Issuu on Google+

IL CORRIERE DEL SECOLOF ONDAZI ONE OPE RA I MMACOLATA CONCEZ IONE - ONLU S

Club over 100 “Ricomincio da zero”


CLUB “OVER 100” Il “CLUB OVER 100 – Ricomincio da zero”, nasce all’interno della Fondazione Opera Immacolata Concezione nel 2007 ed è esclusivamente riservato agli ospiti che vivono nelle residenze e che hanno 100 o più anni. E’ la punta di diamante della filosofia che intende la “LONGEVITA’ come RISORSA”: valorizza infatti le persone anziane che, a fronte di una età veneranda, si ritrovano ad avere bisogno degli altri nella loro quotidianità, ma riescono a catalizzare un interesse proprio per la loro particolare età e per l’esperienza accumulata in una vita lunga e originale. E’ un club unico, nel quale i soci godono di privilegi assicurati da altri (altrimenti non potrebbero organizzare niente per loro conto, né tenere contatti, …) . Come ogni buon club che si rispetti ha un logo e una casella di posta elettronica (ricominciodazero@oiconlus.it) , agli iscritti vengono assicurate una tessera gratuita valida 10 anni, una “divisa” con i colori del club (lilla, blu) e con frasi specifiche che inneggiano alla risorsa … degli anni, l’ingresso delle stanze in cui abitano le persone viene arricchito da uno specifico volantino che ricorda a tutti che è presente un centenario. La festa del 2010 si inserisce all’interno dei festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia. In ogni residenza della Fondazione si cerca di valorizzare i centenari nel miglior modo possibile, facendo capire che l’età non è un ostacolo ma un punto di forza, soprattutto se associata ad un buono stato di salute. I soci partecipano regolarmente alle attività promosse nelle residenze (feste, laboratori, attività relazionali) e ad altri eventi promossi dalla Fondazione (Maratona di S.Antonio, festa annuale dei dipendenti). La prima festa ufficiale del Club si è svolta il 15 maggio 2008 presso la residenza PIO XII al Civitas Vitae a Padova e ha visto la partecipazione di 16 centenari provenienti dalle residenze. La seconda festa si è svolta il 13 maggio 2009. Il club in totale conta 41 ospiti. La socia più longeva è la signora VENZO MARGHERITA che ha compiuto 107 anni lo scorso 21 febbraio ed è ospite nella residenza di Mossano. Ad oggi la socia più “giovane” è la signora Busatta Giovanna (Carmignano di Brenta) che compirà 100 anni il 27 dicembre. Una curiosità: la somma totale degli anni degli ospiti è 4157 con una media di 101,4 anni. Dal 2009 il club ha un dolce ufficiale scelto appositamente per i centenari: “Petit Fleur Estense” che risale all’inizio del secolo scorso nella casa reale dei Savoia.


Club over 100 - PILLOLE DI VITA ANNO 1903 MARGHERITA VENZO Con i suoi 107 anni compiti il 21 febbraio, è la decana dei centenari del Club per l’anno 2010! Nata a Rossano Veneto nel 1903, la signora Margherita è ospite dell’OIC nella residenza di San Giovanni in Monte dal settembre 1992. Nella sua vita si è dedicata con amore alla sua famiglia e alla sua grande passione: l’insegnamento. Maestra elementare, molte volte racconta delle lunghe camminate fatte per raggiungere piccole scuole di montagna, in inverno, dove gli alunni la aspettavano in aule spesso fredde, riscaldate solo da piccole stufe a legna. Dopo la pensione decide di dedicare il suo tempo alle persone sofferenti. Volontaria dell’AVO per lungo tempo ha portato conforto agli ammalati ricoverati all’ospedale di Cittadella. Quale è il segreto di una vita tanto lunga? Con serenità e semplicità Margherita risponde: “Prendere sempre il lato positivo della vita!” ANNO 1904 JOLANDA CAMPI Compie 106 anni il14 settembre ed entra all’ O.I.C. 18 dicembre 1986. Jolanda è un nome di origine francese, deriva da Jolant e significa color della viola. Ha vissuto pienamente la vita , coltivando le sue passioni , equitazione , teatro… e tante altre. Il lusso e gli sfarzi di una classe sociale agiata , alle quale lei apparteneva , le ha permesso di avere tutto ciò che poteva desiderare di materiale, ma la vita l’ha spesso privata di ciò a cui lei teneva di più emotivamente . Da quando è arrivata all’O.I.C. , ha condotto vita solitaria, donando la sua amicizia a pochi. Ha una formidabile memoria, un’intelligenza pronta , una buona cultura ed è una vera signora di quelle che esistevano solo molti anni fa. Una della sue attività preferite è sempre stata la lettura, la televisione, il donare a chi è povero e sfortunato. Ama molto i dolci. ANNO 1905 ELISA MARITAN L’8 giugno 1905 nasce la signora, per lei un cuore materno è il più bel posto in cui un bimbo può stare e il più difficile da perdere, infatti non ha avuto figli ma ha fatto da mamma a molti bambini. Ha fatto molti Km in bicicletta da Ponte di Brenta a Sant’Angelo di Piove di Sacco e ha sempre avuto una grande passione per il ricamo. A 90 anni ha deciso di entrare presso la nostra sede del Centro Nazareth, ora vive nella residenza S.Chiara. ANNA COLPI Nasce il 19/09/1905 a Padova. E’ stata Maestra per molti anni e la prima scuola in cui ha insegnato era davanti alla chiesa della Mandria. Il nipote ci dice che la sig.ra è sempre stata orgogliosa di essere nipote del medico di Garibaldi. La sua grande preoccupazione ora è per la badante che attualmente la segue e tra tre anni andrà in pensione ; la signora Anna non sa proprio come farà!!! Dal 19/12/2005 è ospite della Residenza Santa Chiara ANNO 1906 MADDALENA MUNARETTO Nasce a Zanè (VI) il 14.01.1906, ha sempre vissuto nel paese di nascita ed è rimasta nubile. Fin da giovane ha lavorato come infermiera presso il reparto di pediatria dell’ospedale Boldrini di Thiene, dove prestò servizio per venti anni; in seguito, per alcuni decenni, fu perpetua del Parroco Don Francesco Bussolaro fino alla morte del sacerdote. Lungo tutto il corso della sua vita si è


prodigata nell’aiutare i più poveri sia economicamente, sia realizzando lavori in lana (coperte, scarpine) da inviare poi nelle missioni. Dal 24 marzo 2010 risiede presso il Centro Residenziale Guido Negri di Thiene. PIETRO MORO E’ nato a Montecchio Precalcino il 30-08-1906. E’ entrato in residenza il 2 novembre del 2005 di sua iniziativa. Il Signor Pietro durante la guerra ha perso la sua casa, è stata bombardata e un fratello è stato fucilato. E’ sempre stato un uomo attivo in parrocchia, è stato per anni presidente del vicariato. Uno tra i ricordi più belli, è la nascita della prima figlia, dopo 10 anni di matrimonio hanno fatto una grandissima festa, è stato un grande evento. Molto allegro e socievole con tutti è un vero “gentil uomo!!!” ELVIRA PIZZO Nasce il 29 settembre 1906, ha avuto due figli maschi, ama l’allegria e ci tiene a sottolineare che lei è 4° cugina di Monsignor Loris Capovilla (stimatissimo segretario di Papa Giovanni XXlll, che ha salutato benedicente il Club in occasione della seconda festa, nel 2009). E sembra sia vero che una risata bella e saporita tesse un filo alla tela della vita. La signora Elvira è ospite dell’OIC da fine anni ’80, per trasferimenti interni è entrata nella residenza Santa Chiara il 27/05/1992, il giorno dopo l’apertura, ed attualmente è la persona che da più anni risiede nella struttura. ANNO 1907 LUIGIA PIETROBON Compie 103 anni l’undici luglio ed entra all’O.I.C. il 28 ottobre 1991. Luigia , nome di origine germanica, deriva da Hlodwing; significa: combattente, valorosa. E combattiva Luigia lo è davvero, ha sempre vissuto serenamente, affrontando la vita e le sue vicissitudini senza protestare, trovando la forza di reagire nella sua fede che l’accompagna da sempre. Ha sempre avuto un carattere caritatevole, disponibile ad aiutare il prossimo e a vivere con poche esigenze. Per anni quando è arrivata si è resa disponibile a cucire e rammendare per chiunque ne avesse bisogno. MARIA MORETTI Detta Gina, nasce a Piazzola sul Brenta il 18 luglio 1907. Essendo la più anziana dei fratelli deve accollarsi fin da giovane molte responsabilità e impegni per aiutare i genitori a mantenere la famiglia. Trascorre la sua giovinezza lavorando sodo in uno jutificio. La sua è una vita dura fatta di fatiche, rinunce, sacrifici e rispetto nei confronti dei genitori che assiste premurosamente fino alla morte. Giunta alla pensione, riesce finalmente a soddisfare qualche suo desiderio, tra cui visitare i luoghi santi. Dal 19 ottobre 1987, decide di trascorrere i suoi “anni d’argento” ad Asiago presso la nostra residenza, dove si distingue per bontà d’animo e semplicità. IRENE ZAMUNARO Nasce il 7 novembre 1907 a Longare (VI), entra all’OIC di San Giovanni in Monte nel settembre 1992. Ha condotto una vita semplice ma ricca di impegni e di lavoro: divideva infatti il suo tempo tra la cura della famiglia, il lavoro dei campi e la gestione di un negozio di generi alimentari (“il casolin”), a Creazzo, ora in periferia a Vicenza, ma allora paese ben distinto dalla fascia urbana, dove ancora per l’acquisto della merce si usava il baratto, ovvero lo scambio di cose. In tempi come i nostri in cui si sente parlare di euro e ancora si ragiona sul cambio con la lira, il ricordo della sig.ra Irene ci suona lontano: “ricordo quando le signore del paese aspettavano che le galline facessero le uova, per poter comprare …. Due uova di zucchero, tre uova di riso, …”


ANNO 1908 MARIA COSTA E’ nata a Piazzola sul Brenta il 12-12-1908 ed è entrata in residenza il 24-08-2004. Vedova dal 1996, ha due figli. La signora aveva una passione grande per la musica, per l’opera, in particolare La Traviata, Il Barbiere di Siviglia. Andava sempre in giro in bicicletta, le piaceva essere sempre aggiornata per questo tutti i giorni leggeva il quotidiano, era molto attenta alla linea, non ha mai mangiato tanto e ci teneva ad avere sempre il capelli in ordine. La signora Maria è sempre di buon umore…. ELISA ZAFFONATO E’ nata il 30 dicembre 1908 a Schio (VI), si è poi trasferita a Santorso (VI). Ha avuto cinque figli (una femmina e quattro maschi) per i quali si è tanto prodigata. Ha sempre lavorato sia da nubile che da sposata, nel bosco, nei campi ed in fabbrica. Appassionata di lavoro a ferri e ad uncinetto, ha fatto diversi lavori che poi regalava a familiari ed amiche. Ricorda ancora i tristi momenti legati al periodo delle due guerre. Entrata nel Centro Residenziale Guido Negri di Thiene il 14 aprile 2008. ANNO 1909 ANTONIO VANZAN E’ nato a Galzignano Terme (PD) il 10 marzo 1909. E’ una persona dotata di un’intelligenza viva e brillante, possiede un’ottima cultura, ama leggere e si tiene sempre aggiornato su ciò che accade nel mondo. Nel 1942, dopo un lungo travaglio per rientrare in Italia dal fronte in Croazia, si sposa a Roma con la signora Maria Anna. La sua vita viene allietata dall’arrivo di tre figli ed è colma di impegni di lavoro. Antonio diventa funzionario amministrativo all’Alitalia e conserva tale posto fino alla pensione. Dal 26 settembre 2006 decide di trasferirsi con la moglie, di un anno più anziana di lui e purtroppo deceduta, nella Residenza O.I.C di Asiago. Nonostante la grave perdita ha trovato la forza per continuare a vivere non abbandonando mai i suoi interessi e partecipando con entusiasmo alla vita della comunità. Per vivere a lungo, afferma, occorre avere un pizzico di fortuna e … mangiare tanta frutta. MARIA BRIANI E’ nata il 10 marzo 1909, originaria di Bologna, Emiliana pura ama i tortellini. Viene da una famiglia benestante, i suoi genitori erano produttori di vini pregiati. Ha abitato per molto tempo a Firenze, amava andare in villeggiatura in montagna, suonare l’organo in chiesa, ha studiato maestra d’asilo. Nella sua infanzia è sempre stata considerata la più debole dei 10 fratelli, racconta: “ Mi riempivano di olio di ricino, e cercavano sempre di farmi mangiare perché dicevano :” No ea vien da gnente stà piccinina!” e invece gli altri sono morti e io sono qua! Il medico mi ha detto che il mio cuore è così forte che per farmi morire devono ammazzarmi! Io gli ho risposto che non ha mai battuto per nessuno così non si è mai consumato!”. Quando le è stato chiesto se ha avuto fidanzati lei ha risposto: “Sei matta!? Avevo tutto quello che desideravo: soldi, domestici, la mia famiglia, non mi mancava niente e avrei dovuto sposarmi e andare a fare la serva ad un uomo? Non se ne parla!” Dal 16/03/2010 è ospite della Residenza Santa Chiara. IDA PASQUA RUGGERO Nasce il 23 marzo 1909, è una casalinga verace, dal carattere grintoso, arrivava sempre dove voleva, fino a 80 anni usciva da sola e prendeva l’autobus per andare a trovare la figlia. Dal 03/06/2003 è ospite della Residenza Santa Chiara.


MARIA BERTESSO Nasce il 23 giugno 1909. Ha due figli che raccontano di come la signora sia sempre stata la colonna portante della famiglia in quanto il marito era parzialmente invalido, quindi lei si occupava di tutto. Ha lavorato molto anche fuori casa in un laboratorio che produceva guanti in pelle. E’ ospite della residenza Santa Chiara dal 27 ottobre 1998. OLINDA BABBOLIN E’ nata a Rio di Ponte S.Nicolò il 4 luglio 1909; proviene da una famiglia di levatrici, guidata sempre dall’altruismo ha condotto una vita dedita al prossimo, anche la scelta della sua professione e stata fatta all’insegna del desiderio di fare del bene, infermiera per 40 anni . Mamma di 4 figli, il suo segreto per la longevità è sicuramente il lavoro svolto con passione e dedizione. Lavora ancora a maglia e le sue babbucce tengono caldi i piedini dei bambini. Dal 2009 ospite del Giubileo, prima residente al Nazareth, poi al S. Chiara.. BEATRICE PREVEDELLO E’ nata a Camposampiero il 09-07-1909. E’ entrata in residenza il 16 novembre 2004. Si ricorda quanto bello era la domenica ritrovarsi con tutta la famiglia e mangiare assieme, fare i pic- nic per i campi, con focacce e vino. Questa è la sua filosofia: “Un bel canto gioioso in compagnia, la polvere dal cuore soffia via”. CATERINA COGO Nasce a Dueville (VI) l’ 11 agosto 1909, la signora Caterina si sposa giovane a 25 anni, in pieno periodo fascista, prima della seconda guerra mondiale. Il viaggio di nozze? Al Santuario di Monte Berico, meta preferita per l’epoca, dove ha chiesto alla Madonna grazie speciali per la vita di coppia. La signora Caterina, emozionata al ricordo, ci racconta delle sue esperienze di volontariato in una delle parrocchie cittadine… “quando preparavo da mangiare per i bambini, mi chiamavano già ‘nonna’, ed ero felice tra i giovani perché pensavo che difficilmente si sarebbero scordati di me!”. La signora Caterina è ospite dell’OIC di San Giovanni in Monte dal dicembre 2001. VINCENZO ARPA Compie 101 anni il 4 dicembre 1909. Entra al Nazareth il 17 maggio 2000. Originario della provincia di Foggia, durante la guerra è stato fatto prigioniero e ha perso la prima moglie sotto i bombardamenti. Dopo ha fatto il fornaio, ama il pane di Altamura e tutte le cose genuine. Non ha grande stima dell’odierna società ritiene che molti valori legati alla famiglia e alla morale siano andati perduti. Ama passeggiare e mangiare dolci , soprattutto quelle belle focacce con lo zucchero e la pasta di mandorle. Ama essere festeggiato, quindi si prepara con cura ad ogni festa.

VITTORIO BASSO Nasce il 22 dicembre 1909 a Grantorto. E’ entrato in residenza il 10 agosto 1995. Lavorava i campi, era un lavoro faticoso. Quello che ricorda con più gioia è la nonna materna con cui è cresciuto, quando aveva 20 anni questa donna meravigliosa gli dava 1 uovo e lui si comperava un sacchetto di tabacco da fumare. La fede lo aiuta e lo accompagna da sempre nella sua vita.


ANNO 1910 ANITA LUPPI Compie cento anni il 19 gennaio1910. Entra all’ O.I.C. 24.11.1997 E’ un nome di origine ebraica, significa “Dio ha favorito”, si festeggia il 26 luglio o il 24 agosto. Allevato con pugno di ferro in guanto di velluto 8 figli. Sa a memoria molte poesie ,non ama la confusione , ma le piace la compagnia. Non vede più da alcuni anni, è un po’ sorda ma lucida . Ha sempre amato vestirsi bene, essere curata nella persona.

CESIRA PIANALTO Nasce il 21 gennaio 1910 a Thiene (VI), sempre vissuta nel paese natale. Ha avuto 6 figli (1 maschio e 5 femmine), ha 12 nipoti e 17 pronipoti. Ha sempre lavorato in casa: appassionata di lavoro a ferri faceva vestitini, corredini per bambini, maglie e capi vari per le famiglie di Thiene. Entra nel Centro Residenziale Guido Negri il primo settembre 2004. ELENA DIONISI Nasce il 21 marzo1910 ed è una donna che ha sempre amato il lavoro a cui si è dedicata da quando era “abbastanza giovane”, tanto da continuare fino a novanta anni ad essere attiva e presente nel suo negozio di elettrodomestici. Dal 14 aprile 2008 è ospite della Residenza Santa Chiara dove ha i suoi sacri rituali: quando si alza, prima di dedicarsi alla pulizia personale fa colazione con un the macchiato con latte ed alcune fette biscottate. Poi si reca in palestra per mantenersi in forma. Il resto del tempo lo dedica alla sua grande passione: la lettura. Non c’è romanzo o best seller che sfugga alla sua attenzione! Il segreto della longevità? Non esiste...gli anni passano e basta! ANNA CRACCO Nasce a Molino di Altissimo(VI) il 22/03/1910, da papà Ireneo e mamma Regina. Penultima di cinque tra fratelli e sorelle, Anna al termine della Grande Guerra emigra in Francia con tutta la famiglia. Lì conosce Antonio -un italiano nativo di Oderzo(TV)- emigrato anche lui in cerca di lavoro, che diventerà poi suo marito. Dopo il rientro in Italia, nel 1930, il loro sogno d’amore si corona nel Duomo di Oderzo. Dal matrimonio nascono due figli e tre figlie. Gli anni passano in fretta tra gioie familiari e soddisfazioni lavorative, fino a quando –purtroppo- nel 1978 Antonio muore. Nonostante il grave lutto Anna, casalinga di professione, non si perde d’animo e mantiene vivo il contatto con i figli e le rispettive famiglie. L’impegno verso il prossimo,la grande energia e l’umiltà sono alcune delle caratteristiche più importanti di Anna. Dal 2002 risiede nel Centro Residenziale O.I.C.”Simonetti “di Oderzo e partecipa attivamente alle attività proposte. GIOVANNI PRESOTTO Compie 100 anni il 31.3.1910 ed entra all’O.I.C. il primo dicembre 2003 E’ un nome di origine ebraica e significa: dono di Dio. Si festeggia il 24 giugno. Il signor Giovanni ha sempre amato molto la famiglia, ama la compagnia ma concede la sua amicizia a pochi. Adora i dolci, e organizza la sua vita all’interno della sua stanza, dove si sente sicuro e sereno , così come una volta la organizzava all’interno della sua famiglia.


MARIA VETTORE Nasce il 05/04/1910 a Padova. Si è sempre dedicata alla famiglia ed alla casa: è una casalinga DOC! La sua caratteristica distintiva è stata il grande amore per l’ordine e la pulizia, basti pensare che le sue tazze e tazzine erano in bella vista con tutti i manici sempre rivolti nella stessa direzione. Anche adesso continua ad essere attiva tanto che non ha mai smesso di leggere, scrivere e far di conto. Un segreto vero e proprio per arrivare a cento anni non ce l’ha, ma di sicuro serve forti, metodici in ogni giorno della propria vita e curare costantemente la propria persona Dal 24/04/2008 è ospite della Residenza Santa Chiara CLEOFE VIGNATO E’ nata il 09/04/1910 a Rottanota in provincia di Venezia, dove è nato anche il nostro attuale Vescovo di Padova: Monsignor Antonio Mattiazzo, che la signora Cleofe conosceva molto bene, dal momento che era un amico di famiglia. Ha lavorato per tanti in Germania, lavorando campi di patate. Dal momento che amava molto coltivare la terra, aiutava anche il cognato che abitava vicino a lei per poi rivendere il raccolto al mercato. In quel periodo, esisteva ancora lo scambio, per cui, in cambio di una determinata merce si otteneva un certo genere alimentare : farina, pane, etc…. Dopo la morte del secondo marito ha combattuto la solitudine grazie al bellissimo rapporto che si era instaurato con i suoi vicini e in particolare con Margherita, che aiutava nel lavoro nei campi e che le sta vicino da ben 36 anni. Abita alla residenza santa Chiara da circa otto anni. ELISABETTA DAL SANTO E’ nata il 28 aprile 1910 a Piovene Rocchette (VI), dove è sempre vissuta. Ha una figlia e 2 nipoti maschi. Ha lavorato per 30 anni al lanificio Lanerossi. Di carattere sempre allegro e ottimista, anche di fronte ai problemi. Entrata nel Centro Residenziale Guido Negri il 18 dicembre 2007. GIUSEPPA SVALUTO E’ nata a Catania il 24 maggio 1910, ha condotto una vita semplice, dedita alla famiglia, donna di buon carattere sempre accomodante e si definisce una signora “all’antica”, forse è proprio questo il suo segreto di lunga vita. Dal 2001 ospite delle Residenze Giubileo, prima residente al Centro Nazareth. ELEONORA CORAZZA Nasce a Ferrara “per caso” nel 1910 ma è una veneziana DOC! non è mai stata sposata e non ha avuto figli. Avrebbe potuto avere una grande carriera nel campo della moda ma poiché questo l’avrebbe portata lontana da Venezia, rinuncia. Si fa conoscere ed apprezzare come valente stilista a Venezia. Generosa ed affettuosa con tutta la sua famiglia, ha vissuto una vita semplice e di grande lavoratrice. Di carattere mite ma fermo, sa farsi apprezzare per cordialità e simpatia. E’ entrata alle Residenze Giubileo nel luglio del 2002. Alla domanda qual è il suo segreto di lunga vita? Eleonora risponde: “il volere di Dio e la bontà di carattere”. CECILIA DALLA RIVA Nasce il 27.06.1910 a Piovene Rocchette (VI), quinta di undici figli, è l’ultima della famiglia ancora in vita. Sposatasi andò a vivere a Santorso (VI). Ha lavorato nella fabbrica tessile Lanerossi. Rimasta vedova senza figli, è tornata a vivere a Piovene vicino a una sorella. Donna molto devota, ha assiduamente frequentato la chiesa. Grande appassionata di canto sacro e popolare, ancora oggi ricorda molte canzoni e ama partecipare a concerti religiosi e spettacoli musicali.


L’1 ottobre 1997 è entrata nel Centro Residenziale Guido Negri di Thiene; ha accettato di venire molto volentieri e ha sempre trovato cure e assistenza. Le sue massime: “sempre avanti / guarda e passa e non ti curar di loro”. ARGIA PERUZZO Nasce il 9 luglio 1910 a Piazzola sul Brenta, la sua famiglia d’origine è numerosa, infatti sono in 12 fratelli. Si è sposata a 24 anni e ha avuto 5 figli. Ha lavorato nello Iutificio del suo paese, la sua giornata cominciava alle 4 del mattino. Un carattere forte, deciso e determinato; ha assistito il marito, ferito in guerra. Autonoma, coltivava tutte le amicizie del vicinato che andava a visitare con frequenza, e tutti i giorni trovava il tempo per andare alla messa. Le piaceva moltissimo leggere e quando cominciava un libro doveva vedere la fine. Si dilettava a scrivere dei romanzetti di sua inventiva. Le piace giocare a tombola e tutti i giorni va alla messa. La gioia più grande è passare del tempo con i figli, nipoti e pronipoti… Una donna sicuramente energica….!!!!!! MARIA BORGO E’ la più “giovane” del gruppo di ospiti residenti a San Giovanni in Monte, in cui è stata accolta nel giugno del 2005: la signora Maria è nata infatti a Vicenza il 27 luglio 1910 e attende (con la sua tranquillità quotidiana) di festeggiare i primi 100 anni. Maria Borgo ha lavorato per 40 anni al cotonificio Rossi di Vicenza; da Corso Padova, zona di residenza a Borgo Berga, la strada non è molta e Maria ci arrivava in bici, con il sole o con la pioggia, solo quando nevicava, protetta dal suo ombrello, si incamminava a piedi. Con modo disarmante, mentre frequenta settimanalmente il laboratorio creativo della residenza, srotolando pazientemente il filo di carta pirka, ammette: “il mio segreto di longevità? La salute, quella buona!” TERESA POLETTO Nasce a Fara Vicentino (VI) il 18.08.1910 da Francesco e Maria Poletto. Cresce in una famiglia numerosa e molto attiva. Il padre, più volte sindaco e podestà, le impone un’educazione molto tradizionale e responsabile verso la società e la stessa famiglia. Testimone attenta e curiosa delle due guerre mondiali, scrive per l’Università Adulti Anziani alcune testimonianze che vengono accolte con interesse e pubblicate. Si sposa a 21 anni ed avrà quattro figli, tutti sposati. Rimasta vedova nel 1964, continuerà ad essere di esempio morale per tutti i suoi cari. All’età di 47 anni diventa nonna e accoglie con gioia successivamente nove nipoti. Nel 1984 è bisnonna e fino al 2009 saluterà undici pronipoti. È entrata all’O.I.C. l’1 settembre 2004, dapprima a Villa Rosa ad Asiago, dal 15 dicembre 2008 presso il Centro Residenziale Guido Negri di Thiene. ISABELLA CASSANDRO E’ nata il 28/08/2010 a e la particolarità è che è nata in una mangiatoia, proprio come Gesù; la sua famiglia era molto povera e si dormiva sul pavimento, e si mangiava molto poco. A soli 12 anni ha cominciato a ricamare insieme alla zia che era già sarta. La signora Isabella ha avuto 4 figlie che sono, per lei stessa, la luce dei suoi occhi; le ama veramente molto e anche loro la amano molto. E’ qui da noi dal 20/12/2005 (è entrata a 95 anni). Isabella, nonostante la veneranda età di 100 anni, cuce tutti i giorni con il “punto a giorno” che la mantiene sempre molto attiva. Ha ancora molta memoria, ricordandosi perfettamente tutti gli eventi della propria vita, partecipa attivamente a numerose attività quali la tombola, il laboratorio di sartoria e maglia, alle attività di piano e a quelle di grande gruppo che vengono organizzate nella piazzetta i fine settimana. Il suo segreto per


arrivare a 100 anni così in forma: “la preghiera, la fede, il tanto lavoro ed l’amore che ha sempre avuto per la sua famiglia”. ROSA RONCOLATO Nasce il 07/09/1910 ed è sempre stata una grande lavoratrice. una donna forte e socievole. La sua passione è sempre stata quella di coltivare i campi, infatti aveva un suo piccolo orticello che curava con amore. Non ha mai avuto la patente ed ha sempre camminato tanto a piedi. E’ molto legata ai suoi nipoti e figli che vede con grande piacere. Dal 15/01/2004 è ospite della Residenza Santa Chiara AMELIA RUZZANTE Compie 100 anni il 25 settembre 1910 ed entra all’O.I.C. il 4 settembre 1992 E’ nome molto usato al femminile, coraggiosa, deriva da nome di potente famiglia Ostrogota, si festeggia il 5 gennaio. Una signora orgogliosa dei figli , che ama la compagnia, da alcuni anni si muove poco dalla sua stanza e passa il suo tempo davanti alla televisione o in chiacchiere con le amiche , ama i dolci . ANTONIO BOARETTO Nasce il 26 novembre del 1910 ad Arcugnano, Vicenza. E’ entrato in struttura il 3 novembre 2004. Ha lavorato come operaio, si è sposato e ha avuto 3 figli. E’ definito un solitario, a cui piaceva andare a pescare. Ama giocare a carte, soprattutto a “briscola”, tutti i giorni al piano si ritrovano con altri ospiti e parenti a giocare. GIOVANNA BUSATTA Nasce il 27 dicembre del 1910 a Carmignano di Brenta, è entrata in struttura il 1 dicembre del 2005. In paese la conoscevano tutti come “la Mora”. Mamma di 4 figli, casalinga molto tenace, infatti ha sempre comandato in casa e faceva rigare dritto i figli…. A cavallo della sua bicicletta, faceva tanta strada, un giorno è andata a trovare dei parenti fino a Brescia. Donna coraggiosa e fin da quando era una fanciulla ne combinava di marachelle…infatti un giorno è passata sui binari della ferrovia, il treno è partito e… ci ha rimesso la sua bicicletta. Le piaceva giocare a tombola e stare a chiacchierare, teneva banco con la sua simpatia.


“A 70 anni sei un bambino, a 80 un giovane e a 90? Se gli avi ti chiedono di raggiungerli in paradiso, rispondi loro di aspettare finchè non compi i 100 anni e forse allora potrai pensarci” E’ un antico proverbio dell'isola di Okinawa, l'isola dove vive la popolazione più longeva del mondo. La scritta si trova in un cippo di pietra di benvenuto per chi si reca sul posto.

Un particolare ringraziamento al

XII ISTITUTO COMPRENSIVO “Don Bosco” Orchestra: alunni delle classi 2^B, 3^B, flauti e violoncelli Coro: alunni della classe 1^B e delle classi prime e seconde A-C-D e … coro dei genitori!!! Per aver animato con voci e musica la terza festa del Club


L’Associazione Agorà, è lieta di poter collaborare attivamente al Festeggiamento dei tanti centenari residenti presso la Fondazione Opera Immacolata Concezione. L’obiettivo principale di Agorà è quello di contribuire a diffondere alla popolazione tutta, una nuova forma di cultura sociale che veda la persona longeva capace di costruirsi un nuovo progetto di vita integrato e utile per la comunità e che possa incidere sulle Politiche socio-culturali del territorio. L’Agorà coinvolge 100 “cittadini attivi” di Padova che ha deciso di muoversi nella rete sociale attivando collaborazioni con varie istituzioni. Si occupa di promuovere attività e diffondere “conoscenze” alla popolazione anziana e si muove nell’ambito intergenerazionale e interculturale, fornendo supporti relazionali alla comunità. Presso la sede di Agorà è aperta al territorio la Mediateca, un centro culturale avanzato di condivisione della cultura e di riflessione sulle nuove tecnologie informatiche. Gli spazi della Mediateca sono organizzati grazie alla presenza attiva dei componenti di Agorà.

www.risorsalongevita.org Civitas Vitae via Gemona 8 Padova


Corriere del secolo 2010