Buon compleanno, Cane Puzzone!

Page 1

Colas Gutman

an e no pl com n u o B

Illustrazioni di

Marc Boutavant Traduzione di

Francesca Novajra



Per sfuggire alla noia, nel suo bidone Cane Puzzone conta le mosche su-

gli avanzi di una torta. Sta per rivelare il risultato del suo calcolo strampalato, quando s’imbatte in un oggetto non identificato, lo annusa e se lo mangia.

“Cane Puzzone, credo che tu ab-

bia ingoiato una candelina”, lo avverte Spiaccigatto.

“Sì, alla fragola!” esclama tutto con-

tento.

7


Ma all’improvviso, il povero cane

si sente solo come una candela senza il fiammifero: si è reso conto che nessuno

gli ha mai fatto gli auguri di buon compleanno, lui, il cane preferito di gatti randagi e topi di fogna.

“Spiaccigatto, tu quando sei nato?” “Il 13 marzo.”

“Come lo sai?”

“Prima di abbandonarmi, la mia

mamma mi ha avvolto per bene nella

carta di giornale e c’era la data scritta sopra. E tu, Cane Puzzone?”

“Non lo so. La mia mi ha buttato di-

rettamente in un bidone, senza imballaggio.”

Povero Cane Puzzone, non sa nem-

meno se ha sette anni o duecento... 8


quando riconosce una voce familiare.

“Ehilà, Cane Puzzone! Era buona la

torta? Scusa se non ti ho invitato al mio

compleanno, ma il bidone era già pieno”, ridacchia il barboncino con la frangia.

“Comunque tu avvertici quando fe-

steggerai il tuo, così non ci veniamo!” aggiunge il basset hound con il cappotto.

“Sarà un compleanno puzzone!” lo

deride il barboncino con la frangia. 9


“Buona idea!” pensa Cane Puzzone.

“Festeggerò il mio compleanno!”

“Non vorrai mica invitare qualcuno

nel nostro bidone?” chiede Spiaccigatto.

“Perché no? Non è più sporco degli

altri!”

“Ma se non sai nemmeno la data...”

“Vorrà dire che lo festeggeremo di

domenica, i compleanni capitano spesso nel fine settimana.”

Su un cartone della pizza, Cane Puz-

zone scrive con un rimasuglio di ketchup che gli è schizzato nell’occhio: 10


Cane Puzzone ti invita al suo compleanno domenica. Vieni in maschera se ti va.

Ma tutto a un tratto, gli prende la clas-

sica agitazione di ogni cane che festeggia per la prima volta il suo compleanno. “Ho paura Spiaccigatto.”

“Di cosa Cane Puzzone?”

“Che nessuno venga alla mia festa.”

“Non ti preoccupare, faremo una li-

sta di invitati: il piccione Ettore, il topo Dodo, la giraffa Sofia?” 11


“Non sono tanti”, pensa Cane Puzzo-

ne, “ho paura che diventi un compleanno puzzone!”.

Ma davanti a loro c’è una bambina che

sta aspettando di buttare l’immondizia e ha sentito tutto: “Io ci vengo volentieri

al tuo compleanno, cagnolino. Di solito non mi invita mai nessuno...”

“È carino da parte tua. Come ti chia-

mi?” chiede Cane Puzzone. “Gianna Batosta.”

“Che nome buffo”, commenta Spiac-

cigatto.

“Mi hanno trovata davanti a uno sta-

dio la sera di una sconfitta memorabile. È per questo che mi chiamo così. Ma vi avverto, non avete fatto un grande affare!”

12


13


“Perché?” chiede Spiaccigatto.

“Perché non sono molto popolare,

ecco perché.”

“E cosa significa?” le chiede Cane

Puzzone.

“Be’, per esempio la Regina dei Tor-

di, lei sì che è molto popolare. Ci sono gomme della Regina dei Tordi, temperamatite della Regina dei Tordi, piatti della Regina dei Tordi.”

14


“Povera bambina, vuole diventare una

gomma”, pensa Cane Puzzone.

“Sarai la benvenuta nel nostro bido-

ne”, la consola Spiaccigatto. “Sono si-

curo che diventerai molto popolare. A domenica!”

Cane Puzzone completa la lista degli

invitati: il piccione Ettore, il topo Dodo, la giraffa Sofia + una gomma.

15


Millions discover their favorite reads on issuu every month.

Give your content the digital home it deserves. Get it to any device in seconds.