Page 1


Antologia di poesia contemporanea

©“Alda

nel cuore 2016”

è tutelato da diritti di autore a norma di legge ogni Autore si riserva i diritti delle proprie opere presenti registrazione:

posta-certificata@postacert.it.net

l’opera in copertina è di Alice Trovò ne è vietata la vendita realizzato nel marzo 2016 da Matteo Cotugno aldanelcuore@libero.it http://vocidipoesia.blogspot.it/ http://poesiedimatteocotugno.blogspot.it/

Alda nel cuore 2016 2


Antologia di poesia contemporanea

Prefazione Benvenuti alla quarta edizione di Alda nel cuore, Antologia di Poesia contemporanea dedicata a una grande figura della poesia italiana e internazionale: Alda Merini. Quest’anno l’antologia verte su due tematiche quali la malattia psichica e la vita intesa come poesia. Due temi che hanno caratterizzato l’esistenza della poetessa, anche se nei manicomi è stata costretta suo malgrado in quanto è ormai noto che Alda Merini non fosse affetta da alcuna forma di malattia psichica tale da rendere necessaria la detenzione in un luogo di isolamento e di tortura quali i manicomi dell’epoca (basti pensare alla pratica degli elettroshock cui per ben 46 volte la poetessa e' stata sottoposta). Uno spirito indomito e guerriero quello di Alda Merini che ha poi trovato nella poesia, coltivata sin dalla tenerissima età, il senso della sua stessa esistenza… una vita in poesia, dedicata alla poesia in ogni istante, sopravvissuta ad ogni forma di angheria e di sopruso subito, ad ogni forma di discriminazione e ad ogni dolore… poesia nata in lei e vissuta con passione e amore fin dalla sua adolescenza… poesia che è rimasta sempre con lei senza mai abbandonarla grazie alla sua memoria, alla grande capacità poetica di vedere con occhi speciali, al di là dell’onirico e dello spirituale, la caduca tangibilità della carne per farla spirito in una sorta di liberazione catartica, una sublimazione nella poesia. Alda nel cuore è un modo per dire ad Alda che la sua poesia ci è rimasta dentro come grande tesoro e la sua Alda nel cuore 2016 3


Antologia di poesia contemporanea

stessa vita è un insegnamento profondo che ci spinge a scrivere poesia, ad amare la poesia. Ringrazio tutti gli Autori che hanno aderito a questa iniziativa totalmente gratuita alla quale lavoro per alcuni mesi solo per passione e amore della poesia. Ringrazio anche tutti gli appassionati di poesia che possono leggere questo ebook in vari portali internazionali sui quali è gratuitamente diffuso. Grazie ad Alda Merini per quello che riesce a farci amare. Matteo Cotugno

Alda nel cuore 2016 4


tributo per Alda Merini nel giorno del suo compleanno 21 marzo Giornata Mondiale della Poesia

“La poesia è il luogo del nulla, il luogo degli incontri, del fiume che è davanti a casa mia. La poesia è la vita che hai dentro. E non ti importa se la morte o il vicino di casa vengono a turbare te e quello che hai da dire. Molti hanno pensato che la mia poesia sia la mia follia. Pochi hanno capito, invece, che la mia poesia è nata a prescindere da tutto e da tutti. Avrei potuto fare la matta o la ragioniera e la mia poesia sarebbe comunque uscita. Essa è una forza che nasce in me, è come una gravidanza che deve andare a termine. Comunque e ovunque.”

Alda Merini


Antologia di poesia contemporanea

Sara Acireale Pensieri sparsi In questo triste luogo s'infrangono i miei sogni. Il mio spirito vola oltre questo orizzonte. Orfana della luce il buio soffoca la mia anima ma non inaridisce la mia essenza. Urla di dolore nel silenzio, c'è chi ha paura del diverso. Il silenzio dei sentimenti, la nebbia occulta le emozioni della vita. Raccolgo pensieri sparsi perchÊ un giorno la mia anima volerà verso infiniti spazi liberi.

Alda nel cuore 2016 1


Antologia di poesia contemporanea

Marinella Albora Ombre Cavalieri dalle lunghe ombre scivolano lungo i muri della mia stanza. Li aspetto. Come ogni notte mi siedono accanto. Io so cosa faranno. Soffieranno fumo nella mia gola verseranno inchiostro nero nei miei occhi caleranno un mantello sul mio cuore. Depongo le armi. Niente pi첫 lacrime niente pi첫 voce niente pi첫 rabbia. Vorrei solo un respiro di luce.

Alda nel cuore 2016 2


Antologia di poesia contemporanea

Luisa Amendolara Tricarico Suicidio sensoriale Chiudo i miei cinque sensi nel fobico ricordo a bordo di un corpo stanco segnato dal ricordo. Trasbordo me lenta nei passi aggrappata a corde logore trappole gotiche assediate dal nulla nell’oscura forra. Suggestive riflessioni dicotomiche miserie. Pullulano prassie in fissità dilaga ovunque dolore rancore. Nessun cruccio nell’atto cruciale per impedirmi dolore. Dove abito? Nella carezza del vuoto. Nel mio spirito libero al di fuori del reale.

Alda nel cuore 2016 3


Antologia di poesia contemporanea

Elvio Angeletti Cos’è che non va Cos’è che mi sfugge in questo pomeriggio coperto dalle ombre d’assenti assetati per dimenticare la noia. Cos’è che non va in questo posto senz’appigli dove la memoria bloccata non trova più il vento per volare? M’incammino pian piano lungo la strada del ritorno tra i sassi navigati dalla gente con i pianti della povertà cercando lungo il fosso spoglio senz’acqua i germogli della vita.

Alda nel cuore 2016 4


Antologia di poesia contemporanea

Natalia Bakhshieva

Bambina spigolosa, volto schiacciato contro il vetro, mani affamate d’ingenuità sul margine della vita, tra neve di carta, attaccata ai fili di tante paure parla attraverso mondi. Cigno nero quante volte con le soffici piume spazzi via queste piccole malinconie discrete.

Alda nel cuore 2016 5


Antologia di poesia contemporanea

Eric Balossini

Sono figlia della primavera, sottile linea di confine tra la pioggia e il sole, nell’effimero di marzo. Scrivo della luce e del buio nel gioco di un temporale che bagna la mia mente e le mie parole. Scrivo del silenzio nel fumo dei giorni sul filo fragile di una nota di cielo. Scrivo dell’amore dove danzano le parole, più leggere dell’aria e dei suoi tradimenti. Scrivo delle mie spine e di mutevoli pensieri con lo sguardo di una bambina cangiante come l’autunno. Scrivo di colori e di cose invisibili, nella mia follia che ho finito per amare, come fosse un dono, un affresco della mente una capriola del destino, il mio regalo da consegnare alla clessidra del tempo. Scrivo per sfuggire al mondo abbandonando le apparenze per ubriacarmi di poesia. Alda nel cuore 2016 6


Antologia di poesia contemporanea

Stefania Balsamo Poesia... compagna di vita Albergò la poesia nella mia anima che lì vi dimorò, per tanti anni silente e lì sedimentò, prima di venir fuori con l'impetuosità di un gran fiume in piena che dai suoi argini tracimò, a riversare versi di dolore, che lenirono cuore e anima, da gravosi tormenti, forgiati. Dal profondo, gridai al mondo la mia verità non certamente, per desio di vanità. Essa, prima ancora che arte, è anche essenza: è un guardar sempre di sbieco l'esistenza, è voler cristallizzare i miei pensieri lasciati fuggire via, solo fino a ieri... non nella rima baciata... è poesia ma nel guardar il mondo, senza ipocrisia... nel guardar la realtà senza edulcorarla evitando coi suoi versi d'agghindarla. Mia compagna di vita è la poesia che si nutre di pena, sogni e nostalgia. Cosi è... è stato e voglio sempre per me sia!

Alda nel cuore 2016 7


Antologia di poesia contemporanea

Anita Barbaglia Le voci inquiete Entro le pareti di chiaroscuro vissuto sono lame urlanti le voci inquiete. Dimorano in un mondo sospeso tra orbite anomale e sfrontati colori in fuga da un’ignota armonia. Sulla soglia del mondo terreno restano come scintille vaganti nel vuoto sfuggenti ad ogni minimo guizzo.

Alda nel cuore 2016 8


Antologia di poesia contemporanea

Michele Barile Padre nostro ti scrive un folle Dio che vedi, senti, sai di ogni cosa presente, passata e del futuro, Tu che mai perdi la ragione, il filo, il sentiero come le tue umane creature destinate a renderti ogni prestito, Tu che ignori neurologi, Tu che mai rinneghi la promessa d'essere misericordioso e giusto, dimmi se i miei dubbi sono frutto di pazzia se hanno diritto ad avere risposte o dovrò essere al tuo cospetto per punirmi di averli coltivati ed avere loro dato vigore struggendomi. Molto mi hai dato per farmi camminare, qualcosa ho reso, infinitamente meno e male. Prima che straparli nel farneticare permettimi di capire se il sangue che carezzo è frutto dell'amore o la mia follia è giunta prematura, groviglio di spine, fatale embrione d'inguaribile metastasi.

Alda nel cuore 2016 9


Antologia di poesia contemporanea

Antonino Barrasso Estranei I muri sono anneriti dal nero del cuore, nero fumo di pensieri cupi, trascinati lenti nelle pantofole bucate. L'odore acre di cibo muffito, quel chiuso all'interno per lasciar fuori la paura di mille paure. Sulla porte chiede chi è? Farfuglia frasi di permesso apre spaurita ma non chiede chi siete, cosa volete. Non teme la morte, triste fobia dei tempi passati, ricordi senza senso e brevi barlumi di dignitosa esistenza. Questa donna priva dell'egoismo del possesso, senza protesta senza pretese, segue lenta i servizi sociali. Sotto braccia sconosciute esce dalla tana sporca, dal fetore della paura, dal tanfo dell'isolamento. Sorride alla luce del sole, chiede perdono per il fastidio arrecato... poi a bassa voce vorrebbe le foto dei cari estinti che lei crede stiano arrivando. Alda nel cuore 2016 10


Antologia di poesia contemporanea

Gesi Belardi Chissà ...e chissà se questo mio pensarti sia ciò che di meglio possa essere per il mio cuore, o quello che mi porterà alla follia. Chissà se l'ovvio, assurdo battito sia dedicato alla tua essenza o rivolto alla Vita e ad ogni suo attimo. ... e Amore sia ! Sempre ed ovunque con l'anima colma di gratitudine infinita.

Alda nel cuore 2016 11


Antologia di poesia contemporanea

Tonino Bergera An brua Na bifa grutulüa e magninà, patërla e scarpa, braje a la scagassa, maja strassà che strup ëd pieuj a ’mbrassa, dandan-a da fé sgiaj an mes dla stra. Pit-piiit!… “Gavte da ’n mes!”… “E fate ’n là!”… Ma chiel lu sent pa pì ’l mund ch’a scurassa, tüt lon ch’a-j crija apress l’üman-a rassa, mentre as rabasta vers n’unsa ’d pietà. E, a forsa ’d fé, dë zembo a cüca ’n tram, andasend giü parèj d’ün sac ’d patate ch’a droca sensa ’n “bè”, sensa ’n reclam. Adess l’é lì slungà, ch’a tranfia a rate. A mi ch’i m’anginuju, fra catram e sang, a campa mac d’üciade mate. Sai nen co’ fé, co’ arbate. I-j piju na man… M’argala ’n cit suris, meracu an brua al purtun dël Paradis. Sull’orlo (traduzione dal piemontese) Faccia bitorzoluta e nerofumo, / ciabatta e scarpa, pantaloni molli, / maglia stracciata ad abbracciar pidocchi, / barcolla da paura in mezzo al corso. / Pit-piiit!… “Va’ via di mezzo!” … “E fatti in là!” … / Ma lui non sente il mondo che scorrazza, / ciò che gli urlacchia quest’umana razza, / mentre si trascina verso un’oncia di pietà. / E, dai e dai, di lato incoccia un tram, / cadendo come un sacco di patate / senza un grido, senz’ombra di protesta. / Ora è disteso lì, respira a stento. / A me che m’inginocchio, fra catrame / e sangue, lancia solo occhiate pazze. / Che fare, come replicare? / Gli prendo una mano … E lui mi offre un sorriso, / forse sull’orlo del portone del Paradiso.

Alda nel cuore 2016 12


Antologia di poesia contemporanea

Patrizia Bianchin L’amore che libera Conobbi l’Amore. Quello che ancora echeggia in me nel silenzio, che scivola sulla pelle come acqua lucente, che nel segreto del cuore disegna melodie, che soffia a volte come un gatto spaventato, che urla le sue ombre da notti lontane. Quello che graffia ed insieme accarezza, che sa rendere una donna schiava e padrona, che del tuono ha la potenza e la forza, che è respiro e fiume e sussurro di fronde in balia del vento. Conobbi l’Amore e dell’Amore scrissi, ogni singolo giorno della mia vita e fu l’Amore a rendermi libera, oltre i muri e la malattia oltre l’ipocrisia e le falsità oltre ogni umana coercizione anche oltre me stessa. E fu allora… che divenni Amore. Alda nel cuore 2016 13


Antologia di poesia contemporanea

Grazia Bianco Il male Avvolgono le spire funeste le membra catturate dal male e destinate a vagare fra meandri di mente sconosciuti e osceni pieni di sangue e dolore… Strana sensazione! Non si ribella la mente al suo interno immagini di distruzioni e violenze… Essa esulta più alta e più forte nutre l’angoscia e sconvolge la mente. Si sconvolge la vita, immerge nel sangue le dita feroci, orrende e taglienti disegna sul corpo orrendi misfatti! Come coltre invisibile il male invade la notte non esiste il giorno scivola viscido risucchia ferocemente la mente ed il cuore aspetta come mendicante la mano dell’amore! Mendicante di vita… elemosina di vita, centellinante linfa! Morire di fame… morire di vita… morire senza giustizia ed amore camminare senza umanità e sentire la distruzione alitare sentire l’odio pesante come piombo fuso… Rabbia carnefice di una Umanità illusoria serpeggia il richiamo d’amore strisciando nel fango di odio! Morire spaventa… morire per vivere non fa paura rende il cuore scudo e impavido vivere senza umano amore è tremendo! Morire senza sapere il gusto dolce della gioia… È il male che si nutre di noi!

Alda nel cuore 2016 14


Antologia di poesia contemporanea

Graziano Boccardi Mi davi il sole delle tue ferite per Ada Merini

Mi davi il sole delle tue ferite per le speranze inferte alla terra d'omertà dove son fiorite d'un eroico profumo sature in gemiti e parole ombre lacerate d'un tuo dolore reso dolce alle labbra dal vello a ricoprirne il cuore nell'oro fuso dell'anima matrigna di amori e sensi recitati da interpretazione e canti d'umiliata mai in disprezzo‌ ma in vanti d'una vita raccontata dalla poesia dei pianti sul palcoscenico dove giacciono quei fiori ma son la luce dell'eterno ‌nei nostri cuori.

Alda nel cuore 2016 15


Antologia di poesia contemporanea

Elena Bonadies Senza linea di confine Sguardo fisso, stessa ora, viaggiando nella pi첫 dolorante follia, occhi sgranati, respiro ansioso, quell'ombra che vi si formava innanzi a lui mentre il cuore batteva forte in petto sperando, sognando, come un funambolo sorrideva felice percorrendo il filo dei ricordi, convinto che dall'altro lato ci fosse lui. Lui, un'assenza breve, un viaggio senza ritorno, quel figlio nell'ombra guardava, il tempo passava, il dolore si attenuava e felice ritornava sotto la logora coperta.

Alda nel cuore 2016 16


Antologia di poesia contemporanea

Stefania Bonera Sospeso Sono libero, eppur vivo in prigione. Fluttuo nell'aria, eppur non possiedo ali. Resto nell'ombra, escluso dalla comune gente che canta storie e marcia, inconcludente. Solo, mi aggrappo ad amiche voci e a presenze a me visibili, compagne di strada, con il mondo incompatibili. E cerco di avanzare nel mio isolato cammino senza sapere se sia giorno, se sia notte ma è sempre mio il mattino. E, stretto, tengo il volto fra le mani. Aspetto occhi che raccolgano, impavide, le mie mani e mi accompagnino, sorridenti, verso un incerto domani. Alda nel cuore 2016 17


Antologia di poesia contemporanea

Celeste Borrelli Guerriero Biondo con gli occhi azzurri. Il tuo scudo è la fede. La tua arma la preghiera. Caro figlio mio questi gli strumenti che il commino del Arguello* ti ha consegnato. Cerchi la salvezza per te e di chi ti sta “attorno”. Sai di stare sulla strada giusta. Sei il mio orgoglio e la mia salvezza. Sei il più bel dono che il Signore abbia voluto farmi.

* Cammino

neocatecumenale fondato da Kiko Arguello, pittore

spagnolo, assieme a Carmen Hernandez e padre Mario Pezzi.

Alda nel cuore 2016 18


Antologia di poesia contemporanea

Maria Eleonora Buonfantino Per mio fratello Maurizio Ti guardo negli occhi e vedo una luce che mi appartiene e in questo ritrovo tutto il nostro Bene! Tu ricambi il mio sguardo e, senza parlare, mi chiedi: perchĂŠ? Non posso dirti che... ma so che non finirei mai di guardare, di credere e di pregare! Intanto il mio cuore annaspa in un atroce dolore nel quale tu sei immerso nel soffrire ed io, impotente... non posso fare veramente niente. E mentre tiepide lacrime inondano il mio viso... scorgo sul tuo volto un leggero sorriso! Allora la speranza inizia a tornare e, nuovamente, io a sperare che Qualcuno ci possa del tempo ancora regalare per poterci far assaporare altri istanti altri autentici istanti di un grande e fraterno vero Amore.

Alda nel cuore 2016 19


Antologia di poesia contemporanea

Don Aldo Callegari Io e il mio io Mi sono chiesta tante volte la differenza tra me e il mio “Io” già: “Conosco me stessa”! quante lacrime in quel labirinto il mio “Io” dai miei occhi ha versato. Tu mi sorvegliavi, e non ti rendevi conto del mio stato. Ma io ho consapevolezza di me stessa! Il mio “Io” mi soffocava, gridava dentro di me. Io lo evidenziavo attraverso gesti e parole che sembravano senza senso ai vostri occhi. La mia vita un Calvario dove si perde dignità e onore. E’ notte? No: perché un’alba nuova sorge dentro me.

Alda nel cuore 2016 20


Antologia di poesia contemporanea

Luciano Capaldo Disagio Strano ma in quel malessere arguisco la democrazia di un disagio o danno che sì tanti coinvolge al mondo in gran percentuale. Eppure lo star male solo legittimare sarebbe come aiuto domandare riconoscendo gli altri come persone vive… intorno. In sfera umorale mi ha sorpreso si ché ciò che io vedo altri non sanno sensibilità diversa Lui m’ha donato. Cambia allor l’umore e come drogato sembro un po’ disordinato, occorre, dice la società, igienizzare manco fossi un pavimento da sgrassare. Non accetto – allor peggioro ancora. Da bipolare caratterizzato ormai sono catalogato eccitamento o mania che proviene da dolce malinconia e sfocia poi in inibizione - forse vera patologia. Ma chi sarà mai a questo mondo… esatto se poi a differenza mia coraggio non ha contratto per dir di quel che sente e vede con i colori giusti come daltonico all’inverso che su sua vista scommette e che nulla vede o sente se non l’inutile ricerca in terra d’effimero piacere! Così fra alti e bassi della vita fra maniacale malinconia e doverosa mia chiusura apprezzo e dico della vita ogni sua sfumatura.

Alda nel cuore 2016 21


Antologia di poesia contemporanea

Arianna Capirossi ParallelaMente Un universo intero scorre nella mia affollata mente. Un mondo parallelo al vostro quotidiano, in cui io vivo o sopravvivo. Realtà a voi sconosciuta, a me così presente e – talvolta – cara. Le emozioni si moltiplicano nel sonno o dormiveglia; addormentandomi entusiasta afflitta mi risveglio. È un’altalena eterna e solitaria: hai voglia di salire a farmi compagnia? Ma no, già vorrei scendere. Tendimi tu la mano: chissà che, con una stretta sicura io possa ritrovare quell’attimo di serenità perduta.

Alda nel cuore 2016 22


Antologia di poesia contemporanea

Vincenzo Capitanucci Leggendo Alda E se Ti amai poesia fu fino all'inverosimile sui miei rami e sul mio cuore crocefisso sostenni a mani aperte le mie vene e le follie del mondo perchÊ il mio dolore è l’albero ed il seno che dolcemente culla le foglie autunnali e le addormenta come figlie prima di lasciarsi cadere tra le mani del vento

Alda nel cuore 2016 23


Antologia di poesia contemporanea

Cappuccio Anna Maria Poetessa nel cuore Un giorno a Primavera, per farne un diadema, su fili d'erba infilavo fiori e tra l'uno e l'altro s'insinuarono le parole, quand'ebbi finito come petali di margherita le cercai ancora, le scrissi sul cuore, su cortecce d'albero, su pietre levigate lambite dall'acqua. Parole sui muri, ricordi ormai sbiaditi che, volteggiano come piume al vento in quella che fu la mia stanza; compagne d'una vita vissuta confusamente tra silenzi di giorni bui e... taciute verità . Sono nata un giorno a Primavera e per tutta la vita correvo su spiagge immaginarie incontro al vento e sulla sabbia scrissi le mie pene. Mi guardavo nello specchio dicendo: Non sono io quella che riflette... una donna sconosciuta, svampita, vacilla la mente... è come un giocattolo rotto... una donna malata, cosÏ dice l'uomo dal camice bianco, no! Io son la primizia dei vostri pensieri e mi vesto di fiori di pesco, cantando l'amore coi grilli nei prati, mi lavo al ruscello tra i boschi e parlo con l'acqua che segue il suo corso come il sangue che affluisce nel cuore. Discorsi... parole... pensieri abbozzati dal poeta che sono.

Alda nel cuore 2016 24


Antologia di poesia contemporanea

Antonietta Caputo Sogno in bianco e nero Sola in silenzio ascolto la voce dell'anima forse sogno. Scorrono sfuocate immagini sui muri bianchi. Immagini in bianco e nero foto sbiadite,attimi di vita. Bianco... dolci ricordi. Nero... no! Non voglio ricordare fa male! Rivoli di lacrime sul viso. I muri hanno ancora segreti che urlano nella mia memoria. Nessuna folle voce pi첫 ascolto cercando un equilibrio per non morire. Dischiudo gli occhi al giorno con una carezza inaspettata, lieve, come un battito di ali. Ora Son desta non soffro pi첫.

Alda nel cuore 2016 25


Antologia di poesia contemporanea

Daniela Cardinale La vita è una poesia E mentre camminavo mi accorsi di vedere la vita e l'universo da un'angolatura magica tutto sembra, tutto diviene, tutto si evolve e si trasforma a seconda del tuo incantesimo, la poesia un tuffo nel linguaggio evocativo di situazioni preziose e poterlo raccontare dando forma alle emozioni attraverso le parole e poter dialogare con la tua essenza, la tua anima.

Alda nel cuore 2016 26


Antologia di poesia contemporanea

Emanuela Carniti ALDA NEL CUORE A volte mi appari Lontana dai giorni Da un tempo infinito Ancora sei qui. Non provo dolore Eludo la gioia L'ultimo volto infine sei tu. Come nuda realtĂ Un fiore ascende dal gelo Oltrepassa la storia Rinnova speranze E regala un sorriso.

Alda nel cuore 2016 27


Antologia di poesia contemporanea

Tina Carrieri Per Alda... Cos’è questo senso di struggimento che mi assale? Questo desiderio inspiegabile raccolto e meditato di vuoto, di silenzio che ogni volta mi prende? Una vertigine che sale e che non mi abbandona se non quando, rifuggendo dal mondo, ripenso e mi connetto ai luoghi del tuo dolore che ad un tempo ti resero vittima e regina. Alle spine che si fecero carezze, alle ferite che guaristi con parole di vita. E si fecero benedizioni per i tuoi stessi carnefici. A quell’indimenticabile stagione dell’Inferno da cui risalisti fiera, risoluta, sigillata nell’anima da quell’unico, immenso desiderio di grazia che si fece fuoco, fuoco incandescente d’amore per gli altri. Alda nel cuore 2016 28


Antologia di poesia contemporanea

Anna Maria Cartisano In quell’oceano d’amore Guardo, il luccichio di quelle stelle nell’azzurro dei tuoi occhi, che è sempre stato il mio cielo; e vedo furia e pazzia affacciarsi come un rabbioso vento distruggere il sereno, senza più bavaglio sulla bocca, corteggiando la distruzione sogghignando al libero martirio dei polsi senza i lacci... Oh, come vorrei trovare nell’oscurità della tua anima un’apertura celestiale, tornare in paradiso e perdermi in quella libertà, in quell’oceano d’amore, dove c’è aria fresca e spazio a sufficienza perchè tu possa correre e gridare di gioia... e tenerci ancora stretti con le labbra tue sulle mie e... perdermi anch’io con te amore mio… se così dev’essere!

Alda nel cuore 2016 29


Antologia di poesia contemporanea

Adriana Caviglia Chi sei? Ti accarezzo, ti sorrido, ti stringo la mano… e tu mi dici : “Chi sei?” I tuoi occhi spenti e vuoti s’incrociano con i miei Io so chi sei… ti amo tanto… non ricordi di avermi portato nel grembo? non ricordi di avermi allattato, allevato, curato? “Chi sei?” Guardi altrove cercando… Non ricordi che hai asciugato le mie lacrime? Non ricordi ? Sei stupita… attonita… fragile “Chi sei?” implori quasi infastidita… nenia iterativa che fa male Ti abbraccio e mi scosti. mi dai del lei estranea a me e a te stessa. Volgi lo sguardo sperduto lontano socchiudi gli occhi… cala un freddo silenzio… per te sono ora una sconosciuta. Una galaverna sterile ha abbracciato la tua mente. Vivi e sei morta io vivo anche per te Mamma.

Alda nel cuore 2016 30


Antologia di poesia contemporanea

Silvana Cenciarelli Goccia Piove e sono LEI L’orfana goccia stordita Tra mille gocce sperdute Inesorabile Nel suo precipitare Ad incontrar la terra.

Alda nel cuore 2016 31


Antologia di poesia contemporanea

Lorena Centofanti Mi finsi pazza Mi finsi pazza sfidando gli orli logori della notte. Camminai, scalza sui vetri in frantumi di una vita. Mi dondolai, lenta dentro a quei deliri senza fine abbarbicata all'incavo di un fiato che rifletteva lembi di sogno tra le radici del cielo. In disequilibrio, stavo nel sottoscala dove l'oblio alberga. Ad occhi chiusi, udivo ogni rintocco del creato. Mi finsi persa tra aromi eterei e trepidanti attese. Volteggiai,lieve su quelle lacrime salate brandendo la stoltezza di un fiore d'inverno che germoglia sui lembi d'anima nuda U n i c a Lu c e quando ogni altra è spenta. Mi finsi sabbia su nera spiaggia una cocente scottatura estiva che ancora brucia.

Alda nel cuore 2016 32


Antologia di poesia contemporanea

Pietro Ciampa Tu e la luna Sulla terra santa della tua follia portasti i passi stanchi della luna anch'essa folle divenuta; ti fa compagnia, mentre verghi sui sogni delle notti delle poesie i versi e odi dell'albe dei giorni i pianti.

Alda nel cuore 2016 33


Antologia di poesia contemporanea

Ilaria Cino Dono di un angelo Ho due vecchie scatole di scarpe rivestite con fogli di feste non godute. Ci sono lettere ingiallite di strazio fogli strappati alla fede, i diari delle colpe con i criminali che non m’hanno assolto e intere pagine di silenzio. Ma non sapevo che la storia della mia demenza fosse una poesia e il mio pugno sulla carta il dono di un angelo.

Alda nel cuore 2016 34


Antologia di poesia contemporanea

Carla Composto Disagio Prende il sopravvento a distrazioni, ed ecco che riemerge con tutte le attenzioni. Si finge amico penetra nei pertugi più nascosti, s'insinua in passi lenti e felpati in vecchie cicatrici d'anima, mai rimarginate. A nulla vale urlare dar voce a chi non lo può fare, ad un mondo menomato e sordo. Da parte orgoglio e vanità solo aiuto e solidarietà, mentre tutto rimane nella quotidianità. Quotidianità, dietro ad un vetro appannato di una finestra chiusa, osservando la pioggia che, come i nostri pensieri, cade sempre più copiosa!

Alda nel cuore 2016 35


Antologia di poesia contemporanea

Silvana Costa Anima ferita Candida tenera spaurita... coperta da doloroso manto di membra dolenti spasmi furiosi e urla agghiaccianti vaghi tra le pareti spente di quel lugubre rifugio dove la fioca luce diurna si confonde col silente buio della notte... E te ne stai anima ferita a terra rannicchiata cullandoti le piaghe.

Alda nel cuore 2016 36


Antologia di poesia contemporanea

Matteo Cotugno Il domicilio E' questione di tempo: il cielo come un soffitto sembra pi첫 vicino - cartapesta sospesa nel quartiere dormitorio la mia mente si fa strada, nel giaciglio del carrello spesa un domicilio fittizio di una vita vera di una vita intera rinnegata e amata come un figlio, imparata a memoria come poesia.

Alda nel cuore 2016 37


Antologia di poesia contemporanea

Gabriella Cozzani Sogni neri Quando è sola pensa al sogno nero che la perseguita da tempo. Si chiede se riuscirà a resistere nei giorni bui all’incubo perenne. Il manto della notte aiuta, ruba il dolore e lo trasforma in poesia. Pensieri deformi restano sospesi nel vuoto della mente: durante il giorno ritornano nel loro lento viaggio indomiti senza essere schiacciati. I pensieri non fanno rumore e nessuno può ascoltare il dolore nel loro canto inquieto. Desiderio di morte, voglia di autodistruzione, fuga dal buio dell’esistenza. Cibo nel piatto: eliminato per non continuare la sofferenza accumulata. Non mangerà, non continuerà a combattere contro una vita ingiusta. Sottili fili d’erba i suoi pensieri stroncati dal vento che governa questo nostro mondo ingiusto: i forti possono schiacciare i sofferenti. Due dita in gola, poi il nulla per sempre. La sua sofferenza è finita.

Alda nel cuore 2016 38


Antologia di poesia contemporanea

Carla Vittoria Croce E tu inerte ascolti Cambia il vento, la stagione dei ricordi è solo nuvola che scivola. Ad uno ad uno te li riporterei, ti parlerei di loro dei loro volti e se la pioggia scende, non sarà solo lacrima ma ombra che farà sorridere. Cambia il vento, spoglia di vita è questa pioggia e ancor non sa decidere se mescolarsi al pianto o irrigar un miracolo mentre la tua mano, aggrappata alla mia, mi parla di casa e della tua paura.

Alda nel cuore 2016 39


Antologia di poesia contemporanea

Emilia Cuconato Divina Misericordia Stamane il tuo baglior il mio sguardo destare, angelo che da lassÚ' scendi in me il mio cuore intriso di pene a consolare. Pianto di creatura che vive in poesia, unica luce ad affievolir la sua pena. Divina Misericordia svelami il tuo cantico che io possa al ciel innalzar il mio pianto. Ti prego. Quest' anima perdona che di viver è vittima. Accoglila al tuo altare che possa tornare ancora una volta in ginocchio a te, pregare.

Alda nel cuore 2016 40


Antologia di poesia contemporanea

Maria Clotilde Cundari Forse no Spesso è il silenzio che accompagna un disagio, oppure un gran frastuono di urla o di lamenti. Cosa avverte quell’animo che, inquieto, si ribella? Cosa disturba la sua mente? Sarà davvero un malessere, o un bisogno, o un rifiuto… Forse no… Dietro quella assenza di chi è lontano dalla realtà, di chi è sospeso a viaggiare col pensiero altrove c’è qualcosa che noi non abbiamo il coraggio di accettare. Noi, che ci riteniamo posseduti dalla ragione e dal buon senso, ci adagiamo su una scelta che ci fa vivere tutti allo stesso modo, ci illudiamo di essere nel giusto, mentre avremmo bisogno di cavalcare su un sogno, di uscire dalla realtà, per provare, forse, in una diversità di vita, per qualche momento, il disagio di esistere nella normalità.

Alda nel cuore 2016 41


Antologia di poesia contemporanea

Francesca D’Andrea Scrivere di te Sì… mi dimenticherai, ma ci sono cose che scivolano lente, come questa notte. Come la notte. E... ci sono veli trasparenti, come nebbie fini. Avvolgono sinuose vesti grigie, perché grigi sono i tuoi pensieri. Solo negli occhi albeggia la speranza con la forza di uno che non si arrende. L’età, la notte e il cuore duro, sono misteri che non si sciolgono, come non si scioglie l’odio di una madre. Sì, mi dimenticherai. Ma, ci sono cose lente, come questa notte e come il tuo sorriso.

Alda nel cuore 2016 42


Antologia di poesia contemporanea

Sandra De Felice Solitudine Alcuni giorni non tramontano mai e non mi consolano le ore della notte, non mi inebria il vino nÊ mi delizian le ciliegie... Resto immersa in freddi laghi di solitudine abbracciata alla mia anima fragile, non mi riscalda il sole nÊ mi asciuga il vento... Alcuni giorni non tramontano mai e non mi consolano le ore della notte e cammino nascosta nella mia ombra sottile al riparo da nuove manciate di vita‌

Alda nel cuore 2016 43


Antologia di poesia contemporanea

Rosalba de Iudicibus Nella mia follia Ci sto bene nella la mia follia! Posso camminare su petali di rose mentre il tempo, nella mia testa, confonde le cose! Posso organizzare un falò sulla spiaggia mentre il tempo, nella mia testa, mi dice che è notte di canti e festa! Ci sto bene con la mia follia! Posso ridere o piangere senza alcun pretesto! Il sole o la pioggia sono, se dormo o son desto! Ci sto bene con mia follia! E non mi servono stagioni , orologi o calendari! Ti sembran strani... i miei sorrisi: quanto son veri! Io ci sto bene con la mia testa! In questa scatola senza finestra! Io ci sto bene nella mia follia!

Alda nel cuore 2016 44


Antologia di poesia contemporanea

Assunta De Maglie (R)Esisto Rattoppo ogni giorno brandelli di parole cucendomi addosso la vita. (R)Esisto non mi perdo dentro un tempo imperfetto. Esule dentro me stessa avvolgo, srotolo la mente scrivo la mia poesia, vertigine dentro la follia. Fioriscono rose rosse dove le spine bucano la pelle! Le maree non fanno rumore e se affondo e riemergo un vorticare nel petto mi tiene a pelo d’acqua. Unisco il mio canto al richiamo del mare mentre piano mi sgretola roccia di falesia.

Alda nel cuore 2016 45


Antologia di poesia contemporanea

Marina De Sanctis Di me la paura Temo di me l'inosservanza nel pensarmi quell'angolo cieco quel muto chiamarmi quel filo violaceo a tenermi legata leggera alla vita. Io temo ogni passo che faccio all'inverso contrario al respiro e cerco rifugio e cerco di me quel che posso il voglio è caduto in disuso è perduto.

Alda nel cuore 2016 46


Antologia di poesia contemporanea

Cristina Deleo Alda nel cuore Ti amo Alda di un amore puro di mamma che nutre speranza e vede nei tuoi abissi mentali fonte di sublime VeritĂ .

Alda nel cuore 2016 47


Antologia di poesia contemporanea

Daniela Dellocchio D’acqua chiara Ti ho inseguito sull’onda delle parole delfina follia che non conosce abisso nel tumulto della verità magnifico cristallo di solitudine dentro la bellezza dell’aria di luce e ombra che scioglie dileggi d’armonia e si racconta. Fuori è l’Oceano.

Alda nel cuore 2016 48


Antologia di poesia contemporanea

Maria Carmela Dettori Un cielo in affitto Mi passi davanti e non mi guardi, ragazza, ma io ho un pezzo di cielo da darti, se soltanto ti volti, ho stelle cadenti raccolte a manciate nelle notti d'agosto, che fanno le tasche pesanti e si mescolano a un mezzo panino indurito e un po' di tabacco. I miei sogni - mi chiedi li ho lasciati in un prato di neve, frammenti di vetro che ritrovo confusi nel nettare rosso d'oblio, mentre la luna bugiarda mi guarda e si prende gioco di me. Chiedimi ora, ragazza, tu che guardi lontano, dove ancora fiorisce il mio cuore, e io ti rispondo che è là , nello stesso campo di sole dove son persi i tuoi occhi, che sanno di grano e di viole.

Alda nel cuore 2016 49


Antologia di poesia contemporanea

Valentina Di Caro Tizio Caio e Sempronio Voi esseri peregrini che tanto avete pregato ad ogni stazione, inchinandovi ad icone di passaggio avete forse chiesto per me clemenza? Perché la morte e la malattia sono ogni dove non solo agli angoli dove è semplice versare un obolo di carità in un cappello. Alla mia porta non bussaste mai ai tempi in cui sulla tavola non v'era neppure la tovaglia vorreste forse che quando il mio giardino sarà verde io mi ricordi di volti che non vidi mai? Battetevi il petto espiando le altrui colpe addossate a me le ignominie dei vostri delitti non servono pareti per delimitare una chiesa stanze sotto il cielo ve ne sono a sufficienza. Tu che mi pensi per rimproverarmi prova a vestire i panni di colei che nuda indossa la sola dignità di non aver chiesto se non giustizia dei capi suoi venduti all'asta. Sì, parlo con te, con te che ti guardi alle spalle Devo indicarti? No, non sono avvezza a puntare il dito tanto te o un altro fa lo stesso.

Alda nel cuore 2016 50


Antologia di poesia contemporanea

Barbara Di Francia Così nasci poesia Come polvere piove sul foglio di carta una pioggia di versi si espande… prende vita. Così nasci poesia come un soffio di vento sprigioni parole d’inchiostro racchiuse in tutta la tua essenza. Rimani impressa nei cassetti del cuore che rispolvero cercando di colmare il vuoto che c’è dentro di me. Ti sento nei sentieri scolpiti dell’anima dove viva nel pensier mio rimani nonostante il naufragar del tempo.

Alda nel cuore 2016 51


Antologia di poesia contemporanea

Maril첫 Di Liberto Inafferrabile Presenza come vuota assenza, si libra leggera nell'aria eterea. Io stendo la mano con prudenza, mi sfugge come polvere sulfurea. Si sbriciola l'opaca immagine nel tetro buio della coltre notturna. Appare e riappare nella nebbia fine come una luce soffusa sempiterna.

Alda nel cuore 2016 52


Antologia di poesia contemporanea

Rosalba Di Vona Ricco di risorse Liberati dai limiti mentali scappa la mente è immensa più del cosmo non ha confini Quando ti sentirai perso e non saprai come agire fermati respira cerca in essa non ti deluderà Scoprirai di essere finalmente ricco di risorse e ciò che credevi ti consumasse dentro non era altro che una piccola favilla di follia che non riuscivi a comunicare Perciò non penare sono gli altri che non conoscono la tua lingua sono gli altri che poi percorreranno la via che avevi tracciato tu.

Alda nel cuore 2016 53


Antologia di poesia contemporanea

Salvina Distefano Il mondo dei dormienti Caro papĂ ... in punta di piedi sono entrata nel tuo mondo baciandoti la fronte ti sto seduta accanto. Nel mondo dei "dormienti" la tua anima innocente ha preso il sopravvento... Invento nuovi giochi per riuscire a risvegliare quel bambino di ottant'anni che fatica a camminare. Intono canti antichi e come ninnananne cerco di colmare quel luogo di silenzio che ti vuole divorare. Caro papĂ ...

Alda nel cuore 2016 54


Antologia di poesia contemporanea

Franca Donà L’inferno è qui La notte è una vecchia matrona che batte nel buio di angoli neri una spranga di ferro che corre qualche urlo di bestia ferita e l’amaro sapor di veleno nel palato macchiato di sangue. Attraverso occhi velati d’angoscia guardo cadere le ore come grigi fiocchi di neve nella cantilena del pianto l’odore rancido dei letti bagnati nell’eco stantio d’un inferno qui in terra.

Alda nel cuore 2016 55


Antologia di poesia contemporanea

Barbara Eramo Oltre Oltre lo squarcio di primavera tra le pieghe del freddo inverno. Oltre il silenzio oscuro nei deliri delle stanze oblique. Oltre l’arsenico versato nella coppa lugubremente offerto alla bocca assetata. Oltre ogni graffio aggiunto al lamento straziato nella polvere di piombo. Oltre ogni pagina scritta poi strappata e data in pasto ad anime vuote. Oltre... Io sono. Tu sei.

Alda nel cuore 2016 56


Antologia di poesia contemporanea

Teresa Esposito Alda, tu… Poesia Alda, sognatrice sveglia di verità assoluta, accendesti in te una scintilla di follia. Tra mura amiche eri straniera nel tuo paese: non parlavi la stessa lingua, non vestivi gli stessi usi, non eri capita. Gli altri erano i savi, e, agghindata di pazzia, in guerra col mondo intero, volevi un equilibrio. T’internarono in manicomio e con quarantasei elettroshock volevano rinsavirti e conformarti ai tanti. Di quel posto accettasti tutto, perché per te l’inferno era fuori dove gli altri ti giudicavano, condannando la tua alienazione. Solo tuo marito ti mancò. Lo cercavi ogni giorno, e lo attendevi invano. Lo aspettavi all’ingresso, mentre un velo di lacrime, spesso, ti copriva gli occhi. Ovattata nel tuo male di vivere e chiusa in quei lunghi silenzi, diventasti foglio e penna. Indossasti un vestito di dolore, e per placarti il tormento, strappasti i versi dall’anima tua. Alda, tu… Poesia. Alda nel cuore 2016 57


Antologia di poesia contemporanea

Maristella Fasanaro Tra luci e ombre La tua vita giace lontana da te, estranea, con le radici strappate. E tu, umiliata, ti aggiri in cerca della tua essenza. Si fa strada e ti sorprende un alito di speranza: un sentimento nuovo ti avvolge come un sogno. Ti aggrappi a quel sogno, rifugio di luci che dissipano le ombre del tuo cammino. E dalla ragnatela degli anni oscuri, emerge quel filo d'oro che tesse le ali della tua poesia. Piene di fremiti e di emozioni, le tue parole si posano come un fiore su ricordi bagnati di lacrime.

Alda nel cuore 2016 58


Antologia di poesia contemporanea

Pietro Erasmo Fasani

Nella brezza del mattino odorosa origano selvatico intriso di salsedine venni al mondo piangendo come tutti d’altronde vissuto all'infinito vibrazioni di passioni sentirti spinosa ingoio amaro amore scivolando nel piacere averti mia respiri di vita poesia intrisa celate Emozioni fragole odorose solitario smarrimento dell’abbandono reale malinconia sentiero del silenzio ipnotico vissuto errante ombra nella brezza marina intrisa di lacrime amorose.

Alda nel cuore 2016 59


Antologia di poesia contemporanea

Fabrizio Ferrari

S'io fossi certo d'esser pazzo potrei volare come lo sparviero e dominare con gli artigli della mia follia la vita, ma le nubi e il sole giocano e ridono con la mia insicurezza.

Alda nel cuore 2016 60


Antologia di poesia contemporanea

Valeria Filippo La matta sono io Ho sentito parlare di me... quando ero troppo impegnata a guardare la gente, a scrivere dell'amore e del mondo che sognavo. Di me che spezzo catene d'odio e lancio ghirlande di fiori. Ho sentito dire di me cose che neppur io, che sono matta, potevo immaginare. La matta che scrive... la matta che ama anche se non corrisposta e che dona carezze a chi mai le volge un solo sguardo. La matta sono io... quella che continua a scrivere d'AMORE.

Alda nel cuore 2016 61


Antologia di poesia contemporanea

Caterina Silvia Fiore Terminal La bestia immonda ha lanciato la sua sfida una condanna una mezza verità esplosa in me già nel mio essere primitivo nella pancia accogliente e rassicurante. Vedo la tua schiena in lontananza perché il tuo vivere tranquillo non sia disturbato dal mio esistere a metà, ti sei allontanato, uomo amante fratello amico mio. Il mio tempo fisico passa veloce compresso in lui il mio tempo vitale. Questa è una grande prova e se qualcuno mi colpisse avrebbe la vittoria in pugno fragile e debole come sono ora. Questa è una grande prova. Ogni singolo istante è una vita completa e io bevo, mi disseto nel mio mare calmo rubo a lui tutto quello che mi serve. Per combatterti, bestia immonda. Questa Sarà Una Grande Prova. Chi vincerà?

Alda nel cuore 2016 62


Antologia di poesia contemporanea

Anna Maria Gallo La farfalla dalle ali spezzate Fui presa, come una farfalla nella rete, in un freddo giorno d’inverno. Vennero uomini alti e robusti come alberi per condurmi nel regno dei pazzi. Nuda carne mi ritrovai, anima povera spogliata di dignità di donna: ero farfalla dalle ali spezzate alla quale si negava, la libertà di volare. Nel regno dei pazzi vi erano muri grigi, screpolati dal tempo e imbrattati e sporchi dalla disperazione umana: lì, vi si scolpiva la rabbia dei reietti del mondo. Ma perché si chiama follia, ciò che a volte… follia non è? Ma chi siete voi uomini e donne che mi condannate all’inferno e mi giudicate folle ? Dove inizia la mia follia e la vostra normalità? Dio non mi abbandonò mai nel paradiso dei pazzi anzi, mi fece regina dei miei sentimenti e mi regalò il dono più grande: il dono della scrittura. Mi chiamavano pazza ma io volevo solo sentirmi libera in un mondo di schiavi e quanto più mi trattavano da folle tanto più io, mi avvicinavo all’essenza del divino aggrappandomi ai pochi brandelli che mi erano rimasti della mia stanca anima , a quel poco… che ne era rimasto di me! E così, presa in un vortice frenetico gettavo dolci parole su fogli di carta… le mie poesie, come se queste fossero petali di rose sparsi nei campi verdi della speranza. Scrivevo parole d’amore a chi Amore per me… non ne aveva avuto poi tanto.

Alda nel cuore 2016 63


Antologia di poesia contemporanea

Francesca Ghiribelli E se la tua morte fosse stata mia… In questa lanterna di te affidata alla notte lugubre fiamma mi inquieta e fra le parole non trovo intesa. Parlo al tuo ritratto e la promessa di ritrovarti diventa pianto. E se i miei capelli fossero coltre di nebbia avrei inventato sprazzi di sole per immaginarti rinata tra i fili d’erba del prato. E se il mio pensiero fosse acqua ogni giorno questa terra avrebbe pioggia senza fonte di nubi. E se mendico fosse stato il mio amore avrei errato su strade dimenticate dal mondo per amarti e ritrovarti in ogni angolo del tempo. E se potessi riaverti qui con me venderei la goccia del sangue più puro per riscattare la tua anima dal peccato di avermi amato. Ora non posso far altro che rivelarti l’unica via che mi condurrebbe a te, così non avrei vissuto invano se la mia vita fosse stata tua e se la tua morte fosse stata mia…

Alda nel cuore 2016 64


Antologia di poesia contemporanea

Maria Imbrogno

La mia anima come uno scrigno dimenticato trabocca di tesori a cui la tua notte non offre raggio. E vorrei almeno i tuoi occhi nei miei occhi quando e pietre e distanze ti squarciano la mente.

Alda nel cuore 2016 65


Antologia di poesia contemporanea

Valentina Imperiu A mia madre Tronchi stanchi i miei pensieri marciscono nell'acqua torbida di ricordi confusi, intermittenti come la ragione che mi abbandona. Una donna mi fissa dallo specchio. Ăˆ malvagia e la paura mi cola tra le gambe. I dottori mi stordiscono di fulmini e sonno. L'inferno trabocca di demoni vestiti di bianco e di corridoi larghi, affollati di urla. Stringo al petto la mia bambola e la cullo, assomiglia a mia figlia, e si fa abbracciare.

Alda nel cuore 2016 66


Antologia di poesia contemporanea

Caterina Izzo A mia madre E voglio ricordare il riso verde degli occhi e la voce severa, voglio conservare il contorno del portamento altero e la filigrana d’oro dei tuoi rari sorrisi… perciò, vai via nel buio di fragili ossari e non mi donare occhi appannati e dita disarticolate e deboli… vai via nel deserto spento della tua solitudine e non mi chiamare figlia… perché non posso più averti.

Alda nel cuore 2016 67


Antologia di poesia contemporanea

Michele Izzo Il bacio di Morfeo Il fragore assordante del silenzio morde il mio orecchio in attesa. Naufrago in un mare d’illusioni cavalco l’onda che guizza in vortici di nuvole spumose un soffio di schiuma come un abbraccio cela il volto argento della luna e una raffica di vento mi trascina via in un sogno qualunque. Fradicio di soporifere gocce di veleno appaio immoto eccetto per un respiro calmo effimero delirio onirico di un equilibrio vulnerabile che di tanto in tanto irrompe in un battito di ciglia. Indosso il solito abito da folle mentre a mani nude seziono la scorza che mi sigilla l’anima eppure nemmeno sanguino arido come un deserto. Ma inatteso sboccia dalle labbra assopite tenero come un bisbiglio l’eco canoro di una poesia e rime furiose sgorgano dalle nebbie notturne a baciare ogni angolo d’esistenza. Alda nel cuore 2016 68


Antologia di poesia contemporanea

Antonella Jacoli Studio n.1 L’assassinio della poesia il massacro dei talenti cadavere arpionato alla gru che guarda in basso lo svaporare del porto. Cola sangue dalle crepe al talamo sociale per il labbro scorciato per le celle mai svuotate d’onirico. L’assassinio dell’umanità il massacro dei valenti fantasma convocato a cena che guarda in alto il risalire dei voli.

Alda nel cuore 2016 69


Antologia di poesia contemporanea

Ada Jacono Come i girasoli Risate, pianti, canti silenzi, indiscutibili silenzi come foglie sbatacchiate da impetuoso turbine stanno menti annebbiate. Inatteso sgomento pervade il cervello. Raffiche nere, lampi di luce turban la quiete. L'Inconscio addormentato con flash del vissuto. Fisso lo sguardo sull’infinito in un vuoto che non ha fine. Ricerca di interrogativi senza risposte. Il nulla sospeso in un etere di malinconia. Calma sinergetica lascia i capi chini‌ come al tramonto i girasoli.

Alda nel cuore 2016 70


Antologia di poesia contemporanea

Francesca Lacalamita La guerra della vita Sei sola al mondo, che ti piaccia o no. Sola e basta. Non provare dolore. Se lo senti, fattelo passare. Non c'è bisogno di piangere. Se le lacrime scorrono sul tuo volto, fino ad arrivare in gola, asciugatele. È la guerra della vita e bisogna combatterla, da qualunque postazione, perché la vittoria è la sopravvivenza.

Alda nel cuore 2016 71


Antologia di poesia contemporanea

Daniela Lazzeri Buio nell'anima E’ sceso il silenzio il vento piega le sue ali, il sole timido si cela dietro grigie nubi e stelle stanche ormai non brillano piÚ. Petali neri navigano sull'onda in tempesta come barche senza piÚ vela. Spenti sogni si inabissano, faro spento mi ritrovo alla deriva, luce dispersa nel profondo buio, lamento che solo il mare sa ascoltare. Odo l'amaro respiro di un pianto, fuori del tempo pensieri, che nascono e muoiono nell'arco di un istante. Resto qui in balia del tempo tra ricordi e malinconie e voli di gabbiani. Sabbia e onda impastano l'anima, tra alga e scoglio affoga con l'urlo del tuo sentire la mia follia, che sfuma con i miei deliri tra nebbie e profondi dolori.

Alda nel cuore 2016 72


Antologia di poesia contemporanea

Alessandra Leonardi Sterile Passavo giorni a scrivere e notti a disegnare mondi lontanissimi, amori e dolori, tempo infranto e sogni a colori. Ora sono come fontana chiusa non esce acqua. Come terra sterile non cresce erba. Come radio spenta non sgorga musica. Un’anima rotta: non nasce nulla.

Alda nel cuore 2016 73


Antologia di poesia contemporanea

Rocco Giuseppe Leonetti

Fiato! Fiato! Cerco fiato! Nella candida camicia sono imprigionato. Fiato! Fiato! Cerco fiato! Nella candida camicia sono imprigionato. Storce il tempo la mia mente, storce il tempo la mia mente. Ora candido il lenzuolo gentile avvolge la mia barca ancorata senza vita ad un vecchio letto stanco.

Alda nel cuore 2016 74


Antologia di poesia contemporanea

Rocco Michele Lettini Angoscia (Acrostico e terzina stile haiku)

Abbaglio non preleva Ne lo suo smorto corso. Giovar, lo giorno assenta… Ostile, amar raccatta! Su l’apparir dolente, Calpesta, ‘na gentaglia. In simpatia non vince Annuncio lieto… Un angelo… --Bugiarde diagnosi dottori(?) terapizzan. Gocce e… rinchiusa!

Alda nel cuore 2016 75


Antologia di poesia contemporanea

Marisa Lissoni Annoni Una madre nel sorriso del cielo La tua voce si è fatta sospiro di vento nell'inverno che ancora non scioglie il rigore! E la pioggia è compagna nel Tuo ultimo viaggio! Un sottofondo al dolore mentre lagrima il cielo! I tuoi occhi ora spaziano cogliendo ogni cosa. Sfumature e pensieri poetici d'amici sinceri! Un corollario d'immagini in variegati colori! Mentre aleggi su una scia che conduce alla Luce! Nei ricordi d'ognuno, sorridente e' il Tuo volto! La Tua voglia di vivere -nonostante- diveniva Poesia! Tutto era una prova -per l'anima- con moneta vincente! La bufera sembrava allontanarsi dal presente! Nel sorriso del cielo una candida nuvola dondola ed avanza come vela sul mare! Una stella piccina si desta nella notte ammiccando. PiÚ che mai rilucente! Una Madre s'affaccia al balcone -invisibile- dell'Eternità ...

Alda nel cuore 2016 76


Antologia di poesia contemporanea

Rosella Lubrano A Valentina Una lacrima scende furtiva mentre il tempo si è fermato nei tuoi occhi, nulla ti turba, nulla traspare nel tuo sguardo tremante. Ah, come scandagliar vorrei l'anima tua, carpire le sensazioni di un presente assente, mondo vacuo, chiuso in una mente ovattata, in piramidi di emozioni sopite, nell' imperturbabile vuoto dell'essere! E non reagisci, imbrigliata nei fiorami arrugginiti della tua anima, sbriciolando la tua solitudine in sbiadite illusioni, crisalide impazzita sotto un cielo che non vivi piÚ.

Alda nel cuore 2016 77


Antologia di poesia contemporanea

Loriana Lucciarini La mia vita da ostrica Tutta la mia anima è là racchiusa protetta dal guscio di un’ostrica. Oltre quel guscio, che mi isola dal mondo, tutto arriva cheto suoni, rumori, rabbia, paura, tutto pare afono, distante, lontano… M’illudo così di proteggermi e di farmi meno male, eppure tutto penetra e, inesorabilmente, arriva. La vita m’avvinghia e mi travolge l’anima assorbe l’intero universo i palpiti, le lacrime, le gioie, i dolori e, tra spasmi di vita e pianto, vivo e mi trasformo imparo e m’accresco e muto la mia anima in superba perla nuova esistenza di luce bianca e opalescente.

Alda nel cuore 2016 78


Antologia di poesia contemporanea

Daniela Lupi Anima tormentata La tua carezza sembra un movimento spasmodico di anima in tormento, i tuoi pensieri si nutrono d’illusioni lasciando il vuoto nella reale vita. Soffri in tacere e ti nascondi dentro l’armadio, pensando che così gli scheletri svaniranno. Tormento nel petto con il cuore che muore dentro, i pensieri scomposti ancora per poco nascosti. La prigionia non è materiale ma qualcosa che io non posso cancellare dai tuoi pensieri.

Alda nel cuore 2016 79


Antologia di poesia contemporanea

Wanda Mandola Ossessione Tutto si accavalla nella mia testa, ossessivamente, ed i giorni sono tutti bui e tristi! Ricordo, vagamente, la mia vita straziata dal male di vivere. Ragnatele nell'anima e nel cuore, mi avvolgono e mi trattengono... mentre fuggirei lontano, lontano... ma in quale realtĂ rifugiarmi? Come gabbiano spiegherei le ali per librarmi nell'azzurro, ma punti neri ed ossessivi, nel cielo, mi spaventano, mi fagocitano e resto ancorato nel mio angolo tenebroso! Ricordo un po' del mio ieri, ma mi crogiolo nell'oggi... fatto di nulla, proprio come sarĂ  il mio domani! Solo... tante pilloline colorate... rallegrano i miei occhi e non certo il mio essere! Fiore secco e appassito, resto immobile! Fisso, con ossessione, il buco... freddo, dove, pioggia, silenzio e schiamazzo riempiono i miei spazi e mi sommergono! Spero in un raggio di sole che, possa all'improvviso, illuminare il mio cuore e donarmi un sorriso! Alda nel cuore 2016 80


Antologia di poesia contemporanea

Maura Mantellino Un passato dimenticato Il canto del corvo, rassegnato e triste, il fruscio delle fronde, malinconicamente appassionato ti accompagna nei silenzi. Il tuo respiro verso l’alto sale, dove i compassi dell’uomo non valgono piÚ, e si ignora ogni accadimento. Nella tortuosa forza di un ricordo ormai cancellato, un respiro si espande in momenti dolorosi e suggestive divisioni. Presenza dura, sofferta, apparentemente fortuita, strappata come perle ad un fondo marino frugale ed avaro. Pazzia e disperazione di un passato dimenticato si abbracciano.

Alda nel cuore 2016 81


Antologia di poesia contemporanea

Giovanni Marlo

Cadono sui passi petali di rosa nera rifugi per lucciole la sera colorandosi screziati rasi di un colore gotico romantico tale lanterna nel cuore eleva il me dimentico scultore di sospiri che ancora non riesco a nuotar tutti i miei mari.

Alda nel cuore 2016 82


Antologia di poesia contemporanea

Roberto Marzano L’animale che ho in testa L'animale che ho in testa bussa forte, mi scrolla mi fa strane proposte, mi molesta i pensieri con visioni indecenti, tremolanti istantanee si contorce nei gangli, ne fa scempio, sfracella crude crune divelte da un immane fracasso sfonda a pugni i miei freni, s'accapiglia a grovigli di serpenti ingrippati sotto piogge di fischi e di fiaschi sfiatati che disfano e sfanno il tormento incessante di chi si raccomanda di ben spegner la luce e di tirar la catena tesa al collo di schiavi prostrati in ginocchio che allo specchio non danno nessun peso nÊ tregua porgon proni la guancia agli schiaffi a capriccio di signore indignate dalle unghie affilate lascian graffi di smalto, bende nere sugli occhi da veder sarà poco se non schizzi di spilli e sudore rappreso, molto poco sul serio.

Alda nel cuore 2016 83


Antologia di poesia contemporanea

Fulvia Massardo Male perverso Persa nella tua gora, profonda e nera, di te sentivi solo la pochezza. In cuor tuo l’amara colpa d’aver trasmesso ai lombi tuoi pari, triste abulia, male del cuore. Il buio, tuo signore, t’avvolgeva a spira. Brancolando in te, invocavi quello che più con te non era… Solo pace volevi…ora! Per l’animo greve, la chimica narcosi e quando chiudesti gli occhi Atropo, pietosa, il filo tuo recise.

Alda nel cuore 2016 84


Antologia di poesia contemporanea

Elisabetta Mattioli Gabbia Una stanza bianca i lenzuoli candidi l’atmosfera irreale figure sconosciute accanto al tuo corpo gli occhi sono lontani (forse, in apparenza) le mani si muovono la tua rosea bocca intona una canzone penetra le mie orecchie scivola leggera (si) in ogni cellula entro nel tuo mondo non conosciuto (sempre) da un camicie bianco e amato (infinito) trasmette alla mia anima unita in un nodo profumato con il sale. Ora, vedo una finestra sei volato lontano verso il mare (amato). Sei libero (ormai) le finestre d’acciaio hanno aperto la gabbia.

Alda nel cuore 2016 85


Antologia di poesia contemporanea

Sergio Melchiorre Ho paura di essere felice Ho paura di perdermi nell'immensitĂ dell'azzurro dei tuoi occhi. Ho paura di rimanere imbrigliato fra le tue ciglia. Di rimanere aggrappato alle ciocche dei tuoi lunghi capelli. Ho paura di scavalcare quel muro che mi sono costruito attorno per proteggermi dagli abbandoni. Ho paura di essere felice.

Alda nel cuore 2016 86


Antologia di poesia contemporanea

Maria Micelli Il sogno mio Appresso porto i miei ricordi altro non so e non posso fare... Sono rilegata qui a pensare e ripensare. I miei arti restano inermi la faccia sporca dal sangue rappreso di una vecchia ferita che fatica a guarire. I miei occhi troppo stanchi intravedono appena una tenue luce dalla piccola finestrella… e lì che aggrappo i sogni miei… lì sono libera di volare libera di andare. Vorrei urlare ma la voce mia rimane in gola e se provo a muovermi le mie povere ossa non ubbidiscono al mio comando. C'è chi dice che pazzia è non capire nulla... essere fuori dal mondo… ma io so che pazzia è questo, voler vivere, ridere, camminare, gridare, amare, dare e ricevere un bacio… senza far male. La carne, l'anima, il cuor mio se non possono e non potranno gridare vorrebbero almeno saper e voler vivere, amare, ed essere amati. Alda nel cuore 2016 87


Antologia di poesia contemporanea

Cesare Moceo L'irredimibilità della società Con l'anima effusa dentro l'essenzialità di silenzi divorati come fossero pane giornaliero ho portato senza vergogna i calzoni rammendati con le toppe della dignità. Ora in quest'oggi in cui è possibile il tutto e il suo contrario vivo immerso nel fascino della trasgressione vestita di disperazione ad accettare l'imposizione d'atteggiamenti irritanti di menti d'alto ceto che puzzano di muffa pesanti da sopportare. E mi accorgo che la schiera dei veri uomini si va assottigliando.

Alda nel cuore 2016 88


Antologia di poesia contemporanea

Marco Morandi Oltraggio alla vita Nel restar fredda l’ingiuria della lama lacera ancor di più il gesto fatto. Mirar vicina meta spinge ragioni tese a dubitar, incredule, del gesto fatto... …ed affrontare il resto non chiede forza, ma sol distanza da quel che diede vita. Disperdo l’io in acqua ferma e calda lasciando debiti e doveri, colori e musica. ...Ora il tremar infrange il nero oscuro e l’ultima ragion disperde il mio sapere. Graffio quell’ultimo respiro per afferrarmi ancora a ciò che il nulla mi toglierà per sempre. Gli occhi son spenti ad osservar l’errore di chi, peccando di coraggio, coraggio più non ha.

Alda nel cuore 2016 89


Antologia di poesia contemporanea

Graziella Mussino Crisalide Crisalide immobile senza emozioni apparenti corpo soffocato in un guscio privo di vita cuore vivo e pulsante incapace di aprire un varco per vedere il cielo per sentire il calore del sole per esprimere parole d'amore. Solitudine inesplorata e angosciante, mutismo assoluto, impotente ad esprimere l'amore che sgorga dal cuore e che rimane oscuro e nascosto come un forziere intatto.

Alda nel cuore 2016 90


Antologia di poesia contemporanea

Domenico Nenna E’ solo un gioco Mai mi vergognerò delle mie lacrime, dei sentimenti, del vecchio cuore, saprà piangere il mio essere davanti a l’umana disperazione. Ogni giorno sortirà la mia vita in questo gioco che non dà scampo, la spada della follia affilerò senza usarla contro il prossimo. In ogni alba, c’è la mia ora... terre fertili in me vedrò, meritata distesa mi apparirà se il mio male saprò sfidare. Via il potere e il grande orgoglio sorga l’aurora tutto intorno, sboccia ora in questa distesa di pace la vicinanza con chi non c’è più.

Alda nel cuore 2016 91


Antologia di poesia contemporanea

Daniele Neri Il silenzio Il silenzio mi prese per mano con forza. Calò il buio sui miei pensieri e capii di non potergli sfuggire. Non servÏ urlare senza voce, soffrire senza dolore fisico, piangere senza lacrime. Il silenzio mi offese, mi prese, mi strinse, mi portò in una strana città . Nella notte silenziosa illuminata a stento da un quarto di luna ambiguo, muta era la strada e nuda rimase la mia mente, prigioniera di un tragico corpo silente. Vattene Silenzio, lasciami urlare, libera le mie mani, non stringer le mie corde, lascia che ritorni a vedere il sole.

Alda nel cuore 2016 92


Antologia di poesia contemporanea

Giorgio Ombrini Il pastore Lollo Avevo sei anni, rimembro bene il pastore Lollo; era mite, ma di sé non aveva un gran controllo. Di bella presenza,alto, credo avesse venti anni tutti i dì passava dai Botriali, il podere dei nonni. Disponeva d'un caratter inibito ma scanzonato; non amava impegni, ma s'avvertiva beneamato. Voleva disporre di diversi amici e sentirsi libero ma nessuno lo stimava, per tutti era il bischero. Non gestiva bene il denaro, ma non era scemo, considerava il cielo il tetto vero,quello supremo, se portava un vestito quasi nuovo era contento per farsi notar dalle gente camminava a rilento! Con occhi trasognati sembrava spiccare il volo sentendosi elevato da terra, aleggiava da solo! Se era fra gli alberi avvertiva vibrazioni ardenti; accettava gli sberleffi come graditi complimenti. Credo soffrisse di disagi psichici, ma sorrideva contento, sovente la sua anima di gioia ardeva. Gli mancava di un po' di autostima, non penso che nella sua mente ci fosse tramestio intenso. L'irritava l'indifferenza, per lui era vera crudeltà, non voleva esser considerato una totale nullità! Talor era manipolato, bastavano pochi dolciumi, confessava furti, parlando fluente quanto i fiumi. Rivelava le ruberie dei suoi poco onesti parenti: nonna ha intuito il perché dei cali degli armenti! Penso che per noi sia un'utopia la stabil felicità; forse per lui, pur disabile, era di facile attuabilità. Alda nel cuore 2016 93


Antologia di poesia contemporanea

Stefania Onidi La pazza La chiamano la pazza del balcone, la mezza nuda con la coda di cavallo, quella che si ciba di sale e fango, pesta i piedi e mangia l’aria durante il suo canto vocalicoconsonantico intraducibile balbuzie del sangue. Violata, sempre aperta, chiunque è entrato in lei. È bellissima. Non è in sé, non lo è mai forse per questo sfonda la vita e ride. Sprofonda lenta nel suo paradiso.

Alda nel cuore 2016 94


Antologia di poesia contemporanea

Emilia Pacelli Filastrocca degli Umani Diversamente Uguali Siamo tutti accomunati da un'unica e immensamente grande umanità diversa: Il neonato che urla tutta la sua sorpresa di essere venuto al mondo Il bambino che sogna da grande di volerlo guarire L'adolescente che lo contesta per imparare a capirlo L'adulto che si sente diverso per non saperlo comprendere L'anziano che si fa bianco per donargli i suoi colori Lo spazzino che fa fatica a mantenerlo pulito Lo scienziato che ogni giorno rinnova la sua scommessa diversa Il pittore che lo dipinge come mai nessuno lo vede La maestra che ha il compito di farvi sbocciare tante umanità bambine Lo straniero che in cuor suo pensa sempre alla sua terra Il malato di cancro che ogni minuto vince il suo minuto in più Il disabile che è sempre, senz'altro, abile a qualcos'altro Il senza nulla che ha dimenticato anche tutte le parole, i suoni, i colori. Ma in definitiva c'è sempre un qualcosa che può farci sentire compresi e bisogna solo avere la fortuna d'incontrarlo in giro per il tondo.

Alda nel cuore 2016 95


Antologia di poesia contemporanea

Laura Paita Sento Sono incerta, è un tormento, sento, penso, ripenso, fermo un’immagine, il tempo, rotolo in un sentimento, nella parola che mi vibra dentro. La dipingo su un foglio, mi rimbalza al centro della testa, del cuore, del turbamento con un ritmo ossessivo, estenuante e lento. Con un cenno di assenso mi riprendo il dissenso, che era mio, che ora è dentro finalmente lo sento e lo spargo nel vento.

Alda nel cuore 2016 96


Antologia di poesia contemporanea

Antonio Palladino Sassi Uno sciabordio continuo tra languide acque e sentieri di pietra, come sassi ci levighiamo per conoscersi a fondo tra sillabe e dolcezza. La malinconia sempre in agguato, la lettura come libertà distilliamo pensieri traghettiamo parole parole che spesso sono scoglio testimoni e non protagonisti come fili d’erba sogniamo il sole. Rampicanti pensieri come edera i nostri aneliti luce e oscurità al nostro fianco in viaggio verso terre colorate e calorose irte di fantasmi e rupi come spugne assorbiamo sensazioni tra infinite odissee come quelle dei poeti.

Alda nel cuore 2016 97


Antologia di poesia contemporanea

Simonetta Pancotti Il limite Limiti per ciascuno indesiderabili per tutti. Limiti comodi su cui defecare irresponsabilità false. Limiti inaccettabili con cui disfarsi oppure elevarsi. Il limite è una realtà universale. Nessuno escluso tutti compresi. Ma di ciò il vero limite é l'ignorare lo stesso in sé senza menzogna senza ricatto senza vendetta senza facile e dannoso narcisismo. Ti accarezzo guardandoti con rispetto. Ti cammino accanto ascoltando un vuoto reale. Ti riconosco nel mio procedere ignoto incredibilmente di me a me stessa.

Alda nel cuore 2016 98


Antologia di poesia contemporanea

Lorena Paris

Dentro gli occhi d'un sogno, parole di vero colorano vite piegate o forse notti sfregiate. Rinasce da opaco una stella che è danza d'intreccio flessuoso tra il cielo proteso e il suo gesto ancora incompreso.

Alda nel cuore 2016 99


Antologia di poesia contemporanea

Nadia Pascucci Ignoto viaggio Siamo foglie accartocciate spinte dalla furia del vento, macchie su di un foglio bianco, Viandanti lenti e stanchi nel viaggio della vita Senza cartine, a inventarci la strada, le vie da imboccare, le colline da scalare, con l'affanno di salite e roboanti discese. In cammino sempre verso l'ignoto senza mai voltarci, a godere la libertĂ , ammirare panorami con scalpitanti emozioni. Lenti e stanchi con pesante fardello sulle spalle e ricordi ben stretti sul cuore. Infiniti, immortali, involucri a perdere...

Alda nel cuore 2016 100


Antologia di poesia contemporanea

Francesca Pillitu Poesia Com'è bello sussurrarti la vita tra le arse zolle rosa tra le grida dei rovi. Sei dono sei sale sulle ferite strappate brandelli di vesti i miei peccati. Sei aria gemma sugli anelli di fumo realtà distorta fra crudeli spire. E sei terra amante del seme d'amore mai sazia gravido germoglio della mia salvezza.

Alda nel cuore 2016 101


Antologia di poesia contemporanea

Esperia Piluso Diversi da “loro� Fummo di ataviche illusioni figli, anatemi di misere speranze, preludi di paralleli immaginari. Fummo di stanze oscure prigionieri, ostaggi di ghetti immondi, deliri di richiami ultraterreni. Fummo di ricordi cancellati, di affetti deprivati, deserti sconsacrati per coloro che furon presi dall’insensata boria di somigliare a Dio.

Alda nel cuore 2016 102


Antologia di poesia contemporanea

Antonia Anna Pinna Tornare Non è facile tornare dal deserto… Raccontarne il travaglio. Ho masticato polvere, atteso nel buio, incontrato scorpioni e serpenti i miei occhi quasi non vedono più. La sabbia è entrata in me inaridendomi la polvere sottile mi scorre nelle vene e impastandosi crea limo. Nuova creta, per modellare altri visi per resistere e confondere il nemico. Prova tu a morire e rinascere ogni giorno. Sputo e piango per ritrovare la fresca spuma ma il mare è lontano e le mie conchiglie mute.

Alda nel cuore 2016 103


Antologia di poesia contemporanea

Liana Pintea L'urlo della pioggia Tu non lo sai che una notte quando tutti dormivano sono scappata come un ricordo sotto la porta della stanza che nascondeva l'urlo della pioggia cresciuta nel cuore come una selvaggia. Ho camminato inciampando nel buio come un vento primaverile dopo una grande tempesta senza capire l'odore dell'erba fresca coperta di un fango denso che scivolava fra le mie mani. Era molto freddo ed ogni ombra nascondeva mostri che cercavano di prendermi mi volavano sopra la testa mi tiravano i capelli facevano dei rumori strani e mi mordevano i piedi. Tu non lo sai che una notte quando tutti dormivano sono scappata come un ricordo sotto la porta della mia stanza...

Alda nel cuore 2016 104


Antologia di poesia contemporanea

Cecilia Piras Che ha fatto di male una rosa? Cerchi concentrici, cerchi confusi, cerchi di malinconia… cerchio senza via d'uscita domanda incessante: che ha fatto di male un fiore per vivere un giorno soltanto, che ha fatto di male una rosa perché a nessuno importi della sua vita spezzata? Che ha fatto di male un fiore perché una mano crudele lo strappi e lo butti via dove non c'è luce, dove non c’e' ricordo? Sono pochi quelli come noi, che ne sentono nel cuore tutta la ferita, l'immensa tristezza della rosa, del fiore calpestato. Quelli come noi vivono in bolle di pensieri ritornelli persecutori come cerchi impertinenti di parole che catturano il senso di tutte le canzoni malinconiche. Quelli come noi non dimenticano mai di chiedere con grande dolore: che ha fatto di male una rosa?

Alda nel cuore 2016 105


Antologia di poesia contemporanea

Daniela Pireddu Rosa Coltivi rose dentro al silenzio del tuo giardino, fai sbocciare pensieri di cui solo tu senti il profumo: ti guardano gli altri ma non vedono quello che porti nel cuore, non sanno capire i fiori che disegni nell'aria, non sanno vedere con i tuoi occhi. E tu cammini, solo, sulla tua strada: hai imparato che mai una lacrima vive nella solitudine, ci sarĂ sempre una goccia di pioggia a scivolarle accanto e a farle compagnia.

Alda nel cuore 2016 106


Antologia di poesia contemporanea

Monica Poletti Le parole del mio cuore Nel silenzio di una stanza ascolto le parole del mio cuore raccontano di paure e gridano per uscire. Ed ecco riecheggiar dentro di me ricordi di vita passata! Quasi a volerli rivivere, per la sofferenza che provoca tenerli chiusi dentro di me. Disgusto e timore scandiscono i rintocchi dei miei palpiti. Sono pazza! Ahimè lo so… Ma non credo vi sia malattia più sana della pazzia, poiché sapendo cosa mi accade non trovo rimedio al mio dolore. Né cure per poter placare il rancore e la rabbia che sento nelle parole del mio cuore. Alda nel cuore 2016 107


Antologia di poesia contemporanea

Rosy Pozzi Ridi e vivi Avanzi persa fra incessanti sorrisi gesticoli in passi tremolanti recitando parole al vento. Nella tua mente scorre acqua impetuosa che lava via passioni e ricordi facendo vagare una vita nel vuoto. Cancellata è ogni traccia d’affetto, lenti uguali e vuoti scorrono i giorni fra gesti e azioni istintive che in te indifesa creatura nulla più fan rammentare delle vissute trascorse emozioni. Vuoti che nulla più del passato il pensiero rammenta… acqua incessante tutto in te spazza via. “Cosa mai avrai fatto di tanto crudele per azzerarti la vita prima ancor della morte?” Vita privata d’identità e d’affetto… ma tu ci sei, ti stringo in un abbraccio affettuoso - e ridi... costantemente avanzi sorridi e vivi... Vivi inconsapevole nella bambagia delle fantasie -.

Alda nel cuore 2016 108


Antologia di poesia contemporanea

Michele Prenna TSO Pare un mucchio di stracci gettato in un angolo della stanza con altri consegnati al muro. Non persona per tanti inseguiti dallo sguardo penetrante degli occhi spalancati in un urlo. Il corpo elettrico trema catatonico muove i passi nella prigione medica. Eppure la voce stupenda a tratti al cielo alza canti colmi di sogni di vita.

Alda nel cuore 2016 109


Antologia di poesia contemporanea

Luciana Raggi Azioniparole Azioniparole liberate da un ingorgo emotivo si consumano si agitano s’intrecciano. Inquiete incidono la scorza. Allo scoperto prendono nuova vita. Marcano il territorio smaterializzano dubbi respirano. Non sanno dove andranno a riposare. Seguono misteriose geografie dell’anima si disperdono. Viaggiano. Vivono.

Alda nel cuore 2016 110


Antologia di poesia contemporanea

Giovanna Rispoli La poesia “matta” Come può una come me “scrivere poesie”, sono matta io! Io Sono in Manicomio e nel manicomio non ci possono essere “persone” sensibili come i “poeti”: fanciulli dal cuore libero; cosa potrei saperne del cuore di una madre che piange il proprio ventre perduto o della vita stroncata di un giovane albero per mano di una bomba e provare dolore per essi? Io sono matta. E come farei a raccontarvi di farfalle che vibrano nel cuore perché hanno sfiorato l’Amore. Cosa ne potrei sapere dell’Amore io! Quell’Amore che viene come uragano e ti devasta il cuore riempiendolo di benevole diavolerie e arcobaleni fatati, così forte, da portati al manicomio! Beh… Io sono quel folle uragano.

Alda nel cuore 2016 111


Antologia di poesia contemporanea

Carlo Romano Annebbiata Mi guardo attorno… Non sono sicura se è giorno Oppure notte… Se sono desta, oppure dormo, So soltanto che in me germina Un esorbitante smarrimento. Nella testa ho un banco di nebbia Una strana confusione da far spavento. Dio del cielo luminoso dove sono? Perché sono qui… In questo letto di dolori e laceranti lamenti? Perché sono qui… Tra questi squallidi lenzuoli avvilenti? Macchiati di sangue e sudore… Logorati barbaramente Da ignobili e snaturate umiliazioni Che nel profondo distruggono e alterano Perfino ai sani l'idoneità mentale. Stranezze del creato Anche l’amato sole non è di casa In questo luogo delirante, dannato e poco sacro Sguarnito di carezze e di sostanza… Nelle corsie c’è tanta intemperanza, Ipocrisia totale, monnezza, incostanza, Ampio odore di muffa, É di orina nauseante. In questa infelice stanza Il tempo non vola via… Il nulla rimpicciolisce e soffoca la vita Viene meno perfino l’illuminata poesia, Quando è carente, spento Lo sguardo dell’umana cortesia.

Alda nel cuore 2016 112


Antologia di poesia contemporanea

Teresa Romeo Poesia al gusto di caffè Sole che riscaldi l’ultimo attimo di Gennaio. Baciata dai raggi sorseggio il mio caffè in veranda. Coperte le spalle con lo scialle blu, mi abbraccia il ricordo di mia nonna. Assorta tra i pensieri un passero solitario si poggia alla ringhiera cinguettando il suo canto. Sul tavolino un libro con su il viso di Alda mi parla: “Scrivi di me!” Timidamente risposi: “No cara amica poeta, non posso! Tu sei il sole ed io solo un piccolo raggio”. Zefiro sfoglia pagine di vissuta poesia. Mi sussurra la voce di Alda: “Stappa per me del buon vino e ogni goccia di vino rosso è sangue del poeta”. Un messaggio dentro una bottiglia giunge con le onde del mare di fronte: “Costruisci altari perché camminino su di te poeta come su dei grandi tappeti”. Avvicinati Alda sorseggia il mio caffè mentre con umiltà scrivo il tuo nome su questa pagina bianca che diventa poesia. Il caffè con te sa di eterno canto oh dolce madre della tua e mia follia.

Alda nel cuore 2016 113


Antologia di poesia contemporanea

Silvana Rossellini Pazzia Indugio nei meandri della follia. Come una lucciola senza ali, a spasso, nel canneto piegato dal vento. Mi sento come un sentiero senza terra, in bilico, su un campanile coperto da un manto. Sono un precipizio, accoccolato sopra un soffice canto, mi sento un fiore reciso nelle sue radici, cupo, come un pianto. Sono una colonna che sostiene una piuma o un braccio che avanza dentro una cruna, come una lucciola senza ali proseguo pensierosa nel deserto del mio fianco, come una lucciola senza ali sospingo le mie membra tra le fauci di un sasso, mentre mi abbasso a raccogliere un passo.

Alda nel cuore 2016 114


Antologia di poesia contemporanea

Francesco Rossi (Issorf) "Gelitudine" Sotto il sole, ora spento ogni giorno scorre lento l’attimo, che pure fugge è vuoto e non più rugge dentro il sé tutto stranito il dolore, grezzo granito oscura la luce dell’Anima che ora, affogata, senza stima per navigare, ancora nel vero cerca Amore, solo sincero quello tuo, ormai distante nella notte scura, dissonante mentre tu guardi, sfuggente non ricordi più l’Amor fremente.

Alda nel cuore 2016 115


Antologia di poesia contemporanea

Michela Ruggiero

Così ti tengo… Sul palmo di una mano. Con l’altra ti accarezzo. Separo la tua essenza dagli attacchi della scienza. Difendo il tuo pensiero da chi non può capire. Proteggo il nostro amore da chi lo vuol colpire. Un passo dietro te Sempre. Un pas de deux in cui, uno si muove libero, l’altro di conseguenza. Le conseguenze dell’amore.

Alda nel cuore 2016 116


Antologia di poesia contemporanea

Caterina Russotti Crisalide Solitaria nel cuor della terra, abbraccio il cuscino mentre il freddo della notte avvolge il mio corpo e la luce fioca della luna accarezza il mio viso. Io crisalide avvolta nella seta dell'anima ...attendo la metamorfosi. Apro gli occhi e sogno... Sogno di poter volare alto. E tra un sospiro ed un battito di ali ...sogno di riempire i miei vuoti e colorare la vita. Sogno un cielo stellato e un prato fiorito dove le lucciole cantano inni d'amore capaci di illuminare il mio cuore. Io Crisalide, anima di cristallo in cerca di vitalità attendo... Attendo una... anche solo una mano tesa che bussi alla mia porta. E non mi sorprenderò ...se stiamo morendo tutti di solitudine.

Alda nel cuore 2016 117


Antologia di poesia contemporanea

Rosetta Sacchi Il tuo mondo diverso Due pietre accese nel buio, i tuoi occhi avvinghiati alla paura. Inventi nuovi ruoli e raffiguri nella tua mente scene, teatro di tragedie e di follia. Una vita parallela vivi vivace esuberante sbriciolando nel vuoto i tuoi silenzi intrappolati nella folla tra chi non sente. Altra assenza da te, altro tramonto dove anneghi, via dal nido d’ipocrisie, via da chi giudica ogni fuga oltre la fantasia oltre i sogni oltre la smania d’ogni promessa. Hanno chiamato pazzia il dialogo sommesso che ad ogni ora bisbigli con te stesso, hanno chiamato pazzia i tuoi disegni affidati al vento. Dicevi, le farfalle si posano ancora sui fiori, tornano sempre, ad ogni Primavera.

Alda nel cuore 2016 118


Antologia di poesia contemporanea

Pamela Tea Salera L'invisibile Conosci il Mondo azzurro? (domandavi) L'ho visto sopra un libro - mi pare L'ho cercato tappezzando di domande le pareti delle strade. L'ho chiesto alle porte (sbattute in faccia) alle scarpe (bucate) alle povere parole (mendicate). L'ho scritto col sangue che colava a terra il viso schiacciato da una maledetta scarpa L'hai visto almeno tu quel Mondo tutt'azzurro? L'ho chiesto agli uomini bianchi mentre m'ingozzavano di piccole stelline per farmi salire in fretta sulla luna (dicevano) ma io gli occhi non li chiudevo (e loro s'incazzavano). Ma ora sÏ quel Mondo è tutto mio! Dal buio del mio letto c'era un piccolo foro alla finestra e... l'ho visto, il mio Mondo (ma non ho pianto) azzurro come gli occhi del bambino che mi sta dormendo accanto. Alda nel cuore 2016 119


Antologia di poesia contemporanea

Paola Sansica Maschera Tu, attorno a te tanta paura, urla, sei solo, incompreso in mille equivoci. Segui le tue voci, trasportato dalla follia che ti traveste di normalitĂ e m'inganna.

Alda nel cuore 2016 120


Antologia di poesia contemporanea

Maria Santoro Alda e la Clinica dell’abbandono Notti tormentate dal fruscio di fantasmi, emaciati ed evanescenti. Accompagnati da sembianze umane canute e bianche. Avvolte nella melma e racchiuse nei loro sarcofaghi dorati. Anime maltrattate dagli armigeri bluffatori, che brandivano con veemenza gli arnesi di tortura: scudisci, corregge, manganelli, elettrodi. Castronaggini, per purificarci dai demoni infernali. Disperazione e morte per noi, dichiarati: “malati mentali. Simili alle Cariatidi per sostenere la “Clinica della disperazione”. L’anima e il corpo in castimonia, ma la mente partoriva, amanti incandescenti e premurosi spasimanti. Parlavo col vento del mio vuoto d’amore e alle onde del mare del mio grande dolore. Parlavo alle stelle del buio dell’anima e alla poesia del mio cuore infranto. Quando i demoni facinorosi farneticavano sul mio intelletto, il mio Angelo custode mi copriva col suo petto. Bianchi cavalli alati, chiazzati di rosso. L’odio, come l’amore si racconta e si dimostra. Alda nel cuore 2016 121


Antologia di poesia contemporanea

Maria Rosa Schiano Il folle Bieco è lo sguardo trista è la via com'ora che rimembra e lascia la malinconia. Quale destino ch'ognor ti scuote ed è là cangiar non si puote. E allor ti sento mi giro e ti rimiro e poi ti chiedo perché ridi tanto di questa vita amara. Sì, ora ti vedo si sciolgono le tue labbra storte in un riso di follia. Solo tu forse sai com'è la storia viver la vita e non aver memoria.

- dedicata ad Emma -

Alda nel cuore 2016 122


Antologia di poesia contemporanea

Maria Scivoletto Poesia Scrivo qualche poesia sulla vita mia, la passione per il canto... porta pianto. Una voce come tante... nulla di particolare uno sfogo da talento naturale. Con la rima o senza ...degli altri non trovo la pazienza. Un peccato... originale... poesia, io ti cerco... ti trovo... scappo via. Poi ritorno, LA MIA MUSA, lei mi aspetta... senza fretta. Poesia... tu ci sei... porta Amore nella vita mia!

Alda nel cuore 2016 123


Antologia di poesia contemporanea

Patrizia Sessa Piliero Verdi i tuoi occhi Verdi i tuoi occhi, come le foglie di primavera, sbiadite dal sole tiepido. Linfa vitale che si consuma nel tuo sguardo fisso, perso, che rincorre vite non vissute, gioie infelici. Verdi i tuoi occhi come il mare, che spruzza onde di turbamento. Verdi i tuoi occhi colorano l’autunno, che si abbandona nel grigio della vita. Verdi i tuoi occhi illuminano la spenta esistenza, che nasconde sagome di delirio. Verdi i tuoi occhi che mi accarezzano lo sguardo, con infinito amore.

Alda nel cuore 2016 124


Antologia di poesia contemporanea

Nadja-Florence Siene Pour Alda La horde de chiens est lâchée, la citadelle encerclée et les fous à lier lâchement bâillonnés ... Moi? Jamais ! Ils n'ont pas su me classer me dompter, mes feuillets incompris, à brûler, trop sourds, trop benêts qu'ils étaient, marchant au pas, préférant les tambours et le glas glaçant des tranchées ! Moi? Toujours de ma folie de la vie, hors du temps, dans le vent, je chanterai l'Amour et ses refrains, enfanterai la Poésie, mon enfant, et des murs béats de mon foyer tapisserai les ailes de mes écrits, ne les remerciant jamais assez d'avoir diagnostiqué - j'en ris mes "ombres de la pensée" ! Moi infinie je vis ... et de leur prison ? j'en suis sortie ...

Per Alda L'orda dei cani si scatena,/la cittadella accerchiata/ed i pazzi da legare/imbavagliati..../Io? Mai! Non sono riusciti a classificarmi, addomesticarmi./I miei fogli incompresi, da bruciare,/troppo sordi, troppo stupidi erano,/marcianti al passo, hanno preferito i tamburi/ed il suono agghiacciante delle trincee. Io? Sempre!/Della mia pazzia della vita ,/fuori tempo, nel vento,/Io canterò l'Amore e i suoi ritornelli, /partorirò la Poesia, mia figlia,/e sulle pareti beate di casa mia /tappezzerò le ali dei miei scritti, /e non le ringrazierò mai abbastanza/di aver diagnosticato - ne rido -/le mie "ombre del pensiero"! Io infinita vivo .../e delle loro prigioni?/Ne sono uscita.... Tradotta da Emanuela De Marchi

Alda nel cuore 2016 125


Antologia di poesia contemporanea

Francesca Signori A zia Laura Una delle prime malate riconosciute di Alzheimer in Italia 25 anni fa, donna bellissima e brillante!

Passammo invisibili agli occhi dei miopi, gli inverni dentro solitari e muti di noncuranza bugiarda, nella vastitĂ di un vuoto senza narrazione. Dentro sguardi ricolmi d'acqua navigammo ancor pietosamente... tra barlumi vaghi cullati dai fantasmi nascosti in buchi neri e dai nostri gesti operosi ed insensati a rimboccar i ricordi in sudari di storie antiche.

Alda nel cuore 2016 126


Antologia di poesia contemporanea

Emilia Simonetti Sorda routine ... Sento addosso un freddo violento come se il gelo, volesse scarnificarmi... l’assenza ,è la condanna, il silenzio, la risposta. Passano i giorni... consumati dalla monotonia di una luce uguale e tentati da un peccato che tarda ad arrivare, che sfidi le regole infrante da chi ha plagiato i miei occhi e l’anima con il diritto di essere il padrone. IL tempo corrode ciò che rimane dei sogni, mentre la vita uccide ciò che rimane da vivere. L’ultima volta riuscirò a restare.

Alda nel cuore 2016 127


Antologia di poesia contemporanea

Marina Sirolla 1954: Io bambina tu donna! Quel lontano giorno impresso in me, io bambina tu donna, solo cancelli di ferro a dividerci, era lo stesso posto per me scuola collegio, per te manicomio. Puntuale passavi sguardo fisso occhi bassi, nessun movimento. Allora pur bambina pensavo di poter entrare in quegli occhi, vedere cosa avresti visto in me. Avrei aperto tutte le finestre per fare entrare aria e luce, spazzare ogni briciola di polvere che oscurava la tua mente. Aspettavi chi! Qualcuno qualcosa pazza di che di cosa! Solo tristezza e tanta solitudine come la mia pari la tua!

Alda nel cuore 2016 128


Antologia di poesia contemporanea

Savina Speranza Senza scampo Attingo alla memoria disossata Della mia infanzia Ritrovo una famiglia dissacrata Senza matrimonio, né intesa Schiaffi, schiamazzi Coltelli arrugginiti, sedie rotte Vicini intrusi e forze dell’ordine Un’ambulanza furtiva Un ricovero coatto Me la portarono via Urlavo appena Di più non potevo Avevo pochi anni La rividi tra letti sprangati e camicie di forza Piangeva come una bambina “Portatemi a casa” diceva “Non lo faccio più! “ Ma la pazzia è una serpe traditrice Che non lascia tregua Ti ruba la mente La divora Senza scampo.

Alda nel cuore 2016 129


Antologia di poesia contemporanea

Rita Stanzione Nessuna bellezza è stata incolta Ho visto il modo in cui tu sorridevi seminando croci di parole sui viali umidi dell’alba s’è aperta una panetteria il profumo non so come era poesia era forse la tua a lievitare nel pane colmo di spighe e anche dei papaveri nei tuoi paesaggi nessuna bellezza è stata incolta nemmeno quella fragile la più densa di sospiri.

Alda nel cuore 2016 130


Antologia di poesia contemporanea

Viola Tatham Serpico, il clochard Una strada portava verso casa ma quella casa non era più la tua quella vita non era più la stessa. Uniforme era essere dei loro. Una strada diventò la casa la bicicletta il tuo solo amore: la sedia, la lampada, il cassetto la compagna per cui poter morire. Una strada riparo nella notte da sguardi di cartone intolleranti. Di falsa giustizia e dignità tuonavano le tue storie stravaganti. Una strada era la tua vita ti ha dato, tolto, frenato e mosso. Ma hai giocato la dura partita fino in fondo, dentro a un fosso. Una strada ti ricorderà eroe sdegnato della legalità divisa lavata troppo tardi ora sei in pace con la comunità.

Alda nel cuore 2016 131


Antologia di poesia contemporanea

Maria Teresa Tedde Pace all’anima tua fratello In fuga su montagne rocciose di cattiveria di maschi lontani da fiumi di seta inseguita da lupi vogliosi di foresta. Corrocorrocorro e il baratro salvifico apre la sua porta mi volto ti vedo volo. Ricci e corti di forbici spietate capelli al vento baciano nidi di aquile e mi trasformo nuova di vita in regina che espande ali di fuoco. La mia anima ti guarda cella d’un corpo prigioniero di camici bianchi, neri di coscienza e tutta la tua dolce sapienza l’hanno brucata pecore di sonno. Ho barattato il mio risveglio con versi che pungono il cuore e tu, privo di pudore, hai spalancato occhi senza senso vedendo il mio tormento. Pace all’anima tua fratello.

Alda nel cuore 2016 132


Antologia di poesia contemporanea

Maurizio Trapasso In silenzio lungo il sentiero dell’oblio… La mia esistenza deambula senza cessione il tempo e la vita si mantengono eterni le parole tentano il silenzio e mi rassegno ad accettare le mie smanie. Non ho parole né sentito la mia occupazione è l'inesorabile dimenticanza mi preoccupo senza forza per conservarmi vivo, finisco sradicando l'insensato. La natura mi comunica il mio soggiorno anima perturbata segue esausta il destino prende rappresaglie senza compassione né rassicura. Né il giorno né la notte provocano un cambiamento monumentale il sole illumina il mio calvario e la Luna risplende la mia cattività.

Alda nel cuore 2016 133


Antologia di poesia contemporanea

Marisa Tumicelli Donna madre di poesia Labirinto la tua mente d’inquieti pensieri di ombre confuse di nebbie ancorate negati confini a difesa solo muro di dolore lunghi giorni senza luce bagliori senza storia avvolto di paure il tuo corpo in veste sacra a tingersi di buio dentro aurore benedette rose amate in fioritura spine sparse in donazione le tue mani in desiderio sulle siepi dei giardini carezze lievi morbido conforto ma un canto di poesia sul tuo stelo nudo e stinto in vibrante scrittura corpo luce corpo amore declinati ardori.

Alda nel cuore 2016 134


Antologia di poesia contemporanea

Maria Grazia Vai D’azzurro scrivo, fremendo poesia Non le parole che illuminano spiagge piuttosto granelli di sangue dimenticati accesi tra me, te e le ringhiere ammutolite di un cortile. Oltre la siepe vive un rumore d’aria come di un treno che non aspetta che il fischio della notte per trattenerci come di onde fiorite nel costato come di un viaggio di chi non ha più un volto o un’ombra da scoprire. (Esilio di labbra che trovano respiro dentro una bolla d’acqua) nel fondo di un tramonto senza fiato nei solchi delle zolle nelle risaie disseminate a viole quel nostro ritrovarci, senza portarci via dentro un fruscio di braccia e senza voce che ancora stringono (E nel mio petto -come nei pesci- finestre e piantagioni, spalancano) E nel tuo cielo di comete, in lontananza, d’azzurro, cantando - fremono.

Alda nel cuore 2016 135


Antologia di poesia contemporanea

Nives Verzeroli Cuore Rivoglio il mio cuore lo so è negli angoli più bui dove soffoca dove le luci sono spente le stelle non brillano più lo prenderò dolcemente lo porterò ai confini del mondo riprenderà forma e inizierà a vivere.

Alda nel cuore 2016 136


Antologia di poesia contemporanea

Antonella Vono L’odore del dolore Ha l'odore del dolore questo mio mutamento e piango ancora legata mani e piedi alla malinconia. Ma tu che vivi libero da ogni cenno senza aver mai sentito l'urgenza di scrivere sui tuoi muri come puoi capire che la mia sola libertà siede con me al patibolo della tristezza e che come unici alleati a volte ho un po' d'inchiostro blu e il bianco muro della poesia da dipingere?

Alda nel cuore 2016 137


Antologia di poesia contemporanea

Elisabetta Zampini Diario della follia con epilogo La Pia di notte svegliava tutti. Apriva la finestra e gridava: Portatemi via! Portatemi via! Intanto albeggiava verso il mare e le onde si facevano chiare. Gli piaceva disegnare con la matita bianca sul cartoncino nero: case, finestre, le persone, la neve. Poi quando si accorgeva che era diventato matto prendeva e andava da solo, alto com’era, a suonare alla porta dell’ospedale. Metteva in ordine i pensieri, aspettava il cielo limpido, le foglie nuove. Si era arrampicato fin lassù, sul pino, all’inizio del paese, e ci ha messo la bandiera. Sventolava per la rivoluzione. Era estate. C’erano tante stelle alla sera. Poi venne l’autunno e non se ne fece più nulla. Comunque sia, delle volte, sentiva ancora il fischio lungo del treno. Ed era felice. Alda nel cuore 2016 138


Antologia di poesia contemporanea

Michela Zanarella Come una condanna Non si è accorta la mia pelle di quante ombre ho addosso. Mi disobbediscono gli occhi e vanno a scalciare in silenzio tra le mie fobie che fioriscono ovunque come orrende macchie di un vivere che non crede alla vita. Cerco di non toccare la disperazione ma quando si parla di solitudine la mia mente si lascia sconvolgere e affonda le sue radici nella follia. Ogni pensiero evapora nella notte ed è sangue che lacrima dall’anima come una condanna che appartiene agli abissi.

Alda nel cuore 2016 139


Antologia di poesia contemporanea

Monica Zanon (Moka) Con le mie cicatrici Sento la cintura stringermi la vita, le ossa dei fianchi premere sull'anima viva, divorata dal fuoco matto delle mie perversioni: l'amore, la poesia e i motori. Illusoria speranza che la prima potesse vincere sul dolore che ci appartiene, in cui ci piace affogare, in cui ci rifugiamo: quella bolla di sapone, dai colori cosmici, persa alla rincorsa del mondo come in un gioco di scatole senz'angoli. Quella mancanza siamo noi a crearla, andando alla deriva e col vero desiderio di non tornare mai. Noi, abbiamo le nostre cicatrici in vista, non siamo vigliacchi qualunque: vestiamo una bellezza consapevole. Per questo ho ricominciato ad ascoltare solo la poesia, mentre poso un sorriso tra le tante lacrime appiccicate dal vento che vortica nel casco insieme al groviglio di capelli e pensieri: cosĂŹ mi ripresento e non mi vergogno di essere vera, ridicola, timida, bandita e ribelle.

Alda nel cuore 2016 140


Antologia di poesia contemporanea

Carlo Zanutto Puzzo Puzzo di fumo, puzzo perché voglio che il mondo mi stia lontano, puzzo di cibo, di fritto, puzzo perché il mondo non mi coinvolga… Puzzo di sigaretta, puzzo di fumo rancido, puzzo di tutto quello di cui posso puzzare, di tutto quello che può lasciarmi fuori dal mondo… Puzzo nei locali, puzzo nei bar, puzzo in chiesa puzzo sui pullman; quando mi avvicino la gente va via perché puzzo, puzzo di sudore, puzzo di piscio, puzzo di paura la paura che questo mondo mi trovi, che questo mondo mi apra le sue porte… Puzzo, puzzo perché nessuno mi si avvicini e puzzo sempre di più perché tanto, ormai, solo io lo posso sentire… Domenica mattina, un uomo sul pullman, ore 7.45

Alda nel cuore 2016 141


Antologia di poesia contemporanea

Italo Zingoni Le diseguaglianze… Non si pongono limiti al senso di misura se non per un principio d’indeterminazione per cui non dura il rapporto spazio-tempo di un respiro che si perde nella luce. Niente in effetti ci permette di vivere fuori da una rara inconsapevole ragione che non sia prigione per le nostre menti assuefatte alle diseguaglianze non conformi. Non ci è possibile una vera conoscenza della nostra reale posizione in ogni istante e siamo particelle che passano veloci da ogni piccola fessura a sfiorarsi appena come una carezza che la mano accenna per poi svanire nel nulla, forse attratte da un immenso vuoto che devono colmare disfatte alla percezione di qualcosa che non dura… e saremo allora la cura dolce della solitudine la quantificazione di un mistero che va oltre ogni parola che diventa verso e che c’inganna per la nostra insolita e rara determinazione.

Tratta da – I CONTI NON TORNANO MAI – Silloge Edita – t.d.r.

Alda nel cuore 2016 142


Grazie ai 142 Autori:

Acireale Sara Maria Rosaria Albora Marinella Amendolara Tricarico Luisa Angeletti Elvio Bakhshieva Natalia Balossini Eric Balsamo Stefania Barbaglia Anita Barile Michele Barrasso Antonino Belardi Gesi Bergera Tonino Bianchin Patrizia Bianco Grazia Boccardi Graziano Bonadies Elena Bonera Stefania Borrelli Celeste Buonfantino Maria Eleonora Callegari Don Aldo Capaldo Luciano Capirossi Arianna Capitanucci Vincenzo Cappuccio Anna Maria Caputo Antonietta Cardinale Daniela Carniti Merini Emanuela Carrieri Tina Cartisano Annamaria Caviglia Adriana Cenciarelli Silvana Centofanti Lorena Ciampa Pietro Cino Ilaria Composto Carla Costa Silvana Cotugno Matteo Cozzani Gabriella Croce Carla Vittoria Cuconato Emilia Cundari Maria Clotilde D'Andrea Francesca De Felice Sandra De Iudicibus Rosalba De Maglie Assunta De Sanctis Marina

Deleo Cristina Dellocchio Daniela Dettori Maria Carmela Di Caro Valentina Di Francia Barbara Di Liberto MarilĂš Di Vona Rosalba Distefano Salvina DonĂ Franca Eramo Barbara Esposito Teresa Fasanaro Maristella Fasani Pietro Erasmo Ferrari Fabrizio Filippo Valeria Fiore Caterina Silvia Gallo Anna Maria Ghiribelli Francesca Imbrogno Maria Imperiu Valentina Izzo Caterina Izzo Michele Jacoli Antonella Jacono Ada Lacalamita Francesca Lazzeri Daniela Leonardi Alessandra Leonetti Rocco Giuseppe Lettini Rocco Michele Lissoni Annoni Marisa Lubrano Rosella Lucciarini Loriana Lupi Daniela Mandola Wanda Mantellino Maura Marlo Giovanni Marzano Roberto Massardo Fulvia Mattioli Elisabetta Melchiorre Sergio Micelli Maria Moceo Cesare Morandi Marco Mussino Graziella Nenna Domenico Neri Daniele Ombrini Giorgio Onidi Stefania Pacelli Emilia Paita Laura Palladino Antonio Pancotti Simonetta

Paris Lorena Pascucci Nadia Pillitu Francesca Piluso Esperia Pinna Antonia Anna Pintea Liana Piras Cecilia Pireddu Daniela Poletti Monica Pozzi Rosy Prenna Michele Raggi Luciana Rispoli Giovanna Romano Carlo Romeo Teresa Rossellini Silvana Rossi Francesco (issorf) Ruggiero Michela Russotti Caterina Sacchi Rosetta Salera Pamela Tea Sansica Paola Santoro Maria Schiano Maria Rosa Scivoletto Maria Sessa Piliero Patrizia Siene Nadja-Florence Signori Francesca Simonetti Emilia Sirolla Marina Speranza Savina Stanzione Rita Tatham Viola Tedde Maria Teresa Trapasso Maurizio Tumicelli Marisa Vai Maria Grazia Verzeroli Nives Vono Antonella Zampini Elisabetta Zanarella Michela Zanon Monica (Moka) Zanutto Carlo Zingoni Italo .


realizzato nel marzo 2016 da Matteo Cotugno aldanelcuore@libero.it http://vocidipoesia.blogspot.it/ http://poesiedimatteocotugno.blogspot.it/


Antologia di poesia contemporanea

Alda nel cuore 2016 145


Antologia di poesia contemporanea

Alda nel cuore 2016 146

Alda nel cuore 2016 - poesia  

Antologia di poesia contemporanea dedicata ad Alda Merini in collaborazione con 142 Autori, a cura di Matteo Cotugno... on line il 21 Marzo....

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you