Page 1

LA RIVISTA PIÙ LETTA DELLA SVIZZERA

#2 | FEBBRAIO 2020 | FR. 4.50

SPORTIVA CONFORTEVOLE Test BMW 330d Touring

13

t TCS highligh ità bil della mo

Paladini per passione

CON

IONE TCS SEZ O TICIN p. 8637


/70

STRESS RICREATIVO IN MODALITÀ COMFORT Logo Grau 78/61/49/50

CITROËN SUV C3 AIRCROSS E CITROËN SUV C5 AIRCROSS weiß

100 % schwarz

CITROËN C3 AIRCROSS SUV A PARTIRE DA CHF 21'490.– Offerte valide su veicoli venduti dal 01. 01. – 29. 02. 2020. Offerte riservate ai clienti privati, solo dagli agenti che partecipano alla promozione. Prezzi di vendita consigliati incl VAT. CITROËN C3 Aircross PureTech 110 S&S CM6 Feel, prezzo netto CHF 23‘490.–, incentivo cash CHF 2’500.–; ovvero CHF 20‘990.–; consumo misto 6.8 l /100 km; CO2 154 g/km; categoria B. Modello presentato con opzioni: CITROËN C3 Aircross PureTech 110 S&S CM6 Shine, prezzo catalogo CHF 27‘450.–; consumo misto 6.8 l /100 km; CO2 154 g/km; categoria B. CITROËN C5 Aircross BluehDi 130 S&S EAT8 Shine, prezzo catalogo CHF 41’320.–; misto 5,9 l /100 km; CO2 158 g/km; categoria C. Immagini a scopo illustrativo.

Reserve

A B C D E F G

B


SOMMARIO

FFS Cargo sui binari del futuro

27

Test della BMW 330d xDrive

32 Mestieri al TCS, una passione!

10

EDITORIALE

LA RIVISTA PIÙ LETTA DELLA SVIZZERA

dossier La mobilità del futuro correrà sullo smartphone?

12 Jürg Wittwer

umerose menti capaci stanno indagando il mondo dei trasporti di domani. L’elettromobilità – a due e quattro ruote – è in auge, si discute di propulsioni alternative a gas naturale o idrogeno. La mobilità collaborativa, che integra offerte di trasporto pubblico e individuale, è destinata ad assumerà un ruolo vieppiù preminente. Per fruirne in maniera efficiente e intelligente sono necessari smartphone e applicazioni. Lo scopo di queste ultime, ad esempio della TCS App «Mobilità semplice», è di facilitare i nostri spostamenti, ricercando di volta in volta l’opzione migliore e conveniente, con ricorso a tutti i mezzi di trasporto e servizi di sharing disponibili. Di questo passo, lo smartphone potrebbe davvero diventare il «mezzo di trasporto» più importante del futuro.

16 I punti forti del 2019

N

mobilità 24 In contromano

Il direttore generale fa il bilancio dopo i suoi tre anni e mezzo

Conducenti in autostrada nel senso sbagliato di marcia

27 FFS Cargo

Retrospettiva sulle novità TCS nel campo della mobilità

Novità rivoluzionarie per restare al passo con i tempi

18 Assistenza TCS Lo sviluppo dell’aiuto ai soci secondo Markus Kummer

20 Impegno per la società Operare per il bene comune di tutti gli utenti della strada

Intervista al direttore generale TCS

Felix Maurhofer caporedattore Copertina: Serena Barberis, medico, ETI-Med Maëla Morard, pattugliatrice Anton Haenni, avvocato, Assista Foto: Emanuel Freudiger Trucco: Jarmila Kovacovsky

12

febbraio 2020 | touring

3


TONI Ihr 4-Sterne-Hotel Grand Riva Garda - zentral & direkt am See

Exklusiv-Reise vom 14. - 17. Juli 2020

96% Weiterempfehlungsrate! Stand Jan. 2020

Faszinierende Arena di Verona

4 Reisetage ab nur inkl. Halbpension

Fr. 599.-

Riva del Garda Limone Malcesine

Gar das

ee

REISEHIT 264

Verdis Meisterwerk Nabucco

Malcesine

Verona

Leistungen - Alles schon dabei! ✓ Fahrt im komfortablen Extrabus

Nabucco in Verona

✓ 3 Übernachtungen im Grand Hotel Riva ****, Riva del Garda ✓ 3 x Frühstück im Hotel

Neu: Verdis Meisterwerk, Gardasee-Perlen & ein wunderbares Hotel

✓ 2 x Nachtessen im Hotel ✓ 1 x Mittagsimbiss im Hotel ✓ Geführter Ausflug Gardasee

Die Oper Nabucco ist ein absoluter Geniestreich von Giuseppe Verdi und war der Durchbruch für seine unvergleichliche Weltkarriere. Nutzen Sie die einmalige Gelegenheit und erleben Sie bei dieser Reise das Meisterwerk auf der schönsten Freiluftbühne der Welt. Freuen Sie sich neben dem schönen Tag in Verona auf Malcesine, Limone und Riva del Garda – die drei Perlen des nördlichen Gardasees.

Ihr Reiseprogramm:

mit Limone & Malcesine ✓ Eintritt & reservierte Plätze für die Oper Nabucco in der Arena di Verona (3. Rang) ✓ Schifffahrt auf dem Gardasee (Malcesine-Limone-Riva del Garda)

1. Tag – Anreise nach Riva del Garda Fahrt im komfortablen Extrabus nach Riva del Garda, wo wir im zauberhaften Grand Hotel Riva im Herzen der Stadt und direkt am See mit dem Nachtessen erwartet werden.

Kirchen sowie natürlich die Arena di Verona, das fantastische römische Amphitheater aus dem 1. Jahrhundert, werden Sie begeistern. Hier auf der schönsten Freiluftbühne der Welt erwartet Sie heute Abend die Oper Nabucco! Freuen Sie sich auf ein unvergessliches Erlebnis.

2. Tag – Freizeit & Verona mit Oper Nabucco Den heutigen Tag gehen wir gemütlich an. Flanieren Sie durch Riva del Garda, entlang des Sees und geniessen Sie einen Cappuccino im Freien. Nach einem stärkenden Mittagsimbiss im Hotel fahren wir nach Verona. Die Stadt von Romeo und Julia erwartet uns mit seiner vollen Pracht. Die weiten Plätze der Altstadt, die prachtvollen Renaissance-Paläste, die romanischen und gotischen

3. Tag – Die Perlen am nördlichen Gardasee Heute zeigen wir Ihnen mit Malcesine und Limone zwei wunderschöne Perlen des Gardasees. Malcesine liegt malerisch eingebettet zwischen See und Monte Baldo und ist umgeben von Zypressen, Oliven- und Oleanderbäumen. Über den Dächern der Altstadt erhebt sich die stolze Skaligerburg in der ein Zimmer an den Aufenthalt von Goethe in Malcesine erinnert. Später gleiten

Limitierte Plätze! Sofort buchen & profitieren!

wir mit dem Schiff entspannt über den See nach Limone. Freuen Sie sich auf die verwinkelten Gassen der Altstadt und die liebevoll restaurierten Zitronengärten, in denen die Tradition des Anbaus der Zitrusfrüchte fortgesetzt wird. Am späten Nachmittag fahren wir mit dem Schiff zurück zu unserm Hotel nach Riva del Garda. Nachtessen im Hotel. 4. Tag – Heimreise Nach dem Frühstück treten wir mit vielen unvergesslichen Eindrücken im Gepäck die Heimreise an. Noch mehr sparen bis 100% REKA-Checks!

✓ Eigene Schweizer Reiseleitung während der ganzen Reise

Unser Sonderpreis für Sie: Preis pro Person im Doppelzimmer

im Grand Hotel Riva ****, Riva del Garda Fr. 599.Nicht inbegriffen/zusätzlich wählbar: Einzelzimmerzuschlag: Fr. 199.Auf Wunsch Zuschläge höhere Ticketkategorie für Nabucco in der Arena di Verona: Ticket 2. Rang: Fr. 39.Ticket 1. Rang: Fr. 72.Buchungsgebühr: Fr. 20.- pro Person (entfällt bei Online-Buchung)

Organisation: Holiday Partner, 8852 Altendorf

Tel. 0848 00 77 88

www.car-tours.ch

Sie wählen Ihren Bus-Einsteigeort: Bellinzona oder Mendrisio


SOMMARIO

40

50

Peugeot 208 nel digitale

Big Sur, viaggio in California

Lungo la costa dell’Oregon

43 57

Jürg Reinhard tra test e musica I miei vantaggi club 36 Private Selection Hotels 42 Gioca e vinci online 56 TCS Benefits 66 Tre occasioni di vincita

tecnica 32 BMW 330d xDrive Test di una break di razza pura giunta alla settima versione

37 2020, svolta elettrica L’industria automobilistica punta sull’elettrico a causa del CO2

39 Audi A6 Allroad Per l’automobilista con alte e tante aspettative

svago 43 La costa dell’Oregon Paesaggi e natura da ammirare con un’auto a noleggio

48 Arizona e Wild West Rivivere il mito americano tra duelli e città fantasma

club

TCS Sezione Ticino

54 Viaggiare tranquilli Per i brutti inconvenienti aiuta il Libretto ETI

57 Foolhouse per Reinhard Immerso ogni giornata tra test e grafici, di notte si dà alla musica

rubriche 41/55 L’esperto TCS 53 Salute 59 Forum 59 Impressum 63 Tourolino 64 In giro con 66 Gioca & vinci

68 69 70 71 72 73 74

A teatro con «L’Osteria del Carlin» I consigli di viaggio del TCS Le mille corse dei campioni ticinesi Intervista a Renato Gazzola La sicurezza scende in strada con stile Viaggiare in libertà con Telepass Promozioni TCS Rivera

Arizona: il selvaggio west

48 Touring n. 3

Temi trattati nella prossima edizione della rivista: speciale 90° Salone dell’auto di Ginevra, test della Opel Corsa, l’ultimo viaggio di un veicolo della Patrouille TCS. Data di pubblicazione: 27.02.2020

febbraio 2020 | touring

5


!

TONI

Beliebte Stammkundenreise zur besten Reisezeit

Hauptstadt Portoferraio

Unterwegs in bester Gesellschaft

a Marina

Beliebter Klassiker!

IT

!

Porto Azzurro

Piombino

6 Reisetage ab nur inkl. Halbpension

Fr. 799.-

Piombino

Mittelmeer Portoferraio

Marciana Marina

Procchio

essi

Porto Azzuro Marina di Campo

Chiessi

Portoferraio

REISEHIT 227

Elba

Procchio

San Martino

Marina di Campo

Capoliveri

Porto Azzuro

Leistungen - Alles schon dabei!

Möwenküste

Farbenfrohes Capoliveri ✓ Fahrt mit dem komfortablen Extrabus

Zauberhafte Insel Elba

✓ Fährüberfahrten Piombino-Portoferraio & Portoferraio – Piombino ✓ 5 x Übernachtungen im 4-Sterne Hotel auf Elba ✓ 5 x Frühstück im Hotel

Herrliche Erlebnistage auf Italiens Trauminsel!

✓ 5 x Abendessen im Hotel ✓ Sämtliche Ausflüge & Besichtigungen gem. Programm

Verbringen Sie mit car-tours Erlebnistage auf der Insel Elba. Elba ist ein wahres Naturparadies und verzaubert mit wildromantischen Landschaften, verträumten Buchten und einer herrlichen Ursprünglichkeit, die Sie auf dem Festland nicht finden.

✓ Eintritt Villa Napoleon

Ihr tolles Reiseprogramm:

✓ Weindegustation inkl. kleinem Imbiss

1. Tag, Sonntag - Anreise Gemütliche Fahrt im komfortablen Extrabus (Abfahrt frühmorgens) entlang der ligurischen und toskanischen Küste nach Piombino. Hier erwartet uns unser Fährschiff für die kurze Überfahrt auf die Insel Elba. Nach der Ankunft in Elba werden wir im Hotel mit dem Nachtessen erwartet.

3. Tag, Dienstag – Freizeit & Möwenküste Den heutigen Tag gehen wir gemütlich an – nutzen Sie die tolle Infrastruktur des Hotels oder unternehmen Sie einen Spaziergang am Strand. Am Nachmittag laden wir Sie zu einer schönen Bootsfahrt entlang der Möwenküste ein – lehnen Sie sich zurück und geniessen Sie, wie sich kleine Strände und Buchten mit steilen pittoresken Felsen abwechseln.

2. Tag, Montag - Der herrliche Westen Heute morgen zeigen wir Ihnen die herrliche Inselhauptstadt Portoferraio mit ihrem idyllischen Hafen, der imposanten Festungsanlage und der Villa dei Mulini, die Stadtwohnung Napoleons (Eintritt inkludiert). Lassen Sie sich in der Altstadt von den kleinen hübschen Läden verzaubern. Danach erkunden wir entlang der Nordküste Procchio sowie Marciana Marina und später mit Chiessi und Marina di Campo den landschaftlich schönsten Teil der Insel.

4. Tag, Mittwoch – Der Osten & der Wein Zum Auftakt unseres heutigen Tagesausflugs erleben wir das reizvolle Bergdorf Capoliveri mit seinen schmalen, verwinkelten Gassen und die herrliche Altstadt von Porto Azzuro mit dem traumhaften Blick auf die malerische Bucht. Später werden wir zu einer tollen Weindegustation erwartet. Zum Abschluss statten wir der Sommerresidenz Napoleons mit ihren wunderbaren Wand- und Deckenmalereien im grünen Tal von San Martino einen Besuch ab (Eintritt inkludiert).

Limitierte Plätze! Sofort buchen & profitieren!

5. Tag, Donnerstag – Freizeit Der heutige Tag steht Ihnen zur freien Verfügung. Spannen Sie aus, geniessen Sie das Meer und die Infrastruktur des Hotels. 6. Tag, Freitag – Heimreise Am Morgen heisst es wieder Abschied nehmen von der Insel Elba. Nach der Ausschiffung in Piombino treten Sie die Heimreise an. Ankunft in der Schweiz am späten Abend.

✓ Eintritt Palazzini Mulini ✓ Herrliche Bootsfahrt entlang der Möwenküste ✓ Eigene Schweizer Reiseleitung während der ganzen Reise

Wählen Sie Ihr Reisedatum a:Reisehit 3. - 8. 159 Mai a: 2020 23. - 30. April 2019 b:Weiteres 17. - 22. Mai 2020 Datum im schönen Herbst: Reisehit 159 b: 1. - 8. Oktober 2019

Reise wird in deutscher Sprache geführt.

Noch mehr sparen bis 100% REKA-Checks!

Organisation: Holiday Partner, 8852 Altendorf

Tel. 0848 00 77 88

www.car-tours.ch

Unser Sonderpreis für Sie: Preis pro Person im Doppelzimmer Preis pro Person im Doppelzimmer

im 4-Sterne-Hotel Fr. 799.in guten Mittelklassehotels Nicht wählbar: Fr.inbegriffen/zusätzlich 1659.Einzelzimmerzuschlag: Fr. 199.Saisonzuschlag Abreise b: Fr. 40.Nicht inbegriffen/zusätzlich wählbar: Buchungsgebühr: Fr. 20.- pro für Person Auf Wunsch Aussenkabine (entfällt bei Online-Buchung) Fährüberfahrten: Zuschlag Fr. 59.-

Einzelzimmerzuschlag: Fr. 249.- (auf Korsika) SieEinzelkabinenzuschlag: wählen Ihren Bus-Einsteigeort: Fr. 149.- (Fähre) Bellinzona oder Mendrisio Buchungsgebühr: Fr. 20.- pro Person Sie wählen Ihren Bus-Einsteigeort:


ATTUALITÀ CLUB

Crociera sulla QM2 Scoprire i lati sconosciuti della città cosmopolita di Amburgo. Soggiornare nell’hotel mozzafiato della Elbphilharmonie, godersi la gastronomia e la cultura e per finire in bellezza una breve crociera di tre giorni sulla Queen Mary 2 da Amburgo a Southampton. Il viaggio del TCS si svolge dal 18 al 24 luglio 2020. Ulteriori informazioni 0800 163 111 oppure via e-mail a vl@tcs.ch

Accessori per seggiolini auto, non tutti sono legali o sicuri.

Vietata la maggior parte degli accessori per i seggiolini Per la prima volta il TCS ha testato gli accessori per i seggiolini auto. Occorre prudenza, specialmente nel caso di fornitori terzi.

C’

è un’infinità di prodotti che impediscono ai bambini di sganciarsi da soli dai seggiolini. Dei quattro accessori testati, neppure uno è risultato del tutto convincente. Mentre gli articoli «clip pettorale supplementare», «Storchenbeck Auto BeltLock Stop» e «fibbia di sicurezza buckle-upp» non sono conformi ai requisiti di legge, l’unico accessorio omologato (5Point Plus Anti Escape System) non è riuscito ad impedire al bambino di slacciarsi da solo.

FOTO ADAC, JÖRG MODROW, MARCEL ZIMMERMANN, ALD

Per un migliore comfort sono proposte imbottiture e prolunghe. In questi casi c’è il rischio che la cintura addominale scorra sul ventre

Viaggi TCS con la Queen Mary 2 da Amburgo a Southampton.

TCS Benefits: premio ad un ticinese

provocando lesioni interne. Inoltre, l’alterazione delle forze esercitate dalla cintura può costituire una modifica contraria ai requisiti di omologazione e causare problemi con le assicurazioni.

Oltre 22 400 persone hanno partecipato al concorso di TCS Benefits, il variegato programma di vantaggi del TCS. Il fortunato vincitore della Suzuki Ignis Hybrid 4×4 è il ticinese Gianni Marrarosa di Coldrerio.

Pertanto, il TCS consiglia di utilizzare solamente accessori dello stesso fabbricante del seggiolino auto per bambini. Sono da evitare le copie o le contraffazioni a buon mercato (ad es. quelli in vendita sui siti online di fornitori terzi). Si raccomanda di acquistare gli accessori nei negozi specializzati dotati di consulenza e di domandare sempre se sono conformi alle nuove norme ECE R-44 e 129.

Tutti i vantaggi per i soci TCS su tcs.ch/benefits o app TCS

CORSI DI GUIDA INVERNALE TCS

Novità per la patente

Sicuri su neve e ghiaccio

Dal 2020 la formazione complementare (CFC) per neo conducenti sarà di una sola giornata al posto di due, dunque non si parlerà più di formazione in due fasi. Il corso obbligatorio dura sette ore e deve essere assolto entro 12 mesi dal rilascio della licenza in prova. Sconto fino a 50 fr. per i soci sul prezzo del corso.

Vi sentite insicuri al volante su strade in condizioni invernali? Allora si consiglia il corso di base «Neve e ghiaccio». Se avete già frequentato questo corso, potete affinare ulteriormente le vostre capacità con un corso avanzato. O per una volta volete provare davvero i vostri limiti? Con una KTM X-Bow,

divertimento e spettacolo sono assicurati. I corsi di guida invernale si svolgono a Bourg St. Pierre (VS), St. Stephan (BE) o Zernez (GR). Informazioni e prenotazioni: tcs.ch/neve-ghiaccio

Guida invernale, corsi per accrescere la sicurezza.

Informazioni: tcs.ch/corsi-guida

febbraio 2020 | touring

7


Il Salone digitale Il 90° Salone dell’automobile di Ginevra in agenda in marzo dal 5 al 15 si propone al pubblico nostrano ed internazionale come GIMS e diventa più digitale e interattivo. Il Geneva International Motor Show, in breve GIMS, si presenta come vetrina dell’industria automobilistica e, grazie al programma ancor più vario, permette al visitatore di toccare con mano l’innovazione. I biglietti per l’edizione 2020 sono disponibili tramite nuova App GIMS (a prezzo ridotto rispetto allo sportello) e sul sito web dell’organizzatore. La nuova applicazione può essere personalizzata così da informare costantemente l’utente circa gli ultimi sviluppi del settore dei motori e della mobilità suscettibili di interessarlo prima, durante e dopo la rassegna. Fra le novità da non mancare da un lato i Discovery Drives (10 minuti al volante di veicoli a propulsione alternativa). I ticket per queste prove di guida vengono assegnati per sorteggio esclusivamente

tramite app. E dall’altro, il GIMS VIP Day del 4 marzo, concepito come luogo di incontro per CEO, VIP, rappresentanti dei media, analisti e appassionati di tecnologia nonché il forum di discussione su temi che impronteranno la tecnologia motoristica oggi e in futuro; biglietti sempre tramite l’app a 200 fr. anziché 250 se acquistati entro fine gennaio.

GIMS fra le top 5 150 espositori hanno già confermato la loro partecipazione: oltre alle major automobilistiche saranno presenti start-up attive nel campo della tecnologia. Il GIMS conta fra le cinque rassegne dell’industria dell’auto più importanti a livello mondiale. È l’unica esposizione annuale in Europa riconosciuta dall’OICA (Organizzazione internazionale dei costruttori di veicoli a motore).

Nuove strade nazionali a pedaggio

8 touring | febbraio 2020

Oltre il mare di nebbia La provincia sud-occidentale di Guizhou è l’hub per il digitale «in fieri» per l’intera Repubblica Popolare Cinese. Una pietra miliare della strategia ambiziosa per diventare una cyber potenza. Non stupisce così che il capoluogo Guiyang stia vivendo un boom infrastrutturale. L’orizzonte perennemente avvolto dalla nebbia è ormai punteggiato di innumerevoli grattacieli, fra cantieri di grandi opere in corso.

LA CIFRA

2398 Con tanti chilometri percorsi mediamente in treno ogni anno gli svizzeri sono campioni europei di viaggi ferroviari. È quanto indica l’Ufficio europeo di statistica Eurostat. I confederati prendono il treno in media 71 volte all’anno, frequenza che costituisce il record europeo. Seguiti, a distanza, dagli abitanti del Lussemburgo (38 volte) e da Danimarca, Austria e Germania (35).

GIMS Appuntamento a Ginevra dal 5 al 15 marzo.

All’inizio dell’anno, circa 400 chilometri di vecchie strade cantonali, fra cui tratti di autostrada e semiautostrada, sono diventati strade nazionali rispettivamente di prima e seconda classe. Anche queste strade sono soggette a contrassegno autostradale. Da notare che da inizio 2020 sono in vigore le nuove prescrizioni sulla patente di guida: sostituendo quella in prova con la licenza di condurre definitiva e illimitata da questa data, si dovrà dimostrare di avere as-

LA FOTO

solto una giornata della formazione complementare. Ciò vale anche per le persone che hanno partecipato al primo corso previsto dalla precedente normativa. D’ora in poi la formazione complementare prevede una sola giornata obbligatoria che dovrà essere assolta entro 12 mesi dal superamento dell’esame pratico. A partire da gennaio dell’anno prossimo sarà inoltre possibile richiedere la licenza per allievo conducente già a 17 anni compiuti.

LA PAROLA

Gennaio Come gli altri mesi dell’anno, il nome gennaio deriva dal latino. Ianuarius era il mese consacrato a Giano, una delle divinità più antiche di Roma. Solitamente raffigurato con due volti, è il dio delle porte e dei passaggi – materiali e immateriali – come pure degli inizi. Dunque, non ci deve stupire se con lui inizia il nuovo anno.


FOTO KEYSTONE, EMANUEL FREUDIGER, ALD

ATTUALITÀ

Allarme smog

Tradizioni viventi

Dormire con stile

Dal 15 gennaio 2020 il canton Ginevra introdurrà un nuovo dispositivo d’urgenza in caso di allarme smog. Quando la qualità dell’aria raggiungerà certi livelli, la circolazione dei veicoli più inquinanti sarà progressivamente e temporaneamente proibita dalle ore 6 alle 22 nel centro di Ginevra. I veicoli, non importa dove siano stati immatricolati, dovranno essere muniti di un adesivo colorato che li suddivide in sei classi di impatto ambientale, come il modello francese. Valido per tutta la vita del veicolo, questo Stick’AIR costerà 5 franchi.

Le Processioni della Settimana Santa a Mendrisio attirano decine di migliaia di spettatori. Di recente sono state accolte dall’Unesco nella Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell’umanità. La candidatura era stata depositata a Parigi a fine marzo 2018. Nel 2020 le Processioni si svolgeranno il 9 e 10 aprile con la partecipazione di centinaia di cittadini figuranti. Mentre sfileranno, le luci del borgo saranno spente e le vie risplenderanno degli antichi (e nuovi) trasparenti illuminati rappresentanti le scene della passione di Cristo.

Nel libro «Where architects sleep» di Sarah Miller (edito da Phaidon Press; 38.90 fr., in inglese) 250 grandi firme raccontano dove sono soliti alloggiare in viaggio: Emanuel Christ di Christ & Gantenbein predilige l’Hotel Le Pavillon de la Reine a Parigi. Se si trova di passaggio a New York, Matteo Thun fa sosta allo Sherry-Netherland.

Nuova papamobile A fine novembre, papa Francesco ha ricevuto una Dacia Duster dal Gruppo Renault. Il veicolo dotato di equipaggiamento speciale per il pontefice, ha un ampio tetto apribile oltre alla sovrastruttura vetrata smontabile. Rigorosamente bianca, la nuova papamobile possiede interni beige e misura 4,34 m di lunghezza per 1,8 m di larghezza.

febbraio 2020 | touring

9


«Mi piace aiutare le persone che si rivolgono a noi per una questione legale; è bello sentire la loro gratitudine per aver ricevuto risposte rapide ed utili.» Anton Haenni avvocato, Assista

«Aiutare i soci mi dà la certezza di essere al posto giusto al momento giusto. Non conosco sensazione più gratificante.» Maëla Morard pattugliatrice

10 touring | febbraio 2020


DOSSIER

Sempre al tuo fianco La mobilità si trasforma, e con essa il TCS. Leggete di seguito come il maggiore club svizzero della mobilità affronta il cambiamento, affiancando i soci nei loro spostamenti con tutta la sua esperienza, competenza e capacità di innovazione – oggi e domani. FOTO EMANUEL FREUDIGER

«Aiutare significa saper ascoltare e spiegare con calma e pazienza. Spesso le paure più profonde nascono dalla mancanza di comunicazione e comprensione.» Serena Barberis medico, ETI-Med

febbraio 2020 | touring

11


«Finché la gente è mobile ci sarà bisogno del TCS» Da tre anni e mezzo Jürg Wittwer (52) dirige le attività operative del Touring Club Svizzero. Nell’intervista il nostro direttore generale racconta cosa ha imparato in questo arco di tempo, cosa i soci possono aspettarsi in futuro e cosa possiamo imparare noialtri dall’Africa occidentale. INTERVISTA DOMINIC GRAF | FOTO OLIVIER VOGELSANG

Come spiegherebbe ad un bambino cos’è il TCS?

Jürg Wittwer: Sei fuori casa, in giro per la Svizzera o in un paese lontano e hai un problema. Chiama il TCS e veniamo ad aiutarti. E agli adulti: cosa fa il TCS che gli altri non sanno fare?

Ci sono due validi motivi per essere soci del TCS. Primo, il TCS si impegna per la buona causa: in qualità di soci sostenete il nostro impegno per la sicurezza stradale, in particolare degli utenti più vulnerabili. Ci impegniamo per il bene comune nel nostro paese e facciamo il possibile per evitare che i bambini s’infortunino nel traffico, provvediamo a che gli anziani guidino sicuri e che genitori e piccoli non si facciano male a causa di un seggiolino non montato correttamente. Chi si fa socio del TCS contribuisce a salvare delle vite sulle strade. E in secondo luogo il TCS aiuta qualora si rimanga bloccati per un contrattempo: l’auto guasta, la gamba fratturata in vacanza, la batteria rotta della bici elettrica o se ti cancellano l’ultimo treno a mezzanotte. In che modo fate sì che il club continui a crescere?

Le persone diventano ogni anno più mobili, percorrono mediamente più 12 touring | febbraio 2020

chilometri e viaggiano di più. Finché le cose stanno così, ci sarà bisogno del TCS. Ma come organizzazione dedicata alla mobilità non possiamo certo rimanere fermi. Dobbiamo muoverci. La mobilità è in piena trasformazione. Basti ricordare il boom della multimodalità. La distinzione classica fra chi prende l’automobile e chi i mezzi pubblici tende a svanire; ricorriamo sempre più spesso a diversi mezzi di trasporto per spostarci nel corso della giornata combinandoli come meglio ci conviene e piace. Per crescere il TCS deve mettersi al passo con i tempi, tant’è che sosteniamo i nostri soci indipendentemente dal mezzo impiegato. Nel contempo mettiamo a frutto le nostre competenze ed esperienze per assumere a nostra volta un ruolo trainante; nel senso che promuoviamo attivamente nuove forme di mobilità, ad esempio quella elettrica – ma senza trascurare coloro che preferiscono continuare ad usare i mezzi convenzionali.

Jürg Wittwer Il direttore generale davanti alla sede centrale del TCS a Vernier (GE).

Come volete conciliare queste esigenze opposte?

Non sono esigenze opposte. Il TCS non opera per produrre profitti, per noi è quindi indifferente come si muove il socio e in quale situazione ci chiama a soccorso. Rispondiamo al telefono e organizziamo gli interventi opportuni.


DOSSIER

febbraio 2020 | touring

13


Non importa che il socio guidi un’auto elettrica o a combustione, noi ci siamo, pronti ad aiutarlo. È soddisfatto di come si presenta il TCS attualmente?

Considerando ciò che abbiamo realizzato finora possiamo tutti esserne fieri, i soci come pure le collaboratrici e i collaboratori del TCS. Detto ciò, se vogliamo seguitare a crescere non possiamo riposarci sugli allori, dobbiamo evolvere costantemente. Il TCS non subirà il cambiamento nella mobilità, piuttosto saremo pionieri e ne plasmeremo lo sviluppo futuro. Abbiamo molte idee per nuove prestazioni; per citarne una fra tante, TCS Home, il pronto intervento guasti domestici, in fase di sperimentazione. Perché mai un club della mobilità arriva ad offrire un servizio di assistenza per la casa?

Con l’auto elettrica i confini fra casa e mobilità sono diventati permeabili. Già oggi il TCS conta fra i principali installatori di stazioni di ricarica privata e vogliamo che i nostri soci possano rivolgersi al TCS se al mattino la batteria della vettura è scarica. Ed onestamente, a chi non è già successo un guaio in casa propria, tipo un interruttore difettoso o un tubo otturato? In questi frangenti, non abbiamo desiderato che qualcuno ce lo riparasse con la rapidità e solerzia con cui i nostri pattugliatori ci fanno ripartire l’auto in tilt?

Perché l’app «Mobilità semplice» del TCS non deve mancare su nessuno smartphone in Svizzera?

Ad oggi, la nostra applicazione è stata scaricata circa 650 000 volte. Ci troviamo dunque sulla strada giusta. L’app fornisce a soci e non soci informazioni importanti per la loro mobilità, quali i bollettini infostrada, il calcolatore d’itinerari o il modulo per le emergenze «Travel Safety». Inoltre, tramite TCS Benefits, offre accesso diretto all’attraente programma vantaggi soci. In fondo, il TCS non vuole solamente aiutare, ma anche rendere i viaggi più semplici ed economici. La mobilità dolce si sta diffondendo nelle città. In che modo il TCS promuove la mobilità a piedi, in bici o con monopattini elettrici?

Il TCS è nato come associazione ciclistica, per cui la mobilità dolce è sempre stata e resta parte del nostro DNA. Il TCS soccorre il socio in panne con la bici o e-bike e al tempo stesso ci sta a cuore un uso sicuro dei nuovi veicoli quali i monopattini elettrici. Abbiamo già svolto un apposito corso di guida, altri seguiranno quest’anno. Il servizio TCS Consulenza mobilità esamina questi dispositivi e ne verifica la sicurezza, con test neutrali e competenti. Perché il TCS si sta interessando vieppiù a temi legati alla salute?

Da parecchio tempo impieghiamo una nostra équipe medica a Ginevra che

«Chi si fa socio del TCS contribuisce a salvare delle vite sulle strade»

consiglia ed assiste 24 ore su 24 i titolari del TCS Libretto ETI dopo un incidente o durante una malattia all’estero. Affinché possiamo migliorare ulteriormente l’assistenza medica a distanza, da quest’anno il TCS garantisce un sostegno finanziario alla cattedra di telemedicina d’urgenza istituita di recente all’Università di Berna. Abbiamo d’altronde notato che i nostri articoli sulla salute in viaggio vengono letti fino a 160 mila volte. Abbiamo quindi riunito questi articoli e costruito una rete di un’ottantina di medici e specialisti che mettono a disposizione dei soci il loro approfondito know-how, assieme ad informazioni neutrali, sulla piattaforma tcs-mymed.ch. È importante assicurare che nel settore della sanità vi siano delle istanze come il TCS che non perseguono propri interessi finanziari.

«Il TCS non subirà il cambiamento nella mobilità, piuttosto saremo pionieri e ne plasmeremo lo sviluppo futuro» Seguite il direttore generale del TCS su twitter: twitter.com/WittwerJurg

14 touring | febbraio 2020


DOSSIER

Lei ha formulato già l’anno scorso la tesi che la mobilità verticale sarà una realtà prima di quanto ci si aspetti. Cosa significherà per il TCS l’affermarsi di droni e taxi volanti?

Già adesso il TCS forma il maggior numero di piloti di droni in Svizzera. Nei nostri corsi gli iscritti apprendono dove, quando e come sono autorizzati a volare e ad utilizzare questi aeromobili radiocomandati in modo sicuro e ragionevole. Per quanto riguarda invece i taxi volanti ritengo che ci siano grosse chance di vederli nei cieli svizzeri fra un paio di anni. Vi sono i presupposti tecnologici e si stanno già testando dei prototipi. Ma non penso che poi questi apparecchi cambieranno in maniera fondamentale il ruolo del TCS. Il giorno in cui i nostri soci si sposteranno con droni il TCS si adeguerà per essere al loro fianco anche via aria. È stato così quando sono apparsi i primi motori a combustione, è così oggi con l’elettromobilità e sarà così pure con la mobilità verticale. In questa prospettiva, dov’è che si farebbe portare dal taxi volante per prima cosa?

Dubito che i taxi volanti possano atterrare dovunque, ma se non ci fossero restrizioni la mia prima «corsa» sarebbe dall’ufficio a casa o viceversa. Lavoro e abito a Ginevra, la città con il più alto numero di ore in coda. Se potessi semplicemente sorvolare gli ingorghi risparmierei davvero molto tempo.

Da tre anni e mezzo è direttore responsabile dell’operatività del TCS. Cosa ha imparato in questa funzione?

Ho conosciuto in prima persona lo spirito di coesione che fa del TCS quasi una famiglia. Non finisco mai di stupirmi con quanto impegno i collaboratori del TCS vivano la nostra missione. Ma anche fra i soci percepisco un forte legame con il TCS. Ciò mi riempie di orgoglio e sono felice di essere a capo di un’organizzazione così profondamente radicata in Svizzera e al tempo stesso dinamica e proiettata sull’avvenire. E in retrospettiva, c’è qualcosa che farebbe diversamente?

Se non si è disposti ad imparare dagli errori non si dovrebbe dirigere un’impresa. Ne ho fatti di errori e senz’altro oggi certe cose le gestirei diversamente. Però penso che negli ultimi anni abbiamo fatto bene parecchie cose. Forse non abbiamo imboccato sempre la strada più diretta e facile; certo, guardandoci alle spalle, talora avremmo potuto imboccare un cammino meno spinoso. Tutto sommato posso però avallare le decisioni prese negli ultimi tre anni e mezzo. Lei ha trascorso la sua gioventù in Burkina Faso. Cosa possiamo imparare dagli africani?

Loro ci insegnano a prenderci del tempo per gli altri. Nell’Africa occidentale la gente dedica molto tempo a par-

lare e ridere insieme, ritrovarsi e aiutarsi a vicenda. Secondo un sondaggio, la dote più importante per gli svizzeri è la puntualità. Al terzo posto viene poi la disponibilità ad aiutare. Senza voler sminuire la puntualità, vanto tipicamente svizzero, penso che aiutare le persone dovrebbe essere considerata una virtù altrettanto preziosa. Non è un segreto che Le piacciono i videogiochi. Lanciando la TCS eSports League si è avverato un sogno Suo personale?

Se mi fossi voluto esaudire un desiderio in quest’ambito, certamente non con Rocket League. Io non ci so proprio giocare. Abbiamo concepito la Lega apposta per i giovani, cui volevamo offrire qualcosa di divertente, ma che fosse al tempo stesso una sfida non violenta. Ecco perché questo gioco, in cui due passioni, auto e calcio, si fondono. Trovo fantastico che il TCS si cimenti con successo anche su questo terreno. Lo dimostrano l’interesse e i consensi che raccogliamo nella comunità del gaming: da un lato, i livestream del torneo vengono seguiti online da un grande numero di spettatori; e dall’altro le nostre apparizioni ai grandi eventi quali Polymanga ed HeroFest attirano folte schiere di follower. Personalmente prediligo giochi d’avventura come World of Warcraft. Per un po’ lo giocavo assieme a mio figlio. E, modestamente, devo dire che in team non ce la cavavamo niente male. ◆ febbraio 2020 | touring

15


La mobilità che verrà L’Arena svizzera della mobilità inaugurata dall’Accademia svizzera della mobilità del TCS si propone come nuovo luogo d’incontro privilegiato per decisori, innovatori e cerchie interessate al settore dei trasporti. Il secondo appuntamento dal 14 al 16 settembre 2020 all’Eventforum di Berna.

TCS Pop-up Glamping Il 2019 chiude con un risultato da record per TCS Camping. Da sempre sensibile alle nuove tendenze, il TCS ha ad esempio allestito il primo villaggio glamping temporaneo in Svizzera. Sarà ricostruito nel corso del 2020 sopra Laax.

E-Garden Educazione stradale In settembre il TCS ha avuto l’onore di organizzare il 34º Concorso europeo di educazione stradale ETEC della FIA. Scolari provenienti da 18 nazioni hanno gareggiato in bici e dimostrato di conoscere a menadito il Codice stradale.

16 touring | febbraio 2020

Il pop-up store nel centro commerciale Glatt di Wallisellen (ZH) ha permesso a TCS ed Energie 360° di presentare dal vivo l’elettromobilità come sistema integrato. Il pubblico ne ha così potuto toccare per mano i diversi elementi, dall’auto alla stazione di ricarica. Si replicherà l’inedito formato in altre regioni.

TCS eTest Drive Days

Dimmi come ti muovi

TCS Libretto ETI

A Ginevra, Berna e Basilea i soci TCS hanno avuto occasione di provare gratuitamente su strada auto elettriche di ultima generazione. La manifestazione ha suscitato un’eco molto favorevole. Nel 2020 svolgeremo quindi una decina di giornate test drive, ribattezzate eMobilityDays.

Oltre la metà degli intervistati nell’ambito del «TCS Barometro della mobilità elettrica» intende passare all’auto elettrica. È quanto emerso dal nostro sondaggio che ripeteremo quest’anno per ulteriori spunti sull’atteggiamento degli svizzeri riguardo alla mobilità, fra desideri e realtà.

La protezione viaggi più apprezzata in Svizzera è stata rivisitata e perfezionata. Ora, il TCS Libretto ETI è ottenibile in due varianti (Standard o Plus) e comprende nuove prestazioni interessanti quali il rimborso del biglietto di eventi non fruiti e l’assicurazione del bagaglio.


DOSSIER

TCS eSports League Gli sport elettronici suscitano crescente interesse. Lo dimostra la 3a stagione della TCS eSports League con il gioco di auto-calcio non violento Rocket League. I livestream dell’evento sono stati visti per un totale di 167 391 minuti. La finale è inoltre stata trasmessa in diretta tv su SRF Sport.

Il TCS nel 2019: fra highlight e prime Il TCS ha alle spalle un anno tanto movimentato quanto positivo. Il 2019 è stato all’insegna del consolidamento e cambiamento. Migliorando l’esistente e investendo nel nuovo sono state poste basi importanti per garantire anche in avvenire la mobilità dei nostri soci. TESTO DOMINIC GRAF | FOTO TCS

Telesoccorso medico Talora il medico può aiutare il paziente solo a distanza. Il TCS, che dispone di una propria équipe medica per i soci in viaggio, si impegna nel settore dell’eHealth. Ecco perché ha deciso di sostenere finanziariamente la nuova cattedra di telemedicina d’urgenza all’Università di Berna.

Nuove piste di guida Il TCS Centro di sicurezza stradale Betzholz (ZH) si è dotato di una nuova pista curva con rivestimento scorrevole e simulatore di scivolata con piattaforma idraulica. Il materiale di scavo è servito per costruire uno spettacolare terreno di allenamento alla guida offroad.

Viaggi esclusivi

Liti sotto la lente

Assistenza per la casa

Creato nel 2014 a livello regionale dalla sezione ginevrina, il programma TCS Viaggi è stato ripreso dalla sede centrale nel 2019 con l’obiettivo di svilupparlo ulteriormente. L’idea è di organizzare tour accompagnati per piccoli gruppi in tutto il mondo, sicuri e curati nei minimi dettagli.

Come litigano i confederati? Lo ha voluto sapere la TCS Protezione giuridica sulla base delle controversie trattate: i risultati raccolti sono stati analizzati per ambiti giuridici, regione, frequenza, costi e durata venendo a confluire nel TCS Barometro delle controversie. A seguire nel 2020.

Lanciato a Berna, nel 2019 il progetto pilota TCS Home è stato sperimentato con successo anche nell’area di Ginevra. La forte richiesta ha indotto i responsabili ad estendere il servizio nel corso del 2020 all’intera Svizzera romanda come pure alla regione di Basilea. febbraio 2020 | touring

17


Verso un’assistenza proattiva e digitalizzata Markus Kummer dirige dal 2018 l’unità d’affari Assistenza del Touring Club Svizzero. Il suo credo: puntare al massimo sugli aiuti tecnici disponibili, per permettere a tutti i suoi collaboratori di focalizzarsi al meglio sui bisogni dei soci in difficoltà, sia in Svizzera che fuori dalle nostre frontiere. TESTO JÉRÔME LATHION | FOTO OLIVIER VOGELSANG

Q

uando gli chiediamo di darci la sua definizione di una assistenza degna di questo nome, Markus Kummer (44 anni) non esita: «Assistere significa consigliare, aiutare e accompagnare, ovunque e in qualsiasi momento». Nominato il 1° giugno 2018 alla testa dell’unità d’affari Assistenza 18 touring | febbraio 2020

del TCS, l’economista d’origine bernese è diventato il responsabile di un’entità tanto vasta quanto impegnativa: 500 collaboratori, di cui circa 200 pattugliatori che effettuano mediamente 370 000 soccorsi all’anno – l’82% delle persone in panne può riprendere subito la strada –, 49 000 interventi d’assistenza ETI, 5100 valu-

Markus Kummer circondato dal team della centrale ETI d’assistenza alle persone.

tazioni mediche e 1300 trasporti di pazienti. Questo dopo 6 anni d’attività nel marketing e nel management Prodotti del club (v. riquadro pagina a lato). Ci confida d’aver assunto il suo nuovo incarico, esigente, senza troppa apprensione: «Già prima d’essere assunto al TCS ero abituato a gestire grandi progetti», ci dice sorridendo.

L’era dell’interazione Nella centrale per l’assistenza all’estero, presso la sede centrale del TCS a Vernier (GE), la carta del mondo con gli avvenimenti del 2018 mostra che la sua entrata in funzione non è stata affatto tranquilla: abbondanti nevicate negli Stati Uniti, scioperi in Francia co-


DOSSIER

UNA CARRIERA, MOLTI SUCCESSI Laureato in economia all’Università di Berna, in possesso di un Executive MBA della Scuola universitaria d’economia di Zurigo (HWZ), sposato e padre di 3 bambini, Markus Kummer ha raggiunto il TCS nel 2012, dopo anni d’attività presso Credit Suisse e alla banca privata Clariden Leu. Ha iniziato la sua nuova carriera al TCS in qualità di viceresponsabile della strategia marketing, prima di esser nominato vicedirettore in seno all’unità d’affari Club. Ha contribuito attivamente al lancio del nuovo modello di societariato e di alcuni prodotti apprezzati, come la TCS Bike Assistance, il TCS Libretto Protezione Internet e la TCS carta di credito. Dal 1° giugno 2018, dirige l’unità d’affari Assistenza.

ronati dal movimento dei «gilet gialli», tornado in Giappone, terremoto in Indonesia, e altro ancora… «Gli scioperi e le catastrofi naturali sono stati frequenti nel 2018, spiega il direttore, mentre il 2017 era stato contraddistinto soprattutto dagli attentati terroristici». Il numero d’imprevisti che richiedono un’ampia mobilitazione è diminuito nel 2019, ma la sorveglianza permane su tutti i fronti. E, soprattutto, le situazioni vissute hanno permesso di modificare l’approccio dell’assistenza. All’insegna della proattività.

Applicazione TCS In questo senso sono stati fatti passi da gigante con il modulo Travel Safety dell’app TCS. «Poter posizionare i nostri soci è essenziale se vogliamo passare da una modalità reattiva ad una proattiva. Grazie a Travel Safety, possiamo interagire con i nostri soci informandoli e sensibilizzandoli. Per loro è anche un facile mezzo per domandare aiuto, mentre a noi permette d’essere ancor più efficaci e rapidi nell’organizzazione dei soccorsi». Un altro successo dell’unità che dirige è il modulo Info Feed, che diffonde informazioni sulla salute, elaborato con il contributo di numerosi partner, come l’Inselspital di Berna, l’Istituto tropicale di Basilea, la Croce Rossa Svizzera e la compagnia Swiss: «Alcuni articoli sono stati visti da oltre 160 000 lettori, ragione per cui, all’inizio di dicembre, abbiamo raggruppato i temi legati alla salute sulla nostra

piattaforma (ndr.: tcs-mymed.ch). Parallelamente, lavoriamo per ottimizzare l’accesso alla rete medica in tutti i paesi del mondo», fa presente Kummer.

La sfida digitale Nell’ambito del soccorso stradale, pure di sua competenza, è stato compiuto uno sforzo notevole a favore della mobilità elettrica, con la formazione dei pattugliatori e l’uso del rimorchio Clevertrailer, una stazione di ricarica mobile. Un altro grande cantiere aperto è la digitalizzazione dell’assistenza. «La digitalizzazione, la guida autonoma e quella condivisa modificano la natura dell’assistenza ai veicoli, spiega il direttore. Stiamo lavorando a migliorare il sistema di utilizzazione dei veicoli di pattugliamento, in particolare sulla loro geolocalizzazione, ad un proficuo scambio di dati con i nostri club partner europei, nonché ad un’automatizzazione dei diversi processi. Questo affinché il nostro personale possa concentrarsi sui compiti importanti». «Utilizziamo queste potenzialità, ad esempio, per poter fornire maggior aiuto e più consigli telefonici, alfine di permettere ai nostri soci di proseguire il loro viaggio. In caso di grave panne, per noi si tratterà sempre d’aiutare i nostri soci al telefono e con un pattugliatore sul posto». Il direttore conclude le sue osservazioni con una battuta: «In ogni operazione, la decisione finale spetterà sempre ad un incaricato dell’assistenza. Una macchina non sa cos’è l’empatia». ◆

«La decisione finale spetterà sempre ad un incaricato dell’assistenza. Una macchina non sa cos’è l’empatia» febbraio 2020 | touring

19


Automobilisti

Pedoni e ciclisti

Famiglie

Sono particolarmente vulnerabili nella circolazione. Inoltre, il rischio d’incidente è tre volte più elevato di notte o in caso di scarsa luminosità e addirittura dieci volte più importante in caso di pioggia, neve o controluce. Con la sua campagna e il marchio Made Visible, il TCS sensibilizza la popolazione e dimostra che è possibile abbinare stile e sicurezza, grazie a vestiti e accessori alla moda. Dal 2020, questo progetto finanziato dal Fondo di sicurezza stradale (FSS) negli ultimi tre anni, è ripreso dal TCS. Il club raccomanda pure a pedoni e ciclisti d’optare per un abbigliamento chiaro e dotato d’elementi catarifrangenti. Altro impegno: il TCS ha valutato 176 passaggi pedonali a inizio 2015, spingendo le autorità ad accrescere la sicurezza sulle strisce pedonali a rischio.

Da oltre 50 anni, il TCS verifica molti seggiolini auto per bambini al fine di valutarne la qualità secondo quattro criteri: la sicurezza, la maneggevolezza, l’ergonomia e il tenore di sostanze tossiche. Sono informazioni preziose destinate ai genitori che cercano un dispositivo di sicurezza per trasportare i loro figli nei tragitti in auto. Inoltre, il TCS pubblica su questo tema un opuscolo gratuito, che contiene molte informazioni utili. Il club ha anche organizzato una colletta di seggiolini per bambini, da destinare a delle famiglie svantaggiate in Moldavia e Bielorussia. Sono così stati raccolti più di 400 dispositivi, poi verificati.

Quando una vita è in pericolo, i minuti sono contati. Il TCS ha quindi equipaggiato un centinaio dei suoi veicoli con un autoadesivo esplicativo sulla formazione dei corridoi di soccorso in autostrada. Così, in un colpo d’occhio, gli automobilisti capiscono come liberare efficacemente una corsia per i veicoli con le luci lampeggianti blu. Inoltre, il club ha sensibilizzato i conducenti sul comportamento d’adottare nelle zone di cantiere, accrescendo la sicurezza degli operai.

20 touring | febbraio 2020

Scolari Oltre alle campagne di prevenzione per il rientro scolastico e i consigli dati a genitori e bambini, il TCS distribuisce gratuitamente ogni anno più di 80 000 gilet agli allievi di prima, per aumentare la loro sicurezza nel traffico. Inoltre, l’app Weelo, sostenuta finanziariamente dal Fondo di sicurezza stradale, introduce in maniera ludica i ragazzi dagli 8 ai 12 anni alle regole della circolazione in bici.

Senior Nell’ambito del progetto «Muoviamoci», l’Accademia della mobilità del TCS forma degli ultracinquantenni alla guida delle biciclette cargo elettriche. Questi volontari, i pedalatori del TCS, vanno poi a raccogliere i rifiuti riciclabili – bottiglie vuote, scatole di conserva ecc. – dagli anziani che vivono troppo lontano da un punto di raccolta o che hanno difficoltà nel raggiungerlo. Quest’iniziativa sta prendendo piede a Berna, Sciaffusa e Langenthal, mentre altre città dovrebbero seguire nel corso dell’anno. ◆

FOTO TCS

Soccorso e operai

Per una massima sicurezza, i pneumatici invernali devono essere montati da ottobre a Pasqua. Ma quali gomme vanno scelte per garantire una buona frenata su strade bagnate, asciutte o innevate? Ogni anno il TCS testa dei pneumatici invernali ed estivi per orientare i suoi soci e la popolazione verso dei prodotti sicuri e performanti. Inoltre, grazie ai suoi test sulle gallerie, il TCS ha ampiamente contribuito ad aumentare la sicurezza di questi manufatti, punti particolarmente sensibili della rete stradale.


DOSSIER

L’impegno per la società Nell’ambito della sua responsabilità sociale d’impresa, il TCS opera a favore di tutti gli utenti della strada, ben oltre le prestazioni di base del societariato. Ecco alcuni esempi d’iniziative facoltative intraprese dal nostro club per accrescere il benessere della popolazione svizzera e contribuire a preservare delle vite. TESTO ALINE BEAUD

ATLANTE DEL BENE COMUNE 2019 È con una nota di 4,8 su 6 che il TCS si classifica nel gruppo di testa (21°) tra le migliori organizzazioni della Svizzera in termini di benessere per la società. È primo tra le 11 organizzazioni attive nell’ambito della rappresentazione degli interessi. Le 110 imprese dell’Atlante sono state valutate da quasi 15 000 persone, secondo 4 criteri: l’adempimento dei compiti, la promozione della qualità di vita, la coesione sociale e le convinzioni morali.

Il TCS s’impegna per i suoi soci e la popolazione, contribuendo così a salvare delle vite.

febbraio 2020 | touring

21


DOSSIER

Un grazie che scalda il cuore

«Ho aiutato un socio anziano ricoverato nel Sud Italia con frattura dell’anca. L’ho assistito da lontano finché non fosse in grado di essere rimpatriato. Mi inviò poi una confezione di cioccolatini con un biglietto per ringraziarmi della mia pazienza e professionalità.» Serena Barberis medico, ETI-Med

«Una cliente mi ha ringraziato per la mia tenacia e pazienza. Si è dovuta battere per tre anni e mezzo e ora, finalmente, può tirare un respiro di sollievo.» Anton Haenni avvocato, Assista

«È sempre toccante quando ti dicono grazie, per mail, sms, cartolina postale o telefono. Una volta ho ricevuto un pacchetto pieno di cioccolato con un biglietto bellissimo.» Maëla Morard pattugliatrice

22 touring | febbraio 2020


TONI

Bezauberndes Bologna

Modena

Adriatisches Meer

6 Reisetage ab nur inkl. Halbpension

Ravenna

Fr. 599.-

Bologna

Rimini San Marino

Ravenna

San Marino

La Dolce Vita & Co.

Leistungen - Alles schon dabei! ✓ Fahrt im komfortablen Extrabus

Eine genussvolle Italien-Reise zum unschlagbaren Superpreis!

haben hier ihren Ursprung. Aber auch wunderschöne Kunststädte wie Bologna, Ravenna & Modena werden Sie auf dieser Reise begeistern.

2. Tag – San Marino & Tagliatelle Heute morgen sind wir zu Gast auf einem typischen Agriturismo, wo wir Weine verkosten und unter fachkundiger Anleitung leckere Tagliatelle herstellen werden, welche wir zum Mittagessen geniessen – ein schönes Erlebnis in guter Gesellschaft. Später zeigen wir Ihnen den «kleinsten Staat» der Welt, San Marino. An den Hängen des Apennin Gebirges gelegen, bietet die Stadt einen atemberaubenden Ausblick auf die umliegende Landschaft.

3. Tag – Ravenna & Olivenöl Schon zur Zeit des römischen Kaiserreichs wurde Ravenna zur Hauptstadt des weströmischen Reiches. Die Stadt hat enorm viel zu bieten und gehört zu den Schönsten Italiens. Nach der tollen Führung machen wir auf dem Rückweg einen Stopp in einer Olivenölfabrik, wo wir das flüssige Gold Italiens kosten werden. 4. Tag – Bologna & Pizza Heute erwartet uns das zauberhafte Bologna. Freuen Sie sich auf eine der schönsten Altstädte Europas, auf herrliche Arkaden und prächtige Paläste. Nach einer beeindruckenden Führung bleibt genügend Zeit für eigene Entdeckungstouren. Am Abend erwartet uns im Hotel eine «Pizza-Party» à discrétion. 5. Tag –Parmigiano & Aceto Am Vormittag erfahren wir in einer bekannten Käserei alles Wissenswerte über die Herstellung des berühmten Parmigiano.

Limitierte Plätze! Sofort buchen & profitieren!

Mittelklassehotel in Rimini ✓ 4 x Abendessen im Hotel

Die Emilia Romagna ist die Geniesser-Ecke Italiens. Spaghetti Bolognese, Parmaschinken, Parmesankäse oder der berühmte Balsamico-Essig

1. Tag – Anreise & Prosciutto Fahrt im komfortablen Extrabus in die Region von Parma, wo wir in einer traditionellen Schinkenfabrik allerlei Interessantes über die Herstellung des feinen Parmaschinkens erfahren. Natürlich werden wir im Anschluss an die Führung die edlen Erzeugnisse auch verkosten können. Gut gestärkt geht es weiter in unser Hotel in Rimini. Nachtessen im Hotel.

✓ 5 Übernachtungen im guten ✓ 5 x Frühstück

Exklusiv-Reise vom 8. - 13. Mai 2020

Ihr Reiseprogramm:

REISEHIT 3

Anschliessend werden wir diesen zusammen mit gutem Aceto Balsamico verkosten. Später flanieren wir durch die bildschöne historische Altstadt von Modena mit ihrem romanischen Dom. Im Anschluss bleibt genügend Zeit für eigene Entdeckungstouren. 6. Tag – Heimkehr Nach dem Frühstück treten wir die Heimreise an.

Reise wird in deutscher Sprache geführt.

✓ 1 x «Pizza Party» im Rahmen der Halbpension ✓ Interessante Stadtführungen in San Marino, Ravenna, Bologna & Modena ✓ Pasta Kochkurs auf einem Agriturismo mit Weinprobe & Lunch ✓ Besichtigung Olivenölfabrik inkl. Probe ✓ Käsereibesichtigung inkl. Käse – und Balsamicoprobe ✓ Besichtigung Schinkenfabrik inkl. Probe ✓ Eigene Schweizer Reiseleitung

Unser Sonderpreis für Sie: Preis pro Person im Doppelzimmer

Noch mehr sparen bis 100% REKA-Checks!

Organisation: Holiday Partner, 8852 Altendorf

Tel. 0848 00 77 88

www.car-tours.ch

im guten Mittelklassehotel Fr. 599.Nicht inbegriffen/zusätzlich wählbar: Einzelzimmerzuschlag nur Fr. 120.Buchungsgebühr: Fr. 20.- pro Person (entfällt bei Online-Buchung) Sie wählen Ihren Bus-Einsteigeort: Bellinzona oder Mendrisio


Circolare contromano Ogni anno vengono lanciate oltre 90 segnalazioni di autoveicoli contromano. Droga e manovre di svolta errate sono le cause principali. Nonostante l’alto potenziale d’incidente i casi fatali sono rari. TESTO FELIX MAURHOFER

A

ttenzione! Sulla A6 tra Thun e Berna in direzione di Berna sta circolando un veicolo contromano, viaggiate con prudenza, rimanete sulla corsia di destra, non effettuate manovre di sorpasso». Questa segnalazione radiofonica spaventa gli automobilisti, che si chiedono come possa accadere che un conducente sbagli il senso di marcia. La centrale nazionale d’informazione sul traffico Viasuisse nel 2018 ha diffuso 93 segnalazioni di guida contromano. Stando all’Ufficio federale delle strade (Ustra) nel 2018 sono avvenuti 6 incidenti causati da marcia in contromano (vedi tabella). In media si tratta dello 0,01 percento del numero totale degli incidenti avvenuti sulle autostrade. I casi di guida contromano riguardano soprattutto automobilisti. I tratti autostradali su cui si verificano più di frequente sono l’A16 Bienne–Tavannes, A6 Interlaken–Berna, A13 Sargans– Coira e A5 Soletta–Bienne.

Spesso di mezzo c’è la droga Perché i conducenti sbagliano senso di marcia? Gli studi sul traffico dimostrano che spesso c’è di mezzo la droga, ovvero lo stato psicofisico alterato del conducente, oppure automobilisti che azzardano manovre di svolta vietate. Di notte inoltre può capitare che conducenti an24 touring | febbraio 2020

ziani sbaglino l’ingresso in autostrada. Sorge dunque la questione se debba essere migliorata la segnaletica. A questo proposito l’Ustra è intervenuta su 420 svincoli autostradali, 100 piazzole di sosta e 40 aree di servizio. Stando a Thomas Rohrbach, portavoce dell’Ustra è stato raddoppiato il numero dei segnali di divieto e anche delle frecce direzionali. Per quest’ultime – aggiunge ancora Rohrbach – è stata usata una vernice speciale antiscivolo allo scopo di non creare un rischio d’incidente per i motociclisti. Ulteriori provvedimenti – come i dissuasori taglia-gomme e sistemi automatici con rilevatori radar – non hanno dato risultati altrettanto soddisfacenti.

Fermare i conducenti contromano Alla polizia cantonale di Berna arrivano regolarmente segnalazioni di conducenti contromano. Nella maggior parte dei casi però – afferma la portavoce della polizia Jolanda Egger – gli agenti non riscontrano la presenza di un veicolo contromano. Spesso il conducente che guida sulla corsia sbagliata riesce ad uscirne prima di essere avvistato. In caso di emergenza la polizia agisce in due modi. Circola sulla corsia corretta e cerca di fermare il conducente contromano impiegando segnali acustici e visivi – il lampeggiatore a luce blu e l’avvisatore a due suoni alternati – e


MOBILITÀ

Automobilisti contromano Anno 2013 2014 2015 2016 2017 2018

Segnalazioni 104 123 90 96 96 93

Incidenti 13 8 4 5 8 6

Feriti 8 4 3 4 8 2

Morti 0 1 0 1 2 0

Fonte: Ustra e Viasuisse

poi entra in contatto con il conducente colpevole. In genere la guida contromano conducente per mezzo di un megafono. Oppure gli agenti comporta il ritiro della licircolano sulla stessa corsia cenza di condurre. L’autorità del conducente contromano: amministrativa competente i due veicoli viaggiano l’uno ne decide quindi la durata; verso l’altro. Gli agenti rallen- nella fattispecie la legge pretano gradualmente la velocità scrive un periodo di sospensino a creare una coda dietro sione minimo di tre mesi. di sé e alla fine bloccare l’intero flusso di veicoli posizioApp di allarme nando l’autopattuglia sulla contromano carreggiata in modo da funBosch ha sviluppato un’appligere da protezione antiurto. cazione che avvisa in tempo Anche in questo caso vengono reale i conducenti che stanno attivate la luce blu e la sirena circolando contromano e a due suoni alternati per allar- gli altri utenti della strada. mare il conducente controQuando un veicolo si avvicina mano e indurlo a fermarsi al all’entrata oppure all’uscita più presto. Oltre a queste midell’autostrada il sistema sure – aggiunge Egger – si at- «wrong-way driver» traccia tiva la segnaletica nei tunnel i movimenti in forma anoe sui pannelli a messaggio va- nima e li trasmette sul cloud. riabile del sistema di gestione Se il senso di marcia del veidel traffico. colo è opposto alla direzione di marcia consentita su quel Gravi conseguenze determinato tratto, il conducente e gli altri utenti conper il conducente La guida contromano costitui- nessi nelle vicinanze vengono sce una grave infrazione al immediatamente avvisati codice della strada, che la dall’app. Una volta rientrato polizia denuncia al pubblico il rischio di collisione, la coministero. La giustizia decide municazione con il cloud poi la pena da infliggere al viene interrotta. ◆

CONSIGLI ▪ Ascoltare

la radio in auto e tenere sempre attive le informazioni sul traffico.

▪ In

caso di segnalazione di conducente contromano, seguire le indicazioni (circolare a destra, non superare).

▪ Avvisare

immediatamente la polizia se si vede un veicolo contromano.

febbraio 2020 | touring

25


per TI e vincete E l’ ra o te la u Stip re anze del valo c a v o n n a n u 0.– !* di CHF 10’00

TCS Libretto ETI: per tutto l’anno copertura completa in vacanza. Stipulatelo ora e approfittate della protezione viaggi annuale per i lunghi viaggi e le gite brevi.

0800 140 000

tcs.ch/eti

* Condizioni di partecipazione: è concesso partecipare anche senza l’acquisto del TCS Libretto ETI. È possibile partecipare anche su: tcs.ch/eti-win. Il termine ultimo di partecipazione è il 30 aprile 2020.


MOBILITÀ

FFS Cargo guarda avanti L’automazione dei procedimenti operativi presso FFS Cargo è a buon punto. Vera rivoluzione in atto nel trasporto merci tra innovativo accoppiamento automatico, prova dei freni digitalizzata e sistema di avvertimento anticollisione. TESTO JULIANE LUTZ | FOTO EMANUEL FREUDIGER, FFS CARGO

U

na delle novità rivoluzionarie nel trasporto ferroviario di merci non verrebbe notata da un non addetto ai lavori. Il nuovo sistema applicato su alcuni vagoni presenti nel terminal di trasbordo a Dietikon riduce però drasticamente i tempi di composizione nella massima sicurezza.

Un team d’innovazione Stanno finendo i tempi dei carri merci con il tradizionale tenditore a vite. Durante la fase di aggancio dei vagoni il macchinista potrà persino rimanere nella propria cabina di guida. Per il personale di FFS Cargo significa non dover più piegarsi sotto i respingenti diverse volte al giorno per attaccare il tenditore a vite e i tubi flessibili per i freni al gancio di trazione. Da maggio 2019 sono in circolazione 100 vagoni e 25 locomotive

equipaggiati con l’accoppiamento automatico che trasportano merci tra l’hub a Dottikon e i terminal a Dietikon, Oensingen, Renens, Cadenazzo e Lugano Vedeggio nonché a Biasca e Mendrisio. «Quando si è tra i primi a provare qualcosa di nuovo, è normale che ci siano dei margini di miglioramento, ma la nostra valutazione è molto positiva», afferma Marco Hagmann, direttore del Team d’innovazione di Dietikon presso FFS Cargo. Insieme ai suoi 22 collaboratori ha svolto un ruolo decisivo nel test dell’accoppiamento automatico.

zione usati sinora, ad esempio, sono gli stessi di quelli che si usavano con i primi vagoni merci 170 anni fa. Da diversi decenni l’accoppiamento automatico è standard nel traffico di persone, ma non è stato sviluppato per adattarlo al traffico merci per il fatto che nessun produttore ha voluto mai investire in questo segmento. «Alla fine non ci è rimasto che unirci a dei partner e sviluppare noi stessi qualcosa di nuovo» spiega. Nel caso degli agganci si tratta principalmente dell’azienda Voith. In questo modo FFS Cargo svolge un ruolo pionieristico in tutta Europa e con il design orientato alla logistica supera addirittura gli agganci semiautomatici provenienti da USA e Asia. All’inizio siamo → stati derisi, ora invece si sono fatti

Per lungo tempo il settore del trasporto ferroviario di merci arrancava senza grandi cambiamenti. I ganci di traL’aggancio con il tenditore a vite è il metodo tradizionale nel settore merci.

febbraio 2020 | touring

27


MOBILITÀ vivi molti interessati al nostro sistema, conclude Hagmann.

Un’applicazione invece del controllo manuale Anche nella prova dei freni automatica FFS Cargo sta facendo da apripista. Attualmente il tecnico controllore deve camminare tre volte lungo il treno e controllare che i ceppi dei freni aderiscano alle ruote di ogni asse. Nel caso di un treno di 500 metri di lunghezza ancora oggi in Svizzera sono necessari 40 minuti di tempo affinché il convoglio possa essere pronto per partire. Grazie ad un’applicazione, sviluppata in collaborazione con esperti nel monitoraggio di carri merci della società PJM, i faticosi giri di controllo diventerebbero superflui. Dei sensori rilevano la condizione tecnica e lo stato dei freni, che vengono radiotrasmessi all’app usata dal macchinista in cabina per rendersi conto in modo immediato e visivo della

«La nostra valutazione dell’accoppiamento automatico è molto positiva» Marco Hagmann, responsabile team Dietikon FFS Cargo

situazione. Marco Hagmann mostra il processo sul tablet. «Ogni treno e ogni vagone hanno un numero che viene selezionato dal macchinista. Quest’ultimo svolge il controllo di un vagone dopo l’altro seguendo un rigido protocollo». «Alla fine della prova dei freni il macchinista preme su invio in modo che venga registrato chi ha eseguito il controllo. E ogni protocollo viene archiviato», spiega Hagmann. Invece di 40 minuti questo monitoraggio dura solo 10 minuti. Il risparmio di tempo è Nei nuovi sistemi di aggancio i tubi dei freni sono già integrati.

28 touring | febbraio 2020

enorme considerando che ogni anno FFS Cargo trasporta ben 29,8 milioni di tonnellate di merci, ciò che corrisponde a 10 000 viaggi di camion al giorno. Già dall’estate 2019 viene testata la prova dei freni automatica. Così come la modifica dell’accoppiamento automatico, anche la prova dei freni automatica ha dovuto percorrere un lungo cammino, fatto di numerose perizie e rapporti di sicurezza, fino a che l’Ufficio federale dei trasporti ha dato luce verde all’inizio dei test.

Personale qualificato cercasi FFS Cargo si sta impegnando così intensamente nel campo dell’automazione, anche per motivi di personale. Attualmente l’azienda occupa 1000 manovratori e 500 macchinisti, ma mancano lavoratori qualificati, il cui profilo professionale subirà ancora grandi cambiamenti attraverso le nuove tecnologie. Non sono pochi coloro che seguono una formazione come addetto alla logistica AFC nel settore dei trasporti, ma alla fine in genere preferiscono un lavoro che non li costringa a controllare i treni al freddo o sotto la pioggia. Dato che la mancanza di macchinisti è ormai un problema a livello europeo, FFS Cargo punta al cosiddetto esercizio con operatore unico. Quando si preparano i treni merci alla partenza, un collega guida la


IL CONSULENTE

Video delle dashcam come mezzi di prova? Le dashcam sono popolari fra gli automobilisti cui consentono di riprendere immagini durante la guida. Ma quanto valgono in caso di incidente? Magari chi l’installa paga premi ridotti all’assicurazione? TESTO URS-PETER INDERBITZIN

L La prova dei freni in futuro si farà con un’app.

Novità pure il sistema di avvertimento anticollisione.

locomotiva e un altro si occupa del servizio di manovra in coda al treno. In futuro un solo collaboratore effettuerà la manovra mediante radiocomando stando accanto al treno munito del sistema di avvertimento anticollisione. L’entrata in funzione dell’accoppiamento automatico, della prova dei freni automatica e del sistema di avvertimento anticollisione – i tre elementi fondamentali per l’introduzione dell’esercizio con operatore unico – è prevista nel 2020. Per la riconversione di locomotive e vagoni nella rete del traffico combinato è preventivato un investimento totale di 15 milioni di franchi, di cui il 60 percento è finanziato dall’Ufficio federale dei trasporti. Nonostante questi ingenti investimenti, FFS Cargo si trova solo all’inizio del processo di innovazione. Per applicare in gran stile i nuovi procedimenti operativi automatizzati si devono ancora convincere i produttori e i noleggiatori di vagoni merci e altri partner nel settore che questo è il futuro del materiale rotabile. ◆

e dashcam private vanno diffondendosi sempre più in Svizzera, ma il loro utilizzo rimane alquanto controverso. Le immagini riprese da queste videocamere di bordo sono ammissibili come mezzo di prova in caso di incidente? Servono a incriminare i pirati della strada? E le assicurazioni, forse accordano uno sconto sui premi se nel veicolo s’installa una di queste telecamere di sorveglianza? In via di principio è permesso installare una dashcam sull’auto laddove non ostacoli la visibilità del conducente, che deve sempre tenere rivolta la sua piena attenzione al traffico e alla strada. Al pari del cellulare è vietato però maneggiare il dispositivo durante la guida.

Diritti della personalità Se si verifica un incidente i video delle dashcam possono essere utili per analizzare e ricostruire la dinamica dei fatti. Tuttavia le assicurazioni sono piuttosto reticenti ad utilizzarli in quanto possono ledere i diritti della personalità e violare la legge sulla protezione dei dati. Il ricorso a questo materiale deve essere proporzionato alla serietà dell’accaduto e pertanto potrebbe essere ritenuto opportuno soltanto in caso di gravi incidenti stradali con feriti e morti.

mera di bordo beneficiano di sconti. Ciò che non è il caso in Svizzera.

Ricorrente assolta Finora non era affatto chiaro se fosse lecito perseguire penalmente un conducente sulla base di video fatti con la dashcam da un altro automobilista. Nel 2018 la giustizia zurighese aveva condannato una donna per una serie di violazioni del Codice stradale proprio fondandosi sul video registrato da un altro automobilista. Le era stata inflitta una pena pecuniaria sospesa di 110 aliquote giornaliere da 150 franchi (totale 16 500 franchi) nonché una multa di 4000 franchi. Ora, con una sentenza (6B_1188/2018), il Tribunale fe­ derale ha annullato la condanna dando ragione alla ricorrente. Nel suo ricorso all’alta corte la donna aveva argomentato che il video della dashcam violerebbe la legge sulla protezione dei dati, e pertanto costituirebbe una prova acquisita illegittimamente. Non avendo potuto rendersi conto di essere filmata, si sarebbe venuto a configurare un trattamento segreto dei dati e quindi una violazione della personalità. Questa motivazione è stata accolta dai giudici di Mon Repos che hanno peraltro lasciato aperto il quesito se a fronte di un reato grave l’utilizzo di materiale video ottenuto con dashcam sarebbe ammissibile. ◆

Taluni sono del parere che l’installazione di dashcam sulle autovetture aumenti la sicurezza e contribuisca alla prevenzione siccome i conducenti ripresi guiderebbero in maniera più prudente e URS-PETER corretta. Pertanto, in InghilINDERBITZIN terra, e recentemente anche in Germania, i conducenti consulente giuridico che montano una videoca-

febbraio 2020 | touring

29


MOBILITÀ

KEYSTONE

Basta lunghe trasferte grazie allo scambio del posto di lavoro.

AAA cercasi scambio di posto di lavoro Eliminare le code dei pendolari, risparmiare tempo e denaro riducendo il CO2 – la piattaforma internet tausche-job.ch promuove un’idea interessante: lo scambio del posto di lavoro. TESTO DINO NODARI

S

enza i pendolari non ci sarebbe traffico sulle strade. Oltre il 90% della popolazione lavorativa svizzera deve affrontare una trasferta per raggiungere il posto di lavoro. In media il percorso casa-lavoro dura poco più di 30 minuti e dunque ogni giorno si trascorre un’ora in auto o treno solo per questo. I viaggi quotidiani di andata e ritorno non solo costano soldi e tempo, ma costituiscono pure un fattore di inquinamento. È proprio per cambiare tale situazione che è stata creata la piattaforma tausche-job.ch, mette in contatto i lavoratori che vogliono migliorare la propria qualità di vita smettendo di fare i pendolari. Prendiamo ad esempio due persone che svolgono un lavoro simile, una abita a Friburgo e va a lavorare a Berna e l’altra abita a Berna e va a lavorare a Friburgo. Se i due scambiassero il posto di lavoro, non dovrebbero più fare i pendolari. A guadagnarci sarebbe la loro salute e l’ambiente.

Meno stress Gli ideatori della piattaforma sono gli imprenditori Carola Graf e Walter Dick. «L’idea mi ronzava nella testa già dieci anni fa», spiega Carola Graf. L’estate 30 touring | febbraio 2020

scorsa la piattaforma ha fatto il debutto in rete. «È pazzesco se si pensa che ci sono due persone che svolgono lo stesso tipo di lavoro, ma ognuna nella città dell’altra e dunque entrambe devono fare le pendolari», spiega così Graf il ragionamento che sottostà alla creazione della piattaforma e cita uno studio britannico secondo cui i pendolari subiscono picchi di stress comparabili a quelli dei piloti di jet in fase di combattimento. I pendolari infatti sono stressati soprattutto dalla perdita di controllo che subiscono quando si trovano in coda o quando il treno è in ritardo. «Si tratta di una situazione in cui tutti ci perdono, sia il lavoratore che il datore di lavoro», ne è convinta Carola Graf. Tausche-job.ch funziona come una piattaforma online per cercare un partner. Chi ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato può registrarsi in forma anonima e gratuitamente. Dopo aver inserito i dati rilevanti sul posto di lavoro, un algoritmo di matching calcola le compatibilità con gli utenti registrati. Se trova due candidati compatibili, manda loro le notifiche. Se entrambi sono interessati, nella chat possono scambiarsi

più dettagli sui rispettivi posti di lavoro. «Tutto rimane strettamente anonimo come richiesto dagli utenti», spiega Graf. Se le due persone compatibili trovano un’intesa, avvisano di comune accordo i loro datori di lavoro. Questi ultimi certamente «sono contenti se nello stesso momento in cui un dipendente presenta la rescissione dal contratto di lavoro ottengono anche la sua diretta sostituzione», scrivono gli imprenditori in un comunicato stampa.

Massima discrezione Carola Graf non è al corrente di quante persone abbiano già scambiato il posto di lavoro attraverso tausche-job.ch. «È chiaro che a noi interesserebbe saperlo, ma la discrezione ci sta più a cuore». Attualmente sulla piattaforma – aggiunge Graf – sono attivi circa 150 utenti. Gli imprenditori puntano a guadagnare grazie alla pubblicità sul sito, dato che tausche-job.ch deve rimanere un servizio gratuito per chi desidera risolvere il problema del pendolarismo. Di principio la piattaforma è aperta a tutti i settori – attualmente però il sito è solo in tedesco. «Naturalmente – aggiunge Graf – un astrofisico avrà difficoltà a trovare un candidato compatibile». Tuttavia l’imprenditrice è convinta che di questa idea ne approfittano non soltanto i lavoratori, ma tutto il paese perché ha come effetto la riduzione del traffico pendolare e delle emissioni di CO2. ◆


1

4

2

Con licenza ufficiale Ford

Orologio in omaggio ad un classico del mondo delle auto

5

Movimento al quarzo con cassa in acciaio inox • Quadrante in legno • Fini incisioni • Elegante cinturino in cuoio • Con Garanzia Soddisfatti o Rimborsati valida 120 giorni

3 Ford Motor Company Trademarks and Trade Dress used under license to The Bradford Group.

Official Licensed Product

Diametro: 4 cm

1

2

Cassa dell’orologio in acciaio inox

Quadrante in legno

4

5

Lavorazione che richiama le testate dei cilindri

Con logo originale Mustang, con strisce rosse, bianche e blu

3 Cinturino in cuoio

Sul retro, uno speciale tributo a una leggenda

BUONO D’ORDINE ESCLUSIVO Termine di ordinazione: 2 marzo 2020 No. di riferimento: 62565 / 01-16704-001

❒ Sì, ordino l'orologio

Firma autografa incisa sul lato

„Ford Mustang” • Edizione speciale

Desidero ❒ fattura unica

Elegante scatola di presentazione Con logo sulla parte superiore

L’orologio “Ford Mustang“ è realizzato e rifinito a mano in Design Retrò e riesce a catturare in maniera esemplare lo spirito delle famose “Pony-Cars”. Nella cassa in acciaio inox un movimento al quarzo di ottima qualità garantisce la precisione dell’orologio. Il quadrante è in legno e al centro campeggia il logo ufficiale. Il cinturino in cuoio, di stile, completa perfettamente il tutto. Potrà indossare un orologio meraviglioso e un “pezzo di storia”, ordinando l’orologio “Ford Mustang“ preferibilmente oggi stesso!

Numero del prodotto: 01-16704-001

fb.com/BradfordExchangeSchweiz

Per ordinare online no. di riferimento: 62565

Spedire subito a: The Bradford Exchange, Ltd. • Jöchlerweg 2 • 6340 Baar

Tel. 041 768 58 58 • Fax 041 768 59 90 • e-mail: kundendienst@bradford.ch

Per cortesia, scrivere in stampatello

Via/N. Cap/Città

Prezzo: Fr. 199.80 o 3 rate mensili di Fr. 66.60 (+ Fr. 11.90 spedizione e servizio)

www.bradford.ch

Nome/Cognome

❒ rate mensili

E-mail Firma Telefono Trattamento dei dati personali: Trova informazioni dettagliate sulla protezione dei dati alla pagina www.bradford.ch/datenschutz. La società The Bradford Exchange non Le invierà alcuna offerta per e-mail, telefono o sms. Può modificare sempre, in ogni momento, le Sue preferenze di contatto, mettendosi in comunicazione con noi all’indirizzo o al numero di telefono indicati a lato. Qualora non volesse più ricevere le nostre proposte neanche per lettera, La invitiamo a comunicarcelo via telefono, e-mail o tramite lettera.


TECNICA

BMW 330D XDRIVE TOURING

La break di invariabile

pura razza

Design e sobrietĂ caratterizzano la versione M-Sport Line.

E6 cilindri 3 l turbodiesel, 265 CV W7,2 l/100 km (media del test), etichettaEnergia D Vautonomia: 820 km kpeso: 1995 kg (modello del test) P6,0 s da 0 a 100 km/h L67 800 fr. Questa settima generazione si presenta come la degna erede della dinastia BMW Touring Serie 3, referenza delle break sportive dal 1987. Senza fragore ma con gran uso di tecnologia, associa piacere di marcia e sensazioni di guida.

Break sportiva, confortevole e di stile Diesel 6 cilindri morbido e potente Prestazioni di alto livello Basso livello di emissioni Comportamento diretto e agile

TESTO MARC-OLIVIER HERREN | FOTO EMANUEL FREUDIGER

Tecnologia d’avanguardia disponibile Peso rimorchiabile (1800 kg)

32 touring | febbraio 2020


A Tecnologico, il touchpad legato al sistema di navigazione.

SCHEDA TECNICA VEICOLO PROVATO BMW 330d xDrive Touring: 5 porte, 5 posti; 67 800 fr. (veicolo del test: 107 800 fr.) Gamma: dalla 318d Touring, 150 CV (49 700 fr.) alla M340i xDrive Touring, 374 CV (79 000 fr.) Opzioni: vernice metallizzata (1290 fr.), cuoio (3080 fr.), sistemi di assistenza (2530 fr.), strumentazione digitale + navigatore (3740 fr.), telaio adattivo (760 fr.) Garanzia: 3 anni/100 000 km di fabbrica, 5 anni d’assistenza; garanzia anticorrosione: 12 anni (condizioni) Importatore: BMW Svizzera, 8157 Dielsdorf, bmw.ch DATI TECNICI Motore: 6 cilindri in linea, 3 l turbodiesel, 265 CV, 580 Nm a 1750 Nm; cambio aut. a 8 rapporti, trazione integrale. Peso: 1995 kg (auto del test), peso totale 2350 kg, carico rimorchiabile 1800 kg

Bella prestanza Questa station wagon emana potenza ed eleganza più che mai. 80%

Prezzo in crescita 145 cm

Dotazione di base scarna Peso elevato (2 tonnellate) Carico utile ridotto di 355 kg Pessima visibilità, soprattutto dietro Sistema multimediale complesso Fari laser accecanti

passo 285 cm lunghezza 471 cm larghezza 183 cm bagagliaio: 500–1510 litri pneumatici: 255/35R19, min. 225/50R17

priori, quest’ennesima break Touring non sembra distanziarsi dai suoi illustri predecessori, tanto la carrozzeria sembra uscire dai calchi BMW. Ma a guardarla da vicino, alcuni piccoli dettagli, quali le scolpiture che si sovrappongono ai fari, le imprimono un aspetto tremendamente di razza. Tale conservatorismo impregnato di bon ton nasconde una tecnologia altamente contemporanea. Pur conservando pulsanti fisici, la plancia di bordo ospita infatti una strumentazione digitale e uno schermo centrale gestito da vari comandi. Ghiera rotante, touchpad, comando vocale evoluto o gestuale: c’è l’imbarazzo della scelta. Unico difetto: questo bendidio fa parte di un pacchetto opzionale fatturato 3740 fr. In effetti, malgrado prezzi piuttosto stabili, l’inestricabile lista degli optional fa ben esplodere la fattura finale. Facendovi ricorso senza ritegno, si avrà diritto all’ambiente che unisce design e sportività di questa ammaliante 330d xDrive. L’abitabilità posteriore, in crescita, è nella norma. Lo spazio è dunque vivibile, senza essere esemplare. Stessa costatazione per il bagagliaio (+5 l) destinato piuttosto ad accogliere sacche da golf che a servire nei traslochi. Sia quel che sia, non vediamo nessuna ragione oggettiva per barattare questa station wagon con una SUV.

Cocktail morbido e tonico Questo vale a maggior ragione perché la tradizionale ripartizione delle masse 50/50 e la trazione integrale inchiodano la Serie 3 sull’asfalto. E grazie al treno anteriore molto incisivo, si prova un indicibile piacere a maltrattare questa break nelle curve. Puro spirito BMW in tutto il suo splendore, anche se le due tonnellate di questa versione super equipaggiata si fanno sentire. Il 6 cilindri diesel in linea debordante di coppia compensa senza affanni questo peso e rivela una incredibile dualità, mostrandosi capace di viaggiare a regimi molto bassi così come di proporre accelerazioni fulminanti. Il tutto senza rinunciare al funzionamento morbido e al suo elegante rombo. Questo aspetto da ultimo dei Mohicani – ah il CO2! – è controbilanciato da una serie di sistemi d’assistenza innovativi, quali l’allerta per il mancato rispetto della precedenza. Abbiamo apprezzato soprattutto il display head-up con superficie aumentata del 70%. Davvero gradevole nell’uso quotidiano, come la stessa 330d. ◆ febbraio 2020 | touring

33


TECNICA

TCS MoBe: Herbert Meier

DINAMICA DI COMPORTAMENTO

COSTI DEI SERVIZI

Accelerazione (0–100 km/h): Elasticità: 60–100 km/h (in posizione D) 80–120 km/h (in posizione D) Diametro di sterzata: Frenata (100–0 km/h): Insonorizzazione: 60 km/h: 120 km/h:

Servizi gratuiti 10 anni/100 000 km. Poi: (km/mese) ore mano d’opera (fr.)¦1 30 000/12 0,6 416.– 40 000/24 0,9 479.– Manutenzione per 180 000 km: 15 000 km/anno 3,7 2529.–

6,0 s 3,3 s 4,1 s 12,1 m 34,0 m

1

59 dBA 68 dBA

incl. materiale

COSTI D’ESERCIZIO km/anno ct./km

fr./mese fissi variabile 15 000 104 894.– 404.– 30 000 68 894.– 808.– Tariffa oraria per il calcolo TCS: 145 fr. (UFS), agenzie BMW: da 105 a 120 fr. CONSUMO AL BANCO DI PROVA ciclo misto (l/100 km) Fabbrica WLTP 6,6 Fabbrica NEDC 2.0 5,4 142 g/km Emissioni di CO2: Media svizzera di CO2: 137 g/km Etichetta energia (A–G): D Nella norma, lo spazio sul divano.

CONSUMO DEL TEST 7,2 l/100 km autonomia 820 km serbatoio: 59 litri ciclo normato TCS (strada): 7,1 l/100 km MISURAZ. EMISSIONI STRADA (TCS)

misurato nota

CO mg/km 103,0 96%

NO× n. particelle mg/km n/km 51,0 1,7×1010 78% 99% il video del test

Ben configurato, il bagagliaio con pianale basso. Portamento Tetto spiovente e doppio scarico.

tcs.ch/ portale-video

Dettagli BMW 330d xDrive CARROZZERIA Pur conservando lo stile BMW 3, la carrozzeria esibisce tratti affilati, in particolare il muso sportivo. L’abitabilità è di buon livello senza eccellere, vista la lunghezza dell’auto (4,70 m). Stesso discorso per il bagagliaio da 500 l, ben configurato, ma limitato dai passaruota. Visibilità periferica non ottimale. ABITACOLO L’ambiente di questa versione M-Sport Line è elegante e i materiali di bella fattura. L’uso del sistema di infotainment tramite l’abituale ghiera sulla console è semplice. La sua superficie superiore con touchpad è meno convincente, al pari dei diversi sotto-menu che complicano alcune operazioni. COMFORT L’insonorizzazione di qualità, la morbidezza del diesel e i sedili dalle molteplici regolazioni garantiscono una certa comodità. L’assetto sportivo del telaio adattivo può essere compensato scegliendo la modalità Comfort. PREZZO-PRESTAZIONI La dotazione di base è spartana (cerchi in lega, climatizzatore monozona ecc.). Deve essere completata con una lista degli optional intricata. La cosa migliore è scegliere i pacchetti, spesso costosi. La manutenzione gratuita per 10 anni/100 mila km salva la baracca. COMPORTAMENTO Malgrado le sue 2 tonnellate, questa station wagon si rivela sorprendentemente agile e precisa, anche se il peso è ovviamente percettibile sui percorsi sinuosi. Il telaio adattivo, la guida estremamente diretta e l’eccellente motricità offerta dalla trazione integrale fanno la loro parte. MOTORE E TRASMISSIONE Il 6 cilindri in linea diesel sovralimentato è una manna di potenza e morbidezza. I 265 CV sono ulteriormente valorizzati dall’enorme coppia di 580 Nm a 1750 giri/min. Il tutto diretto dal cambio automatico a 8 rapporti. Il piacere al volante è garantito, con uno 0 a 100 km/h fatto in 6 secondi (5,6 s di fabbrica). CONSUMO Dato il peso e la trazione 4×4, la media del test (7,2 l/100 km) è accettabile. Con il piede leggero, è possibile scendere sotto i 7 l, ossia non lontano dai 6,6 l del ciclo WLTP. Buoni i valori delle emissioni. SICUREZZA Assistenti sofisticati, quasi tutti opzionali. I fari a matrice laser sono molto efficaci, ma non riconoscono i ciclisti. Spazio di frenata estremamente corto.

34 touring | febbraio 2020

CREDITS: Centro equestre nazionale (CEN), Berna. Con la partecipazione di Sémino du Droit, condotto da Zoe Glauser.

CHECK-UP TCS


TECNICA

AUDI Q3 SPORTBACK 45 TFSI S LINE

Non soltanto ostentazione L’Audi Q3 cede alla moda dei coupé. Lo spazio dietro è preservato e il look è molto trendy, anche se al limite dell’ostentazione. TESTO E FOTO MARC-OLIVIER HERREN, ALD

M

entre i coupé tradizionali scompaiono viepiù, la loro fiaccola è stata ripresa dalle SUV. In modo virtuoso, nel caso dell’Audi Q3 Sportback. L’abbassamento della carrozzeria (–3 cm) le conferisce una linea elegantemente allungata. La calandra e i passaruota neri della versione 45 TFSI sottolineano nel contempo la sua vocazione sportiva e off-road. Un bel prodotto, anche se i molteplici effetti stilistici sovrapposti tendono a sconfinare nel «troppo». Malgrado questa tendenza all’ostentazione, l’abitabilità resta praticamente identica a quella della SUV Q3. Il pratico divano scorrevole perde

soltanto 2 cm, restando moMolto ergonomico, anche se dulabile su 13 cm e liberando opzionale come la maggior un bello spazio per le gambe. parte della dotazione di queNemmeno l’altezza del tetto sto superbo coupé. Telecaleggermente ridotta crea mera di retromarcia o climagrossi problemi: la vettura tizzatore a due zone di serie accoglie facilnon sarebmente passegbero certo Design elegante e di razza geri di 1,80 m. stati un lusso, Abitabilità/Modularità Stessa constavisto il conteComfort/Polivalenza tazione per il sto e il prezzo. Telaio/Prestazioni bagagliaio la Dopo aver Peso rimorchiabile/2100kg cui capacità è scucito un intralciata gruzzolo supDotazione spartana solo dall’incliplementare, Prezzi elevati nazione più ci si sente Consumi mediocri marcata del bene dentro portellone. questo robuIscritta nell’alta gamma, la sto coupé. Nell’uso corrente, Q3 Sportback ospita una il 2 l turbo si rivela molto plancia di bordo dagli spigoli docile, quasi un po’ asettico. marcati che integra armonio- Se lo facciamo salire di giri – samente schermo tattile e i rapporti cambiano verso strumentazione digitale. 6800 giri/min – rivela un

temperamento energico accompagnato da vocalizzi metallici tipicamente 4 cilindri. Un piacere, tanto più che nonostante le 1,9 t, questa SUV classificata come compatta divora le curve avidamente e senza esitare. Lo sterzo super diretto e la trazione integrale sostengono il suo naturale dinamismo. Parallelamente, il telaio sportivo non le conferisce una rigidità eccessiva. Può essere modulata tramite le 6 parametrazioni disponibili, tra cui una off-road. Altamente polivalente e tecnologica questa Q3 Sportback, ad immagine del contributo giudizioso dei fari a matrice. ◆

Modularità Il divano 2/3, 1/3 è scorrevole.

N4,50 m; bagagliaio: 530 l E2 l turbo benzina, 230 CV, 350 Nm; cambio DSG a 7 rap., 4×4; da 0 a 100 km/h in 6,5 s; consumo (prova): 9,4 l/100 km; autonomia: 638 km L58 500 fr.

Coupé muscoloso D’aspetto longilineo, la Sportback non sopravanza la SUV Q3 che di 1,6 cm.

febbraio 2020 | touring

35


Private Selection Hotels & Touring Club consigliano due offerte esclusive: OFFERTA ESCLUSIVA 3 pernottamenti 3x 3/4 pensione 3x pacchetti base wellness 1x cocktail Prosecco al bar 1x Alpienne Harmony (50 min.)

PREZZI E VALIDITÀ Tutti i prezzi per persona per 3 notti 06.01. - 07.02.2020 CD «Rellerli» a CHF 704.- (invece di CHF 819.-) CD «Ried» a CHF 899.- (invece di CHF 1014.-) JS «Gstaad» a CHF 1’004.- (invece di CHF 1'119.-) CS «Hugeli» a CHF 734.- (invece di CHF 849.-)

Ermitage Wellness- & Spa-Hotel, Gstaad -Schönried

10.07.-06.09.2020 CD «Rellerli» a CHF 659.- (invece di CHF 744.-) CD «Ried» a CHF 854.- (invece di CHF 939.-) JS «Gstaad» a CHF 929.- (invece di CHF 1'014.-) CS «Hugeli» a CHF 689.- (invece di CHF 774.-)

BENESSERE IN GR A N DE Z Z A A L PIN A

22.03.-10.7.2020 & 06.09.-18.12.2020

Nel mezzo di uno scenario unico, dove la tranquillità e la potenza del panorama montano funzionano, potrete vivere una pausa magica nell'ERMITAGE Wellness & Spa Hotel. Un'oasi di benessere versatile su 3700 m2 vi aspetta con Solbad all'aperto e al coperto, piscina sportiva esterna riscaldata, acqua-cupola, dieci diverse saune e bagni di vapore, massaggi e trattamenti con 1001 possibilità e molto altro ancora! In otto accoglienti sale ristorante, ognuna delle quali irradia il proprio fascino, troverete l'atmosfera congeniale di un ristorante. Squadra di servizio e l'equipaggio della cucina momenti culinari indimenticabili.

CD «Rellerli» a CHF 584.- (invece di CHF 699.-) CD «Ried» a CHF 704.- (invece di CHF 819.-) JS «Gstaad» a CHF 809.- (invece di CHF 924.-) CS «Hugeli» a CHF 629.- (invece di CHF 744.-)

Prenotazione online: www.privateselection.ch/touring - Mail: info@privateselection.ch - Tel. 041 368 10 05 OFFERTA ESCLUSIVA • 1 pernottamento in camera «Boutique Deluxe» con prima colazione a buffet inclusa • Un drink di benvenuto nel Bar à Vin dell'hotel • Menu gastronomico di 4 portate • Ingresso al Museo d'Arte di Soletta

PREZZI E VALIDITÀ Al prezzo di CHF 180.- (invece di CHF 235.-) a persona Le notti extra sono offerte a CHF 99.- a persona a notte, colazione inclusa Prenotabile fino al 24 dicembre 2020 tra giovedì e domenica. Non prenotabile 23-26 gennaio e 21-22 maggio 2020 PRENOTAZIONE Per informazioni e prenotazioni Private Selection Hotels & Tours T +41 41 368 10 05 www.privateselection.ch info@privateselection.ch

Hotel La Couronne, Solet ta

BOUTIQUE HOTEL STO RICO NEL CUO RE DEL L A PIÙ BEL L A CIT TÀ BA ROCC A Con la sua enorme cattedrale di St. Urso, la chiesa dei Gesuiti, il campanile del Tempo, il museo della natura, il museo d'arte e l'antica armeria, nonché 11 fontane storiche, la città vecchia di Soletta ha molto da offrire. Probabilmente il miglio di sottaceti più alto della Svizzera lungo l'Aar vi invita d'estate a saltare nell'Aar tra due bicchieri di aperitivo. E proprio in mezzo a tutto questo c'è lo storico boutique hotel a 4 stelle «LA COURONNE», recentemente ristrutturato. Per i buongustai, i buongustai e gli habitué! La Couronne» comprende 37 camere elegantemente e nostalgicamente rinnovate con il comfort di un hotel di lusso, il ristorante della città con cucina francese moderna e un bar à vin ispiratore. Soletta merita una visita in qualsiasi periodo dell'anno: in primavera, quando il primo raggio di sole riempie il lungomare lungo l'Aare di tavoli e sedie; in estate, naturalmente, quando l'Aare invita a rinfrescarsi; in autunno, quando i colori della natura invitano; e in inverno, quando Soletta si trasforma in un paese delle meraviglie invernali con una pista di pattinaggio e un mercatino di Natale.


TECNICA

ALD

Tesla Model 3 incoronata La berlina americana è stata nominata «Auto svizzera dell’anno».

2020 l’anno delle faville Il 2020 ha le carte in regola per segnare la svolta dell’offensiva elettrica avviata dall’industria che propone tutta una serie di novità a basse emissioni, anche in vista dell’irrigidimento delle norme sul CO2.

bero arrivare dai costruttori cinesi, i quali non nascondono le loro ambizioni per il Vecchio Continente.

TESTO MARC-OLIVIER HERREN

Autonomia estesa

L

a cifra, di per sé non spettacolare, ha un grande valore simbolico: lo scorso novembre è stata infranta la soglia delle 10 000 immatricolazioni di auto elettriche in Svizzera, arrivate a coprire una quota di mercato del 4% circa. Confortata da questo sviluppo, auto-suisse ha formulato l’obiettivo di portare la percentuale di vetture elettriche e ibride ad almeno il 10% nell’esercizio in corso. Christoph Wolnik, portavoce dell’associazione svizzera degli importatori di auto, prevede che le elettriche conquisteranno il 6–7% del mercato, le plug-in il 3–4%. Ma non è da escludere che le immatricolazioni di veicoli elettrici possano fare un salto nell’ordine del 50–100%. Se l’elettromobilità decollerà, non sarà un caso. Basti ricor-

dare che quest’anno scatta il limite delle emissioni di CO2 abbassato a 95 g/km. Si tratta di una sfida di non poco conto per gli importatori, considerando che nel 2019 la media delle nuove auto messe in circolazione in Svizzera era di 137 g/km. Il settore ha quindi tutto l’interesse a spingere su modelli a basse emissioni se non vuole pagare le esorbitanti sanzioni per i contravventori.

Novità a iosa Un segnale forte giunge dal riconoscimento «Auto svizzera dell’anno» assegnato alla Tesla Model 3. Le cifre di vendita sono letteralmente esplose toccando le 4000 unità nel 2019. Il modello è così in pole position per essere consacrato auto europea dell’anno in occasione del Salone dell’auto di Ginevra. Incoraggiate dai vieppiù ampi

consensi raccolti dalle elettriche, le case sono ormai pronte alla svolta di massa. Fra le novità più attese, ecco la ID.3, capostipite della gamma VW tutta elettrica nonché la campagna del gruppo PSA (Opel Corsa e Peugeot 208 versione elettrica). Gli svizzeri, pur potenzialmente interessati a guidare verde, rimangono reticenti a causa dei prezzi, prezzi che peraltro sono destinati a scendere. La mobilità elettrica non sarà più riservata esclusivamente alla clientela più facoltosa che di auto ne possiede più di una. Una classe a parte saranno sempre le elettriche di lusso quali la strepitosa Porsche Taycan. Molto promettente comunque il marchio verde di Volvo Polestar che ha la prima elettrica pura in rampa di lancio. Da non sottovalutare gli impulsi che potreb-

Migliorata pure l’autonomia delle elettriche, ormai tale da placare le ansie da ricarica. A prescindere dai modelli premium dotati di grossi pacchi batterie, le utilitarie della nuova ondata hanno capacità di circa 50 kWh, più che sufficienti per tragitti fuori città. Cresciuta la rete di colonnine in autostrada mentre, secondo Christoph Wolnik, c’è ancora molto da fare per le stazioni di ricarica al domicilio. Negli immobili in affitto, l’installazione può rivelarsi un percorso ad ostacoli. Resta da sperare che il trionfo ecologista alle recenti elezioni federali si traduca in sistematici incentivi all’acquisto di auto pulite. Senza penalizzare le vetture con motore termico che, ed è doveroso ribadirlo, continueranno a svolgere un ruolo centrale nei prossimi anni. ◆ Aggiornarsi su swiss-emobility.ch

febbraio 2020 | touring

37


negli anni Gratis anche e! a seguir

Passi ora alla TCS Member Mastercard® gratuita e risparmi denaro sonante. Tessera di socio e carta di credito gratuita* in uno Risparmio di 4–5 centesimi al litro di carburante da BP e Tamoil 10% di sconto sul noleggio auto tramite tcs.ch/autonoleggio 10% di sconto alla stipula di una nuova TCS Assicurazione veicoli

La richieda ora al numero 0800 140 000 o su tcs.ch/mastercard-risparmiare. * La TCS Member Mastercard® è una carta di credito senza tassa annuale, emessa dalla Cembra Money Bank.


TECNICA

AUDI A6 ALLROAD 55 TDI

Elegante tuttofare

Che sia in montagna o in autostrada, la A6 domina ogni terreno.

N4,9 m; bagagliaio: 565 l E3 l turbodiesel, 349 CV, 700 Nm; cambio automatico a 8 rapporti; consumo in prova: 8,2 l/100 km; autonomia: 890 km L92 500 fr. La nuova Audi A6 Allroad soddisfa tutte le aspettative. Grande qualità delle finiture, tanto comfort di marcia e motori potenti. TESTO E FOTO FELIX MAURHOFER

D

a 20 anni dal lancio della A6 Allroad, Audi ha messo su strada ora la quarta generazione. Colpisce subito la griglia del radiatore integrale e le modanature dei passaruota messi in risalto dalla verniciatura. Altrettanto degno di nota il portellone piuttosto inclinato. Nel complesso ne esce un mix tra una fuoristrada e un’elegante ammiraglia per i lunghi viaggi. E come dimostrano i test, la A6 Allroad Quattro è effettivamente a suo agio sia su sterrato sia in autostrada.

Potente e agile Il V6 turbodiesel dell’A6 55 TDI della prova su strada si è rivelato un motore scattante con tanta potenza. Gira elegantemente e si armonizza al meglio con il cambio Tiptronic a 8 rapporti. I valori in accelerazione sono eccezionali

per un’auto di quasi 2 tonnelOffroad, con la quale la carlate. La A6 passa infatti da rozzeria si rialza e l’altezza 0 a 100 km/h in 5,2 secondi. da terra sale a 159 mm. Al Inoltre è equipaggiata con massimo può raggiungere i una tecnologia Mild-Hybrid 184 mm, con i quali tuttavia (MHEV), che riduce i conla velocità massima è limisumi recuperando energia tata a 35 km/h. Per le escurin fase di decelerazione. Il sioni fuori strada, la A6 è grande comfort di marcia è inoltre equipaggiata di serie figlio soprattutto della socon l’assistente per la guida spensione in discesa e pneumatica il controllo Motore potente adattiva e della penLavorazione d’alta gamma della trazione denza Ergonomia integrale perlaterale della 2,5 t di peso rimorchiabile manente. Le strada. In sospensioni tema di siSchermo tattile poco assorbono mastemi di assireattivo gistralmente stenza, è poi Riconoscimento le irregolarità possibile disegnaletica non affidabile della strada. sporre di Nel complesso tutto quanto non c’è nulla da eccepire sul offre l’attuale tecnologia, telaio. A seconda della moda- dal regolatore adattivo fino lità selezionata, la station all’assistente per la visione wagon si comporta in modo notturna. Durante la nostra più morbido o sportivamente prova solo il riconoscimento rigido. Sulle strade sterrate è della segnaletica non ha semindicato l’uso della modalità pre funzionato egregiamente.

L’elegante abitacolo è equipaggiato con un cockpit digitale moderno.

Lavorazione eccellente Gli interni per passeggero e conducente sono davvero spaziosi. I materiali impiegati, come peraltro ci si attende in un’Audi, sono pregiati e ben rifiniti. La strumentazione principale così come quasi tutti i comandi sono digitalizzati. Il grande schermo tattile superiore è dedicato all’infotainment e alle varie impostazioni della vettura, mentre quello inferiore alla climatizzazione, alle funzioni di comfort e all’immissione di testi. Il cockpit digitale può essere strutturato in modo personalizzato. Anche il bagagliaio modulare con i suoi 565 litri ha un volume adeguato che può essere ampliato fino a raggiungere i 1680 litri. ◆ febbraio 2020 | touring

39


TECNICA

PEUGEOT 208 1.2 130 GT LINE

Un super numero in modalità 2.0 Mentre sale di grado, la Peugeot 208 entra nel mondo digitale. Il comportamento resta ludico, mentre i prezzi prendono l’ascensore. TESTO E FOTO MARC-OLIVIER HERREN/ALD

C

ome tutta la marca, la Peugeot 208 sale manifestamente di gamma, smarcandosi dal gruppo delle city-car grazie ad alcuni preziosi tocchi ben studiati. A cominciare dalla firma luminosa che propone gli inconfondibili 3 artigli. Stesso discorso per le modanature stile carbonio e i rivestimenti in materiale morbido che rivestono la plancia di bordo. Oltre a questi aspetti molto design, lo sguardo è immediatamente catturato dalla strumentazione digitale 3D. Le informazioni appaiono nella forma di ologrammi sovrap-

posti. Questo pannello digitale offre inoltre numerose configurazioni, notoriamente in modalità navigazione. Piacevole alla vista e informativo, anche se i caratteri sono piccoli e la razza del volante tende a intralciare la visuale. Il tutto completato in opzione con uno schermo tattile da 10” affiancato da tasti fisici e sensoriali, felice abbinamento di vecchio e nuovo.

Un filo egoista L’abitacolo dall’impronta sportiva della versione GT Line è coronato da sedili similpelle/tessuto comodi e con una buona tenuta. Malgrado i 10 cm guadagnati in lunghezza, la 208 delude purtroppo gli occupanti dietro. Tanto l’accesso al divano quanto lo spazio per le

gambe risultano striminziti. Aumentato di 26 l, il bagagliaio sfugge alla critica. Questa city-car pura alla francese si fa però perdonare fin dalle prime curve. Pur guadagnando in fatto di acustica e vibrazioni, la 208 seduce infatti per il suo treno anteriore incisivo. Sottosterzante ma senza eccessi, sposa alla perfezione la carreggiata, mentre lo sterzo comunicativo si rivela insensibile agli effetti della coppia. Il 3 cilindri da 130 CV dimostra peraltro una bella vivacità e sale allegramente di regime. Quasi una GTI. Apprezzabile anche la dolcezza del suo comportamento e i suoi rombi contenuti. Il motore esprime una buona armonia con l’ormai irrinunciabile

Stile alla moda Ambiente/qualità percepita Comportamento ludico Armonia motore/cambio Livello tecnologico Prezzi in netta crescita Spazio dietro minimo Consumi deludenti Relativa rigidità (ruote 17”)

cambio automatico a 8 rapporti sufficientemente spontaneo. Sebbene consenta di viaggiare a bassi regimi in autostrada, i 4,5 l/100 km promessi di fabbrica sono illusori. Globalmente, la 208 è ben equipaggiata e gli aiuti alla guida non hanno nulla da invidiare alla categoria superiore. Quest’eccellenza ha il suo prezzo: la versione GT Line automatica è in vendita quasi al prezzo della rimpianta GTI da 208 CV, sacrificata sull’altare del CO2. ◆

N4,06 m; bagagliaio: 311 l E1,2 l turbo benzina, 130 CV, 230 Nm; cambio aut. a 8 rapporti; da 0 a 100 km/h in 8,7 s; consumo (prova): 7,2 l/100 km; autonomia 611 km L29 300 fr. Cockpit 3D Le informazioni sono proiettate su 2 livelli, secondo l’importanza.

Bell’aspetto Il cofano scolpito e la vistosa firma luminosa fanno il loro effetto.

40 touring | febbraio 2020


EMANUEL FREUDIGER

L'ESPERTO TCS

Gas di scarico sempre meno inquinanti REDAZIONE TOURING

D

a anni il TCS misura emissioni e consumi delle automobili. I dati evidenziano progressi impressionanti. Basta confrontare i valori della VW Golf I con quelli della Skoda Octavia di ultima generazione. Anche la qualità dell’aria è nettamente migliorata negli ultimi anni. È mutata la qualità dell’aria in Svizzera negli ultimi anni?

A questa domanda molti risponderebbero di no. Sono convinti che negli ultimi decenni la qualità dell’aria sia rimasta immutata o persino peggiorata. Eppure i dati pubblicati dall’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) confermano il contrario: possiamo rallegrarci in quanto tutti gli inquinanti presenti nell’atmosfera, ovvero particolato, ossidi di azoto o monossido di carbonio, risultano oggi nettamente diminuiti rispetto a trent’anni fa. In quale misura le emissioni provocate dalle automobili incidono sull’inquinamento complessivo dell’aria?

Secondo l’UFAM le auto producono intorno al 20% delle emissioni di ossidi di azoto,

ed addirittura meno del 3% del particolato totale. È quindi lecito chiedersi quale effetto tangibile si otterrebbe limitando l’accesso di veicoli con motore a combustione più vecchi in certe città. In concreto come sono cambiati i valori dei gas di scarico e di consumo?

Ci sono diversi fattori che spiegano il miglioramento progressivo della qualità dell’aria, fra cui i progressi compiuti dalle tecnologie motoristiche. Nel 1974 una VW Golf di prima generazione messa sul banco di prova emetteva 1,2 g di ossido di azoto ogni chilometro, mentre la Skoda Octavia più venduta attualmente ne emette appena 9 mg/km, vale a dire 100 volte meno. Quanto al monossido di carbonio, la diminuzione è addirittura di 1000 volte: da 40 g/km di CO siamo passati a 35 mg/km. Analoghi progressi si riscontrano a livello di consumi. Le emissioni di CO2 si sono dimezzate nel confronto fra la VW Golf I con motore a benzina da 75 CV e il più recente modello della Skoda Octavia, che sfodera una prestazione doppia.

Quali sfide ambientali ci attendono in futuro?

Innanzitutto la riduzione dei consumi, e di riflesso dell’anidride carbonica, causa maggiore dell’effetto serra. Le misure per il clima impongono che le emissioni di CO2 scendano a 95 g/km nei prossimi anni, allorché un’auto nuova venduta in Svizzera nel 2019 superava questo limite in media del 40% circa. Qui dobbiamo impegnarci tutti: gli importatori offrendo veicoli a bassi consumi, elettrificati o

Progressi Le tecnologie motoristiche sono diventate più pulite.

GREEN NCAP Assieme all‘EMPA il TCS è uno dei nove laboratori di prova europei che partecipano al programma Green NCAP sostenuto dall’UE. Da quando è scoppiato il Dieselgate il bisogno di disporre di dati uniformi ed attendibili su consumi ed emissioni in condizioni di guida realistiche è notevolmente aumentato. D'altronde lo scandalo ha messo in luce il fatto che sulla strada, parte delle automobili a norma Euro 5 fino a Euro 6b superano di gran lunga i valori dei gas di scarico rilevati sul banco di prova. Ulteriori informazioni su test.tcs.ch

meno, i clienti con scelte d’acquisto razionali (è davvero indispensabile che un veicolo su due abbia la trazione integrale?), e le istituzioni quali il TCS informando il consumatore in maniera esaustiva e neutrale sulla mobilità in generale e sull’evoluzione tecnologica in particolare. ◆ ANTON KELLER Funzione: responsabile Consulenza mobilità Professione: ingegnere automobilistico Età: 43 anni Contatto:

tcs.ch/esperto

febbraio 2020 | touring

41


sorteggia G N I R U TO ti

iet 3×2 bigl r

The most visited multisensory exhibition in the world

e (buono) p

live», A h g o G «Van elta, era sc data a lib silea Messe Ba

lge dal so si svo 20. Il concor bbraio 20 fe 3 l a io 14 genna

ONE FAMILY. THREE STORIES.

ia G sortegg N I R U O T tti

ie 3×2 bigl r e (buono) p

ottle», B a n i e «Messag era scelta, sponsored by

data a lib silea Messe Ba

lge dal so si svo r o c n o c Il io 2020. 25 febbra l a io a r b 4 feb

Ogni mese nuove possibilità di vincita online www.touring.ch/play-and-win


SVAGO

L’Oregon, una bellezza tutta da scoprire Situato tra lo Stato federale della California e di Washington, l’Oregon è da scoprire. Un viaggio lungo l’affascinante costa basta a trasformare visitatori in fan dello Stato nella zona del Pacifico nord-occidentale.

L

Elliott Crowder preferisce l’Oregon alla sua patria, la California

REPORTAGE JULIANE LUTZ

a sera dopo il lavoro a Elliott Crowder piace circolare in fat bike lungo l’interminabile Agate Beach. Insieme alla moglie gestisce il negozio di biciclette Bike Newport nell’omonima località costiera. Come tanti abitanti dello Stato dell’Oregon il 51enne non è originario del decimo Stato più grande degli USA, bensì della California, che però gli risulta troppo affollata e cara. I prezzi elevati tuttavia sono solo uno dei motivi per cui ha scelto di trasferirsi qui. «La gente è più rilassata e cortese. E amo lo sport: ciclismo, surf, rafting, sci». Tutte queste at-

tività sono possibili senza dover viaggiare più di tre ore. Ma soprattutto si è innamorato della natura selvaggia che attira gente tutto l’anno.

Storia movimentata Il modo migliore per conoscere questo Stato è di percorrere la costa a bordo di un’auto a noleggio. Astoria al nord è un buon luogo di partenza. La città di 10 000 abitanti, situata nel punto in cui l’imponente fiume Columbia sfocia nell’Oceano Pacifico, non riesce a nascondere il fatto che abbia vissuto tempi migliori. La sua storia risale al 1811 quando John Jacob Astor diede il via al commer-

cio di pellicce e fondò così il primo insediamento stabile sul Pacifico. A fine Ottocento Astoria pullulava di gente, tra cui tanti immigrati norvegesi e cinesi attirati dal lavoro nelle numerose fabbriche di conservazione del pesce. Queste attività portarono però ad un alto tasso di inquinamento e alla decimazione dei salmoni nel 20° secolo. Oggi il Columbia River Maritime Museum racconta le vicende di questa città collinare. I visitatori possono scoprire come si viveva un tempo sulla costa pacifica del nord con la pericolosa foce del fiume Columbia. Le acque davanti ad Astoria infatti

vengono chiamate il cimitero del Pacifico a causa dei banchi di sabbia in continuo movimento. Ogni anno la guardia costiera deve intervenire sino a 400 volte per operazioni di salvataggio. L’elegante spiaggia Cannon Beach e le sue case con i tetti

Quando il sole tramonta dietro l’Haystack Rock, lo spettacolo è garantito.

febbraio 2020 | touring

43


in assicelle di legno è l’alternativa ad Astoria. Al più tardi quando si vede la lunga spiaggia di sabbia con l’imponente Haystack Rock, si capisce perché la località è così apprezzata. Al contrario delle spiagge californiane, comunque, anche nelle giornate di sole lo spazio non manca. L’Oregon non è densamente abitato: solo 4,19 milioni di abitanti su una superficie di 255 000 km2 che equivale a 6 volte la Svizzera. Non c’è stress da sovraffollamento. Nemmeno sull’Highway 101, che da Olympia, la capitale dello Stato di Washington, porta a Los Angeles attraverso l’Oregon.

Panorami tipici da condividere Il faro Yaquina Head non lontano da Newport.

Un po’ Canada e un po’ California A 50 km di distanza, nella cittadina Garibaldi ci si sente come in Canada. La località poco turistica è attorniata da colline ricoperte di boschi. Nel porto si trovano pescatori professionisti accanto a chi lancia l’amo per passione. Nei semplici ristorantini vengono serviti pesci gatto e ostriche appena pescate con i trawler, i pescherecci. Percorrere la costa dell’Oregon è come viaggiare cambiando costantemente tra paesaggi che ricordano il Canada e la California. Da un lato fitti boschi di conifere ed economia forestale, dall’altro spiagge da sogno, una più bella dell’altra. E a volte anche delle dune nel mezzo di abeti. Lungo la costa si consiglia vivamente di godersi i tramonti. Seduti sulla spiaggia di Cape Kiwanda presso Pacific City a osservare come il cielo si colora attorno alla solitaria Haystack Rock, è magia pura. Altrettanto bella, ma più misteriosa, è la foresta fantasma di Neskowin, sette miglia più a sud, che a ogni bassa marea sembra risorgere dal mare. La fore- → 44 touring | febbraio 2020

Stupenda bellezza Solamente così si può descrivere Bandon Beach.


SVAGO

Alberi pietrificati Il ponte conduce a Florence attraversando il fiume Siuslaw.

Avventura nella sabbia Il giro tra le dune a bordo di un buggy.

febbraio 2020 | touring

45


SVAGO

Città di birrai e torrefattori

DA SAPERE Viaggio: volo Zurigo–San Francisco, San Francisco– Portland, poi noleggio di un’auto. Prenotazione ad es. sulla piattaforma «TCS autonoleggio»

Oregon

U

S

A 600 km

tcs.ch/autonoleggio

Periodo di viaggio: l’Oregon è una destinazione per tutto l’anno. Soggiorno: Jupiter Hotel, Portland, the place to be, consiglio: camera 604 con vista panoramica su Portland Holiday Inn Express and Suites, Astoria, da non mancare Inn a Cape Kiwanda, Pacific City, grazioso albergo in stile rustico, vista grandiosa sull’Haystack Rock Elizabeth Oceanfront Suites, Newport, posizione centrale

River House Inn, Florence, centrale, bella vista sul ponte Best Western Inn a Face Rock, Bandon, bella struttura e camera, vicino alla spiaggia. Attività: giro in fat bike attorno a Newport, Bike Newport bikenewport.com

giro tra le dune in buggy, Sand Dunes Frontier, Florence sanddunesfrontier.com

sta venne distrutta da un terremoto e gli abeti, un tempo alti sino a 60 metri, ora sono dei tronchi pietrificati ormai vecchi di 2000 anni.

velocità su una duna ripida. Anche se si tratta di un divertimento dal gusto tipicamente americano vale la pena partecipare al giro.

Lungo l’Highway 101 in direzione sud si succedono innumerevoli State Park, spiagge e anche dei fari con graziose cittadine come Depoe Bay, con – si dice – il più piccolo porto del mondo, o villaggi sulla spiaggia come Newport. Al più tardi a questo punto del viaggio ci si rende conto che l’Oregon è ricco anche di antichi ponti, molti risalenti agli anni Trenta. Alcuni attirano l’attenzione per i loro archi in acciaio al di sopra del mare, come il Yaquina Bay Bridge, altri affascinano con le torrette a punta come il Siuslaw River Bridge a Florence. Non lontano da qui ha inizio l’Oregon Dunes National Recreation Area, una fascia di dune lungo il Pacifico grande 130 km2. In alcuni tratti può essere percorsa a bordo di speciali buggy. Shaun guida uno di questi veicoli e fa urlare i turisti alla ricerca di avventura. «Are you ready?», domanda loro prima di schiacciare il pedale del gas e arrampicarsi a tutta

Verso Bandon

46 touring | febbraio 2020

Le ultime 72 miglia sino a Bandon offrono di nuovo una serie di contrasti: mentre a North Bend attraccano i battelli carichi di legna, a pochi chilometri di distanza, nel Shore Acres State Park, si scopre un paradiso naturale dove ogni due minuti ci si ferma per ammirare una foca accomodata su uno scoglio e altre innumerevoli sorprese custodite nelle baie. Il punto di arrivo ideale di un viaggio come questo è Bandon. Non a causa del centro cittadino, che ricorda le scenografie dei film western, bensì a causa della sua costa dal fascino romantico: il faro storico del fiume di Coquille avvolto nella luce del mattino o le formazioni rocciose ornate dalla schiuma a Bandon Beach. Non si deve tuttavia dimenticare che la costa è solo una parte dell’Oregon. Questo Stato ha ancora molto di più da offrire. ◆ Il viaggio è stato sponsorizzato da Travel Oregon e Portland Tourism.

Portland è il centro culturale ed economico dell’Oregon, ma pure una meta di pellegrinaggio per buongustai negli Stati Uniti. Sul Willamette River ha avuto inizio il movimento slowfood nel Paese, dove da lungo tempo si parla di Farmer’s Markets e Streetfood. E Portland è conosciuta come la capitale del caffè. Nick Maxwell lavora per Trailhead, uno dei vari stabilimenti di torrefazione della città. «Per quanto riguarda la varietà di sapori, il caffè è equiparabile a whisky e cognac», afferma con entusiasmo il torrefattore del Colorado e cuoco diplomato. Da Trailhead ogni anno sono lavorate ca. 26,5 tonnellate di caffè, che proviene da coltivazioni biologiche. E comprato perlopiù da contadini in cui le donne hanno voce in capitolo in modo da sostenerle. In città le forniture di Trailhead avvengono solo in bici. Il marchio è ancora esclusivo e non può essere ordinato in tutti gli Stati Uniti. Famoso birraio lo chef di Ecliptic John Harris è una star a Portland.

Nick Maxwell tosta caffè con passione da Trailhead.

Birra con le stelle La seconda bibita per importanza di Portland è la birra. Nella zona urbana sono registrati 78 birrifici, come l’Ecliptic Brewing. Medaglia d’oro per la Spectra Hoppy Pilsner all’U.S. Open Beer Championship 2017 e per la Capella Porter agli Oregon Beer Awards 2019… Premi che sono appesi nel Brewpub per dimostrare che lo chef dell’Ecliptic non è un birraio qualunque, bensì una star nel suo settore. A dire il vero, John Harris ha studiato de design dell’illuminazione, ma a metà degli anni Ottanta si è appassionato per il movi movimento della birra artigianale, la craft beer. L’uomo con la coda di cavallo ingrigita si definisce un autodidatta, le cui favorite sono la birra acida e quella fruttata. Da 25 anni la sua Starburst IPA è una hit tra i clienti. Eviden Evidentemente, nello scegliere i nomi si è lasciato ispirare dalla sua seconda passione, l’astronomia. Nel creare le birre non segue una parti particolare filosofia. «Voglio sem semplicemente produrre birra che piaccia alla gente», af afferma. E così è. Ogni anno il piccolo birrificio craft pro produce 25 000 ettolitri.


Dolci micetti Borsa di stoffa Con chiusura a cerniera Due grandi tasche

Questa borsa spaziosa è un‘ accompagnatrice pratica e piena di stile.

Dimensioni: 44,5 x 34,3 cm (L x H senza manici).

BUONO D’ORDINE ESCLUSIVO Termine di ordinazione: 2 marzo 2020

Dolci micetti

Borsa a tracolla decorata con i gattini di Jürgen Scholz e un cuore con un‘ impronta di strass

La borsa di stoffa blu ha un bordo più chiaro decorato da cuori e da impronte. Un ciondolino a forma di cuore ha al suo centro un‘impronta di strass. Un totale di cinque tasche permettono un‘ottima organizzazione delle cose nella borsa. Due grandi tasche esterne, due più piccole interne e quella principale con chiusura a cerniera. Prezzo: Fr. 119.90 o 2 rate mensili di Fr. 59.95 (+ Fr. 11.90 Spedizione e Servizio)

Desidero

❒ fattura unica

Nome/Cognome

❒ rate mensili

Per cortesia, scrivere in stampatello

Via/N. Cap/Città E-mail

01-24465-001

Garanzia di resa valida 90 giorni Per ordinare online no. di riferimento: 62567 8965

“Dolci micetti”

I gatti hanno il dono di strisciare con le loro zampe leggere nei nostri cuori e conquistarsi un posto speciale per sempre. Per tutti coloro che desiderano mostrare la passione per i loro amici tigrotti c‘è ora una meravigliosa possibilità: assicurarsi questa borsa di stoffa.

No. di riferimento: 62567 / 01-24465-001

❒ Sì, desidero ordinare la borsa

www.bradford.ch fb.com/BradfordExchangeSchweiz

Spedire subito a: The Bradford Exchange, Ltd. • Jöchlerweg 2 • 6340 Baar Tel. 041 768 58 58 • Fax 041 768 59 90 • e-mail: kundendienst@bradford.ch

Firma Telefono Trattamento dei dati personali: Trova informazioni dettagliate sulla protezione dei dati alla pagina www.bradford. ch/datenschutz. La società The Bradford Exchange non Le invierà alcuna offerta per e-mail, telefono o sms. Può modificare sempre, in ogni momento, le Sue preferenze di contatto, mettendosi in comunicazione con noi all’indirizzo o al numero di telefono indicati a lato. Qualora non volesse più ricevere le nostre proposte neanche per lettera, La invitiamo a comunicarcelo via telefono, e-mail o tramite lettera.


Il richiamo del west In Arizona il passato è presente nelle città fantasma dove gli eroi risorgono per affrontarsi nei duelli e scontri entrati nel mito americano. Che vive fra parchi a tema e musei, monumenti nazionali e terre indiane. TESTO CHRISTA ARNET | FOTO ARNET PRESS

È

mezzogiorno. La via principale di Tombstone è assopita sotto il caldo sole alto nel cielo. La casa dello sceriffo pare deserta, il negozio di alimentari è chiuso. Solo dietro le finestre del bordello Miss Kitty’s qualcosa – o qualcuno – si muove. D’un tratto si sente il rumore di zoccoli e in fondo alla strada si alza una nuvola di polvere. Un’orda di cowboy arriva al galoppo e fila diritta al saloon. Sono fuorilegge che vogliono saccheggiare la cit-

Dopo la corsa all’oro a Goldfield Ghost Town si duella solo nei weekend.

48 touring | febbraio 2020

tadina come nei mitici film western? Ma no, sono innocui turisti che tornano dalla loro cavalcata mattutina. Infatti questa Tombstone è la ricostruzione in miniatura della vicina cittadina mineraria e gli edifici in stile Old West ospitano le confortevoli camere del Monument Ranch Hotel.

Reliquia del Far West Per incontrare i veri «banditi» occorre andare nella Tombstone originaria a due miglia di distanza, il cui nucleo appartenente al patrimonio storico è stato trasformato in un museo all’aperto dell’Ottocento, quando Tombstone era

la città più ricca fra San Francisco e St. Louis. Qui, nella «town too tough to die», quasi tutto è come allora, dall’onorabile sala del tribunale allo sfarzoso teatro fino ai saloon con i banconi crivellati di piogge di pallottole. Sulle strade polverose s’incontrano cowboy, donne di piacere, cercatori di fortuna e coraggiosi marshal. Agghindati nei loro costumi sembrano uscire da un vecchio album di fotografie. Qui ogni giorno si rievoca il famoso duello dell’O.K. Corral fra i fratelli Wyatt e Doc Holliday e la banda dei Clanton e McLaury del 26 ottobre 1881. Dopo lo spettacolo, i visita-


SVAGO tori possono cimentarsi a loro volta con la Colt. Nei locali e negozi il porto d’armi è però vietato. «Ovviamente, tutti gli abitanti possiedono un fucile o una pistola» confessa Jonathan Donahue, direttore dell’International Tourism Department. «Sennò come volete che uccidiamo i serpenti velenosi?».

Un paesaggio come uscito dallo schermo del cinema, quello che circonda Sedona.

Si balla e si beve, si gioca d’azzardo, ci si picchia e spara pure a Old Tucson. Una gentildonna in abito lungo che sembra materializzarsi dal passato ci suggerisce cosa fare: guardare i giocolieri esi-

La gloriosa sparatoria avvenuta nel 1881 viene replicata ogni giorno.

birsi in strada, assistere all’impiccagione di un malvivente ed infine gustare un maxi hamburger. Benvenuti nei più famosi studi cinematografici per western in cui sono stati realizzati numerosi film con l’intramontabile John Wayne. Dopo un incendio, è stato riaperto come parco divertimento in cui ci si può aggirare e ammirare materiale di scena originali.

DA SAPERE Come arrivare e viaggiare: volo fino a Phoenix (Arizona), quindi auto a noleggio Siti western: Tombstone (sul confine messicano) gotombstone.org

U

S

Arizona

Old Tucson (sul tratto Phoenix–New Mexico) oldtucson.com

Goldfield Ghost Town (sull‘Apache Trail a Mesa) goldfieldghosttown.com

Sedona (tra Phoenix e Flagstaff) sedona.org Dove alloggiare: Tombstone Monument Ranch, Tombstone, hotel con scuderia, piscina e ristorante tombstonemonumentranch.com

A Sunset Chateau, Sedona, lussuoso B&B con apparta-

A 600 km

menti terrazzati, giardino e piscina asunsetchateau.com

Mangiare e bere: Tortilla Flat sull’Apache Trail, antica stazione della diligenza, cucina messicana e western tortillaflataz.com

Local Juicery, Sedona, cibo bio super, localjuicery.com ChocolaTree Organic Oasis, Sedona, cucina vegetariana biologica, chocolatree.com

C’era una volta… A Goldfield Ghost Town si sfoderano le rivoltelle solo nei fine settimana. Gli altri giorni, la città abbandonata e rianimata come museo vivente è una bella attrazione frequentata da famiglie con bambini. Consigliata la visita alla miniera e una corsa sull’unico treno a scartamento ridotto in funzione nello stato federato. Appena fuori Phoenix, il sito si trova lungo l’Apache Trail, tour organizzato di 116 chilometri. Un tuffo nelle atmosfere del selvaggio West ci attende a Tortilla Flat, una fermata delle antiche diligenze che percorrevano il sentiero degli apache. Nel ristorante annesso si respira aria di frontiera, fra pareti tappezzate di banconote firmate dagli avventori, che siedono al bar su sgabelli con selle da cavallo. Si serve il «chili più hot» e i «drink più freddi del West». Chi gradisce lasci 1 $ incollato al muro per ricordo. Stranamente i nativi mancano nelle rappresentazioni messe in scena per i turisti, eppure ci troviamo in pieno territorio indiano. Assente

dai palchi pure la natura, con le sue rocce e canyon. Ma la troviamo sovrana a Sedona, a due ore di macchina a nord della capitale: rinomata per i suoi giganteschi monoliti rossi che si stagliano tutt’intorno, è un luogo straordinario in cui sono stati girati noti film western. L’impressione di déjà vu è garantita per gli amanti del genere. ◆ Il viaggio è stato sponsorizzato da Arizona Tourism.

Aspettando turisti, figuranti al Bird Cage Theater a Tombstone.

febbraio 2020 | touring

49


La Highway 1 conta fra le strade più scenografiche del mondo.

Big Sur, la strada del sogno californiano Road trip attraverso il Big Sur percorrendo la scenografica e mitica Pacific Coast Highway tra Carmel by the Sea e San Simeon per godere l’incanto del paesaggio fra foreste di sequoie e scogliere mozzafiato. Cento miglia per rivivere il sogno californiano sulle note della musica dei Beach Boys. TESTO CLÉMENT GIRARDOT | FOTO CÉLINE MICHEL

C

onosciuta semplicemente come la «One», cioè la Route o Highway 1, è nientemeno che un mito. Si snoda per più di 1000 chilometri lungo la costa ed offre panorami infiniti, oltre che luoghi d’interesse storico e artistico. I 120 chilometri attraverso il Big Sur ne è il tratto più spettacolare, incuneato fra Los Angeles e San Francisco e i retrostanti monti Santa Lucia che si alzano a picco sull’Oceano Pacifico. Dietro ogni tornante si aprono scorci meravigliosi, viadotti vertiginosi e calette deserte. 50 touring | febbraio 2020

Lontani dal frastuono Partiamo da San Francisco e ci lasciamo alle spalle Monterey. Appena usciti dall’agglomerazione entriamo in lande desolate ma dal fascino aspro. In rapida successione ecco alcuni degli spot più emblematici di Big Sur, la penisola di Point Lobos e il famoso Bixby Creek Bridge, un gioiello architettonico sospeso fra terra e cielo. A sua volta imperdibile Point Sur con la torretta del faro seduto sul suo punto roccioso. Alcuni chilometri più in là si estende il parco naturale Andrew Molera, un mosaico di prati, cascate e

scogli abitato da una ricca fauna. Dal parcheggio un breve sentiero porta alla lunga spiaggia di sabbia fine.

Fra mare e monti

Ci allontaniamo poi dalla costa e saliamo una vallata boscosa. Costeggiamo un torrente lungo il quale si trovano numerosi campeggi che invitano ad accendere il fuoco nel braciere e dormire sotto il tetto di foglie delle maestose sequoie. Comunque quest’angolo di paradiso ha il suo costo: un tempo frequentato da artisti squattrinati, oggi Big Sur richiama i facoltosi dirigenti della West

Immerso nella foresta troviamo Big Sur Village, un piccolo insediamento con qualche negozio, ufficio postale, distributore di benzina, alloggi e ristoranti. Il più suggestivo è il Nepenthe annidato su una scogliera fuori dall’abitato. Accomodate sulla terrazza panoramica incontriamo Laurie Voorhies e Tami Schweitzer davanti ad un bicchiere di vino. Le amiche d’infanzia ci vengono da mezzo secolo: «È sempre

Coast in cerca di serenità e natura incontaminata.


SVAGO

La magia del Big Sur ha ispirato l’omonimo album dei Beach Boys.

stato, e lo è tuttora, un ritrovo meraviglioso per trascorrere le domeniche pomeriggio», dichiara Tami. «S’incrociano residenti e viaggiatori provenienti da tutto il mondo. Al Big Sur si possono fare delle passeggiate stupende in un’atmosfera indescrivibile», aggiunge entusiasta Laurie.

Anima bohemienne Poco distante, appena svoltato dietro una palizzata di legno, un sentiero porta al cuore culturale di Big Sur, l’insolita Henry Miller Memorial Library. Il prato antistante è gremito di giovani mentre dentro scopriamo una folta collezione di libri, lettere e foto del trasgressivo scrittore accanto ad opere di altri esponenti dell’avanguardia americana anni Sessanta.

«Questo luogo è una sorta di oasi sull’Highway 1. Siamo felici che la gente venga fin qui anche solo per staccare la spina e non si senta obbligata a comprare qualcosa», dichiara Raine Fryberger che lavora nella biblioteca come volontaria. Proseguendo verso sud, il paesaggio si fa spoglio e disabitato. Ai bordi della strada crescono canneti, piantati per consolidare il suolo contro il rischio di frane. A tratti, sentieri scoscesi portano a baie selvagge. Occorre un’ora circa per arrivare al villaggio di Gorda. Affacciato sull’oceano, il caffè Whale Watchers è un ottimo punto di osser­ vazione delle balene al largo che ogni anno migrano dall’Alaska alle acque calde → nel Golfo del Messico. La

Giganti secolari L’imperturbabile calma delle foreste di sequoie.

febbraio 2020 | touring

51


SVAGO

Come arrivare e viaggiare: volo a San Francisco, Big Sur in auto a noleggio Dove alloggiare: Pfeiffer Big Sur State Park, grande campeggio fra le sequoie parks.ca.gov

San Francisco

120 km

U S A

Carmel Big Sur State Park San Simeon

California

DA SAPERE

Los Angeles

Ragged Point, San Simeon, bell’albergo fronte mare, ideale punto di partenza per esplorare la zona a sud di Big Sur raggedpointinn.com

Applicazioni: «California Travel Guide Offline» (Android) e «California – Travel Guide & Offline Mangiare e bere: Nepenthe, Map» (iOS), informazioni turistiche utili e consigli pratici Big Sur, ristorante con vista per tutta la California panoramica sul mare e sulle montagne nepenthe.com Ulteriori dettagli: informazioni sul Big Sur Big Sur Taphouse, Big Sur, e condizioni di viabilità bar locale tipico, si servono aggiornate deliziosi spuntini bigsurtaphouse.com A tu per tu con gli elefanti marini assiepati sulla spiagga di Point Piedras Blancas.

bigsurcalifornia.org

strada continua attraverso la zona colpita, nel maggio 2017, da un terribile smottamento, a detta degli esperti il più grave in tutta la storia della California. Ma non certo la prima catastrofe del genere: Big Sur presenta una geologia fragile e l’ambiente costiero soffre particolarmente l’impatto del cambiamento climatico.

Fra colossi del mare e re della Gilded Age Dopo questi scenari quasi surreali seguiamo per qualche chilometro il fianco della scogliera – oltre le cascate di Salmon Creek verso l’ultimo tratto costiero pianeggiante del Big Sur, a pochi chilometri dalla vivace località balneare di San Simeon ed i suoi motel, che ne segna la fine. Dai finestrini ammiriamo grandi ranch ed infine arriviamo a Point Piedras Blancas con il suo faro. Rappresenta una tappa obbligata per la popolosissima colonia di elefanti marini che vive nella baia riparata dal vento.

Ma prima di puntare su Los Angeles, a quattro ore di auto a sud, vale la pena prendere la deviazione al Castello Hearst. La tenuta fiabesca, che sorge in cima ad una collina sovrastante San Simeon, fu costruita dal miliardario e magnate dell’editoria William Randolph Hearst all’inizio dello scorso secolo. Oggi è un sito storico accessibile al pubblico e può essere visitato in tutta la sua stravagante opulenza. Difficile immaginare un posto che offra un maggiore contrasto con la ruvida bellezza della natura che ci ha accompagnato per cento miglia. E che ha fatto sognare generazioni intere. ◆ Prima di partire Leggere

Jack Kerouac, «Big Sur»; Henry Miller, «Big Sur e le arance di Hieronymus Bosch» Ascoltare

The Beach Boys, «Big Sur»; The Thrills, «Big Sur» Guardare

Serie tv «Big Little Lies», disponibile ad es. da Amazon

Piccolo grande Big Sur, il villaggio attira sempre viaggiatori da ogni dove.

52 touring | febbraio 2020


SALUTE

Lussazione della spalla: occorre un’operazione?

incastrati tra le ossa: questa situazione rappresenta una particolare emergenza che deve essere presa in carico da un medico.

TESTO SACHA ERCOLANI

Cosa s’intende per lussazione della spalla? È un’emergenza? Dr. Aristomenis Exadaktylos: Per lussazione della spalla s’intende lo slogamento di una delle articolazioni funzionali più importanti del nostro corpo, quella della spalla. Tale quadro può essere di origine traumatica (dopo una forte pressione) o legata a una lassità strutturale delle capsule articolari e dei legamenti, talvolta congenita. In entrambi i casi, si tratta comunque di un’emergenza, in quanto la mobilità della spalla e del braccio risulta totalmente impedita o fortemente limitata. Secondo le statistiche, si tratta della forma di lussazione più diffusa: come mai?

Semplicemente perché non vi sono altre articolazioni così mobili in tutte le direzioni quanto quella della spalla, nemmeno quella del ginocchio o dell’anca, e nessun’altra presente nel corpo umano. Una tale mobilità richiede una meccanica sofisticata ma, proprio per questo motivo, anche più vulnerabile. L’articolazione dell’anca, ad esempio, è molto meno soggetta a lussazioni. Qual è il trattamento? Occorre rimettere in sede l’omero. A tal fine è però fondamentale escludere la presenza di eventuali fratture ossee, che causerebbero ulteriori lesioni. Talvolta sono coinvolti anche nervi o vasi sanguigni, oppure risultano

Si può rimettere in sede la spalla anche da soli? Sì, soprattutto chi ha già subito la lussazione varie volte riesce a rimettere in sede l’osso in autonomia. Ognuno ha il suo sistema. Ma è sempre bene astenersi dall’imitare procedure viste nei film o su YouTube, che spesso non risolvono la situazione, anzi di solito la peggiorano. Quando è necessario operare? Nel caso in cui strutture importanti siano state danneggiate in misura così grave da impedirne una guarigione spontanea o qualora la spalla continui a lussarsi a ogni piccolo movimento maldestro. ◆ Quali argomenti inerenti alla salute vi interessano? Mandateci i vostri desideri a: med@tcs.ch

ARISTOMENIS EXADAKTYLOS primario Inselspital

Protezione per ogni viaggio

Malattie o incidenti possono succedere ovunque – anche in vacanza e in viaggio. Con il TCS Libretto ETI si è assicurati per ogni evenienza. 0800 140 000 tcs.ch/eti

Pubblicità

VACANZE IN ITALIA ADRIATICO

La rivista più letta in Svizzera - Spiaggia - Bevande - Piscina - Menu à la carte La qualità prima di tutto - Miniclub - Biciclette etc... Tel. +39 054786617 Richiedi offerta >

www.dalmohotel.com

Conosci già la nostra edizione online della rivista Touring?

Pubblicare un piccolo annuncio Contatto: Touring Club Svizzero Chantale Hofer Telefono +41 79 123 45 33 E-Mail: chantale.hofer@tcs.ch

touring.ch febbraio 2020 | touring

SWP_1_It.indd 1

53 06.01.20 16:42


CLUB

Addio vacanze sugli sci già prenotate per una brutta influenza? ETI se ne assume i costi.

Anno nuovo, viaggi nuovi! Molti di noi cominciano a pianificare le vacanze già a gennaio. Nei preparativi bisogna includere una protezione viaggi su misura. TESTO DOMINIC GRAF

U

n weekend sugli sci, una settimana in spiaggia, escursioni in montagna, gite in città e concerti: in gennaio sono molti coloro che iniziano a pensare dove e come trascorrere le vacanze e il tempo libero nell’anno appena iniziato. La gioia può però trasformarsi in amarezza se, ad esempio, le ferie sulla neve devono essere annullate a causa di una seria influenza. Per rimediare a questi casi, in Svizzera o all’estero, ci si dovrebbe assicurare perché purtroppo, prima o durante il viaggio, può sempre succedere qualcosa con risvolti anche finanziari. Lo dimostrano le cifre raccolte dal TCS. Ogni anno sono migliaia i titolari di un Libretto ETI che fanno ricorso all’aiuto dalla Svizzera:

54 touring | febbraio 2020

oltre 45 000 richieste di aiuto e 1200 rimpatri. Un piede messo male, un virus intestinale, un’eruzione vulcanica, un guasto all’auto o uno sciopero nazionale possono rovinare le ferie e porre le persone coinvolte di fronte a problemi sanitari, psicologici e finanziari. Grazie al Libretto ETI, ai soci TCS e alle loro famiglie è garantito un aiuto in caso di emergenza. Non importa dove né quando.

Che cosa fare se…? Mario sfoglia il calendario su cui sono annotate a lettere cubitali le ferie e le gite del 2020. Sta già immaginando le discese sugli sci, le serate nello chalet di montagna, le spiagge dorate della Florida, il vino gustato in Piemonte e lo spettacolo del circo Knie che terrà i suoi figli col fiato

sospeso. In quanto padre di famiglia premuroso, Mario pensa anche alle eventuali emergenze. Che cosa fare in caso di influenza di un figlio prima di andare a sciare o di un incidente durante le vacanze negli Stati Uniti? A chi ci si può rivolgere se succede un problema con l’albergo in Italia? O chi rimborsa i biglietti se capita qualcosa ad un membro della famiglia poco prima dello spettacolo circense? Per queste ed altre evenienze, Mario cerca una protezione viaggi completa, che protegga tutto l’anno la sua famiglia sia finanziariamente che legalmente in caso di emergenza. Per lui è importante soprattutto avere una persona di riferimento che lo possa aiutare velocemente e in modo affidabile. Ha dunque deciso di stipulare il Libretto ETI perché soddisfa appieno le sue esigenze e quelle della sua famiglia. Chi deve essere ospedalizzato all’estero può affidarsi alla consulenza e assistenza

dell’équipe medica ETI-Med, disporre di un servizio di traduzione e interpretariato e, se necessario, contare su un rapido e sicuro viaggio di ritorno in Svizzera. Nel caso dell’annullamento di un viaggio a causa di un incidente o di una malattia grave, il TCS rimborsa i costi. Lo stesso vale quando un evento come, ad esempio, lo spettacolo di un circo non può essere visto per motivi di salute. Inoltre, in caso di controversie all’estero, interviene la protezione giuridica viaggi del TCS coprendo le spese giudiziarie e legali. Già 700 000 persone si affidano alla protezione viaggi annuale preferita dagli svizzeri, che l’anno scorso si è arricchita di ulteriori prestazioni. Una volta stipulata, Mario e tutti gli altri titolari del Libretto ETI possono tranquillamente sfogliare il calendario e rallegrarsi per le fantastiche vacanze che verranno. ◆ Informazioni e ordinazioni su tcs.ch/eti

PRISMA BY DUKAS

Con il Libretto ETI brindiamo ai viaggi del 2020


L’ESPERTO TCS

Vacanze e gite nel 2020

La protezione di viag ETI al vostro fianc gio Libretto o tutto l’anno GE NNA IO

M A R ZO

A PR IL E Pasqua: 4 giorni liberi

viaggio a Parigi

GIUGNO

LUGL IO

vacanze estive neg li U

SA

AG O STO 1° agosto gita a Lucerna

SET T E M BR E

O T T OB R E

N OV E M B R E circo Knie

DICE M BR E

Natale: 6 giorni

Fringe benefits, quali dichiarare?

«

Parcheggio gratuito della ditta, assegni Reka ed altri extra in busta paga: occorre attestarli sulla dichiarazione delle imposte?»

TESTO VERA BEUTLER

M AG GIO

finesettimana in Piemonte

AUTORITÀ

ALD

FE BBR A IO settimana bianca in Svizzera

TCS TRAVEL SAFETY La funzione «Travel Safety» nell’app TCS vi informa su catastrofi naturali, scioperi nonché instabilità politica nella zona di viaggio e vi offre preziosi consigli per la vostra sicurezza. Scaricare subito gratuitamente: tcs.ch/travelsafety

nella neve

Dipende fra l’altro dall’ammontare e dal fatto se ha fruito personalmente del prodotto o servizio scontato. A fini fiscali sono considerate componenti di reddito le prestazioni, inclusi i benefici non monetari, corrisposte dall’azienda riconducibili al rapporto di lavoro. Alcuni non devono, in linea di principio, essere dichiarati purché inferiori all’importo definito «di poco conto» dall’AVS, attualmente pari a 2300 franchi. Se invece il beneficio è superiore, deve essere riportato nella dichiarazione come prestazione accessoria al salario.

caso come componente salariale imponibile. L’azienda è generosa al punto da concederle dei benefit sottocosto? Anche qui occorre fare bene i calcoli, in quanto tali sconti, di qualsiasi ammontare, vanno dichiarati come prestazione accessoria al salario. Viceversa il fisco si mostra generoso ad esempio laddove esclude dal reddito imponibile certi benefici: nella fattispecie il parcheggio gratuito o sconti sugli assegni Reka fino a 600 franchi all’anno o biglietti d’ingresso a concerti fino a 500 franchi per evento non devono essere dichiarati. ◆

Non sempre si guadagna a voler integrare il proprio stipendio vendendo a terzi merce ricevuta con uno sconto. L’azienda potrebbe non approvare l’idea. Inoltre, il Vera Beutler, dr. iur. dipendente è poi tenuto a dichiaresponsabile di «lex4you». rare l’agevolazione anche se inferiore a 2300 franLEX4YOU chi. Ciò vale pure se cede a suoi con«lex4you» è una piattagiunti gli sconti forma interattiva di consulenza giuridica aziendali: la diffeper la vita di tutti giorni renza di prezzo – comprensibile, attuale su quello regolare e pratica. (presunto risparIl TCS è al vostro fianco per mio conseguente) è le questioni giuridiche. lex4you.ch considerato in ogni

febbraio 2020 | touring

55


TCS BENEFITS

Risparmi ogni giorno con TCS Benefits In qualità di socio del TCS grazie al programma di vantaggi TCS Benefits usufruisce di numerosi sconti. Facendo acquisti online, nel prossimo viaggio o per gite in famiglia: con TCS Benefits riceve esclusivi sconti e cashback presso oltre 320 partner in tutto il mondo. Approfitti ogni giorno del programma di vantaggi gratuito del TCS.

Grande concorso

sconto

Concorso TCS-autonoleggio Iscrivetevi subito e vincete un buono della TCS-autonoleggio del valore di CHF 1000.– per il vostro prossimo viaggio. Fino al 20 febbraio potete partecipare al concorso su www.tcs-autonoleggio.ch. Con un po‘ di fortuna, potete riscattare il buono già alla prossima prenotazione.

5%

cashb a ck

Vacanze da sogno con TUI Il sito web del tour operator TUI propone un programma folto quanto attrattivo: pacchetti all inclusive, offerte risparmio last minute, city-break per due, vacanze al mare con la famiglia, viaggi avventura in posti lontani: i soci TCS beneficiano del 5% di cashback su tutte le prenotazioni online.

Tutti a scuola di sci Le 154 scuole svizzere di sci sono aperte a tutti, principianti o esperti, bambini ed adulti! Durante tutta la stagione invernale, i soci del TCS o un loro famigliare ricevono il 10% di sconto sui corsi di gruppo settimanali presso tutte le scuole di sci svizzere ufficiali.

3%

cashb a ck

Booking.com: alberghi a portata di clic Booking.com si è affermato come indirizzo di riferimento per le prenotazioni alberghiere online. I soci TCS fruiscono di cashback del 3% riservando uno degli oltre 540 000 alloggi, dal grazioso Bed & Breakfast all’hotel di lusso 5 stelle, in oltre 65 000 destinazioni.

Tutte le offerte su benefits.tcs.ch e sull’app TCS. La scarichi ora: 56 touring | febbraio 2020

5%

cashb a ck

Skioo – sulla neve senza lunghe attese Acquista lo skipass sempre in biglietteria? Con skioo può evitare di fare la coda. La tessera è valida per una cinquantina di comprensori sciistici e calcola automaticamente la miglior tariffa per i chilometri effettivamente trascorsi sulle piste – con il 5% di cashback!

20%

sconto

Fondation Beyeler: esposizione su Edward Hopper Dal 26 gennaio la Fondazione Beyeler a Basilea dedica all’iconico artista americano Edward Hopper una vasta rassegna che abbraccia un centinaio di opere. Il tema sono i sconfinati paesaggi dell’America più selvaggia.

FOTO ADOBESTOCK, ALD

10%


CLUB

Tester di giorno, showman di sera Le giornate di Jürg Reinhard, capo progetto Test & Mobilità del TCS, sono piene di tabelle, diagrammi e dati tecnici. Ma quando si esibisce con la sua band Foolhouse, diventa un animale da palco. TESTO JULIANE LUTZ | FOTO MATHIAS WYSSENBACH

I

l bistrot Unisono a Steffisburg è quasi tutto esaurito. Nell’aria la tensione sale. Quando il gruppo fa la sua apparizione, viene accolto calorosamente dal pubblico. I sette musicisti, che stanno un po’ stretti sul piccolo palco, esordiscono con il brano «Bitter Take». Il cantante Jürg «Jüre» Reinhard sa come entrare subito in sintonia con il pubblico, che infatti batte le mani già al secondo pezzo. Il frontman racconta con disinvoltura, snocciola ricordi come di quello sconosciuto incrociato in un bar, ai cui occhi arrossati s’ispirerebbe il pezzo «Red Eyes» o dell’incontro con i celebri Eagles a Miami, produttori del loro secondo album. Bastano queste rievocazioni a far capire che non si tratta dell’ennesimo gruppo amatoriale di periferia, per giunta un po’ stagionato. I Foolhouse, nella formazione originaria di allora, sono stati i primi ad essere invitati ai microfoni della nuova Radio DRS 3, programma creato negli anni Ottanta per un pubblico giovane. Un paio di anni più tardi eccoli piazzarsi al terzo posto della classifica delle band nostrane più popolari.

Trascinatore Jürg Reinhard mentre infuoca il pubblico a Steffisburg.

I Foolhouse hanno una nutrita schiera di fan.

After, per citare soltanto alcuni dei famosi artisti con cui si sono esibiti. Durante un certo periodo Jürg Reinhard si è anche aggregato al gruppo Rockzirkus, sia detto per inciso. Ne ha fatta di strada il ragazzo nato a Kirchberg nell’Emmental, cresciuto a suon di Southern Rock e che spendeva ogni franco per comprare dischi. A 15 anni fonda la propria band assieme a Rolf Balsiger e Daniel Lehmann. Entrambi i musicisti fanno tuttora parte dei Foolhouse, il primo al basso, il secondo alla tastiera. Jürg Reinhard emana un forte carisma, è autoironico e si diverte visibilmente come d’altronde gli altri componenti del gruppo. La scaletta della serata comprende 14 brani. An-

Hanno aperto il concerto all’Hallenstadion di Joe Cocker, suonato con Bryan Adams e i Ten Years febbraio 2020 | touring

57


CLUB

Veterani del gruppo Daniel Lehmann, Jürg Reinhard e Rolf Balsiger.

cora un bis e poi il gruppo esce di scena sotto un applauso scrosciante.

Un bernese con arte e parte Ormai sono lontani i tempi in cui la vita di Jürg Reinhard assomigliava ad un’eterna tournée. Oggi saranno forse 10, 20 spettacoli all’anno in cui presta la sua sonora voce ai Foolhouse. Dal «Viviamo un momento 2018 è responsabile dei test seggiolini e interessante. Il settore camper ed è a capo della nuova eMobidei trasporti è in piena lity, funzione dedicata ai monopattini e altri veicoli per la micromobilità elettrasformazione» trica. Inoltre, un giorno alla settimana Jürg Reinhard, fornisce consulenza tecnica ai soci tracapo progetto Test & Mobilità mite computer, risponde a domande circa il miglior pneumatico o il modello di seggiolino compatibile con l’auto famigliare. «Il lavoro mi piace, è creativo e mi permette di sviluppare le mie idee, che vengono ascoltate. Testare dei prodotti è un’attività utile che mi dà molte soddisfazioni» dichiara. Le prove sui seggiolini auto, svolte in collaborazione con il club automobilistico tedesco ADAC e quello austriaco ÖAMTC vengono presi a riferimento da organizzazioni di mobilità e di difesa dei consumatori in oltre 20 paesi. Personalmente considera la mobilità elettrica una sfida da affrontare con spirito aperto e sensibilità per le mode che vanno delineandosi. «Viviamo un momento interessante. Il settore dei trasporti è in piena trasformazione», questo il parere del 56enne. 58 touring | febbraio 2020

L’esperienza aiuta Il suo lavoro è variato e gli permette di mettere a frutto le esperienze acquisite in passato. Anche quando si dedicava anima e corpo alla passione per la musica, ha sempre avuto dei lavori che gli pagassero le bollette. Dopo l’apprendistato di meccanico ha avviato due officine ed una ditta d’importazione di componenti tuning, ha seguito studi di gestione aziendale e non ha mai smesso di aggiornarsi, ad esempio come controllore gas di camper e roulotte. Prima di assumere l’attuale posizione, è già stato al servizio del TCS dal 2009 al 2014 come addetto a compiti speciali, occupandosi ad esempio della rilevazione della qualità del diesel ai distributori di mezz’Europa e curando un dossier per l’importazione diretta di auto. Pur sentendosi soddisfatto, quando gli si presentò la chance di gestire un’azienda di caravan a pochi passi da casa non potette rifiutare. Tanto più che il lungo tragitto dal suo domicilio di Burgdorf alla sede di Emmen gli pesava. Non ha però esitato a ritornare quando gli è stata proposta la direzione dei test seggiolini auto. Le sue giornate sono strapiene, fra lavoro e prove per qualche concerto. Quando trova il tempo parte con la compagna per la loro casa nel sud della Francia. Avido lettore, gli piace cucinare. E naturalmente, porta sempre la musica nel cuore: «Ascolto di tutto, dal rap all’heavy metal», rivela con un sorriso da cartolina autografata. ◆ Gli altri membri del gruppo: Steve Businger (chitarra); Denise Businger (sax, chitarra, voce, percussioni); Karin Schürch (voce, chitarra, percussioni); Michel Müller (batteria). foolhouse.rocks


FORUM

touring impressum Rivista del Touring Club Svizzero Editore Touring Club Svizzero Casella postale 820, 1214 Vernier (GE) Caporedattore Felix Maurhofer Vice caporedattori Marc-Olivier Herren Dino Nodari Redazione Aline Beaud Jérôme Lathion Juliane Lutz Dominic Graf Art Director Alban Seeger Responsabile foto Emanuel Freudiger Layout Andreas Waber Stephan Kneubühl Sara Bönzli Mathias Wyssenbach Assistenti di redazione Michela Ferrari (I) Tania Folly (F) Susanne Troxler (T) Irene Mikovcic-Christen Corrispondenza Redazione Touring Maulbeerstrasse 10, 3001 Berna Tel +41 58 827 35 00 touring@tcs.ch Tiratura Edizione italiana: 71 538 Totale: 1 190 995 Edizione/Marketing Reto Kammermann Pubblicità: Cumi Karagülle Roger Müller Chantale Hofer, verlag@tcs.ch TCS Viaggi Mario Brunelli Vantaggi socio Marcel Zimmermann Abbonamento: compreso nella quota annua di socio. «Touring» è pubblicato 10 volte l’anno. Modifica indirizzo: con il numero di socio: TCS, Sede centrale, Casella postale 820, 1214 Vernier, Tel. 0844 888 111, info@tcs.ch Testi e foto sono protetti dai diritti di autore. Ogni riproduzione, anche parziale, richiede l’accordo scritto dell’editoria. Si declina ogni responsabilità per manoscritti e altri lavori non richiesti. Produzione Swissprinters SA Brühlstrasse 5, 4800 Zofingen Tel. 058 787 30 00

Scriveteci… Qui vale la regola: più breve è la lettera, maggiore è la probabilità che venga pubblicata. Una 2 CV in caserma La mia prima auto è stata una Citroën 2 CV, acquistata d’occasione per 1400 franchi. Nel 1957 durante la scuola reclute alla caserma di Liestal (BL), una mattina ho avuto la sorpresa di vedere che avevano portato la mia vettura fuori dal mio refettorio al primo piano, e tutto intorno vi erano i soldati della compagnia che ridevano osservando il loro furiere imbarazzato per questo posteggio insolito. In seguito ho guidato la mia amata Due Cavalli lungo il corridoio e sceso le scale, scalino per scalino. Ho avuto un solo problema: sul primo pianerottolo dove occorreva far girare l’auto a 45 gradi manovrando varie volte avanti e indietro per poter scendere l’ultima rampa di scale fino all’uscita della caserma. Più tardi sono venuto a conoscenza che il portinaio si era molto inquietato quando aveva trovato sul pavimento le tracce lasciate dai pneumatici. Comunque tutti hanno tenuto la bocca chiusa! Pierre Muller, Veytaux

Posteggio insolito Una 2 CV al primo piano attira l’attenzione dei soldati.

Cerchiamo: foto scattate dai lettori @ Nessuno dimentica la prima auto e neanche tutto quello che ci ha fatto vivere. Allora ci racconti la sua curiosa, avventurosa o divertente storia. Da inviare con una fotografia a: touring@tcs.ch

Lettere dai lettori

Grazie ETI!

Motore acceso, fari accesi

Ieri A.-C.* è potuta rientrare rapidamente da Giulianova a casa grazie alla vostra efficiente organizzazione. Il resto della sua famiglia vi ha fatto ritorno oggi. Un sentito ringraziamento a tutto il vostro team per il sostegno ricevuto in questa spiacevole circostanza. Nostro padre è caduto dalle scale durante il soggiorno in Olanda ed è rimasto in coma per cinque giorni. Ricevevamo solo poche e confuse informazioni, comunque la speranza non ci ha mai abbandonati! Infine, quando ha riaperto gli occhi, ci siamo chiesti se fosse ancora in pericolo di vita e se non fosse meglio rimpatriarlo qui alla presenza di tutta la sua famiglia. Ci siamo recati sul posto. Contattato il TCS, ci ha fornito consigli concreti, chiari, precisi, gentili

e costruttivi. Così ci siamo decisi a farlo curare in Svizzera. Dopo solo 48 ore tutto era stato organizzato per rimpatriare nostro padre. Nostra madre, che ha potuto accompagnarlo, ci ha detto: «era come se degli angeli fossero venuti a prenderci per depositarci poi all’ospedale svizzero». E con angeli, intendeva il personale TCS. Ciò che possiamo dire è un gran grazie a lei e a tutta la sua squadra. Ogni passo intrapreso è stato professionale, gentile e soprattutto così pieno di empatia, da commuoverci facilitando di molto quei duri momenti. Ve ne saremo eternamente riconoscenti. * nome noto alla redazione

In ottobre dovevo recarmi a Seegen attraversando il Seeland. Per ridurre i tempi di viaggio, ho dovuto prendere l’auto. Purtroppo vi era un tempo da lupi, la visibilità non era buona. Durante il tragitto mi sono arrabbiato molto incrociando auto che avevano unicamente le luci diurne, senza accendere i fari posteriori! Con le condizioni meteo era veramente difficile distinguere gli altri veicoli da dietro. Il pericolo di tamponamento era notevole! Mi chiedo perché gli automobilisti non adottano sempre lo slogan «Motore acceso – fari accesi». È un piccolo gesto ma uno grande per la sicurezza. E ciò vale anche in caso di nebbia! Hans Thut @

La redazione si riserva di apportare eventuali tagli e non tiene corrispondenza. È possibile inviare le lettere per e-mail (touring@tcs.ch). Le lettere sono pubblicate anche nella versione online di Touring (touring.ch).

febbraio 2020 | touring

59


Transasia 1969/70 È il 1969 quando i due biennesi Nicolas e Paul partono per una spedizione di un anno attraverso Jugoslavia–Bulgaria– Turchia–Iran–Afghanistan–Pakistan– Nepal–India, con un pullmino VW d’occasione degli anni Cinquanta, che battezzano «Transasia». Il veicolo aveva già alle spalle una traversata del Sahara e i nostri due avventurieri gli daranno una rinfrescatina e un nuovo motore «revisionato» per effettuare questo periplo di oltre 30 000 chilometri, calcolando l’andata e il ritorno. Arrivati a Madras (l’odierna Chennai), i nostri due giramondo otterranno il permesso di depositare il loro pullmino per qualche tempo presso «l’Automobile club of South Asia», allo scopo di proseguire il viaggio attraverso il Sud-Est asiatico con i mezzi di trasporto locali. Qualche mese dopo sono di ritorno a Madras per recuperare il veicolo in vista del rientro in Svizzera. Fu un viaggio indimenticabile, in condizioni a volte difficili, ma disseminato di incontri inediti e di grandi momenti di felicità. Tenuto conto dello stato di certe strade, il pullmino ha incontrato alcuni problemi che sono stati comunque risolti sul posto: incidente e carrozzeria molto danneggiata in Pakistan, problemi di compressione in Nepal, una sbarra metallica che sosteneva una ruota spezzata dalla lamiera ondulata nel nord dell’Iran. Di ritorno all’ovile a Bienne, il Transasia rese l’ultimo respiro, ma naturalmente restano ricordi pieni di nostalgia. Paul Jörg, Losanna

La «Transasia» in Pakistan

L’amore passa Che i ricordi della prima automobile non siano così arrugginiti come probabilmente lo è purtroppo il veicolo, lo dimostra la nostra apprezzata serie. Amarcord Amilcar Nel lascito di mio padre ho trovato delle foto ingiallite degli anni 1920. Mi aveva raccontato di quanto fossero faticose le uscite a quei tempi con il glorioso veicolo che sferragliava, tenuto in piedi da misteriosi equilibri meccanici, sulle strade sterrate piene di buche. L’Amilcar non aveva differenziale e pessime sospensioni, per cui le gomme si logoravano a vista d’occhio. Dopo essere finito in un campo a causa della rottura dell’asta di comando, mio padre vendette l’auto guasta. Non meno avventurosa e divertente una gita ad Amburgo nel giugno del 1923 in autobus decapottabile. Werner Karth-Weiss

60 touring | febbraio 2020


FORUM

Il primo amore non si scorda Questo autopostale spogliato delle insegne lo abbiamo comprato nel 1978 dalle PTT. Un Saurer del peso di circa 9 tonnellate, uscito nel 1951 in due esemplari dalle carrozzerie ticinesi Regazzoni. La sporgenza posteriore era lunga e alta per affrontare i tornanti di montagna. Per prima cosa dovetti prepararmi a superare l’esame della patente per camion. Poi dovemmo familiarizzarci con il veicolo, per esempio con lo starter ad aria Nova, qualcosa di speciale. La trasmissione dell’asse posteriore era posizionata per il funzionamento in montagna. La velocità massima era di 58 km/h. Si andava sempre alla stessa velocità in salita e in discesa. Con molto entusiasmo e pochi mezzi, Monique ed io abbiamo trasformato l’interno adibendolo come un

camper per poter andare qualche volta in vacanza girovagando nel Sud della Francia. Per poter rimettere a nuovo il lungo tetto pieghevole abbiamo però dovuto ricorrere a specialisti chiedendo aiuto alla ditta Gangloff di Berna così poi potevamo godere del cielo stellato in riva al mare. Un giorno finimmo nella sabbia e riuscimmo a liberarci solo piazzando molti assi sotto le ruote. Oggi è impensabile campeggiare così vicino alla spiaggia. A Berna l’offerta di posteggi per un veicolo così grosso era minima. A malincuore dovemmo rivenderlo dopo un uso di circa 7 anni. La consolazione fu che il veicolo venne comprato da un giovane insegnante di meccanica delle scuole professionali della Romandia, che lo ha poi rielaborato con molte buone idee. Monique & Jack G. Bauer

per l’auto Freestyle in moto

Il primo gran viaggio in auto

Quando 46 anni fa mio padre mi regalò una moto da cross Husquarna, la sua Renault Dauphine Gordini si trasformò anche in veicolo da trasporto. Abbiamo rimosso il paraurti, montato una staffa per affrancare la moto e via verso i terreni adatti. Mi domando cosa direbbe oggi la polizia?

Nel 1958 mi comprai la prima macchina, a lungo sognata: una piccola Fiat 600, che però faceva quasi 100 all’ora! Arrivata l’estate partimmo, io ed un amico, verso la Francia, Spagna, fino a Tangeri in Marocco. Senza carta di credito e con pochi soldi, ma armati dell’incrollabile entusiasmo della gioventù. Allora si aveva una settimana di ferie pagate, chi ne voleva di più doveva finanziarle di tasca propria. Ci arrangiammo, dormendo in una piccola tenda e cucinando su un fornello da campeggio. Nel baule rimaneva appena posto per una piccola tanica di benzina. Al ritorno dovettimo racimolare gli ultimi spiccioli per fare il pieno a Ginevra. Chissa dove saremmo finiti se i soldi non ci fossero bastati?

Remo Läderach

Dieter R. Kröner febbraio 2020 | touring

61


Ordinare da casa in modo semplice e comodo

INNOVATIVO SISTEMA DI PIEGAMENTO E GONFIAGGIO: touringshop.ch

SEGGIOLINO GONFIABILE PER BAMBINI — Prezzo per i soci: CHF 379.–/pezzo Prezzo per i non soci: CHF 459.–/pezzo Art.-Nr. 224 622 02 (Costi di spedizione CHF 9.90)

- Innovativo sistema di piegamento e gonfiaggio - Facile da usare - Inclusa pompa e custodia da trasporto - Cintura di sicurezza a tre punti - Rivestimento in poliestere - Lavabile a 30 °C

PREZZ O: CHF

379.–

RISPA RM CHF 8 IO: 0.–

- Età consigliata: fino a 5 anni - Peso consigliato: fino a 18 kg - Peso: 4,9 kg - Dimensioni (L×L×A): 73×41×58 cm - Garanzia: 24 mesi

Quando si tratta di trasportare in sicurezza il vostro bambino, il seggiolino auto «nachfolger» si propone come una soluzione interessante e innovativa. Oltre al design gradevole e alla sicurezza certificata, si contraddistingue per la pompa che viene usata per gonfiarlo. Dopo l‘utilizzo il seggiolino può essere facilmente sgonfiato facendo fuoriuscire l‘aria, rendendolo così decisamente compatto e trasportabile.

Ordinate all`indirizzo: www.touringshop.ch o Tel. 032 675 00 80 Per favore, tenga pronta la sua tessera TCS.

Molti a lt prodot ri t i su tourin gshop .ch


TOUROLINO

Una creazione effimera

OUR

T

Imparare a confezionare una decorazione di ghiaccio con Tourolino. Una corona, da appendere all’aperto, per abbellire la stagione fredda.

O N

OLI

TESTO ALINE BEAUD | ILLUSTRAZIONI ANDREA PETER

CREATIVITÀ

Una decorazione che si scioglie Facendo una passeggiata nella natura, raccogli rami di pino e pigne! Cerca pure mirtilli rossi per aggiungere un tocco di colore alla tua creazione. Metti quanto raccolto in uno stampo per kouglof e riempilo d’acqua. Mettilo nel congelatore per tutta la notte. Il giorno dopo, risciacqua lo stampo con acqua calda in modo da staccare la tua corona gelata. Abbeliscila con il nastro appendendola fuori o appoggiandola sul balcone, sul davanzale o sulla rampa delle scale esterne. Quando la temperatura aumenterà, la tua decorazione fonderà e... non ti resterà altro che recuperare il nastro e il materiale utilizzato! Materiale: stampo (tortiera) per kouglof, rami di pino, pigne, cranberry (mirtilli rossi), un bel nastro (almeno di 40 cm).

CONCORSO ONLINE

PREMIO

Come devo mettere correttamente il casco da ciclista? □

A. Misurare due dita tra il casco e la sommità del naso, e un dito tra il mento e la cinghia. B. Il casco non deve assolutamente coprire tutta la fronte. C. La cinghia del casco deve essere ben larga.

Partecipa al concorso entro il 23.2.2020 collegandoti al nostro sito internet touring.ch e indicando la giusta risposta. Buona fortuna!

Un set di tre entrate bambino del valore totale di 54 franchi, generosamente offerto da Technorama.

La risposta corretta del concorso n. 12/1 era G1, C14, E3, F8 e D3.

Possono partecipare tutti i giovani lettori e le giovani lettrici di Touring della Svizzera e del Liechtenstein, a eccezione dei collaboratori TCS e dei loro familiari. I giovani vincitori del concorso «Tourolino» saranno estratti a sorte e avvisati personalmente. Non viene tenuta alcuna corrispondenza in merito al concorso. Sono escluse le vie legali. I nomi dei vincitori verranno pubblicati sul sito internet di Touring.

febbraio 2020 | touring

63


IN GIRO CON

RALPH RICKLI

Il tempo nelle vene Ralph Rickli sognava di fare il navigatore, ma poi ci ha ripensato. Da oltre 30 anni il meteorologo predice il tempo. La sua passione per i fenomeni atmosferici è contagiosa. Geografo, docente e ricercatore, sa fronteggiare le tempeste anche più violente. TESTO E FOTO FELIX MAURHOFER

G

ià da bambino Ralph Rickli copiava con infinita precisione la carta geografica della Svizzera e si interessava di biologia, geografia e soprattutto oceanografia. È guardando i documentari di Jacques Cousteau che era nato il desiderio di andare per mare. In seguito ha però cambiato rotta e studiato geografia. Oggi lavora quale meteorologo presso Meteotest a Berna. Inizia presto la mattina. Studia i modelli atmosferici visualizzati sui suoi tre schermi, valuta i dati ed allestisce le previsioni del tempo.

La passione di una vita Alla menzione del tempo, questo 63enne meteorologo di Gümligen parte in quarta. È animato da una passione irrefrenabile per tutti i fenomeni legati all’atmosfera. Modesto, afferma di aver imparato il mestiere sul campo. Di certo non è l’esperienza a mancargli, sono ben 30 anni che osserva ed analizza il tempo in tutte le sue sfaccettature. Secondo lo scienziato non si finirebbe mai di apprendere dalla natura. Ecco perché occorre aggiornarsi continuamente. Tuttavia, gli viene facile staccare la spina. Fotografo naturalista per hobby, non riuscirebbe comunque a resistere alla vista di un’imponente nube 64 touring | febbraio 2020

favonica sullo Jungfraujoch. Il suo soggetto preferito sono però gli animali. E qual è il suo tempo preferito? «Non è tanto il tempo quanto l’interazione fra i singoli fenomeni ad interessarmi» spiega. Ammette di essere meteoropatico. Risentirebbe soprattutto del passaggio di fronti freddi provenienti dalle alte latitudini e che portano spesso temporali, mentre l’inversione termica gli provocherebbe un forte mal di testa, lamenta il padre di tre figli adulti.

Piove o non piove? Dagli inizi della sua carriera, quando svolgeva esperimenti sul campo per l’università di Berna, la professione è molto cambiata. Allora, si era costretti ad improvvisare e non si disponeva di modelli computerizzati sofisticati, ormai irrinunciabili. Ma nonostante i metodi moderni quali le osservazioni satellitari per vaste aree della Terra, si continuano ad usare palloni sonda che forniscono dati preziosi sulla distribuzione verticale della temperatura, dell’umidità e della velocità del vento. Molti hanno bisogno di bollettini meteo affidabili, dai privati all’industria. Rispondere a queste richieste può mettere sotto pressione il previsore, ad esempio se è un’impresa edile ad informarsi sulla situa-

zione per i prossimi giorni, avendo programmato la posa del cemento. Gli agricoltori poi chiamerebbero spesso nel periodo della fienagione. Rickli ricorda per esempio un contadino che dubitava che ci sarebbero stati davvero i temporali pronosticati. Adattando una credenza popolare, Rickli lo avvertì: «Se sul letamaio spunta un cappello, non dimenticare l’ombrello». E siccome il brav’uomo trovò davvero dei funghi alla sua fattoria, finì col credergli. Il geografo elabora pure previsioni per spedizioni ed alpinisti all’estero – un compito talora delicato.

Futuro solo prossimo Rickli conferma che il riscaldamento climatico influisce sul tempo. Le statistiche mostrano un chiaro aumento delle precipitazioni intense e della temperatura media. Tuttavia non si sbilancia con previsioni a lungo termine, che considera di limitata attendibilità. Infatti, eventi impercettibili possono cambiare repentinamente il quadro. Ecco perché si rifiuta categoricamente di predire se il prossimo inverno sarà nevoso. ◆

«Se sul letamaio spunta un cappello, non dimenticare l’ombrello» Ralph Rickli Meteorologo presso Meteotest

Vera o falsa? Ralph Rickli verifica se la sua previsione è corretta.


febbraio 2020 | touring

65


GIOCA & VINCI

3

GRANDI OCCASIONI

17 : febbrarimoine

per vincere

ultimo te cipare per parte i ai gioch

OCCASIONE 1 – GIOCO PER I LETTORI IN PALIO lo smartphone Huawei nova 5T 128 GB Valore CHF 449.– Il nuovo Huawei nova 5T è uno smartphone eccezionalmente potente con un display grande e brillante da 6,26”. Sbloccabile tramite sensore di impronte digitali o riconoscimento facciale. La batteria può essere caricata fino al 50 percento in 30 minuti. Il processore Kirin octa-core lo rende uno dei dispositivi più potenti al momento. Inoltre offre la funzione dual SIM. La fo-

tocamera principale, con i suoi 48 MP, produce ottime immagini e video con colori brillanti. Nel 2018 quanti automobilisti contromano sono stati segnalati? Inviate un SMS con tmi021 xx (xx = automobilisti contromano nel 2018) al numero 5555

OCCASIONE 2 – SUDOKU 1

7

2

6

5

OCCASIONE 3 – SUDOKU 2

1

2

3 3

2

8

5 8

8 3

6 9

1 2 5 1

6 4

7

4

5

2

4 8

5

4

3 2

7

6

8

2

6

4 8

5

5

4

3

6

1

9

7

IN PALIO lo smartphone Huawei P30 lite 128 GB Valore CHF 379.–

7

4

8

2

9 8

5

1 2

1

3

7

7

9 8

5

4

7 9

IN PALIO lo smartphone Nokia 7.2 64 GB Valore CHF 299.–

Il Huawei P30 lite è uno smartphone di medie dimensioni, pesa 159 g e ha un display da 6,15” caratterizzato da colori vivaci e stabilità dell’angolo di visione. A seconda dell’incidenza della luce, la parte posteriore si riflette in diversi colori, conferendo all’apparecchio un aspetto premium. Lo smartphone viene sbloccato tramite un sensore di impronte digitali sul retro. Nello slot della SIM è possibile inserire una seconda scheda SIM o una scheda SD per espandere la memoria.

Questo smartphone Nokia 7.2 offre un display da 6,3” con una risoluzione Full HD Plus. Il dispositivo vanta una lavorazione impeccabile ed è piacevole da tenere in mano. La tripla fotocamera è stata sviluppata in collaborazione con Zeiss e produce immagini e video brillanti. Con un uso normale, la batteria ha un’autonomia di circa un giorno. Tutte le funzioni sono integrate: jack per cuffie, NFC, sensore di impronte digitali sul retro, bluetooth 5.0 e ac-WLAN.

Risolvete l’indovinello matematico e compilate le caselle rosse. Inviate un SMS con scritto tmi022 e le tre cifre al numero 5555.

Risolvete l’indovinello matematico e compilate le caselle verdi. Inviate un SMS con scritto tmi023 e le tre cifre al numero 5555.

Ogni SMS costa CHF 1.50. È possibile partecipare anche per posta, inviando la soluzione a TCS, Editoria Touring, Gioca & Vinci, Casella postale, 3024 Berna.

66 touring | febbraio 2020

Possono partecipare tutte le lettrici e tutti i lettori di Touring in Svizzera e Liechtenstein (che abbiano compiuto 16 anni di età). Non possono partecipare i collaboratori del TCS e i loro familiari. I vincitori e le vincitrici di «Gioca & vinci» saranno estratti a sorte tra tutti coloro che hanno risposto correttamente e avvertiti personalmente. I premi non possono essere cambiati né corrisposti in contanti. Non si tiene alcuna corrispondenza in merito ai concorsi e ai sorteggi. È escluso il ricorso alle vie legali.


TICINO Bollettino della Sezione Ticino

#2 | febbraio 2020

Grazie Renato! 2011: Il presidente Carlo Vitalini (al centro), Renato Gazzola (a sinistra) che cede il timone della Sezione all’attuale direttore Roberto Morandi (a destra)


SEZIONE TICINO

Spettacolo comico

«L’Osteria del Carlin»

In foto, lo spettacolo dello scorso anno «Al giüdizi üniversal» di Claudio e Andrea Rossi

I

l gruppo TCS, Bellinzonese e Valli invita i propri Soci, venerdì 21 febbraio 2020 alle ore 20:00, presso la Sala Multiuso del Centro Civico ad Arbedo, allo spettacolo comico “L’Osteria del Carlin” con Claudio e Andrea Rossi. I due

artisti, in questo spettacolo comico dialettale, vestiranno i panni di un funzionario del Cantone – che si reca in una osteria per le solite verifiche di conformità – e di un oste alla vecchia maniera, con quest’ultimo che sarà pronto a dargli del filo da torcere. Lo spettacolo è gratuito e sarà offerto ai primi 170 iscritti.

Modalità di partecipazione:

seguente indirizzo: sezioneTI@tcs.ch. Non sono accettate iscrizioni telefoniche. Ogni Socio può prenotare al massimo 2 biglietti. La prenotazione deve indicare: quante persone, nominativo, indirizzo, numero di Socio, numero telefonico. I posti saranno attribuiti in ordine cronologico. I biglietti saranno consegnati all’entrata la sera dello spettacolo su presentazione della conferma dell’assegnazione.

Le iscrizioni sono aperte ai soli soci TCS del Gruppo Bellinzonese e Valli (Domicilio nel Bellinzonese, Riviera, Leventina e Valle di Blenio) da venerdì 17 gennaio 2020 alle ore 9:00 fino a venerdì 24 gennaio 2020 alle ore 12.00. Purtroppo per ragioni pratiche le iscrizioni devono essere effettuate solo via e-mail al

Auguriamo già sin d’ora un buon divertimento!

TCS SEZIONE TICINO

Punto di contatto via alla Chiesa 10, 6802 Rivera Societariato e prodotti TCS, corsi e scuola guida, collaudi e controlli tecnici.

Impressum Bollettino ufficiale dei Soci TCS, Sezione Ticino Tiratura Edizioni Redazione Layout

68

84 000 copie 10 volte all’anno Marco Colandrea Sara Bönzli

touring

|

febbraio 2020

Inserzioni TCS Sezione Ticino CP 581, 6802 Rivera sezioneTI@tcs.ch Stampa

Swissprinters AG Brühlstrasse 5 4800 Zofingen

Per il viaggio: ViaCard, Bollo ecologico (D), Telepass (I, F, E, P), Patente internazionale, Vignetta autostradale per CH e Austria, info e pagamenti Pedemontana Telefono 091 935 91 35, Fax 091 935 91 20 sezioneTI@tcs.ch, www.tcs-ticino.ch


SEZIONE TICINO

Promozione soci TCS con Idea Viaggi Per info e prenotazioni: email: info@ideaviaggi.ch Tel: 091 646 08 44

SCONTO S SOCI TC hi c n a fr 100 NA* A P E RS O n tessera *solo co S socio TC

La quota comprende: • Transfer in bus privato da Mendrisio all’aeroporto di Malpensa, terminal 1 • Volo charter da Malpensa • Trasferimento in villaggio con bus collettivo • Trattamento di All inclusive • Adeguamento carburante e valutario • Visto ingresso Egitto • Accompagnatore Idea Viaggi a partire da 25 partecipanti adulti

Settemari Club Blue Lagoon Marsa Alam – 11–18 Aprile 2020

La quota non comprende: • Assicurazione medico bagaglio annullamento • Mance ed extra • Escursioni facoltative

L’Hotel Blue Lagoon si trova in posizione centrale nella baia che si affaccia sulla splendida laguna protetta dal Reef, un’immensa piscina naturale dove vivono in modo stanziale alcuni esemplari di tartarughe marine. I rigogliosi giardini avvolgono la struttura e dalle camere, ampie e confortevoli, si vive completamente immersi in un mondo multicolore. Sono presenti centri di diving e kitesurf con possibilità di corso con istruttori qualificati. Per i più sportivi, l’hotel è inoltre dotato di una palestra e di un centro benessere con vista sul mare a pochi metri dalla spiaggia.

Supplementi e quote bambino: • 220 franchi supplemento singola a settimana • 550 franchi per bambini 2–14 anni non compiuti in 3° letto con due adulti paganti quota intera in camera standard • 735 franchi per bambini 2–14 anni non compiuti in 4° letto con due adulti paganti quota intera in camera standard Disponibili quote trattamento my privilege, camere superior e family room superior

Il programma di animazione è gestito da animatori italiani: • Miniclub pirati dei Settemari dai 4 (compiuti) ai 12 anni (non compiuti) Seventeen club per i ragazzi dai 12 (compiuti) ai 18 anni (non compiuti) • È inclusa la pensione completa presso il ristorante principale. N.B. il programma all inclusive si conclude alle 24.00 ed è valido fino alle 12.00 del giorno di partenza.

1220 franchi a persona in camera doppia All inclusive

MSC GRANDIOSA 01–06 novembre 2020 Genova, Barcellona, Palma di Maiorca, Marsiglia, Genova SCONTO

S SOCI TC i h c n a fr 50 * A N A P E RS O Costruita sul successo n tessera delle sue navi sorelle, MSC *solo co S socio TC Grandiosa offre ancora più spazio pubblico, insieme a una serie di innovazioni entusiasmanti. Il Cirque du Soleil at Sea ha creato due nuovissimi spettacoli di cui potrai godere in una lounge ad alta tecnologia. La «Galleria» offre momenti perfetti per: shopping, ristorazione, concerti, discoteche e feste fino a notte fonda.

Quota a partire da 610 franchi a persona, in cabina doppia interna

La quota comprende: • Transfer in bus privato da Mendrisio al porto di Genova terminal crociere • Trattamento di All inclusive formula easy • Accompagnatore Idea Viaggi a partire da 25 partecipanti adulti • Quote di servizio • Tasse portuali La quota non comprende: • Assicurazione medico bagaglio annullamento

• Escursioni facoltative • Tutto quanto non incluso ne «la quota comprende» Quote per altre tipologie di cabina • Cabina vista mare 720 franchi per persona in cabina doppia • Cabina con balcone 805 franchi per persona in cabina doppia Possibilità di cabine triple, quadruple e quintuple. Riduzioni previste per ragazzi fino a 18 anni in terzo e quarto letto

febbraio 2020

|

touring

69


SEZIONE TICINO

Le mille corse dei campioni ticinesi Il Canton Ticino, nell’arco della sua storia, ha forgiato numerosi talenti delle due e delle quattro ruote. Sono infatti innumerevoli i piloti che hanno lasciato il segno a livello internazionale nel mondo delle competizioni motoristiche, da Clay Regazzoni a Seo Pellandini.

G

iorgio Keller, in un percorso fatto di ricerca, incontri e scrittura durato quattro anni, ha realizzato quella che si può considerare «l’opera magna» del motorsport ticinese, il nuovo libro «Piloti ticinesi da Grand Prix, 111 anni di emozioni». Un volume di 400 pagine, contenente più di 1000 fotografie e documenti, che ripercorre storie, aneddoti e curiosità dei piloti che hanno portato i colori rossoblù del Canton Ticino nel mondo dal 1908 ad oggi. Per l’occasione abbiamo intervistato l’autore del libro, Giorgio Keller, giornalista sportivo di professione che ha seguito, fin dagli albori, molti di questi campioni del passato e del presente. Come è nata l’idea del libro? L’idea di realizzare il libro è nata da un’esposizione di automobili d’epoca che avevo organizzato alcuni anni fa nel sopraceneri, dedicata ai piloti ticinesi del passato. La mostra era intitolata «Piloti ticinesi da Grand Prix». Per l’occasione avevo preparato dieci biografie di piloti automobilistici ed è proprio in quel frangente che, riflettendo, ho pensato che ci fossero almeno un’altra decina di corridori di moto ticinesi che avevano gareggiato nel Motomondiale. A quel punto, mi sono detto: «perché non realizzare un libro che contenga i nostri

piloti di auto e moto che hanno corso a livello internazionale?». Non volendo escludere altri importanti campioni del passato, con l’editore, abbiamo pensato di inserire anche coloro che avevano ottenuto risultati di rilievo nella 24 ore di Le Mans ed anche l’unico campione del mondo svizzero di kart, originario di Bellinzona. E così, all’improvviso, i piloti da dieci sono passati a quaranta. In questo libro sono racchiusi racconti e storie di piloti appartenenti a periodi storici differenti. Come è riuscito a raccogliere tutte le informazioni? Ho cominciato ad occuparmi di sport motoristici nel 1973, dunque alcuni di loro li ho conosciuti quando ancora erano in attività tra i quali: Regazzoni, Moser e Kessel. La maggior parte dei piloti di «oggi» li conosco personalmente, altri invece ho avuto modo di incontrarli proprio in occasione della stesura del libro. Per i piloti fino al 1950 ho effettuato un lavoro di ricerca, una parte l’ho comunque portata avanti cercando le informazioni tramite i motori di ricerca online. Esiste infatti una piattaforma finlandese sulla quale, ad esempio, ho potuto reperire alcuni risultati datati, tra cui la classifica della San Pietroburgo-Mosca

Solo per i soci del TCS, il libro è ordinabile a 48 franchi al posto di 58 franchi (spese escluse) fino al 15.2.2020. Chi volesse ordinare una o più copie del libro, può farlo rispedendoci, compilato, il seguente tagliando al seguente indirizzo: TCS Sezione Ticino, CP 581, 6802 Rivera. Nome Cognome Indirizzo CAP e Luogo N. Socio Numero copie

70

touring

|

febbraio 2020

del 1908. In altri casi ho avuto invece fortuna, tramite qualche conoscenza personale, di entrare in contatto grazie a persone che sapevano di questo progetto, con alcuni parenti e infine, grazie all’archivio della Città di Lugano, ho avuto accesso ad alcuni articoli di vecchie riviste, che mi hanno permesso di ricostruire le carriere di quei piloti di cui non vi erano sufficienti dati. Come si sente oggi, a distanza di quattro anni, a vedere realizzato il suo libro? Sono molto soddisfatto, il libro è uscito proprio come lo immaginavo, con testi esplicativi non troppo lunghi e tante immagini. L’obiettivo era quello di realizzare un libro che contenesse la storia di tutti i nostri piloti e che allo stesso tempo risultasse piacevole e leggero nella lettura. I quattro anni di tempo sono stati casuali, non ci siamo mai dati un termine di pubblicazione. Mano a mano che prendevano forma i capitoli, mi occupavo di girare tutto il materiale alla tipografia per la parte grafica e di impaginazione. Una volta raccolte tutte le informazioni ci siamo detti: «ora ci sono proprio tutti, procediamo con la pubblicazione!». Ora, vedendo il frutto di questi anni di lavoro, devo ammettere che sono fiero e orgoglioso della realizzazione di questo riassunto sportivo, che racchiude una grande pagina di sport ticinese. Ci sono state poche discipline, forse solo nello sci, ad aver ottenuto così tanti risultati in campo internazionale. Abbiamo un ricco palmarès di campioni che hanno vinto a livello ticinese, svizzero, europeo e mondiale e sono tutti raccolti in questa pubblicazione.


SEZIONE TICINO

Intervista a Renato Gazzola

Il padre della Sezione Ticino del TCS Renato Gazzola, portavoce per la Svizzera italiana del TCS, lascia il suo incarico dopo ben 47 anni di carriera. Nell’arco del suo percorso professionale ha aiutato nella sua crescita il Touring Club Svizzero sul piano regionale e nazionale, sviluppando le attività del club soprattutto per i gruppi locali e soci del nostro Cantone. La Sezione Ticino del TCS ringrazia Renato Gazzola per il grande impegno profuso in questi anni, un forte legame che lo ha portato a contribuire attivamente sul lavoro anche dopo il suo «primo» pensionamento nel 2011 come Segretario sezionale. Alla sua funzione di portavoce del TCS, subentrerà il capo della Comunicazione centrale Laurent Pignot, di madreligua francese e italiana. Marco Colandrea si occuperà invece della parte di comunicazione per la Sezione Ticino sul territorio cantonale. Ha iniziato a lavorare per il TCS negli anni settanta, di cosa si occupava all’epoca e come ha vissuto l’evoluzione del TCS e della Sezione Ticino? Quando ho iniziato al TCS mi occupavo principalmente della parte contabile e del servizio viaggi. Poco dopo, ricordo con piacere il grande lavoro svolto con il primo lancio promozionale del Libretto ETI. A quei tempi, il Libretto ETI, veniva richiesto soprattutto dagli automobilisti che partivano in vacanza in Europa, oggi chiaramente il discorso è cambiato e si è evoluto, includendo ulteriori servizi legati alla mobilità, pensato non solo per coloro che si spostano sulle «quattro ruote». Ricordo la vendita dei buoni benzina per chi si spostava in Italia, nel periodo estivo, quando ancora avevamo gli uffici della

Sezione in Riva Albertolli a Lugano, si creavano lunghe colonne di Soci. Per ben 35 anni mi sono occupato di sviluppare l’attività del club soprattutto per i gruppi locali e Soci del nostro Cantone, dalla prevenzione stradale, ai controlli tecnici, alle manifestazioni e attività del Touring a livello ticinese. Con il passare degli anni e al crescere dei Soci affiliati al club, abbiamo sentito la necessità di un ampliamento della nostra sede, con il fine di poter offrire maggiori servizi ai nostri Soci. In attesa che venisse costruito il primo centro tecnico, dopo una breve parentesi temporale in Via Trevano a Lugano, ci siamo spostati a Noranco, dove abbiamo lavorato fino alla fine degli anni novanta, per poi passare nel 2000, all’attuale Centro TCS di Rivera. Quali sono le più grandi soddisfazioni che ha ottenuto con il TCS nell’arco della sua carriera? Sono molte le soddisfazioni che ho avuto qui al TCS, se dovessi citarne tre, menzionerei la realizzazione del Centro TCS di Noranco, il Villaggio di vacanza di Scruengo in alta Leventina - per i corsi di guida per i giovani - e la costruzione dell’attuale sede sezionale del TCS a Rivera. In realtà ce ne sono molte altre, come tutte quelle attività di politica stradale

svolte negli anni con il Comitato della Sezione, volte a favorire e migliorare la viabilità del Cantone, come anche lo sviluppo di progetti nell’ambito dell’educazione e della prevenzione stradale, dei servizi nel suo insieme, dei controlli tecnici, dei corsi di guida e perfezionamento per i giovani e per gli anziani per auto e moto. Inoltre, per non dimenticare le radici del Touring, tutti gli eventi realizzati per i ciclisti, le giornate e manifestazioni in bicicletta come il Trittico Alpino al quale abbiamo sempre avuto una grande affluenza di appassionati. Quali sono le sfide più importanti che attendono nell’immediato futuro il TCS? Sicuramente quella della mobilità. Sulla rete stradale nazionale, dovremo impegnarci a fondo per fluidificare il traffico. In Ticino ci sono invece due grossi nodi da sciogliere: il primo è il collegamento fra Locarno e Bellinzona la A2-A13 - e il potenziamento dell’autostrada A2, soprattutto da Lugano a Chiasso. Mentre siamo a buon punto con l’inizio dei lavori della seconda galleria autostradale del San Gottardo che prenderà il via nei prossimi mesi. Per quanto riguarda invece la motorizzazione in generale ci aspettano grosse sfide per l’elettrificazione della mobilità e per lo sviluppo della mobilità lenta». febbraio 2020

|

touring

71


SEZIONE TICINO

La sicurezza scende in strada con stile Oggi più che mai viviamo in una società particolarmente attenta all’immagine, la personalizzazione è divenuta nel corso degli anni sempre più importante per la persona, dal mercato dell’automobile a quello dell’abbigliamento.

Tra le sue mani sono passati migliaia di caschi. Sulla base della sua esperienza, che tipologia di casco consiglierebbe per un utilizzo casa-lavoro? Quello che consiglio, ancor prima della scelta e dell’acquisto del casco, è di chiedere una consulenza in un centro specializzato. La scelta deve essere fatta sulla base di molteplici criteri. La taglia del casco per esempio, riveste un ruolo fondamentale in termini di sicurezza. Indossare un modello top di gamma con la taglia sbagliata può risultare molto pericoloso. È inoltre importante chiedersi: «Che tipologia di tratte percorro con la mia moto o scooter, lunghe o corte?» «Quando vado al lavoro prendo l’autostrada o mi sposto solo nel centro urbano?». A dipendenza della risposta può variare il criterio di scelta del casco. Il mio suggerimento è, se possibile, quello di utilizzare un casco integrale in fibra di vetro, lascerei per un utilizzo in pista quello in fibra di carbonio e sconsiglio invece, soprattutto per un discorso di personalizzazione, i caschi in termoplastica e simili. Anche la scelta della visiera ha una certa importanza, suggerisco sempre di acquistare caschi che abbiano una visiera molto ampia,

72

touring

|

febbraio 2020

Anche nell’ambito della sicurezza, vi è sempre più l’esigenza di avere un prodotto unico, su misura. Su questo tema abbiamo intervistato Michele Columpsi, proprietario di uno studio attivo nella personalizzazione grafica di caschi e moto in Ticino, con un’esperienza più che ventennale nel

settore. Nella sua carriera professionale ha lavorato a fianco dei designer più prestigiosi a livello internazionale realizzando caschi per alcuni dei «top rider» del Motomondiale come Valentino Rossi e Andrea Iannone, solo per citarne alcuni.

che permettano di avere il maggiore grado di visibilità possibile.

A quel punto parto con la lavorazione vera e propria sul casco, fatta di molteplici fasi: si va dal «dare il fondo», alla verniciatura, fino ad arrivare alla laccatura finale. Quantificando, il numero dei caschi realizzati ogni anno oscilla tra i 100 e i 150.

Ritiene che nel corso del tempo la clientela sia cambiata? In particolare ha constatato una maggiore richiesta di personalizzazione delle grafiche sui caschi e sulle moto? Sicuramente, specialmente se torniamo indietro di 30–40 anni. Un tempo la clientela era costituita unicamente da piloti professionisti – sia di auto che di moto – il cui bisogno era quello di personalizzare il proprio casco principalmente per motivi legati ad accordi di sponsorizzazione. Oggi la situazione nel ramo delle competizioni si è estesa anche alle categorie amatoriali, con la differenza che il mercato si è ampliato includendo tutta una fetta di pubblico di appassionati motociclisti e non solo. Ho infatti già realizzato personalizzazioni su caschi da hockey come pure da skateboard. Quali sono i tempi di realizzazione di un casco personalizzato e mediamente quanti ne realizza all’anno? I tempi variano a dipendenza della tipologia del disegno richiesto e dalla sua complessità. Se dovessi fare una media, un lavoro completo può durare circa un mese. Solitamente si parte dall’idea del cliente. Sulla base delle sue indicazioni realizzo poi una bozza grafica sul computer che successivamente viene valutata per accorgimenti e modifiche. Cerco di proporre soluzioni che arricchiscano le loro richieste, puntando a massimizzare l’effetto sorpresa. Il motivo che spinge le persone a personalizzare la propria moto o il proprio casco è infatti il desiderio di possedere qualcosa di unico, che rappresenti alcuni tratti della propria personalità, ma che allo stesso tempo possa piacere anche agli altri.

Com’è nata la sua passione per questo lavoro? Sono sempre stato un creativo. Da bambino verniciavo le macchinine, gli scooter, coloravo alcuni caschi di amici e chiedevo alle concessionarie di donarmi carene o altri componenti di auto e moto da pitturare per allenarmi. Insomma, ho svolto la mia gavetta fin dalla più giovane età e tra le mura di casa arrivando ad attirare l’attenzione di studi grafici già affermati che operavano in questo settore. Da lì è nata la mia esperienza nel mondo delle corse. Ad un certo punto ho sentito però il bisogno di mettermi in proprio, un modo per proseguire l’esperienza maturata nel corso degli anni creando poco a poco la mia linea di prodotti Extreme Designs. Ha un aneddoto che ricorda con piacere di quando lavorava nel Motomondiale? Uno dei ricordi più belli che ho è quando parecchi anni fa ho conosciuto la prima volta Valentino Rossi. Stavo ripulendo l’attrezzatura da lavoro nello studio, avevo appena terminato di dipingere uno dei suoi caschi e – avendo esaurito i guanti monouso con i quali solitamente lavoravo – avevo ancora le mani sporche di vernice. Valentino è entrato nello studio, ci siamo presentati e nel dargli la mano l’ho accidentalmente macchiato con i suoi colori, strappandogli un sorriso. Un incontro con un’icona dello sport, ma il segreto è trattare tutti con la stessa passione e professionalità.


Viaggiare

sulla corsia preferenziale

S S A P E TEL e s e m l * Da 5.- a NOLEGGIO MENSILE (minimo 1 mese) Soci TCS chf 9.+ chf 3.-

attivazione

commissione 7% sui pedaggi

Non soci

attivazione

commissione 9% sui pedaggi

+ chf 0.- attivazione + chf 14.attivazione

commissione 5% sui pedaggi commissione 7% sui pedaggi

chf 12.-

NOLEGGIO ANNUO *Soci TCS chf 60.Non soci TCS

chf 100.-

+ chf 12.-

Presso il Centro TCS di Rivera oppure su tcs-ticino.ch QUALI MEZZI?

DOVE FUNZIONA?

COME PAGARE?


SEZIONE TICINO

Promozione al Centro TCS di Rivera Passate a trovarci, il nostro team sarà lieto di consigliarvi articoli, prodotti e servizi per la vostra sicurezza e quella dei vostri cari nella mobilità di tutti i giorni.

zione Liquida i a u to n li seggio x Pro 3 hoenixfi o P y d id K alida fin offerta v e nto scort e a esaurim posto 210.– al Franchi i 319.– di franch

s letto Kid Braccia r e p o atuit Help, gr » a li ig am i « S o ci F

il s Help è TCS Kid ini o b tt m le a ia b vostri Il bracc i e d le a le no ide tragitti e compag tti i loro tto tu le ia te c n c ra ra du esto b u q n o n C n . a o vacanze i vostri figli potr , o ls idamente al p o ovati rap tr ri re e s ento e es iasi mom do. in quals ne l m on ovunque

74

touring

|

febbraio 2020

t u tt i i 10% su Sconto s to c k in Cybex i ll e d o m franchi irona da 9 Cybex S i anch 43 489 a fr ch i n a fr a allas d 4 Cybex P anchi 31 chi 349 a fr da fran ti olu on 6 Cybex S a n ch i 2 0 229 a fr

da sole, Occhiali al 20% nto fino con sco taggiosi rezzi van chiali p i d e it Usufru hi di o c ori marc ssardi, sui migli , idas Tru e l come Ad o, Perso Moschin itarne c r olo pe s ti e g n Sere alcuni.

nvignette

Autobah

2020

innen

aussen

a u to ignetta Promo V offerta valida 2020 0 stradale 1 .1 .202 fino al 3 avete ci TCS e Siete so i? n i 26 a n meno d n ch i d i a fr 0 ate di 1 t t fi a n ch i o r p Ap ete 30 fr r e h g a p nchi. sconto, di 40 fra al posto


Portate un amico e riceverete un regalo.

Carte regalo del valore di CHF 50.– di Coop o Migros

Altri regali su: E ART NKK EAU CHE GES RTE CAD A C

Cassa bluetooth

NOVITÀ: 50% di sconto*

Carte regalo del valore di CHF 50.– di Zalando o Manor

1.

tcs.ch/raccomandare

*

Il vostro regalo

Lo sconto si applica solo il 1o anno. La quota da versare per il rinnovo dipende dalla sezione di appartenenza (da CHF 69.– a CHF 159.–). Solo per nuovi soci.

Ne vale la pena: un regalo del valore di CHF 50.– per voi e la valida protezione del TCS a metà prezzo per i vostri amici.

Coltellino Victorinox

Compilate il tagliando e inviatecelo.

2.

sul TCS Societariato per i vostri amici

Scriveremo al vostro amico che diventerà nostro socio.

3.

Voi riceverete il codice regalo e potrete scegliere il vostro regalo.

✃ Il nuovo socio del club Signora

Signor

I miei dati Data di nascita:

Signora

Nome:

Nome:

Cognome:

Cognome:

Via: NPA:

Numero:

Numero di socio:

Luogo:

Lingua di corrispondenza:

Signor

E-mail: I

F

D

Si prega di indicare un indirizzo di posta elettronica. Il codice regalo verrà inviato per e-mail.

E-mail: Telefono:

Spedite il tagliando per posta a: Touring Club Svizzero, Chemin de Blandonnet 4, 1214 Vernier. Oppure inserite la raccomandazione online sul sito tcs.ch/raccomandare


TONI Geschichtsträchtiges Tharros

Fantastische Costa Smeralda

Die vielfältige Sardinien-Rundreise!

!

8 Reisetage ab nur

Porto Torres Grotta die Nettuno

Castelsardo

Alghero Sardinien Bosa Orgosolo

Fr. 1199.-

Costa Smeralda

REISEHIT 176

Orosei Gola diGorropu Tortoli

Tharros Mittelmeer

Muravera

Tyrrhenisches Meer

Leistungen - Alles schon dabei! ✓ Fahrt mit dem komfortablen Extrabus

Cagliari

✓ Fährüberfahrt Genua-Porto Torres inkl.

Sardiniens Hauptstadt Cagliari

Übernachtung in 2-Bettkabinen Innen

Grosse Sardinien-Rundreise Einmal um die Insel - Zwischen Hirtenleben & Luxusjachten

& Frühstück ✓ Fährüberfahrt Porto Torres-Genua inkl. Übernachtung in 2-Bettkabinen Innen & Frühstück ✓ 5 Übernachtungen in 4-Sterne Hotels auf Sardinien ✓ 5 x Frühstück in den Hotels ✓ 5 x Nachtessen in den Hotels

Sardinien ist ein wahres Paradies – türkisblaue Buchten, feinsandige Strände, atemberaubende Panoramastrassen und fantastische Schätze aus der bewegten Vergangenheit. car-tours.ch hat für Sie die Insel intensiv bereist und tolle Leistungen zu einer herrlichen Rundreise kombiniert, die Ihnen nicht nur den bekannten Norden, sondern auch den wunderschönen Süden näherbringt.

✓ Typisch sardisches Hirtenmittagessen inkl. Wein & Wasser im Gebirge ✓ Stadtführung in Cagliari & Alghero ✓ Malvasia-Wein Degustation in Bosa

Ihr tolles Reiseprogramm: 1. Tag – Anreise nach Genua Fahrt im komfortablen Extrabus nach Genua, wo am Abend unsere Fähre Richtung Sardinien ablegt. Übernachtung an Bord. 2. Tag – Porto Cervo, Costa Smeralda Frühmorgens legt unser Schiff in Porto Torres an. Entlang der Küste erreichen wir Castelsardo, ein wunderschönes Örtchen, das spektakulär über dem Meer thront. Durch die zauberhafte Macchialandschaft Nordsardiniens geht es an die weltbekannte Costa Smeralda. Atemberaubende Felsformationen, zuckerweisse Traumstrände und ein Hauch von Luxus in den Küstenorten werden Sie begeistern. Übernachtung in Orosei. 3. Tag – Ein Besuch bei den Hirten im wildromantischen Herz der Insel Heute verbringen wir schöne Stunden im landschaftlich wunderbaren Herz der Insel. Inmitten der herrlichen Bergidylle sind wir zum Mittagessen bei den Hirten eingeladen. Wir geniessen traditionell sardische Köstlichkeiten mit Wasser und Wein – ein unvergessliches Erlebnis in bester Gesellschaft! Übernachtung im Hotel vom Vortag.

4. Tag - Übers Gennargentu-Gebirge nach Cagliari Heute bezaubert uns das Gennargentu-Gebirge mit seinen grünen Gipfeln und der Gola di Gorropu, einem der tiefsten Canyons Europas. Auf kurvigen Strassen geht es bis auf 1100m in die Berge. Spektakulär ist dann die Abfahrt zurück auf Meereshöhe – Serpentinen mit schönen Ausblicken auf die Berge und das Meer bringen uns nach Tortoli. Über Muravera erreichen wir am Abend den Raum Cagliari. 5. Tag – Cagliari & Tharros Heute morgen zeigen wir Ihnen Sardiniens Hauptstadt bei einer kurzen Stadtführung. Freuen Sie sich auf Monumente, die eine tausend jährige Geschichte von Invasoren und verschiedenen Kulturen erzählen. Auf unserer Weiterfahrt nach Alghero treffen wir auf der Halbinsel Sinis die beeindruckenden Ausgrabungsstädten der Hafenstadt Tharros (Eintritt fakultativ). Übernachtung in Alghero. 6. Tag – Bosa & der Malvasia Entlang der zauberhaften Westküste fahren wir nach Bosa, ein kleines Handwerks- und Weinstädtchen. Das Städtchen ist unglaublich hübsch und wurde in die Liste der „10

Limitierte Plätze! Sofort buchen & profitieren!

schönsten Dörfer Italiens“ aufgenommen. Wir sind zu Gast in einer typischen Osteria und lassen es uns bei typisch sardischen Malvasia gut gehen. Übernachtung im Hotel vom Vortag. 7. Tag – Alghero & Schifffahrt zur Neptunsgrotte Bei einem gemütlichen Rundgang in Alghero fühlen Sie sich heute morgen in die spanische Vorherrschaft zurückversetzt. Am Nachmittag laden wir Sie zum Abschluss zu einer tollen Schifffahrt entlang der Küste ein. Bei ruhiger See wird die weltberühmte Grotta di Nettuno angefahren. Am Abend Einschiffung auf die Fähre nach Genua. Übernachtung an Bord. 8. Tag – Heimreise Am Morgen erreichen wir wieder Genua, von wo aus wir die Heimreise antreten. Reise wird in deutscher Sprache geführt. Noch mehr sparen bis 100% REKA-Checks!

Organisation: Holiday Partner, 8852 Altendorf

Tel. 0848 00 77 88

www.car-tours.ch

✓ Schöne Bootsfahrt entlang der Küste zur Neptunsgrotte ✓ Eintritt Grotta di Nettuno (nur bei ruhiger See) ✓ Eigene Schweizer Reiseleitung während der ganzen Reise

Wählen Sie Ihr Reisedatum a) 18. - 25. April 2020 b) 10. - 17. Mai 2020

Unser Sonderpreis für Sie: Preis pro Person im Doppelzimmer

in 4-Sterne-Hotels Fr. 1199.Nicht inbegriffen/zusätzlich wählbar: Einzelzimmerzuschlag (Hotels): Fr. 280.Saisonzuschlag Abreise Mai: Fr. 70.Kabinenzuschläge Fähre - Doppelkabine aussen Fr. 70.- Einzelkabine innen: Fr. 100.Buchungsgebühr: Fr. 20.- pro Person (entfällt bei Online-Buchung) Sie wählen Ihren Bus-Einsteigeort: Bellinzona oder Mendrisio

Profile for Touring Club Schweiz Suisse Svizzera Switzerland

Touring 02 / 2020 italiano  

Il rivista della mobilità, edizione del febbraio 2020 // TCS Touring Club Svizzero

Touring 02 / 2020 italiano  

Il rivista della mobilità, edizione del febbraio 2020 // TCS Touring Club Svizzero