Issuu on Google+

FOCUS

031

Sguardi all’americana Abbiamo visto all’opera tre ottiche di precisione di un’azienda Usa – la Sight Mark – distribuite in Italia dall’armeria 9 millimetri di Vercelli, sulle linee di tiro a 300 metri del Poligono di Vercelli: il cannocchiale SM 1318, il Tactical Red Dot Riflescope SM 13041 e il 5xTactical Magnifier. Ecco com’è andata Enrico con l’HK Il 5xTactical Magnifier e il puntatore olograficoTactical Red Dot montati sull’H&K SL8

Per informazioni Sight Mark, Mansfield, Texas distributore: Armeria 9millimetri via Nicolò Macchiavelli 27 Vercelli tel. 0161 210.891 www.9millimetri.it

P

er la prova dele ottiche Sight Mark ci siamo avvalsi della collaborazione di Vincenzo Tambornini, appassionato tiratore di questa categoria, che ha preparato per l’occasione due fucili: un bellissimo Remington 700 Tactical in cal. 308, con calciatura Choate disegnata da John Plaster, scatto a tre leve di Farè, canna fluted con freno integrale di bocca, abbinato all’ottica Sight Mark SM 1318, e un Heckler&Kock SL8 in cal. 223, di colore nero abbinato a un Tactical Red Dot Riflescope SM 13041 della lunghezza di 130 mm, sempre di Sight Mark. La prova è avvenuta sulla distanza dei 100 metri con entrambe le armi, con lo scopo di valutare se a questa distanza vi fosse una differenza significativa tra un’ottica di precisione per le lunghe distanze e un puntatore tattico con il punto rosso utilizzato con un ottica a 5 ingrandimenti. Come

010-045 rubriche.indd 31

munizionamento abbiamo utilizzato cartucce italiane prodotte dalla Fiocchi Munizioni, in cal. 223 con palla blindata da 55 grani e in 308 con palla FMJBT da 150 grani. Abbiamo iniziato la prova sparando per primo con l’HK, apprezzando la facilità di regolazione del puntatore olografico che avviene mediante la rotazione di viti “a click” (posizionate sopra e sulla destra dello strumento) che spostano il punto rosso nelle varie direzioni, e consentono una taratura personalizzata di precisione. Una rotella posta in alto a destra dal lato dell’oculare e graduata da 0 a 5, consente di accendere e spegnere il puntatore e di variare l’intensità luminosa del punto rosso. Il congegno d’ingrandimento delle immagini (5x) si è mostrato molto nitido e preciso, consentendo così un facile allineamento del punto

La rosata ottenuta con l’H&K SL8

rosso sul centro del bersaglio. Alla distanza di 100 metri, su un bersaglio da tiro standard, la dimensione del punto rosso, anche regolata alla minima intensità, andava interamente a coprire la zona “nera” dal 7 al 10, ma questo è normale per un puntatore tattico che è realizzato in funzione della velocità di acquisizione Vincenzo Tambornini durante le prove a dei bersagli e non per il 100 metri con il Remington 700 con l’ottica tiro di precisione tipo Sight Mark SM 1318 “Bench Rest”. Dopo avere tarato lo strumento, Vincenzo ha sparato i dieci colcentrale a punto rosso del reticolo, dopo avere provato gli pi visibili all’interno del cerchio altri tipi di illuminazione verde rosso della fotografia, con una e rosso. cadenza di circa un colpo ogni due secondi e il risultato parla (Gianfranco Peletti) da solo. Dopo essersi “scaldato” con l’HK, Vincenzo è passato al Un ringraziamento al Poligono Remington e anche qui, dopo di Vercelli e al suo presidente avere tarato l’ottica, ha sparato Luigi Casale per la collabora10 colpi mirati senza uscire dal zione offertaci in occasione 9, utilizzando l’illuminazione del test

JL

30/11/11 16:09


Ottiche Sight Mark