Issuu on Google+

Martedì 7 Aprile 2009 Anno XII - Numero 96 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

LAMEZIA TERME

ROSSANO

BELVEDERE M.MO

COSENZA

VIBO VALENTIA

Discarica tra i vigneti: una levata di scudi

Rifiuti pericolosi in contrada Foresta

Il sindaco D’Aprile gioca d’anticipo

Gli effetti del sisma anche in Calabria

Attentato a Schirripa sdegno e solidarietà

Anche Confindustria si schiera con Statti

Sequestrata un’area ricolma di vecchie carcasse

Prima uscita pre elettorale frecciatine agli alleati

I candidati alle Provinciali rinviano gli appuntamenti

Il direttore sanitario vittima di una intimidazione

di Francesco Pungitore > Pag 20

di Emilia Manco > Pag 24

di Antonello Troya > Pag 25

di Domenico Martelli > Pag 22

di Maurizio Bonanno > Pag 27

Disposti i domiciliari per Alfonso Nastro per un’indagine della Guardia di Finanza su utilizzo illecito di fondi europei

Arrestato per truffa docente dell’Unical La posizione dell’uomo aggravata da una precedente inchiesta della Procura di Cosenza COSENZA — Il docente dell’Univer-

LAMEZIA TERME

sità della Calabria Alfonso Nastro, coinvolto nell’indagine della guardia di finanza sull’utilizzo illecito di finanziamenti dell'Unione europea e statali per investimenti nel settore industriale e turistico, è stato arrestato ieri dalla Polizia Tributaria della Guardia di Finanza. Al professor Nastro è stata notificata una ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal giudice per le indagini preliminari di Cosenza.

Provincia unica per dialogare LAMEZIA TERME — Dove va Lamezia? Quale sarà

il suo futuro? Interrogativi che non possono prescindere dall’amore della classe politica verso il proprio territorio. (Foto: sindaco Speranza) di Antonio Cannone > Pag 21

SIDERNO

di Alessio De Grano > Pag 13

Vandali in azione, stazione ferroviaria devastata SIDERNO — La rabbia dei vandali si percuote nuovamente sulla stazione delle Ferrovie dello Stato di Siderno. La struttura del centro del reggino, solo qualche mese fa, aveva già subito l’incursione dei soliti ignoti. Stimati in circa mille e 500 euro i danni provocati.

SANITA’

Il fronte caldo della protesta CATANZARO — L’aula A dell’edifi-

cio delle bioscienze del campus di Germaneto è riempita fino all’ultimo metro quadro. Studenti, specializzandi e aspiranti tali, docenti e preside di facoltà, animano lo spazio della protesta per dire no alla Gelmini e all’accorpamento delle scuole di specializzazione mediche a basso numero di posti. E non mancano le bordate all’indirizzo della Regione. I primi ad aprire l’assemblea tenuta ieri alla “Magna Graecia” di Catanzaro sono gli studenti. «Il fatto che alcune scuole di specializzazione dell’università di Catanzaro vengano accorpate all’Università Federico II di Napoli e all’Università di Bari, penalizza gli studenti di medicina catanzaresi». di Francesco Ciampa > Pag 14

di Claudia Vellone > Pag 35

IL FATTO DEL GIORNO L’Italia piange i morti del terremoto Una ecatombe senza precedenti in Abruzzo

CATANZARO

La maledizione del terremoto è arrivata in piena notte, alle 3.32. A poco più di un chilometro dal centro dell’Aquila ha sprigionato la sua violenza contro centinaia di migliaia di persone - centinaia i morti finora accertati e oltre il 50% delle case inagibili - che ancora dormivano e radendo al suolo decine di migliaia di case, infrastrutture, monumenti, ospedali, università. «La più grave sciagura del millennio», l’ha definita Guido Bertolaso.

CATANZARO — Il rinvio a giudizio di 201 persone è stato chiesto dal pm di Catanzaro Simona Rossi. Il magistrato ha fatto un intervento di pochi secondi limitandosi a chiedere il giudizio.

SPETTACOLI

LOCRI

Miss Domani, oggi tutti i dettagli della finalissima

Depuratore sequestrato, si allarga l’inchiesta

Oggi saranno resi noti tutti i dettagli della serata finale di Miss Domani che si svolgerà sabato 18 aprile, alle ore 21, nella bellissima struttura dell’Hotel Calalonga di Montauro Lido. Conduttori dell’evento, la bella Maria Rosaria Juli, modella di punta sulle passerelle romane e Werner Altomare.

LOCRI — Dopo il sequestro dell’impianto di depurazione dell’ospedale ci-

di Maria Teresa Folino > Pag 44

> Pag 35

SIMERI CRICHI

Chiesti 201 rinvii a giudizio

> Pag 16

vile di Locri, avvenuto lo scorso 4 aprile, sono proseguiti anche ieri, e nei giorni scorsi, i controlli dei carabinieri del comando gruppo e della compagnia insieme coi militari del Noe e del Nas.

SOVERATO

Rinchiuso dall’infanzia: simbolo della segregazione

Resurrexit, va in scena il cuore antico della città

CATANZARO — La follia tradotta in malattia, il folle trasformato in malato, la persona ridotta in cosa. La logica del manicomio è questa. Tra segregazione e catene, la storia di Giuseppe è questa. Giuseppe Cosco nasce a Simeri Crichi, paesino alle porte di Catanzaro, il 7 novembre 1965, e la sua storia, la sua vita, testimonia una scelta di comodo: irrequietezza, miseria, povertà sociale e materiale vanno negate, allontanate, rinchiuse come è stato rinchiuso Giuseppe, costretto a vivere per dodici anni incatenato in un letto di un reparto psichiatrico della città capoluogo prima di approdare all’Istituto Papa Giovanni di Serra D’Ajello, dove l'uomo muore a quarantadue anni. Pino Cosco è la prova di come un uomo, un bambino, passando da un istituto ad un altro si trasforma in cosa, che in quanto cosa non sa più vivere in libertà. Pino è l'ultimo di tre figli. Sua mamma è una ragazza madre con problemi di depressione. La donna, sola con il suo disagio, pensa che per il figlio - «un po' ribelle ma normale» - la soluzione migliore è di richiuderlo in un istituto per farlo studiare.

SOVERATO — Sarà presentato oggi alle 15 e 30 presso la Sala consi-

di Francesco Ciampa > Pag 26

liare della città di Soverato l'evento "Resurrexit". Si tratta della rappresentazione della Passione di Cristo, tradizione antica diffusa anche in Calabria. La prima volta che a Soverato venne celebrato l'incontro tra Maria e Gesù fu nel 1969 grazie all'impegno dell'ormai scomparso Fiorenzo Viscomi. Da quell'anno la Passione fu celebrata ogni anno a Soverato Superiore. Quest'anno però ci sarà una grande novità. L'opera verrà messa in scena tra i ruderi del Paese distrutto dal sisma nel 1973. A volere questa particolare rappresentazione sono stati il vice sindaco Teo Sinopoli e l'associazione Nuova Zampagallo. La loro idea è stata realizzata da Tonino Pittelli, attore e regista già autore della Passione del 2008 di Davoli. Ad elaborare il testo è stato Ulderico Nisticò, che in brevissimo tempo ha dato vita ad un copione tutto nuovo. Lo storico Nisticò ha seguito alcuni fondamentali criteri quali: la fedeltà alla tradizione evangelica e letteraria; il modello della tragedia greca. di Carmela Mirarchi > Pag 19


2 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

D2.0 DALLA RETE AL DOMANI L’idea

Il meglio del web calabrese

Il meglio del web nazionale

La meglio gioventù? La nostra!

Stabilizzazione Servizio Sorveglianza Idraulica

Dipendenti migliori grazie a Facebook e YouTube

Avete letto il verbale della IV° Commissione del Consiglio Regionale? Pare che sia stato dato parere favorevole alla L.R. 15 del 13 giugno 2008, in particolare all’art.45 sono stati presi provvedimenti importanti per i lavoratori dell’EX FONDO SOLLIEVO. Quelli che si occupavano di riassetto, previsione e protezione del territorio regionale compreso lo spegnimento incendi. Questi lavoratori venivano utilizzati per la L.R. 8/2005 e adesso vengono stabilizzati dall’AFOR in attesa del trasferimento alle province.Prepararvi allora alla battaglia, quando ritengono opportuno, le leggi per la stabilizzazione li fanno. Gianluca Persico Tratto da blog.libero.it/UGLPersico/

Ti hanno beccato a lavoro mentre aggiornavi il tuo status su Facebook o su Twitter? Non ti preoccupare, secondo uno studio dell’università australiana di Melbourne, passare ore in internet incrementa la produttività... e ti renderà un impiegato migliore! La ricerca ha dimostrato che le persone che usano internet per motivi personali mentre sono in ufficio sono il 9% più produttive di quelle che non lo usano. Brent Coker, autore dello studio, lavora per il dipartimento di management e marketing e sostiene che «l’uso ricreativo di internet durante gli orari lavorativi» aiuti a migliorare la concentrazione dei dipendenti.

Noi, che le nostre mamme mica ci hanno visti con l’ecografia. Noi, che a scuola ci andavamo a piedi. Noi, che se la maestra ti dava un ceffone, mamma a casa te ne dava due. Noi, che quando a scuola c’era l’ora di ginnastica partivamo da casa tutti felici. Noi, che la gita di classe era l’evento dell’anno. Noi, che le ricerche le facevamo in biblioteca, mica su internet. Noi, che la domenica andavamo al ristorante, e se stavamo a casa nonno portava le pastarelle. Noi, che facevamo 4 mesi di vacanza al mare, da giugno a settembre. Noi, che non avevamo videogiochi, ma avevamo tanti amici lo stesso. Noi, che per cambiare canale alla tv dovevamo alzarci, e si andava a letto subito dopo Carosello. Noi, che guardavamo allucinati il futuro di “Spazio 1999”. Noi, che chi lasciava la scia più lunga frenando con la bici era il più fico. Noi, che dopo la prima partita c’era la rivincita, e poi la bella, e poi la bella della bella. Noi, che avevamo il “nascondiglio segreto” e il “passaggio segreto” e la “parola d’ordine”. Noi, che giocavamo a “nomi, cose, città, animali” e a “strega comanda colori”. Noi, che ci mancavano sempre 4 figurine per completare l’album Panini (ce l’ho, mi manca). Noi, che suonavamo il citofono e poi scappavamo. Noi, che le cassette se le mangiava il mangianastri e ci toccava riavvolgerle con la penna Bic. Noi, che sentivamo la musica con il giradischi e se si rigava un 45 giri era il dramma. Noi, che al cinema si vedevano solo cartoni animati Disney. Noi, che non avevamo cellulari e telefonavamo dalla cabina della Sip, e con un gettone parlavamo una vita. Noi, che giocavamo a pallone in strada, e la porta era la serranda abbassata di un negozio. Noi, che se ci sbucciavamo il ginocchio ci mettevamo il mercurio cromo, e più era rosso e più eri fico. Noi, che c’era la Polaroid. Noi, che il 1° novembre era ognissanti, mica halloween. Noi, che l’unica merendina era il Buondì Motta. Noi, che la penitenza era dire, fare, baciare, lettera e testamento. Noi, che il Ciao si accendeva pedalando. Noi, che erano gli anni di piombo e c’erano i comunisti, i socialisti e la democrazia cristiana. Noi, che trovavamo lavoro subito. E che ci sposavamo presto.

Tratto da wired.it

Idee innovative: a Melissa parte l’ "albergo diffuso"

Download, la legge svedese ha svuotato Internet

Nel paesino calabrese di Melissa, con l’aiuto dell’associazione Borghi Autentici d’Italia, è iniziato nel 2004 un percorso di restauro che coinvolge oltre 250 case abbandonate o fatiscenti del centro storico secondo criteri di bioedilizia e sostenibilità ambientale. Il progetto prevede la trasformazione di 32 appartamenti del centro storico in strutture ricettive diffuse complete dei consueti servizi alberghieri. Una reception unificata coordinerà le prenotazioni e l’accoglienza. Entro il 2012, circa 116 posti letto andranno ad arricchire l’offerta turistica melissese. Dietro all’iniziativa un’idea vincente dell’amministrazione comunale: mettere sul mercato le abitazioni abbandonate a un prezzo irrisorio a favore di coloro che intendono ristrutturarle aderendo alla formula della Comunità Ospitale.

La legge anti P2P in Svezia comincia a dare i suoi frutti, ma forse sarebbe più adatto parlare di calici amari. La legge, che facilita le azioni legali contro gli individui che usano programmi di scaricamento P2P, sta infatti facendo calare l’uso della rete in generale in generale. Lo spiega Jon Kerlung, amministratore di un grande ISP svedese: «metà di Internet è andata. Se le cose vanno avanti così, la costosa infrastruttura che abbiamo creato sarà inutile». Certo, chi usa la rete per altre cose ora ha a disposizione una rete molto più veloce e reattiva di prima. L’utilizzo della rete, infatti, è calato del 40% in Svezia da quando la legge è in vigore, segno che moltissimi utenti tengono chiusi i loro programmi P2P. Ad oggi, sono passati solo sei giorni, mentre due giorni fa il calo stimato era del 33%.

Scatti dal web

Tratto da travelquotidiano.com

Tratto da tomshw.it

Vigili del fuoco calabresi arrivano in Abruzzo

Regno Unito: barricate contro la "Google Car"

Premessa: da tempo Google mette I vigili del fuoco della Calabria sono a disposizione degli utenti il servistato di allerta ma per il momento neszio Street View, che permette di sun mezzo è stato inviato in Abruzzo Reggio Calabria, 1908 esplorare intere città come se si per partecipare ai soccorsi per il terrestesse camminando direttamente moto. Il direttore regionale dei vigili Alle 5.21 del 28 dicembre 1908 un terremoto che nelle strade. Il servizio è reso possidel fuoco della Calabria, Guido Parisi, raggiunse i 7.1 gradi della scala Richter rase al bile da una flotta di "Google Car", ha reso noto che "per il momento sicusuolo Messina e Reggio Calabria. Cento anni doattrezzate con sistemi speciali per ramente verranno utilizzati mezzi e po, ieri alle 3.32 del mattino, la stessa tragedia si scattare foto a 360° con l’auto in personale di regioni più vicine all’Abè abbattuta sull’Abruzzo e su L’Aquila. movimento. Una di queste auto, avruzzo". La Calabria, così come la Sicivistata a Broughton, piccolo paese lia, sono infatti zone sismiche di rilievo del Regno Unito si è trovata di frone difficilmente verranno utilizzati i mezzi per mandarli in Abte una vera e propria catena umana, costituita da cittadini inviperiti ruzzo. dalla sua presenza e «in pericolo di violazione della privacy». Tratto da telereggiocalabria.it Tratto da hwupgrade.it

Matitate - Il meglio di ieri

Dadaumpa Da vesdan.blogspot.com

Da L’Unità

Dicono che nell’Abruzzo martoriato dal terremoto i soccorsi abbiamo funzionato. La macchina era rodata, la risposta è stata tempestiva. E in Calabria, regione tra le più esposte al rischio sisma? E’ tutto sotto controllo? Preghiamo che lo sciame sismico non arrivi qui. Nel frattempo ognuno si attrezzi per come può...

Auotre anonimo, da internet

il Domani

Editore

Direzione Guido Talarico Massimo Tigani Sava Orlando Rotondaro (responsabile) Redazione Francesco Pungitore (caposervizio) Maurizio D’Agostino (proto) *** redazione@ildomani.it catanzaro@ildomani.it roma@ildomani.it sport@ildomani.it appuntamenti@ildomani.it tel. 0961.996802 | fax 0961.903801/927 www.ildomani.it

T&P Editori srl Guido Talarico Amministratore Giuseppe Gangale (pubblicità) Benedetta Geronzi (marketing) Cesare Marullo (finanza) Carlo Taurelli Salimbeni (revisione e controllo) Franco Arcidiaco (distribuzione) Silvana Di Silvestro (personale) Direzione, Redazione e Amministrazione loc. Serramonda - Zona Industriale Marcellinara (Cz) regi. Trib. n. 64 del 15-7-1997 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990 , n. 250

Pubblicità

Centro stampa

Il Sole 24 Ore Spa System

Stabilimento Tipografico De Rose contrada Pantoni - Marinella 87040 Montalto Uffugo (Cs) tel. 0984-934382

Direzione generale: Andrea Chiapponi Direzione amministrativa: via Monterosa, 91 - 20149 Milano Coordinamento Area Calabria Mediatag Spa loc. Serramonda - Zona Industriale Marcellinara (Cz) tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 fax 0961.903421/784 info@mediatag.it Tariffe a modulo: 46 mm x 19 h. Commerciale euro 103,00 - Occasionale euro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 - Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q. euro 78,00 - Necrologie euro 77,00 cad. Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: + 40%.

Services e partnership Lumsa (Roma) - Graphic Coop (Siena) Guido Talarico Editore Spa (Roma) - Italpress (Palermo) - Lapresse (agenzia fotografica - Torino) Il Velino (Roma) - Manolibera - Settimio News Il Cristallo sas - AT Press - Ediratio Media Services - Città del Sole sas Speaker Network


Pasqua, Dolce Pasqua! Ti o! m a i t t e p s A L’8 aprile dalle ore 16.30, giochi e divertimento assicurato in compagnia dei nostri due simpaticissimi coniglietti... per tutti, tantissimi ovetti di cioccolata. Dal 9 al 10 aprile dalle ore 16.30, degustazione di dolci pasquali. Giochi e gadget in compagnia di bianconiglio e dei nostri coniglietti... ovetti di cioccolata per tutti! L’11 aprile dalle ore 17.30, per rendere la pasqua ancora più dolce e sorprendente, rompiamo insieme l’uovo gigante... cioccolata e sorprese per tutti!

dall’8 all’11 aprile

S.S. 18 - Zona Aeroporto - Vibo Valentia Pasqua-VIBO-Domani 7Aprile.indd 1

23-03-2009 14:25:32


4 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Primo piano

Clima teso tra i residenti per fame, sete e stanchezza

Presidiata la chiesa dove si rischiano nuovi crolli

Onna tutto da ricostruire Edifici abbattuti o lesionati

ROMA - Uno dei Comuni più col- anche un altro bambino. Non c’è piti dal terremoto è Onna, in pro- neanche un’abitazione che non abvincia de L’Aquila. Secondo i vigi- bia riportato gravi lesioni. Piangoli del fuoco il 70% degli edifici no le suore di Onna che alloggiasarebbe crollato o no in un edificio gravemente dan- Tra le macerie scolastico. Piangoneggiato. È quindi la terribile scoperta no e cercano di daun paesaggio spet- di una bimba re conforto alla potrale quello che si ma l’unidi otto mesi senza vita polazione, presenta a chi arrica cosa che hanno va a Onna, uno dei paesi più colpi- potuto fare ieri pomeriggio è stata ti dal terremoto. Tra i corpi estrat- una messa, celebrata dal parroco ti dalle macerie e allineati, sopra arrivato dalla vicina Monticchio bancali di legno, su un prato, an- nell’area verde che circonda il paeche una bimba di otto mesi e pare se. Si è creato anche un clima teso

Paganica, abitazioni sfollate Solo qualche anziano resiste

Disperazione di un abitante di Onna, tra i centri più colpiti

tra gli abitanti. «Sono le cinque ha detto il ragazzo - e qui non si vede ancora una tenda». «Dalle 4

del mattino abbiamo avuto solo un po’ d’acqua - lamenta una signora -, niente da mangiare».

Nel buio urla e schianti Berlusconi: nessuno resterà da solo

Bertolaso: “La protezione civile è intervenuta dopo 15 minuti”

Il corpo di un bimbo deposto in una bara insieme a quello della madre

Macerie passate al setaccio con l’ausilio di cani addestrati

L’Aquila e molti centri minori sconvolti da una scossa 5.8 scala Richter Drammatico il bilancio provvisorio, almeno 1.500 i feriti: servono aiuti

Inferno in Abruzzo Il terremoto uccide oltre 150 persone

PESCARA - La terra ha tremato nel buio, alle 3:32 e la forza distruttiva Consiglio dei ministri che ha conferito «i poteri di attuazione degli della scossa, di magnitudo 5,8 - un livello che corrisponde all’ottavo- interventi d’emergenza» al sottosegretario Guido Bertolaso. «Per i prinono della scala Mercalli - ha devastato l’Aquila e i piccoli centri mi giorni sono stati stanziati 30 milioni di euro di fondi immediati, in attorno al capoluogo abruzzese, portandosi via almeno 150 vite uma- attesa di quantificare giovedì le risorse strutturali», ha spiegato Berlune. sconi. Le urla degli abitanti e gli schianti dei Fin da subito si sono mossi i soccorsi crolli hanno spezzato il buio, ma solo le coordinati dalla protezione civile, ma dalprime luci del giorno hanno mostrato gli le aree del terremoto si sono levate aneffetti del terremoto: case venute giù coche critiche: «Dove sono gli aiuti? E le me se fossero di carta velina. Alla fine tende?» chiede qualcuno a Onna, lamendella giornata i morti stimati sono 150 e tando di essere rimasti per ore senza conalmeno 1.500 i feriti, ma con l’alta probatatti con i soccorritori. Il ministro dell’inbilità che si tratti di un bilancio assolutaterno Roberto Maroni e Bertolaso, hanno mente provvisorio. Devastati tanti piccoli però sottolineato la prontezza con cui si è centri, oltre al capoluogo che pare colpimessa in moto la macchina dei soccorsi, to da un bombardamento: Paganica, Casia a livello locale che nazionale. «Le opemarda, Tempera, San Demetrio nei Vestirazioni erano già partite un quarto d’ora ni, Castelnuovo. dopo il sisma. Più rapido di così non si A Onna, il centro a pochi chilometri dalpoteva fare», ha detto il ministro. E conl’Aquila che è il più danneggiato, è la corda un volontario della protezione disperazione: «A Onna siamo in 350. Fiabruzzese: «Abbiamo corso pericoli per nora avrò contato una cinquantina delle arrivare in case crollate in vicoli piccopersone che conosco, ancora vive», ha li». E se qualche ritardo c’è stato, spiega riferito un uomo che risiede nella fraziouno dei componenti della protezione cine dove ieri mattina le prime bare sono vile regionale, va tenuto conto che era state allineate su un prato. Numerosi i praticamente impossibile far fronte subicrolli nel capoluogo Un po’ ovunque giù to a tutte le esigenze e controllare un cupole di chiese e campanili: crollata la territorio tanto vasto. parte absidale della Basilica di S. Maria Alcuni centri sono delle vere e proprie di Collemaggio, della cupola di Giusepcittà fantasma. E nelle tante abitazioni pe Valadier della chiesa delle Anime Sanlasciate vuote dalla fuga notturna sono te, del campanile della chiesa di San Ber- Donna trasportata dai vigili del fuoco a L’Aquila già avvenuti i primi arresti per sciacallagnardino. Crollato parzialmente anche il gio. A riferirlo è stato il capo della politransetto del Duomo dell’Aquila. zia, Antonio Manganelli, secondo quanto riportato dal sito della stessa «Nessuno sarà lasciato da solo», è la promessa del premier Silvio polizia di Stato: «Ho visto arrivare nella tendopoli adibita a questura Berlusconi che ha definito l’accaduto come «una tragedia senza prece- ha spiegato Manganelli - degli arrestati sorpresi mentre rubavano nelle denti», dopo aver raggiunto L’Aquila ed aver sorvolato in elicottero case abbandonate. È una triste consuetudine». l’area colpita dal sisma. Subito dopo ha presieduto a Roma la sedua del Intanto ci si prepara alla prima notte dopo il terremoto, una notte

L’AQUILA - Potrà ospitare circa 2mila persone la tendopoli presso il campo sportivo della frazione di Paganica. La situazione più difficile è nel centro storico dove la chiesa dell’Immacolata Concezione è stata transennata e presidiata perla facciata a rischio crollo. Tutti gli abitanti hanno abbandonato le case tranne qualche anziano che si rifiuta di lasciare la sua dimora. Il centro storico è accessibile solo ai soccorritori. Paganica, dove molti edifici sono di recente costruzione, ha subito meno danni della vicina Onna, ma an-

Uno dei paesi più colpiti

che abitazioni in cemento armato mostrano evidenti lesioni esterne o hanno subito danni all’interno.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 7 Aprile 2009 5

Primo piano

Mano tesa dai “Giochi” di Pescara

É originario del posto ma dormiva lì perché l’amico aveva paura delle scosse

Alla Casa dello studente si scava e si piange Un ragazzo riemerge vivo, il compagno no L’AQUILA - Ci sono delle voci, quindi di superstiti, che fuoriescono tra le macerie di via XX Settembre a L’Aquila. «Per quanto riguarda la Casa degli studenti - ha detto l’assessore ai servizi sociali Luca Di Innocenzo - stiamo cercando di sapre chi era presente, ma non è facile perché la lista ufficiale è sotto macerie. Sono sei i ragazzi recuperati, uno morto». Illeso, dopo otto ore, con il solo conforto del padre che gli parlava per incoraggiarlo, un ragazzo di 24 anni, tra gli ultimi estratti.Vicino a lui c’era un

Scene disperate davanti alla Casa dello Studente a L’Aquila durante i soccorsi

amico, deceduto. A essersi salvato è un giovane aquilano che per puro caso si trovava lì perché l’amico,

studente fuori sede, terrorizzato dalle scosse degli ultimi giorni, gli aveva chiesto di dormire con lui.

ROMA - I Giochi del Mediterraneo a Pescara si faranno, la furia del terremoto non si è spinta fino alle città della costa abruzzese. Mario Pescante, commissario straordinario dei Giochi, ha detto che la macchina organizzativa della manifestazione sportiva potrebbe tornare utile proprio per l’immane tragedia di cui l’Abruzzo è vittima. «Gli impianti non sono danneggiati - ha detto -, a parte quello di calcio all’Aquila. Siamo disposti a offrirli per gli sfollati e ad attrezzare aree all’aperto per parcheggi e scali di elicotteri».

Trovati sepolti anche una madre abbracciata ai figli

“Le suore gridavano forte Poi si è spenta ogni voce”

L’AQUILA - “Gridavano forte, dopo un po’ solo silenzio”. É il racconto drammatico di uno scampato al terremoto a Paganica e riferito alle suore Clarisse del luogo. Morta anche la badessa Gemma Antonucci. Tante anche le piccole vittime. Una delle scene più strazianti di ieri è quella di una mamma morta abbracciando i due figlioletti, a L’Aquila. Li hanno trovati così, avvinghiati, sul letto della loro casa, in una palazzo che si è letteralmente sgretolato. Morti due mamme e tre bimbi anche a Poggio Picenze. Impossibi-

Morta anche la madre badessa

le rianimare a L’Aquila quattro bimbi soffocati da calcicacci. Una bimba morta anche a San Gregorio.

Si scava senza sosta tra le rovine Tendopoli urgenti per il freddo

Lotta contro il tempo per salvare altre vite Da tutta Italia in 4mila

Aggiornate di recente le fasce sismiche della Penisola Abitazione sventrata nell’Aquilano

Insieme a Siracusa e arco calabrese Circa tre milioni i cittadini più interessati

La regione colpita tra le più esposte al pericolo ROMA - Dalla primavera del 2006 l’Italia ha una nuova mappa di pericolosità sismica. E la zona abruzzese de L’Aquila si conferma una delle più pericolose, con un «rischio ampiamente conosciuto», essendo situata nella seconda fascia a più alta pericolosità (in quanto sulla linea della dorsale appenninica), superata in prima fascia di pericolosità da una piccola zona interna della Calabria. La mappa, redatta dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, ribadisce le quattro zone sismiche di classificazione dei comuni e in più aggiunge 12 nuove fasce di pericolosità.

Le aree a maggiore pericolosità sono la zona intorno a Siracusa, l’Appennino centro-meridionale e l’arco calabrese circondate da una zona più estesa a media pericolosità che include anche la Garfagnana e il Friuli Venezia Giulia. Secondo l’Istat, oltre un terzo del territorio italiano è caratterizzato da un’attività sismica classificabile come medio-alta. In totale 24 i milioni di italiani esposti ad alta (tre milioni) e media sismicità (21 milioni). In Abruzzo 701.505 persone vivono in zone ad alta e media sismicità. Per la regione non esiste la fascia a minima sismicità.

fredda e di pioggia che ha cominciato a cadere sugli sfollati per i quali si stanno predisponendo le tendopoli o crecando migliaia di posti letto negli alberghi lungo la costa. A L’Aquila in tantissimi si apprestano a trascorrete la notte nelle auto parcheggiate in piazzali o comunque in aree lontane dagli edifici: la paura non è passata e la scossa del tardopomeriggio di magnitudo 4.1 fa ricordare che il terremoto è ancora lì, in agguato, ancora una volta nella notte. Il sisma ha colpito senza pietà l’Abruzzo ma è stato avvertito anche a notevole distanza.Libri e quadri caduti da scaffali e pareti, letti che Le zone coinvolte sobbalzavano, lampadari che continuavano ad oscillare anche dopo Epicentro diversi minuti dal sisma, scricchiolii e rumori: il terremoto si è sentito con notevole intensità in tutta l’ItaMagnitudo Teramo lia centrale, anche a decine di chilo6,2 Richter metri dal capoluogo abruzzese, e in alcune zone del Nord e in qualche Ore Tempera pera era caso al Sud. È stato percepito come 03.32 un sisma di sesto grado («forte») in Onna On Onna Pesca Pes P eesca escara scara sca ara ra alcuni quartieri a Roma e in provinPoggi Pogg P Pog Poggio oggio oggi ogg ggi g gio L'AQUILA AQ ILA L cia di Latina, Frosinone, Isernia, olPicenze cenze enze ze tre che sul litorale abruzzese e in Tornimparte o te e Brittoli itto tto to Chieti Chiet parte su quello marchigiano. In meTo Tot T Totani otttan ota a i Caste Castelnuovo Cast aste stte elnu nuovo n uo ovo vo vo dia, è stato avvertito del quartoFo Fo Fossa oss sssa sssa quinto grado («moderato-forte») nel San Popoli Pop opoli poli o Lazio e nel Napoletano e del terzoS Angelo S. A An Demetrio trrio i quarto («leggero-moderato») a Firenze, Bari e persino Padova. A stilare Avezzano Avezzano una mappa della percezione del siA B R U Z Z O sma in tutta Italia è l’Istituto nazio0 km 35 70 105 km ANSA-CENTIMETRI nale di geofisica e vulcanologia (Ingv) che la sta aggiornando in tempo reale in base alle segnalazioni giunte sul sito www.haisentitoilterremoto.it, cui chiunque può contribuire rispondendo a uno specifico questionario. «La mappa - ha spiegato Valerio De Rubeis, ricercatore dell’istituto - è in continuo aggiornamento e fornisce una fotografia dell’estensione e il grado percepito del sisma».

Gara di solidarietà da tutte le regioni d’Italia. Sopra, il salvataggio di un bambino poi ricoverato in ospedale

ROMA - Per i volontari di tutta dell’Aquila. L’Associazione scout Italia che si occupano di emergen- cattolici, fra le tante associazioni ze, l’allerta è scattata alle 8 di ieri presenti, ha in programma l’invio mattina. Con un fonogramma par- di 100 operatori; fra i materiali intito dalla Protezione civile, le asso- viati anche una ludoteca mobile ciazioni hanno avuto la prima chia- per i bambini. All’erta anche l’Unimata. Da subito, talsi che ha già presia volontari sia midisposto a Giulialitari, inizialmente nova una struttura quelli sul posto, per 100-120 disabihanno cominciato li. Impegnati nei a soccorrere la posoccorsi anche i vopolazione. La corsa lontari di Save the contro il tempo ha children e della Caimposto ritmi serraritas che ha lanciati per i soccorritoto un appello per la ri, 4mila secondo raccolta fondi. quanto il premier L’Esercito ha subito Silvio Berlusconi. mobilitato il 33esiUnità cinofile, cucimo reggimento artine da campo, autoglieria Aqui di stancarri, illuminazioza all’Aquila e il seni e anche una lusto reggimento Gedoteca sono solo al- Decine di associazioni nio di Roma. L’Aviacuni dei contributi di volontari e militari zione dell’Esercito, portati dai soccorri- lavorano insieme la Marina e l’Aerotori, fornitori sonautica militari per l’Aquilano prattutto del preziohanno messo a diso e insostituibile sostegno umano sposizione velivoli per il trasporto alle vittime. Sempre i volontari, da feriti agli ospedali e del plasma. ieri mattina, hanno rifocillato con Nel capoluogo abruzzese continuapanini e acqua migliaia di persone no ad affluire mezzi di soccorso e nel capoluogo abruzzese. La Croce unità specializzate (ad esempio ciRossa Italiana ha aperto la sala ope- nofile) per la ricerca dei dispersi. rativa nazionale; ha inviato un con- Corsa contro il tempo anche nelvoglio con 10mila coperte, una cu- l’allestimento delle tendopoli, una cina da campo per 10mila pasti al priorità visto il volgere al peggio giorno e due cucine per l’ospedale delle condizioni meteo.


6 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Primo piano

Ieri mattina l’ospedale civico era inagibile

Feriti nel cortile dell’ospedale civico ieri pomeriggio

I malati curati nel cortile e in serata trasferiti altrove L’AQUILA - All’alba di ieri l’ospedale de L’Aquila era inagibile al 90%. «I pazienti vengono curati nel cortile tra i due edifici che compongono l'ospedale e nel piazzale antistante - riferisce il manager dell'Asl de L'Aquila Roberto Marzetti -. Ci sono lettini e barelle, mentre abbiamo problemi anche col servizio di mensa e ora stiamo attendendo che i pasti arrivino da fuori. È una situazione davvero drammatica». Mentre il bilancio dei morti cresceva di ora in ora la cappella dell’ospedale S. Salvatore è diventata la corsia più affollata dove i medici curano i numerosi feriti. È questa l’immagine emblematica della situazione che si viveva ieri nel nosocomio aquilano. Il caos non accenna a rientrare e tutti gli spazi che non sono stati considerati a rischio da parte dei tecnici della Protezione Civile vengono utilizzati come ricovero per malati. Naturalmente gli spazi maggiormente occupati sono quelli al-

l’aperto dove continuano ad arrivare feriti lievi ma anche con gravi traumi. Questi ultimi vengono indirizzati con gli elicotteri negli altri ospedali regionali. È un via vai di mezzi aerei senza soluzione di continuità. In serata il ministro del Welfare Maurizio Sacconi ha dichiarato che era «in corso il trasferimento degli ultimi 35 pazienti ricoverati presso l’ospedale dell’Aquila resosi inagibile per il terremoto». Nella regione Lazio sei strutture ospedaliere sono state allertate per l’accoglienza eventuale di feriti provenienti dalle zone colpite dal terremoto della notte di domenica. È necessario in queste ore alzare significativamente la soglia dell’attenzione per il rispetto delle misure igieniche e di profilassi». È l’appello che ha lanciato il ministro del Welfare, sottolineando che è fondamentale evitare che possano determinarsi rischi legati ad una eventuale diffusione di infezioni nei luoghi colpiti dal terremoto.

Un testimone ricorda la notte di paura a L’Aquila

“Un boato sordo e i mobili cadono Siamo scappati” “Così ho visto crollare la mia casa Ma c’è a chi è andata peggio” Antonio Andreucci

L’AQUILA - Non è vero che capita sempre agli altri. Le tragedie che sentiamo e che ci fanno emozionare, colpendo le nostre sensibilità, non fanno differenze: aspettano dietro l’angolo e decidono di colpire chiunque, all’improvviso. Solo dopo ci accorgiamo che era destino. L’Aquila è una città che convive con i terremoti, ogni anno tantissime scosse, piccole, solo alcune vengono avvertite. Uno si sente immune, anche quando in poco tempo ne avvengono oltre cento e qualcuna è più forte delle altre. «Siamo abituati», dicevano, sorridendo e per farsi coraggio, i miei concittadini, e io con loro. Anche nell’ultima settimana, quando le scosse sono state di 3 e 4 gradi della scala Richter. Poi, domenica sera, in un’ora, tra le 22.30 e le 23.40, due scosse: di 3,9 e di 3,5 gradi. Solita cosa, ma la città ha paura, nei giorni precedenti sono state chiuse alcune scuole. C’è paura, qualcuno fa previsioni, ma non si pensa mai che può succedere di più. Invece arriva una scossa di 5,8 gradi. Alle 3.30, un boato sordo, prolun-

La disperazione di una donna estratta dalle macerie

gato, il letto che traballa, le urla: ci guardiamo in faccia io e mia moglie e, senza parlare, sgomenti, capiamo che è il terremoto, quello forte. Usciamo dalla camera e vediamo oggetti e mobili cadere, fuggiamo, attraversiamo in pigiama il corridoio, la sala e, una volta sulla porta, la scossa si placa. Scendere le scale o aspettare? In-

tanto, due anziani vicini di casa sono arrivati sul pianerottolo; altri del palazzo fanno lo stesso. Tutti bloccati sotto alle porte aperte: così dicono si debba fare. E così facciamo tutti. Non guardiamo cosa è accaduto dentro, non abbiamo la forza perchè si ha la certezza che qualcosa di grande si è impadronita di noi e siamo in sua balia.

Ci guardiamo e c’è chi piange per paura o per disperazione; e intanto arriva un’altra scossa forte. Decidiamo: appena finisce, scendiamo immediatamente in strada. Solo allora ci accorgiamo che dentro casa è il finimondo: mobili spostati, quadri rotti, credenze a terra, vetri dappertutto. In pochissimi secondi siamo sul piazzale. Siamo in tan-

Il mondo si commuove. Dagli Stati Uniti all’Europa alla Russia in arrivo squadre di soccorsi e mezzi

La comunità internazionale si mobilita Dagli Usa 50mila dollari dalla Francia cento pompieri

L’esperto di malattie infettive mette in guardia

Nessun rischio sanitario ma l’attenzione resti alta ROMA - Secondo il direttore del Dipartimento malattie infettive dell’Università di Brescia Giampiero Carosi, al momento non vi sarebbero rischi sanitari per la popolazione nelle zone terremotate, ma l’attenzione e la prevenzione su questo fronte «devono restare ad un livello di guardia». Il rischio maggiore per la salute, dato anche l’alto numero di dispersi, ha sottolineato Carosi, «è legato al possibile diffondersi di malattie e infezioni orofecali, salmonella e malattie

Paola Tamborlini

ROMA - Il mondo si commuove davanti alla tragedia che ha colpito l’Italia, davanti ai morti e alle distruzioni del terremoto. E le Nazioni Unite si stringono attorno a chi ha perso tutto, dedicando un minuto di silenzio alle vittime. Solidarietà e offerte di aiuto sono arrivate da tutto il mondo: dall’America alla Russia, dalla Francia alla Germania, dalla Serbia all’Egitto. L’Onu e l’Unione europea si sono messe subito a disposizione. E non solo le istituzioni si sono mosse: gli operai della Fiat che lavorano a Belgrado hanno annunciato che doneranno il sangue, gli abruzzesi che vivono in Germania si stanno organizzando per inviare aiuti e volontari sono pronti a partire da molti paesi. Una “solidarietà mondiale” che ha colpito e «confortato» anche il presidente della repubblica Giorgio Napolitano. Le condoglianze degli Stati Uniti sono arrivate da Ankara, dove il presidente Barack Obama si trova in missione. E l’America ha anche messo a disposizione dell’Italia 50

mila dollari. Il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon si è detto «rattristato» ed ha assicurato che l’organizzazione si è messa a disposizione delle autorità italiane. L’Unione Europea ha immediatamente dato la disponibilità a fornire aiuti e dall’Italia è infatti arriva-

ta la richiesta di accesso al fondo europeo di solidarietà per le catastrofi naturali. Dalla Francia è arrivata la solidarietà del presidente Nicolas Sarkozy, oltre alla disponibilità a fornire tutto l’aiuto che si riterrà necessario: 100 pompieri sarebbe-

ro già pronti a partire. Anche il Belgio è pronto ad inviare aiuti, così come la Spagna che ha messo a disposizione squadre di soccorso e cani per la ricerca di persone rimaste sotto le macerie. La Russia è invece pronta a mandare i suoi specialisti per assistere

gastrointestinali. Patologie - ha spiegato l’esperto - che derivano, soprattutto, da eventuali contaminazioni tra rete fogniaria e idrica». Ma oltre alle infezioni, avvertono gli esperti, gli effetti di qualsiasi patologia possono essere amplificati in queste particolari condizioni: come nel caso delle malattie cronico-degenerative e le patologie cardiovascolari, che possono mietere più vittime a causa della mancanza delle infrastrutture di assistenza sanitaria distrutte dal sisma. l’Italia. Da Mosca sono arrivati al presidente Giorgio Napolitano e al premier Silvio Berlusconi i messaggi di condoglianze del presidente Dmitri Medvedev e del premier Vladimir Putin e un minuto di silenzio è stato osservato al museo Pushkin. Anche il premier

Da Mosca sono arrivati i messaggi di condoglianze del presidente Dmitri Medvedev e del premier Vladimir Putin

Benyamin Netanyahu, che ha espresso le sue condoglianze a Berlusconi, ha assicurato che Israele è pronto ad inviare aiuti, se sarà necessario. Messaggi di vicinanza e condoglianze sono giunti anche dalla Polonia che «si unisce -ha detto il premier Donald Tusk- al dolore delle famiglie delle vittime», dalla Serbia, con il presidente Boris Tadic, dal Kosovo con i telegrammi del presidente e del premier Fatmir Sejdiu e Hashim Thaci, dall’Albania, dove il governo guidato da Sali Berisha ha offerto un sostegno finanziario di 50mila euro per gli sfollati; dalla Romania, con messaggi del premier Emil Boc e del ministro degli esteri Cristian Diaconescu. Anche da Cipro e Malta sono giunte lettere di condoglianze. E poi ancora condoglianze sono giunte dal presidente dell’Egitto Hosni Mubarak e da quello dell’Afghanistan Hamid Karzai. Dal Libano, dove la cittadina di Baalbek, gemellata con L’Aquila, che si è detta pronta ad aiutare «in ogni modo possibile».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 7 Aprile 2009 7

Primo piano

I numeri IL SISMA 5,8 L'intensità (scala Richter) 6,2 L'energia scatenata (scala di magnitudo del momento sismico) I DANNI 10-15mila Gli edifici inagibili IL BILANCIO PROVVISORIO Oltre 150 Morti

Oltre 70mila Sfollati

Oltre 1.500 Feriti

Oltre 26 Comuni colpiti

I SOCCORSI Oltre 4.000 Uomini al lavoro Oltre 4.000 Posti letto allestiti 5 Centri operativi misti allestiti ANSA-CENTIMETRI

ti, tutti uguali, tutti impotenti avanti a una forza non controllabile e che non ci lascia fare previsioni. Con questo stato d’animo ci accorgiamo solo più tardi che sanguinano i piedi perchè fuggendo siamo passati sopra i vetri, e che la testa e una spalla cominciano a gonfiarsi e a far male, per un mobile venutoci addosso durante la fuga. Le scos-

se proseguono, ma fuori si sentono di meno e uno crede di essere al sicuro. Tira quasi un sospiro di sollievo guardando i bambini che nella loro innocenza riescono a non spaventarsi. Casa è inagibile, eppure è in cemento armato, tutto il resto è da buttare, ma siamo vivi. Questa sensazione è simile a quella di altre coppie, di altre centinaia

di persone che sono con noi sul piazzale. Ma davanti a noi, dentro quelle mura segnate, ci sono storie e affetti; e i pianti disperati fanno capire quanto ognuno di noi costruisca la sua vita anche con le piccole cose domestiche. Un pezzo di vita che va via. Sul piazzale siamo circa duecento, quasi tutti in pigiama.

“I telefoni non funzionano e l’angoscia aumenta”

“Ho sentito le loro urla dalla strada”

Il rugbista Pallotta salva due persone

Soccorritori al lavoro con i cani impiegati nella ricerca di persone sotto le macerie Il sisma e' stato sentito molto forte anche a Roma e nel Lazio e nelle Marche. Gia' prima e dopo la mezzanotte due scosse avevano colpito la zona dell'Aquila Un uomo accanto a una casa distrutta dal sisma

Dopo due ore di scosse si fanno calcoli per rientrare e prendere l’indispensabile: tra una scossa e l’altra passano almeno cinque-dieci minuti, allora uno per casa, si torna dentro. Un andirivieni pericolosissimo, ma che è dettato dalla voglia di andare avanti e non darla vinta al terremoto. Intanto i telefoni non funzionano e le figlie lontane - come i figli lontani degli altri non sanno ancora. L’angoscia aumenta. Poi un poco di coraggio, un giro attorno al quartiere e si cominciano a scoprire storie ancora più tristi, fatte di bambini la cui vita si è interrotta sotto alle macerie. Di amici, colleghi, segnati molto più profondamente di noi. E, per assurdo, ci si deve sentire sollevati. Questa è la mia storia raccontata tra altre decine di scosse e il lavoro frenetico per il dovere di raccontare cosa accade. È uguale a quella di migliaia di aquilani, di chiunque si sente al sicuro, fino a quando non capisce che così non è. Adesso deve cominciare la rinascita, raccontata altre volte per tragedie di altri. Ma quando il clamore sarà passato, resteranno le tragedie, quelle nostre che una volta erano solo degli altri.

Alessandro Castellani

ROMA - Come da manuale del rugby è tornato indietro per poi riandare avanti. Stavolta non con l’ovale in mano per cercare di superare la linea avversaria, ma con un’anziana (e relativa bombola d’ossigeno) sulla spalle. L’ultima meta di Andrea Pallotta, 23enne estremo dell’Aquila Rugby, è la più bella: nel dramma del terremoto ha cercato di «placcare» la malasorte salvando prima una donna, poi il marito dopo aver sfondato a spallate la porta di casa loro. La sua, di abitazione, Pallotta l’aveva persa poco prima («è totalmente inagibile»), ma non era il momento di stare a pensarci. «Ero in mezzo alla strada - racconta - e ho sentito delle grida di aiuto di una donna. Sono subito corso verso il punto da dove venivano, la tromba delle scale era crollata e intorno era tutto un disastro». Il rugbista che quest’anno è stato anche azzurro nel Seven, nel torneo uruguayano di Punta del Este, ha agito d’istinto: «sul momento, per la confusione, la puzza di gas clamorosa che usciva dalle tubature rotte e i calcinacci - dice -, non

mi sono neppure reso conto se fossero uomini o donne, ho pensato solo a portarli fuori. Poi ho saputo che erano marito e moglie. L’uomo era finito sotto ad una pietra e ai tubi dell’acqua, e ho dovuto sollevare tutto. Mentre li portavo fuori c’è stata un’altra scossa e sinceramente mi sono preoccupato». Ma bisognava battere anche la paura, così dopo aver salvato i due anziani è tornato indietro per portare fuori anche la bombola dell’ossigeno. Pallotta non è stato l’unico dell’Aquila Rugby a perdere la casa, sussurra dall’ospedale dove sta dando una mano ai soccorsi il tecnico Massimo Mascioletti (ex ct della nazionale): «È dura andare avanti. È un dramma, ma noi del rugby non ci fermiamo, qualcuno dei miei è andato in centro a scavare fra la macerie, anche con le mani». Già, quelle mani grandi come pale tipiche di chi spinge in mischia oppure corre dopo aver afferrato un pallone ovale, come Pallotta, 1.85 per 96 chili, un cuore grande così e un coraggio da leone, altrimenti che rugbista sarebbe? «Ma qui conta solo rendersi utili, ora la nostra vita è questa».

Il premier: “Trenta milioni subito pronti, ma serviranno miliardi”

L’Europa è pronta ad intervenire con il Fondo di solidarietà per la catastrofi a cui l’Italia ha già preannunciato ricorso

ROMA - «Per i primi giorni sono siglio, secondo quanto riferito da si esclude una nuova visita del stati stanziati 30 milioni di euro di alcuni partecipanti, ha fatto il pun- premier oggi in Abruzzo. fondi immediati, in attesa di quan- to della situazione ribadendo co- Il consiglio dei ministri ha anche tificare giovedì le risorse struttura- me sia stato fatto tutto il possibile deciso di proclamare il lutto nazioli». Silvio Berluscoper fronteggiare nale nel giorno in cui avranno luoL’Italia farà ni quantifica così l’emergenza. Una go le esequie delle vittime del terle prime somme ricorso al Fondo volta verificata remoto che ha colpito l’Abruzzo. messe a disposiziol’entità dei danni Di sicuro l’Italia non è sola di froneuropeo per le saranno stanziate te alla catastrofe che ha colpito il ne dal governo per f r o n t e g g i a r e calamità naturali tutti i fondi neces- cuore antico dell’Abruzzo. L’Eurol’emergenza del sari, avrebbe sotto- pa è pronta ad intervenire con tutterremoto in Abruzzo. Lo fa inter- lineato il premier. Per il momento ti gli strumenti a sua disposizione corso. Il Fondo - che dispone di del 2002 ed è già stato usato dalvenendo al telefono a ’Matrix’, su Guido Bertolaso potrà utilizzare i e primo fra tutti il Fondo di solida- una dotazione annua di un miliar- l’Italia nel luglio del 2003, con un Canale 5, dove il premier sottoli- fondi della Protezione civile previ- rietà per la catastrofi a cui l’Italia do di euro - è nato dopo le dram- contributo di emergenza di 46,7 nea anche che sarà fatta poi la sti per le emergenze. Intanto, non ha già preannunciato che farà ri- matiche inondazione dell’estate milioni di euro. Quegli aiuti furorichiesta per i fondi europei. Poco dopo, in collegamento telefonico con “Porta a Porta”, ha agCupole crollate, absidi divelte, la Soprintendenza conta i danni giunto: «Abbiamo iniziato a fare una stima dei danni, ma ancora non possiamo dirlo: saranno diversi miliardi di euro, somme importanti. Stasera con Tremonti abbiamo iniziato a pensare a come di Collemaggio, dal tran- no, perchè la Direzione generale e le due La cupola reperire queste risorse, abbiamo di S.M. del setto sino al fondo della Soprintendenze dell’Aquila non sono agibigià qualche idea, forse potremo chiesa, della cupola di li». La fortezza spagnola che contiene il MuSuffragio essere più precisi nel Cdm di gioGiuseppe Valadier della seo Nazionale e gli uffici delle due soprintennel centro vedì». chiesa delle Anime San- denze ha avuto infatti ingenti crolli al terzo storico La riunione straordinaria del Condell'Aquila, te, del campanile della piano ed è pericolante anche il ponte d’insiglio dei Ministri di ieri sera incrollata nel chiesa di San Bernardi- gresso, per cui vi è precluso l’accesso ed è tanto non ha stabilito una cifra no. Crollato parzialmen- presidiato. «Sono stati intanto già identificati sisma precisa, riservandosi di stimare te anche il transetto del i magazzini in cui mettere in sicurezza le prima l’entità dei danni. OperaROMA - I danni provocati dal terremoto so- Duomo e crollata Porta Napoli. opere danneggiate e quelle che sono in luozione che sarà eseguita nei prossino molto ingenti anche per il patrimonio cul- È il primo bilancio comunicato da Giuseppe ghi crollati o pericolanti», annuncia Proietti, me ore. Quindi si procederà con turale della regione e i primi sopralluoghi Proietti, Segretario Generale del ministero aggiungendo che si sta costituendo una squaun provvedimento ad hoc che anall’Aquila, hanno tra l’altro registrato il crollo per i Beni e le Attività Culturali, in contatto dra di supporto con personale proveniente drà all’ordine del giorno del prosdella parte absidale della Basilica di S. Maria con i funzionari locali «ma solo via telefoni- da altre soprintendenze di altre regioni. simo Cdm. Il presidente del Con-

no destinati soprattutto alla creazione di alloggi temporanei in Molise e in Puglia colpiti dai terremoti dell’inverno 2002, e alla Sicilia, soprattutto in provincia di Catania per i danni provocati dall’eruzione dell’Etna. Le autorità nazionali italiane hanno 10 settimane di tempo, dal momento in cui la catastrofe ha avuto luogo, per fornire a Bruxelles la domanda di aiuto e una prima stima dei danni per finanziare interventi di prima necessità: la riattivazione infrastrutture di base (acqua, gas, sanità, trasporti, insegnamento); la distribuzione di alloggi provvisori e la creazione servizi di soccorso; la bonifica delle aree sinistrate e naturali. Si può ricorrere al Fondo Ue solo per calamità gravi e se i danni superano 3,4 miliardi di euro (ai prezzi 2009) o sono pari allo 0,6% del Pil del paese interessato. Può beneficiare dei finanziamenti anche una Regione colpita da una catastrofe straordinaria. Il bilancio totale annuo per le calamità regionali è di 75 milioni di euro. Proprio come nel 2003, quanto l’Europa contribuì con 46,7 milioni a sostenere le migliaia di sfollati sopravvissuti ai terremoti dell’inverno 2002 nel Molise e nella Puglia, ma anche i danni provocati in Sicilia dell’eruzione dell’Etna.

Concesso lo stato di emergenza

Anche l’arte è in ginocchio


8 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Primo piano

Giampaolo Giuliani, collaboratore dei laboratori nazionali del Gran Sasso, era stato attaccato da Bertolaso per aver annunciato il sisma per il 29 marzo

L’esperto denunciato: io l’avevo detto “Possibili solo con approssimazione”

Perplessità dei tecnici “Arduo fare previsioni”

L’istituto nazionale di geofisica a Roma

ROMA - «Queste cose non sono prevedibili quasi mai veramente, o, per lo meno, lo sono in una scala molto ampia. Ad esempio: sappiamo che tutto il settore tirrenico dell’Italia in questo momento è a rischio terremoto perchè si sta muovendo. Da qui a dire se colpirà delle città o addirittura quali città e con quale e quanta intensità ne passa». A parlare, in una intervista rilasciata al sito Ilsussidiario.net, è Giorgio Pasquarè, sismologo dell’Università degli Studi di Milano. «Da un punto di vista scientifico- continua Pasquarè- prevedere un disastro come quello appena occorso è pressochè impossibile». In Italia, poi, «abbiamo l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Sicuramente avrebbero agito in tempo se il disastro fosse stato prevedibile».

PALERMO - “Se ci fosse stato qualcuno a lavorare nei posti dovuti o se qualcuno si fosse preoccupato si sarebbe accorto che stava per avvenire il terremoto”. Con una intervista on line su You Tube Giampaolo Giuliani, ricercatore del Laboratorio nazionale di Fisica nucleare del Gran Sasso torna a ribadire che “non è vero, è falso che i terremoti non possono essere previsti”. Giuliani, dopo aver detto “se commento adesso c’è il rischio che mi mettono in galera” sostiene che “sono 10 anni che noi riusciamo a prevedere eventi in un raggio di azione di 150 km dai nostri rilevatori. Sono 3 giorni che vedevano forti incrementi di radon, anche la sala sismica si sarebbe potuta accorgere che si sarebbe stato un terremoto molto forte. Il mio sismografo - sostiene Giuliani - denunciava una forte scossa di terremoto. Tutti potevano osservarlo perché ce lo avevamo on line e tanti lo hanno osservato e si sono resi conto che le scosse crescevano”. Il capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, martedì 31 marzo si era scagliato contro «quegli imbecilli che si divertono a diffondere notizie false», chiedendo una punizione. Tra gli «imbecilli» c'era appunto Giuliani, che aveva lanciato l'allarme: la regione sarà colpita domenica 29 marzo da un terremoto «disastroso». Giuliani è stato denunciato per procurato allarme. Nella notte del 29 marzo ci fu infatti a Sulmona un terremoto di 4 gradi della scala Richter. Questo e la «profezia» aveva fatto scattare il panico tra i cittadini di Sulmona e dintorni. L'analisi di Giuliani era basata sull'analisi di un gas radioattivo, il radon, che si libera dal sottosuolo quando le faglie vengono attivate il gas trova una via di fuga giungendo in superficie. Giuliani aveva dato anche un'indicazione

La polemica LA RICERCA Secondo Gioacchino Giuliani, ricercatore dell'Inaf, è possibile prevedere, dalle 6 alle 24 ore prima, un evento sismico calcolandone epicentro, intensità e ipocentro, grazie a una rete di rivelatori di concentrazione di gas radon L'ALLARME Lo sciame sismisco che da un paio di mesi interessa l'area dell'Aquilano, associato ai dati pubblicati sul sito di Giuliani, spingono, a metà marzo, alcuni banditori ad andare in giro per L'Aquila con il megafono invitando la popolazione a uscire di casa, in vista di un imminente terremoto LA PROTEZIONE CIVILE "C'è gente che si diverte a spargere notizie infondate ed allarmi" così il capo della Protezione civile il 31 marzo. Bertolaso, che aveva acccusato Giuliani di procurato allarme, ieri ha ribadito che i terremoti non sono prevedibili L'INGV Prevedere i terremoti basandosi sul radon è una possibilità che si sta studiando, ma non è ancora possibile avere dati affidabili e previsioni certe ANSA-CENTIMETRI

precisa dell'allarme: da lì a poche ore. Il sisma però non era avvenuto. Ma la terra si è scatenata circa una settimana dopo. E ora le polemiche divampano. Da Di Pietro ai radicali fio all’on.Buontempo, presidente de La Destra,

Polemiche politiche sul responsabile della protezione Civile Berlusconi: ora lavoriamo tutti chiedono che venga fatta piena luce sulla vicenda. Per Buontempo, ad esempio, «dovrà essere appurato con la massima serietà, il fatto che il ricercatore era stato tacciato di allarmismo e addirittura raggiunto da un avviso di garanzia. L’inchiesta dovrà accertarlo, così come dovrà dire ai cittadini su quali basi scientifiche è stata trascurata la segnalazione dello studioso». «Forse si sarebbero potute mettere in salvo molte persone se si fosse dato ascolto alle previsioni di chi aveva annunciato il terremoto. Per questo chiedo le dimissioni del capo della Protezione civile Guido Bertolaso». Così incalza Vittorio Agnoletto, eurodeputato Prc/Sinistra europea. La polmica non è sfuggita al premier Berlusconi che, nella conferenza stampa tenuta a margine del sopralluogo nelle aree terremotate ha tagliato corto: «Non è il momento di dare luogo a discussioni. Adesso bisogna reagire con i fatti e con l’azione. Quando avremo sistemato tutte le cose, si potrà cominciare a discutere sulla prevedibilità o meno di questi terremoti». Alla Camera, poche ore dopo, un applauso unanime ha sottolineato le parole del ministro per i Rapporti con il Parlamento Elio Vito nella sua informativa urgente sul terremoto: «Il governo dice grazie al commissario Bertolaso ed a tutti coloro che dalle prime ore dell’alba sono ininterrottamente all’opera per contrastare l’emergenza».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 7 Aprile 2009 9

Attualità

E’ iniziato ieri il maxiprocesso Eternit. Da tutta Europa arrivano le rivendicazioni Per la prima volta sul banco degli imputati gli ex vertici della multinazionale

In migliaia a Torino per essere risarciti Sono accorsi per denunciare le morti provocate dall’amianto

Sono 270 le persone che si sono presentate ieri mattina al Palazzo di giustizia di Torino per costituirsi parte civile per i morti d'amianto

Mauro Barletta

TORINO - Erano quasi cinquecento le persone che dal Piemonte, dall’Emilia e dalla Campania si sono presentate ieri mattina al Palazzo di Giustizia di Torino per chiedere di costituirsi parte civile al processo Eternit. E almeno altrettanti dall’Italia, dalla Francia, dal Belgio e dalla Svizzera si sono radunati nelle stesse ore davanti ai cancelli per denunciare la piaga delle morti provocati dall’amianto in tutta Europa. In questo clima si è aperta l’udienza preliminare che per la prima volta vede sul banco degli imputati gli ex vertici della multinazionale, il miliardario svizzero Stephan Schmidheiny, 61 anni, e il barone belga Jean Louis De Cartier, 88 anni: il pm Raffaele Guariniello, secondo cui sarà «un processo giusto sia per le vittime che per gli imputati», contesta il disastro doloso. Tra ammalati e deceduti ci sono 2.889 parti lese: lavoratori degli stabilimenti di Casale Monferrato (Alessandria), Cavagnolo (Torino), Rubiera (Reggio Emilia) e Bagnoli (Napoli), i loro familiari, i loro concittadini che abitavano vicino alle fabbriche e respiravano le fibre. «Dall’analisi delle carte processuali - dice l’avvocato Sergio Bonetto, capofila delle parti civili - si ricava che alla Eternit non solo hanno provocato i danni, ma che non vi hanno posto rimedio. Ancora oggi, a Casale, ci

I Paesi rispondono con navi da guerra nella zona

I pirati sfidano le potenze mondiali NAIROBI - I pirati hanno sfidato le potenze navali mondiali presenti al largo della Somalia, allargando il loro raggio d’azione nell’Oceano Indiano e sequestrando cinque imbarcazioni negli ultimi tre giorni. Un peschereccio di Taiwan e una nave britannica sono state catturate ieri. Sabato scorso sono finiti in mano ai predoni uno yacht francese e una nave cargo tedesca, con 24 membri di equipaggio. Infine, domenica è stata sequestrata una piccola barca yemenita con sette persone a bordo. Di fronte a questa escalation della pirateria al largo della Somalia e nel golfo di Aden, numerosi Paesi hanno spedito navi da guerra nella zona. Con gli attacchi di ieri, sono almeno 17 le imbarcazioni finite in mano ai pirati, con circa 250 ostaggi a bordo. sono strade con ghiaia d’amianto». Solo per gli indennizzi l’Inail ha speso 246 milioni di euro e ora, per riavere una parte della somma, si costituirà con gli altri. I primi a presentarsi sono stati quelli di Rubiera, seguiti da quelli di Casale (su sette pullman) e dai campani.

Per fronteggiare l’invasione, il tribunale aveva disposto misure straordinarie: percorsi guidati, controlli al computer, un presidio medico gestito dalla protezione civile, tre maxi aule collegate in videoconferenza. Solo per Schmidheiny, il magnate che oggi afferma di battersi

per uno sviluppo eco-compatibile, c’erano 23 avvocati, cosa che non ha mancato di provocare battute ironiche fra i presenti. Il programma del gup Cristina Palmesino, ostacolato da un improvviso guasto al computer, prevedeva l’appello dalla «A» alla «L». Tutti si sono disposti su tre file, una per ciascun cancelliere impegnato a verbalizzare e registrare un nome dopo l’altro: enti territoriali (il primo è stata la Regione Piemonte con la presidente Mercedes Bresso, poi l’Emilia e la Campania, le Province, i Comuni), sindacati, onlus, cittadini. Fuori, nel frattempo, tra bandiere, striscioni, pettorine e distintivi, un palco allestito dalla Cgil ha ospitato comizi, interventi, testimonianze. C’erano politici (Vittorio Agnoletto, un consigliere regionale con il nonno ucciso da un tumore, Antonio Boccuzzi), sindacalisti e soprattutto i comitati antiamianto italiani e stranieri. Il presidente dell’associazione francese Ardeva, Alain Guerif, ha detto che «questo processo storico è un monito per tutta l’Europa», aggiungendo che nel suo paese, dove i morti si contano a migliaia, «le cause si fanno ma il governo non dà alla giustizia i mezzi necessari». Sergio Bonetto, avvocato storico della vertenza Eternit, afferma che «il processo ha il compito di accertare la responsabilità di chi ha provocato migliaia di lutti e un vero e proprio disastro ambientale».

La visita di Obama inTurchia

Finmeccanica, dagli Usa lo stop agli elicotteri

ANKARA - «Gli Stati Uniti non sono e non saranno mai in guerra con l’Islam». Barack Obama ha scelto il suo primo viaggio da presidente Usa in un paese musulmano per tendere la mano all’Islam. E lo ha fatto parlando dalla Turchia, un paese da lui descritto come il punto d’incontro tra Est ed Ovest, ribadendo per il secondo giorno consecutivo il «forte sostegno» degli Stati Uniti al suo ingresso nella Unione Europea. Un sostegno già esposto ieri a Praga al vertice Usa-Ue che ha però incontrato la netta opposizione della Francia e di altri membri dell’Unione Europea. La stessa scelta di Obama di effettuare in Turchia - dopo i tre vertici G20, Nato e Usa-Ue la sua prima vera visi- Barack Obama ed Erdogan ta in un paese oltreoceano (era stato finora solo in Canada) segnala nel modo più eloquente possibile il grande valore simbolico che l’inquilino della Casa Bianca attribuisce alla Turchia. «Gli Stati Uniti sostengono con forza l’ingresso della Turchia nella Unione Europea - ha detto Obama raccogliendo un lungo applauso al Parlamento Turco - Parliamo non come membri della Ue ma come grandi amici della Turchia e dell’Europ». Ma dagli Usa arriva uno stop agli elicotteri presidenziali di Finmeccanica. Il segretario alla Difesa americano Robert Gates ha annunciato una «profonda riforma» nei programmi con cui il Pentagono acquista le armi per il suo arsenale, che prevede anche tagli e cancellazioni. Tra i programmi colpiti, quello dei nuovi elicotteri per la Casa Bianca progettati dalla cordata anglo-italiana guidata da Lockheed Martin cui partecipa l’Agusta-Westland, società di Finmeccanica.

Ancora sangue in Iraq: uccise 34 persone e ferite altre 130

Ondata di attentati nella capitale Baghdad colpita da sei autobombe

Il mercato popolare di Sadr City è stato colpito da un’esplosione che ha ucciso una decina di persone e ferito circa 65 Altre esplosioni si sono verificate una nell’area commerciale di Husseiniya

BAGHDAD - Sei autobombe sono esplose ieri in diverse zone a Baghdad, uccidendo 34 persone e ferendone altre 130, secondo quanto riferito dalla polizia, dopo che una serie di arresti di miliziani sunniti ha accresciuto la tensione nella capitale irachena. Durante l’attacco, un’esplosione nel mercato popolare della città sciita di Sadr City ha ucciso almeno dieci persone, ferendone 65. Un’altra autobomba è esplosa accanto ad un gruppo di persone che stava invocando un lavoro, uccidendo sei persone e ferendone 16. Due altre esplosioni si sono verificate una nell’area commerciale di Husseiniya, nella periferia del nord di Baghdad, uccidendo quattro persone e una in una strada nella zona orientale della capitale, apparentemente in un tentativo di omicidio di un funzionario del ministero dell’Interno. Questa seconda bomba ha ucciso una guardia del corpo del politico e un passante. Diverse ore dopo le prima quattro esplosioni, la zona di Um alMaalif è stata scossa da altre due esplosioni nello stesso mercato, che hanno ucciso 12 passanti e ferito altri 25. "L’esplosione ha causato ingenti danni agli edifici e ha ucciso anche qualche ragazzo.

combattere al Qaeda nel 2006, presidiando i checkpoint e facendo raid in tutto il paese. Il governo iracheno ha cominciato a supervisionare le loro operazioni al termine dello scorso anno, ma i rapporti si sono rapidamente deteriorati. Alcune delle guardie armate hanno denunciato di non essere state pagate per due mesi, accusa che il governo ha definito un inconveniente tecnico subito risolto. Funzionari iracheni e americani sostengono un piccolo numero delle 90.000 guardie sunnite siano, in realtà, infiltrati di al Qaeda e di altri gruppi militanti islamici. Le violenze in Iraq stanno scendendo a livelli mai registrati dal 2003, ma i miliziani sono ancora in grado di provocare attentati su larga scala, soprattutto nella capitale e nelle province del nord di Diyala e Nineveh. Il comando Usa a Baghdad, intanto, ha reso noto ieri che un soldato americano è stato ucciso domenica nel corso di un’operazione militare nella provincia di Diyala. Il numero dei soldati americani morti in Iraq dall’inizio dell’invasione delle forze multinazionali nel marzo 2003,continua quindi a crescere. Il numero di decessi è arrivato a 2.266.

Il premier spagnolo pronto a sacrificare Solbes

Zapatero pensa al rimpasto MADRID - Via Pedro Solbes, sostituito ai comandi dell’economia spagnola da una donna, Elena Salgado, dentro i baroni del Psoe Josè Blanco e Manuel Chaves: questi i contorni del rimpasto di governo anti-crisi di Josè Louis Zapatero, che la stampa spagnola unanime dà per imminente. La mossa dovrebbe essere annunciata nei prossimi giorni dal capo del governo al rientro dall’attuale giro di vertici europei e atlantici. Le fughe di notizie sul rimpasto hanno irritato Zapatero, scrivono i quotidiani di Madrid, diminuendo l’impatto della tanto attesa foto con Obama: l’istantanea scattata dopo il suo incontro a Praga con il nuovo inquilino della Casa Bianca, la rivincita dopo 5 anni di gelo con gli Usa. L’ultimo sondaggio, pubblicato domenica scorsa, dal quotidiano di sinistra Publico, vede il Partido Popular di Mariano Rajoy con il 40,7% delle intenzioni di voto davanti al Psoe di Zapatero, al 39,2%. Il premier paga l’effetto crisi, e l’apparente scarsa efficacia delle misure prese per fronteggiare la recessione, che in Spagna fra l’altro ha provocato già una disoccupazione record al 15%, che salirà al 20% nel 2010. Con il rimpasto, spiega El Pais, vicino ai socialisti, il premier punta a un governo «più politico e determinato davanti alla recessione». Dio maledica queste persone", ha detto il negoziante Abdul-Jabar Saad, che ha assistito ad una delle esplosioni. Le ultime esplosioni sono arrivate al termine di una settimana di arresti da parte del governo sciita nei confronti di alcuni guerriglieri sunniti conosciuti come Awakening Councils, o

Majalis al-Sahwa in arabo. Funzionari del ministero dell’Interno non hanno voluto commentare se questi attacchi siano stati coordinati o se siano stati una reazione agli arresti della scorsa settimana, che avevano già provocato scontri, sabato, tra le forze dell’ordine irachene e guerriglieri appartenenti

allo stesso gruppo di uno dei leader arrestati. Il governo ha insistito nel sostenere che sono state fermate solo persone accusate di reati gravi ma i guerriglieri temono ci siano dietro motivi etnici. L’analista Kadhum al-Muqdadi, professore alla Baghdad University, ha etichettato come "improbabile" una

motivazione di questo tipo. "Ogni azione di sicurezza porta con sé una possibile reazione", ha detto al-Muqdadi alla Reuters, "questa potrebbe essere la reazione del gruppo di Sahwa o l’occasione colta da alcuni opportunisti". I guerriglieri Sahwas si erano inizialmente uniti alle forze Usa per


10 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Cronache in breve Radiografo a fuoco Nessuna dispersione FIRENZE - Un apparecchio radiografico ha preso fuoco ieri in un laboratorio di analisi mediche in lungarno Vespucci. Le fiamme si sono sviluppate, forse, a causa di un corto circuito. Immediato l’intervento dei vigili del fuoco che hanno spento l’incendio. Sul posto è intervenuto anche il nucleo Nbcr (nucleare, batteriologico, chimico e radiologico) per misurare l’eventuale dispersione radioattiva. Nessuna contaminazione.

Ex modella e figlia del presidente romeno, Elena Basescu si è candidata Cerca un posto a Bruxelles ma per ora ha ottenuto molte critiche

Bombe carta contro giornali a Genova GENOVA - Poco prima di mezzanotte di domenica due bombe carta sono state fatte esplodere a Genova: una di fronte alla sede del Secolo XIX e un’altra di fronte alla sede dell’Ansa. Più o meno nello stesso momento altre due bombe carte sono state lanciate all’ingresso della sede del Corriere Mercantile. Non si lamentano feriti, ma al Corriere Mercantile sono rimaste coinvolte nello scoppio quattro persone che non hanno riportato danni.

Cane naufrago sopravvive su isola SYDNEY - Un cane caduto da una barca durante una tempesta si è ricongiunto ai padroni,dopo aver vissuto più di quattro mesi in un’isoletta. È avvenuto a largo del Queensland settentrionale, il cane-Robinson Crusoe ha vissuto 4 mesi,cibandosi di capretti selvatici. La padrona ha detto che la famiglia era in lutto dalla scomparsa. La cagna aveva nuotato per più di 9 km fino all’isola di St Bees, dove è sopravvissuta fino al ritrovamento.

Missioni videogioco per attirare reclute LONDRA - Vista la carenza di reclute, l’esercito britannico lancia un videogioco su internet per invitare i ragazzi indecisi sul proprio futuro a intraprendere la carriera nell’arma. Si chiama «Start Thinking Soldier» e consiste in quattro missioni che si possono giocare sul web.

Anziani donano fegato e reni EMPOLI - Due anziani di 78 e 80 anni hanno donato fegato e reni. La donazione è avvenuta all’Ospedale di Empoli, dove è avvenuto l’espianto di organi. I due erano deceduti per emorragia cerebrale nel fine settimana. I donatori vivevano a Castelfranco di Sotto e Castelfiorentino. Per gli espianti intervenute due equipe specializzate.

SASSARI - Due velisti sardi, Piero e Vittorio Fresi, padre e figlio, impegnati nel giro del mondo a vela sulla rotta dei clipper, sono alla deriva nell’oceano Pacifico a più di tremila miglia a est della Nuova Zelanda, dopo che la loro imbarcazione, l’Onitron I-Autoprestige, è stata disalberata da un uragano con venti oltre i 50 nodi. La macchina dei soccorsi è scattata domenica alle 18:40 quando i Fresi hanno chiamato col telefono satellitare la loro base operativa sarda, informando di aver «scuffiato» e aver perso l’albero e il rollbar sul quale erano montate le antenne e gli altri strumenti per la navigazione. Dopo l’allarme, la Capitaneria di Porto Torres ha allertato il Comando generale di Roma che ha rilanciato la richiesta alla Guardia costiera neozelandese che ora sta coordinando i soccorsi.

Aereo militare cade Ventiquattro vittime BANDUNG - Un aereo militare si è schiantato su un hangar dell’aeroporto di Bandung, in Indonesia. Un portavoce dell’aviazione riferisce che vi sono 24 vittime, sei membri dell’equipaggio, un istruttore e 17 allievi delle forze speciali. Il velivolo, un Fokker 27, è precipitato per cause ancora non precisate, ma al momento dell’incidente le condizioni meteorologiche erano pessime.

Nato il primo edificio realizzato con i rifiuti TREVISO - Un edificio realizzato interamente riciclando rifiuti è stato costruito dalla Savno, azienda di smaltimento di Conegliano (Treviso). La costruzione ha vinto l’Energy globe award che le sarà consegnato il 13 aprile a Praga. «Quando abbiamo costruito la nostra eco-sede con materiali provenienti da raccolta differenziata - dice il presidente - abbiamo voluto fare una scommessa: dare il buon esempio».

Velisti sardi dispersi nell’oceano Pacifico

Pakistana frustata Le donne protestano In meno di un mese Elena Basescu ha raccolto il doppio delle 100 mila firme necessarie alla candidatura

Dalla moda al parlamento

BUCAREST - Si chiama Elena Basescu, ha 28 anni ed un passato recente da modella. E’ soprattutto la figlia del presidente romeno, e grazie a un curriculum dove sfoggia una laurea in Relazioni Internazionali e un lavoro da economista in una grande impresa di Bucarest adesso si è candidata alle elezioni di giugno all’europarlamento a Bruxelles con una raccolta firme che ha già doppiato le 100mila necessarie alla candidatura. In rete però spopolano i filmati con i suoi strafalcioni in conferenze stampa e incontri di

partito. Segretario generale della sezione giovanile dei Liberal-democratici (Pdl), subito dopo aver lanciato la raccolta firme Elena si è trovata a dover gestire una fronda interna. «Salvatela — ha scritto in un editoriale il quotidiano Evenimentul Zilei —. Elena Basescu ha bisogno di un progetto, non di un seggio in Parlamento». «Alla Romania non serve una Barbie per difendere gli interessi nazionali », attaccano blogger e opinionisti. Ma lei non si arrende e decide di correre da indipendente.

ISLAMABAD - La ragazza di 17 anni dell’area del Pakistan nord-occidentale amministrata dai talebani, che sarebbe stata frustata per adulterio, ha sostenuto che l’episodio non è mai esistito. Lo ha detto il ministro dell’informazione della frontiera nord-occidentale. Le immagini di una ragazza a terra tenuta da tre uomini e frustata da un quarto nella Valle dello Swat, sono state riprese con un telefono cellulare ed hanno fatto il giro del mondo la scorsa settimana. In attesa di un chiarimento della situazione, le donne impegnate nei consigli comunali dello Swat hanno manifestato contro la pratica della fustigazione.

Sciame d’api, chiusi Vandali danneggiano Giallo sulla morte Gli Usa estradano i gate a Capodichino le auto sui Lungarni di un bimbo nomade il nazista Demjanjuk NAPOLI - Gate chiusi all’aeroporto di Napoli Capodichino per uno sciame d’api. Il singolare stop - che è stato reso necessario per due gate utilizzati per i voli extra Schengen, diretti soprattutto in Gran Bretagna - si è verificato poco fa allo scalo partenopeo. Dal punto di vista operativo non si registrano disagi per gli utenti che vengono imbarcati su altri gate. Si sta procedendo alla disinfestazione.

ROMA - Giallo sulla morte di un rom in tenera età portato d’urgenza da un campo nomadi all’ospedale. Il bambino di circa un mese è morto ieri mattina poco dopo il ricovero all’ospedale Villa San Pietro di Roma. Secondo quanto riferiscono fonti del 118, il piccolo è stato soccorso presso il campo nomadi di Tor di Quinto intorno alle 5 a causa di una forte insufficienza respiratoria. Trasportato in codice rosso, il neonato è deceduto dopo il ricovero. Restano ancora da accertare le cause della morte.

Baby mamma a tredici anni ROMA - La stampa li ha già nominati «i genitori più giovani della Germania»: Kathrin ha 13 anni, il fidanzato Christian 15. Aspettano in ogni momento la nascita di Selina, rivela la Bild che pubblica anche degli scatti della giovane coppia in atteggiamenti molto affettuosi. I baby genitori si conoscono da dieci mesi. Bild scrive che Kathrin è rimasta incinta la prima volta. «Ho una paura terribile del parto - confida la ragazza - ma non vediamo l’ora di vedere la faccia della bimba. Spero che abbia gli occhi di Christian».

Il lungarno a Firenze

FIRENZE - Sei auto di grossa cilindrata parcheggiate sui Lungarni, a Firenze, sono state gravemente danneggiate da alcuni ladri che hanno spaccato vetri e finestrini cercando refurtiva ma sono riusciti a recuperare solo un apparato satellitare. È accaduto nella notte fra sabato e domenica in Lungarno Cellini. Un abitante della zona ha dato l’allarme. Le auto danneggiate sono due Mercedes Classe A, una Smart, una Punto, una Lancia Y e una Jeep Cherokee

Week end di sangue in strada, 21 vittime ROMA - È di 21 morti e 626 feriti il bilancio degli incidenti stradali che si sono registrati nello scorso fine settimana. Nell’analogo weekend dello scorso anno le vittime erano state 32. Gli incidenti mortali con coinvolgimento di veicoli a due ruote sono stati 7, pari al 35% del totale. Il 45% è derivato da perdita di controllo del veicolo da parte del conducente. Il 10% si è registrato in centro abitato.

CLEVELAND - L’ex nazista John Demjanjuk, 89 anni, potrà essere estradato in Germania. Il giudice per l’immigrazione americano Wayne R. Iskra ha revocato la sospensione del suo trasferimento, che era stata chiesta dalla famiglia per motivi di salute. La Germania ha spiccato un mandato d’arresto contro l’uomo, sospettato di complicità nell’uccisione di almeno 29mila ebrei.

Aggredita dalle cognate al cimitero per l’eredità GENOVA - Una donna di 58 anni a Genova, è stata insultata e picchiata dalle cognate, davanti alla tomba della suocera, nel cimitero monumentale di Staglieno. Secondo quanto denunciato dalla vittima, alla base dell’aggressione questioni legate all’eredità della suocera, scomparsa circa 20 giorni fa. A calmare le sorelle è stato il marito stesso della 58enne, che ha poi accompagnato la moglie al pronto soccorso. Una volta dimessa, la donna, stufa delle continue angherie delle cognate, ha voluto sporgere denuncia.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 7 Aprile 2009 11

Economia

Bonus e stipendi dei banchieri legati ai risultati

Duemila euro in più dalla diminuzione della rata del mutuo

Contributi colf scade venerdì il pagamento

ROMA - Stipendi e bonus dei banchieri dovranno essere legati alla prudente gestione dei rischi: è la ricetta illustrata dal presidente del Financial Stability Forum, il governatore della Banca d’Italia Mario Draghi(nella foto). Draghi ha spiegato che dalle analisi del FSF è emerso che le pratiche remunerative nelle grandi istituzioni finanziarie «sono state uno dei fattori tra molti altri che hanno contribuito alla crisi. Il sistema dei bonus incentiva i dipendenti delle banche a conseguire profitti di breve termine senza guardare ai rischi di lungo periodo ad essi associati». Per correggere questa pratica, ha detto Draghi, «proponiamo che i compensi dei banchieri debbano essere meglio correlati con la gestione prudente dei rischi».

TREVISO - Per l’amministratore delegato di Unicredit, Alessandro Profumo (nella foto), grazie alla contrazione delle rate dei mutui a tasso variabile e la diminuzione dei costi per l’energia «le famiglie italiane hanno complessivamente 2 mila euro di reddito disponibile in più». «In Italia l’80% dei mutui è a tasso variabile - ha aggiunto - e oggi una serie ampia di nostri clienti ha rate un terzo più basse di quelle che erano nel 2008». Profumo ha ricordato che larga parte del reddito oggi viene risparmiato e non viene reinserito nel circuito della spesa. L’ad Unicredit ha poi riportato, citando un recente incontro a Cernobbio, che alcuni degli intervenuti hanno detto che la ripresa potrebbe essere nel terzo trimestre di quest’anno.

ROMA - Venerdì 10 aprile è l’ultimo giorno utile per pagare i contributi ai collaboratori domestici per i primi tre mesi del 2009. Si possono versare i contributi sia agli sportelli di Poste Italiane, nelle banche, on line sul sito dell’Inps e anche nelle tabaccherie del circuito Reti Amiche. Nei giorni scorsi una lettera dell’Inps, inviata a circa 700 mila datori di lavoro, ha avvisato della scadenza. Nel materiale spedito si trova il bollettino precompilato, dove è già calcolato l’importo in base ai dati comunicati all’Istituto. In caso ci siano stati cambiamenti del rapporto di lavoro (numero ore lavorate, importo orario, cessazione del rapporto), sempre in allegato, è stato inviato un bollettino in bianco.

Pesante calo delle vendite anche nel resto d’Europa I consumatori chiedono misure a sostegno della domanda

Acquisti ancora giù a febbraio Le famiglie tirano sempre la cinghia Stefano di Strada

ROMA - La crisi dei consumi non è ancora finita. Prosegue infatti anche a febbraio la contrazione delle vendite, con una riduzione tendenziale del 4% in termini di quantità. Inoltre a marzo il clima di fiducia delle famiglie è tornato a scendere. Una situazione, quella italiana fotografata dall’Indicatore dei Consumi Confcommercio, non dissimile a quanto accade nel resto d’Europa: anche nei 16 Paesi di Eurolandia, secondo Eurostat, il commercio al dettaglio ha registrato a febbraio un calo record del 4%. La contrazione dei consumi rilevata da Confcommercio (-4%) non solo è in linea con quanto registrato a gennaio (-4,3%), ma fa salire a dodici i mesi consecutivi col segno meno, confermando che «la fase critica per i consumi non si si è ancora esaurita». Il dato risulta, inoltre, significativamente peggiore rispetto a quanto registrato nello stesso periodo del 2008 (+1%). «In linea con queste dinamiche secondo Confcommercio - a marzo il clima di fiducia delle famiglie è tornato a scendere, dopo un bimestre caratterizzato da un moderato recupero. Particolarmente pesanti continua-

La borsa della spesa più “leggera” del 4 per cento

Sono diminuiti del 4% i consumi a febbario secondo una rilevazione di Confcommercio

no a risultare gli effetti della riduzione della domanda interna ed estera sulla produzione industriale». La battuta d’arresto ha interessato soprattutto i beni e servizi per la cura della persona, che nei mesi precedenti era una delle poche vo-

ci positive. Ma si conferma anche lo stato di difficoltà per auto e abbigliamento. La riduzione delle vendite di automobili e motocicli, che si inquadra nel -16,4% della domanda di beni e servizi per la mobilità, secondo Confcommercio dovrebbe tuttavia interrompersi a

breve con l’effetto degli incentivi. È confermata inoltre la criticità (che dura ormai da oltre un anno) della domanda per i prodotti alimentari, ma cala anche quella di beni e servizi ricreativi così come di servizi di ristorazione e d’alloggio. Preoccupate le associazioni

dei consumatori, che tornano a chiedere misure a sostegno della domanda. Occorre andare «oltre le insufficienti e irrisorie risorse stanziate per social card e bonus famiglie», chiedono Adusbef e Federconsumatori, che suggeriscono una defiscalizzazione del reddito fisso per lavoratori e pensionati di almeno 1.200 euro l’anno e una riduzione del 20% dei prezzi dei beni di largo consumo. Secondo le due associazioni dei consumatori infatti, tramite social card e bonus «sono stati erogati 848 milioni di euro rispetto ai 3,1 miliardi previsti». Il Codacons chiede invece ai commercianti di «abbassare immediatamente i prezzi di almeno il 10%».«Confcommercio invii una lettera ai suoi iscritti - suggerisce l’associazione in una nota - per spiegare loro la legge della domanda e dell’offerta: quando la domanda cala i prezzi devono scendere e non salire».Consumi in difficoltà anche nel resto d’Europa: a febbraio nella zona Euro il commercio al dettaglio ha registrato un calo record del 4% su base annua e dello 0,6% su base mensile, i risultati peggiori osservati finora da Eurostat, che ha cominciato a registrare questi dati stime nel 2000. Nel complesso dei 27 Paesi Ue il calo è stato del 3,4% in un anno.

Da stasera veloce passaggio in Senato, il decreto si è arricchito di tante voci incluse le quote latte

Entro Pasqua gli incentivi saranno legge

ROMA - Via libera da Montecitorio al decreto incentivi che da stasera è in Senato per un secondo passaggio che si preannuncia veloce e blindato. Entro Pasqua il decreto sarà convertito in legge. Nato per sostenere alcuni settori in crisi (come quelli dell’auto, degli elettrodomestici e dei mobili) il provvedimento si è arricchito a Montecitorio di molte altre norme e ha assorbito anche una parte del decreto quote latte che rischiava di non essere convertito nei tempi. Ecco le principali misure del decreto che, salvo sorprese, non dovrebbe essere modificato in Senato. Bonus rottamazione 1.500 euro Ne beneficerà chi cambierà la vecchia auto con una nuova Euro 4 o Euro 5. Il bonus sale nel caso di vetture che inquinano meno e acquisti di furgoncini. Per due-ruote 500 euro Vale per ciclomotori e moto ed è condi-

I principali incentivi Automobili

1.500 euro

per rottamazione e acquisto di Euro 4 o 5. Di più per auto ecologiche e furgoncini

Moto, ciclomotori Bonus di 500 euro per acquisto di Euro 3

Elettrodomestici Mobili

Sconto Irpef del 20%,

ma solo se si avvia una ristrutturazione edilizia Pmi

Digitale terrestre Sconti sui decoder, legati al reddito e graduali per regione

Precari

Imprese

Accesso più veloce alla Cig e indennità dal 10% al 20% per i co.co.pro.

Agevolazioni fiscali se si aggregano e non delocalizzano; sanzioni per compensazioni indebite Alitalia

Maggiore sostegno da Cassa depositi e prestiti e dal Fondo di garanzia Società

Comuni

Iva per cassa ai fornitori e mini rimborso ai possessori di bond

Obbligo di Opa per socio al 30%, se sale di oltre 5% annuo. Consob può chiedere notizia di quote sotto 2%

150 milioni

Distretti in crisi

10 milioni

per il settore del tessile e delle concerie

Fonte: d.l. approvato alla Camera

zionato all’acquisto di un Euro3. Elettrodomestici e mobili, sconto 20% Il bonus fiscale è sull’Irpef ma è condizionato al-

Export

300 milioni

per rafforzare il credito a chi esporta

per infrastrutture sicurezza, fuori del patto di stabilità interno ANSA-CENTIMETRI

l’avvio di una ristrutturazione edilizia. Pacchetto precari Si accelerano i tempi per accedere alla cig e

aumenta dal 10 al 20% l’indennità per i co.co.pro. Consentiti anche piccoli lavori nel periodo in cui si è sospesi dall’occupazione.

Quote latte Obbligo di rinuncia al contenzioso per chi ottiene la rateizzazione della multa e assegnazione delle quote aggiuntive anche agli splafonatori. Giro vite su compensazioni fiscali Vengono inasprite le sanzioni nel caso di compensazioni indebite. Mini-fondo ai comuni Fuori dal patto di stabilità interno, per un ammontare complessivo di 150 milioni di euro, gli investimenti per le infrastrutture della sicurezza. Sconti su decoder Per facilitare il passaggio al digitale terrestre. Saranno introdotti gradualmente nelle regioni e verranno legati alle condizioni di reddito. Bond Alitalia, mini rimborsoIl governo stanzia 100 milioni per rimborsare in parte i piccoli obbligazionisti di Alitalia attraverso l’emissione di titoli di Stato con scadenza 2012.

Pubblica amministrazione

On line 23mila compensi ROMA - Continua l’operazione trasparenza del ministro per la Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta: sul sito internet del ministero sono stati pubblicati i dati su consorzi e società partecipate dalle pubbliche amministrazione. Un lungo elenco, 714 pagine, riguarda gli stipendi di oltre 23mila manager e amministratori, ed in particolare «il numero dei rappresentanti, suddivisi per ruolo, nell’organo di governo dei consorzi o società e il loro compenso annuo lordo in euro». Un altro elenco «suddiviso per Regioni comprende la denominazione dell’amministrazione che partecipa al consorzio o società, i relativi oneri finanziari, in euro, gravanti sull’anno 2008 e la percentuale di partecipazione». I dati riassumono le dichiarazioni delle pubbliche amministrazioni raccolte dalla banca dati «Consoc» (come previsto dalla legge Finanziaria per il 2007) fino allo scorso 12 marzo: riguardano per l’anno 2008 «6.101 amministrazioni di cui 5.589 comuni, 94 province, 11 regioni, e il resto altre amministrazioni. Il numero di consorzi partecipati è di 2.291, quello di società 4.461» (in tutto 6.752), si legge sul sito del ministero. «Il numero di rappresentanti nell’organo di governo dei consorzi e società partecipate è di 23.410». «Bene l’azione di trasparenza e di sensibilizzazione dell’opinione pubblica che il ministro Renato Brunetta sta promuovendo». Lo dichiara il presidente di Assinform Ennio Lucarelli in merito alla pubblicazione dei dati del censimento, che entro il 30 giugno dovrà fornire agli italiani la mappa completa e la misura dell`impiego di capitale pubblico in attività produttive e di servizi. «Assinform continua Lucarelli - denuncia da anni i mali di questo mercato protetto, che a livello locale è letteralmente esploso».


12 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Borsa

Giornata di assestamento, mancano spunti alternativi

22 125 89 14 18 391 10.593 19 14 107 172 14 53 1.414 47 6 18 3.578 16 593 2.920 204 3 0 73 17 167 524 127 859 87 196 95 622 1 30 25 25 827 96 2.354 547 2.816 792

76,73 2,48 6,98 100,17 2,57 1,49 4,30 5,84 26,37 1,38 2,69 37,36 42,75 2,55 2,84 117,91 0,49 1,06 5,16 4,07 3,72 0,48 7,09 4,27 4,39 9,81 0,59 5,53 88,22 0,48 0,29 3,87 25,70 36,04 21,90 1,71 29,84 101,66 3,37 0,19 3,44 0,70 9,44 5,32

+0,48 +1,29 +1,99 -0,23 +0,58 +0,28 -0,77 -1,81 +1,51 -0,47 +3,38 +1,24 -2,10 -0,88 +1,65 -0,39 +0,50 +1,42 +9,70 +5,82 -0,79 -0,28 +1,63 0,00 +1,13 +1,90 +0,92 +2,16 +0,27 +0,94 -1,62 -1,44 -5,13 -1,13 -0,17 -0,52 +2,10 +0,06 +2,47 +1,91 +1,57 +0,79 +0,93 +3,61

49 126 23 89 190 1.253 46 180 2 288 58 3.225 41 469 12 5 155 47 939 34 180 129 29 107 860 32 54 1.077 50 43

5,03 2,06 2,55 1,75 0,23 4,73 0,41 2,53 30,23 20,20 1,31 0,32 3,02 2,34 1,77 0,95 0,16 0,81 0,83 0,64 1,31 0,39 99,43 26,66 3,32 9,36 2,05 6,36 0,27 0,67

575 162 30 78 721 456 0 28 16 21 175 133 35 292 11 11 670

1,09 4,59 23,91 1,03 6,97 4,27 38,01 1,02 4,06 1,51 1,07 35,07 9,33 16,61 1,99 3,99 5,52

14 1.149 67 569 87 99 15 8.036 62 13.358 612 2.048 150 0 42 625 550 871 109 0

0,56 -3,28 1,16 +0,87 8,50 -5,08 4,83 +0,84 53,84 +1,55 1,28 -0,47 0,81 +1,38 3,07 -3,99 0,67 +4,06 0,60 +0,17 3,22 0,00 15,99 0,00 8,35 0,00 0,39 -2,13 1,64 +5,61 0,37 +10,31 4,20 -3,83 68,43 -2,66 1,47 +3,38 11,15 -7,08 1,48 -5,97 0,05 -1,29 1,50 0,00 3,55 +3,88 11,31 -1,74 4,61 -0,97 4,78 +3,58 10,01 -7,31 4,76 +3,48 -0,28 -1,03 -0,58 -0,25 +0,10 -0,07 -1,99 -3,39 -0,96 -1,08 +0,78 +0,68 -2,63 -1,93 +5,92 -0,42 -1,02 +1,24 +6,99 +1,01 -0,94 -0,63 -3,02 0,00 -1,14 +1,20 +1,39 -3,04 +0,11 +2,01 -2,77 -1,28 -7,60 -3,23 0,00 -2,75 +1,05 -0,25 +2,80 +2,16 -0,52 -4,83 -1,49 -1,46

76,00 2,41 6,91 100,15 2,54 1,49 4,18 5,70 25,71 1,38 2,62 36,80 42,60 2,55 3,00 117,50 0,49 1,06 5,05 4,05 3,69 0,48 6,75 0,00 4,39 9,68 0,59 5,47 88,00 0,48 0,28 3,84 25,08 34,80 0,00 1,71 29,71 101,70 3,31 0,18 3,35 0,67 9,21 5,10

+0,96 +1,96 +1,02 +2,42 +7,20 -0,04 +0,17 +3,65 +0,64 +0,75 +8,91 +6,95 +0,43 +4,16 -2,09 +2,17 +1,63 -0,55 +2,38 -0,02 +3,24 +3,47 -0,05 -1,55 +2,42 -0,20 0,00 +0,84 +1,05 -2,50

5,05 +2,38 2,07 +2,10 2,56 +1,69 1,68 -1,75 0,23 +5,92 4,70 +0,43 0,40 -4,52 2,48 +3,13 30,28 +1,24 19,69 -1,60 1,27 +1,36 0,31 +11,70 3,00 0,00 2,35 +5,15 1,78 -3,10 0,95 +2,15 0,16 +0,13 0,80 -0,25 0,82 -0,24 0,64 +0,63 1,26 -0,79 0,38 -1,32 99,50 +0,06 26,95 -1,53 3,28 +0,31 9,09 -3,81 2,04 -0,97 6,45 +0,94 0,25 -4,55 0,68 -2,52

5,05 2,07 2,56 1,68 0,23 4,72 0,42 2,44 30,28 19,78 1,31 0,31 3,00 2,34 1,78 0,95 0,16 0,80 0,81 0,64 1,26 0,38 99,50 27,00 3,30 9,02 2,04 6,41 0,27 0,68

+1,45 -1,36 +0,56 +1,41 +7,19 +2,66 0,00 -0,63 -0,44 +0,63 +5,42 +1,02 -2,04 +0,35 +1,37 -0,36 -3,41

1,06 4,50 22,70 1,03 7,03 4,18 38,01 1,00 4,09 1,52 1,06 34,71 9,20 16,75 2,00 4,05 5,45

-0,75 -4,31 -4,62 -0,39 +4,15 -0,71 0,00 -1,96 +0,86 +1,07 +4,85 -0,40 -2,18 +1,52 0,00 +1,25 -3,63

1,08 4,59 22,70 1,01 7,00 4,22 0,00 1,00 4,08 1,52 1,06 34,71 9,20 16,58 2,00 4,05 5,41

21,80 +1,58 0,93 +0,82 1,33 +1,83 1,14 +9,71 10,77 +1,32 0,80 +0,31 3,35 +0,07 3,62 +0,84 17,50 +2,82 14,61 -1,28 3,91 +0,77 10,54 +1,35 0,87 +4,58 4,49 0,00 0,38 -3,80 5,14 +2,75 0,10 +2,06 2,68 +11,90 0,30 -2,28 0,10 0,00

21,80 0,92 1,33 1,13 10,53 0,82 3,35 3,60 17,40 14,62 3,92 10,37 0,86 0,00 0,38 5,17 0,10 2,68 0,30 0,00

22,07 +2,82 0,94 +0,62 1,35 +0,76 1,14 +6,91 10,89 +2,24 0,84 +4,59 3,32 +0,57 3,63 -0,28 17,61 +2,93 14,80 -0,99 4,02 +1,80 10,45 +0,66 0,85 +0,47 4,48 0,00 0,39 +1,97 5,21 +6,09 0,11 +3,20 2,65 +10,93 0,31 +0,72 0,09 0,00

76,00 2,41 6,91 100,15 2,54 1,49 4,19 5,70 25,71 1,37 2,60 36,80 42,60 2,54 3,00 117,50 0,49 1,06 5,05 3,99 3,69 0,47 6,75 4,27 4,34 9,68 0,59 5,43 88,00 0,48 0,28 3,85 25,15 34,74 21,90 1,70 29,71 101,70 3,31 0,18 3,37 0,66 9,26 5,08

0,57 1,16 8,49 4,83 53,75 1,27 0,81 3,13 0,67 0,60 3,22 0,00 0,00 0,39 1,64 0,37 4,23 68,55 1,47 11,18 1,49 0,05 1,50 3,55 11,28 4,58 4,78 10,03 4,80

Prese di profitto a Piazza Affari Indici in calo intorno all’1%

Vendite su Fiat ed Eni Cedono le banche si salva Unicredit Va bene anche Pirelli MILANO - Hanno prevalso le prese di profitto ma la seduta di Piazza Affari è stata comunque «composta» come la definiscono gli operatori con gli indici che hanno contenuto il calo intorno all’1 per cento. A pesare il calo di Fiat ed Eni e la mancanza di spunti alternativi. Giornata di assestamento per il Mibtel che ha perso lo 0,99% a 13.414 punti e per lo S&P/Mib che ha lasciato l’1,24% a quota 16.690. Prese di profitto su Fiat Dopo il rialzo record di settimana scorsa Fiat parte di nuovo di slancio, ma a metà giornata rallenta e inverte tendenza con l’arrivo di prese di profitto. Il Lingotto cede a fine seduta l’1,75% a 6,75 euro. Scivolone per Exor (-5,97% a 9,22 euro). Banche in calo, tiene Unicredit Il rialzo di Piazza Cordusio (+0,72% a 1,53 euro) da solo però non basta a sostenere gli indici. «È un mercato che si regge su Banco Popolare (-1,99% a 4,19 euro), Fiat e Unicredit e non trova altri spunti» commenta un operatore. Intesa Sanpaolo ha perso il 2,31% a 2,11 euro, Mediobanca il 3,03% a 6,56 euro, Banca Popolare di Milano lo 0,94% a 3,69 euro. Deboli anche Generali (-1,95% a 13,08 euro) e Alleanza (-3,83% a 4,2 euro) mentre FonSai ha guadagnato l’1,35%. Corre Pirelli A fine seduta dimezza i guadagni ma resta tra i pochi titoli dello S&P/Mib in rialzo. Il titolo della Bicocca ha guadagnato il 4,64% a 0,2 euro. Nel settore auto sugli scudi anche

Le chiusure delle Borse Dow Jones New York *

-1,81

Nasdaq New York *

-2,36

Parigi

-0,98

Londra

-0,90

Milano

-0,99

Amsterdam

-0,83

Zurigo

-0,81

Francoforte

-0,80

Tokyo

+1,24

Hong Kong

+3,11

*dati di metà giornata

ANSA-CENTIMETRI

Brembo (+2,80% a 3,3 euro) e Pininfarina (+5,88% a un prezzo di 3,46 euro). Chi sale e chi scende In evidenza alcuni titoli tra cui Lottomatica

(+2,11% a 13,04 euro) e Luxottica (+2,34% a 12,26 euro). In calo nel settore energia Eni (-1,28% a 14,61 euro) mentre Enel ha guadagnato lo 0,84% a 3,61 euro.

Hanno pesato i giudizi degli analisti di Morgan Stanley

Le Borse del Vecchio Continente cominciano male la settimana MILANO - Borse europee in flessione per la seconda seduta consecutiva. Le vendite sono state innescate, tra l’altro, dal consiglio in vendita dato dagli analisti di Morgan Stanley. E a questo si è aggiunta la valutazione di Mike Mayo, già analista Deutsche Bank, secondo il quale le perdite sui crediti delle banche supereranno quelle registrate nel corso della Grande Depressione. In calo i minerari, guidati al ribasso da Rio Tinto (-11%) sulle indiscrezioni circa un possibile aumento di capitale da 8 miliardi di dollari. La società ha precisato che l’operazione era stata esaminata a inizio anno, per poi venir accantonata a favore del previsto ingresso nel capitale della società dei cinesi di Chinelco. Sul mercato Rio Tinto è stata penalizzata anche dalla decisione di Societe Generale di ridurre l’indicazione per gli investitori da buy (comprare) a hold (tenere). Morgan Stanley ha rivisto al ribasso, in particolare, il consiglio agli investitori sui titoli azionari europei, portandolo da neutral (neutro) a underweight (ridurre il peso nel portafoglio).

MIDEX

0,57 -1,95 1,17 +1,75 8,67 -3,72 4,86 +5,45 54,15 +2,39 1,30 +1,41 0,80 +0,59 3,17 -1,70 0,69 +13,99 0,60 +0,84 3,30 +0,50 15,99 0,00 8,36 0,00 0,40 -0,69 1,69 +8,41 0,37 +10,42 4,28 -1,95 70,30 -1,01 1,49 +5,14 11,56 -2,90 1,54 -1,94 0,05 -4,78 1,49 +0,09 3,56 +4,07 11,52 -1,03 4,67 +0,74 4,77 +4,99 10,33 -7,36 4,87 +5,18

VAR % PREZZO P. RIF ULT

17.620 (-1,22)

13.414 (-0,99)

ALL STARS

139 2.872 2.013 32 286 85 18 239 636 154 55 0 0 321 98 461 2.566 101 527 2.599 181 634 49 752 5.790 1.764 468 160 1.015

PREZZO RIF

MIBTEL

A A.S. ROMA A2A ACEA ACEGAS-APS ACOTEL GROUP ACQUE POTABILI ACSM-AGAM ACTELIOS AEDES AEFFE AEGON AEROPORTO FIRENZE AHOLD KON AICON ALCATEL-LUCENT ALERION ALLEANZA ASS ALLIANZ AMPLIFON ANSALDO STS ANTICHI PELLETTIERI ARENA ASCOPIAVE ASTALDI ATLANTIA AUTOGRILL SPA AUTOSTRADA TO-MI AXA AZIMUT B B INTERM-15 CV 1,5% BANCA GENERALI BANCA IFIS BANCA IFIS 04-09 CV BANCA INTERMOBILIARE BANCA ITALEASE BANCO POPOLARE BANCO SANTANDER BASF BASICNET BASTOGI SPA BAYER BB BIOTECH BCA CARIGE BCA CARIGE R BCA CARIGE-13CV 1,5% BCA FINNAT BCA MPS BCA POP DI SPOLETO BCA POP ETRUR-LAZIO BCA POP MILANO BCA PROFILO BCO BILBAO VIZ ARG BCO DESIO BRIA RNC BCO DESIO BRIANZA BCO SARDEGNA RISP BEGHELLI BENETTON GROUP BENI STA 2011 CV2,5% BENI STABILI BIALETTI INDUSTRIE BIESSE BMW BNP PARIBAS BOERO BARTOLOMEO BOLZONI BONIFICHE FERRARESI BP-10 CV 4,75% BREMBO BRIOSCHI BULGARI BUONGIORNO BUZZI UNICEM BUZZI UNICEM RNC C CAD IT CAIRO COMMUNICATION CALTAGIRONE CALTAGIRONE EDIT CAMFIN CAMPARI CAPE LIVE CARRARO CARREFOUR CATTOLICA ASS CDC CELL THERAPEUTICS CEMBRE CEMENTIR HOLDING CENTRALE LATTE TO CERAMICHE RICCHETTI CHL CICCOLELLA CIR-COMP IND RIUNITE CLASS EDITORI COBRA COFIDE SPA COMUNE MI-A2A 09 CV CR BERGAMASCO CREDEM CREDIT AGRICOLE CREDITO ARTIGIANO CREDITO VALTELLINESE CRESPI CSP INT IND CALZE D D’AMICO DADA DAIMLER DAMIANI DANIELI & C DANIELI & C RISP NC DANONE DATA SERVICE DATALOGIC DE’LONGHI DEA CAPITAL DEUTSCHE BANK DEUTSCHE TELEKOM DIASORIN DIGITAL BROS DMAIL GROUP DMT E E.ON EDISON EDISON R EEMS EL.EN ELICA EMAK ENEL ENGINEERING ENI ENIA ERG ERG RENEW ERGO PREVIDENZA ERGYCAPITAL ESPRINET EUROFLY EUROTECH EUTELIA EVEREL GROUP

NR PREZZO VAR % UFF P. UFF CONTR

S&P/MIB

TITOLO

8.385 (-0,17)

16.690 (-1,24)

TITOLO

EXOR EXOR PRV EXOR RSP EXPRIVIA F FASTWEB FIAT FIAT PRIV FIAT RISP FIDIA FIERA MILANO FILATURA DI POLLONE FINARTE CASA D’ASTE FINMECCANICA FMR ART’E’ FONDIARIA-SAI FONDIARIA-SAI R FORTIS FRANCE TELECOM FULLSIX G GABETTI GAS PLUS GDF SUEZ GEFRAN GEMINA GEMINA RISP PORT NC GENERALI ASS GEOX GEWISS

NR PREZZO VAR % UFF P. UFF CONTR

1.114 863 134 393 1.466 38.868 2.134 1.670 113 97 11 16 7.945 49 2.212 293 323 7 7 25 5 1 31 1.198 17 8.848 2.202 12

9,74 5,87 6,34 0,95

+2,18 +0,96 +4,30 +4,54

PREZZO RIF

-5,97 -0,60 -0,57 +4,70

9,34 5,72 6,14 0,95

15,58 +0,60 7,02 +3,42 3,78 +3,66 4,34 +3,26 4,14 +1,31 4,17 -3,39 0,35 -2,76 0,15 -7,30 9,72 +0,91 4,99 +25,60 9,04 +0,65 7,51 +2,34 1,46 -0,16 16,81 -0,44 1,74 -0,24

15,23 -0,98 6,75 -1,75 3,63 -1,02 4,26 +2,28 4,09 -0,85 4,11 -2,14 0,35 -3,43 0,15 -9,53 9,54 -0,68 5,00 +16,22 8,99 +1,35 7,54 +0,74 1,41 -4,27 16,77 +0,54 1,78 0,00

15,20 6,76 3,67 4,23 4,09 4,13 0,38 0,15 9,54 5,05 9,02 7,50 1,41 16,77 1,78

0,70 6,67 24,81 2,21 0,36 0,63 13,10 5,20 2,65

0,70 6,64 24,81 2,18 0,34 0,60 13,08 5,07 2,65

0,70 6,64 24,81 2,18 0,34 0,66 12,93 5,09 2,65

-0,56 +1,36 -1,12 +2,63 +3,58 +5,23 -1,31 +0,09 +4,03

9,22 5,76 6,15 0,95

VAR % PREZZO P. RIF ULT

-2,51 -1,34 -1,12 -0,46 -1,88 0,00 -1,95 -4,25 +1,92

TITOLO

GR EDIT L’ESPRESSO GRANITIFIANDRE GRUP MINERALI MAFFEI GRUPPO COIN H HERA I I GRANDI VIAGGI I.M.A IGD IL SOLE 24 ORE IMMSI IMPREGILO IMPREGILO RP INDESIT COMPANY INDESIT COMPANY RNC ING GROEP INTEK INTEK R INTERPUMP GROUP INTESA SANPAOLO INTESA SANPAOLO RSP INVEST E SVILUPPO INVEST SVILUPPO MED IPI IPI AXA IRCE IRIDE ISAGRO IT HOLDING

NR PREZZO VAR % UFF P. UFF CONTR

PREZZO RIF

VAR % PREZZO P. RIF ULT

489 38 28 45

0,86 2,05 3,60 1,71

+0,62 +0,22 -3,19 +0,70

0,84 1,99 3,62 1,68

-2,04 -1,00 -3,40 -1,12

1.481

1,36

+3,80

1,37

+5,23

1,38

0,90 -1,43 12,40 +0,40 0,93 +1,41 1,92 -1,39 0,58 -0,17 2,18 +2,23 7,97 +6,41 2,71 +7,97 3,70 +11,78 5,26 -2,32 0,36 +3,58 0,83 +9,80 2,78 -1,33 2,12 -2,31 1,41 -5,73 0,08 +0,37 0,64 -1,54 1,30 +0,54 0,19 -13,12 1,47 -3,49 0,97 -0,87 2,87 -1,80 0,18 0,00

0,90 12,41 0,93 1,91 0,58 2,18 7,97 2,78 3,85 5,26 0,36 0,83 2,80 2,09 1,42 0,08 0,00 1,30 0,00 1,47 0,97 2,87 0,00

26 72 356 32 184 5.542 34 1.535 28 157 121 9 565 14.610 1.742 40 5 19 8 8 764 67 0

0,89 +0,21 12,41 0,00 0,92 +0,18 1,92 -0,44 0,59 +2,12 2,23 +4,76 7,75 +4,10 2,76 +14,94 3,62 +9,99 5,71 +5,30 0,36 +4,28 0,82 +9,98 2,86 +3,15 2,12 -0,66 1,46 +0,08 0,08 +1,86 0,64 -1,17 1,30 -0,36 0,19 -13,12 1,50 -1,18 1,00 +1,51 2,94 -0,99 0,18 0,00

0,85 1,99 3,62 1,69

TITOLO

IT WAY ITALCEMENTI ITALCEMENTI RISP ITALMOBILIARE ITALMOBILIARE RNC J JUVENTUS FC K K.R.ENERGY KINEXIA KME GROUP KME GROUP RSP L L’OREAL LA DORIA LANDI RENZO LOTTOMATICA LUXOTTICA GROUP LVMH M MAIRE TECNIMONT MANAGEMENT E C MARCOLIN MARIELLA BURANI F.G MARR MEDIACONTECH MEDIASET S.P.A MEDIOBANCA MEDIOLANUM MEDITERRANEA ACQUE MID INDUSTRY CAPITAL MILANO ASS ORD MILANO ASS RISP PORT MIRATO MITTEL MOLMED MONDADORI EDIT MONDO TV MONRIF MONTEFIBRE MONTEFIBRE R MUNICH RE MUTUIONLINE N NEGRI BOSSI NICE NOKIA CORPORATION O OLIDATA OMNIA NETWORK P PANARIAGROUP PARMALAT PERMASTEELISA PHILIPS PIAGGIO PININFARINA SPA PIRELLI E C PIRELLI E C RISP POR PIRELLI&C REAL E POLIGRAF. S. F POLIGRAFICI EDIT POLTRONA FRAU PPR PREMAFIN FIN HP PREMUDA PRIMA INDUSTRIE PRYSMIAN R RATTI RCS MEDIAGROUP RCS MEDIAGROUP RSP RDB RECORDATI ORD RENAULT RENO DE MEDICI REPLY RETELIT RICHARD-GINORI 1735 RISANAMENTO RWE S S.S. LAZIO SABAF SADI SERVIZI INDUSTR SAES GETTERS SAES GETTERS RISP NC SAFILO GROUP SAIPEM SAIPEM RISP CV SANOFI SAP SARAS SAT SAVE SEAT PAGINE GIALLE SEAT PAGINE GIALLE R SEATPG AXA SIAS SIAS-17 CV 2,625% SIEMENS SNAI SNAM RETE GAS SNIA SNIA 3% CV 2010 SO PA F SOCIETE GENERALE SOCOTHERM SOGEFI SOL SOPAF 2012 CV3,875% SORIN STEFANEL STEFANEL RISP NC STMICROELECTRONICS T TAS TELECOM IT MEDIA R TELECOM IT-10 CV1,5% TELECOM ITALIA TELECOM ITALIA MEDIA TELECOM ITALIA R TELEFONICA TENARIS TERNA TISCALI TOD’S TOTAL TREVI FIN IND TREVISAN COMETAL TXT E-SOLUTIONS U UBI BANCA UNI LAND UNICREDIT UNICREDIT RSP UNILEVER UNIPOL UNIPOL PRIV V VIAGGI DEL VENTAGLIO VIANINI INDUSTRIA VIANINI LAVORI VITTORIA ASS VITTORIA-16 CV FIX/F VIVENDI Z ZIGNAGO VETRO ZUCCHI SPA ZUCCHI SPA RISP NC

NR PREZZO VAR % UFF P. UFF CONTR

PREZZO RIF

VAR % PREZZO P. RIF ULT

7 2.567 379 161 189

3,59 8,51 4,26 24,42 17,07

-0,20 +2,59 +1,01 +4,21 +2,81

3,70 8,16 4,17 23,80 17,00

+1,86 -1,81 +0,91 +0,63 +1,13

3,70 8,13 4,15 23,91 17,00

113

0,69

-2,27

0,69

-1,14

0,69

42 54 157 28

0,19 2,14 0,67 0,99

-0,47 -3,21 +5,20 +5,50

0,18 2,20 0,67 1,00

-0,92 -1,90 +4,78 +3,52

0,18 2,20 0,67 0,99

1 74 1.109 2.406 4.228 0

53,03 1,66 2,82 12,99 12,29 51,62

+4,49 +3,65 +0,57 +1,98 +1,46 0,00

53,03 1,63 2,80 13,04 12,26 52,15

+3,70 -1,40 +3,61 +2,11 +2,34 0,00

53,03 1,68 2,78 13,03 12,27 0,00

1.220 49 5 185 105 9 4.384 2.657 1.536 45 2 727 60 88 16 63 994 11 24 99 11 0 97

1,44 +1,21 0,55 +1,29 1,20 -0,53 7,28 +0,09 5,07 +0,67 2,16 +5,42 3,62 +0,85 6,73 +0,36 2,73 +1,96 2,04 +0,17 14,90 +0,13 1,81 -0,91 2,04 +2,35 4,48 +0,23 2,76 -1,84 1,24 +18,29 2,48 +0,36 3,47 +0,52 0,40 -0,11 0,17 +1,36 0,21 +0,20 93,84 0,00 3,68 +2,33

1,40 -1,55 0,56 0,00 1,23 -0,40 7,31 -1,22 5,10 +1,39 2,20 +2,56 3,53 -3,42 6,57 -3,03 2,63 -2,69 1,99 -1,87 14,90 +0,13 1,82 -0,82 1,97 -0,20 4,38 -2,67 2,79 0,00 1,22 +10,91 2,44 -0,91 3,44 +0,29 0,41 +2,27 0,16 -2,05 0,21 -0,09 93,84 0,00 3,77 +4,66

1,40 0,56 1,23 7,27 5,09 2,20 3,52 6,53 2,63 1,99 0,00 1,80 1,99 4,38 2,79 1,24 2,44 3,44 0,41 0,17 0,21 0,00 3,72

6 27 34

0,60 2,15 9,86

-0,02 +3,50 +1,01

0,60 2,14 9,85

0,00 +1,90 +2,77

0,60 2,14 9,85

141 93

0,43 0,29

+4,43 -1,24

0,42 0,27

+3,75 -7,22

0,41 0,27

38 3.541 90 6 498 166 5.961 90 1.261 19 19 47 0 171 7 63 5.150

1,30 +1,04 1,55 +1,76 8,81 -1,60 12,48 +2,47 1,09 -2,42 3,49 +5,15 0,21 +4,61 0,25 +13,77 4,05 +9,68 10,44 +0,81 0,35 +7,01 0,77 +0,28 49,98 0,00 1,02 +2,07 0,91 -0,52 8,66 +3,83 8,63 +3,81

1,23 -3,75 1,52 -1,36 8,69 -1,70 12,07 -1,87 1,05 -4,55 3,41 +4,13 0,21 +4,64 0,26 +17,43 4,03 +7,47 10,46 -0,85 0,34 -0,87 0,74 -3,86 50,10 0,00 1,01 +0,70 0,92 +2,22 8,40 -0,71 8,39 -0,71

1,26 1,52 8,75 12,07 1,05 3,47 0,21 0,26 4,00 10,55 0,34 0,74 0,00 1,03 0,90 8,40 8,36

16 375 84 65 670 34 71 55 100 210 511 4

0,22 +4,32 0,78 +4,93 0,60 +3,00 2,03 +0,06 4,24 +2,41 22,12 +7,37 0,16 +1,03 15,77 +1,68 0,35 -0,65 0,16 -0,25 0,25 +11,53 54,41 +1,89

0,22 +4,76 0,75 -0,86 0,59 +1,47 2,01 -2,31 4,27 +1,61 21,10 -0,47 0,16 -3,33 15,85 +1,08 0,34 -2,31 0,16 +4,49 0,26 +13,70 54,17 +2,98

0,22 0,76 0,59 2,01 4,27 21,10 0,16 15,59 0,33 0,15 0,26 54,17

20 117 46 395 264 538 5.750 0 31 1 1.588 4 85 6.429 0 15.041 376 12 30 363 3.108 184 2 45 19 308 1.121 25 8 264 29 0 5.267

0,32 +0,21 8,78 +0,03 0,57 -1,17 6,87 +3,94 6,76 +4,05 0,46 +4,86 14,14 +0,95 15,00 0,00 40,91 -2,52 27,60 +1,06 1,99 +0,23 10,74 +11,29 3,78 +1,12 1,02 -9,87 1,40 0,00 3,71 -27,07 3,82 +0,17 79,63 -0,26 46,37 +0,01 2,23 -0,09 3,87 -0,25 0,18 +0,42 89,00 -1,11 0,15 +1,55 34,24 +2,89 1,65 -3,42 1,03 +14,40 2,90 +0,79 80,10 -0,01 0,58 +8,25 0,32 +0,15 2,30 0,00 4,21 +1,00

0,31 8,70 0,55 6,84 6,65 0,45 14,15 15,00 41,17 27,60 1,99 10,40 3,79 0,88 1,40 2,50 3,70 80,04 44,12 2,18 3,85 0,17 89,00 0,16 33,48 1,60 1,00 2,82 79,92 0,56 0,33 2,30 4,11

-2,19 +0,06 -4,00 +3,56 +3,02 +3,45 +1,43 0,00 -0,91 +1,51 +0,66 +4,26 +1,13 -15,63 0,00 -44,44 -3,52 +0,04 -5,93 -1,36 -0,52 -5,59 -1,11 +6,76 +0,42 -4,49 +3,15 -2,34 -0,27 +1,82 +4,60 0,00 -1,91

0,31 8,70 0,56 6,84 6,60 0,45 14,10 0,00 41,17 27,60 1,98 10,40 3,80 0,87 0,00 2,63 3,77 80,04 44,12 2,18 3,84 0,17 89,00 0,14 33,48 1,60 0,98 2,83 79,92 0,56 0,33 0,00 4,13

15 32 19 9.466 601 2.571 8 6.083 3.629 2.169 704 21 820 132 44

9,97 0,09 116,42 1,02 0,09 0,81 15,38 8,32 2,31 0,38 35,46 37,25 5,79 0,71 6,08

-1,35 +3,53 -0,04 -3,07 +1,08 +0,80 -0,78 +1,16 +0,47 -2,87 +1,44 -2,82 +5,14 +2,16 +4,20

9,81 0,09 116,40 1,01 0,08 0,79 15,85 8,27 2,26 0,37 34,67 36,70 5,60 0,67 6,09

-2,97 +1,35 0,00 -4,01 -4,38 -1,63 +2,26 +1,47 -1,84 -4,76 -3,45 -2,21 +0,90 -4,98 +4,37

9,81 0,09 116,40 1,00 0,08 0,78 15,85 8,26 2,27 0,37 34,74 36,70 5,63 0,67 6,09

4.094 182 52.320 142 3 2.100 1.490

9,30 0,65 1,56 2,45 14,90 0,71 0,47

+0,18 -0,89 +5,17 +1,29 -0,70 +0,35 +3,34

9,02 0,65 1,54 2,48 14,71 0,70 0,46

-5,80 -0,23 +0,72 +2,59 -1,74 -0,14 -1,51

9,08 0,65 1,53 2,48 14,71 0,70 0,46

84 2 73 24 0 2

0,15 1,49 4,03 3,93 249,00 20,60

-1,02 0,00 +1,19 +1,07 0,00 +0,10

0,15 1,49 4,05 3,90 249,00 19,87

-0,34 0,00 +1,50 -0,13 0,00 -3,45

0,15 0,00 4,00 3,90 0,00 19,87

225 62 8

3,39 0,43 1,34

+0,23 +1,35 -5,87

3,40 0,42 1,37

+0,44 -1,41 -4,28

3,42 0,42 1,37


CALABRIA il Domani

Martedì 7 Aprile 2009

www.ildomani.it

L’eco della scossa con epicentro in Abruzzo è giunta fino a Roma

Domiciliari per il docente Alfonso Nastro

Sisma, allarme tra i calabresi

Prof dell’Unical in manette per truffa ai danni dell’UE

Decine di studenti hanno trascorso la notte in strada di Ludovico Casaburi ROMA – La città di Roma è stata solo sfiorata dal grave terremoto di 5,8 gradi della scala Richter avvenuto alle ore 3,32 con epicentro in Abruzzo, a circa 10 km da L’Aquila. La zona est della capitale, quella che più di altre è abitata da calabresi, principalmente da studenti che frequentano la città università de La Sapienza (a due passi dalla stazione Tiburtina), è stata quella che più di tutte ha avvertito l’onda lunga del sisma che ha provocato nel capoluogo abruzzese oltre cento morti e decine di migliaia di sfollati. In giro per i viali dell’Università abbiamo raccolto decine di testimonianze di ragazzi e ragazze che vivono nei condomini della zona. Molta la paura, sopratutto perché il terremoto ha colpito nel bel mezzo della nottata scorsa, e dunque quando il silenzio era predominante, ma per fortuna tutto si è concluso nel peggiore dei casi con una nottata in bianco. «Saranno state le tre e mezzo circa, e il tutto è durato circa trenta secondi, non di più, ma è come se fosse stata un’eternità», ci racconta Barbara C., studentessa originaria della provincia di Cosenza che condivide l’appartamento con altre tre ragazze. «Dormivamo in quel momento, ma siamo state svegliate dal rumore di oggetti che cadevano in terra. A quel punto siamo uscite sul balcone e abbiamo visto gente che cominciava a raggrupparsi nella piaz-

«Saranno state le tre e mezzo circa, e il tutto è durato circa trenta secondi, non di più, ma è come se fosse durata un’eternità», ci racconta Barbara C., studentessa di Cosenza

Porta Tiburtina a Roma è tra le zone a più alta densità di studenti calabresi

zetta in fondo alla via, saranno state una ventina».«Io abito quasi a ridosso dell’uscita del Grande Raccordo Anulare - ci dice invece Daniela B. di Castrovillari - nella mia zona il tremore è stato fortissimo. Mi sono spaventata molto perché il letto ha cominciato ad oscillare, faceva avanti e indietro, sembrava la scena di un film. Immediatamente non ho capito che cosa stesse accadendo, poi abbiamo acceso la radio perché in tv non davano nessuna notizia, e abbiamo sentito gli speaker che leggevano i messaggi delle persone che davano notizie sul terremoto. A quel punto siamo scesi in strada, e c’erano già molte persone, la maggiorparte in pigiama. È stato davvero brutto». «Io mi sono svegliato di soprassalto perché improvvisamente si è aperto l’armadio e sono caduti i vestiti - ci ha spiegato Giuseppe T. della provincia di Vibo Valentia - e lì per lì ho pensato addirittura a uno scherzo... Poi invece ho acceso la luce e ho visto il lampadario oscillare, allora ho capito e sono andato a svegliare gli altri ragazzi che dividono con me l’appartamento». «Non so per quale motivo, ma io mi sono svegliato qualche minuto prima. Dopo poco ho avvertito

la scossa che è stata da brividi. Dentro casa, io abito al settimo piano con tre altri ragazzi studenti come me, sono cadute le cose dalle mensole. Sono andato in soggiorno e li ho trovato gli altri miei coinquilini già svegli. Non sapevamo che fare, se scendere in strada o no, e alla fine abbiamo deciso di restare a casa, anche perché confortati dalle notizie che stavano dando alla CNN e alla BBC, che in tv erano le uniche due emittenti in quel momento dare informazioni sull’accaduto», è la testimonianza di Vincenzo M., uno studente di Scienze della Comunicazione originario della provincia di Lamezia Terme.

«Non so perché - ci dice Vincenzo M. - ma mi sono svegliato prima. Dopo poco ho avvertito la scossa. Dentro casa è caduto tutto. Sono andato in soggiorno e ho trovato gli altri svegli»

Nel 1908 il terribile terremoto che devastò le città dello Stretto

Cent’anni fa il grande sisma a Reggio ROMA - Lunedi 28 dicembre 1908, gli addetti all’osservatorio Ximeniano di Firenze annotarono: «Stamani alle 5.21 negli strumenti dell’Osservatorio è incominciata una impressionante, straordinaria registrazione. Le ampiezze dei tracciati sono state così grandi che non sono entrate nei cilindri: misurano oltre 40 centimetri. Da qualche parte sta succedendo qualcosa di grave». Cento anni sono passati dal grande terremoto di Messina e Reggio Calabria, ed inevitabilmente oggi che un nuovo tragico evento ha colpito la nostra Penisola, portando la morte e la disperazione tra gli abitanti di L’Aquila e dell’Abruzzo più in generale, la memoria torna a

quel giorno del 1908, che a vedere le immagini del dramma degli sfollati abruzzesi, non sembra essere così lontano. Cento anni fa, nella piena oscurità e con gli abitanti immersi nel sonno, un terremoto che raggiunse i 7.1 gradi della scala Richter (11-12 gradi della scala Mercalli), seguito da un maremoto, mise a soqquadro le coste calabro-sicule con numerose scosse devastanti. La città di Messina, con il crollo di circa il 90% dei suoi edifici, fu quasi rasa al suolo. Gravissimi i danni riportati da Reggio Calabria e da molteplici altri centri abitati del circondario. Il sisma che in 37 secondi distrusse Reggio e Messina rappresenta il più gravedisastronaturaleoccorsonel-

la nostra penisola e con i suoi 100mila morti è considerato il quarto evento catastrofico, a livello planetario, di tutto il XX secolo. L’eco del disastro fu tale da mettere in moto una forte tensione morale, che esasperò angosce e timori da una parte, e solidarietà senza precedenti dall’altra, come ci ricordano gli episodi di eroismo della Regina Elena, con le sue “imprese infermieristiche”, o del deputato cattolico Micheli, in grado di edificare in poco tempo una città di baracche ribattezzata “Michelopoli”. Cento anni dopo quell’evento, è come se non fosse cambiato nulla. Lu.Cas.

COSENZA - Clamoroso arresto all’Unical: il docente dell’Università della Calabria Alfonso Nastro, coinvolto nell’indagine della guardia di finanza sull’utilizzo illecito di finanziamenti dell’Unione europea e statali per investimenti nel settore industriale e turistico, è stato arrestatoieridallaPoliziaTributariadella Guardia di Finanza. Al professor Nastro, docente di "materiali per la gestione ambientale" e di "tecnologia chimica applicata alla tutela ambientale" al dipartimento di pianificazione territoriale della facoltà di ingegneria dell’Università degli Studi della Calabria, con sede in Rende, Cosenza, e indagato dallo scorso mese di novembre, è stata notificata una ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal giudice per le indagini preliminari di Cosenza dopo ulteriori accertamenti fatti dalla Procura della Repubblica. Nastro

l’ordinanza che ne dispone gli arresti domiciliari». Ad aggravare la situazione del professore, la precedente indagine che già lo riguardava: «La misura cautelare è stata emessa dal Gip di Cosenza all’esito di ulteriori attività indagative - coordinate dalla locale Procura della Repubblica - rivolte fra l’altro a delineare in maniera più approfondita alcuni aspetti alla base della complessa posizione processuale dell’insegnate universitario già all’attenzione, per altri profili, della Procura di Reggio Calabria. Contemporaneamente, infatti -si legge nel comunicato della GdF - i militari hanno provveduto a notificare allo stesso docente una ulteriore e diversa misura cautelare - disposta sinergicamente dal Gip di Reggio Calabria - che impedisce sostanzialmente al professor Nastro qualsiasi rapporto con l’at-

ha ricevuto anche un provvedimento cautelare del Gip di Reggio Calabria con il quale gli viene impedito qualsiasi rapporto con l’attività istituzionale dell’ateneo Calabrese. Secondo l’accusa, Nastro è responsabile, in concorso con altre persone, di una serie di truffe per il conseguimento di ingenti erogazioni pubbliche. Si legge nella nota della Guardia di Finanza: «Nell’ambito del complesso contesto investigativo denominato convenzionalmente operazione "Symposium", il nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Catanzaro ha provveduto a notificare al professore universitario ordinario Alfonso Nastro

tività istituzionale dell’ateneo calabrese. Secondo le ipotesi accusatorie, il prof. Nastro è ritenuto responsabile,inconcorsoconaltri, di diverse truffe aggravate per il conseguimento di ingenti erogazioni pubbliche e numerosi altri reati strumentali (concussione, circonvenzione di incapace, falso e reati fiscali) e connessi alle frodi comunitarie perpetrate. I finanzieri hanno formalmente reso noti i provvedimenti cautelari anche al Rettore dell’Università degli Studi della Calabria».

Alessio De Grano


14 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

CALABRIA Studenti, docenti e specializzandi dell’Università “Magna Graecia” contro gli accorpamenti delle scuole post-laurea a indirizzo medico

Specializzazioni, Medicina in rivolta Il preside De Sarro: «Provvedimento devastante». Bacchettate anche alla Regione CATANZARO — L’aula A dell’edificio delle bioscienze del campus di Germaneto, è riempita fino all’ultimo metro quadro. Studenti di medicina, specializzandi e aspiranti tali, docenti e preside di facoltà, animano lo spazio della protesta per dire no, ancora una volta, alla Gelmini e all’accorpamento delle scuole di specializzazione mediche a basso numero di posti. E non mancano le bordate all’indirizzo della Regione “per il no a borse di studio aggiuntive”. I primi ad aprire l’assemblea tenuta ieri alla “Magna Graecia” di Catanzaro sono gli studenti. «Non protestiamo contro l’accorpamento in sé ma per il metodo. Il fatto che alcune scuole di specializzazione dell’università di Catanzaro vengano accorpate all’Università Federico II di Napoli e all’Università di Bari, penalizza gli studenti di medicina catanzaresi» che per accedere alle scuole devono competere con un elevato numero di studenti campani e pugliesi, spiega Giuseppe Tomaino, rappresentante degli studenti a Medicina. Per i 600 iscritti alla facoltà medica del capoluogo, un altro punto di svantaggio: «Dopo sei anni di università continua Tomaino - ci dovremo trasferire in un’altra sede fuori regione». «Saremo costretti a scegliere le scuole di specializzazione di cui non è previsto l’accorpamento e ne deriverà una guerra tra poveri tra noi studenti», sostiene Franco Delfino Cosimo, neo laureato che guarda preoccupato al futuro di specializzando. «A causa dell’accorpamento le università periferiche perderanno il ruolo di protagoniste», sottolinea il rappresentante del Sims - Sigim (Segretariato italiano medici e specializzandi - Segretariato italiano giovani medici). Il preside di Medicina e Chirurgia, Giovanbattista De Sarro, non usa mezzi termini: «E’ un decreto devastante per la sopravvivenza della facoltà di Catanzaro. Riteniamo - aggiunge suscitando un coro di applausi - di doverlo impugnare per una più adeguata formazione in sede».

Studenti, laureati, specializzandi e docenti di Medicina all’assemblea di ieri al Campus di Germaneto

De Sarro entra poi nel merito delle critiche: «Ci tolgono ben 16 scuole di specializzazione, 14 accorpate a Napoli e 2 a Bari, e ciò penalizza gli studenti dell’università di Catanzaro, e in generale gli atenei più piccoli, che saranno costretti a competere (per accedere alle scuole, ndr) con un numero di studenti dieci volte superiore». Per la professoressa Antonietta Marchese, docente di Cardiochirurgia, gli indirizzi ministeriali compromettono il livello formativo: «Da noi cinque specializzandi possono avere il giustio spazio per imparare (a Catanzaro accede alla scuola di cardiochirurgia uno studente l’anno, ndr) ma con l’accorpamento non sarà più così e verrà penalizzata la qualità della formazione». Altro fronte di critiche alla Gelmini: il preside misura i tagli toccando il nodo delle borse di studio concesse dal ministero: «Il decreto ha tagliato le borse ministeriali in tutta Italia. Dalla Conferenza Stato-Regioni è venuta una richiesta di 8.840 borse ma il ministero ne ha concesse 5.000». «In Calabria - lamenta ancora De Sarro - siamo stati trattati peggio delle altre Regioni, qui una riduzione davvero catastrofica». Un esempio: «Per l’area chirurgica la Regione ha

chiesto 58 borse ma ne sono state concesse solo 16». Non è andata meglio per ciò che riguarda le borse aggiuntive cheste alla Regione (assessorato alla Sanità e assessorato alla Pubblica istruzio-

Grembiale. Restare fuori dalle scuole, spiega, è presagio di carriera al ribasso: «Senza la specializzazione non potrete fare alcun concorso per lavorare negli ospedali del servizio sanitario. La situazione è grave. Datevi da fare», è l’appello rivolto ai ragazzi. Qualcuno dalle postazioni in alto offre una soluzione alternativa: «Va be’, vuol dire che anche noi andremo a lavorare in un call center...». Provocatoria la proposta di Giuseppe Tomaino, ispirato dai verdi prati che costeggiano il Campus: «Suggerisco di ribatezzare la nostra università “Agriturismo Magna Graecia di Catanzaro”...». Un suggerimento affiancato da altri più seri: stilare un documento da sottoporre al Comune di Catanzaro; partecipare alla riunione ad hoc che si terrà oggi al palazzo municipale «per dare risonanza pubblica al problema». Francesco Ciampa

Al tavolo anche il preside di Medicina De Sarro

ne): l’Università ha incassato un diniego «che forse dà ragione a chi sostiene che c’è più interesse per qualche altro ateneo che per il nostro». Torna sulla questione centrale delle specializzazioni la professoressa

La Destra grida allo scippo

Ursini (Fsi): «Preoccupati per l’assistenza»

«È uno scippo alla città di Catanzaro e a tutta la Calabria. La decisione del ministro Gelmini, che con decreto ministeriale del 31 marzo ha cancellato di fatto ben sedici scuole di specializzazione della facoltà di medicina a beneficio dell’università di Napoli e Bari, è di una inaudita gravità». Così, in una nota, la Destra calabrese. «E’ incomprensibile - prosegue la nota - che classe politica nostrana, sia in ambito nazionale che regionale, sia rimasta in silenzio».

«Siamo fortemente preoccupati per quanto sta accadendo alla Facoltà di Medicina di Catanzaro». E’ quanto afferma, in una dichiarazione, Vincenzo Ursini, nella qualità di responsabile aziendale della Fsi (Federazione dei Sindacati Indipendenti) dell’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro, in relazione al mancato finanziamento, da parte della Regione Calabria, di 17 borse di specializzazione; borse che si andavano ad aggiungere a quelle programmate dal Miur per il prossimo anno accademico. «Senza specializzandi - aggiunge Ursini - si ridurrà, e non di poco, l’offerta assistenziale regionale, con una conseguente emigrazione di un considerevole numero di pazienti». «Il mio augurio - conclude Ursini - è che le dimissioni del direttore della Cattedra di Malattie Infettive, Vincenzo Guadagnino, spingano gli altri direttori ad assumere posizioni nette ed univoche».

Oggi a Catanzaro riunione al Comune con gli universitari LAMEZIA TERME — Il sindaco di Lamezia Terme Gianni Speranza ha ricevuto ieri a Palazzo Maddamme un gruppo di studenti universitari lametini. Si è discusso della questione delle scuole di specializzazione della facoltà di Medicina di Catanzaro. Stamani, alle 10,30, Speranza parteciperà prima ad una riunione in Comune a Catanzaro, alla presenza del sindaco Olivo e di rappresentanti dell’Ateneo. In seguito, Speranza incontrerà il preside di Medicina.

Il documento degli studenti Di seguito ampi stralci del documento diffuso dagli studenti, dagli specializzandi e aspiranti specializzanti della facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Magna Graecia di Catanzaro. «Con questa assemblea prende corpo la formale protesta di tutto l’Ateneo catanzarese: La nostra posizione è fortemente tesa a contrastare un'ennesima spoliazione ai danni di Catanzaro e degli studenti calabresi che nella loro terra hanno deciso di rimanere per formarsi. La crescita di cui questa regione ha bisogno passa inevitabilmente attraverso l'eccellenza che deriva anche dall'Università: tagliare indiscriminatamente le risorse ad una facoltà importante com'è medicina e chirurgia vuol dire negare il diritto al futuro [... ]. La miopia della classe politica calabrese, che nulla sembra fare per tutelarci, ci spinge a muoverci in prima persona, anche con gesti eclatanti come questa assemblea [... ]. A triste conferma di questa affermazione, Catanzaro è risultata, fra tutte le sedi universitarie italiane statali e non statali, quella più colpita dal decreto del Ministro Gelmini [... ]. E’ aberrante, poi, leggere nel decreto ministeriale che “il processo (di razionalizzazione) non possa estendersi anche alle Scuole afferenti alle Facoltà di Medicina e Chirurgia di Università non statali”: una bella prova di discriminazione tra pubblico e privato. Oltre al danno la beffa quindi: scippati delle nostre Scuole di Specializzazione, finiremo per pagarle agli Ateni privati. Siamo sicuramente favorevoli ad un processo di ottimizzazione delle risorse soprattutto in periodo di crisi, ma rimangono oscure ai più i criteri che hanno portato ad emanare questo disastroso decreto». «Decreto ministeriale a parte, però, piove sul bagnato "grazie" alla brillante idea della Regione Calabria di non finanziare le borse di studio relative alle Scuole di Specializzazione per l'anno accademico in corso [... ]. Non ci riteniamo né “retorici” né tantomeno “qualunquisti” quando affermiamo che i voucher promossi dalla Regione Calabria per la formazione post-lauream sarebbero investibili in maniera più produttiva nelle Scuole di Specializzazione. A questo punto, quindi, chiediamo che la Regione si mobiliti in maniera concreta: domani (oggi per chi legge, ndr) saremo in Consiglio comunale a Catanzaro per ribadire la nostra posizione e perchiedere al sindaco Rosario Olivo, da sempre sensibile alle problematiche studentesche, la sua personale intercessione con il Governo regionale in una così delicata vicenda».

PSICHIATRIA Ancora in attesa di risposte concrete gli ex lavoratori della clinica catanzarese

Villa Puca, sit-in a Palazzo Alemanni CATANZARO — Da settembre 2007

ad oggi, progetti di inserimento lavorativo, protocolli di intesa, bozze di delibere e impegni verbali. Ma di concreto nulla di più, per i lavoratori della casa di cura neuropsichiatrica Villa Puca, tutti licenziati al chiudere della struttura. Ieri, dopo l’ennesimo sit-in davanti Palazzo Alemanni, ancora parole di impegno dalla Regione: ancora parole da far seguire ai fatti. Dal settembre di due anni fa a oggi, manifestazioni di protesta, intere giornate, per mesi, accampati in un tendone davanti la sede della clinica, il pellegrinaggio di politici e sindacalisti poi svaniti nel nulla. Per i lavoratori di Villa Puca, dai tavoli di trattativa con la Regione è ve-

nuto fuori il progetto di ricollocazione basato sul potenziamento dell’assistenza domiciliare integrata (sanità-sociale): una ipotesi occupazionale presto caduta nel vuoto. Ora - secondo quanto appreso - si confida nell’apertura di una struttura privata a Gizzeria per la psichiatria residenziale (20 posti) e per la psichiatria semi-residenziale (20 posti): mentre in una seconda fase ulteriori spiragli li potrebbe offrire la ex Villa Puca, che un noto imprenditore della sanità (lo stesso che intende aprire a Gizzeria) vuole trasformare nel giro di qualche mese in struttura specializzata per la Sla (sclerosi laterale amiotrofica) e per l’Alzheimer. I lavoratori attendono mosse concrete: non hanno il peso numerico (e

politico) dei colleghi del Papa Giovanni ma, spiegano, per anni hanno svolto un ruolo centrale per la salute mentale su scala catanzarese e regionale. La vertenza in questione testimonia il nodo irrisolto della psichiatria. Dietro la chiusura si nasconde da un lato la mancata volontà dei privati: poco remunerativa secondo loro la riconversione dettata dalla Regione per una psichiatria più vicina alla riabilitazione; dall’altro c’è una riforma della psichiatria finora tradotta soprattutto in tagli non accompagnati da servizi psichiatrici territoriali sufficientemente adeguati all’entità dei bisogni. f. c.

Alcuni lavoratori di Villa Puca ieri vicino Palazzo Alemanni


il Domani Martedì 7 Aprile 2009 15

CALABRIA Specialisti della protezione civile in partenza. Trematerra: «Restiamo uniti»

Dalla Calabria partono i soccorsi per l’Abruzzo di Alessandro Caruso CATANZARO – La Regione Calabria si è mobilitata immediatamente in soccorso delle popolazioni colpite dal terremoto in Abruzzo. Il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero, ha infatti allertato la Protezione civile regionale, che partirà con un elicottero con a bordo i suoi specialisti e due unità cinofile, per mettere a disposizione persone e mezzi da fare intervenire nelle zone terremotate e nella ricerca dei superstiti. Anche l’agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Calabria (Arpacal) ha comunicato ufficialmente al Sottosegretario alla Protezione Civile, Guido Bertolaso, la propria disponibilità ad inviare uomini e mezzi sui luoghi del sisma. Come impone il protocollo in queste situazioni, il sottosegretario alla Protezione Civile sulla base di una precisa programmazione, chiamerà gli enti che si sono offerti per collaborare alle operazioni. L’Arpacal sta prendendo contatti con la consorella agenzia ambientale abruzzese per coordinare gli interventi qualora il gruppo di tecnici calabresi fosse autorizzato ad andare sui luoghi del sisma. Appelli alla solidarietà e alla mobilitazione sono arrivati anche da esponenti della politica. Il senatore calabrese dell’Udc Trematerra, in una nota ha chiesto alla Regione di sostenere subito, con una somma in bilancio, la Regione

Abruzzo: “Dobbiamo dimostrare concretamente - afferma il sen Trematerra- il segno della nostra vicinanza alla popolazione abruzzese, colpita da una sciagura devastante”. Il senatore ha sottolineato che «in questo caso non è consentito dividersi: uniamoci come popolo calabrese in segno di solidarietà con un popolo che ha vissuto gli stessi nostri drammi, dall’emigrazione alla povertà, e che oggi deve fronteggiare un cataclisma». È stato immediatamente anche attivato in Calabria il piano operativo regionale sotto il coordinamento del delegato regionale della Croce Rossa Italiana (CRI) di protezione civile Giuseppe Abbate e del Commissario Regionale CRI della Regione Calabria Helda Nagero. Sessanta tra volontarie e volontari appartenenti alle varie componenti della CRI sono già prontamente disponibili per l’impiego nelle zone colpite dal sisma così come sono già a disposizione 50 tende, numeroso vestiario, 1 autoarticolato, 1 cucina da campo, 2 ambulanze fuoristrada, 2 ambulanze di soccorso e 6 autovetture fuoristrada. «Pronti a intervenire anche con un contingente gli operai idraulico-forestali, se il capo della Protezione Civile Bertolaso dovesse ritenere fattibile la loro utilizzazione». Così si è espresso l’Assessore alla Forestazione della Regione Calabria, Mario Pirillo, in seguito alla tragedia che ha colpito l’Abruzzo.

Guido Bertolaso

In partenza specialisti della protezione Civile con due unità cinofile, volontari della Croce Rossa del coordinamento Calabria e operai idraulici-forestali. Anche l’Arpacal si è messa a disposizione di Guido Bertolaso

Emesse due ordinanze dal presidente Loiero

Emergenza maltempo partono gli interventi CATANZARO - Il Presidente della regione Calabria Agazio Loiero, nominato Commissario delegato per il superamento del contesto emergenziale dovuto al maltempo che ha colpito duramente la Calabria durante gli scorsi mesi, ha emesso le due ordinanze commissariali per provvedere alla realizzazione dei primi interventi urgenti diretti al soccorso della popolazione, alla rimozione delle situazioni di pericolo, a fronteggiare i danni conseguenti ai fenomeni atmosferici verificatisi nei mesi di novembre e dicembre 2008, e successivamente, nel mese di gennaio 2009. Con la pubblicazione delle ordinanze sul bollettino ufficiale della Regione Calabria, nei prossimi giorni, partirà dunque l’iter per la realizzazione di interventi prioritari e permanenti di mitigazione dei rischi idrogeologici e idraulici. Nelle due ordinanze vengono sancite alcune direttive operative. I sindaci dei comuni il cui territorio sia stato danneggiato sono individuati quali soggetti attuatori per la quantificazione delle spese sostenute dalle amministrazioni comunali nella fase diprima emergenza compresi gli emolumenti corrisposti al personale; la quantificazione dei contributi per l’autonoma sistemazione dei nuclei familiari la cui abitazione principale sia stata distrutta in

Agazio Loiero

tutto o in parte oppure sgomberata in esecuzione di provvedimenti dell’Autorità pubblica. Viene anche costituito il Comitato di indirizzo con la funzione di promuovere un’azione coordinata di tutte le amministrazioni preposte alla gestione e al governo del territorio per affrontare il dissesto idrogeologico. I componenti sono : il Commissario delegato, o altro soggetto da lui designato come rappresentante o delegato, che presiede e coordina; tre rappresenti designati dal Dipartimento della protezione civile presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri; un rappresentante designato dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare;unrappresentantedesignato dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e tre rappresentanti della Regione. Alessio De Grano

Il campione del mondo è stato scelto come testimonial della regione nel mondo Iniziative coordinate con la Toscana per la lotta al crimine

Gattuso ambasciatore calabro Da Firenze parte la lotta al racket

Loiero e Gattuso

SARONNO (VARESE) - Rino Gattuso è stato scelto dalla giunta regionale come testimonial e sarà nominato ambasciatore della Calabria nel mondo. Lo ha annunciato oggi a Saronno il presidente della Regione, Agazio Loiero. La nomina giunge dopo il buon successo dello spot Calabria, "Noi ci mettiamo il cuore" interpretato da Rino Gattuso che ha propagandato il turismo nella sua terra con filmati messi in onda da tutte le emittenti italiane. Il suo volto è apparso sui manifesti visibili sui taxi di Berlino e Londra, nelle stazioni ferroviarie e nei principali aeroporti. La campagna è stata realizzata investendo 4,8 milioni di euro dei fondi europei per la co-

municazione. A Gattuso sono stati riconosciuti 500.000 euro di compenso che il giocatore ha voluto devolvere in parti uguali tra le cinque province calabresi. A Corigliano Calabro, suo paese natale, serviranno anche per l’acquisto di due pulmini scuolabus che sostituiranno quello - l’unico - che trasportava a scuola da fanciullo il campione del mondo. «Altrimenti fra poco i bambini del mio paese dovranno andare a scuola a piedi», ha commentato. «La tenacia di Gattuso, che é un genere esportabile e si identifica con la Calabria - ha spiegato da parte sua il presidente Loiero - può aiutarci per propagandare le bellezze della Calabria».

CATANZARO -Tagliare le mani della criminalità che si allungano sulle imprese, creando una rete di solidarietà tra Regioni, Enti locali, Associazioni del volontariato e Formazioni sociali e di categoria. Questo l’obiettivo del progetto “Calabria e

Toscana, Regioni antiracket”, che prenderà avvio il 15 aprile con un convegno nazionale a Firenze, nella sala dei Dugento di Palazzo Vecchio. L’iniziativa si basa sui contenuti del “Protocollo di collaborazione” sottoscritto dal vicepresidente della Regione Toscana Federico Gelli e dal presidente della Regione Calabria Agazio Loiero nell’agosto del 2006. Il progetto prevede una serie di azioni di sensibilizzazione, per oltre due settimane, che uniscono la promozione della cultura della legalità con quella dei prodotti di qualità, per sostenere le imprese calabresi, in particolare quelle che hanno denunciato estorsioni e attentati e che si oppongono al racket.


il Domani

Martedì 7 Aprile 2009

CATANZARO

Redazione: loc. Serramonda - Z.I. Marcellinara (Cz) - tel. 0961.996802 | fax 0961.903801 - E-mail: catanzaro@ildomani.it | www.ildomani.it

SCUOLA L'inchiesta si riferisce a presunte irregolarità nell’assunzioni del personale Ata. Le accuse ipotizzate vanno dall’associazione per delinquere alla truffa

Il Pm chiede 201 rinvii a giudizio Coinvolti dirigenti, funzionari e operatori dell'Usp, dirigenti scolastici, titolari di scuole private e dipendenti CATANZARO — Il rinvio a giudi-

zio di 201 persone tra dirigenti, funzionari e operatori dell'Ufficio scolastico provinciale di Catanzaro, dirigenti scolastici, titolari di scuole private, e dipendenti Ata, è stato chiesto dal pm di Catanzaro Simona Rossi. Il magistrato ha sostituito in udienza il collega al quale era stato trasmesso il fascicolo, aperto originariamente dall'ex pm Luigi De Magistris e, secondo quanto si è appreso, davanti al gup Antonio Giglio ha fatto un intervento di pochi secondi limitandosi a chiedere il giudizio e spiegando di non avere avuto la possibilità di studiare il fascicolo. L'inchiesta si riferi-

sce a presunte irregolarità nelle assunzioni del personale Ata (ausiliario-tecnico-amministrativo) da parte dell'ex Centro servizi amministrativi, ora Ufficio scolastico provinciale. Le accuse ipotizzate nei confronti degli indagati sono, a vario titolo, associazione per delinquere, abuso di ufficio, truffa, corruzione, tentata concussione e falso. Secondo l'accusa, nelle assunzioni del personale sarebbero stati favoriti amici e parenti degli indagati. Per far ciò sarebbero stati falsificati documenti per alterare le graduatorie e sarebbe anche stata istituita una scuola che avrebbe rilasciato diplomi per corsi mai effettuati.

DE MAGISTRIS Lo ha dichiarato l’ex pm di Catanzaro durante una intervista a Telelombardia

«Alfano anticipò il mio trasferimento» MILANO — L'ex pm di Catanzaro

Luigi De Magistris, ora in corsa per le Europee con l'Idv, ha detto che il ministro della Giustizia Angelino Alfano anticipò il suo possesso, al tribunale del riesame di Napoli, quando l'inchiesta Toghe lucane sulla corruzione nella magistratura della Basilicata era ormai stata chiusa con il deposito degli atti. «Alfano ha anticipato il mio possesso a Napoli - ha detto De Magistris, intervistato con il leader dell'Idv, An-

tonio Di Pietro, durante la trasmissione Iceberg di Telelombardia quando ormai era intervenuto il 415bis e mancava solo la richiesta di rinvio a giudizio. Da sette mesi la richiesta non é ancora stata fatta». De Magistris ha anche parlato delle altre due inchieste che gli sono state “scippate”, Why not e Poseidon, e ha ricordato di avere subito «un record di interrogazioni parlamentari». «Credo che siano 100150 i parlamentari che si sono oc-

cupati di me, quasi esclusivamente del centrodestra - ha osservato - ma sono certo che l'attività non a mio favore sia stata bipartisan». Con la candidatura De Magistris intende essere «un punto di riferimento per i magistrati che lavorano contro la criminalità organizzata, non come fanno alcuni politici che frappongono ostacoli come Alfano a Bari dove è stata mandata una ispezione per una inchiesta che vede coinvolto l'ex presidente della Regione».

ESTORSIONE Secondo il giudice c’era stato difetto di querela GIUSTIZIA La presa di posizione dei magistrati che ieri si sono riuniti nel capoluogo calabrese

Prosciolto un 28enne «Procure a rischio, manca il personale» CATANZARO — Il Tribunale di Catan-

zaro ha assolto Francesco Amelio, crotonese di 28anni, accusato del reato di estorsione ai danni di un altro giovane, Diego Mazza. I fatti risalgono al giugno del 2002. Amelio secondo l'accusa era creditore di 150euro da un uomo, tale Cristofaro, che ne aveva promesso la restituzione entro pochi giorni. Alla scadenza del termine stabilito Amelio era stato contattato da Diego Mazza, amico dei due giovani coinvolti nel prestito, che aveva inventato un falso pretesto per procrastinare il pagamento da parte del Cristofaro. Amelio infastidito si sarebbe presentato l'11 giugno 2002 sotto casa di Diego Mazza e minacciando di essere armato di un coltello avrebbe intimato il pagamento della somma di 150euro. Mazza denunciò l'accaduto ai carabinieri e accettò di incontrare ancora il 28enne munito di un registratore e sotto la sorveglianza dei poliziotti. L'incontro è avvenuto vicino il cimitero di Catanzaro ma da qui subito i due si sono allontanati in macchina. Durante il tragitto Mazza aveva consegnato ad Amelio la somma di 150 euro, ma le banconote erano state preventivamente fotocopiate dalla Questura. A questo punto Francesco Amelio venne arrestato dal personale della Questura per estorsione. Dopo

sei anni ieri finalmente la conclusione del processo. Nell'udienza sono stati ascoltati i testimoni ed è stato sentito anche il giovane Amelio che aveva già chiesto di essere sottoposto ad esame. Il giovane ha dichiarato di aver avuto in passato un brevissimo periodo di difficoltà familiari e di aver fatto uso di stupefacenti. Il ragazzo ha poi sottolineato di essere riuscito a cambiare vita, trasferendosi al nord dove stava per laurearsi. In riferimento all'accusa di estorsione Amelio ha riferito al giudice, dott. Murgida, che Cristofaro e Mazza erano suoi debitori per cui nei confronti di entrambi aveva solo avanzato la legittima richiesta della restituzione del denaro. Si trattava di un diritto del creditore, Amelio, forse avanzato con toni alterati. Questa è stata anche la tesi sostenuta dall'avvocato Enzo De Caro, difensore di fiducia dell'imputato, il quale ha voluto sottolineare che si è trattato di una banale lite che non aveva nulla a che fare con il grave reato punito dall'articolo 629 del Codice penale. Il Pm ha chiesto invece la condanna del 28enne a tre mesi di reclusione. Il Giudice, dopo una lunga camera di consiglio, ha prosciolto l'imputato dal reato per difetto di querela. Carmela Mirarchi

UNIVERSITA’ La presentazione è avvenuta ieri al Campus di Germaneto

Il Rapporto Oasi 2008 CATANZARO — Permanente dinamicità del sistema, rinnovata attenzione verso le iniziative di ingegneria istituzionale (accorpamenti e scorpori di Aziende sanitarie e Aziende ospedaliere), accentuazione della regionalizzazione e della differenziazione interaziendale, utilizzo di strumenti manageriali e forte enfasi alla ricerca dell’equilibrio economico-finanziario: sono state queste le chiavi di lettura del Rapporto 2008 proposte dall’Osservatorio sulla funzionalità delle Aziende Sanitarie Italiane (Oasi) del Centro di ricerche sulla gestione dell’assistenza sanitaria e sociale (Cergas) dell’Università Luigi Bocconi di Milano, che si propone di analizzare i cambiamenti in atto nella sanità italiana secondo l’approccio economico-aziendale. E

proprio i contenuti del Rapporto Oasi 2008 sono stati presentati, ieri mattina, nell’Edificio dell’Area giuridica, economica e delle scienze sociali del Campus universitario “Salvatore Venuta”. I temi emergenti del Rapporto 2008 sono due “spinte” in atto all’interno del sistema: una “spinta verso l’interno” con iniziative di intervento diretto sui processi assistenziali e una “spinta verso l’esterno” con crescente rilevanza delle relazioni interaziendali. Sono intervenuti alla presentazione: il Professor Viganò, coordinatore del Dottorato di Ricerca in Economia e Management Sanitario dell’Università Magna Graecia, il Professor Perticone e il dottor Guerzoni, Direttore generale del Dipartimento “Tutela della Salute” della Regione Calabria.

CATANZARO — Il ricorso ai meccanismi incentivanti e la richiesta a Governo e Parlamento di adottare «tutte le necessarie iniziative di competenza perché siano presto apportate le necessarie modifiche alla legge sull'ordinamento giudiziario, in modo da consentire di nuovo, nel rispetto dei principi costituzionali, di rifornire di magistrati gli uffici di Procura». E' questa la presa di posizione dei procuratori della Repubblica presso i Tribunali di Catanzaro, Cosenza, Crotone, Lamezia Terme, Locri, Palmi, Paola, Reggio Calabria, Rossano e Vibo Valentia, e i procuratori della Repubblica presso i Tribunali per i minorenni di Catanzaro e Reggio Calabria. Richieste considerate imprescindibili e specificate al termine di un incontro che si è svolto ieri sera a Catanzaro. Una giustizia al “collasso”, secondo i magistrati dirigenti, con una grave situazione di organico per i trasferimenti dei magistrati attualmente in servizio e che evidenzia scoperture pari ad una media del 40%, ma con punte del 100% per la Procura presso il Tribunale deiminorenni di Reggio Calabria. «Tale situazione - è scritto in un comunicato diffuso al termine della riunione - è effetto della recente legge sull'ordinamento giudiziario che fa divieto di destinare agli uffici di Procura i giovani magistrati vincitori di concorso. Ne consegue che l'unica fonte di approvvigionamento degli uffici giudiziari del Sud, da sempre costituita dall'invio di magistrati vincitori di concorso destinati d'ufficio, risulta, per i soli uffici di Procura, del tutto inaridita. Ad eccezione della prima destinazione evidenziano i magistrati dirigenti - i magistrati possono essere trasferiti ad altra sede soltanto a loro domanda». Secondo quanto riportato nel comunicato stampa, «le sedi di Procura tradizionalmente non ambite, perché situate in territori che non producono un numero sufficiente di magistrati tale da coprire gli organici, sono pertanto destinati a rimanere senza co-

pertura man mano che i magistrati non del luogo, acquisito il necessario punteggio di anzianitaà, ottengono il trasferimento nelle sedi di loro provenienza. Il nuovo meccanismo varato dal legislatore - secondo i magistrati dirigenti calabresi - orientato a garantire che tutti i magistrati facciano un'esperienza nel settore giudicante prima di assumere le funzioni di pubblico ministero, risulta incompleto nella parte in cui nulla prevede per assicurare la necessaria copertura degli uffici di Procura. Esso, infatti, nella sostanza, prevede l'immissione nel sistema giudiziario di soli magistrati destinati al settore giudicante e non assicura più la destinazione di magistrati alle Procure». Nel comunicato stampa è stato anche dichiarato che «i magistrati dirigenti delle Procure della Calabria intendono sottolineare con forza la gravissima situazione che si sta progressivamente determinando negli uffici diretti, molti dei quali presto non saranno in grado di funzionare per la mancanza di magistrati, impedendo sia lo svolgimento delle indagini, sia l'esercizio dell'azione penale, sia la stessa celebrazione dei processi. E questo concludono i magistrati dirigenti nella nota stampa - in un territorio caratterizzato da ogni forma di illegalità e dalla presenza della 'ndrangheta, oggi unani-

memente riconosciuta come la più pericolosa e potente delle organizzazioni criminali». «Molti uffici giudiziari sono destinati a chiudere e a breve non saranno in grado di gestire neanche i servizi minimi per carenza di pm». A dichiararlo è stato il procuratore della Repubblica di Vibo Valentia, Mario Spagnuolo, prima di prendere parte ad una riunione di tutti i capi delle Procure calabresi per affrontare l'argomento delle carenze di organico. I procuratori hanno deciso di incontrarsi ieri a Catanzaro proprio per fare il punto sulla situazione e segnalare la grave crisi esistente al Ministro della Giustizia, al Csm e all'Anm. «Siamo qui - ha detto Spagnuolo - per fare una ricognizione dell'esistente e purtroppo è una ricognizione negativa». Il problema si è venuto a creare con la riforma Mastella che impedisce la destinazione nelle Procure degli uditori giudiziari. Una circostanza che, di fatto, ha bloccato l'afflusso di nuovi magistrati, visto anche che le richieste per Prendere servizio in Calabria sono praticamente inesistenti. «In trent'anni - ha detto Spagnuolo - nessuno ha mai chiesto di andare a lavorare a Vibo Valentia. Adesso c'é un provvedimento che prevede gli incentivi per i trasferimenti nelle sedi disagiate. Speriamo che questo procuri qualche richiesta»


il Domani Martedì 7 Aprile 2009 17

CATANZARO CITTÀ CONTRIBUTO ALLOGGIATIVO Il consigliere comunale Nisticò rende noto l’incremento della somma e spera in una veloce elargizione

«Tra 10 giorni saranno disponibili i fondi» «Un aiuto per tante famiglie che si trovano nelle condizioni di ricevere il sostegno durante la crisi» CATANZARO — «Entro una decina di

giorni il Comune avrà a disposizioni i fondi per elargire il contributo abitativo agli aventi diritto. Uno strumento pensato per aiutare le famiglie a sostenere la spesa relativa all’affitto». Lo ha anticipato il consigliere comunale Franco Nisticò, il quale, ha aggiunto: «Proprio ieri mattina mi sono recato alla Regione per verificare e sollecitare lo stato della pratica. Ho avuto, quindi, modo di parlare con il responsabile dell’ufficio preposto, il quale, mi ha assicurato che la Regione ha già provveduto a quantificare le somme da destinare al Comune Capoluogo di Regione. Somma incrementata rispetto agli anni precedenti e che quindi consentirà di determinare un contributo pari all’83,61 per cento della

cifra richiesta dall’interessato. Si tratta senz’altro di una buona notizia per quanti attendono da anni questo sostegno - ha proseguito Nisticò - sia per il fatto che a giorni la questione si avvierà a soluzione, che per l’incremento dello stesso contributo rispetto agli anni precedenti. Un aiuto fondamentale, dunque, per tante famiglie catanzaresi che si trovano nelle condizioni di ricevere il sostegno in tempi di crisi come quelli attuali. Quella del contributo alloggiativo, infatti, è una misura importante e molto attesa. L’auspicio, quindi - ha concluso il Consigliere comunale - è che il settore comunale alle Politiche sociali, una volta ricevuti i soldi dalla Regione, proceda con celerità all’elargizione delle somme agli assegnatari».

Il Pd plaude alla decisione del Comune ma invita ad una maggiore attenzione

«Controllare via Gramsci» CATANZARO — Un plauso all’amministrazione comunale arriva dal Circolo del Partito Democratico di Pontegrande, rivolto per sottolineare l’ordinanza che ha disposto l’introduzione del senso unico tra via Gramsci e via Fiore, nella zona nord della città. «Dobbiamo evidenziare - ha detto il coordinatore Domenico Marino - l’effettiva valenza del provvedimento assunto, che ha consentito un notevole ed evidente miglioramento della circolazione. Tuttavia, è necessario de-

nunciare un rischio concreto, considerato che il senso unico è in vigore da pochi giorni. Infatti, sono molti coloro che ancora si immettono in controsenso mettendo in serio pericolo le macchine che circolano nelle vie in questione. Ecco perché il nostro Circolo chiede all’amministrazione comunale di prodigarsi per assegnare, in collaborazione con il comando dei Vigili Urbani, un’unità adibita al controllo della via in questione. Auspichiamo un intervento urgente».

PASQUA E’ stata già emessa l’ordinanza che regolarizza il transito veicolare e la sosta lungo il percorso della processione

Venerdì si ripete il rito della Naca CATANZARO — Venerdì 10 aprile si ripeterà, nel centro storico di Catanzaro, il toccante rito della “Naca”. La Naca affonda le sue radici nel periodo della dominazione spagnola, ma sicuramente si rifà alle sacre rappresentazioni medioevali. Il termine dialettale Naca viene dal greco (nachè) e significa Culla, in pratica è la portantina dove Gesù è deposto. La Naca è ornata di damasco raso e seta, di fiori, lumi ed angioletti di cartapesta, uno dei quali porta i simboli della Passione: il calice, i chiodi ed il martello. Questa veniva portata a spalla dai rappresentati delle corporazioni dei mestieri, per molto tempo, infatti, ebbero questo privilegio i calzolai, i contadini e gli artigiani. Oggi, invece, la Naca viene portata dai rappresentati delle forze dell’ordine, nell’ultimo periodo dal corpo dei Vigili Del Fuoco. L’andamento dei portatori dev’essere leggermente “annacante” (dondolante). Quest’anno la Naca uscirà dalla chiesa di San Giovanni. Tuttavia, per avere maggiori informazioni si può consultare il sito internet www. lanaca. it. Il portale, realizzato dall’Assessorato al Turismo del Comune di Catanzaro, guidato dall’Assessore Roberto Talarico, permetterà, a tutti coloro che si connetteranno, di avere

La Naca

tutte le notizie utili sulla Naca. Sono qui riportate anche informazioni aggiuntive che permetteranno, ai fedeli e ai visitatori che arriveranno nel centro storico di Catanzaro, di poter vivere con composta partecipazione questo suggestivo rito penitenziale. Inoltre il dirigente del settore traffico, Aldo Mauro, ha già emessa l’ordinanza che regolarizza il transito veicolare e la sosta lungo tutto il percorso interessato dalla processione del venerdì Santo della Naca che

parte dalla Chiesa di San Giovanni alle ore 18. di venerdì prossimo 10 aprile. Nella stessa giornata, dalle ore 12 fino al termine della Processione religiosa, nel seguente tragitto: Corso Mazzini, Piazza Matteotti, Via Poerio, Piazza DI Tocco, Via Raffaelli, Via Spasari, Piazza Basilica Immacolata, Corso Mazzini, Scesa Jannoni, Scesa Eroi 1799, Vico I Piazza Roma, Corso Mazzini, Piazza Garibaldi; viene interdetto il traffico veicolare e la sosta.


18 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

CATANZARO CITTÀ IL FATTO Il consigliere circoscrizionale Lanfranco Nisticò ha sollecitato il settore igiene del Comune ed i Vigili Urbani

«Randagi, serve l’accalappiacani» «Nel tratto tra via di Tarsia e via Miraglia si aggira un gruppo di animali pericolosi» CATANZARO — «A seguito delle tantis-

sime segnalazioni da parte di alcuni cittadini allarmati dall’aumento del fenomeno randagismo e da altri svariati raccapriccianti episodi di vario genere in città ho trovato giusto interessare il settore igiene del Comune di Catanzaro ed i Vigili Urbani circa la necessità di predisporre un servizio accalappiacani su quella parte di territorio che va da via di Tarsia a via Miraglia nel quartiere Sant’Antonio di Catanzaro» scrive in una nota il consigliere circoscrizionale Lanfranco Nisticò. «Nello specifico - prosegue -, da qualche giorno, nei tratti in questione si registra la presenza di un gruppo di cani randagi di varia taglia i quali in via Miraglia hanno persino attaccato il cane di un residente provocandogli varie

Lanfranco Nisticò

ferite e costringendolo ad un intervento d’urgenza da parte di un veterinario. Giusto nei giorni scorsi, in un piccolo centro della provincia, si è verificato un ulteriore episodio abbastanza singolare che ha visto protagonista una di anziani aggrediti da un gruppo di cani durante una passeggiata. Alla luce di tale stato di cose - conclude Nisticò - e dei vari episodi che si manifestano quotidianamente (vedi ad esempio il caso del bimbo siciliano di qualche mese addietro) mi auguro che, nel pieno rispetto dei diritti degli animali, ma soprattutto dei cittadini, e di tutte le difficoltà oggettive che opprimono i servizi interessati, si intervenga preventivamente con piglio deciso prima che anche a Catanzaro si verifichi qualche triste episodio».

CIRCOSCRIZIONI La soddisfazione di Antonio Franco della IV dopo l’annuncio della sistemazione di via Alto Adige

«Forte impegno del Comune per Barone» CATANZARO — «Dopo l’annuncio

della sistemazione della carreggiata stradale di via Alto Adige, fortemente voluta dal nostro Movimento, continua l’impegno dell’amministrazione comunale nei confronti del quartiere “Barone”» scrive in una nota il consigliere della IV circoscrizione, Antonio Franco, di Catanzaro nel Cuore. «Proprio in questi giorni - prosegue -, infatti, l’amministrazione comunale sta provvedendo a ripulire e manutentare i canali ed i cigli delle strade del quartiere che, anche a causa dei tanti giorni di pioggia che hanno flagellato la nostra città negli ultimi mesi, necessitavano di interventi urgenti e risolutori. Nei prossimi giorni, inoltre, l’amministrazione comunale provvederà ad una ulteriore manutenzione della sede stradale ove la stessa si presenta dissestata. Ulteriori interventi riguarderanno il rifacimento della segnaletica sia orizzontale che

Il contributo della Provincia CATANZARO — «A seguito dell’immane tragedia che ha colpito l’Abruzzo e sconvolto l’intero Paese, il Presidente della Provincia Wanda Ferro, sentito l’esecutivo, ha riunito di concerto con il Presidente del Consiglio Peppino Ruberto, i capigruppo di maggioranza e di minoranza, avanzando la proposta di esprimere solidarietà alle popolazioni colpite dal terremoto e di destinare un contributo economico per l’emergenza» si legge in una nota dell’amministrazione provinciale di Catanzaro. «La proposta - prosegue la nota - ha trovato unanimità di consensi da parte di tutti i rappresentanti politici dell’Ente e si è stabilito di assegnare all’emergenza in Abruzzo una somma pari a 200mila euro. La somma sarà messa a disposizione della Protezione Civile nazionale nelle prossime settimane, non appena sarà ap-

provato il conto consuntivo del bilancio 2008. Tutti i presenti hanno espresso la solidarietà della Provincia di Catanzaro e dei suoi abitanti alle popolazioni abruzzesi che stanno vivendo un dramma senza precedenti, dichiarando la disponibilità dell’Ente di Palazzo di Vetro ad intraprendere altre azioni concrete a favore delle stesse popolazioni. Nella stessa riunione si è dibattuto sulla situazione relativa all’Università Magna Grecia e si è stabilito di avviare, di concerto con il Preside della Facoltà di Medicina prof. De Sarro, una serie di iniziative a sostegno della stessa Università contro l’accorpamento di 16 Scuole di Specializzazione da assegnare a Napoli ed a Bari a scapito dell’Università del Capoluogo». Importante riunione dunque a Palazzo di Vetro per sostenere chi in questo momento si trova in seria difficoltà.

CITTA’ METROPOLITANA La nota del Movimento Catanzaro nel cuore

«La Ferro freni i campanilismi» CATANZARO — «Abbiamo letto con

Via Alto Adige

verticale». «Ringrazio - ha tenuto a precisare il consigliere di Cnc Antonio Franco - il Sindaco Olivo per l’attenzione che continua a dimostrare nei confronti delle periferie della città e del quartiere

marinaro nonché per l’alto livello di attenzione che mostra nei confronti del mio Movimento esaudendone le tante richieste che, quotidianamente, provengono dai cittadini catanzaresi».

CULTURA Il 31 marzo è stato presentato “Ordine e Matrimonio”

entrambi «costituiscono un’ulteriore specificazione della vocazione comune di tutti i discepoli di Cristo che è quella della santità e della missione di evangelizzazione del mondo». Ed è proprio la reciprocità dei due sacramenti al centro del volume di don Silvestre, presentato mercoledì 31 marzo alle ore 18,30 nella bella chiesa parrocchiale di “Madonna di Pompei”.

Il nuovo libro di Don Silvestre CATANZARO — Il ministro ordinato “porta” la dimensione trascendente nel mondo; la coppia “porta” il mondo nella dimensione trascendente. Se volessimo riassumere il nuovo libro di don Pino Silvestre “Ordine e Matri-

SISMA IN ABRUZZO Stanziati dei fondi per l’emergenza

monio: sacramenti del servizio sponsale” con questo breve pensiero dell’autore, niente sarebbe più calzante. Ordine e Matrimonio infatti - considerati sacramenti del “servizio di comunione”- sono complementari, giacché

Luigi Mariano Guzzo

particolare attenzione l’intervento di Wanda Ferro. Siamo d’accordo con lei quando afferma che “le recenti polemiche sull’area metropolitana hanno riacceso il focolaio di un campanilismo vecchio di quarant’anni che alla fine rischia di renderci tutti più poveri”. Come darle torto? E’ esattamente quello che andiamo gridando da anni, anzi è esattamente la ragione per cui è nato il nostro movimento: combattere i campanili. Perché i campanili erodono la nostra regione» si legge in una nota Fabio Lagonia, Presidente Movimento Civico “CatanzaroNelCuore”. «Non sappiamo - prosegue - infatti motivare diversamente l’atteggiamento esageratamente ostile che alcuni territori della Calabria hanno rispetto a Catanzaro. I ragazzi del campanile guidati da Scopelliti dovrebbero dare maggiore attenzione a questi concetti per una seria riflessione sul futuro verso il quale corre spedita la nostra società. Bando alle ipocrisie, l’area metropolitana danneggia la Calabria

perché amplifica i suoi già esagerati squilibri e ufficializza la sproporzione con cui si erogano fondi. Dovrebbero comprendere, questi educati ragazzi del campanile guidati dal vecchio motto “boia chi molla” rivisitato nel più recente “prendiamolo a calci nel sedere”, che Catanzaro è il capoluogo di regione e pertanto sono da bandire i tentativi di delegittimarne le prerogative. Abbiamo - conclude -un’altra certezza: la nostra presidentessa, autorevole esponente del Pdl catanzarese assieme all’on. Traversa, farà di tutto per reclamare presso i vertici romani un pò di quel rispetto istituzionale che merita Catanzaro e, perché no, un pò di quei soldoni e di opportunità che Gasparri, Larussa, Bocchino & C. vogliono destinare esclusivamente a Reggio. Sarebbe un modo per eliminare i campanili. Per dirla ancora una volta con Wanda Ferro “ogni traguardo è possibile attuando le necessarie sinergie politiche”: si cominci da un’ovvietà, ossia riportare a Catanzaro il Consiglio Regionale».


il Domani Martedì 7 Aprile 2009 19

CATANZARO PROVINCIA E SOVERATO SOVERATO Sarà presentato oggi alle 15 e 30 l'evento della Passione di Cristo. A volerlo il vice sindaco Sinopoli e l’associazione Nuova Zampagallo

Resurrexit tra i ruderi della città vecchia Ad elaborare il testo è stato Ulderico Nisticò. A mettere in scena l’opera ci ha pensato invece Tonino Pittelli SOVERATO — Sarà presentato og-

gi alle 15 e 30 presso la Sala consiliare della città di Soverato l'evento "Resurrexit". Si tratta della rappresentazione della Passione di Cristo, tradizione antica diffusa anche in Calabria. La prima volta che a Soverato venne celebrato l'incontro tra Maria e Gesù fu nel 1969 grazie all'impegno dell'ormai scomparso Fiorenzo Viscomi. Da quell'anno la Passione fu celebrata ogni anno a Soverato Superiore. Quest'anno però ci sarà una grande novità. L'opera verrà messa in scena tra i ruderi del Paese distrutto dal sisma nel 1973. A volere questa particolare rappresentazione sono stati il vice sindaco Teo Sinopoli e l'associazione Nuova Zampagallo. La loro idea è stata realizzata da Tonino Pittelli, attore e regista già autore della Passione del 2008 di Davoli. Ad elaborare il testo è stato Ulderico Nisticò, che in brevissimo tempo ha dato vita ad un copione tutto nuovo. Lo storico Nisticò ha seguito alcuni fondamentali criteri quali: la fedeltà alla tradizione evangelica e letteraria; il modello della tragedia greca; la scelta di un testo che, anche se linguisticamente moderno, sia capace di conservare la corposità della poesia arcaica, giungendo sempre all'essenziale dei concetti. Grazie alla sue esperienza e alla sue enormi conoscenze Ulderico Nisticò ha dato vita ad un testo in cui i momenti più tragici non cadono mai

nel patetico e dove il dolore trova la sua esaltazione nella gloria della Resurrezione. Le figure che escono dal testo dello storico calabrese sono riconoscibili dai tratti della loro personalità: l'intensità di Gesù, l'umanità e la fede di Maria, la riflessività di Leostene, la fierezza di Battista, lo scetticismo di Pilato e il dolente affetto di Claudio; la debolezza di erode; la spietata logica di Belzeblù e di diavoli; la cupa disperazione di Giuda. L'ispirazione del testo è religiosa e rende ragione al trionfo del cristianesimo attraverso la conversione del romano Longino, di Claudia e di Leostene. Un quadro storico in cui il filo conduttore fa da sfondo alla vicenda sacra poteva essere creato solo da un profondo conoscitore del mondo antico. Ulderico Nisticò è riuscito anche ad evidenziare: lo scetticismo di Pilato, la semplicità dei soldati romani, la pensosa riflessione dei greci, l'anima tradizionalista dell'ebraismo in contrasto con l'ellenismo e con il formalismo del giudaismo. Una inquietante provocazione filosofica interviene a mostrare l'eterno dramma esistenziale dell'uomo, Notevoli nell'opera di Ulderico i riferimenti a Soverato, al Beltrame e alla Calabria. Leostene scrive ad esempio una lettera all'amico Polinoeto di Poliporto, l'antica Soverato. "Resurrexit" è la scritta che porta la statua di San Giovanni durante l'incontro di Soverato Superiore.

Curioso il personaggio di Volturcio che non si trova nei Vangeli ed è stata creato da Nisticò: ma l'autore, con un gioco da classista, gli ha dato lo stesso cognome di quel Tito Volturcio di Crotone ricordato da Cicerone, Sallustio e Plutarco come partecipe della congiura di Catilina. Un testo originale, intenso e complesso che aveva bisogno di essere intelligentemente interpretato, e ha trovato il regista ideale in Tonino Pittelli, che l'ha adattato al luogo che farà da palcoscenico e alle esigenze teatrali, riuscendo nell'intento di rendere serrato l'impianto narrativo. Gli attori sono stati plasmati da Pittelli, tutti eroici caparbi volontari. A collaborare con Pittelli è stato anche Giovanni Donato, insieme hanno scelto le musiche che seguiranno le scene costituendone la parte integrante. Le scenografie sono di Franco Papini, i palchi di Massimo Staropoli, le coreografie di Carlos Aguero, i trucchi di Rita Pipiceli, il server è di Procopio Service di Pino Procopio; l'organizzazione è di Peppe Chiaravalloti e dell'associazione Nuova Zampagallo. «Si tratta - dichiara il voce sindaco Sinopoli - di un lavoro che rende onore a Soverato, ma che si è potuto realizzare anche grazie al contributo del comprensorio, ed in particolare della Paro Loco di Davoli e della presidente Mara Corasanti». Carmela Mirarchi

Tiriolo, Circolo del Partito democratico: «A Katia Corea sfugge il nostro ruolo» TIRIOLO — «Siamo tornati delusi e sfiduciati dall’incontro tenutosi il 4 Aprile all’Auditorium “Casalinuovo” che aveva come unico vero punto all’ordine del giorno l’elezione del direttivo Provinciale di Catanzaro» si legge nella lettera del Circolod el Pd di Tiriolo alla segratria provinciale Corea. «I nostri delegati - prosegue - hanno assistito a tutti gli interventi, che spesso non si sono attenuti all’ordine del giorno. Solo alla conclusione dei lavori si è proceduti ad una strana, inconsueta e inappropriata votazione per applauso. Pensiamo e speriamo che la sorpresa non sia stata solo nostra e che anche gli altri circoli e i delegati lì presenti siano rimasti perplessi. Nel momento in cui lei è entrata in carica, ci ha trasmesso un segnale positivo: finalmente una faccia giovane nelle file del nostro partito. Con il tempo abbiamo anche apprezzato le sue doti politiche, che la rendono unica rispetto al panorama al quale siamo abituati. Franceschini ha incitato alla politica fatta dal basso e ha sottolineato l’importanza dei Circoli per il radicamento con il territorio ed ha dichiarato che il Pd deve distinguersi per serietà. Ci saremmo, pertanto, aspettati che l’elezione del direttivo provinciale passasse attraverso le sezioni. Le chiediamo, pertanto, quali siano stati i criteri di “elezio-

ne” dei 130 nomi all’interno della lista. Sommessamente facciamo osservare che un organismo di 130 persone è pletorico e non è efficace per prendere soprattutto decisioni d’urgenza. A lei forse sfugge il peso che ha avuto ed ha Tiriolo nella storia del partito a livello provinciale. Tiriolo ha anche risposto positivamente nel contrastare il più insidioso degli appelli degli avversari, perché è stato uno dei pochissimi comuni in cui il candidato alla provincia Pierino Amato, è risultato vincitore nel turno di ballottaggio. Ciò premesso, nella circostanza dell’elezione del Direttivo provinciale, la Sezione di Tiriolo è stata inspiegabilmente defraudata del proprio diritto ad esprimere suoi candidati: l’unico designato del territorio, infatti, non è stato indicato dal direttivo del Circolo. Sono risultate - conclude la nota -completamente disattese le istanze della democrazia e della consultazione, valori fondanti del Partito Democratico. Questo senza dubbio contrasta sia con le direttive nazionali sia con quanto espresso dai singoli relatori del congresso che puntavano ad un Partito “forte alla base”. Se i presupposti sono questi e le tendenze rimarranno immutate, la preghiamo di non biasimarci quando busseremo alla sua porta per riconsegnarle le tessere del Partito».

La manifestazione “Ora della terra” è stata abbinata a quella contro la violenza sulle donne Soverato, oggi Ricordando Evelyn, verrà presentato a Petronà un incontro il libro “Sos Acqua” sulla donazione di midollo

Earth Hour, luci spente anche a Gagliato

SOVERATO — A ridosso della Giornata Mondiale dell'Acqua e del 5°Forum Mondiale dell'Acqua di Istanbul, anche a Soverato si parlerà di acqua. L'occasione è la presentazione del libro di Giuseppe Pizzi “Sos Acqua” edito da Adg Edizioni di Soverato. La presentazione, promossa dall'Associazione Culturale Metasud, in collaborazione con la rivista Il calabrone, la Cineteca della Calabria, e Adg Edizioni, avverrà oggi nella saletta convegni dell'Hotel Nocchiero. Bisogno e diritto, l'acqua è il problema del mondo di questo secolo. Le ottanta pagine del libro di Giuseppe Pizzi, buttate giù nello stile asciutto e privo di fronzoli del mai morto pamphlet, riprendono e mettono insieme casi di cronaca e inchieste giudiziarie.

PETRONÀ — A Evelyn che se n’è an-

GAGLIATO — Il grande successo di

data troppo presto e a chi come Evelyn ha la leucemia, ma potrebbe farcela: Evelyn per la donazione. Si è parlato tanto di midollo osseo sabato scorso nell’auditorium di palazzo Colosimo. L’incontro è stato promosso da Admo Calabria sezione di Petronà sotto il tema: “Ricordando Evelyn… ambiente, donazione e salute”. Evelyn è una ragazza di Petronà, morta il 13 dicembre scorso a soli 23 anni, dopo tre anni di lunga malattia, dopo una laurea in ingegneria aerospaziale. Tanti ancora piangono la sua dolorosissima dipartita, tanti vogliono ricordarla aiutando chi oggi soffre come ha fatto lei: la sala era stracolma.

Earth Hour, la maratona planetaria per il clima 90 paesi. Con entusiasmo e partecipazione anche il piccolo borgo di Gagliato ha voluto dare il suo Si a questo nuovo ed inusuale modo di dire Stop all’inquinamento ambientale ed ai cambiamenti climatici. «Un grazie particolare - si legge in una nota - va alla Pro Loco Gagliatese che se n’è fatta promotrice nella persona di Giovanni Montepaone, volontario del Wwf Monasterace e socio della stessa. L’invito è stato accolto anche dall’Amministrazione Comunale di Gagliato che ha permesso lo spegnimento delle luci del Palazzo Comunale e della Piazzetta Domenico Vitale e la realizzazione della fiaccolata contro la violenza sulle donne». Le donne

GASPERINA — Nel pomeriggio di sabato, i militari della Stazione Carabinieri di Gasperina, guidata dal Mar. Domenico Misogano, hanno tratto in arresto in flagranza di reato un camionista del posto, Paolo Cascio, di 43 anni, ritenuto responsabile di violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale, minaccia grave di morte e porto abusivo di arma da taglio. Verso le 17 di sabato, i militari sono stati allertati da una chiamata ricevuta in Stazione che segnalava una violenta lite tra Cascio e la moglie presso la loro abitazione. Immediatamente accorsi sul posto, i carabinieri hanno potuto effettivamente constatare che era in atto un violento litigio tra i due coniugi per motivi di gelosia. Cascio, completamente stravolto dall’ira, pretendeva di far sottoporre la moglie ad una visita medica presso l’ospedale di Soverato per “accertarne” la fedeltà, minacciandola di morte con un coltello da cucina con una lama di circa 19 cm. Poiché nell’abitazione dei due coniugi non esistevano le condi-

GASPERINA Il 43enne voleva sottoporre ad una visita medica la coniuge per accertarne la fedeltà

Vincenzo Bubbo

La manifestazione

hanno voluto dire basta anche a questo grande dramma. «L’abbinamento con “ l’ora della terra” non è casuale riferisce Giovanni Montepaone - in quanto è un grave e grande problema mondiale così come i cambiamenti

climatici. Le donne come la terra rappresentano la vita ossia la procreazione». Tutti hanno avuto la possibilità di prendere gratuitamente materiale informativo sui cambiamenti climatici e sul risparmio energetico.

Marito minaccia la moglie arrestato dai carabinieri zioni di sicurezza necessarie per tentare di disarmare l’uomo e riportarlo a più miti propositi, i carabinieri hanno così deciso di fingere di assecondare le richieste dell’uomo per cercare di guadagnare tempo e trovare il momento opportuno per bloccarlo e disarmarlo. Per questo motivo, i militari intervenuti hanno convinto l’uomo che l’avrebbero accompagnato all’ospedale di Soverato per far sottoporre la moglie alla visita che pretendeva di farle fare. Non appena giunti, però, presso

il nosocomio della cittadina ionica, l’uomo ha trovato ad attenderlo un’altra pattuglia dell’Aliquota Radiomobile dei carabinieri, prontamente allertata dalla Centrale Operativa di Soverato, che unitamente ai colleghi di Gasperina, ha cercato immediatamente di bloccare il Cascio, non appena è sceso dalla sua auto, e di toglierli il coltello dalle mani. Dopo una breve colluttazione, durante la quale l’uomo ha cercato di opporsi con forza al tentativo di disarmo ed ha inveito pesante-

mente contro i militari intervenuti, si è riusciti a bloccarlo e a privarlo del coltello. L’uomo è stato subito accompagnato presso il Comando Compagnia Carabinieri di Soverato, dove è stato dichiarato in arresto per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale, minaccia grave di morte e porto abusivo di arma da taglio. Dopo le formalità di rito e su disposizione del magistrato di turno, d. ssa Alessia Miele, l’arrestato è stato tradotto presso il carcere di CatanzaroSiano in attesa del giudizio per diret-

Paolo Cascio

tissima che si è svolto questa mattina. Nel corso dell’udienza il giudice ha convalidato l’arresto disponendo la scarcerazione dell’uomo in quanto incensurato ed ha rinviato il tutto alla data del processo.


20 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

LAMEZIA CITTÀ CASO DISCARICA Il Presidente di Confindustria della provincia di Catanzaro, Giuseppe Speziali, chiede di tenere in considerazione gli interessi della comunità

«Statti, una azienda da tutelare» «Auspichiamo un confronto serio a 360 gradi per individuare la migliore soluzione» LAMEZIA TERME — Anche Confindu-

stria scende in campo e l’opposizione al progetto di discarica nel cuore agricolo della Piana, a pochi passi dai vigneti Statti, assume i contorni di una vera e propria levata di scudi. «L’Azienda Statti - scrive, infatti, Giuseppe Speziali, presidente degli industriali catanzaresi - rappresenta, certamente, un modello di eccellenza ed un esempio positivo di come si può riuscire a fare imprenditoria sana in Calabria, terra, come sappiamo, dalle mille difficoltà e contraddizioni». «Se è vero come è vero che un tema cosi importante e delicato quale quello dei rifiuti - continua - richiede un alto senso di responsabilità ed un grande equilibrio, altrettanta attenzione deve essere, d’altro canto, riservata all’importanza delle attività produttive di un territorio ed alle sue ricadute economiche». «Ritengo che in queste occasioni - prosegue - è necessario abbandonare posizioni precostituite e riuscire, al contrario, a creare una veduta unitaria d’intenti che coinvolga istituzio-

Giuseppe Speziali

ni e forze produttive. E’ bene ricordare - sottolinea Speziali - che molti dei progetti di crescita della nostra regione sembrano, giustamente, orientati a sviluppare tutte le potenzialità del settore agroalimentare, individuato, in-

fatti, nei diversi piani strategici, come fattore fondamentale in grado di imprimere una svolta ed un rilancio alle attività produttive con importanti ricadute occupazionali». «I successi, gli apprezzamenti che l’azienda Statti sta riscuotendo, anche al di fuori dei confini regionali - sottolinea Speziali - rappresentano un patrimonio di immagine importante che contribuisce ad alimentare quel necessario clima di fiducia e speranza per il futuro. Le considerazioni predette impongono, quindi - continua - di non far prevalere logiche predeterminate ma di tenere nella dovuta considerazione tutti gli interessi ed i bisogni di una comunità che vuole, in linea con le dovute esigenze di rispetto per l’ambiente, crescere e progredire. A tal fine - conclude - dichiariamo come Confindustria auspichiamo un confronto vero e sereno a 360 gradi per individuare la migliore soluzione idonea a contemperare le diverse esigenze». Francesco Pungitore

SISMA IN ABRUZZZO La solidarietà del comune e della città

«I volontari pronti a partire» LAMEZIA TERME — «A nome mio e in rappresentanza della comunità lametina, esprimo dolore e sgomento per la perdita di vite umane e per le persone ancora sotto le macerie». Lo ha affermato il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, apprendendo le prime stime, ancora provvisorie, del terremoto che ha colpito la scorsa notte l’Abruzzo. Già ieri mattina il sindaco ha incontrato i volontari lametini della Protezione civile. Al Comune è stata allestita una Unità di crisi, pronta a seguire le direttive del governo nazionale, e coordinata da Speranza, massima autorità locale in materia di protezione civile, insieme all’assessore di riferimento, con delega specifica, Francesco

Carnovale Scalzo, e al dirigente comunale, ingegnere Pasqualino Nicotera. La cooperativa Malgrado Tutto ha allestito una cucina mobile e i volontari sono pronti a partire. «Lamezia Terme è una città solidale che in questi anni ha mostrato il suo volto generoso e altruista, sia come Comune che come comunità di persone. Già in passato i volontari lametini - ha ricordato il sindaco - hanno prestato soccorso alle vittime del terremoto dell’Irpinia, nonché in altri eventi calamitosi». Nell’attesa di avere indirizzi d’azione dal governo centrale, Speranza ha già avanzato la proposta di adottare, come amministrazione, uno dei piccoli Comuni abruzzesi colpiti dal sisma.

POLITICA Il Pd invita i Lametini a firmare contro le decisioni del Governo in materia di istruzione POLITICA Speranza indica come «violente» le accuse a Loiero

Una petizione popolare per la scuola «Giuseppe Scopelliti ritratti» LAMEZIA TERME — Da oggi il Partito Democratico di Lamezia Terme sarà davanti alle scuole e non solo per far firmare ai cittadini la Petizione popolare “per una scuola pubblica, di qualità per tutti, più sicura e autonoma capace di futuro” lanciata da Franceschini il 1°Aprile. «Urge intervenire - si legge in una nota del segretario cittadino Macrì -. Una cosa è certa che grazie al Decreto del Ministro Gelmini 18mila precari, che quest’anno stanno lavorando con

una supplenza annuale, rischiano concretamente di non aver riconfermato l’incarico. E questo governo si sta mostrando oltre che insensibile nei confronti della drammatica situazione economica delle famiglie italiane, anche cieco nel costruire un futuro di qualità e preparazione per i nostri figli. Se per il Ministro va tutto bene - continua -, il Pd non ci stà a far credere che la risoluzione dei problemi della scuola sia il grembiulino e il voto in condotta. Il Pd cono-

sce la realtà della crisi economica, ma pensa che a pagare non debbano essere le famiglie. La Regione Calabria, con il vicepresidente Domenico Cersosimo ha già cercato di dare risposte concrete a questo imbruttimento, andando in controtendenza con la politica nazionale. Ma tutto ciò non basta, bisogna dire a questo Governo che gli italiani non vogliono che si distrugga il futuro. Il Partito Democratico - conclude - invita i Lametini a firmare la petizione».

La soddisfazione di Ripepe: «Abbiamo reagito bene alla crisi» Nuovo Psi: agevolare

LAMEZIA TERME — «Sono rima-

sto colpito dalla violenza del linguaggio usato nei confronti del governatore Agazio Loiero; ma voglio sperare che il sindaco Giuseppe Scopelliti ritratterà quanto detto in un momento di trambusto di un Consiglio comunale». Lo afferma il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, in merito alla querelle innescata dalle parole pronunciate dal sindaco di Reggio Calabria sul presiden-

te della giunta regionale. «Non abbiamo bisogno di questo in Calabria per poter amministrare ha detto Speranza - in una regione così difficile, i rapporti tra le Istituzioni devono essere basati sul rispetto reciproco e sulla collaborazione. Tutti noi sindaci e uomini delle Istituzioni dobbiamo ogni giorno agire in rappresentanza dei cittadini e non come esponenti politici in contrapposizione tra loro».

La proposta è emersa durante una riunione nella sede dell’Asi

Parte il nuovo volo per Perugia

la nascita dei Consorzi Imprenditoriali Zonali

«Diminuire l’Ici agli imprenditori»

LAMEZIA TERME — E’ operativo il

LAMEZIA TERME — «I socialisti del Nuovo Psi ritengono di dover lanciare forti segnali in quanto sono indispensabili apposite leggi che snelliscano l’iter burocratico degli aiuti economici da parte delle Istituzioni sovraordinate a livello nazionale ed europeo» si legge in una nota del Nuovo Psi. «Suggeriamo - prosegue la nota - di agevolare la nascita dei Consorzi Imprenditoriali Zonali con la finalità di incrementare la capacità di spesa degli aderenti».

LAMEZIA TERME — Si è svolta presso gli uffici dell’Asi una riunione tra i vertici del Consorzio e i capigruppo del Consiglio Comunale di Lamezia. La riunione ha avuto lo scopo di affrontare la problematica relativa ai servizi consortili - illuminazione pubblica, verde attrezzato, pulizia e manutenzione delle strade, segnaletica orizzontale e verticale, gestione della videosorveglianza, pulizie dei canali e manutenzioni generiche - a favore delle aziende insediate nei comparti del-

nuovo volo Lamezia Terme\Perugia. Il collegamento è partito con frequenza settimanale (si effettua il sabato: da Perugia per Lamezia alle 13.40; da Lamezia per Perugia alle 15,40) ed è stato attivato dalla Compagnia Air Alps, che impiega i veloci aerei Dornier da 31 posti. Esprime soddisfazione per questo ulteriore obiettivo raggiunto, il presidente di Sacal, Eugenio Ripepe: «Alla crisi - spiega - abbiamo reagito come dovevamo reagire: cioè cercan-

do di potenziare l’offerta e le destinazioni, e soprattutto cercando di farlo con vettori low cost, che praticano tariffe in grado di stimolare il traffico, di invogliare a servirsi con maggiore frequenza del trasporto aereo. Dopo il nuovo volo per Bologna con Ryanair, quello per Roma con blu-express, quello per Venezia con Alitalia\Cai, siamo riusciti a concretizzare anche il progetto di collegare la Calabria con il cuore dell’Italia, la verdissima Umbria».

l’area industriale. Pur apprezzando il lodevole sforzo fatto dalla Giunta, e in particolare dall’assessore alle attività produttive Antonio Palmieri, tutti i presenti alla riunione hanno convenuto che «la proposta di giunta appare insufficiente e quindi è necessario affrontare in Consiglio Comunale tale problema». Due le alternative proposte: aumentare sensibilmente la quota di esenzione Ici a favore delle aziende; prevedere che il costo dei servizi medesimi venga sostenuto dal Comune.


il Domani Martedì 7 Aprile 2009 21

LAMEZIA CITTA’ IL DIBATTITO E’ giuridicamente imprescindibile il rapporto paritario tra Lamezia e Catanzaro per assurgere a “città metropolitana”

Provincia unica per dialogare Speranza e Olivo s’impegnino a sostenere la proposta di legge dell’onorevole D’Ippolito di Antonio Cannone LAMEZIA TERME — Nei giorni scorsi abbiamo ipotizzato quelle che potrebbero essere le future strategie politiche legate, indissolubilmente, alle aspirazioni di quanti intendono concorrere allo scranno più ambito della città: quello di sindaco. In attesa del varo del Piano strutturale e dell’imprimatur che, eventualmente, darà il Consiglio comunale, nonché dell’approvazione del Bilancio di previsione, ovvero lo strumento economico e programmatico per antonomasia, tra i cittadini la domanda ricorrente è: dove va Lamezia? Quale sarà il suo futuro? Interrogativi che non possono prescindere dall’amore della classe politica verso il proprio territorio. E’ chiaro, tuttavia, che insieme alla passione e alla volontà del “fare”, occorre anche “abilità politica” e senso di appartenenza. Quando si parla di “abilità” si intende anche dignità e rispetto del ruolo di una realtà tra le più importanti della regione. Al di là della retorica, nei prossimi giorni e nelle prossime settimane, l’Amministrazione comunale e l’intera classe politica, dovranno confrontarsi su alcune delle tematiche che in questi giorni vivacizzano il dibattito politico regionale. In primis, la questione delle questioni: città metropolitana, area metropolitana e istituzione di

“Palazzo di Città”, sede del Consiglio comunale di Lamezia

Gianni Speranza

Rosario Olivo

un’eventuale Provincia unica con Catanzaro. Intanto, i lametini chiedono lumi al Governo centrale sugli intendimenti in materia di abolizione o meno degli Enti intermedi. E, siccome la volontà annunciata nel corso dell’ultima campagna elettorale appare ormai svanita, ci si chiede che fine ha fatto il disegno di legge dell’onorevole Ida D’Ippolito che, a tutt’oggi, è fermo in prima lettura all’interno delle “maglie” asfittiche della Commissione affari costituzionali, laddove l’altra parlamentare lametina, Doris Lo Moro è presente in qualità di segretaria. E allora, c’è davvero la volontà di lavorare e bene per la città? Si avrà il coraggio di sedersi intorno al tavolo - ca-

a città metropolitana, i “nostri” riusciranno a trovare una “sintesi alta”, o prevarranno invece i soliti campanilismi e le solite gelosie? Catanzaro rinuncerà alla sue “pretese” di capoluogo a tutti i costi senza l’apporto fondamentale di Lamezia per assurgere al ruolo di città metropolitana? Domande che i lametini girano al sindaco, Gianni Speranza e alla sua Giunta, all’intero Consiglio comunale, ai consiglieri regionali e, soprattutto, ai parlamentari. Solo riuscendo in un’opera di “intelligente convincimento” nei confronti della classe politica della città ionica, i rappresentanti istituzionali lametini potranno “passare alla storia”. Non è più tempo di pennacchi e

stupidi campanilismi reciproci, è così evidente – nonché giuridicamente imprescindibile – che la città di Catanzaro da sola non può andare da nessun parte; non potrà mai diventare “metropoli” senza Lamezia Terme. Ergo, l’istituzione della Provincia unica potrebbe “snellire” ogni procedura legislativa. Metropolitana di superficie, Piani strategici e strutturali, potranno camminare di pari passo se insieme allo sviluppo industriale ed economico delle due città - ognuna con le sue vocazioni - varranno i presupposti istituzionali di cui sopra. Altrimenti meglio non sedersi allo stesso tavolo perché sarò solo una perdita di tempo.

ri sindaci di Catanzaro e Lamezia - e affrontare con serietà e serenità tale ipotesi? L’annunciata riunione di un consesso civico lametino (che ha votato all’unanimità per Lamezia Provincia) alla presenza di Rosario Olivo e Wanda Ferro, si occuperà di questa tematica o non produrrà nessun effetto positivo per Lamezia? E questo anche alla luce delle dichiarazioni di ieri del sindaco di Catanzaro il quale ha giustamente sollecitato l’importanza del dialogo con Lamezia nell’ambito del Piano della mobilità. Insomma, dopo l’approvazione alla Camera dei deputati di una mozione che impegna il Governo Berlusconi ad elevare Reggio Calabria

IL FATTO Nonostante le leggi in materia che prevodono il carcere continua a regnare l’inciviltà

Rifiuti pericolosi per le vie del centro LAMEZIA TERME — Sempre più

spesso - nonostante le leggi vigenti in materia che prevedono anche il carcere - si vedono rifiuti pericolosi e ingombranti nei pressi dei cassonetti dell’immondizia. Accade anche a Lamezia che in pieno centro l’inciviltà dei cittadini prevale sul senso della pulizia e dell’ordine. Elettrodomestici in disuso, bombole del gas, divani, mobili vecchi e quant’altro, vengono depositati per formare - di fatto - autentiche discariche a cielo aperto che contribuiscono al degrado di tante arterie principali e strade di periferia. r. l.

A destra e qui a fianco rifiuti pericolosi e ingombranti per le vie del centro di Lamezia nei pressi dei cassonetti dell’immondizia.


il Domani

COSENZA

Martedì 7 Aprile 2009

Redazione: loc. Serramonda - Z.I. Marcellinara (Cz) - tel. 0961.996802 | fax 0961.903801 - E-mail: catanzaro@ildomani.it | www.ildomani.it

Il dramma abruzzese in poche ore “convince” i big in corsa per la presidenza della Provincia a stoppare la campagna elettorale

Il terremoto arriva fino a Cosenza Mario Oliverio annulla la kermesse di presentazione di piazza XI settembre COSENZA — Quando la terra trema per davvero siamo tutti abruzzesi in poche ore ed è un fiorire di sensibile generosità che cresce, in progress, ora dopo ora. Guai a dire però che si strumentalizza il dramma altrui, non ci crederebbe nessuno e si fa peccato solo a pensarlo. Tutto il nastro della giornata viene riavvolto nel dramma e non poteva che farne le spese “mediatiche” pure la corsa americana per la presidenza della Provincia. Ha cominciato Pino Gentile di buona ora a lanciare un sassolino nello stagno della “sensibilità” applicata alla politica. Hai visto mai. Lo staff ci pensa un po’ e annulla le iniziative (un paio) sul Tirreno. «Siamo tutti vicini alla popolazione abruzzese - ha detto in una nota- e sarebbe indelicato, nella giornata odierna, parlare di politica e di strategie quando molti nostri connazionali vivono ore di angoscia e di dramma. Nei prosismi giorni - ha aggiunto ancora - parleremo pacatamente del rischio idrogeologico calabrese proponendo soluzioni condivise agli altri enti, ma oggi è il giorno del silenzio assoluto». Senza dire, in ossequio al “giorno del silenzio”, dice già abbastanza annunciando un appuntamento sul dissesto idrogeologico (uno dei cavalli di battaglia del Pdl) e soprattutto bollando come “indelicato” ogni comizio elettorale in un giorno come questo. Mario Oliverio raccoglie, ci pensa un po’, è sospeso tra la trappola potenziale che gli è stata tesa e il reale movente che coinvolge tutti e decide pure lui di far saltare la ben più corposa kermesse di presen-

Orlandino Greco: la partita è tutta aperta per davvero COSENZA — Orlandino Greco ri-

Mario Oliverio e Pino Gentile

tazione della sua campagna elettorale. Era tutto pronto in piazza XI Settembre e da lì fino a gremire l’intero corso Mazzini ma non se ne fa nulla, palla in calcio d’angolo. Per oggi la sfida l’ha vinta la “sensibilità”. Se ne riparla domani. Oliverio ovviamente ha giocato in più un ruolo istituzionale che gli è proprio e si è messo in contatto ben presto con la presidente della Provincia abruzzese, Stefania Pezzopane. Il quadro esposto ben presto è apparso drammatico e Oliverio ha convocato per il pomeriggio di ieri una seduta straordinaria della giunta provinciale. Solo successivamente e quasi a darla per scontata è arrivata la sospendere di «ogni forma di propaganda per le elezioni del 6/7 giugno e, pertanto, si è deciso il rinvio della ma-

nifestazione di apertura della campagna prevista per oggi a Cosenza in piazza XI Settembre. In questo tragico momento-ha dichiarato Oliverio mi sembra davvero inopportuno che si dia priorità all'attività elettorale. In ogni rappresentante istituzionale deve prevalere un alto senso civico e di solidarietà. Per quanto ci riguarda, come amministrazione provinciale, abbiamo già attivato l'organizzazione e il coordinamento di attività al fine di inviare forze di volontariato, uomini e mezzi che si riterranno necessari ad affrontare la grave emergenza abruzzese». È proprio così. Per un giorno tutti abruzzesi. È doveroso e poi non costa molto. Domenico Martelli

Il senatore ex azzurro tra poche ore verrà nominato numero due del Pdl dietro Scopelliti

Tonino Gentile vicecoordinatore COSENZA — Non abbiamo fatto

neanche in tempo a fotografare un presunto derby in casa Pdl per la poltrona di vicecoordinatore regionale del partito che arriva invece l’indiscrezione assai attendibile che la partita invece sarà chiusa fra poche ore. Sarà il senatore Tonino Gentile a fare da vice a Peppe Scopelliti, l’indiscusso leader. Una nomina anche sofferta e combattuta, che ha tenuto probabilmente conto di alcuni equilibri geografici da non sottovalutare e che avrebbero potuto

procurare guai per il futuro. Certo non sarà facile “coordinare” da vice Scopelliti, notoriamente assai sufficiente da sé per prendere decisioni. Ma in ogni caso era una postazione strategicamente ambita, almeno fino a ieri, all’interno dell’entourage degli ex azzurri. Chi invece s’è affrettata a precisare che non era affatto interessata sin dall’inizio a quella sedia è Jole Santelli. «In relazione all'articolo pubblicato dal titolo “E rispunta il derby Santelli-Gentile”, intendo precisare che quanto ripor-

tato nell'articolo in parola è frutto di una ricostruzione del tutto arbitraria. Ogni singolo dettaglio ivi riportato è privo di riscontro reale ed evidentemente finalizzato a creare scompiglio all'interno del Pdl locale. Che, invece, resta compatto su ogni decisione che viene assunta collegialmente ed in piena sintonia». Tutto ok, onorevole. Ma il pezzo non era finalizzato a creare scompiglio nel Pdl locale. Se è per questo, ci riesce benissimo da solo. d.m.

flette ad alta voce dopo il bagno di folla che ha accompagnato la presentazione della sua candidatura al Teatro Rendano alla presenza di Raffaele Lombardo, venuto per la seconda volta a dare la benedizione al suo beniamino. Quest'ultimo, forse un po' incautamente, ha voluto anticipare un possibile futuro alleato in un possibile ballottaggio, esprimendo una possibile convergenza sul candidato del centrodestra. Molto più cauto Orlandino che è sicuro che si è prossimi ad una rivoluzione popolare, voluta da tutti coloro che vogliono contribuire al cambiamento allontanando dalla gestione del potere questi personaggi che hanno determinato il totale degrado della nostra regione. L'obiettivo è quello di creare una classe politica giovane che voglia realmente cambiare questa terra. “La nostra non è una partecipazione decoubertiniana, ma giochiamo per vincere poiché riteniamo che la voglia di cambiamento finalmente fa aggio sul clientelismo”, dichiara con sicurezza. Le idee programmatiche ruotano attorno alla provincia policentrica, con la periferia che diventa città, dare voce ai con-

Orlandino Greco

fini e d alle periferie, premiare la diversità, creare una provincia flessibile con una forte priorità alle azioni che premiano la qualità della vita. Insomma nessuna decisione preventiva per quello che sarà il comportamento nel caso che la partita non si chiudesse al primo turno. Certo è che da molti anni a questa parte non si giocava una partita vera alla provincia di Cosenza. Oreste Parise

In breve... Perugini: pronti ad offrire aiuti e sostegno alla gente d’Abruzzo Il presidente di Anci Calabria, Salvatore Perugini, sindaco di Cosenza, manifesta la “totale disponibilità” verso la popolazione abruzzese. «A nome dei sindaci dei Comuni calabresi - dichiara Perugini - esprimo il più profondo cordoglio per le vittime del terremoto e la nostra vicinanza alla popolazione abruzzese, in particolare alla città dell'Aquila e agli altri centri colpiti in modo gravissimo dal violento sisma. In questa difficile circostanza, la Calabria, terra purtroppo segnata dall'esperienza di simili catastrofi naturali, si sente particolarmente solidale con la gente d'Abruzzo e pronta ad offrire aiuto e sostegno». “Giovani e legalità”, convegno oggi in Confindustria Cosenza “Giovani e legalità: progettare il futuro” è il tema del convegno organizzato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Cosenza che si terrà domani (7 aprile) alle ore 16.30 presso la sede degli industriali cosentini in via Tocci. All'incontro prenderanno parte rappresentanti del mondo delle imprese, della magistratura, dell'avvocatura, dell'università, dell'associazionismo.

Spunta una lista della “dissidenza” a Rende

MEDIATAG RICERCA SU COSENZA

Appoggia la candidatura di Gagliardi alla presidenza della Provincia

Per il lancio di nuovi prodotti editoriali su Cosenza e provincia selezioniamo

fatto: sono stati candidati Ferraro al Comune di Rende (con un anticipo di oltre 2 anni) e Mario Albino Gagliardi, ex sindaco di Saracena dell'Udc alla presidenza della Provincia come indipendente. Una candidatura, quest'ultima, lanciata mesi fa e confermata di recente. Ora iniziano a uscire i nomi della lista che, prosegue Tursi Prato, «coprirà tutti e 36 i collegi e che presenteremo il 23 aprile, in anteprima all'Holyday Inn di Cosenza». Per quel che riguarda i quattro collegi cosentini, i nomi sono quelli di Arturo Olivito, di Salvatore Pichierri, Orlando Parise e Ilario Monteleone. Per Rende, saranno candidati, nel collegio uno, Alfredo Juliano, e nel 2 il già citato Vin-

per la seguenti zone:

COSENZA — «Finora siamo stati

di parola», ha commentato a caldo Sergio Tursi Prato, uno dei leader della “dissidenza” rendese. «Abbiamo, sin dal mese di giugno, annunciato le nostre intenzioni. E siamo stati coerenti su tutto». Progetto rinascita, l'associazione nata a Rende alla fine della primavera del 2008 sulla scia delle polemiche causate dal rimpasto di giunta, ha radunato attorno a se, in tutta la provincia vari esponenti della società civile. Coordinato da Sergio Tursi Prato, docente e giornalista, e da Vincenzo Ferraro, preside del liceo classico di Rende, il gruppo ha sin dalla nascita, esibito la propria “diversità”, dichiarando le proprie intenzioni con largo anticipo. Detto

cenzo Ferraro. Una sfida nel cuore del socialismo rendese. “Il nostro scopo”, prosegue Tursi Prato, è presentarci nella massima trasparenza agli elettori. Noi non facciamo spuntare i nomi come funghi all’ultimo minuto, in virtù di qualche strana cabala politica”. Per il resto della provincia, escono i nomi di Elio Stavale, ex assessore al bilancio del Comune di Bisignano per An, nel collegio di Acri, Francesco Spizzirri, direttore amministrativo della clinica Villa degli Oleandri per Mendicino, Costantino Greco per Montalto Uffugo, Filippo Tocci per Morano Calabro, Margherita Manes per Altomonte. Saverio Paletta

AGENTI PUBBLICITARI (ambosessi)

Cosenza città, Cosenza area Jonio, Cosenza area Tirreno Inviare dettaglio curriculum a info@mediatag.it. Trattamento economico di sicuro interesse.

• • •

Costituirà titolo preferenziale possedere una laurea in marketing, scienze delle comunicazioni o relazioni sociali. L’anticipo provvigionale sarà in grado di soddisfare le candidature più qualificate. Inquadramento Enasarco

Per un appuntamento selettivo gli interessati possono inviare il proprio curriculum al seguente indirizzo di posta elettronica:.......................................................... info@mediatag.it oppure al numero di fax: ............................................................................................. 0961.903421 o per posta indirizzata a: ..... MEDIATAG SPA - Loc. Serramonda 88040 Marcellinara (Cz) I dati contenuti nel curriculum verranno trattati esclusivamente ai fini della selezione del personale. La presente ricerca è estesa a persone di entrambi i sessi ai sensi della legge 903/77


il Domani Martedì 7 Aprile 2009 23

COSENZA CITTÀ Ancora incerto purtroppo il destino di tutti i dipendenti dell’istituto Papa Giovanni di Serra d’Aiello

Delegazione ex Ipg da Maiolo L’assessore regionale aveva in un primo momento firmato l’accordo con la Fiorile COSENZA — Il diavolo può fare le

pentole. E spesso le fa sin troppo bene. I coperchi sono tutt'altra cosa. Di solito, li fanno e, soprattutto, li disfanno gli uomini. In questo caso, i lavoratori dell'Ipg che, proprio ieri sera, hanno inviato una delegazione a Catanzaro per discutere del loro destino con l'assessore Mario Maiolo. Non ci stanno ad essere cassintegrati, messi in mobilità o espulsi dal circuito lavorativo senza tentarle tutte. Né, tantomeno, ad essere criminalizzati in una sorta di chiamata di correo alla responsabilità morale. Già sabato scorso c'è stata una riunione sindacale in cui, per bocca di Michele Suriano, rappresentante della Fials, molti dei lavoratori si sono dichiarati disposti a collaborare con l'autorità giudiziaria. Magari in attesa di costituirsi parte civile nel dibattimento che dovrebbe far luce su una vicenda della quale si sentono soprattutto vittime. E non ci stanno neppure a farsi considerare come “responsabili” della faccenda dei ri-

I rappresentanti dei lavoratori sono disposti a collaborare con la procura della Repubblica

coverati scomparsi. «Risulta comunque difficile -aggiunge Suriano- in tale contesto essere d'aiuto senza avere cognizione di chi si sta cercando. Fino ad oggi si è parlato molto genericamente di scomparsi, ma nessuno ha ancora provveduto a divulgare una lista ufficiale contenente quanti più dati possibili per poter rintracciare le persone». In tal senso, «non è detto che un valido apporto lo possa fornire all'autorità inquirente la documentazione prodotta nei giorni scorsi al sostituto procuratore, Eugenio Facciolla, in sinergia con la psichiatra e curatore giudiziario dell'Ipg XXIII, Assunta Signorelli». E poi, l'affannosa ricerca di uno o più legali che possano rappresentarli nella qualità di ex dipendenti dell'istituto. Una vicenda molto confusa, quindi, in cui le gatte da pelare che la magistratura paolana si troverà tra le mani saranno molte di più di quanto non sembri. A difenderli, nell'attuale classe politica sono rimasti in pochi. Soprattutto dopo lo sgombero e

la richiesta di fallimento avanzati dalle aule di un Tribunale titolare, al momento, di molte delicate inchieste. Ma parlare di fallimento è difficile, per una fondazione, come appunto è il Papa Giovanni. La procedura di liquidazione dovrà seguire necessariamente ben altre e delicate procedure rispetto a quelle previste per un normale fallimento. La Regione, in queste vicende, si trova priva di una linea univoca. Dopo la propria benedizione “laica” al progetto di rilancio avanzata dalla Fiorile srl, ha dovuto fare marcia indietro (nel giro di poche ore) e autorizzare lo sgombero e i relativi trasferimenti. Tra le poche voci critiche c'è quella di Fare ambiente, che per bocca del suo responsabile regionale, Antonio Iaconetti, ha sposato la causa dei lavoratori. E la storia, purtroppo, continua e non è detto che sarà dietro l’angolo un epilogo. Qualsiasi epilogo. s.p.

Corbelli, Diritti civili, indignato: è questa la Cosenza europea? A Spezzano Albanese quattro studenti denunciati perché beccati a imbrattare la scuola

Scuola col tetto che crolla Bullismo finisce male, tutti querelati COSENZA —Il leader del movimento

Diritti civili, Franco Corbelli, denuncia quella che definisce «una scuola-vergogna, a rischio crollo, dimenticata dall'istituzione comunale, che mette a serio pericolo la salute e l'incolumità dei bambini, assediata oltre che dall'incuria, dagli incendi, dai cani randagi, dalla pioggia e dalle infiltrazioni di acqua, una situazione di degrado e di abbandono che non si trova neanche in un Paese del Terzo mondo». È la scuola elementare e materna “Giuseppina De Matera” a far parlare di sé, oltre 700 bambini in 24 classi nell’istituto di via Aldo Moro. Protestano i genitori, protesta la dirigente scolastica Loredana Giglio, ma purtroppo - sottolinea Corbelli - nessuno li ascolta e il soffitto della scuola rischia di crollare con conseguenze drammatiche. Alcuni genitori esasperati e fortemente preoccupati hanno scritto e chiesto l'intervento di Corbelli che ha subito contattato la dirigente della scuola per avere il quadro preciso della situazione. Ma la situazione della scuola elementare di via Aldo Moro rimane grave e allucinante. Una realtà che supera la fantasia più negativa che si possa immaginare. «Sono anni che la dirigente scolastica - afferma Corbelli - chiede al Comune di Cosenza di intervenire per mettere in sicurezza questa scuola. Ma ad oggi

non è stato effettuato nessun intervento concreto e definitivo. Solo di tanto in tanto qualche piccola riparazione. In alcune aule piove. Per questo i bambini sono stati spostati prima nella mensa (provvisoriamente chiusa) e adesso nell'atrio! L'intonaco del soffitto, per le infiltrazioni di acqua, rischia di venire giù. Da un anno manca l'acqua, si va avanti con i secchi! Mancano banchi, rubinetti che vengono comprati con i soldi della scuola. Alcune aule se li sono in qualche modo pitturate (e pulite) i genitori. Ma non finisce qui. Lo scorso anno si è verificato un incendio, nello spiazzo (sommerso dalle erbacce) davanti all'edificio; è scoppiata la tubatura dell'acqua, per un miracolo non ci sono state conseguenze drammatiche. Dulcis in fundo (si fa per dire), incredibile ma vero: la scuola è letteralmente assediata dai cani randagi che entrano indisturbati. Addirittura di recente, un tardo pomeriggio, la dirigente scolastica e alcuni insegnanti per sfuggire all'assedio degli animali randagi sono rimasti chiusi, asserragliati sino a tardi dentro la scuola, sono stati chiamati i vigili urbani per salvarli e farli uscire. Chiedo al sindaco Salvatore Perugini conclude Corbelli - se una simile scuola è degna della storia, della tradizione, della civiltà e della cultura della europea città di Cosenza!».

COSENZA — A metà tra bullismo e piccoli saggi di teppismo ma stavolta la storia finisce maluccio per quattro giovanoti di Spezzano Albanese. Con quattro borsoni pieni di bombolette spray ed attrezzi vari sono stati sorpresi dai carabinieri nel cortile del liceo scientifico V. Bachelet la sera del 5 aprile. Dopo aver scavalcato la recinzione si apprestavano ad imbrattare le mura con scritte anche di carattere osceno. Da qualche mese, il liceo era diventato teatro di azioni di piccola criminalità, che in poco tempo hanno ridotto una struttura nuova, inaugurata l'anno scorso, in condizioni di preoccupante degrado. I giovani locali hanno trovato il loro divertimento serale negli atti vandalici contro gli edifici pubblici, spargimento di creolina, tentativi di furto pur se di piccola entità, imbrattamento muri. Certo non tutto può essere ricondotto ai quattro fermati, che potrebbero pagare per tutti essendo stati colti con le mani nel sacco. A Spezzano il liceo era uno dei bersagli principali, creando un grave stato di disagio nella comunità scolastica, disorientamento e profondo rammarico che aveva determinato turbativa nell'ordinario svolgimento delle lezioni. Il dirigente scolastico aveva nei mesi precedenti promosso una serie di incontri con gli amministratori locali, i rappresentanti delle forze dell'ordine e

anche alcuni commercianti, per richiamare l'attenzione di tutti sulla necessità di operare in coordinamento per evitare il ripetersi di episodi che mortificano il senso civico e il rispetto del patrimonio pubblico. Il professor Antonio Scalcione, dirigente dell'istituto, ha provveduto a formalizzare la querela nei confronti dei fermati poiché ritiene che una punizione esemplare può costituire un freno inibitorio ed impedire il ripetersi di queste azioni criminali. Egli afferma che il primo dovere della scuola è incul-

In arrivo nuove nomine al passo col vento “politico” L’azienda di Luzzi visitata da esponenti politici e da Umberto De Rose

Giro di vite al Conservatorio Delegazione alla DG Energy COSENZA —Giro di vite del Governo nelle nomine di sua competenza. E' pronta una vera e propria rivoluzione dettata dalla necessità di garantire, finalmente, la rotazione negli incarichi. Uno dei primi ad essere sacrificati dovrebbe essere Giorgio Reda, direttore del conservatorio musicale di Cosenza, notoriamente legato al centrosinistra. Per lui è previsto il trasferimento ad altra sede. Il binocolo del ministro Bondi è puntato proprio sul Conservatorio e sulla Soprintendenza ai beni artistici e culturali. Sul Conservatorio di Cosenza saranno fatte scelte innovative e di grande rinnovamento, per poter impostare un lavoro che abbia come fine la possibilità di aprire nuove opportunità al mondo giovanile. Sono proprio i risultati legati all'inserimento dei maestri diplomati nelle grandi orchestre e nel mondo della

musica il dato statistico su cui si muoverà il Ministero. E Cosenza, purtroppo, non sembra avere dato risultati incoraggianti. Per la soprintendenza ai beni artistici e culturali si prevede un cambiamento analogo , con funzionari di Roma pronti ad insediarsi. Le decisioni potrebbero essere prese prima degli appuntamenti elettorali, ma non hanno alcuna attinenza con le consultazioni in essere. Bondi vuole riservare un'attenzione meritocratica ai fatti ed alle situazioni che si sono incrostate sul territorio e che riguardano settori chiave della cultura e dell'arte. Come accaduto per i grandi teatri, il Governo vuole dare aria nuova, applicando il principio dell'alternanza per evitare che si instaurino forme dittatoriali nella conduzione operativa di uffici ritenuti importanti. Antonello Troya

COSENZA —Il sindaco di Cosenza, Salvatore Perugini, il vicepresidente della commissione Ambiente del Senato, Franco Bruno e il presidente di Confindustria Calabria, Umberto De Rose, hanno fatto visita ieri mattina, nella zona industriale di Luzzi, alla Dg Energy, azienda leader nel settore della produzione di pannelli fotovoltaici in silicio cristallino. La visita rientra nell'impegno per la ricerca di nuove fonti energetiche che coniughino il risparmio nella spesa per gli enti locali, la valorizzazione delle risorse naturali e l'esigenza del rispetto dell'ambiente, nella prospettiva di sinergie pubblico-privato che favoriscano l'innovazione. A tal fine è stata concordata un'iniziativa congiunta tra il Comune e il presidente De Rose per verificare la fattibi-

lità di un progetto sperimentale in grado di rendere energeticamente autosufficiente l'ente municipale. La DG Energy ha inteso offrire al sindaco e alla città di Cosenza la disponibilità a costruire e realizzare un progetto gratuito per rendere l'area del Mab alimentata attraverso l'utilizzo di energia pulita. Tutti i convenuti hanno decisamente apprezzato la presenza in Calabria di aziende all'avanguardia nei settori delle tecnologie più avanzate che possono rappresentare una grande opportunità di sviluppo che deve essere riconosciuta, apprezzata ed incoraggiata per le potenzialità che è in grado di offrire. «La realtà della DG Energy ha dichiarato il senatore Franco Bruno è la prova concreta che anche in Calabria esistono talenti imprenditoriali da valorizzare e tutelare».

care il senso della legalità, che deve essere un valore sentito da tutti e costituire il collante della collettività. «Non siamo contro i writer che possono dare una nota di colore all'istituto, purché la loro azione sia contenuta nei confini della legalità evitando l'esibizione di volgarità». Il dirigente dell'istituto, contattato telefonicamente ha espresso profondo rammarico per il comportamento dei giovani procedendo alla formale querela nei loro confronti. Oreste Parise

Servizio a cura della Mediatag settore pubblicità legale

ENTI PUBBLICI E ISTITUZIONI Gli annunci sono presenti sul portale telematico www.aste.eugenius.it

COMUNE DI MONTALTO UFFUGO (Provincia di Cosenza) È stata confermata definitivamente in data 01/04/2009 l’aggiudicazione dell’appalto dei lavori: REALIZZAZIONE PISCINA COMUNALE, LOCALITA’ “PARRILE” all’impresa SCAGLIONE ALDO, VIA MONTAGNOLA, N. 30/A - ACRI (CS), per importo di € 618.843,83 Oneri di Sicurezza inclusi, corrispondente al ribasso d’asta del 22,250%. Montalto Uffugo, 01/04/2009 Responsabile del Procedimento F.to Geom. Giuseppe Ortino


24 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

IONIO COSENTINO ROSSANO Il ritrovamento nell’alveo del fiume Trionfo da parte dei militari della Guardia di Finanza. L’area è stata posta sotto sequestro

Rifiuti pericolosi in contrada Foresta Rinvenute carcasse di automobili, vecchi pneumatici e scarti di edilizia. Indagini della Procura ROSSANO — I finanzieri della Compagnia di Rossano, nel corso dello svolgimento dei servizi di controllo del territorio, hanno riscontrato che nell’alveo del fiume Trionfo, in Contrada Foresta, località Strigari, erano state riversate ingenti quantità di rifiuti pericolosi, costituiti dall’accatastamento di migliaia di carcasse di vecchi pneumatici, di scarti derivanti dall’edilizia, nonché di rifiuti ferrosi ed alcune carcasse di automobili, precedentemente date alle fiamme. Il magistrato competente ha provveduto al sequestro dell’area, pari a circa mq. 2000, e dei rifiuti pari a circa CORIGLIANO — Il direttivo del circolo di Rifondazione Comunista, dopo un percorso di confronto ampio ed approfondito con le soggettività della sinistra diffusa, coadiuvato dal rappresentante Enti Locali della Federazione Provinciale, Rocco Tassone, ha tenuto un incontro con il candidato a sindaco per il centrosinistra, l’avvocato Aldo Algieri, accompagnato da una qualificata delegazione del Pd. Di sicuro, spiegano dal Prc, il migliore candidato che il Partito Democratico potesse mettere in campo per affrontare le prossime consultazioni elettorali del 6 e 7 giugno prossimi, ma aveva destato qualche perplessità il metodo per come si è giunti a questa scelta. Sono state portate all’attenzione della delegazione alcune tra le questioni alle quali Rifondazione Comunista conferisce particolare importanza, come quelle che attengono allo sviluppo razionale ed equilibrato del territorio, alla difesa dell’ambiente e al lavoro”. “Il Partito della Rifondazione Comunista – viene spie-

Una discarica

CORIGLIANO Via libera dal direttivo comunista

L’ok del Prc su Algieri Laratta: «Scelta giusta» Coro unanime: «Ricompattare il centrosinistra» gato in una nota – ha, inoltre, posto l’accento su alcuni aspetti dei rapporti che dovranno caratterizzare la collaborazione con la coalizione e con il futuro sindaco. In particolare, il Prc ha sottolineato “l’importanza del ruolo del partito e le sue prerogative nel decidere in merito alle scelte di linea politica e di rappresentanza. Ha altresì posto l’accento sulla propria valenza di accettare la sfida del governo, mettendo a disposizione della coalizione e della città i propri uomini, ritenendo che sia opportuno andare avanti invitando la città alla partecipazione popolare quartiere per quartiere. Proponia-

Aldo Algieri

CORIGLIANO Il via oggi con ambiente, depurazione e randagismo. Previsti numerosi interventi

Forum tematici ed elettorali per il Pdl CORIGLIANO — Il candidato a sindaco della città di Corigliano per la coalizione di Centrodestra, Pasqualina Straface, dà ufficialmente il via alla stagione dei Forum Tematici. Si tratta di momenti di dibattito e condivisione afferenti problematiche che affliggono il territorio comunale in risposta alle quali, come schieramento che si propone al governo della città, e con la preziosa collaborazione di esperti del settore e giovani professionisti, si intende porre in essere un’azione amministrativa improntata alla celere ed efficace risoluzione. Il primo di tali appuntamenti, ai quali l’intera cittadinanza è invitata a partecipare, è il Forum Ambientale che si terrà oggi, alle ore 18:30, presso la sala convegni di Palazzo “AlCentro”, in via Nazionale a Corigliano Scalo. L’iniziativa, fortemente voluta dal candidato a sindaco Pasqualina Straface e dall’intera coalizione che ne sostiene il progetto politico, vedrà la partecipazione di qualificati esperti delle problematiche ambientali e delle dinamiche di settore nonché dei rappresentanti delle diverse forze politiche dello schieramento: Popolo della Li-

bertà, Udc, “Forza Corigliano”, “GiovanIdee-Pdl”, Mpa, Udeur, Dc-Terzo Polo di Centro, “Con Straface: il futuro, adesso”. Esponenti politici e professionisti della materia, tutti insieme, dopo l’esposizione delle singole “voci” afferenti il campo d’azione da parte di quest’ultimi, illustreranno le strategie d’intervento per porre rimedio alle numerose ed ataviche problematiche, mai risolte ma an-

zi aggravate dalle amministrazioni comunali che si sono succedute negli anni, che hanno determinato una vera e propria emergenza ambientale sul territorio di Corigliano: il dilagante fenomeno del randagismo, la questione del malfunzionamento dei depuratori, la presenza massiccia di rifiuti sulle strade cittadine e sulla spiaggia di Schiavonea, la mancata attuazione della raccolta differenziata, l’inefficiente servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, l’assenza di un progetto di energia alternativa e di riconversione dei rifiuti, il degrado e l’incuria nel quale attualmente versano i torrenti e le foci d’acqua, lo scarso sostegno apportato dall’Ente Locale alle associazioni ambientaliste che operano alacremente sul territorio, l’assenza di un adeguato Piano di Protezione Civile. A tale scopo, i rappresentanti delle associazioni e dei movimenti ambientalisti sono stati invitati a partecipare, e ad intervenire, al Forum che si terrà domani perché la loro presenza, la loro collaborazione, la loro esperienza è di vitale importanza per attuare un percorso sinergico di radicale evoluzione del sistema.

150 tonnellate. Dell’accaduto, nonché dell’ingente danno ambientale che una simile quantità di rifiuti ha determinato e che potrebbe comportare una sostanziale alterazione dell’assetto territoriale ed idrogeologico dell’area, ne è stata data immediata comunicazione non solo alla Autorità giudiziaria locale, ma anche alle Autorità locali, provinciali e regionali per l’immediata bonifica dell’area. Le indagini della Guardia di Finanza proseguono, sotto l’egida della Procura, per l’identificazione dei responsabili della violazione. Il risultato di servizio della

Compagnia di Rossano si aggiunge agli altri numerosi interventi realizzati nel primo trimestre di quest’anno dagli uomini delle Fiamme Gialle, nel quadro delle iniziative operative assunte dal Comando Provinciale per il controllo e il costante monitoraggio del territorio cosentino che, in materia ambientale, con l’individuazione di altre 14 discariche abusive, ha già portato al sequestro di oltre 300 tonnellate di rifiuti ammassati abusivamente su circa 16.000 mq. di siti, anch’essi sottoposti dalla Guardia di Finanza a misure cautelari.

mo, in altri termini, un lungo viaggio nella città, che faccia del momento partecipativo l’elemento di diversità. Il programma di rinascita della nostra città potrà scriverlo solo la sua cittadinanza. Il candidato a sindaco, Aldo Algieri, e tutta la delegazione, hanno recepito con interesse e condivisione quanto esposto dal circolo di Rifondazione. Nei prossimi giorni il Prc parteciperà alle attività di tutte le organizzazioni politiche del centrosinistra, “in preparazione di una campagna elettorale che dovrà vedere vittoriose le forze della civiltà e del progresso sulle forze della destra conservatrice e di regresso”. Intanto, sulla scelta di candidare Algieri, si registra l’intervento del deputato Pd Franco Laratta. “Non c'è alcun dubbio che la scelta di Aldo Algieri quale candidato sindaco di Corigliano è la più forte ed autorevole possibile. Aldo Algieri potrà mettere al servizio della città e dell'intero comprensorio la sua capacità di imprenditore di successo, le sue qualità di uomo e di esponente

politico, la sua voglia di fare e di incidere positivamente. Con Aldo Algieri si potrà veramente avere una svolta politica e amministrativa a Corigliano. Si tratta di una personalità importante, al servizio di tutta la città, capace di ricompattare il centro-sinistra e soprattutto di garantire un percorso di innovazione e di rilancio programmatico per i prossimi 5 anni. Corigliano non può più attendere, né può perdere altro tempo in discussioni, lacerazioni e ritardi. Il suo rilancio è importante ed urgente. Algieri e la squadra di cui si doterà, ridaranno forza e prestigio ad una città importante e strategica per lo sviluppo della Provincia di Cosenza e della Calabria”. Ora al neo candidato spetta l’arduo compito di portare avanti una lina comune a tutti i partiti. Obiettivo difficile considerate le varie anime che popolano l’ex ulivo e democratici, ma certamente non sarà impossibile per un navigato della politica.

Emilia Manco

AtPress

Corigliano, Comunali L’Mpa sostiene la Straface CORIGLIANO — Il Movimento per l’Autonomia (Mpa) correrà a Corigliano nelle amministrative comunali del 6 e 7 giugno a sostegno della candidata del centrodestra alla carica di sindaco, Pasqualina Straface. La decisione è stata presa sabato a Cosenza al termine di un vertice in occasione della presentazione del candidato presidente della Provincia per l’Mpa, Orlandino Greco, cui è intervenuto il segretario nazionale e presidente della Regione Sicilia, Raffaele Lombardo. “Il Movimento per l’Autonomia – recita un comunicato – con propri candidati sosterrà così Pasqualina Straface presentando una lista insieme a Dc e Udeur. Alla scelta si è giunti dopo un confronto con la base del Movimento, anche in sintonia con l’alleanza strategica per il Sud nel Governo nazionale. Il Movimento per l’Autonomia si propone a Corigliano come forza autonomista fortemente legata ai valori del territorio e alla difesa piena dei suoi interessi,

Pasqualina Straface

dialogando con la gente e ascoltando i bisogni della collettività. L’intesa raggiunta con Pasqualina Straface vedrà l’Mpa battersi nella definizione di un programma e di una azione che tenga conto delle prerogative del territorio e delle necessità, recuperando entusiasmo e partecipazione alla vita sociale”. AtPress


il Domani Martedì 7 aprile 2009 25

TIRRENO COSENTINO PRAIA A MARE — Regolamento

per la pubblicità della situazione patrimoniale dei consiglieri comunali. Mettere in luce le dichiarazioni dei redditi dei consiglieri comunali di Praia a Mare, ma non sarà una sorta di classifica per stabilire chi è il “Paperon de Paperoni” e chi il più “povero”. Tutti i consiglieri, il sindaco e gli assessori, sono tenuti a depositare presso la segreteria generale del Comune di Praia a Mare la copia dell’ultima dichiarazione dei redditi. Non è un dovere morale ma un obbligo imposto a tutti dal regolamento del consiglio comunale che come tale va rispettato e fatto rispettare. A se-

PRAIA A MARE Chiunque può prendere visione della denuncia dei redditi di sindaco e consiglieri

Politici, pubblici i dati patrimoniali guito della proposta del consigliere comunale di maggioranza, Maurizio Ariete, prossimamente, per la prima volta i dati patrimoniali dei consiglieri comunali del Comune praiese saranno a disposizione di tutti i cittadini che ne faranno richiesta, come previsto dall’articolo 13/bis del regolamento per il funzionamento del consiglio comunale di Praia a Mare approvato con delibera consiliare n° 24 del 27 novembre 2008. Uno dei

motivi assunti all’epoca da chi ha voluto inserire questo punto, la pubblicazione, era che si doveva rendere noto ai cittadini che fare l’amministratore non significa guadagnarci qualcosa e in caso contrario era opportuno che i cittadini ne fossero al corrente. Tutti i cittadini iscritti nelle liste elettorali per le elezioni del Consiglio comunale hanno diritto di conoscere le dichiarazioni dei redditi. Il cittadino deve presentare la domanda in cui viene precisata la di-

chiarazione del consigliere che intende visionare e il sindaco autorizzerà gli uffici competenti a far prendere visione delle dichiarazioni. Insomma potrebbe essere un grande passo in avanti per la trasparenza dei dati dei rappresentanti istituzionali che rappresentano il popolo. Una iniziativa che dovrebbe essere imitata da tutte le amministrazioni, locali e regionali. Emilia Manco

La sede municipale di Praia a Mare

BELVEDERE M.MO Bilancio di fine mandato del sindaco. Ma non mancano le critiche: «Ha la memoria corta»

D’Aprile gioca d’anticipo: ecco la mia gestione Stilettate agli ex e ai consiglieri scalpitanti. Dito puntato contro la stampa “non allineata” BELVEDERE MARITTIMO – «E’ ne-

cessario che qualcuno ricordi al sindaco Mauro D’Aprile le condizioni che portarono 5 anni fa il centrosinistra a puntare sul suo nome». È l’opinione diffusa degli addetti ai lavori all’indomani della “chiamata alle armi” del primo cittadino. Voleva provocare un certo movimento, il sindaco, e sicuramente c’è riuscito. La stagnante politica locale ha subito un sussulto quando il sindaco uscente D’Aprile ha presentato una sorta di bilancio domenica sera sul lungomare di Belvedere Marittimo. Non sono mancate nemmeno le frecciatine agli alleati. I consiglieri scalpitanti sono avvisati. Avrebbe dovuto raccogliere centinaia a centinaia di persone, e invece accanto al “supersindaco” poche decine di fedelissimi e di curiosi. Non voleva fare nomi, il sindaco. Ha detto che se stuzzicato, li dirà in campagna elettorale. Qualcuno gli è scappato. Il dito puntato, ovviamente, è solo contro quella stampa “non allineata” che si è azzardato a definirlo, tempo fa, “delfino” di Giuseppe Mistorni. Naturalmente nessun cenno sull’altra stampa, quella prona al volere dell’assessore o del consigliere di turno, e pronta alla vetrinetta sul giornale locale. In-

Mauro D’Aprile

somma da destra a sinistra, da nord a sud, sembra che il momento non sia dei migliori per criticare o mettere in discussione i politici in generale. Forse sarebbe necessario, come si chiede a gran voce da parecchio tempo ormai, che il sindaco D’aprile non presentasse solo il conto di ciò che ha fatto, ma anche di ciò che avrebbe dovuto fare e che non ha fatto e dare una motivazione politica ai cinque anni che lo hanno visto seduto alla pol-

trona di primo cittadino. “Ha la memoria corta, il primo cittadino – sono le considerazioni di tanti cittadini all’indomani dell’incontro – se nega il supporto di Giuseppe Mistorni (ex consigliere regionale ed ex assessore) alla sua candidatura a sindaco di cinque anni fa, ai danni di Rachele Grosso Ciponte, estromessa poi anche come assessore. Dimentica il “supersindaco”, definito tale per le innumerevoli deleghe che ha gestito (ben nove), che nel corso della sua consiliatura ha messo da parte le belle proposte di “democrazia partecipata” e di “trasparenza” e ha amministrato con i suoi “super poteri”, senza alcun controllo o riferimento politico, e naturalmente senza un’opposizione in grado di metterlo perlomeno in discussione”. Un’amministrazione, è il caso di ricordare, che ha registrato il balletto di Rifondazione Comunista che più volte non ha votato il bilancio ed è rimasto ancorato alla sedia. E la fuoriuscita di due consiglieri dalla sua maggioranza (per di più dello stesso partito). Per non parlare del fallimento dell’Unione dei Comuni di cui D’Aprile era presidente, finendo alle consulenze senza bando e alla perdita di alcuni finanziamenti. Antonello Troya

SCALEA Encomio speciale al Festival “Cortolandria” con il film “Questioni Meridionali”

Cortometraggi, premio al Liceo Metastasio SCALEA — Il Liceo scientifico di Scalea ha incassato un altro bel risultato. Dopo il buon piazzamento ottenuto da molti suoi alunni allo Scacchi Tour 2009, VII edizione, nel torneo Open A, destinato ai ragazzi della scuola superiore, questa volta il successo è arrivato in Puglia, ad Andria, al Festival “Cortolandria”. Al concorso di cortometraggi, provenienti da ogni parte d’Italia, il corto “Questioni meridionali” del Liceo di Scalea è stato molto apprezzato, tanto da meritare il premio speciale “Paola Chicco”. Si tratta del prodotto di un Progetto PON di cinematografia, il cui esperto esterno è stato Antonio Malfitano e tutor il docente Paolo Montoro; le adesioni sono state moltissime, tra queste sono stati selezionati 22 alunni. Dopo un corso di storia del cinema e tecniche cinematografiche, gli allievi hanno costruito interamente da soli il soggetto, la sceneggiatura e la regia del lavoro mandato al concorso di Andria. Un progetto di eccellenza, che

Il liceo di Scalea

ha avuto grande impatto educativo, rapportando i ragazzi coinvolti da un lato al meraviglioso mondo della celluloide dall’altro alla nostra realtà meridionale ma con occhi disincantati. Il corto ripropone, infatti, la situazione tipica di una scuola calabrese, in cui i ragazzi fanno i conti quotidianamente con problemi di emarginazione, disoccupazio-

ne, criminalità organizzata. Protagonista è un liceale che vive solo con la madre ed è costretto per questo anche a lavorare; alterna scuola e lavoro con buoni risultati fino a quando non incrocia un compagno che gli presenta la facile scappatoia della droga: il bravo ragazzo, dopo una prima resistenza, inizia a spacciare a sua volta. La tematica è dura ma realistica e ciò le ha valso il favore della critica al concorso pugliese; lo stesso Roberto Vecchioni, presidente di giuria, si è complimentato riconoscendo la validità del prodotto con un finale così poco retorico e niente affatto scontato. “Il progetto – ha dichiarato Paolo Monitoro – aveva come obiettivi quello di fornire nuovi strumenti per decodificare la realtà circostante, consentendo ai ragazzi di rafforzare lo spirito critico che nell’epoca dell’immagine è seriamente a rischio e di riuscire a demistificare i messaggi mediatici. Tania Paolino

S. NICOLA Il racconto di due universitari calabresi a L’Aquila

Studenti scampati al terremoto S.NICOLA ARCELLA – Il violento ter-

remoto di ieri è stato vissuto anche da alcuni studenti universitari di San Nicola Arcella. Una notte che rimarrà sempre nell’anima di Piero Liporace e Antonella Mele entrambi di San Nicola Arcella che si trovavano nella città abruzzese per motivi di studio. Si trovavano in Abruzzo per sostenere un esame prima delle festività pasquali. L’ultimo bilancio reso noto dai soccorritori parla di quasi cento vittime, tra cui molti bambini. Ma ovviamente è un numero provvisorio in quanto si continua ancora a scavare tra le macerie. Molti i crolli, tra cui un orfanotrofio e la casa dello studente, decine di migliaia gli sfollati. Il panorama che si è presentato davanti agli occhi dei due ragazzi intorno alle 3.40 è stato devastante. “I tre minuti e mezzo, tempo di durata della scossa, sono stati interminabili, lunghissimi. L’andamento sussultorio del sisma ha reso l’idea come se la terra si aprisse”, questo è stato il racconto di Piero che ancora attonito, sbigottito e spaventato ha raccontato come avevano trascorso le ore dopo le

3.40. Tutto era in un grande stato di agitazione. La gente per strada che cercava riparo, le macerie degli edifici crollati, le macchine piene di persone che non avevano più dove andare o che comunque non avevano il coraggio di ritornare in casa. Incredibili sono le storie di chi è scampato alle macerie solo per pura fatalità o perché quella sera aveva deciso di rimanere a dormire a casa dell’amico. Ancora scosse, tante, quelle cosiddette di assestamento hanno accompagnato tutta la notte degli abruzzesi che dal mese di gennaio convivevano con ripetute scosse sismiche, diventati quasi ordinarie durante il giorno. Ieri mattina è cominciato il bilancio che con le ore è cresciuto in maniera impressionante. Tutta la nazione si è mobilitata per portare aiuto alle popolazioni colpite dal terremoto ed in particolare la nostra regione è pronta a collaborare con le autorità competenti così come i presidenti delle province della Calabria stanno portando tutto il loro apporto alla città de L’Aquila. Emilia Manco

IN BREVE TORTORA - Montesano: «Il Porto canale, una risorsa» L'ex vicesindaco in occasione della sua candidatura alle elezioni provinciali tra le fila del movimento civico “La Calabria che non c'è”, che appoggia il candidato alla presidenza Pino Gentile, ha aperto nuovamente la discussione sull'atavico progetto del Porto Canale. «La progettazione del Porto Canale di Tortora risale al 1974. Fu una scelta futurista ma soprattutto non condivisa da parte della popolazione e da alcuni professionisti locali che videro nel porto un'opera pericolosa che avrebbe portato criminalità e malaffare. Non mi meraviglio che oggi molti politici se ne riempano la bocca, promettendo la sua costruzione o realizzandola altrove. Come sempre paghiamo per la nostra scarsa lungimiranza. Se Tortora avesse avuto il suo porto avremmo posseduto una risorsa non indifferente». Secondo Montesano questa scarsa lungimiranza amministrativa oggi si sta riversando su un'altra opera importante, quella dell'eolico. «I motivi che hanno portato al boicottaggio del piano eolico sono due: perché la sua progettazione non è partita dai banchi della maggioranza; perché si è creato un ambientalismo insensato che ha messo in primo piano problemi falsi e insensati». Montesano non ha voluto dichiarare nulla in merito alla questione amministrativa locale: «Mi sembra quanto mai inutile e ridondante esprimere sempre gli stessi pareri negativi. Il paese è ormai bloccato e le cose rimarranno così fino alle prossime elezioni, salvo qualche dimissione inaspettata che comunque porterebbe solo a un lungo periodo di commissariamento». Martino Ciano


26 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

COSENZA E PROVINCIA di Francesco Ciampa

La storia di Giuseppe Cosco: rinchiuso dall’infanzia è il simbolo della segregazione dei folli

CATANZARO — La follia tradotta in

malattia, il folle trasformato in malato, la persona ridotta in cosa. La logica del manicomio è questa. Tra segregazione e catene, la storia di Giuseppe è questa. Giuseppe Cosco nasce a Simeri Crichi, paesino alle porte di Catanzaro, il 7 novembre 1965, e la sua storia, la sua vita, testimonia una scelta di comodo: irrequietezza, miseria, povertà sociale e materiale vanno negate, allontanate, rinchiuse come è stato rinchiuso Giuseppe, costretto a vivere per dodici anni incatenato in un letto di un reparto psichiatrico della città capoluogo prima di approdare all’Istituto Papa Giovanni di Serra D’Ajello, dove l'uomo muore a quarantadue anni. Pino Cosco è la prova di come un uomo, un bambino, passando da un istituto ad un altro si trasforma in cosa, che in quanto cosa non sa più vivere in libertà. Pino è l'ultimo di tre figli. Sua mamma è una ragazza madre con problemi di depressione. La donna, sola con il suo disagio sociale e materiale, pensa che per il figlio - «un po' ribelle ma normale» - dice il fratello, la soluzione migliore è di richiuderlo in un istituto per farlo studiare. Il bambino viene portato al vecchio Istituto Rossi di Catanzaro ma qui l’“esperimento” non funziona e si tenta la strada del Nord. Quell’essere povero e ribelle stavolta va a finire in un istituto in provincia di Rovigo. E qui le cose vanno peggio: «Nessuno ci dava notizie, e alla fine lo hanno riportato indietro malato», ricorda il fratello Umberto. Per quel bimbo si deve cambiare rotta, serve ben altro che il collegio, l’unico “rimedio” è la segregazione a vita. In una clinica catanzarese è uso tenere legato Giuseppe con la catena al piede ad un albero d'ulivo. Ma non è questo il peggio. Le fotografie shock immortalate dalla Gazzetta del Sud e

Ecco la psichiatria delle catene Niente cinture al Papa Giovanni ma la famiglia vuole vederci chiaro sul decesso In una rivista nazionale la foto di Pino incatenato in una struttura psichiatrica catanzarese

grave deterioramento” psichico “è dovuta al fatto che Giuseppe è stato istituzionalizzato all'età di 8 anni” e “resta ancora molto da fare per recuperare le sue potenzialità”. Con il Papa Giovanni si arriva alla parte ultima di questa brutta storia. Dal ’94 al 2007 (fino alla morte) Giuseppe trascorre la sua esistenza all’Ipg di Serra D'Ajello. In questo caso il fratello Umberto non ci racconta di catene ma ci descrive con parole semplici ciò che secondo lui testimonia le pesanti criticità della da una rivista a tiratura nazionale, mostrano Giuseppe ancora ragazzo incatenato in un lettino presso il Servizio psichiatrico di Catanzaro in un reparto messo a disposizione dall’azienda ospedaliera Mater Domini: si tratta di immagini crude che riportiamo in pagina che però non appartengono più alla realtà attuale della struttura. Altro che riabilitazione, altro che comunità terapeutica: il sogno basagliano della chiusura dei manicomi per una “psichiatria democratica” e una società che fa i conti con la sua

follia e le sue contraddizioni senza negarle, si infrange nelle storie come quella di Giuseppe, che rimane incatenato in quel lettino per dodici anni. Prigioniero per tanto, troppo tempo: al punto che una volta, riportano le cronache dell’epoca, Pino arriva a chiamare gli infermieri per farsi legare di nuovo perché lui, come un uccello in gabbia, non sa più vivere la sua libertà. Con il freddo linguaggio di una relazione clinica, i sanitari del Papa Giovanni arrivano alla stessa conclusione del malcapitato: la “situazione di

struttura. Al Papa Govanni - afferma Umberto - «un ospite dell'istituto diede una coltellata a Pino e noi familiari sapemmo la cosa solo perché mia sorella aveva telefonato ad un'assistente sociale che la informò dell'accaduto». Poi, nel 2007, la rottura di tibia e perone causata, pare, della caduta provocata da un degente. Si arriva alla morte, nell'aprile del 2007. I sanitari dell'Ipg, che in una relazione clinica di pochi giorni prima sostengono il “lieve miglioramento” della “sintomatologia” (ritardo men-

tale con turbe del comportamento), parlano di morte naturale per arresto cardio-circolatorio. Il fratello, però, nel maggio dello stesso anno, in qualità di amministratore di sostegno, scrive al giudice tutelare sostenendo la sussistenza di “circostanze poco chiare sia della rottura di tibia e perone (divenuta oggetto di causa civile, ndr) sia della morte improvvisa”. «Tre giorni prima della morte - dice Umberto al “Domani” - mio fratello stava bene (tra l'altro non soffriva di cuore). Ricordo di averlo portato al bar e lui rifiuto il caffé nel bicchiere di carta, voleva il bicchiere di vetro». Il legale di Umberto Cosco, l'avvocato Franco Critelli, precisa: «Non siamo contro nessuno, il mio cliente, alla luce delle ultime notizie di cronaca (morti sospette e sparizioni di ospiti dell'Ipg, ndr), tramite me si è rivolto alla Procura di Paola per un approfondimento della vicenda». «Come umanista - aggiunge l’avvocato - mi batterò in tutte le sedi per far rivivere la memoria di Giuseppe, affinché la storia di quel ragazzo non si ripeta più». Ad onor del vero, in tutta questa storia, fino a quando non saranno trovati fatti che provino la rilevanza penale del decesso, i risvolti del Papa Giovanni si collocano in secondo piano. Qui e ora conta ciò che conta è testimoniare il bambino trasformato in cosa, raccontare l'indifferenza, l'ignoranza, gli errori di una intera comunità e dello Stato, i limiti di una società che nega le proprie contraddizioni incatenandole.

AUTOCHIARA by Lamezia Gomme via del Progresso Lamezia T. (CZ) tel. 0968.456686 PUNTO AUTO di Lico Giorgio via Longobardi Vibo Marina (VV) tel. 0963.573820 SUPERMOTORI di Santoro I. via Cutro, 600 - (KR) tel. 0962.964568 AUTOSALONE di Noce Angelo E. loc. Laconi Bivio Caccuri (KR) tel. 0984 998722-654929 AUTOCENTRO di Cariati Antonio piazza Municipio Cirò Marina (KR) tel. 0962.35910 GRANDINETTI Aldo Automobili via Maigret Soveria Mannelli (CZ) tel. 0968.662348

RUGA

Catanzaro - tel. 0961.759659 / 367062 r.a. e-mail: ruga.hyundai@tin.it


il Domani Martedì 7 Aprile 2009 27

VIBO VALENTIA CITTÀ E PROVINCIA CRONACA Colpi d’arma da fuoco contro l’auto di Pietro Schirripa. Il manager di Rosarno si stava recando al lavoro

Agguato al direttore sanitario dell’ospedale Ignoti danno alle fiamme un escavatore nel cantiere del costruendo Palasport VIBO VALENTIA — Alcuni colpi d’arma da fuoco sono stati esplosi contro l’auto sulla quale viaggiava Pietro Schirripa, 58 anni, direttore sanitario dell’ospedale di Vibo Valentia. Una pallottola ha infranto il finestrino del lato guida, ferendo di striscio il professionista, che adesso di trova ricoverato nello stesso ospedale di Vibo. Il fatto è avvenuto ieri intorno 8,30 sulla strada statale che da Rosarno (Reggio Calabria) porta a Mileto (Vibo Valentia). A quell’ora il professionista da Siderno, dove risiede, a bordo del suo fuoristrada si

stava recando al lavoro all’ospedale vibonese, quando è scattato l’agguato. L’uomo avrebbe accelerato la corsa arrivando fino a Mileto, dove ha allertato i carabinieri, prima di raggiungere il nosocomio. Ma non è finita qui. A marcare di violenza il territorio, un altro episodio consumatosi a Vibo Valentia. Ignoti, dopo aver segato la catena del lucchetto del cancello d’ingresso del “Palasport” di Vibo Valentia, hanno dato alle fiamme un escavatore e danneggiato una terna che si trovava accanto, di proprietà di una impresa di Si-

derno impegnata in lavori di sistemazione delle infrastrutture. Il fatto è avvenuto intorno alle 23 di domenica scorsa in località “Maiata”, dove sta sorgendo appunto il grosso centro sportivo di proprietà del comune. La struttura era stata realizzata e consegnata qualche mese addietro da una impresa del luogo, mentre i lavori di rifinitura era stati appaltati dall’impresa reggina. Sul luogo i carabinieri della locale stazione ed i vigili del fuoco che hanno impedito maggiori danni che comunque rimangono ingenti.

LE REAZIONI/2 Il governatore invita a non abbassare la guardia. La Cgil: «Violenza di ’ndrangheta»

Loiero: «Una vicenda allarmante» CATANZARO — «Il ferimento del

direttore sanitario dell’ospedale di Vibo Valentia, Pietro Schirripa è un fatto allarmante, grave, l’ennesimo, in un’area della Calabria, dove è indispensabile non abbassare la guardia, ma proseguire in un’azione di contrasto forte alla criminalità organizzata», ha detto il presidente della Regione Calabria Agazio Loiero. «Urge una riposta immediata a tale violenza. Sono vicino a Schirripa - ha concluso Loiero - e mi auguro che gli inquirenti facciano luce al più presto su quanto accaduto». La Cgil Calabria, dal canto suo, esprime «la sua forte condanna contro l’ennesimo atto di vio-

Agazio Loiero

lenza ’ndranghetista, perpetrato ai danni del dottor Pietro Schirripa, presidente della cooperativa Valle del Bonamico associata a Goel». «Ancora una volta - avvertono dal sindacato di Epifani - la ’ndrangheta fa sentire la propria voce di morte cercando di colpire in modo vigliacco uomini inermi». «La Calabria onesta - è l’appello lanciato dalla Cgil - non può e non deve rassegnarsi a questo stato di cose, a questa regressione in cui si tenta di sospingerla, deve reagire, far sentire la propria voce, mettendo assieme le sue forze migliori in una azione in grado di contrastare e sconfiggere la ’ndrangheta».

Confindustria, riconfermato il presidente della sezione Viaggi e Turismo Assemblea generale della Sezione Viaggi e Turismo di Confindustria Vibo Valentia, chiamata ad eleggere il Consiglio direttivo ed il presidente per il prossimo biennio. Ha aperto i lavori il presidente uscente Giuseppe Giuliano che, attraverso una dettagliata relazione, ha ripercorso gli anni del suo mandato ricco di attività ed iniziative. Si è preceduto quindi all’elezione del nuovo Consiglio direttivo che risulta così composto: Giuseppe Giuliano (Villaggio Residence Baia del Sole); Saverio Mancini (Onda Verde Mare); Giuseppe Macrì (Albergo Residence Sciabache); Maurizio De Bella (Ma & Ma - Maury); Giuseppe Lo Preiato (Lo Preiato Giuseppe sas); Domenico Tavella (Villaggio Camping Mimosa); Michele Miceli (Solaria spa – Roller Club). Il neo eletto organo direttivo, ha quindi confermato all’unanimità presidente della sezione Viaggi e Turismo, Giuseppe Giuliano, il quale, dopo aver ringraziato i convenuti per la fiducia accordatagli, ha brevemente tracciato quelli che saranno gli obiettivi che la Sezione intenderà perseguire per i prossimi due anni. «Qualità ambientale, sviluppo del territorio, erosione delle coste, capacità di vendita dei pacchetti turistici, sistemi turistici locali e rapporti con la P. A., saranno - ha dichiarato Giuliano - alcuni dei punti cardine del mio mandato». «Già immediatamente, dopo le festività pasquali - ha proseguito Giuliano - saremo al lavoro per programmare gli interventi più urgenti per l’apertura della stagione». (Ma. Bo.)

TERREMOTO IN ABRUZZO Enti locali pronti a intervenire per le popolazioni colpite dal sisma

Solidarietà da Comune e Provincia VIBO VALENTIA — Il terribile terremoto che ha sconvolto numerosi centri abruzzesi, causando vittime e decine di migliaia di sfollati ha profondamente colpito anche la comunità vibonese. Nel corso della seduta del Consiglio comunale, in corso per l’approvazione del bilancio, i gruppi di opposizione avevano chiesto una sospensione dei lavori in segno di lutto, proposta che è stata seccamente respinta dal capogruppo del Pd, Michele Furci, secondo il quale si può esprimere ugualmente l’emozione di questi tragici momenti rimanendo al proprio posto e proseguendo con i lavori consiliari. A quel punto, il consigliere del PdL, Francesco Manduca, che aveva illustrato la proposta, l’ha ritirata perché, ha dichiarato: «Un fatto del genere attiene alla sensibilità di ciascuno e non può essere messo ai voti». Intanto, il presidente del Consi-

glio comunale, Marco Talarico aveva preventivamente proposto una mozione-ordine del giorno, votata dall’intero Consiglio all’unanimità, con la quale, oltre ad esprimere «massima solidarietà e vicinanza alle popolazioni dell’Abruzzo ed in particolare del capoluogo L’Aquila e tutti i centri colpiti dal violentissimo terremoti», si impegna il sindaco ed il suo esecutivo ad attivarsi immediatamente «al fine di fattivamente dimostrare la vicinanza della città di Vibo Valentia alle popolazioni straziate dall’evento sismico stabilendo concretamente, anche previo ed immediato colloquio telefonico con gli amministratori dei Comuni, gli interventi operatori ed eventuali invii di materiali e generi di primo soccorso che possano recare sollievo alle già martoriate popolazioni». Particolarmente apprezzata l’idea del presidente Marco Talari-

co, che ha trovato l’accordo di tutti i consiglieri comunale nel dichiarare di «donare il gettone di presenza della seduta consiliare al primo cittadino de L’Aquila, al fine di dimostrare reale e solidale vicinanza alle vittime del territorio». Anche il presidente della Provincia, Francesco De Nisi, ha voluto esprimere «la solidarietà e la vicinanza della comunità vibonese, nell’auspicio che il bilancio finale sia meno grave di quanto sino ad ora sembra profilarsi». De Nisi ha aggiunto che «nei prossimi giorni, quando la situazione si sarà stabilizzata e quindi saranno più chiare le priorità di assistenza, valuteremo la possibilità di promuovere un’iniziativa di solidarietà a favore delle popolazioni colpite dal sisma». Ma. Bo.

LE REAZIONI/1Commenti dal mondo della sanità e della politica

Forte sdegno in città VIBO VALENTIA — L’attentato a Pietro Schirripa, direttore sanitario dell’ospedale di Vibo Valentia, ha destato forte scalpore in città. Immediato l’intervento del Commissario straordinario dell’Azienda sanitaria provinciale, Rubens Curia, che si subito è recato in ospedale, per rendergli visita. Curia ha espresso a Schirripa la sua personale solidarietà e quella dei dipendenti dell’Azienda, stigmatizzando l’accaduto che - ha affermato - «interviene in un momento in cui è in atto, con il concorso di tutte le sinergie disponibili, un’operazione di ripresa della più adeguata erogazione dei servizi, in una struttura che continua ad essere interessata ad un processo di verifica e di consolidamento dei sistemi di sicurezza». Per l’esponente di Sinistra Democratica, Pino Tassi, «è un episodio di una gravità inaudita sia per le qualità della persona e sia per i ruoli che ricopre. Pietro Schirripa, a cui va la nostra solidarietà, oltre ad essere direttore dell’ospedale di Vibo Valentia, ricopre ruoli importanti nel mondo della cooperazione sociale nella locride. È stato uno dei principali collaboratori dell’Arcivescovo Bregantini nella sua esperienza episcopale e sociale nella locride». Tassi evidenzia, quindi, che «la situazione democratica in Calabria e nel vibonese è drammatica. Da mesi siamo di fronte ad un vero e proprio bollettino di guerra: attentati con bombe a negozi e attività imprenditoriali, furto e incendio di automezzi, spari contro vetrini, negozi e garage, aggressioni brutali e omicidi». Riallacciandosi all’omicidio di Francesco Fortugno, Pino Tassi ricorda che «la sanità, nonostante le denunce di questi anni, rimane un mondo dove nel suo sottobosco proliferano affari e intrecci perversi e pericolosi. Poco è stato fatto per sanare questo bubbone maleodorante. Spesso gli operatori più seri e integerrimi si sono trovati soli in questa battaglia. Questo episodio è l’ennesima dimostrazione che la sanità calabrese va sanata non solo dal punto di vista economico ma anche dal punto di vista morale e della trasparenza». Da qui, la richiesta: «Si predisponga al più presto un piano sanitario rigoroso che punti sulla moralizzazione e la lotta agli sprechi e alla corruttela. Le istituzioni facciano della battaglia alla mafia l’oggetto quotidiano del proprio agire e del proprio modo d’amministrare». Piena solidarietà al direttore sanitario dell’ospedale Jazzolino anche da

Rubens Curia

parte dell’amministrazione provinciale, che si dichiara «impegnata a condannare ogni forma di violenza, ma soprattutto l’arroganza criminale delle organizzazioni di stampo mafioso che operano nel Vibonese». «Ancora una volta, purtroppo, siamo costretti a registrare fatti di gravità inaudita ai quali non possiamo e non dobbiamo fare l’abitudine - ha commentato il presidente Francesco De Nisi, appena informato dell’attentato a Schirripa - conservando, invece, la capacità di indignarci senza riserve contro questo quotidiano disprezzo per le regole e la convivenza civile». Vicinanza e solidarietà a Pietro Schirripa è stata espressa pure dal presidente del Consiglio comunale, Marco Talarico, appena venuto a conoscenza, nel corso dei lavori consiliari del «grave atto del quale è rimasto vittima il direttore sanitario del nostro ospedale». Vicinanza a Schirripa anche da parte del presidente di Confindustria Vibo Valentia, Domenico Arena: «Ancora un attentato - ha affermato Arena - ancora paura, timore e restrizione della propria libertà. Sono questi i sentimenti che si registrano in una città ormai soffocata dalla tracotanza e dalla prepotenza, che trovano il loro naturale sbocco nella violenza e nelle intimidazioni che rappresentano la quotidianità del territorio». «Come uomini prima - ha aggiunto Arena - e associazione degli industriali dopo, esprimiamo sdegno e disprezzo per azioni che oltre a ledere la dignità umana, attaccano anche l’incolumità di chi ogni giorno cerca con onestà di fare il proprio dovere, in una terra martoriata da troppi, tanti, atavici problemi». Maurizio Bonanno

Nicotera, conferenza del Rotary sulla famiglia Questa sera alle19,30, al Golf Club “Feudo di Montalto” di Limbadi, il Rotary Club di Nicotera Medma ha organizzato una conferenza di don Enzo Varone sul tema “La famiglia, ieri, oggi, domani: una certezza nella società che cambia”. Don Enzo Varone, socio ed assistente spirituale del Rotary Club di Vibo Valentia, Direttore dell’Ufficio della Pastorale per la Famiglia della Diocesi di Mileto, vanta numerose pubblicazioni in materia di studi e ricerche sulla famiglia. L’oratore, presenti anche la massime autorità locali, sarà presentato dal presidente del Rotary Club di Nicotera Medma, Pasquale Sodano. L’incontro con don Enzo Varone rappresenta una nuova tappa del percorso socio-culturale che il sodalizio nicoterese quest’anno ha intensificato realizzando un ventaglio di eventi che hanno trovato il pieno gradimento dei soci e dell’associazionismo. L’occasione permetterà al Club di lo scambio di auguri in vista delle feste legate alle celebrazioni della settimana santa.


30 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

CROTONE Le Misericordie alla volta dei paesi devastati dal sisma. Anche la Provincia è in prima linea. Mezzi e uomini per far fronte all’emergenza

Terremoto in Abruzzo, corsa di solidarietà Iritale: «L’ente non farà mancare il proprio sostegno per un aiuto concreto» CROTONE — La Calabria risponde con azioni di solidarietà concreta al terribile terremoto che ha colpito l’Abruzzo. E Crotone in questa catena di sostegno umano e materiale la fa da padrona. Partirà alle 4,00 di oggi da Isola di Capo Rizzuto (sede del coordinamento regionale delle Misericordie Calabresi) la Colonna Mobile regionale di protezione civile delle Misericordie calabresi. Guidate dal coordinatore di Isola Aurelio Muraca, saranno cinque le confraternite calabresi che presteranno il loro aiuto, i loro mezzi e attrezzature in occasione dell’emergenza sismica in abruzzo: Misericordie di Isola Capo Rizzuto, Cosenza, Gioiosa Ionica, Trebisacce e Melito di Porto Salvo, per un totale di 50 volontari. Queste le attrezzature che saranno utilizzate per i soccorsi sono: nove tende per alloggio volontari complete di tavoli sedie e brandine da campo e gruppi elettrogeni per autosufficienza per 96 h;1 trattore più semirimorchio cucina da campo; 2 ambulanze Fuoristrada Land Rover più rimorchi torre faro; Pulmino Fiat Ducato 9 posti più rimorchio per logistica; 2 pompe sommerse; ambulanze,

Alcune immagini del devastante terremoto che ha colpito l’Abruzzo (fonte: la Repubblica)

autovetture e altri mezzi di soccorso. Anche la Provincia si mobilita. «Siamo vicini alle popolazioni abruzzesi duramente colpite dal forte terremoto che ha seminato morte e dolore in tutto il territorio regionale. Stiamo cercando di poter dare il nostro piccolo contributo attraverso l’attrezzatura da campo di cui è stata dotata la Provic Arci di Isola Capo Rizzuto che partirà per l’Abruzzo nelle primissime ore di questo pomeriggio», dichiara in una nota il presidente della Provincia di Crotone,

Sergio Iritale, riferendosi alla «immane tragedia» che ieri notte ha colpito le genti di Abruzzo, ed in particolare quelle della provincia di L’Aquila. Ieri pomeriggio - sottolineano dalla Provincia -, intorno alle ore 14,30, sono partite alla volta dell’Abruzzo 20 unità dalla Prociv Arci di Isola Capo Rizzuto ai quali si affiancheranno 4 unità da Crotone, 4 da San Mauro Marchesato e 4 da Belvedere Spinello. La Prociv Arci di Isola Capo Rizzuto allestirà una cucina da campo, il cui progetto è stato cofi-

nanziato dalla Provincia di Crotone, capace di sfornare mille pasti all’ora e composta anche da un tendone con panche e tavoli per 640 persone. Della colonna di aiuti - si apprende ancora - farà parte anche un autoarticolato, messo a disposizione dall’ente intermedio, che servirà per il trasporto delle attrezzature e dei gruppi elettrogeni. In queste ore si stanno aspettando altre adesioni da parte di associazioni di Protezione civile che si uniranno a quelle già in partenza (le Misericordie si sono già

CATANZARO — Si è conclusa con 33 rinvii a giudizio, la concessione di 93 riti abbreviati e due proscioglimenti l’udienza preliminare nei confronti di 128 persone accusate, a vario titolo, di fare parte o di essere legate a cosche della ’ndrangheta del crotonese. Tra le persone rinviate a giudizio, nove dovranno comparire il 24 giugno prossimo davanti alla Corte d'assise di Catanzaro per rispondere di due omicidi compiuti nella faida di Papanice, frazione di Crotone. Otto di questi imputati dovranno poi comparire, insieme ad altre 24 persone, il 18 settembre prossimo davanti ai giudici del Tribunale di Crotone per altri reati. L'udienza davanti al gup Antonio Battaglia è giunta dopo le operazioni Eracles e Perseus contro alcune cosche del crotonese. Gli imputati sono presunti

In totale 33 vanno a processo per presunti legami con le cosche crotonesi

CROTONE — E’ stato presentato nella sala del Consiglio comunale il “portale per gli immigrati” previsto dal Progetto “Integration Exchange: servizi on line per l’integrazione dei cittadini dei Paesi terzi” (Inti). Erano presenti il Consigliere delegato ai servizi Sociali - Filippo Esposito, il dirigente del settore Politiche Sociali - Vincenzo Scalera ed il gruppo di lavoro comunale che ha contribuito alla costruzione del portale Marina D’Onofrio, Domenico Falzetta e Francesco Valerio - referente e coordinatore del progetto Inti.

Il Comune ha partecipato a un progetto comunitario per l’integrazione dei cittadini dei Paesi terzi

CROTONE — «Appare strana e poco comprensibile la reazione di una certa parte politica seguita alle dichiarazioni del sindaco di Reggio Calabria On. Giuseppe Scopelliti riguardo “i calci nel sedere” al governatore Agazio Loiero. Il successo ottenuto per il riconoscimento della Città metropolitana di Reggio Calabria è uno straordinario evento destinato a produrre solo effetti positivi per l’intero Mezzogiorno ed in par-

AREA METROPOLITANA L’esponente di Alleanza di Centro difende il sindaco di Reggio e boccia Loiero

mobilitate). Ancora - comunica nella nota il portavoce di Iritale - non è dato sapere il luogo esatto in cui i volontari crotonesi saranno inviati. Si attendono, infatti, notizie dal responsabile emergenze nazionali della Prociv Arci, Emilio Garau. Sempre Iritale rivolge un messaggio agli abruzzesi: «In questo momento così drammatico per la vita delle vostre popolazioni duramente colpite dal terribile sisma della notte scorsa desidero esprimere la fraterna solidarietà dell’Amministrazione provinciale e di tutti i nostri concittadini e sentimenti di profondo dolore per le vittime e per le loro famiglie. Ancora una volta una regione del Mezzogiorno paga un prezzo altissimo di vite umane e di distruzioni per un evento disastroso che si è abbattuto con eccezionale violenza in particolare sul territorio della vostra provincia». «L’Amministrazione provinciale conclude Iritale -, sotto il coordinamento dell’Upi, non farà mancare il proprio sostegno, in tutte le forme possibili, per alleviare i disagi della popolazione e dare aiuto concreto a tutte le operazioni di soccorso e di pronto intervento».

Faida di Papanice, disposti nove rinvii a giudizio affiliati alle cosche Vrenna-Corigliano-Bonaventura e Macrì, che devono rispondere a vario titolo di associazione mafiosa, traffico di droga e armi e omicidio, e presunti affiliati ai clan Megna e Russelli di Papanice, frazione di Crotone, accusati di associazione mafiosa, traffico di droga e armi e estorsioni. Tra gli imputati ci sono Nicolino Grande Aracri, ritenuto il boss di Cutro; Cataldo Marincola,

Un filone del processo è denominato “Europaradiso”: tra gli imputati il consigliere Pd Giuseppe Mercurio

boss di Cirò, Domenico Megna e Pantaleone Russelli. Il processo vede anche un filone denominato “Europaradiso”, dal nome del megavillaggio turistico che sarebbe dovuto sorgere vicino alla foce del fiume Neto. In questo ambito sono imputati, tra gli altri, un consigliere comunale di Crotone, Giuseppe Mercurio, del Pd, e funzionari del ministero dell'Ambiente. (Ansa).

Un portale per il sostegno agli immigrati Il Comune di Crotone ha aderito, in qualità di partner, al Progetto Comunitario “Integration exchange: servizi online per l’integrazione dei cittadini dei Paesi Terzi”, che ha avutoinizio dal mese di settembre 2007 e conclusione nel mese di marzo 2009. L’iniziativa - che ha coinvolto Istituzioni ed organismi italiani, spagnoli, olandesi, ungheresi ed inglesi - rientra nel-

l'ambito del Programma comunitario INTI (integration for Third Contry National - Integrazione dei cittadini dei Paesi terzi), attuato dal Consiglio Generale per la Libertà, Sicurezza e Giustizia. I destinatari dell’intervento sono gli immigrati ed, in particolar modo, i nuovi arrivati provenienti dai Paesi terzi. Il progetto si pone l'obiettivo di favorire l'integrazione degli

stranieri nelle società di accoglienza. A tal fine, le azioni programmate ed implementate hanno riguardato principalmente la realizzazione di un portale internet multilingua, nonché la realizzazione e pubblicazione di schede informative su supporto cartaceo. Attraverso tali strumenti (attualmente realizzati in lingua inglese, araba, russa, polacca

Michele Filippelli è con Scopelliti ticolare per la Calabria tutta». Esordisce così, in una nota, Michele Filippelli (Partito Alleanza di Centro). «L’indifferenza mostrata invece da chi oggi governa, guida e rappresenta la Regione Calabria la dice tutta -

prosegue Filippelli - su un “modus operandi” di una politica obsoleta che antepone da sempre l’immagine personale alla veridicità dei fatti. Il silenzio del Governatore “pro tempore” Agazio Loiero è il simbolo di un

fallimento totale senza precedenti posto in essere da un governo regionale incapace di stare al passo con i tempi ed al fianco dei calabresi, incapace di essere lungimirante ed invece pronto ad essere impotente da-

Il tribunale di Catanzaro

ed italiana, ma che successivamente saranno disponibili anche in altre lingue) gli stranieri potranno accedere agevolmente ad informazioni funzionali per facilitare un primo orientamento nelle società ospitanti relativamente a: servizi locali, servizi sanitari, educativi, servizi di orientamento al lavoro, istituzioni, associazioni ed enti di solidarietà sociale, contesto socioeconomico-culturale. Le informazioni sono disponibili sul sito internet: www. crotoneimmigrazione. it. (Agi) vanti a crisi interne generate da una “mala gestio” ormai evidente a tutti». «Da crotonese - continua la nota gioisco per l’importante risultato ottenuto dalla Città di Reggio Calabria poiché sono convinto che una Calabria più forte significhi una Calabria migliore, solo un cieco non lo capirebbe ma mi rendo anche conto che la Calabria vive al buio e in uno stato di “black out” già da quattro lunghi anni».


REGGIO

Martedì 7 Aprile 2009

il Domani

Redazione: loc. Serramonda - Z.I. Marcellinara (Cz) - tel. 0961.996802 | fax 0961.903801 - E-mail: catanzaro@ildomani.it | www.ildomani.it

IL CASO Il presidente dell’amministrazione provinciale, Giuseppe Morabito, sulla decisione della Camera dei Deputati in merito al titolo di area metropolitana

«Una conquista di tutti i reggini» «Nella prospettiva dell’area integrata dello Stretto servirebbero momenti di ampio coinvolgimento» REGGIO CALABRIA — Il Presi-

dente dell’Amministrazione Provinciale reggina, avvocato Giuseppe Morabito, interviene - peraltro in piena querelle tra “scopellitiani” e “loieriani” sulla decisione della Camera dei Deputati che, nelle scorse settimane, ha riconosciuto a Reggio Calabria il titolo di area metropolitana. «Reggio città metropolitana è, senza ombra di dubbio, una conquista di tutti i reggini e di tutti i calabresi, se è vero come è vero che, al di là degli schieramenti, tutti hanno compartecipato, ognuno per la propria parte, a che si raggiungesse quest'obiettivo». «Appare perciò chiaro - si legge nel documento - che il lavoro per rendere Reggio “città metropolitana”, il concretizzare cioè quanto fino ad ora è solo sulla carta, necessiterà di un lavoro sinergico che passa attra-

verso il coinvolgimento di tutte le forze politiche e tutte le istituzioni interessate. Non solo, ma appare altrettanto evidente, come già ho avuto modo di dire qualche settimana fa, che sarebbe impensabile immaginare uno sviluppo di questa nostra città, senza considerarla come parte di una vasta area, quella dello Stretto, che coinvolga Messina e la sua provincia. Tutto ciò porta a prevedere momenti di apertura e di coinvolgimento di tutti gli attori interessati, piuttosto che chiusure o, peggio ancora, di distinguo su chi ha espresso la sua soddisfazione urlando più forte il suo entusiasmo. A questa città, co-

Giuseppe Morabito

me la storia insegna, non servono - prosegue l’ex presidente dell’ordine degli avvocati di Reggio - slogan e meno che meno ricerche spasmodiche di primogeniture. Servono toni composti, maggiormente da parte di chi ricopre incarichi di responsabilità e di rappresentanza istituzionale. Appare perciò insensato, qualora fosse vero, l'attacco del sindaco Scopelliti al Presidente della Regione Loiero, e non solo per il tono che sembrerebbe sia stato utilizzato, ma soprattutto perchè genera pericolosi localismi quando invece servirebbero momenti di ampio coinvolgimento che, nella prospettiva

«Al di là degli schieramenti, tutti hanno compartecipato a che si raggiungesse quest'obiettivo»

«Concretizzare quanto fino ad ora è solo sulla carta necessiterà di un lavoro sinergico»

TURISMO Per offrire pacchetti ricettivi interessanti nella città dello Stretto

Una nuova associazione di B&B con le strutture del centro storico REGGIO CAKABRIA — A Reggio Calabria è nata un’associazione di B & B. Si chiama BB-Reggio, raggruppa le strutture del Centro storico cittadino, ed ha l’obbiettivo di fornire una rete per offrire pacchetti ricettivi nella città dello Stretto. Un’iniziativa estremamente interessante per la duplice valenza: potenziare l’offerta alloggiativa per gli stranieri e promuovere lo sviluppo della piccola e media imprenditoria turistica locale. Alla guida di quest’associazione il dinamico Steeve Parisi, un giovane imprenditore reggino, titolare di un B & B collocato nei pressi di una delle agorà storiche di Reggio, piazza Crocefisso. Come e quando è nata l’idea di quest’associazione? «I B & B sono una formula giovane che ha preso piede anche a Reggio Calabria negli ultimi anni e sta letteralmente trasformato il tessuto ricettivo della città grazie al dinamismo di questi nuovi imprenditori turistici che decido di investire, in un settore, purtroppo, per troppi anni trascurato. Una scelta vincente, stando anche ai dati statistici su flussi e presenze in riva allo Stretto, che ha consentito a questi imprenditori di partecipare concretamente al grande progetto di sviluppo turistico che si sta portando avanti negli ultimi anni nella nostra città». Il suo è un riferimento specifico ai progetti varati dall’Amministrazione comunale? «Certamente, infatti, lo scorso anno abbiamo aderito al progetto “Passaporto per l’Europa”, proponendo molteplici offerte, estremamente convenienti, ma di grande qualità, che hanno avuto una risposta fortemente positiva dai turisti spagnoli. E sono le cifre a delineare il gradi-

Steeve Parisi

Il presidente Parisi: «Ci occupiamo anche della promozione turistica del territorio Reggino» mento che la formula B&B ha riscosso: oltre il cinquanta per cento dei visitatori ha scelto il pacchetto con il soggiorno in B&B. E dai questionari compilati dagli stranieri tale tipologia di soggiorno ha ricevuto un alto gradimento sia in termini di servizio che di eccellenza delle strutture». Spieghiamo nel dettaglio come funziona questa nuova associazione. «Innanzitutto, svolge un ruolo prettamente promozionale, attraverso

la partecipazione a progetti, fiere espositive turistiche e collegamenti diretti con i tour operator nazionali ed internazionali, i quali per esigenze di numeri hanno necessità di contattare più strutture. Mi riferisco, ad esempio, all’organizzazione di viaggi per comitive o per manifestazioni sportive o congressi. Ed ovviamente, attraverso la nostra associazione possono ottenere un numero elevato di posti letto attraverso un unico contatto, quindi sopperire alle carenze, malauguratamente, ancora presenti nel settore. Inoltre, svolgiamo un’azione di controllo di qualità sulle strutture affiliate, per noi è fondamentale offrire un servizio che abbia un target elevato in termini di comfort ed accoglienza. E poi, ma non per ultimo, ci occupiamo anche della promozione turistica della città, diffondendo anche attraverso un sito internet (www. bb-reggio. it) manifestazioni culturali, enogastronomiche, musicali e sportive che vengono organizzate nel territorio reggino». In conclusione, una domanda “antipatica”, spesso quando si parla di B&B, gli albergatori accusano una concorrenza. Cosa risponde? «I B&B non sono un fenomeno locale, ma una realtà del turismo mondiale. Chi non riesce a vedere tale realtà vive una condizione quantomeno anacronistica. Inoltre, la presenza di questo tipo di strutture ha stimolato la competitività costruttiva arricchendo l’offerta turistica della ricettività. Chiaramente si tratta di rispettare le regole. Inoltre, non credo che vi sia una concorrenza diretta, in quanto è differente la tipologia degli utenti, così come il tipo di servizio». a. l.

dell'area integrata dello Stretto, dovranno vedere protagonisti i Presidenti delle Regioni Calabria e Sicilia. Concludo esprimendo la mia solidarietà dice infine Morabito - al Presidente Loiero, auspicando che i toni esasperati degli ultimi giorni non siano il preludio di una strategia politica che, invece di unire, punta a generare lotte inutili e dannose per la città». Quanti hanno attentamente seguito l’intera vicenda, oggi, si chiederanno perché mai l’avvocato Morabito ometta di citare il Presidente del Consiglio Regionale Giuseppe Bova come uno degli artefici, assieme al sindaco Scopelliti, di questo successo bipartisan da considerarsi - per le ataviche divisioni della classe politica reggina - un fatto di portata storica. a. l.

IN BREVE...

Scopelliti sul tragico evento sismico «Il dramma che sta vivendo in queste ore l’Abruzzo, è un dramma che coinvolge l’intero Paese». Lo dichiara il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Scopelliti sul tragico evento sismico che ha colpito in particolare l’aquilano. «Quanto accaduto ci lascia profondamente turbati ed attoniti – prosegue il primo cittadino -. A nome di tutta la cittadinanza e dell’intera Amministrazione, sicuro di interpretare i sentimenti dell’intera comunità reggina, esprimo un sentito cordoglio alle famiglie delle vittime. Siamo vicini alla popolazione abruzzese in questo grave momento di dolore, così come a tutti coloro che si sono mobilitati, con professionalità ed abnegazione, per fornire i soccorsi».

“Storia e Memoria”, la mostra Oggi alle ore 10, il Salone dei Lampadari di Palazzo San Giorgio ospiterà la conferenza stampa di presentazione di “Storia e Memoria”, mostra dell’artista Michele Prestipino, che si terrà a Villa Genoese Zerbi. All’incontro con gli operatori dell’informazione parteciperanno, tra gli altri, il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Scopelliti, l’assessore comunale ai Beni Culturali e Grandi Eventi, Antonella Freno.

Campagna informativa della Leonia Oggi alle ore 16 nel Salone dei Lampadari, alla presenza, tra gli altri, del primo cittadino, Giuseppe Scopelliti e dell’assessore comunale alle Politiche Ambientali, Antonio Caridi, sarà illustrata la nuova campagna informativa della Leonia S. p. a.

MEDIATAG RICERCA SU REGGIO CALABRIA Per il lancio di nuovi prodotti editoriali su Reggio C. e provincia selezioniamo

AGENTI PUBBLICITARI (ambosessi) per la seguenti zone:

Reggio Calabria città Inviare dettaglio curriculum a info@mediatag.it. Trattamento economico di sicuro interesse.

• • •

Costituirà titolo preferenziale possedere una laurea in marketing, scienze delle comunicazioni o relazioni sociali. L’anticipo provvigionale sarà in grado di soddisfare le candidature più qualificate. Inquadramento Enasarco

Per un appuntamento selettivo gli interessati possono inviare il proprio curriculum al seguente indirizzo di posta elettronica: ......................................................... info@mediatag.it oppure al numero di fax: ............................................................................................. 0961.903421 o per posta indirizzata a: .... MEDIATAG SPA - Loc. Serramonda 88040 Marcellinara (Cz) I dati contenuti nel curriculum verranno trattati esclusivamente ai fini della selezione del personale. La presente ricerca è estesa a persone di entrambi i sessi ai sensi della legge 903/77


il Domani Martedì 7 Aprile 2009 33

REGGIO CALABRIA CITTÀ LA POLEMICA/1 Il segretario provinciale del Pd, Giuseppe Strangio, risponde agli avvocati Mazzone e Carnuccio, sull’area metropolitana

«Nessuna “sciagura” per la Locride» «Le dichiarazioni dei Presidenti delle Camere Civili e Penali sorprendono non poco» REGGIO CALABRIA — In provincia di Reggio tutto è possibile. Anche ciò che altrove non sarebbe neanche lontanamente immaginabile. Accade ad esempio che un tema come quello dell’area metropolitana riesca a dividere, piuttosto che aggregare le forze politiche, le rappresentanze sociali e il mondo delle professioni. L’ultima polemica ha visto protagonisti i presidenti della camera civile e di quella penale di Locri. Gli avvocati Antonio Mazzone e Francesco Carnuccio, nei giorni scorsi, hanno espresso forti perplessità sull’utilità del nuovo livello amministrativo: in particolare hanno adombrato la chiusura di uffici pubblici e giudiziari, nel contesto di una nuova marginalizzazione della Locride. A rispondere ai due legali è il segretario provinciale del Pd, Giuseppe Strangio. «Le dichiarazioni dei Presidenti delle Camere Civili e Penali di Locri – sostiene in una nota l’esponente del Partito Democratico - sorprendono non poco. Essi propongo-

no, infatti, alcune preoccupanti considerazioni secondo le quali l’istituenda Area metropolitana sarebbe una sorta di sciagura che disgregherebbe la Locride allontanandola definitivamente dalla città capoluogo, mettendo a repentaglio persino la sopravvivenza di numerosi uffici pubblici. Non è così – si legge nella replica – perché dall’esame approfondito della norma approvata dalla Camera dei Deputati emerge una realtà completamente diversa» Strangio evidenzia come le aree metropolitane siano «quegli ambiti territoriali privilegiati entro i quali la legge consente di istituire una Città metropolitana. La provincia di Reggio Calabria, che è stata indicata come decima Area metropolitana d’Italia, potrà così dar vita ad una Città metropolitana. Quest’ultima non è affatto una “città” in senso stretto. E’ qualcosa di nuovo e di diverso: un nuovo Ente locale che al suo interno è articolato in Comuni, il cui territorio, se tutti i comuni decideranno di aderirvi, sarà coincidente con quello della vecchia Provincia».

mia di entrata e di spesa, in misura corrispondente alla complessità delle funzioni da esercitare in forma associata o congiunta, nel limite degli stanziamenti previsti a legislazione vigente». Vi saranno dunque nuove funzioni e nuove risorse finanziarie. L’esatto contrario, chiosa Strangio, di quanto sostenuto dai presidenti delle Camere civile e penale di Locri: «Il sorgere di una Città metropolitana non solo non comporterà alcuna rinuncia o limitazione di sovranità per i Comuni coinvolti, ma darà vita ad una sorta di “Super Provincia”, frutto di una inedita e rafforzata unione tra tutti i Comuni che decideranno di aderirvi. Si tratta, quindi, di una grande occasione per la provincia di Reggio Calabria e non sorprende che anche altre potenziali aree metropolitane del nord Italia abbiano fatto a gara per entrare nel ristretto novero delle 10 sorelle d’Italia». «E’ assurdo, allora, che si ingenerino infausti presagi - prosegue la nota -.

Anzi, grazie alla funzione catalizzatrice di investimenti e di risorse che la Città metropolitana naturalmente reca con sé, per la nostra provincia questa è una prospettiva fino ad ora inimmaginabile e di cui ancora non ci si è resi del tutto conto. E tutto ciò non è che il punto di partenza per raggiungere un traguardo ancora più ambizioso: la Città metropolitana dello Stretto». L’avv. Strangio conclude il suo intervento sottolineando il prossimo passaggio istituzionale per arrivare alla creazione del nuovo livello amministrativo: «La Città metropolitana nascerà per via referendaria. Saranno le comunità locali a decidere, ma noi siamo fiduciosi: spiegando bene ai cittadini di quale straordinario volano di sviluppo si tratta, siamo certi che tutti vorranno partecipare. D’altro canto, ne va del nostro futuro, di quello della provincia di Reggio e della Calabria intera».

REGGIO CALABRIA — «Il momento dell’amara verità si avvicina e la disperazione, politica per il momento, porta l’allegra armata Brancaleone del centro sinistra calabrese a scagliarsi contro il Sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Scopelliti». A dichiararlo Daniele Romeo, coordinatore regionale di Azione Giovani Calabria, e Umberto Caputo, vice coordinatore Regionale, Azione Giovani Calabria. «Un Presidente serio - proseguono i due rappresentanti di Ag - avrebbe dovuto informarsi bene sulle dichiarazioni contestate, piuttosto che credere ciecamente ad un titolo di quotidiano. Per lo meno questa vicenda ha fatto sì che Loiero, finalmente, si accorgesse di Reggio Città Metropolitana. Il giochino, anche divertente, questa volta però non otterrà i frutti

LA POLEMICA/2 Il direttivo regionale di Azione Giovani Calabria sulla querelle tra il presidente Loiero e Scopelliti

coerente allo stato puro. Anche alle elezioni provinciali di Crotone i “nostri” annunciano che correranno da soli, ma non spiegano come sia possibile che dopo 5 anni si siano resi conto che l’esperienza nella maggioranza di Iritale era da dimenticare. Le elezioni amministrative ed Europee che si terranno in Giugno segneranno la prima fase della fine di un incubo per i cittadini calabresi, l’inizio di una nuova stagione che riporterà la speranza e la voglia di lottare per la nostra terra e che renderà finalmente vivibile la Calabria dopo il disastro Loiero. Ci risparmino i vecchi tromboni della politica calabrese - concludono - le loro reprimende e i comunicati stampa dettati da Loiero: i calabresi sono stanchi del nullismo attuato dal centro sinistra e delle tante parole cui non sono seguiti i fatti».

REGGIO CALABRIA — Riparte “Passaporto per l’Europa”: i viaggi studio, promossi dall’assessorato alle Politiche Comunitarie di palazzo San Giorgio, che coinvolgono i giovani studenti, in scambi culturali con le più importanti città europee. Tre le mete di quest’anno: alle riconfermate Malta e Madrid, c’è anche Londra. Passaporto per l’Europa, dopo il successo delle passate edizioni, è diventato un programma stabile, in grado di coinvolgere anche altri soggetti istituzionali e privati: le Camere di Commercio, le ambasciate italiane, le università statali, quella per stranieri “Dante Alighieri” e numerosi tour operator della città. L’obiettivo principale dell’edizione 2009 è quello di incrementare l’arrivo a Reggio di turisti, come già accaduto lo scorso anno da Madrid. Tutto ciò grazie all’attivazione di un portale internet: todosaitalia. reggiocal. it, che offre la possibilità di prenotare online il pacchetto completo di soggiorno ( volo compreso), facendo scegliere al turista tutte le opzioni di suo gradimento. Le prenotazioni per i viaggi studio, della durata di una settimana per Madrid e Malta e di dieci giorni per Londra, sono già attive, e possono essere fatte in tutte le agenzie di viaggio convenzionale. Per Madrid la quota è di 441 euro; per Malta 299; per Londra è di 620 (con un soggiorno di 10 giorni). Ai viaggi si dovrà ag-

Giuseppe Strangio

Ma allora qual è l’utilità dell’etichetta di “metropoli”? Spiega lo stesso segretario provinciale del PD: «La Città metropolitana ed i Comuni che la comporranno saranno molto più forti e più autonomi di quanto non lo fossero rispetto alla vecchia Provincia. Il finanziamento di questi enti locali, infatti, assicura una più ampia autono-

«Calabresi stanchi del “nullismo” di centro-sinistra» desiderati, perché Loiero avrebbe potuto e dovuto scegliere meglio i suoi difensori in questa polemica inutile e pretestuosa. Dopo mesi e mesi di silenzio imbarazzante il centrosinistra più vergognoso della storia repubblicana italiana decide di uscire compatto, ma non a difesa del suo presidente ma per attaccare chi ha fatto della serietà e dell’impegno politico uno stile di vita, che è stato più volte premiato dai cittadini reggini. E’ evidente disperazione, il terreno frana sotto i piedi, i castelli senza fondamenta crollano pericolosamente e gli ex-comunisti nostrani iniziano ad attuare la solita tattica che tutti

conosciamo, quella cioè di spostare l’attenzione su fatti inesistenti e inventati. E’ inutile soffermarsi sui disastri compiuti in questi anni dalle varie giunte Loiero, per questo ci penseranno i cittadini al momento opportuno, così come è triste vedere alcuni presidenti di provincia, Crotone serva come esempio, schierarsi al fianco del governatore dopo che questo ultimo ha ripetutamente umiliato il suo territorio. Appare singolare anche la presa di posizione degli esponenti dell’Idv calabrese, che forse non conoscono il significato della protesta dei “boia chi molla” reggini e cosa essi hanno rap-

presentato per un territorio martoriato ed umiliato. I seguaci del moralizzatore Di Pietro hanno le idee confuse: sono contro Reggio città metropolitana ma non ci spiegano il perché; fanno la “guerra” in tutta Italia al Pd tranne che in Calabria. Appare evidente che nella nostra Calabria l’Idv con il Pd ha un feeling particolare: per questo dopo tutto quello che è successo i dipietristi nostrani non hanno mai sentito il bisogno di dissociarsi da Loiero&soci e neppure hanno mai avuto il coraggio di uscire dalle giunte guidate dal Pd. E’ sempre la stessa politica “bifrontista”, che forse paga in termini elettorali, ma è in-

Giorgio Simeone

COMUNE L’obiettivo principale dell’edizione 2009 è quello di incrementare l’arrivo di turisti

Riparte “Passaporto per l’Europa” viaggi studio per i giovani studenti

Il tavolo dei relatori

L’assessore Bilardi: «Lo scorso anno abbiamo avuto circa 2mila e 500 pernottamenti, incentivati dalla nostra presenza a Madrid»

giungere la quota di 25 euro per diritti di agenzia. Le partenze avranno cadenza settimanale: il primo viaggio per Madrid partirà il 29 di giugno, l’ultimo il 7 di settembre. I voli saranno successivamente intensificati dalla seconda metà di luglio e per tutto il mese di agosto, con due collegamenti settimanali. Per Londra ci sarà un solo volo, che decollerà da Malta. «I viaggi studio di Passaporto per l’Europa – ha affermato l’assessore alle Politiche Comunitarie, Giovanni Bilardi – hanno acquisito una grande importanza per l’Amministrazione comunale, tanto da diventare un vero e proprio programma e non più un semplice progetto. Lo scorso anno abbiamo avuto circa 2mila e 500 pernottamenti, incentivati dalla nostra presenza a Madrid con il pullman turistico e le numerose iniziative con l’ambasciata italiana e la Camera di Commercio Italiana di Madrid. Abbiamo creato un vero e

proprio evento che sta producendo buoni risultati per l’indotto turistico della nostra città». «L’idea vincente di questa iniziativa – ha affermato Antonio Barrile, consulente e responsabile del progetto Passaporto per l’Europa – è quella di associare al turismo culturale e alla mobilità giovanile nell’Unione Europea, anche quella della promozione delle produzioni di qualità della città di Reggio Calabria. Ci siamo riusciti grazie ai proficui contatti dello scorso anno, soprattutto in Spagna». L’innovazione tecnologica delle prenotazioni on-line, create su un apposito sito web dalla Rete Civica comunale, ha reso possibile una maggiore flessibilità nelle prenotazioni turistiche dalla Spagna verso Reggio, creando una giusta sinergia tra il pubblico e il privato a prezzi molto competitivi. Nello specifico sono due i siti internet attivati: “todosaitalia. reggiocal. it e welcome. reggiocal. it”.


34 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

REGGIO CALABRIA CITTÀ L’EVENTO Presentato a Palazzo San Giorgio il corteo partirà domani dal Museo Nazionale della Magna Grecia fino a Piazza Camagna

La marcia per Reggio, città di pace In conclusione «si svolgerà un momento d’incontro e di riflessione stimolato da brevi interventi» REGGIO CALABRIA — Fiaccole e

ramoscelli d’ulivo per un forte atto di condanna verso tutte le forme di violenza. Con questa iniziativa della Commissione Pari Opportunità di Palazzo San Giorgio, Reggio vuole confermarsi “Città di pace”. Un momento di riflessione, quello indetto dalla C. p. o. diretta da Annamaria Rosato, teso a coinvolgere, al di là del mero atto celebrativo, la gente a combattere la violenza contro le donne, i bambini e gli adolescenti, soggetti sempre più esposti, soprattutto tra le mura domestiche, a violenze fisiche e psicologiche. La commissione consiliare Pari Opportunità, in un documento, evidenzia l’attività che questo organismo si pone come baluardo per combattere ogni forma di criminalità individuale ed organizzata e rivendica, tra l’altro, il diritto di essere liberi da tutte le forme di discriminazione; il diritto alla sicurezza ed alla legalità; il

Il tavolo della conferenza stampa di presentazione

Annamaria Rosato

diritto al rispetto della diversità etnica, culturale, sociale e religiosa. Le consigliere che hanno organizzato l’incontro, in programma domani sera, sono impegnate a sostenere il lavoro del-

ma ambizioso, come evidenzia il manifesto che annuncia la manifestazione che prenderà il via alle 19 da piazza De Nava per raggiungere, dopo un corteo sul Corso Garibaldi, piazza Campagna

le forze dell’ordine, di tutti i politici che gestiscono con coscienza e con trasparenza la res-pubblica e quello di uomini, donne e bambini che trovano il coraggio di uscire dal silenzio. Un program-

dove, «si svolgerà un momento d’incontro e di riflessione stimolato da brevi interventi». La marcia per Reggio città di pace apre nuove frontiere che mirano a rafforzare i temi dell’educazione ai diritti umani, alla cittadinanza europea, alla legalità, e scaturisce da un documento emanato dall’Onu. L’intento delle consigliere della commissione - come ha sottolineato la presidente Annamaria Rosato - «è quello di dimostrare come anche in un territorio considerato difficile, sia possibile costruire percorsi di liberazione e messaggi di speranza. Questo corteo, pur non ignorando i problemi che affliggono la nostra terra, vuole offrire un’immagine di speranza, quella di una città che sta tentando il cambiamento, di un Sud dell’Italia denso di vitalità e di speranza». Angela Latella

La Mediterranea a “Premiamo i risultati”

Con la Clerici a “Ti lascio una canzone” la giovane studentessa Micaela Foti

REGGIO CALABRIA — Nel mese di settembre 2008, l’Università Mediterranea di Reggio Calabria ha partecipato al concorso “Premiamo i risultati”, promosso dal Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione - Dipartimento della Funzione Pubblica, finalizzato a premiare le amministrazioni pubbliche che hanno programmato l’adozione di piani di miglioramento volti ad innalzare i livelli di efficienza organizzativa, efficacia gestionale e qualità dei servizi erogati. Il concorso prevedeva una fase preliminare, nella quale il Ministero ha valutato l’ammissibilità delle candidature presentate in relazione agli obiettivi del concorso ed una seconda fase nella quale le Amministrazioni ammesse hanno presentato un progetto esecutivo, che il Ministero, in seguito ad una ulteriore selezione, ha proposto per la fase realizzativa. Delle 725 candidature iniziali solo 475 amministrazioni sono state ammesse alla fase realizzativa, che dovrà essere ultimata entro il 31 dicembre 2009. La Mediterranea, forte di un

REGGIO CALABRIA — Micaela Foti, 15 anni, studentessa del Liceo Scientifico (indirizzo biologico) dell’Istituto San Vincenzo di Reggio, rappresenterà la Calabria alla trasmissione, condotta da Antonella Clerici, “Ti lascio una canzone”, in onda sabato sera su Rai1. La giovane cantante reggina, vigilia di Pasqua, dal palco del teatro Ariston di Sanremo, sarà protagonista, assieme a tanti altri giovani, di uno spettacolo riservato ai futuri rappresentanti della melodia italiana. Il varietà, secondo gli esperti, appare in grado di ripetere il successo della prima edizione. Per nove puntate, i protagonisti saranno le canzoni e i loro interpreti di età compresa tra 10 e i 16 anni, provenienti da tutte le regioni d’Italia, dopo aver superato un’apposita selezione. Obiettivo dell’ideatore del programma, Roberto Cenci (il quale è anche registra della trasmissione) è quello di rendere omaggio alla grande musica leggera italiana, attraverso giovani promesse del tutto sconosciute al grande pubblico. Micaela Foti, accompagnata dall’orchestra diretta dal maestro Leonardo De Amicis, si esibirà nel brano “Sarà quel che sarà”, portato al successo (proprio a Sanremo) da Tizia-

UNIVERSITA’ L’ateneo è tra le 475 amministrazioni ammesse alla fase realizzativa del concorso promosso dal Ministero

piano strategico di Ateneo recentemente approvato dagli organi di governo, ha superato le due fasi di selezione ed è attualmente tra le 475 amministrazioni che stanno realizzando i piani di miglioramento. Il piano presentato, dal titolo “Sviluppo dell’organizzazione e dei sistemi di valutazione dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria”, si articola in 4 aree, le cui attività sono comprese nel piano strategico di Ateneo 2008 -2012: analisi e mappatura delle competenze del personale tecnico-amministrativo; mappatura e reingegnerizzazione dei processi lavorativi; analisi e ridefinizione dei sistemi di contabilità e finanza; sviluppo dei sistemi di valutazione per la valorizzazione dei meriti. La realizzazione delle attività dovrebbe consentire di raggiungere i seguenti risultati: riduzione degli sprechi nell’impiego delle risorse umane e materiali, riduzione dei tempi di attesa e di risposta, motivazione e benessere organizzativo, crescita professionale con sviluppo delle capacità, riconosci-

mento dei meriti, miglioramento nella didattica e nei servizi agli studenti. A partire dal mese di marzo, il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione ha realizzato, attraverso una serie di comunicati stampa, una campagna informativa sui piani di miglioramento in corso di realizzazione. Il comunicato stampa del 3 aprile scorso ha riguardato le amministrazioni che “hanno messo in campo la capacità di analizzare i processi interni e di individuare le criticità proponendo nuove soluzioni per imporre un cambiamento di rotta”. Tra esse è inclusa la Mediterranea di Reggio Calabria. La partecipazione al concorso “Premiamo i risultati” e la progressiva realizzazione del Piano Strategico di Ateneo 2008 - 2012, rappresentano per la Mediterranea una sfida e, al tempo stesso, un’occasione per dimostrare i propositi di cambiamento e di miglioramento, ritenuti indispensabili nell’attuale momento di crisi economica e di valori che sta attraversando il paese.

Micaela Foti

na Rivale A giudicare i concorrenti saranno, in prevalenza, personaggi del mondo dello spettacolo. Anche i telespettatori saranno chiamati ad esprimere, attraverso il telefoto, il loro giudizio sui protagonisti della kermesse musicale. “Ti lascio una canzone” è una produzione di Rai Uno, nata in collaborazione con Ballandi Entertainment. La scenografia è curata da Gaetano Cstelli. r. r.


il Domani Martedì 7 Aprile 2009 35

REGGIO CALABRIA E PROVINCIA IL FATTO Le Ferrovie dello Stato prese nuovamente di mira a distanza di qualche mese

Atti vandalici, ancora danni nella stazione Fs di Siderno SIDERNO — La rabbia dei vandali si percuote nuovamente sulla stazione delle Ferrovie dello Stato di Siderno. La struttura del centro del reggino, solo qualche mese fa, aveva già subito danni provocati dai soliti ignoti. Stimati in circa mille e 500 euro i danni provocati. Le Ferrovie dello Stato, nella persona di Gaetano Pellizzeri del Nucleo Operativo Territoriale Calabria di Ferrovie dello Stato SpA, stigmatizzano questi

episodi che provocano il degrado di un bene della collettività. Cosa è accaduto a Siderno? «Nei giorni scorsi sono stati distrutti quattro pannelli del controsoffitto dell’atrio, plafoniere ed imbrattate con graffiti le pareti di alcuni locali». Nella stessa stazione, nei mesi scorsi, altri danni per la collettività... «Sì, appena un paio di mesi fa, i vandali avevano già “visitato” la stazione, rompendo vetri e neon nell’atrio

ed in sala d’attesa e spezzando il marmo della panchina sul marciapiede del primo binario». Quanto denaro ci vorrà per rimettettere tutto a posto e quanto, invece, era stato speso per ammodernare l’impianto? «I danni provocati da questi atti vandalici, oltre a quello d’immagine per il Gruppo Ferrovie dello Stato, sono stati stimati in circa 1.500 euro. Nella stazione di Siderno a dicembre

Un particolare dei danni alla stazione di Siderno

2008 sono stati completati i lavori di riqualificazione, con un investimento superiore ai 110 mila euro. Le Ferrovie dello Stato stigmatizzano questi episodi che, oltre a causa-

re un danno economico all’Azienda, provocano il degrado di un bene comune e disagi alla collettività». Claudia Vellone

IL CASO Dopo il sequestro dell’impianto del nosocomio di Locri, avvenuto lo scorso 4 aprile, continuano le approfondite verifiche

Depuratore, prosegue l’inchiesta Mancherebbe gran parte della documentazione inerente la gestione dei rifiuti ospedalieri LOCRI — All’ospedale di Locri se-

questrati la sottocentrale termica e tre ampi locali ad essa annessi. Dopo la confisca dell’impianto di depurazione del nosocomio, avvenuto lo scorso 4 aprile, sono proseguiti anche ieri, e nei giorni scorsi, i controlli dei carabinieri del comando e della compagnia insieme coi militari del Noe e del Nas. Questo ulteriore sequestro sembrerebbe dovuto, al fatto che, all’interno di tali aree, ampie complessivamente cinquecento mq, erano depositati in modo incontrollato numerosi rifiuti speciali pericolosi e non. Accertamenti sono ancora in corso al fine di verificare con esattezza le responsabilità individuali. Come disposto

dalla A. g. di Locri è stata data facoltà d’uso della sottocentrale termica all’ufficio tecnico dell’ospedale, al fine di garantire il funzionamento della struttura. L’indagine è partita da una serie di approfondite verifiche, anche su casi di assenteismo, che sabato scorso hanno portato al sequestro dell'impianto di depurazione del nosocomio risultato mal funzionante poichè tutte le acque reflue prodotte non venivano depurate malgrado venissero poi immesse nella rete fognaria cittadina. Processi chimico-biologici e meccanici difettosi per cui i rifiuti solidi dovevano essere estratti manualmente e raccolti vicino allo stesso depuratore.

GIOIA TAURO Il segretario generale della Fp Cgil, Giuseppe Gentile

«Asp, no al trasferimento del personale» GIOIA TAURO — Una missiva inviata dal segretario generale della Fp Cgil, Giuseppe Gentile, al commissario straordinario dell’Asp, al direttore sanitario dell’Asp e al direttore amministrativo dell’Asp per contestare la disposizione di servizio del traferimento di una unità del personale. Il sindacato, infatti, venuto «a conoscenza della disposizione - è scritto nella lettera inoltrata anche agli organi di stampa -, osserva che l’assegnazione di personale da una Struttura Operativa all’altra, senza il rispetto della norme contrattuali, senza garantire prioritariamente la funzionalità dell’U. o. di appartenenza, senza il parere vincolante del Responsabile di Struttura, in contrasto con quanto deliberato dalla Commissione Straordinaria (deliberazione n. 96 del 23.02.2009), è palesemente illegittima». Il sindacalista chiede al Gen. Cetola, al Dr. Messina e al Dr. Rupeni, «di voler rimettere ordine, nella procedura e far valere la legalità dell’atto deliberativo, procedendo alla revoca del trasferimento del personale». «Il responsabile della Struttura Alpi - prosegue Gentile -, per quanto attiene il trasferimento di un assistente amministrativo, ha chiesto la revoca della

disposizione, affermando che l’attività svolta dalle due unità di personale, assegnate dall’atto deliberativo sopra citato, è in continua espansione con un elevato carico di lavoro e, che il trasferimento di una delle due unità, potrebbe determinare la chiusura del servizio arrecando, sia un grave danno per le casse aziendali, sia un notevole disagio per tutti i Sanitari dell’ambito di Palmi che quotidianamente si recano presso l’Ufficio alpi di Polistena; Qualora l’unità venisse trasferita, l’ufficio Alpi dovrebbe essere retto soltanto dal suo collega che, per motivi diversi, dovrà assentarsi dall’ufficio o in alternativa e soltanto per quanto attiene l’aspetto sindacale, comunicare alla scrivente che non gli vengono garantiti i diritti e le prerogative sindacali previste dalle vigenti normative Contrattuali e di Legge, per poi agire di conseguenza. In buona sostanza - conclude -, si tenta di avviare un processo di chiusura di un ufficio che funziona bene per colpire indirettamente la rappresentanza sindacale della Fp Cgil. Altrimenti non si comprende come un atto deliberativo esecutivo della Commissione Straordinaria, viene messo in discussione da un’ordine di servizio».

I carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Reggio Calabria e quelli della Compagnia di Locri hanno presentato un dettagliato rapporto alla procura della Repubblica stante anche la mancanza di gran parte della documentazione inerente la gestione dei rifiuti ospedalieri. L’operazione rientra in una mirata attività di controllo del locale nosocomio, protrattasi per circa tre giorni, i militari hanno posto sotto sequestro l’impianto di depurazione lo scorso 4 aprile della struttura sanitaria risultato mal funzionante. Non resta che stabilire da quando, ma si presume da parecchio tempo, tenuto conto della ruggine e delle stratificazio-

ni di ossido. Per non bloccare l'attività è stato concesso l’uso del depuratore alla società che gestisce l'impianto. «Da nove anni la gestione dell'impianto è affidata a terzi - ha precisato il direttore generale dell'Azienda, Giustino Ranieri - e nessuno ci ha mai segnalato problemi all'impianto altrimenti avremmo provveduto ad intervenire, così come siamo ora disponibili a fare, per quanto di nostra competenza». Già domenica delle Palme, Ranieri ha incontrato il commissario dell'Arpacal mentre ieri era previsto un incontro coi tecnici dell'As n.9. c. v.

Dalla Diocesi di Locri-Gerace gli auguri pasquali del vescovo LOCRI — Gli auguri pasquali che S. E. monsignor Giuseppe Fiorini Morosini indirizza a tutta la comunità diocesana sono stati letti nelle chiese della diocesi di Locri-Gerace lo scorso 6 aprile, domenica delle Palme. Mentre si avvicinano le celebrazioni dei riti della Settimana Santa, il vescovo invita tutti a porre l’attenzione sull'importanza della partecipazione dei fedeli alle cerimonie liturgiche, accanto e prima dei riti tradizionali. «Carissimi fratelli scrive il Vescovo della Diocesi di Locri-Gerace, Nell’imminenza delle feste pasquali il mio pensiero corre a tutti voi per dirvi il mio affetto, la mia vicinanza, il mio augurio, l’assicurazione delle mie preghiere, la mia disponibilità ad accompagnarvi nel vostro cammino di fede. Vi auguro una Pasqua serena nell’intimità gioiosa e festosa delle vostre famiglie, riconciliati con Dio con i sacramenti pasquali, a termine del cammino quaresimale. Le difficoltà economiche del momento presente, che aumentano le croniche difficoltà della nostra terra, non sono sicuramente elemento di serenità e di gioia. Ma è Pasqua anche e nonostante questo clima di aumentata difficoltà e di incertezza. Noi non dobbiamo mai perdere la speranza perché siamo chiamati a rendere ragione della speranza che è in noi. Dob-

biamo continuare ad aver fiducia nel Signore e nella nostra capacità di sopportazione e di ripresa. Del resto la vittoria del Signore risorto sulla morte è per noi motivo di speranza: egli ci dà forza per sopportare il momento presente e ci aiuterà a traghettare verso il superamento delle nostre difficoltà. E’ questo l’augurio pasquale per tutti: il Risorto ci dia la speranza che saremo anche noi vittoriosi del male dentro di noi e attorno a noi. La Pasqua sarà per noi felice e ricca di benefici, se sapremo celebrarla in modo veramente cristiano». r. r.

’Ndrangheta, confermate condanne per infiltrazioni all’ateneo di Messina Assoluzione del boss di Africo Nuovo Giuseppe Tiradritto, detto 'u tiradrittu, e del genero Giuseppe Pansera MESSINA — I giudici della Corte d'appello di Messina hanno confermato la sentenza di condanna di primo grado per gli imputati accusati di aver tenuto sotto controllo per tanti anni l'università della città dello Stretto. Il processo, denominato “Panta rei”, ha confermato le infiltrazioni della 'ndrangheta nell'ateneo (estorsioni a docenti per superare esami e spaccio di droga) negli anni Ottanta e Novanta. Gli imputati erano 35, tutti calabresi, e la Corte d'appello confermando la sentenza del tribunale, ha ridotto la pena per alcuni imputati per via della prescrizione di alcuni reati di cui erano accusati. Le pene maggiori sono state inflitte a Giuseppe Strangio (12 anni), Alessandro Rosaniti e Felice Stelitano (11 anni di reclusione), mentre è stata confermata la condanna ad un anno e 8 mesi al professore Giuseppe Longo, il gastroenterogolo che era stato indagato, e poi prosciolto perché ritenuto il presunto mandante dell'omicidio del professore Matteo Bottari. Confermate anche le assoluzioni del boss calabrese di Africo Nuovo Giuseppe Tiradritto, detto 'u tiradrittu, e del genero Giuseppe Pansera. (ansa)

I primi ottant’anni del maestro Nik Spatari, artista della Locride LOCRI — Da Locri gli auguri del pri-

mo cittadino Francesco Macrì per gli ottant’anni del Maestro Nik Spatari «Esprimo, anche a nome dell’Amministrazione Comunale gli auguri di buon compleanno al Maestro Nik Spatari che ieri ha compiuto 80 anni. Un augurio al Maestro Spatari, quale maggiore artista che opera attualmente nella Locride, - dichiara il Sindaco Francesco Macrì - per l’immensa opera di un genio che negli anni, con professionalità e capacità

espressive indiscutibili, ha saputo cogliere l’essenza della scultura e dell’architettura». «l Maestro Nik Spatari è un esempio da seguire – sottolinea il sindaco della città di Locri -, per la sua volontà di lavorare e produrre arte e cultura nella Locride, rappresentando nel Parco Museo di Santa Barbara, l’espressione più alta dell’evoluzione artistica contemporanea, punto di ritrovo per altri artisti di fama nazionale ed internazionale».


36 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Sport

CHAMPIONS

FEDERICO CHE INCANTA

Da stasera i quarti di finale ma l’Italia non ci sarà

Macheda il nuovo eroe di Manchester stupisce l’Inghilterra con il suo gol

Scudetto all’orizzonte per l’Inter ma il brasiliano è sempre più distante Per i media depresso e preda del mal d’amore, l’agente smentisce le voci

Adriano in crisi si nasconde Il mister della Lazio adotta le maniere forti Mancini Fino a venerdì in ritiro e silenzio stampa preoccupato: Lotito su tutte le furie “Ho sempre cercato di aiutarlo” “Non si può perdere così”

La Federcalcio interviene: “E’a casa con i familiari” MILANO - A casa con la madre a curare dolorose ferite d’amore. Dopo i racconti dei festini con alcol, sesso e delinquenti delle favelas di Rio de Janeiro, è questa l’ultima versione sulla situazione di Adriano, al centro di una vicenda sempre più confusa ogni giorno che passa da quando, venerdì scorso, non è tornato ad allenarsi con l’Inter dopo gli impegni con la nazionale. Il brasiliano si nasconde ancora dietro una sorta di cordone sanitario, senza esporsi in pubblico. Per lui parlano parenti e il solito agente Gilmar Rinaldi, dando versioni differenti di quanto sta accadendo. A cercare di far chiarezza è intervenuta anche la Federcalcio verdeoro (Cbf), spiegando che l’attaccante «è a casa con i familiari a Rio de Janeiro. È in contatto con il ct Dunga e i dirigenti dell’Inter, che sono stati informati sul delicato momento personale che sta vivendo». Il comunicato non scende nei particolari, ma prova a smentire le tante storie raccontate dai media brasiliani, a cui ieri si è aggiunta quella del quotidiano ’O Dia’ che ha tirato in ballo la depressione per la fine della relazione amorosa con Joana Macahado, la 28enne bionda personal trainer di cui l’interista era «perdutamente innamorato». Ma la ragazza, di cui il giornale pubblica anche la foto, non ne vuole più sapere, irritata per il festino di cui Adriano sarebbe stato protagonista una decina di giorni fa. Il giornale ricorda anche che Joana, che abita nel quartiere di Jardim Botanico e frequenta la spiaggia d’Ipanema, al contrario di quanto fanno molte ragazze che frequentano i calciatori, si è sempre mostrata molto disinteressata alle cose materiali, al punto da rifiutare i soldi e i gioielli che Adriano, conosciuto due anni fa, gli offriva ai tempi in cui giocava

Adriano forse in crisi con la fidanzata Joana Machado

Amara ammissione di Ranieri dopo la disfatta col Chievo

La Juve abbandona il sogno “Solo l’Inter può perderlo”

TORINO - Restano solo le dichiarazioni di facciata, perchè sarebbe poco dignitoso manifestare una resa, ma allo scudetto nella Juventus non crede più nessuno. O forse non avevano mai creduto. Eloquente Claudio Ranieri, dopo la partita-horror con il Chievo: «Due punti persi importantissimi, ma sapevamo che solo l’Inter può perderlo». Parole pronunciate prima di conoscere il risultato nel San Paolo. «Per fortuna non ha nulla di grave, ma è molto depresso, adesso è a casa e dorme», racconta una zia dell’ormai ex Imperatore. Macchè, la depressione non c’entra assolutamente nulla, assicura invece Rinaldi, l’agente che ha sempre curato gli interessi dell’interista, ma con cui da qualche tempo i rapporti sono diventati più freddi. «Adriano ha un pro-

dei nerazzurri, che dopo un paio d’ore avrebbero sistemato definitivamente la faccenda vincendo a Udine. Ma per i tifosi l’addio al sogno tricolore non è un dramma. Forte invece la preoccupazione destata domenica da mezza squadra, che al termine della stagione sembra ancora più zavorrata dai limiti mostrati ad agosto. Perso lo scudetto ora rimane una corsa Champions, non più scontata. blema particolare che stiamo cercando di risolvere e di cui adesso non vogliamo parlare. Quando torna in Italia lo vedremo al momento giusto - spiega a calciomercato. it - L’Inter e la Cbf sanno tutto e sono aggiornati ora per ora su qualsiasi novità». Tante parole, nessuna rivelazione. Preferisce non aggiungere altro invece Massimo Moratti, triste come Josè Mou-

rinho per un caso umano molto complesso. Quando tornerà a Milano, Adriano non prenderà certo la via di Appiano per allenarsi con i compagni. Più probabile che la società lo aiuti risolvere i suoi problemi, magari in una clinica specializzata. Poi in un secondo momento si parlerà del contratto. O il giocatore accetterà una sostanziale riduzione di ingaggio fino alla scadenza, oppure per l’Inter non sarà complicato arrivare alla rottura per giusta causa. Insomma, Adriano è sempre più lontano dall’Inter, a sua volta sempre più vicina allo scudetto. La squadra di Mourinho perde pezzi e brillantezza ma, dopo la vittoria rocambolesca sull’Udinese e il mezzo passo falso della Juventus, alcune agenzie di scommesse hanno sospeso le giocate per il tricolore ai nerazzurri. Fra poche partite, i conti potrebbero essere già chiusi. Forse a quel punto Adriano sarà tornato, ma difficilmente parteciperà ai festeggiamenti. «Ho sempre cercato di aiutare Adriano in tutto e per tutto. Poi, quando un allenatore non fa giocare un suo calciatore, allora il rapporto diventa difficile. Per gli altri suoi problemi ho sempre cercato di dargli una mano. A volte mi chiedeva di andare in Brasile e io lo mandavo. Chiedeva quello che era meglio per lui e io glielo facevo fare». Così l’ex allenatore dell’Inter Roberto Mancini ai microfoni di ’Replay’, la trasmissione a cura di Bruno Gentili in onda ieri su Raitre. Nell’intervista di Alberto Rimedio, Mancini, parlando di Adriano, aggiunge: «Gli avevo consigliato di lasciare l’Inter, ma adesso bisogna pensare a tirar fuori l’uomo Adriano da questa situazione e possono riuscirci soltanto persone esperte in materia. È un bravo ragazzo, spero che possa rialzarsi».

Secondo un quotidiano, per il giocatore un preaccordo di sessanta milioni di euro

Kakà, l’intesa col Real fa gola Forse Chelsea e Manchester City i prossimi “corteggiatori”

Florentino Perez del Real Madrid, avrebbe ottenuto l’accordo per avere Kakà. Lo dice il quotidiano spagnolo Marca

MADRID - Il quotidiano sportivo spagnolo Marca scrive ieri che ci sarebbe un preaccordo di principio fra l’ex presidente del Real Madrid Florentino Perez, di nuovo candidato alla guida del club alle elezioni che si terranno a metà giugno, e il Milan per il trasferimento del brasiliano Kakà al club ’merengue’. Il trasferimento avverrebbe sulla base

no nella trattativa. A gennaio Kakà, autorizzato dal Milan, aveva deciso di non andare al Manchester City, che aveva offerto cento milioni di euro. Intanto a fine stagione scadrà il prestito che il Chelsea gli ha concesso. Ma se dipendesse da lui, non ci sarebbero dubbi: «La mia speranza è di rimanere al Milan anche nella prossima stagione».

di un importo di 60 milioni di euro pagabili in 4 anni. Secondo Marca Perez ne avrebbe parlato con il vicepresidente del Milan Adriano Gal-

liani il 16 marzo scorso. Stando al quotidiano sportivo di Madrid tuttavia non è escluso che anche Chelsea e Manchester City si inserisca-

ROMA - Una squadra in crisi di risultati. Un presidente pronto a ricorrere alle maniere forti pur di invertire il trend negativo. Un allenatore in scadenza di contratto e con il futuro sempre più in bilico. Questo lo scenario che fotografa la situazione in casa Lazio nella settimana che la porterà a giocare il derby contro la Roma. Dopo il 2-0 subito in casa del Siena, terzo ko consecutivo dopo quelli con Chievo e Catania, la squadra si è riunita ieri al centro sportivo di Formello e, dopo un faccia a faccia col presidente Lotito, è partita per Norcia, dove resterà in ritiro, e in silenzio stampa, fino a venerdì sera. La sconfitta in terra senese, e il comportamento dei giocatori hanno fatto infuriare Lotito. «Non si può perdere così, prima devi combattere poi puoi an-

che perdere. A Siena non prendono stipendi da quattro mesi? Io sono stato sempre puntuale come la morte, ma adesso cambio» la minaccia del numero uno biancoceleste.

Per l’attaccante una prognosi di quaranta giorni

Mutu operato al ginocchio si ferma Jovetic e Gilardino le speranze viola FIRENZE - La Fiorentina dovrà affrontare la volata finale per il quarto posto senza Adrian Mutu che ieri è stato operato al ginocchio sinistro a Roma, a Villa Stuart. L’artroscopia diagnostica ha evidenziato

una lesione al menisco, la prognosi è stimata in 30-40 giorni. Mutu dovrà saltare sicuramente le gare contro Cagliari, Udinese, Roma e Torino. Gli ottimisti non escludono il suo ritorno per il 10 maggio per la trasferta a Catania, per i pessimisti il giocatore non tornerà prima della terz’ultima di campionato con la Sampdoria (17 maggio). In ogni caso nessuno metterà fretta al fuoriclasse rumeno, tantomeno Cesare Prandelli: «L’assenza di Adrian peserà, sia chiaro, ma vorrà dire che vedremo all’opera le doti di Jovetic» ha dichiarato il tecnico riferendosi al giovane montenegrino autore a Bergamo del suo primo gol (su rigore) in serie A. Nel momento topico del campionato Prandelli perde dunque uno dei suoi campioni anche se per sua fortuna Gilardino è tornato a segnare.

Spalletti ammette: “Il capitano ha fatto la differenza”

La Roma più sicura con Totti Ora la Champions è possibile ROMA - «Cercheremo di vincerle tutte sperando in un passo falso dei nostri avversari diretti, Genoa e Fiorentina». Totti suona la carica nello spogliatoio della Roma, dove ripetono tutti la stessa cosa: «Vogliamo il quarto posto». La rincorsa alla prossima Champions League, tuttavia, non può prescindere dalla presenza in campo del capitano, autore della doppietta contro il Bologna. In settimana Spalletti ha detto che la Roma può vincere anche senza di lui, spiegando poi che «se questo non avvenisse da parte mia, significherebbe dire al resto della squadra

che non è capace di fare risultato». Poi però a fine gara il tecnico toscano ha dovuto ammettere che «l’apporto di Totti ha fatto la differenza».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 7 Aprile 2009 37

Sport

F1 La doppia falsa partenza del 2009 apre processi a Maranello Domenicali è categorico: “Bisogna reagire e cambiare mentalità ”

Ferrari, avvio da brividi “Si ricomincia da zero”

Cacciato anche Sacchetti Udine ora chiama Blasone

UDINE - La Snaidero Udine ha esonerato il tecnico Romeo Sacchetti e ha affidato la squadra, ultima in classifica nella serie A di basket, a Mario Blasone, da poco nominato assistant coach e da ora primo allenatore, e a Jerome Allen come assistente allenatore e giocatore al tempo stesso. Udine in questa stagione aveva già esonerato il 25 novembre scorso Attilio Caja, sostituito da Sacchetti che aveva un contratto fino al termine della stagione. «La Pallalcesto Amatori Udine Snaidero Basket comunica che, alla luce delle pessime prestazioni della squadra, ha deciso di sollevare dall’incarico l’allenatore Meo Sacchetti - ha fatto sapere il club -. La società non vuole lasciare nulla di intentato e non accetta di terminare questo difficile campionato senza aver provato ogni strada per salvarsi e soprattutto vuole lottare fino all’ultimo con la massima dignità».

Se ci sarà l’ok ai diffusori contestati le Rosse pronte solo dopo il Bahrein SEPANG (MALAYSIA) - «Dobbiamo cambiare mentalità e renderci conto che siamo in una condizione diversa rispetto al passato e che quindi dobbiamo affrontarla con un approccio diverso, in pista e a Maranello». Dopo la falsa partenza nella stagione 2009, con due Gran Premi disputati e terminati a zero punti, il responsabile sportivo della scuderia Ferrari, Stefano Domenicali, lancia la carica per tornare subito ai livelli che competono al Cavallino rampante. Domenicali si aspetta una pronta reazione di tutti gli uomini della Rossa, uscita a mani vuote dal Gp d’Australia e da quello corso domenica sul circuito di Sepang in Malaysia e fortemente condizionato dalla pioggia: «In certi momenti è inutile stare qui a piangere, bisogna reagire in maniera determinante. Mi aspetto una reazione da parte di tutti, bisogna reagire, guardare avanti ed è inutile stare lì a piangersi addosso. Ripeto per quanto mi riguarda, per quella che è la mia responsabilità e per tutti gli uomini di Maranello». È il momento più difficile da quando sei alla guida del team? «Ma, il momento più difficile lo affronti sicuramente giorno per giorno afferma - perchè io mi ricordo anche

Basket Secondo cambio dopo Caja

Pesi Nella prima giornata di gare

Dellino doppio colpo Oro e argento europei Si lavora febbrilmente sulla Ferrari di Massa durante il GP di Sepang

l’anno scorso quando abbiamo rotto i motori in Ungheria oppure a Singapore fu difficile. I nomi dei responsabili? «È inutile - avverte Domenicali - fare nomi, non facciamo come altre squadre. Noi le cose ce le dobbiamo dire in faccia, ce le dobbiamo dire dentro, non è nel mio stile e nel nostro stile fare queste cose». Allora qualcuno non si prende le proprie responsabilità? «Diciamo che qual-

cuno se le deve prendere in maniera diversa». Domenicali spiega come la Ferrari si comporterà dal punto di vista dei cambiamenti da apportare alla F60 se la Corte d’Appello Fia il prossimo 14 aprile dovesse ribadire che i diffusori usati da Brawn Gp, Toyota e Williams sono regolari, respingendo quindi il ricorso del team di Maranello, di Renault, Red Bull e Bmw: «I diffusori sulla

Ferrari già in Cina? Per prima cosa bisogna aspettare la riunione del 14, secondo, anche se dovesse dare parere favorevole alle squadre (Toyota, Brawn Gp e Williams, ndr) noi non saremmo pronti, perchè ci vuole tempo. Le modifiche per quel tipo di scivolo richiedono dei cambiamenti sulla vettura. Cercheremo di anticipare il più possibile, ma non certamente per la Cina e il Bahrein».

F1 Al comando della Brawn Gp Moto Il pilota della Gilera è caduto domenica in allenamento

Button, è la Fia l’ostacolo da vincere

Frattura al polso per Simoncelli E ora è a rischio il via in Qatar

Il pilota della Brawn Gp, Jenson Button

SEPANG - Più forte della pioggia e forse anche di qualsiasi decisione della Corte di Appello Fia sulla vicenda dei diffusori ritenuti irregolari: dopo solo due Gran Premi di Formula 1, il pilota della Brawn Gp Jenson Button sembra aver già messo le mani sul Mondiale. E meno male per gli altri team che l’inglese ha ottenuto solo 5 punti con la vittoria a Sepang e che il progetto della Federazione di dare il titolo a chi conquista più gare era stato solo uno scherzo. Lui - l’uomo che potrebbe presto prendere il posto di Hamilton anche nel cuore dei tifosi per ora vola basso: «Posso vincere il Mondiale, ma la strada è lunga e la concorrenza agguerrita. E presto tornerà anche la Ferrari». Sulla strada verso il mondiale Button troverà tra qualche giorno l’ostacolo probabilmente più insidioso della stagione, quello della Corte d’Appello della Fia, che dovrà decidere se accettare o no il ricorso sui diffusori. Forse l’unica speranza per gli altri team di rientrare in tempo per la corsa al Mondiale. Intanto dopo il diluvio e le polemiche sul Gp pomeridiano della Malaysia Bernie Ecclestone: «Non vedo nulla di sbagliato nel correre a quell’ora, non si può sapere quando viene a piovere».

Basket In Italia dal 29 aprile al 4 maggio

Magie sul parquet Ritornano gli Harlem BROMA - Da più di 80 anni portano in giro per il mondo lo spettacolo e le emozioni del basket. Sono gli Harlem Globetrotters che dal 29 aprile al 4 maggio torneranno a calcare i parquet di tutta Italia per il quinto anno consecutivo. Il Tour 2009 partirà da Cuneo (29 aprile), toccherà poi Bologna (30 aprile), Bolzano (1 maggio), Verona (2 maggio), Porto San Giorgio (3 maggio), per concludersi a Roma il 4 maggio.

Il campione della 250 andrà oggi sotto i ferri ROMA - Marco Simoncelli oggi sarà sottoposto ad intervento per la riduzione della frattura allo scafoide della mano destra rimediata domenica in una caduta durante un allenamento insieme a Valentino Rossi. Il campione del Mondo in carica della 250 sarà operato a San Marino dal dottor Soragni e dal suo staff. Gli verrà applicata una vite in titanio nell’osso fratturato in modo da favorire il corretto ricongiungimento della parte. In dubbio la sua presenza per la gara di domenica in Qatar. «Il dottor Soragni - ha detto il pilota in un’intervista su internet - interverrà sul mio scafoide per cercare di mettere a posto la frattura. Nella mia testa c’è la volontà di correre nella prima gara del Motomondiale. Prenderò un volo per essere in pista con la mia squadra già giovedì per salire in sella alla mia Gilera per le prime libere di venerdì. Naturalmente dovrò avere l’approvazione della commissione medica del circuito per correre, ma spero di potercela fare». Domenica

ROMA - Ai Campionati Europei Seniores di Bucarest 2009 la prima giornata di gare regala due medaglie all’Italia dei Pesi: oro nello slancio e argento nel totale. A conquistarle è stato Vito Dellino, atleta dell’Esercito, nella categoria 56Kg. Comincia bene, il 26enne di Bari, con la prova di strappo che chiude al quarto posto con un’alzata di 109 kg. Si supera, poi, nella prova di slancio dove, con 138 kg, oltre a salire sul gradino più alto del podio, registra un nuovo record italiano. Ma Dellino oltre l’oro nello slancio, conquista anche uno storico argento nel totale nella categoria dei 56 kg maschile.

Scherma Fioretto plurimedagliato

Lo sport oggi festeggia Mangiarotti ha 90 anni Il campione della 250 è caduto mentre si allenava con Rossi

dunque Motomondiale al via. In Qatar, sul circuito di Losail, prima prova iridata del 2009. La gara si correrà di notte, su pista illuminata artificialmente. Il tracciato, situato alle porte della capitale Doha, è lungo 5,380 km e presenta 16 curve: 6 a sinistra e 10 a destra. Il rettilineo principale e di 1.068 mt. in qatar via mondiale. Di nuovo ci

sono le gomme uguali per tutti, tre esordienti, la necessità di contenere i costi, un pò di verde in meno (il colore della Kawasaki). Di già visto il terzo round del duello tra Valentino Rossi (Yamaha) e Casey Stoner (Ducati). Sono sempre loro, come nel 2007 e 2008, la coppia da battere in MotoGp. In attesa di nuovi talenti.

ROMA - «Happy birthday mr. Edoardo Mangiarotti. La leggenda della scherma compie 90 anni». E li festeggia insieme ai più grandi amici e personaggi del mondo dello sport - in un evento organizzato dalla Federscherma - che con lui hanno condiviso le gioie e i dolori di una carriera sportiva infinita. L’appuntamento di oggi celebrerà lo sportivo italiano ad avere conquistato più medaglie alle Olimpiadi (6 d’oro, 5 d’argento, 2 di bronzo) e ai Mondiali (13, 8, 5). Per due volte portabandiera azzurro alle Olimpiadi (Melbourne 1956 e Roma 1960).


38 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

SPORT Il tecnico amaranto sprona la squadra: dobbiamo provarci fino in fondo

S E R I E

A

REGGINA

REGGIO CALABRIA — Più che la partita della vita, è stata l’ennesima debacle della stagione. La sconfitta col Genoa può aver dato un serio spintone alla Reggina verso la serie B. «La matematica non ci condanna ancora», dice Nevio Orlandi ma chi lo conosce sa bene che il tecnico, che è sempre stato ottimista, adesso è seriamente preoccupato. «Le nostre chance di salvezza si sono decisamente ridotte – spiega -, ma dobbiamo provarci fino in fondo». Il primo forse ad essere deluso dell’andamento della squadra è soprattutto lui. Al tecnico non è piaciuto l’atteggiamento della sua squadra contro il Genoa. «C’è stato un approccio iniziale giusto – afferma - tenendo tutto sommato il campo, mentre poi abbiamo concesso troppi spazi ad una squadra che ha calciatori importanti e con le sue qualità poteva creare i presupposti per una vittoria, così come poi ha fatto. Non è mancata la volontà, ma c’è stato un atteggiamento per certi versi negativo. Non siamo quella squadra provinciale che deve essere. Se andremo a recuperare questo tipo di mentalità, non corriamo una brutta figura come quella fatta contro il Genoa». Orlandi cerca di discolpare i suoi uomini dall’ennesima sconfitta subita in questo campionato. «La volontà non è mai venuta meno – dice -. La squadra ha le sue qualità ma anche i suoi difetti. Solo con unità di intenti e con l’atteggiamento da provinciale si può raggiungere eventualmente un obiettivo e fare prestazioni che non siano quelle viste domenica». Il tecnico chiede ai suoi uomini di

2ª D I V I S I O N E

Mister Orlandi: «La matematica non ci condanna» onorare la maglia fino in fondo nelle otto partite che restano fino alla fine del campionato e di tentarle tutte per conquistare la salvezza. «Abbiamo il sacrosanto dovere di provarci – sostiene ancora Orlandi - Lo dobbiamo fare per il rispetto che nutriamo per questa città. E’ giusto che sia così. La matematica non ci condanna, anche perché ci sono ancora sei punti dal quart’ultimo posto. Abbiamo perso l’ennesima occasione. Ripeto: abbiamo il dovere di lottare e dare il massimo nei confronti della società e della città». Secondo il tecnico, i fischi ricevuti da parte del pubblico a fine gara sono «meritati. I tifosi sono rimasti delusi. Ma dobbiamo dimostrare di essere una squadra che si assume le sue responsabilità». Orlandi infine chiarisce il giallo che si è creato circa l’esclusione di Sestu dalla formazione titolare, che è stato spedito addirittura in tribuna. Una decisione che il giocatore non ha digerito, motivandola come scelta tecnica di Orlandi. Quest’ultimo minimizza. «Sestu – conclude – in settimana non ha lavorato bene e non era nelle condizioni giuste per essere utile alla squadra. Con lui sono stato chiaro: gli ho detto che non mi è piaciuto il suo lavoro dei giorni scorsi e che quindi per quello che ha dimostrato sul campo meritava la tribuna».

A MICROFONO APERTO di Antonio Latella

IL C… E’ FINITO, ANDIAMO IN B on siamo d’accordo. Su cosa? Sulla salvezza della Reggina. Suvvia, siamo seri evitando, con giudizi a dir poco azzardati, di esporci al lubrio di uomini e polli. Amiamo la Reggina, come le tante altre cose belle della nostra vita. Una premessa obbligatoria, soprattutto per evitare che il solito “scemo del paese” possa cucirci addosso l’etichetta di nemico degli amaranto o del suo patron. Con altrettanta sincerità ed onestà, fino al termine del campionato, abbiamo deciso di non mettere il dito sulla piaga. Non è questo il momento dei processi, che pure, per la storia, dovranno essere celebrati a momento debito. Domenica sera, stilando le pagelle, abbiamo espresso giudizi abbastanza severi sulla squadra e, ovviamente, sui singoli. Giudizi che non riguardano, come è giusto che sia, i singoli come persone, ma nella loro qualità di calciatori. Giudizi tecnici, dunque, che non avevano, e non hanno, alcun motivo, per mortificare l’attaccante Tizio, il centrocampista Caio o il difensore Sempronio, intesi come cittadini che, come ognuno di noi, hanno degli inalienabili diritti costituzionalmente garantiti. Detto questo, e chiesto scusa se qualcuno si è risentito, confermiamo la po-

N

chezza tecnica della squadra e dei singoli elementi, i quali, da buoni professionisti, stanno dando quello che è in loro possesso. Il calcio è un pianeta di campioni, di buoni calciatori, di mediocri, di dopolavoristi, di tornei per “scapoli ed ammogliati”. Ognuno, quando scende in campo, presume di essere il nuovo Pelè, il successore di Maradona, la personificazione di Sivori. Punti di vista che, noi per primi, rispettiamo. Ma nessuno può mettere la testa sotto la sabbia (come fanno gli struzzi) per esaltare momenti di mediocrità e, magari (non è certo il caso dei calciatori della Reggina), scambiare i coniglietti con gli impavidi. Leggendo le cronache sportive di ieri ci siamo domandati se qualche opinion leader abbia visto Reggina–Genoa, oppure uno dei tanti tornei rionali di un tempo, quando Campoli e Ribergo se le davano di santa ragione. Almeno in quella circostanza il pallone, bene o male, d’astuzia o di culo, gonfiava la rete avversaria. Nella squadra di Nevio Orlandi, purtroppo, oltre all’astuzia manca anche il fondoschiena. Perché, dopo tanti anni in cui è stata sfidata la sorte, quel proverbiale cofano posteriore ha perso tutto il suo valore. Ricominciamo dalla B. Ma con chi?

Angela Latella

Salutato con favore il pareggio dei rossoblù in casa dell’Igea Virtus

COSENZA

Un punto guadagnato e una giornata in meno

COSENZA — Diciamo che alla fine

delle gare di questa giornata di campionato la sensazione era quella che mancasse una giornata in meno alla fine e che i punti sulla seconda in classifica erano passati da otto a nove dato che gli Gela e Catanzaro erano riusciti a racimolare la miseria di un punto in due. Molti si chiedono quale potrebbe essere il motivo per cui i lupi potrebbero perdere questo vantaggio così ingente a sei giornate dalla conclusione. Molti se lo chiedono ma in pochi riescono ad immaginare una situazione di questo tipo viste le prestazioni che sfoggiano gli uomini di Toscano e il grande carattere che mettono in campo partita dopo partita, anche in quelle in cui brillano meno. Il Cosenza anche ieri a Barcellona Pozzo di Gotto ha fatto la sua parte, certo avrebbe potuto portare a casa l’intera posta in palio ma nulla si può far rilevare alla prova dei rossoblù al cospetto dei tifosi (sempre numerosissimi) che hanno seguito la squadra in Sicilia. Le parole dei ragazzi del presidente Paletta hanno tutte un lit motiv: non cadremo più nell’errore di

Nevio Orlandi

Il tecnico del Cosenza Mimmo Toscano. Per la compagine silana si avvicina la promozione diretta in Prima divisione.

Scafati. A leggere le interviste si capisce che la sconfitta h fatto bene al Cosenza perché ha consentito alla formazione del dg Mirabelli di “aggredire” la sfida del “D’Alcontres” con il giusto spirito che

certo non era stato quello con cui si erano presentati al Comunale di Scafati. Alla voce degli atleti si accoda Mimmo Toscano con un battuta sulla sconfitta di Scafati secondo

cui «ci ha dato la giusta grinta dando dimostrazione che questo è un gruppo che non molla mai. I ragazzi hanno avuto una buona reazione e sono venuti qui per cercare di vincere la partita costruendo molte occasioni da rete. C’è da dire che il campo era in pessime condizioni e questo non ci ha consentito di esprimerci al meglio. Se l’arbitro a fine gara avesse fischiato il calcio di rigore (a mio avviso netto) allora staremmo a fare un discorso diverso. Adesso ci aspetta la sfida interna contro l’Andria e vincendo si sarebbe davvero ad un passo dal nostro traguardo». Infuriato a dir poco il Presidente Paletta che non le manda a dire per il pessimo arbitraggio, a parer suo, a cui si è assistito sul terreno di gioco del “D’Alcontres”. Al Cosenza in trasferta non viene concesso un calcio di rigore da oltre un anno e a guardare l’intervento dell’ultimo minuto di gioco di Russo su Occhiuzzi (apparso finalmente il giocatore che tutti conosciamo), forse dovranno passare ancora altri mesi prima di vederne un altro. «Non possiamo ogni domenica trovarci in situazioni del genere e giocare sempre contro dodici avversari invece che undici. Venia-

mo costantemente penalizzati. In un anno abbiamo ricevuto solo due rigori a favore, entrambi in casa. Forse alla fine siamo più forti anche delle decisioni arbitrali». Parole forti quelle di Paletta ma che sono il sintomo di un malessere che viene covato da tempo. Prevendita per Cosenza–Andria: sabato 11 aprile si torna a giocare davanti al proprio pubblico: alle ore15.00 è in programma Cosenza-Andria, valevole come gara della ventinovesima giornata, dodicesima del girone di ritorno, e siamo certi che i tifosi si daranno appuntamento al “San Vito” per essere a fianco dei rossoblu e continuare, insieme, a inseguire grandi traguardi. Il Cosenza calcio 1914, visto l’entusiasmo e le numerose richieste, consiglia l’acquisto dei tagliandi nelle prevendite autorizzate, che garantisce un accesso più agevolato ed evita spiacevoli contrattempi come si è verificato nella partita del 15 marzo scorso con il Gela. Si informa inoltre che la biglietteria presso il Cosenza Store allo stadio San Vito lato Tribuna B, fino a giovedì 9 aprile 2009 sarà aperta nei seguenti orari: la mattina dalle 9.00 alle 12.00; il pomeriggio dalle 16.00 alle 19.00. Nella giornata di venerdì 10 marzo 2009 rimarrà aperto dalle ore 9.00 alle ore 19.00. Sono attivi soltanto tre punti vendita autorizzati. Oltre al Cosenza store, i biglietti potranno essere acquistati presso Inprimafila in via Alimena a Cosenza (telefono 0984/795699) e presso l’agenzia Eurobet a Rende in via Matteotti (0984/467531). Carmelo Grandinetti


il Domani Martedì 7 Aprile 2009 39

SPORT 2ª D I V I S I O N E VIGOR LAMEZIA

Il pareggio di domenica in casa col Barletta ha quasi matematicamente sancito la retrocessione in serie D

Vigor, gestione fallimentare Società sott’accusa in questi giorni calcisticamente funesti per la città di Lamezia

LAMEZIA TERME — Fallimento!

Questo il sentimento di un’intera città di fronte alla quasi certa retrocessione della Vigor Lamezia in serie D. E’ vero, manca ancora il verdetto matematico, ma in pochi scommetterebbero un solo centesimo su quella che appare un’improbabile inversione di rotta. Fallimento perché la dirigenza, se da un lato ha avuto il merito di aver risanato le casse, dall’altro ha smantellato un “giocattolo” che solo un anno fa ha sfiorato la C1 per ritrovarsi poi nell’inferno del dilettantismo. Amara riflessione: forse a Lamezia, e in gran parte della Calabria, fare calcio è diventato ormai economicamente insostenibile. Anche chi parla di fusione non sa quel che dice. Unirsi per andare dove? Per fare cosa? Ritornare in Seconda divisione? Suvvia, un po’ di serietà. Si uniscono squadre che intendono

2ª D I V I S I O N E

VIBONESE

Nelle due foto alcuni momenti del match di domenica tra Vigor Lamezia e Barletta.

competere ad alti livelli per raggiungere almeno la serie B, se non la serie A. A Lamezia Terme la classe imprenditoriale sta dimostrando solo “pochezza” senza un minimo di ambizione. Er-

go, in questi casi meglio il silenzio per non scadere nella vergogna! Tutto ciò, e altro ancora si “respira” in città in questi giorni calcisticamente funesti per la terza realtà della Calabria. Detto

ciò, non rimane che attendere la parola fine, non prima di andare a giocare in quel di Noicattaro. Per vincere, naturalmente, e sperare nelle disgrazie altrui (Isola Liri, Manfredonia, Aversa). Non

ci crede più nessuno. Da oggi in avanti dovranno crederci solo i giocatori. Ne va della loro immagine e dignità.

Si acuisce la crisi dei rossoblù di Galfano dopo la sconfitta di Isola Liri

ora retrocede pericolosamente verso le retrovie della classifica. Eppure, la partita era iniziata sotto i migliori auspici, con il giovane Di Franco che dopo appena due minuti aveva avuto la palla buona per dare da subito la svolta al match. Ed un quarto d’ora dopo, Taua che viene fermato dal palo. Il primo tempo si chiude e tutto sommato la Vibonese non ha troppo da rimproverarsi essendo stata costretta a rinunciare troppo presto al suo uomo più incisivo, Taua, preso letteralmente a calci con il beneplacito dell’arbitro. Poi, alla mezzora del secondo tempo, l’errore di Ruscio, fino a quel momento tra i migliori (anche se non è più il cuore e l’anima rossoblù come è stato fino allo scorso Natale), il cross di Tortori e il destro vincente di Pignalosa. E’ in questo momento che si scopre il male della Vibonese, che, nel momento in cui prova a reagire, mostra i limiti di questa squadra che non sa pungere, non sa finalizzare, non ha personalità, ha perso in sicurezza. Certo, con un arbitro vero, la svolta poteva esserci riconoscendo il fallo su Bianciardi e giocandosi così la chance del possibile rigore. Ma questa è un’altra storia, la storia di una società che evidentemente non è amata nelle stanze dei bottoni e che non sa imporsi, non solo sul campo, ma nemmeno tra le scrivanie!

Nel pantano dei play-out Vibonese in caduta libera

VIBO VALENTIA — E’ in caduta libe-

ra la Vibonese che non riesce più a vincere e non riesce più a mettere la palla in gol da troppo tempo. Ed ora è scivolata nel pantano della zona play-out in un’atmosfera pesante e inquietante. Certo, bisogna capire perché la squadra di un consigliere federale (qual è il presidente rossoblù Santino Gurzillo) è così maltrattata dagli arbitri, scoperta e priva di ogni tutela, com’è successo contro l’Isola Liri, formazione di casa che sin dall’inizio si è dedicata alla caccia all’uomo su Taua, fino a costringerlo all’uscita per infortunio; oppure con il chiaro rigore su Bianciardi colpevolmente negato a quattro minuti dalla fine della partita. Rimane il dato preoccupante di una squadra che non riesce a trovare la via del gol, che ha perso smalto ed ha perso il piacere di giocare, ha perso quella freschezza che l’aveva resa una delle sorprese più interessanti del girone d’andata, mentre

Vibonese sempre più in caduta libera dopo l’ennesima sconfitta in terra laziale contro l’Isola Liri. Sopra, un’immagine del tecnico rossoblù, Angelo Galfano.

Antonio Cannone

Maurizio Bonanno


40 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

SPORT 2ª D I V I S I O N E

L’INTERVISTA Mister Provenza analizza la sconfitta di Atessa e punta con decisione alla piazza d’onore

«L’obiettivo è il secondo posto» CATANZARO

CATANZARO — Torna a mani vuote il Catanzaro dalla seconda trasferta in terra abruzzese. Come due settimane addietro sul campo di Avezzano contro il Pescina, anche domenica scorsa la formazione giallorossa ha subito un nuovo stop, questa volta ad Atessa ad opera del Val di Sangro, compagine imbattuta fra le mura amiche e che, in precedenza, si era imposta su Cosenza e Pescina.. «Una gara – ha sottolineato il tecnico catanzarese Nicola Provenza che bisogna giudicare più per la prestazione della squadra, che per il risultato finale, anche se brucia per come è maturato. La prestazione, invece, è da inquadrare tra quelle positive, alla luce che la squadra ha cercato di essere equilibrata, offendendo il giusto e rischiando quasi niente in fase difensiva, tanto è che l’avversario non è mai arrivato ad impensierire la nostra porta. Purtroppo, sul calcio di punizione che ha poi deciso il match, la sfera è passata in mezzo alla barriera, subendo tra l’altro una leggera deviazione, prima di beffare Mancinelli. Volendo comunque fare un’autocritica un po’ più globale – ha proseguito il mister - ne viene fuori che nel primo tempo non siamo riusciti a concretizzare le occasioni avute, così come ci era capitato altre volte, ritrovandoci, invece, a fine gara, con un pugno di mosche in mano». Una prestazione comunque ben diversa da quella fornita dalla squadra contro l’Andria. «Non si può fare un paragone, in quanto contro i pugliesi la prova offerta dalla squadra è stata ottimale dal punto di vista della manovra, della qualità del gioco e soprattutto della concretizzazione in fase offensiva. Contro il Val di Sangro, invece, ci siamo imbattuti in un avversario del tutto diverso, molto tonico, oltre che attento, aggiungendo anche un terreno diverso rispetto a quelli in cui di solito giochiamo, ovvero un campo dalle dimensioni ridotte, che, senza dubbio, ha favorito gli abruzzesi, risultando alla fine influente sull’esito finale dell’incontro». Nulla da rimproverare alla squadra? «Assolutamente no, se non un po’ più di attenzione nelle azioni d’attacco. Mi riferisco, in particolare, al diagonale di Armenise, fuori di un soffio ed alla conclusione di Mangiacasale. Purtroppo ci troviamo a commentare un risultato negativo, dopo un prestazione che, a mio giudizio, poteva lasciare margine a qualche osservazione, diciamo anche a qualche critica, ma che alla fine doveva essere premiata con un pareggio, che certamente avrebbe meglio rispecchiato l’andamento della gara, al cospetto tra l’altro di un avversario che, nelle ultime gare, aveva messo in difficoltà formazioni molto importanti, quali il Cosenza ed il Pescina». Dopo questa terza sconfitta stagionale cambia qualcosa per il Catanzaro? «In chiave campionato assolutamente niente. Certamente siamo stati raggiunti dal Gela, per cui il nostro obiettivo è ora quello di consolidare il secondo posto in classifica per trovarci poi in una posizione privilegiata nella griglia dei play-off. In ogni caso, anche in coerenza con quello che ripeto sempre, dobbiamo guardare esclusivamente alle vicende di casa nostra, per cui è giunto il momento di pensare di arrivare alla fine della stagione, e quindi agli spareggi play-off, nelle migliori condizioni psicologiche, tecniche e tattiche, avendo tra l’altro la consapevolezza di capire che un piccolo episodio, diciamo soltanto una piccola

“Dobbiamo fare di tutto per trovarci in una posizione privilegiata nella griglia dei play-off” LA DOMENICA di Orlando Rotondaro

AQUILE, BELLE SOLO PER UNA NOTTE... E’

Nicola Provenza, tecnico del Catanzaro Fc

sfumatura, può condizionare il risultato. C’è quindi la necessità di rimanere ancora più concentrati su quello che facciamo, senza quindi pensare al resto. Del resto negli ultimi sette giorni è stato possibile valutare che questa squadra ha comunque una sua identità; qualche volta la riesce ad esprimere in maniera più compiuta, altre volte meno, riconoscendo anche che quando la stessa ha umiltà e collaborazione, riesce a fare delle cose molto importanti, che non possono essere disgiunte da una massima concentrazione ed una grande determinazione. Due requisiti, questi, che dovranno essere portati a mille nel momento in cui le gare saranno decisive per il salto di categoria».

Avanti tutta, quindi? «Ci mancherebbe altro! La sconfitta subita in Abruzzo appartiene al passato, per cui, sin da domani (oggi per chi legge), pur analizzando con i ragazzi la battuta di arresto, cercando tra l’altro di capire cosa non ha funzionato, lavoreremo per preparare al meglio il prossimo impegno che ci vedrà opposti, sabato, al Ceravolo, al Melfi, ricordando sempre che il nostro obiettivo è quello di costruire un certo tipo di mentalità, che va oltre questo campionato, consapevoli comunque di avere già raggiunto, in questa stagione, un risultato interessante e mai pronosticabile alla vigilia».

stato bello solo per una notte, poi di giorno il Catanzaro di Provenza è ritornato quello delle ultime settimane. E così contro la Val di Sangro è arrivata la terza sconfitta in trasferta. Nello spazio di soli due mesi i giallorossi hanno dovuto subire ben tre sconfitte, la fase negativa è iniziata il 5 febbraio a Barcellona contro l’Igea Virtus, è proseguita circa un mese dopo a Pescina ed è continuata, sempre a distanza di un mese ad Atessa contro la Val di Sangro. Una metamorfosi così come quella che sta avvenendo nel Catanzaro è difficile da analizzare per capire il perché degli avvenimenti che hanno trasformato una squadra che aveva accumulato ben 21 partite senza sconfitte in un’altra formazione che appare la copia scolorita di quella squadra tanto ammirata e temuta su tutti i campi di calcio della seconda divisione. Del gruppetto di testa solo il Catanzaro è tornato a mani vuote dalla trasferta in terra di Abruzzo. Infatti il Cosenza ha pareggiato a Barcellona contro l’Igea così come Gela e Pescina e come Andria e Cassino. Il Catanzaro sta pagando il periodo negativo che sta attraversando il suo mentore, Caputo che così come nella partita casalinga in notturna contro l’Andria si è ripetuto anche ad Atessa con la differenza che mentre nella partita in casa contro l’Andria hanno girato alla perfezione Iannelli, Berardi e compagni, ad Atessa anche questi ultimi sono venuti meno all’appello ed è invece

arrivata la terza battuta di arresto per un Catanzaro indecifrabile. Ed è evidente che viene da chiedere dove è andata a finire quella squadra delle 21 partite d’imbattibilità che anche se ha perso molti punti in casa era riuscita a conquistare vittorie e credibilità in trasferta. A questo punto riteniamo che ci vorrebbe da parte del tecnico Provenza una presa di coscienza dei fatti e quindi l’assunzione di una decisione drastica nello schieramento delle formazioni da mandare in campo. Ci spieghiamo meglio. Riteniamo che sia perfettamente inutile e dannoso in questo momento cruciale del campionato mandare in campo qualche atleta non in perfetta forma. Può infatti succedere che qualcuno degli intoccabili non stia attraversando un buon periodo. E’ umano che ciò avvenga, del resto succede in tutte le squadre che qualche elemento che magari ha dovuto subire la maggiore pressione o che si sia accollato responsabilità enormi, rallenti la sua andatura magari per prendere un pò di fiato. E allora ecco la necessità che il tecnico scelga nell’ampia rosa di calciatori a disposizione quelli più in forma da mandare in campo. Probabilmente ciò potrebbe provocare scelte dolorose ma necessarie per cercare di non perdere terreno nei confronti delle squadre candidate alla play-off in questo finale di campionato che sta diventando sempre più difficile come, del resto, era facilmente immaginabile.

Mario Mirabello

NOTIZIARIO Per il match di sabato il tecnico dovrà fare a meno di Gimmelli e Di Maio squalificati. Da valutare le condizioni di Frisenda, Diarrà e Pippa

Oggi si riprende. Rientra Francesco Montella CATANZARO — La squadra, dopo la giornata di riposo, si ritroverà nel pomeriggio di oggi al “Pala Giovino” per la ripresa della preparazione. Il tecnico Nicola Provenza, per la gara di sabato prossimo (vigilia di Pasqua) contro il Melfi, potrà contare sul rientro di Francesco Montella, che ha scontato la giornata di squalifica, ma dovrà purtroppo fare a meno dei due difensori centrali, Di Maio e Gimmelli, che, ammoniti domenica ad Atessa e già sotto diffida, saranno entrambi, domani, appiedati dal giudice sportivo. Sempre oggi saranno valutate le condizioni fisiche di Frisen-

da e Diarrà, oltre a quelle di Pippa, tutti non disponibili domenica scorsa per infortunio ed acciacchi muscolari vari. Una seduta d’allenamento. A destra, il difensore Francesco Montella

Mar. Mir.


AsteInfoappalti

41 Martedì 7 Aprile 2009 TRIBUNALE DI CATANZARO Avviso di vendita di beni immobili pignorati ex art.569 c.p.c. Cancelleria esecuzioni immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n.143/90 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: Lotto unico: Fabbricato in Sellia Marina (CZ), Via Case Sparse (F.9, p.lla 17) al prezzo base di euro 36.010,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 03 giugno 2009 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare “Non Trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n.143/90 RGE.” di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere Io stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 1.000,00 L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico dell’aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza venga pubblicata entro il termine suddetto oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it; - il Domani Catanzaro 25 marzo 2009 °°°°°°°°°° Prima sezione civile Il giudice dell’esecuzione, dott.ssa Maria Carmela Andricciola, ha pronunciato la seguente Ordinanza nel procedimento n°32/93 RG.E pendente tra Carical e................ visti gli atti Dispone procedersi alla vendita senza incanto anche dei beni seguenti: Lotto 1: Appartamento in Davoli, Via Papa Giovanni XXIII n° 6, in catasto al foglio 6, p.lla 374 sub.2. Prezzo euro 134.200,00; Lotto 2: Terreno in Davoli, in catasto al foglio 15 p.lle 983, 267,e 57. Prezzo euro 82.620,00. Lotto 3: Quota di 5/7 di appartamento in Chiravalle C/le via Nazionale o SS 182, in catasto al foglio 33, p.lla 96, sub.3 e 4. Prezzo euro 24.750,00 Lotto 4: Appartamento in Chiaravalle centrale via Nazionale 182, in catasto al foglio 33, p.lla 1160 sub 2. Prezzo euro 69.400,00. Lotto 5: Appartamento in Chiaravalle C/le via Nazionale 182, in catasto al foglio 33 p.lla 1160 sub 1. Prezzo euro 34.000,00. Lotto 6: Unità immobiliare adibita ad abitazione, in Soverato Via F.A Riso, piano seminterrato, in catasto al foglio 5 p.lla 373 sub.1. Prezzo euro 125.400,00 Lotto 7: Unità immobiliare adibita ad abitazione, in Soverato (Cz) Via F.A Riso piano seminterrato, in catasto al foglio 5 p.lla 373 sub 2. Prezzo euro 99.225,00; Lotto 8: Appartamento, in Soverato via F.A Riso, piano terra, in catasto al foglio 5, p.lla 373 sub 3. Prezzo euro 161.000,00. Lotto 9: Appartamento in Soverato via F.A Riso, piano primo, in catasto al foglio 5, p.lla 373 sub 5. Prezzo euro 162.000,00 Lotto 10: Appartamento in Soverato (Cz) Via F.A Riso, piano primo, in catasto al foglio 5 p.lla 373 sub 6. Prezzo euro 117.450,00. Lotto 11: Terreno in Soverato c.da Turrati, in catasto al foglio 2 p.lle 288 e 289. Prezzo euro 4.000,00. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n.32/93 RGE di importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 09.06.2009 restando le spese di trasferimento a carico della procedura. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 cpc è fissata per il 10.06.2009. Aumento minimo in caso di gara euro 1000,00 per detti lotti. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versta cauzione, entro il termine di giorni 60 dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano “Il Domani”, nella rivista Aste e sul sito internet www.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

il Domani

presentazione delle offerte. Manda alla cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro, 18.03.2009 Il G.E F.to dott.ssa Maria Carmela Andricciola °°°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE D.ssa Maria C. Andricciola nella procedura esecutiva n.144/98 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni in Gimigliano: Lotto n.3: Garage in località Colla Euro 20.250,00 Lotto n.4: Magazzino in località Colla Euro 43.537,50 Lotto n.6: Appartamento in località Colla Euro 19.363,50 Lotto n.7: Appartamento in località Colla Euro 5.062,50 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 27 maggio 2009 Nella medesima data e fissata l’udienza ex art.569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare “Non Trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n..............” di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. ln caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 500,00 L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione, Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dlspone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del del termine fissato per Ia presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicata entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it; - ll Domani Catanzaro, 25 febbraio 2009 °°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC Prima Sezione Civile il Giudice dell’esecuzione, dott.ssa Maria Carmela Andricciola ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 46/88 R.G.E. pendente tra Ca.ri.cal e visti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: lotto 3: Unità immobiliare, piano terra, uso deposito, in Catanzaro, località Santa Domenica, foglio 37, p.lla 214, con terreno circostante prezza base: euro 7.566,80 Gii immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro Proc. Esec. n, 46/88 recante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 26.5.2009, sono a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 27.05.2009. Aumento minimo in caso di gara euro 500,00 L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine digiorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione su1 quotidiano “il Domani”, nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza Catanzaro, 04.07.2009 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI EX ART. 569 COMMA 3 C.P.C. NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N. 38/2003 R.E. SI RENDE NOTO Che il giudice dell’esecuzione nella procedura n. 38/2003 R.E., con ordinanza ha disposto la vendita all’incanto, in più lotti dei seguenti beni immobili nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano LOTTO 1 “terreni ubicati in Francavilla Angitola, Località Falco, estesi per Ha. 1.58.50, coltivati ad uliveto, actinidietro e bosco ceduo, riportati nel NCT di detto comune al foglio 18, particella 154, al foglio 24, p.lle 45,115 e 140” prezzo base: euro 46.500,00

A CURA DELLA

MEDIATAG

Lotto 2 “fondo agricolo coltivato ad agrumeto ed uliveto, ubicato in Francavilla Angitola, Località Scordari, esteso per Ha. 9.27.10, con piccoli fabbricati non accatastati. L’immobile è riportato nel NCT di detto comune al foglio 25, p.lle 3,28,29,31,32,33,57 e 100” prezzo base: euro 402.000,00 FISSA La vendita con l’incanto per il 27/05/2009 ore 9.30 e ss. Al prezzo base d’asta come sopra determinato. Chiunque, tranne il debitore, intenderà partecipare alla vendita, dovrà presentare entro le ore 13.00 del 26/05/2009 nella Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, istanza di partecipazione di bollo recante a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi). All’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (procura speciale o certificato camerale) in caso di partecipazione di più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; Con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa senza segni di riconoscimento, dovranno essere depositati assegni circolari, intestati a “ Poste Italiane S.p.A.”, cui versare a titolo di cauzione, il 10% del prezzo base d’asta e a titolo di spesa il 20% del prezzo base d’asta. La misura minima dell’aumento da apportare all’offerta a pena di inammissibilità, è pari al 3% del prezzo base d’asta. Il pagamento del prezzo di aggiudicazione dedotta la cauzione già prestata, deve essere effettuato dall’aggiudicatario nella Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari entro il sessantesimo giorno dalla data di aggiudicazione, mediante assegno circolare intestato alle “Poste Italiane s.p.a.” Soltanto all’esito dell’adempimento precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività e i costi per la cancellazione delle formalità, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Ulteriori informazioni potranno essere chieste in cancelleria Catanzaro - Lamezia Terme lì Bruna Bernardi °°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA DI BENE IMMOBILE Della proc. n.60/1995 R.E. Richiesta da Banca Nazionale del Lavoro SI RENDE NOTO che il giorno 10/6/2009 ore 12,00 nella sala della pubbliche udienze di questo Tribunale avanti al giudice delle esecuzioni si procederà alla vendita all’incanto del bene immobile elencato in calce alle seguenti condizioni: Prezzo base euro 15.289,73 Ogni concorrente per essere ammesso all’incanto dovrà depositare nelle forme dei depositi giudiziari assegni circolari non trasferibili intestati a Poste Italiane S.p.a. nella cancelleria di questo Tribunale almeno quattro giorni prima della data fissata per l’incanto per la somma di euro 1.528,97 per cauzione e per la somma di euro 3.057,94 per spese. L’aumento minimo da apportarsi alle offerte è di euro 764,48. L’aggiudicatario dovrà provvedere a sua cura e spese alla voltura catastale dell’immobile trasferitogli. Entro il termine di sessanta giorni da quando l’aggiudicazione sarà divenuta definitiva (settanta giorni dalla vendita) l’aggiudicatario dovrà versare, nelle forme dei depositi giudiziari, il prezzo di aggiudicazione, detratto l’importo già versato a titolo di cauzione. Maggiori informazioni in cancelleria. ELENCO BENE IMMOBILE Appartamento sito in Cortale alla Traversa C. Alvaro, ubicato al primo piano, composto di soggiorno, disimpegno, ripostiglio, cucina, bagno e due camere, della superficie utile di mq.83,62 oltre a balconi per mq.19,14 e un ripostiglio con accesso dal pianerottolo del primo piano della superficie di mq. 2,75. È riportato nel N.C.E.U. del Comune di Cortale al foglio 18 particella 500 sub 14 e 16. Lamezia Terme, 25 marzo 2009 IL CANCELLIERE F.to Bruna Bernardi °°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA DI BENE IMMOBILE Della proc. n.151/1995 R.E. Richiesta da Banca Nazionale del Lavoro SI RENDE NOTO che il giorno 10/6/2009 ore 12,00 nella sala della pubbliche udienze di questo Tribunale avanti al giudice delle esecuzioni si procederà alla vendita all’incanto del bene immobile elencato in calce alle seguenti condizioni: Prezzo base euro 26.172,62 Ogni concorrente per essere ammesso all’incanto dovrà depositare nelle forme dei depositi giudiziari assegni circolari non trasferibili intestati a Poste Italiane S.p.a. nella cancelleria di questo Tribunale almeno quattro giorni prima della data fissata per l’incanto per la somma di euro 2.617,26 per cauzione e per la somma di euro 5.234,52 per spese. L’aumento minimo da apportarsi alle offerte è di euro 516,46. L’aggiudicatario dovrà provvedere a sua cura e spese

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

alla voltura catastale dell’immobile trasferitogli. Entro il termine di sessanta giorni da quando l’aggiudicazione sarà divenuta definitiva (settanta giorni dalla vendita) l’aggiudicatario dovrà versare, nelle forme dei depositi giudiziari, il prezzo di aggiudicazione, detratto l’importo già versato a titolo di cauzione. Maggiori informazioni in cancelleria. ELENCO BENE IMMOBILE Fabbricato da cielo a terra sito nel Comune di San Mango d’Aquino alla via Mazzini (ora F.lli Bandiera), composto da due locali magazzini al piano seminterrato, di w.c. e vano al piano terra, di cucina soggiorno e bagno e vano letto al primo piano e di due vani al secondo piano, in catasto identificato con foglio 7 particelle graffate 465/5 e 466. Con tutte le accessioni e pertinenze del bene immobile sopra descritto. Lamezia Terme, 25 marzo 2009 IL CANCELLIERE F.to Bruna Bernardi °°°°°°°°°° SI RENDE NOTO Che il GE nella procedura esecutiva immobiliare n. 73/02, con ordinanza del 20/02/2008 ha disposto la vendita del seguente bene nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano: LOTTO UNICO unità immobiliare per civile abitazione di 34 mq, sita in Lamezia Terme, Località Ginepri, composta da soggiorno con angolo cottura, letto e bagno con annesso giardino di circa mq 110. Il cespite è riportato al NCEU del comune al fg. 23 - p.lla 235 - sub 13, cat. A/3, cl. 4, vani 3,5. Prezzo base euro 27.271,12. Fissa in relazione alla vendita senza incanto: - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari delle offerte di acquisto dell’immobile sopra descritto, termine fino alle ore 13,00 del giorno 2 giugno 2009, con le modalità del prezzo base di cui sopra; - per l’esame delle offerte di acquisto, ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 3 giugno 2009 ore 9,30 e segg. Fissa nel caso in cui la vendita senza incanto non abbia luogo: - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari dell’istanza di partecipazione agli incanti, termine fino alle ore 13,00 del giorno 16 giugno 2009 con le modalità e il prezzo minimo di cui sopra; - per il giorno 17 giugno 2009 ore 9,30 e segg. la vendita ai pubblici incanti dell’ immobile sopra indicato con le modalità ed il prezzo base di cui innanzi. Ciascun offerente, tranne il debitore è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art. 579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta;l’offerta è irrevocabile, salvo che: il giudice ordini l’incanto; siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta. L’offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’art.568 cpc; se l’offerente non presta cauzione a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane Spa”, in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; l’offerta deve consistere in una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del prezzo offerto, del bene e del lotto cui si riferisce l’offerta ed ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; detta dichiarazione deve altresì recare le generalità dell’offerente (nome,cognome,luogo e data di nascita,codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale tra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri e la legittimazione dello stesso (es. procura speciale o certificato camerale); in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per l’esame delle offerte; le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte, alla presenza degli offerenti ove comparsi; le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; evidenziato, quanto all’eventuale, successiva vendita agli incanti che: essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 27.271,12; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a euro 2.300,00 Stabilisce, altresì, che la vendita avviene alle seguenti condizioni, sia qualora vi si faccia luogo senza incanto, sia qualora vi si faccia luogo con incanto. - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura, eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; - la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per i vizi o mancanza di qualità, nè potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o di difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti da eventuali necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese con-


AsteInfoappalti

42 Martedì 7 Aprile 2009 dominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiani spa”, in mancanza,si provvederà a norma dell’art. 587 cpc; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonchè del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, per come liquidate dalla cancelleria, sarà emesso il decreto di trasferimento ai sensi dell’art. 586 c.p.c. Lamezia Terme, 20 febbraio 2008 Il GE Dott.Alessandro Brancaccio °°°°°°°°°° UFFICIO FALLIMENTI BANDO DI VENDITA ALL’INCANTO DI BENI IMMOBILI NELLA PROCEDURA DI CONCORDATO PREVENTIVO N. 2/1994 SI RENDE NOTO Che il Giudice Delegato al Concordato Preventivo n. 2/1994, con ordinanza del 10/02/2009 HA DISPOSTO la vendita all’incanto, con riduzione di 1/5, dei beni immobili di seguito indicati, nello stato di fatto e di diritto in cui essi si trovano, quale risulta dalla perizia agli atti del fascicolo del Concordato Preventivo n. 2/1994, e dell’esecuzione forzata RG 73/94, cui si fa integrale riferimento in questa sede. Eventuali irregolarità urbanistiche o abusi edilizi potranno essere sanati o condonati dall’aggiudicatario nel termine di giorni 120 dalla notifica del decreto di trasferimento. LOTTO n. 4 - Fabbricato sito in Lamezia Terme Sambiase C.so Vittorio Emanuele nn. 9 ed 11 costituito da unico magazzino di due locali posto a piano terra di una palazzina di maggior consistenza, riportato al NCEU del Comune di Lamezia Terme-Sambiase al foglio 74 p.lle 602 sub 5, Z.C.1, cat. C/1, classe 5, C.so Vittorio Emanuele 156, consistenza mq 28, e p.lla 602 sub 3, Z.C.1, cat. C/2, classe 2, c.so Vittorio Emanuele 152, consistenza mq. 29. LOTTO n. 9 Quota ideale pari ad un mezzo indiviso di un fabbricato sito in Lamezia Terme via Col. Cassoli /C.so G. Nicotera costituita da un magazzino posto a piano terra di un immobile di maggior consistenza, riportato al NCEU del Comune di Lamezia Terme al foglio 21 p.lla 184 sub 1, via Col. Cassoli n. 7, P.T., Z C 1, Cat. C/2, classe 4. LOTTO n. 10- Fabbricato sito in Lamezia Terme via Col. Cassoli /C.so G. Nicotera costituito da un magazzino posto a piano terra di un immobile di maggior consistenza, riportato al NCEU del Comune di Lamezia Terme al foglio 21 p.lla 184 sub 2, C.so G. Nicotera 38, P.T., ZC1, Cat. C/1, classe 11. LOTTO n. 11- Quota ideale pari ad un mezzo indiviso di un fabbricato sito in Lamezia Terme via Col. Cassoli /C.so G. Nicotera costituita da un magazzino posto a piano terra di un immobile di maggior consistenza, riportato al NCEU del Comune di Lamezia Terme al foglio 21 p.lla 184 sub 3, C.so Nicotera 42, P.T., ZC1, Cat. C/1, classe 11. LOTTO n. 12- Fabbricato sito in Lamezia Terme via Col. Cassoli / via Carducci costituito da un locale posto a piano terra rispetto a via Cassoli ed a piano seminterrato rispetto a via Carducci, con annessa piazzetta su via Cassoli, riportato al NCEU del Comune di Lamezia Terme al foglio 21 p.lla 172 sub 1, via Col. Cassoli n. 4, P.T., ZC1, Cat. C/2, classe 3. Si da atto che il bene risulta locato come da contratto acquisito agli atti della procedura concordataria. LOTTO N. 15- Quota parte di un mezzo indiviso di immobile sito in Lamezia Terme già Sambiase, via V. Veneto, confinante con via Veneto, via S. D’Audino, via G. Battisti e via Salvemini, composto da fabbricato ed annesso terreno edificabile, meglio descritto in perizia agli atti della procedura esecutiva, già utilizzato quale Cinema-Teatro Grandinetti e già sede dell’emittente televisiva VL7. Al catasto detto bene risulta individuato con i seguenti dati: fg. 74 part. 683 C.so via IV Novembre n. 1-3-5-, P.T., Z.C. 1, cat. D/3. PREZZO BASE: Lotto n. 4 euro 11.765,42; Lotto n. 9 euro 23.111,68; Lotto n. 10 euro 40.162,67; Lotto n. 11 euro 46.412,80; Lotto n. 12 euro 499.404,42; Lotto n. 15 euro 194.124,99. Ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, dovrà presentare entro le ore 13.00 del 08.06.09, nella Cancelleria Fallimentare, istanza di partecipazione in carta bollata e versare, mediante deposito di assegno circolare intestato al concordato preventivo, le seguenti somme: a) 10/% del prezzo offerto a titolo di cauzione; b) 20% del prezzo offerto quale somma corrispondente all’ammontare delle presumibili spese di vendita. L’aumento minimo da apportare all’offerta è pari al 5% del corrispondente valore dei beni subastati. HA STABILTO in 120 giorni il termine entro il quale l’aggiudicatario dovrà versare, nelle forme dei depositi giudiziari, il prezzo di aggiudicazione, detratto l’importo già versato a titolo di cauzione.

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

il Domani

HA FISSATO per l’incanto il giorno 09.06.2009 ore 12.00 presso l’aula civile del Tribunale di Lamezia Terme. L’Aggiudicatario dovrà provvedere a sua cura e spese alla voltura catastale dell’immobile trasferitogli. Ulteriori informazioni potranno essere chieste al Liquidatore del Concordato Preventivo, avv. Stefania Maria Gambino (0968/27183). Lamezia Terme,li 18.03.2009 °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI EX ART. 569 comma 3 cpc NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE n.° 120/1992 R.E. SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’esecuzione nella procedura n.° 120/92 R.E., promossa da Intesa Gestione Crediti S.p.A. (ora Italfondiario S.p.A.), con ordinanza del 14/01/09 ha disposto la vendita all’incanto, in unico lotto, del seguente bene immobile nello stato di fatto e di diritto in cui si trova: QUARTO LOTTO “Magazzino in Lamezia TermeNicastro, Via Vignola n.° 68 ad unico vano non carrabile, individuato in catasto al foglio di mappa n. 19 part. 176 sub. 1 di 27 mq circa di superficie complessiva” FISSA La vendita con incanto per il 27/05/2009 ore 9:30 e ss al prezzo di base d’asta così determinato: euro 2.432,72. Chiunque, tranne il debitore, intenderà partecipare alla vendita, dovrà presentare entro le ore 13:00 di quattro giorni prima la vendita, nella Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, istanza di partecipazione in bollo recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di R.G.E. della procedura il bene o il lotto cui l’istanza si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regine patrimoniale fra i coniugi). All’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (procura speciale o certificato camerale) in caso di partecipazione di più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento. Con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa senza segni di riconoscimento, dovranno essere depositati distinti assegni circolari, intestati a “Poste Italiane S.p.A.” cui versare a titolo di cauzione, il 10% del prezzo base d’asta e a titolo di spesa il 20% del prezzo base d’asta. La misura minima dell’aumento da apportare all’offerta, a pena di inammissibilità, è pari al 5% del prezzo base d’asta. Il pagamento del prezzo di aggiudicazione, dedotta la cauzione già prestata, deve essere effettuato dall’aggiudicatario nella Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari entro il sessantesimo giorno dalla data di aggiudicazione, mediante assegno circolare intestato alle “Poste Italiane S.p.A.”. Soltanto all’esito dell’adempimento precedente, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene, nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività e i costi per la cancellazione delle formalità, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c. Il creditore procedente provvederà a inserire per almeno una volta sul quotidiano di informazione locale “Il Domani”, sul mensile “Aste-InfoAppalti” e sul sito internet www.aste.eugenius.it. Ulteriori informazioni potranno essere chieste in cancelleria. Lamezia Terme, 18 Marzo 2009. Il Cancelliere C1 F.to Bruna Bernardi °°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA BENI IMMOBILI Della Proc. N. 120/94 R.E. Richiesta da Banco di Napoli S.p.A. SI RENDE NOTO che il giorno 27 - 05 - 2009 ore 12,00 nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al Giudice delle Esecuzioni, si procederà alla vendita all’incanto dei beni immobili elencati in calce alle seguenti condizioni: Prezzo base: euro 21.118,93 per il primo lotto Prezzo base: euro… per il secondo lotto Prezzo base: euro… per il terzo lotto Prezzo base: euro… per il quarto lotto Prezzo base: euro… per il quinto lotto ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, dovrà depositare nella Cancelleria di questo Tribunale almeno quattro giorni prima della data fissata per l’incanto. Primo Lotto euro 2.111,89 per cauzione e euro 4.223,78 per spese Secondo Lotto euro … e euro… per spese Terzo Lotto euro… e euro… per spese Quarto Lotto euro… e euro… per spese Quinto Lotto euro… e euro… per spese L’aumento minimo da apportarsi alle offerte e di euro 1.549,37. L’aggiudicatario dovrà provvedere a Sua Cura e spese alla voltura catastale dell’immobile trasferitogli. Entro il termine di sessanta giorni da quando l’aggiudicazione sarà divenuta definitiva (settanta giorni dalla vendita) l’aggiudicatario dovrà versare, nelle forme dei depositi giudiziari, il prezzo di aggiudicazione, detratto l’importo già versato a titolo di cauzione. Maggiori informazioni in cancelleria. ELENCO BENI IMMOBILI: Porzione di un fabbricato per civile abitazione di tre piani fuori terra, di recente costruzione, in Lamezia Terme - Nicasto - Contrada

A CURA DELLA

MEDIATAG

Marzomiglio, costituita dall’appartamento al primo piano, composto da cinque vani, ingrasso e disimpegno, cucina, ripostiglio, due bagni per una superficie netta di mq. 127,00, oltre a mq. 22,00 di terrazze e balconi, oltre a mq. 150 di corte in comune pro quota; all’appartamento è annesso il garage - cantina al piano terra avente una superficie di mq. 60; il tutto è riportato in NCEU del predetto Comune censuario alla partita 9589 in testa a …., foglio di mappa 44, particella 20 sub 2, piano primo e piano terra; gli immobili non sono conformi alla vigente normativa urbanistica e sono sanabili entro 120 giorni dalla notificazione del decreto di trasferimento mediante il pagamento della somma di lire 1.100.000 circa già detratta dal prezzo basa d’asta. Lamezia Terme 27 Gennaio 2009 IL CANCELLIERE (C/1) F.to Bruna Bernardi TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 17/2005 promossa da MONTALI PROSCIUTTI S.p.A., DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. (PER LA DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA) PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete vedere l’ordinanza di vendita - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 04.06.2009, con il prezzo riportato nell’ordinanza di vendita alls seguenti condizioni: - ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depoditare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; - le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 680 cpc; - l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E’ PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Avv. R. TASSONE (Tel. 0964.769942) Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Locri, 25 marzo 2009 - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI Sezione Civile - Esecuzioni R.E. Imm.: 17/2005 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE, ..... OMISSIS ...., - DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEI SEGUENTI IMMOBILI: DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO UNICO: “Quota di 1/2 sul diritto di piena proprietà su una casa adibita a civile abitazione sita nel Comune di Brancaleone (RC) via Altalia, n. 6, in un edificio condominiale, identificata nel NCEU al foglio di mappa n. 35, particella 316 sub 4” PREZZO BASE: Euro 57.560,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO STABILISCE: per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell’art. 569 cpc, con il metodo dell’incanto, alle seguenti condizioni: 1) L’immobile pignorato sarà posto in vendita nella consistenza indicata nella perizia di stima da intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma c.p.c.); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l’indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di efficacia, non può essere inferiore del prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l’indicazione della volontà di avvalersi, ve ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento o ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; F) la dichiarazioe di aver letto la relazione di stima (consultabile sull’apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell’immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscri-

Per informazioni 0961 996802

4)

5)

6)

7)

8)

9)

10)

11) 12)

13)

14)

15) 16)

17)

18)

www.aste.eugenius.it ::

ve l’offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria del Tribunale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l’esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l’effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l’autorizzazione del giudice tutelare ove l’offerente sia un minore; l’offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell’esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l’esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che a cura dell’offerente stesso, dovranno essere inseriti nella medesima busta; l’offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l’offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; l’offerta si considera irrevocabile ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l’incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l’offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all’esame delle offerte; l’udienza di vendita è fissata per il giorno 28.09.2007, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; si procederà all’esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l’ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all’art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. in caso di mancata aggiudicazione, l’importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; in caso di aggiudicazione, l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito bancario intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione acceso presso un qualsiasi Istituto bancario; in caso di aggiudicazione, inoltre, l’offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’esecuzione), e nello stesso termine, l’importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all’uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc); maggiri informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri; la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all’Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell’art. 555 cpc; B) il valore dell’immobile determinato a norma dell’art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l’avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di Brancaleone e Ferruzzano (invitanto all’uopo il creditore ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura del creditore procedente; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all’udienza di vendita; B) l’attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; ove si debba procedere all’incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell’art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo a qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni,


AsteInfoappalti

43 Martedì 7 Aprile 2009 art. 573 cpc), si fissa fin d’ora per l’udienza del 28.03.2008 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; 19) ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell���udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; 20) la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l’offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; 21) le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell’incanto; 22) se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23) l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art. 584 cpc) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; 25) le offerte in aumento andranno effettuate in Cancelleria con le firme di cui all’art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all’incanto; 26) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l’aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misuta di cui al punto 24); 27) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l’aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell’esecuzione; 28) alla medesima udienza fissata per l’incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all’art. 591 cpc (ammissione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti. Si comunichi anche al custode. LOCRI, 26 maggio 2007 F.to IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. DAVIDE LAURO °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO Ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570 cpc che Il Giudice dell’Esecuzione, DOTT. DAVIDE LAURO letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 55/04 promossa da MONTE DEI PASCHI DI SIENA SPA DISPONE Procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1 a 28 DESCRIZIONE IMMOBILI: VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO Per le condizioni complete vedere l’ordinanza di vendita - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso: LA VENDITA SENZA INCANTO in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc avverrà CON IL PREZZO DA RIDURRE DI 1/4 all’udienza del 04.06.2009 alle seguenti condizioni: entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

il Domani

prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; Le offerte in aumento, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; L’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg 60 dall’aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; Il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co. II cpc (richiamato dall’art. 574, III co. cpc). PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete vedere l’ordinanza di vendita - punti da 1-28 riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 01.10.2009, con il prezzo riportato nell’ordinanza di vendita DA RIDURRE DI 1/4, alle seguenti condizioni: - ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; -le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art.580 cpc; - l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito - IL SITO INTERNET SUL QUALE E’ PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it. Custode Giudiziario: AVV. MARIA CRISTINA CARACCIOLO (tel. 0964 - 913220) Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. Estratto conforme per uso pubblicità Locri 18/2/2009 ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI SEZIONE CIVILE - ESECUZIONI R.ES. IMM. 55/2004 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE OMISSIS… DISPONE La sostituzione del debitore nell’Ufficio di custode dei beni pignorati per le causali di cui in premessa e nomina quale nuovo custode, non essendo disponibile l’IVG l’Avv. Maria cristina Caracciolo, con studio in Bianco alla Via U. Boccioni n. 3, tel. 0964/913220 al quale fa obbligo di far pervenire a quest’ufficio una preventiva relazione circa la situazione degli immobili costituenti il compendio pignorato e di depositare in seguito il rendiconto della gestione alle scadenze di legge nonché ad ogni richiesta del creditore procedente o di quest’ufficio; autorizza, altresì il custode a gestire attivamente ed economicamente i beni staggiti ricavandone rendite e profitti ed esercitando le azioni previste dalla legge necessarie per conseguirne la libera disponibilità;il custode dovrà, altresì, curare che le persone interessate all’acquisto prendano visione dei beni pignorati, avendo cura di evitare che tra le stesse vi possano essere forme di contatto (es. prevedendo della turnazioni negli accessi, che avverranno singolarmente); ORDINA Ai debitori di fornire al nuovo custode il rendiconto dell’attività svolta fino ad oggi, nonché ogni documento necessario al fine di adempiere compiutamente l’incarico affidatogli. DISPONE Procedersi alla vendita dei seguenti immobili DESCRIZIONE 1. LOTTO UNICO: complesso agro industriale denominato coop. Agricola TIBER s.c.a.r.l., rappresentato da: capannone industriale di circa mq 775 di superficie coperta, con area di pertinenza, ubicato nel comune di Bovalino in contrada Lacchi di Travia, riportato nel castato al foglio 23, particella 716; terreno agricolo di circa 8750 mq ubicato nel comune di Bovalino, in contrada Lacchi di Travia, riportato nel catasto al foglio 23, particella 714 PREZZO BASE: euro 1.163.371,00; CAUZIONE: 10% del prezzo STABILISCE Per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti dal nuovo testo dell’art. 569 cpc, con il metodo dell’incanto, alle seguenti condizioni: 1) L’immobile pignorato sarà posto in vendita nella consistenza indicata nella perizia di stima (Ing. N. Greco) che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma cpc); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO per partecipa-

A CURA DELLA

MEDIATAG

4)

5)

6)

7)

8)

9)

10)

11) 12)

13)

14)

15)

16)

re alla vendita senza incanto, contenente: A) l’indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di inefficacia, non può essere inferiore al prezzo base indicato poc’anzi, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l’indicazione della volontà di avvalersi, ove ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento e ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; F) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull’apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell’immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l’offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l’esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l’effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti la potestà e l’autorizzazione del giudice tutelare ove l’offerente sia un minore; l’offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell’esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l’esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che a cura dell’offerente stesso, dovranno essere inseriti nella medesima busta; l’offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l’offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; l’offerta si considera irrevocabile ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l’incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l’offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all’esame delle offerte; l’udienza di vendita è fissata per il giorno 4/6/2009, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; ivi si procederà all’esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l’ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all’art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. in caso di mancata aggiudicazione, l’importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; in caso di aggiudicazione, l’offerente: - potrà avvalersi della facoltà di subingresso nel mutuo, assumendosene gli obblighi relativi secondo quanto indicato nell’art. 41 comma V TUB (versamento alla banca di quanto dovuto per rate scadute, accessori e spese entro 15 gg dall’aggiudicazione); - nel termine perentorio di gg 50 dall’aggiudicazione dovrà versare direttamente alla banca mutuante Monte dei paschi di Siena spa la parte di prezzo corrispondente al credito dalla medesima vantato per capitale, accessori e spese (salva la facoltà di subingresso nel mutuo, di cui infra); a tal fine sarà l’Istituto a comunicare tempestivamente l’importo del credito; - nel termine di gg 60 dall’aggiudicazione, dovrà versare l’eventuale differenza tra il prezzo di aggiudicazione e le somme già versate alla banca, detratto l’importo per cauzione, in un libretto di deposito intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione acceso presso un qualsiasi Istituto bancario; in caso di aggiudicazione, inoltre, l’offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’esecuzione), e nello stesso termine, l’importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all’uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc); maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri, oppure presso il custode giudiziario Avv. M.C. Caracciolo; la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all’Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell’art. 555 cpc; B) il valore dell’immobile determinato a norma dell’art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l’avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; 17) la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di Bovalino, Bianco, Ardore, Locri, Siderno (invitando all’uopo il creditore ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura del creditore procedente; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all’udienza di vendita; B) l’attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (Mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; 18) ove si debba procedere all’incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell’art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d’ora per l’udienza del 01/10/2009 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; 19) ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; 20) la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l’offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; 21) le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell’incanto; 22) se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23) l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art. 584 cpc) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; 25) le offerte in aumento andranno effettuate in Cancelleria con le firme di cui all’art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all’incanto; 26) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l’aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misura di cui al punto24; 27) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l’aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione; 28) alla medesima udienza fissata per l’incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all’art. 591 cpc (ammissione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti. Si comunichi al custode. Locri 05/05/2006 Firmato il G.E. (Dott. Davide Lauro)


APPUNTAMENTI il Domani

Martedì 7 Aprile 2009

TEATRO - MUSICA - CULTURA - CONVEGNI - DANZA - ARTE - LIBRI - SOCIETÀ

CATANZARO Unica tappa in tutta la Calabria, giovedì 9 aprile, quella del pianista e compositore tra i più apprezzati in Europa

Ludovico Einaudi approda al Politeama Amatissimo dai giovani per lo stile innovativo, il musicista torinese si esibirà in Piano solo CATANZARO — La tappa di Catanzaro,

esclusiva assoluta per la Calabria, precederà il tour spagnolo di Ludovico Einaudi. Un altro evento internazionale, dunque, per il teatro calabrese dopo lo straordinario successo dei Momix. Einaudi si esibirà sul palcoscenico del Politeama giovedì 9 aprile, proponendo il suo “Piano solo”. Amatissimo dai giovani, il musicista torinese è atteso dai suoi numerosi fans. La sua musica affonda le radici nella tradizione classica con l’innesto di elementi derivati dalla musica pop, rock, folk e contemporanea. Le sue melodie, profondamente evocative e di grande impatto emotivo, lo hanno reso oggi uno degli artisti più apprezzati e richiesti della scena europea. A seguito del suo ultimo album, Divenire (Decca 2006, Disco d'Oro in Italia), ha fatto un tour europeo di oltre 80 concerti, culminato nel novembre del 2007 con un concerto alla Royal Albert Hall di Londra davanti a 4000 persone. Nato a Torino il 23 novembre 1955, si è diplomato in composizione al Conservatorio G. Verdi di Milano, e si è perfezionato sotto la guida di Luciano Berio. Verso la fine degli anni Ottanta attraversa un periodo di sperimentazione e ricerca, durante il quale inizia a collaborare con il teatro e la danza. Nel 1990 pubblica ‘Stanze', 16 comSOVERATO — “Miss Il Domani 2009”

si avvia alla fase finale: Il concorso di bellezza, organizzato dal duo Arena, sta per giungere, infatti, alla fase decisiva in cui si conoscerà il nome della vincitrice che porterà a casa la corona di Miss Domani e prenderà il posto della bella Anfisa. Una grande serata di moda, bellezza e divertimento, che Franco e Veneranda Arena stanno preparando insieme a tutta la macchina organizzativa del concorso e che SOVERATO — L’associazione Slow food di Soverato, promuove una serie di iniziative culturali rivolte alla conoscenza e valorizzazione delle caratteristiche culturali e sociali del territorio e si pone l’obiettivo di promuovere iniziative rivolte all’acquisizione di strumenti di conoscenza del “gusto” da parte di cittadini sempre più attenti e numerosi” «Tra queste azioni - spiega una nota rientra il progetto in corso presso l’I-

posizioni interpretate dall’arpa elettrica di Cecilia Chailly. L'album viene pubblicato anche in Inghilterra: si racconta che quando la Bbc mandò in onda alcuni brani, la segreteria dell'emittente britannica andò in tilt per rispondere agli ascoltatori che volevano sapere chi era l'autore. Ma è l'album ‘Le Onde' (1996) che rappresenta il vero punto di svolta nella sua carriera. Con ‘Le Onde' Einaudi compone e interpreta un ciclo di ballate per pianoforte ispirato dall'omonimo romanzo di Virginia Woolf. Il disco, concentrato di quel suono circolare, avvolgente e minimalista che diventerà la cifra del suo stile, sarà pubblicato un paio di anni dopo nel Regno Unito, riscuotendo unanime consenso di pubblico e di critica. Nel frattempo il regista Nanni Moretti sceglie alcuni brani per il suo film Aprile, a cui faranno seguito una serie di proficue e premiate collaborazioni con il cinema, fra cui "Fuori dal Mondo" (Echo Klassik Preis) e "Luce dei miei occhi" (Italian Music Awards), di Giuseppe Piccioni, "Dr Zhivago" (Gold Word Medal New York Film Festival), di Giacomo Campiotti, "Sotto Falso Nome" (Best Filmscore Avignon Festival), di Roberto Andò, fino al più recente This is England (Music Nomination BIfa), dell’inglese

Shane Meadows. L'atteso seguito di "Le Onde" si intitola ‘Eden Roc' (1999) e prosegue la ricerca sull'approfondimento della canzone strumentale iniziata precedentemente, con l'aggiunta di un quintetto d'archi e della collaborazione con il grande musicista armeno Djivan Gasparijan. Sul finire del 2001 è tempo di ‘I Giorni', altra raccolta di brani per piano solo, sulla scia di un viaggio in Mali - terra di cantastorie e di antiche tradizioni musicali- durante il quale Einaudi incontra il maestro della kora Toumani Diabate. In Mali ritornerà nel gennaio 2003, per partecipare alla terza edizione del ‘Festival au Désert. Einaudi ricambierà l'ospitalità invitando Sissoko in Italia per una serie di concerti e per registrare l’album ‘Diario Mali’. Il 2003 è caratterizzato da puntuali 'tutto esaurito' sia in Italia che all'estero. A cominciare dalla Gran Bretagna, dove nel frattempo esce Echoes (The Einaudi Collection), una raccolta dei suoi successi, che supererà le 100 mila copie vendute. Nello stesso anno è nel cartellone della Scala di Milano, dove registra il doppio live ‘LaScala: Concert 03 03 03', che contiene tutti i brani più noti dell'autore.

Catanzaro, doppia replica a teatro il 18 e il 19 aprile per S. Francesco CATANZARO — “Un uomo chiamato Francesco”, lo spettacolo organizzato dalla Media Service in collaborazione con la Fondazione Politeama e l’assessorato alle risorse educative e scolastiche, ha registrato il tutto esaurito per la rappresentazione in programma domenica 19 aprile, alle ore 11.00 e alle 17.30. Un successo di presenze, dunque, che ha indotto gli organizzatori ad inserire una seconda data, quella del 18 aprile alle 17.30. “Un uomo chiamato Francesco” rientra nel progetto educativo Primi passi a teatro: un modo intelligente di far condividere a ragazzi e genitori il piacere di riscoprire il teatro e di impiegare il tempo libero in modo del tutto originale. Anche nelle altre edizioni di Primi passi a teatro si è registrato il tutto esaurito, a conferma del fatto che il progetto è stato apprezzato dai giovani attori e dalle loro famiglie per la professionalità de-

SOVERATO Oggi saranno svelati tutti i particolari della sesta edizione del concorso di bellezza organizzato dal duo Arena

Miss Domani 2009, la presentazione sarà presentata questa sera, ufficialmente, nel corso di una conferenza stampa presso l’Hotel San Domenico di Soverato. Oggi, dunque, saranno resi noti tutti i dettagli della serata finale che si svolgerà sabato 18 aprile,

alle ore 21, nella bellissima struttura dell’Hotel Calalonga di Montauro Lido. La kermesse vedrà come protagoniste venti bellissime aspiranti miss che sfileranno, in abito elegante e in costume da bagno, per ottenere il tito-

lo di reginetta. Conduttori dell’evento, la bella Maria Rosaria juli, modella di punta sulle passerelle romane e interprete di tante fiction sulla Rai, e Werner Altomare, esperto nel presentare concorsi di bellezza nazionali ed in-

SOVERATO L’associazione Slow food promuove una serie di incontri presso l’Istituto alberghiero

Educazione sensoriale ed alimentare stituto Alberghiero di Soverato che pone l’accento sulla necessità che i futuri operatori del settore enogastronomico diventino i depositari della cultura e della tradizione del territorio. “Mangiare è un atto agricolo” di-

ce Wendell Berry ed a maggior ragione preparare i piatti vuol dire un’assunzione di responsabilità nei confronti di chi produce i prodotti base e di chi gusterà la preparazione finita. Gli incontri di educazione sensoriale

Riparte “Una voce per lo Jonio” presentazione alla Fnac di Milano

Reggio,“La donna” si terrà oggi l’incontro ideato da Anassilaos

Dopo i successi della prima e seconda edizione, riparte il Festival “Una voce per lo Jonio”, legato da quest’anno al circuito dei “grandi festivas italiani”. Oggi, alle ore 12.00, presso la Fnac di Milano, sarà presentato nell’ambito dei concorsi musicali dei grandi festivals italiani 2009. «Una Voce per lo Jonio - spiega una nota - rappresenterà infatti la Calabria tra i Festival canori più importanti in Italia. I vincitori dei vari festival regionali si affronteranno nelle semifinali e finali nazionali che decreteranno il vincitore assoluto. Un’opportunità importante per la Calabria che, grazie al Festival organizzato dal M°Christian Cosentino, cercherà di proporre, a livello nazionale, i migliori talenti del Sud Italia in un importante vetrina nazionale legata al

REGGIO CALABRIA — Promosso dall’Associazione Culturale Anassilaos, Sezione Donna, in collaborazione con l’Associazione “Un Ponte per” si terrà oggi, alle ore 18,00 presso la sala di San Giorgio al Corso l’incontro sul tema: “La condizione della donna in Italia e in Irak” con l’intervento di Gaia Parrini, Desk progetti Medio Oriente di Un Ponte per; Domenica Romeo, Presidente Anassilaos Donna e di Shatia N. H. AlMaidna, Vicepresidente dell’Associazione Women for Peace Baghdad Iraq alla quale sarà consegnato il Premio Mimosa 2009. La manifestazione, frutto della collaborazione tra la Sezione Femminile dell’Anassilaos e Un Ponte per, si inserisce tra le attività del sodalizio reggino.

grandemarchiodellamusicadei“Grandi Festivals Italiani”. Tante le novità a partire dalla Direzione Musicale affidata al Maestro Vince Tempera e dal Produttore Discografico Enzo Miceli alla ricerca di un giovane talento da produrre sul mercato discografico nazionale. Il progetto Grandi Festivals Italiani parte dalla consapevolezza che l'unione fa la forza e vuole coinvolgere più realtà distribuite su tutto il territorio nazionale. Un sodalizio che punta a diventare una vetrina nazionale ed internazionale per tutti quei giovani che cercano di far conoscere le proprie qualità e le proprie attitudini oltre i confini locali. Un’occasione da non perdere per chi suona, canta o scrive la sua musica e per chi ha voglia di mettersi in gioco davanti a una giuria tecnica competente».

e alimentare, con presentazione dei prodotti calabresi hanno un contributo economico di compartecipazione concesso dall’assessorato alla Pubblica Istruzione della Provincia di Catanzaro. Gli incontri sono articolati in

gli organizzatori. A mettere in scena “Un uomo chiamato Francesco” è la compagnia “Il cilindro” del teatro San Raffaele di Roma. La vita del Santo protettore d’Italia è stata pensata come una storia che vuole comunicare ai giovani e agli adulti che si può pensare di diventare “Santi” spezzando le catene dell’odio ed intravedere la possibilità di vivere una vera libertà ed un autentico amore. Lo spettacolo riprende fedelmente tutte le tappe e i momenti più significativi della vita di San Francesco d’Assisi con canzoni originali, appositamente create per questa rappresentazione. Luci, costumi e scenografie, inoltre, fanno da cornice e da supporto ad una organizzazione ben curata e promettente. E per l’edizione del prossimo anno, la rassegna ripartirà con nuovi e bellissimi spettacoli. Maria Teresa Folino

ternazionali. Il concorso, giunto alla sesta edizione ha visto incoronate reginette la bionda Yasmin Sirianni, la riccioluta Valeria Brienza, la mediterranea Chiara Fera, anch’essa presente alla conferenza di questa sera e miss eleganza 2008, Serena Rotundo. «Tanti ospiti e tante sorprese», assicurano Franco e Veneranda. Insomma, un appuntamento da non perdere. Ma. Te. Fo.

5 moduli, uno per ogni prodotto, curati dagli esperti Slow Food e si tengono nell’Istituto alberghiero Ipssar di Soverato durante le attività didattiche di valorizzazione della cucina tradizionale». Il programma: Salumi, lunedì 20 aprile ore 17,00- 20,00; Formaggi, giovedì 23 aprile ore 17,00-20,00; Vino, lunedì 27 aprile, 17,00-20,00; Olio, giovedì 30 aprile ore 17,00-20,00. Conclusione: martedì 5 maggio ore 17,00-20,00.


il Domani Martedì 7 Aprile 2009 45

APPUNTAMENTI CALABRIA CATANZARO E’ stato inaugurato con una apposita cerimonia un centro shopping che propone nuove soluzioni per l’utenza

Un nuovo parco commerciale in città All’interno è prevista la costruzione di una chiesa la cui posa della prima pietra è avvenuta ieri CATANZARO — Centoquarantamila

mq. di superficie occupata, ottantamila mq. coperti riservati alle attività commerciali, sessantamila mq. di spazio riservato al verde pubblico attrezzato, cinquanta negozi indipendenti, sette attività di ristorazione e seimila mq. di galleria e servizi: sono questi i numeri del Parco Commerciale “Le Fontane”, uno dei più grandi della Calabria, realizzato da Icom Spa e commercializzato da Agorà Srl. Inaugurato nella giornata di ieri, alla presenza dell’ingegnere Floriano Noto, presidente del Consiglio d’amministrazione di Icom Srl e consigliere delegato di Az Spa, e della gran parte dei direttori dei punti vendita, il Centro sarà aperto al pubblico a partire da oggi. «E’ con amore, passione e anche un po’ di stanchezza, a causa del grande lavoro degli ultimi giorni, che ci troviamo, oggi, all’inaugurazione del Parco», sono queste le parole che Floriano Noto ha utilizzato prima di iniziare a descrivere la maestosità di un posto che s’impone sullo scenario regionale, e non solo, come un fiore all’occhiello degno dei migliori apprezzamenti. «E’ stato scelto questo nome - ha spiegato Noto - in quanto in passato l’area in cui oggi sorge il Centro era caratterizzata dalla presenza di alcune fontane. Abbiamo sempre cercato di dare ai centri commerciali il nome con cui veniva identificata l’area di residenza e da qui, quindi, il nome “Le Fontane”». “Le Fontane” si pone l’obiettivo di essere qualcosa di più di un normale centro commerciale in cui la gente si reca semplicemente per fare shopping: «Riteniamo che sia un posto per l’intera famiglia - ci tiene a sottolineare l’ingegnere Noto -, un posto in cui mentre il marito visita il Brico, la moglie fa una passeggiata nelle aree di verde presenti. E’ prevista, inoltre, una pista ciclabile in cui è anche possibile fare sport». Un tocco chic all’imponente struttura è dato, senza dubbio, dal lavoro di numerosi decoratori artistici diretto dal famoso scenografo Lorenzo Baraldi che ha ricevuto premi per la scenografia di film quali “Il Marchese del Grillo”, “Amici Miei”, “Un borghese piccolo piccolo”, “Pinocchio di Monicelli” e “Il Postino”. Sopra gli ingressi dell’ipermercato Auchan, infatti, è possibile ammirare uno spaccato della Catanzaro di un tempo raffigurante borghi e vichi. Il Parco Commerciale è composto da quattro corpi e da uno shopping

Il taglio del nastro alla presenza delle autorità: da sinistra il vescovo di Catanzaro mons. Antonio Ciliberti, il presidente della Provincia Wanda Ferro, il presidente della Regione Calabria Agazio Loiero e il sindaco di Catanzaro Rosario Olivo

center: il corpo “A” ospita un moderno negozio specializzato in bricolage e decorazione casa, un negozio di articoli per la casa e un maxistore di abbigliamento, scarpe ed accessori; il corpo “B” è costituito, al piano terra, da due superfici,

una dedicata all’elettronica ed alla tecnologia, l’altra ad abbigliamento e ad accessori per lo sport. Al piano superiore saranno presenti spazi per attività espositive e/o fieristiche; il corpo “D”, di prossima realizzazione, raccoglierà tutte le atti-

vità d’intrattenimento e ludiche, con una multisala cinematografica, un bowling, oltre a numerose altre attrazioni; il corpo “2E” ospiterà un moderno Mc Drive. Infine, lo shopping center comprende un ipermercato Auchan, tre medio-grandi

strutture del settore abbigliamento e giocattoli, sei medie strutture, quarantuno superfici ed un’ampia zona dedicata alla ristorazione. Particolarmente interessante quanto singolare, all’interno di un simile spazio, è poi la costruzione di una chiesa la cui posa della prima pietra è avvenuta ieri. L’edificio sacro è stato voluto e donato alla comunità dalle famiglie Colosimo e Noto, soci della Icom, società proprietaria del parco. Al completamento del Centro, inaugurato ieri e aperto al pubblico da oggi, si è giunti dopo quattro anni di lavoro e l’impiego di circa centocinquanta addetti al giorno: «Ci tengo – sottolinea Noto – ad evidenziare come nessun incidente sia stato registrato dopo tutte queste ore di lavoro e questo perché sono state rispettate tutte le norme relative alla sicurezza». Assolutamente non trascurabili, infine, i dati che riguardano i livelli occupazionali: le strutture del centro occuperanno 650 addetti che diventeranno 720 nel corso del corrente anno, e raggiungeranno quota 900 con il completamento di tutte le strutture commerciali. Rosaria Ionà

La Settimana della Cultura La popolazione di Acconia mostra al museo Sibaritide ha celebrato la sua fede COSENZA — Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in collaborazione con tutti i suoi Istituti, promuove la Settimana della Cultura, quest’anno giunta all’XI edizione con lo slogan “Ia cultura è di tutti, partecipa anche tu”, per dare un maggiore impulso all’amore per l’arte e per il patrimonio culturale. In questo contesto Silvio Vigliaturo che da anni ha una solida collaborazione con l’Unical ed è, insieme a Gerardo Sacco e Santo Versace, testimonial nel mondo dell’Ateneo calabrese - espone una collezione di sculture in terracotta e una serie di installazioni e opere in vetro presso il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide, che raccoglie tutte le testimonianze materiali della Sibaritide dall’età protostorica all’età romana, ed in particolare il ricco e glorioso passato di quella che fu una delle più importanti poleis della Magna Grecia: Sybaris. “Il tempo tutto toglie e tutto dà; ogni cosa si muta, nulla s'annichila”, così

scriveva il filosofo Giordano Bruno in L’arte della memoria. Questa breve frase è la perfetta sintesi delle riflessioni che stanno alla base di questa mostra di Silvio Vigliaturo. Si tratta infatti di una meditazione sul tempo e le sue stratificazioni, i suoi intrecci che sembrano essere guidati dal Fato degli antichi greci - civiltà con cui l’artista si è misurato costantemente lungo tutto il suo percorso creativo. È un’analisi volta a smascherare e reinterpretare la parvenza caotica del succedersi delle epoche storiche, quella confusione che solo apparentemente è in grado di cancellare le tracce anche d’intere città - come successe all’antica Sybaris nel 510 a. C., conquistata e distrutta dall’esercito della rivale Kroton. Nella visione di Vigliaturo quelle tracce non si perdono mai del tutto, ma, anzi, danno l’impressione di riaffiorare esse stesse spontaneamente dalle nebbie dell’oblio, per arricchire il nostro presente con il loro inestimabile valore documentario.

CURINGA — Per impulso dell’ins. Rossella Oscuro - responsabile dell’Oratorio S. G. Battista della Chiesa intitolata a “Giovanni Paolo II” collaborata da un team assai attivo nell’ideazione e nell’organizzazione di una particolarissima Domenica delle Palme, il popolo di Acconia, storica ridente Marina di Curinga, guidato da don Carlo Cittadino - ha celebrato l’evento evangelico con straordinaria partecipazione ed entusiasmo. Favoriti da una splendida giornata di sole, erano presenti alla processione che è partita dalla Piazza centrale in un contesto scenografico curato dalla sensibilità estetica dell’arch. Francesca Calabrese ed ha sfilato per le vie principali - uomini, donne, persone di tutte le età e giovani coppie che si alternavano a spingere i loro bellissimi virgulti in carrozzella. Fedeli festanti in cori di Osanna e di musica sacra, in grande concorso, erano preceduti in una Sacra Rappresentazione dal diacono don Biagio a dorso di un asinello che nella realistica processione per

arrivare alla Chiesa figurava l’entrata in Gerusalemme del Cristo evangelico benedicente tra una folla che agitava in segno di gioia rami intrecciati di palma e di ulivo in segno di pace. La palma, con la sua forma ed i suoi dodici rami, rappresenta anche l’anno solare perché è l’unico albero a cui mensilmente spunta una foglia; inoltre, essendo sempreverde per le popolazioni arabe e mediorientali è simbolo di immortalità. Il nome greco della palma, Phoinix, Fenice, richiama il favoloso e mitico uccello che si cibava di perle e di incenso e rinasceva dalle proprie ceneri con esplicito riferimento alla nascita e alla resurrezione. A conferma di un tessuto sociale ricco di iniziative e di inventiva, va evidenziata, anche, l’ attività rappresentativa di un gruppo teatrale di giovani promesse, guidati e plasmati dal regista Giuseppe Aloi, che sabato sera si sono cimentati con successo nell’interessante testo “Aggiungi un posto a tavola”.


46 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“Capitale sociale e riforma del Welfare - La terza via dell’Europa”, presentazione del libro a Catanzaro

“Meditando la Passione” al Politeama IL CARTELLONE

Processione dei Misteri dolorosi per le vie del borgo di Badolato

BADOLATO (Cz) - Processione dei Misteri Dolorosi La Confraternita dell’Immacolata di Badolato Superiore comunica che, come da tradizione secolare, sabato 11 aprile si svolgerà la Processione dei Misteri Dolorosi per le vie del Borgo. Vi prenderanno parte fanciulle vestite da “ Addoloratine” che seguono il Cristo sulla via del Calvario accompagnato da decine di Alabardieri, Centurioni, Giudei, Penitenti(disciplinari), oltre ai numerosi Confratelli dell’Immacolata ed a quelli di S. Caterina. Il tutto accompagnato da canti religiosi tradizionali, attraversando tutte le vie del Borgo. La processione inizierà alle ore 13,00 dalla Chiesa dell’Immacolata con tappa presso il Convento di S. Maria degli Angeli, la Chiesa di S. Caterina, la Chiesa di S. Domenico, la Chiesa Matrice, la Chiesa di S. Nicola, per far poi ritorno alla Chiesa dell’Immacolata dopo circa sette ore e otto chilometri di cammino. BIANCO (Rc) - Memorial Paolo Musolino L'associazione memorial Paolo Musolino, scacchi, cultura e solidarietà benefica organizza il 3° memorial "Paolo Musolino" presso il lido "Le dune bianche" giorno 1, 2 agosto. BOTRICELLO (Cz) - Corsi di cucina Sono aperte le iscrizioni ai corsi di cucina dell’Agriturismo La Casa di Botro. Le lezioni avranno la durata di due ore per una volta alla settimana (sabato) per 5 settimane. Ogni corso sarà composto da 8 corsisti per gruppo. Costo euro 120.00.

CARIATI (Cs) - Cafe philosophique Otto Torri sullo Jonio presenta il 55° Cafe philosophique 'Ndrangheta - Dai canti ai controcanti. Linguaggi, musica e cultura tra stato e antistato, mercoledì 8 aprile, alle ore 18.00, presso il bar pasticceria "Arkangel" piazza Plebiscito centro storico Cariati. Con: Cataldo Perri, assessore alla cultura Comune di Cariati; Peppe Voltarelli, artista; Fulvio Librandi, docente antropologia culturale Unical; Gianluca Veltri, critico musicale; Pino De Lucia, presidente ass. Agorà Kroton; Ettore Zagarese, penalista pres. ass. Auser - Rossano; Mario Albino Gagliardi, sindaco Comune di Saracena; on. Damiano Guagliardi, assessore al turismo Regione Calabria; modera Lenin Montesanto, presidente 8TJ. Nel corso del café verranno presentati in anteprima "Il mio sud" di Cataldo Perri; "Duisburg Praga nantes il bootleg liv" di Peppe Voltarelli. CATANZARO - “I lilt you”, campagna volontariato Ha avuto inizio la campagna Volontariato 2009 “I lilt you”, che consiste nella ricerca e nel reclutamento di volontari che possano essere parte integrante della Sezione Provinciale Lilt di Catanzaro. Il volontario è una risorsa preziosa che, ogni giorno, attraverso piccoli gesti contribuisce alla mission Lilt: vincere il cancro attraverso la prevenzione, ma anche prendersi cura del malato oncologico, alleviandone le sofferenze e condividendone la gioia della guarigione. Non servono competenze specifiche, basta avere più di 18 anni e qualche ora di tempo da dedicare per aiutare chi ha bisogno. Ci sono tanti modi per essere volontario Lilt, dall’assistenza

al malato, alla diffusione della cultura della prevenzione, all’organizzazione degli eventi, sono tante le possibilità attraverso cui puoi offrire il tuo contributo e donare speranza ed una migliore qualità di vita al malato oncologico. Diventare volontario Lilt è semplice, basta contattare il numero verde 800-998877 dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 17.00 o visitare il sito www.lilt.it oppure telefona al numero 0961725026, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.00 alle ore 19.00. Da oggi è anche disponibile il sito ufficiale della sezione provinciale di Catanzaro, raggiungibile all’indirizzo www.liltcz.it. Il portale, realizzato dal webmaster Domenico Concolino, si presenta con una grafica semplice, accattivante ed intuitiva, come una vetrina sulle nostre iniziative e una “web-brochure” che illustra come aiutarci e contattarci. Inoltre, al vecchio indirizzo e-mail si affianca ora: info@liltcz.it.Info: 0961725026 o liltcz@libero.it 3208603557 - lilt.cz.press@gmail.com.

CATANZARO - Stagione Politeama 2008/2009 Di seguito il programma al completo della stagione teatrale 2008/2009 del Politeama che si protrarrà fino all’1 aprile: giovedì9 aprile,“Ludovico Einaudi”, piano solo; venerdì 17 aprile, “La Serena”, con Teresa Salgueiro e Lusitania Ensemble; giovedì23 aprile, “DomenicoCodispoti” in concerto; il 4 maggio, serata d’onore “Tributo ad Armando Trovajoli” con l’.Orchestra e coro del teatro San Carlo di Napoli; l’8 e il 10 maggio, “High School Musical. Il Politeama al Masciari”. Il21 novembre, “Tutto quello che le donne (non) dicono”, di Francesca Reggiani e Walter Lupo. 19 dicembre, “Completamente spettinato” con Paolo Migone; 22 gennaio, “Outlet”, scritto da Cinzia Leone con Paola Cannatello; 14 febbraio , “Per tutti Revolution” di Alessandro Siani e Francesco Albanese con la partecipazione di Lello Musella; 21 marzo, Cose che mi sono capitate di Francesco Freyrie e Eugenio Ghiozzi, con Gene Gnocchi; 1 aprile, recital Il meglio di... con Teresa Mannino e Federico Basso. CATANZARO - Marca, attività per le scuole Fino a maggio all’interno del nuovo museo cittadino si svolgerà un inedito progetto di didattica museale, “La porta magica”, pensato per le scuole del territorio. Si vuole così proporre il Marca come centro educativo permanente attraverso laboratori creativi. Info: lab.mediterreaneo@gmail.com, 338/4216232, 347/5025375. CATANZARO - Corsi di preparazione per l’università Sono aperte le iscrizioni ai corsi di preparazione ai test per l’ammissione al primo anno di Medicina, Odontoiatria, Veterinaria, Farmacia, Professioni sanitarie. Info line Form Service: 0961/792770. CATANZARO - Il venerdì “Gira intorno a te” Ogni venerdìpresso il Girasole Country Club, via Lucrezia della Valle 102/3 Catanzaro sono organizzati party a tema sotto la denominazione comune di "Gira intorno a te!". Info: 347/0379298 - Prenotazione tavoli (chiamare dalle ore 16:00) 0961.752545.

CATANZARO - Presentazione libro La Fondazione Imes Catanzaro - Istituto meridionale di storia e scienze sociali invita la cittadinanza a partecipare alla presentazione del libro “Capitale sociale e Riforma del Welfare – La terza via dell’Europa” di Emanuele Ferragina, edito per Oxford Management Publishing. La presentazione avrà luogo oggi alle ore 17:30 nel Salone dei Concerti di Palazzo de Nobili, sede del Comune di Catanzaro. CATANZARO - “Meditando la Passione” Dopo il grande debutto del 28 marzo scorso nel teatro Conciliazione di Roma, con oltre tremila presenze, su grande richiesta oggi, martedì santo, nel teatro Politeama di Catanzaro, torna in scena la sacra rappresentazione teatrale "Meditando la Passione", scritta, musicata e diretta dalla dott.ssa Cettina Marraffa e prodotta dalla "III Millennio". Per la grande adesione sono previsti due spettacoli, alle ore 18.00 e alle 21.00, che consentiranno di rivivere e meditare la passione, morte e risurrezione di Cristo con l'interpretazione di oltre cento giovani che vivono la spiritualità del Movimento Apostolico, una realtà ecclesiale nata proprio nella città di Catanzaro tramite l'ispiratrice e fondatrice Maria Marino e presente in Italia e all’estero con il carisma peculiare di "ricordare la Parola del Signore al mondo che l'ha dimenticato". Una missione che, dal 1979 ad oggi, ha attirato tanti giovani sulla via del bene, con una profonda rivitalizzazione delle parrocchie, dove si opera in obbedienza ai pastori. CATANZARO - Accademia Belle Arti, protesta La Consulta dell'Accademia di Belle Arti di Catanzaro, per oggi e per l’8 aprile del 2009 organiza una manifestazione contro le condizioni in cui versa l’università. Gli studenti per le 9 partiranno dalla propria sede per proseguire verso il Comune di Catanzaro in via Iannoni.

AVVISO AI LETTORI Per ottenere la pubblicazione in questa rubrica di appuntamenti riguardanti la cultura, l’arte, lo spettacolo, la convegnistica, e qualsivoglia altro evento, occorrerà che le comunicazioni giungano a questa redazione

ALMENO 48 ORE PRIMA Segnala un appuntamento via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax: 0961-903801


il Domani Martedì 7 Aprile 2009 47

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Presentazione del nuovo romanzo “Amore e reazione” l’11 aprile nella Città dei Tre Colli

“Diagonal Jazz” a Catanzaro IL CARTELLONE

Lo spettacolo musico-teatrale “Penny Petrone” al teatro Masciari

CATANZARO - Concerto Alberto Pennini Oggi, dalle ore 15,00 alle ore 17,00, all’interno del padiglione detentivo dell’Istituto Penale per i Minorenni “Silvio Paternostro” di Catanzaro, alla presenza del Dirigente del Centro Giustizia Minorile per la Calabria e la Basilicata, dott. Angelo Meli, e di altre autorità istituzionali locali, si terrà il concerto del cantautore romano Alberto Pennini, iniziativa promossa dal Ministero della Giustizia - Dipartimento Giustizia Minorile - in collaborazione con l’Associazione “Liberi Onlus” nell’ambito del Progetto “Liberi di contare anche le nuvole”, realizzata in tutti gli Istituti Penali per i Minorenni del territorio nazionale.

Mario Maruca. Scenografie di Manuela Corapi, luci ed effetti sonori Mediterraneo Service. Produttore esecutivo Domenico Marino. L’evento, presentato dall’antropologo dell’Università della Calabria Cesare Pitto, ripercorre il vissuto doloroso e traumatico di chi si trova a vivere tra due mondi: quello, calabrese, di origine ed appartenenza che ti manda via e quello di arrivo che ti accoglie ma non riesce ad accettarti pienamente. Ingresso gratuito.

CATANZARO - Servizi postali, incontro-dibattito I problemi legati ai servizi postali nella città di Catanzaro, e segnatamente nel centro storico, saranno affrontati nel corso di un incontro programmato per giovedì 9 alle ore 9, tra il sindaco Olivo, i vertici aziendali e i sindacati del comparto poste. CATANZARO - Presentazione libro L’incontro è stato promosso dal presidente della II CircoscriA cura del Rotary Club Catanzaro 1951, e del Comune di zione, Massimo Lomonaco, anche su sollecitazione di molti Catanzaro, assessorato alla Cultura,oggi, alle ore 18.00 cittadini che sottolineano l’esigenza di un più puntuale recanei locali del complesso monumentale del San Giovanni, pito della corrispondenza.

si svolgerà la presentazione del libro “Lo Specchio di Corrado Alvaro” di Cesare Mulè. L’ultimo lavoro letterario dello storico catanzarese ripercorre la vita dello scrittore di San Luca mettendone in luce gli aspetti meno noti e tracciandone un profilo non convenzionale: protagonista della vita culturale italiana compresa tra le due guerre le due guerre mondiali, Alvaro viene raccontato nella sua “veste” di inviato speciale in Francia, ma anche in quella di giovane soldato. Il tutto corredato da una ricca serie di immagini fotografiche e pittoriche. Nel corso dell’incontro al San Giovanni sono previsti l’intervento del presidente del Rotary club di Catanzaro Emilio Rocca su “Le ragioni di un ritorno” e il saluto dell’assessore alla Cultura del Comune di Catanzaro Antonio Argirò. L’introduzione è di Sergio Foresta, presidente del Sindacato Libero Scrittori della Calabria. Il volume “Lo Specchio di Corrado Alvaro” è edito da Abramo Editore.

ma “Deontologia e tecnica del penalista nell’esame incrociato”. CATANZARO - Diagonal Jazz L’associazione culturale Vivarium upc di Cz e la Regione Calabria - Agenzia al diritto allo studio (Ardis) - nel quadro delle attività culturali rivolte agli studenti universitari della città, presentano “Musiche del contemporaneo: la forma canzone, quale propaggine primaverile di Diagonal Jazz”. Il festival catanzarese - che giunge con questa ennesima produzione alla sua XVI edizione - in tale occasione si caratterizza artisticamente incentrando l’attenzione sulla cosiddetta forma Canzone. “Diagonal Jazz XVI ed. spring session, musiche del contemporaneo. La forma canzone”. Venerdì 17 aprile, Sabina Meyer con la partecipazione di Marco Siniscalco in Cruelly Coy; Sabina Meyer, voce; Marco Siniscalco, basso elettrico; giovedì 30 aprile, Dave Burrell, Leena Conquest in Leena Conquest sings the songs of Dave Burrell; Dave Burrell, pianoforte e composizione; Leena Conquest, voce e danza; presso il complesso Monumentale del San Giovanni in P.za Garibaldi,1. Inizio concerti ore 21.30. Ingresso 10,00 euro. Abbonamento ai 3 concerti 25,00 euro. Info e prenotazioni: 360/985949.

CATANZARO - Presentazione libro L’11 aprile, alle ore 17.00, presso la sede provinciale Unuci Piazza Roma n.XX a Catanzaro, si terrà la presentazione "Amore e reazione" di Hugo. Il nuovo romanzo della collana Florilegio Imprinting. La presentazione del libro sarà arricchita dalla presentazione del trailer ufficiale di promozione CATANZARO - Adol, la stagione del libro "Am+Re", girato dall’attore professionista Loris Fa- L'Adol “Jussi Bjorling” presenta il programma 2008/2009 che viene riportato di seguito: il 18 aprile 2009 biani con la regia di Italo Vazzana. ore 17,30 presso Circolo Unione incontro su "Grandi Scene da Opere Verdiane". Per ragioni organizzative la prevista CATANZARO - “Controllo degli animali” messa in scena de "La Serva Padrona" di Pergolesi prevista Il 15 aprile, alle ore 09.00, presso la struttura Polifunzionale per il mese di maggio 2009 all'auditorium Casalinuovo avdella Polizia di Stato, sita in loc. Cavita di Catanzaro (presso verrà nel prossimo anno sociale, in data da stabilire. sede Polizia Stradale), sarà tenuto il convegno sul tema "Controllo e benessere degli animali e dei prodotti d’origine animale durante il trasporto”, ove interverranno, oltre alle auto- CATANZARO - “Ccè ’ncuna cosa cchi on quatra” Teatro Hercules, traversa viale degli Angioini, domenica 19 rità locali, esperti del settore e della materia. aprile alle ore 19,30 la Compagnia Teatrale “Theatron” di CATANZARO - Masciari d’Essai 2009 Gasperina (Cz) presenta “Ccè ‘ncuna cosa cchi on quatra”. Programma Masciari d'Essai 2009. Cineforum: oggi, ore CATANZARO - Amici della musica Testo e regia: R. Squillacioti. 18.00-20.00-22.00, L'ospite inatteso; 14 aprile, ore 18.0020.00-22.00, Home. Musica d'essai: 3 marzo, ore 17.00- L’associazione Amici della musica di Catanzaro presenta la 18.30, laboratorio sulla chitarra a dodici corde; ore 21.00, stagione concertistica 2009. Di seguito si riporta l’intero CATANZARO - Teatro Incanto, programma concerto di sola chitarra acustica a dodici e sei corde. In- programma delle iniziative: aprile: 16 aprile, ore 21.00, gresso euro 5, Maurizio Angeletti. Teatro d'assai: 1 aprile,ore presso auditorium A. Casalinuovo, "Voce e notte" il tenore Il Teatro Incanto di Catanzaro presenta la stagione teatrale 21.00, Alle radici di e con Chiara Saiella, regia di Stefano nella grande tradizione musicale napoletana, Giuseppe Ta- '09. 19 aprile, Compagnia teatro Hercules in "A scacammi Thermes, ingresso euro 5. Premio Raffaele Romeo il 21 apri- lamo, tenore; Francesco Stillitano, pianoforte; 24 aprile n'atra", testo di Nino gemelli, regia di P.Procopio; 1-3-8-10le, ore 21.00, ingresso gratuito. Aperitivo tutte le sere dalle 2009, ore 18, presso palazzo de Nobili, Giuseppe Maiorca, 15-17-22-24 maggio,la compagnia del Teatro incanto in "dui ore 19.00. Ingresso proiezioni euro 4; abbonamento euro 30 pianista. Maggio: 8 maggio, ore 18, palazzo de Nobili, mu- cambari e serbizzi...e u nunnu 'mparaventu", testo di Nino (l'abbonamento include l'ingresso al concerto e all'evento sica e poesia, Antonella Attili, attrice; Francesco Stillitano, Gemelli, regia di F.Passafaro. Orario spettacoli: venerdì ore pianista; Giusy Verbaro Cipollina, poeta; il 13 maggio , ore 21:00, domenica ore 18:30.Costo biglietti: intero 8,00 euro, teatrale). Info: 0961/728390. 21.00, presso il teatro Masciari, concerto di chiusura bal- ridotto (studenti universitari e ragazzi fino a 12 anni) e "galletto "Etnika" compagnia mvula sungani.stribuiranno le leria" 6,00 euro. Abbonamento a 6 spettacoli in platea 40,00 CATANZARO - Uovo di Pasqua ai bimbi ricoverati euro. Per informazioni, biglietti e abbonamenti recarsi prestradizionali ed intramontabili crespelle. so il Teatro Incanto, via G.Rito 11 (parco dei principi) a CaLa dott.ssa Vanessa Aprile, presidente dell'Associazione di tanzaro sala, telefonare al 3348339997 o 3202516302, o colpromozione sociale, asilo nido e servizi integrativi, sito in via CATANZARO - Approfondimenti penalistici legarsi al sito www.associazioneincanto.it. Molise 11, Santa Maria di Catanzaro, oggi, alle ore 11.30, Partito il ciclo di seminari organizzato dalla Camera Penale di presso l'ospedale Pugliese di Catanzaro, reparto di Oncologia pediatrica. In occasione della Pasqua, con l'intento di re- Catanzaro “Alfredo Cantàfora”, dal titolo “Approfondimenti CATANZARO - “Giovani, politica e merito” galare un sorriso ai bambini/ragazzi in degenza,con un pic- penalistici”, valido ai fini dell’assolvimento dell’obbligo di forcolo gesto d'amore, dona loro un uovo di Pasqua. L'uovo sarà mazione professionale continua, così come stabilito dal Re- Il direttivo dell’associazione Il Pungolo per Catanzaro renconsegnato ad ogni singolo bambino/ragazzo dalle mascot- golamento approvato dal Consiglio Nazionale Forense il 13 lu- de noto che lunedì 20 aprilealle ore 17,30 presso la sala conglio 2007. Il corso, anche quest’anno, potrà contare sull’ap- vegni del Complesso Monumentale del San Giovanni di Cate dell'Associazione Titty e Biricco. porto di illustri relatori che tratteranno argomenti di grande tanzaro si svolgerà l’incontro-dibattito sul tema “Giovani, attualità e di sicuro interesse per gli addetti ai lavori. Sarà strut- politica e merito”. All’incontro prenderanno parte FranceCATANZARO - Progetto “Alba Chiara” turato in sei incontri che si terranno presso l’aula magna del sco Pitaro (Presidente dell’Assocazione Il Pungolo per CaOggi, dalle ore 14.30 alle ore 19.30, presso l'auditorium Seminario San Pio X di Catanzaro: 17 aprile 2009, “Scienza, tanzaro), Francesco Delzìo (autore), Carmelo Carabetta "Mons. C. Pellicanò" - presso Fondazione Betania - Via Moli- pseudoscienza e fantascienza nelle indagini criminalistiche di (Prof. di Sociologia all’Università di Messina), Wanda Ferse, 21 - S. Maria di Catanzaro, progetto "Alba Chiara". Pro- medicina legale”, Prof. Dott. Francesco Introna (Professore ro (Presidente della Provincia di Catanzaro), Antonio Argirò grammi di assistenza e di integrazione sociale per donne vit- ordinario di Medicina Legale e delle Assicurazioni nell’Uni- (Assessore alla Cultura del Comune di Catanzaro), Florintime di tratta (art. 18 del dlgs 286/1998). Relatrici: Giovan- versità degli Studi di Bari) e “Difensore e prova tecnica, tra in- do Rubbettino (Editore) e Sergio Rizzo (Presidente Anci Cana Vingelli e Teresa Benincasa. Per informazioni e prenota- sidie metodologiche e suggestioni valutative”, prof. avv. Leo- labria Giovani). Il tema dell’incontro è di particolare intezioni al seminario: 347/0049325 - sandra.perfetti@promi- nardo Iannone (Presidente della Camera Penale di Trani – Do- resse ed attualità riguardando direttamente le generazioni cente di Diritto Penitenziario nell’Università degli Studi di Ba- dei giovani ed il loro rapporto con il mondo della politica e dea.com. ri); 8 maggio 2009, “Il concorso di persone nel reato” prof. avv. con il criterio del merito. Tullio Padovani (Professore ordinario di Diritto Penale nelCATANZARO - “Penny Petrone”, spettacolo l’Università degli Studi e presso la Scuola Superiore S. Anna Nell’ambito dell’offerta inerente la Programmazione delle di Pisa) e prof. avv. Luigi Fornari (Professore ordinario di Diattività culturali dell’Ardis (Agenzia Regionale Diritto allo ritto Penale nell’Università degli Studi “Magna Graecia” di CaStudio Universitario) Catanzaro per l’anno 2008/2009,mer- tanzaro); 15 maggio 2009, “Il regime delle impugnazioni pecoledì 8 aprile 2009 alle ore 21,00 presso il teatro Masciari nali, fra legge Pecorella, sentenze della Corte Costituzionale e di Catanzaro va in scena lo spettacolo musico – teatrale della Corte di Cassazione e progetti di riforma” dott. Giovan“Penny Petrone” una storia di emigrazione calabrese – di ni Canzio (Direttore dell’Ufficio del Massimario della Corte Francesca Prestia, con la partecipazione dei musicisti: Ser- di Cassazione) e prof. avv. Giovanni Aricò (Professore assovia mail: appuntamenti@ildomani.it gio Uccello chitarra, Francesco Vescio chitarra e mandoli- ciato di Istituzioni di diritto e procedura penale nell’Univerno, Luciano Spagnolo violino, Salvatore Fiorentino violon- sità degli studi di Salerno). Il ciclo di incontri si concluderà il via fax: 0961-903801 cello e lira calabrese, Andrea Bressi organetto e chitarra bat- 13 giugno, con l’intervento dell’avv. Ettore Randazzo (retente, Marcello Galera tamburello,attori: Stefania Pascali e sponsabile Scuole Unione delle Camere Penali Italiane) sul te-

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale:


48 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Corso di formazione sulla chirurgia e riabilitazione della spalla in programma a Catanzaro

Corsi di cucina a Cosenza IL CARTELLONE

Concerto dei Pan Atlantic il 24 aprile al Teatro Alfonso Rendano

CATANZARO - “Riabilitazione della spalla”

le radici del Mediterraneo, che si esprimono in modo diffuso e variegato, devono poter trovare, anche attraverso iniziative come quella che inauguriamo questa sera, l’energia per proiettare nel mondo l’immagine reale e veritiera della nostra terra. La tempra che esprimiamo deve diventare ambizione per liberarci dai falsi e negativi stereotipi, restituendo l’identità culturale che ci ha caratterizzato per secoli”. Così il Presidente della Provincia Mario Oliverio ha salutato l’inaugurazione della Mostra “Calabria 2009-Ricognizione di Pittura”, questo pomeriggio, al taglio CHIARAVALLE C. (Cz) - Stagione teatrale 2009 del nastro presso la Galleria d’Arte Provinciale Santa ChiaProgramma stagione teatrale 2009 del teatro Tempo Nuovo ra, in Salita Liceo, che rimarrà aperta al pubblico fino a ludi Chiaravalle Centrale: sabato 18 aprile, "Goodnight Italia" nedì 15 giugno prossimo. Venerdì 29 e sabato 30 maggio 2009, a Catanzaro, nella sala convegni “Casa delle Culture” presso la sede dell’ Amministrazione provinciale, in Piazza dell’Immacolata, si terrà il “Corso di formazione sulla chirurgia e riabilitazione della spalla” rivolto ai medici specialisti in fisiatria, ortopedia, ai medici di medicina generale ed ai terapisti della riabilitazione.

di N. Leonzio, G.Giugliarelli, S.Marino; regia di Lamberto Dorigo con Salvatore Marino, Federica Innocenzi; sabato 9 maggio, "I due gemelli veneziani" di Carlo Goldoni, compagnia Teatrale Tempo Nuovo.

COSENZA - Rinviata convention “Cosenza-Serbia” La convention “Cosenza-Serbia 2009” - Meeting di business opportunities prevista per oggi alle ore 19,30 è rinviata a data da destinarsi. Il vice Primo Ministro e Ministro dell’Economia della Repubblica di Serbia, Mladjan CICALA (Cz) - L’Opera Santa Cicala presenta, l' Opera Santa, Passione e Morte di Nostro Dinkic, è stato costretto ad annullare la prevista visita in Italia, a causa di sopraggiunti e improrogabili impegni istiSignore Gesù Cristo in Piazza San Giacomo, il 10 aprile 2009 tuzionali per la crisi finanziaria. ore 15.00. Ingresso libero.

CIRO’ (Kr) - Minimaratona della Magna Graecia Domenica 21 giugno 2009 si svolgerà a Cirò Marina, la I MiniMaratona della “Magna Graecia”, corsa amatoriale su strada, organizzata dalla nuova associazione sportiva dilettantistica "Rari Nantes Cirò Marina", nata con l’obbiettivo di organizzare manifestazioni sportive, culturali, formative e ricreative del comprensorio calabrese. La manifestazione sportiva prevede un percorso dai 10km ai 18Km (ancora da definire il chilometraggio esatto). Il giorno della gara è fissato per domenica 21 giugno 2009, in alternativa in caso di maltempo si terrà domenica 28 giugno. Per le iscrizioni e tutti gli aggiornamenti fino ad inizio manifestazione si può visitare il sito www.minimaratona.it. CORTALE (Cz) - Musica con Provenzano dj L ' 8 aprile lo Sthendal club offre la possibilità di trascorrere una notte insieme ad uno tra i più seguiti Dj in Italia, Provenzano dj...!!! Start ore 22.30. Musica House, commerciale, elettrica. Durante la serata verranno distribuiti i gadget di radio m20, musica allo stato puro. Per info e prevendite: Diamonds management 328-3774807.

COSENZA - “Premio Federico II” Sarà Nicolas Vaporidis a tenere a battesimo, mercoledì 15 aprile, al Cinema Citrigno di Cosenza, la terza edizione de “La Primavera del Cinema Italiano-Premio Federico II”. Ad ideare la manifestazione l’Associazione culturale “Le Pleiadi”, il suo Presidente, Giuseppe Citrigno e il direttore artistico, Alessandro Russo. Tra i partner ufficiali che danno il loro prezioso contributo alla macchina organizzativa dell’evento: la Provincia di Cosenza, la Fondazione Carical, La Bcc Mediocrati, Confindustria-Cosenza, Agis, la Società Kostner. Con loro anche l’Anec (Associazione nazionale esercenti cinema) che collabora attivamente alla manifestazione, così come la 01 Distribution; affiancati da numerosi partner locali. Una serata, al Citrigno, mercoledì 15 aprile, alle ore 21, dedicata all’ultimo successo cinemotagrafico del giovane attore, “Iago”. Pellicola diretta da Volfango De Biasi (già regista del film “Come tu mi vuoi”) uscita proprio ieri, venerdì 27 marzo, nelle sale italiane.

COSENZA - Cartellone Teatro Morelli Cartellone teatro Morelli. Teatro: venerdì 17 e giovedì 18 aprile, Vanessa Gravina "Vestire gli ignudi"; Sabato16 e domenica 17 maggio,Eduardo Siravo, "Miles gloriosus". Musica: Venerdì 6 novembre, Lucio Dalla; Giovedì 3 dicemCOSENZA - Corsi di cucina, aperte le iscrizioni bre, Gianluca Grignani; Lunedì 21 dicembre, opp.22 opp. La Federazione Italiana Cuochi, l’Associazione Provinciale 23 Harlem gospel; Giovedì 7 e venerdì 8 gennaio, Hair Cuochi Cosentini e Amira, Associazione Maitres Italiani Ri- spray. storanti e Alberghi, rendono noto che su www.aiscalabria.blogspot.com e su www.aiscalabria.it sono inserite le programmazioni complete dei corsi proposti per il nuovo anno: finger food, pasta fresca, antipasti di mare, cucina classica e sommelerie. Per informazioni e iscrizioni 3331807088 oppure info@aiscalabria.it" info@aiscalabria.it.

COSENZA - “Calabria 2009-Ricognizione di Pittura” “Il talento, la qualità creativa e lo spirito artistico legati al-

COSENZA - Corso di formazione per medici Il Registro Tumori dell’Asp di Cosenza, a meno di un anno dalla sua istituzione, è già nel pieno dell’attività. Sabato 18 aprile, presso la Sala degli Specchi del Palazzo della Provincia di Cosenza, ore 8.30, verrà presentato nell’ambito di un corso di formazione rivolto ai medici di medicina generale. Parteciperanno all’evento l’On. Agazio Loiero, Presidente della Regione Calabria, Franco Petramala, direttore

Generale dell’Azienda Sanitaria di Cosenza, l’On. Gerardo Mario Oliverio, Presidente della Provincia di Cosenza e il Sindaco della città, Salvatore Perugini. Insieme a loro il dott. A. Guerzoni, Dirigente Generale del Dipartimento della salute e il dott. G. Brancati, Dirigente del Settore Prevenzione. Sarà, invece, il dott. A. Scalzo, Direttore Sanitario dell’Asp a presentare le attività che si terranno durante la giornata. Alla manifestazione interverrà il Professore Mario Fusco, Responsabile per l’Italia Meridionale ed insulare dell’ AIRTUM (Associazione Italiana Registro Tumori). Significativa la scelta di un dipinto di Franco Azzinnari, famoso artista calabrese, “Soffiava una fresca brezza” come immagine rappresentativa dell’iniziativa. COSENZA - Associazione Jonica, stagione Una stagione concertistica ricca di grandi artisti, quella organizzata dall’Associazione Culturale Jonica in collaborazione con il Comune di Cosenza. Programma: il 24 aprile, sempre al teatro Rendano, concerto dei Pan Atlantic, uno straordinario quintetto jazz composto da musicisti italiani, francesi, austriaci, danesi e americani, guidati da BOBBY PREVITE e GIANLUCA PETRELLA. Mercoledì 6 maggio in programma l’inusuale mix dello spettacolo TAP OLÈ: un'esplosione di ritmo ed energia dove il virtuosismo e la passionalità della chitarra spagnola sono combinati con la precisione e l'eleganza delle coreografie e la spontaneità dell'improvvisazione.Venerdì 15 maggio, al Teatro “A. Rendano” si esibirà il giovanissimo DANIELE PAOLILLO, vero talento del pianoforte.Mercoledì 3 giugno al Teatro “A. Rendano” ancora un appuntamento con la musica classica: il Trio “CESAR CUI” formato da Iride Varani al flauto, Mariella Veltri al violino e Francesca Infante al pianoforte. Lunedì 15 giugno al Teatro “A. Rendano, LELLO ARENA incanterà il pubblico con ‘O CUNTO D’O SUDATO”, traduzione in chiave partenopea dell’ Histoire du Soldat di Ramuz su musica di Igor Stravinskij con: Lello Arena, Yari Gugliucci, Biancamaria D’amato, Barbara Giordano e l’ orchestra dal vivo “Officina Musicale” composta da otto elementi diretta da Orazio Tuccella. Mercoledì 15 ottobre al Teatro Rendano in scena la formazione rumena dei Taraf de Haidouks che presenta il suo nuovo progetto originale dedicato ai compositori classici che si sono ispirati a temi delle musiche tradizionali: “MASKARADA”. Eseguiranno brani di Bartok, Khachaturian, Ketelbey e Manuel de Falla, "retziganizzati" alla propria maniera. Il 25 novembre al teatro Morelli un TRIO LIRICO composto da Vincenzo Nizzaro, baritono; Pamela Chiriaco, soprano e Giuseppe Di Stefano, tenore accompagnati al pianoforte dal m° Amelia Aguglia. Sempre a novembre al teatro Morelli in data ancora da definire andrà in scena l’operetta “MY FAIR LADY” un musical del 1956 di Alan Jay Lerner, autore del libretto su musiche di Frederic Loewe, adattato dall´opera Pigmalione di George Bernard Shaw. Lunedì 21 dicembre al teatro Rendano l’HARLEM GOSPEL CHOIR, uno dei più importanti cori gospel del mondo.Il 27 dicembre arriverà sul palco del teatro Rendano il balletto più rappresentato durante le festività natalizie: “LO SCHIACCIANOCI” su musiche di Tchaikovsky nell’allestimento del Russian State Ballet Of Volga. Tutti gli spettacoli avranno inizio alle ore 20,30. Il costo dell’abbonamento per i 12 appuntamenti è di132 euro.


il Domani Martedì 7 Aprile 2009 49

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Stage di hip hop con l’insegnante Maura Paparo in programma a Cropani Marina

Gran concerto di Pasqua a Locri IL CARTELLONE

“Niente sesso siamo inglesi” in scena a Lamezia Terme

COSENZA - Moda Movie, XIII edizione La XIII Edizione di Moda Movie dal tema” Femme Fatale” ha preso il via con la selezione dei 15 giovani stilisti che prenderanno parte alla manifestazione che si svolgerà a Cosenza dal 23 al 25 maggio. CROPANI M. (Cz) - Stage di hip hop La scuola di danza “Time for dancing”, diretta dalla coreografa e ballerina Giulia Perri, organizza stage di hip-hop con Maura Paparo di “Amici”, programma televisivo di Maria De Filippi. Info: 3395980519 - 3337011799.

CROTONE - Teatro Apollo, stagione 2008/2009 Programma stagione2008/2009 del teatro Apollo di Crotone: sabato 18 e domenica 19 aprile, Roma spettacoli Gianfranco D'Angelo, Ivana Monti "Un giardino di aranci fatto in casa" di Neil Simon, adattamento di Mario Scaletta regia di Patrick Rossi Gastaldi. Fuori abbonamenti: Giovedì 26 e venerdì 27 marzo, teatro stabile di Calabria fondazione teatro Piemonte Europa Marianella Bargilli "Alè calais" di O. Guerrieri, regia di Emanuela Giordano. L’inizio degli spettacoli è previsto alle 20.30. CROTONE - “Quanto è bello pedalare...” Sempre sotto lo slogan "quanto è bello pedalare sotto questo sole tra le vie della propria città" con un cappellino e una tshirt con il logo della manifestazione 2009, mentre il traffico urbano è limitato alle auto e la sicurezza garantita dalle forze dei vigili urbani e della prociv; le associazioni promotrici delle manifestazioni As Bicincittà, Uisp, As Verde Azzurro, sono in stretto contatto con quelle locali per la miglior riuscita delle iniziative così programmate: a Crotone per il 24 maggio, a Mesorca per il 17 maggio, con il bistrò e tutti i circoli uisp del paese; Ciro’Marina per il 31 maggio, con la collaborazione della Pro Loco di Nicodemo Martino; con Cotronei per il 2 giugno, Strongoli Marina per il 21 giugno, con la collaborazione con il moto club; invece per Isola Cr e, Cutro, Torretta di Crucoli tra 17 maggio o 31, o altre date in maggio o giugno, con i diversi soggetti storici dell’organizzazione locale.

CROTONE - Torneo mondiale di calcio/5 Il Gruppo sportivo Federazione sindacale di Polizia di Crotone, in collaborazione con la Regione Calabria, la provincia di Crotone, il Comune di Crotone, il Coni e la Camera di Commercio, organizza il Torneo mondiale di calcio a 5 riservato alle forze di polizia e forze armate, che si svolgerà nella città di Crotone dal 16 al 20 settembre. GUARDIA P. (Cs) - Passione Vivente Fervono i preparati per la Passione Vivente che si svolgerà Venerdì Santo, 10 aprile 2009, alle ore 22.00, nel suggestivo centro storico di Guardia Paese. LAMEZIA T. (Cz) - Al Samart... Il Samart avvisa la clientela che apre a pranzo il martedì, mercoledì, giovedì e venerdì con menù di carne e specialità di stocco. Le serate degli spettacoli sono il venerdì con serata live, sabato con il movimiento latino. Il ristorante è aperto anche a pranzo con menù a prezzo fisso.Ulteriori info: 0968/53459.

LAMEZIA T. (Cz) - “Guarda come imparo!” Iniziativa "Guarda come imparo! ...il degrado nelle scuole lametine", a cura del Collettivo Studenti in Lotta di Lamezia Terme, si terrà mercoledì 8 aprile 2009 ore 18:00 presso la sede di Lista città (la stradina che dal bar Ferrise va verso il ponte di S. Antonio).

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale: via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax: 0961-903801

LAMEZIA T. (Cz) - Appuntamenti Uniter L'Uniter, Università della terza età e del tempo libero, presenta XX Anno Accademico 2008/2009 III Bimestre. Aprile, ore 17.00: 8 mercoledì: Luigino Longo, ‘U pisùalu, raccolta di poesie in dialetto sambiasino (conversazione con l’autore); 15 mercoledì: Giuliana De Fazio e Tonino Falvo: Futuri remoti, suoni e colori nell'intorno di un'avanguardia; 17 venerdì: prof. Italo Leone, Alcyone: il riposo del superuomo; 22 mercoledì: prof.ssa Costanza Falvo D’Urso, La Storia: il più celebre e discusso tra i romanzi di Elsa Morante; 24 venerdì: prof. Lucio Leone, Sui banchi di scuola nell’antica Roma (con video proiezione); 29 mercoledì: Bruno Tassone, Il Cantastorie. Maggio, ore 17.00, mercoledì 6: prof. Antonio Bagnato, Lorenzo Milani: il prete, l’educatore, il sovversivo; venerdì 8: prof. Daniele Macris, Aspetti di cultura, lingua e civiltà greca di Calabria; mercoledì 13: don Pino Falvo, Chiesa locale e Chiesa Universale; venerdì 15: Francesco Longo, La poesia canta l’amore, pianoforte: Claudia Mancini e Giovanna Muraca voce recitante: Caterina Menichini e Rosina Paonessa; mercoledì 20: prof. Vincenzo Villella, Giovanni Valentino Gentile, antitrinitario di Scigliano e avversario di Calvino, decapitato a Berna nel 1566;venerdì 22: prof. Giovanni Cimino e altri, Genio e follia nella scienza e nell’arte;mercoledì 27, prof.ssa Vittoria Butera, Il potere dello sguardo; venerdì 29, assemblea dei soci. Alla fine di marzo scade il termine ultimo per iscriversi all’Uniter. LAMEZIA T. (Cz) - Stagione teatrale comunale “Dalla pagina alla scena”, “Grandi interpreti fra parole e musica” e “L’arte della commedia”, saranno i tre temi che caratterizzeranno la nuova stagione teatrale promossa dal Comune di Lamezia Terme. Una stagione che va a completare e rafforzare tutta una serie di iniziative culturali intrecciate con i grandi eventi di “Teatro ragazzi”, degli appuntamenti con la musica jazz, di quelli inseriti nella stagione di prosa e in quella concertistica, e che vedranno ufficialmente la luce il prossimo 26 febbraio quando lo storico teatro Politeama di Lamezia, aprirà finalmente i battenti. Programma: lErica Blanc e Gianfelice Imparato in “Niente sesso siamo inglesi” di Anthony Marriot & Alistair Foot il 14 e 15 aprile ed in chiusura di stagione con il teatro del carretto il “Pinocchio” di Carlo Collodi. Si è aperta la campagna abbonamento della stagione teatrale al Politeama che verrà inaugurata il 27 febbraio prossimo con la presenza dell’amatissimo Luca Zingaretti, meglio conosciuto come il commissario Montalbano. Dopo 60 anni circa dall’esordio sancito dalla proiezione del film Oliver Twist e dopo 47 anni dalla chiusura, il Politeama torna a vivere con la piece di Luca Zingaretti “La sirena” dal racconto «Lighea» di Tomasi di Lampedusa. Le operazioni di sottoscrizione degli abbonamenti si svolgeranno al teatro Umberto tutti i giorni dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 19.00. La prevendita abbonamenti è libera. Info: 0968 207278 - biglietteria 339 6933320 - www.comune.lamezia-terme.cz.it,www.teatroalamezia.it.

LAMEZIA T. (Cz) - Mostra “Oggettinstabili” Dal 6 - 20 giugno, mostra-evento “Oggettinstabili II edizione Moti urbani stazionimpossibili”. La partecipazione alla mostra-evento prevede la compilazione dell'apposita scheda di iscrizione redatta in lingua italiana contrassegnando tutti i campi indicati: dati anagrafici del singolo partecipante o del gruppo di lavoro, indirizzo cui si desidera ricevere ogni comunicazione relativa alla mostraevento, recapito telefonico, indirizzo e-mail, sezione cui si partecipa. Per ritenersi ufficializzata l’iscrizione è necessario allegare copia del versamento (in formato jpg) di euro 25 quale contributo alle spese di produzione dell’evento (spedire scheda e ricevuta versamento in formato jpg a info@400kc.eu. Le opere selezionate saranno esposte pubblicamente dal 6 giugno al 20 giuno 2009 a Lamezia - inoltre diventeranno patrimonio della Galleria permanente allestita nel sito www.400kc.eu, avranno notevole visibilità attraverso i canali mediatici e gli Enti istituzionali che collaborano con l’associazione. Al termine dell’evento tutte le opere saranno restituite agli artisti (spedite con corriere Sda alle rispettive sedi con spedizione a carico del destinatario). Info: 338/3985193 - 339/5837077 - info@400kc.eu - caterina@400kc.eu - carlo@400kc.eu. LAMEZIA T. (Cz) - Lamezia Jazz Festival E’ partito il Lamezia Jazz Festival, evento organizzato dall’associazione musicale Bequadro di Lamezia Terme con il contributo del Comune di Lamezia Terme e della presidenza della Regione Calabria e di importanti sponsor privati. Quest’anno infatti in pole position c’è “Fiat-Lancia”, c’è il centro commerciale “I due Mari” ed il Grand Hotel

Lamezia. La settima edizione del jazz festival lametino, si svolgerà nell’arco di quattro mesi. I dettagli del programma: 17 gennaioalle ore18.00 Concessionaria FiatLancia “G.Tripodi”, ascolto guidato: “Il Tango e Piazzolla”. Sabato 7 febbraio, alle ore 18.00 Concessionaria Fiat-Lancia “G.Tripodi” ascolto guidato: " Be bop: anche per il sax è ora di spiccare il volo”. L’1 febbraio, ore 10.00, Yara Records - Catanzaro, Workshop di Basso elettrico - Docente Pippo Matino. 13 febbraioore 22.00 Jazz Club Rua Sao Joao, Egidio Ventura Trio “Latino Vivo!”. Info: 0968/442864 - 339/8309044; bequadro@bequadro.it. LOCRI (Rc) - “Insieme si può” L’iniziativa “Insieme si può”, evento di beneficenza a sostegno del reparto pediatrico di Locri, Asl 9, organizzato dalla società calcistica Amatori Calcio Locri e patrocinato dall’assessorato alle politiche sociali e Attività Sportive del Comune di Locri, prevede l’11 aprile dalle 15.00, vigilia di Pasqua, si svolgerà presso lo Stadio di Locri, il torneo calcistico quadrangolare di beneficenza. Il torneo vedrà protagoniste la squadra Amatori Calcio Locri, nonché organizzatrice dell’evento, l’As Roccella (campionato di Eccellenza), l’Us Marina di Gioiosa (campionato di promozione) e l’Ac Locri 1909 (campionato di promozione).

LOCRI (Rc) - Gran concerto di Pasqua “Gran Concerto di Pasqua” della Città di Locri, domenica 12 aprile 2009, corte Palazzo di Città, ore 19.30. LOCRI (Rc) - “Futbolito”, calcio a 5 Per il terzo anno consecutivo l’Associazione giovanile “Portale Giovani”, organizza l’evento sportivo “Campionato di calcio a 5. Città di Locri” denominato Futbolito. La manifestazione, patrocinata come sempre dall’assessorato alle Politiche giovanili e sportive della città locrese, vedrà per il 2009 gareggiare ben 12 squadre che tenteranno di conquistare il titolo della terza edizione. Il gruppo di “Portale Giovani” sarà accompagnato per tutto il campionato dalla collaborazione della cooperativa G.o.a.l. (Giovani Operatori Animazione Legalità) e dalla società “Amatori Calcio Locri”. Quest'anno il torneo è aperto ad atleti di ogni età, le iscrizioni sono già iniziate e il 5 maggio si inizierà a disputare il campionato a girone unico, dove le prime 8 squadre si qualificheranno per le sfide infuocate dei quarti di finale, le vincenti accederanno alle semifinali e poi alla finale secca. LOCRI (Rc) - “Giugno locrese” Al via la 43esima edizione del “Giugno Locrese”. Nei prossimi giorni sul sito del Comune si potrà accedere ai bandi. Il concorso culturale si richiama alle edizioni precedenti. Per l’edizione 2009 del Giugno Locrese sono previste le categorie di poesia in lingua e in vernacolo; la categoria della “estemporanea di pittura”; la categoria del concorso fotografico.Confermato anche il premio “Umberto Ferraro” con le cinque sezioni: Politica, Cultura, Giustizia, Imprenditoria, Giornalismo. La serata conclusiva sarà condotta dalla giornalista Anna La Rosa, e si svolgerà domenica 28 giugno 2009 nel corso di una serata ufficiale che sarà tenuta nella corte del Palazzo di Città.

Ogni lunedì sul Domani

LA PIAZZA Settimanale di economia locale con servizi sulle imprese e annunci gratuiti Per chi compra e vende, chi è a caccia di occasioni, chi cerca e offre lavoro. Case, ville, terreni, negozi, garage, auto, moto, accessori, bricolage, dischi, computer, attrezzi, software, mobili, audio-video Per contatti con la Redazione via mail: lapiazza@ildomani.it via fax: 0961-903801


50 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“La condizione della donna in Italia e in Irak”, incontro-dibattito oggi a Reggio Calabria

Gianni Morandi a Maida IL CARTELLONE

Finale del concorso di bellezza “Miss il Domani” a Montauro Lido

MAIDA (Cz) - “Giovedì Premiere” Warner Village Cinemas Due Mari rinnova l’appuntamento con l’iniziativa “Giovedì Premiere” e propone, sugli schermi del multiplex “Due Mari”, una speciale anteprima a scelta tra i migliori titoli in uscita nella settimana. Programma: il 9 aprile-, la proiezione del film “Duplicity”, spy story che vedrà il ritorno di Julia Roberts nei panni di un’affascinante spia industriale. Warner Village Cinemas Due Mari vuole così proporre l’opportunità a tutti i suoi spettatori di poter assistere in anteprima nazionale ed in esclusiva alla visione di tutte le principali pellicole dei grandi titoli in programmazione per il 2009. MAIDA (Cz) - Festa regionale minivolley L'Asd Gss sport, comitato regionale Fipav Calabria, settore Fipav scuola e minivolley Calabria, comitato provinciale Catanzaro organizzano la festa regionale minivolley giorno 25 aprile, presso il centro commerciale Due Mari - Maida. La prima tappa regionale di minivolley e U13. MAIDA (Cz) - Gianni Morandi in concerto Dopo l'apertura con Fiorella Mannoia a Rende ed al Cilea di Reggio, confermato il secondo evento di "Fatti di Musica Radio Juke Box 2009" , la XXIII edizione della rassegna del miglior live d’autore diretta da Ruggero Pegna, dedicata alla "Lotta a leucemie e linfomi dell'Associazione Amena dell'Ospedale Pugliese di Catanzaro, che premia con il "Riccio d'Argento" del celebre orafo Gerardo Sacco i migliori concerti d'autore dell'anno. Il secondo riconoscimento del 2009 andrà a Gianni Morandi che con "Grazie a tutti", il suo imponente nuovo tour prodotto dalla "Ballandi", sarà l’ 8 e il 9 maggio al Teatro Tenda che sarà installato nell'area del Centro Due Mari a Lamezia Terme, lungo la superstrada Lamezia/Catanzaro nei pressi dell' uscita di Maida. Avviata la vendita dei biglietti per i concerti di Gianni Morandi del 8 e 9 maggio presso il Teatro Tenda Lottomatica che sarà installato nell'area del Centro Due Mari a Maida, lungo la superstrada Lamezia/Catanzaro. La prevendita dei biglietti al prezzo di euro 40.00 per la poltronissima ed euro 30.00 proseguirà fino ad esaurimento nelle prevendite autorizzate. Previsto anche uno sconto di quattro euro a biglietto per comitive di almeno venti persone, fino ad esaurimento delle disponibilità. I concerti inizieranno alle ore 21.00. Info: 0968.441888 - www.ruggeropegna.it. MONTAURO L. (Cz) - Finale Miss il Domani Sabato 18 aprile, alle ore 21.30, finale del concorso di bellezza "Miss il Domani 2009" sesta edizione, presso la struttura dell'hotel Calalonga a Montauro Lido, organizzato dalla F&V di Franco e Veneranda Arena. Ingresso libero. PARGHELIA (Vv) - Accademia Kronos, assemblea L'assemblea regionale di Accademia Kronos Calabria si terrà sabato 25 e domenica 26 aprile, presso il Villaggio Aurum "Sabbie Bianche" di Parghelìa. L'incontro si svolge pochi giorni prima dell'assemblea Nazionale di Roma del 30 aprile. Lorario è il seguente: sabato 25, dalle ore 10.00 alle 13.00, e dalle ore 16.00 alle ore 19.00; domenica 26, dalle ore 9.00 alle ore 12.30; con l’ordine del giorno: presentazione del consiglio Regionale Ak della Calabria, ruoli nazionali, ruoli regionali, funzionamento coordinamento; presenza di Accademia Kronos in Calabria (Sezioni, comitati, delegazioni) e presentazione responsabili - presidenti - segretari; costituzione nuove sezioni (modalità, obblighi, programma - tipo delle iniziative); relazione sulle iniziative 2008 e primi mesi 2009 delle sezioni; promozione attività regionali. PRAIA A MARE (Cs) - Inaugurazione mostra Il Museo Comunale di Praia a Mare apre alla mostra dell'artista Thomas Diego Armonia italiano di nascita e parigino d'adozione, che ha fatto dell’arte un mezzo di esclusività grazie ad un connubio rarissimo tra pittura, moda, oro e storia antica e che resteranno nel Museo fino al 3 di maggio.

REGGIO C. - Teatro Cilea, stagione 2008/2009 “Pensa ad un grande spettacolo. Vieni al Teatro Cilea”. Questo lo slogan che accompagnerà la nuova stagione del teatro comunale di Reggio, presentata dal sindaco Giuseppe Scopelliti, da Serenella Fraschini, consulente per la lirica, da Geppy Gleijeses, per la prosa e dalla dirigente Luisa Spanò. Nel dettaglio il programma fino

al 10 novembre: giovedì 9e sabato10 aprile, concerti sinfonici - M° Moranti; mercoledì 15 e giovedì 16 aprile, Candoco dance company London (danza) - Double bill; sabato 18 e lunedì 20 aprile, Werther (lirica); domenica 26, 27e 28 aprile, Teatro stabile di Calabria - (prosa) - Ditegli di sì; sabato 9 maggio, serata d’onore: “I più grandi interpreti della danza e della moda”. Per quanto riguarda l’acquisto dei titoli d’ingresso fino a sabato l7 novembre, verranno messi in vendita i nuovi abbonamenti; nei giorni 8 e 9 novembre, sarà possibile acquistare gli abbonamenti per la sezione danza e lirica; dal 10 novembre, infine, saranno in vendita i biglietti per i singoli spettacoli di tutta la stagione. La biglietteria resterà aperta dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 19.00. REGGIO C. - Programma aprile Anassilaos L'associazione culturale Anassilaos presenta il programma aprile. Oggi, ore 18.00, presso la sala San Giorgio al Corso, in collaborazione con l'associazione Un Ponte per.. incontro sul tema: "La condizione della donna in Italia e in Irak". Intervengono: Gaia Parrini, desk progetti Medio Oriente di Un Ponte per...; Domenica Romeo, presidente Anassilaos Donna; Shatia Nh Al-Maidna, vicepresidente associazione Women for Peace Baghdad Iraq alla quale sarà consegnato il premio mimosa 2009;mercoledì 8 aprile, ore 19.15, presso la Chiesa San Giorgio al Corso, congiuntamente con il centro internazionale scrittori della Calabria "Via Crucis tra immagini e testi sacri" - A cura di Katia Aricò; martedì 14 aprile, ore 16.00, presso la sala convegni Provincia di Reggio Calabria amministrazione provinciale di Reggio Calabria/assessorato allo sport, associazione nazionale Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia e associazione Anassilaos incontro sul tema "Reggio e reggini nello sport/ Contributi reggini ai Giochi Olimpici. Olimpia V a.C./Pechino 2008". Interviene Pasquale Nucara; venerdì 17 aprile, presso la Chiesa San Giorgio al Corso, omaggio a Don Primo Mazzolari nel 50° della morte. Ore 18.30, Santa Messa; ore 19.15, inaugurazione della mostra fotografica "San Giorgio Martire nell’arte figurativa"; ore 19.30, omaggio a Don Primo Mazzolari nel 50° Anniversario della morte. Incontro sul tema "un prete scomodo ma anche un profeta della Chiesa e del cattolicesimo democratico e sociale". Interverrà il dr. Franco Massara, martedì 21 aprile, ore 18.00, presso la sala San Giorgio al Corso, in memoria della "Grande Torino" la squadra di calcio pluricampione d'Italia nel 60° anniversario della Tragedia di Superga (4 maggio 1949). Intervento del dr. Francesco Palamara, venerdì 24 aprile, presso la Chiesa San Giorgio al Corso, consegna del premio Anassilaos San Giorgio Città di Reggio Calabria. Ore 19.15, saluto delle autorità; ore 19.30, proiezione del video realizzato da Giacomo Marcianò "San Giorgio tra arte storia e leggenda"; ore 19.45, consegna del premio; martedì 28 aprile, ore 18.00, presso la sala san Giorgio al Corso, incontro sul tema "La donna nella letteratura calabrese". Interviene la dr.ssa Maria Festa, saggista e studioso di letteratura. Presidente d’onore dell’associazione Anassilaos.

REGGIO C. - Presentazione libro “…Ora nel grande golfo / viviamo il futuro della navi giganti / che giungono / da tutti i paesi del mondo / da continenti remoti / parlando lingue sconosciute…”. Questi versi sono tratti dall’inedito “Le pescatrice del Piano delle Fosse” di Emilio Argiroffi (pubblicato postumo, a cura del Rhegium Julii da “Città del Sole”), che è stato scelto dalla Biblioteca del Consiglio Regionale per un progetto di promozione del libro e della lettura, rivolto al mondo della scuola e dei giovani, con l’obiettivo di valorizzare uomini ed idee della nostra terra. La presentazione dell’ultima opera di Argiroffi, arricchita da un profilo critico di Antonio Piromalli, da alcune note di scrittori e poeti a lui vicini (Dario Bellezza, Walter Mauro, Roberto Pazzi, Nantas Salvataggio, Maria Luisa Spaziani e da un dvd di Paolo Bolano), si terrà svolgerà oggi e mercoledì 8 aprile (ore 10) nella Sala “Green” di Palazzo Campanella a cura della Biblioteca del Consiglio regionale, con la collaborazione del Rhegium Julii. L’iniziativa, che vuole essere un omaggio ad Argiroffi nel decennale della morte ed un’ulteriore occasione per accostarsi ad una poesia che percorre tutti i grandi temi dell’esistenza, prevede la partecipazione attiva di alcune scuole reggine: il liceo classico T. Campanella; i licei scientifici A.Volta e L. Da Vinci, l’istituto magistrale T. Gulli e l’istituto tecnico commerciale R. Piria. Momenti centrali dell’incontro, coordinato dalla dottoressa Carmela Caridi, saranno la relazione del dott. Filippo Rosace e la proiezione del documentario-intervista realizzato dal giornalista Paolo Bolano. Saranno presenti, il Presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Bova, l’editore Franco Arcidiaco, il presidente del Rhegium Giuseppe Casile, che proporrà un breve ricordo dell’autore.

REGGIO C. - “La donna in Italia e in Irak” Promosso dall’Associazione Culturale Anassilaos, Sezione Donna, in collaborazione con l’Associazione “Un Ponte per…” si terrà oggi alle ore 18,00 presso la sala di San Giorgio al Corso l’ incontro sul tema: “La condizione della donna in Italia e in Irak” con l’intervento di Gaia Parrini, Desk progetti Medio Oriente di Un Ponte per…; Domenica Romeo, Presidente Anassilaos Donna e di Shatia N.H. Al-Maidna,Vicepresidente dell’ Associazione Women for Peace Baghdad Iraq alla quale sarà consegnato il Premio Mimosa 2009. La manifestazione, frutto della collaborazione tra la Sezione Femminile dell’Anassilaos e “Un Ponte per…”, si inserisce tra le attività del sodalizio reggino e soprattutto della sua sezione femminile e giovanile che punta, attraverso lo scambio di informazioni tra donne appartenenti a diversi paesi, religioni ed etnie, ad aprire canali di comunicazione e quindi di comprensione nel nome dei diritti e della pace nel mondo . Soltanto la conoscenza reciproca delle diverse culture, usi e abitudini e il rispetto per esse aiuta a vincere le diffidenze, esorcizzare le paure, combattere qualsiasi forma di discriminazione. Qualche anno fa l’incontro era stato con Nadia Shamrouk, Responsabile dell’Unione Donne Giordane, oggi è la volta di una donna iraREGGIO C. - Psico bar, incontri chena, Shatia N.H. Al-Maidna. La cooperativa Imep, Istituto mediterraneo di psicologia che riunisce attorno alla dimensione psicologica professionisti del settore, offre alla cittadinanza reggina una nuova occasione di approfondimento riguardo i temi della Psicologia. La formula è quella originale degli Psico bar. Incontri per discutere, condividere e confrontarsi in un contesto da svago e aggregazione presso Caffè Italia in Via Miraglia n.6 a partire dalle ore 18.30. Di seguito il programma: oggi: “Crimini di famiglia” Aspetti psicologici e giuridici dei delitti familiari, con la partecipazione della dott.ssa D. Belmondo (psicologa) e della dott.ssa A. Foti (avvocato, giornalista pubblicista); giovedì 16 aprile: “Quando l’amore fa male” - Dipendenza affettiva, gelosia ed ossessioni nelle relazioni di coppia, con la partecipazione del dr G. Romeo (medico, psicologo, psicoterapeuta) e della dott.ssa C. Morabito (sociologa); martedì 28 aprile: “Ho fame di...?” - Il rapporto tra il cibo e le emozioni, con la partecipazione della dott.ssa S. Cordiani (psicologa, counselor adleriano); giovedì 07 maggio: “Ecce homo” - L’autostima ed il rapporto con se stessi, con la partecipazione della dott.ssa A. Rossi (psicologa); 21 maggio: “Alla ricerca dell’adrenalina” - La dipendenza da rischio, con la partecipazione della dott.ssa F. Salzone (psicologa). Gli incontri si terranno a partire dalle ore 18.30, presso il Caffè Italia in Via Miraglia n.6 a Reggio Calabria. Psico-bar è ad ingresso libero per tutti . Psico-bar è a cura della dott.ssa Maria Scordo e della dott.ssa Simona Cordiani. Info: 328.1918853/347.9673649 - www.cooperativaimep.it - Prenotazioni: urp@cooperativaimep.it.

REGGIO C. - Iniziativa contro la violenza Le Consigliere della Commissione speciale per le Pari opportunità del Comune di Reggio Calabria promuovono , in occasione della Santa Pasqua, una iniziativa dal titolo “Reggio Città di Pace in marcia contro tutte le forme di violenza”che si svolgerà mercoledì 8 aprile, con il seguente programma: Ore 19: Museo Nazionale, raduno dei partecipanti ed incontro con le Consigliere di parità. Avvio della marcia lungo il Corso Garibaldi. Il segno simbolico di pace sara’ un rametto di ulivo che verra’ offerto a tutti coloro che vorranno unirsi al corteo , oltre alle fiaccole segno di luce. Ore 20 circa arrivo a Piazza Camagna, dove si svolgerà un momento di incontro e di riflessione stimolato da brevi interventi prenotati e programmati con la Cpo attraverso la Email:cpo.reggiocalabria@libero.it.

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale: via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax: 0961-903801


il Domani Martedì 7 Aprile 2009 51

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Proseguono il 15 aprile gli incontri di storia, letteratura e psicologia nella Città dello Stretto

“De Andrè canta De Andrè” a Rende IL CARTELLONE

Proiezioni sulla montagna e sul rapporto tra uomo e ambiente a Reggio

REGGIO C. - Storia, letteratura, psicologia... L'associazione “Nuovo Umanesimo”, il circolo culturale “G.Calarco” e l'istituto Mediterraneo di psicologia “ImeP” di Reggio Calabria presentano un ciclo di appuntamenti denominato “Incontri di storia, letteratura e psicologia”. Essi avranno come sede l'accademia della Belle Arti, saranno gratuiti. Al termine del ciclo sarà rilasciato un attestato di frequenza. Di seguito il calendario degli incontri: 15 aprile 2009, ore 17.00-19.00, autore Dostojevskji, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica dott.ssa A. Rossi; mercoledì 13 maggio 2009, ore 17.00-19.00, autore Ariosto, relatore parte letteraria prof.ssa C. Sicari, relatore parte psicologica dr. G. Quattrone; mercoledì 10 giugno, ore 17.00 - 19.00, autore Hemingway, relatore parte letteraria prof. G. Lombardo, relatore parte psicologica dott.ssa A. Rossi; mercoledì 15 luglio 2009, ore 17.00 19.00, autore Calogero, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica il dottor Paolo Praticò. REGGIO C. - Accademia Kronos e Club Re Italo Calendario delle attività promosse da Accademia Kronos Calabria e dal Club Unesco Re Italo di Reggio. Aprile: giovedì 16, ore 16.00, presso la sala consiliare circoscrizione Santa Caterina, incontro Pscs, proiezione video, programmazione visite; domenica 19, ore 8.00, escursione culturale (Pscs), Gallicianò, area di cultura Grecanica, chiesa ortodossa, conoscenza e valorizzazione tradizioni, arte e culinaria grecanica (Kumelca); lunedì 20, ore 17.00, presso il tipico, riunione club Unesco Re Italo; giovedì 23,ore 18.00, presso il tipico, riunione accademia Kronos; dal 30 aprile al 3 maggio,assemblea nazionale federazione italiana club Unesco Cagliari; maggio: giovedì 7, ore 16.00, presso la sala consiliare circoscrizione Santa Caterina, incontro Pscs su gestione attività di promozione culturale;domenica 7,ore 8.00, escursione naturalistica (Pscs) Aspromonte, Cascate note come “Maesano” sull’Amendolea (“‘u scicciu ra spana”), diga sul Menta itinerario lungo il torrente Amendolea (in pullman fino alla diga, percorso a piedi diga - cascate); domenica 17, ore 8.00, escursione culturale club Unesco Re Italo (Giovani insieme) Palmi ed aree limitrofe (con la collaborazione del Club Unesco di Palmi); domenica 24, ore 8.00, escursione naturalistica (Pscs), Lago Costantino, San Luca (casa natale di Corrado Alvaro), itinerario parco letterario. Percorso a piedi da Pietra Longa (andata) e lungo la Fiumara Bonamico (ritorno), + visita borgo (Club Unesco); giovedì 28, ore 16.00, presso la sala consiliare circoscrizione Santa Caterina, riepilogo attività Pscs e incontro con stranieri;giovedì 28, ore 18.00, presso il tipico, riunione accademia Kronos; domenica 31, ore 8.00, escursione culturale naturalistica (Pscs), San Giorgio Morgeto, Castello, borgo, itinera-

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale: via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax: 0961-903801

rio articolato, incontro con amministrazione comunale e gruppi di volontariato; giugno 2009: domenica 7, ore 8.00, escursione naturalistica culturale (Pscs), Scilla, traversata dello Stretto con barche di pescatori, Ganzirri, Capo Peloro. Visita guidata parco letterario “Horcynus Orca” e centri urbani interni (Club Unesco);mercoledì 17, ore 17.00, presso la sala palazzo storico della provincia, convegno e proiezione video escursioni Pscs; giovedì 25, ore 18.00, presso il tipico, riunione Kronos; venerdì 26, ore 19.30, presso la sala ristoro, conviviale con stranieri (Pscs). REGGIO C. - Cgil, Cisl, Uil, iniziativa Le Segreterie Unitarie di Cgil, Cisl e Uil convocano per il giorno 17 aprile alle ore 11,00 l’assemblea generale dei lavoratori delle Comunità Montane presso la sede del Consiglio Regionale della Calabria. A tale manifestazione hanno assicurato il sostegno e la partecipazione l’Uncem Calabria e tutti gli amministratori delle Comunità.

REGGIO C. - Circolo Zavattini, proiezioni Anche quest'anno il circolo del cinema "Cesare Zavattini" organizzerà presso la sede del Cai una serie di proiezioni sulla montagna e sul rapporto tra uomo e ambiente. Le proiezioniavranno luogo alle ore 21.00, presso la sede del club Alpino Italiano sez. Aspromonte in via S. Francesco da Paola, 106 Reggio Calabria. Queste le date in programma: il 21 aprile, martedì 9 giugno. REGGIO C. - “Reggio Calabria film fest” Al via la 5a edizione del “Reggio Calabria film fest retrospettiva sul cinema italiano”. Appuntamento a Reggio Calabria dal 22 al 25 aprile al Teatro Comunale Francesco Cilea. Sarà assegnato il premio "Corto raro" al miglior cortometraggio pervenuto. REGGIO C. - “Italia Nostra”, conversazioni “Dai Paesaggi Sensibili dello Stretto ai Paesaggi Culturali della nostra città”: Italia Nostra di Reggio vuol porre così all’attenzione della cittadinanza, nei prossimi mesi, su tutti gli aspetti positivi dell’archeologia, della storia, della stessa edilizia di Reggio. E lo fa attraverso una serie di conversazioni tenute da soci e da esperti, che si svolgeranno presso la Sala Convegni della Biblioteca Comunale di Via Tripepi, introdotti dal Presidente dell’Associazione protezionista, Arch. Pino Bertone.La prima conversazione, che darà inizio al ciclo, sarà tenuta dall’Arch. Alberto Gioffrè, Socio fondatore di Italia Nostra di Reggio, sul tema del “Recupero dell’edilizia abusiva” (come rinnovare e valorizzare la maglia urbana del degrado): il terzo appuntamento sarà curato dalla Dott.ssa Rossella Agostino, già Presidente della Sezione reggina, sul tema dell’Archeologia e quotidianità della vita. Seguiranno altre conversazioni, sempre di mercoledì, il 20 maggio 2009, il 17 giugno 2009, il 23 settembre 2009, il 21 ottobre 2009, il 25 novembre 2009, per poi riprendere nell’anno successivo. Relatori saranno: il Dott. Franco Arillotta, il Prof. Franco Zagari, l’Ing. Claudio Bertonelli, la Prof.ssa Martorano Costabile, l’Arch. Nino Pellicanò, l’Ing. Giuseppe La face, ma la Conversazione del 21 ottobre sarà imperniata sul libro.

RENDE (Cs) - Presentazione Premio Federico II Mercoledì 8 aprile, alle ore 11, nella sala De Cardona della Banca Medocrati, in via Alfieri di Rende, sarà presentato il programma del festival “La Primavera del Cinema Italiano- Premio Federico II”. Terza edizione di un evento che si svolgerà, a Cosenza, dal 15 al 18 aprile. Quattro giorni intensi, dedicati alla promozione del cinema italiano. Ad ideare la manifestazione l’Associazione culturale “Le Pleiadi”, il suo Presidente, Giuseppe Citrigno e il direttore artistico, Alessandro Russo. Tra i partner ufficiali che danno il loro prezioso contributo alla macchina organizzativa dell’evento: la Provincia di Cosenza, la Fondazione Carical, la BCC-Mediocrati, ConfindustriaCosenza, Agis, la Società Kostner. Con loro anche l’Anec (Associazione nazionale esercenti cinema) che collabora attivamente alla manifestazione, così come la 01 Distribution; affiancati da numerosi partner locali. Attori e registi di fama nazionale e internazionale popoleranno le giornate del Festival tra proiezioni di film, incontri- dibattiti ed eventi glamour. A presiedere alla conferenza stampa: il Presidente della Provincia Mario Oliverio; il Sindaco di Cosenza, Salvatore Perugini; Nicola Paldino, Presidente della BCC Mediocrati; Masino Loiero per la Film Commission Calabria; il presidente della Fondazione Carical Mario Bozzo; il direttore di ConfindustriaCosenza e Presidente Agis Cosenza, Sarino Branda. Il programma della manifestazione sarà presentato dal direttore artistico del festival Alessandro Russo e dal presidente dell’associazione culturale “Le Pleiadi” Giuseppe Citrigno. RENDE (Cs) - Tappa degli Skiantos Si aggiungono nuove date al tour degli Skiantos: “Il Fogna Tour”. Il gruppo farà tappa il 16 aprile sarà in scena a Rende. RENDE (Cs) - “De Andrè canta De Andrè” Partita la vendita dei biglietti per "De Andrè canta De Andrè" del 15 maggio alle ore 21.15 al Teatro Garden di Rende (Cs), grande omaggio a Fabrizio De Andrè con il concerto del figlio Cristiano che ne eseguirà tutti i maggiori successi, anche attraverso ricordi personali. L'evento fa parte della XXIII edizione di "Fatti di Musica Radio Juke Box", la rassegna del miglior live d'autore ideata e diretta da Ruggero Pegna abbinata alla "Lotta a Leucemie e Linfom" dell' A.m.e.n.a. di Catanzaro (associazione per le malattie ematologiche neoplastiche dell'adulto).

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale: via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax:

0961-903801


52 Martedì 7 Aprile 2009 il Domani

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Le Sorelle Marinetti in “Non ce ne importa niente” in scena giovedì 16 aprile a Soverato

Sellia Marina, a Pasquetta beviamo calabrese IL CARTELLONE

Prosegue la rassegna teatrale “Il teatro è vita” a San Pietro a Maida

RIACE (Rc) - Festival delle migrazioni Riace ha deciso di dar vita alla prima edizione di A – Accoglienza. Festival delle migrazioni e delle culture locali che si svolgerà dal 22 al 24 maggio:un concorso per filmaker aperto a tutti su temi attuali e importanti quali il recupero della memoria, delle tradizioni e della cultura materiale e ancora dell’accoglienza, della solidarietà, della condizione dei profughi e dell’incontro fra culture diverse. Un festival che cerca anche l’interesse dei giovani attraverso una sezione per cortometraggi a tema libero e una su videoclip musicali. Il concorso si articola in quattro sezioni di partecipazione: Cortometraggi a tema libero; Migranti aperto a storie e incontri visti dai migranti e/o dai nativi, in Italia, come in altri paesi, con particolare attenzione al Mediterraneo, nonché a inchieste e reportage sulle dinamiche che si creano nella società, nella politica e nella cultura; Culture locali cultura materiale aperta a film relativi alla ricerca e alla salvaguardia di culture, società, lingue e tradizioni locali, compresa la “cultura materiale”, e il loro rapporto con la modernità; Videoclip Musicali aperta a videoclip musicali a tema libero della durata massima di 6', senza preclusioni di stili o di generi musicali. Gli aspiranti partecipanti dovranno inviare i propri lavori entro il 30 aprile 2009 e troveranno tutte le informazioni sulla iscrizione nel sito www.riaceinfestival.it . L’iniziativa è promossa da: Comune di Riace, Rete Comuni Solidali, Asgi-Associazione Studi Giuridici Immigrazione e Associazione Città Futura Don Giuseppe Puglisi Riace.

ROSSANO (Cs) - Presentazione libro La Fondazione Imes Catanzaro - Istituto meridionale di storia e scienze sociali invita la cittadinanza a partecipare alla presentazione del libro “Capitale sociale e Riforma del Welfare – La terza via dell’Europa” di Emanuele Ferragina, edito per Oxford Management Publishing. La presentazione avrà luogo oggi alle ore 17:30 nel Salone dei Concerti di Palazzo de Nobili, sede del Comune di Catanzaro. ROSSANO (Cs) - Stagione teatrale, programma La città di "Rossano la bizzantina" presenta la stagion 2009 presso il teatro San Marco, Teatro per tutti a Teatro. Programma: 17 aprile, Adolfo Adamo in "Serendipity" con Chiara Pavoni; musiche E.Cupellini, C.Rizzuti; scenografia N.Tornello; regia di A.Adamo, (Unica data in Calabria); 22 aprile, compagnia Corrado Abbati in collaborazione con associazione internazionale operetta Trieste con gli allestimenti dell’ente lirico teatro G. Verdi Trieste presentano: "Al cavallino bianco" di Hans Muller e Erik Charell; musiche di Ralph Benatzky; orchestra dal vivo - direttore Marco Fiorini;adattamento e regia Corrado Abbati (Unica data in CalabriaCampagna abbonamenti: abbonamento poltronissima, euro 80.00; abbonamento poltrona euro 60.00; abbonamento speciale “Carta Giovani” euro 40.00; speciale abbonamenti famiglia: due abbonamenti interi (poltronissima o poltrona) danno diritto ad un abbonamento omaggio per un figlio di età inferiore a 14 anni. A tutti gli abbonati verrà offerto l’ingresso gratuito per lo spettacolo “Serendipity" del 17 aprile. Biglietti: platea poltronissima euro 20.00; A Teatro con (Se acquisti due biglietti poltronissime) euro 35,00; platea poltrona euro 15.00; A Teatro con (Se acquisti due biglietti poltrona) euro 25,00; galleria euro 10.00; cinque con (Per gruppi di sei) euro 50,00. Acquisto biglietti presso il Teatro San Marco tre giorni prima di ogni spettacolo.Biglietti spettacolo “Serendipity” del 17 aprile; platea (posto unico) euro 10.00; galleria (posto unico) euro 5.00. Informazioni generali saranno presenti nella rete internet ai seguenti indirizzi: \n www.rossano.eu - www.generazionefutura.com www.sibarinet.it - www.teatro.org - www.jblasa.com; email: ufficio stampa@rossano.eu; info@generazionefutura.com; 360/39.56.26; 0983/529.224. Tutti possono usufruire gratuitamente del servizio di prenotazione telefonica. La prenotazione bloccherà le poltrone fino ad un giorno prima dello spettacolo, trascorso questo tempo se i biglietti non verranno ritirati le poltrone verranno rivendute. SAN PIETRO A M. (Cz) - “Il teatro è vita” E’ al via la II stagione teatrale “Il teatro è vita”. La manifestazione è organizzata dall’associazione “Pier Giorgio Frassati” di San Pietro a Maida in collaborazione con: l’Aido (Associazione Italiana Donazione Organi); l’Atec (Associazione Trapiantati Epatici Calabresi); la Proitalia (Dipartimento Cultura e Donazione Organi), con il patrocinio dell’Amministrazione provinciale di Catanzaro e sostenuta dalla Mediabet. Questi gli appuntamenti previsti: 18 aprile 2009 “Volare” di Dario D’Ambrosi con Dario D’Ambrosi e Lorenzo

Alessandri e per finire sabato 30 maggio 2009 “Concerto del SOVERATO (Cz) - Al Bar Mario Complesso Bandistico Giovanni Paolo II” di San Pietro a Mai- Progamma Bar Mario: ogni mercoldì dott. why; giovedì Isa da”. L’Ingresso è gratuito. e il so karaoke; venerdì francysdrag queen; domenica scandlo con tesy voice superkaraoke. Giovedì 9 Gray in concerto; domenica 12 brillant diguise; lunedì 13 mimmo cavallaro SANTA CATERINA (Cz) - “Chi c’è, alzi una mano” tarantapower; martedì 14 i jumbo sul palazzo cover band La Pro-Loco Santa Caterina e Anlaids onlus organizza “Chi rino Gaetano; 1, 2, 3 maggio festa della birra. c'è, alzi una mano” giorno 11 aprile, c'è un bonsai per te, a Santa Caterina centro capoluogo villa comunale ore 9.30 - 12.30, Santa Caterina Marina piazza Giovanni XXIII. Per info: SOVERATO (Cz) - Dramma sacro Resurrexit Sabato Santo,11 aprile, ore 16, rappresentazione del dram0967/84091 - prolocoscj@libero.it. ma sacro Resurrexit, di Ulderico Nisticò per la regia di Tonino Pittelli. Il luogo della rappresentazione è l'area arSCALEA (Cs) - Global beat moviment cheologica di Soverato Antica, raggiungibile da Soverato Il 12 luglio 2009, in località Riva Chiara di Sellia M., sera- Superiore o dall'ex 106, bivio Turrati.

ta al locale Tarantula con i "global beat Moviment" un mix di tarantella, pizzica, ska e reggae. SOVERATO (Cz) - Stagione teatrale Programma della stagione teatrale 2008/09 a Soverato: giovedì 16 aprile, Sorelle Marinetti “Non ce ne importa SELLIA MARINA (Cz) - A Pasquetta beviamo calabrese La Pasquetta proposta dall’Agriturismo di Contrada Guido di niente regia Max Croci”; sabato 25 aprile Teatro instabile d’Aosta Mimondi regia Marco Chenevier; domeniSellia Marina si colora di calabresità. L’Agriturismo di Conca 3 maggio Giorgio Albertazzi “Lezioni americane “di trada Guido, famoso per le sue atmosfere armoniose che si caItalo Calvino. lano perfettamente nella macchia mediterranea, ha deciso da tempo di sposare i princìpi ispiratori del progetto culturale denominato “Consuma e Spendi Calabrese” portato avanti dall’Associazione “Jonici”. Il menù fisso elaborato per la Pasquetta, a soli 35,00 euro a persona, verrà accompagnato da un’ampia offerta di vini calabresi inseriti in una carta ben articolata ed equilibrata. Un modo tanto semplice, quindi, quanto pregno di significati. Un’azione reale di sostegno all’economia locale e alle produzioni del territorio. Quanti, aderendo all’intelligente proposta dell’Agriturismo di Contrada Guido, decideranno di festeggiare la Pasquetta brindando con vino calabrese, si associeranno quindi ad un modo di pensare e di agire che dimostra amore per la Calabria. Per informazioni e prenotazione (gradita), telefonare al numero di rete fissa 0961.961495.

SOVERATO (Cz) - Teatro del Grillo Ha ufficialmente avuto inizio la stagione 2009 del Teatro del Grillo di Soverato, che da gennaio a fine aprile ospiterà eccellenti compagnie del teatro italiano oltre alla Compagnia della scuola di teatro Spazioscenico e alla Compagnia del Grillo. Programma:concluderà la stagione, a partire da sabato 25 aprile, la nuova produzione della Compagnia del Grillo: “Rumori fuori scena” per la regia di Claudio Rombolà. Una irresistibile storia di teatro nel teatro dove ritmo, equivoci e colpi di scena fanno del testo di Frayn una delle farse più fortunate degli ultimi trent’anni. Costo abbonamento a 5 spettacoli 88,00. Turno A: pomeridiana ore 17.00 o primo giorno di rappresentazione. Turno B: serale ore 21.00 o secondo giorno di rappresentazione. Gli abbonati alla stagione precedente possono confermare il posto telefonando SETTINGIANO (Cz) - Booling Center Il Booling Center, aperto durante la settimana tranne il lu- o lasciando un messaggio al N. 0967 -23156 oppure tranedì, comunica le proprie promozioni: martedì e merco- mite e-mail all’indirizzo di posta elettronica di seguito ledì "Più giochi e meno paghi", giovedì e domenica "Pro- riportato "teatrodelgrillo@libero.it". mozione coppia", sabato "Birillo rosso". SETTINGIANO (Cz) - All’Orso Cattivo Ogni giovedì: "Toda Joia"!!! presso L'Orso Cattivo a Settingiano. Zona ristorante: Dr. Why - il gioco a quiz per locali (ore 21.00); "Toda Joia" - Dj's: Gianluca Napoli, Tatto and Beat&Love (ore 23.30). Zona pub: balli caraibici: salsa, merengue Y bachata (tutta la sera!). Ingresso: 10 euro (solo 5 euro se segnali la tua presenza sul sito www.movidacommunity.it. SIDERNO (Rc) - Premio “Armando La Torre” E’ indetta la sesta edizione del Premio Letterario Città di Siderno “Armando La Torre” che si articola nelle sezioni di narrativa e saggistica. Il premio, patrocinato dal Comune di Siderno, dalla Regione Calabria e dalla Provincia di Reggio, gode del riconoscimento del Ministero per i Beni e le Attività culturali. Regolamento: narrativa, si partecipa con opere di narrativa scritte in lingua italiana e pubblicate dal 1°gennaio 2008 alla data del presente bando. Ogni autore o Casa Editrice può partecipare con più opere; saggistica: si partecipa con opere di saggistica scritte in lingua italiana e pubblicate dal 1° gennaio 2007 alla data del presente bando. Ogni autore o Casa Editrice può partecipare con più opere, presentando per ognuna di esse cinque copie; giuria: le opere saranno esaminate da una giuria tecnica composta da autorevoli esponenti del mondo della cultura, il cui giudizio è insindacabile ed inappellabile. Per partecipare gli autori e/o le Case Editrici devono fare pervenire le opere, con l’indirizzo ed il recapito telefonico dell’autore e l'indicazione della sezione per la quale concorrono, entro la data del 30 aprile 2009 al seguente indirizzo: Premio letterario Città di Siderno presso Aldo De Leo Via C.Battisti, 75 - 89048 Siderno (Rc). La partecipazione al premio comporta la piena accettazione del presente bando. SIMERI CRICHI (Cz) - Maratona Stracrichi L'associazione volontari italiani sangue Avis comunale di Simeri Crichi organizza la 2ª maratona Stracrichi il 14 giugno, ore 16.00, presso la piazza Martiri a Simeri Crichi. Per info: 368/560945 - 333/9725089.

SOVERATO (Cz) - Festa della birra Il bar Mario comunica che è in fase terminale la definizione del programma che si terrà in occasioe della seconda Festa della birra- Città di Soverato nei giorni 1-2-3 maggio 2009.All'interno di detta manifestazione si esibiranno gruppi musicali di vario genere, (taranta, pizzica, cover etc..)prestigiatori, cabaretisti. L'organizzazione della festa della birra - Soverato 2009 - comunica che, all'interno della manfestazione, vi sarà l'assegnazione del premio Giorgio Gioviale - dedicato alla memoria del giovane soveratese deceduto tragicamente più di vent'anni fa. Il premio è riservato agli artisti che vorranno esibirsi nei giorni 1-2-3 maggio come cabarettisti, musicisti e consiste in una somma messa a disposizione della famiglia Gioviale e dall'organizzazione. Per ulteriori informazioni rivolgersi al numero 3280715176 oppure inviare mail a barmario.vs@libero.it.

SQUILLACE (Cz) - Visite guidate L'associazione Largot costituita da guide specializzate munite di patentino e autorizzate dalla Regione Calabria, offre il servizio di visita guidata alla rassegna espositiva allestita al Complesso monumentale del San Giovanni Catanzaro dedicata ai pittori del seicento Francesco Cozza, Gregorio e Mattia Preti info www.calabriaguide.it 0961-34618 333-8002471. Inoltre, la stessa associazione, mette tutti i giorni dalle 9.30 alle 12.30, e dalle 15.00 alle 18.00, a disposizione le guide turistiche che accompagneranno i visitatori al centro storico di Squillace e al Parco archeologico Scolacium di Borgia. Per ulteriori informazioni contattare i numeri di tel: 0961/34618 - 368/7376942 - 347/1094691 320/0473698 - oppure consultare il sito internet di seguito riportato www.calabriaguide.it.

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale: via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax: 0961-903801


il Domani Martedì 7 Aprile 2009 53

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

La seconda edizione dell’iniziativa “Passio Christi, immagini e segni della passione” a Vibo

“La Naca” venerdì 10 a Taverna IL CARTELLONE

Concorso enologico internazionale a partire dal 22 maggio

TAVERNA (Cz) - Largot, visite guidate La Largot, svolge servizio di visite guidate al museo civico, alla chiesa di San Domenico e chiesa di Santa Barbara e alla galleria di arte contemporanea, per associazioni, scuole, fondazioni e gruppi (min 30 pers.). Il servizio sarà effettuato su prenotazione. Info: 0961/34618 368/7376942 - 329/9149079 - 347/8871177 - o visitare il sito www.calabriaguide.it. TAVERNA (Cz) - Opere di Mattia Preti al Museo Due nuovi capolavori di Mattia Preti pertinenti la collezione della Banca di Credito Cooperativo della Sila Piccola si possono ammirare nel Museo Civico di Taverna. Si tratta di un bozzetto ad olio su tela di cm.77x41 raffigurante “San Sebastiano” e di un dipinto di cm.157x122 raffigurante “San Girolamo Penitente”, realizzati entrambi dal Cavalier Calabrese nel ventennio 1680-’90. L’evento consentirà a visitatori e studiosi di apprezzare completamente il corpus delle ventitrè opere pretiane di Taverna conservate (oltre che nella stessa sede museale) nelle Chiese di S.Domenico e S.Barbara. Il prestito, stabilito in forma di deposito, è stato eccezionalmente concesso all’Istituzione Culturale tavernese dal Consiglio di Amministrazione della banca presilana presieduto dal presidente Nicoletta e dal Direttore Cariati. Il museo civico è visitabile tutti i giorni, dal martedì alla domenica, (tranne il lunedì) con i seguenti orari 9.30-12.30 e 16.0019.00. TAVERNA (Cz) - Al Mattia Pub Programma del Mattia Pub di Taverna: giovedì 9 aprile, fiesta Latina con Roby; venerdì 10 aprile, il cervellone con Movida Calabria; domenica 12, serata Live con Taranta terapy Pathanka Kalabra; sabato 18 aprile, serata Live con Rubiera blues Cover Ligabue; venerdì 24, gara di Karaoke con Lisa e Ercole; sabato 25,Il cervellone con movida Calabria. Per

info Lia Tommaso 338/1065099 - myspace.com/mattiapub - no localizzati i vigneti, riservata ai vini Docg, Doc e Igt con mattiapublia@libero.it. una produzione tra le 1.000 e le 50.000 bottiglie, basterà un click su www.dilloconilvino.it. Questo è l’obiettivo di un accordo che le Città del Vino hanno sottoscritto con il nuovo TAVERNA (Cz) - La Naca portale: www.dilloconilvino.it. Questo portale prevede la Venerdì 10 aprile la confraternita Madonna del Carmine partecipazione al concorso senza oneri per le aziende che si presenta la Naca, alle ore 16:30. associano al servizio.

VIBO V. - “Passio Christi” La chiesa San Michele di Vibo Valentia presenta "Passio Christi" immagini e segni della passione 2ª edizione, fino al 10 aprile. Orario: 10.00-12.00; 17.00-20.00 (giovedì 9, apertura sino alle ore 24.00).

CALABRIA - Pasqua Tricolore Quattro sezioni della Fiamma Tricolore hanno aderito alla “Pasqua Tricolore”, manifestazione ideata dalla segreteria regionale e diffusa sul territorio dalla Segreteria Provinciale di Catanzaro. La manifestazione consiste nella distribuzione, da parte dei nostri militanti, di piccole Uova di Pasqua incorniciate da un nastrino tricolore ai bambini di MarcelVIBO V. - Memorial Gaglioti linara, Squillace, Sellia Marina e Borgia. Sabato 11 sarà inL'Asd Gss sport, comitato regionale Fipav Calabria, settore Fi- vece la volta dei militanti della Fiamma Tricolore di Sellia pav scuola e minivolley Calabria, comitato provinciale Vibo Marina e di Borgia, laddove sono nate due nuove realtà miValentia organizzano 4° minibeachvolley - 3° memoriale Ga- litanti. glioti, giorno 24 maggio, al lido Chiringuito di Pizzo Calabro (Vv). Inoltre saranno allestite due aree per permettere ai bambini più piccoli (dai 3 ai 5 anni e non solo) di poter colorare o giocare con la sabbia.

Per segnalare un appuntamento

CALABRIA - Concorso enologico internazionale La curiosità degli eno-appassionati per le bottiglie originali da inserire nelle proprie collezioni si unisce in una formula di marketing territoriale innovativa con il web. Per l’edizione 2009 de “La Selezione del Sindaco”, il concorso enologico internazionale che elegge il vino-simbolo delle Città del Vino di tutta Italia (dal 22 al 24 maggio 2009, Istituto Agrario di San Michele all’Adige, Trento; info www.selezionedelsindaco.it), la piccola produzione d’eccellenza italiana sbarca sul web e punta all’e-commerce: per conoscere o acquistare le originali bottiglie dell’unica rassegna internazionale che prevede la partecipazione congiunta dell’azienda e del comune in cui so-

a questa rubrica, inviare una e-mail all’indirizzo di posta elettronica

appuntamenti@ildomani.it o un fax al numero 0961-903801 ALMENO QUARANTOTTO ORE PRIMA DELLO SVOLGIMENTO DELL’EVENTO


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Martedì 7 Aprile 2009 55

Spettacoli e tv filmintv LA7 08.00 08.20 09.00 09.30 10.00 10.50 11.00 11.25 11.30 12.00 13.30 14.00 14.10 16.15

TG1 (Ultime notizie) TG1 LE IDEE (Attualità) TG1 (Ultime notizie) TG1 FLASH (Ultime notizie) VERDETTO FINALE APPUNTAMENTO AL CINEMA OCCHIO ALLA SPESA (Attualità) CHE TEMPO CHE FA TG1 (Ultime notizie) LA PROVA DEL CUOCO (Gastronomia) TELEGIORNALE (Ultime notizie) TG1 ECONOMIA (Affari) FESTA ITALIANA LA VITA IN DIRETTA

08.00 L’ALBERO AZZURRO 08.20 DIBO DEI DESIDERI (Animazione) 08.35 FANTASMI DETECTIVES (Animazione) 08.55 IGGY PIGGY RANGER (Animazione) 09.15 I LUNNIS (Animazione) 09.30 PUCCA (Animazione) 09.45 UN MONDO A COLORI (Attualità) 09.55 METEO 2 (Ultime notizie) 10.00 TG2PUNTO.IT (Attualità) 11.00 INSIEME SUL DUE (Attualità) 13.00 TG2 - GIORNO (Ultime notizie) 13.30 TG2 COSTUME E SOCIETÀ (Attualità) 13.50 TG2 MEDICINA 33 (Salute) 14.00 X FACTOR 14.45 ITALIA ALLO SPECCHIO (Attualità) 16.15 RICOMINCIO DA QUI 17.20 LAW & ORDER 18.00 METEO 2 (Ultime notizie) 18.05 TG2 - FLASH L.I.S. (Ultime notizie) 18.10 RAI TG SPORT 18.30 TG2 (Ultime notizie) 19.00 X FACTOR 19.35 SQUADRA SPECIALE COBRA 11 20.25 ESTRAZIONI DEL LOTTO (Spettacolo con giochi) 20.30 TG2 (Ultime notizie) 21.05 X FACTOR 23.45 TG2 (Ultime notizie) 00.00 SCORIE 01.15 TG PARLAMENTO (Attualità) 01.25 WOLFF - UN POLIZIOTTO A BERLINO (Poliziesco) 02.10 ALMANACCO 02.15 ESTRAZIONI DEL LOTTO 02.20 METEO 2 (Ultime notizie) 02.25 APPUNTAMENTO AL CINEMA

08.00 RAI NEWS 24 MORNING NEWS (Attualità) 08.15 RAI EDUCATIONAL - LA STORIA SIAMO NOI (Cultura) 09.15 VERBA VOLANT (Tempo libero) 09.20 COMINCIAMO BENE - PRIMA

Ore 21.10 - “Ballarò” Attualità in tv Conduce Giovanni Floris

02.30 TG2 COSTUME E SOCIETÀ. REPLICA (Attualità) 02.50 MEDICINA PER VOI (Salute) 03.20 SCANZONATISSIMA 03.40 CARO AMORE

CANALE

ITALIA

RETE

TG5 MATTINA (Ultime notizie) MATTINO CINQUE (Attualità) TG5 (Ultime notizie) MATTINO CINQUE (Attualità) FORUM TG5 (Ultime notizie) BEAUTIFUL (Telenovela) CENTOVETRINE (Telenovela) UOMINI E DONNE (Talk show) POMERIGGIO CINQUE TG5 MINUTI (Ultime notizie) POMERIGGIO CINQUE CHI VUOL ESSERE MILIONARIO (Spettacolo con giochi) 20.00 TG5 (Ultime notizie)

08.15 08.30 09.00 09.30 11.20 12.15 12.25 13.02 13.40 14.05

16.50 17.00 17.10 17.15 18.50 20.00 20.30 21.10 22.55 23.00 00.35 01.05 01.10 01.15 01.45 02.20 03.00 03.40 06.10 06.30 06.45 07.00 07.30 07.35 08.00

TG PARLAMENTO (Attualità) TG1 (Ultime notizie) CHE TEMPO FA (Ultime notizie) LA VITA IN DIRETTA L’EREDITÀ TELEGIORNALE (Ultime notizie) AFFARI TUOI (Spettacolo con giochi) BAKHITA TG1 (Ultime notizie) PORTA A PORTA (Attualità) TG1 NOTTE E TG1 LE IDEE (Ultime notizie) CHE TEMPO FA (Ultime notizie) APPUNTAMENTO AL CINEMA SOTTOVOCE (Talk show) RAI EDUCATIONAL SCRITTORI PER UN ANNO (Cultura) SUPERSTAR SPECIALE STELLA DEL SUD: L’ISOLA DEL RAGGIO VERDE (Viaggiare) PROVE TECNICHE DI TRASMISSIONE INCANTESIMO 10 TG1 - CCISS VIAGGIARE INFORMATI (Ultime notizie) UNOMATTINA TG1 (Ultime notizie) TG1 L.I.S. (Ultime notizie) TG PARLAMENTO (Attualità) TG1 (Ultime notizie)

08.00 08.40 10.00 10.05 11.00 13.00 13.41 14.10 14.45 16.15 18.00 18.05 18.50

Ore 21.05 - “X Factor” Da sinistra Mara Maionchi, Simona Ventura e Morgan

14.30 15.00 15.50 16.40 17.40 18.00 18.15 18.28 19.00 19.30 19.50 20.05 20.30

Ore 21.10 - “Squadra antimafia” In foto da sinistra Claudio Gioè, Simona Cavallari, Giulia Michelini 20.31 STRISCIA LA NOTIZIA - LA VOCE DELLA SUPPLENZA (Attualità) 21.11 SQUADRA ANTIMAFIA - PALERMO OGGI 23.30 MATRIX (Attualità) 01.30 TG5 NOTTE (Ultime notizie) 02.00 STRISCIA LA NOTIZIA - LA VOCE DELLA SUPPLENZA (Attualità) 02.32 MEDIASHOPPING (Acquisti) 02.45 THE GUARDIAN 03.30 MEDIASHOPPING (Acquisti) 03.42 GRANDE FRATELLO 9 04.13 SQUADRA EMERGENZA 05.30 TG NOTTE (Ultime notizie) 06.00 TG5 - PRIMA PAGINA (Ultime notizie) 08.00 TG5 MATTINA (Ultime notizie)

21.10 22.10 23.55 01.45 02.10 02.25 02.45 03.05 03.55 04.10 05.55

EVVIVA PALM TOWN (Animazione) NAPO ORSO CAPO (Animazione) HOPE & FAITH (Sitcoms) ALLY MCBEAL PIÙ FORTE RAGAZZI (Azione) SECONDO VOI (Attualità) STUDIO APERTO (Ultime notizie) STUDIO SPORT DRAGON BALL GT (Animazione) ONE PIECE - TUTTI ALL’ARREMBAGGIO! (Animazione) I SIMPSON (Animazione) SMALLVILLE (Fantascienza) KYLE XY (Fantascienza) MALCOM (Sitcoms) SPONGEBOB (Animazione) SPIDER RIDERS (Animazione) GORMITI (Animazione) STUDIO APERTO ANTICIPAZIONI (Ultime notizie) STUDIO SPORT I SIMPSON (Animazione) CAMERA CAFÉ RISTRETTO (Sitcoms) CAMERA CAFÉ (Sitcoms) LA RUOTA DELLA FORTUNA (Spettacolo con giochi) BUONA LA PRIMA! (Sitcoms) MAI DIRE GRANDE FRATELLO SHOW CHIAMBRETTI NIGHT - SOLO PER NUMERI UNO STUDIO SPORT STUDIO APERTO - LA GIORNATA (Ultime notizie) TALENT 1 - PLAYER MEDIASHOPPING (Acquisti) I SOPRANO MEDIASHOPPING (Acquisti) BANGKOK DANGEROUS (Azione) STUDIO SPORT

08.10 09.00 10.10 11.00 11.30

06.00 STUDIO APERTO - LA GIORNATA (Ultime notizie) 06.10 STILL STANDING 06.35 DRAGHI E DRAGHETTI (Animazione)

(Germani/Francia/Italia ‘60) di Fritz Lang La polizia indaga su una serie di delitti che protrebbero essere attibuiti al perfido dottor Mabuse. Lui, però, dovrebbe essere morto da molti anni. Thriller

“Caro Michele”

17.20 ALLA RICERCA DELL’ISOLA DI NIM (SkyCinema1) GUAI CON LE RAGAZZE (SkyCinemaClassics) STEP UP 2 - LA STRADA PER IL SUCCESSO (SkyCinemaPiu24) IL DIARIO DI UNA TATA (SkyCinemaFamily) 17.25 LASCIA PERDERE, JOHNNY! (SkyCinemaMania) THE KOVAK BOX - CONTROLLO MENTALE (SkyCinemaMax) 18.55 VIVERE UN SOGNO - GOAL! 2 (SkyCinemaHits) 19.00 L’ESORCISTA II - L’ERETICO (SkyCinemaClassics) ONORA IL PADRE E LA MADRE (SkyCinema1) 19.05 PLUTONIO 239 - PERICOLO INVISIBILE (SkyCinemaPiu24) 19.25 HOT ROD (SkyCinemaMania)

(Italia ‘76) di Mario Monicelli Michele (Lou Castel) è in esilio a Londra dopo essersi messo nei guai con le rivolte studentesche del ‘68. Da lì intrattiene rapporti epistolari con madre e amici. Drammatico

Rete4 ore 24,00

Ore 21.00 - “Pallottole d’amore” Sky Cinema FAMILY Film con Sarah Jessica Parker

“Triplo gioco”

(Usa ‘93) di Peter Medak Un poliziotto corrotto (Gary Oldman) fa il doppio gioco tra la mafia e una seducente killer russa (Lena Olin) che gli offre denaro e se stessa perchè uccide un boss. Thriller

A Londra successo del premio Oscar

Benigni trionfa con Dante in inglese

HUNTER (Poliziesco) NASH BRIDGES (Poliziesco) FEBBRE D’AMORE (Telenovela) MY LIFE (Telenovela) TG4 TELEGIORNALE (Ultime notizie)

GARA DI FAMIGLIA (SkyCinemaFamily) 21.00 PALLOTTOLE D’AMORE (SkyCinemaFamily) APOCALYPSE NOW REDUX (SkyCinemaMania) CROC - CACCIA AL PREDATORE (SkyCinemaMax) CAOS CALMO (SkyCinemaPiu24) PROSPETTIVE DI UN DELITTO (SkyCinema1) TOTO’ STORY (SkyCinemaClassics) 21.15 QUATTRO MATRIMONI E UN FUNERALE (SkyCinemaHits) 22.35 I PREDATORI DELLA CITTA’ PERDUTA (SkyCinema1) GIOVANNONA COSCIALUNGA... (SkyCinemaMax) 22.45 LA CASA RUSSIA (SkyCinemaFamily) 22.55 LA BATTAGLIA DEI GIGANTI (SkyCinemaClassics) 23.00 NATALE IN CROCIERA (SkyCinemaPiu24) 23.20 HARSH TIMES - I GIORNI DELL’ODIO (SkyCinemaHits) 00.30 IL CORAGGIOSO (SkyCinemaMania)

01.00 01.20 01.25 02.05 03.05

OMNIBUS LIFE (Attualità) PUNTO TG (Attualità) DUE MINUTI, UN LIBRO MOVIE FLASH F/X MOVIE FLASH MATLOCK TG LA7 (Ultime notizie) SPORT 7 (Ultime notizie) L’ISPETTORE TIBBS IL DIABOLICO DOTTOR MABUSE (Poliziesco) MOVIE FLASH RELIC HUNTER ATLANTIDE - STORIE DI UOMINI E DI MONDI JAG - AVVOCATI IN DIVISA TG LA7 (Ultime notizie) OTTO E MEZZO (Attualità) CROSSING JORDAN COLD SQUAD (Poliziesco) VICTOR VICTORIA - NIENTE È COME SEMBRA TG LA7 (Ultime notizie) MOVIE FLASH OTTO E MEZZO (Attualità) ALLA CORTE DI ALICE DUE MINUTI, UN LIBRO

09.00 11.00 12.00 13.00 14.00 14.30 15.00 16.00 16.05 17.00 17.05 18.00 18.05 19.00 19.05 19.30 20.00 20.05 21.00 21.30 22.00 22.25 22.30 00.00 01.00 01.30 03.00

PURE MORNING LOVE TEST CHART BLAST MADE MTV CONFIDENTIAL (Reality-TV) NEXT (Reality-TV) TRL - TOTAL REQUEST LIVE FLASH (Ultime notizie) INTO THE MUSIC FLASH (Ultime notizie) INTO THE MUSIC FLASH (Ultime notizie) CHART BLAST FLASH (Ultime notizie) MTV CONFIDENTIAL (Reality-TV) BEST DRIVER (Spettacolo con giochi) FLASH (Ultime notizie) GREEK NABARI (Animazione) MICHIKO E HATCHIN (Animazione) DEATH NOTE (Animazione) FLASH (Ultime notizie) CENTRAL STATION SOUTH PARK (Animazione) BRAND: NEW INTO THE MUSIC INSOMNIA

09.15 10.10 10.15 10.20 10.25 11.25 11.30 12.30 12.55 13.00 14.00 16.00 16.05 17.05

Ore 21.10 - “Anna and the king” In foto l’attrice Jodie Foster interpreta un’educatrice inglese 11.40 12.25 13.25 13.30 14.05 15.10 16.00 16.46 16.53 18.35 18.45 18.55 19.35 20.30 21.10 22.02 22.09 22.52 22.59 23.55 00.00 01.00 01.07 01.57 02.22 04.07

Ore 21.10 - “Buona la prima” Sit-com all’italiana con il duo Ale&Franz

“Il diabolico dottor Mabuse”

Rete4 ore 16,00

10.00 COMINCIAMO BENE (Talk show) 12.00 TG3 - RAI SPORT NOTIZIE - TG3 METEO 12.25 TG3 PUNTO DONNA (Attualità) 12.45 LE STORIE - DIARIO ITALIANO (Attualità) 13.05 TERRA NOSTRA (Telenovela) 14.00 TG REGIONE - METEO (Ultime notizie) 14.20 TG3 - METEO 3 (Ultime notizie) 14.50 TGR LEONARDO (Attualità) 15.00 TGR NEAPOLIS (Attualità) 15.10 TG3 FLASH L.I.S. (Ultime notizie) 15.15 TREBISONDA PRESENTA LA TV DEI RAGAZZI (Magazin) 15.20 SERIOUS ANDES 16.00 TG3 GT RAGAZZI (Cultura giovanile) 16.30 MELEVISIONE 17.00 COSE DELL’ALTRO GEO 17.50 GEO & GEO 18.15 METEO 3 (Ultime notizie) 18.20 GEO & GEO 19.00 TG3 (Ultime notizie) 19.30 TG REGIONE - METEO (Ultime notizie) 20.00 BLOB (Attualità) 20.10 AGRODOLCE (Telenovela) 20.35 UN POSTO AL SOLE (Telenovela) 21.05 TG3 (Ultime notizie) 21.10 BALLARÒ (Talk show) 23.20 RAI SPORT 00.00 TG3 LINEA NOTTE (Ultime notizie) 00.10 TG REGIONE - METEO (Ultime notizie) 01.00 APPUNTAMENTO AL CINEMA 01.10 RAI EDUCATIONAL - UN MONDO A COLORI (Cultura) 01.40 PRIMA DELLA PRIMA 02.10 FUORI ORARIO. COSE (MAI) VISTE (Cinema)

Ore 21.10 - “ Bakhita” Miniserie In foto Fatou Kine Boye nel ruolo di Bakhita

ore 14,00

04.12 05.10 05.30 05.35 05.40 06.35 07.10

UN DETECTIVE IN CORSIA RENEGADE ANTEPRIMA TG4 (Ultime notizie) TG4 TELEGIORNALE (Ultime notizie) SESSIONE POMERIDIANA: IL TRIBUNALE DI FORUM WOLFF - UN POLIZIOTTO A BERLINO (Poliziesco) SQUADRA ANTIMAFIA TGCOM (Ultime notizie) SQUADRA ANTIMAFIA TEMPESTA D’AMORE ANTEPRIMA TG4 (Ultime notizie) TG4 TELEGIORNALE (Ultime notizie) TEMPESTA D’AMORE WALKER, TEXAS RANGER ANNA AND THE KING (Dramma) TGCOM (Ultime notizie) ANNA AND THE KING (Dramma) TGCOM (Ultime notizie) ANNA AND THE KING (Dramma) I BELLISSIMI DI RETE 4 (Cinema) TRIPLO GIOCO (Thriller) TGCOM (Ultime notizie) TRIPLO GIOCO (Thriller) TG4 - RASSEGNA STAMPA (Ultime notizie) CARO MICHELE PESTE E CORNA E GOCCE DI STORIA FEBBRE D’AMORE (Telenovela) TG4 - RASSEGNA STAMPA (Ultime notizie) SECONDO VOI (Attualità) PESTE E CORNA E GOCCE DI STORIA KOJAK (Poliziesco) MEDIASHOPPING (Acquisti) QUINCY

LONDRA - Roberto Benigni per la prima volta racconta Dante in inglese a Londra e l’antico Theatre Royal gli regala una serata trionfale. L’attore e regista toscano ha incantato con il suo racconto e la spiegazione del V canto dell’Inferno della Divina commedia, tutto nel suo inglese personalissimo e strampalato, ma ricco di vocaboli aulici (ancorchè pronunciati in maniera ’benignana’), capace di veicolare con forza poesia, energia e l’entusiasmo commosso per la lettura del Sommo Poeta. Alla fine è stata ’standing ovation’ nella sala del Royal.

curiosità dalla rete Arriva “Kyoto” la bussola

Rivoluzione Skype arriva sui telefonini

“Kyoto” è il nuovo progetto promosso dall’Ue che faciliterà la ricerca di informazioni sul web: un motore di ricerca capace di rispondere alle domande e interpretare le parole chiave a seconda del contesto.

Da Nokia a Apple la svolta Voip. Il fenomeno Skype che ha fatto tremare gli operatori telefonici fissi, approderà presto anche sui cellulari.

Il Padrino, dal cinema al game Torna il Padrino II versione videogame. L’avventura digitale per Pc, Ps3 e Xbox 360 ispirato al celebre film sarà nei negozi dal 10 aprile.

Sul web notizie dal terremoto Il terremoto ai tempi di Facebook diventa un fatto personale anche per chi non lo vive da vicino. I social network si sono riempiti di richieste di notizie su amici e parenti, non solo da parte dei giovani.

19.00 20.00 20.30 21.10 22.45 23.45



il domani