Issuu on Google+

enjoy your star Starhotels italian living magazine

n.6 WINTER 2017

Itineraries Fashion cities | Our 5 new Starhotels Collezione | Must-see exhibitions lifestyle High-end restaurants in London | Fendi | New Year’s Eve by Starhotels Celebrities Tom Hanks | Giovanni Gastel | Nicoletta Spagnoli | Chiara Maci


FA L I E R O SA R T I .CO M


LET YOUR GUESTS FEEL AT HOME

The Rerum Natura, the nature of cosmetics. A cosmetic collection inspired by authentic preparations, accompanied by a precious frangrance achieved with the exclusive use of essential oils thus eliminating synthetic fragrances. All cosmetics are formulated according to the most severe standards in terms of sustainability, and have obtained the COSMOS ORGANIC certification.


Osmè Baby and Kids’ mission is understanding baby’s skin! natural and organic certified cosmetics enriched with organic extracts and specifically studied for baby & kids needs. http://cosmetics.ecocert.com

Custom colletion for Starhotels group. Starhotels chooses GFL for its courtesy line.

WE ARE A VIRTUOUS COMPANY We create body care products, outstanding quality soaps, shower gels, shampoos and creams. We

believe

of

both

form

Gfl

product

Each

superior

in

quality

quality

in

and is

function.

crafted

ingredients,

terms from studied

with scientific precision / Every formula is the result of a rigorous process that The Rerum Natura, the nature of cosmetics. The Rerum Natura is characterised by a sophisticated alchemic style, according to its concept of masterful herbalistic traditional expertise. http://cosmetics.ecocert.com

guarantees its propertiesand efficacy / We are committed

to serving people

and respecting the environment and our product lines are designed to be sustainable.

www.gfl.eu

Hopal works toward a sustainable world. By choosing products and services that are Nordic Ecolabelled, consumers can actively contribute to the ultimate goal of achieving a sustainable society.


enjoy your star

The starhotels italian lifestyle magazine

26 22 19

24

30

32

38

n.6 winter 2017/CONTENTS

tips

24 Family Itineraries London

72 Exhibitions

A vacation in the city

Masterpieces

“Vieni via con me...”

of dreams

18 Men’s Trends

19 Women’s Trends God bless the dress Dio benedica l’abito 20 Accessories

Una vacanza nella città dei sogni

e contemporanea

30 Web advice

Music theatre Cinema

A foodie day with Chiara Maci

Una giornata gastronomica in compagnia di Chiara Maci

Winter shoe guide Guida invernale alle scarpe

32 Food & Wine matching Gourmet tradition

21 Accessories She

Un viaggio nell’arte moderna

Tradizione gourmet

34 Tom Hanks The dark side of Florence Il lato dark di Firenze

insights

Lei

Art

22 Icon Watches - IWC

42 Giovanni Gastel

26 Nicoletta Spagnoli

Timeless

I’m no romantic

The strength of personality

Senza tempo

Non sono romantico

La forza della personalità

34


enjoy your star

The starhotels italian lifestyle magazine

42 46

60

82

72

76

38

86

n.6 winter 2017/CONTENTS

38 Fendi 90 years of fashion, experimentation and craftsmanship 90 anni di moda, tra sperimentazione e artigianalità 76 Chef Starhotels partners

with finest food

design

City events

86 Green philosophy

88 New York

The eco-chic choice

89 Paris

Scelta eco-chic

90 London

ITINERARIES

Starhotels sposa l’Alta cucina 80 Pangea For women Dalla parte delle donne 82 New Year’s

Starting well ...

Chi ben comincia... 84 Mixology Sympathy for the Devil

91 Milan 92 Rome 93 Florence/Venice

46 City fashion Glamour tour A spasso nella moda

60 Starhotels Collezione

Historic and beautiful stays

Vacanze nella bellezza e nella storia

94 Siena/Trieste 95 Turin/Genova 96 Naples/ Bologna 97 Parma/Bergamo 98 Saronno/Vicenza

Discover Starhotels Experiences www.starhotels.com


txt Elisabetta Fabri

editorial

WITH WOMEN IN OUR HEARTS Starhotels’ support of Pangea’s “Piccoli Ospiti” project: helping women to regain serenity and independence Il sostegno di Starhotels al progetto “Piccoli Ospiti” di Pangea: per aiutare le donne a ritrovare serenità e indipendenza

The red shoe on the cover of this new edition of Enjoy Your Star, by top contemporary photographer Giovanni Gastel, is the latest instalment in our individually designed covers, driven by a passion for art and beauty that has always been the powerhouse of our company’s philosophy. But this red shoe is also symbolic of the fight against domestic violence, a contemporary issue that, as the International Day for the Elimination of Violence against women approaches on 25 November, encourages us to demonstrate the commitment and solidarity of Starhotels. Sensitivity to women’s issues runs through our veins. In our company, women comprise 55% of the human resources. Our natural tendency has encouraged us, for the second consecutive year, to join forces with Pangea Onlus, that combats violence, promoting new fundraising for the “Piccoli Ospiti” project, through which we intend to help women who have suffered violence and their children. In line with the constructive spirit of “working together”, which has always driven our initiatives, we have not merely made a donation. Instead we aim to inform and involve our guests in this important campaign,

Con la scarpetta rossa sulla cover di questo nuovo numero di Enjoy Your Star, firmata da un nome della fotografia contemporanea – Giovanni Gastel – proseguiamo il progetto delle copertine d’autore, spinti dalla passione per l’arte e per il bello che guida da sempre la filosofia della nostra compagnia. Ma questa scarpetta rossa rappresenta anche il simbolo della lotta contro la violenza sulle donne, tema spigoloso ed attuale che – con l’approssimarsi del 25 novembre, giornata mondiale dedicata appunto a chi è vittima di questi soprusi – ci spinge a manifestare l’impegno e la solidarietà di Starhotels. La sensibilità ai temi femminili fa parte del nostro Dna – nella nostra compagnia, il 55% del capitale umano è composto da donne e madri. Questa nostra naturale inclinazione ci ha spinti, per il secondo anno consecutivo, a sposare la causa della fondazione Pangea Onlus, promuovendo una nuova raccolta fondi a favore del progetto “Piccoli Ospiti” con cui si intende aiutare le donne che hanno subito il trauma della violenza ed i loro figli a tornare a vivere serenamente. Secondo lo spirito costruttivo del “fare insieme” che da sempre muove le nostre iniziative, non ci siamo limitati a fare una semplice donazione, ma abbiamo voluto sensibilizzare e coinvolgere i nostri ospiti in questa importante azione, rendendo

Elisabetta Fabri President and Ceo Starhotels

Sensitivity to women’s issues runs through our veins. In our company, women comprise 55% of the human resources making our hotels into mouthpieces of a message of support. Alessio Boni is the famous face of this project with “Women in our hearts”, an Italian movie star who, in these pages, alongside Luca Lo Presti, President of Pangea, tells us why it is so important for men also to stand up to violence against women. In this edition, we will present our newest hotels, the considered cuisine by top chefs in our restaurants and much more to ensure that you are very much part of the Starhotels world. Happy reading!

così i nostri alberghi degli amplificatori di un messaggio positivo di sostegno. Testimonial d’eccezione di questo progetto con “Le donne nel cuore” è Alessio Boni, volto del cinema italiano che insieme a Luca Lo Presti, presidente di Pangea, vi racconterà in queste pagine perché è importante che siano gli uomini a schierarsi contro la violenza sulle donne. Ma in questo numero vi presenteremo anche i nostri nuovi hotel, la cucina d’autore nei nostri alberghi e molto altro, per rendervi sempre più partecipi del mondo Starhotels. Buona lettura! 13


enjoy your star

n.6 winter 2016

ph. Giovanni Gastel

The starhotels italian lifestyle magazine

publisher

Starhotels S.p.A. editor in chief

Matteo Parigi Bini content manager

Marta Olivari

managing editor

Francesca Lombardi editor

Sabrina Bozzoni, Teresa Favi, Virginia Mammoli contributors

Giovanni Bogani, Sara D’Oriano, Mila Montagni, Giusy Riccetti, Elisa Signorini photographers

Giovanni Gastel, Maurizio Galimberti, Janos Grapow, Massimo Listri, Filippo Milani, Valentina Stefanelli art editors

Martina Alessi, Chiara Bini translations

The Florentine advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Gianni Consorti, Alessandra Nardelli, Daniela Zazzeri editorial office

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini Via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com www.gruppoeditoriale.com Gruppo Editoriale

Registrazione Tribunale di Prato - n° 5/2014 del 28 marzo 2014 free copy stampa

Baroni & Gori Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl publisher

Via F. Turati, 29, - 20121 Milano - Viale Belfiore, 27 - 50144 Firenze www.starhotels.com - starhotels@starhotels.it 4,095 rooms, 166 meeting rooms, 21 four-star and 3 five-star hotels in Italy, 1 five-star hotel in Paris, 1 deluxe hotel in New York and 2 boutique hotels in London including the Franklin, a 5-star boutique hotel opened in summer 2016 in the heart of Knightsbridge. From July 2016, 4 new properties acquired from Royal Demeure are also part of the Group. All the Starhotels are strategically located in the center of the cities. Every one of them offers the warmth of the best Italian hospitality, impeccable service and rooms characterized by inimitable style and comfort. gRUPPO e DITORIALE

NEW YORK | PARIS | LONDON | MILANO | ROMA | FIRENZE | VENEZIA | SIENA | TRIESTE TORINO | GENOVA | NAPOLI | BOLOGNA | PARMA | BERGAMO | SARONNO | VICENZA


contributors Daniel Galmiche The refined chef presented his first menu at 190 Queen’s Gate of The Gore in July 2016. He vaunts experience in some of the finest restaurants in the UK, including Michelin-starred The Vineyard and L’Ortolan. Passion, hard work and simplicity sum up Daniel Galmiche’s kitchen philosophy.

Giovanni Gastel Writing was his first love, with theatre in second place. Photography only came along in the 1970s, and it became a passion. He turned professional through fashion in 1981. Since then he has worked with some of the most prestigious magazines and labels. La Triennale di Milano paid tribute to him in 1997, with an exhibition curated by Celant.

Mariangela Rossi Genoa-born but Milanese by heart, she is a well-known lifestyle journalist. A long-time collaborator of Elle magazine, she has been working for other papers and magazines, such as Il Secolo XIX and Capital, for years. She has written several books and essays on the little pleasures in life.

Alfredo Russo This Italian chef came to The Franklin restaurant a few months ago in conjunction with the London hotel’s opening. He is famous for the successes of his restaurant Dolce Stil Novo in Ciriè and is one of the most respected authorities in the world of haute cuisine. Roots, purity and independence Alfredo Russo’s kitchen philosophy.

Nicoletta Spagnoli CEO of Luisa Spagnoli, she graduated early in Pharmacy and spent time studying in the US. In 1983 her father Lino asked her to work for the family firm. She took over the company reins with her brother Mario only three years later, managing the collections and administration.

Raffinato chef, ha presentato il suo primo menù al ristorante 190 Queen’s Gate del The Gore Starhotels Collezione a luglio del 2016. Porta con sé l’esperienza in alcuni dei migliori ristoranti della Gran Bretagna - tra cui gli stellati The Vineyard e L’Ortolan. La filosofia in cucina di Daniel Galmiche condensata in poche parole è: passione, duro lavoro, semplicità.

Il primo amore è stata la scrittura, il secondo il teatro. La fotografia è arrivata solo negli anni ’70, ma è stata passione da subito. La svolta professionale è del 1981, quando si avvicina alla moda: da allora collabora con le riviste e le maison più prestigiose del mondo. La Triennale di Milano lo ha consacrato nel 1997, con una mostra curata da Germano Celant.

Nata a Genova, milanese d’adozione, è una giornalista specializzata in lifestyle. Collaboratrice storica di Elle, scrive da anni anche per altre testate, quali Il Secolo XIX e Capital. Ha pubblicato libri e saggi sui piccoli piaceri della vita. (ph. Filippo Milani)

Grande chef italiano approdato al ristorante del The Franklin da pochi mesi, in concomitanza con la recente apertura dell’hotel londinese. Originario di Torino, è noto per i successi del suo ristorante Il Dolce Stil Novo di Ciriè nella provincia torinese ed esperto tra i più autorevoli nel mondo dell’alta ristorazione. La filosofia in cucina di Alfredo Russo condensata in poche parole è: radici, purezza, indipendenza dalle mode.

Amministratore Delegato della Luisa Spagnoli, si laurea giovanissima in Farmacia e trascorre un periodo di studio negli Stati Uniti. Nel 1983 viene chiamata dal padre Lino a lavorare nell’azienda di famiglia. Solo tre anni dopo assume la guida dell’azienda assieme al fratello Mario, occupandosi delle collezioni e dell’amministrazione.


Roma

Hotel d’Inghilterra Via Bocca di Leone, 14

Vicenza

HOTEL VILLA MICHELANGELO Via Sacco, 35

Trieste

savoia excelsior palace Riva del Mandracchio, 4

London

the gore

190 Queen’s Gate, Kensington

Firenze

HOTEL HELVETIA & BRISTOL Via dei Pescioni, 2

Paris

castille

33-37 Rue Cambon

Venezia

splendid venice

San Marco Mercerie, 760

London

the pelham

15 Cromwell Place, South Kensington

Siena

GRAND HOTEL CONTINENTAL Banchi di Sopra, 85

Milano

rosa grand Piazza Fontana, 3

New york

the michelangelo 152 West 51st Street

London

The Franklin

22-28 Egerton Gardens, Knightsbridge

Starhotels is an Italian family-owned hotel group, epitome of the high-end Italian hospitality, with 29 hotels in the most beautiful destinations in Italy, Europe and the US. Starhotels Collezione is a collection of the brand’s most representative hotels, 12 locally inspired iconic properties with a strong heritage and personality. These hotels combine stunning buildings, a timeless sophistication enriched by an Italian unique design and a warm, bespoke service. Starhotels Collezione are located in New York, Paris, London, Milan, Rome, Florence, Venice, Siena, Trieste and Vicenza.


Milano

Anderson

Piazza Luigi di Savoia, 20

Bologna

excelsior

Viale Pietramellara, 51

Roma

michelangelo Via della Stazione di San Pietro, 14

Milano

Business Palace Via Pietro Gaggia, 3

Saronno

Grand milan Via Varese, 23

Genova

President

Corte Lambruschini, 4

Bergamo

cristallo palace Via Betty Ambiveri, 35

Torino

Majestic

Corso Vittorio Emanuele II, 54

Napoli

terminus

Piazza Garibaldi, 91

Parma

Milano

Viale Piacenza, 12/C

Viale Andrea Doria, 4

du parc

Roma

metropole

Via Principe Amedeo, 3

Milano

tourist

Viale Fulvio Testi, 300

E.C.HO

Firenze

michelangelo Viale Fratelli Rosselli, 2

Firenze

tuscany

Via di Novoli, 59

Subscribe to our loyalty program and be a special guest. Discounts up to 20%. Reward nights and exclusive benefits Firenze

Milano

Via San Quirico, 292/A

Via Lazzaro Spallanzani, 40

Vespucci

ritz

Con 29 alberghi 4 e 5 stelle situati nel cuore delle migliori destinazioni d’Italia e del mondo, Starhotels si propone come sinonimo dell’eccellenza dell’ospitalità italiana. Tra le proprietà del gruppo si distinguono i prestigiosi Starhotels Collezione, 12 gioielli one of a kind, vere e proprie icone di stile dalla spiccata personalità ed espressione autentica della città che li accoglie. Questi alberghi sorgono in palazzi di grande valore, sono contraddistinti da una raffinatezza senza tempo arricchita da dettagli di design ed offrono un servizio attento ed impeccabile, praticamente su misura. Gli Starhotels Collezione si trovano a New York, Parigi, Londra, Milano, Roma, Firenze, Venezia, Siena, Trieste e Vicenza.


Men’s t rend s

PRADA

Two-tone, decidedly boho-chic Bicolore, dannatamente boho-chic

Hermès

ERMENEGILDO ZEGNA

A must-have winter warmer for the man of yesteryear Un must antifreddo per uomini d’antan

The beauty of travelling with a trolley you love La bellezza di viaggiare in un trolley da amare

“via via...Vieni via con me...” Dress Code: new gentleman. A journey into masculine style without compromise Dress Code: nuovo gentiluomo. Un viaggio nello stile maschile senza compromessi

DOLCE & GABBANA

SALVATORE FERRAGAMO

Oversized, very thick, high fashion Taglio oversize, grande spessore, ad alto tasso di stile

18

The evolution of the classically British derby style, inspired by the military world L’evoluzione della classica derby brit-style s’ispira al mondo militare

FALIERO SARTI

Moscow’s Gum department store in a stole to wear anywhere La Galleria Gum di Mosca in una stola da indossare ovunque


Women’s t rends

God bless the dress

Loved, lauded, reinvented, embellished. We are proud to present the new star of Summer 2017: the dress! Amato, osannato, reinventato, impreziosito. Siamo lieti di presentarvi il nuovo re dell’estate 2017: l’abito!

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

1. “This is intimate technology!”, Chanel 2. A dip into more feminine colours, Fendi 3. Less is more, Marni 4. A leap back in time with tulle, ruffles and lace, Gucci

11 5. Pierpaolo Piccioli’s new woman is a romantic warrior, Valentino 6. Oversized modernism, Balenciaga 7. The beauty of contrasts, Prada 8. Anthony Vaccarello’s debut show, Saint Laurent

12 9. Neo ‘70s vibes, Emilio Pucci 10. The art of the unfinished, Loewe 11. Feminism à porter, Dior 12. Damn Rock, Louis Vuitton

19


accessory t rends

EMILIO PUCCI

stella mccartney Total black modern metallic oxfords with a playful star pattern Total black per le “stellari” oxford platform

A tribute to the Glam Rock of the White Duke Un omaggio al Glam Rock del Duca Bianco

MARNI

In reversed calf with a sculptured heel In vitello rovesciato, con tacco scultura

winter shoe guide On shoes: a visionary plunge into cult models for the big freeze. What’s your heel preference? A proposito di scarpe, un tuffo visionario tra i modelli cult dedicati al grande freddo. E tu di che tacco sei?

CéLINE

Gucci

A leap back in time in the name of pure decorativism Un salto nel tempo all’insegna del decorativismo puro 20

Essential form for a cult in white Forma essenziale, per un cult vestito di bianco

prada

Gabardine, open toe and heel with seafaring motifs on the heel In gabardine, aperto in punta e sul tallone e motivi marinareschi sul tacco


accessory t rends

VALENTINO

CéLINE

Forms of blush tones for the iconic trapeze bag Declinazioni dei toni cipria per l’iconica trapeze bag

Rockstud Spike, quilted and decorated with small studs Rockstud Spike, trapuntata e decorata con piccole borchie

DOLCE & GABBANA

The most precious tradition, Made in Sicily La più preziosa tradizione Made in Sicily

She You’re powerless to resist. Their appeal will lure you into a fashion-loving frenzy. Bags for you! Inutile resisterle, il loro appeal vi catalizzerà in una spirale fashionista di magica allegria. E che borsa sia!

CHANEL FENDI

Leather and velvet for an irresistible combination. It’s the new Peekaboo Pelle e velluto per un connubio irresistibile. E’ la nuova Peekaboo

Golden hues for a classic must have Riflessi dorati per un classico must have

SALVATORE FERRAGAMO

Warm and soft, like an irresistible embrace Caldo e morbido, come un abbraccio

21


icon w at c hes

Timeless

IWC Schaffhausen. When beauty never ceases to move forward IWC Schaffhausen. Quando la bellezza non smette mai di innovarsi

M

echanical precision and highimpact look. Pioneering spirit and traditional Swiss craftsmanship. Haute watchmaking that adorns itself in sought-after details and technical virtuosity, passing time in style and exclusive design. This is the world of IWC Schaffhausen, a haute watchmaking maison of international stature, established in 1868 by the American Florentine Ariosto Jones. The brand has always 22

crafted masterpieces of excellence and innovation, such as the Pallweber pocket watch (1885), with its revolutionary digital indication of hours and minutes, shortly followed by IWC’s first wristwatches with 64 calibre pocket movement. A perfect balance between aesthetics and functionality. In 2015 the Portugieser line celebrated 75 years, one of the maison’s six collections, which added two new timepieces and six revisited models for the occasion. The Portugieser Annual Calendar (ref. 5035) also made its debut: the new-

Precisione meccanica e look d’impatto. Spirito pioneristico statunitense e tradizione artigianale svizzera. L’alta orologeria che si veste di dettagli ricercati e virtuosismi tecnici, per scandire il tempo con piglio deciso e design esclusivo. È l’universo di IWC Schaffhausen, maison di haute horologerie di fama internazionale, fondata nel 1868 dall’americano Florentine Ariosto Jones, da sempre creatore di capolavori di perfezione e innovazione, come l’orologio da tasca Pallweber del 1885, dalla

rivoluzionaria indicazione digitale di ore e minuti, seguito poco dopo dai primi orologi da polso firmati IWC con movimento da tasca calibro 64. Un perfetto equilibrio di estetica e funzionalità. Nel 2015 ha compiuto 75 anni la famiglia Portugieser, una delle sei collezioni della maison, che per l’occasione si è arricchita di due nuovi segnatempo e sei modelli rivisitati. Ha fatto così il suo debutto il Portugieser Calendario Annuale (ref. 5035): il calendario annuale di nuova concezione che


3 4

1

1. Portugieser Calendario Perpetuo 503302 2. Portugieser Calendario Annuale 503502 3. Portugieser Calendario Annuale 503501 4. Portugieser Calendario Perpetuo 503404 5. Portugieser Calendario Annuale 503504 6. Portugieser Calendario Perpetuo 503301

2

conception annual calendar that integrates a perpetual calendar. The look is highly reminiscent of the very first Portugieser (1939), a bona fide style icon. The transparent back in sapphire glass allows us to observe the new-conception calibre: a work of art for connoisseurs. What else is new? Two reworked models: the Portugieser Perpetual Calendar with double (ref. 5034) or single moon (ref. 5033), two jewels of mechanical engineering. In the visual centre of the quadrant you can observe the lunar phases

5

6

with a never-achieved-before precision (a cycle lasts for 29 days, 12 hours, 44 minutes and 3 seconds), succeeding where generations of watchmakers have failed. The technical diamond point of a timepiece rich in refinement. A model as mechanically impeccable as it is beautiful due to its close connection with the moon, a celestial body so close to us that it somehow influences the Earth’s movement and therefore – it would seem – also our lives. A cult of timeless charm and ever-evolving technology.

integra il calendario perpetuo. Il look ricorda molto quello del primissimo Portugieser del 1939, vera e propria icona di stile. Il retro trasparente in vetro zaffiro consente di ammirare il calibro di nuova progettazione, un’opera d’arte per gli intenditori. Altra novità, i due modelli rielaborati Portugieser Calendario Perpetuo con doppia luna (ref. 5034) o luna singola (ref. 5033), due gioielli d’ingegneria meccanica. Nel centro visivo del quadrante sono riportate le fasi lunari con una precisione mai

raggiunta prima (un ciclo ha una durata di 29 giorni, 12 ore, 44 minuti e 3 secondi), riuscendo laddove generazioni di orologiai hanno fallito. Punta di diamante tecnica di un segnatempo ricco di raffinatezza. Un modello tanto impeccabile meccanicamente quanto affascinante per il suo stretto legame con la luna, un astro che ci è così vicino e che in qualche modo influenza i movimenti terrestri e quindi, sembra, anche le nostre vite. Cult dal fascino senza tempo e dalla tecnologia in continua evoluzione. 23


txt Mariangela Rossi

FAMILY i t i ner ar y

A VACATION IN THE CITY OF DREAMS London in small steps

Londra a piccoli passi

O

f the European capitals, it’s one of the best for little travellers thanks to its attractions, childfriendly museums, parks and extraordinary toy stores, where even adults will experience moments of delight. The three Starhotels Collezione are well aware of this need, offering assistance and tailored service for guests of all ages. There’s The Gore, a very British space, near Knightsbridge and Hyde Park, also famous for its delicious Afternoon Tea. The Pelham, the iconic 5* close to the Natural History Museum, where you can marvel at skeletons, butterfly cases, extinct sloths, stuffed alligators and even a research institute with laboratories for assisting the work of scientists. And finally, even the latest Starhotels gem, The Franklin, beautifully designed by Anouska Hempel, overlooking Egerton Gardens, with the city’s most beautiful parks within walking distance, has an eye for the little ones. In each of the group’s hotels, up to two children stay for free when sharing a room with their parents. There are also amenities on arrival, a teddy bear and a £50 voucher for the nearby Hamleys. Opened on 24

Regent Street in 1881, Hamleys is the largest and best-stocked toy store in the world with a magical atmosphere and performances by fairies and magicians. On the subject of shopping, head to Honey Jam by model Jasmine “Jam” Guinness to pick up vintage and eco-friendly toys or Benjamin Pollock’s Toyshop for handmade wooden toys and 3D theatrettes. Another of the city’s favourite addresses is the Notting Hill boutique Marie - Chantal Children by super mum and baby clothes’ designer Princess Marie-Chantal of Greece. Other fashionable mummies in London, Princess Kate included, love Trotters. A fun fact: the Chelsea store also has a children’s hairdresser with an aquarium. Finally a spin on the London Eye, the Ferris wheel that soars above London’s skyline, is not to be missed, as is a visit to the Science Museum with its collection of 300,000 objects. For a gourmet stopover, Candy Cakes is a true cupcake paradise, while the Rainforest Café, Piccadilly, has you dining among the waterfalls, tropical fish and jungle simulations. Because in London, anything is possible, no matter how old you are.

Tra le capitali europee è una di quelle che si fa apprezzare di più dai piccoli viaggiatori grazie alle sue attrazioni, ai musei a misura di bambini, ai parchi e agli straordinari negozi di giocattoli, dove anche gli adulti vivono momenti di estasi. Lo sanno bene i tre Starhotels Collezione, che offrono consigli e un servizio su misura per tutti. The Gore, ambiente very British, nei pressi di Knightsbridge e Hyde Park, famoso anche per il suo goloso Afternoon Tea. The Pelham, iconico 5*, è vicino al Natural History Museum, da esplorare tra scheletri diplodochi, vetrine di farfalle, bradipi estinti, alligatori imbalsamati e anche un istituto di ricerca con laboratori per assistere al lavoro degli scienziati. E poi il nuovo gioiello di casa Starhotels, The Franklin: design raffinato di Anouska Hempel, affaccio su Egerton Gardens e con i parchi più belli a due passi, ha un occhio di attenzione anche ai bambini. Oltre ai tradizionali servizi di ogni albergo Starhotels come la gratuità sino a due bambini se in camera con i genitori, e le amenities all’arrivo, offre un orsetto e un voucher di 50£ nel vicino Hamleys. Inaugurato in Regent Street nel 1881,

è il negozio di giocattoli più grande e fornito del mondo, con un’atmosfera magica e spettacoli inscenati da fate e maghi. Per restare in tema, si fa shopping da Honey Jam, della modella Jasmine “Jam” Guinness, che vende giocattoli, anche eco, e pelouche vintage, e da Benjamin Pollock’s Toyshop, per giochi in legno fatti a mano e teatrini 3D. È tra gli indirizzi preferiti della principessa MarieChantal di Grecia, super mamma e designer di abiti per bambini nella sua boutique a Notting Hill, Marie-Chantal Children, ma molte mammies fashion a Londra, principessa Kate inclusa, amano anche i negozi di abbigliamento Trotters: una curiosità, quello di Chelsea ha al suo interno anche un parrucchiere per bambini con acquario a vista. Immancabile, infine, dopo un giro sul London Eye, la ruota panoramica che spicca nello skyline londinese, e una visita al Science Museum, con una collezione di 300 mila oggetti, una tappa golosa! Candy Cakes è il vero paradiso dei cupcake, mentre al Rainforest Café, a Piccadilly, si pranza tra cascate d’acqua, pesci tropicali e simulazioni di giungla. Perché Londra fa sognare, a ogni età.


1

3

2

4

5 1. Hamleys, 2. Candy Cakes, 3. Marie-Chantal Children, 4.5. Natural History Museum

25


txt Elisabetta Fabri, President and Ceo Starhotels

FASHION interview

The strength of personality

Luisa and Nicoletta: strong, courageous women for maison Spagnoli Luisa e Nicoletta: donne forti e coraggiose, nel segno della maison Spagnoli

A

chance meeting in New York, a chat outside a cafè about life, work and tenacity, all that defines the role of women who have demanding careers, but are wives and mothers too. Elisabetta Fabri interviews Nicoletta Spagnoli, granddaughter of the fashion house maison, director and designer at Luisa Spagnoli. A degree in p harmacy, a PhD in San Diego: what did you like about the first 30 years of your life? I was made for this type of study. After graduation, I asked to remain at the university as a researcher in organic chemistry. Then I went to San Diego in the United States... it was a highly formative experience, both from a business point of view and in life. In my life I’ve always designed things... Returning home after a call from your father Lino to take over management of the company. How did that make you feel? I joined the company as a simple designer working alongside the advertising department. Early in my career, in 1983, I stamped my time card just like everyone else. Three years later, unfortunately, my father Lino

26

passed away and suddenly I found myself moving from employee to Ceo in a very short time. Your great-grandmother was an extraordinary character, who we learned to love through the TV portrayal by Luisa Ranieri. What was she like? Not only physically. She had everything, the determination and courage to step forward, to accept life’s challenges. My father spoke of a stern woman with a strong character. More manager and less grandmother. But she was prone to spontaneous outbursts and sudden tenderness. She wasn’t beautiful like Luisa Ranieri but had a great energy and light in her eyes and inside her that lit up and made her irresistible. As she walked by, you couldn’t help but look at her; it was the force of her personality. Which elements of Luisa can we find in Nicoletta? The courage to be free in your choices, the tenacity to pursue your objectives and, above all, the desire always to do a job well. To do that, you need passion, enthusiasm, discipline and, more than anything else, sacrifice. Today 90% of your employees are women. What

Un incontro fortunato a New York, due chiacchere di fronte a un caffè parlando di vita, lavoro e tenacia, quella tutta femminile delle donne che hanno carriere di responsabilità ma anche delle donne normali, divise tra la professione e la famiglia. Elisabetta Fabri intervista Nicoletta Spagnoli, nipote della fondatrice della maison, AD e designer di Luisa Spagnoli. Una laurea in farmacia, un dottorato a San Diego: cosa ti piaceva della tua vita fino a 30 anni? Ero portata per questo tipo di studi: dopo la laurea ho chiesto di rimanere in università come ricercatrice di chimica organica a supporto per la didattica. Poi San Diego , gli Stati Uniti… è stata un’esperienza altamente formativa, sia sotto il profilo lavorativo che di vita. Ma in realtà ho sempre disegnato nella mia vita, fin da quando ero bambina… Il ritorno a casa, dopo la chiamata di tuo padre Lino, per assumere la conduzione dell’azienda. Cosa ha provato? Sono entrata in azienda come una semplice disegnatrice in appoggio all’ufficio stile e alla pubblicità. All’inizio della carriera, nel 1983, timbravo il cartellino come tutti. Tre anni dopo purtroppo mio padre Lino è scomparso

all’improvviso: mi sono ritrovata da semplice dipendente ad amministratore delegato in un lasso di tempo brevissimo. La tua bisnonna è stata un personaggio straordinario, che abbiamo imparato ad amare con il bellissimo viso di Luisa Ranieri. Come era realmente? Non solo fisicamente ... Aveva tutto, la determinazione, il coraggio di farsi avanti, di accettare le sfide. Mio padre mi parlava di una donna severa, con un carattere forte. Molto manager e poco nonna. Aveva però slanci non calcolati, tenerezze improvvise. Non era bella come Luisa Ranieri ma aveva una grande energia e una luce negli occhi e dentro che la accendeva e la rendeva irresistibile. Quando passava nessuno poteva fare a meno di guardarla, era la forza della sua personalità. Il tratto del carattere di Luisa che ritroviamo in Nicoletta? Il coraggio di essere liberi nelle scelte, la tenacia nel perseguire i propri obiettivi e, soprattutto, il desiderio di fare sempre bene il proprio lavoro. Per riuscirci servono passione, entusiasmo e disciplina, e spirito di sacrificio. Oggi tra i tuoi dipendenti il 90% sono donne, cosa hanno in più? Mi trovo bene a lavorare con le donne perché sono


. Nicoletta Spagnoli, at the helm since 1986. The granddaughter of Luisa Spagnoli, she shares the same enterprising spirit, enthusiasm and tenacity

27


Some pictures of the maison in the past and today. Bottom left, portrait of Luisa Spagnoli

do they have more of? I’m comfortable working with women because, like me, they are used to doing many things simultaneously and quickly. They’re the only ones who can keep up with me! And besides our world is exquisitely feminine. How has Luisa Spagnoli’s style changed since you joined the company? My first major project was to acquire a new customer base: young, sophisticated and wise to fashion trends. Before then, it didn’t seem necessary to reach out to a new market, but the results have proven me right. By adding new market bases, we’ve seen a progressive growth in production volumes – more than one million garments sold a year – and revenue. We were able to strengthen 28

the appeal of the brand for our traditional customers and, at the same time, acquire a younger clientele with whom we hope to build loyalty. Every experience becomes part of the personal package that influences our future experiences. What did you learn from your early years? To face every challenge with enthusiasm, to treasure the teachings of those who went before you and to value the heritage that my family has passed down to me. The courage to stick by your choices. Was that handed down or acquired? In part, it’s innate and tied to character. But then there are the choices that life throws at us that shape who we are. Often it’s not possible to take them back when they’re called into question.

abituate, come me, a fare tante cose contemporaneamente e rapidamente. Sono le uniche che riescono a starmi dietro! E poi il nostro mondo è squisitamente femminile. Come è cambiato con il tuo ingresso in azienda lo stile Luisa Spagnoli? Il primo grande progetto a cui mi sono dedicata è stato acquisire una nuova fascia di clientela: giovane, sofisticata e attenta alle nuove tendenze della moda. Fino ad allora non sembrava affatto necessario rivolgersi a nuove fasce di mercato ma i risultati ci hanno dato ragione: aver aggiunto nuovi segmenti di mercato ha comportato la progressiva crescita dei volumi di produzione - oltre un milione di capi l’anno - e del fatturato. Siamo stati capaci di consolidare l’appeal del brand nei confronti della clientela tradizionale,

e di acquisire, nel contempo, una clientela più giovane, che contiamo ovviamente di fidelizzare. Ogni esperienza diventa un nostro bagaglio personale, che riportiamo nelle esperienze successive. Cosa hai imparato dalla tua prima parte della vita? Ad affrontare ogni sfida con entusiasmo, a fare tesoro degli insegnamenti di chi mi ha preceduto, e a valorizzare il prezioso heritage che la mia famiglia mi ha tramandato. Il coraggio di fare le proprie scelte fino in fondo. è una dote o si acquisisce? In parte è innato e legato al carattere. Poi però ci sono le scelte che la vita ti pone davanti che modellano profondamente quello che si è. E spesso non è possibile tirarsi indietro. Si è chiamati in causa.


30


web advic e

My Milan

A foodie day with Chiara Maci Una giornata gastronomica in compagnia di Chiara Maci

M

y perfect day in Milan begins with breakfast at Pandenus (5 La Foppa) or Sissi (6 piazza Risorgimento), where the selection of cakes and pastries will make your eyes sparkle. Botega (12 corso Garibaldi) is excellent for shortbread accompanied by delicious coffee and chocolate. For lunch, my favourite place is Filippo La Mantia (2/a piazza Risorgimento). I love the rich buffet lunch and the Sicilian tastes that allow me to move from a salad of fennel and oranges to couscous and pasta with sardines. My favourite dish is the caponata, but every day, I find something new to fall in love with. Alternatively, Spazio di Niko Romito (1 piazza Duomo), sought after but smart, is a hotbed of haute cuisine.

For seasonal foodie purchases, I love to buy mushrooms and truffles from the Chiosco di Mimì (3 piazzale Baiamonti) and good mozzarella from Eat’s inside the Excelsior (4 galleria del Corso). The must have winter aperitif is definitely at Dry (33 Via Solferino). I love their focaccias and the cocktails are wonderful. The best? The Moscow Mule. For dinner, it depends on what you want to eat. For sushi Yoshi and their special maki. For more local but highend cuisine, Giancarlo Morelli, Pomiroeu in Seregno, Andrea Berton or Davide Oldani are all excellent. Chiara Maci is Italy’s most popular food blogger, a social guru with nearly a million followers and televised face. She writes on sorelleinpentola.com and created chiaramaci.com.

La mia giornata ideale a Milano inizia con una colazione da Pandenus (largo La Foppa, 5) o da Sissi (piazza Risorgimento, 6) dove la selezione di torte e brioche fa brillare gli occhi. Botega (corso Garibaldi, 12) fa ottime frolle che accompagnano caffè e cioccolate squisite. A pranzo il mio luogo del cuore è Filippo La Mantia (piazza Risorgimento, 2/a). Amo il pranzo: un buffet ricco dove poter scegliere, e i gusti siciliani che mi permettono di passare da un’insalata di finocchi e arance a un cous cous, a una pasta con le sarde. Il mio piatto preferito è la caponata, ma ogni giorno trovo qualcosa di nuovo di cui innamorarmi. In alternativa lo Spazio di Niko Romito (piazza Duomo, 1) ricercato ma smart, un vivaio dell’alta cucina. Per gli acquisti gastronomici vista la stagione,amo comprare

funghi e tartufi al Chiosco di Mimì (piazzale Baiamonti, 3) e la mozzarella buona di Eat’s all’interno di Excelsior (galleria del Corso, 4). L’aperitivo da non perdere in inverno è sicuramente Dry (via Solferino, 33): adoro le sue focacce e i cocktail sono meravigliosi. Uno tra tutti: Moscow Mule. Per la cena dipende da quello che voglio mangiare. Per il sushi Yoshi e i suoi maki special. Per una cucina più locale ma ad alto livello Giancarlo Morelli, al Pomiroeu di Seregno, Andrea Berton o Davide Oldani. Tutti eccellenti. Chiara Maci è la food blogger più famosa d’Italia, guru dei social con un milione di utenti, volto televisivo di Cuochi e Fiamme su La7, protagonista del programma Chiara Maci #VitaDafoodblogger. Scrive su sorelleinpentola.com e ha creato il suo chiaramaci.com. 31


food & wine mat c h i n g

Gourmet tradition

Burrata ravioli ‘all’Amatriciana’ from the Hotel d’Inghilterra Roma - Starhotels Collezione I ravioli di burrata all’Amatriciana dell’Hotel d’Inghilterra Roma - Starhotels Collezione

A

cast iron pan is recommended for this recipe.

Start by dicing 100 g of guanciale di Amatrice.

Add to the pan with 1 tablespoon of extra virgin

olive oil and 1 red chilli.

Fry over high heat for a few minutes, then add a drizzle of balsamic vinegar.

Remove the guanciale from the pan, drain and set aside, keep warm.

Add 250 g of San Marzano tomatoes to the pan, fry for a few minutes and season.

Remove the chilli from the pan before it starts to burn. It will have already flavoured the sauce.

Return the guanciale to the pan and continue cooking until the sauce has thickened and is well combined. Meanwhile, cook 120g of burrata ravioli in a pot of

salted boiling water, drain, combine with the sauce,

season to taste and stir through 80g of grated pecorino di Amatrice to finish.

32

Per questa ricetta sarebbe ideale utilizzare una padella di ferro. Iniziate riducendo 100 g di guanciale di Amatrice a pezzetti. Mettetelo nella padella insieme a 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva e ad 1 peperoncino intero. Rosolate il guanciale a fiamma vivace per qualche minuto e sfumate con qualche goccia di aceto balsamico. Togliete il guanciale dalla padella, scolatelo bene e riponetelo da parte, al caldo. Versate nella stessa padella 250 g di pomodori San Marzano, rosolateli per qualche minuto, aggiustando di sale. A questo punto, togliete il peperoncino, in modo da evitare di bruciarlo, e anche perché avrà già insaporito a sufficienza la salsa. Aggiungete il guanciale e ultimate la cottura fin quando la salsa non si sarà addensata e risulterà omogenea. Nel frattempo bollite in acqua salata 120 g di ravioli di burrata, scolateli, versateli nella salsa, aggiustate di sale e pepe se necessario, e mantecate tutto aggiungendo 80 g di pecorino di Amatrice grattugiato.


food & wine mat c hing

Donna Adriana Castel de Paolis Igt Bianco Lazio Golden and filled with light, made from Viognier and Malvasia Puntinata grapes, with a small percentage of Sauvignon Blanc, characterised by volcanic soils with granular tufa and pozzolans. It speaks volumes about the terroir with nuances of cumin, papaya, lime, flint, ash, broom and liquorice root. On the palate balanced by a fruity softness with a persistent aftertaste. Serve at 8 -10°C.

Donna Adriana Castel de Paolis Igt Bianco Lazio Dorato di spiccata luminosità, nasce dai vitigni di Viognier, Malvasia Puntinata con una piccola percentuale di Sauvignon Blanc, caratterizzati da terreni di origine vulcanica con tufi granulari e pozzolane. Racconta il territorio nei sentori di cumino, papaia, lime, pietra focaia, cenere, ginestra e legno di liquirizia. Sorso equilibrato dalla morbidezza fruttata, con ritorni retrolfattivi coerenti. Va servito a una temperatura di 8 -10°.

The pairing This white wine is not shouty in any way. In the mouth, it demonstrates great balance between the alcohol, freshness and a fruity aftertaste that is well suited to our dish, which evens out the delicate burrata ravioli and bold amatriciana sauce. A dish befitting of a match that opposes its sweet tendency and flavour with a vein of comforting spontaneity and refreshing dryness.

L’abbinamento Questo vino bianco, non strillato, che in bocca rivela un grande equilibrio tra alcol, freschezza e ritorno della frutta, ben si adatta al nostro piatto che ha in sé la delicatezza del raviolo e della burrata e la forza dell’amatriciana. Un piatto cui si addice un abbinamento che contrapponga alla tendenza dolce e alla sapidità, una vena di confortante spontaneità e asciutta freschezza.

Conquered by the Roman cuisine

The creativity of Antonio Vitale, Chef at Café Romano at the Hotel d’Inghilterra Roma - Starhotels Collezione La creatività di Antonio Vitale, Chef del Café Romano all’Hotel d’Inghilterra Roma - Starhotels Collezione Antonio Vitale, a native of Cava dei Tirreni (Salerno), was born in 1980 and entered the staff of two Michelin-starred restaurants at a young age. After

gaining by prestigious Italian and international experience, he arrived at the Hotel d’Inghilterra in 2011. Conquered by Roman cuisine, his dishes echo

the Mediterranean tradition, where supreme ingredients reign, blended with contemporary reinterpretations and gourmet offerings.

Antonio Vitale, classe 1980 originario di Cava dei Tirreni (Salerno), entra

giovanissimo nello staff di due ristoranti stellati e successivamente si arricchisce di prestigiose esperienze italiane e straniere fino ad approdare nel 2011 all’Hotel

d’Inghilterra. Conquistato dalla cucina romana, nei suoi piatti gli echi della tradizione mediterranea, dove regnano supreme le materie prime, si fondono a rivisitazioni contemporanee e a proposte gourmet.

33


txt Giovanni Bogani

movie i nt er v i ew

The dark side of Florence Tom Hanks shares his experience in the cradle of the Renaissance city and its enduring charm Tom Hanks racconta della sua esperienza nella città culla del Rinascimento e del fascino che da sempre esercita

T

he first time I “meet” him – even though he doesn’t realize it – is at 6 in the morning on May 3, 2015, on the set of the film “Inferno.” I’m an extra in this movie, directed by Ron Howard. At 5 in the morning, everyone assumes their positions in line—then, inside a large, abandoned cinema hall, they divide us, instructing each of us on what to do. I have to walk up and down in a street behind Palazzo Vecchio. I do it from 6 in the morning until noon: up, down, up, down. That day happens to be my birthday, and it’s the weirdest way of celebrating it I can remember. Behind me, there’s a man escaping from someone—or something. I see him from behind as he

34

runs. I only realize the next day that the man was Tom Hanks. We meet again over a year later at the film premiere. The gala screening at Teatro dell’Opera welcomed two thousand audience members, hailing from all over the world: in addition to a few lucky Florentines, there are Japanese, Norwegian, Australian journalists. Everyone’s there to see Florence on the big screen, at its most spectacular and yet foreboding—the place where Tom Hanks will chase and be chased. The Boboli Gardens, the Vasari Corridor, Palazzo Vecchio, the Baptistery: all these places simultaneously invoke both fascination and death, both wonder

La prima volta lo “incontro” – ma lui non lo sa – alle sei di mattina del 3 maggio 2015, sul set del film “Inferno”. Sono una comparsa del film diretto da Ron Howard. Alle cinque di mattina tutti in fila, poi dentro un grande cinema abbandonato ci dividono, dicono ad ognuno che cosa fare. Io devo camminare su e giù, in una strada dietro Palazzo Vecchio. Lo faccio dalle sei di mattina fino a mezzogiorno, su e giù, su e giù. Quel giorno è il giorno del mio compleanno: il modo più bizzarro di festeggiarlo che ricordi. E dietro di me, c’è sempre un signore che scappa da qualcuno, o qualcosa. Lo vedo di spalle, mentre corre. Mi accorgerò solo il giorno dopo che quell’uomo

era Tom Hanks. Ci rivediamo più di anno dopo alla prima del film. La proiezione di gala, al Teatro dell’Opera, accoglie duemila spettatori venuti da tutto il mondo: oltre ad alcuni fortunati fiorentiniT ci sono giornalisti giapponesi, norvegesi, australiani. Tutti a vedere, sullo schermo, una Firenze spettacolare e insieme minacciosa, dove Tom Hanks insegue e viene inseguito. Il Giardino di Boboli, il Corridoio vasariano, Palazzo Vecchio, il Battistero: tutti diventano, contemporaneamente, luoghi di fascinazione e di morte, di meraviglia e di minaccia. È una Firenze dark quella che viene consegnata, dal film, agli spettatori di tutto il mondo.


Tom Hanks returns for the third time as Professor Robert Langdon, the professor invented by Dan Brown for his adventures into the universe of symbols

35


On the set of “Inferno” with director Ron Howard, the cast and Dan Brown

and threat. This film gives a darker vision of Florence to audiences around the world. Tom, during filming, what was your relationship with Florence like? Well, it certainly wasn’t a “hellish” Florence. In the city I got to see the splendor of the Renaissance, and the beauty of the greatest architecture in history. And the best gelato that I’ve ever tasted! In your opinion, what’s the essence of the film? In his books, Dan Brown always deals with faithrelated issues. It’s the same thing here. While “The Da Vinci Code” reflected on divinity, “Angels and Demons” questioned creation - whether it came from the hand of God or from the Big Bang. This film 36

sulla divinità, ‘Angeli e demoni’ si interrogava sulla creazione - se venisse dalle mani di Dio o dal Big Bang. E questo film si interroga sull’Inferno. Che cosa accade all’Inferno, e com’è l’Inferno? L’Inferno dove è, per lei? Tom, durante le riprese looks at hell. What happens sul film qual è stato il suo Il film racconta un Inferno in hell, and what’s it like? creato sulla Terra. E anche rapporto con Firenze? Where is “Inferno,” as you nella vita reale spesso è così: Beh, non è stata per niente see it? una Firenze ‘infernale’. Nella l’ambiente devastato, intere The film depicts an popolazioni tenute in stato città ho visto lo splendore “Inferno” on Earth. In real del Rinascimento, la bellezza di schiavitù, i mille gradi di life, it’s often like this: a della più grande architettura miseria sono inferni creati destroyed environment, da noi stessi, dall’uomo. della storia. entire populations held in bondage - the many degrees E anche il miglior gelato che L’Inferno sulla Terra può essere evitato se ciascuno abbia mai assaggiato! of misery you see are hells that we’ve created ourselves. Qual è il nocciolo del film, vede questi problemi e lavora per scongiurarli. secondo lei? “Hell on Earth” could be Quale potrebbe essere il Dan Brown, nei suoi libri, avoided if everyone saw suo personale Inferno? these problems and worked tratta sempre questioni legate alla fede. È così anche Sono un uomo fortunato: ho toward their prevention. avuto una vita pulita, onesta, questa volta. Mentre il What could be your own piena di soddisfazioni, e ho ‘Codice da Vinci’ rifletteva personal hell?

“Playing professor Robert Langdon is a great opportunity because I get to play the most intelligent of all film characters!“


Celebrating the release of the film Inferno, the Hotel Helvetia & Bristol has introduced a package allowing its guests a most fascinating and one-time experience: visit Florence in the footsteps of Robert Langdon - Tom Hanks. The package is available until 31/12

I’m a lucky man: I’ve had a clean and honest life, full of satisfactions, and I’ve avoided the deepest experiences of pain. But in life, each one of us has a moment where we wake up at three in the morning, look at ourselves in the mirror and ask: what’s happened to me? In general, though, I don’t have much to complain about. If I felt that I hadn’t lived each moment to its full potential, well, that’s where I’d feel as if I were “in hell.” This is the third time you’ve played professor Robert Langdon, the symbology expert and main character in Dan Brown’s series. What do you love most about the character? Playing him is a great opportunity because I get

“If I felt that I hadn’t lived each moment to its full potential, well, that’s where I’d feel as if I were in hell” to play the most intelligent of all film characters! If you give me enough time to prepare and some good dialogue, I can even make him believable, at least for the film’s duration. You’re a collector of old typewriters. Why? I like their aesthetic, and I like what they can do. These machines seem limited, but when used in the right way, they give you the chance to change the world. I use them every day: I send letters and take notes, and they’re fantastic.

evitato le esperienze più terribili del dolore. Ma ognuno di noi ha, nella vita, un momento in cui si sveglia alle tre di notte, si guarda allo specchio e si chiede: ma cosa mi è successo? In generale, però, non ho tanto di cui lamentarmi. Se sentissi di non aver realizzato appieno il potenziale di ogni minuto, ecco, allora sì, mi sentirei all’inferno. È la terza volta che interpreta il professor Robert Langdon, l’esperto di simbologia

protagonista della saga scritta da Dan Brown. Che cosa ama del personaggio? Interpretarlo è una grande opportunità, perché posso interpretare il più intelligente tra tutti i personaggi del film! Se mi date abbastanza tempo per prepararmi e un buon dialogo, riesco persino a farlo credere, almeno per la durata di un film. Lei è un collezionista di vecchie macchine da scrivere. Perché? Mi piace la loro estetica, e mi piace quello che possono fare. Queste macchine sembrano limitate, ma impiegate nel modo giusto ti permettono di cambiare il mondo. Le uso ogni giorno: mando lettere e mi scrivo appunti, e sono fantastiche. 37


txt Sabrina Bozzoni

fashion i t i ner a r y

Fendi is Rome. Rome is Fendi 90 years of fashion, experimentation and craftsmanship 90 anni di moda, tra sperimentazione e artigianalità

1

926–2016. A story of elegance and awe, consecrated by a deep bond between Rome and Fendi. In this charming city, where beauty and Italian craftsmanship reign without compromise, 90 years ago Edoardo and Adele Fendi opened a historical boutique on via del Plebiscito, the true beginning of the Fendi Empire. A journey of a precise, never banal, style capable of creating an inimitable liaison between art and fashion, which would attract an exceptional commander in 1965: Monsieur Karl Lagerfeld and the famous double F that became the universally loved Fendi logo. Silvia Venturini Fendi is the third generation, working alongside Karl

38

Lagerfeld since 1992 in the role of creative leadership at the maison and birthing such iconic bags as the Baguette, the Spy and the B Fendi, as well as a unique understanding of fur, no longer just exclusive outerwear but a rough diamond on which to shape avant-garde experiments. In 2016, Fendi pays tribute to its beloved city with a myriad of initiatives that are set to enhance the beauty that made it world famous. Fendi for Fountains is the name of an ambitious cultural patronage project that aims to revive the former glory of the city’s most important fountains, including the timeless Trevi Fountain. Legends and Fairytales inaugurated the restoration of the Trevi

1926 – 2016. Una storia di eleganza e stupore, consacrata da un legame profondo, quello tra Roma e Fendi. In una città d’incanto, tra bellezza all’italiana e artigianalità senza compromessi, Edoardo e Adele Fendi fondarono, 90 anni fa, quella storica boutique in via del Plebiscito, il vero inizio dell’impero Fendi. Un viaggio lungo i binari di uno stile preciso, mai banale, capace di creare liaison inimitabili in bilico tra arte e moda, che vedrà, a partire dal 1965, un comandante d’eccezione: Monsieur Karl Lagerfeld e quella famosa doppia F che diventerà il logo di Fendi universalmente amato. Silvia Venturini Fendi rappresenta la terza generazione, affiancando, a partire dal 1992, Karl

Lagerfeld nella guida creativa della Maison e dando vita a borse iconiche: pensiamo alla Baguette, alla Spy e alla B Fendi, oltre a un modo unico di intendere la pelliccia, non più esclusivo capospalla, ma diamante grezzo su cui plasmare sperimentazioni avant garde. In questo importante 2016, Fendi ha reso omaggio alla sua amata città, con una miriade di iniziative volte a esaltarne la bellezza che l’ha resa celebre in tutto il mondo. “Fendi for Fountains”, è questo il nome dell’ ambizioso progetto di mecenatismo culturale volto a far rivivere l’originario splendore delle più importanti fontane della città, tra cui l’intramontabile Fontana di Trevi. Memorabile è stato Legends and FairyTales l’evento-show


For its 90th anniversary, Fendi staged one of its most breathtaking shows ever, a clear plexiglass runway stretched across Rome’s iconic Trevi Fountain. Above Karl Lagerfeld and Silvia Venturini Fendi

39


Palazzo Fendi, an 18th century edifice in the heart of Rome and a portreit of Pietro Beccari, Silvia Venturini Fendi and Karl Lagerfeld

Fountain in July 2016. The unforgettable event was a riot of beauty and wonder, striking harmony between the marble sculptures and the elegant garments designed by Lagerfeld. “The first time I saw it, I must have been twelve or thirteen, but I was immediately struck,” says Karl Lagerfeld. “The Trevi Fountain is Rome, more than the Colosseum, beauty that remains in the global collective imagination. Rome would not be Rome without its fountains.” “This city is a constant source of inspiration,” adds Silvia Venturini Fendi. “I’m constantly fascinated by it. Endless details of invaluable artistic and cultural value are hidden here. Fendi has always supported cultural 40

initiatives and the recovery of this city’s artistic heritage, transforming it, at times, in a unique backdrop for the presentation of our collections. The last exciting show in July at the Trevi Fountain celebrated the maison’s 90 years.” Fendi news doesn’t end here. The Palazzo Fendi, overlooking via Condotti and the Piazza di Spagna and just a few steps from our own Hotel d’Inghilterra - Starhotels Collezione, has also unveiled a new look. While the facade stays true to its historical Italian architecture, the rest of the 17th-century building has been fully renovated and transformed into a space dedicated to the exceptional art of refined living. Here the new boutique

con cui è stato inaugurato il restauro di Fontana di Trevi nel luglio 2016: un tripudio di bellezza e stupore, tra le armoniose sculture marmoree e l’eleganza dei capi disegnati da Lagerfeld. “Fin dalla prima volta che l’ho vista, avrò avuto dodici o tredici anni, la Fontana di Trevi mi ha subito colpito – racconta Karl Lagerfeld rappresenta Roma, più del Colosseo, di una bellezza che permane nell’immaginario collettivo globale. Roma non sarebbe Roma senza le sue fontane”. “Questa città è una continua fonte di ispirazione - aggiunge Silvia Venturini Fendi - ne sono costantemente affascinata. In lei si nascondono infiniti dettagli dal valore artistico e culturale inestimabile. Fendi ha sempre sostenuto le iniziative

culturali e di recupero del patrimonio artistico della città, trasformandoli, a volte, in scenari unici per la presentazione delle collezioni. Ultima emozionante sfilata di luglio sulla Fontana di Trevi per celebrare i 90 anni della Maison”. Le novità in casa Fendi non si fermano, lo storico Palazzo Fendi, affacciato su via Condotti e su piazza di Spagna, a pochi passi dal nostro Hotel d’Inghilterra - Starhotels Collezione, svela il suo nuovo look. Mentre la facciata resta fedele all’architettura italiana storica, il resto di quest’edificio del Seicento completamente rinnovato è stato trasformato in uno spazio dedicato all’eccezionale arte del vivere raffinato. Qui la nuova boutique si sposa perfettamente con lo


Rome’s iconic Palazzo della Civiltà Italianà, the new Fendi’s headquarters

blends perfectly with the spirit of this standout location. Redesigned as an international destination dedicated to the founding values ​​and artistic passions of the maison, the fivestorey building contains the world’s largest Fendi boutique with the first ever fur atelier, an apartment specially designed to accommodate its most important clients, Zuma, the internationally renowned Japanese restaurant, and the rooftop terrace of your dreams. The last and grandest Fendi project for 2016 concerns Rome’s most monumental district: Eur, where the maison’s new headquarters have been relocated to the Palazzo della Civiltà Italiana. “We are proud to have been able

monumentale di Roma: l’Eur, sede del nuovo headquarter della maison all’interno del Palazzo della Civiltà Italiana. “Siamo orgogliosi di poter restituire oggi alla nostra città Palazzo della Civiltà Italiana, simbolo delle nostre spirito di questa location to return the Palazzo della radici romane e del continuo d’eccezione. Ripensato Civiltà Italiana to the city dialogo tra tradizione e come meta internazionale as a symbol of our Roman modernità, valori da sempre dedicata ai valori fondanti roots and the ongoing cari a Fendi - aggiunge e alle passioni artistiche dialogue between tradition Pietro Beccari, Presidente della Maison, l’edificio di and modernity: values that e Amministratore Delegato cinque piani contiene la più have always been dear to del marchio - inoltre, dopo grande boutique Fendi al Fendi,” adds Pietro Beccari, mondo con il primo atelier di più di settant’anni dalla sua the brand’s President and creazione, il Palazzo della pellicceria al suo interno, un CEO. “More than 70 years after its creation, the Palazzo appartamento appositamente Civiltà Italiana riapre le sue porte al pubblico con il primo della Civiltà Italiana reopens ideato per accogliere i clienti piano finalmente visitabile”. più importanti e Zuma, its doors to the public, who Un simbolo architettonico e can at last visit its first floor.” il rinomato ristorante An architectural and cultural giapponese internazionale con culturale radicato nelle radici della Roma moderna, carico di una terrazza panoramica da symbol rooted in modern significati, considerato l’icona sogno. L’ultimo e grandioso Rome, full of meaning, del ventesimo secolo, ora casa progetto di Fendi per il 2016 considered an icon of the di Fendi. riguarda il quartiere più 20th century and now the

“The Trevi Fountain represents Roman beauty, even more than the Colosseum”

41


txt Francesca Lombardi ph Giovanni Gastel

Photo i nt er v i ew

I’m no romantic

Giovanni Gastel at Palazzo della Ragione: 40 years of fashion and elegance Giovanni Gastel a Palazzo della Ragione: viaggio in 40 anni di moda ed eleganza

Photographer extraordinaire and a remarkable man. At Palazzo della Ragione, where his exhibition marks 40 years of history, Giovanni Gastel shared with Starhotels Giovanni Gastel shared his passion, culture and indomitable enthusiasm for the future. Today your photos are visual poems, but you started with words. Your first work was Casbah. How did you get into photography? It’s a funny story. Like many teenagers, I was already taking photos, but I thought I would write poems forever. Then at 16, I met a girl, Alessandra, who thought poems and the world of literature were boring. However, she convinced me that photos were something special. And so as only women can win the hearts of 17-year-old lads, I became a professional photographer. It was a momentous meeting, but not my first love. Perhaps the second or third... after poetry and theatre. Creativity and style. Where do they meet? The difference lies in your uniqueness. Every person is unique and verging on the miraculous. We’ve all had millions and millions of circumstances pitted against 42

us. My advice is to look within yourself, at your mild dystonia, what makes you different from others and start there...It’s a word, a touch, but it makes us individuals. What’s your word? Elegance. And based on this word, I have built my own parallel universe. What do you love about colour? My photography does not have to tell the world as it really is; it can be an allusion to the real world and no more. Having said that, I use black and white a lot, but I find it an escamotage, a translation of a simplified reality. It’s harder to develop a personal vision of the world in colour because you have to find a colour that is its real colour as well as your own colour. Fashion or portraits? I remember the first show I did with Germano Celant. At one point he told me, “Giovanni, stop saying you’re a photographer of something. You’re a photographer and that’s it.” It was a spark of brilliance and ever since then I’ve thought of myself and my work like that. It’s my style to make a trait d’union out of what is in front of me. Each image is a different story. I play around in all my photos, whether they are of stones or

Fotografo straordinario, e uomo straordinario. In mostra a Palazzo della Ragione con 40 anni della sua storia, Giovanni Gastel si racconta per Starhotels: le sue passioni, la sua cultura, e un indomabile entusiasmo per il futuro. Oggi le sue foto sono poesie visive … ma lei ha iniziato con le parole: la sua prima opera sono le liriche Casbah. Come è passato alla fotografia? E’ stato divertente. Già fotografavo come tanti adolescenti, ma pensavo che avrei scritto poesie per tutta la vita. Poi a 16 anni ho incontrato una ragazza, Alessandra, che trovava noiosissime le poesie e il mondo della letteratura. Però mi ha convinto che le mie foto avevano qualcosa in più. E talmente possono le donne sul cuore degli uomini che a 17 anni sono diventato fotografo professionista. Un incontro fulminante, ma non il primo amore. Forse il secondo, anche il terzo… dopo poesia e teatro. Creatività e stile. Qual è il loro punto di incontro? La differenza la fa la tua unicità. Ogni essere è unico e anche miracoloso: abbiamo avuto tutti milioni e milioni di possibilità contro. Quello che consiglio io è di cercare dentro noi stessi la

nostra lieve distonia, quello che ci rende differenti dagli altri e da questa partire… Una parola, una sfumatura ma ci rende irripetibili. Qual è la sua parola? Eleganza… E su questa parola ho costruito il mio personale mondo parallelo. Cosa ama del colore? La mia fotografia non deve raccontare il mondo così com’è, può essere un’allusione al mondo reale ma non di più. Detto questo in realtà io uso anche il bianco e nero, ma lo trovo un escamotage, una traslazione del reale semplificata. Più difficile con il colore perché, in questo caso, si deve trovare un colore che sia il colore reale ma anche il tuo colore. Moda o ritratti? Ricordo la prima mostra che ho fatto con Germano Celant. Ad un certo punto mi ha detto: “Giovanni piantala di dire che sei un fotografo di qualche cosa. Sei un fotografo, basta.” Una intuizione geniale e da allora ho pensato questo di me e del mio lavoro: è il mio stile a fare da trade d’union di quello che ho di fronte. Ogni immagine allora è una storia a sé, mi gioco tutto con la foto che faccio oggi, che sia un sasso o una top model. Le mie foto sono autoportanti: hanno valore in sé, e devono sempre raccontare un po’ di me.


Chopard, 2002

43


Living portraits, “Elle Decor”, April 2013

supermodels. My photos are self-supporting. They have their own value and always share a little of me. Sometimes your photos seem as if they are frames from a film. Is your proximity to movies dictated by family history or personal feelings? The entire reconstruction of my world is, I would say, more theatrical than cinematic. Obviously I love cinema and the influence of Luchino (Visconti ed.) was huge, but my personal mise en scène is always on the stage... You often return to this parallel world, but at the same time, you seem happy in this world... Let’s say yes, even if some of the dynamics escape me. I can’t join them completely. But my personal universe has different roots. When you’re 44

searching for what makes you different, you choose solitude, it’s less comforting than a choice to share with others. From loneliness to the development of your own parallel world is a short step. View camera, polaroid snaps or the potential of the digital age? I’m digitised. What we have done up to now is photographic archaeology, which is fine, but we need to be aware of that. The digital age is the present and it will be so more and more in the future. In fact, in my opinion it marks the birth of photography because it gave us a previously unimaginable freedom. Another thing: it’s a revolution that excites me. With the advent of the iPhone and iPad and the more widespread use of these instruments, photography

Talvolta le sue foto sembrano frame di un film. La sua vicinanza al cinema è dettata dalla sua storia familiare o è una sua personale sensibilità? Tutta la ricostruzione del mio mondo la definirei più teatrale che cinematografica. Ovviamente amo il cinema e l’influenza di Luchino (Visconti ndr) è stata enorme, ma la mia personale mise en scéne è sempre su un palcoscenico ... Torna spesso questo mondo parallelo, ma allo stesso tempo lei sembra una persona che sta bene in questo mondo… Diciamo di sì, anche se alcune dinamiche mi sfuggono un po’, non riesco ad aderire completamente. Però il discorso ha una radice diversa: quando ricerchi la tua differenza fai una scelta personale di solitudine, meno confortante rispetto a

una scelta di condivisione. Da qui alla ricerca di un universo personale il passo è breve. Banco ottico, lastre polaroid o le potenzialità del digitale? Io sono completamento digitalizzato. Quello che abbiamo fatto fino a oggi è archeologia fotografica, che va benissimo, basta essere consapevoli. Ma il digitale è il presente e sarà sempre più il futuro, anzi secondo me segna la nascita della fotografia perché ci ha dato una libertà impensabile prima. Aggiungo una cosa, perché è una rivoluzione che mi entusiasma: con l’avvento degli iPhone, iPad ecc., la fotografia si è trasformata da tecnica a lingua. E questa è una vittoria incredibile, per chi come me ama il mezzo… Un punto di vista interessante, molto contemporaneo … Non amo le romanticherie


Angeli Caduti, 2002

has been transformed into a language technique. This is a victory for people like me who love the medium. An interesting point of view that’s very contemporary. I have no love for decadent romanticisms! Art has always favoured the latest technology available. But with the new medium, we must not look to reproduce old photos... What does a photo need to have not to be forgotten? As with the written word, it’s not the tool that is important, but the technique. With the same words you can write the Baron in the Trees and a text message, just as you can use photography to communicate high or everyday concepts... Do you miss the fabulous energy of the ‘80s? We all wanted to build the future, to create things that

“Art has favoured the latest technology available. But with the new medium, we must not look to reproduce old photos...” didn’t exist in a world yet to be realised. It was fun, but I never look back! I prefer to intercept the future. You have to renew the image of a brand. Where do you start and where you do arrive? I begin by respecting the product to drive the search for an absolutely original language that speaks of the brand. That’s why my bond with companies is so lasting. How do you feel about being an artist? Only strippers have “artist” on their passports!

un po’ decadenti! L’arte ha sempre privilegiato la massima tecnologia a disposizione, perché guardare indietro? Però con il mezzo nuovo non devi cercare le foto vecchie… In questa overdose di immagini in cui viviamo, cosa deve avere un’immagine per non essere dimenticata? Come con la parola scritta, non è lo strumento che è importante ma la tecnica. Con le stesse parole puoi scrivere il Barone Rampante e un messaggio sul cellulare, così come puoi usare la fotografia per comunicare

concetti altissimi o quotidiani… ma vanno bene entrambi. Le manca la favolosa energia degli anni ’80? Tutti avevamo la volontà di costruire il futuro, di creare cose che non esistevano ancora per un mondo ancora da realizzare. Era divertente, ma io non mi guardo mai indietro! Preferisco intercettare il futuro. Deve rinnovare l’immagine di un brand, da dove inizia e qual è il punto di arrivo? Inizio dal rispetto del prodotto per ricercare un linguaggio assolutamente originale che racconti il brand. Per questo il mio legame con le aziende è così duraturo. Il suo lavoro è oggetto di grandi mostre. Come si sente nelle vesti di artista. Solo le spogliarelliste hanno scritto artista sul passaporto! 45


ph. Carla Coulson - Jean Paul Gaultier


Glamour tour

From Paris to Milan, a fascinating journey to discover the fashion cities that set the trends Da Parigi a Milano, un itinerario affascinante alla scoperta delle fashion city che dettano legge Parigi, Londra, New York, Milano, Roma e Firenze, le few and far between. These grandi capitali della moda nel are the world’s coolest mondo si contano sulle dita di cities, the places that gave una mano. Sono le città più rise to the maisons that cool dove sono nate le maison designed the history of fashion. They’re true hotbeds che hanno disegnato la storia della moda, autentici vivai di for trends – places where tendenze, luoghi d’incontro per stylists, designers and style stilisti, designer e icone di stile. icons come together. Each Metropoli frizzanti frequentate city’s local scene is dynamic, dai più stilosi del pianeta. worldly and contemporary. Scene in continua evoluzione, Starhotels Collezione destinations make the starting che pullulano di vita mondana e cultura contemporanea. point for discovering the Big Punto d’inizio ideale per Six: with this collection, the Group has solidified its status scoprire le Big Six, gli hotel Starhotels Collezione, in the high-end market. The con i quali il Gruppo ha Starhotels Collezione is set apart for its refinement, consolidato la sua posizione nel segmento dell’alta gamma, si well-thought-out design, distinguono per la raffinatezza illustrious spaces and close e la cura del design, spazi attention to service – an prestigiosi e una particolare essentially tailor-made approach. Hotels are located attenzione al servizio, praticamente “su misura”. in the heart of the trendiest Si trovano nel cuore dei neighborhoods, fit for quartieri più fashion da exploring, enjoying history, scoprire e gustare tra storia, shopping and high fashion shopping e cultura della moda. culture. Global fashion capitals are


city f a shi on

paris

It’s the cradle of fashion and home to history’s oldest maisons È la culla della moda che oggi detiene il primato delle maison più storiche

I

f we tell the whole story, it was a sixteenth century Florentine who really gave the French their first great lessons in elegance: Catherine de’ Medici, wife of the Dauphin of France, later known as King Henry IV. But sometimes students surpass their teachers, and the French mastered it so well that Paris became the cradle of fashion. Emerging from the grand French courts and then brought to its peak with the first great createurs – Paul Poiret, Madeleine Vionnet, Madame Gres, Elsa Schiaparelli – French fashion vaunts history’s most famous maisons, still standardsetters to this day, led by contemporary designers: Chanel, Dior, Louis Vuitton, Hermés, Balmain, Givenchy, Lanvin. Anyone staying at

48

French fashion vaunts the most historic maisons, still benchmarks, now led by contemporary designers the Castille Paris - Starhotels Collezione won’t take long to figure this out, since Chanel’s headquarters borders the hotel. A stone’s throw away is the famously chic Rue du Faubourg Saint-Honoré – with Avenue Montaigne and Avenue George V, it forms the socalled golden triangle of fashion. Parisian lèche-vitrine is concentrated in the Haut Marais. Women’s Ready to Wear Fashion shows are in September/October and in February/March.

A dirla tutta, fu una fiorentina a impartire ai francesi la prima grande lezione d’eleganza, Caterina de’ Medici, nel Cinquecento, sposa del delfino di Francia poi divenuto re Enrico IV. Ma, come quando l’allievo supera il maestro, i francesi hanno poi saputo fare così bene che Parigi è diventata la culla della moda. Nata con le grandi corti francesi e poi portata all’apice dai primi grand createur, Paul Poiret, Madeleine Vionnet, Madame Gres, Elsa Schiaparelli, la moda francese vanta le maison

più storiche, tutt’ora punto di riferimento, guidate da stilisti contemporanei: Chanel, Dior, Louis Vuitton, Hermés, Balmain, Givenchy, Lanvin. Chi alloggia al Castille Paris - Starhotels Collezione non ci mette molto per rendersene conto dato che la sede di Chanel confina proprio con l’hotel. A due passi da qui, si staglia le celebre strada consacrata allo chic, Rue du Faubourg Saint-Honoré, che con Avenue Montaigne e Avenue George V forma il cosiddetto triangolo d’oro della moda. I parigini lèche-vitrine si concentrano nell’Haut Marais colonizzato da designer e galleristi d’arte contemporanea, botteghe di nicchia e artigianali che aprono continuamente. La settimana delle sfilate prêt à porter donna è a settembre/ottobre e a febbraio/marzo.


Above, Castlille Paris - Starhotels Collezione Below, 31 rue Cambon, the world of Coco Chanel

49


city f a shi on

NEW YORK

In the streetwear metropolis, the first fashion week was born in 1943 Nella metropoli dello streetwear nel 1943 è nata la prima settimana della moda nella storia

W

e move across the Atlantic to America, where the capital of fashion is obviously New York – it’s where, in 1943, the first fashion week in history took place. Journalist Eleanor Lambert organized it, intent on presenting work by American designers, who’d been ignored up to that point. In the 1980s and ‘90s, shows took place under tents in Bryant Park; now they’re organized in various venues across the city. The Michelangelo - Starhotels Collezione faces the supercentral, legendary Times Square, and offers a unique mix of style and authentic Italian hospitality, making it one of New York’s top luxury hotels. Today in the Big Apple, it’s primarily

50

centralissima e leggendaria Times Square si affaccia l’hotel The Michelangelo Starhotels Collezione, un mix unico di stile e autentica ospitalità italiana che lo rende uno dei migliori hotel di lusso di New York. Nella Grande Mela oggi sfilano soprattutto Ci spostiamo in un altro stilisti statunitensi o continente, in America naturalizzati americani. Tra dove la capitale della moda i marchi storici ci sono Ralph è New York, ovviamente Lauren, Tommy Hilfiger, dove nel 1943 ha avuto Oscar De La Renta, Carolina luogo la prima settimana Herrera, DKNY, e tra i della moda nella storia del più recenti Michael Kors, mondo organizzata dalla Vivienne Tam e Vera Wang. giornalista Eleanor Lambert Tra tutte le settimane della per presentare i lavori degli moda, quella di New York è stilisti americani, fino a quel definita la più streetwear e momento ignorati. Negli anni ogni anno, durante la fashion Ottanta e Novanta le sfilate week americana, le star si tenevano sotto a tendoni spendono fino a 500 milioni allestiti a Bryant Park, ora di dollari in shopping nel sono organizzate in svariati cuore di Manhattan, Fifth luoghi della città. Sulla Avenue in testa!

In New York took place in 1943 the first fashion week in the history, organized by Eleanor Lambert American or naturalized US citizen designers who give shows. Among the historic brands are Ralph Lauren, Tommy Hilfiger, Oscar De La Renta, Carolina Herrera and DKNY, while the more recent are Michael Kors, Vivienne Tam and Vera Wang. Of all the fashion weeks, New York is definitively the most streetwear-focused; every year during American fashion week, stars spend up to 500 million dollars shopping in the heart of Manhattan, with Fifth Avenue topping the list!


A view of the Big Apple. Below The Michelangelo New York - Starhotels Collezione

51


city f a shi on

LONDon

The city of classic British style, but above all, a welcoming port of call for young talents La città del classico British style ma che più di altre offre occasioni di sbarco alle giovani leve

T

he British capital is a shopping mecca. All you have to do is walk down Sloane or Bond Street in the uber-chic Kensington neighborhood to find the most important fashion houses, along with the world’s historic department store, Harrods, in Brompton Road. For complete immersion in style and elegance, stay in one of the district’s dream hotels, like The Gore, The Pelham and The Franklin – all three part of Starhotels Collezione. Fashion in London is mainly of the classic “British” variety, associated with Burberry, Daks, Mulberry, Pringle of Scotland and Paul Smith, or that more anarchist 52

London is a shopping mecca. The most important fashion houses are in the uber-chic Kensington neighborhood look of the last twenty years, linked to Vivienne Westwood, Gareth Pugh, known for his dark style, and Alexander McQueen, noted for his gothic-leaning looks, now steered by Sarah Burton. Many new designers like J.W. Anderson, Anya Hindmarch, Mary Katrnazou, Barbara Casasola, Peter Pilotto and Christopher Kane are also showing since London has prestigious fashion schools like Central Saint Martins.

La capitale britannica è una mecca per lo shopping. Basta percorrere Sloane Street e Bond Street, nel quartiere chicchissimo di Kensington, per trovare le vetrine di tutte le più importanti case di moda oltre al più famoso e storico department store del mondo Harrods, in Brompton Road. Per un’immersione totale nello stile e nell’eleganza, soggiornate in uno degli hotel da sogno che vanta il quartiere, come il The Gore, il The Pelham

e il The Franklin, tutti e tre firmati Starhotels Collezione. La moda che si vede a Londra è soprattutto quella classica “British”, associata a Burberry, Daks, Mulberry, Pringle of Scotland e Paul Smith, e quella dallo stile anticonformista degli ultimi vent’anni, come Vivienne Westwood, Gareth Pugh conosciuto per il suo stile dark e Alexander McQueen, noto per gli abiti dal gusto gotico e ricercato, guidato ora da Sarah Burton. Sfilano anche molti nuovi stilisti come J. W. Anderson, Anya Hindmarch, Mary Katrnazou, Barbara Casasola, Peter Pilotto e Christopher Kane perché ci sono prestigiose scuole di moda come la Central Saint Martins.


Above, Harrods in Brompton Road Below, The Franklin London - Starhotels Collezione, overlooking Egerton Gardens

53


city f a shi on

MILAN

Glamorous city with excellent international connections and the first point of reference for Italian fashion Città glamour, con ottime connessioni internazionali, è il primo riferimento per la moda in Italia

M

ilan has long held the distinction of being the Italian fashion city par excellence. The Rosa Grand Milano Starhotels Collezione is a few steps from the Quadrilatero della Moda, the definitive high-end district, defined by via Monte Napoleone, via Manzoni, via della Spiga and corso Venezia - four legendary streets where you breathe in fashion at every turn, and where luxury is on full display in the boutiques, showrooms and jewelry shops. Don’t miss the extraordinary Galleria Vittorio Emanuele in piazza Duomo, among the world’s oldest malls. Milan fashion week, organized by the Camera Nazionale della Moda, takes place in September and February, first launched in 54

la moda si respira in ogni angolo e il lusso è messo in scena nelle numerose boutique, showroom e gioiellerie. Senza dimenticare la straordinaria Galleria Vittorio Emanuele II in piazza Duomo, uno dei più antichi mall del mondo. La fashion week milanese, organizzata dalla Camera La prima città a cui si pensa Nazionale della Moda, si svolge quando si parla di moda in Italia a settembre e a febbraio, nata è Milano. Per la sua posizione negli anni Settanta con le sfilate strategica e le connessioni di prêt à porter che si tenevano internazionali che ha saputo inizialmente alla Fiera di Milano: sviluppare, Milano detiene da c’erano Walter Albini, Krizia e molto tempo il primato di città Missoni. Poi arrivarono Giorgio della moda italiana per eccellenza. Armani, Versace, Gianfranco L’hotel Rosa Grand Milano Ferré e negli anni Novanta Dolce - Starhotels Collezione è a & Gabbana. Oggi le sfilate si due passi dal Quadrilatero della svolgono in location straordinarie Moda, il quartiere dell’eleganza in tutta la città. Tra i musei della e del lusso per antonomasia, moda da non perdere senz’altro delimitato da via Monte il Museo del Costume, della Napoleone, via Manzoni, via Moda e dell’Immagine a Palazzo della Spiga e corso Venezia. Morando in via Sant’Andrea, in Quattro strade leggendarie dove pieno Quadrilatero.

Fashion and luxury: in the Quadrilatero della Moda and in the recently restored Galleria Vittorio Emanuele II the 1970s with the prêt à porter shows, initially held in the Fiera di Milano-with Walter Albini, Krizia and Missoni. Later Giorgio Armani, Versace and Gianfranco Ferré joined in, with Dolce & Gabbana arriving in the 1990s. Today, shows take place in extraordinary locations throughout the city. Among the must-see fashion museums are the Costume Museum and the Fashion Museum in Palazzo Morando on via Sant’Andrea, in the heart of the Quadrilatero.


Above Piazza Duomo and Museo del Novecento. Below Rosa Grand Milano - Starhotels Collezione

55


city f a shi on

ROMe

In the Eternal City where the style and elegance of the Dolce Vita still enchant today Nella Città Eterna dove lo stile e l’eleganza della Dolce Vita incantano ancora oggi

T

he history of Italian fashion is inextricably linked to the capital. If many other places have, over time, formed a national supply chain, we owe the creation of “Italian style”, in large part, to Rome, to the stars and scenery of the Dolce Vita era, and the charm it oozed. Its seductive scenery spilled over into popular imagination through films like Roman Holiday, with the ultimate icon of class and elegance, Audrey Hepburn. Even today, Rome is considered one of the most important style capitals, with its high fashion shows (with winter and summer dates) and the elegance of its most glamorous areas. Set among the luxury boutiques of via Condotti and Piazza di Spagna, home to the 56

We owe the creation of ”Italian style“, in large part, to Rome, to the stars and scenery of the Dolce Vita era main Italian and international fashion houses, is the Hotel d’Inghilterra Roma Starhotels Collezione. The shops that line Via Condotti entice your credit card out of hiding with their glittering window displays. Take time also for people watching, as this is the haunt of any celebrity in town. Among the maisons with roots in the capital are legends like Fendi and Valentino, Gattinoni, Laura Biagiotti and Brioni, as well as the illustrious jeweler Bulgari.

La storia della moda italiana è legata a filo doppio alla capitale. Se molti altri luoghi hanno contribuito nel tempo al radicamento di una filiera produttiva nazionale, buona parte della creazione di uno “stile italiano” la dobbiamo proprio a Roma e all’epoca della Dolce Vita, con il fascino debordante della Roma e delle sue star. Uno scenario seducente diffuso nell’immaginario globale anche grazie a film

come Vacanze romane, con l’icona di classe ed eleganza per eccellenza, Audrey Hepburn. Ancora oggi è considerata una delle più importanti città della moda, con le sue sfilate di alta moda (doppio appuntamento invernale e estivo) e l’eleganza delle zone più glamour. Incastonato tra le lussuose boutique di via Condotti e piazza di Spagna, dove sono presenti le principali case di moda italiane e internazionali, è l’Hotel d’Inghilterra Roma Starhotels Collezione. Tra le maison nate nella capitale leggende come Fendi e Valentino, Gattinoni, Laura Biagiotti, Brioni, oltre alla prestigiosissima gioielleria Bulgari.


Fontana di Trevi, near Hotel D’Inghilterra Roma - Starhotels Collezione (below)

57


city f a shi on

Florence

The charm of yesteryear with superior craftsmanship, historic fashion houses, fashion museums and trends Fascino d’antan tra alto artigianato, maison storiche, tendenze e musei della moda

A

nother enchanting fashion city is Florence, historically associated with artisan craftsmanship, especially in the Oltrarno neighborhood and on the Ponte Vecchio. This historic, cultural city gave rise to some of the most famous Italian fashion brands in the world: Salvatore Ferragamo, Pucci, Gucci, Roberto Cavalli, Ermanno Scervino and Stefano Ricci all of their boutiques stand along the definitive fashion street, via de’ Tornabuoni. In the network of surrounding streets (like via Roma, with its famous concept store Luisaviaroma), you’ll find the Helvetia & Bristol Firenze - Starhotels Collezione. Florence is also the cradle of Italian runway shows, which first came about 58

High-end craftsmanship, with its old-world origins, gave rise to the most well-known fashion brands in the world through Giovanni Battista Giorgini. In 1952, he began presenting luxury designers’ collections in unforgettable shows at the Sala Bianca of Palazzo Pitti. Today the key fashion moment comes during menswear week Pitti Uomo, in January and June. For anyone passionate about fashion history, Palazzo Pitti’s Costume Gallery, the Salvatore Ferragamo Museum, Gucci Museum and the Fondazione Roberto Capucci Museum at Villa Bardini are all must-sees.

Altra affascinante città della moda è Firenze, storicamente legata alla produzione artigianale. La città dal Medioevo pullula di botteghe di orafi, artigiani della pelle e calzolai, in particolare nel quartiere d’Oltrarno e sul Ponte Vecchio. Questo retroterra storico-culturale ha favorito la nascita di alcuni tra i più famosi brand della moda italiana nel mondo: Salvatore Ferragamo, Pucci, Gucci, Roberto Cavalli, Ermanno Scervino, Stefano Ricci, le cui boutique si affacciano sulla via

della moda per eccellenza, via de’ Tornabuoni, e nel reticolo di strade circostanti (come via Roma con il famoso concept store Luisaviaroma), dove è situato l’affascinante hotel Helvetia & Bristol Firenze Starhotels Collezione. Ma Firenze è anche la culla delle sfilate in Italia, nate con Giovanni Battista Giorgini, che nel 1952 a Firenze iniziò a mostrare le collezioni degli stilisti di alta moda con sfilate memorabili alla Sala Bianca di Palazzo Pitti, e oggi ha il clou nella settimana della moda maschile durante il Pitti Uomo, a gennaio e giugno. Da non perdere, per tutti gli appassionati di storia della moda, la Galleria del Costume a Palazzo Pitti, Museo Salvatore Ferragamo, Gucci Museum e Museo della Fondazione Roberto Capucci nella Villa Bardini.


Helvetia & Bristol Firenze - Starhotels Collezione

59


Historic and beautiful stays The new iconic Starhotels Collezione I nuovi hotel icona della Starhotels Collezione

Situated in the heart of 17 extraordinary Italian and international destinations, Starhotels are an expression of their city and its style. The most iconic properties are part of Starhotels Collezione, recently enriched with 5 new luxury hotels. Properties of great value that stand out for their exceptional location, character, historic identity and “tailored” atmospheres.

Situati nel cuore di 17 straordinarie destinazioni italiane ed estere, gli Starhotels sono espressione della propria città e del suo stile. Gli hotel più iconici sono stati riuniti nella Starhotels Collezione, che recentemente si è arricchita di 5 nuovi gioielli dell’ospitalità, per un totale di 12 alberghi. Proprietà di grande valore che si distinguono per posizione, identità storica e atmosfere “su misura”.


txt Virginia Mammoli

starhotels C ol l e z i o n e

V IA L DE BA INO

BU

P IAZZA DI SPAGNA

V IA DEL C ORSO

V IA C O

T NDO T

I

NONA RGOG

V IA B O

A

A T T IN

V IA F R

F

ew places in Rome can boast a prestigious history like Hotel d’Inghilterra Roma - Starhotels Collezione. Built in the 16th century as a noble residence for guests of the Torlonia princes, now it is a 5-star hotel of timeless charm. A treasure chest of elegance that, with its cocoon-like ambience, welcomes you into the maze of deluxe streets of Baroque Rome, nestled between via Condotti, via Frattina and via Borgognona, over which the Bond Bar looks out, the most British corner of the city, and the hotel restaurant’s outdoor seating area, the elegant Café Romano, where diners can enjoy traditional cuisine in gourmet style. A short distance away, the 135 steps of Piazza di Spagna, and the 62

Roma barocca, tra via Condotti, via Frattina e via Borgognona, su cui si affaccia il Bond Bar, l’angolo più British della città, e il dehors del ristorante dell’hotel, l’elegante Café Romano, dove gustare la cucina tradizionale in chiave gourmet. A pochi passi, i 135 scalini di Piazza di Spagna, Trevi Fountain, more beautiful Pochi luoghi a Roma possono e la Fontana di Trevi, ancora than ever after the recent vantare una storia prestigiosa più luminosa dopo il recente restoration by Fendi. All come quella dell’Hotel restauro firmato dalla maison d’Inghilterra Roma rooms and suites have their Fendi. Tutte le camere e le suite own unique style and identity, Starhotels Collezione. hanno un proprio stile e una Costruito nel 1500 come thanks to a perfect blend propria identità, grazie a un residenza nobiliare per gli of tradition and freshness: perfetto connubio tra tradizione e ospiti dei principi Torlonia, Murano chandeliers and moderna freschezza: lampadari di prized damasks that pair with oggi è un hotel 5 stelle dal Murano e pregiati damaschi che fascino senza tempo. Da contemporary design items dialogano con oggetti di design sempre meta privilegiata in the finest of references. contemporaneo in un fine gioco dell’élite internazionale, che On the top floor, you find di richiami. All’ultimo piano, la desidera vivere un’esperienza the extraordinary Penthouse indimenticabile in una delle città straordinaria Penthouse Suite, Suite, affording one of the più belle del mondo. Uno scrigno che dal suo Roof garden regala most beautiful views of the una delle più belle viste sulla city from its Roof garden, 360° di eleganza che, con la sua vistas from the Villa Medici to atmosfera ovattata, vi accoglie nel città, un panorama a 360°, da Villa Medici fino al Vittoriano. dedalo delle strade deluxe della the Vittoriano.

Hotel d’Inghilterra Roma Starhotels Collezione. A historic hotel in the heart of The Great Beauty


From above clockwise: Junior Suite Executive; Bond Bar; Roof garden of the Penthouse Suite; Piazza di Spagna

MUST-seE Rome Piazza di Spagna: the legendary steps at the bottom of which stands the Barcaccia Fountain by Pietro and Gian Lorenzo Bernini. Trevi Fountain: one of the city’s icons. Immortalized by Marcello Mastroianni and Anita Ekberg in the cult film La dolce vita. Villa Borghese: Rome’s largest park. Its museums

include the Borghese Gallery, home to Bernini’s Rape of Proserpina and Apollo and Daphne. Colosseum: even lovelier at sunset following the recent work that has restored the original amber colour. St. Peter’s Basilica: a unique masterpiece created by the greatest ever architects and artists.

Piazza di Spagna: la scalinata ai cui piedi si trova la Fontana della Barcaccia di Pietro e Gian Lorenzo Bernini. Fontana di Trevi: una delle icone della città. Immortalata da Marcello Mastroianni e Anita Ekberg nel film cult La dolce vita. Villa Borghese: il polmone verde di Roma. Tra i musei al suo interno, la Galleria

Borghese, che ospita il Ratto di Proserpina e Apollo e Dafne del Bernini. Colosseo: ancora più suggestivo al tramonto dopo i lavori che gli hanno restituito l’originario color ambra. Basilica di San Pietro: un capolavoro unico al mondo, a cui hanno lavorato alcuni degli architetti e degli artisti più grandi di sempre. 63


V IA DE’ T ORNABUONI

O VA NA NU LLA V IG E D IA V

A

“city villa” in the heart of Florence, opposite Palazzo Strozzi, the bustling centre of the city at its most contemporary, on the crossroads with via de’ Tornabuoni, Florence’s luxury shopping street. A cross-section of the Florentine aristocratic scene at its most refined, it dates to the late 19th century and is associated with some of the greatest names in literature and history, such as Gabriele D’Annunzio, Luigi Pirandello, Enrico Fermi and Bertrand Russell. The windows of the panoramic suites frame the Cupola of the Duomo, painting the perfect picture completed with the refined furnishings that distinguish the Hotel Helvetia & Bristol Firenze

64

V IA DEGLI STROZZI

V IA ROMA

V IA DEI P ESC IONI

starhotels C ol l e z i o n e

P IAZZA DELLA REP UBBLICA

Russell. Le finestre delle suite panoramiche incorniciano la Cupola del Duomo, creando il quadro perfetto per completare l’arredo già ricercato che contraddistingue l’Hotel Helvetia & Bristol Firenze - Starhotels Collezione. Il suggestivo Giardino d’Inverno - Starhotels Collezione. The Una “villa di città” nel cuore con il suo soffitto in vetro e charming Winter Garden take di Firenze, proprio di fronte i suoi trompe-l’œil in stile guests by the hand into the a Palazzo Strozzi, capolavoro 1920s. On the ground floor, dell’architettura rinascimentale Liberty, accompagna gli ospiti negli anni Venti. Al piano the Hostaria Bibendum sets e centro nevralgico dello terra, l’Hostaria Bibendum the scene for a creative tribute spirito più contemporaneo è lo scenario perfetto per to Florentine cooking and della città, all’incrocio con provare un creativo omaggio seasonal cuisine, surrounded via de’ Tornabuoni, strada alla cucina fiorentina e alla by furnishings and dello shopping di Firenze. stagionalità, circondati da details that recall the East, Autentico spaccato del più combined with a Liberty and raffinato scenario aristocratico arredi e dettagli che ricordano l’Oriente, uniti a un tocco contemporary touch. Finally, fiorentino, la sua storia ha liberty e contemporaneo. Infine, for an evening aperitivo, inizio alla fine dell’Ottocento per un aperitivo serale, i veri true connoisseurs choose ed è legata ai grandi nomi connaisseurs scelgono il Bar the Bar Bibendum, ideal della letteratura e della storia, Bibendum, ideale per rilassarsi for unwinding after having come quello di Gabriele enjoyed all of Florence’s D’Annunzio, Luigi Pirandello, dopo aver goduto di tutto il fascino di Firenze. charms. Enrico Fermi e Bertrand

Hotel Helvetia & Bristol Firenze - Starhotels Collezione. A symbol of Florentine history


From above clockwise: Royal Suite; Lobby; Winter Garden; Piazza della Repubblica

MUST-seE Florence Santa Maria del Fiore Cathedral: majestic architecture of extreme beauty. An absolute jewel, the awe-inspiring Cupola by Brunelleschi. Piazza della Signoria: home to the Palazzo Vecchio, emblematic of the power of the Medici family and, for fashion lovers, the Gucci Museum.

Uffizi Gallery: one of the most important museums in the world, with artworks by Botticelli, Michelangelo, Raffaello, Caravaggio, Giotto. Ponte Vecchio: the most striking image of the city. Adorned by exclusive jewellery boutiques. Boboli Gardens: an open-air museum, the extraordinary gardens of Palazzo Pitti.

Cattedrale di Santa Maria del Fiore: architettura monumentale di estrema bellezza. Gioiello assoluto, l’incredibile Cupola di Brunelleschi. Piazza della Signoria: qui si trova Palazzo Vecchio, emblema del potere della famiglia dei Medici e, per gli appassionati di moda, il Gucci Museo. Galleria degli Uffizi: uno dei

musei più importanti al mondo, con opere di Botticelli, Michelangelo, Raffaello, Caravaggio, Giotto. Ponte Vecchio: il profilo più suggestivo e amato della città. Tempestato da esclusive botteghe orafe. Giardino di Boboli: vero e proprio museo all’aperto, è lo straordinario giardino di Palazzo Pitti. 65


starhotels C ol l e z i o n e

P IAZZA SAN FRANCESCO

V IA

DE LLO

ST

AD IO

STADIO AR T EMIO F RANCHI

ANCH V IA B I DI A

SOP R

E E TERM V IA DELL

P IAZZA SAN DOMENICO

V IA ALL

AG

LL DE

DI

V IA B

ANC H

A UZZ

V IA

F ON

TE

BR

AND A

I DI

SO T

TO

P IAZZA DEL CAMP O

DE L

P OR

V IA D I C I

T TA’

V IA

P IAZZA DEL DUOMO

T

his is a hotel that once welcomed perhaps the best loved queen of Italy, Margherita of Savoy, the first queen consort of the newly reunited country. But it’s also a hotel located along one of the most famous streets in Siena, the city at both its most public and secret: via Banchi di Sopra, once via Cavour, only 200 metres from Piazza del Campo and the Cathedral. The 51 rooms in Palazzo Gori Pannilini are all unique, graced with paintings, frescoes and period furniture to offer a stay that echoes 500 years of history. The Classic rooms pave the way to the opulence of the Panoramic Suite, with views over the “Drago” neighbourhood, the arty Executive Junior Suite and the original Duplex Suite. 66

NE

P IAZZA DEL MERCAT O

Grand Hotel Continental Siena - Starhotels Collezione. The only 5-star hotel in the Palio city’s historic centre Actors and artists have stayed here, tasting dishes served in the 17th century spaces of the SaporDivino restaurant, which shares its name with the wine bar. It’s a gem made of stone dating back to the 1200s, a perfect match for the wines served. The Grand Hotel Continental Siena Starhotels Collezione offers its guests exclusive access to some of the Palio City’s most sacred locations. At the same time, it opens onto the blissful green of the Sienese countryside, invoking new feelings with every visit.

RIO

È un albergo nel quale ha soggiornato la sovrana forse più amata d’Italia, Margherita di Savoia, prima regina consorte del Belpaese da poco formatosi. Ma è anche un albergo che si posa su una delle strade più celebri della Siena più pubblica e segreta a un tempo: via Banchi di Sopra, un tempo via Cavour, a soli 200 metri da Piazza del Campo e a poco più dal maestoso Duomo della città. Le cinquantuno camere di Palazzo Gori Pannilini sono ognuna un ambiente unico, grazie ai dipinti, agli affreschi

e agli arredi d’epoca, e offrono un’ospitalità che racconta cinquecento anni di storia. Le camere Classic si sommano all’opulenza della Panoramic Suite, affacciata sulla Contrada del Drago, alle artistiche Junior Suite Executive e alle originali Suite Duplex. Qui hanno soggiornato attori e artisti, gustando le pietanze servite negli spazi seicenteschi del ristorante SaporDivino, che divide il nome con l’Enoteca, uno scrigno in pietra risalente al 1200 perfetto per la collezione di vini proposti nel wine-bar. Il Grand Hotel Continental Siena - Starhotels Collezione offre dunque ai suoi ospiti un accesso privilegiato ai luoghi più preziosi della città del Palio e si apre sul verde della campagna senese, regalando emozioni diverse a ogni visita.


From above clockwise: Salone delle Feste; Royal Duplex Suite; façade; Piazza del Campo

MUST-seE SIENA Piazza del Campo: shell shaped, according to traditions it’s the “mantle of the Virgin Mary”. Il Palio: it takes place twice a year, on 2 July (for the Madonna di Provenzano) and 16 August (for the Madonna Assunta). Duomo: an architectural masterpiece that tells the story of a land once wealthy

during the Gothic years. Torre del Mangia: in Piazza del Campo the civil tower of the city hall rises up, a symbol of earthly power. It stands 88 metres tall and is one of the oldest in Italy. Museo dell’Opera del Duomo: in addition to the Cathedral, it houses masterworks such as Duccio da Buoninsegna’s Maestà.

Piazza del Campo: a forma di conchiglia, secondo la tradizione è “il manto della Vergine Maria”. Il Palio: si corre due volte l’anno, il 2 luglio (per la Madonna di Provenzano) e il 16 agosto (per la Madonna Assunta). Duomo: un capolavoro architettonico che racconta la storia di una terra che fu potente

negli anni del Gotico. Torre del Mangia: in Piazza del Campo svetta la torre civica del Palazzo Comunale, simbolo del potere terreno. È alta 88 metri ed è tra le più antiche d’Italia. Museo dell’Opera del Duomo: a fianco della cattedrale dell’Assunta raccoglie capolavori assoluti come la Maestà di Duccio da Buoninsegna. 67


starhotels C ol l e z i o n e

V IA RIV IERA BERIC

V IA S ANT’A

GO S

T IN

O

V ICENZA

A

V IA BREGANZOLA

V IA

F ON

ARCUGNANO

T

he atmosphere is relaxed and serene, like the backgrounds of the Thomas Gainsborough portraits that illuminate the halls of the National Gallery. In a landscaped natural setting, protected by the subtle blues of the soft Northeastern clouds, this beautiful Starhotels Collezione is discreet - a jewel in emerald greenery, on the slopes of the Berici hills, not far from the center of Vicenza. With a special kind of grace, and in its somber, Palladian style, Villa Michelangelo Vicenza - Starhotels Collezione responds to guests’ needs - in past aristocratic times, and today, for Starhotels stays. The space is defined by its high ceilings with exposed walnut beams, elegant era 68

T EG

A

V IA

RIV

IER A

BER

ICA

Hotel Villa Michelangelo Vicenza - Starhotels Collezione. A charming retreat set in the Berici Hills furniture and traditional Venetian flooring, with warm colors and a mosaic effect. The structure is made up of a central building with two loggias and symmetrical towers, and is located within a five-hectare park, perfect for relaxing walks through centuries-old trees and silvery olive groves, along paths where you’ll encounter a beautiful rapport between man and nature. The park also features a large pool surrounded by a sizable colonnade and a panoramic terrace.

L’atmosfera è quella distesa e serena degli sfondi dei ritratti di Thomas Gainsborough, che illuminano le sale della National Gallery: dominata dal verde di una natura curata, protetta e avvolta dall’azzurro velato dalle nubi lievi del Nord-Est, questo splendido Starhotels Collezione si adagia discreto, quasi un gioiello nello smeraldo, sulle pendici dei Colli Berici a poca distanza dal centro di Vicenza. Villa Michelangelo Vicenza - Starhotels Collezione risponde con una grazia tutta peculiare, e in sobrio stile

palladiano, alle esigenze un tempo dell’ambiente nobiliare e oggi dei soggiorni Starhotels. La dimora è caratterizzata da alti soffitti con travi a vista, autentici infissi in noce, eleganti mobili d’epoca e pavimenti tradizionali veneziani dai colori caldi e dall’effetto mosaico. La struttura si presenta come un corpo centrale arricchito di due logge laterali e torrette speculari, immersa in quello che è forse il vero unicum di questo gioiello dell’hôtellerie, un parco di cinque ettari che regala riposanti passeggiate tra alberi centenari e uliveti argentei, lungo vialetti che fanno riscoprire la bellezza di una natura profondamente amata dall’uomo. Il parco accoglie anche una grande piscina circondata da un ampio porticato e da una terrazza panoramica.


From above clockwise: Deluxe Suite; swimming pool; Exterior view; Basilica Palladiana

MUST-seE VICENZA Basilica Palladiana: designed by the great Renaissance architect Andrea Palladio, now it is home to interesting temporary exhibitions. Teatro Olimpico: more than a theatre, it is a work of art. Palazzo Chiericati: the historic headquarters of the city’s picture gallery, with works that range from

Tintoretto to Picasso. Santuario della Madonna di Monte Berico: it is a beautiful mix of Gothic architecture and baroque style. Villa Almerico Capra: famous like “La Rotonda”, it is the most famous villa of the great Palladio. Lago di Fimon: a evocative lake nestled in the delightful scenery of the Berici hills.

Basilica Palladiana: opera del grande architetto rinascimentale Andrea Palladio, oggi è sede di interessanti mostre temporanee. Teatro Olimpico: più che un teatro, una vera opera d’arte. Palazzo Chiericati: sede storica della pinacoteca della città, con opere che vanno da Tintoretto a Picasso.

Santuario della Madonna di Monte Berico: splendido mix di architettura gotica rinascimentale e forme barocche tipiche del Seicento. Villa Almerico Capra: conosciuta come “La Rotonda”, è la villa più nota di Palladio. Lago di Fimon: un suggestivo specchio d’acqua incastonato nell’incantevole paesaggio dei Colli Berici. 69


starhotels C ol l e z i o n e

RDENS PR INCES GA

HAN SR

OAD

MP

O BR

R T ON

OAD

BE

T ON EGE R

I

t’s London’s new luxury destination, designed by Anouska Hempel, internationally famous architect and interior designer. She was the first to coin the innovative “boutique hotel” concept: a hotel that, even with its extreme elegance, recalls the atmosphere of a cozy, private home. This same philosophy holds at The Franklin - Starhotels Collezione. Surrounded by elegant Victorian houses and the tranquility of Egerton Gardens, in the heart of Knightsbridge, this is a true hospitality mecca, not far from the Victoria & Albert Museum, Harrods and Hyde Park. Floors made of stone and Carrara marble, tones of greys on the walls, elegant mirrors and iron balustrades create a feeling that’s both 70

LT O

WA

T NS

LAC

E

ET

RE

distanza dal Victoria & Albert Museum, da Harrods e Hyde Park. Pavimenti in pietra e marmo di Carrara, toni del grigio alle pareti, paraventi in specchio e balaustre in ferro battuto creano un’atmosfera, al tempo stesso, sofisticata e È il nuovo indirizzo di confortevole. Ognuna delle lusso londinese firmato 35 luminose camere e suite Anouska Hempel, architetto tra cui la Presidential Suite e interior designer di fama di 63 metri quadrati - gode internazionale, la prima a di ampi spazi ed è pensata creare il concetto innovativo per il comfort assoluto degli di “boutique hotel”: un hotel ospiti, seguiti da un Guest che, pur nella sua estrema Experience Team attento e eleganza, ricorda l’atmosfera di discreto. Per un’esperienza una calda casa privata. Questa di benessere completo, c’è è la filosofia adottata anche per lo spettacolare hammam, The Franklin - Starhotels la stanza trattamenti e la Collezione. Circondato da palestra. A completare il tutto eleganti case vittoriane e dalla The Franklin Restaurant quiete di Egerton Gardens, by Alfredo Russo, 1 stella nel cuore di Knightsbridge, Michelin, e l’elegante The è un vero e proprio tempio Franklin Bar, con i suoi dell’accoglienza, a breve signature cocktail.

The Franklin London Starhotels Collezione. The new boutique hotel designed by Anouska Hempel refined and comfortable. Each of the 35 luminous rooms and suites – including the 63 square metre Presidential Suite – is spacious, designed for maximum guest comfort, further ensured by the attentive and discreet Guest Experience Team. For the finest in wellness, there’s the spectacular hammam, a spa treatment room and gym. Topping it all off is The Franklin Restaurant by Alfredo Russo, with 1 Michelin star, and the elegant The Franklin Bar, with its signature cocktails.

UARE CADOGAN SQ

GAR DEN S

AUC HAM PP


From above clockwise: one of the new suites; The Franklin Restaurant Emerald Parlor; Egerton Garden

MUST-seE london Victoria & Albert Museum: home to the world’s most important collection of applied arts and the largest collection of Renaissance art outside Italy. Harrods: luxury shopping paradise but also an iconic city attraction. Hyde Park: a city park that stretches as far as the eye can see over 253 hectares.

Big Ben: the tower that dominates the early Gothic Westminster buildings, home to the British Parliament, a short distance from the historic Westminster Abbey. National Gallery: 2,300 paintings from the 12th to the 20th century. Masterpieces include Van Eyck’s The Arnolfini Portrait and Van Gogh’s Sunflowers.

Victoria & Albert Museum: ospita la raccolta più importante al mondo dedicata alle arti applicate e la più grande collezione di opere rinascimentali fuori dall’Italia. Harrods: al di là dello shopping di lusso, è ormai una delle mete iconiche della città. Hyde Park: un incredibile parco urbano che si estende a perdita d’occhio per 253 ettari.

Big Ben: la magnifica torre che svetta sul neogotico Palazzo di Westminster, sede del Parlamento del Regno Unito, a pochi passi dalla storica Abbazia di Westminster. National Gallery: 2.300 dipinti dal XII al XX secolo. Tra i capolavori il Ritratto dei coniugi Arnolfini di Eyck e i Girasoli di Van Gogh. 71


txt Mila Montagni

Art ex hi b i t i ons

masterpieces

From Florence to London via New York: a journey into modern and contemporary art Tra Firenze e Londra passando per New York: un viaggio nell’arte moderna e contemporanea

T

he world of art always has a story to tell because artists always have something new to say and other artists from which to take new inspiration and spark new relationships, renewing the works that they left behind. Then there are artists who describe their times and the new eternity in which they are immersed. In the capital of the Starhotels world, this is how we see art… FLORENCE, Palazzo Strozzi. Ai Weiwei. Libero Until 22 January 2017 An exhibition that is an overwhelming occurrence for the austere solemnity of Palazzo Strozzi, whose facade-breaking windows have vanished beneath red rafts as part of Chinese artist. There is nothing left that cannot be invaded and upset by the urgency of art and lives that must be spoken about and described. Ai Weiwei’s art reaches us loud and clear, impeccably broken down into the form, but violently so in its most profound content: sculptures, monumental installations and symbolic items of his life as an artist are an instrument to force visitors to question their motives when confronted by his contradictions. Without 72

being defeated in the end. Opposite Palazzo Strozzi, our Helvetia & Bristol Firenze - Starhotels Collezione gifts guests with tickets for this major exhibition until 22 January 2017. ROME, Museo di Roma Palazzo Braschi. Artemisia Gentileschi 30 Nov. 2016 - 8 May 2017 One of the most anticipated exhibitions of this Roman art season. A major retrospective of approximately 90 masterpieces from some of the world’s most important museums dedicated to Artemisia Gentileschi. Extraordinary works are on display, such as Judita Beheading Holofernes, Esther and Ahasuerus, and Self-portrait of a lute player, and paintings by other 17th-century artists, including Simon Vouet and Giuseppe Ribera. For a luxury experience, try the Hotel d’Inghilterra Roma - Starhotels Collezione, while for a smarter vacation the Metropole and the Michelangelo are ideal options. MILAN, Mudec - Museo delle culture. Jean-Michel Basquiat Until 26 February 2017 One of the wretched heroes of painting, Jean-Michel Basquiat. His way of telling the universe through graffiti

Il mondo dell’arte ha sempre una storia da raccontare, perché ci sono artisti che hanno qualcosa di nuovo da dire e artisti di cui si scoprono nuove ispirazioni e relazioni, rendendo nuove le opere che hanno lasciato. E poi ci sono artisti che descrivono i loro tempi e il nuovo perenne in cui sono immersi. Nel mondo Starhotels l’arte si declina così… FIRENZE, Palazzo Strozzi. Ai Weiwei. Libero Fino al 22 gennaio 2017 Una mostra che è un evento travolgente anche per l’austera solennità di Palazzo Strozzi, le cui finestre che rompono il bugnato sono sparite sotto i gommoni rossi dell’installazione dell’artista cinese. Non esiste più niente che non possa essere invaso e stravolto dall’urgenza dell’arte e delle vite che deve raccontare e descrivere. Il messaggio di Ai Weiwei giunge forte e chiaro, declinato impeccabilmente nella forma ma violentemente nel suo contenuto più profondo: sculture, installazioni monumentali e oggetti simbolo della sua vita d’artista sono uno strumento per costringere il visitatore a mettersi in gioco davanti al presente e alle sue contraddizioni. Senza uscirne sconfitto. Proprio di fronte a Palazzo Strozzi, il nostro Helvetia & Bristol Firenze Starhotels Collezione, che fino

al 22 gennaio 2017 regala ai suoi ospiti i biglietti per questa grande mostra. ROMA, Museo di Roma Palazzo Braschi. Artemisia Gentileschi Dal 30 novembre 2016 all’8 maggio 2017 Una delle mostre più attese di questa stagione espositiva romana. Una grande retrospettiva con circa 90 capolavori provenienti da alcuni dei principali musei del mondo, dedicata a Artemisia Gentileschi, uno dei nomi più conosciuti della pittura del Seicento e una delle artiste donne più famose di sempre. Esposte opere straordinarie come Giuditta che taglia la testa a Oloferne, Ester e Assuero, Autoritratto come suonatrice di liuto, e lavori di altri protagonisti del XVII secolo, tra cui Simon Vouet e Giuseppe Ribera. Per un’esperienza all’insegna del lusso, provate l’Hotel d’Inghilterra Roma Starhotels Collezione, mentre per una vacanza più giovane e smart, le scelte ideali sono il Metropole e il Michelangelo. MILANO, Mudec - Museo delle culture. Jean-Michel Basquiat Fino al 26 febbraio 2017 Uno degli eroi maledetti della pittura, Jean-Michel Basquiat. Il suo raccontare l’universo attraverso il graffito è oggi ormai


Ai Weiwei. Libero - Palazzo Strozzi, Firenze

73


From left clockwise: Mudec - Milano, Palazzo Braschi - Roma, Royal Academy of Art - London

has gone down in history and this exhibition offers an exceptional description of what happened. One hundred works from private collections enable us to observe the stages in an event that merged art and life and the end of both at age 27 in 1988. The seemingly elementary artworks by the James Dean of Art immerse themselves with passion-filled violence in radical themes like slavery and the diaspora, surpassing limits that had been impossible to overcome before that time. Discover our Rosa Grand Milano Starhotels Collezione in the heart of the city. TREVISO, Museo di Santa Caterina. Storie dell’impressionismo Until 17 April 2017 Impressionism told through 74

the works of its most illustrious representatives and the artists who influenced it: Manet, Degas, Monet, Renoir, Toulouse-Lautrec, Van Gogh and many others. For contemporary art lovers, the double Damien Hirst double exhibition (Palazzo Grassi and Punta della Dogana) begins in April in Venice. For an unforgettable stay on the Grand Canal, Splendid Venice - Starhotels Collezione. PARIS, Musée d’Orsay. Beyond the Stars. The Mystical Landscape from Monet to Kandinsky 14 March - 25 June 2017 A journey to investigate the mystical component of the symbolist landscape: Gauguin, Denis, Monet, Klimt, Munch, Van Gogh, Lawren Harris, Tom Thomson and Emily Carr are just a few

un classico e questa mostra descrive in modo eccezionale come ciò avvenne. Cento opere da collezioni private consentono di riconoscere i passi di una vicenda che vede fondere arte e vita e bruciarsi a soli 27 anni nel 1988. I lavori, apparentemente elementari del James Dean dell’arte, s’immergono con violenza appassionata in temi radicali come quelli della schiavitù e della diaspora, superando limiti fino a quel momento impossibili da valicare. Nel cuore della città, scoprite il nostro Rosa Grand Milano Starhotels Collezione. TREVISO, Museo di Santa Caterina. Storie dell’impressionismo Fino al 17 aprile 2017 140 opere, per la maggior parte dipinti, ma anche fotografie e incisioni a colori su legno, per raccontare, come mai fatto prima

in Italia, una delle maggiori rivoluzioni nella storia dell’arte di tutti i tempi. L’impressionismo narrato attraverso i lavori dei suoi più illustri rappresentanti e degli artisti che ha influenzato: Manet, Degas, Monet, Renoir, Toulouse-Lautrec, Van Gogh e molti altri. Per gli appassionati di arte contemporanea, inaugura a aprile a Venezia la mostra di Damien Hirst (Palazzo Grassi e Punta della Dogana). Per un soggiorno indimenticabile nella Serenissima, l’ideale è il romantico Splendid Venice Starhotels Collezione. PARIGI, Musée d’Orsay. Oltre le stelle. Il paesaggio mistico da Monet a Kandinsky Dal 14 marzo al 25 giugno 2017 Un viaggio per indagare la componente mistica del paesaggio simbolista: Gauguin, Denis, Monet, Klimt, Munch, Van Gogh, Lawren Harris, Tom


From above clockwise: M.O.M.A. - New York, Museo di Santa Caterina - Treviso, Musée d’Orsay - Paris

of the artists whose work is on show in this extraordinary exhibition. Just 10 minutes’ walk from the Museo d’Orsay, you will discover the world of our Castille Paris - Starhotels Collezione. LONDON, Royal Academy of Art. America after the Fall: Painting in the 1930s 25 February - 4 June 2017 Pollock, O’Keeffe, Hopper, Guston and Hart Benton, not just names of artists, but giants of the 20th century. This exhibition succeeds in recounting Thirties America. A world in constant flux, under the volatile influences of the ruinous Wall Street collapse. A time of great change that led to one of the most vital eras of American art. If you are thinking of a London break, choose one of the three new Starhotels

Collezione: The Gore, The Pelham and The Franklin. NY, M.O.M.A. Francis Picabia: Our Heads Are Round so Our Thoughts Can Change Direction 21 Nov. 2016 - 19 March 2017 Elusive and modern, Dadaist and Impressionist, radical, provocative and pseudoclassical, Picabia does not leave much untried. Through 200 works, including a film and paintings, illustrated letters and journals – his legacy consisting of artistic and philosophical iconoclasm, able to overcome the centuries and touch us thanks to his eclecticism and his ability to look at the world in a skeptical and strategic way at a time. Our exclusive The Michelangelo - Starhotels Collezione is waiting for you in the heart of Manhattan.

Thomson e Emily Carr sono solo alcuni degli artisti esposti in questa straordinaria mostra. A solo 10 minuti a piedi dal Museo d’Orsay, scoprite l’universo del nostro Castille Paris - Starhotels Collezione. LONDRA, Royal Academy of Art. America after the Fall: Painting in the 1930s Dal 25 febbraio al 4 giugno 2017 Pollock, O’Keeffe, Hopper, Guston e Hart Benton, non sono semplici nomi d’artisti, ma giganti del Novecento. Questa mostra riesce nell’impresa di raccontare l’America degli anni ‘30. Un mondo in continuo mutamento, sotto gli influssi dirompenti del devastante crollo di Wall Street. Una fase di grande cambiamento che ha poi portato a uno dei periodi più vitali dell’arte americana. Se pensate a un soggiorno a Londra, scegliete uno dei nuovi

tre hotel della nostra Starhotels Collezione: The Gore, The Pelham e The Franklin. NEW YORK, M.O.M.A. Francis Picabia: Our Heads Are Round so Our Thoughts Can Change Direction Dal 21 novembre 2016 al 19 marzo 2017 Elusivo e moderno, Dadaista e Impressionista, radicale nell’astrazione, provocatorio e pseudo-classico, Picabia non lasciò molto d’intentato. Attraverso 200 opere tra cui un film, dipinti, lettere illustrate e riviste - la sua eredità fatta di iconoclastia artistica e filosofica, capace di superare i secoli e toccarci, grazie al suo eclettismo e al suo saper guardare il mondo, in modo scettico e strategico. Ad aspettarvi nel cuore di Manhattan il nostro The Michelangelo - Starhotels Collezione. 75


txt Teresa Favi

food i nt er v i ew

Starhotels partners with finest food

We chat with Daniel Galmiche, Chef of 190 Queen’s Gate, and Alfredo Russo from The Franklin Restaurant Daniel Galmiche Chef del 190 Queen’s Gate al The Gore e Alfredo Russo Chef del The Franklin Restaurant si raccontano

T

hey are the Michelinstarred chefs who have been entrusted with the sophisticated cuisine of two of London’s best addresses, located between South Kensington and Knightsbridge and part of the Starhotels Collezione. The Gore and The Franklin, exclusive boutique hotels with a strong personality that reflect the character of the neighbourhood and combine the quintessentially British spirit and the warmth and elegance of Italian hospitality. Daniel Galmiche, a native of far northeast France brings four decades of experience in some of the best restaurants in Britain – including the Michelin-starred The Vineyard and L’Ortolan – and presented his first menu at The Gore’s restaurant in July

76

2016. Alfredo Russo, from Turin, known for the success of his restaurant Il Dolce Stil Novo in Ciriè, Turin and one of the most respected chefs in the haute cuisine world, arrived at The Franklin’s restaurant to coincide with its recent opening. How do you add your signature to the plate? Daniel Galmiche: My style is simple, Mediterranean with a touch of Asia. For me, a dish must be elegant, colourful, tasty and, at the same time, fresh with seasonal and ecosustainable ingredients. Alfredo Russo: Mine is a concept of “multi-level cooking”. Those who taste my dishes should be able to appreciate them and distinguish ingredients even if they are not a gastronome. The ingredient you can’t do

Sono gli star-Chef ai quali è stata affidata la cucina dei due sofisticati indirizzi nel cuore di Londra, tra South Kensington e Knightsbridge, firmati Starhotels Collezione. The Gore e The Franklin, esclusivi boutique hotel dalla forte personalità, che rispecchiano il carattere del quartiere che li ospita e racchiudono la quintessenza dello spirito britannico e lo stile caldo ed elegante dell’ospitalità italiana. Daniel Galmiche, originario dell’estremo nordest della Francia, porta con sé quattro decenni di esperienza in alcuni dei migliori ristoranti della Gran Bretagna - tra cui gli stellati The Vineyard e L’Ortolan - ha presentato il suo primo menù al ristorante 190 Queen’s Gate dell’hotel The Gore a luglio del 2016. Alfredo Russo, italiano, originario di

Torino, è noto per i successi del suo ristorante Il Dolce Stil Novo di Ciriè a Torino, ed è uno tra i più autorevoli esperti nel mondo dell’alta ristorazione. E’ approdato al ristorante dell’hotel The Franklin in concomitanza con la sua recente apertura. Come si riconosce la vostra firma in un piatto? Daniel Galmiche Il mio stile è semplice, mediterraneo con qualche tocco di asiatico. Per me un piatto deve essere elegante, colorato, gustoso e allo stesso tempo fresco, con ingredienti di stagione e di agricoltura ecosostenibile. Alfredo Russo Il mio è un concetto di “cucina multilivello”. Chiunque assaggia un mio piatto deve essere in grado di apprezzarlo distinguendone gli ingredienti che lo compongono anche se non è un gastronomo.


Daniel Galmiche Chef of 190 Queen’s Gate restaurant at The Gore and Alfredo Russo Chef of The Franklin Restaurant

77


The 190 Queen’s Gate Restaurant at The Gore Starhotels Collezione

without? DG: A difficult question for any chef. I like to mix it up according to the season, especially when it comes to the ingredients that remind me of my childhood. For example, in late spring, apricots. I love them because they’re small, tasty and have great acidity. Then there’s garlic, spices and much more. AR: Pasta, olive oil, Parmesan. Your kitchen philosophy in three words... DG: Passion, hard work, simplicity. AR: Roots, purity, breaking with trends. Biodiversity and organic products, how are they used in your kitchen? DG: My colleagues and I do extensive research to find organic ingredients. We visit the producers, when possible. 78

semplicità. AR: Radici, purezza, indipendenza dalle mode. Biodiversità e prodotti biologici, come si declinano nella vostra cucina? DG: Con i miei collaboratori facciamo tanta ricerca per When it comes to ingredients, La materia prima di cui non trovare prodotti di natura biologica, visitiamo anche potete fare a meno? we never compromise. alcune aziende, quando è DG: È una domanda difficile AR: I’m not a label fanatic per ogni chef. Mi piace cambiare possibile. Quando si tratta di fixated with the mark that in base alla stagione, soprattutto materie prime non scendiamo certifies a product, nor am I mai a compromessi. km0... I have excellent organic per quegli ingredienti che AR: Non sono un fanatico del mi ricordano l’infanzia. ingredients in my kitchen bollino o del marchio che mi because I like them, but there Per esempio le albicocche in certifica il prodotto, come non primavera inoltrata. Le amo are also products without lo sono del km 0… Ci sono perché sono piccole, gustose designation that are just as ottimi prodotti bio nella mia e hanno un ottimo grado di good and often superior. cucina perché mi piacciono, acidità. Poi l’aglio, le spezie e The dish you could never come ci sono prodotti senza molto altro. take off the menu? la denominazione che sono AR: Pasta, olio d’oliva, DG: The confit of beef cutlet, altrettanto validi e spesso anche Parmigiano. the customers love it. superiori. La vostra filosofia in tre AR: Since 1990, veal tongue Grandi passioni? parole... with green sauce emulsion. DG: Lontano dai fornelli, la DG: Passione, duro lavoro, What are you passionate

Starhotels brings the worldclass cuisine to two of its prestigious London hotels, The Gore and The Franklin


The Franklin Restaurant by Alfredo Russo at The Franklin Starhotels Collezione

about outside the kitchen? DG: Away from the stove, my family is my priority. I really love sport and I try to play as much as possible. I swim, go riding, walk a lot and enjoy both badminton and tennis. AR: Travel. I already travel a lot for work, but whenever I can in my free time, I travel... What does Daniel Galmiche eat at home? I make the stews traditional to my homeland, the Franche-Comte. They make me feel at home. And you, Alfredo? Simple. Plenty of fruit, which I love. Daniel, which dish combines your roots and kitchen philosophy with Italy? My wife is half Italian, so we prepare many Italian dishes at home, but as a child,

I often went looking for mushrooms with my father, so I would say risotto with wild mushrooms and truffles. Chef Russo, which dish combines your Italian roots and international kitchen philosophy? Creamed rice with the flavour of a margherita pizza combines northern and southern Italy, but varies in how I cook the rice: softer abroad, more al dente in Italy. Chef Galmiche, the must-try dish this winter at the 190 Queen’s Gate ? The confit beef cutlet: succulent, tasty and delicate, a great dish! Alfredo, the must-try dish this winter at The Franklin? The lasagna with turnip greens and broccoli, one of my favourites.

famiglia è la mia priorità. Mi piace molto lo sport e cerco di praticarlo il più possibile. Faccio nuoto, vado in bicicletta, cammino molto e mi diletto sia nel badminton che nel tennis. AR: I viaggi. Viaggio già molto per lavoro, ma nonostante questo appena posso nel tempo libero… si parte… Cosa mangia a casa Daniel Glamiche? A casa preparo moltissimi stufati tipici della mia zona di origine, la Franche-Comté. Mi fanno sentire a casa. E lei, Alfredo? Semplice… molta frutta, di cui sono molto goloso. Daniel, qual è tra i suoi piatti quello che concilia al meglio le sue origini, la sua filosofia in cucina con l’Italia? Mia moglie è per metà italiana, quindi prepariamo moltissimi

piatti italiani a casa, ma da piccolo andavo spesso alla ricerca di funghi con mio padre, quindi direi il risotto con funghi di bosco e tartufo uncinato. Chef Russo, l’incontro ideale tra le sue origini italiane, la sua filosofia in cucina e l’internazionalità in un piatto? Il riso mantecato al gusto di pizza margherita, coniuga l’Italia del nord e del sud. Qual è, Chef Galmiche, il piatto-cult del ristorante 190 Queen’s Gate di questo inverno? La costoletta di manzo confit: succulento, gustoso, delicato, un ottimo piatto! Alfredo, lei cosa ci consiglia invece nel menù invernale del Franklin Restaurant? La lasagnetta con le cime di rape, i broccoli…. Uno dei miei piatti preferiti. 79


Luca Lo Presti on one of his journeys to help the women of the world

For women

Alessio Boni and Starhotels stand with Pangea to support women and their children Alessio Boni e Starhotels a fianco di Pangea per sostenere le madri e i loro figli

A

fter two years of synergy, Starhotels again confirms its support of the “Piccoli Ospiti” project for 2017, which the non-profit foundation Pangea Onlus introduced a few years ago in Italy to help women who have suffered domestic violence and their children. Thanks to the collaboration with Italian anti-violence centres, the project ensures accommodation, psychological assistance, legal support, social reinsertion and recovery of

80

parental relations to mothers who have suffered abuse at the hands of their family. We asked Pangea president Luca Lo Presti how this collaboration has developed: “With Elisabetta Fabri, at the helm of the Starhotels group, we decided to tackle the issue of assisted violence, that is, rebuilding the mother-child relationship in the instance of mothers who have been victims of domestic violence”. What activities were used to introduce this issue? “In every Starhotels structure, beginning late

Dopo due anni di sinergia, Starhotels conferma anche per il 2017 il suo sostegno al progetto “Piccoli Ospiti” che la Fondazione no profit Pangea Onlus ha attivato da alcuni anni in Italia per aiutare le donne che subiscono violenza domestica e i loro figli. Grazie alla collaborazione con alcuni centri antiviolenza italiani, garantisce accoglienza, consulenza psicologica, supporto legale, reinserimento sociale, recupero della relazione genitoriale a donne con figli minori che hanno subito abusi familiari. Abbiamo

chiesto al Presidente di Pangea Luca Lo Presti quali saranno le evoluzioni di questa collaborazione: “Con Elisabetta Fabri, timoniere del gruppo Starhotels, abbiamo pensato 
di affrontare il problema della violenza assistita, cioè ricostituire la relazione d’amore madrefiglio nei casi di madri vittime di violenza domestica”. Attraverso quali attività? “In ogni struttura Starhotels a partire da fine novembre 2016 chiunque – clienti e non – potrà acquistare un bracciale d’argento
progettato


Left to right: Alessio Boni, Elisabetta Fabri and Luca Lo Presti, and the Pianegonda bracelet to support the Le Donne nel Cuore campaign

November, anyone – guests or not – will be able to buy a silver bracelet designed by Maria Luisa Pianegonda, hand crafted by top silversmiths, in exchange for a 20 Euro donation, which will go in its entirety to our project against womenchildren violence in Italy. Thanks to a triangulation of Charity: in an exclusive place, an actual piece of jewellery, which would cost at least 150 Euro in a shop”. An important project that will be communicated through a special campaign titled “Women in our hearts”, featuring actor Alessio Boni, who explained his reasons for backing the project: “I stand with Pangea

because I can no longer bear to read the frightening numbers about torture and maltreatment of women. All of this happens in Italy, in our towns and cities, in our homes. It happens around us, but most of the time we don’t realise it: the mess is muffled in silence, out of fear. After fighting for the right to vote, freedom, gender equality, now women are faced with the hardest and most important battle of all. And they cannot do it alone: we men must stand up against a model of violent chauvinism, so backward and yet so current. For this reason I will stand with Pangea in the fundraising of this campaign”.

dalla designer Maria Luisa Pianegonda, interamente realizzatio a mano da prestigiosi artigiani orafi, in cambio di una donazione di 20 Euro, che sarà totalmente destinata al nostro progetto contro la violenza donnebambini in Italia. Grazie a una triangolazione di Charity: in un luogo esclusivo, un gioiello vero e proprio, che in gioielleria avrebbe un costo non inferiore a 150 Euro”. Un progetto importante che sarà comunicato con una campagna speciale dal titolo “Le donne nel cuore”, il cui protagonista è l’attore Alessio Boni che così ha spiegato le ragioni del suo intervento: “Sono al fianco di Pangea in questo progetto perché

non ne posso più di leggere i numeri spaventosi di sevizie e maltrattamenti nei confronti delle donne. Tutto questo avviene in Italia, nelle nostre città, spesso dentro le mura domestiche. Accade intorno a noi, ma il più delle volte non lo sappiamo: lo scempio viene ovattato dal silenzio, per paura. Dopo le lotte per il voto, la libertà, la parità di diritti, resta alle donne la battaglia più difficile e importante: questa appunto. Ma non possono farcela da sole: tocca a noi uomini schierarci contro un modello di maschilismo violento, così retrogrado eppure così attuale. Per questo motivo io sarò accanto a Pangea nella raccolta fondi di questa campagna”. 81


txt Mila Montagni

event i t i ner a r y

Starting well ... Toast with us! 2017, a Starhotels’ New Year

2017, un Capodanno firmato Starhotels

New Year’s Eve in the world’s most beautiful capitals, to be pampered in one of the Starhotels Collezione

W

hen it comes to celebrating the new year, Starhotels guests are spoilt for choice, whether you want a smart New Year’s in one of the world’s most beautiful capitals or prefer to be pampered in one of the Starhotels Collezione hotels for a truly unforgettable stay. The place to be is always in the heart of the city - from December 30 to January 2 - to start 2017 with a unique travel experience. In London, the choice is between The Franklin, which includes breakfast, a 7-course New Year’s Eve dinner served at The Franklin Restaurant by Alfredo Russo and a bottle of Perrier Jouet Grand Brut NV Champagne, The Gore

82

or the The Pelham, both of which include breakfast, a 5-course New Year’s Eve dinner at The Gore’s restaurant, 190 Queen’s Gate and a bottle of Palmer champagne. The Parisian Castille, on the other hand, offers guests staying in a double room late check-out at 4pm and a free room upgrade (both upon request and subject to availability), together with a New Year’s Eve dinner. In romantic Venice, the Splendid Venice offers guests an effervescent New Year’s Eve dinner with live music. True star-eyed lovers can book a table on the rooftop on the 5th floor with exceptional views over the city. Rome – forever youthful and always fashionable - awaits its

Per festeggiare al meglio il nuovo anno, gli ospiti Starhotels hanno soltanto l’imbarazzo della scelta, sia che preferiscano un Capodanno smart in una delle capitali più belle del mondo, sia che scelgano di farsi coccolare in uno degli Starhotels Collezione per un soggiorno davvero indimenticabile. L’appuntamento è sempre nel cuore della città - dal 30 dicembre al 2 gennaio - per cominciare il 2017 con un’esperienza di viaggio unica. A Londra la scelta è tra The Franklin, che offre la prima colazione, cenone di Capodanno con menù di 7 portate servito al The Franklin Restaurant by Alfredo Russo ed una bottiglia di Champagne Grand Brut Perrier Jouet NV, The Gore e The Pelham, che propongono

prima colazione, menù di Capodanno di 5 portate al ristorante del The Gore, il 190 Queen’s Gate, e una bottiglia di champagne Palmer. Al parigino Castille, invece, gli ospiti potranno contare su notti in camera doppia, il late check-out alle 16 e l’upgrade della camera (entrambi su richiesta e secondo disponibilità), insieme al Cenone di Capodanno. Nella romantica Venezia, invece, lo Splendid Venice mette a disposizione degli ospiti una effervescente cena del 31 con musica dal vivo. Mentre, per i più romantici, sarà possibile prenotare un tavolo sull’altana al 5° piano con un’eccezionale vista sui tetti della città. Roma - giovane di secoli e splendente di moda - attende i suoi ospiti con un pacchetto Vip con


New Year’s Eve in Rom e s us pended bet ween t he S p a n i s h S t e p s , t h e P a n t h e o n a n d Tre v i F o u n t a i n

guests with a Vip package with dinner and live music at the Hotel d’Inghilterra, suspended between the Spanish Steps, the Pantheon and the recently restored Trevi Fountain. For those who prefer a more contemporary atmosphere, but still within the golden Capitoline aura, there’s Starhotels Metropole, which includes a stay in a Superior double room for 2 people, dinner on New Year’s Eve, late check-out at 4pm (upon request and subject to availability) and a free stay for one child under-12 when sharing the room with their parents. A similar package is available to guests staying at the Terminus in Naples and Turin’s Majestic, where children aged 16

and under can enjoy the same offer. For those seeking less crowded destinations, there’s the Grand Milan in Saronno and Bergamo’s Crystal Palace. In the former, the package includes, in addition to dinner, brunch on January 1 and entry to the wellness centre. The range of packages for Milan is large and diversified. At the top is the Rosa Grand Milano Starhotels Collezione, with a two-night stay and New Year’s dinner. As for those who prefer the sweet scenery of the Tuscan hills, there’s the Grand Hotel Continental in Siena or Florence’s Helvetia & Bristol. Both art cities possess a history and charm that’s difficult to match as well as two-night packages with an unforgettable dinner.

cenone e musica dal vivo all’Hotel d’Inghilterra, sospeso tra Piazza di Spagna, il Pantheon e Fontana di Trevi di recente restauro. Per quanti però preferiscono un soggiorno più contemporaneo ma sempre nella dorata aura capitolina l’opzione perfetta è l’ospitalità dello Starhotels Metropole che offre, con le notti in camera doppia Superior per 2 persone, la cena del 31, late checkout ore 16.00 (su richiesta e secondo disponibilità) e un figlio fino a 12 anni ospite gratuito se in camera con i genitori. Un pacchetto analogo è presentato ai clienti del Terminus di Napoli e del torinese Majestic, i quali portano a 16 anni l’età dei figli che potranno godere dell’offerta. Chi volesse optare per mete meno affollate

e di fascino raccolto, può scegliere tra il Grand Milan di Saronno e il bergamasco Cristallo Palace; nel primo il pacchetto prevede, oltre al cenone, il brunch del I gennaio, l’accesso al wellness center. Il ventaglio di offerte per Milano è ampio e diversificato e ha il suo top nel Rosa Grand Milano Starhotels Collezione, con il pacchetto di due notti e cenone di benvenuto al nuovo anno. Quanti invece preferiscono le morbidezze delle colline toscane hanno soltanto da operare una scelta non facile: Grand Hotel Continental a Siena o Helvetia & Bristol a Firenze. Città d’arte entrambe offrono un ventaglio di storia e fascino ineguagliabile, oltre a un pacchetto di due notti con cena indimenticabile. 83


txt Francesca Lombardi

mixology ex p er i e n c e

Sympathy for the Devil A special cocktail in a London bar where the success of the Stones was confirmed Un cocktail speciale, ideato nel bar di Londra che consacrò gli Stones, il Bar 190 del The Gore

D

ecember 6, 1968: on one of those days in one of those years when you wish you’d been born and were old enough to be in London, maybe drinking a cocktail at The Gore’s bar. Imagine, as if in a movie: the Rolling Stones enter, Mick, Keith, Ronnie and Charlie, now as they were then. They are not yet the incarnation of the myth they are today, but they’re already very, very glam on the revolutionary and excessive swinging London scene. They’re here for the launch of their album Beggar’s Banquet, which reached number one on the charts and confirmed their stardom. Photos hanging at the popular bar speak a thousand words. The Gore - Starhotels Collezione, just a five-minute walk from The Royal Albert Hall, was one of the first hotels 84

Shake off the cold, relax in the warm light of the fireplace and enjoy a drink strictly served over ice in a silver glass to open in Kensington in the late 19th century. The hotel has 50 rooms and suites, its bar and the magnificent 190 Queens Gate restaurant where the star Daniel Galmiche is Executive Head Chef. If only we were there on that mythical December 6, when, passing through London, they stopped for a while at this special place. Shake off the cold, relax in the warm light of the fireplace and the comfortable bar and enjoy a cocktail prepared by the head barman at The Gore. Perhaps the great Sympathy for the devil, in honour of the rock band that made history: 25ml of Calle, 23ml of tequila, 25ml of Beefeater Gin infused with chilli, 20ml of Southern Comfort, 10ml of lime juice and 5ml of grenadine syrup. Strictly served over ice in a silver glass.

6 dicembre 1968: uno di quei giorni di uno di quegli anni in cui vorresti essere nato e comunque già abbastanza grande per essere a Londra, magari a bere un cocktail al bancone del bar del The Gore. Immaginate, come in un film: entrano i Rolling Stones, cioè Mick, Keith, Ronnie, Charlie, oggi come allora. Non sono ancora quella incarnazione del mito che sono oggi, ma sono già molto molto glam nella Swinging London rivoluzionaria ed eccessiva. Sono qui per il lancio del loro album Beggar’s Banquet che raggiunse il primo posto delle classifiche e fu la loro consacrazione. Le foto appese nell’ancora frequentatissimo bar del The Gore raccontano quei momenti meglio delle parole. The Gore - Starhotels Collezione, a soli cinque minuti a piedi da The Royal Albert Hall, è uno

dei primi alberghi ad aprire a Kensington nel tardo Ottocento; l’albergo ha 50 stanze e suite, il bar appunto e il magnifico ristorante 190 Queens Gate con Executive Head Chef Daniel Galmiche. Se si può solo sognare di essere stati lì quel mitico 6 dicembre, quando passate da Londra fermatevi qualche ora in questo luogo speciale. Scuotetevi di dosso il freddo, rilassatevi di fronte al caminetto nella luce calda e confortevole del bar, e gustatevi un cocktail preparato dal capo barman di The Gore. Ad esempio un ottimo Sympathy for the devil: 25 ml di Calle 23 tequila, 25 ml di Beefeater Gin con peperoncino in infusione, 20 ml di Southern Comfort, 10 ml di succo di lime, 5 ml di sciroppo di granatina. Rigorosamente servito con ghiaccio in un bicchiere d’argento.


A view of Bar 190, famous for being the location for the Rolling Stones “Beggars Banquet� album launch in 1968

85


txt Francesca Lombardi

Green p hi l osop hy

the eco-chic choice

From Starhotels E.c.ho – a 2011 project – to participation in the Tesla’s Destination Charging Program, Starhotels’ green thinking Dallo Starhotels E.c.ho - progetto del 2011 – alla partecipazione al programma Destination Charging di Tesla, il pensiero green di Starhotels

S

tarhotels has always made ecological choices. All our buildings have a green policy that reduces C02 emissions and energy consumption with low environmental impact generators, low consumption LED lighting and highefficiency heating systems. Hence providing a wonderful travel experience that also respects our environment: part of the mission statement that has become a fundamental principle for the group. The pilot project of this philosophy is Starhotels E.c.ho, designed by architect Andrea Auletta and unveiled in September 2011, after 9 months of renovation. Behind the project, a new concept of hospitality in harmony with the environment and a deep desire to provide stylish but, at the same time, environmentally sustainable accommodation. In addition to structural renovations many other changes were made to fully espouse our green philosophy. In the rooms, the materials, furnishings and fabrics are strictly environmentally certified, as are the air conditioning systems, water supply and intelligent

86

lighting systems to avoid wastage. All this without compromising comfort. Green thinking is also the raison d’être behind our restaurant, where the Orto Green Food & Beverage follows a “zeromile” approach, offering local produce and seasonal menus with lighting that changes from sunrise to sunset in complete harmony with nature. The success of E.c.ho – thanks also to the

Starhotels ha fatto da tempo una scelta ecologica. Tutte le strutture seguono una politica verde che riduce le emissioni di C02 e il consumo energetico con generatori a ridotto impatto ambientale, illuminazione LED a basso consumo e sistemi di riscaldamento ad alta efficienza. Meravigliose esperienze di viaggio quindi, ma nel pieno rispetto dell’ambiente che ci circonda:

The Rosa Grand Milano Starhotels Collezione has joined the Tesla Destination Charging program full involvement of guests, who have actively invested in reducing waste and responded perfectly – has determined Starhotels’ new approach to the environment. A careful revolution without fuss that provides concrete answers to the constant demand for eco-awareness. From the standpoint of an awareness towards conscious consumption, Starhotels has recently joined the Tesla Destination Charging program to provide guests at the Rosa Grand Milano - Starhotels Collezione

una dichiarazione di intenti che è diventata principio fondante per il Gruppo. Progetto pilota di questa filosofia è stato Starhotels E.c.ho.: firmato dall›architetto Andrea Auletta, ha aperto nel settembre 2011, dopo 9 mesi di ristrutturazione. Alla base del progetto una nuova idea di ospitalità in armonia con l’ambiente e la ferma volontà di ottenere un luogo elegante e, allo stesso tempo, ecosostenibile. Oltre agli accorgimenti strutturali, tanti i dettagli che sposano pienamente la filosofia green.

In camera materiali, arredi e tessuti certificati in base a rigorosi standard ambientali, sistemi di aria condizionata, di fornitura dell’acqua e di illuminazione intelligenti, per evitare sprechi. Tutto questo senza scendere a compromessi con un’esperienza di soggiorno di massimo comfort. Pensiero verde anche per il ristorante, dove l’Orto Green Food & Beverage segue un approccio ‘zero mile’, offrendo nel suo menù prodotti locali e di stagione, con le luci che cambiano dall’alba al tramonto in piena simbiosi con la natura. Il successo di E.c.ho. – grazie anche al pieno coinvolgimento degli ospiti che, investiti di un ruolo attivo nella riduzione degli sprechi, hanno risposto alla perfezione - ha determinato il nuovo approccio di Starhotels all’ambiente. Una rivoluzione attenta e senza clamore, che dà risposte concrete alla richiesta di costante attenzione da parte della natura. In quest’ottica di sensibilizzazione a un consumo consapevole, Starhotels ha recentemente aderito al programma Tesla Destination Charging per fornire agli ospiti del Rosa Grand Milano - Starhotels Collezione un servizio di grande ricerca e sostenibilità,


Some pictures of Starhotels E.c.ho.

with a well researched and sustainable service – Tesla wall connectors, which are now available in the hotel’s private parking area in Piazza Fontana. “Starhotels is constantly looking for new ways to add value to a trip. By bringing together the cutting edge technology and forward thinking of Tesla with our commitment to offer high quality services, we now provide our guests with an important value-add in collaboration with a great protagonist of the global automotive industry,” says Elisabetta Fabri, president and CEO of Starhotels. At Starhotels, our green philosophy is uniquely combined with the concept of high hospitality and represents a reality today and a continued search tomorrow.

Green thinking also at E.c.ho’s restaurant, the Orto Green Food & Beverage, which is following a ‘zero-mile’ approach

Part of Tesla’s Destination Charging

grazie a connettori da parete Tesla, oggi disponibili presso l’area privata di parcheggio dell’albergo di piazza Fontana. “Starhotels è alla continua ricerca di nuovi modi per dare più valore all’esperienza di viaggio. Mettendo insieme la tecnologia all’avanguardia ed il pensiero lungimirante di Tesla con il nostro impegno ad offrire servizi di alto livello, abbiamo oggi la possibilità di mettere a disposizione dei nostri ospiti un nuovo importante beneficio, in collaborazione con una grande protagonista dell’automotive mondiale” afferma Elisabetta Fabri, Presidente e AD di Starhotels. In Starhotels la filosofia green è un unicum con il concetto di alta ospitalità e rappresenta una realtà oggi e una ricerca che continua nel futuro. 87


events city events city events city events city eve

New York The thousand Christmas traditions Le mille tradizioni del Natale On November 24, New York celebrates Thanksgiving (the Macy’s parade is not to be missed), while on November 25, the sales begin with Black Friday. On December 2, catch the Christmas Tree Lighting at the Rockefeller Centre and on December 3 in Central Park. Fashion is king from February 11 to 18 with the New York Fashion Week. From April 19 to 30, the Tribeca Film Festival. For those who love the opera, the Metropolitan Opera welcomes La Bohème by Puccini until 5 May. At the MOMA until December 4, The Rise of the Russian Avant-Garde; until January 22, Kai Althoff; until February 12, Nan Goldin: The Ballad of Sexual Dependency; until March 5, Mark Leckey: Containers and Their Drivers; until March 19, Francis Picabia; until April 16, Teiji Furuhashi with the multimedia installation, Lovers. At the Met Fifth Avenue until January 8, Jerusalem 1000-1400: Every People Under Heaven studies the Holy City. Until the same date, the works of Fragonard; and until January 16, the works of the greatest French follower of Caravaggio, Valentin de Boulogne.

Lights, shopping, fashion, theatre, art: Christmas in New York is always magical. A guide to the best events

88

Il 24 novembre New York festeggia il Giorno del Ringraziamento (da non perdere è la parata di Macy’s), mentre il 25 novembre via libera allo shopping con il Black Friday. Il 2 dicembre c’è l’accensione dell’albero di Natale al Rockefeller Center e il 3 dicembre a Central Park. La moda sarà protagonista dall’11 al 18 febbraio con la New York Fashion Week. Dal 19 al 30 aprile Tribeca Film Festival. Per chi ama l’opera al Metropolitan Opera La Bohème di Puccini sarà in scena fino al 5 maggio. Di scena al MOMA fino al 4 dicembre L’ascesa dell’Avanguardia russa; fino al 22 gennaio Kai Althoff; fino al 12 febbraio Nan Goldin: The Ballad of Sexual Dependency; fino al 5 marzo Mark Leckey: Containers and Their Drivers; fino al 19 marzo Francis Picabia; fino al 16 aprile Teiji Furuhashi con l’installazione multimediale Lovers. Al Met Fifth Avenue fino all’8 gennaio Jerusalem 1000– 1400: Every People Under Heaven studia il ruolo della Città Santa; fino alla stessa data le opere di Fragonard; fino al 16 gennaio di scena le opere del più grande seguace francese di Caravaggio, Valentin de Boulogne.


ents city events city events city events city event

paris Paris, worth more than one exhibition Parigi val più di una mostra Until February 5, the Picasso Museum presents the first exhibition dedicated to the two greatest artists of the 20th century: Pablo Picasso and Alberto Giacometti. At the Petit Palais, Oscar Wilde, Insolence Incarnate until January 15. The Grand Palais pays tribute to the career of Hergé, the father of the European comic until January 16. At the Musée Jacquemart-André until January 23, the undisputed master of 17th-century Dutch art, Rembrandt. Magritte: Treachery of Images is at the Centre Pompidou until January 23, bringing together works from the most important public and private collections The Marmottan Monet museum features works by Hodler, Monet and Munch in an exhibition that offers 60 Impressionist, Post-Impressionist and Symbolist paintings until January 22. While from February 23 to July 2, Camille Pissarro Le Premier des Impressionnistes. The Musée de la Vie Romantique features L’oeil de Baudelaire for the 150th anniversary of his death until January 29. At the Monnaie de Paris, Maurizio Cattelan. Not afraid of Love is on until January 8. The Musée d’Orsay has Frédéric Bazille (1841-1870). The Youth of Impressionism until March. From March 14 to June 25, Beyond the stars. The Mystical Landscape from Monet to Kandinsky. Fino al 5 febbraio il Museo Picasso presenta la prima mostra dedicata ai due più grandi artisti del XX secolo: Pablo Picasso e Alberto Giacometti. Al Petit Palais, Oscar Wilde L’impertinent absolu fino al 15 gennaio. Il Grand Palais rende omaggio alla carriera di Hergé, padre del fumetto europeo fino al 16 gennaio. Al Museo Jacquemart-André fino 23 gennaio il maestro indiscusso dell’arte olandese del XVII secolo, Rembrandt. L’esposizione Magritte. Il tradimento delle Immagini, al Centre Pompidou fino al 23 gennaio, riunisce opere provenienti dalle più importanti collezioni pubbliche e private. Il museo Marmottan Monet riunisce le opere di Hodler, Monet e Munch in una mostra che propone una sessantina di dipinti tra impressionismo, postimpressionismo e simbolismo, fino al 22 gennaio; dal 23 febbraio al 2 luglio Camille Pissarro Le Premier des Impressionnistes. Il Musée de la Vie Romantique propone fino al 29 gennaio L’oeil de Baudelaire nel 150esimo anniversario della morte. Monnaie de Paris Maurizio Cattelan Not afraid of Love fino all’8 gennaio. Al Museo d’Orsay fino a marzo Frédéric Bazille (1841-1870). Agli albori dell’impressionismo; dal 14 marzo al 25 giugno Oltre le stelle. Il paesaggio mistico da Monet a Kandinsky.

Picasso, Magritte, Monet and Kandinsky are just a few of the top artists waiting for you in Paris for an unmissable season

89


events city events city events city events city eve

london So many events not to be missed in London Tanti eventi da non perdere a Londra There are plenty of new exhibitions at the new Tate Modern, which reopened in June. In the same complex, the Tate Britain hosts Paul Nash until March 5 and from February 9 to May 29, David Hockney. Wildlife Photographer of the Year 2016 is at the Natural History Museum until September 10. The Victoria and Albert Museum hosts You Say You Want a Revolution? Records and Rebels in 1966-70 until February 26 and on the 150th anniversary of her birth, an exhibition devoted to Beatrix Potter. At the National Gallery until January 15, Beyond Caravaggio, dedicated to the work of Caravaggio and the influence it had on his contemporaries. Fire! Fire!, an the interactive exhibition on the 350th anniversary of the fire that changed the face of London is on until April 17 at the Museum of London. The Star Wars Experience at Madame Tussauds end on June 30. From January 18 to 22, the London Art Fair at the Business Design Centre collects the best contemporary works from more than 100 galleries. Picasso Portraits at the National Portrait Gallery ends February 5. Among the concerts are Justin Bieber at the O2 Arena on November 28, the Red Hot Chili Peppers on December 5, 6 and 18, and Green Day on February 8.

Art and music on the banks of the Thames. Meanwhile, the Tate Modern unveils its new exhibition spaces

90

Numerosissime le mostre aperte alla nuova Tate Modern, riaperta a giugno e più che raddoppiata. Nello stesso complesso, la Tate Britain ospita Paul Nash fino al 5 marzo e dal 9 febbraio al 29 maggio David Hockney. Wildlife Photographer of the Year 2016 al Natural History Museum fino al 10 settembre. Il Victoria and Albert Museum ospita fino al 26 febbraio la mostra You Say You Want a Revolution? Records and Rebels 1966-70 e nel 150esimo anniversario dalla nascita la mostra dedicata a Beatrix Potter. Alla National Gallery fino al 15 gennaio Beyond Caravaggio, dedicata all’opera di Caravaggio e all’influenza che ha avuto sui suoi contemporanei. Fire! Fire! fino al 17 aprile al Museum of London, la mostra interattiva nel 350esimo anniversario dell’incendio che cambiò la faccia di Londra. Star Wars Experience al Madame Tussauds fino al 30 giugno. Dal 18 al 22 gennaio la London Art Fair al Business Design Centre raccoglie l’offerta di opere contemporanee di più di 100 gallerie. Picasso Portraits alla National Portrait Gallery fino al 5 febbraio. Tra i concerti da segnalare all’O2 Arena Justin Bieber il 28 novembre, i Red Hot Chili Peppers il 5, 6 e 18 dicembre, i Green Day l’8 febbraio.


ents city events city events city events city event

milan To see and listen to in Milan Milano da vedere ed ascoltare The Royal Palace of Milan is home to up to 200 works by the engraver and Dutch graphic designer Escher until January 22. Until January 29, Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Luoghi e volti del Giappone che ha conquistato l’Occidente. Until January 27, the works of one of the great contemporary Italian sculptors, Arnaldo Pomodoro. Until February 26, Rubens e la nascita del Barocco. Don’t miss Fabbrica del Vapore The art of the brick until January 19, the Nathan Sawaya exhibition. At the Triennale until January 21, Antonio Marras: Nulla dies sine linea Vita, diari e appunti di un uomo irrequieto. Until February 19, W.Women in Italian Design retraces the history of Italian design. Until December 31 the Prada Foundation will host Kienholz: Five Car Stud, which joins the other temporary exhibition, Uneasy Dancer. Until January 8 an exhibition of works by Betye Saar, and the William N. Copley retrospective. At Mudec until February 26, the interactive exhibition Homo Sapiens e Jean-Michel Basquiat. At the Gallerie d’Italia from November 25 to March 3, Bellotto e Canaletto. Lo stupore della luce. As for concerts, Eros Ramazzotti performs at the Mediolanum Forum in Assago December 20, Renato Zero from January 6 to 10, the Bastille on February 7, Ligabue on March 13 and 14 and J-Ax and Fedez on April 10 and 11. Palazzo Reale ospita fino al 22 gennaio circa 200 opere dell’incisore e grafico olandese Escher; fino al 29 gennaio Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Luoghi e volti del Giappone che ha conquistato l’Occidente; fino al 27 gennaio le opere di uno dei più grandi scultori italiani contemporanei, Arnaldo Pomodoro; fino al 26 febbraio Rubens e la nascita del Barocco. Da non perdere alla Fabbrica del Vapore The art of the brick fino al 19 gennaio, la mostra di Nathan Sawaya. Alla Triennale fino al 21 gennaio Antonio Marras: Nulla dies sine linea Vita, diari e appunti di un uomo irrequieto; fino al 19 febbraio W.Women in Italian Design ripercorre la storia del design italiano. Fino al 31 dicembre la Fondazione Prada ospiterà Kienholz: Five Car Stud, che si aggiunge alle altre temporanee: Uneasy Dancer, fino all’8 gennaio un’esposizione delle opere di Betye Saar, e la retrospettiva di William N. Copley. Al Mudec fino al 26 febbraio la mostra interattiva Homo Sapiens e Jean Michel Basquiat, dedicata all’artista newyorkese scomparso a soli 27 anni. Alle Gallerie d’Italia dal 25 novembre al 3 marzo Bellotto e Canaletto. Lo stupore della luce. Per i concerti si segnalano al Mediolanum Forum di Assago Eros Ramazzotti il 20 dicembre, Renato Zero dal 6 al 10 gennaio, i Bastille il 7 febbraio, Ligabue il 13 e 14 marzo, J-Ax e Fedez il 10 e 11 aprile.

From the origins of mankind to contemporary art, as well as the most anticipated live events. A kaleidoscope of events to experience Milan

91


events city events city events city events city eve

rome Art, science and sports are king in Rome Arte, scienza e sport protagoniste a Roma Top sport at the Sports Hall of Fame located alongside the Altare della Patria, which, until December 31, will house 100 pieces of memorabilia from 100 various disciplines.

A multimedia exhibition dedicated to Van Gogh is at the Palazzo degli Esami until December 31. Contemporary art meets love for LOVE at the Chiostro del Bramante

until February 19. Arturo Dazzi is the star at the Casino

dei Principi until January 29. On display at the Vittoriano

until January 8, the tormented genius of Antonio Ligabue; until February 12, the works of Edward Hopper; followed by a completely different genre, Guerre Stellari. Play!

until January 29. At the Ara Pacis until February 19, 200 photographs shed new light on Picasso. Pinturicchio

will be at the Musei Capitolini between December and March. At the Grandi Aule of the Baths of Diocletian until January 15, Jean Arp. At the Galleria Borghese, Caravaggio e il Maestro di Hartford: l’origine della natura morta in Italia until February 19. Artemisia

Gentileschi is at Palazzo Braschi until May 8. The Palazzo delle Esposizioni hosts DNA. Il grande libro della vita da Mendel alla genomica from February 9 to June 18.

From March 4 to June 18, one of the greatest artists of the contemporary age, Georg Baselitz is celebrated in Eroi. Grande sport allo Sport Hall of Fame allestita sul fianco

Contemporary and eternal, Rome’s events scene shows it’s a city for everyone. Not just for art lovers

dell’Altare della Patria, che fino al 31 dicembre ospiterà

memorabilia di 100 tra i più grandi campioni di varie discipline. Una mostra multimediale per Van Gogh al Palazzo degli Esami fino al 31 dicembre. L’arte contemporanea incontra l’amore con LOVE al Chiostro del Bramante fino al 19

febbraio. Arturo Dazzi è protagonista fino al 29 gennaio al

Casino dei Principi. In mostra al Vittoriano fino all’8 gennaio il genio tormentato di Antonio Ligabue; fino al 12 febbraio

le opere di Edward Hopper; di tutt’altro genere l’esposizione Guerre Stellari. Play! fino al 29 gennaio.

All’Ara Pacis fino al 19 febbraio circa duecento fotografie sono il

modo inedito per conoscere Picasso. Pinturicchio sarà ai Musei Capitolini tra dicembre e marzo.

Alle Grandi Aule delle Terme di Diocleziano fino al 15

gennaio Jean Arp. Alla Galleria Borghese Caravaggio e

il Maestro di Hartford: l’origine della natura morta in

Italia fino al 19 febbraio. Artemisia Gentileschi a Palazzo

Braschi fino all’8 maggio. Il Palazzo delle Esposizioni ospita DNA. Il grande libro della vita da Mendel alla genomica dal 9 febbraio al 18 giugno; dal 4 marzo al 18 giugno uno dei

92

maggiori artisti della contemporaneità Georg Baselitz con Eroi.


ents city events city events city events city event

florence Florence and a winter of discovery Firenze e un inverno da scoprire At Palazzo Strozzi until 22 January Ai Weiwei. From March 10 to July 23, Bill Viola, the master of video art. The Ferragamo Museum features Tra Arte e Moda until April 7. Villa Bardini Peyron hosts Divina Commedia di Venturino Venturi until February 26. Two masterpieces by Donatello and Verrocchio will be on display at the Museo dell’Opera del Duomo until 27 February. In the Uffizi Gallery, Ardengo Soffici e le Avanguardie a Firenze until January 8. From January 10, the Fortezza da Basso welcomes fashion for Pitti Uomo. A Palazzo Strozzi fino al 22 gennaio Ai Weiwei, dal 10 marzo al 23 luglio Bill Viola, maestro della videoarte. Al Museo Ferragamo, fino al 7 aprile, la mostra Tra Arte e Moda. Villa Bardini Peyron ospita fino al 26 febbraio la Divina Commedia di Venturino Venturi. Due capolavori di Donatello e Verrocchio saranno in mostra al Museo dell’Opera del Duomo fino al 27 febbraio. Nella Galleria degli Uffizi fino all’8 gennaio Ardengo Soffici e le Avanguardie a Firenze. Dal 10 gennaio alla Fortezza da Basso la moda di Pitti Uomo.

venice Carnival on the lagoon Carnevale in laguna From February 11 to 28, Carnevale animates Venice’s soul. Il mondo di Han Meilin is on show at Ca‘ Foscari until February 28. The Museo Correr features Ippolito Caffi 1809-1866 until January 8. The Collezione Peggy Guggenheim presents La mia arma contro l’atomica è un filo d’erba, a retrospective on Tancredi Parmeggiani until March 13. A rich symphonic season at the Gran Teatro La Fenice until April. From March 16 to 18 there’s also room for dance with Parsons Dance. Dall’11 al 28 febbraio il Carnevale anima Venezia. Il mondo di Han Meilin in mostra a Ca’ Foscari fino al 28 febbraio. Al Museo Correr fino all’8 gennaio Ippolito Caffi 1809–1866. La Collezione Peggy Guggenheim presenta fino al 13 marzo La mia arma contro l’atomica è un filo d’erba, una retrospettiva di Tancredi Parmeggiani. Ricca la stagione sinfonica fino ad aprile del Gran Teatro La Fenice, dal 16 al 18 marzo c’è spazio anche per la danza con Parsons Dance.

A busy programme of events in Florence and Venice. Carnival on the lagoon, art and fashion in Tuscany’s capital

93


events city events city events city events city eve

siena A city of Masterpieces Una città di Capolavori Until 30 November the Siena Art Photo Travel Festival 2016, do not miss Melissa Farlow’s photographs at the Grand Hotel Continental Siena - Starhotels Collezione. Until 1 January 2017 at the Santa Maria della Scala Complex, Ambrogio Lorenzetti. Dentro il restauro. Until 15 January 2017, at the Continua San Gimignano Gallery exhibitions with works by Suárez Londoño, Xhafa, Sassolino and Kadyrova. On stage at the Teatro dei Rinnovati, from 25 to 27 January, Giulio Scarpati and Valeria Solarino in Una giornata particolare. Fino al 30 novembre Siena Art Photo Travel Festival 2016, da non perdere la fotografia di Melissa Farlow al Grand Hotel Continental Siena – Starhotels Collezione. Fino al 1 gennaio 2017 nel Complesso di Santa Maria della Scala, Ambrogio Lorenzetti. Dentro il restauro. Fino al 15 gennaio 2017, alla Galleria Continua di San Gimignano quattro mostre di grande impatto con opere di Suárez Londoño, Xhafa, Sassolino e Kadyrova. Al Teatro dei Rinnovati, dal 25 al 27 gennaio, Giulio Scarpati e Valeria Solarino in Una giornata particolare.

trieste Lots of music in Trieste Tanta musica a Trieste The avant-garde in Siena, lots of music and major works in Trieste

94

Great photography in Trieste. Mario Magajna is at Palazzo Gopcevich until December 4. At the Fototeca dei Civici Musei di Storia ed Arte until January 31, Passaggio in India. The Museo Petrarchesco Piccolomineo features La cucina del mortaio e del pestello: alimentazione e salute tra Medioevo until January 31. At the Teatro lirico Giuseppe Verdi, The Nutcracker from December 14 to 18, The Magic Flute from January 13 to 22; The Barber of Seville from February 10 to 18; and Tristan and Isolde from April 7 to 15. At the PalaTrieste, Ligabue on March 17 and Fedez e J-Ax on April 16. Grande fotografia a Trieste. Mario Magajna è a Palazzo Gopcevich fino al 4 dicembre; alla Fototeca dei Civici Musei di Storia ed Arte fino al 31 gennaio Passaggio in India. Al Museo Petrarchesco Piccolomineo la mostra La cucina del mortaio e del pestello: alimentazione e salute tra Medioevo ed Età moderna sarà visitabile fino al 31 gennaio. Al Teatro lirico Giuseppe Verdi Lo Schiaccianoci dal 14 al 18 dicembre; Il flauto magico dal 13 al 22 gennaio; dal 10 al 18 febbraio Il barbiere di Siviglia; Tristano e Isotta dal 7 al 15 aprile Al PalaTrieste Ligabue il 17 marzo e Fedez e J-Ax il 16 aprile.


ents city events city events city events city event

turin You’re spoiled for choice C’è solo l’imbarazzo della scelta At the Palace of Venaria, Le meraviglie degli zar until January 29; Brueghel, celebrating Flemish artists, is on until February 19; Sculture moderne until January 29. Toulouse Lautrec and the Belle Epoque is at the Palazzo Chiablese until March 5. At the Galleria Franco Noero until January 28, Robert Mapplethorpe. At the Fondazione Sandretto Re Rebaudengo until January 29 Josh Kline. At Gam until February 27, an exhibition that explores Giacomo Balla’s connection with Torino. Ligabue is at the Pala Alpitour on March 28 and 29. Alla Reggia di Venaria Le meraviglie degli zar fino al 29 gennaio; Brueghel. Capolavori dell’arte fiamminga, artisti fiamminghi in mostra fino al 19 febbraio; Sculture moderne fino al 29 gennaio. Toulouse Lautrec e la Belle Epoque è a Palazzo Chiablese fino al 5 marzo. Alla Galleria Franco Noero fino al 28 gennaio le fotografie di Robert Mapplethorpe. Alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo fino al 29 gennaio Josh Kline. Alla Gam fino al 27 febbraio una mostra che racconta il legame di Giacomo Balla con Torino. Ligabue è al Pala Alpitour il 28 e 29 marzo.

genoa From photography to Pop Art Dalla fotografia alla Pop Art Two great artists at the Palazzo Ducale: Helmut Newton until January 22 with 200 shots from his first three books, and Andy Warhol until 26 February, marking 30 years since his death. The Archivio di Stato opens to the public for the first time for a single exhibition, its treasures, until 30 November. The 25th Symphony Season of the Teatro Carlo Felice brings many events dedicated to the music of the 1900s, with an exceptional exception on January 22 with Stefano Bollani. The romantic Risorgimento paintings of Edward Matania are on display at the Museo del Risorgimento until January 14. Due grandi artisti a Palazzo Ducale: Helmut Newton fino al 22 gennaio con 200 scatti dei suoi primi tre libri; Andy Warhol fino al 26 febbraio a trent’anni dalla sua scomparsa. L’Archivio di Stato apre al pubblico, per la prima volta in un’unica esposizione, i suoi tesori più preziosi fino al 30 novembre. La 25esima Stagione Sinfonica del Teatro Carlo Felice è caratterizzata da molti appuntamenti dedicati alla musica del ‘900, con una parentesi d’eccezione il 22 gennaio con Stefano Bollani. Il Risorgimento romantico nei dipinti di Edoardo Matania al Museo del Risorgimento fino al 14 gennaio.

Photography, Pop art and top names of the 900s in Turin and Genoa

95


events city events city events city events city eve

naples From archaeology to modern art Dall’archeologia all’arte moderna The Pharaohs are back in town with the reopening of the Egyptian section of the National Archaeological Museum. At the Museo di Capodimonte until February 12, the exhibition dedicated to the ‘600 Napoletano is enriched with new paintings. Until February 9, you can see Woman with a Lute by Vermeer, on loan from the Metropolitan Museum in New York. Steve McCurry is celebrated at PAN until February 12. Still at PAN until December 13, Impossible Naples Project: 12 photos by Marco Maraviglia. I Faraoni tornano in città con la riapertura della sezione egizia del Museo Archeologico Nazionale. Al Museo di Capodimonte fino al 12 febbraio la mostra dedicata al Seicento napoletano si arricchisce di dipinti inediti; fino al 9 febbraio è possibile ammirare La Suonatrice di Liuto di Vermeer, in prestito dal Metropolitan Museum di New York. Steve McCurry, in mostra al PAN fino al 12 febbraio; sempre al PAN fino al 13 dicembre Impossible Naples Project: dodici immagini di Marco Maraviglia che rappresentano la città in maniera surreale.

bologna Bologna, from Frida Kahlo to Dalì Bologna, da Frida Kahlo a Dalì Italy from North to South, past and future: opposites attract

96

Not to be missed at Palazzo Albergati, the exhibition dedicated to Frida Kahlo on until March 15, and the Dalì Experience with 200 works at Palazzo Belloni until May 7. Palazzo Pepoli hosts an exhibition on Corto Maltese and his creator Hugo Pratt until March 19. At Palazzo Fava until January 8, Bologna dopo Morandi 1945-2015. The Airport is home to an exhibition dedicated to Guglielmo Marconi until 31 January. Teatro Duse has several festivals. At the Teatro Il Celebrazioni are interesting drama evenings, while at the Teatro EuropAuditorium, musicals, concerts and variety shows. Da non perdere a Palazzo Albergati la mostra dedicata a Frida Kahlo fino al 15 marzo e Dalì Experience con 200 opere a Palazzo Belloni fino al 7 maggio. Palazzo Pepoli ospita fino al 19 marzo una mostra su Corto Maltese e il suo creatore Hugo Pratt. A Palazzo Fava fino all’8 gennaio Bologna dopo Morandi 1945-2015. L’Aeroporto ospita una mostra dedicata a Guglielmo Marconi fino al 31 gennaio. Il Teatro Duse offre diverse rassegne: Dusedanza, Dusevarietà, Duseoltre, Dusesmile. Al Teatro Il Celebrazioni interessanti appuntamenti con la prosa, mentre al Teatro EuropAuditorium musical, concerti e varietà.


ents city events city events city events city event

parma Parma, art and good food Parma, tra arte e buoncibo At the Fondazione Magnani Rocca until December 11, three interesting exhibitions: Monet; Italia Pop. L’arte negli anni del boom and L’età di Maria Luigia, duchessa di Parma. Until January 15: Ferré and Comte are at the Palazzo del Governatore. At Palazzo Pigorini, an exhibition dedicated to the photojournalist Robert Capa. Until January 8 at the Galleria Nazionale, Lucrezia Romana. La virtù delle donne da Raffaello a Reni. Finally, a rich programme at the Teatro Regio. Alla Fondazione Magnani Rocca fino all’11 dicembre tre interessanti mostre: Monet; Italia Pop. L’arte negli anni del boom e L’età di Maria Luigia, duchessa di Parma. Fino al 15 gennaio grandi interpreti tra sartoria e fotografia: Ferré e Comte, al Palazzo del Governatore. A Palazzo Pigorini la mostra dedicata al fotoreporter Robert Capa. Fino all’8 gennaio alla Galleria Nazionale Lucrezia Romana. La virtù delle donne da Raffaello a Reni. Da non dimenticare il ricco cartellone del Teatro Regio.

bergamo Bergamo chooses contemporary art Bergamo sceglie l’arte contemporanea Gamec hosts exhibitions by Michelangelo Pistoletto and Fabio Mauri until January 15. At various venues until January 29, the exhibition Longaretti100 - Opere pubbliche. Teatro Creberg hosts pop music with Fiorella Mannoia (December 1); dance with Momix (December 9 and 10) and Parsons Dance (February 25); and comedy with Covatta e Iachetti (February 11). Plenty of drama at Teatro Donizetti (“La pazza della porta accanto” by Gassman from January 31 to February 5). Still at the theatre, the Bergamo Jazz Festival is on from March 19 to 26. La Gamec ospita fino al 15 gennaio le mostre di Michelangelo Pistoletto e di Fabio Mauri. In diverse sedi fino al 29 gennaio la mostra Longaretti100 Opere pubbliche. Il Teatro Creberg ospita la musica leggera con Fiorella Mannoia (1 dicembre); la danza con i Momix (9 e 10 dicembre), Parsons Dance (25 febbraio); la comicità con Covatta e Iachetti (11 febbraio). Tanta prosa al Teatro Donizetti (“La pazza della porta accanto” di Gassman dal 31 gennaio al 5 febbraio). Sempre al Teatro dal 19 al 26 marzo il Festival Bergamo Jazz.

Contemporary art and good food: a warm winter in Parma and Bergamo

97


events city events city events city events city eve

saronno A winter at the theatre Un inverno a teatro Until December 3, the Museo della Ceramica houses Biancaneve, drawings of Michelangelo Rossato. The Teatro Giuditta Pasta has plenty on from drama with Ottavia Piccolo in Enigma (January 20 to 22) to concerts, La maschera di Pino (December 9), Eugenio Finardi (January 13); dance, Eko International Dance Project with Sleeping Beauty (December 17); opera, Nabucco (January 14); and operetta, The Merry Widow (February 5). At the SpazioAnteprima on December 21, the Hammond Quartet. Fino al 3 dicembre il Museo della Ceramica ospita Biancaneve, mostra di Michelangelo Rossato. Ricco il cartellone del Teatro Giuditta Pasta con la prosa, Ottavia Piccolo in Enigma (dal 20 al 22 gennaio); concerti, La maschera di Pino (9 dicembre), Eugenio Finardi (13 gennaio); la comicità Paolo Hendel (4 febbraio), Renato Pozzetto (22 aprile); la danza Eko Dance International Project con La Bella Addormentata (17 dicembre); l’opera, il Nabucco (14 gennaio); l’operetta La Vedova allegra (5 febbraio). Allo SpazioAnteprima il 21 dicembre, l’Hammond Quartet.

vicenza Palazzo Chiericati is reopening Palazzo Chiericati riapre al pubblico Great artists of the past for two cities rich in art and history

98

From this fall Palazzo Chiericati is reopening the twentieth century wing to the public after a long period of restoration. Don’t miss the itinerary dedicated to Giovanni Bellini in Vicenza, on the occasion of the fifth centenary of his death: the Niccolini Cross of Camugliano at Palazzo Chiericati until 29 January and the Baptism of Christ in the church of the Holy Crown - permanently on view. Wednesday, 18 January, Petrel live at Panic Jazz in Marostica. In concert, Gianluca Petrella: trombone & live electronics. Da questo autunno a Palazzo Chiericati riapre al pubblico l’Ala Novecentesca, completamente rinnovata dopo un lungo periodo di restauro. Da non perdere l’itinerario dedicato a Giovanni Bellini a Vicenza, in occasione del cinquecentenario della sua morte: il Crocifisso Niccolini di Camugliano a Palazzo Chiericati fino al 29 gennaio e il Battesimo di Cristo nella chiesa di Santa Corona - esposizione permanente. Mercoledi 18 gennaio, Petrel live al Panic Jazz di Marostica. In concerto Gianluca Petrella: trombone & live electronics.


MADE IN boggi.com


Enjoy your star n.6