Page 1

In caso di mancato recapito inviare al CMP di Milano Roserio per la restituzione al mittente previo pagamento resi

L’ORAFO ITALIANO 4 2012

€ 5,00

ANNO LXVI APRILE 2012

€ 5,00

Basilea: i nuovi orologi e gioielli da favola Basel: the new watches and fabulous jewels Le nozze: i gioielli per lei e per lui Wedding: the jewels for her and for him

Artlinea

Federdettaglianti: i dati sulle vendite a fine 2011


EDITORIALE EDITORIAL

LA GOCCIA D’ACQUA

E IL DILUVIO

THE DROP OF WATER AND THE FLOOD by Marina Morini

■ I problemi economici, le sfide della globalizzazione e il timore del futuro, se da un lato fanno paura, dall’altro contribuiscono a renderci più consapevoli di aspetti importanti della vita, del lavoro, della giustizia sociale e del mondo che ci circonda, troppo spesso dimenticati o sottovalutati. Forse cominciamo a renderci conto di quanto prezioso sia l’ambiente in cui viviamo, di quanto ingiuste siano le condizioni di vita e di lavoro in Paesi un tempo lontanissimi ma oggi sempre più “vicini”, grazie agli scambi commerciali e ad una comunicazione onnipresente. Anche il mondo orafo è coinvolto nel problema della “responsabilità sociale” e sta cercando di rendere il meno invasiva possibile la sua presenza nel mondo: parliamo delle miniere d’oro, d’argento e di platino, e di chi ci lavora; delle sostanze chimiche usate per l’estrazione, che inquinano terre e fiumi; dello sfruttamento

dei minori, e non solo, nelle fabbriche di certi Paesi; dei diamanti di guerra. Ormai anche in Italia le aziende orafe sanno bene che una corretta gestione delle problematiche d'impatto sociale ed etico al loro interno e nelle aree in cui operano aumenta il loro prestigio e non passa inosservata agli occhi di una clientela sempre più informata. Organismi come il Responsible Jewellery Council stanno conquistando ai loro obiettivi l’attenzione dei vari attori del settore. Per questo il fatto che la nostra rivista sia stata ufficialmente riconosciuta a Baselworld supporter di questa istituzione è motivo per noi di sincero orgoglio: se la responsabilità sociale nella filiera orafa diventa anche responsabilità di ogni individuo e dei suoi comportamenti, nel lavoro e nella vita, è giusto che ciascuno di noi faccia la sua parte, consapevole del fatto che “ogni singola goccia è parte di un diluvio”.

■ On the one hand, economical problems, the challenges of globalisation and the fear for the future are scary. On the other, they help make us more aware of important aspects of life, work, social justice and of the world around us, which are often forgotten or overlooked. Perhaps we are beginning to realise just how precious the environment in which we live is, how unfair are the living and working conditions in countries that were once distant but are now getting a closer and closer, thanks to trade and to ubiquitous communication. The gold industry is involved in the question of "social responsibility" and is trying to find ways to make its presence in the world the less intrusive. We are speaking of gold, silver and platinum mines, and those who work there, the chemicals used for extraction polluting land and rivers, child exploitation in the factories of certain countries, conflict diamonds. In Italy too, jewellery companies know very well that effectively managing issues of social and ethical impact within their offices and in areas where they operate can only be to their advantage, and that it does not go unnoticed by very well informed consumers. Organisations like the Responsible Jewellery Council are gaining the attention of various industry players concerning their objectives. This is why, the fact that our magazine has been acknowledged, during Baselworld, as supporter of that institution is a reason of legitimate pride: if social responsibility, in the jewellery industry chain of production, is also becoming the responsibility of individuals and their behaviour, at work and in life, then it is right that each one of us plays its part, aware that "every single drop of water is responsible for a flood".

4.12 editorial 9


SUMMARY In copertina Cover Artlinea

Collezione Forever: fedi e anelli a fascia in oro e diamanti.

Forever Collection: wedding rings and bands in gold and diamonds. Artwork and photo by Close up Studios

Servizio clienti

Customer Service 800 129674 info@artlineaspa.it www.artlineaspa.it

15

on the cover Artlinea

20

lusso e dintorni/luxury & more

31

zoom sposi/wedding Un “sì” davvero prezioso A truly precious “Yes, I do”

42

44

31

20

by Antonella Garello

42 43 43 44 46 50 51 52 53

fiere/fairs Basilea val sempre una trasferta Basilea is always worth a trip Concorso platino Platinum competition L’Orafo e il RJC L’Orafo and the RJC Le stelle di Baselworld: design ed eleganza Baselworld’s stars design and elegance Orologi a Baselworld 2012 Watches at Baselworld 2012 Hong Kong attira i buyer dei paesi BRICS Hong Kong buyers from BRICS countries Trend e stile All Italian Inhorgenta fa centro col nuovo layout Inhorgenta hits home with the new layout I prossimi appuntamenti / Forthcoming events

10 summary 4.12


55

market Federdettaglianti: Trend al ribasso Le vendite nel III quadrimestre 2011

60

borsa&mercati/stock&markets Indici de l’Orafo Italiano l’Orafo Italiano’s index

62

66

62

68

72

81

75

82

77

l’esperto risponde/marketing Gli strumenti della comunicazione by Daniela Saibene

66

l’esperto risponde/gemmologia Perle con gli ‘attributi’ ...e le altre (parte I) Excellent pearls... and the others (part I) by Luigi Costantini

68

l’esperto risponde/vetrinistica Tecniche e materiali: le scelte vincenti by Roberto Pivetta

70

Concorso Vetrina 2012

72 73

comunicazione/communication Le nuove campagne / New campaigns Fratelli Dinacci: sport e impresa Fratelli Dinacci: sports and business

75 75 77 78 81

formazione/training I designers di domani si formano in Cina Concorso: anche i cinesi vogliono novità settori correlati: sicurezza/security Tecnologia e tradizione per difendere il negozio Technology and tradition to protect the store La prevenzione? Scarsa, dichiara la Polizia Sicurezza quotidiana in 20 facili regole by Sonia Sbolzani

82 83

Dentro Le Mura: soluzioni sicure in negozio DLM: security solutions in the store Jewel-ID: gestire in sicurezza Jewel-ID: managing safely

86

English translation Luxury & more / Gemmology

87

Indice dei nomi citati/Index of names mentioned

55

4.12 summary 11


ACCADEMIA VETRINISTICA ITALIANA Il centro internazionale di formazione per vetrinisti e visual merchandiser PRESENTA A MILANO PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO (Piazza Mercanti, 2 MM Duomo) CORSO: “GIOIELLO - TECNICHE ESPOSITIVE IN VETRINA” L’ESPOSIZIONE DEI PRODOTTI COME STRATEGIA DI COMUNICAZIONE - Sala Donzelli: 25-27 Aprile e 15-16 Maggio 2012; dalle ore 11.00 alle ore 17.00 L’incontro con i maggiori professionisti del settore “consulenti d’immagine” per apprendere le tecniche espositive del gioiello più attuali e per approfondire la storia e la cultura della comunicazione attraverso l’esposizione dei prodotti e realizzazione di eventi finalizzati alla vendita. PROGRAMMA Spazio espositivo in vetrina. Ubicazione, tipologia e struttura della vetrina, Utilizzo dei supporti. Composizione: le linee, le masse, la profondità, i gruppi, gli equilibri. Punto focale. Luce e Colore in vetrina, eventi speciali, effetti speciali. Creatività e comunicazione in vetrina. Vetrina tecnica. Idea guida: allestimento vetrina a tema, vetrina scenografica. Relatori: Roberto Pivetta, presidente della Federazione Italiana Vetrinisti FIV&AVI&FESVhc - Svetlana Fabrikant, direttore artistico didattico dell’Accademia Vetrinistica Italiana. L’ingresso previa prenotazione al numero +39 02 43980051/ +39 335 384614 (info sms) e-mail: accademia@vetrinistica.com - www.vetrinistica.com

APRILE 2012 editore

Edifis S.p.A.

direzione generale

Viale Coni Zugna, 71 - 20144 Milano MI Ph. +39 02 3451 230 Fax +39 02 3451 231 info@edifis.it www.edifis.it

redazione

orafo@edifis.it

direttore responsabile Marina Morini - marina.morini@edifis.it redazione

Antonella Garello - antonella.garello@edifis.it

collaboratori

Enzo Andreis, Andrea Barra, Mauro Caneschi, Luigi Costantini, Svetlana Fabrikant, Valerio Faccenda, Vittorio Montieri,Roberto Pivetta, Daniela Saibene, Sonia Sbolzani, Claudio Tomassini

foto

Close up Studios

traduzioni

Promo-Est

progetto e grafica

Claudio Rossi Oldrati

stampa

Presservice Ottanta S.r.l. - Seriate BG

_______________________________________________________________________________________

pubblicità

dircom@edifis.it

traffico pubblicitario

Libera Carlini libera.carlini@edifis.it

eventi e convegni

convegni@edifis.it

prezzo per copia

€ 5.00

prezzo copia arretrata

€ 10.00

abbonamenti

abbonamenti@edifis.it

abbonamenti annuali

Italia 30 Euro IVA inclusa- Estero 40 Euro abbonati online con PayPal www.edifis.it conto corrente postale n. 36640209 intestato a: Edifis S.p.A. Viale Coni Zugna, 71 - 20144 Milano

_______________________________________________________________________________________

The international training centre for window dressers and visual merchandisers PRESENTS IN MILAN, CAMERA DI COMMERCIO (Piazza Mercanti, 2 MM Duomo) WORKSHOP: “JEWELLERY - WINDOW DISPLAY TECHNIQUES” PRODUCT DISPLAY AS A COMMUNICATION STRATEGY Donzelli Room: 25-27 April and 15-16 May 2012; from 11 a.m. to 5 p.m. At the meeting with leading professionals in the “image consulting” sector, it will be possible to learn the most up-todate techniques in jewellery display and to find out more about the history and culture of communication through product display and the realisation of sale-targeted events. PROGRAMME of the workshop Window display space. Location, type and structure of the window. Use of supports. Composition: lines, volumes, depth, groups, balancing. Focal point. Light and Colour in the window, special events, special effects. Technical window dressing. Creativeness and communication in the window. Guideline: thematic window dressing, scenic window dressing. Speakers: Roberto Pivetta, chairman of the Italian Federation of Window Dressers FIV&AVI&FESV - Svetlana Fabrikant, art teaching director at the Accademia Vetrinistica Italiana. Please call this number to make a reservation: +39 02 43980051/+39 335 384614 (info sms) e-mail: accademia@vetrinistica.com - www.vetrinistica.com

Iscrizione Roc n. 6090 del 29/08/2001 Testata associata Agente esclusivo per la distribuzione all’estero: A.I.E. - Agenzia Italiana di Esportazione S.p.A. Via Manzoni 12, 20089 Rozzano (MI) ph. 02 5753911 - fax 02 57512606 Tutti i diritti di riproduzione degli articoli e/o foto sono riservati. Manoscritti, disegni, fotografie e supporti audio e video anche se non pubblicati non saranno restituiti. Ai sensi della legge 196/2003 l'Editore garantisce la massima riservatezza nell'utilizzo della propria banca dati con finalità redazionali e/o di invio del presente periodico. Ai sensi degli artt. 7 e 10 i destinatari hanno facoltà di esercitare il diritto di cancellazione o rettifica dei dati, mediante comunicazione scritta al responsabile del trattamento presso EDIFIS S.p.A. - Viale Coni Zugna 71 - 20144 Milano, luogo della custodia della banca dati medesima. Il responsabile del trattamento dei dati raccolti in banche dati ad uso redazionale è il direttore responsabile a cui, presso la sede della redazione, Viale Coni Zugna, 71 - Milano, ci si può rivolgere per i diritti previsti dal D.Lgs 196/3.


ON THE COVER

■ Collezione Colors Il gusto estremamente attuale, l’indossabilità del singolo anello o del tris di anelli, le colorazioni vivaci, le pietre brillanti firmate Swarovski Elements: tutto, di questi anelli in argento parla di moda, di fascino, di qualità. ■ Colors Collection Extremely modern taste, the donning of individual rings or trio rings, bright colours, brilliant stones by Swarovski Elements: everything in these silver rings speaks about fashion, glamour and quality.

16 on the cover 4.12


■ T.V.B. Collection Scrivi ciò che vuoi a chi vuoi! Questo è lo slogan della nuova Collezione T.V.B., appena lanciata sul mercato e composta da anelli a fascia in argento, o in oro 9kt, interamente personalizzabili. A disposizione, infatti, ci sono 3 caratteri diversi per scrivere tutto quello che più ci emoziona e oltre 100 simboli fra cui scegliere. Le combinazioni sono infinite, così come le occasioni per comprare o regalare

una fedina T.V.B.: un anniversario, un pegno d’amore, un regalo tra amiche, tra sorelle e, ancora, per celebrare una vittoria, il buon esito di un esame all’università, una passione sportiva, un ricordo…Ogni occasione della vita può essere quella giusta per donare una fedina T.V.B. La velocità e la precisione del servizio che Artlinea offre da anni ai suoi rivenditori, è una garanzia in più per poter rispondere rapidamente ai desideri del cliente.

■ T.V.B. Collection Write what you want to whoever you want! This is the slogan of the new T.V.B. Collection, recently launched on the market and consisting of fully customisable band rings in silver or 9kt gold. There are three different fonts available to write what we like the most, and over 100 symbols to choose from. The combinations are endless, as are the occasions to buy or give a T.V.B. ring: an anniversary, a token of love, a gift between friends, between sisters, or to celebrate a victory, the success of a college test, a passion for sports, a memory … Every occasion in life can be the right one to give a T.V.B. ring. The speed and accuracy of the services that Artlinea has offered to its dealers for years is a further guarantee to rapidly meet customers' requirements.

4.12 on the cover 17


ON THE COVER ■ Collezione Forever Sulla scia della prima collezione, Artlinea presenta fedi e anelli a fascia squadrati, in stile fantasia, della nuova Collezione Forever, dove l’oro, il colore e i diamanti sono protagonisti. La più importante novità della Collezione Forever è l’inserimento dei diamanti neri, che possono essere montati, a richiesta, su tutti gli anelli. Un modo per soddisfare i desideri del pubblico femminile, più esigente e attento alla moda, ma anche quelli di un pubblico maschile, oggi più sensibile al richiamo del gioiello con pietre di co-

lore e diamanti. La gamma di colori prevista per ciascun modello è vastissima, e spazia dal colore singolo (giallo, rosso e bianco) al bicolor (bianco e giallo; rosa e bianco; bianco e nero). Questo dà la possibilità al cliente di scegliere la “sua” fede, grazie ad oltre 100 modelli disponibili, a 7 combinazioni di colore per ciascuna fede e a 3 diverse carature per ciascun modello. A rendere più prezioso il gioiello Artlinea è il design, ricercato e innovativo, e l’alta qualità dell’oro - dal colore inalterabile nel tempo - e dei diamanti (G -VSI).

■ Forever Collection In the wake of the first collection, Artlinea presents wedding rings and square band rings, fantasy style, in the new Forever Collection, where gold, diamonds and colour are the protagonists. The most important innovation of the Forever collection is the inclusion of blacks diamonds, which can be fitted on all rings on request. A way to meet the wishes of female consumers, more demanding and attentive to fashion, but also of men, who are today increasingly sensitive to the appeal of jewellery with coloured stones and

diamonds. The range of colors provided for each model is very wide, ranging from single colours (yellow, red and white) to bicolour (white and yellow, pink and white, black and white). This is to give customers the opportunity to choose "their" wedding ring, with over 100 models available, 7 colour combinations for each wedding ring and 3 different carat weights for each model. Artlinea jewels are enhanced by sophisticated and innovative design, by the high-quality of gold - with colours that remain unchanged over time - and by diamonds (G-VSI).

18 on the cover 4.12


LUSSO & DINTORNI LUXURY & MORE / English translation: see page 86

PGI: UN TEAM PER DARE FORZA AL PLATINO

A ITOCHU PIACE DAMIANI ■ Il colosso giapponese Itochu, che si occupa di tessile, moda e lusso, è entrato con una partecipazione del 14% nel capitale di Damiani Japan K.K.. Secondo Guido Damiani, AD del Gruppo (nella foto), l’alleanza è parte dello sviluppo internazionale dell’azienda e, al tempo stesso, servirà ad incrementare le vendite nel mercato giapponese.

LA CINA. RECORD MA NON SOLO

■ È Nicholas Graham Smith (nella foto) il nuovo Direttore di Area di Platinum Guild International che si occuperà dello sviluppo del platino nei mercati maturi: Giappone, USA, Italia, Francia, Regno Unito e Germania. James Courage, CEO di PGI, ha voluto rafforzare il gruppo manageriale e il programma di sviluppo dell’utilizzo del platino in gioielleria nominando, con Graham Smith, anche un secondo Direttore di Area, che si occuperà di Cina e India, e Sebastien Thomas, International Marketing Manager.

20 lusso & dintorni 4.12

■ La Cina è il paese dei record, anche nel settore dei diamanti: entro il 2016, ha dichiarato Ari Epstein, CEO dell’Antwerp World Diamond Center, la Cina diventerà il maggior importatore di diamanti belgi, prendendo il posto degli Stati Uniti che vantano il 36% della domanda mondiale. La Repubblica Popolare ha importato 9.28 milioni di carati di gemme grezze e lavorate, grazie alla crescente domanda da parte di una classe media sempre più vasta e be-

nestante. Il mercato cinese della gioielleria è in forte crescita – si parla di un 35% nei prossimi cinque anni – ma, come spesso accade nei momenti di grande espansione, i problemi non mancano: i prezzi degli affitti e i costi operativi dei negozi sono aumentati (fino a +30%) e i grandi magazzini stanno facendo una pressante concorrenza. Una situazione che frenerà la crescita dei piccoli dettaglianti. (artofjewellery.com)


LUSSO & DINTORNI LUXURY & MORE

I CONGRESSI WDC E CIBJO A VICENZAORO SPRING ■ Due importanti incontri internazionali si terranno nei giorni di VicenzaOro Spring. Dal 13 al 14 Maggio, infatti, la Fiera di Vicenza ospiterà il Congresso del World Diamond Council, durante il quale saranno discussi temi come, ad esempio, la riforma della struttura del Kimberley Process. Dal 17 al 20 Maggio anche Cibjo terrà il suo congresso annuale, durante il quale si riuniranno le commissioni che lavorano ai Blue Books, i manuali degli standard internazionali per diamanti, pietre di colore, perle, laboratori gemmologici e metalli preziosi. Il Congresso Cibjo si legherà al World Jewellery Forum, che si svolgerà, sempre a Vicenza, dal 13 al 23 Maggio.

CON NADIA DODO PUNTA ALL’ESTERO ■ In Pomellato è arrivata Nadia Minini, nuovo Direttore della Divisione DoDo (nella foto), incaricata di seguire il marchio nei suoi progetti di internazionalizzazione nel momento in cui presenta le nuove collezioni 2012. Tra i progetti, l’apertura di un nuovo flagship store a New York nella seconda metà dell’anno. Nadia Minini porta nel Gruppo la sua esperienza nel campo del retail e dei beni di lusso presso Bottega Veneta, Gucci e Boucheron.

22 lusso & dintorni 4.12

MONTI ALL’ICE? SÌ, MA RICCARDO… ■ Il Governo sta lavorando alla nuova versione dell’ICE, o meglio, dell’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane. L’Agenzia, un organismo più snello rispetto al vecchio ICE, sarà operativa non prima di Giugno. In questi mesi di

interregno, intanto, l’Istituto continua, anche se in maniera ridotta, ad organizzare fiere, seminari e mostre all’estero. Per il futuro, il candidato alla presidenza dovrebbe essere Riccardo Monti, oggi a Value Partners e consulente del Ministro Passera.


LUSSO & DINTORNI LUXURY & MORE

BROS MANIFATTURE ALLA CONQUISTA DEGLI USA ■ Dopo l’eccellente risultato messo a segno nel 2011 (+43%, 38 milioni di Euro di fatturato), i progetti dell’azienda marchigiana puntano alto: nel 2012, grazie ad un accordo commerciale con una realtà del Nord America, i quattro marchi - Brosway, Brosway 925, S’Agapò e Rosato dovrebbero entrare in circa 200 negozi del Nord America, mentre nel Sud l’espansione è già avviata grazie alla presenza della Bros Usa Corporation di Miami. In Europa, è la Spagna il mercato di punta per Brosway, presente in 160 negozi. Nella foto: Lanfranco Beleggia, fondatore e presidente di Bros Manifatture.

STROILI CHINA: +120% LE VENDITE NEL PRIMO TRIMESTRE 2012 ■ Il mercato cinese sta dando grandi soddisfazioni a Stroili Oro, che infatti, nel Marzo scorso, ha aperto un nuovo monomarca a Shanghai, nel prestigioso mall “Plaza 66” in Nanjing Road, che ospita i brand più importanti a livello internazionale. Si tratta del decimo flagship store aperto da Stroili nell’arco dell’ultimo anno e mezzo in Cina e riprende, su una superficie di 100 mq., i motivi della boutique di Corso Vittorio Emanuele a Milano: vetrate luminose, colori caldi con accenti fucsia, lacche viola e lilla.

24 lusso & dintorni 4.12

L’I.G.I. ADERISCE A FEDERORAFI ■ Dopo Federpietre e Assogemme, anche l’Istituto Gemmologico Italiano, di Milano, aderisce a Federorafi. Sia Licia Mattioli, presidente Federorafi, sia Paolo Valentini, presidente dell’I.G.I., hanno sottolineato l’importanza di questa “unione”, anche per esercitare pressione sul Parlamento, al fine di portare la proposta di legge sulla regolamentazione dei materiali gemmologici a concludere il suo iter anche in Senato.

OTTAVIANI PREMIA STAR E PROMESSE ■ Sono di Ottaviani le sculture consegnate agli artisti – famosi ed emergenti – del cinema e del teatro italiani. Si è svolta a Roma, presso l’Hotel Bernini, la settima edizione del Premio Golden Graal, dove sono stati premiati nomi importanti, da Paolo Virzì a Luigi Lo Cascio, da Micaela Ramazzotti a Piera degli Esposti fino a Pierfrancesco Favino e molti altri. Il premio intende essere anche un evento formativo, con lo scopo di valorizzare i giovani emergenti e metterli in contatto con gli artisti affermati. Nella foto: Carolina Crescentini, Giuliano Montaldo e Pierfrancesco Favino.


LUSSO & DINTORNI LUXURY & MORE

“GIOIOSI” E BENEFICI I GIOIELLI DELLA SALDA ■ La nuova collezione di Luisa Della Salda si chiama “I Gioiosi”. Si tratta di gioielli con una finalità: portare gioia ai bambini meno fortunati. Parte del ricavato delle vendite de “I Gioiosi”, infatti, viene devoluto all’associazione benefica “Amici di Claudio”, impegnata ad offrire istruzione e cibo a bambini peruviani. I gioielli vengono venduti con un certificato di garanzia che spiega gli obiettivi dell’associazione. La collezione “I Gioiosi” - composta da collane, bracciali e orecchini con perle coltivate e pietre preziose montate in argento rodiato - viene venduta ad un prezzo molto accessibile.

ANTICA MURRINA: INVITO ALL’AMBASCIATA ■ Antica Murrina, azienda veneta famosa per la lavorazione artistica del vetro, è stata ospite d’onore all’Ambasciata d’Italia a Praga, nel Marzo scorso, su invito dell’ambasciatore Pasquale D’Avino. L’azienda ha presentato le sue collezioni di gioielli nell’ambito del programma di espansione sui mercati dell’Est Europa che sta portando avanti con l’aiuto della società di consulenze Global Strategy, società con sede a Milano e a Varsavia.

IL QATAR ENTRA IN LVMH ■ Da Aprile, Qatar Holding, fondo del Qatar legato alla famiglia reale, entrerà ufficialmente in Lvmh, di cui ha acquisito l’1,03%. Il fondo è già proprietario dei grandi magazzini del lusso Harrods, di Londra.

26 lusso & dintorni 4.12

BRONZOBIANCO® BY RASPINI ■ Giovanni Raspini lancia una nuova lega che si chiama Bronzobianco®: un tipo di bronzo sbiancato grazie ad un insieme di elementi, tra i quali stagno, nichel e zinco. Da anni ormai, gli aumenti del prezzo del metallo e i problemi di manutenzione hanno contribuito a far disamorare i consumatori. Bronzobianco® è luminoso, non si ossida ed è praticamente inalterabile nel tempo - ha dichiarato Raspini ad Affari & Finanza (19/03/2012). E’ nata così una nuova collezione di oggetti - cornici, specchi, centrotavola e candelieri (nella foto) - lavorati a mano secondo la tradizione della Giovanni Raspini. Torneremo a parlarne in un prossimo numero.


White Pine Trading entra nel mercato Italiano nell’ottica di un’ulteriore espansione Europea White Pine Trading LLC, una delle più grandi trading Companies mondiali nel campo dei diamanti riciclati, annuncia il suo ingresso nel mercato Italiano per dare continuità alla sua espansione europea. Il recente reclutamento del buyer Stefano Ferrari, che risiede a Milano, sottolinea l’intento di fornire un servizio sul territorio ai clienti già acquisiti, e di sviluppare il business dell’azienda nell’ambito del territorio italiano. L’attività in Italia segue la recente apertura di uffici a Barcellona, in Spagna, e a Birmingham, nel Regno Unito, per una capillare copertura del territorio Europeo, uffici che vanno ad aggiungersi a quelli di New York e di Tokio. White Pine acquista stock di diamanti di seconda mano da varie fonti: gioiellerie, negozi di compro oro, grossisti, tagliatori e fonderie. Vengono acquistati diamanti di tutte le dimensioni, gradi e condizioni, sia sfusi che montati su gioielli. Questi ultimi vengono successivamente ritagliati e rilavorati negli Stati Uniti, per poi essere ridistribuiti a livello mondiale, attraverso il network creato dal team Americano. White Pine può contare su un approccio professionale e trasparente, garantito dal sostegno finanziario di Wall Street, che gli assicura una costante presenza sul mercato. La società ha investito in campagne di marketing negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Spagna, e presto concentrerà i suoi sforzi sul mercato Italiano. Tim Philips, Direttore Europeo, dichiara: “Consideriamo l’Italia un mercato cruciale, che rappresenta per noi uno degli obiettivi chiave per il 2012. Il settore gioielleria, in Italia, è estremamente forte, e utilizza diamanti di qualità molto alta. Questo rappresenta, ovviamente, una grande attrattiva per la nostra società. Intendiamo acquistare diamanti dai vari settori del mercato e, al contempo, instaurare nuove e durature collaborazioni, continuando a servire i clienti già acquisiti sul territorio.” A proposito di White Pine Trading LLC: White Pine è un’affermata società che acquista diamanti riciclati; i suoi uffici si trovano a New York, Barcellona e Birmingham, e ha buyers negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Europa. White Pine acquista diamanti riciclati di tutte le dimensioni e gradi, sia sfusi che montati su gioielli, dal taglio più piccolo (melée) fino ad un carato e oltre. White Pine rilavora diamanti scheggiati, danneggiati o mal tagliati, per dar loro un aspetto nuovo ed omogeneo. La maggior parte di questi diamanti sono utilizzati per produrre gioielli, poi distribuiti principalmente negli Stati Uniti ed in Asia, attraverso un ampio network di rivenditori. White Pine gode del sostegno della Perella Weinberg Partners, società privata ed indipendente, leader nel settore degli investimenti finanziari negli Stati Uniti. White Pine segue le normative del processo Kimberley e i principi dei DTC Best Practices. E’ membro del Jewelers Board of Trade, del Jewelers Vigilance Committee e dell’Associazione Nazionale delle agenzie di pegni. Per maggiori informazioni, contattare Stefano Ferrari, White Pine Trading LLC, allo 02 40326610 o via mail info.it@whitepinediamonds.com Per gli articoli online visitate - http://www.whitepinediamonds.com


O R E V V A D ” ì S “ ” UN ZIOSO O D I “YES,

ZOOM

S E U O I R C E P R P Y L A TRU ■ Il mondo del wedding, come testimoniano il web e la stampa specializzata, continua a offrire idee e tendenze che possono essere interessanti per il settore orafo. L’aumento delle seconde nozze, generalmente prevedendo una minore importanza dell’abito, consente infatti alla sposa un investimento maggiore e più creativo sugli accessori e sui gioielli. Il bouquet può diventare raffinatissimo con un intreccio di perline; i fiori di stagione diventano protagonisti di gioielli e bomboniere; il bianco è un must, ma l’azzurro, in omaggio a una tradizione nordeuropea, può fare bella mostra di sé con pietre e cristalli. Una ventata neoromantica ha poi riportato in auge tiare e accessori per capelli... Last but not least, le fedi: che possono presentare brillanti nel modello “per lei” e ostentare o celare parole d’amore: incise nel metallo nobile, per sempre.

Gare onella by Ant

llo

■ The world of wedding, as evidenced by the web and trade press, continues to offer ideas and trends that may be of interest to the jewellery sector. The increase in second marriages, usually making the wedding dress less important, allows brides for greater and more creative investments in accessories and jewellery. The bouquet can be refined with a mixture of pearls; seasonal flowers become the focus of jewellery and wedding favours; white is a must, but blue, a tribute to a Northern European tradition, can make a fine show with stones and crystals. A neoromantic wave also revived tiaras and hair accessories... Last but not least, wedding rings, which may include diamonds in the "women’s" model and flaunt or conceal words of love engraved in precious metal, for ever.

4.12 zoom 31


ZOOM

ANDREA CASTROVILLI ■ Dalla collezione Arabesque, bracciale in oro bianco e diamanti. ■ From the Arabesque collection, white gold and diamond bracelet.

LUISA DELLA SALDA ■ Orecchini in argento 925 rodiato e perle di fiume. ■ Rhodium-plated 925 silver earrings with freshwater pearls.

DIAMANTI PER L’ABITO DA FAVOLA DIAMONDS FOR A FABULOUS DRESS ■ Atelier Signore e Nardelli Gioielli firmano questo abito da sogno, dalla linea essenziale movimentata da sapienti drappeggi. In satin di seta pura e tulle, è tempestato di diamanti white e pietre naturali cucite a mano ad una ad una da ricamatrici campane. ■ Atelier Signore and Nardelli Gioielli designed this dream dress, with an essential line enlivened by sumptuous drapes. In pure silk satin and tulle, it is studded with white diamonds and natural stones, hand sewn one by one by Campania embroiderers.

32 zoom 4.12


ATHENA GIOIELLI ■ Orecchini in argento 925 e perle. ■ 925 silver earrings with pearls.

GRAZIELLA GROUP ■ Dalla collezione Sinfonia Diamonds, bracciale in oro 18 carati, diamanti, smalto e seta. ■ From the Sinfonia Diamonds Collection, 18-karat gold bracelet, with diamonds, enamel and silk.

ARTLINEA ■ Rivière in oro bianco e diamanti. Collezione Forever-Gem Passion. ■ White gold and diamond rivière. Forever-Gem Passion Collection.

MISAKI ■ Bracciale Idyll, ispirato a Cupido, con perle coltivate e argento 925 rodiato. ■ Idyll bracelet, inspired by Cupid, with pearls and rhodium-plated 925 silver.

QAYTEN

SILVER STAR

■ Orecchini della collezione Grappolo, in oro bianco, perle Akoya e diamanti. ■ Earrings from the Grappolo collection, in white gold, Akoya pearls and diamonds.

■ Bracciale in argento e perle sintetiche. ■ Silver bracelet with synthetic pearls.

4.12 zoom 33


ZOOM

BELFIORE ■ Orecchini in argento 925. ■ 925 silver earrings.

EVEN MILANO ■ Girocolli con pendenti a forma di croci, in argento 925 rodiato e cristalli. ■ Necklaces with cross-shaped pendants, rhodium-plated 925 silver and crystals.

MORELLATO ■ Bracciale della collezione Sogno, in acciaio e cristalli bianchi, con pendenti a cuore. ■ Bracelet from the Sogno Collection, in steel and white crystals with heart-shaped pendants.

34 zoom 4.12


OLE LYNGGAARD COPENHAGEN ■ Pendente della collezione Dew Drops, in oro giallo 18 carati, 121 diamanti bianchi e moonstone. ■ Dew Drops collection pendant, 18-carat yellow gold, 121 white diamonds and moonstone.

LUXENTER ■ Pendente in argento 925 e madreperla. ■ 925 silver pendant with mother of pearl.

UN REGALO DI GRAN GUSTO A VERY TASTEFUL GIFT LE SIBILLE ■ Orecchini Calla, in oro 18 carati con diamanti e micromosaico. ■ Calla earrings, 18 carat gold with diamonds and micro-mosaics.

■ Un dono davvero speciale è il contenitore porta caviale. Utopia ha realizzato un set composto da posate in oro bianco, madreperla, diamanti e quarzo rutilato e piattino costituito da una conchiglia perlifera con piedini in oro bianco o argento (in alto); completa il set il porta ghiaccio in cristallo. Belfiore presenta invece una raffinata ciotola porta caviale in argento. ■ The caviar bowl is a very special gift. Utopia has created a cutlery set made of white gold, mother of pearl, diamonds and rutile quartz and a plate consisting of a pearl shell with white gold or silver pins (above); the glass ice holder completes the set. Belfiore presents a refined silver caviar bowl.

4.12 zoom 35


ZOOM

RPM

ANTEO

■ Fedi in oro bianco, oro rosé e diamanti bianchi. ■ Wedding rings in white gold, rose gold and white diamonds.

■ Modelli della collezione Eiro, in oro bianco, oro rosé e diamanti. Tutte le fedi sono trattate termicamente per una maggiore durezza della superficie. ■ Various models of the Eiro collection, white gold, rose gold and diamonds. All Anteo wedding rings are heat treated to ensure a harder surface.

UNOAERRE

BIBIGI

■ Da sinistra: fede Cerchi di Luce, in oro bianco, da 5 mm.; Brillanti Promesse, fede Corona in oro bianco e brillanti.■ From left: Cerchi di Luce 5mm wedding ring, white gold; Brillanti Promesse, Corona wedding ring, white gold and diamonds.

■ Fedi Love Story, in oro bianco e oro rosé con brillanti e incisione. ■ Love Story wedding rings, white gold and rose gold with diamonds and engraving.

ORSINI ■ Fedi in oro bianco e rosa, con diamanti. ■ White and pink gold wedding rings with diamonds.

36 zoom 4.12


DAMI GIOIELLI ■ Fedi in oro giallo e diamanti gialli. Collezione Poesia d’Amore. ■ Yellow gold wedding rings and yellow diamonds. Poesia d’Amore collection.

AURORA E IL “Sì” PER TUTTA LA VITA AURORA AND THE “YES I DO” FOR A LIFETIME ■ Aurora presenta una speciale confezione con fascetta del modello Ipsilon per gli sposi, la possibilità di abbinare le penne sposo/sposa e di incidere le penne per i testimoni. La penna ha cappuccio e corpo in argento 925, guilloché lineare e anello in lacca nera e finiture cromate. La stessa proposta può adattarsi ad altri modelli Aurora. ■ Aurora offers a special package with band of the Ipsilon model for newlyweds, with the possibility of combining husband/wife pens and engraving pens for witnesses. The pen has a 925 silver cap and barrel, linear guilloché pattern, black lacquer ring and chrome finishes. The same offer can be adapted to other Aurora models.

STROILI ORO ■ Fedi in oro bicolore con brillante. ■ Two-tone gold wedding rings with diamond.

LENVAL ■ Fede anti stress, con parte centrale rotante; disponibile in tutti i colori dell’oro, con e senza brillanti. Collezione Lady. ■ Anti-stress wedding ring, with central rotating part. Available in all colours of gold, with or without diamonds. Lady Collection.

POLELLO ■ Fedi in oro bianco, con pavé di diamanti nella versione femminile. ■ White gold wedding rings with diamond pavé in the ladies' version.

4.12 zoom 37


ZOOM

PIGNATELLI ■ Gemelli e fedi in oro bicolore, con diamante nella versione femminile. ■ Cuff-links and wedding bands in twocolour gold with a diamond in the lady’s version.

ARTLINEA ■ Fede in oro bianco con diamante della collezione Forever. A richiesta incisione interna. ■ White gold and diamond wedding ring, Forever collection. Internal engraving on request.

DONNA ORO ■ Fedi modello Promesse, in oro bianco e oro giallo, con diamanti. ■ Wedding bands Promesse model, in white and yellow gold, wih diamonds.

ITITOLI ■ Fedi in oro bianco, oro giallo e diamanti. Collezione Sinuosa. ■ White gold, yellow gold and diamond wedding rings. Sinuosa collection.

38 zoom 4.12


GIORGIO VISCONTI ■ Girocollo in oro bianco, diamanti e zaffiri; orecchini in parure. Disponibili anche con rubini. Linea Sweet, collezione Alchimia 2012. ■ Necklace in white gold, diamonds and sapphires, parure earrings. Also available with rubies. Sweet Line, Alchimia 2012 collection.

VIDA by ASPIRE DESIGNS ■ Pendente in oro bianco 14 carati, con diamanti blu e diamanti bianchi. Collezione Butterfly. ■ 14-carat white gold pendant, with white diamonds and blue diamonds. Butterfly collection.

PORTANO FORTUNA I GEMELLI ZANNETTI ZANNETTI CUFF LINKS BRING GOOD LUCK

VIANNA ■ Orecchini Clessidra, in oro bianco, con diamanti e topazio azzurro tagliato con un taglio speciale di Vianna. ■ White gold Clessidra earrings with diamonds and blue topaz with a special cut by Vianna.

■ Portafortuna simbolo di fertilità e di vita, la rana è protagonista di questi originalissimi gemelli di Zannetti: la versione più importante prevede l’oro bianco impreziosito da diamanti e rubini; un altro modello vede l’argento rodiato abbinato al turchese. ■ The frog, good luck symbol of fertility and life, is the protagonist of these very original cuff-links by Zannetti. The most important version is made of white gold adorned with diamonds and rubies, and another model includes rhodium-plated silver combined with turquoise.

4.12 zoom 39


ZOOM

PASSAVINTI

BROSWAY ■ Romeo & Juliet: collana in acciaio e Swarovski® Elements, con due ciondoli intrecciati a forma di cuore. ■ Romeo & Juliet: steel necklace with Swarovski® Elements, with two pendants in the shape of intertwined hearts.

BLUESPIRIT ■ Dalla collezione Moonlight, orecchini in oro bianco 750 e brillanti; girocollo in parure. ■ From the Moonlight collection, 750 white gold earrings and diamonds; parure necklace.

40 zoom 4.12

■ Collana della collezione Infinito, in argento elettroformato e zirconi bianchi. ■ Necklace from the Infinito collection, in electroformed silver and white zircons.

I BOTTONI-GIOIELLO DI LAUREN CABO’ JEWEL BUTTONS BY LAUREN CABÒ ■ Per un look maschile impeccabile, Lauren Cabò ha realizzato diverse collezioni di bottoni-gioiello, con gemelli in parure. Da sinistra: collezione Luxury, in argento ice gold e zaffiri blu; in argento brunito e diamanti white. Collezione Excelsior: in argento ice gold, oro 18 carati e zaffiri blu; in argento brunito, oro 18 carati e diamanti white. ■ For a flawless masculine look, Lauren Cabò has created several collections of jewel buttons, with cufflinks set. From left: Luxury Collection, ice gold silver and blue sapphires, or burnished silver and white diamonds. Excelsior Collection: ice gold silver, 18 carat gold and blue sapphires; burnished silver, 18 carat gold and white diamonds.


OTTAVIANI GIOIELLI

OLIVER WEBER

■ Collana e orecchini della collezione Sogno, in argento e zirconi. Bracciale in parure. ■ Necklace and earrings from the Sogno collection, in silver and cubic zirconia. Parure bracelet.

■ Ali d’angelo danno vita a questi orecchini in metallo rodiato e cristalli Swarovski. ■ Angel wings give life to these rhodium-plated metal earrings with Swarovski crystals.

ANNAMARIA CAMMILLI GIOIELLI ■ Pendente in oro bianco e diamanti della collezione Prelude. ■ White gold pendant with diamonds from the Prelude collection.

4.12 zoom 41


FIERE FAIRS

BASILEA VAL SEMPRE UNA TRASFERTA BASILEA IS ALWAYS WORTH A TRIP

NONOSTANTE TUTTE LE DIFFICOLTÀ DEL MOMENTO, LA FIERA ELVETICA CONFERMA IL SUO CARATTERE REALMENTE INTERNAZIONALE.

DESPITE ALL THE DIFFICULTIES OF THE TIME, THE SWISS EXHIBITION CONFIRMS ITS TRULY INTERNATIONAL CHARACTER.

42 fairs 4.12

■ Quello che rende Baselworld unica e speciale - al di là dell’organizzazione, della professionalità e dei servizi che, spiace dirlo, a noi italiani sembrano sempre un mezzo miracolo - è il suo carattere internazionale. Una fiera “carissima e lunghissima, ma bellissima” l’ha definita un produttore italiano, sintetizzando il pensiero dei tanti operatori che abbiamo consultato durante la manifestazione. La partecipazione a Baselworld comporta per un’azienda orafa impegni indubbiamente notevolissimi ma permette di prendere realmente visione di quello che accade “in giro per il mondo” e delle tendenze emergenti nei vari settori. Il che significa anche, però, che partecipare al Salone con un prodotto poco studiato e senza un preventivo lavoro di comunicazione e inviti può rivelarsi un errore molto grave. Detto questo, in generale le aziende italiane hanno lavorato bene, soprattutto con buyer russi, orientali e arabi. Rispetto all’edizione 2011, restano da segnalare la defezione di diversi espositori e la sostanziale tenuta del numero di visitatori, che anche quest’anno hanno superato quota 100 mila.

■ What makes Baselworld unique and special - beyond the organisation, professionalism and services that, sad to say, we Italians always see as a small miracle - is its international character. A “very expensive and long, but beautiful” exhibition, according to an Italian manufacturer, summing up the thoughts of the many professionals we interviewed during the event. For a jewellery company, going to Baselworld certainly involves a considerable financial commitment, but also gives the opportunity to really take a view of what is happening "around the world" and what are the emerging trends in various sectors. This also means, however, that going to the Show with a poorly designed product and without a prior work of communication and invitations can be a serious mistake. This said, Italian companies have worked well, particularly with Russian, Asian and Arab buyers. Compared to the 2011 Baselworld edition, we report the absence of several exhibitors and basically the same number of visitors, who exceeded 100 thousand also this year.


CONCORSO

L’ORAFO

PLATINO

E IL RJC

PLATINUM COMPETITION

L’ORAFO AND THE RJC

■ Nel corso di Baselworld si è svolta la terza edizione del Platinum Design Awards, ambìto concorso internazionale di design di gioielleria in platino. Tra le 52 splendide creazioni realizzate dalle ventisei aziende espositrici partecipanti, una giuria composta da 50 giornalisti internazionali ha seleBonato zionato i gioielli vincitori, 3 per Milano 1960 ciascuna delle 4 categorie previste. Anche quest’anno l’Italia ha fatto la parte del leone. I premi sono infatti andati a Philippe Tournaire, Francia (Design innovativo) e a tre italiani: Matthia’s & Claire (Design commerciale); Bonato Milano 1960 (Tendenze); Roberto Demeglio (Gioielli da uomo). ■ The third edition of the Platinum Design Awards, coveted international design competition for platinum jewellery, was held during Baselwold. a jury of 50 international journalists selected the winning jewels from the 52 beautiful creations made by Philippe twenty-six exhibiting companies, Tournaire 3 winners for each of the 4 categories provided. Even this year, Italy did the lion's share. The awards went to Philippe Tournaire, France (Innovative design) and three Italians: Matthia's & Claire (Commercial design); Bonato Milan 1960 (Trends); Roberto Demeglio (Men’s jewellery).

Matthia's & Claire

■ Nella giornata inaugurale di Baselworld, l’Orafo Italiano è stato ufficialmente riconosciuto supporter del Responsible Jewellery Council, organizzazione internazionale no profit impegnata nella promozione di pratiche responsabili in materia di etica, ambiente e diritti umani lungo tutta la filiera orafa, dalla miniera al retail. Questo riconoscimento costituisce motivo d’orgoglio per la nostra rivista, che condivide pienamente l’impegno del Council nella promozione di pratiche etiche volte a uno sviluppo sostenibile. Il RJC annovera tra i suoi associati i nomi più noti del settore in tutto il mondo. Foto: i relatori del meeting di Basilea, tutti impegnati nelle attività del RJC. Da sinistra: Raffaella Rossiello (Chopard & Cie S.A.), Luisa La Via (Bulgari), Nawal Aït-Hocine (Cartier International), Catherine Sproule (Chief Operations Officer RJC), Mila Bonini (Communications Manager, RJC). ■ During the opening day of Baselworld, l’Orafo Italiano was officially recognised as supporter of the Responsible Jewellery Council, international nonprofit organisation committed to promoting responsible practices regarding ethics, environment and human rights throughout the jewellery supply chain. This recognition is a good reason for pride for our magazine, which fully supports the Council's commitment to promoting ethical practices, aimed at sustainable development. The Council brings together some of the best names in the jewellery sector worldwide. Photo: the Baselworld meeting speakers, all involved in the Council activities. From left: Raffaella Rossiello (Chopard & Cie S.A.), Luisa La Via (Bulgari), Nawal Aït-Hocine (Cartier International), Catherine Sproule (Chief Operations Officer RJC), Mila Bonini (Communications Manager, RJC).

Roberto Demeglio

4.12 fairs 43


FIERE FAIRS

LE STELLE DI BASELWORLD

DESIGN ED ELEGANZA BASELWORLD’S STARS DESIGN AND ELEGANCE

1 3 ■ Giungono da Basilea altri “spunti di riflessione”. In queste pagine ne pubblichiamo alcuni: una selezione di gioielli che ci hanno colpito per l’idea che sta alla base della loro progettazione, per la qualità e la raffinatezza dell’esecuzione e, naturalmente, per l’alto livello estetico - purtroppo in questo caso le immagini rendono poca giustizia ai gioielli “in carne ed ossa”. Ultima notazione: fa piacere osservare il ruolo sempre di primo piano della gioielleria italiana, anche in questa fiera realmente internazionale, che può vantare espositori provenienti da ogni angolo del pianeta. ■ More "food for thought" from Basel. We are publishing some of it in these pages: a selection of jewellery that stood out for the idea behind their design, for their quality and fine execution, and, of course, their high aesthetic level - unfortunately in this case the pictures do little justice to the real jewels. Final remark: is it a pleasure to always see the leading role of Italian jewellery in this truly international trade fair, which boasts exhibitors from every corner of the world.

44 fairs 4.12

2


4

5

7 6

1 De Grisogono Sette cerchi compongono l’anello JIYA. Versioni in oro rosa e diamanti e in fibra di carbone laccata. ■ Seven circles make up the JIYA ring. Versions in pink gold and diamonds and lacquered carbon fibre. 2 Nanis Collezione Caramelle, in oro giallo e pietre naturali. ■ Caramelle Collection, gold and natural stones. 3 Adami & Martucci Una maglia estremamente morbida e flessibile, in argento dorato e rodiato. Collezione Mesh. ■ An extremely soft and flexible mesh, in rhodium and gold-plated silver. Mesh collection. 4 Italian Design Le due porticine dell’anello Palazzo, in oro e gemme, rivelano raffinatissimi “segreti”. Design Alessio Boschi. ■ The two small doors of the Palazzo ring, gold and precious and semiprecious stones, reveal precious secrets. Designed by Alessio Boschi. 5 SICIS Collana e orecchini Contrarier, in micromosaico, oro e diamanti. ■ Contrarier necklace and earrings, in micromosaic, gold and diamonds. 6 Joerg Heinz Royal Companion: pendenti che si aprono girando l’anellino, svelando all’interno dettagli preziosi. ■ Royal Companion: pendants that open up by turning the loop, disclosing fine details inside. 7 Antonini Pendente della collezione Roma, in oro, diamanti, pietre preziose e semipreziose. ■ Pendant of the Roma collection, gold, diamonds, precious and semiprecious stones. 8 Victor Mayer Orecchini Cocktail, in oro, smalti, diamanti e gemme. ■ Cocktail earrings, gold, enamels, diamonds and gems.

8

4.12 fairs 45


OROLOGI WATCHES / BASELWORLD 2012 RADO BULGARI Octo Maserati ■ Bulgari e Maserati: due eccellenze italiane in un modello speciale, in acciaio spazzolato e lavorazione champlevé laccata blu nel quadrante. ■ Bulgari and Maserati: two great Italian brands in a brushed steel special model with blue champlevé lacquered dial.

True Thinline ■ L’orologio in ceramica hi-tech più sottile del mondo: 38 grammi e 4,9 millimetri di spessore. 96 brillanti incastonati. Bracciali in ceramica o in caucciù. ■ The world's thinnest hi-tech ceramic watch: 38 grams and 4.9 millimeters thick. 96 diamonds set. Ceramic or rubber bracelets.

Il 2011 è stato un anno record per l’export dell’orologeria svizzera: +21,8% gli orologi che costano più di 3,000 CHF; +14,9% gli orologi che costano tra i 500 e i 3,000 CHF. Secondo il World Watch Report, la Cina sorpassa gli USA e diventa il più grande mercato mondiale per l’orologeria. Alta tecnologia, design, meccanica all’avanguardia, dettagli preziosi: ecco i punti di forza delle novità di Baselworld 2012. ■ 2011 was a record year for Swiss watch exports: +21.8% for watches that cost more than 3,000 CHF; +14.9% for watches that range between 500 and 3,000 CHF. According to the World Watch Report, China is ahead of the U.S. to become the world's largest market for watches. High technology, design, advanced mechanics and precious details: here are the strengths of the new products for Baselworld 2012.

TAG HEUER Mikrogirder ■ È il regolatore meccanico più veloce mai realizzato, un capolavoro dell’ingegneria meccanica, progettato, sviluppato e prodotto nel laboratorio R&D di Tag Heuer. ■ It is the fastest mechanical regulator ever made, a masterpiece of mechanical engineering, designed, developed and manufactured in the R&D laboratory of Tag Heuer.

46 watches 4.12


BELL & ROSS

CUERVO Y SOBRINOS

BR01 Horizon ■ Edizione limitata a 999 esemplari. Un doppio quadrante con linea d’orizzonte, indici e lancette ricoperti da rivestimento fotoluminescente. ■ Limited edition of 999 pieces. A double dial with horizon line, hour markers and hands covered in a photo-luminescent coating.

Historiador 130° Anniversario ■ 130 pezzi per il 130° anniversario della Maison. Cronografo in oro rosa, ispirato ai disegni originali degli anni ’50. ■ 130 pieces for the 130th anniversary of the Maison. Pink gold chronograph, inspired by original designs of the '50s.

MANIFATTURA GLASHÜTTE ORIGINAL Senator Observer ■ Nuova versione degli “Orologi da osservazione” usati dagli Ufficiali della Marina. In oro bianco (tiratura limitata) e in acciaio. ■ New version of the "Observation watches" used by ship officers. Made of white gold (limited edition) and steel.

4.12 watches 47


OROLOGI WATCHES / BASELWORLD 2012

VICTORINOX Night Vision ■ Disponibile dall’Autunno 2012, è una rivisitazione di un bestseller del 2003, con funzione torcia e luci stroboscopiche. Design classico ed essenziale. ■ Available from Autumn 2012, it is a new version of a 2003 bestseller, with torch function and strobe lights. Classic and essential design.

HUBLOT King Power Unico GMT ■ Evoluzione del movimento cronografo Unico, la cui base accoglie una funzione GMT, sviluppata e realizzata dalla Maison Hublot. Un pulsante permette di leggere l’ora di 14 città a scelta. ■ Evolution of the Unico chronograph movement. Its base now welcomes a GMT function, developed and produced by Maison Hublot. A button enables readings of the time in a choice of 14 cities.

GAGÀ MILANO Manuale Chrono 48mm ■ Rivisitazione del primo cronografo Gagà Milano, con una nuova ghiera e in nuovi colori: verde acido in nuance con il cinturino, o in blu, con cinturino nero. ■ New version of the first Gagà Milano chronograph, with a new ring and new colours: lime green that matches the strap, or blue, with black strap.

48 watches 4.12


SWAROVSKI

TISSOT

Octea Abyssal Silver ■ Modello della prima collezione di orologi da uomo Swarovski. Movimento meccanico a carica automatica e lunetta sfaccettata realizzata in un blocco unico di ceramica nera. ■ Model of the first Swarovski men's watches collection. Self winding mechanical movement and a faceted bezel made from a single block of black ceramic.

Le Locle Automatic Chronometer Edition ■ Movimento automatico certificato COSC visibile attraverso il fondello trasparente; quadrante con motivo guilloché. ■ COSC-certified self-winding movement visible through a transparent case back; dial with guilloché pattern.

SECTOR NO LIMITS Collezione 400 ■ 11 nuovi modelli sportivi che fondono tecnologia e innovazione. Effetto 3D dato dagli indici che, dal fondo del quadrante, arrivano quasi a sfiorare il cristallo. ■ 11 new sports models that combine technology and innovation. A 3D effect, since the indices almost literally touch the crystal, from the bottom of the dial.

4.12 watches 49


FIERE FAIRS

HONG KONG ATTIRA I BUYER DEI “BRICS”

HK ATTRACTS BUYERS FROM BRICS COUNTRIES

Bapalal Keshavlal

Seaman Schepps

RECORD DI OPERATORI DAI PAESI EMERGENTI PER LA FIERA DI HONG KONG, PORTA D’ACCESSO ALLA CINA E ALLE REGIONI ASIATICHE.

A RECORD NUMBER OF PROFESSIONALS FROM EMERGING COUNTRIES FOR THE HONG KONG EXHIBITION, THE GATEWAY TO CHINA AND ASIAN REGIONS.

50 fairs 4.12

■ Numeri da record per la ventinovesima edizione dell’Hong Kong International Jewellery Show, conclusasi lo scorso mese di Febbraio presso l’Hong Kong Convention and Exhibition Centre: secondo gli organizzatori, infatti, è stata l’edizione col maggior numero di operatori di sempre - 38 mila - a fronte di oltre 3100 espositori provenienti da 48 Paesi e regioni del mondo. Fiore all’occhiello della manifestazione sono stati gli operatori provenienti dai Paesi BRICS Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa - in deciso aumento (+8%) rispetto alla precedente edizione. Per l’industria orafa occidentale sono proprio questi i mercati di maggiore interesse: Paesi considerati tuttora “emergenti”, quindi dalle molte potenzialità ancora inespresse, in cui uno sviluppo economico rapidissimo ha determinato l’altrettanto rapida espansione di una classe media benestante e di una classe di nuovi ricchi, più che disposte ad acquistare prodotti di lusso realizzati da marchi europei. Non a caso Hong Kong - porta d’accesso privilegiata per entrare negli immensi mercati della Cina e in generale delle regioni asiatiche - attira un numero sempre maggiore di imprenditori occidentali. Per quanto riguarda le aziende italiane, la fiera, come sempre, non è andata benissimo per tutti: ma chi si è presentato con un prodotto effettivamente riconosci-

bile, ad alto contenuto di design e artigianalità, ha riscontrato un deciso interesse da parte degli operatori stranieri. La fiera, dal canto suo, ha proposto una nutrita serie di eventi collaterali, tra seminari, sfilate, aste e incontri. Nel corso della manifestazione sono stati resi noti i vincitori del 13° Hong Kong Jewellery Design Competition, notissimo concorso di design del gioiello che quest’anno era ispirato alla figura del dragone.

Jacob's Jewelry Co

■ Record figures for the twenty-ninth edition of the Hong Kong International Jewellery Show, which ended last February at the Hong Kong Convention and Exhibition Centre. According to the organisers, it was the edition with the highest number of buyers ever - 38,000 with over 3,100 exhibitors from 48 countries and regions worldwide. The pride of the event were professionals from BRICS countries Brazil, Russia, India, China and South Africa - a considerable increase (+8%) compared to the previous edition. For the Lee Jewellery Co


Diamrusa

TREND E STILE

ALL ITALIAN Busatti

Western jewellery industry these are precisely the most interesting markets: countries that are still considered “emerging” and with a lot of untapped potential, where rapid economic development has led to an equally rapid expansion of a wealthy middle class and a class of nouveaux riches, who are more than willing to buy luxury products manufactured by European firms. No coincidence that Hong Kong – the main gateway to get into the vast markets of China and the Asian region in general – is attracting a growing number of Western businessmen. As for Italian companies, as always, the show was not a great success for all, but those who showed up with a well recognisable product, high design and craftsmanship, found strong interest from foreign professionals. Meanwhile, the show offered an extensive series of events, including seminars, fashion shows, auctions and meetings. The winners of the 13th Hong Kong Jewellery Design Competition, a prominent jewellery design contest inspired this year by the figure of the dragon, were announced during the event. Info: www.hktdc.com/hkjewelleryshow Hans D. Krieger

JJ Karan

■ Il gioiello italiano è stato al centro di un seminario organizzato dall’ICE in collaborazione con HKTDC e Confindustria Federorafi, i cui consiglieri Françoise Izaute e Luigi Marostica (foto) hanno approfondito aspetti diversi del gioiello made in Italy, dal design alle tendenze più attuali, dalle potenzialità commerciali nell’area asiatica a particolari criticità. Sono state inolFrançoise Izaute tre presentate le creazioni di un’ottantina di aziende italiane, a vocazione artigianale o industriale, rappresentative di tutte le tipologie di prodotto e fasce di prezzo. Nell’area asiatica il gioiello italiano gode di grande prestigio ed è particolarmente apprezzato per la qualità e l’accuratezza della lavorazione, la varietà stilistica e progettuale, la creatività, gli aspetti innovativi, l’armonia delle forme e dei colori. Non a caso, seppur penalizzata dagli alti dazi doganali, la gioielleria italiana sta guadagnando quote dell’importantissimo mercato di Cina e Hong Kong. In particolare, il nostro Paese esporta verso Hong Kong gioielleria in oro, con diamanti (per un valore pari a circa 81 milioni US $) e senza (circa 461 milioni US $); gioielli in argento senza diamanti per 36,1 milioni US $ e, in ca lo del 58%, con diamanti (1,9 milioni US $). Il mercato ciMario Buzzanca nese dei beni di lusso è in rapidissima espansione e si prevede che per il 2020 “peserà” per il 44% delle vendite mondiali. Secondo stime di Prometeia, infine, nel 2016 nei Paesi emergenti più dinamici ci saranno oltre 270 milioni di individui ricchi (con redditi superiori ai 30 mila US $ l’anno): e di questi, Luigi Marostica ben il 50% saranno cinesi.

4.12 fairs 51


FIERE FAIRS

INHORGENTA FA CENTRO

COL NUOVO LAYOUT INHORGENTA HITS HOME WITH THE NEW LAYOUT

BUONA LA PRESENZA DEGLI OPERATORI STRANIERI, CHE HANNO ANIMATO UNA FIERA ORGANIZZATA IN MODO PERFETTO.

NOTABLE PRESENCE OF FOREIGN PROFESSIONALS, WHO ANIMATED A PERFECTLY ORGANISED EXHIBITION.

52 fairs 4.12

■ Secondo un sondaggio tra espositori e visitatori, il nuovo assetto di Inhorgenta Munich (nuovo nome della manifestazione), che ha anche incrementato la superficie espositiva, ha riscosso generale apprezzamento. Il layout dei sei padiglioni è stato giudicato funzionale per orientarsi tra i diversi settori rappresentati, dalla gioielleria e oreficeria all’orologeria, dalla sicurezza e tecnologia al packaging, dalle sempre interessanti creazioni di design alle gemme. A fronte degli oltre 1100 espositori, sono stati 30 mila i visitatori, un terzo dei quali stranieri - per inciso, in calo da Italia, Grecia e Spagna per le note ragioni economiche e dai Paesi dell’Est per le proibitive condizioni climatiche; in aumento, invece, da Scandinavia, Israele, Giappone e Sud Africa. Molti espositori si sono detti soddisfatti del numero e dell’entità degli ordini effettuati: un ottimo risultato, considerando le tante difficoltà del settore a livello europeo. Info: www.inhorgenta.com

■ According to a survey involving exhibitors and visitors at Inhorgenta Munich - the new name of the event - the new layout, which also increased the exhibition area, met with general appreciation. The new layout of the six halls was judged functional for visiting the various sectors presented, from jewellery to watchmaking, from packaging to safety and technology, from very interesting designer creations to gems. Against more than 1100 exhibitors, there were 30 thousand visitors, one third of whom were from abroad - by the way, the number of visitors decreased from Italy, Greece and Spain for well-known economic reasons, and from Eastern countries due to prohibitive climatic conditions; while visitors increased from Scandinavia, Israel, Japan and South Africa. Many exhibitors were satisfied with the number and size of orders: a positive result, considering the difficulties of the sector at European level. Info: www.inhorgenta.com


I PROSSIMI APPUNTAMENTI FORTHCOMING EVENTS 5th JAKARTA INTL. JEWELLERY FAIR ■ La quinta edizione della Jakarta International Jewellery Fair è in programma dal 3 al 6 Maggio nella capitale indonesiana. ■ The fifth edition of the Jakarta International Jewellery Fair is scheduled for May 3 to 6 in the Indonesian capital. Info: jewellery.jayaevents@yahoo.com

TARÌ MONDO PREZIOSO ■ Dal 4 al 7 Maggio il Centro Orafo Il Tarì di Marcianise, Caserta, ospita Tarì Mondo Prezioso, appuntamento estremamente significativo per tutto il mercato orafo del Sud Italia. In occasione della manifestazione, alle 400 aziende stabilmente presenti nel Centro si aggiungeranno un centinaio di espositori. ■ From May 4 to 7 the Centro Orafo Il Tarì in Marcianise, Caserta, hosts Tarì Mondo Prezioso, an extremely significant event for the jewellery market in Southern Italy. During the event, the 400 firms regularly present in the Centre will be joined by about one hundred exhibitors. Info: www.tari.it

9th INTL. JEWELRY+WATCH VIETNAM ■ Ottima occasione per prendere visione del mercato vietnamita, questa fiera, in programma a Ho Chi Minh City dal 10 al 13 Maggio, è dedicata a gioielleria, oreficeria, pietre e perle, orologeria e settori correlati. Come in altri Paesi asiatici, anche in Vietnam è in rapida espansione una nuova borghesia benestante, che apprezza i beni di lusso ad alto contenuto di artigianalità, design e qualità. ■ An excellent opportunity to view the Vietnamese market, this exhibition, held in Ho Chi Minh City May 10 to 13, is dedicated to jewellery, goldware, precious stones and pearls, watches and related products. As in other Asian countries, even in Vietnam a wealthy new middle class is expanding rapidly, appreciating the luxury items characterized by craftsmanship, design and quality. Info: www.vietnamjewelryshow.com

LAUSANNETEC ■ Lausannetec, fiera dedicata alla microtecnologia e alla tecnologia di alta precisione, si svolgerà dal 22 al 25 Maggio a Losanna. Un accordo con MCH Group consentirà agli organizzatori di ottimizzare comunicazione e contatti. ■ Lausannetec, exhibition dedicated to microtechnology and precision technology, will take place May 22 to 25 in Lausanne. An agreement with MCH Group will allow the organisers to improve communication and contacts. Info: www.lausannetec.com

4.12 fairs 53


MERCATO MARKET

■ Sono stati 480 i questionari che i dettaglianti hanno inviato a Federdettaglianti per la ormai consueta rilevazione sui risultati delle vendite nel terzo quadrimestre 2011. Un dato positivo è sicuramente dato dal numero delle risposte, praticamente raddoppiate rispetto all’anno precedente, segno che i dettaglianti hanno compreso l’importanza di dare il loro contributo alla rilevazione di dati fondamentali, sia per fornire informazioni utili sia per capire quali sono le tendenze d’acquisto nel settore orafo.

una zona centrale (62%). Le attività sono per la maggior parte società di persone, seguite da società individuali (43%) e da società di capitali (31%), a loro volta suddivise in società a responsabilità limitata (16%) e società per azioni (7%), società di nome collettivo (8%) e società in accomandita semplice (16%). Le domande, che vertevano sull’andamento delle vendite di gioielleria e oreficeria - suddivise in classi di prodotto dettagliate - erano accompagnate dalla richiesta di commenti su alcuni aspetti: le vendite di Natale

LE VENDITE A FINE 2011:

TREND AL RIBASSO

by Federdettaglianti

INDAGINE FEDERDETTAGLIANTI: I DATI DEL TERZO QUADRIMESTRE 2011 SULL’ANDAMENTO DELLE VENDITE AL DETTAGLIO.

Chi ha risposto e a quali domande L’indagine, cui si poteva rispondere online, si è svolta nel periodo Gennaio 2012 - fine Febbraio 2012. I dettaglianti che hanno partecipato sono, per il 91%, titolari di un negozio tradizionale, situato in

2011, rispetto a quelle del 2010; le tipologie di prodotti più richieste; l’andamento generale delle vendite 2011 rispetto al 2010. I dati riferiti al settore orologeria, argenteria e oggettistica in acciaio saranno trattati in un prossimo numero.

% di vendita rispetto al medesimo periodo 2010 rilevamento vendite settembre - dicembre 2011

4.12 market 55


MERCATO MARKET Oreficeria firmata rilevamento vendite settembre - dicembre 2011

I dati riflettono la crisi ma tra gli operatori c’è anche fiducia Come si è detto, la contrazione delle vendite di gioielleria ed oreficeria nel quarto quadrimestre 2011 rispetto allo stesso periodo del 2010 è un dato di fatto. Per il 35%, infatti, le vendite hanno visto un calo che spazia tra l’11 e il 20%; il 20% rileva un calo più importante - tra il 21 e il 30%; un 15%, invece, dichiara vendite invariate. In particolare, risultano stabili gli acquisti di oreficeria firmata, per il 40% dei dettaglianti, mentre per la gioielleria firmata, se il 30% dichiara una diminuzione inferiore al 5% e il 15% non ha avuto variazioni di rilievo, oltre la metà lamenta un calo che oscilla tra il 5 e il 20%. Solo il settore dei monili in argento, dopo un periodo di rallentamento, vede rosa, probabilmente grazie al prezzo contenuto: se infatti, per il 25%, non ci sono state variazioni apprezzabili rispetto al 2010, per il 40% dei dettaglianti c’è stato un incremento delle vendite anche considerevole - fino a un +30%.

56 market 4.12


Gioielleria firmata rilevamento vendite settembre - dicembre 2011

Argento da indosso - monili rilevamento vendite settembre - dicembre 2011

4.12 market 57


MERCATO MARKET Oreficeria a peso non firmata rilevamento vendite settembre - dicembre 2011

Oreficeria fine non firmata rilevamento vendite settembre - dicembre 2011

58 market 4.12


Gioielleria non firmata rilevamento vendite settembre - dicembre 2011

Crolla l’oreficeria a peso. Male oreficeria e gioielleria unbranded. Continua il periodo nero dell’oreficeria a peso: nel 2010 il 42% aveva dichiarato un calo tra il 21 e il 30%; nel 2011, stessa percentuale di calo ma per il 43% degli interpellati. Non va meglio per l’oreficeria fine non firmata, che vede passare dal 16% al 35% la percentuale di dettaglianti che dichiara una diminuzione delle vendite tra il 5 e il 20%, mentre resta costante (34%) la percentuale di chi parla di una flessione tra il 21 e il 30%. Anche la gioielleria non firmata ha i suoi problemi: a fronte di un 34% che si dichiara soddisfatto, con vendite stabili, ben il 54% ha rilevato un calo delle vendite che spazia tra il 5 e il 30%. Tra i commenti inviati con il questionario, è giusto sottolineare un problema particolarmente sentito dalla categoria: l’eccessiva despecializzazione dei negozi. Un fatto che significa, per il cliente, non trovare dietro il banco chi lo coinvolge emotivamente nell’acquisto di un gioiello.

4.12 market 59


BORSA&MERCATI STOCK&MARKETS

STOCK&INDEX ■ INDICE L’ORAFO ITALIANO Pubblichiamo le quotazioni di borsa di alcune delle maggiori società italiane ed estere dell'oreficeria e dell'orologeria, quelle dei principali metalli preziosi e l'indice Morgan Stanley World, relativo alla capitalizzazione delle borse mondiali. Il confronto di questi indici potrà dare a

Titoli & Metalli

Shares & Metals Birks & Mayors Damiani Fossil Inc. Gitanjali Group Pranda Jewelry Richemont Swatch Group Tiffany & Co Tse Sui Luen Indice Azioni/ Share Index Oro / Gold Argento / Silver Platino / Platinum Palladio / Palladium Indice Metalli/ Metal Index MSCI World Ind.

tutti gli operatori del nostro settore un'indi- companies dealing in precazione utile per capire l'andamento e le cious metals and the Morgan Stanley World index relating to the capitatendenze del nostro mercato. lization of international Stock Exchan■ L’ORAFO ITALIANO’S INDEX ges. Comparisons between these indexes We publish the Stock Exchange shares of will provide operators with useful guideleading Italian and foreign jewellery and lines to understand the current situation watchmaking companies, of the main and market trends.

Borse & valuta

Valuta

2.1.2012

USD € USD RS BATH € € USD HKD

0,99 0,94 79,27 302,00 6,15 39,00 286,05 66,26 5,37 100,00 1.590,00 28,78 1.406,00 655,00 100,00 1.181,28

10.2.2012 21.3.2012 Indice

Stock Exchanges Currency 1.2.2012 2.10.2012 3.21.2012 Index and currency Amex Milano Nasdaq Nse Bombay Tse Bangkok Xetra Xetra Nyse Sehk Hong Kong USD per oncia / ounce USD per oncia / ounce USD per oncia / ounce USD per oncia / ounce

■ A GONFIE VELE LA GIOIELLERIA MONDIALE

■ THE WORLD JEWELLERY IS BOOMING

Il mese di Marzo vede i titoli mondiali del nostro comparto compiere un formidabile balzo in avanti. Mentre sono un po’ in affanno, per fortuna, i prezzi dei metalli preziosi (anche l’oro arretra rispetto alle quotazioni di Febbraio), e l’indice “all country” Morgan Stanley, dal canto suo, segna solo un lieve rialzo, i titoli dell’oreficeria mettono a punto un progresso di 15 punti percentuali, che porta al 26% il guadagno rispetto al primo Dicembre. I soliti titoli in lieve ribasso sono la canadese Birks & Mayors e le asiatiche Pranda e Tse Sui Luen; viceversa i titoli europei ed americani vanno molto bene, trascinati dal grande spolvero di Fossil.

The month of March saw the world stocks in our industry make a tremendous leap forward. While the prices of precious metals are fortunately experiencing some troubles (even gold saw a downturn compared to February prices), and the Morgan Stanley “all country” index, for its part, showed only a slight rise, jewellery stocks made a progress of 15 percentage points, bringing profits to 26% compared to December 1st. As usual, Canadian Birks & Mayors and Asian Tse Sui Luen and Pranda are slightly downward. Conversely, American and European stocks are going very well, driven by the top performance of Fossil.

STOCK E

60 4.12 stock&markets

1,12 0,85 101,40 328,95 6,50 43,42 325,10 64,18 6,19 111,66 1.720,40 33,64 1.645,00 699,00 111,37 1.284,26

1,02 0,99 132,52 370,00 6,40 48,12 356,30 72,85 6,03 126,40 1653,60 32,31 1639,00 685,00 108,90 1316,71

103,00 105,40 167,10 122,50 104,10 123,30 124,50 109,90 112,20 126,40 104,00 112,20 4,80 104,50 108,90 111,40

12.11 6.11 stock&markets 41 60 CHANGE


L’ESPERTO RISPONDE MARKETING

Rocca 1794

GLI STRUMENTI DELLA

COMUNICAZIONE

by Daniela Saibene *

UTILIZZIAMO AL MEGLIO LE DIVERSE ATTIVITA’ DELLA COMUNICAZIONE PER PROMUOVERE CON FORZA IL NEGOZIO E I MARCHI PRESSO I CLIENTI ABITUALI E POTENZIALI.

■ Continuando il percorso dedicato alla comunicazione, con particolare attenzione sull’attività del punto vendita, è importante approfondire le conoscenze dei principali strumenti di comunicazione e come utilizzarli per diffondere l’immagine e il nome del negozio presso i clienti abituali e potenziali.

I criteri e gli obiettivi Tutte le attività, nuove o collaudate che siano, devono partire da una dichiarazione di obiettivi e di criteri che

62 marketing 4.12

il gioielliere intende adottare. La comunicazione permette di diffondere l’identità del punto vendita, orientando le preferenze della clientela attuale e potenziale; gli strumenti di comunicazione consentono di aumentare la visibilità e la notorietà del punto vendita e, in un momento in cui i clienti faticano ad entrare nei negozi in generale e nelle gioiellerie in particolare, è importante organizzare eventi che spingano i clienti ad entrare in negozio, anche senza sentirsi obbligati ad acquistare. Il negozio, inteso come un insieme di valori e relazioni, può essere promosso attraverso molteplici attività di comunicazione: l’insegna, i gadget, il packaging, la vetrina, la comunicazione visiva, le operazioni di PR, la sponsorizzazioni, le campagne pubblicitarie locali.

Tuttavia la comunicazione, necessaria per creare notorietà e il desiderio di un prodotto, non è sufficiente a costruire la fedeltà al punto vendita. Il punto vendita, infatti, racchiude nel nome e nel marchio una promessa che nasce dall’insieme delle esperienze positive vissute dai clienti nel rapporto con le persone, e attraverso i prodotti e i servizi


offerti. La creazione della notorietà del punto vendita implica una gestione integrata di tutti i punti di contatto tra gioielleria e clientela: la vetrina, le persone, la pubblicità, il passaparola, i prodotti e i servizi.

Le attività di comunicazione e promozione Un’antica regola della comunicazione recita “far bene e farlo sapere”. Poiché creare una reale differenza è un’arte, e trasmetterla è un’altra arte, è necessario comunicare tutti gli sforzi di marketing

che vengono fatti. E poiché comunicare significa parlare lo stesso linguaggio del cliente, l’importante è che il cliente sia in grado di percepirli. Le attività di comunicazione e promozione della gioielleria sono molteplici, e tutte contribuiscono a trasmettere valore al cliente. Per farlo in modo strutturato e integrato con il cliente, è necessario costruire un piano di comunicazione. Ecco le regole: 1. Stimare il budget che si ha a disposizione per la comunicazione di marca e suddividerlo per stagione e/o per singolo mese, prestando attenzione alle ricorrenze e monitorando le scelte dei concorrenti;

2. Stabilire il mix di comunicazione (forme e media) per lo sviluppo di un progetto di comunicazione integrata; 3. Selezionare gli interlocutori esterni/ fornitori (agenzia di comunicazione, stampatori e altri fornitori); 4. Creare congiuntamente al fornitore il cosiddetto “briefing”, sfruttandone le conoscenze specifiche nel campo della promozione e della comunicazione, allo scopo di definire al meglio la strategia, e cioé: - l’identità del negozio; - il posizionamento: come vogliamo

essere visti dai clienti; - il messaggio da comunicare: gli aspetti che ci distinguono e i vantaggi per i clienti che decideranno di entrare nel nostro negozio; - i destinatari della comunicazione: clientela attuale e potenziale, visitatori, ecc. Il piano di comunicazione integrata prevede l’impiego di mezzi e forme diversi di comunicazione per raggiungere molteplici destinatari. Due sono i criteri guida per la definizione del budget dedicato alla comunicazione e della sua ripartizione in più forme e su più media: 1. Stanziare una percentuale annuale fissa del fatturato come investimento

promozionale, suddividendo il valore dell’investimento in attività indispensabili (ad esempio: catalogo, biglietti di auguri, dépliant...) e in nuove attività (eventi, web, mailing, ecc). 2. Stimare gli investimenti promozionali dei concorrenti. Se, ad esempio, la spesa di comunicazione degli altri punti vendita si attesta sul 2% del fatturato, significa che, per superare la soglia del ricordo, è sufficiente spendere poco di più. 3. Informarsi sulle attività dei concorrenti e, se possibile, sui risultati da loro ottenuti.

Il piano può costituire una sorta di menù delle attività di comunicazione del punto vendita. Se il negozio, ad esempio, vuole avere come obiettivo per l’anno 2012 la fedeltà alla marca di clienti di fascia socio-economica medio-alta, per raggiungere quel segmento di clientela può stabilire un budget annuale che preveda una campagna pubblicitaria sulla stampa locale nei tre momenti dell’anno non coperti dai concorrenti. Il budget, inoltre, può prevedere una collaborazione con un partner di prestigio di un’altra categoria merceologica per organizzare un evento, presentare le nuove collezioni o per attività di mailing, attraverso la condivisione dei database clienti. Per quanto riguarda i messaggi volti ad evidenziare la differenza tra il nostro negozio e gli altri, è importante che si elabori una strategia di comunicazione per trasmettere, al-

4.12 marketing 63


L’ESPERTO RISPONDE MARKETING

Antica Orologeria Candido Operti l’interno e all’esterno, l’identità della marca e i valori del punto vendita. Questo modo di comunicare innesca il cosiddetto “effetto goccia” della comunicazione, e permette al nome del negozio di essere ricordato nel tempo da diverse categorie di interlocutori.

Le relazioni pubbliche e le sponsorizzazioni Le relazioni pubbliche hanno il vantaggio di portare la marca e le collezioni fuori dal contesto tradizionale della vendita, e cioè dove vivono i clienti attuali e potenziali, permettendo di creare occasioni di scambio e di contatto e raggiungendo il duplice scopo di fidelizzare la clientela attuale e di attirare i potenziali clienti. Ecco alcune idee: - presentazione delle collezioni; - attività di co-marketing e co-branding con altri punti vendita (ad esempio, gallerie d’arte, antiquari, ecc.) o con le grandi marche del lusso, per organizzare aperture fuori orario, eventi congiunti, esposizioni; - eventi organizzati nelle realtà di aggregazione del proprio target (circolo del golf, club, associazioni, ecc.); - incontri di formazione per la clientela (con designer, gemmologi, ecc.). Le attività di co-marketing possono rappresentare un sistema di accordi congiunti, sia orizzontalmente con altri punti vendita, sia verticalmente attraverso accordi con i produttori, per au-

64 marketing 4.12

mentare la propria riconoscibilità. Sono attività sempre più frequenti nel mondo del lusso perché si rivelano particolarmente efficaci in termini di immagine e permettono, al tempo stesso, economie di scala: - avvicinano il negozio a nuovi segmenti di mercato, - aumentano la frequenza di acquisto dei clienti attuali, - rafforzano i programmi di fidelizzazione, - generano sinergie di costo nelle attività di comunicazione. Anche le sponsorizzazioni hanno assunto, negli ultimi anni, un ruolo sempre più rilevante nel mix della comunicazione; solitamente riguardano eventi sul territorio e progetti sociali, dove il punto vendita è chiamato a sostenere, con un contributo fisso, i progetti e le attività istituzionali di organizzazioni no-profit o di uno specifico evento (manifestazioni, convegni, ecc.). In un momento di grande confusione come l’attuale, i clienti amano spendere al meglio i propri soldi, e tutto ciò che va a beneficio di progetti validi, o a favore dei più deboli, viene solitamente gradito e condiviso.

tivo e consulenziale svolto dal personale di vendita costituisce il più importante mezzo di comunicazione. La costruzione di una strategia di comunicazione forte potenzia l’identità del punto vendita, e la condivisione dei valori rafforza, di conseguenza, la relazione con i clienti. Provate ad osservare come gli addetti alla vendita trasmettono le valenze simboliche ed emotive del negozio e del prodotto al cliente, e cercate di monitorare costantemente la qualità del servizio offerto. Questo è il momento di concentrarsi sui propri valori e sul proprio patrimonio e trovare la strada migliore per comunicare chi siamo; di valutare le strade per creare reti d’impresa, di collaborare e di fare sistema. Tutti temi che approfondiremo nei prossimi numeri de l’Orafo Italiano.

La formazione e l’incentivo alla vendita Questo, per il settore orafo, è un periodo che richiede una profonda riflessione, un momento in cui formazione e informazione possono giocare un ruolo importante nella strategia della differenzazione e nella ricerca dell’eccellenza. La formazione e gli incentivi per i collaboratori sono anch’essi un’investimento nella comunicazione. Il ruolo informa-

L’ESPERTO RISPONDE Se desiderate informazioni su corsi di marketing e tecniche di vendita, potete scrivere a: * Daniela Saibene, consulente marketing e tecniche di comunicazione. Info: danielasaibene@hotmail.it


L’ESPERTO RISPONDE GEMMOLOGIA / English translation: see page 86

Perla del Kuwait

Perla Hope

Perle Paspaley

PERLE CON GLI ‘ATTRIBUTI’

...E LE ALTRE

(parte I) by Luigi Costantini *

■ Diamo pure il “la” con le prime, quelle cogli attributi. Ce n’è ben donde, sentite qua: tutte naturali d’acqua salata, tutte appartenenti alla collezione Paspaley, tutte grandi, magnifiche, senza difetti, tutte rare che più rare non si può. Dodici veri miracoli della natura, se mi si permette, tra cui due gocce da 18,8 ct cadauna rispettivamente 11,8 x 18,0 mm e 11,2 x 19,3 mm, non so se mi spiego - tra cui la Perla Hope e la Perla del Kuwait. Non ne sapete niente? La cosa non tocca i vostri precordi ? Eh, provate voi a procurarvela,

66 gemmologia 4.12

una di queste! L’unico brutto anatroccolo, tra tanti superbi cigni: la Perla Paspaley, che è coltivata. Buttarla? Come no: perfettamente rotonda, lucentezza intensa, forte colore di superficie rosato, 60,80 carati (sessantavirgolaottanta carati!) 20 mm di diametro, è la più bella perla dei Mari del Sud mai rinvenuta (nel 2003, in una Pinctada Maxima dell’allevamento Paspaley dislocato nel North Australian Kimberley Coast), tanto da meritarsi il titolo di “Perla delle Perle”. Come mai tante perle naturali negli allevamenti della fami-

glia Paspaley? Semplice: la maggior parte della trentennale produzione dei Paspaley deriva da ostriche perlifere “selvatiche”, non allevate ma pescate ancora direttamente dai banchi perliferi dell’Australia Occidentale. In effetti Paspaley - coi suoi 40 tuffatori professionisti intenti a prelevare dai fondali qualcosa come 300-400 mila esemplari di Pinctada Maxima all’anno è il più grande “pescatore” del suo genere al mondo, e fa dell’Australia l’unico Paese produttore che s’avvalga di ostriche allo stato brado. Da meravigliarsi se, tra i


tanti molluschi prelevati, qualcuno di questi ti sputa una perla già prêt-àporter? Insomma, per farla breve, solo da una minima parte di queste ostriche ci si può attendere una perla bell’e pronta e, di queste, per lo più le dimensioni e la qualità fan schifo. Perle naturali di maggior stazza sono estremamente rare e, di queste, solo una su 10 mila risulta di buona qualità. Passiamo ora alle “perline”, poverine, non tanto per le loro esigue di-

Pinctada Maxima

North Australian Kimberley

mensioni, quanto per l’irrisoria produzione. Che jella! Proprio sulle coste settentrionali ed orientali delle Isole Fiji doveva passare il Ciclone Tomas, nel Marzo del 2010! Detto fatto, tutto l’allevamento è finito a carte quarantotto. Morale, niente più perle multicolori dalle Isole Fiji fintantoché i 2 milioni e mezzo di embrioni messi all’opera lo scor-

L’ESPERTO RISPONDE Se desiderate informazioni su corsi di gemmologia, potete scrivere a / for information about gemmology courses please write to: luigicostantini@hotmail.com esperto@edifis.it

so anno non si saranno dati una mossa. Ma costruisciti queste valve col loro periostraco e col loro bravo strato prismatico e puranche col lettuccio interno di madreperla; fatti grandicella quel tantinello che ti basta per ricevere il nucleo; dacci poi sotto con la conchiolina e col carbonato di calcio e deposita questo strato di perlagione come Dio comanda… Chi vivrà vedrà, e vedrà anche le perle fi- * Luigi Costantini - responsabile Italia del settore Formazione IGI/Anversa giane, per così dire…

4.12 gemmologia 67


L’ESPERTO RISPONDE VETRINISTICA

■ STROILI ORO L'espositore “dedicato” multicolor, con i supporti rivestiti in raso dai colori cangianti, è di sicuro impatto. I gioielli vengono valorizzati grazie all'esposizione obliqua, piramidale e monotematica (bracciali).

■ STROILI ORO Gioco di colori e di altezze per elementi espositivi studiati appositamente per la nuova collezione. Una tecnica “compatta” per uno spazio limitato.

TECNICHE E MATERIALI:

LE SCELTE VINCENTI ■ EVATINI Vetrina piramidale, risultato dell'esposizione artistico-geometrica ottenuta dalla scultura "omaggio a Picasso", realizzata da un maestro del vetro di Murano, che dona l’altezza necessaria per ottenere il risultato desiderato. I gioielli sono divisi in due proposte - per tema e per colore.

■ LOCMAN I supporti, nel colore arancione di tendenza e dalle forme geometriche contrarie rispetto al prodotto esposto, sono “aiutati” dalla gigantografia del fondo che, delineando lo spazio espositivo, offre un risultato visivo di grande effetto.

68 vetrinistica 4.12


■ ACCADEMIA VETRINISTICA ITALIANA Idea per realizzare il fondale di una vetrina estiva che dona la sensazione di freschezza e suscita il desiderio di indossare i gioielli anche in vacanza. Le scenografie sono state realizzate con cartoncini colorati di vario spessore, opachi e lucidi, per creare l’effetto onda. I pesci sono in legno dipinto a mano.

Still life di Evatini di Svetlana Fabrikant, Direttore Artistico Didattico AVI; vetrine scenografiche realizzate dagli studenti dell’Accademia Vetrinistica Italiana; didascalie di Roberto Pivetta, Presidente FIVFederazione Italiana Vetrinisti.

■ EVATINI Contrasto tra i tre colli importanti, molto alti e rivestiti in pelle di colore nero, e le scenografie carnevalesche, in stile burlesque, che presentano lunghe collane di perle a “cascade”. Una vetrina molto scenografica e festosa, grazie al sapiente abbinamento dei materiali utilizzati.

L’ESPERTO RISPONDE Se desiderate informazioni su corsi specialistici di visual merchandising, scrivete a: Svetlana Fabrikant Direttore Artistico Didattico Accademia Vetrinistica Italiana Info: Tel. 02-43980051, 335-384614 accademia@vetrinistica.com www.vetrinistica.com

4.12 vetrinistica 69


Colazione da Tiffany

a n r o t : 2 1 20

! a n i r t e v o s r o c n o il c ■ Dopo il grande successo ottenuto nel 2011, torna, per il secondo anno, il Concorso vetrina “La più bella del reame”, questa volta a fianco di Federdettaglianti, partner di prestigio in un’iniziativa che coinvolge direttamente i suoi associati. L’Orafo Italiano pubblicherà fino a Dicembre 2012 - mese di chiusura del Concorso - una scelta delle migliori vetrine pervenute in redazione. Nel 2013, alle 3 migliori vetrine dell’anno saranno consegnati premi Platinum, Gold e Silver. Siamo certi che il Concorso “La più bella del reame” diventerà una piacevole ed interessante consuetudine: un’iniziativa utile a promuovere la vetrina quale strumento di marketing e a migliorarne la qualità e l’estetica.


3° 2°

Silver

Gold

Platinum

Week end di charme Due notti e una cena per due persone

PER PARTECIPARE: Inviare 2/3 foto con le seguenti caratteristiche tecniche: 300 dpi in formato .jpg (almeno 10x12) al seguente indirizzo mail: orafo@edifis.it Nella mail fornire il nome del negozio e della città, il nome del titolare/responsabile, numero di telefono o indirizzo mail.


COMUNICAZIONE COMMUNICATION FOPE GIOIELLI ■ Il progetto Arte2 di Fope Gioielli ha affidato la nuova campagna pubblicitaria dell’azienda al fotografo di fama internazionale Franco Pagetti, noto per le immagini dalle passerelle tanto quanto per i reportage dalle zone di guerra, al seguito delle truppe americane. Protagonista dei due nuovi scatti è la famosa modella Paulina Wyka che indossa la nuova collezione Flex’It

PLATINO AGLI OSCAR ■ Platino e diamanti: questi i due protagonisti della notte degli Oscar di Los Angeles. Gioielli spettacolari, firmati da importanti Maison del lusso, hanno infatti impreziosito le mise di famose attrici: Jennifer Lopez ha indossato orecchini a goccia e anelli in platino e diamanti di Lorraine Schwartz (foto by StartracksPhoto.com), mentre Cameron Diaz ha scelto i gioielli, sempre in platino e diamanti, di Tiffany & Co. ■ Platinum and diamonds: these are the two main characters of the Oscar night in Los Angeles. Spectacular jewels, designed by leading luxury Maison, have adorned the outfits of very famous actresses: Jennifer Lopez wore drop earrings and rings in platinum and diamonds by Lorraine Schwartz (photo by StartracksPhoto.com), while Came0ron Diaz chose platinum and diamond jewellery by Tiffany & Co.

PEPENERO

Vendôme e Twin in Silverfope™. ■ The Arte2 project by Fope Gioielli assigned the company's new advertising campaign to internationally renowned photographer Franco Pagetti, famous for pictures of catwalks as well as for reports from war zones, following American troops. The protagonist of the two new shots is the famous model Paulina Wyka wearing the new Flex’It Vendôme and Twin in Silverfope™ collection.

ANNAMARIA CAMMILLI ■ Riccardo Renai, amministratore delegato di Annamaria Cammilli, ha contribuito all’organizzazione dell’evento che si è tenuto all’Hotel Bernini-Bristol di Roma a sostegno dell’Associazione

72 communication 4.12

■ Pepenero ha realizzato in esclusiva una nuova collezione di bracciali “Sorrisi”, in edizione limitata, che è stata presentata ad ospiti e clienti della prestigiosa Gioielleria Bartorelli, a Cortina d’Ampezzo, nel corso di un cocktail. I bracciali della collezione recano incisa la scritta “Bartorelli Cortina 2012”. ■ Pepenero created an exclusive new collection of bracelets “Sorrisi”, limited edition, which was presented to guests and customers of the prestigious Gioielleria Bartorelli, at Cortina d’Ampezzo, during a cocktail. The bracelets of the collection bear the inscription “Bartorelli Cortina 2012”.

Giustacausa, che si occupa di dare assistenza e tutela alle vittime di episodi di malasanità in Italia. Alla presenza di personalità dello spettacolo, dell’imprenditoria e dell’informazione, il presidente dell’Associazione, Francesco Nobili, ha consegnato il premio “Giustacausa 2011” all’onorevole Francesca Martini (nella foto). ■ Riccardo Renai, CEO of Annamaria Cammilli, helped organize the event held at the BerniniBristol Hotel in Rome in support of the Giustacausa Association, which deals with providing assistance and protection to victims of incidents of medical malpractice in Italy. In the presence of entertainment, business and news personalities, the president of the Association, Francesco Nobili, presented the “Giustacausa 2011” award to MP Francesca Martini (in the photo).


FRATELLI DINACCI:

SPORT E IMPRESA FRATELLI DINACCI: SPORTS AND BUSINESS ■ Spirito competitivo, determinazione e spirito di squadra: questi i valori alla base del successo e della crescita della Fratelli Dinacci, azienda campana da oltre un secolo specializzata nella produzione di montature per gioielleria e nel saggio e recupero dei metalli preziosi. Valori che l’azienda ritrova in ambito sportivo, attraverso il supporto e la sponsorizzazione di discipline diverse - vela, pallavolo e, ultimamente, anche calcio. Flavio Dinacci, amministratore delegato della Fratelli Dinacci, è infatti diventato vice presidente della squadra di calcio femminile Carpisa Yamamay (a destra e qui in basso), che milita in A2, con buone speranze di essere promossa in A1. Un amore per lo sport che si è concretizzato, nel 2011, con la “conquista” di una testimonial d’eccezione, la campionessa della nazionale italiana di pallavolo Martina Guiggi (a destra e in basso). ■ Competitive spirit, determination and team spirit: these are the values underlying the success and growth of Fratelli Dinacci, a company based in Campania that has specialised for over a century in the production of jewellery mountings, and in the testing and recovery of precious metals. The company found these values in sports through the support and sponsorship of different disciplines - sailing, volleyball and, most recently, football. Flavio Dinacci, CEO of Fratel-

li Dinacci, became vice president of the Carpisa Yamamay women's football team (top and top left), which plays in A2, with good hopes of being promoted to A1. A passion for sports that has materialised in 2011 with the “conquest” of an advertising testimonial, the champion of the Italian national volleyball team Martina Guiggi (top and left).

4.12 communication 73


FORMAZIONE TRAINING

I DESIGNERS DI DOMANI

SI FORMANO IN CINA ■ La città di Suzhou ospita, da diversi anni, un progettista italiano di gioielli, Maurizio Palmisciano. Milanese, Palmisciano è andato avanti e indietro dalla Cina dove, sal-

tuariamente, ha tenuto corsi di progettazione di gioielleria. Ci è tornato da poco, chiamato a coprire il ruolo di insegnante per i prossimi tre anni dal preside dell’Art & De-

sign Technology di Suzhou - città con oltre 4 milioni di abitanti, nei pressi di Shanghai, Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Palmisciano insegna, a una classe di 34 ragazzi ventenni, a trovare quell’insieme di forme, equilibrio estetico e dettaglio che formano il gioiello, le diverse tipologie di gioiello e molto altro. In Cina, infatti, la figura del designer orafo è molto recente ed è quindi da “costruire” in tutte le sue sfaccettature. Maurizio ha intrapreso una strada quasi obbligata per tanti progettisti: le aziende italiane non innovano e non assumono a causa della crisi e quello di Maurizio è solo un esempio dei tanti progettisti orafi che hanno lasciato l’Italia, ricollocandosi presso aziende orafe indiane, cinesi, turche. Purtroppo il fenomeno delle professionalità in fuga riguarda anche il nostro settore.

CONCORSO: ANCHE I CINESI

VOGLIONO NOVITÀ ■ I consumatori cinesi chiedono più innovazione e originalità nel design dei gioielli. Ed è così che le associazioni di settore cinese - Gems & Jewellery Trade Association China, National Gems & Jewellery Technology Administrative Centre, National Gemstone Testing Center e National Gemmological Training Center - hanno lanciato un grande concorso, chiamando a raccolta designers e fabbricanti orafi di tutto il mondo per partecipare al concorso “China Jewellery Design and Craftsmanship Contest 2012”. Per l’Europa è stato coinvolto lo European Quality Circle, organizzazione nata per promuovere le vendite ed incrementare la fiducia dei consumatori nell’industria della gioielleria (nella foto, Eyal

Atzmon, fondatore dell’EQC). In realtà tarsio, molto popolari in Cina, e chiude i concorsi sono due: il “Jewellery Desi- le iscrizioni il 15 Ottobre 2012. gn Contest”, dedicato ai gioielli in oro e Info: www.eqc-worldwide.com platino con pietre preziose, perle e giada, chiude il 30 Maggio 2012; il Craftsman Contest, invece, si rivolge ai progettisti di oreficeria e di oreficeria ad in-

4.12 training 75


SETTORI CORRELATI SICUREZZA SECURITY

■ Uno dei temi più sentiti dai dettaglianti, ma anche dalle imprese orafe, è quello della sicurezza. Un settore che sta facendo passi da gigante nella ricerca e sviluppo di sistemi innovativi e sempre più complessi, grazie anche alle tecnologie avanzate. Ogni giorno, purtroppo, avvengono furti e rapine e aumenta, di conseguenza, l’esigenza di rendere sicuri imprese, negozi e persone. Abbiamo interpellato la Polizia di Stato, per dare un quadro della situazione e anche per mettere in evidenza alcune pecche degli operatori del settore, a volte non sufficientemente attenti a soluzioni per la sicurezza adatte alle proprie necessità. A seguire, alcune notizie e suggerimenti utili - e a volte quasi banali - per migliorare la sicurezza nei luoghi di lavoro e, di conseguenza, anche quella del personale. ■ Security is one of the issues that are most felt by retailers, but also by jewellery companies. A sector that is making great strides in research and development of innovative and increasingly complex system, also thanks to advanced technologies. Unfortunately, thefts and robberies occur every day, therefore increasing the need for security of businesses, stores and the staff. We consulted the State Police to provide an overview of the situation and also to highlight some flaws of industry professionals, sometimes not sufficiently attentive to the security solutions that best meet their needs. In the next pages, some news and useful tips - sometimes almost trivial - to improve the security of the working places and, consequently, also of the staff.

Tecnologia e tradizione

per difendere il negozio TECHNOLOGY AND TRADITION TO PROTECT THE STORE 4.12 sicurezza 77


SETTORI CORRELATI SICUREZZA SECURITY

LA PREVENZIONE? SCARSA,

SECONDO LA POLIZIA

by Sonia Sbolzani

I FURTI NELLE IMPRESE ORAFE E AI RAPPRESENTANTI, SECONDO LA POLIZIA DI STATO, SONO SPESSO DOVUTI A DISATTENZIONE, SUPERFICIALITA’, SISTEMI DI SICUREZZA OBSOLETI.

■ La “questione sicurezza” è sempre più d’attualità. Furti, rapine, estorsioni, aggressioni e talvolta anche omicidi, perpetrati ai danni di imprenditori, commercianti e rappresentanti di preziosi, impongono di parlarne con rinnovata serietà. Abbiamo interpellato l’Ufficio Stampa della Polizia di Stato (Ministero dell’Interno) allo scopo di far riflettere gli orafi su come - a fronte di una delinquenza sempre più audace e tecnicamente preparata - sia necessario ripensare alla funzionalità delle proprie misure di salvaguardia.

78 sicurezza 4.12

Quali sono i reati più frequenti nel settore orafo per cui la Polizia è chiamata ad intervenire? Ci sono zone più colpite dal fenomeno della criminalità? Gli operatori del settore orafo generalmente sono vittime di furti e rapine; i reati contro la persona spesso costituiscono la condotta strumentale attraverso la quale perseguire lo scopo economico del delitto. Un cenno meritano le estorsioni che, nelle aree del territorio nazionale ove insistono organizzazioni criminali strutturate, accomunano diverse realtà imprenditoriali. Qualcuno ha recentemente parlato di una “emergenza Arezzo” per l’elevato numero di furti perpetrati ai danni degli orafi locali. Il territorio di Arezzo, con oltre mille aziende orafe, costituisce un’importante realtà economico-produttiva, che merita un’attenzione particolare dal punto di vista della sicurezza, tanto da essere protagonista di diversi progetti anticrimine finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati a danno di aziende

e di operatori del settore. Accanto alla capillare attività di controllo del territorio, in sinergia con le altre Forze di Polizia, recentemente è stato costituito un tavolo tecnico di lavoro, presieduto dal questore di Arezzo, con la partecipazione dei vertici provinciali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, che vede il coinvolgimento dei presidenti delle associazioni di categoria. In questo contesto vengono affrontate le problematiche riguardanti la sicurezza degli operatori e vengono concordati mirati piani di interventi sul territorio. Chi sono in genere gli autori di questi reati? Dalle esperienze investigative acquisite sul campo, è emerso che gli autori dei furti a danno di imprese orafe operano in gruppi organizzati, in cui a ciascun elemento è demandato un compito particolare (ad esempio la ricerca e la conduzione di mezzi speciali per irrompere negli stabilimenti) e si avvalgono di “professionalità criminali” estranee al gruppo, che vantano particolari capacità - si pensi agli esperti di impianti-


stica elettronica per la disattivazione degli allarmi. In caso di furti o rapine a danno di rappresentanti orafi e commercianti, sembrerebbe siano riconducibili a soggetti isolati, che spesso agiscono da soli o in numero non superiore a due. In tali circostanze, il reato può considerarsi “istantaneo”, perché spesso si consuma solo con la minaccia della vittima la quale consegna la merce, oppure perché il malvivente asporta solo una parte di preziosi: si pensi ai furti o rapine in gioielleria, dove vengono asportati solo i “rotoli” di

preziosi mostrati ad un finto cliente. Allo stato, il fenomeno criminale non presenta una particolare matrice etnica. Per quanto riguarda, infine, l’evoluzione della figura del “ladro d’oro”, si può affermare che essa risente delle modifiche dell’intero “scenario criminale”; l’attore modula le sue condotte illegali in relazione alle risorse a disposizione, agli spazi dell’illecito e al mercato clandestino disponibile ad acquisire la merce ottenuta con il furto. Quali risultati state ottenendo nella deterrenza e nella lotta contro i furti o le rapine nel settore? La Polizia di Stato ha conseguito significativi risultati: ad esempio, a Novembre 2011 la Squadra Mobile di Arezzo ha eseguito in Puglia tre ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse nei confronti di soggetti ritenuti responsabili del furto ai danni dell’azienda orafa

SALP di Pergine Va l d a r n o (AR): i malviventi avevano utilizzato come “ariete” un escavatore munito di martello pneumatico per sfondare il muro perimetrale del caveau. La sinergia tra le Forze di Polizia presenti sul territorio, il coinvolgimento attivo degli imprenditori e delle associazioni di categoria, l’attuazione di specifici dispositivi anticrimine e la sensibilizzazione degli istituti di vigilanza privata hanno consentito di migliorare sensibilmente la sicurezza. In proposito, si consideri che i tentativi di furto sventati sono aumentati significativamente. Nel Marzo 2011, il contemporaneo intervento delle Forze di Polizia in due aziende molto distanti tra loro - che avevano subito il furto di ingenti quantitativi di preziosi - ha consentito il recupero immediato della merce rubata e i mezzi utilizzati per compiere il reato.

Quali strumenti avete a disposizione per perseguire i reati? Non vi sono strumenti “dedicati”. Gli strumenti investigativi a disposizione degli organi inquirenti sono quelli espressamente previsti dalla legislazione e si avvalgono di tutte le innovazioni tecnologiche in materia di sorveglianza elettronica dei sospetti e delle attività della Polizia Scientifica per gli accertamenti

4.12 sicurezza 79


SETTORI CORRELATI SICUREZZA SECURITY

biologici. I nostri imprenditori dovrebbero investire di più in prevenzione? Quali sono gli errori più comuni e quali i consigli per rendere più sicure le aziende? L’esperienza sul campo ha dimostrato che la maggior parte dei furti alle aziende orafe sono stati realizzati nei fine settimana, quando le aziende dispon-

gono di maggiori giacenze di prodotti finiti, in attesa di essere spediti. Accade anche che, durante l’orario di chiusura delle aziende, siano rimasti notevoli quantitativi di merce incustodita sui banchi di lavorazione. Inoltre, sempre in occasione di lavori del tavolo tecnico sopra citato, si è appreso che molti imprenditori non dedicano la dovuta attenzione agli impianti di allarme:

spesso gli impianti risultano obsoleti, non estesi a tutti gli ambienti, e producono un indice elevato di falsi allarmi. Ci deve essere un maggiore impegno nella dotazione di sistemi di difesa passiva che prevedano, ad esempio, la sorveglianza anche esterna del perimetro dell’azienda, così da monitorare eventuali movimenti sospetti all’esterno ed, eventualmente, segnalare le anomalie alle Forze di Polizia. Un cenno meritano poi i furti perpetrati a danno dei rappresentanti orafi: in alcuni casi, le valigette contenenti il campionario dei preziosi erano state lasciate a bordo dell’auto incustodita, talvolta negli autogrill autostradali. Risulta poi sempre utile disporre di fotografie della merce rubata per consentire controlli nel mercato clandestino dei preziosi e renderne più difficile la ricettazione. Attraverso i canali della collaborazione internazionale - soprattutto europea di Polizia, è possibile diffondere all’estero le fotografie dei gioielli rubati. *Le note riferite sono tratte dall’analisi delle segnalazioni provenienti dagli Uffici investigativi territoriali della Polizia di Stato e dalle esperienze connesse con attività d’indagine, atteso che questo Servizio non dispone di dati statistici interforze.

80 sicurezza 4.12


SICUREZZA QUOTIDIANA

IN 20 FACILI REGOLE ■ Qualche anno fa, la delegazione italiana della Association Interprofessionelle de la Haute Horlogerie (AIHH) ha pubblicato il vademecum “Sicurezza sul punto vendita”, che riportava le regole fondamentali per un efficace programma di sicurezza. Eccone una sintesi:

clienti che si presentano in coincidenza dell’orario di apertura o di chiusura del negozio. 11) Effettuare le operazioni di allestimento e disallestimento delle vetrine a negozio chiuso al pubblico, con le saracinesche abbassate, vietando nel frattempo sia l’entrata che l’uscita del per1) Rendere ben visibili ai malintenzionati sonale. le misure anti-crimine di cui è dotato il 12) Per la custodia delle chiavi, suddipunto vendita, al fine di scoraggiare videre le responsabilità. ogni proposito di reato. 13) Ogni persona che entra in negozio 2) Installare dispositivi anti-rapina o potrebbe rappresentare un pericolo: anti-sequestro in tutti i vani del punto non perderla mai di vista ed osservarne vendita e soprattutto nei bagni. sempre il comportamento. 3) Collegare alla centrale di gestione 14) Fornire al personale del negozio dei vari sensori una stampante di eventi un bip anti-rapina: in qualsiasi momento o un software apposito per avere traccia si deve essere in grado di attivare il sidi ogni episodio. stema di difesa. 4) Quando si è vittima di un reato, la 15) Definire un segnale conosciuto a reazione nei confronti dell’aggressore tutto il personale (ad esempio una non è mai la strategia migliore: obiettivo parola chiave) da utilizzare nel caso di è preservare la propria e l’altrui incolu- atteggiamento sospetto di un cliente. mità. 5) Verificare sempre che nel percorso dall’abitazione al punto vendita non sia rilevabile alcunché di anomalo. 6) Evitare la routine, cambiare percorso di frequente, studiare le proprie abitudini, per non farsi trovare totalmente impreparati o indifesi di fronte ad un’azione criminale. 7) Evitare che sia una persona sola ad eseguire l’operazione di apertura del negozio, definire procedure per il suo svolgimento, verificando che queste vengano costantemente osservate. 8) Essere sempre pronti ad attivare il pulsante anti-rapina o di emergenza, anche se si tratta solo di un sospetto. 9) Se si notano persone sospette, chiamare una pattuglia e chiudere il negozio in loro presenza o farsi scortare fino a casa, secondo la gravità del rischio percepito. 10) Prestare notevole attenzione a quei

16) Essere sempre attenti all’accettazione di banconote, specialmente se biglietti di grosso taglio o stranieri. 17) Annotare l’identità del cliente in ogni pagamento con assegno, anche richiedendo due documenti per maggiore sicurezza. 18) Verificare la corrispondenza tra la firma della carta di credito e quella sull’ordine di pagamento, esigendo un documento identificativo e annotandone gli estremi sul voucher per informare il centro di autorizzazione delle carte di credito. 19) In caso di emergenza, mantenere sempre la calma: ogni atto di eroismo o irrazionale può seriamente compromettere la vita propria e di chi sta accanto. 20) Subito dopo l’azione criminale, se non si è riusciti a scongiurarla, mantenere intatta la scena del reato, preservando tutti gli indizi utili agli inquirenti.

4.12 sicurezza 81


SETTORI CORRELATI SICUREZZA SECURITY terno della gioielleria e avere un maggiore controllo. Nel caso in cui le ante non siano chiuse bene, o lasciate distrattamente aperte, può essere attivato un segnale di allarme che avverte della mancata chiusura. Un sistema, questo, che oltre ad essere estremamente sicuro, contribuisce anche ad un design sobrio ed elegante degli arredi, grazie all'inserimento di ante a filo che scompaiono all'interno delle strutture. Ci sono poi da affrontare tutti gli aspetti di sicurezza interna, per così dire "privata", dove

discrete and quiet. The systems can be turned on and off immediately with a simple command, depending on whether the customer is known or not. Another very important aspect is the possibility to close the windows from inside via remote control. This means not having to use the old keys, not being forced to move continuously inside the store, and having greater control. In the event that the doors were not closed well, or carelessly left open, an alarm signal that warns of the failure

DENTRO LE MURA: SOLUZIONI

SICURE IN NEGOZIO DLM: SECURITY SOLUTIONS IN THE STORE ■ Dentro Le Mura, azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di gioiellerie, affronta anche i vari aspetti inerenti la sicurezza e le soluzioni che è possibile adottare per tutelare le strutture e gli arredi, da un punto di vista funzionale ed estetico. La trasparenza, ad esempio, che dona leggerezza, eleganza e visibilità, grazie a strutture non troppo invasive. Mettere in relazione queste esigenze con la sicurezza vuol dire studiare metodi e tecniche in grado di fornire le garanzie necessarie ed essere sempre compatibili con i diversi stili di progettazione. La doppia porta di ingresso ed il metal detector costituiscono sempre i deterrenti migliori: queste strutture sono diventate leggere e trasparenti; i metal detector che utilizziamo sono discreti e silenziosi. I sistemi possono essere attivati e disattivati al momento con un semplice comando, a seconda che il cliente sia conosciuto oppure no. Un altro aspetto molto importante è rappresentato dalle chiusure interne delle vetrine tramite telecomando: questo significa non dover più usare le vecchie chiavi, non essere costretti a muoversi di continuo all'in-

82 sicurezza 4.12

vengono personalizzate le varie soluzioni sulle specifiche esigenze del gioielliere. Esistono diverse soluzioni di sicurezza relative ai banchi di lavoro come salvaguardia della prima vendita ma, soprattutto, per la sicurezza dei preziosi durante la giornata di lavoro, quando la cassaforte è regolarmente aperta. Tutti aspetti che trattiamo esclusivamente nel corso di una consulenza specifica, e quindi nel rispetto della privacy, a tutela dei nostri clienti. ■ Dentro Le Mura, a company specialising in the design and manufacture of jewellery stores, also addresses the various aspects of security and the solutions that can be taken to protect stores and furnishings, from a functional and aesthetic point of view. Transparency, for example, provides lightness, elegance and visibility, with structures that are not too invasive. Combining these needs with security means to study methods and techniques that can provide the necessary guarantees and be always compatible with different design styles. The double entrance door and metal detectors are always the best deterrent. These structures have become light and transparent, the metal detectors we use are

to close can be activated. This is a system which, besides being extremely safe, also contributes to a simple and elegant design of the furniture, with the addition of flush doors that disappear inside the walls. Then the company deals with all aspects of internal security, or "private" so to speak, where the various solutions are customised to the specific needs of the jeweller. There are several security solutions for work counters as a safeguard during sales but, above all, for the safety of jewels during the work day, when the safe is regularly opened. We discuss all these issues only during specific advice sessions, with respect for privacy, to protect our customers.


JEWEL-ID: GESTIRE

IN SICUREZZA JEWEL-ID: MANAGING SAFELY iellerie Matranga, il più importante rivenditore Rolex per il Sud Italia (nelle foto), hanno adottato dal 2011 la soluzione Jewel-ID, realizzata da Dynamic ID con il supporto di Softwork in merito alle architetture RFID, per gestire i preziosi dall’arrivo della merce all’inventario, dall’antitaccheggio al supporto durante la vendita. Jewel-ID, infatti, prevede l’inserimento, nei banchi di vendita, di elementi RFID (lettori ed antenne) che monitorano i preziosi (ciascuno dotato di etichetta RFID) esposti sul banco. Il personale è così in grado di controllare, attraverso i monitor, ■ Una soluzione per la gestione dei pre- i gioielli sul banco - quanti sono, quanti ziosi a tutto tondo, anche in funzione ne vengono prelevati, quanti restituiti della sicurezza, si chiama Jewel-ID e si rendendo impossibile un furto con deavvale dell’innovativa tecnologia RFID. strezza. ■ A new solution for managing Acronimo inglese di Radio Frequency jewellery with security. It is called JewelIdentification, l’RFID è una tecnologia ID and uses innovative RFID technology, basata sulla propagazione nell’aria di abbreviation for Radio Frequency Idenonde elettromagnetiche che consentono tification. RFID is a technology based di rilevare a distanza oggetti, animali, upon propagating in the air electromagpersone, ferme o in movimento. Le gio- netic waves that identify still or moving

objects, animals and people from a distance. Since 2011, Matranga jewellery stores, the most important Rolex dealer for Southern Italy, have adopted the Jewel-ID solution, made by Dynamic ID with the support of Softwork on RFID architectures, to manage jewellery from the arrival of goods to their inventory, from anti-shoplifting systems to sales support. In fact, Jewel-ID provides for the inclusion of RFID elements (readers and antennas) in the sales counters to automatically monitor the jewellery exposed on the counter (each piece provided with an RFID tag). The store staff is thus able to control, through the monitors, the jewels on the counter - how many they are, how many pieces are taken, how many are returned - making a petty theft impossible.

LE FIERE: VICENZA E MILANO EXHIBITIONS: VICENZA AND MILAN

‘EH 1050’ L’INVALICABILE THE INSURMOUNTABLE EH ‘1050’

■ Due le fiere più importanti dedicate al tema della sicurezza: Security Exhibition, a Vicenza, e Sicurezza, a Fiera Milano. Le manifestazioni presentano tutte le novità del settore: prodotti, soluzioni, macchinari, software e molto altro, per la sicurezza delle aziende, dei negozi, delle case e delle persone. Sicurezza 2012, dal 7 al 9 Novembre; Security Exhibtion, dal 23 al 25 Novembre 2012. ■ The two major trade fairs dedicated to security are Security Exhibition in Vicenza, and Sicurezza, at Fiera Milano. These events show all the innovations in the industry: products, solutions, equipment, software and much more for the security of companies, stores, houses and people. Security 2012, November 7 to 9; Security Exhibtion, November 23 to 25, 2012.

■ La cassaforte “EH 1050”, dell’azienda Parma A. & F., di Solaro, Milano, risponde a requisiti di elevata sicurezza, come richiedono le norme europee per prodotti di Resistance Grade V, con corazzatura in materiali in grado di resistere ad attacchi condotti con mezzi termici o meccanici; la chiusura, coniugata con attacco a entrambi i battenti, consente di raddoppiare il grado di sicurezza del prodotto. La chiave, a combinazione numerica, è del tipo previsto dalle norme europee. ■ The “EH 1050” safe, manufactured by Parma A. & F. based in Solaro, Milan, meets high security requirements, as required by European standards for Resistance Grade V products, with armours made of materials that can withstand attacks carried out with mechanical or thermal means. The lock, connected to both doors, allows to double the degree of product safety. The key, with number combination, is of the type required by European standards.

4.12 sicurezza 83


L’ORAFO ITALIANO CLUB

selezionati per voi

UN NUOVO SERVIZIO PER I LETTORI

A NEW SERVICE FOR READERS

A volte è difficile trovare un fornitore affidabile, soprattutto in un settore delicato e particolare come quello orafo. E’ importante che le aziende, oltre a un prodotto o a un servizio di qualità, siano anche in grado di offrire garanzie dal punto di vista, per esempio, della puntualità nelle consegne o della disponibilità di servizi pre e post-vendita. L’idea è quindi di riunire, ne L’Orafo Italiano Club, aziende di produzione e di servizi che rispondano a quelle caratteristiche di fiducia e di qualità. Diversi i settori presenti: produttori orafi; distributori di diamanti e pietre preziose; distributori di pietre dure, pietre di colore, coralli e perle; grossisti; arredamenti per negozi; produttori di packaging ed espositori; produttori di macchinari e utensili orafi; trasporti blindati; servizi finanziari e assicurativi; servizi di analisi e certificazioni; corsi gemmologici. Insomma, un utile vademecum e, ci auguriamo, un servizio di qualità per i nostri lettori. Per informazioni: orafo@edifis.it

Sometimes it may be hard to find a reliable supplier, especially in a difficult and highly specific sector such as that of jewellery. It is important that companies, in addition to a quality product or service, are also able to offer guarantees in terms of punctual deliveries or availability of pre and after-sales services, for example. The idea of L’Orafo Italiano Club is to bring together manufacturers and services that meet standards of reliability and quality. Various sectors have been included: jewellery manufacturers, distributors of diamonds and precious stones, distributors of semi-precious stones, coloured stones, pearls and corals, wholesalers, shop equipment, packaging producers and exhibitors, manufacturers of jewellery machinery and tools, armoured transport; financial and insurance services, certification and analysis services, gemmological courses. In short, a useful vade mecum, and hopefully a quality service for our readers. For information: orafo@edifis.it

P RODUTTORI O RAFI

D&sign srl

Fab Gobbetti spa

Via Cristoforo Colombo 27 25030 Torbole Casaglia BS tel. +39 030 2650828 - contatto immediato: +39 348 3061132 - fax +39 030 2157927 info@designsrl.com - www.designsrl.com ............................................................................

Via Linate 13 - 36030 Rettorgole di Caldogno VI tel. +39 0444 986450 - fax +39 0444 986311 info@alicealex.it - www.alicealex.it ............................................................................

Luisa Della Salda srl Viale Madonna 1 - 22063 Cantù CO tel. +39 031 713878 - fax +39 031 713493 info@luisadellasalda.it - www.luisadellasalda.com ............................................................................

Ititoli srl Circonvallazione Ovest co.in.or. lotto 14bb 15048 Valenza AL tel. +39 0131 942323 - fax +39 0131 947474 info@ititoli.com - www.ititoli.com ............................................................................

84 club 4.12

ARREDAMENTI

PER

L’esperienza e la qualità del nostro lavoro per realizzare la vostra gioielleria.

NEGOZI Dentro Le Mura di Susini Paolo & C. sas Via Verdi 16 - 51010 Margine Coperta PT tel. +39 0572 911860 - fax +39 0572 910711 info@dentrolemura.it - www.dentrolemura.it ............................................................................


L’ORAFO ITALIANO CLUB

selezionati per voi

DIAMANTI E PIETRE PREZIOSE

Amin Luxury srl Via de’ Bardi 52 - 50125 Firenze FI tel. +39 055 215042 - fax +39 055 9061999 info@aminluxury.com - www.amindiamanti.com ............................................................................

TRASPORTI BLINDATI

Incastoniamo pietre preziose su oggetti di alta gioielleria per le più importanti griffes. La lavorazione viene eseguita al microscopio per garantire la massima qualità.

B.T.V. spa Battistolli Group Via Luca Della Robbia 25 - 36100 Vicenza VI tel. +39 0444 217540 - fax +39 0444 505671 www.battistolli.it ............................................................................

Oliviero Incassature di Oliviero Aniello P IETRE

DURE , DI COLORE , SINTETICHE, CORALLI E PERLE

Pietre sintetiche, cubic zirconia (distr. uff. per il nord, Preciosa) pietre preziose, di vetro e cristalli.

Via Morosetti 35 - 15048 Valenza AL tel. +39 0131 924922 - fax +39 0131 924922 info@olivieroincassature.com www.olivieroincassature.com ............................................................................

S ERVIZI F INANZIARI E A SSICURATIVI

Aesse Pietre snc di Fantin Stefano & C.

PACKAGING

ED

ESPOSITORI

Ch. Dahlinger Gmbh & Co. kg Via Provinciale Bologna 5 40066 Pieve di Cento BO tel. +39 051 975652 - fax +39 051 6860326 chditalia@dahlinger.com - www.dahlinger.com ............................................................................

Via Cà Pisani 22 - 35010 Vigodarzere PD tel. +39 049 8875774 - fax +39 049 8889619 info@aessepietre.it - www.aessepietre.com ............................................................................

Banca Etruria GROSSISTI

Via Calamandrei 255 - 52100 Arezzo AR tel: +39 0575 3371 - www.bancaetruria.it ............................................................................

SERVIZI

Goggi-Sterling srl

IGI Luigi Costantini

Piazza Turati 5 - 15100 Alessandria AL tel. +39 0131 232171 - fax +39 0131 41204 goggi@goggi.it - www.goggi.it ............................................................................

Via Unterberger 22 - 38033 Cavalese TN tel. +39 0435 482619 - fax +39 0435 482619 italy@igiworldwide.com - www.igiworldwide.com ............................................................................

MACCHINARI

Analisi e Certificazioni

Certificazioni e Corsi

Faro spa Piazza San Sepolcro 1 - 20123 Milano MI tel. +39 02 722131 - fax +39 02 72213271 faro@farospa.it - www.farospa.it ............................................................................

LABORATORI ORAFI

E

UTENSILI

Realizzazione di stampi siliconici. Produzione in serie di cere. Microfusioni.

Balduzzi Microfusioni di Balduzzi Paolo Viale B. Cellini 7 - 15048 Valenza AL tel. +39 0131 952881 - fax +39 0131 956700 info@balduzzimicrofusioni.it www.balduzzimicrofusioni.it ............................................................................

Studex Italia srl

S.A.G.OR

Via Venezia 35 - 36030 Costabissara VI tel. +39 0444 557537 - fax +39 0444 557964 studex@studex.it - www.studex.it ............................................................................

Via Spallanzani 29 - 52100 Arezzo AR tel. +39 0575 984196 - fax +39 0575 894603 info@sagoritalia.it - www.sagoritalia.it ............................................................................

4.12 club 85


ENGLISH TRANSLATION

LUXURY & MORE

internationally. This is the tenth Stroili flagship store opened in the last year and a half in China and recreates, over an area of 100 square meters, the motifs of the boutiques in Corso Vittorio Emanuele, Milan: bright windows, warm colours with fuchsia accents, lilac and purple lacquer.

mean – including the Hope Pearl and the Kuwait Pearl. You didn’t know anything about it? Doesn’t it tug at your heartstrings? PGI: A TEAM Well, just try getting one of these! The only TO STRENGTHEN PLATINUM ugly duckling among many superb swans: the Paspaley Pearl, which is cultivated. ■ Nicholas Graham Smith is the new Area Manager of Platinum Guild International, Should we throw it away? Of course not: perwho will focus on the development of platinum fectly round, shiny bright, strong pink surface, in mature markets: Japan, USA, Italy, ITOCHU LIKES DAMIANI 60.80 carats (sixty point eighty carats!) France, United Kingdom and Germany. Ja- ■ The Japanese giant Itochu, which deals 20mm diameter, it is the most beautiful mes Courage, CEO of PGI sought to streng- with textile, fashion and luxury, joined the South Sea pearl ever found (in 2003, in a then the management team and the pro- capital of Damiani Japan K.K. with a 14% Pinctada Maxima of the Paspaley pearl gramme of development of the use of platinum stake. According to Guido Damiani, CEO farm located in the North Australian Kimberley by appointing, with Graham Smith, a second of the Group, the alliance is part of the com- Coast), earning the title of “Pearl of Pearls”. Area Manager who will deal with China pany’s international development and at the Why so many natural pearls in the Paspaley and India, and Sabastien Thomas, Interna- same time it will be used to boost sales in family’s farms? That’s easily explained. Most the Japanese market. tional Marketing Manager. of the Paspaley’s thirty-year production is from “wild” pearl oysters, not farmed but DODO AIMS TO GROWING WDC CONFERENCES AND CIBJO still harvested directly from natural pearl ABROAD WITH NADIA AT VICENZAORO SPRING beds in Western Australia. In fact, Paspaley ■ Nadia Minini arrived in Pomellato as ■ Two important international meetings – with 40 professional pearl divers intent to the new Director of the DoDo Division, su- will be held during VicenzaOro Spring, in harvest from the seabed something like 300pervising the brand in its internationalisation May. From May 13 to 14 Fiera di Vicenza 400 thousand specimens of Pinctada Maxima projects while DoDo is introducing the new will host the Congress of the World Diamond per year – is the biggest “fisher" of its kind 2012 collections. The projects include the Council, during which various topics will in the world, and makes Australia the only opening of a new flagship store in New York be discussed such as, for example, the reform producing country that works with wild in the second half of the year. Nadia Minini to the structure of the Kimberley Process. oysters. Is it any wonder that, among many is bringing into the Group her experience in CIBJO’s annual meeting will also be held molluscs harvested, some of these spit out a retail and luxury goods gained in Bottega from May 17 to 20, bringing together the prêt-à-porter pearl? Long story short, we can Veneta, Gucci and Boucheron. commissions that work on the Blue Books, expect a ready-made pearl only from a tiny international industry standards for dia- part of these oysters, and the size and quality BROS MANIFATTURE monds, coloured stones, pearls, gem labs of these pearls are awful most of the time. AIMS TO THE USA and precious metals. The CIBJO Congress Natural pearls of greater size are extremely ■ After the excellent result scored in 2011 will be connected with World Jewellery rare and, and of these, only one out of 10 (+43% - 38 million Euro turnover), the pro- Forum to be held, again in Vicenza, on thousand is of good quality. Let us now turn jects of this company based in the Marches May 13 to 23. to the "beads", poor them, not because of are aiming high. In 2012, thanks to a trade their small size, but for the ridiculously small deal with a North American company, four production. What bad luck! Cyclone Tomas brands - Brosway, Brosway 925, S'Agapò had to move right through the northern and and Rosato - should be in about 200 North Italian version: see page 68 eastern coasts of the Fiji Islands, in March American stores, while the expansion in the 2010! No sooner said than done, the whole South is already under way thanks to the EXCELLENT PEARLS… farming went up in smoke. Moral of the presence of the Bros Usa Corporation in AND THE OTHERS story, no more multi-coloured pearls from Miami. As for Europe, Spain is the leading by Luigi Costantini the Fiji Islands as long as the 2 and a half market for Brosway, which can be found in million embryos planted last year have borne 160 stores. ■ Let’s set the tone for the former, the excellent their fruit. But let these valves grow with ones. And there's good reason, have a look their periostracum and their excellent prismatic STROILI CHINA: +120% FOR SALES at this: all natural saltwater pearls, all be- layer, and even with their inner mother-ofIN THE FIRST QUARTER OF 2012 longing to the Paspaley collection, all big, pearl bed; grow up that wee bit you need to ■ The Chinese market is giving great satis- beautiful, flawless, so rare that they couldn’t get the core; then work hard with the shell faction to Stroili Oro, which opened a new be rarer. Twelve true miracles of nature, I and calcium carbonate and deposit your flagship store in Shanghai last March, in dare say, including two drops measuring nacre layer as it should be. the prestigious "Plaza 66" mall in Nanjing 18.8 ct each - respectively 11.8 x 18.0 x Time will tell, and will also see the pearls of Road, home to the most important brands 19.3 mm and 11.2 mm, if you see what I Fiji, so to speak…

Italian version: see page 20

GEMMOLOGY

86 english translation 4.12


INDICE DEI NOMI CITATI

INDEX OF NAMES MENTIONED “AMICI DI CLAUDIO”

26

FEDERDETTAGLIANTI

13° HK JEWELLERY DESIGN COMPETITION

50

FEDERORAFI

24

OLIVER WEBER

41

5TH JAKARTA INTL. JEWELLERY FAIR

53

FEDERPIETRE

24

ORSINI

36

9TH INTL. JEWELRY+WATCH VIETNAM

53

35

FIERA DI VICENZA

22

OTTAVIANI GIOIELLI

72

PAGETTI, FRANCO

72

43

FOSSIL INC.

60

PALMISCIANO, MAURIZIO

75

32

FRATELLI DINACCI

73

PARMA A. & F.

83

GAGA’ MILANO

48

PASPALEY

66

44, 45

AïT-HOCINE, NAWAL ANNAMARIA CAMMILLI

OLE LYNGGAARD COPENHAGEN

FOPE GIOIELLI

ADAMI & MARTUCCI ANDREA CASTROVILLI

55 – 59

41, 72

24, 41

ANTEO

36

GEMS & JEWELLERY TRADE ASS. CHINA

75

PASSAVINTI

40

ANTICA MURRINA

26

GIOIELLERIA BARTORELLI – CORTINA D’AMPEZZO

72

PASSERA, CORRADO

22

ANTONINI

44, 45

GIOIELLERIA MATRANGA

83

PEPENERO

72

GIORGIO VISCONTI

39

PHILIPPE TOURNAIRE

43

ANTWERP WORLD DIAMOND CENTER

20

ARTLINEA

38

GIOVANNI RASPINI

26

PIGNATELLI

38

ARMA DEI CARABINIERI

78

GITANJALI GROUP

60

PLATINUM DESIGN AWARDS

43

ART & DESIGN TECHNOLOGY – SUZHOU

75

GLASÜTTE ORIGINAL

47

PLATINUM GUILD INTERNATIONAL

20

ARTLINEA

33

GLOBAL STRATEGY

26

POLELLO

37

ASSOCIATION INTERPR. HAUTE HORLOGERIE

81

GRAHAM SMITH, NICHOLAS

20

POLIZIA DI STATO

ASSOCIAZIONE GIUSTACAUSA

72

GRAZIELLA GROUP

33

POMELLATO

ASSOGEMME

24

GUARDIA DI FINANZA

78

PRANDA JEWELRY

60

ATELIER SIGNORE

32

GUCCI

22

PROMETEIA

51

ATHENA GIOIELLI

33

GUIGGI, MARTINA

73

QATAR HOLDIN

26

ATZMON, EYAL

75

HANS D. KRIEGER

50

QAYTEN

33

78-80 22

AURORA

37

HARRODS - LONDRA

26

RADO

46

BAPALAL KESHAVLAL

50

HK CONVENTION & EXIBITION CENTRE

50

RAMAZZOTTI, MICAELA

24

HONG KONG INTL. JEWELLERY SHOW

50, 51

BASELWORLD

44, 46

BELEGGIA, GIANFRANCO BELFIORE

24 34, 35

RESPONSIBLE JEWELLERY COUNCIL

9, 43

HONG KONG TRADE DEVELOPMENT COUNCIL

51

RICHEMONT

60

HUBLOT

48

ROBERTO DEMEGLIO

43

BELL & ROSS

47

I.G.I. (ISTITUTO GEMMOLOGICO ITALIANO)

24

ROLEX

83

BIBIGI

36

ICE

22

ROSSIELLO, RAFFAELLA

43

BIRKS&MAYORS

60

INHORGENTA MUNICH

52

RPM

36

BLUESPIRIT

40

ITALIAN DESIGN

SALP – AREZZO

79

BONATO MILANO

43

ITITOLI

38

SAVINO, PIERFRANCESCO

24

BONINI, MILA

43

ITOCHU

20

SCHEPPS, SEAMAN

50

BOSCHI, ALESSIO

45

IZAUTE, FRANÇOISE

51

SCHWARTZ, LORRAINE

72

BOTTEGA VENETA

22

JACOB’S JEWELRY CO.

50

SECTOR NO LIMITS

49

BOUCHERON

22

JJ KARAN

50

SECURITY EXHIBITION – VICENZA

83

BROS MANIFATTURE

24

JÖRG HEINZ

BROS USA CORPORATION MIAMI

24

LA VIA, LUISA

43

SICUREZZA 2012 – MILANO

83

BROSWAY

40

LAUREN CABO’

40

SILVER STAR

33

BULGARI

43, 46

LAUSANNETEC

53

SOFTWORK

83

BUSATTI

51

LE SIBILLE

35

SPROULE, CATHERINE

43

CARPISA YAMAMAY

73

LEE JEWELLERY CO.

50

STROILI ORO

CARTIER INTERNATIONAL

43

LENVAL

37

SWAROVSKI

49

CHINA JEWEL. DESIGN AND CRAFTSM. CONTEST

75

LO CASCIO, LUIGI

24

SWAROVSKI®ELEMENTS

40

CHOPARD & CIE S.A.

43

LOPEZ, JENNIFER

CIBJO

22

LUISA DELLA SALDA

44, 45

44, 45

72 26, 32

SICIS

44, 45

24, 37

SWATCH GROUP

60

TAG HEUER

46

CONFINDUSTRIA FEDERORAFI

51

LUXENTER

35

TARI’ MONDO PREZIOSO

53

COURAGE, JAMES

20

LVMH

26

THOMAS, SEBASTIEN

20

CRESCENTINI, CAROLINA

24

MASERATI

46

TIFFANY & CO.

CUERVO Y SOBRINOS

47

MARIO BUZZANCA

51

TISSOT

49

D’AVINO, PASQUALE

26

MAROSTICA, LUIGI

51

TSE SUI LUEN

60

DAMI GIOIELLI

37

MARTINI, FRANCESCA

72

UNOAERRE

36

DAMIANI JAPAN K.K.

20

MATTHIA’S & CLAIRE

43

UTOPIA

35

DAMIANI

60

MATTIOLI, LICIA

24

VALENTINI, PAOLO

24

DAMIANI, GUIDO

20

MCH GROUP

53

VALUE PARTNERS

22

DE GRISOGONO

44, 45

MININI, NADIA

22

VIANNA

39

60, 72

DENTRO LE MURA

82

MINISTERO DELL’INTERNO

78

VICENZAORO SPRING 2012

DIAMRUSA

51

MISAKI

33

VICTOR MAYER

DIAZ, CAMERON

72

MONTALDO, GIULIANO

24

VICTORINOX

48

DINACCI, FLAVIO

73

MONTI, RICCARDO

22

VIDA BY ASPIRE DESIGNS

39

DODO

22

MORELLATO

34

VIRZI’, PAOLO

24

DONNA ORO

38

MORGAN STANLEY

60

WORLD DIAMOND CONGRESS

22

DYNAMIC ID

83

NANIS

WORLD JEWELLERY FORUM

22

EPSTEIN, ARI

20

NARDELLI GIOIELLI

32

WORLD WATCH REPORT

46

EUROPEAN QUALITY CIRCLE

75

NATIONAL GEMMOLOGICAL TRAINING CENTER

75

WYKA, PAULINA

72

EVEN MILANO

34

NATIONAL GEMSTONE TESTING CENTER

75

ZANNETTI

39

44, 45

22 44, 45

4.12 index 87


ELENCO INSERZIONISTI

ADVERTISERS’ INDEX ACCADEMIA VETRINISTICA

12

AESSE PIETRE

30

ALCOZER & J

IV copertina

ALISEI MILANO

1

AMIN DIAMANTI

5

ARAGORN

61

ARTLINEA

15/18

BY SIMON

7

D&SIGN

III copertina-88

DUEL SEMILAVORATI

19

EUROGEMME

30

GOGGI-STERLING

13

IGI

8

LAURA BELLINI

3

PALAKISS

14

PRECIOSA

30

PRINT POWER

54

PROTOTEK

27

RESPONSIBLE JEWELLERY COUNCIL 53 STUDEX ITALIA

4

TARI’ MONDO PREZIOSO

6

TRASPARENZE UNOAERRE VICENZAORO SPRING VIDA BY ASPIRE DESIGNS WHITE PINE TRADING

88 index 4.12

30 21-23-25 2 II copertina 28-29


L'Orafo Italiano 2012 04  

Dal 1946 L'Orafo Italiano è la rivista bilingue punto di riferimento del mondo orafo per la qualità delle informazioni, l'autorevolezza dei...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you