Page 1

ANNO XIV

Numero 4

AGOSTO 2015

BIMENSILE DELLE RESIDENZE GIUBILEO

L’occhiale “Non esistono i coraggiosi, solo persone che accettano di andare a braccetto con la loro paura”. Luis Sepúlveda


Sommario Informazioni Utili Orari

pag. 1/2

Buon Compleanno Festeggiati di GIUGNO LUGLIO

pag.3/4

Concerti Corale “ZIP” Pomeriggio di musica con Lodino

pag. 6/7 pag. 8

Attività del servizio socio-educativo Campagna idratazione

pag. 9/10

Eventi XXVIII campionato Italiano “Targa Para- archery”

pag. 11

Una bella cosa Arriva il nuovo Vescovo di Padova

pag. 12

L’angolo letterario Un vero amico

pag. 14

Il mestolo d’argento Penne fredde con pesto di rucola e peperone arrostito

pag. 16

1


Informazioni Utili ORARI BAR: tutti i giorni Mattino dalle ore 9.30 alle ore 11.45 Pomeriggio dalle ore 15.30 alle ore 18.15 PARRUCCHIERE E BARBIERE Martedì, mercoledì, giovedì e venerdì Dalle ore 13.30 alle ore 18.00 PEDICURE Mercoledì dalle ore 9.00 – 12:00 alle ore 13.00 – 17:00 MEDICI Dr. Crea

Lunedì Mar-mer-ven Giov - sab

9.30-12.3 0 14.30-17.30 10.00- 13.00

N.B. Al fine di evitare inutili e spiacevoli attese, si invitano i sigg. parenti che volessero contattare il medico del proprio congiunto , a compilare l’apposito modulo presso il centralino. Ciò garantirà un celere e sicuro contatto con il medico. Dott. crea

Dr. Maraglino

lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato

15.00 -18.00 11.00 - 14.30 11.00 - 14.30 15.00 - 17.30 11.00 -14.30 08.00 - 10.00 2


Dr. Malatesta

lunedì martedì mercoledì giovedì

venerdì sabato

08.00-12.00 12.00 - 15.00 08.00-11.00 14.00-17.00 12.00-15.00 08.00-10.00

N.B. Al fine di evitare inutili e spiacevoli attese, si invitano i sigg. parenti che volessero contattare il medico del proprio congiunto , a compilare l’apposito modulo presso il centralino. Ciò garantirà un celere e sicuro contatto con il medico. Dott. Malatesta

PSICOLOGA: D.ssa Minervini

dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.00

S. MESSE Tutti i giorni Santa Messa:

8:00 17:00

Domenica Santa Messa:

10:30 17:00

Adorazione : ( mercoledì/ venerdì/domenica) 15:00 / 17:00

Santa messa al Giubileo (solo venerdì) 10:30

Buonhttp://www.oiconlus.it compleanno a… oppure:

Indirizzo del sito della Fondazione Opera Immacolata Concezione:

http://community.oiconlus.it 3


COMPLEANNI DEL MESE DI

GIUGNO

Bardelli Bianca Biasiol Maria Domenica Braghetto Giuseppina Crivellaro Pierina Dalla Libera Cesira Mazzucato Giannina Orteschi Luciano Pinato Anna Maria Polese Maria Quintarelli Giuseppe Tiziani Luciana

16 01 06 25 26 26 10 10 07 04 23

4


Compleanni del mese di LUGLIO

Baratello Mario Belluco Giampietro Bonanno Conti Giuseppe Camporese Ada Cardin Antonia Cassano Giovanni Dal Maso Ercole De Gasperi Giuseppina Fassina Natalina Gambillare Guido Gobbo Filomena Guiotto Wanda Lovison Gioconda Pilonato Giuliana Rigato Bruno Sandano Emma Sattin Umbertino Zannoni Walter

16 17 28 27 14 30 16 04 09 30 17 18 18 25 05 09 28 07

5


Concerti Corale “ZIP” Domenica 7 giugno, si è esibita presso la nostra Residenza la “Corale ZIP” proponendoci un bel pomeriggio di musica e di spettacolo; un bel momento di festa e di divertimento ma anche un ottima occasione per i nostri ospiti di trascorrere del tempo in compagnia e amicizia. Molte sono stati le persone che hanno aderito alla proposta concertistica e tanti sono stati i familiari e gli assistenti che li hanno accompagnati. Buona musica folkloristica seguita da aneddoti e racconti di altri tempi soprattutto dei nostri posti, hanno arricchito ancora di più il vasto repertorio. Un cocktail di festa e di allegria ha rallegrato tutti i partecipanti che hanno aderito con molto piacere. La corale non è nuova alla nostra Residenza. Già graditi ospiti negli anni passati hanno sempre aderito con forte entusiasmo ai nostri inviti, sicuri di essere ben accolti con buonumore ed allegria. Un grazie particolare và alla presidente del gruppo, Adriana De Dea, che ha permesso ancora una volta di poter realizzare tutto questo e per la splendida poesia che ci ha omaggiato e che qui di seguito vogliamo pubblicare.

6


LA MIA VITA Ai bordi della strada Ho raccolto Petali di fiori…. Tra le mani una gioia improvvisa, attimi di felicità nati fissando l’azzurro del tuo sguardo. Improvviso, un vento freddo ha sparpagliato fogli di vita, farfalle impazzite hanno smarrito la strada, le loro ali… il calore. Semino ogni giorno nuovi fiori E sogna ancora di accarezzare petali disegnati per me e profumati di nuovo. Adriana De Dea

7


Pomeriggio di musica con Lodino Domenica 19 luglio, a distanza di un anno, è venuto a trovarci l’amico Lodino. È una graditissima conoscenza non nuova alla nostra Residenza, sempre pronto ad accettare il nostro invito nell’animare un pomeriggio con tanta buona musica. Sono sempre molte le persone che aderiscono ai suoi concerti invogliati soprattutto dalla sua inconfondibile voce e dalla sua coinvolgente simpatia. Lodino ha proposto un repertorio squisitamente estivo visto le temperature molto elevate del pomeriggio invitando tutti a cantarle insieme a lui; il tema della proposta è stato il “mare” e la “spiaggia”; non sono mancate coppie di ballo che spontaneamente si sono messe a danzare stuzzicate dalla sua musica molto trascinante. Grazie Lodino per il rapporto speciale che riesci ad istaurare con i nostri ospiti … il nostro è un arrivederci e ci auguriamo al più presto…

8


Attività del servizio socio-educativo Campagna idratazione Nel mese di luglio, è partita una vera e propria “campagna dell’idratazione” che ha coinvolto in maniera omogenea tutto il personale, i volontari ed anche i familiari che opportunamente sensibilizzati si sono attivati per essere parte attiva nella somministrazione di acqua in più momenti della giornata. L’anziano a causa di una serie di cambiamenti fisiologici che si verificano con l’avanzare dell’età ha un alto rischio di disidratazione con conseguenze gravi per la salute. E’ necessario bere e assumere liquidi con l’alimentazione perché l’acqua interviene nello svolgimento di tutti i processi fisiologici e in tutte le reazioni biochimiche del nostro corpo: agisce da solvente per la maggior parte dei nutrienti (minerali, vitamine idrosolubili, aminoacidi, zucchero), interviene attivamente nei processi di digestione, assorbimento, trasporto, utilizzo di nutrienti, oltre che per l’eliminazione delle scorie metaboliche. L’acqua è anche fondamentale per la regolazione della temperatura corporea, mantiene compatta la pelle e le mucose, agisce come ammortizzatore e lubrificante nelle articolazioni. Nel corso della giornata l’organismo perde notevoli quantità di acqua con le urine, le feci, con la respirazione e la traspirazione della cute. Per star bene è importante mantenere un corretto bilancio idrico cioè bisogna far sì che la quantità di acqua che si perde (con urine, feci e sudorazione) sia integrata con una pari quantità di liquidi assunti. Quando il bilancio idrico non viene mantenuto in equilibrio o perché si ha uno scarso apporto di liquidi o perché si ha un aumento della perdita di liquidi, si va incontro a disidratazione con conseguenze gravi per la salute (alterata capacità di regolare la temperatura corporea, affaticamento cardiaco, disturbi gastrointestinali). Il meccanismo della sete, indispensabile per mantenere il bilancio idrico, ha un tempo di risposta ritardato. Interviene cioè solo quando la perdita di acqua è già tale da provocare i primi effetti negativi. Inoltre negli anziani il meccanismo della sete spesso è attenuato, occorre quindi bere spesso indipendentemente dallo stimolo. Le per9


sone anziane sono particolarmente suscettibili a causa di alcuni cambiamenti dovuti all’età; in particolare o il meccanismo ormonale che interviene per contrastare la disidratazione (liberazione di ormone antidiuretico) è insufficiente. Inoltre l’anziano ha una scarsa sensazione della sete. Le cause di questo non sono note, ma l’effetto è che l’anziano se non stimolato difficilmente beve. Il rischio di disidratazione è particolarmente alto durante la stagione calda perché aumenta la sudorazione e quindi la perdita di liquidi. In estate è ancora più importante bere a sufficienza e consumare alimenti leggeri ricchi di acqua come frutta e verdura. Se normalmente è sufficiente bere un litro e mezzo di acqua al giorno, in questo periodo dell’anno bisognerebbe bere almeno 2 litri di acqua al giorno e consumare molta frutta e verdura. Inoltre per ridurre il rischio di disidratazione occorre vestirsi con abiti leggeri, preferendo tessuti in cotone, lino o fibre naturali. Durante l’estate, in particolare, ci sarà ampia disponibilità di bevande e offerta delle stesse in molti momenti della giornata per far sì che non vi siano problemi legati alla disidratazione, soprattutto ora che il caldo la fa da padrone. Quindi beviamo molto per star bene!

10


EVENTI XXVIII campionato Italiano “Targa Para- archery” Venerdì 10 luglio si è svolta presso la Residenza Paolo VI l’inaugurazione per l’assegnazione dei titoli di classe delle varie categoria in gara dei campionati Italiani “Targa Para-Archery”. I tricolori di Padova hanno anticipato di poco più un mese la partenza della nostra “Nazionale Azzurra” alla volta di Donauschinghen , la città tedesca che ospiterà i campionati mondiali e la gara di qualificazione per le Paralimpiadi di Rio 2016. Tante sono state le persone che hanno partecipato alla cerimonia: la promotrice Silvana Santi presidente “Civitas Vitae Sport Education”; c’è stata poi la benedizione del nostro Padre Spartaco e il discorso del Presidente dell’OIC: Angelo Ferro; non poteva mancare la gioiosa partecipazione dei bambini dei centri estivi “L’isola dei pirati” che dal mese di giugno riempiono le loro giornate partecipando alle molte proposte come piscina, equitazione, scherma, pattini in linea, visita guidate al “museo veneto del giocatolo”, laboratori creativi, ecc.

11


Una bella cosa Arriva il nuovo Vescovo di Padova Le campane a festa hanno suonato alle 12.15, in contemporanea a Padova e a Mantova. I rintocchi, quelli della basilica di Santa Maria Assunta di piazza Duomo e della cattedrale di San Pietro apostolo, chiesa madre della Diocesi di Mantova, hanno segnato lo scioglimento del segreto pontificio e la Chiesa padovana conoscerà il nome del nuovo vescovo. E un po’ come accadde il 5 luglio di 26 anni fa la guida della Chiesa padovana sarà affidata a un outsider. Lo era, allora, il giovane nunzio apostolico Antonio Mattiazzo lo è monsignor Claudio Cipolla, attuale vicario episcopale per la Pastorale della Diocesi di Mantova. Sarà il sessantenne mantovano, nato a Goito, a raccogliere la lunga eredità di Mattiazzo che, come annunciato in occasione della festa di San Gregorio Barbarigo, andrà come semplice missionario nella prefettura apostolica di Robe in Etiopia. Cipolla diventerà quindi il 123esimo vescovo di Padova per volere di papa Francesco che, così come fece Wojtyla nel 1989, si è orientato per una scelta di vera e propria rottura indicando Cipolla, un “semplice” parroco che dovrà essere ordinato vescovo prima di prendere la guida della Chiesa padovana. Il futuro presule proviene dal mondo dell’Azione Cattolica ed è stato ordinato a Mantova il 24 maggio del 1980. Già parroco della chiesa di Sant’Antonio di Porto Mantovano, è stato membro del consiglio pastorale della Diocesi di Mantova dal 2010 al 2014 e della commissione per la formazione permanente del clero. Siede, formalmente almeno fino alle 12 di oggi, nel ratione officii del consiglio presbiterale, nel collegio dei consultori e il primo settembre del 2014 è stato nominato vicario episcopale per la Pastorale della Diocesi di Mantova. Nel 2011 è stato insignito del titolo di Cappellano d’Onore di Sua Santità. Inoltre dal 1990 al febbraio 2009 è stato direttore della Caritas di Mantova. Una scelta in controtendenza, come detto, che porta al Vescovado un presule esterno alle attuali vicende curiali, in grado di intraprendere un nuovo percorso di opere e di carità e poco conosciuto negli ambienti vicini alla Santa Sede. La storia, a 26 anni di distanza, si ripete. Allora da una parte c’era l’episcopato triveneto, guidato dal cardinale Marco Cè e dall’arcivescovo di Udine Alfredo Battisti (di origini padovane), che avevano puntato sull’allora vescovo di Vittorio Veneto, Eugenio Ravignani. Dall’altra c’erano i nuovi vertici della Cei, in particolare l’allora segretario generale Camillo Ruini, che preferivano una nomina più “wojtyliana” anche per quanto riguarda l’apertura ai nuovi movimenti e aggregazioni laicali: un profilo che rispondeva all’allora vescovo di Chioggia, Sennen Corrà. Vista l’impasse, dalla Sante Sede iniziarono a cercare un outsider. Si

12


parlò di una candidatura di padre Raniero Cantalamessa, ma poi le autorità vaticane individuarono il giovane nunzio apostolico Antonio Mattiazzo, originario della Diocesi di Padova, da pochi anni rappresentante pontificio in Costa d’Avorio, Burkina Faso e Niger. Papa Wojtyla lo scelse a sorpresa. La sorpresa è destinata ad accompagnare anche la nomina di monsignor Cipolla. Dopo che nel maggio del 2014 Mattiazzo ha reso noto all’arcivescovo Adriano Bernardini, nunzio apostolico rappresentante del Papa in Italia, di voler concludere il suo mandato il 18 giugno 2015 (festa di San Gregorio Barbarigo), ha preso avvio l’iter che ha portato il nunzio apostolico ad avviare le consultazioni previste per la nomina del nuovo vescovo. Un giro d’orizzonte nel corso del quale sono stati sentiti i vescovi della regione, esponenti del clero diocesano e anche alcuni laici. Successivamente, così come ebbe modo di ricordare lo stesso Mattiazzo, è stata presentata alla Congregazione dei vescovi una terna di nomi. «A conclusione di questo iter sarà il Santo Padre a decidere il nome del vescovo». Diversi i nomi che hanno animato il totovescovo. Da ultimo quello di Carlo Roberto Maria Redaelli, vescovo di Gorizia, emerso, secondo indiscrezioni, dopo il rifiuto arrivato da monsignor Giampaolo Crepaldi, vescovo di Trieste. Ma nell’ambito delle giro di consultazioni sono trapelati anche i nomi del vescovo di Udine, Andrea Bruno Mazzocato, di Giampiero Gloder (presidente della Pontificia Accademia Ecclesiastica e vice camerlengo della Camera Apostolica) e poi ancora di Andrea Toniolo (responsabile del Servizio nazionale per gli studi superiori di Teologia e di Scienze religiose della Cei) e di monsignor Livio Melina, preside del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II. Alla fine papa Francesco ha scelto don Claudio Cipolla. Fonte: “Il mattino di Padova”

13


L’ANGOLO LETTERARIO Un racconto per l’estate “Un vero amico” Un vero amico è colui che arriva quando tutti gli altri se ne sono andati….. Il proprietario di un negozio stava mettendo un cartello sulla porta che diceva: ”Si vendono cuccioli”. Questo tipo di avvisi attraggono sempre i bambini, e infatti ne apparve uno nel negozio e gli domandò: “Quanto costano i cuccioli?”. Il proprietario rispose: “Dai 30 ai 50 dollari”. Il bambino mise una mano in tasca ed estrasse alcune monete. “Ho solo 2 dollari e 37 centesimi…posso vederli?”. L’uomo sorrise e fischiò. Dal retrobottega uscì di corsa una cagna seguita da cinque cagnolini. Uno dei cagnolini era rimasto indietro. Il bambino indicò subito il cagnolino, che zoppicava. “Che succede a quel cagnolino”, domandò. L’uomo gli disse che quando il cagnolino nacque, il veterinario gli spiegò che aveva un’anca difettosa e che avrebbe zoppicato in quel modo per tutta la vita. Il bambino si emozionò molto ed esclamò: ” E’ questo il cagnolino che voglio comperare”. Ma l’uomo sorpreso gli disse: “No, non devi comperarlo, perché se lo vuoi veramente te lo regalo” Il bambino si arrabbiò e guardando dritto negli occhi il padrone del negozio disse: “Io non voglio che lei me lo regali. Vale quanto gli altri cuccioli e voglio pertanto pagare il suo prezzo completo. Le do quindi i miei 2 dollari e 37 centesimi, ma ogni mese verrò a darle 50 centesimi sino a quando non raggiungerò la cifra”. L’uomo stupefatto gli disse: “Veramente vuoi comperare questo cagnolino, figliolo. Non sarà mai in grado di correre, saltare e giocare come i suoi fratellini”. Il bambino si chi-

14


nò e sollevò il pantalone per fargli vedere la sua gamba sinistra, che veniva sostenuta da un grande apparecchio di metallo. Guardò nuovamente l’uomo e gli disse: “Va bene, nemmeno io posso correre molto bene ed il cagnolino avrà bisogno di qualcuno che lo capisca”. L’uomo si morse le labbra e gli occhi si riempirono di lacrime…sorrise e disse: “Figliolo, spero e prego che ognuno di questi cuccioli possa avere un padroncino degno di te”. Nella vita non importa chi sei, ma che qualcuno ti apprezzi per quello che sei e ti accetti e ti ami senza condizioni.

Anonimo

15


IL MESTOLO D’ARGENTO Penne fredde con pesto di rucola e peperone arrostito

La pasta fredda è ideale per un pranzo in riva al mare: fresca e leggera può essere condita in mille modi diversi come in questa ricetta presentata con peperoni, pesto di rucola e pomodorini secchi.

Ingredienti:          

400 gr di penne 50 gr di pomodorini secchi sott'olio 2 peperoni rossi 400 gr di rucola 50 gr di pinoli 2 filetti d'acciuga 1 spicchio d'aglio 50 gr di pecorino grattugiato olio extra vergine d'oliva sale

16


Preparazione: Arrostite i peperoni, spellateli e tagliateli a listarelle. Per spellarli più facilmente, dopo averli arrostiti sulla fiamma del gas o in forno, chiudeteli in una busta di plastica, lasciateli raffreddare per un’oretta, quindi strofinateli con le mani all’interno del sacchetto di plastica. In questo modo la pelle potrà essere eliminata senza fatica. Preparate il pesto frullando con un mixer la rucola, i pinoli, i filetti di acciuga, l’aglio e il pecorino. Regolate la consistenza aggiungendo olio a filo. In acqua bollente salata cuocete la pasta al dente, scolatela e fatela raffreddare, mettendola sotto l’acqua fredda per qualche minuto. Condite la pasta con i peperoni, i pomodori secchi e il pesto di rucola.

Consiglio: Nella preparazione del pesto utilizzate l’olio freddo di frigorifero: la salsa manterrà così il suo colore verde intenso.

Buon appetito!

17

Occhiale giugno luglio 2015  
Occhiale giugno luglio 2015  
Advertisement