Page 1

LE NOSTRE NOTIZIE URUGUAY

UN ESLABÓN EN LA WEB ENTRE URUGUAY, FRIULI VENECIA JULIA Y EL MUNDO ABRIL-MAYO-JUNIO 2014 AÑO IX N°72 Editor Responsable: Mario Mattiussi e-mail: efasce.uruguay@gmail.com Facebook: Ente Friulano dell Uruguay

www.issuu.com/efasce.uruguay

Montevideo-R.O.Uruguay

Nuestro Consulado será Cancillería Consular Una bofetada a la colectividad Italo Uruguaya Desde hace un tiempo se ha conocido la decisión de degradar el Consulado Italiano en Montevideo. Esta lamentable decisión del Ministerio de Asuntos Exteriores es una bofetada a nuestra colectividad y así lo sentimos en nuestra dignidad de italianos.

En Italia parecen ignorar a los italianos en el exterior. Pero cabe recordar la significancia de cada uno de esos ignotos ciudadanos que fuera de las fronteras de la Madre Ptria, hicieron grande e ilustre su nombre. Bien lo recuerda Alcides Beretta Curi cuando realiza una hermosa y significativa sinopsis de la significancia de la presencia italiana en Uruguay. Es la que sigue: Constituidos los Estados latinoamericanos luego de las guerras de independencia, comenzaron a recibir inmigrantes europeos. Predominaron españoles e italianos, más tempranamente los franceses; en menor número ingleses y alemanes, aunque no únicamente. De acuerdo con Chesnais, alrededor de 56 millones de personas emigraron de Europa entre 1821 y 1932. Si bien cobraron relevancia Estados Unidos y Australia, en las últimas décadas del XIX el principal destino fue la América del Sur y en ella, el Río de la Plata. En ese flujo de europeos, destacó tempranamente la presencia de los italianos.


Llegados a Montevideo permanecieron mayoritariamente en la capital, y en menor grado radicaron en otros centros urbanos y en el medio rural. Estos inmigrantes, eran portadores de una racionalidad propia de las relaciones capitalistas de producción, registraron altas tasas de radicación urbana y su presencia tuvo un peso considerable en el desarrollo de los servicios y de la industria. En Uruguay, como en los países de la región, si bien los europeos están presentes en las diversas ramas de esta actividad, prevalecieron claramente los italianos. Eran gente de trabajo, en su mayoría hombres jóvenes, pero también llegaron familias con hijos pequeños y adolescentes. Campesinos, artesanos y obreros industriales, también algunos profesionales, artistas, periodistas y militantes de distintas ideologías y credos, que buscaban refugio tras las derrotas de las revoluciones liberales, las luchas por la unificación, o los intentos fallidos por instalar la república. Esta inmigración fue el principal motor en la emergencia de un sector industrial en el país – con un claro predominio de la pequeña y mediana empresa-, aportando tanto a la conformación de un proletariado urbano como de un embrión de burguesía industrial. Desde allí, unos y otros concurrieron a la creación de las organizaciones que los representaron, de modo que tanto los sindicatos de trabajadores como las corporaciones empresarias, contaron con una muy alta participación de italianos junto a otras colectividades de inmigrantes. Los italianos constituyeron un núcleo duro en la creación de las organizaciones empresariales que representaron sus intereses como la Liga Industrial – fundada en 1879- y posteriormente la Unión Industrial Uruguaya –actual Cámara de Industrias del Uruguay, en 1898-. A su vez, aquellos presentes en el negocio importador, fundaron la Camera di Commercio Italiana, en 1883, que fue la primera creada en el exterior. Estrechamente vinculada a otras similares en el mundo y con las correspondientes del Reino de Italia, fue un eslabón importante en la constitución de una rete di imprese o business network. Finalmente y también en el ámbito empresarial, del seno de esta colectividad surgió la iniciativa para la creación del Banco Italiano dell’Uruguay, en 1887, importante institución del sector financiero uruguayo. En el otro extremo social, esa mano de obra inmigrante fue parte activa en el nacimiento y desarrollo del movimiento de trabajadores urbanos, la organización de los primeros sindicatos y las federaciones obreras, la introducción y difusión de las distintas corrientes utópicas, socialistas y anarquistas. Trascendiendo el medio urbano, el desarrollo de una moderna agricultura está asociado a la pequeña explotación agraria, la expansión de cultivos no tradicionales y la presencia de los italianos en el medio rural. En el último cuarto del siglo XIX, la formación de redes de agricultores, operó como el principal camino para la innovación hasta iniciado el siglo XX. Términos como chacra, granja y quinta, recuperan imágenes donde los “tanos” fueron protagonistas insustituibles. El aluvión inmigratorio fue portador de una mentalidad moderna excelentemente con los requerimientos éticos de la modernización.

que

articuló

Así, se convirtieron en valores de la nueva sociedad el trabajo, el esfuerzo individual, el ahorro, la forja personal “desde abajo”. Valores que la reforma educativa liderada por José Pedro Varela infiltró en la sociedad uruguaya.


La inmigración italiana estuvo presente en las diversas expresiones de la cultura, desde las artes plásticas, la arquitectura ciudadana y el urbanismo, hasta el lenguaje cotidiano y la gastronomía. T También en el campo musical -tanto la música culta como la popular-, y en la difusión de un género como la ópera. Su aporte fue notorio en el desarrollo de la actividad editora y la prensa, en Montevideo y en otras ciudades del país. La presencia italiana se proyectó profundamente en la cultura nacional, entendiendo cultura en el sentido más amplio del término. Los italianos tuvieron destacados desempeños en Uruguay, como educadores, y no fue menor su participación en el desarrollo de la enseñanza primaria, secundaria y universitaria, al integrar los cuadros docentes y de inspectores y los primeros elencos de profesionales (médicos, ingenieros, agrónomos, entre los principales). La presencia italiana también se reconoce en su rico aporte a la gastronomía y al lenguaje, impactando en el español que se habla en Uruguay. Pero la cultura no se construye únicamente con los grandes nombres, y el influjo italiano fue obra también de anónimos hombres y mujeres que aportaron saberes muy diversos y concurrieron desde sus experiencias a forjar una mentalidad de esfuerzo sostenido, para plasmar en una sociedad más igualitaria y justa. Por otra parte, la presencia de mazzinistas, garibaldinos, utópicos y republicanos, concurrió desde mediados del siglo XIX, a la difusión de ideas de progreso y aportó a la construcción de la república en su vertiente democrática, en las primeras décadas del XX. Cumplieron un papel principal en fortalecer y valorizar conceptos como república, democracia, libertad de expresión, alentando el desarrollo de los núcleos de pensamiento más avanzado en los llamados “partidos tradicionales” uruguayos como en la constitución de los primeros partidos políticos de izquierda. Su interacción con la población criolla concurrió a sentar las bases del sistema republicano uruguayo que, a inicios del siglo XX avanzó hacia formas más claramente democráticas, constituyendo un caso temprano y más profundo, en relación al conjunto de los países latinoamericanos. Más de 30 calles y plazas de Montevideo llevan nombres de hombres y mujeres nacidos en Italia y que vivieron y aportaron al desarrollo del Uruguay. Otros también integran el nomenclador de varias ciudades del país. Es el reconocimiento que esta pequeña nación hace a las mujeres y hombres italianos que radicaron aquí, que concurrieron con sus aportes y esfuerzos a construir lo grande y valioso que tiene Uruguay, y cuyo espíritu pervive en sus miles de descendientes que hoy son, a su vez, ciudadanos italianos y uruguayos. La degradación consular es una bofetada a nuestra colectividad y al país que recibió con los brazos abiertos a aquellos italianos que la Madre Patria desprotegió y que aquí, en el Rio de la Plata, “al este del río de los pájaros de colores”, se establecieron, fundaron un hogar y con duro trabajo lo hicieron sobresalir en el contexto mundial. La decisión ha sido tomada y no se ha podido revertir por el momento. No obstante reiteramos nuestro rechazo a la medida a pesar que se manifiesta que el “Consulado” seguirá igual dando sus prestaciones de la misma manera.


Si es así, entonces ¿Para qué han tomado esta medida de pasarlo a Cancillería? ¿Para ahorrar en gastos? Es evidente un desconocimiento total de la significancia ahorrativa cuando por un lado se fijan en ahorrar 50 o 100 mil euros en tanto en Italia se gastan miles y miles de euro en superficialidades o se roban miles de millones en coimas y sobreprecios de obras públicas. Si queremos un mundo mejor, diferente al que actualmente tenemos, no lo conseguiremos con personas indiferentes. Dicho de otra manera, si queremos una mejor colectividad italiana con sus instituciones representativas plenamente operacionales y al servicio de los conciudadanos italianos en uruguay, los integrantes de la colectividad deben integrarse, ser activos participantes, aportar ideas y trabajo, y prestar atención a que hacen sus representantes del Comites y CGIE. Mas claro, agua. Salute!

Ing. Mario Mattiussi

La Nostra Festa Friulana

Il 3 aprile 1077 è un’importante data per il popolo friulano, perché decreta la nascita dello Stato patriarcale friulano: la Patria del Friuli. Per la ricorrenza il segretariato Efasce in Uruguay organizza annualmente una festa nella sede dell’ANCRI (Associazione Nazionale Combattenti e Reduci Italiani) di Montevideo. Quest’anno hanno partecipato molti nostri corregionali e anche tanti altri connazionali ed esponenti del mondo dell’associazionismo culturale. Durante il pranzo ha preso la parola Mario Mattiussi che ha spiegato ai circa 120 ospiti convenuti il significato di questo anniversario ricordando che il 1077 può essere considerata la data di nascita del Friuli. Fu infatti 937 anni fa, che l’imperatore del Sacro Romano Impero Enrico IV firmò a Pavia il Diploma regale che divise il Friuli dalla Marca di Verona, creando un’istituzione guidata da Sigeardo, patriarca di Aquileia che riunirà fino al XVIII secolo il Friuli e molti altri territori in un unico "stato", feudo dell’impero, ma notevolmente avanzato dal punto di vista democratico. Alla festa erano presenti anche rappresentanti dei media, come il giornale della collettività italiana "La Gente d´Italia" e la "Rai Italia", che hanno raccolto diverse interviste ai convenuti. Più informazione e fotografie alla pagina Facebook “Ente Friulano dell Uruguay”


Rimpatriati per combattere nella Grande Guerra Nella sede dell’ANCRI c’è una ricca collezione di cimeli della Grande Guerra. Un’interessante raccolta di foto, oggettistica e documenti, fra cui una dozzina di pannelli che riempiono due intere pareti, con su scritto i nomi di 862 connazionali insigniti del titolo di Cavaliere di Vittorio Veneto, che testimonia la numerosa presenza in Uruguay di tanti ex combattenti che hanno partecipato alla Grande Guerra. Una parte di loro emigrati dopo la fine della guerra, ma molti altri già residenti in Uruguay da prima dell’inizio delle ostilità. Questi ultimi, risiedendo in un paese neutrale, avrebbero potuto tranquillamente stare a guardare con distacco lo svolgersi degli avvenimenti, considerato che non avevano grandi debiti morali verso quella Madre Patria che, comportandosi più da matrigna che da madre, li aveva lasciati partire nella totale indifferenza e abbandonati, privi di assistenza e di aiuti morali, al proprio destino in terra straniera. Ma molti di questi figli, dimostrando di essere migliori della madre, lasciarono volontariamente la loro famiglia e il lavoro per accorrere in Italia a compiere quello che, nonostante tutto, ritenevano il loro dovere, convinti di contribuire in questo modo a costruire un’Italia migliore. Siccome quest’anno il tema del Convegno annuale dei corregionali all’estero, che si terrà a Travesio il 26 luglio, sarà incentrato sulla ricorrenza dei cento anni dell’inizio della Grande Guerra, l’Ente Friulano dell’Uruguay ha già incominciato un lavoro di ricerca e approfondimento su questo tema per produrre una memoria da presentare come contributo al convegno.

La presenza del Presidente Efasce Bernardon Soggiorni a 42 giovani nel Friuli Venezia Giulia a luglio 2014 Il Presidente dell’Efasce ha spiegato come l’ente ha garantito l’arrivo in Italia in programma a luglio: «E’ una nostra priorità»

Si è conclusa a Montevideo, la visita del presidente Efasce di Pordenone, Michele Bernardon, ai segretariati Efasce in Sud America.


Una visita lampo di poco più di un giorno ma con un’agenda fitta di appuntamenti, preparata dal presidente del locale Segretariato Efasce, Mario Mattiussi, che ha fatto in modo che neanche un’ora andasse sprecata. Subito dopo il suo arrivo in hotel era già stato programmato un primo incontro con il gruppo e i suoi più giovani membri dell’Efasce di Montevideo, un gruppo molto affiatato e motivato, sempre alla ricerca di idee e iniziative per mantenere e promuovere l’italianità e la friulanità della nostra comunità residente nella Banda Oriental (Striscia orientale), come vennero a suo tempo chiamati quei territori posti a oriente del fiume Uruguay e a nord del Rio della Plata. Un incontro che ha dato modo a Bernardon di illustrare i progetti Efasce, in modo particolare quelli rivolti ai giovani. «I soggiorni culturali a favore dei discendenti dei nostri corregionali all’estero sono ai primi posti nelle priorità del nostro Ente - ha rassicurato Bernardon, rispondendo alle domande dei giovani preoccupati dalle notizie sulle ridotte disponibilità finanziarie dell’Efasce -. Seppur in presenza di un budget di spesa sensibilmente ridotto rispetto agli anni scorsi - ha aggiunto - quest’anno siamo riusciti, attraverso una politica di contenimento dei costi ottenuta mediante l’aumento della quota di compartecipazione alle spese del viaggio e del soggiorno da parte dei partecipanti, a garantire la presenza a Pordenone, per il prossimo mese di luglio, a 42 giovani provenienti da tutte le parti del mondo, fra cui 13 da paesi dell’America Latina». Presenti all’incontro anche due giovani iscritti rispettivamente ad un soggiorno culturale di studio della lingua italiana e cultura regionale presso il Consorzio universitario di Pordenone e ad un Master in Business Administration presso il MIB School of Management di Trieste. Gli altri ragazzi presenti, che avevano già partecipato alle precedenti edizioni, hanno trasmesso ai due nuovi esordienti il loro entusiasmo raccontando l’indimenticabile esperienza vissuta nella nostra Regione creando in loro grandi aspettative che, siamo sicuri, non andranno deluse. La console Cinzia Frigo: «firme in difesa della nostra sede»

Dopo una breve pausa la serata si è conclusa con una cena con il Consiglio Direttivo a cui ha partecipato, ospite graditissima, la Console d´Italia a Montevideo, Cinzia Frigo. « E’ con grande piacere che ho accettato l’invito del presidente Mattiussi - ha detto la Frigo - che considero, oltre che una delle figure più rappresentative della comunità friulana a Montevideo, un grande amico. Il Consolato - ha proseguito - da diversi anni ormai ha in Mario Mattiussi un punto di riferimento e un valido supporto per ogni qualsivoglia iniziativa a favore della comunità italiana e friulana in Uruguay. Proprio in questi giorni, fra le altre cose, Mario ci sta dando una mano promuovendo la raccolta di firme in difesa della sede consolare di Montevideo, in quanto nei piani di ristrutturazione della rete consolare decisa da Roma la nostra è a rischio declassamento a Cancelleria Consolare».


«La presenza a questa serata conviviale della rappresentante del Governo italiano a Montevideo e le sue parole di plauso nei confronti dei nostri rappresentanti in Uruguay - ha sottolineato il presidente Bernardon - sono per noi motivo di orgoglio e di stimolo a continuare nelle nostre iniziative ma soprattutto un giusto premio per il grande lavoro svolto dal presidente Mattiussi e dal suo Consiglio Direttivo a favore della nostra comunità italiana e friulana in Uruguay»

A Pordenone la 87° Adunata Nazionale Alpini Realizata dal 9 al 11 Maggio 2014

Pordenone patria alpina 2014: la pacifica invasione di Penne Nere ha trovato presto ad accoglierla un territorio ospitale ed entusiasta di essere protagonista di uno degli eventi più importanti e rilevanti del nostro Paese tricolore.

W i nostri Alpini!

Alpini emigranti a Pordenone da tutto il mondo: «Neanche l’oceano ci divide» Il Popolo 18 maggio 2014

“Gli Alpini: un esempio per l´Italia”

In testa, al centro il nostro caro Gino Vatri con la delegazione del Nord America


Un fine settimana che gli alpini emigranti, rientrati a Pordenone per partecipare all’87ª adunata nazionale alpini, non dimenticheranno tanto facilmente. Sono arrivati dai paesi più lontani del globo terreste ma, come si leggeva a caratteri cubitali sullo striscione che precedeva la delegazione dell’Uruguay, "Neanche l’oceano ci divide".

Delegazioni ANA Sezione Uruguay. Terzo da destra, Piergiorgio Boschiero

Primo appuntamento ufficiale sabato al teatro Verdi, gremito, dove si è tenuto l’incontro annuale con le delegazioni Ana all’estero. C’era il presidente nazionale dell’Ana Sebastiano Favero, il sindaco di Pordenone Claudio Pedrotti, il presidente della Provincia Alessandro Ciriani, il vicepresidente della Giunta regionale Sergio Bolzonello nonché il comandante delle truppe alpine Generale Alberto Primicerj e il delegato nazionale Ana per i contatti con gli alpini all’estero Ferruccio Minelli. Dal Mondo E domenica è finalmente arrivato il momento tanto atteso quando i nostri emigranti alpini provenienti dal Sud Africa; Argentina; Australia; Brasile; Canada; Cile; Stati Uniti; Colombia; Uruguay; Belgio; Lussemburgo; Gran Bretagna; Nordica (Scandinavia); Germania; BalcanicaCarpatica-Danubiana; Francia; Svizzera, hanno orgogliosamente sfilato nelle prime fila del corteo. Alpini emigranti

Nutrita la presenza a questa memorabile adunata alpina dei nostri rappresentanti Efasce fra cui Gino Vatri presidente della Commissione Intersezionale Ana del Nord America, Danilo Cal capogruppo della Sezione di Toronto, Vittorino Morasset presidente della Sezione di Windsor, Gioacchino Nardi della Sezione di Hamilton, gli amici Sergio Bottos e Rino Lazzer della Sezione di Toronto ed altri amici dal Canada e Australia.


Di seguito alcune loro impressioni: « E’ stata una grande adunata - ha esordito Vatri - attesa da tanti anni e che non ha tradito le aspettative. Penso che Giovanni Gasparet sia stato orgoglioso dei suoi alpini pordenonesi e di quelli delle altre sezioni che sfidando il maltempo, hanno completato il percorso della sfilata e partecipato alla cerimonia conclusiva quando la "stecca" è passata di mano alla città di Aquila. Nel lontano 1965 ad Aquila ho fatto il CAR (Centro Addestramento Reclute) - ha proseguito - perciò il prossimo anno sarà una imperdibile occasione per festeggiare il mio 50° compleanno da alpino. Un grazie a Pordenone e ai pordenonesi per la calorosa accoglienza e un arrivederci a tutti a l’Aquila nel 2015». A Danilo Cal invece abbiamo chiesto come vede il futuro per le Sezioni Ana all’estero perché l’età media degli iscritti si sta inesorabilmente innalzando. «Dobbiamo stare molto attenti - ci ha detto - perchè mentre perdiamo tempo ad esaminare dati e elenchi degli iscritti il futuro è già qui e sta passando. Dobbiamo attivarci fin da subito per trasmettere i valori dell’amicizia, fratellanza e solidarietà in altre parole dell’essere alpino ai nostri discendenti che non hanno fatto il servizio militare. Perchè - ha aggiunto - io credo che se noi vogliamo che questi sani principi formati in tanti mesi di "naja" passati insieme diventino valori universali senza limiti di spazio e di tempo, possiamo farlo solo attraverso il nostro DNA (Di Nonno Alpino)».

Commemorazione Anniversario della Repubblica Italiana Diverse manifestazioni nell´Ambasciata, a Casa degli Italiani e alla “Combattente” Ancri per celebrare il 2 giugno, con intensa partecipazione dell’Efasce, che ha consegnato una targa ricordo alla Console Dott.ssa Cinzia Frigo nel suo ultimo intervento come console in vista della chiusura consolare a Montevideo.


Momento della consegna della targa alla console

Pubblico a Casa degli Italiani

Dott. Palladino e l´Efasce e la tradizionale piantumazione dell´albero dell’Ambasciatore

Assemblea generale ordinaria EFASCE Oltre a quello finanziario, uno dei principali problemi che il nostro Ente deve affrontare è l'invecchiamento fisiologico dei dirigenti dei Segretariati Efasce Territoriali all'estero (SET). Per favorire un ricambio generazionale bisogna adottare una serie di misure propedeutiche all'inserimento dei giovani corregionali nell'attività dei SET. Per questo, ogni volta che ci si accinge a progettare nuove iniziative bisogna dare priorità a quei progetti che, pur senza trascurare gli emigranti "storici", puntano ad investire sui loro discendenti. Ecco allora che quando si organizza un convegno dei segretariati, in qualsiasi parte del mondo, bisogna chiedere ai nostri presidenti di farsi accompagnare da qualche giovane attivo nel suo Segretariato. Per le stesse ragioni dobbiamo considerare fra le priorità dell'Efasce i soggiorni di studio in provincia di Pordenone per giovani discendenti dei nostri emigranti. Bernardon ha richiamato al rigore


«Amministrare con sobrietà e rigore un Ente come il nostro che vive di risorse pubbliche e private - ha sottolineato il presidente dell’Efasce, Michele Bernardon -, è un principio generale a cui, ovviamente, ci si deve sempre attenere, ma diventa fondamentale in una fase congiunturale negativa come quella che stiamo vivendo. Incombe su di noi la grande responsabilità di gestire i contributi che, seppure in misura ridotta rispetto al passato, gli Enti (di cui riferiamo a parte) continuano ad assicurarci perché convinti della valenza dei nostri progetti e della bontà delle nostre iniziative. In coerenza con queste affermazioni dobbiamo consolidare il principio della non gratuità nella partecipazione alle iniziative dell'Ente». «La compartecipazione degli interessati alle spese di realizzazione delle singole iniziative, siano esse viaggi di studio, organizzazione di convegni ed altre attività, sprona tutti alla ricerca di soluzioni che portano al risparmio dei costi in tutte le sue componenti».

37° Incontro dei corregionali all’estero a Travesio 25, 26 e 27 luglio L´Efasce dal 1907 mantiene i contatti con i corregionali all'estero L'EFASCE nasce nel 1907 con l'intento di aiutare a mantenere i contatti con i cittadini italiani emigrati all'estero, promuovendo incontri e manifestazioni socioculturali per il mantenimento della cultura e delle tradizioni. In queste pagine troverete tutto ciò che riguarda l'associazione come ad esempio, la pagina dei Pordenonesi nel Mondo. Le Nostre Notizie vi tiene informati sugli eventi, i racconti, le iniziative del nostro Ente e gli corregionali nel mondo degli emigranti o la pagina dei contatti per poter raggiungere facilmente i siti di maggior interesse. Quest'anno l'Incontro Provinciale dei Corregionali all'estero si terrà nel Comune di Travesio (PN) nei giorni 25, 26 e 27 luglio 2014. In quest'occasione verrà consegnato da parte del presidente della Provincia, Alessandro Ciriani, il Premio “Odorico da Pordenone”. Come ogni anno alla fine della messa di domenica 27, verrà consegnata dal Vescovo mons. Giuseppe Pellegrini “la pergamena” riguardante gli anniversari di matrimonio che quest'anno ricordano il 25° - 40° - 50° - 60° - 65° - 70° anniversario di matrimonio. Quest'anno sempre in occasione del 37° Incontro ci sarà anche la premiazione del Concorso “Rientrati per la Patria, gli emigranti del Friuli Venezia Giulia di fronte alla Grande Guerra”.

PROGETTO SERVIZIO COMUNITARIO ALLA COLLETTIVITÀ CASA DI RIPOSO ITALIANA L´Ente Friulano si è fatto presente alla Casa di Riposo Italiana nella città di Montevideo dove sotto la guida e supporto dalla AIUDA – Asociación Italo Uruguaya de Asistencia- assiste agli anziani della nostra collettività italiana. Al posto alloggiano 31 persone ben sistemate e curate da idoneo personale coordinato della direttrice, Sig.ra Laura Cuneo.


L´obbiettivo del progetto inserito nel nostro calendario d´attività 2014, è portare ai residenti della collettività italiana, momenti di spargimento e compagnia. Attraverso questo lavoro comunitario l’Efasce diffonderà i valori e le tradizione friulane, la storia e i racconti tipici della nostra regione, letture, cinema, audiovisivi e giochi di carte e lotteria, ecc. In piena Efasce

attività

I

regali

dell´

Il primo appuntamento è stato il 17 maggio dove si è realizzato un bingo con diversi premi e regali per tutti gli ospiti della Casa di Riposo Italiana, riunione animata dal gruppo volontari dell´Efasce Uruguay. Nel pomeriggio e per tre ore con tanto entusiasmo dei partecipanti, ospiti e gran numero di familiari. Gruppo di residenti

La direttrice Laura Cuneo si è dimostrata molto soddisfatta per l’iniziativa dell’Ente Friulano e fa notare che è la prima associazione locale che realizza una simile attività.

Il presidente, Ing. Mario Mattiussi ha ricevuto una lettera della Sig.ra Cuneo esprimendo con parole d´elogio e ringraziamento verso il progetto portato avanti dalla Sig.ra Adriana De Crignis con l’aiuto di Claudia Girardo, Gisella Quagliata; le sorelle Yessica e Rossana Bequio Collodel, Ivana Sarro Puchkariov, i fratelli Laura e Bruno Moron De Crignis. Adriana De Crignis con una partecipante


Ci ha lasciato… Con Tranquilo Donadel, scomparso il 30 maggio a Montevideo, è andato avanti un caro amico dell´Ente Friulano dell´Uruguay -EFASCE-. Persona ben conosciuta nella nostra collettività e corregionali del Friuli Venezia Giulia in Uruguay, per sua onestà, calda amicizia e vita di lavoro nel Paese ed anche nella Prov. di Pordenone -originario di Pocia- che lo ha onorato nel anno 2007 con il premio alla "Fedeltà al Lavoro, del Progresso Economico e del Lavoro Pordenonese nel Mondo"per il suo instancabile attivismo per oltre 45 anni nella costruzione edilizia nella città di Montevideo. Riposa in pace.

Avviso Si prega agli interessati di ricevere via e-mail “Le Nostre Notizie” di contattarci e chiedere la sottoscrizione gratuita al nostro indirizzo di posta elettronica: efasce.uruguay@gmail.com Caso contrario potrà trovarsi nel nostro sito: www.issuu.com/efasce.uruguay Piu notizie e fotografie su Facebook Ente Friulano dell Uruguay ----------oo0oo--------Para comunicarse con Nostre Notizie. e-mail: efasce.uruguay@gmail.com Facebook: Ente Friulano dell Uruguay Sitio web: www.issuu.com /efasce.uruguay

Mandi!

Le nostre notizie nro 72 junio 2014 pdf  

Le nostre novità per tutti gli amici e friulani del mondo.

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you