Issuu on Google+

«Meritava il titolo di miglior giocatore». Tifosi in delirio Ha giocato da re della difesa. Tre gol in campionato e un gol memorabile nella finale nazionale a Cervia 2012.

Eccolo lì il top player. Damiano Corrias eredita per classe, responsabilità e maestria il riconoscimento che aveva visto primeggiare nella scorsa stagione Marco Zanello. Una sorta di passaggio del testimone. Ed eccolo lì anche il “top mister”. Carlo Poggi rimane saldo al suo posto e allontana tutti i dubbi.

Almeno un altro anno sulla panchina blaugrana: «Felice di questa scelta»

ccolo lì il top player. Damiano Corrias eredita per responsabilità, per classe e maestria il riconoscimento che aveva visto primeggiare nella scorsa stagione Marco Zanello. Una sorta di passaggio del testimone. Ed eccolo lì anche il “top mister”. Carlo Poggi rimane saldo al suo posto e allontana tutti i dubbi. Le due perle più splendenti nella stagione più magica per i colori blaugrana. Senza nulla togliere agli altri, che hanno fatto tutti qualcosa di straordinario, riteniamo che il riconoscimento di Corrias sia strameritato. E’ stato tra i giocatori più utilizzati e ha rimediato una sola insufficienza in stagione. Epico il suo gol nella finalissima a Cervia. Pilastro della difesa che ha subito solo 20 gol in tutta la fase finale del campionato greov. Tra i gioielli sfavillanti di questa squadra, risplende certamente il suo allenatore. L’essere riusciti a trattenerlo è stato un importantissimo colpo per la prossima stagione. Sempre nella classifica del pallone d’oro, dietro Corrias si posizionano altri due big blaugrana: al secondo posto Maurizio Tasco, per lui forse la miglior stagione con questi colori. Sfortunato a Cervia, limitato da un infortunio nella fase a gironi, ha dato tutto nella finalissima, ma in campionato e coppa ha sfoggiato una serie di prestazioni e di gol decisivi che hanno trascinato al triplete la compagine blaugrana. Miglior media voto e miglior media gol. Il tutto a “soli” 36 anni. Sul terzo gradino del podio la vera rivelazione di questa stagione: Donato “Bigbang” Pietrapertosa. Protagonista in difesa nella prima parte della stagione, ma soprattutto in attacco per tutta la fase finale del campionato. Al suo attivo 11 gol. E’ stato il giocatore più utilizzato di tutta la stagione. Se i suoi gol vi sembrano pochi, i suoi assist sono stati innumerevoli e hanno consentito di chiudere con ben 6 giocatori in doppia cifra nei gol segnati. Tra i gioielli che ci auguriamo tornino prestissimo a brillare ci sono Pietro Conconi, da due anni alle prese con fastidiosi infortuni, che se riuscisse a giocare una stagione intera sarebbe lui il prossimo pallone d’oro, Alessandro Schiavulli, che quest’anno ha concluso anzitempo la stagione per la rottura dei legamenti e Sacha Girimonte, al rientro dall’esperienza nel Caramamma, che se saprà iniziare la stagione con la mentalità giusta, potrà ripetere o addirittura migliorare la grande stagione di due anni fa. Poi ci sono quei ragazzi che qui non abbiamo menzionato, ma che brillano sempre, tutte le stagioni. Poggi


La Gazzetta del Greov