Page 1

FLORENCE ANTIQUES BIENNALE

COVER STORY GIANMARCO TOGNAZZI FASHION F/W 2017-2018 FREE AS A BIRD INTERVIEW URS FISCHER | ZEFFIRELLI | EILEEN GUGGENHEIM ART SAN MARCO MUSEUM | THE CINQUECENTO IN FLORENCE ITINERARIES OLTRARNO | FAMILIES & PALACES | SAN GIMIGNANO AND VOLTERRA


Piazza degli Strozzi 10r, Firenze Tel +39 055 27 41 128 FLORENCE - HONG KONG - CHINA WWW.INNIU.IT


Fall /Winter 17


92

72

96

44

AUTUMN in this issue

COVER STORY 82 Gianmarco Tognazzi My roots Le mie radici by Teresa Favi SAVE AS Flo Exhibition 38 Tuscan Exhibition 40 Classic 42 Pop 44 Movie 46 Folk 48 Books PEOPLE 24 Elisa Tozzi Of precious stones and diamonds Di pietre e brillanti by Mila Montagni 26 Niccolò Brandini Marcolini A century on four wheels Un secolo su quattro ruote by Matteo Grazzini 28 Giuseppe Di Salvo Art and design hand-in-hand Arte e design a braccetto by Maria Lardara 30 Jerry Ruffilli Living a dream Vivere un sogno by Virginia Mammoli 32 Pilar Pandini Contemporary antiques dealer Antiquaria contemporanea by Giovanna Caprioglio 36

MOVIE, THEATRE & MUSIC 86 Cult movie Amici Miei. Behind the scenes of an era Dietro le quinte di un’epoca by Umberto Cecchi 134 Zeffirelli My gift for Florence Il mio regalo per Firenze by Teresa Favi 138 Theatre season Unmissable Gli imperdibili FASHION 51

It object Shooting Free as a bird by Marta Innocenti Ciulli 116 Exhibition Couturier du rêve I 70 anni di Dior by Marta Innocenti Ciulli 106 Jewels Precious poems Preziose poesie 96

MUST HAVE 109 Trend 111 Men 113 Shoes 115 Bags


168

142

118

44

AUTUMN in this issue

ART, DESIGN & CULTURE 72

San Marco

ITINERARIES 142 Neighborhood

Discovery

Dear Oltrarno, I’m writing to you

La scoperta by Francesca Lombardi

Caro Oltrarno ti scrivo by Sabrina Bozzoni

92

Urs Fischer

Visionary and romantic Visionario e romantico by Sergio Risaliti 118

Palazzo Strozzi

Corte, pittura, maniera e riforma Court, painting, style and reform by Mila Montagni 124

Biaf 2017

A Biennal in evolution Una Biennale in evoluzione 130

Eileen Guggenheim

150 City

Families & Palaces Famiglie & Palazzi by Domenico Savini 160 Marble caves

White gold Oro bianco di Carrara by Lavinia Rinaldi Volterra & San Gimignano

168

Towers and cypress trees All’ombra di torri e cipressi by Maria Lardara

The Lady of Art La signora dell’arte by Francesca Lombardi 164

Auction cars

SHOT

ON SITE

62, 177

Pandolfini. Traveling through time

In viaggio nel tempo 166

Eroica

TUSCANY GUIDE 189

Hotels Restaurants

Not only wheels and pedals

190

Non solo ruote e pedali by Matteo Grazzini

194 Last page


tuscany.com

adein www.firenzem

M

A

D

E

I

N

T

U

S

C

A

N

Y

QUARTERLY FASHION, ART, EVENT AND LIFESTYLE MAGAZINE publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini T

H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

T

M

A

D

E

I

N

T

U

S

C

A

N

Y

M

A

D

E

I

N

V

E

N

E

T

O

editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli co-editor Guido Parigi Bini managing editors

Teresa Favi, Francesca Lombardi editors

Sabrina Bozzoni, Matteo Grazzini, Virginia Mammoli, Mila Montagni contributors

Giovanni Bogani, Francesco Brunacci, Salvatore La Spina, Maria Lardara, Lavinia Rinaldi, Elisabetta Vagaggini, Cinzia Zanfini photographers

Archivio Foto Locchi, Alessandro Bencini, Lorenzo Cotrozzi, Stefania D’Alessandro (cover), Dario Garofalo, Federica Fiori, Luca Moggi, Marco Mori, Officine Fotografiche, New Press Photo, Pasquale Paradiso art editors

Martina Alessi, Chiara Bini translations

Tessa Conticelli, NTL Traduzioni, The Florentine advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Gianni Consorti, Ludovica Amodeo Grabau, Alessandra Nardelli, Monica Offidani, Daniela Zazzeri editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com branch

N. Bayshore Dr. #1101 - FL 33137 - Miami 2000 - Usa ph +1.305.213-9397 fax +1.305.573-3020 società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Registrazione Tribunale di Prato - n° 9/2006 del 15.12.2006 Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori - Prato (Symbol Freelife Gloss Premium White) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl


H

E

D

I

V

I

N

E

C

O

A

S

T

CONTRIBUTORS

5,00 FREE COPY spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

COVER STORY CHRIS COOPER FASHION A/W 2015.WHAT A SURPRISE INTERVIEWS GIOVANNI GASTEL | FRANCESCO SCOGNAMIGLIO | KATRIONA MUNTHE CULTURE WHITE ROOM | FABULOUS FIFTIES ITINERARIES SEABEDS | PIAZZETTA | THE ISLAND RESTAURANTS

COVER STORY FABRIZIO GIFUNI FASHION S/S 2015 STREET À PORTER INTERVIEW SANDRO VERONESI | DANIELA CIANCIO | TATIANA LUTER ART SISTINE CHAPEL | LORENZO LOTTO | BELLISSIMA ITINERARIES MONTI | FLEA MARKETS | CRAFTSMEN

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 FREE COPY

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

5,00 FREE COPY

T

SPECIAL EXPO 2015

COVER STORY DAVID CRONENBERG

FASHION S/S 2015 W.J. WONDERFUL JEANS | FRANCA SOZZANI INTERVIEW PAOLO CONTE | TONI AND PEPPE SERVILLO | DAVIDE RAMPELLO ART GALLERIA DEGLI UFFIZI | ANTONY GORMLEY | GUCCI MUSEUM ITINERARIES DANTE 750TH ANNIVERSARY | LOCAL ONLY

The ultimate way to learn all about the most beautiful Italian places

fashion, art, event and lifestyle magazines

Umberto Cecchi, journalist, writer, he has been special correspondent for La Nazione newspaper, of which he was one of the best-known collaborators and editor-in-chief from 1992 to 2002. The author of over 20 books. He has served as Member of Parliament, city councilman in Florence. Umberto Cecchi, giornalista e scrittore, è stato inviato speciale i per il quotidiano La Nazione, del quale è stato ed è una delle firme più note, fino a divenirne direttore dal 1998 al 2002.Autore di più di 20 libri, E’ stato membro del Parlamento, consigliete comunale a Palazzo Vecchio. Marta Innocenti Ciulli, 40 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of international magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies. Marta Innocenti Ciulli, 40 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate internazionali con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema.

Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books. Massimo Listri, fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 60 libri di arte e alta architettura. Gianni Mercatali, communication expert, journalist, “bon vivant”, food-and-wine lover. As a social behaviour observer, he cultivates a strong passion for national-popular culture, in particular for the legendary sixties. Gianni Mercatali, esperto di comunicazione, giornalista pubblicista, bon vivant, appassionato di enogastronomia. Osservatore dei comportamenti sociali, coltiva un amore tenace per la cultura nazionalpopolare, in particolare dei mitici anni ‘60. Fabrizio Moretti has an Arts degree with a major in history and is an art dealer with galleries in Florence, London and Monte Carlo. He specializes in Renaissance period. In 2004, the French Minister of Culture bestowed him with the title of Chevalier de l’Ordre des Art et des Lettres. Fabrizio Moretti, laureato in lettere indirizzo storico, è un mercante d’arte con gallerie a Firenze, Londra e Monte Carlo, specializzate in dipinti Rinascimentali. Nel 2004 il Ministro della Cultura e delle Comunicazioni francese lo ha insignito del titolo di Chevalier de l’Ordre des Art et des Lettres.

Domenico Savini, historian and expert in heraldry and genealogy, collaborates with important institutes and specialized magazines. Domenico periodically holds conferences on the subject. He lives and works in Florence. Domenico Savini, storico delle famiglie fiorentine, esperto di araldica e genealogia, collabora con importanti istituti e con riviste specializzate sulla materia. Tiene periodicamente conferenze sull’argomento. Vive e lavora a Firenze.


#BoggiGentlemanStyle

A GENTLEMAN DOES NOT TALK. JUST ACTS. - Rule 67 -

boggi.com

FIRENZE | Via della Vigna Nuova 27 | Tel. +39 055 219.179 SIENA | Via di Città 9 | Tel. +39 0577 28.2151 FORTE DEI MARMI | Via Mazzini 8/10 | Tel. +39 0584 812.64


esposizione di opere d’arte provenienti da importanti collezioni in vendita a trattativa privata

a permanent selling exhibition of fine art from private collections available for immediate purchase


flo people

onds m a i d d n a s e Ston LANTI E BRIL DI PIETRE

text Mila Montagni

Are you a full-fledged Florentine? I was born and raised in the Oltrarno district! What would you recommend to those visiting the city for the first time? To spend some time in city to get to know it well. Florence is hard to understand right away because you’re so overwhelmed by its beauty that you’re not able to take it in all at once. What inspired the ‘Tetti’ collection? Looking out one morning from our workshop on Ponte Vecchio. There was a particular light and the jewel that tells the story of the city appeared. And the shape is so complete, so Deco. It’s perfect! Your mother, Laura Piccini, and your son Rocchino... They are two fundamental people in my life and a sign of evolution. Perhaps Rocchino and his cousin will represent the returning of men in our family business, after two generations of women. How would you define your craft? Goldsmiths creating jewels with natural stones. Each is different and allows us to craft unique pieces unlike any other. Keeping the art of jewellery making alive in a world where everything’s becoming automated gives the true artisan the opportunity of giving the jewel that special touch which makes it unique and special. You love rings because… They’re like perfume: I never even realize that I’m wearing one–it’s simply part of me. The jewel makes me feel complete and gives me a sense of well-being.

Elisa Tozzi Piccini is CEO of the historical company Piccini (established in 1903); gemologist, graduate of the GIA of Los Angeles, she carries on the artistic legacy of her uncle Armando, a man passionate about all forms art and in love with jewellery making 24 Firenze | made in Tuscany

Lei è fiorentina “quanto”? Nata e cresciuta in Oltrarno! A chi ci arriva per la prima volta, cosa consiglia? Di rimanerci qualche tempo, viverla davvero. . È una città difficile da comprendere subito perché si rimane talmente abbagliati dalla sua bellezza da non aver modo di scoprirne l’anima. La vostra collezione di gioielli intitolata “Tetti”, nasce… Guardando fuori una mattina dal Laboratorio sul Ponte Vecchio, un momento di luce ed è apparso il gioiello che racconta la città. E la forma è così integra e decò. Perfetta! Sua madre, Laura Piccini, e suo figlio Rocchino... Due figure fondamentali e un indizio della nostra evoluzione. Forse Rocchino e suo cugino saranno il ritorno del maschile nell’azienda di famiglia, dopo due generazioni di donne. Come potrebbe definire la vostra vocazione? Il lavoro dell’orafo, che crea con le pietre naturali.. ognuna è diversa e consente di creare gioielli unici e mai uguali tra loro. Il mantenere in vita la maestria delle tecniche di alta gioielleria che, in un mondo dove tutto sta diventando sempre più automatizzato, consente a chi sa lavorare a mano nel verso senso della parola di dare al gioiello quel tocco che lo rende veramente raro e speciale. Lei ama l’anello perché.. E’ come un profumo, non mi accorgo neppure di averlo addosso, fa parte di me. È il gioiello che più mi completa e mi fa sentire bene.


flo people

els e h w r u o f n o A century O RUOTE SU QUATTR O L O C E S N U

text Matteo Grazzini

How did you celebrate the 100th anniversary of your company? With a book, ‘Cento, in viaggio dal 1917’, which not only tells the story of one of the first Italian companies to sell automobiles, but also illustrates the vitality and growth of Florence through the historical photos of the Archivio Locchi. Are one-hundred years an achievement or a starting point? They are a transition into an intensive period, during which we are adjusting to what is going on around us. The way of working has changed, new sectors have developed and we are catering to the requests of customers who increasingly consider digital features important. What does being Florentine mean to Brandini? Something to be proud of. We were all born in Florence, from my grandfather to myself and my brother. We have subsidiaries outside of Florence as well and do business all over Italy, but being Florentine is our added value. Which places in Florence are you most fond of? The Church of Cestello and the Borgo Ognissanti quarter, near our offices in Via della Fonderia. We used to be located in Piazza della Libertà though. Where do you take your guests, friends and colleagues when they come to Florence? Since our managing directors always arrive around lunch time, we discuss business over lunch while enjoying a steak at the Antico Ristoro di Cambi.

Niccolò Brandini Marcolini, 29 years old, has been the Marketing Manager of the family company, the Gruppo Brandini, for five years. Founded in 1917 by his grandfather Cesare, the company now has ten subsidiaries located throughout Tuscany 26 Firenze | made in Tuscany

Come avete celebrato il primo secolo di vita? Con un libro, “Cento, in viaggio dal 1917” che racconta non solo la storia di un’azienda tra le prime in Italia a commercializzare auto ma anche la vitalità e la crescita di Firenze grazie a foto storiche dell’Archivio Locchi. Cento anni sono un punto di arrivo o di partenza? Sono una transizione in un periodo intenso durante il quale ci adeguiamo a quello che succede intorno a noi. E’ cambiato il modo di lavorare, ci sono stati sviluppi di settori nuovi e noi ci avviciniamo alle richieste dei clienti, sempre più orientati verso il digitale. Cosa significa per Brandini l’essere fiorentini? Un motivo di orgoglio, noi siamo nati tutti in città, dal nonno a me e mio fratello. Abbiamo sedi anche fuori città e lavoriamo in tutta Italia ma quando il nostro background fiorentino è un valore aggiunto. Quali sono i luoghi di Firenze che ama di più? La Chiesa del Cestello e la zona di Borgo Ognissanti, vicini alla nostra sede di via della Fonderia, mentre quella storica era in piazza della Libertà. Dove porta ospiti, amici e colleghi di lavoro quando vengono a Firenze? Visto che gli AD delle nostre sedi vengono sempre verso l’ora di pranzo parliamo di lavoro a tavola mangiando una bistecca all’Antico Ristoro di Cambi.


Location: Liceo Artistico di Porta Romana - Firenze

Excellence of artistry, in a bag Firenze • Palazzo Gondi, Via de’ Gondi 4/6r Milano • Galleria Passarella, 1 (Corso Vittorio Emanuele II)

FIRENZE

www.ireri.it


flo people

and h n i d n a h n g i s Art and de CCETTO A SIGN A BR ARTE E DE

text Maria Lardara

How did you first get involved in interior design? I come from the field of contemporary art, but I’ve always been attracted to this profession. I became involved ten years ago, when the architects of Studio Dimore Firenze asked me to choose some works of art for a villa in Fiesole. That’s how the idea came about to open Studio Dimore Collection together with them. What’s the most precious item that you’ve ever laid hands on? A work by Kandinsky from 1913. I was deeply moved to handle this piece, quite literally. I come to your shop because I want to furnish my house. What advice would you give me? I would tell you what I usually tell my clients: you have an empty shell which you can bring to life with an eclectic mix of furnishings and colors, alternating between antique and contemporary pieces. Better to work in Florence or in Milan? They’re two different cities, two different styles of working. The rhythms of the market in Florence are linked to the tourist season, while in Milan our target clients are the Milanese and the designers who gravitate to the city. Back to the future: why did you decide to bring out your very own collection of furniture? We wanted to create a new look and feel to vintage furniture by reintroducing pieces from the past with today’s patterns, colors and finishes. Behind the collection there’s a great deal of study and craftsmanship.

Giuseppe Di Salvo holds a university degree in Conservation of Cultural Assets and a Master’s in Management of Art and Culture. He’s a partner at Studio Dimore Collection, a point of reference for vintage and contemporary design with offices in Florence and Milan 28 Firenze | made in Tuscany

Quali sono stati i primi passi nell’interior design? Provengo dall’ambito dell’arte contemporanea ma ho sempre avuto il pallino anche per questo mondo dove sono entrato circa dieci anni fa, quando gli architetti di Studio Dimore Firenze mi chiesero di selezionare alcune opere d’arte per una villa a Fiesole. Da lì l’idea, insieme a loro, di aprire Studio Dimore Collection. L’oggetto più esclusivo che le è mai capitato tra le mani. Un Kandinsky del 1913. Fu una grande emozione averlo letteralmente tra le mani. Entro in negozio perché vorrei arredare la mia casa. Consigli? Quello che do solitamente ai miei clienti: un involucro neutro da arricchire con un mix eclettico di arredi e colori, alternando mobili d’epoca e contemporanei. Si lavora meglio a Firenze o Milano? A Firenze l’andamento del mercato è legato alla stagione turistica, a Milano il nostro target è rappresentato dai milanesi e dai designer che gravitano in città. Back to the future. Perché uscire con una collezione di mobili propria? Volevamo dare veste e anima nuove al vintage, reinterpretando mobili del passato con laccature, patterns e colori di tendenza. Una collezione che cela un’accurata ricerca e un gran lavoro di artigianalità.


flo people

m LivinUgNaSOdGrNeOa VIVERE

text Virginia Mammoli

ph. Marco Gabbuggiani

What do you propose to those who turn to you for their event? Our passion is pure food, the food culture of our country and the traditions of our families. What is the secret to continuously amazing your clients? Curiosity and research. Tasting and trying everything. Learning from great chefs and preparing dishes with imagination. What is the strangest request you have received? A Russian family who came to one of our dinners in Forte dei Marmi and then asked us for a second helping in Moscow. What is the most beautiful place in Florence where you have organized an event? There was the time in the square of the Uffizi, another time in the Salone dei Cinquecento or Orsanmichele, all beautiful places, but the best place remains the one where we will organize the next event. Where would you choose for an important event? The locations that attract me most are those that are the most unusual. An old 1930s garage, an art gallery, a dinner among the shelves of a supermarket ... There are hundreds of possibilities, just have to learn to see them. What projects are there on the horizon? I am opening a small restaurant in Florence with Italian and French cuisine, or as I prefer to say, Tuscan-Provençal, in which you can try our dishes at any time with a background of guitar music.

Jerry Ruffilli, a great lover of the culinary arts, is the founder and owner of Le Cirque Firenze, renowned catering service for exclusive events 30 Firenze | made in Tuscany

Che suggestioni proponete a chi si rivolge a voi per il proprio evento? La nostra passione è la gastronomia pura, la cultura alimentare del nostro Paese e le tradizioni delle nostre famiglie. Il segreto per non smettere mai di stupire? La curiosità e la ricerca. Assaggiare e provare tutto, imparare dai grandi chef e allestire con fantasia. La richiesta più curiosa che avete ricevuto? Una famiglia russa che è venuta a una nostra cena a Forte dei Marmi e ci ha chiesto un bis direttamente a Mosca. Il luogo più bello a Firenze dove avete organizzato un evento? C’è stata la volta del piazzale degli Uffizi, quella del Salone dei Cinquecento o di Orsanmichele, tutti posti splendidi, ma il luogo più bello è sempre quello dove organizzerò il prossimo evento. La location che sceglierebbe per un suo avvenimento importante? Le location che mi attraggono maggiormente sono quelle più insolite. Un vecchio garage anni ‘30, una galleria d’arte, una cena tra gli scaffali di un supermercato… le possibilità sono a centinaia, basta saperle vedere. Progetti all’orizzonte? Sto aprendo un piccolo ristorante a Firenze di cucina italo/francese, o come preferisco dire io, tosco-provenzale, in cui sarà possibile provare in ogni momento la nostra cucina insieme a una chitarra di sottofondo.


Firenze, Via Porta Rossa 82R


flo people

ler a e d s e u iq t n a y r a Contempor ORANEA P IA CONTEM R A U IQ T N A

text Giovanna Caprioglio

A Milanese antiques dealer who has chosen Florence as her second city, with great passion for her work, Pilar Pandini demonstrates that the world of antiques can absolutely be contemporary

You’ve been an antiques dealer in Milan for several years and three years ago you opened a gallery, G&Q Fine Art, in the heart of Florence in via de’ Tornabuoni… It’s a choice that came from the heart, because everything I love, art and Renaissance culture, permeates every corner of the city. But it’s not just that. Florence is a very international city, where I am also able to meet foreign clients that come here for extended periods during the year because I’m usually the owner of important real estate in Tuscany. Palazzo Larderel, one of the top 100 most beautiful palaces in Italy and home to your gallery, has taken on new vitality. How did you achieve this? Since I opened the gallery with my husband Augusto Brun and his brother Marco, we’ve sought to bring forth the best of Italian and international antiques, creating a lively atmosphere, always bustling. I also wanted to host contemporary art exhibitions because I’m convinced that art must be experienced across the board, without regard to period and style. What is the most important piece you will display at the Biennial? The most important will be in the Gallery: a prie-dieu that belonged to Queen Margherita (first half of the 1700s) and is attributed to Piffetti, the famous cabinetmaker from Turin. It’s an incredible work of art that boasts decorative ivory and mother-of-pearl so masterfully inlayed that they seem painted. Antiquaria a Milano da anni, da tre ha scelto di aprire una Galleria, la G&Q Fine Art, nel cuore di Firenze in via de’ Tornabuoni... Una scelta dettata sia dal cuore, perché tutto quello che amo, l’arte e la cultura rinascimentale, qui si respirano in ogni angolo. Ma non solo. Firenze è una città molto internazionale, dove riesco a incontrare anche clienti stranieri che qui trascorrono lunghi periodi dell’anno e spesso sono proprietari di importanti proprietà immobiliari in Toscana. Palazzo Larderel, tra i cento palazzi più belli d’Italia, con la sua Galleria ha acquistato una nuova vitalità, come? Da quando abbiamo aperto la galleria, con mio marito Augusto Brun e suo fratello Marco, abbiamo cercato di portarvi il meglio dell’antiquariato italiano e internazionale, creando un ambiente vivo, sempre in movimento. Ho voluto ospitare anche mostre di arte contemporanea, perché sono convinta che l’arte debba essere vissuta in modo trasversale, senza confini di epoche e stili. Nei giorni della Biennale quale sarà il pezzo più importante che esporrete? Il più importante sarà in Galleria. Un inginocchiatoio appartenuto alla Regina Margherita (quindi prima metà del 1700) attribuito al famosissimo ebanista torinese Piffetti. Un’incredibile opera d’arte dove l’avorio e la madreperla delle decorazioni sono intarsiate con una maestria tale da sembrare dipinti.

32 Firenze | made in Tuscany


F A L I E R O S A R T I . C O M


save as flo exhibition

What’s on in Florence CARNET FIORENTINO

text Virginia Mammoli Palazzo Comunale - Pontassieve

Boboli Gardens

Museo Bardini

Palazzo Strozzi

Aula Magliabechiana

36 Firenze Firenze| |made madein inTuscany Tuscany

OCTOBER Until 23 October at the Museo Bardini, Unknown Pleasure. Over thirty works – paintings, drawings and sculptures - by the British artist Glenn Brown. In Random Order is the exhibition of Helidon Xhixha’s resplendent stainless-steel sculptures inside the magnificent Boboli Gardens, until 29 October. From 20 October to 21 January the Strozzina hosts Radical Utopias to celebrate the extraordinary creative period of the radical movement in Florence during the 1960s and 1970s. NOVEMBER Until 5 November at the Tesoro dei Granduchi (Palazzo Pitti) the OTTOBRE Prosegue fino al 23 ottobre al Museo Bardini l’esposizione dell’artista inglese Glenn Brown, Piaceri Sconosciuti. Più di trenta opere, tra dipinti, disegni e sculture. Fino al 29 ottobre, a impreziosire quel gioiello tutto italiano del Giardino di Boboli le sculture in splendente acciaio inox di Helidon Xhixha con In Ordine Sparso. Alla Strozzina, dal 20 ottobre al 21 gennaio, Utopie radicali, un excursus sulla straordinaria stagione creativa che il movimento radicale visse a Firenze tra gli anni ’60 e ’70. NOVEMBRE Fino al 5 novembre, al Tesoro dei Granduchi (Palazzo Pitti) la mostra Omaggio al Granduca: i piatti d’argento per la festa di San Giovanni, organizzata in occasione del patrono fiorentino. Dopo aver esposto

exhibition Omaggio al Granduca: drawing to an end in January i piatti d’argento per la festa di as well. One is the second ediSan Giovanni, organized for the tion of In Florence, conceived by celebrations of Florence’s pa- Fabrizio Moretti and curated this tron saint. After exhibiting at the year by Francesco Bonami. This Uffizi and at Venice’s Biennale, edition showcases works by Urs Andrea Martinelli will be show- Fischer. His Big Clay #4, an amazing his works at the Palazzo Co- ing 13-meter-tall sculpture, will munale of Pontassieve in L’ora be installed in Piazza della Sidelle ombre. Intense paintings gnoria, and two works made of portraying foreboding faces with wax on the Arengario of Palazzo a story to tell (until 26 Novem- Vecchio. The other event is The Cinquecento in Florence. From ber). Michelangelo and Pontormo to DECEMBER The Museo dell’Opera del Du- Gianbologna, at Palazzo Strozzi. omo hosts Capolavori Ritrovati The exhibition explores a peby Arnolfo di Cambio and Tino riod of prominent cultural and da Camaino until 31 December. intellectual talent marked by the One additional week to see the Counter-Reformation and by the Japanese Renaissance in Il rinas- personality of Francesco I de’ Medici (both until cimento giapponese: 21 January). Runla natura nei dipinti ning instead until su paravento dal XV 2 May at the Museo al XVII secolo, at the Salvatore FerragaUffizi’s Aula Magliamo, 1927. The Return bechiana. Two mato Italy. jor events will be agli Uffizi e alla Unmissable due importanti Biennale di Ve- events appuntamenti: la nezia, le opere di seconda edizione in this Andrea Martinelli di In Florence, che sbarcano nel Pa- art-packed quest’anno vede lazzo Comunale season protagonista asdi Pontassieve soluto Urs Fischer, con L’ora delle ombre. Dipinti in piazza della Signoria con intensi che raffigurano volti Big Clay #4, un’incredibile da cui emergono ansie, storie opera di 13 metri e all’Arene inquietudine (fino al 26 no- gario con due sculture in cera vembre). di due nomi noti del mondo DICEMBRE dell’arte, Fabrizio Moretti e Al Museo dell’Opera del Francesco Bonami; e Il CinDuomo prosegue fino al 31 quecento a Firenze. Tra Michedicembre l’esibizione dei Ca- langelo, Pontormo e Giambopolavori Ritrovati di Arnolfo di logna, a Palazzo Strozzi, il Cambio e Tino da Camaino, racconto di un’epoca ricca di mentre resterà ancora una set- estro creativo, segnata dalla timana per visitare la mostra Controriforma del Concilio di dedicata all’arte ricca di fasci- Trento e dalla figura di Franno del Sol Levante, Il rinasci- cesco I de’ Medici (entrambi mento giapponese: la natura nei fino al 21 gennaio). Solo il 2 dipinti su paravento dal XV al maggio si concluderà invece XVII secolo, nell’Aula Maglia- la mostra al Museo Salvatore bechiana degli Uffizi. Sem- Ferragamo 1927. Il ritorno in pre a gennaio si concludono Italia.


www.angelacaputi.com ph. alessandrobencini.com


save as tuscan exhibition

Breathtaking exhibitions MOSTRE MOZZAFIATO

text Virginia Mammoli

Palazzo Blu - Pisa

Lu.C.C.A.

Museo Civico - Sansepolcro

Palazzo dei Vescovi - Pistoia

Palazzo Fabroni - Pistoia

38 Firenze Firenze| |made madein inTuscany Tuscany

A series of not to be missed exhibitions continues through the autumn. Four showing at the Galleria Continua in San Gimignano are: Etel Adnan.Déjeuner au soleil, Jonathas De Andrade. Eu, mestiço / Me, mestizo, Ahmed Mater. Mitochondria: Powerhouses and Sabrina Mezzaqui. Autobiografia del rosso (until 6 January). Connected by a Belt – Bernardo Daddi’s Assumption and the identity of a city can be seen until 14 January at the Museo di Palazzo Pretorio in Prato. The main work is Bernardo Daddi’s 14th century altarpiece, long dismembered and finally visible in its entirety. Until 6 January an exProsegue durante l’autunno una serie di mostre tutte da vivere. Quattro quelle alla Galleria Continua di San Gimignano: Etel Adnan.Déjeuner au soleil, Jonathas De Andrade. Eu, mestiço / Me, mestizo, Ahmed Mater. Mitochondria: Powerhouses e Sabrina Mezzaqui. Autobiografia del rosso (fino al 6 gennaio). A Prato, all’interno del Museo di Palazzo Pretorio è visibile fino al 14 gennaio Legati da una cintola - L’Assunta di Bernardo Daddi e l’identità di una città. Opera centrale, la trecentesca tavola di Bernardo Daddi, a lungo tempo smembrata, e finalmente visibile nella sua interezza. A Pistoia, nei Musei dell’Antico Palazzo dei Vescovi, è allestita fino al 6 gennaio una mostra dedicata al periodo toscano del pittore destinato a diventare l’icona stessa della Belle Époque:

hibition on the Tuscan period of notic, surprising and perturbin Giovanni Boldini, the artist des- masterpieces. The exhibition at tined to become an icon of the the Raffaele De Grada Modern Belle Époque, is on at the Musei and Contemporary Art Gallry dell’Antico Palazzo dei Vescovi in San Gimignano featuring in Pistoia. Also in Pistoia, 7 140 fascinating photographs by January is the last day for see- Henri Cartier-Bresson, one of the ing Marino Marini, Visual Passions greatest photographers of all at Palazzo Fabroni. At Santa time, ends on 15 October. Maria della Scala in Siena, the NOVEMBRE Ambrogio Lorenzetti exhibition Continuing on the theme of devoted to one the greatest, but great photography, we end in Noparadoxically little-known, 16th vember with a further two not to century European painters, con- be missed exhibitions: on the 5th tinues until 21 January. Back in Steve McCurry. Icons, at the Museo Prato, From the Cave to the Moon, Civico Sansepolcro, with a selecfeaturing the enormous heritage tion of 100 photographs from his of contemporary art collected enormous output. On the 12th in the past thirty years by the at Lu.C.C.A. - Lucca Center of Centro Pecci continues until 28 Contemporary Art, an exhibiJanuary. tion of the work OCTOBER of Robert Doisneau. From 13 October 80 black and white to 28 January, Palaimages, including zzo Blu in Pisa will the celebrated, roAutumn host an exhibition mantic Le Baiser De of all Escher’s hyp- in Tuscany, L’Hotel De Ville. Giovanni Boldini. and leading na il 15 ottobre Sempre a Pistoia, names in la mostra alla il 7 gennaio terd’Arte international Galleria mina la mostra Moderna a ConMarino Marini, art are temporanea RafPassioni visive, a in the air faele De Grada di Palazzo Fabroni. San Gimignano A Siena, a Santa Maria del- dedicata a uno dei più granla Scala, prosegue fino al 21 di fotografi di sempre, Henri gennaio la mostra Ambrogio Cartier-Bresson. 140 scatti ricLorenzetti, volta a far conosce- chi di fascino. re uno dei più grandi pittori NOVEMBRE europei del XIV secolo, incre- Continuando sulla scia della dibilmente poco conosciuto. grande fotografia si concluTornando a Prato, prosegue dono a novembre altre due fino al 28 gennaio Dalla ca- mostre da non perdere: il 5 verna alla Luna, incentrata Steve McCurry. Icons, al Museo sull’enorme patrimonio d’ar- Civico Sansepolcro, con una te contemporanea raccolto selezione di 100 scatti della negli ultimi trent’anni dal sua ampissima produzione; Centro Pecci. e il 12, al Lu.C.C.A. - LucOTTOBRE ca Center of Contemporary, Dal 13 ottobre al 28 gennaio, l’esposizione dedicata a RoPalazzo Blu di Pisa ospita una bert Doisneau. 80 immagini in rassegna di tutti gli ipnotici, bianco in nero, tra cui la celesorprendenti e perturbanti bre e romantica Le Baiser De capolavori di Escher. Termi- L’Hotel De Ville.


Firenze | made in Tuscany 39


save as classic

The best of… IL MEGLIO DI…

text Teresa Favi

Alessandro Preziosi

Emerson String Quartet

Claudio Bisio

L’ora di ricevimento

Mario Brunello

40 Firenze | made in Tuscany

OCTOBER Great choreographer and dancer Virgilio Sieni presents his new creation, Diario di Vita, on 11 October at Teatro della Pergola to live music by Norwegian guitarist Eivind Aarset. Giacomo Puccini’s La rondine will be staged in a new production by Denis Krief at Florence Opera 17 – 25 October. NOVEMBER The Amici della Musica concert season begins with the Emerson Quartet on 4 November at Teatro della Pergola. 7 – 11 November Mandela Forum hosts Rocky horror show featuring Claudio Bisio in the role of OTTOBRE L’11, al Teatro della Pergola, il grande coreografo e ballerino Virgilio Sieni presenta la sua nuova creazione, Diario di Vita, sulla musica dal vivo del chitarrista norvegese Eivind Aarset. All’Opera di Firenze, dal 17 al 25, va in scena La rondine di Giacomo Puccini con un nuovo allestimento a cura di Denis Krief. NOVEMBRE Dal 3 a 5, al Teatro Verdi, su il sipario della nuova stagione con La guerra dei Roses con Ambra Angiolini e Matteo Cremon. Il 4, al Teatro della Pergola per la stagione dei concerti degli Amici della Musica, arriva il Quartetto Emerson. Dal 7 all’11, è in programma al Mandela Forum Rocky horror show con Claudio Bisio nelle vesti del narratore. Il 19, suona Mario Brunello (violoncello) al Tea-

narrator. On 19 November the reservations are required. An cello of Mario Brunello may be unmissable event is coming up heard at Teatro della Pergola, on 16 December at Teatro della where Fabrizio Bentivoglio ap- Pergola: the King’s Singers in pears 21 - 27 November with concert. The vocal sextet is one L’ora di ricevimento under the of the best-known on the world direction of Michele Placido. On concert scene. On 21 Decem24 and 25 November at Teatro ber the Florence Opera hosts a Puccini, Francesca Merloni Christmas Concert presented by and Gianmarco Tognazzi stage Maggio Musicale Fiorentino in Guardiana in a performance fea- which the Orchestra, Choir and turing original music performed Children’s Choir are conducted by Remo Anzovino on the piano. by Lorenzo Fratini. On Christmas Eve Teatro Verdi will hold DECEMBER On 4 December the Amici del- its Christmas Concert featuring la Musica series continues at the ORT or Regional Orchestra Teatro della Pergola with the of Tuscany under the direction of mandolin of Avi Avital. On 14 Daniele Rustioni. The Florence December, Ensemble Microlo- Opera also hosts a New Year’s gus comes to Museo dell’Opera Eve Concert on 31 December in which Fabio Luisi del Duomo for a conducts the soloconcert entitled ists, Orchestra and Ballads, madrigals Music, Choir of the Maggio and dance music of theatre, Musicale Fiorenthe Ars Nova Italiana opera and tino in Beethoven’s (14th century); adNinth Symphony. mission is free, but dance. Plenty ma su prenotaziotro della Pergola, ne obbligatoria. dove dal 21 al 27 of choice Il 16, imperdibiva in scena Fabrifrom le alla Pergola, zio Bentivoglio il concerto dei con L’ora di rice- October vimento diretto da to December! King’s Singers, il sestetto vocale Michele Placido. Il 24 e il 25, al Teatro Pucci- tra i più degni di nota del pani, Francesca Merloni e Gian- norama internazionale. Il 21, marco Tognazzi portano in all’Opera di Firenze, il Conscena Guardiana con le mu- certo di Natale del Maggio siche originali interpretate al Musicale Fiorentino è affipiano da Remo Anzovino. Dal dato all’Orchestra, al Coro e 28 novembre al 3 dicembre, al Coro delle voci bianche dial Teatro della Pergola, Leo retti da Lorenzo Fratini. Il 24, Muscato dirige l’adattamento al Teatro Verdi, è la volta del Concerto di Natale dell’Ort, del Nome della rosa di Eco. l’Orchestra Regionale della DICEMBRE Il 4, al Teatro della Pergola Toscana diretta da Daniele per gli Amici della Musica, il Rustioni. Il 31, ancora all’Omandolino di Avi Avital. Il pera di Firenze, per il Con14, al Museo dell’Opera del certo di fine anno, Fabio LuDuomo, arriva l’Ensemble isi guida i solisti, l’Orchestra Micrologus con un concerto e il Coro del Maggio Musicale nell’esecuzione dal titolo Ballate, madrigali e Fiorentino musiche di danza dell’Ars Nova della Nona Sinfonia di Beeitaliana (XIV sec.), è gratuito thoven.


save as pop

Autumn concerts

STAGIONE CHE VA, CONCERTO CHE TROVI text Sabrina Bozzoni

James Blunt

Asaf Avidan

Gianna Nannini

Nina Zilli

Fabri Fibra

42 Firenze Firenze| |made madein inTuscany Tuscany

OCTOBER Tuesday 3 on the stage of the Obihall, two hours of energy by Ermal Meta, one of the intense faces on the new Italian music scene. The author of this summer’s Italian hit: with his “Fenomeno Tour”, Fabri Fibra’s relentless style is finally in town, Friday 27 at the Obihall. “Sogno e son desto - chi nun tene coraggio nun se cocca ch’ ‘e femmene belle”, is the new recital by Massimo Ranieri, Sunday 29 at the Teatro Verdi. In a magical and unprecedented theatrical setting, Gigi D’Alessio will relive 25 years of his career, with the songs and hits that made genOTTOBRE Martedì 3 sul palco dell’Obihall, due ore di energia affidate a Ermal Meta, uno dei volti più forti della nuova musica italiana. E’ stato il fautore della Hit italiana di questa estate: con il suo “Fenomeno Tour” lo stile incalzante di Fabri Fibra approda finalmente in città, venerdì 27 all’Obihall. “Sogno e son desto chi nun tene coraggio nun se cocca ch’ ‘e femmene belle”, è il nuovo recital di Massimo Ranieri, domenica 29 al Teatro Verdi. Dentro una magica e inedita atmosfera teatrale Gigi D’Alessio, ripercorrerà 25 anni di carriera, con le canzoni e le hit che hanno fatto cantare intere generazioni: live lunedì 30, sul palco dell’Obihall. NOVEMBRE Dopo il successo del singolo “Mi hai fatto fare tardi”, Nina Zilli torna con il nuovo album

erations sing: live Monday 30, on seica”, Caparezza is back at the the stage of the Obihall. Nelson Mandela Forum, on FriNOVEMBER day, 24. Sunday 26 at the Teatro After the success of the single Verdi it is the turn of Asaf Avi“Mi hai fatto fare tardi”, Nina dan and his unforgettable voice. Zilli returns with her new al- DECEMBER bum “Modern Art” and brings One of the most intense female her unique energy to the stage. performers, Paola Turci is ready Don’t miss her Friday 3 Novem- to enchant her audience, on ber at the Viper Theatre. On Tuesday 5 at the Teatro Puccini. the same night of music, this Three dates in Rome, Florence time at the Obihall, for Michele and Milan and a new album. Bravi, fresh from the success The Tuscan rocker Gianna Nanof his “Anime di Carta”. Rock, nini has no intention of stopping this time Italian style, Thursday and awaits you with her unique 9 at the Teatro Verdi for super style on Wednesday 6 at the live return of Edoardo Bennato. Nelson Mandela Forum. “De Monday 13, stopping off for a Andrè Canta De Andrè” is the leg of his world tour at the Nel- new musical project by Cristiano son Mandela Forum, the Brit- De Andrè, live on Tuesday 12 at ish James Blunt. the Nelson MandeThe same evening la Forum. We finfor Brazilian music ish the month with by Maria Gadù, on Biagio Antonacci on stage at the Teatro Friday 15 at the Puccini. Three Nelson Mandela years after “Mu- In Florence Forum. di inediti “Modern the music Mandela Forum, Art” e on stage con always venerdì 24. Dola sua originalissimenica 26 al Teachanges. ma energia. Non tro Verdi è la volta perdetevela ve- Find out di Asaf Avidan e la nerdì 3 novembre more here! sua voce indimenal Viper Theatre. ticabile. Stessa notte di musica, questa DICEMBRE volta all’Obihall, per Michele Interprete femminile tra le più Bravi, fresco di successo del intense, Paola Turci è pronta a suo “Anime di Carta”. Dove? stregare il suo pubblico, marNelson Mandela. Quando? Da tedì 5 al Teatro Puccini. martedì 7 a sabato 11: sono Tre date a Roma, Firenze e Mile date del musical più irrive- lano e un nuovo album. rente della storia, Rocky Hor- La rocker toscanaccia Gianna ror Show. Rock, questa volta Nannini non ha certo intenzioall’italiana, giovedì 9 al Teatro ne di fermarsi e vi attende con Verdi per il super ritorno live la suo stile unico mercoledì di Edoardo Bennato. 6 al Nelson Mandela Forum. Lunedì 13 fa tappa al Nel- “De Andrè Canta De Andrè”, son Mandela Forum, il tour è il nuovo progetto musicamondiale di britannico James le di Cristiano De Andrè, live Blunt. Stessa sera per la mu- martedì 12 al Nelson Mansica brasiliana di Maria Gadù, dela Forum. Concludiamo il on stage al Teatro Puccini. A mese con Biagio Antonacci, vetre anni di distanza da “Musei- nerdì 15 al Nelson Mandela ca”, Caparezza torna al Nelson Forum.


B R ACE LE TS F ORCE 1 0

Via dei Calzaiuoli 122/r 124/r - 50122 Firenze +39 055 287862 - www.enricoverita1865.com


save as movie

Homage to James Ivory ‘CAMERA CON VISTA’ TRENT’ANNI DOPO text Elisabetta Vagaggini

James Ivory

A scene of the film

A scene of the film

A scene of the film

Cinema Odeon, Florence

44 Firenze | made in Tuscany

One of the most beautiful cinematic illustrations of Florence is the one directed by James Ivory, A Room with a View, based on the novel of the same name by E.M. Forster; the story is set in the city at the end of the 1800s, when Florence was a destination on the Grand Tour. Released in ’86 and the winner of three Oscars, the Silver Lion at the Venice Film Festival and a David di Donatello, the film tells of the love story between Lucy Honeychurch (Helena Bonham Carter) and George Emerson (Julian Sands). The film begins in Pensione Bertolini, where Lucy is staying with Uno dei più bei racconti per immagini di Firenze è quello realizzato da James Ivory nel film Camera con vista, ispirato al libro di E.M. Forster, A Room with a View: ritratto della città di fine ‘800, quando era meta del Grand Tour. Uscito nell’86, vincitore di tre Premi Oscar, il Leone d’Argento a Venezia e un David di Donatello, il film narra la storia d’amore tra Lucy Honeychurch (Helena Bonham Carter) e George Emerson (Julian Sands). Siamo alla Pensione Bertolini, dove Lucy soggiorna insieme all’anziana cugina Charlotte (Maggie Smith) e dove incontra il signor Emerson e suo figlio George. Nel corso di un picnic sulle colline di Fiesole, Lucy e George si baciano appassionatamente. Costretta a tornare in Inghilterra, Lucy si fidanza con lo snob Cecil Vyse (Dan-

her elderly cousin Charlotte Ivory at Vila La Piera, New York (Maggie Smith) and where she University in Florence on the meets Mr. Emerson and his evening of October 4 (invitason George. During a picnic tion-only), on the morning of in the hills of Fiesole, Lucy the 5th, the mayor of Florence, and George share a passionate Dario Nardella, will present the kiss. Forced to return to Eng- director with the Fiorino d’Oro land, Lucy becomes engaged in Palazzo Vecchio; at 8.30pm, to the snob Cecil Vyse (Daniel at Cinema Odeon, there will Day-Lewis). But when the Em- be a showing of A Room with ersons rent a nearby cottage, a View, with the director, Helthe fire between the young lov- ena Bonham Carter and Juers is inevitably reignited and lian Sands in attendance and they return to Florence to fulfil introduced by a conversation their dream of being together. with Piera Detassis, the direcThe lovers return to Florence tor of Ciak; from October 6 – for the 30th anniversary of A 8, Cinema La Compagnia in Room with a View, from Oc- Florence (via Cavour 50/r) will tober 4 – 8, at Cinema Odeon host a program dedicated to the and Cinema La Compagnia, in American director; on Saturday the 7th (5pm), Tea collaboration with with a View will the City of Flortake place in the ence, New York University and the James Ivory, Harold Acton Library at the British British Institute Helena Institute of Florof Florence. After ence. welcoming James Bonham iel Day-Lewis). Carter and al Cinema OdeMa quando nel Julian Sands on, proiezione di vicino cottage arCamera con vista, in Florence rivano proprio gli alla presenza del Emerson,, il fuoco to celebrate regista, di Helena inevitabilmente si the film Bonham Carter e riaccende e i due Julian Sands, intorneranno proprio a Firenze trodotta da una conversazione per coronare il loro sogno con Piera Detassis, direttrice d’amore. di Ciak; dal 6 all’8 ottobre il Gli innamorati di ieri tornano cinema La Compagnia di oggi a Firenze per il Trenten- Firenze (via Cavour 50/r), osnale di Camera con Vista, che pita una rassegna dedicata al si tiene dal 4 all’8 ottobre, al regista americano, che vede cinema Odeon e al cinema La in programma alcuni dei suoi Compagnia, in collaborazione più bei film, anche questi tratti con il Comune di Firenze, da opere letterarie, come Quel New York University e British che resta del giorno, dal raccoInstitute of Florence. Dopo nto di Kazuo Ishiguro, Mauil benvenuto a James Ivory a rice, sempre da E.M. Forster, Villa La Pietra, New York Uni- Casa Howard, tratto da Henry versity di Firenze il 4 ottobre James e Quella sera dorata, dal sera (evento ad invito), il 5 romanzo di Peter Cameron; mattina il sindaco di Firenze, sabato 7 (ore 17.00), evento Dario Nardella, consegnerà Tea with a View, alla Harold al regista il Fiorino d’Oro in Acton Library del British InPalazzo Vecchio; alle 20.30, stitute of Florence.


save as folk

Toscana di gusto TUSCANY OF TASTE

text Sabrina Bozzoni San Miniato White Truffle

Marron and Wild Berries Festival, Palazzuolo sul Senio

Country Soup Festival Sassetta

Seggiano Olive Oil Festival

Porcino Mushroom festival. Castelfranco di Sotto 46 Firenze | made in Tuscany

OCTOBER Every Sunday during the month Chestnut Festival in Marradi. The 2nd, 3rd and 4th weekend of October and 4 and 5 November, Porcino Mushroom and Chianina Festival in Castelfranco di Sotto. Every Sunday during October, Marron and Wild Berries Festival in Palazzuolo sul Senio, featuring the local Mugello Marron IGP. A month of festivals in Sassetta: Sunday 8th Country Soup Festival, the 15th Thrush and Chestnut Festival, the 22nd OTTOBRE Tutte le domeniche del mese Sagra delle Castagne a Marradi. Il 2°, 3° 4° fine settimana di ottobre e il 4 e 5 novembre, Sagra del Porcino e della Chianina a Castelfranco di Sotto. Tutte le domeniche di ottobre, Sagra del marrone e dei frutti del sottobosco a Palazzuolo sul Senio, con il tipico Marrone del Mugello IGP. A Sassetta mese di sagre: domenica 8 Sagra della Zuppa, il 15 Tordata e Sagra della Castagna, il 22 Sagra della Polenta e Palio dei Rioni. L’ultimo fine settimana di ottobre (compreso il venerdì) e il primo di novembre a Volterra: Volterragusto e la Mostra Mercato del Tartufo Bianco. La Mostra Merca-

Polenta Festival and the Palio month, Crete Senesi White dei Rioni tournament. Truffle Fair in San GiovanThe last weekend of Octo- ni d’Asso - two weekends ber (including Friday) and for Marzuolo truffle lovers the first weekend of No- to make note of, and the vember in Volterra: Volt- 2nd, 3rd and 4the weekerragusto and the White ends of November, one of Truffle Fair. From 28 Octo- autumn’s most traditional ber to 1 November in Ang- events, The San Miniato hiari, The Hundred Flavours White Truffle Fair. of the Apennines, a fair show- DECEMBER casing Upper Tiber Val- The first weekend of the ley agritourism, food and month (including Friday), wine. 28 and 29 October, Seggiano Olive Oil Festival. on Capraia Island, the leg- The 2nd weekend of the endary Sqid Festival. From month, the Olive Oil Festi27 October to 1 November val at San Quirico D’Orcia. in Piancastagnaio, Crasta- On the 8th, the traditional tone, a traditional chestnut Sweet Polenta and Baldino fest and winer(Castagnacio) ies open to the Fest (both made With so public. with chestnut many sagre, flour) in Talla, NOVEMBER The 2nd and 3° or food Faltona (Arezweekend of the festivals, zo). to, dedicata in and special le Crete Senesi primo luogo al events, a San Giovanpregiato tartufo what’s not ni d’Asso: Due bianco, si terrà week-end di apsotto le Logge to like about puntamenti per del Palazzo Pre- this season? gli amanti del torio in Piazza dei Priori tartufo bianco Marzuolo e dalle 10 alle 20. Dal 28 ot- il 2°, 3° e 4° weekend di tobre al primo novembre novembre il classico apad Anghiari I Centogusti puntamento d’autunno con dell’Appennino, mostra- la Mostra mercato nazionale mercato dedicata al mondo del tartufo bianco di San Midell’agriturismo e dell’eno- niato, a San Miniato. gastronomia della Valtibe- DICEMBRE rina. Il primo weekend del Il 28 e 29 ottobre, all’Isola mese (incluso il venerdì) di Capraia, la leggendaria Festa dell’olio a Seggiano. Il Sagra del Totano. Dal 27 2° weekend del mese Feottobre all’1 novembre, sta dell’olio a San Quirico Piancastagnaio, Crastatone, D’Orcia. L’8 a Talla, Faltradizionale sagra della ca- tona, in Casentino, tradistagna e apertura cantine. zionale Sagra della polenta NOVEMBRE dolce (fatta con la farina di Il 2° e 3° weekend del mese castagne) e del baldino (caMostra del tartufo bianco del- stagnaccio).


save as book

September which is almost October is a time for reflection, for picking up that classic which you abandoned on the night table ... or for making the effort to read a book that promises emotions, smiles and occasions for meditation. This is what awaits you if you enter the narrative universe of Vanni Santoni, who has written La stanza profonda (“The Deep Room”), published by Laterza. The story reveals the origins of what today is the phenomenon of video games and what twenty years ago were represented by role-playing games: those experiences which are able to transform reality into a magical, parallel world of wizards, warriors and secret

by Sellerio. It’s a plunge into the shadowy depths marked by brutal questions that an accuser poses to a murderess who has paid her debt to human justice. And questions with impossible answers in connection to a life full of light and curiosity are the theme of Fabio Genovesi’s Il mare dove non si tocca (“The Bottomless Sea”), from the presses of Mondadori. This is an original and lively tale about six-year-old Fabio, who has no friends among his peers, but who leans on his parents as well as a wild crowd of grandparents and great-aunts

powers. While life follows its routine, rebels reject its banal rules in a garage in the provinces. These same rules are also refused by Dean Benedetti with his saxophone, the protagonist of Benedetti da Parker (“Benedetti and Parker”), a novel by Alessandro Agostinelli, published by Cairo. His story is that of a musician born in Utah who understands that his jazz-centered world has changed and that he hasn’t played a significant part in it. He ends his days in Torre del Lago, dying at 34, the same age as Charlie Parker. It is into the soul’s most hidden folds that Giampaolo Simi takes the reader in his La ragazza sbagliata (“The Wrong Girl”), published

and uncles, who introduce him to unexpected and unusual worlds. The boy’s fascination drifts into wanting to leave these worlds to enter the real one populated by his schoolmates and their adventures. And, finally, speaking of adventure, it’s affairs of the heart (but not only) that move the indefatigable “anonymous lovers” in Sara Gazzini’s vivacious and ironic C’è chi dice di volerti bene (“Someone Out There Likes You”), published by HarperCollins: this is one that you shouldn’t forget on the night table, because it’s always good to be able to laugh at ourselves.

48 Firenze Firenze| |made madein inTuscany Tuscany

Settembre che diventa ottobre è un periodo che invita a pensare, a dedicarsi a qualche classico abbandonato sul comodino… o da impegnare per leggere un libro che regali emozioni, sorrisi, occasioni di meditazione. Ovvero il momento di entrare nell’universo raccontato da Vanni Santoni nel suo La stanza profonda. Nelle pagine edite da Laterza si trovano le origini di quello che è oggi il fenomeno dei videogiochi e che vent’anni fa erano i “giochi di ruolo” capaci di trasformare la realtà

Books to reflect on LIBRI PER RIFLETTERE

in un tempo magico e parallelo di maghi, guerrieri e poteri segreti. E mentre la vita scorre i resistenti, nel garage di provincia, rinunciano alle sue regole banali. Regole che rifiuta anche Dean Benedetti col suo sax, la figura cardine di Benedetti da Parker, il romanzo che Alessandro Agostinelli presenta con i tipi di Cairo: la sua storia è quella di un musicista nato nello Utah che ha compreso il cambiamento del suo mondo fatto di jazz e non esserne stato attore, finendo i suoi giorni a Torre del Lago a soli 34 anni. Gli stessi di Charlie Parker. A voler essere coWe thank the Feltrinelli bookshop raggiosi la riflessione non può in Florence for their kind cooperation mancare neppure sui lati più

oscuri dell’uomo, come scriveva il latino Terenzio. Dunque è nelle pieghe più recondite dell’anima che si muove Giampaolo Simi ne La ragazza sbagliata della Sellerio, in una ricerca fitta d’ombre e domande crudeli di un accusatore a un’assassina che ha pagato il suo debito alla giustizia degli uomini. Una storia fatta per interrogarsi e liberarsi verso una verità. Domande dalle risposte impossibili ma immerse in una vita piena di luce e curiosità sono invece la trama originale e vitale dell’ultimo romanzo di Fabio Genovesi che con Mondadori pubblica Il mare dove non si tocca, storia di Fabio che a sei anni può contare su due

genitori, nessun coetaneo e una scatenata tribù di nonniprozii che gli fanno conoscere mondi inattesi e inusuali dai quali sarà affascinante anche uscire per entrare nella vita più tradizionale dei compagni di scuola e delle loro avventure. Avventure (esclusivamente?) amorose sono quelle delle inguaribili “innamorate anonime” descritte nello scintillante e ironico C’è chi dice di volerti bene di Sara Gazzini, un volume HarperCollins da non lasciare a impolverarsi sul comodino, perché fa troppo bene saper ridere un po’ di sé. Si ringrazia per la gentile collaborazione la libreria Feltrinelli di Firenze


it object

e All eyeI OsCoCHnI Sm U DI ME TUTTI GLnocenti Ciulli text Marta In

And what if a girl’s best friend were bags? This season’s dictate of fashion is to play with shapes, textures and colors, to mix and match, eccentric pairings like leather and patchwork. And here is the Marni bag. E se le migliori amiche delle ragazze fossero le borse? L’imperativo della stagione è quello di giocare con le forme, intrecci e colori in mix e match, accostamenti bizzarri di pelli anche in patchwork. E voilà la borsa di Marni. Firenze | made in Tuscany 51


it object

ry Jane a M y a l p ’s t e L NE A MARY JA O GIOCHIAM nocenti Ciulli text Marta In

It is reductive to think of shoes as mere accessories: they are the extension of the wearer’s personality. And they express women’s whims. These by Miu Miu are fun, sexy, in an unconventional shape and materials. Or not? Riduttivo pensare le scarpe come semplici accessori: sono l’estensione della personalità di chi le indossa. E meglio esprimono i capricci femminili. Queste di Miu Miu sono divertenti, sensuali, trasgressive nella forma e nei materiali. O no? Firenze | made in Tuscany 53


LEONE BLU

DIMORA D’EPOCA RICASOLI

Palazzo Ricasoli una finestra nella storia

Hotel Leone Blu Piazza Goldoni 2 50123 Firenze Tel. 055/290270 info@leoneblu.com Member of CONDÉ NAST Johansens Luxury Hotels – Spas - Venues


it object

ere h p s o m t a s e i t A Seven TTANTA RE SE ATMOSFEno centi Ciulli text Marta In

Steal them from “him”: the neo-Brit boots, more and more fashionable by the year. In new skins, with clearly visible details and lug soles. These by Blundstone, half-way between army and rain boots, are going to be this winter’s must-have. Da rubare al nostro ‘lui’. Gli scarponcini neo brit, sempre più alla moda. Conoscono nuovi pellami, lavorazioni privilegiate ben in vista, suole a carro armato. Questi di Blundstone, fra l’anfibio e per la pioggia, saranno il must dell’inverno. Firenze | made in Tuscany 55


Audi SQ7 TDI. Il SUV diesel più potente della terra.

Con i suoi due turbocompressori a gas di scarico e con il terzo ad azionamento elettrico (EAV) la SQ7 TDI è in grado di offrirvi un’incredibile spinta già da fermi. Grazie a questa novità, utilizzata per la prima volta su un’auto di serie, bastano solo 250 millisecondi per sovralimentare il nuovo V8 4.0 TDI, sprigionando una potenza di 453 CV e una coppia di 900 Nm. Il risultato sono prestazioni straordinarie, sportività oltre i limiti e comfort dinamico. Scoprite Audi SQ7 nel nostro Showroom e su audi.it Gamma Q7. Valori massimi: consumo di carburante (l/100 km): ciclo urbano 9,6 - ciclo extraurbano 6,9 - ciclo combinato 7,9; emissioni CO2 (g/km): ciclo combinato 199.

Audi All’avanguardia della tecnica

Audi Firenze Via Pratese, 135 - 50145 Firenze Tel. 055.46501 - 055.4650351 www.audifirenze.it - email: info@volkswagengroupfirenze.it


it object

nticism a m o r y r a r o p EO Contem TEMPORAN ISMO CON ROMANTIC nocenti Ciulli text Marta In

The idea is that of personalizing living spaces with the creative delicacy of Gucci which, along with Richard Ginori, chinaware since 1735, has created the Gucci Décor. This is a candle-stick in an extraordinary pink shade. There are four fragrances to choose from. L’idea è quella di personalizzare lo spazio abitativo con la delicatezza creativa dello stile Gucci. Che insieme alla Richard Ginori, porcellane dal 1735, ha dato vita a Gucci Décor. Questo è un portacandele in uno straordinario rosa. Firenze | made in Tuscany 57


it object

sé SmelUlsMOliDkEeL RrOoSÉ IL PROF

vi text Teresa Fa

Luminous, vibrant hue and seductive aromas with floral nuances of roses charm and fascinate, before winning over your taste buds with its refreshing flavour and lightly perfumed elegance. This is “A”, a great rosé wine from Tuscany by Antinori. Un rosato che ammalia per il suo luminoso e vibrante colore, che affascina per i suoi profumi suadenti con note floreali di rosa, prima di conquistare all’assaggio con la sua freschezza ed eleganza leggermente aromatica. Si chiama “A”, ed è un grande rosato firmato Antinori. Firenze | made in Tuscany 59


LUNGARNO DINING COLLECTION Con l’arrivo dell’autunno anche le quattro proposte culinarie di Lungarno Collection si rinnovano per vivere ogni momento della giornata nello splendore della città di Firenze. Together with the fall season have arrived four culinary proposals from the Lungarno Collection to enjoy every moment of the day, in Florence’s splendor. Il Borgo San Jacopo è il ristorante stellato in cui l’Executive Chef Peter Brunel esprime a pieno la sua vena gourmet. Un menù per intenditori, arricchito di un percorso dedicato ai vegetariani, con piatti dalla spiccata creatività e tecnica culinarie in cui si inserisce sempre l’elemento sorpresa. Fiore all’occhiello, lo splendido terrazzo da cui ammirare Ponte Vecchio.

Borgo San Jacopo is the Michelin starred restaurant where Executive Chef Peter Brunel fully expresses his gourmet flair. A menu for connoisseurs, including a new vegetarian tasting menu comprised of plates with striking creativity and culinary technique able to leave you in suspense until the last bite. Pride and joy of this location is the unique view over the Ponte Vecchio.

Al bistrò italiano Caffè Dell’Oro si può toccare Ponte Vecchio con un dito. Il menù offre proposte fresche e semplici, che celebrano i sapori e la tradizione regionale squisitamente italiana. La domenica l’appuntamento da non perdere è il brunch!

The Caffè Dell’Oro Italian bistrot is so close to the Ponte Vecchio, you can almost touch it. The menu includes fresh and simple dishes celebrating the flavors of the regional Italian tradition. Make it a point to never miss a Sunday brunch!

Il Fusion Bar & Restaurant è Il luogo perfetto a un passo da Ponte Vecchio per assaporare la cucina Nikkei, accompagnata da piatti eclettici della cultura Giapponese e Mediterranea. La rinomata selezione di Maki Sushi, Sashimi e Nigiri non deluderà con irresistibili proposte di degustazione. Ad accompagnare questi piatti, il Menù Cocktail & Long Drinks che propone da sempre cocktail creati dal pluripremiato team di barman.

The Fusion Bar & Restaurant is the place to be, located a few steps from the Ponte Vecchio, to taste Nikkei cuisine, as well as eclectic dishes inspired by Japanese and Mediterranean cultures- the selection of Maki Sushi, Sashimi and Nigiri is among the best in the city. pair these dishes together with the best drinks in town created by The Fusion Bar award-winning mixologists.

Il Picteau è il raffinato lounge bar dell’Hotel Lungarno, un ambiente di charme e un salotto sul fiume Arno nel quale possono essere ammirate opere originali di Pablo Picasso e Jean Cocteau, a cui si ispira il suo nome. L’ideale per un pranzo o una cena light, un aperitivo o un cocktail vista Ponte Vecchio.

The Picteau is the refined lounge bar of the Hotel Lungarno with a charming ambiance on the Arno River. It takes its name from the two illustrious artists, Pablo Picasso and Jean Cocteau, whose works are on display inside the lounge. The Picteau is ideal for a light lunch or dinner, an aperitif or a cocktail with a stunning Ponte Vecchio view.

Ristorante Borgo San Jacopo Borgo San Jacopo 62/R, Firenze T. +39 055 281661 WhatsA. +39 349 9233800

Picteau Lounge Bar c/o Hotel Lungarno Borgo San Jacopo 14 Firenze T. +39 055 27264996

Caffè Dell’Oro Lungarno Degli Acciaiuoli 2, Firenze T. +39 055 27268912 WhatsA. +39 345 2305910

The Fusion Bar & Restaurant Vicolo dell’Oro 3, Firenze T. +39 055 27266987 WhatsA. +39 349 4438255

bsj@lungarnocollection.com

picteau.lounge@lungarnocollection.com

oro@lungarnocollection.com

tf@lungarnocollection.com


Al Ristorante Borgo San Jacopo (1 Stella Michelin) riparte la terza edizione di kermesse di cene “al cucchiaio” con ospiti chef bistellati che si sfideranno a colpi di creatività nella cucina dello chef di casa Peter Brunel per celebrare l’arte della convivialità. Scoprite i nomi degli chef ospiti e i menu delle serate su: borgosanjacopo.com

The 3rd edition of SPOON welcomes bi-stellar chefs whom – alongside Chef Peter Brunel - will craft themed dinners that celebrate the finest moments of conviviality. Stay tuned for the names of our guest chefs and dinner menus on: borgosanjacopo.com


shotonsite

Mariacristina Monodonesi, Francesca Affortunati, Andrea Cavicchi

Sergio Risaliti, Cesare Cunaccia

Glenn Brown, Monica Sarti

Brigitte Pasquato, Antonella Nesi

Fabio Bechelli, Vanessa Moretti

Paola Concia, Raffaello Napoleone

Roberto and Monica Sarti Cesare Prandelli, Novella Benini

The vernissage of Gleen Brown’s exhibition at the Museo Stefano Bardini, organized with the support of Faliero Sarti Manuela Cuccuru,Matilde Morozzi

Gabriella Farsi, Maurizio Frittelli 62 Firenze | made in Tuscany

Edoardo and Carlotta Nesi

Gaia Nardoni, Alessandra Gatti, Leonardo and Barbara Pinzauti

Paola and Alberto Pecci

Carlotta Lana, Silvia Orsi Bertolini


shotonsite

Claudia Marcassa, Ilaria Barletta

Erika Ghilardi, Maria Luisa de Montemajor

Matteo Parigi Bini, Ori Kafri

Cristina Giachi

Cesare Cunaccia, Natalie Kriz

Cesare Cecchi

Michele Bonan

At the Bacarelli Gallery, Firenze made in Tuscany presents ‘Fashion in Florence Anthology’ by Archivio Foto Locchi. Partners: Consorzio Franciacorta and Dr. Vranjes

Camilla Cappelli, Mariana Machado

Riccardo and Cristina Bacarelli

Andrea Cantini, Francesca Monzali, Sara Bergomi, Gabriele Gori

Fabrizio and Carla Plessi

Massimiliano Giornetti, Alex V. Lana Roma | the Eternal City 63


BOUTIQUE HOTEL

a casa, a Firenze..

CELLAI BOUTIQUE HOTEL | Via 27 Aprile 14, 52/R - 50129 Firenze, Italia Tel. 0039.055.489291 | Fax 0039.055.470387 | www.hotelcellai.it | info@hotelcellai.it


shotonsite

Raffaella Rossiello, Silvia Grilli, Simona Zito

Valerie Durandy, Chiam Do

Alessandro Morelli, Laura Novelli

Silvia Grilli, Carlo Capasa

Lamberto Frescobaldi, Eleonora Frescobaldi

Simona Zito, Micol Bozzino Resmini

Cesare Puccioni, Cecilia Puccioni

Important guests at the dinner given by Chopard on the marvelous terrace of the Museo dell’Opera del Duomo

Veronica Berti Bocelli, Amos Bocelli

Caroline Scheufele, Livia Giuggioli Firth

Caroline Scheufele, Carlo Capasa, Livia Giuggioli Firth, Albert Carreras Firenze | made in Tuscany 65


shotonsite

Annalisa, Antonella and Patrizia Monaco

Maria Laura Fineschi, Francesca Tofanari, Daniela Greco

Richard Leimer

Alexandra Korey, Georgette Jupe

Sara Bartolini, Valentina Filipponi

Caterina Sturla, Benedetta Vezzosi

Renzo Masini

Raffaele and Milena Donvito

Susanna Orlando, Giovanni Bettarini 66 Firenze | made in Tuscany

Eleonora Odorino, Giovanni Bettarini, Carlotta Ferrari, Federica Prayer

The inauguration of the panoramic B-Roof restaurant of the Grand Hotel Baglioni, with an amazing view over Brunelleschi’s Dome

Stefano Ciuoffo, Richard Leimer, Aldo Fiordelli

Nicola Santini, Alessandro Cinque


J.K. LOUNGE RESTURANT & BAR Your charming retreat in the heart of florence all daY-dining from 7.30am to midnight eVerY SundaY: Special “florentine familY StYle SundaY lunch” from 12.30pm

to

3.30pm


Lo charme di una casa storica fiorentina in una cornice di lusso senza tempo Villa Cora Viale Machiavelli 18 Florence, 50125 Italy Tel. +39 055 228790 booking@villacora.it


shotonsite

Giuseppe di San Giuliano, Marie Christine von Reibnitz, Giorgiana Corsini

Arshak Kuzikyan

Maximilian Fane

Jean-Christophe de Lantsheere

Nencia Bolza

The first edition of the New Generation Festival, inside the enchanting Giardino Corsini, devoted to the most illustrious young international opera talents

Duccio Corsini

(ph. Guy Bell) Sophie Harley

Harold van Lennep

Firenze | made in Tuscany 69


shotonsite

Chiara Squaglia, Flavia and Luisa Bischetti, Gianni Mercali

Riccardo Bacarelli, Luda Dini, Roberto Bartolozzi

Matilde Calamai, Gabriele Moretti

Giada Bernasconi, Lavinia Bruni

Elisabetta and Niccolò Ricci

Sara and Matteo Parigi Bini

Renato Tagliagambe, Leo Damiani

Filippo Ricci

Francesca Benelli, Roberta Bartolozzi

Nathalie and Ori Kafri, Nicola Zanetti

70 Firenze | made in Tuscany

The White Party of The Club Firenze given at the elegant Nikki Beach to celebrate the summer season

Tommaso Colzi, Mariachiara Rosi, Niccolò Biondi, Elisa Bardazzi


cover story

Fra Angelico, Annunciation 72 Firenze | made in Tuscany


Discovery LA SCOPERTA

text Francesca Lombardi photo Pasquale Paradiso

Firenze | made in Tuscany 73


Above: “Sant’Antonino” Cloister Below: large window on the second floor of the convent 74 Firenze | made in Tuscany


art itineraries

The library commissioned by Cosimo de’ Medici Crossing over the threshold of the ticket office is like stepping Varcata la porta della biglietteria, si entra in un’altra dimensiointo another dimension, where space and time once again have ne dove spazio e tempo hanno di nuovo un valore e concorrono a value and contribute to creating an idea of beauty that must be insieme a creare un’idea di bellezza a cui necessariamente tenadhered to. We’re at the Museum of San Marco, a concrete testa- dere. Siamo al Museo di San Marco, testimonianza palpabile ment – even if little-known – to a clear and bright Renaissance, – anche se poco nota - di un Rinascimento netto e luminoso, a true miracle of our earth that we remember occasionally but un vero miracolo della nostra terra che ricordiamo di frequenwhose outlines and entirety we often lose sight of. We’re joined te ma di cui perdiamo i contorni e interezza. Ci accompagna by Marilena Tamassia, the museum’s director for the past 2 years: nella nostra visita Marilena Tamassia, direttore del Museo da the kindness in her gaze – closely tied to the pride she feels for 2 anni: la dolcezza del suo sguardo- che ha uno stretto legabelonging to such a place – and the emotion she conveys when me con l’orgoglio di appartenere a quei luoghi - e l’emozione standing before every masterpiece is the most difficult thing to de- che trasmette di fronte a ogni capolavoro è la cosa più difficile scribe in words, but it truly demonstrates the building’s prestige. da raccontare a parole, ma dà la misura reale del prestigio che She greets us in the “Sant’Antonino” Cloister, with its harmo- l’edificio riserva. Ci accoglie nel Chiostro di Sant’Antonino, nious combination of greenery and pietra serena that induces si- equilibrio di verde e pietra serena che invita al silenzio. Intorno lence. The convent surrounds the space, including si erge il convento, che comprende anche un secondo Chiostro, di San Domenico, che appartiethe second Cloister, named after San Domenico, ne alla parte del convento ancora oggi abitata dai which belongs to the part of the convent that today The frati domenicani e non accessibile al pubblico. Il is still home to Dominican friars and is not accessiconsecration complesso originario venne eretto per i silvestrible to the public. The original complex was built for the Sylvestrines prior to the 14th century. In 1437, took place on ni intorno al 1300. Nel 1437 Cosimo finanziò la del convento passato ai domeniCosimo called for the building to be converted to a Epiphany, 1443: ristrutturazione cani e commissionò a Michelozzo, architetto di Dominican convent and commissioned Michelozzo, the Medici’s favoured architect and considered Cosimo invested fiducia di casa Medici e più abile di Brunelleschi more adept at genuine renovations than Brunellesa considerable in quelle che erano vere e proprie ristrutturaziochi, to rebuild the convent according to the modamount of ni, la ricostruzione del convento secondo i più ern Renaissance style. The consecration took place canoni rinascimentali. La consacrazione money moderni on the evening of Epiphany, 1443: Cosimo investdefinitiva avvenne durante la notte dell’Epifania ed a considerable amount of money in renovating the convent, del 1443: Cosimo investì una notevole quantità di denaro nelspending more than 40,000 fiorini; Michelozzo paid him back by la ricostruzione del convento, sborsando più di 40 mila fiorini; creating what still today is a veritable architectural masterpiece, Michelozzo lo ricompensò creando quello che ancora oggi costituisce un vero e proprio capolavoro architettonico, oltre alle not to mention the artworks preserved inside. With our guide, we stroll through the rooms and cells, opting to opere d’arte che custodisce. Con il nostro mentore scegliamo di see things chronologically. The director reminds us of the abso- percorrere stanze e celle scegliendo un filo cronologico. Quello lute authenticity of the museum: a majority of the artworks that che la direttrice ci tiene a sottolineare è l’assoluta autenticità we’re looking at were created for this very setting. It is perhaps del Museo: la maggior parte delle opere che si vedono qui sono precisely this that renders San Marco so fascinating: a visit here state create per gli ambienti dove sono custodite ancora oggi. is almost like a journey back in time, and it begins – it goes with- E’ questa appartenenza forse a contribuire al fascino di San out saying – with Fra Angelico. The illustrious Dominican can be Marco: una visita che è quasi un viaggio nel tempo, e che inizia found on the ground floor in three places and is the fantastic pro- – ça va san dire – con il Beato Angelico. L’illustre domenicano è tagonist of the upstairs floor: his fresco opposite the entrance is presente al piano terra in ben tre luoghi, oltre a essere il favoevidence of the devotion of Saint Dominic to Christ and stands loso protagonista del piano superiore: suo l’affresco opposto out on a beautiful blue lapis lazuli; the hospice is also dedicated to all’entrata che testimonia la devozione di San Domenico per il Firenze | made in Tuscany 75


cover story

The Library in San Marco was one of the first public libraries in history the monk painter, where visitors can find a collection of altarpiec- Cristo e si staglia su un bellissimo blu lapislazzuli; dedicato al es and predellas by Fra Angelico, all of which are stunning. The frate pittore anche l’Ospizio, che raccoglie diverse pale e preTabernacle of the Linaioli deserves a few minutes of our atten- delle del Beato Angelico, tutte bellissime. Merita una sosta partion, commissioned by the Florentine guild for their palace and ticolare la Pala dei Linaioli, commissionata dalla corporazione which celebrates the art of wool and textiles through draperies fiorentina per la loro sede, che celebra l’arte della lana e dei tesfor Mary, Jesus and the Saints, with an almost three-dimensional suti attraverso panneggi, sia per Maria, che per Gesù e i Santi, perfection. In the Chapter House, a crucifixion can be found on di una perfezione quasi tridimensionale. Nella Sala capitolare, una Crocifissione che occupa la parete centrale, the centre wall, with Saints from all the Orders on vede a destra i Santi di tutti gli Ordini e a sinithe right and the Medici family on the left. Here, At the top stra quelli della famiglia Medici. Qui si assaggia visitors can get a taste of Fra Angelico’s skill with colour: a palette that is simultaneously strong and of the stairs, l’abilità del Beato Angelico con il colore: palette vague, as if inspired by a supernatural balance. which leads potenti e allo stesso tempo impalpabili che semessere ispirate da un equilibrio soprannaOpposite the painting is the Piagnona, perhaps to the third brano turale. Di fronte al dipinto la Piagnona, forse la the most punished bell in history, guilty of having corridor, campana più punita della storia, colpevole di aver called upon the local community to join together by an chiamato a raduno il popolo per salvare il Savoand save Savonarola from the Medici. We head to the first floor, a monographic master- Annunciation narola dalla prigione e dalla morte. Saliamo al piano, capolavoro monografico del Beato. piece by Fra Angelico. We are greeted at the top as clean and primo Ci accoglie in cima alle scale che danno sul terzo of the stairs, which leads to the third corridor, by clear as an corridoio un’Annunciazione pulita e netta come an Annunciation as clean and clear as an arrow: subtle faces, wonderful clothing, colours that form arrow una freccia: volti sottili, vesti meravigliose, colori che formano scale dalla matrice così perfetta da a sequence so perfect to almost seem divine. Continuing along the third corridor, we encounter the Library, where sembrare quasi divine. Proseguendo lungo il terzo corridoio si we can once again admire Michelozzo’s skill for rethinking a space incontra la Biblioteca, e ancora una volta si ammira l’abilità di with such absolute simplicity, but never banal. Further down are Michelozzo nel ripensare gli spazi con una semplicità assoluthe rooms reserved for Cosimo who, understandably, often came ta, ma non banale. Più avanti le stanze riservate a Cosimo che, here. To the left of the Annunciation is the corridor reserved for comprensibilmente, qui spesso si ritirava. A sinistra dell’Anthe friars: 21 small cells that each contain, door after door, a stun- nunciazione il corridoio riservato ai frati maggiori: 21 piccole ning fresco. There is no need to describe the beauty of a Christ celle che rivelano, porticina dopo porticina, ognuna un meraviin a mythical garden; the modernity of a Nativity that revolves glioso affresco. Inutile raccontare la bellezza di un Cristo in un 76 Firenze | made in Tuscany


cover story

1

2

3

4

1. Fra Angelico, Tabernacle of the Linaioli 2.Fra Bartolomeo Portrait of Savonarola 3. The Director, Marilena Tamassia 4. Cell reserved for Cosimo de’ Medici 5. Fra Bartolomeo, Madonna and Child 6. One of the friar’s cells

5

6 Firenze | made in Tuscany 77


cover story

Above: Fra Angelico, Madonna of the Shadows Below: one of the 44 cells frescoed by Fra Angelico 78 Firenze | made in Tuscany


Fra Angelico, Saint Dominic Adoring the Crucifixion ( 1442 ca)


Above: Artefacts saved from the destruction of the old city centre of Florence in the late 19th century Below: A view of the upper floor


cover story

Domenico Ghirlandaio, Last Supper around a small hut; or the extraordinary juxtapositions of colour favoloso giardino; la modernità di una Navità che ruota intorno in a Presentation of Jesus at the Temple found in a small niche. a una piccola capanna; o gli straordinari accostamenti di colore There is no use explaining… visit on an autumn afternoon and di una Presentazione al Tempio raccolta in una piccola nicchia. lose yourself for a few hours. The Corridor for the Novices is a Non serve raccontare…in un pomeriggio d’autunno entrate e prelude to Savonarola’s rooms – where a beautiful image of piazza perdetevi per un paio d’ore. Il Corridoio dei Novizi fa da predel Signoria in the 1500s is preserved – containing more paintings ludio alle stanze del Savonarola – che custodiscono una bella by Fra Angelico. It is here that visitors can see the depiction of veduta di piazza della Signoria nel ‘500 – e rivelano altri dipinti 9 methods of Dominican prayer. Returning to the del Beato Angelico. Qui si annoverano attraverso ground floor, we find the rooms dedicated to Fra immagini i 9 modi di preghiera domenicani. Si Returning to le Bartolomeo, a devout follower of Savonarola and torna al piano inferiore per scoprire le stanze dethe ground dicate a Frà Bartolomeo, devoto del Savonarola the second monk painter present in the museum; it is he who is behind the beautiful portrait of the floor, we find e secondo frate pittore del Museo, a cui si deve greatest heretic in history, conserved here. Fra Barthe rooms un bellissimo ritratto del più grande eretico della tolomeo has been the subject of recent reassessqui conservato. dedicated storia ments – like the nun painter Plautilla Nelli, whose Oggetto di una recente rivalutazione – come la to Fra monaca pittrice Plautilla Nelli di cui è conservapainting can be seen in the large refectory in San Marco – becoming newly appreciated for the subBartolomeo, to un grande dipinto nel refettorio grande di San tleness of his faces; the studies that have been un- Fra’ Bartolomeo colpisce per la dolcezza a devout Marco dertaken in recent years surely offer remarkable dei suoi volti e gli studi di questi ultimi anni sicufollower of ramente ci riveleranno notevoli sorprese. Si chiusurprises. The visit comes to an end just as it started, with Savonarola de la visita con la bellezza, come si era cominciabeauty: Ghirlandaio’s Last Supper, in the small to: L’Ultima cena del Ghirlandaio, nel Refettorio refectory, is a fantastic summary of human emotions. Each face piccolo, è un compendio fantastico di sentimenti umani. Ogni expresses a condition of the soul, speaking to us with clarity as is volto esprime uno stato d’animo, ci parla con una chiarezza limthe artist’s style. Our peaceful and harmonious break reaches the pida come il tratto dell’autore. La nostra parentesi di pace e end, and as we head towards the corridor that leads to the exit and equilibrio volge al termine e mentre ci avviamo nel corridoio holds the relics of the palaces destroyed to prepare Florence as che porta all’uscita e conserva i cimeli dei Palazzi distrutti per the capital, we thank Marilena Tamassia for having conveyed so Firenze Capitale, ringraziamo Marilena Tamassia per aver colto deeply the spirit of these rooms and for having restored it in all così profondamente l’anima di queste stanze e avercela restituits glory. ita nella sua grandezza. Firenze | made in Tuscany 81


cover story

Gianmarco Tognazzi, born in Rome, October 1967, is a popular Italian actor (ph. Stefania D’Alessandro) 82 Firenze | made in Tuscany


cover story

My roots LE MIE RADICI text Teresa Favi

The actor Gianmarco Tognazzi rediscovers Tuscany with an original project on wine L’attore Gianmarco Tognazzi riscopre la Toscana con un originale progetto sul vino

Gianmarco Tognazzi doesn’t need much introduction. His surname speaks for itself: son of Ugo Tognazzi and Franca Bettoja and Ricky, Thomas and Maria Sole’s brother, he has worked in theatre, TV and truly a great deal in film too. Sixty films with an army of directors ranging from Vanzina to Michele Placido as well as Benvenuti, Pieraccioni, Rubini and Bellocchio. He is Roman but with a great love of Tuscany, too. Monicelli’s 1975 cult film My Friends filmed by his father in Florence, and its two sequels, opened the way to this reciprocated feeling for Tuscany. His rediscovered love of the land and wine have done the rest. And now, with a winemaking project starting in Tognazza, the family home in Velletri in Lazio surrounded by olives and vines, he is turning his attention to Chianti Classico. How did your wine estate start out? My love of the land that I’ve always felt. I grew up with it. Ten years ago now I decided to breathe new life into the estate which has been our family home for many years with that cinematic micro-climate which our dinners and kitchen are suffused with - my dad cooked for twenty people every day! - and his great ability to be ahead of the times, starting with food and wine. He wanted to grow the things he cooked because he was a man who used to say “we must cook only what the land gives us”. The most wonderful aspect of this experience? When I returned to Velletri to live I decided to look after what my father had left and it wasn’t being managed as it had been in his day any more. I began with the olive groves and vineyards. At the start as a personal, emotional thing, something small for us, then for friends, then I fell in love with wine and here I am. How did you end up in Greve and Panzano? Three years ago I was lucky enough to meet Franco Bernabe (a famous enologist who has worked with some of the biggest names in Chianti Classico, ndr.). He liked the sound of the project and offered to give me a hand. It is also thanks to him that we now have vines near Panzano, under his supervision. The first three wines which came out last year are practically ‘Toscaziali’, i.e. made in Tuscany and Lazio.

Gianmarco Tognazzi non ha bisogno di grandi presentazioni, il cognome parla per lui. Figlio di Ugo Tognazzi e di Franca Bettoja, fratello di Ricky, Thomas e Maria Sole ha lavorato in teatro, in televisione e tanto, veramente tanto nel cinema. Sessanta pellicole con un esercito di registi, dai Vanzina a Michele Placido, e ancora Benvenuti, Pieraccioni, Rubini, Bellocchio. Romano, ma con un grande feeling con la Toscana. Il cult movie Amici Miei di Monicelli del 1975 girato da suo padre a Firenze e i due successivi sequel gli hanno aperto la strada a questa simpatia reciproca. La riscoperta passione per la terra e il vino hanno fatto il resto. E adesso con un progetto vitivinicolo partito dalla Tognazza, la casa di famiglia circondata di olivi e vigneti a Velletri nel Lazio, approda nel Chianti Classico. Come è nato il progetto della sua azienda vitivinicola? L’amore per la terra l’ho sempre avuto. Ci sono cresciuto. Da una decina di anni ho voluto dare una nuova vita alla tenuta che è stata la casa della nostra famiglia per tanti anni con quel clima cinematografico che girava tutto intorno alle cene e alla cucina - mio padre cucinava per venti persone tutti giorni! - e alla sua grande dote di anticipare i tempi, a partire dall’enogastronomia. Desiderava coltivare le cose che poi avrebbe cucinato, perché era uno che diceva “bisogna cucinare solo quello che ci dà la terra”. L’aspetto più bello di questa esperienza? Quando sono tornato a vivere a Velletri, ho pensato di prendermi cura di quello che mio padre aveva lasciato e che non era più gestito come ai suoi tempi. Sono ripartito dall’oliveto e dalle vigne. All’inizio come fatto personale e affettivo, una cosa in piccolo per noi, poi per gli amici, poi mi sono appassionato al vino ed eccoci qua. Come siete arrivati a Greve e a Panzano? Tre anni fa ho avuto la fortuna di incontrare Franco Bernabe (celebre enologo con prestigiose collaborazioni nel Chianti Classico, ndr.) a cui è piaciuto il progetto e si è reso disponibile a darmi una mano. E’ anche grazie a lui se adesso abbiamo delle vigne vicino a Panzano, con la sua supervisione. I primi tre vini usciti l’anno scorso sono praticamente ‘toscaziali’ cioè prodotti in Toscana e Lazio. Firenze | made in Tuscany 83


Gianmarco Tognazzi in the vineyards and the winecellar at La Tognazza, his wine-producing house in Velletri, Lazio 84 Firenze | made in Tuscany


cover story

From left: Ugo Tognazzi in a scene of ‘Amici miei’; Gianmarco Tognazzi in a scene of ‘I laureati’ (1995) and ‘Bella addormentata’ (2012) Why did you choose names for your Tapioco, Antani labels as Perché ha scelto come nomi delle sue etichette - Tapioco, Anif they were your father’s legendary nonsense in the film My tani, Comesefosse - i leggendari nonsense glottologici di suo Friends which the Tuscans are still repeating today as if they padre nel film ‘Amici miei’, che ancora i fiorentini ripetono all’infinito come un mantra… were mantras... With the help of my mother I remembered that for My Friends, and Mi sono ricordato, grazie anche a mia madre, che per Amici Miei, for almost all the films my father made, Benvenuti, De Bernanrdi and come per quasi tutti i film che mio padre faceva, vennero qui da noi, Monicelli came to see us here in Velletri. They spent two weeks here a Velletri, Benvenuti, De Bernardi, Monicelli. Passarono quindici chatting, writing and inventing things and stories for the film includ- giorni a parlare, a scrivere e a inventarsi cose e storie per il film, tra ing Conte Mascetti’s lines. It was Tognazza wine that was drunk on cui anche quello che il Conte Mascetti avrebbe detto. E il vino della those occasions and which accompanied and inspired those stories Tognazza che si beveva in quelle cene, accompagnò e ispirò la creazione di quelle storie e l’invenzione di quelle geniali terminologie. and the invention of those terminological masterpieces. Sta pensando di fare dei vini tutti toscani? Are you thinking of making exclusively Tuscan wines? Three new labels will soon be coming out, our fine range: Conte Tra poco arriveranno tre nuove etichette, la nostra alta gamma: Mascetti, Vogliamatta and Casavecchia which have a direct bond Conte Mascetti, Vogliamatta e Casavecchia, che hanno un legame diretto con la Toscana. Sono due rossi importanti with Tuscany. They are two big reds and one complex, e un bianco complesso e sensuale, vini nettamente sensual white, distinctly superior wines designed to superiori, pensati per durare nel tempo. A cui si aglast. And in spring they’ll be joined by a wine, Sesgiungerà in primavera un vino, il Sessantanove che santanove, which whatever the jokey allusion, was the Three new al di là dell’allusione goliardica, è stato l’anno di year in which Tognazza’s first white wine came out. wines will soon vinificazione del primo vino bianco della Tognazza. We also found out by chance that there is a hamlet l’altro abbiamo scoperto casualmente che esiste be coming out, Tra near Monteriggioni called La Tognazza… and I must una frazione vicino a Monteriggioni, che si chiama admit that I’d love to get there too. our fine range, La Tognazza… e devo dire che mi piacerebbe molto We’ll see you in Florence on 24th and 25th Novemwhich have a riuscire ad arrivare anche lì. ber at Teatro Puccini with a show that you’re also direct bond with La vedremo a Firenze, il 24 e 25 novembre al Teatro directing... con uno spettacolo di cui è anche regista… Tuscany Puccini, Guardiana is a wonderful and highly complex show Guardiana è uno spettacolo molto bello e molto because it has a special relationship with music and poetry in a high- complesso perché ha un rapporto speciale con la musica e la poesia ly contemporary style though. però legata a una recitazione molto contemporanea. Other new artistic projects? Altri nuovi progetti artistici? The new Muccino film L’Isola che non c’è with Stefania Sandrelli, Il nuovo film di Muccino L’Isola che non c’è con Stefania Sandrelli, Stefano Accorsi, Pierfrancesco Favino, Sabina Impacciatore and Stefano Accorsi, Pierfrancesco Favino, Sabina Impacciatore e MasMassimo Ghini. Then in December rehearsals are beginning for simo Ghini. Poi a dicembre inizierò le prove di Vetri Rotti di Arthur Arthur Miller’s Broken Glass with Elena Sofia Ricci and directed by Miller con Elena Sofia Ricci e la regia di Armando Pugliese che Armando Pugliese which will tour for two months from January. In girerà in tournée per due mesi a partire dal gennaio. Nel frattemthe meantime I’ll be back on TV with the Cooking Game programme po torno in televisione con un programma Cooking Game su Food on the Food Network, the most important food channel in the world Network, il canale di food più importante del mondo sbarcato in which has just arrived in Italy. It is a high tension game which I’ll Italia da pochi mesi. Un gioco ad alta pressione dove io faccio il be presenting and I’ll be more of a land and farming than a cooking conduttore, e rispetto al quale anche se sono più un esperto di terra expert in it. I’m no beginner, though, because when I lived with dad, e coltivazioni che di cucina, non sono nemmeno uno sprovveduto if you wanted to spend time with him you were either in the kitchen perché quando vivevo con mio padre, per stare con lui o stavi in or in the kitchen... cucina, o stavi in cucina… Firenze | made in Tuscany 85


Ugo Tognazzi, Mario Monicelli, Philippe Noiret at ‘La Nazione’ in Florence.1982. Ph New Press Photo


Behind the scenes of an era DIETRO LE QUINTE DI UN’EPOCA text Umberto Cecchi

Firenze | made in Tuscany 87


Some of the scene of the cult movie ‘Amici miei’ directed by Mario Monicelli in Florence Ph New Press Photo 88 Firenze | made in Tuscany


cult movie

An old head reporter of an Emilia newspaper, Ernesto Ragaz- Un vecchio capocronista di un giornale emiliano, Ernesto Razoni, generally seen as having a good sense of humour, wrote gazzoni, definito da molti un buon umorista, ha scritto tanthe best and bitterest synthesis of the end of a newspaper- tissimi anni fa la sintesi più bella e amara della fine di una man’s day’s work a great many years ago. Here it is: ‘The news- giornata di lavoro al giornale. Eccola: ‘Il giornale è stampatato paper has been printed / the rotary press is rushing / I’m leav- / la rotativa si affretta / me ne vado col bavero alzato / dietro il ing with my collar turned up / with cigarette smoke trailing fumo d’una sigaretta’. me’. E’, anticipato di molti decenni, l’inizio amaro, e angosciante, This is the bitter beginning to the film My Friends anticipated di ‘Amici Miei’. Notte fonda, un cappuccino al bar dove il Peby many decades. It is late at night, a cappuccino at the bar rozzi, scapigliato capocronista si improvvisa strillone e distriwhere Perozzi, unkempt head reporter, has turned his hand buisce il giornale, appena uscito, alla puttane che si stanno to news vending distributing the newspaper which has just rilassando dopo una lunga serata di lavoro. A suo tempo quel come out to prostitutes relaxing after a long night’s work. capocronista mi ha fatto venire il magone. Come oggi, daltronAt the time that head reporter gave me a lump in my throat. de. Che dire? Quante giornate ho finito così, in una naturale And it’s the same today. What’s left to say? How many news- zingarata notturna con amici e colleghi come Riccardo Berti papers have ended up thus, as an easy joke with friends and e Piero Gherardeschi: sosta al forno di Borgognissanti per colleagues like Riccardo Berti and Piero Gherardeschi: a stop un cornetto appena sfornato; ricognizione all’aeroporto, che at the Borgognissanti bakery for a just baked croissant; a trip una notte trovammo aperto e deserto e con un barbone che around the airport which one night we found open and de- dormiva nell’ATR sulla pista, e che riuscimmo a svegliare solo serted with a homeless man sleeping in the airliner on the gridando al fuoco. E quante volte, trovando lungo le strade airstrip whom we managed to wake up only by shouting ‘fire!’. deserte un’autobotte dei Vigili del Fuoco abbiamo invertito la marcia per seguirla verso l’ignoto. Una notte, And how many times, finding a fire engine on the deserted roads, did we do a U-turn and foldi ritorno a casa, sempre con Piero Gherardelow it into the unknown? Returning home one schi trovammo in un’auto ferma coi fari accesi, night, again with Pietro Gherardeschi, we found in mezzo alla strada, tre morti ammazzati. Non three murder victims in a stationary car with a letto. ‘Amici miei’ andammo its headlights on in the middle of the road. We Erano zingarate? No: era una professione alla was born at quale nessuno oggi, tempi cambiati, porta il donever got to bed. Were these pranks? No, it was a trade which no La Nazione vuto rispetto nè ci permette o capisce l’essere Era il suo bello: prima di diventare one, in these changed times, pays due respect to, where the nostalgici. direttori o inviati speciali eravamo stati cronisti. lets us get nostalgic or understands why we feel newspaper ‘Amici Miei’ nasce a ‘La Nazione’, e io entro nel that way. It was the best of times. Before being was set out film comparendo nominalmente nella grande directors or special envoys we’d been reporters. My Friends was born at La Nazione and I played every night sala della impaginazione, dove ogni notte vemy part in the film with a walk-on part in the niva preparato il giornale. Un collega, Sandro great page layout room in which the newspaper was set out Bugialli, che era redatore delle pagine culturali – che allora every night. A colleague, cultural editor Sandro Bugialli at a esistevano ancora – arriva trafelato e dice al capredattore: ‘ha time when such a thing still existed - arrived out of breath telefonato Cecchi da Prato, c’è stato un terribile incidente’... and said to the head editor: ‘Cecchi da Prato phoned, there’s Quello ero io. E quando vidi il film mi prese un tristezza probeen a terrible accident’… That was me. And when I saw the fonda, assoluta: per il Perozzi, che cerca di dimenticare la sua film I was overcome with deep, total sadness, for Perozzi, who vita rifugiandosi in fughe liberatorie, le cosidette ‘zingarate’ sought to escape his life by running away - those pranks - con un gruppo di amici altrettanto delusi, amareggiati, soli. with a group of equally bitter, disappointed and lonely friends. Quattro fleurs du mal, che poi diventano cinque. Feroci negli Quattro fleurs du mal, who then became five. With an inimitably scherzi solo come più esserlo un toscano. Tuscan vicious sense of humour. Moncelli fa un capolavoro di costume, mette in scena l’ironia Monicelli makes a cult masterpiece out of it, serving up the più cinica e fredda, dando – come sempre nei suoi lavori – un most cynical, frosty irony according - as always in his work forte valore all’amicizia grazie alla quale tiene unito un grup- a powerful role to friendship which is the bond between a po di disadattati ognuno dei quali cerca se stesso senza mai band of losers each of whom is looking for himself without ritrovarsi: Il Mascetti ha perso il suo patrimonio e un posto fra ever finding it. Mascetti has lost his assets and a place in the i nobili; il Perozzi il sogno d’una vita regolare, d’una famiglia; aristocracy, Perozzi the dream of a normal life and a family, il Necchi,barista in piazza Demodoff, la serenità, osessionato Necchi - sex obsessed bar man in Piazza Demodoff - his peace dal sesso; il Sassaroli è sommerso dalla noia della sua profesof mind. Sassaroli has been buried alive by the boredom of sione e dalla famiglia, cane compeso, che consegna in toto al his job and family, a dog on a leash who hands himself over Melandri, un architetto deluso del suo lavoro e ansioso d’afully to Melandri, a disappointed architect disenchanted by more. E’ un film sulle cose he non si hanno, quelle perdute; Firenze | made in Tuscany 89


Philippe Noiret, Ugo Tognazzi e Mario Monicelli, in ‘La Nazione’ in Florence.1982. Ph New Press Photo his work and desperate for love. It is a film on the things we sul ‘nostos’, la nostalgia d’Ulisse per un’Itaca che non trova. don’t have, the ones we’ve lost, on ‘nostos’ Ulysses’ nostalgia for Anche molte delle storie raccontate vengono da ‘La Nazione’: an Ithaca he can’t find. quella più famosa, gli schiaffi ai viaggiatori in treno, me l’aMany of the stories told come from La Nazione: the most fa- veva raccontata, inizio anni Settanta, il collega Bacher, allora mous, train travellers beaten up at night, I’d heard from my leggendario cronista di notte. L’aveva vissuta lui: un gruppetcolleague Bacher - the then legendary night reporter - in the to di nottambuli, giovani sciamannati che schiaffeggiava i parearly 1970s. He’d seen it. A group of night wanderers, unruly tenti. A proposito, il Bacher aveva la macchina del Mascetti: young people who took to slapping those leavamericana che scoppiettava ad ogni metro. Lo ing by train. While we’re on the subject Bacher sentivamo arrivare da lontano con le ‘brevi’ delhad Mascetti’s car which backfired every few la notte. feet. You heard it coming from a long way away Monicelli fa un film di costume che oggi per with the night’s stories. Monicelli quelli come me diventa rimpianto: la Firenze Monicelli made a cult film out of it which is a quegli anni era profondamente diversa. Più made a cult di source of regret today for people like me: the a misura d’uomo. Meno turisti, meno automofilm out of bili, notti assolutamente senza ‘movida’. Persino Florence of those years was profoundly different. More human in scale. Fewer tourists, fewer it which is pulita. Provate oggi, come fa il Perozzi, a fare cars, nights with absolutely no night life. Even a source of slalom con la macchina in piazza Santa Croce.A clean. Just try doing a car slalom in Piazza Santa per strade assolutamente deserte, senza regret today correre Croce, as Perozzi does, today. traverstiti, turisti, studenti americani ubriachi a for people defecare sui marciapiedi. Provte a organizzare Try running around deserted streets. Try organising fake shooting contexts in the like me finte sparatorie nel nulla dove oggi c’è il Manonce empty space where Mandela Forum stands dela Forum. today. Un film ‘cult’, da non rivedere nelle sere di malinconia ma A cult film to avoid watching when you’re feeling blue but assolutamente imperdibile, che chiude la ‘giornata’ con l’ultitotally not-to-be-missed, a film in which the ‘day’ ends with a ma zingarata: la morte del Perozzi e un funerale dove la farsa last prank: Perozzi’s death is a funeral of non-stop farce with continua, dove la marcia funebre è scandiata dal bom bom a funeral procession marked out by the bom bom bom of the bom bom bom bom dei quattro rimasti, sul ritmo della loro surviving four to the rhythm of their song accompanied by canzone abituale, accompagnata da lazzi e battute feroci. E il jokes and cruel quips. And before he dies the late lamented defunto che prima di essere tale – agnostico com’è – fa chiare agnostic having the priest called and confessing with their il prete e si confessa rifilandogli la storia della ‘supercazzola’, 90 Firenze | made in Tuscany


Renzo Montagnani, Adolfo Celi, Gastone Moschin, Philippe Noiret on the set of Amici miei - Atto II, 1982. Ph. © Archivio Foto Locchi apparently meaningful ‘nonsense’ a stream of disconnected tormentone glottologico usato dai cinque nei momenti più phrases used by the five on the most disparate occasions. To diversi. Per confondere e dileggiare chi capiti loro a tiro. Vigili confuse and deride whoever their target was. Frequently town urbani quantaltri. E la ‘supercazzola’ è in fondo la chiave di police officers. This nonsense is essentially a metaphor for a lettura di una infazia perduta, amata, è che si cerca di ritrovaloved but lost childhood which they attempt to rediscover: a re: uno scurrile linguaggio infantile preso in prestito da adulti smutty childish language borrowed from adults whos never che non avrebbero voluto crescere mai. wanted to grow up. Più di un critico ha scritto che il funerale del Perozzi è ‘eccesMore than one critic has written that Perozzi’s sivo’: di un cinismo e un’ironia improbabili. Io funeral is ‘over the top’ with its non-lifelike cynilo trovo di una classicità toscana assoluta: Ero cism and irony. For me it is an absolute Tuscan gravemente ammalato in ospedale ad Arezzo classic. I was seriously ill in Arezzo hospital when quando vennero a trovarmi quattro amici: un four friends came to visit: an undersecretary of This is a sottosegretario di Stato, un primario medico, state, a head medical consultant, a mayor and a sindaco e un necroforo della Misericordia. Tuscan prank. un Misericordia undertaker. At the end of my bed In fila in fondo al letto mi guardavano ironiWhere jokes ci mentre il necroforo mi prendeva le misure, they regarded me ironically while the undertaker measured me up “for your coffin. When you stay take cynicism spiegandomi: ‘per la bara. Sai stando a letto ci si in bed you get longer you know”. I sent them to their cruel, allunga’. Li feci cacciare via con l’ultimo filo di packing with the last breath I had left. che avevo. vicious limit voce Questa è la beffa toscana. Quella del Machiavelli This is a Tuscan prank. Machiavelli’s in The with no harm nella ‘Madragola’ o del Boccaccio nel ‘DecameMandrake or Boccaccio’s in the Decameron. Where jokes take cynicism to their cruel, vimeant rone’. Dove lo scherzo arriva a un cinismo esacious limit with no harm meant. It’s just fun. It sperato, feroce, crudele, eppure senza cattiveria. is this notebook on the lives of these five which Monicelli got Solo ludico. E’ il breviario di vita dei cinque che Monicelli su from Pietro Germi and made a gift to Italian cinema of. Five idea di Pietro Germi ha regalato al cinema italiano. Cinque creations inspired by originals which really did exist and are creature che sono il risultato di modelli realmente esistiti e now the models for the My Friends of our own day. One whose che oggi sono il modello per gli ‘Amci miei’ del nostro tempo. spontaneous, painful, bitter and creative search for life these Che tuttavia non sono mai riusciti ad uguagliare la spontanea, magnificent five scoundrels in search of a moral they never dolorosa, amara e creativa ricerca di vita di quei magnifici find it never, however, succeeded in equalling. Because no cinque cialtroni in cerca di una morale che non trovano. Che moral exists. non hanno. Firenze | made in Tuscany 91


art exhibition

Visionary and romantic VISIONARIO E ROMANTICO text Sergio Risaliti

Sergio Risaliti interviews Urs Fisher for In Florence 2017 Sergio Risaliti intervista Urs Fisher in occasione di In Florence 2017

We take a good look at the works of Urs Fischer, going beyond their initial shock value. There exist subtle links and connections with the more glorious past, with the familiar and everyday, with the first artistic or infantile gestures, with a sense of art and a sense of our fleeting existence which makes them heart rendering and rousing at the same time. Fischer is visionary, romantic, ironic, cultured and popular artist. He combines the monumental with the playful, the totemic with the parodied. Perfect for that theatre of art and politics that is Piazza Signoria. In Florence 2017 is the major contemporary art event (until January 2018) created by Fabrizio Moretti and me, promoted by the City of Florence and organized in conjunction with the International Biennial Antiques Fair in Florence. The protagonist of this second edition is the Swiss Urs Fischer, among the top artists on the international art scene, with a project curated by Francesco Bonami. You occupy the centre of the piazza with a 13-metre “giant” and the entrance porch with two wax sculptures. What was it like to return to Piazza Signoria being the centre of such a hot event? I think Piazza della Signoria is an amazing place because the power of its Renaissance art still attracts so many people. As a contemporary artist, I am used to a much smaller audience. To be invited into this framework and to be in dialogue with these works is a great opportunity for someone like me—I really relish it. Don’t you feel that Piazza della Signoria is a bit different than the other spaces? How this temporary roommate will do within this new context, I’m curious to see myself… Big Clay #4 was not made for a specific location. Its aim is not to represent anything other than a basic gesture of motion or creation. Can we, with the right measures, reference certain drawings by major artists and even some sculptures by Lucio Fontana, which seem to me to be the most similar to Big Clay #4 for its 92 Firenze | made in Tuscany

Guardiamo bene le opere di Urs Fischer, andiamo oltre il loro primo impatto clamoroso. Esistono nessi sottili e collegamenti con il passato più glorioso, con il familiare e il quotidiano, con i primi gesti artistici o infantili, con il senso dell’arte e quello della nostra effimera esistenza che le rende assolutamente struggenti e travolgenti ad un tempo. Fischer è un’artista visionario, romantico, ironico, colto e popolare. Combina il monumentale con il ludico, il totemico con il burlesque. Perfetto per quel teatro dell’arte e della politica che è piazza della Signoria. In Florence 2017 è il grande evento di arte contemporanea ideato da Fabrizio Moretti e da me, promosso dal Comune di Firenze, organizzato in concomitanza con la  Biennale Internazionale d’Antiquariato di Firenze. Il protagonista assoluto della seconda edizione è lo svizzero Urs Fischer, tra i grandi artisti del panorama mondiale con un progetto a cura di Francesco Bonami. Occupi il centro della piazza con un ‘gigante’ di 13 metri e l’arengario con due sculture in cera. Che impressione ti ha fatto tornare in piazza della Signoria come protagonista di un evento così clamoroso? Credo che piazza della Signoria sia un posto fantastico perché il potere dell’arte Rinascimentale che attrae tutt’ora tantissime persone. Da artista contemporaneo, sono abituato ad un pubblico di numero maggiormente ridotto. L’essere invitato in questo ambiente ed essere presente a queste opere? È una grande opportunità per qualcuno come me Non trovi che piazza della Signoria sia un po’ diversa dagli altri spazi in cui hai esposto? Sono curioso anche io di vedere come si comporterà questo temporaneo compagno di stanza all’interno di questo nuovo contesto…Big Clay#4 non è stata creata per una location specifica. Il suo scopo era quello di non rappresentare niente altro che un gesto di movimento o creazione base. Possiamo con le debite misure fare riferimento a certi bozzetti di grandi artisti e perfino ad alcune sculture di Lucio Fontana che


Urs Fischer, Untitled, 2011 Courtesy of the artist and Galerie Eva Presenhuber, Zurich (ph. Stefan Altenburger) Firenze | made in Tuscany 93


Urs Fischer, Big Clay #4 Courtesy of the artist and Gagosian Gallery (ph. Tom Powel). Installation view, Seagram Plaza, New York, 2015 (top left); two images of Untitled, 2011; a picture of the artist (below right) 94 Firenze | made in Tuscany


art exhibition

hidden meanings? mi sembrano le più vicine a Big Clay#4 anche per i significati An artwork becomes what it is in the eye of its beholder. To me, riposti? a good artwork has a nature that allows you to understand some- Un lavoro artistico diventa tale agli occhi di chi guarda. Per me, un thing about yourself. It’s a story of people dealing with similar buon pezzo d’arte ha una natura che ti permette di capire qualcoissues, universal problems, not personal. sa anche di te stesso. E’ una storia di persone che si confrontano Francesco Bonami called you a renaissance artist. How does that su problemi simili, problemi universali, non personali. term apply to artists today? How does it apply to Urs Fischer? Francesco Bonami ti ha definito un artista rinascimentale. In che senso lo è un’artista oggi, in che senso lo è Urs Fischer. That you have to ask Francesco. (He says with a smile) You often mix art and cinema, art and advertising, and art and Lo devi chiedere a Francesco (sorride) fashion, as well as art and science and art and craftsmanship. Tante volte mescoli arte e cinema, arte e pubblicità, arte e moda, ma anche arte e scienza e arte e artigianato. Che senso ha tutto What is the point of all this? If I understand your question correctly, you understand art as questo? Se comprendo bene il senso della tua domanda, tu invece concesomething disconnected—a separate event. With the wax portraits, you tackle an enormous theme in the pisci l’arte come un evento disconnesso, separato? history of art and even, I’d say, anthropology. In one fell swoop, Con i ritratti in cera affronti un tema enorme della storia you offer glory and immortality to your victims only to take dell’arte e direi dell’antropologia. In un colpo solo offri la glofrom them every certainty, or rather, you highlight the ephem- ria, l’immortalità alle tue vittime per sottrargli ogni certezza, eral nature, the fleetingness of everything, including art and anzi esaltando il carattere effimero, la vanità di tutto, compreso existence. dell’arte e dell’esistenza? Something very similar has happened in the history of Florence Qualcosa di molto simile è successo nella storia di Firenze per far to ensure that its masterpieces don’t crumble to in modo che queste i suoi capolavori non cadessero pieces. The only difference is that the candles aca pezzi. L’unica differenza è che le candele accelecelerate this process. The beauty about them is The protagonist rano questo processo. E la loro bellezza sta appunto that you can always cast a new one. of In Florence nel fatto che potrai sempre fondere e creare una How and why did you decide to portray Fabrizio 2017 is the nuova. Moretti and Francesco Bonami? For their role Come e perché hai deciso di ritrarre Fabrizio MoSwiss Urs retti e Francesco Bonami: per il loro ruolo e la and fame? For their social and everyday aspect? What is it that struck and motivated you in makFischer, loro fama, per il loro aspetto sociale e quotidiano? ing this decision? among the top Insomma cosa ti ha colpito e motivato in questa They’re both men of the arts: Fabrizio is a repreartists on the decisione? sentative of the old, and Francesco is a representaSono entrambi uomini d’arte: Fabrizio è un rappreinternational sentante dell’antico, e Francesco è un rappresentive of the new. I thought this makes for a beautiful pair. The choice to depict these specific Florentine art scene tante del nuovo. Tutto questo ne fa una bella copgentlemen came about somewhat randomly. I’m pia. La scelta di rappresentare questi due gentiluoonly interested in making portraits of people: mini fiorentini è successa per caso. Sono solo interessato nel fare These two men stand in this site where many grand men have ritratti di persone: questi due uomini stanno in questo luogo dove walked in and out through the door, and many will follow. molti grandi uomini hanno camminato e molti altri ne seguiranno. What is the relationship today between the major patrons and Che rapporto c’è oggi tra i grandi mecenati e gli artisti. Possiaartists? Can we speak about a new Renaissance in this sense? mo parlare anche in questo senso di nuovo rinascimento? Quindi Firenze può avere un ruolo in tal senso, non trovi? Florence can have a role in this, no? The international resources available in the contemporary art Le risorse internazionali accessibili nell’arte hanno un effetto siworld have a similar effect to the patrons of the past. However, the mile ai mecenati di una volta. Il futuro di Firenze è però nelle future of Florence is in the hands of Florentines. Do you think mani dei fiorentini. Credi che riusciranno a ricostruire la stessa they will be able to build what they’ve already built once before? cosa che hanno già costruito una volta? Una cosa è il creare qualIt’s one thing to create something new, but it takes another kind cosa di nuovo, ma ci vuole un altro tipo di talento nel conservare of talent to skilfully preserve something that was donated. Flo- abilmente ciò che ci è stato donato. I fiorentini eccellono in querentines excel at this. Their city and culture have remained price- sto- la loro città e cultura sono rimaste preziose e importanti per less and important for centuries. secoli. Cosa hai visitato in città? What have you visited in the city? Excellent restaurants! Ottimi ristoranti… Which artist or work among Florence’s cultural assets is closest Quale artista o opera del patrimonio fiorentino ti è più vicina e to your heart? indispensabile? Vasari and his Lives. Vasari e le sue Vite. Firenze | made in Tuscany 95


FREE AS A BIRD

F/W 2017-18. Fragments of mirrors as appliqués. An explosion of embroidery. Lace-like flowers. Dresses as a premier performance and sweet therapy Marta Innocenti Ciulli - Photo Federica Fiori - Make up and hair Paolo Baroncelli

ND S. SA LIQUÉ ARN ALS M

APP

NZA

MARN

I EMB

GA D OR OSSE

PENC

IL

CY F FAN ULL O F S S DRE I


MIU S MIU

SHOE .

EATS ED PL

RESS TIER D I BUS FEND

WITH

LACED

S

ON ITH IR IRT W S, SK E V E E L


ANA

ABB E&G

ANA

ABB E&G DOLC

D SK AN DAMA

W PATCH

L JA ORK X

DOLC IPPERS TS. SL N A P AND CKET


TS D PAN

TE -WAIS

HIGH T.

ITH VER W

ENZO

VINC O DE MARC

PULLO LUREX

EM

OWN ERY D BROID

RON THE F


CLER

N S MO

E D SHO Y AN OSIER

H LING

MO

AT R CO NCLE

WITH

FUR C

AND OLLAR

LACED

MIN

K . SPAR ISKIRT

APP

S. LIQUÉ


NES.

ESTO

SS K DRE IU SIL MIU M

ED

TRIMM

RHIN WITH

O

ITH OAT W VERC

E

LARG

D AR AN COLL

ELT.

HALF-B

MIU. S MIU SHOE

IU MIU BELT M


NETTA

P. FUR

NCES

GUCC

A TR I LIKE

OU ITH FL UIT W S K C A

AND

ANTS ERY. P

OID EMBR

-STRA FOOT WITH

SIMO COAT

ZA

RAVIZ


A

RAD OTS P A. BO

ER.

D L BOR

P

SS K DRE W SIL A R A RAD

FRIN

WOO AND H JET IT W GED

D F PRA SCAR


TIAN

. SA

NCES

ED T. LAC T SKIR

ELVE FULL V WITH TIAN

CHRIS

DIOR

DRESS

OU ITH FL ES W SLEEV

RIS S CH NDAL

DIOR


KERS

D Y AN OIDER

TINO

VALEN

SILK

BR ITH EM SE W BLOU

SNEA SKIRT. LARED F . S E RUFFL

TINO

VALEN


fashion jewels

ms

Precious poe PREZIOSE

POESIE

“Sono più miti le mattine e più scure diventano le noci e le bacche hanno un viso più rotondo. La rosa non è più nella città, l’acero indossa una sciarpa più gaia, la campagna una gonna scarlatta, e anch’io, per non essere antiquata, mi metterò un gioiello” Emily Dickinson. “The morns are meeker than they were, the nuts are getting brown. The berry’s cheek is plumper, the rose is out of town. The maple wears a gayer scarf, the field a scarlet gown. Lest I sh’d be old-fashioned, I’ll put a trinket on” Emily Dickinson.

1

2

4

4

5

1. Cartier 2. Chopard 3. Fratelli Piccini 4. Damiani 5. Bulgari 6. Pomellato 106 Firenze | made in Tuscany


fashion what’s jewels cool

6 Firenze | made in Tuscany 107


must have trend

3 1

5 8

2

If you were asked you what color elegance is, what would you answer? We have no doubts whatsoever. Fashion and design compete for it. The color Blue

4

6 10

7 11

9

Painted Blue DIPINTA DI BLU

by Sabrina Bozzoni 1. Faliero Sarti - via della Spada, 24r - Firenze 2. Chanel - piazza della Signoria, 10 - Firenze 3. Marni - at Luisa Via Roma - Firenze 4. Miu Miu - via Roma, 8 - Firenze 5. Angela Caputi Giuggiù - via di Santo Spirito, 58 - Firenze 6. Dior - via de’ Tornabuoni, 15r - Firenze 7. Badari Studio - at Blue Knight - piazza degli Scarlatti, 2 - Firenze 8. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73r/81r - Firenze 9. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 4r/14r - Firenze - 10. Studio Dimore Collection - via de’ Fossi, 41r - Firenze 11. Prada - via de’ Tornabuoni, 53r/67r - Firenze Firenze | made in Tuscany 109


must have men

2 1

A pop winter full of vitamins: this is what we have imagined for our gentlemen. A return to the 70s without nostalgia, between corduroy, iconic shoes and boho accessories 6 7

3

5 8

4 6

1970

SEVENTIES NIENTE PIU’

by Sabrina Bozzoni 1. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 4r/14r - Firenze 2. Borsalino - via Porta Rossa, 40r - Firenze 3. Ports 1961 - ports1961.com 4. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73r/81r - Firenze 5. Hermès - piazza degli Antinori, 6r - Firenze 6. Prada - via de’ Tornabuoni, 53r/67r - Firenze 7. Rolex - at Fani Gioielli - via de’ Tornabuoni, 72r - Firenze 8. Ermenegildo Zegna - via de’ Tornabuoni, 3r - Firenze Firenze | made in Tuscany 111


“You don’t kno w wha t y ou’re missin’ if you ne v er l ook a round ” P a ul Sta nl ey - K i s s

Piaz z a Di San Gi ov a nni 1- R

www.moveonfirenze.com


must have shoes

2 1

3

They are indispensable for an autumn style. Combatstyle ankle boots, a 70s revival, new folk or futuristic. Choose yours 6

5

7

8

4 6

Tell me what ankle boots you wear DIMMI CHE STIVALE PORTI

by Sabrina Bozzoni 1. Louis Vuitton - piazza degli Strozzi, 1 - Firenze 2. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73r/81r - Firenze 3. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 4r/14r - Firenze 4. Inniu - piazza degli Strozzi, 10r - Firenze 5. Marni - marni.com 6. Stella McCartney - via dei Tosinghi, 52r - Firenze 7. Prada - via de’ Tornabuoni, 53r/67r - Firenze 8. Balenciaga - piazza Santa Trinita, 1r - Firenze Firenze | made in Tuscany 113


must have bags

2 1

3

A bit snobbish, a bit bon-ton and very, very chic. Carry it in your hand, do not be afraid, it is more versatile than it seems. It is purse-mania! 6

5

7

8

4 6

Lady Purse LADY BORSETTA

by Sabrina Bozzoni 1. Marni - marni.com 2. Valentino Garavani - via de’ Tornabuoni, 23 - Firenze 3. Gucci - via de’ Tornabuoni, 73r/81r - Firenze 4. Céline - via de’ Tornabuoni, 24r - Firenze 5. Ireri- via de’ Gondi, 4/6r - Firenze 6. Miu Miu - via Roma, 8 - Firenze 7. Salvatore Ferragamo - via de’ Tornabuoni, 4r/14r - Firenze 8. Chanel - piazza della Signoria, 10 - Firenze Firenze | made in Tuscany 115


fashion exhibition

Couturier du rêve I 70 ANNI DI DIOR

text Marta Innocenti Ciulli

Christian Dior. A major exhibition in Paris celebrating 70 years of the fashion house Christian Dior. A Parigi una grande mostra celebra i 70 anni della Maison

It had only been ten years since Maison Dior was founded when, in October 1957, a dark day befell the history of fashion. The unexpected death of the serene designer who enjoyed such unique success left the world in shock. His passing happened while the designer was on vacation at the Grand Hotel & La Pace in Montecatini Terme, where Monsieur Dior

dressing up. Dior was absolutely innovative: he included accessories, perfumes, scarves, even nail polish in his collections, offering the total look at least 30 years ahead of its time. Seventy years after that courageous collection defined by the international press as the New Look, Maison Dior celebrates in Paris with a major narrative retrospective: Christian Dior,

At the Musée des Arts Décoratifs in Paris until January 7 always rented the same room with a large terrace so he could grow his roses. He was 52 years old. With the presentation of the 1947 spring-summer collection, Dior introduced a new kind of femininity to the postwar world. He relaunched the textile industry and employment in the sector, making Paris a capital of fashion. The flemme fleur is just what was needed to move past the bleak years of war rationing. Form-fitting patterns that highlighted the hips - marking a return to feminine curves – and moved hems 20 centimetres from the ground. And skirts - 15 metres of fabric! - restored the pleasure of 116 Firenze | made in Tuscany

couturier du rêve, Musée des Arts Décoratifs, until January 7, 2018. A journey through the entirety of the founder’s world and of the six artistic directors that followed: Yves Saint Laurent, Marc Bohan, Gianfranco Ferré, John Galliano, Raf Simons and the present Maria Grazia Chiuri. A selection of 300 haute-couture designs created between 1947 and today, along with toiles d’atelier, illustrations, drafts, historic advertising campaigns, videos of runway shows and accessories: hats, jewellery, handbags, shoes, perfume bottles. A mustsee exhibition to celebrate this beloved name.

Erano passati solo dieci anni dalla nascita della Maison Dior quando l’ottobre del ’57 segnò una data nera nella storia della moda. La scomparsa improvvisa di quel pacifico artefice di un tale singolare successo, lasciò il mondo sbalordito. Il decesso avvenne mentre il couturier si trovava in vacanza al Grand Hotel & La Pace di Montecatini Terme, lo attendeva sempre

gusto di abbigliarsi. Dior fu assolutamente innovativo: incluse nelle sue collezioni accessori, profumi, foulard, persino smalto per le unghie, anticipando di almeno trenta anni il total look. A settanta anni da quella coraggiosa collezione che la stampa internazionale definì New Look, la Maison Dior festeggia e si racconta a Parigi con una grande retrospettiva:

la stessa camera che si apriva su una grande terrazza dove Monsieur Dior amava coltivare le sue rose. Aveva 52 anni. Con la presentazione della collezione primavera-estate ‘47 Dior porta sulla scena del secondo dopo guerra una nuova femminilità. Rilancia l’industria tessile e l’occupazione nel settore, regalando a Parigi il ruolo di capitale della moda. La femme fleur é quello che ci vuole per superare gli anni bui dei razionamenti. Modelli strizzati in vita che evidenziano i fianchi segnando il ritorno delle curve femminili, spostano gli orli a venti centimetri da terra e le gonne, 15 metri di tessuto!, restituiscono alla donna il

Christian Dior, couturier du rêve, Musée des Arts Décoratifs, fino al 7 gennaio 2018. Un viaggio attraverso l’interezza dell’universo del fondatore e dei sei direttori artistici suoi successori: Yves Saint Laurent, Marc Bohan, Gianfranco Ferré, John Galliano, Raf Simons e l’attuale Maria Grazia Chiuri. Una selezione di 300 abiti di haute couture disegnati dal 1947 a oggi insieme a toiles d’atelier, illustrazioni, bozzetti, storiche campagne pubblicitarie, video delle sfilate e accessori: cappelli, bijoux, borse, scarpe, flaconi di profumo. Una mostra da non perdere per celebrare un nome tanto amato.


A voyage through the universe of the House of Dior’s founder, who loved spend his vacations in Tuscany, in Montecatini Terme 117 Firenze | made in Tuscany


Pontormo, Deposizione (1525-1528)


art exhibition

Court, painting, style and reform CORTE, PITTURA, MANIERA E RIFORMA text Mila Montagni

The conclusion of a Trilogy at Palazzo Strozzi A Palazzo Strozzi la conclusione di una Trilogia

It’s almost a paradigm of art, the Hall that, for the first time, brings together three exceptional Depositions from Florence and whose homes are typically distant from one another: Pontormo’s version in Santa Felicita, Rosso Fiorentino’s in Volterra and the Bronzino’s Besançon version. Like an archetype, this perfect third act exhibition mixes the narrative and the iconic at Palazzo Strozzi (from September 21 to January 21, 2018), titled The Cinquecento in Florence. From Michelangelo and Pontormo to Giambologna, a logic and persuasive continuation of the exhibitions dedicated to Bronzino (2010) and Pontormo and Rosso Fiorentino (2014). Indeed, one of the curators, Carlo Falciani explains: “Just like the two previous exhibitions, this year’s edition offers a glimpse, partial, yes, but fresh, of some artistic incidents of an entire epoch. In this case, after the prologue dedicated to the masters of the early 1500s, the show’s route continues through the second half of the century with a comparison between calls for the modern style and calls for the Counter-Reformation, revealing the endurance, the lyricism and the innovations of the Florentine scene compared to Italy as a whole during a period of change that is usually considered to be a moment of extravagance, as well as decadence.” “I’ve always sought to organize exhibitions that spurn overdone themes, as I’m convinced that education happens with originality. Here you are: the exhibition on the second half of the 16th century in Florence intends to spread awareness even further about works of great lyrical spirit but which are not always properly valorized,” firmly adds the other curator Antonio Natali, who has brought together works that are both sacred and profane. In the halls of Palazzo Strozzi, the public will not be presented with a few famous masterpieces, but rather works by artists that characterized, with their mark, their “forms” and their chromatic choices, the chimeric of a period strongly defined by the Protestant Reformation and the response within the complex Italian reality of the time, a reality that saw (and suffered) the

Quasi un paradigma d’arte la Sala nella quale si troveranno riunite per la prima volta tre eccezionali Deposizioni di matrice fiorentina e solitamente lontane tra loro, quella del Pontormo di santa Felicita, quella di Rosso Fiorentino di Volterra e quella di Bronzino a Besançon. Perché come un paradigma si propone questo ideale terzo atto tra il narrativo e l’iconico che è la mostra che Palazzo Strozzi (dal 21 settembre al 21 gennaio 2018) intitola Il Cinquecento a Firenze. Tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna, logico e stringente prosieguo delle rassegne dedicate a Bronzino (2010) e a Pontormo e Rosso Fiorentino (2014). Spiega infatti uno dei curatori, Carlo Falciani: “Come le due precedenti la mostra è tesa ad offrire uno sguardo, certo parziale, ma inedito su alcune vicende espressive di un’intera epoca. In questo caso, dal prologo dedicato ai maestri di primo Cinquecento si percorre la seconda metà del secolo attraverso un confronto fra le istanze della maniera moderna e quelle della Controriforma, rivelando la tenuta, la liricità e le novità del panorama fiorentino rispetto a quello italiano, in un’epoca di passaggio di solito percepita invece come momento di sfarzo ma anche di decadenza.” “Ho sempre cercato di organizzare mostre che rifuggissero dai temi abusati, giacché sono convinto che l’educazione passi attraverso il nuovo. Ecco: la mostra sul secondo Cinquecento a Firenze intende portare a una più diffusa conoscenza opere di grande tenore lirico, a volte non correttamente valorizzate”, aggiunge convinto l’altro curatore, Antonio Natali, che ha raccolto opere tra sacro e profano. Nelle sale di Palazzo Strozzi, infatti, non saranno presentati al pubblico pochi e noti capolavori, ma opere di artisti che hanno caratterizzato col loro segno, le loro “forme” e le loro scelte cromatiche l’immaginario di un periodo fortemente segnato dalla Riforma protestante e da quella che è stata la sua reazione nella complessa realtà italiana del tempo. Una realtà che registrò (e subì) i diktat del Concilio di Trento e di una Firenze | made in Tuscany 119


Bronzino, Cristo deposto (ca. 1543-1545) 120 Firenze | made in Tuscany


1

2

3

4

1. Michelangelo Buonarroti, Dio fluviale (ca. 1526-1527) 2. Andrea del Sarto, Compianto su Cristo morto (PietĂ di Luco) (1523-1524) 3. Palazzo Strozzi 4. Michele di Ridolfo del Ghirlandaio, La Notte (1555-1565) 5. Giovanni Battista Naldini, Diana e Atteone (ca. 1580-1585) 6. Giambologna, Fata Morgana (1572)

5

6 Firenze | made in Tuscany 121


Jacopo Zucchi, Amore e Psiche (1589) 122 Firenze | made in Tuscany


Alessandro Allori, Venere e Amore (ca. 1575-1580) diktat of the Council of Trent and a Roman Church that also – Chiesa romana che - talvolta obtorto collo - rinnovò anche il at times reluctantly – renewed its iconographic program and proprio apparato iconografico e il proprio tessuto d’immagini its weave of images and doctrines, heavily conditioning the art e dottrine, condizionando pesantemente il mondo dell’arte in world in all its aspects. ogni suo aspetto. It is also for this reason that the curators decided to include Ed è anche per questo motivo che i curatori hanno tenuto artists that were sometimes defined as “minor,” such as Gior- che fossero presenti autori definiti talvolta “minori” come gio Vasari, Jacopo Zucchi, Giovanni Stradano, Girolamo Giorgio Vasari, Jacopo Zucchi, Giovanni Stradano, GirolaMacchietti, Mirabello Cavalori and Santi di mo Macchietti, Mirabello Cavalori e Santi di Tito, and sculptors like Giambologna, BartoloTito e scultori come Giambologna, Bartolomeo meo Ammannati and Vincenzo Danti, tied in a Ammannati e Vincenzo Danti, legati in modo Artists that complicato, complice e affabulatorio a quegli complicated, complicit and narrative way to the mysterious and studious spaces, entirely Floren- characterized spazi di ricerca e mistero tutti fiorentini dello tine, that were the Studiolo and Tribuna. As the e della Tribuna. Come evidenzia inthe chimeric Studiolo Director of Palazzo Strozzi, Arturo Galansino, fatti di direttore di Palazzo Strozzi, Arturo Gaof a period lansino, in questa mostra “controluce, si delinea highlights, in this “innovative exhibition, the figure of Francesco I stands out: elegant, educated, curious to strongly la figura di Francesco I: raffinatissimo, colto, curioso the point that he surrounds himself with and renders defined che si circondò e rese ancora più fecondi e illuminaeven more fruitful and enlightened the great artists i grandi artisti del tempo…” Il figlio di Cosimo by the tiI ed of the time…” The son of Cosimo I and Eleonora Eleonora di Toledo, lo sposo di Giovanna Protestant d’Austria e dell’avventuriera veneziana Bianca di Toledo, the husband of Joanna of Austria and the Venetian adventurer Bianca Cappello, he was Reformation Cappello, fu infatti un principe che seppe inindeed a prince that knew how to intelligently telligentemente scegliere i suoi amministratori choose his administrators so he could dedicate his time to the per potersi dedicare alle meraviglie della scoperta scientifica wonders of scientific discovery and dive into his passion for art. e sprofondarsi nella sua passione per l’arte. A passion for art that today has allowed for the restoration of Una passione per l’arte che oggi ha consentito il restauro di 17 works of art, initiating important collaborations between ben 17 opere, avviando anche preziose collaborazioni con reprivate institutions, out of the 70 paintings and sculptures on altà private, sulle 70 in mostra tra dipinti e sculture per una display in the exhibition, totalling 41 artists and which narrate a somma di 41 artisti, per raccontare la seconda metà del Cinstory about the second half of the 1500s and its facets of evolv- quecento e le sue sfumature tra una fede in evoluzione e l’oing faith and the underground work of alchemists… pera al nero degli alchimisti… Firenze | made in Tuscany 123


A Biennial in evolution

UNA BIENNALE IN EVOLUZIONE text Francesca Lombardi photo Lorenzo Cotrozzi

Firenze | made in Tuscany 125


Palazzo Corsini once again hosts the International Biennial Antiques Fair in Florence 126 Firenze | made in Tuscany


The new set-up is entrusted this year to Matteo Corvino The 30th International Biennial Antiques Fair in Florence - at the heart of which are Fabrizio Moretti and Mayor Dario Nardella - with over 3,000 pieces on display and more than 80 Italian and foreign galleries in attendance, is at the center of a week dedicated to the arts: “An event that regenerates with each edition, one of prestige that enriches the city and makes it a veritable center for international antiques dealing,” explains Dario Nardella, underlining its importance for Florence. Just like previous editions, museum-level masterpieces are on show: in the sculpture category is the marble Buca per le denunce segrete from Verona, a 17th-century work presented by Galleria W. Apollini in Rome; of the drawings, W&K Wienerroither & Kohlbacher will present a collection of drawings by Gustav Klimt, including a preparatory study for his famous Salome, and sketch of a male nude by Tintoretto will be on show by Enrico Frascione. Carlo Orsi will display a mosaic of semiprecious stone on slate made by the Opificio delle Pietre Dure in Florence at the beginning of the 17th century; Dario Ghio will offer Cameo with the bust of the beloved Louis XIV, which contains a little-known face of the one who not only owned it by also delicately perfected it: Madame de Pompadour. Representing the painting category is Colnaghi, with the Seasons by Giovanni Paolo Castelli, known as Lo Spadino; Galleria Lullo Pampoulides will display a Battle Between the Greeks and Romans by Livio Mehus. These are just a few works in the program but they offer a comprehensive picture of the international importance of the Florentine fair; this is further evidenced by the major acquisitions of top museums around the world two years ago. The Biennial is increasingly open to modernity and does this thee ways, the first of which is a new set-up, this year entrusted

La XXX° Biennale Internazionale dell’Antiquariato di Firenze - di cui Fabrizio Moretti e il sindaco Dario Nardella sono mente e cuore - con oltre 3.000 opere esposte e più di 80 gallerie italiane e straniere, è il centro propulsore di una settimana all’insegna dell’arte : “Un appuntamento che si rinnova ad ogni edizione, un evento di prestigio che arricchisce la città e la rende un faro per l’antiquariato a livello internazionale” spiega Dario Nardella sottolineando l’importanza per Firenze. Anche quest’anno sono presenti in mostra capolavori di livello museale, tra i quali ricordiamo per la scultura la Buca per le denunce segrete in marmo di Verona, opera seicentesca presentata dalla romana Galleria W. Apolloni. Per il disegno W&K Wienerroither & Kohlbacher presenterà una collezione di disegni di Gustav Klimt, tra i quali uno studio per la celebre Salomé e uno studio di nudo virile del Tintoretto, presentato da Enrico Frascione. Carlo Orsi esporrà un commesso di pietre dure su ardesia realizzato dall’Opificio delle Pietre Dure di Firenze all’inizio del XVII secolo; Dario Ghio, Il cammeo con busto dell’amato Luigi XIV, che svela un volto poco noto di colei che non solo lo ha posseduto ma anche finemente cesellato: la Marchesa di Pompadour. A rappresentare la pittura, Colnaghi, con le stagioni di Giovanni Paolo Castelli detto Lo Spadino; la Galleria Lullo Pampoulides proporrà invece una Battaglia tra greci e romani di Livio Mehus. Sono solo alcune citazioni ma rendono comprensibile il rilievo internazionale della fiera fiorentina, testimoniato anche dalle grandi acquisizioni dei principali musei del mondo di due anni fa. Una Biennale che, comunque, si apre sempre più alla modernità e lo fa su un triplice fronte. Intanto con un nuovo allestimento, quest’anno affidato a Matteo Corvino, interior designer e scenografo veneziano che ha interpretato le architetture Firenze | made in Tuscany 127


Palazzo Corsini during set-up for Biennial 2017 to Matteo Corvino, a Venetian interior designer and scenographer who interpreted Palazzo Corsini’s 17th-century architecture by adding a glass ceiling over the main route of the exhibition, guaranteeing better light in the palace’s interior spaces, while, from the terrace, guests can admire the reconstruction of an Italian hanging garden made with boxwood hedges. Matteo Corvino explains perfectly: “When I was asked to think of a new project, my first thought was of something that would unveil Palazzo Corsini.” Indeed, the project is expected to be reinterpreted edition after edition. Secondly, the 2017 exposition extends its chronological boundaries to include the 1980s, and, thirdly, the presence of Swiss artist Urs Fischer continues a turn toward the contemporary that began with Koons two years ago, offering an artistic project by Fabrizio Moretti and Sergio Risaliti, which is curated by Francesco Bonami and held in collaboration with Mus.e and the City of Florence. As Sergio Risaliti explains: “Fischer is visionary, romantic, ironic, cultured and popular artist. He combines the monumental with the playful, the totemic with the parodied. Perfect for that theatre of art and politics that is Piazza Signoria.” Urs Fischer will occupy Piazza della Signoria with a “giant” 13-metres high – Big Clay #4 – and the entrance porch with two wax sculptures depicting Fabrizio Moretti and Francesco Bonami. Also of interest are the collateral events that weave a network of beauty throughout the city: a special combined itinerary will be offered in collaboration with Palazzo Strozzi for the exhibition The Cinquecento in Florence. From Michelangelo and Pontormo to Giambologna and a series of guided visits included in the Biennial’s program will allow guests to discover lesser-known Florentine museums. 128 Firenze | made in Tuscany

seicentesche di Palazzo Corsini con l’utilizzo di un soffitto di vetro per il percorso centrale garantendo una maggiore luminosità agli spazi interni del palazzo, mentre, dalla terrazza del Palazzo, si può ammirare la ricostruzione di un giardino pensile all’italiana realizzato con bordure di bosso. Come spiega benissimo Matteo Corvino: “Quando mi è stato chiesto di pensare a un nuovo progetto, il primo pensiero è stato quello di un intervento che svelasse Palazzo Corsini”. Un progetto che sarà reinterpretato edizione dopo edizione. L’edizione 2017 prosegue poi la sua apertura sia attraverso l’esposizione, che amplia i suoi confini temporali fino agli anni Ottanta del secolo scorso; e soprattutto grazie a un’ampia virata verso il contemporaneo iniziata con Koons due anni fa con la presenza - certamente ingombrante nel senso migliore della parola - dell’artista svizzero Urs Fischer, un progetto artistico di Fabrizio Moretti e Sergio Risaliti, a cura di Francesco Bonami, realizzato con la collaborazione di Mus.e e del Comune di Firenze. Come spiega Sergio Risaliti: “Fischer è un’artista visionario, romantico, ironico, colto e popolare. Combina il monumentale con il ludico, il totemico con il burlesque. Perfetto per quel teatro dell’arte e della politica che è piazza Signoria”. Urs Fisher occupa il centro di piazza della Signoria con un ‘gigante’ di 13 metri - Big Clay#4 - e l’arengario con due sculture in cera che ritraggono Fabrizio Moretti e Francesco Bonami. Sono interessanti anche gli eventi collaterali che intrecciano una rete di bellezza in città: intanto uno speciale percorso congiunto, in collaborazione con Palazzo Strozzi, per la mostra Il Cinquecento a Firenze. Tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna e una serie di cisite guidate proposte nel calendario della Biennale ci guidano poi alla scoperta dei musei fiorentini meno conosciuti.


Above: Dario Franceschini and Fabrizio Moretti Below: Jeff Koons and Fabrizio Moretti (2015 Biaf) Firenze | made in Tuscany 129


art interview

The Lady of Art LA SIGNORA DELL’ARTE

text Francesca Lombardi photo Pasquale Paradiso Eileen Guggenheim in Pietrasanta for an exhibition at Accesso Galleria with Warhol’s ‘pupils’ Eileen Guggenheim a Pietrasanta per una mostra da Accesso Galleria con i talenti Warhol On a scorching July morning we had the most wonderful encounter. With the help of Pietrasanta, still so quiet and sleepy that we would have stayed forever, and of Accesso Galleria, which is hosting the exhibition Material Matters. A Sculpture Show. Brad Brubaker, the Gallery’s owner and manager, started off as a talent scout and art collector. A passion for art that turned into a job. A passion that oozes out of his every word. The exhibition showcases the works by four artists: Bruno Walpoth, Alex Rane, Peter Simon Mühlhäußer and Jiannan Wu, having different styles and using various materials. Peter Simon Mühlhäußer and Jiannan Wu study at the New York Academy of Art and, in these days, Eileen Guggenheim, chairwoman of the New York Academy of Art’s Board of Trustees, is staying at her farmhouse in the Tuscan countryside. We met with her at the gallery, where she spends a lot of time with Brad, a friend and precious collaborator of hers. With Peggy she shares some genes in her DNA and, above all, the love of art and a sharp eye for young talented artists. But Eileen’s fascinating personality extends well beyond her name. What is today’s atmosphere at the NY Academy, after 30 years since its establishment? This school was founded by Andy Warhol and other artists in 1982. At the beginning, it was very tight and rigid, the goal being to produce artists that could draw and paint like Leonardo, Michelangelo, Raphael. But since 1982 we realized that the most important thing that young artists can have is to be able to create vital, contemporary art, art that relates to whatever else is happening in the world. In that sense, the atmosphere has changed a lot. Ours is a twoyear Master Fine Arts Degree. The first year we call it “boot camp”, that is, rigorous training, anatomy, dissection, drawing, thirty hours a week of instruction. In the second year, we encourage students towards more independent thinking, 130 Firenze | made in Tuscany

Una mattina di un luglio torrido, un incontro bellissimo. Complice Pietrasanta che, assonnata e tranquilla, ci accoglie e facendoci subito venir voglia di restare; e soprattutto l’Accesso Galleria che ospita la mostra Material Matters. A sculpture Show. Brad Brubaker, direttore e proprietario della Galleria, è nato come cacciatore di talenti e collezionista. Da qui il desiderio di aprire una galleria. La sua passione si respira ovunque. Questa mostra ospita 4 artisti: Bruno Walpoth, Alex Rane, Peter Simon Mühlhäußer, Jiannan Wu, che raccontano stili e materiali diversi. Gli ultimi due appartengono alla New York Academy of Art e in questi giorni Eileen Guggenheim, Presidente del consiglio di amministrazione dell’Academy, è nella sua residenza toscana. La incontriamo in galleria, dove trascorre parte del tempo con Brad, amico e prezioso collaboratore. Con Peggy condivide un po’ di geni nel Dna e soprattutto l’amore per l’arte e l’intuito per le giovani promesse. Ma la sua carica vitale fa innamorare oltre il patrimonio genetico. Che atmosfera si respira alla NY Academy, oggi dopo 30 anni dalla sua fondazione? L’accademia fu fondata nel 1982 da Andy Warhol ed altri artisti. All’inizio, la scuola era molto rigida, l’obbiettivo era quello di produrre artisti che potessero disegnare e dipingere come Leonardo, Michelangelo e Raffaello. Dal 1982 in poi ci siamo resi conto che la cosa più importante per i giovani artisti è essere in grado di creare arte vitale, contemporanea, che sia in relazione con tutto quello che succede nel mondo. In questo senso, l’atmosfera è molto cambiata. Il nostro è un master di due anni in Belle Arti. Il primo anno noi lo chiamiamo “boot camp”, cioè un allenamento rigoroso: anatomia, sezione anatomica, disegno, trenta ore settimanali di insegnamento. Nel secondo anno, incoraggiamo gli studenti ad avere un pensiero più indipendente, un approccio più concettuale, a capire come possono usare il loro talento per creare.


Eileen Guggenheim, chair of the New York Academy of Art’s founded by Andy Warhol, in Accesso Galleria, Pietrasanta. Left page: Jiannan Wu, ‘Selfie Dennis’ Firenze | made in Tuscany 131


Eileen with Brad Brubaker towards a more conceptual approach to how they can use La seconda collaborazione con Accesso Galleria. Cosa ama their skills to create. di questa galleria e del lavoro di Brad, molto orientato sulThis is your second collaboration with Accesso Galleria. la ricerca? What do you appreciate about this art gallery and about In realtà, non è una seconda collaborazione, la collaborazioBrad’s very research-oriented work? ne è continua! E questo è un aspetto che dice molto di Brad, It’s not really the second collaboration, it’s been continuous! di come si occupa di un artista, di come lo plasma e lo aiuta It speaks a lot to him, the way Brad takes on an artist, he fino in fondo, della la sua coerenza. Brad aiuta l’artista a coshapes him and helps him all the way, that construirsi una carriera, supportandolo nel modo sistency. Brad really helps the artist develop a giusto, senza spingerlo, offrendo feedback, career, by supporting the artist in just the right critiche, dando la sua opinione, senza forzare. way, not pushing, giving feedback, critiques, Quindi è una collaborazione molto produttiva, giving his opinion, but not forcing. So, it has gli siamo molto riconoscenti. been a very productive collaboration, we’re Come si sviluppa la mostra very appreciative. L’idea della mostra era un po’ quella di mettere With Peggy insieme quattro artisti per mostrare materiali What can you tell us about the exhibition? The idea was sort of to bring together four she shares tradizionali, come legno e marmo, ma anche artists and to show some traditional materi- some genes in materiali più contemporanei come il cartone, als, such as wood and marble, but also more resina e la spuma sintetica. her DNA and, la contemporary, unique materials, such as cardQui abbiamo quattro artisti che usano materiaabove all, li vari ma creano anche opere contemporanee board, resin and also synthetic foam. Here we have four artists using various materials, but the love of art incredibili. Quindi questa è la questione del still creating incredible contemporary works. materiale delle sculture, che è anche l’essenza, So that is the material matter of the sculptures, but also the l’importanza del prodotto finale. essence, the importance of the final product. Lei, come Peggy, è collezionista e mecenate di giovani artisti ? Do you collect and promote the work by young artists? Naturalmente collezioniamo i lavori dei nostri studenti e diNaturally, we collect the work of our students and graduates and plomati e la nostra casa ne è piena, se venite a cena lo vedreour house is filled, so if you come to dinner you will find out. te con i vostri occhi. Who are your favorite artists on the contemporary art Chi sono gli artisti del panorama contemporaneo che oggi scene? apprezza di più Eric Fischl, an American figurative artist, and Will Cotton. Eric Fischl, un artista figurativo americano, e Will Cotton. 132 Firenze | made in Tuscany


Inside of Accesso Galleria. Bruno Walpoth, ‘Veronica con treccia’, wood (right); Alex Rane, ‘Immediate Existence’, Carrara marble (left) They are both associating with the school, but they also Entrambi hanno a che fare con la scuola, ma fanno anshow internationally. The other international artist is a se- che mostre internazionali. Infine Jenny Saville, senior critic nior critic of the school, Jenny Saville: she is British and she dell’Accademy: è inglese e fa mostre con Gagosian gallery, è shows with Gagosian Gallery, she is very important to our una figura molta importante per la nostra scuola. Anche Jeff Koons ha un rapporto stretto con l’Accademia? Academy. Even Jeff Koons has a close relationship with the Academy. Sono 15 anni che i nostri diplomati lavorano per Jeff Koons Jeff Koons has been employing our graduates for 15 years per creare la sua arte. to make his art, so at one point he had 120 artA un certo punto Koons aveva 120 artisti alle ists working for him and 68 of them were from sue dipendenze, di cui 68 venivano dall’Accathe Academy. They have the skills, they can do demia. Hanno talento, possono fare cose increincredible things. dibili. Tribeca and Tuscany: what do you like about Tribeca e la Toscana: cosa ama di questi due such different places? luoghi così diversi? Penso che la Toscana sia eccitante quanto New I think that Tuscany is as exciting as New York right now. I am thinking about a dealer like York al momento. Mi riferisco a un mercante Brad and this brilliant new director of the Uffizi ‘I think that d’arte come Brad, a questo brillante nuovo diand all the new directors of the Italian museTuscany is as rettore degli Uffizi e a tutti i nuovi direttori di ums. Particularly in Florence, I think there is italiani. In particolare, a Firenze ora c’è exciting as musei un’energia nuova con artisti emergenti, un feethis energy now with emerging artists, a real New York ling davvero internazionale. international feeling. It must be very difficult for young Italian artists, this weighing and inright now’ Il percorso per i giovani artisti italiani non è timidating tradition of Italian art, so scary and facile: la tradizione dell’arte italiana è pesante, challenging. But at the moment, through Brad, I have met spaventa e costituisce una sfida. Ma attraverso Brad ho cothree young Italian curators, doing incredible projects, very nosciuto tre giovani curatori italiani, impegnati in progetti courageous. They are Francesca Carol Rolla, Valentina Guidi incredibili, molto coraggiosi: sono Francesca Carol Rolla, Ottobri and Enrico Mattei. Valentina Guidi Ottobri e Enrico Mattei. Our Academy just started a summer school in Florence, La nostra Accademia ha deciso di aprire una scuola estiva a again because I think it is a place where you can go to in Firenze dove mandiamo i nostri artisti, proprio perché penorder to understand the continuity from history to this new so che sia il posto dove andare per capire la continuità tra la energy. storia e questa nuova energia. Firenze | made in Tuscany 133


cover story

Above: the music hall Below: the hall dedicated to Maria Callas On the right page: a portrait of Pippo Zeffirelli 134 Firenze | made in Tuscany


theatre culture

My gift for Florence IL MIO REGALO PER FIRENZE text Teresa Favi

Thanks to Franco Zeffirelli, a cultural centre for the performing arts and cinematography has been created in Florence Nasce, grazie al regista fiorentino Franco Zeffirelli, un polo di cultura delle arti sceniche e cinematrografiche The Franco Zeffirelli International Centre for the Performing Arts was created  in the former Court building in Piazza San Firenze. It is an immense collection that includes objects that have left their mark in the history of Italian cinema and entertainment throughout the world, and will be open to the public starting in October. A student of Luchino Visconti and creator of film masterpieces such as Romeo and Juliet (1969), Brother Sun, Sister Moon (1971), and the television movie Jesus of Nazareth (1976), as well as memorable opera productions for the largest opera theatres in the world, from La Scala to the Verona Arena and from Covent Garden to the Metropolitan, Franco Zeffirelli wanted to donate the fruits of his imaginative and gifted spirit to Florence and the world, so that nothing is lost or ignored, with everything that is vital for the creative force of young talents in the various areas of the performing arts. We met with Pippo Zeffirelli, adopted son of the great Florentine director and set designer, who is executive vice president of the Foundation and to whom we owe the creation of this new conservational and creative venue in Florence. What awaits us once we cross the threshold? The ground floor holds classrooms, the Library, and the Archive, as well as the reception and refreshment areas. The first floor hosts the actual museum, in an engaging and captivating setting. Here we enter into Franco Zeffirelli’s creative “fury”, transferred into any type of performance art he tackled and it is manifested in the sketches, which describe each scene in every detail and with the summarizing and expressive director’s notes to the side.   But there is something  unique and unprecedented that  will amaze visitors at the end of the exhibition narrative ... That’s right, the Sala dell’inferno where there is a full HD short film that was made by digitally animating the sketches and drawings the Maestro created to give shape to his personal vision of hell drawn from the Divine Comedy by Dante Alighieri. The project, created in the 70s, was never realized because no partners were found for such a major production effort.  Zeffirelli intended his Dante to have the face of Dustin Hoffman.

Il Centro internazionale per le arti dello spettacolo Franco Zeffirelli è nato, nella ex sede del Tribunale in piazza San Firenze. Una collezione immensa che comprende oggetti che hanno lasciato il segno nella storia del cinema e dello spettacolo italiano nel mondo, aperta al pubblico da ottobre. Allievo di Luchino Visconti e autore di capolavori cinematografici come Romeo e Giulietta (1969), Fratello sole, sorella luna (1971) e il film per la televisione Gesù di Nazareth (1976), ma anche memorabili allestimenti lirici per i più grandi teatri d’opera nel mondo dalla Scala all’Arena di Verona, dal Covent Garden al Metropolitan, Franco Zeffirelli ha voluto donare i frutti del suo spirito, immaginifico e geniale, a Firenze e al mondo, perché nulla vada perduto o ignorato, ma tutto sia linfa vitale per la forza creativa di giovani talenti nelle varie declinazioni delle arti dello spettacolo. Abbiamo incontrato Pippo Zeffirelli, figlio adottivo del grande regista e scenografo fiorentino, vicepresidente della Fondazione grazie alla quale si deve la nascita di questa nuova fucina conservativa e creativa a Firenze. Varcata la soglia, che cosa ci attende? Al pianterreno hanno trovato spazio le sale didattiche, la Biblioteca e l’Archivio nonché gli spazi di accoglienza e di ristoro. Il primo piano ospita il Museo vero e proprio, in un allestimento che avvince e coinvolge. Si entra nel ‘furor’ creativo di Franco Zeffirelli, trasferito in ogni tipo di spettacolo egli abbia affrontato e manifestatosi nei bozzetti, che descrivono nei minimi particolari ogni scena e accolgono a latere le note di regia, sintetiche ed espressive.  Ma c’è una cosa unica e inedita che stupirà i visitatori alla fine del percorso… Esatto, è la Sala dell’Inferno dove è proiettato in full HD un cortometraggio realizzato animando con tecniche digitali i bozzetti e i disegni che il Maestro ha creato per dare forma alla sua personale visione dell’inferno tratto dalla Divina Commedia di Dante Alighieri. Il progetto nato negli anni ‘70 non venne mai realizzato perché non si trovarono alleanze per uno sforzo produttivo così importante. Il Dante di Firenze | made in Tuscany 135


theatre culture

Some portraits of Franco Zeffirelli Zeffirelli avrebbe, secondo le sue intenzioni, avuto il volto di Dustin Why it is worth planning a visit? The extreme suggestiveness of the exhibits will strike you as they reor- Hoffman. ganize and give an account of the nearly 70-year career of this multi- Quali sono i motivi per cui vale la pena programmare una visita? faceted genius. The immense heritage is represented by his amazing Vi colpiranno l’estrema suggestività degli allestimenti, che riordinano sketches, which are true works of art that immortalize his ideas before e danno conto di quasi 70 anni di carriera di un uomo di multiforme the creation of a film or a theatre or opera performance. The costumes ingegno. L’immenso patrimonio costituito dai suoi strabilianti bozzeton display were imagined by him even in their sumptuous embroi- ti, vere e proprie opere d’arte che immortalano le sue idee prima della dery. There are nearly 10,000 books on many different topics that he realizzazione di film o di messinscene teatrali e operistiche. I costumi consulted to carry out his  work and an immense archive of docu- esposti, immaginati da lui perfino nei sontuosi ricami. E i quasi 10 mila libri delle più disparate materie, consultati per realizzare i suoi ments. What is the Maestro’s most fervent dream for the future of the Cen- lavori. Un archivio di documenti sterminato. Qual è il sogno più intimo del Maestro per il futuro del Centro e tre and its Foundation? He would like it to become a point of reference for all young people della sua Fondazione? who want to enter the performing arts, a breeding ground of culture Che diventi un punto di riferimento per tutti i giovani che vogliono intraprendere la strada dello spettacolo, una fucina di and creativity in the heart of the city. cultura e creatività nel cuore della sua città. For his work, was Zeffirelli ever inspired by a particZeffirelli si è mai ispirato per il suo lavoro alle sale ular Florentine museum; did he ever talk about that? The Center un particolare museo fiorentino, le ha mai parlato For an artist of his calibre, with his special sensitivity hosts The di questo? to art, the whole city of Florence, in its entirety, was his teacher. Having been born and raised in Florence immense Per un artista del suo calibro, con quella sua speciale per l’arte, tutta la città, Firenze nella sua was what gave him his love for art. heritage of sensibilità interezza gli è stata maestra. E’ proprio l’essere nato Do you remember any Florentine saying that your nearly 70-year e cresciuto a Firenze ad avergli istillato l’amore per father used often? I remember when I met him I was very struck by the career of this l’arte. fact that when he was speaking to someone he almulti-faceted Ricorda un modo di dire fiorentino ricorrente nel familiare di suo padre? ways used to say nini, nina. That’s what he called his genius lessico Ricordo che quando l’ho conosciuto mi colpì molto il nurse Edvige... nina! Then, over time I realized that it is  an affectionate nickname that  replaces someone’s first name and fatto che rivolgendosi a qualcuno usava sempre dire nini, nina. Chiamava sempre così la sua balia Edvige… nina! Poi col tempo ho capito that only someone from Florence would understand. Is there a story that tells of the special bond between Zeffirelli and che si tratta un’espressione affettuosa che sostituisce il nome di battesimo e che solo un fiorentino doc riesce a comprendere. Florence? Zeffirelli was in Rome and was directing The Taming of the Shrew, the C’è una storia che racconta il legame speciale tra Zeffirelli e Firenze? famous movie with Liz Taylor and Richard Burton, when there was a Zeffirelli era a Roma e stava montando La bisbetica domata il famoflood in Florence. That was a golden opportunity for him to ask Bur- so film con Liz Taylor e Richard Burton, quando ci fu l’alluvione a ton, who was still in Rome to finish the dubbing, to narrate a docu- Firenze. Quella fu l’occasione d’oro per lui di chiedere a Burton, anmentary on the flood that he immediately decided to shoot in Flor- cora a Roma per terminare il doppiaggio, di commentare l’alluvione ence with the approval of the RAI television network, which was then in un documentario che decise immediatamente di girare a Firenze headed by another Florentine, Ettore Bernabei. The documentary was con il benestare della Rai allora diretta da un altro fiorentino, Ettore soon shown all over the world.  It  was thanks  to this work of  glob- Bernabei, e che fece subito il giro del mondo. E fu proprio grazie a al awareness that Florence began receiving its first international aid, questa opera di sensibilizzazione globale che iniziarono ad arrivare a and even large sums of money to support the city and its artistic heri- Firenze i primi aiuti internazionali, e anche grandi somme di danaro, a tage, which were under pressure. sostegno della città e del suo patrimonio artistico messi a dura prova. 136 Firenze | made in Tuscany


Some images of the newborn Franco Zeffirelli International Center for Performing Art. Below: the Inferno hall Firenze | made in Tuscany 137


Above: the Maggio Musicale Fiorntino Choir and Orchestra Below: ‘The Name of the Rose ‘ 138 Firenze | made in Tuscany


theatre season

Unmissable GLI IMPERDIBILI

text Teresa Favi

The new theatrical season in Florence, autumn events La nuova stagione teatrale a Firenze, gli appuntamenti cult a partire dall’autunno After the summer break the Florence theatres will reopen with a rich programme of shows, concerts, and operas. Here are the most interesting events starting in the fall, with unmissable classics and shows that are brilliant, funny, avant-garde, and have an international flair. OPERA DI FIRENZE This modern opera venue is home to a beautiful symphony

is dedicated to Beethoven’s Ninth Symphony (31 December). An opera will bring Fabio Luisi to the podium once again, to tackle the great score of La Favorite by Gaetano Donizetti, performed for the first time in Florence in the original French version and in the setting of the Grand Teatre del Liceu in Barcelona, directed by Ariel Garcia Valdes (22 February – 3 March).

A rich program of brilliant, funny and avant-garde shows

season. The first show will be La Rondine by Giacomo Puccini with a new production by Denis Krief who directed the sets and costumes (17 - 25 October). After that will be La Sonnambula by Vincenzo Bellini, directed by Bepi Morassi, set in a Swiss ski resort of the ‘30s (18 - 29 November). For dance, the curtain will open on Sleeping Beauty, the famous and beloved ballet by Tchaikovsky (7 December 18 January). The Christmas concert is entrusted to the Orchestra, the Choir and the Maggio Boys’ Choir directed by Lorenzo Fratini (21 December), while the Year-end Concert, directed by Fabio Luisi,

The three-hundredth anniversary of the birth of Gluck will be celebrated with the performance of Alceste, with sets and costumes designed by Pier Luigi Pizzi, and conducted by Federico Maria Sardelli (21 – 31 March). TEATRO DELLA PERGOLA The first event of the autumn reopening will be an evening dedicated to the great Tuscan choreographer based in Florence, Virgilio Sieni, who presents his new creation, Diario di Vita. For one night only, 11 dances will be performed to live music by Eivind Aarset, a Norwegian guitarist with a unique musical vision (11 October). World-renowned

Dopo la pausa estiva riaprono i teatri di Firenze con un ricco programma di spettacoli, concerti e opere. Ecco gli appuntamenti più interessanti, a partire dall’autunno tra classici imperdibili, novità brillanti e divertenti, avanguardie e un tocco di internazionalità. OPERA DI FIRENZE E’ la modernissima sede dell’opera lirica e di una bella stagione sinfonica. Il titolo

diretto da Fabio Luisi, è dedicato alla IX Sinfonia di Beethoven (31 dicembre). Un titolo lirico porta ancora sul podio Fabio Luisi ad affrontare la grandiosa partitura di La favorite di Gaetano Donizetti, eseguita per la prima volta a Firenze nell’originale versione francese e nell’allestimento del Grand Teatre del Liceu di Barcellona con la regia di Ariel Garcia-Valdès

di avvio è La rondine di Giacomo Puccini con un nuovo allestimento a cura di Denis Krief che firma regia, scene e costumi (17 – 25 ottobre). Poi La sonnambula di Vincenzo Bellini, ambientata dal regista, Bepi Morassi, in una stazione sciistica svizzera degli anni ‘30 del Novecento (18 – 29 novembre). Per la danza, il sipario si apre su La bella addormentata celeberrimo e amatissimo balletto di Čajkovskij (7 dicembre – 18 gennaio). Il Concerto di Natale è affidato all’Orchestra, al Coro e al Coro delle voci bianche del Maggio diretti da Lorenzo Fratini (21 dicembre), mentre il Concerto di fine anno,

(22 febbraio – 3 marzo). Nel tricentenario della nascita di Gluck con la regia, le scene e i costumi firmati da Pier Luigi Pizzi, va in scena Alceste diretta dalla speciale bacchetta del direttore e musicologo Federico Maria Sardelli (21 – 31 marzo). TEATRO DELLA PERGOLA Primo spettacolo della riapertura autunnale, una serata dedicata all’arte del grande coreografo toscano con base a Firenze, Virgilio Sieni che presenta la sua nuova creazione, Diario di Vita. Un solo in 11 danze sulla musica dal vivo di Eivind Aarset, chitarrista norvegese con una visione musicale unica (11 ottobre). I Firenze | made in Tuscany 139


theatre season

names in Italian theatre appear this season: Fabrizio Bentivoglio, directed by Michele Placido, is Professor Ardeche in L’ora di ricevimento by Stefano Massini (21 - 27 November), Leo Muscato directs Massini’s adaptation of Umberto Eco’s The Name of the Rose (28 November to 3 December), Carlo Cecchi stars in Pirandello’s Henry IV (12 - 17 December), Gabriele Lavia directs and stars in The Father by Strindberg (16 - 21 January), Alessandro Preziosi stages Massini’s Van Gogh (6 11 February), Stefano Accorsi and Marco Baliani come to the theatre with Lo cunto de li cunti by Basile (20 – 25 February), Gianmarco Tognazzi and Elena Sofia Ricci star in Miller’s

Raul Bova and Chiara Francini star in Two, directed by Luca Miniero (18 - 21 January). Then Lorella Cuccarini returns in the musical The Ice Queen, from Puccini’s Turandot (26 - 28 January). A live theatre show based on the 80s cult film Dirty Dancing comes to the Verdi Theater (8 - 11 February). Then Claudia Cardinale closes the season with Ottavia Fusco, bringing Neil Simon’s The Odd Couple to the stage from March 15 to 18 (15 - 18 March). TEATRO PUCCINI This season’s delightful programme begins with Sabina Guzzanti in Come ne venimmo fuori. Proiezioni dal futuro (27 and 28 October). Francesca Merloni and Gianmarco

più importanti nomi del teatro italiano e internazionale compongono la stagione di prosa: Fabrizio Bentivoglio diretto da Michele Placido è il professor Ardeche de L’ora di ricevimento di Stefano Massini (21 – 27 novembre), Leo Muscato dirige l’adattamento di Massini del Nome della rosa di Eco (28 novembre – 3 dicembre), Carlo Cecchi è Enrico IV di Pirandello (12 – 17 dicembre), Gabriele Lavia dirige e intepreta Il Padre di Strindberg (16 – 21 gennaio), Alessandro Preziosi porta in scena Van Gogh scritto da Massini (6 – 11 febbraio), Stefano Accorsi e Marco Baliani arrivano in teatro con Lo cunto de li cunti di Basile

arriva la coppia Raul Bova Chiara Francini in Due, diretti da Luca Miniero (18 – 21 gennaio). Torna poi Lorella Cuccarini nel musical La regina di ghiaccio, tratto dalla Turandot di Puccini (26 – 28 gennaio). Il film cult degli anni ‘80 Dirty dancing arriva al Verdi in veste teatrale (8 – 11 febbraio). Chiude la stagione Claudia Cardinale, che con Ottavia Fusco porta in scena La strana coppia di Neil Simon, dal 15 al 18 marzo (15 – 18 marzo). TEATRO PUCCINI Il ghiotto programma prevede in apertura di stagione Sabina Guzzanti in Come ne venimmo fuori. Proiezioni dal futuro (27 e 28 ottobre). Francesca Merlo-

Tognazzi bring Guardiana to the stage with the original music performed on the piano by Remo Anzovino (24 and 25 November). Three actors in the international theatre company based in Berlin, the Familie Flöz in Teatri Delusio, with the help of sophisticated costumes and well-designed sound and well-designed, bring to the stage 29 characters and give life to a complete drama (19 - 21 January). Silvio Orlando returns to the stage to close the season with the beautiful performance to which his acting gave great credit, La Scuola by Domenico Starnone, directed by Daniele Luchetti (6 - 8 April).

(20 – 25 febbraio), Gianmarco Tognazzi e Elena Sofia Ricci sono i Vetri rotti di Miller con la regia di Armando Pugliese (6 - 11 marzo), Sergio Rubini e Luigi Lo Cascio affrontano Delitto/Castigo da Dostoevskij (23 – 29 marzo). TEATRO VERDI Il Verdi, che con il 2017-2018 arriva alla sua ventesima stagione apre il sipario con La guerra dei Roses con Ambra Angiolini e Matteo Cremon, regia di Filippo Dini (3 – 5 novembre). Ancora cinema, e ancora musical. Rocky horror show, con Claudio Bisio nelle vesti del narratore, è in programma al Mandela Forum (7 - 11 novembre). A gennaio

ni e Gianmarco Tognazzi portano in scena Guardiana con le musiche originali interpretate al piano da Remo Anzovino (24 e 25 novembre). Tre attori della compagnia di teatro internazionale residente a Berlino Familie Flöz in Teatro Delusio con l’aiuto di costumi raffinati e di suoni e luci ben concepiti, mettono in scena 29 personaggi e danno vita ad un teatro completo (19 – 21 gennaio). Chiude la stagione Silvio Orlando che torna in scena con il bellissimo spettacolo a cui la sua recitazione ha reso grandi meriti La scuola di Domenico Starnone, per la regia di Daniele Luchetti (6 – 8 aprile)

Shows, dance concerts, and Opera Broken glass, directed by Armando Pugliese (6 – 11 March), and Sergio Rubini and Luigi Lo Cascio tackle Dostoyevsky’s Crime and Punishment (23 - 29 March). TEATRO VERDI The Verdi theatre, which celebrates its twentieth season in 2017-2018, opens the festivities with The War of the Roses with Ambra Angiolini and Matteo Cremon, directed by Filippo Dini (3 - 5 November). The season continues with more shows inspired by films and musicals. Rocky horror show, with Claudio Bisio in the role of the narrator, is scheduled at the Mandela Forum (7 - 11 November). In January, 140 Firenze | made in Tuscany


1

2

4

3

1.Gianmarco Tognazzi in ‘Guardiana’ 2. Stefano Accorsi 3. Luigi Lo Cascio 4. Lorella Cuccarini in ‘La regina di Ghiaccio’ (the queen of ice) 5. Raul Bova and Chiara Francini

55 Firenze | made in Tuscany 141


cover story

San Niccolò neighbourhood in Oltrarno 142 Firenze | made in Tuscany


Dear Oltrarno, I’m writing to you CARO OLTRARNO TI SCRIVO text Sabrina Bozzoni photo Dario Garofalo

Firenze | made in Tuscany 143


Piazza Santo Spirito 144 Firenze | made in Tuscany


city itineraries

Georgette Jupe as “Girl in Florence”. Photo credit: Georgette Jupe We are witnessing a splendid revival of that left bank of the Stiamo assistendo a un rinnovato splendore di quella riva sinistra Arno so dear to Florentines and those who have put down roots dell’Arno cara ai fiorentini e a chi, in questo singolare microcoin this remarkable microcosm. They are poets, artists, artisans smo, ha piantato le sue radici. Sono poeti, artisti, artigiani e canand balladeers, or simply people who are charmed by its innate tastorie o, semplicemente, persone affascinate dalla genuinità. Un authenticity. This love of ours will soon take the shape of a amore, il nostro, che presto prenderà vita attraverso una guida “Su “bespoke guide” totally devoted to this special part of Florence, Misura”, tutta dedicata a questa specialissima Firenze, intitolata called “Oltrarno su misura”. There are people who were not born “Oltrarno Su Misura”. E c’è chi in Oltrarno non ci è nato, ma in Oltrarno, but have chosen it as their life’s companion. One of lo ha scelto come suo compagno di vita. Lei è Georgette Jupe, these is Georgette Jupe “a Tuscan Texan living and breathing all “una texana toscana immersa nella vita fiorentina” ed è tra le sothings Florence”, and one of Florence’s most widely followed cial influencer di Firenze più seguite su Instagram. Sarà difficile social influencers on Instagram. It’s almost impossible not to bump non incontrarla in giro per il quartiere: macchina fotografica alla into her around the neighbourhood, with her camera at the ready, mano, insieme al suo amatissimo Beagle. Contributor di numerose accompanied by her beloved Beagle. A contributor to various riviste, l’instancabile Georgette ha firmato quel famoso articolo magazines, the tireless Georgette is the author of the famous Lonely apparso su LonelyPlanet.com in cui San Frediano è riconosciuto tra i 10 quartieri più cool al mondo. Abbiamo voluto Planet .com article in which San Frediano is listed conoscerla meglio. among the world’s 10 coolest neighbourhoods. We This love will Texana ma con il cuore (e un dolcissimo Beagle) a wanted to get to know her better. soon take the Firenze. Cosa ti ha spinto a lasciare gli Stati Uniti? Texan, but with your heart (and the cutest beagle) shape of a Mi fa piacere che abbiate notato il mio cane, sono in Florence. What made you leave your life in the United States? guide totally molto orgogliosa del suo account Instagram! Il camdi vita dall’America all’Italia è nato per caso. In I’m glad you noticed my dog, I’m very proud of his devoted to this bio teoria avrei dovuto studiare per un anno a Londra, Instagram account! Moving my life from America to special part of ma un instante prima di partire, ho deciso di volaItaly happened by chance. In theory, I was supposed to spend a year studying in London, but seconds Florence, called realla volta di Firenze. Dopo un anno di studi qui, before leaving, I decided to head for Florence. After “Oltrarno su sono tornata a Los Angeles, ma la mancanza di una all’italiana era forte. Sentivo che dovevo tornare. my year here I went back to Los Angeles, where I misura” vita Georgette, i tuoi segni particolari. missed my Italian life way too much. I felt I had to Macchina fotografica (una Fujifilm X-t20), un nuovo libro da legreturn. So I did, without hesitation gere, frangia sulla fronte, un beagle, rossetto rosso e tante risate. Georgette, what are your signature traits? My camera (a Fujifilm X-t20), a new book to read, a full fringe, a La prima cosa che ti ha fatto innamorare di Firenze? Il suo essere “a misura d’uomo”, il senso dell’umorismo della sua beagle, red lipstick and plenty of laughs. gente, il gusto per le tradizioni e la cultura, la cucina povera, l’arWhat was it that first made you fall in love with Florence? The way its “on a human scale”, the people’s sense of humour, the tigianato… Il pezzo di Lonely Planet su “San Frediano tra i 10 quartieri più taste for traditions and culture, cucina povera, craftsmanship… The Lonely Planet piece on “San Frediano, one of the world’s 10 cool” porta la tua firma. Raccontaci tutto su questa inaspettata coolest neighbourhoods” carries your by-line. Tell us about this incoronazione. Il fatto che l’articolo sia diventato così virale è stato una vera sorunexpected “coronation”! When the article went viral it was a huge surprise, and I had to work presa e ho dovuto lavorare su me stessa per gestire i lati positivi e on myself to handle the positive and negative sides of the attention. negativi di quest’attenzione. La comunità di San Frediano è staThe people of San Frediano have been unusually welcoming and ta di un’accoglienza rara e il loro supporto è stato molto utile. Il their support has been a great help. I believe the neighbourhood quartiere e la comunità si meritano davvero questo momento di and the community represent Florence at its most authentic, and gloria. Firenze | made in Tuscany 145


cover story

Via Maggio thoroughly deserve this moment of glory. Un giorno in Oltrarno con Girl in Florence tra arte, buon cibo, A day in Oltrarno with Girl in Florence to take in art, good food, shopping e vita notturna. shopping and night life. Al mattino, un cappuccino al Caffè degli Artigiani, oppure da In the morning, a cappuccino at Caffè degli Artigiani or Ditta Ditta Artigianale. Tappa da Giannini, artigiano legatore di libri Artigianale. A stop off at Giannini, artisan bookbinders who che mi ha fatto conoscere la magia della carta marmorizzata e nel introduced me to the magic of marbleized paper, and expert negozio di Renato Olivastri, esperto nel restauro di mobili. Allo furniture restorer Renato Olivastri’s shop. On to the Sdrucciolo di Sdrucciolo di Pitti, per dar un’occhiata al negozio Giulia MatePitti to take a look round Giulia Matera’s shop, or ra o per bere un succo biologico da Carduccio. have an organic juice at Carduccio. Continuo verso via Maggio, dov’è facile perdersi I carry on towards Via Maggio, where it’s easy to get tra gli antiquari e dove mi fermo sempre volentieri lost among the antique shops, and where I’m always nel negozio And Company di Betty Soldi. In via di happy to stop by Betty Soldi’s shop And Company. Santo Spirito non si può perdere la vetrina coloIn Via di Santo Spirito Angela Caputi’s colourful rata di Angela Caputi, ma anche le opere di street ‘I believe the shop-window, or Clet and Blub’s street art are di Clet e Blub, prima di fermarsi per fare due neighbourhood art worth a look, before stopping for a chat with a chiacchiere con un’amica a La Cité. Entro sempre and the volentieri nella chiesa di Santo Spirito per ammifriend at La Cité. It’s always a pleasure to go into Santo Spirito church to see the crucifix sculpted community rare il crocifisso di Micheangelo. Poi, in Borgo San by a young Michelangelo. Then “San Frediano i “biscotti delle Nonne di San Frediano” represent Frediano, Grandmas’ biscuits” from Dolce Emporio in Borgo da Dolce Emporio sono un must. Pranzo alla TratFlorence at its toria Sabatino con i ravioli al sugo e il loro vitello San Frediano are a must. Lunch at Trattoria Sabatino with ravioli in meat most authentic’ aa staccato arrosto.Un caffè al Volume, prima di passasauce followed by their roast veal. re dall’Officina Nora per ammirare i gioielli realizA quick coffee at Volume before calling at Officina Nora to admire zati da artigiani emergenti. Verso Piazza Tasso, un saluto al liutaio the jewellery made by up and coming artisans. Over towards Piazza Claudio Arezio e poi al Circolo Aurora per un apertivo. Come alTasso to say hello to violin maker Claudio Arezio, before going to ternativa, sempre all’aperto, lungo le vecchie mura, il Santa Rosa Circolo Aurora for an aperitif, or, still outdoors, along the old city Bistrot. Per la cena, il ristorante Tranvai è uno dei miei preferiti wall to Santa Rosa Bistrot. One of my favourite places for dinner is e per il dopo cena, perché non andare dal teatro di Cestello? Un Tranvai, and after dinner why not go to the Teatro di Cestello? To cocktail da l’inimitabile Mads Souls&Spirit, oppure al misterioso round off the evening, a cocktail at the one and only Mads Souls & Rasputin. Spirit, or the mysterious Rasputin. Da amante dei cani, i luoghi più “dog friendly” di Firenze? 146 Firenze | made in Tuscany


Oltrarno is objectively beautiful and magical, an area in Florence which mixes art with incredible landscaping and impressive views Firenze | made in Tuscany 147


Some spots you can’t miss in Oltrarno. Photo credit: Georgette Jupe 148 Firenze | made in Tuscany


A typical street of Oltrarno neighborhood, the less-visited (but equally charming) side of the River Arno As a dog lover, which are the most dog-friendly places in Florence? Il bello di Firenze è che posso andare quasi ovunque con il mio The great thing about Florence is that I can go almost everywhere Ginger. Adoro il parco del Boschetto alla Limonaia di Villa Strozzi. with Ginger. I love the Boschetto park at the Villa Strozzi Limonaia. D’estate, ci si può anche fermare per un drink o una pizza nel parco. In summer you can also stop for a drink or a pizza in the park. Forte Forte Belvedere e la “spiaggietta” Easy Living. Una delle mie pasBelvedere and the Easy Living urban beach. One of my favourite seggiate preferite è tra Porta Romana e il Viale Machiavelli, fino walks is between Porta Romana and Viale Machiavelli, up to San alla chiesa di San Miniato a Monte. Miniato a Monte church. Le botteghe dell’Oltrarno che ti hanno fatto davvero battere il Oltrarno’s workshops have really captured your cuore? heart legatoria Il Torchio in via de’ Bardi, il laboratoThe way its La Il Torchio bookbinders in Via de’ Bardi, wood carver rio dell’intagliatore Luigi Mecocci e di sua moglie, “on a human l’artista e restauratore Renato Olivastri, Claudio Luigi Mecocci and his wife’s workshop, artist and restorer Renato Olivastri, Claudio Arezio and scale”, the Arezio e i suoi violini, i gioielli di Alessandro Dari his violins, Alessandro Dari and Officina Nora’s people’s sense e Officina Nora, il laboratorio di Moleria Locchi, jewellery, Moleria Locchi’s workshop, Ippogrifo, l’Antico Setificio Fiorentino ed il molof humour, l’Ippogrifo, Antico Setificio Fiorentino and the very cool to cool WoodnCut. the taste for San Frediano è? WoodnCut. San Frediano is? traditions Un luogo con un ritmo diverso dal resto di Firenze, A place with a different rhythm to the rest of Florence, lo spirito fiorentino può ancora essere sentito. and culture- dove where real Florentine spirit can still be felt. Un profilo Instagram che è un ventaglio di colori e craftsman- fiorentinità. Vogliamo sapere i segreti del tuo stile. Your Instagram page is a plethora of colours and “Florentineness”. We want to know the secrets of ship… Il mio profilo vuole essere una riflessione sulla vita your style. di tutti i giorni. Mi piace catturare luoghi, esperienMy profile aims to be a reflection on everyday life. I like to capture ze, viaggi e cibo. In una sorta di micro-blog per raccontare i partiplaces, experiences, journeys and food in a kind of micro-blog to colari di una città. tell about the special features of a city. E se ti dicessimo di attraversare l’Arno e indicarci i tuoi 5 luoghi What if we asked you to cross the river and show us your 5 preferiti “diquadd’Arno”? favourite places “on the other side of the Arno?” Piazza Santissima Annunziata, il mercato di Sant’Ambrogio, PaPiazza Santissima Annunziata, Sant’Ambrogio market, Palazzo lazzo Vecchio, la Cappella della famiglia Sassetti dentro la chiesa Vecchio, The Sassetti Family Chapel in Santa Trinità Church, and di Santa Trinita, l’Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella. Novella.


cover story

Palazzo Rucellai 150 Firenze | made in Tuscany


Families & Palaces FAMIGLIE & PALAZZI

text Domenico Savini photo Lorenzo Cotrozzi

Firenze | made in Tuscany 151


Palazzo Antinori 152 Firenze | made in Tuscany


Palazzo Gondi

Those who take a stroll through a city like Florence looking up can discover small and large wonders every day. It is exciting to notice that an ornament or a writing appears on both a basilica (the magnificent Santa Maria Novella) and a palace (that of the Rucellai in Via della Vigna Nuova), or to realize that a family, after five centuries, continues to see its reflection in the Arno from the same elegant windows (as is the case of the Corsini and Ricasoli). Visiting one of these palaces is not easy, but their architecture may become a unique opportunity to learn more about them.

Chi cammina col naso all’insù, in una città come Firenze, può fare ogni giorno piccole e grandi scoperte che regalano il piacere di comprendere come un fregio o una scritta si rincorrano da una basilica (la magistrale Santa Maria Novella) a un palazzo (quello dei Rucellai in via della Vigna Nuova), oppure guardare con meraviglia come una famiglia dopo oltre cinque secoli continui a specchiarsi nell’Arno dalle medesime eleganti finestre (come accade ai Corsini e ai Ricasoli). Entrare in questi Palazzi non è semplice, ma la loro architettura può diventare un’occasione unica per conoscerli.

PALAZZO ANTINORI Designed by Giuliano da Maiano, the palace was built between 1461 and 1469 for the wealthy Boni family, who sold it to Niccolò di Tommaso Antinori in 1506. The façade features few ornaments and the style is simple but attractive. It represents the typical house of a successful Florentine merchant who had gained a prestigious social status. The members of the Antinori family were known for their public roles and their private virtues. Their name is linked with their historical estate where famous wines are produced. Bearing witness to their wine making traditions is the little window on Vicolo del Trebbio, from where they sold bottles of wine. The word ‘vino’ can still be seen inscribed on its molding (Piazza Antinori, 3).

PALAZZO ANTINORI Costruito negli anni 1461-1469, fu progettato da Giuliano da Maiano. Dalla ricca famiglia dei Boni, che lo fece costruire, nel 1506 fu acquistato, dopo un passaggio in mano Martelli, da Niccolò di Tommaso Antinori. La facciata ha pochi ornamenti, le linee sono semplici, ma luminose e rappresenta la caratteristica abitazione di un fiorentino che aveva fatto fortuna con i commerci e conquistato un solido prestigio sociale. I vari membri della famiglia Antinori si distinsero sempre fra incarichi pubblici e virtù private. Il loro nome è legato alla storica azienda produttrice di famosi vini, di cui un segno è ancora oggi la finestrella sul vicolo del Trebbio da cui venivano vendute le bottiglie, come si evince dalla scritta “vino” sulla cornice (piazza Antinori, 3). Firenze | made in Tuscany 153


cover story

From above clockvise: Palazzo Rucellai, Palazzo Gondi (detail), Palazzo Antinori, Palazzo Corsini in Perione (deatil)) 154 Firenze | made in Tuscany


Palazzo Medici Tornaquinci

PALAZZO CORSINI IN PARIONE PALAZZO CORSINI IN PARIONE Maddalena Machiavelli, widow of Filippo Corsini, do- Maddalena Machiavelli vedova Corsini, donò la pronated the property to her firstborn Bartolomeo Cors- prietà al primogenito Bartolomeo Corsini senior e da ini Senior in 1650. In this period, architects such as allora (1650) iniziò l’ampliamento del palazzo, col lavoro Alfonso Parigi and Ferdinando Tacca were involved di architetti come Alfonso Parigi il giovane e Ferdinanin the works to enlarge the palace. A magnificent spi- do Tacca. ral staircase, the ‘lumaca’, designed by All’interno la “lumaca”, una splendida Pier Francesco Silvani, who worked with scala a chiocciola opera di Pier Francesco Giovan Battista Foggini, can be seen inSilvani, che lavorò con Giovan Battista side. Foggini, mentre ad Antonio Ferri è attriThe façade facing the river and the sides buita la facciata sul Lungarno e dei prooverlooking the courtyard were designed spetti sul cortile. by Antonio Ferri. Works to transform the Architecture of Complessivamente i lavori di trasformathe Florentine zione proseguirono fino al 1737 circa. palace continued until circa 1737. The palace houses a statue of Pope Clem- palaces clearly Nell’interno del palazzo è conservata la ent XII (cardinal Lorenzo Corsini), reflects the statua rappresentante Clemente XII (carsculpted in 1737 in Rome by Girolamo Lorenzo Corsini), scolpita nel 1737 historical dinale Ticciati, Foggini’s favorite pupil, for the a Roma da Girolamo Ticciati, allievo predevelopment diletto di Foggini, per essere donata dal Pope as a gift to his family. The palace was severely damaged during World of the city Pontefice ai familiari. Il palazzo subì gravi War II, in August 1944 (Lungarno Corsdanni durante la Seconda guerra mondiaini 10 or Via del Parione, 11). le, nell’agosto 1944 (Lungarno Corsini 10 o via del Parione, 11) PALAZZO GONDI Work on Giuliano Gondi’s palace began towards the PALAZZO GONDI end of the 15th century. Designed by Giuliano da Alla fine del Quattrocento vengono gettate le fondaSangallo, the stone façade consists of projecting rus- menta del palazzo di Giuliano Gondi, progettato da tication on the ground floor and checkerboard stone- Giuliano da Sangallo, con le sue bozze del piano terFirenze | made in Tuscany 155


Palazzo Corsini in Prione (detail)

work on the upper floor. In the lovely courtyard the reno, baulate e alternate, e quelle del primo piano che external flight of the staircase leads to the upper floor. formano dei disegni. The beautiful fountain dates to a later period. The Nell’armonioso cortile la rampa esterna della scala typical Florentine stone bench, the ‘seggetta da via’, conduce al piano superiore; più tarda è la bella fontaruns along the front side. The Gondi owned houses in na. Caratteristica è la “seggetta da via” di pietra, tipica the Santa Maria Novella quarter, near the Palazzo del- fiorentina, lungo la facciata. I Gondi avevano case nel quartiere di Santa Maria Nola Signoria. Here the family bought othvella e vicino al palazzo della Signoria, er houses and Giuliano da Sangallo was qui Gondi acquistò altre case e sull’area entrusted with the construction of the il Sangallo ebbe l’incarico di costruire il palace. The Gondi moved into their new The leading abitato dai primi anni del 1500. home in the early 16th century, but the families palazzo, A fine 600 lavori di completamento furoconstruction of the palace was completed built those no diretti da Antonio Ferri, mentre le viin the late 17th century, under the direcextraordinary cende del palazzo si conclusero nel 1870, tion of Antonio Ferri. In 1870 the Marquis of that time had the palace enlarged residence quando l’allora Marchese affidò all’archiPoggi il prolungamento della facciata to the design of the architect Giuseppe to visibly tetto (Piazza San Firenze, 2). Poggi (Piazza San Firenze, 2).

demonstrate their social status

PALAZZO MEDICI-TORNAQUINCI A palace which has preserved its 15th century appearance and where the turbulent events of the city’s political and private conflicts took place over the decades. The Soldanieri family, of the Ghibelline faction, were evicted in the 13th century and their properties went to the the Strozzi. A century later the properties were handed down to Palla Strozzi, who lived in one of the houses while Palazzo Strozzi was being built. The Altoviti were the 156 Firenze | made in Tuscany

PALAZZO MEDICI-TORNAQUINCI Un palazzo che oggi si presenta con quello che è stato il suo aspetto quattrocentesco e che ha vissuto nelle sue stanze gli eventi che si susseguirono turbinosi per la città lungo decenni di scontri politici e privati. Nel XIII secolo i ghibellini Soldanieri ebbero gli edifici di questa zona espropriati a favore degli Strozzi e un secolo dopo divennero dimora di Palla Strozzi che qui visse attendendo che costruissero il palazzo omonimo.


restaurant - lounge

bar - events - catering

Piazza Strozzi 5r, c/o Palazzo Strozzi, Firenze

www.strozzicaffe.com

ph. 055 288236

l u n ch - a p e r i t i f - d i n n e r - e v e n t s - c l u b p r i v ĂŠ Piazza Strozzi 5r, Firenze www.cafecollebereto.com Info and table reservation 393 8328505 - 055.28 3156


Il

RosĂŠ

ha trovato il suo profumo.

www.aldobrandesca.it


Palazzo Corsini in Parione, the entrance

owners from 1610 to 1835 and twenty years later the Medici-Tornaquinci bought the palace. The joining of the two 14th-century houses (and of the two courtyards featuring an 18th-century staircase) is evident in the façade of the four-storey edifice and in the loggia added in the 16th century (via Tornabuoni, 6).

Passaggi di proprietà lo resero bene degli Altoviti dal 1610 al 1835, mentre neppure vent’anni dopo divenne proprietà dei Medici-Tornaquinci. La fusione delle due case trecentesche (e delle due corti con scalone del 700) è ancora riconoscibile nella facciata dei quattro piani e nel loggiato aggiunto nel Cinquecento (via Tornabuoni, 6).

PALAZZO RUCELLAI PALAZZO RUCELLAI Built between 1446 and 1451, its origiLa costruzione è fissata negli anni 1446nal plan is by Leon Battista Alberti, who 1451 di poco successivi. Il disegno origiconsidered this palace almost an exemplinale si deve a Leon Battista Alberti, che Innovative considerava questo palazzo quasi un’esemfication of his De Re Aedificatoria. and plificazione del suo De Re Aedificatoria. The upper floors are defined by elegant two-light mullioned windows and by the magnificent I piani superiori si distinguono infatti per three classical tiers of the façade. palaces delle eleganti bifore e importante è l’uso The decoration of the ground floor comtre ordini classici sulla facciata; il fregio such as dei prises three emblems of the family. The del piano terra contiene le tre insegne della the Palazzo famiglia. palace was built for Giovanni Rucellai, whose son Bernardo married Nannina, Rucellai Iniziò la costruzione Giovanni Rucellai, il sister of Lorenzo the Magnificent, in cui secondogenito Bernardo sposò, nel giuJune 1466. gno 1466, Nannina, sorella di Lorenzo il Magnifico. InAlong with Palazzo Pitti, the Rucellai palace rep- sieme con il palazzo Pitti, quello dei Rucellai rappresenresents the first variation of 14th-century Florentine ta la prima variante dei palazzi fiorentini del Quattropalaces, after the one built by Michelozzo for Cosimo cento, dopo quello costruito da Michelozzo per Cosimo I de’ Medici. il Vecchio de’ Medici. During the 1990s it housed the Museo di Storia della Negli Anni 90 ha ospitato il Museo di Storia della FotoFotografia Fratelli Alinari (Via della Vigna Nuova, 18). grafia Fratelli Alinari (Via della Vigna Nuova, 18). Firenze | made in Tuscany 159


160 Firenze | made in Tuscany


White gold ORO BIANCO DI CARRARA text Lavinia Rinaldi photo Dario Garofalo

Firenze | made in Tuscany 161


tuscan icon

These photos are taken in the marble quarry and workshop owned by the Vannelli family. A picture of Fiammetta, the creator of a precious marble jewelry collection The ancient Romans knew that the heart of the Apuan Alps con- Lo avevano intuito gli antichi romani che il cuore delle Apuane tained a precious material that could serve the purpose of celebrating celava una materia preziosa con cui celebrare la potenza del loro the power of the Empire. In the Middle Ages, the Comacine Masters impero. La scelsero nel Medioevo i Maestri Comacini per illumiused marble to build and decorate the cathedrals standing along the nare con bianche cattedrali vie di fede e devozione. Fu la sete d’arroads of faith travelled by pilgrims. The Renaissance Age’s thirst for te e bellezza del Rinascimento con i suoi grandi artisti a far esploart and beauty contributed greatly, through its artists, to the cult of dere il culto di questo straordinario frutto della forza primordiale Carrara Marble, this extraordinary gift of nature that rises from the che dal mare si innalza a montagna. E’ l’abbagliante candore del sea to the sky revealing its blinding whiteness. The Marmo di Carrara. Michelangelo Buonarroti il più grande di tutti ha legato il suo nome a queste rocname of Michelangelo Buonarroti, the greatest of all Renaissance artists, is closely associated with these ce scegliendo personalmente nelle cave i blocchi di rough and generous rocks. He personally picked the marmo per i suoi capolavori: Pietà, David, Mosè . blocks of marble from the quarries to carve his imMichelangelo E lo scultore, l’artista oggi viene qui non solo permortal masterpieces, such as the Pietà, the David and ha a disposizione il marmo più bello ma perché picked the ché the Moses. vive e respira un’aria ricca di passato ma viva di blocks of futuro, in una eccezionale alleanza tra arte, natuToday, sculptors and artists come here not only bemarble from ra ispirazione e libera creatività che raramente si cause here they can find the world’s most beautiful marble, but also to take in the atmosphere rooted in the Carrara incontrano altrove. Negli anni nelle cave sono stati the past yet projected in the future, that special “mare hanno realizzato le proprie opere alcuquarries to coinvolti riage” of art, nature, inspiration and freely-expressed ni dei principali protagonisti dell’art system incarve his ternazionale come Jeff Koons, Jan Fabre, Daniel creativity which can hardly be found elsewhere. Over the years, the marble quarries have served has a backmasterpieces Buren, Cattelan, Antony Gormley, Damien Hirst drop to the artwork by some of the greatest stars of ma anche musicisti come David Byan tastierista dei the international art system such as Jan Fabre, Daniel Buren, Cat- Bon Jovi che attratto dalla particolare acustica che scaturiva daltelan, Antony Gormley, Damien Hirst, but also musicians like David le grotte suonò uno spettacolare pianoforte in marmo all’interno Bryan, the keyboardist for the rock band Bon Jovi. Being attracted della cava. Tutti questi artisti con la loro arte e la loro creatività to the special acoustics that the caves produce, Bryan played a spec- contribuiscono ad interpretare con nuova sensibilità una materia tacular marble piano inside the quarry. All these artists contribute, tanto affascinante ma anche tanto difficile ribaltando e rivisitando through their art and creativity, to the use of such a fascinating but secondo una ricerca contemporanea la sua naturale vocazione. La difficult material in a modern and contemporary way. zona di Carrara, insieme a Pietrasanta, Seravezza e zone limitrofe The Carrara area, along with Pietrasanta, Seravezza and surround- con le loro cave pulsano di vita e possono essere considerate un 162 Firenze | made in Tuscany


The walls of the marble mountain giving onto the Versilian sea, squared off by cutting marble into blocks to be sold ings are filled with quarries vibrating with life and are seen as a vero e proprio contenitore per la sperimentazione di nuove forme, “test-bed” for experimenting with new styles and languages, a sort nuovi linguaggi, un vero e proprio distretto culturale, una vetrina of cultural district, a showcase for young artists, a blend of tradition, a tutto tondo che crea un connubio tra tradizione, genialità, spirito genius, creative spirit and innovation. creativo, innovazione. “One can do anything with marble”, says Fiammetta Vannelli, an en- “Con il marmo si può fare tutto” come afferma Fiammetta Vantrepreneur, designer and artist, a child of this land, deeply in love nelli imprenditrice, designer, artista, figlia di questa terra legata with marble from an early age, when her father used to take her to the da un amore viscerale per questo materiale, fin da piccola, quando quarries with him. Her love of marble is the reason accompagnava il padre alle cave, tanto da fondare behind the establishment of Statuaria Arte, the first Statuaria Arte il primo laboratorio, insieme al fraworkshop she opened with her brother and cousin, tello e al cugino, un ambiente speciale in cui accoToday artists glie gli artisti, offrendo loro la possibilità di realizzaa special place where she welcomes artists, offering them the chance to create works of art and showcase come here for re opere e organizzare mostre. Nel corso degli anni them. con importanti esperienze all’estero, Fiammetta the marble and eVannelli Over the years and having had major working expeha maturato questa passione che la conto take in the traddistingue e che le ha permesso di esprimersi riences abroad, Fiammetta Vannelli developed an exatmosphere nei campi più svariati anche con la collaborazione pertise in the art market which allowed her to express herself in the most varied fields and collaborate with rooted in di artisti e di giovani scultori come Matthew Spenartists and young sculptors such as Matthew Spender, Mario Tapia, Massimiliano Giornetti, Marco the past yet der, Mario Tapia, Massimiliano Giornetti, Marco BorgiBorgianni e ha visto crescere l’entusiasmo intorno projected in alle sue creazioni. anni, with her creations enjoying fast-growing success. the future Questo le ha permesso di realizzare una linea di rafShe created a very sophisticated line of marble obfinatissimi oggetti di uso quotidiano riuscendo a far jects for everyday use, introducing marble in the day-to-day life and entrare il marmo nell’intimità della vita domestica, nel cuore della homes all over the world, from London to Paris, from Switzerland to quotidianità delle case di tutto il mondo da Londra a Parigi alla North America. Fully aware of the preciousness and uniqueness of Svizzera e all’America. Consapevole della preziosità e dell’unicità this material, Fiammetta Vannelli paid homage to marble by creating di questa materia le rende omaggio poi attraverso una collezione a jewelry collection, named Fiammetta V Zona 67, of rare, unique and che porta il suo nome Fiammetta V Zona 67, di rari, unici, raffivery elegant pieces, including men’s cuff links and buttons, which not natissimi gioielli, ma anche gemelli da uomo e bottoni, che non only serve as decorative elements, but testify to their creator’s love of solo sono ornamento ma sono pura testimonianza di amore per la nature and of Italian creativity and genius. natura ma anche dell’alta creatività e genialità italiana. Firenze | made in Tuscany 163


car experience

Traveling through time IN VIAGGIO NEL TEMPO text Matteo Grazzini

Pandolfini debuts in the world of classic cars with 40 masterpieces La casa d’aste Pandolfini debutta nel mondo delle auto d’epoca con 40 capolavori Automobiles that are reborn like a phoenix, masterpieces of technology and design for years maintained by collectors with maniacal attention to detail and rarities to admire and, maybe, buy. Pandolfini, the auction house that for over 90 years has been presenting artistic treasures and antiques among other items, debuted in the world of classic cars with an auction that brought 40 cars and 11 motorcycles to Villa La Massa, all united by an unusual source: they had nothing to do with traders, international trade shows or Internet sites, but instead were a selection of rarities found by Pandolfini directly from collectors who are not part of the specialized vintage cars market. Such as the Alfa Romeo 6C 2300 Turismo with the body built by Touring and named “Soffio di Satana”: only two types were built and they were thought lost when in fact it had been kept by the owner for more than 50 years. Never restored and perfectly preserved, it represents a piece of history and of 20th-century Italian design, not only because its first owner was Gabriele D’Annunzio, who drove it along the avenues of his Vittoriale estate. But in the catalog, a veritable treasure trove, time becomes the road along which travel masterpieces of mechanics and Italian style from the 20s and 30s up to the 80s and 90s with a range of sports cars that came out in the wake of the economic boom, such as a Jaguar XK 120 OTS of 1953. And if we think about Italy’s four-wheeled history, we cannot leave out the several Ferraris that were present at the auction, including two Testarossas, a 308 GTS of 1981 and the rare 599 GTO of 2010. And then there was also a Rolls-Royce Silver Wraith II used in the streets of Hong Kong, a Porsche 911 Speedster and, a classic of the 70s, the Volkswagen T2 van, an icon for hippies and television series. 164 Firenze | made in Tuscany

Vetture che rinascono come l’araba fenice, capolavori di tecnologia e design custoditi per anni dai collezionisti con maniacale attenzione, rarità da ammirare e, magari, acquistare. Pandolfini, la casa d’aste che da oltre novanta anni presenta tesori di arte e antiquariato ma non solo, debutta nel mondo delle auto classiche con un’asta che porta a Villa La Massa 40 automobili e undici motociclette accomunate da una provenienza insolita: niente infatti che riguarda commercianti, fiere internazionali o siti Internet ma una selezione di rarità trovate da Pandolfini direttamente dai collezionisti che sono al di fuori dall’ambiente specializzato delle auto d’epoca. Come l’Alfa Romeo 6C 2300 Turismo con la carrozzeria realizzata dalla Touring e battezzata ‘Soffio di Satana’: costruita in due soli esemplari era stata creduta persa quando in realtà è stata conservata dal proprietario per più di cinquant’anni. Mai restaurata, conservata in modo perfetto rappresenta un pezzo della storia e del design italiani del XX secolo, non fosse solo per il fatto di aver avuto come primo proprietario Gabriele D’Annunzio, che l’ha guidata nei viali del suo Vittoriale. Ma nel catalogo, un vero e proprio scrigno di tesori, il tempo diventa la strada su cui viaggiano capolavori della meccanica e dello stile italiano dagli anni Venti e Trenta fino agli ’80 e ’90 con una serie di vetture sportive che arrivano sulla scia di auto che hanno segnato il boom economico come una Jaguar XK 120 OTS del 1953. E se pensiamo all’Italia su quattro ruote non possiamo non ricordare la presenza di alcune Ferrari, tra cui due Testarossa, una 308 GTS del 1981 e la rarissima 599 GTO del 2010. E poi ancora ma non solo una Rolls-Royce Silver Wraith II usata nei dedali di Hong Kong, una Porsche 911 Speedster e un classico degli anni ’70, quel pulmino Volkswagen T2 icona di hippies e serie televisive.


Fiat 500D and Cadillac Eldorado Left page: Alfa Romeo 6C 2300


bicycle race

Not only wheels and pedals NON SOLO RUOTE E PEDALI text Matteo Grazzini

Twenty years of the Eroica, cycling and history in Chianti I venti anni dell’Eroica, ciclismo e storia nel Chianti

There is dust, fatigue and bicycle cared for with maniacal passion. There is nature, dirt roads, glasses with round dark lenses that would make the accountant Filini turn green with envy and unforgettable names and symbols for those who love cycling or simply know who Coppi and Bartali were. It is the Eroica, the cycling event founded 20 years ago by Giancarlo Brocci to retrace the legs of the races that the great cyclists undertook along the dirt roads. It returns as always with its colorful and varied platoon of fans in Gaiole in Chianti area, where it was born and where it has expanded, opening up the experience to the entire world. But the wheels and pedals are above all the tools to promote the environment, enhance a sustainable way of life, maintain the clean image of a sport that, in other contexts and situations, has lost a bit of the limelight that has illuminated it for more than a century. And so here are the vintage bicycles, the outfits made of wool or acrylic with the names of sponsors embroidered on them, the bottle holders on the handlebars, lunches carried in jute shoulder bags and everything that reminds us of cycling as it once was. 5000 people, a huge increase on the 92 who started the adventure, find themselves behind the start line to ride along the dirt roads of the Chianti area, whose preservation is one of the priorities of the Eroica Foundation: five routes, from 46 to 209 km through valleys, forests and vineyards, along daring descents and exhausting climbs. Brolio, Castelnuovo Berardenga, Montalcino, Murlo, Siena, Castellina and Radda are some of the towns where cyclists can find accommodation, food, and participating shops that remain partners of the Foundation every day of the year, so that people can experience the Eroica with this permanent route. Kid Road Book in hand, it is in fact possible to collect the stamps: with the sixth one you are ‘rewarded’ with an ‘Erioca’ diploma to feel a bit like Coppi. Or Bartali. An eternal dilemma. 166 Firenze | made in Tuscany

Ci sono la polvere, la fatica, biciclette curate con passione maniacale. Ci sono la natura, le strade sterrate, occhiali dalle lenti tonde e scure da far invidia al ragionier Filini e nomi e simboli indimenticabili per chi ama il ciclismo o semplicemente sa chi erano Coppie Bartali. E’ l’Eroica, la manifestazione ciclistica nata venti anni fa da un’intuizione di Giancarlo Brocci per rievocare le tappe corse su strade sterrate dai grandi del ciclismo che torna puntuale con il suo colorato e variegato plotone di appassionati a Gaiole in Chianti, là dove e nata e da dove si è diramata per portare l’esperienza in tutto il mondo. Ma ruote e pedali sono soprattutto gli strumenti per valorizzare l’ambiente, esaltare uno stile di vita sostenibile, mantenere pulita l’immagine di uno sport che, in altri contesti e situazioni, ha perso un po’ della luce che lo anima da più di un secolo. E allora ecco le biciclette d’epoca, le divise di lana o di acrilico con ricamati i nomi degli sponsor, i porta borracce sul manubrio, il pranzo nella sacca di iuta a tracolla e tutto quanto possa ricordare il ciclismo di una volta. In 5.000, dai 92 che iniziarono l’avventura, si ritrovano dietro la linea di partenza per percorrere le strade bianche del Chianti, la cui salvaguardia è tra le priorità della Fondazione Eroica: cinque percorsi, dai 46 chilometri della passeggiata ai 209 del percorso lungo, attraverso valli, boschi, vigne, lungo discese ardite e salite sfiancanti. Brolio, Castelnuovo Berardenga, Montalcino, Murlo, Siena, Castellina e Radda tra i paesi attraversati dove i ciclisti trovano ospitalità, ristori e esercizi convenzionati che tali rimangono in ogni giorno dell’anno, per poter vivere l’Eroica anche col percorso permanente. Kid Road Book alla mano è infatti possibile farsi apporre i timbri: al sesto si viene ‘premiati’ con il diploma di “Eroico” per sentirsi un po’ Coppi. O Bartali. Eterno dilemma.


cover story

Some special moments of the Eroica, the vintage bike race which takes place at the beginning of October in Gaiole in Chianti Firenze | made in Tuscany 167


tuscany itineraries

Towers and cypress trees ALL’OMBRA DI TORRI E CIPRESSI text Maria Lardara photo Pasquale Paradiso A journey through Volterra and San Gimignano following the advice of three well-known figures. Tra Volterra e San Gimignano seguendo i consigli di tre personaggi di riferimento Directors and poets throughout history have been bewitched by Volterra’s Etruscan mystique and San Gimignano’s wonderful charm, so captivated by its landscapes they took inspiration from them in their work. Literature is peppered with illustrious quotes about these two jewels tucked between the Cecina and Elsa valleys, providing glimpses of unparalleled Tuscan beauty, the towers and cypresses, the Middle Ages and the Etruscans. From the ancient walls of Volterra to the farmhouses surrounded by centuries-old olive trees and lines of cypress trees marking the contours of the gently rolling hills, in shades of green to the amber glow of clay from the iconic clay cliffs, known as the Balze di Volterra. It was these large chasms, visible to the naked eye, that swallowed up the city’s Etruscan necropolises and buried Etruscan civilisation, although its mystique lives on. Oliviero Toscani, a superstar photographer and wine producer with an estate between Volterra and Bolghieri, paints the Etruscan city as “wind and folly”, like the name of his latest series of photography workshops held in the town itself. The artist (formerly councillor for culture in the Sicilian town of Salemi) holds on to his dream of becoming Volterra’s mayor: “It would be so much fun, and with a bit more initiative, we could do so much in this town.” For him, Volterra is steeped in a special kind of magic, in Etruscan times it was the capital of Europe. But best not ask the world-class photographer which special place best reveals the town’s Etruscan soul: “Impossible, you see what you feel,” he says. Oliviero Toscani is particularly fond of Volterra in winter when it is battered by the wind, and he believes that “the special magic of the place lies in the tangle of streets which wind up and down the town.” The town is jolt to the heart and peace for the mind, and reminds Toscani of The Deposition by Rosso Fiorentino, which is conserved in the 168 Firenze | made in Tuscany

Registi e poeti di ogni epoca sono stati stregati dall’enigma etrusco di Volterra e dal superbo fascino di San Gimignano, ammaliati dai loro paesaggi tanto da prenderne ispirazione per il proprio lavoro. Fra torri e cipressi, Medioevo ed Etruschi, fioccano le citazioni illustri su queste due perle incastonate tra la Val di Cecina e la Val d’Elsa, che dipingono scorci di una Toscana unica. Dalle mura millenarie di Volterra ai casolari circondati da ulivi centenari e filari di cipressi che seguono le morbide curve delle colline ora verdi, ora tinte del giallo bruno dell’argilla, quello delle Balze di Volterra. Furono quelle voragini visibili a occhio nudo a inghiottire le necropoli etrusche dalla città, a seppellire l’eterno mistero della civiltà etrusca. Oliviero Toscani, genio della fotografia con l’azienda vinicola tra Volterra e Bolgheri, dipinge la città etrusca come “vento e follia”, come il titolo dei suoi ultimi workshop di fotografia organizzati proprio in quel di Volterra. Toscani (ex assessore alla cultura nella cittadina siciliana di Salemi) non ha mai abbandonato il sogno di diventarne il primo cittadino: “Sarebbe troppo divertente, con un po’ di spirito d’iniziativa in più si farebbero tante cose in questa città”. Per lui Volterra è intrisa di una magia speciale, al tempo degli Etruschi era la capitale d’Europa. Ma non chiedete a lui, fotografo di fama mondiale, di suggerirci un luogo speciale dove l’anima etrusca si disvela: “Impossibile, bisogna vedere ciò che si sente”. Per Oliviero Toscani, che ha un debole per la Volterra d’inverno sferzata dal vento, “la magia speciale del posto risiede nel groviglio di strade in salita e in discesa”. Volterra, un tumulto al cuore ma anche pace dei sensi, quella che suscita a Toscani la visione della Deposizione di Rosso Fiorentino, conservata nella Pinacoteca dove il


Panoramic view of the medieval skyline aaaa of San Gimignano Firenze | made in Tuscany 169


icon itineraries

Piazza dei Priori, Volterra local Art Gallery, a place Oliviero visits often. Volterra is maestro dell’obiettivo entra spesso. Volterra, infine, locaalso the perfect place to hang out the orange blossom. To- tion ideale per far sbocciare i fiori d’arancio. Toscani ne sa scani should know. He and his wife married forty years ago qualcosa, lui che si sposò quarant’anni fa alla settecentein the San Giusto church, which rose from the ashes of a sca chiesa di San Giusto, rinata dalle ceneri di un edificio predecessor when it was devoured by the crumbling cliffs sacro preesistente, ingoiato dalle balze nel XVII secolo. Quaranta minuti d’auto separano Volterra da San Gimiin the 17th century. Volterra is a forty-minute car journey from San Gimignano. gnano: lungo il tragitto la strada abbraccia curve morbide e corre lungo la verdeggiante campagna The road towards the town hugs gentle bends, toscana, quasi alla ricerca di un’altra magia. weaving its way through the verdant Tuscan Siamo ai piedi delle mura di San Gimignacountryside, as if on a quest to find new magic. no ma l’incanto è più su: del borgo dichiaIt leaves us by the feet of the San Gimignarato patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, ci no city walls but the real magic is further up sorprendono le mura del Duecento che inwhere the UNESCO heritage site enchants corniciano le due strade principali e le alte with its 13th century walls which enclose the Oliviero torri che fanno quasi atmosfera da salotto. two main streets and high towers, giving it an almost salon feel. San Gimignano is the home Toscani, San Gimignano è la patria della Vernaccia, of Vernaccia, the noble wine that was much a superstar il nobile vino caro a stuoli di letterati, come e Cecco Angiolieri, Dante e Boccaccio, loved by many a literary coterie, such as Dante photographer Dante senza dimenticare lo scrittore inglese Geofand Cecco Angiolieri, Dante and Bocaccio, not tells about frey Chaucer. forgetting English author, Geoffrey Chaucer. Letizia Cesani, president of the San GimignaVolterra Letizia Cesani , presidente del Consorzio dei vini di San Gimignano, è innamorata delno wine-makers consortium, adores the Pieve romanica di Cellole church, which stands on a hilltop with la Pieve romanica di Cellole, che si erge sulla cima di una sweeping views of the towers dominating the skyline. “It is a collina dove lo sguardo spazia a 360 gradi sulle torri. “Un mystical place that is scarcely visited but the perfect vantage luogo mistico, pochissimo frequentato, dal quale godere point from which to admire the breath-taking countryside. di uno spettacolo mozzafiato sulla campagna. Few tourists take advantage of it but it is outstandingly Un’esperienza che pochi turisti fanno, ma di grande sugbeautiful.” Drawing on her vast knowledge of the field, she gestione”. Da esperta di vini qual è, il suo consiglio cade recommends the Vernaccia di San Gimignano Wine Expe- sulla Vernaccia di San Gimignano Wine Experience, rience which is more than a mere wine museum: it is the non un semplice museo del vino ma il posto giusto per 170 Firenze | made in Tuscany


1

2

3

4

1. Palazzo dei Priori, Volterra 2. A lane in San Gimignano 3. Roman amphitheatre, Volterra 4. Well in the courtyard of Torre Grossa, San Gimignano’s tallest tower, in Piazza Duomo 5. Madonna in Lippo Memmi’s Maestà (fresco), Sala del Consiglio in the Palazzo Nuovo del Podestà, San Gimignano 6. Rossi alabaster workshop, Volterra

5

6


Via San Matteo, San Gimignano 172 Firenze | made in Tuscany


Palazzo dei Priori, Volterra (detail of faรงade) Firenze | made in Tuscany 173


tuscany itineraries

3

1

2

4

1.View of the surrounding countryside from Volterra 2. Galleria Continua’s directors Mario Cristiani, Lorenzo Fiaschi e Maurizio Rigillo 3. Inside Galleria Continua, San Gimognano of Sant’Agostino, San Gimignano 4. Letizia Cesani 5. Oliviero Toscani 6. View of San Gimignano

5

6

ideal place to enjoy a sensory experience of the highest of un’esperienza sensoriale di gusto di altissimo livello. Qui, levels. Every day, knowledgeable, polyglot sommeliers lead tutti i giorni, preparati e poliglotti sommelier conducotheme-based seminars on the pairing of food and wine us- no dei seminari tematici di abbinamento cibo e vino con ing locally-sourced PDO and PGI products. prodotti Dop e Igp del territorio a chilometro zero. Per For shopping opportunities, Letizia Cesani suggests head- lo shopping Letizia Cesani c’indirizza verso le botteghe ing to the artisan workshops of ceramic artists Fabio Bal- artigianali dei ceramisti Fabio Balducci e Silvia Beghè, ducci and Silvia Beghè, calling them “treasure troves of un- “scrigni di opere d’arte uniche”. paralleled works of art.” In such a gem of meVi aspettereste mai in questo gioiello di diaeval architecture, the last thing you might architettura medievale un innesto di conexpect is a contemporary scion. temporaneità? Ecco perché i direttori della San Galleria Continua, una delle più importanti Yet, for this exact reason the directors of Galleria Continua, one of the most important Gimignano al mondo con sedi anche a Parigi, Pechino galleries in the world, with branches in Paris, Cuba, suggeriscono di visitare a San Giseen by the emignano non un capolavoro del passato ma Beijing and Cuba, suggest visiting San Gimiwine maker un’opera contemporanea come Underground, gnano, not to see a masterpiece from the past, but a contemporary work like Underground, Letizia una scultura dell’artista anglo-indiano Anish the installation by Anglo-Indian artist Anish Cesani and Kapoor installata nel Torrione di Sant’AgoKapoor currently on display in the Torrione Galleria stino. di Sant’Agostino. Per i galleristi Mario Cristiani, Lorenzo FiaContinua’s schi e Maurizio Rigillo “è una creatura moFor gallery directors Mario Cristiani, Lorenzo Fiaschi and Maurizio Rigillo the artwork redirectors numentale dalla forma organica, una sorta di sembles “a monumental creature of organic enorme crisalide dalla quale ci si aspetta da form, like an enormous chrysalis from which one expects un momento all’altro l’esplosione di una nuova vita, una a new life to burst forth, a birth, at any minute.” Sophisti- nascita”. cated palates will enjoy Cum Quibus restaurant, a gem of Una chicca per i palati più raffinati è il ristorante Cum a restaurant offering patrons a “a veritable journey through Quibus, “un vero viaggio nel gusto”; un altro indirizzo che flavour” while taste buds will be equally tantalized at the La fa venire l’acquolina in bocca, infine, è la vendita diretta Buca. This farm holding in Via San Giovanni produces and dell’azienda agricola La Buca in via San Giovanni. Prelisells fine pork and wild boar cold cuts, worthy examples of bati salumi di maiale e cinghiale degni della migliore arte Tuscany’s most sublime culinary art. culinaria toscana. 174 Firenze | made in Tuscany


icon itineraries

Above: the hills around Volterra Below: ‘Cerchio imperfetto’, by Mauro Staccioli (native of Volterra) in the village of Montebradoni Firenze | made in Tuscany 175


shotonsite

Chiara Mascellani,Gianluca Tenti, Federica Rotondi

Silvy Bonas, Annalisa Chissini, Monica Sarti

Lorenzo and Leonardo Pinzauti

Lorenzo Parrini,Silvia Tempestini

Alessandra and Giovanni Pugliese

Isabella Iacomelli, Albert Dallago

Lorenzo Ristori, Alessandro Vivarelli, Filippo Ricci, Lorenzo Fiorini

Cosimo Carrozzini,Chiara Conti

Concetta Basamento, Bernardo Bianchi

The exclusive party at Colle Bereto to present the new interiors of one of the most glamorous wine restaurants in Florence

Renzo Vatti, Massimo Listri

Eleonora Cortini, Arianna Giovannini

Matteo Ferrero, Julie Henderson, Valeria Ciofi, Tommaso Corsini

Paolo Sbardella, Jakub Brejdak

Fabio Romano, Luvi Escalante Firenze | made in Tuscany 177


shotonsite

Roberta Campanacci, Roberta Cipriani

Daniela Santanchè, Marioluca Giusti, Mafalda d’Aosta

Costanza P. Giraldi, Ughetta R. F. Orlando

Amedeo and Giovanna Moretti

Paolo Orlando, Michele Papagni

Vanessa Zoppas

Maria Mantero, Paolo Orlando

Charity event for the Fondazione Progetto Itaca Firenze at the Twiga, one of the most exclusive beach clubs on the Tuscan riviera (ph. Guglielmo De Micheli) Beatrice and Marco Di Lorenzo

Emanuele Belotti, Maria Oliva De Vecchi

Michele and Valentina Orlando 178 Firenze | made in Tuscany

Vittorio and Anna Bechi, Andrea and Barbara Sacchetti

Maria Gavezzeni and Gianluca Bonaffini


OU

ORTE IS REVEALING HIDDEN GEMS

An intimate restaurant treasured by the locals. A little-known gallery full of delights. Nothing gives us greater pleasure than sharing our knowledge. Helping our guests live well is our life’s work. Let us introduce you to the experiences we have gained in four generations of hospitality. ROCCOFORTEHOTELS.COM

HOTEL DE ROME Berlin, HOTEL AMIGO Brussels, THE BALMORAL Edinburgh, HOTEL SAVOY Florence, VILLA KENNEDY Frankfurt, ASSILA HOTEL Jeddah, BROWN’S HOTEL London, THE CHARLES HOTEL Munich, HOTEL DE RUSSIE Rome, VERDURA RESORT Sicily, HOTEL ASTORIA St Petersburg. Future openings: Rome, Shanghai


shotonsite

Tommaso Cambi, Alessandra Critelli, Angela Maggio, Stefano Cambi

Giovannella Montorselli, Anna Arcangili Cirri, Stefania Marcocci

Elisabetta Carletti, Sara Maestrelli

Cristina and Riccardo Maestrelli

Doris Kovacs, Felice Limosani

Kathaline Page- Guth, Anna Tobio

Elegant ‘aperitivo’ on the Grand Hotel Minerva‘s terrace with pool. Live jazz music and breathtaking view of the city

Francesco Marsotto, Sara Maestrelli, Gulia Bartalozzi

William and Marwa Bitar

Luca Quadrelli, Chiara Guadagnucci

Riccardo Bianchi, Donatella Stivoli Firenze | made in Tuscany 181


shotonsite

Helga and Marinella Fani, Giusi Fabbri

Francesca Bucchioni, Leonardo Ramagli, Emanuela Fattori

Jacopo Grossi, Marco Di Lorenzo

Luisa Raugei, Fabio Rusconi

Daniela and Luciano Conti

Teodolinda Maresca, Marinella Fani, Monica Bonechi, Beatrice Pianigiani

Lucia Ricci, Stefano Baragli

Helga Fani, Giampaolo Marini

Francesca Folonari, Susanna Santini 182 Firenze | made in Tuscany

Roberta Barile, Jasmin Fuhr

The dinner at the Golf Club Ugolino to award the Rolex Golf 2017, created by the Florentine jewelers Fani Gioielli

Silvia Grazzi, Daniela Hoensteiner, Costanza Falsettini, Jasmin Fuhr

Yuko Komatsu, Orietta Malvisi Moretti

Tommaso Ciampi, Stefano Tassi


shotonsite

Elisa Orioles, Alessandra Pandolfini, Rosalba Piccini

Giuditta Niccoli,Gabriele Giuntini, Sonia Mura

Elisa Chiarini, Eleonora Sassoli

Marina Geronico, Cristina San Nazzaro

Arianna Nistri, Giacomo Sammicheli

Lucia Venturi, Paola Marradi

Lisa Scarpato,Paola Squillantini, Donatella Bepeverelli, Antonella Fiaschi

Tiscie Carla Sorrente

Gang Lee

Sivia Miccinesi, Lucia Montigiani 184 Firenze | made in Tuscany

Francesca Bini, Mirca Accorsi

The elegant inauguration of the new Aeleonore Concept Store, in Via Monalda, in Florence’s fashion district

Stefano Niccoli, Eleonora Sassoli, Davis Pieroni

Lucia Vivoli,Cristiano Spagnoli


shotonsite

Giusi Catelani, Tullio Tonini and Martina Sartoni

Amir Djafari

Simone Pellegrini

Guido Spezza

Daniele Rivieri

Consuelo and Lorenzo Grotti

Paolino Donnarumma

Ruza Kikic, Robert Rockel

Alberto and Adele Salvadori 186 Firenze | made in Tuscany

Marco Balsotti

Dolce Vita. Wellness Party: St. Mauritius Hotel inaugurates its new Natural SPA. A place devoted to the wellbeing of body and mind at Forte dei Marmi

Gabriella Squilloni

Giacomo and Sonia Ganzaroli


FIRENZE Antica Torre di via Tornabuoni n.1 - Via de’ Tornabuoni, 1r - Firenze ph +39 055 265 8161 www.tornabuoni1.com B&B In Piazza della Signoria - Via dei Magazzini, 2 - Firenze ph +39 055 2399546 www.inpiazzadellasignoria.com Castello del Nero Hotel & Spa Strada Spicciano 7, Tavarnelle Val Di Pesa, ph. +39 055 806470 www.castellodelnero.com Four Seasons Hotel Firenze - Borgo Pinti 99, 99 - Firenze ph +39 055 26261 www.fourseasons.com Gallery Hotel Art Vicolo dell’ Oro, 5 - Firenze ph +39 055 27263 www.lungarnocollection.com Golf Club Poggio dei Medici - Via San Gavino, 27 - Scarperia ph +39 055 8435562 www.golfpoggiodeimedici.com Grand Hotel Minerva - Piazza Santa Maria Novella , 16 - Firenze ph +39 055 27230 www.grandhotelminerva.com Villa Cora - Viale Machiavelli 18, 18 - Firenze ph +39 055 228790 www.villacora.it Grand Hotel Villa Medici - Via Il Prato, 42 - Firenze ph +39 055 277171 www.villamedicihotel.com Hotel Albani - Via Fiume, 12 - Firenze ph +39 055 26030 www.albanihotels.com Hotel Albergotto - Via de’ Tornabuoni, 13 - Firenze ph +39 055 239 6464 www.albergotto.com Hotel Bernini Palace - Piazza San Firenze, 29 - Firenze ph +39 055 288621 www.hotelbernini.duetorrihotels.com Hotel Continentale - Vicolo dell’Oro, 6r - Firenze ph +39 055 27262 www.lungarnocollection.com Hotel Helvetia & Bristol - Via de’ Pescioni, 2 - Firenze ph +39 055 26651 www.royaldemeure. com Hotel Il Salviatino - Via del Salviatino, 21 - Firenze ph +39 055 9041111 www.salviatino.com Hotel Loggiato dei Serviti Piazza SS. Annunziata, 3 - Firenze ph +39 055 289592 www.loggiatodeiservitihotel.it Hotel Montebello Splendid - Via G. Garibaldi, 14 - Firenze ph +39 055 27471 www.montebellosplendid.com Hotel Orto de’ Medici - Via San Gallo, 30 - Firenze ph +39 055 483427 www.ortodeimedici.it Hotel Regency - Piazza Massimo D’Azeglio, 3 - Firenze ph +39 055 245247 www.regencyhotel.com Hotel Santa Maria Novella - Piazza Santa Maria Novella, 1 - Firenze ph +39 055 271840 www.hotelsantamarianovella.it Hotel Savoy - Piazza della Repubblica, 7 - Firenze ph +39 055 27351 www.hotelsavoy.it Hotel Villa Fiesole - Via Beato Angelico, 35 - Fiesole ph +39 055 597252 www.villafiesole.it J & J Historic House Hotel Florence - Via di Mezzo, 20 - Firenze ph +39 055 26312 www.jandjhotel.net J.K. Place - Piazza Santa Maria Novella, 7 - Firenze ph +39 055 2645181 www.jkplace.com L’O Hotel L’Orologio - Piazza Santa Maria Novella, 24 - Firenze ph +39 055 277380 www.hotelorologioflorence.com Lungarno Hotel - Borgo San Jacopo, 14 - Firenze ph +39 055 27261  www. lungarnocollection.com Lungarno Suites - Lungarno degli Acciaiuoli, 4 - Firenze ph +39 055 27268000  www.lungarnocollection.com Palazzo Magnani Feroni All Suites Florence Borgo San Frediano, 5 - Firenze ph +39 055 2399544 www.palazzomagnaniferoni.com Palazzo Niccolini al Duomo - Via de’ Servi, 2 - Firenze ph +39 055 282412 www.niccolinidomepalace.com Palazzo Vecchietti - Via degli Strozzi, 4 - Firenze ph +39 055 230 2802 www.palazzovecchietti.com Relais S. Croce - Via Ghibellina, 87 - Firenze ph +39 055 2342230 www. relaisantacroce.com Residenza del Moro - Via del Moro, 15 - Firenze ph +39 055 290884 www.residenzadelmoro.com

HOTEL PARTNERS The St. Regis Florence - Piazza Ognissanti, 1 - Firenze ph +39 055 27161 www.stregisflorence.com The Westin Excelsior Piazza Ognissanti, 3 - Firenze ph +39 055 27151 www.westinflorence.com Tornabuoni Suites Florence - Via Tornabuoni, 9 - Firenze ph +39 055 234 6865 www.tornabuonisuites.com Villa Gamberaia - Via del Rossellino, 72 - Settignano ph +39 055 697205 www.villagamberaia.com Villa la Massa - Via della Massa, 24 - Candeli ph +39 055 62611 www.villalamassa.com Villa la Vedetta - Viale Michelangelo, 78 - Firenze ph +39 055 681631 www.villalavedettahotel.com Villa Mangiacane Via Faltignano, 4 - San Casciano in Val di Pesa ph +39 055 829 0123 www.mangiacane.com Villa Olmi Resort - Via degli Olmi, 4/8 - Bagno a Ripoli ph +39 055 637710 www.villaolmiresort.com Villa San Michele - Via Doccia, 4 - Fiesole Firenze ph +39 055 567 8250 www.villasanmichele.com AREZZO Il Borro - Loc. Borro , 1 - San Giustino Valdarno ph +39 055 9772921 www.ilborro.it GROSSETO Gallia Palace Hotel - Via delle Sughere - Localita’ Punta Ala, - Punta Ala ph +39 0564 922022 www.galliapalace.it Hotel Cala Del Porto - Via del Pozzo, - Punta Ala ph +39 0564 922455 www.hotelcaladelporto.com Hotel Residence Roccamare - Via Rocchette, - Castiglione della Pescaia ph +39 0564 941124 www.roccamare.it Il Pellicano Hotel - Loc. Sbarcatello, - Porto Ercole ph +39 0564 858111 www.pellicanohotel.com L’Andana - Tenuta la Badiola Castiglione della Pescaia ph +39 0564 944800 www.andana.it LUCCA Albergo Pietrasanta - Via Garibaldi, 35 - Pietrasanta ph +39 0584 793727 www.albergopietrasanta.com Augustus Hotel & Resort - V.le E. Morin, 169 - Forte dei Marmi ph +39 0584 787200 www.augustus-hotel.it Byron - Viale A. Morin, 46 - Forte dei Marmi ph +39 0584 787052 www.hotelbyron.net Grand Hotel Imperiale - Via Mazzini, 20 - Forte dei Marmi ph +39 0584 78271 www.grandhotelimperiale.it Grand Hotel Principe di Piemonte - Piazza Puccini, 1 - Viareggio ph +39 0584 4011 www.principedipiemonte.com Hotel Villa Roma Imperiale Via Corsica, 9 - Forte dei Marmi ph +39 0584 78830 www.villaromaimperiale.com PISA Bagni di Pisa - Largo P. Shelley, 18 - Pisa ph +39 050 88501 www.bagnidipisa.com PISTOIA Grand Hotel & La Pace - Via della Torretta, 1 - Montecatini ph +39 0572 9240 www.grandhotellapace.it Grotta Giusti - Via Grotta Giusti, 1411 - Monsummano Terme ph +39 0572 90771 www.grottagiustispa.com SIENA Borgo La Bagnaia - S.S. 223 Siena-Grosseto km 56, - Località Bagnaia ph +39 0577 813000 www.labagnaiaresort.com Fonteverde Natural Spa Resort - Località Terme, 1 - San Casciano dei Bagni ph +39 0578 57241 www.fonteverdespa.com Grand Hotel Continentale - Banchi di Sopra, 85 - Siena ph +39 0577 56011 www.royaldemeure.com La Collegiata - Località Strada, 27 - San Gimignano ph +39 0577 943201 www.lacollegiata.it Relais La Suvera - Via della Suvera, 70 - Casole D’Elsa ph +39 0577 960300 www.lasuvera.it Terme di Saturnia Spa & Golf Resort, , Saturnia ph +39 0564 6000111 www.termedisaturnia.it


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

FIRENZE Borgo San Jacopo Borgo San Jacopo, 62r ph +39 055.281661 One Michelin starred. This restaurant, recently renovated, is located near Ponte Vecchio. Enchanting environment and lovely views over the River Arno enhanced by the warmth of an elegant private home. Chef Peter Brunel offers his modern interpretation of Italian regional cooking. He pays “sentimental” attention to primary ingredients and constructively opens to diverse culinary traditions. Una stella Michelin. Siamo a una spanna da Ponte Vecchio, con splendida vista sull’Arno. L’atmosfera è incantata, resa ancora più elegante dalla recente opera di rinnovamento. Lo chef Peter Brunel propone una rilettura moderna della cucina regionale italiana, con un’attenzione “sentimentale” alla scelta delle materie prime e una costruttiva apertura a tradizioni culinarie diverse. Brandolino Piazza Madonna degli Aldobrandini, 3r ph. +39 055 3997593 Inspired by traditional world-famous Florentine and Tuscan cooking, Brandolino offers dishes made from simple and genuine ingredients. Ispirato ai gusti della cucina fiorentina, così come quella toscana, famosa in tutto il mondo, Brandolino basa il suo segreto su ingredienti semplici e genuini. Buca dell’Orafo Via de’ Girolami, 28r ph +39 055.213619 In Florence they are called buche: basement workshops converted into wine cellars and then restaurants serving simple, traditional Florentine dishes. The signature dishes are artichoke frittata (in winter and springtime) and chine of pork with potatoes. A Firenze si chiamano ‘buche’, sono degli ex-laboratori seminterrati trasformati in cantinette, poi adibite a ristoranti. I veri cult sono il tortino di carciofi (in inverno e primavera) e l’arista di maiale con le patate. Buca Lapi Via Trebbio, 1r - ph +39 055 213768 One of the city’s oldest and best-known buche. The kitchen is on show, a typical Tuscan and country atmosphere. The heart and soul of the restaurant is owner Luciano Ghinassi, who carries on Tuscany’s culinary tradition. Among the must-tries are barbecued steak, pasta and homemade desserts. Una delle buche più storiche e famose della città. Cucina a vista, atmosfera rustica rappresentativa della massima espressione toscana. Oggi il patron e anima del ristorante, Luciano Ghinassi, mantiene viva la tradizione registrando il pieno di prenotazioni tutte le sere. Tra i must la bistecca al carbone e la pasta e i dolci fatti in casa. Buca Mario Piazza degli Ottaviani, 16r ph +39 055 214179 This buca is based in the sixteenth-century Palazzo Niccolini and counts celebrities such as Anthony Hopkins, Justin Bieber, Kirsten Dunst, Andrea Bocelli. Traditional dishes like artichoke flan, ribollita, pappardelle with wild boar meat sauce and barbecued steak. Da questa ‘buca’ che occupa i sotterranei del cinquecentesco palazzo Niccolini sono passati personaggi come Anthony Hopkins, Justin Bieber, Kirsten Dunst, Andrea Bocelli. Ricette della tradizione tra le quali spiccano lo sformatino di carciofi, la ribollita, le pappardelle al ragù di cinghiale e la bistecca alla brace. Caffè dell’Oro Lungarno Acciaiuoli, 2/p ph +39 055 27268912 The new Lungarno Collection restaurant and bistro, just steps away from Portrait Firenze, offers the best view of Ponte Vecchio. A “living room with kitchen” , soft and welcoming. Nuovo ristorante e bistrot della Lungarno Collection, a un passo dal Portrait Firenze, è la vista più bella su Ponte Vecchio. Un ‘salotto con cucina’, morbido ed accogliente.

188 Firenze | made in Tuscany

Cammillo Borgo San Jacopo, 57r ph +39 055 212427 Run by the same family since 1945, this is one of Florence’s most typical restaurants, frequented by both locals and tourists. Dal 1945 nelle mani della stessa famiglia, ecco è una delle trattorie più tipiche di Firenze, frequentata da un’affezionata clientela fiorentina e internazionale. Cantinetta Antinori Piazza degli Antinori, 3 ph +39 055 292234 Cantinetta Antinori has been one of Florence’s best known wine bars since 1965. A restaurant with an elegant and intimate atmosphere, frequented by a demanding and sophisticated clientele, where one can taste the entire Antinori wine production. Dal 1965 la Cantinetta Antinori è uno dei wine bar più rinomati di Firenze. Un ambiente elegante e discreto, frequentato da una clientela esigente e raffinata, dove è possibile degustare tutta la gamma dei vini Antinori accompagnati da una selezione di specialità della cucina toscana. Cestello ristoclub Piazza di Cestello, 8 ph +39 055 2645364 A superb fish restaurant overlooking the lovely Piazza di Cestello with a terrace where meals can be enjoyed in summer in the shade of the homonymous church. Con una splendida vista sulla piazza del Cestello, dove d’estate si estende un fresco dehor all’ombra della omonima Chiesa, ecco un eccellente ristorante di pesce. Cibleo Via del Verrocchio, 2r ph. +39 055 2477881 The city’s first Tuscan-Japanese-Korean restaurants ideated by one of Florence’s most symbolic chefs, Fabio Picchi. A Korean chef and Japanese sous chef alongside Fabio Picchi in the kitchen. Il primo ristorante corean-nipponico-toscano ideato da uno degli uomini di cucina simbolo in citta, Fabio Picchi. In cucina, oltre a Fabio Picchi, una chef coreana e un souf chef giapponese. Cibreo Via Andrea del Verrocchio, 8 ph +39 055 2341100 Cibreo has been a sophisticated melting pot of aromas and flavours since 1979, with a sole conductor on the podium, Chef Fabio Picchi. The musttries are yellow pepper soup, salt cod à la Cassi, stuffed chicken neck and Florentine-style pot roast. Dal 1979 Cibreo è un raffinato melting pot di sapori e profumi, con un unico direttore di orchestra, lo chef Fabio Picchi. Da assaggiare il passato di peperoni gialli, il baccalà alla Cassi, il collo ripieno e lo stracotto alla fiorentina. Coco Lezzone Via del Parioncino, 26r ph +39 055 287178 A typical early twentieth-century Florentine trattoria with checked tablecloths, friends chatting and portraits of famous customers hanging from the walls. The house specialties are pappa al pomodoro, ribollita, roast chine of pork and superb T-bone steak. Tipica trattoria fiorentina dei primi ‘900 con tovaglie a quadri, chiacchere tra amici, e alle pareti ritratti di artisti e personaggi famosi che sono passati di qui. I piatti tipici sono la pappa al pomodoro, la ribollita, l’arista al forno e una eccellente bistecca Convivium Firenze Viale Europa, 4/6 ph +39 055 6802482 This bistro is an authentic food atelier and features a food shop corner with over 1000 wine labels. Vero e proprio atelier gastronomico, che vede un gastro-bistrot e un angolo gastronomia estremamente fornito, con oltre 1000 etichette vinicole.

Cucina Torcicoda Via Torta, 5r - ph. +39 055 2654329 An innovative multi-venue restaurant concept, based on three distinct dining areas- restaurant, osteria and pizzeria. Mediterranean-style gourmet cooking, among the must-tries are Angus beef filet and Torcicoda crumble. Un grande concept innovativo, che si snoda su tre diversi locali - ristorante, osteria e pizzeria - ognuno con una propria vocazione, menù e atmosfera. Cucina gourmet mediterranea, tra i must il filetto di angus e il crumble Torcicoda. Da’ Pescatore Piazza del Carmine, 7r ph + 39 055 219978 Chef Daniele is owner and head of this new fish restaurant, situated in the Oltrarno district. Three menus to discover delectable raw and cooked dishes. La casa di cucina di Daniele, Chef e proprietario di questo nuovo ristorante di pesce nell’Oltrarno. Tre percorsi possibili, per scoprire tutte le numerose proposte, in un continuum inedito tra Cotto e Crudo. Ditta Artigianale Oltrarno Via dello Sprone, 5r ph. +39 055 2741541 A second location in the Oltrarno area following the success of the first restaurant in Via dei Neri. Open from 8 am to midnight, the ideal place for breakfast, lunch, dinner and drinks (there’s an extensive gin list). The kitchen is run by chef Arturo Dori. Nuova apertura in Oltrarno dopo il successo del locale in via dei Neri. Dalle 8 del mattino alle 24, la location ideale per colazione, pranzo, cena e aperitivo (fornitissima la carta dei gin). In cucina lo chef Arturo Dori. Enoteca Pinchiorri Via Ghibellina, 87 ph + 39 055 242757 The temple of taste in Florence, three Michelin stars. Giorgio Pinchiorri and Annie Feolde from different origins but with the same passion that drove them in these last 40 years to create something unique in its kind. Unforgettable the dishes prepared by Chef Riccardo Monco as well as a trip to the wine cellar, one of the best in the world: a collection of over 4000 labels. Il tempio del gusto a Firenze, tre stelle Michelin. Giorgio Pinchiorri e Annie Feolde, di origini diverse ma con la stessa passione che li ha portati in questi ultimi 40 anni a creare qualcosa di unico. Imperdibile l’esplorazione delle proposte dello Chef Riccardo Monco, così come la cantina, tra le prime del mondo, con oltre 4000 etichette. Essenziale Piazza di Cestello, 3r Ph. +39 055 2476956 A refined showcase for a modern Tuscan cuisine in the loft-style ambiance of a 19th-century warehouse. The young yet already accomplished chef Simone Cipriani draws from the local tradition when he prepares his original dishes. Raffinata vetrina di cucina toscana moderna, in un ambiente stile loft ricavato da un magazzino del XIX secolo. Regno del giovane ma già affermato chef Simone Cipriani che propone piatti originali ispirati alla tradizione. Fëdor Piazza della Signoria, 37r ph. +39 055 210496 The city’s first Russian-inspired bistro, a culinary grand tour served up with Dostoyevsky’s writings. An exclusive liaison between Italian and Russian cuisine. Il primo bistrot d’ispirazione russa in città. Un grand tour culinario accompagnati dai versi di Fëdor Dostoevsky. Un’esclusiva trait d’union tra la cucina italiana e russa. Fuor d’Acqua Via Pisana, 37 - ph +39 055 222299 This restaurant serves only freshlycaught fish on a daily basis: freshness is guaranteed in this well-known and popular fish-based restaurant. Both simple or more elaborate dishes pre-

pared as per tradition, such as Catalanstyle seafood, Trabaccolara paccheri and warm and cold appetizers, which are the restaurant’s specialty along with raw fish dishes. Caratteristica del ristorante, la scelta di servire solo il pescato del giorno: freschezza garantita in questo punto di riferimento indiscusso per la cucina di mare. Ricette semplici o elaborate secondo la tradizione come la Catalana, i paccheri alla Trabaccolara e gli antipasti, crudi o caldi, che sono una delle specialità insieme ai grandi piatti di cruditè. Gilò Pianobar Via dei Fossi, 44r ph. +39 055 283393 It is the restaurant recently opened by Gianfranco Lotti. An old-fashioned atmosphere, soft lights, briarwood paneling and Florentine artisan-made furniture, with a grand piano as the focal point. È il locale recentemente aperto da Gianfranco Lotti. Atmosfera d’antan, luci soffuse, pareti in radica e arredi di artigianato fiorentino deluxe, con un pianoforte a mezza coda come anima centrale. Gucci Caffè e Ristorante Piazza della Signoria, 10 ph +39 055 75923827 We are in Piazza della Signoria, at the Gucci Museum’s restaurant overlooking one of the world’s most beautiful squares. After having enjoyed the excellent food-light dishes, even vegetarian, made with locally - sourced and organic ingredients - we suggest you explore the rest of the building: museum, coffee shop and bookshop (reopening in Winter). Siamo in piazza della Signoria, nel ristorante del Museo Gucci con vista su una delle più belle piazze del mondo. Sdoganato il fatto che qui si mangia bene, piatti leggeri anche vegetariani ma con forte identità e sapore, basati su prodotti biologici e locali, ecco un luogo d’incontro a 360 gradi: museo, caffè, ristorante e bookshop (riapertura prevista in inverno). Gurdulù Via delle Caldaie, 12/14r, ph. +39 055 282223 Gurdulù, the picturesque character of The Nonexistent Knight by Italo Calvino, represents life lived cheerfully, instinctively, always on the go. This is the spirit with which the owners, along with multiawarded chef Entiana Osmenzeza, created a place unique of its kind yet comfortable and friendly, offering a wonderful Balkan, Florentine and Spanish-influenced menu. Gurdulù, personaggio dal romanzo ‘Il cavaliere inesistente’ di Italo Calvino, rappresenta la vita vissuta in maniera spensierata, istintiva, in continuo movimento ed è con questo spirito che i proprietari, insieme alla chef pluripremiata Entiana Osmenzeza hanno voluto dar vita ad un luogo unico ma comune, familiare ma inconsueto, dove il menu riporta alla memoria suggestioni balcaniche, oltre ad influenze fiorentine e spagnole. Harry’s Bar Lungarno Vespucci, 22r ph +39 055 2396700 Paloma Picasso, Burt Lancaster, Margot Hemingway, Paul Newman, Robin Williams, Franco Zeffirelli, are only a few of the celebrities who wined and dined at this historic restaurant in over fifty years’ time. The must-tries are Harry’s Bar-style taglierini au gratin, curry prawn tails, beef tartare. The restaurant’s signature: cocktail, the Bellini! Paloma Picasso, Burt Lancaster, Margot Hemingway, Paul Newman, Robin Williams, Franco Zeffirelli, sono solo alcuni dei personaggi che questo storico ristorante ha ospitato nel corso di oltre 50 anni di storia. Tra i piatti che non potete perdere i Taglierini gratinati alla Harry’s Bar, Code di gamberi al curry, Tartare di manzo. Un consiglio: il cocktail Bellini. Hostaria Bibendum Via dei Pescioni, 8 ph + 39 055 2665620 We are talking about the restaurant of five-star hotel Helvetia & Bristol, serving a creative and yet traditional cuisine based on the use of top-quality and


Io Osteria Personale Borgo S. Frediano, 187r ph+ 39 055 9331341 This lovely small restaurant in the heart of the Oltrarno area, steps away from the San Frediano Gate, was started in 2010 by owner Matteo Fantini, but it has been already reviewed in all major guides. The secret? Gourmet cuisine based on the use of seasonal ingredients by small producers. Most dishes are gluten-free. Il proprietario Matteo Fantini decide di aprire questo delizioso ristorantino nel cuore dell’Oltrarno, a due passi dalla porta di San Frediano, nel 2010 e il suo nome è stato recensito dalle principali guide. Il segreto? Una cucina gourmet, basata sulla stagionalità dei prodotti e sui piccoli produttori. La maggior parte delle proposte non contiene glutine. Irene Piazza della Repubblica, 7 ph +39 055 27351 Overlooking the plaza, this is the new concept restaurant of the Hotel Savoy. A delectable place dedicated to the entire city and offering an exclusive menu created by the famous chef Fulvio Pierangelini. Artistic director, Felice Limosani. Affacciato su piazza della Repubblica, è il nuovo concept gastronomico dell’Hotel Savoy. Un salotto del gusto dedicato a tutta la città, con un menu esclusivo a cura del celebre Chef Fulvio Pierangelini. J.K. Lounge Piazza Santa Maria Novella, 7 ph +39 055 2645181 The J.K. Lounge, the Hotel’s restaurant since 2007, is the ideal place for a quick lunch or a dinner enjoyed in the warm and intimate atmosphere of a private home: five tables set discreetly apart where you can dine before the fireplace comfortably seated in an armchair. From April thru end-October guests can enjoy the beautiful J.K. Terrace overlooking Santa Maria Novella square with the church in the background. Al J.K. Lounge, spazio annesso nel 2007 all’Hotel, si può consumare un lunch veloce o intrattenersi per cena in un ambiente che ha tutta la privacy e l’eleganza di una casa: cinque tavoli, in posizione riservata, dove si pranza su una comoda poltrona o vicino al camino. Da aprile a fine ottobre gli ospiti possono godere della bellissima J.K. Terrace, situata in piazza Santa Maria Novella con la chiesa a fare da quinta. Kome Via dei Benci, 41r ph +39 055 2008009 Located downtown Florence, Kome is the temple of Japanese cooking. The entrance leads into the Kaiten Sushi, where sushi and other dishes are placed on a rotating conveyor belt that moves past the counter. The third level, which is actually the basement, houses the Sushi Gallery Izakaya, a private room with wine and saké bar. Nel centro storico di Firenze Kome è il tempio della cucina jap. L’ingresso di Kome si apre sul Kaiten Sushi, dove le varietà di sushi, e non solo, sono disposte su un tapis roulant. Al piano inferiore, ospita il Sushi Gallery Izakaya, un privé con angolo wine e sakè bar. Konnubio Via dei Conti, 8r ph. +39 055 2381189 Authentic Tuscan cuisine as well as international specialties with a wide choice of vegetarian and vegan dishes prepared by multi-starred Chef Beatrice Segoni Cucina toscana autentica, ma anche specialità internazionali e un’ampia selezione di proposte vegetariane e vegane. In cucina, la pluripremiata Chef Beatrice Segoni Il Pasha Viale Machiavelli, 18 ph. +39 055 228790 Dining in the main location of Villa Cora during the winter season or at “Le Bistrot” in the summer by the outdoor heated pool open all year round. The

Bellevue roof terrace on the fifth floor has wonderful panoramic views of the city. È possibile pranzare o cenare nell’ambiente principale di Villa Cora durante la stagione invernale o presso “Le Bistrot” in estate vicino alla piscina esterna riscaldata aperta tutto l’anno. Dalla Bellevue Terrace, al quinto piano, si può godere di una splendida vista panoramica sulla città. L’Osteria di sopra (Eataly) Via dei Martelli, 22r - ph. 055 0153601 Every month a different osteria is picked to offer a menu based on its specialties, as a celebration of Italy’s biodiversity and culinary traditions that make up our country’s regional cuisine. Ogni mese un’osteria diversa cucina le sue specialità per celebrare la grande biodiversità italiana e la bellezza delle tradizioni enogastronomiche che caratterizzano le regioni del nostro Paese. La bottega del buon caffè Lungarno Benvenuto Cellini, 69 ph. + 39 055 5535677 One Michelin starred. Restaurant’s philosophy: serve tasty, well-presented dishes made with prime local ingredients in a stimulating and relaxing atmosphere. The restaurant offers an innovative food experience called “A Vegetable Garden to Savor”, by which guests may enjoy the freshest ingredients grown in the restaurant’s garden. Una stella Michelin. Filosofia del ristorante, servire all’interno di un’atmosfera stimolante e rilassante piatti gustosi e ben presentati, prodotti con i migliori ingredienti a km 0. Propone un’innovativa esperienza gastronomica chiamata ‘Orto da gustare’ con la quale i clienti possono assaporare i freschissimi ingredienti coltivati negli orti del ristorante. La Bottega di Parigi Via del Terzollina, 3r ph. +39 055 0944388 The cuisine is based on the use of natural ingredients sourced from small producers and stone-ground organic flours. The extensive wine list includes 300 Italian and foreign labels. Una cucina che predilige materie prime provenienti da piccoli produttori, farine biologiche macinate a pietra e una cantina di vini che vanta 300 etichette italiane e straniere. La Cucina del Garga Via San Zanobi, 33r ph. + 39 055 475286 The story of La Cucina del Garga begins when Alessandro Gargani comes back to Florence after eight years in New York as Executive Chef of renowned Mezzogiorno Restaurant in Soho. A restaurant and art gallery where young artists can show their works and customers delight their sight. La storia de La Cucina del Garga inizia quando Alessandro Gargani torna a Firenze dopo otto anni a New York come Executive Chef al famoso Mezzogiorno Restaurant di Soho. Un ristorante–galleria dove giovani artisti possono esporre le loro opere. La Cucina del Salviatino Via del Salviatino, 21 ph. +39 055 9041111 It is the reasturant of Hotel Salviatino. Local cuisine that changes according to seasons. Fruit, vegetables and aromatic herbs are as locally-sourced as you can get: straight from the vegetable garden planted in the wonderful park surrounding the restaurant, next to the age-old orchard. Chef Carmine Calò’s motto is: “Ingredients and Creativity”. È il ristorante dell’Hotel Salviatino. Una cucina legata al territorio e che varia con il mutare delle stagioni. Una cucina che attinge al meraviglioso parco, una cui parte, adiacente allo storico frutteto, è stato adibito a orto biologico per avere verdure, frutta ed erbe aromatiche, realmente a km 0. Il motto dello chef, Carmine Calò, è: “ingredienti e immaginazione”.

La Giostra Borgo Pinti, 10r - ph +39 055 241341 Established twenty years ago by Prince Dimitri Habsburg-Lorraine and his son Soldano, La Giostra is a cozy restaurant hidden from view and a favorite with world-famous celebrities. Traditional Tuscan and Lorraine cuisine. The “VIP” table is the big, King Arthur’s-style one at the end of the dining room. Nato venti anni fa dalla passione del Principe Dimitri d’Asburgo Lorena e del figlio Soldano, La Giostra è un ristorante intimo e nascosto, frequentato da personaggi famosi di tutto il mondo. I piatti rivisitano la tradizione toscana e lorenese. Il tavolo più esclusivo è l’imponente tavolo tondo in fondo alla sala, che ricorda la tavola di Re Artù. La Leggenda dei Frati Costa San Giorgio, 6/a ph. +39 055 068 0545 the restaurant is located in the Villa Bardini museum complex, affording some of the most stunning views of the city. The cuisine is innovative yet rooted in the local culinary culture. One Michelin starred. All’interno del complesso Museale di Villa Bardini, da cui si gode di una delle più belle viste sulla città. Una cucina allo stesso tempo innovativa e legata alla cultura gastronomica del territorio. Una stella Michelin. La Ménagère Via de’ Ginori, 8r ph. +39 055 0750600 What used to be the first store in Florence selling household products, opened in 1896, is now an innovative and romantic concept restaurant. All’interno degli spazi del primo negozio di casalinghi fiorentino, datato 1896, rinasce oggi questo concept-ristorante dal sapore romantico e innovativo. La Raccolta Via Giacomo Leopardi, 2r ph. +39 055 2479068 Welcoming and colourful interiors, Chef Vincenza La Placa changes the menu on a daily basis and uses only top-quality and fresh ingredients. From pasta with seitan meat sauce to leeks and apples au gratin with sunflower seeds with organically-produced. In un ambiente accogliente e colorato, la Chef Vincenza La Placa propone ogni giorno un menu diverso, basato su prodotti freschi e di altissima qualità. Dai cappelli al ragù di seitan al gratin di porri e mele con semi di girasole, sempre rigorosamente bio. Locale ∞ Via delle Seggiole, 12 ph. +39 055 9067188 The ancient Palazzo delle Seggiole has been turned into a new restaurant and wine bar. Open every day, from happy hour to late night, its main attractions are the Winter garden and the long lost atmosphere combined with a modern minimalist design. L’antico Palazzo delle Seggiole si trasforma in un nuovo ristorante e wine bar. Aperto tutti i giorni, dall’aperitivo fino a tarda notte, si contraddistingue per il suo giardino d’inverno e un’atmosfera d’antan che sposa arredi minimal contemporanei. Lungarno 23 Lungarno Torrigiani, 23 ph.+39 055 2345957 A magnificent terrace giving onto downtown Florence with view of Ponte Vecchio, the Uffizi Gallery and the Duomo’s dome. The restaurant’s specialty is locally-bred meat such as genuine Tuscan Chianina beef hamburgers. Splendida la terrazza che si affaccia sul cuore della città, con vista su Ponte Vecchio, Uffizi e la cupola del Duomo. La specialità del ristorante sono gli autentici hamburger di Chianina toscana fatti solo con carni direttamente provenienti dagli allevamenti in zona di origine. Lungarno Bistrot Piazza degli Scarlatti, 1r ph. +39 055 2654541 Homemade pasta, bread and cakes, prepared before your eyes in the open kitchen by chefs Francesco Fumarola and Giuseppe Ancona: this is what

Firenze | made in Tuscany 189

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

seasonal ingredients. Outdoor seating area in summertime. Siamo al ristorante dell’Hotel 5 stelle Helvetia & Bristol, cucina di ricerca che si innesta sulla tradizione, locale, basata sulla qualità e stagionalità dei prodotti utilizzati. Dehors esterno in estate. Il Borro Tuscan Bistro Lungarno Acciaiuoli, 80r ph. +39 055 290423 Close to Ponte Vecchio, this elegant and subdued bistro is also a restaurant, wine bar (the house wine is produced by Tenuta Il Borro) and delicatessen, as every other Ferragamo family-owned business. A glimpse of the menu by chef Andrea Campani? Lampredotto sandwich and foie gras paired with a glass of Polissena wine. A pochi passi da Ponte Vecchio, questo locale elegante e sobrio a metà strada tra ristorante, wine bar (il vino della casa è naturalmente quello della Tenuta Il Borro) e bottega, che pone come essenza primaria l’eccellenza come si conviene a ogni proprietà della famiglia Ferragamo. Fatevi guidare dallo chef Andrea Campani. Il Latini Via dei Palchetti, 6r - Palazzo Rucellai ph. + 39 055 210916 The history of Il Latini restaurant is closely associated with that of the city. Today as yesterday, Il Latini offers ribollita and pappa al pomodoro, chine of pork and wild boar stew. Here, one can take in all the atmosphere and capture a bit of the magic of wonderful Tuscany. La storia del ristorante Il Latini si intreccia con la storia della città, con la storia di Maria, moglie di Narciso. Oggi come allora da Il Latini si mangia la ribollita e la pappa al pomodoro, l’arista e il cinghiale. Qui si assapora la materia prima di questa terra meravigliosa che è la Toscana, mentre si cattura un po’ della sua anima. Il Magazzino Piazza della Passera, 2/3 ph. +39 055 215969 Il Magazzino is the first tripe restaurant in Florence. Lampredotto meatballs, ravioli filled with lampredotto and potatoes, linguine with black cabbage pesto and Florentine-style tripe are only a few of the dishes on the menu. In spring and summertime, book one of the four outdoor tables. La prima tripperia ‘al chiuso’ di Firenze. Le polpettine di lampredotto, i ravioli ripieni di lampredotto e patata, le linguine al pesto di cavolo nero e la trippa alla Fiorentina sono solo alcune delle proposte. Nella bella stagione prenotate uno dei quattro tavolini del dehor esterno. Il Palagio Borgo Pinti, 99 - ph +39 055 26261 The restaurant of Four Seasons Hotel Firenze, one Michelin-starred, the domain of Executive Chef Vito Mollica. In the wonderful setting of Palazzo della Gherardesca, overlooking the hotel’s garden, with a lovely terrace for outdoor dining. The wine list includes about five hundred labels. Il ristorante del Four Seasons Hotel Firenze, una stella Michelin, regno dell’Executive Chef Vito Mollica. Nella splendida cornice del Palazzo della Gherardesca, affacciato sull’omonimo giardino, dove la terrazza offre l’alternativa per incantevoli pranzi e cene all’aperto. In carta circa cinquecento etichette vinicole. Il Santo Bevitore Via S. Spirito, 64r - ph. +39 055 211264 In the heart of the Oltrarno area, a restaurant born out of the passion for cooking of three young Florentines, Marco, Martina and Stefano, serving elegantly-arranged creative cuisine, but in an informal setting and at reasonable prices. Enjoy a pre-dinner drink at Santino’s, the small wine bar next door. Nel cuore dell’Oltrarno, un ristorante nato dalla passione di tre giovani fiorentini, Marco, Martina e Stefano, che si contraddistingue per la sua cucina creativa, curata ma informale, con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Per un aperitivo fermatevi al Santino, piccola enoteca proprio accanto al ristorante.


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

makes Lungarno Bistrot so special. The outdoor seating area overlooking Lungarno Guicciardini and Palazzo Corsini is another good reason to enjoy the restaurant. Pasta, pane e dolci fatti in casa, preparati nella cucina a vista dagli chef Francesco Fumarola e Giuseppe Ancona: sono queste cose che rendono speciale Lungarno Bistrot. La vista del dehors con affaccio su Lungarno Guicciardini e Palazzo Corsini è un’altra buona ragione per scegliere qesto locale. Marina di Santo Spirito Via Maffia, 1/c ph. +39 333 3178831 Located in the Santo Spirito quarter, this original restaurant has stone flooring from the 14th century, leather sofas and chairs, antique objects hanging from the walls and a small stage for live music. The menu features exquisite seafood dishes and much more. Nel quartiere di Santo Spirito, un originale ristorante con pavimento in pietre del Trecento, divani e sedie in pelle, oggetti antichi appesi alle pareti e un piccolo palco per la musica dal vivo. In menù, ottime proposte di pesce e non solo. Mercato Centrale Il primo piano del mercato coperto di San Lorenzo. Aperto dalle 10 a mezzanotte, vanta oltre 3000 metri quadrati di botteghe e ristoranti di massima qualità. The first floor of the indoor market of San Lorenzo. Open from 10am to midnight, this floor houses 3,000 square meters of topquality food shops and restaurants. Momoyama Borgo San Frediano, 10r ph. + 39 055 291840 A journey into the Japanese flavors of Momoyama, in the heart of the Oltrarno. The raw cuisine directed by Gabriel Camara proffers a classic Japanese menu. The Japanese food cooked by Chef Lorenzo d’Agnello is just as delicious. Un viaggio alla volta dei sapori nipponici di Momoyama, nel cuore dell’Oltrarno. La cucina cruda diretta da Gabriel Camara propone i classici della tradizione giapponese. Ottima anche la cucina giapponese cotta dello chef Lorenzo d’Agnello. Neromo Borgo San Frediano, 23 ph. + 39 055 2382645 Also serves fish dishes. Prime ingredients. Top-of-the-range pizza restaurant open till late at night serving pizzas made with naturally-leavened dough and topped with fresh, natural products typical of the Neapolitan cuisine, from burrata to Monticella tomatoes. Piatti di terra e di mare, materie prime di prima scelta, punta di diamante è la pizzeria che sforna pizze lievitate in modo naturale, condite con prodotti freschi e genuini tipici della cucina napoletana, dalla burrata ai pomodori della ditta Motticella fino a tarda notte. Obikà Via Tornabuoni, 16 ph +39 055 2773526 At Obikà’s you will find Italy’s best buffalo mozzarella, as well as products coming from carefully selected and Slow Food-certified farms and producers. Minimalist, modern and bright interiors, on one of the most beautiful and elegant streets in Florence. Da Obikà troverete la migliore mozzarella di bufala Campana DOP insieme a prodotti selezionati provenienti da fattorie e aziende agricole artigianali, rigorosamente Slow Food. Un ambiente dal design essenziale, contemporaneo e luminoso, in una delle strade più belle e glamour di Firenze. Omero Via del Pian dei Giullari, 11 ph +39 055 220053 For over 60 years, it’s been at the service of those wishing to sample Tuscan flavors while immersed in the greenery of the Florentine hills. Da più di 60 anni al servizio di chi vuole gustare i sapori toscani immersi nella verde cornice dei colli fiorentini. Ambiente curato nei dettagli ma che non perde la rusticità del carattere fiorentino.

190 Firenze | made in Tuscany

Onice - Lounge & Restaurant Viale Michelangiolo, 78 ph +39 055 681631 The restaurant is housed in a midnineteenth century building, which was once a private residence, set along Viale Michelangelo with a magnificent panoramic view of Florence. Among the must-tries are yellow pumpkin soup with thyme-flavoured roast quail, Castelmagno cheese sauce and truffle-flavoured quail reduction. Il Ristorante ha uno degli affacci più suggestivi della città e propone una cucina di alto livello, incentrata sulla tradizione e sugli ingredienti freschi del territorio rielaborati con gusto creativo. Tra i piatti cult da non perdere, la pappa alla zucca gialla con quaglie arrosto al timo, salsa di Castel Magno e ristretto di quaglia al tartufo. Ora d’Aria Via dei Georgofili, 11r ph +39 055 2001699 At lunchtime it is informal, with its tapas that allow you to enjoy gourmet dishes in small portions and at reasonable prices. In the evening, it is an upscale restaurant, with two tasting menus and one à la carte. The genius here is Chef Marco Stabile: one Michelin starred. A pranzo è democratico con la proposta vincente delle tapas che permettono di assaporare piatti gourmet in piccole porzioni a piccoli prezzi. A cena è alta cucina, con due menu degustazione e la scelta à la carte. Ma qui la vera scoperta è lo chef Marco Stabile: una stella Michelin. Osteria del Caffè Italiano Via Isola delle Stinche, 11/13r ph. + 39 055 289080 Housed in the 14th-century Palazzo Salviati, this restaurant combines a friendly atmosphere and impeccable service. The menu is based on simple dishes and the use of top-quality ingredients. If you’re not in the mood for Florentine-style T-bone steak, the restaurant’s specialty, try the pizzeria. All’interno del trecentesco Palazzo Salviati, unisce alla semplice familiarità l’accuratezza che si dedica al salotto della festa. La cucina è fatta di ricette semplici e di ingredienti di prima scelta. Se non volete la bistecca alla Fiorentina, uno dei must del ristorante, provate la pizzeria. Osteria delle Tre Panche Via Pacinotti, 32r - ph +39 055 583724 The business card reads: “At Andrea’s and Vieri’s, the artisans of taste”. Established in Florence, in the Campo di Marte area, in 1986, this restaurants serves typical Tuscan and truffle-based dishes, such as truffle-flavoured potato pie. Il biglietto da visita recita così: “da Andrea e Vieri, gli artigiani del gusto”. Presente a Firenze, in zona Campo Marte, dal 1986 con una cucina tipica toscana i cui cult sono le specialità al tartufo di San Miniato e in primis il tortino di patate al tartufo. Pane & Olio Via Faentina, 2r - ph. +39 055 488381 Established by two passionate food and wine and hospitality experts, Aldo Ventre and Gianluca Gafforio. A small but uncommon menu and exciting and unconventional wine list, perfectly matching. Nato dalla passione di due grandi appassionati di enogastronomia e ospitalità, Aldo Ventre e Gianluca Gafforio. Menu essenziale ma mai banale, carta dei vini emozionante e non convenzionale, entrambi vengono costruiti in un connubio perfetto. Piazza del Vino Via della Torretta, 18r ph +39 055 671404 New York-style atmosphere, stone walls, eye-catching wine boxes and friendly and attentive service at this new Florentine restaurant. The wine list includes over 200 labels and there is a sort of wine fountain that spews fine wine at reasonable prices. Atmosfera newyorkese, muri in pietra, casse di vino che conquistano la vista e un servizio attento e cordiale per questo nuovo locale

fiorentino. La carta dei vini include più di 200 etichette e originale l’idea di una fontana del vino che spilla calici di grandi vini. Portofino Viale Mazzini, 25r ph. +39 055 244140 This is a fish-based restaurant that draws inspiration from Tuscan and Ligurian cuisine and makes exclusively use of top-quality ingredients, freshlycaught fish, homemade bread and desserts. La cucina di mare impera in questo ristorante che trae ispirazione anche dalle varianti della cucina toscana e ligure, per un mix che predilige le materie prime di alta qualità, dal pesce rigorosamente fresco, al pane fatto interamente in casa ai dolci handmade. Ristorante & Wine Bar dei Frescobaldi Via dei Magazzini, 2r ph. +39 055 284724 Tucked away in a corner of Piazza della Signoria, in the heart of downtown Florence, this restaurant has been ranking among the best Italian restaurants on the Michelin guide. Among the musttries are the Florentine-style T-bone steak, pici with duck sauce and salt cod in various styles paired with fine Marchesi de’ Frescobaldi wines. Affacciato su un angolo di Piazza della Signoria, nel cuore pulsante della città, si trova questo ristorante che privilegia i sapori della cucina toscana. Tra i piatti cult da assaggiare i pici al ragù di anatra e il baccalà preparato in vari modi. Il tutto innaffiato con i pregiati vini dei Marchesi de’ Frescobaldi. Ristorante Pizzeria Via Vai Via Pisana, 33r - ph. +39 055 223132 Located near the San Frediano Gate, this restaurant features an innovative New York-style interior design. Don’t forget the “friendship table”, the big 32-seat onyx table placed in the middle of the dining room. In prossimità di Porta San Frediano nasce il ristorante dal design d’arredo innovativo che emula quello di celebri locali newyorkesi. Imperdibile il “tavolo dell’amicizia”, un tavolo in onice con circa 32 posti a sedere, scegliete le specialità a base di carne chianina. Ruth’s Via Luigi Carlo Farini, 2/a ph. +39 055 2480888 Only kosher food prepared in two separate kitchens to keep the dishes from being “contaminated”, as per tradition. Solo cibo kasher cucinato nelle due cucine separate in modo che le pietanze non possano “contaminarsi”, come da tradizione. San Niccolò 39 Via San Niccolò, 39r ph. +39 055 2001397 In the heart of the Oltrarno area, an elegant but welcoming seafood restaurant. Seasonal and traditional Mediterranean dishes with a contemporary presentation. Nel cuore dell’Oltrarno, un raffinato ma accogliente seafood restaurant. Piatti stagionali, tipici della cucina mediterranea, presentata però secondo il gusto attuale. Se-Sto on Arno Piazza Ognissanti, 3 ph. +39 055 27152783 Located on the sixth floor of The Westin Excelsior hotel, this futuristic-style restaurant with all-around windows offers one of the best views of the city. A suggestion? Book table 41 with view of the Arno river and the Duomo. Executive Chef of the kitchen, Matteo Lorenzini. The wine list includes 350 wine and 22 Champagne labels. Al sesto piano del The Westin Excelsior, è una struttura avveniristica realizzata con vetrate continue che offre una delle viste panoramiche più belle della città. Un consiglio? Scegliete il tavolo 41, con vista sull’Arno proprio davanti al Duomo. In cucina l’Executive Chef Matteo Lorenzini, in carta 350 etichette di vino e 22 Champagne.

Strozzi Caffè Colle Bereto Winery Piazza Strozzi - Palazzo Strozzi ph. +39 055 288236 Palazzo Strozzi’s bistro restaurant, in the heart of the city’s shopping streets. A unique location, contemporary-style interiors and gourmet cuisine based on a menu of traditional Tuscan dishes with a creative twist. Il ristorante bistrot di Palazzo Strozzi, nel cuore della città e del quadrilatero della moda. Location d’eccezione, design contemporaneo e una cucina ricercata basata su una combinazione tra leggerezza e bontà in una chiave di toscanità rivisitata. Tabarìn Via dei Vecchietti, 6 ph. +39 055 2399943 The newest temple of taste in Florence. A Parisian atmosphere, soft lights, crimson velvets and elegant chandeliers. International cuisine and American Bar. Il nuovo indirizzo del gusto di Firenze. Atmosfere parigine, grazie a luci soffuse, velluti color porpora e eleganti lampadari. Cucina internazionale e American Bar. Teatro del Sale Via de’ Macci, 111r ph. + 39 055 2001492 Il Teatro del Sale is much more than a restaurant, it stages over 230 shows per year, under the artistic direction of Maria Cassi. The Club opens in the morning for breakfast, then serves lunch and, in the evening, it turns into a theatre and the curtain rises! The kitchen is run by Cibreo restaurant owner Fabio Picchi. Il Teatro del Sale è molto più di un ristorante. Nato come Associazione Culturale con 160.000 soci in tutto il mondo, ha una programmazione artistica di 230 spettacoli l’anno, curata da Maria Cassi. Il Circolo apre fin dalla mattina per le colazioni, segue il pranzo e infine la sera si trasforma in un teatro vero e proprio e inizia lo spettacolo. Chef Fabio Picchi del Cibreo. The Fusion Restaurant Bar Vicolo dell’Oro, 3 ph. +39 055 27266987 A truly elegant and minimal-chic restaurant, always crowded with young Florentine socialites, whose cooking philosophy is summed up in one word: fusion. The menu is a journey through the world’s aromas and flavours, from the Mediterranean to Thailand, from China to America. Un locale davvero molto elegante e minimal chic, amato e frequentato assiduamente dalla jeunesse dorée fiorentina, che ha fatto della filosofia fusion il suo fiore all’occhiello. ll menu infatti è un viaggio nei profumi del mondo, dal Mediterraneo alla Thailandia, dalla Cina all’America. The Truffle Experience Via Porta Rossa, 19 ph. +39 055 3995913 The first theme restaurant inside the oldest hotel in Italy, NH-Porta Rossa in Florence, opened by Savini Tartufi, ancient Tuscan family and a true authority on fine truffles. Il primo ristorante tematico all’interno dell’albergo più antico d’Italia, NH-Porta Rossa di Firenze, aperto da Savini Tartufi, storica famiglia toscana e vera autorità in fatto di pregiati tartufi. Trattoria Al Fresco Borgo Pinti, 99 - ph +39 055 2626460 An exclusive location, nestled in a century-old and luxuriant park in the heart of Florence. Every year, Four Seasons Hotel Firenze welcomes the arrival of spring with the opening of Al Fresco restaurant, based on an innovative concept: trattoria at lunch, pizzeria and barbecue at dinnertime. Una location esclusiva, incastonata nel verde di un parco secolare nel cuore della città: il Four Seasons Hotel Firenze dà ogni anno il benvenuto alla stagione en plein air con l’apertura di ‘Al Fresco’, secondo la formula originale di trattoria a pranzo, pizzeria e barbecue a cena.


OUTSIDE FIRENZE

Antica Osteria di Novoli Via Case Nuove Taiuti, 8 (San Piero a Sieve) - ph +39 055 8486833 In the Mugello area, ideal for a Saturday and Sunday lunch or dinner. Award-winning tortelli prepared in a tiny delicatessen/trattoria the size of a living room. Nel Mugello, indirizzo cult per il sabato o la domenica. Tortelli da gara preparati in piccolissimo alimentari/trattoria grande come il salotto di una casa privata. Antica Sosta Via della Croce, 4 (Impruneta) ph +39 055 2312249 Set in an old small food shop in the historical piazzza Buondelmonti in Impruneta, ‘Antica Sosta’ has maintained intact the original atmosphere of once upon a time, excellent home made dishes with a wide range of wines sold by the glass, from their wine-tasting bar. Ricavato da un vecchio negozio di alimentari nella storica piazza Buondelmonti all’Impruneta, l’Antica Sosta ha mantenuto intatta l’atmosfera originale del tempo, offrendo un’ottima cucina casalinga accompagnata dai vini della propria Enoteca. F.lli Giusti Località Prulli (Reggello) ph +39 055 863255 A strategic location, not far from The Mall outlet. Great the pici al cinghiale. Quality carne chianina. Excellent pizza. Terrace with music. Stategica posizione non lontana da outlet The Mall. Ottimi pici al cinghiale. Carne chianina di qualità. Pizze strepitose. Terrazza con musica. La Cantinetta Località Spedaluzzo (Greve in Chianti) ph +39 055 8572000 A country trattoria. Very friendly service. Excellent Tuscan dishes. There is also a veranda with fireplace. Trattoria di campagna. Servizio molto friendly. Eccellenti piatti toscani. Possibilità di cenare in veranda con caminetto. La Cantinetta di Rignana Località Rignana (Greve in Chianti) ph +39 055 852601 A genuine trattoria in the countryside. The “Cantinetta” dish: a must-have. Genuina trattoria isolata nella meravigliosa campagna. Gran piatto della cantinetta: un must. La Casa di Caccia Località Farneto, Roti (Vicchio di Mugello) - ph +39 055 8407629 Immersed in a verdant game preserve in the heart of the Mugello area. Game meat and tasty local dishes. Immersa in una verdeggiante riserva di caccia nel cuore del Mugello. Cacciagione e piatti tipici dai sapori autentici. La Martellina Via di Pancole,1 (Strada in Chianti) ph +39 055 858348 Excellent meat and not only that. After dinner, have fun with the brain teasers proposed by Franco. Ottimi piatti di carne e non solo. Dopo cena divertitevi a giocare con i rompicapo che Franco vi proporrà. La Tenda Rossa Piazza del Monumento, 9/14 (San Casciano Val Di Pesa) - ph +39 055 826132 Run by generations of the Salcuni family, celebrated stronghold of the restaurant tradition. Gestito da generazioni dalla famiglia Salcuni, celebre e pluripremiato caposaldo della ristorazione. La Torre Strada Spicciano 7 (Tavarnelle Val di Pesa) ph. +39 055 806470 The one Michelin star restaurant of the Castello del Nero Hotel offers menus resulting from meticulous research and created to present dishes from the most honored Italian and Tuscan culinary traditions. The fresh produce is supplied locally or comes from the garden of the Castle, tended to by Chef Giovanni Luca Di Pirro. Ristorante dell’hotel Castello del Nero, una

Stella Michelin, propone menù meticolosamente ricercati e ideati per presentare i sapori della migliore tradizione italiana e toscana. Prodotti freschi e genuini provenienti principalmente dal territorio o direttamente dall’orto del Castello che lo Chef Giovanni Luca Di Pirro cura con dedizione. Mangiando mangiando Piazza Giacomo Matteotti, 80 (Greve in Chianti) - ph +39 055 8546372 In Greve’s main square, a trattoria offering a friendly atmosphere, accurate service and excellent traditional Tuscan dishes. Nella piazza principale di Greve, una trattoria dall’ambiente familiare e accurato dove gustare ottimi piatti della cucina toscana. Oltre il giardino Piazza Bucciarelli, 42 (Panzano in Chianti) - ph +39 055 852828 Breathtaking terrace overlooking the Chianti hills. Tuscan dishes (the peposo and T-bone steak are must-tries), homemade pasta and impressive wine list. Terrazza mozzafiato sulle colline del Chianti. Proposte toscane (imperdibili il peposo e la bistecca), pasta fatta in casa e notevole carta dei vini. Osteria di Passignano Badia a Passignano (Tavarnelle Val di Pesa) ph +39 055 8071278 Elegant typical restaurant owned by the Antinori family. One Michelin star. Tour of cellars on request and cooking lessons. Osteria raffinata proprietà della famiglia Antinori. Una stella Michelin, possibile visita alle cantine e scuola di cucina. Podere Torricella Via San Vincenzo, 35 (Montagnana Val di Pesa) ph +39 0571 659189 Restaurant specialising in meat. Excellent wines from the Fattoria Il Turco winery. Breathtaking view from the terrace. Ristorante specializzato in carne. Ottimi i vini della Fattoria Il Turco. Splendida vista panoramica dalla terrazza. Rinuccio 1180 Via Cassia per Siena, 133 (San Casciano Val di Pesa, località Bargino) - ph +39 055 2359720 The Antinori winery restaurant is housed on the rooftop of a large building with wide windows overlooking gentle hills dotted with olive groves and ancient country parishes. The name derives from Rinuccio degli Antinori, patriarch of the family. Il ristorante della cantina Antinori. Nasce sul tetto, in una grande struttura con ampie vetrate che lasciano intravedere le dolci colline circostanti, punteggiate di oliveti e pievi millenarie. Chiamato così in onore di Rinuccio degli Antinori, capostipite della famiglia. Ristorante India Viale Gramsci, 43/a (Fiesole) ph. +39 055 599900 One of the oldest Indian restaurants in the Florence province. The meat-based menu of chicken, lamb and pork cooked according to the traditional tandoor oven method together with unique spices, spicy and not. Il ristorante indiano più antico dell’antica provincia di Firenze. In menù carni di pollo, agnello, maiale cucinati con il tradizionale metodo del forno Tandoori insieme ai sentori unici delle tipiche spezie, piccanti e non. Ristorante La Loggia Via Doccia, 4 (Fiesole) ph. +39 055 5678200 Villa San Michele is Belmond-owned and one of Europe’s most luxurious hotels. Closed in wintertime, the restaurant offers the chance to enjoy delicious meals with view over Florence in spring and summer. Incastonata nell’incantato scenario delle colline fiesolane, all’interno dell’hotel Villa San Michele (Belmond). Chiuso nel periodo invernale, in primavera offre la possibilità di gustare deliziosi pranzi e succulente cene con vista panoramica su Firenze, nel magnifico giardino o in terrazza.

Ristorante La Torre Strada Spicciano, 7 (Tavarnelle Val Di Pesa) ph. +39 055 806470 In the age-old stables of Castello del Nero Hotel & Spa with frescoes and fireplace or on the Garden Terrace for a candle-lit dinner with view of the Chianti countryside, Chef Giovanni Luca Di Pirro offers traditional Tuscan gourmet dishes. Nelle antiche scuderie di Castello del Nero Hotel & Spa con affreschi e caminetto o sulla Garden Terrace per una cena a lume di candela affacciati sul Chianti, lo Chef Giovanni Luca Di Pirro propone piatti gourmet nel rispetto della tradizione Toscana. Ristoro l’Antica Scuderia Via di Passignano, 17 (Tavarnelle Val di Pesa) ph +39 055 8071623 The dishes of the best Tuscan tradition in an elegant setting. Not only restaurant, but also wine-bar. I piatti della migliore tradizione toscana in un luogo elegante e curato. Non solo ristorante ma anche wine-bar. Solociccia Panzano in Chianti - ph +39 055 852020 This restaurant, owned by Dario Cecchini, is a point of reference when it comes to enjoying Tuscan meat. It serves optimal products, guaranteeing top quality at reasonable prices, immersed in the Chianti area. Two other great options are Officina della Bistecca and Mac Dario (for lunch). Il ristorante di Dario Cecchini, punto di riferimento per la carne toscana. Ottimi prodotti e rapporto qualità prezzo nella cornice del Chianti. Le altre due proposte sono: Officina della Bistecca e Mac Dario (a pranzo). Trattoria Donnini Via di Rimaggio, 22 (Bagno a Ripoli) ph. +39 055 630076 This family-run restaurant serves traditional Italian and tasty cuisine, as well as dishes of the day including game, Porcini mushrooms and truffles. Una trattoria a conduzione familiare, dalla cucina saporita e tradizionale. Tutti i giorni vengono proposti piatti di stagione fuori menù tra cui cacciagione, piatti a base di funghi porcini o di tartufo.

VERSILIA

Al Porto Via Coppino, 118 (Viareggio) ph +39 0584 388293 Daily-caught fish in this classic restaurant located near Perini shipyard. Pesce fresco di giornata in questo classico ristorante ubicato proprio accanto ai cantieri Perini. Piatti tradizionali viareggini. Bistrot Via della Repubblica, 14 (Forte dei Marmi) ph. +39 0584 89879 Established in 1990 and once popular among the jet set who spent their summer holidays on the Tuscan riviera, the Versilia. Today it is proud to have earned one Michelin star. Bistrot rinasce nel 1990, dagli echi dei tempi andati in cui era meta ambita dei Vip che frequentavano la costa versiliese durante la stagione estiva. Oggi vanta la stella Michelin. Da Giorgio Via Zanardelli, 71 (Viareggio) ph +39 0584 44493 Informal restaurant, friendly atmosphere. Many entrees and wide choice of shellfish. Ristorante familiare con piacevole atmosfera. Curata proposta di antipasti e vasta scelta di crostacei. Enoteca Marcucci Via Garibaldi, 40 (Pietrasanta) ph +39 0584 791962 Very popular restaurant among young people. Extensive wine list. Simple and tasty cooking. Locale molto in auge tra i giovani. Carta dei vini molto ampia.

Firenze | made in Tuscany 191

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

Trattoria da Sostanza detto il Troia Via Del Porcellana, 25r ph +39 055 212691 The most typical Trattoria in Florence. In addition to the classic Florentinestyle steak, the must tries are artichoke pie and butter chicken breast. All dishes are cooked on a wood-fired stove. La più tipica delle trattorie fiorentine. Oltre alla classica bistecca alla fiorentina, tra i piatti cult c’è il tortino di carciofi e il petto di pollo al burro. Tutto cotto su cucina senza fornelli, con brace di legna. Tredici Gobbi Via Porcellana, 9r - ph +39 055 285015 Set in the heart of downtown Florence, in an old building, the restaurant offers genuine traditional Tuscan cooking. The house specialties are the matchless rigatoni served in a large glass bowl and the beef tagliata served on a wooden cutting board. Nel cuore del centro storico di Firenze, in un edificio d’epoca, il ristorante propone una cucina che interpreta con rigore le antiche ricette della tradizione toscana più genuina. Specialità della casa sono gli ineguagliabili rigatoni serviti nella zuppiera in vetro e l’immancabile tagliata di manzo servita sul ceppo. Trattoria Gargani Via del Moro, 48r ph. +39 055 2398898 Trattoria Gargani was started by artist and chef Giuliano Gargani, who was the restaurant’s heart and soul for about thirty years. A gathering place for artists and intellectuals, the restaurant features decorated walls and an informal and fun atmosphere. La trattoria Gargani è nata con l’artista e Chef Giuliano Gargani, che è stato l’anima del locale per una trentina d’anni. Luogo di ritrovo di artisti e intellettuali, la trattoria si caratterizza per le sue pareti decorate e per un’atmosfera informale e divertente. Trattoria Mario Via Rosina, 2r - ph. +39 055 218550 Established in 1953 and family-run for about four generations, you cannot leave without having a taste of the delicious ribollita soup, Florentine-style T-bone steak, peposo and lampredotto, and sharing the table with other guests. Aperta dal 1953, ancora oggi a gestione familiare da circa quattro generazioni, la trattoria offre prodotti toscani, rigorosamente freschi. Come da tradizione, qui non si può non assaggiare l’ottima ribollita, la bistecca alla fiorentina, il peposo o il lampredotto. Trattoria Pandemonio Via del Leone, 50r ph. +39 055 224002 Friendliness and quick service are the rule. Typical Tuscan dishes with a sophisticated twist such as artichoke and Parmesan cheese appetizer, tortellacci with gorgonzola cheese and rocket, T-bone steak, Fornacina-style peposo, Florentine pot roast. L’ospitalità, la celerità del servizio e la gentilezza sono di casa. Piatti tipici della tradizione, rivisitati in maniera raffinata, tra cui l’antipasto di carciofi e parmigiano, i tortellacci con gorgonzola e rucola, la bistecca, il peposo alla fornacina, lo stracotto alla fiorentina, e l’ossobuco. Winter Garden by Caino Piazza Ognissanti, 1 ph. + 39 055 27163770 Defined by impeccable quality and service the Winter Garden by Caino was born from a collaboration between The St. Regis Florence and multi Michelin starred Chef Valeria Piccini. Her gourmet dinners are served accompanied by live music in the elegant atmosphere of the art deco-style Winter Garden. Caratterizzato da qualità e servizio impeccabili, il Winter Garden by Caino nasce dalla collaborazione tra il The St. Regis Florence e la Chef pluristellata Valeria Piccini. Stella Michelin, le sue cene gourmet sono servite nell’elegante atmosfera con musica dal vivo del Giardino d’Inverno, in stile Art Decò.


IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

Franco Mare Restaurant Lungomare di Marina di Pietrasanta ph. +39 0584 20187 A beach-side resort featuring a top quality restaurant. Expect fresh fish and specialties from Versilia in an elegant setting on the beach. Stabilimento balneare con un ristorante di qualità. Pesce fresco e specialità versiliesi in un’atmosfera elegante sulla spiaggia. Il Piccolo Principe Piazza Puccini, 1 (Viareggio) ph +39 0584 4011 Intimate and welcoming interiors at the gourmet restaurant of the Grand Hotel Principe di Piemonte. Two Michelin starred. Refined cuisine accompanied by an enviable selection of Italian and foreign wines. Ambienti intimi ed accoglienti, per il ristorante gourmet del Grand Hotel Principe di Piemonte. Due stelle Michelin, cucina raffinata accompagnata da una selezione invidiabile di vini italiani ed esteri. La Magnolia Viale A. Morin, 46 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 787052 Restaurant of the luxury Byron Hotel. In summertime, on the pull deck, to enjoy excellent international and regional cuisine. Cristoforo Trapani the young chef at the head of the restaurant. One Michelin starred. Ristorante del lussuoso Hotel Byron. In estate anche a bordo piscina per gustare ottima cucina regionale ed internazionale. Cristoforo Trapani il giovane Chef alla guida del locale. Una stella Michelin. Lorenzo Via Carducci, 61 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 874030 A must restaurant for seafood lovers, Lorenzo is famous for its mayonnaise prepared tableside. The service is impeccable, and seafood is master of the menu, with every dish guaranteed fresh. This one-star Michelin restaurant is located directly in the town center. Gli amanti del mare non possono mancarlo. Famosissima la sua maionese preparata in sala, impeccabile il servizio, ma su tutto regna il pesce, una vera garanzia di freschezza. Una stella Michelin, proprio nel centro cittadino. L’Orsa Maggiore Via Arenile, 29 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 82219 All-white restaurant on the beach. Breathtaking sunsets and candles that add to the magic atmosphere. Excellent fish. Ristorante all white con spiaggia attrezzata. Tavoli sulla sabbia in estate. Tramonti mozzafiato e candele che rendono magica l’ambientazione. Ottimo pesce. Maitò Via Arenile, 28 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 80940 On the promenade. Elegant restaurant with excellent fish dishes. Carefully selected wine list. Sul lungomare. Raffinato locale con ottime proposte di cucina marinara. Marechiaro Via Franceschi, 19 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 80271 For dinner at the water’s edge. Lounge bar on the beach, romantic atmosphere and a menu full of delicious proposals for the freshest fish. Per una cena pieds dans l’eau. Lounge bar sulla spiaggia, atmosfera romantica e menù ricco di ottime proposte di pesce freschissimo. Osteria del mare Viale Franceschi, 4 (Forte dei Marmi) ph +39 0584 83661 This restaurant on the beach offers excellent fish specialties in an informal atmosphere. Ristorante sulla spiaggia, atmosfera informale, propone ottime specialità di pesce. Pesce Baracca Via Achille Franceschi, 2 (Forte dei Marmi) ph. +39 0584 1716337 One place with three souls: a restaurant, a fish shop and a street food bar. Seafood dominates the menu, which is

192 Firenze | made in Tuscany

composed exclusively of the daily catch. Guests can choose their meals directly from the extensive seafood counter. Un locale, tre anime: ristorante, pescheria e street food. Il menù è dettato dal mare, perché composto solo di pescato del giorno. Agli ospiti la possibilità di scegliere direttamente dal grande banco del pesce. Romano Via Mazzini, 120 (Viareggio) ph +39 0584 31382 One Michelin star for this restaurant that has been at the top of the list for thirty five years thanks to its excellent cuisine. Recently renovated. Stella Michelin per questo ristorante che da 35 anni riscuote ottimo successo per le sue proposte culinarie. Recentemente rinnovato. The Fratellini’s Via della Repubblica, 2/a (Forte dei Marmi) - ph. +39 0584 82931 Owned by brothers David and Marco Vaiani, this restaurant offers fusion cuisine, combining exotic tastes with the culinary traditions of Versilia. Of note are the dishes of raw Italian fish and their curious Japanese variations. The large windows create a space of perfect continuity with the outdoors. È il ristorante dei due fratelli David e Marco Vaiani. Cucina fusion che unisce la tradizione culinaria versiliese con sapori esotici. Crudité di pesce italiano e curiose varianti giapponesi. Le ampie vetrate creano una perfetta continuità con lo spazio esterno.

AREZZO

Antica Fonte Via Porta Buia, 18 - ph +39 0575 28038 Expect traditional dishes and products from the territory. Two musts? Their Celtic-style potato tortelli topped with lard, cherry tomatoes and rosemary and their Peposo alla fornacina stew. Piatti della tradizione e prodotti del territorio. Due must? Tortello di papate di celtica con lardo, pomodorini e rosmarino e il peposo alla fornacina. Belvedere Località Bano, 223 - Monte San Savino ph +39 0575 849588 The restaurant features two wide rooms connected by an open walkway and a splendid terrace where you can view the entire valley. Expect traditional dishes. Due ampie sale collegate da un camino aperto e una splendida terrazza con vista su tutta la valle. Piatti della tradizione. La Tagliatella Via Giotto, 45 - ph +39 0575 21931 Established in 1932, this restaurant and its owners have witnessed four generations of family management. Since 1990, the kitchen has been managed by Cristina Raffaelli, prize-winning Ais Sommelier Cristiano Cini is maître. Nato nel 1932 con la prima delle quattro generazioni che si sono susseguite alla guida del ristorante. Dal ‘90, la gestione della cucina è affidata a Cristina Raffaelli e quella della sala a Cristiano Cini, pluripremiato sommelier Ais. Le chiavi d’oro Piazza San Francesco, 7 ph +39 0575 403313 Expect traditional fare from Arezzo, revisited with original flair. An intimate elegant setting in the splendid Piazza San Francesco. I sapori della tradizione aretina proposti in chiave rivisitata. Nella splendida cornice di Piazza San Francesco. Osteria da Giovanna Via Anconetana, 164 ph +39 0575 36015 This restaurant is owned by Luca Martini, Italy’s best sommelier 2009. It goes without saying that the wine list is top notch. Dishes typical of Arezzo’s hill country. Il ristorante di Luca Martini, miglior sommelier d’Italia 2009. Inutile dire che la carta dei vini è top. Piatti della cucina tipica dei colli aretini

Osteria del Teatro Via Maffei, 2 (Cortona) ph +39 0575 630556 Located in the heart of Etruscan Cortona, inside a restored sixteenth-century palace. Chef and owner Emiliano Rossi will welcome you to one of his warm, welcoming dining rooms. Expect revisited traditional dishes spotlighting the territory’s treasures. Nel cuore dell’Etrusca Cortona, all’interno di un palazzo del 1500 restaurato, lo Chef e proprietario Emiliano Rossi vi farà accomodare in una delle sue calde e accoglienti sale da pranzo. Piatti del territorio rivisitati. Osteria Locanda Canto del Maggio Fraz. Penna, 30/d (Terranuova Bracciolini) ph +39 055 9705147 Typical cuisine from the territory. Two musts: Peposo alla Fornacina stew and Maremma-style wild boar topped with black olives and roasted peppers. Cucina tipica del territorio, prodotti dell’orto. Due must: il Peposo alla Fornacina e il cinghiale all’uso delle Maremme. Ristorante Logge Vasari Piazza Grande - ph +39 0575 295894 It has been a point of reference for city diners since 1980. Managed by two brothers, it’s located in the heart of Piazza Grande. Punto di riferimento per la ristorazione della città dal 1980. Gestiti da due fratelli. Nel cuore di Piazza Grande. Ristorante Relais Il Falconiere Località San Martino, 370 (Cortona) ph +39 0575 612679 One Michelin star. Its interior boasts a bright refined setting and its terrace offers breathtaking views. Expect solar cuisine with typically Tuscan dishes. Not to be missed. Una stella Michelin. Un ambiente luminoso e raffinato, la terrazza dal panorama mozzafiato, una cucina solare con piatti della tradizione toscana. Da non perdere.

GROSSETO

All’Acquacotta Terme di Saturnia ph. +39 0564 600111 Ristorante gournet del Terme di Saturnia Spa&Golf Resort, una stella Michelin. Gourmet restaurant of the Terme di Saturnia Spa&Golf Resort. One Michelin starred. Bracali Via di Perolla, 2 (Massa Marittima) ph. +39 0566 902318 One Michelin stars. The realm of Chef Francesco Bracali and his brother Luca, sommelier, in charge of the cellar. Una stelle Michelin, il regno dello Chef Francesco Bracali e di suo fratello Luca, sommelier. Canapone Piazza Dante, 3 - ph +39 0564 24546 Elegant and refined restaurant in the town center. Enoteca Canapino for lunch: local dishes at a fair price. Ristorante elegante e raffinato nel cuore del centro storico. Enoteca Canapino a pranzo con piatti tipici a prezzo contenuto. Da Caino Località Montemerano (Manciano) ph +39 0564 602817 A famous restaurant where the culinary traditions of the Maremma region are still honored. Two Michelin stars. Uno dei locali più celebrati, dove è tuttavia ancora viva la tradizione culinaria della Maremma. Due stelle Michelin. Encanto White Località Le Rocchette (Castiglione della Pescaia) - ph. +39 0564 947126 This restaurant is known and appreciated not only for its dishes (rigorously prepared with fresh fish), but also for its enchanting seaside location: a perfect spot for a candlelight dinner. Un ristorante conosciuto e apprezzato non solo per i suoi piatti preparati rigorosamente col pescato del giorno, ma anche per l’incantevole location sul mare, perfetta per una cena a lume di candela.

Il Fiore del Tesoro Località Valpiana (Massa Marittima) ph +39 0566 92971 In the countryside, in a lovely place, the chef Heros De Agostinis prepares both fish and meat dishes. In campagna, in un ambiente delizioso, lo chef Heros De Agostinis propone piatti che spaziano fra mare e terra. Il Frantoio Piazza della Provvidenza, 11 (Capalbio) ph +39 0564 896484 Creative cuisine inspired by the traditional cooking of the Maremma area. Upstairs, ethnic products on sale. Cucina creativa pur ispirandosi alla tradizione della Maremma. Al piano superiore una sala per la vendita di prodotti etnici. Il Gambero Rosso Lungomare Andrea Doria, 62 (Porto Ercole) - ph +39 0564 832650 The favorite place of fish lovers in Porto Ercole. Terrace in the summer. Punto di riferimento per gli appassionati delle specialità di mare a Porto Ercole. In estate terrazza all’aperto. Il Pellicano Località Sbarcatello (Porto Ercole) ph +39 0564 858275 In one of The Leading Hotels of the World in Tuscany, Chef Sebastiano Lombardi’s cuisine never fails to surprise, delight, and satisfy all five senses. The dining room of this hotel’s Michelin star restaurant is a large veranda overlooking the sea. In questo hotel, oggi parte di The Leading Hotels of the World in Toscana, la cucina dello Chef Sebastiano Lombardi è sempre una sorpresa, che riempie di gioia e soddisfa tutti e cinque i sensi. La sala del ristorante stella Michelin è una grande veranda affacciata sul mare. Il Tufo Allegro Vicolo Costituzione, 5 (Pitigliano) ph +39 0564 616192 Located in one of the many alleys of the town. Very fascinating place offering Tuscan dishes. Intricato nelle splendide viuzze del paese. Locale di grande fascino con proposte toscane. Salette ricavate nel tufo. Silene Loc. Pescina (Seggiano) ph. 0564 950805 Strong traditions, local products, remarkable wine list. One Michelin starred. Grande tradizione, prodotti autoctoni, notevole carta dei vini. Una stella Michelin. L’Andana Località Badiola (Castiglione della Pescaia) - ph +39 0564 944800 Housed inside the L’Andana Hotel. Traditional Maremma cuisine by Chef Alain Ducasse. Excellent wine list. Parte del prestigioso complesso ricettivo dell’hotel L’Andana, cucina paesana proposta da Alain Ducasse rispettando i sapori della Maremma. Eccellente lista vini.

LIVORNO

Cala Nova Strada Malpasso - Capoliveri (Isola d’Elba) - ph +39 0565 968958 Located in an cove amidst lush greenery and the crystalline sea, this high-quality restaurant always offers fresh fish. In una insenatura immersa nel verde e dal mare cristallino, un ristorante di grande qualità, pesce sempre fresco. Capo Nord La Fenicia, 69 - Marciana Marina (Isola d’Elba) - ph +39 0565 996983 Fabulous location by the sea, a fine, elegant setting and excellent service. An impressive wine list. Bellissima posizione sul mare, l’ambiente è curato ed elegante e il servizio eccellente. Carta dei vini notevole. Da “11” Via Bassa, 8 - ph +39 0586 880304 A family-run trattoria. Genuine cooking, “cacciucco” and soups made according to tradition. Friendly atmosphere. Trattoria familiare. Cucina genuina, cacciucco e zuppe cucinate come tradizione vuole.


LUCCA

Buca di Sant’Antonio Via della Cervia, 3 - ph +39 0583 55881 In an 18th century building. Prosciuttos and pots hanging from the walls. Traditional and local dishes. In palazzo di origini settecentesche. Prosciutti e pentole alle pareti. Piatti tradizionali e tipici. Butterfly Strada Statale del Brennero ph +39 0583 307573 Magnificent farmhouse. Small dining rooms allow guests to enjoy meals in a calm and reserved environment. Michelin star since 2008. Splendido casolare suddiviso in piccole sale che permettono cene in tranquillità e riservatezza. Dal 2008 stella Michelin L’Imbuto Via della Fratta 38 - ph +39 0583 491280 The small empire of Chef Cristiano Tomei. One Michelin starred. Piccolo impero dello Chef Cristiano Tomei, una stella Michelin.

MASSA CARRARA

Da Riccà Lungomare di Ponente (Marina di Massa) - ph +39 0585 41070 Small restaurant run by the same family since the sixties. Excellent fish. Piccolo ristorantino che dagli anni Sessanta con la stessa gestione propone ottime specialità di mare. Il Trillo Via Bergiola Vecchia 30 - Località Castagnetola (Massa) - ph +39 0585 46755 An attractive restaurant, where the colours of the earth dominate and food culture is well time-honoured. Un ristorante di charme, dove la cultura del cibo è di casa. Dalla stessa passione per i prodotti genuini, nasce la Cantina Bertazzoli. La Peniche Lungobrugiano (Marina di Massa) ph +39 0585 240117 Built on piles, French-style interiors. Fish specialities and also very good pizzas. Location molto particolare su di una palafitta. Ambiente con arredamento che riporta alla Francia. Specialità marinare ed anche ottime pizze. Ninan Via L. Bartolini, 3 (Carrara) ph +39 0585 74741 A classic and refined restaurant offering traditional dishes revisited by the young chef. Classica signorilità in questo locale con proposte della tradizione rivisitate dal giovane chef.

PISA

Osteria dei Cavalieri Via San Frediano, 16 ph +39 050 580858 Warm atmosphere. Near the university. Genuine cooking at reasonable prices. Ambiente caloroso. Nei pressi dell’Università. Cucina genuina a prezzi molto interessanti. Osteria del Porton Rosso Vicolo del Porton Rosso, 1 ph +39 050 580566 Brother and sister in the kitchen. Only fish. In one of Pisa’s most characteristic areas. Fratello e sorella in cucina. Solo cucina marinara. In una delle zone più caratteristiche di Pisa. Dante e Ivana Viale del Tirreno, 207/c (Tirrenia) ph +39 050 32549 Good wines and elegant and intimate place. Creative fish cooking. Pregevole offerta di vini per una cantina a vista. Cucina marinara fantasiosa. Dal Duca Via di Casphlo, 2 (Volterra) ph +39 0588 81510 In the historic center, wine bar and restaurant. For a quick snack or to enjoy “ribollita” or truffle dishes. Nel centro storico, wine bar e ristorante. Si può optare per uno spuntino veloce, oppure sedersi a gustare la ribollita con colombaccio e tartufo locale. Foresta Via Litoranea, 36 (Marina di Pisa) ph +39 050 35082 Excellent fish dishes. Small restaurant overlooking the sea. Molti piatti di pesce di ottima fattura. Piccolo ristorante affacciato sul mare. Lunasia Via dei Tulipani, 1 (Calambrone) ph +39 050 3135711 Housed inside the Green Park Resort, this restaurant is headed by Chef Luca Landi, known for his savory ice creams. One Michelin star. All’interno del Green Park Resort, è il ristorante dello Chef Luca Landi, conosciuto per i suoi gelati salati. Una stella Michelin. Pepenero Via IV Novembre, 13 (San Miniato) ph +39 0571 419523 Local trendy-chic in the center of San Miniato. Truffle is a must from September to December. Large terrace with an extraordinary view. Locale trendy-chic nel centro di San Minia-

to. Tartufo un must da settembre a dicembre. Ampia terrazza con suggestiva vista. Peperino Via IV Novembre, 1 (San Miniato) ph +39 0571 419523 Restaurant only for two. A unique table. Reserve ahead to arrange every single detail, from the menu to the flowers, to preferred music. Ristorante solo per 2. Un unico tavolo. Prenotare con anticipo per concordare ogni singolo particolare, dal menu ai fiori, alla musica preferita. Perbacco Viale Vittorio Veneto, 30 (Montescudaio) ph +39 0586 650324 High quality restaurant and local dishes. The chef’s specialities are risotto, tortelli and Chianina steak. Cucina di buon livello che valorizza i prodotti locali. Specialità i risotti, i tortelli, la bistecca di Chianina.

PISTOIA

Atman - Villa Rospigliosi Via Borghetto, 1 - Località Spicchio (Lamporecchio) - ph. +39 0573 1603051 A modern cuisine, a blend of tradition and innovation in a unique location. One-Michelin-starred. Una cucina moderna, dove ricerca e tradizione convivono all’interno di una location unica. Una stella Michelin.

SIENA

Antica Osteria da Divo Via Franciosa, 25 - ph +39 0577 284381 Trattoria offering typical Sienese dishes presented in a very original way. Sophisticated atmosphere with a medieval main dining room. Trattoria con piatti tipici senesi presentati in modo originale. Atmosfera di classe con sala principale di stampo medioevale. Bottega Nuova Strada Chiantigiana, 29 ph +39 0577 284230 Three tasting menus: fish, meat or mixed. They are all fantastic. Tre menù degustazione: pesce, carne, misto. Nessuno tradisce. Casato Via Casato di Sotto, 18/26 ph +39 0577 282301 One step away from Piazza del Campo, a new and excellent restaurant wine bar. In cuisine, the talented chef Enrico Tonnen. Typical blends with creative flair. A un passo da piazza del Campo, un nuovo ed eccellente ristorante wine bar. In cucina il talentuoso chef Enrico Tonnen. Menù in cui la tipicità si fonde con l’estro creativo. Fornace di Meleto Località Meleto Gaiole in Chianti, ph. +39 0577 738461 Steps from the Castle of Meleto, this restaurant/bistrot offers traditional dishes in the young chef Diego Babboni’s creative version. Homemade bread, pasta and desserts. A pochi passi dal Castello di Meleto, questo ristorante/bistrot propone piatti tipici rivisitati dal giovane chef Diego Babboni. Pane, pasta e dolci sono fatti in casa. I Terzi Via dei Termini, 7 - ph +39 0577 44329 One of the best restaurant in the center of the city. Ask for Michele, the owner: he will suggest you the specialities of the day. Una delle migliori enoteche nel centro di Siena. Fatevi consigliare da Michele, il proprietario, le specialità della giornata. Osteria Le Logge Via del Porrione, 33 - ph +39 0577 48013 Just a short walk from Piazza del Campo, typical Senese cooking with new and interesting ideas. A pochi passi da piazza del Campo, un laboratorio di nuove e interessanti proposte della cucina tipica senese. Fatevi guidare da Mirco. Arnolfo Via XX Settembre, 50 (Colle Val d’Elsa) ph. +39 0577 920549 Located in a 16th century building, two intimate rooms and a terrace in summer. Creative and refined cuisine. The realm of Chef Gaetano Trovato. Two Michelin stars.

In un palazzo del ‘500, due salette intime e una terrazza per l’estate. Cucina raffinata e fantasiosa. Il regno dello Chef Gaetano Trovato. Due stelle Michelin. Badia a Coltibuono Località Badia a Coltibuono, (Gaiole in Chianti) - ph +39 0577 749479 Once a monastery, today a private property. The church is open only during mass. Cooking lessons and good wines. Spettacolare monastero oggi proprietà privata, chiesa visitabile soltanto durante le messe. Accanto il ristorante con corsi di cucina e vini di qualità. Banfi Località Sant’Angelo Scalo (Montalcino) ph +39 0577 816054 Creative and modern dishes, both fish and meat, served in the most beautiful setting: the Banfi Castle. Of course, wine for all tastes. Piatti creativi e moderni, fra terra e mare, in un contesto unico, quello del Castello Banfi. E ovviamente la cantina promette tutti i profumi di cui sono capaci i settecento ettari di vigneti. Castello di Fighine Località Stabbiano di Sotto, 123 (S. Casciano dei Bagni) - ph +39 0578 56158 The terraces of the Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, covered with climbing roses and wisteria, afford sweeping views over the Tuscan countryside. One Michelin star. Dalle terrazze dell’Heinz Beck Seasons at Ristorante Castello di Fighine, ricoperte di rose e glicini, si gode la vista panoramica sulle colline toscane. Una stella Michelin. I Salotti Strada Statale, 146 (Chiusi) ph. +39 0578 274407 This is the restaurant of Villa Il Petrarca, a sublime synthesis of Tuscan cuisine and culture reinterpreted with a modern twist. One Michelin starred. Ristorante di Villa Il Patriarca, sintesi sublime tra la gastronomia della Toscana e la cultura del suo territorio, reinterpretati in chiave moderna. Stella Michelin. Il Colombaio Località Colombaio (Casole) ph +39 0577 949002 Vincenzo Di Grande transformed it into an excellent restaurant where one can enjoy fish and local products. Michelin starred. Vincenzo Di Grande ne ha saputo fare un ottimo ristorante, dove si possono gustare mix di pesce e prodotti locali. Una stella Michelin. La Bottega del 30 Via di Santa Caterina. 2 (Castelnuovo Berardenga) - ph +39 0577 359226 Rustic yet refined ambiance inside a characteristic stone farmhouse. Michelin star. Ambiente rustico e al contempo raffinato collocato all’interno di una caratteristica casa colonica in pietra. Stella Michelin. Meo Modo Borgo Santo Pietro - Località Palazzetto (Chiusdino) ph. +39 0577 751222 Michelin-starred Executive Chef Andrea Mattei has successfully brought the “vegetable garden in the kitchen” philosophy to a new level of gourmet cuisine. L’Executive Chef stellato Michelin Andrea Mattei ha portato con successo la filosofia de “l’orto in cucina” ad un nuovo livello di cucina raffinata. Osteria di Fonterutoli Località Fonterutoli (Castellina in Chianti) ph +39 0577 741125 A new osteria offering the finest ingredients from Tuscany matched with the Mazzei family’s great wines. Nuova Osteria dove gustare ottime materie prime del territorio toscano abbinandole con i grandi vini della famiglia Mazzei. Osteria Le Panzanelle Località Lucarelli, 29 (Radda in Chianti) ph +39 0577 733511 A lovely osteria run by two young couples. An elegant atmosphere, traditional Tuscan menu that changes every month. Graziosa osteria gestita da due giovani coppie. Ambiente ricercato, proposte della tradizione toscana che variano ogni mese.

Firenze | made in Tuscany 193

IDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURANT GUIDE RESTAURAN

Osteria del Mare Borgo dei Cappuccini, 5 ph +39 0586 881027 A simple trattoria in the port area with good fish dishes and reasonable prices. In zona portuale una semplice trattoria con buona scelta di piatti di cucina marinara a costi contenuti. Il Cantuccio Largo Garibaldi, 6 (Marina di Campo Isola d’Elba) - ph +39 0565 976775 Great fish dishes made with fish caught and cooked. Many wines. Notevole soprattutto la cucina di mare, con il pesce appena pescato. Vasta la cantina. Il Garibaldi Innamorato Via Garibaldi, 5 (Piombino) ph +39 0565 49410 Lovely fish restaurant in the town center. Try the dishes made with the socalled “poor” fish. Delizioso ristorante di pesce nel centro storico. Da provare soprattutto i piatti ottenuti con il pesce “povero”. La Baracchina Punta Righini Castiglioncello (Livorno) ph +39 0586 752003 Enchanting location on the rocks. The freshest of fish served with style. An institution in Castiglioncello since 1946. Incantevole location sugli scogli. Pesce freschissimo servito con gusto. Dal 1946 un punto di riferimento a Castiglioncello. La Pineta Via dei Cavalleggeri Nord, 27 (Marina di Bibbona) ph +39 0586 600016 Since 1996 a benchmark for restaurant businesses due to the creations of Chef Luciano Zazzeri. One Michelin starred. Dal ’96, un punto di riferimento della ristorazione italiana grazie alle creazioni dello chef Luciano Zazzeri. Una stella Michelin. Osteria del Noce Via della Madonna, 18 (Marciana Isola d’Elba) - ph +39 0565 901284 Halfway up the Capanne mountain. When the weather is good, one can enjoy the food under the pergola overlooking the sea. Good fish and meat dishes. A mezza costa del Monte Capanne, d’estate si mangia sotto un pergolato con una vista indimenticabile del mare. Buoni i piatti di pesce, ma intrigante anche l’offerta di piatti di terra. Scacciapensieri Via Verdi, 22 (Cecina) ph +39 0586 680900 A modern restaurant. Top-quality fish prepared and served by a winning couple. Locale moderno. Specialità di mare di grande qualità. Moglie in cucina e marito in sala per un connubio vincente. Stella Marina Via Vittorio Emanuele II, 1 (Portoferraio - Isola d’Elba) - ph +39 0565 915983 Near the ferry port, it makes use of quality products. Good wine list. Accanto allo scalo dei traghetti, propone una cucina di mare molto curata nella qualità. Buona la lista dei vini.


best of

s t a e r T g n i t p Tem rence ate shops in Flo stop A not-to-miss

st chocol Here are the be

Coccole Cioccolato, Via Ginori, 55/57, ph. + 39 055 294750 Oronero, Piazza dei Pitti, 1/r, ph. +39 055 2302473 Vestri, Borgo degli Albizi, 11/r, ph. +39 055 2340374 Hemingway, Piazza Piattellina, 9, ph. +39 055 284781 Rivoire, Piazza della Signoria, ph. +39 055 214412 La Milkeria, Borgo degli Albizi, 87, ph. +39 055 9756052 Gilli, Via Roma, 1/r, ph. +39 055 213896 Paszkowski, Piazza della Repubblica, 35/r, ph. +39 055 210236 194 Firenze | made in Tuscany


Firenze made in Tuscany n.44  
Advertisement