Page 1

Domenica 19 Aprile 2009 Anno XII - Numero 107 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

COSENZA

CASSANO

CATANZARO

VIBO VALENTIA

PAOLA

Terremoto Abruzzo Giovane interrogata

Nella piana di Sibari un air cargo center

“P. Galluppi”, nasce il comitato dei genitori

Rifiuti pericolosi tre rom arrestati

Ex Asl 1, Mascaro referente amministrativo

Abitava a L’Aquila nella casa dello studente crollata

La nascita del progetto per la realizzazione dell’opera

Dopo la chiusura temporanea del Convitto ieri alla Provincia

Parla il presidente provinciale del sindacato Ugl coltivatori

Per il territorio da Tortora fino a Campora San Giovanni

> Pag 22

> Pag 26

> Pag 15

> Pag 28

> Pag 24

FORUM ROMANI Intervista esclusiva all’on. Jole Santelli che denuncia lo stato di degrado della nostra regione

«La Calabria è vittima della malapolitica» La giovane esponente del Pdl lancia severi giudizi su sicurezza, sanità e giustizia Jole Santelli è uno dei volti giovani della politica italiana. Cosentina, avvocato di successo, è una di quelle che ha bruciato le tappe: già sottosegretario alla Giustizia nel secondo Governo Berlusconi, quando era poco più che trentenne, adesso, con l’entusiasmo di una ragazza di quella Calabria che non smette di sognare, porta avanti nelle fila del PdL una carriera parlamentare da esperta conoscitrice della politica. È vice presidente della Commissione Affari Costituzionali e componente della Commissione di vigilanza dei servizi radiotelevisivi. L’abbiamo incontrata nella nostra redazione romana. Il carattere non le manca. Si vede. Tratta gli argomenti con assoluta padronanza e disinvoltura, soprattutto quello a lei più caro: la giustizia, in cui non lesina qualche stoccata al nostro sistema, che ritiene troppo statico e bisognoso di una riforma vera: «Il nostro problema è che non sappiamo più fare le indagini», dice, e non si stupisce della situazione di carenza di magistrati nelle procure calabresi: «È una situazione che dura da anni. Sono favorevole al trasferimento coatto». Un difetto? fuma un po’ troppo! La gestione della Sanità in Calabria fa acqua da tutte le parti. Sappiamo che è in procinto di essere commissariata. Chi sarà il commissario? Il problema è di tipo economico. di G. Talarico e A. Caruso > Pag 12

L’INTERVENTO

Se affondano i bucanieri della rete di Alessio De Grano

E’ una decisione che ha suscitato una serie di reazioni a catena in tutto il mondo, quella della corte svedese di condannare ad un anno di carcere e a una multa di oltre 2 milioni di euro i tre fondatori della casa Pirate Bay. Ben 17 major si sono schierate contro i corsari della rete, e questo fa intuire che gli interessi in gioco non fossero solo esclusivamente di natura monetaria, ma una vera e propria battaglia contro il file sharing. In effetti se la condanna venisse confermata rafforzerebbe il principio, da anni ormai parecchio labile, che copiare o condividere il materiale coperto da copyright è reato punibile addirittura con la galera. La domanda da porsi è: perchè la gente di tutto il mondo non la percepisce come una regola convenzionale? Perchè chiunque, anche non essendo un criminale, riempie i propri hard disk e Pc con file scaricati dalla rete? > Pag 2

LAMEZIA TERME Ancora polemiche sulla discarica Prosegue il confronto politico sull’ipotizzato ampliamento della discarica. Intervento dell’ex senatore Iovene (nella foto). Intanto le Cantine Statti parlano del lancio di nuovi importanti prodotti. > Pag 21

CATANZARO Droga a lido. Gli arrestati: “Siamo solo consumatori” CATANZARO — Sei dei sette giovani arrestati tre giorni fa, nell'ambito di

un'inchiesta antidroga condotta dalla Guardia di finanza a Catanzaro, hanno voluto rendere al gip Camillo Falvo la loro versione dei fatti, respingendo ogni contestazione mossa dal sostituto procuratore. > Pag 14

IL FATTO DEL GIORNO Rutelli in Calabria «Berlusconi, fase ipnotica»

REGGIO CALABRIA

Il leader del Pd, intervenendo in un convegno a Lamezia Terme, ha illustrato le strategie per il futuro del Partitio Democratico anche in vista del prossimo appuntamento elettorale delle europee senza lesinare stoccate al Premier. «La Calabria spenda bene i fondi europei e regionali per dare lavoro, far funzionare le imprese e insediarne di nuove»

Filmata coppia di scippatori REGGIO CALABRIA — L’occhio di un “grande fratello” incastra una coppia di scippatori. I due hanno commesso l’errore di usare il bancomat rubato in uno sportello bancario della zona.

di Ludovico Casaburi > Pag 11

di Antonio Latella > Pag 31

ULTIM’ORA

CROTONE

Roccella J., in fiamme portone sede Pdci-Rifondazione

Giovane accoltellato all’alba di ieri

ROCCELLA JONICA — Il portone d'ingresso della sezione unita a Roccella Jonica del Pdci e di Rifondazione comunista è stato incendiato da persone non identificate. Le fiamme sono state notate da alcuni militari della guardia di finanza che le hanno spente. Sull’attentato incendiario ha avviato indagini la GdF sotto le direttive della Procura della Repubblica di Locri.

CROTONE — Un giovane crotonese, A. P., di 29 anni, è stato accoltellato all'alba di ieri da persone rimaste sconosciute. Agli agenti della Polizia ha raccontato che alle 5 di mattina stava camminando su viale C. Colombo quando è stato aggredito da uno sconosciuto che lo ha accoltellato ed è fuggito via. > Pag 27

GIRIFALCO

Incendiata l’automobile del capitano dei Carabinieri GIRIFALCO — L'automobile del comandante della Compagnia di Girifalco dei Carabinieri, capitano Marco Porcedda, è rimasta distrutta a causa di un attentato incendiario compiuto la scorsa notte da persone non identificate. La vettura (un'Alfa Romeo Brera) si trovava parcheggiata nei pressi dell'alloggio di servizio dell'ufficiale, a poca distanza dalla caserma in cui ha sede la Compagnia. L'ipotesi che viene fatta dagli investigatori è che l'attentato sia da collegare ad una vendetta per le indagini svolte dalla Compagnia di Girifalco dei Carabinieri sulla criminalità organizzata. L'attività investigativa ha riguardato, in particolare, la serie di omicidi accaduti a Borgia nell'ambito di una faida di 'ndrangheta. Una indagine che potrebbe produrre, a breve, risultati concreti. Il comandante della Regione carabinieri Calabria, gen. Marcello Mazzuca, ed il comandante provinciale interinale, ten. col. Rosario Lo Faro, si sono recati a Girifalco, secondo quanto riferisce un comunicato dell'Arma, «per rendersi personalmente conto di quanto accaduto» in relazione all'incendio dell'automobile del comandante della Compagnia, cap. Marco Porcedda. > Pag 18


2 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

D2.0 DALLA RETE AL DOMANI L’idea

Il meglio del web calabrese

Il meglio del web nazionale

Internet ha cambiato le regole

Presentata a Roma la rivista Pietas

Lo spam inquina come milioni di auto

Presentata ieri presso la sala convegn dell’hotel Galles a Roma la rivista "Pietas" dell’omonima associazione culturale. Il numero zero dlla pubblicazione ha tenuto a battesimo l’assemblea nazionale del sodalizio presieduto dall’archeologo Giuseppe Barbera. Ha moderato i lavori il giornalista de Il Domani della Calabria Francesco Pungitore, alla presenza del direttore del periodico, Vitaliano Marino. La rivista si occupa di studi sulla civiltà classica, iin questo numero di particolare interesse un servizio sulla "Calabria Pagana."

Il cosiddetto spam, ovvero le indesiderate email che intasano le caselle di posta elettronica, producono ogni anno la stessa quantità di anidride carbonica (CO2) di 3,1 milioni di autovetture. Lo dice uno studio della società McAfee, uno dei leader nel campo della sicurezza informatica. Secondo tale rapporto, che ha studiato l’impatto ecologico legato ai 62 miliardi di messaggi indesiderati inviati in tutto il mondo nel 2008, «lo spamming consuma annualmente 33 miliardi di kilowattore (Kwh)» nel corso delle sue cinque tappe: creazione, invio, ricezione, archiviazione e consultazione.Questo equivale all’elettricità consumata da 2,4 milioni di famiglie americane, con emissioni di gas serra equivalenti a quelle prodotte da 3,1 milioni di auto. Tratto da Repubblica.it

di Alessio De Grano La risposta potrebbe essere scovata tra le motivazione di un cambiamento epocale del mercato che si è venuto a verificare subito dopo la nascita di internet. In effetti a ben pensarci l’avvento del nuovo media ha cambiato sotto molti punti di vista il nostro modo di vivere e di lavorare. Le intrinseche proprietà del web, cioè la possibilità d scambiare informazioni e dati, pubblicare video foto e notizie, la necessaria interazione tra gli utenti, hanno soprattutto modificato però le regole di vendita e di approvvigionamento di alcuni particolari merci e prodotti. Senza dubbio tra i più colpiti da questi mutamenti vi sono l’industria delle case cinematografiche e discografiche. In effetti per rientrare nella vicende dei "Pirati della Baia" basti pensare che nel febbraio 2009 il sito dichiarava 23 milioni di utenti connessi temporaneamente. Il portale che si dichiara apertamente contro il copyright, snocciola percentuali impressionati; quasi un quarto dei suoi utenti sono in Usa (23,7%), il 9,1% in India e il 6% nel Regno Unito mentre il nostro paese è al 2,9% in settima posizione. Si capisce, dunque, come il peer to peer (scambio diretto di file tramite server dedicati) si presenti come un fenomeno mondiale difficilmente arginabile. A ben vedere quindi sono cambiate le abitudini del mercato, e se nella logica del liberismo è il mercato a fare le regole qui siamo in presenza di un vero e propri diktat. Certo i diritti d’autore in qualche modo devono essere tutelati ed proprio per questo motivo che bisogna trovare un giusto compromesso tra chi difende il copyright e i diritti dei consumatori utenti della rete. I giuristi dei vari paesi dovranno infatti tenere in considerazione anche la natura libera di internet che non deve certo approdare nel selvaggio, e quindi va regolamentata, ma non dovrà essere snaturata. Questa sentenza sarà un capitolo di un lungo libro che ancora deve essere scritto, ma è chiaro che il futuro deve scoprire un percorso che sia più giusto ed equo e che garantisca tutte le parti in gioco. Rimango, però, tuttavia stupito della sentenza che è stata appena emessa, e che, al momento manda in galera tre giovani bucanieri dell’era moderna. Eppure i tempi delle esecuzioni in pubblica piazza dovrebbero essere da un bel pezzo belle e che finite.

tratto da Il Domani.it

Parte la settimana della cultura

Messaggi dal web sulla barriera di Israele

Pierfranco Bruni è stato nominato, con incarico della Direzione Generale per i Beni Librari, gli Istituti Culturali ed il Diritto d’Autore del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, coordinatore del Progetto di ricerca su "Viaggiatori ed Etnie". Le finalità sono quelle di realizzare oltre ad una mappatura completa dei viaggiatori stranieri in Italia, che si sono soffermati soprattutto nei territori dove sono presenti le minoranze linguistiche ed etniche, un percorso tra territorio e viaggiatori in una visione geografica, storica e culturale. Su questa tematica Pierfranco Bruni si era già soffermato in alcune ricerche istituzionali sviluppati alcuni anni fa sempre per conto del MiBAC. Lo studio si inserisce nel quadro delle iniziative del Mibac riferite alla valorizzazione e promozione delle minoranze linguistiche. tratto da calabresi.net

L’idea è di avvicinare il mondo ai palestinesi. Attraverso la barriera di separazione costruita da Israele che separa la Cisgiordania dal mondo. È un progetto olandese-palestinese. Il sito «Send a message» (con versioni in varie lingue, tra le quali l’italiano) consente di inviare un testo online: al costo di 30 euro, verrà dipinto da graffitari palestinesi sul muro. Il committente riceverà tre foto dell’opera. «Tu paghi 30 euro, i palestinesi pittano»: è l’invito sulla versione italiana del sito.I soldi verranno usati per progetti del «Peace and Freedom Forum», un’organizzazione giovanile non-profit con sede a Ramallah. Tra questi: la costruzione di un parco per bambini, l’acquisto di biciclette, un servizio di lavanderia per gli studenti dell’università palestinese di Bir Zeit. tratto da Corriere.it

La foto del giorno

G8 agricoltura: piccoli comuni, in mostra il top dei prodotti

Mettere in comunicazione le arti: www.giovaniartisti.it

A sostenere la creatività giovanile Al G8 Agricoltura la Coldiretti ha allein Italia contribuiscono poche stito la prima rassegna nazionale dei realtà istituzionali e numerose asgrandi prodotti dei 5.800 comuni con Tratta da Corriere.it sociazioni private dislocate capilmeno di 5 mila abitanti. Dal fagiolo di larmente sul territorio nazionale. Lamon (3412 abitanti) al Morellino di Un nuovo sport: il surf sulla cenere dei vulcano. Così il CerUna realtà da segnalare in questo Scansano (4836 abitanti) al salame di ro Negro, in Nicaragua,è stato scelto dai pionieri del surf frammentato panorama artistico è Varzi (3539 abitanti), dal farro di Monperché lungo le sue pendici si srotola una distesa di ceneil circuito G.A.I. (Giovani Artisti teleone (681 abitanti) ai maccheroncire lavica, spessa e soffice come neve è diventato meta di Italiani) che opera nei linguaggi ni di Campofilone (1803), la rassegna tanti appassionati. delle arti visive, del cinema, della punta a far conoscere la varieta’ musica e di altre forme espressive e dell’offerta alimentare italiana ,che artistiche. Una soluzione che si tronasce nelle piccole realta’ comunali. Dall’inizio del secolo va a metà strada tra il pubblico e il privato, collaborando parallelascorso, il 75 per cento della biodiversità genetica delle coltumente con Enti Pubblici e aziende private in progetti di promozione re agricole è andata perduta. tratto da ansa.it a livello nazionale e internazionale. Tratto da tafter.it

Matitate - Il meglio di ieri

Dadaumpa Da Corriere.it

Da l’Unità.it

Dicono che un consigliere regionale abbia perso la testa per una bionda trentacinquenne. Dicono che lei abbia chiesto di diventare dirigente. La trattativa va avanti...

il Domani

Editore

Pubblicità

Centro stampa

Direzione Guido Talarico Massimo Tigani Sava Orlando Rotondaro (responsabile) Redazione Francesco Pungitore (caposervizio) Maurizio D’Agostino (proto) *** redazione@ildomani.it catanzaro@ildomani.it roma@ildomani.it sport@ildomani.it appuntamenti@ildomani.it tel. 0961.996802 | fax 0961.903801/927 www.ildomani.it

T&P Editori srl

Il Sole 24 Ore Spa System

Stabilimento Tipografico De Rose contrada Pantoni - Marinella 87040 Montalto Uffugo (Cs) tel. 0984-934382

Guido Talarico Amministratore Giuseppe Gangale (pubblicità) Benedetta Geronzi (marketing) Cesare Marullo (finanza) Carlo Taurelli Salimbeni (revisione e controllo) Franco Arcidiaco (distribuzione) Silvana Di Silvestro (personale) Direzione, Redazione e Amministrazione loc. Serramonda - Zona Industriale Marcellinara (Cz) regi. Trib. n. 64 del 15-7-1997 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990 , n. 250

Direzione generale: Andrea Chiapponi Direzione amministrativa: via Monterosa, 91 - 20149 Milano Coordinamento Area Calabria Mediatag Spa loc. Serramonda - Zona Industriale Marcellinara (Cz) tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 fax 0961.903421/784 info@mediatag.it Tariffe a modulo: 46 mm x 19 h. Commerciale euro 103,00 - Occasionale euro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 - Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q. euro 78,00 - Necrologie euro 77,00 cad. Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: + 40%.

Services e partnership Lumsa (Roma) - Graphic Coop (Siena) Guido Talarico Editore Spa (Roma) - Italpress (Palermo) - Lapresse (agenzia fotografica - Torino) Il Velino (Roma) - Manolibera - Settimio News Il Cristallo sas - AT Press - Ediratio Media Services - Città del Sole sas Speaker Network


Olio di Oliva Belvedere

Linea Fanta

1 Litro

1,5 Litri

AL COSTO 0 ,99

AL COSTO 0 ,99

0

2

Bastoncini Findus

conf. da 12 pezzi, 300g

AL COSTO 0 ,89

1

Il Cacciucco Buitoni

AL COSTO 0 ,29

3

550g

Detersivo per Lavatrice Ava conf. da 25 lavaggi

AL COSTO 0 ,45

2

Actimel Danone gusti assortiti conf. da 6 x 100g

AL COSTO 0 ,99

1

Sottilette Classiche Kraft

AL COSTO 0 ,99

AL COSTO 0 ,59

3

400g

6

Pannolini Pampers Linea Evolutiva taglie assortite

O T S O C L A

Dal 23 aprile al 5 maggio.

. i z z e r p i s s e t ,s

i o v e i No

E dal 6 maggio una nuova promozione ti aspetta!

Pasta di Semola Voiello

Kinder Brioss Ferrero

formati assortiti, 500g

conf. da 10 pezzi, 280g

0

0

,69

0

AL COSTO

1

,78

AL COSTO

Prezzi validi fino ad esaurimento scorte. i Prezzi Possono subire variazioni in caso di eventuali errori tiPografici, ribassi o modifiche fiscali. le foto sono Puramente indicative.

via colelli, lamezia tterme (cz)

loc. giordano, lamezia tterme (cz)

via del mare, s. eufemia l. (cz)

via P. nenni, lamezia tterme (cz)

Per informazioni: Tel 0968 75 15 200 - Fax 0968 75 15 326 via del Progresso, lamezia tterme (cz)

c.da spanò, lamezia tterme (cz)

via terina, t lamezia tterme (cz)

via iuliano, decollatura (cz)


4 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Primo piano

Le deposizioni sconvolgenti dei ragazzi alla polizia giudiziaria

Le macerie della Casa dello Studente e crepe sul muro

Casa dello studente: crepe enormi già da prima

Enrica Battifoglia

di Roberta, 20 anni, «Erano numerose, sottili e molto lunghe. Alcune si erano spostate dopo la prima scossa del 30 marzo. «Avevo chia-

mato il custode, che aveva avvertito l’architetto».. Dopo un controllo, prosegue Roberta, «l’architetto disse che era tutto a posto e che erano

crepe di assestamento». Loriana, 20 anni, le crepe le aveva notate davanti alla porta dell’ascensore del terzo piano dopo la scossa del

Durante gli spostamenti che avverranno in elicottero, il Papa sorvolerà alcune delle località più colpite dal sisma

Incontro con gli operatori dei soccorsi e la popolazione presso la Caserma della Guardia di Finanza

30 marzo. Sempre dopo quella scossa, quando la Casa dello Studente era stata fatta evacuare per eseguire i controlli, «l’architetto ci disse di

Ufficiale, il Papa tra i terremotati il 28 aprile

II Gi

Chieti

San Popoli Demetrio

A B R U Z Z O

Sosta presso la Casa dello Studente Sosta presso la Basilica di Collemaggio

Piazza del Duomo

Ema n

Castelnu uovo u vo

Avezzano

LL'AQUILA 'AQ 'AQ 'AQU AQU QUILA UILLA A

Stazione F.F.S.S.

1

Via

XX

Punto di raccolta Stadio Gran Sasso d'Italia

o V.

Totani T Fossa Foss oss S.. Ange S Angelo Ang

Pesca escara scara Brittoli

Se

tte

Cors

Tornimpar ar arte art

Poggio Picenze

ma

ov an

On Visita alla t Tempera L'AQUILA

Ro

ni

Via

Punto di raccolta Stadio Fattori

V. le

ROMA - Andrà tra i terremotati, Benedetto XVI. Visiterà la tendopoli di Onna, incontrerà chi ha perso tutto e si raccoglierà in preghiera davanti alla casa dello studente, dove sono morti tanti ragazzi. Sì perchè, come ha detto ieri il papa ricevendo i francescani, «ben più grave» dei danni materiali prodotti dal terremoto è la «rovina» delle persone e delle comunità. Di chi è morto e, soprattutto, di chi resta. Ma anche, forse, la “rovina” morale di chi non ha saputo prevenire. Nello stesso giorno in cui il presidente della Repubblica Napolitano si è detto convinto che i danni del terremoto siano stati aggravati dal «disprezzo delle regole», il cardinal Tarcisio Bertone, parlando della visita del papa, è infatti intervenuto con un chiaro riferimento alle polemiche sulla sicurezza degli edifici crollati: la parola di Dio, ha detto, «dà la possibi-

3

XX

Visiterà Onna, La visita del Papa la Basilica Martedì 28 aprile Arrivo Ritorno di Collemaggio 9.30 12.30 e i luoghi aquilani

uele

ROMA - C’erano crepe nella Casa dello studente. In alcuni casi erano molto lunghe e sottili, in altri erano piccole e fitte come ragnatele, sono state segnalate più volte dai ragazzi, inutilmente. Le pareti sulle quali si trovavano sono state le prime a crollare per il terremoto, nella notte del 6 aprile. Oggi i ragazzi che abitavano in quelle stanze hanno cominciato a presentare le prime deposizioni alla polizia giudiziaria e in 83 sono pronti a fornire informazioni utili alle indagini. Le crepe nella stanza

mb

re

2

Ospedale S. Maria di Collemaggio

ANSA-CENTIMETRI

lità di costruire la nostra casa sulla roccia e non sulla sabbia, ed abbiamo potuto vedere che cosa ha portato la sabbia nella città dell’Aquila». Il 28 aprile, visitando il capoluogo abruzzese e Onna, Benedetto XVI darà però anche «un grande

segno di speranza», l’invito a trovare la forza di reagire, «una spinta alla capacità di ricostruire con l’aiuto del Signore e la solidarietà di tante persone buone», come ha detto Bertone. Una «iniezione di speranza», un «dono di Dio». Il sindaco dell’Aquila Massimo Cia-

Nel grafico sono illustrate le tappe del viaggio del 28 aprile del Santo Padre

lente e l’arcivescovo del capoluogo abruzzese, mons. Giuseppe Molinari, descrivono così, ai microfoni di Radio Vaticana, l’attesa

delle popolazioni colpite dal terremoto della visita di Benedetto XVI. «La visita del Papa è un dono di

Un dossier sulle infiltrazioni di mafia, camorra e ‘ndrangheta Vincenzo Sinapi

province di Pescara, Teramo e Chieti dove, «per il rilevante sviluppo nei settori dell’edilizia» le mafie potrebbero trovare facile radicamento, soprattutto per il riciclag-

gio dei proventi di attività illecite»; la Marsica, con Avezzano, Carsoli e Tagliacozzo, il Comune dove giusto un mese fa sono stati sequestrati beni riconducibili al cosiddetto tesoro di Ciancimino; l’Alto Sangro e la Valle Peligna, con Castel di Sangro, Roccaraso e Sulmona, aree «interessate dal tentativo di insediamento di pregiudicati riconducibili ad alcuni clan camorristici dell’hinterland napoletano». Particolarmente preoccupante, anche per la vicinanza geografica, è considerata l’influenza della Camorra. Secondo il rapporto investigativo, in Abruzzo è stata recentemente riscontrata la presenza di

Dio ed un evento di grande speranza», ha detto mons. Molinari. Visita che sarà «una di quelle iniezioni di speranza delle quali in Il business della ricostruzione fa gola alle organizzazioni criminali

Le mani del crimine sulla ricostruzione

L’AQUILA - L’Abruzzo è una regione «sostanzialmente estranea a manifestazioni criminali caratterizzate dal rigido controllo del territorio, tipico delle consorterie di tipo mafioso», ma questo non deve tranquillizzare: il grande business della ricostruzione, si legge in un recentissimo rapporto investigativo, non sarà ignorato dalla criminalità organizzata, che da alcuni anni si è infiltrata anche in questa regione. Sotto il profilo criminale, è scritto nel dossier, l’Abruzzo può essere suddiviso in tre fasce di «interesse operativo»: la zona costiera, con le

stare tranquilli, e che, volendo, avremmo potuto dormire tutti insieme nella sala comune a piano terra«, quella crollata per il terremoto del 6 aprile. Giuseppe, 23 anni, un mese fa è stato il primo a segnalare il problema del pilastro della mensa: «perdeva acqua. La colonna era praticamente mangiata dall’umidità, c’era una macchia estesa che aveva mangiato la pittura, era visibile che si stava deteriorando in modo veloce. Dopodichè la colonna è stata transennata, i tavoli che erano lì vicino sono stati allontanati e la mensa ha continuato a essere utilizzata regolarmente».

elementi riconducibili al clan Aquino/Annunziata di Boscoreale, risultati in contatto con pregiudicati residenti all’Aquila, e al clan Di Lauro. Riguardo a Cosa Nostra, gli

investigatori sottolineano che l’interesse della mafia siciliana nel comparto delle costruzioni in Abruzzo è di vecchia data: «già a partire dalla metà degli anni ’90 si era regi-

strata, ad Avezzano, la presenza di Giovanni Spera, figlio del boss Benedetto».I collegamenti con la ’ndrangheta si registrano invece, secondo gli investigatori, soprattutto nelle province di Teramo e Pescara . L’influenza della criminalità organizzata pugliese in Abruzzo è stata infine recentemente confermata da un’indagine conclusasi il 19 novembre scorso con l’arresto di tre pregiudicati foggiani. Nel mirino degli investigatori anche i collegamenti tra esponenti della criminalità organizzata e quelli della criminalità locale, tra cui nel rapporto vengono segnalati alcuni gruppi familiari rom.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Domenica 19 Aprile 2009 5

Primo piano

Ieri una nuova scossa di magnitudo 3.2

L’edificio che ospitava il Convitto Nazionale in una foto d’archivio

L’AQUILA - Le scosse di assestamento proseguono (ieri alle 13.07 una di intensità 3,2), ma non si arresta l’attività istruttoria della procura dell’Aquila che indaga sui crolli del terremoto. Polizia, carabinieri e guardia di finanza continuano a sentire testimoni, mentre si allunga l’elenco degli immobili sequestrati: tra gli ultimi, oltre al palazzo del Genio civile dove sono custoditi i fascicoli degli stabili oggetto dell’inchiesta, anche il Convitto nazionale, una storica scuola che si trova nel centro storico della città. Riguardo ai testimoni, i carabinieri stanno cercando di rintracciare tut-

D’Annunzio, via San Marciano e via Roma. Ma il decreto prevede il sequestro di «ogni altro immobile crollato o lesionato indicato dai consulenti»: gli stabili sequestrati sono così già saliti a una ventina. Gli immobili in questione sono considerati corpo di reato e la misura del sequestro probatorio è stata ritenuta necessaria dagli inquirenti per «garantire la genuinità delle acquisizioni probatorie con specifico riferimento all’attività, attualmente in corso, dei consulenti tecnici nominati dal pm» ed «evitare modifiche almeno sino al termine dei sopralluoghi, verifiche e rilievi in corso».

Sequestrato anche il convitto

questo momento abbiamo bisogno», gli fa eco il sindaco, sottolineando che la città non riuscirà «a fare grandi cose». Però, ha ag-

te le studentesse citate venerdì da Carmela Tomassetti, la giovane che ha lasciato la Casa dello studente una settimana prima del sisma dopo aver lanciato ripetuti allarmi, a suo dire inascoltati, sulla sicurezza della struttura. Carmela, ascoltata a lungo ieri dagli investigatori, ha detto tra l’altro che nelle camere di alcune sue amiche c’erano delle profonde crepe, che lei però non ha visto personalmente. Tuttavia ha indicato i nomi di alcune sue colleghe, che i carabinieri sentiranno nelle prossime ore. Mercoledì scorso il procuratore della Repubblica dell’Aquila, Alfredo Rossini, e il

giunto, «ritengo che presentandoci così come siamo adesso, il Papa capirà comunque. Il Papa viene per partecipare al nostro dolo-

suo sostituto Fabio Picuti, avevano firmato un decreto di sequestro relativo a 12 immobili ubicati in città: l’Ospedale regionale S. Salvatore,

re. Non sarà una festa - ha concluso il primo cittadino dell’Aquila sarà la visita di un padre». Benedetto XVI, del resto, aveva

con specifico riferimento ad alcune zone; il Palazzo di giustizia; l’Ufficio del catasto; Palazzo Belvedere; la Casa dello studente e sette condo-

“La rovina delle persone e delle comunità più grave dei danni materiali”

Napolitano: il danno dal disprezzo regole

espresso il desiderio di portare personalmente solidarietà e speranza alle popolazioni colpite dal terremoto subito dopo la scossa del 6 aprile. E due giorni dopo, quando le scosse di assestamento erano ancora forti e frequenti, ne aveva ufficialmente parlato durante l’udienza generale. La tragedia del terremoto ha infatti toccato profondamente, fin dall’inizio, il pontefice. Avvisato alle prime ore del mattino, volle infatti inviare subito un messaggio di vicinanza e di preghiera alle popolazioni colpite. Preghiere che non sono mai cessate e che sono state accompagnate da doni in denaro e aiuti alle chiese e alle comunità. A Pasqua, all’Abruzzo il papa ha rivolto i primi auguri e ha spedito 500 uova ai bambini delle tendopoli. La visita del papa in Abruzzo durerà mezza giornata. Benedetto XVI giungerà intorno alle 9:30 alla tendopoli di Onna; poi si sposterà all’Aquila, dove sosterà presso la Casa dello Studente e la Basilica di Collemaggio. Infine, nella Caserma della Guardia di Finanza, trasformata in sede istituzionale, incontrerà alcune rappresentanze della popolazione e delle persone impegnate nelle operazioni di soccorso. Durante gli spostamenti, sorvolerà in elicottero le rovine del terremoto. Intanto, la Chiesa, attraverso Cei, diocesi e Caritas, moltiplica le iniziative di solidarietà. Oggi, in tutte le parrocchie italiane, si svolgerà una colletta nazionale promossa dalla conferenza episcopale in favore dei terremotati d’Abruzzo.

L’AQUILA - L’Aquila sarà ricostruita, ma non a spese degli italiani perchè il Governo non introdurrà nuove tasse, sono già stati individuati i fondi a disposizione per il Decreto Abruzzo. Il premier Silvio Berlusconi vola in Abruzzo per la settima volta in 13 giorni e nella tendopoli di Pianola annuncia che il Governo varerà venerdì prossimo, in un Consiglio dei ministri all’Aquila, il piano per la ricostruzione. Ma Berlusconi apre anche un altro fronte, confessando forti dubbi sulla possibilità che ci siano state responsabilità dei costruttori alla base dei numerosi crolli: «Non credo che un costruttore risparmi sulle strutture, sarebbe un criminale, non ci credo». In ogni caso se ci sono responsabilità «saranno accertate», ma queste fanno capo alle amministrazioni locali «che non “Disprezzo per interesse dei cittadini” sono della mia parte politica». Poi aggiunge: «Ben vengano le inchieste, ma per favore non perdiamo tempo, impieghiamo il nostro tempo nella ricostruzione e non dietro a cose che ormai sono successe. Se qualcuno è colpevole, pagherà: ma per favore non riempiamo le pagine dei giornali di inchieste». «Quando oggi pensiamo e soffriamo per le vittime e per i danni provocati dal terremoto in Abruzzo non possiamo non ritenere che anche qui abbiano contato in modo pesante e abbiano con“Lo Stato ricostruirà il 100% delle case” tribuito alla gravità del danno umano e del dolore umano comportamenti di disprezzo delle regole, disprezzo dell’interesse generale e dell’interesse dei cittadini». Lo ha affermato il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ricevendo nella Tenuta di Castelporziano una delegazione delle famiglie francescane.

Niente riflettori e telecamere per le prime nozze dopo il sisma L’AQUILA - Il primo matrimonio aquilano del dopo sisma c’è stato. Ma, contrariamente alle previsioni, si è celebrato lontano dai riflettori e dalle telecamere. Nel cortile della scuola materna «Collodi» si sono sposati l’architetto Massimo Marinelli, 33 anni, e Maria Chiara Aio. Dopo l’annuncio delle nozze, al quale i media hanno dato risalto, al momento del fatidico «sì» i novelli sposi hanno trovato ad attenderli molti giornalisti e diverse troupe televisive. La copertura mediatica, però, non è piaciuta allo sposo, che è stato protagonista di una vivace polemica.La cerimonia si è dunque svolta a porte chiuse, ma all’uscita i

protagonisti si sono comunque fermati a parlare con i giornalisti. «Il matrimonio celebrato nello stesso giorno in cui era stato programmato prima del terremoto è comunque un segnale forte che vogliamo dare alla città», ha sottolineato il fratello dell’architetto Marinelli. Oltre a parenti e amici, alle nozze hanno partecipato delegazioni dei vigili urbani e dei vigili del fuoco, invitati dall’amministrazione come segno di gratitudine per l’attività svolta in città in questi giorni. La sposa vestiva un abito viola, pronto da tempo. Era infatti da mesi che i due avevano in mente la data del 18 aprile. «Sono riuscita a

mini: due in via XX Settembre (ai numeri civici 79 e 123/125) e gli altri in via Campo di Fossa, via Don Luigi Sturzo, via Gabriele

Il Premier promette “Niente tasse” E chiede meno inchieste sulle colpe

Useranno così il permesso premio

Quattro detenuti di Rebibbia cucinano nelle tendopoli

Il matrimonio si è svolto ieri a L’Aquila con rito civile

recuperarlo insieme alle altre masserizie - ha commentato la sposa - e sono contenta di poterlo indossare oggi». Dopo le nozze nessun festeggiamento. La giovane coppia è infat-

ti rientrata nella sistemazione provvisoria della tendopoli di Coppito. La casa che i due avevano preso in affitto, infatti, è ancora in attesa di verifica.

ROMA - Quattro detenuti del tualmente nelle cucine del nuocarcere nuovo complesso di Re- vo complesso del carcere della bibbia, esperti nelcapitale, i quali la ristorazione colhanno rinunciato lettiva, hanno chieai permessi presto e ottenuto di pomio ottenuti per ter usufruire del lostare con le proro permesso preprie famiglie, saranmio per poter cucino affidati alla Cronare in una delle ce Rossa del camtendopoli del- Mensa in tendopoli po base dell’Aquila l’Aquila . e faranno da manPer una settimana i quattro de- giare per le persone assistite tenuti ( 3 reclusi e uno in affida- nelle tendopoli allestite dopo il mento) che sono impiegati abi- terremoto.


6 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità

Processo Kercher Più coltelli per causare le ferite di Mez

Processo Garlasco Parlano i difensori di Alberto

PERUGIA - Udienza a porte chiuse, lettera di un detenuto ad Ancona che spergiura l’innocenza di Raffaele Sollecito, non corrispondenza di tutte le ferite sulla giovane inglese al coltello sequestrato a Sollecito. E nel pomeriggio tutti in gruppo a fare un sopralluogo in via della Pergola nella casa dove fu uccisa Meredith Kercher ed il cui dissequestro verrà chiesto e presumibilmente ottenuto nella prossima udienza di giovedì. Diverso l’accoglimento delle parti sugli elementi nuovi, soddisfatto il Pm per quanto appurato ieri nella casa.

VIGEVANO (PAVIA) - Quattro ore di arringa ieri tutte a favore di Alberto Stasi. Uno dei suoi legali, Angelo Giarda, ha prima stigmatizzato l’operato della polizia giudiziaria che avrebbe trascurato filoni di indagine concreti e sostenuti da testimonianze quali quello della biondina in bicicletta, rimasta ignota e vista uscire da casa della vittima Chiara Poggi e quello dell’Audi nera vista da Alberto. Ha poi sostenuto che è inutile puntare come prova di accusa, sul pc perché gli investigatori stessi hanno alterato configurazione e tracce.

Corte di assise va in trasferta nella casa di via della Pergola

“Inquirenti troppo frettolosi E maldestri nell’uso del pc”

Sopralluogo della Corte alla casa del delitto

Familiari di Chiara Poggi al processo

Chiusa dopo 19 anni l’inchiesta per la morte di Simonetta Cesaroni: accusato Raniero Busco Secondo i pm è decisiva la corrispondenza con l’impronta di un morso sul seno della vittima

Via Poma, alla sbarra il fidanzato Non commenta l’uomo che si è sempre dichiarato estraneo ai fatti Francesco Tamburro

ROMA - A quasi 19 anni da quello che fino a poco tempo sembrava destinato a rimanere un caso insoluto, una breccia si apre sull’omicidio di Simonetta Cesaroni, l’impiegata dell’associazione degli ostelli della gioventù massacrata con 30 coltellate nell’ufficio di via Carlo Poma a Roma. Secondo la procura, che non ritiene sussistente alcun presupposto per un eventuale misura cautelare, ci sono gli elementi per chiedere il rinvio a giudizio di Raniero Busco, 44 anni, l’allora fidanzato di Simonetta e per questo ha chiuso le indagini e depositato gli atti in base a quanto previsto dall’articolo 415 bis del codice di procedura penale, la prassi che anticipa la richiesta al gup di processare l’indagato. È quello che si prospetta per Raniero Busco sempre che, entro 20 giorni, non riesca a far cambiare idea al procuratore Giovanni Ferrara e al sostituto Ilaria

Secondo procedura ha solo 20 giorni per produrre prove di innocenza

Distratti 400 mila euro al Piemonte per promozioni fasulle

Giuliano Soria sulle orme del fratello Angelo Inarresto perloscandaloGrinzane-Cavour TORINO - Ha lavorato insieme al fratello Giuliano per distrarre fondi dalla Regione Piemonte: è con questa accusa che Angelo Soria è stato arrestato venerdì sera dalla GdF nell’inchiesta sui conti dell’associazione culturale Grinzane Cavour. I militari del nucleo di polizia tributaria di Torino e i pm hanno conteggiato 11 episodi di sospetto peculato. Angelo Soria, da dirigente del settore comunicazione istituzionale della giunta, tra il novembre del 2006 e il luglio del 2008 ha erogato 400 mila euro a due società della galassia Grinzane Cavour: somme variabili fra i 30 e i 60 mila euro che, in teoria, dovevano essere destinati sopratCalò dimostrando la sua estraneità ai fatti. Omicidio volontario è il reato per il quale rischia di finire sotto processo, sempre che il gup ritenga fondati i presupposti indicati dai magistrati. Questi sono costituiti soprattutto dagli esiti delle consulenze svolte dopo l’accelerazione impressa alle indagini dalle nuove tecniche investigative, specie quelle riguardanti i test di rilevazione delle tracce biologi-

In arresto anche Angelo Soria, fratello di Giuliano (foto), ex presidente del premio Grinzane Cavour

tutto a campagne di promozione dell’immagine del Piemonte in occasione delle iniziative del Grinzane Cavour in Italia e all’estero, ma che in realtà finivano a Giuliano per altri sco-

che e di analisi di quelle ematiche. L’ultima ha stabilito che il morso trovato sul seno sinistro di Simonetta e lasciato, secondo gli esperti, al momento dell’omicidio, è compatibile con l’arcata dentale di Busco. L’accertamento tecnico, svolto da due medici legali e da due chirurghi dentisti, è consistito nella sovrapposizione dell’impronta dei denti dell’indagato con le immagini del morso.

pi. Spesso le due società non figuravano nemmeno nel comitato organizzatore delle manifestazioni e, a volte, i fondi venivano stanziati addirittura settimane dopo gli eventi culturali.

Per la procura non va inoltre sottovalutata l’analisi del Dna estrapolato da una traccia di sangue commisto trovata sulla porta dell’appartamento dove fu massacrata Simonetta che, per gli esperti, non permette di «escludere nè di confermare la presenza del materiale genetico di Raniero Busco». L’ex fidanzato di Simonetta finì sotto inchiesta due anni fa dopo la scoperta di una traccia della sua sali-

va sul corpetto che indossava la ragazza quando fu uccisa. Anche sul suo alibi la procura nutre perplessità: Busco ha sempre sostenuto che al momento del delitto era con un amico, ma questi negò affermando che quel giorno era al funerale di una parente. «Sarebbe giusto pagare, solo se avessi fatto qualcosa». Così Busco, attraverso la madre Giuseppina, ha commentato l’iniziativa della procura.

«Andassero a cercare il colpevole dove è successo l’omicidio - ha aggiunto la donna - sono 19 anni che Raniero e tutta la nostra famiglia non vivono più sereni». La moglie di Busco non ha dubbi sulla sua innocenza: «Lo difenderemo in tutti i modi» e il fratello: «Non è giusto che per la sete di carriera di qualcuno Raniero debba subire tutto questo». Il procuratore di Sanremo Roberto Cavallone, fino a qualche mese fa sostituto a Roma, che ha dato nuovo impulso alle indagini ieri ha detto che «in questa inchiesta ci ho messo il cuore oltre che l’impegno. Naturalmente quello della Procura è un deposito di atti. Ora bisognerà vedere se i colleghi proseguiranno e arriveranno a chiedere il giudizio». A novembre Simonetta avrebbe compiuto 40 anni. Per la sua morte tanti i personaggi finiti nel mirino degli inquirenti e tante le ipotesi che hanno fatto da sfondo a un delitto scaturito quasi certamente da un raptus di follia.

“Insensibili al loro delitto”, confermato il fermo a Poggioreale dei tre giovani romeni che hanno trucidato l’ex re del grano e la moglie

Dopo l’omicidio si accusano tra loro le belve di Posillipo Per il giudice non fa differenza perché è certo e dimostrato il concorso fra loro NAPOLI - Senza manifestare alcun cenno di pentimento, senza neppure tradire per un attimo un segno, sia pur minimo, di consapevolezza della gravità del loro delitto, hanno raccontato con imperturbabile freddezza gli orrori compiuti quella notte. Uno degli indagati si è invece chiuso in un ostinato silenzio ritenendo probabilmente che non c’era più nulla da chiarire nè tanto meno da farsi perdonare. I tre romeni accusati dell’omicidio dei coniugi Franco Ambrosio e Giovanna Sacco, avvenuto nella notte tra martedì e mercoledì scorso nella villa dell’imprenditore a Posillipo, sono apparsi così davanti al gip Luigi Giordano chiamato a pronunciarsi sulle richieste del pm Antonio D’Alessio di convalidare i fermi eseguiti l’altro ieri dalla squadra mobile. Alla fine dell’udienza, svoltasi nel carcere di Poggioreale, il giudice ha confermato il carcere per i tre immigrati, e nel provvedimento non ha potuto fare a meno di fare riferimento al loro comportamento

Boom di richieste di allarmi, vigilantes e ronde

Il quartiere bene di Napoli ha paura e vuole sicurezza NAPOLI - L’omicidio di Franco Ambrosio e della moglie ha creato timore e preoccupazione in molte famiglie della Napoli-bene, intenzionate a rinforzare le difese e le misure di sicurezza delle loro abitazioni. Gli istituti di vigilanza privata della città hanno ricevuto numerose telefonate di persone che hanno chiesto informazioni e preventivi per essere inserite nel giro di controlli che i vigilantes svolgono ogni notte. «Una brutta storia - dice Antoimprontato, come emerso dalla ricostruzione dei fatti, al disprezzo per il valore della vita. Dopo gli interrogatori di garanzia, va «rimarcato - ha scritto il giudice - come

come nessuno degli indagati abbia mostrato segni di pentimento o anche una chiara consapevolezza della gravità di quanto avvenuto». Per il magistrato deve inoltre essere evi-

denziata «l’eccezionale gravità del fatto» sottolineando che gli indagati «hanno adoperato una violenza enorme, eccessiva e soprattutto spropositata rispetto all’azione

nio istruttore di arti marziali ed esperto di armi - che ha scosso tutto il quartiere e che ha fatto sentire di colpo meno sicura le persone che lo abitano». Nelle proposte di sicurezza tanto hi-tech ma anche soluzioni tradizionali come il ricorso, quando si passa davanti ad una guardiola di un portiere di notte o ad un distributore di benzina aperto, di parole d’ordine o gesti convenzionali che rassicurano i vigilantes che tutto è a posto. criminosa». L’udienza non ha portato a modifiche del quadro accusatorio nei confronti di Marius Vasile Acsiniei, 22 anni, ex giardiniere nella villa degli Ambrosio, Valen-

Insulti e urla, davanti alla Questura di Napoli, all'uscita dei tre fermati per l'omicidio di Franco Ambrosio e di sua moglie

tin Dumitriu, 22, e Calin Petrica, 24. Dumitru si è avvalso della facoltà di non rispondere mentre gli altri due hanno confermato le dichiarazioni fatte al pm. Nel corso degli interrogatori tutti hanno ammesso la partecipazione al colpo nella villa, del quale l’ex giardiniere fu il basista, ma quanto all’esecuzione materiale del duplice omicidio si registra ancora quello che il gip definisce una «discrasia»: l’ex giardiniere dice infatti di aver visto Dumitriu colpire con un attrezzo di ferro prima la donna, che si era recata nella stanza insospettita dai rumori, poi l’imprenditore, giunto pochi istanti dopo; il contrario di quanto ha affermato nei giorni scorsi Dumitriu che punta l’indice contro Acsiniei. Quanto a Petrica, quest’ultimo racconta di essere entrato nella villa quando i coniugi erano già stati colpiti. «Queste discrasie commenta comunque il magistrato -, non sono particolarmente rilevanti perchè è pienamente dimostrato il concorso di tutti gli indagati».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Domenica 19 Aprile 2009 7

Attualità

Al quinto vertice delle Americhe si è imposto il carisma Obama Doni e sorrisi dall’ex nemico per la pelle, Hugo Chavez

Gli Stati Uniti del nuovo dialogo Il neo inquilino della Casa Bianca tenta la carta della distensione

La foto con la loro stretta di mano tra il presidente americano Obama e quello venezuelano Chavez, ha subito fatto il giro del mondo

Marcelo Raimon

PORT OF SPAIN (TRINIDAD E TOBAGO) - Strette di mano, sorrisi, e un nuovo dialogo ormai in carreggiata. Al quinto vertice delle Americhe, il multilateralismo e il carisma di Barack Obama sembrano aver sedotto un po’ tutti i leader latinoamericani: anche il più feroce degli avversari di Washington, il presidente ’bolivariano’ Hugo Chavez. Con il capo dello Stato brasiliano Lula finora un po’ in ombra, e vista l’assenza di Raul Castro (Cuba è stata estromessa nel ’62 dall’Organizzazione degli stati americani), le ’star’ a Port of Spain sono sicuramente Obama e Chavez. La foto con la loro stretta di mano, e rispettivi sorrisi, scattata a sorpresa l’altra notte ha subito fatto il giro del mondo, e rappresenta infatti una sorta di emblema della nuova era - tutta dialogo, distensione e multilateralismo - che Obama ha deciso di lanciare con l’America Latina. Ieri mattina c’è stata un’altra sorpresa: Chavez ha regalato a Obama ’Le vene aperte dell’America Latina’ dello scrittore uruguaiano Eduardo Galeano, titolo che sintetizza in poche parole il messaggio che il presidente venezuelano (ma anche tanti altri) ha re-

capitato al presidente della superpotenza Usa. Il vertice ’de las Americas’ è, almeno per ora, sui binari giusti, e non solo riguardo i nuovi rapporti Usa-Cuba, fronte sul quale ieri l’altro Obama ha ribadito di puntare ad «un nuovo inizio». Non è però da escludere qualche nuovo gesto, o dichiarazio-

ne, anti-Usa da parte dell’imprevedibile Chavez, che ha ribadito che non firmerà il testo finale del ’summit’, «perchè fuori dal tempo e dallo spazio, senza contare che non riflette i fatti di cui ha bisogno l’America Latina». La più significativa delle riunioni di ieri di Obama è stato l’incontro con i presidenti dei dodici paesi sudamericani dell’Una-

sur. Anche questo dibattito è andato bene, visto che la cilena Michelle Bachelet, presidente di turno del blocco, ha detto che con Obama la regione è ormai «nella prima fase per la costruzione della fiducia verso un cambiamento nei rapporti». Durante l’incontro, hanno riferito fonti diplomatiche, si è parlato soprattutto di Cuba, dell’impatto della crisi economica in America Latina e di temi immigratori. A riferire su un episodio che rinvia alla storia dei rapporti UsaAmerica Latina, e che ricorda proprio le ’vene aperte’ alla Galeano, è stata d’altra parte l’argentina Cristina Fernandez de Kirchner, che ha riferito come nell’incontro Unasur alcuni dei presenti hanno sollevato il problema «dell’ingerenza di alcuni funzionari Usa nei paesi latinoamericani». Punto che rinvia ad un altro degli incontri di queste ore a Port of Spain, quello tra Chavez e la segretaria di Stato Hillary Clinton. I due hanno esaminato la possibilità di normalizzare i rapporti bilaterali, visto il reciproco ritiro degli ambasciatori dello scorso settembre, quando Chavez si solidarizzò con il collega boliviano Evo Morales, che aveva a sua volta espulso l’ambasciatore Usa con l’accusa di ingerirsi negli affari interni.

L’ultimo degli operatori della Croce rossa ancora prigioniero ha seri problemi di salute Andreas Notter è libero e sta bene, ma sale la preoccupazione per Eugenio Vagni (foto in alto)

Vagni ancora in mano ai ribelli islamici nell’isola di Jolo

L’ostaggio svizzero è libero Timori per la sorte dell’italiano

ROMA - Andreas Notter ce l’ha fatta, è libero e sta bene. Ma sale la preoccupazione per Eugenio Vagni, l’ultimo dei tre operatori della Croce rossa internazionale rimasto ancora in mano ai ribelli islamici di Abu Sayyaf nell’isola filippina di Jolo. Le trattative per la sua liberazione proseguono, anche grazie alla mediazione degli ulema, i religiosi islamici, ma, ha avvertito ieri il ministro dell’interno filippino Ronaldo Puno, «la sua sorte è ancora incerta». Anche se un giornale locale, il Philippine Inquirer, citando una fonte anonima, sostiene che dovrebbe essere liberato «al più tardi domani», (oggi, ndr). Vagni, rapito il 15 gennaio scorso assieme al collega svizzero Andreas Notter e alla collega filippina Mary Jean Lacaba (liberata il 2 aprile scorso), ha seri problemi di salute.

Sì all’unanimità In Somalia la Sharia è diventata legge

Ahmadinejad ha usato parole apparentemente pacate verso Washington

L’Iran pronta a cooperare, forse Alberto Zanconato

TEHERAN - L’Iran ha celebrato ieri la sua giornata delle forze armate con una cerimonia dai toni ben più pacati rispetto agli anni scorsi, durante la quale il presidente Mahmud Ahmadinejad (nelal foto) ha usato parole apparentemente distensive verso le proposte di dialogo diretto del presidente Usa Barack Obama. L’Iran «è la nazione più potente nella regione» e «nessun nemico oserà minacciarla», ha affermato Ahmadinejad in un discorso tenuto prima della consueta parata nel sud di Teheran, vicino al mausoleo dell’ayatollah Ruhollah Khomeini. Ma ha subito aggiunto che proprio grazie a questa sua forza la Repubblica islamica «è pronta a dare il suo contributo alla stabilità» della stessa regione, nell’ambito di sforzi internazionali in nome «della pace e della giustizia». Un discorso insolitamente breve e moderato quello tenuto dal presidente iraniano, che fa seguito alle proposte di apertura di un dialogo ripetutamente proposto da Obama, non solo sul programma nucleare di Teheran, ma anche per cercare di risolvere i punti di crisi più acuta dell’area, a partire dall’Afghanistan. Significativo anche il tono minore in cui si è svolta la parata di Teheran. Per la prima volta dopo diversi

Sotto tono, a sorpresa, la giornata delle forze armate anni non sono stati fatti sfilare i missili che secondo gli annunci iraniani sono in grado di raggiungere Israele e che in occasioni precedenti erano stati mostrati con appesi striscioni che promettevano la cancellazione dello Stato ebraico. Non si sono visti nemmeno i 140 aerei da combattimento che, secondo gli

annunci dei giorni precedenti, avrebbero dovuto sorvolare la parata. La ragione ufficiale del cambio di programma è che la visibilità era scarsa, sebbene stamane sulla capitale iraniana splendesse un bel sole. Venerdì un segnale di disgelo tra Usa e Iran era stato colto durante la conferenza dei Paesi donatori del Pakistan, tenutasi a Tokyo. L’inviato speciale americano per l’Afghanistan e il Pakistan, Richard Holbrooke, ha conversato, sia pure brevemente, con il ministro degli Esteri di Teheran, Manouchehr Mottaki, durante l’ingresso nella sala dei la-

vori. È stato lo stesso Holbrooke a riferirlo ieri in una conferenza stampa durante la quale ha espresso «ap-

prezzamento» per il discorso tenuto da Mottaki nel corso dei lavori della conferenza.

La donna, irano-americana, per la Corte rivoluzionaria di Teheran è colpevole di spionaggio a favore degli Usa

Giornalista condannata a 8 anni di carcere

Roxana Saberi qui in una foto d'archivio

TEHERAN - La giornalista irano-americana Roxana Saberi, in carcere dal 31 gennaio scorso a Teheran, è stata condannata dalla Corte rivoluzionaria a otto anni di carcere per spio-

naggio a favore degli Usa. Lo ha detto ieri il Il padre della giornalista, Reza Saberi, che suo avvocato, Abdolsamad Khorramshahi, ieri si è visto rifiutare il permesso di inconaggiungendo che presenterà ricorso in appel- trarla, ha detto all’agenzia Afp che la figlia ha lo. Nel frattempo però, ha sottolineato il lega- fatto false confessioni in cambio della prole, la Saberi dovrà rimanere in prigione, per- messa, poi non mantenuta, di essere rilasciachè la Corte non le ha concesta. «Roxana ci ha detto che L’avvocato presenta tutto quello che ha confessato so la libertà su cauzione. appello Sentenza commentata negatinon era vero, ma che era stata vamente dagli Stati Uniti. Il intimidita e che le era stato il padre denuncia segretario di stato, Hillary detto che se avesse collaboraintimidazioni Clinton, ha espresso «profonto sarebbe stata liberata», ha da delusione» per questo pronunciamento. detto l’uomo. Reza Saberi, che è arrivato in «Stiamo lavorando strettamente con la Svizze- Iran dagli Stati Uniti il 5 aprile scorso con la ra - ha aggiunto - per ottenere dettagli sulla madre della giornalista, giapponese, ha agdecisione del tribunale e per garantire la sua giunto che rimarrà a Teheran «fino a quando sicurezza». Roxana non sarà liberata».

NAIROBI - Il Parlamento somalo riunito a Mogadiscio ha approvato ieri all’unanimità, confermando la decisione governativa dello scorso 10 marzo, l’istaurazione della Sharia, la legge islamica, in tutta la Somalia. In una lettura, peraltro, moderata, ed anche come prezzo politico per tentare di isolare l’integralismo islamico armato, legato ad al Qaida, molto presente sul territorio. La proclamazione della Sharia era un impegno che aveva subito assunto il presidente Sheikh Sharif Sheikh Ahmed quando era stato eletto, nella notte tra il 30 ed il 31 dicembre, a Gibuti, dopo un defatigante negoziato sotto l’egida dell’Onu, fortemente appoggiato dalle cancellerie occidentali e da quelle dei Paesi arabi moderati. Una nuova leadership in cui molti vedono la prima flebile speranza per avviare la Somalia fuori dalla tragica guerra civile che dura da più di 18 anni, ed ha causato oltre 10.000 morti e milioni di profughi. L’impegno per la Sharia di Sheikh Ahmed, peraltro, aveva ed ha una duplice lettura. Una è quella religiosa: il presidente è un convinto islamico, quindi alla Sharia crede completamente: ma la sua, come ha sempre più volte spiegato, è una lettura che gli osservatori definiscono moderata, mentre per i musulmani di quella tendenza altro non è che l’interpretazione corretta del Corano.


8 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità

Franceschini lancia la corsa per le amministrative: confronto con la destra su 4200 comuni e 64 province

“Per il Pd non sarà una passeggiata” Il centrosinistra si affiderà a Matteo Renzi e Flavio Del Bono per vincere in città simbolo come Firenze e Bologna Solo duecento i presenti: ieri ha prevalso la voglia di non lasciare il collegio

A un anno dalle politiche e con un partito in costruzione Cristina Ferrulli

ROMA - Alza la voce Dario Franceschini davanti ai candidati alle elezioni amministrative, chiamati a Roma per il via ufficioso alla campagna elettorale. Il segretario sprona a non aver paura «di parole come lotta, uguaglianza, solidarietà», convinto che il Pd si saprà rilanciare se non scimmiotta la destra ma disegna «una gerarchia di valori alternativi». Ma tra liste ancora aperte e impegni elettorali, l’avvio appare un po’ sottotono con molte sedie vuote nello Studio 5 di Cinecittà. «Siamo impegnati sul territorio, lo sapevamo che queste sarebbero state le persone, forse abbiamo sbagliato sala», minimizza alla fine Franceschini. Tutti sanno che non sarà una passeggiata per il Pd il risultato nei 4200 Comuni e nelle 64 Province, chiamati al voto ad un anno dalla sconfitta alle politiche,

con un partito in costruzione che ancora fatica a far arrivare il suo messaggio e con alleati inclini alla concorrenza. Chi, però, ieri è arrivato a Roma ci crede e c’è anche chi, come il vicedirettore del Tg1 David Sassoli, decide di debuttare in politica in un momento non semplice per il Pd «per dimostrare ai salotti - spiega presentandosi

Tremila manifestanti a piazza Navona

ai candidati - che ci siamo». Ma siccome i voti devono essere presi sul territorio, in tanti ieri hanno preferito non togliere tempo alla campagna elettorale e i presenti in sala erano circa 200: non ci sono, ad esempio, Matteo Renzi e Flavio Del Bono, sulle cui spalle pesa una responsabilità doppia visto che devono vincere in città-

simbolo come Firenze e Bologna. C’è, invece, e fa commuovere tutta la platea descrivendo il dramma del terremoto, la presidente della provincia dell’Aquila Stefania Pezzopane, così come è tornata nel posto che l’ha lanciata Debora Serracchiani, candidata alle europee ma molto attenta a non comportarsi da star. Se, come dice

Alessandro, giovane candidato di Trino Vercellese, «sarà la battaglia di Davide contro Golia», Franceschini invita a non perdere tempo. E il registro della campagna elettorale non prevede svolazzi: «Dobbiamo incalzare il governo sulla crisi, fare proposte ma anche alzare la voce sulle misure che non vanno». E lui è il primo

ad alzarla contro il mancato election day che «grida vendetta», contro un governo che non allenta il patto di stabilità dei Comuni e ignora la proposta sulla «tassa sui ricchi». Parole d’ordine che hanno molto sapore di sinistra ma che il segretario rifiuta di chiudere in schemi: «Se avete una buona proposta - esorta i candidati - fregatevene se vi dicono che è troppo di sinistra, troppo laica o troppo cattolica. Nel 2009 se un’idea è buona, questo è quello che conta». Il Pd deve guardare oltre le categorie ideologiche ma non inseguire la destra sul suo terreno. La vera sfida è puntare su una «gerarchia di valori alternativi» che non vanno neanche inventati: «Dobbiamo dire che stiamo con i più deboli, non dobbiamo aver paura di parole come lotta, uguaglianza, comunità, solidarietà, parole che vengono dal passato ma che ci indicano anche il futuro».

Complicato l’incarico a Maroni per far slittare con consenso unanime la consultazione

Presentata a Roma Non c’è intesa neppure sul rinvio del referendum la lista anticapitalista Berlusconi taglia corto: “Io comunque voterò”

ROMA - «Tiriamo su la testa. Basta togliersi il cappello davanti ai predoni». È stato questo lo slogan dominante della manifestazione a piazza Navona per la presentazione della Lista Anticapitalista. Ne fanno parte Prc, Pdci, Socialismo reale di Cesare Salvi e i Consumatori Uniti. All’iniziativa hanno partecipato circa 3 mila militanti ben muniti di bandiere rosse con il simbolo classico del comunismo, la falce e il martello. Oliviero Diliberto e Paolo Ferrero non si sono discostati nei loro interventi dal palco da uno schema ormai collaudato: attacchi a Silvio Berlusconi e critiche severe a Dario Franceschini. Per Diliberto il premier ha un «rapporto feudale con il Parlamento e sta facendo diventare l’Italia un paese di schifo». Quanto ai democratici, «non fanno l’opposizione perchè non hanno il sangue nelle vene». Non sono però solo il premier e il

leader del Pd gli avversari con i quali la Lista Anticapitalista deve fare i conti. C’è infatti anche la concorrenza elettorale di Sinistra e Libertà, l’altra lista unitaria guidata da Nichi Vendola. Diliberto ha invitato tutti a non votarla, anche perchè la soglia del 4% rischia di far naufragare entrambi i progetti. I sondaggi sembrano favorire Diliberto e Ferrero quotati tra il 3,8% e il 5,9%. Ben sotto il 4% si attesterebbe il Governatore della Puglia. A piazza Navona tutti i dirigenti della Lista Anticapitalista erano pronti a giurare che non c’è nessuna concorrenza politica con la Lista «cugina». «Sono scelte politiche diverse non sovrapponibili», ha detto Ferrero ai giornalisti. Diliberto è d’accordo con lui: «Non c’è nessuna concorrenza perchè Sinistra e Libertà ha scelto una linea più moderata. Sono in concorrenza con i democratici».

Presente Vendola che ha scoperto una targa per le vittime

Commemorazione dei pugliesi morti nell’inferno di Marcinelle BARI - «Ascoltare il racconto dei sopravvissuti di quella tragedia mi ha fatto vivere un’angoscia profonda». Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, partecipando a Marcinelle (Belgio) alla cerimonia di commemorazione dei 22 minatori pugliesi morti l’8 agosto 1956 nell’esplosione della miniera del Bois du Cazier. Lo rende noto l’ufficio stampa del presidente della Regione. Vendola era accompagnato dall’assessore regionale ai Flussi migratori, Elena Gentile, ed ha scoperto una targa all’interno della sala d’ingresso del complesso che ospita un Memoriale dedicato alle 262 vittime del pozzo numero 1 dell’ex miniera. Alla cerimonia ha partecipato una delegazione di pugliesi residenti in Belgio, componenti del Comitato degli italiani all’estero e di ex minatori scampati alla tragedia, oltre ad autorità. «Marcinelle - ha aggiunto Vendola - è il reliquiario laico che dovrebbe farci riflettere sulla dignità del lavoro e sul tema universale dei fenomeni migratori. Un luogo che dovrebbe essere un monito per tutti, visto che qui non contavano le persone, ma si era solo un numero che doveva portare in superficie più carbone possibile».

L’ipotesi più valida resta quella del 21 giugno insieme ai ballottaggi

Berlusconi e Bossi Senza il no della Lega la concomitanza con l’Election Day avrebbe fatto risparmiare 400milioni allo Stato

Serenella Mattera

ROMA - Nessuna «sintonia». Nessun accordo sulla data. Accuse reciproche di «sciacallaggio» e di «responsabilità gravissime» sui costi. All’indomani dei primi contatti del ministro Roberto Maroni con i leader dell’opposizione, una soluzione della questione del referendum elettorale sembra ancora lontana. Perchè se il segretario del Pd, Dario Franceschini, dice che un rinvio al 2010 «avrebbe avuto anche un senso», la Lega continua a proclamarsi fermamente contraria all’ipotesi, tant’è vero che il ministro dell’Interno neanche l’annovera nei suoi colloqui. E il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che pure aveva ventilato un possibile rinvio, si mostra disponibile ad accantonarlo. Andrà a votare per il referendum, Berlusconi. «L’ho sempre fatto» dice ai cronisti in Abruzzo. Ma di fronte alla «responsabilità» di tenere unita la maggioranza in un momento di crisi, il premier si mostra ancora una volta disponibile a mediare. Un rinvio del referendum? «Stanno esaminando questa ipotesi - dice - Io ho visto i conti ieri sera: i risparmi sarebbero intorno ai cinquanta milioni». Ma poi aggiunge: «Rinviarlo forse tiene in sospeso tutto». Al momento, dunque, l’ipotesi più probabile è ancora quella dell’accorpamento di ballottaggi e referendum al 21 giugno. Il Carroccio ha già detto di sì e, dall’opposizione, si mostra disponibile il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini, che pure definisce i quesiti «un

imbroglio». Ma la «sintonia» necessaria ancora non c’è. Il comitato promotore del referendum, il cui consenso sulla data è indispensabile pena un ricorso alla Corte costituzionale, lamenta di non essere stato neanche contattato. Mentre Antonio Di Pietro assicura di non aver risposto a Maroni. Quanto al Partito democratico, Dario Franceschini torna sulla de-

cisione di accantonare l’election day: «Davanti alla lunga emergenza che c’è in Abruzzo, quella scelta grida vendetta», dice. E si rammarica di non essersi neanche sentito proporre il rinvio al 2010, che secondo lui «avrebbe avuto anche un senso», perché «avrebbe consentito di tentare una riforma della legge elettorale». Ma è quando apre il capitolo dei costi,

ricordando i 400 milioni di euro che si sarebbero risparmiati con l’election day, che il segretario del Pd raccoglie le reazioni più accese. Dal Pdl lo accusano di sollevare «polemiche demagogiche» e di «speculare con le menzogne». Ma la più dura è la Lega, che contesta le cifre e parla di «sciacallaggio», con il capogruppo Roberto Cota, ma soprattutto con Roberto Calderoli. Il ministro per la Semplificazione parla di «meschine azioni», messe in atto soltanto «per un ritorno elettorale, o peggio ancora per i rimborsi elettorali legati al referendum» da «sciacalli e avvoltoi che giocano col sangue». Ma i referendari rispediscono al mittente l’accusa: «Sciacallo è chi paralizza e ricatta l’intero governo».

Pronta risposta agli attacchi del Partito Democratico sulla lottizzazione televisiva

“Infondate le nomine Rai che vedo sui giornali” Il premier si difende dalle accuse di spartizione ROMA - Dario Franceschini attacca Silvio Berlusconi chiedendo che la Rai non diventi una «torta da spartire», mentre il presidente del Consiglio smentisce che dall’incontro a palazzo Grazioli sia uscita una lista di nomine per reti e testate della tv pubblica, annunciando che su quelle poltrone finiranno solo «facce nuove». La Rai, dunque, torna a scuotere i palazzi della politica. Al premier, per la settima volta in visita in Abruzzo, non devono essere piaciute le ricostruzioni dei giornali sull’ incontro dei vertici della maggioranza

nella sua residenza romana. Così, appena arrivato nella tendopoli di Pianola, dice: «Sono notizie infondate: i nomi che ho letto stamattina sui giornali - aggiunge riferendo conversazioni private con i consiglieri Rai - non saranno assoluta-

mente i nomi che emergeranno, perchè credo che il direttore generale abbia intenzione di un’innovazione vera con nuovi nomi e facce più giovani». Le nomine, assicura poi il Cavaliere, saranno fatte dagli organi aziendali preposti. Ciò non toglie, aggiunge con un attacco alla Tv pubblica, che «il presidente del Consiglio ha solo suggerito di non farle a spizzichi e bocconi, ma di fare un lavoro organico per dare alla Rai quella funzione di servizio pubblico che oggi è molto lontana dallo svolgere». In foto Romani, sottosegretario alle Tlc.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Domenica 19 Aprile 2009 9

Economia

Regole globali per l’economia e la finanza

Due lavoratori per un pensionato Monito della Ue

BERLINO - La Germania «apre» alla realizzazione delle regole globali sull’economia e finanza (legal standard) che l’Italia conta di varare al prossimo vertice del G8 in Sardegna e che sono necessarie per ristabilire la fiducia dei risparmiatori e non solo dei mercati finanziari, mentre l’economia reale stenta ancora a mostrare una reale inversione di tendenza. Il ministro dell’economia Giulio Tremonti (nella foto) registra con soddisfazione la posizione tedesca nel convegno organizzato dall’Aspen Institute a Berlino. «C’è una buona apertura della Germania sul legal standard» spiega. Le nuove regole globali, per il componente della Bce Lorenzo Bini Smaghi, sono comunque necessarie per far ripartire il sistema economico.

Piccole aziende fanno vincere il made in Italy

BRUXELLES - Bruxelles si appresta a lanciare un allarme pensioni: la recessione coincide con la prima ondata di pensionamenti legata al babyboom. Questo «non deve diventare una scusa per sospendere la modernizzazione dei sistemi previdenziali». Senza drastiche riforme, l’impatto della crisi e dell’aumento della spesa rischia di essere devastante. Potrebbe costare una cifra pari al 10% del Pil pro-capite entro il 2020. D qui al 2060 il rapporto tra lavoratori e pensionati passerà dall’attuale quattro a uno, a due lavoratori per un pensionato. D qui al 2060, l’Italia figura nel gruppo di Paesi in cui è attesa una impennata «più moderata» della spesa previdenziale, del 4% o meno. Questo per le riforme già effettuate dagli anni ’90 in poi.

VENEZIA - Il Made in Italy ha retto nel 2008 grazie alle pmi che hanno consentito un saldo commerciale positivo per 71,5 miliardi (+3%). Lo afferma la Cgia di Mestre, che rileva come le aziende del Nordest facciano la parte del leone, avendo garantito il 46% del saldo positivo. Sono andate male le grandi imprese (petrolio, chimica, elettronica e auto) con un saldo di -92,6 mld (-8,4% sul 2007). Un risultato condizionato in buona parte dal forte aumento dei prezzi dei prodotti petroliferi. «Possiamo dire con certezza - commenta la Cgia - che nel 2008 le pmi, protagoniste indiscusse del made in Italy, hanno battuto nettamente le grandi aziende italiane sul terreno della globalizzazione economica».

L’allarme viene da un’analisi dell’Ufficio studi di Confartigianato che ha calcolato l’impatto della crisi creditizia sul sistema imprenditoriale

Stretta del credito e prestiti “difficili” Le imprese pagano 13,8 miliardi l’anno Stefano di Strada

ROMA - Le imprese italiane pagano un prezzo sempre più alto per la crisi del credito. Sale, infatti, a 13,8 miliardi l’anno (dai 12,5 del 2008) l’onere finanziario per le aziende derivante dal mancato adeguamento dei tassi di mercato applicati dalle banche a quelli di riferimento della Banca centrale europea. L’allarme viene da un’analisi dell’Ufficio studi di Confartigianato, che ha calcolato l’impatto della crisi del credito sul sistema imprenditoriale. Secondo Confartigianato, a una riduzione di 2,25 punti percentuali dei tassi Bce corrisponde una diminuzione di 0,77 punti dei tassi pagati dalle imprese alle banche. Il risultato - si legge in una nota - è che «il mancato adeguamento dei tassi di mercato a quelli di riferimento Bce costa alle imprese 13,8 miliardi di euro l’anno in termini di maggiori oneri finanziari». Lo studio mette in evidenza che i tassi sui prestiti pagati dalle imprese italiane sono più alti rispetto a quelli degli altri principali Paesi europei: in Italia si paga un tasso d’interesse più alto di 0,7 punti percentuali rispetto alla Spagna, di 0,82 punti rispetto alla Germania,

La posizione di Trichet

Pesa il mancato adeguamento del mercato al dato della Bce

Eurolandia: no al denaro a costo zero

A una riduzione di 2,25 punti percentuali dei tassi Bce corrisponde una diminuzione di 0,77 punti dei tassi pagati dalle imprese

e addirittura di 1,34 punti percentuali rispetto alla Francia. Oltre al mancato aggancio al ribasso dei tassi Bce - nota Confartigianato - i tassi pagati dalle imprese italiane non hanno interamente seguito nemmeno il raffreddamento del mercato interbancario: tra ottobre 2008 e febbraio 2009 il divario

tra i tassi sui prestiti pagati dalle imprese e l’Euribor a tre mesi (il tasso di riferimento dei prestiti sul mercato interbancario) è più che raddoppiato, passando da 1,33 punti a 2,89 punti. Sono inoltre peggiorate le condizioni di accesso al credito: con una quota crescente di imprese mani-

fatturiere (40,2%) che registrano maggiori difficoltà nel ricevere prestiti, e con l’8% delle imprese manifatturiere - si legge nella nota che ha richiesto e non ottenuto negli ultimi mesi un finanziamento. Nonostante i tassi di interesse nominali non abbiano tenuto contro del calo dei tassi della Bce, i listini

L’Antitrust apre all’ingresso nel settore degli operatori di telefonia mobile

Troppo care le carte prepagate

ROMA - Ancora troppo cari i costi per le carte prepagate messe a disposizione del sistema bancario e per consentire risparmi ai consumatori largo alle società di telefonia mobile. È la conclusione alla quale arriva l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato dopo l’indagine conoscitiva condotta nel settore. «Restano ancora elevati i costi delle carte prepagate offerte dal sistema bancario - sottolinea l’Antitrust - con commissioni di ricarica che possono arrivare fino a 5 euro». Quale via d’uscita? «Sfruttare le potenzialità legate ad un possibile ingresso, nel mercato dei pagamenti elettronici, degli operatori telefonici mobili - sostiene l’Autorità - che con 80 milioni di carte costituiscono la principale componete delle carte prepagate chiuse». Le carte prepagate, bancarie o postali, ricaricabili o ’usa e getta’, sembrano piacere sempre

I numeri Carte ricaricabili e usa e getta

(emesse da banche e Poste italiane, fine 2007)

5,8 milioni

+30,1% rispetto al 2006

Incidenza delle ricaricabili sul settore delle carte di pagamento 2006 2007

6,4 % 7,8 %

L'utilizzo

(dati 2006)

le operazioni di pagamento con carte prepagate presso Pos o su Internet

60 euro

12,4 milioni i prelievi presso gli sportelli Bancomat

Fonte: Autorità Antitrust

di più agli italiani. Secondo i dati Antitrust nel 2007 ce n’erano già 5,8 milioni in circolazione, il 30% in più rispetto al 2006. A coprire

Valore medio transazione

25 milioni

97 euro ANSA-CENTIMETRI

quasi il 60% del segmento è Poste Italiane. Nel 2006 si sono registrate più di 25 milioni di operazioni di pagamento con carte prepagate,

presso Pos o via Internet, oltre il doppio rispetto ai prelievi bancomat, e il valore delle ricariche è stato di circa 3,5 miliardi di euro.

prezzi delle imprese - rivendica Confartigianato - «mostrano un significativo ribasso»: ad inizio anno, secondo l’organizzazione, in 3 settori su 13 del comparto manifatturiero i prezzi alla produzione sono cresciuti meno dell’inflazione e 8 settori presentano addirittura segnali deflazionistici, con prezzi più bassi rispetto all’anno precedente. In media, per ciascuna impresa italiana il maggior onere dovuto alla stretta creditizia, calcolato da Confartigianato, si attesta a 2.267 euro, con valori «decisamente» più elevati al Nord. In quattro regioni - si legge nel comunicato l’aumento dei costi sostenuti per accedere al credito ha superato il miliardo di euro: Lombardia (4,2 miliardi), Lazio (1,6 miliardi), Emilia Romagna (1,5 miliardi) e Veneto (1,5 miliardi). Intanto, nel panorama bancario «ci sono stati spostamenti delle quote di mercato in favore delle banche più legate al territorio, come le banche popolari e le Bcc». Lo ha detto il ministro del welfare, Maurizio Sacconi. «Queste - ha sottolineato ul ministro - si sono rivelate particolarmente capaci di interpretare i bisogni delle economie reali, delle attività produttive, delle piccole imprese in modo particolare in questo difficile passaggio dell’economia reale. Io spero che questo faccia riflettere anche i grandi gruppi bancari circa la ricerca dei modi con i quali migliorare il loro rapporto con i territori».

TOKYO - Eurolandia e Giappone sono due aree alle quali non è applicabile la stessa ricetta monetaria, la politica dei tassi prossimi a zero o allo zero. Parlando al Foreign Correspondents’ Club of Japan di Tokyo, è il presidente della Bce, Jean-Claude Trichet, a dichiararsi convinto della diversità delle due macroaree osservando come il modello giapponese non possa essere replicabile perchè «non appropriato al caso europeo». «Mi preme sottolineare - ha affermato il numero uno di Eurotower - che riteniamo che nel nostro caso, tenendo nella dovuta considerazione tutti gli elementi disponibili, la politica monetaria a tasso zero non sia la cosa più opportuna da fare». I tassi vicino allo zero sono una costante nelle linee guida degli ultimi dieci anni nel Sol Levante, come quando fece la Bank of Japan nel 2001 negli sforzi per battere la deflazione. «In Eurolandia - ha spiegato Trichet, citando un elemento a favore della sua tesi c’è l’inflazione da tenere al ridosso o sotto il 2%. Ebbene, se l’ultima stima era di 1,7%, le previsioni sono di 1,9%». I tassi dell’area euro sono stati limati ancora di uno 0,25% a inizio mese, al minimo storico dell’1,25%, e potrebbero essere ancora ritoccati al ribasso, mantenendosi però sempre lontano dal livello dello 0,1% deciso dalla Banca del Giappone. «Non parlo per conto delle altre banche centrali, ma descrivo solo la situazione della zona euro», ha aggiunto Trichet che anche questa volta non ha escluso un ulteriore taglio, a poche settimane dalla riunione del board del 7 maggio. «Noi - ha spiegato sul punto, ricordando di aver usato prima dell’ultima sforbiciata la stessa terminologia - non escludiamo di poter abbassare ulteriormente i tassi, ma in una misura molto limitata. E vi assicuro non c’è scoop in quello che vi dico».


10 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Cronache in breve Operai in sciopero tagliano la luce PARIGI - Tagli improvvisi e selvaggi di luce e gas a migliaia di clienti francesi da parte di operai di filiali di Edf e Gdf in sciopero da tre settimane per avere aumenti salariali. La forma di protesta, giustificata dalle organizzazioni sindacali, ha provocato la dura reazione del primo ministro Francois Fillon, che ha parlato di «sabotaggio». Giovedì scorso sono stati 66.500 i clienti privati di luce.

La Moss sorpresa dalla polizia mentre si scambia effusioni intime con il fidanzato Il gossip di Londra dice però che è una trovata per pubblicizzare l’auto del misfatto

Filippo da 57 anni è principe consorte LONDRA - Il principe Filippo di Edimburgo ha stabilito ieri un record di longevità come «principe consorte»: 57 anni e 17 giorni dall’ascesa al trono di sua moglie Elisabetta. Il principe Filippo, duca di Edimburgo, ha battuto un record vecchio di quasi duecento anni, detenuto dalla regina Carlotta, che aveva sposato il re Giorgio III nel 1761 ed era morta un anno prima del marito, nel 1818.

Oasi wwf, 1.600 panda invadono la Capitale ROMA - Invasione di 1600 panda di cartapesta ieri, a piazza del Popolo, a Roma, alla vigilia della grande festa della natura organizzata dal Wwf per oggi: aperte oltre 100 Oasi dell’associazione, gratuitamente in tutta Italia. E dove c’è un’oasi Wwf ha vinto la natura. Lo dimostra un dossier dal titolo «Effetto oasi», che racconta come sarebbe stata l’Italia senza oasi. L’evento centrale della Giornata nell’Oasi toscana di Burano.

Suicida dal balcone temeva perquisizione LATINA - Un uomo di 33 anni, operaio dell’azienda farmaceutica Abbott, si è ucciso ieri gettandosi dall’ottavo piano di un palazzo ad Aprilia, in provincia di Latina. Il motivo del gesto sarebbe da ricondurre ad una perquisizione antidroga che i carabinieri stavano per effettuare nella sua casa.

Sistemava il tetto precipita e muore VIBO VALENTIA - Un uomo di 59 anni, Francesco Sergi, è morto ieri precipitando dal tetto di una casa di sua proprietà, a Joppolo, nel Vibonese mentre era intento a dei piccoli lavori. L’uomo, originario di Squillace (Catanzaro) ma residente a Sesto San Giovanni (Milano), era giunto nel Vibonese per trascorrere le vacanze di Pasqua.

CATANIA - Perquisizioni, disposte dalla Procura Distrettuale di Catania, sono state eseguite dalla polizia postale in 17 città italiane nell’ambito di un’operazione contro la divulgazione di video pedo-pornografici su Internet. Complessivamente gli indagati sono 26, compresi due ragazzi non ancora maggiorenni sui quali ha aperto un fascicolo la Procura per i minorenni del capoluogo etneo. E proprio a Catania la polizia postale ha arrestato un uomo di 34 anni, trovato in possesso di migliaia di file pedo-pornografici archiviati nel suo computer e che ha tentato di distruggere poco prima che gli agenti avviassero la perquisizione. Le città interessate dalle perquisizioni sono: Catania, Cosenza, Salerno, Napoli, Roma, Frosinone, Latina, Arezzo, Bologna, Parma, Ravenna, Padova, Verona, Treviso, Milano, Bergamo e Torino.

Auguri e tanto lavoro per Rita Montalcini ROMA - Un’enorme torta di fragole e cioccolato, con un’enorme scritta in inglese: ’Celebrating Rita Levi Montalcini 100th birthday’, ovvero ’Per celeberare il centesimo compleanno di Rita Levi Montalcinì. Con il taglio ben augurale di questa prima torta - in un calendario denso di eventi fino al giorno di nascita del Nobel, il 22 aprile - la senatrice ha ieri accolto la stampa per presentare la conferenza sul cervello che si svolgerà a Roma il 22 aprile.

Non assunse invalido Condannata azienda SCIACCA (AGRIGENTO) - L’azienda ospedaliera «Giovanni Paolo II» di Sciacca è stata condannata dal giudice del lavoro a risarcire 120 mila euro a M.V., un invalido civile di Raffadali di 52 anni. L’uomo era stato avviato al lavoro dall’ufficio di collocamento nella struttura ospedaliera con la qualifica di assistente socio sanitario. Tuttavia l’azienda ospedaliera non aveva proceduto poi alla regolare assunzione.

Pedofilia on line: 26 indagati in 17 città

Stabile poco sicuro Chiuso l’asilo Kate Moss è stata sorpresa con il fidanzato Jamie Hince a bordo di una Ypsilon Versus

Kate fra sesso e affari

LONDRA - Kate scandalosa Moss torna a colpire. Questa volta la modella è stata sorpresa dagli agenti della polizia inglese, all'interno della sua autovettura parcheggiata nei pressi di Londra, in atteggiamenti molto più che intimi con il fidanzato Jamie Hince. La notizia ha creato però qualche sospetto nell' opinione pubblica: più che raptus di passione, il gesto sarebbe un'astuta trovata pubblicitaria per il lancio della nuova Ypsilon Versus. Dalle indiscrezioni anticipate dal periodico di

Una banca biologica dedicata ai gemelli ROMA - Il materiale biologico di oltre 1.200 gemelli è conservato nella Banca biologica del registro nazionale gemelli attiva presso il Reparto di epidemiologia genetica del Centro nazionale dell’Istituto superiore di sanità (ISS). Il progetto, nato nel 2006, si pone come risorsa strategica per la ricerca eziologica in campo biomedico. La costituzione della Banca è stata avviata nell’ambito di EuroClot.

Ucciso a colpi di pistola Era in sella allo scooter CATANIA - Luigi Daniele Paratore, di 35 anni, è stato ucciso, l’altra notte, con diversi colpi di arma da fuoco a Catania. L’uomo era a bordo del proprio scooter, quando due sicari l’hanno affiancato, sparando numerosi colpi di pistola. L’agguato nel rione di San Berillo Nuovo, poco dopo le 2 di notte. Paratore in passato è stato denunciato per reati contro il patrimonio e, secondo la polizia, aveva frequentazioni nel mondo della droga, dove potrebbe essere maturato il regolamento di conti.

gossip Star Magazine, che cita fonti della Metropolitan Police londinese non confermate però dal portavoce della supermodella, trapela una descrizione forse troppo accurata del mezzo all'interno del quale i due amanti sarebbero stati sorpresi. Cosa che farebbe pensare ad uno scoop montato ad hoc. L'automobile viene infatti definita "vettura dei fashion vip realizzata da Lancia in collaborazione con il Gruppo Versace". E qualcuno crede che la cosa non sia affatto casuale.

I 5 vincono 75mila euro Estrazioni del 18/04/2009 BARI

62

77

82

68

50

CAGLIARI

31

77

83

11

47

FIRENZE

86

84

15

73

28

GENOVA

51

88

69

2

44

MILANO

46

62

8

63

57

NAPOLI

48

71

21

78

38

PALERMO

71

74

72

87

77

ROMA

20

42

87

71

45

TORINO

7

79

58

71

83

VENEZIA

44

67

48

81

35

NAZIONALE

80

57

13

68

87

Jolly

Super Star

62

71

86

44

80

20

46

48

ANSA-CENTIMETRI

Nessun 6 e 5+ al Superenalotto. Ai 5: 75.319,84 euro. Ai 4: 428,76 euro. Ai 3: 19,55 euro. Superstar All’ unico 4: 42.876,00 euro. Ai 3: 1.955 euro. Ai 2: 100,00 euro. Agli 1: 10,00 euro. Agli 0: 5 euro.

LATIANO (BRINDISI) - ’Per gravi carenze strutturali’, rilevate dai carabinieri del Nas di Taranto, da funzionari del ’Servizio di sicurezza sui luoghi di lavoro’ della Asl e dai vigili del fuoco, il sindaco di Latiano ha disposto la chiusura di una scuola per l’infanzia frequentata da circa 70 bambini. L’attività didattica è stata sospesa fino alla verifica dei tecnici del Comune. A quanto si è saputo, in vari ambienti dell’asilo sono state riscontrate lesioni di intonaco su travi e murature, e deficienze in alcuni impianti. I controlli dei Nas sono stati fatti dopo che la magistratura di Brindisi ha disposto la verifica dell’igiene e della sicurezza dell’edilizia scolastica nella provincia.

Valanga in Austria Travolti due sciatori VIENNA - Due sci-escursionisti sono morti travolti da una valanga nel Tirolo, in Austria. La coppia - un uomo ed una donna - stava sciando in fuoripista poco dopo aver lasciato un rifugio a quota 1.700 metri nei pressi di Hochfuegen, quando è stata colpita da una massa di neve bagnata. Il rischio valanghe ieri in Tirolo era segnalato a 1,5 su una scala che arriva fino a 5.

Antartide a rischio Stop ai turisti ROMA - Turismo ridotto in Antartide per problemi di ecosostenibilità: i paesi con interesse nella regione hanno accolto la proposta dell’America. Il numero dei turisti è salito da 6.700 dell’anno 1992-93 ai 45.000 della scorsa stagione. In aumento anche gli incidenti che coinvolgono navi da crociera. Le restrizioni, proposte durante la conferenza di Baltimora per i 50 anni del Trattato Antartico, limiterebbero l’afflusso di navi con più di 500 passeggeri e lo sbarco al massimo di 100 turisti.


CALABRIA il Domani

Domenica 19 Aprile 2009

www.ildomani.it

Il leader Pd ha chiuso i lavori del convegno sulla green economy a Lamezia

Il presidente del Consiglio regionale lancia il suo monito

Rutelli: «Calabria spenda bene fondi Ue»

Bova: «Reggio metropolitana, adesso dobbiamo meritarla»

Il presidente del Copasir punzecchia Berlusconi: «Il suo è un governo ipnotico» di Ludovico Casaburi ROMA - A margine del convegno "Percorriamo il cambiamento: dalla green economy alle politiche generazionali" tenuto a Lamezia Terme e conclusosi nella giornata di ieri, il presidente del Copasir Francesco Rutelli ha concluso i lavori rispondendo a tutto campo alle domande dei giornalisti presenti, dalle sorti del Pd e dalle fughe che ne stanno contraddistinguendo il momento, dalle politiche ambientali calabresi all’ultima fase che ha definito "ipnotica" della gestione del Paese da parte del governo Berlusconi, all’operato della magistratura. «Non darei un eccessivo peso a dinamiche elettorali, vanno rispettate le posizione di tutti, ma noi abbiamo un progetto grande. Naturalmente il disegno del Partito Democratico è quello di conquistare posizioni - ha detto l’esponente del Pd - e noi ci siamo mobilitati affinché per le europee e le amministrative ci sia un consolidamento, insieme alla conferma delle nostre amministrazioni». L’ex vice presidente del Consiglio si è detto quindi fiducioso rispetto al momento politico del centrosinistra, auspicando un ritorno al potere necessario successivamente all’attuale fase «ipnotica» del governo Berlusconi. «Noi siamo centrosinistra ma non c’è dubbio che il partito debba raccogliere consensi in tutte le aree che vogliono migliorare questo Paese», ha detto l’esponente del Pd in merito al possibile apparentamento del Partito Democratico con

«L’aspetto ambientale sarà di svolta per il futuro. L’amministrazione Obama punta moltissimo sulle fonti rinnovabili, un grande cambiamento rispetto a Bush. Ciò porterà a una nuova stagione che crea milioni di posti di lavoro, e perché l’Italia, il Mezzogiorno, la Calabria non debbono guidare questo processo?»

Francesco Rutelli

le forze del centro, in particolare con l’Udc. «Gli italiani a breve si risveglieranno da questa fase di ipnosi, questa fase di Berlusconi che non sta dando risposte, soprattutto sul piano dell’economia. Questa ipnosi si allenterà e gli italiani dovranno trovare un centrosinistra in grado di riprendere le linee del paese». L’ex sindaco di Roma ne ha anche sul caso Genchi e sul dissequestro del suo archivio: «Non è certamente nostro compito dare giudizi sull’operato della magistratura. Non voglio fare nessuna polemica ha sottolineato - il lavoro che noi abbiamo fatto su segnalazioni arrivate al nostro comitato ha riguardato, da una parte la sicurezza dei servizi di informazione, e dall’altra la formazione di archivi. Io non sono un magistrato né un giudice, ma noi abbiamo messo in rilievo dei fatti e sono convinto che dalla nostra relazione scaturiranno modifiche legislative che permetteranno di non formare mai più in futuro archivi che hanno milioni di dati e che possono essere nella disponibilità di soggetti, anche privati. Credo che questo sia il problema. Noi non siamo qui per emettere sentenze, ma per gettare luce su un aspetto che nessuno aveva colto e che, penso, ora permetterà al legislatore di essere gestito meglio».

Sulle politiche ambientali, Rutelli ha ammonito la Calabria, consigliando che vengano ben spesi «i fondi europei e regionali per dare lavoro, far funzionare le imprese e insediarne di nuove. L’aspetto ambientale può essere una svolta per il futuro, non dobbiamo sempre imparare dagli altri - ha aggiunto l’amministrazione Obama punta moltissimo sulle fonti rinnovabili, ed è un grande cambiamento rispetto a Bush, e questo porterà a una nuova stagione che crea milioni di posti di lavoro, e perché l’Italia, il Mezzogiorno, la Calabria non debbono guidare questo processo? Il nostro compito é dare delle speranze concrete non fare discorsi su un nuovo meridionalismo, che poi è necessario, ma fornire concrete proposte che facciano vedere ai nostri giovani che si creano posti di lavoro attraverso nuove imprese e una sostenibilità dello sviluppo che la gente si aspetta. Oggi parliamo anche di una rivoluzione ambientale da portare in Calabria e nel Mezzogiorno, è un tema che viene sottovalutato ma che può dare tanti posti di lavoro, insediare imprese, creare una prospettiva di sviluppo e anche un’identità di questo territorio. Bisogna utilizzare bene i fondi strutturali per queste aree dato che finora il Governo ha togliato soldi al Sud».

L’Anm prepara l’incontro di Catanzaro del prossimo 23 aprile

Magistrati: «Necessari dirigenti affidabili» ROMA - Serve «un salto di qualità nella selezione dei nuovi dirigenti» degli uffici giudiziari e «nella verifica del loro operato»; altrimenti «nessuna prospettiva di rinnovamento è destinata al successo». Lo ribadisce l’Anm che su questo tema ha organizzato per il 23 aprile prossimo un incontro a Catanzaro. Un luogo non scelto a caso visto che origine del dibattito è lo scontro tra le procure di Salerno e Catanzaro, che si è giocato sulle inchieste avocate all’ex pm Luigi De Magistris. Per migliorare il sistema giustizia è «indispensabile la capacità organizzativa dei dirigenti degli uffici, ma

non basta. Per rompere situazioni di incrostazione - sostiene l’Anm- di inefficienza e di scarsa trasparenza che pure hanno caratterizzato alcune realtà, in particolare del Meridione, occorre valorizzare la professionalità specifica, l’indipendenza, la cultura delle regole». Proprio per questo il sindacato delle toghe sostiene «l’impegno del Csm nel dare attuazione alle nuove norme dell’Ordinamento giudiziario sulla selezione e la scelta dei dirigenti». Un sostegno «non acritico» visto che al Csm si chiede di riempire di «contenuto trasparente» i parametri sulla base

dei quali opera le sue valutazioni, e di verificare con attenzione, una volta attribuito l’ufficio, «il modo in cui le funzioni direttive vengono svolte in concreto». All’incontro parteciperanno tra gli altri il presidente dell’Anm, Luca Palamara, i consiglieri del Csm Giuseppe Maria Berruti e Vincenza Maccora, il presidente del tribunale di Reggio Calabria, Luciano Gerardis, il procuratore della Repubblica di Gela, Lucia Lotti, il procuratore della Repubblica di Palmi, Giuseppe Creazzo. L.W.

ROMA - «L’area metropolitana di Reggio? È come la Reggina in Champions League: siamo dentro il circuito più importante d’Europa. Ormai ci siamo qualificati, ma adesso occorre allestire una squadra all’altezza della sfida. Quella squadra è l’intera Calabria». Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale, on. Giuseppe Bova, nel corso del convegno organizzato dal segretario nazionale del Pri, on. Francesco Nucara, proprio sul riconoscimento dello status di Città metropolitana per Reggio. Secondo Bova, «bisogna avere l’audacia e la consapevolezza delle proprie azioni. Se qui, in Calabria, a livello istituzionale non avessimo marciato d’intesa, non saremmo riusciti ad ottenere alcunché. Su questo io non cambio idea. Solo così siamo riusciti a scrivere l’inizio di una vicenda straordinaria, qual è quella dell’area metropolitana. Gli equilibri nazionali della maggioranza di governo e dell’opposizione, alla vigilia del voto alla Camera, non prevedevano affatto di istituire qui un’area metropolitana». «Al Senato - ha ricordato il presidente Bova - Reggio era stata ignorata. Abbiamo posto noi per primi la questione, ma se il Pd fosse andato avanti da solo in Parlamento,avremmo realizzato solo un lavoro di testimonianza politica. Per questo ho coinvolto il sindaco di Reggio Scopelliti. Poi è stata assai proficua opera che gran parte dei parlamentari calabresi, a partire da quelli reggini, ha condotto a Montecitorio». Il massimo rappresentante dell’Assemblea calabrese ha poi rivolto lo sguardo al futuro: «L’Italia è un Paese seduto. Qualcuno pensa che ci sia una questione settentrionale. Ma le maggiori potenzialità, le risorse intellettuali più vaste ed inutilizzate, i più ampi margini di crescita sono qui da noi, in Calabria, sullo Stretto. E c’è di più. Cina e India continuano a crescere ad una velocità spaventosa - ha aggiunto il presidente - con cui fanno i conti gli Stati Uniti. Esiste inoltre un’area, quella del Meg, che sta

diventando la nuova locomotiva del bacino del Mediterraneo: dal Marocco all’Egitto sono in corso investimenti infrastrutturali per quasi cento miliardi di euro in vent’anni. È a questa nuova prospettiva mediterranea che noi dobbiamo guardare, facendo massa critica all’interno della Calabria e soprattutto puntando sui saperi, sulle università, sulla ricerca: ad esempio in materia di prevenzione antisismica, perchè non possiamo più consentire che in Italia, nel 2009, un terremoto pur molto forte causi 300 vittime». L’on. Bova ha ricordato «uno studio condotto negli anni Ottanta dalla fondazione Agnelli, che evidenziava come la Calabria fosse una realtà socialmente assai composita: una parte polarizzata sulla Campania, l’altra sulla Puglia, la più

Giuseppe Bova

meridionale attratta dalla Sicilia. La nuova vicenda dell’Area metropolitana supera e debella quei rischi di disgregazione. Noi abbiamo un’idea diversa: quella di una città metropolitana moderna, che ha uno straordinario polo produttivo a Gioia Tauro, che mette in rete le sue università per farle diventare competitive, che non fa sentire marginale nessuno, che esalta e rafforza le relazioni positive tra le diverse aree della Calabria e per questa via sollecita una forte sinergia e un forte protagonismo dell’intera comunità calabrese». L.W.


12 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

CALABRIA FORUM ROMANI L’on. Jole Santelli traccia un quadro allarmante della situazione locale e nazionale

«La malapolitica, il vero guaio della Calabria» La deputata del PdL: «Scopelliti è il miglior candidato presidente che questa regione possa desiderare» di Guido Talarico e Alessandro Caruso ROMA - Jole Santelli è uno dei volti giovani della politica italiana. Cosentina, avvocato di successo, è una di quelle che ha bruciato le tappe: già sottosegretario alla Giustizia nel secondo Governo Berlusconi, quando era poco più che trentenne, adesso, con l’entusiasmo di una ragazza di quella Calabria che non smette di sognare, porta avanti nelle fila del PdL una carriera parlamentare da esperta conoscitrice della politica. È vice presidente della Commissione Affari Costituzionali e componente della Commissione di vigilanza dei servizi radiotelevisivi. L’abbiamo incontrata nella nostra redazione romana. Il carattere non le manca. Si vede. Tratta gli argomenti con assoluta padronanza e disinvoltura, soprattutto quello a lei più caro: la giustizia, in cui non lesina qualche stoccata al nostro sistema, che ritiene troppo statico e bisognoso di una riforma vera: «Il nostro problema è che non sappiamo più fare le indagini», dice, e non si stupisce della situazione di carenza di magistrati nelle procure calabresi: «È una situazione che dura da anni. Sono favorevole al trasferimento coatto». La gestione della Sanità in Calabria fa acqua da tutte le parti. Sappiamo che è in procinto di essere commissariata. Chi sarà il commissario? Il problema è di tipo economico. Il dramma è che non esiste un equilibrio tra spesa e servizio. Chi applica i tagli assume un peso politico e anche la responsabilità di scontentare, ma sulla base di errori fatti da altri. Lo schema potrebbe essere come quello adottato nel Lazio, dove Marrazzo è strato nominato commissario. L’importante è che qualcuno vigili da Roma e la mia proposta è quella di affidare la lettura e gestione dei bilanci al ministero dell’Economia. Parliamo di Giustizia.Quali sono le sue considerazioni sugli alti livelli di scopertura delle procure calabresi? Il problema vero è che noi abbiamo un sistema per cui il magistrato

Sulla sanità «lo schema dell’eventuale commissariamento potrebbe essere quello adottato già nel Lazio, con Marrazzo commissario» Sulla giustizia «Oggi in Italia non sappiamo più fare le indagini e abbiamo spostato l’asse della giustizia troppo indietro, sacrificando le forze dell’ordine e la sicurezza» sceglie dove andare. Generalmente nelle zone più difficili finiscono per andare quelli che hanno il punteggio più basso. Capisco la gravità della situazione ma il problema è che se l’inamovibilità del magistrato deve essere una garanzia per il cittadino deve necessariamente conciliarsi con la carenza di magistrati nelle zone più difficili. Qual è la soluzione? Sono assolutamente d’accordo a inserire delle norme anche per il trasferimento coatto. Oggi è scandalistico dirlo, ma parliamo di un problema che regge da 15 anni. Come ha accolto l’annullamento del sequestro dell’archivio Genchi? Si tratta di una situazione assolutamente aberrante. La questione è legislativa. La legge stessa non parifica i tabulati telefonici alle intercettazioni telefoniche. La vera responsabilità è del singolo magistrato che

RICERCA PERSONALE QUALIFICATO Si precisa che tutte le inserzioni relative alla ricerca di personale debbono intendersi riferite a personale sia maschile che femminile, essendo vietata ai sensi dell’art. 1 della legge 9/12/77 nr. 903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l’accesso al lavoro, indipendente dalle modalità di assunzione e quale che sia il settore o ramo di attività. L’inserzionista è impegnato ad osservare tale legge.

Ottica Piemme Gruppo Piemme Lab. Sas

Società espansione in tutto territorio nazionale SE LE Z IONA

personale dinamico motivati e possibilità di carriera marketing • Commerciale • Responsabile Responsabile alle vendite • amministrazione • Addetti • Rappresentanti Per informazioni inviare curriculum

info@otticapiemme.it fax

0961/391914

N. Verde 800-925225

Jole Santelli, Guido Talarico, Alesandro Caruso nella sede romana de Il Domani

ha autorizzato queste cose. E mi sembra che adesso questo magistrato sia in politica. Ilproblemadifondononèanchedi carattere politico? Il punto essenziale, che prima o poi si deve affrontare, è che in questo Paese non siamo più in grado di fare le indagini. Lo dimostra il fatto che il codice del 1989 ha spostato sul pm la totale direzione delle indagini completamente accantonando le forze dell’ordine che erano la nostra vera forza. Come recuperiamo? Perché il punto è che a distanza di 20 anni finiamo con indagini che vengono fatte con pentiti e intercettazioni telefoniche, gli unici strumenti più delicati, ma che reggono per la pagina giornalistica, non per il processo. Tema sicurezza. È vera la diceria che in Calabria ci sono meno episodi di microcriminalità per via del controllo del territorio esercitato dalla ‘ndrangheta? È evidente. Come è evidente che siamo più poveri e quindi non siamo stati ancora aggrediti da situazioni che invece nel nord e nel nordest sono già avvenute. Che la ‘ndrangheta eserciti un controllo del territorio è una realtà. Il tema è che fino ad oggi si è fatta troppa antimafia sui giornali, sui libri, nei dibattiti pubblici, ma alla fine pochi sono stati in grado di capire realmente cosa stesse accadendo.Sidovrebberoridiscutere le strutture antimafia che sono state progettate nel 1992. Devo dire che in questi termini tutti i provvedimenti del Governo sono molto forti perché soprattutto sono impostati sull’aspetto finanziario e hanno in qualche modo concluso quello che era il progetto di Giovanni Falcone. Se non si trasforma la rendita di reato in qualcosa che va a beneficio della società non possiamo pensare di cambiare una cultura. La ‘ndrangheta è diventata un fenomeno internazionale. È plausibile, come abbiamo già teorizzato inunanostrainchiesta,cheiservizi segreti italiani e stranieri siano in Calabria? I servizi servono a fornire una lettu-

ra reale del territorio, che oggi manca. Noi in questo Paese abbiamo commessoungraveerrore,spostando l’asse della giustizia troppo indietro: interviene subito il magistrato. Dobbiamo cercare di recuperare un’area di sicurezza che può essere fatta da un lato dall’intelligence e dall’altro dalle forze dell’ordine. Perché questo ci servirebbe ad avere una lettura complessiva dei fenomeni. E il rapporto con la politica è un elemento decisivo per la ‘ndrangheta? La Calabria non è malata di ‘ndrangheta, la Calabria è malata di malapolitica. Una politica che attua un sistema di crescita del territorio, che pensa di liberare la gente dal bisogno, che opera, ovviamente di per sé rimane più impermeabile a un sistema criminale. Una politica che, per sua natura, si presta a operazioni di potere autorizza il sistema di criminalità a essere influente. Un esempio di questa mentalità è la gestione del porto di Gioia Tauro. Una politica sana si preoccuperebbe di mettere le persone giuste, manager giusti e di costruire un sistema.Perché più le cose vanno sotto i riflettori e più si ostacola l’infiltrazione criminale. Ronde, Federalismo fiscale, Election day, tutte battaglie della Lega che animano il dibattito nazionale. Non è che il Governo è tenuto in scacco da questo partito? Purtroppo culturalmente esistono

molte differenze tra il Nord e il Sud. La lega propone anche delle cose molto sensate. Prendiamo ad esempio il federalismo fiscale. Il dramma oggi è che abbiamo un sistema regionalistico che dopo la modifica del Titolo V della Costituzione ha assunto poteri immani, ma che non distribuisce responsabilità. In questo senso il federalismo fiscale è una risorsa. Perché da noi i soldi non sono pochi, anzi siamo tra le regioni più ricche, perché godiamo di tutti i fondi strutturali europei, ma non li abbiamo saputi gestire. Prima di preoccuparci dei soldi che ci arrivano da Roma occupiamoci di spendere bene quelli che abbiamo. Questo è il progetto. E per quanto riguarda le persone qual è la soluzione? Sicuramente nella decisione di Scopelliti come coordinatore regionale del PdL leggo una volontà di dare una classe dirigente diversa alla Calabria. Ormai Scopelliti ragiona già da candidato alla presidenza della regione Calabria. Non è così? Penso che Scopelliti sia il migliore dei candidati. Oltre ad essere un giovane molto acuto e coraggioso, ha dalla sua parte i buoni risultati dimostrati come amministratore. A questo si lega anche un discorso di dinamismo e di immagine. La Calabria con lui potrebbe svincolarsi dal luogo comune che la descrive come una regione immobile e poco grintosa.

Jole Santelli e Guido Talarico


il Domani Domenica 19 Aprile 2009 13

CALABRIA Prima presenza della regione all’evento internazionale organizzato da Slow Food e Regione Liguria

Oltre mille pubblicazioni giunte dall’Italia ne costituiranno l’archivio

Slow Fish 2009, la Calabria c’è con un mare «unico al mondo»

Nasce a Toronto la prima biblioteca tutta calabrese

ROMA - La Regione Calabria è presente per la prima volta a Slow Fish 2009, l’evento internazionale organizzato da Slow Food e Regione Liguria, dedicato al mondo ittico, che si svolge a Genova proprio in questi giorni, dal 17 al 20 aprile. Motivo determinante di questa presenza la politica promossa dall’assessorato all’ambiente verso il mare e in particolare verso la valorizzazione della sua ricca e originale biodiversità. Testimonianza di ciò la recente e straordinaria scoperta nei fondali di Scilla (RC) della più grande foresta di corallo nero al mondo con oltre trentamila colonie, così come l’istituzione di cinque Parchi marini regionali che rappresentano un patrimonio naturale di rara ricchezza. I mari di Calabria stanno riservan-

I mari di Calabria stanno riservando sorprese accolte con grande meraviglia dalla comunità scientifica internazionale: «Probabilmente - dice l’Assessore all’Ambiente, Prof. Silvio Greco - i fondali calabresi svelano segreti che costringeranno l’uomo a riscrivere i libri di biologia marina»

do sorprese accolte con grande meraviglia dalla comunità scientifica internazionale: «Probabilmente – ha detto l’Assessore all’Ambiente, Prof. Silvio Greco – i fondali calabresi svelano segreti che costringeranno l’uomo a riscrivere i libri di biologia marina». I rilevamenti effettuati nel corso del progetto Mo.Bio.Mar.Cal. (per il monitoraggio delle acque marine calabresi, finanziato dall’Assessorato all’Ambiente e Tutela delle Acque, realizzato in collaborazione con I.S.P.R.A.) hanno rivelato la presenza di fauna e flora ricchissime, che annoverano la presenza di forme di vita ormai ritenute estinte per sempre. La presenza a Slow Fish è l’occasione per presentare al grande pubblico i risultati di queste ricerche e del valore che il Mare occupa sempre di più nelle politiche della Regione. Innovativa, ma profondamente in linea con lo spirito della manifestazione, la presenza oltre all’assessorato all’ambiente di altri due assessorati regionali, quello all’agricoltura e quello del turismo. «L’Assessorato all’Agricoltura – afferma Mario Pirillo – sta mettendo in campo, attraverso gli strumenti comunitari e i finanziamenti ordinari, tutte le risorse necessarie a cambiare il volto della Calabria agricola, nel rispetto del mantenimento delle biodiversità delle colture e con l’auspicio di uno sviluppo dell’enogastronomia, sempre più attenta ai principi del buono, pulito e giusto».

ROMA - "La lingua, le tue radici". È questo il motto della biblioteca pubblica creata per i calabresi che risiedono in Canada. L’iniziativa è stata promossa da "Pensiamo Mediterraneo", periodico di promozione culturale e territoriale diretto da Antonella Merli.«Quellelegateai libri sono sempre delle belle storie», afferma Antonella Merli. «Questa è la storia di 1.110 pubblicazioni approdate in Canada per allestire una biblioteca pubblica dei calabresi nell’Ontario. Sulla base dei cordialissimi rapporti con l’on. Mario Sergio, consultore

in Ontario, durante l’ultima Consulta regionale dei Calabresi nel Mondo è nato in noi il desiderio di dare un segno tangibile di vicinanza ai tanti calabresi sparsi nel mondodistaccatidalle loro radici». La Biblioteca, istituita anche con il concorso della Regione Calabria, sarà inaugurata il 25 aprile a Toronto. La Toronto cerimonia di apertura si terrà presso la sede dell Italian Canadian Savings & Credit Union, la Banca di credito cooperativo della comunità ItaA.D.G.

La locandina dell'evento

Per Damiano Guagliardi invece «è evidente che una regione come la Calabria non può non essere capofila di un movimento di cambiamento culturale che veda nel turismo sostenibile il percorso obbligato per far fruire le bellezze della nostra regione e nello stesso tempo per conservarne l’essenza». «L’imperativo etico - dice l’assessore Silvestro Greco - è il mantenimentodell’efficaciaedell’efficienza degli ecosistemi naturali della Calabria. Questo al fine di conservare per le generazioni future un patrimonio ineguagliabile nel mediterraneo». Il progetto dello stand, e dei suoi elementi comunicativi, è stato affidato a Lacosa di Cosenza, affermata realtà progettuale nel campo del design italiano. Lu.Cas.

La manifestazione si è tenuta all’Olympia Station di Londra

"La Dolce Vita 2009", se la ’nduja è british ROMA - Si aprono le porte del Regno stand istituzionale, con l’obiettivo di Unito e la Calabria va in scena con “La portare a conoscenza del mercato inDolce Vita” 2009. Nella capitale londi- gleseleeccellenzedelnostroterritorio. nese, l’originale kermesBen nove le aziende se, promossa dalla calabresi operanti nel Camera di Commercio settore agro-alimentare italiana,hacelebratoillie vitivinicolo che hanno festyle del Belpaese con potuto sfruttare i vanil patrocinio dell’Istituto taggi della partecipaitaliano di Cultura a zione ad un evento simiLondra. Giunta alla sua le. Dal dolce di marmelquinta edizione, “La lata ad una degustaDolce Vita” ha messo in zione di ‘nduja, gli ingleUn momento dell'evento vetrina il meglio d’Italia. si hanno subito una Unioncamere Calabria – Desk Enter- iniezione di calabresità. prise Europe Network è stata ampiamente presente attraverso uno Lu.Cas.


il Domani

CATANZARO

Domenica 19 Aprile 2009

Redazione: loc. Serramonda - Z.I. Marcellinara (Cz) - tel. 0961.996802 | fax 0961.903801 - E-mail: catanzaro@ildomani.it | www.ildomani.it

CRONACA Ieri si sono svolti gli interrogatori di garanzia dei sette giovani accusati di spaccio di droga a Lido. Solo uno è rimasto in silenzio

Gli arrestati: «Siamo solo consumatori» Per tre dei giovani gli avvocati hanno chiesto la revoca della custodia in carcere CATANZARO — Solo uno dei set-

te giovani arrestati tre giorni fa, nell'ambito di un'inchiesta antidroga condotta dalla Guardia di finanza a Catanzaro si è avvalso della facoltà di non rispondere ieri nel corso degli interrogatori di garanzia. Sei, invece, hanno voluto rendere al gip Camillo Falvo, che ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere a loro carico, la rispettiva versione dei fatti, respingendo ogni contestazione mossa dal sostituto procuratore della Repubblica Simona Rossi, titolare dell'indagine. La maggior parte degli indagati ha spiegato di aver consumato stupefacenti, ma senza "svelarne" la provenienza. L'unico a rimanere in silenzio è stato Claudio Francesco Chiaravalloti, 21 anni, di Catanzaro (difeso dall'avvocato Vitaliano Gallo). Hanno invece risposto alle domande del gip Armando Fiorentino, 22 anni, di Catanzaro e Marco Spallino, 30 anni, nato a San Giorgio a Cremano (Na) ma residente a Catanzaro (difesi dagli avvocati Arturo Bova e Piero Chiodo), i quali hanno ammesso di fare uso di stupefacenti - per il pri-

mo, in particolare, è stata prodotto certificazione del Sert che attesta come il giovane sia sottoposto a programma di recupero - negando però categoricamente di aver ceduto droga ad altri. Anche Andrea Forte, 22 anni, nato a Roma ma residente a Catanzaro (difeso da Pietro Funaro) ha contestato ogni elemento in base al quale è finito in carcere, anche e soprattutto perché le contestazioni che gli vengono mosse sono le stesse per cui fu arrestato in flagranza, circa un anno fa, venendo tempo dopo scarcerato. Negano inoltre ogni coinvolgimento in un presunto giro di spaccio di droga anche Carlo Alberto Borromeo, alias "Charly", 21 anni, nato a Bologna ma residente a Catanzaro (difeso da Nicola Lembo); Stefano Spiridetti, alias "il Negro", 29 anni, di Catanzaro (difeso da Piero Mancuso); e Giuseppe Rotundo, 29 anni, di Catanzaro (difeso da Enzo De Caro). Nessuno di quelli che hanno ammesso di fare uso di stupefacenti, comunque, ha reso conto della provenienza della droga di cui potevano disporre, consentendo così di far luce

sui canali di approvvigionamento nel quartiere marinaro. Per Fiorentino, Spallino e Forte, gli avvocati hanno avanzato al gip istanza di revoca o sostituzione della custodia cautelare in carcere per un'asserita carenza delle esigenze cautelari, nonché per assenza dei gravi indizi di colpevolezza. Per Spiridetti invece, pur non essendo stata presentata la medesima richiesta, la difesa ha evidenziato come le sue condizioni di salute - il giovane è sulla sedia a rotelle - non sarebbero propriamente compatibili con il regime carcerario. Gli altri, infine, attendono di proporre ricorso al tribunale del riesame. L'inchiesta, che ha visto i sette giovani in questione finire in carcere all'alba di giovedì scorso, coinvolge allo stato undici indagati, ma per altre quattro persone (due donne e due uomini) il gip non ha emesso le misure cautelari richieste, ritenendo che gli elementi a loro carico non fossero sufficienti. Si tratta per lo più delle risultanze delle intercettazioni che, però, nel caso dei sette arrestati sarebbero state suffragate da riscontri di altro genere.

CRONACA Esigua la la quantità di sostanza in possesso del ragazzo al quale è stata sospesa la carta di identità

Un 36enne beccato con eroina CATANZARO — Sospesa la carta d’i-

dentità valida per l’espatrio e del passaporto, per un determinato periodo di tempo, ad un giovane catanzarese beccato in possesso di eroina nello scorso mese di maggio lungo il tratto autostradale dell’A/3 in agro del Comune di Nemoli. Roberto S. 36enne era stato arrestato unitamente ad un 25enne, Igor G., entrambi residenti a Catanzaro per il sequestro di circa 15 grammi di sostanza stupefacente del tipo “eroina” e 0,5 grammi di tipo “crack”. I giovani sono stati fermati, a bordo di una Fiat Bravo, lungo il tratto autostradale dell’A/3. Dopo aver intimato l’alt all’autovettura si è reso necessario l’inseguimento perché il conducente, con frenate

brusche, avrebbe cercato di rallentare l’auto dei militari per poi accelerare nuovamente. E’ stato durante una imminente ripartenza che i finanzieri hanno notato che uno degli occupanti dell’auto inseguita gettava dal finestrino un involucro di cellophane al di là del bordo autostradale. La Fiat Bravo era stata bloccata dopo poco e dal contestuale controllo effettuato sul luogo del lancio dell’involucro sono state recuperate 59 bustine di carta contenenti all’interno droga di tipo eroina del peso complessivo di circa 15 grammi da poter realizzare ben 280 dosi circa, un bussolotto con altra sostanza stupefacente in pietra del tipo crack del peso di 0,5 grammi. Il Tribunale di Lagonegro

per competenza aveva trasmesso gli atti al prefetto di Catanzaro riconoscendo al 36enne il possesso di una dose di sostanza stupefacente del tipo eroina. Il possesso della modica quantità di droga, per uso personale, emerso nell’interrogatorio di garanzia ha trasformato il reato in un illecito amministrativo che comunque comporta delle sanzioni. L’autorità amministrativa calabrese ha emesso nei confronti del giovane la sanzione amministrativa della sospensione per tre mesi della carta d’identità ai fini della validità per l’espatrio e del passaporto o il divieto a conseguirli per lo stesso periodo qualora non posseduti. Emilia Manco

Tema del convegno è stato: "Marginalità e discriminazioni: l'autorevolezza dell'osservazione"

Quinto seminario giuridico -sociale CATANZARO — Dalle tante marginalità in cui ha vissuto e studiato sino all'autorevolezza della tecnica dell'osservazione partecipante da lui esperita: questo l'excursus della dissertazione presentata nel quinto seminario giuridico-sociale "Marginalità e discriminazioni: l'autorevolezza dell'osservazione" dal prof. Charlie Barnao, docente di istituzioni di sociologia e sociologia della devianza presso l'Università degli studi “Magna Graecia” di Catanzaro e curatore del volume “Accoglienza e autorità nella relazione educativa: riflessioni multidisciplinari” della Erickson. Dopo i consueti iniziali saluti delle istituzioni co-organizzatrici, nelle persone di Domenico Blasco, Annamaria Ciaccio, Angelo Meli e Gianfranco De

Lorenzo, moderati dal pedagogista e giudice onorario Massimo Martelli, il prof. Barnao, di fronte a 185 partecipanti registrati provenienti dalle quattro province del distretto giudiziario della Corte d'Appello di Catanzaro (oltre ai 115 a Reggio Calabria nella mattinata) ha presentato le ricerche compiute sul campo tra le persone senza fissa dimora, le prostitute, i giovani bevitori, i ragazzi dei centri sociali, le baby-gang colombiane e la spiritualità ignaziana. Quindici anni di lavoro mimetizzato tra varie marginalità sociali gli hanno permesso di conclamare l'autorevolezza della tecnica del'osservazione partecipante, la quale - come rimarcato dal relatore - per chi vuole intraprendere seriamente una qualsivoglia scienza so-

ciale, deve fare i conti con la iniziale ri-negoziazione continua dell'identità di chi osserva un dato fenomeno per giungere alla consapevolezza di essere un “politic bricoleur” in quanto anche la scienza sociale è potere e tutti i risultati scientifici hanno implicazioni politiche. Per contestualizzare l'intervento del docente è stata incaricata Tina De Rosis, dirigente del Settore solidarietà sociale del Comune di Corigliano Calabro, la quale ha tracciato le procedure che vanno dall'osservazione alla programmazione dei servizi, passando attraverso i cosiddetti "sensori di comunità" e i tre strumenti-chiave della integrazione, identità e partecipazione. Il prossimo seminario è stato preannunciato per giovedì 21 maggio.

Giustizia, giovedì incontro dell’Anm sulla dirigenza e sul rinnovamento

CATANZARO — Per migliorare il

sistema giustizia «è indispensabile la capacità organizzativa dei dirigenti degli uffici» e «per rompere situazioni di incrostazione, di inefficienza e di scarsa trasparenza che pure hanno caratterizzato alcune realtà, in particolare del Meridione, occorre valorizzare la professionalità specifica, l'indipendenza, la cultura delle regole». A sottolinearlo è l'Associazione nazionale magistrati, la cui Giunta, in collaborazione con la locale sezione distrettuale, ha organizzato per il prossimo 23 aprile un dibattito a Catanzaro sul tema “La scelta della dirigenza, la sfida del rinnovamento”. Per il sindacato delle toghe, infatti, «senza un salto di qualità nella selezione dei nuovi dirigenti e nella verifica del loro operato nessuna prospettiva di rinnovamento è destinata al successo». All'origine del dibattito, ci sono le vicende che, nello scorso dicembre, hanno coinvolto gli uffici giudiziari di Catanzaro e Salerno, determinando situazioni a suo tempo definite «di eccezionale gravita» dall'Anm, che tuttavia non si è mai pronunciata sul merito delle specifiche vicende, delle quali si sono occupati altri organi giudiziari e il Consiglio superiore della magistratura. Resta di assoluta attualità la questione di ordine generale, sulla quale l'Anm ha vo-

luto e vuole dare il suo contributo di riflessione e di dibattito. Il sindacato delle toghe sostiene l'impegno del Csm nel dare attuazione alle nuove norme dell'ordinamento giudiziario sulla selezione e la scelta dei dirigenti, abbandonando il criterio della «anzianità senza demerito». Un «sostegno di principio - rileva l'Associazione magistrati in una nota - ovviamente non acritico, nel rispetto del ruolo istituzionale e dell'autonomia del Consiglio superiore. Al dirigente dell'ufficio, infatti, non basta l'attitudine manageriale: deve possedere qualità che rappresentino una garanzia di trasparenza per tutti i colleghi, e sappiano valorizzare la partecipazione e le attitudini dei singoli». All'incontro, previsto alle ore 15,30 del 23 aprile nella sala del Consiglio dell'Ordine degli avvocati presso la Corte d'appello, prenderanno parte il presidente dell'Anm, Luca Palamara, i componenti togati del Csm Giuseppe Maria Berruti e Vincenza Maccora, il presidente del tribunale di Reggio Calabria, Luciano Gerardis, il procuratore della Repubblica di Gela, Lucia Lotti, il procuratore della Repubblica di Palmi, Giuseppe Creazzo. I lavori saranno aperti dal presidente della sezione distrettuale dell'Anm, Alberto Filardo, presidente di sezione del tribunale di Catanzaro.


il Domani Domenica 19 Aprile 2009 15

CATANZARO CITTÀ GALLUPPI E’ stato stilato un documento per richiedere ad Olivo la sospensione delle attività didattiche sino alla fine delle verifiche dei tecnici incaricati

Nasce il Comitato spontaneo dei genitori Il vice sindaco ha accolto la richiesta di far recuperare le lezioni al termine dell’anno scolastico CATANZARO — «In relazione alla

nota vicenda della chiusura temporanea del Convitto nazionale “P. Galluppi” di Catanzaro ieri, presso la Sala delle Culture della Provincia di Catanzaro, si è formato un “Comitato spontaneo permanente di genitori” il quale dopo un ampio dibattito ha stilato un documento - sottoscritto da componenti del Consiglio d’istituto e dai rappresentanti di classe - in rappresentanza di tutti i genitori dei 700 bambini delle scuole annesse al convitto». E’ quanto si legge nella nota di Luigi Ciambrone in qualità di Vice Presidente del Consiglio d’Istituto. «Nel documento continua -, consegnato al Sindaco del Comune di Catanzaro On. Rosario Olivo, si è chiesta la sospensione delle attività didattiche sino al termine delle verifiche dei tecnici incaricati. Le lezioni verranno recuperate in prosecuzione al termine dell’anno scolastico. Ciò consentirà di evitare disagi e sof-

ferenze a 700 famiglie catanzaresi che si vedrebbero costrette ad accompagnare i loro figli in sedi disagiate diverse fra elementari e medie. Ci è giunta notizia - prosegue la nota - che il Vice Sindaco l’Avv. Antonio Tassoni ha accolto, in nome e per conto del Sindaco, la richiesta dei genitori! La buona notizia riporta un po’ di buon senso nella intricata vicenda e contribuisce a rassenerare animi esasperati evitando, così, strumenta-

lizzazioni. Il provvedimento preso dal Comune di Catanzaro ha portato alla revoca di una manifestazione che era stata già organizzata per la giornata di domani presso Palazzo S. Chiara. In ogni caso il “Comitato spontaneo permanete dei genitori” rimarrà costituito sino alla definizione della vicenda. In rappresentanza del Consiglio d’Istituto, con il presente comunicato, desideriamo ringraziare il vice Sindaco Tassoni per l’immediato intervento nonché il Presidente della Provincia Wanda Ferro per l’ospitalità data ai nostri bambini e ragazzi. E’ stato inoltre indetto - conclude la nota - un Consiglio d’Istituto permanente avente lo scopo di vigilare e collaborare con i tecnici incaricati per una definizione della vicenda nei tempi tecnici strettamente necessari. Ciò al fine di consentire ai nostri bambini e ragazzi il rientro nel loro Istituto dove potranno riprendere le attività didattiche»

SETTIMANA DELLA CULTURA Dalle 16 alle 20 si svolgeranno iniziative dedicate sia agli adulti che ai bambini

Al Marca va in scena l’arte contemporanea CATANZARO — Oggi alle 16 alle 20.30 il Marca, Museo delle Arti di Catanzaro, dedicherà un pomeriggio all’arte contemporanea, proponendo una serie di momenti dedicati sia al pubblico adulto che ai bambini. Alle 17 si terrà la manifestazione “Conversazioni sull’arte”: un dialogo diretto a mediare l’approccio verso i linguaggi figurativi contemporanei ed accostarsi all’arte del presente; non mancherà un momento di confronto ed approfondimento su Re-

flections, la mostra monografica in corso dedicata all'artista americano Alex Katz. La conversazione vedrà la partecipazione di Lara Caccia, critico d’arte, e sarà aperta a quanti operano nel campo della contemporaneità sul territorio ed a tutti gli appassionati. Alle arti visive si accompagneranno quelle musicali, attraverso le note del Duo Giovani parole Giovani suoni composto dal Soprano Fernanda Iiritano e dal chitarrista Maestro Diego Smiraglio. Sem-

pre alle 17 per i più piccoli è previsto il laboratorio Leggere l’arte, volto a stimolare la loro creatività e fantasia. Alle 16 ed alle 18.30 avrà luogo invece “Alla scoperta delle collezioni”, due visite guidate aperte al pubblico per vivere le sale del Museo. La manifestazione, patrocinata dall’Amministrazione Provinciale di Catanzaro, si inserisce nel quadro delle iniziative nazionali previste dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali per l'XISettimana della Cultura.

Oggi al complesso San Giovanni anteprima del Progetto Gutenberg

to Gutenberg giunto quest’anno alla sua settima edizione. “Apocalisse della modernità e fascismo: le analisi e i libri di Emilio Gentile” è il titolo dell’incontro a cura del Liceo Classico Galluppi di Catanzaro. Sempre alle 17.30, ma nella chiesa del S. Omobono, si terrà il secondo appuntamento della giornata che aprirà la mini-rassegna dei “Tre incontri al S. Omobono.

CATANZARO — Dopo l’inaugurazione della mostra delle opere di Maria Mancuso e Raimondo Cefaly al Complesso Monumentale del San Giovanni, la Settimana della Cultura del Co-

mune di Catanzaro, Assessorato alla Cultura, prosegue oggi con due appuntamenti. Il primo si terrà alle 17.30 al Complesso Monumentale del San Giovanni e sarà un’anteprima del Proget-

I consiglieri comunali D’Andrea e Mancuso: urgente una verifica degli istituti cittadini CATANZARO — «I sottoscritti consiglieri comunali Valerio D’Andrea e Rosario Mancuso, sollecitano la discussione in aula, in occasione del primo Consiglio Comunale utile, dell’ordine del giorno presentato in data 24 novembre 2008 riguardante la sicurezza degli edifici scolastici della città e la verifica del possesso delle certificazioni necessarie» si legge in una lettera al presidente del consiglio comunale. «L’urgenza già manifestata all’epoca della presentazione dell’ordine del giorno predetto - continua -, diventa ancora maggiore alla luce degli eventi calamitosi recenti che hanno colpito la regione Abruzzo e comunque necessaria per ottemperare alle norme del re-

«Il 24 novembre avevamo presentato una richiesta riguardante la sicurezza degli edifici scolastici» golamento comunale vigente che prevedono la discussione degli ordini del giorno presentati dai consiglieri nell’ambito del successivo Consiglio Comunale convocato rispetto alla data di presentazione».

Il Coisp presenta il libro Acab, interverrà anche l’autore Bonini CATANZARO — Il prossimo 21 aprile,

all'interno del cartellone dell'XI Settimana della Cultura organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Catanzaro, la Segreteria Provinciale di Catanzaro del Coisp, il Sindacato Indipendente di Polizia, promuoverà la presentazione del libro “Acab”, di Carlo Bonini, inviato del quotidiano " La Repubblica". L'appuntamento è fissato presso la sala Gissing del complesso monumentale del S. Giovanni, alle ore 17.30. Interverranno, oltre all’autore del libro, il Sindaco di Catanzaro, l’Onorevole Rosario Olivo, l'Assessore alla Cultura, Antonio Argirò, il Questore di Catanzaro, Arturo De Felice. Ad introdurre sarà il responsabile politico dell’Ufficio Stampa del Coisp, Giuseppe Brugnano, mentre le conclusioni spetteranno al Segretario Generale del Coisp, Franco Maccari. Carlo Bonini è un giornalista professionista, dopo aver lavorato per Il Manifesto e Il Corriere della Sera, dove si è occupato di cronache

giudiziarie, è diventato inviato del quotidiano La Repubblica. Ha condiviso con il collega Giuseppe D'Avanzo i principali spunti investigativi di una carriera talentuosa e controversa, segnata da scoop importanti pubblicati da Repubblica, come quelli legati alla vicenda del rapimento, o meglio della extraordinary rendition operata dalla Cia a Milano ai danni dell'imam Abu Omar, sospettato di appartenere a una rete di terrorismo internazionale. Il titolo del libro scritto da Bonini, Acab è l' acronimo di All Cops Are Bastard (in italiano "tutti i poliziotti sono bastardi") è un'espressione emersa negli anni '70 quando una band dal nome di The 4-Skins, intitolò un loro brano con l'omonimo nome. L'acronimo è balzato di recente all'attenzione dei mass media italiani in particolare a seguito dei drammatici fatti avvenuti dopo la partita Calcio Catania-Palermo del 2 febbraio 2007 in cui ha trovato la morte l'Ispettore capo della Polizia di Stato Filippo Raciti.


16 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

CATANZARO CITTÀ IL FATTO Nella struttura verranno ospitati: il comando della municipale, la Circoscrizione, il coordinamento della protezione civile e del Coc

L’ex mercato diventa polo istituzionale L’intera struttura sarà operativa entro fine anno grazie al piano disposto dalla Giunta CATANZARO — L’ex mercato di via Daniele diventa, nei fatti, un “polo istituzionale” che ospiterà molteplici funzioni e servizi per i cittadini: il comando della polizia municipale, il coordinamento della protezione civile e del Coc, la sede circoscrizionale con i relativi uffici. Molteplici i vantaggi per la collettività: risparmi significativi sui fitti passivi, la razionalizzazione di servizi essenziali, la rivitalizzazione del tessuto sociale e commerciale dell’area San Leonardo-via Mario GrecoStadio. Il presidente della II circoscrizione, Massimo Lomonaco, non ha dubbi sui risultati dell’ormai prossima riapertura dell’ex mercato, oggetto di un accurato intervento di riqualificazione. «Era il monumento all’inutilità e allo spreco», ha commentato Lomonaco - e ora, grazie all’azione del sindaco Rosario Olivo e dell’assessore ai lavori pubblici Antonio Tassoni, si tra-

sforma in polo istituzionale e di servizio per i cittadini». Il cronoprogramma stabilito nell’ultima riunione promossa e presieduta dal sindaco prevede, nel giro di qualche settimana, il trasferimento nella nuova struttura degli uffici del comando della polizia municipale e della protezione civile (nell’ala che affaccia su via Daniele) e, successivamente, degli uffici della II circoscrizione con i relativi “sportelli” aperti al pubblico (nell’ala che affaccia su via Broussard). «Per la circoscrizione si tratta - ha detto Lomonaco - di un ritorno a casa, poiché per molti anni gli uffici sono stati ubicati in via Broussard. I cittadini ritroveranno pertanto un preciso punto di riferimento. E’ evidente che aumenterà molto anche l’efficacia delle prestazioni e dei servizi, visto che la circoscrizione potrà agire, gomito a gomito, con la polizia municipale e con altri servizi». L’intera

struttura sarà pienamente operativa entro fine anno, grazie anche al completamento dei lavori già disposto dalla Giunta. La “Catanzaro Servizi” curerà la sistemazione e la manutenzione dell’area antistante all’ex mercato, rendendo la struttura molto gradevole anche sotto l’aspetto estetico. «Continua - ha concluso Lomonaco - l’opera meritoria del sindaco Olivo a favore del centro cittadino, cioè dell’area nevralgica della città che va dal rione Stadio fino a Piano Casa, dove si concentra l’80 per cento delle attività. La prossima consegna della Villa Margherita, del parcheggioascensore di Bellavista, del piazzale del San Giovanni con l’archivio storico, il potenziamento del Conservatorio, l’acquisizione della Galleria Mancuso e del parcheggio di via Milelli sono tutti tasselli di una strategia che i cittadini, non solo quelli residenti, non potranno non apprezzare».

CITTA’ METROPOLITANA La nota di alcuni consiglieri comunali su Scopelliti: «E Catanzaro?»

«E’ un imbroglio ben mascherato?» CATANZARO — «La presentazione del-

le cosiddette polarità urbane volute dalla Giunta Regionale sull’intero territorio calabrese ci dà lo spunto per riflettere sull’inserimento di Reggio Calabria fra le città metropolitane che il Senato dovrà a breve approvare. A nostro parere si tratta di una forzatura per la quale non intravediamo i benefici per la nostra regione, mentre comprendiamo bene quelli derivanti a Beppe Scopelliti. Al limite si sarebbe potuto salutare con favore tale riconoscimento per la città dello stretto solo se contestualmente si fosse pensato al capoluogo di regione attraverso provvedimenti ad hoc, in primis la restituzione del Consiglio Regionale» si legge in una nota dei consiglieri comunali: Eugenio Riccio, Giuseppe GualtierI, Carlo Nisticò, Giuseppe De gaetano. «Le nostre sono considerazioni squisitamente politiche che continuano -, evidentemente, non riguardano né il popolo reggino - a cui esprimiamo comunque le nostre congratulazioni - né la città in sé. Riguardano esclusivamente un cattivo andazzo politico che registriamo con severità. Nessuno infatti può negare che vi sia del metodo oltre che dell’ostinazione nel trattamento di favore che certa politica riserva a Beppe Scopelliti, il sindaco più amato dagli italiani

ma sicuramente anche il più sopravvalutato. Ciò che potrebbe anche lasciarci indifferenti se non fosse che il suo atteggiamento ha molto a che fare con il tentativo di marginalizzare il restante territorio calabrese. Si tratta prosegue - dunque per noi non di ingerenza negli affari reggini, ma di una doverosa difesa dell’intera regione e del suo capoluogo, il cui stesso status viene messo in discussione dal primo cittadino di Reggio e dal suo disinformato “portavoce nazionale” Italo Bocchino. La cosa grave è che viene mobilitato e utilizzato un sofisticato marchingegno per affermare il potere. Si è deciso di edificare Scopelliti per le prossime regionali, e da quel momento tutto viene fatto in funzione del giovane “calciatore di sedere”. Una scientifica campagna promozionale. E naturalmente la città metropolitana, a cui seguirà l’area franca. Ma non abbiamo ancora sentito voci reclamare il rafforzamento di Catanzaro in quanto capoluogo, cominciando dal riportare il Consiglio Regionale nella sua sede naturale. Perché? C’è qualcosa che non torna. Tanto per cominciare chiediamo alla nostra deputazione di far lumi per verificare cosa c’è dietro l’area metropolitana: sono insistenti le voci secondo cui pare si tratti di un abile espediente

LETTERE AL GIORNALE Alle due petizioni avanzate agli organi di competenza, una in data 10 febbraio c.a. da parte di moltissimi abitanti del Quartiere Lido di Catanzaro, per denunciare la presenza di lastre di eternit, a copertura dei tetti dell’ex cinema Orso e dell’ex stabilimento Gaslini e un’altra, in data 16 febbraio c.a. da parte dello scrivente nella quale era denunciata la presenza di diverse centinaia di mq. dello stesso materiale, a copertura dei tetti di molte case sparse nel centro abitato, il Dirigente del Settore Igiene Ambientale rispondeva di avere chiesto all’Asp di Catanzaro di fare sopralluoghi i accertamento, a tutela della pubblica e privata incolumità… , per quanto riguarda l’ex cinema Orso e l’ex Gaslini. Perché, chiede Lorenzo Passafaro, primo sottoscrittore delle due denunce e portavoce degli interessati, ancora si parla dell’ex cinema Orso, per il quale c’è una storia di interventi a cominciare dall’anno 2003, prima

per mascherare un buco finanziario presente nelle casse comunali di Reggio. Non sappiamo - speigano ancora - se ciò corrisponda al vero, ma vorremmo sapere come stanno i fatti. Scopelliti non può essere idolatrato se prima non si fa chiarezza su questo. Si dice che il comune paghi le imprese pubbliche e private in cui lavorano consiglieri e presidenti alle prese con un tourbillon di sedute e commissioni: in cambio di cosa? Di disquisizioni sul nulla nella maggior parte dei casi. Si dice che Scopelliti, al di là dell’abile operazione di marketing offertagli dal Pdl nazionale per esaltarlo oltremodo, abbia collezionato tanti record negativi: da quello di città più indebitata a quello di amministrazione con minore autonomia finanziaria a quello di maggiori costi per la politica, ivi compresi viaggi alla scoperta del mondo. Siamo scioccati dall’atteggiamento compiacente di Minniti, di Bova, della destra e della sinistra. Vogliamo conoscere la verità - concludono - perché agli occhi dei calabresi appare beffardo idolatrare Scopelliti oltremisura. Il Pdl lo dipinge come un supereroe ma in realtà siamo convinti che in quel partito esistano uomini migliori su cui puntare e sicuramente meno faziosi, municipalisti e dannosi per lo sviluppo e l’integrità sociale della Calabria».

Strocchi (Pd): in onore della Resistenza promuovere i valori dell’antifascismo CATANZARO — «Sabato 25 aprile si festeggia il 64° anniversario della Liberazione nonché Festa della Resistenza, in quanto la Resistenza fu guerra di liberazione del fascismo e costituzione di una democrazia repubblicana e lo fu attraverso i suoi atti militari, attraverso quelli politici, anche attraverso quelli sociali» scrive in una nota Strocchi, vice segretario del Circolo Pd. «Su tutti questi percorsi d’azione esistono precisi documenti che presi insieme e singolarmente ci richiamano ad una precisa costellazione di valori, valori che vogliono essere il segnale di una svolta, l’impegno di una rifondazione, l’av-

vio di una nuova storia collettiva. Ma quali sono questi valori della Resistenza di cui tanto si parla e spesso ci si dimentica? La Libertà, la democrazia, la solidarietà. Soprattutto. E poi: la partecipazione, il dialogo, l’incontro. La mia risposta e sì, perché inevasi nella loro compiutezza. E poi perché il ritorno degli integralismi e le tentazioni di regime sono ancora presenti e attuali. E hanno bisogno di anticorpi. Nella settimana del 25 aprile - conclude -promuoviamo e sosteniamo iniziative e assemblee nelle scuole e nelle nostre città che abbiano al centro la riscoperta e la riaffermazione dei valori dell’antifascismo».

Fonti rinnovabili e architettura sostenibile, martedì incontro al Parco della Biodiversità CATANZARO — Reinventare lo spazio urbano, esaltarne il paesaggio e integrarlo con le fonti di energia rinnovabile. Progettare e costruire, utilizzando principi di architettura sostenibile e massicce dosi di risparmio energetico. Sono solo alcuni dei temi al centro del convegno organizzato dall’Aeec e dall’Amministrazione provinciale di Catanzaro che si terrà il prossimo martedì 21 aprile, alle ore 15, nella sala conferenze del Musmi, presso il Parco della Biodiversità mediterranea. La corretta integrazione delle fonti rinnovabili con il patrimonio urbanistico, certificati bianchi, certificati verdi, Recs (Renewable energy certificate system), titoli di efficienza energetica, quote di emissione (Et) e “Certified emission reduction”: l’incontro vuole affrontare da vicino quanto si avverte e si cerca di applicare ormai da qualche anno, ovvero come l’utilizzo delle fonti di energia rinnovabile stia prendendo sopravvento in ambito urbano. Se opportunamente incentivate, le fonti rinnovabili possono garantire efficienza energetica, sostenibilità e migliore qualità della vita non solo nella mobilità (a esempio con i

biocarburanti) ma soprattutto nel settore edile, con l’uso più frequente della bioedilizia. Le città riservano ancora enormi potenzialità relative alla sfera dell’arredo urbano, al recupero degli spazi verdi e di aggregazione sociale, alla valorizzazione di aree cadute in disuso che coinvolgano l’utilizzo di energie alternative e che contribuiscano alla divulgazione di uno stile di vita “environmentally correct”. Sono vari gli esempi di applicazione delle energie alternative negli elementi di arredo urbano e nella valorizzazione dei luoghi pubblici aperti, e tutti dimostrano che le fonti rinnovabili forniscono una valida alternativa all’uso delle fonti fossili, contribuendo così alla diminuzione dell’impatto dell’uomo sull’ambiente e alla divulgazione di uno stile di vita migliore. Numerosi i relatori in programma. Preceduti dal saluto del presidente della Provincia, Wanda Ferro, interverranno Maurizio Vento, Beatrice Sozzi, Salvatore Saccà, Alessandro Lattarulo, Mauro Annunziato, Fausto Altavilla, Francesco Di Paola, Giovanni Misasi, Antonino Di Giovanni, Laura Nava, Ilario De Marco e Francesco Piron.

Solleciti al Dirigente dell’Igiene ambientale per la mancata bonifica eternit a Lido con denuncia del Consiglio della IV Circoscrizione, poi con diverse ordinanze del dirigente Igiene ambientale dirette alla proprietaria dell’ex cinema Orso per la rimozione delle lastre di eternit, poi ancora con l’intervento del Comando Vv.Uu. che in data 25-02-2005 denuncia alla Procura della Repubblica la proprietaria Orso per non essersi mai presentata per l’esecuzione dell’ordinanza? La storia, che sembra avere sentore diplomatico, per chi non conosce le procedure di legge, continua con ulteriore atto, diretto alla Orso, al Comando Vv.Uu. e alla società Ambiente e Servizi, che stabiliva che le operazioni avrebbero avuto luogo il 10-02-2006. Ma ancora niente di fatto e il responsabile di sezione col. Girolamo Gallucci, in collaborazione con gli istruttori di vigilanza, trattandosi di luogo privato e non aperto al pubblico, richiedono all’Autorità giudiziaria la valutazione di eventuale Decreto motivato per consenti-

re a chi di dovere di dare ottemperanza a quanto stabilito dalle precedenti ordinanze. Del decreto motivato nessuno sa niente - riferisce Passafaro - e ancora oggi continua a non esserci alcuna azione da parte dell’assessore preposto alla Gestione del territorio o dell’assessore all’Igiene ambientale, dopo la recente denuncia degli abitanti del luogo e anche dopo la Delibera del consiglio della Iv Circoscrizione che in data 06-11-2008 con cui si chiedeva all’Amministrazione comunale l’immediata rimozione delle lastre di eternit. Già gli amministratori al tempo, quando il 23-07-2003 il Consiglio della IV Circoscrizione aveva denunciato che la struttura dell’ex cinema Orso era decrepita, abbandonata, con caduta di pietre e calcinacci, non hanno agito con procedura d’urgenza e quindi con un’ordinanza per l’esecuzione forzata alla proprietaria, essendo pericolo evidente; e non sono

intervenuti con propri mezzi, con rivalsa spese ai danni della stessa: per fortuna il tetto del cinema è crollato nella parte centrale e nessuno è stato coinvolto! Passafaro si chiede, in conclusione, perché nella risposta il Dirigente del settore Igiene ambientale non ha fatto alcun riferimento ad un eventuale programma per la bonifica di centinaia di mq. dall’eternit che sono a copertura dei tetti di molte case sparse nel centro abitato e denunciata dallo scrivente agli organi preposti alla salvaguardia della salute pubblica? Saprà certamente, adesso, il Dirigente - conclude Passafaro - come intervenire, quali procedure usare, facendo riferimento ai tempi di legge meno lunghi e, quando trattasi di pericoli evidenti, casi urgenti, anche intervenire con propri mezzi, con rivalsa delle spese: non come è stato fatto con l’ex cinema Orso, ma incominci pure per risolvere questo grave problema. Lorenzo Passafaro


il Domani Domenica 19 Aprile 2009 17

CATANZARO CITTÀ SEMINARIO Il senatore Speziali promuove l’incontro di domani: “La riforma della giustizia civile”. Relatore sarà l’on. Filippo Berselli

«Così si avvicinano i cittadini alle istituzioni» «Spiegare i comportamenti delle pubbliche amministrazioni significa dare una risposta al diritto di informazione» CATANZARO — “La riforma della

giustizia civile” è il tema del seminario che domani, alle 16,30, nell’Auditorium “Casalinuovo” di Catanzaro, vedrà come relatore l’onorevole Filippo Berselli, presidente della II Commissione permanente Giustizia. Il senatore Illustrerà le modifiche più rilevanti apportate al Codice civile di cui lui stesso è stato fautore. A promuovere l’iniziativa il senatore del Pdl Vincenzo Speziali con la collaborazione del presidente dell’Ordine degli avvocati del capoluogo, Giuseppe Iannello. «L’idea - spiega Speziali - è quella di avvicinare sempre di più i cittadini alle istituzioni. A mio avviso ciò sarà possibile soltanto dando il giusto spazio alla comunicazione che è lo strumento princi-

Vincenzo Speziali

pale affinché si realizzi la democratica partecipazione della gente alla vita della comunità. Spiegare norme, atti e comportamenti delle istituzioni in generale e della pubblica amministrazione in particolare prosegue il senatore - significa dare una risposta idonea al diritto all’informazione e alla conoscenza, diritto indispensabile e garantito che il cittadino ha e che gli consente di essere parte attiva nei processi di cambiamento intrapresi da chi è stato delegato ad avviarli, in questo caso specifico il Parlamento». Al seminario di lunedì parteciperanno, tra gli altri, il presidente della Regione Agazio Loiero, il Prefetto di Catanzaro Sandro Calvosa e il sindaco Rosario Olivo.

SOLIDARIETA’ I fondi saranno devoluti alla fondazione "Cuore Immacolato di Maria rifugio delle anime”

Ranieri alla manifestazione per Natuzza CATANZARO — Massimo Ranieri sarà presente giovedì prossimo, 23 aprile, a Catanzaro alla proiezione del film di Maurizio Scaparro, "L'ultimo Pulcinella", di cui il cantante e attore è protagonista, organizzata per raccogliere fondi in favore della fondazione "Cuore Immacolato di Maria rifugio delle anime", dedicata alla mistica di Paravati Natuzza Evolo. L'iniziativa è stata presentata stamattina a Catanzaro da alcuni rappresentanti della fondazione "Cuore

Immacolato" e dal direttore generale della fondazione Politeama, Marcello Furriolo. «I fondi raccolti nel corso della serata cui parteciperà Massimo Ranieri - hanno spiegato Rosario Federico - Alessandra Albanese e Mariaelena Cortese, della fondazione "Cuore Immacolato", serviranno, in particolare, alla realizzazione di "Villa della Gioia", una struttura socio-sanitaria in corso di realizzazione a Paravati che accoglierà persone malate e anziani. «Abbiamo

voluto realizzare questa iniziativa benefica - ha detto Marcello Furriolo - per esprimere il nostro sostegno concreto e solidale in favore di Natuzza Evolo. In questo senso abbiamo ottenuto l'adesione di un personaggio importante dello spettacolo come Massimo Ranieri, che ha aderito con grande entusiasmo al progetto in considerazione della sua rilevanza sul piano della solidarietà e della finalità benefica che la caratterizza».

Solidarietà, partono per l’Abruzzo i volontari della Croce verde CATANZARO — Dopo il rientro del primo contingente delle Pubbliche assistenze calabresi nelle zone terremotate dell’Aquila ieri notte è partito il secondo contingente della Pa Croce Verde di Catanzaro. I volontari calabresi sono allocati nel campo base di Acqua Santa dell’Aquila, una struttura preposta all’aiuto alla popolazione per il recupero dei propri beni per il confezionamento dei pasti caldi per l’assistenza sanitaria e psicologica dei terremotati. Una seconda fase che durerà almeno 10 giorni in terra d’Abruzzo, tra le macerie le baracche di chi comincia a rientrare, ma soprattutto l’aiuto dei volontari della Croce Verde nel ripristinare le normali attività casalinghe di migliaia di persone. «Abbiamo passato la parte peggiore del terremoto- si legge in una nota della Croce evrde -; i primi giorni dove siamo stati impegnati in ausilio agli enti dello Stato a scavare e trasportare feriti negli ospedali di campo, allestiti da tutti i volontari che fanno capo alla protezione civile, un lavoro immane ma

pieno di soddisfazione. Per il momento - spiegano - il primo contingente rientrato cercherà di recuperare un po’ di fatica, ma è già pronto a ripartire per la tutto il tempo necessario al fine di agevolare e riportare alla normalità la popolazione abruzzese. Quello che ci rammarica, ma ormai siamo abituati, è l’indifferenze delle istituzioni locali che non hanno rapporti con il mondo del volontariato locale, siamo una componente che giornalmente svolge dai 15 ai 18 interventi sul territorio tra dializzati, trasporti con autolettiga, assistenza domiciliare, distribuzione di alimenti ai bisognosi… e le istituzioni sono tranquilli pacifici come se la popolazione non fosse un problema loro. Da parte nostra - concludono i volonatri della Croce verde continueremo in silenzio e senza riflettori a svolgere le attività di volontariato anche se non possediamo una nemmeno una sede dove allocare i tanti volontari che vorrebbe partecipare alle attività. Ci dispiace ma è cosi».


18 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

CATANZARO PROVINCIA E SOVERATO GIRIFALCO L’atto intimidatorio a Marco Porcedda sarebbe legato ad una vendetta per le indagini svolte sulla criminalità organizzata

Incendiata l’auto del capitano dei Carabinieri Sul luogo si sono recati Mazzuca e Lo Faro per rendersi personalmente conto di quanto accaduto GIRIFALCO — L'automobile del co-

mandante della Compagnia di Girifalco dei Carabinieri, capitano Marco Porcedda, è rimasta distrutta a causa di un attentato incendiario compiuto la scorsa notte da persone non identificate. La vettura (un'Alfa Romeo Brera) si trovava parcheggiata nei pressi dell'alloggio di servizio dell'ufficiale, a poca distanza dalla caserma in cui ha sede la Compagnia. L'ipotesi che viene fatta dagli investigatori è che l'attentato sia da collegare ad una vendetta per le indagini svolte dalla Compagnia di Girifalco dei Carabinieri sulla criminalità organizzata. L'attività investigativa ha riguardato, in particolare, la serie di omicidi accaduti a Borgia nell'ambito di una faida di 'ndrangheta. Una indagine che potrebbe produrre, a breve, risultati concreti. Il comandante della Regione carabinieri Calabria, gen. Marcello Mazzuca, ed il comandante provinciale interinale, ten. col. Rosario Lo Faro, si sono recati a Girifalco, secondo quanto riferisce un comunicato dell'Arma, «per rendersi personalmente conto di quanto accaduto» in relazione all'incendio dell'automobile del comandante della

ELEZIONI A Zagarise come anticipato ci sarà lo scontro a due

Damiani contro Raimondo

La vettura si trovava parcheggiata a poca distanza dalla caserma della Compagnia

Compagnia, cap. Marco Porcedda. «Le fiamme, che hanno interessato la parte anteriore dell'autovettura - si afferma nella nota sono state spente grazie all'immediato intervento dei vigili del fuoco di Catanzaro. Sulla vicenda stanno indagando i carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Catanzaro. In attesa dei necessari accertamenti tecnici non si esclude alcuna ipotesi circa la natura dell'evento».

ELEZIONI Il comitato a favore del candidato sindaco Camastra chiarisce la sua posizione

ZAGARISE — Zagarise, come Cropani,

Botricello e altri ventitre comuni nella sola provincia di Catanzaro, è chiamata alle urne nelle elezioni comunali del prossimo mese di giugno. Tante ancora le decisioni da prendere nel paese dell’olio, tante le cose già decise: i candidati sindaco saranno Pietro Damiani e il primo cittadino uscente Pietro Raimondo. “Il Domani” l’ha detto per primo e anche in tempi non sospetti: il prossimo sindaco di Zagarise si chiamerà Pietro. Si è tentato di fare anche

una terza coalizione, ma alla fine sarà un confronto tra due liste civiche, anche se qualche colorazione c’è: Raimondo, avvocato, è vicino ad ambienti di centro-destra, mentre Damiani, professore di liceo, ha la tessera del Pd. I due politici zagaritani in corsa per la fascia tricolore sono gli stessi del 2004: la spuntò Pietro Raimondo per meno di cento voti. Rivalsa o conferma? Lo decideranno gli elettori il 6 e 7 giugno. Vincenzo Bubbo

AMARONI Oggi la manifestazione promossa da Legambiente e dal Comune

«Non rinunceremo alla nostra identità» “Voler bene all’Italia” BOTRICELLO — Continuano i tenta-

tivi del comitato pro Giovanni Camastra, uno dei candidati a sindaco nella competizione elettorale botricellese, di chiarire la loro posizione politica. In una nota, con chiarezza e decisione fanno sapere che Giovanni Camastra e il suo gruppo non rinunciano al Pdl (Popolo delle libertà). «Apprendiamo ancora una volta - chiarisce la nota -da certi organi di stampa notizie tendenziose inerenti a fantomatici accordi tra il nostro ed altri gruppi che si propongono per la prossima competizione elettorale. Precisiamo, nella speranza che sia l’ultima volta, che da sempre noi rappresentiamo l’idea di centro destra e che ci mettiamo a disposizione dei cittadini per una scelta epocale che possa finalmente ridare voce alla gente laboriosa della nostra comunità. Rifiutiamo con sdegno, falsità che tentano di destabilizzare e di creare confusione nell’elettorato che con forza ci invita e ci sprona a continuare sulla strada

intrapresa. Non rinunceremo mai alla nostra identità alla quale associamo soggetti disposti a dare il loro contributo sui programmi e sulle strategie future. Non arretreremo di fronte a tentativi, peraltro maldestri, di ricatto su eventuali assegnazione di simboli ad altre componenti che comunque non hanno mai rappresentato il centro destra se non da pochissimo tempo a questa parte. Con questo spirito invitiamo tutti coloro che vorranno insieme a noi cambiare veramente il volto di questo paese nel rispetto della volontà popolare». La scelta di presentarsi alle prossime elezioni amministrative con una lista civica non significa porsi fuori o in contrasto col Pdl ma semplicemente dare la possibilità, anche a coloro i quali non si riconoscono nei partiti, di partecipare attivamente alla vita istituzionale. Tuttavia, si ribadisce che il gruppo a sostegno del dott. Giovanni Camastra rappresenta in Botricello la vera storia di Forza Italia e di

Alleanza Nazionale. Molti di coloro che vi appartengono, infatti, tesserati sin dai primi vagiti del movimento di Silvio Berlusconi, sono rimasti fedeli al partito, anche nei momenti meno fortunati. Al contrario di chi oggi, dopo avere girovagato da un partito all’altro senza distinzione tra destra, centro o sinistra, pretende di rappresentare il Pdl. Siamo assolutamente certi che i vertici del partito sapranno adottare le giuste scelte e non si presteranno al gioco del ricatto che qualcuno sta mettendo in atto in questi giorni. «Poiché siamo a ridosso delle elezioni amministrative e poiché la nostra comunità sta vivendo un momento politico alquanto delicato - conclude la nota - invitiamo la stampa e i suoi articolisti a verificare e ad accertare la veridicità delle fonti prima di pubblicare notizie che potrebbero contribuire ad ingenerare confusione nell’opinione pubblica». Giuseppe Fittante

AMARONI — Il 72% dei Comuni italiani conta meno di 5000 abitanti e si tratta di piccoli centri abitati che non solo svolgono un’opera insostituibile di presidio e cura del territorio, ma sono portatori di cultura, sapere e tradizioni, rappresentando nel contempo fattori di coesione sociale, inclusione culturale ed espressione di valori di pace e solidarietà. Per assicurare un futuro a questa Italia, Legambiente, in collaborazione con l’Enel e sotto l’alto patronato della Presidenza della Repubblica, ha promosso “Piccola Grande Italia”, una campagna il cui obiettivo è tutelare l’ambiente e la qualità della vita dei cittadini che in questi centri vivono, valorizzando le risorse e il patrimonio d’arte e di tradizioni che custodiscono. La festa “Voler bene all’Italia” si svolge oggi anche ad Amaroni. Secondo quanto reso noto dal sindaco Luigi Foderaro e dall’assessore comunale Rocco De-

vito, il programma odierno prevede visite alle botteghe artigiane che realizzano lavori con cera d’api, alle icone realizzate dalla devozione popolare, all’area pic nic San Luca, Fontana Serra, Fontana Vecchia, al palazzo comunale e alla chiesa di Santa Barbara e alla sua navata laterale risalente al 1600. Nell’edificio sacro è custodito un altare marmoreo del 1700, affreschi di Zimatore e Grillo del 1800 e una statua lignea antichissima di San Fulgenzio. «L’amministrazione comunale amaronese - rilevano i due amministratori ha inteso aderire a questa bella iniziativa, soprattutto per far capire che anche i piccoli Comuni rappresentano la bellezza, la storia e la ricchezza dell’Italia e poi perché amando i piccoli Comuni si ama l’Italia intera». La festa ad Amaroni avrà luogo di mattina in piazza Emigrante. Salvatore Taverniti


il Domani Domenica 19 Aprile 2009 19

LAMEZIA TERME CITTÀ COMUNE I gruppi consiliari di maggioranza insorgono dopo che il Pdl ha lasciato l’aula durante l’assise cittadina

«Basta con la politica del cavillo» «Far mancare il numero legale su un tema fondamentale è una scelta di piccolo respiro» LAMEZIA TERME — Dopo il consiglio comunale di venerdì il gruppo di maggioranza insorge contro l'atteggiamento del Pdl cittadino che nel momento di discutere del Piano strutturale ha lasciato l'aula del consiglio. «Anche questa volta la voglia di sceneggiata piuttosto che la disponibilità a discutere delle questioni cittadine ha prevalso nelle file del Pdl lametino, afflitto ormai dalla sindrome dell'uscita dall'aula non appena si tratta di affrontare i problemi urgenti della città». Questa la nota di Giovanni Gallo: (per il gruppo consiliare del Pd), Gianfranco Vasta (per il gruppo consiliare di Sinistra democratica), Carlo Aiello (per il gruppo consiliare di Città). «Un atteggiamento che si qualifica da se proseguono - e che in stridente contraddizione con le chiacchiere che gli esponenti della destra dispensano all'opinione pubblica su sviluppo del territorio, futuro di Lamezia e via blaterando. E' evidente - continuano - a tutti che il Pdl appena può da questi temi si sfila quando viene chiamato ad affrontarli nel consiglio comunale, il luogo deputato a discutere e a decidere. Salvo un minimo dopo tentare strumentalmente di gabbare ai cittadini dilatori con qualche paravento formale che nulla a che fa-

re con la sostanza delle cose. La destra - spiegano - del Pdl e i suoi leader consiliari hanno fatto della politica del cavillo la loro cifra di comportamento e su questa linea sembrano schierati nel più completo sprezzo del ridicolo. Quella della discussione su una prima relazione, sottolineiamo non dovuta - dal professor Crociani riguardo al piano strutturale era una occasione importante per tutti, governo e opposizione, per cominciare a discutere di temi che toccano il cuore del nostro futuro». La discussione era secondo gli esponenti della maggioranza importante anche perché arrivava a sole poche settimane dal conferimento dell'incarico a docente dell'Università di Bologna ed avrebbe permesso una prima utilissima ricognizione sui problemi dell'assetto del territorio e su possibili linee di confronto nel merito. «Se così non è stato - spiegano ancora - è allora per colpa di un comportamento fazioso ed arrogante che, utilizzando i mezzucci di una politica strumentale e di basso profilo, se ne frega altamente degli interessi della città pur di affermare i propri interessi di parte. Quella di far mancare il numero legale su un tema così pregante e fondamentale che andrebbe invece affrontato con se-

renità bipartizan, è una scelta di piccolo respiro, politicamente decerebrata, che si ritorce contro chi l'ha pensata ed attuata. I gruppi del centrosinistra continueranno a lavorare per dare alla città gli strumenti della sua crescita futura, indipendente da chi guiderà la città alla fine del presente quinquennio. Chi come la destra lametina non percepisce l'importanza del momento storico che sta attraversando la Calabria e la necessità di difendere con forza e unitariamente gli interessi della nostra città, con concretezza e non con le chiacchiere d'occasione, dando sostanza alle sue aspirazioni di sviluppo contenute nel Piano strategico che la destra si è rifiutata perfino di esaminare, non possiede cultura di governo e senso di responsabilità verso i propri concittadini. Suggeriamo - concludono - alla destra di cambiare registro, di essere responsabile e di smetterla di aggrapparsi, come fa da tempo, alla politica del cavillo misurandosi invece con le cose e con le questioni che interessano la collettività. Ne guadagnerebbe in credibilità perché forse finalmente la città si accorgerebbe della loro presenza costruttiva». Carmela Mirarchi

AEROPORTO Il presidente della Sacal scrive al Colaninno

Ripepe: «Siamo penalizzati» LAMEZIA TERME — «Continuano le penalizzazioni causate dalla Compagnia Alitalia\Cai sullo scalo di Lamezia Terme, con ritardi e cancellazioni di voli senza preavviso, che giustamente generano malcontento della clientela e suscitano motivate contestazioni e proteste che vanno ad aggiungersi a quelle sollevate contro gli orari scomodi e l’esosità delle tariffe» si legge in una nota del presidente della Sacal Ripepe. Per scongiurare il protrarsi di uno stato di fatto assolutamente inaccettabile il presidente di Sacal, Eugenio Ripepe, si è rivolto nuovamente al presidente del vettore, Roberto Colaninno a cui ha inviato una lettera di chiarimento. «Devo segnalare che prosegue la prassi della cancellazione dei e dei ritardi dei voli Alitalia\Cai sul nostro aeroporto - scrive Ripepe -. Questione già segnalata nelle precedenti comunicazioni. La situazione operativa risulta ancora fortemente penalizzante per il nostro scalo e per la clientela, da cui riceviamo continue e reiterate proteste. Emblematico e di

assoluta gravità, è quanto accaduto lo scorso giovedì 9 aprile, che in sintesi conferma quanto abbiamo più volte detto sulla politica Alitalia prima e oggi ancora portata avanti dalla Cai, il volo AP 3402 in arrivo da Roma alle 10.30, per necessità di protezione traffico è stato fatto incredibilmente e repentinamente “ruotare” sulla Roma\Milano, e i passeggeri diretti al sud sono giunti a Lamezia con un altro volo, ben 2 ore e 30 minuti dopo il previsto. Il 13 aprile, il volo AP 3408 in arrivo da Fiumicino alle 14.30 è stato cancellato; così come il volo AP 3409 in partenza da Lamezia alle 15.15. E ciò, senza alcun preavviso. Stessa sorte per il volo AZ 1171 in arrivo da Fiumicino alle 17.20, e per quello AP 3405 in partenza da Lamezia per Fiumicino alle 18.05. Comprenderà - conclude Ripepe - che simile modo di operare non giova al nostro scalo. E certamente neppure favorisce il “rilancio” di Cai: che al contrario non può ogni volta non vedere affievolirsi il “feeling” e il gradimento della clientela».

COMUNE La replica dei coodinatori del Popolo della Libertà dopo il consiglio del 17 aprile GIZZERIA Esposito dell’associazione Marineland ha avvertito la capitaneria

«La relazione di Crocione era solo uno spot» «Piloni di metallo in mare» LAMEZIA TERME — «La prevista relazione del Prof. Crocione al Consiglio Comunale sul Piano Strutturale doveva servire, più che altro, a fare un po’ di pubblicità al Sindaco Speranza e alla sua sgangherata e inconcludente maggioranza ed invece la seduta del civico consesso si è trasformata in una vera e propria Caporetto per tutto il centrosinistra» si legge in una nota dei Coordinatori del Pdl di Lamezia Terme: Francesco Chirillo, Franco Mastroianni e Luigi Muraca. «Probabilmente Speranza si sentiva certo di poter serrare i ranghi di un centrosinistra - continuano - da sempre lacerato al suo interno e tenuto insieme, non da comuni obiettivi politici, ma dal sordido collante del potere. Infatti, il tentativo è fallito e il centrodestra ha abbandonato la seduta, evidenziando così le numerose assenze dei consiglieri del centrosinistra. Al Presidente Luzzo, nonostante la presenza dei consiglieri dell’UdC, non è rimasto che sciogliere la seduta per mancanza di

numero legale. Subito dopo, come al solito alcuni esponenti del centrosinistra si sono abbandonati a disinvolte elucubrazioni per addebitare al centrodestra la responsabilità del loro fallimento. La verità è, invece, sotto gli occhi di tutti: le numerose assenze dei consiglieri del centrosinistra non sono dovute a dissensi sul Piano Strutturale, ma sono un segnale al Sindaco nella ricerca di nuovi equilibri nella gestione del potere; la maggioranza di centrosinistra è vittima delle sue faide interne, della ricerca spasmodica di spazi per esercitare una politica clientelare da parte di ogni gruppo e di ogni singolo consigliere; se la giunta Speranza è ancora in piedi è perché la sua maggioranza consiliare è troppo attaccata alle poltrone, dalle quali si possono favorire gli amici; il centrosinistra, di fronte al tracollo politico ed elettorale, diventa sempre più arrogante e non si rende conto di danneggiare drammaticamente Lamezia e i suoi cittadini. Provino, il Sin-

daco e il centrosinistra - in particolare il Partito Democratico - a spiegare, non a noi ma alla città e soprattutto a coloro che li hanno votati, perché tanti dei loro consiglieri erano assenti nella seduta consiliare del 17 aprile. In verità - proseguoo - il Pd è in confusione totale. Spieghino i consiglieri Gallo, Vasta e Aiello, impavidi come i tre moschettieri, perché i loro “compagni”, alcuni dei quali ai vertici cittadini dei partiti del centrosinistra, non hanno capito “l’importanza del momento”. I Coordinatori del Pdl esprimono sdegno per l’ignominioso gesto subito dal Consigliere Tommaso Mastroianni - concludono -, il quale si è sempre distinto per probità e competenza ed al quale vanno i sentimenti di affettuosa solidarietà, oltre, naturalmente, all’impegno del Pdl a non lasciarlo solo nelle sue battaglie politiche, nella certezza che le forze dell’ordine e la magistratura sapranno operare mirabilmente per individuare i responsabili della grave intimidazione».

La struttura

LAMEZIA TERME — Nicola Esposito dell’associazione Marineland ha inviato una nota per denunciare l’esistenza in amre di una strana struttura. «Il sottoscritto Nicola Esposito in qualità di vice presidente dell'Associazione Marineland Volontariato Protezione Civile di Lamezia Terme, durante un controllo in mare di routine assieme ad altri colleghi, nel tardo pomeriggio del 17 aprile scorso, ha avvistato in mare di fronte i la-

ghi “la Vota”di Gizzeria lido (preciso che poichè trattasi di struttura galleggiante, non è prevedibile verso quale direzione possa muoversi) una struttura galleggiante posta in verticale, assomigliante a due piloni in metallo del diametro cm 60-70 circa ciascuno ed un’altezza di circa 2 metri (foto in allegato). Del tutto ne è stato dato immediato avviso alla Capitaneria di Porto di Vibo Valentia per le necessitudini del caso».


20 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

LAMEZIA TERME CITTÀ DISCARICA/1 A formare il comitato sono stati in particolare le associazioni: Casa della Legalità, Altra Lamezia, Sinistra Critica e Collettivo studenti in lotta

Costituito il Coordinamento cittadino «La soluzione è quella di migliorare i risultati della raccolta differenziata» LAMEZIA TERME — Costitutito il

Coordinamento cittadino contro la realizzazione della nuova discarica a Lamezia Terme. In particolare, del coordinamento fanno parte le associazioni Casa della Legalità, Altra Lamezia, Sinistra Critica e Collettivo studenti in lotta. Scopo del coordinamento è quello di opporsi alla realizzazione della discarica «non per semplice spirito di contestazione, ma in un'ottica di critica all'attuale sistema di smaltimento dei rifiuti, ricercando soluzioni che avrebbero un impatto ambientale sicuramente meno grave di quello provocato da una terza discarica». La migliore soluzione, secondo i rappresentanti del coordinamento, «è quella della raccolta differenzia-

ta porta a porta obbligatoria cosi come è realizzata nella maggior parte dei comuni del Nord, ma anche come è realizzata, per restare vicini, nei comuni di Panettieri e di Carlopoli. Ancora ancora sentiamo parlare di discarica - proseguono gli esponenti del coordinamento cittadino - ancora una volta siamo costretti a sopportare una decisione presa da pochi che andrà a farsi sentire sull'intera comunità lametina, ancora una volta il nostro territorio saràcontaminato con rifiuti provenienti da mezza regione. Realizzara nuove discariche è una soluzione sbagliata, bisogna invece migliorare i risultati della raccolta differenziata. Di questo passo, infatti, anche la nuova discarica, la terza, finireb-

be per esaurirsi in poco tempo richiedendo cosi una quarta e poi una quinta o, peggio, la realizzazione di un termovalorizzatore». Sulla raccolta differenziata il Coordinameto spiega: «La percentuale raccolta, ovvero il 28,82 % a nostro avviso non è un vanto come alcuni vogliono farci credere. Il fatto che nel resto della regione si differenzi di meno non vuol dire che questo basti. Ricordiamo infatti percentuali che oscillano tra il 40 e il 70 % in altri comuni italiani. Proprio per questo riteniamo che la soluzione del problema attraverso la realizzazione di nuove discariche sia completamente sbagliata se non si procede a migliorare i risultati della raccolta differenziata».

INTIMIDAZIONE A MASTROIANNI Luzzo chiede di individuare presto i responsabili

La solidarietà del consiglio comunale LAMEZIA TERME — Tommaso Ma-

stroianni ha ricevuto venerdì tre cartucce calibro 7.65. A trovarle nella buca delle lettera dell’abitazione in frazione Caronte è stata la moglie di Mastroianni. Già a novembre il politico aveva ricevuto una lettera strana che sembrerebbe collegato all’episodio di venerdì. Diverse le manifestazioni di solidarietà. «Dura condanna all’atto intimidatorio subito dal consigliere Mastroianni. A nome mio e di tutto il Consiglio Comunale esprimo la dura

condanna verso l’atto intimidatorio subito dall’esponente del Pdl Tommaso Mastroianni». Si esprime così il Presidente del Consiglio Comunale di Lamezia Terme Gianfranco Luzzo alla notizia dei proiettili rinvenuti nella buca della posta dell’abitazione del consigliere Mastroianni. «Il Consiglio comunale, tutta la classe politica e la società civile - continua Gianfranco Luzzo - non possono non esprimere il loro sdegno e la netta contrarietà verso episodi che non appartengono in

alcun modo ad una comunità che vuole crescere e che non può accettare simili deprecabili episodi». «Il mio pensiero e la mia vicinanza va alla famiglia del consigliere Mastroianni, minata nella tranquillità da un simile atto ignobile, ma nello stesso tempo il mio incoraggiamento non può che andare allo stesso consigliere a continuare il suo operato nella vita politica e professionale». «Speriamo - conclude - che la giustizia possa presto individuare i responsabili del vile gesto».

Concluso il corso dei nuovi componenti del Corpo. La soddisfazione del consigliere provinciale Aragona

Vigili del fuoco, 115 nuove unità LAMEZIA TERME — l Consigliere provinciale Rosario Aragona, componente della Commissione Sicurezza e Legalità della Provincia di Catanzaro esprime il suo apprezzamento per la cerimonia svoltasi a Lamezia Terme presso la sede dei Vigili del Fuoco a conclusione del corso da parte di 115 nuove unità operative che entreranno in forze all’interno del Corpo Nazionale. «Si tratta di un Corpo, quello dei Vigili del Fuoco - ha detto Aragona - che soprattutto in questa drammatica circostanza del terremoto in Abbruzzo ha dato ampia prova del proprio attaccamento al dovere salvando nei primi due giorni della drammatica circostanza 120 vite umane. Ed anche in Calabria, nella nostra Provincia i Vigili del Fuoco sono garanti di interventi ra-

pidi che contribuiscono di gran lunga alla tutela del nostro territorio». Aragona ha in questo senso evidenziato quindi l’importante funzione che il Corpo dei Vigili del Fuoco svolgono in una terra difficile come la Calabria ed ha augurato il suo «benvenuto e buon lavoro al Comandante Guido Parisi che ha sostituito nella direzione regionale il Comandante Gregorio Agresta, che sicuramente a Roma presso la Direzione centrale per la formazione riuscirà certamente a dar il suo prezioso contributo». Il consigliere Aragona ha poi salutato il Sottosegretario agli Interni, Senatore Nitto Palma, presente all’iniziativa malgrado le pressanti problematiche legate al terremoto in Abbruzzo che stanno impegnando fortemente il Go-

verno Nazionale su tutti i fronti. «Il Senatore Palma - ha infatti dichiarato Aragona - è persona molto sensibile alle questioni legate alla sicurezza del territorio soprattutto riguardo al Mezzogiorno d’Italia. Siamo certi che il suo contributo all’interno del Governo Berlusconi sarà decisivo non solo per quanto riguarda l’emergenza di questi giorni ma certamente nel breve e nel lungo periodo Palma saprà stare vicino anche alla nostra Regione che di emergenze sul paino della sicurezza ne ha davvero tante, tutte da affrontare con rapidità e concretezza» Aragona infine ha augurato buon lavoro ai nuovi Vigili del Fuoco, ai loro comandanti ed a tutte le istituzioni che lavorano ogni giorno per garantire sicurezza e rispetto delle regole su tutti i fronti.

DISCARICA Il Cerchio e la Croce non condivide la posizione del primo cittadino

«Speranza se ne lava le mani» LAMEZIA TERME — «Sulla “di-

scarica a Lamezia” non ci meraviglia la posizione del Sindaco e della sua giunta» si legge in una nota del Cerchio e la croce. «Eravamo convinti di ciò anche lo scorso 11 agosto - continua -, allorquando un’apparente reazione di orgoglio, paventata dal consiglio, nei confronti del provvedimento del commissario per l’emergenza ambientale Goffredo Sottile, aveva suscitato un minimo di fiducia. Il sindaco in prima linea a fermare i camion ci aveva colpito. Ma dopo la sceneggiata, la nostra città riprese a subire supinamente l’arrivo di spazzatura da mezza Calabria, senza sosta fummo sottoposti all’ordinanza che stabilisce di far scaricare 60 tonnellate al giorno di rifiuti provenienti da fuori provincia nel sito lametino, ma il provvedimento emergenziale finì per creare una nuova urgenza, quella di

«Il sindaco che fermava i camion ci aveva colpito» sopperire alla saturazione dalla stessa discarica. Una necessità già prevista ma che la politica ha aggravato scegliendo di adottare come soluzione coerente alla sinistra “il non decidere”, ed ora che l’ennesimo provvedimento emanato dal commissario (la creazione della terza vasca) ha reso il contesto incandescente, Speranza ha deciso di rimandare il tutto al governo centrale. Una bella “lavata di mani” - conclude - sostenuta anche dal Pd cittadino che, per voce del suo segretario, scarica la totale responsabilità al commissario Sottile, difendendo l’operato di un sindaco che appare sempre più evanescente».

DISCARICA Panedigrano chiede di dire «basta alla monnezza»

«Investire sull’agroalimentare» LAMEZIA TERME — «Sull'ampliamento della discarica di località Stretto che invade i vigneti Doc delle Cantine Statti l'Amministrazione Speranza continua a negare ogni responsabilità, scaricandola sul Commissario Straordinario che ha operato la scelta del sito, ma è comunque riuscita ancora una volta nel miracolo di rimanere con il cerino acceso in mano» si legge in una nota dell’avvocato Nicolino Panedigrano. «Chi non ricorda la "bufala" della Biofata? - continua -. Fu un'operazione propagandata con strepito di fanfare a ridosso delle elezioni politiche del 2006 dall'allora sottosegretario Galati. Anche in quella occasione l'Amministrazione Speranza, appena insediatasi, insistette in capriole tecnico amministrative nel vano tentativo di inseguire quei fantomatici e mai stanziati finanziamenti e restò, poi, con il cerino in mano della "perdita" dei finanziamenti per aver promosso una nuova cordata di imprenditori che non si videro finanziare il becco di un quattrino. Con la questione dell'am-

pliamento della discarica il problema è, però, molto più grave, perché il Sindaco Speranza nelle aspettative di chi lo ha sostenuto elettoralmente doveva star lì per promuovere lo sviluppo economico e produttivo della città e non, invece, per subire da un Commissario Straordinario le scelte di governo del suo territorio; tanto più quando si tratta di scelte che contraddicono il Piano Strategico che il Comune ha da poco varato con tanta enfasi. Il Sindaco, infatti, forse non sa o ha dimenticato di aver lui stesso presentato un emendamento alla sua iniziale proposta di Piano Strategico, nel quale emendamento per dare un senso concreto al Piano ha previsto la costituzione di un "Distretto Agroalimentare" e di un "Polo di innovazione e ricerca regionale sulle Filiere agroalimentari di qualità. Speranza allora si sarebbe dovuto mettere alla testa delle iniziative per la tutela del territorio dall'invasione della monnezza altrui. Il nostro sviluppo ed il nostro futuro non lo costruiremo lucrando sulla monnezza indifferenziata».


il Domani Domenica 19 Aprile 2009 21

LAMEZIA TERME CITTÀ DISCARICA / 2 Intervento dell’ex senatore di sinistra democratica. Un’analisi che tocca anche il tema della sicurezza ambientale

Iovene: «Soluzioni serie, nei tempi giusti» Dal Pd una richiesta di pieno coinvolgimento degli altri livelli istituzionali Non si placa il dibattito sulla vicenda dell’ipotizzato ampliamento della discarica di Lamezia, rispetto alla quale il sindaco Gianni Speranza, con il dovuto senso di responsabilità e con spirito aperto al confronto costruttivo, ha chiarito più volte i relativi passaggi istituzionali di competenza comunale. Da considerare, in questo contesto, la posizione delle famose Cantine Statti di Lamezia, uno dei fiori all’occhiello del settore vitivinicolo calabrese, che hanno anch’esse esposto la loro posizione tesa a salvaguardare alcuni dei preziosi vigneti che contribuiscono a comporre uno dei momenti d’eccellenza dell’intero comparto calabrese. A sostegno delle Cantine Statti sono intervenuti numerosi esponenti politici, nonché prestigiose associazioni di categoria, tutti concordi nel valutare l’importanza del patrimonio vitivinicolo lametino e regionale, soprattutto in una fase in cui l’economia nazionale sta puntando molto sull’agroalimentare, sui prodotti tipici e sul “made in Italy”, come testimoniato dall’ennesimo recente successo di Vinitaly e Sol e dai principali indicatori statistici. Ieri, sull’argomento, è intervenuto anche l’ex senatore Nuccio Iovene, dirigente nazionale di Sinistra Democratica. «Sono stupito - ha affermato Iovene - della totale assenza di memoria che caratterizza la discussione che in questi giorni sta animando la città relativamente all’ampliamento, necessario e urgente per evitare che si arrivi all’emergenza, della discarica. In particolare mi hanno colpito alcuni aspetti che provo brevemente a riepilogare: la discarica di Lamezia è ubicata in quel sito, individuato all’epoca con il beneplacito dei proprietari del terreno che sono gli stessi di oggi, da ben 22 anni; la discarica, pubblica, ha servito Lamezia e gran parte della Regione consentendo che la situazione dei rifiuti non degenerasse come in altre realtà del Paese (basti ricordare il dramma della Campania) e garantendo un controllo pubblico dello smaltimento dei rifiuti e tariffe contenute; se oggi diventa necessario un ampliamento delle vasche di raccolta è proprio in virtù di questo servizio reso con responsabilità nei confronti dell’intera collettività calabrese, anche perché Lamezia è da tempo una delle poche città calabresi impegnata a ridurre la quantità dei suoi rifiuti da conferire in discarica attraverso la raccolta differenziata e quella porta a porta; la Multiservizi, società interamente pubblica, garantisce il servizio di raccolta, conferimento e smaltimento dei rifiuti da anni, garantendo al tempo stesso centinaia di posti di lavoro stabili mentre la quasi totalità delle società miste, realizzate in Calabria allo stesso scopo, sono in crisi o sull’orlo del fallimento e gli operai a rischio licenziamento, mentre la condizione della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti è in molte delle altre città calabresi al collasso; il controllo pubblico del ciclo dei rifiuti ha consentito, diversamente da altre parti d’Italia e della nostra regione, come testimoniano le inchieste giudiziarie e il rapporto annuale di Legambiente sulle Ecomafie, di tenerlo al riparo da infiltrazioni mafiose e speculazioni affaristiche, e anche a Lamezia non è sempre stato così, o ci si è dimenticati del tragico omicidio dei due netturbini in uno dei periodi più bui della città?». «L’attuale amministrazione comunale - prosegue Iovene - è con tutta evidenza quella che più si è impegnata per la valorizzazione della vocazione vitivinicola della città e del suo territorio: lo testimoniano le edizioni del

Nuccio Iovene

Calabria Wine Days di questi anni così come il convegno nazionale sul turismo del vino, promosso su mia iniziativa dall’associazione dei parlamentari “Luigi Veronelli”, tutte iniziative tese a valorizzare le produzioni di qualità della città ed i loro protagonisti ed a farne un punto di riferimento per l’intera regione». «Prodotti di qualità e sicurezza ambientale - conclude l’ex senatore Iovene - hanno convissuto e marciato insieme per tanto tempo: perché non dovrebbero continuare a farlo? Trovare soluzioni serie, nei tempi giusti ed in modo corretto è responsabilità non solo degli amministratori locali, ma di tutti quelli che hanno a cuore le sorti dell’intera città». Questo il ragionamento di Iovene che nella par-

te conclusiva del suo intervento si affianca alla posizione di confronto costruttivo e positivo più volte ribadita dal sindaco Speranza. Può essere utile, a questo punto, riprendere integralmente le dichiarazioni rilasciate l’altro ieri dal segretario cittadino del Pd, Chiara Macrì (per altri interventi leggi la pagina a fianco, ndr). «Il PD di Lamezia - ha affermato l’esponente democratico - è fortemente soddisfatto per l’alto livello del dibattito sulla questione della discarica che si è tenuto giovedì sera presso la sede “Primerano” presenti la segreteria, l’Unione comunale, assessori e consiglieri del Pd. Si è condotta una riflessione seria e approfondita sugli aspetti tecnici, anche grazie alla relazione dell’assessore Francesco Muraca, ma la riflessione è stata innanzitutto politica». «Dagli oltre 20 interventi che si sono susseguiti, a partire da quello di Doris Lo Moro, passando dalle parole di Sebastatiano Sofi, l’assessore Pino Zaffina e terminando con quelle del segretario - ha aggiunto Chiara Macrì - si è puntata l’attenzione verso il ruolo che Lamezia deve assumere nel panorama regionale e quale la sua identità. Innanzitutto è da ribadire che la decisione di realizzare la terza discarica a Lamezia Terme, in località Stretto, è del Commissario Straordinario di emergenza ai rifiuti. Non avendo nessuna responsabilità in merito né l’Amministrazione comunale, né tanto meno il Partito democratico, si è quindi analizzata la situazione con ludicità». «Il Pd - ha precisato il se-

Gianni Speranza

gretario cittadino - non vuole sfuggire al problema che si pone con la realizzazione della terza vasca e con il danno che questa potrebbe provocare ad importanti attività economiche in città e ritiene di doverlo fare con senso di responsabilità e realismo. Al momento non ci sono elementi, e non possiamo averli, perché di competenza di organi tecnici e non politici, per ritenere che sia possibile evitare la realizzazione dell’allargamento della discarica, in quanto nessuna delle proposte che sono state agitate sui giornali ci pare abbiamo la qualità di una risposta pronta al problema che, ricordiamo, è l’impossibilità dello smaltimento della spazzatura prodotta e quindi il rischio di creare una situazione uguale a quella di Na-

A Vinitaly presentata una interessante innovazione che recupera ed estende il valore di un vitigno autoctono

Cantine Statti, spumante dal Mantonico

Alberto Statti fotografato a Vinitaly

Il direttore del Domani, Massimo Tigani Sava, assieme ad Antonio Statti a Vinitaly

«Bollicine calabresi? Proprio così. E’ questa la nuova sfida di Cantine Statti, l’azienda di Lamezia che a Vinitaly ha presentato in anteprima alla stampa e agli operatori il suo primo spumante 100% da uve autoctone. Ottenuto da uve Mantonico, si tratta del primo spumante metodo classico prodotto dall’azienda a partire dalle uve dei vigneti di proprietà». E’ quanto si legge in una nota diffusa dall’ufficio stampa delle Cantine Statti, reduci dall’appuntamento molto importante con Vinitaly 2009, dove sono riuscite ad offrire un’ampia rasse-

gna dei propri risultati e delle notevoli potenzialità di sviluppo esistenti, proprio in un momento in cui stanno esplodendo le polemiche politiche sulla nota vicenda dell’ipotizzato ampliamento della discarica lametina. «Grazie al lavoro di selezione e ricerca sugli autoctoni - si legge ancora - Statti ha saputo ottenere grandi vini rossi, eleganti e di struttura, come ad esempio l’Arvino ed il Cauro, che proprio in questa edizione di Vinitaly hanno ricevuto la Gran Menzione al Concorso Enologico Internazionale. Ora l’azienda, guidata

da Alberto e Antonio Statti, si prepara a questa nuova avvincente sfida». «Questo spumante è una vera sorpresa - ha detto Mario Pirillo, assessore all’Agricoltura della Regione -. Esprimo i miei sinceri auguri ai fratelli Statti, capaci di realizzare prodotti d’eccellenza, per il successo di questo prodotto». «La presentazione, seguita da un folto pubblico - leggiamo testualmente - è stata guidata da Adua Villa, sommelier ufficiale del programma quotidiano di Rai Uno “La Prova del Cuoco”». «Il vitigno Mantonico - ha detto l’esperta si presta egregiamente come base per la produzione di spumante. Pur così giovane e ancora in fase di sperimentazione, sta già dando soddisfacenti risultati. All’olfatto trasmette sensazioni di freschezza, che lo rendono adatto all’abbinamento con

poli». «Quindi - ha precisato Chiara Macrì - richiediamo al Commissario delegato che, oggi e non domani, ci dica se vi è una soluzione alternativa. Se questa è percorribile si parta immediatamente, se così non è, non è consentito a nessuno di sostenere Berlusconi quando interviene in Campania e di mettere a rischio la salute dei cittadini a Lamezia. Ma poiché è concreto il rischio che a questo allargamento ne seguiranno degli altri se non si modifica l’inerzia della situazione, pretendiamo che l’Ufficio del Commissario proceda alla realizzazione degli impianti nelle altre Province per far finire la straordinarietà dell’emergenza, rinviando il problema con ordinanze che stabiliscono di far scaricare 60 tonnellate al giorno di spazzatura proveniente dai comuni del Vibonese e del Cosentino come sta avvenendo nel sito di Lamezia Terme, che non deve essere la “Pattumiera della Calabria”. «Chiediamo - ha concluso il segretario cittadino del Pd - che la Regione si riassuma la responsabilità della situazione, che la Provincia proceda con i controlli per verificare il funzionamento dell’impianto di Lamezia, che si faccia un ulteriore sforzo per lo sviluppo della raccolta differenziata anche procedendo con sanzioni nei confronti dei cittadini inadempienti. Il Partito democratico chiedi quindi al Commissario un urgente incontro dove saranno presenti oltre al Deputato del Territorio i nostri Consiglieri Regionali, per avere risposte immediate e certe». piatti di pesce e con la cucina estiva in generale». «L’uscita sul mercato dell’annata 2007 del nuovo spumante di Statti - si precisa - è prevista all’inizio del 2010. Verranno prodotte circa 3.000 bottiglie distribuite nel canale Ho. re. Ca. Il prodotto avrà un rapporto qualità-prezzo equilibrato, per permettere al consumatore di acquistarlo in molte occasioni e non solo per le celebrazioni. La Calabria esce da questa edizione di Vinitaly come una tra le regioni rivelazione. Grazie all’ambiente naturale e a fattori climatici favorevoli, sta raggiungendo livelli di qualità molto elevati, e questo lo si inizia a percepire anche all’estero». «Giovanni Iannuzzi, direttore di Confagricoltura Calabria, presente a Verona in occasione del convegno nazionale di Confagricoltura sul progetto di internazionalizzazione dei mercati esteri - aggiunge la nota stampa - ha sottolineato l’importanza per le aziende calabresi di aprirsi ai mercati emergenti, in particolare a Corea e Kazakistan, che stanno iniziando ora a scoprire la qualità dei nostri vini. Confagricoltura Calabria - ha detto ancora Iannuzzi - si impegnerà da subito a lavorare sul territorio per stimolare tutte le associate ad orientare la propria attività verso questi due paesi». Statti si sta facendo conoscere per le idee innovative dei due giovani fratelli, Antonio ed Alberto. Molti i progetti in cantiere, come la prima produzione di spumante della Calabria proveniente da uve autoctone e l’introduzione della vinificazione in bianco del Gaglioppo. In pochi anni Statti si è quindi affermata con un proprio stile. La ricetta? «Un territorio straordinario, un ampio patrimonio di varietà autoctone - conclude la nota stampa - e la mentalità aperta della nuova generazione Statti, alla guida dell'azienda da più di dieci anni, rappresentata dai fratelli Antonio ed Alberto. Un grosso merito va agli enologi siciliani Nicola Centonze e Vincenzo Bambina, consulenti dell’azienda da quattro anni».


il Domani

Domenica 19 Aprile 2009

COSENZA

Service a cura di Ediratio e AT Press - E-mail: redazione@ildomani.it | www.ildomani.it

Il sindaco di Castrolibero e candidato per l’Mpa alla presidenza della Provincia smentisce il suo ex vicesindaco Aldo Figliuzzi

Orlandino getta acqua sul fuoco «Al ballottaggio arriverò io e poi non ho cacciato nessuno. Sul piano nazionale dialoghiamo con il Pdl» COSENZA — Aldo Figliuzzi, il vice sindaco di Castrolibero al quale Orlandino Greco ha revocato la delega continua la sua polemica sulla stampa sostenendo che in caso di ballottaggio la lista dell'Mpa si schiererebbe con il centrosinistra. A sostegno della sua affermazione, secondo quanto riportato dalla stampa, dichiara di aver ricevuto numerosi messaggi di Orlandino Greco con poco lusinghieri apprezzamenti sul candidato di centrodestra, Pino Gentile. “Il raggruppamento del Movimento per le Autonomie ha una linea nazionale chiaramente definita”, sostiene Orlandino Greco, “un'alleanza strategica con il centrodestra, che non possiamo e no vogliamo smentire a livello locale”. “Tuttavia, riteniamo che vi siano oggi le condizioni per un radicale cam-

Orlandino Greco

biamento politico nella Provincia di Cosenza dove spira forte un'aria di rinnovamento”, prosegue Greco. “Insieme ad un gruppo di giovani molto motivati vogliamo contribuire a dare a tutti i cittadini l'opportunità di cambiare, la libertà di voltare rifiutando il ricatto del bisogno”. Alla domanda se quanto affermato da Figliuzzi corrisponde a verità Orlandino sostiene che si tratta di un personaggio che non merita tanta attenzione, poiché la sua esperienza si limita ad una attività di gestione amministrativa, ma non ha mai avuto un ruolo politico di rilievo. “Per consentire a tutti i candidati di svolgere in piena autonomia la loro campagna elettorale”, continua Orlandino, avevo chiesto che si autosospendessero dall'incarico fino alla conclu-

Aldo Figliuzzi

sione della campagna elettorale. Il suo netto rifiuto mi ha indotto a revocare il mandato. Non intendo più occuparmi di questa vicenda che ha ricevuto più attenzione del necessario”. Sulla questione del ballottaggio dichiara che non vi è alcun motivo per escludere che possa riservare novità clamorose, poiché vi è un numero crescente di persone che mostra insofferenza nei confronti della vecchia politica, di cui fanno parte tanto il candidato di centrosinistra che quello di centrodestra. “Prima di sollecitare un voto agli elettori dovrebbe spiegare cosa hanno fatto in questi anni e dove erano mentre la Calabria scivolava gli ultimi posti in tutte le classifiche di welfare e di sviluppo”. Oreste Parise

L’ex sindaco Catizone non nasconde di aver virato nell’estrema sinistra il timone politico Gianni Papasso, il segretario provinciale del Garofano

Eva ritorna a “casa” sua Il feeling con Vendola c’è COSENZA — Il divorzio tra Eva Cati-

zone ed il Pd è ormai ufficiale, a seguito della lettera di dimissioni da lei inviata agli esponenti del partito, primo fra tutti Dario Franceschini. Sorge una domanda: a quale progetto volge ora lo sguardo Eva? È presto per parlare di accordi, ma la presenza sul palco di Vendola non è stata casuale. "Desidero vivere in una Sinistra che non sia una formazione vecchia e chiusa. Punto invece su un nuovo cantiere. La mia presenza sul palco di Vendola ha avuto un pieno valore politico. Sono legata a lui da un percorso comune. Vendola, da parlamentare, venne a Cosenza, a sostegno dei No Global, durante la manifestazione cui io partecipai in qualità di sindaco. Inoltre appoggiai le sue battaglie a favore della legalità. Ci lega un sentire comune in difesa delle diversità, intese come risorsa, soprattutto per il tema dei migranti ". Nichi Vendola ha già invitato Eva a far parte di Sinistra e Libertà? Lei non si sbilancia, ma è chiaro che il presidente della Puglia ha un ruolo forte nelle sue scelte. "Se alcune

Eva Catizone

cose sono andate in un certo verso - spiega - è anche perché mi ha contattata Vendola". L'abbandono del Pd è stato spontaneo: "Uno dei temi sui quali il Pd ha sbagliato è quello del testamento biologico. Di-

menticare il ruolo del Sud è l'altro peccato di cui non doveva macchiarsi". Per il Sud però c'è pure Lombardo. Il Movimento per l'Autonomia - spiega Eva guarda da un'angolazione distante dalla mia. Io coltivo il progetto di una nuova Sinistra". Eva accusa il Pd di ambiguità rispetto al progetto di costruzione del ponte sullo stretto: "Un senatore del Pd ha rilasciato dichiarazioni trionfalistiche sul progetto di costruzione del ponte. Al contrario io ritengo che dilanierebbe il territorio. Il pericolo non è solo nel completamento del progetto, ma nei lavori iniziali, che stravolgerebbero l'equilibrio sismico". Tuttavia, Eva sottolinea la stima che nutre per singoli esponenti del Pd, come Loiero. Qualcuno pensava ad una Catizone che potesse guardare ad Idv. "Sono per un garantismo scevro da derive giustizialiste. Non condivisi l'alleanza del Pd con Idv, ritenendola un abbraccio mortale, come fu letale la decisione di marginalizzare il ruolo dei socialisti". Melissa Cosenza

Studentessa di Cosenza ascoltata per il crollo degli edifici a L’Aquila

Idv ormai non si ferma più: oggi il passaggio di Mimmo Frammartino

COSENZA — Una studentessa cala-

COSENZA — L'Idv cosentino conti-

brese che viveva a L'Aquila nell'edificio che ospitava la Casa dello studente crollato a causa del terremoto è stata sentita a Cosenza dalla polizia nell'ambito dell'inchiesta avviata sul sisma dalla procura del capoluogo abruzzese. L'atto istruttorio è stato svolto dalla Squadra mobile di Cosenza su delega del procuratore Alfredo Rossini. La studentessa, di cui gli investigatori non hanno reso nota l'identità, si è salvata perché alloggiava in una parte dell'edificio che non è crollata. La giovane è stata sentita come testimone in merito a quanto é accaduto nelle fasi che hanno preceduto e seguito il sisma. Dalla deposizione della studentessa, che si è protratta per cune ore, sono emersi una serie di elementi utuli alle indagini.

nua a crescere. Oggi alle 11, presso il salone di rappresentanza del comune di Cosenza è stata convocata l'assemblea straordinaria degli iscritti dell'associazione “Idea Citta”, il movimento culturale creato da Mimmo Frammartino a seguito della sua fuoriuscita dallo Sdi. Nel corso della riunione, come già ampiamente preannunciato, il consigliere comunale scioglierà ogni riserva e comunicherà ufficialmente la sua adesione a Italia dei Valori. Si va completando il disegno di rafforzamento del partito di Di Pietro, che con l'adesione di Frammartino ha i numeri per la formazione de gruppo consiliare nella città capoluogo. La soddisfazione dell'intero gruppo dirigente calabrese è palese, tanto che alla riunione è prevista la pre-

senza del segretario regionale di Idv, Misiti e del commissario cittadino Oreste Morcavallo, assessore provinciale uscente che sottolinea la sua totale sintonia con il l'amministrazione uscente e la positività della sua collaborazione amministrativa. La positiva esperienza è condivisa dall'intero gruppo dirigente provinciale che coglierà l'occasione per ribadire con forza il pieno sostegno del partito al candidato a presidente della provincia di Cosenza Oliverio. Inoltre sarà la lista tutta colorata di rosa dei candidati di Idv alle elezioni europee, una novità che inserisce un ulteriore elemento di innovazione in una competizione che presenta molte variabili ed un grado di incertezza che sarebbe stata impensabile solo qualche mese fa.

«I socialisti stanno dalla parte di Mario Oliverio, sia chiaro» «Sbarreremo la strada all’avanzata arrogante del Pdl» COSENZA — C’è aria di Garofano

“strattonato” in giro perché vuoi o non vuoi la posizione anomala di Salvatore Magarò, il consigliere regionale con un piede a sinistra e con il cuore a destra, qualche problema lo crea e allora ci pensa Gianni Papasso, il segretario provinciale, a chiarire la posizione “ufficiale” del partito «I socialisti numerosissimi e con entusiasmo parteciperanno, lunedì 20 aprile, alle ore 17.30, in piazza XI settembre di Cosenza, insieme a Mario Oliverio, all'apertura della campagna elettorale del centro sinistra - precisa a scanso di equivoci il segretario -. Mario Oliverio - continua Papasso - ed il centrosinistra si presentano dinanzi agli elettori della provincia a testa alta e con la coscienza a posto, nella consapevolezza di aver garantito all'amministrazione provinciale buon governo, trasparenza e legalità e, soprattutto, di aver raggiunto e superato gli obiettivi programmatici del 2004. Si presentano con un nuovo ed articolato programma per una provincia ancora più moderna

e più vicina ai cittadini che, nell'era della globalizzazione, pretendono maggiore coinvolgimento e maggiore libertà. La destra, che in questi anni è stata assente e sonnolenta, si è svegliata solamente negli ultimi tempi con sicumera ed arroganza e con la manifesta volontà di “assaltare la diligenza”. Il centrosinistra - continua Papasso nuovo ed unito attorno ad un programma snello, moderno e riformista, sbarrerà la strada all'offensiva della destra, che nella provincia e nella Regione è priva di connotati politi e programmatici. Oltretutto, tutti gli impegni assunti nella competizione elettore per il rinnovo del Parlamento sono stati ampiamente disattesi. Nessun calabrese è presente nel governo del Paese. Tanti sono stati i tagli operati nei confronti della Calabria (fondi Fas). Il federalismo di Bossi colpirà fortemente la già precaria condizione economica calabrese. A nulla serviranno - conclude Papasso - le “spavalde parate” a cui abbiamo assistito e assisteremo, perchè gli elettori sanno cosa fare».

MEDIATAG RICERCA SU COSENZA Per il lancio di nuovi prodotti editoriali su Cosenza e provincia selezioniamo

AGENTI PUBBLICITARI (ambosessi) per la seguenti zone:

Cosenza città, Cosenza area Jonio, Cosenza area Tirreno Inviare dettaglio curriculum a info@mediatag.it. Trattamento economico di sicuro interesse.

• • •

Costituirà titolo preferenziale possedere una laurea in marketing, scienze delle comunicazioni o relazioni sociali. L’anticipo provvigionale sarà in grado di soddisfare le candidature più qualificate. Inquadramento Enasarco

Per un appuntamento selettivo gli interessati possono inviare il proprio curriculum al seguente indirizzo di posta elettronica:.......................................................... info@mediatag.it oppure al numero di fax: ............................................................................................. 0961.903421 o per posta indirizzata a: ..... MEDIATAG SPA - Loc. Serramonda 88040 Marcellinara (Cz) I dati contenuti nel curriculum verranno trattati esclusivamente ai fini della selezione del personale. La presente ricerca è estesa a persone di entrambi i sessi ai sensi della legge 903/77


il Domani Domenica 19 Aprile 2009 23

COSENZA CITTÀ Ieri il congresso provinciale dei Verdi in vista della lista da presentare per le prossime consultazioni elettorali

Pace tra Marrello e Tommasi? Franco Monaco è il nuovo segretario del partito di Grazia Francescato RENDE — È scoppiata la pace, si potrebbe dire con un luogo comune. Che sarebbe, tuttavia, vuoto. La pace, celebrata nel congresso provinciale dei Verdi, celebrato ieri nella sala consiliare del Comune di Rende, era necessaria. L'alternativa, se fose continuata la contrapposizione tra Diego Tommasi, l'ex assessore regionale all'ambiente, e Gino Marrello, assessore provinciale uscente, sarebbe stata una sorta di scissione dell'atomo. Un passo che l'ex partito di Pecoraro Scanio, ridimensionato dalle ultime elezioni politiche, non può permettersi. A maggior ragione, non può permetterselo il partito di Grazia Francescato, impegnato in una difficile opera di riconversione politica e di chiarimento morale. Quello di ieri, dunque, è stato un congresso unitario. Resta da chiarire se si sia trattato di una reciproca stretta di mano. Oppure di una mano tesa da Marrello a un Tommasi, uscito malconcio dal congresso di quest'estate e privo della copertura politica di un sempre più defilato Pecoraro. La mozione è stata unica: "Ambientalismo e terzo millennio". E gli echi riformisti non mancano. Anzi, è lo stesso Marrello ad accennarne qualcuno: "Occorre rileggere le nostre linee politiche. L'appiattimento esclusivo sulle tematiche ambientaliste non paga più". La maratona congressuale, iniziata ieri mattina e conclusasi in serata, si è quindi trasformata in una sorta di plebiscito, dove i 300 delegati sono stati chiamati a votare una mozione, un segretario e un direttivo "preconfezionati", dopo lunghe trattative. Il nuovo segretario provinciale, che guiderà la campagna elettorale dei Verdi a fianco di

La lotta per la vita, l’esempio che lascia Pino Berlingieri

Gino Marrello e Diego Tommasi

Oliverio, è Franco Monaco, 44 anni, agronomo e vicesindaco di Acri. Una candidatura, la sua, il più possibile super partes, visto che, almeno per collocazione geografica, è distante dalle "questioni" cosentine. Il direttivo, invece, è composto da 10 membri. Scelti equamente dai due ex rivali che, tra l'altro, ne fanno pure parte. Tutto, insomma, sarebbe pronto per la presentazione della lista (la quale, secondo i ben informati, sarebbe quasi pronta), che avverrà il 9 maggio. La formula unitaria è, a sentire l'interessato, una "trovata" di Gino Marrello: "Dopo 5 anni di assessorato mi sembrava immorale perpetuare una lotta che non porta a nulla. Con questo congresso, che è stato l'occasione per riflettere un po' su noi stessi, vogliano riprendere un percorso di civiltà e re-

sponsabilità politica". La fissione dell'atomo sembrerebbe arginata, almeno per il momento. Infatti, la crisi dei Verdi è coincisa, a livello locale, con un loro calo, in quanto a presenze istituzionali. Nel capoluogo, hanno perso un'assessora in seguito al rimpasto di giunta della scorsa primavera. Mentre l'unico consigliere, dimessosi, è stato rimpiazzato. L'unico ente in cui i Verdi tengono bene è proprio la Provincia. Scontata, quindi, la concentrazione delle forze per potersi ripresentare alle prossime regionali con un ruolo di non subalternità alla sinistra radicale. I dialoghi elettorali e i giochi di alleanze restano aperti. Ne sapremo di più a breve. Saverio Paletta

Pino Gentile sulla sicurezza nell’area urbana. Nel pomeriggio la polizia arresta due pregiudicati

«Telecamere nei punti chiave della città» COSENZA — «Telecamere nei centri ur-

bani e nei punti chiave dei Comuni, rispettando la privacy della gente, utilizzo preventivo della polizia provinciale unitamente ai poliziotti di quartiere, coordinamento con le forze dell'ordine e della magistratura per combattere la microcriminalità: sono i punti cardine del nostro programma in termini di sicurezza». Pino Gentile, sono suoi gli intenti sopra desrcitti, non smentisce la prassi che vuole il Pdl assai attento al controllo del territorio in materia di lotta alla microcriminalità. «Crediamo - continua ancora gentile - che le forze di polizia e la magistratura svolgano un lavoro eccellente, ma hanno bisogno di un supporto logistico e strumentale e, soprattutto, di quei servizi accessori in chiave di integrazione sociale che favoriscono l'adattamento degli

immigrati regolari e perbene e che sanno individuare, invece, le sacche di criminalità provenienti dall'estero. I cittadini hanno il diritto di essere sicuri - prosegue la nota - e possiamo agire utilizzando i fondi Pon per la sicurezza e quelli messi a disposizione dal governo Berlusconi per come annunciato dal sottosegretario Nitto Palma». Gentile pensa ad «un coordinamento con i Comuni, dove il lavoro eccellente svolto dall'arma dei carabinieri necessita di un supporto operativo: c'è tanta retorica e poca azione da parte delle istituzioni che hanno la possibilità di intervenire con progetti mirati che siano, lo ripeto, al servizio di chi ha l'esclusiva competenza e sovranità istituzionale sul perseguimento dei reati». Gentile inoltre ricorda come «non basti la repressione: ci vuole anche la prevenzione e su questo

noi possiamo e dobbiamo impegnarci fattivamente per dare la sensazione concreta ai nostri concittadini di poter vivere più sicuri e sereni». Ieri intanto gli agenti della divisione anticrimine della Questura di Cosenza hanno rintracciato e tratto in arresto Giuseppe Colasuonno, 44 anni, sorvegliato speciale e pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, stupefacenti ed armi. L'arresto è avvenuto in esecuzione di un ordine di carcerazione relativo ad una condanna per evasione dagli arresti domiciliari, fatto risalente al 14 agosto del 2008. Per lo stesso reato, con l'aggravante della recidiva, è stato invece tratto in arresto Enzo De Rosa, 24 anni, anch'esso pluripregiudicato per reati contro la persona ed il patrimonio. I due sono stati associati alla casa circondariale di Cosenza.

L’Annunziata di Cosenza

COSENZA — "Dicono che c'è un tempo per seminare, ed uno più lungo per aspettare". A ventinove anni si continua a seminare e ci si aspetta che la vita inizi a ringraziarci. Pino Berlingeri a ventinove anni era campione regionale di kick boxe, uno dei primi istruttori della disciplina in una delle più note palestre del cosentino, laureato in giurisprudenza e praticante presso lo studio legale Paolini. A ventinove anni ci si sente immortali e ci si arrabbia per ogni sciocchezza, a quell'età si ha la certezza di poter salire sul ring della propria vita e sconfiggere ogni avversario. Si sentiva così Pino Berlingeri. Esiste però un nemico che non è facile sconfiggere e quel nemico decise di sfidare proprio lui. La leucemia mieloide acuta fu l'ultimo avversario che Pino si trovò davanti. "Chiudo gli occhi, sono sul ring, è l'ultimo round, di fronte a me c'è un avversario fortissimo, si chiama leucemia. Durante tutto l'incontro mi ha colpito più e più volte, in testa, in faccia, al corpo; ho cercato di difendermi, ho provato ad attaccare ma è stato tutto inutile, è troppo forte". Questa è la storia di Pino, scritta sottoforma di diario durante i mesiche, dalla diagnosi della malattia, segnarono le ultime tappe di questo campione di kick boxe. Il suo diario ha assunto un valore collettivo, grazie alla pubblicazione da parte della casa editrice Iride. I fondi raccolti tramite la vendita del libro sono destinati alla ricerca scientifica contro la leucemia. "La finestra sullo Stretto" è il titolo del volume, presentato nella giornata di ieri presso la biblioteca nazionale della città bruzia. Gli avvocati del suo studio legale erano per Pino una seconda fa-

miglia e per questo il primo a ricordarlo è stato l'avvocato Enzo Paolini, presidente nazionale dell'Aiop, che ne ha sottolineato il coraggio. La dottoressa Francesca Ronco è invece il medico che ha seguito Pino durante la sua permanenza nell'ospedale di Reggio Calabria. La dottoressa non si limita a ricordare Pino, ma cerca di fare della testimonianza della sua testimonianza un esempio. "Non esiste ancora - sottolinea la Ronco - nessuna formazione sotto il profilo psicologico per il personale medico e paramedico che segue pazienti affetti da simili malattie. Chi viene aggredito dalla leucemia non deve venire aggredito anche dalla freddezza del personale medico". Il profilo di Pino, la sua saggezza e quella maturità raggiunta troppo in fretta, a causa di una malattia che non lascia spazio al sorriso, sono stati ricordati dalla psicologo Amedeo Pingitore. La storia di Pino non è un caso isolato. Ernesto Vigna è il medico che diagnosticò a Pino la leucemia, dicendogli che il suo gruppo medico non era abituato a perdere. Ernesto Vigna continua la sua battaglia contro la leucemia nell'ospedale di Cosenza, dove due giorni fa ha diagnosticato la leucemia ad una donna di 49 anni, costretta, come Pino ad abbandonare Cosenza per farsi curare a Reggio Calabria. Ernesto Vigna, raccontando gli sforzi di medici come Morabito e dell'intera equipe, spiega che tuttavia manca all'ospedale di Cosenza ancora la degenza di Ematologia, pur essendoci anche il laboratorio bio-cellulare. Melissa Cosenza


24 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

TIRRENO COSENTINO SCALEA E’ stato presentato nei giorni scorsi dal direttore generale dell’Asp, Petramala. Un allarme particolarmente sentito sul Tirreno cosentino

Un registro per monitorare i tumori A sollevare il caso l’associazione “la Scossa”, dopo una serie di inspiegabili decessi a causa del cancro SCALEA - “Prima il registro tumori non c’era adesso in Calabria c’è ad iniziare dall’Asp di Cosenza”. E’ quanto afferma il direttore generale dell’Asp di Cosenza, Franco Petramala, che nella giornata di venerdì, presso il Salone degli Specchi della Provincia di Cosenza, ha presentato ufficialmente l’istituzione del registro tumori, evento organizzato dall’Unicef_di Cosenza. Proprio il gruppo dell’Associazione “La Scossa” aveva messo sotto la lente il dilagarsi della malattia del secolo in tutto il territorio tirrenico e, nell’ultimo periodo, Pino Cardillo socio promotore dell’istanza di sensibilizzazione, aveva dichiarato che nel comprensorio sembrerebbe che

vi sia un aumento esponenziale di malattie tumorali. Pino Cardillo, entrando nel merito tecnico sanitario, relativo alle statistiche dei casi tumorali nel comprensorio alto tirrenico, ha fatto un appello chiaro all’Asp di Cosenza e alla Regione Calabria dicendo che “occorre formalizzare e istituire un registro dei decessi per tumore e dei portatori di malattie tumorali, in questo caso potrebbe essere di aiuto l’idea di istituire immediatamente dei poli d’eccellenza, onde evitare i “fatidici viaggi della speranza” e abbassare i costi di gestione dell’azienda sanitaria e delle famiglie che purtroppo affrontano la malattia”. Il registro tumori dell’Asp di Cosenza, a me-

no di un anno dalla sua istituzione, è già nel pieno dell’attività e la sua importanza è ormai riconosciuta su tutto il territorio e non solo dalla comunità scientifica. “Per la verità è il primo esperimento, insieme a quello già iniziato a Catanzaro, per realizzare questo registro tumori che è un indispensabile dato epideologico di orientamento per quanto riguarda appunto l’assistenza al malato oncologico. Questo primo lavoro – ha aggiunto Franco Petramala, direttore Generale dell’Asp di Cosenza - che è stato realizzato che non chiude mai perché va ad adeguarsi ai fenomeni di natura oncologica che si vanno a verificare ed è una conquista seria, una con-

quista di grande valore perché fa rientrare la regione nel contesto nazionale in quanto ne eravamo sprovvisti e quindi, la rigorosità scientifica di tali strumenti, va ad implementare, ad arricchire la valenza professionale che viene esercitata da un pò di tempo anche nell’Asp di Cosenza. In questo contesto abbiamo coinvolto anche l’Asp di Crotone perché più sono i numeri e meglio si raggiungono gli obiettivi di conoscenza e di tracciabilità appunto degli interventi che sulla materia si possono realizzare. In sostanza – conclude Franco Petramala - prima non c’era il registro tumori adesso in Calabria c’è ad iniziare dall’Asp di Cosenza insieme alla collabora-

BELMONTE CALABRO — Veri e propri scrigni di biodiversita', i trentamila ettari delle 107 Oasi del WWF sono la testimonianza del grande impegno dell'Associazione nella tutela dell'ambiente e del territorio. Un territorio spesso "maltrattato", per il quale bisogna ritrovare un equilibrio tra le attivita' umane la necessita' di mantenimento della qualita' dei sistemi naturali e, soprattutto, della biodiversita' in essi contenuta. L'importanza della biodiversita' e il suo valore, sono il filo conduttore delle iniziative programmate in occasione della Giornata delle Oasi 2009, che quest'anno pone un accento particolare sugli animali in difficolta'. L'antropizzazione del nostro territorio unita spesso a un'insufficiente tutela amministrativa e a una carente coscienza ambientale, hanno infatti creato gravissimi scompensi all'ecosistema e alla biodiversita', e il continuo ritrovamento di animali in difficolta', fe-

BELMONTE Grazie all’impegno dell’associazione

riti, dispersi, abbandonati, ha determinato la necessita' di creare unita' di emergenza per la fauna autoctona, che provvedesse alla cura e al reinserimento degli stessi. Il Wwf e' impegnato da anni in tale direzione, dando vita e gestendo le Aree Protette ed i centri di recupero. Conoscere e rispettare le forme di vita, oltre ad essere un atto di civilta' deve diventare infatti un impegno concreto, un'assunzione di responsabilita' etica e morale, per impedire che scriteriate esigenze di crescita delle societa' umane finiscano per diventare il punto di non ritorno della biodiversita'. In provincia di Cosenza gli attivisti Wwf terranno una manifestazione a Belmonte Calabro Marina, presso il Centro di Educazione Ambientale Marina (C.E.A.M.) con un ricco programma. Insomma iniziative tese a ricreare quell’ambiente salubre e di difesa del territorio richiesto a gran voce da tutti.

Scrigni di biodiversità all’oasi del Wwf Riequilibrare l’ecosistema e l’ambiente locale

ORSOMARSO Il medico di base è stato indicato dal partito. “Sarò al servizio del paese”

Il Pd ha deciso, il candidato è Candia ORSOMARSO — Cala il sipario

delle amministrative comunali e comincia il percorso di unità avviato nei mesi scorsi dal PD locale, attraverso un proficuo dialogo con tutti i gruppi politici cittadini. Il Dott. Gino Candia, medico di base per oltre 40 anni della comunità orsomarsese, indicato come personalità capace di unire e coagulare le esigenze dei gruppi politici, in unica espressione costruttiva di crescita pacifica ed egualitaria della cittadinanza, ha preso la decisione di accettare la candidatura della lista unitaria, proposta nei giorni scorsi nella sezione del Pd, condivisa dalla maggior parte dei gruppi politici organizzati del paese. Durante il discorso di distensione, avvenuto di fronte ai rappresentanti del gruppi del Pd, del gruppo di Giuseppe Crudo, di Giovanni Campagna, di Ferdinando Parlato e della Scossa, il dott. Candia ha voluto ringraziare, prima di tutto, il collega Giovanni Minervini, con la quale nei giorni cruciali delle decisioni , fra i due candidati a Sindaco, c'è stato un dialogo proficuo di collaborazione e di stima che ha permesso di arrivare alla soluzione

della lista unitaria per Orsomarso. Da quanto si è appreso dalla comunicazione del dott. Candia, il dott. Giovanni Minervini, che alcuni giorni prima aveva presentato la sua candidatura a Sindaco con una lettera aperta ai cittadini, di fronte all'evidente esigenza di unità ricercata da tutta la cittadina, ha fatto un passo indietro, permettendo così di raggiungere l'obiettivo di un unica lista per la comunità. In questo modo è avvenuta la scelta solida-

le del dott. Candia di candidarsi come Sindaco della lista unica di Orsomarso che, ribadendo i ringraziamenti, poi, a tutti i gruppi riuniti, ha aggiunto le prime dichiarazioni: “Sarò vicino alla gente con umiltà e come ho sempre fatto, ascolterò e lavorerò insieme a tutti per ridare unità e dignità al paese, con la dedizione che merita tutta la cittadinanza orsomarsese”. Il dott. Candia nel suo discorso, ha, inoltre, ringraziato i rappresentanti dei gruppi assenti che nei giorni cruciali della decisione aveva sentito personalmente, esaltandone la disponibilità e lo spirito di unità che in queste ore si sta realizzando per amore di Orsomarso. Il candidato a Sindaco in questi giorni formulerà, insieme ai gruppi, le liste che andranno a concorrere per la composizione del futuro consiglio comunale. Dopo due anni di commissariamento, uno dei comuni più interessanti del meridione, sotto il profilo delle risorse territoriali, paesaggistiche e naturali, ha la possibilità di imprimere un segnale di crescita unitaria da esempio per la politica regionale calabrese.

zione sia di Catanzaro che di Crotone che già dall’inizio ha aderito a questa nostra iniziativa”. Resta comunque alto il grido dall’allarme lanciato dall’Associazione “La Scossa”, sulla base di molteplici segnalazioni ricevute, che denunciava tuttavia l’incremento di patologie neoplastiche nel territorio dell’alto Tirreno cosentino ma soprattutto nella cittadina di Scalea. Il presidente Antonio Pappaterra ed un componente dell’Associazione Pino Cardillo hanno riportato con preoccupazione l’aspetto più grave contenuto nelle testimonianze raccolte da numerosi cittadini. Emilia Manco

IN BREVE PAOLA - EX ASL NR. 1 Antonio Mascaro nuovo referente amministrativo per il tirreno cosentino Il nuovo referente unico amministrativo di tutto il territorio dell’ex Asl n. 1 di Paola, da Tortora fino a Campora San Giovanni, dovrebbe essere Antonio Mascaro. La nomina dell’ex direttore generale paolano degli anni ‘90 viene adesso data certa. Si tratta di una designazione importante quella operata dal manager dell’Asp di Cosenza Franco Petramala. Una scelta che si è resa necessaria per agevolare la grossa mole di lavoro dell’Asp di Cosenza che copre un territorio molto vasto. La notizia del ritorno del dottor Mascaro è stata accolta con soddisfazione in città in quanto lo stesso ha lasciato un buon ricordo nel periodo in cui è stato alla guida dell’azienda. Silvia Navarra

IN BREVE AIETA - Mpa e le periferie, convegno con Orlandino Greco Il “Ghota” cosentino del Movimento per le Autonomie sarà presente oggi pomeriggio nella cittadina di Aieta. “Le periferie centro dell’attività politica” è il tema dell’incontro che sarà affrontato nella sala del centro anziani di Aieta alle ore 17. Nei mesi scorsi si è registrata l’attività organizzativa dell’Mpa che ha condotto alla designazione dei rappresentanti locali e all’apertura delle sezioni del movimento fondato da Raffaele Lombardo in diversi comuni dell’alto Tirreno cosentino. Introduce e coordina i lavori Raffaele Papa dirigente Mpa alto Tirreno cosentino e candidato alle prossime consultazioni provinciali nel collegio n° 34 di Scalea. Interverrà il commissario cittadino Pasquale Cosentino, il commissario territoriale tirreno Ugo Manco e il commissario provinciale Pierluigi Martire. I lavori saranno conclusi da Orlandino Greco, sindaco di Castrolibero, vice-segretario nazionale dell’Mpa nonché candidato a presidente alla provincia di Cosenza. Emilia Manco SANGINETO - I piccoli comuni in “Voler bene all’Italia” Oggi domenica 19 aprile, per il sesto anno, torna “Voler Bene all’Italia” festa nazionale per la valorizzazione dei Piccoli Comuni Italiani, su iniziativa di Legambiente sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e in collaborazione con Enel. Tra i Comuni del Tirreno cosentino che hanno aderito spicca quello di Sangineto. Quest’anno la manifestazione è dedicata all’Abruzzo. Una giornata durante la quale la Piccola Grande Italia ha scelto di dare un sostegno alle zone terremotate dell’Abruzzo, adottando i piccoli comuni colpiti. Per l’occasione molti comuni che parteciperanno a Voler Bene all’Italia si gemelleranno con un comune dell’Abruzzo. I borghi più belli e più caratteristici d’Italia, anche quest’anno, avranno la possibilità di riaprire le loro porte ai cittadini e ai turisti in una giornata di grande festa mostrando i propri tesori attraverso degustazioni, visite guidate, percorsi naturalistici, mostre, convegni, rappresentazioni folkloristiche e poi musica, sagre, spettacoli e attività ludiche. emi.man.


il Domani Domenica 19 Aprile 2009 25

IONIO COSENTINO ROSSANO Assieme al candidato alla carica di presidente ci saranno Giuseppe Caputo e gli aspiranti consiglieri del territorio ionico

Pdl in fermento, arriva Pino Gentile «Questa città non può continuare ad essere mortificata da un centrosinistra inesistente. Ora il cambiamento» ROSSANO — Arriva il tanto atteso evento di presentazione ufficiale alla Città di Rossano del candidato alla Presidenza della Provincia di Cosenza, per il PDL, Pino Gentile. Assieme a Gentile, alla presenza di Giuseppe Caputo, nel corso dell’iniziativa moderata da Lenin Montesanto, saranno inoltre presentati i due candidati del Pdl alla carica di consigliere provinciale: Ernesto Rapani per il Collegio N.1 (Centro Storico, Paludi e Contrade) e Giuseppe Antoniotti per il Collegio N.2 (Rossano Scalo). Dopo un negativo vuoto di rappresentanza politica in seno al Consiglio Provinciale, dal 2004 ad oggi, Rossano può finalmente ritornare ad avere dei suoi validi rappresentanti a Cosenza. “Questa Città – si legge in una nota - non può continuare ad essere mortificata da un centrosinistra locale inconsistente, diviso al suo interno e che ha sempre delegato scelte e finta rappresentanza ai propri amici di partito, a Cosenza. Dopo oltre 30 anni di governo incontrastato delle sinistre, che ha allontanato Rossano dalle decisioni più importanti, oggi, con la candidatura a Presidente di Pino Gentile, c’è finalmente la concreta possibilità di determinare un sano cambiamento, una ventata d’aria nuova. I dati elettorali degli ultimi 20 anni non possono che confermare le nostre ambizioni. Dal 1985 ad oggi, gli unici CORIGLIANO — Un corigliane-

se illustre candidato al Parlamento Europeo. Per le elezioni del 6 e 7 giugno 2009, la lista unica della Sinistra che raggruppa Prc, Pdci, Socialismo 2000, Consumatori Uniti schiera, nella circoscrizione Italia Meridionale (Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria) il Prof. Giovanni Pistoia. Docente, ex Assessore alla Provincia di Cosenza e già Sindaco di Corigliano, autore di numerose pubblicazioni, studi e ricerche, il Prof. Pistoia ricopre attualmente l’incarico di Presidente della Fondazione “Carmine De Luca” ed è molto conosciuto e stimato per il suo impegno nel mondo del sociale e della cultura nonché per l’onestà, il rigore morale e le competenze profuse durante le attività politiche

Pino Gentile

rappresentanti che i rossanesi hanno eletto in consiglio provinciale sono stati uomini del Msi prima e di An poi. Non è certo un caso, che la sinistra rossanese non sia mai stata in grado di farsi rappresentare a Cosenza. E negli anni in cui Rossano è stata rappresentata nel consiglio provinciale, seppur dai banchi dell’opposizione, gli uomini di An non soltanto hanno contribuito in modo documentato ma – come è noto - hanno anche dato efficace impulso per la soluzione di numerose questioni locali e territoriali, dalla viabilità alla realizzazione di numerose infrastrutture, senza tralasciare lo stimolo decisivo e strategico dato per gli investimenti in edilizia scolastica. Insomma, anche nel consi-

glio provinciale, il Centro Destra ha dimostrato di saper essere classe di governo. Per queste ragioni, il Pdl ha oggi tutte le carte in regola per condividere, con la maggioranza degli elettori, l’avvio di una nuova stagione di governo del territorio, più attento alle aree “periferiche” di una Provincia che, troppo spesso, ha dimenticato –con la complicità della sinistra cittadina- peso storia qualità e potenzialità di aree strategiche come Rossano e Corigliano. E’ lungo questo percorso, fatto di risultati e di spirito di servizio, e con questa ambizione sincera che, oggi, An, Forza Italia e tutti gli altri amici che hanno dato vita, insieme, al Partito delle Libertà, sono consapevoli di proporre due dei giovani migliori per ritornare a rappresentare, degnamente e con protagonismo, Rossano nel prossimo consiglio provinciale: Giuseppe Antoniotti e Ernesto Rapani. Assessori del Centro Destra nei 13 anni di buon governo che ha fatto di Rossano una Città modello in tutta la Calabria, hanno svolto entrambi ruoli importanti, decisivi e strategici. Si deve, infatti, all’Assessore Antoniotti l’impegno profuso, con continuità e visione programmatica, nel dotare Rossano di una rete infrastrutturale e di diverse opere pubbliche. All’Assessore Rapani, Rossano deve il lungimirante disegno del proprio sviluppo urbanistico.

Il Pd presenta Algieri CORIGLIANO - Presso il Centro di Eccellenza di Corigliano Scalo ci sarà la presentazione ufficiale del Candidato a Sindaco della Città di Corigliano Calabro per il Centrosinistra, Aldo Algieri, e dell’intera coalizione. All’iniziativa parteciperanno, oltre al candidato a Sindaco, i segretari cittadini dei partiti della coalizione di Centrosinistra, gli iscritti ed i rappresentanti degli stessi, esponenti di caratura provinciale e regionale dello schieramento, tutti i sostenitori della candidatura alla carica di primo cittadino dell’avv. Aldo Algieri. All’evento è invitata a partecipare tutta la cittadinanza di Corigliano. La presentazione della candidatura dell’avv. Algieri e della coalizione di Centrosinistra si è svolto il giorno successivo all’inaugurazione della sua Segreteria politica, in via Nazionale (locali ex Pasticceria “Nina”) a Corigliano Scalo, la cui idea nasce dall’esigenza di affrontare la competizione elettorale ponendosi in posizione d’ascolto nei confronti della Comunità. Il Centrosinistra, nella manifestazione di oggi pomeriggio, illustrerà le motivazioni che hanno portato alla scelta, convinta e determinata, di candi-

CORIGLIANO Lista unica tra Prc, Pdci, Socialismo 2000, Consumatori uniti

Giovanni Pistoia candidato alle europee ed istituzionali svolte sia in ambito comunale sia in ambito provinciale. Pur se esponente “storico” della Sinistra, Giovanni Pistoia, per le sue qualità umane e culturali unanimemente riconosciute, va ben oltre la mera connotazione politica, poiché si configura come la speranza di avere un rappresentante della città di Corigliano Calabro e di tutto il territorio della Piana di Sibari in seno al Parlamento Europeo, scevra da logiche di potere ma esclusiva espressione della volontà popolare. «Quella di Giovanni Pistoia – dichiara il segretario provin-

Il professore Giovanni Pistoia

ROSSANO L’assessorato all’Ambiente si è attivato per bonificare una zona che presentava inerti e amianto

Verde pubblico e parchi, è ora di pulizia ROSSANO — Continua il lavoro di pulizia, di bonifica e di sistemazione del verde pubblico dei quartieri del territorio rossanese. Questa volta è toccato ad un’area di inerti di via G. Rizzo dove erano stati depositati abusivamente rifiuti ingombranti, inerti e amianto.L’Assessorato all’Ambiente ha posto subito in essere le azioni previste dalla legge per bonificare la zona dall’amianto. Nei giorni scorsi, la Ditta Ecoross ha provveduto a smaltire il pericoloso materiale. Allo stesso tempo sono stati rimossi tutti i rifiuti ingombranti mentre gli inerti che si trovavano sul bordo, sono stati trasportati in apposita discarica. Nella stessa giornata

CORIGLIANO L’appuntamento è al centro di eccellenza dello scalo

una squadra di operai del servizio verde, diretta dal funzionario Alfonso Sifonetti ha provveduto a pulire e a tagliare le erbacce del lungomare di S. Angelo, sia intorno alla pista ciclabile che a

quella delle autovetture, sia nelle aree pedonali compresa quella accanto all’anfiteatro dove è stato posto il blocco di giochi per l’infanzia, sia nel parcheggio. Questi importanti interventi si uniscono alla bonifica di un’area del quartiere Gran Sasso, effettuata i primi di aprile nella quale sono stati asportati degli ingombranti e rimossa una vecchia recinzione metallica. Resta costante l’attenzione di questa Amministrazione Comunale – ha dichiarato l’Assessore all’Ambiente Ermanno Marino- al rispetto dell’ambiente e alla pulizia della Città che continua ad essere una bomboniera apprezzata da tutti i turisti e i visitatori.

dare l’avv. Aldo Algieri alla carica di Sindaco della Città. Una scelta condivisa da tutte le forze politiche dello schieramento di Centrosinistra (Partito Democratico, Italia dei Valori, Partito Socialista, Partito dei Comunisti Italiani, Partito della Rifondazione Comunista, Verdi) e che sta registrando un notevole gradimento nella cittadinanza. Imprenditore di successo, dirigente d’azienda affermato in ambito provinciale, regionale e nazionale, Presidente della Confidi Confindustria Cosenza (incarichi dai quali ha rassegnato le dimissioni per dedicarsi interamente alla Città), l’avv. Algieri ha profuso grande impegno, prima, per la crescita del partito della Margherita e, poi, per la costituzione del Partito Democratico, di cui oggi è uno dei più autorevoli esponenti. La Città di Corigliano Calabro, con la candidatura, e la futura elezione, a Sindaco dell’avv. Aldo Algieri, potrà finalmente ripartire, avviare l’atteso sviluppo economico, turistico, culturale, commerciale e produttivo. I cittadini sono stanchi, chiedono uno scatto d’orgoglio, un profondo rinnovamento sociale e culturale. ciale del Prc, Angelo Broccolo – è una candidatura forte ed autorevole. Pur nel solco di una identità politica peculiare, Giovanni Pistoia rappresenta la ricerca di nuovi orizzonti di riflessione capace di coinvolgere soggettività differenti ma coniugate dall’idea di cambiamento. Siamo fieri ed orgogliosi della scelta di rappresentare la nostra terra in una lista che della lotta per il lavoro, la pace, il mezzogiorno, la questione morale trova i punti più qualificanti di ispirazione. Questa candidatura nasce con l’intento di aggregare l’intera comunità locale e territoriale attorno ad una figura di prestigio del panorama politico e culturale». Una candidatura titolata che porterà a raccogliere il consenso della sinistra unita meridionale.

IN BREVE CORIGLIANO - Presentato lo sportello per le famiglie La Fondazione Calabria Etica, Centro per la Famiglia di Cosenza ha stipulato un protocollo d’intesa con il Comune di Corigliano Calabro per l’apertura di uno “Sportello per le Famiglie”. Lo sportello è operativo a partire dal 2 marzo 2009 nei locali messi a disposizione dallo stesso comune, siti in Via Machiavelli – Corigliano Scalo, presso il Centro di Eccellenza. Il servizio funzionerà nei giorni di: martedì dalle ore 16.00 alle ore 19.00; mercoledì dalle ore 9.00 alle ore 13.00. Allo sportello famiglie sarà presente la dott.ssa Biancalisa Le Pera, assistente sociale. Lo sportello, oltre ai servizi di orientamento, consulenza sociale ed educativa, segretariato sociale garantirà, inoltre, la consulenza legale e psicologica a cura del Centro Famiglia di Cosenza. Ieri mattina, presso il Centro d’Eccellenza, si è svolta una conferenza stampa di presentazione dello Sportello Famiglia. Alla conferenza stampa hanno partecipato: un dleegato del vescovo della diocesi Rossano-Cariati, la dott.ssa Paola Galeona, Commissario Comune di Corigliano Calabro, il Dr. Luigi Bulotta, Presidente Fondazione Calabria Etica, il Cap. Raffaele Ruocco, Comando Compagnia Carabinieri Corigliano Calabro, Don Salvatore Vergara, Presidente Cooperativa Centro di Solidarietà “il Delfino”, il Dott. Antonio Gioiello, Presidente Associazione Mondiversi.


26 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

IONIO COSENTINO CASSANO Del progetto se n’è discusso in un incontro tra Josef Schopfer, della Pro-Dema e il presidente Oliverio

Nella piana di Sibari un air cargo center Da realizzare vicino all’aeroporto, attualmente in attesa del via libera da parte dell’Enac CASSANO – E' notizia dei giorni no-

stri la nascita del progetto per la realizzazione di un Air cargo center nell'aerea di Sibari. Il presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio, insieme all'assessore all'Agricoltura e al commercio ed al sindaco di Cassano allo Ionio ha incontrato Josef Schöpfer, Amministratore Unico della Pro-Dema Construction Ges. M.B.H, azienda tedesca con sede in Monaco di Baviera, accompagnato da Uwe Kaupp, amministratore della Stahlbau Wendeler di Donzdorf. Le due aziende sono specializzate nello sviluppo di grandi progetti edilizi ed infrastrutturali. "L'incontro - è detto in un comunicato della Provincia ha avuto lo scopo di discutere un'ipotesi progettuale di grande impatto sul sistema dei trasporti, sull'economia, sul commercio e sul posizionamento competitivo del territorio della provincia in tutta l'area euromediterranea. Schöpfer ha illustrato al presidente Oliverio una proposta che trae origine da uno studio che la Pro-Dema Construction ha condotto analizzando i flussi import-export verso i Paesi del nord Europa e le ottime opportunità di mercato determinate dalla domanda di trasporto dei grandi operatori internazionali. Dall'analisi di fattibilità dell'importante azienda tedesca, nella quale sono considerati diversi scenari di sviluppo del commercio su grande scala, emerge l'esigenza di

realizzare un Centro Logistico nel Sud Europa, finalizzato a servire tutto il bacino del Mediterraneo". "In particolare - prosegue la nota l'hub funzionerebbe da nodo di scambio nelle relazioni commerciali tra il Medio Oriente (per quanto riguarda i servizi dei corrieri) e i grandi mercati del nord Europa. Per la sua collocazione geografica, la dotazione infrastrutturale autostradale e ferroviaria, la centralità nella rete delle relazioni tra la piattaforma logistica mediterranea e i grandi corridoi trans-europei, la disponibilità di un grande porto commerciale e industriale, che é quello di Corigliano, la presenza di importanti attività produttive nei comparti agroalimentare e agroindustriale

(Distretto Agroalimentare di Sibari) e, infine, per il potenziale di export di prodotti agricoli, agroindustriali ed ittici verso il nord Europa, l'area di Sibari si presenta, secondo l'analisi di Josef Schöpfer, come la più vocata per ospitare il Centro Logistico nel Sud Europa. Il progetto, il cui preliminare è stato presentato al presidente Oliverio nel corso della riunione, si concretizzerebbe nella realizzazione di un 'Air Cargo Center', da collocare opportunamente nell'area del costruendo aeroporto di Sibari, che si articolerebbe in un interporto per gli Express Shipper e i Carrier internazionali ed intercontinentali e di un Air Cargo specializzato per il trasporto dei prodotti agricoli ed Ittici, a cui si integrerebbero altri edifici di servizio o complementari, per un totale di ventimila metri quadrati di superficie coperta di tipo industriale. Attraverso la realizzazione dell'Air Cargo Center, necessariamente connessa alla realizzazione dell'aeroporto di Sibari, progetto attualmente in attesa del parere di fattibilità tecnica da parte dell'Enac, sul quale la Provincia di Cosenza sta puntando da tempo, garantendo la piena disponibilità a finanziarne la realizzazione ed a sostenerne la gestione, nonché attraverso il completamento e il potenziamento del porto di Corigliano. Caterina La Banca

CORIGLIANO Pasqualina Straface teme per il futuro dei lavoratori

Occhi aperti sulla Sibaritide Spa CORIGLIANO - «Ancora una volta

si preferisce affrontare la questione della Sibaritide Spa, del presente e del futuro degli oltre 150 lavoratori e delle rispettive famiglie, senza badare al cuore del problema, ma limitandosi semplicemente a formulare nuove ipotesi nella distribuzione dei prossimi incarichi». Ad affermarlo è il consigliere provinciale del Popolo della Libertà, nonché candidato a sindaco per la coalizione di centrodestra, Pasqualina Straface, che in un comunicato stampa affronta la querelle della società indicando concrete soluzioni per uscire dallo stato di crisi. «Le dimissioni del presidente, dell’amministratore delegato, dei consiglieri di nomina pubblica e di taluni di nomina privata della società incaricata del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, nonché del servizio di raccolta differenziata, in numerosi comuni del territorio della provincia di Cosenza, tra i quali spicca quello di Corigliano, avrebbero dovuto indurre tutti – dichiara Pasqualina Straface – ad un’attenta disamina della problematica per addivenire ad una soluzione definitiva della stessa. Al

contrario, invece, assistiamo a formulazioni di ridimensionamento del consiglio di amministrazione, ad ipotesi di equilibri e di nuove nomine, senza entrare, come invece dovrebbe essere, all’interno della delicata questione. Ricorrenti voci, infatti, riferiscono della volontà di taluni di nominare, quale prossimo presidente della Sibaritide Spa, un docente universitario. Ebbene, noi riteniamo che la società dovrà essere guidata, in questa fase di transizione, da una figura super partes, che conosca bene il territorio e la questione rifiuti e che sia da garanzia per tutti i comuni che usufruiscono del servizio». «La coalizione di centrodestra di Corigliano – aggiunge Pasqualina Straface – non si limiterà a seguire con attenzione la vicenda, perché dall’esito della stessa dipendono i posti di lavoro dei numerosi dipendenti, bensì a sollecitare le istituzioni a tutti i livelli, dal Prefetto di Cosenza al Commissario Regionale per l’Emergenza Ambientale. Non permetteremo, infatti, che sulla Sibaritide Spa cali un’inspiegabile coltre di silenzio o, peggio ancora, si assista ad una spartizione di poltrone».


il Domani Domenica 19 Aprile 2009 27

CROTONE E PROVINCIA La Regione, di concerto con i Sindacati, l’Associazione Industriale e le Istituzioni, ha concluso l’iter per l’ottenimento della mobilità e la cassa integrazione

Aziende in crisi, aiuti per i lavoratori Pino Bonessi: «Impegnandoci abbiamo alleviato le sofferenze di tante famiglie crotonesi» CROTONE — Deroga e mobilità per i lavoratori delle aziende in crisi. La Regione Calabria, di concerto con le forze Sindacali, l’Associazione Industriale e le Istituzioni hanno concluso l’iter per l’ottenimento della mobilità e la cassa integrazione in Deroga delle Aziende in Crisi del Crotonese Pertusola Sud, Centro Carni Crotonesi, Fosfotec, La Giara, Tradizioni Italiana, Tradizione Calabria, Tradizioni Italiane, Sovreco, V&V Consulting Inductive e Catarsi Marine e Cellulosa 2000. «Un lavoro durato mesi - spiega una nota dell’Assessorato al Lavoro della Provincia di Crotone - curato dall’Assessore al Lavoro della Provincia di Crotone Pino Bonessi in stretta collaborazione con i funzionari della Regione Calabria dell’Unità di Crisi Tonino Sorrentino e dal Dirigente Mimmo Carnevale. La presenza e l’impegno del Governatore Agazio Loiero e dell’Assessore regionale al lavoro Mario Maiolo hanno permesso di ottenere, per la pri-

ma volta, i fondi per le crisi aziendali calabresi nei primi mesi dell’anno e erogare le spettanze della Cigs e della Mobilità ai lavoratori nel primo semestre dell’anno e non gravare sulle economie familiari già straziate per la mancanza del lavoro. Un segno positivo che viene dal buon governo della Regione Calabria che ha avviato le procedure anzitempo già dalla fine del 2008. Questo ha permesso di concludere tutte le pratiche delle aziende in crisi in tempi record e chiudere le vertenze in maniera lampo». «Non era mai stato possibile pagare in tempi record i lavoratori delle aziende in crisi prima di novembre, facendo rimanere senza soldi le famiglie e creando indebitamento non dovuto - ha affermato Pino Bonessi -. Oggi, lavorando sodo insieme ai sindacati, abbiamo alleviato le sofferenze di tante famiglie crotonesi». L’Unità di Crisi, ha comunicato Tonino Sorrentino, ha fatto l’impossibile per frenare l’emorragia grazie alla insistenza di

CROTONE — «Le questioni legate

Per la Cgil ci vogliono iniziative volte a scardinare le tensioni sociali e a garantire il riconoscimento dei diritti umani

ai fenomeni migratori sono complesse e purtroppo, specie negli ultimi anni, facilmente assoggettabili a strumentalizzazioni demagogiche. La tematica dell’immigrazione rischia, ancor più oggi - afferma la Cgil in una nota approssimandosi una scadenza elettorale che anche nel nostro territorio interesserà importanti Istituzioni Locali, a partire dall’Ente Provincia - di divenire utile strumento di acquisizione di consenso. Già abbiamo espresso - prosegue la nota - la nostra contrarietà all’ordinanza del Comune di Crotone sul “decoro urbano”. Oggi sollecitiamo con forza il prefetto, il presidente della Provincia, il sindaco del Comune di Crotone, a farsi promotori di una vera e propria Conferenza di Servizio sui problemi riconducibili alla presenza nel territorio del più granCROTONE — Si svolgerà giovedì 23

aprile, alle ore 15.00, presso la sede della Camera di commercio di Crotone, l’incontro di presentazione dell’Universitas Mercatorum, l’Università telematica creata dal sistema camerale. «L’incontro - spiega una nota - vedrà l’intervento della Responsabile relazioni esterne e comunicazione dell’Universitas Mercatorum, Monica Didò. Pensata per chi già lavo-

Agazio Loiero che si è prodigato ad ottenere i fondi per le crisi aziendali. 11 aziende in crisi supportate dall’agenzia del Ministero del Welfare Italia Lavoro e dall’esperto di politiche del lavoro della provincia di Crotone – Salvatore Barresi che ha sviluppato, in sede di concertazione con i sindacati Cgil, Cisl e Uil provinciali, i piani di formazione e le ipotesi progettuali di rilancio delle attività in crisi. Rimane ancora aperta la vertenza dell’azienda Villa Giose in attesa della certificazione del nuovo assetto societario che ha già sottoscritto l’accordo territoriale per la Cigs in deroga a turnazione per un gruppo di lavoratori e per il quale la Regione Calabria ha già accertato la crisi aziendale. Non è un vanto, né una vittoria quando si ottengo i benefici degli ammortizzatori sociali, ha detto Pino Bonessi, perché questo vuol dire “crisi economica”, ma dalla morte si può risorgere e Crotone deve “risorgere” a vita nuova».

Giovane 29enne accoltellato da sconosciuti all’alba di ieri CROTONE — Un giovane crotone-

se, A. P., di 29 anni, è stato accoltellato all'alba di ieri da persone rimaste sconosciute. Il giovane si è fatto medicare al pronto soccorso dell'ospedale di Crotone dove i sanitari gli hanno riscontrato ferite da arma da taglio all'emitorace sinistro, alla regione dorsale e alla spalla sinistra, giudicandolo guaribile in otto giorni. Agli agenti della Polizia di Stato che lo hanno interrogato il giovane ha raccontato che intorno alle 5 di ieri mattina stava camminando da solo su viale Cristoforo Colombo quando è stato aggredito alle spalle da uno sconosciuto che lo ha accoltellato ed è fuggito via. (Agi)

«Immigrazione, servono interventi seri» de Centro di permanenza di immigrati d’Europa. Questa nostra richiesta è motivata dalla necessità che il sistema Istituzionale locale, avvalendosi del confronto e della discussione con le parti sociali, le associazioni che si occupano dei problemi dei migranti, le stesse associazioni di immigrati, addivenga ad una impostazione di approccio a questi temi tesa ad affrontare organicamente i problemi. Senza sottacere che l’istituzione del Campo di Sant’Anna ed i consistenti numeri di persone che in esso gravitano abbiano generato e continuino a produrre nuove difficoltà e problematiche inaspettate, occorre ribadire l’esigenza che la

questione dei richiedenti asilo venga affrontata contrastando la stigmatizzazione dello straniero e promuovendo ed attuando un approccio solidaristico dell’accoglienza. Nessuno può disconoscere che gli stranieri presenti nel Cara sono le principali vittime di una concezione sbagliata delle politiche migratorie. Qualificare il sistema d’accoglienza, sveltire le procedure di identificazione e di rilascio della documentazione occorrente, promuovere un decentramento delle strutture di servizio, sono solo alcuni dei provvedimenti necessari e possibili. Così come serve promuovere una reale ricognizione dei migranti regolari, approfondirne le

condizioni materiali di vita. Più volte, in maniera manifesta o indiretta, sono state espresse valutazioni negative in merito al provvedimento legislativo (D. lgs n. 25/2008)) che garantisce la facoltà di fuoriuscita dal centro nelle ore diurne. Paradossalmente, allora, se da parte governativa (a prescindere dagli schieramenti politici) si sottolinea che i Centri non debbano essere intesi quali strutture detentive, quali luoghi di trattenimento, bensì come strutture di prima accoglienza, sembrerebbe, invece, che nell'immaginario collettivo i richiedenti asilo, spesso identificati semplicemente come stranieri o, erroneamente, come immigrati,

L’incontro di giovedì prossimo servirà a far conoscere i vantaggi della comunicazione telematica

Universitas Mercatorum, presentazione ra, l’Universitas Mercatorum offre la possibilità di conciliare l’impegno professionale e familiare con quello universitario, frequentando corsi on line. L’Universitas Mercatorum è riconosciuta dal Ministero

dell’Università e della Ricerca e rilascia, attraverso la sua Facoltà di Economia, le lauree in: Gestione d’Impresa, Management delle Risorse Umane. Nel corso della presentazione saranno illustrate anche

le convenzioni/agevolazioni che l’Ateneo ha in essere con i diversi soggetti del mondo imprenditoriale». «La Camera di commercio ha tra i suoi obiettivi la formazione del ca-

si tramutino in detenuti. E allora non si è razzisti o intolleranti, salvo poi avere paura della sola presenza di giovani negri; si è pronti ad accogliere, purché l’immigrato non si veda per strada, magari a chiedere l'elemosina o bivaccare; si è disposti a solidarizzare, purché lo straniero rimanga rinchiuso nel Centro di Sant'Anna. Stante, altresì, l’allarme sociale sugli ospiti del S. Anna, come pure le recenti esternazioni del Ministro Maroni, la Cgil di Crotone ritiene urgente ed essenziale che vengano individuate prospettive realistiche di intervento volte a scardinare le tensioni sociali, a rafforzare i servizi di welfare locale, a garantire il riconoscimento dei diritti umani, ad evitare approcci che - per come indicato dall'Anci - “cristallizzino i cittadini migranti in una massa informe ed indefinita, spogliata di dignità e diritti”». pitale umano, obiettivo perseguito mediante la realizzazione di corsi per imprenditori ed altri professionisti - è il commento del Segretario generale Donatella Romeo - Con la presentazione dell’Universitas mercatorum vogliano prospettare un’ulteriore opportunità, quella di completare il proprio percorso formativo e di studi senza rinunciare alla propria dimensione professionale, anzi coniugando i due ambiti».


28 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

VIBO VALENTIA E PROVINCIA CRONACA I carabinieri li hanno sorpresi nel comune di Briatico mentre erano intenti a trasportare, a bordo di un furgone, centinaia di chili di materiale inquinante

Rifiuti pericolosi, tre rom in manette Le perlustrazioni del territorio da parte della Benemerita continueranno anche nei prossimi giorni BRIATICO — Continuano senza solu-

zione di continuità i servizi di controllo del territorio del comune di Briatico da parte degli uomini della Compagnia Carabinieri di Vibo Valentia. I militari della locale Stazione dell’Arma, durante uno dei quotidiani servizi perlustrativi nelle frazioni del comune, hanno infatti sorpreso 3 rom lametini, Bevilacqua Antonio del ’86, Bevilacqua Cosimo del ’83 e Bevilacqua Antonio del ’77, mentre erano intenti a trasportare, a bordo di un furgone Iveco di proprietà di uno di loro, centinaia di kg di rifiuti speciali altamente inquinanti che, per legge, avrebbero dovuto essere smaltiti secondo laboriose e particolari procedure volte ad evitare negativi impatti ambientali. Gli uomini della Benemerita hanno sorpreso il gruppo mentre era intento a transitare in località Brace di Briatico, probabilmente alla ricerca di altra merce, e si sono immediatamente accorti del cassone del mezzo ingombro di ogni sorta di lamierato. VIBO VALENTIA — Centinaia di perso-

ne e veicoli controllati, con particolare attenzione ai limiti di velocità e alle condizioni di guida mediante apparecchiature e autovelox ed etilometro. Elevati 153 verbali, decurtati oltre 250 punti sulle patenti di guida. E’ il frutto dell’attività di vigilanza della polstrada di Vibo Valentia in questi ultimi giorni sulle viarie della provincia. In particolare, i controlli sul tasso alcolemico dei conducenti ha consentito il ritiro di

Antonio Bevilacqua (cl. 1977)

Antonio Bevilacqua (cl. 1986)

Cosimo Bevilacqua

I Carabinieri hanno allora deciso di intimare l’alt ai tre e di verificare sia la regolarità dei documenti di trasporto sia la composizione del carico. I tre italiani, tutti residenti nel campo nomadi di Lamezia Terme, sono stati

così costretti ad accostare il proprio mezzo e, pressati dalle insistenti domande degli uomini della Benemerita, ad ammettere di non avere alcun tipo di permesso per il trasporto dei 900 kg di rifiuti speciali altamente in-

quinanti ammassati alla meglio nel retro del mezzo. I Carabinieri hanno anche potuto accertare come il vano di carico del camion fosse ingombro di ogni sorta di rifiuto inquinante quali bombole di

E’ il frutto dell’attività di vigilanza, portata a termine dal personale di Vibo Valentia, sulle varie strade provinciali

Controlli Polstrada, ritirate 5 patenti 5 patenti ed altrettante denunce all'autorità giudiziaria su un totale di 41 accertamenti con apposita apparecchiatura. Per due conducenti di mezzi pesanti residenti nel reggino, sottoposti ad etilometro in orario diurno in auto-

strada, si è proceduto al ritiro della patente di guida per la definitiva revoca cosi come normativamente previsto; altri due camionisti in transito sulla A3 Salerno - Reggio Calabria, sono stati prontamente soccorsi dalle pattuglie

in quanto colti da malore a bordo dei loro mezzi e successivamente ricoverati presso l'ospedale di Vibo Valentia. Quattro gli incidenti rilevati, il più grave sulla Strada Provinciale 606 dove due autovetture condotte, rispettiva-

gas, carcasse di condizionatori ancora carichi di gas freon (sostanza nota per la sua alta volatilità e tossicità sia per l’uomo che per l’ambiente), carcasse di elettrodomestici ed apparecchiature elettroniche ed addirittura parti di veicoli e di cucine, raccolti un pò ovunque in tutta la provincia e pronti per essere smaltiti illegalmente al fine di ricavarne, con procedure tutt’altro che sicure ed altamente inquinanti, i pochi metalli nobili ancora presenti. Metalli, in particolare il rame, che avrebbero poi dovuto essere venduti sul fiorente mercato nero. Per i tre sono quindi scattate le manette con l’accusa di trasporto non autorizzato di rifiuti pericolosi ed inquinanti, così some disposto dal nuovo decreto antinquinamento da poco esteso anche alla regione Calabria. Il controllo del territorio costiero da parte degli uomini della Benemerita continuerà anche nei prossimi giorni e si intensificherà sempre più in vista del periodo estivo e dell’arrivo dei turisti. mente, da un pensionato di Soriano Calabro e da uno studente di Filadelfia, si sono tamponate procurando lesioni ai conducenti dichiarate guaribili in una decina di giorni. Un disoccupato residente a Stefanaconi, G. M. 30 anni, è stato denunciato all'autorità giudiziaria per minacce ed ingiurie per aver tenuto un comportamento violento all'interno della stazione di servizio di Pizzo probabilmente per abuso di sostanze alcoliche. (Agi)


il Domani Domenica 19 Aprile 2009 29

VIBO VALENTIA E PROVINCIA IL FATTO L’ambito riconoscimento, assegnato alla giovane donna, assume una valenza notevole perchè dimostra come sia importante la determinazione

D’Urzo migliore imprenditrice dell’anno Il presidente di Confindustria Domenico Arena: «Questo fatto ci riempie di gioia e ci inorgoglisce» VIBO VALENTIA — Fare impresa nella provincia di Vibo è compito assai arduo, se poi si parla di impresa al femminile, le difficoltà si acuiscono. La convinzione è che l’imprenditoria femminile debba essere supportata e promossa e che tutte le sue peculiarità e i suoi punti di forza, debbano essere valorizzati. Il mondo del lavoro oggi più che mai, ha bisogno di forze come quelle femminili, capaci di portare entusiasmo e professionalità in tutti i settori del sistema produttivo affinché, secondo una visione che crediamo sia ampiamente condivisibile, se ne possano coltivare le potenzialità e gratificarne il talento. Ecco perché il premio conferito a Caterina D’Urzo (della D’Urzo srl), quale migliore imprenditrice dell’anno della provincia di Vibo Valentia, assume una valenza notevole, perché al di là dell’ambito riconoscimento, dimostra come sia importante lo sviluppo dell’imprenditoria femminile, in un territorio come quello vibonese dove risulta difficile fare cose che altrove sono considerate

Caterina D’Urzo

“normali”. «La premiazione di una giovane imprenditrice aderente a Confindustria Vibo, ci riempie di gioia e ci inorgoglisce allo stesso tempo - ha dichiarato il presidente Domenico Arena, presente alla cerimonia - perché oggi “fare impresa” significa essere uomini liberi, liberi di inseguire le proprie intuizioni, i propri sogni ed i propri obiettivi. Un’impresa oggi non si identifica in quattro muri, con macchinari e dipendenti, bensì in qualco-

Ma. Bo.

La Provincia avvia gli interventi di messa in sicurezza dei torrenti VIBO VALENTIA — L’amministrazione

provinciale avvia i cinque interventi infrastrutturali di adeguamento e messa in sicurezza dei torrenti maggiormente colpiti dall’alluvione del luglio 2006. Domani, a Vibo Marina (ore

sa di più grande, che va molto oltre e che parte dal trasformare il lavoro in una complessa macchina che certamente deve produrre reddito, ma che deve altresì rendere gli uomini che ad essa prestano il loro contributo, realmente fieri di aver fatto quel qualcosa in più. Il fatto dunque che una giovane donna, possa ottenere un così prestigioso successo ed in un contesto socio-economico come quello vibonese, deve secondo noi invitare alla riflessione, perché ciò vuol dire che se si è decisi e determinati, i risultati si possono raggiungere e noi crediamo che siano molte le donne che hanno in se e lo coltivano con grande successo, il germe dell’impresa. A queste imprenditrici riteniamo non debbano essere concessi particolari privilegi, ad esse non devono essere prestate le nostre attenzioni occasionali o speciali, niente di tutto ciò, semplicemente bisogna garantire loro concretamente la libertà di “intraprendere”».

10.00), saranno affidati i lavori alle ditte che hanno vinto i relativi appalti banditi il 16 settembre scorso, a valere sull’Apq (Accordo di programma quadro) siglato a suo tempo tra ministero e Regione per l’emergenza post-allu-

vione. Il presidente dell’amministrazione provinciale, Francesco De Nisi, in qualità di soggetto attuatore, sottolinea il rispetto del ruolino di marcia che ha condotto all’affidamento: “Come assicurai all’indomani del mio insediamento alla guida della Provincia - ricorda De Nisi - si è proceduto speditamente per la realizzazione di questi importanti lavori che permetteranno di mettere in sicurezza i torrenti maggiormente colpiti dall’alluvione».

Costa e Dominelli con una lettera sospendono la loro adesione al Pd VIBO VALENTIA — Con una lettera in-

dirizzata al partito, hanno dichiarato di sospendere l’adesione al Pd, Francesco Costa, commercialista insegnante dell’Istituto professionale per il Commercio, Mimmo Dominelli, funzionario dell’Azienda sanitaria provinciale ed ex assessore provinciale all'Agricoltura e Gregorio Vinci, funzionario comunale, ex segretario della Funzione pubblica Cgil. Smentendo contestualmente qualsiasi interesse di una nuova collocazione poli-

tica, aggiungono: «Mentre si allunga la sequela di passaggi in altre formazioni politiche da parte di altri personaggi locali (sono teste di ariete?) noi non intendiamo rinunciare minimamente alla nostra passione politica e agli impegni civili che ci hanno formato nel tempo, ma vogliamo offrire la nostra esperienza, il nostro passato degno di considerazione, senza alcuna presunzione ad un’ipotesi vera di cambiamento, ormai non più procrastinabile per questo territorio».

Vibo Valentia, due arresti per droga Due giovani, Antonio Nesci e Lorenzo Froggio, di 21 e 20 anni, incensurati, sono stati arrestati dagli agenti dell'anticrimine di Rosarno in collaborazione con la squadra mobile di Vibo Valentia con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il fatto è avvenuto intorno alle 17 di venerdì a Longobardi, una frazione di Vibo Valentia. A quell'ora i due giovani, avendo notato una volante della polizia di Stato con a bordo un equipaggio dell'anticrime di Rosarno, hanno cercato di disfarsi di una busta di plastica contenente 100 grammi di hashish di cui una parte già imbustati. Sul luogo sono stati chiamati subito gli uomini della squadra mobile che intervenuti al comando del dirigente Maurizio Lento, hanno eseguito alcune perquisizioni domiciliari, ma senza esito positivo. Mentre idue, tratti in arresto, sono stati ammessi a godere dei benefici degli arresti domiciliari.

Vibo Valentia, operaio muore sul lavoro Un uomo di 50 anni, Francesco Sergi, operaio, è morto cadendo dal tetto di una casa di sua proprietà, dive stava eseguendo alcuni lavori. Il fatto è avvenuto stamattina intorno a Joppolo, un comune turistico sulla costa vibonese, in località Franalimosi dove l'uomo, originario di Squillace, ma residente a Sesto San Giovanni, stava eseguendo dei lavori di manutenzione su una casetta estiva costruita su un terreno di proprietà della moglie.


Domenica 19 Aprile 2009

REGGIO il Domani

Service a cura di Speaker Network - E-mail: redazione@ildomani.it | www.ildomani.it

Ieri, al centro del dibattito organizzato dal Popolo della Libertà, la proposta di programmazione di un neo decentramento amministrativo

Un disegno per una nuova città Serie le proposte di cambiamento: i municipi da quindici saranno ridotti a sei REGGIO CALABRIA — I municipi di Reggio da quindici saranno ridotti a sei. “Poche ma buone: un nuovo disegno per una nuova città”. La proposta di programmazione di un nuovo decentramento amministrativo, di cui si sta interessando l’apposita commissione consiliare, è stata ieri al centro di un dibattito organizzato dal Popolo della Libertà. Tra i relatori i consiglieri comunali Beniamino Scarfone, Pasquale Morisani, Totò Putortì (presidente della commissione decentramento). Ai lavori si è registrata la presenza di numerosi componenti dei consigli di quartiere e gli interventi del Sindaco Giuseppe Scopelliti e del prof. Enrico Costa, docente della Mediterranea. La necessità di ridisegnare le circoscrizioni per i comuni con popolazione tra i cento e i duecentocinquanta mila abitanti la cui presenza non è obbligatoria è prevista dalla legge finanziaria 2008 che ha modificato il Dlgs 267 del 2000. Ma laddove esistono già, la popolazione media per ogni circoscrizione non può essere inferiore ai trentamila abitanti. Applicando questa disposizione di legge, Reggio Calabria sarà divisa in sei macroaree, cui dovranno corrispondere sei Municipi (Circoscrizioni). Strutture decentrate che, secondo le proposte programmatiche prese in esame ieri, dovranno essere adeguate di strutture amministrative, di centro di assistenza e segretariato sociale, di coordinamento degli enti associativi locali, di organi di rappresentanza, di ufficio tecnico di monitoraggio e controllo del territorio e degli interventi strutturali e manutentivi. Quello sulle circoscrizioni è un dibattito che, a Reggio, va avanti da diversi lustri. Nel programma dei vari governo cittadini, ai Municipi - sulla carta - è stata sempre riconosciuta e promessa autonomia gestionale anche attraverso le deleghe con responsabilità gestionali ed il conferimento di risorse e servizi. Le Amministrazioni di palazzo San Giorgio, già sul finire della Prima Repubblica fecero di questa idea di cambiamento un cavallo di battaglia. Soprattutto durante le campagne elettorali. Ma le deleghe alle Circoscrizioni comportano una limitazione del potere centrale, in capo agli assessori e, naturalmente al Sindaco. E così questo grande esercito (oltre tremila consiglieri che pesano non poco sui costi della politica), oggi, si limita a pareri consulti-

Costa: «L’area metropolitana, un’occasione che non bisogna assolutamente perdere» REGGIO CALABRIA — Professor

Il tavolo della presidenza. Sotto i rappresentanti delle circoscrizioni

vi di cui spesso non si tiene conto. Fotografata la situazione, c’è dunque l’esigenza di cambiare. Tuttavia appare difficile prevedere quando il lavoro dell’apposita commissione giungerà in Consiglio comunale per il dibattito e la decisione finale. Ma è già tanto che si parli del futuro dei Municipi. Ecco il merito di chi ha organizzato l’appuntamento di ieri nel corso del quale sono state formulate delle serie proposte di cambiamento, che se attuate saranno in grado non solo di decentrare, ma di rendere operativi gli organismi circoscrizionali, oggi incapaci di funzionare perché ingessati dalla mancanza di autonomia. La proposta, tra l’altro, prevede l’istituzione di nuovi servizi e la presenza di figure in grado di snellire i vari settori dell’amministrazione

comunale, così come - per fare qualche esempio - il decentramento servizi di informazione e assistenza al pagamento dei tributi, l’attribuzione di funzioni di controllo e prevenzione di abusivismo ed illegalità o il potenziamento della funzione amministrativa. Tutte nobili proposte. C’è da rilevare che sulla riduzione e sul conseguente accorpamento di numerose circoscrizioni si notano i prima mal di pancia. Non dimentichiamo il grande campanilismo esistente tra le varie frazioni cittadine, soprattutto di quelle che per effetto dello smembramento della “Grande Reggio” furono ridimensionate a rioni della ridisegnata polis nel contesto dell’Italia Repubblicana. Ang. Lat.

Costa, questa idea della città metropolitana come può contribuire a ridisegnare la città? «Intanto ci pone nel novero delle grandi città. A me è successo tante volte all’estero di trovarmi in università e mi veniva chiesto: Reggio Calabria dov’è? Sullo stretto di Messina. E perché non si chiama stretto di Reggio Calabria? C’è un forte problema di identificazione e nel momento in cui c’è forte competitività tra città e tra territori, sarebbe antistorica, una leggerezza, una distrazione grave non approfittare - in termini positivi naturalmente - delle potenzialità che questa legge dà. Il territorio di Reggioda Gioia Tauro fino a Locri Sidereo, passando per Reggio - potrebbe cambiare volto. Non si tratta solo di grandi opere, non mi interessa neanche tanto il Ponte. Mi interessa che questa città, si identifichi per la sua grande estensione territoriale, perché vista da fuori la città dà l’idea di una grande provincia. Oggi dirsi cittadini di un’area metropolitana è la stessa differenza che sentirsi cittadini di New York o di uno sperduto villaggio del Far West. Quindi una proiezione della nostra città, dei nostri abitanti soprattutto». A Lei che è un profondo conoscitori dei fatti di questa città non sembra che l’area metropolitana serva in qualche modo ad esorcizzare i mali di questa città? «E un’occasione che non bisogna assolutamente perdere. Usciamo dal chiuso dei localismi, delle famiglie in tutti i sensi e diamo un taglio di grande modernità e di grande apertura. Credo che sia una fortuna non partire subito ma avendo chiara questa prospettiva dell’area metropolitana dello Stretto. Perché un’area metropolitana fatta da Reggio, Messina con l’appendice di Villa San Giovanni è una cosa burocratica, che interessa alcuni vertici istituzionali e aziendali, ma non può coinvolge-

La manifestazione promossa a livello locale dal circolo di Legambiente volontariato “Agorà città del sole”

La “Festa della piccola grande Italia” REGGIO CALABRIA — Si è svolta ieri

per come previsto, la sesta edizione della “Festa della piccola grande Italia”, manifestazione promossa a livello locale dal circolo di Legambiente volontariato “Agorà città del sole” dello Zefirio e dal Comune di Samo, sotto l’Alto patrocinio del Presidente della Repubblica, di Anci ed altri importanti Enti Pubblici. Una nutrita delegazione dei Liceo Classico “Tommaso Campanella” e del Liceo Scientifico “Alessandro Volta” di Reggio Calabria - oltre 200 tra studenti e professori- si è recata nel territorio di Samo dove è stata calorosamente accolta dalle scolaresche della scuola elementare e dai loro familiari. Il Sindaco, ing. Giuseppe Bruzzaniti, e l’intero Consiglio Comunale, hanno dato il benvenuto ai

simpatizzanti di Legambiente, presentato la manifestazione e poi delegato gli esperti di storia locale – prof. Enzo Bruzzaniti e Dr. Bruno Bonfàalla presentazione del paesaggio e delle sue tradizioni. Dal canto loro, gli studenti del “Volta” hanno brillantemente presentato i loro studi, raccolti in un opuscolo distribuito agli astanti, che divulga particolari poco conosciuti sulla storia preistorica e moderna del comprensorio, passando dalle ricorrenti calamità naturali e dalle espressioni musicali di antichi testi che hanno anche, simpaticamente, rappresentato. Il circolo di Legambiente volontariato, con le persone di Aurelio Galtieri e Fortunato Manganaro ha stimolato la riflessione di tutti sui temi dello sviluppo sostenibile e

sull’opportunità di recuperare l’identità di luoghi e comunità locali per promuovere, con garantito successo, una rassicurante complessità economica e la qualità di vita nel comprensorio. Al rientro dall’escursione al sito antico di Precacore, l’Amministrazione Comunale ha voluto ulteriormente sottolineare il gradimento della compartecipazione allestendo un buffet di degustazione gratuita degli squisiti prodotti tipici locali nonchè una mostra di manufatti artigianali, soprattutto tessili, che ha riscosso curiosità ed interesse per i materiali ed i tradizionali disegni utilizzati. La festa si è conclusa, come giusto, in piazza, al suono di organetto e tamburello, dove ospitanti ed ospitati si sono scatenai nel ballo della tarantella.

Prof. Enrico Costa Università Mediterranea

re tutta la popolazione. Lasceremmo Locri e Gioia Tauro per esempio nella loro solitudine. Pensate al porto di Gioia Tauro come porto di un’area metropolitana. E’ una cosa meravigliosa. Non ce ne rendiamo conto neanche noi stessi». Lei è apprezzato per la sua sincerità e per i suoi consigli disinteressati: questa città e questa provincia sono cambiate oppure sono rimaste a tanti anni fa, soprattutto a livello di mentalità e da quello urbanistico? «Sono qui da 34 anni. Ho vissuto la trasformazione anche sulla mia pelle. Certo, all’inizio non era una città vivibile, adesso lo è molto di più. Lo deve essere ancora di più. E questo può avvenire se c’è questo grande contenitore, che non è una scatola vuota ma deve essere riempita di contenuti da noi. Qui si parla sempre dell’area metropolitana, è un processo lungo per costituirla. Sono tre anni preziosi ed il nostro futuro si gioca in questi tre anni. Spogliamoci ognuno dei piccoli campanilismi. Gli amici di Locri vogliono farsi la provincia ionica, ebbene che se la facciano. E poi forse busseranno alla porta, qualcuno forse aprirà. L’università e la città non sono più due corpi estranei come una volta. E’ anche merito del senato accademico e di qualche politico. I nostri colleghi non conoscono i nomi degli amministratori, non conoscono la storia dei ruoli».

MEDIATAG RICERCA SU REGGIO CALABRIA Per il lancio di nuovi prodotti editoriali su Reggio C. e provincia selezioniamo

AGENTI PUBBLICITARI (ambosessi) per la seguenti zone:

Reggio Calabria città Inviare dettaglio curriculum a info@mediatag.it. Trattamento economico di sicuro interesse.

• • •

Costituirà titolo preferenziale possedere una laurea in marketing, scienze delle comunicazioni o relazioni sociali. L’anticipo provvigionale sarà in grado di soddisfare le candidature più qualificate. Inquadramento Enasarco

Per un appuntamento selettivo gli interessati possono inviare il proprio curriculum al seguente indirizzo di posta elettronica: ......................................................... info@mediatag.it oppure al numero di fax: ............................................................................................. 0961.903421 o per posta indirizzata a: .... MEDIATAG SPA - Loc. Serramonda 88040 Marcellinara (Cz) I dati contenuti nel curriculum verranno trattati esclusivamente ai fini della selezione del personale. La presente ricerca è estesa a persone di entrambi i sessi ai sensi della legge 903/77


il Domani Domenica 19 Aprile 2009 31

REGGIO CALABRIA CITTÀ CRONACA Un caso risolto in meno di due mesi dai carabinieri della stazione di Catona grazie ai filmati del sistema di video sorveglianza di una banca

Incastrata coppia di scippatori I due hanno commesso l’errore di usare il bancomat rubato in via Elena ad una automobilista REGGIO CALABRIA — L’occhio

di un “grande fratello” incastra una coppia di scippatori. Lui, Alessandro Amato, 22 anni, a causa dei numerosi precedenti penali, finisce in carcere; lei, B. A. di 20, invece, rimane a casa, gravata dallo status di indagata. I due giovani, secondo quanto riferiscono i carabinieri, sono indicati come gli autori di uno scippo ai danni di un’automobilista, avvenuto al rione Catona di Reggio Calabria nell’ultima decade di febbraio di quest’anno. Quello che sembrava uno dei tanti colpi che puntualmente si registrano nel reggino è stato risolto in meno di due mesi dai carabinieri della stazione del rione dove si è registrato l’episodio. Gli autori dello scippo hanno commesso l’errore di usare il bancomat provento dell’attività delinquenziale in uno sportello bancario della zona. La scena è stata filmata dalle telecamere del sistema di video sorveglianza. Mettendo assieme i vari tasselli del puzzle, i carabinieri sono riusciti a costruire il mosaico dal quale sono emerse precise responsabilità di Amato e della giovane. E così l’inquilino di uno degli alloggi popolari del rione Arghillà di Reggio Calabria è finito in carcere in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare del gip del tribunale della città dello Stretto. Il riscontro dei filma-

Corecom, i 13 ricorsi presentati sono stati rigettati tutti un anno fa REGGIO CALABRIA — La società

Un momento del filmato in cui la coppia scende dall’auto per andare a prelevare

ti ha incastrato anche la compagna di Amato, la quale è indagata in stato di libertà. L’episodio è avvenuto in via Elena di Catona, dove una giovane coppia ha aperto uno degli sportelli di un’autovettura guidata da una donna e si è impadronita dalla borsetta dell’automobilista, con dentro danaro contante per circa duecento euro, un telefonino cellulare la tessera del bancomat ed altri effetti. La malcapitata ha subito denunciato l’episodio ai militari della locale stazione. Ed il lavoro investigativo ha portato all’identificare gli autori del colpo. Alessandro Amato, 22 anni

Antonio Latella

“Speaker Network”, cui la direzione editoriale de “Il Domani della Calabria” ha affidato il coordinamento delle pagine reggine, si dissocia dal contenuto dell’articolo pubblicato a pagina 34 dell’edizione di ieri del giornale, a firma di Antonello Troya. Il servizio reca infatti una ricostruzione inesatta delle vicende che hanno riguardato il Corecom Calabria nell’anno 2007. Intanto il collega Troya commette certamente senza malizia - un errore di ordine giuridico, perché “imputazione” è un termine che non ha nulla a che vedere con l’atto della chiusura delle indagini preliminari. In diritto, alla fine di un’inchiesta il pubblico ministero chiede o l’archiviazione o il rinvio a giudizio: il collega non lo scrive. Quindi non dà una notizia: dire che è chiusa un’indagine preliminare senza precisare questo particolare, è come affermare che si è giocata una partita di calcio tra Juventus e Inter senza comunicarne il risultato. Troya inoltre cita gli ex componenti del Corecom Campanella, Cedolia, Naccarato e Sulla, uno dei quali peraltro collaborava con il giornale di cui lo stesso Troya era direttore. Dice che sono stati rimossi per la mancata approvazione di una delibera. Ciò

non risponde al vero ed è agli atti. E’ agli atti che il Consiglio regionale, su proposta dell’assessore Demetrio Naccari Carlizzi, ha chiesto (secondo noi giustamente) che il numero dei componenti del Corecom venisse ridotto da 5 a 3. In questo contesto, l’organismo è stato azzerato come prevede la legge e come stabilisce pacificamente il diritto amministrativo. Nel corso di una conferenza stampa di un anno fa, i vertici di palazzo Campanella hanno illustrato il risultato del contenzioso tra gli ex componenti del Corecom e il Consiglio regionale. Sapete com’è andata a finire? Che i 13 ricorsi presentati da Campanella, Cedolia, Naccarato e Sulla sono stati rigettati tutti. Tutti, nessuno escluso, perché giuridicamente infondati. “Speaker Network” ritiene che la professione giornalistica debba essere, innanzitutto, improntata al rispetto del principio della verità dei fatti. A volte capita di imbattersi in fonti imprecise o interessate. E questo può indurre qualsiasi cronista, anche il più bravo e scrupoloso, a sbagliare seppur in buona fede. Ma questi errori non possono essere reiterati. Perché fare un giornale, per noi, è una cosa molto seria. a. l.


32 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

REGGIO CALABRIA CITTÀ La Procura sta indagando su prossibili illeciti che avrebbero falsato i campionati di serie B e C

Basket, inchiesta su presunte combine REGGIO CALABRIA — Dopo il calcio anche il basket entra nei palazzi di giustizia. La Procura della Repubblica di Reggio Calabria sta infatti indagando su presunti illeciti che avrebbero falsato, negli ultimi due anni, i campionati di serie B e C di basket. L'inchiesta sarebbe stata aperta dopo la denuncia di un arbitro che avrebbe raccontato di condizionamenti tali da falsificare i campionati, con il coinvolgimento di club di diverse regioni italiane. Le dichiarazioni dell'arbitro avrebbero trovato conferma

nelle indagini svolte dalla Polizia postale e delle comunicazioni di Reggio Calabria che, grazie ad intercettazioni e controlli vari, avrebbe ricostruito una serie di comportamenti illeciti da parte di dirigenti di club ed anche di organismi legati alla Federazione. Secondo la Procura alcuni dirigenti del settore commissari speciali arbitri avrebbero determinato l'esito di alcuni incontri di basket grazie ad alcuni arbitri compiacenti, che si sarebbero prestati per ottenere delle promozioni. (Agi)

Prosciolti dall’accusa di abuso d’ufficio i componenti dell’ex giunta Placanica PLACANICA — Il gup del Tribunale di Locri,

Andrea Amadei, rigettando la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura di Locri, ha prosciolto dall'accusa di abuso d'ufficio tutti i componenti dell'ex giunta del Comune di Placanica, l'ex dirigente dell'ufficio tecnico dell'ente collinare dell'Alto Ionio reggino e il progettista di un'opera viaria. Le persone prosciolte sono l'ex sindaco, Antonio Condemi, di 51 anni; gli ex assessori Celestino Gagliardi (49), Cosimo Sorgiovanni (41), ed Endrio Clemeno (45), l'ex di-

rigente dell'Ufficio tecnico Egidio Russo (62) e Francesco Larosa (60), di Caulonia. I sei erano stati indagati in seguito ad una denuncia fattaagli inizi del 2003 in seguito ad un appalto relativo alla realizzazione della nuova strada di Placanica - contrada Santa Domenica (del valore di 1,5 milioni di eruo), località conosciuta per via dei pellegrinaggi e dei raduni di preghiera che settimanalmente e mensilmente si svolgono nella vallata davanti al santuario della Madonna dello Scoglio, alla presenza del mistico francescano fratel Cosimo Fragomeni. (Ansa)

AREA METROPOLITANA Un convegno organizzato ieri mattina dal Pri in riva allo Stretto sull’approvazione dell'emendamento

La nuova locomotiva del Mediterraneo Scopelliti: «Di Loiero non voglio parlare. Sono deluso. Mi domando perchè non sia riuscito a gioire» REGGIO CALABRIA — Una strenua difesa della città metropolitana di Reggio Calabria, anche alla luce delle polemiche che hanno animato negli ultimi giorni il dibattito politico regionale. Sul convegno organizzato ieri mattina dal Pri in riva allo Stretto si sono accesi i riflettori del mondo dell’informazione, proprio perché rappresentava la prima risposta organica del blocco politico reggino alla sfida lanciata dal resto della regione. Ad organizzare l’incontro è stato uno dei protagonisti della strategia parlamentare che ha portato ad inserire Reggio tra le dieci aree metropolitane d’Italia: il segretario nazionale del Pri Francesco Nucara. Il deputato ha ricordato le tappe del percorso che ha portato all'approvazione dell'emendamento, da parte della Camera, con cui è stato riconosciuto questo particolare status giuridico alla città dello Stretto. Nucara ha ricordato come il progetto di una conurbazione tra Reggio e Messina fosse molto risalente nel tempo ed abbia caratterizzato per decenni il dibattito politico cittadino. Poi ha stigmatizzato l’atteggiamento assunto da alcuni partiti e da un pezzo del mondo dell’informazione nazionale che hanno ostacolato il processo teso all’istituzione del nuovo soggetto istituzionale. All’incontro del Pri, che ha registrato il contributo scientifico del prof. Franco Karrer, ha preso parte anche il sindaco di RegREGGIO CALABRIA — “Ce l’abbiamo fatta. Reggio è, ora, città metropolitana”. Lo slogan coniato dai vertici del Partito Repubblicano ben si coniuga con il momento di grande entusiasmo che caratterizza un po’ tutti gli ambienti della città dello Stretto, dopo che la Camera dei Deputati, nel contesto della legge sul federalismo fiscale, ha conferito a Reggio Calabria lo status di città metropolitana. Francesco Nucara, parlamentare di lungo corso, uomo politico con esperienze di governo, segretario nazionale repubblicano, ieri, ha voluto spiegare ai reggini come si è giunti a questo importante riconoscimento. ''La città metropolitana è una grande conquista per Reggio e per la Calabria, ed ogni polemica è proprio fuori luogo''. Una frase sibillina, questa, che il parlamentare reggino ha pronunciato a margine di un incontro pubblico a cui hanno preso parte anche il sindaco Giuseppe Scopelliti ed il presidente del Consiglio regionale Giuseppe Bova. «La città metropolitana - ha sostenuto

Franco Kamer, l’on. Francesco Nucara, Giuseppe Scopelliti e l’on. Giuseppe Bova

gio, Giuseppe Scopelliti. Il primo cittadino ha sviluppato un ampio ragionamento, nel corso del quale è tornato anche sullo scontro a distanza con il governatore Agazio Loiero. Ma prima di tutto ha sottolineato gli effetti positivi che saranno prodotti dall’area metropolitana. «I benefici saranno allargati all'intero territorio calabrese - ha detto Scopelliti - perchè la nostra è una regione piccola, con solo 2 milioni di abitanti. Non abbiamo tolto niente a nessuno ma solo creato più opportunità per tutta la Calabria. Arriveranno molte più risorse e ci sarà un canale preferenziale per i finanziamenti comunitari. Reggio diventerà come la città metropolitana di Parigi o come quella di Londra». Il sindaco ha posto l’attenzione anche sul rapporto con Peppe Bova. «Assieme al presidente del

Consiglio regionale posso condividere progetti per la mia città, ma non consento a nessuno di parlare di commistioni politiche o elettorali. Per l'area metropolitana è stata trovata solo una grande sintonia istituzionale. Di Loiero non voglio parlare. Sono deluso. Mi domando perchè non sia riuscito a gioire per un successo ottenuto dalla città più grande della regione che amministra». «L'area metropolitana di Reggio? E' come la Reggina in Champions League: siamo dentro il circuito più importante d'Europa. Ormai ci siamo qualificati, ma adesso occorre allestire una squadra all'altezza della sfida. Quella squadra è l'intera Calabria». Il presidente del Consiglio regionale ha aperto con questa evocativa immagine il suo intervento. Secondo Giusep-

pe Bova, «bisogna avere l'audacia e la consapevolezza delle proprie azioni. Se qui, in Calabria, a livello istituzionale non avessimo marciato trasparentemente e convintamente d'intesa, non saremmo riusciti ad ottenere alcunchè. Su questo io non cambio idea. Solo così siamo riusciti a scrivere l'inizio di una vicenda straordinaria, qual è quella dell'area metropolitana. Gli equilibri nazionali della maggioranza di governo e dell'opposizione, alla vigilia del voto alla Camera, non prevedevano affatto di istituire qui un'area metropolitana». «Al Senato - ha ricordato il presidente dell’Assemblea di Palazzo Campanella - Reggio era stata ignorata. Nessuno ci aveva pensato. Abbiamo posto noi per primi la questione, ma se il Pd fosse andato avanti da solo in Parla-

mento, avremmo realizzato solo un lavoro di testimonianza politica. Per questo ho coinvolto il sindaco di Reggio Scopelliti. Poi è stata assai proficua l’opera che gran parte dei parlamentari calabresi, a partire da quelli reggini, ha condotto a Montecitorio». Bova ha aggiunto che «le maggiori potenzialità, le risorse intellettuali più vaste ed inutilizzate, i più ampi margini di crescita sono qui da noi, in Calabria, sullo Stretto. E c'è di più. Cina e India continuano a crescere ad una velocità spaventosa con cui fanno i conti gli Stati Uniti. Esiste inoltre un'area, quella del Meg, che sta diventando la nuova locomotiva del bacino del Mediterraneo. E’ a queste realtà emergenti che dobbiamo guardare».

L’onorevole Nucara spiega cosa rappresenta questo importante riconoscimento

contrasto con Reggio”. «Agazio Loiero - ha sostenuto Nucara - a distanza di un mese dall'approvazione di un ramo del Parlamento della città metropolitana, dopo imbarazzanti silenzi, si è premurato di lanciare la proposta dei poli di sviluppo urbano, includendovi persino Villa San Giovanni, già a pieno titolo nella città metropolitana. L’area metropolitana sembra un dato acquisito, anche se il provvedimento sul federalismo fiscale dovrà tornare al Senato. Il riconoscimento, però, non può diventare oggetto di scontro o materia di una tappa di avvicinamento alle elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale, la cui campagna elettorale è già stata avviata. La città dello Stretto, così come tutta la Calabria, non può presumere di esorcizzare - con l’euforia o la depressione del riconoscimento di metropoli alla più grande città della regione - i mali che condizionano lo sviluppo sociale, economico e culturale della nostra terra».

«Una grande opportunità di crescita e di sviluppo» il segretario nazionale del Partito Repubblicano - è sicuramente un'opportunità di crescita e di sviluppo civile. Mettiamoci dentro il grande cuore pulsante di Gioia Tauro da cui, prossimamente, partiranno ulteriori iniziative di sviluppo produttivo come la piattaforma del freddo, intervento fondamentale per la lavorazione dei prodotti agricoli ed alimentari tipici e per le relative filiere». Francesco Nucara, sia in Commissione che in Aula, è stato uno strenuo sostenitore dell’idea di città metropolitana. Il dibattito parlamentare ha poi dimostrato

L’on. Francesco Nucara

quanto sia stato determinante il suo apporto alla causa di Reggio. Ieri, sia ai cronisti che durante il dibattito pubblico, ha posto l’accento sulla necessità di accelerare le procedure di delimitazione della città metropolitana. Attività che richiede del tempo e che tuttavia non più essere dilazionata. Il parlamentare ha usato toni stemperati, rispetto alla veemenza di linguaggio che ha caratterizzato il dibattito nelle scorse settimane col Governatore della Calabria Agazio Loiero, il cui atteggiamento sull’area metropolitana, secondo il parlamentare, “prelude ad un

Antonio Latella

a. l.


il Domani Domenica 19 Aprile 2009 33

REGGIO CALABRIA E PROVINCIA Ieri il Coni regionale ha presentato una prima bozza della raccolta dati che nelle prossime settimane sarà resa pubblica

Impianti sportivi, situazione critica La mappa di oggi risente di responsabilità che vanno fatte risalire nel tempo REGGIO CALABRIA — Una radiogra-

fia del Coni mette in evidenza le carenze e la scarsa funzionalità dell’impiantistica sportiva a Reggio e nella sua provincia. E’ questo uno dei primi atti della gestione dei comitati provinciale e regionale eletti di recente. Ieri, presso la sede di Via dei Correttori, nel corso di un’assemblea delle federazioni sportive è stata presentata una prima bozza di questa raccolta dati, che nelle prossime settimane sarà resa pubblica. Alla riunione di ieri, i cui lavori sono stati coordinati da Giovanni Filocamo e Mimmo Praticò, rispettivamente presidenti provinciale e regionale, sono stati invitati anche i dirigenti dei settori “Sport e tempo libero” delle amministrazioni locali ed i rispettivi assessori. La situazione dell’impiantistica sportiva rappresenta una criticità per lo sport provinciale, soprattutto a livello dilettantistico. Le strutture destinate allo sport di base, in prevalenza, versano in condizioni precarie. La mappa di oggi risente di responsabilità che vanno fatte risalire nel tempo. La prima causa va certamente individuata nella carenza di fondi che le varie amministrazioni locali, nel corso degli anni, hanno destinato a questo settore. Se a ciò si aggiungono l’incuria, la scarsa manutenzione e l’insensibilità REGGIO CALABRIA — «Quello dell’im-

piantistica sportiva è uno dei primi impegni che andiamo ad affrontare dopo l’elezione di circa due mesi fa. Lo facciamo insieme ai responsabili degli enti che hanno espresso la volontà di incontrare il mondo sportivo per rappresentare le necessità degli impianti. Questa riunione ha in concreto il significato di mettere in condizione tutte le federazioni sportive di poter operare non solo con l’attività federale ma anche per programmare l’attività promozionale in tutta la provincia». Giovanni Filocamo, riconfermato presidente provinciale del Coni di Reggio Calabria, è sempre più convinto che l’impiantista di base sia un elemento indispensabile perché le varie discipline sportive raggiungano risultati di un certo livello. Qual è la carenza di impianti e quali invece gli impianti di eccellenza a Reggio ed in provincia? Una domanda alla quale risponde Mimmo Praticò, massimo esponente del Comitato Olimpico Nazionale della Calabria. «Credo che la carenza sia cronica - sottolinea Praticò - un po’ in tutti i settori. Forse si salva il calcio perché ha più impianti rispetto alle altre discipline sportive. Quindi abbiamo qualche eccellenza, ma tutti gli impianti sono tra-

L’assemblea Coni

di alcuni soggetti politico - istituzionali che in passato hanno snobbato lo sport dilettantistico, il quadro delle responsabilità è pressoché completo. L’iniziativa del Coni, tuttavia, oggi può godere di una maggiore attenzione da parte degli enti, che hanno compreso l’importante funzione sociale che viene assolta dallo sport. «Uno strumento attraverso cui si garantisce, tra l’altro, una vera ed efficace educazione alla legalità, soprattutto fra i giovani», ha affermato il

presidente regionale del Coni, Mimmo Praticò. Quest’ultimo, nell’esercizio delle sue funzioni, sta continuando a dimostrare una straordinaria “capacità politica” di relazionarsi con i massimi interlocutori istituzionali. Va letta in questa direzione la presenza, all’incontro di ieri, dell’assessore provinciale Attilio Tucci. Quest’ultimo, nel prendere atto delle difficoltà strutturali di alcuni impianti, ha assicurato, per la parte di propria competenza, ogni azione utile a

risolvere i problemi più urgenti. Come detto, la ricognizione sull’impiantistica ha rappresentato uno dei primi atti compiuti dai riconfermati vertici del Coni in provincia di Reggio e nella regione. D’altronde, Praticò, come il prof. Filocamo, aveva inserito questa emergenza ad uno dei primi posti del suo programma per la guida dello sport calabrese. Il presidente regionale sa bene quali leve muovere per responsabilizzare la politica su questo tema. In passato, infatti, ha ri-

coperto la funzione di assessore allo sport in seno ad amministrazioni locali di colore politico diverso, che si sono affidate a Praticò in ragione della sua comprovate esperienza e capacità. Durante questa breve ma intensa stagione politica di Praticò, nella città dello Stretto non sono mancate le progettazioni di nuovi impianti e, soprattutto, numerose inaugurazioni.

Il massimo esponente del Comitato Olimpico Praticò e il riconfermato presidente provinciale Filocamo

una gestione migliore e una più lunga conservazione». Giovanni Filocamo, da parte sua, evidenzia cosa il Coni e, dunque, lo sport si aspettano dalla politica «Ci aspettiamo concretezza, perché abbiamo bisogno di realtà e di poter operare. Lo sport ha bisogno di cose concrete e di aiuti. Soprattutto di impianti per mettere in condizione le federazioni e le società sportive che fanno tanti sacrifici di poter portare avanti gli atleti, affinché possano competere nello stesso modo degli atleti delle altre regioni». Tanto ottimismo che, probabilmente, è stato disatteso nel tempo? Non è d’accordo il presidente provinciale del Coni reggino. «No. Si è fatto tanto per la nostra provincia», sottolinea Filocamo che prosegue: «Dobbiamo guardare anche al passato, a come eravamo tanti anni fa. Il percorso è iniziato 10-15 anni fa. Mimmo Praticò ha seguito questo excursus e abbiamo cominciato a dialogare con gli enti. Che hanno istituito dei mutui con il credito sportivo. Sono stati impegnati circa 40 milioni di euro tra comune, amministrazione provinciale per la messa a norma di tutti gli impianti sportivi e per la costruzione di nuove opere. Ma non sono sufficienti».

«La carenza nel Reggino è cronica»

Giovanni Filocamo, Coni Rc

scurati, abbandonati o obsoleti per quella che è l’attività sportiva. Non è un problema di oggi, è un problema atavico che prima o poi bisogna affrontare seriamente anche facendo una programmazione a lungo termine. Non ci

può essere una bacchetta magica per risolvere tutti i problemi. La situazione non è bella, anzi alcuni impianti, come il campo di atletica sono inutilizzabili. Bisognerebbe intervenire subito. Capisco i costi, perché non è facile intervenire su campi di oltre cinquat’anni. Ma bisogna pensare ad un programma a lungo termine per ristrutturare la carente impiantistica sportiva». Nella città dello Stretto dove l’impiantistica di base è molto sviluppata sia al centro che nelle periferie, c’è il problema del Campo Coni (atletica) del rione Modena. Ma di chi è la competenza? «Col passare degli anni - è ancora il presidente regionale del Coni a rispondere - il campo si è sempre più usurato e, adesso, per ristrutturarlo ci vuole qualche milione di euro. Che non è facile reperirlo, lo so. E’ di proprietà del Comune e capisco le difficoltà dell’ente. Ma non utilizzarlo è un peccato, perché tantissima gente fa atletica ed abbiamo avuto risultati eccellenti come nel settore dei lanci». Speranze disattese? E’ sempre Mimmo Praticò che ri-

GERACE L’ambasciatore del Vaticano ha lasciato la Locride venerdì sera, prima di partire si è recato presso l’ex sede vescovile

Conclusa la visita del Nunzio Apostolico GERACE — E’ ripartito venerdì sera da Locri, diretto a Città del Vaticano, l'arcivescovo mons. Giuseppe Bertello, Nunzio apostolico della Santa Sede per l’Italia e per la Repubblica di San Marino. Il presule era giunto nella Locride mercoledì sera in occasione della cerimonia commemorativa per il centesimo anniversario della nascita di mons. Michele Alberto Arduino, suo compaesano- di Foglizzo Canadese (To) - anche questi appartenente, come mons. Bertello, alla famiglia salesiana. Prima di congedarsi dalla Locride il Nunzio apostolico ha fatto visita alla città di Gerace, per tantissimi secoli sede vescovile. Accompagnato dal vescovo di Locri-Gerace, mons. Giuseppe Fiorini Morosini, l’ambasciatore del Vaticano ha raggiunto Gerace, no-

tissima città d'arte il cui nome figura tra quelli dei "Borghi più belli d'Italia". Qui è stato accolto dal sindaco della città, Salvatore Galluzzo, e - con la guida di Giacomo Oliva, funzionario della Soprintendenza Archeologica e direttore del Museo diocesano, ha visitato i principali monumenti della città: la "Cittadella vescovile", le "Catacombe", il Museo, il tesoro della Cattedrale. Nel più grande tempio antico della Calabria, la Cattedrale, appunto, il Nunzio apostolico non è riuscito a celare la propria ammirazione, quasi lo stupore per un “gioiello”, come l'ha definito, in cui si respirano fede e religiosità. Non a caso, lasciando il millenario edificio sacro, ha testualmente scritto- nel registro delle firme dei visitatori illustri - che la Cattedrale di Gerace gli ha

«ha fatto rivivere la storia della Chiesa in questa terra, dove il Vangelo ha nutrito durante i secoli la vita della popolazione» ed ha manifestato l'auspicio che «La memoria di quanto è stato fatto» possa essere «la radice per una nuova evangelizzazioone». Dopo la visita alla duecentesca chiesa di S. Francesco ed alla Chiesa di "San Giovanni Crisostomo", Santuario panitalico della Chiesa greco-ortodossa, percorrendo le principali vie del Borgo medievale, mons. Bertello ha raggiunto il palazzo Municipale. Col sindaco Galluzzo, presente anche il primo cittadino di Locri, Francesco Macrì, il presule ha discusso di molti aspetti della vita civile e socio-economica del territorio congedandosi, poi, con un “arrivederci a Gerace”.

Mimmo Praticò, presidente Coni Calabria

sponde: «C’è un problema di base, bisogna pensare alla gestione prima di tutto e non solo a costruire a norma gli impianti. Se partiamo dalla gestione ed andiamo a ritroso, gli impianti costruiti negli ultimi anni possono avere

Ant. Lat.

A. L.

'Ndrangheta, il tribunale del riesame scarcera imprenditore romano D’Ardes REGGIO CALABRIA — Il tribunale del riesame di Reggio Calabria ha disposto la scarcerazione dell'imprenditore romano Pietro D’Ardes, arrestato nel luglio dello scorso anno nell'ambito dell'operazione "Cent'anni di storia" contro le cosce Molé-Piromalli di Gioia Tauro. Il riesame, secondo quanto riferito dall'avvocato Roberto Locerbo, che insieme a Nico D'Ascola difende D'Ardes, ha deciso la scarcerazione per mancanza di indizi. D'Ardes è titolare di un'azienda, la All Services, che svolge attività di movimentazione

delle merci alla rinfusa nel porto di Gioia Tauro e che, secondo l'accusa, sarebbe stata controllata dalle cosche. L'imprenditore aveva ottenuto la cessione della All Services attraverso l'affitto d'azienda a inizio 2008. Proprio ieri la Dda di Reggio Calabria ha emesso 28 avvisi di conclusione indagini nei confronti di presunti affiliati alle cosche e degli ex sindaci di Gioia Tauro, Giorgio Dal Torrione, e Rosarno, Carlo Martelli, e dell'ex vice sindaco di Gioia Tauro Rosario Schiavone. (Ansa)


AsteInfoappalti

34 Domenica 19 Aprile 2009 TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVALLO, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 58/95 R.G.E. pendente tra INPS E [ OMISSIS] Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: - Lotto 1: Magazzino in Cardinale, Via Dante Alighieri, 17-23, mq 20, in catasto FG.9, partic. 315, sub 1101; - PREZZO BASE: euro 6.900,00 - Lotto 2: Abitazione al primo e secondo piano in Cardinale, Via Dante Alighieri, 17-23, vani 4,5; - PREZZO BASE: euro 29.250,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato “Tribunale di Catanzaro - “Procedura n. 58/95” portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 500,00 è fissata in data 10/06/09. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 in caso di mancanza di offerte. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine perentorio di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione, in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, mediante inserzione sul quotidiano “Il Domani”, nella rivista Aste del mese anteriore la vendita nonché sui siti web gestiti da Planetcom www.aste.eugenius.it e www.tribunaledicatanzaro.net e rivista aste. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza Catanzaro, 11/03/09. °°°°°°°°° PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell’esecuzione, dr. CAVA, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 156/96 R.G.E. pendente tra INPS E [ OMISSIS] Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: - Lotto 2: Immobile,sito nel comune di Montepaone, , Via Marina, composto da quattro vani, cucina e doppi servizi, posto al I piano, sup. mq. 53, in catasto FG.10, partic. 114, sub 8; - PREZZO BASE: euro 65.000,00 - Lotto 3: Deposito nel comune di Soverato, Via Aldo Moro, composto da un solo vano posto al piano terra, sup. mq. 26,00, in catasto FG.14, partic. 194, sub 3; - PREZZO BASE: euro 27.123,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta d’acquisto in busta chiusa , entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza sotto fissata, unitamente ad un assegno circolare intestato “Tribunale di Catanzaro - “Procedura n. 156/96” portante una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione restando a carico dell’aggiudicatario le spese di trasferimento L’udienza per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 1.000,00 è fissata in data 10/06/09. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 in caso di mancanza di offerte. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine perentorio di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione, in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, mediante inserzione sul quotidiano “Il Domani”, nella rivista Aste del mese anteriore la vendita nonché sui siti web gestiti da Planetcom www.aste.eugenius.it e www.tribunaledicatanzaro.net e rivista aste. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza Catanzaro, 11/03/09. °°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni Immobiliari AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 c.p.c. IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr.ssa Maria C. Andricciola RENDE NOTO Che nella procedura esecutiva n.64/03 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni in Olivadi, Via Indipendenza n.48: Lotto n.1: Appartamento (F.5,P.lla 60,Sub 5) Euro 29.461,50 Lotto n.2: Negozio (F.6, P.lla 60, Sub 6) Euro 25.050,00 Lotto n.3: Locale rustico (F.5, P.lla 60 ,Sub 7) Euro 28.350,00 Lotto n.4: Locale rustico (F.5, P.lla 60 ,Sub 8) Euro 24.610,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria., L’udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 10 giugno 2009 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare “Non Trasferibile” intestata a “Tribunale di Catanzaro proc. n.64/03 RGE” di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 1.000,00 L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c.

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

il Domani

entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it; - II Domani Catanzaro, 11 marzo 2009 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI EX ART. 569 COMMA 3 - C.P.C. NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N. 57/99 R.E. Il GIUDICE DELL’ESECUZIONE preso atto dell´istanza di vendita formulata dal creditore procedente; rilevato che custode del bene pignorato è la debitrice esecutata; ritenuto opportuno, nonostante lo stato di comproprietà del cespite, disporre comunque la vendita della quota di 1/2 per la cui acquisizione è verosimile un interesse dei contitolari non debitori; considerato, altresì che proprio lo stato di comproprietà del bene, unitamente alla carenza di elementi probatori da cui poter evincere il concreto pericolo di un deterioramento del cespite nelle more della definizione della procedura di vendita, induce a ritenere che la sostituzione della debitrice con un terzo quale custode giudiziario non abbia, allo stato, utilità ex art. 559, comma 4 c.p.c., come novellato dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, fermo restando l´obbligo del debitore di rendere il conto di gestione ex artt. 560 e 593 c.p.c.; ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura le conclusioni della relazione dell´esperto, in ordine sia all´individuazione del compendio immobiliare che alla stima del relativo valore di mercato; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 569, 571 e 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, al prezzo base di euro 29.976,00 alla vendita coattiva del seguente bene: LOTTO UNICO - “quota pari ad 1/2 della piena proprietà di un immobile adibito a civile abitazione sito nel comune di Lamezia Terme, via Maggiordomo, n. 6, riportato nel NCEU al foglio 9, p.lla 907, sub 13, cat. A/4, classe 2, vani tre”. rilevato che occorre fissare i termini per la presentazione delle offerte di acquisto senza incanto, la successiva udienza per l´esame delle stesse e, per il caso in cui non abbia per qualsiasi motivo luogo la vendita senza incanto, fin d´ora la data per gli incanti; evidenziato, quanto alla vendita senza incanto ed a norma del vigente testo dell´art. 571 cod. proc. civ., che: - ciascun offerente, tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l´acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell´art. 579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l´indicazione del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell´offerta; - l´offerta è irrevocabile, salvo che: 1. il giudice ordini l´incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; - l´offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine stabilito: 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell´articolo 568 e più sopra ricordato: e) se l´offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; - l´offerta deve consistere in una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l´indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del prezzo offerto, del bene (e del lotto) cui si riferisce l´offerta e ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; - detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell´offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell´offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l´esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - all´offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l´assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all´esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell´esecuzione e la data dell´udienza fissata per l´esame delle offerte; le buste saranno aperte all´udienza fissata per l´esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell´aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; evidenziato, quanto all´eventuale, successiva vendita agli incanti, che: - essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 29.976,00; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a euro 1.800,00; - ogni concorrente, per essere ammesso all´incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l´indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l´istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi); - all´istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l´esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - con l´istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d´asta; - all´esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell´esecuzione e la data dell´udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all´udienza stabilita per l´incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell´aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; FISSA, IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., dell´immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell´esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, termine fine alle ore 13.00 del giorno 16 giugno 2009 con le

A CURA DELLA

MEDIATAG

modalità e per il prezzo base dì cui sopra; - per l´esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell´art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l´udienza del giorno 17 giugno 2009, ore 9.30 e segg.; FISSA, NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari dell´istanza di partecipazione agli incanti termine fino alle ore 13.00 del giorno 30 giugno 2009, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra: - per il giorno 01 luglio 2009, ore 9.30 e segg. la vendita ai pubblici incanti dell´immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell´esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; STABILISCE, ALTRESÌ, CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall´esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l´esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell´anno in corso e dell´anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l´aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di 60 giorni dalla data di aggiudicazione mediate assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” in mancanza, si provvederà a norma dell´art. 587 c.p.c.; - soltanto all´esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell´aggiudicatario, per come liquidate dalla Cancelleria, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell´art. 586 c.p.c.; Ulteriori informazioni potranno essere chieste in cancelleria Lamezia Terme, lì 23.03.2009 Il Giudice dell´Esecuzione Dott. Alessandro Brancaccio °°°°°°°° UFFICIO FALLIMENTARE R.F. n. 340/1991 IL GIUDICE DELEGATO esaminati gli atti del procedimento; preso atto dell’istanza di vendita depositata dal curatore in data 18 marzo 2009; ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura le conclusioni della relazione redatta dall’esperto nell’ambito dell’esecuzione forzata n. 79/1987, in ordine sia all’individuazione del compendio immobiliare che alla stima del relativo valore di mercato; considerato, infatti, che sulla validità dell’ordinanza di vendita, non incide la circostanza che il prezzo posto a base d’asta sia fissato con riferimento ad una stima effettuata da un esperto alcuni anni prima, giacché tale valore costituisce solo un dato indicativo, inidoneo, di conseguenza, a pregiudicare la proficuità della procedura liquidatoria e la realizzazione del giusto corrispettivo in esito all’espletamento di una gara concorrenziale fra gli offerenti (cfr., ex ceteris, Cass. 6 ottobre 1998, n. 9908; Cass. 17 maggio 2005, n. 10334); ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 569, 571, 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, e dell’art. 108 L.F., al prezzo base di euro 31.000,00 per il lotto n. 1 (lotto n. 1 in perizia) , di euro 11.000,00 per il lotto n. 2 (lotto n. 2 in perizia), di euro 14.000,00 per il lotto n. 3 (lotto n. 9 in perizia), di euro 8.500,00 per il lotto n. 4 (lotto n. 10 in perizia), di euro 5.700,00 per il lotto n. 5 (lotto n. 11 in perizia), di euro 7.600,00 per il lotto n. 6 (lotto n. 12 in perizia), di euro 6.700,00 per il lotto n. 7 (lotto n. 11 bis in perizia), alla vendita coattiva dei seguenti beni immobili: lotto uno - “appezzamento di terreno in agro di Curinga, località Cavuri, ricadente in zona E a destinazione agricola, riportato nel NCT al foglio 36, p.lla 78, are 90.00, uliveto”; lotto due -.”appezzamento di terreno in agro di Curinga, località Cavuri, ricadente in zona E a destinazione agricola, riportato nel NCT al foglio 36, p.lle 83 e 1268, are 33.10, uliveto”; lotto tre - “porzione di fabbricato sito in Curinga, corso Garibaldi e Ortali, costituito da 5,5 vani, riportato nel NCEU al foglio 37, p.lle 325, sub 3, e 143”; lotto quattro - “locale adibito a deposito di mq. 42, sito in Curinga, corso Garibaldi e Ortali, riportato nel NCEU al foglio 37, p.lla 325, sub 1”; lotto cinque - “locale adibito a deposito di mq. 28, sito in Curinga, corso Garibaldi e Ortali, riportato nel NCEU al foglio 37, p.lla 325, sub 2”; lotto sei - “locale adibito a deposito di mq. 21, sito in Curinga, corso Garibaldi e Ortali, riportato nel NCEU al foglio 37, p.lla 327, sub 2”; lotto sette - “locale adibito a deposito di mq. 11, sito in Curinga, corso Garibaldi, riportato nel NCEU al foglio 37, p.lla 697, sub 3”; rilevato che occorre fissare i termini per la presentazione delle offerte di acquisto senza incanto, la successiva udienza per l’esame delle stesse e, per il caso in cui non abbia per qualsiasi motivo luogo la vendita senza incanto, fin d’ora la data per gli incanti; evidenziato, quanto alla vendita senza incanto ed a norma del vigente testo dell’art. 571 cod. proc. civ., che: - ciascun offerente, tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art. 579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria Fallimentare, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; - l’offerta è irrevocabile, salvo che: 1. il giudice ordini l’incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; - l’offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’articolo 568 e più sopra ricordato; c) se l’offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato alla curatela del fallimento “R.F. 340/1991”, in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; - l’offerta deve consistere in una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.f. della procedura, del prezzo offerto, del bene (e del lotto) cui si riferisce l’offerta e ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; - detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità del-

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

l’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale tra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice delegato e la data dell’udienza fissata per l’esame delle offerte; le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli; evidenziato, quanto all’eventuale, successiva vendita agli incanti, che: - essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 31.000,00 per il lotto n. 1 (lotto n. 1 in perizia) , di euro 11.000,00 per il lotto n. 2 (lotto n. 2 in perizia), di euro 14.000,00 per il lotto n. 3 (lotto n. 9 in perizia), di euro 8.500,00 per il lotto n. 4 (lotto n. 10 in perizia), di euro 5.700,00 per il lotto n. 5 (lotto n. 11 in perizia), di euro 7.600,00 per il lotto n. 6 (lotto n. 12 in perizia), di euro 6.700,00 per il lotto n. 7 (lotto n. 11 bis in perizia); - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a euro 1.400,00 per il lotto n. 1, ad euro 500,00 per il lotto n. 2, ad euro 600,00 per il lotto n. 3, ad euro 400,00 per il lotto n. 4, ad euro 250,00 per il lotto n. 5, ad euro 350,00 per il lotto n. 6, ad euro 300,00 per il lotto n. 7; - ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.f. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi); - all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alla curatela del fallimento “R.F. 340/1991”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; - all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice delegato e la data dell’udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli; FISSA, IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO, - per la presentazione presso la Cancelleria Fallimentare delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, termine fino alle ore 13.00 del 08/06/09, con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; - per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del 09/06/2009, ore 12.00; FISSA, NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO, - per la presentazione presso la Cancelleria Fallimentare dell’istanza di partecipazione agli incanti, termine fino alle ore 13.00 del 13/07/09, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - per il giorno 14/07/09, ore 12.00 la vendita ai pubblici incanti dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; STABILISCE, ALTRESÌ, CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente a quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dall’eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitoreper qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di 60 giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato alla curatela del fallimento “R.F. 340/1991”; in mancanza, si provvederà a norma dell’art. 587 c.p.c.; - soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; DISPONE, QUANTO ALLA PUBBLICITÀ IN FUNZIONE DELLA VENDITA, CHE: - su impulso del curatore, sia predisposto l’avviso di vendita, da pubblicare all’albo dell’Ufficio; - a cura del medesimo, sia data pubblicità: - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, su un quotidiano di informazione locale a scelta del curatore, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, sulla rivista periodica “Aste Info Appalti”, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, e della relazione di stima dell’esperto sul sito Internet www.aste.eugenius.it, almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle


AsteInfoappalti

35 Domenica 19 Aprile 2009 offerte o della data dell’incanto: - della prova della pubblicità elettronica e a mezzo stampa - da depositarsi in cancelleria almeno sette giorni prima delle vendite - sia fatto carico al curatore; AVVERTE fin d’ora gli interessati che, ove all’udienza fissata per la celebrazione dell’incanto, questo non abbia luogo per qualunque motivo, si riserva di applicare immediatamente l’articolo 591 cod. proc. civ., senza alcun rinvio intermedio o ulteriore, provvedendo in quello stesso contesto sull’eventuale fissazione di una nuova vendita; ONERA il curatore di notificare la presente ordinanza a ciascuno dei creditori ammessi al passivo con diritto di prelazione sull’immobile, nonché ai creditori ipotecari iscritti almeno venti giorni prima della vendita senza incanto. Lamezia Terme. lì 19 marzo 2009 Il Giudice Delegato dott. Alessandro Brancaccio °°°°°°°°° Ufficio fallimenti Il Giudice Delegato al fallimento n.572/2000 R.F., - visti gli artt.569, 571,576 c.p.c. come novellati dalle leggi 80/05, 263/05 e 51/ 06 e dell’ art. 108 L.F., con ordinanza del 10.02.09, ha disposto la vendita coattiva con riduzione di un quarto al prezzo base di euro 653.710,89, del seguente bene immobile: Lotto n.1: Compendio industriale sito alla località “Fondaco Frustato” nel Comune di Feroleto Antico, esteso nell’intero mq 40.290,00 composto: da un opificio, un corpo di fabbrica destinato a servizi aziendali, un depuratore, un locale destinato a cabina elettrica, un corpo di fabbrica destinato a riserva idrica, un locale destinato ad officina, tutto censito al C.U. del medesimo comune sul foglio di mappa n. 24 part.lla 186 sub 2 nonché da un terreno di pertinenza della superficie complessiva di circa 5.060 mq, censito allo stesso mappale con i sub 3 e 4; Rilevato che: 1) occorre fissare i termini per la presentazione delle offerte di acquisto senza incanto; 2) l’udienza per l’esame delle stesse; 3) nel caso in cui non abbia luogo la vendita senza incanto, la data per gli incanti: STABILISCE PER LA VENDITA SENZA INCANTI CHE: -ciascun offerente , tranne il debitore è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art. 579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria Fallimentare dichiarazione in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo, del modo di pagamento e di ogni altro elemento utile ai fini della valutazione dell’offerta; -l’offerta è irrevocabile , salvo che: 1. il Giudice ordini l’incanto; 2. siano decorsi 120 giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; -l’offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’art. 568 e più sopra ricordato; c) se l’offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato alla curatela del fallimento” R.F. N.572/2000”, in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; -l’offerta deve consistere in una dichiarazione , in regola con il bollo, contenente , a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r. f. della procedura, del prezzo offerto, del bene ( e del lotto) cui si riferisce l’offerta e di ogni elemento utile per la valutazione di questa; -detta dichiarazione deve altresì recare le generalità dell’offerente ( nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso ( ad es. procura speciale o certificato camerale); -in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato. Le spese del trasferimento sono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità. L’UDIENZA DI VENDITA SENZA INCANTO PER L’ESAME DELLE OFFERTE DI ACQUISTO AI SENSI DELL’ART.572 C.P.C., OVVERO PER LA GARA SULLE MEDESIME , SE PRESENTATE IN MISURA SUPERIORE AD UNA, E’ FISSATA PER IL GIORNO 09.06.2009 ore 12,00. Le offerte di acquisto ex art. 571 c.p.c. devono essere presentate in cancelleria fallimentare entro le ore 13,00 del giorno 08.06.2009 con le modalità di cui sopra e per il prezzo sopra indicato: Quanto all’eventuale, successiva vendita agli incanti nel caso in cui la vendita senza incanto non abbia luogo ha disposto che: -ogni concorrente per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.f. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità ( nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi); -all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); -in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - con l’istanza di partecipazione , da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alla curatela del fallimento “R.F. n. 572/2000”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione ( ed in conto prezzo di aggiudicazione ), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; - le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; FISSA - per la presentazione presso la cancelleria fallimentare dell’ istanza di partecipazione agli incanti, , termine fino alle ore 13,00 del 06.07.2009 con le modalità di cui sopra FISSA, Il giorno 07.07.2009 ore 12,00 la vendita ai pubblici incanti dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento e per il prezzo base appresso indicato euro 653.710,89 per il lotto n. 1; Le offerte in aumento, a pena di inammissibilità non devono essere inferiori al 5% del prezzo offerto: LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: -gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come sono identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti le garanzie per vizi o mancanza di

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

il Domani

qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi o mancanza di qualità o difformità della cosa venduta , oneri di qualsiasi genere- ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore- per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti o comunque non evidenziati in perizia , non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; -l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo ( detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di 60 giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato alla curatela del fallimento , in mancanza si provvederà a norma dell’art. 587 c.p.c.; -soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, per come liquidate dalla cancelleria, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.. Lamezia Terme lì 10.03.2009 Il Giudice Delegato Dr. Alessandro Brancaccio °°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI Della Proc. N. 50/92 R.E. Richiesta da: INTESA GESTIONE CREDITI S.p.A. SI RENDE NOTO Che il giorno 17.06.2009, ore 12,00 nella sala delle pubbliche udienza di questo Tribunale avanti al Giudice delle Esecuzioni, si procederà alla vendita all’incanto dei beni immobili elencati in calce, alle seguenti condizioni: Prezzo base: euro 59.289,25 per il primo lotto Prezzo base: euro 42.308,15 per il secondo lotto Prezzo base: euro 40.903,39 per il terzo lotto Prezzo base: euro 42.308,15 per il quarto lotto Prezzo base: euro 42.308,15 per il quinto lotto Prezzo base: euro 42.308,15 per il sesto lotto Prezzo base: euro 42,308,15 per il settimo lotto Custode degli immobili pignorati è il Geom. Roberto Molinaro, a cui rivolgersi per poter visionare gli immobili. ogni concorrente per essere ammesso all’incanto, dovrà depositare nelle forme dei depositi giudiziari, nella cancelleria di questo Tribunale almeno quattro giorni prima della data fissata per l’incanto: Primo lotto:euro 5.928,92 per cauzione e euro 11.857,85 per spese Secondo lotto:euro 4.230,81 per cauzione e euro 8.461,63 per spese Terzo lotto:euro 4.090,34 per cauzione e euro 8.180,68 per spese Quarto lotto:euro 4.230,81 per cauzione e euro 8.461,63 per spese Quinto lotto:euro 4.230,81 per cauzione e euro 8.461,63 per spese Sesto lotto:euro 4.230,81 per cauzione e euro 8.461,63 per spese Settimo lotto:euro 4.230,81 per cauzione e euro 8.461,63 per spese L’aumento minimo da opportarsi alle offerte è di euro 1.032,91. L’aggiudicatario dovrà provvedere a Sua cura e spese alla voltura catastale dell’immobile trasferitogli. Entro il termine di trenta giorni da quanto l’aggiudicazione sarà divenuta definitiva (quaranta giorni dalla vendita) l’aggiudicatario dovrà versare, nelle forme dei depositi giudiziari, il prezzo di aggiudicazione, detratto l’importo già versato a titolo di cauzione; Maggiori informazioni in Cancelleria. ELENCO BENI IMMOBILI: PRIMO LOTTO: Porzione del fabbricato per civile abitazione in Lamezia Terme - Nicastro - contrada La Gala o Quattrocchi, costituita dal magazzino posto al piano terra esteso complessivamente mq. 191, riportato in NCT del predetto Comune censuario al foglio di mappa 28, particella 294 sub. 3, int. 1, cat C/3, cl. 2°, Cons. mq. 191, Rendita catastale £. 1634; il fabbricato non è conforme alla vigente normativa edilizia ed è sanabile entro 120 giorni dalla notificazione del decreto di trasferimento; le spese di sanatoria sono già state detratte dal prezzo base d’asta. SECONDO LOTTO Porzione del fabbricato per civile abitazione di quattro piani fuori terra in Lamezia Terme Nicastro - contrada La Gala o Quattrocchi, costituita dall’appartamento posto al primo piano e contraddistinto dal numero interno 2; riportato in NCT del predetto Comune censuario al foglio di mappa 28, particella 294, sub. 4, int. 2, Cat. A/3, Cl. 1°, Cons. vani 6, Rendita catastale £. 1.152; il fabbricato non è conforme alla vigente normativa edilizia ed è sanabile entro 120 giorni dalla notificazione del decreto di trasferimento; le spese per la sanatoria sono già state detratte dal prezzo base d’asta. TERZO LOTTO Porzione del fabbricato per civile abitazione di quattro piani fuori terra in Lamezia Terme - Nicastro - contrada la Gala o Quattrocchi, costituita dall’appartamento posto al primo piano e contraddistinto dal numero interno 3; riportato in NCT del predetto Comune censuario al foglio di mappa 28, particella 294 sub. 5, int. 3, Cat. A/3, Cl. 1°, Cons. vani 6, Rendita catastale £. 1.152; il fabbricato non è conforme alla vigente normativa edilizia ed è sanabile entro 120 giorni dalla notificazione del decreto di trasferimento; le spese per la sanatorio sono già state detratte dal prezzo base d’asta; QUARTO LOTTO Porzione del fabbricato per civile abitazione di quattro piani fuori terra in Lamezia Terme Nicastro - contrada la Gala o Quattrocchi, costituita dall’appartamento posto al secondo piano e contraddistinto dal numero interno 4; riportato in NCT del predetto Comune censuario al foglio di mappa 28, particella 294 sub. 6, int. 4, Cat. A/3, Cl. 1°, Cons. vani 6, rendita catastale £. 1.152; il fabbricato non è conforme alla vigente normativa edilizia ed è sanabile entro 120 giorni dalla notificazione del decreto di trasferimento; le spese per la sanatoria sono già state detratte dal prezzo base d’asta; QUINTO LOTTO Porzione del fabbricato per civile abitazione di quattro piani fuori terra in Lamezia Terme Nicastro - contrada La Gala o Quattrocchi, costituita dall’appartamento posto al secondo piano contraddistinto dal numero interno 5; riportato in NCT nel predetto Comune censuario al foglio di mappa 28, particella 294, sub. 7, int. 5, Cat. A/3, Cons. vani 6, rendita catastale £. 1.152; il fabbricato non è conforme alla vigente normativa edilizia ed è sanabile entro 120 giorni dalla notificazione del decreto di trasferimento; le spese per la sanatoria sono già state detratte dal prezzo base d’asta; SESTO LOTTO Porzione del fabbricato per civile abitazione di quattro piani fuori terra in Lamezia Terme - Nicastro - contrada la Gala o Quattrocchi, costituita dall’appartamento posto al terzo piano e contraddistinto dal numero interno 6, riportato in NCT del predetto Comune censuario al foglio di mappa 28, particella 294 sub. 8, int. 6, Cat. A/3, Cons. vani 6, Rendita catastale £. 1.152; il fabbricato non è conforme alla vigente normativa edilizia ed è sanabile entro 120 giorni dalla notificazione del decreto di trasferimento; le spese per la sanatoria sono già state detratte dal prezzo base d’asta. SETTIMO LOTTO Porzione del fabbricato per civile abitazione di quattro piani fuori terra in Lamezia Terme Nicastro - contrada La Gala o Quattrocchi, costituita dall’appartamento posto al terzo piano e contraddistinto dal numero interno 7; riportato in NCT del pre-

A CURA DELLA

MEDIATAG

detto Comune censuario al foglio di mappa 28, particella 294 sub. 9, int. 7, cat. A/3, Cl. 1°, Cons. vani 6, rendita catastale £. 1.152; il fabbricato non è conforme alla vigente normativa edilizia ed è sanabile entro 120 giorni dalla notificazione del decreto di trasferimento; le spese per la sanatoria sono già state detratte dal prezzo base d’asta. Lamezia Terme, 11 marzo 2009 °°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA Procedura n. 145/1992 Registro Esecuzioni Immobiliari Il professionista delegato AVV. FRANCESCA VESCI, con proprio studio legale sito in Piazzetta Nicastro n. 18 di Lamezia Terme, nella procedura esecutiva promossa da Banca Monte dei Paschi di Siena spa; visto il provvedimento di delega alla vendita, emesso dal Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 5.3.2008 ai sensi dell’art. 591 bis c.p.c.; visto il provvedimento di riduzione prezzo base d’asta del 26.9.2008; ritenuto necessario fissare la vendita dei beni pignorati; visto l’art 569 c.p.c. AVVISA che nella data e nel luogo sotto indicati si terrà la vendita senza incanto del seguente immobile: LOTTO N. 1: Trattasi di un appartamento in Lamezia Terme Sant’Eufemia Lamezia località Ginepri complesso residenziale La Baia, corpo di fabbrica n. 1 - fabbricato F in NCEU alla partita 1001943, foglio 23, particella 234, sub 1 e 2 , con accesso principale da un percorso interno che serve il fabbricato F. Si tratta d un appartamento di piccola dimensione dalla fusione di due sub (1 e 2) e comunque ancora catastamente tali. Necessiterebbe di variazione catastale per fusione dei sub 1 e 2. Si presenta in buono stato di conservazione è destinato a civile abitazione. Si presenta diviso in quattro stanze e n. 1 servizio igienico ed è dotato di un ampio giardino privato. Superficie netta mq. 42,26 superficie giardino mq. 233,50 E’ adibito a residenza estiva dei proprietari. PREZZO BASE: euro.27.750,00 (euro ventisettemilasettecentocinquanta/00) LOTTO N. 2: Trattasi di un appartamento in Lamezia Terme ubicato in via F.lli Ponzio n. 4 al secondo piano (terzo fuori terra), di un condominio, in NCEU alla partita n. 7465, fg.n.21 particella n. 166 sub n.12. Triplice accesso dai corpi scala interni alla corte. Si tratta d un appartamento di grande dimensione, costruito con materiale di media qualità e si trova in buono stato di conservazione, menre l’intero condominio, nel suo complesso si puù classificare del tipo mediocre (scadente la corte interna). É composta da 10 stanze 3 ingressi 1 disimpegno 2 servizi igienici 2 ripostigli 3 ampi balconi. Superficie netta mq. 228,17 superficie balconi mq. 29,26 E’ adibito a residenza principale dei proprietari. PREZZO BASE: euro. 105.750,00 (euro venticinquemilaseicentocinuanta) Data dell’esame delle offerte: 16 GIUGNO 2009, ore 18.00 Luogo di esame delle offerte: Studio legale del professionista delegato sito in Piazzetta Nicastro n. 18, piano 2°, di Lamezia Terme (Telefono 0968.201407). AVVISA ALTRESÌ che nelle ipotesi in cui: - non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito; - le offerte non siano efficaci ai sensi dell’art. 571 c.p.c.; - si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572,comma 3, c.p.c.; - la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione; avrà luogo la vendita con incanto del medesimo bene nella seguente data e luogo: LOTTO N. 1 come sopra descritto PREZZO BASE: euro.27.750,00 (euro ventisettemilasettecentocinquanta/00) RILANCIO MINIMO: euro.1.390,00(euro milletrecentonovanta00); LOTTO N. 2 come sopra descritto PREZZO BASE: euro. 105.750,00 (euro venticinquemilaseicentocinuanta) RILANCIO MINIMO: euro. 5.290,00(euro cinquemiladuecentonovanta/00); Data dell’incanto 2 LUGLIO 2009 ore 18.00 Luogo di esame delle offerte: Studio legale del professionista delegato sito in Piazzetta Nicastro n. 18, piano 2°, di Lamezia Terme (Telefono 0968.201407). In tale udienza, a differenza della prima, per aggiudicarsi i beni sarà necessario effettuare almeno un rilancio del prezzo dell’importo sopra indicato. I beni di cui sopra sono meglio descritti nella relazione di stima a firma dell’architetto Nicola Vasta del 06.09.1996, che deve essere consultata dall’offerente, ed alla quale si fa espresso rinvio anche per tutto ciò che concerne l’esistenza di eventuali oneri e pesi a qualsiasi titolo gravanti sui beni. La stessa è consultabile presso lo studio del professionista delegato dal lunedì al venerdì dalle ore 17 alle ore 19, previo avviso telefonico, e sul sito internet www.aste.eugenius.it. Si avvisa, in ogni caso, che la vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano, con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive; che la vendita è a corpo e non a misura; che eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; che la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. La pubblicità, le modalità di presentazione delle offerte e le condizioni della vendita sono regolate come segue. QUANTO ALLA VENDITA SENZA INCANTO: A norma dell’art. 571 ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art 579, ultimo comma, c.p.c.; le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa entro le ore 13 del 15 GIUGNO 2009. Le stesse potranno essere presentate presso lo studio del suindicato professionista delegato dal lunedì al venerdì negli orari d’ufficio. Nessuna annotazione dovrà essere apposta sulla busta. Sulla predetta busta dovranno essere annotate, a cura del professionista ricevente o di suo delegato, il nome di chi materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice dell’esecuzione, quello del professionista delegato e la data fissata per l’esame delle offerte; l’offerente dovrà presentare presso lo studio del professionista delegato una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente - a pena di inefficacia -: l’indicazione del numero di RGE della procedura, del prezzo offerto - che non potrà essere inferiore al prezzo minimo indicato nell’avviso di vendita -, l’identificazione del bene e del lotto cui si riferisce l’offerta ed ogni altro elemento utile alla valutazione di questa, comprese le generalità dell’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale tra i coniugi), oltre a copia di valido documento d’identità dell’offerente e, se necessario a valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione (es. procura speciale o certificato camerale); in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, l’indicazione di quello, tra questi, che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; all’offerta, dovrà essere allegata una fotocopia del

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

documento d’identità, nonché un assegno circolare non trasferibile intestato al professionista delegato avvocato Francesca Vesci -, a titolo di cauzione, per un importo non inferiore al decimo del prezzo offerto, pena l’inefficacia. Detta somma sarà trattenuta in caso di rifiuto dell’acquisto; l’aggiudicatario potrà ottenere per l’acquisto dei beni posti all’asta mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente al cd. protocollo ABI, rivolgendosi direttamente alle agenzie o filiali delle banche il cui elenco risulta reperibile presso il professionista delegato e presso il sito ABI; in caso di più offerte valide, si procederà a gara sulla base dell’offerta più alta, a norma dell’art. 573 c.p.c.; la validità e l’efficacia dell’offerta d’acquisto è regolata dall’art. 571, comma 2, c.p.c.; l’offerta è irrevocabile per 120 giorni dalla sua presentazione ai sensi dell’art. 571, comma 3, c.p.c.; le modalità di vendita senza incanto sono regolate dagli artt. 572 e seguenti c.p.c.; il termine di versamento del saldo del prezzo, nonché di ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita è di 60 giorni dall’aggiudicazione mediante il deposito su un libretto di deposito postale o bancario nominativo, intestato alla procedura e vincolato all’ordine del Giudice, presso la MPS spa - agenzia di Lamezia Terme; in caso di inadempimento l’aggiudicazione sarà revocata e l’aggiudicatario perderà tutte le somme versate; le spese di trasferimento del bene sono a carico dell’aggiudicatario cui restano riservate le attività e i costi per la cancellazione delle formalità. QUANTO ALLA VENDITA CON INCANTO A norma dell’art. 579 ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art 579, ultimo comma, c.p.c.; le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa entro le ore 13 del 1 LUGLIO 2009. Le stesse potranno essere presentate presso lo studio del suindicato professionista delegato dal lunedì al venerdì di ogni settimana, negli orari d’ufficio. Nessuna annotazione dovrà essere apposta sulla busta. Sulla predetta busta dovranno essere annotate, a cura del professionista ricevente o di suo delegato, il nome di chi materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice dell’esecuzione, quello del professionista delegato e la data fissata per l’esame delle offerte; l’offerente dovrà presentare presso lo studio del professionista delegato una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente - a pena di inefficacia -: l’indicazione del numero di RGE della procedura, del prezzo offerto - che non potrà essere inferiore al prezzo minimo indicato nell’avviso di vendita -, l’identificazione del bene e del lotto cui si riferisce l’offerta ed ogni altro elemento utile alla valutazione di questa, comprese le generalità dell’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale tra i coniugi), oltre a copia di valido documento d’identità dell’offerente e, se necessario a valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione (es. procura speciale o certificato camerale); in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, l’indicazione di quello, tra questi, che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; all’offerta, dovrà essere allegata una fotocopia del documento d’identità, nonché un assegno circolare non trasferibile intestato al professionista delegato avvocato Francesca Vesci -, a titolo di cauzione, per un importo non inferiore al decimo del prezzo base d’asta suddetto, pena l’inefficacia. Detta somma sarà trattenuta in caso di rifiuto dell’acquisto; l’aggiudicatario potrà ottenere per l’acquisto dei beni posti all’asta mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente al cd. protocollo ABI, rivolgendosi direttamente alle agenzie o filiali delle banche il cui elenco risulta reperibile presso il professionista delegato e presso il sito ABI; la validità e l’efficacia dell’offerta d’acquisto è regolata dall’art. 571, comma 2, c.p.c.; l’offerta è irrevocabile per 120 giorni dalla sua presentazione ai sensi dell’art. 571, comma 3, c.p.c.; le modalità di vendita all’incanto sono regolate dagli artt. 581 e seguenti c.p.c.; il termine di versamento del saldo del prezzo, nonché di ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita è di 60 giorni dall’aggiudicazione mediante il deposito su un libretto di deposito postale o bancario nominativo, intestato alla procedura e vincolato all’ordine del Giudice, presso la MPS spa - agenzia di Lamezia Terme; in caso di inadempimento l’aggiudicazione sarà revocata e l’aggiudicatario perderà tutte le somme versate; le spese di trasferimento del bene sono a carico dell’aggiudicatario cui restano riservate le attività e i costi per la cancellazione delle formalità. Offerte in aumento di un quinto: a norma dell’art. 584 c.p.c., avvenuto l’incanto, possono ancora essere fatte offerte d’acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 (un quinto) quello raggiunto nell’incanto. Pertanto, l’aggiudicazione diverrà definitiva decorsi dieci giorni senza offerte in aumento. Tali offerte potranno essere depositate presso lo studio del professionista delegato, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione. Ogni domanda di restituzione della cauzione dovrà essere indirizzata dagli offerenti al professionista delegato. Il Professionista Delegato Avv. Francesca Vesci °°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI Proc. n° 16/90 R.E. Richiesta da: INTESA GESTIONE CREDITI S.P.A. SI RENDE NOTO Che il giorno 01.07.2009 ore 12,00 nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale avanti al Giudice delle Esecuzioni, si procederà alla vendita all’incanto dei beni immobili elencati in calce di proprietà del debitore alle seguenti condizioni: prezzo base: euro 27.434,19 per il primo lotto prezzo base: euro 26.773,13 per il secondo lotto ogni concorrente per essere ammesso all’incanto, dovrà depositare nella cancelleria di questo Tribunale almeno quattro giorni prima della data fissata per l’incanto tramite assegni circolari intestati a “Poste Italiane s.p.a.”. Primo lotto: euro 2.743,42 per cauzione e euro 5.486,86 per spese Secondo lotto: euro 2.677,31 per cauzione e euro 5.354,62 per spese L’aumento minimo da apportarsi alle offerte è di euro 1.000,00 per il 1° lotto ed euro 1.000,00 per il 2° lotto L’aggiudicatario dovrà provvedere a Sua cura e spese alla voltura catastale dell’immobile trasferitogli.


AsteInfoappalti

36 Domenica 19 Aprile 2009 Entro il termine di sessanta giorni da quando l’aggiudicazione sarà divenuta definitiva (settanta giorni dalla vendita) l’aggiudicatario dovrà versare, attraverso assegni circolari intestati a “Poste Italiane”, il prezzo di aggiudicazione, detratto l’importo già versato a titolo di cauzione; Maggiori informazioni in Cancelleria. Elenco beni immobili: PRIMO LOTTO: Porzione del fabbricato di due piani fuori terra in Cortale, località Monachelle, costituita dall’appartamento posto al piano terra, costituito da: ingresso-corridoio, cucina, salone, due camere da letto ed un bagno, per una superficie commerciale di mq 135; ad esso è annessa un’ampia corte di mq. 1.440 circa, comune ed indivisa con il bene indicato al lotto n. 2 del presente avviso di vendita; l’appartamento è distinto in NCEU del predetto Comune censuario al foglio 23, particella 47 sub/1 non ancora classato e la corte è indicata al NCT del medesimo Comune censuario al foglio 23 particella 483; l’immobile non è conforme alla vigente normativa urbanistica e può essere sanato entro 120 giorni dalla comunicazione del decreto di trasferimento; SECONDO LOTTO: Porzione del fabbricato di due piani fuori terra sito in Cortale, località Monachelle, costituita dall’appartamento posto al primo piano, non ancora completato, costituito da: ingresso-corridoio, cucina, salone, due camere da letto, due bagni e terrazzi, per una superficie commerciale di mq. 140; ad esso è annessa un’ampia corte di mq 1.400 circa, comune ed indivisa con il bene indicato al lotto n. 1 del presente avviso di vendita; l’appartamento è distinto in NCEU del predetto Comune censuario al foglio 23, particella 47 sub 2, categoria A/2, classe 2°, e la corte è indicata al NCT del medesimo Comune censuario al foglio 23 particella 483; l’immobile non è conforme alla vigente normativa urbanistica e può essere sanato entro 120 giorni dalla comunicazione del decreto di trasferimento. Lamezia Terme 22.03.2009 IL CANCELLIERE (C/1) Bruna Bernardi TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 76/88 promossa da MONTE DEI PASCHI DI SIENA SpA ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: ORDINANZA DEL 29.11.2005 LOTTO 1: Terreno sito nel Comune di Ardore (RC) alla contrada Salvatore, riportato in catasto terreni al foglio 30, particelle: - 303, vigneto, cl. 2.a di are 2,70; su detta particella grava servitù di passaggio giusto atto di divisione del 27.5.1983 per notaio Caiazzo - 305, sem. arb., cl. 1.a, di are 2,70; - 309, vigneto, cl. 2.a, di are 3,80 Prezzo base d’asta: Euro 4.819,77 - Deposito per cauzione: Euro 481,97 - Deposito per spese: Euro 722,97 LOTTO 2: Fabbricato rurale sito nel Comune di Ardore (RC) in precarie condizioni di manutenzione, riportato in catasto terreni al foglio 30, particella 308, di mq. 38,00 Prezzo base d’asta: Euro 1.704,31 - Deposito per cauzione: Euro 170,43 - Deposito per spese: Euro 255,65 LOTTO 3: Fabbricato sito nel Comune di Ardore (RC) alla contrada Giudeo, riportato in catasto al foglio 42, particella 85, - sub 6, piano seminterrato, locale adibito alla produzione di manufatti in legno, Cat. C/3, mq. 410 circa; - sub 3, piano rialzato, locale adibito alla produzione di manufatti in legno, Cat. C/3, mq. 411 circa; - sub 4, primo piano, unità per civile abitazione con annesso terrazzo, cat. A/2, vani 5,5, mq. 200,00 circa (comprensivi di superficie coperta); Prezzo base d’asta: Euro 589.922,54 - Deposito per cauzione: Euro 58.992,25 - Deposito per spese: Euro 88.488,38 LOTTO 4: Appartamenti facenti parte di un fabbricato a più piani fuori terra, sito nel Comune di Ardore (RC) alla contrada Giudeo, riportato in catasto al foglio 42, particella 255, - sub 2, primo piano, unità per civile abitazione con annessa balconata, Cat. A/3, vani 5,5, mq. 110 circa; sub 3, primo piano, unità per civile abitazione con annessa balconata, cat. A/3, vani 5,5, mq. 110 circa; Prezzo base d’asta: Euro 99.986,03 - Deposito per cauzione: Euro 9.998,60 - Deposito per spese: Euro 14.997,90 L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5, all’udienza del 22.05.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente, dovrà depositare in Cancelleria, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro 100,00 per il Lotto 1; Euro 60,00 per il Lotto 2; Euro 12.000,00 per il Lotto 3 ed Euro 2.000,00 per il Lotto 4. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: avv. Giuseppe OPPEDISANO (Tel. 0964.380751). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 22.05.2009. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 16 aprile 2009 iL CANCELLIERE °°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 124/95 promossa da BANCO DI NAPOLI, ORDINA la vendita con incanto dei seguenti beni immobili: LOTTO UNICO: A) Il diritto reale di proprietà, sull’appartamento sito in Marina di Gioiosa Jonica, con annessa corte, composto da sei vani, salone ed accessori, con vano deposito di mq. 16,00, ubicati in via Lepanto n. 6, catastalmente individuati al fgl. 17, p.lle 743 sub 3, abitazione, cat. A/2, cl. 3, vani 6,5, e 743 sub 6, deposito, cat. C/2, cl. 1, mq. 16 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 70.265,51 L’incanto avverrà con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5+1/5, all’udienza del 22.05.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12,00 del giorno non festivo precedente quello della vendita, unitamente ad una istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni cir-

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

il Domani

colari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a Euro 774,69. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 30 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 22.05.2009. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 11 marzo 2009 IL CANCELLIERE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 7/93 promossa da ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO, ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: Ordinanza del 11.11.2008 LOTTO 1: “piena proprietà di un fabbricato a due piani f.t. (piano terra circa 103 mq; piano primo circa 105 mq) più seminterrato (77 mq.) in Siderno, loc. Martà, non censito, che sorge sul terreno identificato in catasto al foglio 31 particella 1183” Prezzo base d’asta: Euro 70.135,00 Deposito per cauzione: 10% del prezzo - Deposito per spese: 15% del prezzo LOTTO 2: “piena proprietà di un terreno in Siderno, loc. Latticugna, identificato in catasto al foglio 30, particella 1220 (are 00.06.60) e 1222 (are 00.00.40)” Prezzo base d’asta: Euro 21.700,00 Deposito per cauzione: 10% del prezzo - Deposito per spese: 15% del prezzo LOTTO 3: “piena proprietà di un fabbricato di vecchia costruzione in Siderno, via dei Pescatori, di circa 51,44 mq., identificato in catasto al foglio 33, particella 112” Prezzo base d’asta: Euro 8.400,00 Deposito per cauzione: 10% del prezzo - Deposito per spese: 15% del prezzo L’incanto avverrà, CON IL PREZZO DA RIDURRE DI 1/5 + 1/5 +1/5, all’udienza del 04.06.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria sino alle ore 12,00 del giorno anteriore all’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 25% del prezzo base (10% per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà) mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base, eventualmente ribassato. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Avv. Antonio FIAMINGO (Tel. 0964.20869). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecu-zioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 04.06.2009. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 19 gennaio 2009 IL CANCELLIERE °°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’Esecuzione, Dr. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 81/1997 promossa da BANCA COMMERCIALE ITALIANA. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO UNICO Quota parte pari ad 1/2 di unità immobiliare per civile abitazione posta al terzo piano fuori terra di un fabbricato a sei piani fuori terra sito nel Comune di Siderno, Via Fiume 11, riportato nel NCEU alla partita 3506, foglio di mappa 31, particella 31, sub. 7, vani 10,5, cat. A2, classe 3^, reddito L. 1.680.000, in ditta.... Prezzo base del lotto euro 115.654,58 Deposito per cauzione euro 11.565,45 Deposito per spese euro 17.348,18 L’incanto avverrà, con il prezzo da ridurre di 1/5+1/5, all’udienza del 04.06.2009 ore 9,00, davanti a sè nella presente sede, ed in secondo esperimento in data —— alle stesse condizioni con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà mediante consegna in Cancelleria di N. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a: euro 11.362,05. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 04.06.2009. Estratto conforme per uso pubblicità. Locri, 18.02.2009 Esatte: euro 14,62 per bollo - euro 6,20 per diritti IL CANCELLIERE TRIBUNALE DI PAOLA AVVISO DI VENDITA ALL’INCANTO ( artt. 569, 576 e 591 bis c.p.c.) Il sottoscritto dott. Fernando CALDIERO, dottore commercialista con studio in Cetraro alla via F. Pirrino n. 37, nominato in sostituzione del precedente delegato con provvedimento del 21-23/04/2007, vista l’ordinanza di vendita n. cron. 7598, emanata dal Giudice dell’Esecuzione dott.ssa Maria Luisa ARIENZO in data 16-28/07/2004 con cui è stata disposta la vendita all’incanto dei beni pignorati nel procedimento esecutivo n. 92/84 R.E.I. e sono state delegate le relative operazioni , visti gli artt. 569, 576 e 591 bis c.p.c., visto il provvedimento del Sig. G.E. reso all’udienza del 27/06/2008 RENDE NOTO che il giorno 8 giugno 2009 alle ore 16,30 presso il proprio studio in Cetraro in via F. Pirrino n. 37, si svolgerà l’incanto in un unico lotto del bene oltre descritto. La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni, meglio descritti nella perizia del C.T.U. in atti, ed alla quale espressamente si rinvia, si trovano (anche in relazione al T.U. di cui al D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380), con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione di prezzo. La presente vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, nè potrà essere risolta

A CURA DELLA

MEDIATAG

www.aste.eugenius.it ::

per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere, ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dall’eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore, per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. L’immobile viene venduto libero da iscrizioni ipotecarie e da trascrizioni di pignoramenti. Se esistenti al momento della vendita, eventuali iscrizioni e trascrizioni saranno cancellate a spese e cura della procedura. Ogni ulteriore onere derivante dalla vendita sarà a carico dell’aggiudicatario. Ciascun offerente, per poter essere ammesso all’incanto, dovrà presentare, presso il sopra indicato studio, entro le ore 12.30 del giorno feriale precedente l’incanto, escluso il sabato, domanda di partecipazione all’incanto, in regola con il bollo vigente, e dovrà versare a titolo di cauzione,una somma pari al 10% (dieci per cento) del prezzo base d’asta ed una somma pari al 15% (quindici per cento) del prezzo base d’asta in conto spese, con due distinti assegni circolari non trasferibili all’ordine del sottoscritto professionista delegato. Qualora sia stato azionato nella procedura esecutiva un Credito Fondiario, ai sensi dell’art. 41 della nuova Legge Bancaria (D.Lgs. 1/09/1993 n. 385), l’aggiudicatario, il quale non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto di finanziamento, dovrà versare direttamente all’istituto di credito fondiario, entro il termine di giorni 20 dalla data dell’aggiudicazione, la parte del prezzo corrispondente al complessivo credito dello stesso. L’aggiudicatario, entro il termine perentorio di 40 giorni dall’aggiudicazione, dovrà versare al professionista delegato, il saldo del prezzo di aggiudicazione o di assegnazione, dedotta la prestata cauzione, nonché l’eventuale saldo delle spese, mediante distinti assegni circolari non trasferibili intestati al medesimo professionista. In caso di inadempimento l’aggiudicatario sarà dichiarato decaduto dal diritto, con conseguente perdita della cauzione a titolo di multa salvo l’eventuale condanna a pagare la differenza di cui alla seconda parte dell’art. 587 c.p.c.. I partecipanti all’asta hanno la possibilità di ottenere mutui ipotecari per un importo fino ad un massimo del 70/80% del valore dell’immobile come stimato nella perizia a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca. Le banche aderenti all’inizia consultabili sul sito dell’ABI (http://www3.abi.it/AsteImm/). I partecipanti all’asta sono pertanto invitati a contattare, qualora vi abbiano interesse, le Banche convenzionate. Una copia del presente verrà affissa ex primo comma art. 490 c.p.c, altra copia verrà pubblicata sull’edizione domenicale del quotidiano “Il Domani della Calabria”, sul Mensile “Aste” e sul sito internet www.aste.eugenius.it; l’incanto sarà inoltre pubblicizzato tramite affissione nel Comune ove sono situati gli immobili. Il debitore o il custode consentiranno la visita del compendio posto in vendita nei tre giorni antecedenti l’incanto, dalle ore 16.30 alle ore 18.30. Delle eventuali visite dovrà essere data comunicazione al professionista Delegato. A norma dell’art. 591 bis c.p.c. tutte le attività relative alla vendita saranno espletate presso lo studio del professionista delegato. BENI SOTTOPOSTI AD INCANTO nel comune di Falconara Albanese (CS) nel complesso residenziale “ Baia degli Aranci”, nel corpo “D”: appartamento articolato su un piano più soppalco fuori terra, composto di un unico ambiente con funzione di ingresso soggiorno pranzo, angolo cottura e ripostiglio più due camere da letto, di cui una matrimoniale, con servizio igienico. Catasto fabbricati del Comune di Falconara Albanese foglio 17, p.lla 335 sub 14 Categoria A/3, Cl.2, rendita euro 302,13 e posto auto distinto con il n. 75,censito Catasto Fabbricati del Comune di Falconara Albanese, al foglio 17, p.lla 178 sub 75, categ C/7, Classe U, rendita euro 8,06. Prezzo a base d’asta euro 30.517,59 (trentamilacinquecentodiciassette/59). Le offerte minime in aumento con primo rilancio obbligatorio non potranno essere inferiori a euro 1000,00 (mille/00). Ai sensi e per gli effetti della legge 47/85 e della normativa vigente, dalla perizia del C.T.U. in atti, ed alle quali espressamente si rinvia, risulta che il complesso immobiliare “Baia Degli Aranci” è stato realizzato sulla base della concessione edilizia n. 44 del 24/11/1979 inerente la costruzione del fabbricato “D”comprendente l’unità abitativa in causa. Il tutto meglio precisato nella consulenza tecnica in atti. In ogni caso l’ aggiudicatario, ricorrendone i presupposti, potrà avvalersi delle disposizioni di cui all’art. 46 del vigente T.U. sull’edilizia di cui al D.P.R. 6/6/2001 n. 380 e di cui all’art. 40, VI comma, della legge 47/85 e di ogni altra norma vigente. Maggiori informazioni presso la Cancelleria delle Esecuzioni ed il professionista Delegato. Si pubblichi nelle forme di cui sopra. Cetraro li 10/04/2009 Il Professionista delegato Dott. Fernando Caldiero

luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. Ogni onere derivante dalla vendita sarà a carico dell’aggiudicatario (imposte, trascrizioni, volture, ecc.). Le spese di cancellazione delle trascrizioni dei pignoramenti e delle iscrizioni ipotecarie sono a carico della procedura. La deliberazione sull’offerta a norma dell’art. 572 c.p.c. e le ulteriori eventuali attività di cui agli artt. 573 e 574 c.p.c., si effettueranno nell’Udienza di vendita fissata per il giorno 23 Giugno 2009 alle ore 16.00 nello Studio del sottoscritto professionista in Cetraro alla Via Nazionale n° 41. Ciascun offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare presso il sopra indicato studio, entro le ore 12:30 del giorno feriale precedente a quello fissato per l’Udienza di vendita (escluso il sabato), un’offerta, ex art. 571 c.p.c., in regola con l’imposta di bollo, in busta chiusa, sulla quale sarà annotato a cura del professionista delegato, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito (che può essere anche persona diversa dall’offerente), il nome del Signor G.E. e la data dell’Udienza di vendita. Le buste saranno aperte nell’Udienza di vendita alla presenza degli offerenti. L’offerta è irrevocabile, fatte salve le previsioni di cui all’art. 571 c.p.c, e dovrà contenere: 1) il cognome, nome, luogo e data di nascita, codice fiscale, domicilio, stato civile, recapito telefonico del soggetto cui andrà intestato l’immobile (non sarà possibile intestare l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’offerta), il quale deve presentarsi all’Udienza fissata per la vendita (per i casi di comunione legale, di minorenni, di società ed altri casi particolari si rinvia all’ordinanza di vendita); 2) i dati identificativi del bene per il quale l’offerta è proposta; 3) l’indicazione del prezzo offerto che non potrà essere inferiore al prezzo a base d’asta sopra indicato a pena di esclusione; 4) un assegno circolare non trasferibile intestato a “Proc. Esecutiva n° 3/90”, seguito dal nome del debitore per un importo pari al 10% del prezzo offerto a titolo di cauzione che sarà trattenuto in caso di rifiuto dell’acquisto; 5) il termine di pagamento del prezzo e degli oneri connessi (non superiori a 30 giorni dall’aggiudicazione); 6) l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima e dell’ordinanza di vendita; 7) la fotocopia del documento d’identità dell’offerente; L’offerente, depositando l’offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Il versamento del prezzo e delle spese di trasferimento dovrà avvenire entro 30 giorni dall’aggiudicazione (o nel minore termine eventualmente indicato nell’offerta in busta chiusa), mediante versamento sul libretto di deposito intestato alla Procedura, vincolato all’ordine del Signor G.E, aperto presso la Banca Carime di Cetraro (CS). Qualora si tratti di credito fondiario, ai sensi dell’art. 41 della nuova Legge Bancaria (D.Lgs. 1/09/1993 n. 385), l’aggiudicatario, il quale non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto di finanziamento, dovrà versare direttamente all’istituto di credito fondiario, entro il termine di giorni 30 dalla data in cui l’aggiudicazione diviene definitiva, la parte del prezzo corrispondente al complessivo credito dello stesso. Qualora la vendita senza incanto non abbia luogo per mancanza di offerte d’acquisto proposte entro il termine stabilito, per inefficacia delle offerte ( art. 571 comma 2 c.p.c.) o per dissenso del creditore procedente a fronte di un’unica offerta, il sottoscritto professionista delegato provvederà a fissare la data della vendita con incanto previa emissione dell’avviso ex art. 576 c.p.c., al medesimo prezzo base. Qualora siano presentate più offerte, il professionista delegato inviterà gli offerenti ad una gara sull’offerta più alta; nel corso di tale gara ciascuna offerta in aumento non potrà essere inferiore ad euro 1.000,00 (Euro mille/00). Qualora sia presentata una sola offerta superiore di un quinto (1/5) al valore dell’immobile, la stessa offerta sarà senz’altro accolta. L’aggiudicatario, potrà, ricorrendone i presupposti, avvalersi delle disposizione di cui all’art. 46, comma 5, DPR 380/2001 ed all’art. 40, sesto comma, della Legge 47/1985. Una copia del presente avviso viene affisso ex primo comma dell’art. 490 c.p.c., altra copia verrà pubblicata, per estratto, sul quotidiano “ IL DOMANI DELLA CALABRIA + ASTE DI CATANZARO” mentre, sul sito www.aste.eugenius.it sarà pubblicata la perizia, l’ordinanza di vendita e il presente avviso. Maggiori informazioni, anche relative alle generalità del debitore, possono essere fornite dalla Cancelleria delle esecuzioni immobiliari del Tribunale di Paola a chiunque vi abbia interesse. Custode del bene è la Dott.ssa Maria Rosaria Paola Novello, telefono e fax 0982-972514. Tutte le attività, che, a norma degli artt. 571 e seguenti, devono essere compiute in cancelleria o davanti al Signor G.E., o dal cancelliere o dal Signor G.E., sono eseguite dal professionista delegato presso il suo studio. Si pubblichi nelle forme di Legge. Cetraro lì, 27 Febbraio 2009 Il professionista delegato Dott. ssa Maria Rosaria Paola Novello

°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA SENZA INCANTO La sottoscritta Dott.ssa Maria Rosaria Paola Novello, con studio in Cetraro (CS) alla Via Nazionale n.41, vista l’ordinanza di vendita n. cron. 3560, emanata dal Signor Giudice dell’Esecuzione Dott.ssa Brunella Converso in data 05 Luglio 2006, con cui è stata disposta la vendita dei beni pignorati nel procedimento esecutivo n. 3/90 R.E.I. e sono state delegate, ex art. 591 bis c.p.c., al sottoscritto professionista le relative operazioni, RENDE NOTO che è fissata la vendita senza incanto ad un prezzo base d’asta ulteriormente ribassato di 1/4 dell’unico lotto, della piena proprietà, del bene assoggettato ad espropriazione e così individuato: LOTTO UNICO: Appezzamento di terreno ubicato nel Comune di Paola (CS), Località Castagnella e riportato in Catasto sul Foglio N. 22 particella definitiva n° 592, superficie catastale di mq. 3.000. Detto terreno, secondo il PRG in vigore è destinato, in parte a Zona E1 (produttiva - agricola ), per una superficie di mq. 2.600 e in parte a Zona inedificabile (zone di rispetto dei tracciati di mobilità) per una superficie di mq. 400. Il prezzo base è di euro 8.437,50 (Euro Ottomilaquattro-centotrentasette/50). Condizione: libero La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui il bene, meglio descritto nella perizia del C.T.U. in atti, ed alla quale espressamente si rinvia, si trova, con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione di prezzo. La presente vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere risolta per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dall’eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti, inconoscibili o comunque non considerati in perizia, non potranno dar

TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA UFFICIO ESECUZIONE IMMOBILIARE Procedura esecutiva immobiliare N. 5/02. Il sottoscritto Cancelliere addetto all’Ufficio Esecuzione Immobiliare dell’Intestato Tribunale comunica che il G.E. ha disposto di procedersi alla vendita con incanto dei beni pignorati alle condizioni richieste dei seguenti beni così individuati: LOTTO IN VENDITA: immobile di mq 570 ubicato in Vibo Valentia fraz. Marinà, in via Senatore Parodi, situato al piano terra di un edificio residenziale di recente costruzione, i cui locali sono attualmente sede di un Supermercato. L’immobile è riportato al N.C.E.U. del Comune di Vibo Valentia al fgl 35, p.lla 526, sub 35 cat C/2 classe 2, consistenza mq. 246. L’immobile confina con vano scala, proprietà....e piazzale condominiale dei restanti alti. Prezzo base d’asta: Euro 381.304,00 ridotto di 1/5 La vendita avrà luogo all’incanto il giorno 16/06/09 ore 11,00 con seguito davanti al G.E. dell’intestata procedura in sala delle pubbliche udienze del Tribunale di Vibo Valentia. - le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro 2.750,00 - Entro le ore 11 del giorno precedente la vendita, ciascun offerente dovrà presentare domanda e versare in Cancelleria il 25% del prezzo base (10% per cauzione e 15% in conto spese, mediante deposito su libretto bancario intestato alla procedura). - Le spese di trasferimento e di cancellazione delle ipoteche saranno a carico dell’aggiudicatario. - L’aggiudicatario dovrà, entro trenta giorni da quando l’aggiudicazione sarà divenuta definitiva, la differenza del prezzo su libretto bancario presso la Banca di Roma intestato al debitore e vincolato al G.E. detratta la cauzione. Maggiori informazioni potranno essere richieste presso la Cancelleria del Tribunale, Ufficio Esecuzione Immobiliare di Vibo Valentia. Vibo Valentia, 21/11/08 Il Cancelliere C2 Dott.ssa Liliana Addesi

Per informazioni 0961 996802


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Domenica 19 Aprile 2009 37

Sport

GERMANIA

LIVERPOOL

Cottbus travolto Dopo il 4-0 i giocatori rimborsano i tifosi

Portiere sospeso Ride al rito funebre per la strage di Sheffield

Il difensore della Juventus risponde nel recupero al gol di Balotelli: 1-1 I nerazzurri mantengono il vantaggio di 10 punti e vedono il titolo

Grygera salva l’orgoglio della Signora Il tecnico: serve solo qualche innesto giusto Rossoneri nervosi per la visita del Torino

Espulso Tiago al 30esimo ma i bianconeri continuano in 10 Juventus (4-4-2): Buffon 6,5; Grygera 6,5, Legrottaglie 5, Chiellini 6, Molinaro 6,5 (18’ st De Ceglie 5,5); Marchionni 5 (29’ st Trezeguet sv), Tiago 4,5, Poulsen 5, Nedved 5,5; Del Piero 5,5 (35’ st Giovinco sv), Iaquinta 5,5. A disp. Chimenti, Zebina, Mellberg, Knezevic. All. Ranieri 5,5 Inter (4-3-2-1): Julio Cesar 6,5; J. Zanetti 6,5, Cordoba 6, Samuel 6, Chivu 6; Stankovic 6, Cambiasso 6,5, Muntari 6,5 (33’ st Burdisso sv); Figo 5 (42’ st Cruz sv), Balotelli 7; Ibrahimovic 5,5. A disp. Toldo, Santon, Maxwell, Materazzi, Vieira. All. Mourinho 6,5 Arbitro: Farina di Novi Ligure 6 Marcatori: 19’ st Balotelli (I), 46’ st Grygera (J) Note: espulso al 31’ st Tiago (J) per gioco falloso. Ammoniti Figo, Legrottaglie, Poulsen, Balotelli. Recupero 1’ pt e 5’ st. Spettatori 24.000 circa. TORINO - Non c’è bisogno d’esser bravi con le parole: «scudetto» è facile, sono otto lettere. Traduzione perfetta di un campionato finito in una sera: Juve-Inter 1-1, 10 punti di distacco a 6 giornate dalla fine... Ma la fine è forse già qui. Il «titulo» di Mourinho, preso senza perdere a Torino, garanzia di curriculum impeccabile. Subendo, sì, un pareggio da manicomio al 91’, in superiorità numerica. Ma lasciando intatta la sostanza. Nel centenario del derby d’Italia, il pareggio è un’assicurazione. Certo, i 90 minuti li aveva decisi «bambino» Balotelli con un gol tra i dispetti, suoi e di una partita sfiatata già nell’introduzione, senza la posta in gioco, con la classifica ridotta ad un fronzolo accessorio. Serviva un timbro, ma Grygera ha fermato la mano del notaio spuntando di testa sull’ultimo angolo della partita. Uno a uno quando nessuno ci credeva più. Un punto e... punto. Alla Juve tocca comunque

Ancelotti riprende Kakà: al Milan non è finito un ciclo

Contrasto fra il difensore della Juve Nicola Legrottaglie Dejan Stankovic dell'Inter

Serie A 2008-2009 GLI INCONTRI DI OGGI arbitro

CLASSIFICA

Atalanta-Reggina

Rizzoli

Inter

74

Sampdoria 40

Cagliari-Napoli

Celi

Juventus

64

Napoli

39

Catania-Sampdoria

Velotto

Milan

61

Udinese

39

Palermo-Bologna

Brighi

Genoa

57

Siena

37

Roma-Lecce

Mazzoleni

Fiorentina 55

Catania

37

Siena-Chievo

Rosetti

Roma

49

Chievo

31

Udinese-Fiorentina

Bergonzi

Lazio

47

Torino

27

Palermo

46

Bologna

26

arbitro

Cagliari

45

Lecce

24

Banti

Atalanta

41

Reggina

20

ore 15.00

ore 20.30 Milan-Torino

ANSA-CENTIMETRI

guardarsi indietro, al Milan e quel terzo posto che a Torino pensavano di poter evitare senza sudare. Un pareggio burocratico, insomma. Altro che il meglio del made in Italy pallonaro... Certo non uno spettacolo british, e chi s’aspettava un Chelsea-Liverpool nostrano s’era fatto turlupinare dall’attesa sovraccarica. Qui, in Italia, il dia-

mante è grezzo. La si butta in tonnara da subito, infatti. Farina nemmeno lui è inglese come arbitro - cerca di fischiare il minimo sindacale ma l’adrenalina affoga un pò tutto. Mourinho lascia «bambino Santon» in panca e il domino tattico abbassa Stankovic in mediana e Zanetti (alla 100esima mostruosa partita consecuti-

va...) terzino a destra. Perchè Mourinho per l’occasione si inventa Figo e Balotelli dietro ad Ibra, ma anche loro fanno tanta ramazza e pochi tocchi gentili. Vero è che Balotelli la sua occasione ce l’ha al 10’, ma il tiro smorzato dall’ascella di Buffon in uscita viene provvidenzialmente spazzato via da Tiago, con gli interisti a soffiare sulla palla perchè varchi quella benedetta linea. L’Inter cerca un pò di manovra striminzita com’è tra le linee tirate da Ranieri, ma è un corpo a corpo continuo. Il gioco, bontà sua, è martire. Poi, d’improvviso, la svolta. Marchionni pasticcia, la Juve è altissima e si ritrova quattro contro due; geometria impeccabile: Ibra-Muntari-Balotelli, diagonale, gol. La Juve s’affossa da sola. Figurarsi che Tiago riesce a farsi cacciare quando manca ancora un quarto d’ora. Giusto per aggiungere fatica fisica a quella mentale. Stankovic di destro regala la solita sufficienza larga a Buffon. Il conto vero è già in tavola quando Grygera di testa sfonda tutte le certezze: è il 91’, e l’1-1 resetta la classifica: 10 punti di distacco. Ed una parola che l’Inter terrà in gola fino a quando l’aritmetica non libererà la scaramanzia: scudetto.

Zarate va ancora a segno e affonda a Marassi le ambizioni europee dei rossoblù (0-1)

La Lazio non si ferma, il Genoa sì Il centrocampista del Genoa Bosko Jankovic (D) e il centrocampista francese della Lazio Ousmane Dabo in azione

Per i biancazzurri di Delio Rossi una decisa conferma dopo la vittoria nel derby Genoa (3-4-3): Rubinho 5; Biava 6, Ferrari 6,5, Bocchetti 5; Mesto 5,5 (22’ st M. Rossi sv), Motta 5,5, Juric 5,5 Criscito 5,5 (29’ st Vanden Borre sv); Sculli 6 (17’ st Olivera 5), Jankovic 5, Palladino 5,5. A disp. Lamanna, Papastathopoulos, Modesto, El Shaarawi. All. Gasperini 5,5 Lazio (4-4-2): Muslera 6,5; De

Silvestri 6,5, Diakitè 5,5 (10’ st Siviglia 6), Rozehnal 6, Kolarov 6; Lichtsteiner 6, Dabo 6,5 (29’ st Meghni sv), Ledesma 6,5, Mauri

5,5; Pandev 6,5 (41’ pt Rocchi 6), Zarate 7. A disp. Carrizo, Cribari, Radu, Del Nero. All. D. Rossi 7 Arbitro: Saccani di Mantova 6

Marcatore: 20’ st Zarate Note: ammoniti Juric, Mauri, Biava, Kolarov. Recupero 4’ pt, 5’ st. Spettatori 26 mila circa. ROMA - Il derby non è stato un fuoco di paglia. La Lazio si è ritrovata veramente. Dopo avere regolato nettamente la Roma ha concesso il bis in casa del Genoa. Ancora decisivo Mauro Zarate.

CARNAGO - Kakà vorrebbe una squadra sostanzialmente nuova per aprire «un nuovo ciclo». Carlo Ancelotti lo smentisce categoricamente e fa capire che, stavolta, il brasiliano è andato ben oltre la quota di voce in capitolo che il credito acquisito per la tribolata rinuncia ai petrodollari del Manchester City gli consente. «Il ciclo del Milan finisce se cambia la proprietà - replica secco l’allenatore -. Non c’è bisogno di aprire un nuovo ciclo, bisogna fare solo gli innesti giusti. L’organico sarà rinnovato come succede tutti gli anni, e io non penso che questa squadra sia finita». «Ci ha visto bene dal punto di vista tecnico. Gerrard - ammette Ancelotti - è un giocatore che può essere utile, ma queste sono fantasie». Intanto

oggi arriva a San Siro il Torino e il Milan vincendo potrebbe forse agguantare la Juve, visto che i rossoneri giocheranno in casa anche il prossimo turno contro il Palermo.

Il ko interno dei liguri ieri rilancia le quotazioni viola

Fiorentina a Udine con i cerotti Ma il sogno Champions è vivo FIRENZE - La Fiorentina continua a credere al 4/o posto: lo hanno dichiarato in settimana i giocatori, lo ribadisce Cesare Prandelli alla vigilia della trasferta con l’Udinese contro cui la squadra viola si

presenterà priva di sei giocatori fra infortunati (Mutu, Santana, Gobbi e Kroldrup) e squalificati (Felipe Melo e Montolivo) ma anche reduce da tre vittorie di fila che hanno ridato entusiasmo a tutto l’ambiente. Entusiasmo rinnovato dopo l’inaspetatta sconfitta interna del genoa in casa ieri con la Lazio. «Mancano sette partite che sono ancora tante - ammonisce il tecnico viola - e noi vogliamo farci trovare pronti perchè come sempre tutto si deciderà alla fine». La Fiorentina, insomma, non molla e cercherà di dimostrarlo anche a Udine, dove stavolta Frey e compagni affronteranno una formazione eliminata di fresco dalla Coppa Uefa. «Forse l’Udinese potrà risentirne un pò fisicamente ma dal punto di vista psicologico non credo» osserva Prandelli.

Il nuovo tecnico ha sostituito Sinisa Mihailovic

Papadopulo comincia a Palermo la missione impossibile dei felsinei BOLOGNA - Subentrato in settimana a Sinisa Mihajlovic dopo il disastroso 1-4 col Siena («ma nell’atterraggio non ho trovato tempesta», ha scherzato), Giuseppe Papadopulo prova a far ripartire da Palermo un Bologna che con la classifica attuale andrebbe in B. Chiedendo prima di tutto una cosa: «La lotta su ogni pallone in tutte le zone del campo». «Su questo non transigo - ha spiegato -. Le mie squadre magari possono attraversare momenti più o meno felici, ma sotto l’aspetto della professionalità, dell’impegno, della dedi-

zione, dell’attaccamento ai colori difficilmente hanno eguali. Dal Bologna pretendo una lievitazione in questo senso».


38 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Sport

32 a

Spalletti: “Obbligati a crederci”

Roma, rincorsa per il quarto posto ROMA - Poche possibilità di arrivare quarti, ma l’obbligo di restare concentrati e comunque di provarci. Dopo il ko nel derby e le scintille in campo e fuori, Luciano Spalletti guarda alla gara con il Lecce ancora una volta dovendo fare i conti con le molte assenze. E poi c’è il capitolo sul nervosismo, esploso proprio in occasione della sfida pre-pasquale con la Lazio, con il tecnico giallorosso diviso tra presente e futuro. Quello prossimo della Roma è sicuramente legato alla qualificazione alla Champions. «Siamo obbligati a crederci, in quattro anni che sono qui questa squadra è sempre stata abituata a rincorrere e questa può essere una qualità che ci può aiutare a gestire con meno fatica rispetto ad altre questo momento. Ma non sono molte le possibilità di arrivarci - dice il tecnico lucidamente - e non tutte dipendono da noi». Ma dal piazzamento finale dipenderà il futuro della squadra. Sette partite per salvare il Bologna, ora terz’ultimo a un punto dal Torino. Dietro c’è l’abisso, con Lecce e Reggina nelle stesse condizioni. Questo lo scenario in cui è iniziata l’avventura di Giuseppe Papadopulo sull’ex panchina di Mihajlovic. E oggi la prima tappa della scalata finale è a Palermo, dove il tecnico toscano ha allenato tre anni fa. «Anche a questo punto del campionato il ruolo di un allenatore è importante nella misura in cui i giocatori riescono a seguirlo- il commento di PapadopuloFarò quindi il possibile per essere credibile e per far sì che loro abbiano più certezze che dubbi. C’è da migliorare l’attenzione e da riacquistare l’autostima che un mese e mezzo fa questa squadra aveva e che poi per qualche ragione, anche inconscia, è andata scemando. Se il futuro dipende dalle premesse, sono ottimista. Questa poi non è la situazione più difficile che ho affrontato in carriera, ma una delle più difficili, se rapportata al lasso di tempo a disposizione per poter intervenire. Ma questa squadra, secondo il mio modo di vedere e a detta anche di chi mi ha preceduto, ha valori che non sempre sono emersi, come a volte nel calcio succede».

(4-4-1-1)

ATALANTA

REGGINA

(3-4-2-1)

ALLENATORE Luigi Del Neri A DISPOSIZIONE 91 Colombi, 13 Peluso, 27 Capelli, 15 De Ascentis, 55 Parravicini, 34 Defendi, 9 Plasmati INDISPONIBILI Ferreira Pinto, F. Coppola, Cerci SQUALIFICATI nessuno

ALLENATORE Nevio Orlandi A DISPOSIZIONE 26 Pi. Marino, 44 Camilleri, 4 Cascione, 7 Vigiani, 21 Viola, 88 Di Gennaro, 18 Rakic INDISPONIBILI Adejo, Alvarez, Campagnolo, Corradi, Carmona, Krajcik, Stuani SQUALIFICATI Lanzaro, Barillà

ARBITRO Rizzoli di Bologna (Vicinanza-R. Bianchi; IV Baracani)

TV Sky sport 1 e Calcio 6, Mediaset premium 3 Oggi ore 15

Atalanta - A centrocampo Valdes è in vantaggio su Defendi. Sulla trequarti torna Doni. Floccari rimane l’unica punta. Reggina - Cozza e Brienza posizionati alle spalle di Ceravolo. Poi si prospetta una difesa a tre con Valdez tra Cirillo e Santos. A centrocampo si ferma Carmona: dentro Hallfredsson

(5-3-2)

CATANIA

SAMPDORIA

(3-5-2)

ALLENATORE Walter Zenga A DISPOSIZIONE 12 Kosicky, 29 G. Maccarone, 11 Llama, 5 Carboni, 25 J. Martinez, 9 Paolucci, 24 Spinesi INDISPONIBILI D’Amico, Capuano SQUALIFICATI Stovini

ALLENATORE Walter Mazzari A DISPOSIZIONE 83 Mirante, 28 Gastaldello, 25 Mustacchio, 3 Ziegler, 88 Dessena, 40 Delvecchio, 89 Marilungo INDISPONIBILI Bellucci SQUALIFICATI nessuno

ARBITRO Velotto di Grosseto (Angrisani-Segna; IV Tozzi)

TV Sky calcio 5, Dahlia 4 calcio Oggi ore 15

Catania - Dubbio modulo, ma Izco e Tedesco saranno più difensori che centrocampisti. In attacco fiducia alla coppia Mascara-Morimoto. Solo panchina per Paolucci. Sampdoria - A centrocampo Padalino per Stankevicius, che ha recuperato ma non è al meglio. In difesa c’è il dubbio Accardi: non dovesse farcela, Gastaldello centrale con Lucchini spostato a sinistra

(4-2-3-1)

ROMA

LECCE

(4-3-1-2)

ALLENATORE Luciano Spalletti A DISPOSIZIONE 27 Bertagnoli, 15 Loria, 77 Cassetti, 14 Filipe, 11 Taddei, 23 Montella, 38 D’Alessandro INDISPONIBILI Doni, Juan, Vucinic, Menez, Aquilani, Cicinho SQUALIFICATI Mexes, Panucci

ALLENATORE Luigi De Canio A DISPOSIZIONE 1 Rosati, 2 Stendardo, 77 Basta, 21 Ardito, 19 Ariatti, 25 Konan, 81 Papadopoulos INDISPONIBILI Cacia, Antunes, Angelo SQUALIFICATI Giacomazzi, Schiavi, Vives

ARBITRO Mazzoleni di Bergamo (Carrer-Padovan; IV Pinzani)

TV Sky calcio 4 e sport HD 1, Mediaset premium 1 Oggi ore 15

Roma - Spalletti pensa al 4-2-3-1. Taddei non è al meglio e andrà in panchina. Artur sostituisce Doni tra i pali. Diamoutene-Riise la probabile coppia centrale difensiva, Loria l’alternativa. Lecce - Una o due punte? La seconda ipotesi sembra probabile. Se dovesse scegliere uno schieramento prudente, Ariatti farebbe il quarto a sinistra sulla mediana, Castillo in panchina

(4-3-3)

Francesco Totti mentre contrasta il giocatore della Lazio Matuzalem nella scorsa partita all’Olimpico di Roma

UDINESE

FIORENTINA

(4-2-3-1)

ALLENATORE Pasquale Marino A DISPOSIZIONE 80 Belardi, 99 Sala, 6 Domizzi, 26 Pasquale, 88 Inler, 9 Ighalo, 11 Sanchez INDISPONIBILI Ferronetti, Tissone, Coda, Di Natale SQUALIFICATI nessuno

ALLENATORE Cesare Prandelli A DISPOSIZIONE 13 Storari, 21 Comotto, 6 Vargas, 15 Mazuch, 20 Jorgensen, 41 Tagliani, 32 Bonazzoli INDISPONIBILI Santana, Mutu, Kroldrup, Gobbi SQUALIFICATI Montolivo, Felipe Melo

ARBITRO Bergonzi di Genova (Giordano-Ghiandai; IV Tommasi)

TV Sky calcio 1, sport Hd e 16:9,Dahlia calcio 2 Oggi ore 15

Udinese - In regia uno tra Obodo e Inler prenderà il posto dell’acciaccato D’Agostino. In attacco ci sarà Pepe in vantaggio su Ighalo. Fiorentina - Donadel e Almiron per gli squalificati Felipe Melo e Montolivo in un possibile 4-2-3-1. In difesa lo schieramento prevederà molto probabilmente Zauri e Pasqual più di Vargas e Comotto

(4-3-1-2)

CAGLIARI

Giornata

NAPOLI

(3-5-2)

ALLENATORE Massimiliano Allegri A DISPOSIZIONE 24 Lupatelli, 15 Di Laura, 2 Carta, 8 Biondini, 26 Mancosu, 30 Ragatzu, 9 Acquafresca INDISPONIBILI Magliocchetti SQUALIFICATI Lopez, Canini, Agostini, Conti

ALLENATORE Roberto Donadoni A DISPOSIZIONE 22 Gianello, 4 Montervino, 3 Vitale, 17 Hamsik, 18 Bogliacino, 20 Russotto, 9 Denis INDISPONIBILI Gargano, Maggio, Iezzo, Navarro, Rinaudo SQUALIFICATI nessuno

ARBITRO Celi di Campobasso (De Pinto-Stallone; IV Candussio)

TV Sky calcio 2, Mediaset premium calcio 2, Dahlia 3 Oggi ore 15

Cagliari - Acquafresca e Biondini sono recuperati, ma andranno in panchina. In attacco Jeda e Matri. A centrocampo ci sarà Parola al posto dello squalificato Conti. In difesa invece, spazio per Bianco, Astori e Pisano Napoli - Possibile turno di riposo per Hamsik: in campo Datolo. In porta Bucci più di Gianello, a centrocampo Grava favorito su Vitale. In avanti probabile la coppia Zalayeta-Lavezzi

(3-5-2)

PALERMO

BOLOGNA

(3-5-2)

ALLENATORE Davide Ballardini A DISPOSIZIONE 1 Ujkani, 25 Savini, 26 Morganella, 57 Temperino, 60 Misuraca, 19 Succi, 99 Hernandez INDISPONIBILI Bresciano, Budan, Guana, Cossentino, Nocerino SQUALIFICATI Simplicio

ALLENATORE Giuseppe Papadopulo A DISPOSIZIONE 12 Campironi, 23 Lanna, 2 Marchini, 25 Mutarelli, 8 Mingazzini, 20 Adailton, 99 Osvaldo INDISPONIBILI Antonioli, Paonessa, Cesar, Lavecchia, M. Castellini, Bombardini, Britos SQUALIFICATI nessuno

ARBITRO Brighi di Cesena (Liberti-Viazzi; IV Ciampi)

TV Sky calcio 3, Dahlia 1 calcio Oggi ore 15

Palermo - Emergenza centrocampo, fuori all’ultimo anche l’infortunato Bresciano. Tedesco e Miccoli hanno la febbre, ma Ballardini spera di recuperarli. Bologna - La prima formazione di Papadopulo. Colombo per Antonioli tra i pali. Poi una difesa a tre con Moras tra Terzi e Belleri. A centrocampo Amoroso in lieve vantaggio su Mutarelli

(4-3-1-2)

SIENA

CHIEVO

(4-3-1-2)

ALLENATORE Marco Giampaolo A DISPOSIZIONE 46 Manitta, 20 Ficagna, 21 A. Rossi, 55 M. Coppola, 24 Belmonte, 17 Amoruso, 7 Frick INDISPONIBILI Curci, Maccarone, Rossettini, Guadalupi SQUALIFICATI nessuno

ALLENATORE Domenico Di Carlo A DISPOSIZIONE 18 Squizzi, 83 Sardo, 5 Mandelli, 77 Italiano, 15 G. Colucci, 79 M. Esposito, 97 Langella INDISPONIBILI Makinwa, Kerlon, Moro SQUALIFICATI nessuno

ARBITRO Rosetti di Torino (De Luca-Alessandroni; IV Russo)

TV Sky calcio 7, Dahlia sport Oggi ore 15

Siena - Eleftheropoulos per Curci tra i pali, Ghezzal per Maccarone in attacco. Kharja trequartista. Chievo - Frey recupera e si riprende una maglia da titolare e si posiziona sulla destra di difesa. In attacco lo chieramento prevederà molto probabilmente Pellissier e Bogdani davanti a Pinzi

(4-3-2-1)

MILAN

TORINO

(4-4-1-1)

ALLENATORE Carlo Ancelotti A DISPOSIZIONE 16 Kalac, 36 Darmian, 2 Mattioni, 32Beckham, 84 Flamini, 76 Shevchenko, 9 F. Inzaghi INDISPONIBILI Abbiati, Gattuso, Borriello, Nesta, Kaladze, Bonera, Antonini SQUALIFICATI Jankulovski

ALLENATORE Giancarlo Camolese A DISPOSIZIONE 99 Calderoni, 6 Ogbonna, 15 Dellafiore, 32 Ri. Colombo, 24 Saumel, 28 Vailatti, 30 Stellone INDISPONIBILI Abbruscato, P. Zanetti, Corini, M. Pisano, Gasbarroni, Ventola, Di Loreto SQUALIFICATI nessuno

ARBITRO Banti di Livorno (Nicoletti-Romagnoli; IV Gervasoni)

TV Sky sport 1, calcio 1, Mediaset Premium 24 Oggi ore 20.30

Milan - Ancelotti ha deciso di convocare Maldini, che giocherà in difesa con Senderos. Salgono le quotazioni di Ronaldinho in campo dal primo minuto: il brasiliano affiancherà Kakà dietro a Pato. Inzaghi pronto a subentrare. Ballottaggio Ambrosini-Beckham. Torino - Camolese è costretto a rinunciare a Di Loreto ma ritrova Ogbonna, in panchina. Difesa a quattro con l’inserimento di Rubin a sinistra e Diana a centrocampo


il Domani Domenica 19 Aprile 2009 39

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Sport

Dopo il tris contro il Rimini per i pugliesi è già il tempo di far programmi per la A Il pareggio tra Livorno e Parma non danneggia gli emiliani che inseguono la vetta

Bari, la fuga è quella buona Serie B

ROMA - Tre squilli per la serie A. Dopo la sconfitta interna col Parma, il Bari rialza subito la testa, travolgendo al San Nicola il Rimini con un secco 3-0. Kutuzov nel primo tempo, Guberti e Donda nella ripresa, regalano a Conte tre punti che lanciano i pugliesi, a sette giornate dal termine, verso la promozione diretta nella massima serie. Salgono così a tre i punti di vantaggio sugli emiliani, ma soprattutto diventano dieci quelli in più della terza forza del campionato, il Livorno. I toscani non vincono da nove giornate (3-2 a Grosseto) e vedono sfumare i primi due posti. Occorrerà ora difendere la terza piazza che dà un vantaggio per i playoff. Incredibile l’occasione sciupata all’Ardenza nello scontro diretto contro il Parma. Due volte in vantaggio col rigore di Tavano, capocannoniere del campionato cadetto (19esimo gol per lui), e poi col lituano Danilevicius che insacca di testa su angolo pochi secondi dopo il suo ingresso in campo, il Livorno si fa raggiungere prima dall’ex Lucarelli, Alessandro e non il tanto atteso Cristiano che non era nemmeno in panchina, e da un gol di Paloschi nei minuti finali. Il giovane attaccante di proprietà del Milan emula il suo idolo Filippo Inzaghi, spedendo il pallone in rete da pochi passi

Avellino Piacenza

1 1

SQUADRA

Bel colpo del Grosseto a Trieste. In basso, A. Lucarelli (Parma)

in sospetta posizione di fuorigioco. Continua il momento negativo della matricola Sassuolo: appena quattro punti nelle ultime sette gare. La sconfitta nel derby contro il Modena (2-0), maturata grazie ai gol nel primo tempo di Fantini e Biabiany, costa alla squadra di Mandorlini il sorpasso in zona playoff da parte dell’Empoli e del Brescia. La squadra di Sonetti espugna il Menti grazie alle marcature nella prima fra-

Bari Rimini

3 0

zione di Rispoli e Gorzegno. Inutile per i biancorossi il gol nella ripresa del croato Bjelanovic, giunto alla sua dodicesima marcatura stagionale. Nella vittoria interna dei toscani sul Treviso per 2-1, invece, da segnalare il ritorno al gol di Francesco Flachi, da meno di due mesi in campo dopo i due anni di squalifica per uso di cocaina. L’ex attaccante della Sampdoria ha siglato la rete del momentaneo 2-0 con un toc-

Cittadella Pisa

1 0

Avellino (4-4-2): Padelli 5,5; Gazzola 5,5, Doudou 5,5, Pecorari 5, Mesbah 6; Pepe 5,5 (17’ st Visconti 5), Di Cecco 5,5 (17’ st De Martino 5), Dettori 5,5, Ciotola 6 (33’ st Babù sv); Aubameyang 5, Konan 5,5. A disp. Gragnaniello, Cosenza, Venitucci, Vasko. All. Campilongo 5,5 Piacenza (4-3-3): Cassano 5,5; Avogradi 5,5, Olivi 5,5 (26’ st Bini 5), Mengoni 5, Calderoni 5; Bianchi 5,5, Passoni 5,5, Nainggolan 6; Ferraro 5,5 (18’ st Volpato 5,5), Aspas 5,5, Moscardelli 5,5 (33’ st Grippo 5). A disp. Maurantonio, Abbate, Eramo, Siligardi. All. Pioli 6 Arbitro: Scoditti di Bologna 5,5 Marcatori: 43’ pt Mesbah (A), 3’ st Nainggolan (P) Note: ammoniti Doudou, Ciotola, Moscardelli, Nainggolan, Gazzola, De Martino, Aubameyang

Bari (4-4-2): Gillet 6; A. Masiello 6, Ranocchia 6,5, Stellini 6,5, Parisi 6; Kamata 6,5 (19’ st Galasso 6), Donda 7,5, Gazzi 7, Guberti 7 (29’ st Edusei sv); Kutuzov 6,5 (8’ st Caputo 6), Barreto 6,5. A disp. Santoni, Bonomi, Lanzafame, Colombo. All. Conte 7 Rimini (4-1-4-1): Agliardi 7; Basha 5,5 (1’ st A. Marchi 5,5), Sottil 5, Rinaldi 5, Pagano 5,5; Cardinale 6; Docente 5 (1’ st M. Marchi 6), Frara 5,5, Paraschiv 5,5, La Camera 6; Matteini 5 (33’ st Paponi sv). A disp. Temeroli, Bravo, Ricchiuti, Pezzi. All. Selighini 5,5 Arbitro: Peruzzo di Schio 6,5 Marcatori: 32’ pt Kutuzov, 16’ st Guberti, 38’ st Donda Note: ammoniti Basha, Paraschiv, A. Marchi, Matteini, Pagano. Recupero 1’ pt, 0’ st

Cittadella (4-4-2): Pierobon 6; Manucci 6, Cherubin 6,5, Iori 6,5, Teoldi 6; Pesoli 6, Castiglia 6, Carparelli 6 (9’ st Bonvissuto 5,5), Meggiorini 5; Oliveira 6 (38’ st Di Matteo sv), Volpe 6 (9’ st De Gasperi 6). A disp. Berto, Gerardi, Turato, Rossini. All. Foscarini Pisa (4-4-2): Cejas 6; Genevier 5,5, Bonucci 6, Alvarez 6, Greco 5,5 (13’ st Joelson); Degano 5,5 (22’ st Job 6), Birindelli 6, Zavagno 6, Radovanovic 6 (29’ st Braiati sv), Piccinni 5,5, Antenucci 5,5. A disp. Sarti, Trevisan, Garibaldi, Feussi. All. Ventura Arbitro: Calvarese di Teramo 6 Marcatore: 13’ pt rig. Iori Note: espulso al 44’ st Meggiorini (C). Ammoniti Radovanovic, Cejas, Castiglia, Job, Braiati, Bonvissuto. Recupero 1’ pt, 5’ st

Modena Sassuolo

2 0

Salernitana 4 Albinoleffe 2

Vicenza Brescia

Modena (3-4-1-2): Castelli 6,5; Gozzi 7, Diagouraga 7, Perna 6,5; Giampà 7, Bolano 6 (21’ st Amerini sv), Troiano 6, Tamburini 6,5; Pinardi 7,5 (43’ st Catellani sv); Fantini 7 (17’ st De Oliveira sv), Biabiany 6,5. A disp. Frezzolini, Ricchi, Gemiti, Bruno. All. Apolloni 7 Sassuolo (4-3-3): Bressan 6; Rea 5,5, Anselmi 5, Piccioni 5, Consolini 5,5 (9’ st Selva 6); Fusani 5,5, Magnanelli 5, Salvetti 5; Masucci 5,5 (30’ st Della Rocca sv), Zampagna 5,5, Pagani 5,5 (20’ st Poli 5,5). A disp. Pinzan, Bastrini, Girelli, Noselli. All. Mandorlini 5 Arbitro: Gava di Conegliano 6 Marcatori: 30’ pt Fantini, 36’ pt Biabiany Note: ammoniti Rea, Zampagna, Troiano, Fusani, Piccioni

Salernitana (4-4-2): Berni 6,5; Russo 6, Fusco 6,5, Cardinale 6, Marchese 6; Soligo 6, Tricarico 5, Ciaramitaro 6 (32’ st Ledesma 6), Scarpa 6; Iunco 6,5 (31’ pt Merino 6,5), Ganci 6,5 (40’ st Squitieri sv). A disp. Pinna, Cirillo, Coppola, Federici. All. Brini 6,5 Albinoleffe (4-4-2): Narciso 5; Garlini 5 (8’ st Gabionetta 5), Gervasoni 5, Serafini 5 (10’ st Coser 6), Renzetti 6; N. Madonna 6, Previtali 5,5, Carobbio 6, Laner 6; Cellini 6 (21’ st Perico 6), Ruopolo 6,5. A disp. Luoni, Caremi, Cristiano, Ferrari. All. A. Madonna Arbitro: Romeo di Verona 6 Marcatori: 3’ pt Iunco (S), 34’ pt Cellini (A), 41’ pt Ganci (S), 18’ st Ruopolo (A), 32’ st Ledesma (S), 37’ st Merino (S) Note: espulso al 10’ st Narciso . Ammoniti Cellini, Cardinale, Serafini, Renzetti, Merino

Vicenza (3-4-3): Fortin 6; Martinelli 5, Zanchi 6, Volta 5,5; Brivio 5 (39’ st Innocenti sv), Bottone 5,5, Morosini 6,5, Botta 6; Forestieri 5 (10’ st Serafini 6), Bjelanovic 6, Sgrigna 5,5. A disp. Frison, Rigoni, Gorobsov, Margiotta, Essabr. All. Gregucci 5 Brescia (4-4-2): Viviano 6,5; Berardi 6, Zoboli 6,5, Martinez 6, Rispoli 6,5 (24’ st Vass 6); Tognozzi 6, Baronio 6, Zambrella 6,5 (13’ st Taddei 6), Gorzegno 6,5; Caracciolo 6, Possanzini 5,5 (35’ st Okaka 6,5). A disp. Arcari, Bonaccorsi, Salamon, Nassi. All. Sonetti 6 Arbitro: Trefoloni di Siena 5,5 Marcatori: 28’ pt Rispoli (B), 36’ pt Gorzegno (B), 30’ st Bjelanovic (V) Note: ammoniti Gorzegno, Volta, Sgrigna, Baronio, Bjelanovic

1 2

Bari Parma Livorno Brescia Empoli Triestina Sassuolo Albinoleffe Grosseto Ascoli Piacenza Vicenza Cittadella Ancona Pisa Mantova Salernitana Rimini Frosinone Modena Avellino Treviso

IN CASA N P RF

Pt

G

V

66 63 56 55 54 52 52 51 50 49 46 43 42 42 42 42 40 40 39 36 33 28

35 35 35 35 35 35 35 35 35 35 35 35 35 35 35 35 35 35 35 35 35 35

10 5 9 8 7 10 10 5 9 6 8 5 9 4 9 4 10 4 10 4 8 5 6 7 4 10 10 2 8 4 6 7 8 3 5 6 7 5 7 8 5 9 6 5

co da pochi passi a porta vuota. Per i veneti, che hanno accorciato le distanze nel recupero grazie al rigore di Quadrini, la situazione in classifica si fa sempre più difficile: gli uomini di Gotti sono ora ultimi con 31 punti, a otto dalla zona playout. Non se la passa meglio l’Avellino, che al Partenio si è fatto raggiungere sull’1-1 dal Piacenza: al gol dell’algerino Mesbah ha risposto a inizio ripresa il belga

Empoli Treviso

2 1

Empoli (4-3-1-2): Bassi 6; Marzoratti 6, Vargas 6,5, Sabato 6, Tosto 6; Buscè 6,5, Carrus 6, Moro 6; Musacci 6 (13’ st Lodi 6); Pozzi 6 (27’ st Flachi 6,5), Corvia 7 (21’ st Saudati 6). A disp. Dossena, Vinci, Valdifiori, Vannucchi. All. S. Baldini 6,5 Treviso (4-4-2): Cordaz 7; Baccin 6, Zaninelli 6,5, Mezzano 6, Smit 6 (39’ st Cafasso sv); Missiroli 6, Guigou 6 (24’ st Fonjock 5,5), Frezzotti 5,5, Pedrelli 5,5 (10’ st Foti 6); Quadrini 7, Piovaccari 6,5. A disp. Guardalben, Musetti, Zigoni, Galuppo. All. Gotti 5,5 Arbitro: Valeri di Roma 6 Marcatori: 5’ pt Corvia (E), 34’ st Flachi (E), 46’ st rig. Quadrini (T) Note: ammoniti Frezzotti, Carrus, Smit, Musacci, Zaninelli, Cafasso, Vargas. Recupero 2’ pt, 4’ st

3 0 1 2 4 5 3 3 3 4 5 4 4 5 5 5 7 6 5 4 4 6

RS

25 24 28 24 29 28 23 21 36 21 23 23 18 31 21 19 28 16 19 27 20 22

15 9 15 10 25 21 13 14 21 13 16 15 15 21 18 22 23 18 16 20 19 23

V

TRASFERTA N P RF RS

8 7 2 21 7 7 4 26 5 10 2 23 5 5 8 20 6 3 7 12 6 5 6 22 4 9 6 23 4 8 7 19 4 4 10 17 4 5 8 12 4 5 8 15 4 6 8 15 5 5 7 18 2 4 12 15 3 5 10 18 4 5 8 14 3 4 10 11 5 4 9 18 2 7 9 21 1 4 11 18 2 5 10 13 0 9 9 11

12 18 17 25 15 19 24 22 37 21 23 17 20 32 28 18 26 29 33 35 30 25

F

RETI S DR PE MI

46 50 51 44 41 50 46 40 53 33 38 38 36 46 39 33 39 34 40 45 33 33

27 19 -5 27 23 -6 32 19 -15 35 9 -14 40 1 -19 40 10 -19 37 9 -15 36 4 -16 58 -5 -19 34 -1 -2 -20 39 -1 -25 32 6 -26 35 1 -29 53 -7 -27 46 -7 -27 40 -7 -29 49-10 -31 47-13 -29 49 -9 -30 55-10 -37 49-16 -2 -36 48-15 -4 -37

Nainggolan. Lo spettro della Lega Pro si fa sempre più incombente per gli irpini, che stazionano al penultimo posto a quota 33 punti. In coda importanti vittorie del Cittadella (1-0 al Pisa grazie al settimo centro su rigore di Iori) e della Salernitana sull’AlbinoLeffe per 4-2. Succede di tutto nella gara dell’Arechi: i granata passano dopo pochi minuti con l’ex clivense Iunco, vengono raggiunti da un gol di Cellini

Livorno Parma

2 2

RISULTATI

Ascoli - Frosinone Avellino - Piacenza Bari - Rimini Cittadella - Pisa Empoli - Treviso Livorno - Parma Mantova - Ancona Modena - Sassuolo Salernitana - Albinoleffe Triestina - Grosseto Vicenza - Brescia

2-1 1-1 3-0 1-0 2-1 2-2 2-2 2-0 4-2 2-3 1-2

PROSSIMO TURNO Albinoleffe - Cittadella Ancona - Bari Brescia - Avellino Frosinone - Modena Grosseto - Empoli Parma - Ascoli Pisa - Mantova Rimini - Salernitana Sassuolo - Piacenza Treviso - Livorno Vicenza - Triestina

e chiudono in vantaggio il primo tempo grazie alla rete di Ganci. La ripresa inizia in discesa per i padroni di casa. C’è ancora tempo, tuttavia, per vedere i gol che regalano i tre punti ai campani: prima segna Ledesma, poi il peruviano Merino chiude i conti. Un tempo e un punto a testa, infine, tra Mantova e Ancona: alla doppietta di Caridi dei primi 45 minuti, rispondono nella ripresa Turati e Colacone.

Mantova Ancona

2 2

Livorno (4-3-2-1): De Lucia 6,5; Rosi 6,5, Perticone 6,5, Miglionico 6,5, Bonetto 6,5; Pulzetti 5,5, Loviso 6, A. Filippini 5,5; Candreva 6 (26’ st Danilevicius 6,5), Diamanti 6 (34’ st Galante sv); Tavano 7 (43’ st Paulinho sv). A disp. Mazzoni, Terranova, E. Filippini, Cellerino. All. Acori 5 Parma (4-3-1-2): Pavarini 5,5; D. Zenoni 6, Troest 6,5, A. Lucarelli 7, P. Castellini 7; Morrone 6 (11’ st Manzoni 6), Lunardini 6 (1’ st Leon 6), Mariga 7; Budel 6; Paloschi 6,5, Vantaggiato 6 (26’ st M. Rossi 6). A disp. Pegolo, Antonelli, Pisanu, Reginaldo. All. Guidolin 6 Arbitro: Orsato di Schio 5 Marcatori: 24’ pt rig. Tavano (L), 21’ st A. Lucarelli (P), 27’ st Danilevicius (L), 41’ st Paloschi (P) Note: Ammoniti Vantaggiato, D. Zenoni, Morrone, Diamanti, Leon, Rosi, Galante

Mantova (4-2-3-1): Handanovic 6,5; Salviato 6, Cristante 5, Fissore 6, Rizzi 6,5; Spinale 6,5, D’Aversa 5,5; Sedivec 6 (28’ pt Marchesetti 5,5), Caridi 7,5 (42’ st Grauso sv), Corona 5,5; Godeas 5 (27’ st Franchini 6). A disp. Bellodi, Cuneaz, Notari, Sacchetti. All. Somma 5,5 Ancona (4-2-3-1): Da Costa 6; Turati 6,5, Comazzi 5,5, Vanigli 5,5, Rizzato 5,5; De Falco 6, Schiattarella 5,5 (1’ st Miramontes 6,5); Surraco 5,5 (1’ st Siqueira 6,5), Catinali 6,5, Soddimo 6 (25’ st Colacone 7); Mastronunzio 6,5. A disp. Sirigu, De Castro, Camillucci, Di Fausto. All. Monaco 7 Arbitro: Cavarretta di Trapani 6 Marcatori: 10’ pt e 13’ pt Caridi (M), 14’ st Turati (A), 44’ st Colacone Note: ammoniti Caridi, Spinale, De Falco, Siqueira. Recupero 1’ pt, 5’ st

Ascoli Frosinone

Triestina Grosseto

2 1

Ascoli (4-4-2): Guarna 6; Nastos 6,5, Bellusci 6, Melucci 6,5, Giallombardo 6; Sommese 6,5 (15’ st Giorgi 6,5), Luisi 6,5 (37’ st Micolucci sv), Di Tacchio 6,5, Pesce 7; Cani 7, Soncin 7 (34’ st Belingheri sv). A disp. Zomer, Camillini, Cioffi, Masini. All. Colomba 6,5 Frosinone (4-4-2): Sicignano 5; Nocentini 5,5, Guidi 5,5 (27’ st Dedic 5), Ascoli 6, Bocchetti 6; Antonazzo 5,5 (17’ st Maietta 6), Perra 6,5, D’Antoni 6 (27’ st Biso 6), Cariello 6,5; Eder 5, Tavares 6,5. A disp. Frattali, Scarlato, Rajcic, Elsneg. All. Braglia 5,5 Arbitro: Marelli di Como 6 Marcatori: 21’ pt Tavares (F), 29’ pt Soncin (A), 22’ st Cani (A) Note: ammoniti Pesce, Soncin, Sicignano, Bocchetti, Ascoli, Cariello, Di Tacchio (anticipo di venerdì)

2 3

Triestina (4-4-2): Agazzi 5; Cacciatore 5,5, Cottafava 5,5, Minelli 6, Rullo 5,5 (19’ st Allegretti 6); Antonelli 5 (33’ st Cia sv), Princivalli 6,5, Gorgone 6, Testini 6; Della Rocca 6,5 (33’ st Ardemagni 6,5), Granoche 5. A disp. Dei, Petras, Lima, Stankovic. All. Maran 5 Grosseto (4-4-2): Polito 5; Freddi 5,5, Stendardo 6, Federici 6, Garofalo 6,5; Gessa 6,5 (34’ st Bonanni sv), Valeri 6,5, Cordova 6 (33’ pt Capone 6), Mora 7; Sansovini 6,5 (23’ st Pichlmann 6,5), Pellicori 6,5. A disp. Caparco, Abruzzese, Csizmadia, Marconi. All. Gustinetti 7 Arbitro: Ayroldi di Molfetta 6,5 Marcatori: 26’ pt Della Rocca (T), 46’ pt Sansovini (G), 29’ st Pellicori (G), 43’ st Allegretti (T), 44’ st Pichlmann (G) (anticipo di venerdì)


40 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Sport

F1 Sebastian Vettel in pole nel gran premio di Shanghai Terzo il compagno Webber. Alonso secondo, male il Cavallino

Ciclismo Speranze sulle strade olandesi

Il giorno delle Red Bull Le Ferrari arrancano Quarta e quinta posizione per le BrawnGp finora senza rivali

Così al via in Cina Diretta TV: ore 9.00 Rai 1 e Sky Sport 2 - Replica: ore 19.00 Rai 2

Beniamino Natale

SHANGHAI - Sebastien Vettel rompe il monopolio della Brawn Gp, almeno nelle qualifiche, e a Shanghai piazza la sua Red Bull davanti a tutti. Il gran premio di Cina (ore 9 italiane, diretta Tv1 e Sky Sport 2), terza tappa del mondiale di formula 1, comincia con la sorpresa del 21enne tedesco che conquista la pole grazie a un giro superveloce di 1.36.184 che gli permette di precedere la Renault di Fernando Alonso (1.36.381). Una prima fila inedita in questo avvio di mondiale, dopo le corse in Australia e Malaysia dominate dalla scuderia di Ross Brawn, nata sulle ceneri della Honda. Salto di qualità anche per la Renault scesa in pista rinnovata grazie ad un intervento durato tutta la notte da parte dei tecnici con quello che il leader della squadra, Flavio Briatore, ha definito un «lavoro di mani e di lima». Vettel ha ottenuto la seconda pole della sua carriera, dopo quella dell’ anno scorso a Monza, da cui poi volò verso la vittoria del Gran Premio d’Italia. E la Red Bull fa festa anche grazie al terzo posto del secondo pilota, l’australiano Mark Webber (1.36.466), dimostrando di avere una vettura competitiva al massimo livello. Le Brawn Gp di Rubens Barrichello e di

1 Sebastian Vettel Red Bull

1ª FILA

2 Fernando Alonso Renault

3 Mark Webber Red Bull

2ª FILA

4 Rubens Barrichello Brawn Gp

5 Jenson Button Brawn Gp

3ª FILA

6 Jarno Trulli Toyota

7 Nico Rosberg Williams

4ª FILA

8 Kimi Raikkonen Ferrari

9 Lewis Hamilton McLaren

5ª FILA

10 Sebastien Buemi Toro Rosso

11 Nick Heidfeld Bmw-Sauber

6ª FILA

12 Heikki Kovalainen McLaren

13 Felipe Massa Ferrari

7ª FILA

14 Kazuki Nakajima Williams

15 Sebastien Bourdais Toro Rosso

8ª FILA

16 Nelson Piquet Jr. Renault

17 Robert Kubica BMW-Sauber

9ª FILA

18 Adrian Sutil Force India

19

20 10ª FILA

*Timo Glock Toyota

Giancarlo Fisichella Force India

*retrocesso di 5 posizioni per aver sostituito il cambio

Jenson Button, che ha vinto le prime due gare della stagione e guida la classifica con 15 punti (in Malaysia ha avuto il punteggio dimezzato perchè si è corsa meno dei tre quarti della gara), sono rispettivamente quarta e quinta sulla griglia di partenza. Sia Vettel che Alonso hanno reso omaggio ai meccanici delle rispettive scuderie, che hanno lavorato tutta la notte per fornire ai piloti monoposto in grado di battere le velocissime Brawn GP, ma anche Toyota e Williams, i tre team a cui anche la corte d’appello della Fia ha dato l’ok sulla legalità dei diffusori montati nel retro delle vetture e risultati decisivi sul piano della competitività.I vincitori degli ultimi due mondiali, Kimi Raikkonen della Ferrari e Lewis Hamilton della McLaren, partiranno rispettivamente in ottava e nona posizione. Davanti a loro si sono classificati infatti l’italiano Jarno Trulli della Toyota e Nico Rosberg della Williams. «Sarà dura dura partire dietro di loro, perchè qui i sorpassi sono molto difficili», ha affermato il britannico della McLaren, mentre Raikkonen si è limitato a dire che la Ferrari «farà del suo meglio» per andare a punti, per la prima volta in questa stagione. Le due Red Bull e i tre campioni del mondo Alonso, Raikkonen e Lewis - hanno rotto il tabù dell’imbattibilità delle scuderie che per prime hanno montato il diffusore, il nuovo elemento aerodinamico che garantisce un sensibile aumento della velocità. «Piano piano stiamo colmando il divario con queste squadre» ha dichiarato con ottimismo Lewis, «ma la strada è ancora lunga». Trulli ha affermato di essere «leggermente deluso» perchè riteneva di poter «correre in testa».

F1 Il finlandese parte dalla quarta fila, molto peggio Massa che sbaglia e finisce tredicesimo

Raikkonen è solo ottavo però non perde la fiducia “Non siamo molto veloci, ma pensiamo a far punti”

SHANGHAI - Una gara «da giocare in difesa», cercando di «portare a casa il miglior piazzamento possibile». La Ferrari cerca di conservare l’ottimismo per il gran premio cinese e, nonostante l’ottavo posto di Kimi Raikkonen e Felipe Massa fuori dalla top ten in pista per la pole, guarda alla terza prova del mondiale con ritrovata speranza: lo ripetono tutti, dal direttore della gestione sportiva Stefano Domenicali, ai piloti, e tutto lo staff del Cavallino. Come ha detto Massa, quello che «venerdì e ieri sembrava impossibile» è avvenuto e la Ferrari ha ritrovato una speranza. Raikkonen è entrato nei primi dieci - partirà in quarta fila. Massa ha invece mancato la qualificazione per un banale errore nella Q2, non per un problema della F60. «È ovvio - ha commentato Raikkonen - che non posso essere felice per un ottavo posto ma, visto il nostro attuale potenziale, dobbiamo accontentarci. Abbiamo tirato fuori il massimo dalla macchina ma non avevamo più pneumatici nuovi nella Q3 e, pertanto, è già

Tennis In finale a Barcellona

Vinci batte Schiavone Ora pensa a Kirilenko ROMA - Roberta Vinci si è imposta nel derby azzurro contro Francesca Schiavone (foto) conquistando la finale del torneo Wta di Barcellona, in corso sulla terra battuta del capoluogo catalano con un montepremi di 220mila dollari. La Vinci si è imposta sulla milanese col punteggio di 0-6, 7-6 (2), 6-4. In finale la tennista tarantina troverà la russa Maria Kirilenko (numero sei del tabellone) che ha superato la spagnola Carla Suarez Navarro (numero cinque) per 4-6, 6-1, 6-2. Sara Errani, il 27 luglio 2008 a Portoroz, in Slovenia ha vinto l’ultimo torneo Wta per l’Italia.

Montecarlo in mano a Nadal e Djokovic

PILOTI 1

JENSON BUTTON (Gbr)

15

2

Rubens Barrichello ( Bra)

10

3

Jarno Trulli (Ita)

4

Timo Glock (Ger)

8

5

Nick Heidfeld (Ger)

4

6

Fernando Alonso (Spa)

4

7

Nico Rosberg (Ger)

8

Sebastien Buemi (Svi)

8,5

3,5 2

COSTRUTTORI Kimi Raikkonen slitta fuori pista

1

BRAWN GP

importante essere riusciti a mettersi dietro un paio di avversari. Il problema è sempre lo stesso: non siamo abbastanza veloci». Massa ha ammesso di aver commesso «un errore all’entrata della curva 9 che mi è costato il passaggio alla Q3. Ho trovato un pò di traffico nel giro di lancio che mi ha impedito di portare alla giusta temperatura gli pneu-

2

Toyota

3

BMW Sauber

4

4

Renault

4

5

Williams

6

Toro Rosso

matici». In coro, i due piloti ripetono che bisogna cercare di «portare a casa dei punti». La nuova macchina col diffusore non sarà pronta prima del Go di Spagna in programma a Barcellona il 10 maggio. «Dobbiamo cercare di superare queste due gare difficili (Cina e Barhein) portando a casa qualche punto, lavorando allo sviluppo della macchina».

ROMA - Come un anno fa, il ciclismo italiano si presenta oggi sulle strade olandesi per la Amstel Gold Race animato da una grande voglia di riscatto. Dalla necessità di dare una grossa sferzata a una stagione cominciata abbastanza male. La quarta classica del nord, in programma su un tracciato lungo 258,6 km, che collega Maastricht con Valkenburg, può effettivamente segnare un punto di svolta nella stagione agonistica 2009. Proprio come accadde un anno da di questi tempo, quando s’impose Damiano Cunego, rompendo un digiuno lungo, deprimente, inatteso, sulle strade del Giro delle Fiandre, della Gand-Wevelgen e della Parigi-Roubaix. Per oggi si candidano i vari Nibali, Kreuziger, Basso e Pellizotti (foto), ma anche il vincitore della TirrenoAdriatico, Michele Scarponi, quindi Davide Rebellin ed Alessandro Bertolini.

Tennis Murray e Wawrinka fuori

Le classifiche

I piloti unanimi: “Il primo obiettivo è colmare il gap tecnico”

Amstel Gold Race per il riscatto azzurro

25 16,5

3,5 3

ROMA - Sarà Nadal-Djokovic la finale del torneo Atp di Montecarlo. Lo spagnolo (foto) ha battuto il britannico Andy Murray 6-2, 7-6(4). Al numero 1 del mondo sono servite più di due ore per aver ragione di Murray, che dopo aver perso nettamente il primo set è riuscito ad andare sopra di un break nel secondo, subito recuperato. Novak Djokovic ha battuto il polacco Stanislas Wawrinka 4-6, 6-1, 6-3.

Basket Indagini della Procura

Presunti illeciti nei tornei B e C REGGIO CALABRIA - La Procura della Repubblica di Reggio Calabria sta indagando su presunti illeciti che si sarebbero verificati negli ultimi due anni nei tornei di serie B e C di basket. Secondo il quotidiano Gazzetta del sud, che riporta la notizia, l’inchiesta è stata aperta in seguito alla denuncia di un arbitro che ha parlato di condizionamenti che avrebbero falsato la regolarità dei campionati. Le indagini stanno verificando anche la posizione di dirigenti del settore arbitrale.


il Domani Domenica 19 Aprile 2009 41

SPORT Contro l’Atalanta, la squadra di Orlandi ha intenzione di mantenere la promessa: onorare fino in fondo il campionato

S E R I E

A

Bergamo nel rush finale amaranto REGGINA

Anche se le speranze di conquistare la salvezza sono poche, l’obiettivo è la posta piena

di Angela Latella REGGIO CALABRIA — Bergamo

prima tappa del rush finale tutto cuore della Reggina. Contro l’Atalanta, la squadra di Nevio Orlandi ha intenzione di mantenere la promessa resa pubblica martedì scorso durante una conferenza stampa tenuta dal presidente Lillo Foti e dagli amaranto: quella di onorare fino in fondo il campionato, provando in qualche modo di poter recuperare punti e puntare comunque alla salvezza. Le speranze di poterla conquistare sono poche, pochissime, ma la squadra calabrese a Bergamo vuol provare comunque a far sua l’intera posta in palio. A differenza dalla settimana che ha portato alla gara con l’Udinese, i giorni che hanno preceduto il match di oggi sono trascorsi all’insegna della concentrazione e della serenità. E ciò grazie anche alle garanzie che squadra e società hanno dato ai tifosi, attraverso la stampa, martedì scorso. Al Sant’Agata si è ripreso a lavorare come ai vecchi tempi: conferenze e dichiarazioni ed allenamenti alla luce del sole. Un primo segnale, forse, per far comprendere che adesso gli amaranto, non avendo più nulla da perdere, affronteranno questo rush finale con la grinta giusta ma soprattutto senza più pressioni psicologiche. Nevio Orlandi, nel corso della settimana, ha dovuto ancora una volta rivedere qualcosa tra gli equilibri tattici. Alcune assenze importanti lo hanno costretto a varare una nuova formazione. Oggi il tecnico non potrà contare su Corradi e Carmona, entrambi infortunati, nonché su Lanzaro e Barillà, appiedati dal giudice sportivo, il primo per due giornate, il secondo per una. Dopo aver va-

2ª D I V I S I O N E VIGOR LAMEZIA LAMEZIA TERME — Gara importante per la Vigor Lamezia di mister Pierini che allo stadio comunale “Guido D’Ippolito” ospita i siciliani dell’Igea Virtus. Un match importantissimo per i biancoverdi ancora legati a un sottile filo di speranza per non retrocedere matematicamente. Ovvero, i lametini dovranno assolutamente conquistare i tre punti e approfittare del doppio turno casalingo. Oltre alla gara di oggi, infatti, domenica prossima Sergi e compagni ospiteranno l’Aversa Normanna un’altra diretta concorrente per la salvezza. Intanto, occorre centrare subito la prima vittoria e, dopo il pareggio di Noicattaro, almeno per quell che si è visto in terra pugliese, pare che un minino di orgoglio alberga ancora nei giocatori biancoverdi, Ergo, al “D’Ippolito” i tifosi si aspettano una prova di carattere per non la-

A MICROFONO APERTO di Antonio Latella

SETTE GARE PER SALVARE LA FACCIA REGGIO CALABRIA — L’onta di

L’attaccante amaranto, Franco Brienza

lutato varie soluzioni, Orlandi ha trovato quella che secondo lui è la più adatta per tentare il colpaccio in casa dell’Atalanta. Il tecnico manderà in campo Vigiani dal primo minuto, tornato disponibile dopo quasi cinque mesi di stop per un’ernia cervicale. Il centrocampista offensivo, che domenica contro l’Udinese ha offerto una buona prestazione, ricoprirà il ruolo di trequartista al fianco di Brienza. I due andranno ad agire alle spalle dell’unica punta che anche oggi sarà Ceravolo. Per quanto riguarda le altre assenze, Hallfredsson farà le veci di Carmona a centrocampo, mentre nel pacchet-

to arretrato toccherà a Cirillo sostituire Lanzaro. Il modulo sarà il 3 – 4- 2 – 1 con Puggioni tra i pali; Cirillo, Valdez e Santos in difesa; Sestu, Barreto, Hallfredsson e Costa a centrocampo; Brienza e Vigiani dietro Ceravolo. Tra i diciotto convocati, anche il difensore della Primavera Vincenzo Camilleri, che l’anno scorso lasciò la Reggina contro la volontà della stessa società amaranto per tentare l’avventura al Chelsea. A dirigere l’incontro sarà l’arbitro Rizzoli di Bologna. Nove i precedenti del fischietto emiliano con la Reggina: 3 vittorie, 3 sconfitte ed altrettanti pareggi.

un girone intero senza vittorie. La Reggina dovrà cercare di lavare anche quella, oggi pomeriggio, allo stadio di Bergamo. L’obiettivo della formazione amaranto, nelle ultime sette partite di questo campionato, è di salvare l’onore. Non sarà facile contro l’Atalanta, nonostante i nerazzurri siano fuori dalla bagarre e non si prefiggano ulteriori obiettivi da raggiungere entro la fine di maggio. Ma c’è un problema di ordine storico. Gli orobici hanno un conto in sospeso con la Reggina ormai da sei stagioni. Gli amaranto spedirono in serie B l’Atalanta in un pomeriggio di giugno del 2003, al termine di uno spareggio così palpitante da sembrare un film thriller. Credete dunque che la formazione lombarda non abbia intenzione di “vendicarsi”, assestando il colpo di grazia a Brienza e compagni? Noi, purtroppo, riteniamo con un sufficiente grado di certezza che l’avversario di turno farà di tutto per vedere la Reggina scivolare in fondo al baratro. Questa nostra impressione è suffragata dall’atteggiamento generale che altri presidenti di club hanno mantenuto nei confronti di Lillo Foti negli ultimi mesi. L’esempio lampan-

La squadra di Pierini non ha alternative alla vittoria per sperare nei play-out

Vigor, arriva l’Igea Virtus Biancoverdi costretti a conquistare i tre punti

Il difensore centrale della Vigor Lamezia, Cascone

sciare nulla di intentato e sperare i queste ultime cinque gare di campionato per salvare il salvabile. Per quanto riguarda gli aspetti tecnico-tattici, secondo quando si è visto nel test infrasettimanale di giovedì, mister Pierini dovrebbe mandare in campo una Vigor a trazione anteriore con Panìco in porta. Linea difensiva formata da Sanso, Cascone, Lopetrone e Marinelli. Centrocampo con Ciotti a destra e Carraro al centro. La fascia sinistra dovrebbe essere presidiata da Clasadonte. In attacco, sempre secondo quanto si è visto nell’infrasettimanale, il tridente formato da Falco-Sergi-Ragat-

te è quello dell’ultima campagna trasferimenti: il patron amaranto è stato oggetto di una vera e propria azione di boicottaggio, finalizzata a mettere in difficoltà la dirigenza dello Stretto e così impedirle di apportare le necessarie modifiche in corso d’opera. Non ci sorprenderemmo affatto nel vedere l’Atalanta scendere in campo con il coltello tra i denti. D’altra parte, l’ambiente bergamasco è conosciuto per essere uno dei più “caldi” del profondo Nord. La Reggina, in questo contesto, dovrà fare quanto è nelle sue possibilità, ovvero limitare i danni. Anche perché mancheranno due dei pochi giocatori che dispongono sia di qualità tecniche, sia di personalità: Cozza e Corradi. Pur prevedendo un quadro generale così penoso (ci si consenta l’uso di questo termine), qualcosa dalla formazione di Nevio Orlandi ci aspettiamo. E’ quanto ha chiesto il mister ai suoi uomini: impegno e serietà. Ormai da qualche giorno andiamo ripetendo che all’idea della retrocessione ci siamo rassegnati. Ma la faccia, come cittadini di Reggio, non vogliamo perderla. Almeno la reputazione, ragazzi, provate a difenderla.

zu. A meno che Sanso non prenda il posto di Falco se Di Donato, come appare, dovesse essere dirottato in difesa. Come già evidenziato nei giorni scorsi, sono ben quattro le pedine indisponibili. Il fantasista Riccobono e i difensori, Ciminari, Filippi e Pascuccio. In questa fase estremamente delicata, dunque, anche mister Pierini, così come il suo predecessore Ammirata, dovrà continuare a fare di necessità virtù cercando di allestire un organico competitivo che possa ridare speranze di agguantare i play-out. Esiste la consapevolezza di dovere fare bene domenica contro l’Igea Virtus che sicuramente si presenterà a Lamezia Terme con la voglia di mettersi al riparo da spiacevoli sorprese per evitare di farsi risucchiare nella zona play-out. Aribitrerà l’incontro di oggi, il signor Massimo Vallesi di Ascoli Piceno. Assistenti, Fabrizio Posado di Bari e Marco Cursio di Campobasso. Tifosi ospiti. Secondo quanto appreso, dovrebbero essere non meno di venti i sostenitori al seguito della formazione igeana. Tanti, infatti, sono stati i biglietti richiesti alla società Vigor Lamezia da parte dei supporter siciliani. r. s.


42 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

SPORT 2ª D I V I S I O N E

I giallorossi hanno la possibilità di cancellare il recente passato. In palio la poltrona di vice-capolista

A Gela un anticipo dei play off CATANZARO

CATANZARO — Un incontro tutto da

giocare, quello odierno, per il Catanzaro impegnato sul terreno del Gela. Una sorta di anticipo dei playoff, essendo in palio la poltrona di vice-capolista, con i “giallorossi” che, recentemente, marciano con un ruolino certamente non esaltante, considerate le tre sconfitte negli ultimi quattro incontri. Affrontando i siciliani, Gimmelli e compagni hanno la possibilità di cancellare il recente passato, ritornando la formazione che per ben ventuno giornate ha fatto parlare di sé in Italia e non solo. Improntata alla massima prudenza, ma anche in un certo senso votata all’ottimismo, la disamina della gara da parte del tecnico Nicola Provenza, alla vigilia del match. «Una gara molto importante - ha esordito - tra due squadre che hanno fatto un percorso molto significativo nel corso di questo campionato. Si tratta di un confronto diretto, con il Catanzaro che arriva a questo impegno, convinto di fornire una grossa prestazione, dopo le due consecutive sconfitte che bruciano ancora, non fosse altro per come sono maturate. Quanto all’avversario - ha quindi proseguito il tecnico - pur non avendo una esatta cognizione, ad intuito posso dire che il Gela è una delle squadre che ha messo in campo le maggiori risorse sul piano economico. Una formazione che da diversi anni stà cercando il salto di categoria e quindi chiaramente, come tutte le altre, stà viaggiando in questa stagione a certi ritmi, proprio per giocarsi le proprie carte sino in fondo. Per quel che riguarda, dobbiamo affrontare la gara con particolare attenzione, ben sapendo che il match di andata ha dato una risposta importante, nel senso che la nostra

2ª D I V I S I O N E

squadra, pur essendo andata in svantaggio, sia pure con un gol rocambolesco, sciorinò una gara determinante, forse la più importante vista in questa stagione agonistica». Un buon approccio sarà indispensabile per un risultato positivo... «Proprio per ottenere qualcosa di positivo, non sarà sufficiente soltanto un buon approccio. In partite di questo tipo occorrerà la serenità di una squadra che sa di avere una sua precisa identità, oltre che una grande motivazione e non solo. Necessiterà, infatti, mantenere un equilibrio tattico e psicologico, sapendo che incontri come questi, come del resto gli ultimi giocati, si possono decidere anche su episodi. Certamente il lavoro settimanale è alla ba-

se di detti presupposti, ma non basta. Bisogna, infatti, trovare stimoli e motivazioni per potere essere sempre all’altezza della situazione e concentrarsi sulla prestazione, senza quindi divagare troppo mentalmente, alla luce che questa squadra deve avere una dimensione quasi quotidiana, senza lasciarsi quindi prendere da altre situazioni». Quale l’atmosfera alla vigilia di questa trasferta in terra siciliana? «Sicuramente quella di una squadra che ha digerito male le ultime due consecutive battute di arresto, consapevole di non averle meritate. Il calcio, comunque, è fatto anche di questi momenti e proprio in questi momenti, secondo me, si vede la caratura di personaggi che si cimenta-

di giovedì, una botta al retto femorale, mentre per il centrocampista centrale ed il fantasista sembrano scomparsi i vari affaticamenti muscolari. Insomma tutto pare essere tornato nella normalità, anche se per Ciano si dovrà attendere l’ultimo momento per sapere della sua presenza o meno nell’undici titolare. In ogni caso certi i rientri di Gimmelli e Di Maio, che riprenderanno il loro posto nel centro della difesa, dopo la loro assenza nel match interno di domenica scorsa contro il Melfi, per via della squalifica. Una probabile formazione potrebbe essere composta da: Mancinelli tra i pali, Ciano (Francesco Montella) e Tomi difensori esterni, con Gimmelli e Di

Maio centrali. A centrocampo, con Berardi e Zaminga centrali, sulle fasce dovrebbero giostrare Corapi ed Armenise (Bruno), mentre in avanti l’accoppiata Caputo / Iannelli. Discorso diverso, qualora Provenza dovesse optare per un modulo diverso dal 4-42. In questo caso, il rientrante Caputo potrebbe disporsi in campo alle spalle di Iannelli ed Antonio Montella. In panchina, oltre al secondo portiere Parisi, Di Meglio, Bruno (Armenise), Benincasa, Mangiacasale, Falomi ed Antonio Montella. Arbitrerà il sig. Ferraiolo di Nocera Inferiore, coadiuvato da Costanza di Orvieto e Cinque di Sulmona.

no in un gruppo di lavoro: siano essi diretti interessati, quindi i giocatori, sia quelli che poi devono gestire intorno a loro determinate situazioni, perché quando si vince, quando si va a gonfie vele, tutto è più semplice, anche se, in genere, sono abituato a gestire contesti complicati e difficili, per cui, come suole dirsi, sono vaccinato in tal senso». Ritornando all’impegno odierno, quale la caratura dei siciliani? «A quanto sopra detto, aggiungo che si tratta di un avversario che ha in avanti elementi di un certo spessore tecnico, ma anche delle valide alternative sugli esterni, con un centrocampo di qualità, sia tecnica, che di esperienza. Sicuramente un avversario costruito in un certo modo, rinforzato tra l’altro con molti innesti nel corso della stagione. Un Gela in ogni caso che deve essere temuto, così come accade per tutte le formazioni che affrontano il Catanzaro». Deciso modulo e formazione da mandare in campo? «E’ mia abitudine fare conoscere l’undici iniziale e la panchina solo qualche ora prima della gara. In ogni caso abbiamo delle garanzie rispetto a moduli consolidati, soprattutto per quel che concerne il 4-4-2, ma abbiamo anche altre alternative, come quelle messe in campo nella prima parte dell’allenamento sulla palla del giovedì (4-3-1-2 n. d. r). Quello che ritengo importante è il fatto che bisogna sempre sfruttare al massimo la motivazione e le caratteristiche di quei calciatori che in questo frangente possono darci il meglio, non solo da un punto di vista della volontà, quanto della condizione».

Mar. Mir.

Mario Mirabello

Mimmo Toscano: «Non sto vedendo l’entusiasmo che mi sarei aspettato»

che si sono fatti senza dare nulla per scontato. Io e tutto la squadra non aspettiamo altro che potere festeggiare la promozione. Il mio futuro? L’ho detto alla fine della gara prima di Pasqua, non mi muovo da qui anche se non si può nascondere che l’interesse di squadre importanti non può che riempire d’orgoglio». Parole queste ultime che allontanano le sirene di club importanti di serie superiori (su tutti la Reggina di Lillo Foti) che vorrebbero fondare la ricostruzione e un roseo futuro sul tecnico del Cosenza. La società intorno a Toscano e Mirabelli ha la possibilità di costruire qualcosa di davvero importante e ci permettiamo di sottolineare che la dirigenza dovrebbe fare di tutto per potere trattenere il tecnico e il Dg (legati entrambi da un altro anno di contratto) blindandoli con contratti a lunga scadenza, segno di

un progetto importante per il futuro del calcio cosentino. Per la gara di oggi invece ormai scontato il forfait di Chianello e Danti che continuano a seguire una preparazione differenziata per cercare di recuperare dai rispettivi infortuni. La formazione è dunque scontata con l’assenza per squalifica di Polani e vedrà riproposto il modulo 4-2-3-1. Ambrosi difenderà i pali della porta rossoblù e davanti a lui la difesa vedrà da destra a sinistra Bernardi, Moschella (preferito a Parisi non ancora al meglio come dichiarato apertamente dallo stesso Toscano), Braca e Musacco. Davanti a loro i collaudatissimi De Rose e Battisti. Da trequartisti giocheranno Occhiuzzi, Mortelliti e Catania con Galantucci unica punta e vertice avanzato.

mento pure Polito, rimasto a letto per un attacco influenzale, cosa che non lo fermerà di certo, ma che di sicuro renderà meno brillante la prestazione del talento che proprio all’andata contro Val di Sangro siglò un gol da antologia. Come si sa, è certa l’assenza di Di Mauro per squalifica. Ed almeno in proposito pare che non vi siano dubbi che toccherà al giovane Kulenthiran sostituirlo, caricando su Pirrone il compito di dettare i tempi della manovra rossoblu. Proviamo, allora, ad ipotizzare lo schema da proporre contro Val di Sangro. Con Taua in campo, si potrebbe optare per un 4-3-1-2. Con Amabile in porta e la difesa a 4 formata da Orefice, Ranellucci, Bianciardi e Bica Baden, si potrebbero sistemare Kulenthiran, Pirrone e Ruscio a centrocampo, con

Polito a fare da collegamento alla coppia d’attacco formata da Oudira e Taua. Senza l’attaccante della Nuova Caledonia, la soluzione potrebbe essere un 4-3-2-1, con Oudira unica punta e Polito e Melis (se Di Franco non dovesse farcela) ai lati (soluzione questa possibile anche schierando Taua e tenendo in panchina il franco-algerino); oppure un 4-3-3 potendo contare su Polito, Melis e Di Franco e lasciando in panchina Oudira pronto ad entrare nel caso in cui non si riuscisse a superare il bunker sangrino. Altre opzioni sono possibili pensando all’utilizzo di Falco e Genesio, o l’utilizzo di Santonocito e Sgambato, ma in linea di massima i giocatori da impiegare e gli schemi da adottare non dovrebbero essere troppo diversi da questi ipotizzati.

NOTIZIARIO Dalla consueta rifinitura svoltasi nella mattinata di ieri sul manto dell’Andrea Curto

Certi i rientri di Gimmelli e Di Maio CATANZARO — La consueta rifinitura svolta nella mattinata di ieri sul manto sintetico dell’Andrea Curto di Catanzaro Lido, non ha del tutto sciolto i dubbi circa la formazione che oggi al “Vincenzo Presti” di Gela affronterà la compagine locale. Tanto è che la comitiva “giallorossa” è partita, subito dopo l’allenamento, direttamente per la Sicilia, con tutta la rosa a disposizione, tranne gli infortunati Pippa e Cardascio. Ventiquattro, quindi. i giocatori, oltre lo staff tecnico e medico, il direttore generale Gianni Improta e quello sportivo Pasquale Gigliotti, che fanno parte del gruppo, comprendente, quindi, Ciano, Berardi e Caputo. Il difensore ha lamentato, proprio al termine della partitella infrasettimanale

«Godiamoci la promozione al futuro penseremo dopo» COSENZA

COSENZA — Per chi ha avuto modo

di guardare la città, quest’anno sembra tutto sopito. Alle cose belle ci si abitua in fretta non c’è nulla da fare. A Cosenza come in altri posti d’Italia dove si vince, si commette l’errore di dare per scontata la vittoria che si è portata a casa. Per Mimmo Toscano sta accadendo proprio questo in città: in effetti come dargli torto. Lo

2ª D I V I S I O N E

Provenza: «Arriviamo a questo impegno convinti di fornire una grossa prestazione»

Oggi in campo contro il Monopoli senza Polani scorso anno la città era ormai già del tutto addobbata a festa per la promozione dalla D alla Lega Pro 2. Certo è vero che quella promozione si aspettava da tanto, troppo tempo, ma ciò non toglie che per quanto importante fosse vincere quel torneo, altrettanto importante per l’ambiente rossoblù è vincere il torneo in corso. «Non sto vedendo l’entusiasmo

che mi sarei aspettato dopo che la squadra ha vinto due campionati consecutivi. È un momento storico che tutto l’ambiente (stampa compresa) dovrebbe vivere con un clima di festa continua; e invece si pensa costantemente al derby contro il Catanzaro e al futuro, a chi arriverà e a chi andrà via. Si dovrebbe invece cercare di pensare ai tanti sacrifici

I rossoblu ad Atessa non devono lasciare punti utili

Vibonese in emergenza affronta Val di Sangro VIBONESE

VIBO VALENTIA — Ad Atessa, contro Val di Sangro, la Vibonese deve giocarsela fino in fondo: non è più consentito lasciare punti in classifica e bisogna lottare immaginando ogni partita che resta come una finale, altrimenti si corre il serio rischio di distruggere una stagione che invece era partita con ben altro spirito e ben altri risultati. Così si preparano i rossoblu

Dubbi sulla presenza di Taua, Di Franco e Polito al nuovo appuntamento di campionato. Angelo Galfano non può dormire sonni tranquilli, perché non riesce ancora a superare le emergenze e fino all’ultimo dovrà sciogliere non pochi dubbi prima di decidere quale Vibonese far scendere in campo. Il fatto è che ancora non si riesce a capire quali sono le reali condizioni di Vincent Taua. Il giocatore ce la sta

mettendo tutta, sta lavorando con impegno eccezionale, ma le sue condizioni non appaiono già tali da garantirne la presenza in campo sin dal primo minuto. E in avanti non è il solo problema da risolvere! Perché le condizioni di Di Franco appaiono precarie non avendo assorbito un dolore al pettorale che lo infastidisce. Ma non è tutto, perché ieri ha saltato l’allena-

Carmelo Grandinetti

Maurizio Bonanno


Pag. 43

APPUNTAMENTI il Domani

Domenica 19 Aprile 2009

TEATRO - MUSICA - CULTURA - CONVEGNI - DANZA - ARTE - LIBRI - SOCIETÀ

PRIMAVERA DEL CINEMA ITALIANO L’attore di “Italians” è stato protagonista ieri sul red carpet del Citrigno di Cosenza

Riccardo Scamarcio ospite a sorpresa Tanti vip alla serata conclusiva della kermesse ideata dall’associazione Le Pleiadi COSENZA — La star internazionale Riccardo Scamarcio è l’ultimo colpo di scena de La Primavera del cinema Italiano! L’attore degli ultimi successi “Italians” (2009) di Giovanni Veronesi (il regista è tra gli ospiti dell’ultima serata del festival!) e di “Verso l’Eden”(2009), una coproduzione Francia- Grecia-Italia, è stato ieri, alle ore 20, sul red carpet di via Adige, tra gli ospiti d’onore della III edizione del Festival. Attore –culto, Riccardo Scamarcio, delle giovani generazioni diventa celebre con la sua interpretazione di Tre metri sopra il cielo (2004), accanto a Katy Louise Saunders. Questo ruolo, lo conferma come uno degli attori più promettenti della sua generazione, premiandolo con il Globo d'Oro come miglior attore esordiente. Tra i suoi successi, L'odore del sangue (2004) di Mario Martone, è poi uno dei tre protagonisti (insieme a Gabriella Pession e Francesca Inaudi) della bellissima commedia romantica L'uomo perfetto (2005). Infine, sul set di Texas (2005) di Fausto Paravidino che gli fa ottenere una nomination ai Nastri d'Argento come miglior attore non protagonista. Lui è il pupillo di grandi registi: da Placido, a Veronesi, Lucchetti, Rubini. E’ il pericoloso criminale soprannominato "il Nero" nel Romanzo criminale (2005) di Placido. Protagonista con Monica Bellucci di Manuale d'amore 2 – Capitoli successivi (2007) di Giovanni Veronesi, interpreterà poi Mio fratello è figlio unico di Daniele Luchetti (tratto dal romanzo "Il fasciocomunista" di Anto-

Riccardo Scamarcio

nio Pennacchi). Nel 2008 Sergio Rubini, lo vuole come protagonista del suo Colpo d'Occhio. Un thriller e un triangolo amoroso sullo sfondo del rapporto tra arte e critica. Lo ritroviamo subito dopo in Italians, un film on the road sul mito dell'italiano all'estero, in cui interpreta il pupillo di Fortunato (Sergio Castellitto), contrabbandiere di Ferrari negli Emirati Arabi, di cui diventerà il successore. Da un personaggio con una forte identità italiana a un altro che invece non si sa da dove venga: Verso l'Eden tocca il difficile tema dell'immigrazione e Scamarcio è l'emblema dell'emigrato universale. Michele Placido lo rivuole per Il Grande Sogno: dopo aver fatto parte della storica banda della Magliana, lo ritroviamo alle

prese con le contestazioni studentesche del '68. Sulla stessa lunghezza d'onda è il personaggio che interpreta in Prima linea, il film tratto dal romanzo "Miccia Corta", in cui si racconta la storia di Sergio Segio, uno dei più noti militanti delle Brigate Rosse. Ancora capace di cogliere quel modo di essere maschile che si credeva stesse andando perduto, tuttavia ancora capace di essere incline alla ricerca di se stesso, Riccardo Scamarcio è un attore che lascia il suo segno nelle sue interpretazioni. Il nuovo sex symbol tutto Italiano ma soprattutto un attore sempre più orientato al cinema d’autore a una carriera internazionale. Un altro grande nome, Riccardo Scamarcio, che ha impreziosito “La Primavera del Cinema Italiano”. Presenti, inoltre: il maestro Giancarlo Giannini; i registi Giovanni Veronesi, Enzo Monteleone, Giuseppe Bertolucci, Fabiomassimo Lozzi; la star hollywoodiana Valeria Golino; gli attori Luigi Lo Cascio, Neri Marcorè, Gianmarco Tognazzi, Fabio Troiano, Ivo Micioni; le affascinanti schermo Kasia Smutniak, Anna Safroncik e Sara Tommasi; i protagonisti del film di Riccardo Donna “Questo piccolo grande amore”: Emanuele Bosi e Mary Petruolo; Giancarlo DiGregorio Direttore Comunicazione e Media Cinecittà Holding S. p. A.; il giornalista Rai Pascal Vicedomini; il produttore Giuseppe Fulcheri; Andrea Gambetta Fondazione Solares Parma il regista cosentino Giuseppe Gagliardi (reduce dal successo de “La leggenda di Tony Vilar”).

SOVERATO La manifestazione pasquale è stata promossa dall’Amministrazione Comunale

Commenti positivi per “Resurrexit”

Gli attori

SOVERATO — Ancora commenti po-

sitivi per la manifestazione pasquale “Resurrexit”. La gente non si placa e continua ad esprimere pareri favorevoli per il successo della rappresentazione diretta da Antonio Pittelli, su

testi rielaborati da Ulderico Nisticò. Resurrexit con un grande finale di speranza, la resurrezione di Cristo come auspicio di rinascita e di nuova vita, la grendezza della vita che rinasce dopo la morte. e proprio questo è

Pedace, oggi la manifestazione Voler bene all’Italia e alla Sila PEDACE — Il Comune di Pedace e l’Ente Parco Nazionale della Sila aderiscono, domenica 19 aprile, alla manifestazione “Voler Bene all’ItaliaFesta Nazionale della piccola grande Italia, che ha ottenuto l’Alto Patrona-

to della Presidenza della Repubblica. L’evento, promosso da un ampio Comitato Promotore, fra cui operano Legambiente e Federparchi, è rivolto soprattutto alla valorizzazione del territorio e dei prodotti enogastrono-

stato il senso della plaudita rappresentazione presentata egregiamente dal cast degli attori nel suggestivo scenario della Soverato Vecchia, antico borgo distrutto dal terremoto nel lontano 1783. Un evento accolto da più di 4000 persone che commossi hanno plaudito il succedersi delle scene, il fascino della tradizione e il senso profondo di un valore senza tempo. Un testo magistralmente coordinato e diretto dal regista Antonio Pittelli curato dallo storico Ulderico Nisticò, che ha elaborato uno stile attuale facilmente comprensibile, pur mantenendo la caratteristica della poesia arcaica e inserendo la particolarità del racconto con riferimenti a Soverato, a Poliporto e al Beltrame. L'iniziativa promossa dall'Amministrazione Comunale assessorato alla promozione e spettacolo e dall'Associazione Culturale Nuova Zampagallo e, è stata patrocinata dall'Amministrazione Provinciale di Catanzaro. Rosanna Paravati

mici che lo caratterizzano. L’iniziativa si colloca all’interno di un evento dall’eco nazionale il cui scopo è quello di richiamare l’attenzione sui Parchi e sulle aree protette per dare loro la visibilità meritata. In particolare, i veri protagonisti della manifestazione sono i piccoli Comuni, realtà fatte di coesione sociale, di convivialità, di laboriosità, di saperi e di conoscenze che si sono mantenute vive e preziose nel tempo.

Catanzaro, il disagio del bambino il 22 aprile incontro con Aurora Onlus CATANZARO — “Il bambino che sono stato, il bambino che ho davanti”. E’ questo il tema del convegno organizzato, per il 22 aprile presso la sala “Il Cenacolo” dell’Istituto Tecnico Industriale di Catanzaro, dall’associazione Aurora Onlus. Un tema molto significativo e di grande attualità che porta ad interrogarsi e a riflettere sul disagio che, in alcuni casi, i bambini e gli adolescenti sono costretti a vivere e sulla mancanza di strumenti concreti, da parte degli adulti, per potere aiutarli a superare tale difficoltà. Un convegno che è l’epilogo di un progetto, frutto di un intenso lavoro, iniziato nel settembre del 2007. In una prima fase del progetto, sono stati coinvolti circa 60 docenti delle scuole materne, elementari e medie, con lo scopo specifico di incrementare le capacità di ascolto e le capacità empatiche dell’adulto nei confronti del minore in difficoltà. Parallelamente a questa attività di formazione, il Ctm aveva lavorato per sensibilizzare i minori sul tema dell’abuso e soprattutto per insegnare loro, mediante giochi e filastrocche, a dare un nome e a mettere in parola la varietà dei sentimenti provati. L’ul-

tima fase del progetto era stata dedicata interamente ai genitori, per aiutarli ad affinare le competenze genitoriali, in modo da essere più pronti ad aiutare i bambini ad aprirsi al dialogo senza vergogna. «Questo perchè - spiegano i responsabili del progetto - i genitori possono imparare ad ascoltare in maniera incondizionata i loro figli, ogni loro curiosità, dubbio o paura, al fine di comprendere i loro bisogni e dargli delle risposte adeguate». Abbattere le barriere tra adulti e adolescenti è uno dei principali obiettivi per poter eliminare il disagio che i bambini possono vivere in una fase così delicata della loro esistenza. La cultura dell’ascolto, dunque, viene posta come premessa fondamentale per vivere al meglio la genitorialità. Ascolto che, spesso, può essere fornito anche da esperti: a questo proposito Aurora Onlus ha in programma, per il 30 maggio, di aprire uno sportello in via Crispi 55 e la creazione di un blog interattivo a cui tutti potranno fare riferimento per informazioni, richiesta d’aiuto e quesiti dal punto di vista educativo e legale. Maria Teresa Folino

Catanzaro, la Fondazione Politeama in aiuto del Teatro Stabile d’Abruzzo CATANZARO — La Fondazione Poli-

teama contribuirà alla ripresa delle attività del Teatro Stabile d’Abruzzo, duramente colpito dal recente sisma. L’incasso del recital del pianista Domenico Codispoti, in programma giovedì prossimo 23 aprile, sarà interamente devoluto allo “stabile” diretto da Alessandro Gassman. L’indicazione, immediatamente raccolta dal management del teatro, è venuta dal sindaco di Catanzaro, Rosario Olivo, e dall’assessore alla cultura, Antonio

Argirò, rispettivamente presidente e vicepresidente della Fondazione. Allo scopo di favorire al massimo la partecipazione di pubblico al concerto di Domenico Codispoti, la direzione del teatro ha deciso di applicare prezzi speciali: 20 euro per la platea, 15 euro per i palchi di primo e secondo ordine, 10 euro per i restanti ordini. La Fondazione Politeama ha, dunque, raccolto l’appello lanciato dal direttore artistico dello “stabile” abruzzese, Alessandro Gassman.


44 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

APPUNTAMENTI CALABRIA L’avvenente studentessa di Fiumefreddo, alta un metro e ottantadue, ha vinto la prima selezione di Miss Italia svoltasi a Rende

E’ Maria Perrusi la “regina” di Camelot Al secondo posto Susanna Vita di Paola, al terzo Lidia Stallo di Badolato RENDE — Si è svolta la Camelot County di Roges di Rende la prima selezione regionale di Miss Italia, organizzata per il sedicesimo anno consecutivo in Calabria dall’agente regionale Beniamino Chiappetta. Un appuntamento importante che ha aperto anche in Calabria questa nuova edizione di Miss Italia che proprio quets’anno festeggia i suoi 70 anni (19392009) per i cui festeggiamenti sono previste tante novità. La prima selezione del 2009 brillantemente condotta con padronanza e brio da Domenico Milani, veterano delle conduzioni di Miss Italia e volto noto delle televisione calabrese, ha avuto grande successo di pubblico ed ha visto come madrina d’eccezione la bella Erica Cunsolo Miss Calabria 2008 che ha avuto modo di festeggiare anche la sua presenza in qualità di testimonial nazionale del titolo di Miss Italia “Miss Valleverde- Ragazza in Gambissima “ che la porterà in tutta Italia con oltre 100.000 copie di manifesti con la sua immagine. Ospite della serata anche la graziosa la miss fuscaldese Maria Grazia Leta, finalista lo scorso anno con il titolo Miss Moda Mare Calabria e da quest’anno nel cast artistico del concorso.. Ed in tale suggestivo contesto di cotanta bellezza non si poteva che avere una bellissima vincitrice, che corrisponde alle sembianze di Maria Perrusi, avvenente Miss non ancora diciottenne di Fiumefreddo Bruzio un importante centro turistico del tirreno cosentino. Alta 182 cm, occhi verdi, fisico da vera modella ed un portamento regale. Ecco cosa ha convinto la qualificata giuria presieduta da Salvatore Caracciolo ( editore TuttoSposi) e composta tra gli altri da Emanuele Gambino di “Movida -Planet tv”, Francesco Nicoletti (Il Mercatone) e dal Vice Sindaco di Caraffa Pasquale Mazzei. Per la vincitrice applausi a scena aperta anche da parte del pubblico presente che l’ha consacrata vera “regina” del Camelot. «Sono veramente emozionata - afferma tra le lacrime di gioia la nuova Miss Camelot e prima finalista regionale 2009 soffocata anche dall’abbraccio sincero delle altre partecipanti - sto provando sensazioni forti che non immaginavo, come i momenti di palpitazioni incredibili specie quando siamo rimasti prima in tre e poi in due con la musica suspance che ci procurava un batticuore veramente forte. Sono a dir poco contenta considerata che io seguo da anni Miss Italia che è un mio grande sogno e proprio quest’anno ho l’età giusta per partecipare. Poi vincere alla prima serata è una soddisfazione

all’Unical e già finalista regionale nella passata edizione, e terza una bellissima new entry nel Concorso ovvero Lidia Stallo, di Badolato fisco e viso da vera modella. Tutte bellezze delle quali sentiremo ancora sicuramente parlare. A completare il quadro delle premiate al quarto posto Marcella Turano di Acri, mentre al quinto posto è stata premiata la crotonese Nadia D’Alife studentessa all’Unical di Cosenza. Ma applausi per tutte le altre partecipanti che sono state: Lanuara Maria di Belvedere, Campana Valentina di Corigliano, Guerini Patriscya di Montalto,, Lanzillota Valentina di Paola, Palma Simona di Paola, Costabile Antonella di Montalto Simona Fortino di Rovito (Cs), Moltedo Federica di Catanzaro, Carmen Argondizza di San Giorgio Albanese (Cs) e Maria Covello di Cosenza. «Una serata veramente bella e migliore esordio non poteva esserci - afferma un’entusiasta Beniamino Chiappetta - Il Camelot ci porta bene e ringraziamo la proprietà del locale che ci consente ogni anno di aprire qua le nostre serate. Abbiamo avuto veramente un bel quadro di partecipanti ed una splendida vincitrice alla quale auguriamo di ripercorrere (e perché no, anche migliorare!!) il percorso delle altre miss

La vincitrice della selezione del 2009

Alcuni momenti della serata

maggiore che spero nel proseguo del Concorso mi possa dare la arrivare il più lontano possibile anche se so che a Miss Italia c’è tanta concorrenza in quanto ci sono tante belle ragazze, come anche questa sera al Camelot. A parte Miss Italia se proietto il mio sguardo nel futuro vorrei inserirmi nel campo della moda in quanto ho sempre sognato le passerelle importanti: speriamo bene ma nonostante i miei sogni voglio però vivere questa esperienza con molta tranquillità ri-

manendo con in piedi ben ancorati per terra». Colpisce di Maria - oltre che la sua bellezza ed impatto fisco - anche la sua maturità e la sua dolcezza ed umiltà. E’ studentessa al quarto anno dell’Istituto Tecnico Commerciale “G. Pizzini “ di Paola che frequenta con entusiasmo ed impegno. Prima di lasciarla andare per le centinaia di foto realizzate del fotografo della serata Raffaele Morrone e per le interviste per lo speciale televisivo che andrà in onda su Video Calabria, Maria ci tiene

a fare una dedica importante per questa bella vittoria che le apre le porte per le finali regionali del prossimo mese di agosto: “Voglio dedicarla innanzitutto alla mia famiglia che mi supporta in questa mi avventura dandomi forza ed entusiasmo e soprattutto a mia mamma Lina che mi rassicura e tranquillizza sempre. Un grazie a loro ma anche ai miei tanti amici che mi vogliono bene”. Al secondo posto una bellezza elegante e particolare quella di Susanna Vita di Paola studentessa

che negli passati hanno preso questa fascia e che sono tutte arrivate a livello nazionale. La splendida Maria ha tutte le carte in regola per prendersi grandi soddisfazione mentre per le altre partecipanti tutte belle altra possibilità già nelle prossime settimane con altre selezioni che andremo ad organizzare anche per festeggiare al meglio questi 70 anni, dando così a tutte la possibilità di partecipare a questa straordinaria favola che riesce sempre a garantire emozioni e gioia.


il Domani Domenica 19 Aprile 2009 45

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“La porta magica”, progetto di didattica museale in programma fino a amaggio a Catanzaro

“Mediterraneo in arte” a Borgia IL CARTELLONE

Domenico Codispoti in concerto giovedì 23 aprile al Teatro Politeama

BIANCO (Rc) - “Voler bene all’Italia” Il circolo di Legambiente volontariato Agorà città del sole e l'amministrazione comunale di Bianco organizzano a Pardesca e Zoparto oggi, Voler bene all'Italia, festa nazionale della piccola grande Italia. Programma: ore 10.00, frazione dell'antica Pardesca: punto panoramico, Ora quì, ma un tempo.....Lettura guidata dal paesaggio e della sua storia; ore 11.00, sagrato della chiesa del Soccorso, giochini...per vecchi e piccini. Rassegna di giochi antichi e moderni animazione teatrale; ore 12.30, pranzo condiviso con colazione a sacco; ore 13.30, un pò di relax, se non vuoi .... ti faccio vedere io, escursione (facoltativa) a Zoparto; ore 15.00, sulla via del rientro, fermiamoci qui, visita convento del Crocefisso (Fraz. Crocefisso); visita Monastero Sm di Pugliano (Bianco); lungomare di Bianco.

inizio alle ore 18.30, presso il salone parrocchiale di "Cristo Re" di Cariati Marina. Oltre ad Assunta Scorpiniti, interverranno il parroco don Mosè Cariati, l’editore Demetrio Guzzardi, rappresentanti delle locali associazioni femminili e della comunità parrocchiale. Nel corso dell'incontro, alcuni testimonial delle storie leggeranno brani del libro. CASTROVILLARI (Cs) - “Settimana della Cultura”

La manifestazione “Settimana della Cultura”che quest’anno ha lo slogan “La cultura è di tutti: partecipa anche tu”, ha lo scopo di favorirne la conoscenza e di trasmettere l’amore per l’arte, per i documenti ad una sempre più ampia platea di cittadini. Il tema della mostra esposta nei locali della Sezione di Archivio di Stato di Castrovillari fino al 9 maggio 2009, esclusi i giorni festivi, orario di visita dal lunedì al giovedì ore 9,00-16,00, venerdì-sabato ore 9,0013,00, vuole far conoscere attraverso i documenti “L’EvoBIANCO (Rc) - Memorial Paolo Musolino luzione del Territorio del Pollino attraverso la Cartografia”. L'associazione memorial Paolo Musolino, scacchi, cultura e solidarietà benefica organizza il 3° memorial "Paolo Musolino" presso il lido "Le dune bianche" giorno 1, 2 agosto. BORGIA (Cz) - “Mediterraneo in arte” Dal 25 aprile al 4 maggio, rassegna d'arte contemporanea itinerante "Mediterraneo in arte" presso il parco archeologico di Scolacium a Roccelletta di Borgia. Il giorno dell'inaugurazione della mostra, il 25 aprile, ore 10.30, alla presenza del sindaco e dell’assessore alla Cultura del Comune di Borgia, della direttrice del Parco Archeologico ci saranno i saluti delle autorità, ed è inoltre prevista una presentazione introduttiva alla collettiva da parte del critico d’arte Lara Caccia. Artisti: Aleph - Augusto Ambrosone - Giuseppe Amoroso - Lucio Alfonsi - Enzo Angiuoni - (Lorenzo viscidi) Bluer Kika Boker - Andrea Lacasa - Letizia Caiazzo - Giancarlo Caneva - Paolo Contin - Roberto Di Giampaolo Maria Teresa Di Nardo - Carlo Feruglio - Maria Arvelaiz Gordon - Nicola Guarino - Andrea Lacasa - Nadia Lolletti - Marinka - Attilio Melati - Concetta Palmitesta - Serpic - Rosa Spina. In mostra le ceramiche di Michela Angiuoni. Patrocinio: Comune di Borgia - Area-Scolastica, cultura, ricreativa. Presentazione: Lara Caccia, critico e curatore d’arte. Interventi: Domenico Cersosimo, vice pres. della giunta Regionale Pubb. istruzione, assessore per i beni archeologici della Calabria; Domenico Rijllo, sindaco del Comune di Borgia; Riccardo Bruno, assessore alla cultura Comune di Borgia; Maria Grazia Aisa, archeologo direttore coordinatore della soprintentenza per i beni archeologici della Calabria; Lara Caccia, critico d’arte Catanzaro; Lucia Basile, critico d’arte Taranto; Enzo Angiuoni, artista Avellino; Rosa Spina artista Catanzaro. Informazioni: 335/8182991 - artespina@libero.it - www.arterosaspina.com.

CASTROVILLARI (Cs) - Madonna del Riposo Il Club Alpino Italiano – Sezione di Castrovillari in collaborazione con Radio Nord Castrovillari –per riprendere il tradizionale pellegrinaggio in omaggio alla Madonna del Riposoinvita tutti i cittadini oggi alla 5ª passeggiata alla Madonna del Riposo di Monte Sant’Angelo - Pasquetta dei castrovillaresi. Programma: ore 9, ritrovo in Piazza Giovanni XXIII - Semicerchio (allu tunnu); ore 9.30, partenza; ore 11.30, arrivo alla Cappella (m665); ore 12, escursione facoltativa per la cima di Monte Sant’Angelo (m794); ore 13, colazione a sacco preferibilmente a base di prodotti tipici locali. Durata A/R: 4 ore. Escursione facile per tutti - Si consigliano abbigliamento e scarpe comode, cappellino, impermiabile, colazione a sacco, acqua, fotocamera, binocolo. La partecipazione è aperta a tutti ma soprattutto a famiglie, associazioni, suonatori che hanno il desiderio di stare insieme non per accontentarsi del poco ma con poco accontentarsi tutti. Per informazioni: Club Alpino Italiano – Sezione di Castrovillari, Via Cristoforo Pepe 74, 87012 Castrovillari. Organizzazione: M. Filomia 339.6142500 - F. Martino 348.0010440. La manifestazione sarà seguita in diretta da radio nord castrovillari.

CATANZARO - Stagione Politeama 2008/2009 Di seguito il programma al completo della stagione teatrale 2008/2009 del Politeama che si protrarrà fino all’1 aprile: giovedì 23 aprile, “Domenico Codispoti” in concerto; il 4 maggio, serata d’onore “Tributo ad Armando Trovajoli” con l’.Orchestra e coro del teatro San Carlo di Napoli; l’8 e il 10 maggio, “High School Musical. Il Politeama al Masciari”. Il21 novembre, “Tutto quello che le donne (non) dicono”, di Francesca Reggiani e Walter Lupo. 19 dicembre, “Completamente spettinato” con Paolo Migone; 22 gennaio, “Outlet”, scritto da Cinzia Leone con Paola CannatelBOTRICELLO (Cz) - Aspiranti miss, selezioni lo; 14 febbraio , “Per tutti Revolution” di Alessandro Siani e La Roma Touirng di Francesco Corea esclusivista per la pro- Francesco Albanese con la partecipazione di Lello Musella; vincia di Catanzaro 2009, comunica che sono aperte le iscri- 21 marzo, Cose che mi sono capitate di Francesco Freyrie e zioni per tutte le eventuali partecipanti al gran galà di sele- Eugenio Ghiozzi, con Gene Gnocchi; 1 aprile, recital Il mezione per le aspiranti miss. Tale evento si svolgerà il 7 giugno glio di... con Teresa Mannino e Federico Basso. presso il Copacabana di Botricello. Per informazioni ed iscrizioni contattare il 338-7699009 oppure scrivere a maria.ciambrone@libero.it. L' iscrizione è gratuita.

CARIATI (Cs) - Presentazione libro Mercoledì 22 aprile, si terrà la presentazione del volume "Sette storie sulla scala di seta. Sguardi e conquiste di donne calabresi, di Assunta Scorpinti, edito da Progetto 2000, con

CATANZARO - Settimana della Cultura, programma Programma della XI Settimana della Cultura fino al 17 maggio: oggi, ore 17.30, incontro “La vera storia della chiesa di S. Omobono” conversazione a cura di Francesco Cuteri. Luogo: Chiesa S. Omobono. Promotore: Comune di Catanzaro, Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro-Squillace, Area Cultura Soc. Coop. Prenotazione visite guidate: 0961/794388. Oggi,

ore 17.30, anteprima Gutenberg 7 “Apocalisse della modernità e fascismo: le analisi e i libri di Emilio Gentile”. Luogo: Complesso Monumentale San Giovanni. Promotore: Comune di Catanzaro, Liceo Classico Galluppi di Catanzaro. 21 aprile, ore 17.00, presentazione libro “Acab” alla presenza dell’autore Carlo Bonini, si discuterà del libro inchiesta Acab incentrato sulla violenza negli stadi, dal G8 di Genova, all’omicidio Raciti. Luogo: Complesso monumentale San Giovanni. Promotore: Comune di Catanzaro, Coisp segreteria provinciale. 22 aprile, ore 17.30, incontro “Il santo dei sarti: Omobono o Homo Buono”, conversazione a cura di Oreste Sergi. Luogo: Chiesa S. Omobono. Promotore: Comune di Catanzaro, Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro-Squillace, Area Cultura Soc. Coop. Prenotazione visite guidate: 0961/794388. 22 aprile, ore 18.00, presentazione documento video “Vivi Calabria Vivi”, presentazione del documento video di Walter Fratto che invita la comunità calabrese alla sobria valorizzazione delle proprie aspettative future. Luogo: Complesso Monumentale San Giovanni. Promotore: Comune di Catanzaro. 23 aprile, ore 17.30, presentazione libro “Sonja l’albanese”, presentazione del libro di Michele Torrusio sulla prostituzione giovanile. Luogo: Complesso Monumentale San Giovanni. Promotore: Comune di Catanzaro. 26 aprile, ore 17.30, incontro “A tavola fra ‘600 e ‘700: le ceramiche di S. Omobono”, conversazione a cura di Eugenio Donato. Luogo: Chiesa S. Omobono. Promotore: Comune di Catanzaro, Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro-Squillace, Area Cultura Soc. Coop. Prenotazione visite guidate: 0961/794388. CATANZARO - Marca, attività per le scuole Fino a maggio all’interno del nuovo museo cittadino si svolgerà un inedito progetto di didattica museale, “La porta magica”, pensato per le scuole del territorio. Si vuole proporre il Marca come centro educativo permanente attraverso laboratori creativi. Info: lab.mediterreaneo@gmail.com, 338/4216232, 347/5025375. CATANZARO - Torneo di biliardo sportivo Il Circolo Aics “Mattia Preti” di Catanzaro Lido, in collaborazione con la Fibs provinciale e la IV Circoscrizione, ripete l’esperienza del torneo di biliardo sportivo “Memorial Giovanni Barone”. Fino a oggi infatti si sfideranno numerosi professionisti e non del tappeto verde, nei locali del Circolo presieduto da Giuseppe Barone, zio del giovane scomparso in un tremendo incidente stradale. Diverse saranno le categorie che si contenderanno la vittoria finale, nel corso di un torneo che va oltre la passione sportiva. Giovani e meno giovani si sfideranno nel ricordo di una giovane vita spezzata, al quale lo zio dedica questo torneo, considerata la passione che il ragazzo scomparso condivideva proprio sui tavoli dove si contenderanno la vittoria 64 giocatori, che si sfideranno nelle discipline dell’Italiana e della Goriziana. Diversi i giocatori di un certo livello, sia nazionale che regionale, ma anche e soprattutto gli amici di sempre di Giovanni, Raffaele Dornio e Francesco Castiglia, quest’ultimo una giovane promessa del biliardo. Al primo classificato saranno consegnate 500 euro più il trofeo e saranno premiati i primi quattro che si qualificheranno per le semifinali e la finale, che si disputerà alle 15.00 del 19 aprile. CATANZARO - Corsi di preparazione per l’università Sono aperte le iscrizioni ai corsi di preparazione ai test per l’ammissione al primo anno di Medicina, Odontoiatria, Veterinaria, Farmacia, Professioni sanitarie. Info line Form Service: 0961/792770.


46 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“Pedalando per l’Abruzzo. La solidarietà corre su due ruote”, iniziativa benefica al Parco Le Fontane

“Luci alla ribalta” a Catanzaro IL CARTELLONE

Conferenza stampa sul progetto “I Care” nella Città dei Tre Colli

CATANZARO - Il venerdì “Gira intorno a te” Ogni venerdì presso il Girasole Country Club, via Lucrezia della Valle 102/3 Catanzaro sono organizzati party a tema sotto la denominazione comune di "Gira intorno a te!". Info: 347/0379298 - Prenotazione tavoli (chiamare dalle ore 16:00) 0961.752545. CATANZARO - “Luci alla ribalta”, mostra La storica sede della galleria Verduci, presenta la mostra "Luci alla ribalta", Marco Lodola; Ugo Nespolo; Giorgio Chiesi; 50 pezzi unici, fino al al 4 maggio. Mostra a cura di: Salvatore Falbo. Realizzazione e progetto mostra: Stefano Falbo. Orari galleria: tutti i giorni dalle 9.00 alle 12.00; e dalle 16.30 alle 19.30 - domenica su appuntamento.

presente; non mancherà un momento di confronto ed approfondimento su Reflections, la mostra monografica in corso dedicata all'artista americano Alex Katz. La conversazione vedrà la partecipazione di Lara Caccia, critico d’arte, e sarà aperta a quanti operano nel campo della contemporaneità sul territorio ed a tutti gli appassionati. Alle arti visive si accompagneranno quelle musicali, attraverso le note del “Duo Giovani parole Giovani suoni” composto dal Soprano Fernanda Iiritano e dal chitarrista maestro Diego Smiraglio. Sempre alle 17.00 per i più piccoli è previsto il laboratorio Leggere l’arte, volto a stimolare la loro creatività e fantasia; l’attività è in linea con l’ordinaria programmazione del Marca dedicata alla didattica museale che si propone di incentivare l’approccio dei giovanissimi all’arte. Alle 16.00 ed alle 18.30 “Alla scoperta delle collezioni”, due visite guidate aperte al pubblico per vivere le sale del Museo. La manifestazione, patrocinata dall’Amministrazione provinciale di Catanzaro, si inserisce nel quadro delle iniziative nazionali previste dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali per l’XI Settimana della Cultura. Per l’occasione sarà previsto nel pomeriggio l’ingresso libero e gratuito al Museo ed alle attività programmate. È consigliata la prenotazione per i laboratori creativi. Info: cultura@provincia.catanzaro.it .

CATANZARO - Preziosi in argento e pietre dure “…dietro la maschera che usiamo noi uomini, c’è un cuore di fuoco!” (Paulo Coelho). E’ proprio questa citazione che ha ispirato la nuova collezione di preziosi in argento e pietre dure di Ingrid Panetta, che si terrà oggi presso la sala dell’Arca a Piazza Matteotti. Pietre grezze all’esterno che rivelano un lucido splendore dentro di esse, fuse con i bagliori e i riflessi nascosti dell’argento. CATANZARO - “Pedalando per l’Abruzzo” Quando pedalare non fa bene solo al corpo. Appuntamento da non perdere oggi presso il nuovissimo Centro Commerciale CATANZARO - “Ccè ’ncuna cosa cchi on quatra” “Le Fontane” di Catanzaro per tutti gli sportivi e gli appassioTeatro Hercules, traversa viale degli Angioini, oggi alle ore nati di spinning. La palestra “Nico Planet” di Catanzaro in col19,30 la Compagnia Teatrale “Theatron” di Gasperina (Cz) laborazione con l'associazione sportiva "Spinner di Grisù", presenta “Ccè ‘ncuna cosa cchi on quatra”. Testo e regia: R. con l’ Asd "Planet Fitness" di Marcellinara e altre palestre del Squillacioti. capoluogo che hanno messo a disposizione le proprie bikes, ha organizzato la manifestazione sportiva “Pedalando per l’Abruzzo – La Solidarietà corre su due ruote”, una pedalata beCATANZARO - Torneo di burraco nefica il cui ricavato sarà interamente devoluto alle popolaLa Sezione Femminile del Comitato Provinciale di Croce zioni abruzzesi colpite dal violento sisma che ha piegato la reRossa di Catanzaro organizza oggi alle ore 16,30 presso i lo- gione italiana il 6 Aprile scorso. Per info e prenotazioni: czcali del ristorante cittadino "Sa Seadas", situato in Galleria planetfitness@hotamail.com. Mancuso, l'annuale torneo di burraco. Le prime tre coppie finaliste, oltre a essere premiate, parteciperanno di diritto alle finali regionali. L'intero ricavato del torneo sarà devoluto CATANZARO - “Riformismo, consenso, classe” alle popolazioni dell'Abbruzzo recentemente colpite dal si- L'associazione culturale “La ragione e il tempo” organizza una sma. Info: tel. 0961-744111. tavola rotonda su “Riformismo, consenso, classe. Le idee di fronte alla crisi”, presso l'aula del consiglio comunale - Catanzaro, lunedì 20 aprile, alle ore 17.00. Introduce e coordina: CATANZARO - Teatro Incanto, programma Carlo Scalfaro, presidente associazione culturale "La ragione Il Teatro Incanto di Catanzaro presenta la stagione teatrale e il tempo"; discutono: Agazio Loiero, presidente della Giunta '09. Oggi, Compagnia teatro Hercules in "A scacammi n'a- Regionale della Calabria; Marco Minniti, deputato, segretario tra", testo di Nino gemelli, regia di P.Procopio; 1-3-8-10-15- regionale del Pd; Valerio Donato, ordinario di diritto privato 17-22-24 maggio, la compagnia del Teatro incanto in "dui Università Magna Graecia; Armando Vitale, preside del liceo cambari e serbizzi...e u nunnu 'mparaventu", testo di Nino classico "P. Galluppi". Gemelli, regia di F.Passafaro. Orario spettacoli: venerdì ore 21:00, domenica ore 18:30.Costo biglietti: intero 8,00 euro, ridotto (studenti universitari e ragazzi fino a 12 anni) e "gal- CATANZARO - Confesercenti, assemblea elettiva leria" 6,00 euro. Abbonamento a 6 spettacoli in platea 40,00 La Confesercenti invita a partecipare ai lavori dell'assemblea euro. Per informazioni, biglietti e abbonamenti recarsi pres- elettiva regionale che si terrà lunedì 20 aprile, presso la sala so il Teatro Incanto, via G.Rito 11 (parco dei principi) a Ca- delle culture palazzo della provincia in piazza Rossi. Protanzaro sala, telefonare al 3348339997 o 3202516302, o col- gramma dei lavori: ore 11.30, introduce: Antonino Marcianò, legarsi al sito www.associazioneincanto.it. presidente regionale della Confesercenti; interventi: Giuseppe Galati, commissione parlamentare, su "attività produttive, commercio e turismo"; Agazio Loiero, presidente della regioCATANZARO - Pomeriggio dedicato all’arte ne Calabria; conclusioni: Marco Venturi, presidente nazionaOggi dalle ore 16.00 alle 20.30 il Mrca, Museo delle Arti di le Confesercenti. Catanzaro, dedicherà un pomeriggio all’arte contemporanea, proponendo una serie di momenti dedicati sia al pubblico adulto che ai bambini. Alle 17.00, conversazioni sul- CATANZARO - Presentazione bandi Fep l’arte: un dialogo diretto a mediare l’approccio verso i lin- Lunedì 20 aprile alle ore 10.00 presso l'assessorato all'Agriguaggi figurativi contemporanei ed accostarsi all’arte del coltura di Via Molè a Catanzaro, l'assessore Pirillo presenta i

bandi del Fep 2007/2013 (Fondo Europeo per la Pesca). La Ue per il Programma Fep ha stanziato per la Calabria 75 milioni di euro, di cui 52 milioni quale contributo pubblico. A seguire sarà insediato l’Osservatorio regionale per l'Imprenditoria e il Lavoro Femminile in Agricoltura. L’Osservatorio mira a monitorare l’attuazione delle normative riguardanti il lavoro femminile e l’accesso delle donne agli incentivi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale attuati a livello centrale e regionale. Interverrà anche la Presidente dell’Osservatorio nazionale Veronica Navarra. CATANZARO - Annullata tavola rotonda Causa imprevisti ed inderogabili impegni Istituzionali e nazionali di alcuni dei protagonisti, l’annunciato dibattito/tavola rotonda dal titolo: “Riformismo, classe, consenso. Le idee di fronte alla crisi”, prevista per lunedì 20 aprile 2009, alle ore 17,00, presso la sala del Consiglio dell’Amministrazione Comunale di Catanzaro, non avrà luogo. CATANZARO - “I Care”, conferenza stampa Martedi 21 aprile 2009, alle ore 12,00, presso la sala giunta dell’Amministrazione Provinciale di Catanzaro, si terrà una conferenza stampa sul progetto “I Care” approvato con D.G.P n. 106/2009. Parteciperanno alla conferenza: il presidente della provincia dott.sa Wanda Ferro, la Regione Calabria dott. Enzo Caserta, dipartimento Politiche Sociali, settore Pubblica Istruzione, l’assessore provinciale dott. Giacomo Matacera, il dirigente del Settore P.I. dott.sa Anna Perani, il responsabile del servizio di integrazione disabili dott.sa Alessandra Panucci. CATANZARO - Collegio di vigilanza della Pru Il presidente del Collegio di Vigilanza, assessore all’Urbanistica, Domenico Iaconantonio, ha convocato per martedì 21 aprile alle ore 12, il Collegio di Vigilanza del Pru. La riunione si terrà nella sala commissioni di Palazzo de Nobili. CATANZARO - Progetto Fondimpresa Le società Crotone Sviluppo Scpa e Kernel Srl illustrno i risultati dei lavori del Progetto Fondimpresa “Fic. Formare insieme per la Calabria” e degli interventi formativi rivolti alle società: Biomasse Italia Kr - Aziende Gruppo Calbrodental Kr – Clinica S. Anna Kr di Crotone e le aziende Caffo, Cof e Metal Sud di Vibo Valentia. Il progetto Fic - Formare insieme per la Calabria - è stato realizzato grazie alla collaborazione di Confindustria Calabria, Confindustria Crotone, Confindustria Vibo Valentia e dell’Articolazione Territoriale di Fondimpresa: Obr Calabria -Organismo Bilaterale Regionale. La presentazione si terrà mercoledì 22 aprile, presso Confindustria Calabria - Via A. Lombardi, 10 – Catanzaro.

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale: via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax: 0961-903801


il Domani Domenica 19 Aprile 2009 47

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“Pilu e cuntrapilu”, replica della commedia in vernacolo calabrese giovedì 23 a Catanzaro

“I due gemelli veneziani” a Chiaravalle IL CARTELLONE

Aperte le iscrizioni ai corsi di cucina in programma a Cosenza

CATANZARO - Presentazione “Pandora” Presso la Sala delle Conferenze di Confindustria – Via Eroi 1799, - Catanzaro, martedì 21 aprile alle ore 10,30, l’Anmil (Associazione Nazionale fra Mutilati ed Invalidi sul Lavoro) terrà una conferenza stampa per presentare l’iniziativa denominata Pandora, “Progetto Accompagnamento Nazionale Disabili per Ottimale Reinserimento Aziendale”, promossa per richiamare l’attenzione sul tema sempre più scottante della sicurezza sul lavoro e la delicata situazione occupazionale in Italia i quali richiedono un impegno costante nella sperimentazione di nuove strategie, nuovi metodi e nuovi strumenti per il ricollocamento dei lavoratori infortunati. L’iniziativa ha avuto il contributo del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. CATANZARO - “Buon compenso del diabete” La "Campagna nazionale Bcd - Informati. Alleati. Protetti.", arriva in Calabria.L'"Unità mobile del buon compenso del diabete" sarà a Catanzaro in Piazza Basilica Immacolata martedì 21 aprile, dalle 9.00 alle 17.30, per informare e sensibilizzare i cittadini sull'importanza del raggiungimento del buon compenso del diabete. Presentazione alla stampa: il dr. Agostino Gnasso, presidente regionale Sid; sarà a disposizione dei giornalisti per presentare contenuti e strumenti della campagna presso l' "Unità mobile del Bcd". Per il patrocinio offerto all’iniziativa si ringraziano: la Regione Calabria;l'amministrazione Provinciale di Catanzaro; il Comune di Catanzaro. CATANZARO - “Pilu e cuntrapilu”, replica A cura del Teatro Hercules di Piero Procopio – Trav. Viale degli Angioini – Cz Sala - giovedì 23 aprile ore 21,00, replica “Pilu e cuntrapilu”. Testo e regia di Piero Procopio. Trucchi e costumi Angela Rotella, fonica Francesco Iacopino, Direttore di scena Andrea Saccardi. Sul palcoscenico oltre allo stesso Piero Procopio, Angela Rotella, Martina Procopio, Biagio Bianco, Stella Surace, Antonella Apa, Franco Procopio, Tonino Angeletti, Gori Mirarchi e Marianna Rotella. CATANZARO - Iniziativa Fondazione Politeama La Fondazione Politeama contribuirà alla ripresa delle attività del Teatro Stabile d’Abruzzo, duramente colpito dal recente sisma. L’incasso del recital del pianista Domenico Codispoti, in programma il 23 aprile, sarà interamente devoluto allo “stabile” diretto da Alessandro Gassman. L’indicazione, immediatamente raccolta dal management del teatro, è venuta dal sindaco di Cz, Rosario Olivo, e dall’assessore alla Cultura, Antonio Argirò, rispettivamente presidente e vicepresidente della Fondazione. Allo scopo di favorire al massimo la partecipazione di pubblico al concerto di Domenico Codispoti, la direzione del teatro ha deciso di applicare prezzi speciali: 20 euro per la platea, 15 euro per i palchi di primo e secondo ordine, 10 euro per i restanti ordini.

CATANZARO - Amici della musica L’associazione Amici della musica di Catanzaro presenta la stagione concertistica 2009. Di seguito si riporta l’intero programma delle iniziative: aprile: 24 aprile 2009, ore 18, presso palazzo de Nobili, Giuseppe Maiorca, pianista. Maggio: 8 maggio,ore 18, palazzo de Nobili, musica e poesia, Antonella Attili, attrice; Francesco Stillitano, pianista; Giusy Verbaro Cipollina, poeta; il 13 maggio , ore 21.00, presso il teatro Masciari, concerto di chiusura balletto "Etnika" compagnia mvula sungani.stribuiranno le tradizio-

nali ed intramontabili crespelle.

CATANZARO - “Riabilitazione della spalla” Venerdì 29 e sabato 30 maggio 2009, a Catanzaro, nella sala convegni “Casa delle Culture” presso la sede dell’ Amministrazione provinciale, in Piazza dell’Immacolata, si terrà il “Corso di formazione sulla chirurgia e riabilitazione della spalla” rivolto ai medici specialisti in fisiatria, ortopedia, ai medici di medicina generale ed ai terapisti della riabilitazione. CATANZARO - Diagonal Jazz L’associazione culturale Vivarium upc di Cz e la Regione Calabria - Agenzia al diritto allo studio (Ardis) - nel quadro delle attività culturali rivolte agli studenti universitari della città, presentano “Musiche del contemporaneo: la forma canzone, quale propaggine primaverile di Diagonal Jazz”. Il festival catanzarese - che giunge con questa ennesima produzione alla sua XVI edizione - in tale occasione si caratterizza artisticamente incentrando l’attenzione sulla cosiddetta forma Canzone. “Diagonal Jazz XVI ed. spring session, musiche del contemporaneo. La forma canzone”. Giovedì 30 aprile, Dave Burrell, Leena Conquest in Leena Conquest sings the songs of Dave Burrell; Dave Burrell, pianoforte e composizione; Leena Conquest, voce e danza; presso il complesso Monumentale del San Giovanni in P.za Garibaldi,1. Inizio concerti ore 21.30. Ingresso 10,00 euro. Abbonamento ai 3 concerti 25,00 euro. Per informazioni e e prenotazioni telefonare al numero 360/985949.

l’avv. Ettore Randazzo (responsabile Scuole Unione delle Camere Penali Italiane) sul tema “Deontologia e tecnica del penalista nell’esame incrociato”. CHIARAVALLE C. (Cz) - Stagione teatrale 2009 Programma stagione teatrale 2009 del teatro Tempo Nuovo di Chiaravalle Centrale: sabato 9 maggio, "I due gemelli veneziani" di Carlo Goldoni, compagnia Teatrale Tempo Nuovo. CIRO’ (Kr) - Minimaratona della Magna Graecia Domenica 21 giugno 2009si svolgerà a Cirò Marina, la I MiniMaratona della “Magna Graecia”, corsa amatoriale su strada, organizzata dalla nuova associazione sportiva dilettantistica "Rari Nantes Cirò Marina", nata con l’obbiettivo di organizzare manifestazioni sportive, culturali, formative e ricreative del comprensorio calabrese. La manifestazione sportiva prevede un percorso dai 10km ai 18Km (ancora da definire il chilometraggio esatto). Il giorno della gara è fissato per domenica 21 giugno 2009, in alternativa in caso di maltempo si terrà domenica 28 giugno. Per le iscrizioni e tutti gli aggiornamenti fino ad inizio manifestazione si può visitare il sito www.minimaratona.it.

COSENZA - Corsi di cucina, aperte le iscrizioni La Federazione Italiana Cuochi, l’Associazione Provinciale Cuochi Cosentini e Amira, Associazione Maitres Italiani Ristoranti e Alberghi, rendono noto che su www.aiscalabria.blogspot.com e su www.aiscalabria.it sono inserite le programmazioni complete dei corsi proposti per il nuovo CATANZARO - Degustazione gratuita di gelato Sono già a “buon punto” i preparativi per festeggiare Antonio anno: finger food, pasta fresca, antipasti di mare, cucina classica e sommelerie. Per informazioni e iscrizioni 333Cosentino “maestro gelataio” catanzarese affermatosi in oc- 1807088 oppure info@aiscalabria.it" info@aiscalabria.it. casione del Salone Internazionale di Gelateria che si è svolto a Rimini. Al concorso dedicato al gelato gusto nocciola hanno partecipato decine di gelatieri provenienti da tutta Italia e dal- COSENZA - “Calabria 2009-Ricognizione di Pittura” l’estero. Primo posto alla Gelateria Marron Glacè di A. Co- “Il talento, la qualità creativa e lo spirito artistico legati sentino di Catanzaro Lido. L’8 maggio, ore 17,00, nella stessa alle radici del Mediterraneo, che si esprimono in modo Gelateria “Il Marron Glacè”, degustazione gratuita del “Gela- diffuso e variegato, devono poter trovare, anche attrato Mondiale” gusto dell’anno 2009, sapientemente preparato verso iniziative come quella che inauguriamo questa sedal “maestro”. ra, l’energia per proiettare nel mondo l’immagine reale CATANZARO - Approfondimenti penalistici Partito il ciclo di seminari organizzato dalla Camera Penale di Catanzaro “Alfredo Cantàfora”, dal titolo “Approfondimenti penalistici”, valido ai fini dell’assolvimento dell’obbligo di formazione professionale continua, così come stabilito dal Regolamento approvato dal Consiglio Nazionale Forense il 13 luglio 2007. Il corso, anche quest’anno, potrà contare sull’apporto di illustri relatori che tratteranno argomenti di grande attualità e di sicuro interesse per gli addetti ai lavori. Sarà strutturato in sei incontri che si terranno presso l’aula magna del Seminario San Pio X di Catanzaro: 8 maggio 2009, “Il concorso di persone nel reato” prof. avv. Tullio Padovani (Professore ordinario di Diritto Penale nell’Università degli Studi e presso la Scuola Superiore S. Anna di Pisa) e prof. avv. Luigi Fornari (Professore ordinario di Diritto Penale nell’Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro); 15 maggio 2009, “Il regime delle impugnazioni penali, fra legge Pecorella, sentenze della Corte Costituzionale e della Corte di Cassazione e progetti di riforma” dott. Giovanni Canzio (Direttore dell’Ufficio del Massimario della Corte di Cassazione) e prof. avv. Giovanni Aricò (Professore associato di Istituzioni di diritto e procedura penale nell’Università degli studi di Salerno). Il ciclo di incontri si concluderà il 13 giugno, con l’intervento del-

e veritiera della nostra terra. La tempra che esprimiamo deve diventare ambizione per liberarci dai falsi e negativi stereotipi, restituendo l’identità culturale che ci ha caratterizzato per secoli”. Così il Presidente della Provincia Mario Oliverio ha salutato l’inaugurazione della Mostra “Calabria 2009-Ricognizione di Pittura”, questo pomeriggio, al taglio del nastro presso la Galleria d’Arte Provinciale Santa Chiara, in Salita Liceo, che rimarrà aperta al pubblico fino a lunedì 15 giugno prossimo. COSENZA - Calendario eventi La Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici della Calabria, diretta da Fabio De Chirico, ha in programma, fino al 23 aprile, un ricco e variegato calendario di eventi: convegni, conferenze scientifiche, anteprime di mostre, spettacoli, presentazione di libri e periodici. Eventi culturali a Palazzo Arnone - Palazzo Arnone, fino al 23 aprile; settimana della cultura fino al 26 aprile. Lunedì 20 aprile, alle ore 18.00, "L'Immacolata nei rapporti tra l'Italia e la Spagna";martedì 21 aprile, ore 11.00, "...al di là del tempo" di Pasquale "Ninì" Santoro; mercoledì 22 aprile, alle ore 16.00, "Esperide - cultura artistica in Calabria. Storia - documenti - restauro"; giovedì 23 aprile, alle ore 16.30, "Vallet e ciftit - Vallje: danze tradizionali coreutiche".


48 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Cerimonia di presentazione del “calendario du nostru paisi” oggi pomeriggio a Delianuova

Concerto vocale e strumentale a Crotone IL CARTELLONE

“Un giardino di aranci fatto in casa”, spettacolo al teatro Apollo

COSENZA - “Sagrantino day international”

In Calabria il 20 aprile c’è il “Sagrantino Day International”, una degustazione che coinvolge oltre 4 mila sommelier. E’ in programma lo stesso giorno in 43 città del mondo. In Calabria i sommelier si troveranno a Cosenza la sera del 20 aprile per degustare il vino umbro: il “Sagrantino di Montefalco Docg”, secco e passito. Durante la degustazione guidata saranno assaggiati 6 diversi tipi di Sagrantino secco annate 2004 e 2005, un Sagrantino Passito di una delle due vendemmie e altri 6 calici di “Montefalco Doc”, annata 2006. COSENZA - Master sull’ottavino Al Conservatorio di musica di Cosenza prosegue l’attività di formazione specialistica per studenti di grado avanzato e già diplomati. Nelle aule del Conservatorio, nell’ex convento di Santa Maria delle Grazie a Portapiana, nei prossimi giorni si terranno corsi di specializzazione dedicati a diversi settori disciplinari. Il 20 e 21 aprile un master sull’ottavino sarà tenuto dal M° Giuseppe Contaldo, allievo di Severino Gazzelloni, componente dell’Orchestra del Maggio musicale Fiorentino e docente presso il Conservatorio di Firenze. COSENZA - Ciclo di seminari monografici Si terrà nei prossimi giorni (21, 27 e 30 aprile), presso la Casa delle Culture di Cosenza, un ciclo di seminari monografici organizzati dall’Associazione Nazionale Docenti. Si tratta di un’attività formativa rivolta a docenti e dirigenti delle scuole di ogni ordine e grado condotta da qualificati docenti universitari e della scuola su tematiche di grande attualità che interessano sia le metodologie didattiche che il sistema dei finanziamenti dell’Unione Europea a favore dell’istruzione e della formazione nonché la rilevazione della customer satisfaction nell’istruzione e la valutazione della qualità della formazione. Più specificamente, le tematiche trattate riguardano: “Le competenze per lo sviluppo - Le risorse finanziarie dell'Unione Europea a sostegno delle politiche dell'istruzione e della formazione”; “Clil (Content and Language Integrated Learning)”; “Un sistema statistico integrato per la rilevazione della customer satisfaction e per la valutazione della qualità della formazione”. L’Associazione nazionale docenti è un ente qualificato per la formazione, ai sensi del Dm 177/2000, per cui si tratta di un’attività di formazione riconosciuta dal Ministero della Pubblica Istruzione. Il programma dettagliato dei seminari è consultabile sul sito dell’And www.associazionedocenti.it.

COSENZA - Cartellone Teatro Morelli Cartellone teatro Morelli. Teatro: sabato 16 e domenica 17 maggio, Eduardo Siravo, "Miles gloriosus". Musica: Venerdì 6 novembre, Lucio Dalla; Giovedì 3 dicembre, Gianluca Grignani; Lunedì 21 dicembre, opp.22 opp. 23 Harlem gospel; Giovedì 7 e venerdì 8 gennaio, Hair spray.

ai turisti, per mostrare lo splendore di immensi tesori ancora troppo sconosciuti. Nel corso della conferenza stampa, saranno presentate tutte le attività previste per questa sesta edizione di “Voler bene all’Italia” alla quale hanno aderito numerosi comuni calabresi.La manifestazione regionale quest’anno si terrà oggi nel piccolo centro di Carfizzi (Kr).

COSENZA - Lilt, raccolta fondi Moda Movie non è solo glamour, cinema e spettacolo ma è anche momento di riflessione sulle tematiche sociali. Infatti anche quest’anno per la XIII Edizione, la Lilt (Lega italiana per la lotta contro i tumori di Cosenza) è partnership nel sociale con l’associazione Creazione e Immagine presieduta da Sante Orrico. Per questa edizione l’associazione Creazione e Immagine devolverà un abito realizzato dallo stilista Nino Massa alla Lilt, al fine di raccogliere fondi utili a quest’ultima. La raccolta fondi avverrà tramite una manifestazione, nella quale saranno venduti dei biglietti, che daranno la possibilità di partecipare ad una riffa conclusiva in cui sarà estratto il vincitore dell’abito in oggetto. Inoltre l’abito, sarà presentato in anteprima durante la conferenza stampa che si terràil 18 maggio nel Salone degli Specchi presso il Palazzo della Provincia di Cosenza, e ufficialmente lo vedremo protagonista della passerella nella serata conclusiva del 25 maggio al Teatro Rendano.

CROTONE - Concerto vocale e strumentale Il presidente della società Beethoven Acam, prof.ssa Mariarosa Romano, comunica che oggi, si terrà il concerto vocale e strumentale presso l'auditorium del liceo musicale "O. Stillo" (Largo Panella - nei pressi del parco delle rose) di Crotone alle ore 19.00.

CROTONE - “Primavera delle minoranze” “Primavera delle minoranze, l’archivio sonoro di Giuseppe Gangale”: questo è il tema della giornata di studio in programma, lunedì 20 aprile alle ore 11.00, nella sala Azzurra della Provincia di Crotone. L’iniziativa, promossa dalla Regione Calabria e dalle amministrazioni provinciali di Crotone e Cosenza, rappresenta un momento importante per la politica delle cosiddette minoranze linguistiche. Saranno presenti: Sergio Iritale, presidente della Provincia, Damiano Gagliardi, assessore regionale alle minoranze linguistiche, i docenti Unical Francesco Altimari e Giovanni Belluscio, i sindaci dei comuni di Carfizzi, Caterina Tascione, San COSENZA - Moda Movie, XIII edizione Nicola dell’Alto, Vincenzo Pace, e Pallagorio, Francesco La XIII Edizione di Moda Movie dal tema” Femme Fatale” Rizzuti.

ha preso il via con la selezione dei 15 giovani stilisti che prenderanno parte alla manifestazione che si svolgerà a CROTONE - Università telematica, presentazione Cosenza dal 23 al 25 maggio. COSENZA - “Itinerari sperimentali”, gruppo teatrale

Il gruppo teatrale “Itinerari sperimentali”, composto da operatori, volontari ed utenti del Centro di Salute Mentale (Csm) di Cosenza è stato selezionato- mediante concorso a cui hanno partecipato le compagnie di teatro del disagio di tutt’ Italia-, per la 4ª Biennale di Teatro Impegnato Nel Disagio Psichico “Treatrò anch’io”. La manifestazione si svolgerà il prossimo 25 maggio presso il Teatro Comunale “P.A. Guglielmi” di Massa. I teatranti porteranno in scena “La Luna in Maschera”, regia di Jerry Mussaro, una rivisitazione della maschera di Pulcinella che diventa pretesto e stimolo per rappresentare l’universalità della condizione umana. Lo spettacolo è stato ideato e realizzato all’interno del Corso di Formazione svoltosi nell’ottobre 2008, attivato da Itinerari Sperimentali, in collaborazione con altre asCOSENZA - Associazione Jonica, stagione Una stagione concertistica ricca di grandi artisti, quella or- sociazioni di volontariato e dalla Formazione Asp Cosenza ganizzata dall’Associazione Culturale Jonica in collabora- e finanziato dal Centro Servizi Volontariato (Csv) di Cozione con il Comune di Cosenza. Programma: il 24 aprile, senza. sempre al teatro Rendano, concerto dei Pan Atlantic, uno straordinario quintetto jazz composto da musicisti italiani, francesi, austriaci, danesi e americani, guidati da BOBBY PREVITE e GIANLUCA PETRELLA. Mercoledì 6 maggio in programma l’inusuale mix dello spettacolo TAP OLÈ: un'esplosione di ritmo ed energia dove il virtuosismo e la passionalità della chitarra spagnola sono combinati con la precisione e l'eleganza delle coreografie e la spontaneità dell'improvvisazione.Venerdì 15 maggio, al Teatro “A. Rendano” si esibirà il giovanissimo DANIELE PAOLILLO, vero talento del pianoforte.Mercoledì 3 giugno al Teatro “A. Rendano” ancora un appuntamento con la musica classica: il Trio “CESAR CUI” formato da Iride Varani al flauto, Mariella Veltri al violino e Francesca Infante al pianoforte. Lunedì 15 giugno al Teatro “A. Rendano, LELLO ARENA incanterà il pubblico con ‘O CUNTO D’O SUDATO”, traduzione in chiave partenopea dell’ Histoire du Soldat di Ramuz su musica di Igor Stravinskij con: Lello Arena, Yari Gugliucci, Biancamaria D’amato, Barbara Giordano e l’ orchestra dal vivo “Officina Musicale” composta da otto elementi diretta da Orazio Tuccella. Mercoledì 15 ottobre al Teatro Rendano in scena la formazione rumena dei Taraf de Haidouks che presenta il suo nuovo progetto originale dedicato ai compositori classici che si sono ispirati a temi delle musiche tradizionali: “MASKARADA”. Eseguiranno brani di Bartok, Khachaturian, Ketelbey e Manuel de Falla, "re-tziganizzati" alla propria maniera. Il 25 novembre al teatro Morelli un TRIO LIRICO composto da Vincenzo Nizzaro, baritono; Pamela Chiriaco, soprano e Giuseppe Di Stefano, tenore accompagnati al pianoforte dal m° Amelia Aguglia. Sempre a novembre al teatro Morelli in data ancora da definire andrà in scena l’operetta “MY FAIR LADY” un musical del 1956 di Alan Jay Lerner, autore del libretto su musiche di Frederic Loewe, adattato dall´opera Pigmalione di George Bernard Shaw. Lunedì 21 dicembreal teatro Rendano l’HARLEM GOSPEL CHOIR, uno dei più importanti cori gospel del mondo.Il 27 dicembrearriverà sul palco del teatro Rendano il balletto più rappresentato durante le festività natalizie: “LO SCHIACCIANOCI” su musiche di Tchaikovsky nell’allestimento del Russian State Ballet Of Volga. Tutti gli spettacoli avranno inizio alle ore 20,30. Il costo dell’abbonamento per i 12 appuntamenti è di132 euro.

COSENZA - Concerto di Claudio Baglioni

Dopo i Negramaro e Roberto Benigni, Piazza XV Marzo (piazza Prefettura), il 29 giugno ospiterà un big della canzone italiana, Claudio Baglioni. Si chiamerà “Gran Concerto – Qpga”, il nuovo spettacolo live del cantautore romano. Il terzo progetto, ispirato a Qpga, dopo il film e il romanzo, non è un semplice tour, ma una vera e propria opera moderna, il racconto in musica di un grande amore, cui seguirà un viaggio tra i pezzi storici del repertorio dell’artista. Una formula fortemente innovativa e altamente spettacolare con la quale, per la prima volta, sarà la dimensione live ad anticipare i contenuti di un album ancora inedito: il nuovo doppio cd del musicista, che verrà pubblicato dopo l’estate e che sarà possibile scoprire e ascoltare integralmente nell’esecuzione dal vivo. Una rappresentazione nella quale, grazie ad un super-schermo ciclorama, saranno le grandi immagini a fare da commento alla musica. Immagini inedite, che cinque troupe cinematografiche stanno filmando e che consentiranno di interpretare i passaggi della storia, attraverso una serie suggestiva e incalzante di salti temporali, interazioni fantastiche tra passato e presente. L’organizzazione dell’intero evento è curata dalla Iacobino Team. CROTONE - Teatro Apollo, stagione 2008/2009 Programma stagione2008/2009 del teatro Apollo di Crotone: oggi, Roma spettacoli Gianfranco D'Angelo, Ivana Monti "Un giardino di aranci fatto in casa" di Neil Simon, adattamento di Mario Scaletta, regia di Patrick Rossi Gastaldi. Fuori abbonamenti: Giovedì 26 e venerdì 27 marzo, teatro stabile di Calabria fondazione teatro Piemonte Europa Marianella Bargilli "Alè calais" di O. Guerrieri, regia di Emanuela Giordano. L’inizio degli spettacoli è previsto alle 20.30.

Si svolgerà il prossimo giovedì 23 aprile, alle ore 15.00, presso la sede della Camera di commercio di Crotone, l’incontro di presentazione dell’Universitas Mercatorum, l’Università telematica creata dal sistema camerale. L’incontro vedrà l’intervento della responsabile relazioni esterne e comunicazione dell’Universitas Mercatorum, Monica Didò. Nel corso della presentazione saranno illustrate anche le convenzioni/agevolazioni che l’Ateneo ha in essere con i diversi soggetti del mondo imprenditoriale.

CROTONE - “Giornata dell’Economia” La Camera di Commercio di Crotone, in collaborazione con Uniontrasporti, ha realizzato un Osservatorio sulle infrastrutture della provincia con particolare riferimento all’analisi dei costi della logistica. L’osservatorio sarà presentato in occasione della prossima “Giornata dell’Economia”, prevista per mercoledì 8 maggio 2009, e reso disponibile a tutti gli interessati. CROTONE - “Quanto è bello pedalare...” Sempre sotto lo slogan "quanto è bello pedalare sotto questo sole tra le vie della propria città" con un cappellino e una t-shirt con il logo della manifestazione 2009, mentre il traffico urbano è limitato alle auto e la sicurezza garantita dalle forze dei vigili urbani e della prociv; le associazioni promotrici delle manifestazioni As Bicincittà, Uisp, As Verde Azzurro, sono in stretto contatto con quelle locali per la miglior riuscita delle iniziative così programmate: a Crotone per il 24 maggio, a Mesorca per il 17 maggio, con il bistrò e tutti i circoli uisp del paese; Ciro’Marina per il 31 maggio, con la collaborazione della Pro Loco di Nicodemo Martino; con Cotronei per il 2 giugno, Strongoli Marina per il 21 giugno, con la collaborazione con il moto club; invece per Isola Cr e, Cutro, Torretta di Crucoli tra 17 maggio o 31, o altre date in maggio o giugno, con i diversi soggetti storici dell’organizzazione locale.

CROTONE - Torneo mondiale di calcio/5 Il Gruppo sportivo Federazione sindacale di Polizia di Crotone, in collaborazione con la Regione Calabria, la provincia di Crotone, il Comune di Crotone, il Coni e la Camera di Commercio, organizza il Torneo mondiale di calcio a 5 riservato alle forze di polizia e forze armate, che si svolgerà nella città di Crotone dal 16 al 20 settembre.

DELIANUOVA - Presentazione calendario Si svolgerà oggi alle ore 16.30 presso il Teatro Comunale di Delianuova la cerimonia di presentazione del “ Calendariu du nostru paisi” su iniziativa dell’associazione culturale “Rocco Marafioti” Deliesi nell’Area dello Stretto e con il patrocinio del Comune di Delianuova e della locale Pro Loco. Si tratta di un’opera di pregevole fattura, realizzata con il supporto di cartoline, foto storiche e poesie di autori affermati ed ormai inseriti nella letteratura dialettale calabrese. L’impostazione dell’opera offre uno squarcio del nostro reCROTONE - “Voler bene all’Italia” taggio storico culturale, riportando eventi significativi avAnche quest’anno, alcuni tra i sobborghi più affascinanti e pe- venuti a Delianuova e nei paesi limitrofi oltre a cenni brevi culiari della nostra terra, apriranno le loro porte ai cittadini e ma esaurienti di illustri Deliesi.


il Domani Domenica 19 Aprile 2009 49

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“Il soffio del silenzio. Romanzo di un ribelle”, presentazione del libro di Salvatore Piccoli a Lamezia

“I Fichi d’India” a Isca sullo Jonio IL CARTELLONE

La prima edizione della sagra della soppressata oggi a Petronà

ISCA SULLO J. (Cz) - Rassegna di cabaret La 1ª edizione di una rassegna di cabaret all’ Open Space Studios di Isca sullo Jonio. Saranno presenti: sabato 2 maggio “ I Fichi d’India”; sabato 9 maggio, “ Pino e gli Anticorpi”; sabato 23 maggio “ I ditelo voi”; domenica 31 maggio, “Baz” che concluderà la rassegna comica. I biglietti saranno disponibili da mercoledì 22 aprile nelle prevendite abituali. I posti saranno rigorosamente numerati e si divideranno in due ordini di prezzi, quali euro 20,00 per poltronissima ed euro 15,00 per poltrona e galleria. I prezzi sono compresi di prevendita. Per info: 0967/45165 - 3334121670 - www.essemmemusica.it - www.openspacestudio.it. ISOLA C. RIZZUTO (Kr) - Presetazione festa Conferenza stampa di presentazione della programmazione Mariana, in occasione dei festeggiamenti in onore della Madonna Greca, che si svolgerà venerdì 24 aprile, alle ore 11.00, presso i locali del Palazzo Vescovile, siti in Piazza Duomo a Isola Capo Rizzuto.

Francesco Macrì, l’assessore all’Urbanistica, Rosario Scarfò, rendono noto che giovedì 23 aprile 2009 presso il Palazzo Nieddu Del Rio, alle ore 17,30, si terrà un incontro pubblico tra i responsabili dell’Ufficio Condono del Comune di Locri e i Tecnici sul tema: “Condoni Edilizi anni 1986, 1994, 2005. Proposte, chiarimenti, definizioni”. Interverranno, oltre al sindaco Macrì e all’assessore Scarfò, l’architetto Maria Amalia Marando, l’ingegnere Salvatore Esposito. LOCRI (Rc) - “Futbolito”, calcio a 5 Per il terzo anno consecutivo l’Associazione giovanile “Portale Giovani”, organizza l’evento sportivo “Campionato di calcio a 5. Città di Locri” denominato Futbolito. La manifestazione, patrocinata come sempre dall’assessorato alle Politiche giovanili e sportive della città locrese, vedrà per il 2009 gareggiare ben 12 squadre che tenteranno di conquistare il titolo della terza edizione. Il gruppo di “Portale Giovani” sarà accompagnato per tutto il campionato dalla collaborazione della cooperativa G.o.a.l. (Giovani Operatori Animazione Legalità) e dalla società “Amatori Calcio Locri”. Quest'anno il torneo è aperto ad atleti di ogni età, le iscrizioni sono già iniziate e il 5 maggio si inizierà a disputare il campionato a girone unico, dove le prime 8 squadre si qualificheranno per le sfide infuocate dei quarti di finale, le vincenti accederanno alle semifinali e poi alla finale secca.

la, aderendo all’iniziativa che, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, è promossa da un ampio Comitato Promotore, fra cui operano Legambiente e Federparchi, organizzano una manifestazione rivolta alla valorizzazione del territorio e dei prodotti enogastronomici che lo caratterizzano. L’iniziativa si colloca all’interno di un evento dall’eco nazionale il cui scopo è quello di richiamare l’attenzione sui Parchi e sulle aree protette per dare loro la visibilità meritata.In particolare, i veri protagonisti della manifestazione sono i piccoli Comuni, realtà fatte di coesione sociale, di convivialità, di laboriosità, di saperi e di conoscenze che si sono mantenute vive e preziose nel tempo. Fra questi, quelli ricadenti all’interno del territorio del Parco Nazionale della Sila che aderiscono all’iniziativa, aprendo le porte della città nel proporre le proprie eccellenze, sono i Comuni di Pedace, Bocchigliero, Longobucco, Spezzano della Sila e Petronà. Il Comune di Pedace e l’Ente Parco Nazionale della Sila organizzano “La giornata del cantastorie Goloso”, dedicata alla riscoperta degli antichi sapori, attraverso un itinerario del “Gusto Silano” dove gli odori ed i profumi del bosco invitano il viaggiatore stanco a soffermarsi davanti ad uno splendido paesaggio ancora incontaminato, fatto di alberi secolari e laghi lucenti. La manifestazione avrà inizio alle ore 10:00, presso la Piazza Municipio di Pedace, con l’esibizione dei “Tamburinari della Presila”, proseguirà alle 10:30 con la sfilata itinerante per i borghi della città accompagnata dalla musica della Banda Musicale Città di Pedace, cui seguiranno la Preparazione del Piatto – Pasta e Ceci e Pappardelle al cinghiale e la Degustazione dei piatti con assaggi di salumi e formaggi tipici. Alle ore 13:00, la Banda Musicale Città di Pedace chiuderà la manifestazione con l’Inno Nazionale d’Italia, tributo ad un Paese le cui tradizioni culturali, popolari, sociali, e le cui risorse paesaggistiche e naturalistiche rappresentano una fonte inesauribile di ricchezza ed il motore propulsivo di uno sviluppo consapevole del territorio.

LAMEZIA T. (Cz) - Al Samart... Il Samart avvisa la clientela che apre a pranzo il martedì, mercoledì, giovedì e venerdì con menù di carne e specialità di stocco. Le serate degli spettacoli sono il venerdì con serata live, sabato con il movimiento latino. Aperto anche a pranzo con menù a prezzo fisso. Info: 0968/53459. LOCRI (Rc) - “Giugno locrese” Al via la 43esima edizione del “Giugno Locrese”. Nei prossimi giorni sul sito del Comune si potrà accedere ai bandi. Il conLAMEZIA T. (CZ) - Presentazione libro corso culturale si richiama alle edizioni precedenti. Per l’ediLunedì 20 aprile, alle ore 18.00, presso la sala convegni cenzione 2009 del Giugno Locrese sono previste le categorie di tro pastorale via L. da Vinci a Lamezia Terme, l'associazione poesia in lingua e in vernacolo; la categoria della “estempora"Sinergie culturali" in collaborazione con InCalabria edi- nea di pittura”; la categoria del concorso fotografico.Conferzioni presenta il volume di Salvatore Piccoli "Il soffio del si- mato anche il premio “Umberto Ferraro” con le cinque seziolenzio. Romanzo di un ribelle”. Introduce Natale Colafati, ni: Politica, Cultura, Giustizia, Imprenditoria, Giornalismo. presidente di "Sinergie culturali"; relazionano: Vincenzo Vil- La serata conclusiva sarà condotta dalla giornalista Anna La lella, storico; Antonio Bagnato, storico. Sarà presente l'au- Rosa, e si svolgerà domenica 28 giugno 2009 nel corso di una PETRONA’ (Cz) - Sagra soppressata e capicollo tore. serata ufficiale che sarà tenuta nella corte del Palazzo di Città. La Pro-loco presenta, con il patrocinio dell’assessorato provinciale al Turismo, la I sagra della soppressata e del capicollo. La manifestazione, promossa dal presidente della LAMEZIA T. (Cz) - Appuntamenti Uniter MAIDA (Cz) - Festa regionale minivolley Pro-loco Giuseppe Muraca insieme ad altri iscritti, si terrà L'Uniter, Università della terza età e del tempo libero, pre- L'Asd Gss sport, comitato regionale Fipav Calabria, settore Fi- oggi con il seguente programma: ore 16, distribuzione e desenta XX Anno Accademico 2008/2009 III Bimestre. Aprile, pav scuola e minivolley Calabria, comitato provinciale Ca- gustazione di soppressata e capicolli, insieme a vino novelore 17.00: 22 mercoledì: prof.ssa Costanza Falvo D’Urso, La tanzaro organizzano la festa regionale minivolley giorno 25 lo. Balli e musiche, in serata, della locale scuola di danza Storia: il più celebre e discusso tra i romanzi di Elsa Moran- aprile, presso il centro commerciale Due Mari - Maida. La pri- Free Dance dei maestri Mario Gallo e Caterina Carpino. La te; 24 venerdì: prof. Lucio Leone, Sui banchi di scuola nel- ma tappa regionale di minivolley e U13. festa si terrà in piazza Angelo Muraca. l’antica Roma (con video proiezione); 29 mercoledì: Bruno Tassone, Il Cantastorie. Maggio, ore 17.00, mercoledì 6:prof. Antonio Bagnato, Lorenzo Milani: il prete, l’educatore, il MAIDA (Cz) - Gianni Morandi in concerto PRAIA A MARE (Cs) - Mostra sovversivo; venerdì 8: prof. Daniele Macris, Aspetti di cultu- Dopo l'apertura con Fiorella Mannoia a Rende ed al Cilea di Il Museo Comunale di Praia a Mare apre alla mostra delra, lingua e civiltà greca di Calabria; mercoledì 13: don Pino Reggio, confermato il secondo evento di "Fatti di Musica Ra- l'artista Thomas Diego Armonia italiano di nascita e parigiFalvo, Chiesa locale e Chiesa Universale; venerdì 15: Fran- dio Juke Box 2009" , la XXIII edizione della rassegna del mi- no d'adozione, che ha fatto dell’arte un mezzo di esclusività cesco Longo, La poesia canta l’amore, pianoforte: Claudia glior live d’autore diretta da Ruggero Pegna, dedicata alla "Lot- grazie ad un connubio rarissimo tra pittura, moda, oro e stoMancini e Giovanna Muraca voce recitante: Caterina Meni- ta a leucemie e linfomi dell'Associazione Amena dell'Ospeda- ria antica e che resteranno nel Museo fino al 3 di maggio chini e Rosina Paonessa; mercoledì 20: prof. Vincenzo Vil- le Pugliese di Catanzaro, che premia con il "Riccio d'Argento" 2009. lella, Giovanni Valentino Gentile, antitrinitario di Scigliano del celebre orafo Gerardo Sacco i migliori concerti d'autore e avversario di Calvino, decapitato a Berna nel 1566;venerdì dell'anno. Il secondo riconoscimento del 2009 andrà a Gianni 22: prof. Giovanni Cimino e altri, Genio e follia nella scien- Morandi che con "Grazie a tutti", il suo imponente nuovo tour REGGIO C. - Presentazione libro za e nell’arte; mercoledì 27, prof.ssa Vittoria Butera, Il pote- prodotto dalla "Ballandi", sarà l’ 8 e il 9 maggio al Teatro Ten- Oggi, alle ore 18.00, presso il C.s.o.a. "A.Cartella" via Quarre dello sguardo; venerdì 29, assemblea dei soci. Alla fine di da che sarà installato nell'area del Centro Due Mari a Lame- naro I, Gallico - Reggio Calabria, Storie di ordinario sfrutmarzo scade il termine ultimo per iscriversi all’Uniter. zia Terme, lungo la superstrada Lamezia/Catanzaro nei pres- tamento. Presentazione del libro Gli africani salveranno Rosi dell' uscita di Maida. Avviata la vendita dei biglietti per i con- sarno. E, probabilmente, anche l'Italia. Parteciperanno: Ancerti di Gianni Morandi del 8 e 9 maggio presso il Teatro Ten- tonello Mangano, curatore della pubblicazione; Valentina LAMEZIA T. (Cz) - Mostra “Oggettinstabili” da Lottomatica che sarà installato nell'area del Centro Due Loiero, autrice della prefazione e giornalista Tg5; Giuseppe Dal 6 - 20 giugno, mostra-evento “Oggettinstabili II edi- Mari a Maida, lungo la superstrada Lamezia/Catanzaro. La Pugliese, dell'osservatorio Africalabria.org. Proiezione del zione Moti urbani stazionimpossibili”. La partecipazio- prevendita dei biglietti al prezzo di euro 40.00 per la poltro- video "Gli africani salveranno Rosarno?" di Arturo Lavorane alla mostra-evento prevede la compilazione dell'ap- nissima ed euro 30.00 proseguirà fino ad esaurimento nelle to. A seguire cena sociale, prenotazione telefonando al posita scheda di iscrizione redatta in lingua italiana con- prevendite autorizzate. Previsto anche uno sconto di quattro 331/2279540 oppure scrivi a csoacartella@ecn.org. L'initrassegnando tutti i campi indicati: dati anagrafici del euro a biglietto per comitive di almeno venti persone, fino ad ziativa si concluderà con uno spettacolo di poesia e musica singolo partecipante o del gruppo di lavoro, indirizzo cui esaurimento delle disponibilità. I concerti inizieranno alle ore di protesta sull'emigrazione calabrese, curato dall'associasi desidera ricevere ogni comunicazione relativa alla 21.00. Info: 0968.441888 - www.ruggeropegna.it. zione culturale "Il Brigante" di Serra San Bruno (Vv).

mostra-evento, recapito telefonico, indirizzo e-mail, sezione cui si partecipa. Per ritenersi ufficializzata l’iscrizione è necessario allegare copia del versamento (in formato jpg) di euro 25 quale contributo alle spese di produzione dell’evento (spedire scheda e ricevuta versamento in formato jpg a info@400kc.eu. Le opere selezionate saranno esposte pubblicamente dal 6 giugno al 20 giuno 2009 a Lamezia - inoltre diventeranno patrimonio della Galleria permanente allestita nel sito www.400kc.eu, avranno notevole visibilità attraverso i canali mediatici e gli Enti istituzionali che collaborano con l’associazione. Al termine dell’evento tutte le opere saranno restituite agli artisti (spedite con corriere Sda alle rispettive sedi con spedizione a carico del destinatario). Info: 338/3985193 - 339/5837077 info@400kc.eu caterina@400kc.eu carlo@400kc.eu.

REGGIO C. - “La libreria incontra la scuola” Con il patrocinio del Comune di Reggio Calabria, la Libreria per ragazzi “Happy Place” grazie al progetto “La libreria incontra la scuola”, ospiterà oggi, tre famosi scrittori ed illustratori di letteratura per l’infanzia: Gek Tessaro, Loredana Frescura e Marco Tomatis. A Reggio Calabria l’iniziativa è alla sua quarta edizione e quest’anno sono stati coinvolti alunni appartenenti alle principali scuole elementari, medie e superiori della città e provincia reggina, per un totale di oltre 500 minori. Il progetto si pone come obiettivi primari la promozione della lettura e la riscoperta del piacere di leggere per bambini e ragazzi. Per la realizzazione di tali obiettivi si è proposto un percorso su tre testi e tre autori: “Il Circo delle Nuvole” di Gek Tessaro per la scuola elementare, “L’Amore Forte Forte” di Loredana Frescura con illustrazioni di Gek Tessaro per la scuola media e “il Mondo nei Tuoi Occhi” di Loredana Frescura e Marco Tomatis per la PEDACE (Cs) - La giornata del cantastorie goloso LOCRI (Rc) - “Condoni edilizi”, incontro scuola superiore, quest’ultimo vincitore del Premio AnderL’Amministrazione comunale della Città di Locri, il sindaco Oggi, il Comune di Pedace e l’Ente Parco Nazionale della Si- sen 2006. Tutti i testi sono editi da Fanucci. PARGHELIA (Vv) - Accademia Kronos, assemblea L'assemblea regionale di Accademia Kronos Calabria si terrà sabato 25 e domenica 26 aprile, presso il Villaggio Aurum "Sabbie Bianche" di Parghelìa. L'incontro si svolge pochi giorni prima dell'assemblea Nazionale di Roma del 30 aprile. Lorario è il seguente: sabato 25, dalle ore 10.00 alle 13.00, e dalle ore 16.00 alle ore 19.00; domenica 26, dalle ore 9.00 alle ore 12.30; con l’ordine del giorno: presentazione del consiglio Regionale Ak della Calabria, ruoli nazionali, ruoli regionali, funzionamento coordinamento; presenza di Accademia Kronos in Calabria (Sezioni, comitati, delegazioni) e presentazione responsabili - presidenti - segretari; costituzione nuove sezioni (modalità, obblighi, programma - tipo delle iniziative); relazione sulle iniziative 2008 e primi mesi 2009 delle sezioni; promozione attività regionali.


50 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Retrospettiva sul cinema italiano a partire dal 22 maggio al Teatro Francesco Cilea

Settimana della Cultura a Reggio Calabria IL CARTELLONE

Convegno regionale dell’Avo oggi nella Città dello Stretto

REGGIO C. - Accademia Kronos e Club Re Italo Calendario delle attività promosse da Accademia Kronos Calabria e dal Club Unesco Re Italo di Reggio. Aprile: oggi, ore 8.00, escursione culturale (Pscs), Gallicianò, area di cultura Grecanica, chiesa ortodossa, conoscenza e valorizzazione tradizioni, arte e culinaria grecanica (Kumelca); lunedì 20, ore 17.00, presso il tipico, riunione club Unesco Re Italo; giovedì 23, ore 18.00, presso il tipico, riunione accademia Kronos; dal 30 aprile al 3 maggio, assemblea nazionale federazione italiana club Unesco Cagliari; maggio: giovedì 7, ore 16.00, presso la sala consiliare circoscrizione Santa Caterina, incontro Pscs su gestione attività di promozione culturale; domenica 7, ore 8.00, escursione naturalistica (Pscs) Aspromonte, Cascate note come “Maesano” sull’Amendolea (“‘u scicciu ra spana”), diga sul Menta itinerario lungo il torrente Amendolea (in pullman fino alla diga, percorso a piedi diga - cascate); domenica 17, ore 8.00, escursione culturale club Unesco Re Italo (Giovani insieme) Palmi ed aree limitrofe (con la collaborazione del Club Unesco di Palmi); domenica 24, ore 8.00, escursione naturalistica (Pscs), Lago Costantino, San Luca (casa natale di Corrado Alvaro), itinerario parco letterario. Percorso a piedi da Pietra Longa (andata) e lungo la Fiumara Bonamico (ritorno), + visita borgo (Club Unesco); giovedì 28, ore 16.00, presso la sala consiliare circoscrizione Santa Caterina, riepilogo attività Pscs e incontro con stranieri; giovedì 28, ore 18.00, presso il tipico, riunione accademia Kronos; domenica 31, ore 8.00, escursione culturale naturalistica (Pscs), San Giorgio Morgeto, Castello, borgo, itinerario articolato, incontro con amministrazione comunale e gruppi di volontariato; giugno 2009: domenica 7, ore 8.00, escursione naturalistica culturale (Pscs), Scilla, traversata dello Stretto con barche di pescatori, Ganzirri, Capo Peloro. Visita guidata parco letterario “Horcynus Orca” e centri urbani interni (Club Unesco);mercoledì 17, ore 17.00, presso la sala palazzo storico della provincia, convegno e proiezione video escursioni Pscs; giovedì 25, ore 18.00, presso il tipico, riunione Kronos; venerdì 26, ore 19.30, presso la sala ristoro, conviviale con stranieri (Pscs). REGGIO C. - “Il volontario Avo”, convegno “Il volontario Avo, l'impegno civile di cui è cuore pulsante, il suo ruolo in continua evoluzione”. Questo il tema del convegno regionale dell'Associazione Volontari Ospedalieri, programmato per oggipresso il Regent Hotel, lungomare di Catona di Reggio Calabria. I lavori avranno inizio alle ore 9 e prevedono la partecipazione di una ampia rappresentanza delle Avo presenti sul territorio regionale. Oltre i padroni di casa dell'Avo di Reggio Calabria, saranno presenti i volontari dell'Avo di Cosenza, Castrovillari, Rossano, Lamezia Terme, Siderno, Mormanno. Il titolo “EvoluzionAvo” segna in modo significativo non solo il momento di aggregazione e confronto che attende i volontari calabresi, ma anche il momento storico che sta vivendo il volontariato Avo nel suo spendersi accanto al malato e al servizio di una struttura ospedaliera sempre più accogliente. REGGIO C. - Presentazione progetto Samaritan Un convegno di presentazione del progetto Samaritan della Heliantide Holding S.p.A. si terrà a Reggio Calabria lunedì 20 aprile, alle ore 10.00, presso la sala "Federica Monteleone" del Palazzo del Consiglio Regionale della Calabria.

REGGIO C. - “Centro servizi intercultura” Aprirà i battenti lunedì 20 aprile alle ore 16 e 30 il “Centro servizi intercultura”, progetto finanziato dal Ministero dell’Interno con il Fondo Lire Unrra e cofinanziato dall’Amministrazione comunale di Reggio Calabria – Assessorato alle Politiche Sociali. Il Centro, che si trova in viale Amendola 66, pone tra le sue attività azioni di informazione, mediazione culturale ed orientamento al lavoro a favore dei cittadini stranieri residenti nel territorio, sviluppando l’integrazione socio – culturale per minori immigrati e le loro famiglie. Alla cerimonia di inaugurazione interverranno il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Scopelliti, l’assessore comunale alle Politiche Sociali, Tilde Minasi, Stefania Caracciolo, della Prefettura, Carmela Pellicanò, referente del Centro Servizi Intercultura, e le coordinatrici Maria De Martino e Giulia Serranò. REGGIO C. - Presentazione proposta di legge Il capogruppo del Pse alla Regione, Cosimo Cherubino, presenterà martedì 21 aprile, alle ore 12, nella sala stampa di Palazzo Campanella una proposta di legge a sostegno dei genitori separati in situazione di difficoltà.

REGGIO C. - Circolo Zavattini, proiezioni Anche quest'anno il circolo del cinema "Cesare Zavattini" organizzerà presso la sede del Cai una serie di proiezioni sulla montagna e sul rapporto tra uomo e ambiente. Le proiezioniavranno luogo alle ore 21.00, presso la sede del club Alpino Italiano sez. Aspromonte in via S. Francesco da Paola, 106 Reggio Calabria. Queste le date in programma: il 21 aprile, 9 giugno. REGGIO C. - Programma aprile Anassilaos L'associazione culturale Anassilaos presenta il programma aprile. Martedì 21 aprile, ore 18.00, presso la sala San Giorgio al Corso, in memoria della "Grande Torino" la squadra di calcio pluricampione d'Italia nel 60° anniversario della Tragedia di Superga (4 maggio 1949). Intervento del dr. Francesco Palamara, venerdì 24 aprile, presso la Chiesa San Giorgio al Corso, consegna del premio Anassilaos San Giorgio Città di Reggio Calabria. Ore 19.15, saluto delle autorità; ore 19.30, proiezione del video realizzato da Giacomo Marcianò "San Giorgio tra arte storia e leggenda"; ore 19.45, consegna del premio; martedì 28 aprile, ore 18.00, presso la sala san Giorgio al Corso, incontro sul tema "La donna nella letteratura calabrese". Interviene la dr.ssa Maria Festa, saggista e studioso di letteratura. Presidente d’onore dell’associazione Anassilaos. REGGIO C. - Settimana della Cultura L’Archivio di Stato di Reggio Calabria, anche quest’anno, partecipa alla XI Settimana della Cultura. Per riflettere su questi temi si terrà presso l’Archivio di Stato di Reggio Calabria un incontro durante il quale parleranno della ricerca d’Archivio gli studiosi Maurizio de Marco- Dalla famiglia alla comunità. La genealogia come strumento di ricerca, Roberta Filardi- Ricerca documentaria e didattica. Le "Giornate Fai di Primavera – Apprendisti ciceroni" a Reggio Calabria, Alessandra Romeo- L’amore per la ricerca alla base del volontariato in Archivio, Antonino Sapone- Storie dell’altro mondo. L’emigrazione calabrese tra gli archivi nazionali e americani. L’incontro avrà luogo il 22 aprile alle ore 17,00 presso la Sala Confe-

renze dell’Archivio di Stato di Reggio Calabria sito in via Lia traversa Casalotto. REGGIO C. - “Reggio Calabria film fest” Al via la 5a edizione del “Reggio Calabria film fest retrospettiva sul cinema italiano”. Appuntamento a Reggio Calabria dal 22 al 25 aprile al Teatro Comunale Francesco Cilea. Sarà assegnato il premio "Corto raro" al miglior cortometraggio pervenuto. REGGIO C. - Psico bar, incontri La cooperativa Imep, Istituto mediterraneo di psicologia che riunisce attorno alla dimensione psicologica professionisti del settore, offre alla cittadinanza reggina una nuova occasione di approfondimento riguardo i temi della Psicologia. La formula è quella originale degli Psico bar. Incontri per discutere, condividere e confrontarsi in un contesto da svago e aggregazione presso Caffè Italia in Via Miraglia n.6 a partire dalle ore 18.30. Di seguito il programma: martedì 28 aprile: “Ho fame di...?” - Il rapporto tra il cibo e le emozioni, con la partecipazione della dott.ssa S. Cordiani (psicologa, counselor adleriano); giovedì 07 maggio: “Ecce homo” - L’autostima ed il rapporto con se stessi, con la partecipazione della dott.ssa A. Rossi (psicologa); 21 maggio: “Alla ricerca dell’adrenalina” - La dipendenza da rischio, con la partecipazione della dott.ssa F. Salzone (psicologa). Gli incontri si terranno a partire dalle ore 18.30, presso il Caffè Italia in Via Miraglia n.6 a Reggio Calabria. Psico-bar è ad ingresso libero per tutti . Psico-bar è a cura della dott.ssa Maria Scordo e della dott.ssa Simona Cordiani. Info: 328.1918853/347.9673649 - www.cooperativaimep.it Prenotazioni: urp@cooperativaimep.it. REGGIO C. - “Il Primo Maggio non si scorda mai” Cgil, Cisl e Uil ripropongono l’appuntamento unitario dal titolo “Il Primo Maggio non si scorda mai”. REGGIO C. - “Italia Nostra”, conversazioni “Dai Paesaggi Sensibili dello Stretto ai Paesaggi Culturali della nostra città”: Italia Nostra di Reggio vuol porre così all’attenzione della cittadinanza, nei prossimi mesi, su tutti gli aspetti positivi dell’archeologia, della storia, della stessa edilizia di Reggio. E lo fa attraverso una serie di conversazioni tenute da soci e da esperti, che si svolgeranno presso la Sala Convegni della Biblioteca Comunale di Via Tripepi, introdotti dal Presidente dell’Associazione protezionista, Arch. Pino Bertone.La prima conversazione, che darà inizio al ciclo, sarà tenuta dall’Arch. Alberto Gioffrè, Socio fondatore di Italia Nostra di Reggio, sul tema del “Recupero dell’edilizia abusiva” (come rinnovare e valorizzare la maglia urbana del degrado): il terzo appuntamento sarà curato dalla Dott.ssa Rossella Agostino, già Presidente della Sezione reggina, sul tema dell’Archeologia e quotidianità della vita. Seguiranno altre conversazioni, sempre di mercoledì, il 20 maggio 2009, il 17 giugno 2009, il 23 settembre 2009, il 21 ottobre 2009, il 25 novembre 2009, per poi riprendere nell’anno successivo. Relatori saranno: il Dott. Franco Arillotta, il Prof. Franco Zagari, l’Ing. Claudio Bertonelli, la Prof.ssa Martorano Costabile, l’Arch. Nino Pellicanò, l’Ing. Giuseppe La face, ma la Conversazione del 21 ottobre sarà imperniata sul libro.


il Domani Domenica 19 Aprile 2009 51

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Festival delle migrazioni e delle culture locali a partire dal 22 maggio in programma a Riace

“De Andrè canta De Andrè” a Rende IL CARTELLONE

Master universitario in Politiche ambientali e territoriali a Rossano

REGGIO C. - Interpretazione musicale, concorso E’ pronta a partire la seconda edizione del concorso nazionale di interpretazione musicale “Città di Reggio Calabria”, bandito dall’“Accademia del tempo libero” col patrocinio del Comune. Il concorso si svolgerà dall’1 al 7 giugno 2009 presso l’Auditorium “Il Cipresseto”, sede dell’“Accademia”. RENDE (Cs) - “De Andrè canta De Andrè” Partita la vendita dei biglietti per "De Andrè canta De Andrè" del 15 maggio 2009 alle ore 21.15 al Teatro Garden di Rende (Cosenza), grande omaggio a Fabrizio De Andrè con il concerto del figlio Cristiano che ne eseguirà tutti i maggiori successi, anche attraverso ricordi personali. L'evento fa parte della XXIII edizione della rassegna "Fatti di Musica Radio Juke Box", la rassegna del miglior live d'autore ideata e diretta da Ruggero Pegna abbinata alla "Lotta a Leucemie e Linfom" dell' A.m.e.n.a. di Catanzaro (associazione per le malattie ematologiche neoplastiche dell'adulto). RIACE (Rc) - Festival delle migrazioni Riace ha deciso di dar vita alla prima edizione di A – Accoglienza. Festival delle migrazioni e delle culture locali che si svolgerà dal 22 al 24 maggio:un concorso per filmaker aperto a tutti su temi attuali e importanti quali il recupero della memoria, delle tradizioni e della cultura materiale e ancora dell’accoglienza, della solidarietà, della condizione dei profughi e dell’incontro fra culture diverse. Un festival che cerca anche l’interesse dei giovani attraverso una sezione per cortometraggi a tema libero e una su videoclip musicali. Il concorso si articola in quattro sezioni di partecipazione: Cortometraggi a tema libero; Migranti aperto a storie e incontri visti dai migranti e/o dai nativi, in Italia, come in altri paesi, con particolare attenzione al Mediterraneo, nonché a inchieste e reportage sulle dinamiche che si creano nella società, nella politica e nella cultura; Culture locali cultura materiale aperta a film relativi alla ricerca e alla salvaguardia di culture, società, lingue e tradizioni locali, compresa la “cultura materiale”, e il loro rapporto con la modernità; Videoclip Musicali aperta a videoclip musicali a tema libero della durata massima di 6', senza preclusioni di stili o di generi musicali. Gli aspiranti partecipanti dovranno inviare i propri lavori entro il 30 aprile 2009 e troveranno tutte le informazioni sulla iscrizione nel sito www.riaceinfestival.it . L’iniziativa è promossa da: Comune di Riace, Rete Comuni Solidali, Asgi-Associazione Studi Giuridici Immigrazione e Associazione Città Futura Don Giuseppe Puglisi Riace. ROGLIANO (Cs) - Raduno mongolfiere “Primo raduno mongolfiere in Calabria”da giovedì 23 a domenica 26 aprile a Santo Stefano di Rogliano. L’evento è organizzato dall’Associazione Acli di Santo Stefano di Rogliano.

rezza guidato da Giovanni Fortino, in collaborazione con il sindacato Italiano Appartenenti Polizia, ha organizzato il convegno “Legalità e sicurezza: fondamenti di democrazia per lo sviluppo” che si terrà oggi, alle ore 11:00, nella sala rossa di Palazzo San Bernardino. Al convegno parteciperanno il sindaco di Rossano Franco Filareto, l’assessore alla Sicurezza del Comune di Rossano Giovanni Fortino, il presidente dell’Associazione Nazionale Antimafia “Riferimenti” Adriana Musella, il presidente dei Giovani Industriali di Cosenza Fortunato Amarelli, il direttore della Scuola Diocesana di Formazione Socio-Politica Salvatore Martino, il vice presidente della Federazione Italiana Antiracket Renato De Scisciolo, il Parlamentare Marco Minniti, il Segretario Generale Siap Nazionale (Sindacato Italiano Appartenenti Polizia) Giuseppe Tiani. Al meeting, moderato dal giornalista Matteo Lauria, interverranno anche il Presidente della Provincia di Cosenza Mario Oliverio, il Segretario Generale Regionale Uil Calabria Roberto Castagna e il Dirigente del III Circolo Didattico di Rossano Rosa Pirillo. ROSSANO (Cs) - Master in Politiche ambientali Dall’1 al 19 giugno la Città di Rossano sarà sede del master universitario di secondo livello in “Politiche ambientali e territoriali per la sostenibilità e lo sviluppo” detto Eco-Polis, organizzato dall’Università di Ferrara e dall’Università della Calabria. SAN PIETRO A M. (Cz) - “Il teatro è vita” E’ al via la II stagione teatrale “Il teatro è vita”. La manifestazione è organizzata dall’associazione “Pier Giorgio Frassati” di San Pietro a Maida in collaborazione con: l’Aido (Associazione Italiana Donazione Organi); l’Atec (Associazione Trapiantati Epatici Calabresi); la Proitalia (Dipartimento Cultura e Donazione Organi), con il patrocinio dell’Amministrazione provinciale di Catanzaro e sostenuta dalla Mediabet. Questi gli appuntamenti previsti: sabato 30 maggio 2009 “Concerto del Complesso Bandistico Giovanni Paolo II” di San Pietro a Maida”. L’Ingresso è gratuito.

SCALEA (Cs) - Global beat moviment Il 12 luglio 2009, in località Riva Chiara di Sellia M., serata al locale Tarantula con i "global beat Moviment" un mix di tarantella, pizzica, ska e reggae. SETTINGIANO (Cz) - Booling Center Il Booling Center, aperto durante la settimana tranne il lunedì, comunica le proprie promozioni: martedì e mercoledì "Più giochi e meno paghi", giovedì e domenica "Promozione coppia", sabato "Birillo rosso".

SETTINGIANO (Cz) - All’Orso Cattivo Ogni giovedì: "Toda Joia"!!! presso L'Orso Cattivo a Settingiano. Zona ristorante: Dr. Why - il gioco a quiz per locali (ore 21.00); "Toda Joia" - Dj's: Gianluca Napoli, Tatto and ROSSANO (Cs) - Stagione teatrale, programma Beat&Love (ore 23.30). Zona pub: balli caraibici: salsa, La città di "Rossano la bizzantina" presenta la stagion 2009 merengue Y bachata (tutta la sera!). Ingresso: 10 euro (sopresso il teatro San Marco, Teatro per tutti a Teatro. Pro- lo 5 euro se segnali la tua presenza sul sito www.movidagramma: 22 aprile, compagnia Corrado Abbati in collabo- community.it.

razione con associazione internazionale operetta Trieste con gli allestimenti dell’ente lirico teatro G. Verdi Trieste presentano: "Al cavallino bianco" di Hans Muller e Erik Charell; musiche di Ralph Benatzky; orchestra dal vivo - direttore Marco Fiorini;adattamento e regia Corrado Abbati (Unica data in CalabriaCampagna abbonamenti: abbonamento poltronissima, euro 80.00; abbonamento poltrona euro 60.00; abbonamento speciale “Carta Giovani” euro 40.00; speciale abbonamenti famiglia: due abbonamenti interi (poltronissima o poltrona) danno diritto ad un abbonamento omaggio per un figlio di età inferiore a 14 anni. A tutti gli abbonati verrà offerto l’ingresso gratuito per lo spettacolo “Serendipity" del 17 aprile. Biglietti: platea poltronissima euro 20.00; A Teatro con (Se acquisti due biglietti poltronissime) euro 35,00; platea poltrona euro 15.00; A Teatro con (Se acquisti due biglietti poltrona) euro 25,00; galleria euro 10.00; cinque con (Per gruppi di sei) euro 50,00. Acquisto biglietti presso il Teatro San Marco tre giorni prima di ogni spettacolo.Biglietti spettacolo “Serendipity” del 17 aprile; platea (posto unico) euro 10.00; galleria (posto unico) euro 5.00. Informazioni generali saranno presenti nella rete internet ai seguenti indirizzi: \n www.rossano.eu - www.generazionefutura.com - www.sibarinet.it - www.teatro.org www.jblasa.com; e-mail: ufficio stampa@rossano.eu; info@generazionefutura.com; 360/39.56.26; 0983/529.224. Tutti possono usufruire gratuitamente del servizio di prenotazione telefonica. La prenotazione bloccherà le poltrone fino ad un giorno prima dello spettacolo, trascorso questo tempo se i biglietti non verranno ritirati le poltrone verranno rivendute. ROSSANO (Cs) - “Legalità e sicurezza”, convegno Il Comune di Rossano, assessorato alla Legalità e alla Sicu-

SIBARI - Settimana della Cultura

Il Ministero per i beni e le attività culturali, in collaborazione con tutti i suoi istituti, promuove la Settimana della Cultura, quest’anno giunta all’XI edizione con lo slogan "la cultura è di tutti, partecipa anche tu". In questo contesto Silvio Vigliaturo - che da anni ha una solida collaborazione con l’Unical ed è, insieme a Gerardo Sacco e Santo Versace, testimonial nel mondo dell’ateneo calabrese - espone una collezione di sculture in terracotta e una serie di installazioni e opere in vetro presso il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide, che raccoglie tutte le testimonianze materiali della Sibaritide dall’età protostorica all’età romana, ed in particolare il ricco e glorioso passato di quella che fu una delle più importanti poleis della Magna Grecia: Sybaris. Mostra: Kleombrotos - Vigliaturo, una lettera dal passato, presso il museo nazionale archeologico della Sibaritide, località Casa Bianca, a Sibari (CS); vernissage: fino al 31 maggio. Info: 0981/79391-2 - www.museovigliaturo.it.

naio 2007 alla data del presente bando. Ogni autore o Casa Editrice può partecipare con più opere, presentando per ognuna di esse cinque copie; giuria: le opere saranno esaminate da una giuria tecnica composta da autorevoli esponenti del mondo della cultura, il cui giudizio è insindacabile ed inappellabile. Per partecipare gli autori e/o le Case Editrici devono fare pervenire le opere, con l’indirizzo ed il recapito telefonico dell’autore e l'indicazione della sezione per la quale concorrono, entro la data del 30 aprile 2009 al seguente indirizzo: Premio letterario Città di Siderno presso Aldo De Leo Via C.Battisti, 75 - 89048 Siderno (Rc). La partecipazione al premio comporta la piena accettazione del presente bando. SIMERI CRICHI (Cz) - Maratona Stracrichi L'associazione volontari italiani sangue Avis comunale di Simeri Crichi organizza la 2ª maratona Stracrichiil 14 giugno, ore 16.00, presso la piazza Martiri a Simeri Crichi. Per ulteriori informazioni: 368/560945 - 333/9725089. SOVERATO (Cz) - Al Bar Mario Progamma Bar Mario: ogni mercoldì dott. why; giovedì Isa e il so karaoke; venerdì francysdrag queen; domenica scandlo con tesy voice superkaraoke.1, 2, 3 maggio festa della birra. SOVERATO (Cz) - “I giovani per la legalità” L'osservatorio Falcone Borsellino Scopelliti organizza per lunedì 20 aprile, alle ore 16.00, presso la sala conferenze dell'Itc "A. Calabretta" di Soverato, una conferenza stampa in cui verranno annunciati i vincitori del premio nazionale "i giovani per la legalità", indetto dall'osservatorio, dedicato quest'anno a Giovanni Falcone. SOVERATO (Cz) - Slow food, inziative culturali

L’associazione Slow food di Soverato promuove una serie di iniziative culturali rivolte alla conoscenza e valorizzazione delle caratteristiche culturali e sociali del territorio e si pone l’obiettivo di promuovere iniziative rivolte all’acquisizione di strumenti di conoscenza del "gusto" da parte di cittadini sempre più attenti e numerosi. Tra queste azioni rientra il progetto in corso presso l’istituto alberghiero di Soverato che pone l’accento sulla necessità che i futuri operatori del settore enogastronomico diventino i depositari della cultura e della tradizione del territorio. Gli incontri di educazione sensoriale e alimentare, con presentazione dei prodotti calabresi (Olio, formaggio, miele, vino, salumi), hanno un contributo economico di compartecipazione concesso dall'assessorato alla pubblica istruzione della Provincia di Catanzaro. Gli incontri sono articolati in 5 moduli, uno per ogni prodotto, curati dagli esperti Slow Food e si tengono nell’istituto alberghiero Ipssar di Soverato durante le attività didattiche di valorizzazione della cucina tradizionale. In questa esperienza sono coinvolte alcune classi del corso serale, coordinate dal professore Raffaele Colosimo, docente di scienza dell’alimentazione. La programmazione è così articolata: presentazione e discussioni preliminari in aula: aprile. Presentazione con proiezioni presso la sala biblioteca dell'ipssar: salumi, lunedì 20 aprile, ore 17.00-20.00; formaggi, giovedì 23 aprile, ore 17.00-20.00; vino, lunedì 27 aprile, ore 17.00-20.00; olio, giovedì 30 aprile, 17.00-20.00. Conclusione: martedì 5 maggio, ore 17.00-20.00: presentazione dei prodotti, incontri con i produttori, laboratori del gusto.

SOVERATO (Cz) - Teatro del Grillo Ha ufficialmente avuto inizio la stagione 2009 del Teatro del Grillo di Soverato, che da gennaio a fine aprile ospiterà eccellenti compagnie del teatro italiano oltre alla Compagnia della scuola di teatro Spazioscenico e alla Compagnia del Grillo. Programma:concluderà la stagione, a partire da sabato 25 aprile, la nuova produzione della Compagnia del Grillo: “Rumori fuori scena” per la regia di Claudio Rombolà. Una irresistibile storia di teatro nel teatro dove ritmo, equivoci e colpi di scena fanno del testo di Frayn una delle farse più fortunate degli ultimi trent’anni. Costo abbonamento a 5 spettacoli 88,00. Turno A: pomeridiana ore 17.00 o primo giorno di rappresentazione. Turno B: serale ore 21.00 o secondo giorno di rappresentazione. Gli abbonati alla stagioSIDERNO (Rc) - Premio “Armando La Torre” ne precedente possono confermare il posto telefonando E’ indetta la sesta edizione del Premio Letterario Città di Si- o lasciando un messaggio al N. 0967 -23156 oppure traderno “Armando La Torre” che si articola nelle sezioni di nar- mite e-mail all’indirizzo di posta elettronica di seguito rativa e saggistica. Il premio, patrocinato dal Comune di Si- riportato "teatrodelgrillo@libero.it". derno, dalla Regione Calabria e dalla Provincia di Reggio, gode del riconoscimento del Ministero per i Beni e le Attività culturali. Regolamento: narrativa, si partecipa con opere di narrativa scritte in lingua italiana e pubblicate dal 1°gennaio 2008 alla data del presente bando. Ogni autore o Casa Editrice può partecipare con più opere; saggistica: si partecipa con opere di saggistica scritte in lingua italiana e pubblicate dal 1° gen-

SOVERATO (Cz) - Stagione teatrale Programma della stagione teatrale 2008/09 a Soverato: sabato 25 aprile 2009 Teatro instabile d’Aosta Mimondi regia Marco Chenevier; domenica 3 maggio 2009 Giorgio Albertazzi “Lezioni americane “di Italo Calvino.


52 Domenica 19 Aprile 2009 il Domani

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Prima edizione del trofeo regionale di pallamano oggi in programma a Vallefiorita

A Soveria Mannelli “scrittori in campagna” IL CARTELLONE

Esposizione di opere di Mattia Preti al Museo Civico di Taverna

SOVERATO (Cz) - Festa della birra Il bar Mario comunica che è in fase terminale la definizione del programma che si terrà in occasioe della seconda Festa della birra- Città di Soverato nei giorni 1-2-3 maggio 2009.All'interno di detta manifestazione si esibiranno gruppi musicali di vario genere, (taranta, pizzica, cover etc..)prestigiatori, cabaretisti. L'organizzazione della festa della birra - Soverato 2009 - comunica che, all'interno della manfestazione, vi sarà l'assegnazione del premio Giorgio Gioviale - dedicato alla memoria del giovane soveratese deceduto tragicamente più di vent'anni fa. Il premio è riservato agli artisti che vorranno esibirsi nei giorni 1-2-3 maggio come cabarettisti, musicisti e consiste in una somma messa a disposizione della famiglia Gioviale e dall'organizzazione. Programma: ve-

nerdì 1 maggio, apertura ore 17.00; ore 17.30, Dr. Why – Gioco a Quiz Interattivo - in gara i quartieri di Soverato ; ore 18.30 , Festival Di Cabaret - Ospiti Iduecò... (Duo Cabarettistico Calabrese); ore 20.30, sagra della melanzana – Piatto unico a base di melanzane; ore 21.00, ironia e cabaret con le Drag Queen (Francys); ore 22.00, concerto Dei Marasà. Sabato 2 maggio, ore 17.30, finale regionale del Dr. Why – Gioco a Quiz Interattivo; ore 19.00, Mago Florius (spettacolo di Magia e Cabaret); ore 20.00, sagra del panino con la salsiccia; ore 20.30, festival di cabaret - Ospite Cesare Gallarini (Comico e autore, collabora ai testi con Aldo, Giovanni e Giacomo e I Fichi D’India); ore 22.00, concerto degli Ariacorte (Pizzica Salentina). Domenica 3 maggio, ore 17.30, Il Fantastico mondo dei Bambini – Festa con maschere e gadgedts per i bambini; ore 18.30, festa del mangione – Gara a premi per chi mangia più panini; ore 19.30, Tesy Voice - Gara di Superkaraoke e Superpremio; ore 20.30, sagra della trippa; ore 21.00, finale del Festival Di Cabaret - Ospite Francesco Addeo e il Suo Cabaret Magico; ore 22.00, concerto di Mimmo Cavallaro ( Tarantapower).Per ulteriori informazioni rivolgersi al numero 3280715176 oppure inviare mail a barmario.vs@libero.it. SOVERIA M. (Cz) - “Scrittori in campagna” Riscoprire il legame fra scrittura, arte e natura. Questo lo spirito di “Scrittori in campagna”, quindici weekend in aziende agrituristiche che si terranno nei mesi di marzo e aprile all’insegna della riscoperta dei territori rurali del nostro paese. A organizzare l’iniziativa è “Leggere:tutti”, mensile diretto da Giuseppe Marchetti Tricamo, in collaborazione con Agri@tour e Anagritur, con il patrocinio del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. Si tratta una serie di weekend letterari con la partecipazione di scrittori che pernotteranno in agriturismo e animeranno gli incontri in programma, aperti, oltre che agli ospiti, alla popolazione rurale del territorio circostante. L 'iniziativa avvicina gli scrittori in campagna, in un luogo sicuramente più consono alla scrittura e alla lettura. Partita dal Lazio e dalla Toscana, farà tappa in Calabria oggi presso l’agriturismo la rosa nel bicchiere di Soveria Mannelli. L’incontro calabrese “Sequenze di gusto”, vedrà la partecipazione del critico cinematografico Christian Uva, che intratterrà gli ospiti parlando del connubio tra cinema italiano, cibo e letteratura. Dibattiti, proiezioni, letture e gastronomia allieteranno gli ospiti dell’agriturismo che a cena potranno gustare alcuni “piatti cinematografici” celebri, ripresi da quelle pellicole che hanno reso grande il cinema italiano del ‘900 e i suoi protagonisti dal Couscous di Marrakesh Express alla sacher torte di Nanni Moretti. Per info e prenotazioni: 096866664275 0968666668 - 3496886589, info@larosanelbicchiere.it, www.larosanelbicchiere.it. SPEZZANO A. (Cs) - Giornata mondiale del libro Dopo la positiva esperienza del 2006, l’Associazione Culturale MeEduSA di Spezzano Albanese torna a prendere parte attiva alle celebrazioni de “La Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore”, promossa dall’Unesco in tutto il mondo il 23 aprile di ogni anno. L’idea di questa giornata, storicamente, ha la sua origine in Catalogna dove, il 23 aprile, festa di San Giorgio, viene offerta una rosa per ogni libro venduto. La data ha, inoltre, un particolare valore simbolico poiché il 23 aprile del 1616 vennero a mancare contemporaneamente Cervantes, Shakespeare e l’ Inca Garcilaso de la Vega. Attraverso la celebrazione in tutto il mondo della Giornata del Libro e del Diritto d’autore, l’Unesco intende pagare un tributo universale ai libri e agli autori, incoraggiando il piacere della lettura ed il rispetto per l’insostituibile ruolo di coloro che hanno costruito il progresso sociale e culturale dell’Umanità. In tal senso l’associazione spezzanese ha inteso organizzare alcuni eventi da inserire nel ciclo di quelli previsti dall’Unesco. In particolare, giorno 26 aprile a Spezzano Albanese ci sarà l’iniziativa “Un Mondo di Libri”, che vedrà a confronto una serie di autori chiamati a presentare uno dei propri libri già pubblicati. Entrando nel merito, giorno 26 arriveranno a Spezzano la scrittrice Clelia Rimoli, che proporrà il volume di liriche intitolato “Attimi rubati al tempo”; lo scrittore Pino Marasco, con il suo volume di letteratura per l’infanzia dal titolo

“Pasticci di parole”; Wilma Pellegrini presenterà il proprio testo “Io, la Vita e... il Cancro”, un viaggio toccante nella malattia che l’ha colpita; Vincenzo Viteritti esporrà ai presenti lo studio contenuto ne “Il Castello di Corigliano Calabro”; con Lucia Scuteri, infine, si entrerà nel merito nel mondo dell’insegnamento scorrendo le pagine di “Scuola, famiglia e società in cammino”. Nell'ambito della manifestazione spazio anche ai neofiti della scrittura, con la presentazione dell’opera prima della giovanissima scrittrice di Spezzano Albanese Angela Toma, autrice del romanzo dal titolo “Ti prego amami!”. Sul testo sarà chiamato a relazionare il poeta Francesco Fusca. I lavori, coordinati dal presidente MeEduSA Emanuele Armentano, saranno arricchiti dall'intervento del Funzionario della Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco, Flaminia Brigante Colonna, che da Roma porterà nella cittadina arbëreshe il proprio messaggio sulla manifestazione promossa in tutto il mondo. Per il saluti, sarà presente il sindaco spezzanese Ferdinando Nociti. Gli altri due appuntamenti che chiudono il ciclo 2009 delle iniziative della MeEduSA nell’ambito della “Giornata Mondiale del Libro e del Diritto D’Autore” si terranno l’11 maggio, quando sarà presentato il lavoro del giornalista e scrittore Paride Leporace dal titolo “Toghe Rosso Sangue”. In programma per questa giornata ci saranno due appuntamenti di presentazione: al mattino, l’incontro tra gli studenti dell’Ipsia “Aletti” di Trebisacce e l’autore; nel pomeriggio lo scenario sarà ancora Spezzano Albanese, che ospiterà, sempre presso la Sala Consiliare, un altro incontro con l'autore.

SQUILLACE (Cz) - Visite guidate L'associazione Largot costituita da guide specializzate munite di patentino e autorizzate dalla Regione Calabria, offre il servizio di visita guidata alla rassegna espositiva allestita al Complesso monumentale del San Giovanni Catanzaro dedicata ai pittori del seicento Francesco Cozza, Gregorio e Mattia Preti info www.calabriaguide.it 0961-34618 333-8002471. Inoltre, la stessa associazione, mette tutti i giorni dalle 9.30 alle 12.30, e dalle 15.00 alle 18.00, a disposizione le guide turistiche che accompagneranno i visitatori al centro storico di Squillace e al Parco archeologico Scolacium di Borgia. Per ulteriori informazioni contattare i numeri di tel: 0961/34618 368/7376942 - 347/1094691 - 320/0473698 - oppure consultare il sito internet di seguito riportato www.calabriaguide.it. TAVERNA (Cz) - Largot, visite guidate La Largot, svolge servizio di visite guidate al museo civico, alla chiesa di San Domenico e chiesa di Santa Barbara e alla galleria di arte contemporanea, per associazioni, scuole, fondazioni e gruppi (min 30 pers.). Il servizio sarà effettuato su prenotazione. Info: 0961/34618 368/7376942 - 329/9149079 - 347/8871177 - o visitare il sito www.calabriaguide.it. TAVERNA (Cz) - Opere di Mattia Preti al Museo Due nuovi capolavori di Mattia Preti pertinenti la collezione della Banca di Credito Cooperativo della Sila Piccola si possono ammirare nel Museo Civico di Taverna. Si tratta di un bozzetto ad olio su tela di cm.77x41 raffigurante “San Sebastiano” e di un dipinto di cm.157x122 raffigurante “San Girolamo Penitente”, realizzati entrambi dal Cavalier Calabrese nel ventennio 1680-’90. L’evento consentirà a visitatori e studiosi di apprezzare completamente il corpus delle ventitrè opere pretiane di Taverna conservate (oltre che nella stessa sede museale) nelle Chiese di S.Domenico e S.Barbara. Il prestito, stabilito in forma di deposito, è stato eccezionalmente concesso all’Istituzione Culturale tavernese dal Consiglio di Amministrazione della banca presilana presieduto dal presidente Nicoletta e dal Direttore Cariati. Il museo civico è visitabile tutti i giorni, dal martedì alla domenica, (tranne il lunedì) con i seguenti orari 9.30-12.30 e 16.00-19.00.

zaro - handball Lamezia 95 aspak Caulonia - As handball Cosenza. In caso di pioggia il torneo sarà rinviato ad altra data. Programma della manifestazione: mattina: ore 8.45, arrivo delle squadre presso il punto accrediti della manifestazione sito in Via dello Stadio, nei pressi dello stadio comunale di Vallefiorita, per il ritiro del materiale. (Divise da gioco ed altri gadget); ore 9.00, inizio manifestazione. Tutte le gare si disputeranno presso la palestra comunale di Vallefiorita e saranno arbitrate da personale Figh con il seguente programma: fase di qualificazione (tempi da 20') ore 9.15, femm, Hc Catanzaro - H. lamezia 95; ore 10.15, masch, H. catanzaro/Vallefiorita - Handball Cosenza; ore 11.15, femm, Aspak Caulonia - Handball Cosenza; ore 12.15, masch, Pall. Calabria - Pall. Reggio Calabria; ore 13.30, pausa pranzo, ritiro presso il punto accrediti del cestino offerto dalle ditte Gualtieri Antonella e Le Zagare, da consumarsi presso gli spalti del campo di calcio adiacente. Nel corso della giornata sarà distribuita alle squadre acqua Calabria. I genitori, parenti e amici dei partecipanti che volessero pranzare potranno usufruire dell'offerta di un pasto completo a menù fisso concordato con l'organizzazione al prezzo di euro 10,00 a testa salvo eventuali extra da consumarsi presso i seguenti esercizi pubblici: ristorante La Piazzetta; bar Il Ponte; pizzeria Tabù. In questo caso è gradita la prenotazione anticipata, possibilmente entro venerdì. Pomeriggio: ore 15.00, ripresa delle gare con il seguente programma: incontri di finale - (tempi da 15' per 3 e 4 posto; e da 20' per 1 e 2 posto); ore 15.00, femm. finale per 3 e 4 posto; ore 15.30, masch, finale per 3 e 4 posto; ore 16.00, femm, finale per 1 e 2 posto; ore 17.00, masch, finale per 1 e 2 posto; ore 18.00, al termine delle finali si effettuerà la premiazione di tutte le squadre; ore 18.30 circa, rientro delle squadre. Autorità presenti alla manifestazione: per il Coni, comitato olimpico nazionale italiano, Antonio Sgromo, presidente provinciale di Catanzaro; Claudio Perri, presidente provinciale di Crotone; per la Figh, federazione italiana giuoco Handball pallamano, Giovanni Filice, consigliere nazionale Figh; Gaetano Conforti, presidente comitato regionale Figh; Raffaele Caputo, consigliere del comitato regionale Figh, presidente provinciale di Reggio Calabria; Giuseppe Neto, responsabile regionale settore scuola Figh; Francesco Torchia, responsabile regionale settore tecnico Figh; Francesco De Vita, presidente regionale settore arbitri; per gli enti locali: Bruno Giovanni, sindaco di Vallefiorita; Manno Grazioso, presidente Urbi Calabria; Bruno Enzo, presidente comunità montana "fossa del lupo"; Sestito Antonio, presidente pro loco Vallefiorita. Per ogni altra informazione: 0961/919639 - 388/1929839 - 340/7487497 - 338/9147809 Catroppa62@libero.it. VIBO V. - Memorial Gaglioti L'Asd Gss sport, comitato regionale Fipav Calabria, settore Fipav scuola e minivolley Calabria, comitato provinciale Vibo Valentia organizzano 4° minibeachvolley - 3° memoriale Gaglioti, giorno 24 maggio, al lido Chiringuito di Pizzo Calabro (Vv). Inoltre saranno allestite due aree per permettere ai bambini più piccoli (dai 3 ai 5 anni e non solo) di poter colorare o giocare con la sabbia.

VILLA S. GIOVANNI (Rc) - Magnagrecia bianconera Si terrà il 26 aprile 2009 presso l’Altafiumara Resort, nella splendida cornice naturale di Santa Trada tra Villa San Giovanni e Scilla, la prima edizione del "Premio Magnagrecia bianconera”, istituito dal Coordinamento Juventus Club Doc della Calabria. Il Coordinamento regionale ha deciso di assegnare il primo "Premio Magnagrecia bianconera” alla società Fc Juventus, al fine di testimoniare il grande amore e la profonda passione che lega moltissimi calabresi alla Vecchia Signora del calcio italiano. In rappresentanza della Juventus sarà presente una nutrita e prestigiosa delegazione, costituita dal team manager Gianluca Pessotto, i calciatori Sebastian Giovinco e Giorgio Chiellini, il presidente onorario del coordinamento Juventus Club doc Mariella Scirea, il responsabile del Coordinamento Club doc Ezio Morina. Alla kermesse juventina saranno inoltre presenti numerose autorità del mondo calabrese sportivo, giornalistico, culturale ed anche religioso. La manifestazione, che TAVERNA (Cz) - Al Mattia Pub si concluderà con una cena di gala, rigorosamente ad inviProgramma del Mattia Pub di Taverna: sabato 25, Il cervello- ti, sarà presentata dalla giornalista e conduttrice di Juvenne con movida Calabria. Per info Lia Tommaso 338/1065099 tus Channel, Valeria Ciardiello. Il "Premio Magnagrecia - myspace.com/mattiapub - mattiapublia@libero.it. bianconera" verrà realizzato dal celebre maestro orafo Gerardo Sacco. VALLEFIORITA (Cz) - Trofeo regionale pallamano Le società sportive di pallamano Vallefiorita e Catanzaro Lido, in collaborazione con: Urbi Calabria, Unione regionale bonifiche e irrigazioni per la Calabria, il Comune di Vallefiorita, la Pro Loco di Vallefiorita, comunità montana Fossa del lupo e con il patrocinio della Figh - comitato regionale Calabria pallamano, organizzano per oggi, il 1° trofeo regionale di pallamano "Città di Vallefiorita", riservato alle squadre maschili e femminili della categoria under 16. Parteciperanno le squadre maschili di: handball Catanzaro Lido/Vallefiorita - handball Lamezia 95 pallamano Calabria Crotone - pallamano Reggio Calabria; e le squadre femminili di: handball club Catan-

CALABRIA - “Impianti aperti ai cittadini” Sono partiti “I giorni della rinnovabili – Impianti aperti ai cittadini”, l’evento nazionale organizzato ogni anno da Ises Italia e giunto alla sua nona edizione, che porta il grande pubblico a contatto con le energie rinnovabili e le loro relative applicazioni. L’iniziativa terminerà oggi. In Calabria apriranno gratuitamente al pubblico 3 impianti, la tipologia dei quali comprende impianti solari termici, fotovoltaici e pompe di calore. È il caso di Casa Accardo, ad Altomonte (Cs), dell’Azienda Pa.Ob., a Fossato Serralta (Cz) e dell’Istituto Superiore Maresca, a Catanzaro.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Domenica 19 Aprile 2009 53

Speciale

La nave turca ha raccolto 154 migranti nel canale di Sicilia fra Italia e Malta Unità navali garantiscono il soccorso, ma non credono all’epidemia a bordo Il Mediterraneo si è ingrossato Ma non si fermano gli sbarchi

A sinistra Carmelo Mifsud Bonnici, ministro maltese, in alto Franco Frattini, capo della Farnesina. Non ci sono ancora certezze in base al diritto internazionale su chi deve effettuare il salvataggio dei clandestini a bordo del Pinar

POZZALLO (RAGUSA) - Il mare mosso ieri non ha fermato gli sbarchi sulle coste siciliane: due in poche ore. In 54 sono arrivati fino alle spiagge di Licata, nell’Agrigentino, mentre nel Ragusano è giunta un’imbarcazione con moltissime persone a bordo. In totale gli extracomunitari che erano sul barcone e che sono stati sbarcati a Pozzallo sono 302, tra cui 226 uomini, 61 donne, cinque delle quali in stato di gravidanza - e 15 minorenni. I migranti, che hanno detto di essere di nazionalita somala, eritrea, nigeriana e algerina, giunti nel porto sono stati tutti trovati in buone condizioni di salute e sono stati condotti nella palestra comunale per gli accertamenti. La segnalazione della presenza dell’imbarcazione in legno, lunga circa 12 metri, era giunta la notte scorsa intorno alle 23.10 alla Capitaneria di Porto di Pozzallo. Il barcone, intercettato a circa 30 miglia dal porto, è stato soccorso da due motovedette della guardia costiera, che poi hanno chiesto l’intervento del rimorchiatore ’Priolo’ in seguito ad un peggioramento delle condizioni meteo-marine. Un altro rimorchiatore, il ’Kerob Express’, ha invece rimorchiato il barcone. In pratica la Guardia Costiera, una volta intercettata l’imbarcazione, ha prima trasportato sulla terra ferma 27 donne e 5 bambini, quindi ha organizzato il trasbordo dei restanti passeggeri ma per timore dell’aggravarsi delle condizioni del mare, è stato fatto intervenire un rimorchiatore portuale mercantile. Il mare era agitato e si temeva che, anche a causa delle sue pessime condizioni, la barca potesse affondare.

Sosdalmarenonpervenuto Pinar più vicina a Lampedusa ma senza autorizzazioni a sbarcare i profughi

La nave portacontainer Pinar. Il primo appello del suo capitano è stato: “Aiutateci: almeno una trentina di immigrati stanno male, fateli sbarcare”

PALERMO - E’ fermo a 21 miglia da Lampedusa il cargo Pinar che, giovedì scorso, ha salvato 140 migranti in balia del mare nel Canale di Sicilia. Asik Tuygun, il comandante del mercantile, finito al centro di un braccio di ferro diplomatico tra il governo italiano e le autorità maltesi - entrambe hanno negato l’autorizzazione all’approdo -, attende di capire quale sarà la sorte dell’equipaggio e degli extracomunitari salvati. Viveri sempre più scarsi e condizioni igieniche precarie rendono allarmante la situazione a bordo. E a complicare la vicenda, da ieri mattina, ci sono anche le cattive condizioni meteo che potrebbero rendere difficili eventuali operazioni di soccorso. Sul caso del Pinar è intervenuto il ministro degli Esteri Franco Frattini, che ha dato istruzioni all’ambasciatore italiano a Malta, Andrea Trabalza, di «compiere passi al massimo livello per sollecitare un adeguato intervento» de La Valletta. Ma le autorità maltesi, che sostengono che l’avvistamento degli extracomunitari sia avvenuto a 122 miglia dalle coste, quindi più vicino all’Italia, non sembrano intenzionate a fare marcia indietro. Dalla Farnesina è giunto anche un appello all’UE, affinchè l’Agenzia Europea per la gestione e il controllo delle frontiere esterne (Frontex) «assolva con la necessaria rapidità ed efficacia agli impegni che le sono propri, e assicuri una soluzione urgente a una dolorosa questione

che non può che travalicare l’ambito bilaterale italo-maltese». Per ora, però - ha fatto sapere il portavoce del commissario Ue alla Giustizia e ai Diritti civili, Jacques Barrot la Commissione continua «a seguire da vicino la situazione e a raccogliere tutte le informazioni necessarie su quanto sta accadendo». In attesa di risposte, il cargo resta al limite delle acque di competenza italiane. Sul posto sono giunte alcune motovedette della Guardia Costiera con a bordo due medici che sono stati fatti salire sul Pinar. Secondo i sanitari, nessun migrante, a dispetto di quanto detto dal comandante del mercantile che aveva anche lanciato l’allarme sulla possibile diffusione di un’epidemia, sarebbero in precarie condizioni di salute. La capitaneria sta caricando a bordo disinfettanti, coperte acqua e viveri. Venerdì la Marina Militare aveva fatto giungere del cibo e soccorso due extracomunitari ammalati, poi portati a Lampedusa. La vicenda del mercantile ricorda quella della nave Cap Anamur che, nel giugno 2004 avvistò 37 migranti su un gommone alla deriva tra la Libia e l’isola di Lampedusa, in acque internazionali. La nave chiese il permesso di attraccare a Porto Empedocle, che fu però accordato soltanto 21 giorni dopo. Il governo italiano contestava infatti alla Cap Anamur di essere entrata in acque maltesi e sollecitava il trasferimento degli immigrati a Malta.

L’evento di sensibilizzazione organizzato da cattolici e un vasto fronte della sinistra

“Lavoro e casa”, gli immigrati sulla Domiziana

L’arrivo a Castel Volturno

CASTEL VOLTURNO (CASERTA) - Hanno marciato per quasi 10 chilometri sulla statale Domiziana immigrati africani, aderenti ai Centri sociali, alla Cgil ed a numerose formazioni della sinistra antagonista, rispondendo

all’ appello della «Rete antirazzista campa- e da Napoli in pullmann. In testa al corteo, na». Il corteo (10 mila partecipanti la stima con lo striscione «la primavera antirazzista finale degli organizzatori, tra 1000 e 2000 comincia adesso» c’era il gonfalone della Requella delle forze dell’ Ordine) si è concluso gione Campania, presente con l’assessore in piazza Annunziata, a Castel Volturno, con Corrado Gabriele, il Vescovo di Capua, che interventi del Vescovo di Caha abbracciato padre Alex Zapua, Mons. Bruno Schettino, Chiedono permessi notelli, il sindaco di Castel che ha parlato di «nuovo uma- di soggiorno per tutti Volturno Francesco Nuzzo. nesimo e nuovo cristianesimo Il vescovo li incoraggia Hanno sfilato con i manifecostruito dagli immigrati», di alcuni deputati del Pd e “Siete i nuovi cristiani” stanti deputati del Pd e del Prc, e l’ex portavoce dei «Disobbedel direttore del Consiglio italiano per i rifu- dieniì Francesco Caruso. «Permesso di soggiati Christopher Hein. Gli immigrati africa- giorno per tutti», «no alla militarizzazione del ni (circa 15mila quelli residenti nel territorio territorio», «stop al controllo dei documenti di Castel Volturno, per l’80% privi di permes- agli immigrati», «diritto di voto e di cittadiso di soggiorno) sono giunti anche da Caserta nanza» sono state le parole d’ordine.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Domenica 19 Aprile 2009 55

Spettacoli e tv filmintv Rete4 ore 14.40 08.15 RAI SPORT (Automobilismo) 10.50 A SUA IMMAGINE (Religione) 10.55 SANTA MESSA DALLA SANTA CASA DI LORETO (Religione) 12.00 RECITA DEL REGINA COELI (Religione) 12.20 LINEA VERDE (Ambiente) 13.30 TELEGIORNALE - BENJAMIN (Ultime notizie) 14.00 DOMENICA IN - L’ARENA 15.15 DOMENICA IN...SIEME 16.30 TG1 L.I.S. (Ultime notizie) 18.00 DOMENICA IN - 7 GIORNI 20.00 TELEGIORNALE (Ultime notizie) 20.35 RAI TG SPORT

ore 12.20 “Linea verde” Programma di agricoltura condotto da M. Ossini 20.40 21.30 00.35 00.40 01.40 01.55 02.00 03.00 03.40 05.15 05.45 06.05 06.10 06.30 06.45 07.00 07.30 08.00

AFFARI TUOI (Spettacolo con giochi) X FACTOR - LA FINALE TG1 (Ultime notizie) CINEMATOGRAFO (Cinema) TG1 NOTTE - BENJAMIN CHE TEMPO FA (Ultime notizie) COSÌ È LA MIA VITA... SOTTOVOCE (Talk show) HOMO RIDENS I DUE CROCIATI (Commedia) HOMO RIDENS EURONEWS (Ultime notizie) ANIMA GOOD NEWS (Cultura) INCANTESIMO 10 TG1 - CCISS VIAGGIARE INFORMATI (Ultime notizie) UNOMATTINA TG1 (Ultime notizie) TG1 L.I.S. (Ultime notizie) TG1 (Ultime notizie)

08.00 09.30 10.00 10.05 10.30 10.50 11.30 13.00 13.25 13.35 13.45 15.30 17.05 18.00 18.05 19.00 20.00 20.30 21.00 22.30 01.00 01.20 01.50 01.55 02.05 02.50 03.10 03.45 04.15 05.45 06.00 06.10 06.20 06.55 07.00

TG2 MATTINA (Ultime notizie) TG2 MATTINA L.I.S. (Ultime notizie) TG2 MATTINA (Ultime notizie) RAGAZZI C’È VOYAGER! FAI LA TUA DOMANDA (Cultura) CARTOON FLAKES (Magazin) RAI SPORT MEZZOGIORNO IN FAMIGLIA TG2 - GIORNO (Ultime notizie) TG2 MOTORI (Automobilismo) TG2 EAT PARADE (Gastronomia) QUELLI CHE... ASPETTANO (Calcio) QUELLI CHE IL CALCIO E... (Shows) RAI SPORT TG2 (Ultime notizie) RAI SPORT 90’ MINUTO (Calcio) RAI SPORT (Automobilismo) PILOTI (Sitcoms) TG2 - 20.30 (Ultime notizie) NUMB3RS (Poliziesco) RAI SPORT TG2 (Ultime notizie) PROTESTANTESIMO (Religione) ALMANACCO METEO 2 (Ultime notizie) INCONSCIO E MAGIA SCANZONATISSIMA LE RAGAZZE DI PIAZZA DI SPAGNA SENATOR (Sitcoms) NET.T.UN.O. - NETWORK PER L’UNIVERSITÀ OVUNQUE (Cultura) TG2 COSTUME E SOCIETÀ. REPLICA (Attualità) SCANZONATISSIMA TG2 EAT PARADE (Gastronomia) ITALIAN ACADEMY 2 QUASI LE SETTE (Attualità) CUCCIOLI (Animazione)

ore 15.30 “Quelli che il calcio” Conduce Simona Ventura partecipa Max Giusti 07.15 SCUOLA DI VAMPIRI (Animazione) 07.25 WINX CLUB (Animazione) 07.55 MATT & MASON (Animazione)

ARTURO E KIWI (Animazione) GINO IL POLLO (Animazione) APPUNTAMENTO AL CINEMA TGR SPECIALE AMBIENTE ITALIA (Ambiente) 09.15 RAI SPORT (Atletica) 08.30 08.45 08.55 09.00

ore 21.30 Report Le inchieste di Milena Gabanelli 12.00 12.25 12.55 13.25 14.00 14.15 14.30 15.00 15.05 15.45 16.50 18.00 18.55 19.00 19.30 20.00 20.05 21.30 23.20 23.30 23.35 00.35 00.45 01.35 01.45 06.00 06.30 06.45 07.30

TG3 - RAI SPORT NOTIZIE TELECAMERE (Attualità) RACCONTI DI VITA (Attualità) TIMBUCTU (Natura) TG REGIONE - METEO (Ultime notizie) TG3 (Ultime notizie) IN 1/2 H (Attualità) TG3 FLASH L.I.S. (Ultime notizie) ALLE FALDE DEL KILIMANGIARO (Viaggiare) RAI SPORT (Cricket) ALLE FALDE DEL KILIMANGIARO (Viaggiare) PER UN PUGNO DI LIBRI (Cultura) METEO 3 (Ultime notizie) TG3 (Ultime notizie) TG REGIONE - METEO (Ultime notizie) BLOB (Attualità) CHE TEMPO CHE FA (Talk show) REPORT TG3 (Ultime notizie) TG REGIONE (Ultime notizie) GLOB, L’OSCENO DEL VILLAGGIO (Cultura) TG3 (Ultime notizie) TELECAMERE (Attualità) APPUNTAMENTO AL CINEMA FUORI ORARIO. COSE (MAI) VISTE (Cinema) RAI NEWS 24 MORNING NEWS (Attualità) IL CAFFÈ (Attualità) ITALIA, ISTRUZIONI PER L’USO (Attualità) TGR BUONGIORNO REGIONE (Ultime notizie) RAI NEWS 24 MORNING NEWS (Attualità)

CANALE

ITALIA

RETE

08.00 TG5 MATTINA (Ultime notizie) 08.51 LE FRONTIERE DELLO SPIRITO (Religione) 09.45 DIETRO LE QUINTE (Cinema) 09.52 VERISSIMO - TUTTI I COLORI DELLA CRONACA (Attualità) 13.00 TG5 (Ultime notizie) 13.40 LA FATTORIA (Reality-TV) 14.10 GRANDE FRATELLO 9 (Reality-TV) 14.30 SQUADRA ANTIMAFIA - PALERMO OGGI 16.30 QUESTA DOMENICA (Talk show) 18.50 CHI VUOL ESSERE MILIONARIO (Spettacolo con giochi) 20.00 TG5 (Ultime notizie) 20.40 PAPERISSIMA SPRINT

08.00 I PUFFI (Animazione) 08.15 LE AVVENTURE DI PIGGLEY WINKS (Animazione) 08.35 TWIN PRINCESS - PRINCIPESSE GEMELLE (Animazione) 09.00 MERMAID MELODY - PRINCIPESSE SIRENE (Animazione) 09.25 MOSTRI E PIRATI (Animazione) 09.45 CATTIVIK (Animazione) 10.00 YU-GI-OH GX (Animazione) 10.25 BATMAN (Animazione) 10.50 TORNADO KID E SONNACCHIA (Animazione) 10.55 ROBIN HOOD (Azione) 11.50 GRAND PRIX 12.25 STUDIO APERTO (Ultime notizie) 13.00 GUIDA AL CAMPIONATO 14.00 VIRUS LETALE (Poliziesco) 15.09 TGCOM (Ultime notizie) 15.15 VIRUS LETALE (Poliziesco) 15.51 TGCOM (Ultime notizie) 15.57 VIRUS LETALE (Poliziesco) 16.30 ASTERIX E CLEOPATRA (Animazione) 17.14 TGCOM (Ultime notizie) 17.20 ASTERIX E CLEOPATRA (Animazione) 17.55 LIZZIE MCGUIRE 18.28 STUDIO APERTO ANTICIPAZIONI (Ultime notizie) 19.00 TUTTO IN FAMIGLIA (Sitcoms) 19.30 SENTI CHI PARLA (Commedia) 20.27 TGCOM (Ultime notizie) 20.33 SENTI CHI PARLA (Commedia) 21.15 COLORADO 00.00 LE IENE PS 01.45 POKER1MANIA 02.15 MEDIASHOPPING (Acquisti) 02.35 NOVOCAINE (Commedia) 04.05 MEDIA SHOPPING (Acquisti) 04.20 HIGHLANDER

08.06 TGCOM (Ultime notizie) 08.13 UN’AVVENTURA STRAORDINARIA (Dramma) 09.30 PUGLIA - DA MOLFETTA A BARI 10.00 SANTA MESSA (Religione)

21.30 01.00 01.30 02.15 03.30 03.42 04.13 04.35 05.16 05.30 06.00 08.00

LA FATTORIA (Reality-TV) TG5 NOTTE (Ultime notizie) PAPERISSIMA SPRINT THE GUARDIAN MEDIASHOPPING (Acquisti) GRANDE FRATELLO 9 SQUADRA EMERGENZA SQUADRA MED - IL CORAGGIO DELLE DONNE MEDIASHOPPING (Acquisti) TG5 NOTTE (Ultime notizie) TG5 - PRIMA PAGINA (Ultime notizie) TG5 MATTINA (Ultime notizie)

ore 21.30 “Siska” Telefilm con Werner Schnitzer e Peter Kremer 11.00 11.30 11.40 12.10 13.25 13.30 14.05 15.00 15.47 15.54 17.04 17.11 18.50 18.55 19.35 21.30 22.30 22.40 00.55 01.20 01.35 03.35 04.15 05.10 05.30 05.35

ore 21.15 Varietà comico “Colorado” Conduce Rossella Brescia 06.05 STUDIO SPORT 06.35 DRAGHI E DRAGHETTI (Animazione) 06.50 FRAGOLINA DOLCECUORE (Animazione)

(G.B. ‘62) Durante la guerra 1914-18 il tenente Thomas Edward Lawrence, agente del servizio segreto britannico, muta in guerriglia la rivolta degli arabi contro i turchi, guida i beduini alla conquista di Damasco e poi si ritira. Storico

Italia1 ore 16.30

08.00

ORE 21.30 “La Fattoria - La finale” Conduce Paola Perego

“Lawrence d’Arabia” con Peter O’ Toole

05.40 06.40 07.00

PIANETA MARE TG4 TELEGIORNALE (Ultime notizie) PIANETA MARE MELAVERDE ANTEPRIMA TG4 (Ultime notizie) TG4 TELEGIORNALE (Ultime notizie) IERI E OGGI IN TV LAWRENCE D’ARABIA TGCOM (Ultime notizie) LAWRENCE D’ARABIA TGCOM (Ultime notizie) LAWRENCE D’ARABIA ANTEPRIMA TG4 (Ultime notizie) TG4 TELEGIORNALE (Ultime notizie) COLOMBO SISKA CONTROCAMPO - POSTICIPO CONTROCAMPO FUORI CAMPO TG4 - RASSEGNA STAMPA (Ultime notizie) BULLITT (Poliziesco) BLUE MURDER (Poliziesco) FEBBRE D’AMORE (Telenovela) TG4 - RASSEGNA STAMPA (Ultime notizie) SECONDO VOI (Attualità) PESTE E CORNA E GOCCE DI STORIA KOJAK (Poliziesco) MEDIASHOPPING (Acquisti) QUINCY

“Asterix e Cleopatra” Animazione

17.05 AMORE SOTTO COPERTA (SkyCinemaClassics) MRS. DOUBTFIRE - MAMMO PER SEMPRE (SkyCinemaFamily) 17.10 LE SCIMMIE ASSASSINE (SkyCinemaMax) 17.20 PLUTONIO 239 - PERICOLO INVISIBILE (SkyCinema1) APOCALYPSE NOW REDUX (SkyCinemaMania) 17.30 GHOST RIDER (SkyCinemaHits) 17.35 IL DEPRESSO INNAMORATO (SkyCinemaPiu24) 18.50 SPEED 2 - SENZA LIMITI (SkyCinemaMax) RIUSCIRANNO I NOSTRI EROI A... (SkyCinemaClassics) 19.15 LA PROMESSA DELL’ASSASSINO (SkyCinema1) I PREDATORI DELLA CITTA’ PERDUTA (SkyCinemaPiu24)

(Fr ‘70) Con un'animazione classica alla Walt Disney prima maniera, racconta una sfida fra Cesare e Cleopatra in cui restano coinvolti i guerrieri gallici del celebre fumetto Asterix. Da guardare coi in bambini. Spassoso Animazione

La7

ore 17.50

“Turner e il casinaro” con Tom Hanks

(Usa ‘89) Per indagare sulla morte violenta di un amico un poliziotto si prende come assistente Hooch, lo scorbutico mastino del morto, unico testimone del delitto. Commedia poliziesca con la formula della strana coppia. Commedia

Stasera la finale di X Factor su Rai Uno

Tre cantanti un solo vincitore

ore 18.50 “Speed 2 - Senza limiti” Con Sandra Bullock e Willem Defoe 19.20 MI SPOSO PRIMA IO (SkyCinemaHits) PROVA A VOLARE (SkyCinemaFamily) 21.00 ROMY E MICHELLE (SkyCinemaFamily) MIMZY - IL SEGRETO DELL’UNIVERSO (SkyCinemaPiu24) IMPATTO CRIMINALE (SkyCinemaMax) AMORE, BUGIE E CALCETTO (SkyCinema1) SE MI LASCI TI CANCELLO (SkyCinemaMania) CHISUM (SkyCinemaClassics) 21.15 THE OTHERS (SkyCinemaHits) 22.40 CHOCOLAT (SkyCinemaFamily) CATACOMBS - IL MONDO DEI MORTI (SkyCinemaMax) 22.45 IL MIO RAGAZZO E’ UN BASTARDO (SkyCinemaPiu24) UNA CENA - CORTO SOTTO 5’ (SkyCinemaMania) 23.00 IL GRANDE SONNO (SkyCinemaClassics)

07.00

OMNIBUS LIFE (Attualità) MOVIE FLASH LA SETTIMANA (Attualità) MOVIE FLASH GUARDATELE, MA NON TOCCATELE TG LA7 (Ultime notizie) SPORT 7 (Ultime notizie) ANNI LUCE NIENTE IN COMUNE (Commedia) VALIGIA DEI SOGNI (Viaggiare) MOVIE FLASH TG LA7 (Ultime notizie) CHEF PER UN GIORNO (Reality-TV) DETENUTO IN ATTESA DI GIUDIZIO (Dramma) SPORT 7 (Ultime notizie) REALITY (Attualità) SPORT 7 (Ultime notizie) TG LA7 (Ultime notizie) MOVIE FLASH LA SMANIA ADDOSSO (Commedia) CNN - NEWS (Ultime notizie) TG LA7 - METEO - OROSCOPO TRAFFICO (Ultime notizie) OMNIBUS (Attualità)

09.00 11.00 12.30 14.30 15.00 16.00 18.00 19.00 20.00 20.05 21.00 22.00 22.25 22.30 23.00 00.30 01.30 02.00 05.40 07.00

PURE MORNING LOVE TEST EUROPE TOP 20 MTV CRIBS THE HILLS HIT LIST ITALIA 10 OF THE BEST CHART BLAST FLASH (Ultime notizie) 100 GREATEST SONGS OF THE 80’S SO NOTORIOUS IL TESTIMONE (Attualità) FLASH (Ultime notizie) NOBILE MOBILE SOUTH PARK (Animazione) MICHIKO E HATCHIN (Animazione) SUPEROCK INSOMNIA NEWS (Ultime notizie) WAKE UP

09.15 10.05 10.10 10.25 10.30 12.30 12.55 13.00 14.00 16.40 17.45 20.00 20.30 21.30

ROMA - Dopo un percorso lungo 13 settimane, approdano alla finale di X Factor - stasera alle 21.30 su Raiuno - i tre concorrenti che più hanno appassionato il pubblico: il 23enne bresciano Jury Magliolo, i 22enni trentini The Bastard Sons of Dioniso e il 38enne livornese Matteo Becucci. Nel corso della finale, che mette in palio un contratto discografico da 300mila euro, ciascuno di loro presenterà 2 cover, di cui una in duetto con artisti italiani - Riccardo Cocciante, Elio e le Storie Tese, Gianluca Grignani - e il loro inedito, già eseguito durante la semifinale. L’ospite musicale della serata sarà Renato Zero.

curiosità dalla rete Se il web ti dice che il prezzo è giusto

Su internet acquisti di gruppo

Un tempo per trovare il miglior prezzo bisognava girare negozi su negozi. Oggi il servizio è già pronto cliccando su siti come www.trovaprezzi.it oppure www.kelkoo.it

Gruppi di acquisto solidale (Gas), acquisti collettivi da dividere tra tante persone per risparmiare sui prezzi. Prova su www.retegas.it

Ventisette lingue per il Papa su Youtube Youtube celebra un nuovo record, rendendo disponibile, sul canale dedicato al Vaticano, il messaggio pasquale del Papa in 27 lingue.

Manager e crisi Meno aerei più video Causa crisi i manager passano meno ore in aereo e più tempo in videoconferenza o virtual presence. Grazie alle tecnologie sempre più evolute per la trasmissione dei dati e alla qualità più alta delle immagini .

23.30 23.35 00.30 01.00 01.20 01.25 03.25 06.00


1° puntata

DaL 23 apRILE aL 3 MaGGIO

Tanti prodotti scontati fino al

50%

¤ 8,99

-40%

5,

e

¤ 2,99

-50%

-50%

1,49

Certosa Galbani 165 g

e

Riso Blond per insalate Gallo 1 Kg

Mayonnaise Kraft 250 ml ¤ 1,59

¤ 3,49

-50%

-40%

e

e

0,80 Mortadella Augustissima Galbani a fette ¤ 10,40/kg

-50%

5,20

e

/kg

2,09

¤ 5,99

-50%

3,

e

00

La Sorbettiera Sammontana gusti assortiti - 1 kg

Olio di semi di soia Desantis 1 lt ¤ 1,39

Bagno schiuma Johnson’s profumazioni assortite 750 ml

Acqua Panna naturale, 1,5 lt

¤ 3,49

¤ 0,49

-30%

-40%

-40%

e

e

e

0,97

2,09

InOLtRE GRatta E puOI VInCERE SuBItO unO DEI 500.000 BuOnI SpESa In paLIO* IL VALORE DEI BUONI SPESA È COMPRESO TRA 50e E 5e CAD.

IL VALORE RAPPRESENTATO DALLE BANCONOTE È SOLO ESEMPLIFICATIVO. IL PREMIO VIENE EROGATO IN BUONI SPESA.

w w w.iper mercatoduemari.it C/o Centro Comm erciale Du e M ari, Lo c. Comuni Condomini, M aid a (CZ ) P e r i n f o r m a z i o n i: Te l 0 9 6 8 7 5 15 2 0 0 - F a x 0 9 6 8 7 5 15 3 2 6

0,29

* Cerca il regolamento completo all’interno del punto vendita.

0,85

Caffè classico Mauro conf. 4 pezzi da 250 g cad 1 Kg

Pasta fresca ripena Fini 250 g

¤ 1,69

e

39

il domani  

Edizione del 19 Aprile 2009