Page 1

1


Normal rules don’t apply....

2

3


PREFAZIONE INTRODUZIONE IRIS VAN HERPEN -Biografia -Stile IL MARCHIO -time line

INDICE

HAUTE COUTURE -Futurity Fragile -Chemical Crows -Refinery Smoke -Mummification -Radiation Invasion -Synesthesia -Cristallization -Escapism -Capriole -Mirco -Hibrid Holism -Voltage -Wilderness Embodied READY TO WEAR -Embossed Sounds -Biopiracy -Magnetic Motion -Hacking Infinity

POSIZIONAMENTO COMPETITORS -Azzedine Alaïa -Rich Owens -Marieka Ratsma -Kerrie Luft -Haider Ackermann -Gareth Pugh LOVEMARKS -Concpt -Lovemarker OBBIETTIVI AMORE & PSICHE STRATEGY -Plan -Heart connection BIOTECHIDEA -Filamento di plastica ecologica -Produzione interattiva -Stampante 3d ecosostenibile COLLEZIONE

VALORI

-Design Green -Legno PEFC -Energia solare -Amsterdam / P.C. Hooftstraat 38

BRAND IDENTITY

WORKSHOP

TARGET

COMUNICAZIONE -Evento

BUYING PATTERN

DISTRIBUZIONE SWOT 4

5


BIOGRAFIA

Iris van Herpen è una rinomata progettista, stilista e couturier olandese. E’ conosciuta per la sua estetica futuristica cupamente fantasiosa che ha mostrato durante la Settimana Couture a Parigi. Van Herpen collabora con la società belga Materialise per la stampa dei suoi disegni e ha collaborato con numerosi artisti di varie discipline, spesso su base ricorrente. Il coreografo e ballerino Nanine Linning, l’artista visivo Bart Hess, le modiste Stephen Jones e Irene Bussemaker, il marchio di calzature United Nude, il regista Zach Gold, il designer di gioielli Cielo Tanudiredja, il regista e produttore Joost Vandebrug e molti altri. I disegni di Van Herpen sono assolutamente unici e opere d’arte in sé. La sua rapida adozione delle tecnologie di stampa 3D le ha conferito il posto nell’avanguardia introducendo questa tecnologia nella moda. Van Herpen ha studiato Fashion Design presso Artez Istituto delle Arti di Arnhem e internato a Alexander McQueen a Londra, e Claudy Jongstra ad Amsterdam. Ha iniziato la sua etichetta nel 2007.

6

7


La tranquillità di Arnhem mi ha tenuta concentrata e ho lavorato sodo.

Le lezioni, il rigore e tecnica incentrata mi hanno fornito le basi di cui avevo bisogno per essere in grado di passare ad una fase successiva

Realizzai che un idea poteva venire dal processo di creazione

.

.

A McQueen, ho imparato a conoscere la tecnica, i materiali, la pazienza, fare sacrifici e lavorare per scadenze, ma anche a come avrei potuto fare le

cose diversamente

.

Mentre lavoravo manualmente, lì ebbi un sacco d’idee e divenni inquieta.

Stavo morendo dalla voglia di lavorare per me. Ma è stato bello allenarmi per

avere quella pazienza

.

8

9


LO STILE

La moda crea una forma imperativa di auto-espressione, e quindi non dovrebbe essere definita per funzionalità, ma piuttosto per complimentarsi con l’evoluzione del sé e dell’emozione. Nel suo lavoro si occupa di conseguenza di temi di animalismo e metamorfosi, sottolineando l’evoluzione della condizione umana. Così, attraverso la combinazione di struttura unica, materiali e forme, si crea una tensione e un movimento nel suo lavoro. Una creazione ibrida, basata sulla ricerca interdisciplinare e collaborazioni con altri artisti, scienziati e designer. In particolare è con la collezione, di febbraio 2012 presso la settimana della moda a Londra, intitolata sinestesia, che ha debuttato lanciando una lamina di metallo lucido trattata che attaccata alla pelle crea un effetto visivo sconcertante con nessun punto diretto di fissazione. La stilista si è ispirata ai sintomi di questa condizione neurologica che causa ipersensibilità e l’intreccio di percezioni sensoriali. Allo stesso modo, la sua collezione 2008, intitolata fumo di raffineria si è incentrata sulle qualità ambigue di questo fumo che ha una bellezza inquietante; allettante, ma velenosa. L’intangibilità dei fumi industriali si traduce in garze metalliche intrecciate, di metallo flessibile che ha mantenuto le caratteristiche di ossidazione che riflettevano i processi chimici di fumo industriale. Non vi è quindi qualcosa di non-umano, scientifico, anche industriale del suo lavoro, che è l’antitesi di ciò che prontamente definiamo haute couture.

Iris Van Herpen, la figura eponima

dietro una linea stilistica infame per la sua controversa reinterpretazione che disegna una linea nebulosa tra moda e tecnologia. E‘ haute couture priva di glamour e raffinatezza, ma ricca di contraddizioni. Si ispira all’artigianalità e crea la moda, che è più dell’impianto di un semplice indumento. La contraddizione di Iris Van Herpen sta nella dicotomia tra bellezza e bruttezza. La bellezza indiscutibile delle sue creazioni giustappone il suo tema creativo che è spesso radicato nella decadenza e nell’animalità. I capi stessi non sono carini e scorrevoli come quelli di Valentino, come siamo abituati a vedere in passerella, ma certamente non sono da sottovalutare. Hanno ancora il bordo grezzo, un’opaca impiallacciatura estranea all’incontaminato mondo di alta moda glamuor. La radice del suo lavoro risiede nell’espressione della donna e le forme femminili, e, quindi, crea una rievocazione dell’arte intrinsecamente legata con il sé nascosto e il corpo, il desiderio d’incapsulamento, l’umore e la verità celata. Il suo stile si dirige chiaramente dalla commercializzazione della moda moderna che spesso rende qualcosa che potrebbe essere artistico una merce. Non è né uno strumento commerciale, né qualcosa di funzionale, ma piuttosto una presentazione d’arte in forma dinamica. In questo senso, la sua moda torna alle radici di questo mezzo; quando non era un settore, ma piuttosto espressione artistica. La moda per Van Herpen, come altra arte, diventa qualcosa di più di un semplice materiale, è qualcosa di culturale, e anche psicologico.

10

11


12

13


FASHION SHOWS 2015 Marzo “Hacking Infinity”, Paris RTW Fashion Week 2014 Settembre “Magnetic Motion”, Paris RTW Fashion Week 2014 Marzo “Biopiracy”, Paris RTW Fashion r Week 2013 October “Embossed Sounds ” , Paris RTW Fashion Week 2013 Luglio “Wilderness Embodied” ,Paris Haute Couture week 2013 Gennaio “Voltage”, Paris Haute Couture Week 2012 Luglio “Hybrid Holism” , Paris Haute Couture Week 2012 Gennaio “Micro”, Paris Haute Couture 2011 Luglio “Capriole” Paris Haute Couture 2011 Luglio “Escarpism 2”, Mercedes-Benz Berlin Fashion Week 2011 Gennaio “Escarpism”Paris Fashion Week - Couture 2011 Novembre Dutch Fashion Awards Show , The Hague 2010 Luglio “Crystallizatione”, Amsterdam Fashion Week 2010 Febbrario “Synesthersia” London Fashion Week 2009 Novembre Dutch Fashion Awards Show , The Hague 2009 Settembre “ Radiation invasion ”,London Fashion Week 2009 Gennaio “Mummification” , Amsterdam Fashion Week 2008 Ottobre Philips “illuminesca” Fashion Show , Amsterdam 2008 Settembre Createurope Awards Show ,Berlin 2008 Luglio “Refinery Smoke ”, Amsterdam Fashion Week 2008 Gennaio “Chemical Crows” ,Amsterdam Fashion Week 2007 Dicembre MID-E international Show ,Spain 2007 Luglio “Fragile Futurity” ,Amsterdam Fashion Week AWARDS 2014 ANDAM Fashion Award 2013 Golden Eye Award 2013 Dutch Design Awards, category fashion 2013 Marie Claire prix de la mode, best Dutch Designer 2011 Time’s 50 Best Inventions of 2011 2010 Mercedes- Benz Dutch Fashion Awards 2010 Dutch Fashion incubator Awards 2010 Dutch Accessory Awards 2010 Dutch Design Awards RADO 2009 Dutch Design Awards ,best fasion and accerssory product

14

EXHIBITIONS 2014 FIT Museum NYC, Dance & Fashion 2014 Clash- Resistance in Fashion, Heart Herning Museum of Contemporary art, Herning Denmark 2014 Bass Museum of Art, Vanitas: Fashion and Art, Miami Beach, US 2014 A Queen Within: Adorned Archetypes, The World Chess Hall of Fame, Missouri U.S. 2014 The Future of Fashion is Now, Boijmans Museum , Rotterdam 2014 MAD Museum NY, Out of Hand .Materializing the Postdigital 2014 Solo exhibition, overview of all collections, Boras, Sweden in collaboration with Groninger Museum. 2014 Mode, de musical, Centraal Museum, Utrecht 2013 Solo exhibition, overview of all collections, Calais. Museum Cite-Dentelle in collaboration with Groninger Museum. 2013 ArchiLab | Naturalizing Architecture at new FRAC Centre, France 2013 Exhibition SHOWcabinet / SHOWstudio.com, London 2013 MºBA Fetishism in Fashion. Mode Biënnale Arnhem 2013 HAND MADE. Museum Boijmans van Beuningen, Rotterdam, The Netherlands. 2012 Iris van Herpen. Solo exhibition, Groninger Museum, Groningen, The Netherlands 2012 MICRO Impact. Museum Boijmans van Beuningen, Rotterdam, The Netherlands 2012 Excellent Craft. Palace House of Orange. Berlin, Germany 2012 Iris van Herpen. SIEN, exhibition and an exclusive selection of Iris van Herpen. Opening October 13, 2012. Antwerp, Belgium 2011 Self Structure. Lieu du Design, Paris, France 2011 London Design Festival. Victoria & Albert Museum, London, UK 2011 The New Craftsmanship. Iris van Herpen and her inspiration. Centraal Museum, Utrecht, The Netherlands 2011 Basic Instinct. Berlin, Germany 2011 Mode Biennale Arnhem. Arnhem, The Netherlands 2011 Material World. Art, design and fashion. Groninger Museum, Groningen, The Netherlands 2011 Washed up (curated by Judith Clark). Selfridges department store, London, UK 2011 Little Black Dress. The Civic gallery, Barnsley, UK 2011 Transformation. Swarovski exhibition at flagship store in Vienna, Austria 2011 Fashion&Chocolate. Harbour City Exhibition, Hong Kong, People’s Republic of China 2010 BLACK. Masters of Black in Fashion & Costume. MOMU, Antwerp, Belgium 15


2010 Fashion & Architecture. ARCAM, Amsterdam, the Netherlands 2010 In your Face. Centraal Museum, Utrecht, the Netherlands 2010 Dutch Design Awards exhibition. Eindhoven, the Netherlands 2010 Best of Dutch Design. Red Dot Museum, Essen, Germany 2010 Dutch Cultural Pop-up Space. London Fashion Week, London, UK 2010 10xxx. Gallery Helpuzelven, Winterswijk, the Netherlands 2010 Haute Couture Voici Paris. Gemeentemuseum, The Hague, the Netherlands 2009 Harrods launches. In-store exhibition and sales, London, UK 2009 Shape. Mode Biennale Arnhem, The Netherlands 2009 Dutch Design Awards. Eindhoven, The Netherlands 2009 Design Overtime. Eureka Night, Design Museum, London UK 2009 Shanghai Creative Industries Week, Shanghai, People’s Republic of China 2009 Rollan Didier meets Iris van Herpen. Gallery FashionMania, Amsterdam, The Netherlands 2008 Bridges to Fashion. Historical Museum, Rotterdam, The Netherlands 2008 Galeries Lafayette. Paris, France 2008 V!P Gallery. Rotterdam, The Netherlands 2008 Mememachine Gallery, Tokyo, Japan 2007 SPRMRKT. Amsterdam, The Netherlands

16

COLLABORATIONI Iris van Herpen ha collaborato alle sue collezioni con un grande numero di artisti provenienti da varie discipline, solitamente con una base ricorrente: has collaborated on her collections with a number of artists from various disciplines, often on a recurring basis: il coreografo e ballerino Benjamin Millepied, la coreografa e ballerina Nanine Linning, l’architetto Philip Beesley, l’architetto Neri Oxman, l’architetto Julia koerner, l’architetto Isaie Bloch, il desiner di gioielleria Heaven Tanudiredja, l’ artista visivo Bart Hess, milliner Stephen Jones, milliner Irene Bussemaker, scarpe brand United Nude (Rem D. Koolhaas), il regista Zach Gold, gli architetti Daniel Widrig and Benthem Crouwel, La cantante e cantautrice Björk indossa vestiti di molte collezioni Iris van Herpen. Per la cover del suo album Biophilia e per la cover del suo singolo Crystalline indossa uno dei modelli della collezione Synesthesia. Altre celebrità come Lady Gaga, Beyoncé, TIlda Swinton e l’icona di stile Daphne Guinness indossano Iris van Herpen. 2011-12 Architect Isaie Bloch, “Capriole” Haute Couture collection, “Micro” Haute Couture collection and Centraal Museum Utrecht exhibition 2011 Film –maker Zach Gold , “Basic instinct” exhibition,Berlin 2010-12 Milliner Stephen Jones , “Escapism” Couture collection,”Micro” Haute Couture collection 2010-12 Singer –songwriter Bjork, dresses for album cover “Biophilia”, single cover “Crystalline” “Moon” clip and “Biophilia”tour 2010-11 Architect Daniel Widring, “Crystallization” collection , “Escapism” couture collection 2010 Singer Joey Yung , “Crystallization” concert pieces 2010 Benthem Crouwel Architects, Water-dress ARCAM 2009-12 Artist Bart Hess, “Radiation Invasion” Collection , “Escapism” Couture collection ,”Micro” Haute Couture collection ,exhibition Groniger Museum 2009-12 Shoe brand United Nude(Rem Koolhaas), “Synesthesia” collection , “Crystallization” collection , “Escapism “ Couture collection, “Capriole” Haute Couture collection , “Micro” Haute Couture collection 2009-12 Choreographer/dancer Nanine Linning ,opera “Mademe Butterfly”, dance “Synthetic Twin”, dance “Endless Song of Silence” 2009-10 Milliner Irene Bussemaker, “Radiation Invasion” collection , “Synesthesia” collection, “Crystallization” collection

17


Futurity Fragile Luglio 2007 settimana della moda di Amsterdam

Il punto di partenza per questa collezione è stata la fusione dell’istinto animale e della razionalità umana. Le risultanti “creature/creazioni“ di questa combinazione riflettono la visione di Van Herpen sul ​​futuro: fragile, vulnerabile ed evoluto. Ha sperimentato con forme di ali, di corna, e stampe serpente.

18

19


Chemical Crow

Settembre 2008 settimana della moda di Amsterdam

Un gruppo di corvi che vivono attorno studio di Van Herpen ha innescato la sua associazione con la magia nera e l’alchimia. I corvi sono noti per la loro intelligenza, per la predilezione per gli oggetti scintillanti, e sono tradizionalmente associati con la segretezza e il simbolismo. Van Herpen condivide con gli alchimisti una passione per il controllo e la trasmutazion dei materiali. Come alchimisti cercavano di trasformare i metalli vili in oro, cosÏ Van Herpen ha trasformato in diversi disegni le costole dorate di 700 ombrelli da bambini in forme che ricordano il movimento delle ali e piume.

20

21


Reffinery Smoke

Luglio 2008 settimana della moda di Amsterdam

Il carattere ambiguo del fumo di raffineria, sia bello sia velenoso, ha ispirato questa collezione. Van Herpen ha tradotto l’inafferrabilità di fumi industriali in speciale tessuto di garza metallica. Ha trasformato fili metallici in un materiale estremamente morbido e flessibile. Il metallo ha mantenuto la sua caratteristica di ossidazione e Van Herpen considera questo processo chimico intrinseco come ( visivamente ) il riflesso visivo del duplice aspetto di fumi industriali.

22

23


Mummification

Gennaio 2009 settimana della moda di Amsterdam

Van Herpen è stata catturata dalla bellezza macabra dell’antica mummificazione egizia e dall’intensa devozione che circonda il processo. Con le tecniche di fasciare, avvolgere e coprire il corpo con le tipiche fantasie geometriche e grafiche di mummie egiziane, si approfondisce la pratica di creare una nuova realtà per i loro morti.

24

25


Radiation Invasion

Settembre 2009, settimana della moda di Londra

Radiation Invasion traduce la domanda di Iris van Herpen di quello che potremmo fare con un sovradosaggio della nostra dose giornaliera di onde elettromagnetiche e di flussi di informazioni digitali se fossero visibili. In questi disegni chi li indossa sembra essere circondato da un complesso stravagante di raggi ondulati, tremolanti modelli, vibranti particelle, e riflettenti pieghe.

26

27


Syinesthesia

Febbraio 2010, Settimana della moda di Londra

La Sinestesia è una condizione neurologica che si traduce in una combinazione di percezioni sensoriali. Per sottolineare l’ ipersensibilità del corpo, e visualizzare questo groviglio di percezioni sensoriali Van Herpen ha fissato una lucida lamina metallica sulla pelle con un trattamento speciale che ha generato un effetto visivo di confusione senza un punto di fissazione stabile.

28

29


Crystallization

Luglio 2010, Settimana della moda di Amsterdam

Su iniziativa di ARCAM (Architecture Centre Amsterdam) una collaborazione è stato organizzato tra Iris van Herpen e l’architetto Benthem Crouwel. Il disegno di Benthem Crouwel per una nuova estensione del museo Stedelijk di Amsterdam, si guadagna il soprannome di ‘vasca’. Questo ha ispirato Van Herpen per la progettazione di un abito che sarebbe caduto intorno a chi lo indossa come una spruzzata d’acqua, come essere immersi in un bagno caldo. Esprime nella collezione degli stati diversi, strutture e modelli di acqua. Degno di nota è che in questa collezione Van Herpen presenta il suo primo 3D-stampa che ha creato in collaborazione con l’architetto londinese Daniel Widrig e che è stato stampato per .MGX by Materialise.

30

31


Escapism Gennaio 2011, Settimana della moda di Parigi

Fuggire dalla realtà di tutti i giorni attraverso l’intrattenimento digitale coinvolgente incita a Iris van Herpen non solo sentimenti di vuoto, ma anche associazioni con il grottesco, l’estremo e il fantastico. Questa collezione si propone di catturare sia l’esaltazione di queste dipendenze, come l’attenzione sproporzionata per le celebrità (i “nuovi eroi”) sia il rovescio della medaglia, la fame non soddisfatta che gli è propria. Un’altra importante fonte di ispirazione sono state le sculture barocche esuberanti dell’artista americano Kris Kuksi. Drammatiche gonfie forme sferiche si alternano a stampe 3D scheltriche e merletti di tessuti grigio-argento che sembrano rispecchiare la propria superficie.

32

33


Capriole Luglio 2011, Settimana della moda di Parigi

Unire il digitale e il fatto a mano. Nella sua ultima collezione A / I 2011, presentata al Paris Couture Show, i team di design Iris Van Herpen hanno unito due tecnologie che sono molto meno distanti di quanto si potrebbe pensare. E ‘la sua forza, la sua firma personale. E lei ha già dimostrato questo neile sue precedenti collezioni (“Evasione dalla realtà Couture”, “Cristallizzazione”, “Sinestesia”, “della radiazione Invasion”). Questa volta, però, per il ventisettesimo anno di età la designer olandese presenta 5 capi della massima complessità strutturale in collaborazione con l’architetto Isaie Bloch e .MGX per le stampe 3D. Il prodotto, inizialmente stampato con la tecnologia digitale fornita dalla divisione .MGX di Materialise, viene poi trattato a mano con altri tessuti e con risultati sorprendenti. Come in tutte le sue opere, Iris sottolinea le contraddizioni tra la bellezza e le energie rinnovabili. E per fare questo mixa materiali come poliammide con tessuti, fogli trasparenti e pelli. La sua collezione “Capriole” propone anche le calzature da United Nude.

34

35


Micro Gennaio 2012, Settimana della moda di Parigi

Rendere visibile una realtà che di solito è completamente nascosta alla vista ma che ci circonda completamente ogni giorno era un motivo importante per la progettazione della collezione Micro. Iris van Herpen ingrandisce sul mondo dei microrganismi, ispirata alla straordinaria opera di Steve Gschmeissner. Questa fotografia scintifica utilizza la tecnologia SEM ‘Microscopio Elettronico a Scansione’ per portare l’incredibile bellezza di questo mondo parallelo sotto i riflettori. Van Herpen è incuriosita dal suo lavoro fotografico, dall’idea che questi esseri minuscoli sono così vicino alla nostra pelle, dal fatto che sappiamo così poco di loro e che c’è ancora tanto da scoprire. Questo l’ha portata a disegnare una collezione in cui, ancora una volta, opera e high-tech sono combinati. Il risultato è sorprendente: pezzi scultorei le cui forme si riferiscono a strutture cellulari, plasma, tentacoli o organismi ciliate. Rigonfiamenti peculiari, forme corazzati e scale non solo lasciano allo spettatore indovinare su cosa sono e da dove vengono, ma anche invita a riflettere sul passaggio da materia morta a organismi viventi. La collezione è stata una collaborazione con il modista Stephen Jones, l’artista Bart Hess, l’architetto Isaie Bloch, l’azienda di stampa 3D Materialise e per la quarta volta con United Nude ‘il turno multi-tacco Fang Shoe’.

36

37


Hybrid Holism

Giugno 2012, Settimana della moda di Parigi

Il progetto Hylozoic Ground dell’architetto e artista canadese Philip Beesley ha fornito l’ispirazione per questa collezione. Hylozoic si riferisce al Hylozoism, la credenza antica che tutta la materia è in qualche modo in vita. Beesley ha creato un sistema architettonico reattivo che utilizza l’ilozoismo in un modo del tutto particolare, vale a dire, “stiamo lavorando con materiali sottili, elettricità e chimica, intrecciando le interazioni che in un primo momento creano un’architettura che simula la vita, ma sempre queste interazioni iniziano ad agire come la vita, come alcuni degli ingredienti della vita “. Il suo ambiente respira, si sposta e si muove in relazione a persone che camminano attraverso di esso, toccando e percependolo. Microprocessori investono quell’ambiente con un’intelligenza primitiva o insettivora come una barriera corallina o un grande sciame. Iris van Herpen è incuriosita da questi tipi di possibilità per un futuro di moda che potrebbe assumere forme molto inimmaginabili. Moda che potrebbe essere in parte viva e in crescita, e, di conseguenza, in parte esistente indipendentemente da noi, che a sua volta permette un nuovo trattamento degli uomini: invece di scartare una moda dopo l’uso, tenerla a cuore, per il valore della capacità di cambiare costantemente. Van Herpen ha tradotto questa visione del futuro in una collezione che è molto complessa e incredibilmente diversificata in termini di forma, struttura e materiali. Per un disegno, il ‘vestito cattedrale’ Van Herpen ha introdotto una tecnica denominata stereolitografia come mammut che si riferisce ad un metodo di stampa 3D. Questo processo di stampa 3D è costruito strato per strato dal basso verso l’alto, in un recipiente di polimero che si indurisce quando è colpito da un raggio laser.

38

39


Voltage

Gennaio 2012, Settimana della moda di Parigi

Per la sua quarta collezione presentata a Parigi come membro ospite della Chambre syndicale de la Haute Couture, Iris van Herpen esplora l’elettricità del corpo. Sperimenta con il suo uso nel campo della creazione, questa collezione cerca di ritrarre il suo movimento tangibile e potente. Questa capacità di luce e di energia elettrica di cambiare gli stati e gli enti è riprodotta utilizzando le tecnologie più innovative. Descritto come un approccio alchimista alla moda, i disegni di Van Herpen perennemente abbracciano nuove collaborazioni con artisti, architetti e ricercatori. Come parte dello spettacolo ha collaborato con nuovo artista Zelanda Carlos Van Camp, riecheggiando la sua nozione di controllo dell’energia elettrica ad alta tensione e la sua interazione con il corpo umano. Esperimenti Van Camp, con tre milioni di volt che attraversa bodies. Van Herpen mostra il fascino dell’architetto canadese Philip Beesley con materiali e strutture. Essi si concentrano in particolare su come la reazione di chimica e di energia elettrica fa sì che le strutture rispondono al loro ambiente e reagiscono come esseri viventi. Iris van Herpen è anche conosciuta per essere oggi la stilista leader nell’uso della stampa 3D. Attingendo all’idea di movimento, gli abiti in 3D flessibile stampati sono una rivoluzione, un risultato di collaborazioni con Neri Oxman del MIT Media Lab, nonché Keren Oxman e il Prof. Craig Carter del MIT con Stratasys, e l’architetto Julia Koerner con Materialise.

40

41


Wilderness Embodied Luglio 2013, Settimana della moda di Parigi

La natura è selvaggia. Generata da forze potenti. Prolifera creando bellezza sorprendente. Attraverso la sua collaborazione con l’artista Jolan van der Wiel, che ha trascorso diversi anni ponderando la possibilità di magnetismo, hanno creato abiti le cui forme sono spesso generate dal fenomeno di attrazione e repulsione. Iris van Herpen attinge ugualmente alla forza vitale che pulsa attraverso le sculture di DavidAltmejd. Le sue forme organiche selvatiche derivanti dai processi rigenerativi della natura hanno ispirato Wilderness Embodied. Lo spirito umano forgiato di questa stessa energia vitale, che scorre e erutta attraverso i limiti del corpo mostra tali manifestazioni splendenti della tradizione estrema o della tecnologia come piercing, scarificazione o chirurgia.Questo selvaticita del corpo umano, incontrollata quanto è intima, è ciò che il progettista ha cercato di rivelare con l’architettura della collezione. Con Isaie Bloch e Materialise lei continua a sviluppare abiti 3D-stampati, che è stata la prima a presentare in forme statiche e flessibili. La sua collaborazione con United Nude Rem D. Koolhaas e Stratasys ha portato a scarpe come ragnatele aggrovigliate di albero di base di tutto il piede.

42

43


HAUTE COUTURE

Iris Van Herpen, marchio olandese fondato nel 2007, omonimo dalla famosa stilista, nasce a meno di un anno dalla laurea della stessa. Il debutto celebrato dalla sua prima collezione couture, Futurity Fragile, un enorme scultoreo e stimolante spettacolo che è diventato il primo di molti lavori innovativi e mozzafiato. Riuscendo a distinguersi attraverso prodotti unici e avanguardistici, nel corso degli anni, il brand ha visto una crescita promettente e forte. I suoi disegni hanno ricevuto il riconoscimento e l’attenzione con mostre, pubblicazioni e premi. L’approccio all’avanguardia per la creazione si materializza fondendo la scienza all’utopia. La stampante 3D e la capacità nel trattare numerosi materiali innovativi sono i principali strumenti in cui viene svolta continua ricerca . Attraverso le collezioni si mostra come investire in ricerca e sviluppo, accantonando per una volta le logiche del solo profitto, non sia un lusso sterile esclusiva del design d’avanguardia; al contrario, l’innovazione, risulta un elemento indispensabile, se si vuole sperare di eguagliare l’abilità dei grandi maestri del costume passato. Sebbene, infatti, la società e, di pari passo, l’industria della moda siano radicalmente mutate, rimane il fatto che, per quanto oggi possa assumere diverse sfumature, il talento autentico, se presente, traspare; cristallino come le monadi firmate Iris Van Herpen. Il carattere principale che contraddistingue la tecnicità nonché l’unicità dei capi infatti è il know-how aziendale della raffinatissima la mano d’opera e la tecnologia digitale che mira ad esaudire i desideri di un prodotto unico e ricercato. Herpen svolge attività di ricerca interdisci44

plinare e spesso collabora con diversi artisti per creare le sue creazioni trattati in modo univoco. Passeggiando sulle più famose passerelle della moda e partecipando a numerosi concorsi le creazioni di Iris lasciano il segno apparendo online sulle riviste di tutto il mondo. Questa propensione per il futuro ha portato la stilista, non solo ad adibire una mostra personale al Museo di Groningen, ma anche a disegnare abiti per figure eccentriche come Lady Gaga e Björk. Non stupisce infatti che tra le sue fan ci le siano due star che del vestire con estro hanno fatto il loro cavallo di battaglia. La prima sceglie spesso i suoi abiti incredibili e li abbina alle scarpe scultura realizzate da un altro giovane che sta rivoluzionando il fashion: Noritaka Tatehana. Björk, invece, ha voluto un abito di Iris persino per la cover del suo nuovo disco Biophilia. Autrice di molti progetti, tra cui i costumi per l’opera Madama Butterfly, con la collezione Radiation Invation Iris Van Herpen è stata scelta per la prima edizione di Harrods Launches.

45


Embossed Sound

Ottbre 2013, Settimana della moda rtw di Parigi

Affascinata dal rapporto e dalla potenziale porosità tra i sensi, Iris Van Herpen ha sviluppato abiti che generano suoni tattili. ‘Embossed Sounds ‘è il nome della sua orchestra di vestiti che esplorano indumenti come strumenti elettronici che si possono toccare e giocarci. Toccando i vestiti, la musica dal vivo è scolpita dai modelli per il loro pubblico in una performance intima. Cosa si cela sotto la superficie? Toccare onde audio sensibili e sensuali, filettatura e tessitura su tutto il corpo creano un’intricata rete sonora. La collezione gioca su una dualità visiva, l’ambiguità, che unisce la morbidezza femminile eterea del plissé con il coltello flick e spavalderia del ribelle biker sotterraneo: in rilievo sagome di pelle impreziosite da lacci di cuoio laccato tagliato a laser, tecniche di trecce, e il nero a specchio dei modelli artigianali. I capi sono realizzati in silicone 3D e strutture artigianali, pressati in pelle e tessuti di alta brillantezza tessute da fili di seta e nylon. In un nero, argento, gamma di colori dell’ombra grigio e blu, Iris Van Herpen utilizza materiali che vanno dal chiaro georgette di seta con fibre di acetato traslucido al tessuto per opaco in microfibra con lucido nero ricamato sottile ,Plexiglass e Shiny, liquido trasparente di poliestere giapponese. Il silicone 3d pressato è utilizzato anche per creare le scarpe artigianali da combattimento in rilievo.

46

47


Biopiracy

Marzo 2014, Settimana della moda rtw di Parigi

In una società, in cui i confini tra pubblico e privato sono porosi, le indagini che circondano la proprietà di del proprio corpo sono cresciute. Nel recente passato, brevetti sui nostri geni sono stati acquistati. Siamo ancora gli unici proprietari dei nostri corpi? Da questa domanda nasce un senso di libertà arrestato in un più intimo, solitario stato. Un mix di prêt-à-porter e pezzi couture è presentato con l’artista Lawrence Malstaf - Che si specializza nella interazione tra biologia e fisicità. I modelli fluttuano nell’aria, embrionali, apparentemente senza peso e in una meditativa animazione sospesa. La metamorfosi è suggerita attraverso intricatun o ingranamento dei materiali. Imprigionati, fuoco, opale e perle brillano attraverso trame lacerate, fibre artificiali voluminose compongono, strutture architettoniche, l’ondulazione organico della luce sull’acqua. Una collaborazione di stampa 3D con Julia Koerner fonde artigianale con la tecnica per creare un abito cinetico che balla come amplifica movimento corporeo. Stivali stampati in collaborazione con United Nude accelerare e riconfigurare la silhouette.

48

49


Magnetic Motion

Settembre 2014, Settimana della moda di Parigi

Iris van Herpen esplora l’interazione di forze magnetiche. Esaminando a fondo la rappresentanza delle forze dinamiche di attrazione e repulsione, il designer fonde natura e tecnologia. Van Herpen visitato CERN Large Hadron Collider, il cui campo magnetico è superiore a quella della terra di per 20.000 volte, ha fornito l’ispirazione per ‘Movimento magnetico’. La designer ha lavorato con tecniche come stampaggio ad iniezione e taglio laser su labirinto come su strutture intricate, lavoro manuale architettonico per abiti, giacche, pantaloni, gonne e camicette dando loro forme dinamiche e superfici che riecheggiano il movimento del corpo. La natura tridimensionale e la stratificazione degli indumenti da loro volume. Sottolineano luce e gioco di ombre, la tavolozza dei colori minimalista del nero, bianco, blu notte, e nudo permette al progettista di concentrarsi sulla struttura dei capi. Ragnatele Micro di velo e di pizzo rivelano il bagliore luminescente di forme cristalline, mentre piume in triacetato punteggiano i morbidi drappeggi e i volumi. Un abito trasparente, di cristallo 3D stampato è stato creato in collaborazione con Niccolò Casas. La struttura controllata dei vestiti è compensata dalla struttura caotica degli accessori, scarpe, cinture, collane e frizioni, che vengono ‘coltivati’ utilizzando i campi magnetici per creare un intervallo in cui non ci sono due elementi uguali.

50

51


Hacking Infinity

Marzo 2015, Settimana della moda rtw di Parigi

Nella collezione ready-to-wear per lei Autunno / Inverno 2015-16, presentata a Parigi il 10 marzo 2015 presso il Palais de Tokyo, Iris van Herpen esplora idee di terraformazione, come modificare la biosfera di un altro pianeta per assomigliare a quella della Terra. La collezione esplora la possibilità di nuove geografie e il nostro posto al loro interno. Il desiderio di riconfigurare lo spazio si esprime in materiali performativi leggeri, che interagiscono con il movimento del corpo, strutture biomimetiche e colori spettrali saturi. La geometria centrale è il cerchio, sia per la silhouette che per il taglio. La forma sferica di corpi planetari e il simbolo di un sconfinato infinito ‘hackable’ si dispiega davanti a noi in un flusso costante di forme simili al mandala. Geometrie plissettate a mano sia a seguire che a incorniciare il corpo mentre le cinture di film di illuminazione ottica propongono una silhouette polimorfica e sfida la nostra percezione della figura di spazio. Questa stagione Van Herpen ha sviluppato un’estremamente leggera trama traslucida in acciaio inox, brunite a mano per imprimere una patina di colori simili alle nebule, le cui variazioni infinite rendono ogni capo unico. La tridimensionalità è indispensabile per Van Herpen, e continua la sua ricerca con la creazione di un tessuto 3D intrecciato a mano con il designer Aleksandra Gaca. Una trama come una geologia minerale avvolge il corpo, mentre gli altri cuscini con una griglia lineare di luce, filettata e a frange con un bordo grezzo. Van Herpen persegue la sua collaborazione con il professore canadese di architettura Philip Beesley sulla creazione di abiti fabbricati in digitale. Le scarpe per la raccolta sono state create in collaborazione con il designer di scarpe giapponese Noritaka Tatehana. Sono realizzate da un gruppo 3D stampato in cristallo traslucido e cuoio tagliato al laser.

52

53


READY TO WEAR

Nel 2013 nasce il Ready-to-Wear una estensione di moda, in cui i concetti della Hout Couture vengono tradotti in pezzi da indossare ogni giorno. Prendendo elementi da precedenti collaborazioni e dotandoli di più funzionalità e durata nel tempo, ricercando materiali che rimarranno sempre belli si ottiene il womenswear quasi senza tempo come la couture. L’idea di moda di comprare qualcosa che si può indossare per anni, piuttosto che una stagione, prende forma. L’artista canadese Grimes (nota anche come Claire Boucher) ha già fatto un nome impressionante per se stessa nel mondo della moda, dopo essere stata fotografata da Hedi Slimane ed aver abbellito le pagine di un grande numero di testate periodiche di moda - era anche presente alla mostra a Parigi Chanel Haute Couture. Questa volta il volto protagonista è la nuova campagna di womenswear ready-to-wear della designer olandese Iris van Herpen. Caratterizzata da una selezione di abiti futuristici, scolpiti, oltre a una giacca di pelle ornata, la campagna segna anche il debutto di Iris van Herpen nel regno del design prêt-à-porter accessibile.

54

55


COLLABORAZIONE La fashion designer Iris van Herpen e il designer di calzature Rem D Koolhaas hanno collaborato per creare scarpe stampate 3D che sembrano radici degli alberi. Caratterizzata da reticoli intricati che si snodano intorno al piede, la scarpa rispecchia la crescita naturale delle radici degli alberi. Le scarpe erano 3D stampato utilizzando Stratasys materiali in bianco e nero opaco rigido sul multi-materiale a base di PolyJetObjet Connex e Objet Eden stampanti 3D la cui risoluzione alta consentito le geometrie complesse integrali.

sono quasi come una scultura in piedi, imitando la natura”, ha detto Koolhaas. “Per me, la moda è sempre stata su come impostare i propri confini e fare una dichiarazione” ha detto van Herpen. “Questa volta, ho voluto creare qualcosa che ha fatto eco la bellezza e la natura selvaggia del mondo naturale, così abbiamo deciso di utilizzare le capacità tecnologiche di stampa 3D per portare questo concetto di vita attraverso un paio di scarpe.” “Il materiale nero rigido Stratasys è stato fantastico nel dare le scarpe uno sguardo lucido che cattura gli occhi del pubblico in fiera.”

“Iris è molto drammatica con i suoi concetti e le forme che voleva erano possibili solo con la stampa 3D 56

57


Le precedenti collaborazioni tra Van Herpen e United Nude comprendono scarpe dotate di tacchi con punte in pietre semi-preziose e scarpe con i tacchi simili a zanne. Le scarpe sono state stampate con Objet Connex e Objet Eden stampanti di Stratasys, la società che il mese scorso ha acquisito desktop di società 3D-printer Makerbot. Van Herpen è uno dei primi stilisti a sperimentare con la stampa 3D. In un’intervista con Dezeen all’inizio di quest’anno ha detto:

come impostare i propri confini e fare una dichiarazione”, ha commentato van Herpen. “Questa volta ho voluto creare qualcosa che ha fatto da eco alla bellezza e la natura selvaggia del mondo naturale, così abbiamo deciso di utilizzare le capacità tecnologiche di stampa 3D per portare questo concetto di vita attraverso un paio di scarpe.”

“Tutti potrebbero avere il proprio corpo e la scansione solo ordinare abiti che si adattano perfettamente.” Le scarpe sono state stampate attraverso la stampa 3D con una serie di geometrie complesse progettate per simulare elementi della natura e spingere i confini del design della moda. “Per me, la moda è sempre stata su

funzione e la forma ottimale. Così è stato facile fare modifiche e ottenere esattamente quello che volevamo. Una volta bloccato il disegno perfetto, abbiamo stampato 12 paia di scarpe di moda in meno di una settimana. “

“Lavorare con Stratasys anche ci ha permesso di testare rapidamente le scarpe durante il processo di progettazione e regolare i nostri concetti di

ogni volta siamo stupiti sua capacità di reinventare moda con l’aiuto della stampa Stratasys 3D “ ha detto Arita Mattsoff, Vice Presidente Marketing di Stratasys. “Crediamo che la stampa 3D sia diventata un vero creativo-enabler per il mondo della moda. I progettisti non si limitano più con la produzione convenzionale. Ora possono produrre praticamente tutto. Per questo motivo, riteniamo che la stampa 3D diventerà sempre più una parte integrante del curriculum fashion Si tratta di una calzatura-scultura, dove le linee giocano con le luci e le ombre. È una riflessione sulla luce anche l’ispirazione del negozio del brand, il primo a Londra, che United Nude ha inaugurato in Covent Garden”.

“Siamo lieti di nuovo lavorare con tali stilisti importanti su una collezione così prestigiosa. Con Iris van Herpen 58

59


BUYING PATTERN

My couture is similar to the ready-to-wear, because it comes from the same heart

Van Herpen said.

60

Usati per performancers, tour e premi gli abiti non hanno stagione e non vanno mai in saldo se non on line. La tradizionale vendita si viene a perdere nell’artemorfico mondo della Herpen, che imposta la sua moda come arte scultorea permettendo ai propri capi di avvalersi del prestigio e la scarsa reperibilità degne di opere d’artistiche. Adibendo musei, ripresentando le sue collezioni e astenendosi dalle relazioni pubbliche, Iris concepisce una vita diversa per la sua produzione artilistica, immortale, ritualistica e misteriosa. I capi sono sculture, non sono abiti. Il prestigio nonché tutti i tratti inestimabili della Haut Couture si traslano nella vendita del ready-to-wear che si incarna in un prodotto che si presti a disporre delle caratteristiche strutturali della prima linea ma concedendo una vestibilità diversa. I capi non fungono più da opere d’arte la cui funzione principale non è quella di essere indossati ma collezionati. L’arte incontra il corpo, modellandosi su di esso. Sono abiti senza tempo.

61


ANALISI 62

63


INTIMADENTITY S-collegamento tra il cliente e un’identità che si professa asessuata e che appare e riappare in stesse e diverse forme negli show, non scontrandosi mai fisicamente con il suo target in prima persona, preferendo una comunicazione per lo piÚ digitale e appena accennata.

VALORI

64

65


SENSUALMORFOSY

MISTERYOLOGY

L’abbraccio dei sensi interpreta il cammino di una metamorfosi continua animale, umana, tecnologica preservatrice e trans-formica allo stesso tempo.

L’apparenza si nasconde fuggendo al controllo dei social network e istituendo un sentimento di fugacità e prestigiosità in cui la storia si ripete e si reinventa compensando la fragilità con la ritualità che le permette di originare un patrimonio dell’identità stessa.

66

67


BRAND IDENTITY

La brand identity è strutturata sull’identità archetipale orientata alla sostanza e al pensiero. L’archetipo della moda associato al brand iris van herpen è l’ispirazione stessa della stilista, l’essenza stessa del suo pensiero. La via interpretativa, ossia l’espressione artistilistica, implemento dalla strategia, della sua visione di pensiero suggerisce una carica emotiva tale da instaurare un legame archetipico ossia niente di meno che un sentimento d’immedesimazione. La connessione empatica è dettata dalla pura mente della stilista.

68

69


TECNOLOGIA

TARGET

COLLEZIONE

ARTE

70

CELEBRITÀ

71


Nata e vissuta in un’era prettamente cibernetica dove il bisogno vero e proprio di vestirsi scompare perchè è andato oltre il concetto stesso. È alla ricerca di un concetto non di un abito, è spinto all’acquisto dalla carica emotiva attrattiva suggerita dalla scarsità del prodotto. Sceglie il marchio per la sua affasciante interpretazione e il know-how. Aggiornato, competente in materia di arte e tecnologia. Al passo con i tempi e oltre proietta il desiderio verso nuovi schemi interpretativi ai quali annette proprie interpretazioni. Trova significati che infiammano il suo acquisto dettato dall’impulso. Il collezionista ha un elevato potere d’acquisto, è dinamico e creativo. Acquista per mostrare come se allestisse uno show. Fanno parte del mondo dello spettacolo, molti sono attori e musicisti. Il bisogno di coltivare la propria immagine è legato anche al successo lavorativo e alla costruzione di un’identità commerciale.

POSIZIONAMENTO

72

73


America Houston :Sloan/Hall Newyork:ODD164 Ludlow Street, New York (Between Houston and Stanton)

France Paris:Le bon Marche Paris

Canada Toronto:Hudson’s Bay Montreal:Online shopping at SSENSE www.ssense.com

74

Italy Milan:Spiga 2 Via della Spiga 2, 20121 Milan www.dolcegabbana.com Bologna :Online shopping at The Corner www.thecorner.com Firenze :A Piedi Nudi Nel Parco China ChengDu:Le Select Hongkong: Joyce New World Tower ,16-18 Queen’s Road Central

75

Dubai:The Cartel

Korea Seoul :Boon The Shop


S

trengths • esplorare le nuovo funzionalità della moda nella scultura • unicità • novità • apprezzamento da un pubblico misto, non solo appassionati di moda • influeza nella cristica sociale • L’ARCHETIPO è connesso al concetto di branding, al prodotto e alla scultura • Sponsor • sostenibilità a lungo termine • mk tribale affermato • Seconda linea creata per supportare la prima linea

W

eaknesseS

• diviene famoso • capi troppo distaccati dalla moda vestibile • troppo concettuale • La seconda linea commercializza il brand

SWOT

O

pportunities

• creare oggetti di culto all’interno del brand (talismani) • nuovi progetti di sculture • ricerca e sviluppo tecnologico di nuovi materiali • ricerca nella teconologia 3D • premi e riconoscimento per aver apportato conoscenza attraverso la scultura di moda • diventare un marchio da collezione • creazione di un museo • vendere attraverso aste • allargere il terget • fidelizzare la nicchia

T

hreats

76

• permessi per progetti non concessi • offerte declinate dagli sponsor • problemi legali legati ai residui dei progetti • possibili entranti nel mercato della scultura di moda • subentrata di nuovi designer nel’ uso della stampa 3D • alti costi di produzione della prima linea sostenuti e utilizzati come comunicazione 77


78

COMPETITORS

POSIZIONAMENTO

79


Azzedine Alaïa è nato nel sud della Tunisia nel 1940 in una famiglia contadina discendente da un ceppo Spagnolo Arabo. Fu allevato dai nonni materni a Tunisi e, all’età di quindici anni, si iscrisse alla l’École des Beaux-Arts de Tunis a studiare scultura. Tuttavia il suo interesse per la forma presto lo ha deviato verso la moda. La carriera di Alaïa è iniziato con un lavoro part-time di finitura bordi. Divenne assistente di una sarta, contribuendo a copiare abiti couture da stilisti parigini come Christian Dior, Pierre Balmain, e Cristóbal Balenciaga per i clienti facoltosi tunisini; queste creazioni lussuose e raffinate possedevano uno standard d’ eccellenza che Alaïa ha emulato da allora. Nel 1957 si trasferisce a Parigi. Il suo primo lavoro, per Christian Dior, è durato solo cinque giorni; la guerra d’Algeria era appena iniziata e Alaïa, essendo arabo, non era probabilmente il benvenuto. Ha poi lavorato su due collezioni di Guy Laroche, dove ha imparato gli elementi essenziali di costruzione del vestito. Introdotto alla crema della società parigina da un connazionale con sede a Parigi (Simone Zehrfuss, moglie dell’architetto Bernard Zehrfuss), Alaïa ha cominciato a avere commissioni private. Tra il 1960 e il 1965 ha vissuto come governante e sarto per la contessa Nicole de Blégiers e quindi stabilito un piccolo salone sulla Rive Gauche, dove ha costruito una devota clientela privata. Egli vi rimase fino al 1984, modellando abbigliamento elegante per, tra gli altri, l’attrice francese Arlette-Leonie Bathiat, la star del cinema leggendaria Greta Garbo, e la socialite Cécile de Rothschild, un cugino della famosa famiglia bancaria francese. Alaïa ha anche lavorato su commissioni per altri designer; per esempio, ha creato il prototipo di tubino ispirato a Mondrian di Yves Saint Laurent.

Dal 1970, in risposta al cambiamento sociale del mondo, l’attenzione di Alaïa si è spostato da abiti su misura al ready-to-wear per una clientela emergente di giovani, esigenti clienti. Verso la fine del decennio ha disegnato per Thierry Mugler e ha prodotto un gruppo di capi in pelle per Charles Jourdan. Rifiutati per essere troppo provocatorio, sono stati tenuti da allora in vasto archivio di Alaïa. Nel 1981 ha lanciato la sua prima collezione; già favorito dalla stampa di moda francese, ben presto ha trovato il successo internazionale. Nel 1982 ha mostrato il suo prêt-à-porter, o ready-to-wear, linea da Bergdorf Goodman a New York, e nel 1983 ha aperto una boutique a Beverly Hills. Il Ministero della Cultura francese lo ha insignito del Designer of the Year nel 1985. Ha vestito molte donne famose, come la modella Stephanie Seymour, il presentatore e modello di Grace Jones, e 1950 del modello Dior Bettina. Inoltre, Alaïa fu il primo a presentare la top model Naomi Campbell in passerella.

80

81


82 83

L’abbigliamento Owens è per la maggior parte funzionale quanto visionario e costoso. Il suo atelier produce una grande quantità di separati, che sono accessibili anche a quelli con figure non da modello. Tipicamente Owens taglia con una spalla stretta e maniche lunghe, creando il look della magrezza e spesso disegna con una leggera concavità la parte bassa della schiena in cui si trovano le curve della colonna vertebrale. Non è mai stato un designer manipolatore della forma del corpo, scegliendo piuttosto di abbracciare la forma e l’uso del drappeggio, del taglio di polarizzazione e del jersey. Patroni famosi includono Madonna e Rihanna così come il pacchetto di membri influenti come Carine Roitfeld e Lara Stone, che includono nel loro guardaroba lo stilista.

Iniziò il suo lavoro a Los Angeles e nel 1994 creò il suo marchio, vendendo esclusivamente alla galleria Charles. Nel 2001Inizò la distribuzione internazionale e spostò la produzione in italia. Quasi un decennio più tardi, quando uno scatto di Kate Moss, che stava indossando una delle sue giacche di pelle apparve in Vogue Paris, guadagnò l’attenzione di tutto il mondo ed il supporto di Vogue America di Anna Wintour. In un mercato di prodotti di fascia alta con i marchi esclusivi, la sua comprensione di lusso spicca. In un mercato in cui beni di lusso conglomerati, dall’eccessivo merchandising e dal logo blasonato sono spesso rigorosi, la marca di Owens spicca comprendendo il mercato di lusso. La moda di Rick Owens è l’antitesi della ricchezza ostentativa e ha portato alcuni a coniare il suo look come ‘la ricchezza furtiva’. Owens non fa pubblicità e mostra solo due collezioni uomo e donna in un anno. Le sue collezioni semestrali tendono a mostrare più di una evoluzione nel suo design estetico piuttosto che drammatici cambiamenti nello stile. Il look Rick Owens è stato descritto come ‘glamour-incontra-grunge’, ma Owens stesso dice: “Cerco di fare i vestiti del modo in cui Lou Reed fa musica, con cambi di accordi minimi .... Si tratta di dare tutto, io faccio un sentimento addolcito indossabile”. Owens è un romantico. La sua abilità nel mescolare chiaro e scuro con hard e soft gli ha guadagnato un seguito di culto di consumatori fedeli e critici che avidamente lambiscono ogni collezione. Rick Owens è diventato l’industria della marca per giacche morbidamente lussuose in pelle, colori cimmerie, drappeggi sinuosi e calzature feroci. Recentemente Owens ha mostrato un lato più dolce e glamour pur rimanendo fedele alla sua eleganza monocromatica. Mentre i suoi pesanti cartellini dei prezzi gli permettono di stare al fianco dei suoi modisti contemporanei, Owens tratta i suoi materiali con molto meno rispetto. La pelliccia di coniglio è formata su macabre borse a forma di coniglio, il cashmere è strappato e sfilato e il più bel chiffon è masticato e sfilacciato. Egli utilizza anche tessuti ricchi come il sable per allineare le sue giacche; per compiacere nessuno oltre chi lo indossa.


Proveniente dalla Danimarca, 28 anni di età, Marieka Ratsma è una designer di scarpe e accessori. Ratsma si è recentemente laureata in fashion design presso la Scuola di Arti di Utrecht. La sua splendida scarpa Biomimetismo, un progetto scolastico che per primo ha attirato l’attenzione, si è fatta strada dalla scuola alle pagine di Dutch Grazia Magazine e poi su New York come parte della mostra mozzafiato Shoe Obsession di FIT. E questo è solo l’inizio per questo talento nascente. Gli esperimenti di Ratsma sono un’alta concettualizzazione artigianale e pur non avendo ancora prodotto una collezione indossabile la sua visione è chiara e creativa, come alcuni dei migliori designer di questa generazione. “Amo i materiali che esplorano e le tecniche innovatrici, sia che si tratti di abbigliamento, accessori o scarpe”, spiega. “Esplorare e collaborare fa progettare un’avventura che si rinnova costantemente.”

Anche se è nella fase nascente della sua attività, Ratsma sta già progettando di espandersi. Lei spera di spingere i suoi disegni verso futuro, approfittando della tecnologia e della produzione, di poter creare oggetti realmente indossabili e adatti alla clientela. Questa attenzione è una variabile che la fa spiccare tra gli altri creativi. Spesso l’industria vede designer di talento non andare da nessuna parte perché i loro disegni sono focalizzati esclusivamente sull’espressione artistica, indipendentemente dal fatto che possiedano la capacità di essere indossati o prodotio. La lungimiranza di Ratsma in questo processo è ciò che rende interessante la visione dello sviluppo del suo marchio.

“Credo che quando si tratta di design, va bene tutto”, dice. “Mi piace quando i disegni pongono domande o discussioni. Quando finalmente ho un’idea, la lascio riposare nella mia testa per un po‘ prima di iniziare la realizzazione. Un po‘ come un buon formaggio.“ Questo processo l’ha condotta a progettare due piccole linee di accessori stampati in 3D e a sviluppare le sue scarpe. La stampa 3D è l’ultima mania nella sperimentazione progettuale della moda, quindi l’entusiasmo di Ratsma verso il medium non è una sorpresa.

Una viaggiatrice diabolica, Ratsma ama avventurarsi verso nuove destinazioni e sperimentare cose nuove. “Amo la natura, perché è senza fine, e la scienza per cercare di esplorare e spiegare le sue meraviglie.” Questa passione si insinua nei suoi disegni, creando un’estetica che è futuristica, intricata e audace.

84

85


KERRIE LUFT è un marchio di calzature di lusso fondato nel 2014 che unisce l’artigianalità altamente qualificata di creazione di scarpe italiana con i nuovi progressi nella tecnologia 3D. Le forme naturali sono al centro di ogni progetto e hanno ispirato una collezione di tacchi firmati sagomati e organici, che confondono dolcemente i confini tra arte e design. Conservare proporzioni armoniche è la chiave, tendendo presente la nozione del rapporto tra forza e fragilità. Utilizzare un materiale che è leggero ma anche forte - il titanio - consente la creazione di tacchi iconici che altrimenti sarebbero troppo fragili e delicati. Ogni composizione scultorea richiede un’eccellente combinazione tra scienza fisica, arte, tecnologia e artigianalità. Il risultato della fusione di tradizione e tecnologia crea calzature contemporanee, con particolare attenzione all’unicità, che riflettono un’eleganza senza tempo.

Nata nel 1983, Kerrie ha studiato in Inghilterra 2003-2009 per ottenere il master in design della calzatura da Northampton University e nel London College of Fashion bachelor. Kerrie ha anche lavorato con la regina degli accessori britannica Lulu Guinness e il leggendario designer canadese-britannico, Patrick Cox, quando era ancora studente. Una svolta fondamentale si è verificata nel 2011, quando Kerrie ha ricevuto il premio Fashion Fringe accessori. Questo la spinse a Parigi, dove ha lavorato al fianco di Bruno Frisoni nella casa di Roger Vivier. Questa esperienza l’ ha preparata per il lancio del suo marchio, mentre si stabiliva a Milano, dove si trova tutt’ora

“Si auto definisce un ultra-ottimista sognatrice, Kerrie tiene su un’idea intrigante fino a che non può farla diventare una realtà”.

I tacchi Kerrie Luft sono stati abbracciati dagli editori più influenti della moda e in pubblicazioni come Vogue Italia, Dazed and Confused, Elle, L’Officiel, VOGUE. COM e Madame Figaro.

86

87


Haider Ackermann è nato a Santa Fe de Bogotà, in Colombia, nel 1971. Dopo gli studi alla facoltà di moda nell’Accademia di Anversa, famosa per la formazione di un gruppo di ex alunni influenti nel mondo della moda, lo stilista diviene in breve tempo uno degli astri nascenti più brillanti del Glamour internazionale. Il giovane Haider, desideroso di conoscere il mondo, inizia a visitare una dopo l’altra le città famose d’Europa e gli angoli più remoti dell’Africa. Nel 1994 decide che la sua vocazione è la moda e parte alla volta del Belgio, diretto verso la prestigiosa università di Antwerp, che lascia dopo tre anni per iniziare a lavorare per diversi designers. Durante la sua formazione, Ackermann lavora anche come interno presso l’ufficio di John Galliano. Nel 1998 viene assunto, come assistente, dal suo ex insegnante dell’accademia, Wim Neels, per il quale si occupa delle collezioni maschili e femminili. Nel marzo 2002 Ackermann debutta a Parigi con la sua prima collezione autunno\inverno che porta il suo nome, composta da abiti tenui, nobili e sensuali. Le sue creazioni attraggono i compratori, la stampa internazionale e la casa italiana di pelletteria di lusso Ruffo, che gli chiede di lavorare alla collezione Ruffo Research, per l’anno successivo.

Nel 2004 Haider Ackermann vince il prestigioso premio Swiss Textiles Award e nel 2005, dopo essersi iscritto al belga Groupe 32, si trasferisce a Parigi e apre il suo atelier. Le sue collezioni sono distribuite in tutto il mondo in oltre un centinaio di punti vendita selezionati con cura, tra cui grandi magazzini e boutique di fama internazionale. Ackermann è divenuto celebre per il suo lavoro astratto con la pelle e i drappeggi d’avanguardia. La sua moda nasce dal contrasto di alta e bassa cultura, eleganza e vita di strada. Egli è affascinato dalle differenze culturali e dalla forza d’impatto delle diverse culture sull’uomo, dalla purezza e semplicità estetica di forme mixate con uno stile dinamico e vitale.

88

89


Lo stilista Gareth Pugh ha ricevuto un riconoscimento a livello mondiale per il suo approccio a ridefinire il lusso moderno. Educato a Londra, Central Saint Martins, i vestiti di Gareth sono stati descritti come sculture da indossare - forme sperimentali, volumi e tessuti sono tutti una firma di stile in continua evoluzione. Un testo mash up dove PVC, plexiglas e seta da paracadute incontrano lusso: visone, pelle e cashmere.

Gareth ha lavorato con alcuni dei più celebri artisti del mondo tra cui Beyonce, Lady Gaga e Kylie Minogue e continua a collaborare con leader editoriali e forze creative nel settore della moda e dello spettacolo.

I vestiti del progettista sono stoccati a livello internazionale e nel mese di agosto 2010 ha aperto il suo primo flagship store a Hong Kong. Nel gennaio 2011, Gareth è stato ospite alla fiera italiana Pitti, dove ha presentato una collezione speciale con video-installazione su vasta scala, realizzato con il regista Ruth Hogben. Questo è un collaboratore abituale di SHOWstudio.com, sito web di moda del fotografo Nick Knight, la casa scelta per i film di moda.

Gareth ha fatto il suo debutto al London Fashion Week nel febbraio 2005, nell’ambito del Fashion East line-up. La sua prima mostra personale al London Fashion Week è venuto nel 2006, con la sponsorizzazione di Topshop NEWGEN. Nel 2007 è stato invitato a presentare il suo lavoro come parte della Moda del Victoria & Albert Museum. Fu in questo periodo che la collezione di Gareth ha cominciato a raccogliere maggior successo. “Un incredibile spettacolo, imperdibile ... il suo genio è innegabile”, ha detto British Vogue della sua collezione PE 2007. Nello stesso anno, il lavoro di Gareth è stato scelto per Superheroes: Fashion and Fantasy presso il Costume Institute del Metropolitan Museum of Art di New York. Nel luglio 2008, il progettista ha vinto il Premio Moda ANDAM, presentando la sua prima mostra a Parigi nel settembre successivo. Ha continuato a presentare la sua prima collezione di abbigliamento maschile a Parigi nel gennaio 2009.

90

91


LOVEMARKS 92

93


CONCEPT

Il cuore si presenta come il know-how della stilista, l’alchimia emotiva generatrice del suo pensiero, designa la forma delle sue creazioni. L’archetipo della moda del brand. Il marketing emozionale mira direttamente al cuore del target che si fa ricevente di quella frequenza cardiaca di uno stato emotivo. Le emozioni primarie sono brevi, intense e non si possono controllare. Le emozioni secondarie hanno una dimensione sociale e per provarle occorre che ci sia qualcun altro. Le cosiddette emozioni secondarie non sono affatto secondarie, in realtà. Danno vita a quell’insieme effimero di cui si compongono le relazioni umane, e ciò le rende decisamente fondamentali. Le emozioni possono essere descritte come l’insieme delle risposte pubblicamente osservabili, in seguito all’attivazione di un determinato stato corporeo connesso a determinate immagini mentali; i sentimenti invece si riferiscono all’esperienza da parte dell’individuo di tali cambiamenti, quindi all’esperienza privata delle emozioni. Inoltre le emozioni, in quanto manifestazioni “pubbliche” sono degli stati di breve durata e transitori, mentre i sentimenti possono rimanere attivi per un periodo più lungo. L’emozione numero uno, tesse la tela del legame più forte che si possa instaurare, del sentimento più profondo. L’amore. <<Per me la moda è un’espressione d’arte che è strettamente legato sia a me e al mio corpo. Io lo vedo come espressione di identità in combinazione con il desiderio, stati d’animo e un ambiente culturale.>> La ricetta dell’amore da vita ai Lovemarks. Intesi a creare una sensazione emotiva 94

definibile “amore”, che si concretizza attraverso l’applicazione pratica dei tre archetipi fondamentali sopra indicati come Lovemarks: Intimità, Sensualità e Mistero.

THE LOVEMARKER

INNOVAZIONE QUALITÀ EFFICACIA SERVIZIO IDENTITÀ VALORE

GRANDI STORIE PASSATO-PRESENTE-FUTURO ISPIRAZIONE RIFERIMENTI AI SOGNI FIGURE MITOLOGICHE

REPERIBILITÀ IMPEGNO PIACEVOLEZZA APERTURA SICUREZZA

TOCCO SAPORE PROFUMO SUONO VISIONE

LEADERSHIP ONESTÀ RESPONSABILITÀ EFFICACIA

COINVOLGIMENTO EMOZIONE EMPATIA ISPIRAZIONE

95


OBBIETTIVI

BRANDS

LOVEMARKS

OBBIETTIVO1: AMPLIAMENTO TARGET STRATEGIA: LINEA BIOLOGICA TATTICA: LINE EXTENTION CALZATURE OBBITTIVO2: BRAND REPUTATION STRATEGIA: CERTIFICAZIONE ANELLI FILIERA TATTICA: AUMENTO PRESTIGIO

PRODUCTS

FADS

96

OBBIETTIVO 3 BRAND AWARENESS (REPUTATION) STRATEGIA1: DISTRIBUZIONE TATTICA: MONOMARCA STRATEGIA2: COMUNICAZIONE TATTICA1: EVENTO TATTICA2:SITO WEB

97


BRANDS

LOVEMARKS

PRODUCTS

FADS

98

99


AMORE & PSICHE

«Benché in Cupido e Psiche Cupido ucciso la vergine innocente che era sia un dio, la storia ha importanti elein lei merita in qualche misura di menti in comune con le storie del ciclo essere privato della sua vi¬rilità dello sposo-animale. Cupido rimacosì come lei è stata privata della ne invisibile a Psiche. Ingannata dalle sua verginità - e questo è simbolegsue malvagie sorelle maggiori, Psiche giato dal piano di Psi¬che di tagliacrede che il proprio amante - e con lui re la testa di Eros». il sesso - sia ripugnante [...]. Le frecce di Eros accendono incontrollabili La piacevole ma monotona vita nel desideri sessuali. La fiaba di Apuleio palazzo dove Psiche era stata depousa il suo nome latino, Cupido, ma i sitata dal vento e dove tutti i suoi due nomi alludono entrambi ai desidesideri erano esauditi suggerisce deri sessuali. In greco Psiche signifiuna vita essenzialmente narcisistica “anima”. In Cupido e Psiche il neca, una dimensione ancora infanoplatonico Apuleio trasformò quella tile e autoreferenziale; malgrado il che probabilmente era un’antica fasignificato del suo nome, nella fanvola greca su un’incantevole fanciulla ciulla l’autocoscienza non sarebbe sposata con un mostro serpentiforme ancora matura: in un’allegoria che, secondo Robert Graves (Apuleius Madaurensis: The «Gli innocenti trastulli sessuali transformations of Lucius, New York, sono assai diversi dall’amore maFarrar, Straus & Young, 1951), simboturo basato sulla conoscenza, una leggia il progresso dell’anima razionale vita di facile piacere. Psiche cerca verso l’amore intellettuale. Ciò è vero, di giungere alla conoscenza quanma quest’interpretazione manca di do - ignorando l’avvertimento rirendere piena giustizia alla ricchezza ce¬vuto - lascia cadere la luce su della storia. In primo luogo, la prediEros. Ma la storia ammonisce che zione che Psiche sarà portata via da un cercar di conseguire la conoscenza orribile serpente esprime visivamenprima di essere abbastanza maturi te le informi an¬gosce sessuali della per essa o tramite delle scorciatoie fanciulla priva di esperienza. Il corteo ha conseguenze di vasta por¬tata; funebre che accompagna Psiche al suo non è possibile ottenere la conodestino suggerisce la morte della verscenza di colpo. Desiderando una ginità, una perdita non facilmente accoscienza matura, l’individuo metcettata. La prontezza con cui Psiche si te a repentaglio la propria vita, lascia convincere a uccidere Eros, con come succede a Psiche quando tencui coabita, indica i forti sentimenti ta di uccidersi spinta dalla di¬spernegativi che una ragazza adolescenazione. Le incredibili avversità che te può provare contro colui che le ha Psiche deve sopportare suggeriscostrappato la verginità. L’essere che ha no le difficoltà che l’uomo incontra 100

quando le più nobili qualità psichiche (Psiche) devono sposarsi alla sessualità (Eros). Non è l’uomo fisico ma quello spirituale che deve rinascere per diventare pronto per il matrimonio fra

101

la sessualità e la saggezza. Ciò è rappresentato da Psiche che deve discendere nell’oltretomba e ritor¬narvi; il connubio fra i due aspetti dell’uomo richiede una rinascita».


STRATEGY 102

103


PLAN

L’interazione dell’archetipo dell’amore che si declina con la personalizzazione del prodotto e nel modo in cui il prodotto viene offerto, ossia personalizzato, si unisce all’archetipo caratterizzante della stilista che è la base strutturale del prodotto stesso creando un linguaggio di comunicazione funzionale al raggiungimento del target attraverso la proposta comunicativa dell’identità così definita. LOVE (INTIMITA’,SENSUALITA’ E MISTERO) + PSICHE (IRIS VAN HERPEN) = HEART (IDENTITA’ DEL PRODOTTO) Comunicando l’identità del prodotto si colpisce il target attirato dalla possibilità di dare la forma in cui definisce la sua stessa identità di collezionista attraverso il processo di personalizzazione del prodotto stesso di collezione.

104

105


HEARTCONNECTION Calcolata la risonanza emotiva del brand nel suo pubblico, in base agli interessi dei clienti del brand e la condivisione di questi da parte del brand, si potrà individuare l’alchimia emotiva dell’archetipo d’intimità che lega il cliente all’azienda. Misurando l’intensità della carica emotiva che lega il brand ai suoi clienti l’interesse aziendale verterà sull’ incrementare tale attrattività per raggiungere e fidelizzare la nicchia. Amplificando l’intimità tra brand e cliente ossia, fidelizzando ancor di più la nicchia questa, non rischierà di volatilizzarsi e incrementerà il sentimento d’intimità nei confronti del brand (coinvolgimento, empatia, passione). Il riconoscere tutte le varie caratteristiche che compongono l’archetipo d’intimità per li target sarà necessario per riconoscere e costruire l’elemento fisico (negozio, line estention e campagna di comunicazione) conforme all’archetipo di sensualità (udito, vista, olfatto, tatto, gusto). Infine per sintetizzare le analisi, verranno convogliate le caratteristiche individuate rendendole un impresa intrapresa dal brand a favore di una causa comune (brand-target) che si contraddistingue attraverso tratti principali del brand (DNA). L’archetipo del mistero (grandi storie, passato-presente-futuro, riferimenti ai sogni, miti e icone, ispirazione) verrà comunicato per in bound marketing (volta agli interessi del target) e si strutturerà sul

106

convergere l’attenzione del cliente di maniera autonoma verso la costruzione del prodotto e il know how aziendale (marketig heritage). Il come viene affrontato dall’azienda il progetto emergerà attraverso il per cosa sta combattendo sottolineando la sua presenza nella causa si avvarrà dell’interesse del pubblico in essa. *per comunicazione attraverso in bound mktg intendo che prevarrà una logica d’intrattenimento del pubblico basata sui suoi interessi piuttosto che soffermare l’attenzione sulla specificità di tratti attraverso una massiccia pubblicità sui valori del brand. Adoperando questa strategia si presuppone saranno i clienti a interessarsi nell’acculturarsi verso la filosofia del brand. Ulteriore analisi del target (segmentazione geo, psico, etc) Conoscere il target con il supporto dei motori di ricerca e social ( google, fb etc) Comporre una lista dei principali interessi del target e sottoporla ad un analisi emozionale orientata ai 3 principi dei Lovemarks.

107


FILAMENTO DI PLASTICA ECOLOGICA Dimension Polymers una azienda di Chicago ha sviluppato li primo filamento per stampanti 3D professionale in plastica riciclata. L’obbiettivo è di promuovere la produzione ecologica attraverso l’innovazione scientifica.

BIOTECH IDEA

108

Garantisce un prodotto capace di contenere il 95% di plastica riciclata in modo da ridurre le emissioni di anidride carbonica associate al filamento 3D di oltre il 66%. Nonostante si disponibile solamente il colore nero, il filamento è garantito al 100% come dimostrato in laboratori accreditati A2LA e certificato dal prestigioso marchio Kingfisher materiale riciclato della SCS Global, una delle più importanti imprese ambientali, di sostenibilità e di certificazione della qualità alimentare terze della nazione.

109


PRODUZIONE INTERATTIVA L’implementazione del display grafico TFT consente alla stampante di funzionare in modalità stand-alone, senza il collegamento al PC tramite USB. Usando la manopola è possibile scorrere tra le schermate, distinguibili non solo per nome, ma anche grazie a una grafica intuitiva. E’ stata creata una sezione “utilty”, contenente un tutorial che aiuta l’utente a cambiare il filamento plastico e a calibrare il piatto di stampa. Dal menù è possibile selezionare la lingua, testare il movimento degli assi o il corretto riscaldamento, nonché verificare che l’estrusore funzioni correttamente. Infine, grazie allo slot per una scheda micro SD, è possibile selezionare e avviare il processo di stampa di un file precedentemente convertito in GCode. Il potere della stampa 3D sta nel attingere bisogni locali e la creatività stimolante. Il potenziale per la stampa di altri prodotti di consumo è limitata solo dalla fantasia delle persone e delle dimensioni della stampante. Non richiede strutture formali per fare questo, e tutti possono partecipare nella tecnologia. Fare

vestiti con materiali riciclati ha il suo fascino creativo. Infine, la tecnologia permette agli utenti di produttori, o almeno molto maggiore di ingresso in produzione. La possibilità per le comunità altamente creativo di creatori e produttori di guidare il proces-

so di innovazione è significativo.

110

STAMPANTE 3D ECOSOSTENIBILE E’ la protagonista indiscussa della “terza rivoluzione industriale” e, forse proprio perché proiettata nel futuro, è anche eco-sostenibile. La stampante tridimensionale, cioè una macchina in grado di realizzare un oggetto partendo dal suo disegno digitale, è oggi una realtà più diffusa di quanto si possa pensare: il prezzo è diventato accessibile e gli impieghi che se ne possono fare molteplici. Ma soprattutto la stampante 3D può diventare un progetto “verde”, cioè a basso impatto ambientale. Grandi giocatori come Levi stanno facendo i jeans che incorporano le bottiglie di plastica. Ma la stampa 3D può ora rivoluzionare questo in maniera additiva. Invece di tagliare stoffa e sprecare parti di esso, la tecnologia consente la creazione di abiti individua lizzat i per soddisfare l’occasione, senza sprechi. La tecnologia svolta al contrario il manifatturiero tradizionale. Invece di centri di produzione di massa, rende possibile la produzione decentrata dalle masse. In terzo luogo, la stampa 3D è additivo piuttosto che essere sottrattiva. I nuovi prodotti sono costruit strato dopo strato. In vecchie

111


pratiche di fabbricazione, i materiali vengono tagliate, piegate, fuso e raffreddato. Stampa 3D ha un impatto ambientale meno di produzione tradizionale, sprecando meno energia e risorse. Inoltre, le stampanti 3D può anche produrre ricambi, riducendo la necessità di estese filiere industriali. Energie Sensibili famoso magazine volto alla ricerca del domani ha visto una di queste macchine in azione al

World Wide Rome 2012, rassegna internazionale dell’innovazione e della tecnologia. Riporta in un intervista il primo approccio con Kent’s Strapper, piccola azienda fiorentina a carattere familiare, per capire come questa tecnologia possa essere legata ai valori dell’efficienza energetica e del basso impatto ambientale. La stampante 3D Kentstrapper Volta nasce tra Firenze e Milano, lungo il filo immaginario che unisce la migliore tradizione artigiana italiana con la passione internazionale del movimento maker per la ricerca e l’innovazione. Nasce dalla passione per il design 112

di Patrizia e Marcello, co-founder di Tecnificio e dall’esperienza maturata nella stampa 3D dalla maker family Kentstrapper. Questa stampante 3D nasce con l’obiettivo di avere una soluzione formale solida, slegata dal concetto di “cubo”, con l’obiettivo di avere un’ area di stampa più grande e un’ottimizzazione dei costi di produzione e spedizione. Abbiamo progettato una struttura nuova e solida, realizzata con una lastra di HDF (High-density Fibreboard) tagliata al laser e colorata in pasta con tinte naturali con ottime caratteristiche meccaniche e di resistenza all’usura. Affidabili e di ottima qualità, le stampanti rappresentano l’ideale per hobbisti, ingegneri, studenti, architetti, designer e tutti coloro che intendono entrare nel mondo della stampa 3D. Quanto costa una stampante in 3D e chi la compra? I modelli che abbiamo partono da

600 euro fino a circa 6.000 euro, a seconda un prezzo di

delle esigenze del cliente. Le stampanti più economiche sono alla portata anche di privati: alcuni le comprano per hobby, altri per lavorare. E’ un settore ancora giovane e non abbiamo un mercato di riferimento, ma la richiesta sta iniziando a prendere campo.

E in termini di consumi energetici? La stampante non grava né sull’ambiente né sul portafoglio. Sono macchinari che consumano poco

energie alternative”. Lorenzo Cantini di Kent’s Strapper

Progettare prodotti per applicazioni sostenibili , e la loro produzione

da trasformazioni molecolari che consumano meno energia , ridurre al minimo o preferibilmente eliminare la formazione dei rifiuti e l’ uso di sostanze tossiche,

solventi e reagenti pericolosi e utilizzare materie prime rinnovabili

dove possibile perché, tramite un alimentatore 12 volt / 5 ampere, riescono ad arrivare a una temperatura di 260 gradi, che è la temperatura di fusione della plastica. Si tratta di un macchinario di dimensioni medio-grandi. Come gestite la vendita? Facciamo tutto online e anche nel momento della distribuzione ci preoccupiamo dell’aspetto “green”. Oltre al packaging in materiale riutilizzabile, ai nostri clienti diamo la possibilità di scegliere se utilizzare direttamente l’imballaggio riciclato per la spedizione. “La prima presentazione è avvenuta alla Fortezza di Firenze durante una fiera sulle rinnovabili e ancora oggi le nostre stampanti sono esposte nella sede di ‘Soluzioni per il risparmio energetico’, un consorzio per le 113


COLLEZIONE AMORLETO

114

115


Definite al massimo in ogni dettaglio, grazie alla stampa 3D, la collezione di calzature della nuova linea che comprandono tacchi di 10 cm e sneakers, rigorosamente nere offrono un comfort unico nel suo genere. 1.200 euro

700 euro

1.200 euro

targhetta logo in acciaio posta centralmente sotto la suola Interamente personalizzata sul cliente, che scannerizzando la propria pianta del piede potrĂ ottenere il massimo del comfort unito al design unico Iris Van Herpen, la scarpa è il massimo dellâ&#x20AC;&#x2122;innovazione unito allo stile.

1.200 euro

700 euro 116

700 euro 117


DESIGNGREEN

Le aziende italiane dell’arredamento e dell’interior design sono leader a livello mondiale. Possono vantare marchi storici riconosciuti da tutti, capaci di dettare i gusti, le mode e le tendenze sui mercati internazionali. Il Salone del Mobile di Milano ne è la riprova: ogni anno migliaia di visitatori da tutto il mondo confermano l’interesse verso i prodotti Made in Italy. Un vanto della nostra produzione nazionale, dei nostri distretti industriali, del nostro sistema economico. I mercati però cambiano e sono in continua evoluzione. Qualsiasi brand aziendale, pur forte e famoso che sia, a volte, da solo, non è sufficiente ad acquisire nuove nicchie di mercato, soprattutto quelle sensibili alle tematiche ambientali. Gli sbarramenti, Paese per Paese, sono molteplici. I prodotti devono essere sempre più supportati da certificazioni di parte terza che ne attestino determinati requisiti oggettivi, a garanzia del consumatore. Consumatori sempre più sensibili alla qualità dell’ambiente in cui vivono e quindi alla sostenibilità dei prodotti che acquistano. L’aumento di malattie specifiche quali asma e allergie infantili legate alle

emissioni di VoC dei materiali, la deforestazione massiccia, il grado di riciclabilità dei materiali e il consumo di Co2 necessario per produrli, sono problematiche di forte attualità. Da qui l’esigenza di creare un “club esclusivo” GREEN sul web, un negozio virtuale internazionale sempre

aperto al mondo, grazie alla quale trovare prodotti italiani in possesso di determinate e specifiche conformità ambientali, quali ad esempio PEFC. 118

LEGNOPEFC

Arredamento in legno con certificato l PEFC (Programme for Endorsement of Forest Certification) è un’organizzazione internazionale non governativa istituita nel 1998 per promuovere la gestione sostenibile delle foreste. A differenza di FSC (rispetto al quale non si riconosce), adotta una politica di organizzazione “ombrello” globale, si tratta cioè di sistema di certificazione basato sul mutuo riconoscimento di schemi di gestione forestale nazionali. PEFC riconosce ad esempio gli schemi di certificazione di Stati Uniti (SFI e ATFS), Canada (CSA), Malesia (MTTC) e Russia (Russian National Forest Certification System). Grazie a questo meccanismo di riconoscimento, PEFC è diventato oggi lo schema di certificazione di gestione forestale più diffuso in Italia e nel mondo. In Italia è presente dal 2001 grazie ad attori pubblici e privati della filiera foresta-legno, tra cui Pubbliche Amministrazioni, Confindustria, la Federazione dei Consorzi forestali, il Consiglio dell’Ordine nazionale degli agronomi e forestali, ecc. Al 2011 in tutto il mondo PEFC copriva circa 220 milioni di ettari di foreste certificate; l’Italia con circa l’8% delle pro-

prie foreste certificate (circa 780.000 ettari, per lo più nell’arco alpino), è nella media mondiale. Alla base di PEFC vi è il principio di promuovere uno sviluppo sostenibi-

le, cioé uno sviluppo che soddisfi i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni; rappresenta quindi un gesto concreto a favore del pianeta perchè rende consapevoli del fatto che, prediligendo l’acquisto di prodotti marcati PEFC, si sta contribuendo alla gestione sostenibile delle foreste e valorizzando il legno, una preziosa materia prima 119


essenziale all’ecosistema. Cosa si intende per “Certificazione della gestione forestale”? Per “certificazione della gestione forestale” si intende la procedura di verifica che conduce all’emissione, da parte di un organismo di certificazione indipendente, del certificato che attesta

che le modalità di gestione boschiva rispondano a specifici requisiti di “sostenibilità”. Oltre a certificare la sostenibilità della gestione delle foreste, PEFC certifica la rintracciabilità dei prodotti legnosi commercializzati e trasformati, che provengono dalle foreste certificate, mediante verifica della Chain of Custody (Catena di Custodia o CoC). Cosa si intende per “Chain of Custody” CoC, e perchè è importante La Chain of Custody è un meccanismo per tenere traccia del materiale certificato (legno o derivato), dalla foresta al prodotto finale. E a tutti gli effetti un certificato, rilasciato da un Ente di Certificazione accreditato da PEFC. Garan120

tisce che il legno o un suo derivato che compone il prodotto venduto (fibre, particelle, tranciato, massello, cellulosa, carta, ma anche i prodotti del bosco), ossia quello che arriva nelle mani del consumatore finale, proviene da foreste gestite in modo responsabile e certificate come tali.

Il fine è quello di evitare che prodotti legnosi provenienti dall’abbattimento illegale, o in aree protette, possano entrare nella catena dei prodotti certificati, rendendo vano tutto lo sforzo precedente. Il certificato PEFC Catena di Custodia, è un prerequisito per le aziende che vogliono utilizzare il logo PEFC, per promuovere i propri prodotti. Mediante implementazione di una CoC, la gestione sostenibile delle foreste è così garantita a valle della filiera produttiva del legno, mediante la certificazione della rintracciabilità dei prodotti a base legnosa e dei suoi derivati. La certificazione COC, dunque, garantisce l’origine del mate-

riale a partire dalle foreste certificate fino al consumatore del prodotto, mediante la certificazione di tutti gli anelli della filiera. Obiettivi e vantaggi sono quelli di garantire agli acquirenti dei prodotti di legno e carta la certezza di favorire attività forestali sostenibili, ma anche di rafforzare un’immagine positiva delle aziende certificate rispetto alla loro sensibilità ambientale, all’attività forestale e alla gestione del legno come materia prima rinnovabile.

La Certificazione PEFC può essere agevolmente integrata con i Sistemi Certificati ISO 9001 e ISO 14001. Esistono, infine, due diverse certificazioni di Prodotto PEFC: la prima prevede che il prodotto (o una percentuale specifica del prodotto), sia realizzato con materia prima proveniente da foreste gestite in maniera sostenibile e da fonti controllate, la seconda prevede invece l’utilizzo di materie prime riciclate.

Chi può ottenere la Certificazione PEFC ? Tutte le foreste e le imprese, indipendentemente dalle loro dimensioni, possono ottenere lacertificazione PEFC da applicare ai propri prodotti. Al fine di consentire anche ai singoli piccoli proprietari d’aderire c’è la possibilità non solo di ottenere una certificazione individuale ma anche una certificazione in modalità associata, di gruppo o regionale, in modo da far sfruttare le economie di scala. Un evidente ulteriore opportunità per le imprese è rappresentata dalla maggiore visibilità grazie dalla disponibilità di uno strumento di comunicazione e “marketing” ambientale, il logo PEFC, e alla possibilità dell’uso del logo su prodotti, imballi e documenti aziendali. Gli elementi minimi da inserire sono logo e codice di autorizzazione d’uso del logo. Il codice del logo PEFC viene rilasciato dalla segreteria di PEFC Italia, che dopo apposita iscrizione procede a rilasciare un CD con i loghi ed i requisiti per la riproduzione dei medesimi. 121


ENERGIASOLARE

Alcuni imitano le forme della natura, altri sembrano sculture di artisti, altri ancora dei futuristici oggetti di design del paesaggio. Hanno cominciato a colonizzare qualche strada, piazza e giardino: sono la nuova “famiglia” degli alberi fotovoltaici e producono energia elettrica. In genere si compongono di un montante centrale, il tronco, al quale sono uniti, tramite elementi di giunzione, irami; su quest’ultimi sono fissate le foglie ovvero i pannelli fotovoltaici, orientati in modo tale da catturare la maggior quantità di raggi solari durante la giornata. Collegando fra loro più alberi, con le foglie–pannello che riescono ad inseguire la posizione del sole, si incrementa la produzione di energia elettrica, utile anche ad edifici e stabilimenti. L’albero con foglie fotovoltaiche diventa quindi molto utile in tempi di crisi come quello odierno in quanto può contribuire alla riduzione della spesa elettrica pubblica; così facendo si possono ammortizzare i costi di installazione in pochi anni

122

123


Amsterdam / P.C. Hooftstraat 38

124

125


ProprietĂ della B&O retail situato vicino al centro di Amsterdam, nel famoso PC Hooftstraat dove il luxourius in cui sono rappresentati i marchi di fascia alta. Lo spazio di vendita si trova nelle immediate vicinanze di, tra gli altri Taschen, Lacoste, Mulberry, Emporio Armani, Burbery, Escada, IWC e Tesla.

Facciata Circa. 6 m Piano terra Circa. 104 m 2 Seminterrato Circa. 102 m 2 Primo piano Circa. 72 m 2

126

127


128

129


130 131

Giacenza stagionale Valore giacenza Margine su giacenza

Debito bancario importo residuo Tasso di interesse

ALTRE INFORMAZIONI

totale

totale

margine %

costo merce listino sconto medio acquisto ulteriore sconto specifico cliente costo effettivo merce moltiplicatore incasso lordo taglio promozioni ribassi svendite

CALCOLO MARGINE

Addetti FT Addetti PT Direttore

SPESE PERSONALE

Canone affitto Spese condominio Utenze Canone affitto azienda Altre spese correnti Spese personale

SPESE CORRENTI

0% 0,00 0,00

496.400,00 3%

60,00%

100,00 0,0% 0,0% 100,00 3,00 300,00

45.000,00 161.480,00

costo annuo 116.480,00

60.000,00 161.480,00 620.480,00

costo annuo 364.000,00 5.000,00 30.000,00

218.400,00 150.000,00 78.000,00 50.000,00 496.400,00

2100 0,00

arredo a mq. key money quota contribuzione arredo

Arredamento Impianti, computer, ecc. Migliorie locali Altri investimenti

104

costo

30/11/2015

dimensioni in mq.

INVESTIMENTI

totale

data riferimento valutazione d'investimento

ammortamenti 15% 20% 8% 8%

20% 20%

%

1

2

32.760,00 30.000,00 6.240,00 4.000,00 73.000,00

0,00

quota ammort.

Utile lordo

totale

prezzo (sell - through) promozioni svendite media

calcolo riduzione margine

m. unitario m. %

MOL (EBITDA) Reddito operativo

riduzioni prezzo pr. Un. Finale iva (20%) fatturato unitario costo acq. Un.

Oneri finanziari

Ammortamenti

Spese generali

Ricavi di vendita Costo del venduto Margine su giacenza Margine lordo Personale Affitto locale Condominio Canone Aff. Azienda Utenze

Incassi lordi

forecast

CONTO ECONOMICO

dati negozio Iris Van Herpen

quota

100,0%

100,0% 0,0% 0,0%

1,50 60%

0% 3,00 20% 2,50 1

prezzo pieno

60.000,00 87.892,00 73.000,00 14.892,00 14.892,00 0,00

1.180.620,00 472.248,00 0,00 708.372,00 161.480,00 364.000,00 5.000,00 0,00 30.000,00

1.440.356,40

BEP

ribasso medio 0% 10% 27% 0%

1,25 56%

promozioni 20% 2,70 20% 2,25 1

5,1% 7,4% 6,2% 1,3% 1,3% 0,0%

100,0% 40,0% 0,0% 60,0% 13,7% 30,8% 0,4% 0,0% 2,5%

margine

svendite

60,00% 55,56% 45,21% 60,00%

0,83 45%

27% 2,19 20% 1,83 1

60.000,00 166.405,25 73.000,00 93.405,25 14.892,00 78.513,25

1.311.475,41 524.590,16 0,00 786.885,25 161.480,00 364.000,00 5.000,00 0,00 30.000,00

1.600.000,00

POTENZIALE retail price € 1.200,00

vendite/mq

vendite/add

4,6%addetti 12,7%pz/capite 5,6% 7,1%UPT 1,1%sc/gg 6,0% CR% accessi/gg

Wholesale € 400,00 40,0% 0,0% 60,0%pz vend 12,3% 27,8% 0,4%vend stag 0,0% 2,3%vend gg

Pensato come evoluzione del classico concetto di monomarca, Iris Van Herpen Workshop si presenta come estensione del famoso studio olandese di design, dedito alla sperimentazione di nuove concezioni di spazio e materiali grazie a prodotti unici e innovativi, per creare spazi intimi, effimeri e infinitamente creativi: muri, divisori d’ambiente, sedute over-size, pouf e soffici divani interamente realizzati in legno e tessuto, ripiegabili ed estremamente flessibili nella loro disposizione, nelle forme e nei creativi accostamenti e possibilità di utilizzo, che sarà possibile in questa sede sperimentare. Il design prettamente in legno e le tecnologie all’interno quali, lo scanner per la pianta del piede e la macchina 3D, creeranno un atmosfera lussoreggiante, tecnologica e minimale. Negli ampi spazzi dei suoi due piani i clienti potranno mettersi a confronto con le nuove tecnologie e il rispetto per l’ambiente. Formato minimal design, l’ albero fotovoltaico aggrovigliato sulla struttura la sostenta energicamente. Interagendo con gli strumenti per creare le loro scarpe estremamente personali e carismatiche, le persone avranno modo di immergersi in una struttura esperenziale. Iris Van Herpen Workshop si trova nel famoso PC Hooftstraat ad Amsterdam strada ospitante i marchi del lusso più prestigiosi. punto vendita:MONOMARCA Amsterdam / P.C. Hooftstraat 38

WORKSHOP 30

18,74

3,37

0,11

3,37

35%

1

590

1181

13.849,58

#DIV/0!

BEP

1,3

35%

15.384,62

#DIV/0!

8,24

2,88

#DIV/0!

3,75

655,74

1.311,48

POTENZ


132 133

Last Year Plan Revised Actual Last Year

Cost Purchases

Stock to Sales Ratio

€ € €

Planned Purchases OPEN TO BUY at retail OPEN TO BUY at cost

17.777,78

80.000,00 53.333,33

400.000,00 26.666,67

€ 426.666,67

€ €

-Planned BOM Stock -On order

€ 31.111,11

€ 140.000,00 € 93.333,33

€ 350.000,00 € 46.666,67

€ 350.000,00

350.000,00

Marzo € 140.000,00

3,1

#DIV/0!

26.666,67

80.000,00

€ €

$

$

14%

396.666,67

2,5

#DIV/0!

€ €

$

$

18%

€ 62.222,22

€ 280.000,00 € 186.666,67

€ 350.000,00 € 93.333,33

€ 450.000,00

€ €

$

$

€ €

-

€ 443.333,33

€ 31.111,11

€ 140.000,00 € 93.333,33

€ 450.000,00 € 46.666,67

€ 400.000,00

Maggio € 190.000,00

-

€ 496.666,67

€ 590.000,00

2,4

46.666,67

140.000,00

#DIV/0!

-

19%

#DIV/0!

400.000,00

450.000,00

190.000,00

May November

Workroom Expenses

Overall Markdown %

Turnover Rate

€ 630.000,00

1,9

#DIV/0!

93.333,33

280.000,00

#DIV/0!

€ 450.000,00

350.000,00

180.000,00

April October

Aprile € 180.000,00

46.666,67

140.000,00

#DIV/0!

€ 350.000,00

350.000,00

140.000,00

March September

ACTUAL

490.000,00

#DIV/0!

350.000,00

400.000,00

13%

58,10%

130.000,00

February August

TY-PLAN

Special Notes

$

Febbraio € 130.000,00

€ €

Planned Sales +Planned Markdowns +Planned EOM Stock

Department MU%

Department Number

€ 480.000,00

Last Year Plan Revised Actual

Retail Purchases

OPEN TO BUY REPORT Department Name

Last Year Monthly % Plan Monthly % Actual

Markdowns

Plan

Last Year Plan Revised Actual

Last Year Plan Revised Actual

BOM Stock

EOM STOCK (EOS stock is same as Jan/July EOM)

Last Year Plan Revised Actual

SALES

Monthly % of Sales

Spring 200_ Fall 200_

58%

42%

LY-LAST YEAR

Average Stock

Evaluating Last Year's Performance Retail % Cost %

Department name and #

Student Practice Template

Six-Month Merchandising Plan

$

$

19%

-

2,1

#DIV/0!

TY-PLAN

17%

$

-

$

$

-

-

€ 373.333,33

€ 520.000,00

NA

€ 316.666,67

950.000,00

#DIV/0!

-

1.000.000,00

100%

Season Total 100%

ACTUAL

€ 48.888,89 €

€ 220.000,00 € 146.666,67

€ 300.000,00 € 73.333,33

€ 350.000,00

Luglio € 170.000,00

1,8

#DIV/0!

€ 73.333,33

220.000,00

#DIV/0!

€ € 350.000,00

$ € 300.000,00

170.000,00

July January

2,69

371.428,57

€ 430.000,00

€ 20.000,00 €

€ 90.000,00 € 60.000,00

€ 400.000,00 € 30.000,00

€ 300.000,00

€ €

€ 490.000,00

30.000,00

90.000,00

#DIV/0!

€ 300.000,00

400.000,00

190.000,00

Giugno € 190.000,00

€ €

June December

n/a

#DIV/0!

#DIV/0!

LY-LAST YEAR $


EVENTO

COMUNICAZIONE

134

Nella rinomata via del lusso ad Amsterdam, in Ottobre Iris Van Herpen Workshop apre le porte al suo pubblico. Comunicata ai clienti con invito a casa agli inizi di settembre l’esperienza d’acquisto avrà un sapore di scoperta sens-azionale. All’ingresso, riservato a pochi per il primo giorno d’apertura, si terrà una selezione, riservata in primo luogo per l’abbigliamento che prevede l’indossare ciabatte in legno e corda nera fornite al momento dell’apertura. L’essenzialità dell’indossare questo elemento favorirà l’interattività del negozio e l’impatto emozionale fornito. La scelta di tale ritualità ripresa dalla cultura giapponese dell’abitare in casa renderà al’esperienza ancora più immersiva e sentita. Fornendo un per-corso adatto alla comunione con un nuovo modo d’indossare. La casa di moda supportata nell’evento da Don Perignon offrirà una degustazione di champagne e finger-food durante tutta la giornata. Accopagnata da musica rialssante rielaborata con frequenze tecno, l’apertura avrà un sapore rilassante ed energizzante della quale i clienti porteranno a casa non solo il ricordo ma un prodotto da collezione interamente dedicato a se.

135


Alebero fotovoltaico 35.000 1.300 macchina 3D 500 scanner 15.000 mobilia prezzo facon e retail.

WEB

Disponendo già di un webshop, che però si limita a disporre di sole due collezioni di cui detiene solo pochi capi, Herpen, che della ricerca prodotto fa il cavallo di battaglia della sua strategia, si addentrerà de mondo del SEA e del SEO attraverso un agenzia, favorendo una maggiore visibilità attraverso le caratteristiche del prodotto che verranno comprate sotto foema di keywords. ( 3DPRINTER, ECO3D, 3DSHOES, ECOSHOES, 3D, ECODESIGN) Il nuovo prodotto reso importante non solo dal design firmato ma, anche dalla composizione del prodotto in se comparirà sulla home page del sito completo di teaser che favorirà l’apprendimento e l’accettazione della nuova tipologia di prodotto. A seguito dell’evento, sul sito verrà reso disponibile, per chi dispone di una macchina 3D e scanner, scaricare il logaritmo per produrre le calzature autonomamente pagando on line e ricevendo a casa il filamento e la targhetta brandizzata.

136

137

Iris Van Herpen - Polimoda Final Project - Laura Parenti  

proposed strategy for the brand Iris Van Herpen. The strategy aims to achieve certain objectives according to financial analysis and marketi...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you