Issuu on Google+

In

al

nation ter

Magazi

ne

BEVERAGE INDUSTRY

www.fimer.it

IL GIUSTO EQUILIBRIO TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE

11 Novembre 2012 Spedizione in abb.to postale -45% Art. 2 comma 20/B Legge 662/96 DCI-TV- Anno 17 N°11 Novembre 2012

DA 40 ANNI PROGETTIAMO E PRODUCIAMO LINEE E MACCHINE PER IMBOTTIGLIAMENTO PER L’INDUSTRIA DELLE BEVANDE E DEI PRODOTTI ALIMENTARI E NON.

FIMER SRL Via Pierino Testore 39 -14053 Canelli (AT) - Italy

ww

Tel. 0039.0141.823404 Fax 0039.0141.834504

.it

ria

ta

en

m

ali

cn

te w.

info@fimer.it - www.fimer.it


Tecnologia per grandi numeri. Technology for great numbers.

MODULARITÀ, FLESSIBILITÀ, PRATICITÀ MODULARITY, FLEXIBILITY, PRACTICALITY

HALL 5a STAND C 010

Etichettatrici / Labellers 2.000 - 36.000 b/h

Makro Labelling srl • Via Don Doride Bertoldi, 91 • 46045 Marmirolo (Mantova) • Italy 0376 1872203 • Fax: + 39 0376 1872197 • info@makrolabelling.it • www.makrolabelling.it Tel.: + 39


BoĆŠling and packaging systems

www.acmispa.com

Solutions to handle your

mineral water Specialists in palletising and packaging equipment S


FOCUS

ON YOUR NEEDS

Here are our proposal Low maintenance costs, machinery efficiency, easy management, system flexibility, investment return. LITA will celebrate 50 years in business, this year and is the right partner to have by your side that guarantees and offers expertise and experience in order to attain your objective.

LITA srl 10046 Poirino (To) - Italy tel.+39 011 94.31.004 fax +39 011 94.31.900 www.lita.to.it email info@lita.to.it


Nuova serie IP67. Prestazioni Brillanti, Qualità inattaccabile.

• Massima Igienicità • Potenze da 31 a 130 W • Motore a chiusura totale • Assenza di alette di raffreddamento • Vernice esterna anticorrosione • Oli lubrificanti atossici • Alberi d’uscita e viti in acciaio inox.

MINI MOTOR - Via Enrico Fermi, 5 - 42011 Bagnolo in Piano (RE) - ITALY MINI MOTOR USA - 24-25 46th Street - Long Island City, NY 11103 - USA MINI MOTOR Aandrijftechniek - Wagenmakersweg 8A - 3449 HV WOERDEN (NL) MINI MOTOR GERMANY - Alter Kirchpfad 6 - 32657 Lemgo (DL)

www.minimotor.com - info@minimotor.com


Bottling systems by AVE Technologies: precise, reliable, and innovative Reliability and precision are the key words for describing AVE Technologies innovative bottling systems. Fully engineered systems designed and manufactured to each and every customer’s order for treating all kinds of product (water, still and carbonated soft drinks, milk, wine...). Their reliability and precision take shape in a new EFS-Evo isobaric filling system suitable for bottling sparkling and still products in glass bottles. With its special hybrid valves, the EFS-Evo system combines a traditional mechanical sturdiness and reliability with the flexibility and precision of the most advanced electronic solutions.

AVE Technologies srl Via della Costituzione 127 - 30038 Spinea (Venice - Italy) t. +39 041 5412624 - f. +39 041 5089 100 info@ave-technologies.com - www.ave-technologies.com

You won’t spill a drop

HALL 4 STAND B 019

HALL 1 - Stand C 3408


NOVEMBRE NOVEMBER

2012

BEVERAGE INDUSTRY SOMMARIO/CONTENTS

Machinery & Development

12 16 20 22 24 Science & Technology

88 106 112 114 120 126

La prossima rivoluzione industriale in Europa The next industrial devolution in Europe Oxygen Management Misura in 3D facile e veloce 3D measurement fast and easy LinMot: nuovi motori lineari trifase ad alta forza 400 V AC LinMot: new high force linear motors 3x400 V AC Kobold fa la differenza nel controllo Kobold makes the difference in control Pilz: servizi per la sicurezza Pilz: safety services

Marketing & Strategy

8 26 42 70 84 96 118

Buone prospettive di crescita per spumante e vino frizzante Good Growth expected for international sparkling wine market L’esperienza sensoriale diventa filosofia Sensorial experience becomes philosophy Dal Brasile a Hong Kong From Brazil to Hong Kong Flessibilità è la parola magica Flexibility is the magic word “Raccogli la plastica, semina il futuro” Collect plastic and sow the future Eccellenza nel packaging Excellence in Packaging La rivoluzione verde è possibile Green revolution is possible

28

Premix Massico Blendsystem M Blendsystem M Premix Unit La migliore tecnologia sul mercato The best technology on the market Prodotti di spicco Leading products Regime di sviluppo tecnologico costante Status of constant technological development Lasciarsi orientare dalla professionalità To let ourselves be oriented by professionalism Una storia fatta di persone e tecnologia A history made of people and technology

30

Accuratezza e professionalità per un’evoluzione continua Accuracy and professionalism for constant evolution

32

Eccellenza inossidabile: questo è il mondo Tecnofondi Stainless excellence: this is Tecnofondi

38 40 44 46

Flottweg, i decanter di alta qualità Flottweg, high-quality decanters

90

Filtrazione Tangenziale Crossflow Filtration Un’azienda per tutte le stagioni A company for all seasons CIMEC sceglie le valvole e i sensori Bürkert CIMEC choses Bürkert valves and sensors P.E.T. Engineering per il packaging sostenibile P.E.T. Engineering presents new sustainable packaging


Sfoglia TecnAlimentaria Online! www.tecnalimentaria.it Filling & Packaging

62 64 68 74 76 78

Efficienza tecnica, flessibilità e creatività Technical efficiency, flexibility and creativity

All right reserved. Reproduction in whole or in part without written permission is prohibited. The Publisher is not responsible for any materials, nor for writers’ nor contributors’ expressed or implied opinions.

Le soluzioni di asciugatura di bottiglie e lattine per tutti i formati Bottle and can drying solutions for all sizes of operation

Informativa ex D.lgs 196/03 Ai sensi dell’art.2 comma 2° del Codice Deontologico dei giornalisti si rende nota l’esistenza di una banca dati di uso redazionale presso la sede di Via Bianchetti 11 Treviso. Responsabile del trattamento dati è il direttore responsabile a cui ci si può rivolgere presso la sede di Treviso Via Bianchetti 11 per i diritti previsti dalla legge 675/1996.

Tecnologia unica al mondo Unique technology in the world Garanzia di affidabilità Guarantee of reliability

Associato a:

Emballage 2012... solo innovazioni Emballage 2012... only innovation Il caso Surgiva The Surgiva experience Progetti e performance d’avanguardia Cutting edge design and performance Modularità di progetto e flessibilità soddisfano ogni esigenza di etichettatura Project modularity and flexible use satisfy every labelling need

ProPak China è una piattaforma unica ProPak China is unique platform 1CBB 2012 conquista espositori e visitatori CBB 2012 conquers exhibitors and visitors

www.fimer.it

IL GIUSTO EQUILIBRIO TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE

11 Novembre 2012

DA 40 ANNI PROGETTIAMO E PRODUCIAMO LINEE E MACCHINE PER IMBOTTIGLIAMENTO PER L’INDUSTRIA DELLE BEVANDE E DEI PRODOTTI ALIMENTARI E NON.

FIMER SRL Via Pierino Testore 39 -14053 Canelli (AT) - Italy Tel. 0039.0141.823404 Fax 0039.0141.834504 info@fimer.it - www.fimer.it

.it

ria

Fairs in Italy & in the world

ta en

The companies presented inside

lim

142 143

nation ter

BEVERAGE INDUSTRY

na

Eccellenza in magazzino Excellence in stock management

130 138

ec w.t

Acetum e Bortolin Kemo: partner nella qualità Acetum and Bortolin Kemo: partner in quality

About Fairs

ww

94

Publisher Editrice EDF Trend srl Via Bianchetti 11 31100 Treviso - Italy

Magazi

86

Smigroup

al

82

Autorizzazione Tribunale di Forlì n. 5 del 19.01.1996 In questo numero la pubblicità non supera il 45% Sped. in abbonamento postale - 45% Art. 2 Comma 20/B Legge 662/1996 DCI-TV

Strumenti per unire qualità, confezione e marketing Tools for optimum quality, packaging and marketing

In

56 60

Direttore responsabile F. Da Cortà Fumei Direttore editoriale E. Da Cortà Fumei Segreteria di redazione Sabrina Fattoretto Grafica Carlo Borin Pubblicità Megas srl - Treviso Stampa TrevisoStampa srl Direzione e Redazione Editrice EDF Trend srl Via Bianchetti 11, 31100 Treviso – Italy Tel. + 39 0422 410076 Fax + 39 0422 574519 redazione@tecnalimentaria.it info@tecnalimentaria.it www.tecnalimentaria.it

ne

52

TECNALIMENTARIA Year XVII - n°11 Novembre 2012

IN COPERTINA FIMER Srl Canelli (Asti) Italy www.fimer.it


Marketing & Strategy

Buone prospettive di crescita per spumante e vino frizzante I consumatori non hanno perso la voglia di sorseggiare vino spumante e in tutto il mondo si prevedono eccellenti opportunità di crescita

G

li esperti del mercato mondiale del vino frizzante dovranno affrontare grandi sfide, in particolare l’aumento dei prezzi delle materie prime crea dei problemi al settore. Fortunatamente si rileva da parte del consumatore una crescente richiesta di prodotti di qualità superiore. Dunque, i clienti non hanno perso la voglia di sorseggiare vino spumante, in tutto il mondo si prevedono per questa bevanda eccellenti opportunità di crescita. I produttori di vini frizzanti possono ritenersi soddisfatti: sia la crescente richiesta d’acquisto dei consumatori di vino spumante come pure lo sviluppo delle vendite in nuovi mercati incrementeranno in futuro le loro prospettive di vendita, senza dover competere con altre bevande alcoliche. Questo è il risultato di un sondaggio globale sul mercato internazionale del vino spumante in 17 mercati, i cui risultati sono stati pubblicati nell’agosto del 2012 dal TNS Istituto londinese di ricerche di mercato.

8

Novembre 2012

Nel caso in cui tutti gli amanti dello spumante e del vino frizzante potessero consumarlo in libertà, l‘aliquota sul mercato dei prodotti alcolici, del consumo dello spumante, crescerebbe dal 5,1 al 7,8 percento. L‘incremento più alto, vale a dire una quadruplicazione della quota del vino spumante, toccherebbe all’India e alla Cina. Ma sotto questo aspetto sarebbe prevedibile anche nei mercati più maturi, come la Gran Bretagna e gli USA, un raddoppio del consumo al 9,1 e 6,5 percento. Jan Hofmeyr, Chief Researcher, Behaviour Change presso la TNS: “In tutto il mondo cresce il desiderio del consumo di vino spumante e champagne, molte persone però si trattengono dal comprarlo per i prezzi. Infatti, questa bevanda viene vista come un lusso, il cui consumo richiede un evento particolare. La buona notizia per i produttori di vino spumante è che i consumatori sono del parere che i vini frizzanti abbiano un gusto migliore e forniscono più

BEVERAGE INDUSTRY

piacere di altre bevande alcoliche. Lo studio quindi non dice che i consumatori incrementeranno il loro consumo globale di alcool ma che preferirebbero bere volentieri vino spumante”. Solo per la Spagna, la cui quota di spumante raggiunge l‘8,7 percento, lo studio prevede un calo dello 0,4 percento. Ma questa piccola crisi, secondo gli esperti, in vista della crescita del consumo mondiale, non dovrebbe arrecare danni al mercato della Cava orientato all’export. Che i tedeschi preferiscono il frizzante, non è un segreto. Il loro consumo annuo pro capite nel 2011 è stato di 4,1 litri o cinque bottiglie e mezza di vino spumante, comunica il DWI – Deutsche Weininstitut sulla base dell’Istituto Federale di Statistica. Con un mercato mondiale stimato di due miliardi di bottiglie l’anno, all’incirca una bottiglia di vino spumante ogni cinque aperte in tutto il mondo (22 percento) viene consumata in Germania. Questo vede i tedeschi in testa in campo internazionale. TNS ha calcolato che tra tutte le bevande alcoliche consumate dai tedeschi una quota del 9,9 percento viene riservata ai vini spumante, le previsioni di crescita per questo Paese sono dell‘1,9 percento La crescente preferenza da alcuni anni per gli spumanti rosati unisce i clienti di tutto il mondo.

www.tecnalimentaria.it


Marketing & Strategy “Anche noi osserviamo sul mercato internazionale la tendenza verso il rosato“ dichiara Jan Rock, portavoce della Casa di spumanti di Wiesbaden, Henkell & Co.,forte nell’esportazione. Questo vale sia per il vino spumante come anche per lo champagne. Garrido conferma questa tendenza anche per il Cile. Il mercato tedesco dello spumante viene ancora dominato come in passato da una quota (fatturato) del 77,6 percento di spumanti bianchi. Nondimeno i dati commerciali attuali dell’IRI dell’agosto 2012 registrano un incremento del 7,5 percento dei rosati e dell‘ 8 percento degli spumanti rossi. La quota di mercato rispetto al fatturato per lo spumate rosato in tutto il commercio globale ammonta a 11,5 percento, e per lo spumante rosso a 3 percento. Gusti delicati e senza alcol recuperano terreno In tutto il mondo si constata una tendenza verso i gusti più delicati. “Secondo attuali sondaggi del GfK, con i vini frizzanti a gusto delicato è possibile raggiungere più consumatori, in particolare quelli tra i 19 ed i 25 anni. Il segmento “Vini frizzanti a gusto delicato” raggiunge in Germania il 9,1 percento del consumo complessivo di questo tipo di vini, mentre se si guarda oltre le frontiere, in USA, si rileva che si sta sviluppando perfino un incremento della richiesta di moscato. Anche i produttori tedeschi immettono sul

www.tecnalimentaria.it

mercato prodotti dai gusti delicati. “I semisecco e delicati prendono sempre più il sopravvento in Germania“, crede anche Barbara Hoffmann, portavoce della Casa di vini spumanti Schloss Wachenheim (SSW). Inoltre alcune case hanno iniziato a produrre con successo per gruppi nuovi di consumatori, degli spumanti aromatici o cosiddetti ready-to-drink, varianti di bevande mix con spumante oppure pubblicizzano nuovi metodi per servire i loro prodotti. Schlumberger Sekt per esempio pubblicizza di gustare le sue “giovani” marche di spumante secco servendolo con ghiaccio in bicchieri long drink. Presso la Casa Henkell, l’inventore del formato “Piccolo” si registra a livello internazionale una tendenza verso il consumo di piccole bottiglie da 0,2 l. Anche se la quota dei vini spumante nonalcolici non ha ancora una grossa rilevanza sul mercato, cosi come gli offerenti desidererebbero far sembrare, i grandi produttori europei puntano comunque all‘unanimità su questo mercato in crescita. Le cause di questo comportamento sono molteplici. Così presso l‘azienda Schloss Wackenheim si osserva per esempio una tendenza anche nei mercati d’esportazione, di vini e vini frizzanti con un tasso ridotto di alcol. “Le cause di questo comportamento si trovano sia a causa della pressione fiscale in ciascun Paese cosi come nella tendenza verso un

BEVERAGE INDUSTRY

modo di vivere più salutare “, dichiara Hoffmann. Henkell riferisce perfino di un positivo incremento quest’anno a due cifre nelle vendite di spumati non-alcolici. Nonostante buone opportunità di vendita, i produttori di vini frizzanti, guardano al futuro con un po’ di preoccupazione. Tutti sono accomunati dal timore per l’aumento delle materie prime da una parte e per la concorrenza sempre più forte dall’altra. “L’attuale preoccupante situazione sull’approvvigionamento di vini potrebbe portare ad ulteriori incrementi dei prezzi nel 2013”, dichiara Hoffmann della SSW. A questa in alcuni Paesi si aggiunge una crescente pressione sui prezzi. Particolarmente colpita dalla maggiorazione dei prezzi risulta la possibilità di vendita nel commercio di alimentari in Germania, un tema che preoccupa anche i produttori stranieri, che intendono consolidare o sviluppare la loro posizione sul mercato tedesco dei vini spumante. Produttori di marche di questo segmento di mercato come la Henkell & Co, vedono una via d’uscita da questa spirale di prezzi, nell’immissione sul mercato di prodotti di qualità esclusivi, disegni originali, comunicazione di marche e offerte innovative. Una tendenza sul mercato dello spumante e del vino mostra una crescente importanza attribuita all’origine ed alla qualità.

Novembre 2012

9


Marketing & Strategy

Customers have not lost their taste for sparkling wine and globally the drink is being expected very good growth prospects

E

xperts in the global sparkling wine market see great challenges ahead. Increased raw material prices are the main concern negatively impacting the sector. Gratifyingly however, there is rising consumer demand for higher-quality products. And: customers have not lost their taste for sparkling wine and globally the drink is being forecast very good growth prospects. Sparkling wine producers should be pleased: the increased willingness to spend amongst sparkling wine drinkers and the development of new markets will both increase future sales opportunities for sparkling wine without it needing to compete with other alcoholic drinks. This is the result of a worldwide survey on the sparkling wine sector on 17 markets – whose data was published by the London market research institute TNS in August 2012. This revealed that if demand from all Champagne and sparkling wine fans were fully met, the proportion of sparkling wine on the alcohol market would rise from 5.1% to 7.8%. The most significant growth – a quadrupling of market share for sparkling wine – could be seen in India and China. However, from this perspective more mature markets like Great Britain and the USA could also double their market share to 9.1% or 6.5% respectively. Commenting here Jan Hofmeyr, Chief Researcher in Behaviour Change at TNS, said: “Globally there is increasing wish to enjoy sparkling wine and Champagne, although many people are still put off by the prices. The drink is also seen as a luxury for special occasions. The good news for sparkling wine producers is that consumers feel that sparkling wine tastes better and is more enjoyable than other alcoholic drinks. Thus, the study does not reveal that consumers will increase their alcohol consumption overall but that they will wish to drink sparkling wine more often.” Spain with its sparkling wine share of 8.7% is the only country the study forecasts to decline – by 0.4%. However, experts believe this slight drop is unlikely to harm the export-oriented cava market in view of its worldwide growth. Germans’ predilection for ‘bubbly’ is no secret. Their per capita consumption in 2011 stood at 4.1 litres or five and a half bottles of sparkling wine per year – as reported by the German Wine Institute (DWI) on the basis of data from Germany’s Federal Statistical Office. With an estimated global sparkling wine market of a good two billion bottles a year, almost one bottle of sparkling wine in five is uncorked in Germany (22%). This puts Germany in pole position on the international stakes. TNS

10

Novembre 2012

calculates the proportion of sparkling wine in Germany compared to related alcoholic drinks at 9.9% and the country’s growth forecast here stands at +1.9%. Growing for many years now, the preference for sparkling rosés unites customers from throughout the world. “We have also seen the rosé trend developing on the international market,” stressed Jan Rock, press spokesman for the high-exporting Wiesbaden sparkling wine producer Henkell & Co. And this applies to both sparkling wine and Champagne. Garrido can also confirm this trend in Chile. With a market share of 77.6% (in terms of turnover) the German sparkling wine market may still be dominated by white sparkling wines. However, current IRI retail data from August 2012 points to sales increases for rosé of 7.5% and increases for sparkling red of 8.0%. The market share in turnover terms for sparkling rosé stands at 11.5% and for sparkling red wine at 3.0%. Mild and Alcohol-Free Catch Up Furthermore, an emerging global trend in sparkling wines is a focus on milder flavours. “According to current GfK market research findings, it is possible to reach more consumers – especially younger target groups aged 19 to 25 – with mildertasting sparkling wines. The ‘mild sparkling wine’ segment already accounts for 9.1% of Germany’s entire sparkling wine market.

BEVERAGE INDUSTRY

Looking beyond Germany’s borders to the US, increased demand is even developing there for Moscato. German producers are also launching mildertasting sparkling wines onto the market. “The medium-dry and mild wines are gaining even more ground in Germany,” adds Barbara Hoffmann, Press Spokesperson for the sparkling wine producer Schloss Wachenheim (SSW). Furthermore, some producers have started successfully tapping into new target groups with flavoured sparkling wines or ready-to-drink variations of mixed drinks containing sparkling wine or indeed by advertising with new serving methods for their products. For instance, Schlumberger is advertising its ‘young’ Secco brands with the sparkling wine served over ice in a highball glass. And at Henkell, the inventor of the ‘Piccolo’ bottle, there is also an international trend for 0.2 l miniatures. Even if the market share of alcohol-free sparkling wine is still relatively small, as suppliers insist, major European producers are virtually unanimous about the growth prospects of this market. The reasons for this are varied. For instance, at Schloss Wachenheim they are also observing a trend towards lower-alcohol wines and sparkling wines on export markets. “The reasons for this lie both in the duty on alcohol in individual countries and in the trend towards a healthier lifestyle,” says Hoffmann. So far this year Henkell has posted two-digit sales growth for alcohol-free sparkling wine. Despite encouraging sales opportunities, sparkling wine producers cannot look to the future entirely without concern. They are all uneasy about increased raw material prices on the one hand and increasing competition on the other. “The current strains on wine supply could lead to further price adjustments in 2013,” says Hoffmann from SSW. Add to this growing price pressures in some countries. One issue seen as particularly price-driven are the sales opportunities in German food retail – a topic that also preoccupies foreign producers wishing to consolidate or develop their position on the large German sparkling wine market. Branded sparkling wine producers like Henkell & Co. see excellent quality, design, brand communication and innovative offers as a way out of these downward-spiralling prices. A tendency emerging on the sparkling wine and wine markets is the increased focus on origin and quality,

www.tecnalimentaria.it

Source: Messe Düsseldorf press office

Good Growth expected for international sparkling wine market


HALL 1 - Stand C 3408

HALL 4 STAND B 019

Technological integration is in our dna Inside a bottle of wine there is a whole world of technology that demands an integrated approach. For fifty years now, the Della Toffola group has been offering innovative solutions for managing the whole wine-making production line: from receiving the grape harvest to pressing, vinification and bottling. Choosing Della Toffola means opting to work with a strongly-integrated group of 9 industries and 5 commercial and customer support branches that have technology in their DNA. Choosing Della Toffola means going for a custom, turnkey solution studied specifically to meet the needs of your winery. You provide the passion, and Della Toffola will handle the technology.

www.dellatoffola.it


Machinery & Development

PREMIX MASSICO BLENDSYSTEM M La crescente fiducia nei confronti degli impianti di processo realizzati dalla DRINK SYSTEMS, brand di WATER SYSTEMS, ha consentito un continuo sviluppo della tecnologia di blending

L

a crescente fiducia dimostrata dal mercato nei confronti degli impianti di processo realizzati dalla DRINK SYSTEMS, brand ormai consolidato di WATER SYSTEMS, ha consentito un continuo sviluppo della tecnologia di blending per la produzione di soft drinks gasati sino a consentire la fornitura di un impianto da 25.000 l/h di prodotto a un importante produttore di soft drink a base di succo d’arancia con polpa, probabilmente il più conosciuto in questo settore. La realizzazione di questa tipologia di apparecchiatura conclude positivamente l’iter di crescita tecnologica pianificato dal management aziendale sin dalla nascita della società e pone le basi per un ulteriore sviluppo commerciale dell’azienda stessa: l’impianto fornito si configura in effetti come il top della tecnologia attualmente disponibile sul mercato e consente il raggiungimento delle più elevate prestazioni in termini di accuratezza del dosaggio (0,03 °Brix e 0,05 volumi di CO2) e di ossigeno residuo nella fase acquosa a valle del sistema di doppia deaerazione (inferiore a 0,5 ppm), sostanzialmente le stesse garantite dai più grandi costruttori di linee di imbottigliamento. La specifica esigenza del Cliente di inserire l’apparecchiatura all’interno di una linea esistente ha reso necessario lo studio preventivo della disposizione dei componenti e la sua approvazione preventiva mediante l’uso di strumenti CAD per il disegno 3D che hanno consentito di ottimizzare la compattezza del sistema garantendo al contempo l’accessibilità dei componenti per le operazioni di manutenzione. L’apparecchiatura, realizzata per garantire i più elevati standard qualitativi e una produ-

12

Novembre 2012

zione qualitativamente costante anche in condizioni di cambio formato piuttosto impegnative, è completamente preassemblata su telaio in acciaio inox a sezione circolare per la massima pulibilità e si compone generalmente dei seguenti sottosistemi: • deaerazione acqua in ingresso: la rimozione dei gas incondensabili viene effettuata mediante un sistema di deaerazione a doppio stadio con pompa da vuoto dimensionata avendo quale obiettivo primario il mantenimento del livello di ossigeno disciolto a valori inferiori a 0,5 ppm; • dosaggio di anidride carbonica: l’iniezione di anidride carbonica viene effettuata mediante una valvola modulante e un trasmettitore di portata massico in maniera proporzionale alla quantità di acqua trasferita dal serbatoio di deaerazione; la portata d’acqua viene misurata mediante un trasmettitore di portata magnetico; uno speciale sistema di iniezione e miscelazione del gas, specificamente sviluppato da WATER SYSTEMS, consente una intima miscelazione con l’acqua da trattare e, conseguentemente, un ottimale perlage del prodotto; il tasso di anidride carbonica

BEVERAGE INDUSTRY

disciolta viene quindi mantenuto nel tank di ricevimento prodotto grazie al software di supervisione che tiene sotto controllo eventuali fluttuazioni nella temperatura di alimentazione dell’acqua o di stoccaggio del prodotto stesso; la concentrazione dell’anidride carbonica effettivamente disciolta nel prodotto viene verificato mediante una unità carbometrica installata sulla linea di alimentazione della riempitrice; • dosaggio e miscelazione dello sciroppo: l’iniezione dello sciroppo, alimentato inizialmente a un piccolo serbatoio di stoccaggio con atmosfera modificata e arricchita di anidride carbonica per evitare qualsiasi fenomeno ossidativo, avviene mediante una valvola modulante sanitaria e un misuratore di portata massico in maniera proporzionale alla quantità di acqua trasferita dal serbatoio di deaerazione; il flussimetro massico consente inoltre di verificare in continuo l’effettiva densità dello sciroppo in arrivo all’impianto, permettendo di compensare istantaneamente il dosaggio e stabilizzare quindi, entro i limiti, la concentrazione zuccherina del prodotto finito; analogamente, in caso di produzione di prodotti diet, uno specifico rifrattometro consente la gestione ottimale dell’iniezione di sciroppo anche in presenza di eventuali fluttuazioni nella concentrazione del prodotto in arrivo dalla sala sciroppi; un secondo rifrattometro, installato sulla linea di alimentazione della riempitrice, consente la verifica del prodotto in continuo e, se necessaria, la correzione dello stesso; analogamente la strumentazione consente di minimizzare gli sprechi di sciroppo e prodotto durante le fasi transitorie di avvio e arresto della produ-

www.tecnalimentaria.it


Machinery & Development

zione consentendo rapporti di dosaggio acqua-sciroppo che in questa fase possono anche arrivare a 1:1; raffreddamento del prodotto: in questo particolare impianto, vista la presenza di polpe di taglia piuttosto importante, il raffreddamento è stato effettuato mediante scambiatori di calore tubolari in luogo del classico scambiatore di calore a piastre; sistemi di miscelazione: sempre a causa della presenza di polpa nel concentrato e di conseguenza nel prodotto finito, sono stati installati due agitatori, sul tank di ricevimento sciroppo e sul tank del prodotto finito, progettati e realizzati da ALFA LAVAL per garantire l’omogeneità del prodotto anche in caso di arresto della linea di riempimento; sistemi di pompaggio: per le stesse ragioni di cui sopra le pompe adibite al trasferimento del concentrato e del prodotto sono pompe volumetriche a lobi pensate per evitare il danneggiamento delle celle di frutta; tank di ricevimento prodotto e sistema di alimentazione riempitrici: come accennato il tank prodotto, previsto per una pressione massima di funzionamento di 7,0 bar, è provvisto di agitatore atto ad impedire la precipitazione delle polpe in caso di arresto della linea di riempimento; la linea di uscita prodotto è inoltre provvista di un cluster di valvole mixproof stante la necessità di poter alimentare due diverse riempitrici e l’esigenza di poter operare operazioni

www.tecnalimentaria.it

di cleaning su una parte degli impianti mentre la restante parte è in produzione. Tutte le valvole mixproof inserite su linee interessate dal passaggio di prodotto con polpa sono state previste in versione “seat clean” per consentire la pulizia della camera di fuga durante le fasi di lavaggio per garantire il massimo dell’igiene. Il software di supervisione del premix massico BLENDSYSTEM M è stato concepito per garantire i più raffinati risultati in termini di dosaggio mantenendo al contempo una elevata semplicità di gestione grazie ad una interfaccia friendly user; il programma consente

la registrazione e la visualizzazione grafica dell’andamento dei principali parametri di produzione nonché il calcolo e la registrazione dei parametri statistici (ca, cp e cpk) associati a questo tipo di produzione. L’apparecchiatura è completa di bus di campo (Ethernet) per una completa integrazione nella linea di imbottigliamento e la gestione delle fasi di produzione e di cleaning-sanificazione.

BEVERAGE INDUSTRY

Novembre 2012

13


Machinery & Development

Blendsystem M Premix Unit The growing confidence gained by process plants manufactured by DRINK SYSTEMS, WATER SYSTEMS’ brand, allowed a continuous development of blending technology

T

he growing market’s confidence gained by process plants manufactured by DRINK SYSTEMS, already wellestablished WATER SYSTEMS’ brand, allowed a continuous development of blending technology for carbonated soft drinks (CSD) production to such an extent that we had the possibility to supply a plant for 25.000 l/h of product to an important producer of CSDs (based on juice fruit with pulp), which is probably the most famous one of the sector. The realization of this kind of device is on one hand the positive result of the technologic growing process planned by the firm management since the society has born and on the other hand it lays the foundations for a further business growth of the firm itself: the unit represents the top of technology which is now available on the market and allows to reach the highest performances in terms of dosing accuracy (0,03° Brix and 0,05 v/v of CO2) and of residual oxygen in water after the double stage of deaeration (lower than 0,5 ppm), which are the same performances guaranteed by the biggest bottling lines manufacturers. The specific need of the customer to integrate the equipment in an existing line made necessary the preventive study of components placing (and its approval by him) by means of CAD instruments for 3D drawings, which allowed to optimize the system compactness and at the same time to guarantee an easy access to components for maintenance operations. The whole system, realized to guarantee the highest qualitative standards and a qualitatively constant production, also running in conditions of considerable format change, is completely preassembled on stainless steel circularsection skid for an easy and efficacious cleaning. It includes the following subsystems: • inlet water deaeration: a double stage deaerating system equipped with vacuum pump removes incondensable gases; the vacuum pump is conceived to maintain the dissolved oxygen level below 0,5 ppm values;

14

Novembre 2012

• carbon dioxide dosing: a modulating valve and a mass flow rate transmitter inject carbon dioxide in quantity that is proportional to water quantity loaded to the deaeration tank; the water flow rate is measured by a magnetic flow rate transmitter. A special gas injecting and mixing system - specifically developed by WATER SYSTEMS - performs a careful mixing with the water to be treated and, hence, best results in terms of product perlage; the carbon dioxide concentration is maintained constant in the product receiving tank by a supervising software, which checks possible fluctuations in temperature of feeding water and in product buffer tank; the effective dissolved carbon dioxide concentration in the product is checked using a carbometric unit, installed on the filling machine feeding line; • syrup dosing and mixing: at first syrup is stored in a small buffer tank, whose atmosphere is modified and enriched with carbon dioxide, in order to avoid oxidation. Syrup injection is made by a sanitary design modulating valve and a mass flow rate transmitter in a quantity which is proportional to the water amount fed from the deaeration tank; furthermore the use of a mass flow rate transmitter allows to check constantly the effective density of the inlet syrup and therefore to compensate immediately for the dosing and to stabilize the sugar concentration in the end product within established bounds. Analogously, when producing diet beverages, a specific refractometer allows the constant check of syrup injection also in case of flow rate fluctuations from syrup room; a second refractometer, installed on the filler feeding line, allows the continuous product check and, if necessary, its adjustment. Similarly the instruments minimize waste of both syrup and product during transitory phases of production, such as start and stop, thence allowing water-syrup dosing ratio up to 1:1 in this phase;

BEVERAGE INDUSTRY

• product cooling: the cooling section of this plant consists in tubes heat exchangers instead of plates ones because of the considerable size of pulps present in the product; • mixing systems: for the same reason, pulp presence in concentrate and thence in end product, the tanks of syrup and end product have been equipped with agitators designed and manufactured by Alfa Laval in order to guarantee product homogeneity also in case of filling line stop; • pumping systems: concentrate and product transferring is carried out with lobes volumetric pumps which are conceived to avoid fruit cells damaging; • product receiving tank and filling machines feeding system: as above announced, the product tank (conceived to work at a pressure up to 7,0 bar), is equipped with agitator designed to avoid pulps precipitation in case of filling line stop; furthermore the output line is provided with a cluster of mixproof valves in order to allow the feeding of two different fillers and to carry out cleaning operations on a part of equipments while the other part continues the production. All the mixproof valves installed on pulp product lines are “seat clean” to allow the valve drain chamber during cleaning phase for the highest hygiene degree. The supervising software loaded on the masscontrol premix unit - BLENDSYSTEM M is conceived to guarantee the best results in terms of dosing, offering at the same time an easy control by a friendly user interface; this software enables on one hand to set the main production parameters and visualize their state graphically and on the other hand to set the statistic parameters (ca, cp e cpk) linked to that kind of production. The equipment is equipped with field buses (Ethernet) for a complete integration in the bottling line and the control of production, cleaning and sanitizing processes.

www.tecnalimentaria.it


www.watersystems.it one partner,

many solutions A complete range of beverage process equipments: - premix equipments for CSD production - mineral water carbonating units - syrup rooms and sugar dissolving units - CIP and SIP for best cleaning and sanitizing - ozone generators and ozonising equipment - sterile water production for aseptic lines - sterilising solutions automatic preparing devices - minerals and flavours dosing devices - tailor made water treatment plants - qualified pre-sale technical support - competent after sales servicing

A. Water Systems S.r.l.

Loc. Piana, 55/D – 12060 VERDUNO (CN) – ITALY Tel. +39 0173 615636 – Fax +39 0173 615633 www.watersystems.it – info@watersystems.it


Machinery & Development

La migliore tecnologia sul mercato Robino & Galandrino suggerisce sempre nuove soluzioni tecnologiche e risponde con puntualità, efficacia e flessibilità all’evoluzione delle esigenze del mercato

N

ata a Canelli (1964) nella patria del tradizionale vino spumante italiano, l’Asti, Robino & Galandrino ha saputo crescere insieme alle più grandi aziende nazionali di produzione vinicola della zona e deve a loro lo sviluppo della propria attività. L’essere costantemente messi alla prova da chi si propone di fornire la migliore risposta ad ogni problematica del cliente, suggerendo sempre nuove soluzioni tecnologiche e rispondendo con puntualità, efficacia e flessibilità all’evoluzione delle esigenze del mercato. Oggi Robino & Galandrino può garantire: • Aumento della produttività ed efficienza • Eliminazione degli scarti e delle imperfezioni • Minima manutenzione

• Semplicità di funzionamento • Riduzione dell’inquinamento acustico, in breve: La migliore tecnologia sul mercato La gamma di macchine Robino & Galandrino si adatta a tutte le velocità di produzione, dalla semi-automatica alla super automatica.

The best technology on the market

E

stablished in Canelli (1964) located in the traditional land of Italian sparkling wine, Asti, Robino & Galandrino has managed to grow together with the largest national wine-producing companies of the area and owe the development of their activity to them. Being constantly put to the test by those who propose themselves to world markets with maximum quality standards and competitiveness is always a gratifying challenge. Today, as world leaders in capping and wire hooding, the aim of Robino & Galandrino is to provide the best answer to any customer’s problem, by always suggesting new technological solutions and responding with accuracy, effectiveness and flexibility to the evolution of the market’s needs. Today, Robino & Galandrino can guarantee: An increase in productivity and efficiency; The elimination of waste and imperfections;

16

Novembre 2012

Robino & Galandrino always provides the best new technological solutions and responds with accuracy, effectiveness and flexibility to the evolution of the market’s needs

Minimum maintenance; Easy operation; The reduction of sound pollution, in brief: The best technology on the market; Robino & Galandrino’s range of machines is suitable for all production speeds, from semiautomatic to super-automatic. They therefore propose machines for producing from 500 to 30,000 bottles/hour. Robino & Galandrino’s range of machines specifically include: • Cap distributors (in tin, aluminium, polylaminate, PVC and PET); • Spinning machines (for tin, aluminium and polylaminate caps); • Thermo-shrinking machines (for PVC and PET caps); • Large cap distributors for sparkling wine; • Capping machines for sparkling wine large caps;

BEVERAGE INDUSTRY

Propone quindi macchine per produzioni da 500 fino a 30.000 bottiglie l’ora. La gamma di macchinari Robino & Galandrino comprende specificatamente: • Distributori di capsule (in stagno, in alluminio, polilaminato, PVC e PET); • Macchine rullatrici (per capsule in stagno, alluminio, polilaminato); • Macchine termoretrattrici (per capsule in PVC o PET); • Distributori di capsuloni da spumante; • Macchine capsulatrici per capsuloni da spumante; • Monoblocchi versatili ed universali che raggruppano su di un unico basamento tutte le operazioni sopradescritte; • Macchine gabbiettatrici; • Monoblocchi di tappatura e gabbiettatura. Specializzati nella “chiusura secondaria” di tutti i tipi di bottiglia e prodotti, siamo i fornitori di tutte le più importanti aziende vinicole del mondo, oltre che di sidrerie, birrerie, distillerie, oleifici, acetifici. La rete commerciale aziendale è molto sviluppata, non solo il Italia, dove ha un rappresentante per ogni regione e cura l’assistenza tecnica direttamente dalla sua sede, ma anche soprattutto all’estero che rappresenta per Robino & Galandrino il 70% del fatturato. www.robinoegalandrino.it

• Versatile and universal monoblock machines, which feature all the above-mentioned operations on a single base; • Wire hooding machines; • Corking and wire hooding monoblocks. Specialised in “secondary sealing” of all types of bottles and products, the company supplies all the most important wine-producing companies in the world, as well as cider producers, breweries, distilleries, oil mills and vinegar producers. Robino & Galandrino’s sales network is well-developed, not only in Italy, where they have a representative for each region and handle technical assistance directly from our headquarters, but also and especially on the foreign market, which represents 70% of the company’s turnover. www.robinoegalandrino.it

www.tecnalimentaria.it


HALL 5a STAND C 010


Marketing & Strategy

Siccità e caldo per una qualità delle uve superiore

L

e stime, ormai archiviate le perdite sulle uve precoci, potrebbero però essere riviste al rialzo, grazie alle piogge di settembre che hanno influito sulle uve più tardive soprattutto rosse. Intanto, però, grazie, alla ridotta presenza di fitopatie, la qualità delle uve si prospetta dal buono all’ottimo con un grado zuccherino superiore alla media. Per la nuova vendemmia si prevede in Italia un altro record negativo. Il meno 8% rispetto al 2011, porterebbe il dato di quest’anno sotto la soglia dei 40 milioni di ettolitri. Lo prevedono Ismea e Unione Italiana Vini, evidenziando che la causa principale della riduzione non è stata

Indagine Ismea/Unione Italiana Vini sulla vendemmia 2012, non abbondante ma con uve di ottima qualità

quest’anno di natura strutturale, legata cioè alle estirpazioni con premio, ad abbandoni o ad altre misure dell’Ocm, quali la vendemmia verde. Siccità e caldo sono i veri responsabili della scarsità di vino nelle cantine italiane. Con un calendario tornato alla normalità, anche se non sono mancati gli anticipi sicuramente meno significativi rispetto allo scorso anno. Le riduzioni sono accentuate nelle regioni del Nord–Est in particolare, con il Friuli che arriva a -21%, il Veneto a -12%, mentre Trentino Alto Adige e Emilia Romagna registrano un calo del 10%. Anche per il Nord-Ovest, nelle principali regioni produttrici Piemonte e Lombardia, si

Produzione di vini e mosti in Italia (000 hl) Wine and must production in Italy (000 hl)

Var. % 2011 2012* 2012/2011 Piemonte Valle d’Aosta Lombardia Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna

2.683 20 1.313 1.113 8.710 1.267 77 6.455 2.495 860 741 1.205 2.283 255 1.726 5.777 113 302 4.823 486

2.470 20 1.120 1.000 7.665 1.000 69 5.820 2.250 690 741 1.180 2.283 235 1.815 4.900 100 276 5.180 486

-8 0 -15 -10 -12 -21 -10 -10 -10 -20 0 -2 0 -8 5 -15 -11 -9 7 0

Italia

42.705

39.300

-8

stima una significativa riduzione, rispettivamente del -8 e -15%. Situazioni alterne nel Centro dove al -10% della Toscana e al -20% dell’Umbria si affiancano produzioni in linea con quelle delle scorso anno sia per Marche e Abruzzo, mentre solo una lieve flessione è attesa per il Lazio. Da considerare comunque che l’essere sostanzialmente in linea con il 2011 non fa del 2012 un anno abbondante, anzi. Al Sud, invece, al deciso ridimensionamento della Puglia (-15%), si affianca la ripresa produttiva della Campania e soprattutto della Sicilia. Nell’isola è stato soprattutto il minor ricorso alla vendemmia verde (per “vendemmia verde” l’Ue intende la completa distruzione o eliminazione dei grappoli non ancora giunti a maturazione) a portare su terreno positivo le lancette delle stime vendemmiali. Stime che, ormai archiviate le perdite, a volte anche significative, sulle uve precoci, potrebbero ancora essere influenzate dagli eventi atmosferici. Le piogge di inizio settembre, infatti, hanno ridato un po’ di speranza ai produttori di uve più tardive soprattutto rosse. Ma le cose potrebbero cambiare in peggio se le precipitazioni saranno abbondanti e soprattutto a ridosso della vendemmia. Intanto, però, grazie, alla ridotta presenza di fitopatie, la qualità delle uve si prospetta dal buono all’ottimo con un grado zuccherino superiore alla media. Bisognerà a questo punto vedere come reagirà il mercato visto che la vendemmia non si presenta scarsa solo in Italia. Dopo la flessione produttiva registrata durante la primavera nell’Emisfero Sud, infatti, anche le cantine del Vecchio Continente potrebbero essere tutt’altro che piene.

Fonte: Elaborazione Ismea su dati Istat. *Stima Ismea/Uiv al 10 settembre 2012 Source: Ismea on Istat data. *Ismea/UIV estimation on 10 September 2012

Drought and heat for top quality grapes

E

xpectations of certain loss of early grapes could be well changed into a positive outlook thanks to September rainfalls which much influenced late grapes, above all red. Noteworthy is the excellent quality of grapes, with sugar content that is higher than average, due to reduced incidence of diseases. Yet, overall negative outlook is expected for the new harvesting, with -8% on the year previously, and which is expected not to reach 40 million hectoliters. This is what Ismea and Unione Italiana Vini have shown in their survey, highlighting that the main reason for such drop has not been uprooting, general abandonment of the vines or wine growers abiding with the EU wine regulations, but drought and heat. They are in fact the factors responsible of wine shortage in Italian cellars.

18

Novembre 2012

A survey of Ismea/Unione Italia Vini on 2012 harvest, not particularly rich but its grapes are of excellent quality

Harvest calendar has back to normal now, despite some early harvesting which is however not relevant. Significant reduction are recorded in North Eastern regions in particular, where Friuli records -21%, Veneto -12%, while Trentino Alto Adige and Emilia Romagna show -10%. North Western regions, with Piemonte and Lombardia as usual main wine producers, decrease between -8 and -15% is expected. Central Italy shows uneven situation: Tuscany and Umbria record -10% and -20% respectively, while Marche and Abruzzi report production rate quite similar as last year’s; little drop is expected for Lazio. It comes that the overall frame is similar as 2011. Southern Italy shows on the one hand -15% of Puglia, while on the other hand Campania and above all Sicily recorded a clear production

BEVERAGE INDUSTRY

upswing. On the island, less green harvesting (for “green harvesting” the EU intends full pruning grape vines to artificially limit the yield) make us believe in a positive outlook. Estimations of early grapes may yet be influenced by weather conditions. In fact, September rains gave hope to producers of late grapes, above all if red. Conversely, abundant rainfall, close to harvest time especially, may worsen the situation. Noteworthy is the excellent quality of grapes, with sugar content that is higher than average, due to reduced incidence of diseases. We have just to see how the markets will react to this situation, considering that poor harvest has not involved Italy only. In fact, afterward the slight downturn in yield in Southern Hemisphere, the cellars of the Old Continent may well be anything but well stocked.

www.tecnalimentaria.it


New ideas for more quality and productivity. This is Maca philosophy

Customer orientation Innovation

Index motion rolling inserting machine for 30x60 closures

with tin foil liners and quality inspection system. Output: 15.000 pcs/hr Mod. BIA2 + MSV

Advanced technology

Quality

Reliability 100% Italian

Flexibility in production Precision Family company

Satisfying customer needs with top quality products and services: this is what has made MACA Engineering such a reliable partner in the design and manufacture of machines and complete lines for the production and assembly of plastic and aluminium closures for over twenty years. The added value in all MACA Engineering products is the result of continuous technical innovation in one of the leading companies on the international market. Intelligent minds and skilled hands, aided by advanced technology, continue to create innovative, problemsolving products for the complete

Engineered, manufactured and assembled in Italy

MACA Engineering S.r.l. - via Ungaresca, 20 - 33080 S. Quirino - Pordenone - ITALY e-mail: info@macaengineering.com - www.macaengineering.com Tel. +39 0434 919 661 - Fax +39 0434 919 884


Machinery & Development

Prodotti di spicco Da alcuni anni Oremplast ha affiancato alla sua principale attività rivolta al mondo industriale alcuni prodotti che spiccano nella gamma produttiva: Sigillo e Easy Box.

P

iù di 40 anni di esperienza hanno portato Oremplast all’attuale sviluppo tecnologico nello stampaggio ad iniezione di tecnopolimeri e termoplastici rivolto a diversi settori industriali, quali packaging industriale e alimentare, automotive, moto e scooter, edilizia e casalinghi. In Oremplast hanno sempre creduto nell’aperta collaborazione con il cliente: sviluppare il prodotto in partnership significa ottimizzare i tempi di produzione, migliorare le metodologie ed affinare i processi produttivi, aumentando la qualità e l’affidabilità dei prodotti. Ogni pressa è assistita da personale addetto al controllo del processo e della produzione. Un servizio manutentivo garantisce la perfetta efficienza di impianti e macchine. Ogni prodotto stampato che necessiti di un ulteriore livello di finitura viene affidato

ad un reparto addetto al riconfezionamento, in cui vengono svolte tutte le operazioni di assemblaggio, saldatura ad ultrasuoni, serigrafia, tampografia ed altre eventuali personalizzazioni. Da alcuni anni Oremplast ha affiancato alla sua principale attività rivolta al mondo industriale alcuni prodotti che spiccano nella gamma produttiva: Sigillo e Easy Box. Sigillo, la nuova generazione di tappi sintetici ad alto valore performante che permette di mantenere inalterate tutte le caratteristiche essenziali di prodotti quali vino, distillati, liquori, aceto e olio. Sigillo è realizzato con materiali atossici, inodori e insapori, idonei al contatto con alimenti e alcolici, in conformità con le direttive Europee (CE) e Americane (FDA). Easy box è una cassa portabottiglie con 6 alloggiamenti destinata all’industria delle

bevande, acqua, vino, succhi di frutta, latte, ecc. Le dimensioni sono 300x200x330 mm per un peso di 920 gr. Easy Box è costruito in HDPE tramite stampaggio a iniezione. Easy box offre notevole ergonomia grazie ad un manico centrale autoportante per la massima comodità di movimentazione e permette il risparmio di spazio in quanto sovrapponibile grazie alla sua forma ad incastro. Easy Box rispetta le più severe normative sulla manutenzione dei carichi. Oremplast è una delle pochissime aziende del settore a godere di una certificazione di sistema integrato in: Qualità, ISO 9001/2000; Sicurezza, OHSAS 18001; Ambiente, ISO 14001; Certificazione EMAS. Inoltre, nel 2005 Oremplast è stata insignita da SINCERT, del Certificato di “Eccellenza”.

Leading products

M

ore than 40 years of experience have led Oremplast to achieve its present technological development in engineering polymer and thermoplastic injection moulding, addressing several industrial sectors, such as: industrial and food packaging, automotive, motor industry, building construction and house appliances. At Oremplast, people have always believed in open collaboration with their customers. Developing a product in partnership means optimising production times, improving methodologies, and refining the production processes, all of which increases the quality and reliability of the products. Each press is overseen by personnel in charge of controlling the process and production. Oremplast maintenance service guarantees the perfect efficiency of all systems and machinery. Each moulded product that requires a further level of finishing is entrusted to the company’s pre-packaging department, which carries out all the operations of assembly, ultrasound welding, screen printing, stamping, and any other customizing jobs.

20

Novembre 2012

For some years now, Oremplast has flanked its main activity addressing the industrial world with some products that already stand out in the company’s product range: Sigillo and Easy Box For some years now, Oremplast has flanked its main activity addressing the industrial world with some products that already stand out in the company’s product range: Sigillo and Easy Box. Sigillo is the new generation of corks

BEVERAGE INDUSTRY

designed to keep all the qualities and essential characteristics of products such as wine, distillates, liquors, vinegar and oil. It is made of non-toxic, odourless, tasteless material certified and approved by European and USA norms (Directive CEE - FDA). Easy Box is a 6-bay crate for bottles ideal for the beverage, water, wine, fruit juice and milk industries. The size of easy box is 300x200x330 mm, for 920 grammes’ weight total. Easy box is produced in HDPE through injection mouding process.  It offers remarkable ergonomics thanks to its selfsupporting central handle for comfortable handling and offers space saving since it is perfectly stackable on account of its housing shape. Easy Box complies with the strictest norms on load handling in force. Oremplast is one of the very few companies boasting a Certification of Integrated System in: Quality ISO 9001/200; Safety, OHSAS 18001, Environment, ISO 14001; Certification EMAS. Moreover, Oremplast obtained the Certification of Excellent recognized by Sincert.

www.tecnalimentaria.it


sono prodotti da

www.oremplast.com


Machinery & Development Il costante sviluppo tecnologico ha consentito a Siprem International di arricchire le Presse Vacuum System di funzionalità innovative e d’avanguardia

Regime di sviluppo tecnologico costante

L

e presse della serie Vacuum System, già presenti in gran numero in ogni zona vinicola su scala mondiale, operano in un ideale regime di depressione, creando un ambiente di lavoro completamente escluso da ogni possibile contatto con l’atmosfera esterna, peculiarità che garantisce un’ideale tutela igienico-sanitaria del prodotto, elimina gli inopportuni effetti derivanti dalle eccessive sollecitazioni meccaniche e configura le condizioni idonee per operare in iper-riduzione, con notevoli vantaggi in termini di resa qualitativa. Il costante sforzo di sviluppo tecnologico, teso a recepire e a soddisfare le istanze più attuali avanzate dagli utilizzatori, ha consentito da

ultimo allo staff tecnico della Siprem International di arricchire la macchina di funzionalità innovative e di avanguardia, tali da renderla adatta ad assecondare le più moderne tecniche enologiche. Il carico in aspirazione, sostituendosi al tradizionale conferimento del prodotto mediante le pompe di alimentazione, sfrutta allo scopo il grado di vuoto esistente all’interno del serbatoio e consente di preservare al meglio l’integrità dell’acino, riducendo al contempo sia i fenomeni ossidativi che il tenore dei solidi sospesi. Il nuovo sistema di alimentazione, grazie all’effetto della gravità e ad un apposito dispo-

Status of constant technological development

V

acuum System presses, already present in any wine zone of the world, run in depression creating a fully airtight work environment, which guarantees the product perfect hygienic-sanitary protection, eliminates unwanted effects deriving from many mechanic stress and configures the ideal conditions for hyperproduction, for remarkable advantages for overall quality throughput. Constant effort in technological development, which aims to meet users’ requirements, has enabled Siprem International staff to expand the innovative and advanced functions of the machines as to make it suitable for cuttingedge oenological techniques. The aspiration load, which replaces the traditional product conveyance by means of feeding pumps, exploits the level of vacuum inside the tank and enables to better preserve the integrity of the grapes, reducing at the same time oxidation and suspended solids. Thanks to the gravity effect and special

22

Novembre 2012

return periscopic device, the new feeling system enables a faster flowing of the must produced to the accumulation tank, reduce stress caused by winding course and shorten remarkably work times. The exploitation of fermentation carbon dioxide during tank saturation for stabilizing matters enables to recover and reuse the gas usually and ordinarily produced in cellars, at no expenses and through extremely simple equipment. This way, the improvement has

BEVERAGE INDUSTRY

sitivo periscopico di richiamo, permette un più rapido invio del mosto di risulta al serbatoio di accumulo, riduce gli stress causati dalla tortuosità del percorso, accorciando inoltre notevolmente i tempi di lavoro. Lo sfruttamento dell’anidride carbonica di fermentazione in sede di saturazione del serbatoio per fini inertizzanti permette di recuperare ed utilizzare a costo zero, oltretutto con estrema semplicità impiantistica, il gas normalmente prodotto in larga misura nei processi di cantina. In tal senso, la miglioria ha di fatto completato in maniera definitiva la macchina, già capace di usare il fluido in ricircolo mediante il gasometro aereo di accumulo. La pressa è inoltre in grado di rilevare in tempo reale il valore della conducibilità elettrica e del pH, grandezze notoriamente correlate fra loro e legate da un rapporto di dipendenza diretta ad alcuni significativi parametri analitici, quali acidità, contenuto in catechine e tenore di polifenoli totali. Utilizzando tale dati numerici come fattori discriminanti, viene gestita automaticamente la suddivisione del mosto in uscita in diversi tagli, a seconda degli standard di qualità imposti dall’operatore.

Constant technological development has enabled Siprem International to expand the innovative and advanced functions of its Vacuum System presses definitely completed the machine, which can reuse the recycling flow through air accumulation gasometer. The press can also read in real time electrical conductivity and pH values, values that are known to be correlated with each other and connected directly through some significant analytical parameters, such as acidity, content in catechins and total value of polyphenols. By using these figures as discriminants, the outgoing must is automatically divided into several parts according to the quality level set by the operator.

www.tecnalimentaria.it


HALL 3 - Stand A 0302


Machinery & Development

Lasciarsi orientare dalla professionalità

Erre Enne costruisce sistemi di riordinamento per l’automazione della tappatura e l’assemblaggio

F

ondata dalla famiglia Rubini, l’azienda costruisce sistemi di riordinamento per l’automazione della tappatura e l’assemblaggio. L’esperienza decennale dei fondatori garantisce un elevato standard qualitativo. La specializzazione del team Erre Enne è in grado di gestire progetti totalmente personalizzati e di consegnare gli stessi in estensione STEP, IGES o altri formati tridimensionali, in modo da completare la vostra progettazione 3D. Lasciatevi orientare dalla professionalità Erre Enne. La produzione Erre Enne si articola come segue: • sistemi di alimentazione e orientamento alveolari per trigger, dispenser, tappi, flaconi, barattoli e bottiglie • sistemi di trasporto ad aria per tappi, dispenser, trigger e particolari speciali • sistemi di trasporto a nastro per tappi, dispenser, trigger e particolari speciali • elevatori di carico a palette per tappi, dispenser, trigger e particolari speciali • elevatori di carico a aria • macchine automatiche di assemblaggio index

• macchine automatiche di assemblaggio in continuo • sistemi di alimentazione e orientamento centrifughi per tappi e particolari speciali • sistemi di orientamento e alimentazione a doppio disco per tappi e particolari speciali Sistemi di alimentazione e orientamento rotativi per tappi, trigger e particolari speciali: orientatori dimensionati in base alla produzione e al formato dei componenti a partire da un diametro minimo di mm 600 fino a un massimo di mm 2500.

To let ourselves be oriented by professionalism

F

ounded by the Rubini family, the company manufactures unscramble systems for capping and assembly automation. The founders’ ten-year experience guarantees top-quality standard. The company’s highly skilled engineering team can carry out complete customized projects, in 3D design models in STEP, IGES and other formats, in such a way as to complete your 3D design. Let yourself be oriented by Erre Enne’s professionalism. Erre Enne production consists of the following: • twin-wall feeding and sorting systems for triggers, dispensers, caps, jars and bottles • air conveyor systems for caps, dispensers, triggers and special particulars • belt conveyor systems for caps, dispensers,

24

Novembre 2012

ERRE ENNE manufactures unscramble systems for capping and assembly automation

triggers and special particulars • pallet elevator for caps, dispensers, triggers and special particulars • air loading elevators • automatic index assembly machines • automatic continuous assembly machines • centrifugal feeding and orienting systems for caps and special particulars • double-plate orienting and feeding systems for caps and special particulars Rotary feeding and orienting systems for caps, triggers and special particulars: orientators built according to production and component format, from a diameter of 600 mm min to 2500 mm max; Bottle feeding and orienting systems to control particulars from 10 to 1000 ml of

BEVERAGE INDUSTRY

Sistemi di alimentazione e orientamento per flaconi e bottiglie, che prevedono la gestione di particolari da 10 a 1000 ml di volume senza vincoli di forma. Sistemi di controllo qualità per tappi, trigger e particolari speciali per controlli quali: presenza, posizione, funzionalità, micro fori, di visione sia dimensionale del colore che dell’integrità, nonchè della tenuta sigilli e, se richiesta, anche dell’analisi statistica dei dati di produzione. Impianti di assemblaggio e chiusura a tavola index rotante e/o lineare, oltre a unità chiuditrici per tappi flip-top: unità di assemblaggio di 2 o più particolari con assi elettrici e/o pneumatici, in inserimento a pressione, avvitamento e chiusura flip-top oltre a stazione per il dosaggio colla, saldatura ultrasuoni in relazione alla tipologia dei particolari da processare. Cadenza max 100 cicli/min. Campi di utilizzo: bevande, alimentare, farmaceutico, cosmetico, medicale, elettronico e automotive.

volume, regardless of the shape; Quality control systems for caps, triggers and special particulars, to control presence, position, functionality, microholes, colour dimensional and integrity vision, as well as seal tightness and, upon request, production data statistical analysis. Rotary and/or linear index table assembly and closing plants, closing machines for flip-top caps: assembly units for 2 or more particulars, with electrical and/or pneumatic axis, pressure insertion, screwing and fliptop closure, glue dosing station, ultrasound sealing according to the kind of particular to be processed. Capacity of 100 cycle/min. max. Market fields: beverages, food, pharmaceutical, cosmetic, medical, electronic and automotive.

www.tecnalimentaria.it


Founded by the Rubini family, the company manufactures unscramble systems for capping and assembly automation. The ten years’ experience of the company founders guarantees a high standard of quality with extremely reliable system based on today’s innovative technologies. Our highly skilled Engineering team is capable of managing completely customized project, using 3D design model in STEP, IGES and other formats creating a real representation of every part with the customer need. This definitely makes the interface between our units and the final production line easier, optimizing costs and delivery times. Let yourself be oriented by our professionalism.

Since 1963, the mark is Rubini.


Marketing & Strategy

L’esperienza sensoriale diventa filosofia Per sua natura, lo Champagne viene, da sempre, vissuto come esperienza sensoriale e Vranken-Pommery ha fatto propria questa filosofia

Pommery Noir – Gift Gold

L

a filiale italiana della celebre Maison di Champagne di Reims ha affidato alla profonda e competente esperienza di Giuseppe Vaccarini, già miglior sommelier del mondo nel 1978, l’importante compito di presentare, divulgare e trasmettere, nel nostro Paese, la qualità e l’antologia di etichette della Maison Pommery. Nuovo Brand Ambassador per Maison Pommery Giuseppe Vaccarini, Presidente dell’ASPI l’Associazione della Sommellerie Professionale Italiana, è il Brand Ambassador di VrankenPommery Italia. Nato in provincia di Pavia nel 1952, Giuseppe Vaccarini è un Sommelier Professionista dal 1972. Nel corso della sua lunga e prestigiosa carriera, è stato, oltre che sommelier, maitre del ristorante “Gualtiero Marchesi” a Milano (1978 – 1983), docente di “sommellerie” presso l’Istituto Alberghiero Carlo Porta (1987 - 2010) e per il corso di specializzazione Fine Food & Beverage Masters dell’Università Bocconi dal 2009 e dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza

26

Novembre 2012

dal 2005 al 2007. Consulente di primarie aziende del settore alimentare, Vaccarini vanta anche numerose pubblicazioni e collaborazioni con riviste specializzate del settore food and wine. È stato membro di giuria tecnica per numerose competizioni internazionali, Presidente dell’Associazione Italiana Sommelier e Presidente dell’ASI – Associazione della Sommellerie Internazionale. Nel 2007 ha fondato l’ASPI, membro dell’associazione mondiale dei sommelier (ASI). La nomina di Brand Ambassador di VrankenPommery per l’Italia rientra fra le strategie di comunicazione del marchio, di voler accostare i propri vini all’alta gastronomia ed all’universo dei gourmand, nel costante percorso di divulgare eccellenza, storia e cultura del buon bere. Per sua natura, lo Champagne viene, da sempre, vissuto come esperienza sensoriale, prima che alimento e quindi vino. Vranken-Pommery, attraverso l’opera di distribuzione e diffusione soprattutto nel canale fuori casa, ha fatto propria questa

BEVERAGE INDUSTRY

filosofia, promuovendo nuove abitudini di consumo aprendo a nuovi concetti lifestyle. Testimonial d’eccezione sono ristoranti, enoteche, hotel, resort, relais tra i più prestigiosi nel panorama nazionale, con la firma degli Chef più affermati ed il sostegno di Sommelier professionisti e addetti ai lavori. In qualità di Brand Ambassador, Giuseppe Vaccarini avrà il compito di promuovere ed illustrare lo spirito della Maison, in occasione di tutti gli eventi enogastronomici, in calendario della filiale italiana del Gruppo VrankenPommery Monopole. Gift Gold – Pommery Noir In occasione delle feste, Champagne Pommery ha pensato di vestire d’oro una delle sue cuvée più prestigiose: Pommery Noir,  l’etichetta nera di champagne che la Maison di Reims ha creato in esclusiva per l’Italia. Brut Pommery Noir si presenta quest’anno nella confezione regalo “Gift Gold”, un pregiato cofanetto dorato con all’interno un piccolo “cadeau”, un tappo dorato per mantenere la preziosità e la finezza di questo pregiato Champagne.

www.tecnalimentaria.it


Marketing & Strategy

I

talian branch of well-known Maison de Champagne of Remis trusts Giuseppe Vaccarini’s extensive experience with the important task of presenting and conveying in Italy the quality and history of Maison Pommery labels. New Brand Ambassador for Maison Pommery Giuseppe Vaccarini, best world sommelier 1978, is President of ASPI – Italian Association of Professional Sommellerie and today he is also Brand Ambassador of VrankenPommery Italia. Born in the province of Pavia in 1952, Giuseppe Vaccarini has been professional sommelier since 1972. In his long and prestigious career, he has also been restaurant maitre at “Gualtiero Marchesi” in Milan (1978-1983), sommellerie teacher at both Hotel-Management School Carlo Porta (1878-2010) and Fine Food&Beverage Masters course at University Bocconi, Milan, since 2009, University Cattolica del Sacro Cuore of Piacenza (2005-2007). Consultant at prime food companies, Vaccarini also boasts many publications and cooperation with specialized magazines of the food and wine sectors. He has also been part of several technical juries on occasion of international competitions. President of Associazione Italiana Sommelier and ASI President, and member of international sommelier association ASI.

Sensorial experience becomes philosophy By nature, Champagne is always enjoyed as sensorial experience and Vranken-Pommery has made this very philosophy its own Appointing Vaccarini as Brand Ambassador of Vranken-Pommery is one of the Italian branch’s communication strategies aiming at matching its labels with high-cuisine and the world of gourmands, always pursuing the goal of spreading the excellence, history and culture of drinking well. By nature, Champagne has always been enjoyed as sensorial experience, rather than food or wine. Vranken-Pommery has made this philosophy its own and promoted new way of drinking Champagne. The finest restaurants, wineries, hotels, resorts and relais in Italy are the Maison’s exceptional testimonials boasting the names of the most renowned chefs and sommeliers.

As Brand Ambassador, Giuseppe Vaccarini will promote and convey the Maison’s spirit on occasion of wine&food events where Italian branch of Vranken-Pommery Monopole will participate. Gift Gold – Pommery Noir On occasion of Christmas season, Champagne Pommery has decided to dress in gold one of its most famous curve: Pommery Noir. This is the black label that Maison of Reims has wanted for Italy exclusively. This year, Brut Pommery Noir is presented in “Gift Gold”, a fine golden package housing a small “cadeau”, a golden cork to maintain the preciousness and fineness of this prestigious Champagne unaltered.

Giuseppe Vaccarini, destra/right, Vranken Pommery Brand Ambassador

www.tecnalimentaria.it

BEVERAGE INDUSTRY

Novembre 2012

27


Machinery & Development

Una storia fatta di persone e tecnologia Oltre 30 anni di lavoro duro, impegno quotidiano, scelte difficili e successi non scontati che hanno trasformato un’azienda locale in un gruppo noto a livello internazionale

S

ono passati più di 30 anni da quando Astro iniziò la propria attività di produzione di chiusure per imbottigliamento e di articoli per packaging in provincia di Asti (Italia nord occidentale). Oltre 30 anni di lavoro duro, impegno quotidiano, scelte difficili e successi non scontati, che hanno trasformato un’azienda locale in un gruppo noto a livello internazionale. Astro Group oggi conta 3 stabilimenti, 12

linee per la produzione di 25 formati di capsule a vite di alluminio, 40 presse ad iniezione per stampaggio plastica ed impiega 100 dipendenti. Numeri importanti per un gruppo che opera a livello mondiale pur mantenendo una gestione familiare, perché il legame proprietà-azienda stretto ed una struttura semplice sono il segreto per il successo sui mercati moderni. Molti passi sono stati fatti: dalla costruzione del nuovo stabilimento nel 2002 agli investimenti in nuove linee di produzione e decorazione capsule a vite di alluminio per l’industria enologica, dal traguardo raggiunto di 1 miliardo di capsule/anno alla realizzazione delle nuove capsule 30x60 e 28x16 assemblate con il nuovo inserto Saturn brevettato per la tappatura di vini frizzanti e bevande gassate. Astro ha lanciato il suo sito Internet totalmente rinnovato (www.astrogroup.it) ed è stato completato l’ampliamento del sito produttivo principale (+ 3.000 mq coperti), mentre sono stati effettuati investimenti per l’aumento della capacità produttiva (specialmente di capsule per il settore enologico), per la produzione di innovative chiusure antiriempimento per alcolici (32,5x46 e 32,5x57) e per la sostenibilità ambientale (nuovi sistemi di riduzione emissioni). Astro Group è un team dinamico che non solo celebra il passato, ma punta con determinazione al futuro nel segno della continuità. Astro Group: stelle, non meteore.

A history made of people and technology Over 30 years of hard work, daily commitment, difficult choices and not foregone successes have changed a local company into an internationally renowned group

M

ore than 30 years have passed since Astro started its operations for the production of closures for bottling and articles for packaging in the area of Asti (north western Italy). Over 30 years of hard work, daily commitment, difficult choices and not foregone successes have changed a local company into an internationally renowned group. Astro Group today accounts for 3 plants, 12 lines for the production of 25 formats of aluminium screw-caps, 40 presses for plastic injection moulding and employs 100 persons.

28

Novembre 2012

Important numbers for a group that works worldwide while keeping a family management, because the tight link ownership-company and a simple structure are the key to success on modern markets. Many steps have been taken: from building the new plant in year 2002 to investments made in new lines to produce and decorate aluminium screw-caps for oenological industry, from the reached target of 1 billion closures/year to the production of closures 30x60 and 28x16 fit with the new Saturn liner patented for application on sparkling wines and carbonated drinks.

BEVERAGE INDUSTRY

Astro has also launched its totally renewed web site (www.astrogroup.it) and completed the expansion of the main production side (+3.000 covered sq.m.), while investments have been made to increase the productive capacity (especially for closures for the wine market), to produce innovative non-refillable closures for spirits (32,5x46 and 32,5x57) and for environmental sustainability (new systems for reduction of emissions). Astro Group is a dynamic team that doesn’t only celebrate the past, but also focuses with determination on future in the sign of continuity. Astro Group: stars, not meteors.

www.tecnalimentaria.it


Machinery & Development

Accuratezza e professionalità per un’evoluzione continua

Sirio Aliberti persegue la continua evoluzione e propone prodotti di alta qualità grazie alle più avanzate tecnologie

L

a Sirio Aliberti è un’impresa che produce autoclavi, serbatoi e vinificatori per il settore enologico. E’ stata fondata nel 1953 da Sirio Aliberti che iniziò la propria attività nello stabilimento di Canelli L’azienda si è subito affermata diventando un punto di riferimento per centinaia di produttori vinicoli grazie alla determinazione del fondatore e della figlia Elda affiancata dal figlio ingegnere Andrea Soria. Nel 1992 la produzione è stata trasferita nel moderno stabilimento di Calamandrana e nel 1997 l’azienda entra a far parte del Gruppo Della Toffola una delle maggiori realtà industriali del settore. La gamma produttiva della Sirio Aliberti comprende una vasta tipologia di prodotti di grande qualità ed affidabilità dovuta soprattutto ad un accurato processo produttivo molto scrupoloso in ogni fase utilizzando le più avanzate tecnologie ed attrezzature nonché un’accurata preparazione professionale del proprio personale. La Sirio Aliberti ha come obbiettivo la continua innovazione nella progettazione e nell’utilizzo dei materiali che tra l’altro l’ha portata a collaborare con numerosi enti di ricerca. Il risultato è la vasta gamma di prodotti specializzati e certificati che vengono esportati in tutto il mondo.

Accuracy and professionalism for constant evolution Sirio Aliberti aims at constant evolution and proposes high-quality products thanks to the most advanced technology

T

he company Sirio Aliberti is producer of autoclaves, tanks wine-makers for the wine sector. It was established in 1953 by Mr. Sirio Aliberti who started his activity in the Canelli factory, Asti. The company stood out quite soon and became benchmark for hundreds of wine producers thanks to the commitment of the founder and his daughter Elda, who in turn teamed with her son, engineer Andrea Soria. In 1992, the company moved to the modern factory in Calamandrana, and in 1997 it became part of Gruppo Della Toffola, one of the major industrial realities of this sector. Sirio Aliberti’s production line consists of a comprehensive range of high-quality and highly reliable products, possible on account of accurate production process stages and carried out with the most advanced technology and equipment, as well as the company team’s extensive professionalism. Sirio Aliberti aims at constant engineering and material innovation, which on the other hand have lead the company with many research institutes. Hence, the company can offer a broad range of specialized and certified products that are exported all over the world.

30

Novembre 2012

BEVERAGE INDUSTRY

www.tecnalimentaria.it


HALL 1 - Stand C 3408


Machinery & Development

Eccellenza inossidabile: questo è il mondo Tecnofondi

T

ecnofondi S.p.A, azienda situata nella provincia di Brescia nel territorio della Franciacorta, è leader in Italia nella produzione di fondi bombati per la costruzione di serbatoi, cisterne e caldaie in ferro ed acciaio inox. La Tecnofondi ha differenziato la sua attività in tre divisioni adiacenti  completamente distinte: la divisione fondi in acciaio al carbonio, la divisione fondi in acciaio inox e la divisione di spianatura coils in acciaio al carbonio. La Divisione Inox, costruita su un capannone di 4400 mq, si compone delle seguenti aree: Magazzino materie prime dove giacciono 80 tonnellate di lamiera di dimensioni e spessore diversi disponibili in Aisi 304 e Aisi 304L, Aisi 316 e Aisi 316L. Nell’Area Taglio al Plasma si esegue il taglio dei fogli metallici dando loro forma di dischi e mezzi dischi. Qui il banco di taglio misura 2x12 m ed è provvisto di una torcia al plasma da 100 A/HD che taglia fogli fino a 14mm. Il Reparto Bombatura è servito da due presse idrauliche da 600 ton dotate di manipolatore per un diametro massimo di 5500 mm e per 45 quintali max di portata. Il reparto bordatura costituito da 2 bordatrici a freddo, una che opera su fondi fino a 12mm di spessore, con o senza foro centrale, ed una su fondi fino a 24 mm di spessore, entrambe dotate di rulli in lega alluminio-bronzo disponibili fino a 450

Stainless excellence: this is Tecnofondi

T

ecnofondi SpA, a company located in the Franciacorta area in the province of Brescia, is leader in Italy in the production of dished heads for building tanks, cisterns and boilers in iron or stainless steel. Tecnofondi has diversified its activity into three adjacent albeit fully distinct divisions, such as: carbon steel dishes division, stainless steel dishes division and carbon steel coil flattening division. The Stainless Steel Division, housed in a 4400 sqm warehouse, consists in the following areas: warehouse for raw materials where some 80 tons of metal sheets of different size and thickness are available in stock in the following grades: Aisi 304 and Aisi 304L, Aisi 316 and Aisi 316L. The Plasma Cutting Area is dedicated to the cutting of metal sheets in order to get disks

32

Novembre 2012

Tecnofondi è leader nella produzione di fondi bombati per la costruzione di serbatoi, cisterne e caldaie in ferro e acciaio inox mm di raggio. Il Reparto di Saldatura dotato di 3 linee automatiche di saldatura, attrezzate con banco di scorrimento e rulli in PVC antigraffio: una con testa TIG per uno spessore fino a 3mm, una ad arco sommerso per uno spessore da 3 a 8 mm ed un’altra con testa al plasma. Tale reparto è attrezzato inoltre con la  linea di smerigliatura delle saldature che comprende un banco con rulli scorrevoli antigraffio in PVC e un braccio smerigliante a nastro. Il Reparto Rifilatura Bordi con taglio al plasma permette di ottenere le varie finiture del colletto del fondo, i bordi realizzati possono essere perfettamente appiattiti o smussati a seconda delle richieste del cliente. Il Reparto di Lucidatura/Smerigliatura dei fondi composto da un posizionatore di smerigliatura ad assi ortogonali e da 2 teste di smerigliatura con potenza 3 Kw permette di lucidare fondi fino a 5m di diametro, lavorando diversi profili, incluso quello semiellittico. Grazie all’uso di nastri abrasivi di diversa grana e spazzole lucidanti in cotone, l’unità a nastro permette di ottenere una rugosità inferiore a 0,01 micron, sia all’interno che all’esterno del fondo. Il Reparto Calandratura permette invece di realizzare forme cilindriche e coniche fino ad uno spessore di 6mm. Infine, il Magazzino dei Fondi dove sono stoccate circa 70 tonnellate di fondi in Aisi 304 e 316 con diversi profili, diametri e spessori.

Tecnofondi is leader in the production of dished heads for building tanks, cisterns and boilers in iron or stainless steel and half disks that have to be welded. The plasma cutting bench is 2x12m and is fitted with a plasma torch that has a power of 100 A/ HD and cuts sheets up to 14mm. The Flanging Department comprises two hydraulic presses with a power of 600 tons and equipped with a manipulator with diameter 5500 mm max and 45 quintals of weight max. The flanging department with cold-flanging machines works on flange heads up to 12 mm thickness, either with or without central hole, and flange heads up to a thickness of 24 mm. Both the machines are equipped with rolls in aluminium bronze alloy available up to a 450 mm of radius. The Welding Department is provided with 3 automatic welding lines equipped with a sliding bench and anti-scratching PVC rollers: a line with TIG head for thickness up to 3mm and submerged arc for a thickness ranging from 3 to 8 mm., and one with a plasma torch. This department is also provided with a weld grinding line consisting of a working bench

BEVERAGE INDUSTRY

with sliding anti-scratching PVC rolls and a belt grinding arm. The Plasma Edge Turning Department enables to get various perfectly plan edge or beveled edge according to the customer’s requirements. The dished head Polishing/Grinding Department consists of 1 grinding positioner fitted with orthogonal axis and 2 grinding heads of 3 Kw power to polish dished head of up to 5m diameter, working diverse profiles, the semi-elliptic included. Thanks to the use of abrasive belts in different grains and a cotton polishing brush, the belt unit allows to obtain a roughness up to less than 0,01 micron either internally or externally. The Cones-Bending Area enables to get cylindrical and conical shapes with a thickness up to 6mm. The Department for End Products stores about 70 tons of dished heads in Aisi 304 and Aisi 316 in various profiles, diameters and thicknesses.

www.tecnalimentaria.it


18-20 Gennaio 2013 ferMo foruM

Created by Open Mind Service

Macchinari, attrezzature, prodotti e servizi per le filiere del vino e dell’olio

Segreteria Organizzativa:

In collaborazione con:

Tel. 0532 - 909396 info@enoliexpo.com www.enoliexpo.com


QUALE PROFESSIONISTA LO PERDEREBBE ? Un’offerta mondiale unica nel 2012 Assistete ad una presentazione esauriente delle attrezzature, prodotti e servizi irrinunciabili delle filiere viti-vinicola e vivaismo-orticoltura.

Gli operatori internazionali delle due filiere Contattate i grandi marchi e decision maker mondiali del vostro mercato. E grazie alla convenzione d’affari internazionale, identificate e prendete appuntamento fin da oggi con gli espositori che vi interessano (informazione e iscrizione su www.vinitech-sifel.com).

Il panorama dell’innovazione Scoprite in anteprima le realizzazioni più innovative delle due filiere, valorizzate al centro del salone. Per ulteriori informazioni : Saloni Internazionali Francesi S.r.l. Tel.: 02/43 43 53 26 – Fax: 02/46 99 745 e-mail: mtajroldi@salonifrancesi.it

www.vinitech-sifel.com

Un mondo di scambi in un mondo che cambia Parco delle Esposizioni Bordeaux


ipsofactory.it

Hai chiuso col cattivo odore. Lo sgradevole difetto di tappo/muffa oggi può essere definitivamente dimenticato. Il Laboratorio Polo possiede una metodologia di analisi certificata di assoluta avanguardia che consente l'individuazione della vasta gamma di metaboliti che, se presenti nel sughero, causano l'odore di tappo. Grazie ad una strumentazione d'eccellenza, unica a livello mondiale nel settore enologico, il Laboratorio Polo è in grado di eseguire analisi sulle partite di tappi, effettuando un valido controllo quantitativo delle principali molecole particolarmente critiche per il sughero. Inoltre, il Laboratorio Polo, ha messo a punto metodi innovativi di identificazione di molecole cedute al vino da parte di colle, trattamenti di superficie e lubrificanti utilizzati nella lavorazione dei tappi tecnici. Pololab fornisce, in questo modo, la garanzia della qualità del vino conservato in bottiglia. Per l'elevata tecnologia d'analisi e per l'impegno costantemente teso all’ultima frontiera della ricerca, il Laboratorio Polo ha ricevuto riconoscimenti dall’Unione Europea, dal Ministero della Ricerca e dalla Regione Veneto. Pololab è l’avanguardia della naturalità.

L’Enologia Naturale

Laboratorio Polo di Polo Maurizio via G. Verdi, 32 - 31046 Oderzo (TV) tel. +39 0422 815518 info@pololab.com www.pololab.com


Machinery & Development

Flottweg, i decanter di alta qualità Con i decanter Flottweg è possibile separare rapidamente le fecce dai mosti senza coadiuvanti di filtrazione e ottenere il più elevato grado di secco possibile

N

elle cantine, la chiarifica dei mosti è una delle applicazioni tipiche in cui si utilizzano i decanter. A tale proposito, nel processo in esame ad essere di grande importanza non sono solo gli aspetti economici, bensì anche la qualità del prodotto ottenuto risulta essere un fattore fondamentale. Il contenuto di feccia in un mosto è variabile e dipende, in particolare, dal tipo e dall’intensità di pressatura dell’uva. Difatti, il mosto prodotto con presse a vite tende ad avere un contenuto più elevato di feccia rispetto al mosto prodotto con presse soffici a membrana.

Tradizionalmente, la chiarifica dei mosti viene effettuata per sedimentazione statica delle fecce; queste vengono poi trattate mediante successiva filtrazione su appositi filtri rotativi sotto vuoto che utilizzano uno strato di farina fossile. Comparata alla decantazione centrifuga, questa pratica non è in grado di separare altrettanto rapidamente le fecce dai mosti senza usare coadiuvanti di filtrazione, né di ottenere il più elevato grado di secco possibile. Tale risultato è invece ottenibile con i decanter grazie all’elevata accelerazione centrifuga sviluppata. Inoltre, la tradizionale filtrazione comporta elevati costi di smaltimento

degli scarti, oltre al costo stesso di acquisto dei vari coadiuvanti di filtrazione, e notevole impiego di manodopera per la preparazione, la gestione e la manutenzione dei filtri. Infine, va considerato il rischio potenziale per la salute e le relative precauzioni da adottare nel maneggiare la farina fossile. Pur essendo il costo di investimento per un decanter più elevato rispetto al costo di un filtro rotativo sotto vuoto, i ridotti costi operativi del decanter offrono vantaggi economici evidenti: il decanter richiede tempi molto più ridotti sia di preparazione all’uso che di pulizia, dal momento che non sono richiesti coadiuvanti di filtrazione. Inoltre, non vi sono costi aggiuntivi di smaltimento, mentre le farine fossili sono invece classificate come rifiuto speciale, con costi sempre crescenti di smaltimento. Inoltre, dal momento che il decanter scarica un solido molto asciutto, si può considerare la possibilità di rimpiegarlo come fertilizzante nei vigneti, reintroducendolo, quindi, nel naturale ciclo produttivo. I decanter Flottweg sono progettati per rispondere agli elevati standard igienici vigenti nelle cantine; pertanto, tutte le parti a contatto con il prodotto sono in acciaio inox di alta qualità e le parti interne ed esterne al rotore sono raggiunte da opportuni circuiti di lavaggio ad ugelli.

Portate indicative dei decanter Flottweg in m3/ora Approx. capacity of Flottweg Decanters in m3/hour Modello Mosto Model Wort

Z4E Z5E Z6E

38

Novembre 2012

BEVERAGE INDUSTRY

Fondi di Feccia Dregs

5-10 2-5 8-17 2-8 12-22 4-11

www.tecnalimentaria.it

F


Machinery & Development

Flottweg, high-quality decanters I

n wineries, where decanters are commonly purchase of the various filtration adjuvants and used, Wort clarification is one of the most the remarkable manpower to look after the usual applications. In the clarification process, preparation, control and maintenance of the economic factors are as greatly relevant as the filters. Possible hazard to health and all safety quality of the products, which turns out to be measures to take when the diatomaceous fundamental. earth is involved need to be taken into The dregs content in the wort is quite a variable consideration. element and depends on the kind and force of Although the cost of a decanter is higher than the grapes pressing. In fact, the wort produced the cost of a vacuum rotary filter, it offers clear through screw presses is more likely to contain economic benefits, such as: shorter time for a higher level of dregs than the wort produced preparation and cleaning operations, since no by means of membrane soft presses. filtration adjuvant is required. In addition to this, By tradition, wort clarification results from the there are no added cost for waste disposal, static sedimentation of the dregs, which are whereas diatomaceous earth is classified as then filtered through special vacuum rotary special waste and therefore entails ever growing filters with a layer of diatomaceous earth. A costs for its disposal. The decanter discharges comparison with centrifugal decanting shows a very dry waste that can be then re-used to that this practice can neither separate dregs fertilize vineyards, therefore, this way, it is refrom musts quickly enough without using introduced into the natural production cycle. filtration adjuvants, nor obtaining the highest Flottweg decanters are designed as to meet level of dryness possible. Yet, this result can the high hygienic standards requested by be achieved thanks to the high centrifugal wineries; therefore, all the parts that come into acceleration developed by a decanter. contact with food are in high-quality stainless Furthermore, traditional filtration involves high steel, and the rotor’s outside and inside parts FLO-12002_Anz Wein IT 01_12_210 x 150 10.01.12 09:33 Seite 1 expenditure due to the disposal of the wastes, undergo nozzle washing cycles.

With Flottweg decanter, it is possible to separate dregs from musts quickly enough without filtration adjuvants, and to obtain the highest level of dryness possible

SEPARATORI E DECANTER FLOTTWEG per la chiarifica dei mosti e dei vini • trattamento rapido • funzionamento continuo • massima resa • costruzione igienica

Veronesi Separatori S.p.A. • Via Don Minzoni, 1 • 40055 Villanova di Castenaso (Bo), Italia • Tel.: + 39 051 6054 511 • Fax: + 39 051 6053 183 info@veronesi.separatori.com • www.flottweg.com


Machinery & Development

Filtrazione Tangenziale VELO ACCIAI presenterà i nuovi impianti di Filtrazione Tangenziale a fibra cava nella versione completamente automatica

G

li Impianti di Microfiltrazione Tangenziale con membrane a fibre cave di ultima generazione (oltre 18 mq di superficie filtrante cadauna) offrono innumerevoli vantaggi nelle fasi di chiarifica e brillantatura di succhi, mosti e vini; la ritenzione dei contaminanti solidi, dei microrganismi e delle particelle indesiderate permette una notevole riduzione dell’indice di filtrabilità in un’unica fase della lavorazione, mantenendo inalterata la struttura proteica, colloidale e grazie ad innalzamenti di temperatura minimi durante la lavorazione vengono preservate tutte le caratteristiche organolettiche del vino. Tra i principali vantaggi abbiamo: • basso consumo energetico; • nessuna necessità di pretrattamento; • chiarificazione senza aggiunta di coadiuvanti; • prodotto filtrato con brillantezza e qualità eccellente; • miglioramento del prodotto in termini di analisi sensoriale; • ritenzione totale dei solidi sospesi, lieviti,

colloidi e particelle; • mantiene inalterati polifenoli, antociani, alcool, zuccheri, ceneri, estratto secco netto e totale; • basso volume residuo con resa del prodotto superiore a 99% (in funzione della qualità del vino); • capacità e portata costante delle membrane grazie ad un sistema efficace di rigenerazione;

Crossflow Filtration

• funzionamento semplice e di facile apprendimento, grazie alla gestione completamente automatica di tutti i cicli. Gli impianti VELO ACCIAI possono essere richiesti nella versione “LP” (low pressure) per il trattamento di mosti e vini tranquilli oppure in versione “HP” (high pressure) per il trattamento di vini spumanti e frizzanti; il controllo e la gestione è Automatica con display touch-screen LCD a colori. Tutti gli impianti VELO ACCIAI sono dotati di un prefiltro di sicurezza, in AISI316, autopulente ed automatico avente grado di filtrazione 20 µm; particolare attenzione è stata dedicata nella selezione dei gruppi di pompaggio per un trattamento “gentile” del vino ed una strumentazione elettronica ad alta precisione per la gestione, controllo e protezione sicura dell’intero sistema. Tutti i componenti a diretto contatto con mosto e vino sono in acciaio inossidabile AISI 304/316. La modularità degli impianti VELO ACCIAI ha determinato, in fase di progettazione e costruzione, di ottenere una compattezza del design di tutti gli impianti che permettono l’utilizzo anche in cantine con spazi ridotti. Disponibili versioni con portate da 10 a 250 Hl/h.

VELO ACCIAI is proud to present the new Cross-Flow Microfiltration Plant for the clarification of juices, musts and wines

S

uch plant can take the place of traditional filtration systems like diatomaceous earth filtration, centrifuges, plate and frame sheet filters, and multiply the duration of microfiltration cartridge-filters used before bottling. VELO ACCIAI plants are able to treat musts, still or sparkling wines, with a turbidity up to 2000 – 3000 NTU as inflow, with 8 bar (116 psi) max total pressure (isobaric line pressure + plant pumps pressure). The output permeate is totally free of solid contaminants, micro-organisms and unwanted particles; it allows a remarkable reduction of the filterability index in only one working phase; both protein and colloidal structures remain unchanged and thanks to the very small increase of temperature during the treatment, all organoleptic characteristics of the wine are preserved. Main advantages: • low energy consumption; • no need of pre-treatment;

40

Novembre 2012

• clarification without adding coadjuvants; • excellent brilliance and quality of filtered wines/juices; • improvement of the product in terms of sensory analysis; • total retention of suspended solids, yeasts, colloids and particles; • polyphenols, anthocyanins, alcohol, sugar, ash, total and dry extract, remain unchanged; • low residual volume, with product yield exceeding 99% (depending on the quality of wine); • constant capacity and flow of the membranes, through an efficient regeneration system; • simple and easy-learning functioning, thanks to the colour LCD touch-screen display interface and the completely automatic management of all cycles, via PLC: Production, Emptying, Rinsing, Washing, Storage, Integrity verification of the installed membranes.

BEVERAGE INDUSTRY

VELO ACCIAI plants can be provided “LP”-Low Pressure version for must and still wine treatment, and HP-High Pressure version for sparkling wines. Control and management are Automatic with LCD colour touch-screen board. All VELO ACCIAI plants are equipped with a self-cleaning and automatic pre-filter in AISI 316 stainless steel, to preserve the membranes, having a 20 μm filtration degree; great attention was devoted to the selection of the pumps, for a “gentle” treatment of the wine and to the high-precision electronic instruments, for the safe management, control and protection of the whole system. All components in direct contact with must and wine are made in AISI 304/316 stainless steel. The modularity of VELO ACCIAI plants, during design and manufacture, has resulted in a compact design, making possible the use of the system even wineries having small spaces. VELO ACCIAI plants have a range of nominal output capacity (permeate) of 10 to 250 hl/hr.

www.tecnalimentaria.it


TECNOLOGIE A MEMBRANA Design / Tecnologia / Innovazione

MEMBRANE TECHNOLOGIES

Design / Technology / Innovation

IMPIANTI DI FILTRAZIONE TANGENZIALE VELO ACCIAI Innovativi impianti a fibra cava per filtrazioni di mosti e vini fermi e frizzanti. Basso consumo energetico, qualità e brillantezza del prodotto filtrato eccellenti.

CROSS FLOW FILTERS BY VELO ACCIAI Innovative hollow fiber plants for musts and wines filtration. Low power consumption, quality and excellent brightness of the filtered product.

Velo Acciai Srl › Via S. Lorenzo, 42 › Ca’ Rainati 31020 S. Zenone degli Ezzelini (TV) ITALY tel. +39 0423 968966 › fax +39 0423 968982 www.veloacciai.com › info@veloacciai.com

tecnologie a membrana membrane technologies

HALL 3 - Stand A 0207


Marketing & Strategy

Dal Brasile a Hong Kong I vini Gianni Gagliardo sono i protagonisti indiscussi di grandi successi internazionali

I

vini di Gianni Gagliardo, produttore di Barolo a La Morra, sono reduci da un tour internazionale che ha toccato il Brasile, l’Inghilterra, Hong Kong e sarà presto a Los Angeles, in Canada e poi di nuovo in Brasile. Già presenti in oltre 50 Paesi per l’85% della produzione, i vini Gianni Gagliardo godono da decenni di un grande successo sui mercati stranieri, dove la cantina di La Morra, guidata da Gianni Gagliardo con i figli Stefano, Alberto e Paolo, si è ormai affermata come marchio di valore assoluto ed ha contribuito ulteriormente al riconoscimento internazionale di una vera eccellenza italiana qual è il Barolo, il Re dei Vini. Stefano Gagliardo, l’enologo della famiglia, che si occupa in prima persona dello stile dei vini, ha presentato i vini di famiglia durante una serie di incontri a San Paolo del Brasile con clienti, consumatori, stampa locale e professionisti del settore. In particolare, ha riscosso grande successo l’evento organizzato presso il Ristorante Terraço Itália, al 41° piano dell’Edifício Itália, il più alto grattacielo della città, che nel nome rende omaggio al nostro Paese, che con tanti migranti ha dato un importante contributo allo sviluppo della città e dell’intero Brasile. Il Ristorante, che oltre all’ottima cucina offre una vista mozzafiato sulla metropoli, ha ospitato una cena aperta al pubblico e interamente dedicata ai vini Gianni Gagliardo. Un secondo tour del Brasile è già previsto nelle prossime settimane, sempre in collaborazione con l’importatore La Pastina, uno dei più grandi e storici del Brasile, con cui da un anno Gianni Gagliardo ha stretto un accordo volto a rilanciare la presenza delle proprie etichette in questo mercato strategico, dove i vini della cantina di La Morra sono già presenti da molti anni. Dopo una tappa a Londra per l’Italian Fine Wine Encounter, il successo più clamoroso è arrivato in questi ultimi giorni dalla partecipazione di Gianni Gagliardo al Vinexpo di Hong Kong, insieme alla delegazione di dieci produttori d’eccellenza riuniti nell’Accademia del Barolo, presieduta da Gianni Gagliardo. A Hong Kong, i vini Gianni Gagliardo si sono resi protagonisti di un esclusivo Barolo Party organizzato dalla Master of Wine Debra Meiburg, un evento privato cui sono stati invitati pochi selezionatissimi appassionati e collezionisti di vini pregiati, affezionati consumatori dei grandi rossi più blasonati, come i francesi di Bordeaux e Borgogna, riuniti per una sera full immersion con il grande re dei vini italiani, il Barolo. Il programma di Hong Kong ha previsto anche un seminario riservato a soli 100 partecipanti. Il tour del Barolo a Hong Kong si è concluso con una cena finale organizzata dalla sede locale della casa d’aste Zachys di New York. La cena si è svolta presso un ristorante di Hong Kong insignito delle due stelle Michelin, dove il Barolo è stato abbinato ad una raffinata cucina tradizionale cinese. La serata ha previsto una degustazione della prima annata del Barolo Riserva Preve DOCG 1990 di Gianni Gagliardo. L’etichetta top dell’azienda, prodotta solo nelle migliori annate e che arriva al consumatore solo dopo un lungo affinamento di molti anni in cantina, si è dimostrata all’altezza del confronto con i grandi rossi di fama mondiale. Proprio riferendosi a questa etichetta, il sito americano di Robert Parker, tra i massimi esperti al mondo, l’ha definito “uno stile unico”, “qualcosa di unico ed originale che diventerà una pietra miliare”.

42

Novembre 2012

BEVERAGE INDUSTRY

www.tecnalimentaria.it


Marketing & Strategy

From Brazil to Hong Kong Gianni Gagliardo wines have been protagonists of international big successes

T

he wines of Gianni Gagliardo, producer of Barolo and La Morra, have just toured the world and stopped over in Brazil, Great Britain and Hong Kong, and they will be soon in Los Angeles and Canada before getting back to Brazil. Already present in over 50 Countries, with 85% of its total production of wines, Gianni Gagliardo wines have been enjoying decades of success in foreign markets, where the winery managed by Gianni Gagliardo and his sons Stefano, Alberto and Paolo has successfully established itself as a top-quality name, thus contributing to enhancing further Barolo internationally. Stefano Gagliardo, the oenologist of the family, presented their wines to clients, consumers, local press and professional men of the wine sector, during a programme of events in Sao Paulo do Brazil. Special success was achieved by the event at Terraço Itália Restaurant, on the 41st floor of Edifício Itália, the highest skyscraper of the city, whose name pays homage to our Country, whose many migrants have deeply contributed to

www.tecnalimentaria.it

develop the capital and the whole Brazil throughout the years. The Restaurant offering not only excellent food but also a breathtaking view over the metropolis held a dinner event open to the public and fully dedicated to Gianni Gagliardo wines. A second tour of Brazil has already been scheduled, again in cooperation with importer La Pastina, one of the biggest and historic names of Brazil; Gagliardo and La Pastina have been cooperating closely for a year in order to re-launch Gagliardo labels in this strategic market, where the winery producer of La Morra has already been present for many years. After a stopover in London for Italian Fine Wine Encounter, the most recent great success for Gianni Gagliardo was its participation in Vinexpo trade fair in Hong Kong, together with a delegation composed of the 10 producers of Accademia del Barolo, chaired by Gianni Gagliardo. In Hong Kong, Gagliardo wines have been the main protagonists of an exclusive Barolo Party organized by celebrated wine journalist

BEVERAGE INDUSTRY

and Master of Wine Debra Meiburg; the private event was for just few and very selected connoisseurs and collectors of superior wines, loyal consumers of the finest red wines such as Bordeaux and Borgogna, who met to celebrate the king of Italian wines: Barolo. The Hong Kong programme also offered a seminar for just 100 participants. The Barolo tour in Hong Kong ended with a dinner organized by the local auction house Zachys of New York and held at a famous Hong Kong restaurant, boasting 2 Michelin stars, where Barolo was finely served with traditional Chinese food. On the occasion, first vintage of Gianni Gagliardo’s Barolo Riserva Preve DOGC 1990 was served. The best label, produced only with the best harvest and to be sold only after many years of refinement in cellars, has lived up to the worldwide renowned red wines. Robert Parker’s website has described this label as “unique style” and “something unique and original bound to become milestone”.

Novembre 2012

43


Science & Technology

Un’azienda per tutte le stagioni L’avanguardia sulla filtrazione a membrana tangenziale sia essa microfiltrazione, ultrafiltrazione, nanofiltrazione od osmosi inversa ha un nome: Meccanica Spadoni

L

a Meccanica Spadoni è nota sia nel il settore del Beverage in senso più ampio (vini, spumanti, oli, succhi e soft drink) sia nell’industria birraia. Meccanica Spadoni si propone anche all’avanguardia sulla filtrazione a membrana tangenziale sia essa microfiltrazione, ne è testimone l’ultimo brevetto, ultrafiltrazione, nanofiltrazione od osmosi inversa. Nei filtri tangenziali Spadoni, fiore all’occhiello dell’azienda, particolari tecniche di lavaggio (oggetto del brevetto) e un software particolarmente avanzato permettono di ottenere cicli di lavoro molto più lunghi, rispetto alle macchine presenti sul mercato, con conseguente drastica riduzione di prodotti chimici sanificanti con ovvi risparmi economici, sia diretti che indiretti e sostanziale aumento della vita dei moduli. La serie dei filtri ha proseguito nel suo trend di miglioramento riguardo design, gamma e particolari costruttivi: • Filtri rotativi sottovuoto a precoat, per mosti, feccia, fondi di decantazione

• Filtri ad alluvionaggio a dischi orizzontali impiegati per la filtrazione di vino, birra, sciroppi, succhi di frutta, aceto di vino, concentrati di mosto, etc. • Filtri ad alluvionaggio a panelli verticali per filtrazione di oli e prodotti viscosi in genere • Filtri pressa a piastre per cartoni: 400x400 600x600 1000x1000 (piastre in

A company for all seasons

Advanced cross-flow membrane filtration, such as micro-filtration, ultra-filtration, nano-filtration and inverse osmosis, has a name: Meccanica Spadoni

M

eccanica Spadoni is renown in the beverage industry in general (wines, sparkling wines, oils, juices and soft drinks) and brew sectors. Meccanica Spadoni has made a name for itself in the cross-flow membrane filtration, be it micro-filtration, like the latest patent, ultra-filtration, nano-filtration and inverse osmosis. Spadoni cross-flow filters, the company’s flagship, offer particular washing techniques (patent) that enable to get longer work cycles than all other filters today on the market, for nearly no sanitizable chemical products and with remarkable savings, direct and indirect, and noticeable longer life of the modules. The range of all other filters has been regularly upgraded in design, range and construction details: • Rotary precoat vacuum filters, for must, dregs, decanting remaining • Horizontal-plates sheet filters with centrifugal discharge are employed to filtrate wine, beer, syrups, fruit juices, vinegar, must concentrates, and more. • Sheet filters with vertical screens for the filtration of oils and viscous products in general.

44

Novembre 2012

Noryl, Aisi 304/316) • Filtri pressa a piastre e tele adatti alla filtrazione di feccia, fondi di decantazione, olii alimentari, modelli con piastre da 400x400 fino a 1500x2000 • Housing per microfiltrazione per cartucce da 20” , 30” di altezza o per moduli lenticolari da 12” e 16”, e stazioni di microfiltrazione completamente automatizzate e full optional • Refrigeratori a corpo raschiato con condensatore ad aria e Refrigeratori d’acqua con condensatori ad aria • Flottatori per chiarificazioni liquidi • Pastorizzatori a tre stadi a piastre • Impianti di stabilizzazione tartarica in continuo. Da oltre dieci anni l’altro settore è rappresentato dalle sale cotture e impianti completi per microbirrifici che, grazie all’esperienza Spadoni, integrata da test e prove con Università Italiane (CERB) ed europee, fanno si che questi prodotti siano ottimizzati sia dal punto di vista ingegneristico, igienico sanitario che funzionale. L’esperienza di oltre 60 anni sul mercato nazionale ed internazionale, unita al team di progettisti presenti in azienda consente di effettuare forniture chiavi in mano di cantine, sciropperie, birrerie, etc.

• Plate press filters for cardboard boxes: ranging from plate filters from 400x400, 600x600 and 1000x1000 with Noryl plates, or 304/316 stainless steel plates • Plate and tube in tube press filters suitable for the filtration of dregs, decantation remaining, edible oils; Models with plate from 400x400, up to larger plates of 1500 x2000. • Microfiltration housing for cartridges from 20” and 30” height, or for lenticular modules from 12” and 16”, fully automated and full option microfiltration stations. • Scraped surface cooling units with air condenser, and water coolers with air condenser

BEVERAGE INDUSTRY

• Flotation units for liquid clarification • Three-phase blade pasteurization • Ta rt a ri c s t a b i l i z a t i on pl a n t s i n continuous For over ten years, Meccanica Spadoni has been developing the turnkey proofing-cells and micro-breweries department, which are improved from the engineering, hygienesanitization and performance, all thanks to Spadoni’s extensive expertise enriched by exhaustive tests and targeted trials carried out by the most important Italian and foreign universities (CERB). The experience gained in over 60 years of presence on the national and international markets, along with a skilled team of engineers allow the company to make turnkey breweries, breweries and syrup rooms, and more.

www.tecnalimentaria.it


Machinery & Development

CIMEC sceglie le valvole e i sensori Bürkert per la sua nuova imbottigliatrice Cimec lancia “Dioniso”, la nuova imbottigliatrice multiformato a controllo elettronico

L

’esperienza di Bürkert Contromatic Italiana SpA nella misura e nel controllo dei fluidi per l’industria dell’imbottigliamento ha consentito al cliente Cimec Srl di Canelli lo sviluppo della nuova imbottigliatrice multiformato a controllo elettronico “Dioniso”. Le valvole, i sensori e le batterie di pilotaggio di Bürkert permettono alla macchina di riempire bottiglie da 500 ml, 1 litro e 1,5 litri, con bevande lisce o gassate, in maniera veloce e precisa. I prodotti Bürkert consigliati per l’applicazione richiesta sono stati le valvole on/off a soffietto tipo 2080, le valvole a sede inclinata tipo 2000 Inox, con il corpo e l’attuatore totalmente in acciaio inossidabile, le valvole a membrana ELEMENT tipo 2103 a 3 posizioni, le batterie di pilotaggio tipo 8644 e un sistema personalizzato composto da una valvola ELEMENT a globo modulante, un trasduttore di pressione e un trasmettitore di livello a microonde guidate tipo 8185. La macchina “Dioniso” è stata

Macchina imbottigliatrice “Dioniso” di Cimec Cimec’s “Dioniso” bottling machine

CIMEC choses Bürkert valves and sensors for its new bottling machine Sistema ELEMENT tipo 8802, composto dalla valvola a globo modulante tipo 2301 + testa di controllo tipo 8693 ELEMENT system type 8802, composed by the globe control valve type 2301 and the control head type 8693

Valvola a sede inclinata tipo 2000 inox Angle-seat valve type 2000 inox

46

Novembre 2012

T

he experience of Bürkert Contromatic Italiana SpA in fluid control systems for the Bottling Industry has allowed the customer Cimec Srl from Canelli to develop the new multi-format electronically controlled bottling machine called “Dioniso”. Bürkert valves, sensors and valves batteries allow the machine to fill in bottles of 500 ml, 1 liter and 1.5 liters, with still or sparkling beverages, quickly and accurately. The Bürkert products recommended for the required application were the on/off below valves type 2080, angle seat valves type 2000 Inox, with the body and the actuator entirely made of stainless steel, the Bürkert ELEMENT 3-position diaphragm valves type 2103, valves islands type 8644 and a customized system consisting of an ELEMENT globe control valve, a pressure transducer and a guided microwave level transmitter type 8185. “Dioniso” was designed to have zero dead-legs, minimizing the risk of crosscontamination, making possible its completely cleanliness and sterilization. These products have added value to “Dioniso”, which offers several advantages to end users, such as the enormous flexibility, thanks to the

BEVERAGE INDUSTRY

progettata in modo tale da eliminare tutti i volumi morti, riducendo al massimo il rischio di contaminazioni incrociate, rendendola completamente lavabile e sterilizzabile. Questi prodotti hanno aggiunto valore a “Dioniso”, che presenta diversi vantaggi per i clienti finali, quali l’enorme flessibilità, grazie alla possibilità di riempimento in molteplici formati e di differenti tipi di bevande, alcoliche e non, assicurando un notevole risparmio di spazio e denaro. La sanificazione completa di tutte le parti a contatto con il prodotto è stata raggiunta grazie ad uno studio accurato del processo, all’utilizzo di valvole e componenti certificati FDA e alla capacità di gestire e impostare le fasi di pre-evacuazione, iniezione, riempimento e auto livellatura in modo indipendente dall’operatore, con grande semplicità e versatilità. L’imbottigliatrice offre inoltre la regolazione automatica del livello e pressione vasca, altezza bottiglia e livello in bottiglia tramite ricette sul pannello operatore. Bürkert è presente in 35 Paesi ed è quindi sempre vicina ai suoi clienti in tutto il Mondo, fornendo supporto tecnico ovunque. Presente da più di 40 anni nel mercato italiano, Bürkert Contromatic Italiana S.p.A. offre prodotti, sistemi, soluzioni personalizzate, consulenza sul processo e assistenza tecnica.

Cimec launches “Dioniso”, the new bottling machine multiformat controlled electronically possibility of filling into different formats various types of beverages, both alcoholic and nonalcoholic, ensuring a considerable saving of space and money. The complete sanitization of all parts in contact with the product was achieved thanks to an accurate study of the process, to the use of valves and components FDA approved and to the ability to manage and set the phases of pre-evacuation, injection, filling and self-leveling independently by the operator, with great simplicity and versatility. The bottling machine also offers an automatic adjustment of the level and the pressure inside the vessel, the bottle height and the level inside the bottle through recipes showed on the operator panel. Bürkert is present in 35 countries, therefore is always close to its customers around the world, providing technical support everywhere. Established for more than 40 years in the Italian market, Bürkert Contromatic Italiana offers products, systems, solutions, consulting on process and technical assistance.

www.tecnalimentaria.it


L’innovazione e la qualità

Per il momento più prezioso. La ditta Mar.Co. ha nella sua gamma di produzione una serie di macchine dedicate all’industria enologica, con specifica attenzione alle diverse esigenze concernenti la movimentazione dei tappi in sughero e sintetici, proponendo allo stesso tempo innovazioni nel campo della timbratura e nell’orientamento dei tappi sia in sughero, sia in materiale plastico.

MAR.CO. -Martini Costruzioni - S.P. Canelli – Nizza, Fr. San Vito 82/A - 14042 Calamandrana AT Tel. / Fax +39 0141 769143 - info@martinicostruzioni.com www.martinicostruzioni.com


www.enomaq.es 19潞 Sal贸n internacional de maquinaria y equipos para bodegas y del embotellado

19th International show of winery and bottling machinery and equipment

2013


Fate di testa nostra!

L’esperienza pluriennale di Bürkert nelle soluzioni per l’Industria Alimentare e delle Bevande ha dato vita alle nuove teste di controllo ELEMENT, ideali per il montaggio diretto su valvole sanitarie a farfalla e a pistone. I controller tipo 8692, 8693 e 8694, con design in acciaio inox, coprono infatti le diverse esigenze di gestione del processo (posizionamento, regolazione) e possono essere impiegati con le valvole sanitarie più diffuse sul mercato. La versione con PID integrato rende il controllo del processo indipendente.

Volete saperne di più? Visitate il nostro sito Internet www.burkert.it o telefonate allo 02 959071.


Filling & Packaging

Marketing & Strategy

Strumenti per unire qualità, confezione e marketing

Tecnologie di processo, riempimento e imballaggio per vini e spumanti

U

no studio dell’istituto di ricerche di mercato britannico “The IWSR” prevede che il consumo mondiale di vino aumenterà di oltre il 3 percento entro il 2014. In particolare, la fascia di mercato con un prezzo a bottiglia superiore a 7 Euro registrerà una crescita, mentre i vini pregiati perderanno quote di mercato. Questo significa che il consumatore ha grandi aspettative in termini di qualità, presentazione e marketing del vino. A questo si aggiungono, per il vignaiolo, sfide come la sostenibilità, la gestione delle acque chiare e reflue e, non da ultimo, l’esigenza di ottimizzare i costi di produzione. Semplificando molto, la produzione di vino è un processo nel quale dapprima si estrae un liquido che successivamente viene trasformato mediante fermentazione. I residui solidi che si generano lungo il processo, come ad esempio i lieviti, devono essere ripetutamente asportati per ottenere vini limpidi e stabili, con un gusto puro e pulito. In passato questo compito veniva affidato alla forza di gravità: le sostanze sedimentavano e potevano quindi essere separate dalla frazione liquida, mediante il cosiddetto processo di decantazione. Il processo poteva essere velocizzato abbassando l’altezza del liquido nel contenitore o utilizzando precipitanti come enzimi o nutrienti per lievito, impiegati ancora oggi. Il decanter sostituisce la pressa Il processo di depurazione può essere notevolmente velocizzato usando centrifughe e filtri, con l’ulteriore vantaggio che il vino o l’estratto contenuti nella parte solida possono essere recuperati e venduti, mentre la parte solida asciutta può essere ugualmente valorizzata. Oggi le presse, utilizzate per la spremitura dell’uva fin dai tempi dei Romani, possono essere sostituite con successo dai decanter, come spiega Robert Stangl, Regional Manager Food Technology dell’azienda Alfa Laval: “Oggi i decanter non vengono impiegati solo per la chiarificazione del mosto o la separazione dei lieviti, ma anche per ricavare il mosto e il succo dall’uva. Queste centrifughe a chiocciola si sono già distinte in questo tipo di lavorazioni rispetto alle tradizionali presse. Grazie a valori più costanti, una maggiore semplicità di utilizzo e residui di lavorazione più asciutti, questi sistemi raggiungono un grado di efficacia più elevato. Per il vignaiolo questo significa una resa maggiore a fronte di un’esatta stima preliminare dei costi. Molti istituti internazionali confermano questi dati”.

52

Novembre 2012

BEVERAGE INDUSTRY

www.tecnalimentaria.it


Filling & Packaging

Marketing & Strategy Tecnica di raffreddamento moderna per salvare l’ambiente e ridurre i costi Nelle tradizionali botti di legno, la temperatura di fermentazione si regolava “automaticamente”. Utilizzando botti più piccole, il rapporto fra volume e superficie nel fresco della cantina consentiva di raggiungere la massima temperatura all’interno del contenitore. Oggi, nell’era dei grandi serbatoi d’acciaio, le cose sono cambiate: il mosto deve essere raffreddato attivamente e il vino non deve “scuocere”. Le aziende più piccole hanno risolto questo problema collocando il serbatoio sotto l’acqua corrente. In tempi di gestione oculata delle risorse, però questo metodo è assolutamente anacronistico ed eccessivamente costoso. Ma non è questo l’unico caso in cui la moderna tecnica di raffreddamento assicura notevoli risparmi sia di costi sia di consumi. Gli impianti di raffreddamento estraggono il calore dal vino mediante piastre di raffreddamento che si trovano all’interno del prodotto stesso o apposite zone di raffreddamento dei serbatoi. Il freddo necessario viene prodotto mediante vaporizzazione di un refrigerante come l’ammoniaca. La vaporizzazione diretta dell’ammoniaca consente di produrre freddo nel luogo stesso in cui è richiesto, ad esempio nel serbatoio di fermentazione. Una valida alternativa è il trasporto indiretto di freddo attraverso un vettore come l’acqua o il glicole. Scegliendo il procedimento più adatto in base al livello di temperatura e sfruttando i moderni sistemi di controllo e addensamento, è possibile raggiungere il massimo grado di efficacia e, quindi, la massima efficienza energetica degli impianti di raffreddamento. Ne guadagna anche la qualità del vino, che viene fermentato e stoccato in condizioni sempre identiche. CO2, zucchero, alcool: membrane selettive Un secondo “servizio integrato” offerta dalle botti di legno era l’affinamento del vino attraverso l’aggiunta mirata, per quanto limitata, di ossigeno. L’ossigeno è certamente il nemico naturale del vino, poiché ne provoca l’invecchiamento veloce e ne altera aroma e colore. Il processo di maturazione, tuttavia, non può fare completamente a meno dell’ossigeno, laddove ciascun vino ha un proprio livello ideale di ossidazione. Per poter riprodurre questo processo, servono strumenti di misura adeguati. La misurazione congiunta di O2/CO2 consente ad esempio al maestro cantiniere o all’enologo di controllare la quantità di ossigeno presente nelle varie fasi di produzione e nel prodotto imbottigliato. Allo stesso tempo è possibile controllare il livello di anidride carbonica durante la fermentazione. Con la misurazione congiunta di O2/CO2 il produttore di vini ha costantemente sott’occhio due parametri qualitativi determinanti per il successo commerciale dei vini sia fermi sia frizzanti. Questi parametri qualitativi possono essere controllati e regolati con l’impiego di processi a membrana. Questo settore acquisirà sempre maggiore importanza nella lavorazione del vino, come spiega la Prof. ssa Dott.ssa Monika Christmann dell’Istituto di Ricerca Geisenheim: “Le membrane effettuano una separazione selettiva senza l’impiego di coadiuvanti per la precipitazione o il filtraggio. Pertanto vengono utilizzati sempre più spesso da aziende di tutte le dimensioni. Fra le applicazioni attuali spiccano la riduzione degli zuccheri nel mosto e la riduzione dell’alcool nel vino finito. Un altro aspetto interessante è naturalmente la flessibilità degli impianti a membrana, che all’interno dell’azienda possono svolgere le più diverse operazioni di separazione e filtraggio.” Il tema dei tappi e delle chiusure è stato oggetto di lunghe discussioni negli anni passati. Da allora il mercato si è evoluto e non è più necessario scendere a compromessi. Il tappo a vite, ad esempio, con la sua barriera all’ossigeno, offre vantaggi significativi nell’imbottigliamento dei vini bianchi, che devono essere freschi e fruttati. Il sughero, invece, consente l’affinamento in bottiglia richiesto dai vini rossi.

www.tecnalimentaria.it

BEVERAGE INDUSTRY

Novembre 2012

53


Filling & Packaging

Marketing & Strategy

Tools for optimum quality, packaging and marketing A

54

Novembre 2012

more constant values, the easier operation and the drier residues all lead to greater efficiency. For vintners this means a higher yield with precisely calculable costs. Several well-known international institutes can confirm these results. Modern refrigeration technology is environment-friendly and reduces costs In traditional wooden barrels the fermentation temperature took care of itself, the volumeto-surface ratio of the smaller barrels “automatically” regulating the maximum temperature in cool cellars. Today, where we use large stainless steel tanks, this is no longer the case, so the mash has to be actively cooled, to prevent the wine “boiling”. Smaller production operations used to address this challenge in part by trickling water over the tank. With the tighter resource management now in place, that is an anachronism, not to mention the costs involved. Here and in other areas, modern refrigeration technology brings significant savings in terms of costs and consumption. These refrigeration systems remove heat from the wine in a closed cycle via cooling panels, located in the product, or special tank cooling zones. The required cooling is achieved through the evaporation of a cooling agent, such as ammonia. In the case of direct evaporation using ammonia, this cold production takes place at the actual place of consumption, e.g. the fermentation tank. A tried-and-tested alternative is indirect cold transport using a carrier medium such as water or glycol. By selecting the cold production process best suited for the temperature level required and modern-day control and compaction systems, this refrigeration plant operates with maximum efficiency, and therefore maximum energy-efficiency. Another benefit of constant parameters for fermentation and storage is of course seen in the quality of the wine itself. CO2, sugar, alcohol – membranes for selective separation Another aspect that wooden barrels used to take care of automatically, was fine maturation

BEVERAGE INDUSTRY

of the wine through targeted but low input of oxygen. Now oxygen is the natural enemy of wine, as it causes rapid ageing and changes the entire aroma and color spectrum of the wine. But the maturation process cannot take place without a little oxygen, and for each wine there is an ideal level of fine oxidation. In order to replicate that level each time, you need the right measuring technology. Combined O2/CO2 measurement enables the cellar master or the oenologist to control the oxygen during the various production stages and in the bottled product. At the same time fermentation carbonation can be monitored quickly and reliably. Combined measurement of O2 and CO2 thus means wine producers can check two quality parameters at once, both of which are important for success in selling both sparkling and still wines. These quality parameters can be selectively controlled through the use of membrane techniques. This is an area that is going to increase still further in significance in the business of wine preparation, says Prof. Dr. Monika Christmann from the Forschungsanstalt Geisenheim (viticulture / oenology / beverage research): “Membrane techniques selectively separate, without the use of precipitation or filter aids. As a result they are being used in ever more applications, regardless of size of operation. Current examples are sugar reduction in the must, and reduction of alcohol in the finished wine. What is also interesting is that membrane systems are so flexible that they can be used to solve quite different separation technology challenges in production.” A few years ago the whole subject of bottle closures was a very hot topic. Now the tone is less emotional, the choice currently being not so much “either/or”, as “both/and”. The oxygen-tight screw cap, for example, has benefits when used in modern white wines that need to be as fruity and fresh as possible. Cork, however, enables fine maturation in the bottle, and that is desirable in red wines.

www.tecnalimentaria.it

Source: Messe München Press Office

report by British-based IWSR (International Wine and Spirit Research) predicts that worldwide consumption of wine will rise by somewhat over three percent by 2014. At the same time, bottled wine in the price segment of over 7 euro is set to rise. Consumption of cheaper wines, by contrast, is forecast to decline. What this means is quite simply that the consumer is wanting wines that are of a higher quality, more attractively packaged and marketed. In addition to this, the vintners are also having to cope with the challenges of sustainability, waste-water and freshwater management and not least the need to optimize production costs. Basically wine production is a process in which a liquid is first extracted and then transformed through fermentation. The solids resulting in this process, e.g. the yeasts, have to be separated off, again and again, in a defined way, in order to produce clear, stable wines that have a pure taste. In the past this was achieved through gravity, the substances sedimenting out and being separated, by decanting, from the liquid. It was possible to accelerate the process by having lower liquid levels and using precipitants of the kind that are still used today. Decanters replace presses The process of clarification can be considerably speeded up through the use of centrifuges and filters. Another benefit: The wine or extract contained in the solids can be recovered and marketed, the remaining dry solid then being easier to process. Now decanters can also successfully replace the press, the dominant method of juice extraction since the days of the Romans, as Robert Stangl, Regional Manager Food Technology, Alfa Laval, explains: “Nowadays decanters not only handle must clarification and yeast separation, these machines can also be used to extract must or juice from the grapes. Scroll-type centrifuges have already more than proven their effectiveness as compared to conventional presses. The

Process, filling and packaging technology for wine and sparkling wine


Filling & Packaging

Machinery & Development

Soluzioni innovative per il recupero del calore dai tunnel di termoretrazione SMI

I

l sistema di recupero del calore prodotto dal forno di termoretrazione delle fardellatrici SMI della serie Smiflexi rientra nell’ambito delle attività di Ricerca & Sviluppo di soluzioni innovative, eco-sostenibili, energeticamente virtuose, in grado di incrementare l’efficienza degli impianti di produzione dei clienti SMI. L’installazione di questo nuovo sistema di recupero del calore generato dal tunnel di termoretrazione delle fardellatrici o delle macchine combinate Smiflexi – sia di nuova fornitura che preesistenti e già installate presso i clienti - permette infatti di ridurre i consumi di energia elettrica durante la fase di confezionamento. Il risparmio energetico deriva dalla possibilità di riutilizzare una parte dell’aria calda generata dalle resistenze elettriche interne del forno di termoretrazione; infatti, dalle sezione d’uscita del forno l’aria calda è convogliata, tramite appositi tubi, all’ingresso dello stesso, in modo da richiedere un minor apporto di calore durante la fase di termoretrazione dei fardelli in solo film /

56

Novembre 2012

falda+film oppure vassoio+film in arrivo dalla fardellatrice. Per evitare dispersioni di calore, la struttura del forno di termoretrazione è stata dotata di tutta una serie di accorgimenti tecnici in grado di assicurarne il massimo isolamento termico. Anche la sezione terminale del forno è stata isolata termicamente, in modo da evitare le dispersioni di calore all’uscita dei pacchi e permettere al sistema di recupero di convogliare la maggior parte del calore all’ingresso del tunnel. Il nuovo sistema è dotato di un’apposita sonda che misura la quantità e la temperatura dell’aria calda recuperata e reintrodotta nel sistema. Analisi comparativa: costi di produzione con e senza sistema recupero calore Studi comparativi hanno dimostrato che con il nuovo sistema di recupero calore realizzato da Smiflexi i costi di produzione, espressi in Watt/ora per bottiglia, diminuiscono rispetto a soluzioni tradizionali; tale risparmio è stato rilevato dalle prove effettuate durante la fase

BEVERAGE INDUSTRY

di termoretrazione di un pacco 3x2 solo film di bottiglie da 1,5 litri all’interno di un tunnel da 3 metri. A titolo esemplificativo, l’analisi comparativa è rappresentata graficamente (vedere fig. 1), dove la linea rossa identifica la curva dei consumi del tunnel di termoretrazione che NON monta il dispositivo di recupero calore, mentre la linea blu si riferisce ad un tunnel dotato di tale dispositivo. A parità di produzione oraria di bottiglie, la linea dei consumi in un tunnel fornito del dispositivo di recupero calore rimane sempre più bassa di quella di un tunnel equivalente che ne è invece sprovvisto; addirittura, raggiunta una produzione oraria di 10.000 bph, si rileva che il consumo in Watt/ora per bottiglia si dimezza. Vantaggi: 1. Riduzione dei consumi di energia elettrica durante il processo di confezionamento; 2. Riduzione dei costi di produzione per bottiglia (espressi in Watt/ora), rispetto a soluzioni tradizionali; 3. Soluzione eco-sostenibile.

www.tecnalimentaria.it


Filling & Packaging

Machinery & Development

Innovative solution: SMI shrinking tunnel heat recovery system

T

he system for recovering the heat produced by the SMI shrinkwrappers shrinking tunnel is part of the Research & Development of innovative, environmentally sustainable, energy-virtuous solutions capable of increasing the efficiency of the production systems of SMI’s customers. The installation of this new system that recovers heat generated by shrinkwrapper shrinking tunnels or by combined Smiflexi machines – both new and existing and already installed at our customers’ facilities – makes it possible to reduce the consumption of electricity during the packaging stages. Energy savings derives from the possibility of reusing a part of the hot air generated by the heating elements inside the shrinking tunnel; in fact, hot air at tunnel outfeed is conveyed through suitable pipes to its entrance so as to require a lower amount of heat when shrinking the film only/pad+film or tray+film packs arriving from the shrinkwrapper. To avoid heat loss, the structure of the shrinking tunnel was equipped with an entire set of technical features able to ensure maximum thermal insulation. Even the tunnel’s final section was thermally insulated in order to avoid heat loss when the packs exit from it and also to allow the recovery system to convey most of the heat to the entrance of the tunnel. The new system is equipped with a special probe that measures the amount and temperature of the hot air recovered and reintroduced into the system. Comparative analysis: production costs with and without heat recovery system. Comparative studies have shown that with the new heat recovery system implemented by Smiflexi, production costs, expressed in Watts/hour per bottle, decrease compared to traditional solutions. This savings was detected through tests carried out during the heat-shrinking of a 3x2 film only pack of 1.5-liter bottles inside a 3-meter long tunnel. Just as an example, the comparative analysis is plotted in fig. 1, where the red line identifies the consumption curve of the shrinking tunnel that is NOT equipped with the heat recovery device, while the blue line refers to a tunnel that mounts this device. Hourly bottle output being the same, the consumption line in a tunnel fitted with the heat recovery device remains lower than that of an equivalent tunnel lacking this feature, not to mention that it was noticed that the consumption in Watts/hour per bottle was halved on reaching an hourly production rate of 10,000 bph. Benefits: 1. Reduced consumption of electricity during the packaging stages. 2. Production costs, expressed in Watts/hour per bottle, decrease compared to traditional solutions. 3. Eco- friendly solution

www.tecnalimentaria.it

BEVERAGE INDUSTRY

Novembre 2012

57


Filling & Packaging

Machinery & Development

I

n un mondo sempre più complesso e imprevedibile, l’efficienza tecnica non basta più: servono l’attitudine alla flessibilità per rispondere alle aspettative di un mercato mutevole ed esigente e la creatività per poterlo anche indirizzare. Significa, in altri termini, che le capacità e le prestazioni tecniche, comunque imprescindibili e fondamentali per una realtà aziendale di successo, non sono da sole sufficienti: oggi servono e contano il servizio, le esperienze, la sinergia, le reti cliente-fornitore, la competenza trasversale per sintetizzare e governare l’imponderabile e dare vita a combinazioni originali di idee e soluzioni. DeMo Designandmoulds vuole essere tutto questo. Cerca di mettere insieme tutto ciò che oggi serve per offrire e garantire valore aggiunto a coloro che cercano, non semplicemente un fornitore ma un partner capace di: dare risposte efficaci, concrete e personalizzate, proporre nuove idee, anticipare le tendenze, avere visione e lungimiranza. Lavorare oggi sul PET-packaging è molto complesso. E’ una vera sfida riuscire a dare vita a contenitori dalle linee alternative ma capaci di conciliare contemporaneamente ragioni di ordine tecnico, economico e ambientale (leightweighting), tuttavia crediamo in questa sfida convinti che ogni rapporto “si nutra di novità, di attesa, di sorprese. Quando sai tutto quello che c’è da sapere, non resta nulla da scoprire. Niente più meraviglia, niente più opportunità... il potere del limite è una delle idee più stimolanti del mondo attuale” Grazie al lavoro di diverse persone con diverse specifiche competenze, DeMo riesce ad accompagnare il proprio cliente in tutte le diverse fasi di industrializzazione di un contenitore e rispondere con un elevato livello di professionalità alle crescenti e più diverse richieste del mercato: contenitori dalle forme alternative, pesi ridotti, kit di conversione per ottimizzare gli impianti esistenti, soluzioni per recuperare stampi nell’ottica del risparmio e della razionalizzazione dei costi. DeMo realizza all’interno della propria struttura produttiva stampi di soffiaggio per le più importanti macchine soffiatrici,segue la messa in produzione dei nuovi contenitori presso lo stabilimento del cliente, fornisce mock-up e campionature bottiglie, test di laboratorio e consulenza. Tra le varie novità a cui DeMo sta lavorando negli ultimi mesi, rilevano i nuovi contenitori per i distributori automatici – il Vending infatti rappresenta oggi in Italia sempre più un settore di primaria importanza per quanto riguarda l’acqua minerale in Pet per cui realizzare delle bottiglie destinate a questo canale è sicuramente un questione importante.

60

Novembre 2012

Efficienza tecnica, flessibilità e creatività La flessibilità per rispondere alle aspettative di un mercato mutevole ed esigente e la creatività per poterlo anche indirizzare devono sempre affiancare l’efficienza tecnica

BEVERAGE INDUSTRY

www.tecnalimentaria.it


Filling & Packaging

Machinery & Development

I

n an increasingly complex and unpredictable world, technical efficiency is no longer enough: we need an aptitude for flexibility to meet the expectations of a changing demanding market and the creativity to allow us to go in the right direction. In other words, technical abilities and performance, in any case absolutely necessary and fundamental for a successful company, are not enough on their own: today we need and count o n s er vices , exp e ri e nc e , sy ne rgy , customer-supplier networks and cross competences to synthesize and govern the imponderable and provide original combinations of ideas and solutions. DeMo Designandmoulds intends to be all this. The company tries to put together everything needed nowadays to offer and guarantee added value to those who seek not only a simple supplier, but a partner capable of responding effectively in a down to earth and customized way, proposing new ideas, anticipating trends, and employing vision and farsightedness. Today working in PET-packaging is a complex business. It is a true challenge to make containers that have alternative shapes but at the same time reconcile technical, economic and environmental (lightweighting) issues. However, DeMo Designandmoulds believes in this challenge, convinced that every relationship “feeds off novelty, expectation, surprise. When you know all there is to know, there’s nothing left to discover. No more wonder, no more opportunity… the power of restriction is one of the most stimulating ideas in today’s world”. Thanks to the work of different people with several specific skills, DeMo can be at the side of its customers throughout the different stages of industrializing a container and respond professionally to the growing and diverse requirements of the market: containers with alternative shapes, reduced weight, conversion kits to optimize existing equipment, solutions for the recovery of moulds with a view to saving and rationalizing costs. DeMo makes blow moulds in-house for the most important stretch blow machines, deals with placing new containers in production in the customer’s facilities, provides mock-ups and sample bottles, laboratory tests and consultancy. The many new products DeMo has been working on recently include new containers for automatic vending machines – this sector is of primary importance in Italy today with regard to mineral water and the making of Pet bottles for this channel is certainly an important opportunity.

www.tecnalimentaria.it

Technical efficiency, flexibility and creativity Flexibility to meet the expectations of a changing demanding market and the creativity to allow us to go in the right direction always need joining technical efficiency

BEVERAGE INDUSTRY

Novembre 2012

61


Filling & Packaging

Machinery & Development

Le soluzioni di asciugatura di bottiglie e lattine per tutti i formati Le soluzioni di asciugatura di bottiglie e lattine ACI si basano sul sistema di “DRI-Line” azionato a soffiante che offre una varietà di sistemi di utilizzo dell’aria e strutture configurabili a seconda dell’applicazione

L

e soluzioni di asciugatura di bottiglie e lattine per prestazioni da 100 a 1000 unità offerte da Air Control Industries, specialista dei sistemi di trasporto con aria azionata a soffiante. Con installazioni realizzate per molti dei principali marchi e produttori mondiali di linee di imbottigliamento e per i micro birrifici e le aziende produttrici di acqua di fonte ACI ha dimostrato una comprovata capacità di rispondere alle esigenze specifiche di asciugatura del cliente. Le soluzioni di asciugatura di bottiglie e lattine ACI si basano sul sistema di “DRI-Line” azionato a soffiante che offre una varietà di sistemi di utilizzo dell’aria e strutture configurabili a seconda dell’applicazione. Oltre all’efficienza dell’asciugatura, il successo della DRI-Line deriva dal significativo risparmio in termini di costi operativi attraverso alternative ad aria compressa e una manutenzione ridotta al minimo.

62

Novembre 2012

I sistemi di asciugatura bottiglie DRI-Line sono in grado di gestire una capacità di fino a 6000 bottiglia/min con la funzione di asciugatura in una struttura acustica indipendente, che alloggia il soffiante e i dispositivi di trasporto dell’aria e garantisce che l’umidità venga inclusa nello scarico. Sull’altro lato della bilancia si trova un sistema aperto basato su una serie di lame d’aria, che agisce in modo efficiente per operazioni di imbottigliamento di piccole dimensioni. I sistemi di convogliamento dell’aria per le bottiglie includono il sistema ‘JetPlate’ appositamente studiato da ACI. Esso include una coppia di sovrapressioni adiacenti che servono per convogliare l’aria e fungono da binari di guida. La stretta vicinanza alle bottiglia e la forma della fessura per l’aria garantiscono allo stesso tempo una rimozione dell’umidità a un convogliamento dell’aria efficienti.

BEVERAGE INDUSTRY

JetPlates può essere utilizzato inoltre nei sistemi non delimitati come ad esempio nelle lame d’aria per le lattine. Entrambe le opzioni possono essere completate con l’apparecchiatura di asciugatura tappi e colli di bottiglia. Il “CanTunnel” di ACI sviluppato in modo particolare dall’azienda, è disponibile nei formati a linea singola e multipla. Le lattine passano attraverso il CanTunnel è l’aria viene convogliata attraverso fessure appositamente configurate. Tale disposizione garantisce che l’umidità venga rimossa e contenuta in modo da evitarne la dispersione e impedire che essa si depositi nuovamente nelle lattine o altrove. Per i sistemi di asciugatura bottiglie e per quelli di asciugatura delle lattine il soffiante può essere installato all’interno di una struttura delimitata con le teste di asciugatura, in una camera acustica su piedini, a cavallo della linea di convogliamento oppure lungo la linea o ancora su un’unità remota con una copertura in ABS.

www.tecnalimentaria.it


Filling & Packaging

Machinery & Development

Bottle and can drying solutions for all sizes of operation ACI’s bottle and can drying solutions are based upon the company’s blower-powered ‘DRI-Line’ system which offers a variety of air delivery systems and enclosures that can be configured according to the application

B

ottle and can drying solutions for throughputs from the 100s up into the 1000s are offered by Air Control Industries, specialist in blower-driven air delivery systems. With installations for many of the world’s leading brands and bottling/ canning line manufacturers as well as microbreweries and spring water companies ACI has a proven capability of meeting customers’ specific drying requirements. ACI’s bottle and can drying solutions are based upon the company’s blower-powered ‘DRI-Line’ system which offers a variety of air delivery systems and enclosures that can be configured according to the application. In addition to its drying efficiency, DRI-Line’s success results from significant operating cost savings over compressed air alternatives and minimal maintenance demands. DRI-Line bottle drying systems can handle throughputs of up to 6000 bottles/min with the drying function in a self-contained, acoustic enclosure housing the blower and air delivery devices that ensures all moisture is contained when blown off. At the other end of the scale is an open system based upon a set of blower-powered air knives, which will perform

effectively for small bottling operations. Air delivery systems for bottles include ACI’s specially developed ‘JetPlate’ system. This comprises a pair of facing plenums which serve to both deliver air and act as guide rails. Their close proximity to the bottles and

the air slot pattern ensures both efficient air delivery and effective moisture removal. JetPlates can also be used in non-enclosed systems as can air knives. Both options can be complemented with neck and cap drying equipment. ACI’s ‘CanTunnel’, again specially developed by the company, is available in both single and multi-lane formats. Cans pass through the CanTunnel and air is delivered via precisely configured slots. This arrangement ensures all moisture is removed and contained so as to avoid dispersal of moisture to prevent it being deposited again on cans or elsewhere. For both bottle and can drying systems the blower can be installed inside an enclosure with the drying heads, in an acoustic chamber on legs either straddling the conveyor line or alongside it, or as a remote unit with an ABS cover.

Determinando il futuro del movimento dell’aria...

Serie DRI-Line

Sistemi di asciugamento bottiglie e lattine per l’industria del confezionamento e del riempimento

Air Control Industries è leader nella progettazione e realizzazione di sistemi di asciugamento alimentati da turbo soffianti per l’industria del confezionamento e del riempimento. Di fatto, possiamo asciugare quasi qualunque cosa!

Per maggiori informazioni:

www.aircontrolindustries.com Industrial Fans, Blowers & Airknife Systems

Weycroft Estate, WeycroftAvenue, Avenue,Millwey MillweyRise RiseIndustrial Industrial Estate, Axminster, Devon, EX13 5HU Axminster, Devon, EX13 5HU Tel: +44 (0)845 5000 501 Fax: +44(0)845 5000 502 Tel: +44 (0)845 5000 501 Fax: +44(0)845 5000 502 Email: sales@aircontrolindustries.com Email: sales@aircontrolindustries.com Agente: TESCOM S.R.L. - GIUSSANO (MB) TEL. 0362-332092 - info@tescom.it - www.tescom.it


Filling & Packaging

Machinery & Development

Tecnologia unica al mondo

B

enco Pack, divisione Form-Fill-Seal del Gruppo Sacmi, ha consegnato con successo una nuova confezionatrice asettica equipaggiata con ISA, il dispositivo di applicazione etichette “sleeve” integrato con la confezionatrice, presso Fonti di Vinadio (www.santanna.it) per il tè freddo prodotto e distribuito in Italia nell’originale ed attraente bicchiere termoformato monodose da 200 ml. Il Santhe’ grazie alla sua forma può essere bevuto sia con la cannuccia, presente su ogni confezione che direttamente come da un bicchiere. I bicchieri sono distribuiti in confezione multipla da 2x2 per il mercato consumer ed in formato 2x3 per l’HORECA. Santhè è prodotto con vero infuso di tè nei gusti limone, pesca e tè verde e grazie alla tecnologia Form-Fill-Seal consolidata di

64

Novembre 2012

La tecnologia asettica di Benco Pack entra nel beverage con un packaging innovativo

Benco Pack, viene confezionato in asettico così da permettere di preservare le ottime caratteristiche organolettiche e senza la necessità della distribuzione nella catena del freddo. Avvalendosi dell’esperienza nel settore beverage, il Gruppo Sacmi ha realizzato una linea completa automatica e particolarmente

BEVERAGE INDUSTRY

compatta che comprende: la confezionatrice Form- Fill-Seal con applicatore shrinksleeve integrato in macchina (brevetto Sacmi), l’applicatore cannucce, la formatura e il riempimento cartoni e la pallettizazione. La linea permette in un processo innovativo ed integrato il confezionamento e l’etichettaggio di 18.000 contenitori/h. Grazie a questa tecnologia unica al mondo è possibile termoformare, riempire, sigillare e sleeverare in linea i contenitori partendo da bobine. La termoretrazione integrata nella Form-FillSeal, consente l’applicazione di etichette shrink-sleeve con getti di vapore di durata inferiore a 0,8 secondi permettendo un consumo di vapore direttamente proporzionale alla velocità di lavoro e inferiore ai tradizionali tunnel di termo retrazione Per maggiori informazioni: www.sacmi.com

www.tecnalimentaria.it


Filling & Packaging

Machinery & Development

Unique technology in the world

B

enco Pack, Form-Fill-Seal Division of Sacmi Group, has successfully delivered a new fully aseptic packaging line equipped with I.S.A., the integrated device for cup decoration with shrink sleeve labels, to Fonti di Vinadio (www.santanna.it) for the packaging of their new ice-tea Santhé in single-service 200 ml thermoformed cups. Thanks to the particular cup shape, Santhe’ can be drunk both using the straw glued on each single cup, and directly from the cup by pealing the lid Santhé is available in two package configurations: multipacks of 2x2 (consumer market) and multipacks of 2x3 (HORECA). Santhé is a real tea infusion available in three different flavours: lemon, peach and green tea.

www.tecnalimentaria.it

Benco Pack aseptic technology enters the beverage market with an innovative package Thanks to the consolidated Form-Fill-Seal aseptic packaging technology of SACMI Group (Benco Pack brand) Santhé can be distributed with no need of cold-chain and maintains its excellent organoleptic properties stable for up to 12 months. Benco Pack has developed a complete and compact packaging line where all the

BEVERAGE INDUSTRY

steps from filling up to straw application on each single cup, cartoning into display boxes and palletizing are completely automated thanks to Sacmi Group’s wide experience in beverage plants. This packaging line, thanks to an innovative and integrated process, allows packaging and labeling up to 18.000 cups/hr. Thanks to a unique technology in the world (Benco Pack patent) it is possible to thermoform, fill, seal and sleever the cups in line starting from packaging materials supplied in rolls. The thermo-shrinkage device integrated in the FFS line allows applying sleeve labels onto the cups by steam jets having a duration of 0,8 seconds. The steam consumption of this innovative system is directly proportional to the working speed and much reduced vs the traditional thermo-shrinking tunnels.

Novembre 2012

65


2013 29 January – 01 February

21st International Trade Fair Packaging Machinery, Food Processing, Packaging Production and Packaging Material www.upakovka-upakitalia.com

Krasnaya Presnya Moscow, Russia In Co-operation with:

Organised by:

Centrexpo S.p.A. Corso Sempione 4 20154 Milan, Italy Phone +39/02/3 19 10 91 Fax +39/02/34 16 77 www.centrexpo.it

OOO Messe Düsseldorf Moscow Timura Frunze st., 3, bld. 1 119021 Moscow Russia Phone +7/495/9 55 91 99 #622 Fax +7/499/2 46 92 77 info@messedi.ru www.messe-duesseldorf.ru

Messe Düsseldorf GmbH P.O. Box 10 10 06 40001 Düsseldorf Germany Phone +49/211/45 60-01 Fax +49/211/45 60-77 40 info@messe-duesseldorf.de www.messe-duesseldorf.de


Filling & Packaging

Machinery & Development

Garanzia di affidabilità

1

50 anni di attività nel settore dimostrano la validità della politica industriale di LITA e l’affidabilità dei macchinari, ottima garanzia di investimento

Q

uest’anno LITA festeggia 50 anni di attività e il raggiungimento di questa importante tappa dimostra la validità della politica industriale impostata e conferisce altresì soddisfazione per tutti i clienti che hanno scelto LITA in tutti questi anni. La qualità di esecuzione dei macchinari, la cura con cui vengono progettati e soprattutto la loro affidabilità sono un’ottima garanzia per chi deve fare un importante investimento. La progettazione di ogni singolo modello è interamente sviluppata con applicativi CAD di ultima generazione in ambiente 3D ed è in costante evoluzione e perfezionamento al fine di migliorare il prodotto, prestando comunque sempre attenzione a mantenere il prezzo di vendita competitivo. I campi di applicazione delle macchine LITA sono molto vasti. I principali sono i settori delle bevande ed alimentari, ma anche chimico, cosmetico e farmaceutico. In produzione ci sono modelli idonei per linee a bassa cadenza, generalmente utilizzati per prodotti ad alto valore aggiunto, ed altri che soddisfano le elevate capacità produttive dei

68

Novembre 2012

prodotti a largo consumo. Ritroviamo impianti LITA installati e funzionanti presso clienti di fama internazionale in tutto il mondo, sebbene il continente Europeo sia il territorio con più presenze. Attualmente quasi l’80% del fatturato è destinato al mercato estero. In particolare nel Regno Unito ed in Francia si trovano le maggiori referenze. L’impianto di palletizzazione per sacchi di pasta in pallet-box (Foto 1) installato presso un importante produttore torinese è stato specificatamente progettato per trattare sacchi di pasta da 5 kg, principalmente destinati alla ristorazione e alle comunità, in diversi formati alla cadenza produttiva di 25 sacchi/ minuto utilizzando un robot antropomorfo. Per garantire un’adeguata protezione nel trasporto, questo tipo di prodotto viene normalmente inserito in pallet-box, cioè in un grande vassoio con sponde di altezza 700mm. poggiato su pallet. Al fine di poter inserire le confezioni all’interno del contenitore alla cadenza richiesta è stata progettato un particolare sistema di presa per manipolare 2 sacchi sovrapposti per ciclo.

BEVERAGE INDUSTRY

Per ottenere questa disposizione dei prodotti, al punto di presa l’impianto è equipaggiato di un sistema di trasportatori in alimentazione su 2 livelli. È inoltre previsto un dispositivo di centratura del box per assicurarne il preciso posizionamento durante le fasi di riempimento. Il Robot di Palettizzazione Modello JOLLY (foto 2) è un portale ad assi cartesiani con 4 gradi di libertà. La meccanica completamente in alluminio, abbinata a scorrimenti su guide lineari di precisione, rendono il sistema estremamente agile, veloce e preciso. L’asta verticale è costruita con gruppo di scorrimento telescopico, che consente di effettuare corse notevoli mantenendo limitato l’ingombro in altezza. Il sistema rimane rigido anche con estensione totale, garantendo un’ottima precisione di posizionamento. Nella versione base le movimentazioni sono azionate da motori asincroni comandati tramite inverters vettoriali, con assi controllati ed encoders di posizionamento. Sono disponibili diversi dispositivi di presa, sia con aspirazione che con pinza meccanica, eventualmente attrezzati anche per la presa di interfalde e palette vuote. Velocità di produzione fino a 10 cicli / minuto, con la possibilità di effettuare prese multiple in funzione del formato in lavorazione. Nella versione più performante, realizzata con motori sincroni brushless gestiti da azionamenti digitali, raggiunge i 15 cicli/minuto.

www.tecnalimentaria.it


Filling & Packaging

Machinery & Development

Guarantee of reliability

2

T

his year, LITA has been celebrating 50 years of activity and this important anniversary is evidence of efficient industrial policy, which turns into great satisfaction to all the customers who have entrusted LITA in these years. Excellent performance, accurate design and high reliability characterising LITA machinery are excellent guarantee for anyone wanting to make an important investment. The engineering of every model is entirely developed through cutting-edge CAD in 3D environment and is constantly developed as to improve the product, always paying great attention to keep the cost competitive. LITA machinery can be used in a many sectors, such as: food and beverage, chemical, cosmetic and pharmaceutical. The company is producing models for both low capacities, which are usually used for high added value products, and high-capacity models for staple commodities. Although LITA machinery can be found on the premises of internationally renowned companies, Europe is still their major market where 80% of the company’s turnover is invested, in particular in the United Kingdom and France. Palletization plant for bags of pasta

www.tecnalimentaria.it

50 years of activity are evidence of LITA’s sound industrial policy and reliable machinery, which are a guarantee for any investment in pallet-box (photo 1), installed on the premises of an important producer of Torino, has been especially designed to handle 5-kg bags of pasta, mainly for the catering and centres, in different size and with production capacity of 25 bag/m by means of an anthropomorphous robot. To guarantee suitable protection during the transport, this product is usually placed inside a pallet-box, which is a big tray with sides 700 mm high, laid on pallets. In order to put the packages inside the container at the requested rate a special picking place has been designed to handle two overlaid bags per cycle. To perform this product positioning, the picking place is equipped with a two-level feed conveyer system. It is also possible to install a box centering device for an accurate positioning during the filling phases. The palletizing robot Mod. Jolly is a machine with a portal configuration and Cartesian axis. The mechanical parts are entirely in aluminium, combined with

BEVERAGE INDUSTRY

accurate linear sliding on guides which makes the system highly flexible, quick and accurate. The vertical rod consists of a telescopic sliding group, capable of making considerable strokes, whilst maintaining a smaller than average footprint. The system remains stiff even at total extension, ensuring an excellent positioning accuracy. In the basic version the movements are activated by asynchronous motors controlled by a vector type vector inverters, with controlled axes and positioning encoders. Different gripping devices are available, with both aspiration and mechanic pincers, also equipped for interlayer and empty pallet insertion. Production speed reaches 10 cycles per minute, with the possibility of performing multiple grips depending on the format. A faster version is also available with brushless motors and digital servo drives, with interpolated axis, capable to run at 15 cycles per minute.

Novembre 2012

69


Filling & Packaging

Science & Technology

Flessibilità è la parola magica

La flessibilità è la parola d’ordine per i produttori, in termini del contenuto liquido e del suo contenitore

70

Novembre 2012

U

na variante curiosa delle tecnologie di etichettatura e confezionamento è quella pensata dal produttore di smoothie “innocent”. Lavorando a maglia, migliaia di sostenitori in tutta la Germania hanno prodotto quasi 200.000 cappellini di lana per le bottigliette in PET dei frullati di frutta. Una bella idea di marketing, ma purtroppo non realizzabile su scala industriale, dove si parla di quasi un miliardo di contenitori di bevande all’anno, che devono essere tutti etichettati e confezionati. La confezione non è nulla senza etichetta, e viceversa. L’arte sta nell’abbinare perfettamente le due. Il consumatore si aspetta una sempre maggiore varietà di prodotti. La flessibilità è fondamentale tanto nel contenuto liquido quanto nel suo contenitore. Contemporaneamente, esperti di marketing e designer sono chiamati a creare un’immagine sempre più ricercata ed esclusiva per le confezioni. L’estetica guida infatti in larga parte i comportamenti di acquisto dei consumatori finali. Un sondaggio dell’associazione delle etichette Finat quantifica la crescita delle

BEVERAGE INDUSTRY

etichette autoadesive nella quota rilevante del 55 percento dell’intero giro d’affari delle etichette. Uno dei motivi è certamente la vastità delle applicazioni. Si possono realizzare infatti le stampe, le verniciature e persino le laminazioni più svariate, ottenendo etichette di grande pregio. Molto raffinata, ad esempio, la carta per etichette ultrapatinata, che crea effetti metallici molto vivi in grado di richiamare l’attenzione. Oppure il “No-Label-Look”, cioè l’apparente assenza di etichetta ottenuta simulando la stampa diretta della confezione. Le etichette in rotoli consentono un alto grado di automazione del processo e, grazie all’erogazione automatica, riducono i tempi di riconversione delle etichettatrici, perché non sono più necessari gruppi e accessori differenti per le diverse forme di etichette. Le macchine non vengono più sporcate dalla colla. Nella fascia alta del vino, dello spumante e della birra il No-Label-Look è sempre un forte richiamo: le etichette trasparenti aprono nuove strade al marketing di prodotto, mentre la resistenza all’umidità e all’abrasione è apprezzata dagli utilizzatori. Nell’etichettatura dei contenitori in PET tutto

www.tecnalimentaria.it


Filling & Packaging

Science & Technology

punta chiaramente verso l’etichettatura avvolgente con film plastici e l’utilizzo di “sleeve”. Con le etichette “tubolari” si può fare praticamente tutto. Anche le forme finora incompatibili con qualsiasi etichetta non rappresentano un problema per le moderne sleeve termoretraibili. Le tecniche di rivestimento più avanzate e i film più evoluti sono shrinksleeve, roll-on-shrink-on e stretch-sleeve. I film sono sempre più estensibili, la moderna stretch-sleeve ha una resistenza doppia allo stiramento, a fronte di una riduzione del consumo di materiali. Non serve più un tunnel di riscaldamento, con conseguente risparmio di energia e spazio. I sistemi di identificazione devono essere efficienti, esenti da manutenzione, economici e al tempo stesso tecnologicamente avanzati. Spesso si utilizzano sistemi al laser o a getto d’inchiostro termico, che sono in costante evoluzione, ad esempio nelle applicazioni Track&Trace per la verifica e la documentazione dei prodotti. L’identificazione mediante radiofrequenza (RFID) ha ancora costi elevati ma offre grandi potenzialità per l’inventario, la tracciabilità e la tutela dei marchi e dei prodotti. L’impiego di colle ruota attorno alla formula più adatta per ogni applicazione, secondo il tipo di contenitore, il materiale dell’etichetta e il settore. Tutto dipende dall’interazione. Flessibilità è la parola magica Cambiare prodotto premendo un pulsante, riconvertire l’impianto per diversi prodotti, formati di bottiglie e materiali, in tempi minimi. In una parola: flessibilità. Grazie a una concezione modulare, sulla stessa macchina possono operare diversi gruppi di etichettatura con colla a freddo, colla a caldo o etichette autoadesive. Diventa così possibile utilizzare diverse tecniche di incollaggio e mescolare diverse tipologie di etichette. Queste macchine vantano la massima flessibilità, sono compatte, offrono numerose opzioni di confezionamento e sono quindi molto versatili nell’utilizzo. Soprattutto quando i cambi di produzione sono frequenti, l’impiego di aggregati Plug & Label assicura un notevole incremento della redditività, come sottolinea Markus Müller di Heuft Systemtechnik: “Il costante ampliamento della gamma di confezioni e delle loro varianti richiede soluzioni compatte e flessibili con un grado elevato di automazione, capaci di applicare con grande precisione diversi tipi di etichette e di effettuare cambi di produzione velocemente impiegando poco personale e poche risorse. Gli sviluppi più recenti riguardano soprattutto processi servocomandati per l’orientamento millimetrico delle bottiglie prima dell’applicazione dell’etichetta e moduli di ispezione integrati per il controllo di qualità delle etichette già all’interno della macchina”. Il settore discute da tempo sulla fattibilità e soprattutto sull’eventuale costo di una stampa diretta delle etichette “in linea” nell’etichettatrice. A quel punto le aziende di imbottigliamento potrebbero ridurre drasticamente le scorte e produrre le etichette internamente secondo il fabbisogno. Non esiste però ancora una soluzione economicamente sostenibile per grandi volumi. La situazione cambierà presto?

www.tecnalimentaria.it

k l i M

BEVERAGE INDUSTRY

Novembre 2012

71


Filling & Packaging

Science & Technology

Flexibility is the magic word

S

moothie manufacturer “innocent” came up with a witty idea for styling its products: fans knitted little woolly hats to fit on top of its PET bottles. In Germany alone, 200,000 hats were turned out in one year. What a great marketing idea, but of course, one that’s outside the scope of large-scale industrial production of beverage containers, because the volumes involved here are around one trillion per year. Which amounts to a vast array of different labels and different designs. Packaging is nothing without a label, and of course labels are no good on their own. The art lies in getting the right combination. The consumer expects an ever greater diversity of products to choose from. So flexibility is the watchword for manufacturers, both in terms of the liquid content as well as the packaging it is presented in. For marketing experts and designers, too, the challenge is to keep coming up with an ever more distinctive, high-quality visual image for the product. Nowadays, looks count a lot in the purchasing behavior of end consumers. According to a market survey by the labeling association Finat, self-adhesive labels are now accounting for a good 55 percent of all labels used. One reason for this is the wide field of applications for them, and it is this, combined with the diversity of finishes they offer (e.g. embossed, varnished or laminated), that makes them an excellent choice for highquality labels. High-gloss label paper with a lively, metallic surface effect, for example, is sure to get noticed. Then there´s the “nolabel look”, where the content is printed directly onto the pack. Reel products in label supply systems permit continuous automation and, thanks to automated delivery, changeover times on the labeling machines are shorter, because no new handling parts are needed for the different label forms. Furthermore the machines don´t get soiled with adhesive residues. In the premium segment of wine, sparkling wine and beer, the no-label look is always an eye-catcher; in product marketing in particular the transparent labels open up new design possibilities, and the users are happy, too, as the labels are resistant to damp and wear.

72

Novembre 2012

Wine In labeling technology for PET containers, the trend is clearly towards wrap-around plastic foil and sleeve labels. Sleeve labels work on virtually everything. Even container shapes that were previously considered impossible to label are no longer a problem for modern shrink sleeves. The latest finishing techniques and improved foils are shrink sleeves, roll-on, shrink-on and stretch sleeves. The foils are ever stretchier, modern stretch sleeves have twice the stretch capacity as before, and less material is needed to manufacture them. So there’s no longer any need for a shrink tunnel. That saves energy and space. Identification systems should be efficient, low on maintenance, cost-effective and yet of the highest technological level. Often laser and thermo-inkjet-based systems are

BEVERAGE INDUSTRY

used, and these are improving all the time, for example with the addition of track&trace features for continuous monitoring and documentation of the products. RFID (radio-frequency identification), despite its still high cost, offers great potential in stocktaking, traceability and brand and product protection. When using adhesives, the emphasis is on getting the right concept for each individual application, depending on container type, label material and sector. And the secret of success lies in getting the right combination. In the halls at Flexibility is the magic word Batch changes at the press of a button, easy switch-overs for filling different products, bottle formats and materials with few modification parts – in a word, flexibility is what´s wanted. A modular design enables various labeling units to be run on a single machine – for cold-melt, hotmelt or adhesive labeling. This facilitates the job of switching between different adhesion techniques and it makes it easier to combine different types of label. These modular machines deliver maximum flexibility, are space saving, can cope with many different requirements, and as such are suitable for multiple applications. In particular when lines are changed often, these machines boost cost-efficiency tremendously, thanks to plug & label units. Markus Müller, Heuft Systemtechnik, explains: “The ever increasing diversity in beverages packaging and packaging styles is demanding compact, flexible solutions that are highly automated, highprecision solutions for applying different types of label and for rapid changeovers that save on personnel and material costs. There is a trend towards camera based, servo-controlled processes for millimeterprecise fine alignment of bottles before label application and integrated inspection modules to check quality even while the containers are still in the machine.” For some time now the sector has been debating whether printing the labels “inline”, i.e. in the labeling machine, is possible and in particular whether it would be economic. Because then all fillers would be able to reduce their stocks and produce their labels themselves, as required. As yet there are no truly economic solutions for large batches. Will this be changing soon?

www.tecnalimentaria.it

Source: Messe München Press Office

Flexibility is the watchword for manufacturers, in terms of both the liquid content and the packaging it is presented in


Filling & Packaging

Machinery & Development

Emballage 2012... solo innovazioni!

La nuova tecnologia P.E. LABELLERS garantisce la libertà totale di una macchina senza vincoli

P

.E. LABELLERS presenterà la novità del 2012, l’evoluzione della classica etichettatrice modulare; l’unica etichettatrice che vi lascia liberi di decidere quali stazioni di etichettatura installare, quando installarle (prima, durante o dopo l’acquisto) e se installarle fisse o modulari. Moduli su ruote e stazioni fisse su penisola sono ovviamente disponibili per tutte le tecnologie: colla a freddo, colla a caldo, autoadesive (anche non-stop) e da bobina. Insomma questa nuova etichettatrice vi garantisce la libertà totale di una macchina senza vincoli! Allo stand di P.E. LABELLERS (Pad. 4 – stand D 023) avrete la possibilità di vedere entrambe le versioni disponibili: la prima, top della gamma, per alte velocità e l’altra per basse velocità. In quest’occasione sarà presentato anche il nuovo modello di etichettatrice autoadesiva lineare Packlab, per basse velocità, adatta all’applicazione di due etichette (corpo e retro) su contenitori rettangolari, ellittici e piramidali. www.pelabellers.it – www.packlab.it PackLab – Easy

Emballage 2012... only innovation! P .E. LABELLERS will present its 2012 novelty, the evolution of the classic modular labeller, a state-of-the-art equipment allowing its users to decide which labelling station to install, when to install it (before, during or after its purchase) and whether to install labelling units as fixed or modular fittings. Carts and fixed stations are available for any kind of technology: cold glue, hot-melt, self-adhesive (also non-stop) and roll-fed equipments. Modular is a non-binding labeller assuring its users absolute freedom! At P.E. LABELLERS’ booth (Hall 4 – booth D 023), you can see both versions of the machine available: the first one, top of range, for high production speeds and the other one for low speed. P.E. LABELLERS will also present the new linear self-adhesive Packlab labeller, expressively studied for low production speeds, suitable to apply two labels (front and back) on rectangular, elliptical and pyramidal shaped containers. www.pelabellers.it – www.packlab.it

74

Novembre 2012

New P.E. LABELLERS technology guarantees a non-binding labeller assuring its users absolute freedom

P.E. Labellers – Modular Plus

HALL 4 STAND D 023

BEVERAGE INDUSTRY

www.tecnalimentaria.it


&

LINEARI

ROTATIVE

Grazie ad una vasta gamma di etichettatrici rotative P.E. Labellers e lineari autoadesive PackLab vi oriamo le migliori soluzioni di etichettatura per qualsiasi forma e dimensione, per qualsiasi velocità, per qualsiasi prodotto, con tutte le tecnologie a disposizione:

Colla a freddo

Colla a caldo

Autoadesivo

CHOOSE THE SPECIALIST

STAND 4 D 023

Roll-fed

Sistemi Print & Apply

P.E. LABELLERS S.p.A

PACKLAB SRL

pelabellers@pelabellers.it www.pelabellers.it

info@packlab.it www.packlab.it


Filling & Packaging

Machinery & Development

A

i piedi delle splendide Dolomiti del Brenta, in provincia di Trento, sorge lo stabilimento Surgiva nel quale Acmi ha recentemente completato la fornitura di una serie di robot modello Condor inseriti all’interno di una linea vetro a rendere da 30.000 bottiglie all’ora con produzioni da 0,5, 0,75 e 1 litro. L’inserimento dei robot dimostra la grande versatilità di questa macchina che raggiunge il massimo dell’efficienza grazie alle testate di presa progettate da Acmi. In particolare Acmi ha installato presso lo stabilimento Surgiva quattro robot Condor, due all’inizio della linea con funzioni di depalettizzazione e deincassettamento e due alla fine con funzione di incassettamento e di palettizzazione. I quattro robot sono stati forniti e installati in tempi diversi e sono andati a sostituire progressivamente le tradizionali incassettatrici, meno flessibili e performanti. Infatti, una linea costituita dal robot Condor anziché dalla più tradizionale incassettatrice, presenta notevoli vantaggi sia in termini di spazio occupato che di affidabilità. Inoltre, la facilità di passare da un formato all’altro in maniera completamente automatica e la possibilità d’implementazione di nuovi formati senza la necessità di modifiche meccaniche, fanno di questa macchina un interessante investimento a mediolungo termine, senza tralasciare che le operazioni di manutenzione sono molto ridotte. Nel dettaglio la linea installata a Surgiva si compone di un primo robot con capacità di 450 kg che deimpila le casse contenenti le bottiglie vuote e di un secondo robot deincassettatore che estrae 48 bottiglie per ciclo e le trasferisce sui nastri Acmi. A questo punto le bottiglie attraversano tutti i processi tipici di una linea d’imbottigliamento per raggiungere gli ultimi due robot Condor che si occupano del processo di confezionamento, il terzo robot è un incassettatore con una velocità di 4 casse per ciclo dotato di un intelligente sistema d’ingresso antipressione per preservare etichette e bottiglie, mentre l’ultimo si occupa del ciclo di palettizzazione e prepara il prodotto per lo stoccaggio a magazzino e la successiva spedizione. Tutti i robot sono gestiti da un pannello di controllo di facile utilizzo e, per la loro disposizione all’interno della linea, possono essere seguiti da un solo operatore.

Il caso Surgiva La grande flessibilità del robot multifunzione Condor, che raggiunge il massimo dell’efficienza grazie alle testate di presa progettate da Acmi

Robot decassettatore in primo piano e depalettizzatore in secondo piano Robot decrater on the forefront and depalletiser in the back ground

76

Novembre 2012

BEVERAGE INDUSTRY

www.tecnalimentaria.it


Filling & Packaging

Machinery & Development

The Surgiva experience

Vista complessiva dei quattro robot, partendo da sinistra: palettizzatore, depalettizzatore, deincassettatore, incassettatore Overview of the four robots, starting from the left: palletiser, depalletiser, decrater, crater

A

t the foot of the splendid Brenta Dolomites, in the Province of Trento (Italy), you will find the Surgiva plant where Acmi has recently completed the supply of a series of Condor robots on a returnable glass line with a production speed of 30.000 bottles per hour handling 0.5, 0.75 and 1 Lt bottles. The insertion of the robots demonstrates the great versatility of these machines which reach the maximum levels of efficiency thanks to the gripping heads constructed by Acmi. In this installation Acmi supplied four Condor robots, two at the beginning of the line with the function of depalletising and decrating and two at the end of the line with the function of crating and palletising. The four machines were supplied and installed in different moments of time and replaced the traditional less flexible and less performing crater machines. In fact, replacing the traditional machines with the Condor robot the line gained advantages both in terms of reliability and space occupied. Furthermore, the simplicity of switching from one format to another in a completely automatic way

www.tecnalimentaria.it

along with the possibility of implementing new formats without the need of any mechanical modifications makes this machine an interesting medium-long term investment, without forgetting that the maintenance operations required are reduced to a minimum. The line installed at Surgiva comprises a first robot with a capacity of 450 kg which unloads the crates containing empty bottles and the second robot extracts 48 bottles per cycle and transfers them directly to the Acmi conveyors. At this stage the bottles pass on to all the other typical phases of a bottling line until reaching the last two Condor robots, a crater with a production speed of 4 crates per cycle equipped with an intelligent pressure less infeed system to safeguard the labels and bottles, and the last one that has the task of palletising and preparing the product for storage at the warehouse. All of the robots are commanded by an easy to use “touchscreen� control panel and thanks to their positioning inside the line may be run by a single operator.

BEVERAGE INDUSTRY

The great flexibility of the multifunction Condor robot, which reaches the maximum levels of efficiency thanks to the gripping heads constructed by Acmi

Novembre 2012

77


Filling & Packaging

Machinery & Development

Progetti e performance C d’avanguardia

Cidiesse Engineering mette ogni giorno conoscenza e innovazione a disposizione del cliente

Elevatori Verticali Vertical Elevators

idiesse Engineering dal 1976 progetta e realizza impianti di movimentazione interna destinati ai settori chimico, farmaceutico, ceramico, agrario, lattiero caseario, alimentare, delle bevande e dell’editoria. Elevatori verticali, elevatori-trasportatori a tazze, nastri a tappeto e modulari, tavoli rotanti, trasportatori con deviatori. Esperienza e professionalità hanno condotto Cidiesse Engineering a realizzare sistemi che, per qualità dei materiali costruttivi, attenzione nei particolari progettuali e prestazioni, si distinguono nettamente nei mercati di riferimento. Gli Elevatori Verticali sono dedicati a svariati settori merceologici: chimico ed editoriale, delle mense, della ceramica, delle bevande, alimentare, lattiero-caseario, ecc. Questi sistemi movimentano il prodotto verso l’alto e verso il basso, si differenziano per le cadenze elevate e sincronizzate che possono raggiungere anche le 1.500 unità di carico/ora. Gli Elevatori a tazze Cidiesse sono progettati per il trasporto di prodotti fragili, granulati, polverosi, appiccicosi, mantengono l’integrità ed evitano contaminazione e perdite. Sono provvisti di una o più stazioni di carico e scarico. Di concezione progettuale evoluta, possono adattarsi alle svariate esigenze logistiche del cliente. I Tavoli rotanti, a velocità fissa o variabile, possono essere provvisti di riduttore su richiesta del cliente. L’utilizzo di acciaio speciale Aisi 304 garantisce la massima sicurezza per l’impiego nei settori alimentare e lattiero-caseario. I Nastri a Tappeto e Modulari sono trasportatori piani, inclinati, provvisti di deviatori, costruiti con la massima attenzione alle esigenze di pulizia e manutenzione ordinaria. Affidabili, modulari, sono adattabili al trasporto di qualsiasi prodotto di cui rispettano caratteristiche e particolarità. Dal singolo elemento all’impianto di movimentazione completo Cidiesse Engineering studia a fianco dei clienti le soluzioni più adeguate alle esigenze normative, industriali e logistiche. Uno staff di tecnici e progettisti di affermata professionalità mette ogni giorno conoscenza ed innovazione a disposizione del cliente.

Cutting edge design and performance C idiesse Engineering has been designing and producing internal conveying equipment since 1976; the systems are especially conceived and particularly used in the chemical, pharmaceutical, ceramic, agricultural, milk and dairy sectors as well as in the food and beverage industry and publishing trade. Vertical elevators, bucket elevatorsconveyers, belt and modular conveyers, revolving tables, conveyers with deviators. Thanks to its remarkable experience gained over the years and the use of high-quality materials, Cidiesse Engineering can produce systems which are highly appreciated for their design and performances. The Vertical Elevators are especially studied to be used in the chemical and publishing

78

Novembre 2012

sectors, canteens, ceramics, food and beverage industry, milk and dairy fields, etc. These systems move the products upwards and downwards. They are characterised by high speed and synchronized blows reaching up to 1,500 loading units/hour. Cidiesse’s Bucket Elevators, especially designed for the transport of fragile, granulated, powder and sticky products, can keep products unaltered and prevent contamination and leakages. They are supplied with one or more loading and unloading stations. Thanks to their modern design, they can be adapted to the different logistic needs of every single client. The Revolving Tables, with variable or fixed speed, can be supplied with a speed reducer on request. The frame in Aisi 304 stainless

BEVERAGE INDUSTRY

Cidiesse Engineering puts its know-how and innovative ideas at customers’ disposal steel, ensures safe use in the food industry, and milk and dairy sector. The Belt and Modular conveyers are flat, inclined conveyers equipped with deviators; they are built with utmost attention to the cleaning needs and ordinary maintenance. Reliable and modular, they convey any kind of product whose characteristics and features are always respected. From single elements to complete conveying systems, Cidiesse Engineering studies, together with its clients, the most appropriate solutions in compliance with the standard regulations and according to the industrial and logistic requirements. A specialized staff of technicians and designers is always at the client’s disposal to offer know-how and innovative ideas.

www.tecnalimentaria.it


HALL 5a STAND B 034


Filling & Packaging

Machinery & Development

Risparmiare tempo e denaro nel cambio formato CRM Engineering fa tesoro della grande esperienza maturata nel settore del packaging e si specializza nel campo dell’imbottigliamento

L

’azienda CRM Engineering è nata nel 1985 e nel corso degli anni ha maturato numerose esperienze nel settore del packaging specializzandosi nel campo dell’imbottigliamento. L’azienda è sempre stimolata a guardare al futuro investendo continuamente in personale, macchinari ed attrezzature con l’obiettivo di fornire un servizio efficace ed efficiente ai propri clienti contando esclusivamente sulle proprie risorse interne. Utilizzando software CAD 3D/CAM e CNC(3-4-5 assi) per la progettazione e la successiva realizzazione, CRM Engineering è grado di offrire al cliente un servizio completo di cambio formato su linee di imbottigliamento per la veicolazione dei contenitori; partendo dalla sciacquatrice sino all’etichettatrice (colla a freddo o colla a caldo), garantendo qualità e costi contenuti. CRM Engineering costruisce motorizzazioni per coclee in funzione delle specifiche del cliente per qualsiasi applicazione. La CRM, al proprio interno, è dotata di un reparto specializzato nella costruzione di strutture antinfortunistiche per i macchinari del settore. Realizza barriere o pannelli perimetrali con lastre trasparenti e reti metalliche elettrosaldate. Esegue la sostituzione di lastre e porte in cattivo stato. Progetta e costruisce tunnel e coperture per nastri trasportatori in tutti materiali. Progetta e realizza di porte saliscendi scorrevoli o a battente studiando l’applicazione che meno penalizza lo svolgersi delle operazioni di intervento sulla macchina rispettando le vigenti norme di sicurezza. Con un campione del formato (bottiglie, flaconi, etc.) e qualche ora di rilievi sulle vostre linee CRM Engineering può fornirvi un completo upgrade della linea di imbottigliamento. CRM Engineering vi aspetta on line con il nuovo sito aggiornato www.crmengineering.it

80

Novembre 2012

BEVERAGE INDUSTRY

www.tecnalimentaria.it


Filling & Packaging

Machinery & Development

Time and money saving in change of format

S

ince its foundation in 1985, CRM Engineering has gained remarkable experience in the packaging industry and specialized in the bottling sector. The company is always future oriented and invests in manpower, machinery and equipment with the aim to provide its customers with sound and efficient service relying only on its internal resources. Thanks to 3D CAD/CAM and CNC (3-4-5 axles) design and manufacture, CRM Engineering can offer its customers an allround service inclusive of change of format for bottling lines in order to handle containers; starting from rinsing machines right through labeling machines (cold-glue and hot-melt), the company guarantees quality and inexpensive costs. CRM Engineering builds screws for any applications and upon customer’s requirements. CRM in-house specialized department manufactures accidentprevention structures to be installed in the machinery of the sector. In addition, it also builds perimetric barriers and boards with transparent plates and electro-welded metal nets. After studying the application that least hampers operators’ interventions and fully respects the safety norms in force, the company designs and manufactures up and down sliding doors or casement doors. With a sample of the format (bottles, phials, etc.) and a few hours of study on your lines, CRM Engineering can provide a complete upgrade of the bottling line. Y ou can vis it C RM Engi ne e ri ng ne w up d a t e d w e bsi te w ww.crmengineering.it

CRM Engineering treasures its extensive experience gained in the packaging industry and specializes in the bottling sector

ENGINEERING S.R.L.

visitate il nostro nuovo sito:

www.crmengineering.it www.crmengineering.it


Filling & Packaging

Machinery & Development

Modularità di progetto e flessibilità di uso soddisfano ogni esigenza di etichettatura

Un partner affidabile per l’industria del beverage: Makro Labelling, tecnologia italiana apprezzata nel mondo

L

’industria del beverage sa che da tre anni può contare su un partner di grande affidabilità tecnologica e commerciale. E’ Makro Labelling s.r.l., azienda di Marmirolo (Mantova) che opera nel campo delle macchine etichettatrici industriali, rivolte ai settori beverage, alimentare e della detergenza. Azienda certamente giovane, ma che ha tra i suoi punti di forza l’esperienza anche trentennale nel settore dei suoi cinque soci: Massimo Manzotti, responsabile dell’area commerciale, Cesare Lavarini, responsabile della produzione assieme al figlio Luca, Simone Marcantoni, progettista elettronico, Marco Bellini, progettista meccanico, Stefano Ghizzi, responsabile degli acquisti e del gestionale ricambi. Questi tre anni di vita sono stati caratterizzati, oltreché dalla messa a punto di tecnologie d’avanguardia, dallo sviluppo internazionale della rete di vendita e di assistenza. Le ultime acquisizioni vedono Newmapak

82

Novembre 2012

Ltd di Montreal, Canada, quale nuovo agente di Makro Labelling per il Nord America, che garantirà, oltre alla vendita, un servizio tecnico proprio. Ha già installato la prima macchina MAK 0 4PUA1L1CO, per l’applicazione di etichette semiavvolgenti autoadesive, presso la ditta L.B. Maple Treat Inc. di Granby, Quebec, Canada. Ancora, Pec Prospero ha commissionato e installato un’altra macchina presso la ditta Royal Kedem a Baionne, New Jersey, Stati Uniti; è una Mak 3 con 16 teste di applicazione hot melt per etichette avvolgenti su bottiglie in plastica e con due gruppi a colla a freddo per applicazione etichette e retro etichette; questa etichettatrice è dotata, inoltre, di un sistema di orientamento ottico per la centratura delle bottiglie in plastica con impugnatura. Da ultimo, Costa Enterprise di Adelaide, Australia, già da qualche mese è entrata a far parte della famiglia Makro Labelling e seguirà il mercato dell’Australia e della Nuova Zelanda, garan-

BEVERAGE INDUSTRY

tendo ai clienti un diretto servizio tecnico. Sono queste solo le ultime puntate di una presenza internazionale consolidata, che vede le apparecchiature progettate e prodotte dall’azienda di Marmirolo richieste e apprezzate in Francia, Inghilterra, Portogallo, Spagna, Russia, Ucraina, Sud Africa, Giappone, Taiwan e Australia, oltreché in Italia. In particolare, il mercato inglese è supportato da una filiale diretta Makro Labelling, la Makro UK, a Burton on Trent, nella contea inglese dello Staffordshire. Oltre cento sono le macchine prodotte e consegnate nel mondo nei tre anni di attività dell’azienda di Marmirolo, per un fatturato 2011 di 6 milioni di euro, con una previsione d’incremento 2012 non minore del 20%. Modularità e quindi flessibilità di esercizio sono i vantaggi più riconosciuti alle macchine Makro Labelling, capaci di lavorare da 2.000 a 36.000 bottiglie all’ora, con etichettatura fino a cinque elementi per bottiglia. Interamente in acciaio inox o con trattamenti industriali anticorrosione, le strutture costruttive adottate garantiscono la massima igiene e la miglior durata nel tempo delle apparecchiature. Otto sono i modelli delle macchine etichettatrici, da Mak0 a Mak7; tre i modelli delle unità di etichettaggio, Mak AN, AS e AHS; sette i modelli delle unità a colla a freddo, le Mak G, oltre alla nuovissima unità Hot Melt.

www.tecnalimentaria.it


Filling & Packaging

Machinery & Development

Project modularity and flexible use satisfy every labelling need

T

he beverage industry knows that, for three years now, it has been able to count on a highly reliable technological and commercial partner: Makro Labelling s.r.l., a company from Marmirolo (Mantua), which works in the industrial labelling machine field, aimed at the beverage, food and detergent sectors. Makro Labelling is undoubtedly a young company, but its strengths include the extensive experience, in some cases thirty years, in the sector of its five partners: Massimo Manzotti, commercial manager, Cesare Lavarini, production manager, along with his son Luca, Simone Marcantoni, head of electronic design, Marco Bellini, head of mechanical design, and Stefano Ghizzi, head buyer and spare parts manager. These three years of life have been characterised not only by the perfection of advanced technologies, but also by the international development of the sales and assistance network. The latest acquisitions include Newmapak Ltd of Montreal, Canada, as Makro Labelling’s new agent for North America, which will guarantee not

www.tecnalimentaria.it

only sales but a company technical service. The first MAK 0 4PUA1L1CO machine for the application of semi-winding selfadhesive labels has already been installed at L.B. Maple Treat Inc. of Granby, Quebec, Canada. Pec Prospero has commissioned and installed another machine at Royal Kedem in Baionne, New Jersey, USA. It is a Mak 3 with 16 hot melt application heads for wrapping labels on plastic bottles and with two cold glue units for the application of labels and back labels. This labelling machine also has an optic orientation system for centring plastic bottles with a handle. Last, but not least, Costa Enterprise of Adelaide, Australia, joined the Makro Labelling family several months ago and will take care of the market in Australia and New Zealand, guaranteeing customers a direct technical service. These are just the latest events to characterise the company’s consolidated international presence, in which the equipment designed and built by the Marmirolo-based company is in demand and greatly appreciated in France, the United Kingdom, Portugal,

BEVERAGE INDUSTRY

A reliable partner for the beverage industry: Makro Labelling, Italian technology appreciated worldwide

Spain, Russia, Ukraine, South Africa, Japan, Taiwan and Australia, as well as in Italy. In particular, the UK market is supported by a direct branch of Makro Labelling, Makro UK, in Burton on Trent, in the English county of Staffordshire. In the three years of activity of the company from Marmirolo, over one hundred machines have been built and delivered all over the world, with turnover for 2011 reaching 6 million euros and increases in 2012 forecast to be at least 20%. Modularity and therefore flexible operation are the major advantages of Makro Labelling machines, capable of handling between 2,000 and 36,000 bottles an hour, with the application of up to five labels per bottle. Made entirely of stainless steel or with industrial anti-corrosion treatments, the structures used guarantee the utmost hygiene and best duration of the equipment in time. There are eight models of labelling machines, from Mak0 to Mak7; three models of labelling units, Mak AN, AS and AHS; seven cold glue unit models, the Mak G, and the brand new Hot Melt unit.

Novembre 2012

83


Filling & Packaging

Marketing & Strategy

“Raccogli la plastica, semina il futuro” Ecco il messaggio che Levissima Issima vuole trasmettere ai bambini per sensibilizzarli a una corretta gestione della raccolta differenziata del PET

C

on 27 bottiglie di plastica è possibile creare un fantastico maglione e con solo 20 una morbidissima trapunta; il PET è un materiale prezioso perché 100% riciclabile e il contributo di ciascuno è importante per dare nuova vita alla plastica. Ecco il messaggio che Levissima Issima, l’acqua minerale che sgorga dai ghiacciai della Valtellina, vuole trasmettere ai bambini delle scuole primarie italiane, per sensibilizzarli ad una corretta gestione della raccolta differenziata del PET. E’ questo l’obiettivo del progetto “Raccogli la plastica, semina il futuro” intrapreso da

84

Novembre 2012

Levissima Issima, acqua del Gruppo Sanpellegrino, in collaborazione con Giunti Progetti Educativi e le aziende di igiene urbana preposte alla raccolta dei rifiuti nelle città di Milano, Sondrio e Firenze, primi comuni coinvolti nell’iniziativa. Prende così il via la R-Generation ovvero la generazione del riciclo, rispettosa dell’ambiente in quanto fonte del proprio benessere. La campagna educativa rientra in un più ampio progetto di responsabilità sociale promosso dal Gruppo Sanpellegrino, volto a sensibilizzare l’opinione pubblica ad una corretta gestione dei rifiuti, da considerare non più

BEVERAGE INDUSTRY

come ingombri da smaltire, ma come vere e proprie risorse. Il packaging riveste un ruolo cruciale per un’azienda come il Gruppo Sanpellegrino, in quanto rappresenta la ‘cassaforte’ che permette di far giungere sulle tavole dei consumatori l’acqua minerale, pura proprio come sgorga dalla sorgente. Il PET, materiale di cui sono costituite le bottiglie, grazie alla sua leggerezza e resistenza, è in grado di preservare tutte le proprietà dell’acqua minerale ed è al tempo stesso amico dell’ambiente, perché riciclabile al 100%. Grazie a questa sua speciale caratteristica, se smaltita e riciclata correttamente, la bottiglia in PET torna a vivere trasformandosi in tante altre cose: un maglione, una trapunta, ma soprattutto... un’altra bottiglia! Nel 2011 il Gruppo Sanpellegrino ha così deciso di affiancare Amsa in occasione del ‘Mese del Riciclo della Plastica’ a Milano, per spiegare ai cittadini cosa succede a una bottiglia di plastica che viene riciclata, e con la stessa finalità ha coinvolto i bambini delle scuole primarie italiane nel concorso ‘Storia di una bottiglia’. Non buttare via le bottiglie in plastica! Raccoglile, schiacciale e portale a scuola, nell’apposito contenitore. Questo l’invito che il Gruppo Sanpellegrino rivolge ai bambini delle scuole che si sfideranno tra loro per vincere bellissimi premi di utilità per la scuola stessa realizzati in plastica riciclata, assegnati alle 3 scuole che raccoglieranno più PET. “Evitare gli sprechi e fare una corretta raccolta differenziata sono i messaggi chiave che verranno veicolati tramite questa allegra competizione scolastica che rappresenta un gioco, ma anche un primo passo per un’educazione al rispetto e alla salvaguardia del nostro pianeta. Come primo player del mercato italiano, è nostro dovere sottolineare l’importanza che i gesti della vita quotidiana possono avere sull’ambiente circostante e guidare i cittadini, fin da piccoli, nel riciclo della plastica” afferma Daniela Murelli, Direttore Corporate Social Responsibility del Gruppo Sanpellegrino. Il concorso rientra tra le attività educative che il Gruppo Sanpellegrino promuove nei confronti delle nuove generazioni, tra cui WET (Water Education for Children), un progetto internazionale nato con l’obiettivo di educare i bambini ad un consumo consapevole dell’ACQUA. Ad oggi WET, sposato da Nestlè Waters, è stato introdotto in 50 Paesi, coinvolgendo oltre 20 milioni di bambini. In Italia, giunto alla sua sesta edizione, è promosso nelle scuole dal Gruppo Sanpellegrino e ha visto, dal 2006 ad oggi, il coinvolgimento di più di 6.000 istituti e la distribuzione di 20.000 kit educativi, con adesioni in crescita di anno in anno. L’importanza dell’acqua, promossa dal progetto WET, così come la tutela dell’ambiente a partire da una corretta gestione dei rifiuti, sostenuta dal concorso “Raccogli la plastica, semina il futuro”, sono due temi che il Gruppo Sanpellegrino vuole portare all’attenzione dei più piccoli esortandoli a preservare le preziose risorse che la natura ci offre.

www.tecnalimentaria.it


Filling & Packaging

Marketing & Strategy

Collect plastic and sow the future This is the message that Levissima Issima wants to convey as to make children aware of correct separate collection of PET waste

I

t is possible to make a good jumper with 27 plastic bottles, while with just 20 we can make a soft duvet. PET is a precious material as it can be 100% recycled and anyone of us can help to give plastic a new life. This is the message that Levissima Issima, the mineral water flowing from Valtellina glaciers, wants to convey to pupils of Italian elementary schools, since it aims to make them aware of correct separate collection of PET waste. This is the main goal of the project “Collect plastic, sow the future” started by Levissima Issima, Gruppo Sanpellegrino water, in cooperation with Giunti Progetti Educativi and the companies in charge of urban hygiene operating the separate collection of waste in Milan, Sondrio and Florence, the first ones to be directly involved in this initiative. The R-Generation, where “R” stands for recycle, gets started to respect the environment as it is the source of our wellbeing. This education campaign is part of a broader project of social responsibility promoted by SanPellegrino Group which aims to make people aware of correct disposal of wastes, which have to be understood as real resource rather than a heap of things to be thrown away. Packaging has a crucial role within

www.tecnalimentaria.it

SanPellegrino Group since it is a sort of “safe” that enables the mineral water to reach the tables of consumers as perfect as it flows from the spring. Owing to its lightness and sturdiness, on the one hand can PET preserve the properties of water perfectly well while on the other hand it is also eco-friendly since it is 100% recyclable. Thanks to this special characteristic, PET bottles can have new life – provided that they are correctly disposed and recycled – and be transformed into other products, such as a jumper, a duvet, or and above all...another bottle. In 2011, SanPellegrino Group decided to cooperate with Amsa on occasion of the “Month of Plastics Recycle” in Milan, when the recycling process was explained to local citizens; later on, on the same terms, children of elementary schools were involved in “Story of a bottle” competition. Do not throw away plastic bottles! Collect, crash and bring them to school where they can be disposed in the right container. This is SanPellegrino Group’s invitation addressing pupils who will compete to win fine and useful prizes made in recycles plastics. The 3 prizes will be given to those schools that will collect more PET. “Avoid wasting and trying making correct separate collection of wastes are the two key messages conveyed by

BEVERAGE INDUSTRY

this school competition, which has to be seen as a play but also as a first step toward respect and safeguard of our planet. Being the major player of Italian market, not only must we underline the importance that our ordinary attitude can affect our environment, but we will also guide people, since their early age, toward plastics recycle”, says Daniela Murelli, Corporate Social Responsibility Manager of SanPellegrino Group. This competition is one of the educational activities carried out by SanPellegrino to help new generations; we can also name WET – Water Education for Children, an international project started with the goal of educating children to reasonable consumption of Water. WET, endorsed by Nestlé Waters, has been so far introduced in 50 Countries, involving some 20 million children. Since 2006, this project has been promoted is schools by SanPellegrino Group in Italy and it has involved more than 6,000 schools and distributed 20,000 education kits so far. The importance of water, promoted by WET project, and environmental protection starting from a correct disposal of wastes, carried out by “Gather plastics, sow the future” project are two issues with which SanPellegrino Group intends to draw children’s attention toward the preservation of precious natural resources.

Novembre 2012

85


Filling & Packaging

Machinery & Development

Acetum e Bortolin Kemo: partner nella qualità

Bortolin Kemo S.p.A. C.so Lino Zanussi, 34/B 33080 Porcia (PN) Tel. +39 0434 922010 www.bortolinkemo.com sales@bortolinkemo.com Skype: BORTOLINKEMO

Tra Acetum e Bortolin Kemo prosegue e si rafforza la collaborazione per la fornitura di impianti dalla depallettizzazione delle bottiglie vuote fino al confezionamento del prodotto imbottigliato

D

al costante aumento delle vendite e dalla conseguente necessità di dotarsi di impianti funzionali all’incremento dei volumi prodotti, prosegue la collaborazione tra Acetum e Bortolin Kemo per la fornitura di nuovi impianti completi dalla depallettizzazione delle bottiglie vuote fino al confezionamento del prodotto imbottigliato. Acetum, con sede a Motta di Cavezzo (MO) è, sin dalla sua fondazione, specializzata nella produzione di Aceto Balsamico di Modena di qualità. Oggi Acetum è leader di mercato nell’aceto balsamico di Modena, sia in termini di fatturato che di volumi. Alla base del suo successo commerciale sta la cura per l’assoluta qualità del prodotto: tutta la produzione viene effettuata secondo antiche ricette e con la supervisione di un moderno laboratorio interno che ne garantisce il rispetto dei più alti standard qualitativi. Un’elevata qualità del prodotto non può prescindere dalla disponibilità di impianti

86

Novembre 2012

altamente affidabili: per questo motivo Acetum ha scelto di affidarsi all’esperienza di Bortolin Kemo S.p.A., leader nella fornitura di impianti chiavi in mano per l’imbottigliamento e il confezionamento dei prodotti nei più svariati settori. “Mentre prima del 2000 le linee funzionavano con il carico delle bottiglie sulle macchine e lo scarico dei cartoni interamente manuali, con la crescita della produzione è nata la necessità di dotarci di linee veloci e automatiche”, spiega Marco Bombarda, Amministratore di Acetum. “Dopo aver passato al vaglio diversi fornitori, abbiamo optato per Bortolin Kemo e ci riteniamo completamente soddisfatti della nostra scelta”. Bortolin Kemo si è occupata della fornitura degli impianti di depalettizzazione, incartonamento e palettizzazione nonché della progettazione, automazione e fornitura dei nastri di trasporto bottiglie e cartoni per tutta

BEVERAGE INDUSTRY

la linea, garantendo l’integrazione e la gestione automatica di tutte le macchine dell’impianto. I macchinari prodotti da Bortolin Kemo garantiscono infatti una gestione flessibile e efficiente di diversi formati di cartoni, bottiglie, casse e pallet, con tempi di cambio formato molto ridotti. La gamma di macchinari prodotti da Bortolin Kemo comprende depalettizzatori, formatrici di cartoni, incartonatrici e incassettatrici, inseritrici di alveari, sigillatrici di cartoni, palettizzatori e nastri trasportatori. L’azienda realizza inoltre impianti completi chiavi in mano, integrando la propria produzione con macchinari per l’imbottigliamento, l’etichettatura e la tappatura acquistati da partner di fiducia o direttamente dai clienti stessi. Per maggiori informazioni contattate Bortolin Kemo al n. +39 0434 922010 o via mail all’indirizzo sales@bortolinkemo.com.

www.tecnalimentaria.it


Filling & Packaging

Machinery & Development

Acetum and Bortolin Kemo: partner in quality

The partnership between Acetum and Bortolin Kemo has been developed for the supply of machines from empty glass bottle depallettizing to bottled product packaging

D

ue to the constant growth in sales and the consequent need to adopt technologies suitable to the increase of the production, the partnership between Acetum and Bortolin Kemo has been developed for the supply of machines from empty glass bottle depallettizing to bottled product packaging. Acetum, with headquarters in Motta di Cavezzo (Modena), has specialized, since its foundation, in the production of high quality Balsamic Vinegar of Modena. Nowadays, Acetum is leader in the Balsamic Vinegar of Modena market, both in turnover and in volumes. Primary in its success is the attention for the absolute quality of the product: the whole production is made following ancient recipes, with the supervision of a modern internal laboratory that guarantees the highest quality standards. A high product quality is consequence of the availability of highreliability machinery: that’s why Acetum has chosen to rely on the experience of Bortolin Kemo S.p.A., leader in the supply of bottling and packaging turn-key lines in the most different industrial sectors. “Before year 2000, our lines used to operate with manual loading of bottles and unloading of cartons. But, due to the growth of our production, the need to dispose of automatic high-speed lines arose” explained Marco Bombarda, Managing Director of Acetum. “After evaluating many suppliers, we decided to select Bortolin Kemo, and we are completely satisfied with our choice”. Bortolin Kemo managed the supply of the depallettizing, packing and pallettizing technologies as well as engineering, automation and supply of bottle and carton conveyors for the whole line, ensuring in this way integration and full automation of every machine along the line. Indeed, Bortolin Kemo’s machines are able to ensure a flexible and efficient processing of different sizes and types of cartons, bottles, crates and pallets with minimum changeover timing. Bortolin Kemo’s product range includes depalletizers, case erectors, case and crate packers, partition inserters, case sealers, palletizers and conveyors. The company also realizes complete turn-key lines, implementing his solutions with bottling, labeling and capping machines which are purchased from trusted partners or directly by the clients. For more information contact Bortolin Kemo at +39 0434 922010 or via e-mail at sales@bortolinkemo.com.

Bortolin Kemo S.p.A. C.so Lino Zanussi, 34/B 33080 Porcia (PN) Tel. +39 0434 922010 www.bortolinkemo.com sales@bortolinkemo.com Skype: BORTOLINKEMO

www.tecnalimentaria.it

BEVERAGE INDUSTRY

Novembre 2012

87


Filling & Packaging

Science & Technology

La prossima rivoluzione industriale in Europa L ’ultima comunicazione della Commissione Europea sulla politica industriale fa presente che i prodotti a base biologica stanno innescando una crescita sostenibile e creando posti di lavoro. “L’industria delle bioplastiche rappresenta un settore importante del mercato dei prodotti a base biologica, e la nostra industria sta giocando una parte importante nel modellare questo secolo con processi industriali basati su materie prime rinnovabili e prodotti plastici innovativi a basso impatto ambientale” dice Andy Sweetman, Presidente di European Bioplastics. Questa comunicazione della Commissione Europea afferma che “il mercato dei prodotti biologici appoggiato da una grande domanda e una cornice legislativa favorevole potrebbero dare un sostanziale contributo alla trasformazione dell’Unione Europea in un’economia più sostenibile. Una giusta legislazione e condizioni quadro potrebbero essere necessarie per incoraggiare la ripresa di materie prime rinnovabili per uso industriale (…)”. European Bioplastics dà un caldo benvenuto a questa dichiarazione di DG Enterprise.

Lo sviluppo è trainato da un’industria all’avanguardia e dalla domanda di aziende che vogliono innovare e che si occupano di questioni di sostenibilità, come ad esempio i cambiamenti climatici

L’industria delle bioplastiche ha commercializzato nuovi bio-polimeri come PLA, PTT e in materiali a base di amido. In un secondo momento, anche plastiche come PE o PET cambieranno la base delle loro materie prime da fossili a rinnovabili. Il portfolio delle bioplastiche copre quasi ogni cosa, dai prodotti compostabili a vita breve fino alle applicazioni ingegneristiche durevoli. “Lo

sviluppo è trainato da un’industria all’avanguardia e dalla domanda di aziende che vogliono innovare e che si occupano di questioni di sostenibilità, come ad esempio i cambiamenti climatici”, spiega Hasso von Pogrell, Direttore Generale di European Bioplastics. “La domanda più rilevante per chi fa politica nell’ambito della UE è: “Dove si dovranno fare questi investimenti?”. I dati di mercato di European Bioplastics rivelano che la capacità produttiva delle bioplastiche mostra la più alta crescita in Sud America e in Asia. Al fine di consentire sviluppo e competitività dinamici e ben bilanciati dell’industria Europea a livello mondiale, è necessaria una cornice di sostegno all’interno dell’UE e degli Stati membri. “Chiediamo alla Commissione Europea di implementare i suggerimenti proposti dell’Iniziativa di Mercato Principale attraverso una politica specifica e delle misure di mercato adeguate. Questi alimenteranno le industrie innovative che Antonio Tajani, Vice Presidente della Commissione Europea, vede creare la prossima rivoluzione industriale per l’Europa”, afferma von Pogrell.

The next industrial revolution in Europe

T

he European Commission’s recent communication on industrial policy highlights biobased products as a lead market triggering sustainable growth and job creation. “The bioplastics industry represents an important sector of the biobased products market, and our industry is playing its part in shaping this century with industrial processes sourced from renewable raw materials and innovative plastic products with a low carbon profile”, says Andy Sweetman, Chairman of European Bioplastics. The European Commission’s communication states that “the biobased markets with high demand and favourable legislative framework could make a substantial contribution to the EU’s transformation into a more sustainable economy. The right legislation and framework conditions will, however, be needed to encourage uptake of renewable raw materials for industrial use [...]”. European Bioplastics warmly welcomes

88

Novembre 2012

The development is driven by leading-edge industry and demand from brands which want to innovate and address sustainability issues like climate change the statement from DG Enterprise. The bioplastics industry has commercialised new biobased polymers like PLA, PTT or starch-based materials. In a second wave commodity plastics like PE or PET are changing their raw material bases from fossil to renewable. The bioplastic portfolio covers almost everything from short-life compostable to durable engineering applications. “The development is driven by leading-edge

BEVERAGE INDUSTRY

industry and demand from brands which want to innovate and address sustainability issues like climate change”, explains Hasso von Pogrell, Managing Director of European Bioplastics. “The most relevant question for EU policy makers right now is: Where shall these investments take place?”. Market data from European Bioplastics reveal that the bioplastics production capacity shows its highest growth in South America and Asia. In order to enable a dynamic and wellbalanced development and competitiveness of the European industry on the global stage, a supportive framework is needed at EU and Member State level. “We call on the European Commission to implement the proposed Lead Market Inititiative recommendations via specific policy and market measures. They will fuel those innovative industries that Antonio Tajani, Vice President of the European Commission, sees creating the‚ next industrial revolution’ for Europe“, says von Pogrell.

www.tecnalimentaria.it


c i t E

i c i r t a t het

HALL 1 - Stand C 3408

HALL 4 STAND B 019

Tecnologia ricercata unisce semplicitĂ  di regolazione e rendimento elevato

OMB Srl Frazione San Vito, 79 -14042 Calamandrana (ASTI) - ITALY Tel. +39 0141 769004/76997 -Fax +39 0141 769003 info@ombitalia.it - www.ombitalia.it


Filling & Packaging

Machinery & Development

P.E.T. Engineering presenta servizi e soluzioni per il packaging sostenibile P.E.T. Engineering presents new sustainable packaging services and solutions

BRAU Beviale 2012, from 13 to 15 November

BRAU Beviale 2012, dal 13 al 15 novembre

P

.E.T. Engineering, azienda leader nella progettazione ed industrializzazione di contenitori per il settore beverage packaging, sceglie il BRAU Beviale 2012 per presentare l’intera gamma di servizi e soluzioni per il packaging sostenibile. Per P.E.T. Engineering l’unico packaging possibile è un packaging sostenibile; sostenibilità non significa solo essere eco-friendly ma derivare da un processo di produzione fattibile, con la migliore ottimizzazione di tempo e risorse. Questo è il motivo per cui P.E.T. Engineering ha deciso di focalizzarsi nell’offrire ai propri clienti soluzioni altamente affidabili, sviluppando i relativi processi industriali in grado di garantire questa sostenibilità a 360°. La gamma dei servizi va dallo sviluppo di packaging basati sul principio del lightweighting design al servizio per la conversione neck finish, offerto da una Business Unit composta da professionisti specializzati che supporta i clienti anche nella riduzione dei costi energetici e di manutenzione grazie al loro servizio in grado di garantire l’upgrading di macchine soffiatrici datate ed il restyling degli stampi di soffiaggio. Sebbene l’industria del food and beverage sia sempre più esigente in tema di packaging, l’eco sostenibilità rimane, senza dubbio, la priorità assoluta del settore. Grazie al suo continuo impegno nella ricerca di nuove soluzioni e ad un approccio multidisciplinare che vede la stretta collaborazione di designer, ingegneri e ricercatori, P.E.T. Engineering ha individuato tutte le possibili strategie in grado di realizzare una bottiglia realmente ecologica in tutti i suoi aspetti, dal momento della sua produzione sino al suo smaltimento. “Le aziende che decidono di collaborare con noi sanno di poter contare su un valore aggiunto nella realizzazione dei loro progetti di beverage packaging sostenibili – afferma Moreno Barel, C.E.O. di P.E.T. Engineering – Grazie alle soluzioni di volta in volta individuate non garantiamo solo il rispetto dell’ambiente ma anche la certezza del risparmio economico nelle fasi di progettazione e produzione grazie ad un uso intelligente delle risorse disponibili e l’efficienza tecnica ottenuta dai mirati interventi di manutenzione e aggiornamento dei macchinari”. L’insieme di tutte queste competenze rende P.E.T. Engineering il punto di riferimento per tutte le aziende che hanno specifiche esigenze di packaging nel settore beverage, tra cui molti importanti marchi nel settore della birra come Ab Inbev, Baltika, Heineken, Efes. P.E.T. Engineering è al Brau Beviale c/o Hall 7, Stand 236/337 Per info: www.petengineering.com

90

Novembre 2012

P

.E.T. Engineering, leader company in the design and industrialization of containers for the beverage industry, has chosen BRAU Beviale 2012 to show its complete range of services and solutions for sustainable packaging. For P.E.T. Engineering the only possible packaging is the sustainable one; sustainability does not only mean being eco-friendly but being the result of a feasible process of production, with the best possible use of time and resources. This is why P.E.T. Engineering has decided to focus on offering reliable solutions, developing industrial processes able to guarantee this sustainability at 360°. The range of services goes from the development of packaging based on the light-weighting design principle to the neck finish conversion, offered by a Business Unit, made up of highly specialized professionals, which supports clients with energy and maintenance costs thanks to its services able to guarantee the upgrading of old blowing machines and the restyling of blow moulds. Even if the food and beverage industry is always getting more and more demanding regarding packaging solutions, eco-sustainability is, without any doubt, the absolute priority for this sector. Thanks to its continuous commitment to the research of new solutions and to its multidisciplinary approach, favoring the close collaboration between designers, engineers and researchers, P.E.T. Engineering has spotted all the possible strategies to create a really ecological bottle in every aspect, from its production to its disposal. “ Those companies who decide to collaborate with us know they can count on an added value during the development of their sustainable products – states Moreno Barel, P.E.T. Engineering’s CEO – Thanks to these solutions, we do not only guarantee the respect for the environment but also the certainty of an economical saving during the design and production phase thanks to the intelligent use of all the available resources and the technical efficiency obtained through accurate maintenance operations and the upgrading of machines”. The ensemble of all those competences makes of P.E.T. Engineering the reference point for all the companies that have specific packaging requirements for the beverage sector, among which some of the most important ones for beer, such as Ab Inbev, Baltika, Heineken, Efes. P.E.T. Engineering will be at Brau Beviale at Hall 7 Stand 236/337. For further info: www.petengineering.com

BEVERAGE INDUSTRY

www.tecnalimentaria.it


HALL 5a STAND C 010


Filling & Packaging

Machinery & Development Straordinaria è l’evoluzione continua

Alla Eticap System amano solo ciò che è l’eccellenza straordinaria

S

traordinario trovare una perla in un baccello? Alla Eticap System amano solo ciò che è l’eccellenza straordinaria. Straordinario è il benessere che coinvolge la mente, il corpo e lo spirito, per la soddisfazione di aver ideato e realizzato progetti, di averci lavorato con impegno e averli resi una realtà tangibile per tutti i clienti. Straordinario è incontrare clienti straordinari che quotidianamente ricercano ed elaborano nuove soluzioni per adattarle ad un mercato in costante cambiamento, e condividere reciprocamente fiducia ed aspettative. Straordinaria è l’evoluzione continua verso nuove tecnologie, con la consapevolezza che solo la sobria gestione delle risorse, la serietà e

verso nuove tecnologie, con la consapevolezza che solo la sobria gestione delle risorse, la serietà e la competenza consentono di raggiungere una altissima qualità a un prezzo competitivo

la competenza consentono di raggiungere una altissima qualità a un prezzo competitivo. La gamma dei macchinari Eticap System si compone di etichettatrici lineari e rotative nei sistemi colla fredda, colla calda (Hot Melt), adesivo, biadesivo e misti, con produzioni da 1.000 bph a 30.000 bph., atte al confezionamento di qualsiasi formato di contenitore (bottiglie cilindriche e sagomate, vasetti, vasi orcio, bidoni, flaconi, …) in vetro, PET, PEHD e banda stagnata. Applicazione di etichette di corpo, lunette, collarini, collaroni spumante, sigilli di garanzia, sigilli di Stato, etichette a libro, buoni sconto, codici a barre mediante stazioni di etichettatura di produzione Eticap System.

At Eticap System, people love only what is outstanding Constant evolution toward new technology is extraordinary, with the awareness that only sober resource management, soundness and knowledge enable us to get very high quality at a competitive price

I

s it extraordinary to find a pearl in a pod? At Eticap System, people love only what is outstanding. Extraordinary is mind, body and spirit well-being deriving from the satisfaction of designing and carrying out some projects, working hard as to make them a tangible reality for all customers. Extraordinary means meeting remarkable customers who look for and process new solutions every day as to adjust them to an ever changing market, and who are willing to share their trust and expectations. Constant evolution toward new technology is extraordinary, with the awareness that only sober resource management,

92

Novembre 2012

soundness and knowledge enable us to get very high quality at a competitive price. Eticap System’s range of machinery consists of in-line and rotary labellers with cold glue and hot melt systems, self-adhesive and mixed systems, with production capacity from 1,000 to 30,000 bhp, to apply labels on any container of various types (cylindrical and shaped, jars, tanks, bottles, etc.), in glass, PET, PEHD and tinplate. Application of body labels, lunettes, bottle neck labels, big neckbands for sparkling wine bottles, safety seals, tax stamps, book-shape labels, discount coupons, bar codes, can be performed by Eticap System labelling stations.

BEVERAGE INDUSTRY

Le macchine Eticap System possono essere integrate di distributore di capsule con chiusura termica o rullatura, stampanti, centraggi meccanici e ottici, orientatori per flaconi con manici e di quanto necessario alla personalizzazione del prodotto su specifica richiesta del cliente. La vasta gamma di etichettatrici di produzione Eticap System e la loro versatilità consente all’azienda di servire e soddisfare tutti i settori, dall’enologico all’alimentare, dalle bevande al farmaceutico, dal chimico al cosmetico. Inoltre tra i suoi clienti Eticap System può annoverare diverse aziende produttrici che acquistano i suoi gruppi adesivi per il montaggio sui loro macchinari.

Prodotti della straordinaria eccellenza italiana firmati Urbani Tartufi, recentemente annoverato fra la prestigiosa clientela di Eticap System. Eticap System has recently count Urbani Tartufi, products of outstanding Italian excellence, among its prestigious clientele.

Eticap Systems machines can also be equipped with capsule dispenser with thermal head or rolling closures, printers, mechanic and optical centering devices, orienters for bottles with handles, and whatever necessary to customize products upon customer’s specific requirement. Eticap System’s comprehensive range of labelling machines and their versatility enables the company to serve and satisfy any sector, from oenology to food, from beverage to pharmaceutical, from chemical to cosmetic. In addition, among its customers Eticap System can number many producers purchasing its adhesive group to be then mounted in their machinery.

www.tecnalimentaria.it


Quando il confezionamento va oltre l’ordinario

Etichettatrice mista PFM/AR 21T 5S

ETICHETTATRICI E CONFEZIONATRICI

14050 San Marzano Oliveto (Asti) Italia Reg.Leiso 52/a Tel. +39 (0)141 824791 - Fax. 822929 www.eticap.com - E-mail: info@eticap.com


Filling & Packaging

Machinery & Development

Eccellenza in magazzino ITALPROJECT vanta installazioni in tutto il mondo e negli ultimi vent’anni la sua storia è fatta di successo e crescita costante

I

TALPROJECT è un’azienda che si è specializzata in soluzioni di fine linea di qualità per i settori beverage, food, chimico e farmaceutico, ed è in grado di offrire una vasta gamma di prodotti, quali depalettizzatori a tubi gonfiabili e a strato, formatori di cartoni, incartonatrici verticali e orizzontali, robot pick-and-place, wrap-arounds, chiudicartoni a nastro e/o colla, pallettizzatori cartesiani a strato con carico dall’alto o dal basso, robot di palettizzazione, fasciatori a tavola rotante, braccio rotante ed ad anello. Oltre a questo grande pacchetto di automazione per il fine linea, ITALPROJECT produce una gamma completa di veicoli a guida laser (LGV), integrati con una varietà di soluzioni di movimentazione interna e di logistica automatica, che fino a poco tempo fa era destinata solo alle grandi imprese industriali, poiché sinonimo di alta complessità e di costi elevati. Con le soluzioni di ITALPROJECT, ora anche

le aziende di minori dimensioni possono sempre più raggiungere l’eccellenza nella gestione del magazzino e nell’ottimizzazione degli spazi, con un customer service di altissima qualità. Uno staff tecnico e commerciale altamente specializzato è in grado di accompagnare i clienti alla scelta delle soluzioni di fine linea più adatte alle loro esigenze, e orientate sempre sulla qualità degli impianti e sui ridotti costi di manutenzione.

Nei settori del vino, acqua, birra, oli alimentari e soft-drinks Italproject può fornire linee complete dalla formatura del cartone al magazzino di stoccaggio, garantendo ai clienti   un unico partner su cui contare. La storia dell’azienda negli ultimi venti anni è di successo e in costante crescita e vanta migliaia d’installazioni in tutto il mondo, con un portafoglio clienti che include sia società che per la prima volta si avvicinano all’automazione industriale sia le grandi multinazionali che migliorano costantemente i loro processi produttivi. Italproject si trova a Galliera Veneta (PD) e fa parte del gruppo Sanovo Technology Group, che ha sede in Danimarca. Italproject ha sedi, con personale tecnico per il service e magazzini ricambi in Francia, USA, Mexico e Brasile.

Excellence in stock management I TALPROJECT has specialized in fine endof-line solutions for a number of industries such as beverage, food, chemicals and pharmaceutical products, and offers a wide range of products such as sweep and inflatable depalletizers, carton forming machines, horizontal and vertical carton packers, pickand-place machines, wrap-around machines, sealing machines, Cartesian palletizers with high or low in-feed, robot palletizers, turn table, rotating arm and ring wrapping machines. Besides this huge package of end-of-line automation, ITALPROJECT also manufactures a complete line of Laser Guided Vehicles (LGV), integrated with a variety of automated logistic solutions, that until recently were intended only for big industrial corporations, as it was involving high complexity and high costs. On the basis of ITALPROJECT’s automated

94

Novembre 2012

ITALPROJECT boasts

installations all over the

world and, in the last ten years, its history is one of success and constant growth logistics, now also a growing number of smaller operations can reach the excellence in stock management and space optimization with an excellent customer service. A highly specialized technical and sales staff is available for the clients when choosing the right end-of-line solutions appropriate for their needs, and Italproject is always aiming at high quality installations and at reduced maintenance costs.

BEVERAGE INDUSTRY

In the wine, water, beer, oil and soft-drinks industries Italproject offers complete lines from carton forming machines to automated warehousing, giving the customer only one partner to depend on. The company’s history over the last twenty years is one of a growing success, including thousands of installations worldwide and a portfolio of customers spanning from companies adopting automation for the first time to multinational corporations constantly upgrading their production processes. ITALPROJECT is located in Galliera Veneta, near Venice, and is part of Sanovo Technology Group, which is headquartered in Denmark. ITALPROJECT has divisions, including technical service staff and stocks of spare part, in France, the USA, Mexico and Brazil.

www.tecnalimentaria.it


Complete Packaging Solutions ■ DEPALLETIZERS ■ CASE FORMERS ■ CASE PACKERS ■ PALLETIZERS ■ WRAPPERS ■ LASER GUIDED VEHICLES

ITALPROJECT s.r.l. Via Leonardo da Vinci 43 35015 Galliera Veneta (PD) ITALY Tel. +39 049 94 75 211 Fax +39 049 94 75 200 Email: sales@italproject.net

PART OF

SANOVO - STAALKAT - ITALPROJECT - PROCESS SOLUTIONS - RAME-HART - FOODCRAFT

www.italproject.net www.sanovogroup.com


Filling & Packaging

Marketing & Strategy

Eccellenza nel packaging Successo di presenze per l’evento “Eccellenza nel packaging”: da Fisciano, Salerno, un segnale positivo

1

50 rappresentanti dell’intera filiera della stampa e della produzione dell’imballaggio si sono riuniti il 27 settembre a Fisciano (Salerno), nella sede del Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università degli Studi di Salerno, per partecipare all’evento “Eccellenza nel packaging – sviluppi e tendenze della stampa”. Agli intervenuti hanno voluto dare il loro saluto il sindaco di Fisciano, Tommaso Amabile e il presidente di Confindustria Salerno, Mauro Maccauro, che hanno sottolineato il momento favorevole, in controtendenza rispetto ad altri settori, per le aziende che operano nel settore dell’Imballaggio e nella filiera della plastica e della gomma. Promosso dalle società BiesSse Tape Solutions, Bioplast e I&C, l’evento ha visto la partecipazione come relatori di molte aziende fornitrici di soluzioni per la stampa flessografica e rotocalco come Amcor, BST, Simec. Euroink, Rossini, UTECO, di due service di prestampa, Mavigrafica e Inciflex, oltre alle stesse BiesSe e I&C. Tra i relatori anche i Professori Loredana Incarnato e Luciano Di Maio, dell’Università degli Studi di Salerno, che hanno evidenziato la sinergia esistente tra Università, aziende ed enti di ricerca che operano nel settore. Il Dipartimento Universitario di Fisciano dispone di laboratori attrezzatissimi per la ricerca sul polimero e lo sviluppo di nuovi materiali plastici per l’imballaggio, in particolare verso soluzioni a ridotto impatto ambientale.

96

Novembre 2012

BEVERAGE INDUSTRY

www.tecnalimentaria.it


Filling & Packaging

Marketing & Strategy

Gerardo Gambardella, titolare della Bioplast, azienda di stampa flessografica, spiega le ragioni di questo convegno: “L’attuale sfida che le aziende si trovano ad affrontare è quella di distinguersi in un mercato altamente competitivo e solo attraverso la ricerca dell’eccellenza è possibile avere successo. Noi abbiamo voluto spiegare come questo è possibile”. I centri di prestampa flessografica Mavigrafica e Inciflex, hanno illustrato come il miglioramento delle prestazioni della stampa flessografica sia strettamente legato ai miglioramenti raggiunti in prestampa nella preparazione delle lastre fotopolimeriche digitali ad alta definizione. Oggi il film flessografico raggiunge livelli di precisione nei dettagli e nel colore, che solo pochi anni fa erano prerogativa della stampa rotocalcografica. Nella stampa e nei prodotti che ruotano attorno alla stampa, l’eccellenza passa attraverso la riduzione degli scarti di materiale e nelle regolazioni automatiche della macchina da stampa (Uteco), nell’uso di materiali CPP più leggeri e più trasparenti rispetto al PE (Amcor), nelle caratteristiche ecologiche delle nuove maniche anilox per flessografia che impiegano meno colle (Simec Group), nell’utilizzo di biadesivi ad alta tenuta e con diverse compressibilità per migliori prestazioni della macchina flessografica (BiesSse), nell’introduzione nel mercato di fotopolimeri per maniche ad alta definizione (Rossini), nella formulazione dell’inchiostro attenta alla salute del consumatore (Euroink), nell’uso di strumenti di controllo che aumentano la qualità e riducono i costi (I&C e BST). Una tavola rotonda moderata da Emilio Gerboni, esperto del settore grafico, ha concluso la giornata congressuale. Tra i partecipanti Italo Vailati, segretario Giflex, Sante Conselvan, presidente ATIF, Andrea Di Stefano della Novamont, Enrico Mensitieri, titolare della Icimendue, Gerardo Gambardella, titolare della Bioplast, Sergio Lepore e Maria Rosaria Galdi della Fabio Mataluni, Tutti si sono detti ottimisti sul futuro della stampa nel settore dell’imballaggio. Enrico Mensitieri, stampatore che ha scelto la

www.tecnalimentaria.it

tecnologia rotocalco e Gerardo Gambardella, che invece ha puntato tutto sulla stampa flessografica, si sono dimostrati d’accordo nell’affermare che non si tratta di scontro tra due tecnologie, che ormai sono a pari livello. Al contrario la sfida è quella di conquistare nuovi mercati in Italia e all’estero, con la tecnologia che si ritiene più appropriata per una determinata applicazione, facendo leva sulla capacità delle aziende di stampa del sud di realizzare prodotti di eccellenza e sulla determinazione di voler superare quello svantaggio dovuto alla posizione geografica periferica rispetto all’Europa. I rappresentanti della Fabio Mataluni, azienda di packaging parte del gruppo Oleifici Mataluni, hanno svelato che il punto di forza dell’azienda è stato l’attenzione al mercato e la ricerca. Questo ha portato l’azienda a trasformarsi da piccolo frantoio a dimensione artigianale della provincia di Benevento ad uno dei più importanti complessi agroindustriali oleari al mondo. Questo ha anche condotto l’azienda, il cui brand più noto è l’Olio Dante, a sviluppare una bottiglia in PET per l’olio d’oliva, materiale particolarmente gradito nei mercati esteri. Quello che viene realizzato negli stabilimenti della Oleifici Mataluni è un prodotto finito: oltre all’olio, qui si realizzano le bottiglie in PET e si producono le etichette e le confezioni di cartone. Il raggiungimento della qualità totale è un obiettivo che sempre più aziende vogliono perseguire, e questo si raggiunge non solo attraverso l’acquisizione delle migliori tecnologie, ma anche con il miglioramento dell’organizzazione aziendale. È quello che ha realizzato Bioplast, che ha implementato al suo interno un processo di miglioramento dei flussi informativi aziendali e di ottimizzazione della produzione, basato sulle metodologie di qualità totale. Questo processo, unito alla forte propensione all’innovazione e al continuo miglioramento della qualità dei prodotti, ha contribuito a far sì che l’azienda ricevesse, a febbraio di quest’anno, la certificazione BRC.

BEVERAGE INDUSTRY

Realtà industriale leader nel sud Italia, Bioplast – che ha come motto “Orientiamo il business nel segno dell’innovazione” - è una delle principali aziende produttrici di imballaggi flessibili stampati e sacchetti biodegradabili del sud Italia e vanta tra i suoi clienti importanti brand del settore agroalimentare, in particolare nei settori caseario, pastaio, dolciario e della torrefazione. Al termine della giornata Bioplast ha aperto le porte della sua azienda per far visitare ai delegati i suoi impianti di produzione composti da impianti di estrusione e numerosi sistemi di stampa, tra cui troneggia la nuova macchina da stampa flessografica a 10 colori UTECO, con accoppiamento e taglio. Angela Conti, Sales Manager della BiesSse Tape Solutions e Sante Conselvan, titolare della I&C sono soddisfatti della buona riuscita dell’evento: “Abbiamo accettato la sfida di unire le nostre forze con quelle della Bioplast per realizzare un evento al sud dove far incontrare varie realtà imprenditoriali, aziende di converting e print buyer. I risultati ci confermano la grande esigenza di confronto e di condivisione delle informazioni, in un momento di grande crisi che ci vede tutti un po’ disorientati”. Da Fisciano è partito un messaggio positivo: perseguire l’eccellenza per reagire alla crisi.

Novembre 2012

97


Filling & Packaging

Marketing & Strategy

Excellence in Packaging High attendance at the “Excellence in Packaging” event: a very positive message from Fisciano, Salerno

S

ome 150 representatives of the entire printing and packaging supply chain met on the 27th September 2012 in the Engineering Department of Fisciano University (Salerno, Italy) to attend the “Excellence in Packaging – Trends and developments in the printing industry” event. Tommaso Amabile, Fisciano mayor, and Mauro Maccauro, Salerno Confindustria (Italian manufacturers’ federation) President, opened the meeting underlining the favourable moment the packaging, plastic and rubber industries are going through, compared with the difficult market scenario. Organized by BiesSse Tape Solutions, Bioplast and I&C, the event was sponsored by several companies in the flexographic and rotogravure supply chain such as Amcor, BST, Simec, Euroink, Rossini, Uteco and two pre-print service companies, Mavigrafica and Inciflex. Professors Loredana Incarnato and Luciano Di Maio underlined the synergy between Salerno University, Industry and Research centres concerning packaging technology. The university has at its disposal efficient laboratory equipments for polymer research and plastic material development, with particular focus on eco-friendly solutions. “Companies in this market are facing the difficult challenge to differentiate into a high competitive scenario, excellence represents the only driver towards success. Today we have tried to explain how this is possible”, said Bioplast owner, Gerardo Gambardella, referring to the flexographic market. Inciflex and Mavigrafica, pre-print representatives, illustrated how the improvements of flexo printing performances are deeply linked to high definition digital plate development. Today flexographic film can reach high precision level in terms of details and colours, which

98

Novembre 2012

previously concerned only rotogravure. In the printing supply chain, excellence depends on waste cutting, automated printing machine setting (Uteco), CPP materials which are lighter and more transparent than PE (Amcor), eco-friendly anilox rolls using less glue (Simec Group), high resistance adhesive tapes with different compressibility for better performance on flexo machines (BiesSse), high definition rollers (Rossini), health-safe ink formulation (Euroink), control instruments which provide higher quality and allow costs reduction (I&C, BTS). At the end of the meeting, a round table was moderated by Emilio Gerboni, graphic industry expert. Among the participants, Italo Vailati (Giflex), Sante Conselvan, (ATIF - Italian Flexographic technical association), Andrea Di Stefano (Novamont), Enrico Mensitieri (Icimendue), Gerardo Gambardella (Bioplast), Sergio Lepore and Maria Rosaria Galdi (Fabio Mataluni). They are all optimistic about the future developments of the printing and packaging market worldwide. Enrico Mensitieri, representative of rotogravure and Gerardo Gambardella, from flexographic world, agree to consider the two technologies at the same level. The challenge is to conquer new markets in Italy and abroad, with the best technology for every use, leveraging on South of Italy companies to produce excellent products and overcome the disadvantage due to their peripheral geographic position in Europe. The representative of Fabio Mataluni, packaging division of Oleifici Mataluni group, revealed how the attention toward market and research represents their strength point. This enabled the company to expand from a small traditional oil grinder concern near Benevento (Italy) to one of the mayor agroindustrial company in the world. This was a drive for the company, whose most famous

BEVERAGE INDUSTRY

brand is “Olio Dante”, to develop a PET bottle, particularly appreciated on foreign markets. Besides olive oil, the company directly produces bottles, labels and cardboard packaging, manufacturing the entire end product internally. Total quality is the actual goal for many companies, not only through the acquisition of the best technologies, but also through internal organization improvements. Bioplast has already done so, by implementing internal information flow and optimizing production. This process, together with strong innovation and constant improvement in product quality, contributed to BRC global safety and quality certification, which was granted to Bioplast in February 2012. “Striving toward innovation” is the mission declared by Bioplast, a leading firm in the South of Italy, one of the main companies in flexible packaging and biodegradable bags production. Among its customers several famous companies in the food processing market, particularly dairy farms, food confectioners, pasta and coffee manufacturers. To conclude the meeting, Bioplast opened its factory to all delegates to visit its extrusion plants and printing machines, including a brand new 10 colours, coupling and cutting printer by UTECO. “We decided to join forces with Bioplast to organize a unique event in the South of Italy in order to bring together converting and print buyer companies to share their knowledge and find the right orientation in the present difficult market scenario” said BiesSse’s Sales Manager Angela Conti and I&C owner Sante Conselvan, greatly satisfied by the successful outcome of the event. From Fisciano a positive message: promote excellence to react to the present market crisis.

www.tecnalimentaria.it


HALL 4 STAND D 013 HALL 5a STAND F 051


Filling & Packaging

Machinery & Development

Precisione di applicazione

COSMO-CNL400 offre alta precisione di applicazione grazie all’azione meccanica di presa e di posizionamento del collare tronco piramidale sul collo della bottiglia

Q

uesta macchina di nuova concezione è adatta per l’applicazione di collari tronco piramidali su colli di bottiglie, sia di plastica che di vetro. Questa macchina può essere inserita direttamente in linea mediante un sistema di asse elettrico, oppure può essere usata come macchina stand-alone. In entrambi i casi vi è la possibilità di escluderla, quando non ne è richiesto l’utilizzo, sollevando, mediante un apposito sistema motorizzato, la testata principale al di sopra del passaggio delle bottiglie. La precisione di applicazione della COSMO-CNL400 è data dall’azione meccanica di presa e di posizionamento del collare tronco piramidale sul collo della bottiglia per una velocità di produzione che può raggiungere oltre 18.000 bott./h Altra caratteristica saliente della COSMO-CNL400 è il sistema di carico del magazzino dei collari che è posizionato ad altezza d’uomo. Quest’ ultimo insieme al sistema di aspirazione, al perfetto sistema di presa e rilascio meccanico dei collari, permette ai collari stessi di non subire nessun tipo di danneggiamento durante la loro macchinazione. Se richiesto, vi è anche la possibilità di inserire un gruppo per l’applicazione di un punto di colla a caldo per fissare il collare in posizione fissa sul corpo della bottiglia. L’altissima affidabilità di COSMO-CNL400 è stata la carta vincente nei settori di applicazione più disparati, dai detersivi ai liquori, dall’olio alimentare ai vini alla cosmetica.

Precise application T The precision of the COSMO-CNL400 is guaranteed by the mechanical collar gripping and releasing action combined with a mechanical system for placing the collar on the bottleneck

100

Novembre 2012

his machine based on a new design concept is suitable for the application of truncated pyramidal collars to both, plastic and glass bottle necks. The machine can be installed directly along the line by means of an electrical axis system; as an alternative, the machine can also be used on a standalone basis. In both cases, the machine can be cut out when its use is not required by raising the main head above the bottle transport area, using the special motorised system. The precision of the COSMO-CNL400 is guaranteed by the mechanical collar gripping and releasing action combined

BEVERAGE INDUSTRY

with a mechanical system for placing the collar on the bottleneck at a production speed of 18.000 bott./h Another striking feature of the COSMOCNL400 is the collar’s dispenser, which is positioned at breast height. The above feature, along with the perfect mechanical collar gripping and releasing system, ensure that the collars are not damaged during the entire work cycle. On demand, the machine can be fitted with a special unit for applying hot glue to secure the tie label to the bottle. The great reliability of COSMO-CNL400 makes it the ideal choice in the most diverse fields of application: from detergents to liqueurs, from nutritive oils to wine or cosmetics.

www.tecnalimentaria.it


Cosmopack S.R.L. - Via G. Pastore 5, 40056 Crespellano (BO) Tel: +39.051.969504 - +39.051.969172 - Fax +39 051 6721175 sales@cosmopack.it - info@cosmopack.it www.cosmopack.it


Filling & Packaging

Marketing & Strategy

Incontro con il vino di alta qualità

Wine Town, la “due giorni” fiorentina, fa assaporare emozioni e suggestioni della migliore tradizione italiana

L

a festa del vino di qualità Wine Town è un appuntamento annuale, quest’anno giunto alla sua terza edizione, organizzato dal Comitato WineTown Firenze con la consulenza dell’A.I.S. -Associazione Italiana Sommelier - e dall’Associazione Dimore Storiche Italiane. È un invito al bere consapevole, un invito alla riscoperta degli antichi valori della convivialità per chiunque ami il “vino d’autore” e vuole conoscerne storia ed evoluzioni. Il 21 e 22 settembre scorsi, il centro storico di Firenze è stato la cornice di musica, spettacoli e degustazione di vini. Le location scelte per le degustazioni sono state i chiostri e gli spazi interni di alcuni tra i più illustri palazzi storici fiorentini privati che, in occasione della manifestazione, hanno aperto le loro porte ai visitatori. La selezione è stata fatta dall’Associazione Dimore Storiche Italiane di Firenze. Essendo il tappo un elemento fondamentale per un vino di qualità, uno dei principali spon-

sor dell’evento è stata l’azienda Pelliconi, eccellenza produttiva del nostro territorio. Azienda dinamica e affidabile nel mercato dal 1939, Pelliconi vuole essere partner e riferimento per l’industria dell’imbottigliamento e del confezionamento. Oggi, è leader mondiale nella produzione di tappi a corona, tappi in metallo e plastica per l’industria delle bevande.

Grazie a un programma di investimenti continuo, Pelliconi è cresciuta costantemente negli ultimi anni e questo le ha permesso di avere circa 500 dipendenti e raggiungere una produzione annua di oltre 30 miliardi di tappi di bottiglia, sia in metallo che plastica. In occasione di WineTown, Pelliconi ha realizzato un tappo-magnete commemorativo, donato a tutti i partecipanti di questa edizione. L’azienda ha anche presentato la qualità dei propri prodotti durante la conferenza che aveva come tema “Vino: la nuova comunicazione nel global market”, durante la quale Marco Checchi – amministratore delegato di Pelliconi – ha illustrato il progresso delle ricerche sulle nuove capsule a vite in alluminio studiate appositamente per il mercato del vino, che sono già protagoniste a livello europeo e che si stanno rapidamente diffondendo anche in altri mercati dove tradizionalmente regna il tappo in sughero.

Meeting with high-quality wine

T

he third edition of Wine Town, event on quality wine held every year, has recently ended in Florence; it was organized by Comitato WineTown Firenze with the support of A.I.S. Sommelier Italian Association and Associazione Dimore Storiche Italiane (Historic Italian Houses Association). It is an invitation to drink wine consciously, an invitation to re-discover ancient values of conviviality, addressed to anyone loving “Signature wine” and wants to know more about its history and evolution. Last 21 and 22 September, the historic heart of Florence became the stage of music, performances and tastes of wines. The historic buildings for the tastings were cloisters and interiors of some of the finest palaces of Florence, private residences but opened to visitors on occasion of this event.

102

Novembre 2012

Wine Town, Florence twoday event, let us experience emotions and charm of the best Italian tradition The selection was made by Associazione Dimore Storiche Italiane of Florence. Since cork is a fundamental element to quality wine, one of the main sponsors of the event was the company Pelliconi, excellent producer of our territory. Pelliconi is a dynamic and reliable organisation working since 1939 to be the partner and reference for the bottling and packaging industry. Today, the company is the world’s leading manufacturer of crown corks, metal and plastic caps for the bottling industry.

BEVERAGE INDUSTRY

Thanks to an uninterrupted investment programme, Pelliconi has grown steadily throughout the past years and this has enabled it to employ around 500 employees and to establish an annual production capacity of over 30 billion metal and plastic bottle caps. On occasion of WineTown, Pelliconi produced a commemorative magnet cap to be then given to each participant in this year’s edition. The company also presented the quality of its products during the conference “Wine: new communication in global market”, during which Mr. Marco Checchi – Managing Director of Pelliconi – illustrated the research progress on new aluminum screw caps purposely studied for the wine market. As well as being very popular in Europe, they have also started growing fast in other markets where corks usually lord it over.

www.tecnalimentaria.it


Machinery & Development

Flessibilità e prestazioni tra gli strumenti

I

permeabilimetri TotalPerm e MultiPerm di ExtraSolution rappresentano il punto di riferimento per flessibilità e prestazioni tra gli strumenti per la misura della permeabilità ai gas. TotalPerm è infatti l’unico strumento sul mercato in grado di eseguire misure di permeabilità sia

TotalPerm e MultiPerm sono stati sviluppati da ExtraSolution e permettono di analizzare sia campioni planari che tridimensionali

all’ossigeno (O2TR) che al vapor d’acqua (WVTR) e all’anidride carbonica (CO2TR). MultiPerm è invece l’unico strumento sul mercato in grado di eseguire misure simultanee di O2TR e WVTR su due campioni differenti. Entrambi gli strumenti sono stati sviluppati da ExtraSolution, azienda italiana leader nella produzione di strumenti, per la misura delle permeabilità e permettono di analizzare sia campioni planari che tridimensionali. TotalPerm è dotato di un’unica cella di misura ed ospita al suo interno tre differenti sensori per ossigeno, vapor d’acqua e anidride carbonica. Lo strumento offre un’alta precisione ed un range di misura estremamente ampio: 0,01-80000 cm3/(m2·24h·bar) per l’ossigeno, 0,002-800 g/(m2·24h) per il vapor d’acqua e 0,25-360000 cm3/(m2·24h·bar) per l’anidride carbonica. Tutte le misure possono essere eseguite a diversi valori di temperatura (10-50C) e umidità relativa (0-100%) così da permettere la caratterizzazione di film e imballaggi nelle reali condizioni di utilizzo. MultiPerm, che ha le stesse prestazioni del TotalPerm, è munito solo dei sensori per ossigeno e vapor d’acqua ma è invece provvisto di due celle di misura che possono lavorare in maniera simultanea e indipendente. Le misure vengono effettuate in maniera completamente automatizzata e senza alcuna necessità di preparazione preliminare del campione. Con Totalperm il campione,

Flexibility and performances among the instruments

T

he permeability testers TotalPerm and MultiPerm by ExtraSolution are the reference both for flexibility and performances among the instruments for measuring the gas permeability. In fact, TotalPerm is the only instrument on the market able to measure the permeability both to oxygen (OTR) and water vapour (WVTR) and carbon dioxide (CO2TR). MultiPerm is actually the only instrument on the market that can perform simultaneous measurements of OTR and WVTR on two different samples. Both the instruments have been developed by ExtraSolution, the Italian leader in the production of permeability testers, and can be used to test both flat samples and packages. TotalPerm is equipped with one measuring chamber and with three different sensors for

104

Novembre 2012

oxygen, water vapour and carbon dioxide. The instrument has high accuracy and an extremely wide test range: 0,01-80000 cm3/(m2·day·bar) for oxygen, 0,002-800 g/ (m2·day) for water vapour and 0,25-360000 cm3/(m2·day·bar) for carbon dioxide. All the measurements can be performed at different temperatures (10-50C) and relative humidity (0-100%). In this way both the films and packages can be tested in the real conditions of use. MultiPerm, which has the same performances than TotalPerm, is only equipped with the sensors for oxygen and water vapour but is instead provided with two measuring chambers that can work simultaneously and independently. The measures are fully automatic and software controlled and no preliminary preparation of the

BEVERAGE INDUSTRY

una volta posizionato nella cella di misura, può essere caratterizzato per tutti i gas e in tutte le condizioni di interesse. In questa maniera si eliminano tutti gli eventuali possibili errori legati all’incertezza sulla riproducibilità dei materiali. Con MultiPerm invece è possibile misurare simultaneamente O2TR e WVTR di due diversi campioni, posizionati ognuno nella propria cella di misura. Oltre a misurare la permeabilità di film sottili, TotalPerm e MultiPerm possono anche essere equipaggiati con accessori modulari per effettuare misure su contenitori tridimensionali. Le misure vengono eseguite in accordo con le principali normative di riferimento: DIN 53380-3 e ASTM F2622 per la misura di O2TR, ASTM F1249 per le misure di WVTR e ASTM F2476 per le misure di CO2TR.

TotalPerm and MultiPerm have been developed by ExtraSolution and can be used to test both flat samples and packages sample is required. With TotalPerm the sample positioned in the measuring chamber can be characterized for all gases and in all conditions of interest. In this way all the possible errors due to the variability of the specimens are avoided. With MultiPerm instead it is possible to measure simultaneously both OTR and WVTR of two different samples. TotalPerm and MultiPerm, besides to measuring the permeability of films, can also be equipped with modular accessories to carry out measurements on different kind of three-dimensional packages. The measurements are carried out in compliance with the main international standards: DIN 53380-3 and ASTM F2622 for OTR, ASTM F1249 for WVTR and ASTM F2476 for CO2TR.

www.tecnalimentaria.it


Tischenko Irina / shutterstock.com

Air Liquide, attraverso la messa a punto della soluzione Oxygen Management, propone un sistema integrato per eliminare l’ossigeno disciolto nei liquidi alimentari. L’Oxygen Management realizza un innovativo sistema di gas e materiali finalizzati al controllo ed eliminazione dell’ossigeno disciolto nei differenti stadi del processo produttivo; particolare attenzione viene prestata alle fasi critiche di lavorazione, quali: • Stoccaggio • Trasferimento • Confezionamento / Imbottigliamento

Le vostre priorità sono anche le nostre.

La qualità è servita. AIR LIQUIDE ITALIA SERVICE S.r.l. Via Capecelatro, 69 - 20148 Milano - Tel. 02 4026.1 - Fax 02 48704368 www.airliquide.it Società soggetta all’attività di direzione e coordinamento di Air Liquide Italia S.p.A.


Science & Technology

Oxygen Management N ell’industria alimentare il problema dell’ossigeno disciolto ed a contatto con i prodotti alimentari, rappresenta una criticità che le aziende cercano di risolvere al fine di garantire la qualità dei propri prodotti, sia per aumentarne la durata nel tempo che per mantenerne le proprietà organolettiche iniziali. In particolare i liquidi alimentari come i soft drinks, gli oli e i vini, sono particolarmente sensibili alla presenza di ossigeno sia nella fase disciolta che a contatto con essi. Infatti è noto che la presenza di ossigeno genera indesiderate ossidazioni che degradano il prodotto sia in termini nutrizionali che qualitativi, riducendone drasticamente la shelf life. Al fine di eliminare l’ossigeno sia disciolto che a contatto con il prodotto, AIR LIQUIDE ha messo a punto una nuova soluzione globale denominata “Oxygen Management” che propone un sistema di gas e materiali in grado di ridurre e/o eliminare l’ossigeno a contatto con i prodotti alimentari. La gestione dell’ossigeno può essere eseguita attraverso quattro fondamentali applicazioni e può essere estesa nelle varie fasi della produzione: 1. Rimozione dell’ossigeno disciolto 2. Inertizzazione dei serbatoi 3. Trasferimento di liquidi 4 . E l i m i n a z i o n e d e l l ’ o s s i g e n o n e l l o spazio di testa

106

Novembre 2012

Una soluzione globale per eliminare l’ossigeno disciolto nei liquidi alimentari 1 - Rimozione dell’ossigeno disciolto L’obiettivo è di ridurre l’ossigeno ai livelli più bassi possibili utilizzando gas inerte. Il metodo proposto prevede l’eliminazione dell’ossigeno durante il trasferimento del liquido in tubazione, mediante specifiche e innovative apparecchiature che AIR LIQUIDE è in grado di individuare e dimensionare a seconda delle esigenze della propria clientela. 2 - Inertizzazione dei serbatoi Una volta che l’ossigeno è stato rimosso, l’obiettivo è di evitare che esso si ridisciolga nel prodotto liquido. AIR LIQUIDE propone un sistema di apparecchiature che iniettano gas

BEVERAGE INDUSTRY

inerte nei vari serbatoi di stoccaggio al fine di mantenere l’ossigeno a livelli tali da ridurre al minimo l’eventuale effetto di dissoluzione. 3 - Trasferimento di liquidi La movimentazione di liquidi da un tank all’altro favorisce la dissoluzione dell’ossigeno nel prodotto. Tale fenomeno può essere evitato creando una sovra pressione di gas inerte sopra il livello del liquido in modo tale da evitare che l’ossigeno dell’aria si ridisciolga nel prodotto. Tale metodo è un’ottima alternativa all’utilizzo delle pompe di travaso. 4 - Eliminazione dell’ossigeno nello spazio di testa Durante la chiusura delle confezioni finali, siano esse in vetro o in plastica, AIR LIQUIDE mette a disposizione il proprio know-how al fine di concepire ed installare soluzioni che evitino il contatto del prodotto con l’ossigeno nello spazio di testa delle confezioni, una volta che queste sono state chiuse. Oxygen Management è la risposta concreta di AIR LIQUIDE alle esigenze di tutte quelle aziende che ricercano soluzioni innovative per mantenere nel tempo la qualità dei propri prodotti.

www.tecnalimentaria.it


Science & Technology

Oxygen Management

I

n the food industry, oxygen both dissolved or coming in contact with food is an issue that many companies try to solve as to guarantee the quality of their products, to extend their shelf-life and maintain original organoleptic properties. In particular, edible liquids such as soft drinks, oils and wines, are greatly sensitive to oxygen that is dissolved or coming in contact with food. In fact, it is acknowledged that oxygen generates oxidation that degrades products from the nutritional and qualitative points of view, thus dramatically reducing its shelf-life. In order to eliminate oxygen that is dissolved or coming in contact with food, Air Liquide has worked out a new global solution called “Oxygen Management” consisting in a system of gas and materials able to reduce and/or eliminate oxygen coming in contact with food. Oxygen management can be performed through four fundamental applications and can be extended to the various production stages: 1. Elimination of dissolved oxygen 2. Tank inactivation 3. Liquid transfer 4. Oxygen elimination in head space 1 – elimination of dissolved oxygen The goal is reducing oxygen down to the minimum by means of inert gas. The method proposed sees the elimination of oxygen when the liquid is being transferred, by means of specific and innovative equipment, which can be selected and sized by Air Liquide upon its customers’ requirements. 2 – Tank inactivation Once the oxygen is removed, it is important not to let it dissolve again in the liquid product. Air Liquide proposes a line of equipment that injects inert gas into the various storage tanks in such a way as to keep oxygen at such level as to reduce dissolution effect down to the minimum. 3 – Liquid transfer Liquid transfer from one tank to another may generate oxygen dissolution in the product. This can be avoided by creating inert gas overpressure on the liquid level as to prevent air oxygen from dissolving again in the product. Such method stands as an excellent alternative to pumps. 4 – Oxygen elimination in head space To close final packages, glass or plastic, Air Liquide offers its know-how to engineer and install solutions that avoid any contact between product and oxygen in the head space of the packages once they are closed. Oxygen Management is Air Liquide’s real answer to the requirements of all the companies looking for innovative solutions to maintain the quality of their products unaltered in time.

www.tecnalimentaria.it

Global solution to eliminate oxygen dissolved in edible liquids

BEVERAGE INDUSTRY

Novembre 2012

107


Machinery & Development

Una nuova evoluzione nella sicurezza delle giunzioni bullonate Dadi e bulloni sono spesso considerati componenti irrilevanti. Tuttavia, una giunzione difettosa, o peggio, che cede, può causare e causerà gravi conseguenze non solo in termini di costosi fermi macchina, ma anche di sicurezza dei lavoratori

L

e giunzioni bullonate cedono principalmente per due motivi: l’allentamento spontaneo del bullone (con rotazione dell’elemento di fissaggio) causato da vibrazioni e carichi dinamici, oppure il rilassamento della giunzione (senza rotazione dell’elemento di fissaggio), causato da assestamenti e cedimenti. Le soluzioni attualmente disponibili in commercio tendono a essere indirizzate solo verso una delle due problematiche, offrendo un sistema di bloccaggio oppure un sistema elastico. Normalmente, la progettazione di un’applicazione critica prevede di valutare quale, tra l’allentamento spontaneo del bullone e il rilassamento, avrà un effetto maggiore sulla giunzione, per poi scegliere una soluzione adatta a quello specifico problema. È un compromesso difficile da trovare, soprattutto se entrambi possono

potenzialmente pregiudicare l’applicazione. Per 30 anni l’obiettivo di Nord-Lock è stato quello di fornire le soluzioni di fissaggio dei bulloni più efficaci al mondo per le applicazioni più critiche al mondo. Le rondelle originali NordLock sono riconosciute in tutto il mondo per la loro capacità di bloccare in modo sicuro le giunzioni bullonate esposte a forti vibrazioni e carichi dinamici. Ora Nord-Lock aggiunge una nuova dimensione di sicurezza al fissaggio delle giunzioni bullonate, introducendo il primo sistema di fissaggio multifunzionale al mondo in grado di gestire sfide provenienti da più fronti.

A new evolution in bolt security

T

here are two main reasons why bolts fail: spontaneous bolt loosening (rotation of the fastener) caused by vibration and dynamic loads, or slackening of the joint (no rotation of the fastener) caused by settlements and relaxation. Solutions that are currently available on the market tend to address only one of the two challenges, offering either a locking system or an elastic system to secure the bolted connection. Traditionally, critical application design has involved trying to figure out

108

Novembre 2012

“Per tutte quelle situazioni in cui non si può dire con certezza se il problema più grande è l’allentamento spontaneo del bullone o il rilassamento, oppure quando si sa che entrambi sono ugualmente rischiosi e possono causare cedimenti dell’applicazione, e quindi non possono semplicemente esserci compromessi. Ora potete contare su un’unica soluzione in grado di risolvere ogni vostra esigenza di fissaggio dei bulloni.” Il 20 settembre 2012, durante una conferenza stampa alla fiera InnoTrans di Berlino, gli esperti in sistemi di fissaggio dei bulloni Nord-Lock hanno svelato la nuova evoluzione nella sicurezza delle giunzioni bullonate. Per rivedere un video dell’evento e per saperne di più sul nuovo prodotto rivoluzionario di casa Nord-Lock, visitate il sito www.nord-lock.it.

Nuts and bolts are often seen as trivial hardware, however a joint with a design flaw, or worse - a joint that fails, can and will cause serious consequences. Not only in terms of costly down-time but also in terms of worker safety

which – spontaneous bolt loosening or slackening – will have the biggest effect on the joint, and choosing a solution to handle that single problem. It is a difficult compromise to make, especially as both potentially cause application failure. For 30 years, Nord-Lock has focused on providing the world’s most effective bolt securing solutions to the world’s most demanding applications. Nord-Lock original washers are recognised around the world for the ability to safely secure bolted joints

BEVERAGE INDUSTRY

exposed to severe vibration and dynamic loads. Now Nord-Lock adds a new dimension of safety to bolt security – introducing the world’s first multifunctional securing system to handle challenges from multiple fronts. “For those situations when you cannot say with certainty whether spontaneous bolt loosening or slackening is the bigger issue – or when you know both are equal risks and could potentially cause application failure – there simply can be no compromise. You can now count on one solution to meet all your bolt securing needs.” The bolting experts at Nord-Lock unveiled the new evolution in bolt security during a press conference at InnoTrans Fair in Berlin, on 20th September 2012. To watch a video from the event and to learn more about the revolutionary product in Nord-Lock’s market offering visit www.nord-lock.com.

www.tecnalimentaria.it


Unveiling a new evolution in bolt security

For years, designers have struggled with how to secure bolts against stresses from multiple fronts, including vibration, dynamic loads, settlement and relaxation.

Nord-Lock adds a new dimension of safety to bolt security with a unique multifunctional wedge-locking solution - ensuring you can handle any challenge.

Now, there’s one solution for all your bolt securing needs.

Introducing the new Nord-Lock X-series washers - for bolt security without compromise.

Interested? Find out more at www.x-series.com Nord-Lock S.r.l. • Tel: +39 011 34 99 668 info@nord-lock.it • www.nord-lock.it


Machinery & Development

SI Drink, il nuovo nome della freschezza SIPO ha recentemente presentato SI Drink, la nuova linea di spremute di frutta fresca per i canali Retail e Ho.Re.Ca. del mercato italiano ed estero. In formato bottiglietta in PET trasparente da 250 ml, le spremute sono senza coloranti, senza conservanti e senza l’aggiunta di acqua, zuccheri e aromi e sono prodotte con la tecnica di stabilizzazione degli alimenti mediante alta pressione (AP), un procedimento non termico (spremitura a freddo) che garantisce la freschezza, il gusto naturale e tutte le proprietà organolettiche e antiossidanti della frutta fresca. L’Alta Pressione unita al PH acido dei frutti conferisce garanzia assoluta che il trattamento avvenga a contenitore flessibile chiuso e quindi senza possibilità di contaminazione durante il confezionamento. Massimiliano Ceccarini, Development Manager di SIPO afferma “Così come il mercato delle verdure pronte si è evoluto nel tempo, anche le bevande a base frutta stanno seguendo un trend a favore della naturalità, della freschezza e del contenuto di servizio per soddisfare un consumatore sempre più evoluto sia nel mercato domestico che nel fuori casa”.

Si Drink, the new name of freshness SIPO has recently presented “SI Drink”, the new line of fresh fruit juices for the retail and Ho.Re.Ca. channels, Italian and international. The 250-ml bottle is made in transparent PET; the juices are produced with no added water, sugar or flavouring, dies or preservatives. The juices are made through food stabilization technique in high pressure, a non thermal process that guarantees freshness, natural taste and organoleptic and antioxidant properties of fresh fruit. High Pressure combined with the PH of fruit guarantees that this process is performed when the flexible container is closed and therefore there is no risk of contamination during the packaging process. Massimiliano Ceccarini, Development Manager of SIPO, says “alike the market of ready vegetables, the fruit drinks market has been following a trend toward naturalness, freshness and service, in order to serve increasingly demanding consumers of the domestic market and dining our sector.”


Science & Technology

Misura in 3D facile e veloce Con Gocator, bastano pochi minuti per effettuare misure in 3D su caratteristiche come larghezze, spessori e angoli, monitorando la produzione con estrema precisione

V

iviamo in un mondo in tre dimensioni con processi manifatturieri che richiedono l’ispezione di parti ad alta velocità e con un grado elevato di precisione. Le soluzioni di visione artificiale concepite per impieghi nella produzione industriale possono essere complesse da progettare, configurare e installare, e spesso richiedono personale specializzato con una formazione tecnica. Le soluzioni 2D progettate per risolvere problemi di misura tridimensionali sono complicate, costose e, spesso, non producono i risultati desiderati. Il 2D non può, infatti, tenere conto delle variazioni di altezza senza scendere a compromessi sui costi, sulla qualità o sull’affidabilità. Anche se le soluzioni 3D vengono tradizionalmente considerate costose o complesse da confi-

gurare, la rivoluzionaria famiglia di prodotti Gocator di LMI Technologies, distribuita in Italia da Image S, semplifica notevolmente la misura in 3D nell’automazione di fabbrica. Gocator è una famiglia di sensori intelligenti 3D all-in-one concepiti per la massima facilità d’uso abbinata a potenza elevata. I sensori Gocator vengono forniti già precalibrati, pronti per effettuare scansioni e misurazioni in pochi minuti. Senza codici né regolazioni complesse, Gocator è accessibile a utenti con qualsiasi livello di competenza. Dal personale di produzione in fabbrica a tecnici e ingegneri, l’interfaccia integrata nel browser di Gocator accompagna tutti gli utilizzatori dalla configurazione alla misurazione in pochi minuti. I sensori possono essere configurati facilmente attraverso l’interfaccia intuitiva. Bastano pochi minuti per effettuare misure in 3D su caratteristiche come larghezze, spessori e angoli, monitorando la produzione con estrema precisione. La suite di strumenti di misura integrati in Gocator agevola l’ispezione di materiali, migliora il controllo di qualità e consente di sviluppare soluzioni di automazione di fabbrica a costi contenuti. Per gli sviluppatori è disponibile un kit che consente la programmazione completa sia del Gocator che dell’interfaccia utente.

3D measurement fast and easy With Gocator, almost immediately you will be able to measure 3D features like width, thickness, and angle in order to precisely monitor production

112

Novembre 2012

W

e live in a 3D world with manufacturing processes that demand high speed and highly accurate part inspection. Machine vision solutions designed to support automated production can be complicated to design, setup, and install; often requiring specialized staff with an engineering background. 2D solutions designed to solve 3D measurement problems are complicated, expensive, and are often times unsuccessful. 2D simply can’t compensate for height variation without some sort of compromise in cost, quality, or reliability. Although 3D solutions are traditionally thought of as costly or complicated to configure, LMI’s revolutionary Gocator product family – distributed in Italy by Image S – makes 3D measurement for factory automation easy. Gocator is a family of all-in-one 3D smart sensors designed to be easy

BEVERAGE INDUSTRY

to use yet very powerful. Out of the box, Gocators are pre-calibrated to scan and measure within minutes. No coding or complicated calibration is required making Gocator accessible to all levels of expertise. From factory floor production staff to technicians and engineers, the Gocator embedded web browser interface gets you from setup to measurement in minutes. Sensors are easily configured using an intuitive and responsive interface. Almost immediately you will be able to measure 3D features like width, thickness, and angle in order to precisely monitor production. Gocator’s suite of built-in measurement tools makes it easy to inspect materials, improve quality control, and introduce factory automation solutions at low cost. A developer’s kit is available for the complete programming of Gocator and user interface.

www.tecnalimentaria.it


Science & Technology

LinMot: Nuovi motori lineari trifase ad alta forza 400 V AC

La nuova famiglia di motori lineari P10-70 estende la gamma di prodotti a taglie più grandi e potenti, con forze di spinta sino a 2500 N e alimentazione a 400 V AC trifase

P

AMOCO, distributrice di LinMot in Italia, presenta la nuova famiglia di motori lineari P10-70 che estende la gamma di prodotti a taglie più grandi e potenti, con forze di spinta sino a 2500 N e alimentazione a 400 V AC trifase. Cinque taglie di motori, con forze da 500 N a 2500 N, coprono una vasta gamma di applicazioni per carichi gravosi e potenze elevate. I nuovi motori sono pilotati dalla nuova serie di azionamenti E1400 con interfaccia Field Bus ed Ethernet industriale. Gli azionamenti della serie E1400 sono alimentati direttamente dalla tensione trifase in un range compreso tra 340 e 480 V AC. I motori lineari industriali di LinMot sono attuatori “direct drive” progettati per offrire significativi vantaggi

rispetto a componenti tradizionali come i cilindri pneumatici, i servomotori con trasmissione a cinghia dentata o a vite, i dischi o i sistemi a biella e manovella. I motori lineari industriali di LinMot sono elementi innovativi che permettono soluzioni avanzate per nuove unità funzionali, moduli o intere macchine, in applicazioni precedentemente non praticabili con le tradizionali soluzioni. L’elevato livello di integrazione (cuscinetti e sensore di posizione alloggiati nel motore) e la possibilità di integrare i sistemi LinMot con vasta gamma di sistemi di controllo riduce i tempi di progettazione. Grazie alla particolare forma dei motori, simile a quella dei cilindri pneumatici, vengono spesso utilizzati per la

LinMot: New high force linear motors 3x400 V AC

P

AMOCO, the Italian distributor of LinMot, introduces the new Linear Motor Family P10-70 LinMot, extending their product range with bigger and more powerful actuators for 3x400VAC for forces up to 2’500N. Five different motor sizes from 500N to 2’500N will cover a wide range of high power applications with heavy loads. The new motors are controlled by the new Series E1400 Servo Controllers with Field Bus and industrial Ethernet Interfaces. The E1400 Controllers are directly supplied by the AC mains with a 3x340…480V AC input range. LinMot industrial linear motors are designed to offer significant advantages over traditional components such as pneumatic cylinders, servomotors with spindles and belts or mechanical solutions such as cam, discs or crank designs. LinMot industrial linear motors are innovative products that provide solutions for new functional units, modules or whole machines that previously were impractical, since they were using traditional components. The high level of integration (bearings and position sensors are integrated in the motor)

114

Novembre 2012

sostituzione di questi ultimi. In particolare il motore lineare viene utilizzato quando si richiedono più di due posizioni, il cambiamento della posizione via software oppure se la dinamica e la durata di vita del cilindro pneumatico non sono sufficienti. I profili di movimento per i motori lineari industriali possono essere definiti secondo diversi criteri e le sequenze di movimento definite, inoltre, non sono soggetti a variazioni durante il funzionamento mantenendosi stabili per tutta la durata di vita. Poiché i motori lineari non necessitano di componenti aggiuntivi per la trasmissione della forza (quali cinghie, ingranaggi, alberi) e non utilizzano parti soggette ad usura (quali guarnizioni) permettono di raggiungere durate di vita superiori rispetto ai sistemi pneumatici. I motori lineari consentono di effettuare accurati controlli di velocità, posizione e forza grazie al controllo “diretto” senza l’utilizzo di organi di trasmissione intermedi. Il nuovo motore lineare LinMot P10-70 apre la tecnologia LinMot a nuove applicazioni con forze e carichi più elevati. Il motore P10-70 è già disponibile per la vendita.

The new Linear Motor Family P10-70 LinMot extends their product range with bigger and more powerful actuators for 3x400VAC for forces up to 2’500N

and the ability to integrate LinMot systems into a wide range of control systems shorten the design cycle. Since the shape of LinMot linear motors is similar to that of the pneumatic cylinders, they are often used as replacements for the latter. This is especially the case when more than two positions are required, if the positions need to be changed via software, or if the dynamics or lifespan of the pneumatic cylinder is not sufficient. The moving profiles of the industrial linear motor can be defined through different criteria and the defined sequences are not subject to changes during the functioning and remain

BEVERAGE INDUSTRY

stable for all the duration of life of the device. Since the linear motors do not need additional components to transmit the force (like belts, gears or shafts) and do not use parts subject to wearing (like gaskets), they allow to reach longer lifetimes compared to the pneumatic systems. The linear motors allow to execute accurate speed control, force control and position control thanks to their “direct control”, without any auxiliary transmission components. The new LinMot Linear Motors size P10-70 will open LinMot’s technology to new applications with higher forces and higher loads. The motor P10-70 is available now.

www.tecnalimentaria.it


Machinery & Development

Il trattamento delicato del prodotto ha priorità

N

ella produzione della birra si utilizzano principalmente pompe centrifughe, ma vi sono un paio di passaggi nel processo produttivo che richiedono l’impiego di pompe volumetriche sanitarie, ci riferiamo essenzialmente al trasferimento di lievito. Per dei compiti delicati, quali il dosaggio di lievito o il recupero dello stesso, la Jung Process Systems di Amburgo offre la pompa a bivite HYGHSPIN in varie grandezze. Prestigiosi produttori utilizzano già da un paio di anni il modello HYGHSPIN 70-40 per il trasferimento di lievito di birra fornito con tenuta meccanica doppia flussata. Questa macchina ha dimostrato notevole versatilità di prestazioni, sia nella fase produttiva che nel ciclo di

Tre delle cinque maggiori birrerie a livello mondiale impiegano le pompe HYGHSPIN per il loro lievito

lavaggio CIP. Ad una temperatura di 90°C il lievito ha, in alcuni casi, una viscosità di 320 mm2/s, pertanto tale pompa eroga una portata massima di 11 m3/h ad una pressione differenziale di 10,5 Bar. Durante la procedura CIP la stessa macchina sviluppa una portata massima di 24 m3/h a 2 Bar. Grazie al basso “effetto taglio” sul prodotto ed al principio di convogliamento assiale, la consistenza e la struttura del lievito non sono alterate. L’ottimo funzionamento della pompa è garantito su un ampio spettro di viscosità e portate a fronte della fluttuazione della viscosità del lievito. Per questa ragione le pompe HYGHSPIN sono particolarmente idonee per applicazioni

ove i fluidi devono essere trasferiti delicatamente e con assenza di pulsazioni. Questa certezza l’abbiamo dall’esatta selezione della pompa, dalla costruzione e dalla scelta del passo dei rotori a bivite. Così facendo con le pompe HYGHSPIN si ottengono i migliori risultati, evitando un’eccessiva erogazione di portata che può distruggere la struttura del lievito. Sottolineiamo ancora il fatto che la macchina può essere utilizzata anche per il lavaggio CIP, quindi l’utilizzatore beneficia di due servizi con una sola pompa. Jung Process Systems GmbH sarà alla fiera BRAU Beviale in Norimberga, Hall 6 – Stand 406.

HYGHSPIN 70 – Pompa a bivite speciale per lievito HYGHSPIN 70 - twin screw pumps are especially suitable for gentle feeding of yeast

Gentle product treatment has highest priority

A

lthough breweries are predominantly utilizing centrifugal pumps there are a couple of critical steps during the brewing process which require the use of hygienic displacement pumps. This means essentially the transport of yeast. For this challenging transport task, for instance the yeast dosage or also the yeast recovery, Jung Process Systems offers HYGHSPIN twin screw pumps in different sizes. Wellknown customers, for example, already use since years HYGHSPIN 70-40 for the transport of beer yeast with double-acting flushed mechanical seal. The operational characteristics for product transfer and

116

Novembre 2012

CIP cleaning demonstrate the versatility of the pump. At a temperature of 90 °C the yeast has a viscosity in this special case of 320 mm2/s. The feed capacity amounts to maximum 11 m3/h at a differential pressure of up to 10,5 bar. During CIP procedure the same pump operates with maximum 24 m3/h against 2 bar. Due to the low shear effect and the axial feeding principle of these pumps the consistency of the yeast will not be affected. A safe process operation of the pumps over a wide range of viscosities and capacities is more than important as the viscosity of beer yeast fluctuates. This

BEVERAGE INDUSTRY

Three of the top five brewers worldwide use HYGHSPIN pumps for yeast reliability is guaranteed by exact pump design as to range of speeds and correct choice of the adequate feed screw pitch so that optimum results are achieved with HYGHSPIN pumps – also an excessive flow rate can damage or even destroy the yeast structure. Moreover, the pump can be cleaned in-place. For this reason the HYGHSPIN pumps are especially suitable for those companies that prefer gentle and low pulsation transport of their products, using the same pump also for CIP cleaning. Jung Process Systems GmbH will exhibit at BRAU Beviale 2012 in Nurnberg, Hall 6 - Booth 406.

www.tecnalimentaria.it


P o m p e - S t r u m e n t a z i o n e - V a l v o l e - I m p i a n t i e S i s t e m i - Te c n o l o g i e A c q u a

Excellence in Fluid Handling www.ascopompe.com

Asco Pompe S.r.l. 20089 Rozzano (MI) - ITALY Via Silvio Pellico, 6/8 Phone +39 02 89257.1 Telefax +39 02 89257.201 E-mail: asco@ascopompe.com


Marketing & Strategy

La rivoluzione verde è possibile

caratteristiche del prodotto, conservando al meglio la freschezza, leggerezza e salubrità di quest’acqua, che è particolarmente indicata per le diete povere di sodio e, per la sua particolare leggerezza, per l’alimentazione di mamme e bambini. BioBottle rappresenta il profondo “credo” di Acqua Sant’Anna e oggi l’Azienda propone un’intera gamma in versione bio. Dalla sperimentazione di questo speciale prodotto avviata ormai sette anni, il mercato sta premiando oggi la lungimiranza dell’imprenditore Alberto Bertone. E’ stato lui, importando direttamente dagli Stati Uniti la materia prima di cui è prodotta Sant’Anna BioBottle, a introdurre nel mercato una vera e propria rivoluzione del packaging. È stata quindi Acqua Sant’Anna il portabandiera italiano al convegno, caso esemplare di una rivoluzione green possibile e in continuo sviluppo. Se oggi infatti diverse aziende studiano la produzione di materiali innovativi come le “plastiche” di origine naturale, Sant’Anna può invece affermare di avere già in vendita a scaffale in grande distribuzione una bottiglia rivoluzionaria e tuttora unica nel suo genere.

In occasione della nona edizione del Global Bottled Water Congress a Barcellona, Alberto Bertone di Fonti di Vinadio rappresenta l’Italia

D

all’8 al 10 ottobre a Barcellona si è tenuta la nona edizione del Global Bottled Congress, incontro di riferimento per i protagonisti mondiali del settore acque minerali. Tre giorni di dibattiti e conferenze per fare il punto sul mercato delle acque a livello mondiale, andamento attuale e opportunità di sviluppo futuro con un focus particolare sulle tematiche di ecosostenibilità e ambiente. Alberto Bertone, Presidente e Amministratore Delegato di Fonti di Vinadio – Acqua Sant’Anna, è stato invitato a raccontare la sua esperienza imprenditoriale tra i big del settore. In particolare il 9 Ottobre, nell’ambito del panel dedicato ai nuovi materiali e al packaging,Alberto Bertone ha raccontato il caso Sant’Anna BioBottle e l’impegno sul fronte innovazione e riciclo. Al pubblico presente, manager delle principali aziende e multinazionali di settore, Alberto Bertone ha presentato Sant’Anna BioBottle, punto di partenza per una vera rivoluzione green. Sant’Anna BioBottle è la prima bottiglia di acqua minerale realizzata interamente con una rivoluzionaria plastica naturale che si ricava dalla fermentazione degli zuccheri delle piante anziché dal petrolio come le più comuni bottiglie di plastica in commercio. La speciale bottiglia di acqua minerale anziché essere prodotta dal petrolio, si ricava dal Pla, un biopolimero di origine vegetale

118

Novembre 2012

che permette contemporaneamente numerosi vantaggi: risparmia risorse non rinnovabili, abbatte le emissioni di CO2 in atmosfera ed essendo composta da vegetali può essere conferita nella raccolta differenziata dell’organico per biodegradarsi in 80 giorni negli appositi siti di compostaggio. Soprattutto, come dimostrano i numerosi test effettuati, preserva in modo ottimale le

BEVERAGE INDUSTRY

www.tecnalimentaria.it


Marketing & Strategy

Green revolution is possible

T

he Global Bottled Water Congress has been a three-day event, followed by a two days of conference sessions and a gala dinner, has been held in Barcelona, from 8 to 10 October. It has been an excellent opportunity for producers, suppliers, customers and other industry partners to gain a complete overview of market trends, development, eco-friendliness and environmental issues. Alberto Bertone, President and Managing Director of Fonti di Vinadio Acqua SAnt’Anna, was invited to tell his own entrepreneurial experience. In particular, last 9 October, during a session on new materials and packaging, Alberto Bertone told Sant’Anna BioBottle case and the company’s commitment to innovation and recycle. He introduced and highlighted to the participating managers of the top companies and multinationals of the sector, Sant’Anna BioBottle as starting point to a real green revolution. Sant’Anna Bio Bottle is the first bottle of mineral water entirely made in natural plastic deriving from the fermentation of sugar rather than from petrol as it is for most of bottles sold. The special bottle is made of Pla, a biopolymer bringing about several advantages, such as: save on non-renewable energy sources, blast CO2 emissions, can be disposed in 80 days in suitable sites. Most importantly, many tests show that it preserves product characteristics perfectly well, such as freshness, lightness and healthiness; this water is especially recommended to people on diets with low sodium content, and its particular lightness is suitable for young mothers and their children. Bio Bottle portrays the deep “creed” of Acqua Sant’Anna and today the company proposes a complete line of bio mineral waters. From the experimentation of this special product started seven years ago, the market is praising Alberto Bertone’s farsightedness. He was him who introduced a real packaging revolution by importing

www.tecnalimentaria.it

On occasion of the ninth edition of Global Bottled Water Congress, Barcelona, Alberto Bertone of Fonti di Vinadio represented Italy from the USA the raw materials with which Sant’Anna Bio Bottle is produced. Acqua Sant’Anna has been Italy’s standardbearer during this Barcelona Conference, proving that green revolution is not only possible but also under development. In fact, whereas some companies are still studying how to produce innovative materials such as organic plastics, Sant’Anna can proudly claim that its bio bottles, unique of its kind, are being sold in the large-scale retail trade.

BEVERAGE INDUSTRY

Novembre 2012

119


Science & Technology

Kobold fa la differenza nel controllo Elevata flessibilità ed affidabilità sono le caratteristiche più importanti del trasduttore di pressione differenziale PAD prodotto da KOBOLD

E

levata flessibilità ed affidabilità sono le caratteristiche più importanti del trasduttore di pressione differenziale PAD prodotto da KOBOLD. Questo strumento di misura è idoneo sia per la misura di pressione assoluta e differenziale che per la misura di livello e portata. Gli svariati campi di misura compresi tra -1 ed oltre 400 bar e la sovrappressione fino ad 800 bar rendono lo strumento una valida soluzione per una vasta gamma di applicazioni. I sensori capacitivi e piezoresistivi garantiscono un‘elevata precisione di misura, pari a ± 0,075% del campo di misura impostato, ed un‘ottima stabilità a lungo termine. La membrana, in contatto con il fluido di processo, è disponibile in Acciaio Inossidabile, Hastelloy C, Tantalio o Monel. Il limite di temperatura è di 120° C. La custodia può essere ruotata di 180° per garantire la perfetta leggibilità del display.

High flexibility and reliability are the important characteristics of the PAD differential pressure transducer made by automation specialists KOBOLD

120

Novembre 2012

La classe di protezione è IP 67. E’ disponibile la versione certificata ATEX. Il sistema di misura è costantemente monitorato e verificato mediante un microprocessore di alta qualità. I controlli riguardano la compensazione automatica della temperatura ambiente, le variabili di processo, la calibrazione del sensore, la regolazione del punto zero, il filtro e lo smorzatore elettronico del segnale. La funzione di autodiagnosi analizza costantemente il corretto trasferimento di dati, l’uscita analogica, l’uscita in frequenza ed il display LCD. L’integrazione in sistemi di automazione può avvenire anche utilizzando il protocollo HART.

Kobold makes the difference in control H igh flexibility and reliability are the important characteristics of the PAD differential pressure transducer made by automation specialists KOBOLD. This reliable measuring instrument is just as suited to recording absolute and differential pressure as it is to measuring filling levels and flow rates. A multitude of measuring ranges from –1 to over 400 bar and the overpressure models up to 800 bar provide solutions for a wide range of applications. Tried-and-tested capacitive or piezoresistive sensors ensure high reference accuracy of within ±0.075% of the calibrated measuring range as well as long-term stability. The membrane, which comes into contact with the media during the process, is made of proven, hard-wearing materials (stainless steel, Hastelloy C, tantalum, or Monel) and

BEVERAGE INDUSTRY

can withstand process temperatures of up to 120°C. Special multi-level connecting flanges make it possible to install the pressure transducer vertically without separate fitting pieces or different mounting plates. The protection class is IP 67. ATEX approval will soon be available. The measuring process is monitored and evaluated using a high-quality microprocessor. This includes the automatic compensation of ambient temperature and process variables, sensor calibration and zero-point adjustment, filtering and damping, continual self-diagnosis and adjustment, as well as data transfer and LCD display. The analogue and frequency output relays the measurement values. Operation and integration in automation systems can also take place using the HART protocol.

www.tecnalimentaria.it


A ProWein un programma collaterale straordinario Alla ProWein 2013, Düsseldorf dal 24 al 26 Marzo, oltre alla straordinaria varietà internazionale dell’offerta, i visitatori avranno modo di compiacersi nuovamente per l’esclusivo programma offerto. Nel Foro nuovo della ProWein avranno luogo numerosi seminari, l’Area Centrale di Degustazione presenta come focus i principali assortimenti di uve internazionali e nella FIZZZ-Lounge si trova una ricca offerta sul tema Cocktail. Per la prima volta alla ProWein 2013 ci sarà nel padiglione 7.1 un’area centrale per le conferenze. Nel Forum della ProWein diversi espositori terranno rispettivamente ad ogni ora, seminari e degustazioni accompagnate da un moderatore. Con il motto “Varietà di tendenza e principali nella viticultura internazionale” gli espositori della ProWein provenienti da tutto il mondo mettono a disposizione i loro vini per una libera degustazione. Sono ammessi per ognuno otto tipi di vini rossi e otto di vini bianchi che sono il focus del settore vinicolo internazionale. Come vini bianchi sono ammessi Riesling, Chardonnay, Sauvignon Blanc, Burgunder bianco e grigio (Pinot Grigio, Pinot Blanc) così come Grüner Veltliner, Viognier e Verdejo. I vini rossi sono costituiti esclusivamente da Pinot Noir, Cabernet Sauvignon, Merlot, Shiraz, Grenache, Sangiovese così pure Tempranillo/Tinta Roriz e Blaufränkisch/ Lemberger.

At ProWein a top-notch supporting programme ProWein 2013, Düsseldorf from 24 to 26 March, as well as the unique international range, visitors can also and once again look forward to a top-notch supporting programme. The ProWein Forum will feature numerous seminars, the Central Tasting Zone will place leading international grape varieties centre stage and the FIZZZ-Lounge will offer a colourful range based around the cocktail theme. For the first time now ProWein 2013 will feature a central lecture forum in Hall 7.1. At the ProWein Forum various exhibitors will organise seminars and hosted tasting sessions, each scheduled to start on the hour. Under the heading “Fashionable and Leading Varieties in International Wine Cultivation” wines will be offered for tasting from ProWein exhibitors from throughout the world. There will be eight white and eight red wines approved here that are in the spotlight of the international wine sector. The approved white wine varieties are Riesling, Chardonnay, Sauvignon Blanc, Grauburgunder (Pinot Grigio) and Weißburgunder (Pinot Blanc) as well as Grüner Veltliner, Viognier and Verdejo. The red wines must derive solely from Pinot Noir, Cabernet Sauvignon, Merlot, Shiraz, Grenache, Sangiovese, Tempranillo/Tinta Roriz and Blaufränkisch/ Lemberger.


Science & Technology

Strumenti mirati per le criticità della produzione RG Strumenti propone controlli di processo e di laboratorio innovativi per ottimizzare i parametri e monitorare le criticità della produzione

R

G Strumenti, una nuova e dinamica realtà che si inserisce nel contesto dei controlli di processo e di laboratorio, propone soluzioni innovative nate dallo studio delle esigenze dei propri clienti. In quest’ottica  sono stati sviluppati i torsiometri da processo ETA TORQUE, strumenti che hanno la forma del packaging utilizzato per essere posizionati direttamente in linea, e che permettono di controllare e calibrare le teste delle tappatrici. L’innovazione rispetto alle chiavi dinamometriche sin’ora utilizzate è la possibilità di effettuare la misura senza dover fermare il processo! Tale misura poi viene visualizzata direttamente sul display presente sullo strumento stesso. A fine linea è talvolta necessario verificare la coppia di torsione necessaria per l’apertura del packaging, e per questo RG Strumenti propone una soluzione interamente in acciaio inox con display touch screen di ultima generazione: i torsiometri della serie TMV costruiti in modo tale da annullare eventuali contributi

di compressione dovuti all’operatore durante l’effettuazione della misura.  Il software di gestione dati consente di avere un database completo inerente alle materie prime (tipo di bottiglia, di tappo, nome del fornitore, lotto del prodotto) e la raccolta dei dati provenienti da ogni fine linea per poter intervenire immediatamente e per evidenziare eventuali problemi dovuti a materie prime non conformi alle specifiche richieste. RG Strumenti si pone come realtà all’avanguardia anche nel monitoraggio delle temperature, fondamentali in molti processi del settore beverage. Per ottimizzare i parametri critici sono stati studiati specifici data logger in grado di memorizzare una quantità elevata di informazioni su vari parametri fisici caratterizzanti il processo produttivo (temperatura, pressione, tempo, umidità). Lo sviluppo tecnologico ha permesso di costruire questi  strumenti in dimensioni assai ridotte  con materiali che consentono di porli direttamente nell’imballo, senza dover ricorrere a manipolazioni che possono influenzare lo stato reale del sistema prodotto-packaging. Un ulteriore fattore critico del processo produttivo, è il controllo degli ambienti di lavoro. Questi devono essere costantemente monitorati  al fine di evitare una contaminazione batterica del prodotto nelle sue fasi più critiche. RG Strumenti commercializza, a  tal fine, lampade UV per ambienti e per imballaggi, conta particelle portatili e palmari, bioluminometri per il controllo delle acque di lavaggio, campionatori d’aria. Per maggiori informazioni, per consulenze e/o preventivi contattare info@rgstrumenti.it

Target instruments for production criticality RG Strumenti is a new and dynamic reality of the process controls and laboratory analysis sector; it proposes innovative solutions worked out upon customers’ requirements. To this regard, it has developed ETA TORQUE process torsiometers having the same shape as the packaging used so that it can be inserted in the line to control and gauge capping heads. In comparison with torque wrenches used so far, innovation stands in the possibility of gauging without stopping the process. Such reading will then be displayed on the screen of the same instrument. At the end of line, sometimes it is necessary to control the torque that opens the packaging and RG Strumenti proposes a fully stainless steel solution provided with cutting-edge touch screen: torsiometers of Series TVM, built in such a way as to zero any compression exerted by the operator during the gauging. Data software management enables to get both a complete database of raw materials (kind of bottle, cap, name of suppliers, product batch), and data collection of any line as to act at once and to report any problem

124

Novembre 2012

RG Strumenti proposes process controls and laboratory analysis to optimize parameters and monitor production criticality emerging because of raw materials that do not meet the specifics requested. RG Strumenti is also at the cutting edge of temperature reading, which is crucial issue in many processes in the beverage industry. To optimize critical parameters, some specific data loggers have been studied as to store much information on various physic parameters characterizing the production process (such as, temperature, pressure, time and humidity). Technologic development enables to build these instruments in quite small size and in such suitable materials as

BEVERAGE INDUSTRY

to be placed in the packaging directly, thus avoiding handling that may influence the real state of product-packaging system. Control in work environment is further critical factor in production processes. Work environments need monitoring regularly in such a way as to avoid any bacterial contamination of the product under treatment during its most critical phases. RG Strumenti proposes UV lamps for both environments and packaging, portable and handheld particle counters, bioluminometers to control washing waters, air samplers. For more information, advise and/or offers, contact info@rgstrumenti.it

www.tecnalimentaria.it


Science & Technology

Pilz: servizi per la sicurezza

C

on oltre 50 anni di esperienza nel settore dei servizi concernenti la sicurezza, l’azienda Pilz è un partner affidabile per imprese industriali leader a livello nazionale e internazionale. Le sue conoscenze relative alle macchine si basano su esperienze pratiche e sulla collaborazione con produttori leader a livello mondiale, enti normativi e autorità di controllo. Offre inoltre soluzioni orientate alla pratica e sviluppate su misura per far fronte alle più complesse esigenze di sicurezza. I vostri progetti, in mani sicure Pilz offre un pacchetto di servizi e soluzioni completo che garantisce conformità alle Direttive e quindi sicurezza per le vostre macchine e impianti, mettendovi così nella condizione di potervi concentrare sulle vostre attività principali senza disperdere risorse. Per tutte le fasi del ciclo di vita della macchina Pilz offre servizi adattati alle vostre esigenze, dall’identificazione dei punti pericolosi all’applicazione di sistemi di sicurezza e soluzioni complete: Analisi dei Rischi (Risk Assessment), Soluzioni di sicurezza (Safety Concept), Progettazione della sicurezza (Safety Design), Integrazione di sistemi (System Implementation)

Pilz è un partner affidabile per imprese industriali leader a livello nazionale e internazionale e vanta oltre 50 anni di esperienza nel settore dei servizi concernenti la sicurezza

e Validazione (Validation). In collaborazione con un team o con i responsabili della vostra azienda Pilz definisce le strategie di conformità necessarie a livello globale e le mette in pratica. Ciò comprende la marcatura CE e la valutazione della conformità internazionale. Offre inoltre una serie di servizi relativi all’ispezione e al controllo. I servizi Pilz concernenti la sicurezza vengono completati da corsi di formazione su questo argomento. L’offerta Pilz L’azienda fornisce un valido supporto per il raggiungimento di traguardi aziendali in genere e in particolare per quelli concernenti la sicurezza, in conformità con Direttive Europee e Norme nazionali ed internazionali, nei seguenti ambiti: • progettazione, costruzione, installazione e messa in servizio di nuovi impianti di produzione; • aggiornamento di impianti e macchine per adattarli a nuovi prodotti, processi o per l’aumento della produttività; • messa in servizio di nuove macchine o integrazione di sistemi di automazione e di macchine in linee di produzione. Pilz è fiera dei successi raggiunti grazie alle collaborazioni instaurate tra i suoi team con i dipendenti dei suoi clienti per l’implementazione di soluzioni pratiche, pragmatiche e vantaggiose finalizzate all’ottimizzazione della produzione.

Pilz: safety services Pilz stands out as a reliable partner for industrial leaders at domestic and global level and it boasts more than 50 years of experience in the safety service sector

W

ith more than 50 years of experience in the safety service sector, the company Pilz stands out as reliable partner for industrial leaders at domestic and global level. Its knowledge of machinery grounds on practical experience and its cooperation with leading world producers, institutions and control authorities. In addition, it also offers practice-oriented solutions tailored to comply with the most complex safety requirements. Your projects in safe hands

126

Novembre 2012

Pilz offers a comprehensive package of services and solutions that guarantees full compliance with the standards and therefore full safety of your machines and plants, so that you can concentrate on your main activity without wasting any resource. For all machine’s life cycle, Pilz can offer services tailored to your requirements, from the identification of hazardous areas to the application of safety systems and complete solutions: Risk Assessment, Safety Concept, Safety Design, System Implementation and Validation.

BEVERAGE INDUSTRY

In cooperation with your company’s team or managers, Pilz sets out the conformity strategy necessary at global level and puts it into practice. This includes CE Marking and international compliance management. It also offers inspection and control services. Pilz safety services also include safety training courses. Pilz offer The company offers a sound support to help companies hit their goals in general and in terms of safety, EU conformity standards, international and domestic standards in particular, in the field of: • design, build, installation and start-up of new production plants • upgrade of plants and machines as to adjust them to new products, processes or to increase productivity • put to use new machines or integrations of automation systems or machines in production lines. Pilz is proud of its success gained thanks to the cooperation with its teams with customers’ personnel for the implementation practical, pragmatic and advantageous solutions for production optimization.

www.tecnalimentaria.it


Scegli di non scegliere.

Con la consulenza Pilz, sicurezza e produttività crescono insieme. La mission di Pilz è garantire contemporaneamente la sicurezza e la produttività. Come? Con una corretta automazione dei macchinari nel pieno rispetto delle normative in vigore. Una sicurezza funzionale che è da considerarsi come un vero e proprio investimento perché i costi che un’azienda deve sostenere in caso di infortunio sono elevatissimi: sequestro del macchinario, pratiche burocratiche, incremento dei costi previdenziali, costi per le spese legali, ore di straordinario e non ultimo il danno d’immagine. Pilz aiuta a definire il corretto modello decisionale per la gestione della sicurezza, combinando gli aspetti economici e di produttività con quelli della riduzione del rischio. Un binomio che fa dormire sonni tranquilli.

Pilz Italia srl - Via Meda 2/A - 22060 Novedrate (CO) Tel. 031 789511 - Fax 031 789555 - info@pilz.it - www.pilz.it

the spirit of safety


Machinery & Development

Prodotti e servizi di alta qualità

I

nnova è un’azienda di Bareggio, Milano, fondata dal dr. Carlo Cavicchi e dal figlio Riccardo (www.innovaitaly.com). Sin dal 1978 il dr. Cavicchi, laurea in ingegneria, produce sistemi ad osmosi inversa. Oltre 500 impianti  e macchine Innova sono state prodotte e vendute in tutto il mondo attraverso una rete di agenti qualificati capaci di garantire un servizio post vendita di qualità. Gli impianti dell’Innova sono completamente progettati da uno staff interno all’azienda. L’azienda possiede ogni macchinario per saldare e lavorare l’acciaio della migliore qualità, come richiesto dalle linee ad alta pressione dei dissalatori ad osmosi inversa. L’azienda produce e assembla al suo interno anche pannelli elettrici di controllo. Ogni lavoro di meccanica per impianti fino a 1500

Innova è conosciuta e apprezzata in tutto il mondo per la qualità dei suoi prodotti e del servizio post vendita

m3/giorno può essere eseguito presso l’azienda stessa e ogni impianto viene testato singolarmente prima della consegna e i suoi dati registrati al fine di poter garantire assistenza e parti di ricambio per almeno 10 anni. Innova è globalmente apprezzata e riconosciuta come azienda esperta. La produzione aziendale si divide in tre settori principali: Settore Industriale Innova ha fornito centinaia di Deionizzatori o Demineralizzatori ad osmosi inversa per la produzione di acqua per caldaie e molti usi industriali dove l’acqua deionizzata è richiesta come materia prima. Tra i clienti annovera industrie chimiche, alimentari, delle bevande, tessili e meccaniche di dimensioni grandi, medie e piccole in

High-quality products and services

I

nnova is a Ltd. company whose shares are owned by Dr. Carlo Cavicchi and his son Riccardo (www.innovaitaly.com). Dr. Cavicchi, the founder, has a university degree in engineering and since 1978 he has been experienced in manufacturing reverse osmosis systems. More than 500 plants and machines have been produced and sold all over the world through a network of qualified agents who also assure local efficient after sales service. Innova plants are totally engineered by the internal staff. The Innova factory has any facility for welding and working stainless steel of the best quality as required in high pressure lines of Reverse Osmosis desalinators. Also electric control panels are engineered and assembled inside the company factory.

128

Novembre 2012

Every mechanical work for plants up to 1500 m3/day can be made inside the factory. Each plant is individually tested before shipment and detailed record is made for each machine so as to grant service and spare parts for at least 10 years. Innova is universally appreciated and regarded as an expert company. The company’s production is divided into three main sectors: Industrial sector Innova has supplied hundreds of reverse osmosis deionizers for production of water for boilers and many industrial uses where deionized water is required as prime product. Among its customers Innova numbers large-, medium- and also small-sized chemical, food, beverages, textile, mechanical industries in

BEVERAGE INDUSTRY

Europa, Nord e centro Africa, Medio Oriente, Asia, Nord e Sud America. Innova ha anche fornito macchine di processo con membrane semipermeabili nel settore alimentare e farmaceutico per la produzione di acqua ultrapura. Settore civile e agricolo In questo settore sono stati forniti centinaia di dissalatori ad osmosi inversa per produrre acqua dolce potabile da acqua salmastra e di mare per case, palazzi familiari, villaggi residenziali e turistici. Inoltre Innova ha anche fornito Deionizzatori ad Osmosi Inversa per le caldaie delle lavanderie a vari complessi alberghieri e turistici. Settore marino In questo settore abbiamo fornito dissalatori per imbarcazioni da diporto, navi mercantili e a grandi navi da crociera.

Innova is well-known and appreciated across the world for the quality of its products and after-sales services Europe, North and Central Africa, the Middle East, Asia, North and South America. In addition, Innova has also supplied several plants for membrane processes in the food and pharmaceutical field. Civil and agricultural sector In this sector hundreds of desalinators for brackish water and sea water have been supplied to farms, villas and family palaces, hotel and residences. Moreover, Innova has also supplied Inverse Osmosis Desalinators for the boilers of hotel and tourist residence laundries. Marine sector In these sector several desalinators have been installed in leisure and charter boats, fishing vessels, mercantile ships, offshore oil rigs, luxury cruise ships.

www.tecnalimentaria.it


Innovative membrane water systems HIGH QUALITY - RELIABLE PEOPLE

SPECIALISTI IN MACCHINE E TECNOLOGIE CON MEMBRANE SEMIMPERMEABILI

OSMOSI INVERSA E NANOFILTRAZIONE

ULTRAFILTRAZIONE E MICROFILTRAZIONE TANGENZIALE

• Produzione di acqua demineralizzata per caldaie • Produzione di acqua per - umidificatori - rabbocco nelle torri evaporative e di raffreddamento • Produzione di acqua per il risciacquo nelle lavatrici e sciacquatrici • Produzione di acqua demineralizzata sterile per usi industriali in genere • Concentrazione a freddo di mosti, succhi di frutta, latte, siero e alimenti in genere • Produzione di acqua da imbottigliare a partire da qualsiasi acqua (anche salmastra e di mare) • Produzione di acqua farmaceutica.

• Filtrazione dei vini, succhi di frutta e alimenti in genere al posto della farina fossile • Rimozione a freddo di tannini - anidride solforosa - limonina - acidi o sali - altre sostanze indesiderate nei liquidi alimentari in genere • Separazione di sostanze a diversa dimensione molecolare per i più svariati processi industriali.

Via F. Baracca, 15/B - 20010 BAREGGIO (MI) - Italy Tel. +39 02 90361802 - +39 02 90364635 - Fax +39 02 90361803 E-mail: innovait@tin.it - www.innovaitaly.com


About Fairs

ProPak China è una piattaforma unica L’unica fiera in Cina capace di attirare la partecipazione di associazioni nazionali di commercio del settore packaging provenienti dai Paesi produttori più tecnologicamente avanzati

130

Novembre 2012

U

n’indagine sulle opinioni degli espositori raccolte alla fine dell’ultima edizione di ProPak China 2012, Shanghai, elegge questo salone come il più importante del Paese per il marketing di processo e la tecnologia di confezionamento sia per la Cina sia per i mercati stranieri. La 18a edizione di ProPak China e la concomitante 5a edizione di China BevTek per il processo di liquidi e confezionamento si sono chiusi lo scorso 20 luglio al Shanghai New International Expo Centre, con un record di partecipazione e complimenti da parte delle aziende espositrici. 657 aziende provenienti da 22 Paesi erano presenti a ProPak China 2012, un grande padiglione tedesco, padiglioni nazionali di Giappone, Corea, Gran Bretagna, USA e padiglioni regionali dalla regione di Taiwan. Gli espositori presenti in fiera hanno avuto l’opportunità di incontrare 17.533 visitatori di oltre 65 nazionalità. La maggioranza dei visitatori arrivava dalla Cina occidentale, nota per essere il fulcro del confezionamento della Cina. Il 35% dei visitatori proveniva dalle altre città della Cina e 2.320 buyers arrivavano dall’estero. Il successo ottenuto da questo salone è stato bene espresso dai commenti di questi due espositori: “Eccellente. Durante China BevTek abbiamo firmato un contratto di 2 milioni di RMB per la fornitura di macchine di riempimento a un cliente mediorientale. Abbiamo anche ricevuto prenotazioni dalla Romania, Bulgaria e Stati Uniti per altri 5-10 milioni di RMB di vendite potenziali. Per quanto riguarda la Cina, abbiamo fatto buoni affari con i produttori chimici, come China Redsun, Lonkey, Liby e Zhuang Ni”, afferma Tang Ai Jun, Vice Manager Generale di Jintan Zhyfeng Packaging Machinery Co., Ltd. “Questa è stata la migliore fiera in Cina per le aziende locali che hanno mostrato le loro ultime innovazioni di prodotto. I visitatori erano di alta qualità e professionisti. Sono molto soddisfatto della nostra partecipazione e sicuramente torneremo l’anno prossimo per la nuova edizione”, afferma Wu Li Ping, Direttore di Joyea. ProPak China è unica nel suo genere in quanto è il solo evento in Cina capace di attirare la partecipazione di associazioni nazionali di commercio del settore confezionamento provenienti dai Paesi produttori più tecnologicamente avanzati, e padiglioni per i loro esportatori migliori. I visitatori di ProPak China 2012 hanno potuto incontrare rappresentanti e aziende membri di VDMA, Germania; JPMA, Giappone; KPMA, Corea; PMMA, Gran Bretagna; PMMI, Nord America; TAMI, Taiwan. Il padiglione nazionale più grande è stato quello della Germania, che occupava oltre 600 metri quadrati,mentre il padiglione del Nord America, con 20 aziende espositrici, ospitava il maggior numero di partecipanti. I Padiglioni nazionali di Gran Bretagna, Corea e Giappone e il gruppo regionale di Taiwan ospitavano le loro rispettive aziende leader del settore processo e confezionamento. La prossima edizione di ProPak China e China BevTek si terrà sempre a Shanghai, dal 17 al 19 luglio 2013. In previsione di un aumento delle domande di partecipazione, l’organizzatore China International Exhibitions Ltd ha già prenotato una hall supplementare rispetto a quest’ultima edizione appena conclusa, per avere così il 25% in più di spazio espositivo a disposizione. Le aziende leader mondiali del settore processo, confezionamento e tecnologia riconoscono la Cina come mercato in forte crescita e la 19a edizione di ProPak China sarà la più efficace piattaforma per raggiungere i buyers cinesi.

BEVERAGE INDUSTRY

www.tecnalimentaria.it


About Fairs

ProPak China is a unique platform

A

survey of exhibitors at the end of the recently concluded ProPak China 2012 exhibition in Shanghai voted this exhibition as the most important show in the country for the marketing of processing and packaging technology to China and overseas markets. The 18th edition of ProPak China and 5th edition of China BevTek for specialist liquid processing and packaging closed on 20th July 2012 at the Shanghai New International Expo Centre, to a record breaking attendance and praise from participating companies. A total of 657 companies from 22 countries participate at ProPak China 2012, including country pavilions from Germany; Japan; Korea; UK; the USA and a regional pavilion from Taiwan Region. Exhibitors at the fair had the opportunity to meet 17,533 trade visitors from more than 65 countries. The majority of visitors attended from East China, regarded as the processing and packaging hub of China. While 35% came from cities across China other than Shanghai and 2,320 buyers came from overseas. The success achieved at the show was exemplified by exhibitor comments including: “Excellent show. We signed a RMB 2 million contract to supply filling machines to a Middle East client during China BevTek 2012. We have also taken bookings from Romania, Bulgaria and USA for a further RMB 5-10 million in potential sales. While from China we did good business with leading daily chemical producers particularly China Redsun, Lonkey, Liby and Zhuang Ni”, said Tang Ai Jun, Vice General Manager, Jintan Zhufeng Packing Machinery Co., Ltd. “This is the best exhibition in China for local companies to show their latest high-tech product innovations. The visitors are high quality and professional. Very satisfied with our participation and will return next year”, said Wu Li Ping, Director of Joyea. ProPak China is unique, in that it is the only event in China to attract the participation of national packaging trade associations from the world’s leading technology producing nations plus pavilions of their top exporters. Visitors to ProPak China 2012 were able to meet representatives and member companies of VDMA, Germany; JPMA, Japan; KPMA, Korea; PPMA, UK; PMMI, North America and TAMI, Taiwan Region. The biggest country pavilion this year was Germany, occupying over 600 square metres; the North America pavilion with 20 companies exhibiting had the largest number of participants. The UK, Korean and Japanese pavilions and regional group from Taiwan Region all included their regions top processing and packaging companies. ProPak China and China BevTek will return to Shanghai from 1719 July 2013. In anticipation of increased demand to join this show next year, the organiser, China International Exhibitions Ltd has booked an extra hall, increasing available space by 25%. The world’s leading processing and packaging and technology companies recognize China as the important growth market today and the 19th edition of ProPak China next year will offer the most effective platform to reach Chinese buyers.

www.tecnalimentaria.it

The only event in China to attract the participation of national packaging trade associations from the world’s leading technology

BEVERAGE INDUSTRY

Novembre 2012

131


Machinery & Development

Garantire all’utente il massimo delle prestazioni

F

ondata nel 1976 la Pneumax S.p.a. ha conquistato nel tempo una posizione di primo piano nel panorama mondiale della componentistica per l’automazione pneumatica. I suoi punti di forza erano, e sono, una grande capacità di proporre nuovi ed innovativi prodotti ed una altrettanto grande capacità produttiva. Negli stabilimenti di Lurano, in provincia di

Nuovo Moltiplicatore di pressione P+ un concentrato di prestazioni, qualità, design e leggerezza New Pressure Booster P+ the essence of performance, quality and lightweight design

I prodotti che Pneumax presenta sul mercato costituiscono una gamma completa che può proporre soluzioni a ogni problema applicativo

Bergamo, che occupano 40.500 m2 su una superficie di oltre 94.000 m2, sono operative macchine di ogni tipo e di ultima generazione che consentono all’azienda di costruire con estrema flessibilità ogni particolare necessario alla sua produzione. Gli addetti sono oggi oltre 330 tra operai ed impiegati, e operano in un ambiente moderno e confortevole. La loro attività è integrata con le procedure del sistema di qualità aziendale ISO 9001:2008 e 14001:2004 (per la tutela dell’ambiente), e OHSAS 18001:2007 per la gestione della sicurezza. I programmi di crescita produttiva ed espansione commerciale, sono il punto cardine della politica aziendale della direzione, ed assorbono la maggior parte delle risorse generate. La proprietà è suddivisa fra due famiglie, e tutti i titolari sono operativi in azienda, garantendo così la continuità e la condivisione degli obbiettivi nel tempo. I prodotti che Pneumax presenta sul mercato costituiscono una gamma completa che può proporre soluzioni ad ogni problema applica-

To guarantee users high performances

The complete and innovative product range offered by Pneumax offers intelligent solutions to all application problems

E

stablished in 1976 Pneumax has, over the years, achieved a role of primary importance in the pneumatic and automation world. Its strength is, and always has been, the capacity to offer innovative, modern products supported by great productive power. The head office is situated in Lurano in the Bergamo province and covers an area of 94,000 square meters, 40,500 of which are office and manufacturing facilities. The machining departments are equipped with the latest design machine tools, which enable Pneumax to produce, with extreme ease and flexibility, all components needed for production processes. Pneumax employees now number more than 330 between offices and production departments, operating in a stimulating, modern and comfortable environment. All processes are integrated with a company Quality Management System, operating in accordance with ISO 9001:2008 - 14001:2004

132

Novembre 2012

tivo. La sua estensione copre dal trattamento dell’aria, alla sua distribuzione ed il suo utilizzo; tipicamente dai gruppi FRL alle Valvole ed Elettrovalvole, fino ai cilindri. L’integrazione con l’elettronica inoltre permette la gestione delle elettrovalvole attraverso sistemi seriali semplificando enormemente i cablaggi. Seguono non meno importanti, gli accessori. Essi completano la funzionalità degli impianti e sono costituiti da raccordi, sensori, fissaggi per cilindri, regolatori di flusso, valvole unidirezionali, temporizzatori, moltiplicatori di pressione, ecc. La gamma della manipolazione è un ulteriore vantaggio per l’utilizzatore poiché trova a sua disposizione numerose possibilità di prendere un pezzo, spostarlo e ruotarlo con estrema precisione e ripetibilità. Pneumax ha posto particolare attenzione nella progettazione e realizzazione degli ultimi prodotti, nell’utilizzo di materiali e processi produttivi innovativi, che garantiscono all’utente il massimo delle prestazioni e durata, con un costo contenuto dando il via ad una fase evolutiva della Pneumatica per renderla sempre più competitiva.

Essenziale, Leggero, Affidabile Reliable, Essential, Light

(Eenvironmental Management System), and OHSAS 18001:2007 (Occupational Health and Safety Management System). Most of the company’s resources are invested in the commercial expansion and strengthening of its productive capabilities, both of which are key aspects of its management policy. The company is owned by two families and the proprietors are active within the company, ensuring continuity over time and focus on the set objectives.

BEVERAGE INDUSTRY

The complete and innovative product range offered by Pneumax offers intelligent solutions to all application problems. Beginning with air preparation units, moving on to air management devices such as manual and solenoid operated valves and finally through to actuators, cylinders and handling equipment; Pneumax can always offer the right product. The range is complemented by the most advanced electronic components, in the form of serial communication modules, which can be integrated, with most ranges of valves, helping reduce and optimise wiring procedures. Accessories, such as fittings, cylinder mountings, sensors, flow regulators, check valves, timers, pressure boosters, etc. complete the range. Special care has been taken in the design and manufacturing of the latest series of products; by selecting innovative and technologically advanced materials, high performance and long life are guaranteed.

www.tecnalimentaria.it


Il valore del MADE IN ITALY Leader nel panorama mondiale della componentistica per l’automazione pneumatica www.pneumaxspa.com 24050 LURANO (BG), Via Cascina Barbellina, 10 Tel. 035/4192777 - Telefax 035/4192740-1


Machinery & Development

L’ igiene migliore è garantita

La produzione Caggiati garantisce soluzioni tecnologicamente avanzate, collaudate e flessibili

I

n tutti i settori dove l’igiene è esigenza assoluta, bisogna garantire le migliori condizioni per facilitare la pulizia degli ambienti. Dal 1966 ad oggi l’azienda ha così guadagnato la fiducia di molti clienti, italiani ed esteri, nei più svariati settori: dall’alimentare al chimico, dal farmaceutico all’edile civile, etc. I prodotti Caggiati si dividono in due famiglie: • I sistemi di drenaggio che comprendono i chiusini sifonati e le canaline a fessura o con grigliato. Grazie alla scelta tra numerosi modelli standard divisi per impiego e dimensioni, essi garantiscono il più alto standard qualitativo e il perfetto abbinamento con l’esigenze produttive del cliente. • I diffusori di lavaggio e i galleggianti trovano impiego prevalentemente in cisterne e circuito di lavaggio centralizzato delle macchine alimentari. L’utilizzo di acidi combinati ad acqua calda per il lavaggio degli impianti richiede quindi materiali resistenti e di facile utilizzo.

The best hygiene is guaranteed

Tutta la produzione Caggiati è realizzata in acciaio inox 304 e 316 a seconda dell’articolo e delle esigenze del cliente. Grazie all’alta flessibilità del ciclo produttivo e alla propria struttura si realizzano qualsiasi tipo d’articoli su richieste specifiche del cliente. Per la rete di evacuazione l’azienda Caggiati propone soluzioni tecnologicamente avanzate, collaudate e flessibili. I chiusini Caggiati Maurizio, infatti, sono igienici, inodori, pratici, costruiti in acciaio inox AISI 304 nel rispetto delle normative C.E.E., resistono alle corrosioni, alle ossidazioni, alla ruggine e rappresentano per la loro durata un acquisto conveniente. Grazie alle loro elevate qualità tecniche, garantiscono le migliori condizioni igieniche e facilità di pulizia delle pavimentazioni. Assicurano il perfetto scarico delle acque, non solo negli stabilimenti agroalimentari come macelli e caseifici, ma anche nelle cucine professionali, negli ospedali, nei laboratori, nelle piscine e celle frigorifere.

Caggiati’s production guarantees the most advanced technological solutions, tested and flexible

I

n all fields where hygiene is an absolute request, the best conditions for an easier cleaning in all places must be guaranteed. The wide range of Caggiati’s products includes the most innovative construction technology possible thanks to 40 years of experience devoted to the creation of specific articles to meet any customer’s needs. Since 1966 the company has earned the trust of many customers, Italian and foreign, in the most different sectors, such as: from food to chemical, from pharmaceutical to private and public building, etc. Caggiati’s products can be divided into two families: • The drainage system that include syphonic traps and gutters with slot or with grille. Thanks to a comprehensive range of many different standard models, which are sorted according to use and size, they guarantee the highest quality standard and the perfect match with the customer’s production requirement.

134

Novembre 2012

• The sprayballs and floats can be applied mainly both on tanks and centralized washing systems of food machines. To wash the plants the use of acids combined with warm water requires proof and user-friendly materials. Caggiati production is made in stainless steel Aisi 304 or 316 according to the item or the customer’s demand. Thanks to remarkably flexible production cycles and the company’s structure, it is possible to manufacture any type of articles with the specification required by the customer. For any drainage system the company Caggiati Maurizio proposes technically

BEVERAGE INDUSTRY

advanced, tested and flexible solutions. In fact, Maurizio Caggiati drain trap covers are hygienic, odourless and practical: made of Aisi 304 stainless steel in compliance with EEC regulations, they are resistant to corrosive vapours, oxidation and rust and are cost effective in view of their durability. Thanks to their high technical specifications, they guarantee the best hygienic conditions and facilitate cleaning of the premises. In addition, they also ensure that waste water is perfectly drained not only in food productions plants such as slaughterhouses and dairies, but also in professional kitchens, hospitals, laboratories, swimming pools and refrigerated chambers.

www.tecnalimentaria.it


FOR YOUR DRAINAGE SYSTEMS: TESTED, FLEXIBLE, TECHNOLOGICALLY ADVANCED SOLUTIONS. CAGGIATI MAURIZIO Srl - Strada Langhirano, 351 - 43124 Corcagnano - Parma / ITALY tel +39 0521 632 050 - fax +39 0521 632 051 - e-mail: info@caggiatimaurizio.it www.caggiatimaurizio.it


Machinery & Development

Omso e R+W insieme per la decorazione serigrafica perfetta per flaconi e bottiglie in plastica e vetro

O

mso Spa, azienda di Reggio Emilia, ha da poco lanciato sul mercato una nuova e rivoluzionaria macchina per la decorazione serigrafica di flaconi e bottiglie in plastica e/o vetro: SERVOBOTTLE. La Servobottle ha movimentazione servoassistita e può decorare con una precisa registrazione oggetti di varie forme e dimensioni, fino ad un massimo di 8 colori. La macchina presenta soluzioni tecniche assolutamente innovative, potendo assicurare una velocità di produzione fino a 90 pezzi/min, in relazione al diametro e alla lunghezza della bottiglia (diametro massimo 120 mm). Ogni soluzione è stata concepita per valorizzare e migliorare le possibilità offerte dalla stampa diretta. La registrazione tra i colori è accuratissima, potendo assicurare minime tolleranze, per consentire le stampe con mezzetinte e retinatura, grazie a registri di stampa servoassistiti. I mandrini sono comandati da servomotori individuali sempre in presa

Collaborazione per la massima qualità diretta con il mandrino (non sono previsti ingranaggi) e consentono un cambio formato semplice e rapidissimo. Tali prestazioni sono possibili solo grazie all’utilizzo di componentistica meccanica di qualità; un valido aiuto in tal senso viene fornito da i giunti a soffietto R+W che grazie alla loro elevata rigidità torsionale e alla totale assenza di gioco angolare sono in grado di garantire dinamiche elevate e molto precise. Il risultato è quindi quello di ottenere un’elevata qualità di stampa anche con alte velocità di produzione.

R+W è leader mondiale nella produzione di giunti a soffietto metallici, e offre al mercato una vasta gamma di soluzioni che permettano al progettista della macchina e/o impianto di ottimizzare l’utilizzo del giunto sia sotto profilo tecnico che applicativo. Il know-how maturato in anni di esperienza e la qualità dei prodotti di R+W ha fatto si che Omso Spa scegliesse di utilizzare le soluzioni tecniche proposte da R+W per le trasmissioni che interessano la rivoluzionaria macchina di stampa Servobottle.

To cooperate to get the highest quality OMSO and R+W join for the perfect serigraphic print of glass and plastic bottles

O

MSO SpA, company headquartered in Reggio Emilia, has recently put on the market a new and revolutionary machine for serigraphic print on plastic and/ or glass bottles: SERVOBOTTLE. Servobottle features servo-assisted handling and can print objects of various shape and size with utmost precision, up to 8 colours. The machine features absolutely innovative solutions, and grants production speed up to 90 pc/min, as regards diameter and length of the bottle (120 mm max diameter). Every solution has been worked out to enhance and improve the possibilities offered by direct print. Colour adjustment is very accurate, with minimum tolerance, as to enable mezzotint

www.tecnalimentaria.it

and screening print, thanks to servo-assisted print registers. Mandrels are controlled by single servomotors, always direct drive with the mandrel (no cogs) and enable simple and very fast change of format. Such performances are possible just thanks to top quality mechanics; to this regard, sound help is provided by R+W bellow couplings that guarantee high and precise dynamics on account of their high torsional rigidity and zero angular backlash. The result is therefore high-quality print,

BEVERAGE INDUSTRY

also in high-speed production. R+W is world leader in the production of metal bellow couplings and its offers the market a broad range of solutions that help engineers of machine and/or plant to optimize the use of the bellow from the technical and application points of view. R+W’s know-how honed in many years of experience and high-quality products have led Osmo SpA to get R+W technical solutions for the transmissions of the revolutionary print machine Servobottle.

Novembre 2012

137


About Fairs

CBB 2012 conquista espositori e visitatori

Forte influenza e richiamo internazionale hanno portato a CBB 2012 di Pechino 51.428 visitatori per vedere le novità delle 700 aziende espositrici

L

a decima edizione di China Brew & Beverage (CBB 2012) si è svolta al China New International Exhibition Centre di Pechino dal 19 al 22 settembre 2012. Ancora una volta questo salone ha saputo attirare i professionisti di tutto il mondo grazie alla sua forte influenza e richiamo internazionale. Quest’anno, il salone ha avuto più visitatori professionisti provenienti dai distretti più estesi e autorità con alto potere decisionale. Anche i visitatori internazionali sono aumen-

138

Novembre 2012

tati in modo significativo. Nei 4 giorni di salone, CBB ha ospitato 51.428 visitatori provenienti da 74 Paesi e la loro professionalità non ha mancato di sorprendere e soddisfare gli espositori. Decision makers delle più importanti aziende del mondo erano a China Brew & Beverage. Questa edizione era la prima collaborazione tra China United Equipment Group Corporation e Messe Munchen International e non ha mancato di dare ottimi risultati. L’area espositiva si divideva in 6 padiglioni e si estendeva su 70.000 metri quadrati, un

BEVERAGE INDUSTRY

vero record per questa fiera. Circa 700 espositori di 22 nazionalità erano presenti e il loro numero e spazio espositivo prenotato sono cresciuti del 20% e 40% rispettivamente rispetto alla precedente edizione. A CBB 2012 era presente tutta la catena industriale, dai materiali di processo, fermentazione, packaging e magazzino, trasporto e logistica, fino alle tecnologie ed attrezzature periferiche, parti e strumenti, materie prime e materiali accessori, additivi, materiali e contenitori per il confezionamento, etichette di marchio e anti contraffazione, progettazione ingegneristica e consulenza, comunicazione stampa e servizi, tutto per offrire una piattaforma per i visitatori professionisti. Gran parte dei prodotti d’avanguardia e delle idee che faranno tendenza sono stati realizzati in fiera, riflettendo in questo modo la forte crescita e sviluppo dell’industria in Cina, nonchè l’impatto sul futuro e le trasformazioni della stessa. Il salone così completo ha dato ai visitatori l’occasione di capire pienamente tendenze, alta velocità, flessibilità, protezione dell’ambiente e risparmio energetico nell’industria dei macchinari per la produzione di liquidi alimentari. CBB 2012 ha rafforzato le sue funzioni commerciali e di comunicazione aggiungendo degli scambi tecnologici internazionali. Una serie di programmi accademici di alta qualità sono stati organizzati dalle associazioni industriali di Cina e altri paesi: Forum mondiale sulla tecnologia di lavorazione della birra e controllo della qualità; Conferenza sul luppolo americano; Forum internazionale sulla tecnologia di automazione e robotica; Cerimonia di premiazione delle prime 10 aziende dell’industria produttrice di macchinari per liquidi alimentari, hanno creato un eccitante ambiente di studio, comunicazione e business. CBB sta diventando una manifestazione sempre più importante per lo sviluppo dell’industria mondiale dei macchinari per liquidi alimentari. CBB 2012 è stato un successo totale. La soddisfazione di espositori e visitatori spingerà gli organizzatori a fare sempre più per rendere questo salone migliore.

www.tecnalimentaria.it


About Fairs

T

he 10th China Brew & Beverage trade show (CBB 2012) is held successfully at China New International Exhibition Center on Sept. 19-22, 2012. CBB 2012 again attracted industry professionals from all over the world to Beijing thanks to its strong influence and appeal. This year, the trade show saw more professional visitors coming from broader districts, fields and of higher decision a uthorities. Overseas visitors also increased significantly. During the 4-day show, 51,428 visitors from 74 countries and districts gathered at the New China International Exhibition Center. The quality and quantity of professional visitors, especially overseas visitors, received positive feedbacks from exhibitors at CBB 2012. Decision-makers of all important user companies around the world came to the trade show. As the first cooperation between China United Equipment Group Corporation and Messe MĂźnchen International, CBB 2012 has reaped great results. The trade show occupied 6 halls at China New International Expo Center, using a total of 70,000 square meters, a new record for CBB. About 700 exhibitors from 22 countries came to CBB 2012, covering almost all leading companies worldwide. The number of exhibitors and exhibition space grew by 20% and 40% respectively, again reaching new heights. CBB 2012 exhibited the entire industrial chain ranging from material processing,

www.tecnalimentaria.it

CBB 2012 conquers exhibitors and visitors Strong influence and international appeal have drawn 51,428 visitors to discover the news from some 700 exhibitors at CBB 2012 in Beijing mash and fermentation, mixture, packaging and storage, transport and logistics to peripheral technologies and equipment, instruments and parts, raw and auxiliary materials, additives, packaging materials and containers, trademark and counterfeit labels, engineering designing and consultation, media communication and services, offering a one-stop platform for professional visitors. Large numbers of advanced products and

BEVERAGE INDUSTRY

trend-setting ideas were released at the trade show, reflecting the fast growth and upgrade of the industry in China and making impacts on the industry’s future and transformation. The comprehensive exhibition enabled visitors to fully understand the trends of intelligence, high-speed, flexibility, environmental protection and energy saving in the liquid food machinery industry. CBB 2012 strengthened its commercial and communication functions by adding in more high-end international technological exchanges. A series of high-quality academic programmes were organized by industry associations from China and abroad: the World Brewing Technology and Quality Control Forum, Promotion Conference of American Hops, China International Automation and Robot Technology and Application Forum and Awards Ceremony of TOP 10 Enterprises of Liquid Food Machinery Industry for China created an exciting environment for studying, communication and business. The CBB trade show is becoming more and more important for the development of the world liquid food machinery industry. CBB 2012 was a complete success. The satisfaction of exhibitors and visitors will drive the organizer further and make their trade show better.

Novembre 2012

139


Marketing & Strategy

La gamma di capsulatrici Crown si amplia con la nuova Smart Capper™  La nuova macchina pensa ai piccoli e medi produttori, assicurando loro le prestazioni e le velocità variabili di cui hanno bisogno

D

a oggi i produttori europei di alimenti e bevande potranno disporre di una scelta più ampia di soluzioni di chiusura in grado di soddisfare le esigenze delle proprie linee di produzione grazie al lancio della SmartCapper™ di CROWN Food Europe, un’unità aziendale di Crown Holdings, Inc. La nuova macchina offre una chiusura di alta qualità per vasetti e bottiglie in vetro e, grazie alle sue velocità di marcia regolabili,

è perfetta per piccoli e medi produttori che devono gestire variazioni nei programmi di produzione. Sviluppata presso il centro di eccellenza di Crown ad Aprilia, Italia, la SmartCapper™ è stata progettata in modo da garantire un facile utilizzo e cambi formato manuali della capsula e del contenitore rapidi e agevoli. La sua configurazione efficiente e funzionale consente una manutenzione minima che contribuisce a ridurre i tempi di fermo. La macchina può arrivare a velocità di chiusura fino a 150 capsule al minuto con possibilità di funzionamento ad una velocità adeguata (elettronicamente legata) alla restante linea di produzione, massimizzando così la sua efficienza. La SmartCapper™ è realizzata in acciaio inossidabile con un interno facilmente accessibile che permette una pulizia ottimale nel rispetto dei più recenti standard igienici. La macchina è stata inoltre progettata per essere conforme alla direttiva dell’UE

2006/42/CE sulla sicurezza delle macchine.  “Numerose società in Europa, sia di grandi che di piccole dimensioni, si affidano alle nostre soluzioni di chiusura che garantiscono di consegnare al consumatore prodotti della massima qualità,” ha dichiarato Ana Neale, Responsabile Marketing di CROWN Food Europe. “Abbiamo progettato la SmartCapper™ pensando ai piccoli e medi produttori, assicurandoci che offra loro le prestazioni e le velocità variabili di cui hanno bisogno.” La SmartCapper™ è l’ultima novità nella gamma di prodotti per la chiusura di CROWN Food Europe per l’imballaggio di alimenti e bevande. La gamma comprende la capsulatrice per alte velocità HSC (High speed Capper), la capsulatrice Global Capper e la capsulatrice EuroCapper™. Il servizio tecnico per la clientela di Crown vanta una notevole esperienza ed offre consulenza specializzata ai clienti su tutte le macchine, formulando raccomandazioni basate sul tipo di processo e di capsula nonché sulle velocità della linea. Il team tecnico fornisce anche assistenza per l’installazione delle macchine, offre corsi di formazione ed esegue interventi di manutenzione. La nuova SmartCapper™ è stata presentata al salone dell’imballaggio FachPack a Norimberga.

Crown extends range of capping machines with the new Smart Capper™ The new machine has been designed with smalland medium-sized manufacturers in mind, ensuring that it provides the performance and variable speeds that they require

E

u r opean f ood a nd b e v e ra ge manufacturers now have a broader choice of capping solutions to meet the specific needs of their production lines with the launch of the Smart Capper™ from CROWN Food Europe, a business unit of Crown Holdings, Inc.. This new machine provides high-quality sealing for glass jars and bottles and, with its adjustable running speeds, is ideally suited for small- and medium-sized manufacturers who need to manage fluctuations in their production volumes. Developed in Crown’s Centre of Excellence in Aprilia, Italy, the Smart Capper™ has been designed for ease of use and provides

140

Novembre 2012

quick and easy manual cap and glass size changeovers. A streamlined, functional design translates to minimal maintenance, helping to reduce downtime. The machine can run at up to 150 caps per minute, and can be operated at a speed adapted (via an electronic link) to the rest of the production line, for heightened efficiency. The Smart Capper™ is built from stainless steel with an easily accessible interior for optimum cleaning in compliance with the latest hygiene standards. In addition, the machine is designed to comply with EU directive 2006/42/CE on machine safety. “A wide range of companies in Europe, both big and small, rely on our capping solutions

BEVERAGE INDUSTRY

to ensure their products reach consumers in perfect quality,” said Ana Neale, Marketing Director, CROWN Food Europe. “We have designed the Smart Capper™ with smalland medium-sized manufacturers in mind, ensuring that it provides the performance and variable speeds that they require.” The Smart Capper™ is the latest addition to CROWN Food Europe’s capping portfolio for food and beverage packaging, which includes the High-Speed Capper, the Global Capper and the EuroCapper™. Crown’s experienced Customer Technical Service (CTS) offers customers expert advice on all these machines, making recommendations based on process types, cap types and line speeds. The team also supports machine installations, can provide training, and carry out maintenance work. The new Smart Capper™ has been showcased at the recent FachPack packaging exhibition in Nuremberg, Germany.

www.tecnalimentaria.it


INDEX Companies

Page

A.Water Systems ACMI AIR LIQUIDE ITALIA ALTECH Asco Pompe Astro AVE Technologies Benco Pack BORTOLIN KEMO BÜRKERT Caggiati China Brew & Beverage China Drinktec-Sino Pack ChinaPlas Cidiesse Cosmopack CRM Engineering Dairy Industry Moscow Della Toffola Demo Meneghin Enoliexpo Enomaq Erre Enne Eticap System ExtraSolution Fill-tech Fimer FOTEG GAI Ifind IMAGE S INNOVA Italproject Kobold Laboratorio POLO LITA MACA ENGINEERING Makro Labelling Mar.Co. MiniMotor OMAC OMB OREMPLAST PackLab PAMOCO PE Labellers Pelliconi PET Engineering PILZ PNEUMAX PROPAK CHINA PROPAC ARABIA R+W ITALIA RG STRUMENTI RIMINI RHEX Robino e Galandrino SIGMA 3 SIPREM INTERNATIONAL Sirio Aliberti SMI Group SPADONI Supercap Tecnofondi TECNOMECO Tescom-ACI TMG Impianti Upakovka VELO ACCIAI Veronesi Separatori Vinitech

12-15 Verduno (CN) 1, 76-77 Fornovo Taro (PR) 105-107 Milano 99 Bareggio (MI) 116-117 Rozzano (MI) 28-29 Baldichieri d’Asti (AT) 4 Spinea (VE) 64-65 Piacenza 5, 86-87 Porcia (PN) 46, 51 Cassina De’ Pecchi (Mi) 134-135 Corcagnano (PR) 138-139 Pechino 50 Guangzhou 141 Guangzhou 78-79 Piovene Rocchette (VI) 100-101 Crespellano (BO) 80,81 Marmirolo (MN) 110 Mosca 11 Signoressa di Trevignano (TV) 59-61 S. Vendemiano (TV) 34 Fermo 48 Saragozza 24-25 Sapinetta Marengo (AL) 92-93 S. Marzano Oliveto (AT) 104, 123 Capannori (LU) 73 Bagno a Ripolo (FI) I cop., 144, III COP. Canelli (AT) 122 Istanbul IV Cop. Ceresole d’Alba (CN) 35 Pero di Breda di Piave (TV) 112-113 Mariano Comense (CO) 128-129 Bareggio (MI) 94-95 Galliera V.ta (PD) 120-121 Settimo Milanese (MI) 37 Oderzo (TV) 2, 68-69 Poirino (TO) 19 San Quirino (PN) II Cop., 82-83 Marmirolo (MN) 47 Canelli (AT) 3 Bagnolo in Piano (RE) 111 Rubiera (RE) 89 Calamandrana (AT) 20-21 Massa Lombarda (RA) 74-75 San Giorgio (MN) 114-115 Milano 74-75 Porto Mantovano (MN) 102 OZZANO EMILIA (BO) 67, 90 S. Vendemiano (TV) 126-127 Novedrate (CO) 132-133 Lurano (BG) 130-131 Shanghai 58 Jeddah 137 Sesto S. Giovanni (MI) 124-125 Corcagnano (PR) 136 Rimini 16-17 Canelli (AT) 108-109 Beinasco (TO) 22-23 Pesaro 30-31 Calamandrana (AT) 55-57 S. Giovanni Bianco (BG) 44-45 Orvieto 49 Mombaroccio (PU) 32-33 Rodegno Saiano (BS) 103 Fidenza (PR) 62-63 Giussano (MI) 91 S. Martino di Lupari (PD) 66 Mosca 40-41 S. Zenone degli Ezzelini (TV) 38-39 Villanova di Castenaso (BO) 36 Bordeaux

BEVERAGE INDUSTRY

Area


FAIRS / FIERE

2013

12-15 Febbraio

23-26 Febbraio

3-6 Marzo

27-28 Marzo

21-23 Marzo

ENOMAQ Saragozza Salone internazionale tecnologie enologiche

RIMINI HORECA EXPO / Pianeta Birra Rimini Salone dell’ospitalità, tecnologie, food & beverage

SINOPACK/CHINA DRINKTEC Guangzhou Salone internazionale dell’industria delle bevande e del packaging

PACKTECH Birmingham Salone internazionale tecnologie del packaging

MECSPE Parma Salone delle tecnologie per l’innovazione

24-26 Marzo

7-10 Aprile

14-17 Aprile

24-27 Aprile

24-26 Aprile

PROWEIN Düsseldorf Salone internazionale dell’industria del vino

VINITALY/ENOLITECH Verona Salone internazionale delle tecnologie enologiche

ALIMENTARIA LISBOA Lisbona Salone internazionale dell’industria alimentare e delle bevande

INTERVITIS/ INTERFRUCTA Stoccarda Salone internazionale delle tecnologie enologiche e dei succhi

EXPOVINIS S. Paolo del Brasile Salone internazionale delle materie plastiche e della gomma

14-16 Maggio

21-23 Maggio

11-14 Giugno

16-20 Giugno

18-21 Giugno

PACKEX Toronto Salone internazionale tecnologie del packaging

SPS ITALIA Parma Salone internazionale dell’automazione

PACKOLOGY Rimini Salone internazionale del packaging

VINEXPO Bordeaux Salone internazionale delle tecnologie enologiche

EXPOPACK Città del Messico Salone internazionale delle tecnologie del packaging

25-28 Giugno

17-19 Luglio

16-20 Settembre

23-25 Settembre

24-27 Settembre

FISPAL S. Paolo Brasile Salone internazionale dell’industria alimentare e delle bevande

PROPAK CHINA Shanghai Salone internazionale delle tecnologie di processo e di confezionamento

DRINKTEC Monaco Salone internazionale delle tecnologie per l’industria delle bevande

PACK EXPO Las Vegas Salone internazionale del packaging e del confezionamento

LABEL EXPO Bruxelles Salone internazionale dell’etichettatura

5-9 Ottobre

14-18 Ottobre

15-18 Ottobre

16-23 Ottobre

3-6 Novembre

ANUGA Colonia Salone internazionale dell’industria alimentare e delle bevande

INTERBEV Orlando Salone internazionale dell’industria delle bevande

VITEFF Epernay Salone internazionale delle tecnologie di lavorazione del vino

K Düsseldorf Salone internazionale dell’industria della plastica

PROCESS EXPO Chicago Salone internazionale delle tecnologie di processo

3-6 Novembre

5-8 Novembre

12-16 Novembre

26-28 Novembre

INTERNATIONAL DAIRY SHOW Chicago Salone internazionale delle tecnologie per il lattiero caseario

ANDINA PACK Bogotà - Colombia Salone internazionale del packaging

SIMEI Milano Salone internazionale delle tecnologie per l’industria delle bevande ed enologica

SITEVI , Montpellier Salone internazionale delle tecnologie di lavorazione del vino, succhi


www.fimer.it


LAVORATE SOLO CON CHI PRENDE IMPEGNI PER IL FUTURO

DAL 1970 PROGETTIAMO E PRODUCIAMO LINEE E MACCHINE PER IMBOTTIGLIAMENTO PER L’INDUSTRIA DELLE BEVANDE E DEI PRODOTTI ALIMENTARI E CHIMICI

FIMER SRL Via Pierino Testore 39 -14053 Canelli (AT) - Italy Tel. 0039.0141.823404 Fax 0039.0141.834504 info@fimer.it - www.fimer.it


Scriba Studio / ph Paolo Marchisio

MACCHINE IMBOTTIGLIATRICI

Qualità

la progettiamo, la costruiamo, la imbottigliamo

HALL 1 - ALLEE A - Stand 2210

HALL 5 Stand 123

GAI DAL 1946 MACCHINE IMBOTTIGLIATRICI DA 1.000 A 15.000 BOTTIGLIE/ORA fraz. Cappelli, 33/b - 12040 Ceresole d’Alba (Cn) tel. +39 0172 574416 fax +39 0172 574088, e-mail: gai@gai-it.com - internet: www.gai-it.com


TecnAlimentaria Beverage Industry - Novembre_November 2012