Page 1

m

a

d

e

i

n

t

u

s

c

a

COVER STORY MATTEO BOCELLI FASHION S/S 2019 KILLING ME SOFTLY ART VERROCCHIO MASTER OF LEONARDO | CATERINA’S STYLE COSIMO DE’MEDICI’S 500TH BIRTHDAY | CONTEMPORARY ART IN FLORENCE CULTURE MAGGIO MUSICALE FESTIVAL | 200 YEARS OF AMERICA ITINERARIES TUSCANY’S SMALL VILLAGES | THE NEW MANIFATTURA TABACCHI FOOD THE TRUE FIORENTINA | THE YEAR OF NEGRONI

n

y


F A L I E R O S A R T I . C O M


contents

n.50 spring 2019

COVER STORY 76 Matteo Bocelli Music runs in the family Con la musica nel sangue by Teresa Favi AGENDA 26 Art Florence 28 Art Tuscany 30 Classic 32 Pop 34 Book PEOPLE 14 Lisa Gabellini Seeing well, with style Per vedere bene con stile 16 Francesco Brandi A villa for Machiavelli Una villa per Machiavelli 18 Federico Bondi Straight to the Heart Dritto al cuore 20 Enrico Verrecchia Family flavours Sapori di famiglia 22 Alberto Peragnoli Passion on the road Passione su strada 24 Luca Aiazzi Rowing in Art Vogare nell’arte

66

FASHION 39 It object 84 Shooting Killing me softly by Marta Innocenti Ciulli 96 Louis Vuitton About Elegance by Marta Innocenti Ciulli MUST 103 Bags 104 Shoes 105 For Him 106 For Her 107 Jewels MOVIE, THEATRE & MUSIC 80 Benjamin V. Wohlauer 200 years of USA in Florence 200 anni d’America in città 160 Maggio Musicale Fiorentino Nothing smarter Genesi delle arti by Teresa Favi ITINERARIES 66 Small Villages An hour from Florence A un’ora da Firenze 134 Photo story Manifattura Tabacchi by Massimo Listri

134 96


FIRENZE

Excellence of artistry, in a bag

www.ireri.it Firenze • Palazzo Gondi, Via de’ Gondi 4/6r • Milano • Galleria Passarella, 1 (Corso Vittorio Emanuele II) follow us on instagram: ireri_firenze


contents

n.50 spring 2019

ART, DESIGN & CULTURE 108 Cosimo de’Medici Conqueror and Visionary Conquistatore e visionario by Francesca Lombardi 118 Andrea del Verrocchio Unappreciated Master L’artista della bottega accanto by Rossella Battista 124 Leonardo da Vinci Sublime mind Ingegno eccelso e dispersivo 128 Caterina de’Medici Powerful Caterina La grande Caterina by Lavinia Rinaldi 142 Exhibition Art The Renaissance and contemporary art Il Rinascimento e l’arte contemporanea 148 Giorgio Morandi Contemporary Tradition Moderno, profondamente antico 152 Luca Pignatelli Circular, liquid time Tempo liquido e circolare 156 History Grand Tour Mysterious and fascinating Misteriosi e affascinanti by Domenico Savini

Hi-tech Natural sound exerience La magia di un suono naturale 168 Craft exhibition A treasure trove of beauty Scrigni di bellezza by Virginia Mammoli 164

FOOD & WINE 174 La Fiorentina The first book dedicated to the famous Steak Il primo libro dedicato alla famosa Bistecca 180 Cocktail experience 100 years of Negroni 100 anni di Negroni 184 Tosca&Nino Flavours with a view Sapori con vista SHOT

ON SITE

51 TUSCANY GUIDE 186 Hotels 187 Restaurants 194 Last page

174 108

168


#ITALIAEXPERIENCES

FLORENCE VIEW FROM THE MOST GLAMOROUS MAGAZINE OF THE CITY

quarterly

publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini

CAP R I FI R EN Z E R OMA VEN EZ IA editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli managing editors

Teresa Favi, Francesca Lombardi editors

Sabrina Bozzoni, Matteo Grazzini, Virginia Mammoli, Mila Montagni contributors

Cristina Acidini, Rossella Battista, Lavinia Rinaldi, Sergio Risaliti, Domenico Savini, Elisa Signorini, Eike D. Schmidt, Elisabetta Vagaggini photographers

Andrea Dughetti, Archivio Foto Locchi, Alessandro Bencini, Marco Benvenuti, Giuseppe Cabras, Lorenzo Cotrozzi, Dario Garofalo, Massimo Listri, Luca Moggi, Marco Mori, New Press Photo, Pierpaolo Pagano, Pasquale Paradiso, Luca Rossetti, Marco Russo, Daniele Venturelli (cover) art editors

Martina Alessi, Melania Branca translations

Centotraduzioni, Tessa Conticelli, NTL Traduzioni, The Florentine advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Gianni Consorti, Alessandra Nardelli, Monica Offidani, Daniela Zazzeri editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - redazione@gruppoeditoriale.com branch

N. Bayshore Dr. #1101 - FL 33137 - Miami 2000 - Usa società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Registrazione Tribunale di Prato - n° 9/2006 del 15.12.2006 Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori - Prato (Symbol Freelife Gloss Premium White) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


contributors He is a Florentine journalist, and a member of the editorship of Guida de L’Espresso, for which he has been editor in Tuscany for over 10 years. He is a Decanter author, one of the world’s major wine magazines. He writes for Corriere, Civiltà del bere and La Cucina Italiana.

Marta Innocenti Ciulli, 40 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies.

Gianni Mercatali, communication expert, journalist, “bon vivant”, food-and-wine lover. As a social behaviour observer, he cultivates a strong passion for national-popular culture, in particular for the legendary sixties.

Holding a degree in Art History in Florence, she was a Visiting Professor at SUNY Plattsburgh in New York and the Superintendent for Historic, Artistic, and Ethnoanthropological Heritage and Florence’s Polo Museale. She is currently the president of the Accademia delle Arti del Disegno.

Aldo Fiordelli

Marta Innocenti Ciulli Massimo Listri

Gianni Mercatali

Cristina Acidini

Giornalista fiorentino, è membro del comitato di direzione della Guida de L’Espresso per la quale coordina la Toscana da oltre 10 anni. Collabora con Decanter, una delle testate del vino più importanti al mondo. Scrive per il Corriere, Civiltà del bere e La Cucina Italiana.

Marta Innocenti Ciulli, 40 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema.

Gianni Mercatali, esperto di comunicazione, giornalista pubblicista, bon vivant, appassionato di enogastronomia. Osservatore dei comportamenti sociali, coltiva un amore tenace per la cultura nazionalpopolare, in particolare dei mitici anni ‘60.

Laureata in storia dell’arte a Firenze, è stata Visiting Professor alla SUNY Plattsburgh di New York e Soprintedente Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale di Firenze. Attualmente è Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno.

Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books.

Massimo Listri, fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 60 libri di arte e alta architettura.

12

FIRENZE


FIRENZE PEOPLE

SEEING WELL, WITH STYLE

LISA GABELLINI AND JOCHEN ANDREAS ZEH, THE BRAINS BEHIND THE ARTISAN FIRM WOO CLASS LISA GABELLINI, CON JOCHEN ANDREAS ZEH, È L’ANIMA DELLA BOTTEGA ARTIGIANA WOO CLASS text Virginia Mammoli

What do glasses represent today? Glasses are no longer merely a functional accessory, but a genuine item of style, used to express ourselves and our personality. Why did you choose wood? It was my husband Jochen’s idea; he’s a sculptor so he’s familiar with wood. It’s a fascinating material, ancient and far lighter than synthetic materials like acetate. What’s more, it’s non-allergenic. What’s special about your frames? Their lightness, comfortable fit and design. Also their soft, silky feel, which makes them extremely pleasant to wear. Which model is your personal favourite? Pietro, in a customised two-colour version. It’s a masculine model with a strong character, and I wear it often. Tell us about a famous nose you’ve dressed? Oprah Winfrey, but to date only with the Woo Class range, with no modifications. It would be fantastic to make a pair of bespoke frames for her... The most beautiful view in Florence? The view of the city from the Forte di Belvedere with the Boboli Gardens below and the great dome is obviously fabulous, but my favourite view of all is from the Ponte alle Grazie looking towards the Ponte Vecchio, because as well as the banks of the Arno you can see the Arnolfo Tower and San Miniato al Monte, with the Forte di Belvedere and the green hills of Florence in the background. It’s my daily walk to work.

Cosa rappresenta oggi l’occhiale? L’occhiale non è più un mero accessorio funzionale, ma un vero oggetto di stile, con cui si racconta un po’ di sé e della propria personalità. Perché avete scelto il legno? È stato mio marito Jochen, che lo conosceva bene in quanto scultore, a pensare al legno. È un materiale affascinante, antico e molto più leggero dei materiali di sintesi come l’acetato. E oltretutto è anallergico. In cosa si distinguono le vostre montature? Per la leggerezza, la calzata confortevole e il design. Oltre che per il tocco morbido e setoso, che li rende estremamente piacevoli da indossare. Il suo personale modello del cuore? Pietro in una versione personalizzata bicolor. È un modello maschile dal carattere marcato, che indosso spesso. Un naso illustre che avete ‘vestito’? La signora Oprah Winfrey, ma per il momento solo con modelli di collezione Woo Class, senza modifiche. Sarebbe magnifico poter realizzare per lei una montatura bespoke... Le viste più belle di Firenze? La vista della città dal Forte di Belvedere con Boboli al di sotto e il cupolone è sicuramente superlativa, ma una di quelle che preferisco in assoluto è quella dal Ponte alle Grazie guardando verso il Ponte Vecchio, dove oltre ai lungarni lo sguardo si perde dalla torre di Arnolfo a San Miniato al Monte, con il Forte di Belvedere e i colli verdi di Firenze. È il mio percorso quotidiano per arrivare in bottega.

GLASSES ARE NO LONGER MERELY A FUNCTIONAL ACCESSORY, BUT A GENUINE ITEM OF STYLE 14

FIRENZE


L.U.C LUNAR ONE Il L.U.C Lunar One, un calendario perpetuo di 43 mm di diametro con grande data e fasi lunari orbitali, ospita il calibro L.U.C 96.13-L costituito da 355 componenti e animato da un micro rotore. Questo segnatempo d’eccezione, vanto della Manifattura, sviluppato, prodotto e assemblato internamente, è la quintessenza della perizia, dell’inventiva e della qualità coltivate dalla Maison Chopard.

Firenze: Boutique Chopard - Via de’ Tornabuoni, 30/32r www.chopard.com


FIRENZE PEOPLE

A VILLA FOR MACHIAVELLI

FRANCESCO BRANDI INAUGURATES THE RENAISSANCE EXPERIENCE...IN ENGLISH FRANCESCO BRANDI INAUGURA L’ESPERIENZA DEL RINASCIMENTO... IN INGLESE text Mila Montagni

He arrived from Naples when he was 12 and grew up with a love of theater. He began working with the glorious Teatro di Rifredi, where he had his debut in 2000 as stage director with Assemblea Condominiale. Where did the idea for the Florence Live Theater project come from? As a Florentine and play director I have always thought that foreigners too should have the opportunity to get to know Italy’s Renaissance theater works. Are architecture, sculpture and painting not sufficient? This is exactly the point. They should learn about Italy also through its theater. So the actors I chose are Italian but they act in contemporary yet formally impeccable English. Why is Mandragola the first play? Because Machiavelli portrays the people of Florence, his contemporaries, with irony and precision. They are the same citizens who lived in the Florence of the Medici and of the Republic. But a villa near Arcetri is the setting of your Florence, isn’t it? Yes, we were very lucky to meet someone like the owner of Villa Le Piazzole, who has allowed us to use many of its rooms to better stage our play. Why did you chose to come back to Florence? Because it’s a vibrant, international city where cultural challenges and structural innovations are welcome. It has changed significantly since 2000, when it seemed self-centered. So what are three places that represent “your” Florence? The magnificent Loggia dell’Orcagna, my Teatro di Rifredi and the former boarding school La Querce, today unfortunately closed.

Arrivato in città da Napoli a 12 anni è cresciuto col teatro nel cuore, iniziando a lavorare col glorioso Teatro di Rifredi, dove ha debuttato nel 2000 come regista con Assemblea condominiale. Com’è nato il progetto “Florence Live Theatre”? Come fiorentino e come regista di commedie ho sempre pensato che fosse importante offrire l’opportunità anche agli stranieri di conoscere il teatro dell’Italia del Rinascimento. Non crede bastino architettura, scultura e pittura? Proprio questo è il punto, conoscere l’Italia attraverso anche il teatro. E così gli attori che ho scelto sono italiani ma recitano in un inglese contemporaneo e accessibile, anche se formalmente impeccabile. Perché la prima commedia è la Mandragola? Perché Machiavelli racconta con ironia e precisione i fiorentini a lui contemporanei, quegli stessi che vivevano nella Firenze dei Medici e della Repubblica... Ma la vostra Firenze è una Villa vicina ad Arcetri, no? Sì, siamo stati molto fortunati a incontrare una persona come il proprietario di Villa Le Piazzole, che per le nostre rappresentazioni serali ci mette a disposizione tanti spazi per meglio rappresentare la commedia. Perché ha scelto di tornare a Firenze? Perché è una città vivace, internazionale, disposta ad affrontare sfide culturali a tutto tondo e innovazioni strutturali. Un cambiamento importante rispetto al 2000, quando appariva più ripiegata su se stessa... E allora ci racconti la “sua” Firenze, con tre luoghi. La splendida Loggia dell’Orcagna, il mio Teatro di Rifredi e il collegio La Querce, purtroppo oggi chiuso.

WE WANT TO KEEP AN IMPORTANT CULTURE ALIVE, THAT OF THE ITALIAN THEATER 16

FIRENZE


FIRENZE PEOPLE

STRAIGHT TO THE HEART

FLORENTINE FILM DIRECTOR FEDERICO BONDI, FIPRESCI AWARD AT THE BERLINALE WITH ‘DAFNE’ FEDERICO BONDI, REGISTA FIORENTINO, PREMIO FIPRESCI ALLA BERLINALE CON ‘DAFNE’ text Elisabetta Vagaggini

Mar Nero was about the friendship between an elderly woman and her caretaker. In Dafne the plot centers on a father-daughter relationship. Are feelings at the heart of your films? I make films about stories I want to tell. I don’t go looking for them. They somehow find me. And I start from the idea that if you want to strike a cord in others, you yourself must be moved by the story. My films make you cry and laugh. They are dramedies, or comedy-dramas. The protagonist, Dafne, is a girl with Down Syndrome. How do you talk about diversity? When you watch the film, you forget that Dafne has Down Syndrome and you just follow the story of how she works through the loss of her mother and of her relationship with her father, in an authentic way, just like you would if the film were about a non-disabled person. Dafne becomes her father’s mainstay. You can’t judge a book by it’s cover I guess. Certainly not in Dafne’s case. Her deep inner-strength and solid friendships allow her to be totally self-reliant. Another thing that you don’t expect is her candor. It surprises the spectators, as it did in Berlin. In 2009 Mar Nero received an award at Locarno. In 2019 Dafne receives an award at the Berlinale. Taking stock of the past 10 years, I’d say the results are very positive. Absolutely. During these past ten years I have also made a documentary, Educazione Affettiva – a highlygratifying experience. I’m not in a rush to make films. I get down to work when I have a story to tell, as was the case with Dafne.

In Mar Nero la storia dell’amicizia tra un’anziana e la sua badante; in Dafne un rapporto padrefiglia: i sentimenti sono al centro del suo cinema? Realizzo film su storie che mi preme raccontare, che non cerco, ma che in qualche modo mi arrivano, partendo dall’idea che se vuoi emozionare devi emozionarti. I miei film fanno piangere e ridere, sono Dramedy, un mix di dramma e commedia. La protagonista, Dafne, è una ragazza down. Come racconta la diversità? Guardando il film ci si scorda che Dafne sia down e si segue la storia dell’elaborazione del lutto per la morte della madre e del rapporto con il padre, in modo autentico, esattamente come si farebbe per una persona normodotata. Dafne diventa la colonna portante per suo padre: a volte le apparenze ingannano? Nel caso di Dafne sicuramente: è una persona con risorse interne tali e relazioni d’amicizia così profonde, da essere forte contando solo su se stessa. E poi ha una sincerità che spiazza lo spettatore e stupisce, come è successo a Berlino. Nel 2009 Mar Nero, premiato a Locarno, nel 2019 Dafne riceve un premio alla Berlinale: bilancio più che positivo di questi 10 anni? Sicuramente sì. In questi dieci anni c’è stato anche il documentario, Educazione Affettiva, che mi ha dato molte soddisfazioni e il mio lavoro da insegnante. Mi avvicino al cinema senza fretta, quando ho una storia importante da raccontare, come è avvenuto per Dafne.

IF YOU WANT TO STRIKE A CORD IN OTHERS, YOU YOURSELF MUST BE MOVED BY THE STORY 18

FIRENZE


FIRENZE PEOPLE

FAMILY FLAVOURS

EXPERIENCING AND TASTING TRUE TUSCAN CUISINE IN ENRICO VERRECCHIA’S RESTAURANTS NEI SUOI RISOSTANTI SI RESPIRA E SI MANGIA LA VERA CUCINA TOSCANA

Enrico Verrecchia opened with his brother Giovanni and his brother-in-law nine of the most famous restaurants in Florence, including Perseus and 13 Gobbi. How did this adventure of yours begin? After working in food service in the United States for two years, I returned to Italy with the goal of opening my own restaurant. Together with my brother Giovanni and Aurelio Fontani, I opened Perseus. Perseus is one of the most famous restaurants for the bistecca alla fiorentina... When we opened in 1985, it was a proper steakhouse, and still today, the bistecca is what draws in many of our customers. In 1997, you opened another of Florence’s top restaurants. 13 Gobbi was a success as soon as we opened. Our decision to use original furniture from the 1950s certainly bestowed a familiar feel to the restaurant. Your must-try dishes? Our Rigatoni with mozzarella and tomato is a must, served in a glass cocotte so the cheese stays soft. There is also the Tagliatona, an individual serving of the true bistecca alla fiorentina. Many famous people love your restaurant. It’s beloved not only by foreigners, but Florentines as well. Many famous people have passed through our doors, especially athletes. I’m thinking of Italy’s national football team, which won the World Cup in 2006, and even Gabriel Batistuta, who’s become a good friend. Your favourite place in the city? When I was a kid, I loved visiting the Boboli Gardens with my friends, hiking up to Forte Belvedere. I still think this is the most beauty walk in the city.

Enrico Verrecchia ha fondato insieme al fratello Giovanni e al cognato 9 tra i ristoranti più conosciuti di Firenze, tra cui il Perseus e i 13 Gobbi. Com’è cominciata la sua avventura? Dopo aver lavorato due anni in America nel mondo della ristorazione, sono tornato con la voglia di aprire un ristorante tutto mio e insieme a mio fratello Giovanni e a Aurelio Fontani abbiamo aperto il Perseus. Ancora oggi uno dei ristornati più famosi per la ‘Fiorentina’… Quando abbiamo aperto nell’85 era una vera e propria steak house e ancora oggi la Bistecca è il piatto per cui si va al Perseus. Nel 1997 è nato un altro dei locali più conosciuti di Firenze. La trattoria 13 Gobbi è nata sotto una buona stella e fin dall’inizio è stato un successo! Sicuramente l’idea di creare un ambiente con arredi autentici degli anni ’50 ha reso subito familiare questo luogo. I piatti da non perdere? Sicuramente i nostri Rigatoni con mozzarella e pomodoro serviti in una cocotte di vetro in modo che il formaggio resti morbido. E poi la Tagliatona che dà la possibilità anche a una sola persona di mangiare la vera ‘Fiorentina’. Tanti personaggi amano questo luogo del gusto. Tante personalità sono passate da noi, soprattutto del mondo dello sport. Ricordo la nazionale di calcio del 2006 e sicuramente Gabriel Batistuta, che negli anni è diventato un amico. Il suo luogo preferito in città? Da piccolo amavo perdermi con i miei amici nel Giardino di Boboli fino ad arrivare a Forte Belvedere. Ancora oggi trovo quella passeggiata la più bella della città.

MANY FAMOUS PEOPLE HAVE PASSED THROUGH OUR DOORS, ESPECIALLY ATHLETES, LIKE BATISTUTA 20

FIRENZE


ALFA ROMEO

Artwork Mark Version AW Strong reduction size Version CMYK

CMYK

AC 08 05 15

AC


FIRENZE PEOPLE

PASSION ON THE ROAD

ALBERTO PERAGNOLI. OWNER OF PERAGNOLISCAR, WITH HIS BROTHER CARLO AND GIOVANNI GRADI ALLA GUIDA DI PERAGNOLISCAR, CON IL FRATELLO CARLO E IL SOCIO GIOVANNI GRADI text Elisa Signorini

How long have you been dealing in cars? Is it a passion or a family tradition? For over thirty years, and I’d say it’s a passion. But I’m also aware of the valuable asset that a family business represents that it should not be wasted. How does your work make you feel? Actually, the first thing that comes to mind is a feeling of uneasiness, when a customer asks me for a car and talks about it as if it were an appliance. What is your next professional goal? To make our companies employee-friendly places. Only companies where workers feel at ease can experience the authentic innovation of a product and of a process. Which car is the best for getting around Florence? In a metropolis cars are looked down upon. Our company is known primarily for Volvo vehicles, even though we also sell Subarus, Ssangyongs, Lotuses, Jaguars and Land Rovers. So, why not consider a Volvo XC60 T8, a car that guarantees passive and active safety, is a Twin-engine Hybrid and has a near-zero environmental impact? Tips for dinner and after dinner? It’s difficult chose one place. Historical restaurants, such as Buca Mario or the Ristorante del Fagioli in Corso Tintori. But I would also recommend Irene, inside the Savoy Hotel. The service is excellent and the staff very polite. Then you can and find yourself standing in Piazza della Repubblica. What would you suggest a visitor of Florence not miss? The Opera del Duomo or Palazzo Davanzati, then I would enjoy a view over the city’s rooftops. There are many places that afford great views, where sip an aperitif or have dinner.

Da quanto tempo è nel mondo delle auto? Una passione o una predestinazione familiare? Da oltre trent’anni e direi per passione. Ma anche con la consapevolezza che il valore aggiunto dell’azienda familiare non dovesse essere perso. Quali emozioni le dà il suo lavoro? In realtà mi viene in mente un disagio: quando il cliente mi chiede di un’auto apostrofandola come se fosse un elettrodomestico. Il prossimo obiettivo professionale che si è posto? Rendere le nostre aziende il miglior posto per i nostri dipendenti. Solo le aziende in cui la gente sta bene potranno sperimentare autentica innovazione di prodotto e di processo. Parliamo di Firenze: quale auto per muoversi? In una città metropolitana l’auto non è vista benissimo. La nostra azienda è prevalentemente conosciuta per i prodotti Volvo, pur essendo concessionari anche di Subaru, Ssangyong, Lotus, Jaguar e Land Rover. Quindi, perché non pensare ad una Volvo XC60 T8, auto che garantisce sicurezza passiva e attiva, mossa da un motore Twin engine Hybrid, con impatto ecologico vicino allo zero? Una cena e un dopo cena: dove? Difficile scegliere: locali storici, come la Buca Mario oppure il ristorante del Fagioli in Corso Tintori. Ma consiglio anche un salto da Irene, all’interno dell’Hotel Savoy. Servizio e cortesia dei ragazzi in sala e poi, finita la cena, uscire e trovarsi in piazza della Repubblica. I luoghi imperdibili di Firenze? L’Opera del Duomo. Palazzo Davanzati. E poi ammirare Firenze dai tetti: ci sono molti posti dove, sorseggiando un aperitivo oppure cenando, si può godere la vista più bella.

ONLY COMPANIES WHERE WORKERS FEEL AT EASE CAN EXPERIENCE THE AUTHENTIC INNOVATION 22

FIRENZE


Lyzard-KZ1 An innovative sound experience from a 0.5� high-efficiency driver | k-array.com

At K-array, we concentrate all our efforts and resources in the revolutionary design and manufacture of highly-efficient sound systems. Needless to say, our Lyzard-KZ1 is an astoundingly small loudspeaker. In fact, it measures 22 x 37 x 10 mm and weighs only 23 grams.


FIRENZE PEOPLE

ROWING IN ART

SPORTSMAN IN LOVE WITH FLORENCE: THE PASSIONS OF LUCA AIAZZI LUCA AIAZZI, SPORTIVO INNAMORATO DI FIRENZE text Elisa Signorini

You live and work in Prato, but for your sports activities you wear the colours of Florence… It’s true: with Porsche Florence, Florence Aeroclub and the Florence Rowing Club. Three associations I have very fond links with. A relationship that’s also made of excellent results.With the Florence Porsche Club I’ve taken part in the Porsche Italian track championships; with the Rowing Club I won three Italian titles in the over-50 category in 2018 and the Italian 4+ title and an international race in Montecarlo in 2017 - also in the 4+ but in the overall category. Whether it’s rowing or flying, you do it in a truly exceptional setting: Florence. Which are your two favourite views of the city? From the single-engine propellor plane I fly, Brunelleschi’s dome, which I get to see really close up, since with this kind of plane you can descend to 1000 feet above the city. From the Arno, it’s definitely the stretch between the Ponte Vecchio and the Santa Trinità bridge. As a professional dentist specialising in aesthetic prostheses, CAD/CAM techniques, implants and gnathology, what is beauty in your view? It’s undoubtedly harmony, even with the passing of time. Beauty is personality and maintaining a person’s identity, so I’m not keen on extreme interventions. With so much work and sport, do you have time to go out for dinner in Florence? Of course! The place I love best is the Circolo Canottieri: I adore having dinner on the lawn below the Ponte Vecchio. But I also have to mention aperitifs at the Gallery or dinner at Buca dell’Orafo or the Enoteca Fiorentina. Florence never disappoints!

Vive e lavora a Prato, ma da sportivo veste i colori di Firenze… È vero: con la Porsche Firenze, poi con l’Aeroclub Firenze e con la Società Canottieri Firenze. Tre associazioni con cui ho un rapporto di grande affetto. Rapporto fatto anche di ottimi risultati.Con il Porsche Club Firenze ho partecipato al campionato italiano Porsche in pista, con il Circolo Canottieri ho vinto nel 2018 tre titoli italiani nella categoria over 50, nel 2017 il titolo italiano 4+ e una gara internazionale a Montecarlo, sempre 4+ ma nella categoria assoluti. Che voghi o che voli, lo fa in un contesto davvero eccezionale: Firenze. Quali sono i due scorci che preferisce? Dal monomotore a elica che piloto, la cupola del Brunelleschi, che riesco a vedere davvero da vicino, dato che con questi tipo di velivoli è consentito scendere in città fino a mille piedi. Dall’Arno, certamente il tratto tra Ponte Vecchio e ponte Santa Trinita. Di professione odontoiatra, specializzato in protesi estetica, tecnica cad cam, implantologia, gnatologia: cos’è per lei la bellezza? Certamente un’armonia, anche col tempo che passa. La bellezza è personalità e mantenere l’identità della persona, quindi non amo gli interventi estremi. Dopo tanto lavoro e sport, ha tempo libero per una cena in città? Certamente sì! Il mio luogo del cuore è il Circolo Canottieri: amo le cene sul prato sotto al Ponte Vecchio. Ma non posso non citare un aperitivo al Gallery o una cena alla Buca dell’orafo o all’Enoteca fiorentina. Firenze non delude mai!

BEAUTY IS PERSONALITY AND MAINTAINING A PERSON’S IDENTITY, SO I’M NOT KEEN ON EXTREME INTERVENTIONS 24

FIRENZE

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K


AGENDA ART

EXHIBITIONS IN FLORENCE

AN EXTENDED SEASON OF SCIENCE AND POWER: RENAISSANCE MODERNITY UNA LUNGA STAGIONE TRA SCIENZA E POTERE: LA MODERNITÀ DEL RINASCIMENTO

APRIL Works considered lost forever are at centre stage in the exhibition New Acquisitions 2016-2018 at Galleria dell’Accademia (until 5th May). An extensive series of decorative ceramic panels made in the early 50s feature in The Twentieth Century at the Opificio delle Pietre Dure (until 4th May) at the Museo dell’Opificio. The ephemeral splendour of Baroque Carnivals is on display at Galleria Palatina (until 5th May), while the Galleria del Costume offers the opportunity

Gallerie degli Uffizi

to marvel at fabrics in Animalia Fashion (until 5th May). MAY Verrocchio, Teacher of Leonardo is the first large-scale exhibition - with more than 120 works - dedicated to the Florentine artist who was Leonardo’s teacher, taking place at Palazzo Strozzi (until 14th July). In Essere, the solitary human figures of British artist Antony Gormley are juxtaposed with ancient statues in the Museo degli Uffizi (until 26th). Meanwhile, What I Saw on

the Road is a tribute to contemporary artist Kiki Smith at Palazzo Pitti (until 2nd June). On the 26th of this month, the inauguration of the second part of of the Collezione Roberto Casamonti in Palazzo Bartolini Salimbeni, dedicated to art from the 1960s today JUNE Tony Cragg, originally from Liverpool but living in Germany, completes the Uffizi’s contemporary sculpture exhibitions with his exploration of materials at the Boboli Gardens (until 13th

Palazzo Strozzi

APRILE Opere credute perse per sempre sono le protagoniste della mostra Nuove acquisizioni 2016-2018 della Galleria dell’Accademia (fino al 5 maggio). Una lunga carrellata di formelle in ceramica realizzate nei primi anni ‘50 dà vita a Il Novecento per il Museo dell’Opificio delle Pietre dure (fino al 4 maggio) al Museo dell’Opificio. L’effimero splendore dei Carnevali Barocchi è la mostra alla Galleria Palatina (fino al 5 maggio), mentre

Galleria Palatina

October). The Fondazione Cassa di Risparmio opens its substantial art collection to the public in Collezione CR (until 15th December). Marking his five-hundredth anniversary, Homage to Cosimo I (12th June 1519 - 21st April 1574) presents a series of exhibitions at the Uffizi and the Pitti: The Prince’s One Hundred Lances at the Uffizi, the Tapestries at Palazzo Pitti and the Pleasures of the Grand Dukes at the Boboli (6th June to 29th September).

Galleria della Moda e del Costume

alla Galleria del Costume (fino al 5 maggio)Animalia fashion,. MAGGIO Verrocchio, il maestro di Leonardo è la prima e grande rassegna, con oltre 120 opere, dedicata dal Palazzo Strozzi (fino al 14 luglio) all’artista fiorentino maestro di Leonardo. Le statue di uomini solitari, Essere, dell’artista inglese Antony Gormley, si misurano con la statuaria antica del Museo degli Uffizi (fino al 26). What I Saw on

26

FIRENZE

the road è invece il tributo all’artista contemporanea Kiki Smith a Palazzo Pitti (fino al 2 giugno). Imperdibile il 26 l’inaugurazione della seconda parte della Collezione Roberto Casamonti dedicata a opere dagli anni ‘60 a oggi e ospitata a palazzo Bartolini Salimbeni GIUGNO Tony Cragg, originario di Liverpool ma tedesco d’adozione completa al Giardino di Boboli, con le sue sperimentazioni di materia, le mostre degli Uffizi

sulla scultura contemporanea (fino al 13 ottobre). La Fondazione Cassa di Risparmio apre al pubblico la corposa raccolta d’arte Collezione CR (fino al 15 dicembre). Omaggio a Cosimo I nel cinquecentenario della nascita (12 giugno 1519- 21 aprile 1574) prevede una serie di mostre tra Uffizi e Pitti: I Cento Lanzi del Principe agli Uffizi, gli Arazzi a Palazzo Pitti e i divertimenti dei granduchi a Boboli (dal 6 giugno al 29 settembre).


27

FIRENZE


AGENDA ART

EXHIBITIONS IN TUSCANY THE SPRING EXHIBITIONS: TOYS, SCIENCE AND MADNESS LE MOSTRE DI PRIMAVERA: TRA GIOCHI, SCIENZA E FOLLIA

APRIL An Ideal City. Durer, Aldorfer and the Masters of the Spannocchi Collection (until 5th May) at the Museum of Santa Maria della Scala in Siena is a rare opportunity to come into contact with the complexities of Flemish art. And the virtual exhibition Bosch, Brueghel, Arcimboldo offers a journey into the apocalyptic imagination of the Middle Ages at the Arsenali Repubblicani in Pisa (until 26 May). In contrast at the nearby Guelph Tower, Street Artists.

Museo Civico di San Sepolcro

MAY An invitation to look at art with the eyes of a child in L’artista bambino. Infanzia e primitivismi nell’arte italiana del primo Novecento at the Fondazione Ragghianti in Lucca (until 2nd June). The exhibition features contrasting works from artists ranging from Balla to Cecioni, Carrà to Soffici and Viani. Meanwhile, Rapaci, maestosi battiti d’ali is an exploration of the most beautiful birds, rare or threatened with extinction

at the Natural History Museum of the Mediterranean (Villa Henderson) in Livorno (until 15th). Thirty years of experimentation and research in the tortuous world of contemporary art with Il museo immaginato. Storie di trent’anni del Centro Pecci (until 25th June) in Prato. JUNE Leonardo da Vinci: Visions of a Genius at the Civic Museum of Sansepolcro (until 24th February 2020) is part of the da Vinci celebrations. Organised in collaboration with the Museo Galileo in

Santa Maria della Scala

APRILE Una città ideale. Durer, Aldorfer e i maestri della Collezione Spannocchi (fino al 5 maggio) al Museo di Santa Maria della Scala a Siena è una rara occasione per entrare in contatto con la complessa arte fiamminga. E si offre come un tuffo nell’immaginario apocalittico medievale la mostra virtuale Bosch, Brueghel, Arcimboldo (fino al 26 maggio) agli Arsenali Repubblicani di Pisa. E nell’attigua Torre Guelfa Street Artis a confronto.

Naturale del Mediterraneo (villa Henderson) di Livorno. Trenta anni di sperimetazioni e di ricerca nel tortuoso mondo dell’arte contemporanea con Il museo immaginato. Storie di trent’anni del Centro Pecci (fino al 25 giugno) a Prato . GIUGNO Leonardo da Vinci: Visions. Le sfide tecnologiche del genio universale (fino al 24 febbraio 2020) al Museo Civico di Sansepolcro s’impone per completezza nelle celebrazioni vincia-

Santa Maria della Scala, Siena Arsenali Repubblicani, Pisa

Florence, the exhibition is a synthesis of three major events: The Engineers of the Renaissance, Leonardo’s Automobile and The Mind of Leonardo. Genius or mad visionaries? The Exhibition on the links between art and madness at the Cavallerizza in Piazzale Verdi, Lucca (until 18th August) is a large-scale show that brings together Van Gogh and Ligabue, Bacon and Goya, Lega and Signorini, with all their mental disturbances and creativity.

MAGGIO È un invito a guardare l’arte con gli occhi dei bimbi L’artista bambino. Infanzia e primitivismi nell’arte italiana del primo Novecento (fino al 2 giugno) alla Fondazione Ragghianti di Lucca. Con opere a confronto da Balla a Cecioni, da Carrà a Soffici e Viani. Un viaggio tra i volatili più belli, rari o a rischio di estinzione è invece Rapaci, maestosi battiti d’ali (fino al 15) al Museo di Storia

28

FIRENZE

ne. La mostra, in collaborazione col Museo Galiei di Firenze è la sintesi di tre grandi eventi: Gli ingegneri del Rinascimento, L’automobile di Leonardo e La mente di Leonardo. Menti geniali o visionari folli? La mostra sul legame tra arte e follia (fino al 18 agosto) alla Cavallerizza di piazzale Verdi a Lucca è una grande rassegna che mette a confronto Van Gogh e Ligabue, Bacon e Goya, Lega e Signorini tra disturbi mentali e creatività.


29

FIRENZE


AGENDA CLASSIC

BROWSING AMONG THE NOTES STRAINS OF TANGO BETWEEN CLASSICAL AND ROCK BRICIOLE DI TANGO TRA CLASSICA E SINFONICA. A FIRENZE

APRIL Spring proceeds at the rhythm of the Tango at the Firenze Tango Festival from 25th to 28th at the Teatro dell’Affratellamento, organised by Gioia Abballe & Simone Facchini and Lorena Tarantino & Gianpiero Galdi. Milonga lessons will be available to the public. On 17th April at Teatro Verdi the Orchestra Regionale Toscana gives its Easter Concert, with Markus Stenz conducting and Michele Marelli on the basset horn, in music by Wagner, Schumann and Fedele.

Lear

MAY Fabio Luisi inaugurates the 82nd Festival del Maggio Musicale Fiorentino with Reimann’s opera Lear on May 2nd, 5th and 9th. Luisi also conducts La Straniera by Bellini on 14th, 16th and 19th. On 25th, 28th and 30th May, Teatro Goldoni presents a play commissioned by the Maggio festival from Giovanni Cautericcio and the ContempoArtEnsemble, inspired by The Basic Laws of Human Stupidity by medievalist Car-

lo Maria Cipolla. And there’s more on the 15th, with James Conlon conducting the Rai National Symphony Orchestra for the Maggio festival, in concert performances of The Frescoes of Piero della Francesca by Marinù, Respighi’s Trittico Botticelliano and Mussorgsky’s Pictures at an Exhibition. Music executive and DJ Giorgio Moroder will be at the Nelson Mandela Forum on the 18th; Fiorella Mannoia at Teatro Verdi on the 7th. Meanwhile, also at the Verdi, 8th May is the date for a cello concert by the

Firenze Tango Festival

APRILE Penultimo musical di stagione al Teatro Verdi, quello del 6 e 7, con le musiche firmate da Edoardo Bennato, Peter Pan. Poi dal 9 al 14, la stagione di prosa del Teatro della Pergola si chiude con un Barry Lyndon (ricordate il grande film di Kubrick?) diretto da Giancarlo Sepe. Seguono due date dedicate a regine del pianoforte: il 12, al Teatro del Maggio Musicale, Martha Argerich con il Cuarteto Quiroga, e il 13, alla Pergola, Angela

Peter Pan

Tuscany Regional Orchestra with Mario Brunello; cellos will be onstage again on the 16th with Daniele Rustioni. JUNE June sees the start of the season of big names in pop and rock. Mariah Carey & John Legend will be at the Franchi Stadium on the 8th. And the eagerly-awaited annual Firenze Rocks festival takes place at the Arena and the Visarno Hippodrome from 13th to 16th, featuring top names Ed Sheeran on the 14th and The Cure on the 16th.

Zubin Mehta

Hewitt in un pianosolo. Al Teatro Verdi l’Orchestra Regionale Toscana offrirà il 17 il Concerto di Pasqua con musiche di Wagner, Schumann, Fedele dirette da Markus Stenz, mentre la primavera avanza a passo di Tango con il Firenze Tango Festival dal 25 al 28 al Teatro dell’Affratellamento dove sarà possibile prendere lezioni di Milonga. MAGGIO Fabio Luisi con il Lear, opera di Reimann inaugura l’82esimo Festival del

30

FIRENZE

Maggio Musicale Fiorentino con tre recite in programma il 2, 5 e 9. E ancora Luisi dirige La Straniera di Bellini il 14, 16 e 19. Poi James Conlon il 15 dirigerà per il Maggio l’Orchestra Sinfonica della Rai nei concerti Gli affreschi di Piero della Francesca di Marinù, il Trittico Botticelliano di Respighi e Quadri da un’esposizione di Mussorsgkij. Mentre, sempre al Verdi, l’8 sarà di scena l’Orchestra Regionale Toscana con un concerto per violoncello con Mario Brunello e anco-

ra violoncelli in scena il 16 con Daniele Rustioni. GIUGNO Ultimo appuntamento il 2 con Zubin Metha al Maggio Musicale che dirige Daniel Benboim, pianista per l’occasione, su musiche di Beethoven. Il 7, sempre nel teatro del Maggio Grigory Sokolov esegue al piano Beethoven e Brahms. L’Orchestra da Camera Fiorentina propone Mozart il 3 in Santo Stefano al Ponte col maestro Peter Tiboris e Bach in Orsanmichele il 9 e il 10.


LUXURY HOMES ROMA | FIRENZE

La mia casa, il mio cuore, mai chiusi. Che passino gli uccelli, gli amici, l’amore e l’aria. Marcos Ana

31

IMMOBILI DI LUSSO A FIRENZE

FIRENZE

Via Roma, N4 - info@luxuryhomes.it - www.luxuryhomes.it


AGENDA POP

IT’S ALL ABOUT THE MUSIC

SPRING/SUMMER KICK OFF WITH A PROGRAMME OF UNMISSABLE LIVE SHOWS INAUGURIAMO LA BELLA STAGIONE CON UN PROGRAMMA RICCO DI LIVE IMPERDIBILI

MARCH One of Italy’s best-loved vocalists returns to the stage. Following the release of her latest album, Loredana Bertè will bring a new show to Tuscany Hall (formerly Obihall) on 29 March, that will include her latest songs along with her best-known hits. APRIL New generation Italian indie pop band Canova will be performing at Tuscany Hall on 3 April. Success follows success for Thegiornalisti and the iconic Made in Italy pop band with front

Raf & Umberto Tozzi

man Tommaso Paradiso will be on stage at Mandela Forum on 7 April. Appearing on the same stage on Wednesday 24 April, will be Claudio Baglioni with his Al centro tour. MAY All the top events in May will be at Mandela Forum. A few months after the Sanremo Music Festival, and following the success of his album Peter Pan, Ultimo will make his eagerly-awaited appearance with performances on 5 and 6 May. Following

announcement of the release of her new album, Giorgia, Italian music’s most powerful female voice, is back on stage with her Pop Heart Tour, on 10 May. Making a stop in Florence on Thursday 16 May is the tour featuring Raf and Umberto Tozzi, two artists who made Italian music history, together for the first time. JUNE Spring-summer sound in Florence kicks off with an unmissable date: Mariah Carey and John Legend will headline the Florence4Ever show on 8 June at the Arte-

Ed Sheeran

MARZO Torna sul palcoscenico una delle cantanti più amate della musica italiana. Dopo l’uscita dell’ultimo album, Loredana Berté porta al TuscanyHall (ex Obihall) il 29 marzo un nuovo spettacolo dove presenta le ultime canzoni insieme alle sue hit di sempre. APRILE Uno dei simboli della nuova generazione musicale italiana, i Canova arrivano sul palco del TuscanyHall il 3 aprile. Prosegue senza sosta il successo dei Thegiorna-

Ultimo

mio Franchi Stadium. Florence will be Mariah Carey’s only performance in Italy for 2019 as she is currently on her “Caution” World Tour, and will also be John Legend’s only European performance of the summer. Then comes a fantastic parade of rock superstars with Tool and The Smashing Pumpkins on 13 June, Ed Sheeran on 14, Eddie Vedder on 15 and The Cure on 16 at the Visarno Arena. Springtime in Florence will be a feast for your eyes and ears!

Mariah Carey & John Legend

listi, band icona del nuovo pop made in Italy capitanata da Tommaso Paradiso: on stage al Mandela Forum il 7 aprile. Stesso palco anche per Claudio Baglioni, con il suo Al centro tour, mercoledì 24 aprile. MAGGIO Gli appuntamenti top di maggio sono tutti al Mandela Forum. A pochi mesi da Sanremo e dopo il successo del disco Peter Pan, giungiamo finalmente all’attesissima doppia data di Ultimo, il 5 e 6 mag-

32

FIRENZE

gio. Dopo aver annunciato l’uscita del suo nuovo album, Giorgia, la grande voce della musica italiana, è pronta a tornare sul palco con Pop Heart Tour, il 10 maggio. A Firenze ferma giovedì 16 maggio il tour che vede per la prima volta insieme Raf e Umberto Tozzi, due artisti che hanno fatto la storia della musica italiana. GIUGNO Il Florence sound della primavera-estate si preannuncia con date imperdibili: Mariah Carey e John Legend in concerto l’8 giugno allo

Stadio Artemio Franchi. La cantante statunitense  è impegnata nel world tour Caution e la data fiorentina sarà la sua unica tappa in Italia, mentre per John Legend l’esibizione rappresenterà il solo concerto estivo in Europa. E poi la favolosa parata delle superstar del rock con i Tool e The Smashing Pumpkins il 13 giugno, Ed Sheran il 14, Eddie Vedder il 15 e The Cure il 16 alla Visarno Arena. La primavera fiorentina appagherà i vostri sensi! 


ART WORKS IN MOSAIC - HOME PRODUCTION

The FRATELLI TRAVERSARI firm has been specialized in the production of artistic mosaics in glass and in hard stones since the late 19th century and continues its long family tradition of craftsmanship with pride.

WORLDWIDE 33DELIVERY

Via Senese, 68/B - FIRENZE - Tel./FaxFIRENZE +39.055.221685 - www.traversarimosaici.it Florence Downtown Shop DOMO Via della Scala 19/r Tel. 055 2381343


AGENDA BOOK ROME

NUMEROUS STORIES FOR A SPRING SEASON WAITING TO BE DISCOVERED PER UNA PRIMAVERA DA SCOPRIRE

In what was an extremely bitter period for the Maremma, despite the recent Unity of Italy (or maybe because of it?), Captain Bosco and his unlikely bunch of bandits found themselves fighting alongside the sharecroppers against the landowners and politicians who were trying to grab the lands of Tuscany, while suffocating it with their ambitious plans. A present-day western recounted in a relatively unexplored period of the past, published by Frassinelli, this is the latest work by Mauro Garofalo: Il fuoco e la polvere (1). The first book on Tuscany’s most popular dish, La Fiorentina, osti macellai e vini della vera bistecca. (2) A 200-page book, including 180 1 original photographs, written by food-and-wine critic Aldo Fiordelli and published by Gruppo Editoriale. A journey through the restaurants in Florence, in Tuscany and around the world where the best Fiorentina can be found. Stories from the past are also narrated by Matteo Poggi and Francesca Tofanari who, with the publisher Navicellai, are presenting Sassaiole e Capirotti San Frediano prima del “cool”(3), in other words when the city district of Oltrarno was full of life but out of bounds, a place afflicted by poverty and best avoided by night, a fascinating and memorable quarter. Other stories worth remembering are those recounted in La Toscana giorno per giorno (4) by Eugenio Giani, published by Sarnus, 3 an authentic almanac of curiosities, anecdotes and traditions, without forgetting the secrets waiting to be read and gleaned through texts and images, a different way in which to visit one of the most beautiful regions in the world. Instead, the winning card is one of a profoundly human irony – consisting of the studies, dusks, masterpieces and history of Florence and Tuscany - Luca Scarlini with his book L’ultima regina di Firenze. I Medici: atto finale (5) (Bompiani), is a story tinged with pre-Enlightenment and projected into the future.

In una Maremma che davvero è amara, anche se l’Italia è appena stata unita (o forse è proprio per questo?), Capitano Bosco e la sua improbabile compagine di banditi si trova a combattere con i mezzadri contro i padroni e i politicanti che si stanno impadronendo della terra di Toscana, soffocandola con le loro ambizioni. Un western d’oggi raccontato in un passato poco visitato, edito da Frassinelli, è il nuovo libro di Mauro Garofalo: Il fuoco e la polvere (1). Il primo libro sul piatto più conosciuto della Toscana La Fiorentina, osti macellai e vini della vera bistecca (2) 200 pagine, più di 180 fotografie inedite, scritto dal critico enogastronomico Aldo Fiordelli e edito dalla nostra casa editrice Gruppo Editoriale. Da tenere a portata di mano, per sapere dove si mangiano le migliori Fiorentine 2 a Firenze e nel mondo. Storie antiche raccontano anche Matteo Poggi e Francesca Tofanari che con Navicellai presentano Sassaiole e Capirotti San Frediano prima del “cool”(3), ovvero quando il quartiere d’Oltrarno era pieno di vita ma poco raccomandabile, dove non era opportuno entrare la notte e che la povertà affliggeva, 4 un quartiere affascinante e da non scordare. Da non dimenticare sono anche le storie che racconta ne La Toscana giorno per giorno (4) Eugenio Giani, pubblicato con Sarnus, un almanacco vero e proprio di curiosità, aneddoti e tradizioni, senza dimenticare i segreti da leggere e conoscere attraverso testi e immagini, un modo diverso di visitare una delle regioni più belle del mondo. Cala invece la carta di un’ironia profonda e umana - fatta di studi, crepuscoli, capolavori e storia di Firenze e di Toscana - Luca Scarlini col suo L’ultima regina di Firenze. I Medici: atto finale (5) (Bompiani), una storia 5 pre-illuminista e aperta al futuro.

34

FIRENZE


Picteau Lounge - Hotel Lungarno Borgo San Jacopo, 14 - Firenze Aperto tutti i giorni dalle 11.00 alle 23.00 +39 055 2726 4997 picteau.lounge@lungarnocollection.com

lungarnodining.com

|

Whatsapp: 342 1234710 |

@lungarnodining


The Fusion Bar & Restaurant Vicolo dell’Oro, 3 - Firenze Aperto tutti i giorni dalle 17.00 alle 24.00 +39 055 2726 6987 tf@lungarnocollection.com

lungarnodining.com

|

Whatsapp: 342 1234710

|

@lungarnodining


IT IT OBJET OBJET

SOBUTTERFLY VERY BEAUTIFUL! KISS

Say hello The romantic to the new sunglasses Maxi Cabat by Valentino by Bottega haveVeneta, double lenses rethought and embody by creative a butterfly’s directormetamorphosis. Daniel Lee. Twenty The oversized bridge represents 4-cm nappa stylized strips,antennae, about two thefull arms days areof very work. slim Ecco I poetici la nuova occhiali MaxidaCabat sole firmati di Bottega Valentino Venetahanno rivisitata la doppia dal direttore lente e creativo sono la metamorfosi Daniel Lee. Fettucce di una farfalla. di 4 cm, Il ponte venti simula strisce le di suenappa, antenne circa stilizzate, due giorni le aste interi sono di lavoro. sottilissime.

39

FIRENZE


LeVanità PROFUMERIE FIRENZE di Sabatini

FIRENZE Via Porta Rossa, 55 • Via del Corso, 15r • Via Pietrapiana, 8r • Via Masaccio, 264 • Viale De Amicis, 83/c CASTELFIORENTINO (FI) Piazza Cavour, 3 • POGGIBONSI c/c Valdelsa • BORGO SAN LORENZO c/c Mugello www.levanitaprofumerie.it • shop online: www.levanita.com


IT OBJET

FLORENCE AT MY FEET

To celebrate the reopening of the Louis Vuitton store in the heart of Renaissance Florence, here comes the special edition of the Star Trail ankle boot. Per celebrare la riapertura dello store Louis Vuitton situato nel cuore pulsante della Firenze rinascimentale, ecco l’edizione speciale dello stivaletto Star Trail.

41

FIRENZE


IT OBJET

STAR SYSTEM

They dress up even the most basic outfit and highlight the face. Entire books have been written on how to knot and wear them. This one is by Faliero Sarti. On sail at boutique at Via della Spada, 24r and Rinascente Firenze. Vivacizzano anche l’abito più anonimo e mettono in risalto il viso. Interi volumi sono stati dedicati all’arte di annodarli e di utilizzarli. Questo è di Faliero Sarti. In vendita nella boutique in via della Spada, 24r e alla Rinascente Firenze.

43

FIRENZE


Piazza degli Scarlatti 1/R firenze@osteriabelguardo.it | +39 0552654541 | osteriabelguardo.it


IT OBJET

ALCHEMY

The ultimate traveler’s watch stands out for its revolutionary concept: the perfect alchemy of sophisticated technique and comfortable use. It’s the Rolex Oyster Perpetual Sky-Dweller. At Fani – Firenze, 72r Via de’ Tornabuoni. L’orologio per grandi viaggiatori, si impone per la sua concezione rivoluzionaria, perfetta alchimia tra tecnica sofisticata e comfort. È il Rolex Oyster Perpetual Sky-Dweller. Da Fani – Firenze, Via de’ Tornabuoni 72r.

45

FIRENZE


restaurant - lounge

bar - events - catering

Piazza Strozzi 5r, c/o Palazzo Strozzi, Firenze

www.strozzicaffe.com

ph. 055 288236

l u n ch - a p e r i t i f - d i n n e r - e v e n t s - c l u b p r i v ĂŠ Piazza Strozzi 5r, Firenze www.cafecollebereto.com Info and table reservation 393 8328505 - 055.28 3156


IT OBJET

A SIP OF TUSCANY

It is made in Tuscany. Peter in Florence is a mix of 14 botanical aromatics, in particular, iris and juniper. An intense aroma on the nose, the alcohol is not too strong on the palate. È realizzato in Toscana. Peter in Florence è il risultato di 14 botaniche con particolare risalto dell’iris e ginepro. Al naso colpisce il profumo inebriante, al palato non risulta l’aggressività dell’alcol.

47

FIRENZE


Firenze 121


Sophisticated ambiance in a Tuscany seaside villa

UNA RAFFINATA STORIA DI ELEGANZA E TRADIZIONE

Ristorante La Magnolia Stella Michelin

HOTEL BYRON V.le A. Morin, 46 + 55042 Forte dei Marmi (LU) - Tel. +39 0584 787052 - Fax + 39 0584 787152 - info@hotelbyron.net


SHOT ON SITE

Erika Cresti, Giuseppe Casavola

Paola Mattioli, Rachel Montague

DomenicoSacchi, Tommaso Sacchi Savini eMartina Martina Sofia Pieri Rojas RojasChaigneau Chaigneau Ornella Zini, Elena Moretti, Sofia Pieri

Manuel Bogliolo, Jacopo Durazzani

Elisa Tozzi Piccini, Alessandro Grassi

Elisa Tozzi Piccini, Giovanni Pileggi, Serena Storri

FIRENZE MADE IN TUSCANY NEW ISSUE During the Pitti Uomo show, the exclusive cocktail party at the Edoardo Secci Gallery for the new Firenze made in Tuscany issue and the presentation of Firenze su misura. Craft Shopping Guide. Antinori wines, food experience by Le Cirque, courtesy car by Mazda - Mugnaini Auto.

Marco, Claudia and Ronny Mugnaini

Matteo Parigi Bini, Eugenio Giani

Eduardo Secci, Remo Giugni Marinella Fani, Alessandra Nardelli

51

FIRENZE ROMA

Alex Vittorio Lana, Cristina Giachi


SHOT ON SITE

Stefano Rizzi

Alessandro, Alessio and Elisa Giusti

Carla Zaniol, Silvia De Lorenzi

Serena Di Maio, Elisa Torrini

VIP LOUNGE GLOBAL BLUE OPENING After Milan, Rome and Venice, Florence has its first Vip Lounge by Global Blue too. An elegant space for international tourists, on Piazza della Repubblica, in the heart of the city’s luxury shopping streets.

Valentina Burlando, Judith Otto, Gianluca Borsellini

Carlotta Lana, Cesare Cunaccia

Cristiano and Natalia Savini, Dario and Rebecca Dainelli

Letizia Cardinale, Carlo Greco Leonardo Zorzet, Marta Marranzano

Zelal Elbistan, Leopoldo Cervini Del Vivo Franco Barbieri Ripamonti, Eleonora Busico

Sophie Mozzanti, Bernardo Fedele

52

FIRENZE ROMA


SHOT ON SITE

Pier Ettore and Ginevra Olivetti Rason

Barbara Bertelli, Simona Zito Marco and Chiara Donadel

Cesare Canuccia

Filippo Richeri, Lucilla Bonaccorsi

Matilde Borromeo

THE NEW LOUIS VUITTON BOUTIQUE The opening of the Louis Vuitton boutique on Piazza degli Strozzi, completely renovated with typical Tuscan details, interiors by prestigious designers and artwork by Massimo Listri. In addition to clothing, accessories, jewelry and perfumes, the Objets Nomades collection for the first time in Italy.

Virginia Galateri Del Bono, Fiammetta Cicogna

Matteo Merenghi Baselli, Margherita Baselli

Novella Benini Veronica Ferraro

Filippo Fiora, Filippo Cirulli

55

FIRENZE ROMA


SHOT ON SITE

Vanni and Costanza Mugnaini

Niccolò Becagli, Patrick Hoffer

Sara Sartini

Annalisa Saggiomo, Giovanna Di Michele

Yuri Modi, Elisa Ricci, Stefania Ciani

GIN & CHEESE As one of the Fuori di Taste events, at Ditta Artigianale in the Oltrarno neighborhood, aperitivo time based on gin and cheese pairing. Peter in Florence and S.S. 24 gins and cheese by Fattoria il Palagiaccio. Presentation of the new Mazda 3 car. Media partner Firenze made in Tuscany.

Annalisa Saggiomo, Elena Moretti, Giovanna Di Michele

Veronica and Ronny Mugnaini

Megghi Rapi, Mario Nobile Fabio Gazzeri, Geraldina Gigli

6 56 5

FIRENZE AM O R


L a V ostra C asa

aL

F orte

dei

FORTE DEI MARMI www.villaromaimperiale.com When in Firenze stay at www.grandhotelminerva.com

M arMi


SHOT ON SITE

Luca Menoni

Francesco Bartel, Dario Garofalo

Dario Nardella, Stefano Bencistà Falorni, Gianni Mercatali Antonio Ciabattoni, Silvana Vivoli

Viola and Maria Bufalari, Brigitta di Rocca

Simone Arnetoli, Gerardo Giorgi

Marco Parillo,Omar Barsacchi,Gennaro Pervice

‘LA FIORENTINA’ BOOK IS OUT During the Taste 2019 show, at Stazione Leopolda, the presentation of La Fiorentina, osti macellai e vini della vera bistecca. The first book devoted to Florence’s best-known dish, published by Gruppo Editoriale, written by food-and-wine critic Aldo Fiordelli, with introduction by Allan Bay. On sale at the main bookstores and online.

Dario Cecchini Stefano Bencistà Falorni

59

FIRENZE ROMA

Simone Fracassi


SHOT ON SITE

Gianni Mercatali, Carlotta Romualdi

Eva Desiderio, Umberto Cecchi, Isabella Poli

Silvia Pardini, Anrea Tittocchia Giorgio Anselmi, Marica Fortino

PRESENTATION OF THE ‘MY WAY’ BOOK As one of the Fuori di Taste events, at the Bernini Palace, journalist Umberto Cecchi introduced the book dedicated to his friend and fellow-journalist Gianni Mercatali, a star of the Versilian lifestyle scene. Stories, iconic places and people.

Isabella Lapi, Giovanni Ballerini

Gianni Mercatali, Matteo Parigi Bini, Umberto Cecchi, Alex V. Lana

Eugenio Giani

Elisa Tozzi, Elena Tempestini

Enzo Rossi, Sandro Secci, Gianni Ristori

Gianni Mercatali, Franco Godi Chiara Secci, Barbara Cosmai

161 6

FIRENZE AM O R

Chiara Caliceti, David Foschi


SHOT ON SITE

Matteo Biffoni

Fabrizio Fusi, Astrid Fusi Alessandro Maria, Simone Nannelli

Simone Cioppi, Lorenzo Cassetti, Mauro Riveira

Lusinda Osmanagaj

Lidia e Paola Bini

THE NEW CASSETTI BOUTIQUE The historic jewerly and watch shop Cassetti on Ponte Vecchio in Florence lands in Prato, with a very elegant, twofloor boutique on Via Garibaldi, where you can find all the best-known Rolex and Tudor creations.

Alessandro Forzieri, Filippo Cassetti, Romina Casini

Giuditta Lorenzoni, Iacopo Rubino

Alberto Chimento, Jessica Vitetta Dario Nocentini, Dario Fiesoli

2 62 6

FIRENZE AM O R


“ Yo u do n’t k now w ha t y ou’ re m i s s i n’ i f y o u nev er l ook a round ” P a ul Sta nl ey - K i ss

P i a z z a D i Sa n Gi ov a nni 1-R

www.moveonfirenze.com


Via Mario Morosi, 11 | Firenze | ph. 39 055. 4222446 | info@lecirquefirenze.fr | lecirquefirenze.fr


SHOT ON SITE

Giampaolo Rossi, Giulio Senni

Giulia Natale, Gianluca Isaia

Leonella Scaloni, Federica Gentili Saverio Ferragina, Maddalena Ciociola

ROMA THE ETERNAL CITY NEW ISSUE In the recently-renovated and elegant halls of the The St. Regis Rome, the exclusive and sparkling Casting light on Christmas event, including the presentation of the new Roma the Eternal City issue

Giuseppe De Martino, Alex V. Lana

Massimo Listri, Matteo Parigi Bini, Jerome Macario

Barbara Mandatori, Antonella Pazzaglini

Flaminia Orsini, Gabrielle Bolzoni, Daniela Cosmelli

Antonio Marazzo, Paola Paciotti Maria Cristina Gasche, Ginevra Odescalchi

Valerio Biondi

Marco Rabacchi, Andrea Iacovacci

5 65 6

FIRENZE AM O R


TUSCANY VILLAGES

AN HOUR FROM FLORENCE 5 VILLAGES TO DISCOVER FOR A DAY TRIP OUTSIDE THE CITY 5 BORGHI DA SCOPRIRE PER UNA GITA FUORIPORTA text Francesca Lombardi photo Valentina Stefanelli

When spring arrives, everyone wants to go on a few day trips outside the city. The countryside once again shines in all its colourful glory, blossoming flowers tinting the fields and sides of the roads. And dotting the picturesque hillsides, even just a few kilometres from Florence, are centuries-old villages. Some date all the way back to the Etruscan era, while the origins of others remain a mystery to us, except for beautiful Pienza, whose foundation we know the exact date of, 1462. Here is an itinerary for discovering some of Tuscany’s greatest gems, home to artistic heritage and surrounded by landscapes so stunning it’s no wonder they have been immortalized in Renaissance masterpieces.

A primavera tutti hanno voglia di lasciarsi andare a qualche gita fuoriporta. La campagna riprende i suoi colori con le belle fioriture che tingono i prati e i bordi delle strade. E sparsi, qua e là, anche a pochi chilometri da Firenze, i borghi antichi si innalzano su collinette pittoresche. Alcuni hanno origini che risalgono addirittura agli Etruschi. Di altri, le origini si perdono nella notte dei tempi, fatta eccezione per la bella Pienza di cui conosciamo esattamente la sua data di nascita, 1462. Ecco un itinerario in 5 tappe per scoprire il fascino della Toscana tra patrimonio artistico e paesaggi degni dei capolavori pittorici del Rinascimento.

66

FIRENZE


MONTEPULCIANO Its name is tied to the sumptuous Vino Nobile, the symbol of a millennia-old tradition begun with the Etruscans and never forgotten. To learn about the secrets of the village, you need to head below ground, under the wine bars: tunnels, wells, ancient cisterns and crypts made of tuff and rocks await 67

FIRENZE


MONTALCINO The city walls are topped by a fairy-tale-like castle that dominates the city. From here, you can enjoy some of the best views of the surrounding vineyards, where one of the most esteemed Italian reds in the world is produced, the Brunello 68

FIRENZE


COVER STORY

69

FIRENZE


COVER STORY

CERTALDO In the Middle Ages, this fortified village, with the via Francigena winding down below, had the same appearance that we can see today in the upper and oldest part of the city. Its most famous citizen was Giovanni Boccaccio, while for centuries its symbol has been the typical red onion. A must-see event is Mercantia (July 10 – 14) 70

FIRENZE


71

FIRENZE


PIENZA This jewel of the Val d’Orcia was the Renaissance dream of the sophisticated humanist Enea Silvio Piccolomini, the future Pope Pius II, who decided to transform the village where he was born into the ideal city in 1462. The architect Bernardo Rossellino designed this rare wonder, today a UNESCO World Heritage Site 72

FIRENZE


73

FIRENZE


SAN GIMIGNANO Etruscan, Lombard and a crossroads between Pisa and Siena for those travelling along the via Francigena: San Gimignano, home to the famous Vernaccia, is famous the world over for its splendid towers (only 13 of its original 72 remain), which have survived both modern warfare and medieval conflicts. The city has been a UNESCO World Heritage Site since 1990 74

FIRENZE


75

FIRENZE


COVER STORY

MUSIC RUNS IN THE FAMILY

MATTEO BOCELLI, THE SON OF THE WORLD’S MOST POPULAR TENOR, TELLS IT ALL IL FIGLIO DEL TENORE PIÙ AMATO DEL MONDO SI RACCONTA text Teresa Favi

He looks like a prince straight out of a page of The Arabian Nights, with eyes as deep as the night sky and lighting up as he smiles. Matteo Bocelli, 21 years old, is the second born of Andrea, from whom he seems to have inherited what it takes to succeed. He collaborated with his father on Bocelli’s latest album, Sì, which was released in November and immediately topped the charts in the US and UK. After New York’s Madison Square Garden, the Late Show and the BBC, father and son sang Fall on me together at the Sanremo Music Festival. The video of this duet got nearly 40 million views on YouTube. Very social media famous, Matteo performed with Jennifer Lopez, attends the Conservatory and never misses a party. He lives with his family in Forte dei Marmi, and he will be performing again with his father, the world’s most popular tenor, on July 25 and 27 at the Theatre of Silence in Lajatico which, for the first time, will also host the charity event organized by the Andrea Bocelli Foundation, the Celebrity Fight Night. Fall on me, what does it say about your father and yourself? The song is about a father-son relationship, I composed some lines in Italian by drawing on my own life experiences. It is definitely an autobiographical song and I think one can tell by the way we sing it, because we truly feel it as our own. It’s one of the songs from your father’s latest album. What, in your opinion, is the album’s overall tone, can it appeal to a twenty-year-old? Sì has been the bestselling album in the UK and US at the same time; it’s the first time ever for an Italian singer. It was honor to be part of such an important project, in my own little way, with Fall on me. How did you feel when, after the Sanremo Music Festival, your name was all over the press? Excited, flattered and pleased with the performance with my father. The Sanremo stage is one of the world’s most difficult stages to manage. What is your secret to stay grounded without having to

Sembra un principe scivolato dalle pagine delle Mille e una Notte, occhi profondi come la notte che si illuminano quando sorride. Matteo Bocelli, 21 anni, è il secondogenito di Andrea, da cui sembra aver ereditato la stoffa per diventare famoso. Ha collaborato all’ultimo disco del padre, Sì, uscito a novembre e schizzato subito al primo posto delle classifiche negli Stati Uniti e in Inghilterra. Dopo il Madison Square Garden, il Late Show e la BBC insieme hanno duettato anche al Festival di Sanremo sulle note di Fall on me. Il video di questo singolo nel quale padre e figlio duettano ha fatto quasi 40 milioni di visualizzazioni su YouTube. Corteggiatissimo sui social, Matteo ha diviso il set con Jennifer Lopez, studia al Conservatorio ma non manca a un party. Vive con la famiglia a Forte dei Marmi, e il prossimo 25 e 27 luglio torna ad affiancare il tenore più amato del mondo al Teatro del Silenzio a Lajatico che, per la prima volta, sarà anche il cuore dell’evento benefico annuale organizzato dalla Andrea Bocelli Foundation, la Celebrity Fight Night. Fall on me, cosa dice di te e di tuo padre? È una canzone che parla del rapporto padre figlio, io ho scritto alcuni versi in italiano basandomi sulla mia esperienza di vita. Sicuramente una canzone autobiografica e credo lo si percepisca anche nel modo in cui la cantiamo, perché la sentiamo davvero nostra. E’ una delle canzoni dell’ultimo album di tuo padre. Che timbro ha questo lavoro? Secondo te, può incontrare il gusto di un ventenne? Il disco Sì è stato il più venduto contemporaneamente in Inghilterra e in America; è stata la prima volta in assoluto per un artista italiano. Sono onorato di aver fatto parte di un progetto così importante, nel mio piccolo, con Fall on me. Come ti sei sentito quando, dopo Sanremo, sui titoli dei giornali c’era Matteo Bocelli ovunque? Emozionato, lusingato, e contento della performance che ho fatto con il babbo. Il palco di Sanremo è uno dei palchi più difficili che esistano nel mondo.

76

FIRENZE


Matteo Bocelli, 21 anni, singer. He collaborated with his father on Andrea Bocelli’s latest album, SÏ, which was immediately topped the charts in the US and UK (Photo Daniele Venturelli, Black Tie Stefano Ricci)


COVER STORY

MATTEO WILL BE PERFORMING AGAIN WITH HIS FATHER, ON JULY 25 AND 27 AT THE TEATRO DEL SILENZIO MATTEO TORNA AD AFFIANCARE IL PADRE AL TEATRO DEL SILENZIO IL 25 E 27 LUGLIO A LAJATICO give up on the joys of a 20-year-old? The secret is to follow the example of my family in terms of dedication, passion and enthusiasm in doing one’s job, day by day. You’ve worked with one of the world’s most beautiful women, how is Jennifer Lopez in real life? She is truly charismatic, besides being beautiful. What are your plans now, will you go on singing? I’m currently attending Lucca’s conservatory, I study with passion and dedication every day. I would like to go on doing this job but, like I always say, it’s the audience that will determine my success or failure. For the time being, I’m a student and I behave like one. How were you initiated into music? I’ve been studying piano since childhood, I grew up with my father who influenced all my music preferences, I love both classical and pop music and I’m a young man who lives and breathes music every day. Therefore, I feel very lucky. Lucca is the city where you study music. Where do you go, between one class and the next, for a yummy break or to collect your thoughts? There’s this wonderful place where they make the best hot chocolate with whipped cream in town, but I’m not saying where so you can’t steal it from me (he smiles). You love the countryside and we know that you love driving…Is there a tour of the hills that you would particularly recommend in spring? A beautiful drive from Lajatico to Volterra, through the typical Tuscan countryside landscape. Make a personal playlist of musicians. Ed Sheeran, Ultimo, Image Dragon, Coldplay, Queen, and Andrea Bocelli, of course. What are your top three favorite Instagram profiles? You’ll have to look at my Instagram profile to find out (he laughs). Your dearest memory associated with music? At home, on Christmas Day, singing with my family all together. What is your best quality and worst fault? I’m a total perfectionist, which I believe is both a quality and a fault at times. Thank You to? Dad, Mom, my friends and music. Forever.

Qual è il tuo segreto per stare coi piedi per terra senza rinunciare alle gioie dei tuoi 20 anni? Il segreto è copiare l’esempio che mi ha dato la mia famiglia nella dedizione, nella passione, nell’entusiasmo del lavoro, giorno dopo giorno. Hai lavorato con una delle donne più desiderate del mondo, com’è nella realtà Jennifer Lopez? È davvero carismatica, oltre che bellissima. Adesso che progetti hai, continuerai a cantare? Sto frequentando il conservatorio di Lucca, studio con passione e dedizione ogni giorno. Mi piacerebbe poter provare a continuare a fare questo lavoro, ma come dico sempre sarà solo il pubblico a decidere i termini e i risultati di questa mia scelta. Per il momento sono uno studente, e come tale mi comporto. Come è iniziato il tuo apprendistato della musica? Ho studiato pianoforte fin da piccolo, sono cresciuto con il mio babbo che mi ha influenzato in tutto e per tutto nella musica, amo la musica classica e la musica pop, e sono un ragazzo che vive e respira le note quotidianamente. E pertanto mi sento molto fortunato. Lucca è la città del tuo Conservatorio, tra una lezione e l’altra, dove ti rifugi per una pausa golosa o per raccogliere le idee? C’è un posto meraviglioso dove fanno la migliore cioccolata con panna della città, ma non lo dirò per evitare che me lo rubiate (sorride). Ami molto la campagna e sappiamo che sei un appassionato pilota… Ci suggerisci il più bell’itinerario tra le colline in primavera? Da Lajatico fino a Volterra in macchina è davvero bellissimo, paesaggio e tipica campagna toscana. La tua autobiografia in una playlist? Ed Sheeran, Ultimo, Image Dragon, Coldplay, Queen, e ovviamente Andrea Bocelli. Quali sono i tre profili instagram che preferisci? Lo potete scoprire dal mio profilo Instagram (ride). Il più caro ricordo musicale? A casa, a Natale, a cantare le canzoni insieme a tutta la famiglia. La tua migliore qualità e il tuo peggior difetto? Sono un perfezionista assoluto, che credo sia una qualità ma anche un difetto certe volte. Grazie a?

78

FIRENZE


Very social media famous, Matteo Bocelli lives in Tuscany with his family, in Forte dei Marmi, and he the Lucca’s Conservatory. After New York’s Madison Square Garden, the Late Show and the BBC, father and son sang Fall on me together at the Sanremo Music Festival. The video of this duet got nearly 40 million views on YouTube


Above: Benjamin V. Wohlauer, Consul General in Florence Below:the Consulate General of the United States in Florence


INTERVIEW ANNIVERSARY

200 YEARS OF USA IN FLORENCE

CONSUL GENERAL BENJAMIN V. WOHLAUER TELLS US ABOUT THE BICENTENARY (AND MUCH MORE) IL CONSOLE GENERALE BENJAMIN V. WOHLAUER CI RACCONTA IL CENTENARIO (E NON SOLTANTO) text Matteo Parigi Bini photo Dario Garofalo

It is generally known that America was named after the Il nome d’America, si sa, è stato scelto in onore del naviFlorentine navigator Amerigo Vespucci. So, it comes as gatore fiorentino Amerigo Vespucci. Non stupisce, dunno surprise that the first US consulate in Italy was estab- que, che la prima sede consolare in Italia degli Stati Unilished in Tuscany. In 1794 the first Consulate was in Leg- ti d’America sia stata in Toscana. La prima sede fu nel horn, a free port not weighed down by duties and taxe. 1794 a Livorno, un porto franco, libero da tasse e gabelle. In 1819, the Tuscan Giacomo Ombrosi was appointed Nel 1819 il toscano Giacomo Ombrosi divenne il viceUS Vice-Consul to Florence. There has been a US Con- console degli Stati Uniti a Firenze che fu affiancato da sul in Florence since 1823 and today, on the occasion of un Console americano. Oggi, in occasione dei 200 anni the 200 anniversary celebrations, we meet with the cur- da quella data, incontriamo il suo successore, Benjamin rent Consul General, Mr. Benjamin V. Wohlauer. V. Wohlauer. What does being Consul General in Florence mean to Cosa significa per lei essere Console Generale a Firenze? you? È un grande onore. Sono l’ultimo (anche se spero non It is a great honor. I am the latest (and hopefully not the l’ultimo!) di una lunga serie di consoli che hanno raplast!) of a long series of consuls who have been repre- presentato il governo e la comunità americana che svolsenting the American government and community for ge da più di 200 anni un ruolo molto importante qui in over 200 years here in Tuscany. In the Toscana. Posso dire che la concentrazioregion, there is a heavy concentration of IN 1819, GIACOMO ne degli americani nella regione è molto Americans who represent a bridge for forte e costituisce un vero e proprio ponOMBROSI WAS the development and strengthening of te per lo sviluppo e il rafforzamento delle APPOINTED US relazioni bilaterali Italia-Usa. Italy-USA bilateral relationships. What do you love best about this city, Oggi cosa ama di questa città di cui è VICE-CONSUL where you serve as Consul? Console? TO FLORENCE The chance to experience, rather than L’opportunità di vivere invece di visitasimply visit, sites and works of art at my leisure. In the re, ammirando con la quiete necessaria siti, opere d’arpast one year and a half, I have had the opportunity te. Nell’ultimo anno e mezzo ho avuto l’opportunità di to gain in-depth knowledge of Florentine culture and capire il popolo e la cultura fiorentina, ma anche quelpeople, but also of the whole of Tuscany and Emilia- la  Toscana e dell’Emilia-Romagna, di cui sono ugualRomagna, where I also serve as Consul. mente Console. Only tourists? Soltanto turisti ? Tourism numbers are very high, as well as the concen- Il flusso turistico è molto elevato, ma lo è anche la contration of American students (about 10/15.000 students centrazione degli studenti americani (circa 10/15.000 every year). According to estimates, there are about 50 studenti ogni anno). Secondo le stime, gli americani che to 60,000 Americans who have chosen to live in Tuscany. hanno scelto di vivere in Toscana si aggirano intorno ai And there are over 70 investors who have invested their 50/60.000. Anche la presenza economica non è da meno, money here. I have recently learned that there are many sono più di 70 gli investitori che hanno deciso di inveAmerican-owned wine estates in the Chianti area - Ban- stire qui, recentemente ho  scoperto che nel Chianti ci fi and Ruffino for instance, just to mention the most sono molte aziende gestite da americani - Banfi e Ruffino famous ones- and many companies have been brought sono tra le più conosciute - e molte aziende sono state 81

FIRENZE


INTERVIEW ANNIVERSARY

‘IN APRIL, WE WILL CELEBRATE THE BICENTENARY BY HOSTING AN AMERICAN CONTEMPORARY ART EXHIBITION’ ‘AD APRILE CELEBREREMO QUESTA NOSTRA PRESENZA CON UNA MOSTRA D’ARTE CONTEMPORANEA’ back on the market thanks to American investments, such as Nuovo Pignone and Eli Lilly. Leghorn was the first city where the Americans settled, wasn’t it? The first American consulate was established in Leghorn in 1794. It was closed down in 1941 because of the war and it was never reopened, but this year we wish to bring the story of this deeply shared experience back to public recognition. And in order to do it, we chose to emphasize the value of personal relationships. The relationship that we celebrate is based on millions of personal relationships established over time to the present day, starting with the one between Thomas Jefferson and Philip Mazzei, from Poggio a Caiano. Whom, among the famous Americans who lived in Florence, do you enjoy mentioning? In the 1800s, artists and intellectuals living overseas travelled to Florence to further their artistic education. Among the most celebrated ones were Henry James and Mark Twain. Another name that comes to my mind is Bernard Berenson and the most interesting thing about him is that he chose to stay in Florence, with his works of art, during World War Two. What events will be held to celebrate the bicentenary in Florence? Like every year, our Memorial Day is a day of commemoration and prayer at the American Cemetery, while Palazzo Vecchio will host an exhibition devoted to the architectural design of our consulates. In April, we will celebrate the bicentenary by hosting an American contemporary art exhibition. What is your first memory of Florence? My first time was in 1991; I was studying in France and I came to Florence to see a friend who was studying art here. It is a wonderful city, amazing in every way. I believe that there are very few cities in the world that can compare with it…. Where would you take a fellow citizen on a one-day visit to Florence? Florence is like Boston, where I was born…. I love walking through the city and I would take him or her on my favorite walk, from Costa San Giorgio to Piazzale Michelangelo.

riportate sul mercato grazie agli investimenti americani. Tra le aziende più conosciute: il Nuovo Pignone ed Eli Lilly. La prima città nella quale arrivarono gli Americani fu Livorno, vero? Il primo consolato americano si stabilì a Livorno nel 1794. Venne chiuso nel 1941 a causa della guerra e non fu mai più riaperto, ma quest’anno vogliamo far riemergere la storia di questa esperienza condivisa molto profonda. E per farlo abbiamo scelto di porre in evidenza il valore dei legami personali. Il rapporto che celebriamo è basato sui milioni di legami personali stretti nel corso del tempo fino a oggi, a partire da quello tra Thomas Jefferson e Philip Mazzei, di Poggio a Caiano. “Rapporti personali”, chi ricorda volentieri dei personaggi americani che hanno vissuto qui? Nell’Ottocento gli artisti e gli intellettuali che vivevano oltreoceano sceglievano Firenze come meta per la loro formazione artistica. Tra i più celebri, forse direi Henry James e Mark Twain. Un altro nome che mi viene in mente è Bernard Berenson e la cosa più interessante fu che decise di rimanere a Firenze, con le sue opere d’arte, durante la Seconda guerra mondiale. Quali saranno le iniziative per i due secoli di presenza a Firenze? Per il nostro “Memorial Day”, al Cimitero americano, come ogni anno si terrà una giornata di commemorazione e raccoglimento, mentre a Palazzo Vecchio, verrà ospitata una mostra dedicata ai disegni architettonici delle nostre sedi. Ad aprile, poi, avremo la possibilità di celebrare questa nostra presenza con una mostra d’arte contemporanea americana. Qual è il suo primo ricordo della città? La mia prima volta fu nel 1991; studiavo in Francia e ne approfittai per andare a trovare un amico che studiava arte a Firenze. È una città meravigliosa, che sbalordisce in tutti i sensi. Credo che al mondo ce ne siano poche così... Se dovesse proporre un itinerario dove porterebbe un suo concittadino? Firenze è come Boston, dove sono nato… Adoro fare passeggiate in città e forse lo accompagnerei nella mia preferita, da Costa San Giorgio a piazzale Michelangelo.

82

FIRENZE


The Consulate General of the United States in Florence belongs to the US Mission to Italy and represents the interests of the government of the United States in Florence and the surrounding regions of Tuscany and Emilia-Romagna


Gucci Patterned chiffon dress with ruffled skirt and sleeveless bodice Underneath, a vinyl bodysuit Shoes, glasses, stockings and fan Gucci


S OF TL Y

ZERO-GRAVITY FABRICS. FOR A NEW SENSORY EXPERIENCE Marta Innocenti Ciulli Ph. Alessandro Bencini Make up and hair Costanza Scornaienchi


Ermanno Scervino Lacy sheath dress with tulle hem Shoes Roger Vivier at Luisaviaroma


Prada Pleated skirt, made from technical fabric, with a zipper on the front and a chiffon blouse with shoulder pads Shoes, bag, belt, knee-highs, headband Prada


Marni Dress, made from technical fabric, with a visible underskirt and asymmetrical hem Shoes Red Valentino


Christian Dior Lacy, pleated dress with a crossed front Shoes, ring, bracelets Christian Dior Headband Luci Crystal Head Brand at Luisaviaroma


Fendi Patterned chiffon dress with ruffled skirt and a strap bodice Bag Fendi Shoes Gucci at Luisaviaroma Fendi Midi dress with a low bodice, pressed pleats and a cotton lace collar and cuffs


Louis Vuitton A metallic mesh mini-dress with elongated shoulder pads Shoes Red Valentino


Fay Turquoise leather midi skirt paired with a sleeveless shirt Shoes Red Valentino Headband Prada Anteprima Romper in elastic jersey and a loose duster with a sports collar. Shoes Anteprima. Socks Anteprima


Chanel Wide embroidered pants and a small marinière pullover Flip-flops, belt Chanel Ermanno Scervino Layered lace slip with an opening at the back. Shawl A.n.g.e.l.o Vintage. Tiara Dolce & Gabbana


Red Valentino Tulle and lace dress entirely embroidered with flowers Shoes Valentino PradaRed Voile dress dots around the collar and a flared skirt. Underneath, silk culottes and slip. Shoes Prada. Socks and Headband/Hoop Prada


Miu Miu Transparent skirt with sequined pullover, culottes and printed crocodile leather jacket ShoesVintage and knee-highs Miu Miu Moncler Wide pants with a side stripe. Shoes Moncler. Feather boa Yves Salomon at Luisaviaroma. Pearls A.n.g.e.l.o


ABOUT ELEGANCE MASTERLY CUTS, NEW SARTORIAL CODES, STATUESQUE SHOULDERS, PRECIOUS FABRICS. THE 2019 LOUIS VUITTON CRUISE COLLECTION. A RHAPSODY OF SOPHISTICATED AND HARMONIOUS PIECES FOR VERY AVANT-GARDE URBAN VALKYRIES. Marta Innocenti Ciulli

Foto Federica Fiori | Make up and hair Rossana Luzzi We thank Manifattura Tabacchi for its kind collaboration Pink chiffon plissé dress cinched at the waist, impressive sleeves, sneakers Louis Vuitton


Silk dress, V-neck, halter sleeves. Pencil-cut jacket with leather details, earrings and sneakers Louis Vuitton


Logo-printed leather miniskirt and little jacket with zip front. White T-shirt frames Louis Vuitton, sneakers Louis Vuitton


Mini black-and-white Fortuny fabric dress that crosses over at the waist, sock boots Louis Vuitton The lights of the magnificent palazzo housing the newly-renovated Louis Vuitton shop are back on. Located in Florence’s Renaissance heart, just steps away from Piazza della Repubblica and opposite Palazzo Strozzi, the new shop features a unique concept, in keeping with the Parisian store on Place Vendôme. Modular architecture, a variety of materials, textures, works of art, historic pieces from the LV archives and incomparable savoir-faire, everything is designed to pamper customers. The central staircase is a work of high design, the handrail’s color is Florentine Blue, so dear to the Medici family. The ground-floor room is decorated with film. Florentine paintings, in a palette matching the gray sandstone, hang from the walls. Visit it as you would an art gallery.

Si sono riaccese le luci dello splendido palazzo che ospita il rinnovato negozio Louis Vuitton. Situato nel cuore pulsante della Firenze rinascimentale, pochi passi da piazza della Repubblica e en face a palazzo Strozzi, il nuovo negozio presenta un concept unico, sulla scia di quello di place Vendôme a Parigi. Architettura modulare, molteplici materiali, texture, opere d’arte, storici oggetti dell’archivio LV e savoir-faire senza eguali, coccolano la clientela. La scalinata centrale rappresenta un’opera d’arte di alto design, il corrimano si avvale di quel blu fiorentino caro alla famiglia Medici. Il salon a piano terra è ricoperto da una pellicola fotografica. Dipinti fiorentini dalle palette in sintonia alla pietra serena ricoprono le pareti. Da visitare come una galleria d’arte.


Raw silk blouse with padded shoulders and open sleeves, linen crossover waist shorts, booties Louis Vuitton, frames Louis Vuitton


Tostiamo da sempre i migliori caffè, nel cuore della Toscana. caffecorsini.it


BAGS MUST

2. 3.

1.

MY BEST FRIEND 1. Dolce & Gabbana - via degli Strozzi, 12/18r 2. Fendi - via de’ Tornabuoni, 40 3. Chanel - piazza della Signoria, 10 4. Gianfranco Lotti - via de’ Tornabuoni 59r 5. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 4/14r 6. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73-81r 7. Giorgio Armani - via de’ Tornabuoni, 83 8. Ermanno Scervino - via degli Strozzi, 32r

4.

6.

5.

8. 7.

103

FIRENZE


SHOES MUST

2. 1.

3.

HAPPY TO SEDUCE

4.

1. Ermanno Scervino - via degli Strozzi, 32r 2. Ferragamo’s Creation - via de’ Tornabuoni, 4/14r 3. Emilio Pucci - via de’ Tornabuoni 20/22 r 4. Stella McCartney - via dei Tosinghi, 52r 5. Fendi - via de’ Tornabuoni, 40 6. Miu Miu - via Roma, 8 7. Moschino - La Rinascente, piazza Repubblica 8. Prada - via de’ Tornabuoni, 53/67r

5.

8.

6. 7.

104

FIRENZE


FOR HIM MUST

3.

2. 1.

MISSION: WEEKEND

4.

1. Fendi - via de’ Tornabuoni, 40 2. Marni - via Roma, 4 3. Etro boutique - via della Vigna Nuova 50r 4. Valentino - via de’ Tornabuoni, 23 5. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 4/14r 6. Hogan - via de’ Tornabuoni 97/r 7. Gianfranco Lotti - via de’ Tornabuoni 59r 8. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73-81r

5.

8.

6.

7.

105

FIRENZE


FOR HER MUST

2. 1.

3.

IN BLUE PAINTED BLUE 1. Ermanno Scervino - via degli Strozzi, 32r 2. Angela Caputi Giuggiù - via di Santo Spirito, 58 3. Fendi - via de’ Tornabuoni, 40 4. Etro Boutique - via della Vigna Nuova 50r 5. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73-81r 6. Louis Vuitton - piazza degli Strozzi, 1 7. Marni - via Roma, 4 8. Miu Miu - via Roma, 8

4.

6.

5.

8. 7.

106

FIRENZE


JEWELS MUST

2.

1.

3.

XXS FORMAT 1. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73-81r 2. Fani Gioielli - via de’ Tornabuoni 72r 3. Damiani - via de’ Tornabuoni, 7r 4. Chanel Joaillerie - piazza della Signoria, 10 5. Cassetti Gioielli - Ponte Vecchio, 54r 6. Tiffany & Co. - via de’ Tornabuoni, 37r 7. Cartier - via degli Strozzi, 36r 8. Pomellato - via de’ Tornabuoni, 89/91r

4.

5.

8. 6. 7.

107

FIRENZE


Cosimo built the Uffizi Gallery to house the Signoria’s administrative offices


CONQUEROR AND VISIONARY ON THE 500TH ANNIVERSARY OF HIS BIRTH, FLORENCE CELEBRATES COSIMO I A 500 ANNI DALLA NASCITA, FIRENZE CELEBRA COSIMO I text Francesca Lombardi photo Pasquale Paradiso

109

FIRENZE


Above, the Director of the Uffizi Gallery Eike Schmidt


ART ITINERARY

PASSIONATELY INTERESTED IN ARCHITECTURE AND IDEAL UTOPIAN CITIES AMANTE DELL’ARCHITETTURA E APPASSIONATO DI UTOPICHE CITTÀ IDEALI We owe much more to Cosimo I than he generally gets credit for, notwithstanding the fact that he is known for works of immense importance: certainly, the beauty of the Uffizi, commissioned by Cosimo to serve as his administrative offices; the uniqueness of the Vasari Corridor whose function was to connect Palazzo Pitti – his chosen residence – with the iconic power building, in anticipation of his son’s nuptials; the impressive works in Palazzo Vecchio, whose extension commissioned by the newly elected Grand Duke we still enjoy today. But as Eike Schmidt explains when we meet him during our exclusive visit to the Uffizi Gallery, the place which, more than any other, most effectively represents the first Grand Duke of Tuscany, as we approach this important anniversary of his birth date: “Cosimo changed the plan of the city by moving the centre away from Via Larga, the ancient seat of Palazzo Mediceo, towards Palazzo Vecchio and by extending the urban plan in the direction of the Arno river. He was a warrior, a bloody-thirsty one at that but, first and foremost, he was a visionary, passionately interested in architecture and ideal utopian cities: we owe to him the construction of the fortified city of Terra del Sole near Forlì, which was built from scratch at the end of the 1500s. More than anything else, he is the one to thank for the perfection and harmony of the city plan of Florence as we know it today”. On contemplating his portrait by Pontormo – at the tender age of nineteen dressed in a deep shade of blue – it is possible to discern his brilliant personality and love of beauty, even though tinged with the immaturity of youth. Qualities which appear to be consolidated in the portrait by Bronzino, depicting him in full armour, displayed in the Uffizi. However, Cosimo I – who was born on 12 June 1519– stood out for his depth of character and charm, starting from his first appearances in public, albeit at a very young age. Possibly not adequately valorised by contemporary history, he was greatly admired in the 1600s and loved by his contemporaries. As we learn from the biographical work by Filippo Cabriana: “He was the Grand Duke of great, shapely and fine stature, with a fine and handsome face, full of majesty and greatness: he had large bright eyes which, according to his mood, could be dazzling at times…” Son of Giovanni, known as Giovanni dalle Bande Nere and Maria Salviati, a descendent of the cadet branch of the Medici on her father’s side and the main branch on her mother’s side, he spent most of his childhood and long periods of his adolescence in the paternal Villa del Trebbio, located in the Mugello not far from Cafaggiuolo. Here he grew up in close contact with nature, practising swimming, hunting and fishing, or galloping on horseback through the Tuscan countryside. He thus grew up to be the

A Cosimo I dobbiamo molto di più di quello che è universalmente riconosciuto, seppur di portata immensa: certo la bellezza degli Uffizi, da lui voluti per i propri uffici amministrativi; l’unicità del Vasariano, che doveva servire a collegare Palazzo Pitti - eletto a residenza - con il nuovo edificio del potere in vista delle nozze del figlio; gli imponenti lavori in Palazzo Vecchio, di cui godiamo ancora oggi l’ampliamento voluto dal neo-eletto Granduca. Ma come ci spiega Eike Schmidt che incontriamo in una esclusiva visita alle Gallerie degli Uffizi, il luogo che rappresenta meglio al mondo il primo Granduca Toscano, alla vigilia del grande anniversario dalla nascita: “Cosimo cambiò l’assetto della città spostandone il centro da via Larga, antica sede del Palazzo Mediceo, verso Palazzo Vecchio e ampliandone la planimetria nella direzione dell’Arno. Fu un guerriero, anche sanguinario, ma soprattutto fu un visionario, amante dell’architettura e appassionato di utopiche città ideali: a lui dobbiamo la costruzione città-fortezza di Terra di sole vicino a Forlì costruita ex novo alla fine del Cinquecento. A lui dobbiamo soprattutto la perfezione e l’equilibrio urbanistico di Firenze, così come la vediamo anche oggi”. A guardarlo nel ritratto del Pontormo - appena dicianovenne, vestito di un intenso blu – s’intuiscono la sua personalità brillante e l’amore per la bellezza, anche se hanno il sapore ancora acerbo della gioventù. Doti che appaiono consolidate nel ritratto di Bronzino in alta armatura, conservato agli Uffizi. Ma Cosimo I – nato il 12 giugno 1519– si distinse per spessore e fascino fin dagli esordi sulla scena pubblica, seppur giovanissimo. Forse non giustamente valorizzato dalla storia contemporanea, fu adorato nel ‘600, e amato dai suoi contemporanei. Si legge nella sua biografia, firmata da Filippo Cabriana: “Fu il Gran Duca di grande, formata, e bella statura, e di bella faccia graziosa, e piena di majesta, e grandezza: ebbe gli occhi grandi, e lucenti, e secondo i movimenti dell’animo talora folgoranti…” Figlio di Giovanni detto dalle Bande Nere e da Maria Salviati, discendente del ramo cadetto dei Medici da parte di padre e principale da parte di madre, trascorse buona parte della sua infanzia e lunghi periodi dell’adolescenza nella villa paterna del Trebbio, situata nel Mugello, non distante da Cafaggiuolo. Qui crebbe a contatto della natura, praticando nuoto, caccia, pesca e correndo con i suoi cavalli nella campagna toscana. Divenne così l’uomo affascinante che vediamo nei ritratti. Del Dna del padre, celebre per le sue battaglie, Cosimò ereditò

111

FIRENZE


A passageway of the Vasari Corridor

charming man depicted in his portraits. Of his father’s DNA, fa- l’ardire e il gusto del rischio, ma la presenza più costante e mous for his battles, Cosimo inherited his daring character and importante della sua vita fu la madre Maria Salviati. Fu lei a love of risk, but the most constant and significant influence on his conservare, anche dall’esilio in campagna, gli occhi puntati life was that of his mother Maria Salviati. Even during her exile in su Firenze e sulle sue vicende politiche; e fu forse sempre lei the countryside, she kept a close eye on Florence and its political a lavorare nell’ombra per preparare il figlio a un destino al events; she was also the one who probably worked behind the centro della vita politica fiorentina. L’educazione di Cosimo scenes to prepare her son for his destiny at the centre of Floren- I fu affidata un monaco pratese, Pierfrancesco Ricci, che gli tine politics. The education of Cosimo I was entrusted to a monk rimase accanto come segretario per gran parte della sua vita. from Prato, one Pierfrancesco Ricci, who remained by his side as Con lui studiò greco, latino e un po’ di Petrarca, senza mai a secretary for most of his life. With Ricci he studied Greek, Lat- avere la pretesa né il desiderio di diventare un letterato: la in and a bit of Petrarca, without ever having the ambition or de- sua passione per il bello era più un’indole che una costrusire to become particularly learned: his love of zione culturale. L’assassinio di Alessandro beauty was more of a natural inclination than a ad opera di Lorenzo de’ Medici (detto LoHE RESTORED cultural acquisition. The assassination of Alesrenzino), avvenuto il 6 gennaio 1537, aprì a THE MEDICI sandro by Lorenzo de’ Medici (known as LoCosimo orizzonti del tutto imprevisti. PoiFAMILY POWER ché il duca non lasciava discendenza marenzino), which took place on 6 January 1537, opened up totally unexpected opportunities to ULTIL THE END OF schile legittima e Lorenzino ed il fratello Cosimo. Since the Duke left no legitimate male Giuliano decadevano ovviamente dal loro DYNASTY heirs and Lorenzino and his brother Giuliano diritto, la sua designazione alla successione obviously lost their rights, his claim to succession was ratified by scaturiva dallo stesso diploma imperiale del 1531. Essa però the Imperial diploma of 1531. However, it was neither automat- non fu automatica né incontrastata. Seguì una crisi politiic nor unchallenged. These events were followed by a brief yet ca breve ma acuta, da cui il giovane Medici uscì vincente: serious political crisis, from which the young Medici emerged restaurò il potere della famiglia in modo così saldo che da triumphant: he restored the family power so securely that, from quel momento governarono Firenze e gran parte della Tothen on, they governed Florence and most of what we know as scana attuale fino alla fine della dinastia, avvenuta con la Tuscany today until the end of the dynasty, when the last Grand morte senza eredi dell’ultimo granduca Medici, nel 1737. Duke Medici died in 1737, without leaving an heir. The govern- La struttura del governo creata da Cosimo, durò fino alla mental structure created by Cosimo lasted until the proclama- proclamazione del  Regno d’Italia. Il resto è storia, politica tion of the Kingdom of Italy. The rest is history, expansionist and, espansionistica e soprattutto intellettuale ( culturale?) delabove all, cultural politics of the Princedom: the long and fruitful la città e del Principato : il lungo e fecondo rapporto con 112

FIRENZE


The Vasari Corridor, which will be reopened to the public and completely accessible in 2021. Above: the exhibition devoted to Antony Gormley at the Uffizi Gallery until late May 113

FIRENZE


Portrait of Cosimo I de’ Medici, Giovanni Battista Naldini, Uffizi Gallery


Portrait of Eleanor of Toledo with her son Giovanni, Bronzino, Uffizi Gallery 115

FIRENZE


Palazzo Vecchio and Loggia dei Lanzi, two places which represent Cosimo’s power Below, another work by Gormley 116

FIRENZE


Palazzo Pitti, the residence of Cosimo and Eleanor of Toledo collaboration with the Arezzo-born architect Giorgio Vasari Vasa- l’architetto aretino Giorgio Vasari, a cui affidò la costruzione ri, to whom he assigned the construction of the Uffizi and the degli Uffizi e del Corridoio, e che lo spinse a fondare nel 1563 Corridor, and who encouraged him to found the Academy of the l’Accademia dell’Arte del Disegno che annovera tra i suoi Arts of Drawing in 1563, whose scholars include such names as accademici nomi come Michelangelo Buonarroti, Francesco Michelangelo Buonarroti, Francesco da Sangallo, Benvenuto Cel- da Sangallo, Benvenuto Cellini, Bartolomeo Ammannati, il lini, Bartolomeo Ammannati, Giambologna and Galileo Galilei; Giambologna, Galileo Galilei; il matrimonio con Eleonora di his marriage to Eleonora di Toledo and his eleven children; his Toledo e gli undici figli; il legame con il mondo della scienza bond with the world of science and, above all, art, through his e soprattutto dell’arte, attraverso artisti come l’Ammannati, relations with artists such as Ammannati, Bronzino and Benve- il Bronzino e Benvenuto Cellini. nuto Cellini. Starting from the month of June, the Uffizi Gallery A partire da giugno le Gallerie degli Uffizi dedicano un ciclo is dedicating a series of three important exhibitions to Cosimo: di tre importanti mostre a Cosimo: I cento Lanzi del PrinI cento Lanzi del Principe (Uffizi Galery, Sale cipe (Gli Uffizi, Sale di Levante 6 giugno - 29 di Levante 6 June - 29 September) dedicated to settembre) dedicata alla sua la sua milizia THE UFFIZI his personal guards, the Lanzichenecchi, who personale, i Lanzichenecchi, che ha dato IS DEDICATING have lent their name to one of Florence’s most il nome a uno dei monumenti più imporTHREE important monuments, the Loggia dei Lanzi; tanti di Firenze, la Loggia dei Lanzi; stesse on the same dates: Una biografia tessuta. Gli date per Una biografia tessuta. Gli arazzi EXHIBITIONS arazzi in onore di Cosimo I and Il villano e la in onore di Cosimo I e Il villano e la sua TO COSIMO sua botticella. Divertimenti nel nuovo giardibotticella. Divertimenti nel nuovo giardino installed in Palazzo Pitti in the Sala Bianca and Sala delle Nicchie, no ospitate a Palazzo Pitti nella Sala Bianca e Sala delle Nicwhich recount for the first time some curious aspects of life at chie, che invece raccontano aspetti curiosi e inediti della vita Court, which was moved from Palazzo Vecchio to Palazzo Pitti by della Corte, che si spostò da Palazzo Vecchio a Palazzo Pitti Eleonora, Cosimo’s wife and a key figure in the life of the Grand per volontà di Eleonora, moglie di Cosimo e figura centraDuke. With a view to putting Cosimo I back on the pedestal he le nella vita del Granduca. Nell’ottica di restituire la giusta rightly deserves – his anniversary coincides with the 500 year centralità alla figura di Cosimo I - il cui anniversario arriva celebrations of the birth of another fascinating and famous mem- con le celebrazioni per i 500 anni della nascita di un’altra ber of the Medici family, Caterina, destined to become Queen of Medici affascinante e famosa, Caterina divenuta poi regina France -, on 12 June the Uffizi Gallery will celebrate their founder, di Francia -, il 12 giugno gli Uffizi celebrano il loro ideatore by offering free entrance to visitors. A gift to all those who love the con la gratuità per i visitatori. Un regalo a chi ama gli Uffizi Uffizi and to the personage we owe them to. che è un tributo a colui che gli ha voluti. 117

FIRENZE


Andrea del Verrocchio and workshop Tobias and the Angel. National Gallery., London


ART EXHIBITION

UNAPPRECIATED MASTER

THE EXHIBITION DEDICATED TO VERROCCHIO HELD AT PALAZZO STROZZI AND BARGELLO MUSEUM A PALAZZO STROZZI E AL MUSEO DEL BARGELLO LA MOSTRA DEDICATA A VERROCCHIO text Rossella Battista

His cheerfulness is infectious. He has the mischievous look La sua gioia vi contagerà. Ha l’aria birichina dei bamof a naughty child keeping hold of a dolphin that is spurting bini o dei satirelli mentre gioca cercando di trattenere water from its mouth. The Putto with Dolphin was specially un guizzante delfino che spruzza acqua sorgiva. Il Putrestored for the Verrocchio, Master of Leonardo exhibi- to con Delfino è stato restaurato apposta per la mostra tion held at Palazzo Strozzi and Bargello Museum (until Verrocchio, il maestro di Leonardo a Palazzo Strozzi July 14), the first retrospective ever devoted to Andrea di e al museo del Bargello (fino al 14 luglio), la prima, Cione (Florence 1435-Venice 1488), one of the most famous dedicata ad Andrea di Cione (Firenze 1435-Venezia and yet most unappreciated artists of the Renaissance age. 1488), uno dei più noti ma anche dei più incompresi The exhibition is one of the events marking the Leonardo protagonisti dell’era laurenziana. L’occasione per parda Vinci celebrations, as Verrocchio was a charismatic larne è dovuta alle celebrazioni leonardiane perché sculptor but also Leonardo’s teacher at his bottega, a stu- Verrocchio fu uno scultore carismatico ma anche dio swarming with apprentice artists who were taught the grande maestro, di Leonardo in particolare, e di quelbasics of painting, sculpture and modeling in terracotta, la sua brulicante quanto polifunzionale bottega. Una marble and bronze. At the age of thirty, Leonardo reluc- bottega dove si dipingeva e si scolpiva dove si lavotantly left the studio where he had become rava la terracotta, il marmo e il bronzo. skilled in the art of drawing, casting and VERROCCHIO WAS Una bottega dove Leonardo ne esce modelling. A CHARISMATIC malvolentieri, quasi trentenne e dove Professor Francesco Caglioti, one of the impara l’arte del disegno, della fusione SCULPTOR AND e del modellare. E’ il professor Franceleading experts on 15th-century sculpture LEONARDO’S and curator of the exhibition alongside sco Caglioti, tra i massimi studiosi di Andrea De Marchi, attributes a terracotta scultura quattrocentesca e curatore con TEACHER statuette to Leonardo, his only existing il collega Andrea De Marchi della mosculptural work, which belongs to London’s Victoria & Al- stra, che attribuisce da anni a Leonardo una statuetta bert Museum. “It is currently attributed to Antonio Ros- in terracotta, l’unica per la verità, del Victoria & Albert sellino - Caglioti says- but I have never had any doubts Museum di Londra. “Finora era stata attribuita ad Anregarding the attribution to Leonardo”. Who knows if the tonio Rossellino - sostiene Caglioti - ma io sono stato British will ever agree with him? Caglioti draws connec- sempre convinto fosse opera di Leonardo”. E chissà tions between the Virgin’s smile in the statue in question se i sempre scettici inglesi accetteranno le sue ipotesi, and that, nearly identical, of St. Anne in a painting by Leon- che Caglioti sostiene mettendo a confronto il trasporto ardo. “Rossellino was a wonderful artist, but his figures affettivo, partecipato nel sorriso di questa Madonnina have a dreamy, distant look on their face, whereas here we con quello quasi identico della Sant’Anna verso figlia have a very lively Child and the Virgin’s benevolent, almost e nipote. “Rossellino era meraviglioso, ma i suoi volpleased, expression. It comes from Verrocchio’s studio”. ti sono trasognati, assenti. E qui invece c’è la vivacità “Upon Donatello’s death- De Marchi says- the Medicis had quasi eccessiva del Bambino e il compiaciuto sguardo to find a replacement equal to Donatello. And they picked benevolo di Maria. La scuola è quella di Verrocchio”. Verrocchio, who demonstrated his skill by carving a statue “Alla morte di Donatello - aggiunge De Marchi 119

FIRENZE


COVER STORY

Andrea del Verrocchio Madonna and Child Staatliche Museen, Berlin 120

FIRENZE


COVER STORY

Sandro Botticelli (Madonna and Child with Two Angels Museo e Real Bosco di Capodimonte, Napoli 121

FIRENZE


1. Andrea del Verrocchio Winged Boy with Dolphin 2. 5 Leonardo da Vinci Drapery for figures 3. Leonardo da Vinci The Virgin with the Laughing Child 4. Leonardo da Vinci Woman’s Arms and Hands

of David. The new Donatello was born”. At the exhibition, i Medici dovevano trovare un sostituto all’altezza. E works are displayed in chronological and thematic order. questi fu Verrocchio che misurò il suo David con quelA suite of eight rooms, crowned with Leonardo’s statuette lo di Donatello. Era nato il nuovo Donatello”. Ecco in a juxtaposition of drapery, the linens used for prelimi- che nella corposa, impegnativa, ma illuminante rassenary sketches. And on show next to the Lady with Prim- gna si procede in ordine cronologico e tematico. Otto roses, the first Italian portrait sculpture to show the hands, sale che si completano con la statuetta di Leonardo in is the drawing from the Windsor collection. 120 works by un confronto di panneggi. I lini usati per imparare a the greatest artists of the late-fifteenth century placed side dipingerli. E se c’è la Dama col mazzolino dove comby side. paiono per la prima volta le mani, eccone il disegno And all this to prove how crucial Verrocchio was to his pu- da casa Windsor. Un confronto serrato tra i protagopils’ success and contradict Vasari’s opinnisti del tardo ‘400 nel susseguirsi di ion of the artist, whom he described as THE MASTER RAN 120 esemplari. E tutto per dimostrare having no “natural gift or aptitude”. On the quanto Verrocchio sia stato fondamenHIS STUDIO BY tale e ribaltare il giudizio elogiativo ma contrary, the curators believe that withKEEPING THE out Verrocchio there would have been tranchant di Vasari, che lo definiva perneither Leonardo nor Michelangelo, Pe- BRONZE STATUES fetto ma niente più che un mestierante. rugino and Raphael. “He ran his studio E invece per i curatori senza VerrocFOR HIMSELF by delegating the works of sculpture and chio non avremmo avuto né Leonardo painting and keeping the bronze statues for himself. Most e nemmeno Michelangelo, Perugino, Raffaello. “Manof his paintings were co-painted - De Marchi says-. In the da avanti la bottega delegando via via scultura e pittura lovely Piazza Madonna, Verrocchio did the drawing and Lo- e tenendo per sé il bronzo. Molti dei suoi dipinti sono renzo di Credi the painting, but in doing so, unfortunately, realizzati a più mani - sottolinea De Marchi -. Verroche sapped some of the life out of the painting”. chio disegna e poi lascia colorare a Lorenzo di Credi Verrocchio mastered the art of drawing, he drew inspira- che purtroppo ne smorza la vitalità, come nella bella tion from Filippo Lippi, engaged in a dialogue with the Madonna di Piazza”. Verrocchio è maestro del disegno, Flemish masters, combined sense of monumentality, natu- guarda a Filippo Lippi, dialoga coi fiamminghi, unisce ralness of details and perspective and, above all, he had a monumentalità alla naturalezza dei dettagli, la prospetgift of dramatic expressiveness. tiva, e soprattutto la drammaticità espressiva. 122

FIRENZE


Andrea del Verrocchio Lady with Flowers Musei del Bargello, Firenze


HERITAGE INTERVIEW

SUBLIME MIND

THE MAJOR EXHIBITION AT PALAZZO VECCHIO RECOUNTS LEONARDO’S BOND WITH FLORENCE LA GRANDE MOSTRA A PALAZZO VECCHIO CHE RACCONTA IL RAPPORTO TRA LEONARDO E FIRENZE text Francesca Lombardi

The exhibition at Palazzo Vecchio celebrates the bond Leonardo had with Florence. Defining himself as a Florentine painter all his life and who asked in his final will and testament to be buried in the “giesia de sancto Fiorentino de Amboysia,” he dedicated one of his final writings, the year before he died, to the menagerie of lions in Palazzo Vecchio. The exhibition Leonardo da Vinci and Florence. Sheets from the Codex Atlanticus, curated by Cristina Acidini, recounts the life of the Flo-

riety of these notes reveal how his mind was constantly moving, searching for new topics to passionately research: the movements of air and water, optics, perspective, the moon, human anatomy, the flight of birds and so much more. He himself realized the need to methodically organize these subjects, but he also knew that he wouldn’t be able to do it. Only his so-called A Treatise on Painting is relatively ordered, the observations within transcribed

THE EXHIBITION BY CRISTINA ACIDINI CELEBRATES LEONARDO AND THE CITY LA MOSTRA DI CRISTINA ACIDINI CELEBRA LEONARDO E FIRENZE rentine genius in his beloved city. The curator spoke to us about her Leonardo, the one she’s come to know through his writings. “A sublime, versatile and chaotic brilliance”: this is your definition of Leonardo in the exhibition catalogue. Can you tell us about that? There are thousands of original records by Leonardo da Vinci, as well as a few paintings: writings, drawings, calculations… and this is only a part of what he produced. The va-

by Francesco Melzi. How did you decide on the exhibition’s set-up, which is neither chronological nor aesthetical? The Codex Atlanticus is a collection of 1,119 folios that allow us to trace a variety of themes, as has been done in previous exhibitions. When selecting the folios to display, I focused on ones that had references to Florence, where he was born and trained, where he returned after his time

Una mostra a Palazzo Vecchio celebra il legame tra Leonardo e Firenze. Lui che per tutta la vita si definì pittore fiorentino e chiese nelle volontà testamentarie di essere sepolto nella giesia de sancto Fiorentino de Amboysia, dedicò uno dei suoi ultimi ricordi scritti, l’anno prima di morire, al serraglio dei leoni che si trovava dietro Palazzo Vecchio. La mostra Leonardo da Vinci e Firenze. Fogli scelti dal Codice Atlantico, curata da Cristina Acidini, sceglie proprio

una parte di ciò che aveva prodotto. Questi appunti, nella loro varietà, rivelano come la sua mente fosse in continuo movimento e spaziasse tra appassionanti filoni di ricerca: il moto dell’aria e dell’acqua, l’ottica e la prospettiva, la luna, l’anatomia umana, il volo degli uccelli e altro. Lui stesso si rendeva conto di dover dar forma sistematica a quei materiali, ma sapeva anche che non ci sarebbe riuscito. Di relativamente ordinato, c’è solo il cosiddetto Trattato della

Cristina Cilini

l’appartenenza alla sua terra per raccontare il genio fiorentino. La curatrice ci racconta il suo Leonardo, quello che ha conosciuto attraverso i suoi scritti ‘Ingegno eccelso, poliedrico e dispersivo’: questa la sua definizione di Leonardo nella introduzione al catalogo della mostra. Ce la racconta? Di Leonardo da Vinci, oltre ai non molti dipinti, ci sono giunte migliaia d testimonianze autografe: scritti, disegni, calcoli... ed è solo

124

FIRENZE

pittura, con le osservazioni trascritte da Francesco Melzi. Come ha scelto il taglio della mostra, né cronologico né estetico? Il Codice Atlantico è una raccolta di 1119 fogli, in cui si possono tracciare (ed è stato fatto in precedenti mostre) le linee tematiche più diverse. Per selezionare i fogli da esporre ho puntato su quelli che contenevano un riferimento a Firenze, città di nascita e formazione, dove tornò


Studies on the surfaces and black pencil study for the right hand of St. John the Baptist by Leonardo at the Louvre Museum (circa 1509)


Studies for a naval battle, circa 1485-1487


HERITAGE INTERVIEW

in Milan and which he always kept in his heart as he remembered the things he saw and did, as well his Florentine friends and rivals. In the twelve folios I chose, which are full of annotations, all it takes is a name or a sketch to draw us in to Renaissance Florence: Brunelleschi’s Dome, Savonarola, Palazzo Vecchio, Michelangelo, Botticelli, the Arno… How was Florence his point of reference throughout his life? Even when he lived elsewhere, Leonardo maintained lasting rapports with institutions like the Hospital of Santa Maria Nuova, where

saint of Florence. On the same folio, he sketched the blueprint of the lions’ enclosure in Palazzo Vecchio, as if in his mind he were there, close to the home of his father Ser Piero, on the corner of what is today via de’ Gondi. Leonardo: architect, engineer, painter, sculptor… In what did he excel the most, in your opinion? His paintings merit their worldwide fame: the elegant surfaces and the sharpness of the impalpable veils bestow his figures with a mysterious tenderness, at times heart breaking and unsettling, like in his Young St. John the Baptist at the Louvre. Certain backdrops vaunt

nella maturità dopo il periodo milanese, e che portò sempre con sé nel ricordo delle cose fatte e viste, dei fiorentini amici o rivali. Nei dodici fogli scelti, ricchi di annotazioni, basta un nome o uno schizzo per avviare un percorso che porta a Firenze: la cupola del Brunelleschi, Savonarola, palazzo Vecchio, Michelangelo, Botticelli, l’Arno... In che modo Firenze è il suo punto di riferimento per tutta la vita? Anche lontano da Firenze, Leonardo mantenne rapporti duraturi con istituzioni come l’Ospedale di Santa Maria Nuova, dove depositava il denaro oltre

medesimo foglio è schizzata la pianta del serraglio dei leoni a Palazzo Vecchio, come se il suo pensiero corresse là, non lontano dalla casa del padre Ser Piero, sull’angolo dell’attuale via de’ Gondi. Leonardo architetto, ingegnere, pittore, scultore… Dove è stato più ‘eccelso’ secondo lei? I suoi quadri meritano la celebrità planetaria che li circonda: la stesura pittorica raffinata, la sottigliezza delle velature impalpabili conferiscono alle sue figure una dolcezza misteriosa, a volte struggente, talora inquietante, come nel San Giovanni adolescente del

‘THE SHARPNESS OF THE IMPALPABLE VEILS BESTOW HIS FIGURES WITH A MYSTERIOUS TENDERNESS’ ‘LA SOTTIGLIEZZA DELLE VELATURE IMPALPABILI CONFERISCONO ALLE SUE FIGURE UNA DOLCEZZA MISTERIOSA’ he kept his money and studied anatomy, as well as with the Medici, who always protected him. Lorenzo the Magnificent welcomed him into the sculpture garden in San Marco, where young, promising artists were trained. His younger son, Giuliano, brought him to Rome to the court of his brother Giovanni, who became Pope Leo X in 1512. Which page of the Codex do you like the most? I’m quite moved by the folio with Leonardo’s final dated annotation, written on June 24, 1518 in Amboise, France. This is the Feast Day of St. John the Baptist, the patron

epic landscapes, with sharp mountains, as if they were shot up from the depths of the earth by a cataclysm. What kind of man was Leonardo? I am deeply impressed by his intellectual freedom, which guided him in his tireless research about nature: he was an authentic researcher who never settled for the theories posited by others, searching for truth in experience. His main tool for satisfying his curiosity was his sharp, scrutinizing eye, with which saw things that others did not, things that they perhaps didn’t even look at.

che studiare l’anatomia. E con i Medici, che lo protessero da giovane e da vecchio. Lorenzo il Magnifico lo accolse nel Giardino di San Marco dove faceva istruire giovani artisti promettenti. Il minore dei suoi figli, Giuliano, lo condusse a Roma alla corte del fratello Giovanni, divenuto papa col nome di Leone X nel 1512. La pagina del Codice che le piace di più? Mi commuove il foglio con l’ultima annotazione datata: 24 giugno 1518, ad Amboise in Francia. Era il giorno di San Giovanni, patrono di Firenze. Sul

127

FIRENZE

Louvre. Certi scenari sono paesaggi epici, tra montagne acute e cristalline, come appena sorte dalla terra per un cataclisma. Che uomo era Leonardo? Resto profondamente impressionata dalla sua libertà intellettuale, che gli fa da guida nelle instancabili indagini sulla Natura: è un autentico ricercatore, che non si accontenta delle teorie altrui, ma cerca la verità nell’esperienza. Il principale strumento per appagare la curiosità è il suo occhio scrutatore, acutissimo, che vede ciò che gli altri non vedono, e magari neppure guardano.


Courtyard of Palazzo Medici Riccardi, the residence of the Medici family commissioned by Cosimo il Vecchio in 1430 (photo Lorenzo Cotrozzi)


POWERFUL CATERINA

THE FEMALE MEMBER OF THE MEDICI FAMILY WHO BECAME QUEEN OF FRANCE. ON THE 500TH ANNIVERSARY OF HER BIRTH LA DONNA DI CASA MEDICI DIVENUTA REGINA DI FRANCIA. A 500 ANNI DALLA NASCITA text Lavinia Rinaldi

129

FIRENZE


Caterina de’ Medici

“With the little Medici, Italy offered rich rewards to 16th “L’Italia offrì con la piccola Medici ricchi compensi alla century France and Europe, in which the Italians were ed- Francia e all’Europa del XVI secolo di cui gli italiani ucators not only in the fine arts, but also in refined man- sono stati educatori non solo nelle belle arti ma anche ners and culinary arts” (Jean Orieux). It was Catherine nella raffinatezza dei modi e dell’arte culinaria”(Jean who brought new taste to table settings – she intro- Orieux). Fu proprio a Caterina che si deve un nuovo duced forks, already in use in Florence, Murano glass gusto nell’allestimento della tavola: impose le forand Faenza ceramics. It was also Catherine who in- chette già in uso a Firenze, i vetri di Murano, le cetroduced the Court to traditional Tuscan dishes now ramiche di Faenza. Fu ancora Caterina a introdurre famous worldwide as French cuisine specialties. Salsa a corte i piatti tipici toscani oggi famosi in tutto Colla (White Sauce) became “Béchamel”, Onion Soup il mondo come specialità della cucina francese: la “Soupe à l’oignon”, Grandma’s Salsacolla diventò la BesciamelPancakes “Crêpes”, Duck with la, la Zuppa di cipolle la Soupe DAUGHTER Bitter Orange “Canard à l’orange” d’oignon, le Pezzole della nonna OF MADDALENA DE and Liver Crostini “Pâté de fois”. le Crepès , l’Anitra colla melanFlorentine cooks transformed the LA TOUR D’AUVERGNE gola la Canard a l’orange, i Crostill-Medieval French cuisine, and stini di fegato il Paté de fois. Con AND LORENZO the modern version, which coni cuochi fiorentini si trasforma DUKE OF URBINO tinues to extol their recipe, can be l’antica cucina francese ancora traced to them. It is also almost medioevale, è a loro che risale certain that we owe the origin of Macarons and Prof- quella moderna che continua a glorificarne le ricetiteroles to her. te. A lei inoltre si deve quasi sicuramente l’origine French historian Jean Orieux dedicates many pages to dei Macarons e del Profiteroles. Catherine, recognizing her value as a grande dame of Lo storico francese Jean Orieux dedica tante pagine the Renaissance, a power player and ambassadress of a Caterina riconoscendone il valore di grande donculture, fashion and Italian style. The orphan daugh- na del Rinascimento, come politica di spicco, amter of Lorenzo, Duke of Urbino, of the lineage of the basciatrice della cultura, della moda e dello stile itagreat Cosimo I (they were born two months apart in liano. Orfana di Lorenzo, duca di Urbino, appartethe same year, 1519), she was educated by her uncle, nente alla stirpe del grande Cosimo I (nati peraltro 130

FIRENZE


COVER STORY

Jacopo da Empoli, Wedding of Caterina de’ Medici with Henry II of France, Gallerie degli Uffizi

Pope Clement VII, who predicted she would become nello stesso anno, 1519, a distanza di due mesi l’una Queen of France. Awaiting her on the throne, for dall’altro), educata dallo zio, Papa Clemente VII, le the marriage that would take the family of Florentine predissero che sarebbe stata Regina di Francia. Sul merchants into the echelons of European royalty and trono l’aspettava il bell’Enrico II di Valois, che la restore the empty French coffers, was the handsome guardava con occhi fieri dalla miniatura consegnata Henry II de Valois, who regarded her with proud eyes al Papa dagli ambasciatori, per le nozze che portafrom the miniature given to the Pope by the ambas- vano la famiglia dei mercanti fiorentini nel Gotha sadors. reale d’Europa risanando le vuote casse francesi. The diplomatic-political castle almost collapsed on 22 Il castello diplomatico-politico stava per crollare October 1533 when 14-year old Catherine, , plain and il 22 ottobre 1533, quando Caterina, quattordicenshort but with an enormous dowry, ne, priva di appeal, ma con un COUSIN OF THE landed in Marseille swathed in an enorme dote, arrivò a Marsiglia, overly-lavish gown, although it had FUTURE GRAND DUKE infagottata in un abito eccessivo, been chosen by Isabella Gonzaga, COSIMO I DE’ MEDICI, pur scelto da Isabella Gonzaga, the fashion guru of the day. The guru della moda del momenCATERINA AND COSIMO la disappointing encounter with the to. Per il deludente incontro con WERE BORN IN THE bride almost caused the marriage la sposa, il matrimonio quasi to fall through, but reasons of State naufragò, ma vinse la ragion di SAME YEAR, 1519 prevailed. Certain that the journey stato. would be one way only, Catherine took some of her Caterina certa che il viaggio era di sola andata, porown world with her. During her long, tormented reign, tò con sé un po’ del proprio mondo. Nel suo lungo she tried to assimilate French ways, but Catherine’s e tormentato regno, cercò di avvicinarsi alle regole compelling personality meant it was France that francese, ma fu la Francia, per quella trascinante ended up being Italianized. Regarded with suspicion personalità di Caterina, che finì per italianizzarfrom the outset, as she rode in the wedding proces- si. Guardata con sospetto fin dall’arrivo, aprendo il sion on a white colt, she made a striking impression corteo nunziale in sella a un puledro bianco, stupì with the splendour of her attire and the spheres she per il lusso degli abiti e per le sfere che portava al wore around her neck and sniffed at continually. In collo, annusandole continuamente. Dentro, essen131

FIRENZE


ICON ANNIVERSARY

CATERINA LIVED IN PALAZZO MEDICI RICCARDI DURING HER FLORENTINE STAYS CATERINA ABITÒ A PALAZZO MEDICI RICCARDI DURANTE I SUOI SOGGIORNI FIORENTINI

them was perfume created by her personal perfumer, Renato Bianco, to combat the nauseating stench of the crowd. Renamed René le Florentin by the French, he became the idol of the aristocracy, then unaccustomed to using soap and water. It was said of him that even his underpants were scented! Catherine brought perfume and fashion to France. Insecure about her lack of height alongside her handsome husband, she had her shoemakers fashion shoes with 10cm heels, arousing great curiosity! Lacking a wasp waist, she then invented a corset to make it smaller. The only woman at Court to do so, Catherine took part in hunts, riding side-saddle with her skirts flying. To prevent risqué glimpses, she wore men’s caleçons or drawers, and all the ladies copied her. However, the problem was the lack of an heir. During a decade of eager anticipation and “inspection” by court physicians, Catherine fruitlessly swallowed herbal potions and pregnant donkey’s urine, until physician-astronomer Jean Fernel diagnosed the sovereign as “deformed in his manhood” (hypospadias) so the royal seed was not reaching the finish line. With acrobatics between the sheets and aphrodisiac diets, Catherine bore 9 children. The dynasty having been saved, France became one of Europe’s most refined nations thanks to the Italian queen, whose intelligence, culture and art of savoir-vivre, gave it a stamp of greatness and elegance. This year marks the 500th anniversary of the births of Catherine and Cosimo I de’ Medici, two key figures of Italian and Florentine Renaissance civilization, whos promoted culture not for ostentation but for passion and with intelligence. Florence celebrates them with a programme of special events, which will be constantly updated on the website 500cosimocaterina.it.

ze create dal profumiere personale Renato Bianco, contro il nauseabondo odore della folla. Ribattezzato in Francia Renèe le Florentin, divenne l’idolo dell’aristocrazia, non adusa all’epoca all’acqua e sapone. A lui, si diceva, profumavano anche le mutande! Caterina portò la Francia nel mondo dei profumi e della moda. Insicura, per la sua bassa statura, vicino all’aitante sposo, si fece confezionare da fidi calzolai, scarpe dai tacchi di 10 cm, suscitando curiosità! Non avendo un vitino di vespa, inventò allora un corsetto per diminuirne la circonferenza. Caterina, unica a Corte, partecipava alle caccie, cavalcando all’amazzone, con le sue gonne svolazzanti. Per non mostrare piccanti intimità, indossava i caleçons, indumento maschile e tutte le dame la imitarono. Ma il problema era il mancato erede. In 10 anni di spasmodica attesa, Caterina, “ispezionata” dagli archiatri, sorbiva, inutilmente pozioni di erbe e urina d’asina gravida, finché Jean Fernel, medico-stregone diagnosticò che il sovrano era “storto nella sua natura” (ipospadia) e il seme reale non arrivava al traguardo. Con acrobazie sotto le lenzuola e diete afrodisiache, Caterina partorì ben 9 figli. Salvata la dinastia, la Francia divenne una delle nazioni più raffinate d’Europa grazie alla regina italiana che con intelligenza, cultura e arte del saper vivere diede un’impronta di grandezza ed eleganza. Quest’anno ricorrono i 500 anni dalla nascita di Caterina e Cosimo I de’ Medici eccellenti rappresentanti della civiltà rinascimentale italiana e fiorentina che fecero cultura non per ornamento ma per passione e con intelligenza. Firenze li celebra con un calendario di importanti eventi. Un programma costantemente aggiornato sul sito 500cosimocaterina.it.

132

FIRENZE


Alessandro Allori, Nozze di Cana (1592-1600) Firenze, Sant’Agata church


COVER STORY

The former Manifattura Tabacchi of Florence is a building complex of rationalist architecture located in via delle Cascine, 33-35 134

FIRENZE


COVER STORY

MANIFATTURA TABACCHI BY MASSIMO LISTRI THE GREAT FLORENTINE PHOTOGRAPHER DEPICTS AN ICONIC SITE AN ICONIC PLACE THAT WILL COME TO NEW LIFE IL GRANDE FOTOGRAFO FIORENTINO RACCONTA UN LUOGO ICONICO CHE TORNERÀ A NUOVA VITA photo Massimo Listri text Teresa Favi

135

FIRENZE


PHOTO STORY

Not a factory, but an entire workers’ district covering 100,000 square metres was built in Florence in the 1930s to accommodate the work of turning tobacco into cigarettes. A functional, modern complex away from the city centre. The Manifattura Tabacchi ceased operating in 2001. Soon, a restructuring plan will restore the soul to the city with the rebirth of all the quaritere. Meanwhile, these extraordinary and unprecedented shots by the great photographer Massimo Listri are the testimony of a laborious past ready to transform into a vital ferment for Florence. Officially, the Manifattura Tabacchi is the brainchild of the experts at the State Monopoly Administration, but the elegance and modern style of the architecture point to the hand of Pier Luigi Nervi, one of Italy’s leading rationalist architects and owner of the construction company responsible for the original project, which also designed Florence’s Artemio Franchi stadium. The 410,000 cubic metres, where at the time of its inauguration more than 1,400 workers were employed, consisted of buildings used for processing tobacco and making cigarettes along with everything the workers would need: recreation (the present-day Teatro Puccini, still in use), a canteen, a launderette and a crèche, the first one established in a factory in Florence. The complex was organised around three main areas. The west section contained warehouses for the raw materials. In the centre were the laboratories, which extended symmetrically to east and west on either side of the factory floor, forming a U shape with the building used for general services. To the east, on Via delle Cascine, a large curved building housed the offices, management, the crèche and the director’s apartment. At the centre, and still visible today, was the monumental entrance.

THE TESTIMONY OF A LABORIOUS PAST READY TO TRANSFORM INTO A VITAL FERMENT FOR FLORENCE LA TESTIMONIANZA DI UN PASSATO LABORIOSO PRONTO A TRASFORMARSI IN FERMENTO VITALE Un intero quartiere operaio di 100.000 mq fu costruito a Firenze negli anni ’30 del Novecento per accogliere la lavorazione che trasformava il tabacco in sigarette. Un complesso moderno e funzionale decentrato rispetto al centro storico. La Manifattura Tabacchi ha cessato di operare nel 2001. Presto, un piano di ristrutturazione ne restituirà l’anima alla città con la rinascita di tutto il quartiere. Intanto, questi straordinari e inediti scatti del grande fotografo Massimo Listri sono la testimonianza di un passato laborioso pronto a trasformarsi in fermento vitale per Firenze. Ufficialmente la paternità del progetto della Manifattura Tabacchi è dei tecnici del Monopolio, ma l’eleganza e la modernità delle linee architettoniche fanno ipotizzare la mano di Pier Luigi Nervi, tra i principali progettisti razionalisti italiani, ma anche titolare dell’impresa di costruzioni che lo realizzò (sua, per’altro, la firma a Firenze dello Stadio Artemio Franchi). La cubatura della Manifattura - 410.000 metri - che all’epoca dell’apertura dava lavoro a oltre 1.400 dipendenti si articolava in edifici adibiti alla lavorazione e produzione di tabacchi e sigarette fino a tutto quello che poteva servire ai lavoratori: dopolavoro (l’attuale Teatro Puccini attivo ancora adesso), mensa, lavanderia e un asilo nido, il primo realizzato a Firenze all’interno di una fabbrica. Lo schema organizzativo si articolava in tre aree principali. Nella zona ovest trovavano posto i magazzini dei materiali greggi. Al centro, i laboratori che si sviluppavano verso est e ovest, in posizione simmetrica rispetto all’officina a formare una U con l’edificio dei servizi generali. A est, su via delle Cascine, il grande corpo curvilineo ospitava gli uffici, la direzione, l’asilo e l’alloggio del direttore. Al centro, come si vede ancora oggi, l’ingresso monumentale.

136

FIRENZE


COVER STORY

The elegance and modern style of the architecture shows the hand of Pier Luigi Nervi, one of Italy’s leading structural engineers, who also designed Florence’s Artemio Franchi stadium 137

FIRENZE


At the time of the construction, over 1,400 employees operated in the factory and the complex included maternity rooms for female workers


The factory ceased operations in 2001, but now a plan for its renovation aims to give it back to the city by breathing new life into the entire complex


Tony Cragg Foreign Body, 2015


ITINERARY ART

THE RENAISSANCE AND CONTEMPORARY ART GORMLEY, SMITH AND CRAGG FOR THE UFFIZI. AND THE HUMAN BEING IS STILL AT THE CENTRE OF THE UNIVERSE GORMLEY, SMITH E CRAGG PER GLI UFFIZI. ED È SEMPRE L’UOMO AL CENTRO DELL’UNIVERSO text Rossella Battista

The human body is the star of the spring-summer season at the Uffizi, the Pitti and the Boboli. And it couldn’t be any other way. It’s the year of Leonardo, and his Vitruvian Man - who even appears on one-euro coins, has become a universal symbol. But how many ways can there be of portraying people? Museum director Eike Schmidt has chosen three artists whose work focuses on the human body. So while the Uffizi sees the welcome return of Londoner Antony Gormley with his non-human humans, his men in space and space turning into men, six rooms at Palazzo Pitti are occupied by Kiki Smith, the German-born American artist whose research centres on the female body. Just as profoundly anthropomorphic and connected to the environment are the installations of Tony Cragg, the artist from Liverpool who has chosen to live in Germany since the mid-seventies. From May to September, the Boboli Gardens, with their elegant topiary, will be invaded by his ‘cumbersome’ sculptures. Contemporary art, which Schmidt stubbornly forces into a dialogue with the Renaissance. Because, as Marina Abramovich says, all art is contemporary in its time: often rejected, difficult to understand, frequently opposed and seldom loved. In Essere in the Aula Magliabechiana, Gormley juxtaposes two works made 35 years apart but with a common thread: the body. The body in the space it occupies, just as in his 80s installation Room, six metres by six with the artist’s own clothes attached to fine thread, and the recent Passage, a human-shaped tunnel 12 metres long which the public can pass through. In this case it’s the body itself that becomes the space. Meanwhile, face to face with the Uffizi’s ancient

È il corpo umano il protagonista della primaveraestate a Uffizi, Pitti e Boboli. E non poteva essere diversamente. È l’anno di Leonardo e quel suo Uomo Vitruviano che campeggia anche sulla moneta da un Euro, è ormai un simbolo universale. Ma quanti modi possono esserci per raccontare l’essere umano? Il direttore del Museo Eike Schmidt ha scelto tre artisti la cui ricerca si focalizza proprio sul corpo umano. Così se agli Uffizi c’è il gradito ritorno del londinese Antony Gormley con i suoi umani non umani, con i suoi uomini nello spazio e lo spazio che si fa uomo, sei sale di Palazzo Pitti hanno come protagonista Kiki Smith, artista americana di origini tedesche la cui scelta è da sempre unita alla figura femminile. Così come profondamente antropomorfe e legate all’ambiente sono le installazioni di Tony Cragg, inglese di Liverpool che dalla metà degli anni ‘70 ha scelto di vivere in Germania. Tra maggio e ottobre la fisionomia di Boboli, la sua elegante topiaria, dovrà vedersela con le sue ‘ingombranti’ sculture. Arte contemporanea che ostinatamente Schmidt costringe a far dialogare col Rinascimento. Perché tutta l’arte, per dirla con Marina Abramovich, è stata contemporanea: spesso rifiutata, difficilmente capita, facilmente osteggiata, raramente amata. Nell’Aula Magliabechiana Gormley infatti con Essere mette a confronto due opere realizzate a distanza di 35 anni l’una dall’altra ma con un unico fil rouge: il corpo. Il corpo nello spazio, come l’installazione degli anni ‘80 Room, sei metri per sei con abiti dello stesso artista uniti a filo sottile e il recente Passage, una sorta di tunnel dalla forma umana lungo 12 metri che il pubblico può percorrere. In questo caso è il corpo stesso che diventa spazio. Mentre a tu per tu con le statue antiche della galleria è il suo

143

FIRENZE


Antony Gormley Passage, 2016 [detail] ph. Ela Bialkowska, Okno Studio


Antony Gormley Installation view. ESSERE, 2019 Ph. Ela Bialkowska, Okno Studio


ITINERARY ART

EIKE SCHMIDT HAS CHOSEN THREE ARTISTS WHOSE WORK FOCUSES ON THE HUMAN BODY EIKE SCHMIDT HA SCELTO TRE ARTISTI CHE DEDICANO IL LORO FOCUS AL CORPO UMANO statues is his cast iron figure Another Time, a version of which stands at the mercy of the tides on Crosby Beach near Liverpool. Thus humans are part of space, as are the sculptures Settlement and Sleeping Hermaphroditus, in dialogue in room 43 (until 26 May). Bronze, iron, the most diverse materials combined with terracotta and tapestry, also feature in the work of Kiki Smith. Acclaimed at the 2005 Venice Biennale, she is one of the most significant figures in contemporary art. Her subjects - painted, sculpted or transformed by sophisticated technology - are always females. Woman is observed in her fragility, her rebellion and her power in constant confrontation with the art of the past. Kiki adds in her own personal experiences, often painful - like losing her sister to AIDS in the 80s - or her time as a militant feminist, open to difference. What I saw on the road at the Pitti thus becomes a colourful yet optimistic journey through contemporary society (until 2 June). And the human body is also the subject of Tony Cragg’s installations in the Boboli Gardens (7 May - 13 October). Here nature comes face to face with itself. And in a year that also marks the five-hundredth anniversary of the birth of Cosimo I de’Medici, the garden created for his beloved wife Eleonora becomes a hub for reflection. How can the playful use made of gardens during the Renaissance, with vegetation reshaped to fit the fashion of the day, be changed by a contemporary installation, perhaps not exactly harmonious? Can a statue alone alter our perception of space? Cragg invites us to reflect on this with his sculptures, reminiscent of stalactites or fungi, vaguely anthropomorphic figures that puzzle and blend with their setting, just as in the Waldfrieden Sculpture Park created by Cragg in Germany or the incorruptible Park Avenue in New York, made vulnerable by the artist’s giant statues that force the passer-by to look again at the context, as if for the first time.

uomo di ghisa, Another Time già installati a Crosby Beachs (Liverpool) fortemente soggetta alle maree. L’uomo come parte dello spazio dunque, così come lo sono i dialoganti Settlement e l’Ermafodito dormiente nella sala 43 (fino al 26 maggio). Bronzo, ferro, materiali più diversi uniti alla terracotta e all’arazzo caratterizzano anche la ricerca artistica di Kiki Smith. Acclamata alla Biennale di Venezia del 2005, è tra le figure più significative della contemporaneità. I suoi soggetti, dipinti, modellati o trasformati dalla più sofisticata tecnologia sono sempre femminili. La donna viene osservata nella sua fragilità, nella sua ribellione e nella sua forza in un continuo confronto con l’arte del passato. Kiki vi aggiunge le esperienze personali, spesso dolorose, come la perdita della sorella morta di Aids negli anni ‘80 o di femminista militante, aperta al diverso. What I saw on the road a Pitti diventa così un viaggio colorato e comunque ottimista attraverso la società contemporanea (fino al 2 giugno). Ed è all’uomo che si rivolgono le installazioni nel Giardino di Boboli di Tony Cragg (7 maggio-13 ottobre). Qui è la natura che si confronta con se stessa. E nell’anno dedicato anche a Cosimo I, Boboli, voluto dall’amata moglie Eleonora, diventa il fulcro di una riflessione. L’uso ludico che nel Rinascimento si fa del giardino, con la vegetazione ridisegnata e assoggettata alla moda del momento quanto può cambiare con un’installazione contemporanea, magari non proprio armonica? E una statua, da sola, può modificare la nostra percezione di spazio? E’ quanto ci esorta a fare Cragg con le sue creazioni che sembrano stalagmiti, escrescenze fungine, figure vagamente antropomorfe che confondono e si confondono nell’ambiente, come avviene nel Waldfrieden Sculpture Park creato proprio da Cragg in Germania o nell’incorruttibile Park Avenue a New York dove l’artista, piazzandovi statue gigantesche, l’ha resa vulnerabile costringendo così il passante a ricominciare a guardarla, come fosse la prima volta.

146

FIRENZE


Kiki Smith Earth, 2012 jacquard tapestry


The Museo Novecento hostes the exhibition Exit Morandi dedicated (until to June Giorgio 27) Morandi, curated one of bythe Maria mostCristina important Bandera Italian painters of theand twentieth Sergiocentury Risaliti


ART EXHIBITION

CONTEMPORARY TRADITION

THE EXHIBITION DEDICATED TO GIORGIO MORANDI AT THE MUSEO NOVECENTO LA NUOVA MOSTRA DEL MUSEO NOVECENTO DEDICATA A GIORGIO MORANDI text Sergio Risaliti photo Leonardo Morfini, OKNOstudio

On June 18, 1964, Giorgio Morandi died in his beloved Il 18 giugno 1964 Giorgio Morandi moriva nella sua BoloBologna and Roberto Longhi, one of the most famous gna e Roberto Longhi, tra i più celebri interpreti della sua scholars of his works, declared his profound sadness, opera, dichiarava il proprio profondo turbamento: “Non saying “There will never be new paintings by Morandi: vi saranno altri nuovi dipinti di Morandi: questo è, per this is, for me, the most excruciating thought.” Fifty-five me, il pensiero più straziante”. A cinquantacinque anni years after the death of this great artist, the Museo dalla scomparsa del grande artista, il Museo Novecento Novecento is hosting Exit Morandi (until June 27, 2019), ospita Exit Morandi (fino al 27 giugno 2019), mostra a cura curated by Maria Cristina Bandera and Sergio Risaliti di Maria Cristina Bandera e Sergio Risaliti che vede la and staged in collaboration with the Fondazione Ro- collaborazione con Fondazione Roberto Longhi e Vilberto Longhi and Villa Brandi. The exhibition vaunts la Brandi e si avvale dei prestiti della Galleria Nazionale loans from the Galleria Nazionale d’Arte Moderna e d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, della BanContemporanea in Rome, Banca Monte dei Paschi di Si- ca Monte dei Paschi di Siena e di significative collezioni ena and important private collections. The original idea private. L’esposizione prende origine da quattro imporfor the show can be traced to four significant paintings tanti dipinti conservati al Museo Novecento appartenuti on display at the Museo Novecento, part of the Alberto ad Alberto Della Ragione, tra cui un acquerello con una Della Ragione collection, including a rara figura femminile che palesa le straor‘SET HIS PATH water painting with a rare female figure dinarie capacità di aggiornamento dell’arthat showcases the artist’s extraordinary WITH MEDITATED tista sulle avanguardie e la sua personale ability to pursue avant-garde developsintesi figurativa, svolta in un linguaggio SLOWNESS ments and evolve his personal style, at già essenziale e anticonvenzionale. La AND DEVOTED once simple and unconventional. The grandezza di Morandi fu subito evidente scope of Morandi’s brilliance was imSTUDIOUSNESS’, a Roberto Longhi, che non interrompemediately evident to Roberto Longhi, rà mai il confronto umano e intellettuale who never ceased to interact with the artist on both a con l’artista, a cui riconobbe già nel 1934 la capacità di human and intellectual level, recognizing as far back “orientare il suo viaggio con una lentezza meditata, con as 1934 his ability to “set his path with meditated slow- un’affettuosa studiosità, da parer quelle di un nuovo inness and devoted studiousness, seeming to embark on camminato”. Dopo averne scritto più e più volte, Roberto a new venture.” After having written about him sever- Longhi, consegna un testo che lascia il segno nella storia al times, Roberto Longhi published a text that would e nella critica d’arte a lui posteriori, facendo risaltare una ultimately leave its mark on art history and influence coincidenza dalle conseguenze per lui epocali, in quel generations of art critics, referencing a concurrence of fatidico mese di giugno del 1964, quando si era appena what he considered to be historic events in that fate- inaugurata la Biennale di Venezia: “Una nemesi capricful June of 1964, when the Venice Biennale had just ciosa ma non priva di significato ha voluto che Morandi opened: “A fickle but not unimportant nemesis saw to uscisse di scena il giorno stesso in cui venivano esposti a it that Morandi would die the very same day that Pop Venezia i prodotti della pop-art”. Il critico era convinto Art debuted in Venice.” The critic was convinced that che la statura di Morandi sarebbe cresciuta ancora, menMorandi’s fame would continue to grow, while the value tre sarebbero stati ridimensionati i valori di molti degli of many of these “seasonal products” would fall before ‘stagionali prodotti’, prima e dopo Morandi. La tesi di 149

FIRENZE


COVER STORY

The exhibition, titled Exit Morandi, is curated by Maria Cristina Bandera and Sergio Risaliti

and after Morandi’s time. In 1964 and in the period im- Longhi poteva apparire in quei giorni e nel tempo immediately thereafter, Longhi’s hypothesis could seem to mediatamente successivo quella di un critico un po’ belong to a slightly reactionary and conservative critic reazionario e conservatore, in difesa di una tradizione who sought to defend the canons of Western painting pittorica occidentale che saldava il mondo di Giotto, Mathat bound the world of Giotto, Masaccio, Piero della saccio, Piero della Francesca, Bellini, Tiziano, con quello Francesca, Bellini and Titian to that of Chardin, Corot, di Chardin e Corot, di Renoir e Cézanne, per culminare Renoir and Cézanne, culminating in Morandi’s still- nelle nature morte e nei paesaggi in Morandi. Col tempo lifes and landscapes. Longhi’s prediction came true in si è avverato il presagio di Longhi, non tanto nel senso due time, no so much in the sense that Pop Art dimin- di un ridimensionamento dell’importanza epocale della ished in historic and indisputable importance, but rath- Pop Art, incontestabile, quanto in quello di un Morandi er that Morandi became a sort of undeniable beacon faro e riferimento innegabile di tanti artisti contempoand point of reference for many conranei, sintonizzati, come lui, con i valotemporary artists that, like him, adhered ri profondi e ritornanti della tradizione THE to the profound values of the classical ARCHITECTURAL classica. Un ruolo esemplare nell’arte del tradition. He played an exemplary role novecento, che anche Francesco Arcanin 20th-century art, even recognized by VALUE OF GIORGIO geli riconosceva a Morandi, interpretato Francesco Arcangeli, who viewed him come artista di avanguardia e al contemMORANDI’S as both avant-garde and deeply tradipo profondamente antico. Alle riflessioni COMPOSITIONS tional. In addition to this pioneering di questi alfieri della critica novecente20th-century critic, there were also Cesare Brandi, who sca si uniscono quelle di Cesare Brandi, che metteva in emphasized the “supranational and universal” value of risalto il valore “sopranazionale e universale” della sua Morandi’s paintings, and Carlo Ludovico Ragghianti, a pittura, e di Carlo Ludovico Ragghianti, figura fondafundamental figure in the history of Florence’s Museo mentale per la storia stessa del Museo Novecento, che Novecento, who underlined the architectural value of mise in evidenza il valore architettonico delle composiGiorgio Morandi’s compositions. All this is at the base zioni di Giorgio Morandi. Da qui le basi di un progetto of a special exhibition, which brings together still-lifes, espositivo speciale, che raccoglie nature morte, paesaggi, landscapes, flowers and engravings that belonged to or fiori e incisioni appartenute o gravitate nell’orbita dei were related to the four illustrious art critics, sealing quattro illustri storici dell’arte, a sugellare, nello scorrere over time their loyalty to Morandi’s silent and resolute del tempo e nel cambiare delle stagioni, la loro fedeltà paintings. nei confronti della silente e ferma pittura di Morandi. 150

FIRENZE


COVER STORY

Above: Giorgio Morandi,

Natura morta, 1923- 1924 Below: Giorgio Morandi, Paesaggio (Cortile in via Fondazza), 1935


The exhibition of Pignatelli at the Bardini Museum, until the end of March 152

FIRENZE


INTERVIEW ART

CIRCULAR, LIQUID TIME LUCA PIGNATELLI. HIS ART ON THE OCCASION OF THE EXHIBITION AT THE BARDINI MUSEUM IN OCCASIONE DELLA MOSTRA AL MUSEO BARDINI RACCONTA LA SUA ARTE text Francesca Lombardi

Luca Pignatelli’s large canvases evoke an alive and present classicity, but also the archaeology of the modern or mythologies of the collective memory, such as the New York skyline, and restore substance and a voice to recovered materials from distant places and times. On the occasion of the exhibition at the Bardini Museum (on until the end of March), we met the artist to talk about his work and way of thinking. His works have more than one level of interpretation – one purely aesthetic and one strongly intellectual. He has an extraordinary ability to drag the spectator into a suspended time, where past and present have little meaning, and the personal moment of the observer counts above all. You are back in Florence for the second time after the exhibition at the Uffizi… I always come back to Florence with great curiosity. Not only for the works in the streets and museums, but also for the great architecture - a name that stands out above all being that of the extraordinary Leon Battista Alberti. During the years when I was an architectural student, I would often get on a train heading for Florence to enjoy the perfect proportions of the squares, the ideal measurements of the churches and the way the facades of the city’s palazzos marched with an almost mathematical cadence. After the Uffizi Gallery, I exhibited at the Bardini Museum. I do not find them to be two very different museums: they are both wonderful treasure chests of stratifications of the past that begin from the classicism that features so widely in my language. The Bardini Museum, where I was able to exhibit twenty-one of my works throughout the rooms, has en-

I grandi dipinti di Luca Pignatelli evocano una classicità viva e presente, ma anche archeologie del sentire moderno o mitologie della memoria collettiva come la skyline di New York e restituiscono parola e spessore a materiali di riuso, che diventano strumenti per contrastare l’imperialismo del nuovo e produttivo a ogni costo. In occasione della mostra al Museo Bardini (fino a fine marzo) abbiamo incontrato l’artista per parlare della sua ricerca pittorica e del suo pensiero. Le sue opere hanno più livelli di lettura: uno puramente estetico e uno fortemente intellettuale. Straordinaria la loro capacità di trascinare lo spettatore dentro un tempo sospeso, dove passato e presente hanno poco senso e conta soprattutto il momento personale di chi guarda. Dopo la mostra agli Uffizi torna a Firenze per la seconda volta… Torno a Firenze sempre con grande curiosità. Non solo per le sue opere nelle strade e nei musei. Ma anche per le grandi architetture: un nome su tutti, il segno straordinario di Leon Battista Alberti. Negli anni della mia formazione, come studente di architettura, spesso salivo su un treno – direzione Firenze - per godere delle proporzioni perfette delle piazze, delle misure ideali delle chiese, dello scorrere con cadenza quasi matematica delle facciate dei palazzi della città… Dopo le Gallerie degli Uffizi, ho esposto al Museo Bardini. Non li trovo due musei troppo diversi: sono entrambi scrigni meravigliosi, di stratificazioni del passato che partono proprio da quella classicità che ha tanto spazio nel mio linguaggio. Il Museo Bardini, che ho potuto percorrere integralmente con ventuno delle mie opere, ha consentito di dare un respiro più ampio e profondo al mio lavoro.

153

FIRENZE


A room of the Bardini Museum. There is a natural affinity between the works of Pignatelli and those of the Museum 154

FIRENZE


INTERVIEW ART

Some of the artist‘s latest works on Persian rugs

abled a broader and deeper perspective of my work. C’è una naturale, intima affinità fra le sue opere There is a natural affinity between your works and e le opere del Museo… those of the Museum… Credo sia la stessa affinità che ha colto Sergio RiI believe it is the same affinity that the exhibi- saliti, curatore della mostra, quando mi ha propotion’s curator Sergio Risaliti grasped when he ap- sto il progetto. Alcuni dei miei ultimi lavori sono proached me about the project. Some of my latest su tappeti persiani, e Stefano Bardini era un granworks are Persian carpets, and Stefano Bardini was de collezionista di tessuti antichissimi, tra cui ad a great collector of antique textiles, including a 15th esempio un tappeto del ‘400. Nella Sala del Crocentury carpet, for example. cifisso c’è una superba Madonna dei Cordari di In the Crucifix Room there is a superb Madonna dei Donatello, genio assoluto e grande sperimentatoCordai by Donatello, an absolute genius and great re. All’interno di questa Madonna troviamo framexperimenter. In this Madonna we find fragments menti di altri materiali come del cuoio passato con of other materials, such as silvered leather and glass l’argento, del vetro per creare giochi di luci… Queused to create plays of light. This idea of recycling, sta idea del riciclaggio, della durevolezza è un alof durability, is another important point of contact tro punto di contatto importante con le mie opere, with my works, especially those in iron, which are soprattutto quelle in ferro che si trovano proprio displayed in the Crucifix Room – they are fragments nella Sala del Crocifisso: sono frammenti del tetto of a church roof which I recovered and which con- di una chiesa che ho recuperato e si ricollegano al nect with the concept of decolonizconcetto di decolonizzare la mente, ing the mind - mine but also that of A SHORT CIRCUIT, mia ma anche di chi guarda, da quethe observer - from the imperialism WHICH ENABLES sto imperialismo del nuovo a tutti i of new at all costs. THE OBSERVER costi. What does the use of previously L’uso di materiali che appartenTO CREATE A used materials, onto which you sugono a un altro vissuto, su cui lei perimpose iconographic images PERSONAL TIME colloca immagini iconografiche che that evoke an alive and present clasevocano una classicità viva e presicism, generate in the spectator? sente, cosa genera nello spettatore? A transitory short circuit, which enables the ob- Un corto circuito transitorio, che permette di creserver to create a personal time around the image. are un tempo proprio intorno all’immagine. Un A personal, suspended time, therefore, that enters tempo personale e sospeso quindi, che entra imimmediately into communication with our change- mediatamente in comunicazione con il nostro muable being, becoming, crossing over - but simulta- tevole essere, divenire, trapassare. Ma allo stesso neously, a circular, liquid time. tempo un tempo circolare e liquido. How do you choose images and supports? Come sceglie immagini e supporti? I have a working method made up of accumulations Ho un modo di lavorare fatto di accumuli e ricorand recourses. There is no before and after, but a si. Non c’è un prima e un dopo, ma più progetti number of projects that take shape together, some- che prendono forma insieme, con a volte grandi times with long pauses in the middle. Often the pause in mezzo … Spesso la scelta delle immagini choice of iconic images in my works is very natural, iconiche dei miei lavori è molto naturale, una ima sudden appropriation of a subject. As if it had al- provvisa appropriazione di un soggetto. Come se ways been on that canvas and was only waiting to fosse sempre stato su quella tela e aspettasse solo emerge. di emergere. 155

FIRENZE


Above: Neri Torrigiani and Giorgiana Corsini Below: malachite and semi-precious stones fireplace, Collezione Demidoff, Museo Stibbert


HISTORY GRAND TOUR

MYSTERIOUS AND FASCINATING A WANDER AMONG THE RUSSIANS ON THE GRAND TOUR IN FLORENCE MISTERIOSI, AFFASCINANTI, MUNIFICI. CURIOSANDO TRA I RUSSI DEL GRAND TOUR text Domenico Savini photo Alessandro Moggi

They didn’t display the sardonic irony of the English, Non possedevano la beffarda ironia degli inglesi, né nor yet the slightly snobbish charm of the French, but tantomeno lo charme un po’ snob dei francesi, ma to make up for this, Russians on the Grand Tour were in compenso i russi al tempo dei Grand Tour erano shrouded in an aura of mystery, embellished with the circondati da un’aura di mistero, intrecciata a quel touch of oriental exoticism that was so popular in the tocco di esotismo orientaleggiante, che tanto piace19th century. Partly because while scions of the aris- va nell’800. Anche perché se da tutta Europa arrivatocracy flocked from all over Europe, Russian travellers no i rampolli dell’alta società, dalla Russia giungeva were absolutely the crème de la crème, members of an proprio la crème de la crème dell’élite legata alla casa élite with connections to the ruling dynasty and often regnante e che spesso viaggiava in incognito, accretravelling incognito, which inevitably heightened their scendone inevitabilmente il fascino. Così fece anche appeal. This was the case with Pavel Petrovich Ro- Pavel Petrovic Romanov, futuro zar Paolo I, il cui viagmanov, the future tsar Paul I, whose European jour- gio europeo era tuttavia ben noto anche alla Gazzetta ney was nevertheless well-known to the Gazzetta Tos- Toscana che ne annunciò l’arrivo in regione scatenancana, which announced his arrival in Tuscany, provok- done una festosa accoglienza. Ma a Firenze bisognerà ing welcoming celebrations. But Florence would have attendere i primi anni dell’800 per conosere una delle to wait until the early 19th century to famiglie più munifiche di tutti i tempi: i meet one of the most munificent famiDemidov. Costruiranno una dimora faIN FLORENCE lies of all time: the Demidovs. The fam- THEY WERE THE volosa a Novoli e trasformeranno Pratoily would build a fabulous residence in lino, diverranno principi e lasceranno a Novoli and transform Pratolino, become ÉLITE CONNETTED Firenze un’impronta indelebile. Prima princes and leave an indelible mark on TO THE RULING fra tutti la poderosa chiesa Ortodossa the city. First and foremost was the imche svetta colorata e cangiante lungo il DYNASTY posing Orthodox Church, which towMugnone. ers colourful and iridescent above the Mugnone river. Sarà infatti proprio lo stretto legame tra la comuniThe close links between Florence and its Russian com- tà russa e Firenze, uno dei capitoli più originali della munity make up one of the most fascinating parts of XXV mostra Artigianato a Palazzo, dove un settore the 25th edition of Artigianato e Palazzo, which will specifico sarà dedicato a Memorie di Russia a Firenze, feature a special section dedicated to Memories of Rus- allestita da Giorgiana Corsini e Neri Torrigiani nel sia in Florence, curated by Giorgiana Corsini and Neri Giardino Corsini (via della Scala 115) nei giorni 16Torrigiani in the Corsini Gardens (Via della Scala 115) 19 maggio. from 16-19 May E fu decisamente amore per Firenze quello che provò And what Nikolai Demidov felt for Florence was defi- Nikolaj Demidov. Lui che a 18 anni era già tenente nitely love. At the age of 18 he was already a lieutenant colonnello, oltre che favorito e consigliere personale colonel, as well as being Catherine the Great’s personal di Caterina II, fu un grande imprenditore. Fu lui a adviser and favourite, and a skilled entrepreneur. He importare in patria le tecnologie più avanzate per lo imported the most advanced technology to his home- sfruttamento delle miniere e la trasformazione induland for the mining and industrial processing of metals, striale dei metalli costruendo così in Russia un impero thus building an empire in Russia based on steel and legato alla lavorazione dell’acciaio e delle armi. 157

FIRENZE


For the 25 years of the event ‘Artigianato e Palazzo’ a fundraising campaign is launched to preserves some extraordinary works of art, witnesses of the cultural link between Florence and the Russian community that, during the 1800s until the early 1900s, enriched Florence with residences, churches and important collections


HISTORY GRAND TOUR

DOSTOEVSKY CAME TWICE, TCHAIKOVSKY LIVED IN VIA SAN LEONARDO IN 1878 DOSTOEVSKIJ VIVEVA IN PIAZZA PITTI, CAJKOVSKIJ PREFERÌ VIA SAN LEONARDO weapons production. But he was also a great philanthropist and, above all, an art lover. In 1815 he was already in Rome and later, in his forties, he lived in Florence: first in Palazzo Serristori, where he transformed and redeveloped the rione of San Niccolò and where today a monument stands on the banks of the Arno, the work of Lorenzo Bartolini, commissioned by Nikolai’s son in tribute to the great dynasty. Nikolai loved Florence so much that he eventually bought the San Donato estate on the Novoli plain from the friars of Sant Croce, and there he built his sumptuous residence. It was a kind of new Academy of fine arts, and was lived in primarily by his son Anatoly, husband of Mathilde, whose uncle was Napoleon, against whom his father had fought, but who opened Russian minds to French tastes. Indeed, it was here that the Demidovs hosted Ingres, who later lived in Via delle Belle Donne, and Delacroix, bringing classical French painting to Florentine attention. And it was here too that they welcomed the greatest of Russian artists, from the writer Fyodor Dostoevsky, who came twice in 1862 and returned six years later to live in Piazza Pitti, to Pyotr Ilyich Tchaikovsky, who lived in Via San Leonardo in 1878. Not to mention the many aristocrats who followed the Demidovs, now known as Princes of San Donato (a title conferred by Leopold II and later confirmed by King Victor Emmanuel II, who also sold the family the Villa di Pratolino on Via Bolognese), to the banks of the Arno. And who themselves were often immortalised by Lorenzo Bartolini, like Marina Gur’eva, for example. Or the Buturlin family (Boutourline, in the French version), or Lydia Bobrinsky, great-granddaughter of Empress Catherine the Great, who married Marquis Orazio Pucci in 1948. Her son Emilio Paolo would later marry Barbera Naryskin, another member of Peter the Great’s family. Thus the destinies of the great Russian houses became increasingly entangled with the Tuscan nobility. Olga Olsufev married Count Giovanni, Prince of Corsini, while the Pandolfini family tree includes the Russian Hitroff family; similarly, marriages with relatives of the tsar can be found among the Torrigiani Malaspina, Antinori, Roselli Cecconi families and even Sveva della Gherardesca, who married Prince Nicolas Romanov, a cousin of the last tsar, Nicholas II.

Ma fu anche un grande filantropo e soprattutto un amante dell’arte. Nel 1815, era già a Roma e poi, quarantenne, a Firenze: Abitò prima a Palazzo Serristori dove trasformò e risanò il rione di San Niccolò e dove oggi, di faccia all’Arno, troneggia il grande gruppo scultoreo, opera di Lorenzo Bartolini, voluto dal figlio proprio in ricordo della gran casata. Ed era tanto l’amore di Nikolaj per Firenze che alla fine acquistò dai frati di Santa Croce la tenuta di San Donato, nella piana di Novoli, dove avrebbe costruito la sua dimora favolosa. Una sorta di nuova Accademia delle arti che fu abitata soprattutto dal figlio Anatolj, marito di Matilde nipote di quel Napoleone contro cui il padre aveva a suo tempo combattuto, ma che aprì la schiatta russa al gusto francese. Fu infatti qui che i Demidov ospitarono Ingres, che poi abitò in via delle Belle Donne, e Delacroix facendo così conoscere ai fiorentini la pittura storica francese. Ed è sempre qui che passarono i maggiori artisti russi, dallo scrittore Fedor Dostoevskij, che ci verrà due volte nel 1862 e poi sei anni più tardi andando a vivere in piazza Pitti, a Petr Ilic Cajkovskij che nel 1878 preferirà via San Leonardo. Per non parlare dei tanti nobili che sulla scia dei Demidov, ormai noti come principi di San Donato (titolo conferito da Leopoldo II e confermato poi dal re Vittorio Emanuele II che gli venderà anche la villa di Pratolino lungo la Bolognese), saranno calamitati sulle rive dell’Arno. E spesso immortalati da Lorenzo Bartolini, come Marina Gur Eva per esempio. O i Buturlin (nella versione francese Boutourline), così come Lidija Bobrinskoy pronipote dell’imperatrice Caterina II che nel ‘48 sposerà il marchese Orazio Pucci. Mentre il figlio Emilio Paolo sposerà poi Barbera Naryskin anch’essa appartenente alla famiglia di Pietro il Grande. I destini delle casate russe s’intrecceranno così sempre più con quelle Toscane. Olga Olsufev sposerà il conte Giovanni dei principi Corsini, mentre tra gli antenati dei Pandolfini si registrano i nobili russi Hitroff, così come matrimoni con i parenti dello zar si avranno tra i Torrigiani Malaspina, tra gli Antinori, tra i Rosselli Cecconi, fino a Sveva della Gherardesca che convolerà a nozze con il principe Nicola Romanov, cugino dell’ultimo zar Nicola II.

159

FIRENZE


MUSIC FESTIVAL

NOTHING SMARTER THE UNMISSABLE APPOINTMENTS OF THE MOST IMPORTANT MUSIC FESTIVAL IN FLORENCE GLI APPUNTAMENTI IMPERDIBILI DEL PIÙ IMPORTANTE FESTIVAL MUSICALE DI FIRENZE text Teresa Favi

“There isn’t anything smarter, between May and June in Florence, than our festival” says Christiano Chiarot, Superintendent of Florence’s opera house, upon meeting him to learn more about the programme for the 82nd Festival del Maggio Musicale Fiorentino. We are talking about the opera festival, one of the oldest in Europe, which each year attracts enthusiasts from all over the world to Florence. The opening is set for the May 2, with

under the direction of the great Calixto Bieito (repeat performances on May 5 and 9). The programme vaunts five opera titles, from contemporary to 16th-century music. There will be over 130 events spread throughout the two months of the programme, which finishes on June 26 with a concert directed by Daniele Gatti, Symphony No. 3 “Symphonie Liturgique” by Honegger and Aleksandr Nevskij, composed by Prokofiev for Ejzenstejn’s film.

“Non c’è niente di più smart, tra maggio e giugno a Firenze, se non le manifestazioni del nostro Festival” dice Christiano Chiarot, Sovrintendente del teatro d’opera di Firenze, quando lo incontriamo per conoscere il programma dell’82esimo Festival del Maggio Musicale Fiorentino. Parliamo del festival lirico, uno dei più antichi d’Europa, che ogni anno richiama a Firenze appassionati da tutto il mondo. Date alla mano, l’inaugurazio-

grande Calixto Bieito (repliche 5 e 9 maggio). Un programma con 5 titoli d’opera,dalla musica contemporanea al Cinquecento, e oltre 130 appuntamenti spalmati su due mesi di programmazione ininterrotta che terminerà il 26 giungo con il concerto diretto da Daniele Gatti, la Sinfonia n. 3 H. 186 Liturgique di Honegger e l’Aleksandr Nevskij composto da Prokof’ev per il film di Ejzenstejn. Nel mezzo, una costellazione musicale di cui vi

ne è fissata per giovedì 2 maggio con un brillante calendario di eventi off tra cui, nel pomeriggio, ricordiamo il concerto da record dei primati di 500 ottoni riuniti sul piazzale Guy, di fronte al teatro. Poi alle 20.00 l’inaugurazione vera con il Lear, opera immensa, tragica e barbarica firmata dal tedesco Aribert Reimann negli anni Settanta, nell’allestimento dell’Opéra National de Paris, che vede Fabio Luisi sul podio con la regia del

segnaliamo gli appuntamenti imperdibili, a partire da La straniera di Bellini in scena il 14, 16 e 19 maggio, cui segue l’attesa nuova commissione del Maggio Le leggi fondamentali della stupidità umana il 25, 29 e 31 maggio al Teatro Goldoni, con la regia di Giancarlo Cauteruccio. “Quest’anno - spiega a questo proposito, Chiarot - abbiamo scelto un giovane, Vittorio Montalti, per musicare questo testo straordinario, che io

FIVE OPERA TITLES, FROM CONTEMPORARY TO 16TH-CENTURY MUSIC, AND OVER 130 EVENTS SPREAD THROUGHOUT THE TWO MONTHS a brilliant programme of events, which includes, in the afternoon, a recordbreaking concert of the 500 brass instruments gathered in piazzale Guy, in front of the theatre. This is followed, at 8pm, by the real opening of the programme, with Lear, the immense, tragic and barbaric work written by German Aribert Reimann in the 70s and staged at the Opéra National de Paris. The performance sees Fabio Luisi take the stage

The rest of the program is dotted with a veritable constellation of music , which includes unmissable concerts, starting with La Straniera by Bellini on May 14, 16 and 19, followed by the highlyanticipated production commissioned by Maggio, Le leggi fondamentali della stupidità umana, on May 25, 29 and 31, directed by Giancarlo Cauteruccio at the Teatro Goldoni. “This year,” Chiarot explains “we chose a young man, Vit-

160

FIRENZE


Two scenes of Lear the opera wich inaugurates the 82nd Festival del Maggio Musicale Fiorentino


Above: Riccardo Muti Below: the Martha Graham Dance Company; Sonia Bergamasco 162

FIRENZE


MUSIC FESTIVAL

torio Montalti, to translate this extraordinary text into music. I consider Carlo M. Cipolla’s work to be a ‘fundamental self-defence book,’ by an author who is linked to Florence, a historian of economics who was well-loved for his extraordinary intelligence.” Another great event occurs on June 15 (with repeat performances on June 17, 19 and 21) which features a well-known face in Italian cinema, even though they appear behind the scenes. It is the new staging of The Marriage of Figaro by Mozart, which is directed by Sonia Bergamasco, the extraordinary actor and

“This festival,” Chiarot adds, “also features big names in orchestra, including Fabio Luisi, Zubin Mehta - who will direct friend Daniel Baremboim on the piano and Zakir Hussein, the Indian musician who is among the most famous tabla players in the world. Riccardo Muti also returns with his Cherubini Orchestra, as well as Myung-whun Chung and James Conlon with the Rai Orchestra. We will also have, for the ballet, the return of the Martha Graham Dance Company.” There are further gems in the more original events:

definisco ‘un libro fondamentale di autodifesa’, di un autore legato a Firenze, Carlo M. Cipolla, storico dell’economia amato per la sua intelligenza straordinaria”. Altro grande appuntamento, è poi quello del 15 giugno (con repliche il 17, 19 e 21 giugno) che vede protagonista un volto noto del cinema italiano, anche se dietro le quinte. E’ il nuovo allestimento de Le nozze di Figaro di Mozart la cui regia è stata affidata a Sonia Bergamasco straordinaria attrice e musicista che inaugura il progetto triennale della Trilogia italiana di Mozart al femminile. La

grandi nomi della musica sinfonica, tra cui, oltre a Fabio Luisi, Zubin Mehta che dirigerà l’amico di sempre Daniel Baremboim al pianoforte e Zakir Hussein, musicista indiano tra i più celebri suonatori di tabla al mondo; torna poi Riccardo Muti con la sua Orchestra Cherubini, sarà con noi Myung-whun Chung, e James Conlon con l’Orchestra Rai. Avremo inoltre, per la danza, il ritorno della Compagnia di Martha Graham”. Tra gli appuntamenti più originali tenete per buone anche queste chicche: il concerto notturno del

IT IS ONE OF THE OLDEST FESTIVAL IN EUROPE. EACH YEAR IT ATTRACTS ENTHUSIASTS FROM ALL OVER THE WORLD È UNO DEI PIÙ ANTICHI FESTIVAL D’EUROPA. OGNI ANNO RICHIAMA A FIRENZE APPASSIONATI DA TUTTO IL MONDO musician, who inaugurates the three-year project for women Trilogia Italiana by Mozart. The evening of this premiere will be the social highlight of the Festival. We then move to the Buontalenti Grotto in the Boboli Gardens to attend a unique event: the first modern staging of Intermedi della Pellegrina. Directed by Federico Maria Sardelli (June 16, 18 and 22), it is a comedy composed and set to music, set in Florence at the end of the 16 century, following the celebrations of the marriage of Gran Duke Ferdinand I and Christina of Lorraine

the night-time concert on May 4, Novecento a confront, with musicians from the Maggio orchestra, who will play from the banks of the Arno and in small boats on the river itself. Film buffs will enjoy the ContempoArtEnsemble on May 21, with music by Philip Glass for Tod Browning’s Dracula and a string version of the celebrated soundtrack of Psycho by Bernard Herrmann, with scores by Reich and Adams. In addition, don’t miss the evening with the Cameristi del Maggio on June 14, titled Kreutzer Sonata and recited by Sergio Rubini.

serata di questa prima sarà il clou mondano del Festival. Ci spostiamo poi alla Grotta del Buontalenti, nel Giardino di Boboli, per assistere ad un evento unico e irripetibile: la prima rappresentazione scenica in tempi moderni, diretta da Federico Maria Sardelli, degli Intermedi della Pellegrina (16, 18, 22 giugno), commedia composta e musicata a Firenze, alla fine del Cinquecento, in vista dei festeggiamenti per le nozze del Granduca Ferdinando I e Cristina di Lorena. “Questo Festival - aggiunge Chiarot - ha anche

163

FIRENZE

4 maggio Novecento a confronto con i musicisti del Maggio che suoneranno dalla riva e sull’Arno dai barchini dei “renaioli”, quella molto cinefila di ContempoArtEnsemble, il 21 maggio, con le musiche di Philip Glass per il Dracula di Tod Browning e la versione come suite per archi di Bernard Herrmann della sua celeberrima colonna sonora per Psycho, assieme a pagine di Reich e Adams. Ma anche la serata dei Cameristi del Maggio intitolata Sonata a Kreutzer con Sergio Rubini voce recitante, il 14 giugno.


Above: a component plated with pure gold Below: Anaconda, the first adjustable speaker in the world


HI-TECH VALLEY

NATURAL SOUND EXPERIENCE GENIUS IS STILL A VALUE IN THE LAND OF LEONARDO. LOOK AT WHAT K-ARRAY IS DOING IN THE MUGELLO LA GENIALITÀ È ANCORA UN VALORE NELLA TERRA DI LEONARDO. GUARDATE COSA FA K-ARRAY NEL MUGELLO text Teresa Favi photo Lorenzo Cotrozzi

An immense park overlooks the modern but warm and reassuring facade of this company that has pursued the amplification and spread of natural sound like the Holy Grail. This entirely “made in Italy” high tech is produced in the Mugello, a half hour from Florence, and exported throughout the world, from St. Patrick’s Cathedral in New York to the X Factor in the UK, the Royal Opera House in London to the City Walk in Dubai. K-array has conquered the world of interior design, architecture and navigation: “The installation of an audio system is requested late in the planning and must be invisible; for this reason, we’ve developed new technology that is smaller and light-weight but just as efficient,” explains Alessandro Tatini, the heart of the company together with his father Carlo and Massimo Ferrati. They settled in San Piero a Sieve in 2005, when Alessandro first thought of his K-array products. One of the most innovative today is Anakonda, the first adjustable speaker in the world, 5x3 cm, two metres long and modular, making it extendable up to 64 metres. These unique characteristics make it indispensable for invisible and uniform soundproofing. Amongst their more recent and genius products is the Lyzard-KZ14, a miniature speaker that can fit in the palm of a hand and weighs only 23 grams. The Lyzard has been explosively popular in hotels, restaurants, homes and luxury yachts and is one of the products chosen for the Serpentine Sackler Gallery in Kensington Gardens as part of a project commissioned to Zaha Hadid Architects. K-array’s reception is a counter with an espresso machine by La Marzocco, a company similar in both location and philosophy to K-array. On the same floor, you find the commercial and administrative offices, illuminated by reflections shining in from the park out front, two large meeting rooms and a lunch room with a gigantic fireplace where steaks from the local butcher are roasted for clients and friends, each one of whom leaves their signature on the steel hood, which has become a sort of wall

Un parco immenso fronteggia la facciata moderna ma calda e rassicurante di quest’azienda che ha fatto della qualità dell’amplificazione e diffusione sonora vocata all’ascolto naturale il suo sacro Graal. Altissima tecnologia made in Italy prodotta nel Mugello a mezz’ora da Firenze, ed esportata in tutto il mondo dalla San Patrick Cathedral di New York a X Factor UK, dalla Royal Opera House di Londra alla City Walk a Dubai. L’eccellenza K-array ha conquistato anche il mondo dell’interior design, dell’architettura e della nautica: “l’installazione di un impianto audio viene richiesta tardi e deve essere invisibile, per questo abbiamo sviluppato una nuova tecnologia che comprime le dimensioni e i pesi senza perdere in efficienza” spiega Alessandro Tatini, anima dell’azienda insieme al padre Carlo e a Massimo Ferrati. San Piero a Sieve li ha accolti nel 2005, quando nella mente di Alessandro si è delineata l’idea dei primi prodotti a marchio K-array. Oggi tra i più innovativi c’è Anakonda la prima cassa snodabile della storia, un diffusore acustico lungo 2 metri, con una sezione di 5×3 cm, così modulare da avere linee intere di suono fino a 64 metri, caratteristiche uniche che lo rendono indispensabile per insonorizzare omogeneamente lunghi tratti in maniera invisibile. Tra le ultime e più geniali produzioni ecco Lyzard-KZ14 diffusore ultra-miniaturizzato che sta nel palmo di una mano e pesa solamente 23 grammi. Un successo planetario che fa gola ad alberghi, ristoranti, residenze e yacht di lusso. E’ tra i prodotti scelti per la Serpentine Sackler Gallery nei giardini di Kensington, a completare il progetto commissionato allo studio Zaha Hadid Architects. La reception di K-array è un bancone bar sul quale troneggia la macchina da espresso firmata La Marzocco, azienda vicina per geografia e filosofia a K-array. Sullo stesso piano si trovano gli uffici commerciali e amministrativi illuminati dai riflessi che provengono dal parco di fronte, due grandi sale riunioni e una stanza da pranzo con un camino gigante sul quale si arrostiscono le bistecche del macellaio del paese per i clienti e gli amici, ognuno dei quali lascia la sua firma sulla cappa in acciaio diventata una specie di Wall of

165

FIRENZE


2

1

1. The entrance of K-array 2. A portrait of Massimo Ferrati, Carlo and Alessandro Tatini 3. Inside the K-array laboratories 4. Lyzard-KZ14, the miniature speaker that can fit in the palm of a hand

3

4

of fame. Fire is Alessandro’s lucky charm, a relic from fame. Il fuoco è l’elemento porte bonheur di Alessandro, un his days as a scout, which partly contributed to turning retaggio del mondo scout dal quale proviene, che in parte him into a dreamer who thinks outside the box. “Being ha contribuito a renderlo un sognatore fuori dalle righe e an inventor means being a bit rebellious, going against dagli schemi. “Essere inventori significa essere un po’ ribelli, the grain,” he explains as we visit his company’s various procedere contro corrente” ci spiega mentre attraversiamo i departments. This think tank has been a success for the vari settori della sua azienda. Un think thank che ha ripagato team, growing from 13 employees in 2005 to around 65 il lavoro di questo team passato da 13 dipendenti nel 2005 professionals from Florence and the Mugello. a un organico di circa 65 professionisti, reclutati tra Firenze We walk through the elegant corridors and work spac- e il Mugello. es, where the Medici motto festina lente seems a perfect Camminiamo attraverso eleganti corridoi e reparti operativi description of the slow but happily torturous rhythm of dove il motto dei Medici “festina lente” sembra perfetto per the work carried out here: we meet emdescrivere il ritmo slow ma felicemente cerployees working in the research and devellotico del lavoro che si svolge qua denvelopment department, followed by the “MADE IN ITALY” tro: conosciamo i ragazzi dell’area ricerca electronics laboratory; we shake hands e sviluppo, passiamo al laboratorio d’eletHIGH TECH IS with software engineers and pre- and PRODUCED IN THE tronica, stringiamo la mano ai softweristi e post-sale IT assistance; we greet assemai tecnici di assistenza pre e post vendita, MUGELLO HILLS salutiamo gli assemblatori, giungiamo nelblers and explore the testing room before coming to the heart of the company: la stanza degli esperimenti, e finalmente a veritable theatre where the wide, perfect and sharp arriviamo nel cuore dell’azienda: un vero e proprio teatro sound of every K-array device rings out, transforming dove il suono ampio, perfetto e pulito di ogni dispositivo Kinto a jaw-dropping immersive sound experience. Activi- array risuona regalando immersive esperienze sonore che ties are held in this evocative space, like the K-academy, lasciano a bocca aperta. E’ in questo spazio suggestivo che which offers professional training courses run by man- vengono ospitate anche le attività della K-academy, corsi agers within the company or from guest companies that specialistici di formazione tenuti dai manager dell’azienda o K-array collaborates with. da aziende ospiti con le quali K-array collabora. By the end of this in-depth visit, we are able to under- Alla fine di questa avvincente visita comprendiamo che gestand that genius, the ability to dream, synergy and a nialità e capacità di sognare, sinergia e glocal philosophy glocal philosophy are the true “sound” of this company, sono il vero ‘sound’ di questa azienda che lasciamo a malinwhich we leave with a heavy heart, like the Land of Toys. cuore come un paese dei balocchi. 166

FIRENZE


A slow but happily torturous rhythm of the work carried out K-array work spaces 167

FIRENZE


Bianco Bianchi, who resurrected the ancient 17th-century technique of using moonstone and scagliola 168

FIRENZE


CRAFT EXHIBITION

A TREASURE TROVE OF BEAUTY THE EXHIBITION FIRENZE SU MISURA WUNDERKAMMER, DEDICATED TO FLORENCE’S FINEST CRAFTSMANSHIP FIRENZE SU MISURA WUNDERKAMMER. LA MOSTRA DEDICATA ALL’ALTO ARTIGIANATO FIORENTINO text Virginia Mammoli photo Dario Garofalo

169

FIRENZE


Two renderings of the arrangement by EligoStudio, at Fortezza da Basso, in the impressive Sala della Volta


CRAFT EXHIBITION

What happens when 60 of the most distinguished artisan masters take their most iconic works and produce them live with a Leonardo da Vinci-inspired twist? At the International Handicrafts Trade Fair 2019, Firenze su misura Wunderkammer showcases acclaimed masters of their craft exhibiting pieces in dialogue with the past, present and future of Florence’s most authentic artisan traditions. The fair, in its 83rd year, is being completely revamped in honor of Florence’s prestigious nomination as Capital of craftsmanship 2019 and will highlight the city and its excellent artisan heritage at its main exhibit. From April 24 to May 1, at Fortezza da Basso, in the impressive Sala della Volta, founders of Firenze su misura, Fondazione CR Firenze and Firenze Fiera present a literal ‘cabinet of curiosities’. The trend of collecting valuable objects into a box or cabinet perpetuated by the nobility and the upper-middle class in the 16th century, this main exhibit, curated by OMA (Osservatorio dei Mestieri d’Arte) and Gruppo Editoriale, presents six wunderkammer, or six cabinets of curiosities, each one dedicated to a craft - home décor, jewellery, leather, tailoring, accessories and perfume - and filled with distinctive pieces. Like rare diamonds, these display of beauty are complemented by audio, video and aromatic features. Made even more unique, the arrangement of the cabinets are designed by EligoStudio and inspired by the Leonardo da Vinci’s Platonic Solids as this year commemorates 500 years since the genius’ death. In addition to the special pieces on display at the exhibition, the prodigious artisans themselves are there to provide live demonstrations of their work including Florentine masters such as Tommaso Pestelli, maker of fine jewellery and stunning furniture pieces that harmoniously combine seashell mirrors, precious stones, gold and silver, and whose great-grandfather made jewellery for some of the most important royals at the beginning of the 20th century. The exhibition includes talented young minds from across the world, including Kyoko Morita, maker of leather bags at Il Merlo Bags. Born in Chicago and raised in Japan, Morita

Metti 60 tra i più importanti maestri artigiani fiorentini, prendi le loro creazioni più iconiche, lavorazioni dal vivo e un allestimento ispirato al genio dei geni, Leonardo da Vinci… Il risultato finale? Firenze su misura Wunderkammer, mostra centrale dell’83° Mostra Internazionale dell’Artigianato (MIDA), un’edizione completamente rinnovata nell’anno della prestigiosa candidatura di Firenze a capitale dell’artigianato 2019 e che ha come protagonisti principali proprio la nostra città e le sue eccellenze artigiane. Dal 24 aprile al 1° maggio, nei monumentali spazi della Sala della Volta della Fortezza da Basso, le opere di questi indiscussi maestri d’arte raccontano storia, presente e futuro delle più autentiche tradizioni fiorentine. Una mostra promossa da Fondazione CR Firenze e Firenze Fiera e curata da OMA (Osservatorio dei Mestieri d’Arte) e da Gruppo Editoriale, già autori di Firenze su misura. Craft Shopping Guide: il prezioso volume da cui prende vita l’esposizione - in vendita nelle migliori librerie e online - che traccia un suggestivo viaggio tra i mestieri d’arte di Firenze, attraverso i volti, le botteghe e i cult di UNIQUE WORKS, questi 60 grandi interpreti contemporanei della tradiAROMATIC FEATURES, LIVE zione. A rendere ancora più uniDEMONSTRATIONS ca questa esperienza lo AND VIDEO scenografico allestimento progettato da EligoStudio, ispirato ai solidi platonici di Leonardo da Vinci, di cui proprio quest’anno ricorre l’anniversario dei 500 anni dalla morte. Sei strutture, ognuna dedicata a un’arte - home décor, gioielleria, pelle, sartoria, accessori e profumi - interpretate come sei wunderkammer, alla lettera “camera delle meraviglie”, termine nato nel XVI secolo, usato dai nobili e dall’alta borghesia per indicare il luogo dove erano custodite le collezioni di oggetti di valore. In questi scrigni sono state incastonate, come diamanti rari, opere uniche che creano un ventaglio di bellezza, arricchito da video-documentari, suoni e profumi. Insieme ai capolavori in mostra, questi eccezionali artigiani si alternano, mostrandone dal vivo alcune delle tecniche di realizzazione.

171

FIRENZE


CRAFT EXHIBITION

THE CENTRAL EXHIBITION OF THE INTERNATIONAL HANDICRAFTS TRADE FAIR 2019 LA MOSTRA CENTRALE DELL’83° MOSTRA INTERNAZIONALE DELL’ARTIGIANATO studied in Kyoto and came to Florence where she worked for several household names in the city, including the Scuola del Cuoio, before opening her own studio in 2018. Moleria Locchi is also presenting, creators of glass and crystal masterpieces using ancient glassblowing, moulding and engraving techniques and established in the Oltrarno since the end of the 19th century. Also in the Oltrarno, Il Bronzetto boasts a whole generation of Florentine bronzeworkers. Then is Bianco Bianchi, who resurrected the ancient 17th-century technique of using moonstone and scagliola and whose extraordinary creations include the acclaimed Medusa head design for Versace’s logo. We can’t forget the Antico Setificio Fiorentino, whose looms have stood the test of time in San Frediano since 1786, one of which was based on designs by Leonardo da Vinci himself. The Setificio’s presence also shines a light on another important anniversary, 500 years since the birth of Grand Duke Cosimo I de’ Medici, who was reputedly bequeathed with precious cloths of silk and gold. And what about perfumery? It was in fact a Medici, Caterina, who personally introduced the use of perfume to the French court upon her marriage to Henry II of Valois, specifically Acqua della Regina (today called Acqua di Santa Maria Novella), with its fresh, zesty aroma produced especially for the French queen by the Dominican friars at Santa Maria Novella, who settled in Florence in 1221 and to whom we can trace the origins of Officina Profumo - Farmaceutica di Santa Maria Novella, a genuine Florentine craft known throughout the world. There are many other magnificent artists showcasing their wares at the fair, and to find out more, follow us on social media with the hashtag #firenzesumisura and pick up our Firenze su misura. Craft Shopping Guide, on sale at the main bookstores and online, an indispensable guide to Florentine craftsmanship, narrating the tradition through the workshops, figures and top products of these 60 contemporary interpreters of tradition.

Tra questi, maestri fiorentini come Tommaso Pestelli, bisnipote del gioielliere delle più importanti teste coronate degli inizi del Novecento, capace di realizzare splendidi gioielli e sorprendenti oggetti d’arredo che vedono fondersi armoniosamente specchiate conchiglie, pietre preziose, oro e argento. Ma anche giovani talenti arrivati da tutto il mondo, come Kyoko Morita, artigiana delle borse in pelle e anima di Il Merlo Bags: nata a Chicago e cresciuta in Giappone, dopo gli studi a Kyoto è volata a Firenze, dove ha frequentato nomi storici come la Scuola del Cuoio, per poi aprire, nel 2018, il proprio laboratorio. Nella città che si narra accolse il granduca Cosimo I de’ Medici - di cui quest’anno ricorre l’altro importante anniversario, ovvero i 500 anni dalla nascita - con pregiatissimi drappi, seta e oro, non poteva mancare poi l’Antico Setificio Fiorentino, i cui telai scandiscono il tempo in quel di San Frediano dal 1786, nonché custode di un incredibile macchinario per l’orditura progettato dallo stesso Leonardo da Vinci. E ancora Moleria Locchi, in Oltrarno dalla fine dell’Ottocento per realizzare capolavori di vetro e cristallo secondo le antiche tecniche di soffiatura, molatura e incisione. Sempre in Oltrarno, gli eredi di una intera generazione di bronzisti fiorentini come Il Bronzetto. C’è poi la scagliola, o pietra di luna, che con i suoi pigmenti colorati è un’antica tecnica seicentesca, riportata in auge da Bianco Bianchi con le sue straordinarie creazioni, tra le quali il celebre tavolo con testa di Medusa, logo della maison Versace. E come non parlare dei profumi? Fu infatti sempre una Medici, Caterina, a introdurre l’uso dei profumi alla Corte di Francia portando con sé, in occasione delle nozze con Enrico II di Valois, Acqua della Regina (oggi Acqua di Santa Maria Novella), un bouquet fresco e agrumato creato appositamente per lei dai frati Domenicani di Santa Maria Novella, che si stabilirono a Firenze nel 1221, e ai quali risalgono le origini dell’Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella, realtà artigiana fiorentina conosciuta in tutto il mondo. Questi ed altri magnifici Maestri, da seguire anche sui social con l’hashtag #firenzesumisura.

172

FIRENZE


1

3

2

4

1. Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella 2. Bianco Bianchi 3. Antico Setificio Fiorentino 4. Kyoko Morita (Il Merlo Bags) 5. Tommaso Pestelli 6. Moleria Locchi

5

6


COVER STORY

174

FIRENZE


COVER STORY

LONG LIVE THE FIORENTINA! THE FIRST BOOK ENTIRELY DEVOTED TO THE WORLD’S MOST POPULAR FLORENTINE DISH IL PRIMO LIBRO TUTTO DEDICATO AL PIATTO DI FIRENZE PIÙ CONOSCIUTO NEL MONDO text Teresa Favi photo Dario Garofalo

175

FIRENZE


COVER STORY

The Fiorentina is a beef steak from a fully-grown Tuscan bovine, cut 3 to 4-fingers thick from the loin area and cooked rare over a wood or charcoal fire 176

FIRENZE


FOOD BOOK

“The word bistecca was invented by us Florentines, “Il nome bistecca è stato inventato da noi fiorentini who have a habit of Italianizing foreign words by che abbiamo l’abitudine di italianizzare le parole adding a vowel at the end and doubling the con- straniere mettendoci in tutti i modi una vocale alla sonants. And so, beef-steak became bistecca. Even fine e raddoppiando le consonanti. Così beef-steak, a pork or veal chop with the bone is technically a la costola di bovino, è diventata la bistecca. Anche bistecca. But the Fiorentina is another thing alto- una braciola con l’osso è una bistecca. gether. The Fiorentina is a beef steak from a fully- Anche di vitello o di maiale. Ma la Fiorentina è digrown Tuscan bovine, cut 3 to 4-fingers thick from versa, è un’altra cosa. La Fiorentina è una bistecca the loin area and cooked rare over a wood or char- di bovino adulto toscano tagliata alta 3-4 dita nelcoal fire. This definition says it all. Details and vari- la lombata e cotta al sangue sulla brace. In questa ants, however, make the difference”. definizione c’è tutto. I dettagli e le varianti, però, This is the beginning of the first book on Tuscany’s fanno la differenza”.  most popular dish, La Fiorentina, osti macellai e vini Inizia così il primo libro sul piatto più conosciuto della vera bistecca. A 200-page book, including 180 della Toscana La Fiorentina, osti macellai e vini della original photographs, a new addition to the series of vera bistecca. Un volume di 200 pagine, con più di volumes published by Gruppo Editoriale. Written by 180 fotografie inedite, che va ad arricchire la colfood-and-wine critic Aldo Fiordelli, with introduc- lana di libri della casa editrice Gruppo Editoriale. tion by Allan Bay. Scritto dal critico enogastronomico Aldo Fiordelli, The new book draws inspiration con la prefazione di Allan Bay. from the Fiorentina’s recent nomiIl nuovo libro prende le mosse dalla 200 PAGES, nation as a UNESCO Intangible recente candidatura della Fiorentina INCLUDING Cultural Heritage. It explores the rea bene dell’UNESCO. Ripercorre il lationship between the countryside, rapporto che lega la campagna, la cu180 ORIGINAL cooking and Florence. It begins with PHOTOGRAPHS cina e Firenze. Parte dall’allevamendescribing the farms where the Chito dove è ufficialmente nata la Chiaanina breed was officially born and nina, spiegando le migliori razze di the best breeds on the market. carne in commercio. Passa attraverso il contributo Four master butchers - Dario Cecchini, Stefano sui migliori tagli di bistecca da parte di quattro maBencistà Falorni, Simone Fracassi and Luca Me- cellai: Dario Cecchini, Stefano Bencistà Falorni, noni - introduce readers to the secrets of meat cut- Simone Fracassi e Luca Menoni. Affronta le tipiting and best steak cuts. The Grand Master Butcher cità del piatto con il maestro dell’Accademia dei from the Accademia della bistecca, Vasco Tacconi, beccai, Vasco Tacconi. explains the dish’s key features. In short, a handy Un libro da tenere a portata di mano, insomma, book for those who wish to learn more about the per sapere qual è la vera Fiorentina, le frollature, true Fiorentina steak, its ageing process, top cuts il taglio e le cotture migliori. E soprattutto, dove si and cooking methods and, above all, the restau- mangiano le migliori Fiorentine a Firenze. In Torants in Florence, in Tuscany and around the world scana. E nel mondo. where the best Fiorentina can be found. E’ infatti un viaggio nelle migliori trattorie e ristoThe book is, in fact, a journey through the best ranti che propongono la Fiorentina: 23 a Firenze, trattorias and restaurants offering Fiorentina 10 in Toscana ma anche a Milano, Londra, Parigi e steak: 23 in Florence, 10 in Tuscany, as well as in New York. Milan, London, Paris and New York. Each restau- Ogni ristorante viene descritto con curiosità e 177

FIRENZE


La Fiorentina, true steak hosts, butchers and wines draws inspiration from the Fiorentina’s recent nomination as a UNESCO. A journey through the best trattorias and restaurants offering Fiorentina steak On sale at the main bookstores and online.

rant is described with a short text which includes aneddoti legati a questo viaggio tra le Fiorentine. anecdotes about the author’s inside look into the Compresi i piatti nell’attesa della bistecca. Per ogni art of Fiorentina cookery, description of the dishes ristorante sono presenti informazioni su razza, tato enjoy before the main course, information about glio, cottura e prezzo proposti da ogni locale, con la the breed, meat cut, cooking method and pricing descrizione di un vino toscano come ideale abbiof each restaurant, as well as the ideal Tuscan wine namento. Un viaggio anche fotografico grazie alle pairing. suggestive immagini di Dario Garofalo. “La mia A photographic jouney too, thanks to the beauti- prima bistecca fu per il compleanno dei 18 anni, ful pictures by Dario Garofalo. “I enjoyed my very come regalo del babbo. Una specie di prima volta. first steak on my 18th birthday, as my father’s gift”. All’epoca i macellai non mangiavano la bistecca…” A sort of “first time”. Butchers didn’t racconta Dario Cecchini l’esuberaneat steak back then…”, Dario Cecchite macellaio di Panzano. ni, the exuberant butcher from Pan“I contadini mangiavano il lesso, le ON SALE AT THE zano, says. “Farm workers ate boiled bistecche si andavano a vendere al meat, we sold the steaks at Florence’s MAIN BOOKSTORES mercato centrale di Firenze. central market. In Greve, nobody ate A Greve fino agli anni Sessanta nesAND ONLINE steak up to the sixties”, as explained suno le mangiava” dice Stefano Benby Stefano Bencistà Falorni, the cistà Falorni, il macellaio e mastro famous master butcher from the Chianti Classico salumiere nel Chianti Classico. “Ho capito l’imporarea. “I realized the importance of sustainability tanza della sostenibilità nelle stalle. Ogni volta che in the cattle-sheds. Every time you eat a steak, you mangiate una bistecca dovreste acquistare 12 kg should buy about 12 kilos of other cuts”, Simone circa di altri tagli” spiega Simone Fracassi, il ‘re Fracassi, the “King of Chianina” in the Casentino della Chianina’ in Casentino. “Il taglio è un’arte. area, says. “Meat cutting is an art. Straight with no Diritto, senza perpendicoli e senza lasciare graffi perpendicular lines and without scratching the sulla carne. È importante per una cottura regolameat. It’s important for the cooking”, Luca Menoni, re” insegna Luca Menoni, macellaio di lungo corso a butcher of long-standing with a shop at the old con bottega nel mercato di Sant’Ambrogio. Sant’Ambrogio Market, explains. 178

FIRENZE


From above clockwise: Stefano BencistĂ Falorni, Dario Cecchini, Simone Fracassi, Luca Menoni 179

FIRENZE


Negroni has turned 100. The most Italian and aristocratic of the long drinks was born in Florence in 1919


CULT EXPERIENCE

COCKTAIL CITY 100 YEARS OF NEGRONI AND A COCKTAIL WEEK NOT TO BE MISSED 100 ANNI DI NEGRONI E UNA COCKTAIL WEEK DA NON PERDERE text Teresa Favi

One third Martini Rosso, one third Campari and one third gin served in an old-school glass with half a slice of orange: the Negroni, the most Italian and aristocratic of the long drinks, has turned 100. It is said that the original Negroni was mixed for the first time at Caffè Casoni on via de’ Tornabuoni, later known as Caffè Giacosa. Since the end of the 19th century, Florentine cafes offered gentlemen a “vermouth hour” in the late afternoon, together with “bitter hour,” before it soon became fashionable to drink an Americano, a combination vermouth and bitter that is still popular today. It was the dawn of the Negroni. But it was at via de’ Tornabuoni, 83, one afternoon a century ago that Count Camillo Negroni asked the legendary barman Fosco Scarselli to “strengthen” his Americano with a splash of gin instead of soda water, giving the drink the extraordinary and unmistakable bitter flavour of juniper essence. For a short time, it was known as “Count Negroni’s Americano,” but its name soon became simply Negroni. Since then, the ruby-red cocktail has become a legend, inextricably tied to Florence, where this year they are celebrating the drink during the 4th edition of Florence Cocktail Week (May 6 – 12). The event dedicated to “made in Florence” mixtures includes some of the best cocktail bars in Florence and Tuscany, with a packed calendar and calling enthusiasts to the city from all over the world. Throughout the week, 30 Florentine establishments are offering a cocktail list that includes a Signature Cocktail (a twist on the classic Negroni), RiEsco a Bere Italiano, I Love Bitter and a Green Drink, giving bartenders the freedom to express their full creativity. We met with Paola Mencarelli, who together with Lorenzo Nigro is the heart and soul of this event. Where can you order the best Negroni in the city? Gilli 1733 in piazza della Repubblica. Luca Picchi is the man behind the bar, considered a master in the city. He’s also the author of a book about this legendary cocktail. We’re at the height of the cocktail culture. What are four trends to look out for in 2019? A low-alcohol cocktail and a healthy cocktail, with a focus on responsible drinking; using Italian ingredients, especially bit-

Un terzo di martini rosso, un terzo di campari e un terzo di gin. Il tutto servito in un bicchiere vecchio stile, con mezza fetta d’arancia. Il Negroni, il cocktail più italiano e aristocratico tra i long drink del mondo, compie 100 anni. Si dice che il Negroni, quello originale, sia stato miscelato per la prima volta al Caffè Casoni di via de’ Tornabuoni, divenuto poi Caffè Giacosa. Dalla fine dell’Ottocento nei caffè fiorentini nel tardo pomeriggio scattava per i gentiluomini “l’ora del vermouth”, insieme a quella del Bitter, cui dopo un po’ seguì la moda di consumare una combinazione di Vermouth e Bitter ancora oggi molto apprezzata, l’Americano. Era l’alba del Negroni. Ma proprio in via de’ Tornabuoni, 83 un pomeriggio di un secolo fa il conte Camillo Negroni chiese al leggendario barman Fosco Scarselli di “irrobustire” il suo Americano con una sprizzata di gin al posto della soda, aggiungendo al drink lo straordinario e inconfondibile gusto amarognolo del ginepro. Per un breve periodo divenne “un Americano alla maniera del conte Negroni”, ma presto il suo nome fu semplicemente Negroni. Da allora quel cocktail rosso rubino è entrato nella leggenda, indissolubilmente legato a Firenze che quest’anno lo festeggia in maniera tutta speciale durante la IV edizione della Florence Cocktail Week (6 - 12 maggio). E’ infatti l’appuntamento dedicato alla miscelazione “made in Florence che coinvolge alcuni tra i migliori cocktail bar di Firenze e della Toscana con un fitto calendario di eventi, richiamando in città appassionati da tutto il mondo. Trenta locali fiorentini propongono per una settimana una cocktail list composta da: un Signature Cocktail (Twist sul Negroni), un RiEsco a Bere Italiano, un I Love Bitter ed un Green Drink, nei quali i bartender possono dare libero sfogo a tutta la loro creatività. Abbiamo incontrato Paola Mencarelli che con Lorenzo Nigro è l’anima di questa kermesse. Paola, dove si ordina il miglior Negroni in città? Gilli 1733 in Piazza della Repubblica. Dietro al bancone c’é Luca Picchi, considerato il Maestro in città, tra l’altro anche autore di un libro su questo cocktail leggendario. Cocktail culture all’apice, quattro tendenze per il 2019? Low alcohol cocktail e healthy cocktail, con attenzione al bere

181

FIRENZE


A moment of a workshop during the Florence Cocktail Week

ters and liquors; a return to classic mixtures; and eco-sustainability (no plastic, biodegradable materials) and sustainability (no to waste, yes to fermentation). Food and mixology are running increasingly parallel to one another. What are your favourite pairings? Bistecca alla fiorentina and a Negroni, cheeses and a gin and tonic, steak tartare and a Bloody Mary. Where did the idea for a week dedicated to Mixology in Florence come from? These kinds of things didn’t exist in Italy until 2016, unlike the rest of Europe. So it truly is the first Italian Cocktail Week! A topical moment dedicated to the Negroni during Florence Cocktail Week? The round table sponsored by the Municipality of Florence titled “The Negroni Century. History, key figures and the evolution of the most famous Italian cocktail in the world,” held on Saturday, May 11. Speakers include well-known figures in the international mixology scene, including Mauro Mahjoub, “The King of Negroni” and based in Munich, Jared Brown and Anistatia Miller from London and David Wondrich out of New York; they are amongst the world leaders in the history of this cocktail. Unrelated, you’re from Siena. What’s the most beautiful part of your city? Piazza del Campo fascinates me every time I go back, especially during the Palio. If you invite friends to Florence, where would you begin your ideal tour? At San Miniato al Monte, the most beautiful viewpoint in the city.

responsabile. Utilizzo di prodotti made in Italy, in particolare amari e liquori. Ritorno alla miscelazione classica. Ecosostenibilità (no plastica, sì materiali biodegradabili) e sostenibilità (no agli scarti, si alle fermentazioni). Cibo e mixology sempre più vicini, i tuoi abbinamenti preferiti? Bistecca alla Fiorentina e Negroni, formaggi e Gin Tonic, tartare di carne con un Bloody Mary.  Come è nata la settimana dedicata alla mixology a Firenze? In Italia questo format non esisteva ancora nel 2016, a differenza del resto d’Europa. Dunque, è a pieno titolo la prima Cocktail Week italiana!  Il momento topico dedicato al Negroni durante la Florence Cocktail Week? La tavola rotonda patrocinata dal Comune di Firenze dal titolo “The Century of Negroni. Storia, protagonisti ed evoluzione del cocktail italiano più amato nel mondo”, sabato 11 maggio, a cui prenderanno parte volti noti della Mixology internazionale come Mauro Mahjoub, “The King of Negroni” a Monaco di Baviera, Jared Brown e Anistatia Miller da Londra e David Wondrich, New York, tra le maggiori autorità a livello mondiale sulla storia dei cocktail. Uscendo dal tema. Tu sei senese, il posto più bello della tua città? Piazza del Campo, mi affascina ogni volta che ci torno, specialmente nei giorni del Palio. Se inviti amici a Firenze, qual è il primo luogo da cui faresti iniziare il tuo itinerario ideale? Dall’Abbazia di San Miniato al Monte, è il belvedere più bello sulla città.

182

FIRENZE


COVER STORY

Paola Mencarelli, with Lorenzo Nigro, is the heart and soul of the ‘Florence Cocktail Week’


FOOD EXPERIENCE

FLAVOURS WITH A VIEW

TOSCA&NINO. AT LA RINASCENTE, A JOURNEY THROUGH THE REGION’S FOOD EXCELLENCE TOSCA&NINO, ALLA RINASCENTE, UN VIAGGIO NELLE ECCELLENZE DELLA REGIONE text Virginia Mammoli

A magnificent terrace overlooking Piazza della Repubblica. A very special place that presents a marvellous synthesis of the porticoes of the square, Brunelleschi’s dome and the silhouette of Orsanmichele church. It’s the terrace on the fifth floor of Florence’s newly-refurbished Rinascente department store, and it’s the perfect place to sample the specialities of Tosca&Nino. A journey that’s experienced through all five senses, mapping out the region’s flavours and aromas. The café-restaurant, open from morning to midnight, is located on the fourth floor. The ceiling is made of shining glass, with views of Giotto’s bell-tower. Upstairs are the wine shop and the boutique, offering wonderful foods and wines, but also artisan items linked to the world of food. The project involves more than 100 local producers, and is the brainchild of Florence-born Simone Arnetoli and Laura Tosetti. Where did the idea for Tosca&Nino come from? A sign in New York reading “Tuscan pizza”. That was when we realised the value of the word “Tuscan” in the wider world. So we decided to invent a way of exporting our excellent products. The name is intended to evoke the traditional corner delis which offer advice on the products they sell. Can you give us a few examples of these products? Small items: knives from Scarperia, ceramics from Montelupo, fabrics from Casentino and leather goods made in Santa Croce. As for food and drinks: San Felice water, Mokarico coffee, Mattei biscotti, Falorni cured meats and Savini truffles. Last but not least, we’ve created some special signature cocktails, which are also made exclusively with Tuscan spirits and mixers. What are the benefits of a partnership with Rinascente? There’s no doubt that an association with such a wellknown name adds value to our brand and increases the visibility of our - albeit small-scale - producers. So from this fabulous platform we’re ready to tackle our new launches of stores in Tuscany and abroad!

Una stupenda terrazza affacciata su piazza della Repubblica. Un luogo speciale, che regala una magnifica sintesi tra il loggiato della piazza, la cupola del Brunelleschi e il profilo della chiesa di Orsanmichele. È la terrazza al quinto piano della nuova Rinascente, dove assaporare le specialità di Tosca&Nino. Un viaggio attraverso i cinque sensi, che tratteggia una mappa dei sapori e profumi della regione. Il ristorante-caffè, aperto dalla mattina a mezzanotte, si trova al quarto piano. Come soffitto una luminosa vetrata, da cui spunta il campanile di Giotto. Al piano superiore anche l’enoteca e la bottega, con eccellenze enogastronomiche, ma anche creazioni artigianali legate all’universo della tavola. Un progetto che coinvolge più di 100 produttori locali, opera dei fiorentini Simone Arnetoli e Laura Tosetti. Come nasce l’idea di Tosca&Nino? Da una insegna a New York con scritto “pizza toscana”. È in quell’occasione che ci siamo resi conto del valore che la parola “toscana” ha nel mondo. Per questo abbiamo deciso di inventare un format per esportare le nostre eccellenze. Il nome vuol far pensare a due pizzicagnoli di quartiere, che consigliano al meglio sui vari prodotti. Qualche esempio di questi prodotti? Per l’oggettistica: coltelli di Scarperia, ceramiche di Montelupo, tessuti del Casentino e accessori in pelle conciata a Santa Croce. Per la gastronomia: acqua San Felice, caffè Mokarico, biscotti di Mattei, salumi Falorni e tartufo Savini. Infine, abbiamo creato anche alcuni speciali signature cocktail, realizzati anche questi con alcolici e liquori rigorosamente toscani. Il valore aggiunto di una partnership con Rinascente? Senza dubbio legarsi a un brand così importante valorizza il nostro marchio e aumenta la visibilità dei nostri, anche piccoli, fornitori. Da questo magnifico podio siamo quindi pronti ad affrontare le prossime aperture in Toscana e all’estero!

184

FIRENZE


The cafĂŠ-restaurant, open from morning to midnight, is located on the fourth floor of La Rinascente. Upstairs are the wonderful terrace, the wine shop and the boutique, offering wonderful foods and wines, but also artisan items linked to the world of food

aaa


FIRENZE Antica Torre di via Tornabuoni n.1 - Via de’ Tornabuoni, 1r - Firenze ph +39 055 265 8161 www.tornabuoni1.com B&B In Piazza della Signoria - Via dei Magazzini, 2 - Firenze ph +39 055 2399546 www.inpiazzadellasignoria.com Castello del Nero Hotel & Spa Strada Spicciano 7, Tavarnelle Val Di Pesa, ph. +39 055 806470 www.castellodelnero.com Four Seasons Hotel Firenze - Borgo Pinti 99, 99 - Firenze ph +39 055 26261 www.fourseasons.com Gallery Hotel Art Vicolo dell’ Oro, 5 - Firenze ph +39 055 27263 www.lungarnocollection.com Golf Club Poggio dei Medici - Via San Gavino, 27 - Scarperia ph +39 055 8435562 www.golfpoggiodeimedici.com Grand Hotel Minerva - Piazza Santa Maria Novella , 16 - Firenze ph +39 055 27230 www.grandhotelminerva.com Grand Hotel Villa Medici - Via Il Prato, 42 - Firenze ph +39 055 277171 www.villamedicihotel.com Hotel Albani - Via Fiume, 12 - Firenze ph +39 055 26030 www.albanihotels.com Hotel Albergotto - Via de’ Tornabuoni, 13 - Firenze ph +39 055 239 6464 www.albergotto.com Hotel Bernini Palace - Piazza San Firenze, 29 - Firenze ph +39 055 288621 www.hotelbernini.duetorrihotels.com Hotel Cellai Firenze - Via 27 Aprile, 14, 52/R - Firenze ph. +39 055 489291 www.hotelcellai.it Hotel Continentale - Vicolo dell’Oro, 6r - Firenze ph +39 055 27262 www.lungarnocollection.com Hotel Helvetia & Bristol - Via de’ Pescioni, 2 - Firenze ph +39 055 26651 www.royaldemeure.com Hotel Il Salviatino - Via del Salviatino, 21 - Firenze ph +39 055 9041111 www.salviatino.com Hotel Loggiato dei Serviti Piazza SS. Annunziata, 3 - Firenze ph +39 055 289592 www.loggiatodeiservitihotel.it Hotel Montebello Splendid - Via G. Garibaldi, 14 - Firenze ph +39 055 27471 www.montebellosplendid.com Hotel Orto de’ Medici - Via San Gallo, 30 - Firenze ph +39 055 483427 www.ortodeimedici.it Hotel Regency - Piazza Massimo D’Azeglio, 3 - Firenze ph +39 055 245247 www.regencyhotel.com Hotel Santa Maria Novella - Piazza Santa Maria Novella, 1 - Firenze ph +39 055 271840 www.hotelsantamarianovella.it Hotel Savoy - Piazza della Repubblica, 7 - Firenze ph +39 055 27351 www.hotelsavoy.it Hotel Villa Fiesole - Via Beato Angelico, 35 - Fiesole ph +39 055 597252 www.villafiesole.it J & J Historic House Hotel Florence - Via di Mezzo, 20 - Firenze ph +39 055 26312 www.jandjhotel. net J.K. Place - Piazza Santa Maria Novella, 7 - Firenze ph +39 055 2645181 www.jkplace.com L’O Hotel L’Orologio - Piazza Santa Maria Novella, 24 - Firenze ph +39 055 277380 www.hotelorologioflorence.com Lungarno Hotel - Borgo San Jacopo, 14 - Firenze ph +39 055 27261  www.lungarnocollection.com Lungarno Suites - Lungarno degli Acciaiuoli, 4 - Firenze ph +39 055 27268000  www.lungarnocollection.com Palazzo Magnani Feroni All Suites Florence Borgo San Frediano, 5 - Firenze ph +39 055 2399544 www.palazzomagnaniferoni.com Palazzo Niccolini al Duomo - Via de’ Servi, 2 - Firenze ph +39 055 282412 www.niccolinidomepalace.com Palazzo Vecchietti - Via degli Strozzi, 4 - Firenze ph +39 055 230 2802 www.palazzovecchietti.com Relais S. Croce - Via Ghibellina, 87 - Firenze ph +39 055 2342230 www.relaisantacroce.com Residenza del Moro - Via del Moro, 15 - Firenze ph +39 055 290884 www.residenzadelmoro.com The St. Regis Florence - Piazza Ognissanti, 1 - Firenze ph +39 055 27161 www.stregisflorence.com The Westin Excelsior - Piazza

HOTEL PARTNERS Ognissanti, 3 - Firenze ph +39 055 27151 www.westinflorence.com Tornabuoni Suites Florence - Via Tornabuoni, 9 - Firenze ph +39 055 234 6865 www.tornabuonisuites.com Velona’s Jungle - Via Montebello, 86 - Firenze ph. +39 055 2741536 www.velonasjungle.com Villa Cora - Viale Machiavelli, 18 - Firenze ph +39 055 228790 www.villacora.it Villa Gamberaia - Via del Rossellino, 72 - Settignano ph +39 055 697205 www.villagamberaia.com Villa la Massa - Via della Massa, 24 - Candeli ph +39 055 62611 www.villalamassa.com Villa la Vedetta - Viale Michelangelo, 78 - Firenze ph +39 055 681631 www.villalavedettahotel.com Villa Le Maschere - Via Nazionale, 75 - Barberino del Mugello ph. +39 055 847431 www.villalemaschere.it Villa Mangiacane Via Faltignano, 4 - San Casciano in Val di Pesa ph +39 055 829 0123 www.mangiacane.com Villa Olmi Resort - Via degli Olmi, 4/8 - Bagno a Ripoli ph +39 055 637710 www.villaolmiresort.com Villa San Michele - Via Doccia, 4 - Fiesole Firenze ph +39 055 567 8250 www.villasanmichele.com AREZZO Il Borro - Loc. Borro , 1 - San Giustino Valdarno ph +39 055 9772921 www.ilborro.it GROSSETO Gallia Palace Hotel - Via delle Sughere - Localita’ Punta Ala, - Punta Ala ph +39 0564 922022 www.galliapalace.it Hotel Cala Del Porto - Via del Pozzo, - Punta Ala ph +39 0564 922455 www.hotelcaladelporto.com Hotel Residence Roccamare - Via Rocchette, - Castiglione della Pescaia ph +39 0564 941124 www.roccamare.it Il Pellicano Hotel - Loc. Sbarcatello, - Porto Ercole ph +39 0564 858111 www.pellicanohotel.com L’Andana - Tenuta la Badiola - Castiglione della Pescaia ph +39 0564 944800 www.andana.it LUCCA Albergo Pietrasanta - Via Garibaldi, 35 - Pietrasanta ph +39 0584 793727 www.albergopietrasanta.com Augustus Hotel & Resort - V.le E. Morin, 169 - Forte dei Marmi ph +39 0584 787200 www.augustus-hotel.it Byron - Viale A. Morin, 46 - Forte dei Marmi ph +39 0584 787052 www.hotelbyron.net Grand Hotel Imperiale - Via Mazzini, 20 - Forte dei Marmi ph +39 0584 78271 www.grandhotelimperiale.it Grand Hotel Principe di Piemonte - Piazza Puccini, 1 - Viareggio ph +39 0584 4011 www.principedipiemonte.com Hotel Villa Roma Imperiale Via Corsica, 9 - Forte dei Marmi ph +39 0584 78830 www.villaromaimperiale.com PISA Bagni di Pisa - Largo P. Shelley, 18 - Pisa ph +39 050 88501 www.bagnidipisa.com PISTOIA Grand Hotel & La Pace - Via della Torretta, 1 - Montecatini ph +39 0572 9240 www.grandhotellapace.it Grotta Giusti - Via Grotta Giusti, 1411 - Monsummano Terme ph +39 0572 90771 www.grottagiustispa.com SIENA Borgo La Bagnaia - S.S. 223 Siena-Grosseto km 56, - Località Bagnaia ph +39 0577 813000 www.labagnaiaresort.com Fonteverde Natural Spa Resort - Località Terme, 1 - San Casciano dei Bagni ph +39 0578 57241 www.fonteverdespa.com Grand Hotel Continentale - Banchi di Sopra, 85 - Siena ph +39 0577 56011 www.royaldemeure.com La Collegiata - Località Strada, 27 - San Gimignano ph +39 0577 943201 www.lacollegiata.it Relais La Suvera - Via della Suvera, 70 - Casole D’Elsa ph +39 0577 960300 www.lasuvera.it Terme di Saturnia Spa & Golf Resort Saturnia ph +39 0564 6000111 www.termedisaturnia.it


THE GO-TO RESTAURANTS

FIRENZE

BORGO SAN JACOPO

Borgo San Jacopo, 62r ph +39 055.281661 One Michelin starred. This restaurant, recently renovated, is located near Ponte Vecchio. Enchanting environment and lovely views over the River Arno enhanced by the warmth of an elegant private home. Una stella Michelin. Siamo a una spanna da Ponte Vecchio, con splendida vista sull’Arno. L’atmosfera è incantata, resa ancora più elegante dalla recente opera di rinnovamento.

BUCA DELL’ORAFO

Via de’ Girolami, 28r ph +39 055.213619 In Florence they are called buche: basement workshops converted into wine cellars and then restaurants serving simple, traditional Florentine dishes. The signature dishes are artichoke frittata (in winter and springtime) and chine of pork with potatoes. A Firenze si chiamano ‘buche’, sono degli ex-laboratori seminterrati trasformati in cantinette, poi adibite a ristoranti. I veri cult sono il tortino di carciofi (in inverno e primavera) e l’arista di maiale con le patate.

BUCA LAPI

Via Trebbio, 1r ph +39 055 213768 One of the city’s oldest and best-known buche. The kitchen is on show, a typical Tuscan and country atmosphere. The heart and soul of the restaurant is owner Luciano Ghinassi, who carries on Tuscany’s culinary tradition. Among the must-tries are barbecued steak, pasta and homemade desserts. Una delle buche più storiche e famose della città. Cucina a vista, atmosfera rustica rappresentativa della massima espressione toscana. Oggi il patron e anima del ristorante, Luciano Ghinassi, mantiene viva la tradizione registrando il pieno di prenotazioni tutte le sere. Tra i must la bistecca al carbone e la pasta e i dolci fatti in casa.

BUCA MARIO

Piazza degli Ottaviani, 16r ph +39 055 214179 This buca is based in the sixteenth-century Palazzo Niccolini and counts celebrities such as Anthony Hopkins, Justin Bieber, Kirsten Dunst, Andrea Bocelli. Traditional dishes like artichoke flan, ribollita, pappardelle with wild boar meat sauce and barbecued steak. Da questa ‘buca’ che occupa i sotterranei del cinquecentesco palazzo Niccolini sono passati personaggi come Anthony Hopkins, Justin Bieber, Kirsten Dunst, Andrea Bocelli. Ricette della tradizione tra le quali spiccano lo sformatino di carciofi, la ribollita, le pappardelle al ragù di cinghiale e la bistecca alla brace.

BUND

Piazza Ferrucci, 1r - ph. +39 055 2699833 The restaurant is named after the avenue to the left of the Huangpu river, one of Shanghai’s most symbolic sites. The cuisine is based on various regional Chinese specialties. Il ristorante prende il nome dal viale sulla sinistra del fiume Huangpu, uno dei luoghi

simbolo di Shanghai. La cucina però spazia tra le varie specialità regionali della Cina.

CAFFÈ DELL’ORO

Lungarno Acciaiuoli, 2/p ph +39 055 27268912 The new Lungarno Collection restaurant and bistro, just steps away from Portrait Firenze, offers the best view of Ponte Vecchio. A “living room with kitchen” , soft and welcoming. Nuovo ristorante e bistrot della Lungarno Collection, a un passo dal Portrait Firenze, è la vista più bella su Ponte Vecchio. Un ‘salotto con cucina’, morbido ed accogliente.

CAMMILLO

Borgo San Jacopo, 57r ph +39 055 212427 Run by the same family since 1945, this is one of Florence’s most typical restaurants, frequented by both locals and tourists. Dal 1945 nelle mani della stessa famiglia, ecco è una delle trattorie più tipiche di Firenze, frequentata da un’affezionata clientela fiorentina e internazionale.

CANTINETTA ANTINORI

Piazza degli Antinori, 3 ph +39 055 292234 Cantinetta Antinori has been one of Florence’s best known restaurants since 1957. A familiar atmosphere characterizes this intimate and comfortable place where one can taste a wide selection of MarchesiAntinori wines paired with Tuscan traditional dishes. Dal 1957 la Cantinetta Antinori è uno dei ristoranti più conosciuti di Firenze. Un contesto familiare e un’atmosfera confortevole caratterizzano l’ambiente accogliente e intimo, dove è possibile degustare un’ampia selezione di vini Marchesi Antinori in abbinamento a specialità della cucina toscana.

CESTELLO RISTOCLUB

Piazza di Cestello, 8 ph +39 055 2645364 A superb fish restaurant overlooking the lovely Piazza di Cestello with a terrace where meals can be enjoyed in summer in the shade of the homonymous church. Con una splendida vista sulla piazza del Cestello, dove d’estate si estende un fresco dehor all’ombra della omonima Chiesa, ecco un eccellente ristorante di pesce.

CIBLEO

Via del Verrocchio, 2r ph. +39 055 2477881 The city’s first Tuscan-Japanese-Korean restaurants ideated by one of Florence’s most symbolic chefs, Fabio Picchi. A Korean chef and Japanese sous chef alongside Fabio Picchi in the kitchen. Il primo ristorante corean-nipponico-toscano ideato da uno degli uomini di cucina simbolo in citta, Fabio Picchi. In cucina, oltre a Fabio Picchi, una chef coreana e un souf chef giapponese.

CIBREO

Via Andrea del Verrocchio, 8 ph +39 055 2341100 Cibreo has been a sophisticated melting pot of aromas and flavours since 1979, with a sole conductor on the podium, Chef Fabio Picchi. The must-tries are yellow pepper soup, salt cod à la Cassi, stuffed chicken neck and Florentine-style pot roast. Dal 1979 Cibreo è un raffinato melting pot

di sapori e profumi, con un unico direttore di orchestra, lo chef Fabio Picchi. Da assaggiare il passato di peperoni gialli, il baccalà alla Cassi, il collo ripieno e lo stracotto alla fiorentina.

COCO LEZZONE

Via del Parioncino, 26r ph +39 055 287178 A typical early twentieth-century Florentine trattoria with checked tablecloths, friends chatting and portraits of famous customers hanging from the walls. The house specialties are pappa al pomodoro, ribollita, roast chine of pork and superb T-bone steak. Tipica trattoria fiorentina dei primi ‘900 con tovaglie a quadri, chiacchere tra amici, e alle pareti ritratti di artisti e personaggi famosi che sono passati di qui. I piatti tipici sono la pappa al pomodoro, la ribollita, l’arista al forno e una eccellente bistecca.

CUCINA TORCICODA

Via Torta, 5r - ph. +39 055 2654329 An innovative multi-venue restaurant concept, based on three distinct dining areasrestaurant, osteria and pizzeria. Mediterranean-style gourmet cooking, among the must-tries are Angus beef filet and Torcicoda crumble. Un grande concept innovativo, che si snoda su tre diversi locali - ristorante, osteria e pizzeria - ognuno con una propria vocazione, menù e atmosfera. Cucina gourmet mediterranea, tra i must il filetto di angus e il crumble Torcicoda.

DITTA ARTIGIANALE OLTRARNO

Via dello Sprone, 5r ph. +39 055 2741541 A second location in the Oltrarno area following the success of the first restaurant in Via dei Neri. Open from 8 am to midnight, the ideal place for breakfast, lunch, dinner and drinks (there’s an extensive gin list). The kitchen is run by chef Arturo Dori. Nuova apertura in Oltrarno dopo il successo del locale in via dei Neri. Dalle 8 del mattino alle 24, la location ideale per colazione, pranzo, cena e aperitivo (fornitissima la carta dei gin). In cucina lo chef Arturo Dori.

ENOTECA PINCHIORRI

Via Ghibellina, 87 ph + 39 055 242757 The temple of taste in Florence, three Michelin stars. Giorgio Pinchiorri and Annie Feolde from different origins but with the same passion that drove them in these last 40 years to create something unique in its kind. Unforgettable the dishes prepared by Chef Riccardo Monco as well as a trip to the wine cellar, one of the best in the world: a collection of over 4000 labels. Il tempio del gusto a Firenze, tre stelle Michelin. Giorgio Pinchiorri e Annie Feolde, di origini diverse ma con la stessa passione che li ha portati in questi ultimi 40 anni a creare qualcosa di unico. Imperdibile l’esplorazione delle proposte dello Chef Riccardo Monco, così come la cantina, tra le prime del mondo, con oltre 4000 etichette.

ESSENZIALE

Piazza di Cestello, 3r Ph. +39 055 2476956 A refined showcase for a modern Tuscan cuisine in the loft-style ambiance of a 19th-century warehouse. The young yet

already accomplished chef Simone Cipriani draws from the local tradition when he prepares his original dishes. Raffinata vetrina di cucina toscana moderna, in un ambiente stile loft ricavato da un magazzino del XIX secolo. Regno del giovane ma già affermato chef Simone Cipriani che propone piatti originali ispirati alla tradizione.

FUOR D’ACQUA

Via Pisana, 37 ph +39 055 222299 This restaurant serves only freshly-caught fish on a daily basis: freshness is guaranteed in this well-known and popular fishbased restaurant. Both simple or more elaborate dishes prepared as per tradition, such as Catalan-style seafood, Trabaccolara paccheri and warm and cold appetizers, which are the restaurant’s specialty along with raw fish dishes. Caratteristica del ristorante, la scelta di servire solo il pescato del giorno: freschezza garantita in questo punto di riferimento indiscusso per la cucina di mare. Ricette semplici o elaborate secondo la tradizione come la Catalana, i paccheri alla Trabaccolara e gli antipasti, crudi o caldi, che sono una delle specialità insieme ai grandi piatti di cruditè.

GILÒ PIANOBAR

Via dei Fossi, 44r ph. +39 055 283393 It is the restaurant recently opened by Gianfranco Lotti. An old-fashioned atmosphere, soft lights, briarwood paneling and Florentine artisan-made furniture, with a grand piano as the focal point. È il locale recentemente aperto da Gianfranco Lotti. Atmosfera d’antan, luci soffuse, pareti in radica e arredi di artigianato fiorentino deluxe, con un pianoforte a mezza coda come anima centrale.

GUCCI GARDEN

Piazza della Signoria, 10 ph. +39 055 75927010 Housed in the Palazzo della Mercanzia, a unique space including a special store offering exclusive creations available only in Florence, a museum curated by Marialuisa Frisa and a restaurant-bistro run by Massimo Bottura, the owner of Osteria Francescana (3 Michelin stars), awarded as the world’s best chef. All’interno meraviglioso Palazzo della Mercanzia uno spazio unico che ospita uno special store dove trovare creazioni storiche in vendita solo a Firenze, una galleria museale curata da Marialuisa Frisa, e un ristorante-bistrot con a capo Massimo Bottura, patron dell’Osteria Francescana (tre stelle Michelin) premiato più volte come migliore chef al mondo.

GURDULÙ

Via delle Caldaie, 12/14r ph. +39 055 282223 Gurdulù, the picturesque character of The Nonexistent Knight by Italo Calvino, represents life lived cheerfully, instinctively, always on the go. This is the spirit with which the owners, along with multi-awarded chef Entiana Osmenzeza, created a place unique of its kind yet comfortable and friendly, offering a wonderful Balkan, Florentine and Spanish-influenced menu.


THE GO-TO RESTAURANTS

Gurdulù, personaggio dal romanzo ‘Il cavaliere inesistente’ di Italo Calvino, rappresenta la vita vissuta in maniera spensierata, istintiva, in continuo movimento ed è con questo spirito che i proprietari, insieme alla chef pluripremiata Entiana Osmenzeza hanno voluto dar vita ad un luogo unico ma comune, familiare ma inconsueto, dove il menu riporta alla memoria suggestioni balcaniche, oltre ad influenze fiorentine e spagnole.

HARRY’S BAR

Lungarno Vespucci, 22r ph +39 055 2396700 Paloma Picasso, Burt Lancaster, Margot Hemingway, Paul Newman, Robin Williams, Franco Zeffirelli, are only a few of the celebrities who wined and dined at this historic restaurant in over fifty years’ time. The must-tries are Harry’s Bar-style taglierini au gratin, curry prawn tails, beef tartare. The restaurant’s signature: cocktail, the Bellini! Paloma Picasso, Burt Lancaster, Margot Hemingway, Paul Newman, Robin Williams, Franco Zeffirelli, sono solo alcuni dei personaggi che questo storico ristorante ha ospitato nel corso di oltre 50 anni di storia. Tra i piatti che non potete perdere i Taglierini gratinati alla Harry’s Bar, Code di gamberi al curry, Tartare di manzo. Un consiglio: il cocktail Bellini.

HOSTARIA BIBENDUM

Via dei Pescioni, 8 ph + 39 055 2665620 We are talking about the restaurant of fivestar hotel Helvetia & Bristol, serving a creative and yet traditional cuisine based on the use of top-quality and seasonal ingredients. Outdoor seating area in summertime. Siamo al ristorante dell’Hotel 5 stelle Helvetia & Bristol, cucina di ricerca che si innesta sulla tradizione, locale, basata sulla qualità e stagionalità dei prodotti utilizzati. Dehors esterno in estate.

IL BORRO TUSCAN BISTRO

Lungarno Acciaiuoli, 80r ph. +39 055 290423 Close to Ponte Vecchio, this elegant and subdued bistro is also a restaurant, wine bar (the house wine is produced by Tenuta Il Borro) and delicatessen, as every other Ferragamo family-owned business. A glimpse of the menu by chef Andrea Campani? Lampredotto sandwich and foie gras paired with a glass of Polissena wine. A pochi passi da Ponte Vecchio, questo locale elegante e sobrio a metà strada tra ristorante, wine bar (il vino della casa è naturalmente quello della Tenuta Il Borro) e bottega, che pone come essenza primaria l’eccellenza come si conviene a ogni proprietà della famiglia Ferragamo. Fatevi guidare dallo chef Andrea Campani.

IL MAGAZZINO

Piazza della Passera, 2/3 ph. +39 055 215969 Il Magazzino is the first tripe restaurant in Florence. Lampredotto meatballs, ravioli filled with lampredotto and potatoes, linguine with black cabbage pesto and Florentine-style tripe are only a few of the dishes on the menu. In spring and summertime, book one of the four outdoor tables. La prima tripperia ‘al chiuso’ di Firenze. Le polpettine di lampredotto, i ravioli ripieni di

lampredotto e patata, le linguine al pesto di cavolo nero e la trippa alla Fiorentina sono solo alcune delle proposte. Nella bella stagione prenotate uno dei quattro tavolini del dehor esterno.

IL PALAGIO

Borgo Pinti, 99 ph +39 055 26261 The restaurant of Four Seasons Hotel Firenze, one Michelin-starred, the domain of Executive Chef Vito Mollica. In the wonderful setting of Palazzo della Gherardesca, overlooking the hotel’s garden, with a lovely terrace for outdoor dining. The wine list includes about five hundred labels. Il ristorante del Four Seasons Hotel Firenze, una stella Michelin, regno dell’Executive Chef Vito Mollica. Nella splendida cornice del Palazzo della Gherardesca, affacciato sull’omonimo giardino, dove la terrazza offre l’alternativa per incantevoli pranzi e cene all’aperto. In carta circa cinquecento etichette vinicole.

IL SANTO BEVITORE

Via S. Spirito, 64r ph. +39 055 211264 In the heart of the Oltrarno area, a restaurant born out of the passion for cooking of three young Florentines, Marco, Martina and Stefano, serving elegantly-arranged creative cuisine, but in an informal setting and at reasonable prices. Enjoy a pre-dinner drink at Santino’s, the small wine bar next door. Nel cuore dell’Oltrarno, un ristorante nato dalla passione di tre giovani fiorentini, Marco, Martina e Stefano, che si contraddistingue per la sua cucina creativa, curata ma informale, con un ottimo rapporto qualità/ prezzo. Per un aperitivo fermatevi al Santino, piccola enoteca proprio accanto al ristorante.

IO OSTERIA PERSONALE

Borgo S. Frediano, 187r ph+ 39 055 9331341 This lovely small restaurant in the heart of the Oltrarno area, steps away from the San Frediano Gate, was started in 2010 by owner Matteo Fantini, but it has been already reviewed in all major guides. The secret? Gourmet cuisine based on the use of seasonal ingredients by small producers. Most dishes are gluten-free. Il proprietario Matteo Fantini decide di aprire questo delizioso ristorantino nel cuore dell’Oltrarno, a due passi dalla porta di San Frediano, nel 2010 e il suo nome è stato recensito dalle principali guide. Il segreto? Una cucina gourmet, basata sulla stagionalità dei prodotti e sui piccoli produttori. La maggior parte delle proposte non contiene glutine.

IRENE

Piazza della Repubblica, 7 ph +39 055 27351 Overlooking the plaza, this is the new concept restaurant of the Hotel Savoy. A delectable place dedicated to the entire city and offering an exclusive menu created by the famous chef Fulvio Pierangelini. Artistic director, Felice Limosani. Affacciato su piazza della Repubblica, è il nuovo concept gastronomico dell’Hotel Savoy. Un salotto del gusto dedicato a tutta la città, con un menu esclusivo a cura del celebre Chef Fulvio Pierangelini.

J.K. LOUNGE

Piazza Santa Maria Novella, 7 ph +39 055 2645181 The J.K. Lounge, the Hotel’s restaurant since 2007, is the ideal place for a quick lunch or a dinner enjoyed in the warm and intimate atmosphere of a private home: five tables set discreetly apart where you can dine before the fireplace comfortably seated in an armchair. From April thru end-October guests can enjoy the beautiful J.K. Terrace overlooking Santa Maria Novella square with the church in the background. Al J.K. Lounge, spazio annesso nel 2007 all’Hotel, si può consumare un lunch veloce o intrattenersi per cena in un ambiente che ha tutta la privacy e l’eleganza di una casa: cinque tavoli, in posizione riservata, dove si pranza su una comoda poltrona o vicino al camino. Da aprile a fine ottobre gli ospiti possono godere della bellissima J.K. Terrace, situata in piazza Santa Maria Novella con la chiesa a fare da quinta.

KOKO

Piazza Ferrucci, 4/5r ph. +39 055 6587428 Elegant restaurant and sushi bar. The menu includes unexpected dishes, such as an endless choice of carpaccio, chirashi and maki rolls, to be enjoyed in the sophisticated Tatami room. Elegante ristorante e sushi bar. Il menu riserva parecchie sorprese tra cui una scelta sconfinata di carpacci, chirashi e maki, da gustare magari a uno dei tavoli della raffinata sala Tatami.

KOME

Via dei Benci, 41r ph +39 055 2008009 Located downtown Florence, Kome is the temple of Japanese cooking. The entrance leads into the Kaiten Sushi, where sushi and other dishes are placed on a rotating conveyor belt that moves past the counter. The third level, which is actually the basement, houses the Sushi Gallery Izakaya, a private room with wine and saké bar. Nel centro storico di Firenze Kome è il tempio della cucina jap. L’ingresso di Kome si apre sul Kaiten Sushi, dove le varietà di sushi, e non solo, sono disposte su un tapis roulant. Al piano inferiore, ospita il Sushi Gallery Izakaya, un privé con angolo wine e sakè bar.

KONNUBIO

Via dei Conti, 8r - ph. +39 055 2381189 Authentic Tuscan cuisine as well as international specialties with a wide choice of vegetarian and vegan dishes prepared by multi-starred Chef Beatrice Segoni. Cucina toscana autentica, ma anche specialità internazionali e un’ampia selezione di proposte vegetariane e vegane. In cucina, la pluripremiata Chef Beatrice Segoni.

IL PASHA

Viale Machiavelli, 18 ph. +39 055 228790 Dining in the main location of Villa Cora during the winter season or at “Le Bistrot” in the summer by the outdoor heated pool open all year round. The Bellevue roof terrace on the fifth floor has wonderful panoramic views of the city.

188

FIRENZE

È possibile pranzare o cenare nell’ambiente principale di Villa Cora durante la stagione invernale o presso “Le Bistrot” in estate vicino alla piscina esterna riscaldata aperta tutto l’anno. Dalla Bellevue Terrace, al quinto piano, si può godere di una splendida vista panoramica sulla città.

LA BOTTEGA DEL BUON CAFFÈ

Lungarno Benvenuto Cellini, 69 ph. + 39 055 5535677 One Michelin starred. Restaurant’s philosophy: serve tasty, well-presented dishes made with prime local ingredients in a stimulating and relaxing atmosphere. The restaurant offers an innovative food experience called “A Vegetable Garden to Savor”, by which guests may enjoy the freshest ingredients grown in the restaurant’s garden. Una stella Michelin. Filosofia del ristorante, servire all’interno di un’atmosfera stimolante e rilassante piatti gustosi e ben presentati, prodotti con i migliori ingredienti a km 0. Propone un’innovativa esperienza gastronomica chiamata ‘Orto da gustare’ con la quale i clienti possono assaporare i freschissimi ingredienti coltivati negli orti del ristorante.

LA BOTTEGA DI PARIGI

Via del Terzollina, 3r ph. +39 055 0944388 The cuisine is based on the use of natural ingredients sourced from small producers and stone-ground organic flours. The extensive wine list includes 300 Italian and foreign labels. Una cucina che predilige materie prime provenienti da piccoli produttori, farine biologiche macinate a pietra e una cantina di vini che vanta 300 etichette italiane e straniere.

LA GIOSTRA

Borgo Pinti, 10r - ph +39 055 241341 Established twenty years ago by Prince Dimitri Habsburg-Lorraine and his son Soldano, La Giostra is a cozy restaurant hidden from view and a favorite with world-famous celebrities. Traditional Tuscan and Lorraine cuisine. The “VIP” table is the big, King Arthur’s-style one at the end of the dining room. Nato venti anni fa dalla passione del Principe Dimitri d’Asburgo Lorena e del figlio Soldano, La Giostra è un ristorante intimo e nascosto, frequentato da personaggi famosi di tutto il mondo. I piatti rivisitano la tradizione toscana e lorenese. Il tavolo più esclusivo è l’imponente tavolo tondo in fondo alla sala, che ricorda la tavola di Re Artù.

LA LEGGENDA DEI FRATI

Costa San Giorgio, 6/a ph. +39 055 068 0545 The restaurant is located in the Villa Bardini museum complex, affording some of the most stunning views of the city. The cuisine is innovative yet rooted in the local culinary culture. One Michelin starred. All’interno del complesso Museale di Villa Bardini, da cui si gode di una delle più belle viste sulla città. Una cucina allo stesso tempo innovativa e legata alla cultura gastronomica del territorio. Una stella Michelin.


THE GO-TO RESTAURANTS

LA MÉNAGÈRE

Via de’ Ginori, 8r - ph. +39 055 0750600 What used to be the first store in Florence selling household products, opened in 1896, is now an innovative and romantic concept restaurant. All’interno degli spazi del primo negozio di casalinghi fiorentino, datato 1896, rinasce oggi questo concept-ristorante dal sapore romantico e innovativo.

LA RACCOLTA

Via Giacomo Leopardi, 2r ph. +39 055 2479068 Welcoming and colourful interiors, Chef Vincenza La Placa changes the menu on a daily basis and uses only top-quality and fresh ingredients. From pasta with seitan meat sauce to leeks and apples au gratin with sunflower seeds with organically-produced. In un ambiente accogliente e colorato, la Chef Vincenza La Placa propone ogni giorno un menu diverso, basato su prodotti freschi e di altissima qualità. Dai cappelli al ragù di seitan al gratin di porri e mele con semi di girasole, sempre rigorosamente bio.

LOCALE ∞

Via delle Seggiole, 12 ph. +39 055 9067188 The ancient Palazzo delle Seggiole has been turned into a new restaurant and wine bar. Open every day, from happy hour to late night, its main attractions are the Winter garden and the long lost atmosphere combined with a modern minimalist design. L’antico Palazzo delle Seggiole si trasforma in un nuovo ristorante e wine bar. Aperto tutti i giorni, dall’aperitivo fino a tarda notte, si contraddistingue per il suo giardino d’inverno e un’atmosfera d’antan che sposa arredi minimal contemporanei.

LUNGARNO 23

Lungarno Torrigiani, 23 ph.+39 055 2345957 A magnificent terrace giving onto downtown Florence with view of Ponte Vecchio, the Uffizi Gallery and the Duomo’s dome. The restaurant’s specialty is locally-bred meat such as genuine Tuscan Chianina beef hamburgers. Splendida la terrazza che si affaccia sul cuore della città, con vista su Ponte Vecchio, Uffizi e la cupola del Duomo. La specialità del ristorante sono gli autentici hamburger di Chianina toscana fatti solo con carni direttamente provenienti dagli allevamenti in zona di origine.

MARINA DI SANTO SPIRITO

Via Maffia, 1/c - ph. +39 333 3178831 Located in the Santo Spirito quarter, this original restaurant has stone flooring from the 14th century, leather sofas and chairs, antique objects hanging from the walls and a small stage for live music. The menu features exquisite seafood dishes and much more. Nel quartiere di Santo Spirito, un originale ristorante con pavimento in pietre del Trecento, divani e sedie in pelle, oggetti antichi appesi alle pareti e un piccolo palco per la musica dal vivo. In menù, ottime proposte di pesce e non solo.

MERCATO CENTRALE

Il primo piano del mercato coperto di San Lorenzo. Aperto dalle 10 a mezzanotte,

vanta oltre 3000 metri quadrati di botteghe e ristoranti di massima qualità. The first floor of the indoor market of San Lorenzo. Open from 10am to midnight, this floor houses 3,000 square meters of topquality food shops and restaurants.

MOMOYAMA

Borgo San Frediano, 10r ph. + 39 055 291840 A journey into the Japanese flavors of Momoyama, in the heart of the Oltrarno. The raw cuisine directed by Gabriel Camara proffers a classic Japanese menu. The Japanese food cooked by Chef Lorenzo d’Agnello is just as delicious. Un viaggio alla volta dei sapori nipponici di Momoyama, nel cuore dell’Oltrarno. La cucina cruda diretta da Gabriel Camara propone i classici della tradizione giapponese. Ottima anche la cucina giapponese cotta dello chef Lorenzo d’Agnello.

NEROMO

Borgo San Frediano, 23 ph. + 39 055 2382645 Also serves fish dishes. Prime ingredients. Top-of-the-range pizza restaurant open till late at night serving pizzas made with naturally-leavened dough and topped with fresh, natural products typical of the Neapolitan cuisine, from burrata to Monticella tomatoes. Piatti di terra e di mare, materie prime di prima scelta, punta di diamante è la pizzeria che sforna pizze lievitate in modo naturale, condite con prodotti freschi e genuini tipici della cucina napoletana, dalla burrata ai pomodori della ditta Motticella fino a tarda notte.

OBIKÀ

Via Tornabuoni, 16 - ph +39 055 2773526 At Obikà’s you will find Italy’s best buffalo mozzarella, as well as products coming from carefully selected and Slow Food-certified farms and producers. Minimalist, modern and bright interiors, on one of the most beautiful and elegant streets in Florence. Da Obikà troverete la migliore mozzarella di bufala Campana DOP insieme a prodotti selezionati provenienti da fattorie e aziende agricole artigianali, rigorosamente Slow Food. Un ambiente dal design essenziale, contemporaneo e luminoso, in una delle strade più belle e glamour di Firenze.

OMERO

Via del Pian dei Giullari, 11 ph +39 055 220053 For over 60 years, it’s been at the service of those wishing to sample Tuscan flavors while immersed in the greenery of the Florentine hills. Da più di 60 anni al servizio di chi vuole gustare i sapori toscani immersi nella verde cornice dei colli fiorentini. Ambiente curato nei dettagli ma che non perde la rusticità del carattere fiorentino.

ONE NIGHT IN BEIJING

Via il Prato, 14r ph. +39 055 2608885 A fusion restaurant where Chinese, Japanese, Thai and Vietnamese cuisines meet and mingle. On the ground floor the Sushi Restaurant, on the first floor elegant dining rooms with kitchen on show, grill and bar. Un Fusion Restaurant dove tra tradizione e innovazione s’incontrano Cina, Giappo-

ne, Thailandia e Vietnam. Al piano terra il Sushi Restaurant, al piano superiore gli altri eleganti ambienti con cucina a vista, griglia e bar.

ONICE LOUNGE & RESTAURANT

Viale Michelangiolo, 78 ph +39 055 681631 The restaurant is housed in a mid-nineteenth century building, which was once a private residence, set along Viale Michelangelo with a magnificent panoramic view of Florence. Among the must-tries are yellow pumpkin soup with thyme-flavoured roast quail, Castelmagno cheese sauce and truffle-flavoured quail reduction. Il Ristorante ha uno degli affacci più suggestivi della città e propone una cucina di alto livello, incentrata sulla tradizione e sugli ingredienti freschi del territorio rielaborati con gusto creativo. Tra i piatti cult da non perdere, la pappa alla zucca gialla con quaglie arrosto al timo, salsa di Castel Magno e ristretto di quaglia al tartufo.

ORA D’ARIA

Via dei Georgofili, 11r ph +39 055 2001699 At lunchtime it is informal, with its tapas that allow you to enjoy gourmet dishes in small portions and at reasonable prices. In the evening, it is an upscale restaurant, with two tasting menus and one à la carte. The genius here is Chef Marco Stabile: one Michelin starred. A pranzo è democratico con la proposta vincente delle tapas che permettono di assaporare piatti gourmet in piccole porzioni a piccoli prezzi. A cena è alta cucina, con due menu degustazione e la scelta à la carte. Ma qui la vera scoperta è lo chef Marco Stabile: una stella Michelin.

OSTERIA BELGUARDO

Piazza degli Scarlatti, 1r ph. +39 055 2654541 A new restaurant overlooking Arno by Belguardo winery, the setting is not trattoria-like, but the spirit is that of traditional, healthy, well-crafted cuisine based on the use of quality ingredients. Un nuovo locale con vista sull’Arno che porta il nome dell’azienda della famiglia Mazzei. L’ambiente non è da trattoria, ma lo spirito rimane quello di una cucina locale sana, ben eseguita e con scelte di qualità.

OSTERIA DEL CAFFÈ ITALIANO

Via Isola delle Stinche, 11/13r ph. + 39 055 289080 Housed in the 14th-century Palazzo Salviati, this restaurant combines a friendly atmosphere and impeccable service. The menu is based on simple dishes and the use of top-quality ingredients. If you’re not in the mood for Florentine-style T-bone steak, the restaurant’s specialty, try the pizzeria. All’interno del trecentesco Palazzo Salviati, unisce alla semplice familiarità l’accuratezza che si dedica al salotto della festa. La cucina è fatta di ricette semplici e di ingredienti di prima scelta. Se non volete la bistecca alla Fiorentina, uno dei must del ristorante, provate la pizzeria.

OSTERIA DELLE TRE PANCHE

Via Pacinotti, 32r ph +39 055 583724 The business card reads: “At Andrea’s and

189

FIRENZE

Vieri’s, the artisans of taste”. Established in Florence, in the Campo di Marte area, in 1986, this restaurants serves typical Tuscan and truffle-based dishes, such as truffle-flavoured potato pie. Il biglietto da visita recita così: “da Andrea e Vieri, gli artigiani del gusto”. Presente a Firenze, in zona Campo Marte, dal 1986 con una cucina tipica toscana i cui cult sono le specialità al tartufo di San Miniato e in primis il tortino di patate al tartufo.

PANE & OLIO

Via Faentina, 2r ph. +39 055 488381 Established by two passionate food and wine and hospitality experts, Aldo Ventre and Gianluca Gafforio. A small but uncommon menu and exciting and unconventional wine list, perfectly matching. Nato dalla passione di due grandi appassionati di enogastronomia e ospitalità, Aldo Ventre e Gianluca Gafforio. Menu essenziale ma mai banale, carta dei vini emozionante e non convenzionale, entrambi vengono costruiti in un connubio perfetto.

REGINA BISTECCA AL DUOMO

Via Ricasoli, 14r ph. +39 055 2693772 Only a few steps from the Duomo, a temple of steak, obviously Florentine - strictly rare and grilled over hot embers - but also Marchigiana, Scottish Black Angus, Chianina and more. Along with tartare, lampredotto, tripe, hamburgers ... and a wine list combining tradition and innovation. A due passi dal Duomo un tempio della bistecca, ovviamente Fiorentina - rigorosamente al sangue e cotta sul carbonme ardente - ma anche Marchigiana, Black Angus scozzese, Chianina e non solo. Insieme a tartare, lampredotto, trippa, hamburger... Carta dei vini tra tradizione e innovazione.

RISTORANTE FRESCOBALDI FIRENZE

Piazza della Signoria, 31 ph. +39 055 284724 It is the new restaurant by Frescobaldi, one of Italy’s most prestigious wineries. Chef Roberto Reatini offers traditional Tuscan dishes with a contemporary twist. A private dining room on the second floor, cocktail bar, outdoor seating with view of Palazzo Vecchio. È il nuovo ristorante targato Frescobaldi, cantina tra le più prestigiose d’Italia. In cucina lo chef Roberto Reatini che propone i piatti della celebre tradizione toscana con piglio contemporaneo. Privè del secondo piano, cocktail bar e dehors affacciato su Palazzo Vecchio.

RUTH’S

Via Luigi Carlo Farini, 2/a ph. +39 055 2480888 Only kosher food prepared in two separate kitchens to keep the dishes from being “contaminated”, as per tradition. Solo cibo kasher cucinato nelle due cucine separate in modo che le pietanze non possano “contaminarsi”, come da tradizione.


THE GO-TO RESTAURANTS

SAN NICCOLÒ 39

Via San Niccolò, 39r ph. +39 055 2001397 In the heart of the Oltrarno area, an elegant but welcoming seafood restaurant. Seasonal and traditional Mediterranean dishes with a contemporary presentation. Nel cuore dell’Oltrarno, un raffinato ma accogliente seafood restaurant. Piatti stagionali, tipici della cucina mediterranea, presentata però secondo il gusto attuale.

SE-STO ON ARNO

Piazza Ognissanti, 3 ph. +39 055 27152783 Located on the sixth floor of The Westin Excelsior hotel, this futuristic-style restaurant with all-around windows offers one of the best views of the city. A suggestion? Book table 41 with view of the Arno river and the Duomo. Executive Chef of the kitchen, Matteo Lorenzini. The wine list includes 350 wine and 22 Champagne labels. Al sesto piano del The Westin Excelsior, è una struttura avveniristica realizzata con vetrate continue che offre una delle viste panoramiche più belle della città. Un consiglio? Scegliete il tavolo 41, con vista sull’Arno proprio davanti al Duomo. In cucina l’Executive Chef Matteo Lorenzini, in carta 350 etichette di vino e 22 Champagne.

STROZZI CAFFÈ COLLE BERETO WINERY

Piazza Strozzi - Palazzo Strozzi ph. +39 055 288236 Palazzo Strozzi’s bistro restaurant, in the heart of the city’s shopping streets. A unique location, contemporary-style interiors and gourmet cuisine based on a menu of traditional Tuscan dishes with a creative twist. Il ristorante bistrot di Palazzo Strozzi, nel cuore della città e del quadrilatero della moda. Location d’eccezione, design contemporaneo e una cucina ricercata basata su una combinazione tra leggerezza e bontà in una chiave di toscanità rivisitata.

TEATRO DEL SALE

Via de’ Macci, 111r ph. + 39 055 2001492 Il Teatro del Sale is much more than a restaurant, it stages over 230 shows per year, under the artistic direction of Maria Cassi. The Club opens in the morning for breakfast, then serves lunch and, in the evening, it turns into a theatre and the curtain rises! The kitchen is run by Cibreo restaurant owner Fabio Picchi. Il Teatro del Sale è molto più di un ristorante. Nato come Associazione Culturale con 160.000 soci in tutto il mondo, ha una programmazione artistica di 230 spettacoli l’anno, curata da Maria Cassi. Il Circolo apre fin dalla mattina per le colazioni, segue il pranzo e infine la sera si trasforma in un teatro vero e proprio e inizia lo spettacolo. Chef Fabio Picchi del Cibreo.

THE FUSION RESTAURANT BAR

Vicolo dell’Oro, 3 ph. +39 055 27266987 A truly elegant and minimal-chic restaurant,

always crowded with young Florentine socialites, whose cooking philosophy is summed up in one word: fusion. The menu is a journey through the world’s aromas and flavours, from the Mediterranean to Thailand, from China to America. Un locale davvero molto elegante e minimal chic, amato e frequentato assiduamente dalla jeunesse dorée fiorentina, che ha fatto della filosofia fusion il suo fiore all’occhiello. ll menu infatti è un viaggio nei profumi del mondo, dal Mediterraneo alla Thailandia, dalla Cina all’America.

THE TRUFFLE EXPERIENCE

Via Porta Rossa, 19 ph. +39 055 3995913 The first theme restaurant inside the oldest hotel in Italy, NH-Porta Rossa in Florence, opened by Savini Tartufi, ancient Tuscan family and a true authority on fine truffles. Il primo ristorante tematico all’interno dell’albergo più antico d’Italia, NH-Porta Rossa di Firenze, aperto da Savini Tartufi, storica famiglia toscana e vera autorità in fatto di pregiati tartufi.

TRATTORIA DA SOSTANZA DETTO IL TROIA

Via Del Porcellana, 25r ph +39 055 212691 The most typical Trattoria in Florence. In addition to the classic Florentine-style steak, the must tries are artichoke pie and butter chicken breast. All dishes are cooked on a wood-fired stove. La più tipica delle trattorie fiorentine. Oltre alla classica bistecca alla fiorentina, tra i piatti cult c’è il tortino di carciofi e il petto di pollo al burro. Tutto cotto su cucina senza fornelli, con brace di legna.

TREDICI GOBBI

Via Porcellana, 9r ph +39 055 285015 Set in the heart of downtown Florence, in an old building, the restaurant offers genuine traditional Tuscan cooking. The house specialties are the matchless rigatoni served in a large glass bowl and the beef tagliata served on a wooden cutting board. Nel cuore del centro storico di Firenze, in un edificio d’epoca, il ristorante propone una cucina che interpreta con rigore le antiche ricette della tradizione toscana più genuina. Specialità della casa sono gli ineguagliabili rigatoni serviti nella zuppiera in vetro e l’immancabile tagliata di manzo servita sul ceppo.

TRATTORIA GARGANI

Via del Moro, 48r ph. +39 055 2398898 Trattoria Gargani was started by artist and chef Giuliano Gargani, who was the restaurant’s heart and soul for about thirty years. A gathering place for artists and intellectuals, the restaurant features decorated walls and an informal and fun atmosphere. La trattoria Gargani è nata con l’artista e Chef Giuliano Gargani, che è stato l’anima del locale per una trentina d’anni. Luogo di ritrovo di artisti e intellettuali, la trattoria si caratterizza per le sue pareti decorate e per un’atmosfera informale e divertente.

TRATTORIA MARIO

Via Rosina, 2r ph. +39 055 218550 Established in 1953 and family-run for about four generations, you cannot leave without having a taste of the delicious ribollita soup, Florentine-style T-bone steak, peposo and lampredotto, and sharing the table with other guests. Aperta dal 1953, ancora oggi a gestione familiare da circa quattro generazioni, la trattoria offre prodotti toscani, rigorosamente freschi. Come da tradizione, qui non si può non assaggiare l’ottima ribollita, la bistecca alla fiorentina, il peposo o il lampredotto.

WINTER GARDEN BY CAINO

Piazza Ognissanti, 1 ph. + 39 055 27163770 Defined by impeccable quality and service the Winter Garden by Caino was born from a collaboration between The St. Regis Florence and multi Michelin starred Chef Valeria Piccini. Her gourmet dinners are served accompanied by live music in the elegant atmosphere of the art deco-style Winter Garden. Caratterizzato da qualità e servizio impeccabili, il Winter Garden by Caino nasce dalla collaborazione tra il The St. Regis Florence e la Chef pluristellata Valeria Piccini. Stella Michelin, le sue cene gourmet sono servite nell’elegante atmosfera con musica dal vivo del Giardino d’Inverno, in stile Art Decò.

OUTSIDE FIRENZE

ANTICA OSTERIA DI NOVOLI

Via Case Nuove Taiuti, 8 (San Piero a Sieve) ph +39 055 8486833 In the Mugello area, ideal for a Saturday and Sunday lunch or dinner. Award-winning tortelli prepared in a tiny delicatessen/trattoria the size of a living room. Nel Mugello, indirizzo cult per il sabato o la domenica. Tortelli da gara preparati in piccolissimo alimentari/trattoria grande come il salotto di una casa privata.

ANTICA SOSTA

Via della Croce, 4 (Impruneta) ph +39 055 2312249 Set in an old small food shop in the historical piazzza Buondelmonti in Impruneta, ‘Antica Sosta’ has maintained intact the original atmosphere of once upon a time, excellent home made dishes with a wide range of wines sold by the glass, from their wine-tasting bar. Ricavato da un vecchio negozio di alimentari nella storica piazza Buondelmonti all’Impruneta, l’Antica Sosta ha mantenuto intatta l’atmosfera originale del tempo, offrendo un’ottima cucina casalinga accompagnata dai vini della propria Enoteca.

ENKAI

Piazza Mino, 12 (Fiesole) Ph. +39 055 462784 Creative sushi and special cocktails with view over Florence. The menu features, in addition to the great classics (salmon,

190

FIRENZE

tuna, sea bass), Mazara prawns, shellfish, scampi, meat carpaccios, nigiri and Wagyu meat tartare from Emilia Romagna. A wide selection of international and local cocktails. Sushi creativo e miscelazione d’autore con vista su Firenze. In menu oltre ai grandi classici (salmone, tonno, branzino), gamberi di Mazara, molluschi, scampi, e piatti di terra come carpacci, nigiri e tartare di carne Wagyu allevata in Emilia Romagna. Per i cocktail eccellenze dal mondo con focus sul territorio.

F.LLI GIUSTI

Località Prulli (Reggello) ph +39 055 863255 A strategic location, not far from The Mall outlet. Great the pici al cinghiale. Quality carne chianina. Excellent pizza. Terrace with music. Stategica posizione non lontana da outlet The Mall. Ottimi pici al cinghiale. Carne chianina di qualità. Pizze strepitose. Terrazza con musica.

LA CANTINETTA

Località Spedaluzzo (Greve in Chianti) ph +39 055 8572000 A country trattoria. Very friendly service. Excellent Tuscan dishes. There is also a veranda with fireplace. Trattoria di campagna. Servizio molto friendly. Eccellenti piatti toscani. Possibilità di cenare in veranda con caminetto.

LA CANTINETTA DI RIGNANA

Località Rignana (Greve in Chianti) ph +39 055 852601 A genuine trattoria in the countryside. The “Cantinetta” dish: a must-have. Genuina trattoria isolata nella meravigliosa campagna. Gran piatto della cantinetta: un must.

LA CASA DI CACCIA

Località Farneto, Roti (Vicchio di Mugello) ph +39 055 8407629 Immersed in a verdant game preserve in the heart of the Mugello area. Game meat and tasty local dishes. Immersa in una verdeggiante riserva di caccia nel cuore del Mugello. Cacciagione e piatti tipici dai sapori autentici.

LA MARTELLINA

Via di Pancole,1 (Strada in Chianti) ph +39 055 858348 Excellent meat and not only that. After dinner, have fun with the brain teasers proposed by Franco. Ottimi piatti di carne e non solo. Dopo cena divertitevi a giocare con i rompicapo che Franco vi proporrà.

LA TENDA ROSSA

Piazza del Monumento, 9/14 (San Casciano Val Di Pesa) ph +39 055 826132 Run by generations of the Salcuni family, celebrated stronghold of the restaurant tradition. Gestito da generazioni dalla famiglia Salcuni, celebre e pluripremiato caposaldo della ristorazione.


THE GO-TO RESTAURANTS

OLTRE IL GIARDINO

Piazza Bucciarelli, 42 (Panzano in Chianti) ph +39 055 852828 Breathtaking terrace overlooking the Chianti hills. Tuscan dishes (the peposo and T-bone steak are must-tries), homemade pasta and impressive wine list. Terrazza mozzafiato sulle colline del Chianti. Proposte toscane (imperdibili il peposo e la bistecca), pasta fatta in casa e notevole carta dei vini.

OSTERIA DI PASSIGNANO

Badia a Passignano ph +39 055 8071278 Elegant typical restaurant owned by the Antinori family. One Michelin star. Tour of cellars on request and cooking lessons. Osteria raffinata proprietà della famiglia Antinori. Una stella Michelin, possibile visita alle cantine e scuola di cucina.

RINUCCIO 1180

Via Cassia per Siena, 133 (San Casciano Val di Pesa, località Bargino) ph +39 055 2359720 The Antinori winery restaurant is housed on the rooftop of a large building with wide windows overlooking gentle hills dotted with olive groves and ancient country parishes. The name derives from Rinuccio degli Antinori, patriarch of the family. Il ristorante della cantina Antinori. Nasce sul tetto, in una grande struttura con ampie vetrate che lasciano intravedere le dolci colline circostanti, punteggiate di oliveti e pievi millenarie. Chiamato così in onore di Rinuccio degli Antinori, capostipite della famiglia.

RISTORANTE LA TORRE

Strada Spicciano, 7 (Tavarnelle Val Di Pesa) ph. +39 055 806470 In the age-old stables of Castello del Nero Hotel & Spa with frescoes and fireplace or on the Garden Terrace for a candle-lit dinner with view of the Chianti countryside, Chef Giovanni Luca Di Pirro offers traditional Tuscan gourmet dishes. Nelle antiche scuderie di Castello del Nero Hotel & Spa con affreschi e caminetto o sulla Garden Terrace per una cena a lume di candela affacciati sul Chianti, lo Chef Giovanni Luca Di Pirro propone piatti gourmet nel rispetto della tradizione Toscana.

RISTORO L’ANTICA SCUDERIA

Via di Passignano, 17 (Tavarnelle Val di Pesa) ph +39 055 8071623 The dishes of the best Tuscan tradition in an elegant setting. Not only restaurant, but also wine-bar. I piatti della migliore tradizione toscana in un luogo elegante e curato. Non solo ristorante ma anche wine-bar.

SOLOCICCIA

Panzano in Chianti ph +39 055 852020 This restaurant, owned by Dario Cecchini, is a point of reference when it comes to enjoying Tuscan meat. It serves optimal products, guaranteeing top quality at reasonable prices, immersed in the Chianti

area. Two other great options are Officina della Bistecca and Mac Dario (for lunch). Il ristorante di Dario Cecchini, punto di riferimento per la carne toscana. Ottimi prodotti e rapporto qualità prezzo nella cornice del Chianti. Le altre due proposte sono: Officina della Bistecca e Mac Dario (a pranzo).

TRATTORIA DONNINI

Via di Rimaggio, 22 (Bagno a Ripoli) ph. +39 055 630076 This family-run restaurant serves traditional Italian and tasty cuisine, as well as dishes of the day including game, Porcini mushrooms and truffles. Una trattoria a conduzione familiare, dalla cucina saporita e tradizionale. Tutti i giorni vengono proposti piatti di stagione fuori menù tra cui cacciagione, piatti a base di funghi porcini o di tartufo.

BADIA A COLTIBUONO

Località Badia a Coltibuono, (Gaiole in Chianti) ph +39 0577 749479 Once a monastery, today a private property. The church is open only during mass. Cooking lessons and good wines. Spettacolare monastero oggi proprietà privata, chiesa visitabile soltanto durante le messe. Accanto il ristorante con corsi di cucina e vini di qualità.

BANFI

Località Sant’Angelo Scalo (Montalcino) ph +39 0577 816054 Creative and modern dishes, both fish and meat, served in the most beautiful setting: the Banfi Castle. Of course, wine for all tastes. Piatti creativi e moderni, fra terra e mare, in un contesto unico, quello del Castello Banfi. E ovviamente la cantina promette tutti i profumi di cui sono capaci i settecento ettari di vigneti.

CASTELLO DI FIGHINE

Località Stabbiano di Sotto, 123 (S. Casciano dei Bagni) ph +39 0578 56158 The terraces of the Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, covered with climbing roses and wisteria, afford sweeping views over the Tuscan countryside. One Michelin star. Dalle terrazze dell’Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, ricoperte di rose e glicini, si gode la vista panoramica sulle colline toscane. Una stella Michelin.

I SALOTTI

Strada Statale, 146 (Chiusi) ph. +39 0578 274407 This is the restaurant of Villa Il Petrarca, a sublime synthesis of Tuscan cuisine and culture reinterpreted with a modern twist. One Michelin starred. Ristorante di Villa Il Patriarca, sintesi sublime tra la gastronomia della Toscana e la cultura del suo territorio, reinterpretati in chiave moderna. Stella Michelin.

IL COLOMBAIO

Località Colombaio (Casole) ph +39 0577 949002 Vincenzo Di Grande transformed it into an excellent restaurant where one can enjoy fish and local products. Michelin starred. Vincenzo Di Grande ne ha saputo fare un

ottimo ristorante, dove si possono gustare mix di pesce e prodotti locali. Una stella Michelin.

LA BOTTEGA DEL 30

Via di Santa Caterina. 2 (Castelnuovo Berardenga) ph +39 0577 359226 Rustic yet refined ambiance inside a characteristic stone farmhouse. Michelin star. Ambiente rustico e al contempo raffinato collocato all’interno di una caratteristica casa colonica in pietra. Stella Michelin.

MEO MODO

Borgo Santo Pietro Località Palazzetto (Chiusdino) ph. +39 0577 751222 Michelin-starred Executive Chef Andrea Mattei has successfully brought the “vegetable garden in the kitchen” philosophy to a new level of gourmet cuisine. L’Executive Chef stellato Michelin Andrea Mattei ha portato con successo la filosofia de “l’orto in cucina” ad un nuovo livello di cucina raffinata.

OSTERIA DI FONTERUTOLI

Località Fonterutoli (Castellina in Chianti) ph +39 0577 741125 A new osteria offering the finest ingredients from Tuscany matched with the Mazzei family’s great wines. Nuova Osteria dove gustare ottime materie prime del territorio toscano abbinandole con i grandi vini della famiglia Mazzei.

OSTERIA LE PANZANELLE

Località Lucarelli, 29 (Radda in Chianti) ph +39 0577 733511 A lovely osteria run by two young couples. An elegant atmosphere, traditional Tuscan menu that changes every month. Graziosa osteria gestita da due giovani coppie. Ambiente ricercato, proposte della tradizione toscana che variano ogni mese.

VERSILIA AL PORTO

Via Coppino, 118 (Viareggio) ph +39 0584 388293 Daily-caught fish in this classic restaurant located near Perini shipyard. Pesce fresco di giornata in questo classico ristorante ubicato proprio accanto ai cantieri Perini. Piatti tradizionali viareggini.

BISTROT

Via della Repubblica, 14 (Forte dei Marmi) ph. +39 0584 89879 Established in 1990 and once popular among the jet set who spent their summer holidays on the Tuscan riviera, the Versilia. Today it is proud to have earned one Michelin star. Bistrot rinasce nel 1990, dagli echi dei tempi andati in cui era meta ambita dei Vip che frequentavano la costa versiliese durante la stagione estiva. Oggi vanta la stella Michelin.

DA GIORGIO

Via Zanardelli, 71 (Viareggio) ph +39 0584 44493 Informal restaurant, friendly atmosphere.

191

FIRENZE

Many entrees and wide choice of shellfish. Ristorante familiare con piacevole atmosfera. Curata proposta di antipasti e vasta scelta di crostacei.

ENOTECA MARCUCCI

Via Garibaldi, 40 (Pietrasanta) ph +39 0584 791962 Very popular restaurant among young people. Extensive wine list. Simple and tasty cooking. Locale molto in auge tra i giovani. Carta dei vini molto ampia.

FRANCO MARE RESTAURANT

Lungomare di Marina di Pietrasanta ph. +39 0584 20187 A beach-side resort featuring a top quality restaurant. Expect fresh fish and specialties from Versilia in an elegant setting on the beach. Stabilimento balneare con un ristorante di qualità. Pesce fresco e specialità versiliesi in un’atmosfera elegante sulla spiaggia.

IL PICCOLO PRINCIPE

Piazza Puccini, 1 (Viareggio) ph +39 0584 4011 Intimate and welcoming interiors at the gourmet restaurant of the Grand Hotel Principe di Piemonte. Two Michelin starred. Refined cuisine accompanied by an enviable selection of Italian and foreign wines. Ambienti intimi ed accoglienti, per il ristorante gourmet del Grand Hotel Principe di Piemonte. Due stelle Michelin, cucina raffinata accompagnata da una selezione invidiabile di vini italiani ed esteri.

LA MAGNOLIA

Viale A. Morin, 46 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 787052 Restaurant of the luxury Byron Hotel. In summertime, on the pull deck, to enjoy excellent international and regional cuisine. Cristoforo Trapani the young chef at the head of the restaurant. One Michelin starred. Ristorante del lussuoso Hotel Byron. In estate anche a bordo piscina per gustare ottima cucina regionale ed internazionale. Cristoforo Trapani il giovane Chef alla guida del locale. Una stella Michelin.

LORENZO

Via Carducci, 61 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 874030 A must restaurant for seafood lovers, Lorenzo is famous for its mayonnaise prepared tableside. The service is impeccable, and seafood is master of the menu, with every dish guaranteed fresh. This one-star Michelin restaurant is located directly in the town center. Gli amanti del mare non possono mancarlo. Famosissima la sua maionese preparata in sala, impeccabile il servizio, ma su tutto regna il pesce, una vera garanzia di freschezza. Una stella Michelin, proprio nel centro cittadino.

L’ORSA MAGGIORE

Via Arenile, 29 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 82219 All-white restaurant on the beach. Breathtaking sunsets and candles that add to the magic atmosphere. Excellent fish. Ristorante all white con spiaggia attrezzata. Tavoli sulla sabbia in estate. Tramonti mozzafiato e candele che rendono magica l’ambientazione. Ottimo pesce.


THE GO-TO RESTAURANTS

MAITÒ

Via Arenile, 28 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 80940 On the promenade. Elegant restaurant with excellent fish dishes. Carefully selected wine list. Sul lungomare. Raffinato locale con ottime proposte di cucina marinara.

MARECHIARO

Via Franceschi, 19 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 80271 For dinner at the water’s edge. Lounge bar on the beach, romantic atmosphere and a menu full of delicious proposals for the freshest fish. Per una cena pieds dans l’eau. Lounge bar sulla spiaggia, atmosfera romantica e menù ricco di ottime proposte di pesce freschissimo.

OSTERIA DEL MARE

Viale Franceschi, 4 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 83661 This restaurant on the beach offers excellent fish specialties in an informal atmosphere. Ristorante sulla spiaggia, atmosfera informale, propone ottime specialità di pesce.

PESCE BARACCA

Via Achille Franceschi, 2 (Forte dei Marmi) ph. +39 0584 1716337 One place with three souls: a restaurant, a fish shop and a street food bar. Seafood dominates the menu, which is composed exclusively of the daily catch. Guests can choose their meals directly from the extensive seafood counter. Un locale, tre anime: ristorante, pescheria e street food. Il menù è dettato dal mare, perché composto solo di pescato del giorno. Agli ospiti la possibilità di scegliere direttamente dal grande banco del pesce.

ROMANO

Via Mazzini, 120 (Viareggio) ph +39 0584 31382 One Michelin star for this restaurant that has been at the top of the list for thirty five years thanks to its excellent cuisine. Recently renovated. Stella Michelin per questo ristorante che da 35 anni riscuote ottimo successo per le sue proposte culinarie. Recentemente rinnovato.

THE FRATELLINI’S

Via della Repubblica, 2/a (Forte dei Marmi) - ph. +39 0584 82931 Owned by brothers David and Marco Vaiani, this restaurant offers fusion cuisine, combining exotic tastes with the culinary traditions of Versilia. Of note are the dishes of raw Italian fish and their curious Japanese variations. The large windows create a space of perfect continuity with the outdoors. È il ristorante dei due fratelli David e Marco Vaiani. Cucina fusion che unisce la tradizione culinaria versiliese con sapori esotici. Crudité di pesce italiano e curiose varianti giapponesi. Le ampie vetrate creano una perfetta continuità con lo spazio esterno.

AREZZO

ANTICA FONTE

Via Porta Buia, 18 ph +39 0575 28038 Expect traditional dishes and products from the territory. Two musts? Their Celtic-style

potato tortelli topped with lard, cherry tomatoes and rosemary and their Peposo alla fornacina stew. Piatti della tradizione e prodotti del territorio. Due must? Tortello di papate di celtica con lardo, pomodorini e rosmarino e il peposo alla fornacina.

LA TAGLIATELLA

Via Giotto, 45 - ph +39 0575 21931 Established in 1932, this restaurant and its owners have witnessed four generations of family management. Since 1990, the kitchen has been managed by Cristina Raffaelli, prize-winning Ais Sommelier Cristiano Cini is maître. Nato nel 1932 con la prima delle quattro generazioni che si sono susseguite alla guida del ristorante. Dal ‘90, la gestione della cucina è affidata a Cristina Raffaelli e quella della sala a Cristiano Cini, pluripremiato sommelier Ais.

LE CHIAVI D’ORO

Piazza San Francesco, 7 ph +39 0575 403313 Expect traditional fare from Arezzo, re-visited with original flair. An intimate elegant setting in the splendid Piazza San Francesco. I sapori della tradizione aretina proposti in chiave rivisitata. Nella splendida cornice di Piazza San Francesco.

OSTERIA DA GIOVANNA

Via Anconetana, 164 ph +39 0575 36015 This restaurant is owned by Luca Martini, Italy’s best sommelier 2009. It goes without saying that the wine list is top notch. Dishes typical of Arezzo’s hill country. Il ristorante di Luca Martini, miglior sommelier d’Italia 2009. Inutile dire che la carta dei vini è top. Piatti della cucina tipica dei colli aretini

OSTERIA DEL TEATRO

Via Maffei, 2 (Cortona) ph +39 0575 630556 Located in the heart of Etruscan Cortona, inside a restored sixteenth-century palace. Chef and owner Emiliano Rossi will welcome you to one of his warm, welcoming dining rooms. Expect re-visited traditional dishes spotlighting the territory’s treasures. Nel cuore dell’Etrusca Cortona, all’interno di un palazzo del 1500 restaurato, lo Chef e proprietario Emiliano Rossi vi farà accomodare in una delle sue calde e accoglienti sale da pranzo. Piatti del territorio rivisitati.

RISTORANTE LOGGE VASARI

Piazza Grande - ph +39 0575 295894 It has been a point of reference for city diners since 1980. Managed by two brothers, it’s located in the heart of Piazza Grande. Punto di riferimento per la ristorazione della città dal 1980. Gestiti da due fratelli. Nel cuore di Piazza Grande.

RISTORANTE RELAIS IL FALCONIERE

Località San Martino, 370 (Cortona) ph +39 0575 612679 One Michelin star. Its interior boasts a bright refined setting and its terrace offers breathtaking views. Expect solar cuisine with typically Tuscan dishes. Not to be missed.

Una stella Michelin. Un ambiente luminoso e raffinato, la terrazza dal panorama mozzafiato, una cucina solare con piatti della tradizione toscana. Da non perdere.

GROSSETO

ALL’ACQUACOTTA

Terme di Saturnia - ph. +39 0564 600111 Ristorante gournet del Terme di Saturnia Spa&Golf Resort, una stella Michelin. Gourmet restaurant of the Terme di Saturnia Spa&Golf Resort. One Michelin starred.

BRACALI

Via di Perolla, 2 (Massa Marittima) ph. +39 0566 902318 One Michelin stars. The realm of Francesco Bracali and his brother sommelier, in charge of the cellar. Una stelle Michelin, il regno dello Francesco Bracali e di suo fratello sommelier.

LA TRATTORIA ENRICO BARTOLINI Chef Luca, Chef Luca,

CANAPONE

Piazza Dante, 3 - ph +39 0564 24546 Elegant and refined restaurant in the town center. Enoteca Canapino for lunch: local dishes at a fair price. Ristorante elegante e raffinato nel cuore del centro storico. Enoteca Canapino a pranzo con piatti tipici a prezzo contenuto.

DA CAINO

Località Montemerano (Manciano) ph +39 0564 602817 A famous restaurant where, thanks to Valeria Piccini chef, the culinary traditions of the Maremma region are still honored. Two Michelin stars. Uno dei locali più celebrati, dove, grazie alla chef Valeria Piccini, è ancora viva la tradizione culinaria della Maremma. Due stelle Michelin.

ENCANTO WHITE

Località Le Rocchette (Castiglione della Pescaia) - ph. +39 0564 947126 This restaurant is known and appreciated not only for its dishes (rigorously prepared with fresh fish), but also for its enchanting seaside location: a perfect spot for a candlelight dinner. Un ristorante conosciuto e apprezzato non solo per i suoi piatti preparati rigorosamente col pescato del giorno, ma anche per l’incantevole location sul mare, perfetta per una cena a lume di candela.

IL FRANTOIO

Piazza della Provvidenza, 11 (Capalbio) ph +39 0564 896484 Creative cuisine inspired by the traditional cooking of the Maremma area. Upstairs, ethnic products on sale. Cucina creativa pur ispirandosi alla tradizione della Maremma. Al piano superiore una sala per la vendita di prodotti etnici.

IL GAMBERO ROSSO

Lungomare Andrea Doria, 62 (Porto Ercole) - ph +39 0564 832650 The favorite place of fish lovers in Porto Ercole. Terrace in the summer. Punto di riferimento per gli appassionati delle specialità di mare a Porto Ercole. In estate terrazza all’aperto.

IL PELLICANO

Località Sbarcatello (Porto Ercole) ph +39 0564 858275 In one of The Leading Hotels of the World

192

FIRENZE

in Tuscany, Chef Sebastiano Lombardi’s cuisine never fails to surprise, delight, and satisfy all five senses. The dining room of this hotel’s Michelin star restaurant is a large veranda overlooking the sea. In questo hotel, oggi parte di The Leading Hotels of the World in Toscana, la cucina dello Chef Sebastiano Lombardi è sempre una sorpresa, che riempie di gioia e soddisfa tutti e cinque i sensi. La sala del ristorante stella Michelin è una grande veranda affacciata sul mare. Località Badiola - Castiglione della Pescaia ph. +39 0564 944800 It is the starred restaurant of the exclusive hotel L’Andana. Inside the ancient barn of a residence of Leopold II of Lorraine, the “Contemporary Classic” cuisine, typical of the famous Tuscan chef, with a magnificent view of the vineyards. È il ristorante stellato dell’esclusivo hotel L’Andana. All’interno dell’antico granaio di una residenza di Leopoldo II di Lorena, la cucina “Contemporary Classic”, cifra del noto chef toscano, con magnifica vista sui vigneti.

SILENE

Loc. Pescina (Seggiano) ph. 0564 950805 Strong traditions, local products, remarkable wine list. One Michelin starred. Grande tradizione, prodotti autoctoni, notevole carta dei vini. Una stella Michelin.

LIVORNO CAPO NORD

La Fenicia, 69 - Marciana Marina (Isola d’Elba) - ph +39 0565 996983 Fabulous location by the sea, a fine, elegant setting and excellent service. An impressive wine list. Bellissima posizione sul mare, l’ambiente è curato ed elegante e il servizio eccellente. Carta dei vini notevole.

OSTERIA DEL MARE

Borgo dei Cappuccini, 5 ph +39 0586 881027 A simple trattoria in the port area with good fish dishes and reasonable prices. In zona portuale una semplice trattoria con buona scelta di piatti di cucina marinara a costi contenuti.

IL CANTUCCIO

Largo Garibaldi, 6 (Marina di Campo Isola d’Elba) - ph +39 0565 976775 Great fish dishes made with fish caught and cooked. Many wines. Notevole soprattutto la cucina di mare, con il pesce appena pescato. Vasta la cantina.

LA BARACCHINA

Punta Righini Castiglioncello (Livorno) ph +39 0586 752003 Enchanting location on the rocks. The freshest of fish served with style. An institution in Castiglioncello since 1946. Incantevole location sugli scogli. Pesce freschissimo servito con gusto. Dal 1946 un punto di riferimento a Castiglioncello.

LA PINETA

Via dei Cavalleggeri Nord, 27 (Marina di Bibbona) ph +39 0586 600016 Since 1996 a benchmark for restaurant


THE GO-TO RESTAURANTS

businesses with a fantastic location on the beach. One Michelin starred. Dal ’96, un punto di riferimento della ristorazione italiana con una splendida location in riva al mare. Una stella Michelin.

OSTERIA DEL NOCE

Via della Madonna, 18 (Marciana Isola d’Elba) - ph +39 0565 901284 Halfway up the Capanne mountain. When the weather is good, one can enjoy the food under the pergola overlooking the sea. Good fish and meat dishes. A mezza costa del Monte Capanne, d’estate si mangia sotto un pergolato con una vista indimenticabile del mare. Buoni i piatti di pesce, ma intrigante anche l’offerta di piatti di terra.

STELLA MARINA

Via Vittorio Emanuele II, 1 (Portoferraio Isola d’Elba) - ph +39 0565 915983 Near the ferry port, it makes use of quality products. Good wine list. Accanto allo scalo dei traghetti, propone una cucina di mare molto curata nella qualità. Buona la lista dei vini.

LUCCA

BUCA DI SANT’ANTONIO

Via della Cervia, 3 - ph +39 0583 55881 In an 18th century building. Prosciuttos and pots hanging from the walls. Traditional and local dishes. In palazzo di origini settecentesche. Prosciutti e pentole alle pareti. Piatti tradizionali e tipici.

BUTTERFLY

Strada Statale del Brennero ph +39 0583 307573 Magnificent farmhouse. Small dining rooms allow guests to enjoy meals in a calm and reserved environment. Michelin star since 2008. Splendido casolare suddiviso in piccole sale che permettono cene in tranquillità e riservatezza. Dal 2008 stella Michelin

L’IMBUTO

Piazza del Collegio, 7 ph +39 331 9308931 The small empire of chef Cristiano Tomei. One Michelin starred. Piccolo impero dello chef Cristiano Tomei, una stella Michelin.

PISA

OSTERIA DEI CAVALIERI

Via San Frediano, 16 ph +39 050 580858 Warm atmosphere. Near the university. Genuine cooking at reasonable prices. Ambiente caloroso. Nei pressi dell’Università. Cucina genuina a prezzi molto interessanti.

rant. For a quick snack or to enjoy “ribollita” or truffle dishes. Nel centro storico, wine bar e ristorante. Si può optare per uno spuntino veloce, oppure sedersi a gustare la ribollita con colombaccio e tartufo locale.

LUNASIA

Via dei Tulipani, 1 (Calambrone) ph +39 050 3135711 Housed inside the Green Park Resort, this restaurant is headed by Chef Luca Landi, known for his savory ice creams. One Michelin star. All’interno del Green Park Resort, è il ristorante dello Chef Luca Landi, conosciuto per i suoi gelati salati. Una stella Michelin.

PEPENERO

Via IV Novembre, 13 (San Miniato) ph +39 0571 419523 Local trendy-chic in the center of San Miniato. Truffle is a must from September to December. Large terrace with an extraordinary view. Locale trendy-chic nel centro di San Miniato. Tartufo un must da settembre a dicembre. Ampia terrazza con suggestiva vista.

PEPERINO

Via IV Novembre, 1 (San Miniato) ph +39 0571 419523 Restaurant only for two. A unique table. Reserve ahead to arrange every single detail, from the menu to the flowers, to preferred music. Ristorante solo per 2. Un unico tavolo. Prenotare con anticipo per concordare ogni singolo particolare, dal menu ai fiori, alla musica preferita.

PERBACCO

Viale Vittorio Veneto, 30 (Montescudaio) ph +39 0586 650324 High quality restaurant and local dishes. The chef’s specialities are risotto, tortelli and Chianina steak. Cucina di buon livello che valorizza i prodotti locali. Specialità i risotti, i tortelli, la bistecca di Chianina.

PISTOIA

ATMAN - VILLA ROSPIGLIOSI

Via Borghetto, 1 m Località Spicchio (Lamporecchio) ph. +39 0573 1603051 A modern cuisine, a blend of tradition and innovation in a unique location. One-Michelin-starred. Una cucina moderna, dove ricerca e tradizione convivono all’interno di una location unica. Una stella Michelin.

SIENA

ANTICA OSTERIA DA DIVO

Vicolo del Porton Rosso, 1 ph +39 050 580566 Brother and sister in the kitchen. Only fish. In one of Pisa’s most characteristic areas. Fratello e sorella in cucina. Solo cucina marinara. In una delle zone più caratteristiche di Pisa.

Via Franciosa, 25 - ph +39 0577 284381 Trattoria offering typical Sienese dishes presented in a very original way. Sophisticated atmosphere with a medieval main dining room. Trattoria con piatti tipici senesi presentati in modo originale. Atmosfera di classe con sala principale di stampo medioevale.

Via di Casphlo, 2 (Volterra) ph +39 0588 81510 In the historic center, wine bar and restau-

Strada Chiantigiana, 29 ph +39 0577 284230 Three tasting menus: fish, meat or mixed.

OSTERIA DEL PORTON ROSSO

DAL DUCA

BOTTEGA NUOVA

They are all fantastic. Tre menù degustazione: pesce, carne, misto. Nessuno tradisce.

CASATO

Via Casato di Sotto, 18/26 ph +39 0577 282301 One step away from Piazza del Campo, a new and excellent restaurant wine bar. In cuisine, the talented chef Enrico Tonnen. Typical blends with creative flair. A un passo da piazza del Campo, un nuovo ed eccellente ristorante wine bar. In cucina il talentuoso chef Enrico Tonnen. Menù in cui la tipicità si fonde con l’estro creativo.

FORNACE DI MELETO

Località Meleto Gaiole in Chianti, ph. +39 0577 738461 Steps from the Castle of Meleto, this restaurant/bistrot offers traditional dishes in the young chef Diego Babboni’s creative version. Homemade bread, pasta and desserts. A pochi passi dal Castello di Meleto, questo ristorante/bistrot propone piatti tipici rivisitati dal giovane chef Diego Babboni. Pane, pasta e dolci sono fatti in casa.

I TERZI

Via dei Termini, 7 - ph +39 0577 44329 One of the best restaurant in the center of the city. Ask for the specialities of the day. Una delle migliori enoteche nel centro di Siena. Fatevi consigliare la specialità della giornata.

OSTERIA LE LOGGE

Via del Porrione, 33 - ph +39 0577 48013 Just a short walk from Piazza del Campo, typical Senese cooking with new and interesting ideas. A pochi passi da piazza del Campo, un laboratorio di nuove e interessanti proposte della cucina tipica senese. Fatevi guidare da Mirco.

ARNOLFO

Via XX Settembre, 50 (Colle Val d’Elsa) ph. +39 0577 920549 Located in a 16th century building, two intimate rooms and a terrace in summer. Creative and refined cuisine. The realm of Chef Gaetano Trovato. Two Michelin stars. In un palazzo del ‘500, due salette intime e una terrazza per l’estate. Cucina raffinata e fantasiosa. Il regno dello Chef Gaetano Trovato. Due stelle Michelin.

BADIA A COLTIBUONO

Località Badia a Coltibuono, (Gaiole in Chianti) ph +39 0577 749479 Once a monastery, today a private property. The church is open only during mass. Cooking lessons and good wines. Spettacolare monastero oggi proprietà privata, chiesa visitabile soltanto durante le messe. Accanto il ristorante con corsi di cucina e vini di qualità.

BANFI

Località Sant’Angelo Scalo (Montalcino) ph +39 0577 816054 Creative and modern dishes, both fish and meat, served in the most beautiful setting: the Banfi Castle. Of course, wine for all tastes. Piatti creativi e moderni, fra terra e mare, in un contesto unico, quello del Castello Banfi. E ovviamente la cantina promette tut-

193

FIRENZE

ti i profumi di cui sono capaci i settecento ettari di vigneti.

CASTELLO DI FIGHINE

Località Stabbiano di Sotto, 123 (S. Casciano dei Bagni) - ph +39 0578 56158 The terraces of the Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, covered with climbing roses and wisteria, afford sweeping views over the Tuscan countryside. One Michelin star. Dalle terrazze dell’Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, ricoperte di rose e glicini, si gode la vista panoramica sulle colline toscane. Una stella Michelin.

I SALOTTI

Strada Statale, 146 (Chiusi) ph. +39 0578 274407 This is the restaurant of Villa Il Petrarca, a sublime synthesis of Tuscan cuisine and culture reinterpreted with a modern twist. One Michelin starred. Ristorante di Villa Il Patriarca, sintesi sublime tra la gastronomia della Toscana e la cultura del suo territorio, reinterpretati in chiave moderna. Stella Michelin.

IL COLOMBAIO

Località Colombaio (Casole) ph +39 0577 949002 Vincenzo Di Grande transformed it into an excellent restaurant where one can enjoy fish and local products. Michelin starred. Vincenzo Di Grande ne ha saputo fare un ottimo ristorante, dove si possono gustare mix di pesce e prodotti locali. Una stella Michelin.

LA BOTTEGA DEL 30

Via di Santa Caterina. 2 (Castelnuovo Berardenga) ph +39 0577 359226 Rustic yet refined ambiance inside a characteristic stone farmhouse. Michelin star. Ambiente rustico e al contempo raffinato collocato all’interno di una caratteristica casa colonica in pietra. Stella Michelin.

MEO MODO

Borgo Santo Pietro Località Palazzetto (Chiusdino) ph. +39 0577 751222 Michelin-starred Executive Chef Andrea Mattei has successfully brought the “vegetable garden in the kitchen” philosophy to a new level of gourmet cuisine. L’Executive Chef stellato Michelin Andrea Mattei ha portato con successo la filosofia de “l’orto in cucina” ad un nuovo livello di cucina raffinata.

OSTERIA DI FONTERUTOLI

Località Fonterutoli (Castellina in Chianti) ph +39 0577 741125 A new osteria offering the finest ingredients from Tuscany matched with the Mazzei family’s great wines. Nuova Osteria dove gustare ottime materie prime del territorio toscano abbinandole con i grandi vini della famiglia Mazzei.

OSTERIA LE PANZANELLE

Località Lucarelli, 29 (Radda in Chianti) ph +39 0577 733511 A lovely osteria run by two young couples. An elegant atmosphere, traditional Tuscan menu that changes every month. Graziosa osteria gestita da due giovani coppie. Ambiente ricercato, proposte della tradizione toscana che variano ogni mese.


1

2 3

4

5

7

6

UNFORGETTABLE GARDENS 1. Giardino Corsini - viale Fratelli Rosselli, 39 2. Giardino di Boboli - Palazzo Pitti, Forte Belvedere 3. Giardino Bardini - Costa San Giorgio, 2 4. Giardino Peyron - via di Vincigliata, 2 6. Giardino Torrigiani - via dei Serragli, 144 7. Giardino della Gherardesca - Borgo Pinti, 99

194

FIRENZE


Profile for Gruppo Editoriale srl

Firenze made in tuscany magazine n. 50  

Firenze made in tuscany magazine n. 50  

Advertisement