Page 1

306

21 MARZO 2018 APRILE 2018 € 3,90 IN ITALIA

TECNOLOGIA COME SI COSTRUISCE UNA SUPER MOTO

Mensile: Austria, Belgio, Francia, Lussemburgo, Portogallo (cont.), Spagna € 7,00 / MC, Côte d’Azur € 7,10 / Germania € 9,50 / UK £ 8,50 / Svizzera Chf 8,90 – C.T. Chf 8,40 / USA $ 12,00. Poste Italiane / Spedizione in A.P. D.L. 353-03 art. 1, Comma 1 / Verona CMP

SCOPRIRE E CAPIRE IL MONDO

CON GLI ESERCIZI GIUSTI POSSIAMO TUTTI VEDERE E VIVERE MEGLIO

ALLENA I TUOI

OCCHI SALUTE

QUANTI BATTERI SUGLI OGGETTI QUOTIDIANI!

COMPORTAMENTO

PERCHÉ UN MATRIMONIO FUNZIONA. O NO

PALEONTOLOGIA

COSÌ L’HOMO SAPIENS CONQUISTÒ LA TERRA

SCARICA LA APP INQUADRA E ANIMA LA COPERTINA!


APRILE 2018 NUMERO 306

Scoprire e capire il mondo

Prove di coltivazioni subacquee

In pratica

46

LA REALTÀ AUMENTATA DI FOCUS������������������������������������������������������������� 5 Immagini a 360°, modelli 3D, filmati spettacolari e molto altro.

Scienza

ANATOMIA DI UN NAUFRAGIO��������������������������������������������������������������������22

DOSSIER

85

DENTRO L’OCCHIO

86

UNA FINESTRA SUL CERVELLO Che cosa c’è davvero “dietro” la vista. E come allenarla.

92

CI VEDO DI NUOVO Combattere la cecità è un compito “impossibile”? Ora ci siamo vicini.

96

E ALL’IMPROVVISO FU LA VISTA 540 milioni di anni fa, l’occhio ha avuto una rapida evoluzione.

L’ora legale? Fa più male che bene. Parla un fisiologo che... l’abolirebbe pag. 19

Il recupero del barcone affondato nel Canale di Sicilia con 800 migranti a bordo.

Spazio

UNA FINTA STELLA NEL CIELO������������������������������������������������������������������28 Una piccola azienda aerospaziale ha messo in orbita un satellite molto luminoso e... inutile. Una trovata pubblicitaria o uno spettacolo regalato all’umanità?

Scienza

ASSEDIATI DAI BATTERI�������������������������������������������������������������������������������30 I microbi resistono nella lavastoviglie? Quanti ne arrivano sulla torta spegnendo le candeline? I ricercatori hanno una risposta. Che non ci piace moltissimo, ma...

Comportamento

LA SCIENZA DEL MATRIMONIO�����������������������������������������������������������������34 L’amore è imponderabile. Riguardo al resto, però, qualcosa abbiamo capito.

Animali

ECONOMIA BESTIALE�����������������������������������������������������������������������������������40 Scambi di merci tra scimpanzé, prestiti tra pipistrelli, servizi di pulizia tra pesci. In natura si commercia, eccome.

Natura

L’ORTO SOTTO IL MARE�������������������������������������������������������������������������������46 Il basilico cresce persino a 10 metri di profondità. Con insalata e pomodori.

Scienza

UN OCCHIO SPAZIALE PIEGHEVOLE��������������������������������������������������������52 Si avvicina la partenza del telescopio Webb, un gioiello che si aprirà in cielo come un “Transformer”.

In copertina: foto grande iStock; in alto a destra: Stefano Carrara; in basso da sinistra: Getty Images, Reuters.

144 La capitale turca vista dall’alto

Aprile 2018 Focus | 9


Mistero

IL BIOLOGO NAZISTA NEMICO DEI NARCOS������� 58 Nel 1991, uno scienziato tedesco (ex SS) viene ucciso in Argentina. Perché? Una nuova ipotesi su un giallo storico.

Medicina

ALZHEIMER: LA RICERCA RIPARTE COS������������� 64

INNOVAZIONE E TECNOLOGIA PER LA GENERAZIONE X:

Guida ai colori e ai temi dei numeri

LA LENTE VARILUX X

Mancanza di risultati? La scienza esplora nuove strade.

Tecnologia

100

TI COMANDO CON LA VOCE�����������������������������������102 Sono in arrivo oggetti intelligenti con cui parlare e lavorare.

Ambiente Animali Natura

Comportamento

LA FEDE NELLA MENTE�������������������������������������������108 Atei e credenti pensano in modo diverso. Una questione di valori, ma anche di connessioni cerebrali e, forse, di geni.

Società

7 DOMANDE SULLA TUA CASA������������������������������114 Una mostra s’interroga sull’“abitare contemporaneo”. Ecco le risposte di innovatori, scienziati e architetti.

Scienza

IL SEGRETO DEL FUOCO�����������������������������������������122 Cos’è una fiamma, e come la si può rendere “perfetta”.

SEZIONI 7

Hit Parade

73 Prisma 118 Domande & Risposte

Digitale Invenzioni Tecnologia Trasporti

151 MyFocus 156 Relax 158 Giochi 161 Mondo Focus

Comportamento

PERCHÉ TI ODIO���������������������������������������������������������128

Corpo umano Medicina Scienza Spazio

Che cos’è e come nasce il furore degli assassini.

Scienza

IL LUNGO VIAGGIO DELL’UOMO����������������������������132

Alimentazione Comportamento Mondo Società

Nuove scoperte rivelano i percorsi dei nostri antenati.

Storia

PLAGI GENIALI�������������������������������������������������������������138 Perfino Shakespeare “copiava”. E non fu certo l’unico.

Mondo

ISTANBUL, MAI VISTA COS�������������������������������������144

122

La città ritratta con paesaggi che sembrano impossibili.

La scienza delle fiamme

La moto quasi da corsa, per tutti 3

Perché gli occhi sono lo specchio dell’anima? Perché sono due finestre sul cervello. Anzi, si può addirittura affermare che sono l’unica sua parte che esce dal cranio. È per questo che, esercitandoli, oltre a migliorare la vista, si allena la psiche, come confermano le ultime ricerche. Jacopo Loredan 10 | Focus Aprile 2018

Articoli con realtà aumentata

pag. 70

RUBRICHE L’INVITO ALLA LETTURA DEL DIRETTORE

Cultura Mistero Storia

La buona notizia

12 Flash 19 L’intervista 21

In numeri

70

Come funziona

132

I nostri antenati

Ci trovi anche su:

78 Motori 80 Osservatorio

www.focus.it


Scienza

PRONTI ALL’IMMERSIONE. Uno dei sommozzatori del Comsubin, il nucleo specializzato della Marina militare. Hanno seguito da vicino il recupero del peschereccio e delle vittime.


ANATOMIA DI UN NAUFRAGIO Il recupero del barcone affondato nel Canale di Sicilia con 800 migranti a bordo: una sfida anche per la scienza.

Sotto, l’immagine sonar del relitto, poi ripescato (destra).

Malta

Punto di affondamento a 143 km dalla costa libica. Tripoli

Garabulli

LIBIA

Marina Miilitare (3)

LA STORIA: TRAGEDIA EPOCALE MANOVRE. Gli scafisti erano partiti dall’Egitto con un peschereccio. Il 18 aprile 2015 sono arrivati davanti alle coste libiche e si sono fermati al largo: qui hanno atteso i migranti, caricati a turno su gommoni dalla spiaggia di Garabulli. I passeggeri, circa 800, per lo più giovani uomini, provenivano da Siria, Etiopia, Somalia, Senegal, Mali, Gambia, Costa d’Avorio, Bangladesh. Ognuno di loro aveva versato almeno 1.500 $ per il viaggio: chi aveva

pagato di più stava sul pontile, mentre gli altri venivano rinchiusi nella stiva e nella sala macchine. Dopo alcune ore di navigazione, uno dei due scafisti a bordo (un tunisino e un siriano) ha telefonato alla Guardia costiera italiana chiedendo aiuto. Sul posto è stata inviata la nave più vicina, il portacontainer portoghese King Jacob. Ma uno degli scafisti, per un errore di manovra, ha fatto scontrare il barcone con la nave, causandone l’affondamento. Solo 28 degli occupanti (compresi i 2 scafisti, poi arrestati e condannati al carcere) sono riusciti a salvarsi.

Aprile 2018 Focus | 23


Scienza

U

n ambiente ostile, con inondazioni e vortici d’acqua a 80 °C, alte concentrazioni di sali, ondate di cloro e soda... Un vero “habitat estremo”, come lo hanno definito Nina Gunde-Cimerman, dell’Università di Lubiana, in Slovenia, e altri ricercatori di un team internazionale. Eppure, anche lì gli scienziati hanno trovato la vita: piccole creature che riescono a resistere agli ostacoli. Peccato solo che quest’oasi di biodiversità si trovi nelle nostre cucine. I biologi hanno infatti raccolto campioni dentro 24 lavastoviglie, analizzato il Dna presente e scoperto (anche se forse non avremmo voluto saperlo...) che sulla gomma delle guarnizioni vivono tantissime specie di batteri e funghi microscopici. Resistono formando una pellicola sottile e resistente, che aderisce tenacemente alle superfici. OVUNQUE. Ma lo sporco lavoro di Gunde-

Cimerman e colleghi non è stato l’unico. Un team di scienziati spagnoli ha visto che cosa vive in una macchina del caffè espresso; un ricercatore Usa ha studiato gli ospiti del cruscotto dell’auto; un altro ha contato quanti microbi finiscono su una torta soffiando sulle candeline. Persino nelle stanze sterili della Nasa i biologi hanno avuto sorprese... Perché i batteri sono ovunque, tutto intorno a noi. E gli oggetti comuni sono diventati campi di ricerca per i microbiologi. Fin dove si sono spinti? Dove hanno trovato più microbi? E i batteri identificati sono pericolosi? Prima di seguire i ricercatori intenti a esaminare gli oggetti più insospettabili, diamo subito una risposta all’ultima domanda: nella stragrande maggioranza dei casi, i batteri presenti attorno a noi non ci fanno male. «Noi stessi ne siamo pieni, dalla pelle all’intestino. Per fortuna è così, perché sono indispensabili per la nostra salute», sottolinea Pierangelo Clerici, presidente dell’Associazione Microbiologi Clinici Italiani. Piuttosto, sapere che i microbi sono ovunque e passano dalle nostre mani agli oggetti e viceversa ci deve ricordare di rispettare l’igiene di base. «Lavarsi spesso e bene le mani è fondamentale, perché esistono pur sempre germi che non vorremmo incontrare (come salmonelle o streptococchi, ndr): quelli sì che possono dare infezioni, se entrano nell’organismo tramite la bocca o ferite sulla pelle». Torniamo per esempio alla lavastoviglie: i ricercatori sottolineano che in alcuni generi di batteri trovati (v. infografica alle pagine seguenti), come Pseudomo30 | Focus Aprile 2018

Assediati dai batteri


Quali batteri popolano le stanze di casa nostra? Scopritelo con il nostro modello 3D SCARICA LA APP (INFO A PAGINA 5)

ESPRIMI UN DESIDERIO. Soffiando sulle candeline, i batteri sulla glassa della torta aumentano di 14 volte.

Aprile 2018 Focus | 31

Getty Images

I microbi resistono nella lavastoviglie? Quanti ne arrivano sulla torta spegnendo le candeline? I ricercatori hanno una risposta. Che non ci piace moltissimo, ma...


Comportamento

La scienza del matrimonio

L’amore è imponderabile, si sa. Riguardo a tutto il resto, però, qualcosa gli studiosi hanno capito. Per esempio...

34 | Focus Aprile 2018


Reuters/Contrasto

CORAGGIO, SALTIAMO! Ci si sposa nei modi più diversi, per i motivi più diversi. Farlo, comunque, in generale rende le persone più felici.

Aprile 2018 Focus | 35


DOSSIER

Due finestre sul cervello VISIONE ANNEBBIATA. Il centro di Madrid visto attraverso gli occhiali per miopia, un difetto sempre più diffuso a causa, si è scoperto, del poco tempo che si trascorre all’aperto (soprattutto in età infantile).

S

iamo animali visivi, non c’è dubbio. Percepiamo con gli occhi, l’organo forgiato in milioni di anni di evoluzione per farci conoscere il mondo (vedi terzo articolo del dossier). Non è scontato. Fossimo pipistrelli, la nostra finestra principale sulla realtà sarebbe l’udito; fossimo ornitorinchi, il becco. Eppure, oltre al nostro pur importantissimo “sensore” naturale, a contare è soprattutto quello che c’è dietro: il cervello. Pensiamo solo che più della metà della corteccia cerebrale è dedicata a elaborare gli stimoli visivi: il le86 | Focus Aprile 2018

game è così stretto che gli occhi sono in pratica gli unici “pezzi” di cervello non inclusi nel cranio. Portando a una conseguenza importante: su questo legame possiamo agire, in molti modi. Innanzitutto, gli scienziati hanno provato che “allenando” il cervello si migliora la vista: si può così guadagnare una visione ancora più acuta, se si ha già un occhio da falco, ma anche tornare a leggere i caratteri piccoli, se si è ormai rassegnati agli occhiali da presbite... Andando invece nella direzione opposta, si è visto che eseguire semplici movimenti con gli oc-

chi ha un profondo effetto sulla psiche, al punto da curare i traumi di chi ha vissuto catastrofi o guerre. SFUMATURE DI GRIGIO. Cominciamo da

un esperimento organizzato alla University of California Riverside. I ricercatori, guidati da Aaron Seitz, hanno reclutato la squadra di baseball dell’ateneo, gli UC Riverside Highlanders: 19 giocatori si sono presentati nel laboratorio per 30 sessioni da 25 minuti in cui dovevano fare un allenamento ben diverso da quello abituale. Ovvero, l’“apprendimento per-


Getty Images

C’è un legame strettissimo tra gli occhi e quello che c’è dietro: su questo si basano esercizi che promettono di darci una vista più acuta. E non solo.

cettivo”: imparare ad avere una migliore percezione. Gli esercizi erano basati sui Gabor patch: sono forme costituite da linee sfuocate, come increspature su sfondo grigio, che appaiono su uno schermo con diversi orientamenti, illuminazione e contrasto. Esercitandosi con questi stimoli – per esempio, bisogna identificare la forma comparsa in una data posizione – il nostro cervello affina la sua capacità di vederli. L’esercizio è quindi tutto cerebrale: sull’occhio non si agisce affatto. Eppure gli effetti sulla vista dei giocatori sono stati sorprendenti. «L’acutezza vi-

siva (la capacità di distinguere i dettagli fini, ndr) è aumentata in media del 31%», ha spiegato Seitz. «I giocatori hanno poi riportato di vedere la palla meglio e di avere una migliore visione periferica e da lontano». Avere ottima vista è importante, per i giocatori impegnati a battere palle lanciate a tutta velocità; e, dicono i ricercatori, gli effetti sulla vista hanno migliorato le prestazioni in campo. MATERIA PLASTICA. Per capire come

mai si può agire sul cervello dobbiamo fare un passo indietro, allo stretto lega-

me tra l’organo che raccoglie gli stimoli visivi (l’occhio) e quello che li elabora (il cervello): senza cervello, letteralmente, non si vede. Tanto che si può essere ciechi pur avendo occhi perfetti: accade se a essere danneggiata è la corteccia visiva, la zona cerebrale deputata a elaborare le informazioni che ci arrivano dagli occhi (v. disegno alla pag. seguente). Questa cecità corticale può essere totale o parziale, se la lesione non è ampia. E ci può essere altro: chi soffre di agnosia visiva, per esempio, riconosce la forma di un oggetto dotato di denti, ma non sa dire se Aprile 2018 Focus | 87


Scienza

TUTTO INIZIÒ DA QUI. La valle del fiume Omo, in Etiopia, è uno dei luoghi in cui si pensa si sia sviluppata la nostra specie.

132 | Focus Aprile 2018


IL LUNGO VIAGGIO DELL’UOMO

Buena Vista Images/Getty Images

La nostra storia è ancora più antica di quanto si pensasse. Nuove scoperte rivelano i percorsi avventurosi che ci spinsero fuori dalla “culla dell’umanità”.

Aprile 2018 Focus | 133


Storia

Getty Images

Un software progettato per gli studenti copioni ha rivelato che perfino Shakespeare non utilizzava solo “farina del suo sacco”. E non fu certo l’unico.

138 | Focus Aprile 2018


Plagi I geniali

poeti immaturi imitano, quelli maturi rubano, affermava con ironia lo scrittore americano Thomas S. Eliot (1888-1965). Ne sapeva qualcosa perfino William Shakespeare, che da vero fuoriclasse della “copiata” ha saputo coprire le proprie tracce per più di quattrocento anni. Fino a oggi, quando i miracoli della tecnologia hanno finalmente svelato una delle fonti più importanti di alcuni suoi capolavori.

RIVELATORE. A smascherare il celebre drammaturgo è stata una coppia di ricercatori americani di nome Dennis McCarthy e June Schlueter. Durante i loro studi, i due si sono imbattuti in un manoscritto semisconosciuto conservato tra gli scaffali della British Library di Londra e intitolato A Brief Discourse of Rebellion and Rebels, scritto nel 1576 da un tale George North. Insospettiti dal fatto che alcuni personaggi del libro assomigliassero molto a certi caratteri shakespeariani, i ricercatori hanno deciso di confrontarlo con le opere del maestro inglese usando un banale software. «Il programma (scaricabile gratuitamente da Internet) si chiama WCopyfind ed è stato sviluppato dall’Università della Virginia per scovare eventuali plagi degli studenti», spiega McCarthy. «Abbiamo quindi incrociato i dati risultati dal programma con quelli della banca dati digitale della libreria, la Early English Books Online (Eebo), che contiene quasi 60.000 testi inglesi della prima età moderna». Detto fatto, si è scoperto che il testo di North aveva chiaramente influenzato ben undici drammi shakespeariani, composti alcuni anni dopo. In alcuni monologhi e passaggi descrittivi di tragedie come Riccardo III (1597), Enrico V (1599) e Macbeth (1606), erano infatti ripetute particolari frasi o parole presenti nel manoscritto, per di più in contesti simili. La scientificità del metodo di ricerca escludeva tra l’altro che si potesse trattare di semplice casualità. «Dimostrare che questi paralleli sono coincidenze è quasi impossibile, ancor più che vincere la lotteria da 450 milioni di dollari negli Stati Uniti», taglia corto McCarthy. MANOSCRITTO

PERSONAGGI IMMORTALI. Shakespeare in scena al Globe Theatre di Londra. Il Bardo, per alcune sue opere, si era “ispirato” a un testo del 1576.

Aprile 2018 Focus | 139

Profile for Abbonamenti G+J/M

Focus n. 306 Aprile 2018  

ALLENA I TUOI OCCHI Che cosa c'è davvero "dietro" la vista? Come possiamo allenarla? Perché, se esercitiamo i nostri occhi, non solo possiam...

Focus n. 306 Aprile 2018  

ALLENA I TUOI OCCHI Che cosa c'è davvero "dietro" la vista? Come possiamo allenarla? Perché, se esercitiamo i nostri occhi, non solo possiam...

Advertisement