Page 1

ANNO XVI

Numero 1

FEBBRAIO 2017

BIMENSILE DELLE RESIDENZE GIUBILEO

L’occhiale “Ama la vita perché è l’unico regalo che non riceverai due volte”.


Sommario Informazioni Utili Orari

pag. 1/2

Buon Compleanno Festeggiati di Dicembre e di Gennaio

pag. 4/5

Concerti e danze Insieme per la qualità della vita

pag. 6,7

Concerto scuola Ruzante

pag. 8

Umberto Marcato

pag. 9

Concerto d’arpa

pag. 10

Attività del servizio socio educativo Tradizionali auguri di Babbo Natale ai nuclei

pag. 11

Inaugurazione mostra artistica

pag. 12

Eventi Presepe vivente

pag. 13

Una bella cosa 50 anni di matrimonio

pag. 14,15

L’angolo letterario Le origini della befana

pag. 16,17

Il mestolo d’argento Topinambur al forno

pag. 18,19 1


Informazioni Utili ORARI BAR: tutti i giorni Mattino dalle ore 9.30 alle ore 11.45 Pomeriggio dalle ore 15.30 alle ore 18.15 PARRUCCHIERE E BARBIERE Martedì, mercoledì, giovedì e venerdì Dalle ore 13.30 alle ore 18.00 PEDICURE Mercoledì dalle ore 9.00 – 12:00 alle ore 13.00 – 17:00 MEDICI Dr. Crea

Lunedì

9.30-12.3 0

Mar-mer-ven

14.30-17.30

Giov - sab

10.00- 13.00

N.B. Al fine di evitare inutili e spiacevoli attese, si invitano i sigg. parenti che volessero contattare il medico del proprio congiunto , a compilare l’apposito modulo presso il centralino. Ciò garantirà un celere e sicuro contatto con il medico. Dott. crea

Dr. Maraglino

2

lunedì

15.00 -18.00


Dr. Malatesta

lunedì martedì mercoledì

08.00-12.00 12.00 - 15.00 08.00-11.00

giovedì

14.00-17.00

venerdì

12.00-15.00

sabato

08.00-10.00

N.B. Al fine di evitare inutili e spiacevoli attese, si invitano i sigg. parenti che volessero contattare il medico del proprio congiunto , a compilare l’apposito modulo presso il centralino. Ciò garantirà un celere e sicuro contatto con il medico. Dott. Malatesta

PSICOLOGA: D.ssa Minervini

dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.00

S. MESSE Tutti i giorni Santa Messa:

8:00 17:00

Domenica Santa Messa:

10:30 17:00

Adorazione : Buon compleanno a… ( mercoledì/ venerdì/domenica) 15:00 / 17:00 3

Santa messa al Giubileo (solo venerdì) 10:30


COMPLEANNI DEL MESE DI

Dicembre

Bassani Renata

28

Canesso Lidia (100 ANNI)

23

Dodel Erika

15

Frasson Franca

19

Lazzaro Virginia

26

Maretto Natalia

24

Pensa Renato

28

Polo Giovanna

01

Travaglia Zanibon Guglielmino

23

4


Compleanni del mese di

Gennaio

Barina A.

31

Bisello T.

26

De Mori Z.

25

Gasparon M.

04

Nanni G.

29

Peruzzo A.

30

Salata G.

26

Terrosu M.

04

Trinca A.

04

Zampeloca A.

27

Tantissimi auguroni di buon compleanno!!!

5


CONCERTI E DANZE Insieme per la qualità della vita Giovedì 8 dicembre, si celebra la Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria. La festività simboleggia l’inizio delle celebrazioni natalizie perché è abitudine che in questo giorno si inizi ad addobbare il presepe e l’albero di Natale. L’Immacolata Concezione, per noi è un giorno di autentica festa; tutta la residenza è ornata e pronta per dare inizio al periodo più sentito dell’anno: il Natale. Da tradizione al mattino vi è l’inaugurazione della Mostra artistica, dove ogni anno vengono esposti gli oggetti ed

i

manufatti

creati nei laboratori dagli ospiti con la collaborazione degli educatori, volontari

dei e

dei

familiari frutto della loro

generosa

operosità. Ad animare il pomeriggio alle residenze Giubileo abbiamo avuto il piacere di avere con noi un’associazione: “Insieme per la qualità della vita”, che già altre volte è stata nostra gradita ospite ed ha saputo ancora una volta rallegrare tutti ed infondere la gioia per questo giorno speciale. 6


Le canzoni proposte sono state tantissime; un repertorio speciale dove non potevano mancare, brani natalizi, il tutto coreografato con

costumi e

scenografie davvero

suggestive.

Un

grazie

particolare, come sempre, va al presidente dell’Associazione, Leo Ercolin, che ha ancora una volta reso possibile il nostro appuntamento sempre con forte senso di amicizia e di affetto e al maestro Gianni che insieme ai coristi hanno saputo regalarci belle emozioni.

7


Concerto natalizio Scuola Ruzante Tradizionale appuntamento con la scuola “Ruzante” di Padova giovedì 15 dicembre per la nostra Residenza. L’istituto, che sono stati ospiti per molti anni consecutivi, ci hanno regalato un concerto canoro e strumentale di straordinaria bellezza. L’orchestra, formata dalle classi seconda e terza B e coordinati dai loro insegnati, si sono cimentati in un repertorio di tutto rispetto spaziando da Strauss a Bizet. Non è mancato il bis per una platea davvero emozionata. Un grazie speciale va agli insegnati e ai ragazzi che hanno animato il pomeriggio con la loro musica; l’augurio e quello di poterli riascoltare l’anno prossimo con delle nuove proposte musicali.

8


Umberto Marcato Domenica 15 gennaio si è esibito presso la nostra struttura l’artista padovano Umberto Marcato entrato nel cuore dei cittadini della città di Padova soprattutto col la canzone “Ma quando torno a Padova...”. Umberto ha regalato agli ospiti della Residenza Pio XII ed eccezionalmente anche per quelli della Residenza

Santa

Chiara

venuti

per

la

grande

occasione

accompagnati dagli educatori, momenti di vero trasporto musicale; canzoni che sono rimasti indelebili nella memoria popolare e che hanno fatto storia soprattutto nella tradizione popolare veneta divenendo dei veri e propri inni per la città di Padova e di Venezia. Canzonette come Ma quando torno a Padova, a l’ombra della

specola, ecc sono diventate “canti di tutti” non solo in Italia ma anche fuori Nazione portato nel mondo la intramontabile canzone Italiana con

una assoluta originalità interpretativa.

Grazie

Umberto per questo splendido regalo... l’augurio è quello di riverti presso con altre splendide canzoni da cantare tutti assieme.

9


Concerto d’arpa È dicembre, mercoledì 28 per la precisione. Alla residenza Giubileo, un gruppetto di ospiti, accompagnato da volontari e educatori, è deciso a sfidare il freddo pungente e l’aria gelida in nome dell’amore per la musica. L’appuntamento è al primo piano della residenza Santa Chiara dove si terrà un concerto d’arpa. L’evento è decisamente insolito, non tutti hanno mai avuto il piacere di sentir suonare dal vivo uno strumento così. E quello che li aspetta è uno spettacolo di tutto rispetto. La sala è gremita. L’arpista Marina Paccagnella sembra essere visibilmente emozionata. Perché nonostante abbia alle spalle un’esperienza decennale come musicista e insegnate. Nonostante si sia esibita in molti teatri importanti, abbia inciso svariati cd e collaborato con le Orchestre più prestigiose, quello di oggi, per lei, è un giorno speciale! Speciale perché è tornata a casa, nella sua Padova (vive dal 2009 a Amburgo), speciale soprattutto perché suonerà di fronte ai suoi genitori, entrambi residenti al S. Chiara. Neanche a dirlo il concerto è stato magico. Le corde dell’arpa, suonate da mani così esperte, hanno saputo regalare emozioni indescrivibili. Ora speriamo che Marina Paccagnella torni presto a farci visita!

10


Attività del servizio socio educativo Tradizionali auguri di Babbo Natale ai nuclei Anche quest’anno Babbo Natale ha fatto visita ai nostri cari amici della Residenza Pio XII accompagnato dagli educatori con prezioso supporto dei volontari V.A.d.A. Annamaria, Lorenza, Cristina, Maria e Mara, sempre a suon di musica e gustose degustazioni dei dolci tipici: pandoro e panettone, molto attesi ed apprezzati. Un ringraziamento speciale va’ ai due volontari che si sono prestati al travestimento di Babbo Natale: Bruno e Ato. E’ stato un momento carico di emozioni con le foto assieme al Babbo Natale ed al personale, graziosa cartolina alla quale i nostri nonni hanno dimostrato di tenere in particolar modo, come ricordo da esporre nelle proprie camere o da regalare, con affetto, ai propri cari. Per tutti il classico brindisi di buone feste con l’augurio di un sereno e gioioso Natale. 11


Inaugurazione mostra artistica Il giorno 8 dicembre, festa dell’Immacolata concezione, ospiti, familiari, volontari con il personale, si riuniscono per inaugurare la tradizionale “mostra artistica”. Il contenuto di questa esposizione racchiude molti significati tutti ugualmente importanti; è frutto dell’operosità dei nostri anziani che si esprime durante un intero anno di lavoro; è sostanza, fatta di impegno e di volontà di coloro che vogliono mettersi in gioco. In questa mostra ci sono manufatti, risultante della costante sinergia di relazioni umane e di aiuto di volontari, famigliari ed educatori. Questa esposizione riveste per alcuni versi un valore sicuramente artistico, originale ma soprattutto umano e sociale; sostanzialmente di promozione e condivisione di rapporti relazionali e di solidarietà. Le difficoltà di ogni uno diventano la premessa per una dinamica motivazionale e di centralità della Persona. 12


EVENTI Presepe vivente Giorno 21 dicembre abbiamo voluto inscenare, per la prima volta nella nostra Residenza, la sacra rappresentazione della Natività di nostro Signore attraverso il “presepe vivente”. Consiste questo in una

breve

rappresentazione

teatrale

che

ha lo scopo

di

raffigurare, attraverso dei figuranti umani, la nascita di Gesù in una scenografia che viene costruita per ambientare le vicende della natività come l’annuncio a Maria, il viaggio verso Betlemme, la nascita di Gesù nella grotta. Appartiene ad una tradizione molto antica della nostra cristianità: il primo presepe vivente della storia fu opera di San Francesco d'Assisi, nel borgo di Greccio, presso Rieti, nel 1223. A partecipare a questo magico evento sono stati i ragazzi della parrocchia della Mandria, alcuni ospiti e dipendenti della struttura che si sono cimentanti nell’inscenare alcuni personaggi tipici del presepio e i volontari dell’associazione V.A.d.A. Un grazie va alle catechiste e ai ragazzi della parrocchia della mandria che ci hanno aiutato nell’opera, ai volontari V.A.d.A. sempre presenti nelle varie iniziative e ai dipendenti ed ospiti della Residenza Pio XII che si sono prestati per realizzare il tutto. E stato un pomeriggio di vera magia; l’augurio adesso è che diventi una bella tradizione per la nostra struttura, da ripetere sicuramente.

13


Una bella cosa 50 anni di matrimonio I nostri amatissimi educatori Cinzia e Alessandro a sorpresa hanno saputo che il parrucchiere Carlo ha festeggiato 50 anni di matrimonio. In poche parole descrivo un po’ la storia del mio matrimonio. Innanzitutto ringrazio il buon Dio per avermi fatto raggiungere con gioia questa meta. Nel 1964 facevo il militare a Palermo, verso la fine del servizio, era il mese di febbraio, tempo di carnevale, per una fatalità, ho conosciuto quella che ora è mia moglie. Faceva la commessa ai magazzini Standa, ci siamo incontrati con gli occhi, scoccò la scintilla, con il desiderio di vederla ogni giorno di libera uscita. Piano, piano nacque l’amore; mi rimanevano ancora tre mesi di permanenza a Palermo per poi tornare alla vita civile. Una volta rientrato a casa, quel bel viso di ragazza e la sua raffinatezza, popolavano sempre i miei pensieri, così quando ripresi il lavoro, avevo 22 anni ed ero già titolare di un negozio, era il 1965 e le cose andavano bene, decisi il 13 ottobre del 1966 di sposare la mia bella siciliana a Palermo. Sono passati 50 anni, naturalmente come in tutti i matrimoni, ci sono momenti belli e momenti più difficili ma con la fede e tanta volontà di riuscire si superano le difficoltà.

14


Superare tutti gli ostacoli è stato possibile anche grazie alla nascita di due figli meravigliosi che ci hanno donato cinque nipoti maschi che hanno festeggiato con noi l’importante anniversario di matrimonio, nella chiesa in cui ci siamo sposati il 13 ottobre. Abbiamo poi rinnovato le promesse nella nostra parrocchia di S. Prosdocimo a Padova. Oltre a ringraziare nostro Signore, per i doni ricevuti, voglio condividere questo gioioso traguardo con tutti gli ospiti del Giubileo che per me rappresenta la seconda famiglia dall’anno di inaugurazione: il 2000. Sono anche lieto di ricordare un altro importante anniversario, quello del 60 anni della fondazione OIC, ringrazio tutti coloro che fanno e che hanno fatto parte della nostra vita. Giancarlo e Rosa 13 ottobre 2016

15


L’angolo letterario Le origini della befana La Befana è una vecchia brutta e gobba, con il naso adunco e il mento aguzzo, vestita di stracci e coperta di fuliggine, perché entra nelle case attraverso la cappa del camino. Infatti la notte tra il 5 e il 6 gennaio, mentre tutti dormono infila doni e dolcetti nelle calze dei bambini appese al caminetto. Ai bambini buoni lascia caramelle e dolcetti, a quelli cattivi lascia pezzi di carbone. La Befana si festeggia nel giorno dell'Epifania, che di solito chiude le vacanze natalizie. Il termine “Befana” deriva dal greco “Epifania” che significa “apparizione, manifestazione”. Avvenne nella notte tra il 5 ed il 6 gennaio che i Re Magi fecero visita a Gesù per offrirgli oro, incenso e mirra. Anche la Befana apparve nei cieli, a cavallo della sua scopa, ad elargire doni o carbone, a seconda che i bambini siano stati buoni o “cattivi”. 16


Una leggenda spiega la coincidenza così: una sera di un inverno freddissimo, bussarono alla porticina della casa della Befana tre personaggi elegantemente vestiti: erano i Re Magi che, da molto lontano, si erano messi in cammino per rendere omaggio al bambino Gesù. Le chiesero dov’era la strada per Betlemme e la vecchietta indicò loro il cammino ma, nonostante le loro insistenze lei non si unì a loro perché aveva troppe faccende da sbrigare. Dopo che i Re Magi se ne furono andati sentì che aveva sbagliato a rifiutare il loro invito e decise di raggiungerli. Uscì a cercarli ma non riusciva a trovarli. Così bussò ad ogni porta lasciando un dono ad ogni bambino nella speranza che uno di loro fosse Gesù. Così, da allora ha continuato per millenni, nella notte tra il 5 ed il 6 gennaio a cavallo della sua scopa…

17


Il mestolo d’argento

Topinambur al forno

Tempo: 40 min DIFFICOLTA’: Facile PORZIONI: due persone CALORIE: 100gr/100Kcal

Il topinambur al forno è la ricetta di un contorno semplice e veloce da realizzare. Per chi non lo sapesse il topinambur è un tubero, come le patate, e dopo la cottura assume un sapore delicato e leggermente dolciastro. Di solito viene bollito in acqua salata, cotto al vapore o in forno. In alternativa potete anche cucinarlo in padella oppure friggerlo. Il topinambur può essere consumato anche crudo tagliandolo a fettine sottili oppure grattugiato per condire le insalate. La preparazione del topinambur al forno è davvero semplice: tagliatelo a fettine o tocchetti, condite con sale, olio e erbe aromatiche e cuocete in forno. Una volta pronto, servite il topinambur per accompagnare piatti a base di carne o pesce.

18


Ingredienti 

Topinambur: 250 Gr

Erbe Aromatiche Fresche O Secche: Q.B. Sale: Q.B. Pepe: Q.B. Olio Extravergine Di Oliva: Q.B.

  

Ricetta e preparazione

1. Lavate il topinambur sotto acqua corrente ed eventualmente spazzolate per eliminare gli eventuali residui di terra. Sbucciate il topinambur e tagliatelo a fettine abbastanza sottili, ma non troppo. In alternativa potete tagliare il topinambur anche a tocchetti di piccole dimensioni. Passate velocemente le fette di topinambur in un composto di acqua e succo di limone. Questo procedimento eviterà che le chips di topinambur anneriscano durante la cottura. 2. Tamponate le fette di topinambur con un panno da cucina per asciugarle. Mettete le fettine ottenute in una ciotola e condite con sale, pepe, olio extravergine di oliva ed erbe aromatiche fresche o secche (rosmarino, originano, timo, salvia). Disponete le fette di topinambur in una teglia da forno cercando di distanziarle tra loro per quanto possibile. 3. Cuocete in forno statico già caldo a 200°C per circa 25-30 minuti o fino a quando saranno ben dorate e croccanti. Estraete le fette di topinambur dall'elettrodomestico e disponetele su un piatto di portata.

Consigli

Servite le chips di topinambur al forno appena pronte.

Buon appetito! 19

Dicembre 2016 gennaio 2017  
Dicembre 2016 gennaio 2017  
Advertisement