Page 1

LA RIVISTA PIÙ LETTA DELLA SVIZZERA

#12/1 | DIC 19/GEN 20 | FR. 4.50

5

i er pedon sistemi p olate antisciv

MOBILITÀ IN FUTURO L’opinione del presidente centrale TCS Peter Goetschi

IL BELLO DELLO SCI VIA DALLA FOLLA Paradisi sportivi invernali

A tutto…

ghiaccio CON

IONE TCS SEZ O TICIN p. 91


OFFRE SPÉCIALE POUR LES LECTEURS DU TOURING

Éclipse solaire en Patagonie

Océan Pacifique

5j Désert d'Atacama (Pré-séjour optionnel)

Île de Pâques

Genève

(Pré-séjour optionnel)

Chili - Malouines - Uruguay - Argentine

19

1

5j

Genève

URU-

Santiago Puerto GUAY San Antonio 3 2 du Chili 17 /18 16 Buenos Aires Montevideo 4

CHILI

Puerto Montt 5

Fjords 6 chiliens

15

ARGENTINE

Puerto 13 Madryn

14

Océan Atlantique

Canal Sarmiento Glacier Amalia

7 Détroit de Magellan

8

Port Stanley Punta 11 Arenas ÎLES Ushuaia MALOUINES 10

Cap Horn

VOTRE ITINÉRAIRE DU 1 er AU 19 DÉCEMBRE 2020 Découvrez les merveilles de la Patagonie et admirez une éclipse solaire (si les conditions météorologiques le permettent) en compagnie de notre équipe d’encadrement francophone et de nos conférenciers Jean-Pierre Luminet, astrophysicien, et Pierre-Jean Furet, historien.

Du 27 novembre au 2 décembre 2020

Possibilité d’effectuer un pré-séjour à l’Île de Pâques ou dans le désert d’Atacama.

J1 & 2 | Genève • Santiago (Chili)

Accueil à l’aéroport de Genève puis décollage vers Santiago du Chili (avec escale). Arrivée le lendemain. Tour panoramique de la ville et nuit à l’hôtel.

J 3 | Santiago • Puerto San Antonio (Chili)

Après avoir pris votre petit déjeuner, vous quitterez l’hôtel en direction de Puerto San Antonio et embarquerez à bord du Coral Princess.

J4 | En mer J5 | Puerto Montt (Chili)

Puerto Montt a été fondée par des colons allemands au milieu du XIXe siècle. Excursion facultative au volcan Osorno et aux chutes de Petrohué.

J6 & 7 | Fjords chiliens, Détroit de Magellan, Glacier Amalia

Navigation dans le Détroit de Magellan, le plus important passage naturel entre le Pacifique et l’Atlantique, glissant dans un labyrinthe de fjords.

J8 | Punta Arenas (Chili)

Punta Arenas est la capitale de la province de Magellan. Excursion optionnelle sur l’île de Magdalena à la rencontre des manchots de Magellan.

J11 | Port Stanley (îles Malouines)

Capitale des Malouines depuis 1845, la ville est située sur la pointe venteuse des îles Falkland. Excursion en 4x4 au lagon Bluff Cove, réserve naturelle abritant une centaine de couples de manchots papous (en option).

J12 | En mer J13 | Puerto Madryn (Argentine)

Puerto Madryn est située sur les rives du golfe de Nuevo. Vous découvrirez la péninsule Valdés, site classé au Patrimoine mondial de l’UNESCO (en option).

J14 | En mer, éclipse totale du soleil

Vous assisterez aux conférences animées par nos spécialistes et pourrez profiter de l’éclipse totale du soleil entre 12h30 et 14h30 (Si les conditions météorologiques permettent l’observation).

J15 | En mer J16 | Montevideo (Uruguay)

La capitale de l’Uruguay : marchés artisanaux traditionnels, monuments, belles plages, ruelles animées, font de cette ville une escale particulièrement agréable. Deux excursions optionnelles au choix.

J17 | Buenos Aires (Argentine)

Cap sur la ville la plus australe du monde, baignée par les eaux glaciales du canal de Beagle. Excursion optionnelle : à la découverte du canal de Beagle.

Mélange d’élégance, de tradition, de modernité, Buenos Aires est profondément européenne et latine. Découverte de la capitale de l’Argentine et déjeuner tango (excursion optionnelle), musée des Beaux Arts et déjeuner tango (excursion optionnelle).

Le cap Horn est un passage mythique où se mêlent l’océan Atlantique, l’océan Pacifique et l’océan Austral (sous réserve des conditions météorologiques).

Après le débarquement, vous serez transféré à l’aéroport avant de vous envoler à destination de Genève où vous arriverez le lendemain.

J9 | Ushuaia (Argentine)

J10 | Navigation au large du cap Horn

J18 & 19 | Buenos Aires • Genève

Demandez la brochure au 022 909 28 00 du lundi au vendredi de 9 h à 18 h, par mail à contact@croisieres-exception.ch ou rendez-vous sur www.croisieres-exception.ch/brochures (renseignez le code PATTO) Notre agence : ES VOYAGES+VACANCES SA 17 Grand-Rue - 1204 Genève

Cette croisière est organisée par Croisières d’exception / Licence n° IM075150063 - Les invités seront présents sauf cas de force majeure - Programme garanti à partir de 30 inscrits *Prix par personne incluant la réduction, en cabine intérieure catégorie IC base double, les vols A/R depuis Genève, les transferts, la pension complète (sauf boissons), les conférences, les taxes aériennes et portuaires, pourboires au personnel de bord. Création graphique : nuitdepleinelune.fr - Crédits photos : © Adobe Stock, © Shutterstock, © Holland America Line et © Croisières d’exception.

Le Coral Princess

À partir de

CHF 6 590.- / pers.

CHF 5 990.- / pers. au départ de Genève

Pour toute réservation avant le 15 janvier 2020 avec le code REVE

Nos prix comprennent :

Le transport aérien aller/retour de Genève (avec escale) en classe économique I L e s t r a n s f e r t s a é ro p o r t / h ô t e l / p o r t d’embarquement et port/aéroport I Une nuit d’hôtel à l’hôtel Pullman Santiago Vitacura 4* (normes locales ou similaire) en demi-pension à Santiago du Chili I Le tour panoramique de Santiago du Chili (selon les horaires d’arrivée des vols) I La croisière en pension complète (hors boissons) I L’encadrement du groupe par le personnel de Croisières d’exception I Les conférences I Les pourboires au personnel de bord I Les taxes aériennes et de sécurité connues au 17/09/2019, réajustables I Les taxes portuaires.

Nos prix ne comprennent pas :

Le pré et post-acheminement de votre résidence jusqu’à Genève I Les excursions sauf la visite de Santiago du Chili I Les extensions à l’île de Pâques et au désert d’Atacama I Les boissons I Les dépenses personnelles à bord ou lors des excursions I Les assurances annulation/bagages/rapatriement I Les pourboires d’usage aux guides et aux chauffeurs au cours des excursions.


SOMMARIO

11

Pipistrel Alpha per voli a zero emissioni

L’abbraccio con il ghiaccio

32

34

Test Mazda3 Skyactiv-X

EDITORIALE

LA RIVISTA PIÙ LETTA DELLA SVIZZERA

dossier I folletti dell’inverno sulle strade

D

opo ogni nevicata notturna mi stupisco sempre di ritrovare i principali assi stradali sgombri da neve e ghiaccio, pronti ad accogliere il traffico del mattino. È il risultato dei turni di lavoro di notte degli autisti di spazzaneve e spargisale. Il servizio invernale conta 50 centri di manutenzione, ciascuno equipaggiato con mezzi sgombraneve e veicoli spargisale. ell’inverno 2018 l’ fficio federale delle strade ( stra) ha speso 41 milioni di franchi per mantenere pulite le carreggiate nazionali. on ho dunque nessuna comprensione per quei conducenti che in inverno non adattano il loro comportamento di guida e addirittura reclamano se le strade nazionali non sono pulite come se fosse estate. In ogni caso penso sempre con gratitudine agli autisti di spazzaneve quando con la pala devo sgomberare la neve dalla rampa di accesso al mio garage.

11 La skip campionessa Silvana Tirinzoni appassionata di scacchi sul ghiaccio

18 Per non scivolare Un prezioso aiuto per i pedoni, sistemi antiscivolo in un test

20 Cercasi ghiaccio Idee di escursioni all’incontro con il bianco rivestimento

mobilità 27 Il dopo elezioni Intervista a Peter Goetschi, presidente centrale del TCS

30 Barometro elettrico L’elettromobilità tra desideri e realtà del popolo svizzero

32 Scuola d’aviazione La formazione di piloti su aerei elettrici

24 Pneumatici per scooter Quelli invernali sono buoni sulla neve, ma non nella pioggia

Sondaggio mobilità elettrica

30

Felix Maurhofer caporedattore

Copertina: Silvana Tirinzoni, skip CC Aarau Foto: Valeriano Di Domenico Trucco: Nina Tatavitto

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

3


6–16 FEBBRAIO 2020 ZURIGO · DAVOS

ALOE BLACC REBECCA FERGUSON

CAMPIONI OLIMPICI: Alina Zagitova · Tatiana Volosozhar&Maxim Trankov CAMPIONE DEL MONDO: Javier Fernandez CAMPIONI EUROPEI: Vanessa James&Morgan Ciprès

BLIGG · BASTIAN BAKER MARCO RIMA

ORDINATE ONLINE, SELEZIONATE LA PROMOZIONE «SONDERAKTION 1», CODICE PROMOZIONALE TCS2020 Categorie posti

Business Seat

Lato frontale sud

Cat. 1

Cat. 2

Cat. 3

Cat. 4

Cat. 5

Prezzo normale Zurigo Prezzo normale Davos

198.–

198.–

168.– 158.–

138.– 138.–

108.– 118.–

88.–

68.–

Prezzo speciale soci TCS: sconto di CHF 10.– per tutte le categorie! Esclusi diritti amministrativi CHF 8.–/per ordinazione.

Tagliando d‘ordinazione per Art on Ice 2020 a Zurigo/Davos Ordino

biglietto(i).

Zurigo 6 febbraio 2020, ore 20 7 febbraio 2020, ore 20 8 febbraio 2020, ore 14 Davos 15 febbraio 2020, ore 20

Nome

Cognome

Indirizzo

CAP/Luogo

E-mail

Telefono

8 febbraio 2020, ore 20 9 febbraio 2020, ore 13

16 febbraio 2020, ore 17

Categoria desiderata Business Seat Lato frontale sud

Cat.

1

2

Se la categoria da me scelta fosse esaurita, desidero quella direttamente superiore oppure direttamente inferiore

Da inviare per favore a: Art on Ice Production AG, Rotfluhstrasse 91, 8702 Zollikon, E-mail: info@artonice.com

3

4

5


SOMMARIO

49

55

L’elegante Kia xCeed

Relax in Finlandia

76

E-Garden: per scoprire l’elettromobilità In Svezia per il fondo

66

tecnica 34 Test Mazda3 AWD Design ricercato e propulsore a compressione elevata

38 Fari per più sicurezza Tecnologia per una rivoluzione luminosa sulle automobili

43 Rete Ionity in Europa

72 Liti e diritto privato 76 Elettromobilità Esposizione temporanea a Wallisellen

80 Navigare in rete

Sviluppo per agevolare i viaggi con autovetture elettriche

Nessuno è al riparo dalla cyber criminalità

svago

rubriche

55 Magia finlandese A Vuokatti per un’immersione di attività conviviali

60 Freeride a Livigno Polo turistico d’attrazione tra distese di neve immacolata

62 Destinazione famiglia Nella vallesana Grächen i piccoli imparano a sciare fra fiabe

Touring n. 2

Temi trattati nella prossima edizione: dossier sul mondo TCS, conducenti contromano, test BMW 330d Touring, reportage turistico in Oregon. Data di pubblicazione: 16.01.2020

TCS Sezione Ticino

club La terza parte del barometro delle controversie

I miei vantaggi club 54 TCS Viaggi SA: proposte 2020 70 Scuola di sci per tutti 71 Skioo: 1 tessera per 50 luoghi 90 Tre occasioni di vincita

92 93 94 96 87 98

Ringraziamenti Regali: idee natalizie Sulla neve in Ticino: 8 luoghi incredibili I nostri consigli Viaggiare in libertà con Telepass Controlli a Rivera

53/81 L’esperto TCS 69 Salute 84 Forum 84 Impressum 85 Tourolino 88 In giro con 90 Gioca & vinci

Scambio di lavoro: TCS e Kenya

78

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

5


Portate un amico e riceverete un regalo.

Carte regalo del valore di CHF 50.– di Coop o Migros

Altri regali su: E ART NKK EAU CHE GES RTE CAD A C

Cassa bluetooth

NOVITÀ: 50% di sconto*

Carte regalo del valore di CHF 50.– di Zalando o Manor

1.

tcs.ch/raccomandare

*

Il vostro regalo

Lo sconto si applica solo il 1o anno. La quota da versare per il rinnovo dipende dalla sezione di appartenenza (da CHF 69.– a CHF 159.–). Solo per nuovi soci.

Ne vale la pena: un regalo del valore di CHF 50.– per voi e la valida protezione del TCS a metà prezzo per i vostri amici.

Coltellino Victorinox

Compilate il tagliando e inviatecelo.

2.

sul TCS Societariato per i vostri amici

Scriveremo al vostro amico che diventerà nostro socio.

3.

Voi riceverete il codice regalo e potrete scegliere il vostro regalo.

✃ Il nuovo socio del club Signora

Signor

I miei dati Data di nascita:

Signora

Nome:

Nome:

Cognome:

Cognome:

Via: NPA:

Numero:

Numero di socio:

Luogo:

Lingua di corrispondenza:

Signor

E-mail: I

F

D

Si prega di indicare un indirizzo di posta elettronica. Il codice regalo verrà inviato per e-mail.

E-mail: Telefono:

Spedite il tagliando per posta a: Touring Club Svizzero, Chemin de Blandonnet 4, 1214 Vernier. Oppure inserite la raccomandazione online sul sito tcs.ch/raccomandare


ATTUALITÀ CLUB

Corsi e-monopattini L’uso dei monopattini elettrici non è privo di rischi. Per questo il TCS, in collaborazione con la società «Lime», ha organizzato il primo corso di guida in tutta la Svizzera per monopattini elettrici a bendorf ( H). Grazie al successo riscosso – una quarantina di partecipanti – sono in programma altri corsi.

Al Colloquio Asut si è discusso della mobilità del domani.

Mobilità del futuro: è giunto il momento di agire Al 20° Colloquio Asut a Berna sono state discusse le sfide della mobilità del futuro e sono state presentate delle soluzioni.

L

e sfide della mobilità sono enormi e spesso contraddittorie. Con il potenziamento delle infrastrutture deve diventare pi flessibile, efficiente, personalizzata ed ecosostenibile. Stando a uno studio di P C e dell’ niversità di S. Gallo tutte queste aspettative possono essere soddisfatte solo se verranno integrate in un ecosistema analogico e digitale. La realizzazione del progetto di mobilità del futuro dovrebbe iniziare ora, questa la conclusione del congresso tenuto dall’Associazione svizzera delle telecomunicazioni (asut), dall’ stra, da its ch e TCS. La digitalizzazione è uno dei motori pi importanti dell’industria

della mobilità. Il sistema di assistenza alla guida, ad esempio, ha permesso di aumentare l’efficienza del traffico ferroviario e l’uso applicato dei dati ha consentito la nascita di nuovi modelli di affari – come il complesso immobiliare «The Circle» all’aeroporto di urigo. Si sta addirittura pensando ad una capsula H perloop che sia in grado di trasportare i passeggeri a 1200 km h da Ginevra a urigo in meno di 40 minuti. «È importante discutere per condividere le idee sul futuro. na cosa tuttavia non dobbiamo dimenticare», dichiara il presidente TCS Peter Goetschi, «alla fine deve essere su misura per l’utente».

Una cargo-bike di Carvelo2go, perfetta alternativa all’auto in città.

Corsi droni TCS molto richiesti

FOTO EMANUEL FREUDIGER, LIME, ALD

Sempre in carica zione della colonna elettrica sono realizzati dagli specialisti in impianti solari Helion Bou gues. Il montaggio e la formazione per l’uso, fatti dal pattugliatore TCS. tcs.ch/stazione-ricarica

uattro anni dopo il lancio di Carvelo2go il bilancio è di oltre 1 000 utenti registrati. al 2015 sono stati compiuti circa 46 000 tragitti con le bici elettriche da trasporto per un totale di oltre 200 000 chilometri percorsi. Attualmente sono in funzione oltre 300 cargo bike in 0 città svizzere. el 2020 è previsto un aumento dell’offerta. carvelo2go.ch

CALCOLATORE ONLINE PER LA RICARICA

Sul sito TCS ora c’è a disposizione un calcolatore online per le stazioni di ricarica domestiche TCS. In questo modo si pu trovare velocemente e facilmente la soluzione pi adatta per il proprio veicolo e in base alla località di domicilio. Il calcolatore online e i lavori di preparazione per l’installa-

Circa 46 000 tragitti con Carvelo2go

Stazione di ricarica con 11 kW e una spina tipo 2.

uest’anno il TCS ha registrato quasi 200 corsi di droni con un migliaio di partecipanti. Sono il 22% in pi rispetto al 2018. Con i quattro moduli di corso, nonch l’app TCS droni, il TCS s’impegna anche per l’uso sicuro di apparecchi volanti per uso professionale o ricreativo. tcs.ch/corsi-droni

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

7


Gioielli del turismo Il premio «Albergo/ristorante storico dell’anno» viene assegnato a siti che hanno fatto la reputazione della Svizzera in qualità di meta di viaggi. E che continuano ad attirare estimatori. Quando, nel 1938, Hans Guler incaricò il noto architetto zurighese Hermann Schneider di costruire un albergo e ristorante in stile chalet a Klosters-Serneus (GR) non poteva certo prevedere che sarebbe diventato famoso. Alla «Chesa Grischuna» sono passati personaggi illustri i cui nomi sono rimasti iscritti nel Libro degli Ospiti quali il Generale Guisan, la Regina Giuliana dei Paesi Bassi e molte star di Hollywood, da Greta Garbo a Renée Zellweger.

Valore storico e originalità Ora la casa conservata nel suo stato originale e considerata un capolavoro di architettura e arredo è stata eletta «Albergo storico dell’anno 2020», mentre il titolo di «Ristorante storico dell’anno 2020» è stato assegnato alla locanda «Rössli hü» a Root (LU). Costruito nel

1751, il bell’edificio divenne ben presto il centro del villaggio fino alla chiusura nel 1994. Rimasto a lungo vuoto, fu infine acquistato da una fondazione che iniziò i rinnovi nel 2017. Il «Premio speciale 2020» va al locale «Les Wagons Bistro & Bar» di Winterthur, che si compone di tre vagoni risalenti agli anni 1920 dell’antica ferrovia dell’Uetliberg. Dal 1997 una giuria di esperti di restauro, di architettura e storia nonché dei settori alberghiero e della ristorazione seleziona strutture di interesse storico e che spiccano per la ricettività e gastronomia offerta. Il riconoscimento vuole contribuire alla salvaguardia degli esercizi che fanno parte del patrimonio culturale e premiare coloro che tengono viva la tradizione dell’ospitalità della Svizzera. Premiato, l’albergo Chesa Grischuna a Klosters.

Test drive più grande del mondo Il Salone dell’Automobile di Ginevra presenta la più grande pista di prova indoor per l’elettromobilità del mondo. Dal 5 al 15 marzo 2020, il pubblico avrà l’opportunità di avvicinarsi alle nuove tecnologie propulsive nel padiglione 7 del Geneva International Motor Show (GIMS) e sperimentare di persona le eccezionali qualità e performance dei veicoli elettrici di ultima generazione. Saranno sorpresi dalle autonomie e modalità che le qualificano ormai per l’uso 8 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

quotidiano. I visitatori che hanno compiuto 18 anni, muniti di patente di guida valida e biglietto d’ingresso, possono iscriversi ad un concorso tramite la speciale app GIMS che sarà lanciata il 9 dicembre e vincere un Discovery-Drive oppure tentare la sorte partecipando all’estrazione di un’auto. Sulla pista si possono provare modelli delle marche Aiways, Audi, BMW, DS, Honda, Hyundai, Mercedes, Renault, Seat, Skoda, Smart, Toyota, VW, Porsche e Ford.

LA CIFRA

4,7 percento, questa la crescita registrata dal traffico merci interno in Svizzera nel 2018 rispetto all’anno precedente. Secondo l’Ufficio federale di statistica, si tratta dell’aumento più forte nel settore cargo degli ultimi 20 anni. In termini complessivi, le prestazioni nel trasporto merci sono aumentate del 2,1 percento. Su strada l’incremento è stato del 2,5 percento, contro l’1,4% su rotaia.

LA FOTO

Mega progetto Sono durati otto anni i lavori di costruzione dell’Hochmoselbrücke in Germania. L’inaugurazione ha attirato migliaia di persone che hanno attraversato a piedi o in bici il nuovo ponte sulla Mosella, fra l’Hunsrück e l’Eifel, il maggiore in Europa. Lungo 1700 metri e alto fino a 160 metri, fa parte di un asse stradale internazionale che collega il Benelux con l’area geografica del Reno e del Meno.

LA PAROLA

Shooting Star è sinonimo di stella nascente o fenomeno, ma paradossalmente il termine indica le stelle cadenti come Geminidi, Ursidi e Quadrantidi. Questi sciami meteorici, visibili ad occhio nudo, offrono all’emisfero nord uno spettacolo nel cielo durante le notti limpide nel predetto ordine dal 4 dicembre 2019 al 12 gennaio 2020.


ATTUALITÀ

Gatti: sovramortalità Le vetture elettriche nuocerebbero ai gatti, secondo la veterinaria Laetitia Barlerin intervistata da Radio Monte Carlo. I felini, che si rintanano volentieri sotto le automobili tradizionali o elettriche, non sentono quando queste ultime avviano il motore silenzioso. L’animale resta così immobile invece di fuggire, rischiando di finire sotto le ruote.

FOTO KEYSTONE, ALD

Germania così amata opo la riunificazione sono aumentati del 344,8% i turisti svizzeri che dormono in terra tedesca (1993: 1,5 milioni 2018 6,9 milioni). In auge anche i nuovi L nder. el 1996 si contavano 220 156 pernottamenti dei nostri confederati, passati a quasi 1,1 milioni nel 2018 ( 396,2%). estinazione favorita è Berlino, seguita da Meclemburgo Pomerania Anteriore e Sassonia.

La FIVA si oppone alle vetture elettriche

Roadster da 1,75 mio. La McLaren Elva fa l’occhiolino alle sport prototipo di un tempo. È venduta in sole 399 unità in fibra di carbonio ad un prezzo allucinante.

Berlino è fra le mete più in voga fra gli svizzeri.

Arriva la moda di elettrificare pure le oldtimer. Guardiana del patrimonio automobilistico, la Federazione dei veicoli d’epoca (FI A) giudica queste trasformazioni contrarie ai suoi obiettivi di preservazione. Privo di motore termico, un veicolo non pu pi essere considerato da collezione.

Elettrificazione anche per la Citroën 2CV.

«Speciale bagagli»

Musk allo sbarco UE

Chi partirà in treno per la settimana bianca in Svizzera verrà premiato. Fino al 30.4.2020 le FFS offrono il trasporto gratuito del bagaglio con ritiro e consegna in 48 località di vacanze selezionate. La promozione «Speciale bagagli» di Svizzera Turismo e FFS coinvolge 240 alberghi che garantiscono il trasporto dalla stazione all’alloggio. Prenotazioni tramite speciale sito FFS.

Sono ben 10 000 i posti di lavoro che Elon Musk intende creare entro il 2021 nella costruenda fabbrica Tesla a Gr nheide presso Berlino. allo stabilimento dovrebbero uscire la nuova S compatta Model , batterie e propulsori. ltre alla favorevole posizione viaria, la disponibilità di corrente elettrica verde sarebbe stato il fattore decisivo per la scelta dell’imprenditore.

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

9


Sostituisca ora la Sua tessera di socio TCS con la nuova carta. La TCS Member Mastercard® Le offre molti più vantaggi rispetto alla Sua attuale tessera di socio. Se ne convinca di persona: 2.2019: Fino al 15.1 iziale i credito in CHF 30.– d

La Sua carta attuale

TCS Member Mastercard

Sconto sul noleggio di auto

5%

10%

Sconto su TCS Assicurazione auto e TCS Societariato Camping

0%

10 %

Tessera di socio TCS Carta di credito senza tassa annua Carta carburante con sconto di 4–5 centesimi al litro

Passi ora alla TCS Member Mastercard: tcs.ch/tessera-socio Non paga alcuna tassa annua, né il primo anno né in seguito. L’avere iniziale viene accreditato circa 14 giorni dopo aver ricevuto la TCS Mastercard e previa approvazione della richiesta. Il credito non viene corrisposto in contanti. La richiesta di carta deve essere presentata a Cembra Money Bank SA entro il 15.12.19, fa fede il timbro postale. Valgono le condizioni generali di Cembra Money Bank SA, emittente della TCS Mastercard.


DOSSIER

«Sono 30 anni che pratico il curling e sto ancora affinando la mia tecnica» Silvana Tirinzoni, campionessa mondiale di curling

Ghiaccio rovente Il curling è uno sport sorprendentemente popolare in Svizzera, che richiede strategia, capacità atletiche e feeling. Complesso e al tempo stesso elegante, sembra più facile di quanto non lo sia in realtà. Silvana Tirinzoni, skip della squadra rossocrociata e campionessa mondiale in carica, ci parla di questa disciplina → soprannominata anche scacchi sul ghiaccio. TESTO DOMINIC GRAF | FOTO VALERIANO DI DOMENICO

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

11


La skip «dà» la scopa, appoggiandola sul ghiaccio per indicare bersaglio e tattica.

12 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020


DOSSIER

È

questo il momento, ancora prima che la pietra lanciata da Alina Pätz si fermi, in cui tutta la tensione si scioglie in un’esplosione di gioia. Silvana Tirinzoni solleva le braccia e si stringe alle compagne, euforiche. Campionesse mondiali! È il 24 marzo 2019 a Silkeborg in Danimarca che la squadra del CC Aarau s’impone contro la Svezia dopo una partita equilibrata, dal finale drammatico. L’anno precedente i ruoli erano invertiti, con le svedesi vittoriose. Per la settima volta nella storia dei campionati mondiali di curling, la Svizzera vince l’oro.

Due leader, una passione Il trofeo che le incorona campionesse del mondo è il più importante vinto da Silvana Tirinzoni. Anche Esther Neuenschwander (36) e Melanie Barbezat (28) salgono per la prima volta sul gradino più alto del podio. Alina Pätz, malgrado la sua giovane età (29 anni), vanta già ben tre ori mondiali, di cui uno a Sapporo in qualità di skip, ovvero caposquadra. Nel 2018 l’annuncio che la campionessa avrebbe affiancato Silvana Tirinzoni in nazionale ha suscitato scalpore. D’altronde la gerarchia del curling prevede un solo skip. Eppure, le due atlete sono subito entrate in sintonia e sanno unire le rispettive forze a vantaggio dell’équipe. Silvana Tirinzoni è la skip e decide la strategia: «La skip deve saper leggere il ghiaccio e adattare la tattica alla situazione di gioco, alla forma giornaliera delle compagne, alle condizioni del rink e all’abilità dell’avversario». Solo così è possibile impostare il lancio delle pietre in maniera ottimale e dirigerle nel punto desiderato. «Dare la scopa» è così che si definisce questo compito nel gergo del curling. Ad Alina Pätz tocca giocare l’ultima pietra, il martello, che normalmente spetta alla skip.

L’unione fa la forza La divisione dei ruoli funziona benissimo ed Alina Pätz se ne dice molto soddisfatta. Il suo le va a pennello, malgrado sia apparentemente relegata in secondo piano. «Mi piace gio-

care gli ultimi sassi. In questa fase cruciale per l’esito della manche ci vuole mente fredda e nervi saldi. Possiamo tutte imparare dall’enorme esperienza di Silvana. È grintosa e una stratega nata. La squadra ne approfitta tantissimo», spiega la zurighese. Ma anche fuori dal rink vanno tutte d’accordo. Conferma Silvana Tirinzoni: «Alina, Esther e Melanie sono persone meravigliose con cui mi piace trascorrere del tempo». E ne trascorrono di tempo insieme! Le gare le portano a viaggiare per mezzo mondo durante circa 4 mesi all’anno. Poi ci sono i training quotidiani, mentali e fisici. Osservando le quattro donne allenarsi tutto sembra semplice e naturale: lanci energici, movimenti controllati, scivolate aggraziate, traiettorie perfette… Una tale maestria è frutto di un training scrupoloso e grande costanza: «Sono trent’anni che pratico il curling e sto ancora affinando la mia tecnica», rivela Silvana Tirinzoni accennando un sorriso. Oltre all’addestramento sul ghiaccio le quattro ragazze assolvono ognuna un programma di fitness individuale, cui si aggiungono «esercizi di mobilità e neuroatletica e una seduta settimanale con un mental coach», illustra la skip. La testa è un fattore determinante quanto il corpo. Non per nulla il curling viene chiamato anche scacchi sul ghiaccio.

Sport di punta o carriera Malgrado quest’enorme impegno, fino a poco fa Silvana Tirinzoni lavorava al 50% per una banca. A fine novembre ha dato le dimissioni per potersi dedicare completamente al curling. «Praticare questo sport a livello professionistico non è compatibile con un lavoro regolare. Durante l’estate non riuscivo più ad accumulare straordinari sufficienti a compensare i 120 giorni che soggiorniamo all’estero nei mesi invernali» puntualizza la campionessa nata a Oberglatt. Ma guadagna abbastanza da vivere con il curling? «I premi in palio sono alquanto modesti in considerazione dei costi che dobbiamo sostenere di tasca nostra. I prossimi dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

13


DOSSIER

LE PAROLE E LE REGOLE DEL CURLING Una squadra si compone di quattro giocatori ed uno di riserva. Una partita consiste di dieci mani dette «end», in cui ogni giocatore lancia due sassi. A parità di punti si giocano gli extra end per determinare il vincitore. Viene aggiudicato un punto per ogni pietra o stone in casa più vicina al centro della migliore pietra avversaria. Ciò consente di segnare più punti alla volta. Rink/Sheet: il campo da gioco, una superfice ghiacciata lunga 45,7 metri e larga circa 5 metri. House: casa, bersaglio disegnato sul ghiaccio composto da cerchi concentrici da colpire con la pietra per marcare punti. Ha un diametro di 3,66 metri. Dolly: il centro della casa (cerchio più interno). Shot: la pietra più vicina al centro esatto della casa durante una mano. Take-out: la rimozione di un sasso (o più sassi) dall’area di gioco colpendolo con un altro. Guard: pietra posizionata a guardia di un’altra, così da proteggerla. curling.ch

Il rilascio del sasso sprigiona insieme forza ed eleganza.

tempi saranno certamente una sfida per me sul piano economico, che comunque non mi spaventa», si dice ottimista la 40enne. Bench torni alla ribalta soltanto ogni quattro anni in occasione delle limpiadi invernali, il curling è uno sport molto popolare in Svizzera, che conta un gran numero di giocatori attivi: sono circa 8000 curliste e curlisti a praticarlo in 43 impianti coperti. È qui che Silvana Tirinzoni ravvede le ragioni dei successi agonistici che fanno della piccola Svizzera una grande nazione di curling: «In primo luogo disponiamo di infrastrutture eccellenti che ci permettono di allenarci praticamente tutto l’anno. Ci ci garantisce un importante vantaggio sui nostri concorrenti. E seconda-

riamente, parlando di concorrenza: nel nostro paese abbiamo tanti club di ottimo livello che occorre prima battere sul campo per qualificarsi». uesta forte competizione già in casa spronerebbe i giocatori e le giocatrici ad allenarsi duramente. La disciplina mostrata dai singoli curlisti, uomini e donne, sarebbe ammirevole. Per quanto la riguarda personalmente, Silvana Tirinzoni si reputa ormai una vecchia volpe ha preso il virus del curling da bambina, quando aveva dieci anni, e non ne è ancora guarita. Alla domanda per quanto tempo pensa di poter continuare a competere ai massimi livelli la nostra interlocutrice fa spallucce e ci dice sorridendo: « on saprei proprio, tornate a chiedermelo fra una decina di anni». ◆

Quartetto da podio La squadra campione del mondo del CC Aarau, da sinistra a destra: Alina Pätz, Silvana Tirinzoni, Esther Neuenschwander e Melanie Barbezat. Ai recenti Europei a Helsingborg si sono aggiudicate il bronzo.

14 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020


DOSSIER

Paracurling con pietre e bastone INTERVISTA DOMINIC GRAF

H

Qual è la differenza fra curling per normodotati e su sedia a rotelle?

Hans Burgener: el nostro caso il lancio della pietra avviene con l’ausilio di un manico estensore chiamato stick. Si tratta di un bastone in carbonio di 2 metri. In secondo luogo giochiamo da fermo e non facciamo s eeping. Infatti una volta lanciata la pietra non possiamo pi intervenire sulla sua traiettoria. el curling convenzionale gli atleti spazzolano il ghiaccio per favorirne lo scivolamento. E terzo, le nostre squadre sono miste. Perché ha scelto di fare curling?

FOTO WCF/RICHARD GRAY, VALERIANO DI DOMENICO

’estate mi dedico all’handbike. Ma durante l’inverno, qui a Grindel ald, è impossibile, allora ho cercato un’attività alternativa per i mesi freddi. Il curling mi pareva ideale, non da ultimo perch si fa in palestra, indipendentemente dal tempo. opo alcuni allenamenti di prova ho capito che era lo sport per me.

Gioco di squadra Un membro del team tiene ferma la carrozzina durante il lancio della pietra.

cato in piedi che su sedia a rotelle è uno sport tattico, in cui il gioco di squadra è un elemento decisivo. Quali doti sono richieste a chi vuole darsi al curling?

Se si apprezza il cameratismo, il gusto della sfida e se si possiedono sensibilità e mente strategica si parte già bene. Per il resto occorre disciplina e un allenamento regolare. etto ci , lo sport è alla portata di chiunque. Lei ha partecipato ai Giochi Paralimpici 2018 a Pyeongchang; può descriverci come si è svolta questa lunga trasferta in capo al mondo?

È stato semplice, siamo saliti a bordo, abbiamo aspettato che l’aereo decollasse e riatterrasse (ride). Scherzi a parte, volare per noi non è poi tanto diverso che per i passeggeri senza disabilità. L’unica differenza è che prima dell’imbarco «Grazie al curling ho un assistente di terra girato mezzo mondo» aiuta a sistemarci su un Hans Burgener, dispositivo di trasporto di mestiere intagliatore legno simile ad una carriola Quante volte si allena e in quale modo? per sacchi, e ci accompaMi alleno due o tre volte la settimana gna sull’aereo fino al posto assegnato. al Curling Club di Grindel ald. i si Lei è costretto sulla sedia a rotelle aggiungono alcuni fine settimana di dal 1986 dopo un infortunio addestramento con la nazionale. Ci sul lavoro. Come ha affrontato esercitiamo nel lancio in lunghezza la disgrazia? delle pietre e nei take out (scalzare el mio caso fu subito chiaro che non ovvero allontanare le pietre avversarie, n.d.r.), studiamo e discutiamo diavrei pi recuperato l’uso delle gambe. verse situazioni e approcci. Sia pratiel centro di riabilitazione a Basilea

CURLING IN CARROZZINA Nel 1998 la Swiss Curling Association è stato il primo ente a mettere a punto un programma di allenamento per curling su sedia a rotelle. Nel 2002 Sursee (LU) ha ospitato il primo campionato mondiale. Due anni più tardi lo sport, oggi praticato in 24 nazioni, è stato inserito fra le discipline paralimpiche ufficiali e ha debuttato ai giochi di Torino 2006. Dal 29 febbraio al 7 marzo 2020 le 12 migliori squadre si disputeranno i mondiali di wheelchair curling a Wetzikon (ZH). wwhcc2020.ch

mi trovai in camera con cinque altri pazienti. edere i miei compagni di sventura venir dimessi l’uno dopo l’altro e poter rientrare a casa mi ha profondamente motivato a farmene una ragione ed impegnarmi affinch potessi tornare alla normalità. Ho capito abbastanza presto che avrei potuto avere una vita gratificante anche nella mia condizione e che era inutile abbandonarsi allo sconforto. E oggi, a distanza di oltre trent’anni?

Tutto sommato posso fare un bilancio positivo. Sono contento della mia vita. Grazie al curling ho girato mezzo mondo, e ne sono davvero riconoscente. Chissà se sarei mai arrivato fino in Canada o Corea del Sud se non avessi scoperto questo sport a pietre e bastone. ◆ dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

15

ZVG

ans Burgener (55) di Grindel ald è campione svizzero e giocatore della nazionale di curling in carrozzina. i seguito ci spiega le differenze tra curling convenzionale e la variante ammessa alle Paralimpiadi, che nel 2018, 33 anni dopo il suo fatidico incidente, lo hanno portato fino in Corea del Sud.


Auto d’inverno: decalogo per lo sbrinamento Quest’anno, non armatevi di scalpello per liberare l’auto dal ghiaccio. Anton Keller, responsabile del servizio Consulenza mobilità del TCS, fornisce consigli per risolvere il problema che si ripresenta puntuale all’arrivo delle prime notti sottozero. TESTO ALINE BEAUD

grattare solo uno 1 Non spioncino nel vetro!

gettare acqua 2 Non calda sul parabrezza!

Si eviterà assolutamente di versare dell’acqua calda sul parabrezza. «Lo choc termico potrebbe creparlo o farlo esplodere» si raccomanda il nostro esperto. Infatti questo «trucco» è una pessima idea che si rischia poi di pagare cara in officina.

16 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

3 Non far rumore!

Secondo l’ rdinanza sulle multe disciplinari, e l’articolo 33 lett. a della C, chi usa l’avviamento inadeguatamente facendo girare o riscaldare il motore del veicolo fermo è sanzionabile con multa di 60 franchi, molti per risparmiare un po’ di tempo disturbando i vicini

la notte, tenere 4 Durante i tergicristalli alzati!

Evitate che le gomme delle spazzole dei tergicristalli si congelino contro il parabrezza, che deve essere completamente sgombero prima di azionare i tergicristalli. «È saggio alzare i tergicristalli quando si parcheggia il veicolo la sera e riabbassarli il mattino dopo aver sbrinato accuratamente il parabrezza» esorta Anton Keller.

ISTOCK

La Legge è imperativa e prescrive una visuale completa. ella fattispecie, l’articolo 5 , cpv. 2 dell’ rdinanza sulle norme della circolazione ( C) statuisce che luci, catarifrangenti, vetri e specchi retrovisori devono essere puliti. «Liberando solo un piccolo obl nel parabrezza si mette in pericolo sia se stessi che gli altri utenti della strada» avverte Anton Keller. In caso di controllo si è passibile di multa se non addirittura di ritiro della patente.


DOSSIER

affidarsi alla cieca 8 Non all’antighiaccio!

di 5 Munirsi un buon raschietto!

Lasciate la carta bancaria nel portafoglio, potrebbe danneggiarsi ed è comunque inadatta a rimuovere il ghiaccio. Piuttosto servitevi di uno speciale raschietto: accertatevi che sia intatto, altrimenti potrebbe graffiare il vetro. Un buon prodotto ha lati sagomati, un profilo dentato per rompere più facilmente il ghiaccio spesso e uno liscio e sottile per strati di neve più fini.

agli intrugli 6 No fatti in casa!

A priori è sconsigliato ricorrere a prodotti alimentari quali patate o misture preparate in casa composte da acqua+sale o acqua+aceto. L’esperto TCS si dice scettico per quanto riguarda queste soluzioni casalinghe, spesso di dubbia efficacia. «Si preferiscano metodi ed ausili rodati. Per strati di ghiaccio superficiali l’uso combinato dello spray sbrinatore e del raschietto dà i migliori risultati».

ai fogli 7 Rinunciare di giornale!

Versoix 2012 Al gelo siberiano non c’è rimedio se non aspettare che le temperature tornino a salire.

Coprire il parabrezza con fogli di giornale non è solo inefficace, ma pure fastidioso. La carta umida si incolla al vetro e si stacca poi con difficoltà. Con il vento rischia di volare via ed inoltre non può essere fissata ai finestrini. Meglio un apposito copri parabrezza, sebbene anche questo si bagni e dovrà essere riposto così nell’abitacolo. Inoltre, neanche questi teli permettono di proteggere tutte le parti vetrate del veicolo.

Per quanto facili da usare, questi prodotti di sbrinamento garantiscono un’azione solo temporanea, durante la notte possono gelare a loro volta ed ispessire lo strato di ghiaccio da rimuovere. Senza dimenticare che occorrono quantitativi notevoli durante la stagione, che costano.

regolarmente 9 Pulire tutti i vetri!

Vetri puliti ritengono meno umidità e non si ghiacciano tanto rapidamente. «Lavare di frequente parabrezza, finestrini e lunotto aiuta anche a prevenire graffi» ricorda l’esperto TCS.

riscaldamento 10 Ilausiliario!

Se la vettura è dotata di un tale dispositivo, di serie o retrofit, è la soluzione più pratica, ma anche la più onerosa (prezzo: 2500 fr. circa, montaggio compreso, a seconda della marca e cilindrata dell’auto). È programmabile e aumenta sia il comfort (abitacolo preriscaldato) che la sicurezza di guida (ottima visibilità grazie ai vetri puliti e sbrinati). Per contro, le stufette elettriche aggiuntive sono sconsigliate. Il calore viene indirizzato in un’unica direzione, ciò che può deformare le parti in plastica e nel peggiore dei casi provocare pure un incendio. ◆

VEICOLI ELETTRICI Se l’automobile è collegata ad una presa di corrente o colonnina di ricarica è possibile preriscaldarla mediante un timer. Ed eccovi pronti. Andate per le strade, al caldo e con i vetri sbrinati.

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

17


Springyard SandyGrip+ Facilità d’uso Comfort Camminare veloce Scansare ostacoli Bloccarsi Voto complessivo

Vince il test Icer’s Design robusto per una presa sicura addiritttura sulla pista di ghiaccio.

18 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

3 4 3 3 3 3

Con pratico sacchettino. Si applicano rapidamente. Comodi e bassi. Grip soddisfacente camminando veloce e scansando ostacoli sul ghiaccio. Bloccandosi si slitta leggermente. Nei negozi di calzature, ca. 30 fr.


DOSSIER

Camminare sicuri anche sul ghiaccio Cadute, fratture o distorsioni, d’inverno non si contano le vittime di cadute che finiscono al pronto soccorso. Con ramponcini o suole antiscivolo si affrontano le strade gelate in sicurezza. Quali sono efficaci? «Touring» ha testato 5 modelli sulla pista di ghiaccio nell’Arena Postfinance di Berna.

S

Scala di valutazione: 5 ottimo, 4 buono, 3 soddisfacente, 2 sufficiente, 1 scarso

econdo le proiezioni upi fra dicembre e febbraio si registrano da 30 a 90 volte pi cadute rispetto al resto dell’anno. È quindi consigliato usare dispositivi antiscivolo. Ma sono facili da montare e comodi Consentono di correre sul ghiaccio, scansare ostacoli che s’intrappongono repentinamente sul cammino o di fermarsi di colpo «Touring» ha valutato queste qualità su cinque modelli in commercio.

Un nome che promette e mantiene I ramponi della marca canadese Icer’s risultano i migliori in assoluto del campione di prodotti esaminati. Assomigliano a sandali da trekking e garantiscono un’ottima aderenza persino sulla pista di ghiaccio. Sono inoltre disponibili tacchetti di ricambio. on servono invece granch le suole antiscivolo da incollare alla scarpa. ◆

Springyard

H+R

Steady

Ramponcini

Facilità d’uso Comfort Camminare veloce Scansare ostacoli Bloccarsi Voto complessivo

3 3 4 4 4 4

Facilità d’uso Comfort Camminare veloce Scansare ostacoli Bloccarsi Voto complessivo

Dosenbach Suole antiscivolo

TESTO JULIANE LUTZ | FOTO RAPHAEL HÜNERFAUTH, EMANUEL FREUDIGER

Facilità d’uso Comfort Camminare veloce Scansare ostacoli Bloccarsi Voto complessivo

3 4 1 1 1 1

Si incollano all’istante. Le suole offrono una scarsa presa già se si va piano. Elevato rischio di scivolare camminando a passo spedito, scansando ostacoli o bloccandosi. In vendita da Dosenbach, ca. 7 franchi

Icer’s Ramponi 2 2 3 4 4 3

Facilità d’uso Comfort Camminare veloce Scansare ostacoli Bloccarsi Voto complessivo

4 5 5 5 5 5

Leggero, con pratico sacchettino. La gomma non rimane salda alla scarpa. Inizialmente si cammina come sui tacchi. Buona aderenza correndo scansando ostacoli bloccandosi.

Rischio di ferirsi ai denti metallici. Copre solo l’avampiede, per cui camminando il tallone derapa sempre leggermente. Buona aderenza scansando ostacoli e bloccandosi.

A montaggio rapido. Adattabili individualmente con chiusure velcro. Comodi e impercettibili al piede. ttima aderenza correndo e scansando ostacoli. on si slitta bloccandosi.

Nei negozi di calzature, ca. 30 fr.

Nei negozi di calzature, ca. 35 fr.

In vendita ad es. da Transa, ca. 70 fr.

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

19


20 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020 2

3 4

5

6

1) ARRAMPICATA SU GHIACCIO: BERGBAHNEN ENGSTLIGENALP AG 2) ICE MAGIC: VEREIN CHANCE WINTER INTERLAKEN 3) ALPE RAGUTA: DEMATEO.COM 4) GHIACCIAIO ZINAL: VAL D‘ANNIVIERS 5) PALAZZI DI GHIACCIO: SCHWARZSEE TOURISMUS 6) SKATELINE ALBULA: BERGÜN FILISUR TOURISMUS

1


DOSSIER

Parete di ghiaccio

1 Engstligenalp Da metà dicembre l’altopiano propone una trentina di itinerari e cascate di ghiaccio da scalare. I neofiti possono iscriversi alla scuola alpina Adelboden. engstligenalp.ch

Magia di luci

2 Interlaken Pattinare o praticare il curling nel paesaggio illuminato: Top of Europe Ice Magic affascina abitanti e visitatori nel cuore della rinomata meta vacanziera nell’Oberland bernese. icemagic.ch

Curling sull’alpe

3 Alpe Raguta La pista di ghiaccio naturale sull’alpe Raguta nei Grigioni, a 1950 m s.l.m. invita ad una partita di curling con vista spettacolare. alpraguta.ch

Nelle profondità del ghiacciaio

4 Zinal La ciaspolata per arrivare alla bocca del ghiacciaio è lunga, ma vale la pena. La grotta nello Zinal con le sue opalescenze bluastre è bella da togliere il fiato. valdanniviers.ch

Palazzi di ghiaccio

7) PESCA LAGO OESCHINEN: FELIX MAURHOFER 8) OLYMPIA BOBRUN: FILIP ZUAN COPYRIGHT ENGADIN ST. MORITZ TOURISMUS 9) CURLING: ALPINES SPORTZENTRUM MÜRREN

5 Lago Nero Dal 14 dicembre grandi e piccini rimarranno di

7

nuovo incantati dal mondo fiabesco sulla via per il Lago Nero, costeggiata di sculture di ghiaccio, fra cui caverne e palazzi visitabili. schwarzsee.ch

Pattinare nel bosco

6 Valle dell’Albula D’inverno il sentiero tra Alvaneu Bad e Surava si trasforma in un percorso ghiacciato lungo 3 chilometri. La skateline regala un divertimento senza fine. skateline.ch

Pesca su ghiaccio

7 Lago di Oeschinen Per pescatori per passione non c’è freddo che tenga. Nella suggestiva cornice del Lago di Oeschinen si dimenticano le temperatura anche più artiche. Dall’1 gennaio.

Meraviglie di neve e ghiaccio D’inverno gli amanti delle attività all’aperto hanno l’imbarazzo della scelta fra curling in quota, escursioni con le racchette nelle viscere del ghiacciaio o pesca su laghi gelati. TESTO JULIANE LUTZ

oeschinensee.ch

Corsa in taxi bob

8 St. Moritz Anche i turisti possono sfrecciare a tutta velocità nel canale di ghiaccio naturale della pista olimpica di St. Moritz-Celerina, stretti fra pilota e frenatore. olympia-bobrun.ch

Curling all’aperto

9 Mürren Nove campi outdoor invitano ad una partita di curling ai piedi della triade di Eiger, Mönch e Jungfrau. muerren.swiss

9

8 dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

21


Oro bianco contro la morsa del gelo sulle strade Malgrado le critiche ambientaliste in tempi di riscaldamento globale, il sale usato per sghiacciare le strade non ha i giorni contati, anzi. Infatti i servizi di manutenzione invernale non accennano a tagliare gli stock, in mancanza pure di alternative. TESTO JÉRÔME LATHION | FOTO SALINES SUISSES

S

econdo icole Riethm ller, responsabile comunicazione delle Salines Suisses SA con sede a Pratteln (BL), il rifornimento di sale antigelo è garantito fino alla fine del secolo. L’azienda sta prospettando nuovi giacimenti, ultimamente soprattutto nel Giura, per completare la mappa svizzera del sale ed assicurarne nel lunghissimo periodo l’approvvigionamento. Per il momento questo è affidato alle due saline di Riburg Rheinfelden (AG) e Be ( ). Le cifre: la produzione annuale di sale antigelo ammonta mediamente a 200 000 tonnellate, provenienti quasi integralmente dalla Svizzera tedesca (190 000 tonnellate circa, ovvero il 95%).

Pari trattamento Proprietari di «Salines suisses SA», i cantoni hanno la sicurezza di essere riforniti, specie in estate, al prezzo unitario di 200 franchi circa per tonnellata, consegna inclusa. Gli enti operano soprattutto per conto dell’ fficio federale delle strade ( STRA), che è il principale cliente delle 11 unità sul territorio incaricate 22 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

della manutenzione delle strade nazionali. Con un volume annuo che varia fra 9000 e 12 000 tonnellate, il Canton aud è il maggiore consumatore in Svizzera. «I depositi di antighiaccio pi grandi si trovano nei 4 centri autostradali di Bursins, Lausanne La Bl cherette, Rennaz e verdon les Bains» afferma Eric Simond, aggiunto del capodivisione Manutenzione della irezione generale della mobilità e delle strade ( GMR). «Con il sale immagazzinato riforniamo anche le strade cantonali confinanti mediante trasportatori convenzionati. Altri 21 sili con capienza fra 200 e 400 tonnellate completano la rete al servizio delle strade cantonali». Altrettanto affamato di sale antigelo, il allese è preparato ad ogni eventualità: «Stock di 1000 fino a 1800 tonnellate sono allineati al Sempione e lungo il tratto dell’A9 a Briga, Sierre, Sion e Charrat. A tali riserve si aggiungono 10 depositi contenenti fra le 25 e le 150 tonnellate» precisa G rald Glasse , responsabile amministrativo della sezione Logistica del Servizio della mobilità vallesano.

Rifornimento sostenibile «Salines Suisses SA si impegna a fornire la preziosa merce in maniera rapida e il pi ecologicamente possibile. I trasporti sono complementari, ossia avvengono su rotaia e con autocarri» puntualizza icole Riethm ller, interrogata in merito alle modalità distributive. ella primavera 2014 il Canton aud, posto fine al suo monopolio sulle Saline di Be , ne ha deciso la fusione con le Saline del Reno. Incorporato nelle Salines Suisses SA, il sito di Be è stato riconvertito per la produzione massiccia di sale da cucina e ellness. E l’antighiaccio per il mercato locale Secondo la responsabile, le miniere di sale delle Alpi vodesi non sono in grado di apportare quantitativi sufficienti. «La parte del leone del sale da disgelo impiegato nella Romandia proviene da Riburg», dichiara icole Riethm ller. A quanto pare, l’attuale dibattito sull’emergenza clima non ha finora avuto ricadute sui consumi di antigelo. «Gli ultimi anni hanno dimostrato che i consumi rimangono costanti, la popolazione è abituata a strade praticabili e sgomberate dalla neve, in ogni momento», spiega icole Riethm ller, ricordando che in passato il servizio di disgelo veniva sospeso su certe strade fra le ore 22 e l’alba. essuna flessione vistosa neppure nel aud: «Sebbene ogni anno le condizioni meteo variino, i consumi restano stabili. Sono so-


DOSSIER

UN PRODOTTO ALTAMENTE COMPETITIVO L’importazione di sale è un’opzione da preferire all’autoproduzione? Nel 2018 l’azienda Salines Suisses SA ha incaricato la società di consulenza specializzata Carbotech AG di Basilea di effettuare uno studio approfondito al riguardo. I risultati, pubblicati lo scorso gennaio, sono incontrovertibili. Il sale prodotto in Svizzera con energia idraulica ha il minor impatto sull’ambiente. E ciò per una serie di ragioni, in primis: 1. I vantaggi derivanti da metodi eventualmente più ecologici e meno energivori all’estero vengono vanificati dal trasporto del prodotto finale, sia su strada che via nave. 2. Il sale marino è più umido e quindi meno scorrevole e può gelare in caso di calo di temperatura. L’importazione di sale marino presupporrebbe inoltre la costruzione di nuovi depositi in tutta la Svizzera. 3. Il sale marino e il salgemma prodotti all’estero presentano una maggiore granulometria. Occorrerebbe quindi adeguare le apparecchiature di spargimento, con costi ingenti. 4. Questo tipo di sale agisce dopo un’ora dallo spargimento, allorché il sale di produzione indigena presenta una buona efficacia già dopo pochi minuti. 5. Sale marino e salgemma contengono silicato e solfato di calcio insolubili in acqua. Sono sostanze dannose per l’ambiente e che comportano rischi per la salute sotto forma di polveri fini. Una sintesi dei risultati dello studio realizzato da Carbotech AG (in tedesco) può essere consultata online al sito salz.ch/oekobilanz-kurz

prattutto gli scarti di temperatura esigui intorno allo zero a favorire il gelo disgelo, determinanti per l’attivazione del servizio invernale sulle strade», illustra Eric Simond.

Sostituti inconcludenti Il sale antigelo è di comprovata efficacia ma non privo d’inconvenienti: s’infiltra nel suolo, corrode la carrozzeria dei veicoli, compromette le infrastrutture ed aggredisce le zampe dei nostri amici quadrupedi. Eppure nessuno degli altri prodotti sperimentati finora ha convinto i responsabili della manutenzione stradale interpellati. La ghiaia «Si disperde nella canalizzazione ed è pi nociva per l’ambiente» dichiara Eric Simond. Il cloruro di calcio « na soluzione poco ecologica» taglia corto G rald Glasse . E cosa pensa dello zucchero, idea originaria del Canada, testato tempo fa alle nostre latitudini per mantenere agibili le strade d’inverno,

Montagne di sale Riburg (AG) copre la quasi totalità del bisogno di antigelo della Svizzera.

peraltro con risultati poco soddisfacenti «Il rifornimento in grande stile non è possibile per l’elevato costo di produzione della materia prima. Inoltre adottando questa alternativa, si renderebbe necessario cambiare gli impianti esistenti» esclude il nostro interlocutore vallesano. Piuttosto puntare su macchinari moderni come spargitrici che consentono l’uso di una qualità di sale pi fine. Conclude con una riflessione storico economica: «Con il sale siamo passati dalla povertà alla ricchezza » Tant’è vero che l’etimologia di salario e sale è la stessa: derivano entrambi dal latino salarium, ovvero razione di sale. ◆ dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

23


DOSSIER

Preferiscono la neve al bagnato Se le gomme invernali sono la regola sulle automobili, non è la stessa cosa per gli scooter. Un test del TCS mette in luce il dilemma al quale sottostanno gli scooteristi. REDAZIONE MARC-OLIVIER HERREN | FOTO TCS | TEST RETO BLÄTTLER

C

ircolare con lo scooter sulle strade invernali non è esente da pericoli. Tanto la pioggia quanto la neve esigono dagli scooteristi un’attenzione raddoppiata e il rischio di cadute è notevole. In tali condizioni, i conducenti devono forzatamente optare per gomme invernali? Questo test comparativo del TCS fornisce una risposta ricca di sfumature. La prova è stata realizzata con due scooter 125 identici (Yamaha N-Max). Uno era dotato di gomme estive standard (Dunlop ScootSmart), l’altro di gomme invernali (IRC Urban Master Snow Evo) con la menzione M+S. Quest’ultima contraddistingue le gomme invernali. Come per le auto, i pneumatici invernali per le due ruote si distinguono per una mescola di gomma tenera e battistrada scolpito con lamelle fini a garanzia di una migliore frenata e stabilità sulle strade innevate. Come dimostrano i grafici qui sotto, le gomme invernali non hanno brillato durante i test di frenata su strada asciutta o bagnata effettuati ad una temperatura di 5 gradi. Nella prova su fondo asciutto a 100 km/h lo

scooter con pneumatici invernali viaggiava ad esempio ancora a 49 km/h quando il suo concorrente estivo si era già arrestato. Per fermarsi gli sono perciò serviti 13 m supplementari. La tendenza si è invertita sulla neve. Nella frenata a 40 km/h, lo scooter con gomme estive si è arrestato 14 m dopo. Per giunta, si è rivelato molto meno a suo agio durante diverse manovre (partenza, scansamento, curva ecc.) a causa della scarsa aderenza. Tutto l’opposto dello scooter equipaggiato con ruote invernali che si è comportato egregiamente negli esercizi di scansamento grazie alla buona aderenza. Per contro, quest’ultimo ha espresso una tenuta di strada imprecisa e un comportamento instabile su strada asciutta o bagnata. Morale: le gomme invernali sono indicate soprattutto per gli scooteristi che circolano spesso su carreggiata innevata. In tal caso diventano un atout indispensabile in materia di sicurezza che giustifica l’investimento – circa 100 fr. secondo un sondaggio del TCS – che copre i costi di montaggio dei pneumatici invernali. ◆

GUIDARE LO SCOOTER IN TUTTA SICUREZZA Giocare d’anticipo. Valutare le intenzioni degli altri utenti della strada. ■ Inserire per tempo la freccia quando occorre svoltare. ■ Dimostrare prudenza, in particolare con condizioni meteo avverse. ■ Adottare un equipaggiamento ben visibile e assicurarsi di essere visti dagli altri utenti della strada. ■ Preferire gli scooter equipaggiati di un impianto di frenata antibloccaggio (ABS). ■ ■

Efficaci sulla neve, gli invernali sono in difficoltà su fondo bagnato o asciutto.

Frenata su asciutto 100–0 km/h gomme estive

Frenata su bagnato 80–0 km/h

43 m

gomme estive

49 km/h

10

20

30

27 m

gomme estive

40 km/h 56 m

gomme invernali 0m

Frenata su neve 40–0 km/h

40

50

24 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

60

0m 5

10

15

20

28 km/h 36 m

gomme invernali 25

30 m

30

35

invernali 16 m 40

0m 5

10

15

20

25

30

35


Publireportage: In forma al volante con più di 70 anni

IN FORMA AL VOLANTE CON PIÙ DI 70 ANNI Guidate un’auto e avete più di 70 anni? Rallegratevi: da quest’anno la visita medica periodica per i conducenti è obbligatoria soltanto a partire dai 75 anni. Finora il limite era di 70 anni. Per essere bene in forma e guidare un’auto in modo sicuro fino a quel controllo, è importante che vi assumiate le vostre responsabilità nella circolazione stradale. In questo vi aiuta la campagna di prevenzione Routinier 70+ con consigli utili, esercizi, autocontrolli e uno stand fieristico interattivo.

Allenamento live allo stand fieristico Fateci visita in una fiera – l’allenamento live è piacevole e aumenta la vostra sicurezza sulla strada. Allo stand potete mettere alla prova in modo interattivo la vostra attenzione e le vostre nozioni nella circolazione stradale. Il simulatore di guida è l’ideale per controllare percezione e reazioni. Provatelo in una fiera nelle vostre vicinanze. Potete apprendere le date delle fiere nel sito www.routinier70plus.ch o telefonando allo 031 328 31 33.

continua durante tutta la vita. È importante, perché il traffico stradale diventa sempre più fitto e i segnali e le leggi cambiano. Potete fare molto per essere in forma al volante Andare in montagna per un’escursione, visitare gli amici o fare la spesa – l’auto vi rende indipendenti anche se avete più di 70 anni e vi garantisce una qualità di vita elevata. Perciò vale la pena di fare attivamente qualcosa a questo riguardo. Nella terza età l’acuità visiva e l’udito calano. Anche le capacità motorie diminuiscono lentamente. Inoltre la capacità di reazione rallenta. Sono tutti fattori importanti per guidare un’auto. Però per fortuna ci sono molte contromisure da prendere per continuare a guidare l’auto in modo sicuro. Allenatevi con www.routinier70plus.ch La campagna Routinier 70+ vi offre un aiuto eccellente. È focalizzata sui conducenti come voi, che hanno compiuto 70 anni. Vi insegna in modo semplice e comprensibile con quali esercizi e test di autocontrollo potete mantenervi in forma al volante, allenare il corpo e la mente e rinfrescare le vostre nozioni teoriche. Pertanto Routinier 70+ offre un contributo importante affinché restiate mobili in tutta sicurezza. Che ne dite di iniziare subito con l’allenamento? – Ne vale sicuramente la pena!

Gli obiettivi di Routinier 70+ La campagna vi aiuta con delicatezza ad assumervi la vostra responsabilità personale nella circolazione stradale. Inoltre Routinier 70+ vi informa sui rischi della circolazione stradale e le alternative della mobilità. Ma grazie a esercizi e test semplici la campagna vi motiva soprattutto a diventare subito attivi, in modo da poter guardare con fiducia all’esame medico a 75 anni. Buon divertimento! Tutte le informazioni su: www.routinier70plus.ch outinier70plus.ch

ORA ORDINA 2011

Che grazie allo stato di salute sempre migliore dei settantenni il limite per la visita medica per i conducenti sia stato innalzato di 5 anni è un fatto positivo. Congratulazioni! Però questo significa simultaneamente che adesso avete la responsabilità di mantenervi in forma per la guida fino alla visita medica a 75 anni. Ne vale anche la pena se fate qualche gita in auto con i vostri nipotini. Quanto meglio guidate, tanto maggiore la sicurezza con cui circolate e tanto più bella diventa la giornata passata insieme. La guida sicura si basa su un apprendimento e una formazione

!

GRATIS

Vi prego di inviarmi materiale informativo supplementare: ____ es. Autovalutazione della capacità di guida (Art.-Nr. 100I) ____ es. Opuscolo Routinier 70+ (Art.-Nr. 300I) Ritagliare il tagliando e inviarlo a: Campagna Routinier 70+ Casella postale CH-3000 Berna 13 Nome e cognome

Via/n.

NPA/località


sponsored by

Gioca e vinci con il TCS! THE NEW MAGIC SHOW

orteggia s G N I R TOU Tickets 3×2 VIP , rothers» B h c i l r h per «E io 2020, a n n e g 2 1 dion Hallensta Zurigo azione: i partecip d e in m r Te io 2020 10 genna

Ogni mese nuove possibilità di vincita online www.touring.ch/play-and-win


MOBILITÀ

Peter Goetschi, il presidente centrale del TCS s’impegna per la libera scelta del mezzo di trasporto.

«Non vogliamo una società a due velocità» Le elezioni 2019 hanno portato a Berna l’onda verde salita dalle piazze. A colloquio con Peter Goetschi, presidente centrale del TCS, che anticipa le conseguenze che potrebbero derivarne nel settore della mobilità. → INTERVISTA DINO NODARI | FOTO EMANUEL FREUDIGER

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

27


MOBILITÀ

Q

uali ricadute sulla mobilità avrà il voto verde per la nuova legislatura?

Peter Goetschi: Innanzitutto va ricordato che non è stato solo un trionfo dei verdi, bensì anche dei giovani e delle donne. Le urne hanno mandato un segnale chiaro alla politica: il popolo svizzero vuole un’azione a favore dell’ambiente. Tocca ora agli eletti rispondere a queste attese con misure concrete. Staremo a vedere se il popolo svizzero è davvero pronto a muoversi in questa direzione.

Qual è il ruolo che il TCS assumerà in questo contesto?

che salveremo il clima. Piuttosto dobbiamo discutere delle possibilità fattibili di promuovere l’elettromobilità, ad esempio co-finanziando stazioni di ricarica multiutente, prevedendo agevolazioni fiscali per i veicoli commerciali elettrici, installando colonnine di ricarica sui parcheggi «Park & Ride» e via dicendo. Naturalmente questi sostegni vanno soppressi man mano che si raggiungerà una buona penetrazione sul mercato. E dobbiamo restare aperti agli ulteriori sviluppi della tecnologia. È favorevole ad incentivi per l’acquisto di auto elettriche?

Secondo un’indagine svolta dal TCS i Da decenni il TCS s’impegna per un utimaggiori ostacoli all’acquisto di un veilizzo ragionevole delle colo elettrico sono il prezzo, risorse naturali e sol’insicurezza circa l’autonostiene dichiaratamente mia e la mancanza di una cagli ambiziosi obiettivi pillare rete di ricarica. A dell’Accordo di Parigi sul prima vista, ciò sembrerebbe clima. È tuttavia imporgiustificare l’introduzione di tante trovare delle solupremi per auto elettriche. Epzioni equilibrate e glopure sono scettico per quanto bali. Si deve evitare un riguarda questo tipo di stirincaro sproporzionato e moli, in quanto penso che «Da decenni unilaterale della mobil’effetto sarebbe tutt’al più lolità. Ci opponiamo deci- il TCS s’impegna cale. La questione va affronsamente a che venga a tata in una prospettiva gloper un utilizzo crearsi una società a due bale. È assurdo spingere sulle ragionevole velocità, divisa fra chi auto elettriche in Svizzera delle risorse può muoversi a piacimediante premi ed incentivi, mento e chi non può più naturali» esportando poi in Africa le permetterselo. Peter Goetschi, vecchie vetture a benzina e presidente centrale del TCS diesel. I gas serra non conoCosa farà il TCS per scono bandiere né frontiere. permettere a tutti di rimanere mobili?

Il TCS s’impegna per la libera scelta del mezzo di trasporto e affinché la mobilità individuale non venga limitata. In tal senso è primordiale adottare misure trasparenti e a lungo termine. Ad esempio, occorre quantificare il prezzo di ogni misura proposta dalla Legge sul CO2. La gente deve conoscerne i costi effettivi. Potremo farci un’idea delle conseguenze economiche sociali soltanto in base ad un quadro preciso della situazione. Nel numero 10 della nostra rivista l’esponente dei Verdi parlava già di mettere al bando, a partire dal 2025, i classici motori a combustione. Quanto è realistica questa loro rivendicazione?

È una proposta lontana da ogni realtà, e d’altronde segue un approccio sbagliato. Non è certo con divieti e sogni illusori 28 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

Allora come incoraggiare l’acquisto di auto pulite?

Dobbiamo combattere i timori di rimanere a corto di batteria. Il miglior modo per dissipare le reticenze è dunque l’informazione e la prova dal vivo. Anch’io sono passato ad un’automobile elettrica qualche mese fa e ne sono semplicemente entusiasta. Non solamente per il piacere di guida che mi regala, ma anche perché in brevissimo tempo ho superato completamente le riserve che nutrivo riguardo all’autonomia. Certo, ci si deve organizzare un po’ ed essere più previdenti, ma i chilometri percorribili con gli attuali motori elettrici bastano ampiamente per l’uso quotidiano in Svizzera. E per quanto concerne l’infrastruttura ritengo importante promuovere la diffusione di stazioni al domicilio e al posto di lavoro, in quanto soltanto il 5% delle ricariche avviene in viaggio.

Verdi e verdi liberali intendono ridurre e spostare il traffico sulla falsariga delle metropoli europee più avanti in questo campo. Quanto valgono tali ricette?

È ovvio che dobbiamo ripensare la mobilità urbana data la ristrettezza di spazio e la crescente densità di veicoli. Vi sono alcuni modelli sperimentati con successo all’estero, ma che non sempre si lasciano copiare «tel quel» altrove. Inoltre, non possiamo adottare una ripartizione modale fissa. Per funzionare davvero, la mobilità deve integrare tutti i mezzi di trasporto e l’accesso alle città deve essere agevolato a tutti gli utenti. Ciò presuppone, oltre ad un’efficiente infrastruttura ferroviaria e stradale, una gestione intelligente dei flussi e aree di sosta, parcheggi d’interscambio e trasporti pubblici attraenti e flessibili, che rispondano alle esigenze e desideri dei passeggeri. Nei centri urbani lo spazio disponibile è sempre più conteso. L’auto finirà per essere espulsa dalle nostre città?

L’auto non deve essere demonizzata. Ha la sua ragione di esistere anche nelle zone urbane. E come detto poc’anzi, il TCS si impegna per la libera scelta del mezzo di trasporto e si oppone a restrizioni della mobilità individuale. Invece di divieti sono necessarie offerte e soluzioni attrattive, quali ad esempio l’interconnessione dei vari mezzi di trasporto. Nei quartieri poi anche la condivisione dell’auto può essere un’opzione valida. L’elettrificazione e l’automazione dei veicoli richiedono infrastrutture in parte identiche e in parte diverse da quelle usate dalle automobili convenzionali. L’infrastruttura esistente è preparata a questi cambiamenti?

Non ancora. I veicoli elettrici hanno bisogno di una rete di ricarica elettrica adeguata. La guida autonoma s’appoggia poi alla rete radio mobile che va potenziata, oltre che ad una segnaletica stradale unificata. L’attuale arredo stradale con i suoi elementi colorati e talora fantasiosi potrebbe d’altronde porre un grosso ostacolo all’automazione, non essendo riconoscibile dai moderni sistemi di bordo delle automobili connesse. Dato che la realizzazione degli interventi strutturali durerà, la politica è chiamata ad operare con lungimiranza, ponendo i paletti e le linee direttrici op-


IL CONSULENTE portune ma senza limitare l’evoluzione futura. L’apparizione di nuovi tipi di veicoli e forme di mobilità mette a dura prova la coesistenza sulle strade già adesso affollate. C’è rimedio a questa problematica?

In effetti è una grossa sfida. egli ultimi anni, nelle città abbiamo assistito ad una proliferazione delle zone d’incontro, allestite nell’intento di porre un freno al traffico automobilistico. Sono così venute a crearsi grandi superficie a traffico misto. Secondo me bisogna regolare quanto prima le precedenze e chiarire quali utenti sono autorizzati a circolare sui diversi tratti, a quali condizioni e con quali mezzi. Quale sarà il ruolo della due ruote nelle città ed agglomerazioni?

La bici svolge un ruolo vieppi importante nel tempo libero e per spostarsi in città e nelle agglomerazioni, non da ultimo sulla scia del successo registrato dalle e bike. Per il futuro sviluppo sarà importante aumentare la sicurezza per i ciclisti nei contesti urbani. Ad essere sincero ho l’impressione che le amministrazioni tendano ad usare i ciclisti a fini di moderazione del traffico, quasi fossero dei «rallentatori», piuttosto che offrire loro piste attrezzate e sicure, svincolate dal resto della circolazione. Quale ruolo avrà la sharing economy in avvenire?

ell’ambito della mobilità, l’economia della condivisione va a braccetto con l’interconnettività, l’automatizzazione e l’elettrificazione. Secondo me offre un potenziale da non sottovalutare. In particolare nelle città ed agglomerazioni lo spazio limitato favorirà varianti interessanti dello sharing, dall’auto condivisa da pochi (ad esempio dagli abitanti dello stesso immobile) alla flotta veicoli a noleggi di molti, per fare qualche esempio. Comunque anche questi modelli non possono essere semplicemente prescritti, ma devono essere utilizzati, cioè accettati da chi se ne serve. Finirà per affermarsi il modello che godrà dei consensi degli utenti. A titolo personale, a cosa crede che somiglierà la mobilità fra dieci anni?

Pi automatizzata ma non quanto prospettato da molti, multimodale, notevolmente pi rispettosa dell’ambiente e anche pi sicura. ◆

Abbasso il fracasso, motociclista alla gogna Il rombo dei motori è un suono divino per gli uni e un frastuono insopportabile per gli altri. La legge è però chiara al riguardo: è vietato causare inutilmente rumore, soprattutto se lo si può evitare. TESTO URS-PETER INDERBITZIN

P

er molti conducenti – di motociclette oppure di autovetture sportive – il piacere di guida tocca il culmine quando il motore dà sfoggio di potenza, emettendo il suo canto stridulo o roboante. C’è chi si diverte proprio a mettersi in mostra facendo ruggire il motore, incurante del disturbo e degli effetti nocivi per la salute arrecati agli altri.

La normativa è tuttavia esplicita. L’articolo 42 cpv. 1 della Legge sulla circolazione stradale statuisce il divieto di molestie. Il conducente deve astenersi dal cagionare agli utenti della strada e ai vicini qualsiasi molestia evitabile, in particolare rumore. on deve quindi dar inutilmente fastidio specie nei quartieri abitati, nei luoghi di riposo e di notte. È segnatamente vietato far girare il motore a regime elevato, a vuoto o nelle marce basse. «Il divieto di molestie non si applica indiscriminatamente, ma riguarda solo quelle molestie che il conducente pu evitare», ha messo in chiaro il Tribunale federale 11 anni fa.

La strada non è una pista da corsa La corte suprema in una recente sentenza (6B 1112 2018 del 25.9.2019) si è mostrata inclemente nei confronti del motociclista incappato in un controllo stradale il 16 giugno 201 tra le 18.20 e le 19.05 mentre attraversava ripetute volte il «Boo ald», nel comune di Murgenthal, in sella alla sua Ka asaki in a 6R. uesto tratto stradale del Canton Argovia pieno di tornanti tra Rogg il e ordemald è molto amato dai patiti della due ruote per le

atmosfere corsaiole che evoca. Per sfortuna del centauro, quella sera c’è la polizia cantonale ad aspettarlo al varco, che verbalizzerà forti immissioni foniche. ovrà rispondere di molestie provocate dalla guida a regime elevato nelle basse marce.

Rumore evitabile La giustizia argoviese lo riconosce colpevole di molteplici infrazioni delle norme della circolazione – giri inutili del motore e rumore evitabile dovuto a guida con marce basse ad alto regime – e lo condanna ad una pena pecuniaria di 300 franchi. Il motociclista contesta la sanzione. avanti al Tribunale federale argomenta che il tratto incriminato non si trova in un quartiere abitato oppure in un luogo di riposo. Ci premesso, percorrendolo su e gi non avrebbe dunque dato fastidio ad altri utenti della strada n spaventato gli animali della foresta. Contrariamente a quanto opinato dal ricorrente, per la corte suprema il «Boo ald» è da considerarsi come zona di riposo, senza aver bisogno di essere segnalata specificamente come tale. La recente sentenza dà per assodato che il motociclista lo ha percorso pi volte ad intervalli ravvicinati, a regimi elevati e nelle marce basse. onde la conferma della multa. ◆

URS-PETER INDERBITZIN consulente giuridico dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

29


Pian piano, l’elettromobilità sta prendendo piede anche in Svizzera. Ma la strada verso una mobilità senza emissioni – almeno a livello locale – è ancora lunga. Come dimostra un sondaggio commissionato dal TCS. TESTO DINO NODARI

L

a mobilità elettrica è in forte crescita. Il livello generale è ancora basso, ma le cifre di vendita aumentano in modo considerevole. Ad esempio, in ottobre la quota di mercato ha raggiunto il 13,5 percento, come comunica l’Associazione svizzera degli importatori d’automobili (Auto-Svizzera). Ossia un 11,8 percento di tutte le nuove autovetture, se si calcola dall’inizio dell’anno. Attualmente, tutti questi tipi di alimentazione hanno raggiunto come minimo lo stesso

livello dell’anno precedente, e in alcuni casi lo hanno abbondantemente superato. Il numero di nuove auto a gas è aumentato del 37 percento, quello di ibride-benzina del 39,3 percento, le vetture elettriche sono aumentate del 145,5 percento e le ibridediesel addirittura del 439,5 percento.

VW elettrica Ed anche l’industria automobilistica è in una fase di svolta. Di recente, la prima VW ID.3 è uscita dalla catena di mon-

30 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

taggio di Zwickau, in Germania. Si tratta della prima fabbrica del gruppo Volkswagen convertita completamente all’elettromobilità, con investimenti per 1,2 miliardi di euro. Se andrà come previsto, il prossimo anno dovrebbero uscire dalla catena di montaggio circa 100 000 autovetture elettriche e l’anno successivo potrebbero essere già 330 000.

Oggi e domani Le condizioni sono ideali per un nuovo mercato. Ma cosa

ne pensa lo svizzero medio? Per quanto riguarda le loro abitudini di mobilità, i cittadini elvetici mostrano di essere in bilico tra desiderio e realtà, come dimostra un sondaggio dell’Istituto Gfs di Berna commissionato dal TCS. Alla domanda su quali forme di mobilità vorrebbero utilizzare di più nei prossimi anni, le auto elettriche sono state le più citate. Vorrebbero, invece, utilizzare con meno frequenza le auto tradizionali a benzina e diesel o gli aeroplani. Tuttavia, le cifre reali e uno sguardo a strade e aeroporti mostrano un’immagine diversa. Il mezzo di spostamento più utilizzato nella quotidianità è l’auto convenzionale, seguita dai trasporti pubblici. Soltanto per il tre

KEYSTONE

Tra desiderio e realtà


MOBILITÀ percento degli svizzeri l’auto elettrica è il principale mezzo di trasporto. Il cinque percento degli interpellati afferma di possedere una e auto, mentre il due percento ha una ibrida plug in con presa di corrente.

Grande interesse

Zwickau La VW ID.3 durante la presentazione in fabbrica.

no sguardo al futuro mostra che il potenziale dell’elettromobilità è grande. Il 41 percento degli interpellati intende usare di pi le vetture elettriche nei prossimi anni. Per contro, circa un terzo afferma di non prendere in considerazione l’elettromobilità. In generale, gli interpellati si sentono informati sull’argomento. Comunque malgrado emerga un’esigenza di informazione pi specifica, al momento altri servizi sono ritenuti sicuramente pi utili. Particolarmente preziosi sono ritenuti i servizi riguardanti le stazioni di ricarica: ad esempio sarebbero molto apprezzate una fitta rete di distributori elettrici, le app di localizzazione delle stazioni di ricarica, le stazioni di ricarica veloce oppure le unità di ricarica a domicilio o sul posto di lavoro.

Incentivi e ostacoli alle risposte emerge chiaramente che le automobili elettriche possono salvaguardare l’ambiente. Il motivo di gran lunga pi citato per l’acquisto di un’auto elettrica è il clima o la riduzione delle emissioni di C 2. La fiducia nel futuro delle autovetture elettriche è intatta e la riduzione del rumore è il terzo motivo a favore dell’acquisto di una vettura elettrica, solamente dopo arrivano le considerazioni finanziarie.

Costi iniziali Tuttavia, il campo delle ragioni che parlano contro l’acquisto di un’automobile elettrica è pi vasto di quello delle ragioni a favore. Tra i motivi pi citati vi sono i costi iniziali. Al secondo posto segue la scarsa densità di stazioni di ricarica e in terza posizione la bassa autonomia dei veicoli. iene inoltre menzionata la scarsa flessibilità e la mancanza di prove dell’impatto positivo sull’ambiente. I risultati si basano su un sondaggio a livello nazionale condotto tra 1001 svizzeri di entrambi i sessi e di almeno 18 anni di età. ◆

Comportamento in materia di mobilità personale nei prossimi anni abitanti da 18 anni in percentuale

16

22

11

25

8

36

auto elettriche (elettriche pure, ibride plug-in ecc.) «Per quanto concerne il suo comportamento personale in materia di mobilità, come vorrebbe muoversi nei prossimi anni? Quale mezzo di trasporto vorrebbe usare di più o di meno rispetto a oggi?»

8

14

21

21

5

49

bici elettriche 15

15

5

32

10

50

condivisione auto 3

9

10

21

65

10

micro mobilità (ad es. monopattini elettrici) 23

36

25

21

12

1

auto tradizionali (benzina, diesel o gas naturale) 13

39

19

17

18

3

aeroplani

Fonte: gfs.bern, barometro TCS elettromobilità, ottobre 2019 (n = 1001)

◾ ◾ ◾ ◾

usarli nettamente di più usarli di più usarli come oggi usarli di meno

◾ usarli nettamente di meno ◾ non uso questi mezzi di locomozione già oggi ◾ non lo sa/nessuna risposta

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

31


Sorvolare le cime con l’aereo elettrico Marco Buholzer sarà probabilmente il primo istruttore a formare piloti privati di aerei elettrici in Svizzera. Il Pipistrel Alpha è stazionato a Schänis e si appoggerà presto anche ad altre basi, da dove eseguirà voli ad emissioni zero. REPORTAGE FELIX MAURHOFER

I

l cielo sopra Schänis è coperto e le nuvole si specchiano nelle pozzanghere sulla pista del piccolo aerodromo. Davanti all’hangar di legno dove sono appesi numerosi alianti è parcheggiato un aereo ultraleggero ad elica a 2 posti. È lì che troviamo Marco Buholzer intento a preparare il Pipistrel Alpha Electro, che prenderemo insieme. Possiede diverse licenze di volo, dal maestro di volo IFR al brevetto di pilota di aliante nonché di aerei di linea. «Anche se si è assolto lo stesso tratto centinaia di volte, ogni volta è come se fosse la prima volta, perché l’aria, la luce, la meteo cambia costantemente» spiega così la sua passione per il volo. Oltre al lato estetico, anche la tecnologia continua ad affascinarlo. E siccome oggi volare suscita critiche e polemiche per i noti risvolti ambientali, il settore si apre alle propulsioni alternative. «L’elettrificazione garantisce un futuro ai voli motorizzati e ben venga l’opportunità di addestrare le nuove leve senza inquinare».

Il cielo si tinge di verde Saliamo in cabina che si rivela più spaziosa di come me l’ero immaginata, mentre il cockpit è dotato di una strumentazione modernissima. Marco Buholzer prende i comandi e dirige il Pipistrel alla soglia della pista, quindi spinge in avanti la manetta. Rulliamo appena qualche metro ed ecco che l’aereo si solleva rapidamente e silenzioso in aria. La potenza fornita all’elica dal motore elettrico da 60 kW che gestisce senza problemi i 550 kg del due posti sperimentale è impressionante. Il pilota riduce la spinta e fa rotta sul Walensee. Siamo a bordo di un velivolo motorizzato e tutto ciò che si sente è il fruscio del vento, niente odore di car32 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

burante e niente vibrazioni. Sarà questo il futuro dell’aviazione? Voli motorizzati ma ad impatto zero? Buholzer ne è convinto: «Questo tipo di aereo è particolarmente adatto alle scuole di volo perché ci permette di fare numerosi decolli e atterraggi su piste corte, senza il disturbo da rumore» afferma. Al termine dell’iter di certificazione ufficiale, durato cinque anni, ai primi del 2020 il costruttore sloveno potrà consegnare a Schänis due modelli di serie regolarmente immatricolati. Buholzer collabora con l’importatore svizzero Marc B. Corpataux e il fabbricante per promuovere i voli elettrici in tutta la Svizzera. Il progetto è all’esame delle autorità che hanno garantito il loro sostegno finanziario. Si prevede di mettere in servizio una decina di aerei elettrici nel nostro paese.

Elettricità prodotta in casa Nel frattempo stiamo sorvolando Glarona in direzione Klöntalersee lungo il fianco del Glärnisch. Cosa penseranno i camosci vedendo apparire l’aereo elettrico come fosse un’aquila veleggiante ad ali spiegate? Nonostante qualche turbolenza, il velivolo che costa sui 200 mila franchi procede tranquillo grazie, non da ultimo, alla rodata esperienza del mio pilota che ha al proprio attivo oltre 4500 ore di volo. Al di là dei finestrini sfilano le Alpi Glaronesi e pascoli verdi fra ripide rocce e campi solcati spogli. Buholzer mi racconta l’uscita più bella fatta finora con l’Alpha Electric: il volo a quota 3500 metri sull’Hüfifirn fino al rifugio Planura. È in quel momento, gustato senza alcun rimorso di coscienza, che si rende conto che il progetto vale ogni centesimo che ci ha investito. E che conti-

nuerà ad investirci. Buholzer, titolare di un’azienda di elettronica, pensa infatti in grande: «Porremo dei pannelli solari sul tetto dell’hangar per produrre l’elettricità necessaria alle strutture a terra come pure al funzionamento degli aerei. Vogliamo volare solo con energia rinnovabile auto generata».

Costi ridotti Sotto di noi scorrono le pareti del Bockmattli irte come grandi tavole di calcare. Iniziamo la discesa su Schänis. A seconda delle condizioni il pacco batteria da 20 kWh consente un’autonomia di volo di un’ora. La propulsione efficiente e le straordinarie caratteristiche aerodinamiche non finiscono di stupefare Marco Buholzer. E dire che i costi d’esercizio sono neanche la metà di quelli generati dagli aerei con motore a combustione. Nel tempo libero, il padre di due figli adulti si diverte con l’aeromodellismo, hobby che condivide con molti colleghi piloti. È da oltre trenta anni che sperimentano con prototipi elettrici e si ricorda che anche allora c’era chi li derideva come roba da fantascienza. Gli sembra di vivere un déjà-vu. Siamo già in fase di atterraggio, il pilota ha abbassato i flap e impostato la discesa. Il Pipistrel si avvicina alla pista e la tocca delicatamente per fermarsi davanti all’hangar. Buholzer annota il volo nel libro di bordo, scende ed apre il tappo sul muso del velivolo per connettere il cavo di carica. Occorrerà un’ora per fare il «pieno» prima di riprendere il volo. Buholzer è sicuro che l’aviazione elettrica si imporrà soprattutto a livello amatoriale. «Fra qualche anno, quando le batterie agli ioni di litio solidi saranno perfezionate, avremmo una capacità tripla con peso costante», prevede. Quanto ai voli per passeggeri pensa che con il tempo si affermerà il biocarburante PtL. Se queste sono ancora ipotesi, ciò che è invece certo è che fra breve offrirà voli d’addestramento a zero emissioni. ◆


MOBILITÀ

Fai da te Marco Buholzer vuole generare in casa l’energia per far volare il Pipistrel. Il pieno alla spina Sul quadro strumenti spicca l’indicatore di carica della batteria.

PIONIERI SVIZZERI DEI VELIVOLI ELETTRICI La H55 con sede a Sion, spin-off della Solar Impulse, sta sviluppando il velivolo elettrico biposto Bristell Energic. Il battesimo dell’aria si è svolto con successo nell’estate 2019. Promotore del progetto è André Borschberg, CEO di H55, pilota e co-fondatore di Solar Impulse. Il lancio sul mercato dell’addestratore è previsto per il 2021. h55.squarespace.com

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

33


TECNICA

MAZDA3 REVOLUTION 2.0 SKYACTIV-X AWD

Formula antidownsizing

inedita

E4 cilindri 2 l benzina, 180 CV W6,7 l/100 km (media del test), etichetta energia B Vautonomia: 721 km kpeso: 1585 kg (veicolo del test) P10,2 s da 0 a 100 km/h L37 590 fr. Ancora di più che per il design ricercato, la Mazda3 sale agli onori della cronaca per il suo motore a benzina con rapporto di compressione elevato. Scelta audace che vuole eternizzare i motori termici, con una certa fortuna.

Possibile consumo ridotto Rapporto prezzo/dotazione Comportamento equilibrato/sterzo Sistemi di assistenza Fari LED a matrice efficaci

TESTO MARC-OLIVIER HERREN | FOTO RAPHAEL HÜNERFAUTH

Qualità percepita e rifiniture Design sofisticato

34 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020


M Accogliente Selleria in pelle e rivestimenti a due materiali danno il tono.

Indispensabile la telecamera a 360° vista la visibilità posteriore quasi nulla. Auto da designer Lungo cofano, fari LED allungati e larghi montanti posteriori.

SCHEDA TECNICA VEICOLO PROVATO Mazda3 Revolution 2.0 Skyactiv-X AWD: 5 porte, 5 posti; 37 590 fr. (auto del test: 40 751 fr.) Gamma: dalla 2 l Skyactiv-G, 122 CV, Ambition (27 990 fr.) alla 2 l Skyactiv-X automatica Revolution Sedan, 180 CV (39 290 fr.) Opzioni: vernice metallizzata (800 fr.), selleria in cuoio elettrificata (2000 fr.), cambio automatico a 6 rap. (2000 fr.) Garanzia: 3 anni di fabbrica, 3 anni di assistenza; garanzia antiruggine: 12 anni (con condizioni) Importatore: Mazda Suisse, 1213 Petit-Lancy, mazda.ch DATI TECNICI Motore: 4 cilindri, 2 l benzina, 180 CV a 6000 giri/min, 224 Nm a 3000 giri/min; cambio manuale a 6 marce, trazione integrale. Peso: 1585 kg (auto test), tot. ammissibile 1980 kg, carico rimorchiabile 1300 kg

70%

144 cm

Motore mancante di esplosività per 180 CV; salite di giri pigre Emissioni di CO abbastanza elevate Scarsa visibilità (soprattutto dietro) Sedili posteriori claustrofobici Soglia bagagliaio complica accesso Carico utile per una 4×4 (1300 kg)

passo 273 cm lunghezza 446 cm larghezza 180 cm bagagliaio: 330–1022 litri pneumatici: 215/45R18, min. 205/60R16

entre la quasi totalità dei costruttori riducono le emissioni di C 2 grazie a motori do nsizing sovralimentati tramite turbo, Mazda sviluppa la tecnologia atmosferica. La compatta Mazda3 inaugura un propulsore a compressione elevata (16,3:1) che riprende il principio dei diesel ad autoaccensione, ma conservando l’accensione tramite scintilla dei motori a benzina. uesto 4 cilindri 2 litri Sk activ unisce la coppia pi elevata dei diesel e le salite di regime pi vivaci dei benzina. ella pratica, questa tecnologia si traduce in un consumo inferiore. Senza essere spettacolare, la media registrata nel test (6, l 100 km) è davvero onorevole per una trazione integrale come la Mazda3 A . Con il piede leggero, è possibile avvicinare i 6 l 100 km. n alternatore generatore (micro ibridazione a 24 volt) interviene a sostegno del motore termico. ella pratica, la Mazda3 beneficia di una coppia apprezzabile già a bassi regimi. on è altrettanto spontanea di un propulsore turbo, ma consente una guida morbida in città. Le riprese sono sufficientemente consistenti nei regimi intermedi – l’effetto diesel –, mentre è possibile spingersi a giri elevati – l’effetto benzina. Ci detto, le salite di giri sembrano un po’ legate rispetto ad un motore benzina classico. Sebbene disponga di 180 C teorici, questo motore Sk activ chiede di essere usato in maniera fluida al fine di approfittare al massimo della combustione con miscela povera aria benzina. Forse non sempre eccitante, ma si viene ripagati al distributore.

Dotazione pletorica Resta il fatto che questa 4a generazione è una vera Mazda3. Il telaio molto equilibrato e il cambio ludico partecipano al piacere di guida. Inoltre, la versione Revolution è dotata di una miriade di sistemi di assistenza, tra cui i fari a matrice che offrono un’illuminazione eccellente. L’allestimento interno trae beneficio da una qualità percepita valorizzante e dall’assemblaggio dei materiali con il cuoio in opzione produce un buon effetto. Se l’abitabilità è corretta, annotiamo la sensazione claustrofobica provata sul divano e una visibilità posteriore quasi nulla. Fortunatamente la telecamera di retromarcia è di serie. Come del resto tutte le comodità d’uso. ◆ dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

35


TECNICA

TCS MoBe: Herbert Meier

DINAMICA DI COMPORTAMENTO

COSTI DEI SERVIZI

Accelerazione (0–100 km/h): Elasticità: 60–100 km/h (rapporto ideale) 80–120 km/h (rapporto ideale) Diametro di sterzata: Frenata (100–0 km/h): Insonorizzazione: 60 km/h: 120 km/h:

(km/mese) ore mano d’opera (fr.)ª 15 000/12 0,9 290.– 30 000/24 1,4 382.– Manutenzione per 180 000 km: 15 000 km/anno 14,2 5214.–

10,2 s 6,6 s 7,0 s 11,8 m 34,4 m 60 dBA 69 dBA

1

1

incl. materiale

COSTI D’ESERCIZIO km/anno ct./km

fr./mese fissi variabile 15 000 71 580.– 309.– 30 000 48 580.– 620.– Tariffa oraria per il calcolo TCS: 145 fr. (UFS), agenzie Mazda: da 90 a 183 fr. CONSUMO AL BANCO DI PROVA ciclo misto (l/100 km) Fabbrica WLTP 6,2 Fabbrica NEDC 2.0 4,8 109 g/km Emissioni di CO2: Media svizzera di CO2: 137 g/km Etichetta energia (A–G): B

Soddisfacente, lo spazio per le gambe.

CONSUMO DEL TEST 6,7 l/100 km autonomia 721 km serbatoio: 48 litri ciclo normato TCS (WLTP): 5,9 l/100 km MISURAZ. EMISSIONI STRADA (TCS) n. particelle CO NO× mg/km mg/km n/km misurato 1483 24,0 9,0×1010 nota 61% 88% 95% il video del test tcs.ch/ portale-video

Ampio accesso, ma volume utile medio. Posteriore elegante Il tetto spiovente è segnato da uno spoiler.

Mazda3 Skyactiv-X in dettaglio CARROZZERIA Questa versione 5 porte si distingue per il suo lungo cofano profilato e i larghissimi montanti posteriori. Gli adulti godono di sufficiente spazio anche dietro, ma la superficie vetrata minima produce un effetto claustrofobico. Il volume del bagagliaio cubico è nella media inferiore del segmento. A sedili abbassati, offre un bello spazio di carico quasi piatto, ma un po’ intralciato dalla soglia alta. ABITACOLO La variante Revolution con selleria in cuoio offre rifinitura e qualità percepita di buon livello. La strumentazione analogica è perfettamente leggibile. Sistema multimediale tradizionale sufficientemente intuitivo a comando tattile e con ghiera. COMFORT I sedili comodi e la taratura delle sospensioni abbastanza preventiva offrono un gradevole comfort di marcia. In autostrada, i rumori di rotolamento (ruote da 18”) e il leggero brontolio del motore sono presenti, senza essere invadenti. PREZZO-PRESTAZIONI I due livelli di equipaggiamento a scelta sono ben dotati. La variante Ambition include il sistema di navigazione, il regolatore ACC e l’allerta per l’angolo morto. Davvero completa, la variante Revolution si distingue per i fari a matrice, il display head-up, la telecamera a 360°. Unico optional notorio: la selleria in cuoio. COMPORTAMENTO Questa trazione integrale esprime un comportamento equilibrato, quasi neutro. Affronta le curve senza richiedere correzioni. La guida è precisa e offre una buona risposta. Il tutto è valorizzato dal cambio a 6 marce dal comando stabile e dalle corse corte. MOTORE E TRASMISSIONE Unione tra la frugalità del diesel e le emissioni ridotte dei motori a benzina, il motore a compressione elevata (16,3:1) ha convinto per i suoi valori ridotti di NO× e particelle. La concentrazione di CO superava un po’ quella dei diesel moderni. Il tutto a scapito delle salite di giri rispetto ai benzina tradizionali. CONSUMO Buona media (6,7 l/100 km) per un’integrale di questa stazza. I 4,8 l di fabbrica nel ciclo NEDC sono irrealistici, contrariamente ai 6,2 l del ciclo WLTP. SICUREZZA La variante Revolution è dotata di tutti i sistemi di assistenza attuali. Frenata efficace. Visibilità posteriore inesistente.

36 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

CREDITS: con la gentile autorizzazione del Museo di storia di Berna. bhm.ch

CHECK-UP TCS


Contratti, clausole e postille a caratteri minuscoli:

Nessun’inquietudine grazie alla TCS Protezione giuridica privata. La TCS Protezione giuridica privata vi sostiene in caso di contenziosi legati a contratti di acquisto, locazione e lavoro (se necessario, anche in tribunale). Stipulatela e approfittate! Consulenza personale e stipula:

0800 140 000

diritto.tcs.ch


La rivoluzione luminosa si mette in marcia Con la generalizzazione dei sistemi di assistenza per i fari e la democratizzazione dei LED a matrice, l’auto vive una piccola rivoluzione. Atout innegabile per la sicurezza nella guida notturna.

I fari a matrice conferiscono maggior carattere.

TESTO MARC-OLIVIER HERREN

Q

uando si evocano i recenti progressi tecnologici compiuti dall’industria automobilistica, la scena è dominata dai sistemi di assistenza alla guida. Un po’ meno spettacolari, i progressi fatti in tema di gruppi ottici e illuminazione si propagano alla velocità della luce. Dopo l’era dello xeno, i fari diurni a diodi luminescenti (LED) hanno concretamente spianato la strada ai fari full LED che si trovano ormai di serie su numerosi modelli, e non soltanto nell’alta gamma. Tutti dispositivi ai quali gli automobilisti dovranno abituarsi.

Assistenti per le luci Questa non è certo l’innovazione più significativa, ma investe la maggior parte dei modelli. A prescindere dai tipi di fari (LED, xeno ecc.)

questo dispositivo funziona con una telecamera posta sopra il parabrezza che monitora il traffico che circola davanti all’autovettura e in senso inverso. Vantaggio del sistema: il conducente non deve più preoccuparsi di togliere le luci abbaglianti. Il trattamento dei dati tramite algoritmo si occupa automaticamente di commutare tra anabbaglianti e abbaglianti nel caso questi ultimi rischiano di accecare altri utenti della strada. In pratica, questi sistemi di assistenza garantiscono in generale buona soddisfazione. In alcuni casi, tuttavia, occorre intervenire manualmente per non abbagliare alcuni utilizzatori (camionisti, ciclisti). Succede inoltre che taluni dispositivi reagiscano lentamente. Resta il fatto che i sistemi di illuminazione automatici sono oggetto di

38 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

continui miglioramenti: basti pensare ai modelli che impediscono ai cartelli stradali di riflettere la luce in modo accecante.

Proiettori LED I fari LED sono inseriti in un corpo illuminante che Oscuramento I fari a matrice evitano di abbagliare gli altri utenti della strada.

occupa meno spazio rispetto a quelli tradizionali (xeno ecc.). Una manna per i designer che hanno così grande libertà nel piazzarli e creare così la firma luminosa di ciascuna marca. In aggiunta, la produzione su larga scala dei diodi luminescenti ha por-


TECNICA

FOTO ALD

Anche le city-car passano ai proiettori LED a matrice, anche se più semplici.

tato ad una diminuzione dei costi di produzione. Ma soprattutto, i fari LED gestiti elettronicamente proiettano un fascio luminoso simile alla luce diurna, ancora migliore rispetto a quella fornita dai fari allo xeno. I LED brillano anche per il basso consumo di energia e per la loro longevità, simile a quella del veicolo stesso. Inconveniente notorio purtroppo: in caso di singoli diodi difettosi, è necessario sostituire l’intero corpo illuminante.

Fari a matrice Riservati fino a poco tempo fa all’alta gamma, i proiettori LED a matrice si estendono alle categorie inferiori e persino sulle city-car di ultima generazione. Composti da batterie di diodi che variano in funzione dei modelli – per esempio sono 16 su un’Opel Astra e 84 su una Porsche 911

Resistenza alogena

– i fari a matrice regolano automaticamente lunghezza e forma del fascio luminoso. Lo spegnimento mirato di determinati diodi consente di mantenere illuminato ogni minimo settore del campo stradale, pur evitando di abbagliare gli altri utenti della strada. Questi sistemi passano di regola in modo sistematico ai fari abbaglianti non appena si esce da un’area abitata. Alcuni dispositivi, associati a telecamere termiche, riconoscono persone e animali. Ben inteso, i fari a matrice non sono economici. La loro sofisticazione sembra inoltre non conoscere limiti. Su alcuni prototipi, sono ad esempio utilizzati per proiettare simboli sulla strada oppure illuminare i passaggi pedonali. Un passo audace che tuttavia non è ancora stato fatto dalla legislazione. Affaire à suivre. •

Nonostante la veemente avanzata dei LED, i fari alogeni classici dovrebbero ancora equipaggiare la metà delle auto nuove vendute in Europa l’anno prossimo, secondo gli esperti. Sebbene meno potenti delle altre tecnologie, la loro intensità luminosa resta comunque elevata. I fari alogeni hanno anche il vantaggio di erogare una luce gradevole all’occhio e meno accecante. La loro longevità è certamente inferiore, ma è altresì possibile sostituire una lampadina facilmente e a costi ridotti. Sempre attuali Le lampadine alogene sono pratiche e a buon mercato.

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

39


Esperienza invernale per risvegliare tutti i sensi zo Prez ci TCS o s .– i per Fr. 555tti da r 3 no pe

Silenzio… come se tu fossi avvolto in un morbido cotone. Senti solo il crepitio della neve sotto i tuoi piedi. Il sole splende nel cielo blu acciaio e scintilla mentre si riflette sui cristalli di neve. Godetevi una giornata di attività e sport sulla neve nel cuore di un paradiso invernale e già vi aspetta il comfort e il calore della SPA, il crepitio del camino e la cena a lume di candela la sera. • • • • •

3 notti MIDWEEK in camera doppia Ricca colazione del buffet ogni giorno Cena gastronomica giornaliera (pacchetto mezza pensione) uso gratuito dell'area benessere dell hotel Un esperienza invernale speciale (a seconda dell hotel, ad es. pacchetto slittino di 4 ore, escursioni con le racchette da neve, fiaccolate e aperitivi)

CHF 555.– a persona in camera doppia (due persone). Prezzi camere singole su richiesta.

Prezzo «infrasettimanale» (domenica = primo possibile arrivo fino a venerdì = ultima possibile partenza)

12 LUSSUOSI ALBERGHI INVERNALI VIDANNO IL BENVENUTO: Seminar- & Wellnesshotel Stoos, Stoos Cresta Palace Hotel, Celerina / St. Moritz Chalet Hotel Silvretta & Spa, Samnaun Hotel Castell, Zuoz

** 6.12.–20.12.2019, 6.–10.1., 1.–14.02. e 9.3.–10.4.2020 * / ** 5.–21.12.2019, 5.1.–3.5.2020 12.12.–21.12.2019, 5.1.–1.2., 1.–29.3.2020

Hotel Belvédère, Scuol

6.–21.12.2019 e 22.3.–19.4.2020

Hotel Saratz, Pontresina

5.–21.12.2019, 5.1.–1.2. e 9.3–8.4.2020

Hotel Seehof Davos, Davos

* / ** 5.–21.12.2019 e 5.1.–12.4.2020 (senza 20.–24.1.2020)

Hotel Schweizerhof, Lenzerheide

5.–21.12.2019, 5.–24.1., 1.–7.3. e 15.3.–10.4.2020

Walliserhof Grand Hotel & SPA, Saas-Fee Hotel Kirchbühl, Grindelwald

* 14.–21.12.2019, 5.1.–1.2. e 1.3.–14.4.2020 * / ** 13.12.–23.12.2019, 5.1.–21.2. e 1.3.–12.4.2020

Hubertus Unplugged, Balderschwang/Oberallgäu Hotel Forster, Neustift im Stubaital

* 15.–21.12.2019, 5.1.–1.2. e 1.–31.3.2020

5.1.–1.2. e 1.3.–15.4.2020

* / **5.–20.12.2019, 6.–31.1., 2.–15.2., 29.2.–7.3., 13.3.–4.4. e 18.4.–3.5.2020

* Può essere prenotato anche nei fine settimana con un supplemento di CHF 50.– a persona per il venerdì e / o il sabato sera. ** Può essere prenotato anche in febbraio con un supplemento per l´alta stagione:CHF 105.00 a persona Per informazioni e prenotazioni: Private Selection Hotels & Tours – www.privateselection.ch/touring – info@privateselection.ch Codico di promozione Touring. I nostri consulenti sono a vostra disposizione dal lunedì al sabato allo 041-368 10 05.


TECNICA

PORSCHE TAYCAN TURBO/TURBO S

FOTO ALD

Entrata in materia esplosiva

N4,96 m; bagagliaio: 366/81 l E680/761 CV, 850/1050 Nm; 2 rapporti, 4×4; 0-100 km/h in 2,8/3,2 s; batteria 93 kWh; autonomia (WLTP): 450/412 km L194 900 e 237 500 fr. La berlina Taycan attenua con brio lo choc del passaggio alla mobilità elettrica. Comportamento e prestazioni, nella tradizione Porsche. TESTO MARC-OLIVIER HERREN

S

i poteva prevedere che una Porsche come la Taycan denudata della sonorità di un V6 o V8 avrebbe definitivamente perso la sua anima. Non è del tutto vero, poiché se l’espressività sonora dei motori termici lascia il campo ad un rumore di turbina degno di un film di fantascienza, le qualità dinamiche restano le stesse che caratterizzano da decenni la marca. Poggiata sul telaio che sfiora il terreno – con un baricentro più basso di quello della 911 – questa longilinea berlina sportiva

a 4 porte è letteralmente incollata alla strada non appena diventa sinuosa. La Taycan fa dimenticare immediatamente la relativa pesantezza delle sue movenze – con 2,3 tonnellate niente miracoli – che la caratterizzano nella guida fluida. In più, il treno posteriore a ruote sterzanti le conferisce una bella dose di agilità, nonostante le dimensioni. Parafanghi bombati, molteplici prese d’aria e aperture, oltre al posteriore molto 911 forniscono peraltro già alcuni indizi rivelatori.

Grande spinta Appena mettiamo la mano sulla rotella che affianca il volante, ci diciamo che sarà uno sballo. I 625 CV generati dai due motori esprimono già al meglio il loro effetto in modalità Normal e Sport Plus, ma la potenza massima è erogata con la funzione launch control. Una cannonata che separa le due versioni Turbo e Turbo S di solo 0,4 s nell’accelerazione da 0 a 100 km/h. Qui l’effetto Porsche è molto presente, sdoganando la strana denominazione Turbo che distingue i modelli più

DIGITALIZZAZIONE TOTALE

Due schermi tattili uno dei quali riservato al passeggero. Quasi scomparsi i pulsanti.

La Taycan vive una rivoluzione digitale. Il conducente ha di fronte un pannello di strumentazione curvo che include comandi tattili. Lo schermo centrale è completato da un secondo per il passeggero. Un’opzione che risponde soprattutto alla domanda cinese. Infine, la console mediana non ha più alcun pulsante. Pure l’orientamento delle bocchette d’areazione avviene tramite schermo. Restano i pulsanti per orientare gli specchietti retrovisori! Uff!

Design molto Porsche Silhouette slanciata e fari affiancati da occhielli verticali.

potenti della marca. Le prestazioni sono infatti dopate da un cambio a 2 rapporti impiantato sull’asse posteriore. Fino a circa 80 km/h, il primo rapporto che si innesta senza il minimo contraccolpo contribuisce a tonificare accelerazioni e riprese. Nulla impedisce alla Taycan di essere anche una vera GT ammortizzata al meglio da una sospensione pneumatica. Se l’autonomia dovrebbe avvicinare i 350 km nell’uso quotidiano, la tensione a 800 volt promette una ricarica dell’80% in 22,5 minuti ad una colonnina da 270 kW. Per gestire il recupero dell’energia, non vi sono leve al volante, ma una modalità specifica inseribile tramite un pulsante. Resta il fatto che il freno motore si rivela molto attivo: Porsche raccomanda di non cambiare le pastiglie prima di… 6 anni! La Taycan si limita ad offrire un’abitabilità solo sufficiente dietro. Idem per il bagagliaio. Quanto ai prezzi esorbitanti, non sono apparentemente dissuasivi: gli obiettivi di produzione iniziali sono stati quasi raddoppiati. ◆

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

41


Anche in caso di

il TCS viene in aiuto.

Co tazion ica ic C omp en iv e vizi montaggi pe i Su veico e ett ico Maggiori nformazioni l ito c .ch/ tazione-ricarica


TECNICA

Ionity, una marcia in più Le automobili elettriche a lunga autonomia hanno preso piede quest’anno. Per rispondere al bisogno di ricarica ad alta potenza, le stazioni Ionity si insediano a ritmo forzato in Europa. TESTO MARC-OLIVIER HERREN

I

ALD

modelli elettrici dotati di potenti batterie da 80 a 90 k h necessitano di colonne di ricarica ad alta potenza per essere ricaricati in tempi brevi. Tesla e la sua rete di supercharger hanno fatto da pionieri. Con l’arrivo delle Audi e tron e Mercedes E C, le marche da poco presenti su questo mercato rispondono con Ionit . L’obiettivo è quello di dotare i grandi assi stradali europei con stazioni istallate ogni 120–150 chilometri. a qui a fine 2020, la rete Ionit dovrebbe inglobare 400 stazioni ripartite sul ecchio Continente. In pratica il progetto avanza a passo di carica: 166 stazioni sono già operative e 2 in costruzione (stato a metà novembre). Entro fine anno questa rete pubblica dovrebbe contare tra le 250 e le 2 0 stazioni.

Ben piazzate Ionit è una coimpresa controllata in parti uguali da gruppi tedeschi (BM , aimler, e le sue marche Audi e Porsche), Ford così come H undai Kia, associata a partire da quest’anno. Come annota Paul Ent istle, responsabile della comunicazione di Ionit , le stazioni includono di principio 6 colonnine per ricarica rapida. Il numero pu per variare fino a 8 o 12 in funzione della domanda (ad es. in orvegia). Ionit privilegia localizzazioni di facile accesso, quali le aree autostradali con servizi (ristorazione, C). Paul Ent istle cita il caso della Svizzera, dove Ionit ha messo a profitto la buona reputazione delle aree autostradali per istallarvi le sue postazioni, in particolare a Grauholz e euenkirch.

La rete di ricarica rapida Ionit è dotata di colonnine a 800 volt con una potenza di carica massima di 350 k . Contrariamente ai supercharger di Tesla, è accessibile a tutte le autovetture. evono tuttavia esser dotate di una presa CCS, lo standard europeo che garantisce una ricarica ultrarapida a corrente continua. Ragione per la quale Tesla si è affrettata a dotare la sua auto di punta Model 3 con una presa CCS. nico inconveniente, alcuni veicoli come la issan Leaf, dotata di presa ChadeMo, non possono purtroppo fare capo alle stazioni Ionit . na situazione che l’Accademia della mobilità del TCS giudica non ottimale, nella misura in cui le stazioni di

ricarica dovrebbero essere accessibili a tutti i tipi di automobile. Paul Ent istle assicura tuttavia che altri fornitori istallano generalmente delle colonnine che accettano le prese ChadeMo nelle vicinanze delle stazioni Ionit . Le colonnine Ionit sono riconoscibili per il loro design di stile. n anello colorato indica la disponibilità della stessa. Per il momento, la ricarica è fatturata al costo unitario di 8 franchi, 8 euro o 8 sterline. na soluzione pragmatica utilizzata prima di adottare, a termine, un sistema di pagamento al k h. Sia quel che sia, Ionit contribuirà sicuramente a ridurre i timori degli automobilisti che esitano a lanciarsi in lunghi viaggi attraverso l’Europa. E non è da escludere che altre marche aderiscano a questa alleanza. ◆

LA SVIZZERA GIÀ EQUIPAGGIATA La rete Ionity prevede 7 ubicazioni in Svizzera che coprono in particolare l’asse del San Gottardo e la parte orientale. Una nuova stazione di ricarica dovrebbe vedere la luce prossimamente sull’area autostradale di Lully (A1), nei pressi di Estavayer-le-Lac. Ionity non prevede di estendere ulteriormente la rete elvetica, considerando la densità attuale conforme alle sue prescrizioni. Altre stazioni nei paesi limitrofi sono peraltro relativamente vicine alle nostre frontiere. Per maggiori informazioni sulla rete di ricarica globale in Svizzera: swiss-emobility.ch

Ben visibili, le colonne Ionity puntano sui grandi assi europei. La presenza è ancora lacunare in Spagna e nel Sud Italia.

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

43


FORD MUSTANG BULLITT

Firmata Steve McQueen Le avventure di Steve McQueen in Bullitt sono passate alla storia, come pure la Ford Mustang di allora che tale versione riporta in vita. TESTO E FOTO MARC-OLIVIER HERREN, KEYSTONE

N4,79 m; bagagliaio: 408 l EV8 5,0 l, 464 CV, 529 Nm; cambio man. a 6 marce, trazione post.; 0–100 km/h in 4,6 s; consumo (prova): 12,2 l/100 km; autonomia: 500 km L69 700 fr.

A

l volante, ci si mette nei panni di Steve McQueen lanciato all’inseguimento dei malviventi sulle strade di San Francisco. È trascorsa una cinquantina d’anni dalle scene d’azione che arricchiscono il film Bullitt, per cui ci si chiede cosa ci stia a fare un tale bolide anacronistico nel bel mezzo di auto elettriche e ibride. La Mustang Bullitt, è semplicemente parte del sogno automobilistico, ancorché bistrattato dai tempi. Senza avventurarsi in una profonda rivisitazione del modello originale, Ford ha comunque rinfrescato la Mustang Fastback che serve come base a questa edizione speciale di cui al mercato svizzero sono stati attribuiti 60 esemplari. L’indispensabile vernice Dark Highland Green, le gomme rotondeggianti, le pinze dei freni rosse e il cofano traforato bastano a produrre l’effetto atteso e scatenare le reazioni entusiaste degli amanti delle auto americane. La cui attenzione sarà comunque stata catturata in precedenza dalle note Pomello a 6 marce La leva del cambio in bachelite sta in mano alla grande. Un indicibile piacere anche nella manipolazione.

liriche del V8 orchestrate da una valvola attiva inserita nel sistema di scarico. Quanto al conducente, noterà sare se non vogliamo inimisubito il pomello in bachelite carci il vicinato. Un vibrante che comanda le 6 marce del appello tuttavia a non fare cambio manuale. Una palla l’esame per la patente con da biliardo che invita a lasciarsi andare ad un’orgia di un’auto automatica. Ciò detto, la frizione a cambi di marlunga corsa cia e scalate. Motore V8 sinfonico Tanto più che che vuole una Prezzo-sensazioni certa energia queste ultime Cambio d’antologia sono accompaLook davvero accattivante nell’impiego gnate da colpi Stimoli in guida aggressiva chiede il suo tributo. Se ne di gas più o meno potenti a viene ricomCapacità del serbatoio pensati da seconda della Peso importante una leva del modalità di Abitabilità da coupé 2+2 cambio vecguida selezionata. È il lato magico di chia maniera molto precisa. questa Bullitt new look di E siccome la prima arriva cui non dovremmo abuquasi a 90 km/h, i cambi di

44 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

marcia sui percorsi sinuosi sono molto limitati. Gli adepti delle sportive sovralimentate costateranno che un V8 atmosferico – con soli 14 CV in più – richiede di salire di giri per andare a scovare la potenza. Sotto i 4000 giri/ min, regna infatti l’indolenza. D’altro canto la Bullitt può viaggiare in maniera assolutamente educata facendo fare le fusa all’8 cilindri a 1800 giri/min in gita domenicale. Apprezzabili anche la


TECNICA

sospensione magnetica rego-labile e il filtraggio delle grandi ruote, diverso dai pneumatici di taglia bassa. a buona muscle car, non mira a rivaleggiare con una 911, anche se il suo campo d’impiego che si estende dalla guida compassata a quella pi aggressiva offre belle sensazioni d’altri tempi, da gustare per di pi sui bei sedili in pelle che fanno molto Anni ’60. È lo spirito di questa Bullitt. Grazie Steve ◆

Reincarnazione La Mustang Bullitt unisce elementi Anni ’60 con i fari LED d’ultimo grido.

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

45


TECNICA Affinata La linea del tetto è stata abbassata di 5 cm. Il paraurti traforato è affiancato da fari antinebbia LED.

OPEL CORSA

Patto tedesco-francese N4,06 m; bagagliaio: 309 l Ebenzina 75/100/130 CV, diesel 102 CV; consumo (fabbrica): da 3,2 l/100 km, CO2 85 g/km Lda 16 990 a 27 490 fr.; Corsa-e, 136 CV, 34 990 fr. (marzo) Per la 6a generazione, l’Opel Corsa si cala su una piattaforma PSA. Un cambiamento epocale di cui non ci si può lamentare. TESTO MARC-OLIVIER HERREN

Il posizionamento della Corsa è un po’ pi basso della 208, in particolare in fatto di prezzo. L’ambiente interno è quindi sobriamente pel con alcune plastiche dure, seppure «bon ton». La plancia di bordo abbellita da un inserto che la percorre su tutta la larghezza pu accogliere uno

schermo tattile da 10 opzionale. Il posto per le gambe dietro non migliora nonostante la lunghezza maggiore di 4 cm. Rimane nella norma del segmento. Al contrario cresce la capacità del bagagliaio ( 26 litri).

Comportamento agile Con il ricorso alla piattaforma CMP di PSA, il baricentro e l’altezza delle sedute sono stati abbassati. pel annuncia anche una riduzione del peso di 108 kg. Con queste premesse, la Corsa rivela un’indiscutibile agilità e un comportamento assai ludico. In particolare con la motorizzazione da 130 C le cui salite di regime e le riprese toniche ricordano le GTI di un tempo. In modalità Sport, un generatore di suoni libera accenti racing ben modulati.

46 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

uesta versione è ottimamente assistita da un cambio automatico a 8 rapporti. Provenienti dalla gamma PSA, i motori a benzina sono tutti tre cilindri. Si notano alcune modifiche, ad esempio il cambio a 6 marce i cui innesti sono stati irrigiditi. uesta sesta edizione è dotata di un equipaggiamento al passo con i tempi, come i fari LE di cui sono equipaggiate le versioni di media gamma. n ventaglio completo di sistemi di assistenza è inoltre fornibile a prezzi modici. La Corsa si fregia altresì di essere la prima cittadina a offrire fari a matrice (980 fr.). I prezzi sono in sensibile crescita. Grazie alla piattaforma CMP, la gamma si completerà con una versione elettrica dalla prossima primavera. ◆

La versione GS Line e i suoi interni dagli accenti sportivi.

IN DUE TEMPI Quando la marca Opel fu riacquistata dal gruppo Peugeot-Citroën (PSA) nel 2017, la sesta generazione della Corsa era praticamente pronta. A causa della politica delle piattaforme condivise, il progetto è stato bruscamente fermato. In 2 anni e mezzo, stilisti e ingegneri di Opel hanno dovuto sviluppare una nuova auto basata sulla piattaforma CMP. A loro dire, questo tour de force è stato possibile eliminando le abituali resistenze tra i vari settori implicati nella progettazione. Alla fine, la nuova Corsa sarebbe addirittura migliore rispetto al progetto iniziale. Una scorciatoia tecnica che tuttavia non saprà diventare la regola.

FOTO ALD

C

ertamente proviamo qualche sentimento nostalgico riguardo alla diversità automobilistica, poich dal 1982, l’ pel Corsa figura tra le cit car di peso. Ma il passaggio nel girone del gruppo PSA le ha aperto l’accesso al bagaglio tecnologico della nuova Peugeot 208. Inoltre i designer si sono adoperati per salvare i geni tipici di pel, anche se gli elementi dello stile futuro della marca non hanno potuto essere ripresi.


FOTO ALD

TECNICA

N4,61/4,96/5,31 m; bagagliaio: 3600–4900 l; 5–9 posti Ediesel 102/120/150/177 CV; cambio a 6 e 8 rapporti; consumo (fabbrica): da 4,8 l/100 km, CO2 127 g/km Lda 34 310 a 58 260 fr.

Spazio a profusione La Zafira Life è ultra spaziosa e abbastanza confortevole.

OPEL ZAFIRA LIFE

Il dopo monovolume C’è vita al di là delle monovolume classiche? La Opel Zafira ci presenta la sua opportunistica risposta. TESTO MARC-OLIVIER HERREN

P

er oltre due decenni, le monovolume sono state adorate dalle famiglie. L’aura di questo concetto di automobile è tuttavia in declino negli ultimi anni, in particolare sotto la pressione delle S , ritenute pi trend . na alla volta, le monovolume di lungo corso si eclissano oppure mutano la carrozzeria. Ad immagine della pioniera Renault Espace passata dallo statuto di monovolume a quello di crossover. Il processo è un po’ simile per l’ pel afira i cui primi

tre modelli sono stati prodotti in 2, milioni di unità. La quarta generazione, battezzata afira Life, è diventata un furgone familiare. na questione di opportunità, poich altro non è che la declinazione pel delle consorelle Citr en Space Tourer, Peugeot Traveller e To ota ProAce. eicoli disponibili con due misure di passo e tre lunghezze diverse.

tuttavia pi rustica, anche se la modularità resta notevole. Il pianale piatto pu accogliere fino a 9 sedili fissati su

binari che consentono diverse configurazioni. Le famiglie numerose vi si troveranno a loro agio, anche se il prezzo non è certo di quelli vantaggiosi. Ci detto, il telaio, di chiaro stampo PSA, offre un buon piacere di marcia. L’apparenza è pi robusta rispetto alle monovolume, ma l’abitabilità è massimizzata. ◆

Sotto forma di furgone la nuova versione della Zafira.

Spazio da vendere Eccetto l’altezza pi marcata, il modello corto ha misure simili alla precedente afira. La rifinitura dell’abitacolo è

Pubblicità

www.

.ch


Ordinare da casa in modo semplice e comodo

LA RADIO PASSA A DAB+: touringshop.ch

Molti a lt prodot ri t i su tourin gshop .ch

TRASMETTITORE DAB+ PER AUTO —

CHF 99.–/pezzo invece di CHF 169.–/pezzo* Cod. art. 224 122 12 (Costi di spedizione CHF 9.90)

RISPA

RMIO :

70.–

CHF

Technische Daten - La trasmissione delle frequenze radio DAB alla vostra autoradio esistente avviene senza fili - Funzione Bluetooth per la ricezione attraverso l‘autoradio della musica dal vostro cellulare - Funzione vivavoce tramite; semplice da usare e facile da installare - Inclusa antenna attiva - Display 2,4", TFT Display - Frequenza DAB+ 174,00–240,00 MHz - Incl. connessione AUX - 30 memoria della stazione; bluetooth - Dimensioni unità FM (l×l×a): 9,5×7,5×3,5 cm - Peso: 74 g; garanzia: 24 mesi

Ordinate all`indirizzo: www.touringshop.ch o Tel. 032 675 00 80 Per favore, tenga pronta la sua tessera TCS.

*prezzi «anziché» = prezzi per non soci


TECNICA Eleganza Portellone ben inclinato e diffusore con doppio scappamento abbondano di dinamismo.

N4,40 m; bagagliaio: 380 l E1,6 l turbobenzina, 204 CV, 265 Nm; cambio DCT a 7 rap.; da 0 a 100 km/h in 7,5 s; consumo (prova): 7,8 l/100 km; autonomia: 641 km L39 950 fr. KIA XCEED 1.6 T-GDI STYLE

Linea di poppa Mentre numerose SUV si assomigliano, la crossover Kia xCeed esibisce una silhouette di incomparabile eleganza. E il telaio è ottimo.

Ambiente Inserti e impunture gialle ornano i sedili sportivi dalla buona tenuta.

TESTO MARC-OLIVIER HERREN | FOTO EMANUEL FREUDIGER

K

ia ci aveva abituato agli stilismi elaborati, ma in questo caso, la marca coreana fortemente radicata in Europa si è superata. i fronte a questo modello dalla superba poppa sfuggente, esitiamo tra i qualificativi: crossover o S coup Resta il fatto che questa derivata della compatta Ceed è un piacere per gli occhi e rischia di fare ombra alle coup classiche.

Rispetto alla berlina Ceed, gli sbalzi sono stati allungati, mentre la calandra e le prese d’aria ampliate garantiscono il look S . Senza parlare delle protezioni che rivestono la carrozzeria e l’altezza da terra di 18 cm. Inoltre, c’è questo portellone inclinato sormontato da un ampio spoiler e, sotto, ornato da un diffusore. Tutto davvero dinamico. uanto basta

per mettere in imbarazzo numerose S d’alta gamma.

passeggeri di 1,80 m. Idem per quanto riguarda lo spazio per le gambe, non fenomeSebbene i materiali siano di nale ma corretto. E il bagafattura media, l’abitacolo è gliaio di capacità media offre altrettanto seducente. Soun piano di carico di facile prattutto con accesso. gli inserti di uest’auto Superba linea colore metaldalla vocaAmbiente interno lizzati e l’opzione dinaAccelerazioni rabbiose zione ello mica è stata Comportamento agile che abbellisce dotata di amRicca dotazione i sedili in simortizzatori milpelle di imanteriori con Sospensioni rigide punture gialle. fine corsa Nessuna versione 4×4 n ambiente idraulici che Carattere del motore caldo ravvicontribuivato dalla scono all’ecstrumentazione digitale 12,3 cellente tenuta di strada. Inmolto leggibile. sensibile al rollio, questa S compatta si rivela agile e abSpazio salvaguardato bastanza incisiva. Il comporContrariamente alla maggiotamento quasi neutro tradiranza delle auto design, l’abisce solo qualche effetto di tabilità non è troppo penalizcoppia al volante in forte aczata. L’altezza del tetto resta celerazione. Il fatto è che ad esempio decente e il dii 204 C del turbo sono libevano accoglie senza problemi rati con foga a regimi elevati.

Carattere Cofano allungato, calandra espressiva e fari LED filanti.

na trazione integrale avrebbe fatto meraviglie. ulla impedisce per a questa versione spalleggiata da un cambio a doppia frizione di esprimere una tonicità all’altezza del design. Avremmo soltanto apprezzato una sonorità e un carattere del motore un filo pi importanti. ltimo neo, il filtraggio delle sospensioni manca di finezza sulle piccole irregolarità. Ci detto, la variante St le è super equipaggiata e offre sistemi di assistenza che permettono una guida autonoma di grado 2. Cosa chiedere di pi ◆

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

49


La trepidante attesa delle city car elettriche Piuttosto discrete sinora, le cittadine elettriche diventano decisamente aggressive. È in arrivo un ampio ventaglio di modelli, alcuni di concezione specifica. Fatto rallegrante, l’autonomia supera i 300 chilometri (nel nuovo ciclo WLTP) e i loro prezzi risultano essere naturalmente più attrattivi. TESTO MARC-OLIVIER HERREN

Come per la Golf I che aveva salvato il marchio alla fine dell’era del Maggiolino, VW punta grosso sulla compatta ID.3. Quest’auto da 4,26 m dal passo lungo inaugura la nuova gamma elettrica di Volkswagen. Tre batterie a scelta offriranno autonomie che vanno da 330 a 550 km. Debutto a marzo, per circa 32 000 fr.

PEUGEOT E-208 Piccola rivoluzione per la 208 che esordirà nel contempo in versione termica ed elettrica. Quasi identica sul piano estetico, la e-208 dispone di una batteria da 50 kWh che consente un’autonomia di 340 km. Il suo motore da 136 CV la porta da 0 a 100 km/h in 8,1 s. Commercializzazione a fine anno al prezzo di 34 350 fr.

50 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

FOTO ALD

VW ID.3

RENAULT ZOE Esponente delle pioniere elettriche, la Zoe è stata ora totalmente rivisitata. In particolare il suo allestimento interno e i sistemi di assistenza. Ottenibile in due varianti di potenza (108 e 135 CV) e di batteria (41 e 50 kWh) per un’autonomia massima di 395 km. Uscita in autunno per 35 900 fr. (batteria inclusa).


TECNICA

DS 3 CROSSBACK E-TENSE Questa SUV urbana premium si arricchisce di una versione elettrica che condivide la tecnologia con la Peugeot e-208: motore da 136 CV, batteria da 50 kWh con autonomia di 320 km. La DS 3 Crossback E-Tense gioca la carta del lusso con un abitacolo guarnito da materiali raffinati. Lancio a dicembre con rispettabile prezzo da 45 100 fr.

MINI COOPER SE Questa 3 porte è caratterizzata dalla calandra chiusa. Il motore da 184 CV promette un temperamento sportivo (7,3 s da 0 a 100 km/h) e il telaio propone le abituali sensazioni da go-kart. Dotata di una batteria da 32,6 kWh, la Mini SE si accontenta di un’autonomia di 235 km. Ben equipaggiata, è venduta ad un prezzo di partenza di 39 900 fr.

OPEL CORSA-E Per la sua sesta generazione, l’Opel Corsa fa il suo esordio nell’universo elettrico. Pensata sulla stessa base della Peugeot 208, la Corsa-e ospita un motore da 136 CV. La batteria della capacità di 50 kWh le garantisce un’autonomia di 330 km. Potrà essere dotata di fari a matrice. Sarà commercializzata la prossima primavera da 34 990 fr.

SEAT MII ELECTRIC Auto pressoché di nicchia, questa piccola city-car (3,56 m) beneficia di una provvidenziale spinta con l’arrivo della versione elettrica. È mossa da un motore da 83 CV con una coppia di 212 Nm. La batteria da 36,8 kWh offre un’autonomia di 260 km. La Mii electric ha subito un leggero restyling. Uscita prevista a fine anno.

HONDA E Questa city-car da 3,99 m opera scelte d’avanguardia. La plancia di bordo panoramica include 5 schermi e telecamere laterali fungono da retrovisore. Pensata come ludica e molto agile, è mossa da un motore da 154 CV. L’autonomia è limitata a 220 km. Questa prima Honda elettrica uscirà l’estate prossima al prezzo di 43 100 fr.

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

51


TECNICA

Un futuro che fa scintille Porsche investirà 7 miliardi di franchi nell’elettrificazione della gamma, a cominciare dalla Taycan che debutta in gennaio. Il CEO Oliver Blume racconta com’è nata la sportiva con la spina. INTERVISTA MARC-OLIVIER HERREN

Perché una berlina a 4 porte?

Oliver Blume: È chiaro che una SUV avrebbe comportato minori rischi economici, non fosse che per i volumi di mercato. Tuttavia eravamo del parere che la capostipite delle Porsche elettriche doveva essere un modello d’avanguardia, ma senza rinnegare il suo pedigree sportivo. Una berlina offre grandi vantaggi in termini di design e aerodinamica. Siamo ad un coefficiente di resistenza di 0,22 sulla Taycan Turbo S, un salto che avrà un’incidenza significativa sull’autonomia. Non solo, volevamo concepire una vettura che stabilisse nuovi standard nel suo segmento. Per voi l’elettromobilità è una scelta voluta o imposta?

Abbiamo messo in cantiere il progetto nel 2015, prima che iniziassero le discussioni sul clima e scoppiassero le polemiche intorno al diesel. È il risultato delle nostre esperienze agonistiche, e segnatamente delle vittorie conquistate nelle gare endurance dalla 919 Hybrid, che ha vinto Le Mans tre volte di fila. La scelta è in linea con la filosofia Porsche secondo cui le novità rodate sui circuiti vanno applicate ai veicoli di serie. Il sistema di alimentazione a ben 800 volt s’inserisce nella stessa logica?

E chi comprerà la Taycan come seconda o terza auto?

Talvolta sarà senz’altro il caso, ad esempio se si possiede già una 911 o una Panamera. Abbiamo comunque rilevato che oltre il 50% degli interessati alla Taycan non ha mai acquistato una Porsche. Per loro, la Taycan sarà la vettura principale. Non dimentichiamo che si tratta di una clientela che abita perlopiù in città e che attribuisce molta importanza alla sostenibilità e all’innovazione tecnologica. Qual è la struttura del portafoglio clienti in questo comparto?

La Taycan accelera da 0 a 100 km/h in 2,8 s. Un danno all’immagine dei motori a combustione?

È vero, oggi poche Porsche sono in grado di esprimere tali prestazioni, salvo la 911 GT2 RS che è altrettanto grintosa. Le vetture elettriche non saranno però una concorrenza diretta alle versioni termiche, piuttosto un sensato complemento. Qual è l’impronta della Taycan sul bilancio di CO2 della Porsche?

Sarà sostanziale e sorprenderà chi dubitava che un piccolo costruttore di automobili sportive come la Porsche potesse tingersi di verde. Siamo fiduciosi per quanto riguarda il prossimo decennio. Riusciremo a rispettare o addirittura scendere al di sotto dei limiti di emissioni sia in Europa e nel Nordamerica che in Asia. Quali saranno le prossime tappe?

Entro il 2025 la metà della gamma sarà elettrificata, di cui il 20% saranno ibride e l’80 elettriche pure. La prossima ad adottare la propulsione elettrica sarà la SUV Macan. ◆

«Una berlina elettrica offre grandi vantaggi in termini di design e aerodinamicità» Oliver Blume presidente esecutivo Porsche SA

ALD

Sì, desideravamo sfruttare le ottime performance ottenute sulle piste con queste elevate potenze. La Taycan è la prima vettura di produzione dotata di un sistema di alimentazione a 800 volt, contro i 400 volt normali sulle auto elettriche. Non solo è più efficiente e adatta all’utilizzo quotidiano prolungato, ma soprattutto dimezza la durata della rica-

rica. La tecnologia a 800 volt ha tempi di accumulo e rilascio dell’energia identici. Ciò significa che è possibile recuperare un chilometro di autonomia per minuto. Sempre in tema, per raggiungere un livello di carica all’80% occorrono appena 22,5 secondi. È stato questo il criterio decisivo, in quanto non è certo allettante dover aspettare 2 ore per poter ripartire. Sulla Taycan, invece, il «pieno» si fa in una ventina di minuti, il tempo di un caffè. La Porsche, in collaborazione con altre marche, metterà in piedi una rete di ricarica veloce ad alta potenza (picco di 270 kW) con colonnine ogni 100 km sulle principali arterie stradali. Sarà destinata prioritariamente alle lunghe percorrenze, in quanto, secondo le nostre stime, l’80% delle ricariche si farà al domicilio. Dapprima con stazioni di ricarica domestica da 11 kW per poi arrivare a 22 kW. In tal modo vogliamo consentire ricariche complete durante la notte, soddisfacendo così le necessità di una clientela prevalentemente urbana.

La Taycan è un prodotto di nicchia votato agli amanti delle sportive. Saprà però sedurre anche coloro che desiderano essere fra i primi a provare una nuova tecnologia. È un po’ come quando si faceva a gara per passare dal vecchio telefonino ad uno smartphone.

52 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020


L’ESPERTO TCS

MW

Le catene devono essere montate su pneumatici invernali per garantire la padronanza del veicolo.

Catene soltanto su gomme invernali RETO BLÄTTLER

Q

uando arriva finalmente l’inverno, in molte regioni si manifesta solo saltuariamente con delle nevicate. egli agglomerati urbani di pianura, il cambio stagionale delle gomme avviene perci sempre pi di rado. In caso di condizioni invernali precarie, i veicoli con gomme estive o quattro stagioni vengono perci equipaggiati di catene. È possibile rinunciare alle gomme invernali e ha senso, in presenza di neve, limitarsi a montare le catene?

L’inverno porta con s umidità e ghiaccio, insieme a freddo e neve. Le gomme invernali, oltre alle speciali lamelle e al disegno del battistrada, contengono una percentuale maggiore di silice e caucci , che ne migliorano la presa su fondo bagnato e freddo. In effetti, a seconda della temperatura, l’interazione tra la mescola della gomma e il fondo stradale cambia. Attorno agli zero gradi, la mescola delle gomme estive diventa talmente dura che le ruote perdono aderenza. Al contrario, i pneumatici invernali sono

studiati affinch anche a temperature basse rimangano sufficientemente morbidi e flessibili, per aderire in modo ottimale alla strada. In Svizzera non vi è l’obbligo di pneumatici invernali. Tuttavia la legge prevede che il conducente debba sempre essere al volante di un veicolo sicuro e in piena regola. Chi in inverno dovesse avere problemi perch circola con gli estivi deve attendersi delle conseguenze. Anche le catene sottostanno a precise prescrizioni: possono essere montate solamente quando la strada è innevata. Inoltre non è possibile superare i 50 km h. Potrebbe anche essere possibile che le catene non siano compatibili con i pneumatici estivi. Cosa succede montando le catene sugli estivi?

Con le catene alle gomme dell’asse motore e le gomme estive sull’altro asse, il comportamento dell’auto rischia di essere instabile. In particolare in discesa, la vettura con trazione anteriore pu sbandare, perch l’asse posteriore perde stabilità, mentre con trazione posteriore non è guidabile, perch è l’asse ante-

riore a perdere aderenza a sua volta. I sistemi elettronici di sicurezza possono compensare solo in minima parte l’enorme differenza di grip che le catene conferiscono agli assi. ESP e ABS intervengono perci eccessivamente sul veicolo. uesto compromette la trazione e allunga gli spazi di frenata. Il battistrada degli invernali crea invece una connessione con la neve grazie alla quale si viaggia pi sicuri. Pertanto la combinazione tra gomme estive e catene è fortemente sconsigliata. Ma se non si riesce proprio pi ad andare avanti, allora le catene possono fornire un buon aiuto supplementare, purch si calzino gomme invernali. ◆

CONSIGLI

1 2

Montare le catene solo su pneumatici invernali.

Salvo indicazioni contrarie del costruttore, vale la seguente regola: per le auto con trazione anteriore o posteriore, le catene vanno montate sempre sull’asse motore.

3

Una gomma invernale a tutti gli effetti ha impresso sul fianco il simbolo del fiocco di neve.

4

Sistemi di sicurezza come ABS e ESP non sostituiscono le gomme da neve.

5

Controllare ad intervalli regolari la pressione dei pneumatici.

RETO BLÄTTLER Funzione: esperto test veicoli e accessori Professione: meccanico d‘auto e venditore tecnico Età: 41 anni Contatto: tcs.ch/esperto

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

53


Mosca affascina con i suoi stupendi edifici.

00.– CHF 2

Autunno dorato sul Volga Il TCS ha organizzato in esclusiva per i suoi soci una crociera sul fiume Volga da Mosca a Volgograd a bordo della nave boutique «MS Wolga Dream». Il Volga meridionale, tra il Mar Caspio e la capitale russa, è navigabile solo in primavera e autunno. Cogliete al volo quest’occasione per scoprire città sconosciute e paesaggi unici grazie a questa crociera ben confortevole e molto variegata. Unitevi a noi e potrete così fare conoscenza della leggendaria «anima russa».

Programma di viaggio 12 giorni/11 notti 6–17 ottobre 2020 1° giorno: Zurigo/Ginevra–

Mosca. Volo al mattino per Mosca. Imbarco, cocktail di benvenuto e cena 2° giorno: Scoprite la città di Mosca, la famosa metropolitana, la galleria Tretjakov e la Piazza Rossa 3° giorno: Al mattino, visita del Cremlino. Nel pomeriggio, inizio della crociera sul fiume 4° giorno: Arrivo a Uglitč – Visita di alcune attrazioni turistiche 5° giorno: Arrivo a Jaroslavl – Visita di alcune attrazioni turistiche

6° giorno: Godetevi una

giornata a bordo della nave 7° giorno: Arrivo a Nižnij

Novgorod – Visita di alcune attrazioni turistiche 8° giorno: Arrivo a Kazan – Visita di alcune attrazioni turistiche 9° giorno: Arrivo a Samara – Visita di alcune attrazioni turistiche 10° giorno: Arrivo a Saratov – Visita di alcune attrazioni turistiche 11° giorno: Arrivo a Volgograd – Visita di alcune attrazioni turistiche 12° giorno: Nel pomeriggio è previsto il volo di ritorno da Volgograd in Svizzera (Zurigo o Ginevra) via Mosca. Arrivo in serata La Wolga Dream baciata dal sole.

Highlight TCS Visita della Piazza Rossa, del Cremlino e del Monastero di Novodevičij a Mosca, del centro storico di Jaroslavl e del Cremlino di Kazan; confortevole nave boutique con un massimo di 109 ospiti; galleria Radiščev a Saratov con collezione di arte russa; museo dello Spazio a Samara; ricevimento alla Casa del Governatore di Jaroslavl; cena a base di specialità in due ristoranti famosi di Mosca; introduzione alla cucina russa a bordo; vino della casa + bevande non alcoliche ai pasti.

Sconto soci TCS

200.–

Supplementi: cabine doppie uso singola prenotabili su richiesta supplemento gruppi piccoli 10–14 persone* 400.– * dimensione gruppo: min. 10 – max. 25 persone a gruppo. max. 3 gruppi (suddivisi per lingua) con accompagnatore TCS e guida turistica locale. Si applicano le condizioni di viaggio di TCS Viaggi consegnate unitamente all’iscrizione. Con riserva di modifiche del programma di viaggio.

Non compreso Spese personali; pasti + bevande non menzionati; spese di gestione della pratica (50 fr. Servizi per i soci TCS/70 fr. per i non Voli A/R con AEROFLOT Zusoci); spese di annullamento, rigo o Ginevra–Mosca/Volgorientro e cure. Si raccomanda grad–Mosca–Zurigo o Ginevra il TCS Libretto ETI Mondo, in classe economy; tasse aeprenotabile su eti.tcs.ch; costi roportuali e di sicurezza; tutti i del visto per la Russia (forfait: trasferimenti; 11 pernottamenti 148 fr. incluso ritiro) nella cabina della categoria scelta; pensione completa (da Da sapere DI 1° giorno a BB 12° giorno), I cittadini svizzeri che desidevino della casa + bevande non rano visitare la Russia sono alcoliche ai pasti; caffè/tè tutto pregati di munirsi di un passail giorno, acqua potabile in porto valido (almeno 6 mesi cabina; escursioni menzionate oltre la data di rientro) e nel programma dettagliato, di visto (ci occuperemo noi visite + attività; ingressi; acdel ritiro). compagnatore locale che parla tedesco o francese a partire dall’aeroporto di Mosca fino all’aeroporto di VolgoOrganizzazione, prenotazione grad; accompagnatore TCS e informazioni dettagliate dalla/alla Svizzera, tutte le TCS Viaggi SA Maulbeerstrasse 10 mance, documentazione 3001 Berna esaustiva di viaggio DI=cena; BB=prima colazione

54 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

6–17 ottobre 2020 da/a Zurigo o Ginevra con AEROFLOT Base occupazione doppia/ cabina della categoria scelta cabina Standard 2 letti, ponte di cabina 5995.– cabina Superior 2 letti, ponte principale 6875.– altre categorie di cabine prenotabili su richiesta

Telefono 0800 163 111 vl@tcs.ch oppure: tcsviaggi.ch

FOTO ALD

DATE E PREZZI

per Sconto S soci TC


SVAGO

Il richiamo della natura Il villaggio finlandese di Vuokatti si profila come una vera meta turistica, ben lungi dal trambusto della Lapponia. Dallo sci alle escursioni con i cani da slitta, questa mecca degli sport invernali propone svariate attività all’insegna della convivialità. Con, in premio, le aurore boreali. → REPORTAGE ALINE BEAUD

Passeggero o conducente, a metà percorso si cambia ruolo!

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

55


U

n magico silenzio lascia ben presto il posto ai latrati dei cani eccitatissimi. I sei husk , che trainano una slitta per due persone sul percorso di 6 chilometri, si mettono finalmente in cammino e si danno alla pazza gioia calpestando la neve. I pi giovani, seguendo l’esempio di Sven e Geisha, saltellano anche durante le brevi pause effettuate lungo il tracciato. Seduti comodamente, oppure in piedi alla guida della slitta, un grupI cani possono anche essere accarezzati.

petto di turisti ed io ci lasciamo scivolare sulla neve polverosa, tra le betulle, i larici e i pini che compongono la densa foresta finlandese. L’operatore turistico uokatti Safari alleva e si occupa di un centinaio di canidi, soprattutto degli husk – non tutti di razza pura – e alcuni cani da caccia. ui a uokatti, nella regione di Kainuu al centro della Finlandia, gli amanti del ord non si spostano in massa, di conseguenza intraprendere delle attività invernali permette d’entrare davvero in comunione con la natura, prendendosi il tempo necessario per farlo adeguatamente.

Insalata di carote E per rispondere al richiamo della natura, niente di meglio che andare a sguazzare nell’acqua ghiacciata di un lago. Be’, per non finire proprio congelati, indossiamo volentieri una muta impermeabile arancio vivo, non senza aver precedentemente infilato nume-

Anche in inverno, è piacevole sguazzare… con una pratica muta impermeabile!

56 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

rosi altri strati d’indumenti. i risparmiamo quindi la descrizione della lunga fase di vestizione Resta il fatto che quando un gruppo di una decina di persone si veste in questo modo appariscente, pu tranquillamente essere assimilato ad un’insalata di carote giganti che vanno a farsi un bagnetto. All’estremità del pontile, non rabbrividiamo immergendo i piedi nel liquido glaciale. È quindi possibile sguazzare allegramente, come in piena estate, o addirittura ancora meglio. L’ambiente nel nostro gruppetto è disteso e allegro, alcuni tentano di tirarsi fuori dall’acqua, altri deambulano come dei pinguini sulla banchisa o si mantengono in equilibrio su un pezzo di ghiaccio. opo una ventina di minuti rientriamo per cambiarci – e sbarazzarci del costume da carota –, prima di degustare una fumante tazza di succo di ribes nero. L’ospitalità finlandese inizia spesso con un sorriso e un thermos di bibita calda. Poco dopo, mentre gu-


SVAGO

Costume da carota Marcus Grunewald è pronto ad entrare nell’acqua gelida.

Atmosfera notturna Niente di meglio di un’uscita con le ciaspole al chiar di luna.

stiamo il succo, asciutti e all’interno, scorgiamo dalla finestra un uomo coraggioso in bo er che s’accinge a scendere dalla scaletta In pochi secondi s’infila nell’acqua a 1 o 2 gradi. Chapeau Promesso, la prossima volta tenteremo anche noi la versione «carota sbucciata» Infiliamo un’altra tuta, ma per un’attività diversa: la motoslitta. Samppa, il nostro istruttore, passa rapidamente in rassegna le differenti norme di sicurezza. «Le nostre moto sono bloccate a 40 km h», ci dice, come per anticipare la domanda che tutti abbiamo sulla punta della lingua. In seguito inforchiamo i nostri mezzi e poi largo allo spasso All’inizio è difficile mantenere una velocità costante nelle piccole curve che serpeggiano tra gli alberi, ma poi ci abituiamo mettendo il gas al massimo sul lago gelato, lungo il tracciato

rettilineo. Il resto del giro è semplicemente magico, ci perdiamo in un paesaggio che sembra appena uscito dal mondo di arnia, attraversiamo ora un lembo di foresta, poi un immenso lago gelato e incontriamo alcuni escursionisti con gli sci di fondo. Per far fronte alle temperature e alla fame, il percorso di circa 20 km è frammezzato da una pausa rigenerante. Ci prendiamo quindi il tempo per degustare una succulenta zuppa al salmone, seguita da una deliziosa torta al rabarbaro e un tè, prima di rimettere i nostri caschi. room, ripartiamo, padroneggiando il nostro mezzo.

Sciare a 293 metri d’altitudine Per un turista svizzero, andare a sciare in Finlandia non ha un granch d’esotico. Ma farlo a 293 metri d’altitudine è quasi da libro dei record. ltre alle 13 dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

57


Vuokatti

I

N

L

A

N

D

I

A

100 km

Helsinki Kota finlandese Si apre la porta, ci s’installa e si prepara il fuoco.

piste di sci, si può anche praticare lo sci di fondo. In caso di grande freddo – o in estate – un tunnel lungo 1,2 km è a disposizione come alternativa alle piste esterne che attraversano il paesaggio. Per quanto riguarda gli sport invernali, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Una moltitudine d’attività proposte, turisti sparsi nel paesaggio, ma soprattutto la natura, come non la conosciamo più alle nostre latitudini: la regione di Kainuu, e in particolar modo Vuokatti, promette un’immersione totale. Un ultimo esempio: un’escursione notturna con le racchette da neve, guidati da Marcus Grunewald. Il sentiero s’insinua nel bosco sulle alture di Vuokatti, gli alberi si ergono come giganti e formano ammalianti ombre. «Adesso possiamo spegnere le nostre luci frontali», suggerisce l’amante della natura. Dopodiché l’atmosfera di questa uscita

prende una svolta. La notte sembra essere avvolta dalla luce del chiar di luna. Soltanto lo scricchiolio della neve sotto le nostre calzature da gigante perturba il silenzio. Ad una curva della strada, appare una kota. Ci fermiamo, mentre Marcus prepara il fuoco in questa piccola capanna di legno, come ne esistono migliaia in Finlandia. La nostra guida condivide con noi un bicchiere di acquavite al catrame di legna, una specialità locale. Più tardi, aiutandoci con i bastoni, iniziamo la fine dell’escursione e usciamo a malincuore dalla foresta per raggiungere la parte alta delle piste. Un giro magico coronato dalla comparsa, nel blu scuro del cielo, di un chiarore verde che si mette a danzare. Un’aurora boreale, regalo della notte. ◆ Il reportage è stato realizzato su invito di Glur Reisen. L’articolo arricchito di una galleria fotografica si trova pure su touring.ch

Motoslitte Partenza per un giro ritmato, sul lago gelato e attraverso la foresta.

DA SAPERE Viaggio: con Finnair fino a Kajaani via Helsinki. Il villaggio di Vuokatti si trova a circa 43 chilometri dall’aeroporto. Soggiorno: Hotel Aateli, in prossimità delle piste. Il ristorante serve ottime specialità, dallo stufato d’alce ai blini di salmone. Camera doppia per 2 persone con colazione da 130 euro/notte. majoitus.vuokatinaateli.fi/hotel

Attività invernali: l’azienda Vuokatti Safari organizza diverse attività, ad es. gite in motoslitta, escursioni con cani da slitta o passeggiate con le ciaspole. vuokattisafaris.com

Stagione invernale: da dicembre a marzo. Per vedere dei paesaggi con gli alberi interamente ricoperti di neve, privilegiate i mesi di gennaio e febbraio. Da prendere con sé: vestiti caldi e abbigliamento da neve, nonché biancheria intima termica e buone scarpe. Tute, guanti, copricapi ecc. (da indossare sopra i propri vestiti) sono generalmente messi a disposizione dagli organizzatori delle uscite con i cani da slitta e in motoslitta. Per quest’ultima attività, portate la vostra licenza di condurre. Offerta speciale: fino al 31.01.2020, i soci TCS beneficiano di uno sconto del 5% per la prenotazione del viaggio «Sogni invernali a Vuokatti», presso GLUR REISEN a Basilea. Informazioni e prenotazioni: tel. 061 205 94 94 o voyages@glur.ch. Si prega di menzionare il numero di socio TCS al momento della prenotazione.

58 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

CARTINA KEYSTONE

F

RUSSIA

SVAGO


CROCIERA SULLA SENNA E IN NORMANDIA

A bordo della «MS Botticelli» da Parigi lungo la Senna

per Sconto S C T soci

00.– CHF 2

Scoprite con noi i segreti di una terra dalle mille sfaccettature: la ormandia. ivrete le attrazioni di questa fantastica regione con tutti i sensi. i godrete lo scenario idilliaco della Senna durante la crociera sulla confortevole «MS Botticelli» da Parigi a Honfleur. Gli amanti dell’arte e della cultura faranno un tuffo nel mondo dei pittori impressionisti. È infatti prevista la visita di alcuni tra i migliori musei d’arte, tra cui il Museo Marmottan. L’atelier e la casa di Claude Monet rimarranno ricordi indimenticabili. I numerosi giardini, le città pittoresche, la luce affascinante e gli spazi della ormandia faranno felici i vostri cuori. enite con noi e godetevi arte, cultura oltre che la gastronomia in uno degli angoli pi belli della Francia.

Dal 13 al 21 agosto 2020 9 giorni/8 notti Itinerario: Svizzera–Parigi–

ernon–Givern – ernon– Rouen– uclair–Honfleur– Etretat–Caen–Parigi– Svizzera

Servizi Biglietto di 1a classe sul TGV Zurigo–Parigi–Zurigo o Ginevra–Parigi–Ginevra; 6 pernottamenti a bordo della nave «MS Botticelli»; pensione completa durante il viaggio (dalla cena del 1° giorno alla colazione del 9° giorno); servizi, tasse e mance incl.; 2 pernottamenti a Caen; guida turistica

La MS Botticelli

locale che parla tedesco o francese dalla/alla stazione di Parigi; escursioni e visite come da programma; tutti i trasferimenti; tutte le mance; accompagnatore TCS dalla/ alla Svizzera; documentazione esaustiva di viaggio

Queen Mary 2 in cabina interna Britannia, cat. IC 4455.– in cabina esterna Britannia, con balcone, cat. BF 5235.–

TRAVERSATA ATLANTICA

Con la Queen Mary 2 fino a New York

FOTO ALD

Muoversi verso la linea infinita dell’orizzonte, superare un oceano e, dopo sette giorni, sbarcare in un continente nuovo. n sogno che diventa realtà a bordo della ueen Mar 2, la maestosa nave da crociera che permette di realizzare il sogno della traversata transatlantica con tutti i comfort. Godetevi il suo fascino particolare in alto mare. A bordo avete la possibilità di partecipare ad attività sportive, farvi coccolare nella Spa oppure oziare sulle sedie a sdraio e immergervi in un bel libro. opo una settimana di rela a bordo, vivrete per tre giorni l’atmosfera vivace e indimenticabile della capitale del mondo: e ork.

La Queen Mary 2 arriva a New York.

59 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

PREZZI Forfait a persona in franchi, occupazione doppia MS Botticelli in cabina da 2 letti sul ponte superiore 3455.– in cabina da 2 letti sul ponte inferiore 3615.–

Riduzione per i soci TCS Più spese di gestione della pratica per i soci TCS per i non soci

Dal 2 al 13 ottobre 2020 12 giorni/11 notti Itinerario: Svizzera–Londra–

Southampton– ceano Atlantico– e ork–Svizzera Servizi Volo di linea SWISS Zurigo o Ginevra–Londra / New York– Zurigo o Ginevra in classe Economy; tasse aeroportuali e di sicurezza; 7 pernottamenti a bordo della QM 2; pensione completa a bordo, dalla cena del 1° giorno alla colazione dell’8° giorno; servizio, tasse e mance; 3 pernottamenti a NY; guida turistica locale che parla tedesco o francese dal porto di Southampton all’aeroporto di New York; escursioni e visite come da programma; tutti i trasferimenti; tutte le mance; accompagnatore TCS dalla/alla Svizzera; documentazione

200.–

50.– 70.–

Nota cfr. programma dettagliato per i costi della cabina doppia uso singola, le informazioni dettagliate sul programma di viaggio e sulla nave, le prestazioni non incluse, le disposizioni di ingresso e le condizioni di annullamento. Il programma dettagliato può essere richiesto telefonicamente, tramite e-mail o formulario online

Organizzazione, prenotazioni e informazioni dettagliate TCS Viaggi SA Maulbeerstrasse 10 3001 Berna, tel. 0800 163 111 vl@tcs.ch o tcsviaggi.ch

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

59


Gli appassionati del freeride trovano a Livigno il paradiso.

60 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020


SVAGO

LIVIGNO, ITALIA

Neve immacolata e piste a non finire dietro l’angolo Oltre ad essere zona franca, Livigno è conosciuta anche come «Piccolo Tibet» d’Italia e mecca del freeride. Fra distese di neve immacolata ed emozioni forti, la guida alpina Emanuele Tizzoni ci spiega il suo regno bianco. REPORTAGE FELIX MAURHOFER

S

otto la fiancata del Monte Campaccio veniamo accolti dal silenzio più assoluto, e dire che siamo a poca distanza dalla festaiola Livigno con i suoi 115 chilometri di piste attrezzate e 32 impianti di risalita. Seguiamo la linea tracciata con meticolosa attenzione dalla nostra guida. Siamo diretti verso un piccolo colle appena sotto la cresta. Emanuele Tizzoni conosce il vasto comprensorio, paradiso dello sci escursionismo e freeride a due passi dalla frontiera svizzera, come le sue tasche. Se i bollettini lo permettono, accompagna gli ospiti nei posti migliori durante la stagione fredda, che da queste parti è lunga e nevosa. «Qui siamo a 1800 metri ma arriviamo a quasi 3000 metri d’altitudine, per cui abbiamo condizioni ideali». I percorsi sono perlopiù di difficoltà media, ma non mancano pendii ripidi e più impegnativi. Livigno è un punto di riferimento per gli appassionati che vi trovano immense distese di neve fresca e pendii vergini. Le aree più mozzafiato si raggiungono però dalle stazioni di monte solo salendoci con le pelli di foca messe agli sci.

CARTINA KEYSTONE

Piste incontaminate Dopo un’ora arriviamo al nostro primo traguardo. Emanuele ci spiega la discesa fuori pista, un manto polveroso alto 20 centimetri fino al fondovalle. E senza ulteriori divagazioni, si lancia sulla neve candida dise-

gnando curve perfette. Lo inseguo e mi sento pervadere da brividi di gioia. Se esiste un paradiso per freerider, lo abbiamo trovato. Il divertimento è totale e vorrei non finisse mai, ma i muscoli cominciano a bruciare e dobbiamo concederci una pausa. Emanuele ne approfitta per indicarci le maestose vette che si stagliano all’orizzonte. Oltre a lui altre cinque guide offrono uscite in fuoripista. Per praticarlo occorre essere preparati. Ci segnala il bollettino valanghe giornaliero diffuso dall’amministrazione di Livigno, che inoltre organizza ogni domenica sera incontri con esperti freeride presso il Birrificio. Attenzione però, per quanto la birra locale – come d’altronde la cucina valtellinese – sia eccellente, va consumata con ritegno se l’indomani si ha in programma una giornata nella neve. Emanuele ci racconta che da ragazzo sognava di diventare ciclista e partecipare al Giro d’Italia. Cosa che non sorprende, visto che è cresciuto a Milano.

REGOLE DEL FREERIDE Consultare il bollettino valanghe, pianificare l’itinerario (durata, inclinazione, livello di difficoltà); controllare il materiale di sicurezza (ARTVA, pala, sonda, zaino airbag, casco); rispettare le zone vietate; accordarsi con esperti locali. Equipaggiamento: touring.ch

Delle montagne si è innamorato dopo aver accompagnato degli amici in una scalata. Da allora, il 40enne preferisce muoversi sugli sci o armato di piccozza invece che in bici.

Adrenalina pura Continuiamo la discesa fino alla stazione della seggiovia Federia nell’omonima valle, con la quale rimontiamo. Arrivati in alto mettiamo gli sci in spalla per salire in pochi minuti al Pizzo Cantone. Da qui scivoleremo giù affrontando un dislivello di oltre 1000 metri. L’unico problema è quale fra i diversi itinerari, tutti invoglianti, scegliere. Secondo il motto «Sleep, ski, eat and repeat» facciamo sosta e ci gustiamo un piatto di «sciatt», una sostanziosa specialità tipica. Proprio quello che ci vuole. A tavola poi Emanuele ci mostra la cartina dei percorsi del comprensorio. E sono davvero illimitate le possibilità offerte dalla località sciistica più rinomata d’Italia. Impianti di risalita d’avanguardia servono i due versanti montuosi della vallata, ma è dietro le cime che si scoprono le sconfinate piste da sci libero. A dipendenza dell’esposizione, sono aperte fino a stagione inoltrata; quando i pendii rivolti al sole primaverile si trasformano in poltiglia, sul versante nord i patiti trovano ancora della neve bella polverosa. Ed è questa che ci godremo sicuramente nei prossimi giorni. ◆ Il reportage è stato realizzato con il sostegno di Livigno Turismo.

DA SAPERE Stagione: fino al 3.3.2020 Viaggio: galleria della Vereina –Passo del Forno–Punt la Drossa (tunnel)–Livigno Comprensorio sciistico: piste a 1800 fino a 2900 m s.l.m., 32 impianti di risalita, 115 km di piste, skipass adulti 43 euro, bambini 21.50 euro Soggiornare: Hotel Valtellina, doppia da 130 fr. hvaltellina.it Freeride: guida alpina Emanuele Tizzoni, emanuele. tizzoni@gmail.com, oppure Livigno Outdoor Center, freeride@livigno.eu

Documentarsi: Freeride Map Livigno, ISBN 978-3-90591677-5, freeride-map.com Informazioni: livigno.eu F

D

SVIZZERA Grächen 100 km

Guida esperta Emanuele Tizzoni conosce ogni angolo.

Obergurgl

Livigno

ITALIA

A


La fiaba dei fratelli Grimm le tre piume è narrata in una delle telecabine di Grächen.

62 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020


SVAGO

GRÄCHEN, VALLESE

Nel regno dei bambini Grächen, destinazione meno famosa della vicina Zermatt, punta su una clientela familiare. Qui, tutto è stato studiato su misura per accogliere i genitori e i loro pargoli, dai parchi innevati ai bagni, passando per le telecabine. REPORTAGE ALINE BEAUD

Q

uando nella telecabina di Gr chen inizia il racconto della Bella addormentata nel bosco, si sente il riso di un bambino, gioioso e spontaneo. ella stazione inferiore, i pi piccoli si accalcano nella fila dedicata ai racconti e scelgono accuratamente la telecabina su cui salire per raggiungere, in 12 minuti, la Hannigalp a 2114 metri. esiderano scovare il racconto che non conoscono ancora elle telecabine dorate sono narrate in tutto dieci storie, quanto basta per la settimana. Gli sciatori pi esperti possono invece utilizzare un normale impianto di risalita, senza fronzoli e senza storie.

Per ogni livello

CARTINA KEYSTONE

Grazie a questo piccolo ritorno all’infanzia, gli appassionati di sport invernali possono lanciarsi su una delle 12 piste e approfittare dei 44 km. I pi giovani imparano a sciare in uno dei parchi appositamente preparati per loro. Mentre la mascotte SiSu si occupa dell’animazione nel parco delle famiglie, dove i bambini si divertono vivacemente. Lì si trova anche un igloo, in cui i pi grandicelli possono scoprire dei film proiettati direttamente sulle pareti ghiacciate. Affaticate dagli sforzi mattutini, le famiglie possono recuperare le energie al self service di montagna Hannigalp, gustando una pizza, un piatto di spaghetti o uno degli altri invitanti pasti. na

buona notizia: per i bambini è a disposizione uno spazio giochi interno con scivolo gigante, bagno di palline, giochi d’equilibrio e altro ancora. Lo stabilimento propone pure toilette in miniatura e lavandini adattati ai pi giovani. Ciliegina sulla torta: nel forfait sono incluse anche due ore al giorno di sorveglianza per i pi piccoli. Gli adulti potranno così concedersi qualche discesa a velocità pi sostenuta

I primi impianti alle zone pi alte del comprensorio, si possono scorgere il Cervino, il ghiacciaio dell’Aletsch o, pi in basso, il paese di Gr chen situato a 1619 metri. Come spiega Reinhard alter, professore in pensione riconvertitosi in guida, il villaggio è stato collegato con una strada solo nel 1953, anche se oggi è parzialmente chiuso alla circolazione. «Il primo negozio vide la luce poco prima del 1900, nel posto in cui oggi c’è la macelleria. A quei tempi si vendeva sale, tabacco, zucchero e caffè», spiega ancora. Il resto delle derrate alimentari era prodotto direttamente dagli abitanti. Per quanto riguarda invece i primi impianti di risalita, apparvero nel 1959. ra la destinazione si posiziona come un luogo di villeggiatura destinato ai bambini, che gode del marchio di qualità Famil estination. a detto che tutti contribuiscono a far vivere dei mo-

menti piacevoli alle famiglie. L’albergo Famil Hotel Spa esir e, ha un personale molto accogliente e dispone di una grande sala giochi in cui i bambini si divertono dopo lo sci... sotto lo sguardo attento di uno dei membri del personale che li sorveglia durante l’alta stagione. n vero paradiso del gioco. Alle 18, viene preparato un buffet nella sala da pranzo per i pi giovani. E pure le camere sono ammobiliate con un occhio di riguardo per i bimbi. Inoltre, l’albergo mette a disposizione degli armadi supplementari per i bagagli negli spazi comuni. opo esser scesi dalle varie piste e aver approfittato delle numerose proposte ludiche, non resta che tornare a valle. L’unica preoccupazione è quella di optare per la telecabina «giusta», quella che diffonde il racconto che si desidera ancora scoprire. ◆ Questo reportage è stato realizzato su invito di Grächen Turismo. Il materiale da sci è stato organizzato da Intersport Glacier-Sport Grächen. Visita guidata con Reinhard Walter: i lunedì dalle 14 alle 15, gratuita, su prenotazione: tel. 027 955 60 60. Anche gli adulti possono divertirsi sulle piste di Grächen.

DA SAPERE Stagione: dal 14.12.2019 al 13.04.2020 Comprensorio sciistico: 44 chilometri ripartiti su 12 piste 10 impianti Diversi parchi giochi sulla neve per i bambini Tessere sci: giornaliera: 56 fr. adulti, 34 fr. bambini; abbonamento famiglia, ad es. per 2 adulti e 2 bambini per un giorno: 164 fr. Soggiorno: ad esempio al Family Hotel & Spa Desirée***S. L’albergo propone delle offerte speciali: una settimana con mezza pensione (2 adulti, 2 bambini), inclusi i forfait di sci per tutta la famiglia e il corso di sci (6 × 2 ore) per i giovani sportivi a meno di 4000 franchi in alta stagione. hoteldesiree.ch

Noleggio sci/snowboard: Intersport Glacier-Sport Grächen. intersportrent.ch F

D

SVIZZERA Grächen 100 km

Obergurgl

Livigno

ITALIA

A


L’Hohe Mut Alm attira i visitatori grazie al ristorante e al panorama spettacolare.

64 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020


SVAGO

OBERGURGL, AUSTRIA

La piccola e nobile perla nella Valle di Ötz Cosa? Obergurgl? Sono in tanti a reagire così, sentendo parlare della località di sport invernali in Tirolo. La regione austriaca in genere è nota per l‘ambiente festaiolo. Chi va a Obergurgl, poi ci torna, perché offre spasso sugli sci lontano dalle masse. REPORTAGE JULIANE LUTZ

I

ANTON KLOCKER, ÖTZTAL TOURISMUS, CARTINA KEYSTONE

l sole splende alto nel cielo, la neve luccica e le piste preparate alla perfezione, che partono dall’impianto Festkogl, son vuote. E sono le nove di mattina. Verosimilmente il freddo ha tenuto gli sciatori attaccati più a lungo al buffet della colazione. A Obergurgl il termometro indicava già meno 15 gradi, dunque qui, 700 metri più in alto, è di sicuro almeno 5 gradi più freddo. Ma Alfred König e io non ci lamentiamo, bensì scendiamo con entusiasmo l’ampia pista, che in questo momento appartiene solo a noi. Quando ci fermiamo mi mostra con il bastone da sci la Valle di Ötz, che riusciamo a scorgere tra la nebbia. È stata la sua professione di cuoco a condurre l’austriaco a Obergurgl nel 1992. È in questo paese di 450 abitanti che ha conosciuto una donna, l’ha sposata e ha messo le radici nella valle. Da tempo non cucina più, in inverno lavora come maestro di sci e in estate si occupa dei sentieri escursionistici. È un ottimo conoscitore della zona.

Un sacco di feste «Guarda, da quella parte c’è la capanna Ramolhaus, che ho gestito per dieci anni» racconta Alfred. Dalla terrazza del ristorante Hohe Mut Alm ammiriamo il Rotmoosferne e il Gaisbergferner di fronte. Adesso, a metà mattinata, il quadro in vetta è completamente cambiato. Sciatori e snowbordisti si accalcano nell’elegante locale di monta-

gna, dove vengono serviti piatti abbondanti di specialità tirolesi. Un’atmosfera accogliente che contraddistingue l’intera Obergurgl: capanne ben curate e alberghi di qualità, che di regola permettono un accesso diretto alle piste da sci. Nel paese a 1930 metri di altitudine, il comune più alto dell’Austria, arrivano coloro che cercano relax e un ambiente familiare e che sono disposti a spendere per ottenere qualità. A chi invece deve fare più attenzione al budget e vuole anche più movimento, si consiglia di procedere per 14 chilometri sino a raggiungere Sölden, dove le feste sono all’ordine del giorno. Tuttavia ci si può divertire anche a Obergurgl. Nella Nederhütte si tengono party après-ski coi fiocchi, soprattutto da giovedì a domenica quando il gerente e il figlio mettono delle hit intramontabili come «YMCA». Dentro il locale dei giovani inglesi ballano con gli scarponi ai piedi. A festa terminata gli ospiti raggiungono gli alberghi grazie ad una pista illuminata. E se capita che non sono più in grado di sciare, il personale della capanna li riporta a Obergurgl con il gatto delle nevi.

Moto nella neve Dondoliamo sopra due valli con la cabinovia di collegamento Top Express per raggiungere Hochgurgl e carvare sino alla stazione di montagna Kirchenkarbahn,

dove togliamo gli sci. Nella vecchia stazione di pedaggio che conduce lungo la Strada alpina del Passo del Rombo (Timmelsjoch-Hochalpenstrasse) molto amata dai motociclisti, gli albergatori e fratelli gemelli Alban e Attila Scheiber hanno realizzato il museo della moto più alto d’Europa. Il Top Mountain Crosspoint comprende una collezione di 300 pezzi provenienti da tutto il mondo. «Solo il 15% degli esemplari sono prestiti», spiega Attila Scheiber, che fa da guida al museo. Alcune moto sono addirittura appese al soffitto del ristorante, integrato nel Top Mountain Crosspoint, che conta una superficie espositiva di 2600 metri quadri. Dopo la visita al museo prendiamo la Kirchenkarbahn per salire sino a quota 2839 metri. «Da qui si vede la Wildspitze, la montagna più alta del Tirolo», mi spiega ancora Alfred. Ultima tappa: la Schönwieshütte a Obergurgl. Per arrivarci con gli sci partendo dall’impianto Steinmann si dovrebbe spingere per 15 minuti. Ma il padrone di casa ci accompagna alla meta in motoslitta. La bella capanna è rivolta verso la valle innevata Rotmoostal am Hangerer. «Qui in aprile ha luogo l’Open Faces Freeride. Obergurgl è piccola, ma offre qualcosa ad ognuno». E ha ragione! ◆ Il reportage è stato realizzato con il sostegno dell’Ufficio del turismo della Valle di Ötz.

DA SAPERE Stagione: fino al 26.4.2020 Viaggio: ad es. col treno austriaco Railjet da Zurigo alla stazione Ötztal (3 ore), poi taxi sino a Obergurgl (1 ora) Comprensorio sciistico: piste a 1800–3080 m, 25 impianti di risalita, 112 km di piste Tessere sci: giornaliera adulti da 52 euro (bassa stagione), bambini 35 euro; a partire da 3 giorni c’è lo Super Skipass della Valle di Ötz, valido in 6 aree, tra cui Sölden. Prezzo: adulti da 152 euro (bassa stagione), bambini 90 euro. Soggiorno: Hotel Edelweiss & Gurgl, 4 stelle nel centro, cucina fantastica. Da 235 euro a persona in camera doppia (incl. mezza pensione). F

D

SVIZZERA Grächen 100 km

Il maestro di sci Alfred König conosce bene la regione.

Obergurgl

Livigno

ITALIA

A


Orsa Grönklitt, paradiso per lo sci di fondo. A disposizione ci sono 130 chilometri di piste.

Sci di fondo nel paese di Pippi Calzelunghe La provincia della Dalecarlia è spesso definita la Svezia in miniatura. La patria della storica Vasaloppet è un paradiso per gli sciatori di fondo. Ma oltre alla neve ci sono diverse altre attrazioni, tutte da scoprire! REPORTAGE JULIANE LUTZ

A

d alta voce aniel corregge la tecnica della sciatrice di fondo alle prime armi. «Inclina gli sci pi a sinistra ». opo aver affrontato senza difficoltà la curva in leggera pendenza, gli chiedo di mostrarmi un passo doppio. aniel dà la spinta e in men che non si dica diventa un punto nero nella neve, che dopo poco fa ritorno davanti alla sua allieva venuta dalla Svizzera. Il 23enne non è solo un talento svedese di sci nordico, bensì pure uno dei dieci maestri in servizio a rsa Gr nklitt, moderna località di sport invernali vicino ad rsa. La pi

alta montagna della regione misura 500 metri, nulla a confronto con le vette a cui siamo abituati in Svizzera. Comunque i 130 chilometri di piste di sci di fondo nella provincia centrale svedese della alecarlia ( alarna) sono magnifiche. Si snodano attraverso fitte foreste e lungo splendidi laghi ghiacciati. Anche nei giorni feriali sono molto frequentate e tutti gli sciatori di fondo si salutano di buon umore. ieci chilometri pi avanti nel Fr ks s Hotell ci si ritrova catapultati ai tempi di Astrid Lindgren e non ci si sorprenderebbe se Pippi Cal-

66 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

zelunghe sbucasse da dietro l’angolo assieme ai suoi compagni di avventura. La bella e vecchia casa in legno si trova su un terreno che in passato fu un alpe, dove donne e bambini trascorrevano l’estate, si occupavano delle mucche e producevano il formaggio. uando negli anni Trenta arrivaro i primi vacanzieri, le cose cominciarono a cambiare. Le ultime mucche lasciarono i pascoli nel 19 4. a tempo ormai i cittadini benestanti di Stoccolma hanno comprato le vecchie capanne dei dintorni e le hanno trasformate in lussuose residenze estive. urante la deliziosa cena nel ri-

La Corsa di Vasa pone fine per un giorno alla quiete nella Dalecarlia.

storante dell’albergo con vista sullo stupendo Lago d’ rsa, che al crepuscolo si tinge di rosa e blu, mi sento invadere da una profonda contentezza.

Vasaloppet Con le sue casette in legno rosse, che spesso si trovano in riva al lago, e tutti gli abitanti sempre cortesi e rilassati, la alecarlia sembra essere uscita da un libro di favole, fuori dal tempo. Fatta eccezione per ogni prima domenica di marzo. In quell’appuntamento annuale ci che conta è invece proprio il tempo, sul quale battere gli altri e salire


SVAGO Falun è conosciuta per le miniere di rame. Val la pena visitare anche i quartieri in cui vivevano i lavoratori.

sul podio della asaloppet, la Corsa di asa, che dal 1922 si tiene tra i villaggi di S len e Mora. La maratona di sci di fondo, oggi la maggiore al mondo, è stata ideata da un giornalista di Mora che voleva ricordare con un evento simbolico la fuga sugli sci del futuro re Gustavo asa inseguito dalle truppe del re danese Cristiano. n’impresa che gli riuscì e nel 1523, anche con l’aiuto degli La statua di Anders Zorn a Mora rappresentante Gustavo Vasa.

abitanti di Mora, liber il proprio paese. Alla prima edizione della gara a S len si presentarono appena 119 partecipanti pronti a percorrere i 90 chilometri sino a Mora. ggi si contano sui 15 800 iscritti alla asaloppet, ed ogni volta i posti di partenza sono esauriti in pochi minuti. « na volta nella vita si deve vedere la asaloppet. Fantastica », esclama Inger Rommedahl. on è immaginabile una migliore compagna di sci di fondo. Con la sua società alaupplevelser la sportiva, che ha già partecipato alla storica maratona sciistica, offre dei tour con e senza gli sci. Per diversi anni suo marito Rolf Hammar è stato direttore della asaloppet. Il giorno della competizione, assieme ad altri volontari, la coppia offre ai partecipanti la tradizionale zuppa di mirtilli. ell’arena della maratona larga solo 8 metri ci spostiamo velocemente da Mora sino a Eldris. Chi è molto in forma, naturalmente pu tentare di compiere l’intero percorso di 90 chilometri. Ad avanzare

nella neve si incontrano sia giovani che anziani, da soli o in gruppo. uando arriviamo dopo un’ora e mezza di marcia, ci attende Rolf con le tipiche tartine Sm rrebr d e zuppa di mirtilli in una delle capanne dell’arena, che rimane aperta tutto l’anno ad accogliere sciatori di fondo ed escursionisti. Ma Mora attira non solo gli appassionati di sport, bensì anche di arte. a questa regione proviene Anders orn, uno dei pi famosi pittori svedesi. Grazie ai suoi ritratti delle famiglie potenti e benestanti anche lui si arricchì e nel 1896 costruì nel luogo di nascita una casa da sogno per s e la moglie. Arredata in modo magnifico, molti mobili e dipinti sono di orn, questo luogo permette ai visitatori di farsi un’idea della Svezia di fine ttocento.

Il rosso di Falun e le fette croccanti n’altra meta da visitare assolutamente è Falun, che si trova a 86 chilometri di distanza. ella capitale della

Inger Rommedahl mostra ai visitatori la regione di Mora – anche sugli sci.

provincia della alecarlia sono rimasti conservati i vecchi quartieri, in cui un tempo vivevano i lavoratori nelle miniere. el 16 secolo due terzi dell’intera quantità di rame al mondo veniva prodotta a Falun. Parte della miniera, chiusa nel 1992, fu anche una fabbrica, in cui a partire dal 1 64 veniva prodotto il famoso colore rosso – Falunr d – che tinge appunto le case svedesi. A 40 minuti di distanza, il paesino di Stora Skedvi sembra uscito dalla penna di Astrid Lindgren. ui si possono osser-

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

67


SVAGO Orsa Mora

Nusnäs

Falun D a l e c a r l i a

V

E

Z

I

A

Stoccolma 40 km

DA SAPERE Viaggio: volo a Stoccolma, treno fino a Falun e poi automobile a noleggio

possono noleggiare sci di fondo sul posto e a Mora nei negozi di articoli sportivi

Soggiorno: Clarion Collection Hotel Bergmästaren, Falun, moderno e centrale Fryksås Hotell, Orsa, un sogno

Da visitare: museo Zorn, Mora, zorn.se fabbrica cavalli Dala Nils Olsson, Nusnäs, nilsolsson.se Miniera di rame Falun,

Mora Hotell & Spa, Mora, moderno e molto centrale

Skedvi Bröd, Stora Skedvi,

Fondo: a Orsa Grönklitt si Le fette croccanti Skedvi Bröd preparate come negli anni Venti.

vare i panettieri del marchio Skedvi Br d mentre preparano le famose fette di pane croccante in enormi forni a legna e che si possono gustare ancora calde. Il salvataggio di Skedvi Br d è merito di due giovani del paesino che nell’e fabbrica di pane aprirono il mercato coperto Kulinariet con prodotti alimentari locali. uando si ritrovarono

falugruva.se kulinariet.se visitsweden.it

Una graziosa casa a Mora pitturata con il tipico colore rosso di Falun.

sull’orlo della bancarotta ricevettero la telefonata di Benn Anderson, e componente degli ABBA. Grazie al suo sostegno si possono ancora mangiare i tradizionali Skedvi Br d e Kulinariet è diventata una meta apprezzata dai buongustai. ◆ Il reportage è stato realizzato su invito di Visit Dalarna e Visit Sweden. Galleria fotografica su touring.ch

I cavalli Dala di legno

Per gli svedesi non è Ikea il simbolo del loro paese, bensì il Cavallo ala ( alah st). In ogni abitazione se ne trova almeno uno. E quando nel 1939 la delegazione svedese port migliaia di questi cavallini rossi in legno all’Esposizione mondiale di e ork, conquistarono pure il cuore degli altri paesi. La pro duzione avviene come nel 1928, quando i fratelli ils e annes lsson a usn s, non lontano da Mora, aprirono la loro piccola fabbrica ils lsson, per far rinascere la tradizione secolare dell’intaglio dei cavalli in legno. Attualmente 68 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

vi lavorano un centinaio di persone. na segheria fornisce i blocchi di legno di pino, che una macchina riduce sino a diventare una sagoma di cavallo, che poi viene trasformata in cavallini dalla forma perfetta. a ils lsson vengono immersi pi volte nel colore e infine decorati da pittrici nello stile kurbits, i tipici motivi floreali. Per la realizzazione di un Cavallo ala di media grandezza ci vogliono circa due settimane di lavoro. Le belle Un Dalahäst statuette si trovano in varie misure, di Nusnäs è sempre da minuscole a grandi come cavalli presente in ogni casa svedese. a dondolo.

CARTINA KEYSTONE

S


SALUTE

Paracetamolo, un sovradosaggio può causare danni al fegato.

Paracetamolo: attenzione al sovradosaggio INTERVISTA SANDRA EGLI

È vero che le intossicazioni da paracetamolo rientrano tra le intossicazioni da farmaci più diffuse in assoluto su scala mondiale? Dottor Ali Reza Salili: Sì, il paracetamolo è un antidolorifico da banco in Svizzera e viene spesso prescritto dai medici.

IMAGEBROKER

In quali medicamenti è presente il paracetamolo come principio attivo? In Svizzera, è contenuto, tra gli altri, nel Dafalgan, Ben-u-ron e nei monopreparati come il Panadol oltre che nel NeoCitran (preparati combinati). A partire da quale dosaggio l’assunzione diventa critica? Nella monografia svizzera ufficiale è indicato un dosaggio gior-

naliero massimo pari a 4 grammi per adulti e ragazzi (dai 12 anni compiuti) di peso superiore ai 40 chilogrammi. Studi ed esperienze più recenti, tuttavia, raccomandano cautela già con un dosaggio giornaliero compreso tra i 2 e i 4 grammi.

dalla relativa assunzione. Spesso coincidono con un malessere generale, nausea, vomito, dolori addominali e inappetenza. In caso di sospetta intossicazione da paracetamolo, occorre avviare subito un’adeguata terapia.

Quali danni fisici legati ad un sovradosaggio possono insorgere a carico dell’organismo? Un’intossicazione soprattutto a carico del fegato con relativo collasso.

Un sovradosaggio può rivelarsi anche fatale? Sì, un’intossicazione da paracetamolo può tradursi in un collasso epatico che, in assenza di trapianto di fegato, mette a repentaglio la vita stessa.

Attraverso quali sintomi si manifesta un sovradosaggio? Di norma, i sintomi clinici di un danno epatico da intossicazione da paracetamolo si manifestano solo a 1–2 giorni di distanza

Quando è opportuno consultare un medico? Già in caso di sospetto sovradosaggio, è necessario rivolgersi immediatamente ad un medico o ad un ospedale. ◆

ALI REZA SALILI Medico dirigente sezione Farmacologia clinica ospedale cantonale Aarau

Protezione per ogni viaggio

Malattie o incidenti possono succedere ovunque – anche in vacanza e in viaggio. Con il TCS Libretto ETI si è assicurati per ogni evenienza. 0800 140 000 tcs.ch/eti

Quali argomenti inerenti alla salute vi interessano? Mandateci i vostri desideri a: med@tcs.ch

Pubblicità

VACANZE IN ITALIA ITALIA VACANZE IN LIGURIA ISOL A D’ELBA Hotel MARINA/RIVIERA da Giacomino Isola d’Elba/S.Andrea Tel. su +39 0565.908-010 Fax -294 spiaggia privata, tranquillo, DIANO DEI FIORI. Direttamente

terrazza dirett. sul mare. Passaggio priv.“giardino-mare” giardini, parco, piscina, parch. priv., garage. Buffet colazione e insalate. tra Scelta ★★★★Tranquillo, <wm>10CAsNsjY0MDCx0LUwMzA1MwAAAoCUsw8AAAA=</wm>

e spiaggia! tennis, WiFi, vista climat. Anche appartamenti. menu. Camere ogniPiscina, comfort,whirlpool, la maggior partegarage, con balcone mare. HOTEL scogliera www.hoteldagiacomino.it info@hoteldagiacomino.it A/C, zona WiFi. Aperto tutto l’anno. <wm>10CFXKqw7CQBAF0C-azb3z2ikjSV2DIPVrGjT_rwg4xHHnODoGfu7749yfTcBLKhGJ1sSYNVtrmGeDagrOG8Mdm2r-dUGAG3R9j4CithjiJsbFWeN9vT7NbuA-cQAAAA==</wm>

WWW.EDENPARKDIANO.IT

ITALIA

Il paese del sole

La Vostra vacanza ideale in ogni momento, sia nella bassa che nell’alta stagione. Offriamo tranquillità, ospitalità, benessere, un mare pulito con temperature sempre piacevoli: maggio/giugno 18-22°, settembre/ottobre 22-18°. Hotels, appartamenti e campeggi accoglienti Vi garantiscono relax a prezzi vantaggiosi. Per informazioni dettagliate consultate le offerte seguenti.

Per le vostre inserzioni: A. Janetzki srl, Genova - Tel. 0039/010.381759 - Fax .383581

ADRIATICO

Tel. +39 0183.403767 Fax .405268

info@edenparkdiano.it

RIVIERA LIGURE

La rivista più letta in Svizzera

DIANO MARINA/RIVIERA DEI FIORI. Direttamente su spiaggia privata, tranquillo,

★★★★ parco, piscina, parch. priv. Buffet colazione e insalate. Scelta menu. comfort, la maggior parte con balcone vista mare. A/C, HOTEL Camere ogniun Pubblicare piccolo annuncio WWW.EDENPARKDIANO.IT zona WiFi. Aperto tutto l’anno. Contatto: Tel. +39 0183.403767 Fax .405268 info@edenparkdiano.it Touring Club Svizzero PISCINE TERMALI E WELLNESS Chantale Hofer Telefono +41 79 123 45 33 E-Mail: chantale.hofer@tcs.ch <wm>10CAsNsjY0MDCx0LUwMzA1NwQA1YGI3Q8AAAA=</wm>

<wm>10CFXKqw7DQAwEwC_yaXfvYSeGVVhUUIUfiYLz_6hqWMGw2ffsBY_X9j62TxJoYTHQnamB4uHZVLoSVBXoK4cIjxZ_29DBBZq_Y6CpTg4TjJyL13Kf1xfgieV_cAAAAA==</wm>

RELAX E CURE


TCS BENEFITS

bre Mem lied Mitg Socio

ERA

TESS

2020

OCIO

DI S

%to 10 scon

di

ALD

Non si smette mai di imparare Anche sportivi esperti sugli sci possono migliorare la propria tecnica grazie alle scuole svizzere di sci.

Scuola svizzera di sci per tutti Migliorate la vostra tecnica! Non importa se sulle piste siete alle prime armi o sciatori provetti, nelle scuole svizzere di sci trovate il corso adatto a ogni livello. Anche sportivi esperti sulla neve possono sempre imparare qualcosa.

S

ono il simbolo dello sport invernale in Svizzera: i maestri delle scuole svizzere di sci. I professionisti dello sci e dello sno board, subito riconoscibili sulle piste grazie alle loro tute rosse, in genere vengono presi in conside razione solo come «prima tappa» nell’apprendimento dello sci e dello sno board. In particolare chi si colloca in un livello avanzato pensa che non ci sia pi margine di miglioramento e che non si possa variare ulteriormente lo stile di discesa delle piste. elle scuole svizzere di sci invece anche loro possono perfezionare la tecnica sciistica. Grazie a lezioni su misura e feedback mirati il maestro riesce a far salire di

livello il partecipante al corso.

«Magic moments» n progresso che ha potuto constatare in prima persona anche Beatrice Marti. Al momento d’iscrivere sua figlia Aline al corso di sci le hanno chiesto se desiderava anche lei prenotare una lezione. Beatrice viene dunque a sapere che le scuole svizzere di sci hanno un’offerta che si adatta a tutti i livelli. E così Beatrice decide d’iscriversi a un corso di gruppo di una settimana per sciatori di livello avanzato. Già dopo soltanto un paio di curve il maestro la stupisce con un feedback individuale che le permette di continuare la discesa con uno stile pi

70 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

leggero e fluido. Per lei la lezione di sci è pi di un miglioramento della tecnica. Il simpatico maestro in tuta rossa che conosce il com prensorio sciistico come le proprie tasche, conduce il gruppo sempre sulle piste con meno gente e lo accompagna in un idilliaco ristorante sinora sconosciuto a Beatrice. Alla fine della settimana Beatrice si rende conto non solo che la sua tecnica è migliorata, ma anche che ha conosciuto meglio la regione e ha potuto vivere diversi «magic moments». Come ciliegina sulla torta, si aggiunge il fatto che Beatrice, in qualità di socio TCS, ottiene il 10 percento di sconto sul corso settimanale di gruppo. ◆

L’OFFERTA TCS I soci TCS approfittano di uno sconto del 10% su un corso di gruppo settimanale in una scuola svizzera di sci ufficiale. Buono valido per lezioni di sci e snowboard durante l’intera stagione invernale 2019/2020. Riscattabile solo una volta per ogni socio (socio TCS o un membro della sua famiglia). Non cumulabile con altre promozioni. Lo sconto non è retroattivo: non è applicabile su prenotazioni già effettuate. Per beneficiare dello sconto, mostrate la tessera socio TCS al momento del pagamento allo sportello della scuola svizzera di sci.

swiss-ski-school.ch


TCS BENEFITS

«Skioo»: la chiave per sciare senza frontiere «Skioo» è la carta universale per oltre 50 regioni di sport invernali, in Svizzera e nel mondo intero. Non soltanto, offre la garanzia del miglior prezzo su oltre 3000 chilometri di piste.

L

ALD

a stagione sciistica è appena iniziata che gli appassionati di sport della neve tornano a popolare le località di montagna. ella stagione 201 18 gli alberghi in quota hanno registrato oltre 16 milioni di pernottamenti. Ci si pu facilmente immaginare la calca e lo stress nelle biglietterie a valle e talora sembra di dover attendere un’eternità prima di poter salire sulle piste. on solo, le settimane bianche costano, e anche parecchio, per cui è lecito chiedersi se conviene acquistare uno skipass settimanale. E se poi si preferisse trascorrere una giornata benessere invece che sulla neve

È comprensibile che, visto il costo in genere non indifferente dei pacchetti vacanze neve, non si voglia pagare per servizi non fruiti. Per fortuna, gli inconvenienti summenzionati fanno ormai parte del passato. «Skioo» è la soluzione elegante quanto intelligente che dà ac-

cesso ad oltre 50 comprensori in Svizzera e all’estero. È soprattutto l’offerta internazionale che è stata ampliata in vista della nuova stagione. Che si parta per le destinazioni in orvegia, Spagna o Francia fino ai Pirenei, adesso basta un’unica tessera, valevole per una cinquantina di arene bianche. opo la registrazione iniziale si sceglierà come modalità di pagamento sia la carta di credito collegata sia il conto prepagato. opo alcuni giorni la carta verrà consegnata per posta. Sulle piste, «Skioo» riconosce quanto tempo lo sciatore vi è rimasto effettivamente e conteggia automaticamente la tariffa pi conveniente. Inoltre, scaricando l’app «Skioo» si entrerà a far parte di una grande comunità e si ottiene informazioni e funzionalità utili. Ad esempio si potrà partecipare a concorsi e vincere bei premi quali sci, tessere di sci, abbigliamento e accessori quali action cam. ◆

bre Mem lied Mitg io c o S

ERA

TESS

2020

OCIO

DI S

5sh% back

ca

L’OFFERTA TCS Approfittate del 5% di cashback sul prezzo del biglietto in oltre 50 regioni sciistiche in Svizzera e in Europa. «Skioo» funziona nel modo seguente: 1. Registratevi nell’app del TCS o sul suo sito e cliccate nel campo «TCS Benefits» l’offerta «Skioo». 2. Una volta giunti sul portale di «Skioo», inserite il vostro numero di socio TCS in modo che possiate registrarvi (un’unica volta), insieme anche alla vostra famiglia. Se siete già clienti «Skioo», potete introdurre il numero di socio TCS in un secondo tempo per beneficiare dell’offerta cashback. 3. Seguite le indicazioni e scegliete una modalità di pagamento (carta di credito collegata o prepagamento). 4. Dopo due o tre giorni riceverete la carta personale «Skioo». Ulteriori informazioni e iscrizioni tramite l’applicazione del TCS o su tcs.ch/benefits

«Skioo» offre sport sulla neve al miglior prezzo, senza attese snervanti.

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

71


«Romandi indulgenti, svizzeri tedeschi formali» La lite è di casa in Romandia, costa cara nella Svizzera centrale e poco in Ticino. Ecco cosa emerge dalla terza parte del nostro barometro delle controversie per lavoro, consumi e affitto. TESTO DOMINIC GRAF | ILLUSTRAZIONI NICOLAS KRISTEN

L

Un nucleo familiare su dodici coinvolto in una lite civile

e prime due parti del barometro delle controversie TCS hanno mostrato che ginevrini e zurighesi sono i pi litigiosi per fatti avvenuti nella circolazione stradale, mentre i ticinesi non conoscono ragioni quando ne va della propria casa. La terza ed ultima analisi è focalizzata sui contenziosi in materia di locazione, lavoro e consumi. A tal fine si è esaminato in maniera differenziata il portafoglio clienti della TCS Protezione giuridica privata che contiene circa 153 000 polizze. «Touring» ha di nuovo chiesto al noto sociologo e ricercatore eli M der (68) di commentare i risultati, inquadrandoli in un contesto pi ampio.

2411 fr.

248 giorni

8,53%

Ginevrini bellicosi In nessun’altra regione si contano tante liti fra privati come nell’Arco lemanico.

6,95%

2339 fr.

278 giorni

2514 fr.

Zurigo

6,40%

1882 fr.

225 giorni

7,63%

Svizzera nordoccidentale

272 giorni

231 giorni

1931 fr.

8,51%

Barometro TCS delle controversie protezione giuridica privata

Come emerge dall’analisi ogni anno un nucleo familiare su dodici in Svizzera è implicato in una controversia fra privati, per esempio a seguito di un aumento ingiustificato delle spese accessorie per l’affitto, straordinari non corrisposti al lavoratore dopo il licenziamento oppure un elettrodomestico consegnato danneggiato e che il venditore si rifiuta di sostituire. Se si attiva un’assicurazione di tutela legale, questi casi finiscono in tribunale oppure vengono risolti in via e tragiudiziale. Frequenza, durata e costi possono comunque variare notevolmente da una

Svizzera centrale Mittelland

1661 fr.

183 giorni

7,66%

2260 fr.

10,00%

228 giorni

Svizzera orientale

Ticino Ginevra e dintorni

Frequenza

Durata

Costi

persone ogni 100 media 7,95%

in giorni media 230 giorni

in franchi media 2200 franchi

72 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020


CLUB Ticino che riesce a comporle nel giro di 122 giorni. Il nostro interlocutore suppone che: «Prendiamo ad esempio la città di Calvino, qui i canoni di affitto sono notoriamente molto elevati, di conseguenza aprire un contenzioso pu davvero valer la pena per il locatario». Inoltre i litigi in materia di locazione hanno una lunga tradizione e la cronaca è ghiotta di scandali immobiliari. Inoltre a Ginevra hanno sede numerosi investitori e società anonime che amministrano enormi portafogli di appartamenti in modo da far salire sulle barricate le associazioni di difesa degli inquilini.

Svizzera centrale costosa, Ticino economico In Svizzera, una lite civile costa mediamente intorno ai 2200 franchi. Anche a livello di costi il barometro delle controversie del TCS registra divari regionali significativi. ella Svizzera centrale una controversia legata ai consumi (3269 fr.) e all’affitto (2 49 fr.) è particolarmente onerosa, mentre il Ticino è di gran lunga il cantone dove si spende di meno per beghe legate all’affitto. ui, il cliente se la cava infatti con appena 29 franchi.

regione all’altra. Controversie di diritto privato si hanno di pi nell’Arco lemanico: nei cantoni di Ginevra, aud e del allese un nucleo familiare su dieci è implicato in un tale conflitto all’anno. La regione meno interessata è la Svizzera centrale, dove il dato scende ad una su sedici economie domestiche. «Ginevra e dintorni sono un’area moderna ed urbana, sede della diplomazia e fortemente internazionalizzata. I rapporti fra le persone sono distanziati e razionali, le istanze legali sono molto presenti, il passo per adirle è breve» spiega eli M der sottolineando comunque che si tratta di sue ipotesi. ella Svizzera centrale si sarebbe pi reticenti a far intervenire l’avvocato, ci si arrangia fra vicini, «oggigiorno senza brandire le alabarde».

Affitto e consumi: oggetto di liti a Ginevra e dintorni Esaminando i contenziosi del lavoro nelle singole regioni, salta all’occhio la preminenza di urigo e Svizzera nordoccidentale. ei cantoni di urigo, Basilea ed Argovia, il tasso di litigiosità

supera del 40 percento quello rilevato nel Ticino e in Svizzera orientale, dove si litiga di meno per motivi professionali. « urigo e Svizzera nordoccidentale sono caratterizzati da una forte crescita economica. ui, le imprese dettano i loro standard e i conflitti lavorativi gestiti professionalmente sono all’ordine del giorno», espone eli M der. Secondo lui, nelle regioni economicamente pi dipendenti come il Ticino e la Svizzera orientale i salariati preferiscono risolvere i problemi sul lavoro alla buona. Il diritto dei consumatori viene invocato di pi nella regione del Lago di Ginevra. ui le pratiche aperte superano del 20 percento la media svizzera e persino del 50 quelle nella Svizzera orientale, la regione pi conciliante in quest’ambito. Le differenze pi vistose si segnalano nel diritto locativo: nei tre cantoni aud, allese e Ginevra le controversie non risultano soltanto pi frequenti ma anche pi lunghe, con una durata media di 253 giorni, doppia rispetto al

Per contro, nel diritto del lavoro, è di nuovo la regione del Lemano a superare di ampia misura la media svizzera, arrivando a oltre 4000 franchi per caso. In questo campo, le altre sei grandi regioni del nostro paese non differiscono che marginalmente, con costi compresi fra 2650 e 2950 franchi. Per lo studioso eli M der ci sarebbero fattori culturali a spiegare perch fra privati si litiga di pi nell’Arco lemanico che altrove: «In Romandia si tende ad essere di manica larga ed interpretare le norme con indulgenza. uesta nonchalance dà adito a conflitti evidentemente pi esacerbati rispetto alla Svizzera tedesca, giudicata formale e dove la gente si comporta pi rispettosa delle regole», conclude M der. opo tre studi dettagliati sulla litigiosità in Svizzera è tempo di fare un bilancio. Sulla pagina seguente, Stefan Burri, responsabile divisione Assicurazioni presso il TCS, illustra come il barometro delle controversie aiuta la Protezione giuridica in seno al TCS e se e come questo strumento verrà sviluppato in futuro. ◆ dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

73


CLUB

Litigi in Svizzera sotto la lente A più riprese il barometro delle controversie del TCS ha fornito interessanti riscontri, mostrandoci come si affrontano i conflitti che sorgono nella circolazione, sul lavoro, in ambito immobiliare e nei consumi. Stefan Burri, a capo delle Assicurazioni TCS, fa il punto della situazione. INTERVISTA DOMINIC GRAF | FOTO MATHIAS WYSSENBACH

Qual è il bilancio delle tre analisi presentate dal primo barometro delle controversie del TCS?

Stefan Burri: uesto barometro ci ha mostrato un quadro dettagliato della conflittualità nel nostro paese con differenze talora notevoli fra regioni, sessi e fasce di età. Quali risultati l’hanno sorpresa maggiormente?

Mi ha impressionato ad esempio quanto si litighi per vicende legate alla proprietà immobiliare, con il Ticino che svetta con un tasso doppio rispetto alle altre regioni. uanto alle differenze fra i sessi è interessante notare che in media gli uomini fanno causa pi spesso e spendono pi delle donne, le quali tendono invece ad essere pi persistenti. È altresì interessante, ma normale, il fatto che gli anziani siano complessivamente meno implicati in controversie dei giovani. I risultati permettono di avanzare generalizzazioni circa la cultura del litigio in Svizzera?

È evidente che sussistano degli stereotipi circa la conflittualità delle diverse regioni, gruppi di età nonch delle donne rispetto agli uomini. Tuttavia mi sembra fuori luogo trarre delle conclusioni generiche sui singoli campioni demografici analizzati. È importante evitare di esprimere pregiudizi e caratterizzazioni che hanno sempre anche delle connotazioni emotive. on dimentichiamo che in Svizzera convivono numerose culture in spazi ristretti, ci che per me personalmente fa parte del fascino del nostro paese. Considero la pluralità una ricchezza e una risorsa che contribuiscono al successo della nostra società. Nelle città la gente tende ad andare per via legale più frequentemente 74 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

di coloro che abitano nelle zone rurali. Il sociologo Ueli Mäder lo spiega con il maggior numero d’avvocati presenti nelle aree urbane. In altre parole non sarà che i cittadini «corrano» più facilmente dal legale per la semplice ragione che ve ne sono tanti nelle vicinanze?

Sì, in via di principio penso che l’offerta crei la domanda, almeno in parte. ’altronde assistiamo ad un effetto simile anche nel settore delle assicurazioni malattie. Comunque mi sembra riduttivo imputare le differenze tra città e campagna a questo fattore. La città presenta una circolazione molto pi intensa, una densità di abitanti maggiore e pi transazioni fra la gente, ad esempio nei consumi e sul lavoro. vviamente tutte queste interazioni hanno un influsso diretto sulla frequenza dei litigi. L’indagine ha dato spunti particolari che potrete mettere a frutto in futuro per l’attività del TCS nell’ambito della tutela legale?

Senz’altro, è un valido strumento che ci aiuta a sviluppare ulteriori prestazioni di protezione giuridica ancor meglio ritagliate sulle esigenze e sul profilo dei rischi dei soci assicurati. È prevista una continuazione del barometro delle controversie TCS?

In linea di massima lo do per scontato, sebbene non sia ancora stato deciso nulla di definitivo. ipenderà molto dall’evoluzione che osserveremo nel nostro portafoglio e se i cambiamenti siano d’interesse generale. Per il futuro stiamo meditando di aggiornare soltanto una tematica all’anno (anzich tre come nell’edizione 2019, n.d.r.). el medio periodo, il barometro assumerebbe così una cadenza triennale e, di riflesso, maggiore attendibilità e rilevanza. ◆

«È interessante poi notare che in media gli uomini fanno causa più spesso e spendono più delle donne, le quali tendono invece ad essere più persistenti» Stefan Burri, responsabile della divisione TCS Assicurazioni


CLUB

In inverno strade più pericolose per traffico lento e motociclisti Nei mesi da novembre a febbraio il rischio d’incidente per pedoni, ciclisti e motociclisti è superiore di quasi il 60 percento.

MADE VISIBLE

TESTO DOMINIC GRAF

I

n occasione della giornata della luce del novembre, il Touring Club Svizzero ha attirato l’attenzione sul fatto che il rischio d’incidente per gli utenti della strada pi vulnerabili aumenta considerevolmente da novembre a febbraio. Il problema sono il buio e la conseguente scarsa visibilità. Per i motociclisti il pericolo di rimanere feriti o uccisi in un incidente nelle prime ore del mattino, dalle 5 alle 9, è quasi il 60 percento pi alto rispetto al resto

dell’anno. urante questa fascia oraria e la sera tra le 1 e le 19, ovvero per un periodo di sei ore, accade il 40 percento in pi d’incidenti rispetto all’intero arco della giornata.

uccisi è addirittura il 54 percento pi alto. Lo stesso discorso vale per chi si sposta in bici elettriche: la loro probabilità di subire un incidente il mattino è maggiore del 43 percento.

Per i ciclisti la situazione è simile: nella stagione fredda la probabilità che una persona in sella a una bicicletta venga coinvolta in un incidente è il 52 percento pi alta se circola tra le 5 e le 9 di mattina. Il rischio di rimanere feriti o

Il fatto che i pedoni siano l’utente della strada pi vulnerabile risulta vero specialmente durante l’inverno: soprattutto il mattino il rischio d’incidente per i pedoni è il 44 percento pi alto rispetto al resto dell’anno. ◆

La campagna «Made Visible», finanziata dal Fondo di sicurezza stradale (FSS), mostra come si possa indossare un abbigliamento che garantisca la sicurezza e che sia nel contempo anche alla moda. Sciarpe, adesivi, ciondoli o zainetti: le maniere per combinare moda e visibilità sono veramente tante. Informazioni e collezione: madevisible.swiss

ISTOCK

Il rischio d’incidente per i ciclisti nei mesi invernali aumenta di oltre il 50%.

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

75


E-Garden: la corrente e l’auto Il TCS è ben predisposto per l‘elettromobilità e può già offrire soluzioni concrete. A tal fine, lavora a stretto contatto con partner come Energia 360°. Il risultato è ora visibile nel pop-up store «E-Garden» a Wallisellen, che dà vita alla mobilità elettrica in tutte le sue sfaccettature. TESTO DOMINIC GRAF | FOTO MICHAEL WÜRTENBERG

I

l tappeto rosso verso l’elettromobilità è stato srotolato. Infatti dal 9 novembre 2019 ha aperto i battenti l’E Garden nel centro commerciale Glatt di allisellen ( H), che fino al 4 gennaio 2020 offre per la prima volta in Svizzera la possibilità ai visitatori di gettare uno sguardo su tutti gli aspetti che incarnano la mobilità elettrica nella sua interezza. «L’importante è di non fissarsi soltanto sulle automobili. La produzione e l’uso di energia elettrica recitano un ruolo altrettanto importante», spiega Andreas Aeschlimann, responsabile dello sviluppo delle attività commerciali del TCS.

Con l’E Garden, il TCS in collaborazione con Energia 360 ha creato una piattaforma che rappresenta l’intero ecosistema – dall’approvvigionamento di elettricità alla ricarica, dall’immagazzinamento alla circolazione – in modo neutrale e indipendente dai marchi, inoltre fornisce informazioni e risponde alle domande, afferma ancora Aeschlimann.

Dall’impianto solare alla e-Harley In uno sho room di circa 00 m2, costruttori nuovi e già affermati così come gli importatori presentano i loro veicoli elettrici. Accanto a marchi già conosciuti come

Renault, H undai, BM e Tesla, sono presenti anche alcune novità: H undai con l’auto a idrogeno « e o», Micro con la due posti elettrica «Microlino» oppure Harle avidson con la sua prima e moto «Live ire». All’E Garden il costruttore cinese Ai a s festeggia addirittura la sua prima svizzera con la S elettrica « 5». Inoltre, come informa ancora Andreas Aeschlimann, ci sono offerte e soluzioni provenienti dal settore energetico. ella veste di co partner dell’E Garden, Energia 360 presenta la gamma completa delle sue colonne di ricarica. Che si tratti di edifici residen-

ziali o commerciali, qui ci si pu informare e farsi consigliare sulle ultime soluzioni di ricarica. iene inoltre presentato il concetto di ricarica bidirezionale, con il quale – detto in parole semplici – l’elettricità del veicolo pu essere reimmessa in casa. Gli interessati possono informarsi allo stand di Helion in modo approfondito perfino sulla produzione privata di elettricità tramite il fotovoltaico.

Informare e diffondere Con l’E Garden la collaborazione tra TCS ed Energia 360 lancia un chiaro segnale, ossia: «La via verso l’elettromobilità si pu percorrere solo assieme. Bisogna utilizzare le sinergie, per poter assecondare questa enorme tendenza in modo globale», dichiara Andreas Aeschlimann. Anche per Marco Piffaretti, responsabile del settore moConsulenza completa Il responsabile dell’E-Garden mostra una colonna di ricarica agli interessati.

76 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020


CLUB

Inaugurazione dell’E-Garden (da s. a d.): Peter Räber (gestore E-Garden), René Hug (responsabile progetto, TCS), Bernhard Bieri (direttore Club, TCS) Marco Piffaretti (responsabile del settore mobilità, Energia 360°), Andreas Aeschlimann (responsabile sviluppi commerciali, TCS), Kevin Sabato (E-Garden).

Anteprima svizzera La Aiways U5 è una grande attrazione di pubblico.

Vivo interesse Il pop-up store è aperto fino al 4 gennaio.

bilità presso Energia 360°, il TCS è l’ideale partner forte. E il ticinese sa bene di cosa parla: sono ben tre decenni che si occupa di automobili elettriche, costruendo anche diversi prototipi e osservando gli sviluppi con occhio acuto: «Sebbene nel frattempo un sacco di persone si interessino all’e-mobilità e possono immaginarsi di circolare elettricamente in futuro, mancano ancora le informazioni di base. Questo è il momento giusto per educare la gente e consigliarla in modo neutrale. È quello che facciamo all’E-Garden, dove non ci si concentra sulla vendita, ma sull’informazione e la diffusione», spiega il pio-

tratta anche di imparare dall’esperienza. La visione di come dovrebbe proseguire in futuro è però già chiara: «Intendiamo lanciare diversi E-Garden in tutto il paese – soprattutto in Romandia –, con esposizioni temporanee come qui al centro Glatt, o in forma di giornate di mobilità

niere svizzero dell’auto elettrica. La proposta dell’E-Garden viene completata da una piccola esposizione di prodotti del Touring Shop, dove l’elettromobilità ha messo radici da parecchi anni. Vi si possono osservare e ordinare diverse e-bike, monopattini elettrici e altri mezzi di spostamento elettrici. In un angolo si ha perfino l’opportunità di cimentarsi nella TCS eSports League e farsi una partita di «Rocket League».

Presto in tutto il paese L’E-Garden è una prima a livello svizzero. Perciò, spiega Andreas Aeschlimann, si

elettrica, sia come superfici commerciali fisse. Lo stimolo del TCS e anche il suo compito non consiste infatti nel lasciare sole le persone con le loro domande relative a questo probabile grande cambiamento nella storia della mobilità», afferma Andreas Aeschlimann. ◆

A CACCIA DEI MITI SULL’AUTO ELETTRICA Le automobili elettriche sono oggetto di molti falsi miti: sono troppo care, troppo silenziose, troppo insicure, troppo poco potenti o poco ecologiche. Con il documento «Mythbuster Elektroauto» (cacciatori di miti sull’autovettura elettrica), l’associazione Swiss eMobility sgombra il campo dai dieci argomenti più diffusi contro l’elettromobilità e, sulla base di dati e fonti comprovate, dimostra come in realtà si tratti di leggende. Mythbuster si trova alla rubrica elettromobilità di swiss-emobility.ch

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

77


Duo dinamico I pattugliatori Marcel Reichmuth (a s.) e Adrian Feusi.

Pattugliatori al lavoro in Kenya Un solo gesto e i pattugliatori trovano l’attrezzo necessario nella vettura TCS. A Nairobi il soccorso stradale si svolge in modo un po’ diverso che qui, come hanno sperimentato i soccorritori Marcel Reichmuth e Adrian Feusi durante il loro scambio. TESTO DINO NODARI | FOTO EMANUEL FREUDIGER, MATHIAS WYSSENBACH, ALD

B

ianche spiagge da sogno lungo la costa e un’affascinante fauna selvatica nei parchi nazionali. Per molti turisti la capitale keniana airobi è il punto di partenza per vacanze rigeneranti ed eccitanti. on è così per Marcel Reichmuth e Adrian Feusi. I due pattugliatori del TCS prestano un servizio all’estero particolare per la serie realit « obtausch» (scambio di lavoro) della televisione svizzera tedesca (SRF) e vengono gettati immediatamente nella mischia. Mentre i due soccorritori stradali dimostrano la loro abilità sulle strade di airobi, la coppia

keniana formata da Brian mondi e Bernard ango, alias «Mr. Kenia», lavora al TCS. Come era prevedibile: è stato uno shock culturale stimolante e piacevole per entrambe le parti.

Buona esperienza Tre anni fa, durante un’avaria, casualmente Adrian Feusi incontra il produttore della trasmissione televisiva « obtausch». Chiacchierando, vien fuori che Adrian Feusi e il suo collega amico Marcel Reichmuth, entrambi impiegati nel punto d’appoggio del TCS a Pf ffikon (S ), in estate avrebbero potuto abbandonare il loro veicolo di

78 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

soccorso per una settimana e immergersi nel traffico caotico di airobi. Prima per era stato necessario imporsi internamente, contro gli altri pattugliatori che avrebbero voluto partecipare. «Mi piace molto viaggiare, perci ho preso parte volentieri a questo progetto», ci racconta Adrian Feusi, che da 23 anni lavora al TCS come soccorritore stradale. Anche Marcel Reichmuth ha colto l’occasione di fare una bella esperienza, oltre ad essere interessato a come si sarebbero svolte le riprese. «C’erano tanti tempi morti, si stava molto in attesa ad aspettare e poi di colpo ecco l’avaria»,

racconta Marcel Reichmuth. Ci significava partire e fare il meglio con i pochi mezzi a disposizione. Il fatto che talvolta la scena venisse girata varie volte, ha un po’ sorpreso i due. «Credevo che dovessimo lavorare un po’ di pi », confessa Feusi. «La squadra delle riprese aspettava sempre qualcosa di straordinario – ma il periodo in Ken a è stato comunque divertente. Lo rifarei», dice Reichmuth.

La neve per la prima volta el frattempo Brian mondi e Bernard ango si trovavano in Svizzera, seguiti da Samuel St bi. Il pattugliatore lavora al TCS da 30 anni e doveva innanzitutto verificare che cosa sapevano fare i due. «Ad essere sincero, all’inizio non ero sicuro se fossero davvero dei meccanici o degli attori», ricorda


CLUB

St bi. opo un paio di test la situazione era per chiara: senza aiuto non avrebbero potuto andare in giro. «Sono due tipi molto in gamba, molto simpatici e aperti, ma come pattugliatori del TCS non li vedo bene», riassume St bi. Già solo guidare sul lato destro delle strade bernesi costituiva una sfida cui non erano abituati. I due per hanno sicuramente tratto profitto dal servizio in Svizzera, afferma con sicurezza lo sperimentato pattugliatore. E si è trattato di un servizio molto speciale e di una buona esperienza anche per lui. Ma per St bi era an-

Cassetta degli attrezzi Le condizioni di lavoro sono un po’ diverse da quelle in Svizzera.

Open Air Le riparazioni in Kenya avvengono all’aperto.

che ovvio che Brian e Bernard dovessero vedere qualcosa pure della Svizzera. E così li ha invitati a casa in famiglia per il 1 agosto. La festa nazionale con il lancio di razzi è piaciuta molto ai due keniani. E sul passo del Grimsel hanno visto per la prima volta la neve, con battaglia a palle di neve inclusa. La cosa che ha affascinato di pi i due era senz’altro l’acqua pura che c’è qui in Svizzera. I saluti in Svizzera prima della partenza del duo keniano.

a quando sono tornati in Ken a, Brian e Bernard hanno già domandato due volte se non possono venire a lavorare in Svizzera, racconta Samuel St bi.

Pochi mezzi Che lo scambio di posto di lavoro tra Svizzera e Ken a non sia così semplice, è stato pure sperimentato da Marcel Reichmuth e Adrian Feusi. «Rimorchiare usando solo una corda di canapa o riparare le auto senza pezzi di ricambio è davvero un po’ diverso rispetto a qui da noi in Svizzera con un veicolo di servizio super accessoriato», ride Marcel. «In Ken a si fa moltissimo con pochissimi mezzi», aggiunge Adrian e racconta di come durante le

riprese ha dovuto ricomporre a mano un’ammaccatura sulla parte anteriore di un’autovettura. «Sono rimasto molto sorpreso», riferisce. È stata un’esperienza interessante, comunque sono felici di essere in Svizzera e potervi lavorare. Comunque anche sulle nostre strade ci vuole talento per l’improvvisazione e nervi saldi. ◆ Durante il reality i protagonisti scambiano il loro lavoro in Svizzera con colleghi di mestiere provenienti dall’estero. La puntata con i pattugliatori del TCS è stata trasmessa il 25 ottobre su SRF. Può essere rivista nella mediateca online della televisione svizzera tedesca SRF. srf.ch/jobtausch

«Sono due tipi in gamba, molto simpatici e aperti» Samuel Stübi, pattugliatore TCS

Panne Brian Omondi e Bernard «Mr. Kenia» Ojango mostrano le loro capacità.

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

79


CLUB Reati digitali I metodi usati per le truffe online sono raffinati quanto quelli architettati nel mondo reale.

CONSIGLI PER ACQUISTI ONLINE SICURI Un dominio dal nome strano e un’ortografia carente sono indizi che possono tradire un sito e-commerce poco serio o addirittura falso.

P

hishing, hacking, mobbing – la criminalità in rete si diffonde a macchia d’olio. I trucchi e raggiri messi in atto in rete diventano sempre più sofisticati. Un’assicurazione aiuta in caso di danni finanziari, nella prevenzione e interventi post attacco. Ma non potrebbe sostituirsi alle precauzioni che ogni utente è chiamato ad osservare quando sono in gioco i propri dati personali. Intervista a Laura Brand, responsabile di progetto alla Prevenzione svizzera della criminalità (PSC).

Oggi molte persone acquistano i regali di Natale online. Perché può essere pericoloso?

Laura Brand: Comprando un prodotto in un e-shop fraudolento si rischia di non vedere mai arrivare la merce ordinata e di perdere la somma pagata in anticipo. Talora l’articolo viene sì consegnato, ma si rivela contraffatto oppure di qualità scadente. Un altro rischio da non sottovalutare è il phishing con il quale i malfattori sottraggono coordinate personali come password alla vittima per usarle a scopi illeciti. Cosa fare se si teme di essere stati truffati?

Consigliamo di rivolgersi alla polizia e sporgere denuncia. La polizia racco80 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

glierà le prove disponibili e avvierà un’inchiesta. Ci sono regole base per navigare sicuri nel web?

Innanzitutto occorre impostare dei codici forti, unici e diversi per i vari account. Un password manager può aiutare a salvare in modo cifrato le password che si utilizzano per le proprie operazioni su internet. Inoltre è buona norma installare sempre i più recenti aggiornamenti dei programmi di sicurezza sul laptop, tablet o smartphone. Per evitare eventuali perdite di dati si deve eseguire regolarmente una copia (backup) su un disco duro esterno o tramite Cloud Services.

Prima di ordinare un prodotto è opportuno leggere i commenti e i vari feedback di altri clienti. È bene diffidare di cosiddetti affaroni. In caso di prezzi insolitamente bassi e sconti generosi su gran parte dell’assortimento occorre esser prudenti e realistici. L’esperienza insegna che offerte troppo belle da essere vere raramente lo sono. Le regole citate provengono dalla Prevenzione svizzera della criminalità. Per approfondimenti: skppsc.ch

Sono efficaci gli antivirus?

Il cybermobbing è un fenomeno sempre più virulento. Come reagire se ne siamo colpiti noi stessi, un famigliare o conoscente?

Un dispositivo infettato da programmi maligni come virus, vermi informatici o cavalli di Troia è accessibile a terzi non autorizzati che possono visualizzare i dati, manipolarli o cancellarli. Un antivirus informa l’utente della presenza di software potenzialmente dannoso e se rileva un tentativo di manomissione si possono attivare subito le procedure di rimozione e risoluzione del problema. Senza tali precauzioni si è alla mercè dei truffatori informatici e si rischia di contagiare pure altri utenti.

Qualora osserviate un cambiamento nel comportamento di vostra figlia o di vostro figlio raccomandiamo di affrontare il discorso e cercare insieme le cause del bullismo subito. È importante raccoglierne le prove, stampare le schermate di pagine web, salvare i dialoghi in chat, gli sms, i nomi di utenti e informazioni simili. Magari si coinvolgerà l’insegnante e/o il servizio scolastico responsabile. In via di massima è sempre bene parlarne con la persona ed incoraggiarla a ricorrere ad aiuto qualificato esterno.

ISTOCK

Presi nella rete

È buona norma prestare attenzione alla presenza dell’impressum completo oltre che del marchio di qualità della «Verband des Schweizerischen Versandhandels (VSV)» (Associazione svizzera di vendita per corrispondenza) e Trusted Shops. Se mancano o sembrano dubbiosi è molto probabile che si tratta di un e-commerce truffaldino.


L’ESPERTO TCS Gli esperti consultati valuteranno se conviene sporgere denuncia contro gli autori degli attacchi. Il furto di dati costituisce un altro delitto che dilaga. Eppure si tende a sottovalutarlo dicendo: «La cosa non mi preoccupa, non ho niente da nascondere». Perché un tale atteggiamento è negligente?

Come ci si può mettere al riparo dalle insidie dell’era digitale? Sono utili strumenti come le assicurazioni internet?

Anche per quanto riguarda la c ber criminalità non è facile decidere circa la protezione migliore. Come regola generale possiamo dire che è bene coprire quei rischi che non si è in grado di sostenere da soli. Ma dobbiamo essere in chiaro sul fatto che si possono assicurare solo le perdite finanziarie e non i danni psicologici causati dal c bermobbing o da imbrogli come le cosiddette «truffe dell’amore» e simili. essuna polizza potrebbe sostituirsi alle accortezze da seguire personalmente per proteggere i propri dati sensibili. ◆

TCS LIBRETTO PROTEZIONE INTERNET Malgrado ogni precauzione si può esser vittime della criminalità informatica. Con il TCS Libretto Protezione Internet ci si può proteggere dalle varie conseguenze. Chiamateci e vi aiuteremo. ▪ Consulenza specialistica ▪ Copertura spese legali e processuali fino a 300 000 fr. per caso ▪ Rappresentanza in tribunale ▪ Cancellazione di contenuti lesivi della personalità ▪ Ripristino di dati personali ▪ Assistenza psicologica in caso di cyberbullismo ▪ Monitoraggio identità in tempo reale ▪ Ove necessario indennizzo in caso di danni patrimoniali fino a 5000 fr. Ordinare su tcs.ch/libretto-protezione-internet

IN VIAGGIO

Posso mangiare un kebab sul bus?

«

Recentemente un autista mi ha proibito di mangiare un kebab sul bus. Le aziende possono vietare il consumo di vivande a bordo?»

ULLSTEIN

Il cosiddetto phishing non mira tanto a scoprire i segreti altrui quanto piuttosto ad impossessarsi dei dati di accesso al conto bancario o alla casella di posta elettronica dell’ignara vittima ed utilizzarli a fini truffaldini. Si sbaglia a minimizzare il problema. ’altronde chi di noi accetterebbe che terzi sconosciuti ci rubino la nostra identità, inviando mail a nostro nome o effettuando pagamenti a carico del nostro conto

TESTO VERA BEUTLER

Sì, purch il divieto sia fissato nelle condizioni generali. L’azienda di trasporto pubblico pu stabilire delle regole di comportamento cui i passeggeri devono attenersi durante la corsa, fra cui rientra segnatamente il divieto di consumare vivande o alcolici a bordo del mezzo. Il gestore pu quindi sanzionare chi sporca: se ad esempio si rovina il sedile facendovi gocciolare liquidi si pu essere tenuti a corrispondere un contributo per la pulizia. E se il conducente invita a mettere via il kebab appena scartato Resistete ai morsi della fame e non opponetevi alla richiesta. È una pessima idea prendersela con il personale, rischiando una denuncia per minaccia a pubblico ufficio o funzionario, sanzionabile con reclusione fino a tre anni o pena pecuniaria.

telare la sicurezza dei viaggiatori, del servizio e dell’infrastruttura. Tali misure sono volte a proteggere addetti e passeggeri contro aggressioni e molestie e prevenire atti di vandalismo. È comunque improbabile che vi inviino una multa a sorpresa per avervi pizzicati a sgranocchiare un brezel proibito. Le cose possono invece mettersi male se lasciate il sedile tutto imbrattato. Potreste avere da affrontare conseguenze molto sgradevoli qualora le telecamere vi riprendano a minacciare l’autista. L’azienda ha il diritto, dopo aver sporto denuncia, di trasmettere le registrazioni all’autorità giudiziaria competente. ◆

Vera Beutler, dr. iur. responsabile di «lex4you».

LEX4YOU

ltre ad emanare regolamenti, le aziende di trasporto pubblico sono autorizzate ad installare sistemi di videosorveglianza per tu-

«lex4you» è una piattaforma interattiva di consulenza giuridica per la vita di tutti giorni – comprensibile, attuale e pratica. Il TCS è al vostro fianco per le questioni giuridiche. lex4you.ch

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

81


Sogno ancora la VW Meccanica affidabile con carrozzeria esclusiva. A 23 anni, ero alla ricerca di una Maggiolino d’occasione quando improvvisamente una perla rara si present in maniera inaspettata: una Karmann Ghia del 1963 Così la acquistai nella primavera del 19 8 a un prezzo bassissimo perch nessuno la voleva. Il contachilometri mostrava solo 60 000 km bench avesse già 15 anni, ma la sua proprietaria (moglie di un dottore di euch tel) l’aveva tenuta con la massima cura. Erano i tempi che la olks agen lanciava sul mercato la prima serie di Golf GTI dalle forme angolate. Erano aerodinamiche quanto una scatola di scarpe. I loro proprietari le decoravano con spoiler davanti e alettone sporgente e rialzato dietro, per renderle virili E pensavano così di essere originali La sagoma e il colore della carrozzeria sono le cose che mi avevano colpito in primo luogo. Mi sembrava che il designer avesse voluto stilizzare una nuvola. Gli ho subito applicato due linee longitudinali, una rossa e l’altra nera fine per personalizzarla e renderla subito reperibile. In

Amore a prima vista e per ben 33 anni fui il felice proprietario della VW Karmann Ghia.

L’amore passa per seguito le ho messo un volante in legno che ho restaurato e modificato io stesso, e un pomello assortito sulla leva del cambio. Retrovisori cromati allun gati su entrambi i lati del cambio hanno fatto pure la loro apparizione, per una maggior sicurezza. La sua modesta potenza la rendeva ridicola sull’auto strada. Ma il rumore della turbina di raffreddamento accompagnava armoniosamente i suoi tragitti. Il motore «flat 4 aircooled» di Ferdinand Porsche contraddistingueva all’epoca la maggior parte di automobili che uscivano dalle officine di olfsburg in Germania. La vendetti poi ad una giovane coppia con un bimbo nell’estate 2011. L’automobile venne restaurata e fatta circolare ancora per molto tempo. Insomma una nuova pagina di storia, dopo i 33 anni in mio possesso. Se fu tenuta per molti anni come seconda auto, era per pura nostalgia. Sogno ancora oggi di essere al volante In poche parole, un fantastico ricordo di giovent Stephan Bollinger 82 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

Con 15 CV in Portogallo el 1965 l’offerta di automobili, che un apprendista di commercio poteva per mettersi con uno stipendio mensile di 120 franchi, era molto modesta. La mia scelta si limit ad una 2C vista tra le auto usate in un garage a Hausen a.A. Aveva 5 anni e mi cost 350 fr. Per la precedente scuola guida avevo sborsato 181 franchi. La «Fritzli» come la battez zai, fu ricoperta di vernice verde per na scondere il noioso color grigio e applicai pure un’incredibile striscia nera. Il basso prezzo si spieg subito dando un’oc chiata sotto al cofano, in fase di frenata infatti il motore si abbassava a livello del carburatore per poi rialzarsi se acce leravo. Inoltre il telaio era fessurato in due punti e lo dovetti riparare con due spesse piastre d’acciaio. Il mio primo grande viaggio all’estero di 6 settimane mi ha portato con un amico in Porto gallo. Il fatto che la vettura avesse solo un modesto motore di 15 C non ha sminuito il nostro entusiasmo per i viaggi. Responsabilità personale, lingue

straniere, programmazione dell’itinera rio sulla cartina, pernottamenti in 2C , monitoraggio di tutte le parti meccani che dell’auto ecc. on vedevo l’ora di in contrare la mia ragazza di allora, Meisa, che voleva presentarmi ai suoi genitori a Lisbona. All’epoca non c’erano ancora n GPS n telefono cellulare. E pratica mente non esistevano autostrade, ad esempio in Spagna abbiamo percorso molti chilometri su strade sterrate. Il viaggio di andata e ritorno si è svolto senza incidenti, alternandoci al volante e la nostra incoscienza giovanile a volte ci faceva sfrecciare su strade solitarie di campagna anche a 80 km h. La sfida si present al rientro mentre attraversa vamo la Francia. Addirittura per ben tre volte il cambio si blocc , e per cercare il problema smontammo anche il motore. ualcosa nella frizione si era allentato e non faceva pi gioco. La mia 2C è ora un’oldtimer, io ho lasciato alle spalle quei tempi nostalgici e attualmente guido una vettura a trazione elettrica. Joe De Boni


FORUM

Questa Renault Heck era quasi pronta da demolire e l’ho riportata in circolazione.

La mia passione per Renault La mia prima auto, una Renault Heck del 1954, era praticamente già sulla via per il cimitero delle auto. Era ferma nel garage in cui stavo terminando il mio terzo anno di formazione come meccanico d’auto. Mi faceva pena così mi sono deciso a riportarla in vita. E in un anno sono riuscito nel mio intento. Ho preso i necessari pezzi di ricambio da autovetture accidentate. L’ho sottoposta a collaudo e così ho iniziato a poter circolare sulle strade. Mi ero «costruito» la vettura secondo i miei desideri, ora mi mancava solo la ragazza. isto che nel periodo in cui stavo rimettendo a posto la mia Renault non facevo vita di società, ma poi appena la mia bab poteva circolare sono andato ad un ballo in maschera. Così ho trascorso una bella serata con una ragazza giovane e carina e alla fine del part l’ho accompagnata a casa. È poi diventata mia moglie e siamo sposati da 45 anni Kurt Oggenfuss

l’auto Che i ricordi della prima automobile non siano così arrugginiti tra i nostri soci e lettori come probabilmente lo è purtroppo il veicolo, lo dimostra la nostra apprezzata serie. «Fritzli» La mia 2CV, acquistata all’epoca per 350 franchi.

I trucchi di papà Con questa Simca, che apparteneva a mio padre, avevo superato l’esame di guida nel 194 . al momento che avevo fatto le prime esperienze di guida per prepararmi all’esame con questa vettura che non aveva la trasmissione sincronizzata, ho poi deciso di diventarne proprietario. Mi piaceva cambiare le marce pi basse nel modo pi silenzioso possibile dando solo la giusta dose di gas. Con i colleghi valicavamo spesso i passi ed ero contento che mio padre mi avesse dato consigli pratici. Ad esempio quello di non fermarsi nelle lunghe salite che non piacevano alla mia Simca, perch poi il motore per vario tempo non voleva saperne di riaccendersi. Comunque mio padre ovviava al problema mettendo un panno bagnato sulla pompa della benzina. Era un trucco che applicavo spesso ed effettivamente funzionava. Alex Kägi dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

83


FORUM

Scriveteci…

touring impressum

Qui vale la regola: più breve è la lettera, maggiore è la probabilità che venga pubblicata. Buick Skylark, scrigno di ricordi a decenni curo amorevolmente questa rarità del 196 con le sue forme eleganti e gli ampi finestrini panoramici. Si muove fluida, emettendo il suono inconfondibile del classico mo-

Rivista del Touring Club Svizzero

tore 8. Soltanto volare è pi bello. e apprezzo lo spazio generoso e la serenità d’animo che mi regala ogniqualvolta mi metto al volante. n clic ed ecco che, grazie ad un raffinato meccanismo, il divano posteriore si ribalta e si trasforma in comodo giaciglio, abbastanza grande per passarci la notte in due ammirando il cielo stellato attraverso i pannelli in vetro sul tettuccio. Ha solo «cinque pulsanti» e si guida pacata e docile. Il mondo sarebbe pi tranquillo e gradevole se ci fossero soltanto auto di questo tipo. Peccato che non ne facciano pi . Allora, si viaggiava senza rinunciare al rela e al comfort. ggi, si costruiscono solo grigi macchinoni stile Rambo, sovradigitalizzati e stressanti Stephan Schneider, Kappelen

Cerchiamo: foto scattate dai lettori @ Nessuno dimentica la prima auto e neanche tutto Rarità La spaziosa Buick Skylark, compagna di tante estati indimenticabili.

Cartoline mai arrivate

In maggio sono stato a Bilbao con alcuni amici. Abbiamo mandato una ventina di cartoline, ma nessuna è mai giunta a destinazione. Così tornato dal mio soggiorno ispano ho fatto qualche ricerca e scoperto che in Spagna occorre stare attenti a come e dove si imbuca una cartolina. Se si sbaglia cassetta, pur correttamente affrancata la vostra bella cartolina non verrà spedita. n affare per gli operatori, un vero inghippo per il turista ignaro. Alfred Zahner @

quello che ci ha fatto vivere. Allora ci racconti la sua curiosa, avventurosa o divertente storia. Da inviare con una fotografia a: touring@tcs.ch

per placare la coscienza Ammettiamolo, avremo bisogno dell’automobile anche in futuro, ma non di questi bestioni Il trend dei macchinoni è pass e guidarli, specie in città, non fa che gettare olio sul fuoco dei paladini del clima pi radicali. Piuttosto ci vogliono veicoli elettrici leggeri, agili ed intelligenti oltre che economici, soprattutto in Svizzera. E che premiano coloro che rinunciano alla vecchia vettura con motore a combustione. uindi, cari costruttori d’auto, svegliatevi se volete sopravvivere Peter Liechti @

Le contraddizioni del settore automobilistico

ual è la ragione di esistere di una S da 2,5 tonnellate e 408 cavalli in tempi dominati dalle preoccupazioni per l’ambiente A chi servono E a quali scopi Per portare i bambini a scuola, pur abitando a due passi Ma con un modello elettrico,

Tasse sulle autovetture elettriche

Certi proprietari di un veicolo elettrico vorrebbero che fosse lo Stato a pagar-

glielo (con sussidi). Sarebbe il colmo se si utilizzassero le imposte di tutti i contribuenti per finanziare l’automobile a taluni con il pretesto che lo stanno facendo per l’ambiente. Johann Isler @ Errata Corrige Touring 11/2019

ella presentazione dei pratici elettromobili per anziani a pagina 14 dell’ultima edizione della rivista la fotografia del modello P I («Il robusto») del produttore Lukas enni non si riferisce alla scheda tecnica pubblicata. Infatti l’immagine concerne il modello P I 3530 («la versione lunga»), che ha una velocità massima di 20– 30 km h e un’autonomia di 50–140 chilometri. Redazione Touring

La redazione si riserva di apportare eventuali tagli e non tiene corrispondenza. È possibile inviare le lettere per e-mail (touring@tcs.ch). Le lettere sono pubblicate anche nella versione online di Touring (touring.ch).

84 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

Editore Touring Club Svizzero Casella postale 820, 1214 Vernier (GE) Caporedattore Felix Maurhofer Vice caporedattori Marc-Olivier Herren Dino Nodari Redazione Aline Beaud Jérôme Lathion Juliane Lutz Dominic Graf Art Director Alban Seeger Responsabile foto Emanuel Freudiger Layout Andreas Waber Stephan Kneubühl Sara Bönzli Mathias Wyssenbach Assistenti di redazione Michela Ferrari (I) Tania Folly (F) Susanne Troxler (T) Irene Mikovcic-Christen Corrispondenza Redazione Touring Maulbeerstrasse 10, 3001 Berna Tel +41 58 827 35 00 touring@tcs.ch Tiratura Edizione italiana: 72 107 Totale: 1 168 639 Edizione/Marketing Reto Kammermann Pubblicità: Cumi Karagülle Roger Müller Chantale Hofer, verlag@tcs.ch TCS Viaggi Mario Brunelli Vantaggi socio Marcel Zimmermann Abbonamento: compreso nella quota annua di socio. «Touring» è pubblicato 10 volte l’anno. Modifica indirizzo: con il numero di socio: TCS, Sede centrale, Casella postale 820, 1214 Vernier, Tel. 0844 888 111, info@tcs.ch Testi e foto sono protetti dai diritti di autore. Ogni riproduzione, anche parziale, richiede l’accordo scritto dell’editoria. Si declina ogni responsabilità per manoscritti e altri lavori non richiesti. Produzione Swissprinters SA Brühlstrasse 5, 4800 Zofingen Tel. 058 787 30 00


TOUROLINO

OUR

Brrr, la stagione fredda è arrivata da Tourolino! Hai ora l’occasione di risolvere vari giochi e di partecipare al nostro concorso sul tema dell’osservazione. In palio vi è la possibilità di vincere un super premio per occupare in compagnia le fredde serate invernali.

O N

Sconfiggi il freddo!

OLI

T

TESTO ALINE BEAUD | ILLUSTRAZIONI ANDREA PETER | COLORAZIONE ANDREA PETER, KRISTINA BRASSELER

GIOCO 1

GIOCO 2

Trova la giusta ombra.

Quale linea conduce al pesce?

GIOCO 3

Trova i 10 errori. dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

85


1

2

A

B

C

D

E

F

G

H

I

86 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

3

4

5

6

7


TOUROLINO 8

9

10

11

12

13

CONCORSO ONLINE

14

PREMI

Trova i cinque disegni nascosti nell’immagine e marca in quale casella sono (ad esempio disegno 1 nella casella A1). Partecipa gratuitamente inviandoci su touring.ch la tua risposta. Buona ricerca e buona fortuna!

1—

2—

3—

4—

5—

Partecipa al concorso entro il 12.1.2020 collegandoti al nostro sito internet touring.ch e indicando la giusta risposta. Buona fortuna! Possono partecipare tutti i giovani lettori e le giovani lettrici di Touring della Svizzera e del Liechtenstein, a eccezione dei collaboratori TCS e dei loro familiari. I giovani vincitori del concorso «Tourolino» saranno estratti a sorte e avvisati personalmente. Non viene tenuta alcuna corrispondenza in merito al concorso. Sono escluse le vie legali. I nomi dei vincitori verranno pubblicati sul sito internet di Touring.

In palio un set di giochi Ravensburger composto da Scotland Yard Swiss Edition, memory Cars 3 e dal puzzle 3D della Porsche 911 R, del valore totale di 100 fr. La risposta corretta del concorso n. 11 era A.

dicembre 2019 / gennaio 2020 | touring

87


IN GIRO CON

PATRICK ZANINI

Basta usa e getta: la gomma vive due volte Partito alla scoperta dell’America Centrale, Patrick Zanini si lascia conquistare dall’artigianato locale. Prende il coraggio a due mani e fonda una start-up che confeziona borse in camera d’aria riciclata. Rigorosamente equo solidale.

i loro prodotti vengono accolti bene: «L’attuale tendenza verso la sostenibilità ci favorisce, come il fatto che ogni borsa è un pezzo unico con un tocco di Swissness».

TESTO E FOTO FELIX MAURHOFER

Imprenditori si diventa

L

a vecchia fabbrica di imballaggi Brieger si trova a Zurigo Altstetten. È lì, nell’attico, che Patrick Zanini ha il suo ufficio. Una scrivania antica è posta tra un grande specchio appoggiato al muro, un’equivoca figura di legno tropicale ed un massiccio schedario per cartelle sospese.

Nel locale aleggia il profumo appetitoso proveniente dalla cucina kosher d’accanto. Cartoni a metà scartati o che attendono di essere svuotati di borse e zaini moderni, di ogni foggia e colore, rotondi, quadrati o organici, ve n’è per tutti i gusti. Una miniera per chi cerca un accessorio individuale e trendy.

Voglia di avventura Sulle scatole spicca il nome del mittente: a spedirle è la Manufaktur Schreif El Salvador, fondata quattro anni fa a Santa Ana da Patrick Zanini. Finiti gli studi di storia e filosofia, il 35enne, preso dalla voglia di nuove esperienze decide di viaggiare attraverso i paesi del Centro America invece di chiudersi in un’aula scolastica a fare l’insegnante. Giunto ad El Salvador, osserva dei bambini che raccolgono camere d’aria buttate ai bordi delle strade e portarle da cucitrici che le trasformano in borse. La maestria 88 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

delle donne lo impressiona tanto che, pur senza alcuna conoscenza della materia, decide così di cimentarsi nella fabbricazione di borse riciclate ma di qualità, valorizzate da elementi in pelle. Il nome del progetto prende forma davanti ad un bicchiere di vino: Schreif, composto dalle parole Schlauch (tedesco per camera d’aria) e Reifen (gomma, pneumatico).

La gavetta paga? Costruire la propria manifattura migliaia di chilometri lontano da casa costa innumerevoli notti insonni e molta tenacia al novello imprenditore. Specie in un paese insicuro, dominato da una burocrazia lenta e notoriamente corrotta. Anche la mentalità della gente lo pone davanti ad una grande sfida. I salvadoregni sono abituati a gerarchie rigide che li relega al ruolo di passivi esecutori d’ordini. Il patron svizzero dovrà investire molto tempo a motivare i suoi lavoratori a prendere l’iniziativa. Sull’altra sponda dell’oceano Evelyn Wyss, sua partner d’affari e disegnatrice capo ha finora ideato 14 modelli dai nomi originali come Pancita o Canasta. Zanini, tifoso della squadra di calcio zurighese delle «cavallette» predilige la borsa da sport Cubeta. Conferma che

Zanini è realista e non si fa troppe illusioni. Sa che il mercato è saturo e difficile da penetrare, nessuno ha aspettato che arrivassero le sue Schreif. Comunque, ogni anno ne vende intorno a 1500, sia tramite negozi convenzionali che online. Bella soddisfazione: le borse fatte nel Salvador sono richieste addirittura in Giappone! Cosa direbbe ad un giovane desideroso di creare il proprio business? «Devi credere al 100% nel tuo progetto, cercare un mentore convinto e non stare a perdere tempo leggendo manuali di economia aziendale» consiglia Zanini. Come dire che vale più la pratica della teoria. Senza dimenticare l’etica degli affari. Per lui, è di cruciale importanza e significa pagare salari equi e produrre in maniera eco sostenibile. Ogni borsa Schreif esprime questa filosofia. Pienamente. ◆

«Creare il proprio business? Crederci al 100% e non perdere tempo a leggere manuali di economia aziendale» Patrick Zanini Capo e fondatore borse Schreif, Zurigo

Non solo borse L’azienda di Patrick Zanini produce anche zaini.


dicembre 2019 / gennaio 2020  |  touring  89


GIOCA & VINCI

3

GRANDI OCCASIONI per vincere

6 : n ge naioine

rm ultimo te cipare per parte i ai gioch

OCCASIONE 1 – GIOCO PER I LETTORI IN PALIO lo smartphone iPhone 11 64 GB Valore CHF 809.– L‘attuale iPhone di punta di Apple possiede due fotocamere con obiettivo ultra-wide e grandangolare, modalità notturna e funzione Smart HDR che permettono di realizzare foto e video in ottima qualità. Lo smartphone si avvia tramite riconoscimento facciale. La batteria consente di utilizzarlo tutto il giorno e, inoltre, può essere ricaricata molto rapida-

mente. Il chip A13 Bionic garantisce le massime prestazioni anche con le applicazioni più pesanti. Quante borse Schreif vende circa all’anno Patrick Zanini? Inviate un SMS con tmi011 xxxx (xxxx = borse Schreif) al numero 5555

OCCASIONE 2 – SUDOKU 1

5

6 4

1

9

2

5

OCCASIONE 3 – SUDOKU 2

8

9

7

8

2

3

8

3 2

8

4

1

7

5 4

1

4

7

3

3

6

9

3

1

2

8

8

4 6

6

IN PALIO lo smartphone iPhone XR 64 GB

5

2

6 9

2

7 8

3

4 2 7

1 5

7

3

3 6

5

2

5 9

3

8

9

4

7

2

IN PALIO il tablet iPad mini 7,9” 64 GB Valore CHF 399.–

Valore CHF 699.– Il modello XR dell‘attuale serie iPhone di Apple è dotato del più avanzato e ampio display Retina da 6,1“ che sfrutta le dimensioni del dispositivo fino agli angoli. Si sblocca tramite riconoscimento facciale, consentendo anche di accedere alle applicazioni e di pagare (Apple Pay). Il sistema di fotocamere da 12 MP dispone di modalità ritratto, illuminazione ritratto e controllo della profondità. L‘XR è resistente all‘acqua.

Questo piccolo iPad di Apple è un compagno di viaggio assolutamente ideale. Capace di prestazioni straordinarie, ha tutte le caratteristiche e le tecnologie che ci si aspetta da Apple: brillante display Retina, Bluetooth, GPS, sensore di impronte digitali, barometro e supporto per Pencil. Un dispositivo perfetto per lavorare, giocare e navigare quando si è in giro.

Risolvete l’indovinello matematico e compilate le caselle rosse. Inviate un SMS con scritto tmi012 e le tre cifre al numero 5555.

Risolvete l’indovinello matematico e compilate le caselle verdi. Inviate un SMS con scritto tmi013 e le tre cifre al numero 5555.

Ogni SMS costa CHF 1.50. È possibile partecipare anche per posta, inviando la soluzione a TCS, Editoria Touring, Gioca & Vinci, Casella postale, 3024 Berna.

90 touring | dicembre 2019 / gennaio 2020

Possono partecipare tutte le lettrici e tutti i lettori di Touring in Svizzera e Liechtenstein (che abbiano compiuto 16 anni di età). Non possono partecipare i collaboratori del TCS e i loro familiari. I vincitori e le vincitrici di «Gioca & vinci» saranno estratti a sorte tra tutti coloro che hanno risposto correttamente e avvertiti personalmente. I premi non possono essere cambiati né corrisposti in contanti. Non si tiene alcuna corrispondenza in merito ai concorsi e ai sorteggi. È escluso il ricorso alle vie legali.


TICINO Bollettino della Sezione Ticino

#12/01 | dic 2019 / gen 2020

La Sezione Ticino del TCS augura a tutti voi delle serene festivitĂ !


SEZIONE TICINO

Festività natalizie

Grazie a tutti! Il presidente avv. Dott. Carlo Vitalini e il Comitato della Sezione Ticino esprimono i più sinceri ringraziamenti a tutti i Soci del più grande Club della mobilità in Svizzera per la fiducia, la vicinanza e l’aiuto dimostrato anche quest’anno e nel contempo a tutti gli attori che hanno permesso di soddisfare le loro aspettative.

U

n anno che, ancora una volta, ha sorriso al lavoro svolto nell’offrire prestazioni e servizi utili e performanti in ambito di mobilità. Tra questi rammentiamo l’introduzione del veicolo mobile itinerante che permette di effettuare i collaudi u ciali per motoleggere. Il furgoncino TCS è stato molto apprezzato nelle località visitate ed ha evitato a molti «scooteristi» trasferte lunghissime per raggiungere Camorino o Rivera. el contempo si è potuto così offrire un caffè e scambiare qualche parola con molti Soci che raramente hanno la possibilità di recarsi al Centro TCS. Il noleggio dei Telepass ha anch’esso riscontrato una sempre pi crescente richiesta anche oltre Gottardo e il giovane progetto pilota ticinese è diventato adulto ed è offerto ora in tutti i punti di contatto TCS sul territorio nazionale. Il Centro tecnico di Rivera ha continuato ad aiutare la Sezione della Circolazione a diminuire il ritardo che il Cantone accusa sulle tempistiche dei controllo di veicoli. na proficua e perfetta collaborazione che permette ora di collaudare a Rivera automobili, autofurgoni e motociclette su delega cantonale. Anche il reparto corsi di guida, all’insegna della sicurezza stradale, ha offerto

l’opportunità a molti conducenti di ripassare le regole della circolazione e nel contempo di sperimentare in pista manovre che possono rivelarsi decisive in casi d’emergenza. Anche la categoria dei motociclisti si è espressa in modo molto positivo ai nuovi corsi «Moto Pro» dedicati a chi vuole perfezionare lo stile di guida. ella formazione di neo conducenti i corsi intensivi di una settimana « unior e Senior riving» hanno permesso anche quest’anno a pi di 400 giovani di affrontare gli esami teorici con una base di conoscenze solida e completa che ha portato ad una riuscita di oltre il 95% .

TCS SEZIONE TICINO

Punto di contatto via alla Chiesa 10, 6802 Rivera Societariato e prodotti TCS, corsi e scuola guida, collaudi e controlli tecnici.

Impressum Bollettino ufficiale dei Soci TCS, Sezione Ticino Tiratura Edizioni Redazione Layout

92

84 000 copie 10 volte all’anno Marco Colandrea Sara Bönzli

touring

|

La Scuola guida TCS ha poi accompagnato molti di questi giovani all’esame pratico con un tasso di superamento molto al di sopra della media nazionale. ueste prestazioni sono state offerte gratuitamente anche ad una quindicina di giovani, vittime di situazioni famigliari di cili, che hanno così potuto concretizzare una necessità per meglio introdursi nel mondo del lavoro, la licenza di condurre. Il TCS esprime a tutti voi i pi sentiti auguri per le imminenti festività. Il nostro impegno per il nuovo anno sarà sempre quello di migliorare l’offerta per soddisfarvi pienamente.

Inserzioni TCS Sezione Ticino CP 581, 6802 Rivera sezioneTI@tcs.ch Stampa

dic 2019 / gen 2020

Swissprinters AG Brühlstrasse 5 4800 Zofingen

Per il viaggio: ViaCard, Bollo ecologico (D), Telepass (I, F, E, P), Patente internazionale, Vignetta autostradale per CH e Austria, info e pagamenti Pedemontana Telefono 091 935 91 35, Fax 091 935 91 20 sezioneTI@tcs.ch, www.tcs-ticino.ch


SEZIONE TICINO

TCS, in soccorso anche per i regali Le festività si avvicinano e con loro anche l’ansia per trovare il regalo giusto. Noi ve ne proponiamo una selezione, ma se doveste avere ancora dei dubbi, potete passare a trovarci a Rivera. Vi sapremo sicuramente consigliare quello più adatto. li Grandi rega

Omaggi men

o impegnati vi

Regali importanti

Regalate la si curezza offre ndo un controllo tecnico: test in verno, controllo vaca nze, controllo auto occasione e ta nto altro. Da 40 franchi a 240 franchi la guida TCS mpleto scuo Pacchetto co ne io az sensibilizz (teoria, corso a pratica id gu di i 9 lezion obbligatorio, ttenimento aggio) per l’o ed una in om n formadi condurre co della licenza maestro un ale presso zione individu S. TC di partner conducente parziali (altri pacchetti hi nc fra 1185 nchi) tari da 255 fra o complemen ing, per e Senior Driv Corsi Junior di guida same teorico prepararsi all’e «primi i rs ana, con i co in una settim » e una ne io az ensibilizz soccorsi» , «s aggio ida pratica om lezione di gu te partner ro conducen con un maest di TCS. con hi (950 franchi Da 700 franc nza ca va di io Villagg soggiorno al go). TCS di Scruen

i, rmazion Per info i, c o s conti tariffe, s .ch o in c ti re tcsa lt u s n o c are allo o telefon 91 35. 5 091 93 pre TC S , s e m o nc a fi al mio

Regalate la tr anquillità della mobilità: il societariato TC S a partire da 62 franchi. Per chi è già socio, il Libret to ETI garantisce un a copertura ot timale in Europa e nel mondo da 59 franchi.

Seggiolini auto Cybex ora con 20% di sconto per i soci! • Cybex Sirona da 489 franchi a 399 franchi • Cybex Pallas da 349 franchi a 279 franchi • Cybex Solution • da 229 franchi a 189 franchi Buono corsi TCS: perfezionamento della guida, «terza età», moto e i nuovi corsi droni. Per la scelta del corso basta visitare la pagina tcs-ticino.ch e cliccare sulla rubrica «corsi».

Vantagg i allo Sp lash

& Spa

Buono per la giornata di «Formazione complementare» (ex Corso a due fasi), necessaria per l’ottenimento della patente definitiva. Da 230 franchi

Conced etevi una giornata sotto le di relax feste co n le pers e ripartit one a vo e con le i care energie nuovo a giuste ne nno. l • Buono Splash & S p a sconto s con il 10 u import % di i di 100 fr 50 franc anchi, hi e 35 fr anchi. Ricordia mo com unque c vantaggi he con i club TCS è possiib di uno sc ile usufru onto del ire 20% sul d’entrata prezzo presenta ndo la te ssera so cio. dic 2019 / gen 2020

|

touring

93


SEZIONE TICINO

Tutti pazzi per la neve! 8 incredibili luoghi da non perdere se volete passare un inverno all’insegna del relax e del divertimento in Ticino. A cura di Jennifer e Augusta di Mini Me Explorer

C

hi l’ha detto che per trascorrere piacevoli momenti sulla neve bisogna per forza andare oltralpe Anche in Ticino, pur essendo climaticamente una regione pi mite

rispetto al resto della Svizzera, ci sono diverse possibilità: basta attrezzarsi, controllare prima della partenza il «bollettino neve» per assicurarsi di trovarne, e salire in vetta. Per assaporare

l’inverno con i bambini l’offerta è molteplice: dallo sci, alla slitta, dalla ciaspolata alle semplici camminate e, perch no, alla creazione di pupazzi di neve.

Slittata al Nara (Val di Blenio) Lo sapevate che al Nara esiste la pista da slitta più lunga del Ticino? Se siete fortunati (il requisito è che ci sia tanta neve) è possibile percorrere 10 divertenti chilometri con lo slittino. Per chi non dovesse possederne uno, è disponibile un servizio di noleggio slitte direttamen-

te alla stazione intermedia di Cancorì. Vi assicuriamo che le slitte Skitti - che abbiamo noleggiato sul posto - comprese di freno e volante brevettate e realizzate a mano da un maestro di sci ticinese, sono una vera e propria chicca per il genere oltre ad essere uniche al mondo. Il divertimento è assicurato, non solo per i bambini! Al Nara si trovano inoltre 30 km di piste da sci, 7 km di sentieri innevati da percorrere con le ciaspole o le racchette da neve e uno Snow park per gli amanti dello snowboard.

Ciaspolata Airolo PesciümNante (Leventina), con notte in baita Volete provare un’emozione davvero unica? Vi consigliamo la ciaspolata che da Airolo Pesciüm vi porta a Nante, attraverso un paesaggio fiabesco. I percorsi con le racchette sono tre, e noi vi consigliamo quello verde. Parte dalla stazione a monte della funivia e scende appunto verso Nante, ma se possibile organizzatevi per passare la notte “fuori”. Ad un certo punto, a due terzi del

94

touring

|

dic 2019 / gen 2020

Campo Blenio – Ghirone (Val di Blenio): sci per principianti In Ticino è forse la stazione sciistica più adatta per le famiglie e i principianti che vogliono cimentarsi per la prima volta sugli sci. Infatti sono presenti due comodi tappeti mobili, parco giochi, piste per slitte e bob. Vengono organizzati anche molti corsi con maestri qualificati e c’è la possibilità di noleggiare tutto il materiale in loco. Ma se lo sci proprio non fa per i vostri bambini, sappiate che in fondo agli impianti troverete anche una pista di pattinaggio.

percorso, troverete una manciata di case e la pista nera. Abbandonate il sentiero e seguite la nera in salita, fino a raggiungere la Baita di Cucurei. Prenotando in anticipo potete fermarvi a dormire: sarete solo voi, la neve ed un cielo stellato da mille e una notte.


SEZIONE TICINO

Airolo Pesciüm (Leventina): sci per esperti Ad Airolo-Pesciüm solo sette minuti di funivia vi separano dalle piste del comprensorio sciistico più grande del Canton Ticino, a ridosso del massiccio del San Gottardo. Chi decide di sciare qui, è bene che lo sappia, deve avere già una buona dimestichezza con gli sci e non deve soffrire il freddo (non è certo la località più soleggiata del Cantone!). È quindi sconsigliata la discesa per i principianti. Dei 30 km di piste, 14 sono nere, 15 rosse e solo una blu. Le piste sono ben preparate ma spesso strette. Se siete alle prime armi meglio dirigersi verso l’impianto di Lüina, proprio sopra il paese.

Carì (Leventina): sci, slittino e ciaspole sotto il sole Chiedete a chiunque ci sia già stato e vi dirà che a Carì il paesaggio è splendido e, meteorologicamente parlando, la località è baciata dal sole. Se 20 km di piste rosse, blu e nere non vi bastano, potete sempre slittare – c’è una pista lunga 3 km adatta a tutte le età che parte da Brüsada, dove termina la prima seggiovia. Preferite ciaspolare? Sempre da Brüsada partono due percorsi, uno verde (il sentiero del Montanaro) ed uno viola (il Percorso Svizzera Mobile). Il primo è adatto anche ai bambini, visto che è lungo solo 2 km e in circa un’ora si scende tranquillamente verso il paese.

Campra (Lucomagno): il paradiso dello sci nordico Non sarà lo sport più popolare del momento, ma meriterebbe certamente di essere rivalutato dalle famiglie. Stiamo parlando dello sci nordico, o se preferite lo sci di fondo.

Campra nella regione del Lucomagno, è la regina del Cantone, visto che ha ospitato più di una tappa della Coppa del Mondo. Immergersi nella natura a “scivolata” lenta permette di godersi davvero il paesaggio innevato. Lo sapevate che anche nello sci nordico esistono piste blu, rosse e nere? Altre piste di sci nordico del cantone Ticino si trovano a Bedretto, Mogno, Dalpe, Ambrì e Prato Leventina.

Le stazioni sciistiche minori del Ticino… Non chiamatele piccole, le stazioni sciistiche minori del Ticino sono tutte da scoprire e offrono ottime alternative per chi muove i primi passi

sugli sci… e non solo. Vanno benissimo per le famiglie, soprattutto quelle con bambini piccoli, dove i genitori possono seguire i primi passi sulla neve dei propri figli, senza dover

Bosco Gurin (Vallemaggia), la stazione sciistica più alta del Ticino e la nuova slittovia Anche a Bosco Gurin ce n’è per tutti i gusti. I più piccoli potranno divertirsi al Kid’s village, un’area giochi con tappeto mobile per muovere i primi passi sugli sci. Da Rossboda fino a Bosco Gurin si possono percorrere 4 km di corsa in slitta. E a completare l’offerta una piccola pista di pattinaggio ai piedi del paese. Ma udite udite: grande novità per questa nuova stagione invernale. Verrà inaugurata la modernissima Slittovia biposto (aperta in tutte le stagioni) che partirà da Rossboda e si svilupperà su 1 km in direzione della Capanna. Ci è stato segnalato che si tratta di una prima a livello svizzero per la tipologia di slittovia perché poggia su un solo binario, cosa che permetterà in curva, una sensazionale inclinazione. Assolutamente da provare!

mettere gli sci ai piedi. Viste le dimensioni ridotte e l’ampia presenza di piste blu, non ci sono pericoli. Essendo le discese poco ripide, è possibile avere una migliore visibilità dei vostri bambini.

Passeggiata sulla neve a San Bernardino (Mesolcina- Grigioni) Se vogliamo passare una bella giornata sulla neve, ma non abbiamo tutta questa voglia di indossare scarponi e sci, possiamo sempre recarci a San Bernardino (nel Moesano). Vi consigliamo la passeggiata super adatta per i bambini: Motta d’Anzala, un percorso che parte dal centro villaggio, costeggiando il fiume Moesa, per poi arrivare al laghetto Doss fino a salire all’Alpe Pian Doss (volendo ci si può fermare a bere e mangiare qualcosa) si completa il giro riscendendo nel centro villaggio. Ci sono in totale 20 chilometri di sentieri invernali da scoprire, un pendio in centro paese per slittare (non dovete fare neanche fatica a salire perché c’è un tapis roulant a disposizione) e una pista di pattinaggio presso il Centro Sportivo San Remo. E se per caso cambiate idea e volete sciare, no problem, oltre al Babylift, a Pian Cales ci sono ben 5 chilometri di piste (in alcune date della stagione si può addirittura sciare in notturna).

Potete sciare nelle valli del Locarnese (Alpe di Neggia, Mogno, Cappellina-Piano di Peccia), in Leventina (Cioss Prato, Dalpe, Prato Leventina) e – neve permettendo – anche nel luganese, dove trovate la sciovia di Bedea-Novaggio, la più a bassa quota del Cantone. Forse non lo sapete, ma in passato si sciava anche sul Monte Generoso…

dic 2019 / gen 2020

|

touring

95


SEZIONE TICINO

I nostri consigli Telepass gratis o quasi… Stipuli Assista Circolazione da 69 franchi, otterrà il noleggio Telepass gratuito per il primo anno*.

Stipuli ETI Europa -10% di sconto, da 80 franchi otterrà Telepass al 50% per il primo anno*.

Stipuli Assista Privata da 192 franchi, otterrà il noleggio Telepass gratuito per il primo anno*.

*dal 1 dicembre, oltre a ricevere il noleggio gratuito o scontato (a dipendenza del servizio scelto), riceverà in regalo anche la vignetta autostradale. La promozione è valida fino al 31.01.2020.

Stipuli ETI Mondo -10% di sconto, da 143 franchi otterrà il noleggio Telepass gratuito per il primo anno*.

TCS Member Mastercard, gratuita e con un credito iniziale di 30 franchi* Convertire la sua tessera di socio in una TCS Member Mastercard è conveniente e completamente gratuito. Grazie a questa carta di credito, che funge anche da tessera socio, potrà usufruire di un’ulteriore serie di vantaggi. La TCS Member Mastercard è esente da tasse e costi per sempre.

Alcuni vantaggi immediati con la TCS Member Mastercard: • Risparmia sempre fino a 4–5 centesimi al litro per il rifornimento presso BP e Tamoil • Risparmia il 10% sul noleggio auto con TCS autonoleggio • Interessanti sconti e cashback presso oltre 300 partner del TCS. * La promozione è valida fino al 15.12.2019

Il nuovo TCS Societariato Famiglia: Se vivete in un nucleo famigliare e avete un Societariato individuale, effettuando il passaggio a «socio famiglia» potete da subito risparmiare ed incrementare i vostri vantaggi. Ecco alcuni dei nostri vantaggi passando al «Societariato Famiglia e Coppie»: • Tutti i figli fino a 25 anni sono inclusi, con soccorso stradale, nel societariato famiglia. • I figli fino a 25 anni possono usufruire di uno sconto di 10 franchi sullo 96

touring

|

dic 2019 / gen 2020

acquisto della vignetta autostradale 2020, pagando così 30 franchi invece che 40 franchi. • Il braccialetto di riconoscimento «TCS Kids Help» è offerto a ogni bambino registrato presso il TCS. È il compagno ideale dei vostri bambini durante le vacanze e i loro tragitti. Con questo braccialetto al polso, i vostri figli potranno essere ritrovati rapidamente in qualsiasi momento e ovunque nel mondo.


SEZIONE TICINO

Viaggiare in totale libertà per le festività

S S A P E TEL e s e m l * Da 5.- a NOLEGGIO MENSILE (minimo 1 mese) Soci TCS chf 9.+ chf 3.-

attivazione

commissione 7% sui pedaggi

Non soci

attivazione

commissione 9% sui pedaggi

+ chf 0.- attivazione + chf 14.attivazione

commissione 5% sui pedaggi commissione 7% sui pedaggi

chf 12.-

NOLEGGIO ANNUO *Soci TCS chf 60.Non soci TCS

chf 100.-

+ chf 12.-

Presso il Centro TCS di Rivera oppure su tcs-pedaggi.ch QUALI MEZZI?

DOVE FUNZIONA?

COME PAGARE? dic 2019 / gen 2020

|

touring

97


SEZIONE TICINO

I nostri controlli sotto l’albero! Al Centro tecnico TCS di Rivera effettuiamo controlli tecnici che permettono di meglio gestire la manutenzione della propria auto ed evitare costosi interventi che possono rivelarsi inutili. Nei casi in cui la garanzia sta per scadere e vuole conoscere lo stato dell’auto. E ancora…  Convocati per il collaudo? Vuole sapere se l’auto è pronta a superarlo e con quali costi? Acquista un’auto usata e desidera sapere se sia una vera occasione?

Un ottimo dono natalizio! Contattando il Centro TCS potrà richiedere il buono da regalare. Standard (60 min.) Fanaleria, freni, e ammortizzatori, organi direzionali, motore (accensione, alimentazione, livelli) Prezzo: 160 fr. Prezzo Socio TCS 80 fr. Precollaudo auto (40 min.) Si valuta tutto lo stato dell’auto che deve essere presentata al collaudo ufficiale. È rilasciata una lista di interventi necessari da presentare al proprio garagista. Prezzo: 120 fr. Prezzo Socio TCS: 60 fr. Se durante il precollaudo l’auto risulta già a norma, si potrà usufruire del Pacchetto

SOLO PER SOCI TCS: l’auto viene collaudata subito ricevendo uno sconto sulla tariffa del controllo. Sconto: 30 fr. sul precollaudo Precollaudo autofurgoni e Camper (50 min) Si valuta tutto lo stato dell’auto furgone o Camper che devono essere presentati al collaudo ufficiale. Per i Camper non è incluso il controllo del sistema a gas nella zona abitata. Prezzo: 160 fr. Prezzo Socio TCS: 80 fr.

Test occasione (100 min) Fanaleria, Freni, ammortizzatori, organi direzionali, motore (accensione, alimentazione, livelli), verifica carrozzeria (incidente) Prezzo: 240 fr. Prezzo Socio TCS: 120 fr. Test occasione con potenza motore* (140 min) Fanaleria, Freni, ammortizzatori, tachimetro, organi direzionali, motore (accensione, alimentazione, livelli), verifica carrozzeria (incidente) e con il controllo della potenza motore Prezzo: 300 fr. Prezzo Socio TCS: 170 fr. Test garanzia (100 min) Controllo delle parti coperte dalla Garanzia dell’auto prima che questa scada. Prezzo: 240 fr. Prezzo Socio TCS: 120 fr.

Potenza motore moto* (50 min) Controllo della potenza del motore per motociclette Prezzo: 160 fr. Prezzo Socio TCS: 80 fr. Tachimetro (50 min) Controllo per la coerenza della velocità indicata Prezzo: 160 fr. Prezzo Socio TCS: 80 fr. Diversi (10 min) Controlli dedicati alla ricerca di specifici difetti secondo il tempo (per ogni 10 min.) Prezzo: 20 fr. Prezzo Socio TCS: 10 fr. «Ceck-up» vacanze (60 min) Partire senza problemi! Un controllo per evitare delle «panne» che possono rovinare le vacanze. Prezzo: 160 fr. Prezzo Socio TCS: 80 fr.

Sicurezza (30 min) Fanaleria, freni, ammortizzatori, organi direzionali Prezzo: 100 fr. Prezzo Socio TCS: 50 fr. Potenza motore auto* (80 min) Controllo della potenza del motore di automobili Prezzo: 240 fr. Prezzo Socio TCS: 120 fr.

* Per effettuare la potenza del motore si consigliano pneumatici di controllo forniti dal garagista. È sconsigliato effettuarla con pneumatici invernali, da corsa, nuovi o rigommati. Inoltre la potenza motore sarà spinta fino alla velocità massima indicata dai pneumatici.

Luogo e orari Centro tecnico TCS Via alla Chiesa 10, 6802 Rivera. Orari d’apertura: lun-gio 07.30–18.00 ven 07.30–16.30 sab 08.00–12.00

98

touring

|

dic 2019 / gen 2020

Appuntamenti Telefono: 091 935 91 35 Internet: tcs-ticino.ch e-mail: sezioneTI@tcs.ch


Per i lettori la rivista «touring» uno sconto sul prezzo

Articoli di marca ai migliori prezzi

fino al 69%!

Giubbotti alla moda in colori casual Vantaggi TOP del prodotto:

4 Tessuto extra leggero impermeabile al vento in 100% nylon 4 Imbottitura morbidissima in 100% poliestere 4 Pratico cappuccio, due tasche anteriori oblique con chiusura lampo e tasca interna 4 Per il trasporto si ripone rapidamente nella custodia fornita

marine turchese grigio argento

verde scuro

rosa

bordeaux

marine antracite

Prezzo * consigliato 119.- 49.lshop Prezzo del persona

RSARIO PREZZO ANNIVE

Giacca trapuntata leggera da uomo STONE RICH marine N. art. 236498 verde scuro N. art. 236502 antracite N. art. 236515 bordeaux N. art. 236528

#

Taglie 48 50

52

54

56

58

CHF

36.

Giacca trapuntata leggera da donna STONE RICH rosa N. art. 236531 marine N. art. 236544 grigio argento N. art. 236557 turchese N. art. 236560

75

Si risparmia CHF 82.25

Taglie 36 38

60

è facile! ORDINE C 3 0 0 0 5 con diritto di restituzione entro 30 giorni Ordinare kundendienst@personalshop.ch Qtà

N. art.

Designazione articolo

PREZZO ANNIVERSARIO

Giacca trapuntata leggera da uomo STONE RICH

CHF 36.75

Misura

Giacca trapuntata leggera da donna STONE RICH CHF 36.75

Mittente (Si prega di compilare con chiarezza):

Signora

Signor

TI SI PREGA DI USARE LO STAMPATELLO PER LA COMPILAZIONE

Cognome / nome:

www.personalshop.ch COME RISPARMIARE IL 25%: 1. Accedi al negozio C3 con il tuo codice. 2. Scegli gli articoli desiderati 3. Inserisci il seguente codice nel carrello e ottieni il 25% di sconto! Invia a: Personalshop AG Casella postale 4019 Basilea

Data di nascita:

E-mail:

Useremo il tuo indirizzo e-mail per informarti delle promozioni. Puoi deregistrarti in qualsiasi momento.

#

CAP / località:

42

44

46

48

& 0848 / 80 77 60

Ottieni uno sconto del 25% su tutti gli articoli

Via / n.:

40

0005

25% Anniversario

Sconto del 25% su TUTTI GLI ARTICOLI

Negozio affidabile a 5 stelle H 2 anni di garanzia senza «se e ma» H Consegna rapida H Il più alto standard di qualità H Garanzia del miglior prezzo H Reso e sostituzione entro 30 giorni

*Per i prezzi, fai riferimento al listino del produttore o ai prezzi al dettaglio consigliati dal produttore (RRP) I prezzi sono comprensivi di IVA. escl. spese di spedizione e assicurazione CHF 7.80.


La costruzione svizzera del secolo nell‘edizione speciale

GOTTHARD 2016

PREGIATO RETRO:

Numerazione progressiva incisa sul retro di ogni singolo pezzo

SCATOLA DI PRESENTAZIONE:

L’orologio viene consegnato in un raffinato astuccio ed accompagnato da un certificato di autenticità Con incisione della data d‘inaugurazione sul lato della cassa dell‘orologio

INTERESSANTI DETTAGLI L‘EVENTO: In omaggio all‘inaugurazione del tunnel del San Gottardo L’EDIZIONE LIMITATA: L’orologio da polso è numerato ed è in edizione limitata distribuita in tutto il mondo. INDICAZIONI IMPORTANTI: La cassa dell’orologio è realizzata in pregiato acciaio inox. E’ dotata della funzione di cronometro e il quadrante mostra

un moderno treno rapido con la grafica delle diverse tappe di costruzione, mentre sulla cassa dell‘orologio è incisa la data dell‘inaugurazione. Prezzo: Fr. 199.80 o 3 rate mensili di Fr. 66.60 (+ Fr. 11.90 spedizione e servizio) Numero del prodotto: 578-FAN18.01

Diametro: 4 cm

Per spedizione prima di Natale ordini per telefono oppure online al più tardi entro il 13.12.2019!

In omaggio alla galleria ferroviaria più lunga del mondo

BUONO D’ORDINE ESCLUSIVO Termine di ordinazione: 13 gennaio 2020

Grazie al forte dinamismo collettivo, dopo 17 anni di lavori, è nato un monumento lungo 57 chilometri, del quale noi svizzeri dobbiamo essere orgogliosi e che, nel cuore del nostro paese, unisce tutt‘Europa: si tratta del tunnel ferroviario più lungo del mondo - la galleria di base del San Gottardo, inaugurata il primo giugno 2016.

No. di riferimento: 62382 / 578-FAN18.01 ❒ Sì, ordino l'orologio da polso

„GOTTHARD 2016“

Desidero

Con l‘orologio da polso „GOTTHARD 2016“ vogliamo rendere debitamente omaggio a questa straordinaria costruzione svizzera del secolo. Il quadrante mostra un moderno treno rapido con la grafica delle diverse tappe di costruzione, mentre sulla cassa dell‘orologio è incisa la data dell‘inaugurazione. Approfitti di questa straordinaria occasione per assicurarsi un esemplare di questa speciale edizione limitata e distribuita in tutto il mondo.

❒ fattura unica

Nome/Cognome

❒ rate mensili

Per cortesia, scrivere in stampatello

Via/N. Cap/Città E-mail Firma

Garanzia Soddisfatti o Rimborsati di 120 giorni Per ordinare online no. di riferimento: 16016 62382

www.bradford.ch fb.com/BradfordExchangeSchweiz

Spedire subito a: The Bradford Exchange, Ltd. • Jöchlerweg 2 • 6340 Baar Tel. 041 768 58 58 • Fax 041 768 59 90 • e-mail: kundendienst@bradford.ch

Telefono

Trattamento dei dati personali: Trova informazioni dettagliate sulla protezione dei dati alla pagina www.bradford.ch/datenschutz. La società The Bradford Exchange non Le invierà alcuna offerta per e-mail, telefono o sms. Può modificare sempre, in ogni momento, le Sue preferenze di contatto, mettendosi in comunicazione con noi all’indirizzo o al numero di telefono indicati a lato. Qualora non volesse più ricevere le nostre proposte neanche per lettera, La invitiamo a comunicarcelo via telefono, e-mail o tramite lettera.

Profile for Touring Club Schweiz Suisse Svizzera Switzerland

Touring 12/2019 e 01/2020 italiano  

Il giornale della mobilità, edizione del dicembre 2019 / gennaio 2020

Touring 12/2019 e 01/2020 italiano  

Il giornale della mobilità, edizione del dicembre 2019 / gennaio 2020