbastanza preoccupante - spiega - ma per chi ha prevenuto le conseguenze della crisi e si è attrezzato per tempo, alcuni effetti possono considerarsi anche un po’ superati. Come gruppo Tod’s abbiamo chiuso un 2008 buono, in linea con le aspettative e abbiamo cominciato un 2009 con dei buoni segnali di vendite perchè abbiamo cercato di dare al mercato prodotti che non passano di moda». Lungimiranza e qualità non sono però ingredienti sufficienti per superare il difficile momento storico. «Serve uno stato più efficiente, che costi meno e che si possa permettere di consentire alle imprese più ricerca e innovazione e di migliorare le buste paga dirette dei dipendenti». Ricerca e sviluppo - spiega il patron della Tod’s - vanno «incentivate in modo veloce per rimanere concorrenziali sui mercati mondiali». chiaro se, a fronte dell’accesso alla sua tecnologia, la Fiat riceverebbe da Chrysler una contropartita in denaro o in quota azionaria. Ieri, intanto, sono tornati in fabbrica, dopo oltre un mese, i lavoratori di Mirafiori, ma i nuovi annunci di cassa integrazione suscitano timori

a Termini Imerese. Giovedì è atteso il consiglio di amministrazione del Lingotto, che dovrà esaminare i conti del quarto trimestre e dell’intero 2008. Secondo le stime di un consensus degli analisti finanziari, la società tiene, nonostante l’ultimo periodo

dell’anno sia stato molto negativo con un utile che dovrebbe essere più che dimezzato da 597 a 290 milioni di euro. L’esercizio dovrebbe chiudere con un risultato della gestione ordinaria di 3,27 miliardi (3,23 nel 2007) e un utile netto di 1,76 miliardi a fronte di 2,05 del-

l’anno precedente. Per Fiat Group Automobiles gli analisti stimano un risultato della gestione ordinaria di 680 milioni nel 2008 (803 nel 2007) e di 40 milioni nel quarto trimestre (233); per la Cnh rispettivamente di 1,12 miliardi e di 240 milioni; per l’Iveco di 800 milioni

L’amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne Giovedì il cda del Lingotto esaminerà i conti del quarto trimestre e dell’intero 2008

e 150 milioni. Per il 2009 gli analisti stimano un risultato della gestione ordinaria del gruppo di 1,37 miliardi, l’utile ante imposte a 590 milioni e l’utile netto a 490 milioni. Per l’Auto la previsione è di un risultato della gestione ordinaria 2009 in rosso per 30 milioni, stimato positivo invece sia per Cnh sia per Iveco rispettivamente a 830 e 350 milioni. Nel 2010, infine, gli analisti prevedono per il gruppo Fiat un risultato della gestione ordinaria pari a 1,98 miliardi, un risultato ante imposte di 1,43 miliardi, un utile netto di 890 milioni e un indebitamento netto industriale in miglioramento anche se negativo per 3,76 miliardi. Per l’Auto il 2010 riporterà in nero il risultato della gestione ordinaria, atteso a 180 milioni. «Se si ritornerà alla normalità entro fine 2009, il gruppo Fiat confermerà gli obiettivi 2010», ha detto l’amministratore delegato Sergio Marchionne a un seminario in Svizzera, dove ha anche parlato del ruolo fondamentale della produzione di auto low cost e della necessità di accelerare nuove alleanze.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 5

Primo piano

Ondata di suicidi in Russia per colpa della crisi

Nei prossimi mesi andranno perduti 3,5 milioni di posti di lavoro

“Non sono in grado di onorare i miei debiti” Uomo d’affari si uccide

Il commissario Ue agli affari economici e monetari, Joaquin Almunia, plaude all’azione del governo italiano

L'economia in Eurolandia

Il premier Putin: la Russia sta vivendo una crisi pesantissma

Variazioni % del Pil previste dalla Commissione Ue

2008 Germania

1,3

Spagna

1,2

Francia

Italia

Area Euro

2009

0,7 -0,6 0,9

2010

-2,3 -2,0

0,7 -0,2

-1,8

0,4

-2,0

0,3

-1,9

0,4 ANSA-CENTIMETRI

in recessione anche l’anno prossimo (-0,2%). Mentre per la Francia si prevede un -1,8% quest’anno e un +0,4% il prossimo. Irlanda a quota -5%. Almunia spera dunque nei piani anticrisi, anche se la loro attuazione porterà i conti pubblici momentaneamente fuori controllo. L’Italia, per la Commissione Ue, ha

chiuso il 2008 al 2,8%, ma scivolerà al 3,8% quest’anno. «Gli stabilizzatori automatici - spiegano gli esperti di Bruxelles - porteranno il disavanzo ben al di sopra del 3% nel 2009, con un miglioramento solo marginale nel 2010», quando scenderà al 3,7%. Questo - proseguono - insieme ad una crescita attenuata, implica un innalzamen-

to del debito pubblico« che nel 2009 sarà al 109,3% e nel 2010 al 110,3%. Senza contare - sottolinea la Commissione - che »le possibili ricapitalizzazioni bancarie potrebbero condurre il debito pubblico italiano anche oltre l’orizzonte delle attuali previsioni. Ma a sforare i parametri di Maastricht sul fronte del deficit saranno

ben quattordici Paesi di Eurolandia su sedici: la Germania arriverà al 4,7% nel 2010, la Francia al 5,4% quest’anno e al 5% il prossimo. La Spagna al 6,2% nel 2009 e al 5,7% nel 2010. Londra all’8,8% e al 9,6%, l’Irlanda all’11% e al 13%. Unica nota positiva l’inflazione, che in Eurolandia scenderà all’1% nel 2009, l’1,2% in Italia.

MOSCA - Sta provocando in Russia un’impressionante ondata di suicidi fra imprenditori e top manager, la crisi economica globale che ha messo in ginocchio le economie dei paesi emergenti. Ieri a Nizhni Novgorod, importante e dinamico centro della Russia centrale, si è impiccato Serghei Poliakov, proprietario di una catena di negozi di lusso che vendeva fra l’altro i brand più noti della moda made in Italy, da Versace a Valentino, da Gucci a Roberto Cavalli, a Dolce e Gabbana. Il biglietto d’addio è simile a quelli lasciati da altre decine di persone rovinate dalla crisi: «Non sono in grado di onorare i miei debiti». Il tempo in cui le prime avvisaglie della carenza di liquidità provocava nel paese poca inquietudine e molte barzellette è lontano. In questi mesi, altri nomi noti nel mondo economico russo si sono tolti la vita per gli stessi motivi: come Vladimir Zubkov, proprietario di una delle principali catene per la vendita di biglietti aerei di Mosca, o Aleksandr Doronin, che a Iekaterinburg, sugli Urali, possedeva la più quotata rete di ristoranti cittadini. Il suo estremo messaggio ag-

Al via la rivisitazione degli studi di settore di 200 categorie

Meno tasse per gli autonomi ROMA - Dai sexy shop alle auto- Tornando invece alla revisione ’or- degli esperti». scuole, dalle scuole di vela ai cen- dinaria’, gli studi da aggiornate a Gli studi di settore che impegnetri di medicina estetica, dai riven- partire dal periodo di imposta ranno la Commissione degli esperditori di lapidi cimiteriali ai ripara- 2009 «sono stati selezionati - spie- ti quest’anno hanno tutti come pritori di lavatrici: soga il direttore del- mo anno di applicazione il 2006 o no 69 gli studi di Il fisco corregge l’Agenzia delle En- il 2005. settore, lo strumentrate nel provvedi- I settori interessati sono i più diil tiro alla luce to attraverso il quamento - in relazio- versi: si va dalle agenzie matrimole commercianti, della situazione ne all’anno della lo- niali ai produttori di olio, dai tralavoratori autonoro approvazione, duttori ai servizi catering, dalle Verso una revisione già da marzo degli studi di settore economica mi e professionisti ovvero studi appro- scuole di danza ai giornalai, dai pagano le tasse, che verranno rivi- vati in anni meno recenti, nonchè commercialisti ai fiorai. che, essendo aggiornati su dati di cune categorie ne avevano chiesto sti nel corso del 2009. L’elenco sulla base delle segnalazioni per- Per far fronte alla crisi economica due anni prima, meno sembrano addirittura una sospensione altre delle macro-categorie per le quali venute da parte delle associazioni negli scorsi mesi diverse sono sta- essere in grado di rispondere ai avevano sottolineato l’esigenza di si annuncia un ritocco alle tasse a di categoria e dalla Commissione te le proposte sugli studi di settore cambiamenti di situazione. Se al- allentarne la valenza probatoria. partire dal periodo di imposta 2009 è allegato ad un provvedimento del direttore dell’Agenzia La Cgil parla di un taglio di 79 euro al mese, il ministero smentisce delle Entrate Attilio Befera. Si tratta della revisione ’ordinaria degli studi che dovrà essere completata dalla Commissione degli esperti entro il 30 settembre. I dati di riferimento per un aggiornadenti dei ministeri, a par- euro (compresa la coda contrattuale). «DecurtaLa Fp mento sono quelli del 2007. tire dall’Ambiente, di cir- zione mensile, alla quale, in sede di conguaglio Cgil Ma nel corso del 2009 è prevista ca 79 euro al mese, per annuale, si aggiungeranno altri 350 euro», prodenuncia anche una revisione straordinaria. i primi tagli un ammontare di 1200 segue Garzi, sostenendo quindi che «il GoverIl cosiddetto decreto legge anti-crieuro l’anno. Lo sostiene no ha tolto 1200 euro dalle loro tasche. Questo è ai salari si (approvato dalla Camera e ora il segretario nazionale del- quello che accade nel mondo reale. Svaniscono dei all’attenzione del Senato) stabilidipendenti la Fp-Cgil, Alfredo Garzi. le favole raccontate dal 30 ottobre, ad oggi, sul sce infatti che entro marzo siano ministeriali «La retribuzione di genna- fatto che il Governo, e i sindacati che hanno introdotti ’correttivi’ agli studi da io dei dipendenti del mi- sottoscritto quel Protocollo e le ipotesi di conapplicare per l’anno di imposta ROMA - «Purtroppo, per i lavoratori e le lavora- nistero dell’Ambiente - afferma parlando di tratto, avrebbero recuperato le somme sottrat2008 che tengano conto della sitrici delle Pubbliche amministrazioni, sulla bu- questo caso come il primo in ordine di tempo - te». A stretto giro la smentita del dipartimento tuazione di crisi economica. Si sta paga di gennaio si vedono i primi effetti dei è stata decurtata, mediamente, di circa 79 euro. della Funzione pubblica: «Sorprende che un tratta di un ’refresh’ per circa 200 tagli al salario accessorio previsti dal decreto Più di quanto prevede, come incremento, l’ipo- sindacato possa dare una informazione sbagliastudi di settore, di cui una settantiTremonti», con una decurtazione per i dipen- tesi di contratto dei ministeri», pari a circa 78 ta ai lavoratori». na revisionati lo scorso anno.

“Giù la paga degli statali”

giunge un altro elemento di disperazione, quello della corruzione dilagante: fa infatti riferimento anche a «insopportabili pressioni dei dirigenti cittadini». La lista è lunga, e ha fatto segnare qualche record in un paese come la Russia, che figura già nei primi posti della classifica mondiale dei suicidi: 41.329 solo nel 2007, ricorda lo psichiatra Boris Polozhi del prestigioso centro moscovita per la salute mentale ’Serbski’, in maggioranza uomini fra i 35 e i 60 anni, con una media che supera di 2,5 volte quella europea. La casistica della crisi tocca tutti i livelli del business, dalle grandi aziende alle piccole iniziative commerciali. Si va dal top manager che dirigeva una grande fabbrica a Novokuznnetsk, sparatosi dopo la notizia del licenziamento, all’impressionante tentativo di hara-kiri di un normale cittadino di Voronezh (Russia centrale) che aveva accumulato troppi debiti. A San Pietroburgo, il trentanovenne capo di una compagnia farmaceutica (uno dei settori più in crisi) si è sparato con un fucile da caccia poche settimane dopo che il suo vice si era gettato da una finestra al16.mo piano.

Un flop il primo sciopero

Lo stop non ferma i voli Alitalia ROMA - Se l’è cavata con disagi contenuti la nuova Alitalia alle prese con il banco di prova del primo sciopero dell’era Colaninno. Quattro ore di astensione (dalle 10 alle 14) hanno prodotto, secondo l’azienda, solo 4 cancellazioni di voli. Trenta invece i collegamenti annullati secondo Sdl, il sindacato autonomo che ha proclamato la protesta e già ne annuncia una prossima, questa volta di 24 ore, «a brevissimo». Le cancellazioni, secondo Alitalia, hanno riguardato il collegamento Roma-Parigi e il Parigi-Roma, poi il Venezia-Roma e il RomaVenezia. Pochissimi i disagi per i passeggeri, nessuna scena di panico. Ben diversa la valutazione degli autonomi che parlano di «percentuali alte e presidi di lavoratori». Anche secondo la valutazione degli altri sindacati però, lo sciopero è stato un flop, per di più annunciato: pochissime adesioni tra gli assistenti di volo, qualcuna in più tra il personale di terra. «Ma era prevedibile - dicono - i lavoratori sono guardinghi in questa fase, forse più avanti andrà meglio con le proteste». «Un successo» invece, per Sdl. Filt, Fit, Uilt e Ugl intanto stanno proseguendo i tavoli di confronto con l’azienda: ieri si è discusso dei criteri di assunzioni per i piloti, mercoledì sarà la volta degli assistenti di volo, venerdì personale di terra e call center, lunedì la manutenzione.


6 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità

Al Nord ed in Toscana

Uno a Milano e l’altro a Messina

ROMA - Nuova ondata di maltempo in arrivo sull’Italia: una perturbazione di origine atlantica porterà nelle prossime ore condizioni di forte instabilità sulle regioni settentrionali e sulla Toscana, dove si attendono piogge e temporali. Previsti venti forti sulle regioni centro settentrionali tirreniche. La quota neve si manterrà su livelli medio-alti: sulle Alpi occidentali si assesterà sopra i 600-800 metri, su quelle centrali sopra i 900-1100 metri, mentre su quelle orientali tra i 1100-1300 metri.

MILANO - L’ondata di freddo che sta spazzando l’Italia ha mietuto nuove vittime: ieri mattina un italiano di 40 anni non si è svegliato sulla panchina di piazza Durante a Milano dove era solito dormire, avvolto in una coperta, e a Messina, nella centrale Galleria Vittorio Emanuele, i vigili hanno trovato il cadavere di un cittadino dello Sri Lanka di 48 anni sotto un ricovero di fortuna fatto di cartoni. Morti per l’inverno: nessuno ne dubita. Sui corpi dei due senzatetto, infatti, non è stata trovato alcun segno di violenza.

Piogge e temporali Nuova allerta meteo

Due senzatetto morti di freddo

Arriva la perturbazione atlantica

Un senzatetto in città

Assente per sei mesi per dolori al polso in realtà partecipava a gare di body building Una postina di Trieste è stata licenziata, ed ora è indagata per falso e truffa aggravata

E’ in malattia, ma fa la culturista E’ mancata dal lavoro dal 1˚ aprile fino all’11 novembre dello scorso anno TRIESTE - Un polso dolorante le impediva di lavorare ma non di sottoporsi a pesanti allenamenti da culturista, tanto da partecipare e vincere gare a livello nazionale. Per questa vicenda una donna di Trieste, A.C., 40 anni, dipendente delle Poste italiane, è indagata dalla Procura della repubblica per l’ipotesi di reato di falso e truffa aggravata e ha subito anche il licenziamento. Secondo quanto è stato accertato dalla magistratura del capoluogo giuliano, la donna ha ottenuto un permesso per malattia di oltre sei mesi, dal primo aprile all’11 novembre scorsi. La «malattia», ufficialmente forti

L’infermità non le ha impedito di ottenere buoni piazzamenti in gara

Sui Monti Sibillini si salvano in due

Un’altra vittima in quota Congelato sul Gran Sasso L’AQUILA - Cinque vittime e tre sopravvissuti tratti in salvo. È il bilancio degli incidenti in montagna avvenuti nelle ultime 24 ore. Dopo la tragedia sul versante francese del Monte Bianco, in cui domenica hanno perso la vita quattro alpinisti piemontesi ieri si è registrata un’altra vittima (Giancarlo Capoccia, 51 anni), stavolta sul Gran Sasso, in Abruzzo. L’uomo è morto assiderato dopo che ieri, assieme a un 41enne di Urbino, tratto in salvo e in discrete condizioni, è stato sorpreso da una bufera nei pressi del Corno Grande a circa duemila metri di quota. I due risultavano dispersi da ieri pomeriggio; stadolori al polso, le era stata stata certificata più volte, durante il periodo di assenza dal lavoro, dai medi-

Due alpinisti nei pressi della sella di Monte Aquila, sul massiccio del Gran Sasso

mani il ritrovamento e i soccorsi da parte degli uomini del soccorso alpino dell’Abruzzo. È andata meglio ai due alpinisti che ieri sul monte Bove, nella catena dei Sibillini, nelle Marche,

ci e anche dall’Inail. Durante lo stesso periodo di tempo, però, la donna ha partecipato a tre competi-

sono rimasti bloccati in parete per aver sbagliato la discesa. Stamani sono stati recuperati da una squadra del Soccorso alpino di Macerata e da un elicottero dell’Aeronautica.

zioni ufficiali di body building, tra cui il Grand Prix del Campionato Triveneto, svoltosi il 25 aprile a No-

venta Padovana (Padova), in cui si è arrivata prima. Ha ottenuto piazzamenti buoni anche nelle altre com-

petizioni ufficiali: terza al campionato italiano a Verona, e quarta in un’altra manifestazione di culturismo, il 14 giugno, al Sestriere. Durante questo lungo periodo di «doppia vita», da malata e culturista, inoltre, ha frequentato una palestra di Trieste dove si è allenata intensamente per partecipare alle competizioni nazionali. Una volta venuta a conoscenza degli accertamenti da parte della magistratura triestina, l’amministrazione di Poste Italiane si è mossa avviando un procedimento disciplinare che si è concluso velocemente con il licenziamento, notificato alla donna lo scorso mese di dicembre.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 7

Attualità

Il corpo di un marocchino fu ripescato a ottobre nel lago di Garda Dagli esami risultò ubriaco e i carabinieri pensarono all’incidente

Gangdigiovaniviolentierazzisti Lopestanoelofannoannegare

A scuola il controllo non c’è Minorenni molestano 12enne

PESCARA - Un gruppo di bulli minorenni approfittando dell’assenza di insegnante e bidella ha tentato di violentare una compagna di 12 anni in classe, respingendo con percosse anche la reazione di alcune amiche della ragazzina, poi fortunatamente riuscita a fuggire: la vicenda è accaduta lo scorso 13 dicembre in una scuola media dell’Aquila e i protagonisti dell’età compresa tra i 14 e i 16 anni - sono stati denunciati dai Carabinieri per violenza sessuale di gruppo e minacce. La ragazzina e i quattro compagni - due macedoni, uno spagnolo e uno italiano - sono tornati regolarmente a scuola e frequentano ancora tutti la stessa classe. Gli aggressori sono stati descritti dai Carabinieri della Compagnia dell’Aquila come ragazzi «difficili, e provenienti da famiglie altrettanto difficili», anche se successivamente alla violenza hanno chiesto scusa alla loro compagna di classe, probabilmente per «evitare le denunce».

Autori tre ragazzi “di brava famiglia” Due minorenni e un diciottenne BRESCIA - È una storia dove la violenza sembra la componente principale, quella che ha portato all’arresto di tre ragazzi bresciani, due dei quali minori, da parte dei carabinieri della compagnia di Desenzano del Garda. Sono accusati d’omicidio volontario pluriaggravato di un immigrato marocchino, Mohamed Chamrani, 34 anni: l’uomo fu pestato selvaggiamente, spinto nel lago, e poi preso a calci mentre cercava di risalire, aggrappato ad una corda. Un’aggressione venata di razzismo, avvenuta dopo una notte in discoteca, senza motivo, se non la violenza fine a se stessa. Quando l’extracomunitario venne ripescato, il 25 ottobre scorso dalle acque del lago di Garda a Desenzano, non si pensò subito ad un omicidio: aveva nel sangue un tasso alcolemico del 3% e questa non era stata una sorpresa per i carabinieri che sapevano dello stato di disagio psichico dell’immigrato, senza una casa, senza un lavoro. La sorpresa era arrivata quando, dopo che la notizia della morte era apparsa sulla stampa, alcuni ragazzi si erano presentati in caserma parlando ai carabinieri di «una lite sul molo» e di «un tonfo» udito quella notte. Nel

Denunciati per violenza di gruppo

I carabinieri indagano sulle cause della morte

Cadavere ritrovato tra i rifiuti: è mistero I carabinieri di Desenzano con le foto degli arrestati

frattempo, anche gli accertamenti autoptici, nonostante gli effetti della saponificazione, avevano rivelato che la morte non era stata naturale: c’erano tracce di percosse. Un apporto importante alle indagini arrivò dalla Polizia stradale di Montichiari che, nelle ore successive al delitto, aveva fermato l’auto con a bordo i tre arrestati e due loro amici. Dato che si è rivelato fonda-

Ventiquattro arresti dell’Arma

mentale per indirizzare verso i ragazzi gli accertamenti anche con intercettazioni ambientali. Stefano Rizzi, l’unico dei tre già maggiorenne al momento del delitto, in viaggio con il padre gli raccontò quanto accaduto sul lungolago. «Lascia stare, non dire niente» gli consigliò il genitore e il figlio, che con il padre, parlando della vittima usò espressioni come «marocco» e «testa

nera», seguì il consiglio. Tutto registrato e agli atti. Nel frattempo le indagini procedono, vengono firmate le ordinanze chieste dalla Procura dei minori e dalla Procura della Repubblica. Era notte fonda domenica quando, a tre mesi esatti dal delitto, i carabinieri hanno arrestato i tre amici. «Brave famiglie» hanno detto gli investigatori, parlando dei congiunti dei ragazzi.

ROMA - Il cadavere di un uomo è stato ritrovato all'interno del centro di stoccaggio di rifiuti in via di Rocca Cencia, alla Borghesiana (Roma). I carabinieri non hanno escluso che il corpo possa aver subito vari trattamenti finendo nei macchinari di stoccaggio del centro. Gli inquirenti sono ora al lavoro per cercare di accertare le cause della morte. Da verificare, infatti, se il cadavere sia stato trasportato nel centro di rifiuti e da quanto tempo si trovasse lì.

Su 4,3 milioni di immigrati 650mila sono clandestini

Csm dà ragione al ministro Alfano Duro colpo ai Madonia In Italia aumentano gli irregolari IlSospensione per Apicella In carcere i vertici del clan Nel 2008 sono stati 346mila in più Trasferimento per Jannelli ROMA - La sezione disciplinare del Csm ha deciso di sospendere dalle funzioni e dallo stipendio il procuratore capo di Salerno Luigi Apicella e di trasferire d’ufficio il procuratore generale di Catanzaro Enzo Jannelli per la gestione dello scontro fra le due Procure. Inoltre, è stato deciso il trasferimento del pm di Catanzaro Alfredo Garbati e dei due sostituiti di Salerno Dionigio Verasani e Gabriella Nuzzi.

Emergenza sbarchi a Lampedusa Solo ieri altri 200 nuovi arrivi

I CC in azione

PALERMO - Dal carcere, nonostante fosse sottoposto al 41 bis, impartiva ordini a due ’boss in gonnella’ che, nel territorio di Gela, li facevano eseguire ad un «reggente operativo». Così, secondo i carabinieri, il capomafia detenuto Giuseppe ’Piddu’ Madonia di Caltanissetta, continuava a curare i propri interessi, dalle scommesse sportive, agli appalti, agli aiuti elettorali a politici. Tutti i vertici del clan, adesso, sono in cella a conclusione dell’operazione «Atlantide Mercurio» che ha portato all’arresto di 24 persone. Le ipotesi di reato contestate vanno dall’associazione mafiosa, estorsione, usura, trasferimento fraudolento di valori alla illecita concorrenza con violenza e minaccia. I carabinieri hanno, inoltre, accertato presunti interessamenti delle cosche sulle elezioni regionali del 2006. Nell’ordinanza di custodia cautelare, nella parte relativa alla posizione di uno degli arrestati, Gaetano Palermo, compare anche il nome dell’attuale presidente della provincia di Caltanissetta, e deputato regionale dell’Mpa, Giuseppe Federico. L’ipotesi è che in quelle elezioni ci sia stata una compravendita di voti per aiutare l’esponente autonomista.

MILANO - L’Italia è un Paese sempre più multietnico, dove gli immigrati sono oltre 4 milioni e 300 mila e continuano ad aumentare, con stime che indicano per il 2030 una presenza di circa 8 milioni di stranieri. Dal rapporto annuale sulle migrazioni elaborato dalla Fondazione Ismu e presentato ieri a Milano emerge però che ad alimentare la crescita, nell’ultimo anno preso in esame, è stato soprattutto il numero di irregolari. Si è registrato infatti un vero e proprio boom, che ha creato di nuovo un ampio bacino di clandestinità, nonostante il doppio decreto flussi del 2006 avesse regolarizzato 500 mila stranieri. Al 1 gennaio 2008 ci sarebbero 26 provenienze con tassi di irregolarità superiori alla media e le maggiori incidenze si registrano tra gli immigrati che provengono da Taiwan (87,4%), Georgia (73,5%) e Bangladesh (52,3%). Secondo i dati dell’Ismu, il numero complessivo di immigrati è cresciuto di 346 mila persone rispetto all’anno pre-

Si pianifica l’intervento di pace italiano

I Carabinieri vanno a Gaza Riparte la missione Eubam Una imbarcazione di disperati

cedente (circa il 9% in più), mentre nello stesso periodo è quasi raddoppiato il numero di quelli entrati in Italia eludendo i controlli alla frontiera: gli irregolari sono passati dai 350 mila stimati a inizio 2007 ai circa 650 mila di inizio 2008. Intanto continuano incessanti gli sbarchi di migranti a Lampedusa. Ieri un barcone con circa

duecento persone a bordo è stato avvistato a 21 miglia a Sud Ovest dell’isola. La «carretta», che imbarcava acqua, è stata soccorsa da una motovedetta della Guardia Costiera e dalla Guardia di Finanza. Un’altra barca diretta verso l’Italia è invece affondata nella notte di domenica. Dispersi 26 dei 35 migranti che trasportava.

TEL AVI - Se venisse deciso di riattivare la missione civile europea Eubam a Rafah, sul confine tra Gaza ed Egitto, l’Italia è pronta a fare la sua parte con l’invio di carabinieri, secondo gli accordi europei del 2005. E’ quanto hanno riferito fonti diplomatiche italiane, a margine della missione del ministro degli Esteri Franco Frattini in Medio Oriente. La missione Eubam prevede un massimo di 72 uomini sul confine, dei quali 16 affidati all’Italia. Decisa nel 2005, fu congelata dopo la presa di potere da parte di Hamas.


8 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità

“Non possiamo permetterci di avere gente inoperosa”

Una signora di Sacramento: “Forse era repubblicano”

WASHINGTON - Il presidente eletto Barack Obama si è recato in un ricovero per adolescenti senzatetto di Washington per dare una

NEW YORK - Il cane di una signora di Sacramento, ha mangiato i biglietti per l’Inauguration Day. Spediti per posta da un amico, e inseriti nella fessura della porta, il cane li ha visti e ha deciso di farli in mille pezzi. «Probabilmente il cane simpatizza per i repubblicani».

Un pennello per i senzatetto I biglietti distrutti dal cane

mano ad ammodernare il dormitorio: «In questa situazione di crisi economica non possiamo permetterci di avere gente inoperosa».

Alle 12, in Italia le 18, il giuramento del vice Biden e di Barak

Le tappe principali del cerimoniale

WASHINGTON - Ecco le tappe più importanti della giornata. George W. Bush riceve Barack Obama alla Casa Bianca e insieme si recano a Capitol

Hill alle 16:00. Giuramento del vicepresidente Joe Biden. Giuramento del presidente Barack Obama, sulla Bibbia del presidente Lincoln alle ore

18:00. Discorso inaugurale di Obama che accompagna l’ormai ex presidente George W.Bush in una breve cerimonia di addio.

Inauguration day Alle 16, ora italiana, al via la cerimonia per l’insediamento del 44˚ presidente degli Usa. E’ un democratico che succede al repubblicano Bush

Obama, una sfida davanti Per primo un afroamericano alla guida degli Stati Uniti

Per tradizione, giunti a fine mandato, viene il momento degli atti di clemenza

Bush riduce pene a 2 agenti che uccisero un trafficante WASHINGTON - Il presidente americano George W. Bush ha ieri ridotto le condanne di due agenti di frontiera ai quali erano stati inflitti oltre dieci anni di carcere per avere ucciso un trafficante di droga nel 2005. Le guardie di frontiera Ignacio Ramos e Jose Compean erano stati condannati per avere aperto il fuoco, uccidendolo, contro un trafficante di droga. È tradizione per i presidente Usa giunti alla fine del mandato annunciare atti di clemenza a beneficio di persone condannate.

Marco Bardazzi

WASHINGTON - Barack Obama ha pronto per i libri di storia un discorso inaugurale che manderà vari messaggi usando molteplici fonti. Parlerà di fronte ai monumenti dei padri della Patria Washington, Lincoln, Jefferson ispirandosi un po’ a tutti. Parlerà a un paese colpito dalla crisi, invitandolo a ritrovare un nuovo senso di responsabilità, e al mondo che attende di capire dove va l’ America. E parlerà con alle spalle predecessori tutti bianchi e oltre due secoli di storia segnata da schiavismo, una guerra civile e una lunga battaglia per i diritti dei neri. In 15-20 minuti limati fino all’ultimo minuto, Obama e il suo ’speechwriter’, il ventisettenne Jon Favreau, cercheranno di tener testa alle aspettative che il 44mo presidente degli Stati Uniti ha creato anche sul piano della retorica. Gran parte dei discorsi inaugurali restano parole al vento, pochi sono entrati nella memoria collettiva e quasi sempre a venir catturate sono un paio di frasi, una ventina di parole in tutto. Ma Obama, da scrittore e oratore esperto, ha dimostrato in questi anni di aver le carte in regola per aggiungere il proprio discorso inaugurale a quelli di cui sono sopravvissute citazioni celebri: Thomas Jefferson («Oggi siamo tutti repubblicani, siamo tutti federalisti»), Franklin D.Roosevelt («L’unica cosa di cui aver paura, è la paura stessa»), John F.Kennedy («Non chiedetevi cosa il paese può fare per voi, ma cosa voi potete fare per il paese»), Ronald Reagan («È l’ora di renderci conto che siamo una Nazione troppo grande per limitarci a sogni piccoli»). Da un presidente che ama le parole e ha costruito una carriera politica su un discorso, quello fatto alla Convention dei democratici del 2004, l’America si attende parole che resteranno. Ma le sfide che Obama, il giovane Favreau e lo stratega politico David Axelrod hanno dovuto considerare nel preparare il discorso sono state molte. Il nuovo presidente, subito dopo aver

Bush e signora

I grandi appuntamenti che lo attendono

Recessione e disoccupazione

Obama manderà messaggi ai monumenti dei padri della Patria ispirandosi un po’ a tutti

giurato, dovrà volare alto per ispirare il paese, ma nello stesso tempo frenare le aspettative eccessive, come ha già fatto nei discorsi di questi ultimi giorni. Dovrà ascendere ai livelli della retorica delle figure storiche d’America che incombono sul Mall, dove avviene la cerimonia, ma nello stesso tempo cominciare a offrire contenuti alla parola ’cambiamento’ che ha segnato la campagna elettorale. Inoltre, come hanno notato alcuni commentatori in questi giorni, dovrà fare i conti con un ’avversario’ insidioso: il «primo presidente nero». Il tema centrale che lo staff di Obama cerca di sottolineare nelle cerimonie di questi giorni è quello dell’unità, e ha come simbolo il presidente Abramo Lincoln, che riunì l’America dopo la Guerra Civile. In quest’ ottica, lo staff di

Obama ha ribadito di non voler insistere troppo sul fatto che il nuovo presidente è il primo nero a entrare alla Casa Bianca, perchè il messaggio deve trascendere l’aspetto razziale. Ma è quasi impossibile per Obama mettere in secondo piano il fattore nero, in un Inauguration Day che arriva all’indomani della festa dedicata a Martin Luther King e si celebra sul Mall dove, 40 anni fa, il reverendo nero pronunciò il suo potente e celebre discorso ’I Have a Dream’. Del resto, anche a casa al presidente eletto viene ricordato continuamente l’aspetto storico di quello che sta avvenendo. Obama ha raccontato in questi giorni di aver visitato il memoriale di Lincoln con la figlia Malia che, guardando inciso su una parete il discorso inaugurale lincolniano, ha

chiesto al padre se anche lui dovrà «pronunciare uno di questi». Quando papà Obama le ha risposto di sì, Malia lo ha ammonito: «Sei il primo presidente afroamericano, sarà bene che sia molto bello». Axelrod e il portavoce di Obama, Robert Gibbs, hanno rivelato che il nuovo presidente punterà «a sottolineare chi siamo come paese ma anche a ribadire che siamo un popolo con responsabilità». Sarà questo doppio filo, uniti e responsabili, a far da trama al discorso presidenziale per cercare di mirare a un obiettivo vitale per la prossima amministrazione: superare le divisioni e raccogliere tutte le forze del paese nei prossimi anni in uno sforzo collettivo, per far fronte alle enormi sfide del momento. (marco.bardazzi ansa.it)

NEW YORK - Un’economia che versa in gravi difficoltà, con la disoccupazione ai massimi dal secondo dopoguerra. Mercati finanziari ancora sotto pressione, con le banche affamate di aiuti per coprire bilanci in rosso. Il rilancio dell’Azienda America è per il presidente eletto la prima grande sfida da affrontare. Il Congresso è già al lavoro per fornirgli le armi contro la crisi. La stagione delle trimestrali in corso sta mettendo in risalto il protrarsi delle difficoltà delle banche, che accusano perdite miliardarie.

Wall Street

Nessuna minaccia seria all’orizzonte

Solo i neonazisti preoccupano NEW YORK - Preoccupano di più i neonazisti e i suprematisti bianchi dei terroristi islamici di al Qaida. Precisando che nessuna seria minaccia sembra profilarsi, è quanto sostengono le autorità ufficiali nel volumetto distribuito alle autorità locali. «Individui isolati, non affiliati ad un gruppo, ma che agiscono in base ad una ideologia, o che sono pronti ad agire da soli senza indicazioni da parte del loro gruppo, rappresentano la maggiore minaccia potenziale», si legge nel riassunto del rapporto.

Vigilanza a Capitol Hill


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 9

Cronache in breve Docente molesta le piccole allieve SALERNO - Un docente di musica di Teggiano (Salerno) è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di violenza sessuale aggravata e continuata. Vittime delle sue attenzioni tre bambine sotto i dieci anni. Le indagini erano iniziate dopo una denuncia presentata da uno dei genitori. I fatti si sarebbero verificati dal 2004. L’insegnate, di 41 anni, è stato condotto nella casa circondariale di Sala Consilina.

La Carey ha messo la musica da parte per fare ancora l’attrice Dopo l’autobiografico “Glitter”, in “Push” interpreta un’assistente sociale

Crolla il tetto della chiesa dove si è sposato Kakà SAN PAOLO - E’ salito a sette il bilancio dei morti nel crollo del tetto metallico, domenica sera, della chiesa evangelica «Renascer», famosa per avere ospitato le nozze fra il calciatore del Milan Ricardo Kakà e Caroline Celico nel 2005. Sono sei o sette i feriti gravi ricoverati negli ospedali di San Paolo. Uno sarà operato per un trauma cranico. Al momento del crollo il tempio si stava svuotando in attesa di una nuova funzione.

Ricercano Maddie Trovano rete di pedofili BARCELLONA - Le indagini di una agenzia di ispettori privati di Barcellona sulla piccola Madeleine McCann, scomparsa nel maggio 2007 in Portogallo, hanno portato all’arresto di 13 persone e all’imputazione di altre 10 in tutta la Spagna per reati di pedofilia. Lo riferisce l’edizione on line del quotidiano El Mundo. Gli investigatori sono partiti da un video dove cercavano immagini di Maddy e dove hanno trovato video pedofili.

Il lunedì più nero della storia recente LONDRA - Chi ieri si è sentito depresso non si stupisca perchè, secondo una ricerca britannica, è stata la giornata più triste della storia recente. Per il clima invernale piuttosto rigido, per le spese natalizie fatte con la carta di credito che ora vanno pagate, per i debiti e la crisi del mercato immobiliare.

Muore ustionato mentre fuma LUCCA - Colto da malore in bagno mentre fumava una sigaretta un uomo di 72 anni è morto. Ha riportato ustioni su tutto il corpo. L’incidente è accaduto intorno alle 3 di notte. La sigaretta è finita sulla felpa di pile che l’uomo indossava. L’indumento si sarebbe incendiato e a nulla è valso il soccorso prestato della figlia e dal suo fidanzato.

MILANO - La Guardia di finanza ha scoperto all’aeroporto di Linate un bambino di 12 anni che veniva utilizzato come corriere della droga dal Perù. Il piccolo corriere, spedito con 300 grammi di cocaina nascosti in valigia, operava probabilmente per un’organizzazione internazionale con basi sia in Italia sia in Perù. Il bimbo, che viaggiava da solo, è stato notato domenica sera dalle Fiamme gialle appena atterrato a Milano, mentre stava per ricongiungersi con i genitori che lo stavano aspettando in sala d’attesa. Dagli immediati controlli dei bagagli è subito saltato fuori lo stupefacente, nascosto in un quadro ben impacchettato in valigia. I genitori comunque, secondo quanto riportato dalle Fiamme gialle, sarebbero estranei alla vicenda. Il minorenne, non imputabile, è stato ora affidato a una comunità protetta.

Lanciò le scarpe a Bush Chiede asilo in Svizzera GINEVRA - Il giornalista iracheno Mountazer al Zaidi, ormai famoso nel mondo per avere lanciato le sue scarpe contro il presidente americano George W. Bush, chiederà asilo politico in Svizzera. E’ quanto ha riferito un legale che opera a Ginevra e che alla stampa ha detto di essere stato contattato dai familiari attraverso il Comitato internazionale della Croce Rossa (Cicr). L’avvocato ha detto che Al Zaidi non può più restare in Iraq.

Aggredisce e rapina la nonna di 70 anni BARI - Un ragazzo di 23 anni di Molfetta è accusato di aver aggredito la nonna 70enne stringendole anche la gola e di averla rapinata. La donna ha riportato escoriazioni giudicate guaribili in sei giorni. E’ stato lo stesso giovane, dopo essersi allontanato dall’abitazione della nonna, a recarsi in caserma e a denunciare l’episodio raccontando che temeva di averla uccisa.

Corriere della droga a soli dodici anni

Vuole duecento euro per ridare l’auto rubata La cantante Mariah Carey nei panni di un’assistente sociale in “Push”

Mariah sempre più “impegnata” PARK CITY (UTAH) - La cantante Mariah Carey si è presa una pausa dal mondo della musica pop per recitare in un nuovo film, "Push", ma diversamente dal suo ruolo da protagonista nel semi-autobiografico "Glitter", l’artista ha optato per un ruolo secondario in questo racconto dai toni spesso cupi. Infatti la vera star di "Push", che ha fatto il suo debutto questo weekend al Sundance Film Festival, è un’attrice sconosciuta di Harlem, Gabourney Sidibe, nel ruolo di una sedicen-

ne obesa e oppressa di nome "Precious" Jones, che viene messa incinta dal padre e picchiata dalla madre. Ma la ragazza ha anche degli adulti che cercano di aiutarla, e tra questi c’è un’assistente sociale, Mrs Weiss, interpretata da Mariah Carey. Con i capelli lisci e atteggiamento risolut, Mrs. Weiss è molto lontana dal ruolo che la Carey ha interpretato in "Glitter" nel 2001, che prendeva spunto dalla sua stessa esperienza dell’arrivo al successo nel mondo della musica pop.

LIVORNO - Gli agenti della squadra mobile di Livorno hanno arrestato un messicano di 52 anni, Josè Enrique Sanchez Meja, clandestino e incensurato, accusato di ricettazione ed estorsione ai danni di una peruviana, da tempo residente a Livorno. L’uomo, per 200 euro, voleva restituire alla donna un’auto che le era stata rubata. Secondo quanto si è appreso, la donna ha denunciato il furto dell’auto, una Fiat Bravo, il 24 dicembre scorso. Il 16 gennaio è stata contattata dal messicano con il quale aveva condiviso in passato le spese di affitto di un appartamento. All’appuntamento la donna si è presentata con i poliziotti che sono intervenuti dopo la consegna del denaro.

Trans ucciso da operaio Corona senza patente Camion contro un bus Eurostar spezzati per lite sulle prestazioni di nuovo denunciato fa 26 morti a Nairobi Il pm vuole archiviare TREVISO - Un litigio sul tipo di prestazione sessuale sarebbe all’origine dell’omicidio a Castelfranco del transessuale brasiliano Mateus Da Silva, 22 anni, da parte di Harouna Bancè, un operaio di 28 anni del Burkina Faso che ha ammesso l’omicidio. Ai carabinieri il giovane fermato ha detto di aver incontrato il transessuale che aveva messo un’inserzione in un giornal, dopo aver assunto della cocaina.

NAIROBI - Almeno 26 morti e 25 feriti, numerosi dei quali in gravi condizioni. È il tragico bilancio di un incidente stradale avvenuto nella notte tra domenica e lunedì in Kenya sulla strada che da Nairobi conduce a Mombasa: una superstrada completamente sconnessa dove gli incidenti sono estremamente frequenti. Si sono scontrati un pullman che si dirigeva a Nairobi ed un camion diretto a Mombasa. Lo rendono noto fonti ufficiali della polizia, che precisano che si teme che il bilancio possa aggravarsi.

Estorce posto di lavoro e va subito in malattia MESSINA - Il gup del tribunale di Messina, Mariangela Nastasi, ha condannato Domenico Darrigo a due anni e otto mesi, pena sospesa, con l’accusa di estorsione. L’uomo secondo gli inquirenti, dopo essersi fatto assumere da un imprenditore edile, si era messo in malattia percependo anche quasi diecimila euro d’indennità dall’Inps. Secondo quanto è emerso dalle indagini, nel 2003 l’uomo aveva imposto la sua assunzione all’imprenditore con pesanti minacce. Una volta ottenuto il posto, Arrigo si è messo in malattia.

L’ex paparazzo Corona

MILANO - Nuova denuncia per guida senza patente per il fotografo Fabrizio Corona. Domenica il fotografo era appena salito su una Range Rover parcheggiata in via Montenapoleone che, fatti pochi metri, è stato fermato da una pattuglia. Corona ha presentato il passaporto e ha subito ammesso di non aver la patente, che gli era stata revocata in una precedente occasione. L’ultima denuncia per guida senza patente risale alla primavera scorsa.

Furto in macelleria Bottino da 10mila euro FIRENZE - Serie di furti nella notte tra domenica e lunedì a Firenze, dove i ladri hanno colpito una macelleria, un ufficio e un ristorante del centro, con un bottino complessivo di circa 13mila euro. Il colpo più redditizio è stato messo a segno in una macelleria di piazza San Pierino, dove i ladri sono riusciti ad aprire una cassaforte, impossessandosi di 10mila euro in contanti.

MILANO - La Procura di Milano ha chiesto l’archiviazione del procedimento che ipotizzava il reato di disastro ferroviario a carico di ignoti in relazione alla rottura di ganci che avevano spezzato altrettanti convogli Eurostar il 19 luglio dello scorso anno in un deposito di manutenzione nella stazione di Milano Centrale e la notte tra il 21 e il 22 luglio dello scorso anno nella Stazione Centrale del capoluogo lombardo.

Maggiordomi si diventa Nasce un’associazione MILANO - Il maggiordomo, figura sempre più richiesta dagli hotel da 6 o 7 stelle, ma anche in case di lusso private, sulle navi, per eventi o per vacanze, da ieri ha una sua associazione nata a Milano. Tra i primi obiettivi della neonata Associazione Italiana Maggiordomi: promuovere un corso, svolgere attività di informazione e consulenza, organizzare incontri tematici. Secondo l’associazione è “sempre più diffusa la ricerca di maggiordomi capaci e preparati, uomini o donne, in tutto il mondo, presso case private, hotel, navi e dimore storiche”.


10 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità

Le regole del gioco di coppia, negli uomini come negli animali

Un lungo corteggiamento e lei ti dice di si

In questo modo la femmina acquisisce più informazioni sul partner I “bad boys”hanno fretta

Coppie di umani e di animali in amore

ROMA - Prima un fugace invito per un caffè, poi qualche ora insieme nel dopo cena, il cinema, e poi un invito a cena più impegnativo: se si vuol conquistare una donna, sono queste, e spesso molte altre, le tappe obbligate da seguire. La tattica giusta è quella di un corteggiamento lungo e, alla fine, lei dirà di sì. Il consiglio arriva dai risultati di uno studio matematico sul «fenomeno del corteggiamento» e sulla sua giusta durata per arrivare al traguardo, eseguito dal team di Robert Seymour della University College di Londra. Gli esperti hanno realizzato un modello teorico del corteggiamento basato sulla teoria del gioco, per ana-

Più dura la fase della conoscenza maggiore è la chance di riuscita

lizzare i comportamenti reciproci di uomini e donne nel «gioco delle coppie». In pratica il modello mostra che più dura la fase di corteggiamento, maggiore è la chance che lei dica di si.

Boom nel 2008 per il settore giochi, +12,7% rispetto al 2007. Raccolti 47.554 milioni Al primo posto le new slot, seguono i Gratta e Vinci. Anno record per Supernalotto

Tutti pazzi per il gioco

Continua la crisi del Totocalcio con un -22% rispetto al 2007 ROMA - Sono definitivi i dati della raccolta del settore giochi per il 2008, che confermano le prime stime: un comparto complessivamente in crescita, con entrate per 47.554 milioni di euro, con un aumento del 12,7% rispetto ai 42.192 milioni raccolti nel 2007. In crescita, rileva l’agenzia specializzata Agicos, anche le entrate erariali che, nel 2008, si sono attestate sui 7.747 milioni di euro, con un incremento del 7,7% (pari a 551 milioni di euro) rispetto ai 7.195 milioni raccolti nel 2007. Mediamente da tutti i giochi e le scommesse del portafoglio gestito da Aams, è tornato all’Erario il 16,3% di quanto raccolto. Non tutto il settore però è in crescita: molto bene sono andate le new slot, le scommesse e i Gratta e Vinci, ormai in crisi l’ippica, Totocalcio e «simili». - NEW SLOT: sfondando il muro dei 20 mld ed arrivando a raccogliere 21.483 mln di euro, sono state ancora una volta il primo gioco in Italia. - GRATTA E VINCI: secondo posto per uno dei «fenomeni» degli ultimi anni. Il gioco gestito dal Consorzio Lotterie Nazionali ha registrato nel 2008 una raccolta di 9.178 milioni di euro con un aumento del 16,7%, vale a dire 1.312 milioni, rispetto ai 7.866 milioni di euro raccolti nel 2007. - LOTTERIE: Continuano a crescere quelle tradizionali (tra le quali la Lotteria Italia) che, con un incremento del 9,1%, hanno chiuso il 2008 con una raccolta di 96,5 mln contro gli 88,4 del 2007. Il 21,6% degli incassi, vale a dire oltre 20,8 milioni sono andati invece all’Erario. - SCOMMESSE: Oltre 3,9 miliardi di euro, con un incremento annuale del 50,9% ed una raccolta erariale per 191,4 milioni di euro. Un vero e proprio record di crescita. - LOTTO: nel 2008 ha raccolto 5.852 mln, in calo del 5,3% rispetto ai 6.177 milioni incassati nel 2007. Degli incassi complessivi il Lotto ha invece restituito all’Erario il 20%, pari a 1.565 mln.

Gazzetta Ufficiale

Ordinanza decretata sui bocconi killer

Le slot sono il primo gioco in Italia, hanno raccolto oltre 20 miliardi di euro

- ANNO RECORD PER IL SUPERENALOTTO: Il concorso che nel 2008 ha assegnato il premio più alto mai distribuito in Italia (100 mln a Catania), ha registrato

un ottimo andamento nella raccolta dell’intero 2008, toccando incassi per 2.509 milioni di euro (+29,3% rispetto ai 1.940 milioni del 2007).

- TOTOCALCIO NON PIÙ DI MODA: Il 2008 non ha fermato l’ennesimo calo dello storico gioco nato nel 1946, segnando una raccolta pari a 163,4 milioni, con

un calo del 22,1% rispetto ai 209,7 mln incassati nel 2007. All’Erario sono andati invece 55,3 milioni contro i 70,9 dell’anno precedente.

ROMA - Pubblicata in Gazzetta Ufficiale l’ ordinanza del sottosegretario alla Salute, Francesca Martini, contro l’uso di bocconi killer, con soddisfazione per ambientalisti e animalisti. Secondo la Lega antivivisezione (Lav), si tratta di un «primo segnale positivo di attenzione su una pratica illegale e crudele». Secondo il Wwf quella dei bocconi killer «è una priorità da affrontare a livello nazionale». Le esche sono infatti fatali per «moltissimi animali domestici», come ricorda l’Enpa, ma anche per specie protette, sottolinea il Wwf: sono infatti la principale minaccia e la prima causa di morte per gli ultimi esemplari di Orso bruno marsicano e di lupo sull’Appennino. Massimo Vitturi, responsabile Lav caccia e fauna, ritiene inoltre «fondamentale la trasformazione dell’Ordinanza Martini in legge, per sanzionare eventuali comportamenti omissivi».

La Cei invita tutti i cattolici a una presa di coscienza delle potenzialità e dei pericoli di internet

La Chiesa italiana nell’era di Facebook Alle famiglie il consiglio di usare la tecnologia della comunicazione con discernimento e responsabilità

E’ stata recentemente annunciata la creazione di un canale di You Tube dedicato interamente all’attività di Papa Benedetto XVI

ROMA - Nell’era di Facebook la Chiesa cattolica italiana riafferma la sua presenza in internet, della quale vuole sfruttare tutte le potenzialità in funzione “pastorale”, ma, di fronte alle indubbie insidie dei social network, invoca regole, invita a “non parlare con gli sconosciuti”, spera che l’etica continui a prevalere sulla tecnologia, e che il mondo virtuale non sostituisca le relazioni umane fatte di voci, sguardi, strette di mano. Qualche tempo fa fece scalpore la scelta dell’arcivescovo di Napoli, card.Crescenzio Sepe, di affrontare Facebook in prima persona. «Serve a diffondere la parola di

menti, ma anche della loro diffusione a diocesi e parrocchie. Lo sviluppo dei social network rappresenta «una grande opportunità, ma anche causa di possibili ingiustizie», da usare quindi con il giusto discernimento e con senso di responsabilità. Occorre, insomma «assumere ed elaborare, in rapporto alle tecniche utilizzate, un sovrappiù di etica». Alle famiglie, un semplice consiglio, «diffidate dagli sconosciuti». Dal presidente della Cei, mons. Mariano Crociata, una raccomandazione: «Internet oscilla tra esaltazione e diffidenza, sarebbe ora - ha detto - di trovare una giusta via di mezzo».

Dio», aveva spiegato in quella occasione. Più recentemente, è stato annunciato un accordo per dedicare all’attività pubblica del Papa un canale su Youtube. Insomma, la Chiesa italiana, pur confessandosi «not digital native», nata cioè prima della generazio-

ne di internet, ha dimostrato in molti modi di non temere la partecipazione ai nuovi “luoghi” della comunicazione: fra l’altro, istituendo, fin dagli albori di internet, un potentissimo centro informatico, il Si.Cei che si occupa dello sviluppo dei nuovi stru-


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 11

Attualità

Scoperti nella bocca i recettori per la nicotina

Una sigaretta vi intriga? Tutta colpa delle papille Chi avverte meno il gusto amaro va meno soggetto ad assuefazione ROMA - Poche cose sono ’gustose’ come una sigaretta. Parola di fumatore. Una ‘bionda’, in altre parole, è come la cioccolata: il nostro palato la sente e ‘desidera’ di riprovarne il gusto. A dimostrare scientificamente e biologicamente il legame tra la dipendenza da fumo e gli organi di gusto arriva uno studio, pubblicato su Pnas, che ha scoperto per la prima volta la presenza dei recettori della nicotina nelle papille gustative. Una scoperta che può aprire la strada a nuovi farmaci anti-fumo da applicare direttamente sulla lingua. Oltre ai recettori della nicotina presenti nel cervello, i ricercatori hanno scoperto infatti un altro ’percorso’ o ’strada’ che contri-

Per un fumatore le sigarette sono “gustose”. Si deve a recettori della nicotina presenti nelle papille gustative Chi è più insensibile al gusto amaro sarebbe meno soggetto al vizio del fumo

buisce all’assuefazione al fumo da sigaretta, e che attiva anche un’area cerebrale che una volta danneggiata, porta istantanea-

Progressi per la chirurgia australiana

Arriva il microrobot che libera le arterie

mente alla perdita dell’assuefazione. Partendo dall’idea che il gusto sia importante per la dipendenza da tabacco, i ricercatori si

sono concentrati sulla mancanza di una proteina nella bocca, la trpm5, implicata nel riconoscimento dei sapori amari, come la

nicotina. Infatti gli individui con un’estrema capacità di assaggiare e gustare l’amaro sono più resistenti all’assuefazione da fu-

Azienda britannica ha ottenuto l’autorizzazione a usare cellule di feti abortiti

Riprendersi da un ictus grazie alle staminali Esperimento senza precedenti in Inghilterra

A partire da aprile saranno impiantate per riparare i danni subiti dal cervello

Per liberare arterie occluse da trombi c’è un microrobot

ROMA - Funziona con la piezoelettricità, come gli accendigas che si usano in cucina, il microrobot che si può iniettare nelle arterie per fare interventi di altissima precisione, come liberare arterie occluse da trombi. È stato costruito in Australia, nella Monash University di Melbourne e descritto sul Journal of Micromechanics and Microengineering. Ha la forma di un bastoncello e le dimensioni di appena un quarto di millimetro. Nella simulazione grafica pubblicata dalla stessa università, il microrobot viene iniettato nell’arteria femorale e, una volta all’interno del circolo sanguigno, viene liberato e spinto dal motorino piezoelettrico che lo accompagna. Da questo momento in poi il microrobot chirurgo nuota in modo autonomo grazie a una coda lunga e sottile che si muove come un’elica e agisce come un propulsore. In questo modo, teleguidato dal chirurgo, il robot raggiunge la zona da operare ed entra in azione con i suoi minuscoli strumenti. Sperano di usarlo entro il 2009.

Pazienti selezionati in base a test genetici

Si sperimenta il vaccino contro il tumore al polmone ROMA - Un vaccino è attualmente in fase di studio in diversi paesi del mondo per il trattamento del carcinoma polmonare non a piccole cellule, il più diffuso con l’80% delle diagnosi, e del melanoma, e si propone come un’arma in più, a fianco di radio e chemioterapia, per fronteggiare questa gravissima forma di cancro. «Nella seconda fase dei test clinici - spiega Luca Marini, direttore medico oncologia di Gsk (GlaxoSmithKline) -, si è registrata una riduzione del 27% del rischio di ricomparsa della malattia nei pazienti con tumore del polmone non a

Verso un vaccino

piccole cellule». La successiva fase di sperimentazione coinvolgerà 2.270 pazienti risultati positivi all’antigene tumorale Mage-A3.

mo, e che le lesioni all’insula (l’area del cervello dove risiede la corteccia del gusto) influiscono su questo processo. Quello che hanno scoperto i ricercatori è che la nicotina stimola due diversi sistemi nella bocca, uno legato alla proteina trpm5, usata anche per riconoscere le sostanze amare, e un altro apparentemente specifico per la nicotina e indipendente dalla trpm5, che attiva un modello neurale unico nella corteccia cerebrale del gusto.

ROMA - Destinata a suscitare polemiche tra quanto ritengono non etico utilizzare staminali embrionali, partirà a breve in Inghilterra la prima sperimentazione clinica con cellule staminali estratte da feti umani abortiti per la cura delle lesioni cerebrali causate dall’ictus. A dare l’annuncio è la BBC: il trial clinico unico nel suo genere sarà condotto da Keith Muir, presso il the Southern General Hospital di Glasgow. Lo studio, che coinvolgerà per due anni quattro gruppi di tre pazienti e partirà a metà 2009, prevede l’impianto di staminali fetali nel cervello dei pazienti per vedere se le cellule riescono a rigenerare le aree neurali danneggiate dall’ictus. All’inizio verrà somministrata una dose bassa di staminali fetali, due milioni di cellule, poi dosi crescenti fino a 20 milioni. Oggi solo un terzo dei pazienti reduci da ictus recupera le proprie funzionalità completamente, gli altri o muoiono in seguito all’evento, oppure rimangono disabili. Oggi l’unico rimedio post-ictus è la fisioterapia che però non sempre dà i risultati sperati. Tutt’altra cosa sarebbe un trattamento a base di staminali che vadano a ripristinare la popolazione di neuroni delle aree lesionate. La compagnia che ha sviluppato le cellule a partire da feti abortiti, la Reneuron, aveva già tentato due anni fa in Usa di far partire il trial, ma non ottenne il disco verde della FDA. In Gran Bretagna invece c’è stato il consenso della Medicines and Healthcare Products Regulatory Agency. «Se funzionerà come è successo nelle sperimentazioni su animali -

L’azienda farmaceutica che guida l’esperimento finora si è sempre vista negare i permessi per l’uso di staminali embrionali

conclude Muir - il trapianto potrebbe permettere la crescita di nuove cellule nervose che ripristinino le funzioni nei pazienti» che non han-

no trovato giovamento dalla fisioterapia. L’approvazione dell’agenzia per il controllo dei prodotti farmaceutici

è una vittoria per l’azienda di biotecnologia britannica, che si appresta a lanciare il pioneristico esperimento in collaborazione con un team di medici scozzesi. ReNeuron Group ‹RQE.L› finora aveva visto negarsi il permesso per simili test dalle autorità statunitensi, e ciò rappresenta un grande passo avanti per la Gran Bretagna, già leader nello sviluppo di trattamenti con cellule staminali. I primi pazienti verranno reclutati per la Fase I del programma all’Istituto di scienze neurologiche dell’Ospedale generale meridionale di Glasgow, nel secondo trimestre di quest’anno. Un totale di 12 pazienti verranno sottoposti alla terapia ReN001 di ReNeuron nel periodo che va dai 6 ai 24 mesi successivi all’ictus.

É lo stesso che predispone alla sindrome di Chron e dell’intestino irritabile

Dietro la dipendenza da insulina c’è un batterio Un ricercatore italiano punta l’indice sul “Map” ROMA - Tra le cause scatenanti del diabete di tipo 1, quello cioè insulinodipendente, ci sarebbe il Map, Mycobacterium avium paratuberculosis, ’parente’ dei batteri che causano la lebbra e la Tbc e che spesso infetta i bovini entrando così nella nostra catena alimentare. È quanto emerge da una ricerca condotta da Leonardo Sechi, docente di microbiologia dell’Università di Sassari, anticipata su Focus e in pubblicazione sulla rivista scientifica internazionale Plos One, secondo cui in Sardegna il 70% dei casi di diabete I è correla-

Le cause del diabete di tipo I

to al Map. «Diversi studi - ricorda Sechi - hanno già dimostrato che nei soggetti geneticamente predisposti il Map è in molti casi responsabile del morbo di Crohn e della sindrome dell’intestino irritabile. Oggi sappiamo che in queste persone il Map può indurre anche lo sviluppo del diabete di tipo I». Non solo: secondo i ricercatori di Sassari nei diabetici in cui è assente il Map tra le cause ci potrebbero essere altri patogeni. Dai primi dati elaborati, è emerso che il 70% dei sardi con diabete di tipo I ha il batterio.


12 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

LOTTO & SUPERENALOTTO

A CURA DI PASQUALE SANTILIO*

La decina 30-39 ha maturato un buon ritardo per ambo, sia sulla ruota lombarda che a Tutte

Milano corteggia la trentina ROMA - In questa occasione, desideriamo proporvi per ogni ruota previsioni mirate e ristrette da seguire solo per due estrazioni, vale a dire quella di sabato 17 e per martedì 20gennaio. Come

potete osservare dal box che ospita questi pronostici, vi proponiamo per ogni compartimento un ambo ed una cinquina. I numeri che formano l’ambo sono da giocare anche per

ambata; gli stessi si ripetono anche nella cinquina che deve essere seguita per le sorti di ambo, terno, quaterna e cinquina sulla ruota di riferimento. A vostra discrezione, potete

Le previsioni valide per le prossime 2 estrazioni Bari

59-1

Napoli

1-5-50-55-59

1-10

1-10-11-19-90

Cagliari 26-29 26-29-84-85-89

Palermo 24-78 1-24-72-78-79

Firenze 15-75 15-26-37-75-90

Roma

28-88 8-28-48-72-88

Genova 69-87 69-81-84-87-90

Torino

58-68 50-55-58-59-68

Milano

Venezia 30-90 10-30-40-60-90

33-36 30-33-36-38-39

giocare la cinquina di una ruota anche su Tutte solo per terno, quaterna e cinquina. Vi ricordiamo che l’ambo con cinque numeri paga un premio pari a circa 25 volte la cifra giocata, il terno rende 425 volte la somma puntata, la quaterna 16.000 volte e la cinquina poco meno di 6 milioni ciò che abbiamo scommesso. Ogni pronostico è stato elaborato su base statistica, poiché abbiamo raggruppato gli elementi di convergenza tra le serie più ritardate di ogni singola ruota. Il gioco va abbandonato al conseguimento della prima vincita realizzata nei tempi e con le modalità ora indicate.

I numeri su fondo grigio ed in bianco sono da giocare per ambata e ambo secco. Ogni cinquina, invece, va giocata per ambo, terno, quaterna e cinquina.

I dieci numeri più in ritardo BARI CAGLIARI FIRENZE GENOVA MILANO NAPOLI PALERMO ROMA TORINO VENEZIA NAZIONALE TUTTE

N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT.

59 91 26 58 30 66 83 71 33 70 9 76 1 91 77 94 68 108 40 88 2 91 72 12

SUPERENALOTTO

64 89 19 51 44 56 30 57 25 66 63 68 79 84 38 60 32 77 29 76 69 63 1 9

1 70 54 46 79 46 11 54 27 63 57 51 70 69 19 56 49 64 25 74 82 53 59 8

45 47 79 45 37 44 42 52 36 50 1 50 59 51 57 51 58 64 38 66 24 52 62 8

35 44 72 43 19 42 87 47 22 49 5 46 44 47 13 50 34 56 23 62 86 52 11 5

68 41 21 41 55 42 17 45 13 44 72 42 73 44 21 46 39 56 56 58 54 49 19 4

56 40 23 38 67 40 86 44 86 41 36 39 60 43 1 43 64 56 76 57 84 46 61 4

ritardate ed altre fortemente scompensate. Per tanto, non sono molti gli spunti statistici a cui far riferi-

67-85-87-88-1-72-18

67-85-87-88-1-72-59

67-85-87-88-1-72-11

67-85-87-88-1-72-62

67-85-87-88-1-72-82

67-85-87-88-1-72-19

67-85-87-88-1-72-89

67-85-87-88-1-72-10

67-85-87-88-1-72-77

67-85-87-88-1-72-37

Ogni combinazione è composta da sette numeri e costa euro 3,50. Sono giocate integrali anche dette matematiche.

19 39 57 36 58 38 45 40 57 40 70 39 72 43 18 43 63 48 3 55 23 44 68 4

73 37 89 36 24 36 76 39 87 40 40 37 4 42 86 40 6 47 15 52 41 41 81 4

N UM. FREQ. UM. CAGLIARI FNREQ . N UM. FIRENZE FREQ. N UM. GENOVA FREQ. N UM. MILANO FREQ. N UM. NAPOLI FREQ. UM. PALERMO FNREQ . N UM. ROMA FREQ. N UM. TORINO FREQ. N UM. VENEZIA FREQ. UM. NAZIONALE FNREQ . N UM. TUTTE FREQ.

75 37 42 35 5 33 1 35 14 38 47 36 11 42 76 37 11 44 45 51 7 39 10 3

BARI

Jackpot previsto di

61 17 58 17 32 16 79 17 65 17 16 18 63 16 55 18 26 17 8 17 39 19 46 116

50 16 15 15 40 16 14 16 16 16 80 18 88 16 23 17 9 16 27 16 27 17 42 115

70 16 33 15 14 15 64 16 8 15 2 16 21 15 34 17 19 16 73 16 17 16 90 115

Figure

78 16 42 15 20 15 12 15 66 15 19 15 35 15 63 17 48 16 9 15 33 16 9 114

85 16 73 15 25 15 73 15 81 15 20 15 39 15 53 15 75 16 46 15 74 15 63 112

8 15 1 14 48 15 74 15 82 15 23 15 40 15 72 15 79 16 83 15 76 15 20 111

14 15 11 14 29 14 2 14 7 14 39 14 61 15 84 15 28 15 22 14 18 14 39 111

87 15 17 14 35 14 4 14 9 14 52 14 29 14 11 14 51 15 32 14 20 14 14 110

3 14 71 14 57 14 15 14 53 14 58 14 30 14 18 14 7 14 34 14 26 14 22 110

44

Cadenze

Fig. R.A. R.S. F.A. F.S.

mento per l’individuazione e la selezione di buoni numeri. In questa circostanza, come potete osservare dal box in questo spazio, abbiamo deciso di proporvi un piccolo sistema composta da 10 giocate di 7 numeri ciascuna per una spesa pari a euro 3,50. Sono combinazioni matematiche dove la sestina indicata nel titolo, vale a dire quella composta da 67-85-87-88-1-72 funge da base. Gli altri numeri ruotano nell’ambito del sistema e, come è facile immaginare, alla sortita di almeno tre numeri fissi potremo assicurarci vincite multiple. Per non parlare di esiti straordinari se dovessimo avere la fortuna di centrare quattro o tutte e cinque le fisse da noi previste. Buona fortuna a tutti voi.

IN SESTINA

25

22 19 47 17 9 16 68 17 17 21 13 22 62 16 20 19 14 18 84 21 25 19 88 117

0 2 1 4 1 0 0 0 1

1 2 3 4 5 6 7 8 9

11 10 9 9 11 8 9 11 9

6 2 4 4 6 7 4 6 3

2289 2257 2306 2327 2249 2298 2335 2314 2301

I ritardi attuali e storici così come le frequenze, di un elemento di ciascuna delle 9 serie figurali, nella sestina.

Decine

55

86

N UM. RIT.

0 1 2 3 4 5 6 7 8

0 0 0 2 0 0 1 2 8

8 13 9 14 11 11 8 11 13

4 8 8 4 5 5 5 3 0

2309 2250 2150 2217 2241 2243 2348 2396 2522

I ritardi attuali e storici, così come le frequenze, di un numero di ciascuna delle 10 decine, nella sestina.

18

36

77 53 79 11

88 42 57

37

51

50

48

40

34

32

31

29

66 83 87 79

90

3

76

85

46

43

76

32.000.000,00 €

I dieci numeri più frequenti IN SESTINA

N UM. FREQ.

88

81

Cad. R.A. R.S. F.A. F.S. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0

1 2 3 0 0 1 5 0 1 1

12 13 11 13 9 12 10 10 12 12

4 1 2 11 8 3 1 4 3 5

2133 2083 2090 2048 2072 2078 2016 2066 2032 2058

I ritardi attuali e storici così come le frequenze, di un elemento di ciascuna delle 10 cadenze, nella sestina.

Dec. R.A. R.S. F.A. F.S.

I dieci numeri più in ritardo

Così l’ultimo concorso: 24

90 89

Dieci giocate integrali dal costo di euro 3,50 ciascuna

Il sistema è valido per il concorso odierno

15

3

I dieci numeri più frequenti

Anche la finale 7 e la figura 4 hanno un buon ritardo

8

NAZIONALE 76 46

* Direttore responsabile di SuperLotto

Stop alla decina 80-89: 85-87-88 ci provano! ROMA - Gli ultimi concorsi hanno determinato lo sfaldamento di alcune tra le formazioni tradizionali più

ESTRAZIONE N. 7 DEL 15/1/2009 BARI 44 86 5 85 82 CAGLIARI 44 3 82 9 15 FIRENZE 8 48 29 53 33 GENOVA 80 26 66 18 7 MILANO 15 41 65 30 51 NAPOLI 8 55 90 80 85 PALERMO 24 39 45 63 9 ROMA 25 63 42 3 64 TORINO 28 37 54 70 82 VENEZIA 86 49 18 32 14

275 265 263 262 260 258 255 254 254 252

Super

Lotto in edicola lunedì e venerdì


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 13

Speciale

La frase di...Gesualdo Bufalino

“L’impazienza di Dio nel pubblicare il mondo non finisce di sbalordirmi. Cose così si tengono nel cassetto per sempre”

a cura di Stefania Nardini

Biondillo, Bucciarelli, Morchio, Negro raccontano allo scrittore Marino Magliani come sono nati i loro personaggi. Figure divenute ormai familiari per i lettori

Nelle parole l’anima, sulla carta lavita Sono attaccati alla pelle degli autori che ne diventano padri

Dolores Vergani, Bacci Pagano… Chi sono? Ecco le loro storie

Marino Magliani

da la memoria. E "fare memoria" è l'attitudine principale delle mie due autentiche passioni: l'architettura e la letteratura." Roberto Negro: "Il rischio di scrivere di un personaggio che possiamo definire "seriale", è quello di non poter più decidere se abbandonarlo o meno. Spesso, sono gli stessi lettori a chiederti di continuare a farlo vivere nei tuoi racconti. Nel mio caso, Scichilone è ormai entrato a far parte del quotidiano, con il rischio concreto di farmi vivere due vite parallele: la mia e la sua. Mi accorgo che gli anedotti narrati a volte sono ispirati da fatti della mia vita. D'altronde non credo esistano alternative. Non si può raccontare di un personaggio seriale, senza calarti nel personaggio. Per rispondere alla tua domanda, direi che non ho mai pensato di abbandonare Scichilone, almeno sino a quando i miei lettori vorranno farlo vivere." Bruno Morchio: "Eccome sono stato tentato! Al punto che, da questa estate, sto lavorando a un romanzo che non solo non racconta di Bacci Pagano, ma esce decisamente dalle coordinate noir (per quanto il noir abbia rappresentato per molti, me incluso, il modo per uscire dalla gabbia del giallo). "Sto lavorando" significa prendere appunti, raccogliere documentazione, fare scalette e abbozzi di personaggi e situazioni narrative. In realtà ho scritto una ventina di pagine e non sono riuscito ad andare oltre. Ma, nello stesso tempo, sto pensando a una nuova avventura del mio personaggio, questa volta più complessa e impegnativa. Non so quale dei due libri, alla fine, uscirà fuori, spero entrambi. Ma resta vero che staccarmi da Bacci Pagano mi risulta difficile, non solo per ragioni "di mercato, e neanche solo perché scrivere di lui dà scorrevolezza al lavoro, ma per una sorta di attaccamento affettivo, qualcosa che potrebbe assomigliare a una dipendenza Forse mi succede perché il personaggio "vive" nella mente degli altri, i suoi lettori, e non è più soltanto "mio". In effetti, nessuno mi chiede di scrivere un nuovo libro, tutti aspettano la prossima avventura di Bacci Pagano; e quante volte, presentato a uno sconosciuto, vedo la sua faccia rimanere impassibile finché il trait d'union non si decide a precisare: Sai chi è? L'autore di Bacci Pagano! Solo allora il mio interlocutore "mi riconosce" e spalanca gli occhi e un largo sorriso.

Tanti anni che scrivo e sono ancora solo. Ricordo i miei primi racconti, i primi romanzi annegati nel Mar del Nord. Cose che, come diceva uno scrittore delle mie parti, non valevano l'acquavite per conservarli. Forse era lí che dovevo imparare a salvare i personaggi, tenerli con me, come si conserva un'amicizia. Niente, non ho portato con me nessuno, non ho salvato nessuno, non c'é un personaggio di un mio libro che sia riuscito, come fanno quei roditori che sembrano alati, a saltare da un albero all'altro. Invece, si sa, ci sono autori che riescono a far felici i propri lettori regalando loro ciclicamente lo stesso personaggio. Anch'io sono uno di quei lettori. Attendo di conoscere ad esempio altre storie dell'ispettore Maria Dolores Vergani di Elisabetta Bucciarelli, ( Mursia e Alberto Perdisa editore), e dell'ispettore Michele Ferraro di Gianni Biondillo, ( Guanda ), del detective Bacci Pagano inventato da Bruno Morchio ( Garzanti e Frilli ) e del commissario Scichilone di Roberto Negro ( Frilli ). A questi autori ho posto una domanda, la stessa per tutti, e gentilmente mi hanno risposto. Sei mai stato/a tentato/a qualche volta di mollare in una cunetta il tuo personaggio, di dire basta, voglio raccontare senza piú Lui o Lei, senza piú gabbie, piú manette narrative? "L'ho vista e mi ha colpita. - racconta Elisabetta Bucciarelli - La sua apparente e fastidiosa normalità. Quei capelli lisci. La pelle chiara. Vestita come un uomo. Intelligente e pulita. Incapace di concedersi se non per sentimenti profondi. Non so se davvero reale o la somma di più persone conosciute. Da quel giorno sono rimasta rapita e intrappolata da lei, Maria Dolores Vergani. Ho iniziato a conoscerla con un racconto, poi un altro. Quindi il primo romanzo, il secondo, il terzo e ancora racconti. Un'ossessione. Lei si muove, vive, pensa, agisce e intanto cambia, si modifica, cresce. Ricorda e dimentica. Fa progetti. Sta in piedi da sola. Ora conosco il suo passato, i suoi dolori. Intuisco i suoi desideri, cerco di scoprire i pensieri più nascosti. Sono riuscita, nonostante le sue resistenze, a farle incontrare un uomo e a mantenere l'amicizia con una donna. L'ho guardata risolvere casi e non capirci niente. Fare cose che io non farei mai. L'ho anche odiata. Perché non riusciva a essere sincera con se stessa, perché tradiva le mie

Gianni Biondillo, Elisabetta Bucciarelli e Bruno Morchio

Novità

“Fiocco rosa”, perché la maternità è femmina "Fiocco rosa. Gravidanza e maternità nei racconti delle donne italiane" (edizioni Fernandel). Maternità voluta o negata, e delle difficoltà che derivano dal mutare del ruolo della donna nella nostra società. Diciassette racconti dai quali emerge uno spaccato realistico e deprimente: avere un bambino non è più un "lieto evento", ma un problema da cui scaturiscono preoccupazioni a non finire. Così inevitabilmente in queste pagine si parla di aborto, ma anche delle difficoltà di tante donne che cercano di coniugare il desiderio di avere figli con le scelte imposte dalla vita professionale, che vede la maternità come un ostacolo incompatibile con la carriera. Ma a dispetto di qualunque ostacolo le protagoniste di questi racconti sono assolutamente determinate nel loro desiderio di maternità. aspettative. Non era forte come volevo, sicura di sé, centrale nelle vicende. Rimaneva lì, in disparte. Ferma, ingombrante. Sì, ho anche pensato di farla fuori. Più volte. L'ho messa in difficoltà. Nel prossimo romanzo per esempio. Ma lei mi ha fatto cambiare idea. E' rimasta ancora. Mi ha stupita. E' una delle poche persone che riesce a farlo. Non ha nulla di scontato. Quindi è necessaria. In questo momento (e chissà per quanto) non posso fare a meno di raccontare ancora il mondo attraverso i suoi occhi." Gianni Biondillo: "A dir la verità, con il romanzo che uscirà quest' anno sono ormai undici i volumi che ho pubblicato e solo tre vedono come protagonista Michele Ferraro. Questo per dirti che il problema della serialità per me è un nonproblema. Ogni storia richiede una lingua, una forma di narrazione, un protagonista. Se il protagonista è Ferraro ben venga, altrimenti la cosa né mi tocca né mi turba. In fondo ogni scrittore non fa che scri-

vere delle proprie ossessioni: mettere al centro dell'attenzione lo stesso personaggio seriale o cambiare protagonista ogni volta, ma continuando a parlare delle proprie ossessive passioni, è, gratta gratta, la stessa identica cosa. Ci sono fior fiore di autori che pur non possedendo un personaggio seriale non fanno altro che scrivere sempre lo stesso libro. Tra l'altro, molto spesso, Ferraro è più spettatore che protagonista delle vicende che narro. E qual è, quindi, la mia ossessione? Forse è, più che l'ispettore Michele Ferraro, lo scenario dove lui vive: quindi Milano, le trasformazioni socioantropologiche di una grande città, le mutazioni del territorio, le nuove immigrazioni, identiche a quelle di due generazioni fa, con le loro speranze, le loro piccole vite dignitose e le continue traversie che devono sopportare. È raccontare l'umano, oggi, in questa Italia che cambia così repentinamente che quasi occorre fissarla su carta affinché non se ne per-

Silvia Roncaglia

Sara e il suo conflitto con la madre ebrea E' in uscita il romanzo, bellissimo e straziante, di Silvia Roncaglia "Perché mai è diversa questa sera?" (edizioni Fanucci) che racconta la storia di una ragazza quindicenne che vive con contraddizione e fastidio il rapporto con la madre ebrea, apprensiva e tormentata, e con un passato tragico alle spalle. Quando però Sara, la protagonista, si innamorerà del ragazzo sbagliato, sarà costretta da questa relazione a capire sulla sua pelle, tra dubbi, rivelazioni e colpi di scena, la terribile realtà del razzismo. Silvia

Roncaglia, nata a Modena, scrive libri per ragazzi e drammaturgie per il teatro. Fanucci Editore ha pubblicato "Caro Johnny Depp" nel 2005, vincitore del premio Bancarellino; tra i numerosi premi dei quali l'autrice è stata insignita ricordiamo il terzo premio del Concorso Nazionale della Fiaba Illustrata 1998 con "Il signore delle farfalle", il premio Lega Ambiente 2001 con "Sporche storie", mentre il libro "Ma che razza di razza è?" ha avuto la menzione d'onore del premio Grinzane Cavour 2001.

Nel libro di Paolo Paoli un suggestivo affresco della civiltà contadina

La campagna che non muore Il tempo corre veloce al giorno d'oggi moltiplicando impegni, contatti, spostamenti. Viviamo una quotidianità accelerata nella quale si bruciano settimane, si consumano stagioni, scompaiono o si dimenticano interi mondi. Per fortuna ci sono libri capaci di recuperare la memoria e restituire alla frenesia del presente fatti, persone e atmosfere di un passato che non è così remoto da non poterci ancora appartenere. Uno di questi preziosi testimoni è l'agile volumetto ("C'era una volta... il mondo contadino", pagine 135, Pro Loco Cannara) che Paolo Paoli ha dedicato alla società rurale cannarese della prima metà del Novecento. L'autore, per 15 anni titolare dell'unica farmacia del paese, usava spendere il suo tempo libero a contatto con i contadini, condividendone le difficoltà, le soddisfazioni, le realizzazioni. Oggi ha voluto raccogliere nel suo libro un patrimonio di ricordi e di notizie che si traduce in un gradevolissimo affresco di una società forse in via di estinzione ma ancora ricca di fascino. Paoli la ricostruisce con affettuosa meticolosità, rievocandone non solo i momenti cardine quali la trebbiatura o l'uccisione del maiale, ma anche le figure, le abitazioni, gli attrezzi, descritti con precisione e illustrati da interessanti e rare fotografie. Un utile e divertente glossario dei modi di dire e dialettali della zona e di detti e proverbi popolari completa una lettura che non è solo un'operazione di nostalgia ma anche una testimonianza per il futuro.

In arrivo

Genova e il G 8 nel libro di Gensini Dario ha trent'anni, è un celerino. Si sente, più che un poliziotto. Insieme ai suoi compagni Leone, Gundam e tutti gli altri, spende la domenica prestando servizio negli stadi italiani. Loro sono il Reparto mobile, sono quelli del "lavoro sporco", quelli guardati con distacco da tutto il resto della polizia. Per loro è un'opportunità per guadagnare qualche soldo in più con le ore di straordinario. Ma è anche l'occasione per dare libero sfogo alla rabbia. Una rabbia accumulata in centinaia di domeniche sempre uguali, domeniche scandi-

te dalla violenza folle e senza senso degli "ultras". Dario è totalmente assorbito dalla sua quotidianità fatta di cariche e scontri, consapevole del fatto che è una fuga da qualcosa nascosto nel suo passato. Nulla è davvero importante per lui, solo il tempo trascorso in strada o sotto una curva. Ma il G8 di Genova piomba sulla sua vita e su quella dei suoi compagni. "Genova sembrava d'oro e d'argento" (edizioni Mondadori) è il romanzo di Giacomo Gensini, trentotto anni, ex poliziotto, in arrivo in libreria.


Pag. 14

CALABRIA il Domani

www.ildomanionline.it

Concessionaria esclusiva di pubblicità telefono 0961996802 fax 0961903421

Martedì 20 Gennaio 2009

Concessionaria esclusiva di pubblicità telefono 0961996802 fax 0961903421

I Democratici calabresi non giocano più con due mazzi. Per ora conviene mostrarsi uniti. Ogni posizionamento è salvo

Scoppia la (finta) pace nel Pd Un patto di non belligeranza per regalare un sorriso a tutti finché è possibile COSENZA — Sarà anche con

l’acqua alla gola ma dobbiamo ammetterlo senza riserve, il Pd sa vendere meglio i latticini freschi della casa. È capace con le sue rotative di servizio di far passare un incendio sotto cenere in una pace (finta). Riesce sempre, grazie alla complicità silente del Pdl, a fare notizia. È così, non c’è niente da fare. Anche quando mente sapendo di mentire. Anche quando a Roma non sanno che fare del Pd di Calabria. Anche quando sono all’orizzonte drammatiche e tempestose nuvole nere, non solo politiche ovviamente. Ma è il Pd di Calabria e con quel po’ che governa in giro non ci puoi fare niente, detta la “linea”. E così è facile fotografare il governatore con la tessera numero uno di domenica mattina lui che per primo ha fatto di tutto per non farlo nascer proprio, il Pd. Ed è ancora più facile, magari a Cowww.ildomani.it

Reg. Tribunale nr. 64 del 15/7/97

Fondatore

Guido Talarico Direttore

Massimo Tigani Sava Direttore responsabile

Orlando Rotondaro Editore

T&P Editori Direzione, Redazione e Amministrazione

loc. Serramonda - Zona industriale Marcellinara (Cz) 0961/996802 FAX 0961.903801/903907 E-mail: redazione@ildomani.it catanzaro@ildomani.it “La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250.”

PUBBLICITA’ LOCALE Concessionaria esclusiva

Mediatag Spa Presidente

Giuseppe Gangale Loc. Serramonda, Zona Industriale 88040 Marcellinara (Cz) tel. 0961.996802 fax 0961.903421 - 903.784 e-mail: info@mediatag.it

NAZIONALE: Piemme Spa via Umberto Novaro, 18 - 00195 Roma tel. 06.377081 - fax 06.3724830 Tariffe a modulo: 46 mm x 19 h. Commerciale euro 103,00 - Occasionale euro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q. euro 78,00 - Necrologie euro 77,00 cad. - Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: + 40%.

CENTRO STAMPA Stab. Tipografico De Rose - Montalto U. (Cs) per T&P Editori tel. 0961.996802 GRAFICA

manolibera

Progettazione grafica editoriale e pubblicitaria via Milelli, 1 - Catanzaro tel. 0961.706110 - fax 0961.743764 DIFFUSIONE•ABBONAMENTI Media Services - tel. 0965.644464

senza, andare in giro per locali notturni ad ammirare qualcuno che si spaccia per Richelieu, il cardinale che ne sapeva una più del diavolo e che riusciva a mettere ordine, il suo ordine, sopra ogni cosa. Va dicendo che ha messo sotto tutti ed è scoppiata la pace, il cardinale. Ma gli si allunga il naso perché nel Pd è solo calato, temporaneamente, il sipario. Parola d’ordine da mandare in pasto ai giornali unità e coesione. Questo sul tavolo. Sotto invece carriere da posizionare, pericoli da scansare, ambizioni da perseguire, poltrone da occupare. E se non basta, inciuci da programmare. Come quello di Cosenza, città mitica in questo senso. Per star tranquillo e non correre rischi Mario Oliverio s’è dovuto mettere di sabato pomeriggio a rincorrere tutti i pruriti in giro ma non perché gliene freghi qualcosa della “pax” ma perché sennò ai voglia di contarli i voti in fuga sotto le sedie, a giugno. Ora rischia meno, dopo la ritirata di Di Iacovo e i più maligni sul corso principale della città hanno fatto presto a capire il perché Pino Gentile sia stato in silenzio fino ad ora, almeno ufficialmente. Se non una spaccatura vera ne aspettava almeno una di fatto, il Pino di Cosenza. Gli è andata male però, almeno fin qui. Nel Pd è scoppiata invece la “pax”,

Agazio Loiero

Agazio Loiero può continuare a governare Adamo pure e Mario Pirillo guarda all’Europa per forza, e ora chi si chiama fuori, o rema contro, ne paga da solo le conseguenze. Non conviene più giocare con due mazzi di carte, nel Pd. Viene più utile a tutti stare uniti e stretti at-

Parco della Sila, il Tar sospende il concorso per funzionario CATANZARO — Il Tar Calabria - Ca-

tanzaro (presidente Fiorentino estensore Verlengia), all’ultima udienza del 15 gennaio scorso, con ordinanza n. 36/09, accogliendo integralmente le tesi difensive dell’avvocato Oreste Morcavallo nell’interesse di R. N., ha accolto l’istanza di sospensione delle procedure del concorso pubblico per esami di Funzionario Area Funzionale C bandito dall’Ente Parco Nazionale della Sila. Con ricorso del 28.11.2008 R. N. ha impungato la graduatoria di merito relativa alla prova scritta del concorso pubblico per esami bandito dall’Ente il 31.10.2008 per l’assunzione di n. 1 Funzionario a tempo indeterminato Responsabile Team Area Funzionale C, livello economico C3, in possesso della laurea in giurisprudenza. La ricorrente, difesa dall’avv. Morcavallo, col ricorso ha impugnato, pure, il bando di concorso e tutti gli atti adottati dall’Ente in relazione alla procedura concorsuale. Nel ricorso è stato evidenziato che l’Ente aveva espressamente previsto nell’avviso pubblico che le date delle prove di concorso fossero pubblicate sui siti dell’Ente e della società CNIPEC, che era affidataria delle procedure selettive, mentre successivamente le date delle prove sono state pubblicate solo sul sito dell’Ente, fuorviando - sostiene l’avvocato del ricorrente alcuni candidati, (tra cui la ricor-

La sede del Tar Calabria

rente), «che non hanno avuto alcuna notizia della data delle prove». Nel ricorso, quindi, è stato censurato il comportamento dell’Ente, «che, pur avendo previsto una forma alternativa di pubblicità delle prove, inopinatamente utilizzava un solo sito impedendo ad alcuni candidati di avere le informazioni necessarie». L’Ente intanto, «ha fatto svolgere regolarmente le prove scritte ed orali per il concorso, al quale hanno partecipato circa duecento laureati in giurisprudenza». Il Tar ora ha accolto integralmente le tesi difensive dichiarando la illegittimità delle procedure concorsuali e sospendendo il concorso. «Un’importante decisione - commenta l’avvocato Oreste Morcavallo - che consentirà la ripetizione delle prove concorsuali su un piano perfettamente paritario, senza preclusioni per nessun giovane laureato».

torno ad un unico tavolo, almeno fino a quando si può. Se non si dà fastidio più di tanto ad ognuno dei posizionamenti è garantita una via d’uscita, un bonus. Anche per Minniti che non vede l’ora di tagliare la corda nel Pd di Calabria. Doveva sistemare e “coprire” un paio di cosette, da queste parti. Anche delicate. Fin qui ha fatto quello che ha potuto, oltre non gli si può chiedere. E allora spazio a Loiero che può continuare a governare, non lo disturba nessuno almeno per ora. Ad Adamo, il capogruppo in consiglio, quello che prende la parola per primo quando si parla di piano sanitario. Non è come ai vecchi tempi ma con l’aria che tira non è poco. A Bova, il sovrano dello Stretto. Comanda l’Astronave e gli basta, poco gliene frega se in giro c’è tempesta. Vive nel suo mondo e va preso così com’è. A Pirillo, che ha già prenotato con la carta di credito il biglietto d’aereo per l’Europa e tutti gli hanno fatto credere fin qui che quella poltrona sarà sua. A Sandro Principe, il talento ribelle che sta stretto perché non l’hanno fatto “generale” nel Pd e lui sa bene che non lo diventerà mai. È stato abile, negli ultimi giorni e con l’ausilio del baffo di Castagna e del faccione di Guccione, a spaventare l’ambiente. Ma è bastato poco per rientrare nei ranghi. Per rimet-

tersi tra i banchi. Certo i riformisti dicono d’aver strappato a Franco Bruno e a Nicola Adamo una forte visibilità nel direttorio provinciale di Cosenza più una presenza con liste proprie nelle elezioni provinciali. Il modo migliore per contarsi e fare a pugni senza darlo a vedere. Ma non può bastare questo per ritirare una candidatura, quella di Di Iacovo, dopo 72 ore dall’annunciazione contraria. È intervenuto evidentemente dell’altro che non necessariamente è a conoscenza di tutti. Un patto di non belligeranza che poggia su un’unica condizione, piuttosto che sull’amore reciproco. Ognuno deve avere il suo, alla fine. Chi deve tornare in giunta, chi in consiglio, chi a guidare un ente strumentale, chi una commissione. Chi in Europa ovviamente. Chi deve semplicemente farla franca. Tutti devono uscire sorridenti da questa scorpacciata tra vecchi amici. Perché alla prima sedia che salta invece, anche per cause di forza maggiore, il banco perde. Esplode. E si rimescola tutto perché quando si scrivono parole d’amore sulla sabbia si sa poi quanto durano, c’è solo da augurarsi che il mare resti piatto il più a lungo possibile. Domenico Martelli

«Per Iritale nessuna richiesta di rinvio a giudizio» «E’ falsa la circostanza, sostenuta dall'on. Martilina Intrieri, che il presidente della Provincia di Crotone Sergio Iritale sia stato raggiunto da una richiesta di rinvio a giudizio». Lo ha riferito, nel corso di una conferenza stampa, l'avvocato Pasquale Carolei, che assiste il presidente Iritale nel procedimento che lo vede indagato dalla Procura della Repubblica di Crotone per abuso d'ufficio, omissione di atti d'ufficio, truffa, frode in pubbliche forniture e peculato in relazione ad un finanziamento erogato dalla Provincia all'associazione culturale “Maggio Crotonese” e ai compensi corrisposti ad un giornalista per la realizzazione di una rivista dell'ente che non ha mai visto la luce. Per questi due episodi Iritale; nell'aprile scorso è stato raggiunto da un avviso di garanzia, poi a dicembre gli è stato notificato un avviso di conclusione delle indagini. Ma - come ha spiegato l'avvocato Carolei - il pubblico ministero Pierpaolo Bruni, titolare del procedimento, al momento non ha formalizzato alcuna richiesta di rinvio a giudizio. «Resta da capire - ha dichiarato il legale - se l'improvvida dichiarazione di Intrieri sia frutto di un equivoco o di un'attenta disattenzione. (Agi).

Concessionaria esclusiva di pubblicità tel. 0961.996802 fax 0961.903421-903784 Sede legale: località Serramonda di Marcellinara


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 15

CALABRIA CATANZARO Durante il tavolo operativo è emerso che l’ente esaminerà le richieste del capoluogo e dell’hinterland dopo il nubifragio della scorsa settimana

Emergenza maltempo, incontro con la Regione Occorrerebbero circa 25miliardi di euro per la messa in sicurezza del territorio CATANZARO — La Regione è pronta ad esaminare le richieste prioritarie e dettagliate del comune Capoluogo di regione ed quelle dei centri dell’hinterland colpiti dal nubifragio della scorsa settimana. E’ quanto emerso dalla riunione tra il tavolo operativo costituito dal sindaco Olivo e la delegazione regionale messa in campo dal presidente della giunta Regionale Loiero e capeggiata dal sottosegretario, Vincenzo Falcone e dall’assessore Luigi Incarnato. Il sindaco Olivo aveva allargato il tavolo alla Provincia, rappresentata dal vice presidente Maurizio Vento, ed ai sindaci della prima cintura. Hanno risposto all’appello i primi cittadini di Sellia, Sorbo San Basile, Caraffa, San Floro, Gimigliano, Pentone, Simeri Crichi, Belcastro. Presenti all’incontro Salvatore Alcaro, dirigente della Protezione civile, numerosi assessori di palazzo de Nobili, capigruppo, presidenti commissioni consiliari, il direttore generale, Paolo Olliana la segretaria generale Teresa Mansi, il comandante dei Vigili urbani, generale Antonio Salerno ed i dirigenti del settore lavori pubblici, Carolina Ritrovato e del settore ambiente, Aldo Mauro. Il primo cittadino, dopo aver nuovamente ringraziato tutte le strutture tecniche comunali, i Vigili urbani, la Protezione civile regionale, la Provincia, le Società partecipate, ma anche gli organi dello Stato (Prefettura, questura, forze dell’ordine) e della Regione, nonché i vigili del fuoco, per l’impegno ed il lavoro svolto nelle giornate di mal tempo in primo luogo per mettere in sicurezza le persone, ha ringraziato i presenti ed in particolare il sottosegretario Falcone, l’assessore Incarnato, il vice presidente dell’amministrazione provinciale Vento ed i Sindaci intervenuti. «Ci siamo trovati difronte ad un mini uragano, così come l’ha definito Bertolaso, ha ribadito Oli-

Il tavolo operativo con rappresentanti regionali, provinciali e comunali

vo - per fortuna non ci sono state vittime. I pesanti danni subiti dalla città - ha detto ancora il sindaco - confermano le preoccupazioni che ho più volte espresso in ordine alla fragilità del territorio cittadino. Occorre avviare, assieme allo Stato e alla Regione, alla Provincia ed agli stessi Comuni, un grande progetto di risanamento che metta in sicurezza un territorio debole e purtroppo devastato anche dalla mano degli uomini. Decenni di abbandono e di lassismo hanno aggravato la situazione. Occorre, quindi, invertire la rotta e mettere al centro della nostra azione i temi della difesa dei suoli lavorando sulla prevenzione. Abbiamo provveduto già ad inoltrare le prime relazioni che ammontano a sedici milioni di euro, ma difronte a questa emergenza è necessario uno sforzo unitario e sinergico a cominciare da quello del governo centrale». Il quadro drammatico del comprensorio è

stato disegnato dai sindaci presenti che sono intervenuti segnalando le questioni più urgenti. Il vice presidente Vento ha sottolineato come la situazione del territorio provinciale «è molto grave i danni quantificati sono stati già sottoposti all’attenzione della Regione, ma ci sono danni maggiori non tutti ancora quantificati che riguardano la viabilità soprattutto di quella interna. Per questo motivo occorre superare il fenomeno dell’emergenza per lavorare compiutamente sul terreno della prevenzione. Occorre pertanto offrire alle Province le risorse necessarie affinché queste di concerto con la Regione possano affrontare concretamente il problema». Tassone ha messo in risalto «l’assoluta mancanza di controllo del territorio che è all’origine delle gravi conseguenze materiali che l’ultimo evento calamitoso ha determinato». Tallini ha evidenziato che «occor-

ONORATA SANITA’ L’ex consigliere regionale e suo figlio sono coinvolti nell’inchiesta su presunti intrecci tra politica e ’ndrangheta

Chiesto il rinvio a giudizio per Crea REGGIO CALABRIA — Il pm della Dda di Reggio Calabria, Mario Andrigo, ha chiesto ieri il rinvio a giudizio dell'ex consigliere regionale Domenico Crea e di suo figlio, Antonio, coinvolti nell'inchiesta “Onorata sanità” su presunti intrecci tra politica e ’ndrangheta nella gestione del settore della sanità nel reggino. Domenico Crea è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. La richiesta è stata avanzata anche se la Corte d'appello di Reggio Calabria deve ancora decidere sulla richiesta di ricusazione del gup Paolo Ramondino chiesta dalla difesa dell’ex consigliere regionale

Il gup ha aggiornato l’udienza al ventisette gennaio Crea. Dopo la richiesta il gup, per quanto riguarda la posizione di Domenico Crea, ha aggiornato l'udienza al ventisette gennaio. Gli altri imputati detenuti, invece, hanno chiesto il rito abbreviato e l'udienza è stata rinviata al ventisei marzo. Tra loro figurano anche Alessandro e Giuseppe Marcianò, padre e figlio, attualmente sotto processo con l'accusa di essere i mandanti dell'omicidio del vice

Ionadi, 4 marocchini denunciati sfruttavano i figli minorenni IONADI — I militari dell’Arma

hanno denunciato a Ionadi, provincia di Vibo Valentia,, quattro marocchini con l'accusa di avere impiegato, in lavori girovaghi, ragazzi minorenni.

Il controllo che ha portato alle quattro denunce è stato fatto dai militari in una via di Ionadi e nello spazio antistante un centro commerciale dove sono stati notati alcuni ragazzi mentre

presidente del Consiglio regionale Francesco Fortugno. Gli altri imputati che hanno chiesto il rito abbreviato sono Giuseppe Panzera, medico e genero del boss di Africo Nuovo Giuseppe Morabito, detto “u tiradrittu”, ed il medico Leonardo Gangemi. Nella precedente udienza il gup aveva deciso di stralciare la posizione delle persone non detenute per le quali il giudizio proseguirà il dodici febbraio. L'indagine, coordinata dalla Dda di Reggio e condotta dai carabinieri, aveva portato, nel gennaio 2008, ad una ventina di arresti. (Ansa) svolgevano attività di vendita ambulante. Ai quattro marocchini, inoltre, sono stati sequestrati gli articoli che venivano utilizzati per la vendita ambulante affidata ai minori: quasi cinquecento confezioni di fazzolettini di carta, otto accendigas ricaricabili da cucina, settantaquattro accendini monouso e diciannove ombrelli. (Ansa)

re partire dai ritardi dagli errori compiuti sul territorio calabrese per invertire la logiche di intervento facendo addirittura dei bacini idroelettrici uno strumento a sostegno della salvaguardia territoriale, ma anche economia regionale». Cimino ha sottolineto il fatto che l’invito ai piccoli comuni vuol significare che «Catanzaro è accanto a loro in spirito di solidarietà e di collaborazione. Mai più guerra tra poveri per l’accaparramento di quei quattro soldi che arrivano dal Governo e dalla Regione ha detto Cimino - ma fronte comune per una nuova politica di sviluppo». Il consigliere ha nuovamente insistito sulla questione porto di Catanzaro «che deve uscire dall’incertezza in cui si trova, rischiando per gli errori vecchi e nuovi di diventare il male dei mali della città». Ha chiesto, infine, «interventi urgenti per dragare l’area portuale liberando le imbarcazio-

ni che sono imprigionate e inoltre contributi urgenti a sostegno di tutte le attività economiche, dalla pesca a quelle turistico - commerciali, che hanno subito danni ed il blocco delle loro attività». L’assessore Incarnato ha svolto un discorso generale sul rapporto territorio e mutamento climatico, affermando che «la Regione non è attrezzata a reggere il peso del nuovo sistema meteorologico, piogge breve ma intense in tempo breve. Ha svolto un esame critico dell’attuale situazione rilevando che manca un coordinamento tra Regione ed enti locali, che affronti in contemporanea le questioni emergenziali e quelle di struttura». Incarnato ha sostenuto che la Regione «deve pensare alla programmazione come strumento di efficacia collocazione delle risorse. Le opere finora realizzate in Calabria - ha aggiunto - non corrispondono pienamente alle esigenze della difesa del suolo. Difesa idrauliche e difesa del mare». Infine l’Assessore sulle problematiche esposte dai sindaci dei comuni presenti si è impegnato «a portare in giunta il quadro della situazione descritta e di dare risposte già venerdì prossimo in un incontro che si terrà nella sede regionale». Falcone ha sottolineato che «occorre mettere in rete Regione, Comuni, Consorzi, ed Afor, ma soprattutto di rendere utilizzabile l’ufficio dei sindaci presso il quale le istanze dei comuni possono trovare le risposte che gli stessi comuni elaboreranno con la loro competenza e conoscenza del territorio. In questo modo si potrà avviare il grande progetto della messa in sicurezza del territorio, che non è cosa facile da realizzare perché occorrerebbero ingenti risorse(25 miliardi di euro)». Falcone ha quindi insistito su un’opera di monitoraggio intersettoriale e su una nuova cultura della prevenzione.

Soveria ha conferito un attestato al testimone di giustizia Masciari SOVERIA MANNELLI — In occasione del suo 202° anniversario la città di Soveria, ha conferito un attestato di merito all’imprenditore Pino Masciari, uomo che non si è arreso difronte alle sopraffazioni della criminalità organizzata, e che oggi non ha pura di denunciare lo stato di abbandono in cui è costretto a vivere insieme alla sua famiglia. Masciari ha ricevuto questa attestazione di benemerenza dal sindaco Sirianni e dal vicesindaco Caligiuri. Alla cerimonia era presente una nutrita platea che ha accolto con calore l’imprenditore. Pino Masciari ha dichiarato: «Sono contento non tanto per la mia persona, ma perché spero che da Soveria Mannelli parta un segnale forte per una presa di coscienza di tutti i calabresi in direzione della lotta alla ‘ndrangheta, una tra le principali piaghe del sottosviluppo. L’altro motivo è che, nonostante il mio vissuto, mi sento ancora figlio di questa terra. Molte città del nord Italia mi hanno accolto e hanno avuto gesti di solidarietà per me e per la mia famiglia. Soveria Mannelli, è il primo comune calabrese che si ricorda che io sono un testimone di giustizia, che io sono un calabrese». Leonardo Sirianni, sindaco di Sove-

«Spero che da Soveria Mannelli parta la presa di coscienza nella lotta alla ’ndrangheta» ria Mannelli ha dichiara invece: «Masciari non è stato invitato a Soveria come testimone di giustizia, ma come calabrese e come imprenditore. La sua è sicuramente la presenza più significativa di questa giornata. Pino Masciari da Soveria ha lanciato un messaggio alle amministrazioni e all’opinione pubblica locale per un cambiamento di atteggiamento contro la criminalità e l’illegalità». «Pino Masciari ha lanciato il suo è un messaggio di lotta e di cambiamento» ha detto invece Mario Caligiuri, vicesindaco di Soveria Mannelli. «La mafia si può sconfiggere, anche ascoltando e non dimenticando testimonianze come quelle di Masciari».


16 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CASO DE MAGISTRIS Dopo la guerra tra le procure la sezione disciplinare del Csm ha deciso. Cinque ore di camera di consiglio

Apicella sospeso. Trasferiti Jannelli e Garbati Restano a Catanzaro il sostituto pg Domenico De Lorenzo e il suo collega Salvatore Curcio ROMA — La sezione disciplinare del Csm ha sospeso dalle funzioni il procuratore di Salerno Luigi Apicella e ha trasferito d’ufficio il pg di Catanzaro Enzo Jannelli, il suo sostituto Alfredo Garbati e i due pm di Salerno Gabriella Nuzzi e Dionigio Verasani. La sezione disciplinare ha accolto solo in parte la richiesta che era stata avanzata dal ministro della Giustizia Alfano, che oltre alla sospensione di Apicella, aveva sollecitato il trasferimento di tutti i sei pm di Salerno e Catanzaro, protagonisti dello scontro tra le due procure. Il tribunale delle toghe non ha invece trasferito il sostituto pg di Catanzaro Domenico De Lorenzo e il suo collega Salvatore Curcio. La decisione è stata presa dopo cinque ore di camera di consiglio. La decisione del Csm sui magistrati di Salerno e Catanzaro - viene fatto rilevare in ambienti del ministero della Giustizia - è indicativa di un sostanziale accoglimento di tutte le richieste del Guardasigilli Angelino Alfano, anCATANZARO — C'é l'inchiesta Why Not, avviata dall'ex pm di Catanzaro, Luigi De Magistris, al centro dello scontro tra i magistrati degli uffici giudiziari di Salerno e del capoluogo calabrese sui quali ieri il Csm è stato chiamato a decidere. L'inchiesta, avviata nel 2006, riguarda presunti illeciti nella gestione dei fondi statali, regionali e comunitari. Tra le persone coinvolte figuravano anche alcuni politici nazionali e regionali e imprenditori. Tra i nomi di spicco anche quelli dell'ex presidente del consiglio dei ministri, Romano Prodi, per la cui posizione si andrebbe verso la richiesta di archiviazione, e l'ex ministro della giustizia, CleROMA — «E’ tempo di opporsi al-

la deriva autoritaria di questo Paese e al consolidarsi di nuove forme di “eliminazione” dei magistrati che non si omologano al sistema criminale di gestione illegale del potere»: è quanto scrive Luigi De Magistris in un articolo pubblicato ieri su www. micromega. net. «Senza paura di intimidazioni istituzionali o “clave” disciplinari utilizzate in violazione della Costituzione Repubblicana. La libertà e l'indipendenza della giustizia si difendono senza calcoli e ad ogni costo. L’amore della verità può costare l’esistenza. Ed essa si difende anche da chi la mina, in modo talvolta anche eversivo, dal nostro interno». «In questi mesi - prosegue il magistrato - si consolidano nuove forme di “eliminazione” di magistrati che non si omologano al sistema criminale di gestione illegale del potere e che pretendono, con irriverente ostinazione, di adempiere a quel giuramento solenne prestato sui principi ed i precetti della Costituzione Repubblicana, nata dalla resistenza al fascismo». «In attesa dei progetti di riforma della giustizia (che mi pare trovano d’accordo quasi tutte le forze politiche) che sanciranno, sul piano formale, l'ulteriore mortificazione dei principi di autonomia ed indipendenza della magistratura, non si può non rilevare che i predetti principi - che rappresentano la ragione di questo mestiere che, senza indipendenza ed autonomia, è solo esercizio di funzioni serventi al potere costituito - sono stati e vengono mortificati proprio da chi dovrebbe svolgere le

li e del suo sostituto Alfredo Garbati: «La sezione disciplinare del Csm, visti gli articoli 13, secondo comma e 22, primo comma del decreto legislativo 23 febbraio 2006 n. 109, in parziale accoglimento della richiesta del pg presso la Cassazione e del ministro della Giustizia dispone: - la sospensione cautelare facoltativa dalle funzioni e dallo stipendio nonché il collocamento fuori dal ruolo organico della magistratura del dott. Luigi Apicella, con corresponsione al medesimo di un assegno alimentare nella misura sancita dall'articolo 10, secondo comma del decreto legislativo n. 109 del 2006; il trasferimento cautelare provvisorio dei dottori Dionigio Verasani e Gabriella Nuzzi, sostituti procuratori della Repubblica presso il tribunale di Salerno all'attuale sede e dalla funzione requirente; - il trasferimento cautelare e provvisorio dei dottori Enzo Jannelli, procuratore generale della Repubblica presso la Corte di appello di Catanzaro e Al-

fredo Garbati, sostituto procuratore generale presso la Corte di appello di Catanzaro, dall’attuale sede e dalla funzione requirente». La sezione disciplinare inoltre «rigetta la richiesta di trasferimento cautelare provvisorio dei dottori Domenico De Lorenzo, sostituto pg presso la Corte di appello di Catanzaro e Salvatore Curcio, sostituto procuratore presso il tribunale di Catanzaro, applicato alla procura generale presso la Corte di appello di Catanzaro». «E’ stata data una risposta sollecita di fronte a una vicenda delicata, che è stata una pagina nera per la giustizia». Il presidente dell’Anm Luca Palamara commenta con soddisfazione la decisione con cui il Csm é intervenuto sullo scontro tra le Procure di Salerno e Catanzaro. «Non entriamo nel merito della decisione, che rispettiamo sottolinea Palamara - prendiamo atto di come il sistema dimostri di avere gli anticorpi». (Ansa)

L'inchiesta, avviata nel 2006, riguarda presunti illeciti nella gestione dei fondi statali, regionali e comunitari

tore, Luigi Apicella, per i quali si ipotizzano i reati di abuso d'ufficio e interruzione di pubblico servizio. Successivamente la Procura generale di Catanzaro e la Procura di Salerno hanno raggiunto un accordo, con la mediazione della Corte di cassazione, in base al quale c'é stato il reciproco dissequestro degli atti e l'acquisizione da parte dei magistrati campani di copia della documentazione utile per la loro inchiesta. Nelle settimane scorse i magistrati della Procura generale di Catanzaro hanno chiuso l'inchiesta Why Not, notificando l'avviso di conclusione delle indagini alle 106 persone coinvolte. (Ansa)

Il pg di Catanzaro Enzo Jannelli

che di quelle più pesanti. Questo, in sostanza, il commento alla sentenza della sezione disciplinare del Csm. E’ contenuto in una ventina di righe il dispositivo della decisione con la quale la sezione disciplinare del

Csm ha disposto la sospensione dalle funzioni e dallo stipendio del procuratore di Salerno Luigi Apicella e il trasferimento dei suoi colleghi Dionigio Verasani e Gabriella Nuzzi, del pg di Catanzaro Enzo Jannel-

Why Not al centro dello scontro mente Mastella, per il quale le accuse sono state archiviate nell'aprile scorso. L'iscrizione nel registro degli indagati di Mastella, che in qualità di Guardasigilli aveva chiesto il trasferimento di De Magistris per presunte irregolarità nella gestione di altre indagini, provocò nell'ottobre del 2007 l'avocazione dell'inchiesta da parte della Procura generale di Catanzaro. Da allora all'inchiesta ha lavorato un gruppo di sostituti della Procura

generale ed altri applicati da procure della Repubblica del circondario di Catanzaro coordinati dal procuratore generale, Enzo Jannelli. Le vicende relative all'avocazione dell'inchiesta e l'archiviazione della posizione di Mastella sono all'origine di un'inchiesta della Procura di Salerno nata dopo una serie di denunce fatte dall'ex pm De Magistris. L'inchiesta di Salerno ha portato nei mesi scorsi al sequestro degli atti di Why Not e di un'al-

tra indagine, chiamata Poseidone, relativa a presunte irregolarità nella gestione dei fondi per la depurazione. Nell'indagine della procura campana sono indagati nove magistrati di Catanzaro, imprenditori e professionisti. Dopo il sequestro degli atti di Why not i magistrati della Procura Generale del capoluogo calabrese reagirono con un contro sequestro sottoponendo ad indagine sette magistrati della Procura di Salerno, tra cui il procura-

E’ quanto scrive Luigi De Magistris in un articolo pubblicato ieri su www. micromega. net.

«Attacchi eversivi contro la Magistratura»

Luigi De Magistris

funzioni di garanzia e tutela di tali principi. Dall'interno della Magistratura, in un cordone ombelicale sistemico di gestione anche occulta del potere, con la scusa magari di evitare riforme ritenute non gradite, si procede per colpire ed intimidire (anche con inusitata deprecabile violenza morale) chi, all'interno dell'ordine giudiziario, non si omologa, non intende appartenere a nessuno, non vuole assimilarsi alla gestione quieta del potere, ma rimane fedele ed osservante dei valori costituzionali di uguaglianza, libertà ed indipendenza che chi dovrebbe garantirne tutela - anche con il sistema dell'autogoverno tende, in realtò, a voler governa-

re, dall'interno, la magistratura rendendola, di fatto, prona ai desiderata dei manovratori del potere. Ma non bisogna avere timore. La storia - ed ancora prima la conoscenza e la rappresentazione di fatti quando essi saranno pubblici - ci faranno capire, ancor meglio di quanto tanti hanno già ben compreso, le vere ragioni poste a fondamento di prese di posizione anche di taluni magistrati (alcuni dei quali ritengono anche di svolgere una funzione di “rappresentanza”, in realtà, concretamente, insussistente)». «Da quando le organizzazioni mafiose hanno dismesso la strategia militare di contrasto ed eliminazione dei rappresentanti

onesti e coraggiosi delle Istituzioni, il livello di collusione intraneo a queste ultime si è consolidato enormemente, tanto da rappresentare ormai quasi una metastasi istituzionale che conduce alla commissione di veri e propri crimini di Stato», scrive Luigi De Magistris. «Questo comporta che oggi dobbiamo difendere, ogni giorno e con i denti, la nostra indipendenza e l'esercizio autonomo della giurisdizione - nell'ossequio del principio costituzionale sancito dall'art. 3 della Costituzione - anche da veri e propri attacchi illeciti, talvolta condotti con metodo mafioso, provenienti dall'interno delle Istituzioni», prosegue il magistrato, secondo il quale «la ricetta è semplice, anche se sembra tutto così complicato in questo periodo così buio per la nostra Costituzione, per la quale non dobbiamo mai smettere di combattere: si deve decidere senza avere paura - innanzitutto di chi dovrebbe tutelarci e che si dimostra sempre più baluardo di certi centri di interessi e poteri, nonchè fonte di pericolo per l'indipendenza del nostro stupendo lavoro, - senza pensare a valutazioni di opportunità, senza scegliere per quella opzione che possa creare meno problemi, decidere nel rispetto delle leggi e della Costituzione, pronunciarsi nel segno della Verità e della Giustizia». «Questo ci chiedono le persone

oneste: di non “consegnarci” e mantenere alto il prestigio dell'ordine giudiziario in un momento in cui la questione morale assume connotati epidemici anche al nostro interno. Non bisogna avere paura di un potere scellerato che pretende di opprimere la nostra libertà ed il nostro destino». Ai giovani colleghi Luigi De Magistris dice: «Non ascoltate quelle sirene, anche interne alla nostra categoria, che vi inducono - magari in modo subdolo e maldestro - a piegare la testa in virtù di una pseudo-ragion di stato che consisterebbe nel pericolo imminente di riforme sciagurate, per evitare le quali dobbiamo, strategicamente, girarci dall'altra parte quando ci “imbattiamo” nei cosidetti “poteri forti”. Le riforme anzi le controriforme - ci saranno comunque, forse saranno terribili, ma almeno non dobbiamo essere noi a dimostrarci timorosi e con le gambe molli, malati, come diceva Piero Calamandrei, di agorafobia». Osservando che «gli ostacoli più insidiosi sono sempre pervenuti dall'interno della nostra categoria», De Magistris conclude: «Sono convinto che la magistratura non soccomberà definitivamente solo se saprà ancora esercitare la sua funzione senza paura, ma con coraggio, nella consapevolezza che anche da soli, nella solitudine propria della nostra funzione, quando ognuno di noi deve decidere e mettere la firma sui provvedimenti, e, quindi, valutare fatti e circostanze, lo farà senza farsi intimidire dalle conseguenze del suo agire». (Agi)


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 17

CALABRIA Dalla Regione stanziate risorse per aiuti alle famiglie, per le imprese e a sostegno del credito. I dati sono stati pubblicati sul Sole 24 Ore

Fondo anticrisi da 99 milioni Rientrano nel pacchetto i buoni casa, i voucher formativi e i beni per l’infanzia CATANZARO — Ammontano a 99

milioni di euro i fondi che la Regione Calabria ha stanziato per affrontare la crisi economica. La cifra è il frutto di una raccolta dati pubblicata dal Sole 24 ore. Per sostenere le imprese la Regione ha messo sul tavolo 59 milioni di euro, destinati al potenziamento delle infrastrutture, alla creazione di nuove imprese e al sostegno del credito. Alle famiglie sono stati destinati quaranta milioni di euro. I fondi saranno investiti per i buoni casa, per i voucher formativi, per favorire l'inserimento nel mondo del lavoro e per l’acquisto di beni per l’infanzia. (Ansa).

Il quotidiano economico mette in luce i dati sul servizio idrico nelle cinque città calabresi

Catanzaro, il 37% degli abitanti senza depurazione

La sede della Regione

CATANZARO — Tutti i cittadini di Cosenza, allacciati al servizio idrico, usufruiscono del servizio di depurazione dell’acqua. E’ quanto emerge dai dati di Legambiente e Cittadinanzattiva, elaborati e pubblicati dal Sole 24 ore. A Catanzaro il 37% degli abitanti non ha l’acqua depurata, a Reggio è il 16% a non usufruire del servizio, a Cro-

tone l'11% e a Vibo il 10%. La tariffa per l’erogazione dell'acqua più alta è a Crotone: ogni famiglia spende mediamente 214 euro all'anno di cui 66 per la depurazione; a Vibo la spesa è di 190 euro di cui 65 per la depurazione. A Catanzaro e Cosenza, le famiglia spendono rispettivamente 184 e 185 euro. Nella città capoluogo la depurazione costa 54 euro

Giustizia, alla Procura di Palmi è scoperto il 60% dei posti

ROMA — Il ministro dell’Ambiente «voglia attivare tutti i mezzi a sua disposizione per monitorare l’attività degli uffici negli ultimi anni, anche in considerazione dell’indagine conoscitiva sul problema della difesa del suolo, attualmente in atto presso la Commissione Ambiente della Camera dei deputati. Il segretario del Pri Francesco Nucara pone la Regione Calabria al centro della interrogazione presentata al ministro Stefania Prestigiacomo l’8 gennaio. Di seguito le premesse contenute nel documento di interrogazione: «Con decreto ministeriale del 12-11-2008, il ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, è stato approvato il Piano Strategico Nazionale per la riduzione del rischio idrogeologico e, contestualmente, ha emanato il decreto relativo al “Programma di investimenti a tutela dell’ambiente e della difesa del suolo nella Regione Calabria”; già nella precedente legislatura l’interrogante aveva, con atti parlamentari, posto il problema di una gestione confusa e superficiale dei fondi assegnati al Ministero dell’Ambiente per la difesa del suolo; le elezioni del 2008 hanno determinato un cambiamento di governo e della maggioranza che lo sostiene,

Il segretario del Pri ha presentato una interrogazione al ministro Prestigiacomo

CATANZARO — La costituenda federazione regionale delle Strutture socio-sanitarie private calabresi è stata ricevuta, ieri, dalla Commissione Speciale di Vigilanza del Consiglio regionale della Calabria. E’ quanto si apprende in una nota congiunta di Anaste e Fondazione Betania Onlus. «Il presidente della Commissione, Franco Morelli - si apprende nel comunicato -, ha dovuto prendere atto dell’assenza dei due Direttori generali, il dott. Guerzoni, del Dipartimento della Salute e il dott. Carnovale, del Dipartimento Lavoro e Politiche sociali. Ciononostante, la Commissione ha ascoltato le ragioni per le quali le

Anaste e Fondazione Betania Onlus ricevute dalla Commissione di vigilanza del Consiglio regionale

bo Valentia il 16,7% e a Reggio il 4,2%. A Reggio, inoltre, nella Procura dei minorenni, è vacante l’unico posto in organico di sostituto. (Ansa).

E’ quella di Cosenza la provincia calabrese con il maggior numero di particelle catastali contenenti fabbricati ex rurali che hanno perso i requisiti di ruralità. Secondo i dati forniti dalle Agenzie del territorio e pubblicati dal Sole 240re, nel 2008 a Cosenza sono state controllate quasi tremila porzioni di terreno. Segue in graduatoria la provincia di Reggio, con più 2.500 particelle catastali. Terza è Catanzaro con 1.300, quarta Vibo con 986 e ultima Crotone con solo 157 particelle catastali contenenti fabbricati ex rurali. A Cosenza nel 2007 erano state più di 10.700 le particelle controllate, a Reggio quasi 8.500, a Catanzaro 4.300, a Vibo più di 3.000 e a Crotone quasi 750. (Ansa).

Difesa del suolo, Nucara: «Cosa hanno fatto gli uffici?» ma tale confusione e superficialità, invece di attenuarsi è aumentata; sulla base della legge n. 183 del 1989 e del decretolegge n. 180 del 1998, l'attuazione degli interventi per la messa in sicurezza delle aree a rischio idrogeologico dovrebbero essere attuati facendo riferimento ai Piani di Assetto Idrogeologico (PAI), approvati dalle Autorità di Bacino e dalle Regioni, che individuano le aree a rischio; in considerazione del fatto che non tutte le regioni erano riuscite a dotarsi del PAI, successivamente, con la legge 179/02, le competenze in materia di programmazione e attuazione degli interventi nel settore della difesa del suolo, pur tenendo conto delle esigenze delle Regioni, sono state centralizzate in capo al Ministero dell’Ambiente, consentendo anche ai singoli comuni, attraverso l’articolo 16 di segnalare i problemi più urgenti.

Francesco Nucara

Ciò ha consentito di intervenire anche in situazioni gravi». E ancora, a proposito della Calabria: «Dalla lettura dell’allegato al “Programma di investimenti a tutela dell’ambiente e

della difesa del suolo nella Regione Calabria” si evince che su 87 interventi ben 51 sono al di sotto, o pari a 400.000 euro. Tutto ciò sembra avere le caratteristiche di una serie di interventi di somma urgenza e di una dispersione di risorse che mal si concilia con la morfologia del territorio calabrese che avrebbe bisogno piuttosto di interventi in grado di incidere in modo risolutivo sui problemi di quelle aree a rischio elevato». Nucara chiede dunque di sapere: «Se nella formazione del programma, il Ministro abbia fornito i propri indirizzi e se gli uffici competenti ne abbiano tenuto conto; se l’intesa con la Regione, prescritta dal comma 432 dell’art. 1 della Finanziaria 2006, prevede che sia la Regione a redarre il programma e se il Ministero si sia limitato soltanto a ratificarlo, assumendosi una responsabilità che non gli

Le strutture socio-sanitarie invocano le rette Strutture accreditate avevano chiesto di essere ricevute». «Il dott. Michele Garo dell’Anaste e il dott. Franco Fera della Fondazione Betania, hanno evidenziato - continua la nota - come il Settore Politiche Sociali del Dipartimento al Lavoro continua a disattendere al pagamento del 30% delle rette per le Residenze sanitarie assistenziali a partire dall’ottobre 2006. Un comportamento che - secondo Anaste e

Fondazione Betania - viola quanto deciso dal Consiglio regionale. Parimenti l’Asp di Catanzaro intende obbligare le strutture accreditate a sottoscrivere un contratto, per le prestazioni già rese relative al 2008, riconoscendo solo le tariffe del 2006 e non già quelle del 2007 e del 2008 che prevedono un aumento del 20%. Anche questo comportamento dell’Asp risulta una deliberata violazione delle leggi regionali

(Ansa).

Fabbricati ex rurali, a Cosenza il record regionale

CATANZARO — Il 60% dei posti di magistrato alla Procura della Repubblica di Palmi è scoperto. Su dieci posti di procuratore previsti dall'organico, infatti, ne mancano quattro. E’ quanto emerge dai dati del Consiglio superiore della magistratura, pubblicati dal Sole 240re. Scendono, invece, al 33,3% i posti vacanti nelle Procure di Catanzaro, Crotone e Paola. Nel ca-

poluogo mancano sei procuratori sui 18 in organico ed a Crotone e a Paola due su sei. A Cosenza, Castrovillari, Locri e Rossano è scoperto il 25% dei posti, a Lamezia Terme il 20%, a Vi-

mentre a Cosenza 65. A Reggio Calabria la tariffa si assesta a 173 euro di cui 55 euro per la depurazione. Per i cittadini che non sono serviti dalla depurazione a Catanzaro vengono spesi quasi seicento mila euro di rimborsi, a Reggio 542mila, a Crotone 165 mila e a Vibo quasi ottantamila euro.

del 2007 e del 2008». «Il Presidente Morelli - si apprende ancora - ha preso atto di quanto riferito dai rappresentanti delle strutture accreditate, evidenziando che esistono di fatto delle discordanze tra quanto deciso dal Consiglio regionale ed i comportamenti dell’Asp di Catanzaro e del Dipartimento Politiche Sociali. Pertanto, lo stesso Presidente ha comunicato ai rappresentanti delle strutture che

competerebbe; se la Regione Calabria in questa sua elaborazione non abbia tenuto conto di richieste urgenti inviate al Ministero dai comuni, ai sensi dell’art. 16 legge 179/02; quale ruolo abbiano svolto gli uffici del Ministero; se risulta al vero che professionisti qualificati esterni al Ministero siano venuti in possesso anticipatamente dei dati contenuti nel suddetto decreto, avendo avuto in tal modo l’opportunità di comunicarli tempestivamente ai singoli comuni, ricercandone e ottenendone incarichi professionali; quali iniziative e provvedimenti il Ministro intenda assumere per porre fine al mercanteggiamento degli interventi che purtroppo dura dal 2006 e spesso, molto spesso, senza tenere in alcun conto le realtà locali, così come sono bene evidenziate nel Piano di Assetto Idrogeologico della Calabria, ricordando che tutto deve essere indirizzato alla salvaguardia del territorio e non a campagne elettorali o altro; se il signor Ministro voglia attivare tutti i mezzi a sua disposizione per monitorare l’attività degli uffici negli ultimi anni, anche in considerazione dell’indagine conoscitiva sul problema della difesa del suolo, attualmente in atto presso la Commissione Ambiente della Camera dei deputati». sarà convocata una seconda riunione per ascoltare le motivazioni dei comportamenti dei dirigenti dell’Asp di Catanzaro e del Dipartimento Politiche sociali, anche perché, da quanto riferito dalle strutture, non appare esistere un problema politico, bensì solo burocratico-amministrativo». «La riunione - è detto a margine della nota - sarà convocata in tempi brevissimi e tratterà esclusivamente il problema in oggetto. Il dott. Garo ha chiesto al Presidente Morelli, ove possibile, di convocare anche il dirigente dell’assessorato regionale al Bilancio».


18 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA VIBO VALENTIA Una brillante operazione portata a termine dal Corpo Forestale dello Stato nelle campagne di Mileto

Due ventenni con armi contraffatte In manette Giuseppe Vinci, classe ’88, pastore, e Antonio Prostamo, classe ’89, imbianchino VIBO VALENTIA — Con una brillante operazione del Corpo Forestale dello Stato in provincia di Vibo Valentia sono state tratte in arresto due persone per porto e detenzione illegale di armi da fuoco contraffatte e munizioni. Sorpresi a girovagare nelle campagne di Mileto (Vv) con fucili di grosso calibro con matricola abrasa e numerose cartucce. Con l’accusa di porto e detenzione illegale di arma da fuoco contraffatta e munizioni, sono finiti in manette due giovani, poco più che ventenni, entrambi residenti nella frazione San Giovanni del Comune di Mileto (Vv). Si tratta di Giuseppe Vinci, classe ’88, pastore, e Antonio Prostamo, classe ’89, imbianchino, ambedue con numerosi e gravi precedenti penali a carico. A prima vista si sarebbero potuti scambiare per cacciatori intenti ad esercitare l’attività venatoria, ma lo strano girovagare nelle campagne di Mileto (Vv) ha subito insospettito gli Agenti del Comando Stazione di Spilinga (Vv), i quali, proprio nel corso di uno dei tanti servizi di controllo predisposti dal Comando Provinciale del Cfs di Vibo Valentia in seguito ai continui episodi di furto di armi verificatisi in quella zona, ed intensificati successivamente alla recrudescenza degli ultimi atti criminosi accaduti in provincia, nella mattinata di ieri hanno bloccato, nelle immediate vicinanze di una strada comunale della località Barbasano, i due giovani con le armi in mano. Dopo un’accurata perquisizione e da una attenta verifica, gli Agenti operanti hanno accertato che le armi, un fucile calibro 12 ed un fucile calibro 20, entrambi doppietta, presentavano la matricola abrasa; oltre a ciò, gli stessi giovani erano in possesso di 131 cartucce, contenute in due cartucciere, di cui 59 di calibro 12 e 72 di calibro 20. Si poteva stabilire, inoltre, che detti fucili erano perfettamente

CATANZARO Un 17enne fermato mentre cercava di disfarsi della droga

Giovane rom con eroina CATANZARO — Sabato pomeriggio, gli Agenti della Squadra Volanti, nel transitare nella zona di Germaneto, hanno notato un giovane rom fermo ai bordi della strada il quale stava confabulando con il conducente di un’autovettura che alla vista della Polizia si è allontanato immediatamente. A quel punto il nomade ha raggiunto un vicino muretto e si è disfatto di qualcosa che teneva in mano da mentre stava discutendo con l’automobilista, nascondendolo in un’intercapedine fra i mattoni. I poliziotti hanno recuperato un

I fucili sequestrati

Il fatto è avvenuto sabato pomeriggio a Germaneto piccolo involucro con all’interno della sostanza granulosa marrone, che è risultata essere, da analisi successive, eroina. Il ragazzo, B. C. 17enne prossimo alla maggiore età, con precedenti di polizia, è stato tratto in arresto e condotto nel C. p. a. di Catanzaro su disposizione della Procura presso il Tribunale dei minorenni di questo capoluogo.

CATANZARO Oggi nella Sala Conferenze del Compartimento

Polizia Stradale, il bilancio del 2008 CATANZARO — Questa mattina,

Giuseppe Vinci

Antonio Prostamo

funzionanti e regolarmente oliati. Fatte tali constatazioni e considerato che i fermati erano sprovvisti di porto d’armi da fuoco, i due venivano immediatamente condotti presso il Comando Stazione del Cfs di Spilinga (Vv) e dichiarati in stato di arresto mentre le armi e le munizioni venivano sottoposte a sequestro penale. Espletate le formalità di rito e sentito il Sostituto Procuratore della Repubblica di Vibo Valentia di turno, gli Agenti operanti, unitamente ad altro personale, intanto intervenuto in ausilio, appartenente al Comando Stazione di Vallelonga (Vv) ed al

Nucleo Investigativo di Polizia del Comando Provinciale di Vibo Valentia, hanno provveduto ad effettuare la traduzione in carcere dei due giovani. A nulla sono valse le dichiarazione degli interessati i quali sostenevano di aver rinvenuto il tutto, nei giorni addietro e per caso, nelle aperte campagne di Mileto (Vv). Ora l’attenzione degli uomini del Corpo Forestale è focalizzata sulle armi sequestrate; difatti, le indagini proseguono a tutto campo per stabilire se i due fucili rinvenuti siano provento di furto e/o siano stati adoperati per la commissione di eventuali atti criminosi.

alle ore 11, si svolgererà nella Sala Conferenze del Compartimento della Polizia Stradale per la Calabria, presso il Centro Polifunzionale della Polizia di Stato di Catanzaro sito in via Baarlam da Seminara, un incontro con gli organi di stampa per illustrare i dati relativi dell’attività svolta nel 2008 sia dal personale dipendente in servizio alla Polizia Stradale che da quello della Squadra Volanti del capoluogo. Per quanto concerne la specificica attività della Polizia Stradale, verranno pertanto illustrati dal Dirigente del Compartimento Dott. Vincenzo Ortolano i risultati raggiunti, a livello regionale e nazionale, con la distribuzione di una brochure contenente, fra le altre cose, una Carta dei Servizi con utili riferimenti per raggiungere o contattare gli uffici della Polizia Stradale nella nostra regione. Nella stessa brochure sono state segnalate inoltre le più impor-

tanti indagini condotte dalle varie squadre di Polizia Giudiziaria dei diversi reparti del compartimento e tutte le iniziative di informazione e prevenzione realizzate per promuovere l’educazione stradale soprattutto fra i più giovani. La Dirigente dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura interverrà per illustrare il consuntivo del lavoro svolto nel 2008 dal personale della Squadra Volanti con particolare riferimento all’attività di prevenzione svolta su strada in materia di infrazioni al Cds fornendo anche dettagli sulle operazioni di maggior rilievo e sui servizi straordinari di controllo del territorio effettuati in questo capoluogo. Al termine della conferenza, sarà presentato l’Asm (Area Sensibile Mobile), ovvero la nuova sala operativa mobile satellitare in uso al compartimento della Polizia stradale di Catanzaro.

'NDRANGHETALeonardo Roberto Casati accusato di aver sequestrato il boss di Quarto Oggiaro CATANZARO La decisione del giudice per i tre nigeriani, ospiti del centro di accoglienza di Cropani

Omicidio Carvelli, pm chiede rinvio a giudizio Rissa immigrati, convalidati gli arresti — Il pm di Milano, Marcello Musso, ha chiesto il rinvio a giudizio per Leonardo Roberto Casati, 38 anni, detto “Lollo”, accusato di aver sequestrato, nell'agosto 2007, assieme ad altre persone, Francesco Carvelli, 21 anni, nipote del boss della 'ndrangheta di Quarto Oggiaro, Mario Carvelli. Carvelli venne poi ucciso a Garbagnate Milanese (Milano), nel parco delle Groane, con diversi colpi di pistola. Casati, secondo l'accusa, organizzò la trappola per eseguire il sequestro, dando appuntamento a Carvelli, che aveva preso le redini della famiglia 'ndranghetista, nel parcheggio di un centro commerciale nel milanese, con la promessa di dargli 100 mila euro. Secondo il gip Giorgio Barbuto, che convalidò il fermo, Casati era «il solo a sapere che l'unico mezzo per fermare materialmente il Carvelli era quello di fargli credere di es-

MILANO,

sere incappato in un controllo di polizia», in quanto l'ucciso «appartiene a quella scuola di comportamento 'ndranghetista che vuole i veri 'capì formalmente rispettosi nei confronti degli appartenenti alle forze di polizia nel momento in cui sono in servizio». Carvelli venne infatti sequestrato da alcuni uomini travestiti da poliziotti, che lo legarono ad un albero nel parco delle Groane e lo sottoposero ad un lungo interrogatorio, chiedendogli conto di 300mila euro, provenienti dal traffico di droga, che uno di loro avrebbe dovuto poi “ripulire”. Casati deve rispondere di sequestro di persona in concorso, con l'aggravante di aver causato la morte del sequestrato. L'udienza preliminare è stata fissata per il 28 gennaio, davanti al gup Andrea Ghinetti. Prosegue intanto l'indagine per rintracciare gli esecutori materiali dell'omicidio. (Ansa).

CATANZARO — La misura cautelare

della custodia in carcere è stata disposta ieri a carico dei tre nigeriani finiti in manette tre giorni fa con l'accusa di aver messo in atto una rissa nel Centro accoglienza richiedenti asilo di Cropani Marina, nel catanzarese. La decisione è giunta dal giudice per le indagini preliminari Antonio Battaglia, che ha convalidato gli arresti dei tre uomini, uno dei quali si trova ancora all'ospedale civile di Catanzaro, dove sarà piantonato finchè non potrà lasciare il nosocomio. Il violento scontro fra i nigeriani, stando a quanto ricostruito nell'immediatezza del fatto, sarebbe stato generato da futili motivi, un banale scambio di opinioni poi degenerato, senza che il personale del centro riuscisse a dividere il gruppetto. Per riportare la calma è stato necessario l'intervento dei carabinieri della stazione di Cropani che hanno identificato subito due dei tre partecipanti alla rissa, mentre un terzo è stato

Il violento scontro fra i nigeriani sarebbe stato generato da futili motivi

rintracciato più tardi. Alla fine, su disposizione del sostituto procuratore di turno Francesco De Tommasi, sono finiti in manette Osahengumwen Edos, 23 anni, Richard Obazee, 31, e Jude Agoda, 19, che per volere del gip resteranno in carcere. Intanto la cooperativa che gestisce il "Cara" ha annunciato di volersi costituire parte civile nei confronti delle persone coinvolte nella rissa e di non volerle più accogliere. (Agi)

Tropea, Gdf sequestrati beni per 300 mila euro a La Rosa TROPEA — Beni per un valore di 300 mila euro sono stati sequestrati dai militari del Gico della guardia di finanza di Catanzaro. I beni, un immobile e due automezzi, secondo l'accusa erano nella disponibilità di

Francesco La Rosa, di 37 anni, nei confronti del quale il provvedimento è stato adottato in quanto sospettato di far parte dell'omonima cosca. Il sequestro rientra nell'ambito di un'indagine del 2007.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 19

CALABRIA LAMEZIA TERME Ieri la riunione dei cinque presidenti dei rispettivi Consigli provinciali calabresi per prendere parte ad una conferenza stampa indetta dall’Upi

«No all’abolizione delle Province» Un incontro per prepararsi alla giornata di mobilitazione del 30 a sostegno degli enti intermedi d’Italia LAMEZIA TERME — I cinque presiden-

ti dei rispettivi Consigli provinciali calabresi, si sono riuniti ieri a Lamezia per prendere parte ad una conferenza stampa indetta dall’Unione delle province italiane, per rendere meglio noti i motivi della giornata nazionale di mobilitazione a sostegno degli enti intermedi d’Italia, prevista per venerdì 30 gennaio e che attende la convocazione simultanea delle assemblee elettive provinciali per rispondere alle paventate ipotesi circa l’abolizione, appunto, degli enti provincia. Quello di ieri, dunque, un incontro per cominciare a fare conoscere la propria opinione in merito ed espressa, per l’occasione, dal presidente del Consiglio provinciale di Cosenza, Leonardo Trento, del presidente del Consiglio provinciale di Reggio Calabria, Giuseppe Giordano; del presidente del Consiglio di Vibo Valentia, Giuseppe Barillaro, del presidente della provincia di Crotone Roberto Siciliano e del padrone di casa, Peppino Ruberto presidente del Consiglio provinciale di Catanzaro. Alla presenza anche dei consiglieri dell’ente intermedio Giampaolo Bevilacqua, Michele Rosato e Pietro Pace, oltre che del vicepresidente del Consiglio provinciale di Catanzaro, Emilio Verrengia presente all’incontro con gli organi di stampa in qualità di componente

Il tavolo dei relatori

del direttivo dell’Unione nazionale province italiane (Upi), ad aprire i lavori è stato proprio Peppino Ruberto che affrontando il problema a livello nazionale oltre che locale, ponendo grande attenzione all’aspetto tecnicopolitico della vicenda, ha ribadito che la presa di posizione in atto, «non è e non vuole essere una forma di protesta bensì la volontà a difendere un Ente sancito e riconosciuto dalla Costituzione italiana». «Noi siamo amministratori eletti dal popolo - ha precisato

Ruberto - e il nostro compito è innanzitutto rivolto al territorio e ai cittadini che in modo democratico ci hanno votato. L’ente intermedio è stato riconosciuto come ente strumentale ed intermedio e noi vogliamo continuare ad essere quel collante tra comune e regione che siamo sempre stati». Da questo desiderio, nasce dunque l’iniziativa del prossimo 30 gennaio aperta ai parlamentari, ai consiglieri regionali, alle forze politiche, alle associazioni di categoria e a tutti i sindaci del compren-

CATANZARO Si è avvalso della facoltà di non rispondere, Massimo Berlingieri, nell’interrogatorio di ieri

Estorsione, 29enne rimane in cella CATANZARO — Si è avvalso della fa-

coltà di non rispondere Massimo Berlingieri, catanzarese di 29 anni, sorvegliato speciale, finito in carcere per estorsione. L'uomo è comparso ieri per l'interrogatorio di garanzia davanti al giudice per le indagini preliminari Camillo Falvo, che ha firmato l'ordinanza di custodia cautelare a suo carico, dove è stato assistito dall'avvocato Gioconda Soluri, che ha sostituito il suo difensore di fiducia Leopoldo Marchese. Ma Berlingieri non ha vo-

luto fornire la propria versione dei fatti che gli vengono contestati, secondo i quali avrebbe preteso 3.000 euro da un imprenditore di Simeri Mare per fargli riavere un furgone contenente della merce, che gli era stato rubato lo scorso 4 dicembre. Una vicenda in cui Berlingieri, sempre secondo le accuse, avrebbe avuto due complici, D. C. (il nome per esteso è Dario Cristofaro) 47 anni, tecnico elettricista incensurato, di Catanzaro, e Domenico Passalacqua, 19, già noto alle forze del-

l'ordine, arrestati in flagranza di reato il 10 gennaio. I carabinieri, infatti, dopo la denuncia della presunta vittima dell'estorsione, avevano seguito l'imprenditore all'appuntamento per il pagamento del riscatto e la restituzione del mezzo, in viale Isonzo, a Catanzaro, bloccando D. C. e Passalacqua, che avevano con sè i 3.000 euro sborsati dal proprietario del mezzo e della merce rubati, mentre Berlingieri era riuscito a scappare. Berlingieri rimarrà per il momento in cella.

sorio per la sensibilizzazione al problema e la sollecitazione a Governo e Parlamento affinchè vengano presto approvate le norme per la semplificazione e la razionalizzazione delle funzioni di ogni livello di governo previsto dalla Costituzione, a partire dall’approvazione del disegno di legge delega sul federalismo fiscale e dalla presentazione in Consiglio dei Ministri del complesso dei provvedimenti relativi all’individuazione delle funzioni fondamentali dei Comuni e delle province e alla scrittura della nuova carta delle autonomie locali. Tutti concetti questi, ampiamente illustrati da tutti e cinque i presidenti dei Consigli provinciali calabresi che, ognuno, anche per esperienza personale, ha voluto mettere bene in evidenza il grande ruolo delle province nell’assetto politicoamministrativo del sistema Paese. Altro punto di grande rilevanza messo in evidenza, poi, il costo della politica. Punto quest’ultimo, alla base della determinazione all’abolizione delle provincie ma al meglio analizzato sotto il profilo tecnico, dal presidente del Consiglio provinciale di Reggio Calabria, Giuseppe Giordana. «Lo stato costa 443 miliardi di euro all’anno - ha detto - le regioni 160 miliardi di euro, i Comuni 66 miliardi e le provincie appena 14 miliardi a fronte di tanti compiti lo-

ro affidate». Compiti che vanno dalla difesa del suolo alla tutela e alla valorizzazione dell'ambiente, dalla prevenzione delle calamità alla tutela e valorizzazione delle risorse idriche ed energetiche, dalla valorizzazione dei beni culturali alla protezione della flora e della fauna, dei parchi e delle riserve naturali. E ancora, dall’organizzazione dello smaltimento dei rifiuti ai servizi sanitari e di igiene, dalla viabilità e trasporti a caccia e pesca nelle acque interne fino alla promozione, coordinamento ed organizzazione di attività, che interessano la comunità della provincia. In considerazione di tutto ciò, quella di abolire tutti gli altri enti pubblici che spesso si sovrappongono alle funzioni delle province, che non hanno controllo democratico ma che nella totalità costano ben 78 miliardi di euro all’anno. Nel contempo, chiedono a Governo e Parlamento, maggiore autonomia e, soprattutto, che le province siano la vera leva di investimento nelle infrastrutture e nelle risorse materiali e immateriali oltre che un faro per quelle aree maggiormente represse e per quelle che hanno necessità di avere un livello di governo che soddisfi i bisogni primari dei cittadini». Antonietta Bruno

Crosia, un 33enne è stato arrestato per aver aggredito la matrigna CROSIA — I Carabinieri di Crosia (Cs) hanno tratto in arresto, per lesioni, un giovane del luogo, che ha aggredito la matrigna. Il giovane, di 33 anni, incensurato, per futili motivi ha litigato con la donna, 68 anni, seconda moglie del padre. Durante il litigio, l'ha colpita più volte alla testa con un bastone, procurandole diverse ferite e un grave trauma cranico. E' stato lo stes-

so giovane a denunciare l'accaduto, recandosi dai Carabinieri. La donna è stata trovata dai sanitari riversa a terra. Si è reso necessario l'intervento dell'elisoccorso per portarla d'urgenza all'ospedale dell'Annunziata di Cosenza, dove adesso la donna è ricoverata in prognosi riservata. I militari stanno verificando se già in passato ci siano state liti tra il giovane e la matrigna.

BORGIA Operazione di carabinieri del Norm a seguito di accurati controlli sul territorio

Due giovani in manette per droga BORGIA — Due operazioni, vol-

Mario Amato

te a reprimere il fenomeno della detenzione e dello spaccio di sostanze stupefacenti, sono state portate a buon fine dalle forze dell’ordine. Sono stati tratti in arresto ieri dal Norm e dai militari della Stazione di Borgia, a seguito degli ormai consolidati controlli che vengono effettuati durante il fine settimana, per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente Mario

Amato, classe 88, di Borgia e Marco Costiera, classe 83, di Catanzaro. Il primo, Mario Amato, è stato tratto in arresto a Borgia, proprio all’atto di spacciare qualche dose di marijuana per trenta euro ad un altro giovane di Borgia, segnalato a sua volta alla prefettura ai sensi dell’art. 75 del famoso D. P. R. 309/90. Il secondo, Marco Costiera, è stato tratto in arresto qualche

CROTONE Ignoti si sono introdotti nell’edificio dove hanno lasciato cassetti ed armadi rovistati

Vandali nella scuola Maria Grazia Cutuli CROTONE — Vandali in azione alla

scuola Maria Grazia Cutuli di Crotone. Ignoti si sono introdotti, ieri notte, nella scuola materna ed elementare ed hanno lasciato, al loro passaggio, cassetti ed armadi rovistati e il loro contenuto sparso sui pavimenti. Il Dirigente Scolastico ed una delegazione dei genitori hanno incontrato nella sede del Comune il Sindaco Peppino Vallone e l'assessore alla pubblica istruzione Eugenia Garritani. Successivamente il Sindaco e l'assessore Garrita-

ni si sono recati presso la scuola per verificare personalmente quanto accaduto. Il Sindaco ha disposto, per consentire la ripresa delle lezioni nella giornata di domani, l'intervento di una squadra di pulizie per liberare i locali oggetto dell'atto vandalico e renderli immediatamente fruibili. L'occasione è stata opportuna anche per verificare, su richiesta dei genitori e del dirigente scolastico, la necessità di alcuni interventi di manutenzione straordinaria nell'edificio scolastico che, dopo

il sopralluogo disposto dal Sindaco ed effettuato nella stessa giornata di ieri dai tecnici comunali, saranno attuati. A tale riguardo l'assessorato alla pubblica istruzione comunica che tale verifica è programmata per tutti gli edifici scolastici di pertinenza comunale e che si stanno calendarizzando le date dei sopralluoghi tecnici per verificare in ogni istituto eventuali ulteriori interventi rispetto alla manutenzione ordinaria già sostenuta a suo tempo dal Comune.

ora dopo, a seguito di un controllo stradale effettuato in Roccelletta di Borgia, lungo la strada statale106 jonica. Lo stesso veniva trovato in possesso di dodici grammi di marijuana, sessantacinque semi e due coltellini utilizzati per il taglio della sostanza stupefacente. Un fenomeno, quello della, che si sta espandendo sempre più e che colpisce sempre più giovani.

Marco Costiera

Vibo, «Vogliamo giustizia per Nicola ora vogliamo parlare con i giudici» VIBO VALENTIA — Dieci anni fa persero il figlio in un incidente sul lavoro: aveva 22 anni e venne schiacciato mentre stava lavorando in un cantiere di calcestruzzi nei pressi di Vibo Valentia. Da allora, su quell'incidente, è calato il silenzio. Ma ieri mattina i genitori della vittima, Giuseppe Caglioti e Maria Conocchiella, rispettivamente di 59 e 55 anni, hanno deciso di uscire allo scoperto, e si sono incatenati ai cancelli del Tri-

bunale di Vibo valentia. «Vogliamo giustizia per nostro figlio Nicola, vogliamo parlare con i giudici - hanno gridato dinnanzi all'ingresso del tribunale - Abbiamo dato dei soldi a due avvocati, abbiamo firmato delle carte, ma non siamo riusciti a capire il resto di niente». I due coniugi hanno chiesto di parlare con il procuratore capo, Mario Spagnuolo. A convincerli a desistere dalla protesta è stato un ufficiale dei Carabinieri.


20 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA DEPURAZIONE L’europarlamentare Domenico Basile difende la ditta impegnata nella manutenzione degli impianti

«Soddisfare il credito della Ligeam» «Più di tre milioni vantati nei confronti del committente. Si rischia il degrado estremo» VIBO VALENTIA — Irrompe nel

già caotico panorama delle questioni che attanagliano il Vibonese, lo sciopero dei dipendenti della Ligeam, l’azienda che espleta nel territorio provinciale il servizio di depurazione, i quali da due mesi non ricevono la loro retribuzione (con aggiunta la tredicesima). Questo sciopero rischia di aggravare ulteriormente la situazione perché espone il Vibonese a rischi evidentissimi per quanto riguarda l'inquinamento terrestre e marino, pregiudicando le potenzialità del sistema degli impianti di depurazione costruiti nel passato in provincia. Di tale preoccupazione si fa interprete il parlamentare europeo Domenico Antonio Basile che rivolge un appello all’Ato 4, alla Provincia ed alla Prefettura. Basile, innanzitutto ritiene che «lo sciopero ad oltranza proclamato dagli addetti agli impianti di depurazione ed alle stazioni di sollevamento dell’Ato 4 (Provincia di Vibo Valentia) si rivolge, più che alla direzione aziendale della ditta Ligeam che non eroga gli ultimi due stipendi, oltre la tredicesima, direttamente al contraente pubblico, e quindi allo stesso Ato 4 ed all’Amministrazione Provinciale di Vibo Valentia, oltre che alla locale Prefettura che da più mesi ha assunto il ruolo di compositore senza in realtà comporre alcunché. Ed VIBO VALENTIA — Il Commissario straordinario dell’Asp di Vibo, Rubens Curia, ieri mattina, ha ricevuto a Palazzo ex Inam il Comitato di rappresentanza della Conferenza dei Sindaci eletto nei giorni scorsi. Erano presenti il Presidente Carmelo Nobile (sindaco di Francavilla Angitola), il vice presidente Franco Barbalace (sindaco di Spilinga), i componenti Alfonsino Grillo (sindaco di Gerocarne) e Pietro Loiacono (sindaco di Serra San Bruno). Assente Franco Sammarco (sindaco di Vibo Valentia) fuori sede per motivi istituzionali. Al centro dell’incontro - spiega una nota - la necessità di avviare, immediatamente, una nuova stagione di confronti e di operatività tra Conferenza dei sindaci e Asp per migliorare la qualità dei servizi, dando una forte spallata ai vecchi metodi di fare sanità. Il presidente Carmelo Nobile, ringraziato il Commissario dell'Asp, per aver accolto la proposta per una prima presa di contatti in attesa di avviare un nuovo programma di lavoro, ha espresso al massimo responsabile della salute pubblica vibonese tutta la sua piena disponibilità e quella del Comitato di rappresentanza e delle LAMEZIA TERME — «Attesissima dagli operatori di settore la conferenza stampa di presentazione dei due protocolli che uniranno le forze della Federazione Coldiretti Calabria a Calabria Excelsa e alla Sias. Giovedi 22 gennaio, alle ore 10,30 a Lamezia Terme (Sant’Eufemia) al Grand'Hotel Lamezia si stipuleranno - è detto in una nota di Coldiretti - i due Protocolli che uniranno le risorse delle su citate istituzioni. Sarà Pietro Molinaro, presidente della Coldiretti Calabria, a fare gli onori di casa e ad accogliere il presidente della Fondazione “Paolo di Tarso”, Luana Gallo e il presidente regionale della Sias, Antonio Graditone. Le Istituzioni -

infatti il mancato pagamento delle spettanze arretrate al personale operativo della ditta incaricata del servizio di depurazione dipende strettamente dall’abnorme credito, oltre 3 milioni di euro, vantato nei confronti dell’ente committente dalla Ligeam, credito che impedisce a quest’ultima di onorare i propri impegni, a partire dal pagamento dei salari ai lavoratori per finire ai debiti verso fornitori ed altri prestatori d’opera». L’europarlamentare vibonese ricorda, quindi, la più recente riunione, tenutasi lo scorso venerdì alla presenza dei rappresentanti di tutti i soggetti interessati (dipendenti, Ligeam, Ato, Provincia, Prefettura) e conclusasi ancora una volta con un nulla di fatto. In quell’occasione, a giudizio dell’on. Basile, «sono emersi (e proprio da parte della ditta e dei lavoratori) alcuni elementi che possono portare, se debitamente approfonditi e perseguiti, ad una schiarita nell’attuale situazione di stallo, che diventa giorno dopo giorno sempre più perniciosa non solo per chi è ancora oggi privo del proprio legittimo stipendio, ma anche per l’intera comunità vibonese che corre il rischio di vedere frustrati i tanti sforzi prodotti nel passato, da più persone, per dotare il territorio provinciale di un sistema depurativo efficace e, conseguentemente, di ricadere in quelle con-

care che accanto ai diritti degli operai non pagati, vi sono i diritti dei cittadini di ottenere il massimo dal sistema depurativo che pur esiste in provincia, e quelli dell’impresa di mantenere quell’onorevole linea di condotta imprenditoriale, anche nei confronti dei propri dipendenti e dei propri fornitori, che nel tempo (in una continuità aziendale con la ragione sociale dalla quale è originata) la ha resa un esempio in tutto il Vibonese». Quello che evidenzia l’europarlamentare è che, se la ditta si sta impegnando a fare la propria parte, lo stesso devono fare le istituzioni. Ma cosa, in concreto? «La Ligeam - ricorda Basile - per l’autorevole bocca del suo titolare, si è resa disponibile, stante la carenza di fondi dichiarata da Ato e Provincia, ad accontentarsi, per il momento, della semplice certificazione (da parte dei suddetti enti) del proprio credito liquido ed esigibile, sulla base della quale attivarsi subito presso gli istituti bancari per ottenere un’adeguata anticipazione, pur se questa operazione si traduce in un suo ulteriore esborso di interessi verso le banche, e pagare così gli arretrati e proseguire nel servizio». Dunque, anche le altre parti coinvolte dimostrino buona volontà. Ed ecco quello che abbiamo definito l’appello di Domenico Antonio Basile a fare ognuno

la propria parte: «La Segreteria Tecnica dell’Ato per certificare il credito dell’impresa, l’Amministrazione provinciale per validare tale certificazione, la Prefettura per fare finalmente qualcosa di utile vigilando che tutto questo accada, l’impresa per tenere fede alla propria (molto impegnativa e gravosa, in vero) promessa, i lavoratori per dare un’ulteriore (anche se certamente non dovuta) dimostrazione del loro attaccamento all’azienda e della loro sensibilità ambientale». «E se poi anche questo non dovesse ottenersi, nel senso che i due enti dovessero rifiutarsi di onorare i propri obblighi, allora - conclude l’on. Basile - non rimane che una soluzione: la Ligeam, finalmente, si rivolga alla magistratura, nei suoi vari ordini e gradi, per ottenere: la nomina di un commissario ad acta che accerti e certifichi il suo credito e proceda al prelievo coattivo delle relative somme dai bilanci e dalle casse di Provincia e Comuni debitori; l’accertamento dell’inadempimento del contraente pubblico nel rapporto d’appalto». Non rimane che sperare che questo appello non rimanga inascoltato, per evitare che una nuova drammatica crisi investa il martoriato territorio della provincia di Vibo Valentia.

VIBO Il commissario straordinario Curia ha incontrato il Comitato di rappresentanza della Conferenza dei sindaci

ranza che andrà a caratterizzare il cammino che andremo a fare insieme. L’Asp di Vibo Valentia è all'attenzione nazionale per eventi negativi. Vorremmo che il cambio di rotta si concretizzasse nel più breve tempo possibile. C’è la volontà, la capacità, le professionalità, la sensibilità di quanti siamo preposti, unitamente ai cittadini tutti, per superare i disagi e le difficoltà di oggi. Siamo partiti dalla radiografia compiuta attraverso la conferenza dei servizi e la individuazione di quattro gruppi di lavoro chiamati a fare squadra per la realizzazione di un cronoprogramma che ha come momento di forte interesse centrale la costruzione del nuovo ospedale. La costituzione della Conferenza dei sindaci - ha concluso il manager dell’Asp - ci aiuterà a percorrere un itinerario che potrà essere raggiunto soltanto se ci sarà piena condivisione sui problemi da affrontare e sul massimo coinvolgimento della popolazione». Lunedì 26, alle ore 12, sempre al secondo piano di Palazzo ex Inam, Asp e Comitato di rappresentanza torneranno a riunirsi per meglio conoscere il programma da svolgere insieme. (Agi)

Domenico Basile

“Lo sciopero dei lavoratori più che alla ditta è rivolto al contraente pubblico” dizioni di estremo degrado ambientale che anni addietro sono state superate con la costruzione di un numero adeguato di impianti di depurazione. Al riguardo non bisogna, infatti, dimenti-

Sanità, Comuni a confronto con l’Asp più complessiva Conferenza dei sindaci per attivare una piena inversione di rotta da parte dell'organismo di programmazione che negli ultimi anni ha sostanzialmente disatteso il compito. «La funzione della Conferenza dei sindaci - ha esordito il Presidente Carmelo Nobile - proprio per le sue peculiarità di organismo programmatorio della sanità sul territorio della provincia di Vibo Valentia non può ulteriormente deludere le attese dei cittadini. Da qui la utilità di recuperare la fiducia tra la gente che passa attraverso un nuovo progetto di intesa con l’Asp e con i cittadini tutti. Abbiamo necessità di renderci conto di quello che è lo stato della sanità pubblica sul territorio e conseguentemente di adoperarci per realizzare una iniziativa che veda coinvolti tutti i sindaci, l’Asp e tutte le forze sociali ed emergenti. Non c'è più tempo da perdere - ha aggiunto, poi, Carmelo Nobile - bisogna rimboccarsi le mani-

Rubens Curia

che ed andare incontro alla gente per capire i bisogni e verificare le disponibilità esistenti in materia di assistenza e cura. In questa direzione offriamo la nostra capacità di approccio con la gente e soprattutto i

nostri ruoli istituzionali per operare in piena sintonia con l'Asp, utilizzando uno sportello permanente per accogliere i problemi, discuterli e individuarne le soluzioni». Sulla scia di Nobile, anche Alfonsino Grillo, Pietro Loiacono e Franco Barbalace per i quali «è inderogabile procedere verso una piena sensibilizzazione di tutte le articolazioni politiche ed istituzionali che hanno competenze in materia di sanità. Il nostro è un ruolo delicato. Non possiamo disattendere le legittime attese della popolazione. Ma è forte anche il bisogno di contare sulle ottime professionalità esistenti». Il Commissario straordinario Rubens Curia ha preso atto della ripresa volontà della Conferenza dei sindaci a tornare ad essere protagonista di una nuova e diversa stagione di scelte per la sanità pubblica vibonese. «Ringrazio il Presidente Carmelo Nobile ed il comitato di rappresentanza per questa giusta e nuova cultura della spe-

Giovedì a Lamezia Terme conferenza stampa sulle forme di collaborazione dei due organismi

Coldiretti alleata di Calabria Excelsa prosegue la nota - spiegheranno agli organi di stampa l'importanza dei due protocolli e ne illustreranno le motivazioni che hanno spinto i noti organismi ad unire le proprie risorse». «Due - si apprende ancora - i protocolli previsti: 1) Coldiretti Calabria e Fondazione “Paolo di Tarso” per l’accesso ufficiale delle Aziende Coldiretti a Calabria Excelsa l’innovativo Sistema di rete che promuove il Brand Calabria nell'ambi-

to della piattaforma Italiaexcelsa, basandosi sulla promo-commercializzazione e offerta dei suoi prodotti e punti di eccellenza; 2) Coldiretti Calabria e Sias Società Italiana di Alimentazione e Sport - Organizzazione non lucrativa di utilità sociali per favorire e promuovere iniziative atte a divulgare la conoscenza di una corretta alimentazione e di un adeguato stile di vita». «I giornalisti - si apprende nel comunicato - potranno prendere vi-

sione in anteprima della reale fondatezza del sistema Calabria Excelsa, che si è preso carico di emancipare le eccellenze turistiche della Calabria. Turismo in Calabria per Calabriaexcelsa significa unione concreta di tutto ciò che è veramente buono ed eccellente in Calabria. Per questo motivo Calabria Excelsa ha scelto la Coldiretti Calabria e i prodotti del settore agroalimentare, rappresentati dalla stessa Coldiretti, che saranno uno dei

Maurizio Bonanno

pilastri che cambieranno il modo di guardare alla Calabria come ad un contesto altamente produttivo che farà la differenza sul mercato dell'economia». «Calabria Excelsa viene sottolineato - è già capace di veicolare l'internazionalizzazione di prodotti e servizi esistenti visualizzati in modo multimediale, quali pilastri di una proposta turistica chiara, definita e finalizzata all'affermazione dell’Itinerario Calabria nel panorama turistico internazionale». «Nel corso della conferenza stampa - conclude la nota - il presidente Molinaro anticiperà i temi e gli impegni della Coldiretti Calabria nei prossimi mesi».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 21

CALABRIA COSENZA Il presidente della Provincia ha inviato un suo messaggio al Consiglio comunale della Città dei Bruzi

Oliverio insiste sulla Cardiochirurgia «Un grande territorio come il nostro non può rimanere privo di un servizio così importante» COSENZA — Il Presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio, impossibilitato a partecipare ai lavori del Consiglio comunale di Cosenza convocato ieri, in seduta straordinaria, per sollecitare l’istituzione del servizio di Cardiochirurgia nella città capoluogo, ha inviato al sindaco della città Salvatore Perugini e al presidente del Consiglio Pietro Filippo, un messaggio sottoposto al civico consesso. Di seguito il messaggio, che riceviamo e pubblichiamo: «Carissimi [... ]. A voi tutti è ben noto che, come Provincia di Cosenza, da più tempo abbiamo posto all'attenzione della Regione e, in particolare, degli assessori regionali alla Sanità che si sono succeduti nel tempo e dello stesso Presidente Loiero, l'esigenza che nell’Ospedale Regionale dell’Annunziata possa essere definitivamente attivato un Servizio di Cardiochirurgia.

Anche in occasione di una recente audizione in Consiglio regionale da parte della Commissione Sanità ed Affari Sociali abbiamo avuto modo di evidenziare la necessità che fosse istituito al più presto a Cosenza un Servizio di Cardiochirurgia, attraverso l’attivazione di procedure straordinarie ed urgenti. Più volte e in diversi nostri interventi abbiamo sostenuto che è ormai maturo il tempo di effettuare scelte chiare e coraggiose per la costruzione di un sistema sanitario altamente qualificato e ben articolato su tutto il territorio, i cui parametri di dislocazione dei servizi siano oggettivi e tengano conto della popolazione residente, dell'estensione territoriale e dell’incidenza di specifiche patologie. Una grande provincia come la nostra che, con i suoi 750.000 abitanti rappresenta il 42% della popolazione dell'intera Calabria, in

cui opera un presidio ospedaliero regionale che copre quotidianamente le necessità di un territorio che è oltre il 40% di quello dell'intera regione e che è punto di riferimento per l'intera rete degli ospedali distribuiti sul territorio della provincia, non può continuare a rimanere priva di un servizio così importante. Migliaia sono i cittadini della nostra provincia che ogni anno sono costretti a recarsi altrove, e altissimo è il numero dei casi in cui un intervento pronto e tempestivo è condizione necessaria per la salvezza di diverse vite umane. Tutto ciò non può più essere tollerato! Così come non è più tollerabile e rispondente ad alcuna impostazione di efficienza, di qualità e tempestività degli interventi la concentrazione che si è determinata da anni nella città di Catanzaro di due servizi di Cardiochirurgia, senza mai tener conto di una grande parte del territorio,

la nostra, dalla quale ogni giorno sono costretti ad essere trasferiti per patologie cardiochirurgiche in media 1,5 pazienti al giorno. Sono certo di interpretare il sentimento comune e diffuso di sindaci, amministratori locali e cittadini se affermo che non è più procrastinabile una scelta così importante e decisiva per la salvaguardia della vita e della salute dei cittadini dell’intera provincia di Cosenza. Mi auguro, pertanto, che questa iniziativa possa costituire un’occasione finalizzata a determinare un’azione fortemente unitaria che possa vedere, al di là delle appartenenze politiche e delle diverse rappresentanze, tutte le istituzioni, le forze politiche e sociali di una grande provincia come la nostra unite in una battaglia comune su problemi di indiscutibile rispondenza ai bisogni sociali e, in particolare, alla tutela della salute delle nostre popolazioni su cui

non possono più prevalere spinte e divisioni rispetto alle ragioni oggettive dell’unità. Noi siamo pronti a dare, anche e soprattutto in questa occasione, il nostro contributo senza riserve e con determinazione per la realizzazione di un obiettivo che riteniamo di grande importanza e valore per assicurare alle nostre popolazioni un servizio sanitario qualificato e rispondente alle elementari esigenze di tutela della salute Se sarà necessario non esiteremo un solo attimo a convocare tutti i sindaci, gli amministratori locali e le forze politiche e sociali di questa provincia per sostenere la concretizzazione di un obiettivo che non può più essere rinviato o ulteriormente procrastinato. Nell’augurarvi buon lavoro riconfermo, quindi, la mia più totale disponibilità a qualsiasi iniziativa si stabilirà di intraprendere».

ROMA — Il senatore del Pdl Vincenzo Speziali - segretario della commissione Finanze e Tesoro - con un’interrogazione presentata ai ministri del Lavoro e dell’Economia, ha chiesto la reintroduzione della Calabria tra le regioni del Sud in cui le imprese hanno diritto agli incentivi per l'assunzione di lavoratrici donne con contratti di inserimento. Speziali sottolinea che «il decreto ministeriale del 13 novembre 2008

OCCUPAZIONE FEMMINILE Il senatore chiede ai ministri l’applicazione del contratto di inserimento

dei servizi dove, tradizionalmente, la presenza femminile è più consistente». In sintesi, Speziali chiede ai ministri «un intervento di revisione dei criteri in base ai quali si è provveduto all’individuazione delle regioni destinatarie degli incentivi per l’assunzione di donne lavoratrici, al fine di consentire l’inclusione della Calabria, rafforzando così le basi per un rilancio economico e sociale del Meridione».

Speziali: «Calabria penalizzata» equipara, paradossalmente, la Calabria alle regioni più ricche e strutturate del Paese, come il Veneto e la Lombardia, ignorando, di fatto, il contesto di carenze e difficoltà in cui il sistema produttivo calabrese si tro-

va ad operare. L'esclusione della Calabria è incomprensibile ed estremamente grave, ancor più incomprensibile se si considera che essa risulta essere l'unica regione del Sud lasciata fuori dai benefici previsti dal decreto

emanato dal ministero del Lavoro. Ciò non può che frenare il rilancio economico del Mezzogiorno ed il miglioramento della condizione occupazionale della donna nei settori del commercio e in quello del terziario e


22 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO La nota di Cisl medici, Anaao Assomed, Cimo-asmd, Cgil fp, Ugl Sanità, relativa alla delibera dell’Asp con cui è stato costituito il Navs

«Ripristinare la cultura delle regole» «Evidente la non curanza mostrata nei confronti delle numerose richieste inoltrate all’indirizzo della direzione» CATANZARO — «Malgrado siano passati diversi mesi dall’accorpamento dell’ex Asl n. 6 e n. 7 la Direzione Generale dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro non ha ancora adottato indirizzi uniformi e condivisi per dare avvio ad una omogenizzazione delle attività, delle funzioni e degli incarichi dirigenziali» si legge in una nota di: Cisl Medici Nino Accorinti, Cgil Fp Marisa Palasciano, Anaao - Assomed Elio Scaramuzzino, Cimo - Asmd Giovanni Paladino, Ugl Sanità Giuseppe Romano. «In tale contesto di disorganizzazione - prosegue la nota - Cisl medici, Anaao Assomed, Cimo-asmd, Cgil fp, Ugl Sanità hanno chiesto con la nota del 15.01.2009, indirizzata anche all’Assessorato alla Salute, la revoca della delibera della Direzione Generale dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro con cui è stato costituito il Navs (Nucleo Aziendale di Valutazione Strategico), delibera adottata senza preventiva informativa e consultazione ai sensi dell’art. 6 del Ccnl della dirigenza medica. Le scriventi Oo. ss. ritengono indispensabile ripristinare la cultura delle regole, della legalità e della trasparenza in materia di conferimento e valutazione degli incarichi dirigenziali, superando metodi arbitrari e poco chiari. Non si comprende peraltro come lo stesso Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria Provinciale che nel 2007 aveva istituito la Commissione paritetica, composta da rappresentanti sindacali e dell’Amministrazione, per stabilire atti regolamentari sull’affidamento e/o sulla revoca degli incarichi dirigenziali ignori le norme contrattuali e statali e rimanga insensibile alle richieste di riavviare i lavori della suddetta Commissione. Per-

tanto - conclude -, le scriventi oo. ss. hanno chiesto con l’allegata nota, di cui si chiede la pubblicazione integrale, l’annullamento dell’illegittima delibera e la continuazione dei lavori della Commissione paritetica». «Con atto n°2584 del 28.10.2008 la Direzione Generale dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro ha deliberato l’istituzione del Navs (Nucleo Aziendale di Valutazione Strategico) dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro senza alcuna informativa preventiva alle OO. SS. della dirigenza medica e senza provvedere alla prevista consultazione obbligatoria di cui all’ex art. 6 del Ccnl 2002/05 come confermato dal Ccnl 2006/09. L’atto, nel ratificare il disciplinare di funzionamento - senza che sia allegato alla delibera - del decaduto Navs dell’ex Asl n. 7 approvato con deliberazione n. 723 del 20.4.2005, individua i componenti esterni, interni ed il responsabile, assegnando al Navs “le fun-

zioni descritte nel regolamento generale, di organizzazione e funzionamento” di un atto non meglio specificato. Peraltro, nella delibera non sono stati allegati i curricula dei componenti al fine di dimostrare le richieste esperienze formative e/o concrete direttamente acquisite nella materia. Certamente non si può parlare di trasparenza nella gestione aziendale. Infatti, malgrado le reiterate richieste delle OO. SS. della dirigenza di riavviare i lavori della Commissione paritetica, composta da rappresentati sindacali e dell’Amministrazione per stabilire atti regolamentari sull’affidamento e valutazione degli incarichi dirigenziali e sulla verifica dei risultati raggiunti dai dirigenti, l’Amministrazione istituisce con l’atto di cui all’oggetto l’organismo di valutazione di II° istanza senza aver prima definito quelli di I° istanza e la composizione dei collegi tecnici, le procedure ed i criteri che informano i sistemi di valutazione

dei dirigenti. A tale riguardo è necessario evidenziare che i lavori della suddetta Commissione, istituita con delibera n. 562 del 02.10.2007 dal Dott. Pietro Morabito in accordo con le OO. SS., sono stati interrotti dopo la rinuncia di un rappresentante di parte pubblica, e precisamente del responsabile del Controllo di Gestione, e mai ripresi nonostante la richiesta di surrogare il dimissionario con altro rappresentante. Il mancato rispetto della procedura concordata e delle norme contrattualmente previste, l’evidente non curanza mostrata nei confronti delle numerose richieste inoltrate all’indirizzo della Direzione palesano l’intenzione della medesima di prescindere completamente dal preventivo accordo o concertazione con i sindacati sulle procedure di conferimento degli incarichi e di valutazione dei dirigenti. La delibera di cui all’oggetto presenta inoltre una palese violazione del D. Lgs 30 luglio 1999 n. 286, che ha predisposto i sistemi di controllo interni, laddove considera, come peraltro le delibera di GR n. 837 del 14.11.2000, che i componenti esperti “possono essere affiancati dal responsabile delle funzioni di controllo di gestione e dal direttore della gestione delle risorse umane”. Infatti, la normativa statale conferma in maniera chiara l’incompatibilità del responsabile del controllo di gestione a far parte del Nucleo di Valutazione. Infatti, l’art. 1 comma 2 del D. Lgs 30 luglio 1999 n. 286 testualmente conferma che “l’attività di valutazione dei dirigenti utilizza anche i risultati del controllo di gestione, ma è svolta da strutture o soggetti diverse da quelle a cui è demandato il controllo di gestione”. Tutto ciò premesso, le scriventi OO.

SS. Invitano e diffidano codesta Amministrazione a: 1) sospendere l’esecutività e conseguente revoca della delibera di cui all’oggetto e l’attivazione delle procedure per la continuazione dei lavori della Commissione paritetica istituita per l’elaborazione del regolamento per l’affidamento, valutazione e revoca degli incarichi dirigenziali; 2) convocare un incontro urgente al fine di chiarire metodi e procedure in merito all’applicazione di vari istituti previsti dalle norme contrattuali. Altresì si sensi della legge 241 e s. m. i. chiedono di conoscere: a) Con quale procedura sono stati scelti i componenti del Navs? In merito chiedono di prendere visione degli atti e dei titoli prodotti dai dirigenti e dagli esperti esterni; b) A quali criteri di valutazione si atterrà il suddetto Nucleo visto che la Commissione paritetica istituita per redigere il regolamento (a superamento dei preesistenti regolamenti dell’ex AsL n. 6 ed ex ASL n. 7) per il conferimento degli incarichi e per la valutazione dei dirigenti - da sottoporre alla prevista concertazione con tutte le OO. SS. - non ha licenziato alcun testo in conseguenza delle dimissioni di un componente di parte pubblica? Si resta in attesa di una risposta piena con l’avvertenza che tale atto ha valore di costituzione in mora e che le scriventi organizzazioni, alla luce di quanto sopra, in caso di mancata revoca della delibera di cui all’oggetto e dell’incontro richiesto attiveranno senza indugio tutte le iniziative sindacali consentite e quelle giudiziarie sia penali che contabili per la corretta applicazione delle norme contrattuali».

Partita la ricerca dei volontari Lilt

Catanzaro, il 29 gennaio all’Itc di Lido il seminario “Porte Aperte all'Europa”

CATANZARO — Il 18 gennaio, ha avuto inizio la campagna Volontariato 2009 “I lilt you”, che consiste nella ricerca e nel reclutamento di volontari che possano essere parte integrante della Sezione Provinciale Lilt di Catanzaro. Il volontario è una risorsa preziosa che, ogni giorno, attraverso piccoli gesti contribuisce alla mission Lilt: vincere il cancro attraverso la prevenzione, ma anche prendersi cura del malato oncologico, alleviandone le sofferenze e condividendone la gioia della guarigione. Non servono competenze specifiche, basta avere più di 18 anni e qualche ora di tempo da dedicare per aiutare chi ha bisogno. Ci sono tanti modi per essere volontario Lilt, dall’assistenza al malato, alla diffusione della cultura della prevenzione, all’organizzazione degli eventi, sono tante le possibilità attraverso cui puoi offrire il tuo contributo e do-

CATANZARO — Si svolgerà giovedì 29 gennaio prossimo, dalle 9 alle 13.30, presso l’Istituto tecnico commerciale “Fra’ Luca Pacioli” di Catanzaro Lido, il Seminario regionale di Informazione “Porte Aperte all'Europa: Una Giornata per conoscere ed approfondire le novità del Lifelong Learning Programme - Llp 2009”. Le attività, organizzate dall’Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell’Autonomia Scolastica - Nucleo territoriale ex Irre Calabria, sono rivolte ai dirigenti e ai docenti di ogni ordine e grado della scuola calabrese, nonchè a rappresentanti di Associazioni operanti nel territorio. L’incontro promuove la Dimensione Europea dell’Educazione con l’obiettivo di: favorire l’integrazione e la formazione del cittadino e delle cittadine; di perseguire l’inclusione; di ridurre gli abbandoni scolastici; di sostenere la pace e combattere la violenza nelle sue varie forme. E ancora è mirato a diffon-

dere le buone pratiche e a dare informazioni utili per la partecipazione ai Progetti Europei. I lavori saranno introdotti dalla prof. ssa Donata Larocca, Direttore ad interim dell’ Agenzia Nazionale ex Irre Calabria, seguiranno le relazioni: “Sguardo sui Progetti europei in Calabria” della prof. ssa Mariagraziosa Costa, referente Llp dell’Agenzia Naz. le ex Irre Calabria; “Programma per l'Apprendimento permanente - Llp: le opportunità nella Call 2009” della dott. ssa Marta Tedros e del dottor Lorenzo Guasti, referenti Llp Agenzia Naz. le di Firenze. Per la Finestra sulle esperienze (diffusione di buone pratiche) interverranno i docenti di progetti già attivati, Silvana Montesano dell’Ipsar di Soverato e Remo Scavello dell’Itis Monaco di Cosenza. Saranno presenti la Dirigente Scolastica dell’Itc “Frà Luca Pacioli”, dott. ssa Maria Levato, e il referente dell’ Ufficio Scolastico Regionale, Giuseppe Bonadio.

LAMEZIA TERME Mercoledì gli incontri con le quinte classi presso la sala conferenze del centro pastorale

ministrare e Governare: Etica delle Istituzioni e Legalità. Gli interventi previsti sono quelli della dott. ssa Wanda Ferro: Presidente Provincia di Catanzaro e del Prof. Gianni Speranza: Sindaco di Lamezia Terme. L’incontro avrà luogo mercoledì 21 gennaio 2009- ore 10 presso la sala conferenze - centro pastorale, Via L. Da Vinci 2.

CATANZARO Non servono competenze specifiche, basta avere più di 18 anni e qualche ora di tempo libero

LAMEZIA TERME — L’istituto

professionale di stato“L. Einaudi” di Lamezia Terme con il patrocinio di Nidil Cgil Calabria nell’ambito dei Percorsi per la Legalità ha organizzato uni ncontro di studio con gli allievi delle V classi. Primo tema dell’inconro sarà: Cultura, lavoro, legalità e precarietà: dati, contraddizioni ed esperienze. Legalità, Scuola e

nare speranza ed una migliore qualità di vita al malato oncologico. Tutti possono offrire la propria solidarietà. Diventare volontario Lilt è semplice, contattaci al numero verde 800-998877 dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 17 o visita il sito www. lilt. it oppure telefona al numero 0961725026, dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12 e dalle ore 16 alle ore 19. Da ieri è

anche disponibile il sito ufficiale della sezione provinciale di Catanzaro, raggiungibile all’indirizzo www. liltcz. it. Il portale, realizzato dal webmaster Domenico Concolino, si presenta con una grafica semplice, accattivante ed intuitiva, come una vetrina sulle nostre iniziative e una “web-brochure” che illustra come aiutarci e contattarci. Inoltre, al vecchio indirizzo e-mail si affianca ora: info@liltcz. it.

All’Einaudi “Percorsi per la Legalità” Precarietà del lavoro: nel duplice ruolo di Sindacalista ed Insegnante. Il relatore sarà la dott. ssa Maria Di Serio, Segretaria Nazionale Nidil Cgil Calabria: dati sulla Precarietà del

lavoro. La provincia di Catanzaro l’esperienza dei giovani nei Call Center. Servizi ispettivi e politiche del lavoro nazionali e locali. Il relatore sarà il dott. Danie-

le Carchidi Responsabile Sol Servizi di Orientamento al Lavoro - Cgil Catanzaro. Ruolo, compiti e possibilità delle istituzioni per favorire la cultura del lavoro e della legalità. Am-


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 23

CALABRIA CATANZAROLa presidenza della Cna definisce le misure decise dalla Camera esigue «anche rispetto a quanto messo in campo dai governi europei»

«Il decreto anticrisi è inadeguato» «Ci auguriamo che vengano riesaminate le normative con il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati» CATANZARO — «Le misure conte-

nute nel decreto anticrisi approvato dalla Camera qualche giorno addietro appaiono del tutto inadeguate a fronteggiare gli effetti della crisi anche rispetto a quanto messo in campo dai governi dei principali paesi europei a sostegno dell’economia» si legge in una nota della presidenza della Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa - Sede Provinciale. «L’esiguità - prosegue - delle risorse messe in campo rischia di vanificare interventi urgenti e improrogabili per la ripresa del Paese e del mezzogiorno in maniera particolare. Le modifiche apportate al decreto legge correggono, in parte, alcune scelte presenti nel testo iniziale che erano state duramente criticate dalla Cna come la detraibilità del 55% delle spesa per il risparmio energetico, ma non producono effetti immediati nè CATANZARO — Il consigliere

della III Circoscrizione, Luigi Levato, ritorna a puntare l’attenzione sulla grave situazione in cui versano gli alvei dei fiumi ed in particolare del Fiume Castace. «Già in passato - scrive - ci siamo occupati della questione ed abbiamo più volte sollecitato l’amministrazione comunale ad intervenire con la bonifica del fiume. Le cattive condizioni climatiche degli ultimi giorni, hanno ulteriormente ostruito la foce del torrente e depositato lungo il corso del fiume tonnellate di detriti di ogni genere che impediscono il regolare deflusso delle acque. Questa grave situazione sia ambientale che sanitaria, potrebbe ulteriormente aggravarsi per l’alto rischio di esondazioni e allagamenti. Solo recentemente, per quel che concerne l’ambito territoriale di pertinenza della Provincia di

garantiscono una quantità di risorse adeguate al sostegno dell’economia reale. Siamo fermamente convinti che

l’attuale momento di crisi debba essere colto come un’opportunità per progettare interventi strutturali di riforma della composizio-

ne e della qualità della spesa pubblica, a partire dalla riduzione dei livelli di governo e dalla revisione dei coefficienti pensionistici, per

CATANZARO Il consigliere della III Circoscrizione, Luigi Levato, punta il dito sul problema dei fiumi

«Completare la bonifica del Castace» Catanzaro, è stata effettuata la bonifica del fiume Castace con l’impiego di ruspe. La restante parte del fiume, ovvero la parte che attraversa il quartiere Santo Janni fino alla foce nel quartiere Lido, è di competenza dell’amministrazione Comunale di Catanzaro. L’amministrazione comunale nonostante i diversi solleciti, non ha ancora dato seguito alle diverse promesse che in questi mesi abbiamo ascoltato. Ad annunciare l’imminente inizio dei lavori di bonifica del fiume Castace, sono stati proprio alcuni esponenti dell’attuale Giunta Comunale i quali hanno più volte hanno fatto riferimento alle risorse messe a

disposizione dalla Regione Calabria proprio per la pulizia e la sistemazione degli alvei e delle fiumare. A distanza di mesi non si è fatto nulla, e se si esclude la parte di competenza dell’Am-

Luigi Levato

«Il maltempo degli ultimi giorni ha ulteriormente ostruito la foce del torrente»

recuperare risorse da dedicare alle politiche economiche ed allo sviluppo in generale. Infine, ancora una volta, si deve stigmatizzare l’abitudine italiana di inserire all’interno di provvedimenti che hanno carattere di estrema urgenza modifiche legislative del tutto incongruenti com’è, per l’appunto, la norma relativa alla mobilità delle imprese tra i fondi interprofessionali, la cui regolamentazione si sarebbe dovuta lasciare al Parlamento ed alle parti sociali. Ci auguriamo - si legge infine nella nota - che nei prossimi mesi vengano riesaminate tali normative con il contributo e il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati». Le misure contenute nel decreto anticrisi approvato dalla Camera qualche giorno addietro appaiono dunque alla Cna provinciale inadeguate a fronteggiare gli effetti della crisi. ministrazione Provinciale la situazione è rimasta pressoché invariata. Lungo il corso del fiume Castace, in particolare il tratto che interessa il quartiere Santo Janni, sorgono diverse abitazioni, attività pubbliche e private nonché asili nido e scuole materne. Onde evitare che la gravità della situazione degeneri chiediamo al sindaco Rosario Olivo di intervenire tempestivamente per verificare le attuali condizioni degli alvei dei fiumi e avviare contestualmente la pulizia e la bonifica di quei tratti che presentano particolari rischi e pericoli soprattutto per la popolazione residente. Risulta necessario a questo punto effettuare, anche alla presenza dei consiglieri circoscrizionali, ulteriore sopralluogo di verifica al fine di valutare l’entità dei danni e le reali condizioni in cui versa il fiume Castace».

CATANZARO Domande e risposte provocatorie che ripercorrono la vita e l’eredità lasciata dal padre dei socialisti

CATANZARO CENTRO

Le ceneri di Craxi, libro di Crisafulli

FITTASI PRESTIGIOSO IMMOBILE

CATANZARO — Nel nono anni-

versario della morte arriva in libreria un saggio di Edoardo Crisafulli su Bettino Craxi. Craxi fu il primo socialista a ricoprire, nella storia repubblicana, la carica di Presidente del Consiglio dei ministri dal quattro agosto 1983 al diciassette aprile 1987, in due governi consecutivi. Nel volume, intitolato Le ceneri di Craxi, edito da Rubbettino, «si forniscono - è detto in una nota dell'editore - risposte inaspettate e provocatorie ad una serie di domande tra cui: perché Bettino Craxi è disprezzato dalla sinistra radicale? Il Partito socialista italiano era davvero il focolaio del malaffare e il centro nevralgico di Tangentopoli? Mani Pulite fu un'inchiesta eroica oppure un golpe mediatico-giudiziario che azzerò una classe politica di prim'ordine? Per quale ragione le inchieste si abbatterono, implacabili, soprattutto sul Psi e sulla Dc, risparmiando il Pci-Pds? Come mai si parla pochissimo dell'oro di Mosca, un fiume di miliardi versato dai sovietici nelle casse del Pci per cinquant'an-

loft indipendente, arredato e climatizzato, precedentemente abitato da funzionari di istituti di credito. ANCHE USO FORESTERIA

INFO

334 1875277

CATANZARO CENTRO STORICO CORSO MAZZINI

VENDESI

ni? Ha senso, oggi, dichiararsi socialisti e militare nel centrodestra? E' giusto dire che Berlusconi ha raccolto l'eredità politica craxiana? Come mai i post-comunisti si sono riciclati

nel Partito democratico, formazione senz'anima e senza storia? ". Il libro “Le ceneri di Craxi” contiene una presentazione del direttore di Mondoperaio, Luciano Pellicani.

ATTIVITA’ COMMERCIALE ADIBITA A BAR Per informazioni chiamare al numero

338/9096746


24 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO La mostra, realizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune, rimarrà aperta fino al prossimo 28 febbraio

Prosegue “Seta. Il filo dell’arte” In questo periodo si potranno ammirare, nelle sale espositive, damaschi, velluti, taffetas e broccati CATANZARO — Ad oggi, numero-

sissimi, sono stati i visitatori della mostra: “Seta. Il filo dell’Arte” Tessuti a Catanzaro dal XV al XIX secolo. L’evento espositivo è stato realizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Catanzaro, dalla Regione Calabria - Fondazione Calabria Film Commision, dal Museo Diocesano di Arte Sacra di Catanzaro, con il patrocinio dell’Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro – Squillace. La mostra, curata da Oreste Sergi, resterà aperta fino al 28 febbraio. In questo periodo si potranno ammirare, nelle sale espositive della struttura museale, damaschi, velluti, taffetas, broccati, broccatelli, gros de Tours, provenienti dalle maggiori chiese della città - Cattedrale di S. Maria Assunta e dei Santi Pietro e Paolo, Rettoria del Santissimo Rosario, Parrocchia di S. Teresa all’Osservanza, Rettoria di S. Maria de Figulis seu Montecorvino – dalle chiese di Sellia Superiore, di S. Pietro Magisano e di Vincolise, nonché da alcune collezioni private. Da apprezzare una dalmatica in broccatello della fine del XV secolo proveniente dalla parrocchia di S. Nicola di Sellia Sup., due abiti settecenteCATANZARO — Sembra avviarsi

a conclusione l’iniziativa portata avanti dai consiglieri Riccio, Gigliotti e Nisticò finalizzata a ridare decoro all’ingresso dello storico e monumentale parco urbano di “Villa Margherita” con la creazione di un’isola pedonale nell’antistante Piazzale Trieste. Ieri mattina, durante i lavori della Commissione LL. PP - presieduta dal consigliere Antonio Gigliotti e presenti i consiglieri Costanzo, Cassala e Alberto Nisticò – che ha visto la partecipazione dei consiglieri Carlo Nisticò, presidente della commisione Urbanistica, ed Eugenio Riccio, presidente della Commissione “Ambiente ed Igiene”, si è deliberato di proporre la trasformazione di Piazzale Trieste in isola pedonale in luogo dell’attuale disordinato ammasso di automobili. «Piazzale Trieste - hanno infatti

più ‘importante’. Una storia fondata, principalmente, su vicende umane che ritrovano, in ogni singola tipologia tessile, quelle circostanze con le quali, quasi per assurdo, condividono i segni di avvenimenti che hanno per sempre cambiato il corso degli eventi di una comunità. Catanzaro in quest’occasione, pertanto, può oggi, attraverso una ricontestualizzazione dei “suoi” tessuti, ritrovare parte della sua storia. «Con l’iniziativa della mostra documentaria di manufatti tessili serici - ha sottolineato l’assessore alla cultura Antonio Argirò - ci si prefigge lo scopo non solo di creare e stimolare la capacità di percepire, conoscere, studiare e valutare i propri beni storico - artistici, ma anche di formare e sviluppare attraverso essi, una propria identità culturale locale, cercando di produrre, documentare e trasmettere cultura. Il percorso di ricerca, studiato e creato per analizzare i diversi manufatti e le diverse tipologie di tessuti e di moduli decorativi - ha proseguito - punta l’obiettivo su di un’analisi di studio inerente ad interventi finora prodotti al di fuori della Calabria, in particolare in quelle regioni ove forte

era ed è la produzione e la commercializzazione di tessuti serici: Sicilia, Campania, Toscana, Liguria, Veneto, Lombardia. L’argomento assume grande rilevanza sia nel contesto globale culturale della Calabria, sia per ciò che concerne la situazione della città di Catanzaro con le sue specificità e gli aspetti manifatturieri artistici di particolare interesse ed a tratti unici. I manufatti esposti testimoniano, pertanto - ha concluso il delegato alla cultura di palazzo de Nobili - quel fervore culturale che nei secoli ha contraddistinto la città di Catanzaro, rispetto le altre realtà calabresi e meridionali, all’interno della quale un’attività produttiva, come quella serica, diveniva pretesto per affermare la propria espressività». La mostra, iniziata il 21 dicembre, si tiene a Catanzaro – Museo Diocesano d’Arte Sacra, Palazzo Arcivescovile, via dell’arcivescovado, 13. Orario: Lunedì chiuso - Domenica apertura solo il pomeriggio dalle 17,00 alle 19,30 - tutti gli altri giorni, dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 17,00 alle 19,30 (possono variare, verificare sempre via telefono).

CATANZARO L’iniziativa portata avanti dai consiglieri Riccio, Gigliotti e Nisticò sembra avviarsi alla conclusione

rimarcato i consiglieri Riccio, Nisticò e Gigliotti - rappresenta l’ingresso al giardino (quindi alla Biblioteca ed al Museo Provinciale) ma anche al prestigioso Comando Regione Carabinieri Calabria. E’ evidente allora che, anteponendo il decoro urbano a qualsiasi altra esigenza, non sarà difficile comprendere quanto sia importante mantenere decorosa la piazzetta anche a motivo delle diverse visite istituzionali fatte all’attiguo Palazzo Comunale e Comando Regione carabinieri dalle varie autorità». Nei prossimi giorni, in un’apposita conferenza dei servizi, cui parteciperanno gli assessori ed i tecnici competenti, si cercherà di portare a compimento un’iniziativa che, dopo tanti anni, contribuirà in maniera significativa a dare ordine e decoro ad uno degli scorci piu’ belli della nostra Città.

Il Palazzo Arcivescovile

schi provenienti dalla parrocchia dei SS. Simone e Giuda di Vincolise, una splendida gonna in damasco “bizzarre” proveniente dal Santuario della Madonna della Luce di S. Pietro Magisano, la seicentesca pianeta detta dei “Borgia” e l’abito impero in velluto piano dell’Addolorata provenienti dalla rettoria del Rosario di Catanzaro, un piviale in damasco classico proveniente dalla Cattedrale, una dalmatica cinquecen-

tesca in damasco viola dell’Osservanza, una raffinata pianeta in taffetas broccato appartenente alla rettoria di S. Maria de Figulis. I tessuti serici rappresentano, per Catanzaro e la Calabria intera, l’occasione per celebrare una storia sulle produzioni tessili catanzaresi dalle sfaccettature vaste ed estremamente diversificate in cui la bellezza dell’effimero, che riluce dalle cromie delle sete d’orditi e trame, dialogano con una storia

Piazza Trieste diventerà isola pedonale L’iniziativa portata avanti dai tre consiglieri è finalizzata a ridare decoro all’ingresso dello storico e monumentale parco urbano di “Villa Margherita”

CATANZARO Il progetto sarà presentato domani presso il complesso Monumentale San Giovanni

Sfogliando un film, rassegna cinema

Catanzaro, gli alunni della Vivaldi hanno dato vita ad “Aula pulita”

All’incontro di domani alle ore 16.30, saranno presenti, tra gli altri, il sindaco della città Rosario Olivo e l’assessore alla cultura del Comune Antonio Argirò

CATANZARO — Domani alle

ore 16,30 nel complesso Monumentale San Giovanni sarà presentata la rassegna “Sfogliando un film. Tra parole e immagin”.

All’incontro con i giornalisti saranno presenti: il sindaco di Catanzaro, Rosario Olivo, il presidente della Provincia Wanda Ferro, l'assessore alla cultura del comune, Antonio

Argirò, la Direttrice della biblioteca “De Nobili”, Maria Teresa Stranieri, la coordinatrice ed il curatore della rassegna, Loredana Marzullo e Antonio Capellupo.

CATANZARO — Singolare iniziativa, ancorché formativa, promossa degli alunni della classe prima H della Scuola Secondaria di 1° grado “V. Vivaldi” di Catanzaro Lido. Insieme, nei primissimi giorni del nuovo anno, uniti dall’esigenza di dotarsi di un ambiente più idoneo, armati di pittura, pennel-

li e rulli ma soprattutto spinti da una sana e appassionata voglia di cambiamento, hanno dato vita al progetto “Aula pulita”. L’opera di tinteggiatura dell’aula da essi occupata ha coinvolto anche alcuni genitori che, con grande spirito di iniziativa e disponibilità, hanno lavorato insieme ai propri figli.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 25

CALABRIA CATANZARO L’intervento dell’assessore alle Politiche Sociali, Sabatino Nicola Ventura, sulla struttura diretta da Don Mimmo Battaglia

«L’importanza del Centro di Solidarietà» «Il mio pensiero va anche alla splendida persona di Don Biagio, Presidente di Fondazione Betania» CATANZARO — «Il Centro Calabrese di Solidarietà, diretto egregiamente da Don Mimmo Battaglia, è una realtà importante, da difendere e promuovere». Ad affermarlo è Sabatino Nicola Ventura, assessore alle Politiche Sociali. «Catanzaro, prosegue - ma l’intera Calabria, è vicina a Don Mimmo e agli operatori, che con tanta passione ed esperienza si occupa di una fascia di popolazione, in prevalenza giovani, che ha necessità di essere assistita e recuperata. Il Centro Calabrese di Solidarietà, per come, anche, tutte le istituzioni pubbliche e private che si occupano di sociale e di socio sanitario, è in sofferenza. Il Governo di Centro Destra ha tolto tante risorse al sostegno delle fasce più deboli della popolazione. Scaricando sulle Regioni e soprattutto sui Comuni, molti problemi. Dalle scelte del Governo sono i più penalizzati i comuni del Sud. Le decisioni governative contribuiscono a determinare un senso d’insicurezza e di smarrimento in tante famiglie. Colgo l’occasione, adesso che la stagione dei diritti è posta in discussione ed è soppiantata da un fare culturale e politico pieno di disvalori, di rivolgere a Don Mimmo, a tutti quei sacerdoti di Catanzaro, alle numerose associazioni di volontariato, alle cooperative sociali, delle

sincere grazie e la più ampia disponibilità del Comune di Catanzaro. Il mio pensiero va anche alla splendida persona di Don Biagio, Presidente di Fondazione Betania. Fondazione Betania è un fiore all’occhiello di Catanzaro e dell’intera Calabria. Con il Presidente della Commissione Consiliare Politiche Sociali, Dott. re Valerio D’Andrea, abbiamo chiesto e ottenuto, venerdì 9, un primo incontro con il vertice dell’Azienda Sanitaria Provinciale, per avere contezza della situazione concernente il ritardo dei pagamenti e all’adeguamento delle rette. Con Valerio D’Andrea, a conclusione dell’incontro, abbiamo chiesto alla Regione un tavolo di riunione congiunto (Assessorati Regionali alla Salute e alle Politiche Sociali.) Posso assicurare a Don Mimmo e a Don Biagio l’impegno del Sindaco, della Giunta e, credo di poter dire, dell’intero Consiglio Comunale. Con Don Mimmo Battaglia è in corso un proficuo rapporto, che dovrà essere mantenuto e migliorato. Voglio ricordare che quest’Assessorato ha presentato all’Asp un progetto con richiesta del relativo finanziamento, denominato Contro-Addition, per il contrasto all’uso della cocaina. Il progetto è stato accettato e finanziato per

90.000,00 Euro. E’ affidato al Centro Calabrese di Solidarietà, che lo sta egregiamente realizzando. Con finanziamento regionale, 130.000,00 euro, fatto proprio da quest’assessorato, è stata stipulata giusta convenzione, Comune/Centro di Solidarietà Calabrese, per la realizzazione di un progetto di contrasto alla droga, denominato “Sinergie”. Con finanziamento comunale, 10.000,00 euro è stato affidato al Centro Calabrese di Solidarietà la realizzazione di un progetto di contrasto all’uso della droga, attraverso iniziative d’informazione nelle scuole, denominato, ”Proteggi il tuo cervello”. Con finanziamento comunale, 8.000,00 euro, è stato affidato al Centro Calabrese di Solidarietà il progetto “Inwork” per l’inserimento lavorativo di soggetti in difficoltà. Nel mondo del sociale è sempre poco quello che si fa. Può essere fatto molto di più se tutte le istituzioni riterranno le fasce più deboli, risorse e non un peso. E’, però, necessario che il Governo Nazionale sposti risorse per i cittadini in difficoltà. Dia la possibilità ai comuni, soprattutto del mezzogiorno, di spendere fuori dal patto di stabilità, per politiche a favore del recupero e dell’inserimento dei cittadini in difficoltà».

Catanzaro, «Il Ceis a tante persone ha dato speranza e gioia di vivere» CATANZARO — «Sono un paio di

giorni che questo giornale pubblica degli articoli inerenti alla chiusura del Centro Calabrese di Solidarietà di Don Mimmo Battaglia. Sento il bisogno di esprimere anche io il mio parere, in quanto la cosa mi tocca direttamente perchè mio marito è un Educatore nella Comunità di Don Mimmo» si legge in una noto della signora Anna Fiammingo. «Questo centro ha dato speranza e gioia di vivere a tante persone - prosegue -, ed ogni muro di queste strutture rappresenta la sofferenza di intere famiglie, che hanno ritrovato i loro figli in un mondo che li aveva rifiutati. La chiusura del Ceis comporterebbe oltre alla perdita dell'unica Comunità nella città di Catanzaro, anche la perdita del posto di lavoro di tanti padri di famiglia. La paura di ritrovarsi senza lavoro si accentua di più, per chi come me, ha dei gravi problemi di salute in famiglia, e conta solo su quell'unica entrata. Due anni fa, è nato il mio terzo figlio con una grave malformazione vascolare, all'ospedale A. Pugliese di Catanzaro non avevano dato nessuna speranza, e, i medici preoccupati difronte ad una patologia a loro sconosciuta perchè, "malattia rara", hanno trasportato il bambino in elicottero presso l'ospedale Bambino Gesù a Roma. Dal 2006 ogni

mese il bambino viene portato da me e mio marito presso questo ospedale pediatrico perchè necessita di cure continue ed interventi chirurgici. La notizia dell'eventuale chiusura del Ceis l'ho appresa telefonicamente da un'amica mentre ero nel reparto di chirurgia plastica per l'ennesimo intervento che il bambino ha dovuto subire. Oltre al dolore - continua - e al dispiacere che avevo per mio figlio, mi sono sentita crollare il mondo addosso per la paura che mio marito restasse senza lavoro, perchè, la perdita del posto di lavoro per lui, significherebbe la morte di mio figlio, visto che le spese mediche e i continui viaggi sono sostenute con il suo solo stipendio. Il silenzio delle persone che avrebbero dovuto rispondere alle domande di Don Mimmo li rende complici delle conseguenze di questa triste vicenda. Invito pertanto la classe politica Catanzarese e Calabrese ad assumersi le proprie responsabilità, affinchè, dia la possibilità al Presidente del Ceis ed ai suoi collaboratori di poter operare come ha fatto fino ad oggi. Spero - conclude che gli sforzi di tutte queste persone non siano stati vani e i 23 anni dell'attività del Ceis non finiscano in fumo come tutti gli altri sogni di Catanzaro. Dateci la possibilità di dirvi grazie per aver fatto il vostro dovere».

Catanzaro, caso Eluana Englaro dibattito all’Ateneo Magna Graecia

CATANZARO — “Il caso Englaro e il diritto ‘umano’ - problemi giuridici di fine vita”. Sarà questo il tema del dibattito che si svolgerà mercoledì 21 gennaio, alle ore 15.30, presso l’UniversityClub dell’Ateneo Magna Graecia di Catanzaro. «Interverranno- si legge in una nota - il professor Giacomo D’Amico della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Messina, Andrea Porciello della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Catanzaro e l’Avvocato Paolo Carnuccio. L’UniversityClub, ubicato presso il terzo livello dell’Edificio delle Bioscienze del Campus universitario “Salvatore Venuta”, è un luo-

go di incontro e di discussione, aperto a tutti gli studenti ed al personale dell’Università Magna Graecia, ma anche all’esterno, a tutte le componenti della scuola e della società civile, in cui è possibile riunirsi per dibattere e riflettere insieme. UnyClub è aperto tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 20.00, esclusa la domenica. Per iscriversi alla mailing list di UnyClub e conoscere in anticipo le attività culturali promosse è possibile segnalare il proprio interesse, scrivendo una e-mail all’indirizzo di posta elettronica unyclub@unicz. it, dove potranno essere inoltrate anche proposte e idee culturali da realizzare».


26 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO Le studentesse Anna Maria Sacco e Giusy Falvo sono le vincitrici del premio “Casa Amica” di Fossato Serralta

Al De Nobili due promettenti scrittrici «Si sente nei giovani il bisogno di una libertà che non travalichi però quella altrui» «Guardare al cambiamento degli Usa come possibile rilancio per l’Europa» di Tommaso Chiodo*

Da sinistra l’assistente sociale Anna Pullano, il preside Graceffa, le due studentesse vincitrici e la prof. Ferragina

CATANZARO — Come ogni anno

il premio “Casa Amica” di Fossato Serralta miete successi su successi. Ancora una volta tanti promettenti giovani scrittori del nostro territorio alla IV edizione del premio dal tema “Eticità di comportamenti. Valori religiosi e civili”. Alla presenza dell’amministratore unico Cosimo Sculco, dell’arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace S. E. Mons. Antonio Ciliberti, del presidente della commissione giudicatrice Cesare Mulè e dell’assistente sociale Anna Pullano sono stati numerosi gli studenti premiati per la loro bravura narrativa e abilità artistica.

Tra questi un posto d’onore l’hanno avuto, come sempre, anche gli studenti del Liceo psicopedagogico “Giovanna De Nobili”, guidato dal dirigente scolastico Francesco Graceffa. Le studentesse vincitrici sono state Anna Maria Sacco e Giusy Falvo. Nella motivazione del premio, redatta da Sergio P. Foresta a nome della giuria, si legge che l’elaborato delle ragazze “si distingue per la completezza della trattazione del tema presentando un taglio sociale, etico e filosofico”. «Emerge l’esigenza - spiega Foresta - di un punto di riferimento morale che metta ordine nel-

lo squilibrio di taluni eccessi avvertiti nella vita civile contemporanea. L’esigenza, cioè, di regole certe condivise, che possano fare da alveo in cui lasciar scorrere la libertà di ciascuno che concretamente pongano al riparo delle furbizie dei prepotenti e degli arroganti. Si sente nei giovani, altrimenti frastornati da segnali esterni spesso contrastanti tra loro, il bisogno di una libertà che non travalichi però la libertà altrui». Come ogni anno il premio “Casa Amica” di Fossato Serralta miete successi su successi. Luigi Mariano Guzzo

LAMEZIA TERME Veronica e Giuseppe Ferraro sono pronti per partire alla volta della Cina

L’mpegno per la diffusione del Vangelo LAMEZIA TERME — Veronica e Giuseppe Ferraro, una coppia di sposi molto giovane di Lamezia, è ora pronta per partire alla volta della Cina non per un viaggio turistico quanto per un obiettivo ben preciso, particolare, significativo: essere testimoni della Parola di Cristo in quelle terre dove il cristianesimo è relegato agli ultimi posti e dove incontra difficoltà a far veicolare questa Parola. Domenica scorsa in una chiesa cattedrale gremitissima e con molte coppie di sposi di ogni ordine d’età, provenienti da ogni angolo della Diocesi, un commosso monsignor Luigi Cantafora ha conferito il mandato sia alla coppia menzionata e sia ad altre varie decine che saranno anche loro impegnate nella diffusione del Vangelo all’interno del territorio diocesano, e forse anche fuori. Questa gioia e questa commozione l’ha voluta anche trasmetterla pubblicamente, sottolineando testualmente: «Quanta gioia mette nel cuore vedere tante famiglie che si mettono in cammino per riscoprire la persona di Cristo, perché senza Cristo non si va da nessuna parte. Senza Cristo» ha aggiunto, «e famiglie sono destinate a non far crescere la fede nei loro figli. Le nostre giovane famiglie hanno temperamento, hanno forza, hanno voglia di mettersi in discussione».

La famiglia di Veronica e Giuseppe

Riferendosi poi all’evidente “smarrimento della società”, il Vescovo ha battuto molto sulla necessità di irrobustire la propria fede che, ha specificato, «non è una cosa scontata o un optional; ogni giorno siamo chiamati a farci interrogare a quella domanda che cavalca i secoli e dice: «Ma quando verrà il Signore troverà la fede sulla terra?». Una fede che deve essere vissuta non nell’intimistico o con forme egoistiche, quanto testimoniata ed anche a costo del rischio della propria vita. La fede si basa sull’ascolto della Parola e di metterla poi in pratica nella vita di tutti i giorni ed in tutti gli ambienti.

«Questa Parola non è una bella idea, o una dottrina», ha puntualizzato, «ma è una Persona che ci ama e che noi dobbiamo far risuonare nelle nostre contrade e nelle nostre parrocchie perché possiamo sperimentare un Vangelo vivo, che sia lo slancio di ogni cuore cristiano per testimoniare dinanzi a questo mondo che la fede si alimenta se noi accogliamo la Parola» Conferendo il mandato a tutte queste varie decine di coppie di coniugi, monsignor Cantafora ha consegnato loro, simbolicamente, il Vangelo e la Croce di Cristo, tra gli applausi che frattanto coprivano gli interni della chiesa cattedrale.

Oggi, negli Usa, s’insedierà il Governo Obama. Dobbiamo guardare agli Stati Uniti, ad Obama, avendo presente l’Europa, cosa è stata per essa l’era di Bush e quanti guasti sono stati arrecati. Bush ha trascinato il nostro continente e il mondo intero in una guerra di civiltà, riproponendo una politica imperialistica, in via di attenuazione o almeno ridimensionata nei suoi aspetti più crudi e palesi. Quindi prima di tutto l’amministrazione Obama, e non Obama, dovrà dimostrare di voler ripristinare il diritto internazionale. Sarà importante rapportarsi all’amministrazione a non al singolo presidente perché si corre il rischio di caricarlo di una investitura messianica, facendone un bersaglio molto appetibile per quelle componenti americane e mondiali che vorrebbero killerarlo, politicamente, sin da subito. Ripristinare il diritto internazionale è la condizione senza la quale tutte le strategie di pace si spuntano, tutte le ricette economiche diventano falsi giustificativi, ogni piano di intervento sociale diventa un intermezzo fra due tragedie all’interno della serie delle povertà indotte. Sarà importante valutare se per il governo Obama i Valori Nazionali dell’America rimangono un punto di riferimento dal quale discendono tutti i successivi approcci con e fra gli stati del mondo, oppure essi sono al pari di tutti gli altri valori nazionali degli altri paesi un pezzo fondamentale per la costruzione di un nuovo ordine internazionale di giustizia sociale. Da parte nostra come Europa non offriamo agli Usa la possibilità di confrontarsi con un entità politica, istituzionale, economica e sociale affidabile nell’avviare insieme un percorso di sperimentazione globale di pace e di diritti. Eppure, all’Europa era stata data più di un’opportunità di maturare, nella vigenza della “occupazione militare” di Bush che ha fermato l’avvio del terzo millennio negli Usa di circa 8 anni, una propria autorevole identità di soggetto politico. Siamo rimasti come Europa ad un inscatolamento delle coscienze, delle opinioni pubbliche, dentro i singoli stati e in ciascuno di essi dentro i singoli territori. Quanto di più deleterio si potesse ascrivere al concetto dell’Europa dei Popoli e delle Regioni. Gli Usa tentano una scommessa senza precedenti: rendere esigibili da parte di tutti, tutti i diritti e i valori ad essi connessi, che hanno costituito la loro “Carta”. L’Europa da parte sua registra ritardi inquietanti. In tutto questo quadro d’insieme c’è poi l’Italia, con al sua politica irritante agli occhi di chi ci osserva e irriguardosa verso gli altri paesi e istituzioni l’estero, tipica dei paesi che imboccano la strada del declino democratico. Come può essere descritto altrimenti il nostro paese, quando è in atto un tentativo di definitiva trasfigurazione della democrazia da politica a mediatica. Ecco questo è l’altro aspetto che dovremmo confrontare con l’evento del 20 gennaio 2009 negli Usa: come si consolidano e si attuano tutti quei valori istituzionali e principi democratici contenuti nella Costituzione Italiana, rafforzandola e non smantellandola. Da quella parte dell’Oceano avviene, si realizza qualcosa che era stato negato e impedito in tut-

ti i modi, qualcosa che rendeva retorico tutto l’impianto valoriale della costituzione Usa: un afroamericano alla Presidenza. Di qua, da noi, và avanti uno spregiudicato attuarsi dei piani eversivi di Licio Gelli, che nella sua pianificazione strategica militare prevedeva in modo propedeutico la devitalizzazione e annichilimento della costituzione Italiana. C’è da chiedere a tutti in questo moneto, di far avanzare un processo Europeo che smantelli un antisemitismo culturale di cui c’è ne ampia traccia nelle culture dei singoli stati, sferrando nel contempo una condanna senza appello a tutta la politica Israeliana di aggressione. Questo sarà un modo come confrontarci e aiutare il nuovo governo Usa. Caratterizzarci come mediatori collettivi di pace, accreditati, attraverso il riconoscimento delle ragioni di tutti gli attori in medio oriente, primi fra tutti palestinesi e israeliani, fare dell’Europa una realtà in cui la multietinicità non è il frutto della sommatoria di più fattori, ma il perseguimento di un progetto di società futura. In questo modo aiutiamo Barak a non essere costretto in un ruolo di forte impaccio che potrebbe ingessarlo, quale quello di mediatore unico e onnipotente, cosa che complica sempre le cose e alla fine rende deboli e facilmente screditabili. La guerra in medio oriente è il primo e principale impegno che l’Europa dovrà affrontare. Lo dovrà fare pensando che solo così potrà saldare i conti con gli istinti xenofobi che l’attraversano comunque, con le paure culturali e religiose di cui è pervasa, con la segmentazione di classi dirigenti nazionali che vengono strattonate a parlare europeo solo quando sono in scena interesi di holding economiche finanziarie e industriali, sempre fino a quando queste ritengono di avere bisogno dei principali stati in seno alle istituzioni Europee. Guardare all’America, agli Usa, ad Obama, sapendo quanto siano grandi e drammatiche le contraddizioni in seno a quel modello politico-economico- culturale, da cui Batak Obama dovrà ripartire per provare ad “Essere altro”. Ma guardare all’america, significherà avviare da subito azioni forti, che permettano di contagiare e convincere i popoli nei singoli stati e nell’Europa che forse è venuto il tempo di fare avanzare una coscienza di solidarietà e sussidiarietà fra cittadini all’interno degli stati e fra gli stati, unico strada attraverso la quale farli sentire membri della stessa comunità politica. L’europa così facendo favorisce un’ulteriore terreno di globalizzazione di diritti e nazioni, quello di contribuire a rilanciare l’Onu. L’insediamento del governo di Obama, consente all’Europa, se lo vuole, di contribuire a rilanciare il ruolo dell’Onu, su basi più solide e autorevoli; un ruolo di organizzazione mondiale riconosciuta da tutti come il livello reale di sintesi che si pone nei fatti sopra quelli che sono gli interessi dei singoli stati. Il 20 gennaio 22009 non dovrà essere solo il giorno dell’america che cambia, ma della costruzione di quel favoloso ponte di valori e idee, di giustizia ed eguaglianza sociale di cui le due sponde dell’atlantico non possono fare a meno e con esse il mondo intero. *Direttivo regionale Cgil Calabria


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 27

CALABRIA SOVERIA MANNELLI L’unità operativa di pronto soccorso con il Santa Chiara di Trento presentano una importante ipotesi progettuale

“Nord e Sud. Emergenze a confronto” Per gli interpreti della sanità calabrese sarebbe un momento di nobile riscatto SOVERIA MANNELLI — L’unità ope-

rativa di pronto soccorso del presidio ospedaliero di Soveria Mannelli, asp di Catanzaro d’intesa con l’unità operativa di pronto soccorso dell’ospedale Santa Chiara di Trento - Apss di Trento - in collaborazione con la Provincia di Catanzaro, presidenza del consiglio provinciale assessorato alle politiche di gemellaggio presidente commissione bilancio, il comune di Lamezia terme, il comune di Soveria Mannelli, la comunità montana “Tiriolo-Reventino-Mancuso”, la casa editrice Rubbettino, l’associazione culturale “Nuove proposte”, presentano l’ipotesi progettuale: “Nord - Sud. Emergenze a confronto” “Omogeneità culturale - Disomogeneità di sviluppo”. Quali i motivi? Multiconfronto parallelo medico - istituzionale - imprenditoriale - comunicazionale tra realtà omologhe della Provincia di Catanzaro e quelle della Provincia di Trento. Il progetto Il progetto, che si dovrà svolgere prima nella Provincia di Trento e poi in quelle di Catanzaro, mira alla realizzazione di più momenti di confronto tra operatori professionali del ramo sanitario dell’emergenza (dirigenti Medici afferenti alle rispettive UU. OO. di Pronto Soccorso). Analogamente, per gli altri rappresentanti convenuti (esponenti delle Istituzioni Provinciali e Comunali, della Grande Imprenditoria, delle Associazioni e dell’Informazione), si svilupperà un medesimo programma di multi - confronto parallelo e di contatti territoriali. Gli impegni simultanei, distribuiti su più settori, andranno a realizzare vere e proprie “Giornate Calabro - Trentine”, caratterizzate da alte cifre di arricchimento cultuale, per via degli scambi e dei conseguenti eclettismi che si andranno a determinare. L’ipotesi progettuale prevede, per questa prima realizzazione, l’etichettatura di “sperimentale”, vista la non usualità di analoghe iniziative, ma potrà diventare un progetto pilota per una eventuale riproposizione futura, a scala più ampia. Rilevata l’immediata disponibilità di adesione al progetto da parte di più istituzioni pubbliche e private di Catanzaro (Asp, Ente Provincia, Comuni di Lamezia Terme e Soveria Mannelli, Editoria Rubbettino, Associazioni Private) si propone di individuare, come momento trainante, per questa prima sperimentale esperienza progettuale, uno “stage” formativo dei medici afferenti alla U. O. di Pronto Soccorso di Soveria Mannelli presso l’omologa e titolata struttura di emergenza che fa capo all’Ospedale Santa Chiara di Trento. Il programma Il progetto, la cui data di svolgimento dovrà essere individuata concordemente, prevede l’arrivo

degli ospiti per il pomeriggio di lunedì, con cerimonia di accoglienza in presenza dei responsabili medici, amministrativi ed istituzionali di riferimento progettuale, cui farà seguito l’accreditamento dei medici partecipanti e la creazione dei vari gruppi di lavoro con l’assegnazione, per ognuno, di un “Tutor” di riferimento, con il quale si elaborerà un programma di lavoro personalizzato. Questa fase preliminare sarà seguita da un necessario momento teorico, da parte dei promotori del progetto, con l’illustrazione analitica del programma scientifico, logistico, istituzionale e sociale. Nella stessa sede si procederà alla sigla bilaterale del protocollo d’intesa tra il Direttore della U. O. accettante ed il corrispettivo della delegazione medica ospitata. La componente istituzionale presente, sancirà ufficialmente l’avvenuto inizio degli “scambi”, certificando l’apertura alla cooperazione tra la Provincia di Trento e quella di Catanzaro. Il programma del confronto medico si articolerà analiticamente in un doppio ciclo di quattro giorni di lavoro, l’uno dall’altro intervallato da un fine settimana di non attività per consentire il ricambio del personale. Sarà privilegiato anche un programma didattico nei confronti dell’iniziazione alla pratica dell’utilizzo dell’ecografia in emergenza, metodica di grande ausilio per l’indirizzo diagnostico e, soprattutto, per la differenziazione nei confronti delle gravi emergenze (per es. quelle vascolari aneurismatiche, tamponamenti cardiaci, ecc.) Il “fine lavori”, per ogni ciclo, sarà sancito il venerdì sera, attraverso una cena sociale di commiato, ma anche di bilancio e di rendicontazione dell’operato. La conclusione del doppio ciclo di lavoro dovrà prevedere, inoltre, la stesura di un documento finale riassuntivo che sintetizzi l’attività svolta e le impressioni, individuali e collettive, che si sono ricavate da queste esperienze a confronto. I rappresentanti delle istituzioni Ipotesi di un Ordine del Giorno sulla Sanità in Calabria in Consiglio Aperto. Il fascino di questa progetto deriva dalla circostanza che le “Giornate di confronto Medico Calabro Trentino” non rimangono isolate ma, all’interno di esse, si inseriscono momenti di scambio parallelo tra rappresentanti calabresi delle Istituzioni, della grande Imprenditoria, dell’Associazionismo, del mondo della Comunicazione, appositamente presenti a sostegno dell’iniziativa sanitaria, ed i corrispettivi omologhi locali. L’aspirazione, da parte degli aderenti a questo progetto, sarebbe quella di immortalare la circostanza in modo solenne attraverso la presentazione di un ordine del giorno, in seno ad una seduta del

Consiglio Provinciale di Trento, per l’occasione eventualmente aperto ai rappresentanti calabresi convenuti. Attraverso questa straordinaria e storica opportunità, si potrebbe aprire uno stimolante dibattito assembleare sul tema sanitario (e non solo): “Nord – Sud Emergenze a confronto” “Omogeneità culturale - Disomogeneità di sviluppo”. Quali i motivi? Ci si potrebbe così soffermare su uno spaccato locale della politica sanitaria regionale e dimostrare, con fierezza, che molte professionalità mediche, e sanitarie in generale, del nostro territorio sono depositarie di alti valori tendenti al esaltare il rispetto umano e carichi di una rigogliosità culturale correlata ad innati contenuti etici. Per gli interpreti della sanità calabrese, questa eventualità costituirebbe, inoltre, un momento di nobile riscatto nei confronti di recenti episodi, mediaticamente enfatizzati dalla cronaca nazionale, che hanno collocato il mondo medico ed infermieristico nell’ultimo posto della considerazione generale, ingenerando confusione sociale, sfiducia e pregiudizi indiscriminati nei confronti di tutti gli operatori. La logistica I partecipanti saranno ospitati in una struttura alberghiera, da individuarsi tra quelle ubicate in prossimità della struttura ospedaliera “Santa Chiara” di Trento. Eventualmente un servizio navetta quotidiano condurrà gli ospiti, nelle tempistiche programmate, presso la sede destinata allo svolgimento del progetto. La fascia pomeridiana prevede un’analoga navetta per seguire il programma ufficiale. Sarà possibile beneficiare di un altro mezzo di trasporto, previa richiesta alla segreteria per il progetto, per quelli che desiderano intraprendere, nella fascia libera pomeridiana, un percorso alternativo, a meta fissa. La fascia serale spesso prevede momenti di programmazione sociale, con manifestazioni personalizzate caratteristiche. I Partecipanti I destinatari del progetto sono: I soggetti promuoventi: U. o. pronto soccorso ospedale di Soveria Mannelli - Asp Cz - Dott. Giovanni Paola - Responsabile. U. o. pronto soccorso ospedale “Santa Chiara” Apss Trento - Dott. Claudio Ramponi - Direttore. Direzione ospedale “Santa Chiara” Apss Trento Dott. Enrico Baldantoni -Direttore. I Soggetti Coadiuvanti: sindaco del comune di Soveria Mannelli Dott. Leonardo Sirianni. Presidenza del consiglio provinciale dI Catanzaro -Dott. Giuseppe Ruberto. Assessorato provinciale alle politiche di gemellaggio - Dott. Giacomo Matacera. Commissione provin-

ciale al bilancio -Dott. Michele Rosato. sindaco del comune di Lamezia Terme - Prof Giovanni Speranza. I Vertici dell’Apss di Trento: direzione generale a. p. s. s. di Trento -Franco Debiasi – Direttore ufficio stampa Apss di Trento - Dott. ssa Sandra Chighizola. I Vertici dell’Asp di Catanzaro, direttore generale asp Cz- dott. Pietro Morabito. Direzione sanitaria asp Cz - Dott. Maurizio Rocca - Direttore Sanitario, direzione amministrativa asp Cz - Dott. Achille Gentile - Direttore Amministrativo, referente d’ambito (ex asl N°6 Lamezia Terme Dott. Giuseppe Maione, direzione sanitaria p. o. Soveria MannellI Dott. Pietro menniti - Direttore Sanitario Poa. I Soggetti di Supporto e di Testimonianza Culturale: Rubbettino editore - Editoria di importanza nazionale con sede in Soveria Mannelli Dott. Florindo Rubbettino. Soggetto Gestore del Progetto: L’associazione culturale “nuove proposte” - Prof Pasquale Ruperto. Coinvolgimento Istituzionale: Assessorato alla sanità regione Calabria On. Agazio Loiero. Assessorato alle politiche sanitarie della provincia di trento on. ugo Rossi. Presidenza della giunta provinciale di Catanzaro, dott. ssa Wanda Ferro - Presidente. Presidenza della giunta provinciale di Trento, Dott. Lorenzo Dellai. Presidenza del consiglio provinciale di Trento, dott. Giovanni Kessler. PResidenza del consiglio comunale di Trento, dott. Alberto Pattini. Sindaco del comune di Trento, dott. Alessandro Andreatta. Comunità montana dei monti “TirioloReventino-Mancuso”. Coinvolgimento Sanitario: signori medici afferenti all’u. o. di pronto soccorso dell’ospedale Santa Chiara di Trento; signori medici afferenti all’u. o. di pronto soccorso dell’ospedale di Soveria Mannelli; radioterapia oncologica Apss Trento -Dott. Salvatore Mussari. U. o. pronto soccorso p. o. di Lamezia Terme Dott. Elio Scaramuzzino. Direttori uu. oo. medicina generale, cardiologia, pediatria e radiologia del p. o. di Soveria Mannelli - Dott. ri Giuseppe Gabriele, Ernesto Saullo, Giancarlo Bellieni, Francesco Grandinetti. Direttore u. o. formazione e qualità - ex asl n° 6 Lamezia Terme - Dott. ssa Clementina Fittante. Il confronto Lo scambio delle proprie esperienze inizia da martedì mattina, quando il gruppo di lavoro ospite si integrerà ai locali per l’espletamento della normale quotidianità lavorativa e per la stessa durata del normale turno di servizio del mattino – ore 8.00 - 14 e/o del pomeriggio ore 14 - 20

Il Direttore della U. O. di P. S. promuoverà eventuali approfondimenti culturali con discussioni su casi esaminati in giornata. Sarà discrezione dello stesso richiamato Direttore intraprendere altri percorsi di dialogo al fine della capitalizzazione delle esperienze altrui. Il percorso formativo si deve intendere, ovviamente, di pari dignità ed arricchente bilateralmente entrambe le componenti a confronto. Il programma per il confronto istituzionale sarà sviluppato nelle sedi e nelle ore che verranno successivamente comunicate attraverso la redazione dei piani attuativi, che costituiscono la fase stabilizzata della presente ipotesi progettuale. Analogo documento particolareggiato, sarà successivamente redatto, e reso peculiare, in occasione dello scambio della visita, quando sarà la nostra terra ad indossare i panni di ospitante. Per quella circostanza, sarà preponderante, a beneficio degli illustri ospiti, la programmazione sociale ed i contatti territoriali, a completamento del confronto medico “a parti invertite”. La comunicazione È fondamentale prevedere il momento comunicativo, per cui sarà attivato un ufficio stampa provvisorio che si integrerà alla Segreteria per il Progetto e dedicherà l’impegno esclusivo all’informazione, redigendo quotidianamente un’informativa sullo “stato di salute” del progetto e la sua evoluzione, offrendolo al dato mediatico. Verrà attivata anche la richiesta, ad una conosciuta emittente privata di Trento, di partecipazione ufficialmente al progetto come parte integrante di esso, inviando un giornalista ed un operatore che potrebbero trovare accoglienza tecnica presso una delle televisioni tra le più attrezzate del luogo. Ente gestore del progetto L’associazione culturale “Nuove Proposte” sarà l’organismo preposto alla gestione del progetto e curerà l’aspetto logistico - organizzativo. Si rapporterà costantemente, per il tramite del suo Presidente, con i soggetti promuoventi e/o con la segreteria della quale ne entra a far parte come membro effettivo. La segreteria La Segreteria per il Progetto è il punto di riferimento costante per tutti gli accreditati ed è deputata alla risoluzione di eventuali problematiche che dovessero subentrare. Acquisisce titolo, ricorrendone necessità, di disporre eventuali variazioni su tutto quanto già pianificato, dandone adeguata pubblicità. “L’ipotesi progettuale” Un’idea del Responsabile dell’U. O. di Pronto Soccorso del P. O. di Soveria Mannelli. Dott. Giovanni Paola.

«Bene per la tesi consegnata a Napolitano»

Lamezia, il consiglio comunale è stato convocato per domani

CATANZARO — «In qualità di rappresentante degli studenti della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Catanzaro, mi congratulo per l’avvenuta consegna della tesi di laurea del dott. Marco Cerminara dal titolo “Sta-

LAMEZIA TERME — Domani, alle ore 17.00, è stato convocato il Consiglio comunale con, eventuale, seconda convocazione per giorno 23. Saranno trattati i seguenti punti all’ordine del giorno: Surroga consigliere comuna-

CATANZARO Il rappresentante degli studenti di Giurisprudenza, Giorgio Di Leo, si congratula con l’autore Cerminara

tus giuridico ed etico del Parlamentare” al Presidente della Repubblica nel corso della sua recente visita in Calabria». Ad affermarlo è Giorgio Di Leo. «Tale tesi, - prosegue - elaborata nel 2008 nell’ambito della disciplina di

Diritto Parlamentare, è rappresentativa dell’alta qualità degli studi in questa Università. La speranza è che si presti più attenzione alla nostra realtà universitaria, da parte di tutte le istituzioni italiane ed europee».

le Sandro Scalese; comunicazione avvenuto deposito dei verbali delle sedute del 21 ottobre, 3 novembre e 9 dicembre; commemorazione dell’assessore Gianni Lucchino; dibattito sulla visita del Capo dello Stato.


28 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA LAMEZIA TERME Attuale il tema del convegno organizzato dalla Fidapa tenutosi venerdi 16 gennaio presso l’ex sala consiliare di Sambiase

Le donne e l’amore per la politica «Si tratta di valorizzare la persona nella sua unicità e consentirle di diventare soggetto attivo» LAMEZIA TERME — «È ormai tem-

po che la donna prenda il posto che le spetta nella storia non in quanto donna, ma in quanto parte di un popolo. Ed ogni popolo è composto da uomini e donne..». È, questa, la frase di presentazione del convegno organizzato dalla Fidapa, Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari, tenutosi venerdi 16 gennaio, a Lamezia terme, presso l’ex sala consiliare di Sambiase. L’incontro, voluto dalla presidente della federazione lametina, Filomena Cervadoro, ha visto la presenza oltre che della segretaria nazionale della Fidapa, Eufemia Ippolito, della past president nazionale, Margherita Gulisano, di Elvira Falvo, assessore alle Pari Opportunità del comune di Lamezia Terme e delle due parlamentari lametine. Ida d’Ippolito e Doris Lo Moro. «Obiettivo del convegno - ha affermato la presidente Filomena Cervadoro - è stato quello di portare alla luce una problematica molto importante e attuale, anche con lo scopo di coinvolgere più donne possibili. Non ci si deve chiudere in se stesse, ma lasciarsi coinvolgere e partecipare. Dobbiamo ritrovare fiducia nel futuro, per creare una società più ricca di possibilità per tutti; per questo le pari opportunità, sono da intendere come occasione di arricchimento sociale uomini e donne. Si tratta - ha aggiunto la professoressa - di valorizzare la persona nella sua unicità e conCATANZARO — «Oggi ospiteremo

un importantissimo incontro istituzionale al quale parteciperà il Presidente Agazio Loiero, gli Assessori regionali all’Agricoltura ed ai Lavori Pubblici, la Presidente Upi Calabria Wanda Ferro, il Presidente ed il Direttore Generale Nazionale delle Bonifiche ed Irrigazioni ed i tre Presidenti Regionali di Coldiretti, Confagricoltura e Cia» si legge in una nota di Grazioso Manno. «Questo incontro - prosegue -, fra l’intero mondo delle bonifiche ed i massimi rappresentanti regionali delle istituzioni preposte alla salvaguardia del territorio, si terrà in piena emergenza a causa di una ulteriore precipitazione metereologica (ancora più acuta di quella di inizio anno). Nei giorni scorsi ho constatato, ancora una volta, che il considerevole contributo di mezzi ed uomini, seppur tempestivo e continuato, è

sentirle di diventare soggetto attivo nella gestione dei problemi che la riguardano, essendo consapevoli che sono titolari di diritti da tutelare e bisogni da soddisfare. Fare politica - ha continuato la presidente lametina - non significa solo essere responsabili di cariche pubbliche, ma è, come diceva don Milani, incontrare un problema ed uscirne assieme dopo aver tentato l’impossibile per risolverlo». L’incontro ha avuto un unico filo conduttore e un medesimo pensiero che ha accomunato tutte le presenti ovvero l’esigenza di una rappresentanza politica di genere, senza disuguaglianze e senza discriminazioni. E a livello legislativo i tentativi sono stati molteplici nel corso degli anni, ma non sufficienti, così come spiega l’avvocato Eufemia Ippolito. La stessa, dopo essersi soffermata sui vari strumenti giuridici posti a favore della donna nella storia più recente, si è dilungata, in particolare, nell’esposizione della cosiddetta Road Map, delineazione di 6 aree operata per mano dell’Unione europea. «La prima area - ha sostenuto l’avvocato - riguarda il raggiungimento di una pari indipendenza economica sia per uomini che per donne, non è da poco conto, infatti, che le donne, in Europa, attualmente guadagnino il 15 % in meno rispetto all’uomo; la seconda area consiste nel favorire l’equilibrio tra attività professionale e attività familiare; la terza si sofferma sulle pos-

sibilità di pari partecipazione di uomini e donne al processo decisionale; la quarta insiste sull’eliminazione della violenza basata sul genere e la tratta degli esseri umani; la quinta sull’eliminazione di stereotipi di genere nella società e la sesta è sulla promozione della parità uomo-donna all’esterno dell’Europa, con quei paesi vicini ad essa, ma che non sono ancora parte dell’Unione». La donna non deve essere trattata in maniera differente rispetto all’altro sesso e non avrebbe neanche bisogno di strumenti legislativi a suo favore, come le quote rosa, di cui si è ampiamente discusso nel corso del convegno, se solo la parità entrasse a far parte della cultura del nostro paese. «Un paese che - ha affermato Elvira Falvo - con solo l’11 percento di rappresentanza femminile in Parlamento si colloca come fanalino di coda rispetto a tutti gli altri paesi dell’Unione europea, che pare superino di tanto questa percentuale. Molto probabilmente - ha continuato - le cause sono da rinvenire nello status biologico che da sempre ci ha relegato ad ambienti ristretti, familiari, che ci vedevano estranee e forse lontane da ambienti politici e istituzionali. Ma non è così, le donne, hanno un futuro nelle istituzioni e sicuramente il più imminente è quello di tracciare una strada per le politiche che rendano agevole il ruolo delle donne in politica, perché anche nel nostro Paese quella bassa percen-

tuale che è l’11percento possa salire ed arrivare almeno agli standard europei». Eppure, «Da Lamezia - come faceva notare Margherita Gulisano arriva un segnale forte, nella scorsa tornata elettorale infatti, su tre parlamentari eletti, due sono state donne e hanno dimostrato nel corso degli anni di essere di grande valore e grande professionalità. Devono essere un esempio per la città. Lamezia Terme, ha raggiunto grazie a questo risultato elettorale, un grande traguardo». La past presidente nazionale della Fidapa, ha poi continuato affermando che: «La donna può fare la differenza nei ruoli di cultura, anche attraverso la cultura». Ha continuato poi, l’onorevole Ida D’Ippolito, partendo dalla sua storia personale, raccontando le difficoltà di una donna, che è soprattutto moglie e madre, che non può prendere decisioni come la candidatura in Parlamento in solitudine, ma che deve fare scelte condivise col compagno di una vita, con i figli, che talvolta subiscono un distacco, sebbene solo fisico, con chi fino ad allora è sempre stata lì accanto a loro. «Nel lavoro - ha affermato l’onorevole del Pdl - le donne non sentono la differenza di genere, sanno di esserci e spesso devono esserci. La politica è una scelta, che spesso porta a rinunce. Il politico non ha più una sua privacy. C’è e deve esserci sempre, pronto all’ascolto, la donna soprattutto. La

politica però è un fardello, quindi, non la si può fare per gioco o per chissà quale altra aspirazione. Bisogna essere motivati - ha concluso - solo così si resiste a tanti anni in questo ambiente e lo si può fare rimanendo sempre puliti come all’inizio». All’intervento di Ida d’Ippolito, ha fatto seguito quello dell’onorevole Doris Lo Moro, del Pd, che ancora entusiasta per la giornata precedente, quella in cui Lamezia ha avuto la visita del Presidente della Repubblica, ha continuato sottolineando l’importanza dello stabilire regole nei partiti, regole atte ad introdurre ed agevolare la partecipazione delle donne in politica: «Anche se - ha detto - si possono cambiare le cose senza mutare le regole». L’onorevole, rimarcando i privilegi della politica, ha ricordato con questa frase, due suoi importanti incontri, quello con Nilde Iotti e con il premio Noebel, Rita Levi Montalcini: «Due donne per le quali non vi è bisogno di aggiungere nulla e che comunque ci insegnano dove la donna può arrivare, ma quante rinunce, talvolta è costretta a fare. Le donne possono innamorarsi della politica - ha concluso Doris Lo Moro - e possono farlo se chi già ricopre cariche politiche lo fa bene. Le donne, qualsiasi cosa vogliono e cercano di fare possono raggiungerla con tenacia, caparbietà e professionalità. E, allora, bisogna crederci sempre e non arrendersi mai». Settimio News

CATANZARO Il Commissario del Consorzio di Bonifica Ionio, Grazioso Manno, ne sottolinea l’importanza

confronto di oggi, confidando che rispetto a queste preoccupazioni si può e si deve essere persuasi di riuscire a produrre una strategia che accompagni tutti i Consorzi di Bonifica della Calabria ad assumere, sempre con maggiore incisività, le proprie responsabilità con efficia ed efficienza. L’appuntamento è alle 15 di oggi presso la sede dell’Urbi in Via Acri, 41 a Catanzaro». I lavori si svolgeranno secondo il seguente programma: Inizio ore 15- Incontro Istituzionale Regione Calabria -Agazio Loiero - Mario Pirillo - Luigi Incarnato, Upi Wanda Ferro, Anbi - Massimo Gargano, Anna Maria Martuccelli, Oo. pp. aa. -Pietro Molinaro, Francesco Macrì, Giuseppe Mangone, Urbi - Grazioso Manno Ore 16,30 le conclusioni. Saranno presenti i Presidenti ed i Commissari dei Consorzi di Bonifica della Calabria.

Oggi incontro sulla situazione idrogeologica comunque insufficiente rispetto alle complicate esigenze delle intere popolazioni; ho reputato opportuno partecipare direttamente ai ripetuti incontri dei tecnici di alcuni Consorzi ed accertare assieme ai Presidenti ed i Commissari degli altri che è complicato anche arrivare a definire un quadro complessivo della situazione. Dalle relazioni emerge apprensione nonostante il riconosciuto grande lavoro che continua ad essere messo in campo. La preoccupazione - continua Manno - è confermata dal fatto che nonostante le importanti risorse impiegate anche da Vigili del Fuoco, dalla Protezione Civile, dalle Province e dai Comuni vi

è la consapevolezza della necessità di interventi strutturali per garantire sicurezza idrogeologica al territorio. Conosciamo tutti la fragilità dell’intera regione; è da anni che i rigorosi interventi di manutenzione che eseguiamo (nonostante le scarse risorse) risultano puntualmente palliativi rispetto alla necessaria ed urgente sistemazione di tutte quelle aree soggette, per l’orografia tipica calabrese, a fenomeni di dissesto idrogeologico. La consapevolezza - spiega - che i cambiamenti climatici “assicurano” sempre più numerose ed improvvise precipitazioni ci impongono un obiettivo comune: impe-

dire che fasi di emergenza suppliscano, o ancora peggio guidino, i processi di gestione del lungo periodo. È per queste ragioni che stiamo sempre di più accelerando rispetto alla firma ed all’attuazione di protocolli d’intesa operativi; il sovrapporsi di competenze e la conseguente incerta individuazione di punti di riferimento, nella migliore delle ipotesi, ritarda interventi e rischia di sperdere risorse. Abbiamo comunicato a Massimo Gargano ed all’avv. Martuccelli che la loro presenza ci avrebbe garantito che, solo assieme a loro, con queste consapevolezze avremmo potuto affrontare il


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 29

CALABRIA SOVERATO Si corre il rischio di procedere ancora a vista sul terreno delle politiche urbanistiche. E’ già capitato con il Prg

Piano Spiaggia, serve condivisione Che ne pensano consiglieri comunali giovani come Salvatore Riccio, Vittorio Sica e Maurizio Gioviale? SOVERATO — Il Piano Spiaggia come il Piano regolatore? A Soverato si corre il rischio di procedere ancora a vista sul terreno delle politiche urbanistiche. E’ già capitato con il Prg, bocciato sonoramente della Cur. Stessa sorte potrebbe toccare anche al progetto di riorganizzazione dell’arenile, impigliato tra le maglie della giustizia amministrativa. Un altro elemento comune ai due “piani” è la mancanza di un confronto, chiaro, aperto e pubblico. La Variante, che prima di naufragare in sede di commissione urbanistica ha subìto il destino del commissariamento, forse non ha insegnato nulla in tal senso? Di certo è

deludente constatare che una città che potrebbe orientare la sua economia quasi esclusivamente al settore turistico ad oggi non è ancora riuscita a far approvare un basilare sistema di regole per la fruizione della risorsa-mare. Dalla spiaggia libera attrezzata agli stabilimenti balneari, dalla possibilità di nuove concessioni ai servizi per l’utenza, serve la predisposizione urgente di una piattaforma di riferimento che incentivi le imprese e armonizzi il rapporto tra cemento e natura. E a questo obiettivo bisognerebbe accompagnarne un’altro, probabilmente di matrice fin troppo ideale, ma stavolta ineludibile: la

Salvatore Riccio

SATRIANO L’iniziativa è stata lanciata da Michele Drosi, coordinatore regionale Anci Piccoli Comuni

Incontro sui danni dell’alluvione SATRIANO — Grande partecipa-

zione, ieri mattina, all’iniziativa presso la sala consiliare del Comune di Satriano dove, il sindaco Michele Drosi, coordinatore regionale Anci Piccoli Comuni in concerto con il Governatore Agazio Loiero, ha promosso un incontro per fare il punto della situazione a seguito dei danni causati dall’alluvione dei giorni scorsi. All’iniziativa erano presenti i sindaci dei comuni: Soverato, Davoli, Santa Caterina, Isca, Guardavalle, Sant’Andrea, Montauro, Montepaone, Gasperina Squillace, Palermiti, Stalettì, Amaroni, Centrache, Cenadi, Olivadi, San Vito, Torre di Ruggiero, Argusto, Gagliato Petrizzi. Domani ampio servizio.

La riunione dei sindaci

SOVERIA MANNELLI Il Comune ha organizzato per marzo una manifestazione per celebrare l’anniversario

Festeggiamenti per i 50 anni della Rai SOVERIA MANNELLI — La Città di So-

veria Mannelli, che ieri ha celebrato il suo duecentoduesimo compleanno, partecipa ai festeggiamenti dei 50 anni della Rai in Calabria promuovendo, per il prossimo mese di marzo, una festa per la Rai calabrese che rappresenta, secondo il sindaco Leonardo Sirianni, «uno dei più importanti strumenti culturali della Calabria». La Rai calabrese è stata sempre una protagonista dell’attività amministrativa dell’anniversario del Comune di Soveria

Mannelli, fin dalla sua istituzione nel 2002, quando intervenne il redattore capo Pino Nano. Questa intensa collaborazione è proseguita con la realizzazione dell’Archivio delle immagini rai su Soveria Mannelli in occasione del bicentenario della città calabrese lo scorso 19 gennaio 2007. Nell’occasione il direttore della sede Basilio Bianchini ha firmato un protocollo d’intesa in base al quale sono stati resi disponibili tutti i filmati delle teche dell’emittente pubblica radiotelevisiva dagli an-

ni Cinquanta ad oggi. Si tratta di oltre 200 video che si trovano anche sul sito della web tv di Soveria Mannelli www. webcam. soveria. it. Nel mese di marzo, il Comune di Soveria Mannelli organizzerà una manifestazione per valorizzare la presenza della Rai nella regione che, secondo il vice Sindaco Mario Caligiuri, «è indiscutibilmente uno degli strumenti positivi sui quali fare ripartire lo sviluppo della Calabria, oggi attualmente bloccato dalla cattiva politica e dalla criminalità».

TI HANNO NEGATO UN PRESTITO PERCHÉ SEI

Vittorio Sica

Sellia Marina, in scena la commedia “3 calzoni fortunati” rivista da Laganà SELLIA MARINA — Una serata all'insegna del divertimento quella che la compagnia teatrale dell'associazione culturale Sellia Marina, ha regalato ai selliesi presso l'oratorio parrocchiale, con l'interpretazione della commedia in tre atti di Eduardo Scarpetta "3 calzoni fortunati", rivisitata dal poliedrico Vincenzo Laganà, presidente dell'associazione organizzatrice, che ne ha curato la regia, ed ha dato anche prova della sua bravura artistica, come del resto tutti gli altri attori, interpretando il personaggio chiave della commedia, Vincenzo. In un periodo in cui le vicissitudini internazionali destano non poche preoccupazioni, e il pessimismo dettato dalla crisi economica la fa da padrone, trascorrere una serata che ti mette buon umore e che trasmette anche un pizzico di ottimismo, fino a far venire la convinzione che prima o poi la buona sorte busserà alla propria porta, non guasta, anzi, ti stimola a credere che, come nella commedia, anche nella vita, il saper sfruttare al meglio le opportunità, rende la vita stessa più serena. La filosofia dei nostri avi, che non vivevano certo nel lusso, insegnava che con l'umiltà, il sorriso e il buon senso, si affrontavano sacrifici, sofferenze e miseria, oggi, nonostante il progresso tecnologico abbia portato grandi comodità, la maggior parte delle persone ha perso il sorriso, ma anche la fantasia e la speranza di un futuro migliore. Un plauso dunque a chi non perde la speranza e la trasmette anche agli altri. Un

PROTESTATO

NO DA BANCHE E FINANZIARIE? MediaConsult AGENZIA D’AFFARI

SEI STANCO DI SENTIRTI DIRE

Via Italia, 51/53 - Info 0961.743398 - 334.6690330 - 334.6690331 88100 CATANZARO - mediaconsultcz@gmail.com

RIABILITAZIONE

TI FINANZIA LA TUA TELEFONA O INVIA UN SMS CON IL TUO NOME E I TUOI DATI ANAGRAFICI UNO STAFF DI ESPERTI E’ A TUA DISPOSIZIONE

condivisione. Certo, mettere assieme maggioranza e opposizione su ragionamenti di carattere amministrativo e politico è sempre un’utopia. Ma le drammatiche condizioni congiunturali, quantomeno, esigono un tentativo di dialogo sui grandi temi dello sviluppo. In caso contrario, consigli e consessi di vario genere resteranno invischiati nella solita manfrina di sempre, con conseguenze dannose per la comunità ed i suoi figli. La “Perla dello Jonio” rischia già di diventare solo uno slogan da amarcord felliniano. Che ne pensano consiglieri comunali giovani come Salvatore Riccio, Vittorio Sica e Maurizio Gioviale?

GRATUITAMENTE

convinto grazie ai portatori di cultura e ottimismo è venuto dalla numerosa presenza di selliesi che hanno apprezzato l'ottima qualità dell'interpretazione tributando copiosi applausi. L'associazione culturale Sellia Marina non è nuova a tali esperienze, da circa dieci anni opera con l'intento di promuovere la cultura e valorizzare il territorio, prediligendo l'interpretazione teatrale, ha infatti rappresentato commedie del livello di "Gli Amori", "Ditegli sempre di sì", "Miseria e nobiltà", "Filumena Marturano", "Non è vero ma ci credo", e così via, avvalendosi della collaborazione di tanti provetti attori. Per l'occasione i personaggi e gli interpreti di una bravura pressappoco professionale, sono stati: Carmela, Rosaria Leuzzi; Eugenio, Raffaele Mussari; Colonnello, Giuseppe Gualtieri; Conte, Giuseppe Onofrio; Pasquale. Antonio Corea; Totò; Daniele Lopez; Luigino, Tommaso Elia; Michele, Giuseppe Laganà; Teresa, Luana Sinopoli; Rafelina, Maria Francesca Servino; Enrico, Antonio Tedesco; Laura Carla Vicinanza; Marchesa, Sabrina Dardano; Barone, Luigi Tedesco; Amelia, Serene Colonna; Vincenzo, Vincenzo Laganà che ha curato anche la regia. La scenografia è stata curata da Giancarlo Budace e dagli assistenti Giuseppe Gualtieri e Antonio Corea, i costumi da Saverina Talarico e la sua assistente Rosaria Leuzzi, l'audio e le luci dalla "Idea Giovane Service". Giuseppe Fittante

Finanziamenti e mutui • Cancellazione e riabilitazione • protesti (cambiali o assegni) Aggiornamento • Banche Dati Prestiti personali • Istruzioni pratiche • finanza agevolata Leasing • strumentale e immobiliare Cessione • del Quinto e Delega di Pagamento Visure • on line u.i.c. A 60164


30 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA LAMEZIA TERME In un’intervista, il coordinatore del Pdl, Luigi Muraca, spiega le motivazioni che lo hanno spinto a scrivere una lettera al sindaco

«Multiservizi, un caso da discutere» «Speranza ha l’autorevolezza per spiegare ai vertici della società che la politica non si fa in tribunale» LAMEZIA TERME — «Caro Sin-

daco, vorrei sottoporre alla tua valutazione una vicenda che rischia di deturpare in città la fisiologica dialettica tra le istituzioni (Consiglio Comunale e Lamezia Multiservizi), oltre che le più elementari norme di civiltà giuridica e politica». Lo scrive in una lettera aperta Luigi Muraca, avvocato, Coordinatore del Pdl di Lamezia Terme. «Mi riferisco - continua - alla permanente, ubiqua, ossessiva pretesa della Lamezia Multiservizi di querelare Consiglieri Comunali, di citarli civilmente per centinaia di migliaia di Euro, di citare giornalisti, televisioni o pezzi dell’informazione, affinchè venga riparato penalmente o pecuniariamente il danno generato da presunte frasi denigratorie. Qualcuno dei convenuti ha dato mandato a chi scrive di resistere in giudizio e, sotto il profilo processuale, ci sono tutte le condizioni per confutare le domande della Multiservizi, ma non è questo il punto. Può darsi che qualcuno abbia ecceduto (non conosco tutte le dichiarazioni oggetto di doglianza), ma è concepibile un’azione giudiziaria erga omnes? Se pur c’è stata qualche dichiarazione sopra le righe, mi pare che la sproporzione sia evidente ed inaccettabile. E’ una concezione stalinista quella di dovere infliggere una pena o una sanzione all’avversario, a me non piace utilizzare il termine comunista contro nessuno, però sicuramente la condotta della Multiservizi evoca la tragica frase di Lenin del 1922 “la giustizia non deve eliminare il terrore”. Caro Sindaco, perché chiedere la condanna al pagamento di Euro 250.000,00 nei confronti di un Consigliere Comunale o di un giornalista? Per distruggere la sua famiglia? Per dargli una lezione e quindi intimidirlo? Queste trepidazioni non vogliamo più viverle, tempo fa rimanemmo turbati dal libro LubjanKa di Enzo Biagi, lasciamo che i magistrati perseguano i reati e dirimano le conBADOLATO — «A distanza di poco più di ventidue anni dall'inizio della nota vicenda "Badolato paese in vendita" (7 ottobre 1986), l'Università dei Popoli di Badolato (che ha come magnifico rettore lo storico prof. Antonio Gesualdo) ha voluto assegnare un "Attestato di riconoscenza e di gratitudine" a quelle testate giornalistiche e a quei giornalisti che più di tutti in Calabria si sono occupati o continuano ad occuparsi del borgo antico, contribuendo così alla sua lenta ma progressiva e concreta salvezza» si legge in una nota di Domenico Lanciano. «Come si ricorderà - prosegue -, per ben due anni (dall'autunno 1986 fino a tutto il 1988, ma spesso anche oltre), i riflettori di tanti mass-media regionali, nazionali ed esteri (carta stampata, radio, televisioni e poi internet) restarono continuamente accesi su Badolato per seguirne le evoluzioni dell'inusitato allarme per la salvezza del paese medievale lanciato dal bibliotecario comunale dell'epoca, Domenico Lanciano, il quale subito dopo quell'utilissima esperienza (bruscamente interrotta però da alcune influenti

troversie civili, in riferimento alle questioni politiche non mancano a nessuno i mezzi per far valere le proprie ragioni. Temo, peraltro, che tutte queste cause si concluderanno tra cinque o più anni, quando alla Lamezia Multiservizi ci saranno altri amministratori, i quali pagheranno lautamente avvocati (le parcelle vengono redatte sul valore della causa, in questo caso molto elevato) e magari qualche danno che in via riconvenzionale sarà riconosciuto ai convenuti. Se, diversamente, a questi ultimi sarà ascritta qualche responsabilità, avremo sistemato il bilancio della società attrice con i soldi dei soggetti soccombenti, i quali dovranno vendere la propria abitazione per pagare le cifre spropositate chieste a titolo di risarcimento del danno. Per tabulas, nell’un caso e nell’altro, senza entrare nel merito della lite (lo farò in altra sede), sarà una soluzione disastrosa per la civiltà dei rapporti politici. Pertanto, Ti invito ad intervenire, quale azionista di riferimento della società, al fine di far riconsiderare agli amministratori della Lamezia Multiservizi la scelta di citare indiscriminatamente buona parte dell’opposizione ed organi di informazione, hai l’autorevolezza e la forza morale per spiegare ai vertici della suddetta società che la politica non si fa in Tribunale e che i soggetti che svolgono funzioni pubbliche devono saper tollerare anche dichiarazioni sgradevoli, aspre e talvolta improvvide a cui si può e si deve replicare nelle sedi opportune. Riprendiamo a discutere della Multiservizi, del suo bilancio che, considerata la multiforme attività, dovrebbe essere più soddisfacente o della scelta dell’azionista privato che pare in ritardo (c’è un mio scritto di esortazione del 14/12/2006). Caro Sindaco, spero davvero che Tu riesca a fare estinguere le cause in essere, penali e civili, io avrò perso in termini di competenze professionali, mentre per la città avremo raggiunto insie-

«Perché chiedere la condanna al pagamento di 250.000 euro nei confronti di un Consigliere Comunale o di un giornalista? Per dargli una lezione?» me un risultato importante. P. S. - Vengo a conoscenza a lettera conclusa che anche Tu avresti citato in Tribunale un autorevole giornalista ma non ci credo e non aggiungo altro». *** E’ un appello alla collaborazione la lettera inviata al sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, dal coordinatore del gruppo lametino del PdL, l’avvocato Luigi Muraca. «Mi riferisco alla permanente pretesa della Multiservizi scrive Muraca - di querelare consiglieri comunali, di citarli civilmente per centinaia di migliaia di euro e di citare giornalisti, affinchè venga riparato penalmente o pecuniariamente il danno generato da presunte frasi denigratorie». La lettera si inserisce nel controverso terreno dell’informazione connessa allo scontro politico. «Ti invito ad intervenire - esorta, il coordinatore del PdL - quale azionista della società, al fine di far riconsiderare agli amministratori della Multiservizi la scelta di citare indiscriminatamente buona parte dell’opposizione ed organi di informazione, hai l’autorevolezza e la forza morale per spiegare ai vertici della suddetta società che la politica non si fa in tribunale e che i soggetti che svolgono funzioni

pubbliche devono saper tollerare - aggiunge - anche dichiarazioni sgradevoli, aspre e talvolta improvvide a cui si può e si deve replicare nelle sedi opportune». Da questa lettera a Gianni Speranza prende il via la nostra intervista. La sua lettera al sindaco si riferisce alle numerose querele portate avanti dalla Multiservizi ai danni di consiglieri comunali e giornalisti. Qual è lo scopo di questa sua iniziativa? «Mi è venuto in mente perché stavo compilando un atto giudiziario inerente al problema ed ho sentito come mio dovere agire in quanto non si tratta di un atto comune, poichè coinvolge la serenità dei rapporti nell’ambito della vita pubblica cittadina. Il mio è un accorato appello a trovare una riconciliazione fuori delle aule di tribunali, non ci sono altre finalità. Se ci sono state delle dichiarazioni denigratorie, ci sono i luoghi propri della politica per contrastarle, anche aspramente, poi soprattutto si tratta di soggetti che hanno gli strumenti per far valere le proprie ragioni. La Multiservizi è in grado di difendersi senza questi atti così forti». Ma questa società ha avuto davvero l’intenzione, come lei sottolinea nella sua lettera, di “dare una lezione” a questi consiglieri comunali e ai giornalisti denunciati o di “intimidirli”? «Mi sono posto questo interrogativo: “che esito può avere una tale azione? ”. Io non voglio entrare nel merito, prevedendo un esito processuale che non conosco. Penso, però, che non sia necessario fare causa per questioni prettamente politiche. Non ci sono contumelie alle famiglie dei protagonisti, offese ai parenti più prossimi o ingiurie personali. Si è trattato di dichiarazioni, forse forti o eccessive. Alla fine, se avrà ragione la Multiservizi un esponente politico dovrà vendersi la casa per far fronte al pagamento di 250.000 euro, nel caso contrario saranno pagate dai

BADOLATO L'Università dei Popoli darà un riconoscimento alla stampa che ha sostenuto il borgo medievale

«No allo spopolamento dei piccoli comuni» istituzioni) vive esule in Molise da dove continua l'opera di sensibilizzazione contro lo spopolamentio dei piccoli comuni, divenuto ancora più drammatico ed esteso di venti anni fa specialmente in tante parti dell'area euromediterranea. Il riconoscimento alla stampa calabrese consiste in una pergamena con su scritto "L'Università dei Popoli di Badolato assegna Attestato di riconoscenza e di gratitudine a... per quanto fatto finora per Badolato (in particolare riguardo la vicenda di "Badolato paese in vendita in Calabria" nonché per i comunicatistampa emessi da questa associazione culturale) e per quanto vorrà ancora fare! Il bene ricevuto non si scorda mai. Ad majora semper! " firmato Antonio Gesualdo, magnifico rettore, Domenico Lanciano, promotore-responsabile. La pergamenta andrà alle agenzie stampa nazionali Ansa, Agi, Asca (redazioni di Catan-

zaro); ai quotidiani cartacei Calabria Ora, Gazzetta del Sud, Il Domani, Il Giornale di Calabria, Il Quotidiano della Calabria; al quotidiano internet Gilbotulino. it (fondato e diretto dal prof. Pasquale Andreacchio di Badolato); alle emittenti televisive Rai Calabria, Telejonio, Tele Soverato Uno, Telespazio Calabria, Video Calabria; a Radio Soverato; al mensile Il Calabrone (fondato e diretto da Mimmo Loiero in So-

verato), al settimanale La Provincia Kr (fondato e diretto da Antonio Carella in Crotone), al trimestrale La Radice (diretto dal prof. Vincenzo Squillacioti per l'omonima associazione culturale badolatese), al mensile Punto & @ Capo (diretto dal giornalista Rai Pietro Melia). Pergamene pure per i seguenti giornalisti che da più lungo tempo si sono occupati ripetutamente o che ancora si occupano con più assiduità di Ba-

Gianni Sgrò di Soverato nel cuore: solidale con Don Biagio e Don Mimmo SOVERATO — «Siamo solidali all'ac-

corato appello di Don Biagio e Don Mimmo rispetto alla problematica socio-sanitaria calabrese e penso che la giunta regionale ne debba prendere atto, troviamo che le ri-

chieste e le proposte dettate dai nostri due ecclesiasti siano condivisibili e possano trovare applicazione nel nuovo piano sanitario regionale sempre che i nostri politici vogliano cambiare (in meglio) l'attuale stato

contribuenti spese legali a vuoto. Ma in entrambi i casi a Lamezia sarà distrutta la civiltà politica, a prescindere da chi avrà ragione. Mi è sembrata una forma di rappresaglia e non si agisce così in un confronto politico». Avvocato Muraca, lei ha firmato la lettera in qualità di coordinatore del PdL di Lamezia Terme e in questa veste ha deciso di intervenire ora. Ma se tra i querelati non ci fossero stati esponenti del suo partito, come il consigliere Mario Magno, avrebbe seguito questa strada? «E’ bene precisare che il mio è davvero un accorato appello per difendere la civiltà dei rapporti. Non riguarda solo consiglieri del PdL e non vorrei porlo in questi termini. Mi sono rivolto al sindaco perché riconosco la sua autorità. Non c’è altro dietro che il tentativo di ridimensionare la responsabilità pubblica. La politica deve proseguire nel confronto, ma nelle sedi proprie non in tribunale. Si deve impedire una sorta di “intifada” lametina». Cos’è secondo lei la libertà di stampa? «La libertà di stampa è il crocevia della vita democratica e della dialettica tra le forze sociali e politiche. E’ giusto che questa libertà non sia esercitata attraverso il vilipendio alle persone. Poi ci possono essere anche dei momenti in cui qualcuno sbaglia, in questo caso è necessaria una presa di coscienza. Questo è il motivo che mi ha spinto a chiedere l’intervento del sindaco. La Multiservizi è una società autorevole alla quale nessuno negherebbe lo spazio di cui ha bisogno per esercitare il suo diritto di replica contro quelle affermazioni che si ritengono denigranti». Quali sono le sue opinioni sulla stampa lametina? «La stampa di Lamezia ha esponenti di grande professionalità ed equilibrio, quindi credo che riescano a calibrare gli spazi e ad avere rispetto delle istituzioni». Settimio News

dolato, in particolare del borgo antico: Pietro Cossari, Vincenzo De Virgilio, Franco Laganà , Pino Nano, Antonio Piperata, Gianni Pitingolo, Francesco Ranieri, Italo Ranieri, Massimo Ranieri. Ma il "grazie" (per "il bene ricevuto che non si scorda mai") si estende a tutto il resto della stampa calabrese che si èoccupata o si occupa (più o meno frequentemente) di Badolato, un borgo-laboratorio - conclude - che resta simbolo e prototipo di migliaia di altri paesi spopolati che rischiano diestinguersi in Italia, in Europa e nel mondo e che, quindi, vanno assolutamente salvati». delle cose» si legge in una nota di Giovanni Sgrò di Soverato nel Cuore. «Mentre - prosegue - osserviamo una politica attivista e in continua evoluzione nel nord del paese al contrario il sud è lasciato in balia di se stesso (ed in calabria maggiormente...) da una politica cloroformizzata. La giunta e il consiglio regionale - conclude - dimostri orgogliosamente di avere capacità di analisi e agisca altrimenti vergognamoci tutti».


Pag. 31

APPUNTAMENTI il Domani

Martedì 20 Gennaio 2009

TEATRO - MUSICA - CULTURA - CONVEGNI - DANZA - ARTE - LIBRI - SOCIETÀ

CATANZARO Questa sera la rassegna culturale ideata dal direttore artistico Raffaele Gaetano in scena presso l’Auditorium “A. Casalinuovo”

La figlia di Totò chiude “Parole Chiave” «Uno spaccato di vita familiare in cui il noto comico viene descritto nella sua dimensione umana e segreta» CATANZARO — Dopo il grandissi-

mo successo di critica e di pubblico dei primi tre appuntamenti con Franco Di Mare, Giuseppe Ayala ed Ernesto Galli della Loggia, che hanno sempre fatto registrare il tutto esaurito, torna oggi alle 18, nella raffinata cornice dell’Auditorium “A. Casalinuovo” di Catanzaro, la rassegna “Parole Chiave”. Ultima protagonista di un incontro che si annuncia sin d’ora emozionante e ricco di spunti di riflessione, Liliana De Curtis, l’unica figlia dell’attore italiano più amato di sempre, il più noto, il principe della risata, Totò. Un evento da non mancare, un faccia a faccia sul filo dei ricordi su una parola chiave che la storia del cinema ha finito per ratificare, “Totò”. Ma su quale crinale si muoveranno questa volta Raffaele Gaetano e il suo prestigioso ospite? È lo stesso Direttore Artistico del cartellone a svelarlo: «Ultimo eccezionale evento della nostra rassegna con una “parola chiave” fuori dagli schemi eppure legittimata dalla storia cinematografica e del costume, Totò. La vita straordinaria del grande attore sarà al centro del racconto dalla sua unica figlia, Liliana De Curtis, che aprirà per il

Un’immagine storica di Liliana De Curtis e suo padre, Totò

nostro pubblico uno spaccato di vita familiare in cui il noto comico viene descritto nella sua dimensione umana segreta. Totò, padre tenero, ma troppo possessivo, marito-padrone per l’adorata moglie Diana, pieno di pregi ma anche di difetti, balzerà fuori dalle parole della figlia con eccezionale vivezza. Per riuscire in questa impresa Liliana attingerà al bagaglio dei suoi ricordi facendo sfilare in gran quantità episodi, divertenti o

drammatici, come è logico in un personaggio per il quale, secondo una sua definizione, “una lacrima è solo l’altra faccia del sorriso”. Parlare del padre, spiega Liliana, non le riesce facile per quella ridda di emozioni che risvegliano in lei i ricordi, dolci o amari, ma comunque impressi indelebilmente nella sua memoria, e nel racconto si lascia guidare soprattutto dalla voce del cuore. Ne verrà fuori un racconto molto vero e privo di retori-

CATANZARO Presso la Casa delle Culture il noto critico cinematografico Morando Morandini

“Sfogliando un film”, rapporto fra parola e immagine CATANZARO — Prenderà il via venerdì

23 gennaio a Catanzaro, con ospite d’eccezione Morando Morandini, la rassegna “Sfogliando un film”, giunta alla seconda edizione, promossa ed organizzata dalla Biblioteca Comunale “Filippo De Nobili” con il sostegno dell’assessorato alla Cultura della Provincia di Catanzaro e dell’assessorato alla Cultura del Comune di Catanzaro. A precedere la kermesse, mercoledì 21 gennaio, alle ore 16.30 la conferenza stampa di presentazione presso il complesso monumentale del S. Giovanni a cui interverranno Maria Teresa Stranieri, direttrice della biblioteca comunale F. De Nobili, Wanda Ferro, presidente della Provincia di Catanzaro, Antonio Argirò, assessore alla Cultura del Comune di Catanzaro, Loredana Marzullo, coordinatrice del Circolo di lettura e Antonio Capellupo, curatore della rassegna. Inoltre, nella mattina di venerdì 23 gennaio, alle ore 11, presso l'Hotel Palace, a Catanzaro Lido, Morando Morandini sarà a disposizione per i giornalisti che volessero intervistarlo. Una manifestazione curata da Antonio Capellupo, la rassegna vuole focalizzare l’attenzione sulla trasversalità della comunicazione, approfondendo il complesso rapporto fra parola e immagine, fra libro e film. Pellicole e romanzi verranno letti, analizzati e discussi all’interno del Circolo di lettura della Biblioteca “De Nobili” - in diretta collaborazione con le scuole medie superiori della provincia - permettendo quindi di creare un dibattito aperto con il pubblico, arricchito dal confronto con personalità di rilievo del mondo letterario e cinematografico. Quest’anno sono stati selezionati quattro film che simboleggiano l’innovazione e la creatività del cinema e della letteratura degli ultimi anni. Ad aprire la rassegna, nel pomeriggio di venerdì 23 gennaio alle ore 18 presso la Casa

Il programma: Venerdì 23 gennaio Casa delle culture – Palazzo della Provincia Ore 16 Proiezione: La ragazza del lago di Andrea Molaioli con presentazione del libro Lo sguardo di uno sconosciuto di Karin Fossum, a cura del Circolo di lettura. Ore 18 Incontro con Morando Morandini : “Letteratura e cinema: un problema inesistente” con intervento di Loredana Marzullo, dal titolo “Il cinema a scuola: interrogativi vecchi e nuovi” presentato da Antonio Capellupo. Giovedì 19 febbraio Complesso monumentale del San Giovanni Ore 17:30 Incontro con Jacopo De Michelis : “Guardando un libro: il booktrailer”, presentato da Antonio Capellupo. Venerdì 20 febbraio Complesso monumentale del San Giovanni Ore 17:30 Proiezione: V per Vendetta di James Mc Teigue con presentazione della graphic novel omonima di Alan Moore, a cura del Circolo di lettura. Martedì 24 marzo Complesso monumentale del San Giovanni Ore 17:30 Proiezione: Into the wild di Sean Penn con presentazione del libro Nelle terre estreme di John Krakauer, a cura del Circolo di lettura. Lunedì 4 maggio Casa delle culture – Palazzo della Provincia Ore 17:30 Proiezione: Notturno Bus di Davide Marengo Martedì 5 maggio Auditorium Aldo Casalinuovo Ore 09:30 Incontro con Giampiero Rigosi e Davide Marengo, dal titolo “Un libro, un film” presentato da Antonio Capellupo e dal Circolo di lettura.

della culture del palazzo provinciale, sarà il noto critico cinematografico Morando Morandini, che parlerà di “Letteratura e cinema: un problema inesistente”. L’incontro - presentato dal curatore della rassegna insieme ai componenti del Circolo di Lettura della Biblioteca “De Nobili” - sarà preceduto dalla proiezione della prima pellicola, “La ragazza del lago” di Andrea Molaioli, liberamente tratto dal romanzo di Karin Fossum, “Lo sguardo di uno sconosciuto”. Seguirà la breve relazione, curata dalla docente di lettere e coordinatrice del Circolo di lettura, la dott. ssa Loredana Marzullo, dal titolo “Il cinema a scuola: interrogativi vecchi e nuovi”. Il programma proseguirà giovedì 19 febbraio, alle ore 17.30 presso il Complesso monumentale San Giovanni, con l’editor della Marsilio Editori Jacopo De Michelis, che discuterà sul tema “guardando un libro: il booktrailer”, soffermandosi sul particolare legame fra arti visive e letteratura. Il giorno successivo si terrà la proiezione di “V per Vendetta” di James Mc Teigue con presentazione della graphic novel omonima di Alan Moore. Martedì 24 marzo, alle 17:00 presso il Complesso monumentale del San Giovanni, sarà la volta di “Into the wild” di Sean Penn con presentazione del libro “Nelle terre estreme” di John Krakauer, a cura del Circolo di lettura. Concluderà la rassegna - martedì 5 maggio alle ore 9.30 presso l’auditorium Casalinuovo - l’incontro con Giampiero Rigosi, autore del romanzo “Notturno Bus”, e Davide Marengo, regista dell’omonimo film (proiettato il giorno precedente alle 17.30 presso la Casa delle culture), che parleranno dei meccanismi e dei percorsi di trasposizione tra un libro e un film. Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito internet www. sfogliandounfilm. com.

ca, un appuntamento indispensabile per tutti quelli che, amando Totò, vogliono conoscerlo nell’intimo della sua complessa personalità, al di là della maschera diventata ormai un mito senza tempo». In un incontro certamente emozionante, Liliana De Curtis cercherà dunque di farci capire chi è stato Totò e perché è l’attore italiano più amato a livello internazionale. Il tutto attualizzando il tema e magari anche provocando per offrire ancora maggiori spunti di riflessione al vasto pubblico della rassegna. Un altro appuntamento da non mancare all’interno di un cartellone dalla silhouette brillante, fluida e icastica nato per fare del sapere uno sciame di parole in fuga dall’alveare della banalità. Ora qualche cenno biografico sul protagonista della serata. Liliana De Curtis è l’unica figlia di Totò, legatissima al ricordo del padre che domina ancora oggi la sua vita. Avrebbe voluto fare l’attrice, ma il padre glielo impedì consentendole soltanto, quando era bambina, una breve apparizione in un suo film del 1940, San Giovanni decollato. Liliana, che per quel suo unico lavoro cinematografico fu ricompensata con una bambola, assomi-

glia moltissimo a Totò e si definisce con orgoglio la sua “controfigura”. Ricordiamo che il cartellone culturale “Parole Chiave” si propone di comporre una piccola enciclopedia attraverso quattro raffinatissimi dialoghi tematici che di volta in volta prendono in esame una pregnante “parola” del nostro tempo. Un personaggio, moderato da Raffaele Gaetano, dialoga su una “parola chiave”, dando vita ad un confronto senza esclusione di colpi. Il pubblico è avvolto dai ragionamenti, preso nel vortice dei riferimenti. I temi sono caldi, vibranti, attuali. Una rassegna pensata per restituire emozioni e stimoli culturali alla Calabria grazie all’incontro tra differenti punti di vista. “Parole Chiave” è promossa dalla Presidenza della Giunta Regionale della Calabria con il contributo della presidenza della Provincia di Catanzaro, dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Catanzaro, dalla Presidenza della Camera di Commercio di Catanzaro e di altri importanti partners privati che hanno inteso legare la propria immagine ad una rassegna di alta cultura che calamita mensilmente l’attenzione regionale.

Al Conservatorio di musica di Cosenza... Seminario di Canto Barocco e concerto pianistico di beneficenza Prosegue fervida l’attività del Conservatorio di musica di Cosenza. Nella prossima settimana si svolgeranno altre due diverse iniziative, fra le tante programmate dall’istituto a corollario e completamento dell’ordinaria attività didattica. Dal 20 al 23 gennaio un seminariolaboratorio sul canto barocco sarà tenuto dal mezzosoprano Gloria Banditelli, specialista del repertorio. Il seminario ha anche lo scopo di individuare i partecipanti alla produzione dell’opera “Dido and Aeneas” di Henry Purcell, che il Conservatorio sta preparando in occasione nel 350° anniversario della nascita del compositore inglese. Il seminario è riservato ai cantanti che saranno ammessi previa selezione. È aperto a tutti, al contrario, il concerto che sarà tenuto dal pianista Giulio Giurato il giorno 22 gennaio alle ore 20 nell’Aula Magna del Conservatorio. Il Maestro bolognese, docente dell’Istituto, per l’occasione ha scelto un programma dal titolo “Fantasie e Improvvisi” ed eseguirà brani di Mozart, Schubert e MendelsshonBartoldy. L’ingresso è libero. Il concerto, organizzato in collaborazione con l’Avsi Associazione volontari per il servizio internazionale e con il Centro culturale don Emanuele Ostellari, ha uno scopo benefico: raccogliere fondi che l’Avsi devolverà per le popolazioni in difficoltà, come fa dal 1972 impegnandosi in oltre 100 progetti di sviluppo in 39 Paesi del mondo.


32 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA CATANZARO La prima commedia del grande teatro classico inserita nel cartellone sarà in scena il 27 e il 28 gennaio

“Madre Coraggio” al Politeama Un’attuale opera di Brecht su un mondo tormentato dalla crisi economica e dalla conflittualità politica di Franco Brescia CATANZARO — Madre Coraggio è la prima commedia del grande teatro classico inserita nel cartellone del Politeama per il 2008-2009. La prosa, infatti, in questa stagione non la fa da padrone nel programma che si sta sviluppando. Evidentemente - e non si può dare torto - la gestione del Teatro privilegia di più quegli spettacoli il cui genere è maggiormente gradito dal pubblico che, perciò, frequentemente accorre per occupare ogni posto dell’edificio. S’intende che in tal caso prevale l’interesse finanziario che, si comprende benissimo, svolge un ruolo fondamentale per la tenuta della istituzione teatrale. Ma, in pari tempo si attenua la proposta culturale che è il perno del grande teatro - quello tradizionale, dei contenuti, produttivo di significati - che si tramanda dal periodo più lontano da quando il teatro prese forma e sostanza per restare poi ininterrottamente sulla scena. Da millenni. Dal periodo ateniese del ‘600 a. C.. Stiamo parlando del genere di teatro verso cui manifesto la mia personale preferenza. E’ un’opera di Bertolt Brecht, stupenda, questa che andrà in scena il 27 e il 28 di questo mese al nostro Politeama e mi auguro vivamente che, anche in questa circostanza, il pubblico parteciperà come nelle grandi occasioni. Madre Coraggio è una delle maggiori opere del principale drammaturgo tedesco del ‘900 tramite il quale, anche con lui la Germania di Weimar continua a parlarci anche per la sua attualità. Di quella società, simile a questa che il mondo sta vivendo quando tormentato dalla crisi economica e da una conflittualità politica esasperata. Dalla quale, poi,

La conferenza sull’opera del drammaturgo tedesco si terrà il prossimo 22 gennaio prese però coscienza un momento ricco e pieno di fermenti che svilupparono il progredire di un’epoca migliore. Tutto questo può costituire la visione di un ulteriore significato per noi, oggi. Quest’opera brechtiana si presenta comunque complessa, per cui l’Associazione “Amici del Politeama”, come di consueto, si propone per approfondirne i temi e i contenuti con lo scopo di realizzare l’idea che la sua iniziativa possa tornare utile per una migliore fruibilità dello spettacolo. Idea, bisogna dirlo, che ha sempre ottenuto riscontro di notevole apprezzamento per i brillanti ed efficaci risultati ottenuti. Questa volta, però, l’Associazione del Politeama aperta com’è alle altre associazioni che praticano la migliore cultura svolgerà la conferenza su “Madre Coraggio” insieme con il “Circolo Augusto Placanica”. La conferenza avrà pertanto luogo al Politeama il prossimo giovedì 22 gennaio, con inizio alle ore 17,30, sul tema “Madre Coraggio – Bertolt Brecht e il teatro epico”. La quale sarà curata da Tina Martino che è professoressa in materie letterarie e docente all’Istituto Commerciale Einaudi dove continua a mantenere, da tantissimi anni, anche l’incarico di vice-

preside. Tina è donna dotata di profonda e brillante cultura nonché di buona oratoria per cui le sue conferenze, normalmente, risultano di notevole interesse ed efficacia. è componente il settore cultura dell’Associazione anche perché ella si è sempre interessata di teatro non tanto come assidua spettatrice, ma, quanto perché, con il suo Istituto, è riuscita a realizzare degli spettacoli teatrali, di alto spessore culturale, che hanno goduto di vasto apprezzamento per il pregio dimostrato. Tina Marino, pertanto, sono certo, anche in questa occasione si farà stimare per tutte queste sue qualità. Anche se non avrà un compito facile perché Brecht è un grande autore di testi teatrali, ma innovativo, complesso perché alla ricerca di un nuovo linguaggio e di una nuova forma teatrale. Il grande drammaturgo tedesco riuscì a realizzare pienamente la sua idea rivoluzionaria anche facendo musicare le sue opere da Kurt Weill e dando così origine a spettacoli sensazionali. Opere con forme di rappresentazioni finalizzate ad esprimere la bellezza, l’amore e la tragedia ma comprendenti le tendenze dissonanti del jazz e del cabaret. Forse la loro migliore definizione, in senso critico, è stata quella data all’epoca in cui esse furono mandate in scena per la prima volta da Herbert Ihering: “L’impresa di Brecht come autore del testo e di Weill come compositore… è stata superare la rivista trasformandola in una forma artistica interamente nuova, Nello stesso tempo, hanno mescolato elementi del varietà per creare una espressione teatrale inedita e vitale. Questa particolarità delle opere brechtiane normalmente ottiene un alto gradimento dal pubblico più

“Madre Coraggio – Bertolt Brecht e il teatro epico” sarà curata dalla professoressa Tina Martino variegato. Anche da quello, quindi, che non mantiene un buon approccio con gli spettacoli impegnati, ritenuti “pesanti”. D’altra parte, in realazione, lo stesso Weill così si è espresso: ” Il motivo che mi ha fatto avvicinare a Brecht è, prima di tutto, la forte interazione tra la mia musica e la sua poesia….. Non c’è alcun dubbio che, in questo momento, una forma completamente diversa di lavoro teatrale stia sviluppandosi; una forma rivolta a un pubblico differente e assai più ampio, sul quale avrà un’attrattiva insolitamente grande”. Weill si riferiva a tutte le opere di Brecht alle quali egli prese parte. Non solo pertanto a “L’opera da tre soldi” - la più nota tra quelle composte dal drammaturgo e che resta un successo colossale da quando fu rappresentata già la prima volta a Berlino ben ottant’anni fa - ma anche a “Madre Coraggio” che è un’opera altrettanto apprezzata in tutti i teatri del mondo. Anche questa, infatti, è un altro capolavoro del magnifico autore tedesco. L’opera teatrale “Madre coraggio e i suoi figli” è ambientata al tempo della guerra dei trent ’anni (1618-1648), che vide impegnati, contro l’impero asburgico i paesi del nord Europa e la

Francia, guerra che si concluse con l’umiliante pace di Westfalia che segno’ la fine della potenza degli Asburgo d’Austria. Il dramma porta in scena le vicende che vanno dal 1624 al 1636 ed ha come protagonista “Madre coraggio”, nome con cui viene indicata Anna Fierling, una povera vivandiera, che trascina il suo carro pieno di cianfrusaglie da un campo all’altro alla ricerca di magri affari, ora con i cattolici ora con i protestanti, ora con gli imperiali, ora con gli svedesi. Ad uno ad uno perderà nella guerra i suoi tre figli. Nonostante ciò la protagonista, testardamente chiusa nel suo egoismo e mossa da un affarismo bieco, non si rende conto che la guerra è un affare solo per i potenti e pensa, invece, di poterne ricavare un vantaggio personale al seguito degli eserciti in lotta. Tutto ciò testimonia l’idea brechtiana che il male del mondo non rende saggi. Tuttavia ”se Madre coraggio non riceve nessun insegnamento da ciò che le succede ”, dice Brecht, “penso che il pubblico, invece, può imparare qualche cosa osservandola”. L’intento fondamentale del teatro epico brechtiano, infatti, non è quello di coinvolgere emotivamente lo spettatore, ma di creare in lui una presa di coscienza che lo porti a riflettere e ad analizzare i fatti nella loro realtà e nelle loro contraddizioni. Il fine, dunque, del teatro epico è un fine didattico e non catartico e quindi liberatorio come quello aristotelico che avviene attraverso l’identificazione fra personaggio e spettatore. Quest ’ultimo, nel teatro epico, deve conservare sempre la persuasione di trovarsi a teatro. Anche attraverso l’esibizione delle attrezzature e il cambio delle scene a sipario alzato!

CORIGLIANO La cerimonia finale della mostra-concorso organizzata dalla Pro loco presieduta da Pucci CASTROVILLARIIn tutta Italia il 27 gennaio la giornata per ricordare la “Shoah”

Chiesa e cultura, conclusa “Presepi…amo” Per non dimenticare al Sybaris CORIGLIANO — Una gremita sala

CASTROVILLARI — A difesa della di-

convegni del centro d’eccellenza dello scalo ha fatto da cornice alla cerimonia conclusiva della mostra-concorso “Presepi…amo Corigliano”, organizzata dalla Pro loco “Città di Corigliano Calabro” presieduta da Giuseppe Pucci. Il dibattito ha avuto inizio con l’introduzione del moderatore dei lavori, il giornalista Fabio Pistoia, che ha evidenziato «la bontà della manifestazione della Pro loco e la necessità di riconoscere il ruolo istituzionale che la stessa svolge sul territorio». E’ stata poi la volta del presidente della Pro loco, Giuseppe Pucci, “anima” della rassegna insieme a tutti i soci, che ha ringraziato «quanti, a vario titolo, hanno reso possibile far rivivere il centro storico». Subito dopo, la parola è toccata al sub-commissario del Comune, Edoardo D’Andrea, che a nome del commissario straordinario, Paola Galeone, ha sottolineato «la capacità organizzativa della Pro loco, nonostante le ristrette condizioni finanziarie dell’ente». Ad intervenire, poi, monsignor Franco Milito, vicario episcopale per la cultura e l’ecumenismo della diocesi di RossanoCariati, che ha evidenziato «l’importanza e la funzione del presepio, simbolo della Natività», congratulandosi con la Pro loco. Durante la serata, inoltre, sono stati consegnati oltre 60 attestati a quanti hanno partecipato alla

gnità umana, un diritto di tutti, sempre, e della centralità della persona, ovunque. In occasione della giornata della “memoria” e per ricordare la “Shoah”, che si celebra in tutta Italia il prossimo 27 gennaio, l’Amministrazione comunale di Castrovillari ha pensato quest’anno ad una manifestazione, programmata, nel teatro Sybaris del Protoconvento francescano, per domenica 25 gennaio, a partire dalle ore 17. Questa si tiene in sinergia con la Biblioteca Civica “Umberto Caldora”, con la Mediateca di Castrovillari, l’Ati Infomedia e la Fondazione Internazionale “Ferramonti di Tarsia per l'amicizia tra i popoli”. Una importante giornata celebrativa di “memoria condivisa” per non dimenticare le pagine più buie della storia del '900. L’iniziativa sarà introdotta dai saluti del sindaco, professor Franco Blaiotta, e vedrà la partecipazione del dottor Carlo Spartaco Capogreco, Presidente della “Fondazione Ferramonti”, che presenterà la XXI edizione del Memoria-meeting Fondazione Ferramonti, e della dottoressa Teresa Grande, docente all’Università della Calabria. I lavori, invece, saranno coordinati dalla dottoressa Maria Pina Cirigliano, collaboratrice della Mediateca di Castrovillari. Nell'ambito della manifestazione verrà proiettato il film “18.000 giorni fa” (1993) della regista Gabriella Gabrielli, liberamente tratto dal libro di Carlo Spartaco Capogreco

Il tavolo dei relatori

manifestazione ed è stato proiettato il dvd “Immagini dei presepi in mostra”, realizzato da Giorgio Tricarico con la collaborazione di Giacomo Felicetti. Infine, le conclusioni del presidente Pucci, che ha ricordato «lo spirito di sana competizione che ha animato l’intera mostra-concorso» e la lettura del verbale della giuria (composta da Giuseppe Cosimo Pirro, Enza Tassitani e Mariagrazia Sangregorio), alla quale è seguita la proclamazione dei vincitori: il primo posto è andato al presepe realizzato dalla “Bottega dell’arte” dell’artigiano Luigi Esposito; il secondo a Salvatore Santelli; il terzo alla scuola primaria “Papa Giovanni XXIII” di Corigliano.

In breve... A Corigliano “La passione per la politica” Partiti politici e Amministrazioni comunali a Corigliano Calabro dagli anni ’50 ai giorni nostri. La figura di Pasquale Orsini a dieci anni dalla scomparsa”. Questo il tema di un convegno-dibattito, organizzato dalla Città di Corigliano Calabro – Biblioteca “F. Pometti” e Mediateca Regionale, che si terrà sabato 24 gennaio, alle ore 16.30, presso il Centro di eccellenza di Corigliano Scalo.

“Ferramonti: la vita e gli uomini del più grande campo d'internamento fascista 1940-1945”, ambientato nel più grande campo d'internamento fascista “Ferramonti”. Inoltre nel foyer del teatro Sybaris sarà allestita una mostra collettiva sul tema “Identità e memoria” con la collaborazione di artisti che, con grande sensibilità, hanno voluto dare il loro pregevole contributo attraverso le loro opere. Un momento, insomma, per riflettere sugli orrori dell’olocausto e sulle tantissime vittime innocenti che ha provocato. «Un modo anche – dichiara il sindaco, Franco Blaiotta- per meditare da vicino quei fatti che hanno caratterizzato il ‘900 e la nostra storia e per affermare che oggi non può esistere una politica indifferente ai valori della libertà, della democrazia e degli stessi diritti fondamentali, sanciti dalla Costituzione che necessitano sempre più di essere tutelati e rispettati per evitare errori e, soprattutto, orrori. Un momento del genere - aggiunge - è un’occasione per ribadire il ruolo che deve avere sempre più la politica, la quale deve essere garante delle “ cento voci, dei cento colori”, dove ogni fede religiosa, ogni cultura, ogni uomo può esprimersi e dove è possibile costruire punti di incontro e di dialogo tra le diverse identità. E’ pure questa- conclude il primo cittadino- la motivazione per cui si vuole fare memoria della Shoah, consapevoli che oggi più che mai bisogna garantire condizioni di pace».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 33

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

La prima edizione del “Carnevale delle tradizioni” fino al 24 febbraio ad Altomonte

Prosegue la rassegna “Primafila” a Castrovillari IL CARTELLONE

Mostra dell’artista Mimmo Rotella fino a oggi a Catanzaro

ALTOMONTE (Cs) - Iniziative di Carnevale Pronto il cartellone del “Primo carnevale delle tradizioni” che si terrà nella città di Altomonte fino al 24 febbraio 2009. L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Altomonte ed è ideata e promossa dai giovani dell’associazione culturale denominata “Altomonte in Movimento”. CARIATI (Cs) - Giornata della sicurezza stradale Comunicazioni; valutazione delle bozze del logo dell'Osservatorio; scelta indirizzo mail; varie ed eventuali. Sono questi alcuni dei punti all’ordine del giorno che saranno discussi durante l’assemblea composta da un rappresentante dell’Amministrazione Comunale, dal comando di Polizia Municipale, dai responsabili della sicurezza dei vari istituti scolastici, dai tecnici del progetto sulla sicurezza stradale, dai responsabili delle scuole guida, dal mondo dell’associazionismo e da semplici volontari. La priorità, anche per l’incontro di venerdì 23, rimane la redazione del progetto relativo al concorso nelle scuole legato alla progettazione, da parte degli studenti di tutte le scuole di ogni ordine e grado, di percorsi “sicuri” casa-scuola. Durante la prima giornata cittadina della Sicurezza Stradale, evento che sarà organizzato dall’Amministrazione Comunale e dall’Osservatorio, in collaborazione con altri enti patrocinanti, è prevista la premiazione e la realizzazione, al termine dell’anno scolastico, dei progetti più meritevoli. Il prossimo incontro sarà dedicato, quindi, alla definizione delle modalità, dei termini e del regolamento del concorso destinato agli studenti delle scuole cittadine.

febbraio, Compagnia B-Way in “Grease” il Musical. Sabato 28 Febbraio, Gianluca Belardi in “danni di piombo”. Sabato 7 marzo, Compagnia Cavea in “Non ti pago”di E. De Filippo. CASTROVILLARI (Cs) - Spettacolo teatrale Oggi il teatro Sybaris di Castrovillari accoglie, nella stagione teatrale municipale, organizzata dall’Amministrazione comunale – assessorato alla cultura, lo spettacolo, fuori abbonamento, “Panza, Crianza, Ricordanza – tre pezzi dalla solitudine” di Giancarlo Cauteruccio, diretto da lui stesso, con la sua partecipazione, con quella di Peppe Voltarelli, voce, chitarra e fisarmonica e Gennaro De Rosa alle percussioni. Le Luci sono di Loris Giancola, mentre i costumi di Massimo Bevilacqua.

CATANZARO - Esposizione di Mimmo Rotella Rinnovata al Marca l’esposizione delle lamiere di Mimmo Rotella. Dopo cinque mesi di successi ed il grande consenso popolare che ha caratterizzato l’apertura del museo e lo spazio dedicato al maestro catanzarese, è tempo di cambiamenti. Così la mostra delle lamiere si completa con una integrazione che aiuta a comprendere fino in fondo una delle fasi creative più feconde del grande artista catanzarese. Grazie alla collaborazione tra Provincia di Catanzaro e Fondazione Rotella sono infatti giunte a Catanzaro, prevalentemente da importanti collezioni private milanesi, altre 16 opere. La rinnovata esposizione, curata ancora da Alberto Fiz, si protrarrà fino al mese di marzo. CATANZARO - Rassegna espositiva Inaugurata presso il Complesso Monumentale del San Giovanni di Catanzaro, un’ampia rassegna espositiva dedicata ai più grandi pittori calabresi del Seicento, attivi a Roma: Francesco Cozza, Gregorio e Mattia Preti, a cura di Rossella Vodret e Giorgio Leone. L’esposizione, voluta dalla Regione Calabria e dalla città di Catanzaro, con il contributo del Comitato Nazionale per le celebrazioni del III centenario della morte di Mattia Preti, presieduto dall’On. Vittorio Sgarbi, è stata organizzata dalla Soprintendenza per i Beni Storico Artistici ed Etnoantropologici del Lazio, diretta da Rossella Vodret. La mostra, visitabile fino a domenica 15 marzo 2009, resterà aperta tutti i giorni della settimana, escluso il lunedì, dalle ore 10.00 alle ore 19.00.

CASTROVILLARI (Cs) - Concerto gospel Martedì 4 febbraio 2009, presso la Sala 14 del Protoconvento, nell’ambito dell’iniziativa rientrante nella programmazione del Cosenza Jazz Festival & Musica in Provincia, è in programma una rassegna organizzata dall'Associazione Picanto con il patrocinio della Soprintendenza Base della Calabria, dell'assessorato al Turismo e Spettacolo della provincia di Cosenza e di ben dodici Amministrazioni comunali, si terrà il concerto dei Tenor Legacy, quartetto "piano - less" dei sassofonisti Daniele Scannapieco e Max Ionata con Reuben Rogers al contrabbasso e Clarence Penn alla batteria. La rassegna si concluderà lunedì 16 febbraio2009 con l’esibizione del quartetto all star band del sassofonista Jimmy Greene, con Xavier Davis al CARIATI (Cs) - Studenti a Bruxelles piano, Vicente Archer al contrabbasso e Gregory HutDa lunedì 9 a giovedì 12 febbraio, i sei studenti vincitori chinson alla batteria. CATANZARO - “Dalla Calabria a Roma”, visita alla mostra della prima edizione del concorso denominato “DivenPer informazioni e prenotazioni sulle visite guidate alla motare Cittadini Europei” dedicato alla memoria di Altiero stra "Francesco Cozza, Gregorio e Mattia Preti. Dalla CalaSpinelli, padre italiano dell’unità europea, saranno a CASTROVILLARI (Cs) - Carnevale e festival folk Bruxelles per spendersi il viaggio/premio oggetto del Fino a martedì 24 febbraio 2009, è in programma il cin- bria a Roma", presso il Complesso Monumentale S.Gioconcorso stesso. Gli studenti in questione, lo ricordiamo, quantunesimo carnevale di Castrovillari & festival inter- vanni, chiamare o inviare un fax allo 0961.746360 (Soc. sono stati selezionati da una Commissione esaminatri- nazionale del folklore”. L’evento, organizzato dalla Pro Lo- Coop. AreaCultura, coordinamento visite guidate c/o S.Gioce, riunitasi lo scorso mese di dicembre, presieduta dal co del Pollino di Castrovillari - presieduta da Giovanni vanni). direttore dell’Università Popolare di Rossano il prof. Gio- Amato - in collaborazione con l’Amministrazione Comuvanni Sapia e composta da rappresentanti del Consiglio nale di Castrovillari e con il contributo degli Assessorati al CATANZARO - Mostra Molè Comunale cittadino, degli istituti secondari coinvolti e Turismo e Spettacolo di Provincia di Cosenza e Regione dal Movimento Federalista Europeo. Tra i premiati del Calabria e dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, sarà di- Fino a mercoledì 28 gennaio, presso la chiesetta di San Omobono di Catanzaro, il maestro Francesco Molè concorso sopra descritto, frequentanti gli istituti supe- retto artisticamente da Gerardo Bonifati. esporrà una serie di disegni e pitture ispirati alla materriori di Cariati, Ipsaar, Ipsia e Liceo Scientifico, vi sono nità. anche degli studenti residenti a Cirò Marina, a Crucoli CATANZARO - Mostra “Effetti d’arte” ed a Scala Coeli. Niko Citriniti e Giorgia Boccuzzi saranno i protagonisti CATANZARO - Conferenza Calabria-Sicilia della nuova mostra organizzata al teatro Masciari di CaCASTROVILLARI (Cs) - Spettacoli Primafila tanzaro nell'ambito di "Effetti d'arte, "Pop-recycle" prima Verso la conferenza organizzativa Anbi 2009, oggi, in via F. Riparte la settima edizione di Primafila. Gli abbona- e dopo lo spettacolo". La vetrina artistica, allestita nei lo- Acri, 41 conferenza territoriale Calabria-Sicilia, ore 10.00, menti per la rassegna che si terrà a Castrovillari presso cali adiacenti il foyer della storica struttura catanzarese e Anbi, Massimo Gargano, Anna Maria Martuccelli; Urbi, il Teatro Sybaris-Protoconvento Francescano fino al 7 arricchita da pezzi unici che bene rappresentano la fusio- Grazioso Manno; OoPpAa, presidenti regionali di Calabria marzo (ore 21.30) e che prevede sette spettacoli ha il co- ne tra Pop art e Recycle art, rimarrà aperta fino a merco- e Sicilia; consorzi di bonifica, presidenti, commissari, comsto di 70,00, sono già in vendita presso la Dany Music di ledì 28 gennaio e sarà visitabile dalle ore 18.00 fino a tar- ponenti delle consulte e dirigenti della Calabria e della Sicivia Mazzini 57/A e la sede dell’associazione Culturale da sera. lia; conclusioni ore 13.30. Ci sarà un incontro istituzionale, Novecento in Via G. Boccaccio n.14 mentre, tra le novità inizio lavori ore 15.00, intervengono: Regione Calabria, di quest’anno, per tutti coloro che saranno presenti sul Agazio Loiero, Mario Pirillo, Luigi Incarnato; Upi, Wanda territorio cosentino, solo nel periodo Natalizio, è in ven- CATANZARO - Mostra di Mimmo Rotella Ferro; Anbi, Massimo Gargano, Anna Maria Martuccelli; dita l’ abbonamento Festività che prevede tre spettacoli Fino a oggi,presso la F.lli Verduci Arte di via Duomo al n.18, OoPpAa, Pietro Molinaro, Francesco Macrì, Giuseppe al costo di 37,00. Il programma degli spettacoli: Sabato si terrà la mostra dell’artista Mimmo Rotella. Orario di Mangone; Urbi, Grazioso Manno. Saranno presenti i presi24 gennaio, Compagnia teatrale Tisette gruppo del Pier- apertura e chiusura della galleria: feriali 9.00 - 13.00, 16.00 denti ed i commissari dei consorzi di bonifica della Calabria; rot in “L’arte della commedia”di E. De Filippo. Sabato 7 - 20.00 Festivi 10.00 - 13.00, 17.00 - 20.00. fine lavori ore 16.30.


34 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“Madre coraggio”, spettacolo con Isa Danieli in scena martedì 27 e mercoledì 28 gennaio al Teatro Politeama

A Catanzaro “Beati gli ultimi” IL CARTELLONE

“Sfogliando un film. Tra parole e immagini”, conferenza nella Città dei Tre Colli

CATANZARO - Finanziamenti Ics, incontro Oggi, con cadenza mensile, presso la sede del Comitato Provinciale di Catanzaro, sito in via Contessa Clemenza, il dottor Vincenzo Smeriglia, referente commerciale di zona dell’Istituto per il Credito Sportivo (Ics), incontrerà i possibili utenti che desiderano informazioni sulle procedure per accedere ai finanziamenti dell’Ics. CATANZARO - Polizia stradale, conferenza stampa Oggi, alle ore 11.00, presso la “sala azzurra” del Compartimento della Polizia Stradale per la Calabria, sito presso il Centro Polifunzionale della Polizia di Stato in Via Barlaam da Seminara nr. 5 - Catanzaro, avrà luogo una conferenza stampa afferente il consuntivo dei risultati conseguiti, a livello nazionale e regionale, dalla Polizia Stradale, nonché i risultati conseguiti, nell’anno 2008, dall’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Catanzaro. Ai partecipanti sarà consegnata una brochure appositamente realizzata per l’occasione. Sarà presentato, infine, l’ Asm (Area Sensibile Mobile), ovvero una futuristica Sala Operativa Mobile Satellitare, unico veicolo del suo genere, in uso esclusivo al Compartimento della Polizia Stradale di Catanzaro.

o

A O

CATANZARO - “I comportamenti legati al ruolo” Oggi e mercoledì 21 gennaio, a Palazzo de Nobili, terzo modulo del corso “I comportamenti legati al ruolo”. Iniziativa intrapresa dalla Fondazione centro di formazione permanente presieduta dall’assessore Francesco Granato. Il corso rientra nel programma di riqualificazione e formazione del personale avviata dal centro diretto dal dott Roberto Di Tommaso e che si avvale della collaborazione del settore risorse umane ed organizzazione guidato da Carmelina Screnci. La due giorni di lavoro che vedrà la presenza della dottoressa Barbara Battelli, esperta in comunicazione e relazioni interpersonali, tratterà quattro temi fondamentali che riguardano l’apparato burocratico dell’ente. La qualità del servizio: i fattori che la determinano; la comunicazione interpersonale l’assertività; le principali norme comportamentali; la metodologia didattica: interventi ed esercitazioni. Sarà l’assessore Francesco Granato a presentare il corso, mentre la dirigente del settore personali, Carmelina Screnci introdurrà i lavori. Tutor del corso, Daniela Gentile, coordinatore Domenico Marino.

CATANZARO - Appuntamento “Parole chiave” Oggi, alle 18.00, presso l’Auditorium A. Casalinuovo di Catanzaro, con Liliana De Curtis figlia dell'immortale Totò, si terrà l’ultimo appuntamento dell’interessante rassegna culturale denominata “Parole chiave”. La rassegna di alta cultura, promossa dalla Presidenza della Giunta regionale della Calabria con il contributo della Presidenza della provincia di Catanzaro, dall'assessorato alla Cultura del Comune di Catanzaro, dalla Presidenza della Camera di Commercio di Catanzaro e di altri importanti partners privati, si propone come piccola enciclopedia attraverso specifici dialoghi tematici che di volta in volta prendono in esame una pregnante "parola" del nostro tempo e sarà come di consueto moderata da Raffaele Gaetano. CATANZARO - Concorso Unicef In occasione della ricorrenza del 60° anniversario della dichiarazione universale dei diritti umani, il Comitato provinciale dell’Unicef di Catanzaro ha bandito un concorso a premi sul tema “Ti racconto i miei Diritti” per gli alunni delle scuole elementari, medie e del biennio degli istituti superiori della provincia. I termini per l’adesione al concorso da parte delle scuole avverrà attraverso una scheda di adesione che dovrà essere trasmessa al Comitato Provinciale Unicef (c/o Direzione Didattica del 5°circolo- Viale Tommaso Campanella 125-Catanzaro) entro oggi; i lavori degli alunni, raccolti a cura dei Dirigenti Scolastici dovranno essere trasmessi dagli stessi, in plico sigillato e allo stesso indirizzo su esteso, entro lunedì 20 aprile 2009. CATANZARO - “Sfogliando un film”, conferenza Mercoledì 21 gennaioalle ore 16.30 presso il complesso Monumentale San Giovanni si terrà la conferenza stampa “Sfogliando un film. Tra parole e immagini”. Saranno presenti il presidente della Provincia Wanda Ferro, l'assessore alla Cultura Antonio Argirò, la direttrice Maria Teresa Stranieri, la

professoressa Loredana Marzullo coordinatrice della rassegna all' interno del circolo di lettura della Biblioteca, Antonio Capellupo curatore della rassegna. CATANZARO - Progetto Comenius, iniziative E’ tutto pronto all’Istituto superiore “Maresca” per l’accoglienza delle delegazioni di docenti e studenti del progetto Comenius che fino a mercoledì 21, saranno ospiti della scuola catanzarese. Arrivano da Spagna, Olanda, Francia, Germania, Paesi Bassi, Ungheria, Polonia, Turchia e Repubblica Slovacca e insiemi con i colleghi italiani hanno dato vita a un giornale on line dal titolo The European feeling il cui scopo è da un lato quello di accrescere il sentimento di appartenenza all’Europa, dall’altro di migliorare l’uso della lingua inglese. Un partenariato multilaterale tra i dieci paesi coinvolti che prevede continui scambi culturali finalizzati anche a mettere in campo le proposte e i contenuti per la realizzazione del giornale del quale sono previste, fino all’agosto del 2010, sei uscite. L’evento è anche un importante opportunità di promozione territoriale che il dirigente della scuola catanzarese Gesualdo Campese e la referente del progetto, Antonella Pugliese, non vogliono certo lasciarsi sfuggire. Così tra gli incontri di lavoro ci sarà anche il tempo per alcune escursioni. Di particolare interesse l’appuntamento di mercoledì 21quando alle 10, nei locali della scuola, si terrà un incontro/dibattito su un tema molto sentito: “Come accrescere il sentimento europeo” al quale parteciperanno autorità politiche e scolastiche. CATANZARO - Mese della Pace, iniziative L’Arcidiocesi di Catanzaro-Squillace per il corrente mese di gennaio, mese per la Chiesa Cattolica dedicato alla pace, propone una serie di iniziative che vedranno coinvolti varie associazioni e uffici della diocesi per un’intera settimana dedicato al tema "Combattere la povertà, costruire la pace"che riprende il Messaggio di Sua Santità Benedetto XVI per la celebrazione della 42a Giornata Mondiale della Pace. Il tema scelto dal Santo Padre sottolinea la necessità di lottare contro la povertà come via per costruire la pace. Pace è… Preghiera. programma: 21 gennaio 2009, presso la Comunità Piccoli Missionari della SS. Trinità in Stalettì - ore 21.00 - Preghiera per la Pace. Pace è… Economia e Finanza Etica; 22 gennaio 2009, presso l’Università Magna Graecia di Catanzaro - ore 16:00 - Giornata sul tema Economia e pace: stand, messa a dimora dell’albero della pace e seminario su “Finanza a servizio dell’uomo per costruire la pace” – interverranno S.E. Mons. Antonio Ciliberti, prof. Alberto Scerbo (Università Magna Graecia Catanzaro), dott. Ernesto De Nito (Università Magna Graecia Catanzaro), dott.ssa Marina Galati (GIT Italia Meridionale), don Ennio Stamile (Caritas Calabria) e Elio Lobello (Associazione “I Sotterranei”). Pace è… Incontro: 24 gennaio 2009, presso l’istituto alberghiero di Soverato (Cz) – mattina - Incontro con i giovani delle scuole superiori su “Combattere la povertà, Costruire la pace”. Pace è… Missione:25 gennaio 2009,raduno ore 15:30 in Piazza Matteotti – Catanzaro Giubileo paolino dei ragazzi missionari: “L’annuncio è la nostra festa. Pace è…Memoria il 27 gennaio 2009,presso il centro polivalente di Via Fontana Vecchia in Catanzaro. In occasione della giornata della memoria l’Associazione Terra di Confine propone “Porrajmos: A forza di essere vento” mostra fotografica a partire dalle ore 10:00, proiezione documentario “Hugo” la testimonianza di un sinto tedesco torturato da Mengele ore 17:00 e a seguire lettura brani tratti dal libro “Forse sogno di vivere – una bambina rom a Bergen- Belsen” di Ceija Stojka. Pace è… Incontro: 28 gennaio 2009,presso il centro polivalente di Via Fontana Vecchia in Catanzaro – ore 18:00 - Incontro con i giovani su “Combattere la povertà, Costruire la pace” interverrà mons. don Pino De Masi, Associazione Libera e Vicario per la Pastorale della diocesi di Oppido-Palmi. CATANZARO - “Beati gli ultimi” L’associazione socio-culturale “Nuova Era” ed Emmaus Catanzaro presentano “Beati gli ultimi". Tre giorni di discussioni, analisi ed approfondimenti sul tema del disagio sociale e della povertà. L’evento si svolgerà presso la sede dell’associazione “Nuova Era”, sita in Via F. Fiorentino, 19 (nelle vicinanze del Palazzo Comunale), il 22, 23 e 24 gennaio. Programma degli incontri:giovedì 22 gennaio,ore 17.00, “Conferenza d'apertura”. Presentazione della manifestazione. I perché dell’iniziativa, illustrazione delle finalità e degli obiettivi. Intervengono: Maria Concetta Infuso, presidente Emmaus Catanzaro; Roberto Rizza, presidente associazione “Nuova Era”; testimonianza. Venerdì 23 gennaio, ore 17.00, tavola rotonda "Lo stato del disagio". Analisi territoriale. Discussione sullo stato del disagio nella città di Catan-

zaro, approfondimento su dati e riflessi sul tema della sicurezza. Intervengono: Quirino Ledda, responsabile regionale area Welfare Legacoop; Vincenzo Caserta, dirigente assessorato politiche sociali Regione Calabria; Mario Cortese, presidente “Associazioni Amiche”; Andrea Lorenzo, consigliere provinciale; testimonianza; modera: Vincenzo Capellupo. Sabato 24 gennaio, ore 17.00, tavola rotonda "Lo stato della speranza". E’ ancora possibile rilanciare ed affermare il concetto di giustizia sociale nella società moderna? Risposte e soluzioni. Intervengono: Federico Bonacci, presidente Amci sez. Catanzaro; Stefano Morena, direttore Csv Catanzaro; Nicola Ventura, assessore alle politiche sociali Comune Catanzaro; Eugenio Riccio, consigliere comunale con delega alla sicurezza; testimonianza; modera: Vincenzo Capellupo.

CATANZARO - Assemblea provinciale Pd Giovedì 25 gennaio 2009, il Partito Democratico calabrese terrà una serie di congressi provinciali per l’elezione degli organismi dirigenti. CATANZARO - Assemblea elettiva Il Commissario straordinario Fib Calabria, ha indetto per domenica 25 gennaio 2009, presso la sede del Coni Provinciale di Catanzaro, sala conferenze della Figc – Lnd comitato regionale Calabria sita in via Contessa Clemenza al n.1 di Catanzaro, a partire dalle ore 8.00 in prima convocazione e a partire dalle ore 9.00 in seconda convocazione, l’Assemblea regionale ordinaria elettiva. CATANZARO - Istituzione albo fornitori Inpdap La Inpdap – Direzione Regionale Calabria - informa che è in corso l’istituzione dell’Albo Fornitori Nazionale dell’Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell’amministrazione pubblica, realizzato mediante procedura di accesso on-line, accessibile per le imprese attraverso il sito internet dell’Istituto: http://www.inpdap.gov.it" www.inpdap.gov.it. L’iscrizione on-line da parte delle imprese dovrà essere completata entro e non oltre lunedì 26 gennaio. La documentazione cartacea a corredo dovrà pervenire all’ufficio Gare e Contratti entro e non oltre giovedì 26 febbraio. CATANZARO - Stagione Politeama 2008/2009 Di seguito il programma al completo della stagione teatrale 2008/2009 del Politeama: martedì 27 e mercoledì 28 gennaio “Madre coraggio” di Bertold Brecht con Isa Danieli; martedì3 e mercoledì 4 febbraio, “Poveri ma belli”, un’idea di Pietro Garinei e Guido Lombardo, con Bianca Guaccero, Antonello Angiolillo e Michele Canfora; giovedì 12 febbraio, “Giselle “di Jules - Henri Vernoy de Saint - Georges e Thèophile Gautier - corpo di ballo del maggio musicale fiorentino; mercoledì 18 e giovedì19 febbraio “La strada” di Tullio Pinelli e Bernardino Zapponi, con Massimo Venturiello e Tosca, tratta dall’omonimo film di Federico Fellini; domenica 22 febbraio “Lo Schiaccianoci” di Pyotr Ilyich Tchaicovsky. Balletto nazionale di Sofia;venerdì 6 marzo “Puppin Sisters live. See the fabulous”; martedì 10 e mercoledì 11 marzo, “Faust” di Johann Wolfgang Goethe, con Glauco Mauri e Roberto Sturno; domenica 15 marzo “Mare notrum”. Concerto del trio Poalo Fresu, Richard Galliano e Jan Lundgren; Giovedì 19 marzo “Recital” di Hirano Midori al violino e Charles Abramovic al pianoforte; giovedì 26 e venerdì 27 marzo “Due dozzine di rose scarlatte” di Aldo De Benedetti, con Leopoldo Mastelloni e Katia Terlizzi; venerdì 3 e sabato 4 aprile, “Momix - Bothanica”. L’ultimo capolavoro di Moses Pendleton; giovedì 9 aprile,“Ludovico Einaudi”, piano solo; venerdì17 aprile, “La Serena”, con Teresa Salgueiro e Lusitania Ensemble; giovedì 23 aprile, “Domenico Codispoti” in concerto; lunedì 4 maggio, serata d’onore “Tributo ad Armando Trovajoli” con l’.Orchestra e coro del teatro San Carlo di Napoli; venerdì 8 domenica 10 maggio, “High School Musical. Il Politeama al Masciari”. Sabato 21 novembre 2009, “Tutto quello che le donne (non) dicono”, di Francesca Reggiani e Walter Lupo. Sabato 19 dicembre 2009, “Completamente spettinato” con Paolo Migone; Venerdì 22 gennaio 2009, “Outlet”, scritto da Cinzia Leone con Paola Cannatello; Domenica 14 febbraio 2009, “Per tutti Revolution” di Alessandro Siani e Francesco Albanese con la partecipazione di Lello Musella; 21 marzo 2009, Cose che mi sono capitate di Francesco Freyrie e Eugenio Ghiozzi, con Gene Gnocchi; 1 aprile 2009, recital Il meglio di... con Teresa Mannino e Federico Basso.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 35

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“La notte più bella della mia vita”, spettacolo diretto dal regista Armando Pugliese a Chiaravalle

“Primi passi a teatro” a Catanzaro IL CARTELLONE

Biagio Antonacci in concerto il 31 gennaio al Teatro Politeama

CATANZARO - Prevendita biglietti Politeama La direzione del Politeama, in considerazione delle numerose richieste che stanno arrivando da tutta la regione, ha deciso di anticipare l’inizio delle prevendite per gli spettacoli in programma nel mese di gennaio: Madre Coraggio (martedì 27 e mercoledi 28 gennaio). Il botteghino del Politeama, come è noto, è aperto tutti i giorni della settimana, tranne la domenica, dalle ore 10.00 alle ore 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00. CATANZARO - Provincia, riunione La Provincia di Catanzaro, il prossimo 30 gennaio, così come avverrà in tutta Italia, si riunirà in seduta straordinaria per discutere con i Comuni, i rappresentanti dei partiti, delle imprese, dei sindacati, delle forze sociali e con i cittadini “per difendere la dignità delle istituzioni e ribadire la necessità di aprire un confronto reale sulla riorganizzazione del sistema istituzionale del Paese”.

CATANZARO - Amici della musica L’associazione Amici della musica di Catanzaro presenta la stagione concertistica 2009. Programma: venerdì 30 gennaio, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Claudia Antonelli, arpa; Lidia Osha Vkova, flauto. Febbraio: venerdì 6 febbraio, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, musica e immagini concerto per grandi e piccoli, Maria Vacca, compositrice e interprete al pianoforte; venerdì 13 febbraio, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Mattia Zappa, violoncello; Massimiliano Mainolfi, pianoforte; venerdì 27 febbraio, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Vladimir Ovcinnikov, pianista. Marzo: venerdì 6 marzo, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, sestetto d'archi di Amburgo, Alina Komissarova, violino; Joanna Rundberg, violino; Sonia Reuter, viola; Antje Dampel, viola; Roberto Trainini, violoncello; Joannes Krebs, violoncello; venerdì 20 marzo, ore 20.00, presso Basilica Immacolata, orchestra da camera I solisti di Sofia, Plamen Djurov, direttore. Aprile: venerdì 16 aprile, ore 21.00, presso auditorium A. Casalinuovo, "Voce e notte" il tenore nella grande tradizione musicale napoletana, Giuseppe Talamo, tenore; Francesco Stillitano, pianoforte; venerdì 24 aprile 2009, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Giuseppe Maiorca, pianista. Maggio: venerdì 8 maggio 2009, ore 18.00, palazzo de Nobili, musica e poesia, Antonella Attili, attrice; Francesco Stillitano, pianista; Giusy Verbaro Cipollina, poeta; mercoledì 13 maggio 2009, ore 21.00, presso il teatro Masciari, concerto di chiusura balletto "Etnika" compagnia mvula sungani.stribuiranno le tradizionali ed intramontabili crespelle. CATANZARO - Seminario di formazione culturale Il secondo ciclo di lezioni del Seminario di formazione culturale e politica, organizzato dalla Associazione culturale “La ragione e il tempo”, prosegue sabato 31 gennaio 2009, alle ore 17,00, nella Sala Cenacolo dell’Istituto Tecnico Industriale Statale “E. Scalfaro”, piazza Matteotti, Catanzaro. Il presidente dell’Associazione culturale “La ragione e il tempo” Carlo Scalfaro terrà la Lezione sul tema: “Giovanni Giolitti e lo Stato moderno”. Il Seminario è rivolto a tutti coloro,

giovani e meno giovani, che hanno ancora la capacità di porsi e di porre domande sulla nostra storia, sulle idee, sul pensiero e sul mondo in cui viviamo. CATANZARO - Biagio Antonacci in concerto Teatri sold out per la nuova tournée di Biagio Antonacci “Il cielo ha una porta sola”. Lo show sarà di scena il 31 gennaio al Politeama.

CATANZARO - Variazione orario uffici La Commissione tributaria regionale per la Calabria, sezione di Catanzaro, porta a conoscenza che gli orari di ricezione che si attueranno presso l’ufficio in questione, a partire dal giorno lunedì 2 febbraio 2009 saranno nella mattinata dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 18.00, e nel pomeriggio, dalle ore 14.30 alle ore 15.30. CATANZARO - Consiglio provinciale E’ stato convocato per il prossimo 5 febbraio alle ore 9.30 il Consiglio Provinciale di Catanzaro. Lo ha deciso la conferenza dei capi gruppo consiliari convocata dal Presidente del Consiglio Peppino Ruberto. All’ordine del giorno dei lavori: approvazione verbale seduta precedente; regolamento disciplina esami per il conseguimento della idoneità - attività studi di consulenza automobilistica; regolamento vigilanza scuole nautiche; regolamento rilascio autorizzazioni e vigilanza tecnico amministrativa studi di consulenza automobilistica; modifica regolamento per l assegnazione e la gestione delle aree comprese nel p.i.p. ed alcuni ordini del girono presentati dal consigliere Pasqualino Ruberto.

CATANZARO - Adol, la stagione L'Adol “Jussi Bjorling” presenta il programma 2008/2009: Sabato14 febbraio, sul Don Giovanni di Mozart ore 17.30, presso San Giovanni; Sabato 14 marzo, grandi scene da opere Verdiane ore 17.30, presso il Circolo Unione; Sabato 11 aprile, sulla direzione e concertazione d’orchestra nell’opera lirica ore 17.30, presso il CicoloUnione; maggio(data e ora da definire), messa in scena de “La Serva Padrona” di Pergolesi, presso l'Auditorium Casalinuovo. CATANZARO - Spettacolo per bambini L'assessorato alle Risorse Educative e Scolastiche, La Media service produzione spettacoli e la Fondazione Politeama presentano: "Primi Passi a Teatro". Il Progetto è finalizzato alla frequentazione dei bambini in teatro, una opportunità di svago domenicale per i genitori da condividere con i propri figli e potranno essere tema di discussione anche nelle scuole di appartenenza. Le rappresenazioni saranno effettuati dalla compagnia teatrale Il Cilindro del Teatro San Raffaele di Roma. Le date saranno: domenica 15 febbraio 2009 con "Le mille e una notte”, domenica 22 marzo 2009 con "I VII Re di Roma” e domenica 19 aprile 2009 con "Un Uomo chiamato Francesco". Il prezzo del biglietto è di Euro 5,00 posto unico. Per informazioni e prenotazioni: biglietteria teatro Politeama 0961-501818 / 501819 negli orari di apertura bigliette-

ria - oppure fuori orario: cell. 334.2637312 338.6302118.

-

CATANZARO - Invito As Venice Club L’Associazione ”A.s. Venice Club“ con sede in via Cosenza (accanto Sidis di Catanzaro Lido) vi aspetta per festeggiare insieme il rinnovo locali; un modo per far star bene mente e corpo. CATANZARO - Reclutamento Luiss La Luiss, - Libera università internazionale degli studi sociaali “Guido Carli”, sta reclutando i migliori talenti su tutto il territorio nazionale, valorizzando l’eccellenza di un modello che, per la qualità della didattica e dell’ambiente studentesco e il forte collegamento con il mondo del lavoro, forma con cultura d’impresa e vocazione internazionale “classe dirigente” per il Paese. L’evento, organizzato in collaborazione con Confindustria Catanzaro, avrà come oggetto le opportunità di studio e gli sbocchi professionali offerti dalla Luiss: uno dei più importanti atenei italiani, il cui presidente è Luca di Montezemolo. La prova di ammissione ai Corsi della Luiss si terrà lunedì 6 aprile 2009 a Roma e, contemporaneamente, in altre città italiane, tra cui Catanzaro per agevolare gli studenti a svolgere la prova stessa nella propria regione di residenza. CHIARAVALLE (Cz) - Spettacolo teatrale Venerdì 23 gennaio, per la stagione teatrale di Chiaravalle 2008/2009, con Gian Marco Tognazzi e Bruno Armando, sarà in scena lo spettacolo diretto dal regista Armando Pugliese, “La notte più bella della mia vita”. CHIARAVALLE (Cz) - Stagione teatrale 2009 Domenica 15 febbraio “Edipo a Colono” di Sofocle premio olimpico 2008 con Roberto Herlitzka, regia di Ruggero Cappuccio. Sabato 28 febbraio “Lisetta” di T. Falvo con P. Cristiano,Sabina Ermio, T.Falvo, regia di Tonino Falvo. Sabato 14 marzo “Marlene” di Guseppe Manfridi con Pamela Villoresi, David Sebasti, Orso Maria Guerrini, regia di Maurizio Panici. Sabato 21 marzo “L‘amore mio non può”di Lia Levi con Manuela Kustermann regia di Manuela Kustermann. Sabato 4 aprile “La Cena Dei Cretini” di Francis Veber con S. Douani, F. Calderoni,R. Graziosi, regia di F.Calderoni e S. Douani . Sabato 18 aprile “Goodnight Italia” di N. Leonzio,G.Giugliarelli, S.Marino con S. Marino, Federica Innocenzi regia di Lamberto Dorigo. Sabato 9 maggio “I due gemelli veneziani”di Carlo Goldoni, Compagnia teatrale Tempo Nuovo. Abbonamenti: Poltrona 140,00 - ridotto 100,00.

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale: via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax: 0961-903801


36 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Arriva al Teatro Rendano la nuova tournée di Biagio Antonacci “Il cielo ha una porta sola”

“Fiori di cactus” in scena a Crotone IL CARTELLONE

Prosegue la quarta edizione del “Jazz festival” a Cosenza

CORIGLIANO (Cs) - Convegno - dibattito Sabato 24 gennaio, alle ore 16.30, presso il Centro di eccellenza di Corigliano Scalo, si terrà un convegnodibattito, organizzato dalla Città di Corigliano Calabro – Biblioteca “F. Pometti” e Mediateca Regionale, sul tema “La passione per la politica. Partiti politici e Amministrazioni comunali a Corigliano Calabro dagli anni ’50 ai giorni nostri. La figura di Pasquale Orsini a dieci anni dalla scomparsa”. Lincontro, sarà utile agli organizzatori anche per tracciare un “amarcord” degli ultimi cinquant’anni di vita politica ed amministrativa cittadina. Interverranno al dibattito, il commissario prefettizio del Comune di Corigliano, Paola Galeone, Giovanni Pistoia ex sindaco di Corigliano e seguiranno le testimonianze di Mario Oliverio, presidente dell’Amministrazione provinciale di Cosenza; Franco Filareto , sindaco della città di Rossano; gli ex sindaci di Corigliano Pasquale Benvenuto, Ernesto Cerbella, Armando De Rosis, Cosimo Esposito, Giovanni Battista Genova, Giuseppe Geraci, Giampiero Morrone e Franco Pistoia. Non è esclusa la pertecipazione dei deputati Giovanni Dima e Cesare Marini, dell’assessore regionale Damiano Guagliardi, dei consiglieri regionali Maurizio Feraudo e Franco Pacenza, dell’assessore provinciale Luciano Manfrinato, dei consiglieri provinciali Pasqualina Straface e Franco Bruno. Nell’occasione sarà presentato il foto-video “La Piazza e la Politica” realizzato dalla Mediateca Regionale di Corigliano. COSENZA - Jazz festival & musica in provincia Fino a lunedì 16 febbraio, si svolgerà la 4ª edizione del Cosenza Jazz Festival & Musica in Provincia 2008/2009. Oltre al capoluogo di regione, coinvolgerà altri 10 Paesi del territorio provinciale quali Belvedere, Cassano allo Ionio, Castrovillari, Civita, Frascineto, Rossano, San Nicola Arcella, Scalea, Spezzano Albanese e Trebisacce. COSENZA - Appuntamenti di musica jazz L’Accademia del Jazz, il festival nato nel 1992 all'Unical, presenta il prossimo calendario di appuntamenti a cura di Centro Jazz Calabria, Cams e Centro residenziale che si terranno, fino a mercoledì 21 gennaio, presso l'Auditorium del Cams, a partire dalle ore 21,00 ed identifcati con il sottotitolo "Bridgetown" - “L'Unical come Bridgetown, Città del ponte e Accademia del Jazz, uno sguardo da quel ponte verso le culture, hub per saperi e linguaggi arti e musiche, scrigno aperto da cui fuoriescono cellule sonore". Il programma dei tre concerti: oggi, Rosellina Guzzo Trio Feat con Vincenzo Mancuso Celtica - Blues. Mercoledì 21 gennaio, Guido Schiraldi Feat Sanjay (Musica tradizionale Indiana ). COSENZA - Cartellone Teatro Morelli Cartellone teatro Morelli. Teatro: mercoledì 21 e giovedì 22 gennaio, Tognazzi, "La panne"; giovedì 5 e venerdì 6 febbraio, Bianca Guaccero "Poveri ma belli"; Martedì 2 e mercoledì 3 marzo, Amanda Sandrelli "Col piede giusto"; Lunedì 23 e martedì 24 marzo, Andrea Giordana "L'Otello"; Domenica 5 aprile, Tosca D'Aquino "Ogni anno punto e a capo"; Venerdì 17 e giovedì 18 aprile, Vanessa Gravina "Vestire gli ignudi"; Sabato 16 e domenica 17 maggio, Eduardo Siravo, "Miles gloriosus". Musica:Venerdì 6 novembre, Lucio Dalla; Giovedì 3 dicembre, Gianluca Grignani; Lunedì 21 dicembre, opp.22 opp. 23 Harlem gospel; Giovedì 7 e venerdì 8 gennaio, Hair spray. COSENZA - Teatro Rendano, stagione di prosa Stagione di prosa 2008/2009 presso il teatro comunale "A. Rendano" di Cosenza. Sabato 24 gennaio 2009, ore 21.00, domenica 25 gennaio 2009, ore 18.00, Compagnia Gli Ipocriti "Madre coraggio" di Bertolt Brecht, con Isa Danieli; sabato 14 febbraio, ore 21.00, domenica 15 febbraio, ore 18.00, Artisti associati "La variante di Lunenburg" dal romanzo di Paolo Maurensig, con Milva; sabato 21 febbraio, ore 21.00, domenica 22 febbraio, ore 18.00, Area teatromusica "Gloriosa" di Peter Quilter, con Katia Ricciarelli; sabato 28 febbraio, ore 21.00, domenica 1 marzo, ore 18.00, Il Teatro del Carretto "Pinocchio" da Carlo Collodi, regia di Maria Grazia Cipriani; giovedì 5 marzo, ore 21.00, venerdì 6 marzo, ore 21.00, Placet musical "Cenerentola" con Rober-

ta Lanfranchi e Antonio Cupo, regia di Massimo Romeo Piparo; sabato 14 marzo, ore 21.00, domenica 15 marzo, ore 18.00, Gershwin spettacoli "Un Paese di gente per bene" con Gian Antonio Stella e Bebo Storti; sabato 21 marzo, ore 21.00, domenica 22 marzo, ore 18.00, Teatro Stabile delle Marche "Casa di bambola - L'altra Nora" da Henrik Ibsen con Lunetta Savino. COSENZA - Biagio Antonacci in concerto Teatri sold out per la nuova tournée di Biagio Antonacci “Il cielo ha una porta sola”. Lo show sarà di scena il 30 gennaio al Rendano di Cosenza. Per ulteriori informazioni è possibile contattare la Esse Emme Musica di Maurizio Senese ai numeri telefonici 0961- 761471, cell 335/5244393 - oppure è possibile contattare il sito internet www.essemmemusica.it.

COSENZA - Congresso Fnp-Cisl Su decisione del Consiglio generale, venerdì 13 febbraio prossimo si svolgerà a Cosenza, l’ottavo congresso territoriale della Federazione pensionati Fnp-Cisl. COSENZA - “La scuola dei classici” Ritorna “La scuola dei classici”, stagione teatrale specificamente indirizzata alle giovani generazioni, con precipuo intento didattico e formativo. Per il secondo anno consecutivo l'associazione “Porta Cenere”, diretta da Mario Massaro e Natale Filice, in stretta collaborazione con il Comune di Cosenza, assessorato alle Politiche dell'educazione, offre ai dirigenti e ai docenti delle scuole medie inferiori e superiori la possibilità di arricchire l'offerta formativa curriculare con l'indispensabile apporto dei classici teatrali. Gli spettacoli avranno luogo presso il Teatro Comunale Italia "A. Tieri", sito in piazza Amendola a Cosenza e coinvolgeranno solo attori e tecnici professionisti. Per la stagione 2008/2009 i periodi programmati sono i seguenti: da lunedì 23 a sabato 28 febbraio "Anfitrione" di Plauto; ad aprile 2009 "Cavalleria Rusticana" di Giovanni Verga. COSENZA - Più di me tour 2009 Per i 50 anni di Carriera, la signora della canzone italiana, Ornella Vanoni, si esibirà nei principali teatri della penisola. Il suo debutto con il “Più di me tour 2009” il 7 marzo a Cesena. In Calabria, sarà al Teatro Rendano di Cosenza nella serata di mercoledì 11 marzo 2009. COSENZA - Anteprima stagione di prosa Teatro comunale Alfonso Rendano, anteprima stagione di prosa. Mercoledì 1 aprile concerto di Franco Battiato. CROTONE - Rassegna “Percorsi” Il secondo appuntamento della rassegna “Percorsi”, organizzato dalla Provincia di Crotone, è fissato per il prossimo 21 gennaio con il gradito ritorno a Crotone di Raffaele Paganini con lo spettacolo “Fred Astaire e Ginger Rogers (In the navy)” - musiche: George Gershwin - Glenn Miller Marco Melia - coreografie: Alfonso Paganini - Luigi Martelletta. Il programma “Percorsi” è una iniziativa della presidenza della Provincia di Crotone. Prezzi: Poltronissima euro10,00 biglietto intero - euro 8,00 biglietto ridotto - Poltrona : euro 8,00 biglietto intero - euro 6,00 biglietto ridotto – Galleria - posto unico: euro4,00. Per informazioni rivolgersi all’assessorato alla Cultura e P.I. della Provincia di Crotone al numero telefonico 0962/952212 - oppure consultare il sito internet www.provincia.crotone.it.

CROTONE - Escursionismo invernale Da venerdì 23 gennaio, avrà inizio un nuovo ciclo di escursioni organizzate dall'associazione Explora aventi come scenari gli ambienti innevati della provincia di Crotone e del resto della Calabria. La quarta edizione del Corso di escursionismo invernale, si svolgerà nei fine settimana con visite nei territori interni della regione e consentendo di conoscere ed apprezzare alcuni dei più interessanti e suggestivi paesaggi montani con particolare riferimento della Sila crotonese e del massiccio del Pollino. Per informazioni sul programma del corso e per iscriversi: explora_ndo@hotmail.it, tel. 380.6869262.

CROTONE - Teatro Apollo, stagione 2008/2009 Programma stagione2008/2009 del teatro Apollo di Crotone. Martedì 27 e mercoledì 28 gennaio, Nautilus pictures Remo Girone, Eleonora Giorgi "Fiore di cactus" di Pierre Barillet & Jean-Pierre Gredy traduzione Gerardo Guerrieri, regia di Guglielmo Ferro; Martedì 11e sabato 12 febbraio, La contrada - teatro stabile di Trieste Gianfranco Jannuzzo, Daniela Poggi "Il divo Garry" di Noel Coward traduzione Masolino D'Amico regia di Francesco Macedonio; Giovedì 19 e venerdì 20 febbraio, teatro Bellini, Tato Russo "Il paese degli idioti" di Tato Russo - da Fedor Dostoevskij regia di Alvaro Piccardi; martedì 17 e mercoledì 18 marzo, teatro stabile di Calabria Geppy Gleijeses, Gennaro Cannavacciuolo, Lorenzo Gleijeses e la partecipaziopne di Gigi De Luca "Ditegli sempre di si" di Eduardo De Filippo regia di Geppy Gleijeses;Giovedì 2 e venerdì 3 aprile,Tunnel produzioni, Alessandro Siani "Per tutti revolution" regia di Mimmo Esposito; Sabato 18 e domenica 19 aprile, Roma spettacoli Gianfranco D'Angelo, Ivana Monti "Un giardino di aranci fatto in casa" di Neil Simon, adattamento di Mario Scaletta regia di Patrick Rossi Gastaldi. Fuori abbonamenti: Giovedì 26 e venerdì 27 marzo, teatro stabile di Calabria fondazione teatro Piemonte Europa Marianella Bargilli "Alè calais" di O. Guerrieri, regia di Emanuela Giordano. Inizio spettacoli ore 20.30. CROTONE - “Trust in favore dei soggetti deboli” L’Associazione “…E’ Solidarietà”, Onlus cha ha sede in Crotone, con il patrocinio dell’Associazione “Il trust in Italia”, dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e Ragionieri collegiati della Provincia di Crotone, con la collaborazione del Centro Servizi Volontariato della provincia di Crotone presentano la Conferenza “Trust in favore dei soggetti deboli” che si terrà a Crotone presso la Sala Provinciale dell’Istituto Sandro Pertini dalla ore 9.45 alle 13.00 il 31 gennaio.La conferenza intende fornire le soluzioni pratiche che il trust – nuova tecnica negoziale- offre a tutela degli interessi della persona che, in ragione del proprio status, necessita di una maggiore protezione, apprestando quell’organizzazione economica ed assistenziale necessaria. Tra i relatori interverrà il Presidente del Tribunale di Crotone, dott.ssa Maria Luisa Mingrone, il Presidente della Sezione Penale dello stesso Tribunale, dott. Raffaele Lucente e la prof.ssa Amalia Di Landro, titolare della cattedra di diritto dei trust presso l’Università Mediterranea di Reggio Calabria. Vi sarà anche la partecipazione di professionisti (Notaio G.F. Condò, Avv. R. Sarro, Avv. G. La Torre Avv. S. Buttà e Avv. Nicola L. de Renzis Sonnino) che illustreranno diverse applicazioni pratiche di trust, realizzati a tutela degli interessi dei soggetti deboli, nonché gli aspetti fiscali. CROTONE - “L’altra parte di Ron” Parte da Cotronei il 3 marzo 2009, precisamente dal Teatro Comunale del centro Crotonese, “L’altra parte di Ron”, il nuovo evento teatrale che ha come protagonista assoluto Ron. Per informazioni e pre-vendita rivolgersi a: Teatro Stabile di Calabria tel 0962/905416 - Esse Emme Musica di Maurizio Senese 0961/761471 – 335/5244393 www.essemmemusica.it.

CROTONE - Torneo mondiale di calcio/5 Il Gruppo sportivo Federazione sindacale di Polizia di Crotone, in collaborazione con la Regione Calabria, la provincia di Crotone, il Comune di Crotone, il Coni e la Camera di Commercio, organizza il Torneo mondiale di calcio a 5 riservato alle forze di polizia e forze armate, che si svolgerà nella città di Crotone dal mercoledì 16 al martedì 20 settembre. FALERNA (Cz) - Good Vibration Venerdì 23 gennaio 2009, a partire dalle ore 22.00, il progetto musicale Good Vibration ideato dal dj Claudio Giordano approderà al Twiga Music Restaurant di Falerna Lido sito in località Schipani. Una miscellanea pazza e continua di musica anni 70/80/90 e nuova dance commerciale verrà proposta dai due dj catanzaresi: Claudio Giordano e Server. A questa iniziativa seguirà anche l’esibizione di uno dei percussionisti più originali della movida notturna calabrese, il noto Davide Tribal.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 37

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“Legalità, scuola e precarietà del lavoro”, incontro di studio con gli studenti nella Città della Piana

“Jazz festival” a Lamezia Terme IL CARTELLONE

“EsSensum”, appuntamento a cadenza mensile a Feroleto Antico

FEROLETO A. (Cz) - EsSensum Mercoledì 21 gennaio, fino al 30 dello stesso mese va in scena, presso Il Casale Art Espace di Feroleto Antico (Cz), l’appuntamento a cadenza mensile con EsSensum. Info: 0968/455023. LAMEZIA T. (Cz) - Biennale d’arte Ha preso il via, e proseguirà fino a giovedì 19 febbraio prossimo, presso il Complesso monumentale di San Domenico e con l’apertura della Sezione storica, la seconda edizione del concorso nazionale biennale d’arte di Lamezia. La rassegna verrà quest’anno dedicata a due pittori calabresi recentemente scomparsi, il lametino Nicolino Romeo e il tropeano Albino Lorenzo. Inoltre, da giovedì 22 gennaio la rassegna si arricchirà con la mostra di tutte le opere in concorso e fuori concorso, con chiusura e premiazione giovedì 19 febbraio alle ore 11.30 nel parterre del Teatro Umberto. LAMEZIA T. (Cz) - Trasferta Juve a Londra Il club Juventus doc Lamezia Terme organizza la trasferta della Juventus a Londra d'intesa con il centro coordinamento club nazionale. Pacchetto viaggio con volo aereo, biglietto partita. Prenotazioni entro oggi telefonando 333/4586171. LAMEZIA T. (Cz) - “Scuola/precarietà del lavoro” L’istituto professionale di stato "L. Einaudi" di Lamezia Terme con il patrocinio di Nidil Cgil Calabria, nell’ambito dei Percorsi per la Legalità organizza incontro di studio con gli allievi delle V classi “Cultura, lavoro, legalità e precarietà: dati, contraddizioni ed esperienze. Legalità, scuola e precarietà del lavoro: nel duplice ruolo di sindacalista ed insegnante". Relatore: dott.ssa Maria Di Serio, segretaria nazionale Nidil Cgil; "Calabria: dati sulla precarietà del lavoro. La provincia di Catanzaro l’esperienza dei giovani nei call center. Servizi ispettivi e politiche del lavoro nazionali e locali". Relatore: dott. Daniele Carchidi, responsabile Sol - Servizi di orientamento al lavoro - Cgil Catanzaro; "Ruolo, compiti e possibilità delle istituzioni per favorire la cultura del lavoro e della legalità. Amministrare e governare: Etica delle istituzioni e legalità". Interventi: dott.ssa Wanda Ferro, presidente Provincia di Catanzaro; prof. Gianni Speranza, sindaco di Lamezia Terme. L'incontro avrà luogo mercoledì 21 gennaio, alle ore 10.00, presso sala conferenze centro pastorale via L. Da Vonci 2, Lamezia Terme.

LAMEZIA T. (Cz) - Incontri Uniter Proseguono gli incontri dell’Uniter, Università della terza età e del tempo libero di Lamezia Terme, che nel corso della programmazione del XX anno accademico dedicato al tema “dare vita agli anni” sta tenendo presso la Casa del sacerdote di via Misiani, una serie di interessanti appuntamenti. Il Programma: mercoledì 21 gennaio 2009, Cesare Perri con “Anoressia e bulimia: il cibo come metafora della relazione”. Mercoledì 28 gennaio, Vincenzo Villella con “Il vero viaggio di Ulisse” di Armin Wolf (con proiezione). Febbraio: 4

mercoledì : avv. Gian Lorenzo Franzì, Il cinema italiano: riflessi politici e sociali della commedia di costume; 6 venerdì: prof.ssa Vittoria Butera, Antonio Porchia: i grandi temi nelle piccole frasi; 11 mercoledì : prof. Renato Nunnari, Dall’isolamento alla condivisione per la salute mentale dell’anziano; 13 venerdì : prof.ssa Luigina Parlati, La vana ricerca della felicità in Lucrezio; 18 mercoledì : avv. Alfredo De Grazia, “… e lucemi dallato il calavrese abate Giovacchino di spirito profetico dotato” ( Dante, Paradiso, canto XII v.139 e segg.); 20 venerdì : prof. Saverio Di Bella, Le origini e la fine del blocco agrario; 25 mercoledì : prof. Lucio Leone, Sui banchi di scuola nell’antica Roma (con video proiezione); 27 venerdì : prof.ssa Maria J. De Santis, Il racconto di una donna di Adelina Vulpitta/Anna Amato, nostra compianta amica dell’Uniter. Marzo 2009, ore 17,00: 4 mercoledì : prof. Antonio Bagnato, L’incontro del popolo nella prima guerra mondiale, tra violenza, repressione e scoperta dell’identità nazionale; 6 venerdì : prof. Vincenzo Villella, Il vero viaggio di Ulisse di Armin Wolf (conversazione rinviata il 28/01/2009); 11 mercoledì: avv. Francesco Bevilacqua, Originalità del Gran Tour in Calabria; 13 venerdì : dott.ssa Marina Galati, L’evoluzione delle famiglie Rom a Lamezia Terme; 20 venerdì: prof. Daniele Macris, Luciano: il sorriso della grecità imperiale; 25 mercoledì : Giovanni Cimino e Antonio Canneto, Poesia e musica nella canzone napoletana tra Ottocento e Novecento; 27 venerdì : prof. Filippo D’Andrea, Profilo religioso nel filosofo Francesco Fiorentino?.Per il ventennale Uniter : domenica 1 febbraio, ore 17,00 al Teatro Umberto col patrocinio del Comune di Lamezia Terme, Falso in atto pubblico del Gruppo teatrale lametino I Dialettanti (Regia di Gaetano Montalto); domenica 29 marzo, ore 17,00 al Teatro Umberto col patrocinio del Comune di Lamezia Terme, concerto di musica classica.

LAMEZIA T. (Cz) - Assemblea Fps - Cisl Le Segreterie regionali unitarie della Fps Cisl, già incontratesi nella riunione del 22 dicembre u.s. hanno deciso la convocazione dell’assemblea dei lavoratori in condizioni di precarietà e difficoltà lavorative per scelte mancate o sbagliate della Giunta Regionale. L’Assemblea si svolgerà il giovedì 26 gennaio alle ore 10.00, presso il Grand Hotel Lamezia Terme. Oltre ai lavoratori, prenderanno parte all’incontro le segreterie confederali regionali. LAMEZIA T. (Cz) - Flussi turistici, conferenza Conferenza prevista per giorno 26 gennaio 2009 sui flussi turistici del 2008, alle ore 11.00, presso la Sala Conferenze del Grand Hotel Lamezia. Saranno presenti rappresentanti delle Istituzioni e della politica comunale, provinciale e regionale.

LAMEZIA T. (Cz) - Lamezia Jazz Festival Attesa in tutta la regione per l’avvio del Lamezia Jazz Festival, evento organizzato dall’associazione musicale Bequadro di Lamezia Terme con il contributo del Comune di Lamezia Terme e della presidenza della Regione Calabria e di importanti sponsor privati. Quest’anno infatti in pole position c’è “Fiat-Lancia”, c’è il

centro commerciale “I due Mari” ed il Grand Hotel Lamezia. La settima edizione del jazz festival lametino, si svolgerà nell’arco di quattro mesi. I dettagli del programma: sabato 31 gennaio, si ritorna al Teatro Umberto e Lamezia Jazz ospiterà una formazione con un organico particolare due bassi e batteria. Progetto titolato Bassproject nato dall'incontro di due artisti "fuoriclasse". Pippo Matino e Dario Deidda. Sabato 7 febbraio, presso la concessionaria Fiat-Lancia di G.Tripodi, esibizione del Quartetto Tenor Legacy. Sabato 21 marzo, al teatro Umberto, in scena il chitarrista Scott Henderson alla guida della sua Blues Band Henderson. Sabato 28 marzo sempre all’Umberto, Buster Williams 4tet presenterà “Something More”. Coordinatore artistico dell’evento, Tommaso Colloca. Attività parallele alla rassegna. Sabato 17 gennaio alle ore18.00 Concessionaria Fiat-Lancia “G.Tripodi”, ascolto guidato: “Il Tango e Piazzolla”. Sabato 7 febbraio, alle ore 18.00 Concessionaria Fiat-Lancia “G.Tripodi” ascolto guidato: " Be bop: anche per il sax è ora di spiccare il volo”. Domenica 1 febbraio, ore 10.00, Yara Records - Catanzaro, Workshop di Basso elettrico - Docente Pippo Matino. Venerdì 13 febbraio ore 22.00 Jazz Club Rua Sao Joao, Egidio Ventura Trio “Latino Vivo!”. Info: 0968/442864 - 339/8309044 - bequadro@bequadro.it.

LAMEZIA T. (Cz) - Mostra “Oggettinstabili” Dal 6 - 20 giugno, si terrà la mostra-evento “Oggettinstabili seconda edizione Moti urbani stazionimpossibili”. La partecipazione alla mostra-evento prevede la compilazione dell'apposita scheda di iscrizione redatta in lingua italiana contrassegnando tutti i campi indicati: dati anagrafici del singolo partecipante o del gruppo di lavoro, indirizzo cui si desidera ricevere ogni comunicazione relativa alla mostra-evento, recapito telefonico, indirizzo e-mail, sezione cui si partecipa. Per ritenersi ufficializzata l’iscrizione è necessario allegare copia del versamento (in formato jpg) di euro 25 quale contributo alle spese di produzione dell’evento (spedire scheda e ricevuta versamento in formato jpg a info@400kc.eu. Il versamento di euro 25,00 dovrà essere effettuato con bonifico bancario intestato ad: associazione culturale 400Kc, via dei mille 79, 88046 Lamezia Terme; coordinate bancarie: Iban it 78 y O1030 42841 000003790008 monte dei paschi di Siena filiale di Sambiase; causale del versamento: contributo realizzazione mostra moti urbani stazionimpossibili; termine perentorio fissato per le iscrizioni (incluso versamento), mercoledì4 febbraio. Le opere selezionate saranno esposte pubblicamente dal 6 giugno al 20 giuno 2009 a Lamezia Terme - inoltre diventeranno patrimonio della Galleria permanente allestita nel sito www.400kc.eu, avranno notevole visibilità attraverso i canali mediatici e gli Enti istituzionali che collaborano con l’associazione. Il luogo della mostra sarà reso noto entro mercoledì 4 marzo. Al termine dell’evento tutte le opere saranno restituite agli artisti (spedite con corriere Sda alle rispettive sedi con spedizione a carico del destinatario). Info: 338/3985193 - 339/5837077 - info@400kc.eu caterina@400kc.eu - carlo@400kc.eu.


38 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Prosegue con lo spettacolo “Miseria e nobiltà” la stagione teatrale “Paola in scena”

Mercatino dell’usato a Reggio Calabria IL CARTELLONE

Gianni Morandi in concerto nel mese di maggio a Maida

LAMEZIA T. (Cz) - Concorso diocesano La Fondazione Centro Culturale Paolo VI di Lamezia Terme organizza un concorso rivolto agli studenti delle scuole secondarie di II grado del territorio della Diocesi di Lamezia Terme. La traccia riguarda il tema «San Paolo apostolo, la globalizzazione e i giovani lametini costruttori di speranza» ed è indirizzato agli alunni frequentanti le scuole secondarie di II grado del territorio della Diocesi di Lamezia Terme. Le sezioni previste sono tre: elaborati scritti di qualsiasi genere letterario, ogni forma di creazione artistica e creazioni multimediali o fotografie. Gli elaborati dovranno pervenire entro e non oltre martedì 31 marzo pressola sede della Fondazione Centro Culturale Paolo VI, presso la Curia Vescovile di Nicastro, Via Lissania, 2 ed in ogni plico dovrà essere inserita una scheda che riporti generalità e recapito del concorrente. A fine concorso, sarà premiato il primo lavoro di ogni sezione, con la somma di Euro 400, entro martedì 30 giugno 2009. MAIDA (Cz) - Gianni Morandi in concerto Dopo l'apertura del 12 e 13 marzo con il doppio appuntamento con Fiorella Mannoia al Garden di Rende ed al Cilea di Reggio Calabria, confermato il secondo evento di "Fatti di Musica Radio Juke Box 2009" , la XXIII edizione della rassegna del miglior live d´autore diretta da Ruggero Pegna, dedicata alla "Lotta a leucemie e linfomi dell'Associazione Amena dell'Ospedale Pugliese di Catanzaro, che premia con il "Riccio d'Argento" del celebre oarfo Gerardo Sacco i migliori concerti d'autore dell'anno. Il secondo riconoscimento del 2009 andrà a Gianni Morandi che con "Grazie a tutti", il suo imponente nuovo tour prodotto dalla "Ballandi", sarà l’ 8 e il 9 maggio al Teatro Tenda che sarà installato nell'area del Centro Due Mari a Lamezia Terme, lungo la superstrada Lamezia/Catanzaro nei pressi dell' uscita di Maida. La prevendita dei biglietti al prezzo di euro 40.00 per la poltronissima ed euro 30.00 per la poltrona partirà nella prossima settimana nelel prevendite autorizzate. Per informazioni 0968.441888 oppure www.ruggeropegna.it. MONTEPAONE (Cz) - Riapertura scuola di danza Oggi, alle ore 21.00, presso l’associazione “Arca di Noè” “palestra Muscle Fitness”, via Nazionale, accanto Cristal bar, i maestri Valentina e Niko vi aspettano per la riapertura della scuola di Salsa cubana, bachata, merengue. Inoltre verranno presentate le novità delle danze: rumba e raegetton. Info: 333/7467400.

MONTEPAONE (CZ) - Posa prima pietra Sabato 24 gennaio, alle ore 11.00, si provvederà alla posa della prima pietra della nuova sede Anutel con annessa scuola finanziaria e tributaria degli Enti locali, che dovrà sorgere nel Comune di Montepaone Superiore, in via della Marina. Presenzieranno l’evento, Mons. Antonio Ciliberti, arcivescovo di Catanzaro Squillace, gli organi associativi dell’Anutel e autorità politiche e civili ai vari livelli. PAOLA (Cs) - “Paola in scena”, programma Programma stagione teatrale "Paola in scena" 2008/2008. Giovedì 29 gennaio, "Miseria e nobiltà" con Francesco Paolantoni e Nando Paone; venerdì 6 febbraio, "Sunshine" con Sebastiano Somma e Benedicta Boccoli; sabato 28 febbraio, "Da giovidì a giovidì" con Marco Marzocca; sabato 14 marzo, "Come uno scandalo al sole" con Isabella Russinova e Pietro Longhi; lunedì 30 marzo, "L’appartamento è occupato" con Paola Gassman; lunedì 6 aprile, "Quaranta ma non li dimostra" con Luigi De Filippo. La stagione teatrale, a decorrere da martedì 22 dicembre, prevede due spettacoli al mese, per un totale di otto rappresentazioni. Il costo dell’abbonamento è pari ad euro 120,00 in platea, e ad euro 100,00 in galleria. La prevendita si effettua, tutti i giorni esclusi il mercoledì e il giovedì, al botteghino del teatro Odeon dalle 16.30 alle 21.30 (info 333/494394 – 331/3887161 - www.paolainscena.it). REGGIO C. - Mostra “Reggio 28 dicembre 1908” Prosegue fino a venerdì 30 gennaio, presso la biblioteca comunale “Pietro De Nava” di Reggio Calabria, la mostra “Reggio 28 dicembre 1908: viaggio nella me-

moria”. Un percorso culturale inserito nelle celebrazioni organizzate in ricordo del centenario del sisma che colpì Reggio e Messina. L’esposizione si compone di libri, giornali ed immagini dell’epoca, nonché di volumi che raccontano la storia della città nei periodi successivi al tragico evento naturale. La vetrina culturale, è visitabile gratuitamente, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 12.30 e nei pomeriggi di lunedì, mercoledì e giovedì dalle 15.00 alle 17.30. REGGIO C. - La Mostra “Notte Santa” Prosegue fino a sabato 31 gennaio 2009 presso le sale espositive Cerere del castello di Scilla, la mostra personale di fotografia di P. Arbitrio denominata “La notte santa - I presepi viventi nella provincia di Reggio Calabria”. REGGIO C. - Eventi Anassilaos Manifestazioni associazione Anassilaos. Il programma: oggi ore 18.00, saletta San Giorgio al Corso, oomaggio a Pierre-Auguste Renoir nel 90º anniversario della morte a cura dell’Anassilaos. Introduce la Prof.ssa Gloria Oliveti. Giovedì 22 gennaio, ore 17.30 Sala Giuditta Levato Consiglio Regionale della Calabria, Poesia e omaggio a Giuseppe Tympani.Interverrà Francesca Neri. Introduce Daniela Pericone. Proiezione di un documentario. Letture a cura del Laboratorio di Lettura dell’Anassilaos. Venerdì 23 gennaio ore 21.00, Saletta San Giorgio al Corso, serate filosofiche con Alessandro Degli Espositi. Martedì 27 gennaio, ore 18.00, Saletta San Giorgio al Corso, Anniversari a cura dell’Anassilaos Giovani. “Giorno della Memoria 2009” con letture di testimonianze, proiezione di documentari e immagini. Presentazione della cartolina commemorativa delle vittime della shoah, realizzata dall’Associazione. Venerdì 30 gennaio, ore 21.00 saletta San Giorgio al Corso, invito alla lettura dei classici della letteratura universale con il prof. Pino Papasergio. REGGIO C. - Mercatino dell’usato Su proposta di alcuni soci del Cai oggi dalle 21.00 in poi, presso la sede del Club Alpino Italiano si svolgerà il primo incontro "mercato" per lo scambio di attrezzature e materiali usati, da trekking, sci, arrampicata, mountainbike, ecc. in possesso dei soci della sezione e non solo. Le cose che non utilizziamo più potranno essere vendute o scambiate con altri oggetti, dovranno essere esclusivamente articoli attinenti le attività che si svolgono nell'ambito del Cai, non sarà consentita la vendita o lo scambio di altro materiale. Gli oggetti devono essere in perfetta efficienza anche se usati e il prezzo deve rispecchiare lo stato in cui si trovano al momento della vendita o dello scambio. I soci che aderiranno all'iniziativa sono obbligati a portare in sede gli oggetti che intendono vendere o scambiare. Questa iniziativa, unitamente ad una possibile consulenza tecnica su cosa acquistare, relativamente al materiale di seconda mano o eventualmente ad oggetti nuovi da comprare altrove, è aperta a chiunque lo vorrà, anzi invitiamo tutti i soci a partecipare, anche solo per dare una mano. Per informazioni ulteriori è possibile contattare: Lillo Gioffrè 3470078737 o/e Filippo Corrado 3285792022.

REGGIO C. - Incontro con Ciriaco Campus Mercoledì 21 gennaio 2009 a Reggio Calabria, si terrà l’incontro in due tempi con Ciriaco Campus. alle ore 15.00, conferenza presso l’Aula Magna di Architettura e alle 18.30, nei saloni di Villa Genoese Zerbi al numero 21. L’evento artistico e culturale, dedicato alla Città di Reggio Calabria in occasione delle Manifestazioni per il centenario del terremoto di Reggio Calabria e Messina è stato realizzato in collaborazione con l’assessorato ai Beni Culturali e Grandi Eventi del Comune, la facoltà di Architettura e l’Ordine degli architetti pianificatori paesaggisti conservatori. REGGIO C. - Presentazione libro Mercoledì 21 gennaio alle ore 16.00, Valentina Tomaselli presententerà presso i locali del Palazzo della Provincia di Reggio Calabria, il libro “Ho preso in mano quella fotografia e…” - edizioni 9muse.net.

REGGIO C. - Storia, letteratura, psicologia... L'associazione “Nuovo Umanesimo”, il circolo culturale “G.Calarco” e l'istituto Mediterraneo di psicologia “ImeP” di Reggio Calabria presentano un ciclo di appuntamenti denominato “Incontri di storia, letteratura e psicologia”. Essi avranno come sede l'accademia della Belle Arti, saranno gratuiti. Al termine del ciclo sarà rilasciato un attestato di frequenza. Di seguito il calendario degli incontri: mercoledì 21 gennaio, ore 17.00 -19.00, autore Kafka, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica dott.ssa S. Cordiani; martedì 18 febbraio, ore 17.00 19.00, autore D'Annunzio, relatore parte letteraria prof.ssa C. Sicari, relatore parte psicologica dott.ssa D. Belmondo, dott.ssa R. Nucera; mercoledì 18 marzo, ore 17.00-19.00, autore Faulkner, relatore parte letteraria prof. G. Lombardo, relatore parte psicologica dott.ssa F. Farano; mercoledì 15 aprile, ore 17.0019.00, autore Dostojevskji, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica dott.ssa A. Rossi; mercoledì 13 maggio, ore 17.00-19.00, autore Ariosto, relatore parte letteraria prof.ssa C. Sicari, relatore parte psicologica dr. G. Quattrone; mercoledì 10 giugno, ore 17.00 - 19.00, autore Hemingway, relatore parte letteraria prof. G. Lombardo, relatore parte psicologica dott.ssa A. Rossi; mercoledì 15 luglio, ore 17.00 - 19.00, autore Calogero, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica il dottor Paolo Praticò. REGGIO C. - “Reggio e reggini nello sport” Mercoledì 21 gennaio 2009, alle ore 17:30, presso la Biblioteca "De Nava" di Reggio Calabria (Via Demetrio Tripepi, n. 9), si svolgerà la conferenza "Reggio e reggini nello sport prima e dopo il terremoto del 28 dicembre 1908". Interverranno Antonella Freno, assessore ai Beni Culturali e Grandi Eventi del Comune di Reggio Calabria, Pasquale Nucara, storico dello sport e presidente della sezione reggina dell'Associazione Nazionale Atleti Olimpici e Azzurri d'Italia, Stefano Iorfida, presidente dell'Associazione Culturale Anassilaos. La manifestazione, organizzata dalla sezione di Reggio Calabria dell'Associazione Nazionale Atleti Olimpici e Azzurri d'Italia con la collaborazione dell'Associazione Culturale Anassilaos, è inclusa nel programma degli eventi celebrativi del terremoto promossi dall'Amministrazione comunale di Reggio Calabria. REGGIO C. - Comunicazione per docenti La scuola secondaria di primo grado "Vittorino Da Feltre" procederà alle operazioni di individuazione dei docenti destinatari di proposta di assunzione con contratto a tempo determinato per la copertura delle cattedre e dei posti vacanti e/o disponibili, secondo il calendario. La presente comunicazione vale quale convocazione a tutti gli effetti, poiché non sono previste convocazioni individuali. Gli aspiranti della scuola secondaria di 1° (A028 – A030- A032 –) e 2° grado (A048) dovranno presentarsi giovedì 22 gennaio, alle ore 9.00, presso la scuola media “Vittorino da Feltre” – Via Cannizzaro, 12 – Reggio Calabria.

Ogni lunedì sul Domani

LA PIAZZA Settimanale di economia locale con servizi sulle imprese e annunci gratuiti Per chi compra e vende, chi è a caccia di occasioni, chi cerca e offre lavoro. Case, ville, terreni, negozi, garage, auto, moto, accessori, bricolage, dischi, computer, attrezzi, software, mobili, audio-video Per contatti con la Redazione via mail: lapiazza@ildomani.it via fax: 0961-903801


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 39

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“Contemporanea ’08”, rassegna nazionale di arti visive in programma a Rossano

Concerto del maestro Kovatchev al Cilea IL CARTELLONE

Fiorella Mannoia con il suo nuovo tour teatrale a Rende regionale alla programmazione nazionale e comunitaria), Mario Oliverio (Presidente Provincia di Cosenza), Caterina Greco (Soprintendente per i Beni archeologici della Calabria), Nicola Paldino, presidente del Credito Cooperativo Mediocrati, la banca che da sempre è vicina alle iniziative culturali. Sebastiana Lagona, direttore onorario della missione archeologica relazionerà sulla storia della ricerREGGIO C. - Gianni Morandi con “Grazie a tutti” ca archeologica di Kyme eolica, mentre Antonio La Marca Confermati i due concerti reggini del tour "Grazie a illustrerà le linee generali degli scavi nella necropoli turca. tutti" del cantante Gianni Morandi per mercoledì 8 Durante la giornata sarà proiettato un filmato su Kyme cugiovedì 9 aprile. I concerti inizieranno alle ore 21.00. rato dalla redazione Rai della Calabria.

REGGIO C. - Teatro Cilea, stagione 2008/2009 “Pensa ad un grande spettacolo. Vieni al Teatro Cilea”. Questo lo slogan che accompagnerà la nuova stagione del teatro comunale di Reggio, presentata dal sindaco Giuseppe Scopelliti, da Serenella Fraschini, consulente per la lirica, da Geppy Gleijeses, per la prosa e dalla dirigente Luisa Spanò. Nel dettaglio il programma prevede: sabato 24, domenica 25 gennaio, “concerti sinfonici” - M° J. Kovatchev; venerdì 30 e sabato 31 gennaio, Komiko procduction “Miseria e nobiltà”; sabato 7 e domenica 8 febbraio, compagnia del balletto Mimma Testa “Capricci e bisticci ovvero la Principessa sul pisello”; Venerdì 13, sabato 14e domenica 15 febbraio, Teatro stabile “La contrada di Trieste” (prosa) - “Il divo Garry”; domenica 22 e martedì 24 febbraio, “Il pipistrello” (lirica); Mercoledì 25 e giovedì 26 febbraio, Nautilus pictures - Fiore di cactus; Giovedì 12 marzo, concerti sinfonici - M° Veronesi; Sabato 21e domenica 22 marzo, Ballet de “Les parentes terribles” (danza) - produzione in collaborazione con il Teatro dell’opera di Roma; venerdì 27, sabato 28 e domenica 29 marzo, Teatro Bellini di Napoli - Masaniello; Venerdì 3, sabato 4 e domenica 5 aprile, “I due della Città del sole” (prosa) - “Quaranta ma non li dimostra”; giovedì 9e sabato10 aprile, concerti sinfonici - M° Moranti; mercoledì 15 e giovedì 16 aprile, Candoco dance company London (danza) Double bill; sabato 18 e lunedì 20 aprile, Werther (lirica); domenica 26, lunedì 27e martedì 28 aprile, Teatro stabile di Calabria - (prosa) - Ditegli di sì; sabato 9 maggio, serata d’onore: “I più grandi interpreti della danza e della moda”. Per quanto riguarda l’acquisto dei titoli d’ingresso fino asabato l7 novembre, verranno messi in vendita i nuovi abbonamenti; nei giorni 8 e 9 novembre, sarà possibile acquistare gli abbonamenti per la sezione danza e lirica; dal 10 novembre, infine, saranno in vendita i biglietti per i singoli spettacoli di tutta la stagione. La biglietteria resterà aperta dalle 9.30 alle 12.30, al mattino, e dalle 16.30 alle 19.00, al pomeriggio.

presso la sede del club Alpino Italiano sez. Aspromonte in via S. Francesco da Paola, 106 Reggio Calabria. Queste le date in programma: martedì 10 febbraio, martedì 10 marzo, martedì 21 aprile, martedì 9 giugno.

REGGIO C. - Biagio Antonacci in concerto Teatri sold out per la nuova tournée di Biagio Antonacci “Il cielo ha una porta sola”. Lo show sarà di scena il 29gennaio al Teatro Cilea.

RENDE (Cs) - Convegno all’Unical Oggi, nell’aula Magna dell’Università della Calabria di Rende, la giornata di studio in cui sarà presentata la missione che con lettera prot. 89597 del 20.05.2008 del Ministero della Cultura e del Turismo, ha affidato la direzione scientifica della missione archeologica italiana di Kyme (Turchia) al professore Antonio La Marca del dipartimento di archeologia e storia delle arti, e di conseguenza all’Università della Calabria. Giovanni La Torre, rettore dell’Unical aprirà il convegno con i saluti istituzionali, a seguire Orhan Düzgün (direttore generale degli scavi della Turchia), Haluk Tunçsu (vice Governatore della provincia di Izmir), Raffaele Perrelli (preside della Facoltà di Lettere e Filosofia - Unical), Giuseppe Roma (direttore del Dipartimento di archeologia e storia delle arti), Gino Crisci (preside della Facoltà di Scienze Naturali - Unical), Pietro Dalena (Presidente del corso di laurea in SCPAAM), Maurizio Paoletti (Presidente del corso di laurea magistrale in archeologia), Giovanna De Sensi (Presidente del corso di laurea in scienze dell’antichità), Mario Maiolo (assessore

REGGIO C. - Banlieues Show Giovedì 29 gennaio, alle ore 9. 15 e alle ore 11. 30, presso il Teatro Odeon di Reggio Calabria, sito in via Veneto n.77, si terrà lo spettacolo teatrale didattico in lingua francese di Frédéric Lachkar e con Aline D’Andrea, Aurélie Bidault, Nirys Pouscoulous e Véronique Vergari, “Banlieues Show”. REGGIO C. - Circolo Zavattini, proiezioni Anche quest'anno il circolo del cinema "Cesare Zavattini" organizzerà presso la sede del Cai una serie di proiezioni sulla montagna e sul rapporto tra uomo e ambiente. Le proiezioniavranno luogo alle ore 21.00,

La tendostruttura sarà installata in località Pentimele, nei pressi del Palasport. Previsti due tipi di biglietto: poltronissima euro 40.00 e tribuna euro 30, compreso diritti di prevendita. I due concerti di Gianni Morandi a Reggio Calabria fanno parte di "Fatti di Musica Radio Juke Box 2009", la XXIII edizione della rassegna del miglior live d'autore italiano e godono del patrocinio e della collaborazione dell' assessorato comunale alla Cultura. REGGIO C. - Concerto di Ornella Vanoni "Più di me Tour 2009" è il titolo dell'ultimo lavoro di Ornella Vanoni che la vede duettare con i maggiori artisti italiani, " Piu di me" che prende anche il titolo della lunga tournèe che toccherà i maggiori teatri della penisola. Anche la Calabria è pronta ad ospitarla precisamente nella Città dello stretto nel bellissimo scenario del Teatro Cilea. L'evento sarà organizzato dalla Esse Emme Musica di Maurizio Senese e la Nuova Star. I tagliandi che sono in vendita nelle prevendite abituali subiranno tre ordini di prezzo, primo ordine euro 48,00 compreso di prevendita che comprende la platea più palchi di primo piano, euro 40,00 compreso di prevendita che comprende palchi di secondo piano, euro 32,00 compreso di prevendita, che comprende palchi di terzo piano più loggione. Per ulteriori informazioni contattare la Esse Emme Musica 0961/761471, Nuova Star 0965/5936441, o www.essemmemusica.it.

RENDE (Cs) - Fiorella Mannoia in tour Fiorella Mannoia con il suo nuovo tour teatrale, aprirà il giovedì 12 marzo 2009 al teatro Garden di Rende e venerdì 13 marzo 2009 al Teatro Cilea di Reggio Calabria, la XXIII edizione della rassegna “Fatti di musica Radio Juke Box 2009” ideata e diretta dal promoter Ruggero Pegna. L’evento sarà abbinato alla “lotta alle leucemie e linfomi dell’amena”. La vendita dei biglietti dei concerti di Fiorella Mannoia a Rende e Reggio Calabria sarà possibile in tutte le prevendite autorizzate elencate al sito www.ruggeropegna.it (Cosenza: Inprimafila e Bar Tosti; Rende: Teatro Garden; Reggio Calabria: Boutique Taxi. Quattro i prezzi dei biglietti: euro 44.50 poltronissima, euro 38,50 poltrona, euro 33,50 ed euro 27,50 per palchi e galleria. Per ulteriori informazioni contattare il numero telefonico di rete fissa di seguito riportato 0968.441888. ROSSANO (Cs) - Contemporanea ‘08 Fino a sabato 24 gennaio, presso le sale delle esposizioni di Palazzo S. Bernardino a Rossano Centro, si terrà la rassegna nazionale di arti visive “Contemporanea ’08”. SCALEA (Cs) - Global beat moviment Sabato 12 luglio 2009, in località Riva Chiara di Sellia Marina, in programma una serata al Tarantula con i "global beat Moviment" un mix di tarantella, pizzica, ska e reggae. SETTINGIANO (Cz) - All’Orso Cattivo Ogni giovedì: "Toda Joia"!!! presso L'Orso Cattivo a Settingiano. Zona ristorante: Dr. Why - il gioco a quiz per locali (ore 21.00); "Toda Joia" - Dj's: Gianluca Napoli, Tatto and Beat&Love (ore 23.30). Zona pub: balli caraibici: salsa, merengue Y bachata (tutta la sera!). Ingresso: 10 euro (solo 5 euro se segnali la tua presenza sul sito internet di seguito riportato www.movidacommunity.it. SETTINGIANO (Cz) - Booling Center Il Booling Center di località Campo, sempre aperto durante la settimana tranne il lunedì, comunica le proprie promozioni: martedì e mercoledì "Più giochi e meno paghi", giovedì e domenica "Promozione coppia", sabato "Birillo rosso".


40 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“Hair the tribal love rock musical”, spettacolo in scena venerdì 6 e sabato 7 febbraio a Soverato

Premio Valentia a Vibo IL CARTELLONE

Un percorso di avvicinamento al vino è in programma a Stalettì

SOVERATO (Cz) - Stagione teatrale Programma della stagione teatrale 2008/09 a Soverato: Venerdì 6 e sabato 7 febbraio “Hair The tribal love rock Musical” direzione musicale Elisa; sabato 28 febbraio “Dr Jekill e Mr Hyde The strange show” di e con Fabrizio Paladin; sabato 7 marzo, Claudio Insegno “Risate al 23° piano” di Neil Simon; sabato 21 marzo, Gaia De Laurentis “Sottobanco” regia Claudio Beccaccini; Sabato 4 aprile Tosca D’Aquino “Ogni anno punto e a capo” di Eduardo De Filippo; giovedì 16 aprile, Sorelle Marinetti “Non ce ne importa niente regia Max Croci”; sabato 25 aprile Teatro instabile d’Aosta Mimondi regia Marco Chenevier; domenica 3 maggio Giorgio Albertazzi “Lezioni americane “di Italo Calvino.

SQUILLACE (Cz) - Visite guidate L'associazione Largot costituita da guide specializzate munite di patentino e autorizzate dalla Regione Calabria, offre il servizio di visita guidata alla rassegna espositiva allestita al Complesso monumentale del San Giovanni Catanzaro dedicata ai pittori del seicento Francesco Cozza, Gregorio e Mattia Preti info www.calabriaguide.it 0961-34618 333-8002471. Inoltre, la stessa associazione, mette tutti i giorni dalle 9.30 alle 12.30, e dalle 15.00 alle 18.00, a disposizione le guide turistiche che accompagneranno i visitatori al centro storico di Squillace e al Parco archeologico Scolacium di Borgia. Info: 0961/34618 368/7376942 - 347/1094691 - 320/0473698 - www.calabriaguide.it.

SOVERATO (Cz) - Teatro del Grillo Ha ufficialmente avuto inizio la stagione 2009 del Teatro del Grillo di Soverato, che da gennaio a fine aprile ospiterà eccellenti compagnie del teatro italiano oltre alla Compagnia della scuola di teatro Spazioscenico e alla Compagnia del Grillo. Programma: Venerdì 13 e sabato 14 febbraio, in scena “l’Edipo a Colono” scritto e diretto da Ruggero Cappuccio per un formidabile Roberto Herlitzka che con questo spettacolo ha anche vinto il Premio Eti - Olimpici del Teatro 2008. La programmazione seguirà domenica 1 marzo con la compagnia Spazioscenico con “Un sesso di troppo”. Un cocktail esplosivo di doppi sensi e situazioni esilaranti condito con un pizzico d'amore e molto buon umore. Franco Procopio dirigerà la divertentissima commedia di James Sherman, campione d'incassi a New York. Domenica 15 marzo, sarà la volta di un cast di straordinari interpreti per rievocare il percorso umano e artistico della Dietrich, che per decenni e fino ai nostri giorni ha sollecitato l’immaginario collettivo. “Marlene”, ultima fatica di Giuseppe Manfridi e novità assoluta della stagione teatrale in corso, vede in scena, per la regia di Maurizio Panici, un’intensa Pamela Villoresi, accompagnata, tra gli altri, da Orso Maria Guerrini e David Sebasti. Domenica 22 marzo, sarà la volta de “L’amore mio non può”. Nel settantennale delle leggi della vergogna razzista, una strepitosa Manuela Kustermann trasforma in poesia una realtà maledettamente violenta. Dall’omonimo romanzo di Lia Levi uno spettacolo applauditissimo. Concluderà la stagione, a partire da sabato 25 aprile, la nuova produzione della Compagnia del Grillo: “Rumori fuori scena” per la regia di Claudio Rombolà. Una irresistibile storia di teatro nel teatro dove ritmo, equivoci e colpi di scena fanno del testo di Frayn una delle farse più fortunate degli ultimi trent’anni. Costo abbonamento a 5 spettacoli 88,00. Turno A: pomeridiana ore 17.00 o primo giorno di rappresentazione. Turno B: serale ore 21.00 o secondo giorno di rappresentazione. Gli abbonati alla stagione precedente possono confermare il posto telefonando o lasciando un messaggio al N. 0967 -23156 oppure tramite e-mail all’indirizzo di posta elettronica "teatrodelgrillo@libero.it".

STALETTI (Cz) - Percorso enologico Sabato 24 gennaio alle ore 20.00, presso il Blanca Cruz di Stalettì, si terrà un percorso di avvicinamento e conoscenza del vino nonchè dell'abbinamento con il cibo; tale percorso si articolerà in più incontri dove verranno esposti i principi dell'enologia la valutazione visiva olfattiva e gustativa del vino e le basi dell'abbinamento enogastronomico. A condurre tale percorso sarà il sommelier Ais, R. Iuliano che presterà le proprie conoscenze scientifiche. Non solo vino di qualità ma anche alta cucina diretta dallo chef Massimo Fratto. Cultura, cucina e musica in una cornice divina. Per informazioni e prenotazioni 333/5736483 Maurizio.

AVVISO AI LETTORI Per ottenere la pubblicazione in questa rubrica di appuntamenti riguardanti la cultura, l’arte, lo spettacolo, la convegnistica, e qualsivoglia altro evento, occorrerà che le comunicazioni giungano a questa redazione

ALMENO 48 ORE PRIMA Segnala un appuntamento via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax: 0961-903801

TAVERNA (Cz) - Largot, visite guidate La Largot, svolge servizio di visite guidate al museo civico, alla chiesa di San Domenico e chiesa di Santa Barbara e alla galleria di arte contemporanea, per associazioni, scuole, fondazioni e gruppi (min 30 pers.). Il servizio sarà effettuato su prenotazione. Info: 0961/34618 - 368/7376942 - 329/9149079 347/8871177 - www.calabriaguide.it. TAVERNA (Cz) - Opere di Mattia Preti al Museo Due nuovi capolavori di Mattia Preti pertinenti la collezione della Banca di Credito Cooperativo della Sila Piccola si possono ammirare nel Museo Civico di Taverna. Si tratta di un bozzetto ad olio su tela di cm.77x41 raffigurante “San Sebastiano” e di un dipinto di cm.157x122 raffigurante “San Girolamo Penitente”, realizzati entrambi dal Cavalier Calabrese nel ventennio 1680-’90. L’evento consentirà a visitatori e studiosi di apprezzare completamente il corpus delle ventitrè opere pretiane di Taverna conservate (oltre che nella stessa sede museale) nelle Chiese di S.Domenico e S.Barbara. Il prestito, stabilito in forma di deposito, è stato eccezionalmente concesso all’Istituzione Culturale tavernese dal Consiglio di Amministrazione della banca presilana presieduto dal presidente Nicoletta e dal Direttore Cariati. Il museo civico è visitabile tutti i giorni, dal martedì alla domenica, (tranne il lunedì) con orari 9.30-12.30 e 16.00-19.00. VIBO V. - Premio annuale del Coni Si svolgerà lunedì 26 gennaio al 501 Hotel di Vibo Valentia, la cerimonia di consegna dei riconoscimenti del VI Premio Valentia e del Premio annuale del Coni. La manifestazione è organizzata, quest'anno, dal Comitato Provinciale del Coni e da Vibosport e gode del patrocinio di Provincia e Comune di Vibo Valentia, dell'Asi e dell'Ussi Calabria. In questa edizione si è dato spazio soprattutto ai protagonisti dello sport locale e regionale. A ricevere uno dei premi Valentia sarà il direttore generale del Coni, Maurizio Romano. Avrebbe dovuto raggiungere Vibo Valentia anche il presidente nazionale del comitato olimpico italiano, Gianni Petrucci, ma per impegni inderogabili, ha dovuto rinviare la sua presenza alla prossima edizione.

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale: via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax: 0961-903801

VIBO V. - “Buon compleanno Federica” Evento speciale il 7 febbraio alle ore 21.00 nel palasport di Vibo Marina, giorno in cui Federica Monteleone avrebbe festeggiato i suoi diciotto anni. Si chiamerà, infatti, "Buon compleanno Federica" l'evento voluto dai genitori della ragazza vibonese prematuramente scomparsa due anni fa a seguito di un intervento chirurgico presso l' Ospedale di Vibo Valentia, diventato un caso nazionale di malasanità. I coniugi Monteleone durante l' evento, a cui parteciperanno tutti gli amici di Federica, presenteranno la "Fondazione Federica per la Vita", destinata a raccogliere fondi per la costruzione di una "Casa del Risveglio" a Vibo Marina. Per questa festa speciale la signora Maria Sorrentino, madre di Federica, ha chiesto il coordinamento artistico-organizzativo di Ruggero Pegna, che ha predisposto numerosi eventi a scopo benefico ed umanitario. "Buon Compleanno Federica" vedrà sul palcoscenico l' omaggio di giovani artisti calabresi tra cui i "Porci Comodi" di Mimmo Labate di Paola, band scelta dal fratello di Federica, le "For Love", tre ragazze diciottenni della scuola di canto di Rosa Martirano, i ragazzi della scuola di danza "Arabesque" frequentata da Federica. In conclusione l'esecuzione di alcuni suoi brani del cuore da "Albachiara" di Vasco Rossi, cantata dalla Martirano, a "Colpo di fulmine" di Anna Tatangelo, la sua cantante preferita, che ha aderito gratuitamente a fare da madrina all' inaugurazione della Fondazione ed alla speciale festa di compleanno. Un omaggio a Federica sarà anche portato dal celebre stilista Anton Giulio Grande e dal maestro orafo Gerardo Sacco che creerà un suo gioiello da donare alla Fondazione. La serata prevede altri momenti emozionanti, come la lettura di pezzi scritti da Federica, quale aspirante giornalista. I coniugi Monteleone hanno reso noto che l'evento sarà patrocinato da Comune e Provincia di Vibo Valentia e dalla Regione Calabria.

CALABRIA - Cunta Calabria L’Associazione Culturale “Compagnia Teatrale Vibonese” di Vibo Valentia, fino a oggi presso il nuovissimo Auditorium della Chiesa “Gesù Salvatore” in Vena di Jonadi, presenta la seconda edizione di “Cunta Calabria”. La Calabria si racconta attraverso il teatro popolare e non solo. Il programma: Venerdì 23 gennaio, Associazione Teatrale “Roccella Jonica”. “ Nta casa i Don Rafeli”. Venerdì 6 febbraio, Piero Procopio & Band Cabaret e Musica Popolare. Venerdì 20 febbraio, Associazione Culturale “Nuovo Teatro Aquila” di Pellaro “L’eredità e a jettatura”. Venerdì 6 marzo, “Gruppo Teatrale Anoiano”. Venerdì 20 marzo, Gruppo Teatrale “Giangurgolo” di Gioia Tauro“U muru”. Ingresso pubblico ore 20.30 – Sipario ore 21.00. CALABRIA - Prim’olio IX edizione L’associazione “Saperi e sapori” presenta la IX edizione di Prim’Olio (giornate internazionali per la valorizzazione dell'olivicoltura Mediterranea). Giovedì 29 gennaio, presso la Facoltà di Agraria di Bologna si terrà la presentazione nazionale della “Guida agli extravergini Calabresi”, a conclusione della nona edizione di “Primolio”.

Ogni lunedì sul Domani

LA PIAZZA Settimanale di economia locale con servizi sulle imprese e annunci gratuiti Per chi compra e vende, chi è a caccia di occasioni, chi cerca e offre lavoro. Case, ville, terreni, negozi, garage, auto, moto, accessori, bricolage, dischi, computer, attrezzi, software, mobili, audio-video Per contatti con la Redazione via mail: lapiazza@ildomani.it via fax: 0961-903801


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 41

Sport

LA NAZIONALE

L’EX DEL PALERMO

Floccari nel mirino del ct Lippi Non c’è fretta per Amauri

Il Torino si affida a Rino Foschi E’ lui il nuovo direttore sportivo

Il Manchester vuole chiudere al più presto la trattativa per il brasiliano Ieri il papà del calciatore era a Milano per parlare degli ultimi dettagli

Il City accelera per avere Kakà I tifosi rossoneri non ci stanno e manifestano sotto casa dell’asso MILANO - Le speranze dei tifosi milanisti si spegneranno solo quando sarà ufficiale, ma quella di ieri è stata una giornata di fitte trattative per eliminare tutti gli ostacoli lungo la strada, asfaltata di milioni di euro, per portare Ricardo Kakà al Manchester City. Come era nelle previsioni, dal Brasile è arrivato l’ingegner Bosco Leite, papà e procuratore di Kakà, per tirare le fila di un discorso che, secondo molti, lui avrebbe iniziato a intavolare già da prima che lo sceicco Mansour uscisse allo scoperto con un’offerta da oltre 100 milioni di euro che il Milan sta ponderando ormai da qualche giorno. Per prima cosa Bosco Leite ha incontrato il figlio nella sua abitazione milanese in zona Cadorna. E’ rimasto con lui fino a metà pomeriggio, mentre nelle stesse ore Adriano Galliani a sua volta partiva alla volta di Arcore per incontrare, a colazione, il patron Silvio Berlusconi. Il giocatore e il padre avrebbero messo a punto le condizioni alle quali sarebbero disposti al trasferimento, mentre i vertici di via Turati hanno cercato di trovare la miglior exit strategy da una trattativa che ha scatenato le proteste del popolo rossonero. E, infatti, anche ieri i tifosi hanno organizzato una massiccia protesta sotto la sede del club. Oltre cinquecento voci a gridare che ’Kakà non si vende’ e un lungo striscione con un esplicito messaggio che aveva due destinatari: “E’ una questione di cuore: società non vendere. Kakà non chiedere”. Si dice che Bosco Leite fosse pronto a chiedere il quinto ritocco dell’ingaggio in cinque anni, condizione per far saltare il trasferimento. Un’ipotesi però improponibile - come ha spiegato nei giorni scorsi lo stesso Berlusconi - per il Milan. E così le parti si sono incontrate per un faccia a faccia, assolutamente

I trasferimenti record I giocatori pagati di più al calciomercato. Cifre in milioni di euro

77,4

72,3

56,8

54,2

46,8

ZIDANE

FIGO

CRESPO

BUFFON

FERDINAND

2001 dalla Juve al Real

2000 dal Barcellona al Real

2000 dal Parma alla Lazio

2001 dal Parma alla Juve

2002/03 dal Leeds al Man. Utd

46,4

VIERI 1999 dalla Lazio all'Inter

46,4

45

BERBATOV

RONALDO

2008 dal Tottenham al Man. Utd

2002 dall'Inter al Real

43,8

42

RUI COSTA

ROBINHO

2001 2008 dalla Fiorentina dal Real al Milan al Man. City ANSA-CENTIMETRI

Anche ieri i tifosi del Milan sono scesi in strada

necessario visto che Bosco Leite aveva «molte cose da chiarire» con Galliani. Top secret il luogo e tale resterà il contenuto della discussione, almeno finchè non sarà ufficiale l’esito della vicenda. «Se il Milan vuole aprire una trattativa col Manchester City, allora Kakà prenderà la sua decisione faceva sapere Diogo Kotschko, il portavoce del brasiliano - e questa decisione dipende anche dalla squadra che il City vuole costruire. Visti i soldi che hanno o che si dice che abbiano, possono crearne una forte molto in fretta». Nel frattem-

po il forcing del Manchester City si è fatto sempre più pressante. Il tecnico Mark Hughes avrebbe telefonato a Kakà e, anche grazie alla traduzione di Robinho, lo avrebbe rassicurato circa i progetti futuri del club, che iniziano a prendere forma con l’ingaggio di De Jong e Bellamy. Parole che il milanista avrebbe ascoltato e ringraziato ma senza sbilanciarsi. A ogni modo è realistico pensare che manchi davvero poco a sbrogliare la questione. Lo fa pensare l’improvviso blitz serale a Milano di Garry Cook, direttore generale

del City, che sembrava dover rimanere in stand by in Inghilterra in attesa che Kakà e il Milan arrivassero a un accordo. Invece è venuto a parlare di persona con le parti in causa. «Ancora non c’è nessuna novità», aveva detto Carlo Ancelotti. Ma evidentemente c’è stata un’accelerazione. E a ore Kakà potrebbe cambiare squadra. A credere che possa capitare il contrario sono in pochi. Come gli irriducibili tifosi che nonostante la pioggia sono rimasti sotto casa sua ore, a dedicargli cori affettuosi. E lo hanno visto affacciarsi alla finestra, battersi la mano destra sul cuore e sventolare una maglietta rossonera. Gli ottimisti lo hanno interpretato come un segno di fedeltà al rossonero, i pessimisti come un preludio all’addio. Intanto il tifoso rossonero Antonio Rossi, campione della canoa, vorrebbe «con tutto il cuore» che Kakà rimanesse al Milan. Rossi lancia una proposta sottoforma di battuta: «l’emiro compri tutta la società così Kakà resta con noi». Parlando seriamente, invece, l’olimpionico della canoa dice di comprendere anche le ragioni della società. «Capisco che comprare a 8 milioni e mezzo e rivendere a 100 è un affare e sarebbe stupido non farlo». Scettico Flavio Briatore sull’affare Kakà. «Il Manchester City non andrà da nessuna parte, anche con Kakà: se avessero messo Schumacher su una Minardi non avrebbe vinto niente» ha detto il manager di Formula Uno e coproprietario del Queens Park Rangers, squadra di serie B inglese.

Moratti deluso dalla sconfitta di Bergamo: “Ma niente interventi sul mercato”

L’Inter ha toccato il punto più basso MILANO - Squadra a rapporto ieri ad Appiano Gentile. In un colloquio serrato, prima degli allenamenti in vista della sfida di Coppa Italia contro la Roma, Mourinho e i giocatori hanno espresso i rispettivi punti di vista. E da Milano il presidente Massimo Moratti non ha concesso attenuanti. «E’ stata una brutta partita, giocata molto male - ha detto - una partita no, impossibile un’Inter peggiore». Dopo il pesante 3-1 incassato a Bergamo i rapporti tra il presidente e il tecnico portoghese non sembrano però essersi incri-

nati. Anche se non mancherebbero i motivi di frizioni come, pare, la scelta di Mourinho di non convocare Balotelli o il rinnovo dei contratti che il presidente vorrebbe concludere nelle prossime ore con Toldo e Cruz. «A parte che non abbiamo rinnovato ancora niente a nessuno - dice Moratti Mourinho fa le scelte che ritiene più giuste per far giocare chi è più in forma: Mourinho sceglie come meglio crede». «Ci sono stati degli errori che non mi aspettavo e Mourinho che è stato molto sincero, si è preso la colpa di aver fatto

La delusione di Mourinho

determinate scelte - aggiunge Ma la cosa più importante è che la prossima partita si faccia a me-

no di trovare giustificazioni e si vinca, è l’unica cosa che m’interessa». Una batosta con diverse chiavi di lettura. E’ sembrato sconcertante l’approccio alla gara della truppa di Mourinho, ma anche la stessa formazione schierata. Sola nota lieta del giorno la prestazione di Adriano. L’unico ad aver mantenuto voglia e agonismo per tutti i 90 minuti. Moratti ha chiuso la porta a un intervento sul mercato. «La partita di domenica dimostra che è assurdo tornare sul mercato - afferma - lo escludo categoricamente».

L’Udinese cambia per invertire la rotta Marino si gioca tutto questa settimana

Ritiro e nuovo medico Le misure contro la crisi UDINE - Ritiro part-time, dalle nove alle 20 di ogni giorno, e nuovo medico, Bernardino Petrucci, a supporto dello staff che segue quotidianamente i giocatori: sono le ultime decisioni del ’patron’ dell’Udinese, Giampaolo Pozzo, per uscire dalla crisi. Petrucci - per cinque anni al Chelsea ed esperienze lavorative anche con Valencia e Lazio - ha cominciato ieri il suo rapporto con l’Udinese. Quanto al ritiro part-time, Pozzo ha deciso che i giocatori si ritroveranno ogni giorno alle 9 del mattino, faranno colazione insieme e poi via agli allenamenti e potranno dormire a casa. Il ritiro durerà fino a quando la squadra non uscirà dalla crisi. Pozzo ha ribadito la fiducia a Pasquale Marino, che però deve fare risultati domani con la Samp in coppa Italia e domenica a Palermo.

Fabio Quagliarella condannato dal collegio della Camera di conciliazione e arbitrato per lo sport: dovrà pagare 250 mila 600 euro all’agente di calciatori Silvio Pagliari.

La Sampdoria domani sul campo dei friulani

Cassano può tirare il fiato Guarderà la coppa Italia in tv GENOVA - «Sono cose che capitano. E’ un momento delicato, ma credo che la Sampdoria possa essere considerata una squadra non inferiore ai livelli dell’anno scorso. Sono fiducioso». Così il presidente

blucerchiato Riccardo Garrone. Commentando la difficile situazione della Sampdoria in campionato, Garrone ha detto che «domenica ho parlato a lungo con i giocatori e ho potuto constatare che la squadra è compatta al suo interno, con la società e con l’allenatore». Parole di apprezzamento, infine, per Giampaolo Pazzini, il nuovo e più costoso acquisto della Sampdoria di quest’anno. «E’ un grande giocatore e anche un ragazzo molto positivo e credo che aiuti molto lo spogliatoio a essere coeso». Domani pomeriggio la Samp sarà impegnata a Udine nel match di coppa Italia. Della comitiva non faranno parte Antonio Cassano, che ha riportato un trauma cervicale e deve fare i conti con dolori diffusi al collo e alla schiena, e Daniele Dessena, squalificato. Anche Bellucci in forse.

Il numero dieci della Roma torna in campionato

Spalletti sorride: Totti è pronto E Baptista dà ampie garanzie ROMA - La Roma si ritrova un Baptista in più. Il brasiliano ha dimostrato di essere decisivo anche quando gioca da centravanti. Spalletti adesso può stare tranquillo, anche quando in attacco si trova a dover fare a meno contemporaneamente di Totti e Vucinic. E, a proposito del capitano, ieri si è allenato con i compagni e domenica contro il Napoli conta di essere a disposizione di Spalletti, senza escludere completamente la possibilità di rispondere a una chiamata anche per la partita di coppa Italia contro l’Inter di domani. del

Buone notizie per Spalletti che per domani avrà anche Vucinic. Sta meglio pure Doni ieri si è allenato con i compagni.


42 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Sport

Lo svedese premiato dai calciatori di A

Il patron viola tuona contro le giacchette nere

MILANO - Ibrahimovic, e poi la Juve. Gli Oscar del calcio hanno premiato il duello, e alla fine ha vinto l’attaccante dell’Inter. E’ lo svedese il miglior calciatore in assoluto del 2008 premiato dall’Aic, l’assocalciatori, conteggiando i voti assegnati dai giocatori di serie A durante i ritiri estivi di preparazione al campionato. Ibra è stato premiato anche come miglior straniero. Del Piero è invece risultato il miglior giocatore italiano. Tanta Juventus in ogni caso, perchè Buffon è il miglior portiere e Chiellini il miglior difensore. Prandelli è il miglior allenatore, Hamsik il miglior giovane, Rosetti il miglior arbitro. I tifosi hanno votato e premiato anche il gol più bello del 2008 (il tacco di Ibrahimovic al Bologna) e il calciatore più amato: Del Piero. Infine allo sfortunato Stefano Borgonovo è stato assegnato il premio “tifoso dell’anno”.

ROMA - L’obiettivo della Fiorentina «resta l’ingresso in zona Champions», ma il patron Diego Della Valle due giorni dopo la partita con il Milan a San Siro torna a chiedere a Collina e agli arbitri una maggiore attenzione per evitare «errori macroscopici» che nelle ultime partite «sono costati ai viola sei punti». «Sono molto preoccupato in senso costruttivo - ha detto Della Valle nel corso di un’intervista - per quello che ci è capitato con gli ultimi arbitraggi. Chiediamo, nel rispetto degli arbitri, che abbiamo sempre avuto, una grande attenzione per gli arbitraggi futuri. Noi puntiamo alla Champions League, ma non possiamo più permetterci di vedere - ha aggiunto - errori, che ritengo compiuti in buona fede, che ci hanno però creato grandi problemi».

L’Aic incorona Ibra Lui il migliore del 2008

Della Valle non ci sta “Errori contro di noi”

L’attaccante dell’Inter è stato eletto anche miglior giocatore straniero

Gilardino e Favalli durante l’anticipo di sabato scorso Milan-Fiorentina

A Napoli parte processo al più grande scandalo nel mondo del pallone Oltre all’ex direttore della Juve, Luciano Moggi, imputate 23 persone

Calciopoli debutta in tribunale NAPOLI - Alle 9,30 si apre il sipario sul processo di calciopoli, probabilmente lo scandalo più clamoroso che abbia mai coinvolto il mondo del calcio italiano. Uno scandalo costato, in seguito ai verdetti della giustizia sportiva, due scudetti e una retrocessione in B alla Juve e pesanti penalizzazioni anche a società blasonate come Lazio, Fiorentina e Milan. Ventiquattro gli imputati, tra i quali l’ex dg della Juve Luciano Moggi che nell’atto di accusa dei pm Filippo Beatrice e Giuseppe Narducci è indicato come il promotore di un’associazione per delinquere finalizzata alla frode sportiva. Ovvero, fuori dai termini giuridici, il capo di un sistema in grado di condizionare l’esito dei campionati nell’interesse della Juve e di altre squadre che rientravano nell’orbita di Moggi o che dalla contiguità al sistema comunque ottenevano benefici. L’udienza odierna, secondo le notizie che circolano a Palazzo di Giustizia, potrebbe essere di breve durata a causa della mancata notifica a qualche imputato che ne potrebbe determinare l’immediato rinvio. Di certo è già stato tempestivamente sanato, grazie all’intervento

Da sinistra: Luciano Moggi, Giraudo, Mazzini, Pairetto, De Santis e Bergamo, imputati in Calciopoli. Sopra Lotito

del presidente del Tribunale Carlo Alemi, un altro problema che avrebbe potuto rappresentare un serio intoppo sul cammino del dibattimento: la presenza nel collegio giudicante di un magistrato incompatibile in quanto, nella precedente funzione di giudice per le indagini preliminare, aveva autorizzato alcune intercettazioni tele-

Tennis Sul cemento degli Open di Australia

Federer a fatica su Seppi Bolelli ok, fuori Camerin

Buona prova di Andreas Seppi che ha messo in imbarazzo lo svizzero Federer

MELBOURNE - Federer buona la prima, ma che fatica con Seppi! In una prima giornata senza vere sorprese a Melbourne l’Italia esce a testa alta. Disco rosso per Seppi e Stoppini contro Federer e Djokovic, ma il n.1 azzurro esce a testa alta. Sul cemento degli Open d’Australia di tennis, Seppi sfiora l’impresa di strappare un set a Federer: il n.2 del mondo vince 6-1, 7-6 (7/4), 7-5. Djokovic ha battuto Andrea Stoppini (6-2, 6-3, 7-5). Fuori anche Potito Storace sconfitto da Bernard Tomic. L’unico sorriso in campo maschile viene da Simone Bolelli. Tra le donne avanti Alberta Brianti, Sara Errani e Karin Knapp. Unica a uscire Maria Elena Camerin.

foniche. Il giudice è stato sostituito. Il «cuore» del processo, per quanto riguarda l’accusa, è rappresentato da migliaia di intercettazioni telefoniche che documentano, tra l’altro, contatti tra Moggi e i designatori arbitrali nonchè dalla scoperta di una serie di schede sim segrete che sarebbero state da Moggi fornite ad alcuni arbitri per

comunicazioni riservate. I pm Beatrice e Narducci presentano una lista testimoni composta da 108 persone. Assai più nutrita la lista dei testi che la difesa di Moggi intende chiamare a deporre in aula: 498 tra cui anche il premier Silvio Berlusconi. Ovviamente saranno i giudici a sfoltire questi elenchi, convocando esclusiva-

mente i testi in grado di riferire su precise circostanze ritenute essenziali per il giudizio. Oltre a Moggi, il reato di associazione è contestato agli ex designatori arbitrali Paolo Bergamo e Pierluigi Pairetto, all’ex vicepresidente della Figc Innocenzo Mazzini, all’ex direttore sportivo del Messina Mariano Fabiani, agli ex arbitri

Calcio La Juventus crede sempre di più allo scudetto

Del Piero: “Il campionato era già aperto” TORINO - Il pareggio ottenuto ti, il campionato era già aperto priMa Ranieri deve contro la Lazio ha trasmesso più ma, speriamo che continui a esserfar fronte sicurezze che rimpianti ai biancolo». «Ci siamo avvicinati - ha agneri. Soprattutto la consapevolezza ad assenze sempre giunto Giorgio Chiellini, assente a di essere una squadra che ha un Roma - ma il campionato non è più importanti progetto serio e valido: quello di mai stato chiuso. Certo, adesso è lanciare i giovani (bapiù aperto ma mancasta vedere cosa ha fatno ancora tantissime to domenica l’esorpartite». Per la Juve diente Ariaudo) e otadesso c’è però la Fiotenere un mix con i rentina. Ricordo di campioni che può diun gol di Gilardino ventare un’arma letanei minuti di recupele per chiunque, Inro alla prima giornater compresa. E’ chiata. Poi la vecchia rivaro che la battuta d’arlità mai sopita che agresto dei nerazzurri giunge sale a questa poteva diventare uno sfida al vertice. Raniestimolo in più per i ri perderà per questo bianconeri ma aver appuntamento Sissoacciuffato subito la Il bomber Amauri in azione in Lazio - Juve ko e Molinaro che saLazio dopo il gol di ranno squalificati. Ledesma ha dimostrato ancora futuro soprattutto per la sfida scu- Manninger ha subito una contusiouna volta che carattere, determina- detto con Inter e Milan. «Abbiamo ne al ginocchio sinistro nello sconzione e voglia di vincere ci sono fatto una buona gara con la Lazio - tro con Pandev nel finale del postisempre e sono queste le doti sulle ha detto Alessandro Del Piero - cipo con la Lazio: il portiere tornequali Ranieri può contare per il siamo contenti e guardiamo avan- rà ad allenarsi giovedì.

Massimo De Santis, Salvatore Racalbuto e Paolo Bertini, e l’assistente Marcello Ambrosino, nonchè al giornalista Rai Ignazio Scardina. Di singoli episodi di frode sportiva devono rispondere invece i dirigenti della Fiorentina Andrea e Diego Della Valle, il presidente della Lazio Claudio Lotito, il presidente della Reggina Pasquale Foti, l’ex dirigente del Milan del settore arbitri Leonardo Meani, gli ex arbitri Antonio Dattilo e Pasquale Rodomonti, gli ex guardalinee Enrico Ceniccola, Silvio Gemignani, Claudio Puglisi e Stefano Titomanlio e l’ex designatore dei guardalinee Gennaro Mazzei, l’amministratore delegato della Fiorentina Sandro Mencucci, l’ex segretaria della Figc Maria Grazia Fazi. Altri 11 imputati (Antonio Giraudo, Tullio Lanese, Gianluca Rocchi, Stefano Cassarà, Domenico Messina, Paolo Dondarini, Alessandro Griselli, Duccio Baglioni, Giuseppe Foschetti, Tiziano Pieri e Marco Gabriele) hanno chiesto di essere giudicati con rito abbreviato e il processo nei loro confronti riprenderà il 9 febbraio davanti al gup Eduardo De Gregorio.

Moto Dopo l’uscita della Kawasaki

Melandri spera nel team privato

Marco Melandri aspetta notizie sulla prossima stagione dalla Kawasaki

MILANO - Cercava il riscatto in Kawasaki e durante le vacanze di Natale si è ritrovato a piedi dopo la decisione del team di uscire dal Moto Gp: ora la stagione sportiva di Marco Melandri è appesa a un filo. A essere decisive saranno due date: «Domani - ha spiegato il pilota incontrando i giornalisti - aspetto una telefonata dell’ex team manager Kawasaki Michael Bartholemy che ci dirà se è disposto a correre con le moto 2009 in un team privato». Quanto alla sua situazione contrattuale con Kawasaki «il 31 gennaio - ha detto Melandri dovrebbe arrivare una proposta. Dovrebbero dirmi se avrò tutto il mio ingaggio, una buonuscita o nulla».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 43

SPORT Il difensore amaranto convinto: la Reggina si salverà

S E R I E

A

REGGINA

REGGIO CALABRIA — La salvezza è sempre possibile. La Reggina vuol crederci fino alla fine e sabato è già pronta a dimostrarlo. Con lo spareggio con il Chievo inizierà per gli amaranto un nuovo campionato, caratterizzato da cattiveria agonistica e determinazione. Qualità, queste, a volte mancate nel corso del torneo. La parola d'ordine adesso è rimediare a quanto di sbagliato fatto finora e giocare le 19 restanti partite del torneo come se fossero degli autentici spareggi salvezza. E' questo per sommi capi il pensiero della Reggina esternato ieri da Andrea Costa, il quale commenta così la sconfitta subita sabato pomeriggio in casa del Siena. «Al Franchi abbiamo disputato un’ottima partita. Purtroppo è successo che su un’azione offensiva deibianconeriabbiamocommessounerrore ed i nostri avversari ci hanno punito. Viviamo un periodo che ogni disattenzione da parte nostra venga pagata carissima. Questo ci dispiace. Ma, ripeto, credo che la partita a Siena sia stata giocata abbastanza bene». Con la sconfitta del Franchiilgironediandatasièchiusocon soli 13 punti e l’ultima posizione della classifica. Tante difficoltà ed amarezze non sempre meritate così come sottolinea lo stesso difensore amaranto. «Non èstataunaprimapartedicampionatopositiva - ha affermato infatti il giocatore-. Abbiamo conquistato pochi punti, rispetto a quelli che effettivamente avremmo meritato. Il pareggio di qualche partita avremmo dovuto e potuto trasformarlo in vittoria. Purtroppo così non è stato. Credo però che disputeremo alla grande il girone di ritorno, anche perché dobbiamo salvarci. E’ il nostro obietti-

2ª D I V I S I O N E VIGOR LAMEZIA LAMEZIA TERME — «Dedicato a chi

vedeva la Vigor già retrocessa; a chi troppo in fretta ci dava per spacciati. A tutti quelli che pensavano che la società lasciasse “morire” la nostra gloriosa squadra. Invece, siamo vivi e vegeti e ci adopereremo ancora di più per rafforzare la squadra e raggiungere una tranquilla salvezza per poi pensare alla prossima stagione da protagonisti». E’ un fiume in piena, Antonio Cantafio, co-presidente della Vigor Lamezia che esprime così grande soddisfazione all’indomani dell’exploit esterno di Avezzano. Sei punti nelle prime due giornate. Uno score da primato anche se domenica al “D’Ippolito” arriva la capolista... «Peccato per la sfortuna che ci ha attanagliati nel girone d’andata. Comunque adesso questa è la vera Vigor, e vedrete che anche contro il Cosenza ce la giocheremo e sono convinto che faremo risultato». Cos’è cambiato in queste settimane? «Intanto direi che gli acquisti si sono rivelati importanti. Sergi e Cacciaglia sono due ottimi elementi. Poi, oggi arriva anche Falco che, credetemi, è un grande giocatore. Ma io dico che aver recuperato giocatori come Lopetrone e Pascuccio, e fra poco anche Angotti, ha fatto fare il decisivo salto di qualità alla squadra. Adesso è importante continuare così, e toglierci subito dalla zona rossa e guardare al futuro con serenità».

Costa: dobbiamo disputare un grande girone di ritorno...

Andrea Costa

vo». Cos’è mancato in queste prime 19 giornate del torneo? «E’ facile dire che bisognava prestare più attenzione ed avere più cattiveria agonistica - ha detto Costa -. A Siena mi sembra sia stata fatta un partita buona sotto ogni punto di vista. Paghiamo situazioni ed episodi a noi sfavorevoli. Un po' di fortuna e di cattiveria in più in determinate situazioni non potranno che portarci punti necessari per la nostra salvezza». La svolta dovrà avvenire necessariamente dalla gara di sabato prossimoalGranillocontroilChievoVe-

rona, reduce dal successo sul Napoli. «Sarà un autentico spareggio - ha spiegato - considerato che il Chievo è una nostra diretta avversaria. Ma da qui alla fine del torneo dovremo disputare tutte le gare come se fossero delle sfide salvezza perché abbiamo bisogno di punti. Il prossimo avversario viene da una vittoria importante che sinceramente non mi aspettavo. Il Napoli, nonostante qualche difficoltà riscontrata in trasferta, è una squadra tosta, di blasone ed il Chievo, vincendo, ha dimostrato di essere in forma. Dovremo pertanto essere ancora più attenti e cattivi, per portare a casa i tre punti che saranno per noi fondamentali». Notiziario. Ripresa degli allenamenti ieri per la Reggina. La squadra è stata divisa tra campo e palestra, concludendo la sgambatura con una partitella su campo ridotto. Contro il Chievo sabato pomeriggio mister Pillon non potrà contare su Santos che oggi verrà squalificato per un turno dal giudice sportivo, mentre torna disponibile Tognozzi, il quale tuttavia a breve potrebbe accasarsi al Pisa. Nei prossimi giorni lo staff medico valuterà attentamente le condizioni degli infortunati Giosa, Cascione e Vigiani e quelle di Valdez, che contro il Siena è uscito anzitempo per un problema muscolare.

A MICROFONO APERTO di Antonio Latella

CHISTI SUNNU I PUPI razie Gianni, riprendiamo la linea. Lo facciamo per confermare, parola per parola, quanto hai avuto modo di dire sul futuro della Reggina. La tua analisi, impietosa per quanto possa sembrare, fotografa una realtà che si avvia, a grandi falcate, a tagliare il traguardo della delusione. C’era da aspettarselo dopo che il club di via delle Industrie ha vinto il Gpm dell’improvvisazione ed indossato la maglia nera del calciomercato della scorsa estate. Tutti, noi per primi, ci siamo illusi che gennaio avrebbe portato il solito aggiustamento. Al momento, però, non si intravede neanche quello. Ed allora, come diceva don Natale “chisti sunnu i pupi”. Come non ricordare questo spaccato della nostra gioventù che, Lillo Foti, per il fatto di essere molto più giovane di noi, non ha avuto la fortuna di accostarsi a questa realtà povera di mezzi, ma ricca di talento e di dignità. E quando il patron, per cullarsi sulle standing ovation, prometteva l’Europa, il popolo amaranto - di cui noi facciamo parte - invece di pronunciare la classica frase che rese celebre don Natale - cioè “cala” - ci siamo fatti coinvolgere dall’entusia-

G

smo fine a se stesso. Oggi sono venute meno anche quelle promesse che in passato ci infondevano fiducia e speranza. Non vogliamo fare i conti in tasca al Presidente. I guai della pentola li conosce solo il mestolo che gira la minestra. A Foti, al quale va il grazie per questi anni di grande esaltazione, non chiediamo di suicidarsi economicamente. Da lui gradiremmo conoscere come realmente stanno le cose. Una pretesa più che legittima, considerato che la società, negli ultimi anni, ha goduto del contributo pubblico (anche se sotto forma di sponsorizzazione) non solo dei reggini, ma di tutti i calabresi. La Reggina ha gravato sulle spalle dei contribuenti ed è giusto che Pantalone sappia del perché di questo tergiversare nel momento in cui il mercato consente il rafforzamento degli organici. Hai ragione, Gianni quando ipotizzi un domani senza futuro. Chiamateci pure disfattisti, ma solo chi non conosce la storia del calcio reggino può ancora porgere l'altra guancia all'illusione o far finta di niente mentre la nave, tra clamori, illusioni ed indifferenza, continua ad andare a picco.

Angela Latella

Il co-presidente biancoverde esprime così la grande soddisfazione dopo la vittoria esterna col Pescina e parla del derby di domenica: Cosenza attento!

La “dedica” di Cantafio: «A chi troppo in fretta ci dava per spacciati...» Derby Lamezia-Cosenza

Sopra, Mauro Ragatzu match-winner ad Avezzano. Domenica prossima però contro il Cosenza, l’attaccante biancoverde salterà il derby per squalifica. Qui, a fianco, il co-presidente Antonio Cantafio.

Di seguito pubblichiamo una nota dell’ufficio stampa della Vigor Lamezia in vista del derby col Cosenza. «Avendo riscontrato, nelle ultime gare interne di campionato, che s’è venuta a creare una disfunzione in ordine alla sistemazione dei colleghi che necessariamente devono lavorare con notebook o con altri sistemi di scrittura per la redazione dei loro pezzi, questo Ufficio ha inteso così organizzare la loro sistemazione: Box n°1 (laterale a sinistra): posto n° 1 Gazzetta del Sud: posto n° 2 Corriere dello Sport; posto n° 3 Il Domani; posto n° 4 Il Quotidiano; posto n° 5 Calabria Ora; posti nn° 6 e 7: eventuali inviati speciali di quotidiani posto n° 8 Rai Tg3. Box n° 2 (centrale 1) Posti n° 9–10 e 11 inviati di Calabria Tv: Box n°.3 (centrale 2): cameramen di Tg3 e Calabria Tv; Box n° 4 (laterale a destra). Cameramen altre tv. Prima fila posti tribuna (al lato destro della tribuna stampa) altri giornalisti e/o collaboratori di testate giornalistiche varie. Si rende altresì noto che, soltanto per la gara interna contro il Cosenza, non sono validi i tesserini “stampa” normalmente in uso; questo Ufficio, infatti, consegnerà l’elenco degli accrediti stampa agli addetti all’ingresso centrale allo stadio, così come comunicati anche al commissariato di Ps».

Derby col Cosenza. E il futuro prossimo si chiama Cosenza. Domenica, dunque, allo stadio comunale “D’Ippolito” arriva una sempre più lanciatissima capolista che scenderà in campo con la voglia di proseguire il suo grande cammino in testa al gruppo. E’ ovvio che la Vigor di Fofò Ammirata venderà cara la pelle sulla scia delle due vittorie consecutive maturate il questo avvio di girone. Ci sarà tempo e modo in settimana per parlare di questo primo derby calabrese per i biancoverdi nel girone discendente. Intanto, fonti attendibili confermano la volontà del Casms di vietare la trasferta ai tifosi rossoblù silani, in “sintonia” con quanto è accaduto fino ad oggi. Non è sclusa la diretta televisiva. Notiziario. Oggi la truppa biancoverde riprende la preparazione allo stadio provinciale “Carlei”. Per l’occasione si aggregherà al gruppo l’ultimo acquisto, Domenico Falco che, presumibilmente, dovrebbe esordire fin dal primo minuto proprio in occasione del derby di domenica. E questo, per via della scontata squalifica di Mauro Ragatzu. Il match-winner di domenica scorsa è stato, infatti, ammonito e quindi scatterà automaticamente il turno di stop imposto dal giudice sportivo. Nel raduno di oggi da vagliare soprattutto le condizioni del fantasista, Vincenzo Riccobono, infortunato e assente nel match contro il Pescina. Il programma settimanale prevede per domani la consueta doppia seduta del mercoledì alle ore 10,00 e alle ore 14,30 sempre presso lo stadio “Carlei”. Per giovedì, è prevista l’amichevole contro il Cortale. Il test infrasettimanale si disputerà allo stadio “D’Ippolito” alle 14,30 condizioni meteo permettendo. Altrimenti si giocherà al “Carlei”. Venerdì, una sola seduta pomeridiana e sabato la tradizionale rifinitura. Antonio Cannone


44 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPORT 2ª D I V I S I O N E

L’INTERVISTA L’analisi del tecnico Nicola Provenza all’indomani della vittoria contro il Manfredonia

«Tre punti conquistati con fatica» CATANZARO

CATANZARO — E’ mancato senza alcun dubbio il bel gioco, ma alla fine, domenica, contro il Manfredonia, il Catanzaro è riuscito a condurre in porto il suo diciannovesimo risultato utile consecutivo, bissando il successo pieno della domenica precedente sul campo dell’Aversa Normanna. Il 2009, allora, non poteva aprirsi meglio, alla luce, tra l’altro, che la compagine giallorossa, proprio domenica, ha agganciato al secondo posto della graduatoria il Gela, fermato in casa da un volitivo Monopoli. Risultato a parte (anche se poi è solo quello che conta), è pur vero che il Catanzaro non ha fornito una prestazione brillante. Tutto altro! Ne è del resto consapevole il tecnico Nicola Provenza, che, dal suo studio medico di Salerno (il lunedì è sempre un giorno lavorativo per il tecnico–medico), ha ribadito quanto asserito domenica, nell’immediatezza del dopo partita. In poche parole: il Catanzaro non è stato all’altezza delle precedenti esibizioni, incontrando qualche difficoltà. «In particolare nei primi quarantacinque minuti – ha sottolineato -; difficoltà, aggiungo, dovute all’interpretazione del modulo di gioco adottato, ma anche in considerazione del fatto che il Manfredonia ha confermato, come del resto avevamo previsto alla vigilia, di essere formazione con un assetto difensivo abbastanza collaudato e che tra l’altro, nel mercato in corso, ha rinforzato gli esterni d’attacco con l’innesto di ottimi calciatori, tra cui Sifonetti, che conosco molto bene. Diciamo che il Catanzaro ha fatto un po’ più di fatica a capitalizzare delle situazioni che avevamo preparato, soprattutto decentrando Caputo, ma inserendo Benincasa e Francesco Montella sugli esterni, che in due o in tre occasioni hanno avuto la possibilità di affondare, senza comunque riuscirvi». Il gol è arrivato comunque nel momento giusto. «E’ fuori di dubbio che la rete, giunta sul filo di lana del primo tempo, è stata un vero e proprio toccasana, perché ha consentito un pizzico di tranquillità per potere gestire al meglio la seconda frazione di gioco. Un secondo tempo che, comunque, ci siamo complicato, come del resto accaduto domenica scorsa ad Aversa, finendo col giocare dieci contro undici. Tutto sommato possiamo affermare che, contro i pugliesi, si è trattato di un test importante, atto a verificare, ancora una volta, il valore della squadra quanto a carattere.

“La squadra pugliese ha confermato di essere un’ottima formazione” LA DOMENICA di Orlando Rotondaro

UNA BUONA PROVA DI CONTINUITÀ CASALINGA R

Il tecnico giallorosso, Nicola Provenza

Visto l’esito del match, mi pare che la squadra abbia superato in pieno l’ennesimo esame. Aggiungiamo anche che siamo stati un po’ più brillanti rispetto al precedente incontro di Aversa: segno che fisicamente stiamo un po’ meglio, anche se ancora non al top». Forse anche per via dei carichi di lavoro ai quali è stata sottoposta la squadra nel corso della lunga pausa. «Avevamo messo in preventivo il tutto. In questa ottica vanno valutate alcune prestazioni in tono minore di qualche giocatore, anche se i carichi di lavoro si sono fatti sentire molto meno rispetto alla gara disputata la domenica precedente ad Aversa. Con ottimismo, possiamo allora evidenziare che gli stessi sono in fase di essere assorbiti al meglio in seno al gruppo. Del resto lo verificheremo domenica prossima in quel di Cassino». Mister, positività e negatività viste domenica? «C’è stato un momento dell’incontro in cui tatticamente non si è operato bene sugli esterni, con Frisenda e Bruno sulla sinistra, per non parlare anche che abbiamo isolato Falomi, non consentendo allo stesso di sfruttare quelle che sono le sue caratteristiche. Il nuovo entrato, in ogni caso, ha espresso in campo tanta buona volontà, dimostrando di essersi integrato al meglio in questo gruppo, fornendo, in particolare nella parte finale del match, una prestazione di grande abnegazione, andando a contrastare, quanto siamo rimasti in

inferiorità numerica, i vari portatori di palla. Diciamo quindi molto bene sul piano della volontà, un po’ di meno su quello della lucidità del gioco, da parte della squadra in genere, non quindi del ragazzo. Desidererei evidenziare, inoltre, la prestazione di Benincasa, straordinario in alcune fasi difensive. Come poi ribadito in altre circostanze, in questo girone di ritorno sarà difficile assistere ad incontri con un gioco sempre lineare, proprio perché la posta in palio incomincia ad essere pesante per tutte quante le formazioni. Poi, per dirla proprio tutta, non vanno dimenticati i punti conquistati dal Catanzaro la passata stagione agonistica: quarantatre, contro gli attuali trentanove, frutto di diciannove gare disputate. Ritengo che questo dato deve pure significare qualcosa». E’ tempo di chiudere la consueta settimanale conversazione telefonica, anche perché il dottore è alle prese con i suoi pazienti. Una ultima domanda, però, è quasi d’obbligo. Come si orienterà il mercato del Catanzaro, dopo gli innesti di Falomi e Pippa? «In piena sintonia con la società, si dovrà esclusivamente pensare ad una riduzione numerica dell’organico in atto, oltre che ad un alleggerimento del budget economico. Tutto qui! E’ chiaro che saranno valutate con una certa oculatezza alcune situazioni, considerato che esiste tutto il necessario tempo per farlo». Mario Mirabello

NOTIZIARIOOggi la ripresa della preparazione. Da verificare le condizioni dell’attaccante

Corapi rientra nel gruppo Ancora in dubbio Montella CATANZARO — Riprenderà nel pome-

riggio di oggi al “PalaGiovino” la preparazione del Catanzaro in vista del prossimo impegno di campionato, che vedrà domenica prossima la formazione giallorossa ospite sul campo del Cassino. Si dovranno verificare, in particolare, le condizioni dell’attaccante Antonio Montella, che domenica scorsa ha dovuto dare forfait alla gara disputata contro il Manfredonia, per via di una lombo sciatalgia. Per quanto concerne, invece, il difen-

sore Ivano Ciano, lo stesso proseguirà, ancora per una settimana, la terapia riabilitativa in quel di San Lucido, mentre per Francesco Corapi, quella che inizierà oggi, sarà una settimana importante, in quanto dovrebbe proseguire la preparazione in seno al gruppo. All’appello di oggi pomeriggio non risponderanno presenti il secondo portiere Parisi ed il difensore De Franco. I due giovani calciatori, infatti, sono stati convocati dai selezionatori Ve-

neri e Ripari per partecipare al tradizionale quadrangolare invernale under 21, che si svolgerà da oggi a giovedì in Toscana, più precisamente sui campi di Poggibonsi e Colle Val d’Elsa ed al quale parteciperanno le selezioni dei gironi A e B della Prima Divisione, quelle dei raggruppamenti A, B e C della Seconda Divisione, oltre ad una selezione under venti di Lega Pro. Mar. Mir.

itorna il sole sul Ceravolo di Catanzaro ma non i tifosi se non quelli che l’amore per i giallorossi ce l’hanno nel Dna. Ritorna il sole e il Catanzaro ricomincia a vincere in casa dove non vinceva dal lontano 30 novembre 2008 (Catanzaro- Barletta 2 a 1). Ma non è stata una bella partita come forse tutti si aspettavano dopo la vittoria di Aversa. In un certo senso si potrebbe affermare che si è notato una certa involuzione di gioco nella formazione mandata in campo da Provenza che ha cercato, senza successo, un nuovo modulo di gioco con un 4-3-3 in cui Caputo è stato relegato sulla fascia destra, una posizione che per un calciatore come lui è forzata. “Faccio quello che dice l’allenatore - dirà a mente calda Caputo”. Ma è evidente che è una posizione che non gradisce tant’è che Provenza, acuto osservatore delle partite, nella ripresa è corso ai ripari ritornando ad un più logico 4-4-2 con Caputo a giocare nella fascia centrale del rettangolo di gioco e con un centrocampo più adeguato. Diciamo subito, a scanso di equivoci, che le nostre osservazioni sono da giornalista e che, comunque, vanno rispettate le decisioni del tecnico che ha già ampiamente dimostrato di saperci fare sulla panchina e fuori anche se è diviso con la sua professione di medico. A proposito abbiamo chiarito con l’interessato che però alla nostra domanda se si sente più allenatore di calcio o medico non ha risposto girando alla larga come era logico prevedere. Resta il fatto che Provenza è un ottimo allenatore e quasi certamente sarà pure un buon medico vista la sua predisposizione a fare tutto nel migliore dei modi. Ritornando al Catanzaro visto

domenica su un campo decisamente migliore di quello della partita col Noicattaro, c’è da dire che si è sentita molto l’assenza di Zaminga che a centro campo “calamita” innumerevoli palloni, ne si è visto un sostituto più o meno bravo. Una lacuna, questa, che forse andrebbe colmata visto che il campionato è ancora lungo e che la formazione di Provenza senza un centrocampista di valore stenta a farsi valere in attacco nonostante la buona volontà del neo attaccante Falomi e del rientro di Frisenda. Primo tempo da cancellare? Sì sino al 47 ° quando il solito Caputo ha insaccato di testa su preciso assist di Frisenda. Eppure l’avversario non era, almeno sulla carta, temibile. Invece il Manfredonia che in trasferta ha segnato solo un goal è andato vicino alla seconda marcatura proprio contro la seconda difesa del girone. E’ evidente, dunque, che c’è qualcosa che non va per cui il buon Provenza certamente correrà ai ripari a cominciare dalla prossima trasferta di Cassino dove dovrà fare a meno del validissimo Di Maio espulso per cercare di frenare un avversario che era prevalso sull’indeciso Montella. Ed a tale proposito ci siamo chiesti perché non lo sostituisse visto che non era in giornata e Provenza ha così risposto” è giovane ed ha bisogno di giocare per acquisire esperienza”. Siamo d’accordo col tecnico ma solo in parte perché quando la squadra arranca come domenica riteniamo sia un grave errore lasciare in campo un calciatore incerto. Ma sono solo sfaccettature di una faccenda che è finita bene segno che qualcosa sta girando in favore di questa squadra che ora è seconda. Ed il duello, e che duello, continua.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 45

SPORT 2ª D I V I S I O N E

Aumentano sempre di più le quotazioni della capolista dopo la vittoria del derby contro la Vibonese

E’ un Cosenza inarrestabile COSENZA

COSENZA — Il derby che si è disputato domenica fra Cosenza e Vibonese ha detto ancora, se ce ne fosse stato bisogno, quali sono le caratteristiche del Cosenza di Mimmo Toscano. Il Cosenza non è una squadra spettacolare, ma a questo i tifosi hanno fatto il callo. Se si aspettano di andare al San Vito e di vedere una squadra che sciorina calcio in modo eccezionale, allora è meglio che decidano di restare in casa e passare la domenica a guardare la tv, magari per vedere una delle squadre impegnate nella serie A o nei campionati esteri. Se invece vogliono vedere una squadra che non molla mai e che si fa piccola con le piccole e grande con le grandi, allora crediamo che una capatina sugli spalti di via degli Stadi i tifosi debbano farla. Ebbene si, la sensazione è proprio questa. Il Cosenza è grande con le grandi ma sa tirare fuori il caratteri e i valori da provinciale quando si trova al cospetto di formazioni che magari, tecnicamente, sono messe meno bene. E’ indubbio che domenica al San Vito si sono affrontate due formazioni completamente differenti da un punto di vista tecnico, ma ci permettiamo di sottolineare che tatticamente abbiamo preferito la disposizione in campo della Vibonese di Galfano. Una squadra che ha avuto il demerito di non avere un attaccante che potesse mettere in difficoltà la re-

2ª D I V I S I O N E

VIBONESE

Utili gli innesti di Battisti e Mortelliti. Giocatori di categoria superiore

A sinistra la gioia dei calciatori del Cosenza dopo un gol. Qui a fianco, Mortelliti autore della seconda rete nel derby di domenica contro la Vibonese.

troguardia silana. A parte un’occasione (minuto quarantuno con Melis davanti al portiere di casa) gli avanti vibonesi non sono riusciti ad essere pericolosi e forse questa è l’unica pecca che possiamo trovare alla squadra di Galfano. Poco peso in avanti, un problema reso ancora più evidente dall’infortunio a Taua su cui la società aveva molto puntato dopo la partenza di Mastrolilli. Il Cosenza invece è un’altra cosa. Dove non arriva la

buona vena delle punte, arrivano i centrocampisti che hanno ottima capacità di inserimento e che sanno farsi trovare pronti ad ogni occasione. I nuovi acquisti hanno fatto fare sicuramente un salto di qualità dal punto di vista del gioco: Battisti in mezzo al campo è un giocatore che corre, recupera palloni e costruisce; Mortelliti ha una classe degna di palcoscenici differenti; Ramora è un giocatore discontinuo, cosa che non gli ha con-

sentito di fare il salto di qualità definitivo dopo le esperienze in Olanda e le presenze in coppa Uefa, ma certo un ottimo elemento in una rosa dove gli uomini di qualità trovano sempre posto. Una nota critica però va segnalata: a nostro modesto parere al Cosenza serve un attaccante in più. In giornate come quella di domenica la necessità di un calciatore che sappia fare reparto da solo si sente. Un calciatore che sappia anche

essere un’alternativa a Polani e Galantucci i quali non potranno tenere in alto per tutto il resto della stagione il reparto. Forse uno sforzo in più si potrebbe fare e chi sa che l’ingresso di un nuovo socio in seno alla società (annunciato ieri dal presidente Paletta ai microfoni di Rlb) non possa essere il mezzo per arrivare economicamente a qualche nome importante.

La sconfitta del San Vito ha messo in mostra i mali del reparto. Società sul mercato

la in gol. E, come se non bastasse, l’essere costretta a fare a meno di uno dei suoi uomini migliori, Bianciardi, che deve uscire dal campo in ambulanza tra gli applausi dello sportivo pubblico cosentino. Questa è la storia del derby tra Cosenza e Vibonese, la storia di un altro derby monco e falsato, per quanto riguarda il supporto del tifo, per ordini superiori. Intanto, la giornata di lunedì, abitualmente dedicata al riposo, non lo è stato per la dirigenza rossoblù e il suo allenatore, in frenetica attività per recuperare sul mercato quel che manca alla squadra. Nella tarda serata, poi, Consiglio d’amministrazione della società per fare il punto della situazione e vagliare tutte le ipotesi messe in campo per dare alla squadra quel che necessita. La tensione è alta, da indiscrezioni par di capire che tra i dirigenti vi è una sorta di malcontento per come si sta evolvendo la situazione (anzi, per meglio dire, non si sta evolvendo con troppe promesse non ancora mantenute). Insomma, sul fronte del mercato sembrano prevalere più malumori che speranze. E’ un momento delicato che impone decisioni delicate in questa fase del torneo… ma il futuro, è inutile negarlo, della Vibonese parte proprio da qui.

La Vibonese penalizzata dalla carenza di attaccanti

VIBO VALENTIA — Era già tutto

scritto. Perché diversamente non poteva essere. La capolista Cosenza, rafforzatasi ulteriormente con i regali della Befana, affrontava la “baby Vibonese”, incerottata ed incompleta, padrona assoluta del proprio stadio, per decreto inibito ai vibonesi. Era già tutto previsto, ma non che la Vibonese uscisse a testa alta la Vibonese dal San Vito, perché, anche se il miracolo di Galfano stavolta non si è compiuto, la sua banda ha tenuto testa alla corazzata Cosenza, non solo reggendo per un intero tempo, ma addirittura impensierendo la capolista con un finale di primo tempo durante il quale le sue manovre aggiranti hanno fatto tremare gli uomini di Toscano. Il fatto è che il Cosenza 2009 è ancora più forte di quello che già ha chiuso in testa il girone d’andata con in nuovi arrivati che sono di qualità superiore, veri lussi per questa categoria. Eppure, se ap-

Mister Angelo Galfano

BONANNO dalla prima In Seconda divisione è l’unica calabrese rimasta a bocca asciutta. Inevitabile quando ci si confronta in un derby. Inevitabile, forse, pure questa sconfitta per la quale non è il caso di drammatizzare, per diversi motivi. Perché perdere in casa della capolista ci può stare. Perché giocare con i propri tifosi costretti a casa è un ulteriore handicap. Perché la Vibonese arrivata a Cosenza era incerottata ed incomple-

ta, senza un intero reparto: l’attacco. Perché dal mercato di gennaio che tante promesse ha offerto, finora non sono arrivate le risposte sperate. Eppure, malgrado tutte queste attenuanti che renderebbero la sconfitta un episodio da archiviare velocemente, vi è il rischio che qualcuno voglia mestare nel torbido creando ad arte tensioni che finora non ci sono state e mettendo a repentaglio il lavoro i Angelo Galfano che, al momento guardando la classifica, appare come un miracolo. Ed è un miracolo quel-

pena si comincia è il Cosenza a menare le danze, viene fuori la Vibonese dopo la mezzora: ruba l’iniziativa ai padroni di casa e prova a farsi sotto confezionando un paio di occasioni che avrebbero meritato migliore fortuna. E così, si chiude il primo tempo e la “baby Vibonese” dimostra una personalità al di sopra di ogni aspettativa reggendo il confronto contro un’armata da far tremare i polsi a ben più esperte formazioni. Ma i lupi sono affamati ed al ritorno in campo si presentano carichi, alla ricerca della vittoria. E in questo momento che i giovanotti di Galfano accusano il colpo, subiscono l’uno-due del Cosenza e si giocano la partita. Ancora una volta, però, sono gli episodi a punire la Vibonese: la punizione di Braca e le solite distrazioni difensive in occasione del primo gol; il tiro di Polani che, rimpallato, finisce a Mortelliti che non può esimersi dal metterlo che si sta compiendo a Lamezia Terme. La Vigor torna dalla Valle del Giovenco con una vittoria per la quale non molti avrebbero accettato scommesse. Inanella la sua seconda vittoria consecutiva e lancia un chiaro messaggio a tutto il campionato, a quanti troppo in fretta avevano già condannato i biancoverdi. La vittoria sul Pescina, considerata la caratura dell’avversario e il fatto che si giocava in casa loro, rilancia alte le quotazioni degli uomini di Ammirata ancora in attesa di rafforzarsi per come il mago Donnarumma saprà fare. Ri-

Carmelo Grandinetti

Maurizio Bonanno

mangono le battistrada, Cosenza e Catanzaro. Il Cosenza, con gli ultimi colpi di mercato, è già riuscito nell’impresa incredibile di rafforzare una squadra che già com’era guidava il torneo. Il Catanzaro non molla un centimetro, rimane la squadra imbattuta e, a sentir parlare il proprio tecnico, non è ancora al meglio delle sue possibilità. Cosa aspettarci di più dai giallorossi? Ci sarà ancora di che divertirsi con il calcio calabrese! Maurizio Bonanno


46 Martedì 20 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPORT Il presidente del Comitato Provinciale di Catanzaro, Tony Sgromo, traccia un bilancio del 2008

«Anno ricco di entusiasmo» «I bambini possono avvicinarsi alla sana attività fisica giocando» CATANZARO — Il 2008 del Coni, Comitato Provinciale di Catanzaro, è stato un anno ricco di entusiasmo ed avventure tutte sportive, con un risvolto umano che ha dell’inverosimile. Ad aprire le danze, subito dopo le vacanze natalizie, i tornei di calcio “Epifania” e “Carnevale” Cas, sempre realizzati col fine aggregativo che da sempre il Coni sposa e che ha coinvolto i piccoli amici. Da febbraio ad aprile, poi, il passo è breve e l’attività del Coni entra subito nel vivo con i “Giochi della Gioventù”, tanto attesi anno dopo anno dagli studenti di numerosi Istituti scolastici della Provincia di Catanzaro. Aggregazione è l’unica parola che racchiude il significato profondo dei “Giochi della Gioventù”! Aldilà delle polemiche e delle incomprensioni, lo sport è nato per unire e non per separare, e questo è lo scopo non solo del Coni, ma di tutti quelli che hanno a cuore il bene dei ragazzi e da sempre si adoperano per avvicinarli alla salute attraverso qualsiasi attività sportiva. Le classi designate per partecipare ai giochi, hanno sostituito le lezioni ordinarie, con un po’ di sano e sempre importante sport. Nati proprio per promuovere l’attività sportiva sin dalle fondamenta, i “Giochi della Gioventù”, formula “nessuno escluso”, hanno come obiettivo la socializzazione tra giovani delle scuole secondarie di primo grado. Lo spirito giusto per ottenere successo, perché alla fine, l’importante è vedere centinaia di ragazzini giocare e divertirsi, soddisfatti al solo pensiero di partecipare e non di vincere. Fratello minore dei “Giochi della Gioventù”, quasi contemporaneamente, si è svolto, per il terzo anno consecutivo, il “Giocosport”, il primo approccio alle attività sportive. I bambini delle scuole elementari grazie al “Giocosport”, hanno potuto avvicinarsi alla sana attività fisica divertendosi, senza pensare a chi avrebbe vinto, perché tutti, nel pieno spirito del Coni, sono stati premiati ad ogni tappa. Quello che è importante è che grazie al “Giocosport” si parte sin dalla base ad educare al benessere ed alla sana competizione, e si inserisce nelle scuole primarie, che rappresentano le fondamenta della società, sempre più lo sport ed i suoi valori! «Divertirsi e socializzare! Questi i due principali intenti che vuole ottenere il “Giocosport” – sottolinea il presidente del Coni Provinciale di Catanzaro, Antonio Sgromo – I bambini possono avvicinarsi alla sana attività fisica giocando ed entrando inconsapevolmente in quel circuito sportivo che ne condizionerà in maniera duratura lo stile di vita! Oggi è molto importante partire sin dalla base ad educare al benessere ed alla sana competizione, per questo motivo è nato il “Giocosport”, per inserire nelle scuole primarie, che rappresentano le fondamenta della società, sempre più sport!». I “Giochi della Gioventù” ed il “Giocosport”, sono il ponte che ogni anno conduce a quella grande festa che è la “Giornata Nazionale dello Sport”. Da sempre celebrata la prima domenica di giugno, la “Giornata Nazionale dello Sport”, che nel 2009 vedrà la sua 6ª edizione, è stata anticipata dal claim “Imprese olimpiche di ogni giorno”, proprio per sottolineare l’importanza delle Olimpiafi, non solo sportive, cui ognuno di noi, partecipa sempre. La kermesse nasce come opportunità per chiunque di praticare lo sport preferito, presentato nelle sue caratteristiche elementari dai più piccoli, che da poco lo hanno conosciuto, e dagli atleti che lo praticano da anni.

Alcune delle diverse attività organizzate dal Coni Provinciale di Catanzaro durante il 2008

disposizione del Coni. Novità del 2008, la presenza dei professori e dottorandi dell’Università Magna Graecia, facoltà di Scienze Motorie, supervisionati da Antonio Ammendolia, che hanno eseguito sui ragazzi dei test, per valutarne lo sviluppo fisico. La pausa estiva porta diritta alla 7ª edizione del “Memorial Verdoliva” che da due anni è il protagonista assoluto dell’autunno. Nuova formula per il 2008 che ha coinvolto i piccoli protagonisti calcistici della Provincia di Catanzaro, avvicinando, così, alla manifestazione, anche le famiglie dei giocatori. In ricordo di quel grande giocatore e profondo educatore, che è stato Francesco Verdoliva, il memorial, suddiviso in quattro giornate, ha visto divertirsi numerosi bambini, che non hanno pensato neanche per un istante al trofeo, ma solo a divertirsi. Per realizzare ogni singolo progetto del Coni, il Comitato Provinciale di Catanzaro, si è avvalso della collaborazione di persone fonda-

Lo scopo di questa iniziativa, difatti, è quello di rendere più sensibile l’opinione pubblica sulla validità e sui vantaggi che la pratica sportiva apporta in termini di benessere e forma fisica, recuperando i veri valori dello sport, che spesso vengono dimenticati, a favore dell’agonismo esacerbato, volto solo al raggiungimento della vittoria ed alla sconfitta dell’avversario. Il fiore all’occhiello de Comitato Provinciale di Catanzaro de Coni, tuttavia, resta il “Villaggio Globale”, raduno Cas, fortemente voluto e sostenuto dal Presidente Antonio Sgromo. Tre giorni interamente dedicati alle attività sportive rappresentate dalle tutte le Federazioni presenti, durante i quali, oltre che a praticare lo sport del cuore i centinaia di bambini presenti, si sono potuti divertire, cimentandosi in questa o quell’altra disciplina oppure godendosi appieno tutte gli svaghi che il Villaggio “Faro Punta Stilo” di Guardavalle Marina da anni mette a

mentali: il segretario Santo Senese, il professore Franco Fratto, coordinatore del settore tecnico, i professori Pino Luciano, Antonio Badolato, Paola Casentino, Totò Cardamone ed Enzo Failla, membri della giunta ed i loro collaboratori, dottoressa Lidia Fratto, Fabio e Raffaele Lo Prete, Giuseppe Senese e tutti gli studenti di Scienze Motorie che vi hanno aderito. A chiudere il lungo anno, una grande kermesse, la “Festa Provinciale dello Sport di Catanzaro”, durante la quale sono stati premiati i più meritevoli, fra cui l’indispensabile Santo Sense e quelli che nel praticare il loro sport o nel compiere il proprio lavoro si sono distinti dagli altri. Presenti alla festa tutti i protagonisti, ma soprattutto, tutti i rappresentanti Istituzionali, quali Wanda Ferro, Rosario Olivo e Danilo Gatto, che nel 2008, assieme al Coni, Comitato Provinciale di Catanzaro, agli allenatori ed agli atleti, si sono resi indispensabili per la realizzazione di ciascun progetto.

Da febbraio ad aprile l’attività entrerà subito nel vivo con gli Istituti scolastici della Provincia impegnati nei “Giochi della Gioventù”


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPETTACOLI-TV

T&P Editori, Mediatag e Manolibera declinano ogni responsabilità in relazione a cambiamenti nei palinstesti, i quali vengono rilevati da Internet, seppure su siti ufficiali

RAIDUE

RAIUNO 06:00 ATTUALITÀ Euronews 06:05 RUBRICA Anima Good News 06:10 TELEROMANZO Incantesimo 9 06:30 Tg 1 06:45 ATTUALITÀ Unomattina 07:00 Tg 1 07:30 Tg 1 L.I.S. 07:35 Tg Parlamento 08:00 Tg 1 08:20 Tg 1 Le idee 09:00 Tg 1 09:30 Tg 1 Flash 10:00 RUBRICA Verdetto Finale 10:50 RUBRICA Appuntamento al cinema 11:00 RUBRICA Occhio alla spesa 11:25 PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 11:30 Tg 1 12:00 GIOCO La prova del cuoco 13:30 Telegiornale 14:00 Tg 1 Economia 14:10 RUBRICA Festa italiana 16:15 ATTUALITÀ La vita in diretta 16:55 Tg Parlamento 17:00 Tg 1 17:10 PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 18:50 QUIZ L'Eredità 20:00 Telegiornale 20:30 GIOCO Affari tuoi 21:10 VARIETÀ Dimmi la verità 23:15 Tg 1 23:20 ATTUALITÀ Porta a Porta 00:55 Tg 1 Notte 01:25 PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 01:30 RUBRICA Appuntamento al cinema 01:35 RUBRICA Sottovoce 02:05 RUBRICA Rai Educational in Italia 02:40 Superstar 03:10 FILM Due Bianchi Nell'Africa Nera 04:40 FILM TV Il Mondo Di Yor 05:45 ATTUALITÀ Euronews

06:00 ATTUALITÀ Rai News 24

06:00 Tg 5 Prima pagina

06:15 DOCUMENTARIO Tesori in

08:15 RUBRICA La storia siamo noi

08:00 Tg 5 Mattina

fondo al mare 06:40 Tg 2 Medicina 33

R. CALABRIA Touring 104.4, 103.7, 101.1 Energie 90.00 Radio DJ Club Studio 54 101.8 - 102.9 (Jonio CatanzaroCrotone, 102 - 106.3; Tirreno, 106.5)

COSENZA Sound 100.600, 98.700 (a Vibo, 96.8, /101.1; a Catanzaro, 101.2/ 96.800/107.6; a Lamezia, 96.8/91.6; costa tirrenica, 101; costa ionica, 98.7; Cosenza, 100.6/98.7 Castrovillari, 97.0 Crotone, 101.0/107.6; Reggio Calabria e Messina, 94.3

09:20 RUBRICA Cominciamo bene

06:55 RUBRICA Quasi le sette 07:00 RUBRICA Cartoon Flakes 09:45 RUBRICA Tracy & Polpetta 10:00 Tg2punto.it 11:00 TALK SHOW Insieme sul Due 13:00 Tg 2 Giorno 13:30 Tg 2 Costume e società 13:55 Tg 2 Medicina 33 14:00 MUSICALE X Factor

10:00 RUBRICA Cominciamo bene

10:00 Tg 5

12:00 Tg 3

10:05 ATTUALITÀ Mattino Cinque

12:25 TG3 Punto donna

11:00 RUBRICA Forum

12:45 ATTUALITÀ Le storie Diario italiano 14:00 Tg Regione

14:05 REAL TV Grande Fratello

14:20 Tg 3

14:10 TELEROMANZO CentoVetrine

14:50 RUBRICA TGR Leonardo

14:45 TALK SHOW Uomini e donne

15:00 RUBRICA TGR Neapolis

16:15 REAL TV Amici

15:10 Tg 3 Flash LIS

16:15 TALK SHOW Ricomincio da

15:15 RUBRICA Trebisonda

17:20 TELEFILM Law & Order I due volti della giustizia 18:05 Tg 2 Flash L.I.S.

16:55 ROTOCALCO Pomeriggio Cin-

17:00 GIOCO Cose dell'altro Geo

18:00 Tg5 minuti

17:55 Meteo 3

18:05 ROTOCALCO Pomeriggio Cin-

18:00 TELEGIORNALE Speciale

que

TG3

18:30 Tg 2

19:00 Tg 3

19:00 REAL TV X Factor

19:30 Tg Regione

19:35 TELEFILM Squadra speciale

20:00 ATTUALITÀ Blob

18:50 QUIZ Chi vuol essere milionario? 20:00 Tg 5 20:30 TG SATIRICO Striscia la notizia

Cobra 11

20:10 TELEROMANZO Agrodolce

20:25 Estrazioni del Lotto

20:35 TELEROMANZO Un posto al sole

20:30 Tg 2 20.30 23:00 Tg 2 23:15 DOCUMENTI Un paese chiamato Po 00:15 RUBRICA Andrea Bocelli di

01:20 TELEFILM Weeds 02:05 FILM The Badge

Cosenza centrale 94.100, 104.00 Tir Rossano 95.350 Radio Cosenza Nord 102.000; 98.400 Radio Punto Nuovo 91.800 Sibari, Corigliano - 103.000 Paola, Amantea, Tropea - 91.500 Costa Tirrenica, Cosentina

CROTONE Nove Nove Network 99.00

CATANZARO Radio Amore 94.6;106.5 Radio Valentina 96.100; 100.600 104.8 Radio Squillace 92.00

VIBO VALENTIA Radio Onda Verde 92.200; 98,00

02:00 TG SATIRICO Striscia la notizia

23:20 TALK SHOW Parla con me

La voce della supplenza

00:00 Tg 3 Linea notte 00:10 Tg Regione

02:30 TELEVENDITA Mediashopping

01:00 RUBRICA Appuntamento al ci-

02:45 REAL TV Amici

nema

03:30 TELEVENDITA Mediashopping

01:10 RUBRICA Un mondo a colori 01:40 MUSICALE Prima della Prima 02:10 ATTUALITÀ Fuori orario. Cose (mai) viste Eveline 02:15 ATTUALITÀ Rai News 24

03:40 REALITY SHOW Grande Fratello 04:15 TELEFILM Squadra emergenza 05:30 Tg 5 Notte

LA 7 06:00 Tg La7 07:00 ATTUALITÀ Omnibus 09:15 ATTUALITÀ Omnibus Life 10:10 TELEGIORNALE Punto Tg 10:15 RUBRICA Due minuti un libro 10:20 RUBRICA Movie Flash 10:25 TELEFILM Il tocco di un angelo 11:25 RUBRICA Movie Flash 11:30 TELEFILM Matlock 12:30 Tg La7 12:55 NEWS Sport 7 13:00 TELEFILM L'ispettore Tibbs 14:00 FILM Anna dei Miracoli 16:00 RUBRICA Movie Flash 16:05 TELEFILM MacGyver

17:05 ATTUALITÀ Speciale Tg La 7 19:00 TELEFILM Cold Squad 20:00 Tg La7 20:30 ATTUALITÀ Otto e mezzo 21:30 TELEFILM Relic Hunter 00:05 TELEFILM Dirt 01:05 Tg La7 01:25 RUBRICA Movie Flash 01:30 ATTUALITÀ Otto e mezzo 02:25 TELEFILM Star Trek: Deep Space Nine 03:25 TELEFILM Alla corte di Alice 04:25 RUBRICA Due minuti un libro 04:30 ATTUALITÀ CNN News

RADIO RADIOUNO 6,08 Italia , istruzione per l’uso 7,34 Questioni di soldi 8,35 Golem 9,08 Radio anch’io 10,06 Il bacio del milennio 12,00 Come vanno gli affari 12,36 Radioacolori 14,08 Con parole mie 15,06 Ho perso il trend 16,06 Baobab 17,00 Come vanno gli affari 19,23 Ascolta si fa sera 19,33 Zapping 21,03 Zona Cesarini - Musica Club 22,34 Uomini e camion 0,38 la notte dei misteri 2,02 Non solo verde/Bella Italia RADIODUE 6,00 Incipit 6,01 Il cammello di radio 2 8,45 Una strana coincidenza. Storia per la radio 9,00 Il ruggito del coniglio 11,00 3131 Chat 12,00 Il cammello di radio 2 15,00 Acquario «I topi ballano» 16,00 Il cammello di radio 2 16,35 Top 10 Singles 18,00 Caterpillar 19,00 Fuori giri 20,00 Al-

21:10 SERIE TV RIS 5 Delitti imperfetti

01:30 Tg 5 Notte

21:10 ATTUALITÀ Ballarò

04:00 RUBRICA Prove tecniche di trasmissione

La voce della supplenza

23:30 ATTUALITÀ Matrix

21:05 Tg 3

musica 01:10 Tg Parlamento

que

17:10 RUBRICA Geo & Geo

18:10 NEWS Rai Tg Sport

21:05 MINISERIE Coliandro

13:00 Tg 5 13:40 SOAP OPERA Beautiful

13:05 TELENOVELA Terra nostra

14:45 RUBRICA Italia allo specchio qui

08:40 ATTUALITÀ Mattino Cinque 09:55 REAL TV Grande Fratello

Prima

06:50 RUBRICA Agenzia RiparaTorti

F R E Q U E N Z E Studio 55 diffusion 98.700, 87.500

09:15 RUBRICA Verba volant

le otto della sera. Il racconto delle cose e dei fatti 20,37 Dispenser 20,50 Il cammello di radio 2 22,00 Boogie nights 24,00 Il pittore 2,01 3131 Chat 2,50 Alle otto della sera (replica) RADIOTRE 6,00 Mattinotre - Lucifero 7,15 Radio Tre Mondo 9,01 Mattinotre 10,00 Radio Tre Mondo 10,30 Il sigillo di Luffenbach 10,50 I concerti di mattinotre 11,40 Arrivi e partenze 11,45 La strana coppia 12,15 Tournèe 12,30 La musica di domani 13,00 La Barcaccia 14,00 Fahrenheit 14,10 Diario Italiano 14,30 Invenzioni a due voci 18,00 Cento lire 18,15 Invenzioni a due voci 19,03 Hollywood party 19,50 Radiotre Suite 20,00 Teatro giornale 20,30 Concerto dell’orchestra del teatro comunale di Bologna 23,30 Storia alla radio 24,00 Notte classica

06:50 CARTONI ANIMATI Doraemon 07:05 CARTONI ANIMATI Vipo 07:20 CARTONI ANIMATI Le avventure di Piggley Winks 07:50 CARTONI ANIMATI Alla ricerca della valle incantata 08:15 CARTONI ANIMATI Casper 08:30 CARTONI ANIMATI Scooby Doo 09:00 SITUATION COMEDY La tata 09:30 TELEFILM Ally McBeal 10:20 SITUATION COMEDY Will & Grace 10:50 SITUATION COMEDY E alla fine arriva mamma! 11:20 TELEFILM Friends 12:15 RUBRICA Secondo voi 12:25 TELEGIORNALE Studio Aperto 13:00 NEWS Studio Sport 13:40 CARTONI ANIMATI What's My Destiny Dragon Ball 14:05 CARTONI ANIMATI Tutti all'arrembaggio! 14:30 CARTONI ANIMATI I Simpson 15:00 TELEFILM Paso Adelante 15:50 TELEFILM Smallville 16:40 SITUATION COMEDY Drake & Josh 17:10 CARTONI ANIMATI Spiders Riders 17:30 CARTONI ANIMATI My Melody sogni di magia 18:05 CARTONI ANIMATI Twin Princess Principesse Gemelle 18:30 TELEGIORNALE Studio Aperto 19:00 NEWS Studio Sport 19:35 SITUATION COMEDY Tutto in famiglia 20:05 SITUATION COMEDY Camera Café Ristretto 20:15 SITUATION COMEDY Camera Café 20:30 GIOCO La ruota della fortuna 21:10 SERIE TV Merlin 23:00 TELEFILM Journeyman 23:55 SHOW Chiambretti Night 01:25 NEWS Studio Sport 01:30 MUSICALE Talent 1 Player 01:50 TELEGIORNALE Studio Aperto La giornata 02:05 REALITY SHOW Talent 1 Player 02:25 TELEVENDITA Shopping By Night 02:40 SERIE TV Rescue Me 03:35 TELEVENDITA Shopping By Night 03:50 FILM Una cometa a Los Angeles 05:10 NEWS Studio Sport

MTV 07:00 MUSICALE Wake Up! 09:00 MUSICALE Pure Morning 11:30 GIOCO Lovetest 12:30 MUSICALE Chart Blast 13:30 SHOW Brooke Knows Best 14:00 REAL TV Room Raiders 14:30 GIOCO Next 15:00 MUSICALE TRL Total Request Live 16:00 TELEGIORNALE Flash 16:05 MUSICALE My Video 17:00 TELEGIORNALE Flash 17:05 MUSICALE Into the Music 18:00 TELEGIORNALE Flash

18:05 SHOW Made 19:00 TELEGIORNALE Flash 19:05 MUSICALE Chart Blast 20:00 TELEGIORNALE Flash 20:05 SITUATION COMEDY Kebab For Breakfast 21:00 CARTONI ANIMATI Nabari 21:30 CARTONI ANIMATI Full Metal Panic 22:00 TELEFILM Death Note 22:30 TELEGIORNALE Flash 22:35 TALK SHOW Very Victoria 00:00 MUSICALE Lazarus: The Soundtrack 00:30 MUSICALE Brand: New

IL FILM DI OGGI

RETE 4

ITALIA 1

CANALE 5

06:00 VARIETÀ Scanzonatissima

R A D I O MESSINA

RAITRE

il Domani Martedì 20 Gennaio 2009 47

06:35 TELEVENDITA Mediashopping 07:10 TELEFILM Quincy 08:10 TELEFILM Hunter 09:00 TELEFILM Nash Bridges 10:10 SOAP OPERA Febbre d'amore 10:30 TELENOVELA Bianca 11:30 Tg 4 Telegiornale 11:40 SOAP OPERA My Life 12:40 TELEFILM Un detective in corsia 13:30 Tg 4 Telegiornale 14:00 SHOW Pomeriggio con Retequattro 14:05 RUBRICA Sessione pomeridiana: il tribunale di Forum 15:00 TELEFILM Wolff un poliziotto a Berlino 15:55 SOAP OPERA Sentieri 16:10 FILM Pomeriggio al cinema Per pochi dollari ancora 18:35 SOAP OPERA Tempesta d'amore 18:55 Tg 4 Telegiornale 19:35 SOAP OPERA Tempesta d'amore 20:20 TELEFILM Walker Texas Ranger 21:10 FILM Autumn in New York 23:25 FILM Ray 01:25 Tg 4 Rassegna stampa 01:50 FILM Notte d'essai L'anno del dragone 04:05 TELEFILM L.A. Dragnet 04:40 RUBRICA Peste e corna e gocce di storia 04:45 SOAP OPERA Febbre d'amore

OGGI IN T Ray Rete 4 ore 23,25 Regia:Taylor Hackford. Cast: Jamie Foxx, Regina King, Kerry Washington, Curtis Armstrong,Patrick Bauchau, Warwick Davis, Aunjanue Ellis, Kurt Fuller Genere: Biografico Durata 152 min. Produzione: USA 2004 Questo è forse il miglior film biografico uscito da Hollywood nei primi anni 2000, quello di Ray Charles Robinson detto The Genius. Per migliore si intende qui il più compatto, lucido e complesso, che non perde mai di vista il suo asse narrativo principale: la musica. È una biografia “autorizzata” (Ray Charles lesse e, almeno in due punti, modificò la sceneggiatura di James L. White), ma non agiografica. Non si nascondono i vent'anni di dipendenza dall'eroina che furono, però, i più creativi dell'artista né la sua ricerca del piacere e le infedeltà coniugali. Non è un film d'autore, ma nel raccontare luci e ombre, alti e bassi del massimo esponente del soul, T. Hackford, artigiano diligente ed eclettico, ha avuto a disposizione i mezzi del grande spettacolo hollywoodiano, un cast tecnico di prim'ordine, dalla fotografia di Pawel Edelman alla scenografia, i costumi, la supervisione delle musiche (Curt Sobel).

Autumn in New York Rete 4 ore 21.10

Regia: Joan Chen. Cast: Richard Gere, Winona Ryder, Anthony LaPaglia, Elaine Stritch, Vera Farmiga, Rachel Nichols Genere: Sentimentale Produzione: USA 2000. Will Keane, 48enne chef di successo a Manhattan e cimentoso playboy che fa durare le donne come spazzolini da denti, incontra in autunno la 22enne Charlotte Fielding, disegnatrice di cappellini spericolati. Lei è più matura e coraggiosa di lui, e lo imbarca in un amore che finisce a Natale, spento da un vizio cardiaco che non la risparmia. Scritto da Allison Burnett, è di-

106’ retto – dopo Xiu Xiu: the Sent-Down Girl (1998) – dall'attrice cinese J. Chen (L'ultimo imperatore). Dileggiato da 9 critici su 10, è un film di regia. Con il concorso della radiosa fotografia del compatriota Changwei Gu, l'operatore preferito di Zhang Yimou, J. Chen ha intessuto un armonioso racconto dove tutto si tiene: l'eleganza delle immagini; l'incanto dolceamaro di una storia d'altri tempi opposta al dinamismo frenetico di una New York colta nei colori dell'autunno da uno sguardo nuovo; la cura dei particolari; l'alchimia tra i due attori (con le voci italiane di Mario Cordova e Ilaria Stagni); il sapiente ricorso alle luci riflesse.



il domani