Page 1

Euro 1,00 - Mensile indipendente a cura del centro iniziative culturali - anno XXIX - Nº 2 - 21 Gennaio 2011

Pavimenti Rivestimenti Arredo Bagno Parquet Camini Cucine

Pavimenti Rivestimenti Arredo Bagno Parquet Camini Cucine

Via Dei Goti, 122 Tel. 081. 948537 www. ceramichedacunzo.it

Via Dei Goti, 122 Tel. 081. 948537 info@ceramichedacunzo.it

Annullato il Piano di razionalizzazione scolastica

L’Opromolla rimane una scuola a rischio A seguito dell’annullamento della delibera riguardante il piano di accorpamento del III Circolo con la “Galvani” e dell’“Opromolla” con la “Smaldone”, che ha provocato le dimissioni dell’assessore alla P.I., Caterina Barba (intervista a pag. 2), il Sindaco Mauri ha sospeso qualsiasi decisione in materia dichiarando di voler ascoltare di più e meglio i dirigenti scolastici, gli insegnanti, il personale non docente, i genitori e gli alunni, prima di adottare un piano così importante, per avere chiare le preoccupazioni e le posizioni di tutti, in particolare dei componenti dei Consigli d’Istituto. E solo dopo aver raccolto le indicazioni di tutti si adotterà una soluzione definitiva. In questi giorni, il Sindaco sta effettivamente incontrando il personale della scuola ed i genitori per raccogliere i loro punti di vista, ma al di là della fondatezza o meno che il discusso piano di accorpamento possa portare ad un ridimensionamento degli organici delle scuole interessate (con perdita di posti per i precari) e al trasferimento di alcuni dipendenti di ruolo, rimane l’annoso ed irrisolto problema dell’anomala ubicazione della scuola media “Opromolla”: in uno stabile non idoneo e circondato da palazzoni già seriamente provati dal sisma del 1980; per cui una sua migliore e più sicura allocazione oltre che necessaria è doverosa.

Premio giornalistico alla memoria di Mimmo Castellano - Pagani 7 febbraio

Riconoscimento alla carriera giornalistica al nostro storico direttore Antonio Lombardi

Bilancio di previsione 2011 Assessore Sorrentino:

«Stiamo ricostruendo questa città dalle macerie lasciate dagli altri!». Ferraioli e Recussi (Centrosinsitra):

«Un bilancio fatto in fretta e non si è tenuto conto delle nostre proposte». Squillante (Centrodestra)

«Un bilancio falso, che andrebbe annullato!». Guido Milanese Alle pag. 6 e 7

U

na sala gremita di personalità del giornalismo e delle istituzioni, presso il Circolo Unione di Pagani, lo scorso 7 febbraio ha onorato il premio giornalistico alla memoria di “Mimmo Castellano” (scomparso nel 2008 all’età di 73 anni), organizzato dall’Associazione della stampa “Valle del Sarno” e patrocinato dall’Ordine dei giornalisti della Campania. I premi sono stati conferiti a giornalisti scomparsi di recente e a coloro che nella loro carriera si sono distinti per impegno ed onestà professionale. Sulle orme dell’insegnamento del giornalista Mimmo Castellano, distintosi in vita per etica e deontologia professionale, fautore di numerose battaglie sindacali. Ha mostrato grande attenzione per i giovani, una guida costante per chi ha collaborato con lui. “Affasciatevi!”, “Rimanete uniti!”, era il suo costante pungolo rivolto ai suoi amici e collaboratori che con il premio lo hanno affettuosamente ricordato. Tra i giornalisti premiati anche il nostro storico direttore responsabile Antonio Lombardi, che ha ricevuto il riconoscimento da Mimmo Falco, vice presidente dell’ordine campano. Ven-

tisette anni di costante impegno per la comunità angrese, volto ad un’informazione attenta e con un occhio sempre critico verso i fatti del palazzo e del territorio; informazione libera da ogni condizionamento politico e partitico. «Un premio - ha sostenuto il direttore nel suo breve ringraziamento - che insieme alla mia persona va a tutti coloro che hanno dato e danno vita al nostro periodico; una redazione composta, alla fondazione, da una generazione che aveva condiviso gli ideali del movimento del ‘68 e nell’avventura giornalistica trasfondeva la stessa tensione ideale e l’esperienza politica maturata, senza partigianerie, ma abbracciando il principio “né con il palazzo né con il cortile, con il paese”». Un gruppo idealmente omogeneo che con passione e altrettanto impegno ha fatto anche formazione per i tanti giovani che hanno collaborato e collaborano con il mensile, dei quali molti sono diventati giornalisti pubblicisti e qualcuno anche professionista, come Alfonso Desiderio (vedi nota a pag. 5). Carmen Mariagloria Chirico

Continua a pagina 2

LISTE NOZZE

«La cultura è un’opportunità per progettare un futuro migliore» Abbiamo incontrato Luigi Montella, prof. di Letteratura e Filologia italiana presso l’Università del Molise, alla presentazione del nuovo sito dell’Associazione Panacea di Angri e gli abbiamo posto alcune domande. Carmen Mariagloria Chirico A pag. 8

Via Don Minzoni, 19/23 Angri Tel./Fax : 081.946439 e-mail: info@puccisas.com sito web: www.puccisas.com


2

Attualità

L’OBLò di i ppo Della Corte

P

Febbraio 2011

Intervista con Caterina Barba, dimessasi da assessore alla P.I. dopo il ritiro da parte del Sindaco del piano di accorpamento delle scuole cittadine.

«Se non mi fossi dimessa ci avrei rimesso la faccia!» “Ho chiesto rispetto. Abbiamo condiviso una soluzione, non puoi cancellarla senza avvertirmi. Era chiaro che non sarebbe stata una scelta popolare”.

IMPREVISTO Egregio direttore, spesso la cronaca quotidiana ci viene incontro consentendoci di raccontare ciò che avviene al di là della solita solfa. è il caso della ormai nota sentenza del Tar n.143/2010. Per ora, essa è stata sospesa dal Consiglio di Stato che, comunque, dovrà esprimersi nel merito. La sentenza, oltre ad aver evidenziato gravi illegittimità avvenute prima e dopo il voto all’interno del seggio n.15, ha stabilito due cose: l’annullamento del verbale di proclamazione degli eletti alla data del 21 aprile 2010 e la necessità di richiamare al voto i 1160 elettori di quella sezione. La notizia dell’evento, come fosse stata una saetta impazzita, ha fatto in un battibaleno il giro della città. Le medie e piccole comunità sono capaci di diffondere fatti e notizie (spesso anche pettegolezzi) in maniera immediata, subitanea, fulminea. All’indomani della sentenza, mi è tornato alla mente un gioco da tavola ormai in disuso: il Monopoli. Nella versione italiana datata 1935 il percorso di ciascun giocatore era contrassegnato anche dalla casella “Imprevisti”. Una volta occupata quella casella occorreva girare la carta ad essa relativa e verificarne il contenuto: spesso imponeva di tornare indietro rispetto al cammino compiuto, oppure di ritirare i dadi. Quanto deciso dal Tar mi ha indotto a questa associazione di idee. Le sentenze vanno rispettate, possono essere impugnate, come ha fatto il sindaco ed anche commentate per aprire in maniera serena un confronto tra i diversi attori in campo. La prima considerazione riguarda chi ha gestito le operazioni di voto e di scrutinio nel seggio incriminato. Chi svolge determinate funzioni oppure ricopre specifici ruoli dovrebbe essere consapevole di ciò che si accinge a fare assumendosi conseguentemente anche le responsabilità derivanti per quanto avviene, al di là delle distrazioni in buona fede. Mi riferisco ovviamente a chi ha ricoperto in quella sezione il ruolo di presidente, scrutatore, segretario. Per le tre figure dovrebbero essere riviste le modalità di selezione, finalmente libere da indicazioni partitiche, prevedendo anche un breve periodo di formazione con simulazioni specifiche. Inoltre, penso sia giusto che in presenza di palesi violazioni delle regole del gioco occorra rifare la mano, un po’ come quando si gioca a carte e ci si accorge che qualcosa non è andato per il verso giusto: è proprio quanto stabilito dal Tar. Certo, rivotando si potrebbero creare dei disequilibri amministrativi e politici ma è meglio per tutti che si faccia chiarezza onde evitare di avere un consiglio comunale “macchiato da vizi”. Restiamo in attesa della decisione finale del Consiglio di Stato che come già avvenuto per Auletta (n.8245/2010), un piccolo comune del Vallo di Diano, ha rafforzato la sentenza del Tar. Un fatto non per forza replicabile, ma potenzialmente replicabile.

L’assessore Caterina Barba si è dimessa giovedì 20 gennaio. Ha lasciato le deleghe alla Pubblica Istruzione e alla Polizia Locale. Non ha condiviso la volontà del sindaco di congelare il Piano di dimensionamento scolastico. Il 26 gennaio l’amministrazione Mauri ha revocato il piano, approvato il 16 dicembre 2010. Ha parlato con il sindaco dopo le dimissioni? Mi ha chiamata il venerdì mattina. Era amareggiato: mi avrebbe voluta in Giunta il giorno prima. Gli ho risposto che erano venute meno le condizioni per farlo. Perché? Il giovedì mattina, a mia insaputa, aveva chiamato l’assessore provinciale Carpentieri, per chiedergli di bloccare il piano cittadino di dimensionamento scolastico. Cosa prevedeva? L’accorpamento della Scuola Media “don Enrico Smaldone” (ex III Scuola Media) con la Scuola Media Opromolla; e del Terzo Circolo con l’Istituto Comprensivo Galvani, entrambi in via Dante Alighieri. Cosa è accaduto dopo l’approvazione della delibera? è stata inviata alla Provincia. La Giunta provinciale ha approvato il Piano provinciale, dopo aver convocato una riunione alla quale hanno partecipato anche le rappresentanze sindacali. Quando è accaduto l’irreparabile? Il 18 gennaio. C’è stata una riunione al Comune. Sono intervenuti alcuni dirigenti scolastici, diversi consiglieri comunali, qualche docente ed il sindacalista Felice Attianese. Invitato da chi? Non lo so. Durante la riunione alcuni dirigenti e docenti hanno manifestato il loro dissenso rispetto al piano di dimensionamento, perché non era stato allestito un tavolo di concertazione per discutere nel merito. È vero? Sì. Ho spiegato loro che non li avevo coinvolti di proposito. Ero certa che coinvolgendoli il piano non sarebbe stato presentato. Ognuno, sarebbe stato portatore, così come è avvenuto quella mattina, soltanto

servizi spa”. Perché hai accettato l’incarico in Giunta? Hai partecipato da candidato sindaco alle primarie del Centrosinistra. E quindi? Mauri mi ha detto che mi voleva con sé nel novembre del 2009. Aveva delle proprie istanze. Del resto sono saputo del ormai dieci anni che il piano viene mio impegno nel Primo Circolo disistematicamente bloccato. Ma pridattico. Ho dato la mia disponibilità. ma o poi dovrà farsi: nasce dalla Poi la vicenda preelettorale mi ha logica di far risparmiare soldi alle condotto nel mio alveo politico nacasse comunali. In un paese di 30 turale. Appena si è insediato mi ha mila abitanti non è possibile che ci proposto l’assessorato. Ho accettato siano tre circoli didattici e tre scuole per mettere a disposizione l’espemedie. rienza acquisita come rappresentanPerché? te delle mamme del Primo circolo. La scuola media Opromolla ha più Tu ed il sindaco avete due caratalunni che aule. La terza scuola meterini molto particolari. dia ha più aule che alunni; addirittuNon ci sono state frizioni nei nove box, garage, alberghi, ter-a raAppartamenti, è in costruzione un nuovo stabile, mesi. cave, Ha lasciato piena autonomia di tre piani. Con il dimensionamento ciascun assessore. A parte il dimenreni e ville: è questo il patrimonio della camorconvogliavamo verso quella struttusionamento, ho fatto ciò che ritenerara una ora parte degli alunni della vo opportuno lui non ha mai affidato allaOproPrefettura di eSalerno e, frapin molla, ospitati nel primo circolo. posto ostacoli. Chiparte, si è opposto? Dimettendoti hai rotto con gestito da Comuni ed associazioni I dirigenti. l’amministrazione; accettando Il sindaco? l’incarico hai gettato un’ombra Si è lasciato convincere da qualsul rapporto con la Sinistra; e, cuno che temeva di perdere qualche addirittura, potresti aver comproprivilegio. messo quanto di buono hai fatto Chi? al Primo circolo: un’esperienza Non lo so. disastrosa. Senza un nome la risposta è irNon ho rotto con l’Amministrarilevante e l’affermazione non ha zione comunale. Non ne condivido senso. l’azione in un particolare settore. In So solo che non si sarebbe perso questi nove mesi abbiamo rilanciato alcun posto di lavoro. E c’è chi ha l’asilo comunale. Il rapporto con la fatto un’azione sistematica di terroSinistra è limpido. Sono una donna rismo psicologico, versando cumuli che proviene da quella area ed ha di menzogne sulle istituzioni, sui geritenuto opportuno offrire la propria nitori e sugli operatori scolastici. Saformazione culturale e politica ad rebbero stati trasferiti due dirigenti e un’amministrazione di centro. Chi due segretari. Credi che la mia storia immagina altro è in mala fede. Del politica mi consenta di cancellare resto meglio esserci e determinare, posti di lavoro? sempre che ci si riesca, che stare A proposito, ora sei a spasso? lontani. Con le mamme il rapporto Ho un lavoro. Sono responsabile è integro. dell’Ufficio acquisti della “CardioNon ti sei interrogata sull’iden-

re-

Premio giornalistico “Mimmo Castellano”

bel

l

Via Zurlo 77 www.uomoedonnain.it nanibon corneliani

manuel ritz marani.g

tità di chi ha fatto pressione per bloccare il piano? Non me ne frega. Non ho bisogno di un nome. Ho chiesto rispetto. Abbiamo condiviso una soluzione, non puoi cancellarla senza avvertirmi. Era chiaro che non sarebbe stata una scelta popolare. Sapevo che la gente non avrebbe compreso immediatamente. Ma c’era tempo per spiegare. L’importante era agire. Poi si sarebbe chiarito. Punti di vista… Se non mi fossi dimessa ci avrei rimesso la faccia. Ma avresti potuto attendere tempi migliori per riproporre il piano. Ci ho messo la faccia… Ma non è una questione tra te, il sindaco ed il suggeritore occulto. Dopo la revoca del piano non avrei avuto alcuna credibilità. Anche sulla vicenda del concorso per il comandante dei vigili... Non l’ho seguita io. Ha fatto tutto il sindaco. Ma l’hai revocato. Insieme agli altri. È stata una precisa richiesta del sindaco… Come quella rivolta ai tuoi colleghi di Giunta quando è stato revocato il piano di dimensionamento. Vuoi che dica che i miei colleghi di Giunta non hanno alcuna responsabilità per la revoca del dimensionamento? Va bene. Avrei dovuto minacciare le dimissioni per il concorso? Va bene, ho sbagliato. Contento? Cosa farai ora? Con un impegno in meno ed il lavoro di sempre, avrò più tempo da dedicare alla famiglia e agli amici. Ritornerai a Sinistra? Non sono mai andata via. Eugenio Macchia

jeordie’s l’altramoda

Continua dalla 1ª pagina

Durante la manifestazione, accompagnata da intrattenimenti musicali con il maestro Espedito de Marino e Giusy Luana Lombardo, mezzo soprano, sono stati ricordati e premiati anche i giornalisti Ninì Cesarano e Gennardino Alfano (nostro concittadino), entrambi prematuramente scomparsi l’anno scorso, ugualmente soci dell’Assostampa. Mentre un premio speciale alla carriera è andato al giornalista professionista calabrese Carlo Parisi per l’impegno sindacale. Un premio affettivo è andato alla vedova di Castellano che non ha saputo trattenere la commozione per il grande attaccamento dei colleghi alla persona e alla memoria del marito. L’evento è stato organizzato dall’Assostampa Valle del Sarno, ha introdotto il presidente Salvatore Campitiello, e hanno presenziato Enzo Iacopino, presidente nazionale dell’Ordine giornalisti, Ottavio Lucarelli e Mimmo Falco, rispettivamente presidente e vicepresidente Ordine giornalisti Campania. Enzo Colimoro presidente Assostampa Campania, Carlo Verna segretario nazionale dell’Usigrai, consigliere nazionale dell’ordine dei giornalisti, inviato speciale TGR Campania. Presenti anche le figlie di Castellano, Anna e Patrizia. Gli altri giornalisti premiati: Gennaro Corvino, presidente onorario dell’Assostampa Valle del Sarno, Aurora Torre, Carmine Manzi, Umberto Belpedio, Nino Ruggiero, Biagio Franza, Giuseppe Del Gaudio, Franco Salerno, don Mario Vassalluzzo. Carmen Mariagloria Chirico


Febbraio 2011

3

Attualità

Il Sindaco Pasquale Mauri, scusandosi per il ritardo a causa dei troppi impegni, ha risposto ad alcune lettere scrittegli su questo giornale da Luigi D’Antuono, impegnandosi a rispondere a tutte le altre nei prossimi numeri.

“Guardiamo anche ai nostri passi avanti!”

C

aro Luigi, scusa se ti rispondo con ritardo, ma sono impegnato ogni giorno a confrontarmi con numerose iniziative e attività, a vagliare progetti e programmi che la politica e la società civile angrese mi sottopongono con fare costruttivo. Alle “lamentele”, scusami se le definisco così, riservo poche ore a settimana. E di solito ascolto quelle di gente davvero bisognosa, anche solo di uno sfogo. Da uno come te, che essendo stato amministratore di questa città conosce le difficoltà nelle quali è costretto ad operare un sindaco, mi sarei aspettato un contributo di idee e proposte, anziché un j’accuse continuo. In riferimento a “Caro Sindaco, ti scrivo… /5”, non capisco l’appunto che mi muovi in ordine alla convocazione del consiglio comunale per il tardo pomeriggio, e con l’aggravante di aver messo una ventina di punti all’ordine del giorno. Come tu ben sai, la convocazione del consiglio comunale non è competenza del sindaco, e come tu hai agevolmente potuto constatare, nel lungo elenco, i punti all’ordine del giorno erano strettamente collegati all’argomento principale, che era il bilancio preventivo. Condivido la tua osservazione sui disagi patiti per il freddo dai cittadini che hanno seguito i lavori del consiglio comunale, infatti tra qualche settimana prenderò provvedimenti per risolvere anche questa situazione. Tuttavia, e su questo non puoi non essere d’accordo con me, se tutti gli amministratori del passato non si sono mai preoccupati di rendere confortevole la Casa del cittadino, non si può darne la colpa al sottoscritto, che è in carica da meno di un anno. In ordine alla moderazione dei toni, colgo il tuo invito fin da subito, anche se, quotidianamente, sono bersaglio di attacchi personali ed offensivi, non solo dai politici, ma anche da alcuni giornalisti, che, poi, non mi concedono neanche il diritto di replica! Un’anomalia tutta angrese. Per quanto riguarda la tua lamentela, “per conto di terzi”, relativa ai prefabbricati leggeri, garantisco che entro la fine del 2011 saranno ultimate le abitazioni, e agli occupanti dei prefabbricati leggeri saranno assegnati definitivamente gli alloggi. Colgo l’occasione per informare che la graduatoria provvisoria, da me fortemente sollecitata, sarà pronta per il prossimo mese di maggio. Ti meravigli che la mia Giunta abbia approvato un’ulteriore variante, ma sono io a meravigliarmi che una persona esperta come te non abbia valutato che le varianti non sono il frutto di una scelta politica, ma decisioni di natura tecnica.

In ordine ai problemi lamentati, giustamente, dagli abitanti del quartiere Alfano, preannuncio la decisione di dislocare il mercato settimanale in una zona più idonea, e dotata di bagni pubblici, e confermo che quell’area diventerà il salotto di Angri. Scioglimi, però, un dubbio: perché i cittadini di quella zona hanno avvertito quest’esigenza solo da alcune settimane, e non l’hanno rappresentata anche a tutti gli amministratori che mi hanno preceduto? Inoltre non ho capito perché hai deciso di ironizzare su chi ha voluto spostare alla Domenica i mercati settimanali del 25 Dicembre e dell’1 Gennaio. Il sottoscritto ha preso la decisione e, poi, per comunicarla agli operatori, si è avvalso della preziosa collaborazione dell’Assessore Giacomo Sorrentino e del Consigliere Alfonso Scoppa. Nella fattispecie, io ho avuto la responsabilità di adottare la predetta decisione, consapevole di tutti i possibili risvolti. Ogni scelta, infatti, resta a carico di chi l’adotta, con tutte le responsabilità di tipo politico e non. Voltiamo pagina, passiamo a “Caro Sindaco, ti scrivo… /6”. In ordine al bando per il reclutamento a tempo pieno e indeterminato di un Comandante Responsabile della polizia locale, categoria D 3, preciso che, a seguito del colloquio, la commissione è giunta alla conclusione che i tre candidati, pur essendo dei valenti professionisti, non erano in linea con quelli che sono gli obiettivi da portare avanti nel mio mandato. Ad analoga conclusione sono giunto anche a seguito della procedura di reclutamento a tempo determinato, avendo preso parte alla stessa uno dei candidati che aveva, precedentemente, partecipato anche alla mobilità. Entrambe le procedure erano state indette a seguito delle dimissioni, per motivi di salute, del Comandante Rosario Cascone. Negli ultimi giorni del 2010 le dimissioni di Cascone per fortuna sono rientrate, quindi ho deciso di rinominarlo, perché aveva in precedenza ben operato, e perché ha mostrato completa assonanza con gli obiettivi che la mia amministrazione comunale intende raggiungere. Voglio ribadire che l’esito dei suddetti bandi non ha evidenziato, assolutamente, la mancanza di professionalità dei partecipanti, ma semplicemente la non condivisione di intenti e obiettivi, prioritari per me e per la mia amministrazione. Se, invece, vuoi trascinarmi in una disquisizione di carattere tecnico, devo ricordarti che io sono uno dei pochi non abilitati a farlo, essendo il mio un ruolo politico, di guida e di coordinamento della città. Infine, in ordine al “papocchio” e al fatto che un funzionario, che ha difeso in toto i provvedimenti adottati e ha scaricato su di me tutti gli eventuali errori, ormai sono abituato a questi atteggiamenti, che limitano la crescita di una città che ha bisogno di recuperare i tanti anni perduti. Io sto cercando di dare speranza ad un popolo, che, ormai, è disilluso e sconfortato, lavorando insieme alla mia squadra 24 ore su 24. Ora lascia che sia io a scriverti un appunto…

Una persona intelligente, sensibile e attenta come te avrebbe potuto evidenziare anche qualche piccolo passo avanti che abbiamo fatto rispetto al passato, accanto alle tante lamentele! Per perseguire il bene della comunità, infatti, non ci vogliono soltanto le critiche. Se proprio non vuoi riconoscermi il merito di aver tagliato il nastro di primi ed importanti traguardi, potresti almeno considerare l’impegno e il sacrificio con il quale sto guidando l’amministrazione. Vedi, ad esempio, come stiamo rivalutando Piazza Doria, Piazza Annunziata, Piazza Don E. Smaldone ed i giardini di Villa Doria, vedi il celere abbattimento dei pini e dei lecci pericolanti per assicurare la pubblica sicurezza, vedi il servizio che offriamo grazie all’apertura del nuovo centro per i disabili, vedi come abbiamo risistemato l’ex asilo nido, vedi come ho agito predisponendo l’isola pedonale e la zona a traffico limitato, non lasciandomi influenzare dalle voci di dissenso, che cavalcavano soltanto i malumori, vedi le numerose manifestazioni organizzate per risollevare il commercio, in un momento di crisi, con la collaborazione delle associazioni di categoria, vedi il potenziamento dei vigili urbani e la ripresa dei lavori per l’assegnazione dei 48 alloggi in località Satriano. E vedi, ancora, come abbiamo affrontato il delicato problema dei debiti fuori bilancio, e come stiamo riorganizzando l’intera macchina comunale. Ti do appuntamento alla prossima… per rispondere alle tue nuove lamentele, e per quelle che vanno da “Caro Sindaco, ti scrivo…/1” a “Caro Sindaco, ti scrivo…/4”. Pasquale Mauri

“Meglio tardi che mai!”

C

aro Sindaco, Grazie per questa prima parziale risposta! Meglio tardi che mai! Dopo quattro mesi e a giornale quasi chiuso, ti sei finalmente deciso a replicare. Il direttore mi ha dato poco spazio, per cui, brevemente, ti dico: 1) quando eri all’opposizione ogni realizzazione della Giunta era ordinaria amministrazione, ora tutto è straordinario e figlio del tuo indefesso lavoro; 2) prendo atto del tuo pubblico impegno a moderarti (speriamo che sia la volta buona) e che entro l’anno assegnerai i 139 alloggi; 3) i cittadini del quartiere Alfano non vogliono preannunci di decisioni, vogliono sapere se da sabato prossimo, o da quale altra data, non si ripeterà più la scena dei soccorritori a piedi e se saranno affittati e posizionati i bagni chimici; 4) sul bando per il Comandante dei VV. UU, forse facevi meglio a non rispondere o ad ammettere il papocchio, piuttosto che sostenere (udite, udite) che i concorrenti non condividevano intenti e obiettivi prioritari tuoi e dell’Amm/ne. Premesso che questo requisito nel bando non c’era e non poteva esserci; ma che cavolo significa in concreto: che tu vuoi la legalità e loro no, oppure significa il contrario? Chi l’ha accertato, la Giunta? Ma i politici non facevano parte della Commissione! Quest’ultima? Non rientrava nei suoi compiti; mentre aveva, invece, il dovere di pubblicare la graduatoria il giorno dopo il colloquio e non l’ha fatto, commettendo una gravissima omissione. Ma per te, per i

tuoi Assessori, per la tua dirigente, per i tuoi funzionari la Bassanini è un’illustre sconosciuta? È già assurdo per i politici, figuriamoci per dirigente e funzionari! Invece di fare il forte con i deboli (vedi richiesta di provvedimenti disciplinari per semplici dipendenti che osano esternarti oggettive difficoltà) perché non verifichi se in tutta la procedura non vi siano stati errori macroscopici, omissioni evidenti, eventuali danni per l’interesse pubblico o per l’immagine professionale di pubblici ufficiali e ne trai le dovute conseguenze? 5) rivendichi il taglio dei nastri, ma per nessuno hai riconosciuto un minimo merito a chi ti ha preceduto, mentre per Agroinvest hai scritto una nota di fuoco contro il tuo successore perché si appropriava dei risultati del tuo lavoro: una stranezza? No! Un classico esempio di doppia morale! 6) sull’ex asilo nido siamo, poi, ai paradossi: l’Europa premia la Campania se aumenta il numero degli asili, noi abbiamo chiuso il nostro; la tua Giunta prima spende i soldi per ristrutturare l’immobile, dopo qualche mese presenta un progetto in Regione che ne prevede l’abbattimento; 7) l’isola pedonale non l’hai certo inventata tu e sulla zona a traffico limitato vorrei farti notare che è stato un provvedimento estemporaneo, nel senso che, a monte, non è stato approvato alcun programma e che, a valle, non ha avuto alcun seguito, per cui i commercianti interessati si sono sentiti vittime di una decisione ingiusta che colpiva solo la loro zona e non altre strade (vedi, ad es. Via Giudici), a cui la vicinanza di più parcheggi avrebbe consigliato di dare la precedenza; hai tutta la mia solidarietà per le ingiurie e le minacce subite, ma si doveva evitare di far lievitare il malumore in questi mesi e di far convincere, anche i più dubbiosi e moderati, che essi erano i figliastri e non i figli non solo di questa Giunta, ma anche delle Associazioni dei commercianti. Per concludere, non far finta di non sapere che ANGRI ’80 è indipendente e aperto a tutte le opinioni, che non ha pregiudizi e, di volta in volta, stimola, apprezza, critica, propone, solo e soltanto, nell’interesse di Angri. Per verificarlo basta sfogliare le migliaia di pagine pubblicate nei suoi 27 anni di vita. Ciao… alla prossima; ma ti prego: non farci aspettare più tanto tempo! Luigi D’Antuono


4

Attualità

Democrazia e partecipazione nell’era Mauri

Sopire, troncare... troncare, sopire! Il mese scorso il quotidiano online “angrinews.com” ha pubblicato il commento critico ad una delibera della Giunta Mauri da parte di un nostro concittadino, molto preparato ed ironico, Andrea Di Giorgio. Nei giorni successivi il Sig. Di Giorgio si è lamentato che nessuna precisazione e, comunque, nessuna risposta fosse arrivata da parte di “ un qualunque consigliere comunale, assessore o (perché no) del Sindaco stesso…”. La notizia, da un lato, ci conforta perché vuol dire che non siamo i soli ad essere snobbati, dall’altro ci preoccupa perché dimostra che ci troviamo di fronte ad una scelta ben precisa dell’Amministrazione Mauri: sbandierare una grande innovativa attenzione alla comunicazione istituzionale (del resto ormai dovuta per legge) e nello stesso tempo dimenticarsi che non ci può essere corretta comunicazione senza che vi sia anche dialogo e confronto con i cittadini. Altro che innovazione e modernità: siamo ancora a prima della Rivoluzione francese, siamo ancora fermi ai tempi del Conte zio di manzoniana memoria: “ … sono cose da seppellirsi qui, cose che a rimestarle troppo si fa peggio…. o non se ne viene a capo o vengono fuori cento altri imbrogli. Sopire, troncare….: troncare, sopire!”. Esprimiamo la nostra solidarietà al Sig. Di Giorgio; per dimostrare, poi, che essa non è formale e che vogliamo dare un nostro fattivo contributo a non far sopire e a non far troncare, abbiamo deciso di rilanciare e far conoscere anche ai nostri lettori i suoi principali rilievi alla delibera di Giunta comunale n. 181 del 9.11.2010, avente ad oggetto una richiesta di contributo di 100.000,00 euro alla Regione Campania, per il tramite dell’ Ente provinciale per il turismo di Salerno: 1) le forzature o, meglio, le fesserie: “il progetto parte il giorno 8 novembre, ma viene approvato solo il giorno successivo ed in esso si afferma che ad Angri vi sono chiostri e certose in abbondanza e, per di più, di singolare fascino e bellezza; si ipotizza un flusso di presenze di 50/80 mila persone e che tutti o parte pernotteranno ad Angri (dove?) da 2gg. a una settimana; si prevede una positiva ricaduta sull’occupazione nel campo turistico culturale, tra

gli addetti con esperienze precedenti nel (?) campo delle pari opportunità…”. 2) mancanza del parere contabile: “la delibera, pur comportando evidentemente dei conseguenti impegni di spesa, risulta assunta con il solo parere di regolarità tecnica. Manca, cioè,il parere di regolarità contabile, previsto dall’art. 49 del D.Lgs. 267/2000. La stessa delibera, pertanto, risulta annullabile per violazione di legge, non avendo acquisito tutti i pareri obbligatori, di cui al citato articolo…” . 3) Presenza/Assenza assessore Mascolo: “L’Assessore firmatario della proposta di delibera è il dott. Giuseppe Mascolo. Lo stesso risulta però assente nella seduta di Giunta nella quale si approva la delibera. Nessuna particolare incongruenza, potendo lo stesso aver presentato la proposta ed essersi dato alla fuga subito dopo. A ben leggere, però, la proposta recita: «Sentita la relazione dell’Assessore Mascolo». La delibera vera e propria approva la proposta nella sua interezza, come “parte integrante e sostanziale del… provvedimento». Nella delibera, quindi, è come se si dicesse che l’assessore assente, dott. Giuseppe Mascolo, viene udito dai componenti della Giunta comunale…..”. Crediamo che, con l’aria che tira, al sig. Di Giorgio non arriverà nessuna risposta chiarificatrice; su quest’ultimo punto, però, pensiamo di potergli fornire una plausibile spiegazione sul perché della fuga. Essa si trova al punto 8 del progetto, Coordinamento artistico e curatori scientifici, di cui l’Assessore Giuseppe Mascolo designa coordinatore il dott. Giuseppe Mascolo. Non essendo un caso di omonimia, ma “il di lui medesimo”, l’Assessore, per evidente incompatibilità, si è dovuto assentare, determinando un’oggettiva incongruenza. Ma, alla fine, il finanziamento è arrivato o no? Di quale importo? Luigi D’Antuono

V i a CERVINA

Marino Con

Salone

baby

Giochi, intrattenimento e la “famosa” giostra poltrona

www.sensazioniuomo.it

Febbraio 2011

Convegno promosso dall’Amministrazione comunale sulla donazione “allogenica” del cordone ombelicale

S.O.S. PER LA VITA Il nostro sindaco dottor Pasquale Mauri, ha sempre dimostrato una profonda sensibilità per la salute di tutti e per un miglioramento della qualità della vita. In coerenza con il suo impegno trascorso, lo scorso 16 gennaio presso la sala convegni di palazzo Doria in Angri, con grande abnegazione ha organizzato un interessante convegno dal titolo “Un progetto per la vita”, coadiuvato dall’assessore ai servizi sociali Anna Maria Russo. Tra i relatori intervenuti, il dottor Alfonso D’Arco, direttore dell’Unità Operativa di Medicina ed Oncoematologia presso l’Ospedale “Umberto I” di Nocera Inferiore, in modo esaustivo ha esposto la necessità di donare le cellule staminali ricavate dal cordone ombelicale della neo mamma e del piccolo nascituro (avverrà in modo facile qualora ci sarà il consenso della donatrice, mentre adesso finisce nei rifiuti) in quanto esse trapiantate possono curare bambini che soffrono per varie patologie gravi: leucemie; linfomi; aplasie midollari; talassemie ed alcune gravi carenze del sistema immunitario. L’obiettivo del convegno, pertanto, è stato quello di promuovere l’informazione sull’importanza della donazione “allogenica” del cordone ombelicale (se compatibile). E a tale scopo il professore Vito Clemente, direttore dell’Unità Operativa di Ostretricia e Ginecologia di Battipaglia, ha informato i

presenti che in Italia ed anche in Campania, presso il “Santobono”, è possibile raccogliere e conservare le cellule staminali del cordone ombelicale per uso allogenico (cioè altruistico) presso strutture pubbliche denominate “banche del sangue del cordone ombelicale”, secondo criteri riconosciuti dalla comunità scientifica internazionale. Tutte le banche presenti nel mondo inviano informazioni conservate in un Registro Internazionale al quale accedono tutti i centri Trapianto di midollo osseo per ricercare un donatore compatibile con un paziente che necessiti di trapianto. Il prelievo di sangue del cordone ombelicale verrà effettuato da personale sanitario della sala parto secondo le procedure operative conformi agli standard internazionali.

Esperti del distretto sanitario di Benevento hanno poi puntato l’attenzione più sul trapianto “allogenico” che su quello “autologo” (conservazione di cellule staminali per uso proprio), poiché quest’ultimo non garantisce alcun successo. Nel caso invece di donazione allogenica compatibile le statistiche dimostrano che se si dona il sangue del cordone ombelicale e lo si conserva in una delle banche pubbliche italiane si ha il 97% di probabilità di ottenere i risultati sperati. Il convegno, che ha visto la presenza di molti cittadini tra i quali diversi genitori di alunni dell’istituto “L. Galvani”, ha lanciato un accorato appello alla solidarietà umana e sociale verso i più deboli e gli ammalati. Da ciò si evince il principio cristiano secondo il quale “siamo fatti per dare e per ricevere” ogni persona ha un assoluto bisogno degli altri e che pertanto la felicità dipende dal sentirsi utili agli altri. Maria Luisa Campitelli Insegnante di Religione, dell’I. C. “L. Galvani”

Convegno promosso dall’Associazione medici cattolici italiani

Embrione umano: chi o che cosa? Lo scorso 5 febbraio, presso la “Casa del Cittadino”, si è tenuto un incontro dibattito sul tema “L’embrione umano: chi o che cosa?”. Sono intervenuti: il segretario dell’associazione A.M.C.I (Associazione medici cattolici italiani), dott. Giovanni Murante, e il presidente della suddetta associazione, dott. Mario Ascolese. Presentatore e moderatore dell’incontro è stato il consigliere dell’AMCI diocesana, dott. Giuseppe La Mura. Introducendo il convegno, La Mura ha chiarito il senso e il valore che da sempre l’associazione di medici cattolici persegue sul territorio dove opera: impegno a difesa dei diritti della vita, dai disagi delle donne alla tutela dell’infanzia. Subito dopo ha preso la parola il dottor Ascolese che ha riassunto alcuni dei punti fermi della cultura cattolica a partire dal valore della vita, al quale dovrebbero ispirarsi le nuove generazioni. Dall’amore scaturisce

Frutteria

D’Amaro Primizie di stagione Frutti esotici

Cell. 328.3222327

la vita e i figli devono essere considerati una grande ricchezza. Il dramma dell’aborto non potrà mai essere contenuto o sconfitto se non si promuove la responsabilità alla maternità e alla paternità. La società nella quale viviamo costantemente mette in discussione la sacralità della vita soprattutto nelle sua fase più delicata e debole. A seguire è intervenuto l’assessore Giacomo Sorrentino a nome della Giunta comunale. Subito dopo ha preso la parola il dottor Murante che con l’ausilio di diapositive ha illustrato in modo particolareggiato i vari

processi biologici che dalla fecondazione portano alla nascita dell’embrione, intervallando alla trattazione medica riflessioni di carattere etico giuridico. Al termine di questa breve lezione, sono intervenuti alcuni partecipanti all’evento. Ha cominciato il dottor Capasso, noto ginecologo angrese, seguito dal dottor Ascolese e dal dottor La Mura, che in particolare ha esortato il pubblico a manifestare apertamente le proprie riflessioni al riguardo. Sono seguiti l‘assessore Giuseppe Mascolo e la dottoressa Carmelina Recussi (consigliere comunale PD); entrambi hanno ribadito l’ importanza dell’informazione su tale problematica e del confronto anche se si è di opinioni opposte. Ilaria Russo

Leggi angri ‘80 bar luisa

Caffè alla Nocciola Caffé alla Nutella Caffé al Bacio Bianco Bibite Analcoliche Aperitivo della Casa N. 58 - T e l . 0 8 1 . 9 4 0 9 4 8


Nuovo Piano Casa della Regione

Incontri presso l’Officina delle Idee per vagliarne le opportunità

Un nutrito gruppo di ingegneri, architetti, geometri ed operatori del settore edilizio si sono riuniti nelle scorse settimane nella sede dell’associazione “Officina delle Idee” per discutere delle possibilità offerte dal nuovo Piano Casa, approvato dalla Regione Campania ed in vigore dallo scorso 11 Gennaio 2011. Gli incontri hanno dimostrato da parte degli intervenuti un forte interesse sull’argomento, visto anche il grave periodo di crisi economica, che pone la necessità di trovare nell’Amministrazione comunale un interlocutore aperto, collaborativo e dialogante. La presenza in alcune delle suddette riunioni di funzionari dell’Ufficio Tecnico comunale e dello stesso assessore all’Urbanistica, fanno ben sperare che si sia già sulla strada giusta. Le proposte principali che sono state presentate all’attenzione dell’Amministrazione comunale sono le seguenti: - Creazione di un ufficio che esamini esclusivamente le pratiche inerenti il Piano casa, composto da tecnici con contratto a progetto, coordinati dall’attuale funzionario dell’ufficio Urbanistica. I costi del suddetto personale potranno essere completamente assorbiti da diritti di segreteria aggiuntivi. - Apertura di convenzioni con gli istituti bancari per facilitare l’accesso al credito da parte dei privati, con un eventuale fondo di garanzia messo a disposizione dall’Amministrazione in base alla disponibilità economica del comune. - Destinazione degli oneri concessori derivanti dalle pratiche del piano casa vincolata totalmente alla realizzazione di nuove strutture e attrezzature di pubblica utilità. - Pubblicizzazione delle opportunità offerte dalla legge con particolare riferimento alle possibilità di detrazione fiscale delle spese sostenute dai privati. - Indicazioni sulle procedure da seguire nel caso di abbattimento e di ricostruzione in sito nelle zone centrali del paese relativamente agli allineamenti dei fronti sulle strade pubbliche. - Coordinamento tra gli uffici amministrativi comunali e gli operatori del settore per un contatto diretto con i tecnici regionali a cui poter richiedere risposte sulle problematiche più frequenti, con la creazione di un archivio che raccolga la relativa casistica. Si rende altresì noto che gli incontri continueranno e avranno come tema principale la discussione di casi pratici di intervento e la organizzazione formale di un’associazione di categoria che possa rappresentare in modo trasparente gli interessi della maggioranza degli operatori economici del settore edilizio. Chiunque fosse interessato a partecipare a questi incontri o volesse solo informazioni sull’esito delle riunioni, contatti l’ing. Mario Amico via email all’indirizzo marioamico57@gmail.com per ricevere maggiori delucidazioni”. Mario Amico

5

Attualità

Febbraio 2011

FORUM GIOVANI. Parlano i gruppi giovanili interessati.

Tessera sociale o libertà di partecipazione? Il Consiglio comunale ha approvato il regolamento del Forum dei giovani con delibera n.79 del 30.12.2010 sancendo di fatto l’importanza di quest’assemblea. Le due principali innovazioni inserite riguardano i punti dell’art.5 circa l’età degli aventi diritto, dai 16 ai 29 anni, e la ricezione della tessera sociale che concede il diritto alla partecipazione e al voto, previa presentazione della domanda all’ufficio U.R.P. entro il 10 Marzo 2011. Su queste novità abbiamo sentito l’opinione delle realtà giovanili Cosa pensate dell’introduzione della tessera sociale prevista dall’ art. 5? Pd giovani: “Il tesseramento costituisce un vincolo, si gioca sulla disinformazione dei giovani. Non c’è stata una piena collaborazione preventiva”. Officina delle idee: “Questa forma di tutela non va di pari passo con la privacy. La schedatura dovrebbe esserci solo per chi intende partecipare alle elezioni”. Avanguardia: “L’iscrizione preclude la partecipazione e il diritto al voto a pochi, da estendere invece a tutti i giovani. Una procedura anticostituzionale”. Nova Luce: “Ci opponiamo con fermezza. Come attivisti politici cerchiamo di far avvicinare i giovani alla politica e questa “innovazione” complica i nostri sforzi. Essa disincentiva la partecipazione giovanile ed è soprattutto anticostituzionale. Bisogna evitare la strumentalizzazione per poter partecipare e votare liberamente”. UDC giovani: “L’iscrizione preventiva vuole evitare il reclutamento disordinato di giovani disinteressati. Non c’è stata alcuna spinta di natura politica e tutti gli iscritti hanno pari opportunità di voto. Le critiche ricevute logorano quella che è una logica di trasparenza e serietà prevista anche nei regolamenti di altri comuni d’Italia”. Amnesty International: “Non entriamo nel merito a nome dell’associazione e riteniamo che tutti i ragazzi del nostro gruppo possano decidere di partecipare o meno alla consultazione per l’elezione del nuovo Forum, a titolo personale”. Qual è la vostra posizione circa l’istituzione del Forum e i vostri futuri interventi riguardo le politiche giovanili?

Pd giovani: “Pronti a collaborare, ma come? su di un testo blindato? L’amministrazione ha di fatto agito con interventi di maggioranza. Il Forum deve avere una funzione consultiva e invece lo si priva della sua libertà; per questo lanciamo un appello: un patto di non partecipazione per permettere che almeno nella fase iniziale non sia influenzato politicamente. Un atto di buona fede”. Officina delle idee: “Purtroppo le associazioni territoriali non sono state chiamate in causa, alcuni dicono non c’era tempo, al comune si ha fretta di fare tutto. Bisogna seguire un percorso condiviso da sottoporre ai giovani, non solo agli occhi dell’Amministrazione.” Avanguardia: “È un organo che deve lavorare per il bene dei giovani con la presenza di tutte le associazioni coinvolte nelle politiche giovanili rispettando un regolamento non politicizzato. Dunque ci iscriveremo al Forum per portare le nostre proposte all’interno dell’assemblea ma eviteremo di candidarci e di andare a votare”. Nova Luce: “Auspichiamo una rapida approvazione del Forum quale strumento istituzionale indispensabile, cui i giovani devono rifarsi e partecipare”. UDC giovani: “L’Amministrazione ha sorvolato l’esperienza negativa del 2007 avvalendosi dell’input emanato dalle associazioni giovanili con l’istituzione del nuovo Forum. Speriamo nel coinvolgimento dei giovani per il loro bene e per quello della comunità”. Amnesty: “Il nostro è un movi-

mento di opinione per cui ognuno può impegnarsi a migliorare la società anche con poco,a d esempio una firma. Si può intervenire sul contesto sociale di appartenenza tramite l’impegno e la partecipazione. Se il Forum è sinonimo di tutto questo allora ben vengano organismi del genere”. Incentivi e lacune all’interno del regolamento del Forum. Pd giovani: “Non è possibile dare niente ai ragazzi se prima non istruiti. Agire sul tasso di dispersione scolastica con un’azione di recupero per poi potenziare il forum insieme. Ciò non segue le linee di alcuni punti; l’Art.21:eventuali cambiamenti spettano al consiglio comunale o alla giunta senza parere del Forum. Corretto giuridicamente ma non politicamente”. Officina delle idee: “Servono metodi più semplici per rendere l’argomento appetibile e interessante, l’essere schedati di certo non alletta i giovani”. Avanguardia e Nova Luce: “L’assemblea dei soci è priva di potere: può presentare solo istanze o petizioni al consiglio, al presidente del Forum,agli organi comunali e altri enti pubblici. È il consiglio a gestire le risorse economiche, stabilire i programmi e svolgere le funzioni dell’assemblea. Il Forum è un organo semi-autonomo dalla macchina amministrativa dunque non dovrebbe esserci l’obbligo di inviare al sindaco gli ordini del giorno. Non c’è distinzione tra soci maggiorenni e minorenni che,se eletti consiglieri,potrebbero addirittura approvare il bilancio. Il regolamento dovrebbe prevedere la

firma di adesione del genitore o di chi ne fa le veci e invece c’è poca chiarezza su questo punto.” UDC giovani: “L’iscrizione preventiva incentiva l’importanza dell’assemblea permettendo la partecipazione di giovani realmente interessati alle politiche giovanili della città. Consideriamo i minorenni eventualmente eletti in possesso della piena facoltà di agire,partecipare,votare e approvare il bilancio che è comunque di indirizzo;tale opportunità può essere un trampolino di lancio per il loro futuro e soprattutto nella formazione di una coscienza civica responsabile”. Questi i pareri sul Forum,considerato da queste associazioni come un’opportunità ad un’unita partecipazione pubblica. Si auspicano interventi sentiti e responsabili nelle attività di quest’organo. Speriamo fortemente,da giovani angresi,che questo nobile ideale,nel massimo rispetto e nella condivisione di proposte,possa condurre alla realizzazione di nuove occasioni e aprire ai giovani della nostra città scenari ambiziosi. Giuseppe Afeltra Aniello Grazioso

Auguri

Il nostro amico e affezionato lettore Alfonso Desiderio, giornalista professionista, già redattore di Limes, rivista di geopolitica, ha iniziato a collaborare anche con National Geographic Italia (redattore incaricato di curare il sito web). Ad Alfonso, che ha iniziato la sua esperienza giornalistica con ANGRI ’80, gli auguri per il nuovo impegno da parte della nostra redazione e l’invito ai nostri lettori a visitare i siti web di Limes e di National Geographic Italia.

Pasticceria & Gelateria

mignon dessert gelateria banqueting c ongressi cerimonie ricevimenti eventi convegni colazioni di lavoro

di Giuseppe Di Lieto

Via Adriana, 31/37 - Tel. 081.946702

Via Zurlo, 25/27 - Tel. 081.949576 Fax 081.3207223 - www.acanfora1972.it

Via Giudici, 17 - Tel. 081.9132166 Fax 081.961888 - e-mail: acanfora1972@alice.it


6

Bilancio Comunale

Bilancio comunale. Intervista con l’assessore Giacomo Sorrentino

Macchiaironia

«Stiamo ricostruendo questa città dalle macerie lasciate dagli altri!»

A proposito di pagelle e voti agli attuali amministratori

Gaetano, chi è costui? Chiarissimo direttore, ho trascorso qualche giorno oltre il Garigliano, molto oltre: in Italia. Ho viaggiato in pullman. L’ideale per leggere. Anche per pensare. Una sorta di santuario itinerante della riflessione. E se rinunci ad una o ad entrambe le azioni il veicolo procede lo stesso, trasformandosi in culla della pigrizia. Veniamo a noi. Ho letto il tuo giornale prima di partire. Ed è riemersa la mia difficoltà di comprensione. È una zavorra che mi accompagna fin da piccolo. Ci convivo. Anni fa imprecavo contro quella che ritenevo l’altrui incapacità di comunicare. Crescendo sono diventato meno reazionario. Supero il disappunto leggendo anche altro: parole in successione che abbiano un senso riconoscibile immediatamente. È un mio limite: dopo aver letto ho bisogno di credere di aver capito. Quindi, sapendo di dover partire il giorno dopo, ho recuperato un libro per il viaggio. È di Luca Goldoni, del 1977: Cioè. È divertentissimo. Traccia un’ampia e gustosa carrellata sui nostri fatti di costume, le fissazioni, le aspirazioni, i timori, le insofferenze, le consuetudini irrinunciabili e le forzature grottesche. L’ho divorato alla ricerca dei brani che ricordavo. La premessa finisce così: credo che in una vera democrazia, prima si dovrebbe inculcare il principio che la libertà di parola è sacra e inviolabile; poi si dovrebbe specificare che, se anche uno eccezionalmente rinuncia a prendere la parola, non commette reato. A Goldoni devo molto. Grazie a lui sono riuscito a contenere il mio desiderio di scrivere. Fino a quando non sei riapparso tu. Chi non mi conosce spesso mi chiede che faccio. Immediatamente rispondo: il giornalista. Poi insiste, inciampando nell’indiscreto: e come ti guadagni da vivere? Rispondo ancora: sono anche avvocato. A questo punto l’interlocutore si rassicura. Ed io divento paonazzo: è possibile che un giornalista per non essere considerato un perdigiorno debba fare anche altro? Non è giusto. Macchiaironia mi piace. Mi ha ricordato un altro brano di Goldoni, tratto dallo stesso libro. Eccolo. I direttori mi telefonano: fammi un pezzo su questo. Io chiedo sempre: come lo vuoi, quanto ne vuoi? E loro rispondono: fallo alla tua maniera. Così mi sono convinto di avere una maniera,

Febbraio 2011

ma quando mi siedo alla macchina da scrivere non so mai che maniera ho. Io so soltanto che sono spesso angosciato e che invidio i miei colleghi che fanno i notisti di politica estera o i commentatori di avvenimenti economici, o i critici di qualcosa. Hanno un conto in banca che è la loro cultura specifica, attingono a questo capitale di specializzazione e campano con gli interessi. Io non ho niente in banca, mi ritrovo soltanto i miei umori del momento e una maniera che non so bene qual è. Per esempio mi accorgo che una frase fa ridere se scritta in un certo modo. Se cambio una virgola o un aggettivo non funziona più. Non so perché non funziona più, vado a orecchio. Rileggendo Goldoni ho scoperto di avere una maniera. E tu l’hai riconosciuta. Devo qualcosa ad entrambi: la consapevolezza di procedere a orecchio. Proseguo. Durante la mia permanenza in Italia ho trascorso alcuni giorni presso una comunità di nostri concittadini. Mi hanno costretto a sfogliare il giornale dal sito Fattieparole. Sono stato interrogato sul significato dell’intervento di Francesco Fasolino. Un’esperienza che non ti auguro. Ma che meriteresti. Non sapendo cosa dire, dopo averne ricordato la brillante carriera professionale, l’impegno politico e l’azione amministrativa, ho scaricato la colpa sul tipografo. Ora credono che una parte del testo sia stata coperta dalla foto delle cotoniere. La colpa è tua: sai come si esprime Fasolino. Dovresti concedergli più spazio. Non puoi mortificare i lettori. Mi sono sentito un cretino. E sotto giudizio. Con Fasolino che mi minacciava dall’angolino sinistro dello schermo. Non è finita lì. Poi siamo passati alla lettura delle pagelle di Gaetano Mercurio. Un’altra sofferenza. Sempre per colpa tua. Dico io: era proprio necessario pubblicare i due articoli uno accanto all’altro? Se proprio dovevano essere tanto vicini perché non affidare i giudizi a Fasolino e le cotoniere a Gaetano. Sarebbe stato meglio per tutti. Ora mi dirai che sono il solito giornalista prezzolato, pronto a mille artifici pur di difendere il sindaco. Ti sbagli. Malgrado lo ritenga il miglior primo cittadino possibile, tanto da esserne un convinto sostenitore, mi riferisco ad altro. E per non dartela vinta, non ti intrattengo sui suoi voti. Ma sulle domande che mi sono state poste. Nell’ordine: chi è Gaetano? quale ruolo riveste sulla scena politica cittadina? perché scrive politicamente? perché ha il dente avvelenato con il sindaco? perché stima Gianfranco D’Antonio? perché lo promuove, malgrado il giudizio sia pessimo? quale torto ha subito da Giordano? Tu immagina tutte queste domande, una dietro l’altra, con dieci occhi che ti scrutano, cinque volti che attendono risposte e Savino Giordano che sorride beffardo da una foto cui manca la nuvoletta con la scritta “ora voglio vedere come te la cavi”. Ho attinto a tutte le mie risorse. Li ho resi prota-

“Squillante in campagna elettorale ha promosso uno spettacolo con 140.000 € in piazza Annunziata a cui hanno partecipato pochissime persone. Noi abbiamo organizzato un’affollata serata con Biagio Izzo con soli 18.000 €!”.

D’Antonio

Giordano gonisti. Investendoli della responsabilità della ricerca dell’errore nascosto. La eugenialata è stata più o meno questa: cari amici, la soluzione è nel voto e nel giudizio dell’assessore Mascolo, l’ultimo, in fondo alla pagina; pensateci. Il mio amico Gaetano prima gli ha attribuito un 5 e poi ha spiegato perché: saggio e competente, ha fatto il suo tempo ed è arrivato il momento di deporre le armi. Dando per scontato che Gaetano è immune da derive lessicali, è evidente che anche questa volta il tipografo ci ha messo lo zampino, confondendo pensieri e parole, voti e giudizi. E ho salvato capra e cavoli. Evitando risposte imbarazzanti e, soprattutto, la difesa del mio primo cittadino preferito. Ti lascio come il nostro editore. Con un post scriptum: non sono prezzolato, lo faccio gratis. Alla prossima.

Nuova regione “Principato di Salerno”: che impatto avrebbe sull’economia angrese e sul comune? Noi salernitani dobbiamo svincolarci dal napolicentrismo. Siamo il 40% della Campania, ma al nostro territorio torna solo il 5% dei proventi erariali. Potrebbero esserci anche le adesioni di Avellino, Benevento, Potenza: avremmo così una regione grande e una Città dell’Agro potrebbe addirittura diventare provincia. Se la proposta si concretizza, in campagna elettorale ribadiremo il nostro “sì”. Federalismo: cosa avverrà se tale operazione andrà in porto? La situazione cambierà in maniera radicale. I comuni dovranno cercare metodi alternativi per ricavare ulteriori introiti. Già quest’anno il governo ha tagliato circa 1 milione di €. Per cui con il federalismo fiscale sarà importante recuperare i crediti, intercettare fondi regionali ed europei, al fine di salvaguardare il bilancio. E Angri è agli ultimi posti per i finanziamenti ricevuti. Deficit comunale in aumento: impatto sul bilancio? In verità il Comune ha ancora un’alta capacità d’indebitamento e i mutui che abbiamo stipulato saranno utilizzati per lavori pubblici Infatti non basta l’ordinaria amministrazione, ma bisogna pensare al medio e al lungo termine. Stiamo ricostruendo questa città dalle macerie che sono state lasciate. Tra le opere che sono in cantiere c’è la costruzione di nuovi parcheggi, di nuove rotatorie. C’è un progetto di riqualificazione per le ex MCM, di concerto con il privato e con la Regione; ma il nostro obiettivo è quello di riqualificare tutte le zone dismesse, con un costo complessivo di circa 200 milioni di €. Rio Sguazzatorio e ponte di Via Delle Fontane: a che punto siamo? Per Rio Sguazzatorio abbiamo fatto un piccolo passo avanti con il suo dragaggio: dopo 30 anni, siamo stati i primi a mettere in atto questo progetto. Rifacimento del ponte di Via delle Fontane: il nostro milione e 400 mila € l’abbiamo subito reso disponibile, la Regione ha messo un altro milione di euro, mentre la Provincia ha cancellato dal bilancio la cifra

sbandierata dall’assessore al bilancio, Antonio Squillante. La Provincia ha anche eliminato la realizzazione della strada pedemontana (valvola di sfogo per il traffico cittadino). Perché questi fondi sono stati tolti dal bilancio provinciale? Cosimo Ferraioli vi critica perché avete previsto solo alienazioni e non anche la valorizzazione di immobili. Ferraioli forse non è informato. In quanto abbiamo promosso la valorizzazione della biblioteca comunale, con fondi del Ministero dei Beni Culturali e grazie all’on. Alfano siamo riusciti ad ottenere circa 200 mila € per ristrutturare le nostre scuole. Alcuni immobili di proprietà del comune sono oggi in affitto e i proventi che ne derivano sono molto al di sotto degli attuali prezzi di mercato, altri, invece, non servono in alcun modo all’amministrazione: ecco perché abbiamo deciso di alienarli. Le dirò: quando venderemo le farmacie comunali ripianeremo le spese che oggi ci procurano e guadagneremo circa 5 mln di € che serviranno per la realizzazione di nuove opere pubbliche. Avete ridotto le tariffe per la refezione ed il trasporto scolastici, per l’utilizzo dei locali sportivi ed abbassato le fasce ISEE. È stata una scelta indolore? Ci è sembrato giusto dare un sollievo alle famiglie più disagiate. Naturalmente ciò ha causato un lieve aggravio sulle casse comunali, ma l’abbiamo compensato con un miglioramento dell’offerta. Come abbiamo fatto a tagliare le tariffe per l’uso delle palestre? Semplice-

mente spostando un’unità in un altro settore e facendo diminuire le spese dell’impianto. Era difficile farlo in precedenza? Squillante ha criticato l’amministrazione per i fondi destinati alle “festicciole di paese”. Non riesco a capire come Squillante possa fare questa polemica. Proprio lui che in campagna elettorale ha promosso uno spettacolo con 140.000 € in piazza Annunziata a cui hanno partecipato pochissime persone. Noi abbiamo organizzato un’affollata serata con Biagio Izzo con soli 18.000 €! Noi vogliamo far sì che Angri torni ad essere riferimento per i paesi limitrofi e con gli eventi natalizi, il Castello Doria è stato rivalutato: alcune società di catering ci hanno chiesto di fittarlo per lo svolgimenti di eventi vari. Questo non rappresenta una nuova entrata? Angri è stata inserita in un percorso turistico regionale: arriveranno comitive per visitare il castello, la chiesa di S. Giovanni Battista e l’itinerario d’arte catalana. In Consiglio comunale si è polemizzato sui fondi chiesti all’U.E. Si riferisce ai fondi del progetto JESSICA? In realtà nel piano delle opere triennali abbiamo previsto la realizzazione della riqualificazione di Corso Italia e Via Cervinia con fondi privati. Per fondi privati s’intende il metodo di concessione: la Regione erogherà direttamente i fondi ai privati. Ecco perché ne è stata prevista la realizzazione in questo modo. Mi chiedo perché le opposizioni si ostinino a non capire ciò che già gli è stato detto. Questa polemica è stata una semplice strumentalizzazione, che si sarebbe potuta, con il buonsenso, tranquillamente evitare. Guido Milanese

PANIFICIO d i Giovanni Ruggiero Via Zurlo

V i a G. Zurlo Profume Via Zurlo, 54/56 Tel. 081.947186

rie

V i a Brig. D’Anna 14 T e l . 0 8 1 . 9 4 7 8 66

Casa del Pollo Carne di 1ª qualità Vitello - Suino - Capretto - Pollame

Via Zurlo - Tel. 081.946819


Bilancio Comunale

Febbraio 2011

Intervista con Cosimo Ferraioli e Carmelina Recussi (Centrosinsitra)

7

Intervista con Antonio Squillante (Centrodestra)

«Un deliberato falso «Un bilancio fatto in fretta e non si è tenuto conto delle nostre proposte» che andrebbe annullato!» Sbagliato fare troppe spese per feste e festicciuole

Il vostro partito, qualora fosse stato in Giunta, di cosa avrebbe fatto il punto cardine di un ipotetico bilancio? Ferraioli: La nostra principale strategia economica è quella di fare un bilancio “flessibile”, dove alcune spese possano essere cancellate alfine di generare nuove entrate. Ad esempio, avevo proposto di dare in affido a privati la gestione del verde. Chiunque esercente, tramite bando pubblico, avrebbe potuto “adottare” un’aiuola, in cambio di pubblicità per un tot di anni. Questa idea non nasce dal nulla: viene usata in molti comuni italiani. Ad esempio, Lodi: il comune ha fatto un bando in cui si affermava che due società avrebbero potuto avere spazi pubblicitari nelle aree adiacenti alle rotatorie che avrebbero costruito e aiutato a mantenere. Ciò non genera maggiori entrate, visto che tali spese vengono “girate” ai privati? Noi abbiamo già fatto le nostre proposte al Consiglio Comunale… Si riferisce alla proposta di abbassamento dell’aliquota Irpef? Recussi: Questa è stata un’iniziativa del partito. I cittadini angresi, durante la gestione commissariale, hanno pagato l’aliquota IRPEF all’otto per mille, anziché al sei. Noi avevamo proposto, almeno per l’anno in corso, l’abbassamento al quattro per mille. Questa può sembrare una piccola riduzione, ma può anche essere un incredibile risparmio per i cittadini. Per gli anni successivi si sarebbe potuto o rialzarla oppure lasciarla invariata introducendo dei nuovi meccanismi di spesa. Se non erro avete proposto l’aumento degli spazi pubblicitari? Ferraioli: Continuando il discorso precedente, c’è da dire che l’Amministrazione comunale, in materia di gestione degli spazi pubblicitari, potrebbe fare un grosso passo in avanti: affidare ad una società non solo la pubblicità, ma anche la gestione di questi spazi. Di conseguenza si avrebbe un’unicità di impianti, e un’unicità di assegnazione degli spazi pubblicitari. Non solo, oltre ai proventi delle tariffe TOSAP (cioè i proventi pubblicitari, ndr), il Comune avrebbe risparmiato anche la manutenzione degli impianti, sostenuta dall’eventuale società appaltatrice. In merito ai contratti di sponsorizzazione, ecco cosa si verifica in alcuni comuni: si fa un bando per la fornitura della cancelleria alle condizioni che la società vincitrice, rifornendo l’ente ad un

costo conveniente, avrà il diritto di mettere il proprio marchio sulla carta intestata comunale e/o su altri prodotti di cancelleria. Questo non è un ulteriore risparmio? Il nostro discorso non si limita solo agli spazi pubblicitari. E per la spesa energetica il Comune di Angri impegna 280.000,00 €. Noi nel Consiglio Comunale di novembre abbiamo sostenuto che l’amministrazione comunale deve rivolgersi al libero mercato dell’energia, per risparmiare il più possibile. Tale proposta è stata recepita. Inoltre, abbiamo presentato, ma senza ottenere risposta, una proposta che prevedeva la realizzazione di impianti fotovoltaici sugli edifici di proprietà del Comune. In questo modo si sarebbe risparmiato ulteriormente su questa spesa onerosa. Le passività del comune, così come previsto nel bilancio di programmazione triennale, sono in costante aumento. Per l’anno corrente è previsto un deficit di circa 27 milioni di €, mentre tra 2 anni il debito sforerà i 30 milioni. Come incide ciò sul bilancio? Ferraioli: Anzitutto, è doveroso dire che bisognerebbe valutare l’esigibilità effettiva dei debiti, sebbene siano abbastanza certi. Molti debiti sono relativi a contrazioni di mutui o di altri investimenti che fanno parte dell’azione strutturale dell’Amministrazione. Un altro modo per la gestione alternativa della spesa pubblica, è, come già detto, l’utilizzo del project financing per la realizzazione di tali opere. Esempio è la costruzione delle rotatorie a Lodi. L’amministrazione ha parlato di project financing, ma, ad oggi, tale politica non è stata portata avanti. Inoltre, non sono stati usati fondi UE… Mi sembra che non ci siano per nulla interventi che implichino fondi europei… Ferraioli: Infatti! È stato solo fatto un battage pubblicitario sul progetto JESSICA (fondi da usare per la realizzazione della riqualificazione di Corso Italia e Via Cervinia), ma l’amministrazione è venuta meno anche

bar luisa 2 un gran caffé per un piccolo bar

Dieci

gustosissimi tipi di caffé

Ricariche

consegna a domicilio

La Domenica ap e r i t i v i della casa

Via Raiola tel. 081 5138759

Qui trovi dolcezza e... cortesia

su questo progetto! Infatti i progetti presentati, nel piano triennale, saranno finanziati con fondi privati! Tuttavia l’Amministrazione ha ridotto le tariffe per il trasporto scolastico, per la refezione scolastica, per l’utilizzo dei centri sportivi e ha variato le fasce ISEE… Ferraioli: È una scelta positiva, ma naturalmente i costi di tali servizi si sarebbero potuti sostenere con altre entrate, e l’abbassamento delle tariffe poteva essere anche più consistente. Se si possono fornire dei servizi in più o addirittura gratuiti si migliora la qualità della vita dei cittadini. Se si hanno altre entrate che derivano da fondi che non sono direttamente correlati ai tributi, è chiaro che si può azzerare la spesa, e la cittadinanza ne risente positivamente. Che cosa criticate maggiormente di questo bilancio? La fretta con cui è stato approvato. C’era tempo fino a marzo 2011. Perché presentarlo a fine anno, visto il grande caos che c’è sulle riforme che interessano in maniera diretta il comune? È notizia di stamattina (28 gennaio, ndr) che la cedolare secca sui fitti è stata abbassata, e ancora non c’è alcuna normativa al riguardo. L’iter alla Camera e al Senato della proroga sulla gestione provinciale dei rifiuti non si è ancora concluso. Attendere una definizione della legiferazione in materia di bilanci degli enti locali si sarebbe potuto operare con una maggiore ponderatezza sui capitoli di spesa e di entrate del nuovo bilancio. Si è parlato della creazione di una nuova regione: il “Principato di Salerno”. Quale incidenza può avere sul bilancio comunale? Non si riesce davvero a capire cosa c’entriamo con questa proposta. Il nostro sindaco dell’UDC come mai ha appoggiato tale proposta? L’iniziativa è stata accolta favorevolmente dai comuni del Cilento e da diversi dell’Agro, nonché delle zone confinanti con la provincia avellinese. E cosa significa? Un ulteriore smembramento dello stato unitario? Perché allora non facciamo fare anche il Molisannio, il Salento, la Terra di Lavoro, l’Abbruzia? Iniziamo noi? Non diciamo di essere contrari a priori, tuttavia abbiamo forti perplessità che tale scelta porti davvero risultati positivi. G.M.

Come assessore al Bilancio provinciale, ci delucidi sulla creazione della nuova regione: il Principato di Salerno, e sull’impatto che potrebbe avere sulle finanze comunali. I comuni della provincia di Salerno versano nelle casse regionali circa 2 miliardi di € l’anno, mentre ne tornano circa 1,5. Questo perché in Campania, le province di Napoli e Caserta, sia per motivi culturali che per motivi economico-demografici, presentano maggiori problematiche. In due anni di gestione Cirielli, sia sotto il governatorato catastrofico di Bassolino, sia sotto la nuova Giunta Caldoro, per la Provincia di Salerno non è cambiato niente. Per cui non solo il comune di Angri, ma ogni comune salernitano beneficerà di questa nuova regione. Veniamo al bilancio di previsione 2011. Durante il Consiglio Comunale lei ha criticato che sono stati dati molti fondi alle “festicciole di paese”. Investire 230.000 € in tutta una serie di attività di promozione di pubblici avvenimenti, senza alcuna programmazione e senza obiettivi su cui puntare, non è certo la strada migliore per far crescere il nostro paese. Organizzare piccoli eventi che non vengono sponsorizzati e/o non vengono seguiti fuori dai confini comunali, non sono molto redditizi per la nostra economia. Il Doria Festival, che è costato all’incirca 60.000 € è un investimento fine a sé stesso. Se non verrà seguito dai cittadini dei comuni limitrofi, e non verrà inserito in un circuito di sviluppo e di attività culturali, rimarrà un’iniziativa nata già “morta”. Non è questa la strada giusta per far crescere il nostro paese. Cosa avrebbe fatto lei se fosse stato al governo cittadino? Anzitutto avrei applicato il mio programma elettorale che si articolava in due fasi. La prima consisteva nella realizzazione di piccoli interventi di riqualificazione, la seconda, invece, più corposa, prevedeva la realizzazione di grandi opere in concerto con le associazioni di categoria e con tutti i gruppi politici. Concertazione che, purtroppo, viene sempre più spesso sbandierata dalla maggioranza ma mai messa veramente in atto. Per l’anno corrente è previsto un deficit di circa 27 mln di €, mentre tra 2 anni il debito sforerà i 30 mln. Come incide ciò sul bilancio? Anzitutto, è bene dire che non è giusto sprecare i soldi dei cittadini. In Consiglio Comunale sono stati votati ben quattro debiti fuori bilancio che non andavano considerati tali. È anche paradossale che un professionista che mostri una parcella debba essere subito pagato. La parcella deve essere verificata e confrontata con i prezzi di mercato perché così si amministrano male i soldi dei cittadini. Mi rammarica anche il fatto che gli organi d’informazione non abbiano dato il giusto peso a quest’accaduto. Mi faccia capire: lei preferirebbe quindi una gestione commissariale, anziché l’attuale giunta? Assolutamente sì! Ciò che viene fatto oggi non sono innovazioni portate dalla Giunta, sono i frutti dell’anno

di gestione commissariale. Per fare qualche esempio: la palestra che si sta realizzando presso il I circolo, le case popolari, sono state concertate dal commissario Pezzuto. Parlando di opere pubbliche vengono in mente il Viadotto di Via delle Fontane, il Rio Sguazzatorio. Rio Sguazzatorio è di competenza della Regione Campania. Il problema degli allagamenti si risolverà soltanto attraverso un intervento organico che consiste nella bonifica e nel dragaggio del fiume che parte dalla fonte al delta. Il Viadotto di Via delle Fontane è un progetto portato avanti di concerto con la Regione, il Comune e la provincia. Il progetto si realizzerà, perché i soldi ci sono, ma ci sono delle difficoltà tecniche di realizzazione. Probabilmente questo è l’anno in cui si inizierà la progettazione dei lavori, a differenza di come aveva detto il Sindaco in campagna elettorale, che aveva già dato per certa la partenza dei lavori. Questo signore ormai non è più affidabile, si guardi anche alla consegna delle case IACP, che aveva dato pronte per Natale, poi per Pasqua, infine oggi (30 gennaio, ndr) afferma che forse saranno date per la festa di S. Giovanni. Avete definito il bilancio “falso”. Perché? Il bilancio è falso. E stiamo valutando, con alcuni legali, di presentare un’istanza per annullare la relativa delibera, in quanto non ci sono stati notificati tutti gli atti del provvedimento. Tuttavia c’è da ammettere che l’amministrazione ha tagliato le tariffe di trasporto scolastico, di refezione, di affitto per i centri sportivi e ha variato le fasce ISEE… Guardi questa è una variabile minima. Questi sono servizi che sono resi a un’utenza che decide di utilizzarla e si potrebbero anche azzerare. Tuttavia, non è giusto nei confronti di chi si rivolge a servizi privati abbassare queste tariffe, in quanto tale scelta viene pagata da tutti i cittadini, e non solo da coloro che ne usufruiscono. La scelta è anche condivisibile, fermo restando che sono soldi sottratti ad altri impieghi. G.M.


8

Attualità

Febbraio 2011

Intervista con il prof. Luigi Montella sulla valorizzazione del nostro patrimonio culturale

«La cultura è un’opportunità per progettare un futuro migliore» Perché ritiene fondamentale il recupero archeologico e artistico di una cittadina come Angri? Il recupero del patrimonio archeologico e artistico contiene in sé il recupero anche degli aspetti antropologici legati alla psicologia collettiva delle comunità detentrici dei beni artistici, è il primo passo verso il riconoscimento di un’identità comune. Lei ha sostenuto nel suo intervento che l’investimento culturale permetterebbe a una società di affrontare anche i problemi economici, in che modo? Investire in cultura, intesa come conoscenza e formazione, significa dotare la comunità degli strumenti necessari per comprendere e affrontare con successo l’incertezza e la complessità anche di momenti storici difficili come quelli che stiamo attraversando. In che modo si potrebbe educare una società come quella angrese che, al di là di alcune icone, sembra alquanto disinteressata allo sviluppo culturale del proprio territorio? Valorizzando quest’ultimo come oggetto di studio e di testimonianza del passato e stimolando nei giovani, così come negli adulti, con iniziative continue e capillari, il senso di appartenenza al territorio. Il ministro Tremonti ha affermato che con la cultura non si mangia, se il governo nazionale non crede negli investimenti culturali, cosa può fare un piccolo paese senza risorse come il nostro? Attraverso una politica di raccordo tra i cittadini che hanno idee da proporre e un governo locale capace di coordinare iniziative e progetti, si potrebbero spingere i nostri imprenditori locali a prendere coscienza di una nuova strategia di marketing, non legata a sporadiche elargizioni che hanno il sapore della donazione o dell’offerta, ma connesse a un progetto a lungo termine che preveda il rilancio della vita associativa nel nostro territorio. Un po’ come sta accadendo a

Salerno, le cui politiche d’immagine, sostenute da commercianti, imprenditori locali e industriali stanno determinando un notevole ritorno economico, pur nella difficoltà del momento economico che ci coinvolge. Può spiegare meglio a cosa si riferisce quando parla di un ritorno economico? La cultura rappresenta la sola opportunità di progettare un futuro migliore, non a caso nell’Università Bocconi c’è un corso di Laurea Specialistica in Economia per l’arte e la cultura. Michael Porter, professore alla Harvard Business School, famoso oltre che per i suoi studi per aver fondato un’organizzazione non-profit per promuovere lo sviluppo economico dei centri urbani impoveriti, attribuisce - in uno studio del 2002 - il salto del Regno Unito dal settimo al terzo posto (dopo Stati Uniti e Finlandia) nell’indice di competitività all’intervento delle politiche pubbliche, vòlte alla realizzazione dei progetti d’integrazione sociale e di rigenerazione urbana. Il miglioramento dell’immagine complessiva, anche dei luoghi fuori dai circuiti del turismo d’arte o di interesse naturale, ha consolidato una strategia di promozione culturale, favorendo, nel tempo, una considerevole apertura dei mercati verso i prodotti inglesi. Lei, però, riporta il discorso su aspetti strategici riferiti alla politica nazionale. La sorpresa dello studio al quale facevo riferimento presenta un’analisi economica di settore in cui si riferisce che la crescita media nei piccoli centri - nei quali è stata attuata una politica di riqualificazione urbana, di interventi culturali di spessore, permettendo alla popolazione di elevare il proprio livello culturale - è stata del 9%, rispetto al 2,8% del PIL nazionale. In conclusione, il circolo virtuoso innescato da seri progetti culturali permetterebbero all’impresa di ottenere ritorni inaspettati e a loro volta quantificabili. Valorizzazione economica del territorio, significa, infatti, miglioramento dell’immagine aziendale con nuove possibilità di networking che favorirebbero la vendita della merce fabbricata sulla nostra terra. Può fare un esempio più concreto?

Le spiego: nel caso lei producesse pelati o un qualsiasi altro manufatto si avvanteggerebbe economicamente se la sua azienda fosse insediata in un territorio capace di proporsi sul piano nazionale e internazionale con un’immagine positiva; in tal modo, il compratore generico, nel momento dell’acquisto, anche per una semplice influenza di marketing, si troverà a scegliere tale prodotto rispetto a un qualsiasi altro articolo simile. Sarebbe, troppo lungo addentrarsi in strategie di marketing, spetta, comunque, ai nostri assessori studiare i modi per rilanciare il nostro paese. Lei ha già pubblicato sul nostro giornale, tra dicembre e gennaio, due articoli, promuovendo una serie di riflessioni per migliorare la nostra città: quali sono state le risposte ai suoi interventi? Sto ancora aspettando quelle del Sindaco o degli assessori ai quali amicalmente mi sono rivolto come cittadino di Angri. Ho letto l’intervento di Eugenio Macchia che riprendeva alcune cose da me sostenute, dando, però, una lettura impropria e distorta delle tematiche affrontate, non cogliendo lo spirito e il ragionamento che muovevano talune riflessioni. A ciò si aggiunga la caduta di stile sul richiamo a formule ideologiche stereotipate e nostalgiche che segnano la distanza da ciò che è stato interpretato e da quanto invece era stato da me auspicato. Di recente sta affrontando in maniera partecipata le questioni angresi, potrebbe speigarcene il motivo? Ho sempre aderito, dando il mio piccolo contributo quando mi è stato richiesto, alle manifestazioni culturali svoltosi sul nostro territorio; questi ultimi tempi stanno segnando in maniera significativa la storia sociale internazionale, nazionale e dei singoli comuni, potremo trovarci a un punto di non ritorno, qualora non riuscissimo a comprendere fino in fondo le trasformazioni profonde che stanno modificando radicalmente il nostro sistema sociale ed economico e le nuove opportunità che in contemporanea si presentano. Il mio intento è solo quello di offrire un contributo di riflessioni, nella speranza che altri, meglio di me, continuino ad articolare, accanto a quelle già in uso, nuove proposte operative, così da tentare, di concerto con gli organi di governo della città, di sviluppare un dibattito critico che possa aiutare a raccogliere idee e suggerimenti per costruire una nuova Angri in grado di fronteggiare con successo le sfide della modernità. Carmen Mariagloria Chirico

Politicamente Scrivendo di Gaetano Mercurio

Promossi e bocciati 2 Giacomo Sorrentino, voto 6: ha l’ingrato compito di gestire le risorse economiche delle disastrate casse comunali e farle conciliare con le pressanti richieste del Sindaco. Annamaria Russo, voto 4,5: è la scommessa del Sindaco, l’ha nominata contro tutti e tutto, si è assunto la responsabilità politica del suo operato, però, i risultati sono deludenti e prima o poi dovrà prenderne atto. Buonaventura Manzo voto 5,5: parla poco ma pratica bene, la scaltrezza è la sua arma vincente, è stato eletto con Gianfranco D’Antonio giocando bene le sue carte. Non può essere accusato di tradimento, giacchè, la scelta di sostenere Mauri è stata presa da altri e riscontrando la convenienza politica di sedere nei banchi della maggioranza, si è solo adeguato. Arturo Sorrentino voto 6,5: una “piacevole” sorpresa, un ragazzo volenteroso, intelligente e disponibile. è il Presidente del consiglio comunale più giovane della storia Angrese, svolge il suo ruolo con imparzialità e responsabilità ma deve acquisire ancora un po’ di autorità. Daniele Selvino voto 6,5: è il capoclasse della maggioranza, qualche volta anche sprecato. Può e deve diventare il professore, ha tutte le competenze politiche ed amministrative. Giuseppe Galasso voto 4,5 di prevenzione: circola voce che la cognata Angela Pauciulo sia in procinto di essere nominata dirigente del settore economicofinanziario del Comune, spero solo che sia una voce e che tale rimanga! Alfonso Scoppa voto 6: merita 8 per le competenze tecniche-amministrative ma politicamente è da 5, purtroppo, la parentela con il Sindaco lo danneggia. è consapevole dei suoi mezzi ma non riesce ad esprimersi al massimo. Marcello Ferrara voto 6 di esperienza: è riuscito

in pochissimo tempo a diventare il dodicesimo della maggioranza consiliare del Sindaco Mauri. Emilio Testa voto 6 di solidarietà: maltrattato, mortificato ed umiliato “politicamente” nel suo settore di competenza, ma è un buon incassatore e quanto prima si prenderà la sua rivincita. Nordino Fiorelli voto 4: ogni giorno che passa è un giorno perso per collocarsi all’opposizione di questa amministrazione. A differenza di Emilio Testa, Nordino è stato maltrattato, mortificato ed umiliato, purtroppo, non solo dal punto di vista politico… L’amicizia che mi lega con Nordino e la stima che nutro per il padre e lo zio mi impongono “moralmente” di rimproverarlo pubblicamente e sperare in un repentino scatto d’orgoglio. Alberto Milo, Marco De Simone, Pasquale Russo: non pervenuti. Alfonso Conte, Domenico D’Auria, Vincenzo Grimaldi, Gaetano Longobardi: senza voto. Antonio Squillante, sindaco mancato, voto 4: con la sua coalizione e Gianfranco D’Antonio candidato Sindaco, il Centrodestra si sarebbe affermato al primo turno. Nel turno di ballottaggio al posto suo contro Mauri se ci fosse stato Cosimo Ferraioli o Gianfranco D’Antonio, forse gli Angresi avrebbero un altro Sindaco. Antonio Squillante “assessore provinciale” voto 7: attento alle problematiche del territorio, riesce a far fronte a tutte le istanze provenienti dai suoi concittadini. Gianluca Giordano voto 6 di incoraggiamento: una risorsa da tutelare, deve ritrovare l’entusiasmo di qualche anno fa e nuovi stimoli per continuare a fare politica. Antonio Mainardi voto 5.5: forse è frenato psicologicamente dal ricorso elettorale. Cosimo Ferraioli voto 7: il vincitore morale dell’ultima competizione elettorale. Poco conosciuto dalla massa, indicato da un partito quello democratico lacerato al suo interno e spaccato su tutto. Sostenuto da una coalizione di centrosinistra costruita in pochi giorni dalle macerie del disastro

politico del 2008. Ha dimostrato fermezza e coerenza, rifiutando il corteggiamento del Sindaco Mauri e rinunciando a poltrone e prebende varie, rimanendo coerentemente leale al suo elettorato. Lina Recussi voto 6.5: è stata eletta nella coalizione di centrosinistra, una donna caparbia, intelligente e soprattutto coraggiosa. Il coraggio l’ha dimostrato, allorquando, il Sindaco ha tentato un avvicinamento politico per poterla coinvolgere in un possibile sostegno esterno alla sua maggioranza. è rimasta ferma sulle sue posizione e coerente con la coalizione ed il partito che l’ha eletta. Alla fine la coerenza paga sempre! Fausto Postiglione voto 6.5: Angri ha avuto l’onore di eleggere due consiglieri provinciali: il dottore Postiglione ed il Sindaco Mauri. Fausto Postiglione dai banchi dell’opposizione riesce a far sentire la sua voce e portare avanti con determinazione e convinzione le istanze degli Angresi. Giuseppe La Mura voto 6.5: grande senso del dovere è stato uno dei pochi a mettersi in gioco e contribuire con la sua candidatura all’affermazione elettorale del partito democratico e della coalizione di centrosinistra. Luigi D’Antuono voto 7.5: come sempre ha sapientemente trattato e ricucito nell’ombra. Istituzionale, lungimirante e paziente! Massimiliano Mazzola voto 6: nonostante le oggettive difficoltà politiche e familiari, ha lavorato dietro le quinte ed in silenzio ha festeggiato, anche con il suo sostegno elettorale, l’elezione di Lina Recussi. Anna Atorino voto 6: carisma travolgente, non deve mollare. Alfonso Postiglione voto 8: il suo silenzio è assordante, un vero Signore. Gaetano Mercurio

La Merceria Vignapiano di Tiziana De Gregorio

14 anni

LEGGI ANGRI ‘80 ABBONATI

Questo per me è un traguardo molto importante! Vorrei perciò condividere con voi questa mia grandissima gioia e ringraziarvi con tutto il cuore per aver contribuito a rendere il mio negozio così speciale... Grazie infinite. Tiziana

Via Marconi 3 - Tel. 081.5135850

consegne a domicilio Via Adriana, 21 - Tel. 081.948638


9

Attualità

Febbraio 2011 A proposito della cancellazione dell’intitolazione di una piazza a MarcelloTorre, il sindaco di Pagani ucciso dalla camorra.

I care

di Lello Alfano

Pollo o prigioniero: ovvero il “tristo” destino di chi se la vuol fare da solo.

L’illuminata preveggenza della commedia ‘A città ‘e Pullecamorra Brutto, bruttissimo segnale la squallida polemica sull’intitolazione di una piazza di Pagani alla figura di Marcello Torre, a trent’anni dall’assassinio (ma per quali ragioni?). Così lo hanno ucciso un’altra volta - borbotta un vecchio amico dell’avvocato. Oggi Marcello Torre avrebbe dovuto avere quasi ottant’anni e sarebbe un saggio, forse pago della vita, forse tormentato da altro, inquieto come era per temperamento. Pagani non ha voluto o saputo, in un’atmosfera da basso impero decadente, onorarne la memoria, ritenendo che dopo trent’anni abbastanza fosse stato fatto per ricordarlo. Così ha smentito le proprie promesse ed i propri impegni, mai sollecitati peraltro dai familiari. Ma uno stadio, intitolato a lui, non è sufficiente. È la coscienza civile, al contrario, che custodisce i valori veri e la polvere del tempo non copre la storia. Pagani ha perso una occasione! L’ha raggiunta il “Centro Iniziative Culturali”, con la sua compagnia teatrale “Anziteatro” e lo spettacolo «’A città ‘e Pullecamorra», ormai replicato in molte località della provincia di Salerno. E ciò vale molto più della stessa intitolazione di una piazza od una strada. Tutta la seconda parte del lavoro, ricco di passione e di amara analisi della realtà, è dedicata infatti alla vicenda pubblica e privata, professionale ed umana di Marcello Torre. E questa analisi si sviluppa in

Annamaria Torre (Maria Teresa Falcone), al centro, in un’intervista ripercorre la tragica vicenda del padre Marcello, sindaco di Pagani, trucidato dalla camorra nell’immediato dopoterremoto del 1980. una dimensione di assoluta, spietata insieme al suo popolo, le dimensioni presentazione ed interpretazione oged i ritmi di una tranquilla esistenza gettiva dei fatti. borghese. Così, d’altronde, aveva La singolarità di quanto hanno scritto in una lettera testamento per realizzato tutti coloro che hanno la sua famiglia ed aperta dopo la contribuito al lavoro, sino alla sua morte. palcoscenicità, consiste in una sorta L’opera coglie queste diverse di illuminata preveggenza. anime della personalità del sindaco Quasi avessero intuito una negaucciso e le parole della figlia si aczione della storia ed un sonno della campano con la forza di una ferma ragione, prima ancora che scoppiasdenuncia e di una sofferta laceraziosero le polemiche e che il paese si ne di affetti privatissimi. trovasse a combattere con i suoi Ma Marcello Torre non appartefantasmi e la propria coscienza, reneva o appartiene solo a Pagani. È gista, sceneggiatori ed attori hanno patrimonio, con la sua lezione di dato vita non ad una figura mitizzata vita, di tutti. Ed in questa prospettiva o ad un simbolo. Esso, forse, dice o il lavoro teatrale disegna una severa, direbbe poco ai giovani e sulla storia alta denuncia morale. del sindaco assassinato tesi ed antiFrancesco Fasolino tesi giudiziarie non sono riuscite a costruire una verità vera, assoluta. Il Marcello Torre, che la compagnia teatrale ha presentato, attraverso l’occhio sconvolgente della figlia Il 21 gennaio scorso è Annamaria, disegnata sul palcoscemancato Ivo Silvestri, nico con grande vividezza, è una fiGenerale dei Carabinieri. gura umanissima, un eroe quotidiaSentite condoglianze alle no, calato nelle vicende eccezionali di una stagione drammatica, terribile famiglie Silvestri e Ghilardi, dell’intero Agro e non solo di Pagacon un abbraccio affettuoso ni. al fratello Franco, Egli sconta con la morte, ed anche dalla redazione dopo la morte con il dramma famidi ANGRI ’80. liare, la propria aspirazione a vivere,

Lutto

A scanso di equivoci: non sono di sinistra. Il titolo di questa rubrica “I care (m’importa, m’interessa – o per meglio dire – io ci ho a che fare), l’ho semplicemente mutuato dalla straordinaria esperienza umana e pastorale di don Lorenzo Milani fatta in quel di Barbiana, sulle balze del Mugello. La stessa cosa, penso, fece Veltroni, a suo tempo. Torniamo ai fatti nostri. “Monnezza” e strafottenza: ne scrissi la volta scorsa. Ne scrivo ancora. Perché? Semplice: ci ho a che fare, … come ognuno di voi. Lettori e non. A chi non è capitato di stare in coda e vedere il solito furbo che ci prova. A chi non è capitato di provare rabbia e di rimanere sospeso tra la tentazione di provarci e quella di mettersi di traverso. E volendo provarci cosa si fa? Si cerca di vedere se ci sono altri che ci vengono contro; se altri, dietro o più avanti, ci stanno provando e poi... Ma che c’entra tutto questo con la “monnezza”? Un poco di pazienza. Quello che vi ho appena descritto è un esempio di quello che i sociologi chiamano “dilemma del prigioniero”, un frequentissimo tipo di relazione fra le persone. Ci si viene a trovare colui che, senza poter interloquire con nessun altro, deve decidere cosa fare per trarre il massimo vantaggio per sé in una certa situazione. Il paradosso è che in queste dinamiche, il tentativo razionale di trarre il massimo utile nasce da atteggiamenti di non collaborazione (ricordate i ragazzi dello scorso articolo? Prima penso a me e non rischio di farmi “fottere” se collaboro o rispetto le regole), ma prima o poi traduce in… un disastro! Infatti, provate a pensare a cosa succederebbe se tutti gli automobilisti in coda, o anche solo un certo numero, cercassero di provare a fare i furbi. Risultato: un mega ingorgo con incastro generale!

e-mail:info@latecnicaclima.

NUOVA ED UNICA SEDE via G. Matteotti 35 - Tel. e Fax 081.946009

Abbiamo cambiato look ed unito in un’unica sede l’ultra trentennale esperienza nelle riparazioni di piccoli e grandi elettrodomestici civili ed industriali all’ormai decennale esperienza nella progettazione, vendita ed assistenza di impianti per riscaldamento, climatizzazione ed energie alternative.

me non ha solo il destrasinistra, davanti-dietro, ha anche l’alto-basso, il sopra-sotto. Proprio come capita nel mare. E mo’ che c’azzeccano il mare, o sotta e ‘ncoppa? Ma come non si capisce!? Voglio dire che fare le cose insieme (e guardate che se ci pensate è sempre così) significa che le cose le fanno quelli che si accordano e quelli che coloro che si sono accordati hanno scelto come “arbitri”. Nelle relazioni di insieme il ruolo dell’arbitro non è accessorio, tutt’altro. Ma di questo, a Dio piacendo (e uomini permettendo), parleremo la prossima volta.

LUTTO DI LAURO Confesercenti Il presidente A. Severino, il vice G. Di Dato, il coordinatore della delegazione A. Ingenito partecipano, a nome dei commercianti, al lutto che ha colpito la famiglia Di Lauro per la prematura scomparsa dell’amato e stimato collega Antonio Di Lauro, noto maestro fiorista. ANGRI ‘80 esprime le proprie sentite condoglianze alla famiglia Di Lauro per la prematura scomparsa del caro Antonio, nostro storico inserzionista.

FARMACIA S. GIOVANNI Dottori Polini & Fasolino s.n.c.

A

www.latecnicaclima.it

Il successo della strategia del furbo, dipende essenzialmente dall’inerzia, dal fatto che gli altri continuino a stare in coda, o meglio dalla loro inerzia. La strategia dei “non furbi” viene detta dai sociologi “strategia del pollo”, e ai ragazzi di oggi abbiamo insegnato ad aborrire i “polli”! Per farla breve i “furbi”, per poter attuare con successo la loro strategia hanno bisogno che i “polli” siano molti, ma molti di più e, di conseguenza, che di altri “furbi” non ce ne siano (al massimo se ne può tollerare qualcun altro). Quanto costa il fallimento della strategia del “pollo”? Poco di più di quanto costerebbe se tutti, ma proprio tutti, rispettassero le regole. E il costo del fallimento della strategia dei “furbi”? Altissimo (l’ingorgo/incastro gigantesco delle auto di cui sopra); ed è un costo che pagano tutti, non si salva nessuno. La storia dei rifiuti in Campania è una storia farcita di “furbi”, ed è una storia intrisa di disperazione, di insuccessi, di frustrazione, di reati, di violazioni, di violenze … Il costo sociale, economico ed ecologico, nonché sanitario, soltanto adesso comincia ad esserci presentato, ed è salato assai. Ai furbi campani che hanno cercato scorciatoie nella coda dello smaltimento dei rifiuti, gli altri italiani, oppongono la strategia non collaborativa del prigioniero. Meglio rifiutare i rifiuti, piuttosto che avallare il comportamento reprobo dei furbi campani. Si ripropone, dunque, l’aforisma di don Milani – “il problema degli altri è uguale al mio. Sortirne tutti insieme è la politica. Sortirne da soli è l’avarizia”. Insomma, dobbiamo metterci insieme: insieme ci si aiuta, si risolvono i problemi meglio. Sì, è così, però... Però – eccola la particella sgarrupativa – insieme è una categoria a tre dimensioni, non a due. Insie-

L N G eR g‘I g8 0 i I L

a T U n O G G I R O IR N A L E

‘80

buon natale buon

2011

- cosmetici - puericultura omeopatia - preparazioni - galeniche - veterinari dietetici

Piazza S. Giovanni - Trav. Can. Fusco, 2 Tel. 081.946131 - 081.5138666


10

Attualità

Febbraio 2011

2ª edizione “Memorial Angelo Giello” all’I.C. “Galvani”

L

o scorso 15 gennaio, presso l’Istituto L. Galvani si è tenuta la premiazione del concorso “Memorial Angelo Giello”, 2ª edizione, a cui hanno partecipato tutte le scuole elementari cittadine. Il concorso si è sviluppato in due fasi e le domande di iscrizione, arrivate da tutte le scuole primarie, sono state tante. La prima fase è consistita nella valutazione dei lavori inviati, divisi in quattro sezioni: - disegni realizzati con pastelli a cera, tempera e acquerelli; foto e video; poesie; testo regolativo. La Preside Olimpia M. Tiziana Savarese e i membri della commissione hanno ritenuto di premiare nella sezione “Disegni” gli alunni: Nasti, Bove, Lumino del III Circolo Didattico (plesso Taverna classe 5ª E); un lavoro di gruppo del III Circolo Didattico (plesso Dante Alighieri classe 5ªA) e De Nunzia Stefano del I Circolo didattico, classe 4^B). Nella sezione “Foto/Video”: la classe 5ª E del I Circolo Didattico, la 4ª A del III Circolo Didattico (plesso Dante Alighieri) e la classe 5ª A dell’Istituto Paritario “Alfonso M.Fusco” (Suore Battistine). Nella sezione “Poesie”: Andrea Emanuela Allari del I Circolo Didattico (classe 5ª C), Gerardo Russo del I Circolo Didattico (classe 5ª A) e Gianluca D’Antuono del I Circolo

Obiettivo sull’Angri antica Tutti i lavori sono stati realizzati dagli alunni, con un punto di riferimento ben preciso: i luoghi storici della nostra città

Didattico (classe 5ª C). In “Testo Regolativo”: Angelica Damiano del I Circolo Didattico (classe 4ª B). Infine nella sezione “Speciale”: Grippino e Orlando del III Circolo Didattico con un “plastico”

con luci, e la classe 5^A del III Circolo Didattico con il “Castello Doria” (plesso Dante Alighieri); Ferraioli, Giordano, Longobardi e Palumbo del III Circolo Didattico plesso Taverna (classe 5ª A) con “L’Albero dei

“Quando si alza il vento di terra”

Opera curata da don Silvio Longobardi

«Ho letto il libro in una notte, come accade quando nasce quella specie di “complicità” tra noi e chi scrive o tra noi – come in questo caso – e la protagonista» così scrive Gabriella Zanella sulla rivista “La Nostra Famiglia” della provincia di Como dopo d’aver letto il libro “Quando si alza il vento di terra” di Maria Rossi, pubblicato dal Centro Iniziative Culturali. Nello stesso articolo viene anche presentato ed elogiato il dvd realizzato dal nostro collaboratore Mario Avosso che frequentando il centro di Cava dei Tirreni ha potuto conoscere l’attività di questa associazione a favore dei bambini ed ha saputo illustrare l’opera di don Luigi Monza, fondatore de “La Nostra Famiglia”; un’opera che ha messo scienza e tecnica al servizio della crescita dei bambini bisognosi di interventi terapeutici ma anche di gesti di carità. “La Nostra Famiglia” opera da quarant’anni in 35 località italiane, e anche all’estero, e con il suo Istituto scientifico “E. Medea” ha raggiunto importanti risultati nella ricerca per l’identificazione dei difetti molecolari sulle disabilità infantili.

Venerdì 25 Febbraio, alle ore 18,00 presso l’auditorium Giovanni Paolo II , della Cittadella della Carità (ex Città dei Ragazzi), in via Adriana 18 – Angri , verrà presentato il nuovo libro di lettere e documenti su don Enrico Smaldone, a cura di don Silvio Longobardi, direttore del Centro diocesano di Formazione. Il libro, dal titolo “Don Enrico Smaldone - L’Audacia della Carità” offre la possibilità di conoscere ancora meglio la figura umana e sacerdotale di don Enrico attraverso i suoi scritti: appunti e lettere. La pubblicazione apre altri e più fecondi orizzonti perché permette di comprendere don Enrico a partire dal suo vissuto interiore: possiamo così scoprire il fuoco che animava la sua azione pastorale e le motivazioni che guidavano la sua opera caritativa. E soprattutto possiamo comprendere lo stile di un prete che ha messo tutto se stesso al servizio di un’opera santa. Fino a dimenticarsi. Alla presentazione interverranno Sua Ecc.za Mons. Gioacchino Illiano, Mons. Franco Alfano vescovo di Sant’Angelo dei Lombardi, don Mario Vassalluzzo e alcuni ragazzi dell’ex Città dei Ragazzi.

Il successo continua

Don Enrico Smaldone L’Audacia della Carità

Ricordi”. Tutti i lavori sono stati completamente realizzati dagli alunni, con un punto di riferimento ben preciso “L’Angri antica”. È doveroso  ricordare che questo concorso è stato riproposto per commemorare il secondo anniversario della scomparsa del nostro caro professore di artistica Angelo Giello, che ha dato tanto alla scuola sia professionalmente che moralmente. Egli ci ha insegnato l’amore per il prossimo, ad essere tenaci e a non mollare se la vita ci pone davanti a difficoltà. Ci ha fatto capire che disegnare non è solo usare una semplice matita su una pagina bianca, ma significa esprimere ciò che spesso la bocca non è capace di dire. Non è facile incontrare persone come lui che vivono la vita giorno per giorno non chiedendo niente di più di un sorriso e per questo nei nostri ricordi vive sempre nella felicità che portava sempre con lui e che cercava di donare a tutti coloro che gli erano accanto! Giulia Santonicola, Denise Aliberti, Gennaro Fattoruso

STORIA DI ANGRI

Eravamo un casale di Nocera, Angri allora città non era questo casale, dopo anni, ai Doria viene dato facendo di quella famiglia il principato. Il Re Carlo I D’Angiò molte famiglie di grado elevò, queste famiglie: Concilio, Ardinghi, Risi, Rodi e Coronato da Nocera Angri hanno staccato. Il fervore di progressi non mancava, negli Angresi molto ce ne stava; dopo anni, terremoti, peste e carestia portarono gli abitanti a pregare una figura pia, questa fu proprio San Giovanni Battista che per noi è il santo protagonista, nacque poi un bel bambino di nome Maria Fusco Alfonsino. Diventò di Angri il Beato e il nome di Santo gli fu dato. C’era anche Don Enrico Smaldone un sacerdote con tanta compassione. Costruì una casa per tutti i ragazzi in difficoltà e insieme vivevano con amore e fraternità. Di nuovo un terremoto Angri colpì e la felicità di questa città subito svanì. Però con l’aiuto di tutti spostarono le macerie con buoni frutti, anche se morirono molte persone gli Angresi ripresero in mano la situazione, cosi fino ad oggi siamo arrivati e queste avventure sono ancora raccontate. Gerardo Russo V A, I Circolo Angri

Via Raiola, 20 Tel. 081.5132546

Centro Estetico Solarium Via Incoronati 39 - Tel. 081.948608

aaa cercasi

Cercasi personale femminile qualificato. Per informazioni rivolgersi a: utlet Pastore Via Dei Goti, 204 - ANGRI PASTORE since 1940 Via dei Goti, 208 - ANGRI

CEDESI NEGOZIO AVVIATO ABBIGLIAMENTO UOMO - DONNA SALERNO ZONA CENTRALE - CELL. 3337243906

Sanitaria Brasile

Centro di Puericultura Avvolgibili in pvc, alluminio, acciao, legno. Tende alla veneziana da 50/35/25/15 mm. Porte a soffietto - Tende da sole, box, doccia/vasca. Tende verticali, plisse - Zanzariere, oscuranti.

Carrozzine Passeggini - Culle - Dietetici Giocattoli - Corredini Ortopedici - Profumi - elettromedicali

VIA CONCILIO 34 - TEL. 081.947009 - 940722 (CASA) CELL. 347.3492907 - 3343626006 E-MAIL: lapersiana@libero.it - www.lapersiana.org

Via Madonna delle Grazie, 57/59 (angolo via Papa G. XXIII, 32) - T e l . 0 8 1 . 0283840


Febbraio 2011

11

Attualità

Opportuna una mobilitazione degli Angresi per accelerare il loro trasferimento nello stabile realizzato in via De’ Goti di fronte al casello dell’A3

Ambulatori e servizi Asl: c’è ancora il rischio di un trasferimento a Scafati

Lo scorso 10 febbraio, presso L’Officina delle Idee, si è svolto un ennesimo incontro sui servizi sanitari cittadini dell’ASL SA1, per i quali non è ancora del tutto superato il rischio di un loro trasferimento a Scafati, per la fatiscenza dei diversi immobili in cui sono ospitati, in particolare la sede di Via Semetelle. All’incontro erano presenti diversi medici, per lo più angresi, che operano sul territorio cittadino e con il dott. Giuseppe D’Amora, dipendente Asl, si è fatto il punto sulla vertenza per far rimanere ad Angri i servizi, a partire dagli ambulatori, ospitandoli in un nuovo stabile di proprietà del Comune, che per i locali disponibili consentirebbe anche un miglioramento ed un potenziamento delle prestazioni sanitarie. A seguito di diversi incontri a Salerno (tra De Simone, Commissario Straordinario ASL, Quartucci, Direttore del Distretto 6, l’ingegnere Miranda, direttore della struttura Servizio tecnico-manutentivo dell’ASL e I’lng. B. D’Ambrosio del Comune di Angri) è maturata la sigla di un contratto che prevede uno scambio di immobili tra Asl e Comune di Angri: il Comune cederebbe il nuovo immobile di via De’ Goti (realizzato per un nuovo centro sociale) e otterrebbe lo stabile dell’ex Inam di via Arnedi. D’Amora ha fatto presente che, dopo la sigla del contratto il trasferimento dei servizi sanitari a via De’ Goti si è bloccato perché vi è stato il passaggio di

consegne tra un commissario straordinario dell’ASL all’altro (agosto 2010) e la nuova dirigenza ha voluto riesaminare tutta la pratica. Inoltre vi sono lavori di “adeguamento” dei locali da fare, che sono a carico dell’Azienda sanitaria. Infatti lo stabile, costruito come centro diurno per anziani e disabili, necessita di alcuni ritocchi (divisori, lavelli negli ambulatori ecc.). Ma il reperimento dei fondi necessari per tale adattamento ha creato non poche difficoltà al Distretto, nonostante l’impegno del direttore Quartucci. Il nuovo Commissario Straordinario Asl ha inoltre deliberato di demandare all’Agenzia del territorio la valutazione dei due immobili per meglio contabilizzare la congruità dello scambio. Alla luce di questi sviluppi ed in attesa di positivi passi avanti, per tenere viva l’attenzione sull’iter della vicenda, si è concordato tra gli intervenuti di incrementare gli sforzi informativi nei confronti dei cittadini e degli utenti, utilizzando sia gli organi d’informazione che gli stessi studi ambulatoriali dei medici operanti in città. STATO ATTUALE DEI SERVIZI SANITARI CITTADINI I servizi del Distretto sanitario di base 61 situati nel comune di Angri sono ubicati in tre distinti immobili. Nello stabile di via Semetelle, vi sono gli ambulatori degli specialisti (cardiologo, otorino, oculista ecc); l’Unità operativa di Igiene degli alimenti; gli sportelli del Centro unico di prenotazione (CUP) e l’ambulatorio delle visite medico-legali; il Centro che effettua le vaccinazioni obbligatorie e le campagne vaccinali (es. quella antiinfluenzale). Lo stabile è di proprietà del Comune che lo ha dato in locazione all’ASL. In via S. Di Giacomo vi sono gli Uffici: Riabilitazione; Invalidi civili; Assistenza sanitaria di base; Ufficio Ticket; Ufficio sociosanitario, Uffici amministrativi. Questi servizi sono allocati in tre diversi appartamenti al primo piano di un immobile, più un locale-appartamen-

Tel. 081/948810

to al piano terra (dove prima c’era la Stazione dei Carabinieri). Si tratta di quattro unità immobiliari fittate all’ASL da privati. In via Badia vi è la sede della Guardia medica e del Servizio di Emergenza territoriale (118). Si tratta di un prefabbricato “pesante” donato dalla Croce Rossa Tedesca nell’immediato dopoterremoto del 1980, attualmente di proprietà dell’ASL Si evidenzia l’assenza di servizi per disabili in tutti i locali. L’accesso per i disabili è possibile solo al piano terra di via Semetelle e di via Di Giacomo. Le strutture sono in cattivo stato o addirittura fatiscenti. Dappertutto gli impianti sono obsoleti e non a norma, vi è intonaco scollato, umidità, recessi che possono ospitare (ed hanno ospitato) blatte e altri insetti; c’è altresì scarsa tutela della privacy (divisori in carton gesso in alcuni locali). La differente dislocazione di tutte queste sedi poi crea non pochi problemi al personale e agli utenti che devono spostarsi da uno stabile all’altro per una stessa pratica. Vi è difficoltà ad archiviare i documenti. Inoltre alcuni strumenti non possono essere acquistati e messi in opera per l’inidoneità delle strutture e degli impianti elettrici e telefonici. Nella zona di corso Vittorio Emanuele, di via Semetelle e di via di

Giacomo vi è grande carenza di parcheggio, con grosse difficoltà di spostamento per le mamme con i bambini in passeggino o carrozzina, per gli anziani e i disabili. I locali di via Badia inoltre sono costruiti con materiali contenenti amianto. Sebbene una perizia abbia rilevato nell’ambiente concentrazioni di fibre consentite dalla norma, essi vanno assolutamente o dismessi o trattati idoneamente (“incapsulamento”) al fine di evitare in futuro pericoli gravissimi per gli operatori e gli utenti. Il loro stato di conservazione è pessimo. In via informale sono stati consultati alcuni esperti del settore edilizio che hanno tutti stabilito che i costi di ristrutturazione supererebbero quelli di abbattimento e ricostruzione ex novo. Lo stabile di proprietà del Comune, sito in Fondo Rosa Rosa (uscita autostrada, lato Sant’Antonio Abate), invece è assolutamente nuovo, tre piani più seminterrato “abitabile” ed offre i seguenti vantaggi agli utenti: accesso per i disabili a tutti i piani (ascensore); tutti i servizi in un’unica struttura; facilità di parcheggio; impianti a norma. La sua acquisizione permetterà all’ASL di aggiungere al pacchetto di prestazioni gia rese sul territorio, altre attività, che si renderanno possibili per il fatto di avere una struttura idonea. In particolare saranno migliorati gli orari di ricezione del pubblico, saranno svolti per i cittadini angresi eventi formativi e di prevenzione a tutela della salute (a via De’ Goti si potrà disporre di un’ampia sala conferenze), sarà possibile ampliare Ie attività di alcune branche specialistiche e, non appena si otterranno i finanziamenti, si potranno implementare alcuni strumenti attualmente non utilizzabili in via Semetelle per l’inidoneità del locale e degli impianti. Mauro D’Andretta

LEGGI ANGRI ‘80. ABBONATI!

A N G R I ‘ 8 0 I L T U O

Via Giudici Coiffeur pour homme

Alfonso www.fotonovi.it - Via Giudici 41 - Tel. 081.5132843

Tel. 081.5133030 - coffeur-alfonso@libero.it

G I O R N A L E

Ago & filo Opinioni e riflessioni sul vivere comune di Agostino Ingenito

Quando la solidarietà cozza con gli interessi di pochi Necessario lanciare un nuovo patto generazionale ed offrire servizi alla comunità aldilà della mancata correlazione degli enti preposti con l’assistenza socio sanitaria. Abbandono per un po’ i panni dell’editorialista su temi generali e approfitto di questo spazio per evidenziare come cronista alcune significative carenze e lanciando da cittadino una provocatoria proposta. Alcuni mesi fa su questo stesso giornale evidenziai la necessità di un piano sociale comunale che tenesse conto della difficile condizione in cui versa una fetta consistente di indigenti. Una proposta semplice lanciata indirettamente all’avvenente assessora delegata nell’individuare un percorso, avviando un coordinamento tra le associazioni operanti sul territorio per offrire maggiori servizi ed infrastrutture alle tante famiglie in difficoltà economica. Naturalmente la mancata cortesia di rispondere ad una lettera protocollata, evidenzia il silenzio assenso della politica distratta. Poca cosa probabilmente per l’Amministrazione che in quel momento preferiva annunciare ai quattro venti di aver ottenuto dal Piano di zona (con chissà quali notevoli impegni personali) due al massimo tre posti in più per l’assistenza domiciliare. Pur apprezzando lo sforzo, dico solo che non basta, e che non si può ritenersi soddisfatti di un risultato che seppur apprezzabile è decisamente insignificante rispetto alle necessità stringenti di una buona parte della comunità. La qualità della vita delle persone si misura su diversi indici, e a tal proposito riveste un significativo aspetto, l’assistenza e la risposta degli enti preposti ai bisogni collettivi. Ora senza fare il satrapo e tenendo conto anche dell’insignificante interrelazione e direi anche poco coordinata azione dei diversi enti coinvolti nel settore socio assistenziale, mi domando cosa intende fare il governo locale nell’offrire quanto non già una normativa provinciale ma un diritto inalienabile umano sancito dalla Costituzione riconosce. Se come appare non si è neppure in grado di aprire una sede di servizi ambulatoriale che serva il distretto sanitario, pur avendo a disposizione un immobile (costruito in un luogo sbagliato; mi riferisco allo stabile di via dei Goti, nei pressi del casello autostradale) mi domando in che modo si possa realizzare un piano che non si limiti solo alle emergenze ma sia in grado di andare oltre. Vorrei solo che chi ci amministra abbia una visione di insieme e si adoperi per realizzare almeno una reale inversione di tendenza. Resta ben poco del welfare assicurato ai cittadini italiani ad Angri, se si escludono i servizi sanitari di emergenza e i famosi pacchi alimentari offerti dal Fondo Alimentare erogati anche con parsimonia dalla Caritas. Qualcuno mi contesterà: ma dove prendiamo i soldi per un piano che, seppur elaborato, non potremmo realizzare. Rispondo con una proposta, cosi che non si dica che i giornalisti sono solo bravi a scrivere belle parole. In altri comuni è fatto consolidato richiedere ai fornitori un contributo di “solidarietà”: si potrebbe partire da qui e chiedere una “una tantum” da far confluire in un fondo specifico non gestibile direttamente dalla politica (visto che capita molto spesso che capitoli economici siano spostati su altre voci per arcane volontà), ma si realizzi un ente ex novo in grado di svolgere un unico ruolo, essere vicini ai più bisognosi e che necessitano di assistenza e senza per questo mettere in discussione enti ed istituzioni come il Piano di Zona che mi perdonerete considero ormai incapace di affrontare le reali esigenze collettive, stretto com’è da rivendicazioni personalistiche di una politica chiacchierona e meramente lottizzatrice. Alla prossima.

ANGRI nuovo

CENTRO REVISIONE

(Autorizzato) auto - moto - scooter - microcar quadricicli - tricicli - motocicli Ciclomotori - Quad Veicoli Industriali fino a 3,5 t Bollino blu

Presso

officina limodio Via Astronauti n. 7/9 (Prolungamento Corso Italia) Tel. 081.940959 www.officinalimodio.191.it


12

Premio Città

di

Angri

Febbraio 2011

Continua la collaborazione tra Angri ‘80 e l’organizzazione del “Premio Città di Angri” che consiste nell’intervistare gli “Ambasciatori Angresi”: tutti quei personaggi che dal 2003 ad oggi hanno ricevuto l’ambito riconoscimento per meriti artistici, professionali, culturali, sociali... Questo mese incontro Mario Donnarumma, già campione di kick boxing.

Ad Angri è difficile impegnarsi in una disciplina sportiva Mario come vanno interpretate tutte queste sigle? Sono le sigle che identificano le varie federazioni tra gli sport da combattimento. Sport che con passione e devozione ho praticato per tanti anni. Ora ho “appeso i guantoni al chiodo” e da quattro anni mi sono ritirato completamente dall’attività sportiva dedicando anima e corpo al mio lavoro. Gestisco un’attività commerciale ad Angri. Ma come ti sei avvicinato a questo genere di sport? Ricordo che fin da bambino ho sempre provato un’attrazione molto forte per il pugilato, poi, come tanti ragazzi, ho iniziato un po’ per gioco ad allenarmi ed a combattere. I primi incontri si fanno nella regione di appartenenza, poi, man mano che passano gli anni e si accumula esperienza si spera di essere “notati” dalle varie federazioni che, se si è validi, puntano su di te facendoti combattere incontri importanti anche contro atleti stranieri. A proposito di ring, approssimativamente quanti incontri hai combattuto? Ti do lo score completo della mia carriera: ho combattuto 66 incontri, ottenendo 51 vittorie di cui 4 per “KO” e 15 sconfitte. E qual è la performance che ricordi con più piacere? Sicuramente la vittoria del mondiale WKA; furono 12 riprese combattutissime fino alla fine. Era l’anno 2003. L’incontro che invece avresti fatto meglio a non combattere mai? Un incontro per le qualificazioni ai campionati italiani del 2005. Ricordo che fu una disfatta totale, un crollo fisico, di testa e di nervi. Il mio avversario era un atleta sardo che “rischiò” seriamente di farmi male. Se i rischi di farsi male sul serio sono così alti (basta un calo di concentrazione) perché ci si appassiona a questi sport? La mia generazione era

attratta dagli sport da combattimento perché c’era un reale bisogno di uscire dalla routine del quotidiano, si sentiva la necessità di provare sensazioni forti che il duello fisico con un tuo coetaneo riesce a farti provare. Qual è, invece, l’incontro che avresti voluto combattere e che, purtroppo, non hai mai combattuto? Sicuramente quello con un atleta russo con un nome impronunciabile. Ricordo di averlo visto combattere in Serbia, ai campionati europei in cui, alla fine, vinse la medaglia d’oro. Non riuscimmo a gareggiare perché in quell’edizione io fui eliminato in semifinale dalla Polonia. Quell’atleta della federazione russa mi impressionò per forza, potenza e grinta oltre ad avere un suo personalissimo stile di combattimento. Ricordo che già pensavo a come affrontalo, a come attaccare ed in che modo invece schivare i suoi colpi visto che fisicamente era molto diverso da me. Forse fu proprio il correre con la mente troppo avanti che mi fece perdere concentrazione e lucidità in semifinale. Un po’ come per tutti gli aspetti importanti della vita… Esatto. Io sono dell’opinione che alla base di una buona forma fisica e mentale di ogni essere umano ci deve essere tanta formazione sportiva. Gli sport da combattimento, poi, ti aiutano a crescere più in fretta e con più rispetto verso il prossimo, così come si rispetta l’avversario che sul ring ti sconfigge, magari umiliandoti (sportivamente parlando) o addirittura facendoti male. Ma queste sono le regole e vanno rispettate. Accettare una sconfitta, riconoscendo la supremazia dell’avversario non è assolutamente una cosa facile, specialmente quando ti alleni duramente e con costanza, facendo numerosi sacrifici e facendo a meno di quelle cose che quando si è giovani sembrano irrinunciabili come ad esempio i divertimenti, la discoteca nel weekend, le cene e qualche bicchiere di vino. Sono d’accordo con te. Adesso parliamo un po’ di Angri ? Non sono uno storico, né un saggio. Al massimo possiamo parlare della situazione sportiva angrese Partiamo proprio da questo… Credo che ad Angri, così come in tutto il Sud Italia la situazione sportiva non sia l’ideale per chi vuole impegnarsi con passione e dedizione in una disciplina. Io, per esempio, sono convinto che se mi fossi trovato in un contesto europeo o anche del Nord Italia, avrei combattuto almeno il doppio

degli incontri. Non immagini quante volte ho dovuto raggiungere cittadine del settentrione (spesso più piccole, più “brutte” ma molto più organizzate di Angri) per partecipare a gare del settore sport da combattimento. Da noi nell’agro, poi, non vengono mai organizzate gare di un certo livello, come ad esempio i campionati italiani. Queste cose sono viste ancora con poco interesse, forse perché non creano lo stesso “business” dell’edilizia o di altri settori. Invece in tanti piccoli centri del Nord Italia si sta diffondendo un vero e proprio turismo sportivo. Come si potrebbe intervenire per invertire la tendenza? Con l’impegno e la buona volontà di tutti. A me, ad esempio, alcuni anni fa, venne l’idea di creare una vera e propria palestra di sport da combattimento ad Angri, intitolandola proprio “Pugilistica Angrese”, in modo da diffondere la cultura di questi sport anche a livello visivo, di immagine. Il progetto era quello di far avvicinare i bambini gratuitamente a questi sport, e di valorizzare i talenti locali dando loro un attrezzato ed all’avanguardia punto di riferimento sul territorio, dove potersi allenare seguiti da “coach” molto stimati ed apprezzati nell’ambiente non solo a livello locale. Bella idea, ma è rimasta nel cassetto? Dal cassetto l’ho tirata fuori più volte, proponendola ai politici di turno, senza purtroppo trovare mai un riscontro positivo. Figurati che avevamo già un progetto molto avviato, avevamo già fatto il piano degli investimenti, individuato la location - proprio al centro del paese – ed addirittura abbozzato il piano di comunicazione…

Hai accennato prima ad apprezzati allenatori locali… Ad Angri abbiamo Vittorio Gimondo e Giuseppe Russo che sono tra i migliori “coach” di sport da combattimento in assoluto. Sono stati loro i primi a credere in me – insieme a mio fratello Antonio che mi ha sempre seguito dal punto di vista alimentare e nutrizionale - valorizzando le mie doti naturali, fornendomi un’infinità di consigli tecnici ed insegnandomi le migliori tattiche di combattimento. Sono gli stessi nomi che mi ha fatto prima di te, ma al tuo stesso modo, Gaetano Verziere… Gaetano sta facendo parlare di sé a livello nazionale avendo vinto già due medaglie d’oro, eppure è ancora giovanissimo! Sono sicuro che anche lui, come me, deve tutto dal punto di vista della preparazione atletica e tecnica ai maestri Gimondo e Russo. Possiamo definire Verziere il tuo erede naturale? Sicuramente. Io, comunque, non posso fare altro che augurare a Gaetano di vincere molti più incontri di me, raggiungendo tutti i successi che merita e realizzando tutti i suoi sogni. Di sicuro è stato il tuo erede al “Premio Città di Angri” dove, dopo di te, si è aggiudicato il riconoscimento per la categoria “sport”… Perché non organizzi anche un “Premio Città di Angri per lo Sport? Oppure porti ad Angri il “Premio Nazionale dello Sport” che hai creato nella vicina Scafati? Ripeto, credo molto nel turismo sportivo e visto che Angri non è “famosa” per nessun tipo di turismo (culturale, archeologico, religioso, ecc…) potrebbe diventare un’attrazione da questo punto di vista. Tornando alla domanda, credo che Verziere sia il designato naturale a ricevere riconoscimenti sportivi non solo ad Angri ma in tutta la provincia e la regione. Consentimi, infine, di farti proprio i complimenti per il Premio da te ideato, è un evento che mette in evidenza le gesta dei nostri concittadini, e che meriterebbe ben altra visibilità e pubblicità da parte delle istituzioni angresi. Giuseppe Novi

è un allievo dell’associazione angrese Art&Balletto

Il giovane Michele D’Antonio a Danza In Fiera Ancora una volta l’Associazione Art&Balletto Centro Studi Danza, diretta da Carmen e Antonella Foresta e la Direzione Didattica di Massimiliano Calandro, consegue un importante successo: un allievo della scuola, infatti, è stato selezionato per far parte della compagnia professionistica dell’Artéca e partecipare alla vetrina dei gruppi professionistici a “Danza In Fiera”, uno degli eventi più importanti nel mondo della danza italiana che si terrà dal 24 al 27 Febbraio a Firenze. L’Artéca, di cui è presidente Amalia Salzano, maestra e coreografa di fama internazionale e discepola del M° Matt Mattox, è un’associazione che coinvolge le scuole di danza del territorio in importanti iniziative relative al mondo della danza e che quest’anno ha inaugurato un nuovo importante progetto: la selezione dei ballerini più bravi delle scuole appartenenti per la presentazione di una coreografia all’annuale appuntamento di “Danza In fiera”. I 10 ragazzi della Compagnia Artéca sono stati selezionati durante stage-audizioni tenuti da grandi maestri come Antonella Gheno (ballerina nelle più importanti compagnie italiane e estere quali Balletto di Spoleto, Compagnia Euroballet di Lussemburgo, Companhia Nacional de Bailado, presso il Teatro S. Carlos di Lisbona), Giovanna Spalice (Etoile del Teatro San Carlo), Vinicio Mainini (Docente per i corsi di avviamento professionale presso il MAC di Roma) e la stessa Amalia Salzano, in mezzo a tanti concorrenti; fra i ragazzi, tutti diplomati e maggiorenni, spicca Michele D’Antonio, allievo del Centro Studi Danza Art&Balletto, che grazie alle doti fisiche e all’ottima preparazione tecnica è stato scelto nonostante la sua giovane età (13 anni). I ballerini si presteranno ad un lavoro coreografico molto particolare costruito a quattro mani da Amalia Salzano e Vinicio Mainini e accompagnato dal vivo dal Soprano Federica Marotta.

Realizza il tuo sogno con Magic Circus

La fantasia non muore mai “La fantasia non muore mai”, è lo spirito della linea Magic Circus; un’esplosione di colori e divertimento. Riproducendo il fantastico mondo del circo, gioco e vitalità prendono vita e ci accompagnano in un’altra realtà, fatta di atmosfere che scaturiscono dal sogno e dalla poesia. Innovazione, ricerca, artigianalità e design originale, rendono i prodotti Magic Circus unici e speciali. Tutti i prodotti della collezione Magic Circus, come borse, portafogli, cinture, ecc., sono fatti per sorprendere, stupire, incuriosire e per regalare a chi si ama un piccolo sogno. Sogno che potrai realizzare da BIOSA BORSE, punto di riferimento dell’Agro, via F.S. Caiazzo 5/7.

on-line

internet point Via Nuova Cotoniere, 6

nuova gestione


In occasione della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani

Uniti per la pace sulla Terra Fra’ Damiano: oggi bisogna essere operativi e costruire, con l’aiuto di tutte le Chiese cristiane, delle vere e proprie “Scuole di pace”, così come sta facendo la Chiesa di Santa Maria delle Grazie che, a breve, darà vita alla prima “Scuola di politica”.

In occasione della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, lo scorso 19 gennaio, presso il salone della parrocchia Santa Maria delle Grazie di viale Europa, il Centro per il dialogo (formato dalla Diocesi Nocera Sarno, dalle Chiese Ortodosse, dalle Chiese Evangeliche e dai Frati minori della provincia salernitano-lucana) ha organizzato un importante convegno dal titolo Gloria a Dio e pace sulla terra. Il convegno, basato sull’omonimo documento del Consiglio Ecumenico delle Chiese preparatorio alla Dichiarazione sulla “pace giusta”, è stato coordinato da Stefania D’Antuono della chiesa Pentecostale che, dopo aver citato il pastore evangelico Dietrich Bonhoeffer che negli anni trenta predicava una resistenza non violenta che avesse come protagoniste le chiese, ha presentato il primo ospite, don Domenico D’Ambrosio, parroco della chiesa Santa Maria delle Grazie. Don Domenico, salutando gli intervenuti al dibattito e la folta platea, ha detto che “oggi l’intera comunità costruisce un importante tassello, e per questo motivo dobbiamo ringraziare il Signore, affinché, pur portando con noi le nostre differenze dogmatiche, si possa, tutti insieme, dialogare e creare le basi per unire la grande famiglia cristiana, attualizzando sempre il messaggio evangelico”. Successivamente ha preso la parola padre Damiano Lanzone, frate minore del Convento di San Francesco di via Risi, che ha detto: “Il Consiglio Ecumenico delle Chiese, il CEC, organizzerà una Convocazione Internazionale Ecumenica sulla pace che si terrà a Kingston in Giamaica dal 17 al 25 maggio 2011, e per tale occasione, ha redatto un documento preparatorio Gloria a Dio e pace sulla terra, in cui si analizza, con molta attenzione, il messaggio del Cristo, nuovo Adamo, che introduce nel mondo nuovi modelli di comportamento. Inoltre, il concetto di Shalom, per le Sacre Scritture, non è solo pace, ma anche giustizia, rettitudine, compassione, verità, integrità, benessere,

sicurezza, prosperità, libertà dalla discordia e dall’antagonismo politico. Il primo passo per costruire nel mondo la “pace giusta” è la necessità di costruire un’unità all’interno della famiglia dei cristiani, per secoli divisi e lontani. Le Chiese devono avere la consapevolezza che la guerra ed il terrorismo, lo sfruttamento dei beni comuni e la violenza dei mass-media, sono tutte sfide che dovranno essere affrontate per realizzare la vera pace. Il cuore del Cristianesimo è la pace, e dunque le Chiese, devono, oggi e sempre, dichiarare illegittimo e immorale ogni tipo di violenza. Nell’epoca contemporanea, dobbiamo rifarci alle esperienze di Don Lorenzo Milani e Don Tonino Bello, che hanno avuto come credo la “non violenza”, e hanno basato il loro cammino pastorale sull’umiltà e la cultura della pace. Oggi bisogna essere operativi e costruire, con l’aiuto di tutte le Chiese cristiane, delle vere e proprie “Scuole di pace”, così come sta facendo la Chiesa di Santa Maria delle Grazie che, a breve, darà vita alla prima “Scuola di politica”. In seguito, si è avuto l’intervento di Guglielmo Grillone, della Chiesa ortodossa del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli, che ha riferito: “Il documento, redatto dalle Chiese, è molto ricco di spunti sociologici, politici e ovviamente di Teologia Trinitaria. Tutte le Chiese, in quest’epoca di grave crisi economica e morale, hanno compreso che oggi, come non mai, bisogna creare i presupposti affinché ci sia pace e unione tra i cristiani. Proprio come recita un versetto degli Atti degli apostoli, leitmotiv della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani: Uniti nell’insegnamento degli apostoli, nella comunione, nello spezzare il pane e nella preghiera. Anche Bartolomeo I, Patriarca Ecumenico di Costantinopoli, ha sovente dichiarato che i mali della nostra società sono le violenze che sfociano nelle azioni belliche e terroristiche, ma anche altri tipi di violenza,

Dal 1º novembre

13

Attualità

Febbraio 2011

più subdola, come lo spietato consumismo dei popoli cosiddetti ricchi ed industrializzati, il relativismo, l’edonismo ed il disastro ambientale non ostacolato da governi irresponsabili. Il documento, inoltre, dice che l’uomo pur avendo limiti e debolezze, secondo la sua natura mortale, è però creato a immagine di Dio, e per tale motivo deve costruire, in primis localmente, e poi a livello nazionale ed internazionale, opere di pace e solidarietà. Le Chiese si preparano a pregare tutti insieme il Padre, affinché si possa eliminare ogni assurda violenza”. Infine, si è avuto l’ultimo intervento, quello del pastore metodista, Antonio Squitieri, che ha affermato: “Prima giustificavo la “guerra giusta”, in nome della democrazia, giustizia e libertà degli uomini. Oggi, dopo un lungo cammino, ho capito che, quello che i governi affermavano, altro non era che autoritarismo e sopruso dei forti sui deboli. Nelle varie confessioni religiose abbiamo avuto grandi apostoli, come Giovanni XXIII, con la sua famosa enciclica Pacem in terris, Gandhi e Martin Luther King, che hanno creduto invece nella “pace giusta”, come contrapposizione ad ogni tipo di violenza. Da un anno è costituito il Consiglio Regionale Ecumenico, che raccoglie 12 Chiese ed ha, al suo interno, 4 commissioni (quella giustizia e pace, pastorale, liturgica e comunicazione). Chiedo alle 4 commissioni di mettere al centro del proprio cammino il documento preparatorio per la pace. A Napoli è già sorta una “Scuola di Pace”. Ora dobbiamo concentrare i nostri sforzi affinché si possano creare i presupposti per ereditare nei nostri paesi tale esperienza”. A fine convegno i relatori ed i presenti si sono recati presso la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, per la Celebrazione ecumenica della Parola di Dio. Sergio Ruggiero Perrino

Immigrazione 2011: incontro promosso dalle associazioni dell’Agro

Il lavoro come via di riscatto per gli immigrati

Assistiamo ad un cambiamento forte dettato dalla crisi economica, che ha ridisegnato i rapporti umani e ha allentato la solidarietà.

Lo scorso 22 gennaio presso la Confraternita di Santa Caterina numerose associazioni dell’Agro hanno promosso un incontrodibattito sul tema immigrazione 2011. L’incontro è stato organizzato dalle seguenti associazioni: Associazione Adamah, Granello di Senapa Onlus, La tenda, Gorèe, bottega del consumo critico “Tutta n’ata storia”, Caritas di Nocera Inferiore Sarno, Scuola di pace frati minori. L’obiettivo dell’incontro, voluto dalle associazioni territoriali impegnate con gli immigrati presenti nell’Agro, è stato mirato ad una riflessione generale e interattiva, tra chi opera ogni giorno come operatore sociale, a chi lavora con la Caritas, a chi vive lo status di immigrato in terra straniera. Il fenomeno immigrazione è oggi costantemente respinto e non affrontato dalla politica italiana. Il fondo economico per gli immigrati tra le voci della legge di bilancio è stato pari a zero; stesso discorso per il fondo immigrazione regionale. Nessun diritto per chi arriva in terra straniera, nessuna forma di tutela prevista dalla legge italiana. A ciò si aggiunge il costante razzismo mediatico declinato dalla politica leghista, e un evidente aiuto gratuito alla criminalità organizzata che vede ingrossare le proprie file sfruttando le vite di malcapitati senza tutela, né patria, né famiglia. Invertendo la rotta rispetto alla politica attuale gli operatori sociali e i parroci intervenuti, impegnati con la Caritas, hanno analizzato tre concetti chiave del fenomeno migratorio: “Cambiamenti?” “Interazione?” “Protagonismo?”. Don Vincenzo Federico, delegato regionale Caritas Campania, ha detto: “La Caritas quest’anno ha prodotto il 20º rapporto sull’immigrazione e dopo ben vent’anni concludiamo che manca il riconoscimento della persona. C’è solo necessità di braccia, di esseri umani da schiavizzare in un mercato del lavoro nero. Dobbiamo iniziare a riflettere sul fatto che l’immigrazione non è solo un fenomeno portatore di bisogni, ma fa emergere valori, ricchezze, positività. Il fenomeno migratorio è ormai strutturale. Pertanto dobbiamo uscire dalla mentalità emergenziale, per arrivare a riconoscere i diritti della persona. Bisogna capire che per gli immigrati l’associazionismo è un’opportunità, un’occasione per integrarsi. Su questo dobbiamo lavorare, l’integrazione significa appunto mettere in comune delle esperienze di ognuno,

Via F.S. Caiazzo, 5/7 -- Tel.081.946380 (Ex Fiera della Borsa)

ma le istituzioni sono molto indietro rispetto al nostro lavoro”. Ha continuato Don Edoardo Tafuto, direttore Caritas diocesi di Nocera Inferiore e Sarno: “Oggi assistiamo ad un cambiamento forte dettato dalla crisi economica, che ha ridisegnato i rapporti umani e ha allentato la solidarietà. I nuovi poveri, disoccupati, famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese, sono quelli meno inclini a prestare aiuto. Pertanto percepiamo che la presenza straniera è vista come quella di gente disgraziata. Dal punto di vista di chi è immigrato invece, spesso non sappiamo che molte persone arrivano qui con la logica del riscatto nel lavoro. Il lavoro diventa un mezzo di emancipazione con cui riscattarsi dalla povertà, ritornare al paese d’origine ed aiutare le famiglie. L’immigrazione proveniente soprattutto dall’est, che nelle nostre case riveste il ruolo di badanti, è un’immigrazione di persone con un livello culturale superiore, molto spesso laureati. Il problema grave sorge quando la società civile percepisce queste presenze come pericolose”.

Dal lavoro degli operatori sociali Andrea Morniroli e Vittoria Caffaro, abbiamo ascoltato l’esperienza diretta di chi si trova a fare i conti con dati devastanti nel nostro paese. L’Italia è divisa in corporazioni, il divario tra ricchi e poveri è sempre più ampio. Dati allarmanti verso cui la politica fa orecchio da mercante. Continuamente respinge gli immigrati giunti sulle coste con gli sbarchi, non sapendo che si tratta solo del 15% dell’immigrazione, la restante arriva per altre vie. Numerose sono state le testimonianze di cittadini marocchini, sudamericani, albanesi, integrati e residenti da numerosi anni nell’Agro, cittadini a tutti gli effetti integrati dopo non poche difficoltà, lavoratori, studenti, giovani, bambini, donne. Carmen Mariagloria Chirico

Dal 21 al 23 gennaio scorso, nella Pinacoteca di palazzo Doria

VOLO LIBERO Dal 21 al 23 gennaio scorso, Fotografia Novi ha presentato “Volo Libero”, la prima mostra fotografica ad Angri del Dottor Vittorino Testa. Un insieme di immagini raccolte grazie alla grande passione per questa affascinante arte che, unita all’esperienza e alla conoscenza tecnica, costituiscono un binomio perfetto che da anni accompagnano il dottore nei suoi numerosi viaggi. Alle foto del dottore, poi, si

foto Testa

foto Novi

sono affiancate quelle dello stesso Paolo Novi, nostro collaboratore, anch’esse frutto di viaggi.


14

attualità

Manifestazione presso la Confraternita di S. Caterina

Ma quali opportunità vengono offerte ad essi? Nessuna!

Panacea fa il bilancio della propria attività e presenta una nuova opera

I giovani nel mirino Leggendo il numero di gennaio di ANGRI ‘80 ho notato che sono nate nuove rubriche. In queste rubriche ci sono idee, proposte e pensieri che condivido, come quella di Agostino Ingenito, che ha puntato il suo obiettivo sul senso di appartenenza che i giovani hanno del luogo in cui vivono e sull’emigrazione giovanile che si è verificata negli ultimi anni. Condivido il suo pensiero, anche perché i primi a parlare dei giovani sono sempre i politici, ma se ai giovani non vengono dati i giusti strumenti per avvicinarsi alla propria realtà, realizzando qualcosa di costruttivo che induce a non abbandonare la città in cui si vive, come si può avvertire un senso di appartenenza? E il mercato del lavoro, si sa, oggi non versa in rosee condizioni. Pertanto il problema di mancanza di identità ricade su coloro che migrano altrove in cerca di certezze. Altro problema di cui la politica dovrebbe farsi carico è creare possibilità ai giovani di rimanere nel loro territorio, valorizzarlo e farlo crescere per un futuro più florido. Qualcuno ci definisce “giovani assenti”, lontani dalla realtà. Se lo sforzo dei giovani, quella minoranza che ancora cerca di impegnarsi nella realtà sociale, non viene evidenziato, è perché i giovani non possono che seguire la strada già segnata da chi c’era prima di loro, e mi riferisco alla politica. E oggi manca anche una cultura politica che i partiti non fanno, anche perché la loro attività non è più quella di formazione. Allora serve un cambio di rotta, che solo la società sarà in grado di dare, sempre che ci siano i presupposti per farlo. Nell’articolo del professore Luigi Montella c’erano molte proposte fatte all’Amministrazione comunale, su come risolvere alcuni problemi e migliorare la qualità di vita ad Angri. Condivido anche quelle, tranne che in un punto. Quando si parla del teatro e delle compagnie dilettanti. Chiedere che ad Angri vengano solo professionisti del teatro mi sembra eccessivo. Che questi dilettanti poi non possano neanche occupare spazi pubblici, né essere remunerati, ma esibirsi solo in “circoli o luoghi amatoriali”, mi sembra poi inaccettabile. Cos’è un “luogo amatoriale”? E poi credo che se ad Angri ci fosse un teatro sarebbe aperto a qualsiasi rappresentazione, amatoriale e non, così come succede in tanti altri posti dove organizzano rassegne amatoriali e spettacoli con compagnie di attori professionisti. È giusto accontentare le diverse esigenze e dare spazio a tutti, nei tempi e nei luoghi adeguati. Nella rubrica di Lello Alfano, «I CARE», ho notato che si parla ancora di ragazzi, ragazze, lontani ormai dal senso civico e sempre più attenti a fregarsene di ciò che accade intorno. Saranno le nuove generazioni ad essere cambiate, saranno gli interessi, ma credo che se in giro, tra i ragazzi, circoli quest’aria di indifferenza ai problemi che riguardano anche loro, è perché c’è una sfiducia generale verso chi a loro può parlare di cultura, di formazione, di società, compresi i mezzi di comunicazione che spesso non lanciano messaggi positivi. Per cui spesso non c’è rispetto per loro stessi, quando si mettono alla guida ubriachi, né per gli altri. È la strada più semplice quella dell’indifferenza: guardo, ma non voglio vedere. È molto triste non sentirsi responsabili della realtà che cambia e che ci inghiotte, senza che possiamo darle un volto, una voce. Roberta Smaldone

Febbraio 2011

La serata è servita anche per la presentazione del sito dell’associazione Lo scorso 30 gennaio, presso la sala-teatro della Confraternita S. Caterina, si è svolta una manifestazione organizzata dall’associazione Panacea, l’associazione onlus, nata con lo scopo di salvaguardare i beni artistici e culturali del territorio. La serata è servita a presentare il sito dell’associazione e la sua ultima fatica editoriale. Parallelamente, è stato possibile vedere i lavori svolti dagli studenti dell’I.T.C. “G. Fortunato” di Angri che, guidati dal prof. Pasquale Pannone, hanno raccolto ed esposto una serie di fotografie della Angri di un tempo, fornendo un quadro della realtà sociale, economica, urbanistica e umana del secolo scorso. L’incontro è stato introdotto dal presidente di Panacea, Gianni Rossi, il quale ha lanciato un invito ai giovani a collaborare con l’associazione, per portare nuove energie alla vita culturale angrese. Ha, poi, annunciato la pubblicazione del sesto fascicolo dell’associazione: Angri tra fede, storia e arte. Archeologia e arte nel comprensorio angrese, che raccoglie gli atti del convegno tenutosi a maggio 2010,  in concomitanza della II edizione della manifestazione “Angri tra fede e storia”. Il volumetto è dedicato al patrimonio archeologico e artistico presente nell’area angrese, spesso oggetto di furti (non a caso, alle pareti della sala erano esposte anche foto della Via Crucis della chiesa di San Giovanni, da tempo trafugata e non ancora ritrovata). Al fascicolo è allegato un CD contenente le presentazioni dei relatori e i relativi testi. Giancarlo Forino, socio fondatore di Panacea e autore di una serie di pubblicazioni edite dall’associazione, ha presentato i contenuti del sito ufficiale www.panaceart.it. In esso sono richiamati tutti i restauri curati dall’associazione; vi sono poi, tutti gli eventi organizzati durante gli anni, e i testi delle pubblicazioni edite da Panacea. Fabio Vitiello, il webmaster del sito, ha fornito ulteriori

VIA NA ZIO NA LE

Rossi,

Forino,

dettagli tecnici: è possibile, ad esempio, effettuare la ricerca di documenti all’interno del sito. Ha poi preso la parola il prof. Pasquale Pannone, che ha illustrato il percorso e gli intenti del lavoro realizzato dagli alunni dell’ITC. Sono state raccolte circa trecento foto, ma quelle selezionate per la mostra sono state circa duecento. Le foto sono state ordinate su cartelloni bristol in quattro sezioni, dedicate rispettivamente ai “Ritratti”, ai “Rituali”, agli “Scenari” e alle “Distanze”. Stefano Vanacore, anch’egli socio fondatore di Panacea, ha ricordato che uno dei compiti della politica è quello di intervenire sul degrado urbano ed ha annunciato l’imminente restauro delle sette statue in cartapesta raffiguranti i sette dormienti, conservate nella Cappella Pisacane in via di Mezzo. Le sette statue rappresentano un unicum del patrimonio artistico italiano, dal momento che si tratta dell’unico caso documentato in Italia di tale culto. Vanacore ha chiesto al Comune di “adottare” le statue, in modo da permetterne il restauro. Il restauro verrebbe a costare circa 8.500 euro, dei quali 3.000 raccolti tra gli abitanti di Via di Mezzo e 2.000 investiti dall’associazione: resterebbero ancora 3.500 euro da trovare per poter ridare splendore ad un’opera unica ed inestimabile. L’intervento successivo è stato

Vanacore

quello del prof. Luigi Montella, il quale, evidenziando che una società colta è una società coesa e capace di affrontare le difficoltà, ha invocato un recupero degli aspetti antropologici che sottendono alle espressioni artistiche; ha parlato di investimenti nella cultura, della necessità di programmare iniziative collettive e non individuali, di rilanciare la pubblica istruzione, di una nuova idea di politica, scevra da tessiture ideologiche fine a se stesse e capace di instaurare un nuovo modo di pensare ai rapporti tra istituzioni e cittadini. L’assessore comunale alla Cultura, Peppe Mascolo, da un lato ha sottolineato che l’Amministrazione comunale ha ereditato una situazione finanziaria estremamente difficile, dall’altro ha annunciato l’intento di organizzare un maggio ricco di eventi culturali. Inoltre, si cercherà di coinvolgere le realtà individuali e associate presenti sul territorio, per realizzare una politica culturale quanto più condivisa possibile. Sono seguiti gli interventi dell’assessore provinciale Antonio Squillante, del professore Giuseppe Abate, presidente della Pro-Loco, del dirigente scolastico del liceo scientifico “Don Carlo La Mura”, prof. Pasquale Esposito. Ha chiuso la serata il breve intervento del professore Salvatore De Felice, che ha sottolineato che spesso

è anche la mancanza di sensibilità da parte delle forze dell’ordine, preposte alla cura e alla tutela della collettività e dei beni pubblici, a favorire atteggiamenti e comportamenti poco urbani da parte dei giovani. Da parte nostra ci auguriamo che il Comune, che (nel lontano e nel recente passato) non ha evitato di destinare pubblico denaro in attività di scarso interesse collettivo, o in spese addirittura controproducenti ed inutili per il benessere di tutti, possa farsi carico della cifra, tutto sommato modica per le casse comunali, per poter restaurare i sette dormienti. Più in generale, auspichiamo un risveglio e una presa di coscienza di quanti si dicono uomini di cultura, affinché vogliano partecipare senza pregiudizi ideologici ad un più ampio dibattito, che non sia improntato a manifestazioni e ad espressioni di narcisistico individualismo intellettuale. Vincenzo Ruggiero Perrino

RICORDO Il 22 febbraio ricorre il 5º anniversario della perdita del caro ragioniere Mario Del Pezzo. La moglie ed i figli lo ricordano con immutato affetto

Via Nazionale

Via Nazionale - Tel. 081.947284

Camerette Italian Business - Ciacci - Tonin Dall’Agnese - Accademia del Mobile Bamar - Alf - Rossetto

di angela caramico

Offerta promozionale su tutta la gamma dei prodotti

Finanziamenti a tasso agevolato

Vendita autoveicoli nuovi

di

e usati di tutte le marche

Troiano Giuseppe

NUOVA Sede

2T

Ceramiche s.n.c. Tel/Fax 081.5135109 - e-mail: flaga@libero.it www.arredamentigaeta.com

Via Nazionale n.162 - T e l . / F a x

081.947554

e-mail: 2tceramiches.n.c..2tcera@tin.it

Via Nazionale, 111 Tel/Fax 081.94.88.13 Esposizione.: Via Nazionale, 186 angela.caramico@virgilio.it


15

Attualità

Febbraio 2011

Manifestazione di solidarietà al I Circolo.

A margine del destino della Stazione Sperimentale e dei suoi dipendenti, un nostro lettore ci ha messo al corrente di una propria indignazione.

presidente Varone corte? LeIntervista bugie hanno le gambe Un vecchio ed affezionato lettore di ANGRI ’80 ci ha consegnato alcune lettere e ci ha invitato a segnalare all’opinione pubblica angrese un episodio, in sé per sé, non rilevante, ma che proprio per questo motivo ha scatenato la sua indignazione: «Se sulle piccole questioni non ci si preoccupa di dire bugie, figuriamoci che cosa succede in occasione di quelle che hanno una certa rilevanza. Per fortuna i Sindacati mettono ancora il naso dappertutto e, grazie a loro, anche questa volta il diavolo ha fatto le pentole senza i coperchi». Ma che cosa è successo di così grave, da farlo arrabbiare a tal punto? Ecco i fatti. Nel Consiglio comunale del 30 settembre u.s. il Sindaco Mauri risponde ad un’interrogazione dei consiglieri del Partito democratico, Cosimo Ferraioli e Lina Recussi, preoccupati del futuro occupazionale dei dipendenti della Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve alimentari di Angri e li rassicura in merito, dicendo di aver parlato con il Direttore, Ing. Luigi Palmieri. Di sua spontanea iniziativa, il Sindaco aggiunge (v. verbale della seduta) che nella stessa occasione ha richiesto allo stesso Direttore: “…una fascia di terreno di 50 metri lungo la Nazionale per costruirci una grossa piazza... Il Direttore mi ha detto che non ha competenza però fa parte del Consiglio di Amministrazione della Camera di Commercio di Parma e quindi si attiverà e farà in modo che (lo stesso) possa darci quest’area, e se la cosa dovesse poi concretizzarsi, potrebbe essere una giusta soluzione ai bisogni della popolazione di via Nazionale...”. Il 18 gennaio 2011, a seguito della pubblicazione all’Albo pretorio del

verbale della seduta di Consiglio comunale del 30 settembre 2010, i segretari provinciali dei Sindacati Fai – Cisl, Flai – Cgil e Uila – Uil scrivono al Presidente ed al Direttore Generale della Stazione Sperimentale di Parma (da cui dipende Angri) per chiedere chiarimenti: “… siamo venuti a conoscenza dell’interesse da parte dell’Amministrazione comunale di Angri ad aree di proprietà e pertinenza della SSICA. Dalla lettura (del verbale) si evince la volontà, da parte del direttore delegato, ing. Luigi Palmieri, di agevolare per il tramite del Consiglio di Amministrazione la richiesta in essere...”.

Il giorno 1º febbraio 2011 ai sindacalisti risponde direttamente l’ing. Luigi Palmieri: “… vi comunichiamo che questa Direzione non si è mai pronunciata in merito alla questione delle aree di pertinenza dell’Istituto sito in via Nazionale ad Angri. Pertanto, qualunque chiarimento potrà esservi fornito esclusivamente dall’Amministrazione Comunale, nella persona del Sindaco del Comune di Angri…”. Siete d’accordo con il nostro lettore sul fatto che, purtroppo per qualcuno, ancora una volta il diavolo non ha fatto i coperchi? Luigi D’Antuono

In cantiere diverse iniziative a favore dei pensionati

Gennaro Schettino eletto segretario della Lega SPI - CGIL di Scafati La struttura raggruppa anche Angri e S. Egidio del M.A. Lo scorso 19 gennaio Gennaro Schettino è stato eletto segretario della Lega pensionati SPI - CGIL di Scafati. A seguito della riorganizzazione del sindacato Provinciale dello SPI le Leghe da 31 sono scese a 11. La nuova struttura scafatese comprende perciò anche Angri (piazza Annunziata - palazzo Toscano - 081/948465) e S. Egidio del Monte Albino (via Santissimi Martiri 10 - 081/919523). II Sindacato pensionati, per rispondere alle esigenze di quanti vivono nel disagio e nella precarietà avvierà prossimamente una contrattazione territoriale, con i comuni e l’ASL, per qualificare le politiche sociali. Daremo seguito all’iniziativa fatta il 5 dicembre scorso ad Angri per chiedere la riduzione dell’addizionale comunale Irpef, attualmente fissata all’aliquota massima dello 0,8. Chiederemo il ripristino dello sportello Gori ad Angri per due giomi a settimana, onde evitare il disagio dell’utenza. Incontreremo la Direzione Provinciale delle Poste per trovare il modo di superare i vari disagi denunciati.

Promuoveremo un comitato cittadino per la realizzazione della “Casa della Salute”, solleciteremo il trasferimento dei servizi del Distretto Sanitario ASL nel nuovo edificio ubicato di fronte all’uscita dell’autostrada. Infine stiamo preparando una piattaforma di zona che comprende anche altre iniziative che presenteremo entro la fine di marzo con una pubblica manifestazione. Mauro D’Andretta

“M’illumino davvero” Se la luce elettrica si spegnesse - ci dicono i bambini - e tutti noi fossimo costretti a cercare una luce alternativa, dove mai potremmo trovarla? Sembra una domanda infantile e ingenua ed invece è, per la quasi totalità degli adulti, un dilemma su cui impegnare il cervello ma soprattutto il cuore. Spente le luci “artificiali” e tutto ciò che da esse dipende (vetrine, videogiochi, computer, televisori radio, lettori elettronici, segnaletica varia) ci ritroveremmo in un mondo silenzioso e incantato e forse finalmente alzeremmo gli occhi verso il cielo e ci accorgeremmo che di lassù le stelle da millenni ci illuminano con la loro luce discreta e romantica. O forse sarebbe la luce che producono i cristalli di neve a irradiare il biancore capace di orientare i nostri passi? E se, invece fossero i colori dei fiori a guidarci nel cammino? L’amica natura ci offre alternative allettanti ma tra tutte la più affascinante è quella stella che ha guidato i re Magi alla grotta di Betlemme dove “La luce del mondo brilla in una grotta”, come dice il canto dei pastori che vanno alla povera capanna. La stella cometa che i sapienti seguono fedelmente li porta alla scoperta della vera luce, della sola verità, dell’amore assoluto. Sempre bisognerebbe ascoltare attenta-

mente i bambini perché i loro grandi occhi incantati “vedono” quello che agli adulti sfugge per eccesso di… “luce artificiale”. Se fosse possibile conservare l’infanzia nel cuore, riporre nelle pieghe della memoria lo sguardo limpido dei bambini, custodire nell’anima i sogni dell’infanzia il mondo sarebbe illuminato dalla speranza, immerso nella gioia, splendente d’amore e invece… Dal profondo del cuore ringraziamo i piccoli attori del I Circolo di Angri che con l’aiuto e l’incoraggiamento delle maestre Tiziana Ghilardi, Anna Mercurio, Laura Apuzzo, Rosa Falcone, Michelina Russo, Rita Caggiano, Rita Tedesco, Carla Pepe ci hanno aiutato a capire che per “vedere” veramente il bello che c’è nel mondo non abbiamo bisogno di lampioni elettrici ma solo della luce che splende nel nostro cuore. Nunzia D’Antuono

Collezioni AUTUNNO

Giorgia & Johns

INVERNO 2010

C orsoIta l i a C.so Italia, 53 - Tel. 081.5138844

Fiorista Antonio Di Lauro Il tuo affetto, La tua amicizia,

NOVITà: preventivi per

con i fiori ovunque desideri

Interflora Italia Carte di credito

A genzia Somma s.a.s Pratiche auto

Tel.Fax 081.947408

e-mail: dantonio8151sermetra.it

matrimoni con allestimento scenografico virtuale

C. Italia,125 - Tel. 081.961163 www.dilaurofiorista.it e-mail: dilauro10@tin.

Patenti: A B C D E CAP

LEGGI ANGRI ‘80

liste di nozze Civ. 39/41 Tel. 081.5131437 kjoro@fastwebnet.it

Corso Italia, 46 Telefono 081. 948248

Civ. 72 Tel. 081.961023 Tax 081.5138210

Corso Italia,12 Tel/Fax 081 5132335

Corso Italia 22/24 Tel. 081.947612 w w w. otticacalo.it e-mail:info@otticacalo.it


16

Attualità

Intervista con Enzo Massa, procuratore sportivo nel settore calcistico

«Contribuirò alla causa grigiorossa, se matureranno le condizioni» Enzo Massa, 32 anni, è un nostro giovane concittadino che da diversi anni lavora nel mondo del calcio, non come calciatore, bensì nella meno comune veste di agente FIFA. Lo abbiamo incontrato per farci raccontare della sua attività. Cos’è un agente FIFA? è il meglio noto procuratore sportivo dei calciatori. Si tratta della nuova denominazione in vigore dal 2007, quando è stato istituito l’Albo Agenti di calciatori a cui si può accedere sostenendo un esame abilitante, presso la sede romana della FIGC (Federazione Italiana Gioco Calcio). In tal modo, è possibile conseguire la licenza a svolgere tale attività, valida sia in territorio nazionale che straniero. L’istituzione di questo albo ha conferito maggiore professionalità alla figura del procuratore sportivo, in quanto è necessario farne parte per poter curare gli interessi di calciatori che militano in campionati professionistici. Da quando tempo ricopri questo ruolo? Ho conseguito l’autorizzazione nell’ottobre 2009, ma il mio percorso nel mondo del calcio è iniziato prima. Da quattro anni, sono direttore generale del Pontecagnano calcio femminile e collaboro con la sezione FIGC di Salerno. Al momento, credo di essere l’unico angrese a svolgere tale attività, ad eccezione del famoso Mino Raiola, rappresentante di molti calciatori di primo piano tra i quali Ibrahimovic e Balotelli. Dove si svolge la tua attività? Lavoro prevalentemente su tutto il territorio campano, ma grazie al supporto di validi collaboratori, gestisco anche molte altre zone in Italia. Assisto sia calciatori che militano nelle prime squadre di società campane, calabresi, pugliesi e toscane di serie D, ma anche giovani inseriti nei settori giovanili di società professionistiche, come Brescia, Empoli e Frosinone. Inoltre, sono alla ricerca principalmente di ragazzi di talento, da poter valutare e eventualmente inserire nei settori giovanili. Quali sono le prospettive ed i rischi per chi pratica questa professione? I rischi si possono correre se si è impreparati, se manca la giusta conoscenza delle norme o se si pensa al guadagno immediato. Serve passione ed umiltà, senza le quali è difficile proseguire questa strada. Non è un posto fisso, ma un lavoro che devi saper costruire giorno dopo giorno. E, come

della salvezza in campionato per tenere alti i colori di questa città. Se in futuro, poi, si vorrà intraprendere un discorso più ampio, compreso il settore giovanile, sarei felice di collaborare e contribuire alla causa angrese, qualora ci fosse la possibilità. Infine, quali sono i tuoi obiettivi per il futuro? Continuare a fare bene su questa strada. Inoltre, mi piacerebbe creare un’agenzia di management che si occupi della gestione di tutto ciò che riguarda la figura del calciatore, dal contratto sportivo ai diritti di immagine. Non so ancora se scegliere come sede Angri o Salerno, dato che mi permetterebbe di abbracciare l’intero territorio provinciale. Intanto lavoro per costruire un più ampio gruppo di lavoro, con osservatori e altri colleghi, per puntare alla valorizzazione delle uniche risorse: i giovani. Giuseppe Vitiello

Febbraio 2011 Raccolta differenziata e trasgressori. Un cittadino del rione Alfano scrive a Mauri

A quando la tolleranza zero!?

Egregio sig. Sindaco Sono un cittadino che abita in via Leonardo da Vinci, una strada che da anni è in uno stato di abbandono totale e che nelle giornate di pioggia è letteralmente impossibile percorrere a piedi. Speriamo che, in attesa dei grandi progetti per questa zona, si possa al più presto intervenire almeno sui marciapiedi. Personalmente sto apprezzando i suoi sforzi compiuti, sinora, per rendere più vivo e vivibile il nostro paese, dando allo stesso tempo qualche risposta concreta ai bisogni dei cittadini. In merito, vorrei però esternarle la mia personale delusione per quanto concerne la raccolta differenziata, almeno per quanto riguarda l’area dove vivo. Nell’ottobre scorso, in piena emergenza rifiuti a Napoli, ci fu un incontro, molto apprezzato, tra l’Amministrazione e gli abitanti del quartiere per illustrare alcune iniziative e mettersi, allo stesso tempo,

in ascolto dei cittadini. In quella occasione, lei rassicurò i presenti, che per quanto riguardava il rispetto della raccolta differenziata, dal 1 gennaio 2011 ci sarebbe stata da parte dell’Amministrazione tolleranza zero. A questa sua affermazione ci fu, da parte dei presenti un sentito applauso ed un incoraggiamento a proseguire in tal senso. Ricordo che lo stesso don Domenico, presente all’incontro, esclamò: “Finalmente, era ora!”. Voglio sperare che vi siano stati sinora dei problemi di attuazione, perché sino ad oggi quella tolleranza zero non l’ho vista e né ho avuto notizia di qualche sanzione in merito. Eppure abito a 100 metri dal comando dei vigili urbani e come me penso che anche loro vedono i cumuli di immondizia che, in barba a qualsiasi divieto o ordinanza, vengono lasciati lì già dal primo pomeriggio di Sabato, appena dopo la pulizia del mercato settimanale. Cumuli che continuano ad ingrossarsi la domenica e il lunedì, per essere rimossi solo il martedì. E questo accade un po’ dappertutto. Io sono d’accordo con lei che senza la collaborazione dei cittadini tutto è più difficile, ma deve convenire che anche senza qualche iniziativa concreta e impopolare da parte dell’Amministrazione, anche i tanti cittadini sensibili al problema si sentono scoraggiati. La più grossa amarezza per un paese è chiedersi, a volte, se in questo nostro meridione vale davvero la pena essere una persona onesta e rispettosa del bene comune. Mario Avosso

Dal 24 al 26 febbraio 2011 si svolgerà la II edizione

tutte le cose, è importante essere accompagnati dalla fortuna, che ti porta a conoscere le persone giuste al momento giusto. Lavorando bene, si possono ottenere soddisfazioni, oltre alla bella possibilità di frequentare il mondo dello sport. Come è la situazione calcistica nel nostro territorio? In Campania credo che ci siano i migliori talenti. Purtroppo, vivono in territori nei quali non hanno a disposizione strutture idonee né tecnici e persone preparate in grado di curarne al meglio la formazione e la crescita. Di conseguenza, queste giovani promesse, quando si presenta loro l’opportunità, preferiscono andarsene lì dove possono davvero maturare. In aggiunta, ritengo che la normativa vigente nei campionati dilettanti, che impone alle squadre di schierare nella formazione titolare almeno tre o quattro fuori quota, rappresenta un forte limite alla crescita. Infatti, questi giovanissimi vengono schierati in quei ruoli dove è richiesta minore esperienza e maggiore resistenza fisica, il che limita il normale percorso di crescita. Così, già a 20 anni, si ritrovano a dover giocare in serie inferiori perché non rientrano più nei parametri stabiliti. E ad Angri? So che ci sono calciatori classe ’93 che, lo scorso anno, hanno partecipato a campionati nazionali così come ci sono buone potenzialità nel serbatoio giovanile. E ciò è importante per il futuro. Personalmente, non ho avuto ancora modo di lavorare con la società dell’Angri, attorno alla quale purtroppo ruota spesso incertezza. I buoni propositi di inizio stagione vengono sostituiti da problemi nel corso dell’anno. Spero che si possa avviare presto un discorso più serio e si vocifera che questa società voglia operare in tal senso. Innanzitutto, auspico che quest’anno riescano a raggiungere l’obiettivo

“Concorso Pianistico Europeo per giovani talenti”

Promosso dall’Associazione Culturale e Musicale “Euterpe” Si terrà dal 24 al 26 febbraio 2011 ad Angri, la Seconda edizione del “Concorso Pianistico Europeo per giovani talenti” promosso dall’Associazione Culturale e Musicale “Euterpe” di Angri ed intitolata a Don Enrico Smaldone, il fondatore della Città dei Ragazzi di Angri. Scenario del concorso sarà la suggestiva Chiesa della Santissima Annunziata di Angri. Il concorso è aperto ai giovani pianisti italiani e stranieri di ambo i sessi, e mira a valorizzare le qualità musicali di giovani e giovanissimi esecutori, nonché promuovere la divulgazione della musica classica. Due le sezioni, suddivise per fasce di età: Pianoforte e solisti per concorrenti fino ai 14 anni, e Pianoforte a quattromani, per giovani pianisti la cui somma di età del duo va dai 17 ai 28 anni. Giovedì 24, venerdì 25 e sabato 26 febbraio ci sarà l’esibizione dei concorrenti, ed inoltre venerdì in “Omaggio alla città di Angri” si terrà un concerto pianistico con musiche di Chopin e Liszt eseguito dalla pianista Livia Guarino. Il concerto finale e le premiazioni si terranno sabato 26 febbraio alle ore 19 e 30.

C.so Vittorio Emanuele

Cento anni d’esperienza, qualità ed affidabilità Tel. 081.948536

www.abatevincenzosas.it-info@abatevincenzosas.it

Ceramiche Artistiche

Cirillo

L

i s t e

Articoli da regalo

N

Pizzeria

Ristorante

o z z e

Oggettistica

Via Amendola, 15 - Tel. 081.949215 - 339/3549970

aperto anc h e la domenica ora pranzo

sala per cerimonie Tel. 081.5133391

c.so vittorio emanuele

chiuso il martedì

nuova sala al primo piano


17

Attualità

Febbraio 2011

Sedicesima edizione del Premio Leonardo a Roma

Francamente

Consiglia Del Sorbo premiata di Antonino Pastore dal presidente Giorgio Napolitano LA BUONANIMA DEL Durante la cerimonia svoltasi al Quirinale lo scorso 25 gennaio in occasione della 16ª edizione del Premio Leonardo, la nostra concittadina Consiglia Del Sorbo ha ricevuto un importante riconoscimento dal Presidente della Repubblica al cospetto anche del Ministro dello Sviluppo Economico, On. Paolo Romani, del Presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, del Presidente dell’ICE, Umberto Vattani e del Presidente del Comitato Leonardo, Luisa Todini. Laureatasi brillantemente, nel Novembre 2009, in Scienze della Comunicazione - curriculum Comunicazione d’Impresa e Pubblica presso l’Università degli Studi di Salerno, la neodottoressa ha ottenuto il Premio di Laurea Leonardo per la tesi in Marketing Globale dal titolo: I distretti orafi e l’internazionalizzazione del Made in Italy. Il Tarì: la città dell’oro. Cosa rappresenta per te un riconoscimento importante come il Premio Leonardo? Ricevere un premio così prestigioso ed essere premiata alla presenza del Presidente della Repubblica rappresenta sicuramente un inizio importante, un incentivo ad andare avanti e a fare sempre meglio. Ma è solo l’inizio...   Quando e in che modo hai deciso di partecipare al Premio? Raccontaci un po’ questa straordinaria esperienza. Stavo affrontando l’ultima parte della tesi, quella riguardante il mio studio e, navigando sul sito del Tarì, vidi che c’era la possibilità di partecipare al concorso indetto dal Centro Orafo relativo al Premio Leonardo. Vi era una traccia specifica da rispettare e, poichè la mia tesi era in linea con quanto richiesto dal bando, mi sono chiesta:”Perchè non partecipare?” Anche il mio Relatore era d’accordo… Purtroppo per una questione di tempi burocratici  non riuscii a partecipare per il Premio Leonardo 2009, così ho spedito la mia tesi quest’ottobre per il premio 2010...ma non pensavo assolutamente di vincere!  Come nasce l’idea di una tesi in Marketing Globale? Ero convintissima che avrei fatto una tesi in Marketing Globale  già dalle prime settimane di corso. La materia mi è piaciuta fin da subito.  Che tipo di approccio hai avuto col centro polifunzionale Tarì?

Mi sono messa in contatto con l’Ufficio Stampa/Relazioni Esterne e con l’Area Marketing. Sono stati tutti davvero molto disponibili a interviste e a domande specifiche sulla Comunicazione che, prevalentemente, fa leva sulle attività fieristiche. A quali difficoltà hai dovuto far fronte nel corso del tuo lavoro? In alcuni momenti, alla scarsità di fonti

soprattutto in relazione alla delineazione delle nuove tendenze di consumo dei prodotti orafi e delle possibili tipologie di consumatori. Oltre che al tuo impegno costante, su chi o che cosa hai potuto contare nella realizzazione di questa tesi? Sicuramente sul mio Prof. Agostino Vollero che, con la sua bravura e i suoi preziosi suggerimenti, mi ha guidato attentamente nella stesura di questo lavoro. Se ho vinto è anche merito suo. A distanza di circa un anno e mezzo dalla conclusione del tuo brillante percorso di studi, quali opportunità in termini occupazionali hai potuto riscontrare in Campania e in generale in Italia?Non è facile farsi strada nel nostro settore, in particolare al Sud e, quindi, anche qui in Campania le possibilità, per quanto riguarda l’ambito del Marketing e della Comunicazione, sono piuttosto scarse. Sono ancora troppo pochi quelli che ne comprendono l’importanza. Quali aspettative nutri per il futuro? Spero di  poter fare veramente  ciò che mi piace, un lavoro che mi dia grandi soddisfazioni. Chissà... Antonella Anna Giacomaniello

NONNO DICEVA…

Oggi, purtroppo nei posti di comando o di potere, non sempre si trovano le persone giuste al posto giusto. Da queste persone incompetenti partono disposizioni che quasi nulla hanno a che fare con la salvaguardia del bene individuale del cittadino o, quel che è peggio, della collettività. Tutto ciò succede perché, come diceva la “buonanima” del nonno «’o sorece ca passaje dint’ ‘o sacco ‘e farina se credette mulinaro» (il topo che casualmente si trovò ad attraversare il sacco di farina – copertosi tutto di bianco – si credette mugnaio). Certo il più delle volte è proprio così: certi individui avendo avuto dei favori per conoscenza e, solo per motivi di casualità, conosciuto delle persone importanti, si illudono di essere importanti anche loro. È fuor di dubbio che tali persone si illudono di avere capacità di progettazione e di conseguenza capacità di decisione, anche se non si sono confrontate con coloro che hanno più capacità di loro. Le decisioni finali devono essere il frutto del confronto delle analisi e delle eventuali opportunità prima di arrivare ad una scelta definitiva. Non si possono inventare soluzioni campate in aria, avulse dalla logica e dalla realtà del territorio. È bene agire, ma solo dopo ponderate riflessioni nate dalle sollecitazioni e dal con-

Festa del Maestro: premiate le maestre Campanile e Toscano In occasione della Festa del Maestro, l’Associazione Italiana Maestri Cattolici di Salerno (AIMC) ha organizzato un incontro presso la Camera di Commercio di Salerno per premiare alcuni dei docenti e dei dirigenti delle scuole dell’infanzia e primarie, che hanno tagliato il traguardo dei quarant’anni di servizio. All’incontro, svoltosi il 31 gennaio, proprio nel giorno in cui si ricorda S. Giovanni Bosco, sacerdote ed educatore, hanno partecipato anche due nostre concittadine che dal primo settembre scorso hanno concluso una lunga carriera dedicata all’insegnamento: le maestre Rosanna Toscano e Giovanna Campanile. Il presidente dell’AIMC, Ambrogio Ietto, ha consegnato loro due targhe e due attestati di benemerenza. Alla cerimonia sono intervenuti anche molti ispettori, direttori scolastici e altri insegnanti come il professor Giuseppe Acone, della facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Fisciano, il professor Luigi Rossi del-

la facoltà di Scienze Politiche di Fisciano, il professor Luigi Di Lieto di Minori, direttore didattico, che ha ricordato proprio come fosse diventato maestro grazie al suo maestro sacerdote, il Senatore Alfonso Andria, e molti docenti e operatori scolastici. Erano presenti anche i bambini delle scuole elementari di Cava de’ Tirreni che hanno cantato l’inno nazionale in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia e l’inno alla gioia di Beethoven. Le due targhe e gli attestati consegnati “per aver offerto nel corso della lunga attività svolta a favore delle istituzioni educative, permanente e coerente testimonianza di

fedeltà alla Carta Costituzionale e alla tutela dell’identità nazionale”, testimoniano come l’associazione abbia mostrato la sua riconoscenza e abbia rivolto il suo “grazie” al ruolo dei maestri che per tanti anni si sono dedicati alla formazione, all’educazione e alla crescita di tanti bambini, rinnovando con abnegazione il valore della funzione educativa. L’associazione raccoglie tutti gli operatori e gli educatori del mondo dell’infanzia e mira alla qualificazione della loro professionalità in ogni settore della vita sociale. Roberta Smaldone

Piazza Crocifisso, 9

Via G. da Procida A lfonso e Mena Cesarano

parrucchiere Via G. Da Procida Tel. 081.948416

fronto democratico. Non si può, un bel mattino, svegliarsi e di punto in bianco, senza aver ben vagliato i punti positivi e negativi di un determinato progetto, deliberare la sua apporvazione con conseguenti danni per tutta la comunità. A tali persone la “buonanima” del nonno, che sicuramente sta nella gloria del Paradiso, diceva: “quanno ‘o mestiere nun è ‘o vuosto, iate venne dint’ a n’ato posto”, come a dire “se non avete le qualità, le capacità, le attidudini per un determinato mestiere, professione o incarico cercatevi un’altra occupazione più consona alla vostra persona”. Certo è pur vero che spesse volte queste persone si fanno influenzare da amici “cattivi consiglieri” che credono di sapere tutto, ma non sanno niente, e che disgraziatamente le inducono in errori grossolani. È necessario confrontarsi sempre con se stesso e con gli altri, considerare tutte le opportunità se si vuole ottenere un risultato positivo e non negativo come di solito avviene quando si agisce senza ponderazione. Mai fare il passo più lungo della gamba: si può cadere rovinosamente a terra e farsi veramente male.

Tel. 081 947650


18

Attualità

Sezione Primavera del II Circolo

I genitori ringraziano il Sindaco Mauri “Siamo semplici cittadini, genitori di bambini di due anni e mezzo che da settembre usufruiscono di un servizio comunale quale la “Sezione primavera”. Vogliamo ringraziare il sindaco Pasquale Mauri e l’amministrazione, per averci consentito di scegliere, tra le tante strutture esistenti sul territorio, un servizio pubblico comunale. Intendiamo sottolineare l’operato delle educatrici della sezione primavera che, oltre ad essere qualificate nel loro campo, hanno maturato anni di esperienza nella struttura di Corso Italia che ospitava l’asilo nido. I nostri bambini, oltre ad essere accolti in un ambiente sereno e familiare, apprendono attraverso metodologie innovative le nozioni di lingua inglese, musica e informatica. Negli anni scorsi i nostri bambini hanno partecipato a corsi extra, come il nuoto, presso l’Olimpia sport, e la danza in sede. Inoltre lasciare i nostri figli nella sezione primavera è per noi come lasciarli a casa, con la fiducia e la sicurezza che le educatrici li faranno sentire a loro agio. Proponiamo farli rimanere nella struttura fino all’età di tre anni, perché ci sentiamo soddisfatti dall’operato delle educatrici. Come genitori ci auguriamo che anche quest’anno si realizzino le attività sopracitate, perché è nei primi anni di vita che si apprende di più e pensiamo che stemperare la paura dell’acqua attraverso il gioco e avviarli alla danza già da piccoli, sia di estrema importanza, soprattutto se sono seguiti da personale che sa unire esperienza e competenza. Ci auguriamo, inoltre, che molti altri genitori, in seguito, possano usufruire dello stesso servizio da noi scelto, e che anche gli Angresi possano riconoscere la qualità del lavoro effettuato in questa struttura del loro territorio”. I genitori della sezione primavera Margherita Abete, Lidia D’Antuono, Clelia Giordano, Fabio Apuzzo, Rosa Guastaferro, Eleonora Chiavazzo, Bartolomeo Sorrentino

CSTP L’insoddisfazione dell’utenza resta Nonostante gli interventi del presidente del consorzio continuano le lamentele dei pendolari. Appena un mese fa abbiamo evidenziato le iniziative di miglioramento dei trasporti pubblici da parte del consorzio Cstp; in particolare delle linee “critiche”, come quella relativa alla tratta 83 che collega Scafati e Angri all’Università di Fisciano, con un aumento delle corse. Di questa tratta abbiamo riportato le lamentele dell’utenza per le infiltrazioni di acqua nei bus e guasti continui per il cattivo stato delle strade di percorrenza. Con l’incremento delle corse, a partire dal gennaio 2011, l’azienda ha pensato bene di ovviare ad uno dei problemi più sentito dai pendolari, quello delle attese interminabili. L’intervento del consorzio non ha placato l’insoddisfazione di gran parte dell’utenza che continua a ritenere il servizio insufficiente, in quanto la situazione della linea 83 resta critica. Paolo Giordano

Andare in bici è come dipingere un mondo migliore!

Febbraio 2011 Importante momento di aggregazione sociale e coinvolgimento dei giovani

Borgo Concilio

Inaugurata nuova sede Club “Napoli” Angri promuove il tifo sano

Lo scorso 6 febbraio è stata inaugurata la nuova sede dell’associazione “Borgo Concilio”. La onlus dal civico 84 si è trasferita nel cortile Fontana di Vicolo Rodi. Una sede più adeguata alle esigenze dei soci, più grande e spaziosa, subito utilizzata per l’elezione del direttivo. Riconfermate

le cariche di presidente e vice-presidente, rispettivamente Pasquale Rossi e Silvio Maiorino, elette per la prima volta Annabella Desiderio (segretaria) e Marianna Arpaia (tesoriere). Lo storico presidente, Pasquale Rossi, nel corso dell’inaugurazione, ha espresso soddisfazione per il lavoro svolto da tutti i membri del suo gruppo ed ha ricordato che sono aperte le iscrizioni: chiunque, dunque, volesse far parte del gruppo dei figuranti o degli sbandieratori, dei tamburini o delle chiarine, può rivolgersi direttamente all’associazione, presso la nuova sede. Carmen Schiavone

Avanguardia Angri Celebrata la giornata del ricordo Lo scorso 10 febbraio, Avanguardia Angri ha chiesto di ricordare i martiri italiani e gli esuli istriani perseguitati dal regime di Tito, su cui si è taciuto per troppo tempo. Per ricordare queste vittime i ragazzi di Avanguardia Angri hanno deposto una corona di fiori ai piedi del monumento in piazza Doria. “Anche quest’anno – ha sostenuto Aldo Sabatino – siamo presenti per ricordare le vittime delle foibe e tutti gli esuli istriani e dalmati, costretti a lasciare la propria terra d’origine. Il monumento ai caduti è il simbolo dei caduti di tutte le guerre ed è giusto ricordare in questo luogo anche le vittime delle foibe”. M.P.I.

Il 27 Ottobre del 2007 nasceva il club Napoli ad Angri grazie alla determinazione e alla passione sfegatata per i colori azzurri di 9 amici: Giovanni Alfano, Carlo Salvati, Matteo Malvaso, Vincenzo Carlucci, Raffaele Ferrara, Mario D’Amaro, Gerardo Ferraioli, Antonio Manzo e Gaetano Napodano. Obiettivo dell’associazione: divulgare la cultura del tifo sano contro la piaga della violenza insinuatasi prepotentemente nel calcio moderno. Il club Napoli si è fatto conoscere per le tante attività delle quali ci parlano il vicepresidente Carlo Salvati e l’amico Giovanni Alfano, in particolare: incontri con i ragazzi delle scuole medie Don Enrico Smaldone e Galvani per sensibilizzare i giovani al rispetto dell’avversario, delle altre tifoserie e per spiegare le nuove norme antiviolenza col sussidio di video; o poi ricordato la postazione del maxischermo in piazza Doria in occasione degli Europei del 2008 ed il cui ricavato è andato in beneficenza. Spostiamo l’attenzione sulla realtà sportiva presente ad Angri con particolare riguardo alle strutture e alle manifestazioni: “Ad Angri non vi è una sensibilità spiccata per lo sport, assistiamo impotenti ad una mancanza cronica di strutture alla quale sopperiscono le associazioni con l’organizzazione di eventi per coinvolgere i nostri concittadini. Il nostro sogno è la creazione di una scuola calcio per permettere ai giovani angresi di esprimere liberamente le proprie abilità calcistiche e di coltivare l’ambizione di potersi affermare un giorno in serie A. Purtroppo tutto questo è frenato dalla mancanza di una struttura idonea”. Giungiamo infine alla questione della tessera del tifoso, voluta fortemente dal Ministro dell’Interno Maroni, al calcio moderno e al problema della violenza negli stadi italiani. Così Salvati: “Siamo favorevoli all’introduzione della tessera del tifoso perché lentamente sta dando dei frutti, vietando a tutti coloro che hanno subito condanne per reati commessi in occasione di manifestazioni sportive di seguire la propria squadra in trasferta evitando che si ripetano scontri e atti violenti”. Il club Napoli è ormai diventato un importante punto di riferimento per l’hinterland napoletano e per l’Agro nocerino sarnese riguardo l’organizzazione di bus, la vendita dei biglietti per le partite casalinghe del Napoli e anche per il disbrigo della pratica legata all’ottenimento della tessera del tifoso. Il club è anche attivo nel mondo virtuale, su facebook, con il gruppo “Club Napoli Angri 2007” con informazioni, foto, discussioni, video e al quale hanno aderito circa 3300 appassionati. L’orgoglio di questa associazione è rappresentato dal coinvolgimento di circa 5000 appassionati in questi anni e dallo striscione con la dicitura “CLUB NAPOLI ANGRI 2007” esposto anche in occasione del turno preliminare di europa league del 2 Ottobre 2008 allo stadio “Da Luz” di Lisbona in occasione del match contro il Benfica. Giuseppe Afeltra


Numeri

di

pubblica utilità Comune Servizio Acquedotto Centralino 081-5168111 Associazione Castello 081-947603 Biblioteca Comunale 081 -5132089 Carabinieri 081-948383 Centro Igiene Mentale 081-946399 Croce Rossa Italiana 081-5131626 Distretto Sanitario A.S.L. SA/1 081-946450 Enel: 081-5176533 Enel guasti: 800-111927 Pronto Enel: 800-202364 Ferrovie dello Stato 081-948548 Gas: 167-096085 Gas guasti 800-016086 Guardia Medica Via Badia 081-9368176 Onoranze Funebri “Palumbo” 081-940822 Onoranze Funebri “Savarese” 081-949426 Municipio piazza Crocefisso Centralino: 081-5168111 Polizia Municipale 081-5168227 Polizia Stradale 081-949666 Protezione Civile 081-5168266 Vigilanza Doria - via Badia 6 081.949536 - 368590841 Soccorso ACI 081-946707 Ufficio Postale P.za Annunziata 081-948612 Vigili del Fuoco 081-5177222 Banche Deutsche Bank s.p.a. Corso Italia, n. 65 081-5135288 Monte Dei Paschi di Siena Via Murelle, n. 21 081-946377 Banca Antonveneta Via R. De Pascale 081-5135722 Banca Della Campania Via Giudici, n. 5 081-940031 Popolare di Napoli Corso V. Emanuele, n. 126 081-5131440

LEGGI ANGRI ‘80

19

Notizie Utili e Liete

Febbraio 2011

LAUREA

farmacie FEBBRAIO Sabato Domenica MARZO Sabato Domenica Sabato Domenica Sabato Domenica

26 27

Lo scorso 20 gennaio, Mariangela Pauciulo si è brillantemente laureata in Ingegneria Chimica, presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, Facoltà di Ingegneria, discutendo la tesi “Catalizzatori a base di rame per il reforming del metanolo”. A Mariangela felicitazioni e gli auguri di un futuro professionale ricco di soddisfazioni da parte dei genitori Vincenzo Pauciulo e Annamaria Serio, nonché della redazione di ANGRI ‘80.

D’Antonio - Polini Polini

05 Polini - Nazionale 06 Nazionale 12 Nazionale - Conte 13 Conte 19 Conte - Sparano 20 Sparano

Comunale 1 è aperta tutti i sabato - Conte è aperta tutte le domeniche Nazionale, Conte, via Dei Goti, 10 - Tel. 081.946188 via Nazionale, 144 -Tel. 081.949016 D’Antonio, p.zza Sorrento Comunale I Tel. 081.948570 Gallucci, via Roma, 15 -Tel. 081948513 viale Europa 45 - Tel. 081.5138774 Comunale II Polini p.zza S.Giovanni via Dei Goti, 139 - Tel. 081.946759 - Tel. 081.946131 Croce Rossa Italiana - 081.5131626 - E m e r g enza sanitaria Tel. 118

calendario donazioni 2011 C.I.T. OSPEDALE DI NOCERA INFERIORE

in collaborazione con

MARZO GIUGNO LUGLIO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE

20 12 03 18 23 20

S.I.T. OSPEDALE RUGGI D’ARAGONA - SALERNO

in collaborazione con

MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO

20 10 15 12

LUGLIO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE

10 11 16 13

DICEMBRE 11

Via Madonna delle Grazie, 40 Tel./Fax 081.5131693 - Cell. 339.1882525

AMARCORD

Via Can. Fusco, 21/1 Tel/Fax 081.940656 Cell. 339.5338856

Lo scorso 23 gennaio, circondato dai suoi amati nipoti, il signor Francesco Orlando ha festeggiato il suo 67º compleanno. Auguri dalla moglie e dalle figlie, nonché dalla redazione di ANGRI ‘80

LUTTO

S.M.S. “OPROMOLLA”: Anno scolastico 1970/ 1971 - Classe III B (da sinistra a destra) I fila: Fiorella Ragni, Marianna Alfano, Margherita Limodio; II fila: Anna Benincaso, Giuseppina Bove, Lucia Falcone, prof.ssa Lia Cerra, Anna Gallo, don Alfonso Raiola, Patrizia Santelmo, Maria Apicella, Antonietta Orlando, M. Immacolata (Tina) Ruocco; III fila: Sig.ra Rosa Falcone - Bianca Mosca - Elisa Vanacore - Michelina Di Martino - Rosanna Cinque - Giuseppina D’Antuono - Teresa Santarpia - Angela D’Oriano - Ida Albano - Lucia Esposito - Patrizia Citarella - Maria Iovane - Anna Novi - Giovanna Saggese - Virginia Scudieri - Rosa Scarpato - Rosalba Mercurio - Caterina Forcellino.

Via Papa Giovanni XXIII -Tel. 081/5131667

COMPLEANNO

Distribuzione Vendita Rigenerazione di cartucce per stampanti laser - ink-jet nastro Vendita e assistenza macchine per Ufficio Computer e Accessori Informatici

detersivi profumi casalinghi

Lo scorso 30 dicembre ci ha improvvisamente lasciati Orlando Pietro Villani. I figli Agnese, Salvatore, Annunziata, Enzo, Anna e Rosa lo ricordano con affetto.

ABBONATI AD ANGRI ‘80 da 27 anni il tuo giornale

Redazione: v. Don Minzoni, 1 ANGRI - Tel. 081.8509939 - Fax 081.949499 E-mail: lombardi.antonio@virgilio.it angrial80@hotmail.com - lmbntn@libero.it Reg. del Tribunale di Salerno n. 591 del 17.11.1983 Abbonamento annuo ordinario ... € 10,00 sostenitore, minimo ... € 20,00

Versare l’importo sul C/C/P n. 10928844 intestato a: Coop. Centro Iniziative Culturali 84012 ANGRI (SA) Ed.: Cooperativa Centro Iniziative Culturali s.r.l.

Direttore responsabile Antonio Lombardi

Responsabile trattamento dati personali (L.n.196/2003): Luigi D’Antuono Foto: Paolo Novi e archivio C.I.C. GRAFICHE MERCURIO s.r.l.

vIA aMENDOLA, 20 Tel. 081.5135480

Via S. Maria area P.I.P. - Angri (SA) Sped.in A. P. 45% comma 20/B art. 2 legge 662/96 Filiale Salerno


20

Momenti Lieti

compleanno

Febbraio 2011

lieto evento

compleanno

Lo scorso 8 dicembre, ad allietare con immensa gioia le famiglie Spadaro e Afeltra, è arrivato il piccolo Alberico. Auguri a mamma Annarita e a papà Francesco, ai nonni e agli zii dalla redazione di ANGRI ‘80

Lo scorso 10 febbraio la piccola Rossella Muto ha festeggiato i suoi 5 anni. Tantissimi auguri di buon compleanno dallo Studio Fotografico Lello Mosca  e dalla redazione di ANGRI ‘80

Il piccolo Lorenzo Nappi, lo scorso 5 gennaio ha compiuto 6 anni. Auguri dalla sorella Martina e dalla redazione di ANGRI ‘80.

lieto evento

compleanno Lo scorso 5 dicembre, la piccola Nina Lato, insieme ai suoi genitori, ha festeggiato il suo primo compleanno. Auguri a Nina, alla mamma Tiziana e al papà Eugenio dalla redazione di ANGRI ‘80

Lo scorso 20 gennaio è nato il piccolo Cristian Stanzione per la gioia del fratellino Gerardo, di papà Rosario e di mamma Anna Garofalo, I nonni Gerardo Stanzione e Lucia Barone e gli zii Cristiano e Antonella gli augurano una vita lunga e felice. Auguri anche dalla redazione di ANGRI ‘80

LEGGI ANGRI ‘80

Via

Giudici 21 Tel. 081.947787 - Cell. 349/4974345 - Cell. 338/6079430

Angri: appartamento in parco di nuova costruzione composto da 4 camere, due bagni, terrazzo e box auto libero. € 315.000,00

Angri, piazza Sorrento. Appartamento al 4º piano composto da 3 camere, cucina abitabile, bagni, balcone di 30 mq e box auto di 50 mq libero. € 265.000,00

Angri, viale Europa appartamento composto da 4 camere, cucina abitabile, due bagni, due balconi, box auto e posto auto assegnato € 250.000,00

Angri: appartamento di recente costruzione. Composto da tre camere, cucina, bagni, terrazza a livello di 30 mq e box auto. € 249.000,00

Appart.to di nuova costruzione posto al 1º piano in parco, composto da ingresso, cucina, soggiorno, 2 camere, doppio servizio e bagno, box auto m20. € 240.000,00

Villa di nuova costruzione con 2.500 mq di giardino di 130 mq a piano. € 550.000,00

servizi finanziari

Mutuo casa Prestiti personali - Leasing Consolidamento debiti - Cessione del quinto

Angri 80  

Angri80 Febbraio 2011

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you