Issuu on Google+


Il documento è stato realizzato da Sviluppo Italia Basilicata SpA Amministratore Unico Raffaele Ricciuti Ricognizione dati Annamaria Verrastro, referente Comunicazione Area Sviluppo - Sviluppo Italia Basilicata SpA Rachele Verrastro, project manager - Sviluppo Italia Basilicata SpA Coordinamento editoriale Annamaria Verrastro, referente Comunicazione Area Sviluppo - Sviluppo Italia Basilicata SpA

Sviluppo Italia Basilicata SpA Sede legale ed operativa Via Centomani, 11 85100 Potenza Tel. +39 0971 50661 Fax +39 0971 506664 Ufficio di Matera Rioni Sassi Recinto I Fiorentini 75100 Matera Tel. +39 0835 1970611 Fax +39 0835 1970625 Incubatori d’impresa » Area Industriale Alta Val D’Agri di Viggiano 85050 Grumento Nova Tel. +39 0975 311343 Fax +39 0975 350174 » Rioni Sassi area Civita (in corso di avviamento) Via San Nicola del Sole 75100 Matera info@sviluppoitaliabasilicata.it www.sviluppoitaliabasilicata.it Intermediario Finanziario iscritto nell’elenco generale ex art. 106 D. Lgs 385/93 n. 34392 tenuto presso la Banca d’Italia Progetto grafico BEAT di Giovanni Brienza - Potenza Finito di stampare nel mese di ottobre 2009

2 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata


Indice Introduzione...............................................................................................................................................5 | Raffaele Ricciuti, Amministratore Unico Sviluppo Italia Basilicata SpA Perché questo documento .................................................................................................................5 | Impressioni e riflessioni .........................................................................................................................9 | Luca Meldolesi, Ordinario di politica economica Università Federico II di Napoli Lettera al Presidente della Regione Basilicata Vito De Filippo.............................................9 | Stefano Mollica, Presidente Associazione Italiana Incontri e Studi sullo Sviluppo Locale Una bellissima storia italiana.........................................................................................................11 | Fatti, atti, dati ........................................................................................................................................15 | Anno 1986.............................................................................................................................................17 | Anno 1987.............................................................................................................................................18 | Anno 1988.............................................................................................................................................19 | Anno 1989.............................................................................................................................................20 | Anno 1990.............................................................................................................................................22 | Anno 1991.............................................................................................................................................23 | Anno 1992.............................................................................................................................................25 | Anno 1993.............................................................................................................................................27 | Anno 1994.............................................................................................................................................30 | Anno 1995.............................................................................................................................................33 | Anno 1996.............................................................................................................................................38 | Anno 1997.............................................................................................................................................44 | Anno 1998.............................................................................................................................................55 | Anno 1999.............................................................................................................................................69 | Anno 2000.............................................................................................................................................84 | Anno 2001.............................................................................................................................................94 | Anno 2002 ..........................................................................................................................................100 | Anno 2003 ..........................................................................................................................................107 | Anno 2004...........................................................................................................................................114 | Anno 2005 ..........................................................................................................................................126 | Anno 2006 ..........................................................................................................................................143 | Anno 2007 ..........................................................................................................................................152 | Anno 2008 ..........................................................................................................................................159 | Anno 2009 (fino al mese di settembre) ....................................................................................165 | Incubatori d’Impresa in Basilicata.................................................................................................175 | Incubatori d’Impresa in Basilicata ...............................................................................................177 | Schede di sintesi..................................................................................................................................181 | Scheda di sintesi delle principali evoluzioni societarie..........................................................183 | Scheda di sintesi dei principali risultati e attività...................................................................185 | Scheda di sintesi dei principali riconoscimenti........................................................................187 | Evoluzione dei logotipi aziendali...................................................................................................189 | Evoluzione dei logotipi aziendali..................................................................................................191 |

SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 3


4 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata


Introduzione Perché questo documento Il 23 settembre 2009, Sviluppo Italia Basilicata SpA (società territoriale di Invitalia - Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa SpA), diventa “società in house” della Regione Basilicata al termine di un complesso processo di dismissione delle partecipazioni avviato da Invitalia sulla base della Finanziaria 2007 e delle Direttive del Ministero dello Sviluppo Economico. La Regione Basilicata, dopo la firma del protocollo di intesa con Invitalia e Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e Coesione del Ministero dello Sviluppo Economico, rileva l’intero pacchetto azionario. La società continuerà nell’azione di promozione dello sviluppo economico e imprenditoriale locale, implementando nuove funzioni e strumenti. La Regione Basilicata e Invitalia collaboreranno per rafforzare l’impatto sul territorio di progetti e iniziative di sviluppo. La società nasce nel 2000 a seguito del piano di riordino previsto dal D.Lgs. 1/99 istitutivo di Sviluppo Italia SpA (ora Invitalia) ed incorpora due società preesistenti - IG Lucana SpA e Systema BIC Basilicata SCpA - di cui raccoglie le esperienze pluriennali realizzando una piena convergenza delle attività svolte precedentemente dalle stesse. Il lavoro sin qui svolto è stato raccolto “in continuum” nel presente documento “Fatti, atti, dati” che fotografa tutte le attività ed evoluzioni aziendali realizzate dal 1986 al mese di settembre 2009. Una pubblicazione un po' insolita, forse, in quanto costruita prevalentemente su incarichi, così come sono stati affidati, senza particolari rielaborazioni, e sui risultati raggiunti. Ma, proprio ora che è stata attuata la svolta della regionalizzazione, è sembrato importante ricostruire la storia ultraventennale della società, attraverso la descrizione delle attività fondata su dati oggettivi e misurabili, tratti dalla consultazione di una gran mole di contratti, memoria amministrativa e gestionale dell’attuale società. Un universo di esperienze e competenze distintive nate e cresciute con le persone nell'organizzazione, di relazioni instaurate con i tanti soggetti esterni e di modalità con cui sono state realizzate le attività. Dietro le carte e le attività, l’impegno di tante persone (impossibile citarle tutte) che in questi decenni hanno sostenuto e aiutato le svolte (i soci fondatori, la Regione Basilicata, gli istituti di credito, gli enti e gli imprenditori delle compagini societarie, Sviluppo Italia (ora Invitalia), le istituzioni governative e comunitarie, le organizzazioni economiche, i numerosi clienti, fornitori e consulenti) e soprattutto di coloro che hanno messo in opera le attività, i dipendenti e i collaboratori, consentendo di andare diritto, verso svolte successive, in una sequenza di passi costellati di successi, tentativi ed errori, imparando a convivere e a cavalcare quotidiani conflitti e incertezze, ansie e contrasti di un contesto, interno ed esterno, complesso che ha comunque indotto reattività e tensioni positive verso l’affermazione della società.

SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 5


Introduzione

Il documento riporta in apertura impressioni e riflessioni sulle perfomances aziendali del Prof. Luca Meldolesi, Ordinario di politica economica presso l’Università Federico II di Napoli, e del Prof. Stefano Mollica, Presidente dell’AISLO l’Associazione Italiana Incontri e Studi sullo Sviluppo Locale, interpellati per ottenere il loro punto di vista indipendente, incondizionato e di grande valore professionale. Punti di vista molto preziosi in quanto consapevoli che quelli puramente interni, pur se fondati su dati oggettivi, sarebbero stati fortemente condizionati da soggettività e individualità per aver partecipato direttamente alla messa in opera delle attività. Un grazie davvero sentito dunque per la cortesia, pazienza e generosità esercitate nel leggere e commentare un documento che, per essere così corposo, risulta difficile e certo un po’ noioso, come dirà il Prof. Mollica nella sua recensione, e per la squisita sensibilità e attenzione professionale dimostrata anche dal Prof. Meldolesi con la sua visita di conoscenza dal vivo alla nostra struttura. Moltissime le persone da ringraziare, fra queste però desidero esprimere particolare riconoscenza ai due Presidenti, Iso De Bonis che, per molti anni, si è dedicato al successo dell’iniziativa, ed Aurelia Traficante che ha sostenuto la progressione del progetto aziendale, entrambi prodigatisi per continuare a gettare lo sguardo sempre in avanti accompagnando da vicino, con proficuo impegno, creatività ed eccellenza il percorso evolutivo; a Francesco Trazzi e al suo collaboratore Dario Scornaienghi che hanno creduto in questa iniziativa e si sono adoperati per farle ottenere finanziamenti. Grazie a tutti coloro che in questi anni si sono succeduti nel governo delle società, guardando attraverso la grande vetrata dello sviluppo e della crescita: i Presidenti: Iso de Bonis (Systema BIC Basilicata), Romualdo Volpi (Systema BIC Basilicata), Carlo Borgomeo (IG Lucana), Aurelia Traficante (Sviluppo Italia Basilicata); i Vice Presidenti: Giuseppe Anzalone (Systema), Adolfo Florio (Systema), Giovanni Papaleo (CEII Systema BIC Basilicata), Luigi Calciani (CEII Systema BIC Basilicata), Roberto Martinelli (CEII Systema BIC Basilicata), Antonio Cipriano (IG Lucana), Francesco Somma (Sviluppo Italia Basilicata); gli Amministratori Delegati/Unici: Antonio Giugliano (Systema), Gerardo Labriola (Systema), Dario Cossutta (Sviluppo Italia Basilicata), Carlo Borgomeo (Sviluppo Italia Basilicata); i Consiglieri di Amministrazione delle società: Zenobio Accroglianò, Marco Amicucci, Giuseppe Annecca, Giuseppe Anzalone, Giorgio Borroni, Paolo Calafiore, Antonio Calice, Giuseppe Camarda, Attilio Caruso, Giovanni Cherubini, Michele Di Tolla, Adolfo Florio, Antonio Giugliano, Salvatore Graziano, Walter Laurenzana, Dario Lioto, Antonio Maroscia, Gerardo Marotta, Maria Giovanna Martoccia, Giampiero Maruggi, Giorgio Massone, Lorenzo Montanari, Emanuele Nicoletti, Temistocle Pacifico, Nunzio Pagano, Giovanni Papaleo, Antonio Passatordi, Antonio Perretti, Domenico Porpora, Adriana Salvia, Santo Scarpelli, Ulderico Siano, Alessandro Singetta, Luigi Socievole, Francesco Sprovieri, Mario Tancredi, Gianfranco Terranova, Paolo Tolla, Missorio Veronesi, Mario Vetri;

6 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata


Introduzione

i Membri dei Collegi sindacali delle società: Francesco Alati, Annunziata Ammendolia, Michele Braico, Giuseppe Carino, Carlo Carulli, Benedetto Ceglie, Carla Cosentino, Carlo Diana, Vincenzo Donato, Luigi Esposito, Adolfo Florio, Duilio Gigli, Mario Gimigliano, Antonio Giugliano, Giacomo Lasorella, Nunzio Paolo Laterza, Giovanna Lobraico, Giuseppe Lucibello, Paolo Marcarelli, Antonio Maroscia, Gerardo Marotta, Renata Martone, Antonio Mastrapasqua, Antonio Perrelli, Antonio Perretti, Ugo Raimondi, Alessandro Singetta, Carlo Spirito, Alessandra Teti; i Soci della ricca compagine societaria di Systema Bic Basilicata: Antonio Perretti SpA, API Basilicata Potenza, Ardesia Sas di Ciola e C., Banca Carime SpA Gruppo Intesa (già Carical), Banca Intesa SpA, Banca Popolare del Materano SpA Gruppo Banca Popolare dell’Emilia Romagna, Mediocredito del Sud SpA, Bic Salerno Srl, CCIAA di Matera, Co.Fidi Commercio Potenza, Comune di Calvello, Comunità Montana Alto Basento, Concorde Europeenne Formation Srl, Consorzio Sudgest, Consulbrokers SpA, Consulting Group Sas di Campa Antonio e Giugliano Antonio e C., Euroconsulting Sas di Cristiani Giuseppe, Fidet Coop Basilicata, Gepofin Srl, Gestimp Srl, Guardigli Cleofe Maria Cristina, Impes Group SpA, KSM SaS, LP Sistemi Srl, Modus Srl, Poolservice Srl, Prassiconsult Srl, Print Soc.Coop. a rl, Progress Srl, Proser Srl, Prosvim Snc di Ing. Felice Viceconti, Regione Basilicata, Saigese SpA, Scs Srl, Siris Sas di Pasquale Golisciano e di Siniscalchi Giovanni e C., Socai Srl, SPI Spa, Studio Snat Sas di Passatordi Antonio, Sviluppo Italia SpA (ora Invitalia), Thematica Srl, UNCI Federazione regionale di Basilicata, Università Commerciale Luigi Bocconi. Tra questi un particolare ringraziamento a coloro che, a diverso titolo, nelle prime delicate fasi di avvio e di sviluppo della società, hanno collaborato con particolare impegno al conseguimento degli obiettivi: Biagio Giammaria, Vito Marsico, Giorgio Perretti e Cleofe Guardigli; i Direttori della IG Lucana: Temistocle Pacifico, Emanuele Nicoletti; i Membri dei Comitati Tecnici: Giuseppe Carino, Ludovico Cannataro, Andrea Frattini, Fabrizio Proietti, Enrico Muscari, Federico Frattasi, Patrizio Sarti, Maria Grazia Carlini, Zeno Gaetano Compagnoni, Emanuele Vizziello, Riccardo Salvato, Antonio Macchia, Mimma Mancusi, Giampiero Maruggi; il personale distaccato della Banca Carical presso la società Systema BIC Basilicata: Adriano Abiusi e Leo Laraia. Grazie al Direttore Generale e ai funzionari della DG XVI Politiche Regionali della Commissione Europea e di EBN Rete Europea dei BIC: Eneko Landaburu, Rosario Solima, Francesco Pettini e Jean Van Kerckhove che hanno accompagnato con particolare attenzione la complessa fase di avviamento delle funzioni del BIC e di Organismo Intermediario. Grazie all’Assessore al Bilancio e Programmazione della Regione Basilicata Gerardo Coviello che nella fase di avviamento del BIC ha sostenuto l’iniziativa con l’indispensabile concorso finanziario del settore pubblico regionale.

SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 7


Introduzione

Grazie all’Assessore alla Formazione della Regione Basilicata Sabino Altobello che, promuovendo fortemente la nascita della IG Lucana SpA, è stato fautore della sperimentazione di un nuovo modello di intervento della Regione Basilicata sullo sviluppo locale. Un particolare ringraziamento ai Presidenti della Regione Basilicata: Antonio Boccia, Angelo Raffaele Di Nardo, Filippo Bubbico, Vito de Filippo che, nel corso di tutti questi anni, hanno favorito la creazione e lo crescita di uno strumento operativo di nuovo valore per la Basilicata, fino ai giorni attuali che segnano il passaggio a società in house alla Regione Basilicata e la conferma di un mandato ad operare a sostegno dello sviluppo competitivo di questo territorio. Grazie, con grande stima agli Amministratori di Invitalia - Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa SpA (già Sviluppo Italia SpA, per circa 9 anni maggiore azionista della società) chiamati al complesso compito di costruire e traghettare un’Azienda e un Gruppo “l’Agenzia” al servizio dello sviluppo del Paese Italia: i Presidenti: Patrizio Bianchi, Umberto Di Capua, Carlo Pace (economista e professore universitario di grande spessore, non più tra noi), Stefano Gaggioli, Nicolò Piazza e gli Amministratori Delegati: Carlo Borgomeo, Dario Cossutta, Massimo Caputi, Ferruccio Ferranti, Domenico Arcuri per il dialogo e la disponibilità che hanno contraddistinto il rapporto in tutti questi anni consentendo alla struttura di crescere e rafforzarsi a tutto beneficio del territorio. Grazie nuovamente di tutto e buon lavoro a tutti.

“Il campo è aperto, l’obiettivo non è indovinare quale sarà lo scenario che si verificherà, ma cercare di immaginare un futuro nel quale continuiamo ad essere attori muovendoci in un contesto anche frutto della nostra immaginazione” (da ‘La valutazione del capitale intellettuale’) Raffaele Ricciuti Amministratore Unico Potenza, ottobre 2009

8 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata


Impressioni e riflessioni Lettera al Presidente della Regione Basilicata Vito De Filippo 25 maggio 2009 Gentile Sig. Presidente, lunedì 18 maggio sono venuto a Potenza per incontrare il gruppo di lavoro ex-Sviluppo Italia. Prima di partire mi ero informato il più possibile sulla sua esperienza ed avevo scoperto, tra l’altro, che, a differenza di altri gruppi regionali, quello lucano gode (al centro ed a livello locale) di una buona reputazione. Effettivamente, la giornata d’incontri potentini con il dott. Ricciuti e con i suoi collaboratori ha confermato tale giudizio: con la sua esperienza ventennale, con il suo affiatamento lavorativo e con i risultati conseguiti, questo gruppo rappresenta oggi un punto di riferimento per numerose imprese della Basilicata – una realtà che, a mio avviso, sarebbe irragionevole (e controproducente) disperdere. È, questa, una conclusione a cui un osservatore indipendente, come il sottoscritto, può giungere senza difficoltà. Ma non è il solo messaggio, Sig. Presidente, che mi permetto di inviarLe. Infatti, dopo tanti anni di insegnamento e di collaborazione con amministrazioni centrali e locali, un professore di politica economica appassionato di sviluppo meridionale non può fare a meno di andare a caccia di soluzioni utili - le più corrispondenti alle esigenze rilevate. Ed è proprio a questo proposito che, mentre parlavo a Potenza con il gruppo di lavoro ex-Sviluppo Italia, mi è venuta in mente un’idea ulteriore. Infatti, sulla base della mia esperienza, sarebbe in realtà consigliabile un utilizzo di tale gruppo in parte differente da quelli che ha via via assunto per quattro lustri. Alludo alla possibilità di un robusto rafforzamento del lavoro con (e per) le imprese lucane di ogni ordine e grado che si potrebbe raggiungere trasformando in modo adeguato il gruppo di lavoro in questione in uno strumento tecnico, posto direttamente alle dipendenza del Presidente della Regione (magari utilizzando la figura giuridica della Fondazione in house, come quella che si è sviluppata in Calabria, su mio suggerimento: la Fondazione Field). Sono giunto, dunque, alla conclusione che, tramite un processo di rapida corrispondenza (e di upgrading delle loro insolite capacità), le persone che ho conosciuto a Potenza possano davvero sviluppare con rapidità quelle doti di duttilità, versatilità, flessibilità, celerità applicativa, efficacia, efficienza, responsabilità, cooperazione democratica che sono generalmente carenti nelle nostre amministrazioni e che, invece, tramite questo gruppo di valore, il Suo alto Ufficio potrebbe acquisire tambur battente a vantaggio, in primo luogo, delle imprese e dello sviluppo della Basilicata. Naturalmente, sono disponibile per fornirLe gratuitamente, se Lei lo desidera, ogni eventuale chiarimento ed assistenza tecnica in proposito. Sarebbe, se non altro, un’ottima ragione per tornare (assai volentieri) in Basilicata…. La prego, Sig. Presidente, di gradire i miei più cordiali saluti e gli auguri di buon lavoro. Con stima ed amicizia, prof. Luca Meldolesi Ordinario di politica economica presso l’Università Federico II di Napoli.

SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 9


10 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata


Impressioni e riflessioni

Una bellissima storia italiana Un mezzogiorno di qualità, che fa crescere capacità di governance del territorio e dello sviluppo 30 maggio 2009 Scrivo queste note per rispondere ad una sollecitazione, per me molto intrigante, di Raffaele Ricciuti Amministratore di Sviluppo Italia Basilicata. La richiesta era di esprimere una opinione e un giudizio sommario sulla società, sulle sue caratteristiche, sulla sua storia. Ho letto un documento analitico che racconta fatti e atti della società Sviluppo Italia Basilicata dalla sua fondazione. La società ha 23 anni di vita. Il documento fa la sintesi degli accadimenti significativi negli anni e prende circa 180 pagine. Mi attendeva una lettura difficile, certo un po’ noiosa, mi sembrava impossibile farmi una idea precisa. Troppi dati e troppi fatti da leggere e da capire. Un livello troppo “micro”, per poter essere interessante. Ad un certo punto, invece, la cosa ha cominciato a prendermi. Man mano che fatti, dati e risultati ricostruivano anche per me un significato, capivo che in quelle pagine a schema sintetico, asettiche, c’era un racconto molto interessante: una esperienza di profilo alto, un mezzogiorno che inventa modi avanzati di fare assistenza e governo, una qualità professionale eccellente che si confronta con il resto del paese e con l’Europa. Anche altro. Ma andiamo con ordine. La società (si chiamava Systema) nasce in Basilicata nel 1986, da alcuni privati che si occupano di promozione e di servizi e fondano una Scarl per la gestione integrata di servizi nel Mezzogiorno. L’idea è quella di cogliere occasioni e opportunità della legislazione europea e italiana in favore del mezzogiorno, per erogare servizi sostenendo le amministrazioni della Basilicata. Il primo periodo (1986-1988) è di consolidamento e di prime esperienze con clienti pubblici territoriali. Poi il primo salto, suggerito da un nuovo amministratore: diventare BIC-Business Innovation Centre per la Basilicata e svolgere così, da privati, una funzione decisamente pubblicistica a favore del sistema economico lucano. Questa funzione accompagnerà la società per molto tempo (dal 1989 e fino ad oggi), sviluppando anche grandi competenze di merito nella promozione e assistenza territoriale, con riconoscimenti di eccellenza provenienti sia dall’Unione Europea sia da altre regioni italiane, sia dallo stesso territorio lucano. Non serve entrare nel racconto degli accadimenti negli anni. Quello che mi sembra di notevole impatto è che la società allarga le sua finalità e soprattutto i suoi servizi alla intera gamma dei servizi di promozione e sostegno all’innovazione sul territorio: dalla formazione alla assistenza alla creazione di impresa, al sostegno a progetti di sviluppo locale, alla progettazione di interventi, e fino alla gestione di grandi programmi pubblici (Programma Sovvenzione Globale, per esempio). Siamo intorno all’inizio degli anni ’90. Queste pratiche di sviluppo locale, di progetti di promozione territoriale sono agli inizi, la stagione dei patti territoriali e degli strumenti di programmazione contrattata sono ancora lontani. Ma la Systema BIC Basilicata è avanti, fa esperienza, la esporta in altre zone di Italia, fa da traino a politiche e pratiche che diverranno prioritarie in capo a qualche tempo. Trasformatasi in SpA, il passo successivo è l’ampliamento e rafforzamento della compagine societaria con la partecipazione anche di organismi finanziari. Grandi Progetti, presidio di grandi politiche comunitarie e di strumenti istituzionali per realizzarle e monitorarle; ma anche piccole assistenze sui territori regionali, formazione professionale, produzione e diffusione di cultura dello sviluppo e dell’impresa.

SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 11


Impressioni e riflessioni

Perché riferisco questi particolari. Perché secondo me l’anima, l’idea di fondo che ha animato dall’inizio questa esperienza è quella di sostenere –con progetti e con iniziative- la coesione interistituzionale e l’integrazione delle azioni e delle politiche di sviluppo. Lo strano è che, questo orientamento che si sarebbe scoperto più tardi essere il “sale” delle esperienze riuscite di sviluppo locale, appare nella Systema essere non solo sempre presente ma variamente condiviso da una miriade di soci più o meno importanti che si sono succeduti, ma che hanno fatto la ricchezza e la storia della esperienza lucana. Alcuni soci privati, guidati da un management proattivo, hanno interpretato un bisogno di politiche sia pubbliche sia private, e ne hanno disegnato il tessuto sia organizzativo sia istituzionale. Questa esperienza dimostra che una relazione “strutturalmente” interdipendente e integrata fra pubblico e privato non solo produce risultati ma definisce anche le condizioni necessarie per fare progetti di successo e assistere soggetti di successo. In tutta la storia del cosiddetto sviluppo locale italiano, questa esperienza è molto significativa, proprio per la competenza che ha prodotto e la funzione di mediazione fra pubblico e privato che ha svolto. Imprenditori con una visione del futuro hanno fornito suggerimenti e strumenti alle politiche pubbliche. Bravi. La fasi successive di questa storia, fino alle prospettive odierne di trasformazione in una “in house” della Regione, portano il medesimo segno di capacità di lettura di segnali del futuro mista a crescita di competenze di consulenza e progetto di iniziative e programmi di sviluppo territoriale. Già a partire dalla metà degli anni ’90, la società opera a tutto campo, svolgendo funzioni istruttorie e promozionali pubbliche (per la UE, per istituzioni finanziarie, per le istituzioni pubbliche territoriali e del governo locale, ecc.), prestando assistenza alta a imprese e pubbliche amministrazioni, realizzazione di progetti e consulenze attuative di azioni e politiche pubbliche e private per favorire integrazione di progetti ed efficacia dei relativi risultati e impatti. Insieme alla assistenza e gestione di progetti strategici in tema di pianificazione, marketing, controllo di gestione, finanza, business planning, check-up organizzativi e finanziari, ecc. Decine di progetti e la gestione di grandi programmi testimoniano - alla fine degli anni ’90 - la crescita di competenze e di consistenza della Systema nella economia e nella governance del sistema lucano. Poi la progressiva trasformazione in diverse società, con missioni convergenti, e infine la nascita (2001) di Sviluppo Italia Basilicata con compagine societaria quasi esclusivamente pubblica. Il ruolo si amplia a quello di progettista, gestore e realizzatore di grandi programmi pubblici: intervento sulla promozione di imprese, erogazione di fondi, servizi per le pubbliche amministrazioni, consulenza e promozione a favore di soggetti pubblici e privati sul territorio, con competenze economiche, finanziarie, amministrative, manageriali. Non sono in grado di esprimere giudizi in generale sull’attività del gruppo Sviluppo Italia, recentemente trasformato in Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti. Dall’esame di fatti e dati delle cose realizzate in Basilicata ritengo comunque che la società lucana di quel gruppo ha svolto, nella sua Regione, un immenso lavoro di connessione fra soggetti, attori, mezzi per lo sviluppo insieme ad un ruolo primario nel presidio e nell’ampliamento della competenza economica e manageriale dell’intero sistema pubblico regionale. Qualche considerazione, per una storia così intensa e significativa: 1. dalla storia non banale dei progetti e processi di sviluppo locale italiana abbiamo imparato che il successo si è realizzato davvero nelle situazioni in cui ad una forte esperienza e assistenza tecnico professionale si è aggiunta una vera determinazione politicoimprenditoriale nel perseguire obiettivi integrati negli investimenti, nei progetti concreti, nei processi di management. Quindi molta competenza, molta determinazione, molta

12 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata


Impressioni e riflessioni

consapevolezza e cooperazione fra le istituzioni locali e nazionali. In Basilicata si sono realizzate spesso condizioni di questo tipo e la pluri-decennale storia di Sviluppo Italia Basilicata mostra una vera capacità di forte contributo in questo senso; 2. nel caso di Sviluppo Italia Basilicata, soci privati hanno creato e gestito nel tempo le condizioni per creare e rafforzare una struttura che ha alla fine svolto una funzione pubblica rilevante, fino a trasformarsi in una vera istituzione pubblica. Ciò a merito dell’iniziativa degli imprenditori che vi hanno contribuito, dimostra quanto siano utili se non essenziali nel nostro paese approcci che davvero riescano a tenere insieme funzione pubblica e iniziativa privata, capaci di superare limiti, lacci, remore, freni di tipo giuridico-amministrativo; 3. politiche recenti, sia del governo centrale sia di quelli regionali e locali, hanno in buona sostanza abbandonato l’approccio cosiddetto dello sviluppo locale. In particolare seguendo la vulgata per la quale le esperienze e i programmi integrati di sviluppo, in particolare nel mezzogiorno italiano, siano stati del tutto negativi sia per risultati ottenuti sia per dispendio di risorse pubbliche per gestirli. La storia di Sviluppo Italia Basilicata dimostra che ci sono nel mezzogiorno risorse e competenze di altissimo livello e che dove la classe politica e i diversi livelli del governo (europeo, nazionale, regionale e locale) hanno ben interagito, le risorse professionali, economiche e tecniche sul territorio hanno ben operato e ottenuto risultati soddisfacenti. Per tutto quanto ho detto sopra, la mia opinione, per concludere, è che occorra essere attenti alla trasformazione di Sviluppo Italia Basilicata in una società completamente pubblica, per perseguire finalità della Regione Basilicata. Ogni impresa, come ogni organizzazione e sistema sociale, ha un’”anima”, un senso profondo della propria natura e identità. Essa va rispettata, pena la decadenza e poi il declino del sistema medesimo. La natura di fondo che la storia che abbiamo commentata dichiara è quella di un sistema ad alta professionalità, a finalità proattive, a missione significativa e radicata in una etica dello sviluppo sostenibile, in ogni senso. Tali connotazioni vanno magari riviste ma nella sostanza rispettate, pena l’insuccesso della trasformazioni attese. Stefano Mollica Presidente AISLO - Associazione Italiana Incontri e Studi sullo Sviluppo Locale

SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 13


14 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata


“Spesso i sogni non si realizzano, non perché siano troppo grandi o impossibili ma solo perché smettiamo di crederci” (Martin Luther King)

Fatti, atti, dati Grazie ai dipendenti, vero asset fondante della società, per l’indispensabile contributo di professionalità, entusiasmo e sensibilità profuso nel corso di questi anni e per la capacità di aderire al Progetto dell’Azienda performandone, con l’impegno quotidiano, i processi e i servizi: Valentino Abbatantuono, Angela Arbitrio, Pierfrancesco Barba, Umberto Brindisi, Antonio Calice, Maria Cammarota, Antonella Casale, Cinzia D’Agostino, Eva Pignatari D’Errico, Angelo Antonio De Marco, Andreina De Pascali, Gioia Di Giuseppe, Raffaele Giordano, Cosimo Grieco, Maria Giovanna Lecce, Giuseppina Lo Re, Assunta Lo Tito, Giovanna Lucia, Gennarino Macchia, Patrizia Orofino, Alfredo Pierri, Vito Pinto, Marco Ponzio, Arcangelo Ravelli, Vittorio Restaino, Elena Russo, Vittorio Simoncelli, Gaetano Torchia, Annamaria Verrastro, Rachele Verrastro Grazie a tutti i collaboratori che sono intervenuti nei processi produttivi, con proficuo reciproco arricchimento di esperienze sul campo: Patrizia Bellino, Giovanni Berardone, Michele Bolognese, Mario Borrelli, Maria Pia Brienza, Maria Briganti, Mariella Caprara, Anna Carrieri, Francesco Corbello, Annamaria Dapoto, Valentina De Bonis, Pasquale De Martino, Rocco Di Leo, Francesco Ferraioli, Gabriella Giannattasio, Loredana Giudice, Giuseppe Guarini, Giulio Iacovino, Antonietta La Scaleia, Giovanni Lamorte, Manuela Lapenta, Antonio Manzione, Valeria Mastroddi, Gianluca Mazzarese, Rosa Mosca, Alessandro Napoli, Luciano Nardiello, Antonio Nicoletti, Savino Orofino, Lorena Petillo, Antonio Piccolo, Paola Saraceno, Lucia Signorile, Anna Sileo, Rocco Tantone, Salvatore Tarantino, Simona Ugliano, Ilaria Ugliano, Valeria Verrastro Terzulli ed al personale di Sviluppo Italia (ora Invitalia) per la professionalità e la disponibilità ad instaurare una fitta rete di proficui interscambi dinamici Raffaele Ricciuti Amministratore Unico Potenza, ottobre 2009

SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 15


La realizzazione del documento ha richiesto vari controlli sul testo. Nonostante ciò, riteniamo sia impossibile pubblicare documenti privi di errori. Ce ne scusiamo in anticipo. Per quanto riguarda i contenuti, pur perseguendo l’obiettivo di fornire informazioni dettagliate, non sempre queste sono esaurienti e precise. Pertanto fanno fede unicamente contratti, convenzioni, lettere di incarico, relazioni, verbali e testi, formali ed ufficiali, custoditi presso la società. Sviluppo Italia Basilicata SpA tutela la privacy degli utenti.

16 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 17

Scopo sociale: organizzazione in comune e scambio di professionalità e tecnologie tra i soci mirati alla qualificazione dei servizi oggetto delle attività proprie per l’economia e la collettività quali promozione di attività produttive, commerciali, agricole, turistiche, ricerca scientifica, economica e sociale, mktg e ricerche di mercato, corsi di formazione, promozione e intermediazione di servizi finanziari.

Il 1 settembre 1986 nasce, ad opera di 5 soci fondatori, Systema Srl – Società Consortile per la Gestione integrata di servizi nel Mezzogiorno, senza scopi di lucro.

FATTI SALIENTI

1986 » NASCE SYSTEMA SCRL Statuto e atto costitutivo Atto Notaio Polosa Rep. 23173/5088 registrato in data 8 settembre 1986 al n. 3857

ATTI

Soci fondatori: MODUS Srl – Pz (realizzazione di manufatti arredi e opere complementari, costruzione di opere civili, promozione commerciale, agricola, turistica) K.S.M. Know How e servizi per il Mezzogiorno Service Company Sas di Maroscia Antonio Domenico – Roma PRASSICONSULT Srl – Pz (consulenza aziendale, formazione professionale, marketing, intermediazione finanziaria, organizzazione di meeting) SCS Srl – Servizi di Comunicazione per il Sud – Pz (pubblicità, pubbliche relazioni, edizioni culturali e giornalistiche) SO.C.A.I. Srl – Pz (costruzioni, arredamenti di interni, attrezzature per alberghi, sportive, agricole).

Sede in Potenza Corso Garibaldi, 18 Cap. Soc. L. 21.000.000 (lire ventunomilioni) Reg. Società n. 3472

DATI


18 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Presidente Teodosio De Bonis Sciaraffia.

Compagine sociale ampliata: 1) API BASILICATA Potenza 2) MODUS Srl – Pz 3) K.S.M. Sas di Maroscia Antonio Domenico – Roma 4) PRASSICONSULT Srl – Pz 5) SCS Srl – Servizi di Comunicazione per il Sud – Pz 6) SO.C.A.I. Srl – Pz 7) PRINT Soc. Coop. a rl - Lauria.

Delibere Ass. 20/01/87 e 23/11/87 per ingresso nuovi soci

EVOLUZIONI SOCIETARIE La prima operatività della società è caratterizzata anche dalla cura degli aspetti organizzativi: si attribuiscono deleghe di gestione, si assume personale, si delibera l’istituzione di un fondo consortile, si amplia la compagine sociale. CdA 8/11/87 istituzione fondo consortile

Tali contatti generano affidamenti di incarichi da parte di alcune amministrazioni locali (Filiano, Gallicchio, Armento, Lavello, Montemilone, Pietrapertosa, Ruvo del Monte). Gli incarichi riguardano l’elaborazione di pratiche di finanziamento e di atti istruttori per la richiesta di contributi FESR su opere pubbliche relative a strade, costruzione di reti idriche e fognarie.

Inizio attività 25 marzo 1987.

DATI

Delibere di Giunte e Consigli Municipali

ATTI

REGOLAMENTO CEE 1787 DEL 19/6/84 FESR Si attivano vari contatti con le amministrazioni comunali finalizzati a cogliere le opportunità derivanti dal Regolamento CEE 1787 del 19/6/84 relativo al FESR. Il regolamento prevede contributi fino al 50% per investimenti che siano a carico di organismi pubblici responsabili della realizzazione di infrastrutture che contribuiscano allo sviluppo della regione e della zona nella quale si situano, inseriti coerentemente in programmi di sviluppo regionali.

PRIME ATTIVITÀ Si definiscono le prime ipotesi di lavoro promozionale, curate dai soci, nella direzione di attivazione di rapporti con i Dipartimenti Regionali (Attività Produttive, Agricoltura, Programmazione) e di possibili azioni nell’ambito dei PIM - Programmi Integrati Mediterranei (Reg. CEE 2088/85) e di progetti di sviluppo e di valorizzazione turistica per il Parco Pollino e Gallipoli/Cognato.

FATTI SALIENTI

Start up organizzativo e finanziario della società, primi incarichi

1987 » SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 19

Presidente Teodosio De Bonis Sciaraffia.

Compagine sociale invariata 1) MODUS Srl – Pz 2) K.S.M. Sas di Maroscia Antonio Domenico – Roma 3) PRASSICONSULT Srl – Pz 4) SCS Srl – Servizi di Comunicazione per il Sud – Pz 5) SO.C.A.I. Srl – Pz 6) API BASILICATA Potenza 7) PRINT Soc. Coop. a rl – Lauria.

EVOLUZIONI SOCIETARIE La compagnie sociale e il CdA rimangono invariati.

Redazione dei primi 10 progetti della 1^ tranche ex art. 23 L. 67/88 approvati dalla CRI di Basilicata tra novembre e dicembre 1988 e promossi da svariati enti locali e dall’amministrazione regionale. Verranno attuati nell’anno successivo. L’art. 23 diventa occasione per saggiare le attitudini e le vocazioni di un numero elevatissimo di giovani e per veicolare il marchio Systema tra operatori economici e pubbliche amministrazioni, sollecitando nuove forme di cooperazione. I Progetti sono finalizzati a conseguire risultati suscettibili di promuovere occasioni di lavoro stabile e risultati permanenti di recupero o fruibilità dei beni oggetto degli interventi. La realizzazione delle attività implicherà l’erogazione ai beneficiari di sessioni formative sulle materie oggetto di intervento.

DATI

Alcune Comunità Montane (Basso Sinni, Medio Sinni Pollino Raparo, Consorzio dei Comuni non Montani del Materano) deliberano l’affidamento alla società di Studi da candidare al finanziamento della L. 64/86 e nei mesi successivi, la sottoscrizione di convenzioni di alcuni dei predetti enti con la società.

Delibere di approvazione progetti 1^ tranche art. 23 L. 67/88 da parte della CRI Commissione Regionale per l’Impiego di Basilicata del 21/23/29-11/1988 e del 24/12/1988

CdA della società del 19 agosto 1988

ATTI

L. 64/86 La società avvia contatti con alcune Comunità Montane per la promozione dei propri servizi per l’attuazione del 3° Piano annuale per l’Intervento Straordinario nel Mezzogiorno in particolare: Azioni organiche interne di promozione dei territori e Azioni organiche su turismo e ambiente.

ART. 23 – L. 11 MARZO 1988 N. 67/88 Per gli anni 1988, 1989 e 1990 il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale finanzia, ex Art. 23 L. 11 marzo 88 n. 67, nel limite di 500 miliardi di lire per ciascun anno, la realizzazione nei territori del Mezzogiorno, di iniziative a livello locale, temporalmente limitate, consistenti nello svolgimento di attività di utilità collettiva mediante l'impiego, a tempo parziale, di giovani privi di occupazione, di età compresa tra i 18 e i 29 anni, senza costituire con gli stessi rapporto di lavoro. La società si mobilita per favorire l’occupazione giovanile in Basilicata sfruttando le predette risorse governative avviando lo scouting delle iniziative utili alle amministrazioni locali, la progettazione dei relativi interventi e l’assunzione di incarichi da parte delle stesse per la gestione di attività di interesse collettivo.

FATTI SALIENTI

Si consolida la filosofia di fondo: attivare e tradurre in fatti, occasioni di crescita economica e sociale, cogliere le opportunità offerte dalla legislazione sul Mezzogiorno e dalla integrazione comunitaria

1988 » SYSTEMA SCRL


20 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Attuazione di progetti ex art. 23 – L. 67/88 1^ tranche: Prog. 392/88 – Rilevazione fabbisogni formativi Prog. 396/88 – Inventario e rilevazione stato manutentivo patrimonio mobiliare Regione Basilicata Prog. 398/88 – Inventario e catalogazione fondi archivio e biblioteca del Consiglio regionale Prog. 441/88 – Individuazione e censimento di torrenti e discariche anche abusive per il controllo dei fenomeni inquinanti nel comuni della Comunità Montana Alto Basento Prog. 457/88 – Riorganizzazione uffici e servizi comunali Senise Prog. 497/88 – Ricognizione del patrimonio comunale Prog. 498/88 – Censimento utenti servizi comunali Prog. 502/88 – Rilevazione fabbisogno di manutenzione arredo urbano Prog. 503/88 – Rilevazione fabbricati rurali Comune di Pz Prog. 518/88 – Individuazione e rilevazione dei fabbisogni di regime nelle aree consortile industriali di Potenza Giovani fruitori: n. 318 tra disoccupati laureati, diplomati e scuola d’obbligo Enti promotori: Regione Basilicata: Consiglio e Dipartimento Formazione Consorzio Area Sviluppo Industriale della Provincia di Potenza Comunità Montana Alto Basento Comune di Potenza Ufficio Bilancio, Ufficio Patrimonio, Ufficio Urbanistica Comune di Senise Formazione: La realizzazione delle attività ha implicato l’erogazione ai beneficiari di seminari formativi sulle materie oggetto di intervento.

Delibere di approvazione progetti 2^ tranche art. 23 L. 67/88 della Commissione Regionale per l’Impiego di Basilicata del 9-11/12 1989

ART. 23 – L. 67/88 Operativamente l’anno 1989 è caratterizzato: » dalla gestione dei progetti di utilità collettiva avviati come 1^ tranche » dalla redazione e approvazione di nuovi progetti di utilità collettiva per la 2^ tranche.

Redazione di progetti per la 2^ tranche: n. 9.

Il programma BIC lanciato dalla CEE, nel quadro della politica regionale, ha l’obiettivo di rilanciare l’economia potenziando l’imprenditoria locale attraverso l’organizzazione ed erogazione sistematica di servizi alle imprese attivando sia meccanismi di selezione delle iniziative più promettenti che meccanismi organizzativi per potenziare le prospettive di successo delle stesse.

DATI

CdA del 2/10/89 delibera di approvazione di iniziative finalizzate alla progettazione del BIC

ATTI

PROGRAMMA BIC Con il suo ingresso nel CdA il Consigliere Raffaele Ricciuti propone un’attività valutativa ed esplorativa che porterà la società in seguito a realizzare un obiettivo ambizioso: quello di diventare un Centro Europeo di Impresa e Innovazione per la Basilicata (o BIC- Business Innovation Centre secondo il Programma ideato dalla DG XVI CEE del 27 gennaio 1989).

FATTI SALIENTI

Origination del programma BIC

1989 » SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 21

Capitale sociale: aumento a £. 75.000.000 Ampliamento Compagine sociale 1) KSM SaS 8) Ardesia Sas di Ciola & C. 2) Prassiconsult Srl 9) Progress Srl 10) ConsulBorkers Srl 3) Poolservice Srl 11) Gepofin Srl (Napoli) 4) Print Soc. Coop. a rl 12) Studio Snat di Passatordi A. 5) SCS Srl Sas 6) Socai Srl 13) Consulting Group Sas. 7) Gestimp Srl

Verbale Ass. del 04/12/89 Aumento Cap soc. CdA 22/01/89 variazione compagine sociale CdA 12/03/89 variazione compagine sociale CdA 25/04/89 nomine di Consiglieri, Presidente e Amministratore Delegato

EVOLUZIONI SOCIETARIE Aumento del Capitale sociale. Ampliamento compagine sociale. Nomina amministratore delegato.

Presidente Teodosio De Bonis Sciaraffia.

Si sviluppano contatti e relazioni utili ai futuri riconoscimenti.

CdA del 12/03/89 approvazione di iniziative promozionali

PROMOZIONE DI INTERVENTI La società si impegna nella promozione di interventi a valere sui Fondi strutturali della nuova programmazione comunitaria 89-93 in particolare sul FESR a favore di enti pubblici presso Comuni e Comunità Montane come occasione per continuare a sviluppare contatti e relazioni.

Gli studi assegnati riguardano: “Studio e ricerca geologica-geotecnica di acque sotterranee nel bacino imbrifero del fiume Sinni e dei suoi affluenti per la parte ricadente nel territorio della Comunità da utilizzare per l’approvvigionamento idrico delle aziende ivi ubicate”. “Studio per il miglioramento e lo sviluppo delle infrastrutture di trasporto secondo quanto previsto dall’azione organica 6.3 della legge 64/86”.

DATI

Convenzione del 23/03/1989

ATTI

L. 64/86 – AZIONI ORGANICHE NN. 6 e 10 La Comunità Montana Medio Sinni Pollino Raparo conferisce alla società l’incarico per la realizzazione di 2 Studi da candidare alla legge 64/86.

FATTI SALIENTI

1989 | SYSTEMA SCRL


22 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

CdA del 22 maggio 1990

Delibere di approvazione progetti 3^ tranche art. 23 L. 67/88 della Commissione Regionale per l’Impiego di Basilicata del 19/12/1990

CdA del 13/02/90 CdA del 01/03/90 CdA del 09/07/90

ART. 23 – L. 67/88 Si concludono i progetti della 1^ tranche, si attuano i progetti della 2^ tranche, si redigono nuovi progetti per la 3^ tranche.

EVOLUZIONI SOCIETARIE Nomina nuovo amministratore. Approvazione del regolamento interno. Assunzione di risorse professionali.

ATTI

PROGRAMMA BIC Il consigliere Raffaele Ricciuti, verificata la fattibilità del progetto BIC sulla base delle risultanze di relazioni/contatti/impegni formali, sovraintende a tutti i lavori preparatori della proposta e del futuro Centro. Procedono con particolare intensità i contatti e le missioni sia con la Commissione Europea, sia con la Regione Basilicata, sia con la compagine societaria onde consolidare l’idea di nascita del BIC e verificare la compatibilità con politiche, programmazioni e strategie regionali, avviare i lavori propedeutici all’identificazione e analisi delle esigenze organizzative/logistiche e del piano di impresa per le nuove funzioni da assumere, redigere il Formulario di richiesta di contributo finanziario per la preparazione del CEII.

FATTI SALIENTI

Prende sempre più corpo l’idea di realizzazione del BIC

1990 » SYSTEMA SCRL

Presidente Teodosio De Bonis Sciaraffia.

Compagine sociale invariata KSM SaS, Prassiconsult Srl, Poolservice Srl, Print Soc. Coop. a rl, S C S Srl, Socai Srl, Gestimp Srl, Ardesia Sas di Ciola & C., Progress Srl, ConsulBorkers Srl, Gepofin Srl, Studio Snat di Passatordi A. Sas, Consulting Group Sas.

Redazione progetti per la 3^ tranche: n. 12.

Attuazione di Progetti ex art. 23 – L. 67/88 2^ tranche: Prog. 64/89 – Meccanizzazione Archivio Beni Ambientali Prog. 65/89 – Riorganizzazione Biblioteca Dip. Programmazione Regione Basilicata Prog. 73/89 – Catalogo fondi biblioteca Consiglio regionale di Basilicata Prog. 534/89 – Ricognizione del patrimonio comunale di Potenza Prog. 535/89 – Rilevazione dei fabbricati rurali di Potenza Prog. 536/89 – Meccanizzazione dati a fini impositivi Comune di Potenza Prog. 538/89 – Arredo urbano Potenza Prog. 383/89 – Censimento utenti servizi comunali Albano di Lucania Prog. 432/89 – Smaltimento RR.SS.UU. di Corleto Perticara Giovani fruitori: n. 185 tra disoccupati laureati, diplomati e scuola d’obbligo Enti promotori: Regione Basilicata Consiglio, Dip. Programmazione, Dip. Ambiente Comune di Potenza Ufficio Patrimonio, Ufficio Urbanistica Comune di Albano di Lucania Comune di Corleto Perticara.

In questa prima fase la Direzione Generale CEE, inizialmente non favorevole, incoraggia poi, con comunicazioni informali, la costituzione del Centro.

DATI


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 23

DGR Basilicata n. 3629 del 17/06/91

Comunicazioni di chiusura in varie date

ART. 23 – L. 67/88 Operativamente si concludono i progetti della 2^ tranche e si attuano i progetti della 3^ e ultima tranche.

ATTI

PROGRAMMA BIC L’anno 1991 apre una nuova era per la società e segna la svolta decisiva: la Giunta Regionale di Basilicata esprime formalmente parere positivo all’istituzione del BIC in Basilicata. Tale assenso è propedeutico alla presentazione della richiesta di finanziamento alla Commissione Europea, il progetto infatti deve essere approvato preliminarmente dalle autorità regionali competenti, informando l’autorità dello stato membro competente a livello nazionale. In questo senso si opera consolidando sempre di più il progetto pilota per la Basilicata "Business & Innovation Centre".

FATTI SALIENTI

Attuazione di Progetti ex art. 23 – L. 67/88 3^ tranche: Prog. 382/90 – Censimento e catalogazione delle infrastrutture a rete dell’ASI di Pz Prog. 255/90 – Adeguamento toponomastica cittadina Comune di Potenza Prog. 780/90 – Riordino emeroteca ufficio stampa Regione Basilicata Giunta Regionale Prog. 448/90 – Censimento della viabilità minore della Regione Basilicata Dip. Programmazione Prog. 449/90 – Meccanizzazione Archivio Beni Ambientali Regione Basilicata Assetto del Territorio Prog. 452/90 – Sistemazione Patrimonio forestale Monticchio Prog. 453/90 – Sistemazione Patrimonio forestale Regione Basilicata Prog. 456/90 – Sistemazione Patrimonio forestale Rifreddo Pignola Prog. 455/90 – Rilevazione Patrimonio forestale Lagopesole Prog. 454/90 – Sistemazione Patrimonio forestale Grancia Brindisi Prog. 457/90 – Sistemazione Patrimonio forestale Fossa Cupa di Abriola Prog. 11/90 – Sistemazione infrastruttura turistica Fossa Cupa Madonna di Sasso. Giovani fruitori: n. 170 tra disoccupati laureati, diplomati e scuola d’obbligo Enti promotori: Regione Basilicata (Ufficio Stampa Giunta Regionale, Dip. Programmazione, Dip. Assetto del Territorio, Dip. Agricoltura e Foreste) Consorzio Area di Sviluppo Industriale della Provincia di Potenza Comune di Potenza Comune di Sasso Castalda.

Il parere positivo della Regione Basilicata all’istituzione del BIC in Basilicata riporta la seguente motivazione: il BIC può rappresentare uno stimolo ad attività innovative sia per le nuove imprese che per le aziende già operanti.

DATI

Riconoscimento del BIC, variazione delle denominazione in CEII SYSTEMA SCRL - Centro Europeo di Impresa e Innovazione Systema Società Consortile a r.l.

1991 » CEII SYSTEMA SCRL


24 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

EVOLUZIONI SOCIETARIE Si procede alla necessaria trasformazione statutaria e della denominazione in vista delle nuove funzioni di BIC. Si aumenta il Capitale sociale. Si amplia la compagine societaria. Si ricerca una sede più adeguata alle nuove funzioni.

FATTI SALIENTI CdA del 13/02/90 CdA del 01/03/90 CdA del 09/07/90

ATTI

8) Ardesia Sas di Ciola & C. 9) Progress Srl 10) ConsulBorkers Srl 11) Gepofin Srl 12) Studio Snat di Passatordi A. Sas 13) Consulting Group Sas 14) LP Sistemi Srl 15) Siris Sas di Siniscalchi Giovanni.

Presidente Teodosio De Bonis Sciaraffia. Amministratore Delegato Raffaele Ricciuti (30/10/91).

Nuova Compagine sociale 1) KSM SaS 2) Prassiconsult Srl 3) Poolservice Srl 4) Print Soc. Coop. A rl 5) SCS Srl 6) Socai Srl 7) Euroconsulting Sas di Cristiani Giuseppe

Il 14 ottobre 1991 Systema procede alla trasformazione statutaria e della denominazione in Centro Europeo di impresa e Innovazione Systema Soc. Cons. a r.l. – senza fini di lucro, ampliando l’oggetto sociale che da questo momento prevederà l’istituzione e gestione nell’ambito della Regione Basilicata del CEII o BIC in conformità ai programmi della Commissione della Comunità Europea DG XVI del 27 gennaio 1989. Il Capitale sociale viene portato a L. 493.000.000. La compagine societaria si amplia a 15 soci.

DATI

1991 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 25

Chiusura definitiva progetti 3^ tranche art. 23 L. 67/88: tra 11/11/92 e 23/12/92.

Comunicazioni varie di chiusura

ART. 23 – L. 67/88 Operativamente si concludono definitivamente i progetti della 3^ e ultima tranche.

La Sovvenzione Globale progettata si articola in 7 azioni, 6 delle quali, tra cui la costituzione di un fondo di capitale di rischio, sono finalizzate al supporto in vario modo delle aziende, ed 1 a sostenere le spese di gestione per un periodo di ca tre anni. Titolo: Sovvenzione Globale per la realizzazione di misure di incentivazione alla PMI operanti nella Regione Basilicata: Misura 4.1 – Studio e analisi della domanda extraregionale e dell’offerta regionale di prodotti Misura 4.2 – Studio ed analisi dei fabbisogni finanziari e dei servizi reali delle PMI Misura 4.3 – Azione per la promozione e la commercializzazione della produzione regionale Misura 4.4 – Azione di sviluppo della promozione e del coordinamento del turismo in Basilicata Misura 4.5 – Strumenti finanziari di sostegno per l’avvio e lo sviluppo di PMI Misura 4.6 – Servizi reali alle imprese Misura 4.7 – Attuazione, promozione e gestione della S.G.

Progetto Sovvenzione Globale del 06/07/92

PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE FESR (89/93) A seguito di ciò la società può avviare con la Regione Basilicata Dipartimento Programmazione le procedure per l’inoltro della Domanda di Sovvenzione Globale alla CEE, forma di intervento privilegiata dalla CEE per intervenire a favore delle iniziative di sviluppo locale, da attivare con fondi FESR accantonati dal POP Basilicata OB. 1 in base ai regolamenti CEE 2052/4253/4254, presentando uno specifico progetto predisposto nel luglio dello stesso anno.

La società ottiene in questo stesso anno il riconoscimento di Organismo Intermediario da parte della Regione Basilicata e dello Stato Italiano con la seguente motivazione: per professionalità, conoscenza del sistema economico regionale, presenza significativa con specifiche iniziative di sostegno alle pmi, solvibilità, capacità amministrativa.

Delibera Comitato. R. n. 674 del 7/8/92 Delibera G. R. n. 1280 del 9/3/92

ORGANISMO INTERMEDIARIO L’A.D. Raffaele Ricciuti, contemporaneamente allo start up del BIC, convinto della necessità di rendere disponibili, oltre ai servizi specialistici, fonti finanziarie a favore delle imprese, propone di qualificare la società come Organismo Intermediario per gestire Sovvenzioni Globali a favore delle PMI locali. Lo strumento è nuovo e il BIC Basilicata per primo ne propone l’utilizzo. Si cominciano pertanto a porre le basi per il raggiungimento di altri importanti e innovativi obiettivi operativi.

Start up del BIC, consorzio senza fini di lucro, fondato su un partenariato pubblico privato.

DATI

Convenzione per un’azione di sviluppo industriale del 18/11/92 tra CEE DG XVI e CEII Systema

ATTI

PROGRAMMA BIC Il 18 Novembre 1992 viene formalmente sottoscritta tra CEII SYSTEMA SCRL e Comunità Economica Europea DG XVI Politiche Regionali, la Convenzione di finanziamento dei lavori di preparazione e lancio del BIC in Basilicata con un contributo comunitario di 485.000 ecu (£ 745.000.000 – 50% dell’intero budget) per un periodo di 30 mesi a decorrere da novembre ‘92. Si può pertanto dare avvio alla preparazione del Centro o BIC.

FATTI SALIENTI

Nascita formale del BIC, riconoscimento quale Organismo Intermediario, origination Programma Sovvenzione Globale FESR 89/93

1992 » CEII SYSTEMA SCRL


26 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

EVOLUZIONI SOCIETARIE Si avviano complessi e articolati processi di preparazione del BIC. Si amplia la compagine sociale. Viene attuato il trasferimento della sede in Via Pretoria n. 73 PZ.

FATTI SALIENTI

ATTI 9) 10 11) 12) 13) 14) 15) 16)

ConsulBorkers Srl Antonio Perretti SpA Studio Snat Sas Consulting Group Sas LP Sistemi Srl Siris Sas di Siniscalchi G. Impes Group SpA Ferrandina Ricciuti Raffaele Canio.

Presidente Teodosio De Bonis Sciaraffia. Amministratore Delegato Raffaele Ricciuti.

Nuova Compagine sociale 1) KSM SaS 2) Prassiconsult Srl 3) Poolservice Srl 4) Print Soc. Coop. a rl 5) SCS Srl 6) Socai Srl 7) Ardesia Sas di Ciola & C. 8) Progress Srl

DATI

1992 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 27

PROGRAMMA SOVVENZIONE GLOBALE 89/93 (ATTUAZIONE 93-97) Sintesi generale Il 18 giugno 1993 la Commissione delle Comunità Europee approva il contributo finanziario di 8,404 Mio di Ecu (£ 16.063.799.158), sotto forma di Sovvenzione Globale per la costituzione di un fondo CEE – CEII Systema per la creazione e lo sviluppo di PMI operanti in Basilicata in conformità agli Assi prioritari 2.2 e 2.3 “Aiuti all’artigianato e alla PMI” e “Aiuti ai servizi alle imprese” del QCS Basilicata. Il 16 settembre dello stesso anno la società sottoscrive con la Commissione CEE DG XVI Politiche Regionali la Convenzione concernente gli aspetti attuativi delle sovvenzione globale per operazioni di “capitale di avviamento” (seed capital) e di capitale di avvio (start up capital) in PMI operanti in Basilicata. Si può così dare avvio alla realizzazione delle Misure previste. COSTO TOTALE PROGETTO L. 32.185.804.856 SPESA PUBBLICA COMPLESSIVA - F.E.S.R. L. 16.063.799.158 FONDI PRIVATI L. 16.122.005.698 Il periodo di attuazione, inizialmente previsto per l’arco temporale 1993-1995, viene prorogato formalmente per l’effettuazione dei pagamenti al 31.12.97, mediante due successive comunicazioni. Durante il periodo di attuazione la CEE DG XVI approverà la rimodulazione delle misure e del piano finanziario e di una interpretazione non restrittiva dell’art. 5 della convenzione originaria.

Contemporaneamente la società aderisce all’EBN il network di 150 BIC sparsi in tutta Europa (circa trenta in Italia) voluto dalla CEE DG XVI.

La CEE Direzione Generale Politiche Regionali rilascia alla società l’autorizzazione all’utilizzo del marchio CEE BIC essendo garantiti i criteri di messa in opera di meccanismi attivi e permanenti di selezione di imprenditori e progetti, l’offerta della gamma completa di servizi per la creazione e diversificazione delle imprese, la possibilità di fondare le nuove iniziative su elementi innovativi, la dotazione di personale standard richiesto.

PROGRAMMA BIC L’anno è caratterizzato dallo start up del piano di attività previste e dal test intensivo di tutte le attività.

FATTI SALIENTI

Programma BIC L’anno è caratterizzato dalla predisposizione del piano di attività, dalla definizione della struttura organizzativa, dei servizi e funzioni, delle collegate prestazioni e finanziamento, dalla selezione del personale e dei metodi di lavoro, dall’organizzazione pratica della rete di relazioni locale di sostegno alle attività del CEII, dalla creazione della struttura operativa sulla base dei profili descritti nel progetto e di un team esperti. La società realizza inoltre preliminarmente uno Studio utile allo sviluppo delle attività del BIC relativo al censimento delle risorse della regione disponibili, all’inventario delle risorse umane (liste di organismi e di imprese terziarie e di consulenza), naturali (potenziale manifatturiero), tecnologiche (organismi scientifici e di ricerca), industriali e finanziarie (fondi di capitali di rischio). Nel mese di ottobre vengono lanciati i convegni promozionali del BIC e del programma Sovvenzione Globale su Potenza e Matera. Si definisce la linea grafica del CEII Systema conformandosi per l’utilizzo del marchio CEE BIC ai criteri di utilizzo definiti dalla CEE. Programma Sovvenzione Globale 89/93 A seguito dell’approvazione del programma, la società, onde garantire la piena operatività del progetto, organizza le fasi previste attivando preliminarmente tutti i canali comunicativi e di coinvolgimento di strutture a livello locale, nazionale e comunitario, secondo le specifiche e diverse funzioni, con: Uffici della Commissione Europea, Corte dei Conti Europea, Ministero del Bilancio e della P.E., Ministero del Tesoro, Ufficio Italiano Cambi, Regione Basilicata (Giunta – Comitato di Sorveglianza – Dipartimenti Programmazione e Attività Produttive). Viene sottoscritta la fidejussione per 1/3 ca dell’importo complessivo a garanzia per lo Stato Italiano. Per rendere disponibili alle PMI le risorse, si attiva la Tesoreria dell’Organismo Intermediario e si accende un conto corrente specifico. Si definiscono le procedure per la selezione di progetti ammissibili ai finanziamenti secondo criteri di selezione trasparenti e si realizzano azioni preliminare di pubblicità e di informazione ai beneficiari potenziali. Si definiscono le procedure di gestione e si costituisce il Comitato Tecnico con funzioni di istruttoria delle pratiche per la Mis. 4.5 - Fondo di capitale di rischio.

Decisione CEE n. C (93) 1461 del 18.06.93 - FEDER 93.05.26.003 ARINCO 93.IT.16.003 Convenzione tra CEE e CEII Systema del 16/09/93 1^ Proroga Comunicazione CE DG XVI del 23.12.93 prot. n. 030633 2^ Proroga Decisione N. C(95) 1788 del 28.VII.1995 Clausola addizionale CEE DG XVI del 26/02/96

DATI

Contratto CEE del 16 luglio 1993 per l’utilizzazione del marchio figurativo “European Community Business and Innovation Centre

ATTI

Consolidamento della struttura BIC, finanziamento comunitario del programma Sovvenzione Globale, formalizzazione dei rapporti convenzionali con CEE e Regione Basilicata

1993 » CEII SYSTEMA SCRL


28 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

ALBO OPERATORI DELLA FORMAZIONE Nel mese di agosto la Giunta regionale di Basilicata approva l’iscrizione della società all’Albo degli operatori di Formazione Professionale nel settore Servizi 1^ fascia.

Obblighi: rientro di circa il 33% dell’importo delle partecipazioni acquisite. Risultati: rientro di circa il 60% del valore delle partecipazioni acquisite.

SOVVENZIONE GLOBALE 89/93 - MISURA 4.5 – STRUMENTI FINANZIARI DI SOSTEGNO PER L’AVVIO E LO SVILUPPO DI PMI Sintesi della Misura Costituzione del capitale di rischio per l’avvio d’impresa (start up capital) o per l’innovazione di prodotto e/o di processo (seed capital) al fine di promuovere la creazione e lo sviluppo di aziende competitive e di contribuire direttamente allo sviluppo ed all’innovazione del tessuto imprenditoriale locale. Costo Misura 8,600 MECU FESR 49% - PRIVATI 51% Durata 16.09.93 - 31.12.97 Destinatari della Misura PMI lucane secondo la definizione comunitaria aventi forma giuridica di società di capitali (S.r.l., S.p.A., S.a.p.A, Soc. Coop.). Territorio interessato Regione Basilicata. Modalità di intervento Importo finanziabile per ogni singolo intervento: max L. 650.000.000. Le partecipazioni, regolate da appositi patti parasociali, sono state comprese entro il limite massimo del 49% del capitale sociale con una durata massima di 10 anni.

FATTI SALIENTI

Attività espletate » Informazione e comunicazione » Istruttoria del Comitato Tecnico » Selezione » Partecipazione » Monitoraggio (monitoraggio gestionale tramite l’attuazione di check up aziendali che forniscono dati significativi sulla vita delle imprese; il controllo istituzionale tramite i rappresentati della società nei CdA delle partecipate; la guida e l’assistenza per la soluzione dei problemi di ordine organizzativo, economico e finanziario delle aziende e la stesura di un regolamento delle partecipazioni). Risultati al 31.12.97 Partecipazioni: n. 17 società Check up effettuati: n. 130 Assistenza finanziaria in 10 aziende Pianificazione strategica e business planning in 7 aziende Ricerca Partners e consulenti (area commerciale e tecnologica) in 7 aziende Supporto all’organizzazione direzionale in 6 aziende Link con la Misura 4.3 della Sovvenzione Globale in 6 aziende. I risultati complessivi ottenuti dalle aziende partecipate dopo l’ingresso del BIC registrano trend positivi sia in relazione al fatturato globale che all’occupazione. Interventi finanziati Progetti di avviamento di impresa (start up): 2 aziende Progetti di innovazione di prodotto (seed capital): 8 aziende Progetti di innovazione di processo (seed capital): 7 aziende Dismissioni: n. 17 Problematiche: Tutela di 2 partecipazioni: esperimento di giudizi arbitrali nei confronti dei soci di 2 società partecipate,conclusi nell’anno 2005 con lodi arbitrali che hanno disposto il trasferimento delle quote sociali delle predette Società di proprietà di Sviluppo Italia Basilicata in capo agli altri soci, condannando quest’ultimi al pagamento del corrispettivo. Sono tutt’ora in corso procedimenti esecutivi a danno dei predetti soci volti al recupero coatto delle somme indicate nei lodi arbitrali. Il BIC potrà svolgere attività corsuali, seminariali e formative indirizzate alla qualificazione di personale di PMI destinatario delle azioni promozionali del BIC e a giovani disoccupati per la fornitura di conoscenze e competenze professionali e imprenditoriali.

Delibera DGR Basilicata n. 4965 del 23/08/93

DATI

Vedi Programma Sovvenzione Globale 89/93 pagina precedente

ATTI

1993 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 29

L’attività condotta dal BIC, porterà la società cliente alla sottoscrizione nel gennaio 1994 di un contratto di joint venture con una società tedesca di assemblaggio e commercializzazione di computer. L’accordo prevede l’insediamento, presso lo stabilimento della società cliente, di una struttura operativa con il compito di assemblare e vendere i computer, la componentistica periferica e il software. L’incarico prevede uno studio di mercato preliminare sull’economia della provincia di Caserta e la realizzazione di un Business Plan nell’ambito del quale vengono definiti gli obiettivi strategici, il dimensionamento dell’investimento, la formulazione di una ipotesi operativa di gestione. La CEE accorderà nel dicembre dello stesso anno al Comitato Promotore del BIC Caserta il contributo finanziario per la preparazione e il lancio del BIC Caserta.

Incarico del 18/09/93

API Servizi Srl Caserta Incarico di consulenza del 9/11/93

JOINT VENTURE Una società elettronica di tecnologie avanzate affida l’incarico di individuare partner e concludere per suo conto ed in suo nome accordi strategici di mercato e tecnologici comprendenti anche cessioni di quote societarie.

API SERVIZI CASERTA - STUDIO DI FATTIBILITÀ L’API Servizi Srl di Caserta conferisce al BIC Basilicata l’incarico di consulenza finalizzato alla esecuzione di uno studio di fattibilità inerente la costituzione di un BIC con sede in Caserta.

9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16.

ConsulBorkers Srl Antonio Perretti SpA Studio Snat di Passatordi A. Sas Consulting Group Sas Prosvim Snc di F. Siris Sas di Siniscalchi Giovanni Impes Group SpA Ferrandina Ricciuti Raffaele. Presidente Teodosio De Bonis Sciaraffia. Amministratore Delegato Raffaele Ricciuti.

Nuova Compagine sociale 1. Carical SpA (7/10/93) 2. Prassiconsult Srl 3. Poolservice Srl 4. Print Soc. Coop. a rl 5. SCS Srl 6. Socai Srl 7. Ardesia Sas di Ciola & C. 8. Progress Srl

Cap. Soc.: il 28 luglio 1993 viene deliberato l’aumento del cap. soc. ad 1 miliardo di vecchie lire per adeguare il capitale alle nuove esigenze economico finanziarie della società.

Realizzati: » 1 studio di mercato sul settore interessato » 1 business plan con definizione di obiettivi strategici, dimensionamento dell’investimento, formulazione di una ipotesi operativa di gestione.

Incarico del 2 agosto 1993

STUDIO DI FATTIBILITÀ AZIENDALE Incarico di consulenze da parte di privato finalizzato alla esecuzione di uno studio di fattibilità relativo alla realizzazione di un impianto per la produzione in serie di cofani funerari da candidare alle agevolazioni previste dalla L. 275/91 (ex legge 44/86).

EVOLUZIONI SOCIETARIE Aumento del capitale sociale Variazione statutaria Ampliamento della compagine sociale La società si iscrive all’Ufficio Italiano Cambi.

Realizzati: » 1 studio di mercato sul settore interessato, » 1 business plan con definizione di obiettivi strategici, dimensionamento dell’investimento, formulazione di una ipotesi operativa di gestione. Il progetto verrà consegnato il 17/11/93 alla CCIAA di PZ per il trasferimento al Ministero per gli Interventi straordinari nel Mezzogiorno al fine di ottenere le agevolazioni ex l. 275/91.

DATI

Incarico del 27 luglio 1993

ATTI

STUDIO DI FATTIBILITÀ AZIENDALE Incarico di consulenza da parte di privato finalizzato all’esecuzione di uno studio di fattibilità relativamente alla realizzazione di un impianto per allevamento di capre e trasformazione di prodotti derivati, da candidare alle agevolazioni previste dalla L. 275/91 (ex legge 44/86).

FATTI SALIENTI

1993 | CEII SYSTEMA SCRL


30 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

ASSISTENZA COMMERCIALE E FINANZIARIA Un’azienda locale richiede al BIC assistenza allo sviluppo commerciale, alla realizzazione del business plan, all’analisi su necessità di interventi finanziari.

PROGRAMMA BIC Il BIC continua a svolgere la sua attività istituzionale e a sollecitare una continua ricerca a tutto campo per nuovi settori di attività anche per non correre il rischio di essere identificato unicamente con il programma di Sovvenzione Globale. La promozione di impresa rappresenta uno degli aspetti più impegnativi della routine operativa anche se non sempre scaturiscono risultati positivi. Nel progressivo affinamento la società si specializza sempre di più nell’offerta dei servizi tipici dei BIC: Sostegno allo sviluppo d’impresa » Assistenza nella elaborazione di idee e progetti d’impresa » Tutoraggio ai nuovi imprenditori » Consulenza specializzata in marketing, tecnologia, gestione d’impresa » Formazione e consulenza specialistica per lo sviluppo d’impresa » Assistenza per l’accesso a programmi UE Sostegno allo sviluppo locale » Promozione della cultura dell’impresa e dell’innovazione » Catalizzazione/mediazione tra l’offerta e la domanda di servizi alle PMI » Individuazione/promozione delle opportunità di sviluppo d’impresa del territorio » Promozione ed attuazione di piani integrati d’area » Promozione/partecipazione a programmi di marketing del territorio.

FATTI SALIENTI

1994 » CEII SYSTEMA SCRL

Incarico del 2/3/94

ATTI

Gli interventi di assistenza hanno riguardato: » gli aspetti critici relativi all’area commerciale » il check up aziendale (analisi approfondita delle problematiche finanziarie e valutazione circa la produzione e gestione) » l’assistenza alla redazione del Business Plan » Intervento finanziario (ricerca delle soluzioni più idonee per il reperimento delle fonti finanziarie).

Sul versante promozione di impresa si esaminano alcune iniziative da proporre a finanziamento della L. 44/86 e si concretizzano contratti per la redazione di progetti da inoltrare al Comitato 44. Nell’ambito dell’assistenza diretta alle imprese, il BIC opera nel settore del trasferimento delle tecnologie fra società locali ed estere. Nell’ambito dell’assistenza finanziaria, con il coordinamento delle banche Carical e Mediosud, assiste imprese extraregionali per la definizione e attuazione di procedure mirate all’ottenimento di benefici e provvidenze finanziarie. In ambito UE l’attività assume aspetti particolarmente interessanti: la DG XVI affida al BIC Basilicata il tutoraggio di altri BIC e in particolar modo gli riconosce il ruolo di soggetto animatore e promotore dell’ORGANISMO UNICO, il Consorzio di tutti i BIC italiani, il cui progetto istituzionale viene redatto in gran parte dal BIC Basilicata, presente nell’organismo comunitario con la carica di coamministratore, per candidarlo alla gestione di una sovvenzione globale, traslando l’esperienza della Basilicata, a cui partecipano i BIC, la SPI - Società per la Promozione e lo Sviluppo Imprenditoriale SpA, la Cassa di Risparmio di Calabria e Lucania. Attività promozionali: la società partecipa attivamente all’impostazione di progetti Leader II e alla preparazione di programmi di intervento da candidare sul POP da parte di numerosi enti locali con la candidatura del BIC alle future fasi consulenziali necessarie per l’attivazione dei progetti. Redige inoltre documenti propositivi per l’utilizzo dello strumento Sovvenzione Globale a favore di enti quali COFIDI, CARICAL, MEDIOSUD, BIC CALABRIA, CROTONE SVILUPPO. Partecipa alla stesura di provvedimenti legislativi regionali connessi allo sviluppo di PMI ed alla certificazione di qualità. Sviluppa contatti per collaborazioni funzionali con i poli di maggiore attività imprenditoriale e finanziaria (Tecnoparco Matera, Società per lo sviluppo dell’imprenditoria giovanile, Università di Basilicata). Propone la stipula di un protocollo con l’Agenzia regionale per l’impiego per rapporti di collaborazione concernenti l’alta formazione, la proposizione di progetti comuni tesi alla qualificazione e riqualificazione dei soggetti imprenditoriali ed altre iniziative per l’incremento occupazionale.

DATI


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 31

Realizzato il business plan con definizione di obiettivi strategici, dimensionamento dell’investimento, formulazione di una ipotesi operativa di gestione.

L’incarico ha previsto le seguenti attività: indagine circa le possibili fonti di finanziamento per l’utilizzo dei fondi di cui ai regolamenti comunitari, realizzazione di procedure, attivazione e redazione di un preliminare di Sovv. Globale con schede tecniche finanziarie necessarie per l’inserimento della S.G. nel PO FESR Regione Basilicata, assistenza tecnica in materia di regolamenti comunitari nelle riunioni. Studio e attivazione di fonti finanziarie. Verifica procedurale e valutazione della richiesta di incentivi a a valere sul Reg. 866/90. Assistenza relativa alla presentazione della richiesta di finanziamento. Consulenza tecnico amm.va presso l’ex MAF e UE. La società realizzerà: » Una verifica sui possibili sbocchi di mercato delle aziende » 3 Business Plan.

Incarico del 28 luglio 1994

Incarico del 25/08/94

Incarico del 1 settembre 1994

2 Incarichi del 30/09/94 1 Incarico del 12/12/94 Contratto CEE DG XVI Politiche Regionale del 09/11/94

STUDIO DI FATTIBILITÀ Incarico di consulenza da parte di azienda locale finalizzato alla esecuzione di uno studio di fattibilità relativo alla realizzazione di un centro di servizi integrati di topografia, cartografia ed informatica finalizzato ad usufruire delle agevolazioni previste dalla L. 275/91 (ex legge 44/86).

FONDO DI GARANZIA PER LE PMI PO FESR 94-99 Cofidi Commercio - Pratica di finanziamento Incarico di consulenza finalizzato alla predisposizione di una pratica di finanziamento di una Sovvenzione Globale Fondo di garanzia per le PMI lucane ai sensi dei Reg. CEE nn. 2082/93 e 2083/93.

ASSISTENZA TECNICA Incarico di consulenza da parte di azienda finalizzato alla predisposizione di una pratica di costruzione di una cantina ai sensi del reg. UE n. 866/90.

BUSINESS PLAN Incarichi per la predisposizione di un Business Plan da parte di 3 aziende locali.

TUTORAGGIO BIC CASERTA La CEE Direzione Generale XVI Politiche Regionali affida alla società l’incarico di assistere e tutorare i lavori preparatori del BIC Caserta nelle fasi cruciali di avvio sulla base di un accordo e di uno specifico programma di lavoro.

L’attività di tutoraggio svolta per conto della DG XVI CEE riguarda in particolare le fasi di selezione del manager del BIC Caserta, la definizione di metodologie per la creazione e sviluppo di imprese, la preparazione del Business Plan del BIC, gli strumenti di accesso finanziari per le PMI, il networking con EBN la rete europea dei BIC.

Realizzata la relazione integrativa richiesta.

Incarico del 28/07/94

BUSINESS PLAN Incarico per la realizzazione di una relazione integrativa al business plan elaborato da un’azienda locale.

Realizzato il business plan con definizione di obiettivi strategici, dimensionamento dell’investimento, formulazione di una ipotesi operativa di gestione. Il progetto è stato consegnato al Ministero per gli Interventi straordinari nel Mezzogiorno al fine di ottenere le agevolazioni ex l. 275/91.

DATI

Incarico del 30 maggio 1994

ATTI

STUDIO DI FATTIBILITÀ AZIENDALE Incarico da parte di azienda locale per la realizzazione di uno studio di fattibilità per un progetto di ingegnerizzazione di alcuni prototipi di macchine innovative e di espansione commerciale sui mercati esteri.

FATTI SALIENTI

1994 | CEII SYSTEMA SCRL


32 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

EVOLUZIONI SOCIETARIE Variazione compagine sociale.

FATTI SALIENTI

ATTI

Progress Srl ConsulBorkers Srl Antonio Perretti SpA Studio Snat Sas Consulting Group Sas Prosvim Snc di F. Viceconte Siris Sas di Siniscalchi Giovanni 15. Impes Group SpA Ferrandina 16. Ricciuti Raffaele.

8. 9. 10. 11. 12. 13. 14.

Presidente Teodosio De Bonis Sciaraffia. Amministratore Delegato Raffaele Ricciuti.

Variazione Compagine sociale 1. Mediocredito della Basilicata SpA 26/08/94 (successivamente Mediocredito del Sud SpA Mediosud 14/12/94) 2. Carical SpA 3. Prassiconsult Srl 4. Poolservice Srl 5. Print Soc. Coop. a rl 6. SCS Srl 7. Ardesia Sas di Ciola & C.

DATI

1994 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 33

PREPARAZIONE BIC SESTO SAN GIOVANNI L’EBN, il network europeo dei BIC, affida alla società l’incarico di condurre una missione di preparazione in loco di un nuovo ECBIC, promosso dal Parco Scientifico e Tecnologico (PSTA) di Sesto San Giovanni (Milano) in seguito Agenzia di Sviluppo Nord Milano SpA.

Contratto EBN/BIC Basilicata del 26 aprile 1995

L’incarico assegnato dall’EBN ha riguardato l’erogazione di attività consulenziali e valutative relative a: » Analisi preliminare in loco della pertinenza e fattibilità del progetto BIC CEE » Formazione ai promotori sui concetti EC BIC » Tutoraggio sulle modalità di preparazione della strategia, dei programmi d'azione, della stima di bilancio, al fine di garantire successo all'iniziativa di lancio del nuovo EC BIC » Tutoraggio sulla preparazione e presentazione della domanda di cofinanziamento alla DG XVI CE per il lancio sperimentale del nuovo CE BIC durante i primi 2 anni » Consulenza sulle modalità per ottenere cofinanziamenti comunitari attraverso fondi strutturali.

Attività: aggiornamento catastale di tutta la proprietà regionale forestale consistente nell’introduzione su mappe e registri dell’UTE dei fabbricati esistenti; definizione di tutti i confini con controversie in atto; formazione del piccolo catasto presso l’Ufficio demanio suddiviso per foreste; rilievo di tutti i possessi precari e non; individuazione e aggiornamento dei più importanti tracciati delle strade esistenti, linee elettriche, acquedotti, gasdotti, punti acqua, stato vegetativo dei boschi; accatastamento dei fabbricati Agrobios e Pantanello Bernalda.

Deliberazione DGR n. 8484 del 30.12.94 Convenzione del 31/03/95 n. 3211 Deliberazione GR n. 1619 del 9/4/96 Proroga e modifiche convenzione del 30/04/96 n. 3578

CENSIMENTO ED INVENTARIO PATRIMONIO REGIONALE FORESTALE La Regione Basilicata Dip. Bilancio Finanze e Patrimonio incarica la società di redigere il Censimento ed inventario delle 14 foreste regionali, della rilevazione e dell’accatastamento dei fabbricati di proprietà regionale e della determinazione delle quote di terreno in possesso da parte dei privati. Periodo di attuazione 31/03/95 – 31/05/96

L’attività di esperto prevede sia la fase di preparazione in loco di nuovi EC BIC, sia l’assistenza dei nuovi EC BIC nella fase di setting-up; sia la fase di valutazione dell’esistenza degli EC BIC avviati. Tale incarico genererà nel corso degli anni interventi consulenziali in riferimento a 7 nuovi BIC sul territorio nazionale (Nord, Centro e Sud). L’incarico ha implicato sessioni formative organizzate dall’EBN.

Tra i fatti salienti il Bic si candida negli ultimi mesi del ‘95 alla selezione da parte della Regione Basilicata dei Consorzi per l’Alta formazione con il coinvolgimento dell’Università Bocconi di Milano e redige un progetto di Sovvenzione Globale Multiregionale per conto del Consorzio CEII i cui contenuti ricalcano lo schema della sovvenzione globale del BIC Basilicata (Venture Capital).

La nota, a firma del Direttore della DG XVI Eneko Landaburu, viene inviata al Presidente della Regione Basilicata con la motivazione: “encomio per il lavoro svolto nella messa a punto dei meccanismi di creazione e sviluppo di impresa e per i risultati operativi conseguiti a beneficio dell’economia regionale”.

DATI

Comunicazione dell’EBN Bruxelles del 7 febbraio 1995

Nota di encomio DG XVI UE del 10/10/95

ATTI

SELEZIONE ESPERTO PREPARAZIONE DI BIC L’EBN comunica all’amministratore la selezione tra gli esperti per attuare incarichi di assistenza tecnica alla realizzazione di BIC in base all’accordo fra UE DG XVI e l’EBN.

PROGRAMMA BIC In relazione al funzionamento del BIC la società riceve una nota di encomio da parte della DG XVI UE.

FATTI SALIENTI

1995 » CEII SYSTEMA SCRL


34 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Le attività fanno riferimento a: determinazione dell’effettiva esposizione e delle più opportune modalità di risanamento congiuntamente agli istituti di credito interessati, cura ed eventuale rinegoziazione dei rapporti. Le prestazioni di assistenza comprenderanno attività di collaborazione nella ricerca di partner e di accreditamento del gruppo, l’affiancamento nella fase di impostazione e definizione dei rapporti, la supervisione delle condizioni generali e particolari dei rapporti di partnership e la cura dei rapporti.

Il BP comprenderà la pianificazione strategica, il budget commerciale, il piano finanziario, una simulazione della realizzabilità economicofinanziaria quadriennale. Il piano finanziario dell’azienda prevede la definizione della strategia finanziaria aziendale ed una simulazione della realizzabilità economicofinanziaria in un arco di tempo annuale. L’attività prevede la ricerca delle possibili forme di finanziamento dell’iniziativa utilizzando programmi specifici regionali e o comunitari, la progettazione didattica, la gestione amministrativa, incarichi per docenze, consulenze didattiche, predisposizione dispense e ricerca materiale didattico, progettazione alla CRI per contratto di F.L. art. 3 L. 863/84.

Incarico del 24/07/95

Incarico del 24/07/95

Incarico del 24/07/95

Incarico del 21/07/95

Incarico del 18/07/95

RISANAMENTO FINANZIARIO Incarico da parte di azienda locale per il coordinamento delle iniziative e delle attività del proprio risanamento finanziario e di assistenza al perfezionamento delle trattative relative a rapporti commerciali.

FORMAZIONE E BUSINESS PLAN Incarico di revisione dei progetti di bilancio di esercizio di 2 aziende locali Redazione di Business Plan quadriennale Assistenza per la definizione del contratto di collaborazione commerciale, tecnologica e gestionale con un gruppo bolognese Predisposizione e gestione amministrativava per n. 3 progetti di formazione professionale.

BUSINESS PLAN Incarico da parte di azienda locale per la redazione del Business Plan quadriennale e assistenza per la definizione dei contratti di collaborazione commerciale, tecnologica e gestionale con partner italiani e stranieri.

SITUAZIONE FINANZIARIA Incarico di consulenza da parte di azienda locale relativo alla predisposizione di una situazione finanziaria finalizzata alla richiesta di nuovi finanziamenti.

FORMAZIONE Incarico di consulenza relativo ad un corso di formazione professionale di riqualificazione per n. 7 assemblatori-montatori e della ricerca di finanziamento relativo.

Realizzati: la relazione finale contenente il bilancio ‘94 e le proposte di rettifica Bp comprensivo di uno studio di settore (analisi della domanda e dell’offerta, posizionamento aziendale, definizione della strategia aziendale, simulazione della realizzabilità economico-finanziaria quadriennale). Assistenza per la definizione del contratto di collaborazione commerciale, tecnologica e gestionale con il gruppo bolognese. 3 progetti di formazione riguardanti gli addetti del settore industriale metalmeccanico con le qualifiche di saldatori congegnatori, montatori assemblatori, addetti alle macchine utensili, consistente nella predisposizione di moduli formativi, nell’analisi dei costi, nella definizione dei programmi formativi, nella selezione del personale docente.

La società realizza la consulenza di Project financing per una Centrale di cogenerazione in Turchia.

DATI

Autorizzazione del 05/05/95

ATTI

PROJECT FINANCING PER LA CENTRALE DI COGENERAZIONE IN TURCHIA Incarico da parte di cooperativa locale a ricercare eventuali partner interessati a finanziare l’investimento per una centrale di cogenerazione in Turchia.

FATTI SALIENTI

1995 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 35

L’attività di check prevede: un’analisi dei processi direzionali e dell’impostazione strategica, l’esame della situazione dell’area commerciale e di quella economico-finanziaria e l’analisi di alcuni bilanci per indici e per flussi. Studio circa le possibili forme di finanziamento dell’iniziativa utilizzando programmi specifici regionali e o comunitari Avvio delle procedure di attivazione delle fonti finanziarie. Il BP realizzato comprenderà uno studio di settore (analisi della domanda e dell’offerta) e del posizionamento competitivo dell’azienda, la definizione della strategia aziendale ed una simulazione della realizzabilità economico-finanziaria in un arco temporale di 4 anni. Attività: Ricerca ed analisi di mercato: » Valutazione dell’idea imprenditoriale e qualificazione della situazione di settore e dei singoli mercati » Indagine sulla situazione dell’offerta nazionale e locale Piano di Azienda: » Progettazione dell’organizzazione commerciale » Organizzazione della funzione produzione » Organizzazione degli aspetti finanziari, amministrativi e contabili.

Incarico del 19/09/95

Offerta del 25/09/95 Incarico Incarico del 9/10/95

Incarico del 22/11/95

CHECK UP Incarico di effettuazione di un check up per un’azienda locale.

CONSULENZA CORSO DI FORMAZIONE Incarico di consulenza relativo al corso di formazione professionale di 1^ qualificazione per n. 7 addetti ai servizi agrituristici.

BUSINESS PLAN Incarico di consulenza per l’assistenza nella predisposizione di un BP per una impresa di produzione e messa in onda di filmati audiovisivi.

STUDIO DI FATTIBILITÀ Richiesta di uno studio di fattibilità volto alla valutazione della realizzabilità di un’attività di produzione industriale di porte e serramenti in legno finalizzata alla programmazione ed all’avvio delle attività d’impresa.

L’incarico prevede: » la redazione del progetto secondo le caratteristiche richieste dalla Commissione Europea, » la presentazione ai Ministeri Industria e Bilancio, » la verifica di compatibilità con le nuove direttive e procedure dei Ministeri e dell’UE e dell’inesistenza di conflittualità con gli strumenti di programmazione economica delle regioni interessate, » sondaggi campione tra le PMI clienti per la verifica delle condizioni preliminari di gradimento da parte delle stesse, » l’assistenza in sede ministeriale e di Commissione Europea, » l’organizzazione di conferenze di servizio con Mediosud e Carical.

DATI

Incarico del 8/9/95

ATTI

MEDIOSUD SPA – BARI SOVVENZIONE GLOBALE MULTIREGIONALE L’Istituto di credito conferisce alla società l’incarico per la redazione di un progetto di Sovvenzione Globale Multiregionale ai sensi dei Reg. CEE 2081/93 e 2083/93 rivolto alle PMI della Puglia, della Campania, della Basilicata e della Calabria.

FATTI SALIENTI

1995 | CEII SYSTEMA SCRL


36 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

L’attività ha riguardato: la realizzazione di un Business Plan incentrato maggiormente sulle aree più critiche gestionali (funzione commerciale e di mktg, ristrutturazione finanziaria). Il BP realizzato comprende uno studio di settore e del posizionamento competitivo dell’azienda, la definizione della strategia aziendale ed una simulazione della realizzabilità economico-finanziaria in un arco temporale di 4 anni. Il Comitato è costituito da dirigenti degli uffici Industria, Artigianato e Commercio, da 1 esperto dell’Università di Basilicata, da 1 esperto delle Organizzazioni di Categoria, da 1 esperto del BIC Basilicata. Nell’ambito delle relazioni con il Dipartimento, oltre l’attività specifica del Comitato, la società segnalerà una proposta di modifica alla legge 16/95 per la parte che concede finanziamenti in conto capitale. Organizzati 2 seminari di lancio dell’iniziativa e diffusi vari profili di cooperazione.

Offerta del 04/12/95

Decreto PGR n. 870 del 10/10/95 di Nomina Comitato tecnico di Valutazione

Contratto tra i corrispondenti BRE e la Commissione delle CEE DG XXIII – Comunicazione del 15/12/95

BUSINESS PLAN Incarico da parte di azienda locale per la predisposizione di un Business Plan e l’analisi di possibili sinergie gestionali, operative e finanziarie con società elettromeccanica.

ISTRUTTORIA L.R. 16/95 PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI ALLE IMPRESE ARTIGIANE E ALLE PMI PER LA CERTIFICAZIONE DI BENI E SERVIZI – ART. 9 La Regione Basilicata Dip. AA.PP. ai sensi dell’art. 9 della legge 16/95, onde realizzare la fase di istruttoria dei progetti candidati e di erogazione delle agevolazioni, costituisce un Comitato tecnico di valutazione e nomina 1 componente del BIC nell’ambito dello stesso.

CORRISPONDENTE BRE Nell’ambito delle iniziative destinate a promuovere la cooperazione tra le PMI europee e internazionali, la Commissione DG XXIII CEE Politiche delle imprese istituisce il BRE (Bureau de rapprochement des enterprises). Si tratta di uno strumento il cui obiettivo è quello di aiutare le PMI europee che sono alla ricerca di partner per accrescere la propria competitività. Il BRE è un network con un’ampia copertura geografica europea e la possibilità per le imprese di accedervi direttamente e gratuitamente. La società formula la propria candidatura e viene selezionata come corrispondente per la Basilicata per garantire la trasmissione e la diffusione delle offerte e delle domande di cooperazione a livello regionale.

L’attività riguarda: » l’analisi del settore di riferimento (domanda e offerta, tendenze evolutive, opportunità e minacce); » l’analisi aziendale (strategia perseguita, risultati conseguiti); » la definizione della strategia aziendale (obiettivi quali - quantitativi, strategie di prodotto, prezzo, comunicazione, distribuzione, budgeting); » la realizzazione di Business Plan finalizzati al risanamento e al riassetto finanziario delle aziende comprendenti uno studio di settore (analisi della domanda e dell’offerta) e il posizionamento competitivo delle aziende.

DATI

Incarico del 19/12/95

2° Conferimento di incarico 20/12/95

1° Conferimento di incarico 20/01/95

ATTI

LE-TE CESP MATERA Il CESP azienda speciale della CCIAA di Matera, nell’ambito dell’attuazione e gestione del progetto LE-TE cofinanziato dal FESR, affida al BIC l’incarico per la realizzazione di un piano di fattibilità per conto di una ditta materana.

N. 2 incarichi.

LE-TE/FORIM – PIANI DI FATTIBILITÀ AZIENDALI Il Forim azienda speciale della CCIAA, nell’ambito dell’attuazione e gestione del progetto LE-TE cofinanziato dal FESR, affida al BIC l’incarico per la realizzazione di piani di fattibilità aziendali.

FATTI SALIENTI

1995 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 37

EVOLUZIONI SOCIETARIE Ampliamento compagine sociale.

FATTI SALIENTI

ATTI

Presidente Teodosio De Bonis Sciaraffia. Amministratore Delegato Raffaele Ricciuti.

Capitale Sociale: L. 1.000.000.000 Compagine sociale 1. Antonio Perretti SpA – Gestioni immobiliari, Partecipazioni societarie (Potenza) 2. Ardesia Sas di Ciola & C. – Ambiente, Risorse naturali, Formazione (Potenza) 3. Carical Cassa di Risparmio di Calabria e di lucania SpA – Esercizio del Credito, Attività finanziarie (Cosenza) 4. Concorde Europeenne Formation Srl (Milano) 5. Co.Fidi Commercio Potenza – Garanzia collettiva fidi tra le piccole e medie imprese di Basilicata (Potenza) 6. Consulbrokers SpA – Consulenza assicurativa L. 792/84 (Potenza) 7. Consulting Group Sas di Campa Antonio e Giugliano Antonio & C. – Consulenza finanziaria, Programmi di investimento (Potenza) 8. Fidet Coop Basilicata – Istituto Regionale di Formazione Imprenditori, Dirigenti e Tecnici della Cooperazione (Potenza) 9. Impes Group SpA – Impianti industriali (Ferrandina) 10. Mediocredito del Sud SpA – Esercizio del Credito a medio lungo termine, Attività finanziarie (Milano) 11. Print Soc. Coop. a rl – Progettazioni, Servizi tecnici (Lauria) 12. Progress Srl – Sistemi informatici hw e sw (Potenza) 13. Prassiconsult Srl – Direzione, Organizzazione e Servizi per Enti pubblici ed Imprese (Potenza) 14. Prosvim Snc di Ing. Felice Viceconti – Progettazioni, Servizi tecnici (Francavilla sul Sinni) 15. Ricciuti Raffaele Canio – Imprenditore (Potenza) 16. Saigese Srl – Informatica, Servizi (Commenda di Rende) 17. Scs Srl - Marketing, Creazione di Impresa, Piani di investimento, Formazione e Orientamento (Potenza) 18. Siris Sas di Siniscalchi Giovanni & C. – Recupero archeologico (S. Martino D’Agri) 19. Studio Snat Sas di Passatordi Antonio – Progettazioni, Opere edili e stradali (Senise).

DATI

1995 | CEII SYSTEMA SCRL


38 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Il Consiglio di Amministrazione della Basentech SpA Parco Scientifico e Tecnologico della Basilicata delibera nella seduta del 19/01/96 la nomina di Ricciuti quale componente del Comitato Tecnico Scientifico del Parco. Il Piano di impresa comprende l’inquadramento dell’azienda e della sua strategia nel settore di riferimento; la definizione della strategia aziendale rispetto all’unità locale di trattamento e nobilitazione; la simulazione della realizzabilità economico-finanziaria triennale.

Il Piano di impresa comprende: l’inquadramento dell’azienda e della sua strategia nel settore di riferimento; la definizione della strategia aziendale rispetto all’unità locale di estrazione e frantumazione; la simulazione della realizzabilità economico-finanziaria triennale. Interventi realizzati: » check up di area commerciale finalizzato alla verifica della situazione di fatto ed alla prima individuazione degli interventi da realizzare; » supporto alla pianificazione di mktg comprendente un’attività di ricerca ed analisi delle informazioni sulle tendenze del mercato, una valutazione delle risorse e delle potenzialità interne di sviluppo del prodotto; una definizione delle politiche di prodotto, prezzo, distribuzione, promozione delle vendite attuabili; » adeguamento dell’organizzazione commerciale per attuare le politiche di vendita e di MKTG definite nel piano. Interventi realizzati: » elaborazione e implementazione di procedure di contabilità industriale; » definizione di un tracciato tipo per la redazione di un budget aziendale e di procedure per l’analisi degli scostamenti.

In collaborazione con un’Agenzia di comunicazione di livello nazionale le prestazioni erogate riguardano la realizzazione di un piano di sviluppo della comunicazione della nuova linea retail e di supporto alle vendite nel canale catering, in particolare: » individuazione posizionamento immagine azienda

Incarico del 10/02/96

Incarico del 12/12/96

Incarico del 11/03/96

Incarico del 29/03/96

Incarico del 10/04/96

BUSINESS PLAN X L. 488/92 Incarico da parte di azienda locale per l’assistenza nelle fasi di predisposizione di un piano di nuovo impianto per un centro di trattamento e nobilitazione di rifiuti speciali e assimilati utilizzabile ai fini della concessione delle agevolazioni di cui alla L. 488/92. La L. 488/92 prevede la concessione di contributi in c/capitale per costruzioni di nuovi impianti, ampliamento, ammodernamento, ristrutturazione, riconversione, riattivazione, trasferimento.

PIANO DI AMPLIAMENTO Assistenza nelle fasi di predisposizione di un piano di ampliamento per un’impresa di produzione di maglieria da uomo utilizzabile ai fini della concessione delle agevolazioni di cui alla L. 488/92.

PIANO COMM. LE E DI MKTG Incarico di consulenza da parte di azienda locale per la realizzazione di un Piano Commerciale e di MKTG in relazione allo sviluppo aziendale.

CONTROLLO DI GESTIONE Incarico da parte di azienda locale di consulenza nell’area controllo di gestione per disporre di strumenti per il controllo direzionale che consentano di configurare un sistema di gestione finalizzato a definire obiettivi ed azioni ed a controllare e valutare le perfomances aziendali per governare le variabili gestionali.

CONSULENZA AREA MKTG Incarico di consulenza in area mktg comprendente l’analisi di individuazione del target dell’azienda locale nel segmento retail, l’ideazione del nuovo marchio di prodotto e del packaging e azioni di mktg per il lancio dei prodotti e il sostegno delle vendite nel canale retail.

DATI

Comunicazione del 22/01/96

ATTI

BASENTECH SPA MATERA – NOMINA

FATTI SALIENTI

1996 » CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 39

Business Plan comprendente uno studio di settore (analisi della domanda e dell’offerta) e del posizionamento competitivo dell’azienda, le definizione della strategia aziendale, la simulazione della realizzabilità economicofinanziaria triennale, determinazione delle linee strategiche future e del relativo fabbisogno patrimoniale e finanziario, ipotesi di copertura mediante il ricorso a contributi pubblici previsti dalla L. 488/92, assistenza alla compilazione della domanda di ammissione alle provvidenze predette. La società richiedente otterrà il contributo previsto dal Ministero Industria. Le attività realizzate riguardano: » modello organizzativo (analisi gestionale, formulazione di ipotesi di scelta del modello organizzativo, definizione dei flussi di procedura amm. va con riguardo alla contabilità dei costi ed al sistema informativo di mktg). » training e follow up: assistenza per il reporting e la valutazione a fini gestionali delle informazioni.

Incarico del 30/04/96

Incarico del 03/05/96

BUSINESS PLAN Incarico da parte di un’impresa locale di produzione e commercializzazione di seating per l’assistenza nelle fasi di predisposizione di un Business Plan.

CONSULENZA AREA ORGANIZZAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Incarico da parte di azienda locale di consulenza per interventi in area gestionale.

La docenza, della durata di 2 ore, è stata erogata a 43 giovani dottori commercialisti salernitani con mediamente 5 anni di esperienza professionale. Argomenti presentati: il funzionamento del sistema di pianificazione-intervento UE, QCS, PO principi cardine e Fondi Strutturali; la politica di sviluppo regionale promossa dall’UE e gli strumenti utilizzati (PIC, POP, Sovvenzioni Globali, Focus sui BIC).

Incarico del 26/04/96

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA PROVINCIA DI SALERNO – DOCENZA Incarico di docenza nell’ambito del progetto formativo “Il Dottore commercialista verso la consulenza aziendale alle PMI” finalizzato a fornire un contributo per il riposizionamento della categoria verso il segmento della Consulenza di direzione.

Attività realizzate: esame della debitoria pregressa totale e delle prospettive reddituali e di cash flow e predisposizione di un piano di risanamento da proporre al sistema bancario.

» definizione obiettivi di comunicazione » definizione target di riferimento azienda » analisi delle motivazione di acquisto » definizione di un congruo posizionamento di immagine della azienda » individuazione degli elementi costitutivi del marchio » naming e ideazione marchio “ombrello” che identifica tutte le linee di prodotto dell’azienda » creazione del marchio » elaborazione di proposte attinenti il packaging.

DATI

Incarico del 11/04/96

ATTI

PIANO FINANZIARIO Incarico da parte di società privata di assistenza alla predisposizione di un piano finanziario per il risanamento ed il rilancio dell’azienda.

FATTI SALIENTI

1996 | CEII SYSTEMA SCRL


40 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Realizzati: » check up dell’impresa (inquadramento dell’impostazione strategica, disamina dei processi direzionali, analisi delle strategie commerciali e dei processi operativi, analisi economica finanziaria e patrimoniale, indici di rendimento e produttività); » business plan. Realizzato il Business Plan di un’impresa di ebanisteria e produzione artigianale di mobili.

Predisposto il Business Plan comprendente uno studio delle aziende delle aree e dei servizi logistici presenti nell’area geografica coinvolta, la definizione della strategia aziendale, una simulazione della realizzabilità economico-finanziaria triennale. Il Business Plan sarà finalizzato al finanziamento ex Lege 317/91. Il BIC sviluppa contatti con un gruppo commerciale americano che manifesta l’interesse per la fornitura di acque minerali per quantitativi dell’ordine di alcuni milioni di pezzi.

L’assemblea ordinaria dei soci del BIC Puglia Sprind SpA del 10/7/96 delibera la nomina dell’A.D. Raffaele Ricciuti a Consigliere di Amministrazione della stessa.

Incarico del 10/06/96

Incarico del 01/07/96

Incarico 01/07/96

Incarico del 09/07/96

Nomina del 5/7/96

Comunicazione del 11/07/96

CHECK UP - COMUNITÀ MONTANA DEL POLLINO CASTROVILLARI (COSENZA) Richiesta di assistenza da parte della Comunità Montana per la predisposizione di un check up per un’azienda di Castrovillari operante nel campo della produzione e commercializzazione di software e servizi informatici.

LE-TE CESP MATERA - BUSINESS PLAN Il CESP azienda speciale della CCIAA di Matera, nell’ambito dell’attuazione e gestione del progetto LE-TE cofinanziato dal FESR, affida al BIC l’incarico per la realizzazione di un Business Plan per conto di un’azienda locale.

STUDIO DI FATTIBILITÀ ATTIVITÀ DI ANIMAZIONE TURISTICA Richiesta da parte di azienda locale di consulenza per la realizzazione di uno studio di fattibilità volto alla valutazione della realizzabilità di un’attività di animazione turistica finalizzata alla programmazione ed all’avvio delle attività dell’impresa.

BUSINESS PLAN Richiesta di assistenza da parte di azienda calabrese nelle fasi di predisposizione di un Business Plan per la presentazione di un Consorzio quale Agenzia di Sviluppo Locale.

NOMINA Una società, operante nel settore dell’imbottigliamento e commercializzazione delle acque minerali, nomina il BIC procacciatore d’affari con facoltà di promuovere o proporre affari finalizzati alla fornitura di pezzi destinati al mercato americano.

BIC PUGLIA SPRIND SPA – BARI – NOMINA

Realizzazioni: Ricerca ed analisi di mercato: » Valutazione dell’idea imprenditoriale e qualificazione della situazione di settore e dei singoli mercati cui l’attività di animazione turistica è destinata » Indagine sulla situazione dell’offerta nazionale e locale Piano di Azienda: » Progettazione dell’organizzazione commerciale » Organizzazione della funzione produzione » Organizzazione degli aspetti finanziari, amministrativi e contabili.

Il Business Plan realizzato comprende l’analisi di settore e l’analisi economico-finanziaria, il Progetto impiantistico di massima, il Progetto architettonico di massima.

DATI

Incarico del 06/05/96

ATTI

BUSINESS PLAN Richiesta di consulenze da parte di società calabrese per la redazione di un Business Plan di un impianto di imbottigliamento di acqua minerale.

FATTI SALIENTI

1996 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 41

Il BIC sviluppa contatti con una banca cosentina.

Realizzazioni: » predisposizione di un piano annuale dei flussi finanziari » definizione ed implementazione di una procedura di contabilità dei costi » predisposizione di un business plan triennale. Realizzato il check up comprendente l’analisi dei processi direzionali e dell’impostazione strategica, l’esame della situazione dell’area commerciale e di quella economico-finanziaria, l’analisi di alcuni bilanci per indici e per flussi. L’attività ha riguardato la predisposizione di un business plan per la produzione e la commercializzazione dei manufatti (inquadramento strategico e posizionamento competitivo, strategie commerciali e politiche di mktg mix, processi operativi aziendali nelle aree produzione e approvvigionamenti, efficacia operativa della gestione).

Interventi realizzati: supporto nell’esplicitazione dei fabbisogni aziendali colmabili da investimenti ammessi; realizzazione del piano finanziario con riferimento alla tempistica dei fabbisogni ed a quella della disponibilità delle alternative di fonti di copertura finanziaria con apposita relazione tecnica; assistenza nelle fasi di predisposizione del progetto dell’intervento; assistenza nelle fasi di preparazione della richiesta.

Nomina del 23/7/96

Incarico del 23/07/96

Incarico del 03/09/96

1° Conferimento di incarico 25/11/96 2° Conferimento di incarico 25/11/96 3° Conferimento di incarico 25/11/96 4° Conferimento di incarico 25/11/96

Incarico del 19/11/96

NOMINA La società operante nel settore delle sedute per ufficio ed ambienti collettivi nomina il BIC procacciatore d’affari con facoltà di promuovere o proporre affari.

PIANO FLUSSI FINANZIARI E BP Richiesta da parte di azienda locale di effettuazione di un piano annuale dei flussi finanziari, di una procedura di contabilità dei costi e di un business plan con una serie di simulazioni di sviluppo aziendale triennale.

CHECK UP AZIENDALE Richiesta da parte di azienda locale di effettuazione di un check up aziendale.

LE-TE/FORIM – PIANI DI FATTIBILITÀ AZIENDALI Il Forim azienda speciale della CCIAA di Potenza, nell’ambito dell’attuazione e gestione del progetto LE-TE cofinanziato dal FESR, affida al BIC l’incarico per la realizzazione di piani di fattibilità aziendali.

L. 341/95 ASSISTENZA Incarico da parte di azienda campana per l’Assistenza nelle fasi di preparazione e presentazione di una richiesta di agevolazione di cui all’art. 9 della legge 341/95 “Incentivi al Commercio”. L’art. 9 della Legge 341/95 prevede la concessione di un contributo in c/capitale a fronte dell’effettuazione di investimenti per l’innovazione effettuati da soggetti che esercitano attività commerciali. Sono ammesse le spese di consulenze, hardware, software, formazione, impianti automatizzati.

N. 4 conferimenti di incarico

Supporto alla impostazione del lavoro ed alla valutazione delle proposte creative più idonee agli obiettivi di informazione del Catalogo. Assistenza nella realizzazione del body copy relativo alla descrizione dell’azienda e della sua attività e nella impostazione di altri testi di catalogo.

DATI

Incarico del 17/7/96

ATTI

ASSISTENZA ALLA REALIZZAZIONE DI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE Incarico da parte di ditta salernitana per l’assistenza alla realizzazione di un Catalogo di presentazione dei prodotti di un’azienda lucana.

FATTI SALIENTI

1996 | CEII SYSTEMA SCRL


42 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Incarico del 11/12/96

Incarico del 12/12/96

Contratto EBN/BIC Basilicata del 29 febbraio 1996

Contratto EBN/BIC Basilicata del 16/07/1996

Incarico Periodo: anno 96 – 30 settembre 97

L. 341/95 – ART. 2 Richiesta da parte di azienda locale di assistenza per il consolidamento agevolato di debiti finanziari a breve con il ricorso alle provvidenze di cui all’art. 2 delle L. 341/95. L’art. 2 della legge consente il consolidamento a medio termine mediante abbattimento del costo finanziario dell’operazione e la fornitura di garanzia tramite apposito fondo. L’agevolazione consiste in un contributo in c/interessi pari al 40% del tasso di riferimento vigente.

ASSISTENZA ALLA FASE DI SETTING-UP BIC SESTO SAN GIOVANNI L’EBN, il network europeo dei BIC, affida alla società l’incarico di condurre una missione di assistenza nella fase di setting-up del nuovo ECBIC Agenzia di Sviluppo Nord Milano SpA (ex PSTA Parco Scientifico e Tecnologico) di Sesto San Giovanni (Milano).

PREPARAZIONE BIC CALABRIA CENTRO L’EBN, il network europeo dei BIC, affida alla società l’incarico di condurre una missione di preparazione in loco di un nuovo ECBIC, promosso dall’Agenzia per lo Sviluppo Calabria Centro (Catanzaro).

GEIE REMAR PARIGI – ADESIONE DEL BIC IL GEIE è un’iniziativa promossa dall’UE DG XVI per sostenere la dimensione internazionale delle PMI localizzate nelle zone di intervento del FESR utilizzando le opportunità UE nel processo di integrazione europea attraverso la costituzione del GEIE tra organismi di sviluppo regionali. Obiettivo: creazione di servizi comuni in materia di mktg e messa a punto di iniziative per la valorizzazione e introduzione dei prodotti delle PMI sui mercati internazionali.

ATTI

BUSINESS PLAN E PIANO FINANZIARIO PER FINANZIAMENTO L.488/92 Richiesta da parte di azienda calabrese di assistenza nella revisione del Business Plan ed elaborazione del piano economico e finanziario per una impresa di fabbricazione e commercializzazione di mobili e complementi di arredo in plexiglass.

FATTI SALIENTI

La società realizza le seguenti attività: » sensibilizzazione, ricerca e selezione delle imprese da coinvolgere nel progetto » stipula a nome e per conto del GEIE dei contratti con le PMI locali (min. 8 max 12) » follow up delle attività di mktg internazionale, effettuato presso le PMI con contratto in stretta collaborazione con lo Staff del GEIE » erogazione delle consulenze a livello locale per un max di 6 gg/uomo per ogni azienda assistita.

L’incarico assegnato dall’EBN ha riguardato l’erogazione di attività consulenziali e valutative relative a: » Analisi preliminare in loco della pertinenza e fattibilità del progetto BIC CEE » Formazione ai promotori sui concetti EC BIC » Tutoraggio sulle modalità di preparazione della strategia, dei programmi d’azione, della stima di bilancio, al fine di garantire successo all’iniziativa di lancio di un nuovo EC BIC » Tutoraggio sulla preparazione e presentazione della domanda di cofinanziamento alla DG XVI CE per il lancio sperimentale del nuovo CE BIC durante i primi 2 anni » Consulenza sulle modalità per ottenere cofinanziamenti comunitari attraverso fondi strutturali.

L’incarico assegnato dall’EBN riguarda la verifica sullo stato di avanzamento raggiunto in sede di programma di lavoro del nuovo ECBIC, il monitoraggio delle perfomances, il supporto ai promotori nella selezione dello staff manageriale e il trasferimento di esperienze e competenze.

Realizzato il check up generale dell’azienda con inquadramento dell’azienda e della sua strategia nel settore di riferimento, un’analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria, la simulazione degli effetti del consolidamento, sia sul conto economico che sulla dinamica dei flussi di cassa; assistenza all’imprenditore nelle fasi di preparazione e presentazione della richiesta.

Realizzata la revisione e riorganizzazione del business plan nelle parti dedicate all’analisi di settore, alla valutazione dell’idea imprenditoriale e alla definizione delle strategie; l’elaborazione del piano economico e finanziario, l’assistenza nella compilazione della domanda di ammissione alle provvidenze di cui alla Legge 488/92.

DATI

1996 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 43

EVOLUZIONI SOCIETARIE Aumento capitale sociale. Trasferimento presso nuova sede in Potenza Via Vaccaro n.127. Ampliamento compagine sociale.

REGIONE BASILICATA DIP. CULTURA E FORMAZIONE – ATTIVITÀ FORMATIVA DI ALTA SPECIALIZZAZIONE

FATTI SALIENTI DGR n. 6920 del 24/10/96

ATTI

Presidente Teodosio De Bonis Sciaraffia. Amministratore Delegato Raffaele Ricciuti.

Capitale sociale: da £. 1.000.000.000 a £. 2.000.000.000 Nuova compagine societaria 1. Antonio Perretti SpA – Gestioni immobiliari, Partecipazioni societarie (Potenza) 2. Ardesia Sas di Ciola & C. – Ambiente, Risorse naturali, Formazione (Potenza) 3. CCIAA MATERA 4. Carical Cassa di Risparmio di Calabria e di lucania SpA – Esercizio del Credito, Attività finanziarie (Cosenza) 5. Concorde Europeenne Formation Srl (Milano) 6. Co.Fidi Commercio Potenza – Garanzia collettiva fidi tra le piccole e medie imprese di Basilicata (Potenza) 7. Consulbrokers SpA – Consulenza assicurativa L. 792/84 (Potenza) 8. Consulting Group Sas di Campa Antonio e Giugliano Antonio & C. – Consulenza finanziaria, Programmi di investimento (Potenza) 9. Fidet Coop Basilicata – Istituto Regionale di Formazione Imprenditori, Dirigenti e Tecnici della Cooperazione (Potenza) 10. Impes Group SpA – Impianti industriali (Ferrandina) 11. Mediocredito del Sud SpA – Esercizio del Credito a medio lungo termine, Attività finanziarie (Milano) 12. Print Soc.Coop. a rl – Progettazioni, Servizi tecnici (Lauria) 13. Progress Srl – Sistemi informatici hw e sw (Potenza) 14. Prassiconsult Srl – Direzione, Organizzazione e Servizi per Enti pubblici ed Imprese (Potenza) 15. Prosvim Snc di Ing. Felice Viceconti – Progettazioni, Servizi tecnici (Francavilla sul Sinni) 16. Ricciuti Raffaele Canio – Imprenditore (Potenza) 17. Saigese Srl – Informatica, Servizi (Commenda di Rende) 18. Scs Srl - Marketing, Creazione di Impresa, Piani di investimento, Formazione e Orientamento (Potenza) 19. Siris Sas di Siniscalchi Giovanni & C. – Recupero archeologico (S. Martino D’Agri) 20. Studio Snat Sas di Passatordi Antonio – Progettazioni, Opere edili e stradali (Senise).

Il Piano di Formazione regionale prevede interventi specialistici per la diffusione della cultura di impresa e la promozione all’ingresso nel mondo del lavoro. A tal fine il dipartimento indice un avviso pubblico di selezione di consorzi per l’affidamento di servizi di alta formazione. La società viene ammessa nell’elenco dei consorzi selezionati.

DATI

1996 | CEII SYSTEMA SCRL


44 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Redazione dei testi della sezione Gli altri luoghi corrispondente a notizie pratiche (alberghi, ristoranti, negozi significativi, artigianato legato alla cultura regionale, feste popolari, centri culturali, biblioteche) e a tutte le iniziative utili per la fruizione del territorio della Basilicata.

Contratto EBN/BIC Basilicata del 03 settembre 1997

Incarico del 2/01/97

Incarico del 27/01/97

ASSISTENZA ALLA FASE DI SETTING-UP BIC MESSINA L’EBN, il network europeo dei BIC, affida alla società l’incarico di condurre una missione di assistenza nella fase di setting-up del nuovo ECBIC INNOVABIC SpA (Messina).

TOURING EDITORE MILANO – GUIDA D’ITALIA BASILICATA Collaborazione richiesta dal Touring per la nuova edizione della guida Basilicata della collana Guida d’Italia.

CHECK UP PER PROGETTO FORMER Accordo di collaborazione esterna con società campana per lo svolgimento di attività di consulenza all’interno del progetto di Sviluppo della subfornitura nel Mezzogiorno settore Mezzi di trasporto.

Effettuati 3 check up presso le aziende locali.

L’incarico assegnato dall’EBN riguarda la verifica sullo stato di avanzamento raggiunto in sede di programma di lavoro del nuovo ECBIC, il monitoraggio delle perfomances, il supporto ai promotori nella selezione dello staff manageriale e il trasferimento di esperienze e competenze.

Decreto Ministeriale del 25/09/97

MINISTERO DEL LAVORO E P.S. Individuazione del BIC ex D.Lgs. 468/97 quale agenzia di promozione di lavoro e impresa per l’assistenza tecnica progettuale e la certificazione di progetti LPU di comprovata esperienza e capacità tecnica nelle politiche di reimpiego dei lavoratori.

DATI

DGR Basilicata n. 3394 del 23/05/97 Rep. 4140 del 09/10/97 Convenzione del 09/10/97

ATTI

GESTIONE ATTIVITÀ FORMAZIONE PROFESSIONALE La Regione Basilicata Dip. AA. GG. della Giunta, sulla base del progetto formativo presentato, sottoscrive con la società la convenzione per l’affidamento di attività di formazione professionale richiesta da operatori privati (art. 21 L.R. 7/90) Lett. C Art. 2 L.R. 28/93.

PROGRAMMA BIC L’anno 1997 registra un notevole incremento dei clienti (da 30 ad 80) proiettando il rapporto di collaborazione verso nuove forme di collaborazione. Vengono istruite diverse pratiche a valere sulle Leggi 44/88, 488/93 e 236/95 e redatti svariati piani commerciali e di mktg, controlli di gestione, check up. In relazione ad attività di Assistenza finanziaria, grazie al coordinamento di Carime, Mediosud, Banca Popolare del Materano, è stato possibile svolgere un proficuo lavoro di assistenza alle imprese, soprattutto le partecipate, nella preparazione dei piani finanziari. Formazione: la società si propone anche come struttura specializzata nella formazione di profili professionali a servizio di aziende e di giovani imprenditori, escludendo attività generiche, per svolgere un ruolo visibile e di impatto immediato sull’outplacement e sulla promozione di impresa.

FATTI SALIENTI

1997 » CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 45

Prestati i seguenti servizi territoriali: » informazione e promozione, orientamento all’imprenditorialità, formazione ed assistenza per la progettazione e l’avvio di nuove attività imprenditoriali, orientamento all’individuazione di nuove opportunità di lavoro e nuove forme di impiego; » fornitura di documentazione didattica. L’attività è stata erogata presso il presidio di Matera a n. 100 risorse professionali dell’Alcatel (impiegati ed operai) delle Linee Telecomunicazioni ed Energia.

Incarico 01/04/97

IG SPA ROMA ALCATEL SIETTE La IG SpA e l’Alcatel Siette hanno stipulato in data 4 marzo 97 un contratto per la gestione del progetto Outplacement Alcatel Siette a sostegno del processo di riorganizzazione e ristrutturazione degli organici Alcatel Siette. La IG SpA richiede la fornitura delle attività necessarie alla realizzazione del progetto Outplacement Alcatel Siette presso il presidio di Matera. Obiettivo: allocare le risorse professionali destinatarie dell’azione verso una nuova condizione lavorativa individuata in percorsi di configurazione di un progetto di impresa credibile; costituzione di un soggetto aziendale, presentazione del piano di impresa per l’ottenimento del finanziamento, avvio di contatti concreti per un nuovo inserimento lavorativo.

Piano di impresa comprendente l’inquadramento dell’azienda e della sua strategia nel settore di riferimento, la definizione della strategia aziendale rispetto alle diverse aree d’affari, la simulazione della fattibilità economico-finanziaria triennale. Il piano è stato finalizzato alla determinazione delle strategie future e del relativo fabbisogno patrimoniale e finanziario compatibile, con formulazione di possibili ipotesi di copertura.

Docenze per n. 70 ore nell’ambito del Modulo Strategia.

Incarico del 03/02/97

STOÀ ERCOLANO - CORSO NUOVI ORIZZONTI PER GIOVANI IMPRESE I.P.S. Richiesta di Docenze nell’ambito del corso IPS Nuovi Orizzonti per Giovani Imprese.

Incarico del 10/03/97

Per lo svolgimento dei moduli formativi (dalle h. 9,00 alle h. 14,00) la società fornisce il servizio logistico organizzativo comprensivo della messa a disposizione di un locale di mq 40 nella sede di Via Vaccaro con dotazione di 14 postazioni di lavoro complete di PC, 1 lavagna a fogli mobili, l’attivazione di 1 linea telefonica intestata al consorzio IPS, 1 risorsa per la sicurezza dell’aula e delle attrezzature.

Incarico del 06.03.97

CONSORZIO I.P.S. ROMA – SERVIZIO LOGISTICO-ORGANIZZATIVO Il Consorzio IPS Innovazione per lo Sviluppo composto dalla Società per l’Imprenditorialità Giovanile SpA, da PARS Srl e da STOÀ SCPA ha avuto assegnato dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Ufficio Centrale per l’Orientamento e la Formazione Professionale dei lavoratori, nell’ambito del Progetto Nuovi Orizzonti per Giovani Imprese presentato sul P.O. 940028/I/1 – Asse 4.3 Sottoprogramma Azioni Innovative, l’incarico di esecuzione di interventi relativi alla progettazione, realizzazione ed erogazione di un insieme integrato di iniziative di natura informativa di orientamento e formativa mediante un pacchetto di strumenti e servizi multimediali. Per l’erogazione dei servizi in favore dei giovani residenti nella provincia di Potenza, il Consorzio IPS richiede al BIC di usufruire di un servizio logistico-organizzativo per la durata di 5 mesi.

BUSINESS PLAN Assistenza nelle fasi di predisposizione di un Business Plan per una impresa calabrese operante nel settore servizi alle imprese.

DATI

ATTI

FATTI SALIENTI

1997 | CEII SYSTEMA SCRL


46 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Erogate 15 ore di docenza nell’ambito del Modulo Creazione di impresa presidio di Potenza inerente i seguenti argomenti: elaborazione di un piano di impresa, definizione del business plan, scelta del mercato obiettivo, metodologie di analisi di contesto competitivo, analisi della concorrenza, strategia aziendale, mix di risorse produttive, redditività e fattibilità dell’investimento, caratteristiche del soggetto imprenditore, sviluppo imprenditoriale e innovazione, concetto del valore d’uso, soddisfazione del cliente, internazionalizzazione delle imprese. Stesura del progetto sulla base di documentazione fornita dal cliente secondo gli schemi comunitari e controllo della parte economico finanziaria. Docenze effettuate per n. 12 ore. Argomento: Politiche strutturali della UE. L’assistenza ha compreso: la revisione del piano di penetrazione commerciale predisposto dall’imprenditore, la predisposizione del piano finanziario, delle garanzie e di una relazione di illustrazione e commento, la predisposizione della richiesta ufficiale, l’assistenza all’imprenditore nelle fasi di istruttoria ed attivazione delle provvidenze. Check up costituito da una sintesi strategica dell’azienda con evidenza di opportunità e minacce inerenti l’attuale posizionamento e il confronto con punti di forza e debolezza, dall’esplicitazione delle esigenze operative ed organizzative e da un’analisi economico-finanziaria patrimoniale. Attività realizzate: assistenza nella individuazione di Istituti di Credito finanziatori dell’investimento; assistenza nelle trattative con gli Istituti; assistenza nelle trattative con fornitori nella definizione di tempi e modalità di pagamento. Attività: analisi dei flussi finanziari in entrata e uscita su base mensile e definizione del fabbisogno relativo; formulazione di ipotesi di copertura del fabbisogno finanziario; assistenza contrattualistica nella definizione di tempi e modalità di pagamento dei fornitori per ridurre al minimo l’esborso di mezzi finanziari nella fase di start up dell’investimento. L’incarico è stato finalizzato all’individuazione del fabbisogno finanziario derivante dalla realizzazione di un investimento finanziato attraverso le provvidenze della L. 44/86 non coperto dal contributo assentito.

Incarico del 30/04/97

2 Incarichi del 13/05/97 e del 19/05/97

Incarico del 13/05/97

Incarico del 14/05/97

Incarico del 16.05.97

Incarico del 16.05.97

LEADER II GAL LE MACINE Incarico da parte di professionista di collaborazione per la redazione del Progetto Leader II Gal Le Macine.

CE.S.P. AZIENDA SPECIALE CCIAA MATERA – DOCENZE Docenze nel corso per Agente di Sviluppo Europeo nell’ambito del PO Ministero del Lavoro Unioncamere “Formazione Impresa” FSE.

L. 394/81 Incarico da parte di azienda calabrese di assistenza alla attivazione ed alla fruizione delle provvidenze previste dalla legge n. 394/81 a sostegno di programmi di penetrazione commerciale di imprese italiane in paesi extracomunitari finalizzati alla costituzione di insediamenti durevoli.

CHECK UP Richiesta di check up da parte di un’impresa di lavorazione del vetro.

ASSISTENZA CON ISTITUTI DI CREDITO Incarico da parte di una società locale per l’Assistenza relativa alla copertura del fabbisogno finanziario derivante dalla realizzazione di un investimento finanziato attraverso le provvidenze della L. 44/86 non coperto dal contributo accordato.

ANALISI FLUSSI FINANZIARI X L. 44/86 Incarico da parte di una società romana per l’Analisi dei flussi finanziari e assistenza contrattualistica nella definizione di tempi e modalità di pagamento dei fornitori.

DATI

Incarico del 27/03/97

ATTI

IPS CONSORZIO INNOVAZIONE PER LO SVILUPPO ROMA – DOCENZE Richiesta di docenze da effettuare nell’ambito del Corso di formazione del progetto Nuovi Orizzonti per giovani imprese finanziato dal Ministero del lavoro PO 938002/I/1.

FATTI SALIENTI

1997 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 47

Incarichi del 03/10/97

Incarico del 19.11.97

ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE FALCONE POTENZA – DOCENZE Docenze nell’ambito del progetto europa “Conosciamo l’Europa per progettare il nostro futuro”.

ASSISTENZA PIANO DI IMPRESA L. 488/92 Incarico da parte di azienda pugliese per l’assistenza nelle fasi di predisposizione di un piano di ampliamenti e ammodernamento di un salottificio.

Incarico del 05/02/97

Incarico del 14/11/97

PIANO FINANZIARIO Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza nelle fasi di predisposizione di un piano finanziario per l’ammodernamento e l’ampliamento di impianto per un’impresa operante nel settore recupero di RSS e RSSA.

FORMAZIONE Incarico da parte di professionista di consulenza professionale.

Assistenza nella elaborazione del piano di fattibilità per imprese operanti nel settore agroalimentare e nel settore commercio.

Incarico del 22/09/97 Incarico del 15/10/97

STUDIO DI FATTIBILITÀ 2 Incarichi da parte di professionista per l’Assistenza nelle fasi di preparazione di studi di fattibilità.

Assistenza nella individuazione di possibilità di finanziamento di progetti rivolti ad aziende ed enti locali sul territorio dei paesi UE. Formazione di una risorsa sui temi predetti.

Predisposizione di un piano di nuovo impianto di ampliamento e ammodernamento di un salottificio utilizzabile ai fini della concessione di agevolazioni di cui alla L. 488/92 comprendente l’inquadramento dell’azienda e della sua strategia nel settore di riferimento, la simulazione della realizzabilità economico-finanziaria triennale, assistenza nella compilazione della domanda di ammissione alle provvidenze.

Docenze richieste in materia di Business Plan e Fondi Strutturali Europei h. 4 n. 80 alunni ultime classi dell’Istituto.

Assistenza nelle fasi di predisposizione di un piano finanziario per l’ammodernamento e l’ampliamento di impianto per un’impresa operante nel settore recupero di RSS e RSSA comprendente l’inquadramento dell’azienda e della sua strategia nel settore di riferimento; la definizione della strategia aziendale rispetto alle politiche di vendita del prodotto finito anche offerte dall’estero; simulazione dell’andamento economicofinanziario dell’impresa tenuto conto degli investimenti e degli effetti in un arco temporale triennale finalizzato alla determinazione delle linee strategiche future e del relativo fabbisogno patrimoniale e finanziario e delle ipotesi di copertura con il ricorso di contributi pubblici.

Business Plan comprendente l’inquadramento del settore di riferimento, la definizione della business idea e del soggetto economico, la definizione del sistema di obiettivi e della strategia aziendale, la definizione della struttura organizzativa e produttiva, la simulazione dell’andamento economico-finanziario dell’impresa, finalizzato alla determinazione di linee strategiche future e del relativo fabbisogno patrimoniale e finanziario per ipotesi di copertura con ricorso a contributi pubblici previsti.

DATI

Incarico del 02/10/97

ATTI

STUDIO DI FATTIBILITÀ IMPRESA Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza nelle fasi di predisposizione di uno studio di fattibilità per una iniziativa imprenditoriale nel settore del turismo con la creazione di un Centro Servizi per la progettazione, organizzazione e commercializzazione di prodotti turistici innovativi e la fornitura di servizi comuni agli operatori turistici.

FATTI SALIENTI

1997 | CEII SYSTEMA SCRL


48 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Business plan comprendente: l’inquadramento dell’azienda e della sua strategia nel settore di riferimento, definizione della strategia aziendale rispetto alle politiche di vendita, finalizzato alla determinazione delle linee strategiche future e del relativo fabbisogno patrimoniale finanziario ed alle ipotesi di copertura con contributi pubblici previsti. Realizzazione del check up aziendale composto da analisi direzionale, analisi strategico/commerciale, analisi economico/finanziaria; suggerimenti per interventi con scenario di breve medio lungo termine, informazioni. Assistenza nella predisposizione di un programma di spesa comprendente: l’inquadramento dell’azienda e della sua strategia nel settore di riferimento; definizione della strategia aziendale rispetto alle politiche di vendita del prodotto finito finalizzato alla determinazione delle linee strategiche e del fabbisogno patrimoniale finanziario e ad ipotesi di copertura con contributi pubblici. Docenze nell’ambito del Progetto “FROM Formazione per il rilancio dell’Occupazione nel Mezzogiorno” PO 940028/I/1. Modulo Progettazione. Predisposizione del piano comprendente un inquadramento dell’azienda e della sua strategia nel settore di riferimento, la definizione della strategia aziendale rispetto alle politiche di vendita del prodotto finito con particolare riferimento alle opportunità di vendita sul mercato estero; simulazione della realizzabilità economico-finanziaria triennale.

L’assistenza realizzata riguarda la realizzazione di piani delle imprese e la identificazione di strumenti finanziari attivabili per ciascuna azienda. I Piani economico-finanziari comprendono l’inquadramento dell’azienda e della sua strategia di riferimento, la definizione della strategia aziendale rispetto alle politiche di vendita del prodotto finito, la simulazione dell’andamento economico-finanziario dell’impresa triennale. Il piano è finalizzato alla determinazione delle linee strategiche future e del relativo fabbisogno patrimoniale e finanziario compatibile ed alla formulazione delle ipotesi di copertura mediante il ricorso a contributi pubblici.

Incarico del 04/08/97

Incarico del 24/12/97

Incarico del 11/07/97

Incarico del 22/07/97

ASSISTENZA Assistenza nelle fasi di predisposizione di un programma di spesa per acquisizione di servizi reali da parte di azienda locale.

INIPA ISTITUTO NAZ. ISTRUZIONE PROF. AGRICOLA ROMA – DOCENZE

L. 488/92 Incarico da parte di società viterbese per l’assistenza nelle fasi di predisposizione di un piano di nuovo impianto per l’impresa operante nel settore della fabbricazione di arredi e complementi di arredo per ufficio e casa utilizzabile ai fini della concessione delle agevolazioni di cui alla L. 488/92. La L. 488/92 prevede la concessione di contributi in c/capitale per costruzione di nuovi impianti, ampliamento, ammodernamento, ristrutturazione, riconversione, riattivazione, trasferimento finanziando macchinari, attrezzature, terreni, programmi informatici, brevetti.

L. 488/92 – POP MISURE 2.1 E 2.3 – L. SABATINI Incarico da parte di ditta locale per l’Assistenza nelle fasi di predisposizione di piani economico-finanziari per nuovi impianti per ammodernamenti e ampliamento di impianti esistenti finalizzati al ricorso a contributi pubblici a valere sulla L. 488/92/POP Regionale/L. Sabatini L’assistenza riguarda la realizzazione di piani per 4 imprese.

DATI

Incarico del 19/09/97

ATTI

STUDIO DI FATTIBILITÀ/CHECK UP Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza nella predisposizione di uno studio di fattibilità per un programma di acquisizione di servizi reali e realizzazione di un check up aziendale.

FATTI SALIENTI

1997 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 49

Incarico del 13/09/97 (n. d’ordine 332/A3FLA30/696)

LAVORO AUTONOMO L. 608/98 - CORSO PZ 1 IG SPA ROMA Contratto per attività formativa nell’ambito del progetto Interventi di promozione, formazione e assistenza tecnica per l’avviamento del lavoro autonomo di inoccupati/disoccupati affidato in regime di concessione dal Ministero del Lavoro alla IG SpA nell’ambito del PO n. 940026/I/1 - Misura 3 Anno ‘96. Durata 6 mesi

Incarico del 28/07/97

ATTI

L. 341/95 Assistenza da parte di azienda locale per il consolidamento agevolato di passività finanziarie a breve mediante la L. 341/95 art. 2. L’art. 2 della legge consente la trasformazione di debiti finanziari a breve in un mutuo a medio termine a tasso agevolato garantito in parte attraverso un fondo di garanzia appositamente costituito.

FATTI SALIENTI

Esecuzione del progetto di Formazione e selezione di beneficiari delle “Misure straordinarie per la promozione del lavoro autonomo nelle regioni del Mezzogiorno” art. 9 septies L. 28.11.96 n. 608 Corso PZ 1 – Allievi n. 25 – Durata Corso 640 ore Sede di svolgimento: c/o azienda area industriale Tito Scalo Sono stati erogati 9 moduli corrispondenti a: 1) Sviluppo del profilo Psico attitudinale. Obiettivo illustrare il programma di formazione/selezione, Valutazione del profilo psico attitudinale, Sviluppo delle attitudini del soggetto, Introduzione ai compiti di BP 2) Strumenti produttività individuale. Obiettivo sviluppare la capacità di operare con moderni strumenti (word, excel) 3) Analisi del progetto e programma di lavoro. Obiettivo promuovere l’approfondimento dell’idea di attività, sviluppare una prima ricerca di mercato 4) Autovalutazione economico-finanziaria. Obiettivo sviluppare capacità di macrodefinizione dell’iniziativa, dimensioni economiche dell’equilibrio, dimensione di mercato obiettivo 5) Adempimenti organizzativi ed amministrativi. Obiettivi: sviluppare il programma dei primi impegni operativi; degli adempimenti della fase di start up, della raccolta delle informazioni 6) Introduzione al business plan. Obiettivi: esplicitare gli utilizzi del BP come strumento di simulazione dell’idea imprenditoriale, comunicazione a potenziali finanziatori, sviluppare le conoscenze fase per organizzare e redigere il BP presentare la descrizione dell’idea imprenditoriale 7) Formazione di mestiere lavoro di progetto. Obiettivo sviluppare capacità di organizzazione e programmazione di un piano di lavoro, consolidare le conoscenze tecnico operative, acquisire e organizzare le informazioni per la redazione del BP e descrizione imprenditoriale 8) Simulazione di gestione economico – operativo-finanziaria. Obiettivo: offrire conoscenze base di economia aziendale, percezione attiva delle condizioni di incertezza e competizione della gestione di una iniziativa 9) Sviluppo di un progetto economico – operativo-finanziario. Obiettivo: offrire una metodologia di definizione del piano operativo, offrire conoscenze di base su analisi e previsioni, problematiche organizzative e finanziarie, sviluppare capacità di autovalutazione.

Realizzati: la valutazione dell’opportunità e della convenienza dell’operazione, l’individuazione di un Istituto di credito interessato e disponibile a contrarre un mutuo di consolidamento, indicazioni ca la documentazione da predisporre, la preparazione della modulistica.

DATI

1997 | CEII SYSTEMA SCRL


50 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Assistenza alla impostazione e revisione della parte strategica e di definizione del ciclo operativo del Business Plan con riferimento all’inquadramento di settore, definizione della business idea e del soggetto economico, definizione del sistema di obiettivi e strategia aziendale, definizione della struttura organizzativa e produttiva. Predisposizione del piano economico finanziario contenente la valutazione di convenienza economica e di fattibilità finanziaria, tenendo conto del fabbisogno patrimoniale e finanziario e delle ipotesi di copertura. Le attività realizzate riguardano: La predisposizione di una relazione introduttiva sull’economia regionale e sullo stato attuale di crisi, corredata con allegati numerici sugli indicatori economici significativi, censimento dei lotti, sia di quelli già disponibili e gestiti dall’ASI che di quelli assegnati con la L. 219/81 in corso di trasferimento dal Ministero dell’Industria alla Regione, corredati da una situazione circa lo stato di consistenza dei singoli lotti e la loro situazione giuridico amministrativa. Elenco dei lavori di completamento delle infrastrutture previste negli agglomerati industriali per la piena funzionalità. Definizione delle iniziative attivate e selezionate dal BIC nelle modalità richieste dalla Del. CIPE del 21/03/97. Una ipotesi di procedure di assegnazione dei lotti. Inquadramento del soggetto economico nel settore di attività, analisi dei flussi finanziari e definizione del fabbisogno di credito necessario a finanziare lo sfasamento e la stagionalità della dinamica finanziaria; formulazione delle possibili ipotesi di copertura del fabbisogno finanziario. Assistenza nella elaborazione del piano di fattibilità per un’impresa locale di produzione e commercializzazione di capi di abbigliamento. Inquadramento dell’azienda e della sua strategia nel settore di riferimento, definizione della strategia aziendale rispetto alle politiche di vendita del prodotto finito, simulazione dell’andamento economico-finanziario dell’impresa triennale. Il piano è finalizzato alla determinazione delle linee strategiche future e del relativo fabbisogno patrimoniale e finanziario e alle ipotesi di copertura.

Incarico del 8/09/97

Incarico del 12/09/97

Incarico del 23/09/97 Incarico del 06/06/97

E. P. F. EUROPROGETTI E FINANZA ROMA – ASSISTENZA E CONSULENZA TECNICA IN RELAZIONE ALLO STUDIO DI FATTIBILITÀ CONTRATTO D’AREA DELLE ZONE INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI POTENZA EPF incaricata dalla ASI di Tito di redigere il documento preliminare sulla valutazione di fattibilità per l’attivazione del Contratto d’Area, affida al BIC l’incarico di collaborazione per assistenza e consulenza tecnica nelle relative attività.

PIANO FINANZIARIO Incarico da parte di azienda locale per la predisposizione del piano finanziario e di tesoreria per un’impresa di abbigliamento per bambino.

STUDIO DI FATTIBILITÀ

SERVIZI REALI Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza nelle fasi di predisposizione di un programma di spesa per acquisizione di servizi reali e per ampliamento e ammodernamento di impianti per il ricorso a strumenti finanziari disponibili.

DATI

Incarico del 05/09/97

ATTI

PIANO FINANZIARIO Incarico da parte di professionista locale per l’Assistenza alla predisposizione e revisione di uno studio di fattibilità e redazione del piano finanziario per una iniziativa imprenditoriale di produzione e commercializzazione di pallets in legno e individuazione di strumenti finanziari attivabili.

FATTI SALIENTI

1997 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 51

Assistenza nella predisposizione di uno studio di fattibilità per un programma di acquisizione di servizi reali comprendente l’inquadramento dell’azienda e della sua strategia nel settore di riferimento; definizione della strategia aziendale rispetto alle politiche di vendita. Assistenza nella realizzazione di un check up aziendale comprendente l’analisi direzionale, l’analisi strategico/commerciale, l’analisi economico/finanziaria, suggerimenti per interventi con scenario di breve e di medio lungo termine; informazioni, notizie e spunti di interesse. L’assistenza alla predisposizione del programma di spesa comprende: l’inquadramento dell’azienda e della sua strategia nel settore di riferimento; la definizione della strategia aziendale rispetto alle politiche di vendita del prodotto finito. Il piano sarà realizzato alla determinazione delle linee strategiche future e del relativo fabbisogno patrimoniale e finanziario compatibile ed alla formulazione delle ipotesi di copertura con contributi pubblici/privati.

Incarico del 22/09/97

Incarico del 19/09/97

Incarico del 17/09/97

SERVIZI REALI Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza nelle fasi di predisposizione di un programma di spesa per acquisizione di servizi reali.

STUDIO DI FATTIBILITÀ Incarico da parte di hotel locale per l’Assistenza nella predisposizione di uno studio di fattibilità per un programma di acquisizione di servizi reali e per l’effettuazione di un check up.

PROGRAMMA DI SPESA Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza nelle fasi di predisposizione di un programma di spese per acquisizione di servizi reali con il ricorso ad agevolazioni finanziarie, regionali, statali e comunitarie.

Assistenza per il consolidamento agevolato di passività finanziarie a breve comprendente: valutazione dell’opportunità e della convenienza dell’operazione; individuazione di un istituto di credito interessato a contrarre un mutuo di consolidamento; indicazioni circa la documentazione da predisporre; preparazione della modulistica.

Incarico del 11/09/97

L. 341/95 Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza per il consolidamento agevolato di passività finanziarie a breve mediante la L. 341/95 art. 2. L’art. 2 delle legge consente la trasformazione di debiti finanziari a breve in un mutuo a medio termine a tasso agevolato garantito in parte attraverso un fondo di garanzia appositamente costituito.

Assistenza nelle fasi di predisposizione di un programma di spesa per acquisizione di servizi reali e per ampliamento ed ammodernamento di impianti con il ricorso ad agevolazioni finanziarie regionali, statali o comunitarie comprendente l’inquadramento dell’azienda e della sua strategia nel settore di riferimento; la definizione della strategia aziendale rispetto alle politiche di vendita del prodotto finito, finalizzato alla determinazione delle linee strategiche future e del relativo fabbisogno patrimoniale.

Studio di fattibilità comprendente l’inquadramento dell’azienda e della sua strategia nel settore di riferimento; definizione della strategia aziendale rispetto alle politiche di vendita del prodotto finito finalizzato alla determinazione delle linee strategiche future e del relativo fabbisogno patrimoniale e finanziario. Check up aziendale comprendente l’analisi direzionale, l’analisi strategico/commerciale, l’analisi economico/finanziaria, suggerimenti per interventi con scenario di breve – medio lungo termine.

DATI

Incarico del 09/09/97

ATTI

STUDIO DI FATTIBILITÀ/CHECK UP Assistenza nella predisposizione di uno studio di fattibilità per un programma di acquisizione di servizi reali e check up di un’azienda locale.

FATTI SALIENTI

1997 | CEII SYSTEMA SCRL


52 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

LAVORO AUTONOMO L. 608/98 - CORSO MT 1 – IG SPA ROMA Contratto per attività formativa nell’ambito del progetto Interventi di promozione, formazione e assistenza tecnica per l’avviamento del lavoro autonomo di inoccupati/disoccupati affidato in regime di concessione dal Ministero del Lavoro alla IG nell’ambito del PO n. 940026/I/1 - Misura 3 Anno ‘96.

FATTI SALIENTI

Durata 6 mesi

Incarico decorrente dal 12/12/97 (n. d’ordine 332/A333230/115)

ATTI

Esecuzione del progetto di Formazione e selezione di beneficiari delle “Misure straordinarie per la promozione del lavoro autonomo nelle regioni del Mezzogiorno” art. 9 septies L. 28.11.96 n. 608. Corso MT 1 – Allievi n. 25 – Durata Corso 640 ore. Sede di svolgimento: Matera c/o azienda locale. Sono stati erogati 9 moduli corrispondenti a: 1. Sviluppo del profilo psico attitudinale. Obiettivo illustrare il programma di formazione/selezione, Valutazione del profilo psico attitudinale, Sviluppo delle attitudini del soggetto, Introduzione ai compiti di BP 2. Strumenti produttività individuale. Obiettivo sviluppare la capacità di operare con moderni strumenti di produttività (windows,word,excel) 3. Analisi del progetto e programma di lavoro. Obiettivo promuovere l’approfondimento dell’idea di attività, sviluppare una prima ricerca di mercato 4. Autovalutazione economico - finanziaria. Obiettivo sviluppare capacità di macrodefinizione dell’iniziativa, dimensioni economiche dell’equilibrio, dimensione di mercato obiettivo, sviluppare conoscenze di base del rapporto con il mercato 5. Adempimenti organizzativi ed amministrativi. Obiettivi: sviluppare il programma dei primi impegni operativi; degli adempimenti della fase di start up, della raccolta delle informazioni 6. Introduzione al business plan. Obiettivi: esplicitare gli utilizzi del BP come strumento di simulazione dell’idea imprenditoriale, comunicazione a potenziali finanziatori, sviluppare le conoscenze fase per organizzare e redigere il BP, acquisire e analizzare le informazioni necessarie, presentare la descrizione dell’idea imprenditoriale 7. Formazione di mestiere lavoro di progetto. Obiettivo sviluppare la capacità di organizzazione e programmazione di un piano di lavoro, consolidare le conoscenze tecnico operative, acquisire e organizzare le informazioni per la redazione del BP, avvio compilazione scheda descrizione imprenditoriale 8. Simulazione di gestione economico – operativo – finanziaria. Obiettivo: offrire conoscenze base di economia aziendale, percezione attiva delle condizioni di incertezza e competizione della gestione di una iniziativa 9. Sviluppo di un progetto economico – operativo - finanziario. Obiettivo: offrire una metodologia di definizione del piano operativo, offrire conoscenze di base su analisi e previsioni, problematiche organizzative e finanziarie, sviluppare capacità di autovalutazione.

DATI

1997 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 53

EVOLUZIONI SOCIETARIE Sottoscrizione capitale sociale. Ampliamento compagine sociale.

FATTI SALIENTI

ATTI

Presidente Teodosio De Bonis Sciaraffia. Amministratore Delegato Raffaele Ricciuti.

Capitale sociale: sottoscrizione totale dell’aumento da £ 1 mld a 2 mld. Nuova compagine societaria 1. Banca Popolare del Materano SpA 2. Università Commerciale Luigi Bocconi 3. UNCI Unione Nazionale Cooperative Italiane Federazione regionale di Basilicata 4. Antonio Perretti SpA – Gestioni immobiliari, Partecipazioni societarie (Potenza) 5. Ardesia Sas di Ciola & C. – Ambiente, Risorse naturali, Formazione (Potenza) 6. CCIAA MATERA 7. Carical Cassa di Risparmio di Calabria e di lucania SpA – Esercizio del Credito, Attività finanziarie (Cosenza) 8. Concorde Europeenne Formation Srl (Milano) 9. Co.Fidi Commercio Potenza – Garanzia collettiva fidi tra le piccole e medie imprese di Basilicata (Potenza) 10. Consulbrokers SpA – Consulenza assicurativa L. 792/84 (Potenza) 11. Consulting Group Sas di Campa Antonio e Giugliano Antonio & C. – Consulenza finanziaria, Programmi di investimento (Potenza) 12. Fidet Coop Basilicata – Istituto Regionale di Formazione Imprenditori, Dirigenti e Tecnici della Cooperazione (Potenza) 13. Impes Group SpA – Impianti industriali (Ferrandina) 14. Mediocredito del Sud SpA – Esercizio del Credito a medio lungo termine, Attività finanziarie (Milano) 15. Print Soc.Coop. a rl – Progettazioni, Servizi tecnici (Lauria) 16. Progress Srl – Sistemi informatici hw e sw (Potenza) 17. Prassiconsult Srl – Direzione, Organizzazione e Servizi per Enti pubblici ed Imprese (Potenza) 18. Prosvim Snc di Ing. Felice iceconti – Progettazioni, Servizi tecnici (Francavilla sul Sinni) 19. Ricciuti Raffaele Canio – Imprenditore (Potenza) 20. Saigese Srl – Informatica, Servizi (Commenda di Rende) 21. Scs Srl - Marketing, Creazione di Impresa, Piani di investimento, Formazione e Orientamento (Potenza) 22. Siris Sas di Siniscalchi Giovanni & C. – Recupero archeologico (S. Martino D’Agri) 23. Studio Snat Sas di Passatordi Antonio – Progettazioni, Opere edili e stradali (Senise).

DATI

1997 | CEII SYSTEMA SCRL


54 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

La IG SpA e la Regione Basilicata promuovono la costituzione della Società lucana per l’imprenditorialità giovanile SpA e con ciò sperimentano un modello di intervento sullo sviluppo locale che mira a realizzare un grado elevato di integrazione sociale delle attività di servizio finalizzate alla creazione d’impresa. Con la costituzione di un’apposita agenzia di scopo, la Regione e la IG SpA intendono perseguire le seguenti finalità: 1. un’accelerazione dei processi di diffusione delle condizione culturali, relazionali ed ambientali favorevoli all’affermarsi di un’economia d’impresa; 2. una gestione più efficace degli strumenti legislativi, nazionali e regionali, volti alla creazione d’impresa; 3. la selezione e valorizzazione della capacità progettuale presente sul territorio lucano; 4. promuovere un forte protagonismo dei soggetti imprenditoriali della regione; 5. assicurare meccanismi rigorosi nell’erogazione dei finanziamenti e nella tempistica relativa alla realizzazione degli interventi.

Sede in Potenza, Viale dell’Unicef Sn Cap. Soc. L. 200.000.000 (lire duecentomilioni) Reg. Società n. 6989/1998 Pres. Carlo Borgomeo Vice Pres. Antonio Cipriano Consiglieri: Mario Pagano, Temistocle Pacifico, Michele Di Tolla Soci fondatori: IG SpA – capitale detenuto L. 102.000.000 Regione Basilicata – capitale detenuto L.98.000.000

Statuto e atto costitutivo

Il 22 dicembre 1997 nasce la IG lucana SpA. Il capitale sociale è detenuto per il 51% da IG SpA e per il 49% dalla Regione Basilicata. Atto Notaio Polosa rep. N. 47268 registrato in data 27/03/1998 al n. 104354

Alla Società lucana per l’imprenditorialità giovanile SpA è affidato il compito di gestire gli strumenti legislativi finalizzati alla creazione d’impresa e alla promozione di lavoro autonomo nell’ambito del territorio della Regione Basilicata, nonché di produrre servizi a favore di organismi ed Enti anche territoriali imprese ed altri soggetti economici rivolti al perseguimento delle medesime finalità.

DATI

Legge Regionale 4 marzo 1997 n. 12

ATTI

Il 4 marzo 1997, il Consiglio Regionale autorizza, con legge regionale, il Presidente della Giunta a porre in essere tutti gli atti necessari alla costituzione della Società lucana per l’imprenditorialità giovanile SpA.

FATTI SALIENTI

1997 » NASCE IG LUCANA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 55

L’attività di valutazione effettuata è stata registrata attraverso uno specifico e articolato report di valutazione.

L’attività di valutazione effettuata è stata registrata attraverso uno specifico e articolato report di valutazione.

L’attività realizzata nel corso dei successivi 12 mesi ha implicato la progettazione, l’implementazione e l’applicazione del Sistema di qualità aziendale aderente e conforme alla norma UNI EN ISO 9002:1994 Sistemi Qualità attraverso lo studio dei processi aziendali, la ricerca di tecniche e procedure migliorative, la consulenza esterna per l’applicazione del sistema, la redazione del manuale di qualità e delle procedure, il rilascio della certificazione ad opera del DNV ente accreditato Sincert che ha approvato l’emissione del certificato di Conformità n. CERT 06118-2000-AQ-BRI-SINCERT attestante la conformità del sistema Qualità alla norma UNI EN ISO 9002; 94 (ISO 9002; 1994) per il campo applicativo: Coordinamento dei servizi finalizzati alla creazione di impresa.

Contratto EBN/BIC Basilicata del 11 giugno 1998

Determinazione dirigenziale n. 05B.1998/D.431 Regione Basilicata Dip. AAPP Ufficio Incentivazioni del 27/04/98

MISSIONE DI VALUTAZIONE EC BIC TORTONA L’EBN affida alla società l’incarico di valutazione del nuovo EC BIC PST di Tortona onde determinare se il centro soddisfa i criteri per l’attribuzione del logo comunitario e il pieno status di membership EBN, effettuare una valutazione di punti deboli e possibili carenze per quanto riguarda tali criteri e individuare opportune misure correttive e / o azioni complementari.

L.R. N. 16/95 – INCENTIVAZIONE PER LA CERTIFICAZIONE DI BENI E SERVIZI – MISURA 2.2 POP 94/99 (AIUTI ALL’ARTIGIANATO E SERVIZI ALLE IMPRESE) La Regione Basilicata Dip. AAPP approva il progetto presentato dalla società per l’ottenimento di un contributo alla realizzazione e certificazione del Manuale di Qualità aziendale. Contributo regionale 50%.

Attività realizzate: organizzazione delle attività amministrative, finanziarie e di rendicontazione; responsabilità dell’attività amministrativa, finanziaria e di rendicontazione; assistenza alla tenuta della contabilità e controllo degli adempimenti fiscali e del lavoro; assistenza per la preparazione e la stesura del bilancio di esercizio Certificazione dell’impiego di risorse; rendicontazione e monitoraggio.

DATI

Contratto EBN/BIC Basilicata del 27 marzo 1998

Durata: dal 20/1/1998 al 31/12/1999

Convenzione del 20/01/1998

ATTI

MISSIONE DI VALUTAZIONE EC BIC TRICASE (LECCE) L’EBN affida alla società l’incarico di valutazione del nuovo EC BIC GAL Capo S. Maria di Leuca (Tricase LE) onde determinare se il centro soddisfa i criteri per l’attribuzione del logo comunitario e il pieno status di membership EBN, effettuare una valutazione di punti deboli e possibili carenze per quanto riguarda tali criteri e individuare opportune misure correttive e / o azioni complementari.

GAL LE MACINE SCRL – PROGRAMMA LEADER II REGIONE BASILICATA – RESPONSABILE AMMINISTRATIVO E FINANZIARIO

FATTI SALIENTI

1998 » CEII SYSTEMA SCRL


56 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

LAVORO AUTONOMO L. 608/98 - CORSO PZ 2 - IG SPA ROMA Contratto per attività formativa nell’ambito del progetto Interventi di promozione, formazione e assistenza tecnica per l’avviamento del lavoro autonomo di inoccupati/disoccupati affidato in regime di concessione dal Ministero del Lavoro alla IG nell’ambito del PO n. 940026/I/1 - Misura 3 Anno ‘96.

FATTI SALIENTI

Durata 6 mesi di cui 1 mese per le attività preparatorie, 4 mesi per l’esecuzione del programma formativo, 1 mese per le attività amm.ve di chiusura

Incarico decorrente dal 02/01/98 (n. d’ordine 332/A333230/134)

ATTI

Esecuzione del progetto di Formazione e selezione di beneficiari delle “Misure straordinarie per la promozione del lavoro autonomo nelle regioni del Mezzogiorno” art. 9 septies L. 28.11.96 n. 608 Corso PZ 2 – Allievi n. 25 – Durata Corso 640 ore Sede di svolgimento: Potenza c/o azienda Sono stati erogati 9 moduli corrispondenti a: » Sviluppo del profilo Psico attitudinale. Obiettivo illustrare il programma di formazione/selezione, Valutazione del profilo psico attitudinale, Sviluppo delle attitudini del soggetto, Introduzione ai compiti di BP » Strumenti produttività individuale. Obiettivo sviluppare la capacità di operare con moderni strumenti di produttività (windows,word,excel) » Analisi del progetto e programma di lavoro. Obiettivo promuovere l’approfondimento dell’idea di attività, sviluppare una prima ricerca di mercato » Autovalutazione economico - finanziaria. Obiettivo sviluppare capacità di macrodefinizione dell’iniziativa, dimensioni economiche dell’equilibrio, dimensione di mercato obiettivo, sviluppare conoscenze di base del rapporto con il mercato » Adempimenti organizzativi ed amministrativi. Obiettivi: sviluppare il programma dei primi impegni operativi; degli adempimenti della fase di start up, della raccolta delle informazioni » Introduzione al business plan. Obiettivi: esplicitare gli utilizzi del BP come strumento di simulazione dell’idea imprenditoriale, comunicazione a potenziali finanziatori, sviluppare le conoscenze fase per organizzare e redigere il BP, acquisire e analizzare le informazioni necessarie, presentare la descrizione dell’idea imprenditoriale » Formazione di mestiere lavoro di progetto. Obiettivo sviluppare la capacità di organizzazione e programmazione di un piano di lavoro, consolidare le conoscenze tecnico operative, acquisire e organizzare le informazioni per la redazione del BP, avvio compilazione scheda descrizione imprenditoriale » Simulazione di gestione economico – operativo – finanziaria. Obiettivo: offrire conoscenze base di economia aziendale, percezione attiva delle condizioni di incertezza e competizione della gestione di una iniziativa » Sviluppo di un progetto economico – operativo- finanziario. Obiettivo: offrire una metodologia di definizione del piano operativo, offrire conoscenze di base su analisi e previsioni, problematiche organizzative e finanziarie, sviluppare capacità di autovalutazione.

DATI

1998 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 57

Predisposizione di un programma di interventi finalizzati alla realizzazione di piani strategici di sviluppo aziendale a carattere innovativo nel settore dolciario ai fini della concessione delle agevolazioni di cui al PIC PMI 94-99. Redazione della relazione tecnico illustrativa; assistenza nella compilazione della domanda di ammissione. Piano di impresa comprendente l’inquadramento dell’azienda e della sua strategia nel settore di riferimento; la definizione della strategia aziendale rispetto alle politiche di vendita, la simulazione della realizzabilità economico-finanziaria triennale finalizzato alla determinazione delle linee strategiche future e del relativo fabbisogno patrimoniale e finanziario. Piano finanziario per la copertura del piano di investimenti con particolare riferimento all’utilizzo delle provvidenze L. 488/92 o all’art. 1 della L. 341/95. Piano di sviluppo delle risorse umane direttamente o indirettamente connesso agli investimenti comprendente gli strumenti a sostegno dei piani assuntivi e delle attività formative. Ricerca di mercato sul dimensionamento quantitativo del mercato potenziale, segmentato per tipologie di impresa, dimensione di impresa e titolarità della proprietà; analisi quali- quantitativa dei principali fabbisogni di Servizi reali delle Imprese con riferimento all’analisi strategica, alla pianificazione economico finanziaria e al temporary management; analisi dell’offerta di servizi reali in Basilicata segmentata per origine e titolarità della proprietà. Predisposizione di un piano di investimenti nel settore della produzione di macchine agricole utilizzabile ai fini della concessione delle agevolazioni di cui alla L. 488/92 comprendente l’inquadramento dell’azienda nel settore di riferimento e la definizione delle strategie aziendali; la simulazione della realizzabilità economico finanziaria triennale.

Incarico del 1998

Incarico del 17/01/98

Incarico del 26/01/98

Incarico del 02/02/98

Incarico del 19/02/98

ASSISTENZA PIC PMI 94-99 Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza all’impostazione di un programma di interventi finalizzati alla realizzazione di piani strategici di sviluppo aziendale a carattere innovativo.

BUSINESS PLAN Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza nelle fasi di predisposizione di un Business Plan per un’impresa operante nel settore della ristorazione collettiva.

ASSISTENZA Incarico da parte di azienda marchigiana per l’Assistenza all’impostazione e realizzazione di un programma di investimento per un nuovo impianto produttivo di manifatture dell’abbigliamento.

RICERCA DI MERCATO Incarico da parte di società pugliese per la realizzazione di una Ricerca di Mercato sui fabbisogni di Servizi Reali alle imprese lucane onde verificare le potenzialità del mercato lucano in relazione a prodotti/servizi offerti da AP&P.

ASSISTENZA PROGRAMMA – L. 488/92 Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza all’impostazione e realizzazione di un programma di investimento nel settore della produzione delle macchine agricole.

Predisposizione di un piano di investimenti nel settore dolciario utilizzabile ai fini della concessione della agevolazioni L. 488/92. Il piano di impresa comprende: l’inquadramento dell’azienda nel settore di riferimento e definizione delle strategie aziendali; simulazione della realizzabilità economico finanziaria triennale, assistenza per la compilazione della domanda di ammissione.

DATI

Incarico del 20/01/98

ATTI

ASSISTENZA L. 488/92 Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento nel settore dolciario.

FATTI SALIENTI

1998 | CEII SYSTEMA SCRL


58 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Predisposizione di un programma di interventi finalizzati alla realizzazione di piani strategici di sviluppo aziendale a carattere innovativo nel settore della produzione di modulistica in piano ed in continuo ai fini della concessione delle agevolazioni di cui al PIC PMI ‘94/’99, redazione della relazione tecnico illustrativa, assistenza nella compilazione della domanda di ammissione, predisposizione della richiesta di assegnazione del capannone con relativa relazione accompagnatoria. Predisposizione di un programma di interventi finalizzati alla realizzazione di piani strategici di sviluppo aziendale a carattere innovativo nel settore della produzione di sedute per ufficio ai fini della concessione delle agevolazioni di cui al PIC PMI ‘94/’99, redazione della relazione tecnico illustrativa, assistenza nella compilazione della domanda di ammissione. Elaborazione e scrittura del progetto con identificazione di obiettivi, risorse e modalità di realizzazione, ruoli e compiti dei partner nella joint venture; Preparazione e follow up del dossier di domanda all’UE; Analisi economico finanziaria da realizzare secondo la metodologia UNIDO a buon esito della candidatura, servizi di raccordo tra cliente e istituzione finanziaria, armonizzazione del prodotto finale all’UE. Valutazione dell’opportunità e della convenienza dell’operazione; individuazione di un Istituto di Credito disponibile a contrarre un mutuo di consolidamento; indicazione sulla documentazione da predisporre; preparazione della modulistica.

Incarico del 16/04/98

Incarico del 1998

Incarico del 30/04/97

Incarico del 12/05/98

Incarico del 18/05/98

ASSISTENZA PIC PMI ‘94/’99 Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza all’impostazione di un programma di interventi finalizzati alla realizzazione di piani strategici di sviluppo aziendale a carattere innovativo e supporto nella fase di start up.

PIC PMI ‘94/’99 Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza all’impostazione di un programma di interventi finalizzati alla realizzazione di piani strategici di sviluppo aziendale a carattere innovativo.

STUDIO DI FATTIBILITÀ Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza nella preparazione della richiesta di finanziamento per lo studio di fattibilità e per la realizzazione di parti dello stesso con il supporto del programma JOP dell’UE.

ASSISTENZA L. 341/95 ART. 2 Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza per il consolidamento agevolato di passività finanziarie a breve mediante la L. 341/95 art. 2 L’art. 2 delle legge consente la trasformazione di debiti finanziari a breve in un mutuo a medio termine a tasso agevolato garantito in parte attraverso un fondo di garanzia appositamente costituito.

ASSISTENZA PIC PMI ‘94/’99 Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza all’impostazione di un program,ma di interventi finalizzati alla realizzazione di piani strategici di sviluppo a aziendale a carattere innovativo.

Predisposizione di un programma di interventi finalizzati alla realizzazione di piani strategici di sviluppo aziendale a carattere innovativo nel settore della produzione e commercializzazione di abbigliamento ai fini della concessione delle agevolazioni di cui al PIC PMI 94/99, redazione della relazione tecnico illustrativa, assistenza nella compilazione della domanda di ammissione.

Predisposizione di un programma di interventi finalizzati alla realizzazione di piani strategici di sviluppo aziendale a carattere innovativo nel settore delle produzione e commercializzazione di olio di oliva ai fini della concessione delle agevolazioni di cui al PIC PMI ‘94/’99, redazione della relazione tecnico illustrativa.

DATI

Incarico del 27/04/98

ATTI

ASSISTENZA PIC PMI ‘94/’99 Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza all’impostazione di un programma di interventi finalizzati alla realizzazione di piani strategici di sviluppo aziendale a carattere innovativo.

FATTI SALIENTI

1998 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 59

Predisposizione di un programma di interventi finalizzati alla realizzazione di piani strategici di sviluppo aziendale a carattere innovativo nel settore della produzione e commercializzazione di confezioni per bambino ai fini della concessione delle agevolazioni di cui al PIC PMI 94/99, redazione della relazione tecnico illustrativa, assistenza nella compilazione della domanda di ammissione. Verifica della documentazione; partecipazione alle operazioni di valutazione condotte dal CTU del giudice competente; relazione con memorie, deduzioni e motivato parere sulla valutazione. Assistenza nelle fasi di ricerca e selezione di personale addetto alle vendite – Azione di training sul personale vendite.

Acquisizione della documentazione e inquadramento dell’azienda e delle sua strategia nel settore di riferimento; ricostruzione della cronistoria del gruppo, dei rapporti esistenti tra le società componenti ed esposizione del piano operativo aziendale; redazione del piano economico finanziario dell’impresa. Assistenza alla localizzazione comprensivo della valutazione di prefattibilità ed orientamento; indicazioni ed assistenza sulla localizzazione fisica. Piano degli investimenti comprensivo di strumenti per il finanziamento del piano.

Incarico del 1998

Incarico del 19/05/98

Incarico del 25/05/98

Incarico del 09/07/98

Incarico del 12/06/98

ASSISTENZA PIC PMI 94/99 Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza all’impostazione di un programma di interventi finalizzati alla realizzazione di piani strategici di sviluppo aziendale a carattere innovativo.

CONSULENZA TECNICA Consulenza tecnica di parte avanti al consulente tecnico d’ufficio per la risoluzione di controversia su un contratto di leasing.

RICERCA E SELEZIONE PERSONALE Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza nelle fasi di ricerca e selezione di personale addetto alle vendite – Azione di training sul personale vendite.

BUSINESS PLAN Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza per la redazione di un business plan finalizzato alla ristrutturazione finanziaria con ricerca partner societario.

PIANO DI LOCALIZZAZIONE AZIENDALE Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza per la realizzazione di un piano per localizzazione aziendale in Basilicata.

Collaborazione alle attività di progettazione per il progetto BIC LA FUCINA/ELEA Incubatore formativo per l’innovazione imprenditoriale III Ed. Assistenza alla localizzazione Piano finanziario per copertura piano investimenti Piano di sviluppo risorse umane.

Incarico del 07/10/98

Incarico del 20/04/98

Incarico del 29/05/98

BIC SALERNO Assistenza direzionale e assistenza tecnica.

INCUBATORE FORMATIVO Incarico da parte di azienda per la collaborazione alle attività di progettazione.

PIANO DI LOCALIZZAZIONE Incarico da parte di azienda romana per l’Assistenza per la realizzazione di un piano per localizzazione aziendale in Basilicata.

Assistenza direzionale e assistenza tecnica alla predisposizione e presentazione di progetti finanziati da enti regionali, nazionali, comunitari Dossier informativi su soggetti proponenti iniziative industriali.

Corso Creazione di Impresa nell’ambito del Progetto NOW Creazione Centri di orientamento per lo Sviluppo dell’Imprenditorialità Femminile Moduli: Elementi di organizzazione e Redazione di un piano di impresa e start up aziendale.

DATI

Incarico 31/03/98

ATTI

EFAPI ENTE DI FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO PROFESSIONALE PER LE IMPRESE POTENZA Docenze.

FATTI SALIENTI

1998 | CEII SYSTEMA SCRL


60 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Progetto Ostello ex Convento Immacolata Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento per la realizzazione di interventi nel settore della ricettività connessi alla Linea 3 del Programma di interventi 98/99 della L.R. 5/93 comprendente: l’inquadramento generale dell’iniziativa con riferimento a finalità e indirizzi generali sulla creazione di ricettività aggiuntiva del Giubileo 2000; esame complessivo del progetto; analisi di pre-fattibilità; assistenza alla predisposizione del piano strategico, gestionale e dell’impatto occupazionale; predisposizione del piano finanziario degli investimenti e del conto economico di previsione; assistenza nella fase istruttoria da parte del Dip. AAPP Regione Basilicata.

Incarico del 07/08/98

Incarico del 07/08/98

Incarico del 21/08/98

COMUNE DI MATERA DIOCESI MATERA – PROGETTO OSTELLO EX CONVENTO IMMACOLATA PROGRAMMA DI INVESTIMENTO (L.R. 5/93) Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento per la realizzazione di interventi nel settore della ricettività.

COMUNE DI TRICARICO DIOCESI DI TRICARICO – PROGETTO OSTELLO AL SANTUARIO DI FONTI PROGRAMMA DI INVESTIMENTO (L.R. 5/93) Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento per la realizzazione di interventi nel settore della ricettività.

ISTITUTO DIOCESANO SOSTENTAMENTO CLERO DIOCESI DI TURSI LAGONEGRO – OSTELLO EX COLONIA MARINA (L.R. 5/93) Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento per la realizzazione di interventi nel settore della ricettività.

Ristrutturazione dell’ex Colonia Marina di Policoro da adibire ad ostello Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento per la realizzazione di interventi nel settore della ricettività connessi alla Linea 3 del Programma di interventi 98/99 della L.R. 5/93 comprendente: l’inquadramento generale dell’iniziativa con riferimento a finalità e indirizzi generali sulla creazione di ricettività aggiuntiva del Giubileo 2000; esame complessivo del progetto; analisi di pre-fattibilità; assistenza alla predisposizione del piano strategico, gestionale e dell’impatto occupazionale; predisposizione del piano finanziario degli investimenti e del conto economico di previsione; assistenza nella fase istruttoria da parte del Dip. AAPP Regione Basilicata.

Progetto Ostello al Santuario di Fonti Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento per la realizzazione di interventi nel settore della ricettività connessi alla Linea 3 del Programma di interventi 98/99 della L.R. 5/93 comprendente: l’inquadramento generale dell’iniziativa con riferimento a finalità e indirizzi generali sulla creazione di ricettività aggiuntiva del Giubileo 2000; esame complessivo del progetto; analisi di pre-fattibilità; assistenza alla predisposizione del piano strategico, gestionale e dell’impatto occupazionale; predisposizione del piano finanziario degli investimenti e del conto economico di previsione; assistenza nella fase istruttoria da parte del Dip. AAPP Regione Basilicata.

Predisposizione di un piano di investimenti nel settore della produzione di impianti di macellazione utilizzabile ai fini della concessione delle agevolazioni di cui alla L. 488/92 comprendente l’inquadramento dell’azienda nel settore di riferimento e definizione delle strategie aziendali; simulazione della realizzabilità economico finanziaria triennale, assistenza per la compilazione della domanda di ammissione.

Incarico del 20/07/98

PROGRAMMA DI INVESTIMENTO PER FINANZIAMENTO L. 488/92 Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento nel settore della produzione di impianti di macellazione.

Consulenza/docenza nell’ambito del progetto Learning Region ADAPT.

DATI

Incarico del 20/07/98

ATTI

IRES – ISTITUTO RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI ROMA-DOCENZA

FATTI SALIENTI

1998 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 61

Incarico del 25/11/98

Incarico del 7/8/98

COMUNE DI LAVELLO DIOCESI DI MELFI PROGRAMMA DI INVESTIMENTO (L.R. 5/93) Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento per la realizzazione di interventi nel settore della ricettività.

PROGRAMMA DI INVESTIMENTO (L. 32/96) Incarico da parte di società locale per l’Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento per la realizzazione di un Centro sportivo polivalente.

Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento per la realizzazione di interventi nel settore della ricettività connessi alla Linea 3 del Programma di interventi 98/99 della L.R. 5/93 comprendente: l’inquadramento generale dell’iniziativa con riferimento a finalità e indirizzi generali sulla creazione di ricettività aggiuntiva del Giubileo 2000; esame complessivo del progetto; analisi di pre-fattibilità; assistenza alla predisposizione del piano strategico, gestionale e dell’impatto occupazionale; predisposizione del piano finanziario degli investimenti e del conto economico di previsione; assistenza nella fase istruttoria da parte del Dip. AAPP Regione Basilicata.

Incarico del 5/11/98

ISTITUTO FEMMINILE GEROLOMINE DIOCESI DI POTENZA PROGRAMMA DI INVESTIMENTO (L.R. 5/93) Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento per la realizzazione di interventi nel settore della ricettività.

Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento per la realizzazione di un Centro sportivo polivalente relativa alla realizzazione di infrastrutture di supporto e la ricettività turistica esistente, analisi dei flussi turistici attivabili, assistenza alla predisposizione del piano strategico, gestionale e dell’impatto occupazionale; predisposizione del piano finanziario degli investimenti e del conto economico di previsione, assistenza nella fase istruttoria da parte del Dip. AA.PP. Regione Basilicata.

Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento per la realizzazione di interventi nel settore della ricettività connessi alla Linea 3 del Programma di interventi 98/99 della L.R. 5/93 comprendente: l’inquadramento generale dell’iniziativa con riferimento a finalità e indirizzi generali sulla creazione di ricettività aggiuntiva del Giubileo 2000; esame complessivo del progetto; analisi di pre-fattibilità; assistenza alla predisposizione del piano strategico, gestionale e dell’impatto occupazionale; predisposizione del piano finanziario degli investimenti e del conto economico di previsione; assistenza nella fase istruttoria da parte del Dip. AAPP Regione Basilicata.

Ostello ex rifugio Autiero Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento per la realizzazione di interventi nel settore della ricettività connessi alla Linea 3 del Programma di interventi 98/99 della L.R. 5/93 comprendente: l’inquadramento generale dell’iniziativa con riferimento a finalità e indirizzi generali sulla creazione di ricettività aggiuntiva del Giubileo 2000; esame complessivo del progetto; analisi di pre-fattibilità; assistenza alla predisposizione del piano strategico, gestionale e dell’impatto occupazionale; predisposizione del piano finanziario degli investimenti e del conto economico di previsione; assistenza nella fase istruttoria da parte del Dip. AAPP Regione Basilicata.

DATI

Incarico del 07/08/98

ATTI

COMUNE DI CALVELLO DIOCESI DI ACERENZA – OSTELLO EX RIFUGIO AUTIERO PROGRAMMA DI INVESTIMENTO (L.R. 5/93) Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento per la realizzazione di interventi nel settore della ricettività.

FATTI SALIENTI

1998 | CEII SYSTEMA SCRL


62 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Incarico

Incarico del 01/10/1998

Delibera di GP n. 708 del 27/10/98

Delibera di GC n. 112 del 23/10/98

Delibera di GC n. 364 del 23/10/98

CONSORZIO ASI DI POTENZA – ASSISTENZA ALLA PRE-ISTRUTTORIA DI PROGETTI INDUSTRIALI NELL’AMBITO DEL CONTRATTO D’AREA PER LA PROVINCIA DI POTENZA Il BIC è impegnato nell’ambito del contratto d’area per la Provincia di Potenza in appoggio al consorzio ASI per le attività di realizzazione del contratto d’area e di supporto tecnico e di assistenza per la verifica della validità tecnica, economica e finanziaria delle iniziative imprenditoriali.

AMMINISTRAZIONE DELLA PROVINCIA DI POTENZA – LSU LPU Incarico per la redazione e certificazione di progetti da LSU a LPU.

COMUNE DI SASSO DI CASTALDA – LSU LPU Predisposizione progetto LPU.

COMUNE DI FORENZA – LSU LPU Predisposizione progetto LPU.

ATTI

PIANO INVESTIMENTI L. 488/92 Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento nel settore dei lavori di meccanica generale per conto terzi.

FATTI SALIENTI

Predisposizione ai sensi del D.LGS 468/97 e 280/97 di un progetto LPU mirato all’occupazione di lavoratori impegnati nel Comune in progetti di LSU mediante piano di impresa relativo alle attività da promuovere capace di essere competitive nel mercato anche nel settore del lavoro autonomo, nonché i contenuti formativi, teorici o pratici, ad esse funzionali. Dichiarazione scritta attestante l’assistenza tecnico progettuale e la sussistenza del presupposto dell’impegno a realizzare nuove stabili attività.

Predisposizione ai sensi del D.LGS 468/97 e 280/97 di un progetto LPU mirato all’occupazione di lavoratori impegnati nel Comune in progetti di LSU e all’occupazione dei lavoratori residenti in Sasso impegnati in progetti di LSU attivati dal Comune di Marsiconuovo mediante piano di impresa relativo alle attività da promuovere capace di essere competitive nel mercato anche nel settore del lavoro autonomo, nonché i contenuti formativi, teorici o pratici, ad esse funzionali. Dichiarazione scritta attestante l’assistenza tecnico progettuale e la sussistenza del presupposto tecnicamente fondato dell’impegno a realizzare nuove stabili attività.

Trasformazione ai sensi del D.LGS 468/97 e 280/97 di 3 progetti da LSU a LPU mediante piani di impresa relativi alle attività da promuovere capace di essere competitive nel mercato anche nel settore del lavoro autonomo, nonché i contenuti formativi, teorici o pratici, ad esse funzionali. Dichiarazione scritta attestante l’assistenza tecnico progettuale e la sussistenza del presupposto tecnicamente fondato dell’impegno a realizzare nuove stabili attività.

Assistenza alla pre-istruttoria di progetti industriali consistente nell’espletamento di attività di verifica, riscontro ed esame degli aspetti imprenditoriale, commerciale, tecnologico, economico e finanziario dei progetti industriali candidati alla sottoscrizione del contratto d’area. In particolare: situazione del soggetto economico e giuridico; situazione del mercato di riferimento; profilo tecnologico previsto; situazione economica, patrimoniale e finanziaria.

Predisposizione di un piano di investimenti nel settore dei lavori di meccanica generale per conto terzi utilizzabile ai fini della concessione delle agevolazioni di cui alla L. 488/92 comprendente l’inquadramento dell’azienda nel settore di riferimento e definizione delle strategie aziendali, simulazione della realizzabilità economico finanziaria triennale, assistenza per la compilazione della domanda di ammissione.

DATI

1998 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 63

Docenza realizzata nell’ambito del Seminario “Lavoro che cambia e formazione continua: potenzialità, vincoli e prospettive”. Intervento sul tema: la formazione continua - testimonianza di un progetto. Destinatari: occupati, lavoratori autonomi, disoccupati, rappresentanze datoriali e istituzionali.

Incarico del 27/10/98

Incarico del 27/11/98

Incarico del 17/11/98

IAL/CISL POTENZA – DOCENZE

MCM CENTRO STUDI PER L’IMPRESA VALENZANO

CONSULENZA DI MERCATO Incarico da parte di azienda locale.

Supporto, coordinamento e supervisione nelle fasi di orientamento e assistenza legale per l’ingresso sul mercato inglese e tedesco comprendente l’analisi di fattibilità sull’attivazione di una subsidiary o branch in Inghilterra: adempimenti, tempistica e costi. Analisi di fattibilità sulla nomina di un rappresentante fiscale in Inghilterra: adempimenti, tempistica e costi. Stesura di 3 contratti di agenzia internazionali. Ricerca di un consulente legale esperto in contrattualistica internazionale, predisposizione di report operativi connessi all’espletamento dell’incarico, coordinamento e gestione dell’attività di consulenza.

Docenza Master Giuristi di Impresa & Human Resources Manager III ed. 98/99 Modulo: Team Work e Ute.

Predisposizione ai sensi del D.LGS 468/97 e 280/97 di un progetto LPU, mirato all’occupazione di lavoratori impegnati nell’ASL in progetti di LSU mediante piano di impresa relativo alle attività da promuovere capace di essere competitive nel mercato anche nel settore del lavoro autonomo, nonché i contenuti formativi, teorici o pratici, ad esse funzionali. Dichiarazione scritta attestante l’assistenza tecnico progettuale e la sussistenza del presupposto tecnicamente fondato dell’impegno a realizzare nuove stabili attività.

Delibera del Dir. Generale n. 1804 del 12/10/98

ASL N. 2 POTENZA – LSU LPU Predisposizione progetto LPU.

Predisposizione ai sensi del D.LGS 468/97 e 280/97 di un progetto LPU nell’ambito dei Servizi di cura dell’ambiente, del territorio e della natura, mirato all’occupazione di lavoratori impegnati nel Comune in progetti di LSU mediante piano di impresa relativo alle attività da promuovere capace di essere competitive nel mercato anche nel settore del lavoro autonomo, nonché i contenuti formativi, teorici o pratici, ad esse funzionali. Dichiarazione scritta attestante l’assistenza tecnico progettuale e la sussistenza del presupposto tecnicamente fondato dell’impegno a realizzare nuove stabili attività.

DATI

Delibera di GC n. 1292 del 12/10/98

ATTI

COMUNE DI LAVELLO – LSU LPU Predisposizione progetto LPU.

FATTI SALIENTI

1998 | CEII SYSTEMA SCRL


64 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

TE.TR.I.S.: TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ED INNOVAZIONE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI) Programma “Innovation” azione comunitaria del IV Programma Quadro per RS&T Sezione European Network and Services dedicata alla creazione di reti per il supporto alle Piccole e medie Imprese nel campo dell’innovazione e del trasferimento tecnologico. Sintesi Progetto transnazionale finanziato dalla Direzione Generale Ricerca della Commissione Europea nell’ambito del programma Innovation European Network and services. Obiettivi Rafforzare la competitività delle PMI attraverso la creazione di un’ampia rete europea di PMI e di soggetti intermedi che a vario titolo si occupano di innovazione, attraverso il trasferimento di buone pratiche e scambio di esperienze. Partnership di progetto ERVET (project leader), ASTER, ADE (Agencia de Desarollo Economico de Castilla y Leon), AMDE (Associacao de Municipios de Evora), Regione Basilicata (Assessorato Attività Produttive), Udaras na Gaeltachta.

Destinatarie 40 Giovani donne disoccupate. Amministratori e funzionari delle amministrazioni locali. 10 donne imprenditrici Bed and Breakfast. Obiettivi Recupero della cultura rurale, Alleanza tra risorse locali e internazionali, Modelli innovativi di formazione – ricerca- azione, Creazione di imprese, Ruolo della donna come pedagoga del cambiamento e facilitatrice della creazione di reti locali e internazionali per il cambiamento.

Soggetto attuatore: Artes Srl Bologna.

Soggetto promotore e responsabile della gestione: CEII SYSTEMA

Costo totale progetto: L. 1.350.600.000 di cui L. 1.012.950.000 FSE, L. 297.132.000 Fondi Pubblici, L. 40.518.000 cofinanziamento privato

NOW ALLIANCE – UN’ALLEANZA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA E DELL’OCCUPAZIONE IN AREE RURALI D’EUROPA ASSE A4-A5REGIONE BASILICATA Programma Comunitario NOW – promosso dal Ministero del Lavoro a valere sul PIC “Occupazione e valorizzazione delle risorse umane” FSE.

FATTI SALIENTI

Periodo di realizzazione 24 mesi: Gennaio 1999 – Giugno 2001

Altri risultati di progetto: Realizzazione del sito WEB e della newsletter

Ruolo di Sviluppo Italia Basilicata Il progetto prevedeva la possibilità di coinvolgere ad integrazione della partenership organismi dotati di skills tecniche di supporto all’implementazione operativa delle attività. Per raggiungere gli obiettivi di progetto la Regione Basilicata ha coinvolto la società riconoscendole competenze specialistiche a livello locale in materia di innovazione. Risultati In seguito all’analisi delle buone prassi proposta dalla società si è proceduto alla loro modellizzazione e trasferimento come casi pilota sulla base dei quali il funzionamento del network TETRIS è stato testato. La società ha presentato la best practice 2: Finanza per l’innovazione comprendente un Forum degli investimenti (promozione degli strumenti di venture capital per imprese Information Technologies) e gli strumenti di partecipazione al capitale di rischio.

Contract RSE 5126-IMP del 14/12/1998 tra la Commissione Europea DG Telecomunicazioni e la partnership di progetto

Periodo di attuazione (98/99)

Azioni realizzate Awareness raising, Ricerca e sviluppo, Formazione della task force, Sviluppo d’impresa. Risultati Creazione di un nucleo di giovani donne con sperimentate competenze di facilitatrici e gestrici di cambiamento riunite nell’associazione “Alliance”. Accompagnamento agli amministratori e funzionari delle amministrazioni locali per la promozione e lo sviluppo della ricettività turistica familiare (L.R. B&B). Formazione di un gruppo di donne disoccupate potenziali imprenditirici del B&B. Avviati 2 B&B. Approvata una specifica L.R. sul B&B che recepisce la carta di qualità dell’ospitalità.

DATI

Decisione del Ministero del lavoro del 2/4/98 Prot. n. 20111/C

ATTI

1998 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 65

EVOLUZIONI SOCIETARIE Deposito presso il Registro Imprese del progetto di scissione parziale della società.

Ambito di intervento Industria manifatturiera. Beneficiari PMI lucane del settore manifatturiero (meccanico, agro-alimentare, tessile - abbigliamento) e dei territori target. Azioni Creazione di un network europeo per abbinare i bisogni delle PMI nel campo delle innovazioni con i servizi offerti dai Soggetti Intermediari (Enti di ricerca, Università, Centri servizi, Associazioni, Camere di Commercio, ecc.). Scambio di best practice tecnologiche con applicazione, sviluppo e trasferimento in altri contesti regionali attraverso casi pilota. Area geografica di intervento Regione Basilicata e territori partner. Valore del Progetto: € 740.000

FATTI SALIENTI

ATTI

Cap Soc: Completato il versamento dell’aumento del Cap. Soc. per 2 mld COMPAGINE SOCIALE 1. Antonio Perretti SpA – Gestioni immobiliari, Partecipazioni societarie (Potenza) 2. Ardesia Sas di De Bonis & C. – Ambiente, Risorse naturali, Formazione (Potenza) 3. Banca Carime SpA Gruppo Intesa (già Carical) – Esercizio del Credito, Attività finanziarie (Cosenza) 4. Banca Popolare del Materano SpA Gruppo Banca Popolare dell’Emilia Romagna – Esercizio del Credito, Attività finanziarie (Matera) 5. Bic Salerno Srl – Centro europeo di imprese e innovazione Società consortile a rl (Salerno) 6. CCIAA di Matera – Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (Matera) 7. Concorde Europeenne Formation Srl (Milano) 8. Co.Fidi Commercio Potenza – Garanzia collettiva fidi tra le piccole e medie imprese di Basilicata (Potenza) 9. Consulbrokers SpA – Consulenza assicurativa L. 792/84 (Potenza) 10. Consulting Group Sas di Campa Antonio e Giugliano Antonio & C. – Consulenza finanziaria, Programmi di investimento (Potenza)

DATI

1998 | CEII SYSTEMA SCRL


66 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

FATTI SALIENTI

ATTI

Presidente Teodosio De Bonis Sciaraffia. Amministratore Delegato Raffaele Ricciuti.

11. Fidet Coop Basilicata – Istituto Regionale di Formazione Imprenditori, Dirigenti e Tecnici della Cooperazione (Potenza) 12. Guardigli Cleofe Maria Cristina – Imprenditrice (Collazzone) 13. Impes Group SpA – Impianti industriali (Ferrandina) 14. Mediocredito del Sud SpA – Esercizio del Credito a medio lungo termine, Attività finanziarie (Milano) 15. Print Soc.Coop. a rl – Progettazioni, Servizi tecnici (Lauria) 16. Progress Srl – Sistemi informatici hw e sw (Potenza) 17. Proser Srl – Direzione, Organizzazione e Servizi per Enti pubblici ed Imprese (Potenza) 18. Prosvim Snc di Ing. Felice Viceconte – Progettazioni, Servizi tecnici (Francavilla sul Sinni) 19. Ricciuti Raffaele Canio – Imprenditore (Potenza) 20. Saigese SpA – Informatica, Servizi (Commenda di Rende) 21. Scs Srl - Marketing, Creazione di Impresa, Piani di investimento, Formazione e Orientamento (Potenza) 22. Siris Sas di Pasquale Golisciano – Recupero archeologico (S.Martino D’Agri) 23. Studio Snat Sas di Passatordi Antonio – Progettazioni, Opere edili e stradali (Senise) 24. Thematica Srl – Sviluppo di sistemi informatici, Consulenza, Formazione (Rende) 25. Unci Basilicata – Promozione, tutela e rappresentanza del movimento cooperativo (Potenza) 26. Università Commerciale Luigi Bocconi – Corsi di Laurea e di Formazione, Specializzazione e Perfezionamento (Milano).

DATI

1998 | CEII SYSTEMA SCRL


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 67

Agevolazioni » contributo in conto capitale la società per l’Imprenditorialità Giovanile SpA ora SIB ha ottenuto la completa gestione della L. R. 1/98 per il

Ruolo di I.G. Basilicata: Promozione – Istruttoria – Ammissioni agevolazioni – Tutoraggio – Erogazioni.

Sintesi Interventi a sostegno di nuove iniziative imprenditoriali e produttive in favore dell’occupazione finanziati con il concorso di fondi comunitari, statali e regionali.

LEGGE REGIONALE 1/98 – REGIONE BASILICATA Il 24 Aprile 1998 la Regione Basilicata e la IG Lucana sottoscrivono una Convenzione regolante la gestione dei fondi destinati alle finalità di cui alla Legge Regionale 7 gennaio 1998 n. 1.

Convenzione tra la Regione Basilicata e la Società lucana per l’imprenditorialità giovanile SpA per la gestione dei fondi destinati alle finalità di cui alla Legge Regionale 7 gennaio 1998 n. 1

La dotazione finanziaria, costituita da fondi europei, statali e regionali è pari a 3 milioni di euro. Il programma è stato attivato nel 1998. Complessivamente sono state valutate 58 richieste. 7 sono le imprese ammesse, 49 il n. di addetti aggiuntivi a piano. Gli investimenti avviati ammontano a ca 2 milioni di euro, le erogazioni a ca 1,5 milioni di euro. Attualmente la L.R. 1/98 è interessata da un processo di verifica rispetto agli orientamenti comunitari in materia di aiuti di Stato a finalità regionale. Il regime risulta pertanto “sospeso” e, in attesa anche di una nuova definizione delle fonti di finanziamento della legge, vanno ravvisati come vincolanti nei confronti delle società ammesse alle agevolazioni solo gli impegni assunti entro il 31.12.99.

La Convenzione è definita sul modello della Convenzione stipulata dalla IG SpA con il Ministero del Tesoro ai sensi del DL 31 Gennaio 1994 n. 26, convertito dalla legge 29 marzo 1995, n. 95.

Oggetto dell’incarico è rappresentato da: 1. lo svolgimento delle attività di promozione delle leggi agevolative “44”, “236” e “608”; 2. svolgimento delle attività di istruttoria delle domande di cui alle leggi 95/95 e 236/93 fino alla formulazione del parere di ammissibilità; 3. svolgimento delle attività di istruttoria delle domande di cui alla legge 608/96 con la esclusione del provvedimento di concessione delle agevolazioni. A titolo di fondo spese la IG SpA, provvede a versare a favore della IG Lucana 180 milioni di lire. Sono state presentate 375 domande a valere sulla legge 608/1996.

Lettera d’incarico 1 marzo 1998

LEGGE 95/95, ALLA LEGGE 236/93 E ALLA LEGGE 608/96 La IG SpA affida alla Società lucana per l’imprenditorialità giovanile l’incarico per la prestazione di tutte le attività di consulenza necessarie all’espletamento dell’attività di promozione e di istruttoria afferenti alla selezione delle domande di ammissione ai benefici reali e finanziari di cui alle legge 95/95, alla legge 236/93 e alla legge 608/96, presentate in relazione ad iniziative imprenditoriali da realizzare nella Regione Basilicata. Contratto per prestazione di servizi decorrenza 1 luglio 1998

L’art. 16 della LR 7 gennaio 1998 n. 1 autorizza la Giunta Regionale a stipulare con la Società lucana per l’imprenditorialità giovanile una convenzione regolante la gestione dei fondi destinati alle finalità di cui all’art 1 della medesima legge.

DATI

Legge Regionale 7 gennaio 1998 n. 1

ATTI

» promuovere sul territorio regionale le leggi agevolative gestite dalla Società » attivare l’iter istruttorio delle domande presentate ai sensi delle leggi 608/96, 236/93 e 95/95 della LR 1/98 » rispondere alle richieste di collaborazione da parte di Enti centrali e locali Complessivamente durante il 1998 la IG lucana è impegnata su due fronti: implementare le attività core alla base della missione della Società; operare come soggetto attuatore di iniziative complementari promosse da terzi dando priorità alla domanda di servizi proveniente da Enti

Il 7 gennaio 1998 il Consiglio Regionale promulga la Legge Regionale n. 1, Interventi a sostegno di nuove iniziative imprenditoriali e produttive in favore dell’occupazione.

FATTI SALIENTI

Nel primo anno di attività, in aderenza agli orientamenti strategici fissati dalla compagine sociale, la Società intraprende una politica di progressiva implementazione della struttura e delle attività, rispettando le seguenti priorità: » allestire gli uffici » attivare il front office » promuovere la presenza della IgL sul territorio » recepire ed attivare al livello regionale il servizio di accompagnamento alla progettazione » favorire l’attivazione della LR 1/98.

1998 » IG LUCANA SPA


68 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

D G R n. 714 del 4 marzo 1998

PROGETTO NUOVA OCCUPAZIONE NORD-SUD P.O. 940026/1/I A Maggio 1998 la IG lucana viene individuata dalla Regione Basilicata come soggetto attuatore delle attività previste nella Convenzione tra Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale e Regione Basilicata per la realizzazione del Progetto Nuova Occupazione Nord-Sud. Obiettivo dal Progetto è quello di promuovere l’inserimento lavorativo di particolari segmenti della popolazione della Basilicata attraverso un percorso misto di formazione professionale da realizzarsi nella Regione Basilicata e nella Regione Emilia Romagna. Al termine del programma formativo è ipotizzato che alcuni partecipanti, avendo elaborato un’idea imprenditoriale realizzabile, candidino il loro progetto a valere su uno degli strumenti agevolativi gestiti dalla IG lucana.

Convenzione tra Regione Basilicata e IG lucana SpA 23/03/1998

Lettera d’incarico 30 Aprile 1998

ATTI

ACCOMPAGNAMENTO ALLA PROGETTAZIONE Ad aprile è affidata alla IG lucana la responsabilità della gestione dell’Ufficio di accompagnamento alla progettazione.

Progetti ammissibili Nuove iniziative imprenditoriali nel settore della produzione di beni e della fornitura di servizi alle imprese ed alle persone. Dotazione finanziaria: € 3.000.000,00. Importi finanziabili: investimenti max € 250.000,00.

Destinatari intervento » compagini sociali costituite interamente da persone max 36 anni di età, residenti in Basilicata » cooperative sociali di tipo b ai sensi della legge 381/91.

Obiettivo: Sviluppo di nuova imprenditorialità e ampliamento della base produttiva ed occupazionale.

sostegno di nuove secondo i limiti fissati dall’Unione Europea in termini di ESN o di ESL per importi non superiori al 40% dell’investimento agevolato » contributo in conto mutuo secondo i limiti fissati dall’Unione Europea in termini di ESN o di ESL » contributo per le spese di gestione » servizi di orientamento alla progettazione » servizi di formazione imprenditoriale » servizi di tutoraggio.

FATTI SALIENTI

Le risorse ministeriali disponibili per la realizzazione del Progetto ammontano a 961.620.000 milioni di lire.

Obiettivo dal Progetto è quello di promuovere l’inserimento lavorativo di particolari segmenti della popolazione della Basilicata attraverso un percorso misto di formazione professionale da realizzarsi nella Regione Basilicata e nella Regione Emilia Romagna. Al termine del programma formativo è ipotizzato che alcuni partecipanti, avendo elaborato un’idea imprenditoriale realizzabile, candidino il loro progetto a valere su uno degli strumenti agevolativi gestiti dalla IG lucana.

Sviluppo Italia Basilicata, nelle more del processo di verifica, vigente la Convenzione per l’attuazione della legge, ha continuato a svolgere tutte e solo le attività compatibili con la predetta situazione di sospensione.

DATI

1998 | IG LUCANA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 69

Redazione dell’aggiornamento ed adeguamento del piano quadriennale di sviluppo socio economico comprendente l’intero territorio della Comunità Montana Alto Bradano con attinenza a tutti gli strumenti di programmazione del territorio e agli interventi integrativi di sviluppo. Redazione del documento programmatico del patto territoriale per la Val D’Agri con definizione delle linee guida per lo sviluppo strategico dell’area a supporto della fase di concertazione con le parti sociali per la verifica di coerenza della proposta con le finalità di sviluppo locale, finalizzato alla sottoscrizione del protocollo d’Intesa. Corso BA-4 (1 Marzo – 24 Aprile 1999). Corso BA-5/3e (8 Marzo – 30 Aprile 1998). Corso TA-3/3e (15 Marzo – 07 maggio 1999). Corso BA-8/3e (24 Maggio – 16 luglio 1999). Corso BA-9/3e (31 Maggio – 23 luglio 1999). Realizzazione di attività di consulenza amministrativa per la prima e seconda fase del Corso. Corso BA-4/3e (1 marzo – 24 aprile 1999) Corso BA-5/3e (8 marzo – 30 aprile 1999) Corso TA-3/3e (15 marzo – 07 maggio 1999) Corso BA-8/3e (24 maggio – 16 luglio 1999 Corso BA-9/3e (31 maggio – 23 luglio 1999) Attività di formazione e assistenza tecnica nell’ambito del Corso prima fase e seconda fase per un totale di 160 ore.

Convenzione del 25/01/99

Convenzione del 17/02/99

Incarico del 1 marzo 1999 Incarico del 8 marzo 1999 Incarico del 15 marzo 1999 Incarico del 24 maggio 1999 Incarico del 31 maggio 1999 Incarico del 1 marzo 1999

COMUNITÀ MONTANA ALTO BRADANO ACERENZA EX L. 23/97

COMUNITÀ MONTANA ALTO AGRI VILLA D’AGRI – REDAZIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEL PATTO TERRITORIALE PER LA VAL D’AGRI La C.M. Alto Agri riconosciuto tra i soggetti previsti dalla delibera CIPE del 21/03/97 ha promosso il Patto territoriale per la Val D’Agri per lo sviluppo economico e sociale integrato dell’area.

L. 608/96 – CONSULENZA AMMINISTRATIVA Consulenza amministrativa verso una società pugliese incaricata delle attività di Promozione, Formazione ed Assistenza Tecnica per l’Avviamento del Lavoro Autonomo (Art. 9 septies L. 28/11/96 n. 608) secondo ciclo Corso BA4.

L. 608/96 – FORMAZIONE E ASSISTENZA TECNICA Affidamento di incarico da parte di società pugliese per la Promozione, Formazione ed Assistenza Tecnica per l’Avviamento del Lavoro Autonomo (Art. 9 septies L. 28/11/96 n. 608) secondo ciclo Corso BA4/3e.

Incarico del 15 marzo 1999 Incarico del 24 maggio 1999 Incarico del 31 maggio 1999

Incarico del 8 marzo 1999

La società pugliese nell’ambito del programma comunitario “Occupazione e Valorizzazione delle Risorse Umane II Fase”, ha presentato un’iniziativa Integra – Valorizzazione turistica delle aree a carattere agricolo – Zone ioniche interne della Provincia di Taranto “ e un’Iniziativa NOW. La società ha svolto l’attività di controllo relativa ai due progetti comunitari verificando la legittimità della impostazione e conduzione della gestione amministrativa-contabile nel rispetto della normativa in materia.

DATI

Convenzione del 31/03/99

ATTI

CONTROLLO AMMINISTRATIVO E RENDICONTAZIONE PROGETTI COMUNITARI Incarico da parte di società pugliese.

FATTI SALIENTI

Il 27/7/99 viene rogato l’atto di scissione della società e viene costituita SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA che incorpora tutte le attività ad eccezione delle attività di formazione lasciate alla società scissa denominata CEII SYSTEMA SCRL. A livello nazionale, nell’anno 1999 con D.lgs del 9/1/99 n. 1 viene istituita Sviluppo Italia SpA con lo scopo di promuovere attività produttive, attrarre investimenti, promuovere iniziative occupazionali, nuova imprenditorialità, sviluppare la domanda di innovazione e i sistemi locali d’impresa, dare supporto alle amministrazioni pubbliche centrali e locali per la programmazione finanziaria, la progettualità dello sviluppo, la consulenza in materia di gestione degli incentivi nazionali e comunitari.

1999 » CEII SYSTEMA SCRL/SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


70 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Incarico del 18/01/99

Incarico del 25/03/99

Incarico del 25/05/99

Incarico del 10/06/1999

Delibera del 5/07/99 n. 1490

FORMAZIONE Incarico da parte di azienda milanese.

PROGRAMMA DI INVESTIMENTO L. 488/92 Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento nel settore turistico alberghiero.

SPI PROMOZIONE E SVILUPPO IMPRENDITORIALE SPA ROMA – INCUBATORE DI IMPRESE Redazione di uno studio finalizzato alla scelta della localizzazione di un incubatore di imprese in Basilicata.

OSPEDALE SAN CARLO – LPU D.LGS 468/97 Assistenza tecnica alla predisposizione progetto LPU.

ATTI

SELEZIONE CANDIDATI MASTER Incarico da parte di un Consorzio soggetto attuatore del Master di Alta Formazione Addetto Qualità Totale assegnato dalla Regione Basilicata.

FATTI SALIENTI

Mandato per gli adempimenti previsti dall’art. 2 comma 4 del D.Lgs 468/97. Predisposizione ai sensi del D.LGS 468/97 di un progetto LPU, mirato all’occupazione di lavoratori nel settore del recupero e della riqualificazione degli spazi urbani esterni alla struttura per il parcheggio di autoveicoli, mediante piano di impresa relativo alle attività da promuovere. Dichiarazione scritta attestante l’assistenza tecnico progettuale e la sussistenza del presupposto tecnicamente fondato dell’impegno a realizzare nuove stabili attività.

Redazione di uno studio finalizzato alla scelta della localizzazione di un incubatore di imprese in Basilicata attraverso la verifica degli aspetti logistici e strutturali con riferimento: alla illustrazione delle opportunità localizzative nella regione; alla formulazione di ipotesi di insediamento dell’incubatore; alla proposta di insediamenti diversi dislocati sul territorio regionale. Definizione del quadro di riferimento socio economico; realizzazione di analisi settoriale del tessuto produttivo regionale; individuazione delle aree e dei siti potenzialmente adatti alla localizzazione; sintesi delle opportunità localizzative relative alle potenziali aree di riferimento.

Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di un programma di investimento nel settore turistico alberghiero comprendente l’inquadramento dell’azienda nel settore di riferimento e definizione delle strategie aziendali; simulazione della realizzabilità economico finanziaria triennale finalizzato alla candidatura a provvidenze 488/92; assistenza alla compilazione della domanda di ammissione.

Inquadramento dell’azienda e dei fabbisogni di risorse umane; Progettazione di attività formativa finalizzato all’assunzione di risorse, nell’ambito dei Progetti Speciali previsti dal Piano di Formazione della Regione Basilicata 1999; presentazione del progetto alla Regione; selezione dei candidati partecipanti alle attività formative: criteri, metodologie, valutazione; gestione amm.va e rendicontazione delle attività; docenze su temi di competenza; assistenza alla realizzazione delle azioni complementari.

Consulenza per la programmazione, predisposizione ed effettuazione delle prove di selezione nell’ambito del Master di Alta Formazione Addetto Qualità Totale.

DATI

1999 | CEII SYSTEMA SCRL/SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 71

Attività eseguite: » Ideazione e implementazione del piano di comunicazione del progetto (linea grafica degli elementi coordinati, workshop con il raccordo motivazionale delle 23 aziende del contratto d’area, inserti mediatici). » Organizzazione e coordinamento delle attività di aula e di stage presso le aziende del Contratto d’Area per 35 giovani disoccupati beneficiari dell’iniziativa. » Rendicontazione amm.va del progetto. Risultati: Le attività del progetto Protési si sono svolte nel periodo dicembre 1999-giugno 2000, suddiviso in una prima fase di attività di aula ed una seconda fase di stage presso le aziende disponibili. Dalla fase di selezione e reclutamento sono stati avviati al corso 53 allievi per il profilo elettronico, elettrico e meccanico. Al termine del percorso di aula sono stati avviati allo stage aziendale 35 allievi. Delle 23 aziende ammesse ai benefici del Contratto d’Area 19 hanno partecipato attivamente agli eventi di raccordo promossi dalla Società e tendenti a creare il collegamento formazione-occupazione. Le stesse imprese hanno offerto piena disponibilità ad accogliere i corsisti per le attività di stage aziendale selezionando e reclutando gli stagiaire direttamente, in quanto interessate potenzialmente a poter dare sostenibilità al rapporto lavorativo. Dall’opera di correlazione fra i fabbisogni espressi dalle aziende e le richieste manifestate dagli allievi, sia in termini professionali che logistici, è derivata la scelta di 9 aziende presso le quali svolgere le attività di tirocinio operanti in aree regionali ed extraregionale come Puglia, Emilia Romagna, Lombardia. Al termine del periodo di stage sono stati assunti 6 allievi.

» Ministero del lavoro Decreto Direttoriale n. 70/VII/98 del 2/4/99 finanziamento progetto » Regione Basilicata DGR n. 1239 del 2/6/99 Impegno di spesa » Convenzione con Regione Basilicata Uff. Formazione del 21/7/99

PRO. TE. S. I. - Promozione del Territorio e sviluppo delle imprese - per l’inserimento lavorativo di giovani risorse tecniche in imprese sottoscrittrici del Contratto d’Area. POM 970033/I/1 “Parco progetti: una rete per lo sviluppo locale” a titolarità del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale approvato dalla CE con decisione C(97) 92 del 30/7/97 – FSE annualità 98/99 Regione Basilicata Uff. Formazione Professionale.

Partnership: Systema BIC Basilicata, SOCAF, API Basilicata, BIC Salerno.

Azioni: » agire all’interno di un programma di sviluppo territoriale rappresentato dal Contratto d’Area, inserendo l’intervento in un quadro sistemico in grado di generare convenienze reciproche per i soggetti coinvolti, le imprese, le risorse umane, il territorio in genere; » creare un forte raccordo fra offerta di lavoro e potenziale domanda di lavoro sin dalla fase costitutiva del fabbisogno; » attivare un processo formativo e di qualificazione mirato ai fabbisogni delle aziende; » definire un percorso comune fra aziende e giovani per offrire opportunità di inserimento professionale; » attivare strumenti di politica attiva del lavoro (Piani di inserimento Professionale) per consentire esperienze d’azienda ai giovani disoccupati e permettere il confronto con le aziende che domandano lavoro.

Obiettivi: “creare le condizioni per un più favorevole incontro fra la domanda e l’offerta di lavoro così da garantire alle aziende del Contratto d’Area la possibilità di intercettare manodopera specializzata direttamente nei luoghi dei nuovi insediamenti e offrire ai giovani disoccuparti del territorio la possibilità di qualificarsi, di incontrare le aziende, di elevare la propria offerta professionale.

Assistenza all’impostazione e alla realizzazione di n. 2 programmi di investimento da candidare alle provvidenze previste dalla Sovvenzione Globale OASIS nel settore della produzione dei derivati del latte comprendente un inquadramento dell’azienda nel settore di riferimento e definizione delle strategie aziendali; simulazione della realizzabilità economico finanziaria triennale finalizzato ad ipotesi di copertura mediante il ricorso alle provvidenze previste dalla Sovvenzione Globale Oasis.

DATI

Incarico del 1/7/99

ATTI

PROGRAMMI DI INVESTIMENTO SOVVENZIONE GLOBALE OASIS Incarico da parte di cooperativa locale.

FATTI SALIENTI

1999 | CEII SYSTEMA SCRL/SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


72 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Attività di analisi dei questionari di consultazione compilati dai soggetti economici territoriali ricadenti sotto il coordinamento operativo del CREL secondo le indicazioni espresse dal Dip. Programmazione Economica e Finanziaria della Regione Basilicata, finalizzati alla formulazione dei pareri sullo schema preliminare del Programma Regionale di Sviluppo della Basilicata, con particolare riferimento: » all’analisi dei questionari pervenuti, secondo le indicazioni espresse in avvio della fase di consultazione relativa al marzo 1999; » alla individuazione degli orientamenti espressi dai soggetti interpellati ed alla conseguente definizione delle linee di maggiore evidenza che emergono dalla consultazione; » alla elaborazione di una proposta organica relativa allo schema preliminare del PRS della Basilicata. L’assistenza comprenderà: » l’analisi dei questionari pervenuti dal CREL; » l’analisi degli atti delle conferenze territoriali; » l’analisi degli atti dell’Assemblea del CREL tenutasi in data 30 giugno 1999; » predisposizione del documento di analisi e della proposta organica. Attività: » Sensibilizzazione del territorio e dei potenziali partecipanti agli obiettivi del progetto; » Supporto alla progettazione didattica; » Coordinamento attività progettuali; » Tutoring e valutazione dello stage; » Progettazione dello stage (affiancamento ai consulenti e tutor delle aziende locali; presentazione e discussione di casi aziendali; partecipazione alle dinamiche delle strutture ospitante; partecipazione ad incontri pubblici di attività di promozione). Corso di formazione professionale Azione n. 1196/LPU/PZ/98 Docenze su tematiche imprenditoriali. Consulenza per i seguenti progetti formativi: » Giurista di impresa » Consulting Banking » Private Banking » Individuazione di parametri di utilizzo della Circolare Ministeriale 65/99 e nella progettazione dei percorsi formativi

Convenzione del 26/07/99

Incarico del 17/07/99 Incarico del 09/09/99

ELEA SPA – MASTER PER CONSULENTI PER LO SVILUPPO IMPRENDITORIALE Il Ministero del lavoro e della Previdenza Sociale nell’ambito del POM 940026/I/1 ha selezionato il progetto “Emergenza Occupazione Sud” interventi per la formazione e l’occupazione nel mezzogiorno. Le attività progettuali prevedono la collaborazione di organismi partner.

IREFORR – ISTITUTO REGIONALE FORMAZIONE E RICERCA DOCENZE

INTESA FORMAZIONE SUD NAPOLI – L. 236/93 CONSULENZA PER PROGETTI FORMATIVI

DATI

Incarico del 21/07/99

ATTI

CREL CONSIGLIO REGIONALE DELL’ECONOMIA E DEL LAVORO Analisi dei questionari di consultazione per la formulazione dei pareri sullo schema preliminare del PRS della Basilicata.

FATTI SALIENTI

1999 | CEII SYSTEMA SCRL/SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 73

Incarico del 8/11/99

STUDIO DI FATTIBILITÀ DEL “PROGETTO PILOTA” Incarico da parte di azienda locale.

Incarico del 30/04/99

Incarico del 19/10/99

PROGETTO DI SCISSIONE Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza alla impostazione e alla realizzazione del progetto di scissione di un’azienda locale e alla definizione delle politiche di selezione ed assunzione del personale.

GAL ASI BC – PROGETTO DI COOPERAZIONE TRASNAZIONALE

La Regione Basilicata delibera l’affidamento di incarico per la Redazione del Piano Turistico Regionale di cui all’art. 3 L.R. 34/96. Il progetto Turismo di qualità sviluppato nell’ambito della Misura 4.4 della Sovvenzione Globale viene assunto come parte integrante del PTR. Il PTR sarà costituito dai seguenti elaborati: Relazione e analisi inventariali territoriali con cartografie 1:50.000; Proposte di programma (interventi di settore, commercializzazione, promozione); Analisi sul ruolo dei soggetti pubblici e privati, relazione sugli interventi di economia e finanza; Proposte legislative.

Delibera n. 1118 del 17/05/99 Delibera n. 2372 del 12/10/99

PIANO TURISTICO REGIONALE – REGIONE BASILICATA DIP. AA.PP.

Progetto di cooperazione trasnazionale – Realizzazione di un piano di prefattibilità per lo sviluppo di attività legate al turismo equestre nell’area del GAL ASI BC: » Preparazione di una scheda di rilevazione dati rivolto a imprenditori agricoli, allevatori, operatori culturali, associazioni culturali e ricreative, operatori turistici, artigiani. » Rilevamento dati sul campo con l’apporto di associazioni locali di categoria. » Selezione e formazione degli intervistatori. » Reperimento dati statistici.

Assistenza alla impostazione e alla realizzazione dello studio di fattibilità del “Progetto Pilota” concernente interventi di recupero e riqualificazione dei centri storici dei Comuni di Accettura, Aliano, Anzi, Brienza, Calvello, Ferrandina, Lavello, Melfi, Montalbano Jonico, Montemurro, Pisticci, Salandra, Sant’Arcangelo, Spinoso, Tricarico.

Assistenza alla valutazione della fattibilità di un accordo di partnership. Assistenza alla valutazione della fattibilità di una scissione parziale: redazione del progetto di scissione. Assistenza per gli adempimenti connessi: redazione degli atti e delle delibere degli organi sociali, deposito e pubblicità degli atti. Assistenza nella definizione delle politiche di selezione ed assunzione del personale.

Collaborazione e consulenza professionale nell’ambito del programma Now in particolare durante lo svolgimento della fase A di accompagnamento alla creazione di impresa Assistenza e tutoraggio e supporto tecnico – formazione globale ed organica delle diverse funzioni aziendali. Messa a disposizione di aule attrezzate, servizio di segreteria, fornitura di materiale tecnico-didattico, visite aziendali. Target: donne.

DATI

Incarico del 13/09/99

ATTI

CIF CENTRO ITALIANO FEMMINILE PROGRAMMA OCCUPAZIONE NOW PROGETTO MULTIREGIONALE ECO-POLIS II

FATTI SALIENTI

1999 | CEII SYSTEMA SCRL/SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


74 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Convenzione con RB Dip. Presidenza Giunta del 23/07/99

Costituzione dell’ATI CEII Systema/Banca Carime del 15/07/99

DDG n. 059.1999/D.865 del 12/07/99 Regione Basilicata

Esiti: contatti: oltre 200 richieste formali: 8 istruttorie eseguite: 7 interventi approvati: 2

importi approvati: € 1.136.205,18 attività finanziate: lavorazioni meccaniche, produzione legno dismissioni: 2.

Risultati: La società ha partecipato al Bando di Gara pubblicato dalla Regione Basilicata ed è stata selezionata in qualità di Organismo di Gestione del Fondo di Capitale di Rischio in associazione temporanea di impresa con Banca Carime. Attività eseguite: » redazione ed emissione bando e modulistica per la presentazione delle domande; » definizione dei criteri di selezione e di attribuzione punteggi; » informazione e comunicazione; » acquisizione domande; » istruttoria delle domande; » predisposizione dei patti parasociali e di uno standard di statuto; » acquisizione delle partecipazioni; » monitoraggio degli interventi attraverso la nomina di un rappresentante di Systema BIC Basilicata nel CDA della società partecipata; la designazione della maggioranza del Collegio sindacale, compreso il Presidente; la realizzazione di analisi di bilancio annuale, in concomitanza con l’approvazione dei bilanci; la partecipazione alle assemblee annuali di approvazione del bilancio. L’istruttoria delle domande è stata gestita con il concorso di Banca Carime. La valutazione delle domande istruite dalla società e le determinazioni in ordine all’assunzione delle partecipazioni sono state espletate da un Comitato Tecnico composto a maggioranza da funzionari di Banca Carime con elaborazione della graduatoria. L’approvazione finale è stata eseguita dal Consiglio di Amministrazione della società.

Decisione CE n. C(96) 1333 del 24/06/96

PIC PMI 94/99 Sottoprogramma 1 Misura Basilicata Azione C Sovvenzione a favore delle PMI per l’attuazione di piani strategici aziendali e per l’accesso agevolato al capitale di rischio Dotazione complessiva: 4.066 milioni di lire (€ 2.099.914). Caratteristiche Nell’ambito del Programma di Iniziativa Comunitaria PMI, per il periodo 94/99, all’interno del sottoprogramma 1 – Misura Basilicata Azione C viene prevista la costituzione di un fondo di capitale di rischio destinato ad acquisire partecipazioni azionarie in PMI industriali ed artigiane costituite sotto forma di società di capitali o società cooperative, ubicate in Basilicata. Partnership: Systema BIC Basilicata in A.T.I. con Banca Carime. Durata del fondo: fino al 31/12/2001. Finalità: Partecipazione di minoranza al capitale sociale – Destinatari: PMI finanziariamente sane ubicate in Basilicata o che hanno investimenti in corso nella regione. Interventi ammissibili: Piani strategici di sviluppo aziendale a carattere innovativo, programmi di investimento volti all’avvio di nuove linee produttive, al lancio di nuovi prodotti, all’introduzione di innovazioni di processo/prodotto nel ciclo produttivo, alla promozione delle produzioni regionali sui mercati nazionali ed internazionali. Importo delle partecipazioni: ciascun progetto potrà essere finanziato dal Fondo tra un minimo del 15% fino ad un max del 35% del capitale sociale dell’impresa richiedente l’agevolazione. La partecipazione è regolata da appositi Patti Parasociali. Durata dei finanziamenti: tra i 3 e i 7 anni dalla data della loro assunzione. Domanda di partecipazione presentata entro il g.11/05/99

Docenze nell’ambito del convegno promozionale del progetto dal titolo Pari opportunità e Programmazione negoziata.

» Elaborazione di un piano di comunicazione del piano di fattibilità. » Partecipazione al gruppo di esperti per la realizzazione dello studio di fattibilità. » Collaborazione con il GAL Kelt irlandese per la promozione dell’area ASI BC ed in particolare la sua offerta di turismo equestre.

DATI

Incarico del 30/12/99

ATTI

IAL BASILICATA – L. 125/91 Progetto Empowerment Donne Lucane Docenze.

FATTI SALIENTI

1999 | CEII SYSTEMA SCRL/SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 75

SOVVENZIONE GLOBALE QCS 94/99 PER LA REALIZZAZIONE DI MISURE DI INCENTIVAZIONE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE OPERANTI O CHE INTENDONO OPERARE IN BASILICATA SINTESI Il 2 marzo 1999 la Commissione Europea approva una Sovvenzione Globale per le Regioni Ob. 1 in Italia, la cui gestione è affidata al CEII Systema BIC Basilicata SCaRL concernente un insieme di Misure relative all’asse prioritario 2 “Industria, artigiana e servizi alle imprese” sotto-asse 2.3 “Aiuti ai servizi alle imprese” del QCS 94-99 sotto-quadro Regione Basilicata. Il 22 luglio dello stesso anno viene sottoscritta con la DG XVI della CEE, d’intesa con lo stato membro, la Convenzione concernente la realizzazione delle misure di incentivazione alla PMI operanti in Basilicata. OBIETTIVI » realizzare un programma integrato per la promozione della Basilicata e un’azione di mktg territoriale che dia visibilità ed appeal come regione in cui effettuare investimenti produttivi » costituire un Fondo di Capitale di Rischio per la capitalizzazione delle piccole e medie imprese operanti nella Regione Basilicata - diffondere una sensibilità agli strumenti di ingegneria finanziaria sia presso le imprese che presso il sistema finanziario in modo da migliorare la sinergia con gli organismi pubblici che operano in materia di incentivazione degli investimenti e dell’occupazione. ARTICOLAZIONE DELLA S.G. Misura 1 – Programma integrato di sviluppo, promozione e monitoraggio regionale Misura 2 – Costituzione di un fondo di capitale di rischio Misura 3 – Attuazione e gestione della Sovvenzione Globale LOCALIZZAZIONE Regione Basilicata - Nuts: Livello Comunitario N. II AMMONTARE DELLA SOVVENZIONE GLOBALE Contributi FESR: MECU 5.600 Contributi privati: MECU 5,178 Costo Totale: MECU 10.778 FONDI STRUTTURALI CHE INTERVENGONO FESR – Fondo Europeo di Sviluppo Regionale DURATA DELL’INTERVENTO Impegni 24/02/’98 – 31/12/’99 Spesa 24/02/’98 – 31/12/’01 COPERTURA GEOGRAFICA Intero territorio regionale AUTORITÀ RESPONSABILE DELLA PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA Regione Basilicata Dipartimento Presidenza della Giunta Regionale AUTORITÀ REGIONALE RESPONSABILE DELL’ATTUAZIONE Regione Basilicata Dipartimento Presidenza della Giunta Regionale AUTORITÀ NAZIONALE RESPONSABILE DELL’ATTUAZIONE Ministero del Bilancio

FATTI SALIENTI

Decisione della Commissione delle Comunità Europee del 2/3/99 C(1999) 314 FESR n. 98.05.26004 ARINCO n. 98.IT.16.005 Convenzione tra CEE DG XVI e CEII Systema del 22/07/99 Durata: dal 22/07/99 al 30/06/2002

ATTI

1999 | CEII SYSTEMA SCRL/SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


76 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

SG 94/99 MISURA 1 - PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO, PROMOZIONE E MONITORAGGIO REGIONALE Finalità La Misura ha avuto la finalità di attivare un programma integrato comprendente un’attività di monitoraggio permanente del territorio e di promozione dello stesso in modo che l’intera azione è stata volta sia all’attrazione degli investimenti che al coinvolgimento e sviluppo dei soggetti e delle popolazioni locali. È stata sviluppata attraverso un’attenta analisi del territorio per individuarne i punti di forza e di debolezza in termini di risorse umane, imprenditoriali, culturali, scientifiche e strutturali e l’individuazione dei “bersagli” (soggetti e/o settori) dell’azione di Marketing, raggiunti attraverso una comunicazione coerente a valorizzazione delle realtà e delle risorse esistenti. Articolazione della Misura » Fase di diffusione ed informazione del programma di Sovvenzione Globale » Fase di analisi e monitoraggio del territorio » Fase di promozione del territorio » Fase di accoglienza Durata Aprile 1999 – marzo 2001 Costo totale della Misura: 508.000 ECU di cui Contributi FESR: 330.000 ECU Fondi Privati: 178.000 ECU

FATTI SALIENTI

ATTI

Risultati MISURA 1 La Misura 1 è stata finalizzata a: » creare un kit di strumenti adeguati per la promozione del territorio » promuovere le risorse ed il territorio della Basilicata » attrarre potenziali investitori in Basilicata » sviluppare il dialogo tra imprese esogene ed il tessuto produttivo esistente Realizzazioni Elaborazione del progetto “Marketing Territoriale della Basilicata”, finalizzato all’attrazione di nuovi investimenti nella regione Basilicata ed alla valorizzazione del tessuto economico locale, sia attraverso nuovi insediamenti produttivi sia attraverso accordi di partnership tra le imprese. L’intero progetto di marketing territoriale ha implicato le seguenti realizzazioni: Elaborazione di un’analisi territoriale della Basilicata, con individuazione dei punti di forza e debolezza, delle opportunità e minacce (SWOT analisys) Individuazione di pacchetti localizzativi, da offrire al mercato degli investitori nazionali ed internazionali Definizione delle strategie di marketing e comunicazione, per individuare il target di riferimento e penetrare all’interno dei mercati desiderati Produzione di diversi strumenti di comunicazione integrata, di carattere informativo, a supporto delle azioni promozionali. In particolare sono stati realizzati: » N. 8.000 Brochure in quattro lingue (italiano, inglese, francese e tedesco), riportante tutte le informazioni di sintesi dell’analisi territoriale, relative al territorio regionale, ai settori produttivi ed alle opportunità di investimento. » n. 500 Cartellina per i prodotti informativi. » il Video “Investire in Basilicata”, della durata di sette minuti e tradotto in cinque lingue (italiano, inglese, francese, tedesco e spagnolo), ideato per attivare le leve “emozionali” della comunicazione.

DATI

AUTORITÀ RESPONSABILE DELLA CERTIFICAZIONE Regione Basilicata Dipartimento Presidenza della Giunta Regionale ORGANISMO INTERMEDIARIO RESPONSABILE DELLA GESTIONE DELLA S.G. Systema BIC Basilicata – S.C.p.A. Legale rappresentante: Raffaele Ricciuti Responsabile del programma: Raffaele Ricciuti REGISTRAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA Decisione Commissione C(1999) 314 del 2/3/’99 N. Fesr 8.05.26.004 N. Arinco 98.IT.16.005 Convenzione stipulata in data 22.07.99

FATTI SALIENTI

1999 | CEII SYSTEMA SCRL/SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 77

Destinatari I soggetti destinatari delle azioni di promozione della S.G., di analisi, monitoraggio, promozione del territorio e di accoglienza sono: 1. soggetti pubblici e privati (CCIAA nazionali e internazionali, società ed enti di promozione imprenditoriale, associazioni imprenditoriali, ordini e collegi professionali, sindacati, ambasciate, istituti di credito, enti locali, università, altre associazioni). 2. imprenditori, investitori istituzionali, investitori e banche d’affari, consulenti per investimenti industriali. Partnership di progetto attivate attraverso apposite Convenzioni: » CCIAA di Potenza mediante la sua Azienda Speciale Promosviluppo » CCIAA di Matera mediante la sua Azienda Speciale CESP » Unione Regionale delle CCIAA di Basilicata » API Basilicata » PST Basentech » Unione degli Industriali di Potenza Attivati Rapporti di collaborazione stabili, ma non formalizzati con: » Consorzio ASI di Potenza » Consorzio ASI di Matera » APT di Basilicata

FATTI SALIENTI

» il CD rom dedicato esclusivamente all’illustrazione delle aree produttive di eccellenza, quali prototipi di pacchetti localizzativi indirizzati a nuovi insediamenti produttivi. » il Sito Internet (www.investireinbasilicata.it) con informazioni approfondite sulla regione Basilicata ed estese anche agli aspetti di carattere storico e turistico della regione. Avviamento di uno Sportello Informativo Regionale, per l’assistenza e l’accoglienza degli imprenditori. Lo Sportello Informativo Regionale è stato progettato e definito come la struttura responsabile della continuità e del monitoraggio del progetto di marketing territoriale della Basilicata. Dal punto di vista logistico, lo Sportello è stato strutturato con una sede centrale presso l’Azienda Speciale della CCIAA di Potenza, PROMOSVILUPPO, ed una sede distaccata presso l’Azienda Speciale della CCIAA di Matera, CESP. Attività dello sportello: » Attività di monitoraggio del territorio (per monitorare ed aggiornare i dati relativi ai fattori localizzativi ed al posizionamento competitivo del territorio lucano) » Attività di comunicazione e promozione (per gestire gli strumenti di comunicazione e le azioni volte a promuovere la Basilicata) » Attività di assistenza ed accoglienza degli investitori (per rappresentare l’interfaccia unico tra il territorio lucano e gli investitori). Organizzazione di eventi di promozione, per valorizzare il territorio lucano e le sue opportunità localizzative nei confronti dei potenziali investitori sono stati organizzati eventi promozionali nella forma di workshop di presentazione delle opportunità di investimento e collaborazione produttiva tra la Basilicata ed i territori target nelle province di Lecco, Parma, Treviso e Varese impiegando la rete del sistema camerale italiano e coinvolgendo i distretti industriali e le principali Associazioni di categoria dalle Unioni Industriali alle rappresentanze degli artigiani, dei Piccoli Imprenditori, fino ai centri di ricerca e formazione. È stato organizzato 1 evento promozionale estero a Berlino presso l’albergo Inter - Continental per la presentazione intitolata “Investire in Basilicata”, organizzata in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana per la Germania. Tale collaborazione ha garantito una adeguata realizzazione dell'evento ed una presenza qualificata di operatori, giornalisti e moltiplicatori, tra cui: » aziende tedesche aventi già rapporti d'affari con l’Italia » operatori del settore turistico e alberghiero » rappresentanti di banche locali nonché di studi legali aventi stretti contatti con l’Italia » rappresentanti di istituzioni di promozione commerciale » associazioni di categoria » giornalisti della stampa specializzata del settore turistico e commerciale e della stampa economica Fiere: Partecipazione al “SUBFOR”, promosso dall’ente fiere di Parma e al “SEF”, organizzato a Trieste. All’interno dello spazio riservato all’Unione Regionale delle Camere di Commercio della Basilicata è stato organizzato un corner dedicato al marketing territoriale. Diffusione di una campagna informativa e propagandistica, per divulgare il lavoro in corso, coinvolgere gli interlocutori locali ed il territorio lucano e per supportare i diversi eventi promozionali per i workshop di Parma (17 maggio), Treviso (7 giugno), Lecco (4 luglio) e Varese (20 settembre). La campagna è stata effettuata attraverso il coinvolgimento della stampa e delle televisioni lucane, di quelle locali (dei singoli territori), nazionali ed estere, della stampa economico-finanziaria specializzata e degli inserti specifici dei maggiori quotidiani nazionali esteri, per dar

DATI

1999 | CEII SYSTEMA SCRL/SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


78 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

SG 94/99 MISURA 2 – COSTITUZIONE DI UN FONDO DI CAPITALE DI RISCHIO Sintesi La Misura ha previsto la costituzione di un Fondo di Capitale di Rischio per l’effettuazione di interventi finanziari distinti in: » partecipazioni al capitale sociale, » prestiti partecipativi, » prestiti obbligazionari convertibili in imprese ubicate o che intendono ubicarsi in Basilicata. La finalità è stata quella di promuovere la creazione e lo sviluppo in Basilicata di aziende con struttura fonti-impieghi equilibrata e sensibili alla creazione del valore in abbinamento allo sviluppo dell’occupazione. Obiettivi » Rafforzare la capitalizzazione delle imprese, » Stimolare la competitività delle imprese attraverso l’avviamento di programmi di sviluppo organizzativo, tecnologico, produttivo e commerciale, » Promuovere un clima di fiducia e collaborazione tra imprese e sistema finanziario, » Creare un fondo rotativo con un impatto prolungato oltre la durata della Sovvenzione Globale.

FATTI SALIENTI

Risultati MISURA 2 Attività espletate » promozione dello strumento finanziario; » acquisizione delle richieste di intervento da parte delle società; » valutazione dei requisiti formali e sostanziali (finanziariamente ed economicamente sane), valutazione della compagine sociale e predisposizione di un profilo di fattibilità; » approvazione (bocciatura) della candidatura da parte di un Comitato Tecnico composto da rappresentanti dei partecipanti al fondo; » approvazione del deliberato del comitato da parte del CdA di Systema BIC Basilicata; » in caso di esito positivo l'organismo intermediario procede alla predisposizione della documentazione e al adempimenti formali per la definizione degli interventi (Patti parasociali, aumenti di capitale sociale, acquisizione delle garanzie, etc); » monitoraggio degli interventi effettuati (nomina di ns rappresentati nei CdA e nei collegi sindacali, check up aziendali); » partecipazione nelle assemblee dei soci. Tipologia Progetti ammessi Sono stati ammessi progetti di impresa volti all’espansione di attività esistenti, allo sviluppo di nuove attività o all’introduzione di innovazioni e di nuove tecnologie Sono state escluse operazioni di mero rifinanziamento o riscadenzamento del passivo delle imprese Importi finanziati e misura delle partecipazioni L’importo finanziabile di ogni singolo intervento è compreso tra € 250.000 ed € 1.000.000

maggior rilievo all’azione promozionale. È stata fatta la selezione delle testate nazionali ed estere, in vista dell’evento promozionale di Berlino (5 luglio). Organizzazione di missioni di operatori economici in Basilicata, come fase di ritorno dei workshop realizzati in Italia ed in Germania. In particolare: Accompagnamento di una delegazione di imprenditori tedeschi sul territorio lucano, nei giorni 10-13 novembre 2001 introdotta alla conoscenza del territorio lucano dal punto di vista storico artistico, in quanto la Basilicata è risultata essere poco nota presso questo Paese e incontri con gli Enti e le Istituzioni di interesse e la visita alle aziende lucane ed alle aree per nuovi insediamenti produttivi. Missione da parte di una delegazione di Associazioni Imprenditoriali e imprenditori trevigiani, guidata dalla CCIAA di Treviso. La delegazione ha visitato le aree industriali di Viggiano e Melfi nella Provincia di Potenza e della Val Basento e Iesce nella Provincia di Matera, incontrando Associazioni di categoria e imprenditori lucani. A seguito della visita è stata considerata la possibilità di trasferire un certo numero di attività produttive in alcune delle aree industriali visitate. Accompagnamento alle imprese, attraverso la creazione di uno Sportello Sud chiama Nord in partnership con API Basilicata e di un Desk informativo interno a Systema BIC Basilicata In tale attività Systema si è occupato di proporre siti e/o pacchetti localizzativi adeguati rispetto alle richieste dei potenziali investitori attraverso un’azione di ricerca sul territorio e una presentazione diretta del pacchetto localizzativi agli investitori.

DATI

1999 | CEII SYSTEMA SCRL/SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 79

Ruoli Sviluppo Italia Basilicata ha il ruolo di Organismo intermediario mentre Sviluppo Italia SpA e Banca Popolare del Materano SpA (in seguito Banca Popolare del Mezzogiorno SpA) hanno partecipato alla costituzione del Fondo con proprie risorse finanziarie, partecipando alle fasi di valutazione delle domande presentate.

Importi finanziabili e misura delle partecipazioni L’importo finanziabile d ogni singolo intervento è compreso tra € 250.000,00 ed € 1.000.000,00. Le partecipazioni, regolate da appositi patti parasociali, possono essere comprese entro il limite massimo del 49% del capitale sociale ed avere una durata da 3 a 7 anni.

In data 15.06.00 ha provveduto all’apertura di un nuovo c/c bancario (c/c n. 8004284 presso Banca Popolare del Mezzogiorno (già Banca Popolare del Materano) dedicato esclusivamente alla gestione del Fondo di Capitale di Rischio.

In data 16.12.99 il BIC Basilicata ha provveduto alla costituzione del Fondo di Capitale di Rischio previsto dalla Misura per l’importo complessivo di EURO 9.700.000.

Territorio interessato: Regione Basilicata Destinatari della Misura Piccole e medie imprese finanziariamente ed economicamente sane, ubicate in Basilicata o che hanno in corso investimenti nella regione, che esercitano o eserciteranno attività di tipo estrattivo, manifatturiero, di servizi ecc. operanti in uno dei settori ammessi ad intervento ai sensi della L. 488/92 (allegato n. 3 della Circ. Min. Ind. n. 38522 del 15.12.95 e successive integrazioni e modificazioni) o ai sensi dell'art. 1 bis L. n. 236/93 e successive integrazioni e modificazioni, i cui criteri di ammissibilità agli interventi dei Fondi Strutturali sono individuati dalla Commissione dell’Unione Europea. Progetti ammissibili Progetti di impresa volti all’espansione di attività esistenti, allo sviluppo di nuove attività oppure all’introduzione di innovazioni o di nuove tecnologie. Sono escluse operazioni di mero rifinanziamento o riscadenzamento del passivo delle imprese. Costo della Misura Il costo totale della misura è stato pari a 9.700.000 EURO di cui il 48,5%, pari a 4.700.000 EURO, a carico del fondo FESR e il 51,5%, pari a 5.000.000 EURO a carico dei privati (€ 3.500.000 fondi Sviluppo Italia - € 1.500.000 Fondi Banca Popolare del Mezzogiorno (già Banca Popolare del Materano).

FATTI SALIENTI

Attività finanziate » Prodotti da forno » Produzione capi di abbigliamento » Imbottigliamento di olio » Produzione macchine agricole Tipologia di intervento » n. 3 partecipazioni al capitale di rischio

» n. 1 intervento di prestito partecipativo » n. 0 intervento di prestito obbligazionario Dismissioni: nessuna Le iniziative finanziate sono localizzate: n. 2 nella provincia di Potenza n. 1 nella provincia di Matera

» CE: Decisione del 20/04/06 n. C(2006)1706 (Chiusura della S.G. Riduzione del contributo comunitario e richiesta del contributo già versato) » CE: Nota di addebito n. 324083760 del 30 maggio 2006 » NOTA MEF del 16 giugno 2006 prot. 85519 (sollecito al versamento richiesto) » la sentenza del Tribunale di Primo Grado della Commissione Europea n° 364389 dell’08.07.2008 Il fondo avrebbe potuto essere operativo e quindi poter effettuare gli interventi finanziari fino a dicembre 2009 A seguito della richiesta della CE di restituzione del contributo FESR, nelle more della definizione, si è rallentata l’attività promozionale sullo strumento finanziario al fine di evitare istruttorie di pratiche non finanziabili in caso di esito negativo della controversia.

ATTI

Risultati qualitativi Non essendo gli interventi diretti alla mera immissione di mezzi liquidi a fronte di stati di avanzamento di programmi di spesa, ma essendo viceversa intesi quali strumenti complessi diretti a sostenere progetti di sviluppo, gli effetti rilevabili sono anche di tipo qualitativo. In tal senso si possono senz’altro citare la circolazione di importanti elementi culturali di impresa quali l’adozione di un approccio più razionale alla gestione e la diffusione di una più corretta cultura societaria e manageriale Problematiche Controversia insorta con la Commissione Europea pendente dinanzi al Tribunale di Primo Grado delle Comunità Europee in relazione ad una diversa interpretazione della normativa comunitaria in materia di ammissibilità delle spese con riduzione da parte della CE del contributo di € 4554108,91 e richiesta di quello già versato corrispondente ad € 3.434.108,91. Ricorso in data 30 giugno 2006 da parte di Studio Legale Grimaldi per le azioni di annullamento della citata decisione dinanzi a al Tribunale di 1° grado della CE e al Tribunale amm.vo per il Lazio per la sospensione della nota MEF (avvio di 2 giudizi). Il giudizio pendente dinanzi alla Corte di Giustizia delle Comunità Europee si è conclusa nel luglio 2008. Il Tribunale di primo grado delle Comunità Europee (Terza Sezione) ha respinto il ricorso presentato da Sviluppo Italia Basilicata, ritenendo non fondati i motivi di impugnazione. Ritenendo la sentenza censurabile sotto diversi profili, la società ha proposto dinanzi la Corte di Giustizia il ricorso per l’annullamento della sentenza.

Risultati quantitativi Contatti informali: 300 Domande presentate: 57 Istruttorie eseguite: 50 Domande ammesse: 6 Società finanziate: 4 Impegni: € 2.401.094 Erogazioni: € 2.401.094

Le partecipazioni, regolate da appositi patti parasociali, sono comprese entro il limite massimo del 49% del capitale sociale ed hanno una durata da 3 a 7 anni.

DATI

1999 | CEII SYSTEMA SCRL/SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


80 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

ETI – BICS: “BUSINESS AND INNOVATION CENTRES, A LEVERAGE INSTRUMENT TO ENHANCE SME PARTICIPATION IN FP5” Programma V Programma Quadro (FP5) Il programma individua le azioni e le priorità nell’ambito delle attività di ricerca, sviluppo tecnologico e disseminazione (RTD) per il periodo 1998 – 2002 e i criteri per realizzare l’obiettivo e cioè il rafforzamento della competitività industriale e il miglioramento della qualità della vita dei cittadini europei. Descrizione Del Progetto Il livello di partecipazione delle PMI ai programmi di ricerca e sviluppo tecnologico è ancora basso e i BIC possono avere un ruolo significativo nell’incentivare e promuovere la partecipazione. La missione dei BIC, infatti, è di supportare la nascita e lo sviluppo di imprese innovative fornendo assistenza sia nel guidare i processi di acquisizione di innovazione in aziende esistenti che nel favorire la nascita di nuove imprese innovative. Il progetto coinvolge i BIC come facilitatori e delle PMI nella partecipazione ai programmi di innovazione previsti dal V Programma Quadro (FP5). I risultati del progetto saranno promossi e diffusi presso le aziende, come strumenti di supporto. Partecipanti Al progetto partecipano 34 BIC che realizzano le seguenti attività: » coinvolgimento di 2.550 PMI in attività di formazione e sensibilizzazione; » individuazione, valutazione e verifica di 680 progetti innovativi; » candidatura di 85 progetti al V Programma Quadro (FP5). Obiettivi Coinvolgere le PMI nei programmi europei di innovazione, ricerca e sviluppo, utilizzando le competenze dei BIC e i loro servizi di assistenza e supporto alle aziende e agli imprenditori per lo sviluppo e la realizzazione dei programmi previsti dal V Programma Quadro (FP5). Risultati L’elevato numero di BIC coinvolti nel progetto è garanzia della partecipazione delle aziende ai programmi comunitari di ricerca, sviluppo e disseminazione (RTD). Il progetto realizzerà: il coinvolgimento di 75 PMI per ogni regione da formare e aggiornare sui programmi di innovazione ricerca e sviluppo previsti dal V Programma Quadro (FP5); la valutazione e la verifica di 680 progetti (20 per ogni regione), la candidatura di 85 progetti al V Programma La diffusione dei risultati ottenuti e degli strumenti realizzati. Valore del progetto € 1.676.165 - Durata 18 mesi.

FATTI SALIENTI N° IPS – 1999 – 50106 Bando SME 1999/02 Programma di ricerca: 1.3.1 - Priorità: 2.3.

ATTI

Principali Attività realizzate dalla partnership » Fase 1: Formazione dei 34 BIC sulle opportunità e gli strumenti previsti dal V Programma Quadro (FP5). » Fase 2: Lavoro sul campo nelle regioni. Attività di promozione, sensibilizzazione e formazione delle PMI sugli strumenti e le opportunità previsti dal V Programma Quadro (FP5). Verifica e assistenza alle 680 PMI che esprimono un bisogno di innovazione. Assistenza alle PMI nella formulazione di 85 proposte e progetti sull’innovazione da candidare agli strumenti comunitari opportuni e follow-up sui progetti. » Fase 3: Disseminazione. Analisi qualitativa e quantitativa sui risultati e i metodi utilizzati dal progetto. Disseminazione e promozione presso le aziende dei risultati e degli strumenti, attraverso incontri, pubblicazioni ecc. Disseminazione dei risultati e degli strumenti presso la rete dei partner territoriali dei BIC. Il coordinamento finanziario, amministrativo e metodologico dell’intera azione è stato realizzato da EBN (European Business and Innovation Centres Network).

DATI

1999 | CEII SYSTEMA SCRL/SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 81

Nell’anno, a seguito della scissione del ramo d’azienda, si effettueranno varie cessioni di pacchetti azionari.

30 novembre: ingresso del nuovo socio SPI che sottoscrive l’aumento del capitale deliberato dall’assemblea il 21/10/99.

21 ottobre: aumento del Capitale Sociale a L. 4.000.000.000 successivamente sottoscritto dalla SPI.

EVOLUZIONI SOCIETARIE Il 27 luglio viene rogato l’atto di scissione della società e viene costituita SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA che incorpora tutte le attività ad eccezione delle attività di formazione lasciate alla società scissa denominata CEII SYSTEMA SCRL. Capitale Sociale: L. 1.800.000.000

FATTI SALIENTI Atto Notaio Di Lizia Rep. 44172

ATTI

Presidente Teodosio De Bonis Sciaraffia fino al 21/10/99 (dimissioni). Presidente (a seguito delle dimissioni di De Bonis) e Amministratore Delegato Raffaele Ricciuti.

Società consorziate Systema BIC Basilicata 1. Antonio Perretti SpA – Gestioni immobiliari, Partecipazioni societarie (Potenza) 2. Banca Carime SpA Gruppo Intesa (già Carical) – Esercizio del Credito, Attività finanziarie (Cosenza) 3. Banca Popolare del Materano SpA Gruppo Banca Popolare dell’Emilia Romagna – Esercizio del Credito, Attività finanziarie (Matera) 4. Bic Salerno Srl – Centro europeo di imprese e innovazione Società consortile a rl (Salerno) 5. CCIAA di Matera – Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (Matera) 6. Co.Fidi Basilicata – Garanzia collettiva fidi tra le piccole e medie imprese di Basilicata (Potenza) 7. Comune di Calvello 8. Consorzio Sudgest 9. Consulbrokers SpA – Consulenza assicurativa L. 792/84 (Potenza) 10. Consulting Group Sas di Campa Antonio e Giugliano Antonio & C. – Consulenza finanziaria, Programmi di investimento (Potenza) 11. Guardigli Cleofe Maria Cristina – Imprenditrice (Collazzone) 12. Impes Group SpA – Impianti industriali (Ferrandina) 13. Mediocredito Lombardo SpA – Esercizio del Credito a medio lungo termine, Attività finanziarie (Milano) 14. Print Soc. Coop. a rl – Progettazioni, Servizi tecnici (Lauria) 15. Prosvim SNC 16. Progress Srl – Sistemi informatici hw e sw (Potenza) 17. Proser Srl – Direzione, Organizzazione e Servizi per Enti pubblici ed Imprese (Potenza) 18.SPI SpA 19. Thematica Srl – Sviluppo di sistemi informatici, Consulenza, Formazione (Rende) 20. Università Commerciale Luigi Bocconi – Corsi di Laurea e di Formazione, Specializzazione e Perfezionamento (Milano)

DATI

1999 | CEII SYSTEMA SCRL/SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


82 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

PROGETTO OBSERVA Alla fine di dicembre 1999 la Direzione Generale XVI della Commissione Europea approva definitivamente il Progetto OBSERVA cofinanziato sul Programma Recite II. Il Progetto è finalizzato alla creazione di una banca dati telematica, disponibile gratuitamente per i potenziali imprenditori, sulle opportunità di investimento nella Regione, sulla disponibilità di aree industriali con indicazione dei costi dei servizi per l’imprese che volessero insediarsi. Partnership La IG lucana è capofila. La partnership è composta inoltre dal BIC EURONOVA di Malaga (Spagna), dal BIC Attika di Atene (Grecia) e dalla Provincia di Lecce. Importo Importo progetto: 2.074.253 Importo commessa: 1.555.690 Sintesi Observa è l’acronimo di Osservatorio sulle nicchie di mercato: un web site multilivello concepito come un sistema integrato per la creazione d’impresa, in Basilicata e non solo. Attraverso il sito www.observaonline.net, i neo imprenditori e non hanno avuto un valido supporto non solo per accedere ad informazioni strategiche sul processo di creazione d’impresa, ma soprattutto hanno potuto disporre di una banca dati contenente 1000 idee di business significative dell’esperienza acquisita dai quattro partner nel creare impresa.

PROGETTO NUOVA OCCUPAZIONE NORD-SUD P.O. 940026/1/I Nel corso dell’anno sono state realizzate le attività legate all’attuazione del Progetto Nuova Occupazione Nord-Sud. Il percorso formativo si è concluso con le attività di stage realizzate presso alcune importanti aziende dell’Emilia Romagna.

Gestione Legge Regionale 1/98 per incarico della Regione Basilicata.

LEGGE 95/95, 236/93, 608/96 E LEGGE REGIONALE 1/98 Gestione leggi per la creazione d’impresa e la promozione di forme di lavoro autonomo: 95/95, 236/93, 608/96 per incarico della IG SpA di Roma.

FATTI SALIENTI

Data inizio attività: 1/11/98 Chiusura: 30/09/02

Convenzione tra la Regione Basilicata e la Società lucana per l’imprenditorialità giovanile SpA per la gestione dei fondi destinati alle finalità di cui alla Legge Regionale 7 gennaio 1998 n. 1

Contratto per prestazione di servizi decorrenza 1 luglio 1998

ATTI L.95/95 – 236/93 32 25 0 0

LR 1/98 25 21 7 4

Attività: » Promozione e animazione territoriale » Implementazione del data base » Scambi di esperienze tra gli staff principali ed associati coinvolti » Servizi al target » Training degli staff operativi coinvolti » Diffusione dei risultati. Risultati: » creazione del data base contenente 1000 business plans (inglese/lingue nazionali) e del web site, con servizio di teleconsulenza quali supporti per i nuovi imprenditori nel processo di creazione d'impresa; » creazione di nuove attività imprenditoriali; » acquisizione di competenze più elevate dei responsabili di progetto delle quattro aree coivolte grazie agli scambi di esperienze ed ai training forniti da Observa; » creazione e consolidamento del network tra i partner; » creazione di nuovi posti di lavori nelle nuove aziende create.

Sono state realizzate tutte le attività previste.

Sono state inoltre ammesse 330 domande a valere sulla legge 608/1996

Attività Promozione (Progetti presentati) Istruttoria tecnico economica Istruttoria di ammissione Tutoraggio

DATI

Nel corso del 1999 la Società ha mirato a consolidare la propria esperienza sul territorio della Regione qualificandosi come centro di riferimento per la diffusione della cultura d’impresa

1999 » IG LUCANA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 83

PROGRAMMA IGL –FIAT Nel corso dell’anno è stato attivato, nell’ottica del servizio di Accompagnamento e Assistenza Tecnica alle compagini sociali il programma sperimentale di formazione in aula IGL –FIAT, progettato insieme ad ISVOR FIAT.

Oltre ai servizi reali alle diverse esigenze, il sito ha fornito: » servizio di teleconsulenza on line con 50 esperti in procedure legali amministrative, finanza, qualità e sicurezza, marketing ed internazionalizzazione » analisi dei principali settori imprenditoriali locali » analisi delle opportunità regionali » mappa delle aree industriali » offerta d’incubatori d’impresa » domanda-offerta di formazione professionale specifica » informazioni sulle principali normative riguardanti le attività economiche » fiere informazioni commerciali Joint Ventures. Target Potenziali giovani imprenditori, piccole e medie imprese già operanti. Territorio Basilicata, Aree del Salento, Attika e Andalucia.

FATTI SALIENTI

ATTI

Realizzato il primo corso della durata di tre settimane. I partecipanti selezionati sulla base della credibilità complessiva della loro idea d’impresa, hanno potuto sviluppare in aula, con un metodo fortemente interattivo, i contenuti di business delle loro iniziative al fine di verificarne la fattibilità ed analizzarne i punti di forza e di debolezza. 15 iniziative inserite nel programma.

DATI

1999 | IG LUCANA SPA


84 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Attività realizzate: » Organizzazione delle attività amministrative, finanziarie e di rendicontazione » Responsabilità dell’attività amministrativa, finanziaria e di rendicontazione » Assistenza alla tenuta della contabilità e controllo degli adempimenti fiscali e del lavoro » Assistenza per la preparazione e la stesura del bilancio di esercizio » Certificazione dell’impiego di risorse e Rendicontazione » Monitoraggio. La Comunità Montana in base alla delibera CIPE del 21/3/97 promuove l’accordo di programma del comprensorio della Val D’Agri finalizzato all’attivazione di un programma di sviluppo economico e sociale dell’area e affida alla società l’incarico di redigere il documento nel quale verranno definite le linee guida per lo sviluppo strategico dell’area interessata Medio Agri. La redazione consiste nella definizione delle linee progettuali dell’accordo a supporto della fase di concertazione con le parti sociali per la verifica della coerenza della proposta con le finalità di sviluppo locale perseguite. La fase di concertazione dovrà condurre alla sottoscrizione del Protocollo d’intesa fra i soggetti promotori e la Regione Basilicata. Assistenza all’impostazione e alla realizzazione dello studio di fattibilità da candidare alle provvidenze agevolative previste da Bando Val Basento. Assistenza nella ridefinizione dell’assetto amministrativo e finanziario della società operante nel settore della progettazione e installazione di impianti elettrici, pneumatici, elettrostrumentali ed automazione. Le attività espletate hanno avuto riguardo a: Orientamento: attività didattica relativa alla prima analisi del progetto, alla definizione degli adempimenti richiesti per l’esercizio dell’attività e all’utilizzo degli strumenti informatici ed un’attività valutativa dei singoli beneficiari con la consegna a progetto Italia di una prima relazione. Assistenza alla progettazione: si svolge nei confronti dei beneficiari valutati idonei da Progetto Italia al termine della prima fase e prevede attività di assistenza tecnica alla progettazione con la consegna a Progetto Italia dei piani di investimento e degli output valutativi. Tutoraggio: attività di assistenza tecnica, amministrativo-contabile e legale nella fase di realizzazione degli investimenti e di avvio della gestione, ed attività di controllo sull’avvenuta realizzazione degli investimenti in conformità al progetto e sulla sussistenza dei requisiti soggettivi ed oggettivi per l’esercizio delle attività.

Delibera CM n. 97 del 6/10/2000 Convenzione del 30/10/2000

Incarico del 10/04/2000 Incarico del 04/05/00

Convenzione Quadro del 27/04/2000 Durata: 3 anni

COMUNITÀ MONTANA MEDIO AGRI – REDAZIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO DELL’ACCORDO DI PROGRAMMA DEL COMPRENSORIO DELLA VAL D’AGRI

ASSISTENZA STUDIO DI FATTIBILITÀ Incarico da parte di azienda locale.

ASSISTENZA FINANZIARIA Incarico da parte di azienda locale.

PROGETTO ITALIA SPA ROMA Formazione ed assistenza tecnica L. 608/96 - Convenzione Quadro per formazione di base in materia di gestione, verifica di fattibilità dell’idea progettuale ed assistenza tecnica ai sensi della L. 608/96 del 28/11/96, art. 9 septies. A far data dal 1 luglio 1999, secondo quanto disposto dal DL 9/1/99 n. 1, le funzioni connesse all’attuazione della L. 608/96 art. 9 septies, già esercitate dalla IG SPA sono trasferite alla società Progetto Italia SpA (Amm.re unico C. Borgomeo). Progetto Italia Spa, affida alla società le attività di orientamento, formazione ed assistenza tecnica all’avvio di nuove iniziative di lavoro autonomo.

DATI

Convenzione del 01/01/2000

ATTI

GAL LE MACINE SCRL – PROGRAMMA LEADER II REGIONE BASILICATA – INCARICO DI RESPONSABILE AMMINISTRATIVO E FINANZIARIO

FATTI SALIENTI

2000 » SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 85

Corso PZ 7/3E – Allievi max n. 47 – Durata Corso 160 ore Sede di svolgimento: Potenza c/o struttura locale. Corso MT6/3E – Allievi max n. 40 – Durata Corso 160 ore Sede di svolgimento: Potenza c/o struttura locale. Il modulo di assistenza alla progettazione erogato ha riguardato: » l’assistenza alla progettazione economico operativa finanziaria (sviluppo di conoscenze economico/finanziarie, attitudine alla programmazione e gestione delle attività, autocasi offerti dall’aula, metodologia formale di definizione del piano dell’iniziativa – 5 gg) » la ricerca di campo (approfondimenti sulla configurazione operativa dell’iniziativa – 5 gg) » impostazione ed elaborazione del progetto (sviluppo di capacità di auto valutare le prospettive dell’attività, consolidare le conoscenze tecnico operative necessarie all’iniziativa – 5 gg) » redazione finale del progetto (formalizzazione del piano dell’iniziativa) Corso PZ/S1 – Allievi max n. 187 Sede di svolgimento: Potenza c/o struttura locale. Corso MT/S1 – Allievi max n. 91 Sede di svolgimento: Matera c/o struttura locale. Le attività erogate sono riferite alla fase di selezione e alla fase di assistenza all’elaborazione del piano dell’iniziativa, in particolare: 1^ FASE – SELEZIONE: Verifica di ammissibilità delle domande presentate dai soggetti attraverso la verifica dell’esistenza sulla base delle informazioni fornite nel modulo di domanda e tramite 2 colloqui individuali dei requisiti previsti per l’ammissione, principalmente coerenza imprenditore/idea e fattibilità tecnica e amministrativa

Incarico del 05/06/2000 n. AG PI 414 FLA Incarico del 23/06/00 n. AG PI 447 FLA

1° Contratto del 13/07/2000 n. AG/SI/495 Durata: 7 settimane 2° Contratto del 13/07/2000 n. AG/SI/496 Durata: 7 settimane

PROGETTO ITALIA SPA ROMA Interventi di Promozione, Formazione e Assistenza Tecnica per l’avviamento al lavoro autonomo L. 608/96 Fase di ASSISTENZA ALLA PROGETTAZIONE N. 2 incarichi.

SVILUPPO ITALIA SPA ROMA VALUTAZIONE E ORIENTAMENTO all’avvio di iniziative di lavoro autonomo ex L. 608/96

N. 2 incarichi.

Corso MT6/3E – Allievi max n. 60 – Durata Corso 120 ore Sede di svolgimento: Matera c/o struttura locale. Il modulo di orientamento erogato ha riguardato: l’analisi del soggetto e del progetto (prima valutazione del profilo individuale, approfondimento dell’idea di attività, presentazione della check list breaksim, attivazione di una prima ricerca di campo – 5 gg); gli adempimenti tecnico-organizzativi ed amministrativi (sviluppo delle conoscenze delle prime necessità operative della fase di start up, valutazione delle condizioni di equilibrio dell’iniziativa – 5 gg); gli strumenti di produttività individuale (sviluppo delle capacità di operare con moderni strumenti di produttività – 5 gg).

DATI

Incarico del 26/05/2000 n. AG PI 395 FLA

ATTI

PROGETTO ITALIA SPA ROMA Interventi di Promozione, Formazione e Assistenza Tecnica per l’avviamento al lavoro autonomo L. 608/96 – Fase di ORIENTAMENTO

FATTI SALIENTI

2000 | SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


86 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

SVILUPPO ITALIA SPA ROMA TUTORAGGIO delle attività di orientamento, formazione ed assistenza tecnica ex lege 608/96 – 3^ Fase N. 2 incarichi.

SVILUPPO ITALIA SPA ROMA FORMAZIONE E ASSISTENZA TECNICA per l’avvio di iniziative di lavoro autonomo L. 608/96 – 2^ Fase N. 2 Incarichi.

FATTI SALIENTI

2° Incarico del 14/11/00 N. AG/SI/737 Durata: 10 mesi dalla data di sottoscrizione

Convenzione del 01/01/2000 Durata: dal 1° Incarico del 27/10/00 N. AG/SI/713 Durata: 10 mesi dalla data di sottoscrizione

2° Incarico del 11/09/00 n. AG/SI/600 Durata: 5 settimane

1° Incarico del 11/09/00 n. AG/SI/601 Durata: 5 settimane

ATTI

Espletamento della 3^ fase Tutoraggio dell’attività di orientamento, formazione ed assistenza tecnica espletata attraverso il team di esperti della società nelle modalità di assistenza in presenza e telefonica.

Corso: MT6/3E – n. 38 beneficiari Sede: Matera c/o API Basilicata Matera

Corso: PZ7/3E – n. 42 beneficiari Sede: Potenza Via Vaccaro

Corso: PZ/S1 – n. 129 soggetti Sede: Potenza c/o struttura locale. Corso: MT/S1 – n. 68 soggetti Sede: Matera c/o struttura locale. Attività di formazione e assistenza tecnica per l’avvio di iniziative di lavoro autonomo diretta a coloro che hanno superato la fase di orientamento comprendente: 1 settimana: prima revisione dell’iniziativa proposte nella 1 fase e 3 interventi esterni specifici (funzionario ASL, CCIAA, beneficiario L. 608/96 che ha già avviato un’iniziativa) 2 settimana: definizione e avvio di adempimenti, individuazione sede, scelta investimenti 3 settimana: definizione investimenti e redazione finale del progetto 4 settimana: nozioni di economia di azienda 5 settimana: comunicazioni ammissioni e firma contratti. Lo scopo del modulo è quello di arrivare ad una definizione del progetto che permetta di avviare l’attività immediatamente dopo la firma dei contratti utilizzando varie modalità didattiche (aula a frequenza obbligatoria, colloqui individuali e attività di campo per il reperimento dei dati e gli adempimenti) e l’affiancamento di un tutor e di docenti qualificati che guidano l’intero percorso.

2^ FASE – PIANO DELL’INIZIATIVA: Assistenza nell’elaborazione del piano dell’iniziativa utilizzando varie modalità didattiche (aula a frequenza obbligatoria, colloqui individuali e attività di campo) e l’affiancamento di diverse tipologie professionali di formatori quali docenti, consulenti, operatori economici, allo scopo di indirizzare ciascun partecipante verso la progettazione dell’iniziativa imprenditoriale.

DATI

2000 | SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 87

Risultati Erogazione di servizi di Assistenza tecnica, amministrativo contabile e legale nella fase di realizzazione degli investimenti e di avvio delle iniziative, attività di controllo sull’avvio delle attività, sulla avvenuta realizzazione degli investimenti, sulla sussistenza dei requisiti soggettivi ed oggettivi. Totale beneficiari dei servizi di assistenza: n. 150.

Corso MT/Z1 – Allievi max n. 63 Sede di svolgimento: Matera c/o struttura locale. Le attività erogate sono riferite alla fase di selezione e alla fase di assistenza all’elaborazione del piano dell’iniziativa, in particolare: 1^ FASE – SELEZIONE: Verifica di ammissibilità delle domande presentate dai soggetti attraverso la verifica dell’esistenza sulla base delle informazioni fornite nel modulo di domanda e tramite 2 colloqui individuali dei requisiti previsti per l’ammissione, principalmente coerenza imprenditore/idea e fattibilità tecnica e amministrativa. 2^ FASE – PIANO DELL’INIZIATIVA: Assistenza nell’elaborazione del piano dell’iniziativa utilizzando varie modalità didattiche (aula a frequenza obbligatoria, colloqui individuali e attività di campo) e l’affiancamento di diverse tipologie professionali di formatori quali docenti, consulenti, operatori economici, allo scopo di indirizzare ciascun partecipante verso la progettazione dell’iniziativa imprenditoriale.

Contratto del 28/11/2000 n. AG/SI/932 Durata: dal 28/11/2000 7 settimane

SVILUPPO ITALIA SPA ROMA ORIENTAMENTO EX LEGE 608/96 ART. 9 SEPTIES COMMA 6

DATI

1° Incarico del 9/11/00 n. AG/SI/765 Durata: 10 mesi dalla data di sottoscrizione Ed. corso PZ/S1-1 N. 20 beneficiari 2° Incarico del 9/11/00 n. AG/SI/766 Durata: 10 mesi dalla data di sottoscrizione Ed. Corso PZ/S1-2 N. 21 beneficiari 3° Incarico del 9/11/00 n. AG/SI/763 Durata: 10 mesi dalla data di sottoscrizione Ed. Corso MT/S1-1 N. 15 beneficiari 4° Incarico del 8/11/00 n. AG/SI/764 Durata: 10 mesi dalla data di sottoscrizione Ed. Corso MT/S1-2 N. 16 beneficiari 5° Incarico del 22/12/00 n. AG/SI/1077 Durata: 10 mesi dalla data di sottoscrizione Ed. Corso PZ/S1-3 N. 20 beneficiari 6° Incarico del 22/12/00 n. AG/SI/1078 Durata: 10 mesi dalla data di sottoscrizione Ed. Corso PZ/S1-4 N. 18 beneficiari 7° Incarico del 22/12/00 n. AG/SI/1079 Durata: 10 mesi dalla data di sottoscrizione Ed. Corso PZ/S1-5 N. 21 beneficiari 8° Incarico del 21/12/00 n. AG/SI/1080 Durata: 10 mesi dalla data di sottoscrizione Ed. Corso MT/S1-3 N. 19 beneficiari.

ATTI

SVILUPPO ITALIA SPA ROMA ASSISTENZA TECNICA ex lege 608/96 art. 9 septies comma 6 N. 8 Incarichi

FATTI SALIENTI

2000 | SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


88 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Consulenza nella ridefinizione dell’assetto organizzativo e gestionale di una società operante nel settore della produzione di sedute per ufficio. La società in qualità di partner ha effettuato le seguenti attività: » Ricerca per le PMI attraverso l’applicazione di contenuti e strumenti della metodologia della Ricerca VIGILANCE di cui Elea è titolare, l’individuazione di ricercatori, il testing del questionario somministrato in prova a 2 PMI, la somministrazione del questionario a 13/15 imprese, elaborazione dei dati e del report finale » Organizzazione di un seminario rivolto agli imprenditori comprendente la promozione del seminario presso le PMI locali, la selezione di imprenditori/manager/dirigenti di 10/15 imprese locali, la disponibilità di sede e attrezzature, la segreteria » Seminario consulenti Vigilance comprendente la ricerca di 2 consulenti locali. Attività realizzate: » Assistenza nell’individuazione dei siti industriali disponibili e nella gestione dei contatti con gli enti locali interessati (Comuni, ASI.) » Elaborazione delle simulazioni economico-finanziarie relative alla presentazione di una candidatura al Bando L. 488/92 » Assistenza durante la fase di istruttoria bancaria. Attività realizzate: » Pianificazione operativa delle prime attività » Individuazione opportunità di finanziamento e supervisione nella predisposizione di pratiche » Incontri con le socie per la risoluzione di problemi e scambio di informazioni.

Incarico del 28/07/2000

Incarico del 14/09/2000

Incarico del 04/08/00

Incarico del 11/08/00

CONSULENZA Incarico da parte di azienda locale per l’Assistenza nella ridefinizione degli assetti organizzativi e gestionali relativi all’avvio del nuovo insediamento industriale.

ELEA SPA IVREA (TO) - PROGRAMMA DI INIZIATIVA COMUNITARIA ADAPT II - Progetto Network strategico per le PMI selezionato dal Ministero del lavoro e della previdenza Sociale

ASSISTENZA E CONSULENZA Incarico da parte di società romana.

CIF – CENTRO ITALIANO FEMMINILE ROMA – PROGETTO MULTIREGIONALE ECO-POLIS II – FASE B ACCOMPAGNAMENTO

Assistenza nella pianificazione dei percorsi di selezione, formazione e assunzione del personale da impiegare nei nuovi insediamenti produttivi in Basilicata, con particolare riferimento alla progettazione dei percorsi formativi e alla individuazione delle modalità di candidatura ai finanziamenti regionali.

DATI

Incarico del 19/07/2000

ATTI

PROGETTAZIONE Incarico da parte di azienda lombarda per l’Assistenza nella progettazione di percorsi di selezione, formazione e assunzione per le risorse da inserire nei nuovi insediamenti produttivi in Basilicata.

FATTI SALIENTI

2000 | SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 89

Risultati Il progetto, selezionato dalla IG Fondazione Nievo, ha previsto la costituzione di una società consortile senza fini di lucro che ha realizzato le azioni previste oltrechè attività nel settore del turismo culturale e di interventi per lo sviluppo dell’area mediante progettazione, attuazione e gestione di programmi ed interventi attività di formazione professionale connessa al turismo culturale; assistenza tecnica alle Piccole e Medie imprese, in particolare a quelle operanti nel settore del turismo culturale; la promozione, commercializzazione e marketing del turismo culturale La Sovvenzione Globale è stata finalizzata all’attivazione economica ed organizzativa del Parco. Il BIC in qualità di partner e socio del Parco Letterario ha erogato servizi di animazione imprenditoriale e la consulenza finanziaria, amministrativa e di rendicontazione del progetto nonché assistenza alla tenuta della contabilità e controllo degli adempimenti fiscali.

Ammissione del progetto da parte del CdA di IG SpA del 26/11/99 Atto costitutivo della società consortile del 14/10/99 Contratto generale del 11/02/2000 Convenzione con Systema BIC Basilicata del 04/09/2000 Durata: fino al 31/12/2001

Periodo di realizzazione Luglio 2000 – Dicembre 2001 (18 mesi)

PARCO LETTERARIO CARLO LEVI Sovvenzione Globale “I Parchi Letterari” Ce – DG XVI QCS Italia – Ob. 1 – 1994-1999. Asse 3.1 “Incentivi agli investimenti turistici” Valore progetto: L. 2 Mld ca Il Soggetto Proponente del “PARCO LETTERARIO CARLO LEVI” è costituito oltrechè dal BIC, dall’Amministrazione Comunale di Aliano, dalla Banca Popolare del Materano S.p.A., dal Circolo Culturale Nicola Panevino, dal GAL Le Macine. L’obiettivo di ampio spettro che il Parco Letterario si prefigge consiste nell’attivazione di un meccanismo di sviluppo locale fondato sulla promozione di iniziative imprenditoriali direttamente funzionali alla realizzazione del progetto di Parco.

REGIO PARTENARIAT EUROPE: progetto di cooperazione interregionale per l’internazionalizzazione e “l’europeizzazione” attraverso lo sviluppo dei contatti business-to-business. Programma Iniziativa Comunitaria PMI (FESR). Obiettivi Costituire un network, focalizzato su circa 80 BIC dell’Unione Europea e dell’Europa Centrale, in grado di accompagnare le imprese-clienti nei processi di cooperazione economica internazionale dando particolare rilevanza allo sviluppo delle fasi della preparazione del contatto e dell’after-care nella trattativa commerciale internazionale. Ambito di intervento Industria manifatturiera. Beneficiari Piccole e medie imprese lucane. Area geografica di intervento Regione Basilicata. Partnership trasnazionale 35 BIC dell’Unione Europea e dell’Europa Centrale. Valore del Progetto: ECU 1.446.599

Attività realizzate Il progetto è stato suddiviso in quattro fasi: 1. Metodologia – per la preparazione di un manuale di supporto alle PMI nel campo della cooperazione internazionale. 2. ICT Assistenza - per un’analisi delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione da utilizzare a favore delle imprese coinvolte. 3. Evento di Madeira – per l’organizzazione di un evento internazionale per lo sviluppo della cooperazione business to business. 4. Valutazione e sostenibilità del processo – per la verifica dei risultati ottenuti e la presentazione di una proposta concernente l’autosostenibilità del progetto negli anni a venire.

Assistenza nella pianificazione e realizzazione di programmi di selezione e assunzione di nuovo personale da impiegare nelle attività di cura alla persona e supporto segretariale.

DATI

Incarico del 13/10/00

ATTI

ASSISTENZA AI PROGRAMMI DI SELEZIONE E ASSUNZIONE DI RISORSE UMANE Incarico da parte di cooperativa locale.

FATTI SALIENTI

2000 | SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


90 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Periodo di realizzazione Gennaio 2000 – Giugno 2002

(Atto notarile del 30/05/00 Notaio Castellini Rep. 59636 Rogito 11645)

EVOLUZIONI SOCIETARIE L’anno 2000 è caratterizzato da numerose variazioni della compagine sociale del BIC Basilicata: » la SPI SpA è incorporata per fusione in Sviluppo Italia SpA acquisendo la nuova ragione sociale » 9 società cedono pacchetti azionari a Sviluppo Italia SpA Roma (07/11/00) » Subentrano alcuni enti acquistando quote liberate (25/05/00).

ATTI

REGIO-LINK: progetto di cooperazione interregionale per l’internazionalizzazione delle PMI Programma RECITE II (Art. 10 Regolamento FESR) Valore del Progetto: € 1.954.000 Obiettivi Costituire un sistema di cooperazione tra le PMI di cinque regioni dell’Unione Europea interessate ad avviare un processo di internazionalizzazione e di cooperazione tra aziende sui mercati europei coordinato dai BIC partecipanti. Ambito di intervento Industria manifatturiera. Beneficiari Piccole e medie imprese lucane. Area geografica di intervento Regione Basilicata. Partnership trasnazionale CCRN “Comissao de Coordenacao da Regiao de Norte” (P), CEEI Valencia (SP), CEII Berillan (SP), BIC Carelia (FN) Partnership locale Systema BIC Basilicata, Amministrazione Provinciale di Potenza, Amministrazione Provinciale di Matera, CER - Centro Estero delle CCIAA di Basilicata.

FATTI SALIENTI

Cap. soc. SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA: € 2.065.871 i.v. Compagine sociale » Antonio Perretti SpA – Gestioni immobiliari, Partecipazioni societarie (Potenza) » API Basilicata Potenza » Banca Carime SpA Gruppo Intesa (già Carical) – Esercizio del Credito, Attività finanziarie (Cosenza) » Banca Popolare del Materano SpA Gruppo Banca Popolare dell’Emilia Romagna – Esercizio del Credito, Attività finanziarie (Matera) » Bic Salerno Srl – Centro europeo di imprese e innovazione Società consortile a rl (Salerno) » CCIAA di Matera – Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (Matera) » Co.Fidi Basilicata – Garanzia collettiva fidi tra le piccole e medie imprese di Basilicata (Potenza) » Comune di Calvello

Risultati Attività realizzate con la partnership di progetto: » Assistenza tecnica da parte dei BIC a favore delle PMI interessate all’internazionalizzazione. » Sensibilizzazione delle PMI selezionate al management della qualità. » Creazione di un data base multimediale contenente i profili delle imprese. » Assistenza e accompagnamento dei rapporti tra le imprese del network. » Creazione di una struttura permanente volta alla promozione dell’iniziativa a livello europeo. Sottoscritti nel novembre 2001, 4 Accordi di partecipazione con PMI locali. Le aziende che hanno partecipato al progetto hanno usufruito di servizi specialistici, strumenti e consulenza previsti dalle azioni: » Selezione e promozione (seminari, incontri, export check up) » Preparazione delle imprese al processo di qualità » Progettazione e realizzazione del sistema informativo a supporto dell’internazionalizzazione (servizi internet di Regio-Link) » Accompagnamento all’internazionalizzazione (Action plan, assistenza e follow up).

DATI

2000 | SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 91

FATTI SALIENTI

ATTI

Comunità Montana Alto Basento Consorzio Sudgest Consulbrokers SpA – Consulenza assicurativa L. 792/84 (Potenza) Consulting Group Sas di Campa Antonio e Giugliano Antonio & C. – Consulenza finanziaria, Programmi di investimento (Potenza) Guardigli Cleofe Maria Cristina – Imprenditrice (Collazzone) Impes Group SpA – Impianti industriali (Ferrandina) Banca Intesa SpA (incorpora Mediocredito Lombardo SpA l’11.12.00) – Esercizio del Credito a medio lungo termine, Attività finanziarie (Milano) Print Soc. Coop. a rl – Progettazioni, Servizi tecnici (Lauria) Prosvim SNC Progress Srl – Sistemi informatici hw e sw (Potenza) Proser Srl – Direzione, Organizzazione e Servizi per Enti pubblici ed Imprese (Potenza) Sviluppo Italia SpA Thematica Srl – Sviluppo di sistemi informatici, Consulenza, Formazione (Rende) Università Commerciale Luigi Bocconi – Corsi di Laurea e di Formazione, Specializzazione e Perfezionamento (Milano). Presidente Romualdo Volpi (dimissioni del 04/09/2000). Presidente (a seguito di dimissioni di Volpi) e Amministratore Delegato Raffaele Ricciuti.

»

» »

» » » »

» » »

» » » »

DATI

2000 | SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


92 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Atti Notaio P. Castellini Roma Rep. 60641 Rogito 11775 con socio unico inizialmente con sede in Roma Via Calabria 46

Atti Notaio P. Castellini Roma Rep. 61262 Rogito 11882

Trasformazione in SpA Con propria delibera assembleare del 14 dicembre 2000 la società si trasforma in SpA e trasferisce la propria sede in Potenza in V.le dell’Unicef.

ATTI

COSTITUZIONE DI SVILUPPO ITALIA BASILICATA SRL CON SOCIO UNICO In data 28 settembre 2000, in ottemperanza al piano di riordino ex art. 3 D.Lgs 9 gennaio 1999 n. 1, viene costituita da Sviluppo Italia SpA (Amm. re Del. Carlo Borgomeo) la società Sviluppo Italia Basilicata Srl.

FATTI SALIENTI

2000 » NASCE SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA

Oggetto sociale: La società ha per oggetto la promozione delle nascita di nuove imprese e lo sviluppo delle imprese esistenti, la fornitura di servizi alla regione Basilicata ed alle amministrazioni pubbliche in generale; la consulenza in materia di gestione degli incentivi regionali, nazionali e comunitari; l’erogazione di contributi a fondo perduto e mutui agevolati avvalendosi di risorse messe a disposizione dall’UE, dallo Stato, dalla Regione Basilicata o altre Amministrazioni pubbliche.

Amministratore unico: Dario Cossutta (dimissioni rassegnate nell’assemblea ordinaria del 14/12/2000). Carlo Borgomeo (dimissioni rassegnate nell’aprile 2002).

Soci: Socio unico Sviluppo Italia SpA.

Cap. soc. Sviluppo Italia Basilicata srl: L. 2 miliardi interamente sottoscritto e versato da Sviluppo Italia SpA Roma.

DATI


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 93

n. 9 n. 33

LR 1/98 L. 95/95

n. 13 n. 900

L. 236/93 L. 608/96

Soggetti promotori: Fondazione Cassa di Risparmio di Verona, Vicenza, Belluno ed Ancona Regione Basilicata – Dipartimento Attività Produttive Formazione & Lavoro Scarl. Soggetti attuatori: AIV – Associazione Imprenditori Comprensorio Villafrechese IG lucana SpA API Basilicata. Le attività previste consistono in particolare: » assistenza amministrativa e gestionale » assistenza diretta ed indiretta al radicamento territoriale ed alla creazione di una rete regionale » supporto logistico territoriale.

Contratto per prestazione di servizi

PARCHI LETTERARI “CARLO LEVI”, “ISABELLA MORRA” E “NORMAN DOUGLAS Sviluppo Italia SpA conferisce ad IG lucana l’incarico di Tutoraggio ed Assistenza Tecnica in favore dei Parchi Letterari. Nell’ambito del programma d’intervento cofinanziato con Sovvenzione Globale dalla Commissione Europea, che prevede la creazione e lo sviluppo di 16 Parchi nell’area dell’Obiettivo 1, alla IG lucana è affidato l’incarico di assistenza territoriale ai Parchi Letterari “Carlo Levi” di Aliano, “Isabella Morra” di Valsinni e “Norman Douglas” con sede in Camigliatello Silano.

In relazione alla L.R. 1/98, nel corso dell’anno sono state avviate le erogazioni delle agevolazioni finanziarie in favore delle 7 società ammesse a contributo per un ammontare complessivo di Lire 1.693.074.648

Attività Progetti presentati

DATI

Accordo di collaborazione tra soggetti promotori e soggetti attuatori

Convenzione tra la Regione Basilicata e la Società lucana per l’imprenditorialità giovanile SpA per la gestione dei fondi destinati alle finalità di cui alla Legge Regionale 7 gennaio 1998 n. 1

Contratto per prestazione di servizi decorrenza 1 luglio 1998

ATTI

PROGETTO SUD CHIAMA NORD Il 15 Gennaio prende avvio il Progetto Sud chiama Nord, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Verona, Vicenza, Belluno ed Ancona, con la Regione Basilicata, con l’Associazione degli Imprenditori del Comprensorio Villafranchese, e API Basilicata. L’obiettivo principale del progetto consiste nel promuovere la formazione professionale e favorire l’inserimento lavorativo con un metodo già sperimentato dalla IG lucana, attraverso un percorso misto di formazione in aula ed attività di stage (svolto presso alcune aziende del veronese).

LEGGI 95/95, 236/93, 608/96 E LEGGE REGIONALE 1/98 Gestione leggi per la creazione d’impresa e la promozione di forme di lavoro autonomo: 95/95, 236/93, 608/96 per incarico della IG SpA di Roma. Gestione Legge Regionale 1/98 per incarico della Regione Basilicata. A seguito della modifica dei regimi di aiuto a finalità regionale dei Paesi membri da parte della UE, è stata sospesa l’applicazione della LR 1/98. In particolare, nella seconda metà dell’anno, sono state bloccate tutte le attività di promozione della legge e si è proceduto a realizzare esclusivamente le attività in relazione ai progetti d’impresa già presentati. Contemporaneamente è stata avviata una fase di confronto con la Regione Basilicata al fine di elaborare modifiche al testo normativo che tengano conto delle prescrizioni della CE.

FATTI SALIENTI

A livello nazionale la Società per l’Imprenditorialità Giovanile SpA Roma si fonde per incorporazione in Sviluppo Italia SpA con delibera straordinaria del 2 marzo 2000 Rep 59115 Rog. 11293. In Basilicata si avviano le procedure finalizzate alla fusione per incorporazione di IG lucana SpA nella società Sviluppo Italia Basilicata SpA. Durante l’anno 2000 le attività svolte hanno riguardato il rafforzamento del ruolo dell’azienda quale promotore di nuova imprenditorialità giovanile; l’attuazione di interventi finalizzati alla diffusione di cultura d’impresa; alla progettazione e realizzazione di attività complementari promosse da Enti locali e da terzi.

2000 » IG LUCANA SPA


94 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Ed. Corso MT/Z1-1 N. 12 beneficiari Sede: Matera c/o struttura locale. Ed. Corso MT/Z1-2 N. 13 beneficiari Sede: Matera c/o struttura locale. Attività realizzate: Erogazione di servizi di Assistenza tecnica, amministrativo contabile e legale nella fase di realizzazione degli investimenti e di avvio delle iniziative, attività di controllo sull’avvio delle attività, sulla avvenuta realizzazione degli investimenti, sulla sussistenza dei requisiti soggettivi ed oggettivi.

Incarico del 28/03/2001 n. AG/SI/1376

SVILUPPO ITALIA SPA – ASSISTENZA TECNICA EX LEGE 608/96 ART. 9 SEPTIES COMMA 6 (TUTORAGGIO) N. 2 incarichi.

Incarico del 30/03/2001

Incarico del 15/06/2001 Durata 1 anno con decorrenza 19/03/01

ISTITUTO STATALE D’ARTE POTENZA – CONSULENZA GRUPPO DI LAVORO

SVILUPPO ITALIA SPA – ASSISTENZA TECNICA ALLA REGIONE BASILICATA PER CONTRATTO D’AREA La Regione Basilicata Dip. AAPP è responsabile unico per il Contratto d’Area per le aree industriali ex L. 219/81 della provincia di PZ a cui sono stati ammessi 23 progetti industriali. Sviluppo Italia incaricata di assistere la Regione con propri esperti nelle attività e si avvale della società territoriale per lo svolgimento delle attività relative all’attuazione dei 23 progetti industriali ammessi.

Durata: 10 mesi dalla data di sottoscrizione

Incarico del 28/03/2001 n. AG/SI/1377

Le attività realizzate riguardano: » l’assistenza tecnica per le fasi attuative relative ai 23 progetti industriali ammessi alle provvidenze del Contratto d’Area della provincia di PZ comprendente: verifica della documentazione necessaria all’erogazione delle agevolazioni » assistenza nella risoluzione di problematiche connesse alla realizzazione degli investimenti e all’avvio delle attività produttive, monitoraggio degli interventi ammessi, analisi delle varianti progettuali, verifica della sussistenza dei requisiti.

Progetto OFIA Programma PASS 3 QCS 94/99 POM 940022/I/1 - Corso di Formazione rivolto al gruppo di lavoro tra Istituti: Autonomia e nuove professionalità nella scuola per la realizzazione del Piano dell’offerta Formativa - Sede di Potenza.

Ed. Corso MT/Z1 – 1 e 2 Sede: Matera c/o struttura locale. Attività realizzate: Formazione e assistenza tecnica per l’avvio di iniziative di lavoro autonomo diretta a coloro che hanno superato la fase di orientamento.

Incarico del 15/01/2001 n. L10/A1L10283/20010138

SVILUPPO ITALIA SPA – ATTIVITÀ DI FORMAZIONE E ASSISTENZA TECNICA PER L’AVVIO DI INIZIATIVE DI LAVORO AUTONOMO EX ART. 9 L. 608/96

Durata: 10 mesi dalla data di sottoscrizione

L’attività di assistenza realizzata in relazione alla pianificazione e realizzazione dei programmi di selezione e reclutamento di nuovo personale per uno stabilimento ha riguardato: la definizione del testo di inserzione e pubblicazione annuncio raccolta e analisi curricula; l’individuazione candidati idonei, sintesi risultati selezione e presentazione rosa di candidati, supporto logistico e segretariale.

DATI

Incarico del 02/01/01

ATTI

ASSISTENZA AI PROGRAMMI DI SELEZIONE E RECLUTAMENTO DI RISORSE Incarico da parte di azienda locale.

FATTI SALIENTI

L’anno 2001 è caratterizzato da numerose variazioni della compagine sociale del BIC Basilicata in vista della fusione per incorporazione in Sviluppo Italia Basilicata

2001 » SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 95

Accordo di partecipazione nell’ambito del Progetto Regio Link “Programma comunitario Recite II” 2001-2002. L’obiettivo del progetto consiste nell’assistere le piccole e medie imprese nell’approccio e nel consolidamento delle strategie di internazionalizzazione e di cooperazione tra aziende sui mercati europei. Risultati La società viene designata dalla Regione Basilicata come Mandated Body cioè come proprio organismo operativo per il supporto all’attuazione del progetto, previo accreditamento presso la Commissione Europea ai sensi del regolamento Phare. Nell'ambito della Sub Component C4 coordinata da Sviluppo Italia Basilicata è stata elaborata da un gruppo di lavoro italo - ungherese una guida per l'implementazione di Studi di fattibilità in Ungheria. Le attività di gemellaggio hanno previsto: » assistenza nell’organizzazione e nella progettazione dei contributi delle Regioni per la preparazione del Piano di Sviluppo nazionale, del programma operativo per lo sviluppo regionale e dei programmi operativi settoriali » formazione sull’impiego dei fondi strutturali e l’assistenza nella definizione di strutture adatte per l’implementazione ed il controllo del POR » formazione diretta ad ampliare la conoscenza di base e la capacità operativa del personale della Pubblica Amm.ne regionale e locale coinvolto nella programmazione e implementazione del POR » assistenza per lo sviluppo di un sistema di formazione permanente

Twinning Covenant (Accordo di gemellaggio) del 12/01/2001 tra Ungheria, Italia, Germania – Reference HU 0008-01 RPP Delibera di GR Basilicata n. 1118 del 23/05/2001 di condivisione del progetto di assistenza, di approvazione convenzione tra le amministrazioni italiane promotrici, il documento riporta in premessa verifica degli organismi accreditati (mandated Body) tra cui il BIC Basilicata Convenzione del 22/06/2001 tra il MEF DPS e le 4 Regioni Italiane Durata: 01/09/2001-01/09/2003

RPP PHARE TWINNING UNGHERIA (Regional Preparatory Programme for the Implementation of Structural Funds Regulations) Valore Progetto € 1.183.000 Sintesi Il programma comunitario Phare/89 relativo all’assistenza in favore degli stati candidati all’adesione all’Unione Europea, prevede l’assistenza ai paesi dell’Europa centrale e orientale candidati all’adesione all’unione medesima ed in particolare la realizzazione di progetti di gemellaggio – finanziati dal programma – finalizzati all’adeguamento alle normative e agli standard comunitari delle Pubbliche Amm.ni. Il MEF con le 4 regioni partner presentano un’offerta congiunta di progetto di gemellaggio riscontrato positivamente dalle autorità ungheresi con l’integrazione partecipativa della Germania. Il progetto viene approvato dalla Commissione Europea. Le attività esecutive del progetto vengono svolte sia direttamente, sia attraverso mandated body individuati in: Ervet per la Regione Emilia Romagna Informest per la Regione Friuli VG

Progetto: Revitalisation in the Zala Bend Hungary Job Title: Training Mission Zala Bend Hungary Job description: Study Tour Programme L’organizzazione dello Study Tour in Basilicata ha implicato la visita del gruppo di 10 ungheresi c/o il Parco della Grancia, Cosvel, Assofruit, Assindustria Pz, CCIAA PZ e MT, APT, Parco Letterario Carlo levi, Basentech, API, Matera Rioni Sassi.

» la riutilizzazione produttiva dei cespiti aziendali ubicati nelle aree di cui all’art. 39 del TU D.LGS 76/1990 in attuazione dell’art. 2 comma 5 DL 398/1993 convertito dalla L. 493/93. comprendente: mappatura dei siti e dei relativi cespiti industriali; definizione delle procedure di rassegnazione dei lotti e dei relativi cespiti industriali; supporto all’attività istruttoria delle iniziative imprenditoriali candidate, monitoraggio degli interventi ammessi.

DATI

Incarico 21/11/2001

Durata: 5 giorni (22-27 luglio 2001)

Contract Agreement del 04/07/2001

ATTI

REGIO LINK Accordo di partecipazione di un’azienda locale.

SCANAGRI DENMARK A/S - STUDY TOUR Organizzazione di uno Study Tour operatori ungheresi.

FATTI SALIENTI

2001 | SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


96 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

EVOLUZIONI SOCIETARIE L’anno 2001 è caratterizzato da numerose variazioni della compagine sociale del BIC Basilicata in vista della fusione per incorporazione in Sviluppo Italia Basilicata. La gran parte delle società consorziate cede il proprio pacchetto azionario a Sviluppo Italia SpA. Il socio Banca Intesa SpA a seguito di incorporazione della Banca Commerciale Italiana diventa Intesa BCI SpA (1/5/01).

Finpiemonte per la regione Piemonte che curerà anche la gestione finanziaria e amm.va del progetto. Systema BIC Basilicata per la Regione Basilicata. Obiettivi Training e assistenza alla pubblica amm.ne ungherese in tema di programmazione e gestione delle risorse provenienti dai Fondi Strutturali e creazione di relazioni con i soggetti istituzionali ungheresi in materia di sviluppo locale. Target Pubbliche amministrazioni ungheresi (amministrazione centrale, macro regioni, contee, micro regioni), Agenzie di Sviluppo regionali e locali. Azioni Il Progetto RPP Twinning si articola in 4 componenti principali: Componente A - Sviluppo Local Componente B - Implementazione e strutture di monitoraggi Componente C - Capacity Building - Project Pipeline Componente D - Programma di Formazione Sostenibile. Territori coinvolti Italia, Germania, Ungheria. Partnership di sviluppo Capofila MEF Ministero dell’Economia e delle Finanze Dipartimento Politiche di Sviluppo e Coesione. Partner: 4 Regioni Italiane (Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Basilicata supportate dai rispettivi Mandated Bodies); il Land del Brandeburgo (Germania). Ruolo di Sviluppo Italia Basilicata Mandated Body della Regione Basilicata. La società ha coordinato e organizzato le attività, erogato supporto tecnico di breve e medio periodo attraverso i propri esperti.

FATTI SALIENTI

ATTI

Presidente e Amministratore Delegato Raffaele Ricciuti.

CAP. SOC. SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA: € 2.065.871 i. v. Compagine sociale Banca Popolare del Materano SpA – 92.962 CCIAA Matera – 4.648 Intesa BCI SpA – 92.962 Proser Srl – 37.185 Sviluppo Italia SpA – 1.838.114

Sono state coinvolte 879 istituzioni comprensivi dei membri delle amm.ni ungheresi. La società ha realizzato 300 gg/uomo tra attività di assistenza tecnica, formazione e training alle amm.ni ungheresi.

Il progetto ha raggiunto tutti gli obiettivi prefissati nel Covenant in particolare quelli di training e assistenza nell’implementazione dei fondi strutturali e la gestione del POR affidati alla società. La collaborazione è stata particolarmente apprezzata ed ha contribuito all’aggiudicazione da parte del partenariato italiano di un nuovo progetto di gemellaggio in Polonia e Bulgaria

sul funzionamento dei fondi strutturali rivolto al personale delle amministrazioni regionali e locali.

DATI

2001 | SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 97

CAP SOC SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA: Il Capitale Sociale viene aumentato a L. 2.566.680.000 (€ 1.309.006,8). SOCI Le nuove azioni vengono ripartite tra Sviluppo Italia Spa maggiore azionista (n. 2.289.007 azioni) e Regione Basilicata (n. 277.673 azioni). Amministratore Unico: Carlo Borgomeo.

34

34 SETTORI INDUSTRIA SERVIZI AGRICOLTURA

10 N. 18 9 7

INIZIATIVE AMMESSE

37.956.743

INVESTIMENTI PREVISTI (EURO)

4

RISORSE IMPEGNATE

/

RISORSE EROGATE

440

NUOVI ADDETTI A PIANO

13 SETTORI SERVIZI

DOMANDE PRESENTATE

10

PROGETTI ISTRUITI

2 N. 10

INIZIATIVE AMMESSE

3.626.952

INVESTIMENTI PREVISTI (EURO)

4

RISORSE IMPEGNATE

/

RISORSE EROGATE

118

NUOVI ADDETTI A PIANO

Risultati conseguiti nell’anno 2001 in relazione alle attività di cui alla legge 236/93:

PROGETTI ISTRUITI

DOMANDE PRESENTATE

MICROIMPRESA Domande pervenute n. Domande istruite n. Domande ammesse ai finanziamenti n. Risorse impegnate Risorse erogate SETTORI Produzione di beni Fornitura di servizi

OCCUPAZIONE STIMATA COMPLESSIVAMENTE N. 616

LAVORO AUTONOMO (già Prestito d'Onore) Domande pervenute n. 1.428 Domande istruite n. 764 Domande ammesse ai finanziamenti n. 513 Risorse impegnate € 26.991.739,91 Risorse erogate € 11.914.587,33 SETTORI n. Artigianato 58 Commercio 250 Servizi 192 Servizi in agricoltura 7 6 Turismo

6 / / / / n. / /

semplice, società in accomandita per azioni, società per azioni, società a responsabilità limitata, società cooperative di nuova costituzione, a maggioranza assoluta, finanziaria e numerica da parte di giovani residenti nei territori di applicazione. Per il Lavoro autonomo (già prestito d’onore L.608/96), destinatari delle agevolazioni sono soggetti non occupati, residenti nei territori di applicazione della normativa, maggiorenni. Per la Microimpresa D.Lgs.185/2000 – Tit. II intervenuto in sostituzione delle precedenti leggi, destinatarie delle agevolazioni sono le società in nome collettivo, semplici e in accomandita semplice, di nuova costituzione, in cui almeno la metà numerica dei soci detenga almeno la metà delle quote di partecipazione e siano in possesso dei requisiti di maggiore età, non occupazione, residenza nei territori di applicazione della normativa.

Risultati conseguiti nell’anno 2001 in relazione alla L. 608/96 e successive variazioni

Ruolo della società Per le leggi 95/95 e 236/93: » Attività di promozione, compresa la formulazione di pareri di accoglibilità » Istruttoria tecnico-economica delle domande e delibera di proposta del CdA, compresi gli incontri con le compagini. Per la Legge 608/96: » attività di promozione, di istruttoria delle domande, di gestione dell’iter di formazione e selezione e deliberazione delle proposte di non ammissione o ammissione ai benefici di legge. Destinatari Per la L.95/95 (ex 44) e 236/93 destinatarie delle agevolazioni sono le società in nome collettivo, semplici e in accomandita

Risultati conseguiti nell’anno 2001 in relazione alle attività di cui alla legge 95/95:

DATI

Breve descrizione Legge 95/95 (ex L.44/86) finalizzata alla promozione ed il sostegno di nuova imprenditorialità giovanile nei settori dell’agricoltura, artigianato, industria e servizi alle imprese Legge 236/93 finalizzata alla promozione ed il sostegno di piccole imprese di servizi nei settori dell’innovazione tecnologica, della tutela ambientale, del turismo, della fruizione dei beni culturali, della manutenzione di opere civili e industriali e della commercializzazione di prodotti agroindustriali. L. 608/96 finalizzata alla promozione ed il sostegno di nuova imprenditorialità giovanile, sotto forma di ditta individuale, nei settori artigianato, industria e servizi alle imprese.

L. 95/95 – L. 236/93 – L. 608/96

Sviluppo Italia Basilicata è subentrata in tutti i diritti e le obbligazioni già facenti capo a IG Lucana SpA incorporando attività, risorse, competenze, esperienze. Alla società sono pertanto trasferiti tutti processi facenti capo alle L. 95/95 - 236/93 - 608/96 - L.R. 1/98

FATTI SALIENTI

In data 17 dicembre 2001 con atto Notaio Castellini di Roma Rep. 64515 RACC. 12503 la Società Lucana per l’imprenditorialità Giovanile SpA viene incorporata in Sviluppo Italia Basilicata SpA.

IG LUCANA SPA/SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA

2001 » IG LUCANA SPA - SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


98 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Convenzione del 01/11/2002

PRO – DIALOGUE Commissione Europea DG Occupazione e Affari Sociali - Regolamento Fondo Sociale Europeo - Articolo 6 Valore progetto: € 2.369.000

Durata: 01/11/2002-01/11/2003

Protocollo di intesa del 31 gennaio 2001

Periodo Fino allo scioglimento della IGL SpA

Convenzione del 24/04/1998 con IG Lucana Spa (ora Sviluppo Italia Basilicata) regolante la gestione dei fondi destinati alle finalità di cui alla L.R. 07/01/1998 n. 1

ATTI

APOF SPA E IG LUCANA SPA – PROTOCOLLO DI INTESA La Provincia di Potenza per l’attuazione della delega prevista dalla L.R. 12/98 Modalità di trasferimento ed esercizio delle funzioni delegate alle Province in materia di formazione professionale ai sensi della L.R. 22/96, si è dotata di un’Agenzia Provinciale per la Formazione e l’Orientamento Professionale operante sul territorio con 10 sedi collegate in rete (Potenza, Lauria, Senise, Melfi, Villa D’Agri, Brienza, Rionero, Venosa, Bella, Sant’Arcangelo). L’APOF stipula con la IG Lucana un protocollo di intesa per attività di orientamento e formazione.

Destinatari Compagini sociali costituite interamente da persone max 36 anni di età, residenti in Basilicata e cooperative sociali di tipo B) ai sensi della legge 381/91.

Ruolo della società » Attività di Sensibilizzazione alla creazione di nuova imprenditorialità giovanile svolti mediante attività di diffusione di cultura di impresa, di informazione sulle opportunità esistenti, di assistenza ed orientamento alla progettazione, di comunicazione e di divulgazione » Attività di verifica requisiti per accettazione domande, verifica della fattibilità tecnico-economica dei progetti, delibera di ammissione » Affiancamento alle imprese beneficiarie » Erogazione delle agevolazioni finanziarie » Controllo del rispetto dei squisiti di legge e dell’andamento aziendale » Misurazione degli effetti complessivi dell’intervento da un punto di vista occupazionale, economico e della diffusione di impresa » Erogazione delle agevolazioni finanziarie » Monitoraggio delle iniziative.

L. R. 1/98 Legge regionale n. 1/98 per la promozione ed il sostegno di nuove iniziative imprenditoriali e produttive in favore dell’occupazione nei settori Artigianato, Agricoltura, Industria, servizi alle P.A. e alle persone.

FATTI SALIENTI

3 N. 2 1

PROGETTI ISTRUITI

1

INIZIATIVE AMMESSE

463.983

INVESTIMENTI PREVISTI (EURO)

15

NUOVI ADDETTI PREVISTI

Risultati In Basilicata è stato realizzato un convegno internazionale a Matera nel mese di Maggio 2003.

Attività previste Attivare momenti di consultazione permanente e di collaborazione al fine di individuare modalità operative e organizzative idonee per un efficace sviluppo delle attività di orientamento e formazione dell’Agenzia; Favorire la partecipazione di un’utenza dei servizi APOF a seminari informativi promossi dalla IG Lucana; realizzare forme di assistenza tecnica da parte della IG Lucana all’interno di moduli di formazione orientativa organizzati dall’APOF d’intesa con i Centri per l’Impiego; sperimentare all’interno delle strutture di servizio APOF un dispositivo di mediazione alla creazione di impresa attraverso momenti di verifica e rinforzo delle motivazioni di giovani da indirizzare ai servizi e alle agevolazioni finanziarie gestititi dalla IG; assicurare la disponibilità di strutture e spazi attrezzati nonchè ad impegnare proprio personale qualificato da impegnare nella sperimentazione.

0 SETTORI SERVIZI ARTIGIANATO

DOMANDE PRESENTATE

Risultati conseguiti nell’anno 2001 in relazione alle attività di cui alla L.R. 1/98:

DATI

2001 | IG LUCANA SPA - SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 99

Sintesi Il progetto ha previsto l’ideazione e lo sviluppo di forme di dialogo sociale nuove e multipartecipative nell’ambito del settore agricolo e dell’industria ad esso collegata, rivolgendo particolare attenzione ai bisogni delle economie locali e regionali. Obiettivi Rilanciare l’occupazione locale e regionale Rispondere agli imperativi provenienti dalle nuove tecnologie, dai mercati e dal processo europeo di integrazione sociale ed economica, stabilire su base trasnazionale il framework per azioni congiunte allo scopo di indagare meccanismi di anticipazione, sviluppare piani di adattamento ed intraprendere misure preventive per eliminare vincoli sociali ed economici sia a livello locale che regionale. Target Imprese del settore agro-industriale, associazioni di categoria, sindacati, enti locali. Attività Identificazione e analisi dei gruppi target; Studi sul settore agricolo; analisi delle forme esistenti di dialogo sociale; sviluppo di un modello integrato di gestione manageriale concernente le imprese agricole; implementazione del modello; sviluppo di un sistema per migliorare le capacità gestionali degli imprenditori agricoli; programma di formazione per il target di progetto creazione di un network informativo concernente il dialogo sociale; disseminazione dei risultati del progetto. Ruolo dei partner Sviluppo e creazione di forme innovative e sostenibili e/o metodi di aggiustamento strutturale del lavoro settoriale e delle strutture organizzative produttive per favorire tipologie di attività economiche pertinenti, efficaci e sostenibili, analizzando gli aspetti funzionali dell’occupazione, dell’occupabilità, delle operazioni commerciali nelle due aree selezionate della Grecia, Imathia (Macedonia Centrale) e Messinia (Peloponneso). Partnership IG Lucana SpA, Territorial Employment Pact of IMATHIA (Grecia), RESEARCH INSTITUTE OF URBAN ENVIRONMENT & HUMAN RESOURSES (Grecia), MESSINIAN Chamber of Commerce (Grecia),GNOSSI TRAINING INSTITUTE (Grecia), AL.M.ME – Association of Agricultural Cooperatives – Grecia, MILITOS Emerging and Technologies and Services (Grecia), BIC EURONOVA (Spagna), BIC ALGARVE-HUELVA (Portogallo), CCI MARCEILLE-PROVENCE (Francia), BIC OF ATTIKA, GENERAL CONFEDERATION OF GREEK LABOUR.

FATTI SALIENTI

ATTI

I soggetti istituzionali coinvolti distinti per tipologia sono ca 20 (tra questi Regione Provincia Comune Mt CCIAA Consorzio Ind. li, API, Sindacati, Universi Associazioni di categoria APT Aziende agricole) I paesi partner coinvolti sono stati: la Grecia, la Spagna, la Francia e il Portogallo. Il sito è stato realizzato con la partecipazione di tutti i partner. Nell’ambito delle attività la società ha erogato n 683 gg/uomo. Risultati generali costruzione di un network di consultazione e collaborazione a livello regionale per la costruzione e miglioramento del dialogo sociale del territorio; generazione di forme innovative di attività economiche nel settore agricolo e implementazione di un framework per l'effettivo sfruttamento dei contributi nazionale e comunitari; scambio di esperienza tra i partners internazionali.

DATI

2001 | IG LUCANA SPA - SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


100 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Durata: 17/05/2002-17/05/2004

Approvazione progetto con D. D. 483 della Regione Basilicata del 17/05/2002 Cod. ITG-BAS-002

ATTI

Procuratore Speciale di Sviluppo Italia Basilicata: Raffaele Ricciuti Amministratore Delegato: Raffaele Ricciuti nominato dal CdA del 09/05/2002 Presidente: Aurelia Traficante

Risultati » Analisi territoriale e Mappa delle Opportunità turistiche offerte dall’area territoriale di competenza delle 4 Comunità Montane; » Definizione dei criteri di Qualità Ospitale; » Redazione del Manuale di Qualità Ospitale dell’area; » Studio, organizzazione e start up del Centro Servizi operante sul territorio rivolto al sostegno dell’integrazione sociale ed economica delle persone con bisogni speciali; » Organizzazione del Laboratorio; » Promozione del progetto verso i destinatari finali e percorsi di formazione; » Assistenza allo start-up; » Realizzazione del book Offerta per la Filiera Turistica; » Attività promozionale dell’offerta e scambio delle esperienze. Gli imprenditori e i giovani disoccupati che hanno beneficiato dell’iniziativa sono tutti coloro che hanno partecipato ai seminari di aggiornamento (ca 10) e ai moduli formativi (ca 250 ore). I progetti supportati riguardano l’analisi e l’adeguamento per l’accoglienza di persone con bisogni speciali.

DATI

Soci (azioni nominali ordinarie € 0,51 cadauna) Banca Popolare del Materano SpA – n. 146.463 CCIAA Matera – n. 7.323 Intesa BCI SpA – n. 146.463 (in seguito Intesa San Paolo SpA a seguito di incorporazione della Banca Intesa di Sanpaolo IMI del 1/1/07) Proser Srl – n. 58.586 Sviluppo Italia SpA – n. 5.184.972 Regione Basilicata – n. 277.673

EQUAL HERCULIA PROGRAMMA DI INIZIATIVA COMUNITARIA AZIONE 2 MISURA 2.2 – FSE – REGIONE BASILICATA Valore progetto: € 810.000,00 Sintesi Obiettivo generale del progetto: incrementare le prospettive occupazionali di lavoratori discriminati dal mercato del lavoro locale attraverso la valorizzazione e riqualificazione delle risorse turistiche territoriali. Definizione e realizzazione di un modello di ospitalità (albergo diffuso) che soddisfi le condizioni di accessibilità e qualità dell’accoglienza ed utilizzi l’impresa sociale e la micro impresa come leva per l’integrazione delle persone con disabilità e come risposta originale alle esigenze di sviluppo turistico sostenibilità. Obiettivi progetto Sviluppo di servizi e nascita di imprese sociali che abbiano come obiettivo finale l’inserimento o il reinserimento lavorativo di soggetti svantaggiati, attraverso la creazione e/o il consolidamento di forme di imprenditorialità sociale; sperimentazione e avvio di nuovi servizi capaci di dare valore aggiunto alla filiera del turismo locale sperimentando da un lato nuove modalità di erogazione degli stessi, dall’altro promuovendo la partecipazione diretta degli utenti dei servizi erogati alla gestione dei servizi stessi; definizione di criteri di valutazione dei servizi focalizzati sul grado di soddisfazione dell’utente e sulla sua reale partecipazione nella definizione dei criteri di qualità nonché alla gestione del servizio stesso; sviluppo di figure professionali innovative capaci di migliorare gli strumenti e le modalità di erogazione dei servizi dell’economia sociale. Target Enti e Istituzioni; organizzazioni e associazioni del sociale; PMI del settore; operatori della filiera economica del turismo, giovani e disoccupati, fasce deboli.

FATTI SALIENTI

In data 26 settembre 2002, con atto di fusione del 6 settembre 2002, rogato dal Notaio Dr. Antonio Di Lizia, Rep. N. 59969, Racc. n. 9319, iscritto nel Registro delle Imprese di Potenza, la società SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA viene incorporata nella società SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA con sede in Potenza al V.le dell’Unicef sn, codice fiscale e n. di iscrizione al Registro Imprese di Potenza 06285661002 con efficacia dal 30/09/2002 Il Capitale Sociale viene aumentato ad € 2.968.954,80.

2002 » SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA - SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 101

EQUAL RADICI PROGRAMMA DI INIZIATIVA COMUNITARIA – FSE Valore progetto € 1.399.000,00 Sintesi progetto Il progetto radici è stato selezionato dal Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali per promuovere forme di nuova occupazione e nuova imprenditorialità partendo dalla valorizzazione del patrimonio culturale con le proprie specificità locali, talenti, abilità produttive, produzioni tipiche. Obiettivi Coniugare nuova imprenditorialità e fruizione dei beni culturali ed ambientali favorendo la creazione di impresa in ambito turistico (turismo ambientale, culturale, paesaggistico, enogastronomico). Target Disoccupati residenti nelle 4 province di Salerno Bari Lecce Matera orientati verso forme di lavoro autonomo, portatori di idee da sviluppare intorno al tema dei servizi per il tempo libero ed il turismo. Partnership Istituzionale: Province di Matera, Salerno, Lecce e Bari, Legambiente Tecnica: Beta Consult (soggetto referente), Sviluppo Italia Basilicata, banca Etica, Novaform, Promez, Clio.

Ruolo di Sviluppo Italia Basilicata Progettazione, coordinamento delle attività, raccolta ed elaborazione dei dati richiesti. Ruolo dei partner Co.val.tur – soggetto referente: gestione amm. Va e finanziaria APT Basilicata: promozione del prodotto turistico Comunità Montane Marmo Platano, Melandro, Alto Agri e Medio Agri, ed altri Istituti regionali: sensibilizzazione e diffusione, promozione e reclutamento, assistenza ed organizzazione logistica ai beneficiari e del Centro Servizi UTC Umbria training center: valutazione CCIAA PZ: assistenza tecnica centro servizi Lattanzio e associati: controllo di gestione Durante l’esecuzione del progetto hanno partecipato altri organismi sociali come Tandem, il GAL ACTA Valle dell’Agri, il C.S.R. Marmo Melandro, la C.I.A. e l’associazione Arco, la Fondazione La città del Sole, Crescere Insieme, Il Samaritano, la Caritas Diocesana.

FATTI SALIENTI

Accordo di cooperazione del 11/04/02 Durata: 2002/2005

ATTI

Ruolo di Sviluppo Italia Basilicata: animazione territoriale Risultati » Ricerca su itinerari a tema e pacchetti di offerta » Animazione e pubblicizzazione dell'intervento mediante incontri mirati con gruppi bersaglio di potenziali beneficiari sui territori delle province finalizzata a suscitare l'interesse dei potenziali destinatari delle azioni intorno al tema della creazione di nuova occupazione e di nuova impresa. L’azione promozionale è stata realizzata su 30 comuni delle 4 province, intercettando ca 170 candidati beneficiari dell’azione formativa » Orientamento: definizione di nuovi profili professionali; bilancio delle competenze per 450 giovani delle province interessate dalle attività del progetto » Formazione in aula (100 ore) + formazione a distanza (100 ore) per circa 100 dei 450 beneficiari del bilancio delle competenze di cui alla fase precedente » Accompagnamento alla creazione d'impresa mediante azioni finalizzate alla nascita di imprese operanti nell'ambito dei servizi al turismo e della fruizione dei beni culturali e ambientali del territorio di riferimento con gli strumenti di finanziamento di Sviluppo Italia.

DATI

2002 | SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA - SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


102 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

LABORATORIO DI INNOVAZIONE DEI SERVIZI PER LE NEO IMPRESA PON AZIONI DI SISTEMA – TRASFERIMENTO BUONE PRATICHE – PON IT OB1 IT 161PO 001 AVVISO 5/01 MINISTERO DEL LAVORO - FSE Valore progetto € 500.000,00 Sintesi progetto Il progetto riguarda il trasferimento di buone pratiche di tipo orizzontale: dal campo dei servizi alle imprese al campo dei servizi allo start up. Obiettivi Potenziamento dei servizi per le PMI favorendo reti di cooperazione tra soggetti operanti e potenziandone le metodologie Strumenti e tecniche di tutoring e consulenze Sperimentazione di nuovi modelli e metodologie di servizi informativi, formativi e di consulenza alle imprese basati sull’utilizzo delle nuove tecnologie. Attività 1. Costituzione dei team di realizzazione del progetto di trasferimento: condivisione obiettivi di trasferimento e sviluppo; definizione team di progetto; progettazione esecutiva; progettazione strumenti operativi (portale e piattaforma); predisposizione comunità virtuale 2. Sensibilizzazione sul territorio: seminari formativi alle strutture territoriali coinvolte; attivazione comunità di pratiche dei tutor e dei consulenti; scelta delle imprese con cui effettuare la sperimentazione pilota 3. Attività di scambio: ricerca delle buone pratiche nei servizi alle Pmi, sperimentate nei territori Ob.1 e Ob.3; identificazione buone pratiche importabili 4. Attività di ricerca e sviluppo: Sviluppo del portale e della piattaforma alla luce dei contributi emersi nelle fasi precedenti; messa a punto in dettaglio della metodologia da trasferire e sperimentare 5. Attività di formazione: sperimentazione buona pratica sul campione di imprese definito attraverso percorsi formativi modulari ed erogazione servizi on line 6. Monitoraggio e autovalutazione: definizione sistema di monitoraggio; attività di monitoraggio; validazione buona pratica 7. Attività seminariali ed informative: diffusione risultati della sperimentazione tramite convegni nei territori di riferimento. Territorio: Basilicata, Campania, Calabria, Sicilia. Target Formazione di 1° livello a tutor e consulenti operanti all'interno delle strutture partner del progetto PMI finanziate con la L. 608/96.

FATTI SALIENTI

Durata: 01/07/02-20/09/03

Contratto del 01/07/2002

ATTI

Ruolo SIB La società ha partecipato alle attività di coordinamento generale del progetto e ha collaborato alle attività di reingegnerizzazione della buona pratica e trasferimento alle PMI. Risultati Realizzati n. 2 eventi di comunicazione in Basilicata Coinvolte n. 12 PMI Condotta a termine l’azione di trasferimento della buona pratica sperimentata all’interno del progetto LSN. Soddisfacenti le dinamiche relazioni e le sinergie sviluppate con l’intero gruppo di imprese della sperimentazione. Il sito web di progetto è stato implementato su apposita piattaforma telematica attivata solo per il periodo di sperimentazione on line. L’adozione di modalità innovative nell’erogazione/fruizione di servizi informativi, formativi e consulenziali ha permesso margini di miglioramento nell’efficacia ed efficienza delle attività delle PMI coinvolte.

DATI

2002 | SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA - SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 103

Risultati: » Attività di istruttoria delle pratiche pervenute fino al 20/07/2002 » Attività di selezione e valutazione secondo le indicazioni fornite dalla Regione Basilicata di tutte le pratiche risultanti con errore alla data del 20/07/2002 » Attività di chiusura e consegna della documentazione cartacea presso la Regione Basilicata avvenuta in data 30/07/2002. N. pratiche istruite: 42.822

Incarico del 23/04/2002

ISTRUTTORIA DOMANDE – UN COMPUTER IN OGNI CASA La società aggiudicataria dell’appalto indetto della Regione Basilicata per “l’implementazione di accessi residenziali dei cittadini della Basilicata alla rete telematica nell’ambito del piano regionale per lo sviluppo, affida alla società l’erogazione di alcuni servizi previsti nell’art. 3, in particolare la gestione amministrativa della fase istruttoria della documentazione restituita dai cittadini aventi diritto al contributo regionale per l’acquisto di una postazione informatica.

Durata: Aprile-Luglio 2002

Risultati: n. 1 giornata di affiancamento consulenziale.

Incarico di collaborazione professionale del 28/02/2002

GAL LE MACINE – ACCETTURA Incarico di consulenza Il GAL Le Macine, nell’ambito del progetto Interventi di formazione e sostegno per la costituzione di 50 sportelli unici per gli impianti produttivi di cui è attuatore, affida l’incarico di consulenza.

Risultati: Realizzata un’attività di orientamento e formazione finalizzata alla promozione e sostegno alla nascita di nuove imprese giovanili e di forme di lavoro autonomo a favore degli utenti dei servizi APOF per un numero complessivo di 300 ore.

Risultati: n. 120 ore di inserimento aziendale per 15 allievi del corso di formazione.

Risultati: Erogazione di n. 80 ore di docenza su Project management Cycle.

DATI

Contratto per prestazioni di servizi del 14/02/2002

Convenzione per attività di inserimento aziendale del 02/04/2002

Affidamento di Incarico del 10/01/2002

ATTI

APOF SPA POTENZA – AGENZIA PROVINCIALE PER L’ORIENTAMENTO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE MISURA E1 PARI OPPORTUNITÀ – INTERVENTI FORMATIVI

Incarico da parte di società locale.

INSERIMENTO AZIENDALE - PROGETTO JOB CREATION ART. 26 L. 845/78 II ANNUALITÀ - CORSO DI FORMAZIONE ESPERTO IN EURO

Incarico da parte di società locale.

DOCENZE - PROGETTO JOB CREATION ART. 26 L. 845/78 Ministero del lavoro e P.S. cofinanziato dalla Regione Basilicata Dip. FL - II Annualità - Corso di Formazione Esperto in Euro.

Partnership Capofila RTM SpA, ELEA SPA, Fondazione Idis Città della Scienza, CEII Calabria Eurobic SCpa, Eurobic Sud Sicilia CEII Scpa, Sviluppo Italia Basilicata SpA.

FATTI SALIENTI

2002 | SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA - SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


104 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Obiettivi del Contratto d’Area » dare impulso alla ripresa industriale delle aree realizzate nella Provincia di Potenza dopo il sisma del 1980 » creare nuova occupazione in aree dove l’andamento negativo dello sviluppo produttivo ha condotto ad espellere manodopera anziché ad assumere » migliorare gli elementi di attrazione del territorio sotto il profilo economico, sociale ed ambientale al fine di creare convenienza agli investimenti. » Aziende finanziate: 23 » Investimenti previsti: 148.010.866,30 » Contributi pubblici:127.739.209,90 » Occupazione prevista: 1.235 unità » Opere infrastrutturali: 7

Sintesi Il Contratto d’Area per le aree industriali della provincia di Potenza è uno strumento di programmazione negoziata finalizzato al completamento dell’industrializzazione di alcune aree avviato con la legge 219/81.

La Regione Basilicata Dip. AA.PP ha conferito a Sviluppo Italia Basilicata l’incarico per lo svolgimento delle attività di Assistenza Tecnica per le fasi attuative del Contratto d’Area per le aree industriali della provincia di Potenza.

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE, POLITICHE DELL’IMPRESA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA. CONVENZIONE PER LE FASI ATTUATIVE DEL CONTRATTO D’AREA DELLA PROVINCIA DI POTENZA

Atto modificativo della convenzione del 30/10/2006 con efficacia da 1/1/2007

Durata: dalla data di sottoscrizione al 31/12/2003 con tacito rinnovo annuale

Convenzione con Sviluppo Italia Basilicata del 28/11/2002

Delibera GR Basilicata del 11/10/2002 n. 1826

Nell’ambito della convenzione sono state svolte le seguenti attività: » accelerazione e snellimento delle procedure autorizzative connesse all’attuazione del contratto d’area » assunzione di iniziative in caso di inadempienze » assistenza nella risoluzione di problematiche connesse alla realizzazione degli interventi ammessi e allo start up delle attività produttive » istruttoria delle richieste di erogazione dei contributi » analisi delle varianti progettuali » verifica della sussistenza dei requisiti e richiesta al MAP di eventuale revoca agevolazioni » attivazione procedure finalizzate al recupero dei risorse assegnate e non utilizzate » predisposizione di proposte di rimodulazione » riassegnazione di risorse finanziarie » monitoraggio delle iniziative imprenditoriali agevolate » redazione di relazioni periodiche » rendicontazione delle spese sostenute » procedure di selezione del personale da adibire alle attività istruttorie » formazione/affiancamento al personale della regione Basilicata nelle attività di istruttoria. Le attività di assistenza tecnica espletate hanno consentito alla Regione Basilicata di ottenere i risultati sotto esposti e di ultimare il processo di istruttoria delle richieste di erogazione presentate. Sono state verificate le richieste di Anticipazione, 1° SAL, 2° SAL e documentazione finale di 21 iniziative, (2 iniziative non hanno avviato l’investimento). Delle 21 iniziative che hanno presentato la documentazione finale dell’investimento, 3 hanno subito la revoca dei contributi. Le restanti 18 iniziative hanno completato l’investimento ed hanno avviato le attività.

Risultati: Le attività espletate (analiticamente descritte nel precedente incarico del 15/06/01) consistenti sinteticamente nell’istruttoria delle richieste, verifica dei requisiti, predisposizione rimodulazioni e monitoraggio iniziative sono state riconfermate nell’anno 2002. Nel corso dell’anno sono state erogate: 176 gg/uomo contrattualizzate.

Convenzione con Systema BIC Basilicata del 12 giugno 2002

SVILUPPO ITALIA SPA (M. CAPUTI) – ASSISTENZA TECNICA ALLA REGIONE BASILICATA PER CONTRATTO D’AREA Durata 1 anno con decorrenza 19/03/2002

Attività: Nomina di AD Ricciuti a componente della Commissione Selezionatrice dei candidati all’VIII Master di Sviluppo Economico in Gestione Aziendale per realizzare la selezione curriculare e i colloqui individuali.

DATI

Delibera di CdA del FORIM n. 5 del 28/03/2002

ATTI

FORIM AZIENDA SPECIALE CCIAA PZ – VIII MASTER DI SVILUPPO ECONOMICO IN GESTIONE AZIENDALE Nomina componente commissione esaminatrice

FATTI SALIENTI

2002 | SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA - SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 105

Risultati: n. 16 ore di docenza sul tema Analisi di bilancio n. 9 ore di docenza sul tema MKTG territoriale Risultati: n. 2 ore di docenza sul tema start up di impresa, orientamento alla scelta della forma giuridica di impresa, leggi per l’imprenditorialità giovanile. Realizzati: » l’analisi socio economica del territorio » la ricerca e inventariazione dettagliata e puntuale delle risorse direttamente o indirettamente connesse al turismo, presenti nel territorio di Abriola e nei comuni limitrofi (Pignola, Marsico Nuovo, Calvello, Sasso di Castalda) » l’analisi dello stato di conservazione e di usufruibilità delle risorse inventariate » proposte di interventi e investimenti per la valorizzazione turistica dell’area » l’analisi di fattibilità della società mista diretta alla valorizzazione turistica dell’area, con particolare attenzione agli aspetti legali e gestionali » assistenza nella ricerca di nuovi partner » business plan relativo alla costituenda società mista » assistenza nella definizione delle strategie e nell’elaborazione di un piano operativo per la società mista.

Incarico del 16/12/02

Incarico del 12/07/02 Delibera di Giunta comunale del 16/07/02

CESP CENTRO SERVIZI PMI AZIENDA SPECIALE CCIAA MT SEMINARIO DONNE E IMPRESA L. 215/92 – DOCENZA

COMUNE DI ABRIOLA – ASSISTENZA STUDIO DI FATTIBILITÀ Studio di fattibilità relativo alla costituzione di una società mista a capitale pubblico e privato da realizzarsi nel comprensorio del Comune di Abriola volta alla valorizzazione turistica dell’area.

A marzo 2009 sono attive 16 aziende e risultano occupati, a valere sul Contratto d’Area, 468 unità. In riferimento all’occupazione prevista dalle 16 aziende in attività, tale dato rappresenta il 71% rispetto all'occupazione incrementale prevista inizialmente dal Contratto d'Area. Sono state completate 6 delle 7 opere infrastrutturali. La settima è stata annullata. Complessivamente gli investimenti realizzati per le iniziative imprenditoriali (escluse le iniziative revocate) sono stati pari ad € 115.238.052,80. I contributi pubblici erogati pari ad € 88.414.168,15. Per quanto riguarda le opere infrastrutturali gli investimenti realizzati sono stati pari ad € 7.163.410,06.

DATI

Incarico del 24/07/02 Incarico del 12/11/02

ATTI

FORIM AZIENDA SPECIALE CCIAA PZ - VIII MASTER DI SVILUPPO ECONOMICO IN GESTIONE AZIENDALE – DOCENZA n. 2 incarichi

» Investimenti previsti per opere infrastrutturali: € 7.842.656,25 (100% di fondi pubblici). Partnership del Contratto d’Area » Regione Basilicata (Responsabile Unico) » Consorzio ASI (Soggetto attuatore) » Sindacati (garanti per flessibilità e minor costo del lavoro) » Assindustria (promotrice di attività di MKTG territoriale) » API Potenza (coordinamento delle Pmi) » Sviluppo Italia Basilicata (attività di promozione, di assistenza tecnica e monitoraggio) » Provincia di Potenza (coordinamento semplificazione procedure amministrative) » Prefettura di Potenza (garante dello scenario locale).

FATTI SALIENTI

2002 | SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA - SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


106 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

24

26 SETTORI INDUSTRIA SERVIZI AGRICOLTURA

6 N. 19 3 2

INIZIATIVE AMMESSE

39.638.576

INVESTIMENTI PREVISTI (EURO)

4

RISORSE IMPEGNATE

/

RISORSE EROGATE

397

NUOVI ADDETTI A PIANO

11

PROGETTI ISTRUITI

2 N. 11

INIZIATIVE AMMESSE

4.134.389

INVESTIMENTI PREVISTI (EURO)

4

RISORSE IMPEGNATE

/

RISORSE EROGATE

64

NUOVI ADDETTI A PIANO

LAVORO AUTONOMO Domande pervenute n. 1.019 Domande istruite n. 208 Domande ammesse ai finanziamenti n. / Risorse impegnate / Risorse erogate € 7.564.856.57 SETTORI n. Artigianato / Commercio / Servizi / Servizi in agricoltura / / Turismo

MICROIMPRESA Domande pervenute n. Domande istruite n. Domande ammesse ai finanziamenti n. Risorse impegnate Risorse erogate SETTORI Produzione di beni Fornitura di servizi

25 / / / / n. / /

Questi strumenti sono stati caratterizzati, nel 2002, da una sospensione delle attività di concessione di nuove agevolazioni, dovuta alla necessità di una ricognizione sulle risorse necessarie. Tale sospensione è stata accompagnata da una sostanziale revisione delle procedure, i cui punti fondamentali sono la valorizzazione delle misure legate all’agevolazione dell’autoimpiego in franchising e della microimpresa, la drastica riduzione dei tempi di istruttoria delle domande e la creazione di un servizio interattivo di assistenza ai beneficiari. Il complesso delle risorse disposte nel corso del 2002, cui si sommano quelle derivanti dalla ripartizione del fondo per le aree sottoutilizzate, hanno permesso il riavvio delle attività nella seconda parte del 2003, assicurando la possibilità di far fronte allo stock di domande relative agli anni precedenti e all’anno in corso.

3 SETTORI SERVIZI

DOMANDE PRESENTATE

Risultati conseguiti da Sviluppo Italia Basilicata nell’anno 2002 in relazione alle attività di cui alla legge 236/93 già descritte precedentemente

PROGETTI ISTRUITI

DOMANDE PRESENTATE

Risultati Formez e Sviluppo Italia Basilicata sottoscrivono 2 convenzioni per l’effettuazione di stage di formazione c/o la società per 2 allievi del Corso Formez “Agenti di Sviluppo Locale” finalizzati a far acquisire esperienze di attività operative in relazione a progetti transnazionali, Contratto D’Area, Fondi di capitali di rischio.

DATI

Risultati conseguiti da Sviluppo Italia Basilicata nell’anno 2002 in relazione alle attività di cui D.Lgs 185/2000 già descritte precedentemente

n. 2 Convenzioni del 14/10/2002 Durata: 14/10/02-21/02/03

ATTI

L. 95/95 – L. 236/93 – D.LGS. 185/2000 Risultati conseguiti da Sviluppo Italia Basilicata nell’anno 2002 in relazione alle attività di cui alla legge 95/95 già descritte precedentemente

FORMEZ ROMA – CONVENZIONI DI STAGE DI FORMAZIONE

FATTI SALIENTI

2002 | SYSTEMA BIC BASILICATA SCPA - SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 107

* Incluse domande pervenute l’anno precedente

OCCUPAZIONE STIMATA COMPLESSIVAMENTE N. 420

LAVORO AUTONOMO MICROIMPRESA Domande pervenute n. 568 Domande pervenute n. 7 Domande istruite n. 513 Domande istruite n. 15 * Domande ammesse ai finanziamenti n. 334 Domande ammesse ai finanziamenti n. 8 Risorse impegnate € 10.437.977,80 Risorse impegnate € 1.076.971,27 Risorse erogate € 3.783.081,29 Risorse erogate € 14.271,70 SETTORI n. SETTORI n. Artigianato 57 Produzione di beni 5 Commercio 102 Fornitura di servizi 3 Servizi 167 Servizi in agricoltura 5 Turismo 3

Risultati conseguiti nell’anno 2003 in relazione alle attività di cui al D.Lgs 185/2000 Tit.II

DATI

Ricognizione del contratto d’appalto del 17/12/04 N. d’ordine ALA/AT/2004/02

SVILUPPO ITALIA SPA – ASSISTENZA TECNICA Contratto d’appalto per la fornitura del SERVIZIO DI ASSISTENZA ai progetti e alle iniziative di lavoro autonomo e di microimpresa presentati ai fini della concessione delle agevolazioni previste dal Tit. II del D.LGS. 185/2000 Sintesi Il D.LGS 185/2000, in attuazione del 1° comma della L. 144/99, ha previsto incentivi per promuovere l’autoimprenditorialità e l’autoimpiego nelle aree economicamente svantaggiate d’Italia. In particolare il Tit. II del Decreto contiene norme che hanno lo scopo di favorire l’inserimento nel mondo del lavoro di persone prive di occupazione, promuovendo la cultura di impresa e incentivando iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo e di franchising nei settori della produzione dei beni, della fornitura di servizi e del commercio, nonché della microimpresa nei settori della produzione di beni e della fornitura di servizi. Il Decreto prevede l’assistenza tecnica dei progetti e delle iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo, microimpresa, franchising e la concessione ed erogazione delle agevolazioni economico-finanziarie previste dal decreto stesso. Sviluppo Italia affida in appalto a Sviluppo Italia Basilicata la fornitura del servizio di assistenza in favore di tutti i soggetti, persone fisiche, imprese individuali o società, residenti o aventi sede in basilicata o fuori regione così come indicato da Sviluppo Italia. L’assistenza è di natura tecnica, amministrativa, contabile e legale e viene prestata sia nella fase di realizzazione degli investimenti, sia in quella di avvio dell’iniziativa in modo da orientare e sostenere i beneficiari delle agevolazioni a realizzare ed avviare l’attività in conformità al progetto presentato e del contratto di concessione delle agevolazioni da essi sottoscritto e nel rispetto delle condizioni soggettive ed oggettive stabilite dal D.LGS. 185/2000. Il servizio di assistenza ha la durata massima di 12 mesi. Viene erogato attraverso 3 incontri programmati e attività continuativa non programmata costituita da ulteriori incontri e da servizi a sportello.

Comunicazione di modificazione dell’art. 5.6 del contratto in vigore dal 23/06/03 al fine di rendere omogeneo il sistema delle fatturazioni con il successivo contratto Data comunicazione: 28/12/2005 n. 38/88/SPO

Comunicazione di modificazione parziale degli artt. 2-3-5 del contratto in vigore dal 23/06/03 a seguito di nuova convenzione tra SI e Ministero del Lavoro del 28/5/05 Data comunicazione: 26/05/05 n. ALC/833

Durata: dal 23/06/03 al 31/12/05

Procura del 18/06/2003 Rep. N. 36932 Notaio Giuliani registrato a Roma il 20/06/03

ATTI

SVILUPPO ITALIA SPA - PROCURA D.LGS. 185/2000 TIT. II Nomina e costituzione procuratore speciale Ricciuti in qualità di dirigente di Sviluppo Italia SpA per la stipula dei contratti per la concessione delle agevolazioni finanziarie e dell’assistenza tecnica ex L. 185/2000 Tit. II (Lavoro autonomo e microimpresa) in nome, per conto e interesse di Sviluppo Italia SpA.

FATTI SALIENTI

2003 » SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


108 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Realizzata un’azione formativa n. 40 ore nell’ambito del corso Esperti per la commercializzazione, la vendita e le strategie di internet mktg nel comparto lattiero caseario – Modulo dedicato allo sviluppo imprenditoriale. Sede: Bella (PZ). Convenzione di stage per allievo dell’VIII Master di Sviluppo Economico in Gestione Aziendale finalizzato alla redazione di un project work Durata: h. 320. Il centro estero, nell’ambito del progetto a valer su FP 2001 “Qualificazione delle risorse umane per l’internazionalizzazione” ha organizzato una serie di azioni destinate a responsabili di Associazioni di Categoria, enti locali istituzionali e di sviluppo industriale e del sistema camerale. Le azioni sono state finalizzate a fornire informazioni su nuove opportunità, a promuovere i servizi per l’internazionalizzazione e gli strumenti per la creazione di una rete di sistema integrato a sostegno delle PMI locali Erogati 2 giorni di docenze. Master Network Management Beni Culturali ed Ambientali – Mis. III.4 PON Ricerca Scientifica, Sviluppo tecnologico ed Alta Formazione 2000/2006. Docenza sul tema Quadro generale dei Fondi Strutturali. Sede Parco Seminario Potenza. 20 allievi – 4 ore. La convenzione annulla e sostituisce quella sottoscritta da Sviluppo Italia (SI) - Sviluppo Italia Basilicata (SIB) e Banca Popolare del Materano (BPM) in data 20/06/2000 e ridefinisce gli obblighi reciproci relativi alla gestione del fondo di capitale di rischio. La dotazione del Fondo è pari ad € 9.700,00 così costituita: » SI versamento di € 3.500

Lettera conferma disponibilità del 16/04/03

Convenzione di stage del 13/05/2003

Incarico del 13/06/03

Incarico del 23/09/2003

Convenzione del 22/04/2003

INTERVENTO FORMATIVO Incarico da parte di società locale.

FORIM – AZIENDA SPECIALE CCIAA DI POTENZA

CENTRO ESTERO CAMERE DI COMMERCIO DELLA BASILICATA MATERA Intervento formativo.

FORIM – AZIENDA SPECIALE CCIAA PZ Docenze.

SVILUPPO ITALIA – SVILUPPO ITALIA BASILICATA – BANCA POPOLARE DEL MATERANO – CONVENZIONE PER LA COSTITUZIONE E GESTIONE DEL FONDO DI CAPITALE DI RISCHIO SOVVENZIONE GLOBALE (94/99)

Risultati: Realizzati: il Monitoraggio e quantificazione della spesa consolidata l’Analisi del fabbisogno umano e strumentale la Predisposizione di una ipotesi di progetto industriale (n. addetti, carichi di lavoro, organizzazione manageriale e operativa, individuazione delle sedi operative e collocazione logistica degli addetti, fabbisogno finanziario) la richiesta e acquisizione delle disponibilità delle imprese private a partecipare alla costituzione di un nuovo soggetto.

DATI

Convenzione del 04/03/03 Rep. 6261

ATTI

REGIONE BASILICATA – REDAZIONE DI UNO STUDIO DI FATTIBILITÀ PER I SERVIZI DI CUI AL COMMA 4, ART. 2 L.R. 29/98 NEL SETTORE DELLA VIGILANZA La Regione Basilicata al fine di promuovere occupazione può istituire strutture di promozione di lavoro di impresa finalizzate alla costituzione di società miste a prevalente capitale pubblico, a tal fine affida alla società l’incarico di elaborare uno studio di fattibilità per l’individuazione di soluzioni gestionali in particolare per il riordino del settore della vigilanza.

FATTI SALIENTI

2003 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 109

REGIONE BASILICATA – TERRITORIO DI ECCELLENZA PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI INNOVATIVE – FESR 2000/2006 Il programma Territorio di Eccellenza candidato dalla Regione Basilicata su Azioni Innovative FESR è stato approvato dalla Commissione Europea nel dicembre 2002 ed è stato avviato dalla Regione Basilicata dal 2004. Si tratta di un programma di 7 azioni mirato al miglioramento della qualità ambientale del territorio regionale attraverso la sperimentazione in 30 comuni del comprensorio della Val d’Agri di un processo di certificazione ambientale EMAS e la creazione di imprese ecocompatibili. Target: soggetti imprenditoriali e i 30 comuni del comprensorio della Val D’Agri così come definito dalla L.R. 40/95 e successive modifiche ed integrazioni. Fasi Analisi delle caratteristiche ambientali, sociali ed economiche della Val D’Agri. Sensibilizzazione degli attori istituzionali e degli operatori privati alla certificazione ambientale.

NUOVA SERVIZI TECNICI SPA – SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA ACCORDO QUADRO PER L’ACCERTAMENTO DELLE SPESE DI GESTIONE TIT. I D.LGS. 185/2000

FATTI SALIENTI

Periodo di attuazione: 1° marzo 2003 – 28 febbraio 2005 Prorogato al 1/3/2006

Modifica della convenzione per la regolazione dei rapporti di partenariato tra le Regione Basilicata, Sudgest e Sviluppo Italia Basilicata del 27/07/05

Convenzione per la regolazione dei rapporti di partenariato tra Regione Basilicata, Sudgest e SIB del 28/10/2003 – Rep. 6662

Programma approvato con decisione CE C(2002) 5523 del 19/12/02 e modificata con Decisione CE C(203) 3020 del 8/8/03

Durata: 31/10/2003-31/12/2004

Accordo Quadro del 31/10/2003

ATTI

Risultati: Sviluppo Italia Basilicata ha realizzato l’azione 7.5 – Creazione di Imprese ecocompatibili per la gestione e manutenzione dei sistemi di gestione ambientale e la realizzazione di prodotti a basso impatto ambientale che permettano la chiusura dei cicli alle imprese dell’area. Promozione, indirizzo e fertilizzazione: le azioni realizzate hanno riguardato sia il supporto alla regione Basilicata nella definizione ed elaborazione del piano di comunicazione, dei briefing e condivisione dei materiali di comunicazione dell’azione e dell’intero programma, che la realizzazione di azioni di sensibilizzazione presso i 30 comuni del comprensorio. A seguito delle attività promozionali sono state presentate 7 proposte. Emanazione del Bando: la società ha supportato la Regione Basilicata nell’elaborazione del testo in coerenza con i vari regolamenti CE, orientamento e disposizioni in materia di aiuti di stato. Il bando è stato attivato nei territori comunali del Comprensorio.

Nuova Servizi tecnici SpA controllata da Sviluppo Italia SpA, è stata incaricata dalla stessa dell’accertamento delle spese di gestione rendicontate nell’ambito della concessione delle agevolazioni finanziarie ex Tit. I D.LGS 185/2000. Per lo svolgimento delle attività di verifiche amministrative nella regione Basilicata, la Nuova Servizi tecnici affida alla società le attività di accertamento delle spese di gestione. L’attività si esplicita attraverso: » l’accertamento della permanenza dei requisiti soggettivi ed oggettivi, la completezza e la regolarità della documentazione di spesa, l’attinenza delle spese chieste a rimborso, l’avvenuto integrale pagamento dei giustificativi di spesa, il pagamento dei premi assicurativi, la completezza e regolarità dei premessi e autorizzazioni necessari all’attività » la redazione del verbale di accertamento delle spese di gestione rendicontate dalla società beneficiaria.

» BPM versamento di € 1.500 » SIB versamento di € 4.700. Le modalità di attuazione regolate dalla convenzione riguardano le attività di individuazione delle iniziative, valutazione, attuazione degli investimenti, gestione e monitoraggio degli investimenti, disinvestimento dell’intervento, gli oneri di gestione e la costituzione del comitato tecnico.

DATI

2003 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


110 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

COMUNE DI GRUMENTO NOVA – ASSISTENZA TECNICA NELLA PREDISPOSIZIONE E FOLLOW UP DI UNA MISURA DI AGEVOLAZIONE A FAVORE DELLE IMPRESE Sintesi Il bilancio del Comune di Grumento prevede importi rinvenienti dalle royalties per estrazione petrolifera da destinare a nuove e già esistenti imprese operanti nel settore dell’artigianato, commercio e servizi. Il Comune ha la necessità di essere assistito tecnicamente nella predisposizione e follow up di una misura di agevolazione a favore delle imprese e nella realizzazione di uno specifico bando.

COMUNE DI SANT’ARCANGELO – ASSISTENZA TECNICA PER UNO STUDIO DI PREFATTIBILITÀ Sintesi Il comune di Sant’Arcangelo è interessato da diversi programmi e strumenti normativi finanziari volti allo sviluppo economico ed agroindustriale (Asse IV del POR, PIT Val D’Agri, POR Val D’Agri, Royalties petrolio, Parco Val D’Agri). Per poter usufruire di tutte le risorse disponibili rinvenienti dai programmi, affida alla società la predisposizione di uno studio di prefattibilità che tenga conto delle linee guida per l’implementazione di un regime di aiuti finanziario per la ricomposizione fondiaria finalizzata alla realizzazione di investimenti nel settore agroindustriale compatibili con il territorio e lo sviluppo socio-economico, vista l’importanza del settore primario e l’eccessiva frammentazione della proprietà fondiaria nel territorio di interesse.

Analisi ambientale iniziale del territorio e delle attività economiche rilevanti. Implementazione dei sistemi di gestione ambientale. Creazione di imprese. Partnership: Regione Basilicata, Sviluppo Italia Basilicata (partner tecnico), Sudgest Scarl (Partner tecnico), Comunità Montana Alto Agri, Comunità Montana Alto sauro camastra e medio Agri, PIT Val D’Agri (Partner Istituzionali). Valore progetto: € 2.894.000,00

FATTI SALIENTI

Attività realizzate: L’attività della società è consistita nella realizzazione di strumenti di finanza agevolata mirata a nuove attività/ampliamenti di iniziative imprenditoriali nel territorio del Comune di Grumento. In particolare: » Elaborazione della bozza di bando adottata dall’amm.ne comunale » Elaborazione e predisposizione del modello di Domanda con schede tecniche allegate » Elaborazione del contratto di finanziamento tra impresa beneficiaria e amm.ne comunale » Assistenza tecnica nella selezione e valutazione delle domande di agevolazione e nella predisposizione della graduatoria finale. Risultati: Sono state candidate 9 iniziative grazie ad un adeguato supporto nella origination delle stesse, ne sono state ammesse 7 di piccola dimensione operanti nel settore dell’artigianato di produzione, del commercio e dei servizi.

Offerta SIB del 17/06/2003 Delibera di Giunta Comunale del 19.06.2003 – n. 60

Incarico del 24/10/2003

Risultati: Realizzata: » la raccolta e studio della normativa e degli strumenti finanziari di interesse » la redazione dello studio di prefattibilità contenente le linee guida della proposta di regime di aiuto in materia di ricomposizione fondiaria Target: Funzionari, dirigenti, tecnici dell’ente.

Selezione/Istruttoria: Verifica di ammissibilità di 7 proposte progettuali e valutazione tecnico–economico-finanziaria dei relativi studi di fattibilità. L’attività ha consentito di far ammettere 2 iniziative utilizzando l’intero importo disponibile per le agevolazioni per la realizzazione di un impianto di cogenerazione e di essiccazione della sansa di energia elettrice e termica. Collaborazione con la Regione Basilicata per il tutoraggio e il monitoraggio nella fase di realizzazione degli interventi.

DATI

Delibera di Giunta comunale del 7/10/2003 – n. 92

ATTI

2003 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 111

Attività: » Aggiornamento del contesto programmatorio, del quadro pianificatorio e degli interventi integrativi coerenti con le iniziative avviate all’interno del PIT Alto Basento dall’Amm. ne comunale di Pignola » Individuazione e valutazione dei percorsi di concertazione amm. va tra i soggetti pubblici (Regione Basilicata, Provincia di Potenza, Comuni di Potenza, Pignola, Abriola) » Definizione delle priorità di intervento, coerenti con lo studio di fattibilità approvato dalla Regione Basilicata su “Percorsi attrezzati tra Ionio e Tirreno attraverso i parchi e lungo i percorsi dismessi delle ferrovie Potenza-Pignola-Laurenzana e Matera-Montalbano” indirizzabili alla progettazione preliminare per la “riconversione del vecchio tracciato ferroviario Potenza-Laurenzana tratto area Gallitello (terminale FAL)-Monte Arioso Abriola. Risultati: Redazione della relazione finanziaria sulle dinamiche economicofinanziarie legate alla riadozione del PIP (Zona D1 – Pantanelle).

Convenzione del 08/07/03

Delibera di GC del 16/10/03

SAT SRL – SERVIZI DI ASSISTENZA TECNICA POTENZA/PRUSST Realizzazione di uno studio propedeutico alla progettazione preliminare per la scheda 8.7 “Percorso attrezzato Potenza-Pignola-Sellata” Sintesi La SAT conferisce l’incarico alla società per la realizzazione di uno studio propedeutico alla progettazione preliminare per la “riconversione del vecchio tracciato ferroviario Potenza-Laurenzana tratto area Gallitello (terminale FAL)-Monte Arioso Abriola nell’ambito del PRUSST Programma di Riqualificazione Urbana e di Sviluppo Sostenibile del Territorio promosso dal Ministero dei Lavori Pubblici con l'obiettivo di realizzare interventi orientati all'ampliamento e alla riqualificazione delle infrastrutture, del tessuto economico – produttivo -occupazionale, al recupero e alla riqualificazione dell'ambiente, dei tessuti urbani e sociali degli ambiti territoriali interessati.

COMUNE DI MOLITERNO – REVISIONE PIP PIANO INSEDIAMENTI PRODUTTIVI – INCARICO RELAZIONE FINANZIARIA Sintesi L’amministrazione comunale di Moliterno in relazione al PIP di località Pantanelle rileva la necessità di uno studio preliminare volto a verificare la capacità del PIP di soddisfare realistiche esigenze economico-

Attività: » redazione della relazione di analisi per la realizzazione del sistema informativo multicomunale integrato per i Comuni aderenti al PRUSST per scambio dati e transazioni in rete telematica collegata alla rete regionale e nazionale » verifica di rispondenza alle indicazioni vincolanti del Tavolo di concertazione del Ministero dei Lavori Pubblici (dicembre 01) » individuazione di percorsi di concertazione amm.va tra i soggetti pubblici e privati coinvolti nell’intervento » definizione di una ipotesi gestionale del sistema informativo. Risultati: Realizzazione dello studio di prefattibilità.

DATI

Convenzione del 08/07/03

ATTI

SAT SRL – SERVIZI DI ASSISTENZA TECNICA POTENZA/PRUSST Realizzazione di uno studio propedeutico alla progettazione preliminare per la scheda 8.33 “Informatizzazione in rete dei Comuni aderenti al PRUSST” Sintesi La SAT conferisce l’incarico alla società per la realizzazione di uno studio che definisca le caratteristiche qualitative e funzionali, del quadro delle esigenze da soddisfare e delle specifiche prestazioni da fornire, della fattibilità tecnica e amministrativa, accertata attraverso indagini di prima approssimazione, dei costi da determinare in relazione ai benefici previsti, di schemi grafici per l’individuazione delle caratteristiche dimensionali, volumetriche, tipologiche, funzionali e tecnologiche dei lavori da realizzare per la realizzazione di un sistema informativo per i comuni aderenti al PRUSST. Il PRUSST è un Programma di Riqualificazione Urbana e di Sviluppo Sostenibile del Territorio promosso dal Ministero dei Lavori Pubblici con l'obiettivo di realizzare interventi orientati all'ampliamento e alla riqualificazione delle infrastrutture, del tessuto economico – produttivo - occupazionale, al recupero e alla riqualificazione dell'ambiente, dei tessuti urbani e sociali degli ambiti territoriali interessati.

FATTI SALIENTI

2003 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


112 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Risultati: Realizzati 2 Seminari informativi su: » Misure di finanziamento (strumenti finanziari) » Studi di fattibilità per progetti nel settore delle infrastrutture » Studi di fattibilità per progetti del settore ambiente e turismo.

Risultati: Realizzata l’istruttoria di 4 piani di impresa elaborati nell’ambito del percorso formativo, relativi alle seguenti attività: Agenzia di servizi al turismo, Agriturismo, Ludoteca, Animazione e formazione.

Incarico del 18/12/03 prot. 10080

APOF AGENZIA PROVINCIALE ORIENTAMENTO E FORMAZIONE PROFESSIONALE POTENZA – AZIONI FORMATIVE SPERIMENTALI L. 492/88 VALUTAZIONE DEI PIANI DI IMPRESA Sintesi L’APOF su assegnazione della Regione Basilicata, nell’ambito di intese con le province di Pz e Mt, ha realizzato 2 interventi formativi finalizzati all’acquisizione di competenze “managerialità e imprenditorialità femminile” a valere sulla Misura E1 Pari Opportunità L. 492/88 Progetto per l’innovazione del sistema formativo regionale. Gli interventi formativi destinati a donne disoccupate diplomate di età compresa tra 18 e 40 anni hanno avuto una durata di 400 ore oltre il riconoscimento di una borsa di studio per progetti di impresa valutati positivamente. L’APOF pertanto incarica la società della valutazione dei progetti redatti dalle allieve.

DATI

Accordo di collaborazione del 5/11/03

ATTI

NAXTA SRL BOLOGNA – STUDI TOUR DELEGAZIONE LITUANA PROGRAMMA PHARE Sintesi Naxta organizza una visita di studio nella regione Basilicata di una delegazione Lituana composta da 9 rappresentanti delle istituzioni e amministrazioni locali lituane. La visita di studio è finanziata dal programma Phare nell’ambito del progetto “Framework for economic restructuring in Ignalina, Visaginas and Zarasai municipalities, Lithuania” gestito dalla società Eurecna Srl di Mestre. La delegazione necessita di svolgere un percorso formativo inerente le attività di sviluppo economico e territoriale regionale in particolare della spesa dei fondi strutturali e Naxta affida alla società l’incarico seminariale.

produttive nel medio periodo e l’idoneità delle aree prescelte a soddisfare le finalità suddette giustificando gli interventi espropriativi del Comune anche in relazione all’attuazione delle Misure del PO Val D’Agri tese alla creazione e localizzazione di imprese. La valutazione di tali elementi configura necessariamente la redazione di una relazione finanziaria che individui le dinamiche economiche legate all’attuazione del piano e pertanto l’amministrazione comunale affida alla società l’incarico di assistenza tecnico finanziaria.

FATTI SALIENTI

2003 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 113

Incarico del 25/11/03

COMUNE DI VIGGIANO – ASSISTENZA TECNICA PER LA PIANIFICAZIONE DI STRUMENTI E PROGRAMMI DI INTERVENTO A FAVORE DELLO SVILUPPO LOCALE ED INDUSTRIALE DEL TERRITORIO COMUNALE Sintesi Il comune di Viggiano è interessato da diversi programmi e strumenti di intervento finanziari tesi allo sviluppo economico ed industriale (PIT, PO Val D’Agri, Territorio di Eccellenza, Royalties petrolio, Parco Val D’Agri) che necessitano di essere governati in maniera coordinata per assicurare efficacia ed efficienza agli interventi.

EVOLUZIONI SOCIETARIE

Incarico del 18/02/03 prot. 49160

ATTI

SVILUPPO ITALIA SPA – LOCALIZZAZIONE NUOVI INCUBATORI IN BASILICATA Attività di supporto.

FATTI SALIENTI

Presidente Aurelia Traficante. Amministratore Delegato Raffaele Ricciuti.

Compagine sociale invariata

Risultati: La società è intervenuta con un servizio di assistenza tecnica che ha previsto attività di analisi, pianificazione e realizzazione delle azioni e degli interventi e degli strumenti finanziari disponibili. Realizzato il piano operativo.

Risultati: Attività di supporto per l’individuazione di edifici pubblici inutilizzati da ristrutturare e per la stipula di atti di concessione degli immobili prescelti a Potenza, Matera, Viggiano, Rionero in V.

DATI

2003 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


114 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

SVILUPPO ITALIA SPA – ISTRUTTORIA EROGAZIONI MONITORAGGIO Contratto d’appalto di servizi e Mandato con Rappresentanza per l’attuazione del Tit. II del D.LGS. 185/2000 Sintesi Il D.LGS 185/2000, in attuazione del 1° comma della L. 144/99, ha previsto incentivi per promuovere l’autoimprenditorialità e l’autoimpiego nelle aree economicamente svantaggiate d’Italia. In particolare il Tit. II del Decreto contiene norme che hanno lo scopo di favorire l’inserimento nel mondo del lavoro di persone prive di occupazione, promuovendo la cultura di impresa e incentivando iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo e di franchising nei settori della produzione dei beni, della fornitura di servizi e del commercio, nonché della microimpresa nei settori della produzione di beni e della fornitura di servizi. Il Decreto prevede l’assistenza tecnica dei progetti e delle iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo, microimpresa, franchising e la concessione ed erogazione delle agevolazioni economico-finanziarie previste dal decreto stesso. Sviluppo Italia affida in appalto a Sviluppo Italia Basilicata la fornitura dei servizi di: Informazione e Comunicazione » gestione dei punti informativi territoriali comprendente l’informazione sulle agevolazioni e sulle condizioni e modalità per ottenerle, l’organizzazione di seminari informativi/formativi (prenotazioni e iscrizioni) » organizzazione e gestione dei seminari informativi/formativi (min. 1 al mese) per le iniziative di lavoro autonomo e di microimpresa finalizzati all’orientamento al mettersi in proprio e di informazione sulle modalità di presentazione delle domande » l’individuazione di franchisor e la gestione dei rapporti fino al momento della presentazione delle domande di accreditamento

FATTI SALIENTI » la promozione degli strumenti Autoimpiego mediante la partecipazione ad eventi/fiere e la realizzazione di seminari/convegni a carattere regionale » attività di informazione e comunicazione in collaborazione con le istituzioni e gli enti locali nel rispetto di protocolli di intesa sottoscritti da Sviluppo Italia Valutazione Istruttoria » Accertamento della completezza delle domande di agevolazione e comunicazioni ai proponenti » Valutazione istruttoria delle domande di ammissione alle agevolazioni per il lavoro autonomo e la microimpresa e registrazione sul sistema informatico autoimpiego » Richiesta delle certificazioni antimafia » Redazione e sottoscrizione, in nome e per conto di SI, dei contratti di concessione delle agevolazioni Erogazione delle agevolazioni » gestione per le iniziative di lavoro autonomo e microimpresa delle richieste di erogazione delle agevolazioni in c/investimenti e in c/gestione mediante verifiche di conformità e completezza della documentazione prodotto e degli atti istruttori dovuti e registrazione sul sistema informatico autoimpiego » Destinazione delle agevolazioni erogate in c/investimenti » Monitoraggio finale delle spese ammesse alle agevolazioni in c/gestione e registrazione sul sistema informatico autoimpiego » Monitoraggio del rispetto degli obblighi contrattuali e registrazione sul sistema informatico autoimpiego » Monitoraggio finale delle spese in c/investimenti e in c/gestione delle iniziative in Franchising Controllo dei requisiti Visite ispettive finalizzate ad accertare la persistenza dei requisiti che hanno determinato la concessione delle agevolazioni e registrazione sul sistema informatico autoimpiego.

2004 » SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA

MICROIMPRESA Domande pervenute n. 73 Domande istruite n. 36 Domande ammesse ai finanziamenti n. 26 Risorse impegnate € 3.588.612,63 Risorse erogate € 5.265.746 ** SETTORI n. Produzione di beni 13 Fornitura di servizi 13

* Incluse domande pervenute l’anno precedente ** Incluse risorse anno precedente

OCCUPAZIONE STIMATA COMPLESSIVAMENTE N. 491

LAVORO AUTONOMO Domande pervenute n. 468 Domande istruite n. 518 * Domande ammesse ai finanziamenti n. 334 Risorse impegnate € 10.861.360,07 Risorse erogate € 3.539.854,62 SETTORI n. Artigianato 52 Commercio 144 Servizi 154 Servizi in agricoltura 2 Turismo 1

Risultati conseguiti nell’anno 2004 in relazione alle attività di cui al D.Lgs 185/2000 Tit.II

DATI

Durata: dal 01/01/04 al 31/12/04

Contratto d’appalto del 03/08/04 N. d’Ordine: G4000/309/200401454 (sostituisce ogni altro accordo intervenuto tra le parti)

ATTI


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 115

Risultati: Realizzata l’istruttoria di 1 piano di impresa elaborato nell’ambito del percorso formativo.

Risultati: » Organizzazione delle attività amministrativa e finanziaria e responsabilità » Assistenza alla tenuta della contabilità e controllo degli adempimenti fiscali e di rendicontazione » Assistenza per la preparazione e la stesura del Bilancio di esercizio » Certificazione dell’impiego delle risorse Leader+ » Rendicontazione Leader+ » Collaborazione al Monitoraggio secondo il sistema definito dalla regione Basilicata » Assistenza per le operazioni di rendicontazione contabile e giustificazione della spesa » Partecipazione ai Consigli di Amministrazione. Attività: » Inquadramento attività e condivisione » Predisposizione della proposta progettuale di intervento di formazione e orientamento » Inquadramento delle fonti finanziarie. Risultati: Si è trattato di un intervento specialistico consulenziale e formativo

Incarico del 16/04/04

Convenzione del 24/05/2004

Determinazione n. 85 del 12/05/04

AGEFORMA – AGENZIA PROVINCIALE PER L’ORIENTAMENTO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE DI MATERA SPA - AZIONI FORMATIVE SPERIMENTALI L. 492/88 VALUTAZIONE DEI PIANI DI IMPRESA Sintesi L’Ageforma su assegnazione della Regione Basilicata, nell’ambito di intese con le province di Pz e Mt, ha realizzato 1 intervento formativo “managerialità e imprenditorialità femminile” a valere sulla Misura E1 Pari Opportunità L. 492/88 finalizzato a promuovere l’ingresso qualificato delle donne nel mercato del lavoro sia nell’area dell’occupazione che della creazione di impresa (lavoro autonomo). Durante il percorso formativo le allieve (di età compresa fra 18 e 40 anni) hanno elaborato un’idea progettuale sottoposta alla valutazione tecnica di fattibilità della società.

GAL LE MACINE ACCETTURA – INCARICO DI RESPONSABILE AMM. VO E FINANZIARIO DEL PROGETTO LEADER+ 2000-2006

ENTE PARCO ARCHEOLOGICO STORICO NATURALE DELLE CHIESE RUPESTRI DEL MATERANO – ASSISTENZA TECNICA PER LA PROGETTAZIONE DI UN PERCORSO DI ORIENTAMENTO/FORMAZIONE FINALIZZATO ALLA COSTITUZIONE DI UN SOGGETTO DI GESTIONE DI SERVIZI INTEGRATI AMBIENTALI NELL’AREA DEL PARCO DELLA MURGIA Sintesi L’Ente Parco, ritenendo strategico il permanere di attività di educazione

L’ITC, nell’ambito delle sperimentazioni didattiche ed ordinamentali per l’ampliamento dell’offerta formativa e per l’avvio dell’autonomia scolastica ha promosso il progetto sperimentale “Imprenditoria giovanile”, richiedendo alla società un intervento formativo della durata di 24 ore sul tema della creazione di impresa e dell’autoimpiego rivolto a 40 alunni della sezione di cui 20 donne, 2 svantaggiati.

DATI

Contratto prestazione d’opera del 16/02/04

ATTI

ITC ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER PROGRAMMATORI F. NITTI SEZIONE DI AVIGLIANO Docenze.

FATTI SALIENTI

2004 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


116 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

TECNO POLIS CSATA - S. CONS. S.R.L IRC IRIDE – Innovation and research for industrial promosso dalla Commissione Europea nell’ambito del programma “Structuring the ERA” per la realizzazione della rete europea degli IRC-Innovation Relay Centre. Valore progetto: € 3.263.000,00 Sintesi Iride è un nodo della rete europea degli Innovation Relay Centre. La rete sostiene e aiuta le PMI offrendo servizi di informazione e assistenza per lo scambio di risultati di ricerca e di tecnologie. I servizi offerti del progetto sono: supportare le imprese locali nell’identificazione dei loro bisogni tecnologici e nella ricerca di partner transnazionali, offrendo soluzioni tecnologiche per l’incremento della competitività. Supportare le imprese e i centri di ricerca locali nella individuazione di partner europei interessati allo sfruttamento delle loro soluzioni tecnologiche innovative. Informazione sui programmi di ricerca e sviluppo tecnologico dell’UE Servizi di consulenza su diritti di proprietà intellettuale, sulle strategie di offerta delle licenze, sul finanziamento dell’innovazione, sul venture capital e sulla creazione di joint venture internazionali. Obiettivo L’obiettivo del progetto è rappresentato dal TTT (Tecnology Transnational Transfer) ossia dal trasferimento di tecnologie provenienti da imprese, università e centri di ricerca sia verso le aziende presenti nel territorio di riferimento che da parte di aziende locali verso gli altri paesi. Target Piccole e medie imprese. Partnership Sviluppo Italia Basilicata Tecnopolis CSATA scrl (capofila)

Ambientale avviate attraverso il progetto CEA di Matera finanziato dal Ministero dell’Ambiente, intendendo valorizzare le professionalità maturate promuovendo un soggetto imprenditoriale autonomo in grado di gestire il CEA oltre il finanziamento relativo al PTTA 94-96, considerato necessario promuovere una iniziativa di orientamento/formazione per gli operatori del CEA per la gestione autonoma delle attività, affida alla società l’incarico di Assistenza tecnica per la progettazione di un percorso di orientamento/formazione, riservato al personale impiegato al CEA, finalizzato alla costituzione di un soggetto di gestione di servizi integrati ambientali cui affidare la gestione delle attività del CEA di Matera e del centro visite del Parco.

FATTI SALIENTI

Attività: » Mappatura dei soggetti innovativi » Predisposizione domanda/offerta tecnologica » Immissione nel network azioni promozionali per la diffusione della cultura di innovazione.

Durata: 04/04/2004 al 04/04/2008

Risultati: In Basilicata sono stati siglati 2 protocolli di intesa tra IRC IRIDE e IMMAA del CNR (Istituto di metodologie per l’Analisi Ambientale) di Tito (pz) e il CESP della Camera di Commercio di Matera (Centro Servizi per le piccole e medie imprese). Il primo rappresenta una delle più rilevanti fonti di offerta tecnologica a livello regionale, il secondo rappresenta un’opportunità per il contatto di domanda tecnologica. Ha inoltre preso avvio la fase di esplicitazione di offerte tecnologiche del CNR; sono state individuate 73 aziende nel settore dell’agrofood, 61 aziende biologiche e 24 laboratori/centri di ricerca localizzati sul territorio regionale ed è stata realizzata una selezione di 45 tra centri di ricerche e aziende lucane potenziali target di progetto; è stato inoltre attivato l’Automatic Matching Tool, strumento automatico di incontro di tecnologie; 12 il n. di domande offerte tecnologiche.

Ruolo della società: La società regionale ha favorito la ricerca di imprese a contenuto tecnologico interessate ad entrare nel network internazionale al fine di implementare gli scambi di tecnologia a livello europeo.

su temi tecnici e gestionali afferenti all’autoimprenditorialità che ha previsto la predisposizione della proposta progettuale di intervento e la formazione in aula e sul campo. Tutti gli operatori del CEA (n. 6) hanno concluso il corso.

DATI

Contratto Innovation Relay Centre IRIDE – Consortium Agreement del 02/04/2004

ATTI

2004 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 117

Obiettivi » Favorire la crescita e lo sviluppo del territorio attraverso il supporto all’attività di attrazione di investimenti esteri » Individuare i sistemi territoriali competitivi finalizzati alla definizione del catalogo dell’offerta territoriale » Fornire consulenza alle Regioni per colmare il gap di competitività dei sistemi territoriali “non competitivi” » Progettare ed implementare di un sistema informativo a supporto del marketing territoriale » Definire partnership stabili ed efficaci con gli attori coinvolti nel processo di sviluppo territoriale (AA. RR., agenzie di marketing territoriale, Università, camere di commercio ecc.).

Sintesi Sviluppo Italia nel processo di Attrazione Investimenti ha avviato attività volte a promuovere nuovi investimenti dall’estero e consolidare le presenze straniere in regione avvalendosi della società regionale.

INCARICO DA PARTE DI SVILUPPO ITALIA SPA PER IL PROGRAMMA OPERATIVO MKTG ATTRAZIONE INVESTIMENTI Programma operativo pluriennale di marketing per l’attrazione degli investimenti previsto dal programma Quadro 2002/2004 approvato con delibera CIPE n. 130 del 19/12/2002 e relativa Convenzione tra Sviluppo Italia e Ministero dell’Economia e delle Finanze Dipartimento Politiche di Sviluppo e di Coesione in data 24 luglio 2003.

AFOR CONSORZIO POTENZA – CONVENZIONE DI STAGE Il consorzio AFOR con il Dip. Ingegneria Università di Lecce e l’Enaip è attuatore del progetto Management and Interaction Engineering PON RST 2000-2006. Nel progetto sono previste 450 ore di stage finalizzate ad agevolare la conoscenza diretta del mondo del lavoro dell’allieva.

ENEA – Università degli Studi di Napoli Federico II Centro di Ateneo per la Comunicazione e l’innovazione organizzativa (COINOR). Territorio: Basilicata, Campania, Puglia, Molise.

FATTI SALIENTI

Atto ricognitivo di contratto d’appalto del 24/08/04

Atto ricognitivo incarico del 09/07/2004

Convenzione di stage del 5/7/04

ATTI

2° Contratto: Realizzazione di attività di supporto tecnico-operativo in favore della Regione Basilicata comprendenti: » la collaborazione alla definizione dell’offerta territoriale mediante l’analisi del territorio, in particolare la mappatura dei fattori localizzativi attraverso la raccolta e rilevazione dei dati e l’effettuazione di interviste a testimoni privilegiati e opinion leader; » l’individuazione dei sistemi territoriali definiti come aree di eccellenza; » l’attivazione del partenariato (network locale) per la gestione dei rapporti con le istituzioni e gli attori dello sviluppo locale; » la redazione del catalogo delle opportunità localizzative e la promozione degli Accordi di Programma; » l’individuazione dei siti non a catalogo; » l’assistenza ai potenziali investitori; » il supporto a Sviluppo Italia nell’elaborazione dell’Accordo di Programma Quadro per la conclusione del Contratto di Localizzazione (individuazione delle infrastrutture disponibili nei siti selezionati, i fabbisogni infrastrutturali materiali e per la ricerca e la formazione); » l’aggiornamento del database Attrazione Investimenti.

Attività: 1° Contratto: Assistenza tecnica ed operativa a Sviluppo Italia nella: » Ricognizione di aree industriali e opportunità localizzative in Basilicata » Networking locale » Audit del territorio » Supporto all’investimento (analisi richieste potenziali investitori, visite on site) » Programmazione delle attività di intervento.

Risultati: Per l’allieva Acquisizione on the job di competenze sui temi della gestione economica di programmi finanziati dall’Unione Europea.

DATI

2004 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


118 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Atto ricognitivo di un contratto d’appalto di servizi del 4/11/2006 N. d’ordine J0000/323/200501644

Atto ricognitivo di contratto d’appalto del 13/02/06 – n. d’ordine J0000/323/200501644

ATTI

SVILUPPO ITALIA - ACCORDO PER L’ACCESSO ALLA BANCA DATI PROGETTO ALADINO

Accordo del 8/8/2006 Durata 12 mesi

Attività di accompagnamento agli investitori La Società ha supportato la localizzazione produttiva di alcune imprese extraregionali attraverso attività di assistenza tanto nella fase di valutazione dell’investimento e di accompagnamento presso le istituzioni locali che in quella realizzativa.

Attività di marketing territoriale svolte in accordo con soggetti locali (istituzioni, reti). In particolare si è avviato un rapporto molto stretto, sotto la regia della Regione Basilicata Dip. AA.PP, con Confindustria Basilicata e Consorzio ACM (Fonitori I Livello Fiat-Sata) finalizzato all’attivazione di azioni mirate per l’aumento della competitività del sistema automotive in Basilicata.

Risultati Definizione Offerta territoriale individuati i sistemi territoriali competitivi: Potenza (automotive) e Basilicata (chimica); realizzata l’analisi di posizionamento competitivo e l’approfondimento dei sistemi territoriali individuati; mappatura completa dei centri di ricerca, delle università e delle imprese sul territorio nei settori automotive e chimica; approfondimento nei settori a vocazione territoriale: turismo

FATTI SALIENTI

Accesso alla banca dati Progetto Aladino per l’espletamento delle attività di studio/ricerca finalizzate all’analisi e alla misurazione della competitività del territorio.

3° e 4° Contratto: Realizzazione di attività di supporto tecnico-operativo in favore della Regione Basilicata comprendenti: » la collaborazione alla definizione dell’offerta territoriale di occasioni di investimento mediante l’analisi di sistemi territoriali nei settori strategici individuati per la Regione Basilicata attraverso la conoscenza del settore e del subsettore selezionato; l’approfondimento dei sistemi territoriali mediante la raccolta di dati e incontri diretti con imprese, centri di ricerca, università ed altri attori locali collegati al settore in esame; l’integrazione dell’analisi con ulteriori indicatori utili per la misurazione della competitività e attratività dei sistemi; la misurazione del GAP di competitività tra il sistema territoriale individuato come benchmark e i sistemi territoriali rilevati per la Regione Basilicata nel settore in esame; la redazione di resoconti;il supporto alla realizzazione di materiale promozionale, per il sito InvestinItaly e per eventi settoriali che dovessero interessare i sistemi territoriali della Regione Basilicata; il monitoraggio e l’aggiornamento delle informazioni utili per la comprensione delle dinamiche evolutive del settore e dei sistemi territoriali » l’analisi delle vocazioni territoriali attraverso l’individuazione ed analisi di settori che rappresentino specializzazioni competitive e siano oggetto di politiche di sviluppo della Regione Basilicata; la selezione e l’analisi di aree territoriali di eccellenza mediante la rilevazione di dati e il confronto con attori locali; il monitoraggio e l’aggiornamento delle informazioni necessarie per la comprensione delle dinamiche evolutive del settore e delle aree territoriali individuate » implementazione e aggiornamento del database Attrazione Investimenti per i dati della regione basilicata » assistenza e accompagnamento dei potenziali investitori mediante la partecipazione al team di localizzazione; la rilevazione di informazioni richiesti dall’investitore, l’individuazione di siti localizzativi; il sopralluogo, organizzazione visite on site, accompagnamento dell’investitore; gestione dei contatti con soggetti locali necessari all’insediamento; individuazione e collaborazione per l’espletamento di procedure burocratiche ed amm.ve » il supporto a Sviluppo Italia nell’attività finalizzata all’elaborazione dell’Accordo di Programma Quadro per la conclusione del contratto di localizzazione » la gestione del partenariato » la partecipazione a corsi di formazione ed eventi esterni

DATI

2004 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 119

In data 24/07/2003 il Ministero dell’Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione, ha approvato il PO presentato da Sviluppo Italia. In data 6/2/2004 è stato sottoscritto il Protocollo Operativo tra la Regione Basilicata, Sviluppo Italia e il Ministero dell’Economia e delle Finanze DPS.

Atto ricognitivo di contratto d’appalto del 24/08/04

1° CONTRATTO Attività di supporto tecnico operativo in favore della Regione Basilicata comprendenti: L’assistenza alla definizione dell’APQ Sviluppo Locale attraverso: » l’individuazione degli obiettivi e delle finalità dell’APQ nel contesto del quadro programmatico regionale » definizione delle fasi di attuazione dell’APQ e dei relativi programmi » elaborazione del profilo infrastrutturale economico e territoriale delle aree industriali su cui si svilupperanno gli interventi dell’APQ » Predisposizione del percorso di localizzazione delle imprese » Supporto all’elaborazione dell’elenco degli interventi da inserire nell’APQ » Supporto all’elaborazione delle schede tecniche dei singoli interventi nell’APQ

ATTI

INCARICO DA PARTE DI SVILUPPO ITALIA SPA PER P.O. SUPPORTO ALLE REGIONI Contratto d’appalto di servizi in attuazione del Programma Operativo “Supporto alle Regioni per il miglioramento della capacità e della qualità della committenza pubblica” previsto dal Programma Quadro 20022004 di Sviluppo Italia SpA approvato con Deliberazione CIPE n. 130 del 19/12/2002. Descrizione Il Programma Operativo "Supporto alle Regioni per il miglioramento della capacità e della qualità della committenza pubblica" è pensato per individuare gli strumenti migliori per accrescere l'efficacia della programmazione ed attuazione degli investimenti pubblici nelle Regioni e nelle Province autonome. Con questo programma operativo l'Agenzia punta a: » rendere più semplice e veloce la programmazione e l' attuazione degli interventi di sviluppo locale » garantire la massima qualità di programmi e progetti e la migliore gestione delle risorse » monitorare le iniziative ed i processi in corso » favorire lo scambio di esperienze e l'attuazione di best practices » accompagnare la crescita di esperienze di partenariato tra pubblico e privato. Per raggiungere gli obiettivi l'Agenzia affianca le Regioni e le Province autonome aiutandole ad implementare i programmi di investimento e ad attivare i singoli interventi. Sintesi In Basilicata l’Agenzia si è avvalsa della collaborazione di SIB per la realizzazione di alcune azioni. In particolare:

FATTI SALIENTI

Le attività affidate alla società riguardano in particolare: Assistenza all’attuazione dell’accordo di Programma Quadro “Sviluppo Locale” tramite la realizzazione di interventi volti a promuovere il sistema produttivo regionale e ad innalzare il grado di attrattività del contesto localizzativo lucano (Modelli innovativi di Gestione delle aree produttive, percorsi di certificazione di qualità ambientale delle aree). Assistenza all’attività di monitoraggio dell’Accordo di Programma Quadro “Sviluppo Locale”. Attività di supporto all’aggiornamento delle politiche di sviluppo turistico della Regione Basilicata, in materia di infrastrutture per lo sport, turismo rurale e ricettività extra-alberghiera. (Predisposizione del regolamento attuativo della Legge Regionale 17/05 in tema di turismo rurale, elaborazione della proposta di modifica della legge sul B&B, analisi del

Nell’ambito del P.O., l'Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa SpA è impegnata in specifiche azioni regionali, indirizzate alle singole Amministrazioni destinatarie - Regione o Province autonome - e in azioni di sistema, che pur avendo come destinatari le Regioni e le Province autonome sono connotate da omogeneità e trasversalità ed hanno l’obiettivo di rafforzare i sistemi territoriali.

DATI

2004 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


120 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

2° CONTRATTO » Assistenza alle attività di monitoraggio e di gestione dell’APQ Sviluppo Locale (cod. AR-BAS-02.1) » Mappatura dell’offerta di localizzazioni industriali (cod. AR-BAS-04) » Supporto all’aggiornamento delle politiche di sviluppo turistico in materia di infrastrutture per lo sport, agriturismo e ricettività extralberghiera (cod. AR-BAS-05)

L’assistenza all’avvio delle attività di monitoraggio e di gestione dell’APQ Sviluppo Locale comprendenti: » Assistenza all’implementazione del sistema di monitoraggio » Verifica dello stato di attuazione degli interventi infrastrutturali e attività di reperimento dati aggiornati » Affiancamento ai responsabili per la compilazione delle schede tecniche di monitoraggio » Attuazione del programma di interventi » Assistenza alla progettazione, implementazione ed aggiornamento di una banca dati di criticità e soluzioni adottate.

FATTI SALIENTI

Atto ricognitivo di contratto d’appalto del 22/12/2006

ATTI

Le attività di supporto tecnico-operativo in favore della Regione Basilicata sono consistite per l’intervento Cod. AR-BAS-02.1 nel/nella: » supporto allo staff regionale per il rispetto delle scadenze di monitoraggio stabilito » supporto alla regione Basilicata nella gestione dei rapporti con il Dipartimento Politiche di Sviluppo e Coesione del Ministero dell’Economia e delle Finanze » Risoluzione di aspetti problematici emersi durante le attività di monitoraggio » Prestazione di un servizio Help Desk in supporto dello staff regionale » Elaborazione e applicazione di formati rivolti a soggetti attuatori per raccogliere le informazioni necessarie ad alimentare il monitoraggio dell’APQ locale » Assistenza in favore dei soggetti attuatori nella fornitura di informazioni e di chiarimenti per ottenere i dati richiesti » Individuazione di soluzioni operative in relazione a problematiche giuridico – amministrative connesse all’attuazione degli interventi inseriti nell’APQ. Cod. AR-BAS-04 » reperimento e analisi delle informazioni disponibili presso gli uffici regionali inerenti alle aree di insediamento produttivo » individuazione di informazioni aggiuntive per la mappatura dell’offerta di localizzazione » definizione del set di informazioni per la prima mappatura e per gli aggiornamenti successivi » definizione della procedura di aggiornamento e condivisione della metodologia con la Regione Basilicata » attivazione di uno sportello informativo presso la Regione. Cod. AR-BAS-05 Per la domanda e offerta di infrastrutture sportive nel/nella: » ricognizione e analisi della documentazione, verifica della completezza delle informazioni

fabbisogno finanziario della Regione Basilicata per la realizzazione di campi sportivi in erba di IV generazione). Reperimento e sistematizzazione di informazioni relative alle aree a vocazione produttiva della Regione Basilicata: industriali e artigianali, consortili e comprensoriali;realizzazione di una mappa aggiornata della aree individuate; definizione di una procedura per il monitoraggio e l’aggiornamento delle aree individuate; progettazione e realizzazione di una banca dati per l’archiviazione delle informazioni raccolte.

DATI

2004 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 121

ATTI

Risultati Realizzati: » Linee guida per la costituzione di un soggetto gestore per le aree industriali di Galdo - Lauria, Francavilla sul Sinni Irsina; » Istruttoria tecnico-amministrativa della documentazione delle imprese beneficiarie a valere sul PIA Matera –Treviso; » Monitoraggio dell’APQ Sviluppo locale (Rapporti di monitoraggio semestrali ed aggiornamento semestrale dell’Applicativo Intese); » Censimento degli impianti sportivi della Regione, tramite la ricognizione di un set di dati riferiti allo stato di consistenza degli stessi; » Predisposizione della proposta di regolamento di attuazione della Legge Regionale n. 17/2005, titolo II (Turismo rurale); » Predisposizione di una proposta di modifica della Legge Regionale n. 37/2001 (Bed & Breakfast); » Mappatura della aree produttive comprensoriali della Regione Basilicata.

FATTI SALIENTI

» individuazione delle informazioni aggiuntive, realizzazione della scheda di rilevazione » censimento degli impianti sportivi » attivazione di un Help desk » raccolta e sistemazione delle informazioni in un data base access » trasferimento alla Regione Basilicata della Procedura di monitoraggio impianti e aggiornamento del Data Base. Per le Politiche di incentivazione del Turismo rurale nel/nella: » ricognizione della documentazione presso gli uffici competenti » reperimento e analisi dei comuni rurali e dei Piani di Sviluppo Regionali » benchmarking e selezione di best practices » confronto degli strumenti legislative e Modalità di attuazione in alter realtà regionali » individuazione di best practices e verifica di loro utilizzazione » collaborazione alla stesura di un nuovo testo normativo sul Turismo rurale » predisposizione di una bozza di regolamento di attuazione » presentazione di una proposta di regolamento di attuazione » redazione definitiva del regolamento. Per l’attuazione della Legge Regionale per il Bed & Breakfast, nel/nella: » ricognizione della documentazione disponibile » individuazione di best practices » collaborazione alla stesura di un nuovo testo normativo per lo sviluppo della recettività extralberghiera » elaborazione di una proposta di modifica della Legge regionale in vigore » collaborazione alla redazione delle modifiche da apportare alla Legge » presentazione delle proposte.

DATI

2004 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


122 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Incarico del 6/10/04

COSVEL SRL ROTONDELLA GAL BASSO SINNI E METAPONTINO – SEMINARI INFORMATIVI Gli sportelli informativi INFOGAL sono uno strumento di informazione e comunicazione del programma Leader+ nella macro area Basso Sinni e Metapontino realizzati per la promozione turistico-culturale del territorio attraverso il coinvolgimento delle popolazioni locali. COSVEL soggetto attuatore del programma e CARREFOUR Basilicata hanno programmato la realizzazione di una serie di seminari operativi nelle scuole superiori per illustrare strumenti agevolativi disponibili per sviluppare nuove idee imprenditoriali e richiedono alla società l’adesione per realizzare gli stessi.

Risultati Realizzati seminari informativi presso Istituti scolastici di Rotondella, Tursi, Nova Siri, Montalbano, Pisticci e Bernalda rivolti agli alunni delle ultime classi.

Docenza (8 ore) sul tema dell’internazionalizzazione delle imprese e marketing del territorio per n. 20 partecipanti al corso.

Incarico del 19/07/04

Obiettivo L’intervento di supporto ed assistenza tecnica di SIB si propone di attivare una fase di studio al fine di verificare la fattibilità di un incubatore nel settore dei servizi al turismo e al territorio che miri ad aumentare la natalità imprenditoriale, stimolare lo sviluppo tecnologico e commerciale delle attività delle imprese presenti all’interno dell’incubatore, accelerare la redditività delle imprese presenti, diminuire il tasso di mortalità imprenditoriale.

Sintesi L’AGCI Basilicata, aggiudicataria del bando per la realizzazione di studi per l’avvio di incubatori di impresa pubblicato dal GAL Le Macine nell’ambito del programma Leader+ per la Regione Basilicata 20002006, richiede attività di assistenza tecnica.

AGCI BASILICATA ASSOCIAZIONE GENERALE DELLE COOPERATIVE ITALIANE FEDERAZIONE REGIONALE DI BASILICATA (MATERA) Convenzione per le attività di assistenza tecnica all’elaborazione di uno studio di fattibilità per la realizzazione di un Incubatore di imprese di servizi al turismo e al territorio nell’area Collina Materana Medio Basento.

OPENET TECHNOLOGIES SPA MATERA – DOCENZE Corso di specializzazione in Commercio estero FSE POR 2000-2006 Risorse Umane Misura III.1.A.2

DATI Risultati Realizzate: » l’analisi documentale del territorio con particolare riferimento al contesto socio economico di riferimento e alle emergenze turistiche e territoriali di interesse » l’analisi sul campo dei soggetti imprenditoriali potenzialmente interessati mediante interviste dirette e incontri di selezione/orientamento » l’indicazione di agevolazioni per il finanziamento delle imprese » l’individuazione di pacchetti localizzativi in cui allocare le imprese interessate e dei servizi forniti dall’incubatore » la sintesi della fattibilità tecnico-economica dell’incubatore » esempi di buone pratiche e casi di studio.

ATTI Convenzione del 31/08/04

FATTI SALIENTI

2004 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 123

AGENDA 21 LOCALE (RIONERO, ATELLA E BARILE) – INCARICO DI ASSISTENZA ESTERNA Sintesi Il Comune di Rionero in qualità di capofila dell’Associazione dei comuni di Rionero, Atella e Barile ha deliberato la partecipazione al Bando del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio per il cofinanziamento di programmi di attivazione e di attuazione di Agenda 21 locali approvando la proposta progettuale elaborata dal RTI costituito da Le Specchie, SIB e CST. Il progetto è stato ammesso a cofinanziamento e l’incarico di assistenza esterna è stato affidato al RTI. Azioni » Istituzione dell'Ufficio Agenda 21 Locale d’area, realizzazione del Forum dell’Agenda 21 e delle sessioni/ gruppi di lavoro tematici, definizione del sistema di gestione e di monitoraggio del processo; » Realizzazione di un’attività di comunicazione con tutti gli attori sociali e le parti interessate che operano nell’area interessata dal progetto; » Inserimento nel gruppo di lavoro e sul territorio di 3 facilitatori; » Posizionamento delle amministrazioni dei Comuni di Rionero in Vulture, Atella e Barile rispetto alla futura attivazione di un sistema di gestione della qualità ambientale basato sul regolamento europeo EMAS II con le indicazioni per la sua attuazione in base ad un percorso di avvicinamento fondato sul principio del miglioramento continuo. Prima impostazione di un’Agenda 21 inconscia; » Redazione del Rapporto sullo Stato dell'Ambiente (RSA) e suo recepimento da parte del Forum a significare una pre-definizione delle linee guida secondo le quali dovrà procedere il percorso di Agenzia 21 locale. » Informazione e diffusione dei risultati delle attività del processo di Agenda 21 Locale: produzione di documenti a carattere divulgativo (pieghevoli e manifesti per l’avvio del processo, CD ROM, estratto del RSA, articoli, sezione dedicata nel/nei sito/i internet comunale/i del territorio per la documentazione e divulgazione dei risultati finali). Target Bacino della popolazione residente nei tre Comuni interessati dal Progetto (ca 21.000 abitanti).

FATTI SALIENTI

Atto di costituzione dell’Associazione Temporanea di Imprese e conferimento di mandato speciale con rappresentanza e procura stipulato a Monopoli il 13/09/04 Notaio Carino Rep. 109443 Durata: 18 mesi da dicembre 2004

ATTI

Risultati Nell’ambito del Programma la società ha supportato la redazione del Rapporto sullo Stato dell’Ambiente, in particolare della sezione socioeconomica, e coordinato sessioni tematiche relative alle produzioni tipiche nell’ambito di 4 forum Agenda 21 locali.

DATI

2004 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


124 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

PHARE TWINNING POLONIA (IMPLEMENTATION OF THE IROP INTEGRATED REGIONAL OPERATIONAL PROGRAMME ON CENTRAL AND REGIONAL LEVEL) Valore Progetto € 2.000.000,00 Partnership di sviluppo Responsabile MEF Ministero dell’Economia e delle Finanze Dipartimento Politiche di Sviluppo e Coesione Partner: 3 Regioni Italiane (Regione Basilicata, Regione Emilia Romagna, Regione Friuli Venezia Giulia, supportate dai rispettivi Mandated Bodies), Formez, Francia supporto al progetto in qualità di Junior Partner. Territori coinvolti: Polonia - Italia Ruolo di Sviluppo Italia Basilicata: Mandated Body della Regione Basilicata. Training e assistenza tecnica attraverso i propri esperti di breve periodo. Sintesi Il programma comunitario Phare/89 relativo all’assistenza in favore degli stati candidati all’adesione all’Unione Europea, prevede l’assistenza ai paesi dell’Europa centrale e orientale candidati all’adesione all’unione medesima ed in particolare la realizzazione di progetti di gemellaggio – finanziati dal programma – finalizzati all’adeguamento alle normative e agli standard comunitari delle Pubbliche Amministrazioni. Il MEF con i partner e mandated body, nell’ambito del rapporto di cooperazione tra Stato e Regioni, ha presentato un’offerta congiunta al Bando Phare 2003 per il progetto di gemellaggio finalizzato al miglioramento della capacità di utilizzo dei fondi strutturali e in particolare all’assistenza all’implementazione dell’IROP da parte delle autorità polacche riscontrato positivamente dalle autorità polacche con l’integrazione partecipativa della Francia. Il progetto viene approvato dalla Commissione Europea. Le attività esecutive del progetto vengono svolte sia direttamente dai partner, sia attraverso mandated body individuati in: Sviluppo Italia Basilicata per la Regione Basilicata Ervet per la Regione Emilia Romagna Informest per la Regione Friuli VG Studiare Sviluppo per le mansioni di Segreteria Tecnica affidate dal MEF. Obiettivi di progetto » Rafforzamento delle capacità delle istituzioni coinvolte nell’implementazione dell’IROP di assicurare una corretta ed efficace gestione del programma, inclusa la gestione finanziaria » Rafforzamento delle capacità delle istituzioni coinvolte nell’implementazione dell’IROP di assicurare il monitoraggio e la valutazione del programma » Rafforzamento delle capacità delle istituzioni coinvolte nell’implementazione dell’IROP e dei potenziali beneficiari nell’accedere al supporto dei Fondi Strutturali e nell’implementazione dei progetti » Sensibilizzazione delle istituzioni coinvolte nell’implementazione dell’IROP e dei potenziali beneficiari sulle possibilità di supporto offerte dai fondi strutturali attraverso l’IROP. Target Pubbliche amministrazioni polacche centrali e regionali. Azioni Il Progetto si articola in 4 fasi principali: Supporto al programma di implementazione, inclusa la gestione finanziaria Supporto al monitoraggio e alla valutazione in itinere Formazione e sistema formativo Informazione e pubblicità.

FATTI SALIENTI

Twinning Covenant (Accordo di gemellaggio) Tra MEF DPS e Polonia del 25/03/04 Approvazione dell’Accordo da parte della Commissione Europea del 29/04/04 Convenzione del 9/11/04 tra il MEF DPS e le 3 Regioni Italiane + Formez Endorsement del Covenant in data 14 maggio 2004 Durata: 22 mesi Chiusura effettiva: 6/2/2006

ATTI

Risultati La società è riconfermata Mandated Body della Regione Basilicata cioè proprio organismo operativo per il supporto all’attuazione del progetto. Il progetto ha raggiunto tutti gli obiettivi prefissati nel Covenant in particolare quelli di training e assistenza nell’implementazione dell’IROP. La società ha realizzato 38 gg/uomo tra attività di assistenza tecnica e training ai destinatari finali del progetto ed ha partecipato con funzioni consultive a tutte le riunioni del Comitato esecutivo 10 le istituzioni coinvolte, 110 i soggetti formati.

DATI

2004 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 125

EVOLUZIONI SOCIETARIE

PO ADVISORING - Incarico da parte di Sviluppo Italia SpA – Contratto d’appalto di servizi in attuazione del programma Operativo “Advisoring e supporto tecnico per lo sviluppo progettuale degli Studi di Fattibilità” previsto dal programma Quadro 2002-2004 di Sviluppo Italia approvato con Delibera CIPE n. 130 del 19/12/2002 Lo studio di fattibilità valuta la convenienza e la logica di fondo di un intervento, ne definisce le attività, stima i risultati attesi e fornisce un'analisi approfondita di tutte le condizioni esterne. Le amministrazioni pubbliche hanno così una panoramica dettagliata sulla proposta di investimento che consente loro di valutare in anticipo i risultati e le implicazioni di un'iniziativa in termini di sviluppo umano e promozione sociale. Sulla base di questa analisi le amministrazioni pubbliche selezionano i progetti di maggiore impatto realizzando investimenti più validi ed efficaci. La legge Merloni ha trasformato lo Studio di Fattibilità da "buona abitudine" a fase ordinaria di un progetto di investimento proprio in funzione della sua capacità di raggiungere i livelli più alti di efficacia e di qualità degli investimenti pubblici. Sintesi In data 24/07/03 il Ministero dell’Economia e delle Finanze, Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di coesione, ha approvato il Programma Operativo “Advisoring e supporto tecnico per lo sviluppo progettuale degli Studi di Fattibilità” presentato da Sviluppo Italia. La Convezione tra il MEF e Sviluppo Italia, ai fini dell’attuazione del PO prevede che Sviluppo Italia relativamente a studi di fattibilità affidati dalla regione realizzi le seguenti attività: Diagnosi e pianificazione per la verifica sullo stato di avanzamento degli SDF; Rafforzamento per rendere idonei gli SdF ad avviare il procedimento amm.vo di programmazione e progettazione dell’opera; Integrazione dell’iter amm.vo con l’obiettivo di implementare soluzioni tecniche e/o amm.ve funzionali all’avanzamento degli SdF verso la progettazione preliminare. Gli SdF promossi dalla Regione Basilicata sono risultati in avanzato stato di sviluppo progettuale e pertanto il MEF indica a Sviluppo Italia, accogliendo l’istanza della Regione, di indirizzare l’attività di advisoring verso la predisposizione di 2 nuovi SdF: » Pollino Lucano: Adeguamento strutture ricettive pubbliche di alta quota » Definizione del prodotto turistico Pollino Lucano. Ruolo di SIB Supporto tecnico-operativo e territoriale a Sviluppo Italia.

FATTI SALIENTI

Scrittura privata del 13/12/2005 per la proroga del termine del contratto d’appalto al 15.05.2006

Atto ricognitivo di un contratto d’appalto n. d’ordine Q5000 334/200401893 del 26/01/2005

ATTI

Presidente Aurelia Traficante. Amministratore Delegato Raffaele Ricciuti.

Compagine sociale invariata

Risultati Realizzati 2 studi di fattibilità: 1) Pollino Lucano: Adeguamento strutture ricettive pubbliche di alta quota 2) Definizione del prodotto turistico Pollino Lucano attraverso: » la ricognizione e la raccolta documentale di studi e ricerche esistenti sul tema della valorizzazione del Pollino Lucano » indagini sul campo mediante interviste ad opinion leader e testimoni privilegiati » il censimento delle attività economiche presenti nell’area del pollino Lucano » la ricognizione delle risorse finanziarie disponibili nell’area » l’individuazione di operatori privati interessati alle iniziative ipotizzate negli SdF » la verifica dei percorsi di attivazione mirata degli strumenti di promozione di impresa » l’assistenza nelle azioni di sensibilizzazione degli attori locali » il raccordo operativo operativo e funzionale fra SI e referenti della Regione Basilicata » la diffusione delle informazioni e la creazione del consenso locale » l’assistenza all’organizzazione di forum e di comitati locali di consultazione » la progettazione, realizzazione e gestione di eventi formativi e di mktg promozionali.

DATI

2004 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


126 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

SVILUPPO ITALIA SPA – ISTRUTTORIA EROGAZIONE MONITORAGGI CONTRATTO D’APPALTO DI SERVIZI E MANDATO CON RAPPRESENTANZA PER L’ATTUAZIONE DEL TIT. II DEL D.LGS. 185/2000 Sintesi Il D.LGS 185/2000, in attuazione del 1° comma della L. 144/99, ha previsto incentivi per promuovere l’autoimprenditorialità e l’autoimpiego nelle aree economicamente svantaggiate d’Italia. In particolare il Tit. II del Decreto contiene norme che hanno lo scopo di favorire l’inserimento nel mondo del lavoro di persone prive di occupazione, promuovendo la cultura di impresa e incentivando iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo e di franchising nei settori della produzione dei beni, della fornitura di servizi e del commercio, nonché della microimpresa nei settori della produzione di beni e della fornitura di servizi. Il Decreto prevede l’assistenza tecnica dei progetti e delle iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo, microimpresa, franchising e la concessione ed erogazione delle agevolazioni economico-finanziarie previste dal decreto stesso. Sviluppo Italia affida in appalto a Sviluppo Italia Basilicata la fornitura dei servizi di: Informazione e Comunicazione » gestione dei punti informativi territoriali comprendente l’informazione sulle agevolazioni e sulle condizioni e modalità per ottenerle, l’organizzazione di seminari informativi/formativi (prenotazioni e iscrizioni) » organizzazione e gestione dei seminari informativi/formativi (min. 1 al mese) per le iniziative di lavoro autonomo e di microimpresa finalizzati all’orientamento al mettersi in proprio e di informazione sulle modalità di presentazione delle domande » l’individuazione di franchisor e la gestione dei rapporti fino al momento della presentazione delle domande di accreditamento » la promozione degli strumenti Autoimpiego mediante la partecipazione ad eventi/fiere e la realizzazione di seminari/convegni a carattere regionale » attività di informazione e comunicazione in collaborazione con le istituzioni e gli enti locali nel rispetto di protocolli di intesa sottoscritti da SI

Sintesi Il D.LGS 185/2000, in attuazione del 1° comma della L. 144/99, ha previsto incentivi per promuovere l’autoimprenditorialità e l’autoimpiego nelle aree economicamente svantaggiate d’Italia. In particolare il Tit. II del Decreto contiene norme che hanno lo scopo di favorire l’inserimento nel mondo del lavoro di persone prive di occupazione, promuovendo la cultura di impresa e incentivando iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo e di franchising nei settori della produzione dei beni, della fornitura di servizi e del commercio, nonché della microimpresa nei settori della produzione di beni e della fornitura di servizi. Il Decreto prevede l’assistenza tecnica dei progetti e delle iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo, microimpresa, franchising e la concessione ed erogazione delle agevolazioni economico-finanziarie previste dal decreto stesso. Sviluppo Italia affida in appalto a Sviluppo Italia Basilicata la fornitura del servizio di assistenza in favore di tutti i soggetti, imprese individuali o società, aventi sede in Basilicata ammessi alle agevolazioni previste per le iniziative di FRANCHISING o fuori regione così come indicato da Sviluppo Italia. L’assistenza è di natura tecnica, amministrativa, contabile e legale e viene prestata sia nella fase di realizzazione degli investimenti, sia in quella di avvio dell’iniziativa in modo da orientare e sostenere i beneficiari delle agevolazioni a realizzare ed avviare l’attività in conformità al progetto presentato e del contratto di concessione delle agevolazioni da essi sottoscritto e nel rispetto delle condizioni soggettive ed oggettive stabilite dal D.LGS. 185/2000. Il servizio di assistenza ha la durata massima di 12 mesi. Viene erogato attraverso 3 incontri programmati e attività continuativa non programmata costituita da ulteriori incontri e da servizi a sportello.

SVILUPPO ITALIA SPA – FRANCHISING CONTRATTO D’APPALTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AI PROGETTI E ALLE INIZIATIVE DI FRANCHISING PRESENTATI AI FINI DELLA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL TITOLO II DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000

FATTI SALIENTI

2005 » SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA

Comunicazione di SI del 2/3/06 della PROROGA del Contratto fino al 30/06/2006

Comunicazione SI del 30/12/2005 n. 980/SPO DIR di proposta di modificazione di taluni adempimenti procedurali relativi al contratto su indicato

Durata: dal 29/01/05 al 31/12/05 prorogabile fino al 31/12/2007

Contratto d’appalto del 25/07/05 N. d’Ordine: G4000/309/200500932

Durata: dal 21/01/05 fino alla scadenza dei 12 mesi dalla conclusione dei contratti relativi alle ammissioni deliberate entro il 31.12.2004

Ricognizione del contratto d’appalto del 13/04/05 N. d’Ordine G4200/00309/200500362

ATTI


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 127

SVILUPPO ITALIA – ASSISTENZA TECNICA E GESTIONALE CONTRATTO D’APPALTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AI PROGETTI E ALLE INIZIATIVE DI LAVORO AUTONOMO, MICROIMPRESA E FRANCHISING PRESENTATI AI FINI DELLA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL TIT. II DEL D.LGS. 185/2000 Sintesi Il D.LGS 185/2000, in attuazione del 1° comma della L. 144/99, ha previsto incentivi per promuovere l’autoimprenditorialità e l’autoimpiego nelle aree economicamente svantaggiate d’Italia. In particolare il Tit. II del Decreto contiene norme che hanno lo scopo di favorire l’inserimento nel mondo del lavoro di persone prive di occupazione, promuovendo la cultura di impresa e incentivando iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo e di franchising nei settori della produzione dei beni, della fornitura di servizi e del commercio, nonché della microimpresa nei settori della produzione di beni e della fornitura di servizi. Il Decreto prevede l’assistenza tecnica dei progetti e delle iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo, microimpresa, franchising e la concessione ed erogazione delle agevolazioni economico-finanziarie previste dal decreto stesso. Sviluppo Italia affida in appalto a Sviluppo Italia Basilicata la fornitura del servizio di assistenza in favore di tutti i soggetti, persone fisiche, imprese individuali o società, residenti o aventi sede in Basilicata o fuori regione così come indicato da Sviluppo Italia. L’assistenza è di natura tecnica e gestionale e viene prestata sia nella fase di realizzazione degli investimenti, sia in quella di avvio dell’iniziativa in modo da orientare e sostenere i beneficiari delle agevolazioni a realizzare ed avviare l’attività in conformità al progetto presentato e del contratto di concessione delle agevolazioni da essi sottoscritto e nel rispetto delle condizioni soggettive ed oggettive stabilite dal D.LGS. 185/2000. Il servizio di assistenza ha la durata massima di 12 mesi. Viene erogato attraverso 4 incontri programmati, 2 seminari e attività continuativa non programmata costituita da ulteriori incontri e da servizi a sportello. Il servizio di assistenza tecnica comprende: » l’assistenza alla soluzione di problemi di carattere generale e tecnici specifici posti da ciascun beneficiario

Valutazione Istruttoria » esaminabilità delle domande di agevolazione e comunicazioni ai proponenti » Valutazione istruttoria delle domande di ammissione alle agevolazioni per il lavoro autonomo e la microimpresa e registrazione sul sistema informatico autoimpiego, trasmissione a Si e comunicazione ai beneficiari degli esiti » Richiesta delle certificazioni antimafia » Verifica della esecuzione da parte dei beneficiari della deliberazione condizionata; redazione e sottoscrizione, in nome e per conto di SI, dei contratti di concessione delle agevolazioni, trasmissione a SI dei provvedimenti di proroga e delle proposte di revoca finanziamenti. Erogazione delle agevolazioni » gestione per le iniziative di lavoro autonomo e microimpresa delle richieste di erogazione delle agevolazioni in c/investimenti e in c/gestione mediante verifiche di conformità e completezza della documentazione prodotto e degli atti istruttori dovuti e registrazione sul sistema informatico autoimpiego » verifica Destinazione delle agevolazioni erogate in c/investimenti e registrazione sul sistema informatico autoimpiego » Monitoraggio finale delle spese ammesse alle agevolazioni in c/gestione e registrazione sul sistema informatico autoimpiego » Monitoraggio del rispetto degli obblighi contrattuali e registrazione sul sistema informatico autoimpiego » Monitoraggio finale delle spese in c/investimenti e in c/gestione delle iniziative in Franchising. Controllo dei requisiti Visite ispettive finalizzate ad accertare la persistenza dei requisiti che hanno determinato la concessione delle agevolazioni e registrazione sul sistema informatico autoimpiego.

FATTI SALIENTI

Comunicazione del 5/6/2008 di proroga contrattuale fino al 31.12.2008 mediante

Comunicazione di modificazione del 10/04/2007 relative agli artt. 3.3, 3.5 e 5 del contratto, l’allegato 2 punti 2.2, 2.4, 2.5, 2.6 2.7; l’allegato 3 punto 3.2 e 3.4 relativi a modalità di rendiconto e pagamento e la modulistica

Comunicazione di modificazione del 26/01/06 relative agli artt. 2.6 lettera b) e 4-5 del contratto inerenti la determinazione dei corrispettivi massimi e la gestione dei seminari

Durata: dal 3/1/05 al 31/12/2007

Ricognizione del contratto d’appalto del 21/10/2005 n. d’ordine S4000/354/200501270

ATTI

2005 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


128 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

362 367 * 284 € 8.981.249,90 € 4.504.684,35 n. 53 102 127 / 2 Turismo

* Incluse domande pervenute l’anno precedente

6

MICROIMPRESA Domande pervenute n. 107 Domande istruite n. 103 Domande ammesse ai finanziamenti n. 74 Risorse impegnate € 11.518.477,91 Risorse erogate € 3.025.385,44 SETTORI n. Produzione di beni 32 Fornitura di servizi 36

OCCUPAZIONE STIMATA COMPLESSIVAMENTE N. 535

LAVORO AUTONOMO Domande pervenute n. Domande istruite n. Domande ammesse ai finanziamenti n. Risorse impegnate Risorse erogate SETTORI Artigianato Commercio Servizi Servizi in agricoltura Turismo

Risultati conseguiti da Sviluppo Italia Basilicata nell’anno 2005 in relazione alle attività di cui al D.Lgs 185/2000 Tit. II

DATI

l’assistenza alla corretta esecuzione degli adempimenti amministrativi in fase di avvio l’assistenza durante la realizzazione degli investimenti e la predisposizione della richiesta di agevolazioni l’assistenza alla predisposizione della documentazione relativa alla destinazione delle agevolazioni erogate l’assistenza alla predisposizione della documentazione necessaria alla richiesta di erogazione dei contributi in c/gestione e per le verifiche in sede di monitoraggio » l’assistenza nell’accesso e utilizzo del sito web dell’assistenza tecnica e gestionale ATG Il servizio di assistenza gestionale è finalizzato a favorire l’apprendimento delle più adeguate tecniche gestionali da parte dei beneficiari al fine di favorire un efficace avvio e una buona conduzione delle nuove iniziative imprenditoriali. Comprende: » la fornitura di cognizioni e la consulenza e formazione in aula in ordine alle tematiche relative alla pianificazione e realizzazione degli investimenti e alla gestione degli ordini, alla pianificazione delle spese di avvio e all’accesso ai servizi bancari per le iniziative di lavoro autonomo e microimpresa » la fornitura di cognizioni e la consulenza e formazione in aula in ordine alle tematiche relative alla pianificazione commerciale e di marketing dell’attività e circa le modalità di approccio al mercato e di definizione degli obiettivi di vendita » la fornitura di cognizioni e la consulenza e formazione in aula in ordine a tematiche relative al controllo degli obiettivi economici e finanziarie in particolare alla definizione e gestione degli indicatori di monitoraggio dei risultati per le iniziative in franchising » la consulenza per l’utilizzazione e la fornitura dei moduli formativi, disponibili sul sito » l’assistenza ai beneficiari nella redazione dei documenti gestionali inerenti all’iniziativa.

» » » »

FATTI SALIENTI

atto ricognitivo del contratto d’appalto e modificazione dell’art. 22 e accettazione di SIB del 16/6/2008 prot. 803

ATTI

2005 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 129

PHARE TWINNING BULGARIA (Preparing MRDPW’s Central and Regional Structures for Managing Future ERDF – Type programs and project BG 03 IB SPP 02) Valore Progetto: € 1.900.000,00 Partnership di sviluppo Consorzio Regno Unito, Italia e Irlanda Partner: Formez responsabile per l’Italia Regione Basilicata Regione Emilia Romagna Regione Friuli Venezia Giulia Regione Lazio Mandated Body: Sviluppo Italia Basilicata per la Regione Basilicata Ervet per la Regione Emilia Romagna Informest per la Regione Friuli VG Territori coinvolti: Bulgaria Ruolo di Sviluppo Italia Basilicata: Mandated Body della Regione Basilicata. Training e assistenza tecnica attraverso i propri esperti di breve periodo. Sintesi Il programma comunitario Phare/89 relativo all’assistenza in favore degli stati candidati all’adesione all’Unione Europea, prevede l’assistenza ai paesi dell’Europa centrale e orientale candidati all’adesione all’unione medesima ed in particolare la realizzazione di progetti di gemellaggio – finanziati dal programma – finalizzati all’adeguamento alle normative e agli standard comunitari delle Pubbliche Amministrazioni. Il Consorzio costituito da Regno Unito, Italia e Irlanda ha presentato una offerta congiunta per l’aggiudicazione di 3 progetti di gemellaggio in Bulgaria finalizzati: alla creazione di un sistema coerente per l’utilizzo dei Fondi Strutturali e del Fondo di Coesione in Bulgaria per la futura autorità di gestione del QCS alla preparazione delle strutture centrali e regionali del Ministero dello Sviluppo regionale e dei Lavori Pubblici per la gestione dei programmi e progetti FESR al rafforzamento della capacità del Ministero dell’Economia per la gestione del PO Sviluppo della competitività dell’economia bulgara attraverso i fondi strutturali europei. La proposta ha riscontrato il parere favorevole delle autorità bulgare formalizzando 2 progetti esecutivi dettagliati. La Regione Basilicata, la Regione Emilia Romagna, la Regione Friuli Venezia Giulia e la Regione Lazio manifestano il loro interesse ai progetti sia direttamente sia tramite i rispettivi Mandated Body Sviluppo Italia Basilicata, Ervet e Informest. La controparte bulgara affida la responsabilità del progetto all’Italia rappresentata da Formez quale Agenzia operativa del Dipartimento della Funzione Pubblica Presidenza del Consiglio dei Ministri ed ente accreditato come Mandated Body. Il progetto prevede azioni di assistenza tecnica per la programmazione, gestione, monitoraggio, valutazione economica e sociale dei progetti e delle risorse finanziarie comunitarie a favore del Ministero dell’Economia e dei Lavori Pubblici della Bulgaria.

FATTI SALIENTI

La società ha realizzato 136 gg/uomo di training, assistenza tecnica e training on the job realizzate presso i destinatari del progetto (PA a livello centrale e locale.

Approvazione dell’Accordo da parte della Commissione Europea del 20/05/2005

Chiusura effettiva: 31/10/2006

Durata: 20 mesi

Endorsement del Covenant in data 23/02/2005

Risultati La società è riconfermata Mandated Body della Regione Basilicata (cioè come proprio organismo operativo per il supporto all’attuazione del progetto).

DATI

Twinning Covenant tra Bulgaria e Formez quale Agenzia operativa del Dipartimento della Funzione Pubblica Presidenza del Consiglio dei Ministri ed ente accreditato come Mandated Body

ATTI

2005 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


130 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

L. 84/01 BALCANI – INIZIATIVE DI SVILUPPO SOCIO-ECONOMICO REGIONALE Importo progetto: € 376.222,95 Sintesi Il progetto, attraverso 2 azioni di intervento, si propone di migliorare il livello di governance locale nella parte occidentale della provincia di Voivodina in Serbia e nella Serbia sud-orientale tramite varie iniziative finalizzate allo sviluppo socio-economico regionale, che prevedono ad esempio la formazione dei responsabili pubblici e la diffusione di buone pratiche. Il Ministero degli Affari Esteri (MAE) ha ammesso a contributo il progetto con finanziamenti L. 84/01. La Regione Friuli Venezia Giulia e il MAE hanno sottoscritto l’accordo attuativo del progetto. Informest è stata incaricata dalla regione FVG dell’attuazione dell’iniziativa. Sviluppo Italia Basilicata è partner per attività di formazione mediante esperti a breve termine e di assistenza tecnica. Obiettivi di progetto 1. Assistenza Tecnica alla costruzione della capacità di governo per una strategia di sviluppo locale 2. Valorizzazione del ruolo dell’imprenditorialità nella messa in opera degli obiettivi della strategia di sviluppo locale. Promotore del progetto Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Partnership Per l’azione 1: Soggetto proponente: Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Soggetto attuatore: Informest Altri partner: Regione Basilicata, Sviluppo Italia Basilicata, Municipalità dei distretti Backa Nord, Backa Occidentale, Backa Sud e Sremski nella Provincia di Voivodina in Serbia, Ministero delle Relazioni Economiche Internazionali della Repubblica di Serbia,Ministero dell’Amministrazione Statale e dell’Autogoverno Locale della Repubblica di Serbia. Per l’azione 2: Soggetto proponente: Regione Basilicata Soggetto attuatore: Sviluppo Italia Basilicata

Obiettivi di progetto Rafforzare la capacità del Ministero dello Sviluppo regionale e dei lavori pubblici (MRDWP) quale managing authority del PO a valere sui fondi strutturali Rafforzare la capacità di MRDWP e degli stakeholders regionali nel condurre il processo di programmazione dei Fondi Strutturali Aumentare la capacità e gli strumenti per l’implementazione dei PO Stabilire un quadro di monitoraggio e valutazione delle Misure e delle azioni finanziate dal sistema di gestione finanziaria e controllo Training a livello centrale e regionale. Target PP. AA. Centrali e regionali.

FATTI SALIENTI

Durata: 20 mesi

INFORMEST Incarico del 10/01/2005

ATTI

Attività: » Formazione dei responsabili pubblici e dei portatori di interessi del settore privato al metodo della partnership per la definizione della strategia di sviluppo e sua sperimentazione sul campo. » Formazione alla metodologia degli studi di fattibilità ed alle procedure per la loro messa in opera. » Formazione ai principi ed ai metodi dell’aiuto pubblico allo sviluppo imprenditoriale nell’UE e sperimentazione della costruzione di bandi pubblici. » Trasferimento di buone pratiche per il sostegno alla crescita delle PMI ed alla creazione di lavoro. » Sperimentazione dell’istituzione e del metodo della partnership pubblico – privato per l’identificazione di progetti sostenibili e per l’organizzazione della loro messa in opera nel quadro della strategia di sviluppo locale. » Trasferimento di buone pratiche per la generazione di azioni Serbia,Ministero di sviluppo locale integrato.

DATI

2005 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 131

Altri partner: Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Informest, Municipalità dei distretti Borski, Zajecarski, Pirotski e Nisavski nella Serbia sud-orientale, Ministero delle Relazioni Economiche Internazionali della Repubblica di Serbia, Ministero dell’Amministrazione Statale e dell’Autogoverno Locale della Repubblica di Serbia. Paese destinatario intervento Repubblica di Serbia – Provincia Autonoma di Voivodina. Territorio Azione 1:Distretti Backa Nord, Backa Occidentale, Backa Sud e Sremski nella parte occidentale della Provincia di Voivodina in Serbia. Azione 2: Distretti Borski, Zajecarski, Pirotski e Nisavski nella Serbia sud-orientale. Target Governo provinciale della Voivodina Autorità Distrettuali di Backa Nord-Occidentale e Sud Sremski Organismi locali portatori di interessi delle imprese ONG operanti localmente In particolare per l’azione 1: Municipalità dei distretti Backa Nord, Backa Occidentale, Backa Sud e Sremski nella Provincia di Voivodina in Serbia, Ministero delle Relazioni Economiche Internazionali della Repubblica di Serbia, Ministero dell’Amministrazione Statale e dell’Autogoverno Locale della Repubblica di Serbia. Per l’Azione 2: Municipalità dei distretti Borski, Zajecarski, Pirotski e Nisavski nella Serbia sudorientale, Ministero delle Relazioni Economiche Internazionali della Repubblica di Serbia,Ministero dell’Amministrazione Statale e dell’Autogoverno Locale della Repubblica di Serbia. Attività e settore di intervento Settore di intervento n. 1 Cooperazione allo sviluppo. Priorità 1.1.3 Sviluppo Socio-Economico Accordo di programma tra MAE e Regione Friuli Venezia Giulia Asse 1 Governance locale.

FATTI SALIENTI

ATTI

Risultati Realizzate n. 100 gg di formazione e assistenza al target e 16 giornate di assistenza al coordinamento e monitoraggio dell’iniziativa.

DATI

2005 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


132 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

BASE – BUILDING ON THE ASSET OF EXPERIENCE (COSTRUIRE SUL VALORE DELL’ESPERIENZA) Sintesi Il Progetto BASE è cofinanziato dall’art. 6 del FSE “Approcci innovativi alla gestione del cambiamento” nel quadro di un finanziamento comune con partner pubblici e privati. Analizza i bisogni dei lavoratori non giovani per adattarli alle nuove esigenze del mercato. Scopo del progetto è lo sviluppo e la successiva sperimentazione di un meccanismo innovativo e coerente che permetta a tutti gli attori coinvolti di gestire efficacemente l’invecchiamento attivo conducendo all’impiego/reimpiego dei lavoratori non giovani. Il settore di analisi è l’agroalimentare con un focus su 6 territori in 5 nazioni: Macedonia centrale e Messinia (Grecia), Algarve (Portogallo), Andalusia (Spagna), Marsiglia (Francia), Basilicata (Italia). Obiettivi Individuazione ed adozione di azioni concrete finalizzate ad: » inserire nell’ambito di uno sviluppo sostenibile delle regioni obiettivo di intervento i temi dell’invecchiamento e dell’impiego sviluppando proposte di mantenimento e reintegrazione nel mondo del lavoro di lavoratori non più giovani (50-60 anni) o appartenenti a fasce deboli da un punto di vista lavorativo » concepire misure pilota riguardanti la gestione dell’età lavorativa con investimenti in risorse umane che sviluppino l’adattabilità e la flessibilità dei lavoratori non più giovani all’interno dei posti di lavoro » sviluppare e pilotare azioni a livello di impresa che abbiano come finalità il miglioramento della qualità del lavoro dei lavoratori non giovani e il miglior utilizzo delle competenze e conoscenze di tali lavoratori. Partnership di progetto ECBIC Of Attika (Project promoter); Sviluppo Italia Basilicata SpA; Marseille Provence Chamber of Commerce & Industry (CCIMP); BIC Algarve-Huelva (CPINAL/BIIC Algarve-Huelva); Cooperative de Hortofruticultores de Sao Bartolomeu Demessines C.R.L. (Frutalgarve); BIC Euronova, Federation of Industries of Northern Greece (FING); University of Piraeus Research Centre (UPRC); Region of Attika; Thessalonica Agricoltural & Industrial Institute American Farm School (A.F.S.); Delta Holding S.A; Associatuion of Agricoltural Cooperative Organizations of Alexandreia-Messi-meliki (ALMME); Militos Emerging Technologies & Services (Militos); Messinian Chamber of Commerce & Industry (MCCI); Prefecture of Piraeus; Food Industrial Research and Technological Develpment Company (ETAT SA); Panhellenic Association of Food Technologists (P.E.TE.T); Greek Chemists’Association (EEX); EVPLOIS Consulting Setrvices Ltd Observer; Fundatia Pentru Educatie

FATTI SALIENTI Durata: 24 mesi

Partnership Agreement del 1/3/2005

ATTI

Risultati Realizzati l’analisi di contesto, ricerche di best practice, esempi positivi e non di invecchiamento, interviste e somministrazione di questionari ad un campione di 30 imprese, enti ed associazioni, workshop sul tema dell’active ageing presso la Mediateca di Matera, la partecipazione a 4 meeting transnazionali.

Attività Diagnosi della situazione attuale con focus sul settore economico. Progettazione e sviluppo di un meccanismo coerente per il supporto dell’invecchiamento attivo. Implementazione pilota delle metodologie e strumenti generati dal progetto. Attività di disseminazione.

Ruolo di SIB Trasferimento delle proprie esperienze e delle migliori pratiche sviluppate nell’ambito delle linee agevolative Autoimpiego, implementazione dello scambio di know how tramite lo sviluppo di un ciclo di seminari e di incontri.

DATI

2005 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 133

MODELE (MODEL OF DEVELOPMENT OF LOCAL SYSTEM TO SUPPORT ENTERPRISES) – INTERREG IIIC SUD 1° INCARICO RESPONSABILE AMMINISTRATIVO

Si Sanatie (FES) Observer; Bulgarian Chamber of Commerce & Industry (BCCI) Observer. Destinatari: Portatori di interesse e beneficiari finali tra cui impiegati e datori di lavoro e loro associazioni di categoria, autorità nazionali, regionali e locali, istituzioni pubbliche nei settori della formazione, del lavoro, istituti di ricerca, associazioni di professionisti. Territorio Francia, Grecia, Italia, Portogallo, Spagna.

FATTI SALIENTI

Contratto della Regione Basilicata per la funzione di Responsabile Amm. vo del progetto del 13/06/05

ATTI

Ruolo e Risultati Ruolo di Sviluppo Italia Basilicata La società è stata individuata quale Responsabile Amministrativo del progetto mediante bando di Gara della Regione Basilicata fino alla scadenza naturale del progetto. Successivamente, a seguito di proroga concessa alla Regione Basilicata per l’effettuazione dei pagamenti, è stata riconfermata nell’incarico per ulteriori 12 mesi a far data dal 22/01/2009. Risultati di Sviluppo Italia Basilicata In quanto responsabile amministrativo ha gestito efficacemente le attività amministrative e finanziarie consentendo la corretta gestione del circuito finanziario del PIC Modele nonché il rimborso delle quote FESR anticipate dai Partner e dalla Regione Basilicata per la realizzazione delle attività, in particolare ha curato: » l’assistenza al Dip. AAPP nell’effettuazione dei pagamenti per le attività previste dal progetto secondo quanto disposto dalle normative nazionali e comunitarie di riferimento » la predisposizione dei rapporti finanziari da inviare all’Autorità di pagamento utilizzando i formulari predisposti dal Segretario tecnico Congiunto Interreg III C » la trasmissione al Valutatore Indipendente della documentazione di spesa, per la validazione, seguendo il circuito di audit previsto dal programma Interreg III C » l’assistenza all’effettuazione dei rimborsi finanziari ai partner del progetto secondo le modalità e le procedure previste dal circuito finanziario del programma » il coordinamento dei flussi finanziari, della gestione, del controllo e della spesa » il monitoraggio finanziario e la rendicontazione contabile in osservanza alle disposizioni comunitarie » l’assistenza alla regione Basilicata per le operazioni di rendicontazione contabile e giustificazione della spesa.

DATI

2005 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


134 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Partenariato locale L’idea progettuale è stata sviluppata congiuntamente a: 1. Camera di Commercio di PZ; 2. Sviluppo Italia Basilicata; 3. Confidi Basilicata.

MODELE (MODEL OF DEVELOPMENT OF LOCAL SYSTEM TO SUPPORT ENTERPRISES) – INTERREG IIIC SUD REALIZZAZIONE STUDI Durata del progetto: 42 mesi (da marzo 2004 dicembre 2007) Sintesi La Regione Basilicata ha promosso il progetto MODELE, relativo alla diffusione dei modelli e degli strumenti di sviluppo regionali finalizzati al sostegno dei sistemi produttivi locali, candidandolo in quanto capofila in partenariato con Sviluppo Italia Basilicata e la CCIAA di Pz al Bando 2003 del PIC INTERREG III C Zona Sud. Il progetto è stato approvato dalla DG de Economia della Generalitat Valenciana (Spagna) il 15/03/2004. La concessione di aiuti di Stato alle P.M.I., che costituiscono l’ossatura di tale sistema, per favorire la nascita di nuove iniziative e stimolare investimenti innovativi, costituisce un importante strumento per la promozione dello sviluppo locale. In vista di una riduzione delle risorse da destinare a tale scopo si è proposto di migliorare la qualità dell’intervento pubblico, al fine di aumentare l’efficacia della spesa come fattore strategico di sviluppo. Insieme ai partner del progetto, nei cui territori le P.M.I. presentano problemi analoghi (piccole dimensioni, sottocapitalizzazione, difficoltà di accesso al credito, scarso orientamento al mercato, dipendenza da gruppi industriali extraregionali), sono stati analizzati i differenti modelli regionali di sviluppo allo scopo di individuare le politiche, i contesti giuridici e gli strumenti che si sono rivelati più efficaci per il sostegno dei sistemi produttivi locali. Sulla base delle esperienze condivise e degli studi effettuati, sono state sviluppate, in maniera congiunta, linee guida (progetti pilota) riguardanti sia il ruolo delle P.A., titolari delle politiche di sviluppo locale, che gli strumenti concreti per il sostegno alle imprese. I temi considerati strategici ai fini della promozione dello sviluppo locale, che costituiscono le component tematiche del progetto, sono stati: 1. FINANZA INNOVATIVA; 2. MARKETING TERRITORIALE; 3. PUBBLICA AMMINISTRAZIONE.

FATTI SALIENTI Convenzione con Regione Basilicata del 27/09/2005 per realizzazione Studi e attività trasversali

ATTI

Componenti 1. component 1 - Gestione e coordinamento - Responsabile Regione Basilicata; 2. component 2 – Analisi dei mercati finanziari regionali ed Individuazione di strumenti finanziari volti a favorire l’accesso al credito da parte delle imprese - Responsabile RegioneBasilicata e Socierà de Desarollo de Tenerife; 3. component 3 – analisi delle politiche di marketing territoriale attuate nelle regioni partner ed individuazione di strumenti agevolativi in grado di attrarre investimenti innovativi, compatibili con l’ambiente ed integrabili con i contesti sociali, culturali ed economici esistenti – Responsabile Gobierno de Navarra e Slovacchia Occidentale 4. component 4 - Accrescere le capacità delle P.A. per attività di programmazione delle risorse destinate allo sviluppo locale e di gestione efficace-efficiente degli strumenti - Responsabile Regione Basilicata ed Agenzia di Sviluppo Regionale della Transanubiana Centrale 5. component 5 - Comunicazione - Prefectura di Imathia.

DATI

2005 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 135

Obiettivi 1. favorire l’accesso al credito delle imprese per la realizzazione di investimenti innovativi; 2. aumentare la capacità dei territori di attrazione di investimenti; 3. migliorare l’efficienza ed efficacia delle pubbliche amministrazioni per la programmazione ed attuazione di politiche di sviluppo locale.

Partnership 1. REGIONE BASILICATA – CAPO FILA 2. INOVA SLOVAKIA n.o. (BIC) per la regione della Slovacchia Occidentale (Slovacchia) 3. SOCIEDA DE DESAROLLO DE SANTA CRUZ DE TENERIFE (agenzia di sviluppo locale) per la regione delle Canarie (Spagna) 4. PREFECTURA DE IMATHIA (Amministrazione regionale NUTS III) per la regione della Macedonia Centrale (Grecia) 5. GOBIERNO DE NAVARRA (Amministrazione regionale NUTS II) per la regione della Navarra (Spagna) 6. RDA TRANSDANUBIAN CENTRAL (agenzia di sviluppo locale) per la regione della Transdanubiana Centrale (Ungheria).

FATTI SALIENTI

ATTI

Risultati di progetto: » creazione di 3 reti transregionali di esperti relative alle componenti tematiche finanza innovativa, marketing territoriale, pubblica amministrazione; » implementazione nella programmazione regionale di strumenti finanziari (fondo di garanzia, capitale di rischio ecc.) che favoriscono la capitalizzazione delle P.M.I.; » implementazione nella programmazione regionale di strumenti agevolativi in grado di attrarre investimenti sostenibili da un punto di vista ambientale ed integrabili con i sistemi produttivi locali; » implementazione nelle P.A. delle regioni coinvolte di contesti giuridici e normativi, metodi di programmazione, modelli organizzativi e gestionali favorevoli alla definizione ed attuazione di politiche di sviluppo locale.

Risultati nell’ambito della component 3 (analisi delle politiche di marketing territoriale attuate nelle regioni partner ed individuazione di strumenti agevolativi in grado di attrarre investimenti innovativi, compatibili con l’ambiente ed integrabili con i contesti sociali, culturali ed economici esistenti), la società ha curato la realizzazione di 2 studi aventi ad oggetto le seguenti tematiche: » Analisi dell’impatto delle politiche di incentivazione sul sistema produttivo regionale e relative ricadute occupazionali; » Analisi degli effetti prodotti dai bandi regionali POR 2001.

DATI

2005 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


136 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

I.CAR.O (INNOVATION CAR OPPORTUNITY) Sintesi Il Progetto ICARO – Innovative Regional Strategies for the sustainability of employment in the European Automobile Industry – è stato cofinanziato dal FSE attraverso la Misura prevista dall’art. 6 “Approcci Innovativi alla gestione del cambiamento”. Tale Misura di finanziamento è gestita direttamente dalla DG per l’Impiego e gli Affari Sociali della Commissione Europea e promuove azioni innovative, realizzate da partnership transnazionali, finalizzate all’anticipazione e alla gestione del cambiamento nel mercato del lavoro europeo. Il progetto è nato quindi dal comune interesse di enti e istituzioni verso gli effetti che i cambiamenti a livello globale hanno sui contesti produttivi locali, specificamente nel settore automobilistico, ed è stato realizzato nelle tre regioni della Navarra (Spagna), della Basilicata (Italia) e di Setubal (Portogallo) da un consorzio internazionale formato da quindici tra enti e istituzioni, guidato dal Dipartimento di industria e tecnologia, Commercio e Lavoro del Governo della Navarra. Obiettivo comune ai partner era individuare e sperimentare strategie regionali innovative, capaci di anticipare i cambiamenti del settore e intervenire sui principali fattori di competitività (a livello di impresa, di settore e di territorio) in modo da far fronte al cambiamento economico che interessa il settore automotive europeo. Il progetto ha quindi inteso contribuire efficacemente al mantenimento di adeguati livelli di competitività e di impiego nelle tre regioni coinvolte. Il progetto, articolato in 6 fasi, si è realizzato attraverso azioni pilota finalizzate allo scambio di conoscenza tra aziende che operano nel settore nei diversi territori e attraverso ricerche sui possibili fattori competitivi delle aziende attuate in parallelo nelle tre regioni, nel rispetto delle differenze istituzionali, culturali, del tessuto produttivo e delle esigenze dei rispettivi contesti territoriali. Obiettivi » sviluppare un sistema integrato di informazioni e monitoraggio per il cambiamento nel settore automotive » proporre una strategia regionale per governare il cambiamento » creare un forum regionale permanente per analizzare e monitorare la situazione nel settore automotive » sviluppare e testare una nuova metodologia per inquadrare il settore nel nuovo contesto globalizzato » creazione di una rete internazionale (almeno a livello di partnership) finalizzata allo scambio di esperienze e di best practice. Partnership Governo di Navarra, Penisola di Setubal, Sviluppo Italia Basilicata

FATTI SALIENTI Durata: novembre 2005 – dicembre 2007

Partnership Agreement del 7/12/2005

ATTI

Risultati In Basilicata il progetto è risultato strategico per la rilevanza dello stabilimento FIAT SATA di Melfi e del suo indotto rispetto al sistema economico della Basilicata. Sin dall’inizio del progetto, la focalizzazione dell’analisi sul tema della subfornitura ha generato una convergenza di interessi con ACM, Auto Componentistica Mezzogiorno (oggi ACM Melfi) che è entrata a far parte del tavolo tecnico del progetto Basilicata, apportando contributi di conoscenza e spunti per l’indirizzo e la realizzazione delle attività. Risultati della società » l’analisi interna del settore della componentistica auto lucana come primo quadro conoscitivo dell’intero universo delle imprese operanti nel settore auto nella regione Basilicata (n57 imprese). Per tale fase sono stati utilizzati dati statistici e di bilancio e dati inerenti la produzione rilevati mediante un questionario somministrato a tutte le aziende del settore. I dati quantitativi sono stati integrati con informazioni derivanti da interviste semistrutturate ai direttori di stabilimento. » L’analisi di benchmarking realizzata sulla base di un modello definito dalla partnership tecnica del progetto ICARO e con visite di studio nei cluster della Styria in Austria, delle West Midlands in Inghilterra e della Galizia in Spagna. Il modello ha selezionato una serie di criteri » sulla base dei quali localizzare i cluster di successo a livello europeo. » Una delegazione di rappresentanti del progetto ha realizzato viaggi di studio nei primi tre cluster per stabilire contatti e individuare fattori di successo potenzialmente replicabili nel contesto produttivo di Melfi. » Sono state realizzate conferenze e 8 focus group nel comparto di Melfi durante i quali sono stati coinvolti manager, impiegati e operai del settore con l’obiettivo di definire un quadro conoscitivo di problemi percepiti a livello di impresa e lavoratori e far scaturire idee da implementare per la competitività del settore » Realizzata la pubblicazione “Una strategia regionale per il settore automobilistico lucano” » Lancio del concorso per progetti di ricerca, il premio ICARO, rivolto a laureati e ricercatori con l’obiettivo di stimolare l’elaborazione di proposte di innovazione e di ricerca in aspetti relazionati all’impiego, alla competitività, ai processi di cambiamento e ristrutturazione del settore dell’automotive. Sono state premiate 3 tesi: » assemblaggio motori diesel: dimensionamento del magazzino a bordo linea e studio per l’introduzione del picking in un’ottica one piece flow

DATI

2005 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 137

Sintesi La società Enterprise plc (GB), nell’ambito del programma Phare Pre adesione UE, incarica la società come consulente esterno per l’erogazione

ENTERPRISE PLC (GB) – PROGRAMMING AND IMPLEMENTATION OF PRE-ACCESSION SUPPORT FOR PHARE ESC AND TRANSITING TO STRUCTURAL FUNDS (ROMANIA)

CONSORZIO PROGETTO LAZIO 92 – COLLABORAZIONE PER PROGETTO PHARE TWINNING BUCAREST – ILFOV IN ROMANIA Sintesi Il Consorzio ha ricevuto incarico dalla Regione Lazio di gestire i rapporti amministrativi con gli esperti impegnati nello sviluppo del progetto “Phare Twinning RO/2003/IB/SPP/08 Bucarest Ilfov in Romania” e richiede alla società la partecipazione di 2 esperti di progetti di cooperazione internazionale.

Target Imprese automotive, istituzioni, associazioni datoriali e sindacali, agenti di sviluppo, mondo dell’istruzione. Fasi delle attività 19 azioni consequenziali le più significative sono state: » diagnosi del settore automotive » creazione di un sistema di monitoraggio » lancio di un bando di ricerca » creazione di un sistema di benchmarking internazionale » sviluppo di una strategia regionale. Ruolo della società Responsabile italiano del progetto con la partnership tecnica di Confindustria Basilicata. Ruolo degli altri partner Governo di Navarra: Project Leader Penisola di Setubal: partner di progetto e coordinatore dei partner portoghesi Tutti i partner hanno avuto il ruolo di definire le strategie di rilancio del settore, di implementare le azioni pilota finalizzate al rilancio ed alla diversificazione della produzione delle aziende interessate, di collaborare al monitoraggio delle iniziative intraprese. Territorio Navarra – Basilicata – Penisola di Setubal.

FATTI SALIENTI

Risultati n. 10 gg di Assistenza tecnica e training al personale dell’Agenzia di Sviluppo regionale di Bucarest Ilfov sulle seguenti tematiche: le strategie di mktg del territorio e attrazione investimenti esteri, programmi di internazionalizzazione delle PMI, strumenti di finanza innovativa e microcredito.

Risultati Realizzato il training su analisi economico finanziarie e risk assessment ad una audience di 30 potenziali beneficiari finali del programma Phare e FS. 16 gg sul campo per la realizzazione di 8 seminari tematici della durata di 2 giorni.

Agreement For Consultancy Services del 5/09/05

Risultati di progetto Creazione di una partnership internazionale in tre regioni europee a forte vocazione industriale nel settore automotive. Creazione di un sistema di monitoraggio condiviso

» Open Innovation nel settore auto: competenze, modularità, ed integrazione delle performance » Qualità ambientale e risparmio energetico: il cammino del settore automotive verso la competitività e l’eccellenza attraverso lo sviluppo di motori a combustione interna alimentati a biodiesel

DATI

Incarico di collaborazione del 10/06/2005

ATTI

2005 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


138 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Risultati L’ITC, nell’ambito delle sperimentazioni didattiche ed ordinamentali per l’ampliamento dell’offerta formativa e per l’avvio dell’autonomia scolastica ha promosso il progetto sperimentale “Imprenditoria giovanile”, richiedendo alla società un intervento formativo sul tema della creazione di impresa e dell’autoimpiego rivolto agli alunni della ultime sezioni dell’istituto. Risultati La società realizzerà: 1 intervento formativo in lingua inglese all’interno del workshop “Entrepreneurship Development Methodologies in Italy” Argomenti: » Autoimpiego (Lavoro autonomo e microimpresa) D.Lgs. 185/2000 » Imprenditorialità giovanile Tit. I D.Lgs. 185/00 » Venture Capital a valere sul programma Sovvenzione Globale Basilicata » Incubatori di Impresa Predisposizione di materiale didattico e di un questionario in stile multiple choise per la verifica del grado di apprendimento dei partecipanti al corso.

Contratto prestazione d’opera del 09/02/05

Incarico del 5/09/05

IPI – ISTITUTO PER LA PROMOZIONE INDUSTRIALE ROMA Training Initiatives Regarding Regional Economic Development, Policies for the Development of SMEs, and Enterprise Development Methodologies - Formazione In seguito alla stipula del contratto tra IPI e ISIPO (Iran Small Industries Industrial Parks Organization) vengono avviate una serie di workshoptraining formativi volti allo sviluppo delle competenze tecniche del personale ISIPO nel campo dello sviluppo imprenditoriale e delle politiche legate alle PMI. IPI affida a Sviluppo Italia Basilicata servizi specialistici di formazione nel campo della creazione e supporto all’impresa.

Il GAL è attuatore di un Piano di Sviluppo Locale nell’ambito del Programma Leader+ 2000-2006 della Regione Basilicata. In data 16/11/05 ha pubblicato la Gara a procedura aperta per l’individuazione del Responsabile Amministrativo del GAL Le Macine. La proposta presentata da Sviluppo Italia Basilicata è stata approvata dal CdA del GAL Le Macine nella seduta del 20.12.05.

GAL LE MACINE INCARICO DI RESPONSABILE AMMINISTRATIVO E FINANZIARIO DEL GAL LE MACINE

ITC ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER PROGRAMMATORI F. NITTI POTENZA Docenze.

DATI

Risultati » Organizzazione delle attività amministrativa e finanziaria e responsabilità » Assistenza alla tenuta della contabilità e controllo degli adempimenti fiscali e di rendicontazione » Assistenza per la preparazione e la stesura del Bilancio di esercizio » Certificazione dell’impiego delle risorse Leader+ » Rendicontazione Leader+ » Collaborazione al Monitoraggio secondo il sistema definito dalla regione Basilicata » Assistenza per le operazioni di rendicontazione contabile e giustificazione della spesa » Partecipazione ai Consigli di Amministrazione.

ATTI

Incarico del 30/12/2005

di servizi di assistenza tecnica ad enti e istituzioni rumene sulle materie attinenti la programmazione e l’implementazione dei Fondi Strutturali comunitari, in particolare interventi in materie economico-finanziarie sulle tematiche inerenti la competitività delle PMI nell’utilizzo dei FS.

FATTI SALIENTI

2005 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 139

Attività Le modalità di erogazione delle attività hanno previsto: » Attività desk di ricerca studio ed elaborazione dati; » Attività field di raccolta informazioni e dati; » Incontri con istituzioni ed operatori pubblici e privati presenti sul territorio.

COMUNE DI POLICORO – Assistenza tecnica finalizzata all’individuazione ed all’affidamento di “pacchetti localizzativi” a valenza sportiva, sociale e culturale siti presso il costituendo “Palazzetto dello Sport” Sintesi Il Comune di Policoro è in possesso di un immobile, in via di completamento, destinato ad ospitare attività di tipo sportivo, sociale e culturale denominato “Palazzetto dello Sport”. La presenza dell’infrastruttura e le agevolazioni attivabili creano valore dell’investimento sia come fonte di ricavo anziché di costo, sia in termini di creazione di opportunità imprenditoriali che si traducono in nuova occupazione. Sviluppo Italia Basilicata realizza un’azione di assistenza tecnica per l’individuazione, la selezione e l’affidamento a compagini imprenditoriali locali di pacchetti che prevedono la gestione dei diversi locali, attraverso l’attivazione di forme imprenditoriali cui possono essere collegate le agevolazioni destinate al lavoro autonomo e microimpresa. Obiettivi L’obiettivo del progetto è quello di porre le basi per una efficace gestione degli impianti sportivi del Palazzetto dello Sport e delineare un percorso di crescita culturale degli enti locali nel settore della gestione degli impianti, in particolare: Promuovere e materializzare forme di gestione del Palazzetto dello Sport; Creare opportunità di nuova occupazione; Dare impulso e sviluppo alle attività sportive, sociali e culturali per l’intera collettività; Prevedere utilizzazioni remunerative per l’amministrazione per ridurre costi di gestione. Target Il progetto si rivolge alle compagini imprenditoriali nella zona di Policoro, a nuove imprese, create anche tramite il lavoro autonomo e la microimpresa, che potrebbero inserirsi nei diversi locali previsti nella struttura del Palazzetto.

FATTI SALIENTI Delibera di GM n. 40 del 15/02/2005

ATTI

Risultati Realizzato uno Studio sui pacchetti localizzativi attraverso: l’analisi sul campo dei soggetti imprenditoriali potenzialmente interessati mediante interviste dirette e incontri di selezione-orientamento e l’individuazione di agevolazioni per il finanziamento delle stesse; individuati pacchetti localizzativi che prevedono la gestione dei diversi locali previsti nel Palazzetto.

DATI

2005 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


140 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

SVILUPPO ITALIA ENGINEERING SPA – TIT. I D.LGS 185/2000 MONITORAGGIO AMMINISTRATIVO SAL A SOCIETÀ BENEFICIARIE Sintesi N. 5 Incarichi relativi al supporto al committente alle attività di controllo dell’esecuzione del programma di investimenti finanziati dal D.Lgs 185/2000 Titolo I.

SVILUPPO ITALIA ENGINEERING SPA – TIT. I D.LGS 185/2000 ACCERTAMENTO DELLE SPESE DI GESTIONE RELATIVE A SOCIETÀ BENEFICIARIE Sintesi N. 8 Incarichi relativi al supporto al committente alle attività accertamento delle spese di gestione rendicontate finanziate dal D.Lgs 185/2000 Titolo I.

FATTI SALIENTI

Rif. generale Contratto Quadro del 2/9/05 valido fino al 31/12/05 tacitamente prorogabile 1° Incarico del 21/04/05 2° Incarico del 23/09/05 3° Incarico del 24/10/05 4° Incarico del 10/11/05 5° Incarico del 14/11/05

1° Incarico del 08/07/05 2° Incarico del 14/07/05 3° Incarico del 24/08/05 4° Incarico del 24/08//05 5° Incarico del 13/09/05 6° Incarico del 06/10/05 7° Incarico del 25/10/05 8° Incarico del 13/10/05

Rif. generale Contratto Quadro del 2/9/05 valido fino al 31/12/05 tacitamente prorogabile

ATTI

Risultati espletata l’attività di accertamento degli investimenti alla società beneficiaria atte a quantificare le relative agevolazioni maturate ai fini del D.Lgs 185/2000 Tit. I. In particolare l’attività di monitoraggio amministrativo ha compreso l’accertamento e la valutazione dei seguenti aspetti: Monitoraggio amministrativo » Corretta tenuta dei libri contabili e societari » Corretta contabilizzazione delle fatture rendicontate a SAL per l’acquisto di beni e servizi » Corretta contabilizzazione dei pagamenti effettuati a fronte delle fatture rendicontate ed oggetto di contributo agevolato nel SAL precedente » La situazione economica e patrimoniale della società beneficiaria » La permanenza dei requisiti soggettivi ed oggettivi necessari per l’ottenimento delle agevolazioni.

Risultati espletata l’attività di accertamento delle spese di gestione della società beneficiaria. In particolare l’attività di monitoraggio amministrativo ha compreso l’accertamento e la valutazione dei seguenti aspetti: » Accertamento della permanenza dei requisiti soggettivi ed oggettivi che hanno determinato la concessione delle agevolazioni, la completezza e la regolarità della documentazione di spesa fornita dalla società, l’attinenza rispetto all’attività di progetto delle spese chieste a rimborso, l’avvenuto integrale pagamento dei documenti giustificativi di spesa, il regolare pagamento dei premi relativi alle polizze assicurative, la completezza e regolarità dei permessi e autorizzazioni necessari per lo svolgimento delle attività di progetto » La redazione del verbale di accertamento.

DATI

2005 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 141

In Basilicata l’azione è stata espletata la società territoriale.

Azioni » Realizzazione di percorsi di orientamento all’autoimpiego » Realizzazione di percorsi formativi per la creazione di impresa nel settore dei servizi di cura all’infanzia » Realizzazione di interventi di sensibilizzazione agli enti locali sui temi della conciliazione vita/lavoro.

Finalità L’azione di sistema è finalizzata a dinamicizzare la domanda e l’offerta di servizi di conciliazione.

Sintesi La Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità, con convenzione del 5 settembre 2005, ha affidato a Sviluppo Italia l’incarico di procedere alla realizzazione di un’azione di sistema denominata “I servizi di cura per l’infanzia: una leva per lo sviluppo” mediante il coinvolgimento di 15 atenei del mezzogiorno di italia tra cui la regione Basilicata.

SVILUPPO ITALIA SPA – SERVIZI DI CURA PER L’INFANZIA Contratto di appalto di servizi in attuazione della convenzione in data 5 settembre 2005 tra la presidenza del Consiglio dei ministri – Dip. per le pari opportunità e Sviluppo Italia.

FATTI SALIENTI

Durata: da settembre 2005 fino al 5 settembre 2006

Contratto di appalto di servizi del 24/03/2006

ATTI

Risultati Attività espletate Ricerca Supporto alla realizzazione di una ricerca di mercato finalizzata ad analizzare le pratiche di eccellenza, in termini di formule imprenditoriali adottate nel settore dei servizi di cura per l’infanzia ed a rilevare lo stato dell’arte in termini di quantità e tipologia dei servizi presenti sul territorio mediante la rilevazione di dati quantitativi/qualitativi relativi al territorio regionale. Formazione Realizzazione di seminari di orientamento all’autoimpiego. Supporto e assistenza a Sviluppo Italia nella selezione dei partecipanti al percorso formativo specialistico sul tema della creazione di impresa. Erogazione del percorso formativo alla creazione di impresa. Coordinamento e monitoraggio Supporto ed assistenza nell’espletamento delle attività di coordinamento e monitoraggio delle singole azioni di progetto. Risultati quantitativi. Ricerca Gli obiettivi sono stati realizzati attraverso: » il censimento degli asili nido pubblici del territorio regionale; » il censimento delle imprese private territoriali operanti nel settore; » la rilevazione dei dati qualitativi dal lato dell’offerta dei soggetti imprenditoriali privati territoriali; » la rilevazione dei dati qualitativi dal lato della domanda delle famiglie territoriali. Orientamento Realizzati: » Comunicazione mediatica evento » 1 Seminario presso l’aula Occello dell’Università di Basilicata 80 partecipanti donne » Prescreening curriculare Tale attività ha incluso l’assistenza alla compilazione in particolare della parte relativa alla breve descrizione dell’idea imprenditoriale. Sono state raccolte in aula 43 iscrizioni. Formazione Target: N. 20 donne laureate/laureande della Facoltà di Lettere dell’Università di Basilicata Durata e periodo percorso formativo: N. 68 ore Dal 12 giugno al 12 luglio pv Sede: Potenza c/o Università degli Studi di Basilicata – aula La Manna

DATI

2005 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


142 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

EVOLUZIONI SOCIETARIE D.LGS 231/01 Il CdA di SIB in data 15 dicembre 2004 al fine di poter beneficiare della funzione preventiva del sistema introdotto con il decreto ha fatto proprio il Codice Etico di Gruppo ed ha approvato il Modello di Organizzazione, gestione Controllo di SI, nominando l’Organismo di Vigilanza.

FATTI SALIENTI

01/03/2005

ATTI

Presidente Aurelia Traficante. Amministratore Delegato Raffaele Ricciuti.

Compagine sociale invariata

Dal 1 marzo sono in vigore le procedure organizzative ed attuati interventi di formazione dei dipendenti.

Il corso ha consentito alle partecipanti di: » acquisire metodologie per la creazione di impresa tramite il trasferimento di informazioni e strumenti e la possibilità di sperimentarli mediante esercitazioni » arricchire il proprio curriculum (sarà rilasciato un attestato) » avviare il percorso di sviluppo/verifica dell’idea imprenditoriale » acquisire capacità di analisi. Valutazione del corso, mediante somministrazione di questionari, più che positiva.

DATI

2005 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 143

SPRINT BASILICATA SPORTELLO REGIONALE PER L’INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Sintesi Lo Sportello nasce dall’accordo tra Regione Basilicata e Ministero delle Attività Produttive con l’obiettivo di fornire uno sportello unico per supportare le imprese locali che vogliano affacciarsi sui mercati esteri. Allo sportello aderisce anche Sviluppo Italia Basilicata. Partnership » ICE - Istituto Nazione per il Commercio estero » SACE SpA - Servizi Assicurativi del Commercio Estero » SIMEST – Società Italiana per le Imprese all’Estero » Unioncamere Basilicata » Sviluppo Italia Basilicata » Provincia di Matera » Provincia di Potenza. La struttura Sprint fa capo all’Assessorato Regionale alle Attività Produttive e Politiche dell’Impresa e si articola in una struttura centrale ubicata presso la Regione, con funzione di coordinamento, e due uffici operativi che offrono servizi alle imprese. Gli uffici operativi hanno sede presso le Camere di Commercio di Potenza e Matera. I servizi Lo Sportello ha il compito di agevolare l'accesso delle imprese e degli operatori economici ai servizi per il sostegno all'internazionalizzazione e all'export di tipo promozionale, finanziario ed assicurativo previsti a livello regionale, nazionale, e comunitario. SPRINT Basilicata offre i seguenti servizi. Informazione e consulenza » informazione di base, statistica, doganale, fiscale, finanziaria, valutaria » assistenza di base e di primo orientamento. Promozione » organizzazione di fiere, missioni, seminari, workshop, azioni di comunicazione » ricerca partner » borse di cooperazione e subfornitura » studi ed analisi di mercati e settori. Formazione » formazione per manager, imprenditori ed addetti in commercio estero ed internazionalizzazione. Servizi finanziari » partecipazione e finanziamento agevolato per la realizzazione di investimenti all'estero » finanziamento di programmi di penetrazione commerciale (realizzazione di uffici commerciali all’estero, programmi di marketing). Servizi assicurativi » assicurazione e riassicurazione dei rischi di natura politica, commerciale economica e di cambio derivanti dalle esportazioni di merci e servizi, lavori civili e investimenti all'estero a cui possono essere esposte le aziende esportatrici.

FATTI SALIENTI

2006 » SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA Sottoscrizione dell’intesa tra Regione Basilicata e Ministero delle Attività Produttive del 20/10/2002 per la costituzione dello SPRINT Basilicata e successivi accordi con i Partner dello Sportello.

DATI


144 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

SPRINT – Convenzione con Regione Basilicata nell’ambito dell’Accordo di Programma MAP - Regione Basilicata e della Convenzione ICERegione Basilicata 2005 per la realizzazione del Progetto di promozione dei fattori localizzativi della Regione Basilicata. Fonte finanziaria: POR Basilicata 2000/2006 Misura IV.20 Azione B/FESR. Sintesi La Regione Basilicata ha proposto all’ICE un programma di attività da realizzare nel 2006 nell’ambito dell’Accordo di Programma MAP Regione Basilicata condivise e integrate con l’attività prevista dal programma promozionale dell’Istituto. Nell’ambito della convenzione 2005 ICE Regione Basilicata la Regione Basilicata Dip AAPP si impegna a realizzare alcune iniziative delegandone l’esecuzione ai partner dello SPRINT Basilicata. In particolare delega a Sviluppo Italia Basilicata la realizzazione del Progetto di promozione dei fattori localizzativi della Regione Basilicata. L’oggetto della convenzione è la realizzazione di una iniziativa promozionale finalizzata a supportare lo sviluppo economico della Regione Basilicata sotto il profilo dell’internazionalizzazione, della promozione delle esportazioni delle aziende lucane con particolare riferimento alle PMI sulla base degli obiettivi e priorità della Regione e in sintonia con le linee direttrice del Ministero delle Attività Produttive. Obiettivi del Progetto di Promozione Il progetto si pone l’obiettivo di intraprendere rapporti sistematici con potenziali investitori canadesi interessati ad avviare attività e/o partnership imprenditoriali in Basilicata. Azioni previste Il progetto nasce da precedenti rapporti che Sviluppo Italia Basilicata in partnership con il Centro Estero della camera di Commercio di Matera ha sviluppato in Canada con attori istituzionali ed imprenditoriali canadesi. Fasi: Ricognizione sui potenziali rappresentanti delle categorie target; Realizzazione di un workshop all’interno di attività promozionali sul Made in basilicata sviluppate dal centro estero della CCIAA di matera nell’area Ovest del canada; Realizzazione di un evento teso alla promozione delle opportunità di investimento in Basilicata presso le categorie target con l’ausilio delle attività promozionali sul Made in Basilicata sviluppate dal Centro estero della Camera di Commercio di matera nell’area Est del canada; Educational workshop i Basilicata in sinergia con il centro estero della Camera di Commercio di matera con opinion leader canadesi delle categorie target. Territorio: Canada e Basilicata.

FATTI SALIENTI Convenzione del 2/8/2006

ATTI

Risultati La società ha realizzato: » la progettazione esecutiva dell’iniziativa » 1 missione di operatori economici della Basilicata a Vancouver e Calgary (Canada) dal 27/09/06 al 3/10/2006 che ha previsto incontri istituzionali con il Vice Ministro per lo Sviluppo economico della British Columbia, l’ambasciatore italiano, matching tra imprenditori esportatori distributori, 2 seminari investire in Basilicata e sull’olio di oliva, sindaci delle comunità canadesi, conferenze stampa » 1 Educational Tour di operatori canadesi in Basilicata dal 22/10/2007 al 27/10/2007. Risultati: Potenziali investitori canadesi coinvolti del settore agrifoods n. 4 Potenziali investitori canadesi del settore real estate n. 4 Potenziali investitori canadesi del settore energia/ambiente n. 2 Aziende lucane coinvolte settore agrifoods n. 38 Aziende lucane coinvolte settore real/estate n. 12 Aziende lucane coinvolte settore energia/ambiente n. 14 Organismi pubblici coinvolti n. 7 (ASI PZ, IMAA CNR, ACTA, APT, Distretti Vulture e Metaponto, Regione Basilicata). Incontri matching attuati n. 192 » l’organizzazione della partecipazione di rappresentanti istituzionali e di aziende lucane a Globe 2008, trade show e congresso internazionale su business e ambiente, tenutosi a Vancouver dal 12 al 14 marzo 2008. Evento aperto a delegazione di buyers internazionali e ad esponenti governativi di 80 paesi del mondo, così come a delegati delle maggiori organizzazioni internazionali, leaders di settori. All’evento ha partecipato una delegazione lucana costituita dell’IMAA CNR, di Metapontum Agrobios in rappresentanza anche dell’Enea e del Consorzio Createc (il Consorzio per l’Ambiente e l’Innovazione Tecnologica specializzato in Ricerca Industriale e Sviluppo di Servizi Innovativi) e di Sviluppo Italia Basilicata. Durante l’evento si sono svolti vari incontri B2B con controparti straniere, un seminario di presentazione degli operatori e di opportunità di alleanze strategiche, e visite aziendali ed a centri di ricerca scelte fra sette itinerari.

DATI

2006 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 145

STUDIARE SVILUPPO SRL - PHARE TWINNING TURCHIA TR03-SPP-01 Support to the State Planning Organization General Directorate for Regional Development and Structural Adjustment for strengthening institutional and administrative capacity. (Supporto alla Pianificazione Organizzazione della Direzione Generale Statale per lo Sviluppo Regionale e l'adeguamento strutturale per il rafforzamento istituzionale e la capacità amministrativa). Sintesi La società è stata incaricata da Studiare Sviluppo Srl Mandated Body, di realizzare attività di assistenza nell’ambito delle Component 2 e 6. Obiettivo del Programma Twinning Turchia: Assistere le autorità in Turchia per rafforzare i meccanismi integrati per lo sviluppo e l'attuazione della politica regionale e la capacità istituzionale per la gestione e il coordinamento delle politiche di sviluppo regionale e l'attuazione di progetti finanziati con fondi comunitari. Budget: € 800.000,00. Durata: 18 mesi. Partnership italiana Ministero dell'Economia e delle Finanze – Dipartimento per le Politiche di Sviluppo Regione Emilia Romagna Regione Puglia Ervet SpA Sviluppo Italia Puglia Studiare Sviluppo (Mandated Body). Project Leader Italy: Alessandra Nicita. Project Leader Turkey: Ajmet Yaman. Resident Twinning Advisor: Ruggero Tabossi.

FATTI SALIENTI Durata: maggio – ottobre 2006

ATTI

Risultati n. 24,5 giornate di assistenza espletate attraverso: » Docenze sulla gestione del ciclo di progetto » Redazione di linee guida per la redazione di studi di fattibilità in linea con i requisiti UE.

Componenti Componente 1: Sviluppo di una struttura giuridica e organizzativa per lo sviluppo regionale e la gestione dei fondi dell'UE, comprese le agenzie di sviluppo regionale e le istituzioni Componente 2: Sviluppo di un quadro strutturato per il miglioramento e la capacità di cooperazione tra i livelli centrale e regionale per l'attuazione delle politiche regionali Componente 3: Sviluppo di una strategia delle risorse umane per la gestione delle politiche regionali e programmi a livello centrale Componente 4: l'aggiornamento, l'elaborazione e l'ulteriore rafforzamento della pNDP, attraverso una maggiore capacità in materia di gestione, controllo, monitoraggio e valutazione Componente 5: Miglioramento della capacità di comunicazione all'interno della DPT e lo sviluppo della regione pilota pNDP e programma piani di comunicazione Componente 6: Rafforzamento della capacità e della promozione di una diffusa UE per l'attuazione di approcci locali di sviluppo e priorità orizzontali, compresa la capacità nello sviluppo di un progetto di gasdotto UE in materia di progetti finanziati, attraverso la capacità di gestione del ciclo di progetto e studi di fattibilità.

DATI

2006 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


146 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

SVILUPPO ITALIA SPA – ISTRUTTORIA EROGAZIONI MONITORAGGIO CONTRATTO D’APPALTO DI SERVIZI E MANDATO CON RAPPRESENTANZA PER L’ATTUAZIONE DEL TIT. II DEL D.LGS. 185/2000 Sintesi Il D.LGS 185/2000, in attuazione del 1° comma della L. 144/99, ha previsto incentivi per promuovere l’autoimprenditorialità e l’autoimpiego nelle aree economicamente svantaggiate d’Italia. In particolare il Tit. II del Decreto contiene norme che hanno lo scopo di favorire l’inserimento nel mondo del lavoro di persone prive di occupazione, promuovendo la cultura di impresa e incentivando iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo e di franchising nei settori della produzione dei beni, della fornitura di servizi e del commercio, nonché della microimpresa nei settori della produzione di beni e della fornitura di servizi. Il Decreto prevede l’assistenza tecnica dei progetti e delle iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo, microimpresa, franchising e la concessione ed erogazione delle agevolazioni economico-finanziarie previste dal decreto stesso. Sviluppo Italia affida in appalto a Sviluppo Italia Basilicata la fornitura dei servizi di: Informazione e Comunicazione » gestione dei punti informativi territoriali comprendente l’informazione sulle agevolazioni e sulle condizioni e modalità per ottenerle, l’organizzazione di seminari informativi/formativi (prenotazioni e iscrizioni) » organizzazione e gestione dei seminari informativi/formativi (min. 1 al mese) per le iniziative di lavoro autonomo e di microimpresa finalizzati all’orientamento al mettersi in proprio e di informazione sulle modalità di presentazione delle domande » la promozione degli strumenti Autoimpiego mediante la partecipazione ad eventi/fiere e la realizzazione di seminari/convegni a carattere regionale » attività di informazione e comunicazione in collaborazione con le istituzioni e gli enti locali

FATTI SALIENTI nel rispetto di protocolli di intesa sottoscritti da SI » la presentazione di relazioni illustrative semestrali da trasmettere a SI. Valutazione Istruttoria » Esaminabilità delle domande di agevolazione e comunicazioni ai proponenti » Valutazione istruttoria delle domande di ammissione alle agevolazioni per il lavoro autonomo e la microimpresa e registrazione sul sistema informatico autoimpiego, trasmissione a Si e comunicazione ai beneficiari degli esiti » Richiesta delle certificazioni antimafia » Redazione e sottoscrizione, in nome e per conto di SI, dei contratti di concessione delle agevolazioni, trasmissione a SI dei provvedimenti di proroga e delle proposte di revoca finanziamenti. Erogazione delle agevolazioni » Gestione per le iniziative di lavoro autonomo e microimpresa delle richieste di erogazione delle agevolazioni in c/investimenti e in c/gestione mediante verifiche di conformità e completezza della documentazione prodotto e degli atti istruttori dovuti e registrazione sul sistema informatico autoimpiego » Verifica Destinazione delle agevolazioni erogate in c/investimenti e registrazione sul sistema informatico autoimpiego » Monitoraggio finale delle spese ammesse alle agevolazioni in c/gestione e registrazione sul sistema informatico autoimpiego » Monitoraggio del rispetto degli obblighi contrattuali e registrazione sul sistema informatico autoimpiego. Controllo dei requisiti Visite ispettive finalizzate ad accertare la persistenza dei requisiti che hanno determinato la concessione delle agevolazioni e registrazione sul sistema informatico autoimpiego.

MICROIMPRESA Domande pervenute n. 141 Domande istruite n. 108 Domande ammesse ai finanziamenti n. 75 Risorse impegnate € 10.321.235 Risorse erogate € 10.327.064 ** SETTORI n. Produzione di beni / Fornitura di servizi 13 22

* Incluse domande pervenute l’anno precedente ** Incluse risorse anno precedente

OCCUPAZIONE STIMATA COMPLESSIVAMENTE N. 527

LAVORO AUTONOMO Domande pervenute n. 305 Domande istruite n. 264 Domande ammesse ai finanziamenti n. 145 Risorse impegnate € 4.598.357 Risorse erogate € 6.584.312 * SETTORI n. Artigianato 21 Commercio 13 Servizi 21

Risultati conseguiti da Sviluppo Italia Basilicata nell’anno 2006 in relazione alle attività di cui al D.Lgs 185/2000 Tit. II

DATI

Comunicazione del 5/6/08 di proroga contrattuale fino al 31/12/2008 e modificazione dell’art. 23 + accettazione di SIB del 16/6/2008 prot. 804

Durata: dal 1/7/06 al 31.12.07

Contratto d’Appalto n. d’ordine SC000/309/200500932 del 7/8/2006

ATTI

2006 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 147

SVILUPPO ITALIA SPA – FRANCHISING CONTRATTO D’APPALTO DI SERVIZI PER L’ATTUAZIONE DEL TITOLO II DEL D.LGS. 185/2000 IN RELAZIONE ALLE INIZIATIVE DA REALIZZARE IN FRANCHISING. RICOGNIZIONE DELLA RINNOVAZIONE PARZIALE DEL CONTRATTO PRECEDENTEMENTE CONCLUSO Sintesi Il D.LGS 185/2000, in attuazione del 1° comma della L. 144/99, ha previsto incentivi per promuovere l’autoimprenditorialità e l’autoimpiego nelle aree economicamente svantaggiate d’Italia. In particolare il Tit. II del Decreto contiene norme che hanno lo scopo di favorire l’inserimento nel mondo del lavoro di persone prive di occupazione, promuovendo la cultura di impresa e incentivando iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo e di franchising nei settori della produzione dei beni, della fornitura di servizi e del commercio, nonché della microimpresa nei settori della produzione di beni e della fornitura di servizi. Il Decreto prevede l’assistenza tecnica dei progetti e delle iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo, microimpresa, franchising e la concessione ed erogazione delle agevolazioni economico-finanziarie previste dal decreto stesso. Sviluppo Italia affida in appalto a Sviluppo Italia Basilicata la fornitura del servizio di assistenza in favore di tutti i soggetti, imprese individuali o società, aventi sede in Basilicata ammessi alle agevolazioni previste per le iniziative di FRANCHISING o fuori regione così come indicato da SI. L’assistenza è di natura tecnica, amministrativa, contabile e legale e viene prestata sia nella fase di realizzazione degli investimenti, sia in quella di avvio dell’iniziativa in modo da orientare e sostenere i beneficiari delle agevolazioni a realizzare ed avviare l’attività in conformità al progetto presentato e del contratto di concessione delle agevolazioni da essi sottoscritto e nel rispetto delle condizioni soggettive ed oggettive stabilite dal D.LGS. 185/2000. Il servizio di assistenza ha la durata massima di 12 mesi. Viene erogato attraverso 3 incontri programmati e attività continuativa non programmata costituita da ulteriori incontri e da servizi a sportello. Sviluppo Italia affida in appalto a Sviluppo Italia Basilicata la fornitura dei servizi di: Informazione e Comunicazione » gestione dei punti informativi territoriali comprendente l’informazione sulle agevolazioni e sulle condizioni e modalità per ottenerle, l’organizzazione di seminari informativi/formativi (prenotazioni e iscrizioni) » organizzazione e gestione dei seminari informativi/formativi (min. 1 al mese) per le iniziative da realizzare in franchising finalizzati all’orientamento al mettersi in proprio e di informazione sulle modalità di presentazione delle domande » la promozione dello strumento Franchising mediante la partecipazione ad eventi/fiere e la realizzazione di seminari/convegni a carattere regionale e di franchising day » l’individuazione di franchisor e la gestione dei rapporti fino alla presentazione delle domande di accreditamento » attività di informazione e comunicazione in collaborazione con le istituzioni e gli enti locali nel rispetto di protocolli di intesa sottoscritti da SI » la presentazione di relazioni illustrative semestrali da trasmettere a SI. Monitoraggio » Monitoraggio finale delle spese ammesse alle agevolazioni in c/gestione e registrazione sul sistema informatico autoimpiego » Monitoraggio del rispetto degli obblighi contrattuali e registrazione sul sistema informatico autoimpiego. Controllo dei requisiti Visite ispettive finalizzate ad accertare la persistenza dei requisiti che hanno determinato la concessione delle agevolazioni e registrazione sul sistema informatico autoimpiego.

FATTI SALIENTI

Comunicazione di proroga del 5/6/08 fino al 31.12.2008. Accettazione SIB del 16/6/2008.

Contratto d’appalto di servizi del 18/12/2006 N. d’Ordine 50000/309/20070008 Durata: dal 2.1.07 al 31.12.07

ATTI

2006 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


148 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Risultati Realizzati per gli alunni del Liceo il: Modulo Marketing Territoriale – h. 22 Per il Modulo Creazione di impresa h. 14 Per il Modulo Strategie di marketing – h. 25

Risultati Realizzazione di un modulo didattico di 5 ore “Accesso ai fondi europei e supporto alla creazione di impresa”. Risultati n. 7 gg di Assistenza tecnica e training al personale dell’Agenzia di Sviluppo regionale di Bucarest Ilfov sulle seguenti tematiche: le strategie di mktg del territorio e attrazione investimenti esteri, programmi di internazionalizzazione delle PMI, strumenti di finanza innovativa e microcredito.

Risultati Realizzato un intervento didattico di 6 ore mirato alle opportunità di finanziamento nel settore dell’imprenditoria giovanile. Risultati L’ITC, nell’ambito delle sperimentazioni didattiche ed ordinamentali per l’ampliamento dell’offerta formativa e per l’avvio dell’autonomia scolastica ha promosso il progetto sperimentale “Imprenditoria giovanile”, richiedendo alla società un intervento formativo sul tema della creazione di impresa e dell’autoimpiego rivolto agli alunni della ultime sezioni dell’istituto. Durata: Aprile – Giugno 2006. Risultati La società ha supportato le fasi di individuazione degli attori istituzionali, sociali, economici e culturali da coinvolgere partecipando a 4 Tavoli laboratorio (salute, scuola, turismo, impresa) finalizzati a promuovere il Piano e a verificare la praticabilità di partnership con soggetti pubblici e privati per l’attuazione di progetti individuati dal Piano e proposte degli enti/organizzazioni coinvolti.

Incarico del 23/03/2006

Incarico di collaborazione del 12/01/2006

Incarico del 24/04/2006

Contratto prestazione d’opera del 13/05/2006

Incarico del 25/05/2006

MASTER IN TURISMO RURALE E NUOVI TURISMI – FORMAZIONE Incarico da parte di società locale attuatrice del progetto formativo Master in turismo rurale e nuovi turismi e richiede alla società la realizzazione di un modulo didattico.

CONSORZIO PROGETTO LAZIO 92 – COLLABORAZIONE PER PROGETTO PHARE TWINNING BUCAREST – ILFOV IN ROMANIA Sintesi Il Consorzio ha ricevuto incarico dalla Regione Lazio di gestire i rapporti amministrativi con gli esperti impegnati nello sviluppo del progetto “Phare Twinning RO/2003/IB/SPP/08 Bucarest Ilfov in Romania” e richiede alla società la partecipazione di 2 esperti di progetti di cooperazione internazionale.

DOCENZE Incarico da parte di società locale attuatrice di un progetto di Alta Formazione denominato Multimedia Management e richiede a SIB un intervento didattico.

ITC ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER PROGRAMMATORI F. NITTI POTENZA Docenze.

SAT SRL – SERVIZI DI ASSISTENZA TECNICA POTENZA PIANO STRATEGICO COMUNE DI POTENZA Sintesi La SAT ha sottoscritto con il Comune di Potenza l’incarico di assistenza per la redazione del Piano Strategico della città di Potenza. L’attività richiesta a SIB è finalizzata all’elaborazione del Piano strategico di Potenza ed all’individuazione di progetti da realizzare nell’arco di un

DATI

Incarico del 10/01/2006

ATTI

LICEO SCIENTIFICO D. ALIGHIERI MATERA – DOCENZE PER SPERIMENTAZIONI DIDATTICHE PROGETTO TECNICO SUPERIORE PER L’ORGANIZZAZIONE E PER IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO Il Liceo Scientifico è attuatore del progetto Tecnico Superiore per l’organizzazione e per il Marketing del Turismo Integrato autorizzato dal MIUR e richiede alla società l’erogazione di docenze.

FATTI SALIENTI

2006 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 149

DOCENZE Incarico da parte di società locale attuatrice del Master Gestione dei servizi Pubblici integrati in partnership con la provincia di Potenza, l’ATO Basilicata, L’Acquedotto Lucano e la Federazione Italiana per l’uso razionale dell’Energia per l’erogazione di attività di docenza.

ventennio attraverso una interlocuzione continua con i principali stakeholders interessati. Target Presidenti, Responsabili, Direttori di Enti regionali, provinciali, comunali Sanità, Cultura, Scuole, Imprese, Ricerca, Territorio. Territorio Comune di Potenza ed hinterland. Fasi attività Individuazione delle tematiche chiave di sviluppo Costituzione dei tavoli di lavoro sulle tematiche chiave Individuazione dei progetti chiave e delle fonti di finanziamento.

FATTI SALIENTI

Incarico del 02/05/06

ATTI

Risultati Docenza di 4 ore nell’ambito del Modulo II Pianificazione e gestione ambientale. Modelli e strumenti di gestione dei servizi pubblici locali.

DATI

2006 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


150 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

PICCOLI SUSSIDI SOVVENZIONE GLOBALE POR Basilicata 2000/2006 come da Azioni previste sulle Misure III.1.A.2 – III.1.B.1 – III.1.D.3 – III.1.E.1 a valere sul Fondo Sociale Europeo. Valore progetto: € 10.500.000 di cui € 9.240.000 le risorse destinate ai finanziamenti di impresa ed € 1.260.000 le risorse per le spese di Accompagnamento e di Gestione dell’OI. Sintesi La società si è candidata al Bando di Gara della Regione Basilicata ed è stata selezionata quale Organismo Intermediario per la gestione della Sovvenzione Globale Piccoli Sussidi articolata in 4 Azioni e l’erogazione dei Piccoli Sussidi. Partnership Sviluppo Italia Basilicata Organismo Intermediario per la gestione del progetto e l’erogazione dei finanziamenti. Partner sociali: BASEFOR-CSC-COFIDI BAILICATA per le attività di assistenza alla redazione dei piani di impresa. Descrizione I Piccoli Sussidi sono contributi a fondo perduto (da un minimo di € 10.000 ad un max di € 50.000) per spese di investimento. Costituiscono la linea di intervento della Sovvenzione Globale, uno strumento di sostegno promosso dall’UE per la realizzazione di particolari azioni di sviluppo locale attivata dalla Regione Basilicata Dipartimento Formazione, Lavoro, Cultura e Sport nell’ambito del POR Basilicata 2000/2006 come da Azioni previste sulle Misure III.1.A.2 – III.1.B.1 – III.1.D.3 – III.1.E.1 a valere sul Fondo Sociale Europeo. I Piccoli Sussidi costituiscono una delle iniziative previste dal patto con i Giovani promosso dalla Presidenza della Giunta regionale. Obiettivi » Sostenere la nuova imprenditorialità attraverso il lavoro autonomo e professionale (Azione 1) » Favorire la nascita e il consolidamento di imprese sociali (Azione 2) » Favorire l’emersione dal lavoro irregolare, lo sviluppo dell’imprenditorialità e il consolidamento di microimprese (Azione 3) » Favorire una maggiore partecipazione delle donne al mercato del lavoro (Azione 4). Target » Persone fisiche per l’avviamento di nuove iniziative imprenditoriali, di lavoro autonomo e professionale » Microimprese, di nuova costituzione o già operanti, aventi i requisiti si sensi dell’art. 2 punto 3 dell’Allegato 1 al regolamento (CE) n. 364 del 2004 » Operatori del terzo settore

FATTI SALIENTI Pubblicazione Bando Regione Basilicata su BUR Basilicata n. 37 del 16/07/2006 Presentazione candidatura SIB 24 agosto 2006 Sottoscrizione Convenzione SIB/RB del 15/09/2006 Pubblicazione 4 bandi per la concessione di Piccoli Sussidi su BURB n. 56 del 16 settembre 2006 Delibera GR Basilicata n. 1740 del 21/11/06 proroga del termine di presentazione della graduatoria al 31 gennaio 2007 con pubblicazione su BURB del 16 febbraio 2007 n.9 Proroga al 30/09/2008

ATTI

Risultati La Commissione di Gara aggiudica il bando di Gara a SIB per competenza ed esperienza nell’istruttoria tecnica e nella valutazione dei progetti di impresa, per capacità di coinvolgimento degli stakeholders, per disponibilità di strutture tecniche, per capacità amministrative, per capacità progettuale e gestionale, per congruità del piano economico (valutazione 89/100). RISULTATI DELLA FASE DI ACCOMPAGNAMENTO Comunicazione n. 49.000 leaflet n. 12.700 guide ai bandi n. 3.000 manifesti n. 27 inserzioni pubblicitarie su 3 testate locali n. 798 passaggi spot su 8 emittenti radio, comunicati stampa e tele interviste Attivazione menu Piccoli Sussidi sui Portali di SIB e della regione Basilicata Utilizzo Contact Center aziendale, Info Point aziendale. Animazione 127 roadshow in 127 comuni lucani. Orientamento n. 508 ore erogate per seminari di informazione/orientamento all’imprenditorialità in 127 comuni lucani. n. 3.182 partecipanti ai seminari di cui il 49% costituito da uomini, il 51% da donne. Assistenza n. 21 sedi di assistenza attivate in 8 aree PIT e su Potenza e Matera oltre 10.000 contatti telefonici. n. 2.081 persone assistite dai partner sociali nella redazione dei piani di impresa di cui il 44% donne. RISULTATI DELLA FASE DI ATTUAZIONE Imprese candidate: n. 4.161 Imprese idonee: 86% delle imprese candidate Imprese finanziate: 225 Nuova occupazione: 318 Imprese costituite da donne: 43,5% Risorse erogate: € 8.371.541,74 Tutoraggio: n. 450 incontri programmati + tutoraggio continuativo a distanza (via mail, via telefono) e incontri non programmati.

DATI

2006 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 151

EVOLUZIONI SOCIETARIE

Settori » Produzione dei beni » Fornitura di servizi » Commercio. Agevolazioni previste » Contributi a fondo perduto in c/capitale per le spese di investimento nella misura dell’80% delle spese ammissibile. Il contributo concesso da un min di € 10.000 ad un max di € 50.000 al netto di IVA sono stati erogati in conformità del regolamento CE n. 69/2001 sugli aiuti di importanza minore (De minimis). » Servizi gratuiti di sostegno: › assistenza allo sviluppo dell’idea imprenditoriale, consulenza nella redazione del progetto di fattibilità › tutoraggio nella fase di start up dell’impresa.

FATTI SALIENTI

ATTI

Presidente Aurelia Traficante. Amministratore Delegato Raffaele Ricciuti.

Compagine sociale invariata

DATI

2006 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


152 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Continua la gestione degli strumenti relativi al D. Lgs 185/2000 Tit. II.

MICROIMPRESA Domande pervenute n. 108 Domande istruite n. 140 * Domande ammesse ai finanziamenti n. 36 Risorse impegnate € 4.036.295 Risorse erogate € 8.740.946 ** SETTORI n. Produzione di beni 16 Fornitura di servizi / Turismo 20

* Incluse domande pervenute l’anno precedente ** Incluse risorse anno precedente

OCCUPAZIONE STIMATA COMPLESSIVAMENTE N. 194

LAVORO AUTONOMO Domande pervenute n. 265 Domande istruite n. 293 * Domande ammesse ai finanziamenti n. 86 Risorse impegnate € 2.604.682 Risorse erogate € 3.412.743 ** SETTORI n. Artigianato 18 Commercio 29 Servizi 39 Servizi in agricoltura / Turismo 0

Risultati conseguiti da Sviluppo Italia Basilicata nell’anno 2007 in relazione alle attività di cui al D.Lgs 185/2000 Tit.II

DATI

Assemblea ordinaria dei soci in data 21 giugno 2007.

Nomina dell’Amministratore Unico nella persona del Dr. R. Ricciuti e dei nuovi componenti del Collegio Sindacale.

D.LGS 185/2000 TIT. II

FINANZIARIA 2007 – LEGGE 296/2006 (Art. 1, commi 460-464) Direttiva del Ministro dello Sviluppo Economico del 27 marzo 2007 Decreto MISE del 18 settembre 2007 (pubblicato in GURI del 6 ottobre 2007) DECRETO-LEGGE 31 Dicembre 2007, n. 248 (c.d. DECRETO MILLEPROROGHE) Art. 28, “Proroga dei termini al 30/06/2008 per il riordino ed il riassetto delle partecipazioni societarie dell'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa S.p.A.” DECRETO-LEGGE 30/12/2008 n. 207 (c.d. DECRETO MILLEPROROGHE) Art. 20, “Proroga dei termini al 30/06/2009 per il riordino ed il riassetto delle partecipazioni societarie dell'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa S.p.A.”

ATTI

EVOLUZIONI SOCIETARIE A seguito della L. Finanziaria 2007 e della Direttiva del Ministro dello Sviluppo Economico del 27 marzo 2007 Sviluppo Italia SpA ha avviato il riordino complessivo del Gruppo Sviluppo Italia che prevede la cessione delle società territoriali alle amministrazioni regionali inizialmente entro il 31/12/2007. Con successivi decreti il termine slitterà al 30/06/2010. Il 18 luglio 2007 il socio Sviluppo Italia modifica la propria denominazione sociale in Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa SpA. La sua missione diventa l’attrazione degli investimenti, prevalentemente esteri; il sostegno alla creazione di impresa e lo sviluppo dei territori. Nel Luglio del 2008 assume il nuovo marchio di INVITALIA.

FATTI SALIENTI

2007 » SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 153

SVILUPPO ITALIA SPA – DISTRETTO TECNOLOGICO Contratto d’appalto di servizi per le attività di assistenza tecnica e di supporto specialistico alla Regione Basilicata nell’attuazione e nell’implementazione e sviluppo del Distretto Tecnologico relativo alle tecnologie innovative per la tutela dei rischi idrogeologici e sismici. Sintesi Il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica ha proceduto alla ripartizione tra le Regioni del Mezzogiorno (Ob. 1) per il periodo 2005-2008 delle risorse per gli interventi nelle aree sottoutilizzate, stabilendo che le Amministrazioni Regionali destinatarie di risorse debbano definire gli interventi e le relative modalità di realizzazione nell’ambito di specifici Accordi di Programma Quadro da stipularsi con il Ministero dell’Economia e delle Finanze e con l’Amministrazione centrale competente per materia. Tra le amministrazioni centrali anche il MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) è stato individuato quale destinatario del finanziamento delle azioni di sistema volte a garantire un’adeguata progettazione degli interventi da ricomprendere negli Accordi di Programma Quadro. In data 7 marzo 2006 il MIUR e Sviluppo Italia hanno concluso una convenzione in virtù della quale è stato affidato a Sviluppo Italia la definizione e la realizzazione delle azioni di sistema volte a garantire un’adeguata progettazione degli interventi ricompresi negli Accordi di programma Quadro stipulati tra MIUR, MEF e Amministrazioni regionali in tema di ricerca. Ruolo di Sviluppo Italia Basilicata Sviluppo Italia per la realizzazione di talune attività affida alla società l’incarico di Assistenza Tecnica e il Supporto Tecnico alla Regione Basilicata nelle fasi di attuazione e di implementazione e sviluppo del Distretto Tecnologico relativo alle tecnologie innovative per la tutela dei rischi idrogeologici e sismici. Fasi FASE DI ATTUAZIONE » Assistenza tecnica e supporto specialistico per l’attuazione dell’Accordo di programma Quadro in materia di ricerca scientifica per la costituzione del distretto tecnologico » Assistenza tecnica e supporto per la verifica della composizione dei soggetti pubblici e privati regionali coinvolti e/o da coinvolgere nel percorso di sviluppo del distretto tecnologico » Nell’assistenza tecnica e nel supporto per la definizione ed implementazione di una struttura di governance del distretto tecnologico

FATTI SALIENTI Atto ricognitivo di un contratto d’appalto del 08/02/07 (n. d’ordine QA000391/200601068)

ATTI

Risultati » Realizzazione Linee guida per la governance del distretto tecnologico in Basilicata » Realizzazione della Proposta di regolamento del Comitato per l’Innovazione.

In particolare le attività sono state svolte: » supportando la Regione Basilicata nella predisposizione di strumenti e di procedure per la concreta attuazione dell’intervento del distretto tecnologico » collaborando con la Regione Basilicata nella verifica della composizione della platea degli attori pubblici e privati regionali e strutturando nuove ipotesi di collaborazione e partecipazione finanziaria alle attività del distretto » supportando la Regione nella costituzione della governance del distretto tecnologico » supportando la regione nel monitoraggio della disponibilità delle risorse impiegate e nella verifica della possibilità di accedere a nuove risorse » partecipando alle riunioni interne e o con la Regione ed altri soggetti coinvolti nelle attività » facilitando l’interlocuzione con la Regione e con gli altri attori locali coinvolti nello svolgimento delle attività.

Attività Assistenza all’implementazione e all’attuazione dell’Accordo di Programma Quadro “Ricerca”, tramite la formulazione di un’ipotesi di modello della struttura regionale per la “governance” dell’Innovazione. Definizione di modalità operative di coordinamento e raccordo delle politiche e degli strumenti regionali attivi nell’ambito della ricerca e dell’innovazione, per renderli in linea con le esigenze priorità del tessuto produttivo locale e nazionale. Assistenza all’attività di monitoraggio dell’Accordo di Programma Quadro “Ricerca”.

DATI

2007 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


154 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

INTERNATIONALIZATION SUPPORT SOTTOPROGETTO MODELE (MODEL OF DEVELOPMENT OF LOCAL SYSTEM TO SUPPORT ENTERPRISES) – INTERREG IIIC SUD Sintesi INTERNATIONALIZATION SUPPORT (sostegno all’internazionalizzazione) è un sottoprogetto nell'ambito del progetto MODELE, nato dalla necessità di cambiare l'attuale politica di marketing territoriale per l'attrazione di investimenti, basata sul prezzo del lavoro, i terreni a basso prezzo, gli aiuti e le sovvenzioni, non più utili in alcune regioni europee. Il target sono le PMI, le imprese, che non hanno capacità, risorse e possibilità di internazionalizzare le loro attività e di migliorare l'innovazione all'interno delle imprese. Attraverso lo scambio di esperienze sono stati sviluppati e testati una nuova metodologia di attrazione degli investimenti e un nuovo modello di struttura tecnica per sostenere l'internazionalizzazione delle PMI. La principale conclusione è che l'approccio di maggior successo è la creazione di reti. Partnership 1 Sodena da Navarra (Agenzia per lo sviluppo di Navarra) (Spagna) 2 Cabildo Insular de Tenerife dalle Isole Canarie. (Spagna) 3 Centrale Transdanubian società senza fini di lucro da Transdanubio Centrale (Ungheria) 4 Prefettura di Imathia (Grecia) 5 Sviluppo Italia Basilicata da Basilicata (Italia). Obiettivi generali » Indirizzare la politica regionale di marketing verso l’attrazione di investimenti sostenibili che possono essere mantenuti nel breve e medio termine. » Sviluppare, testare e diffondere, attraverso la messa in rete, una

FASE DI IMPLEMENTAZIONE E SVILUPPO » Assistenza tecnica e supporto per la individuazione di modelli e strumenti per la promozione di un network tra gli operatori del distretto e tra i distretti di altre Regioni » Assistenza tecnica e supporto per la ricognizione degli strumenti normativi e delle risorse finanziarie, pubbliche e private, attivabili per lo sviluppo del distretto tecnologico » Assistenza tecnica e supporto per la definizione e attivazione di interventi per realizzare e favorire start up tecnologici e spin off da ricerca.

FATTI SALIENTI

Financial Agreement del 01/03/2007

ATTI

Risultati principali realizzati dalla partnership sono: Realizzazione di un "nuovo metodo di attrazione degli investimenti" e di un "modello di struttura di sostegno all’internazionalizzazione" Realizzazione di un Sito web del progetto Realizzazione di un questionario di rilevazione di dati di ciascun territorio, al fine di individuare gli attori e le organizzazioni che lavorano per l’attrazione di investimenti (agenzie di sviluppo, strutture di promozione, etc), e per individuare i settori e le aziende interessate nella realizzazione di investimenti in altre regioni). Data Base di dati di aziende / settori in grado di andare all'estero Data Base di imprese desiderose di internazionalizzarsi. Benchmarket analisi e migliori pratiche Data base di settori in grado di accogliere nuove imprese (in regioni ospitanti) Portale web sulla cooperazione interregionale PMI Newsletter Report relativo alla metodologia innovativa testato dal sotto-progetto, redatto in inglese, diffuso via Internet Realizzazione di 2 meeting intermedi ed 1 Conferenza Finale a Pamplona Le attività di promozione sono state organizzate in Grecia ad Imathia.

DATI

2007 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 155

CCIAA POTENZA IN.I.FIN.TO – INTERREGIONAL INNOVATIVE FINANCIAL TOOLS - SOTTOPROGETTO MODELE (MODEL OF DEVELOPMENT OF LOCAL SYSTEM TO SUPPORT ENTERPRISES) – INTERREG IIIC SUD Sintesi La CCIAA di Potenza (Forim) in partenariato transnazionale con KetaKemak Grecia, Mid Pannon Regional Developing Ungheria, Camera di Commercio della Navarra Spagna e Società di Garanzia Spagna, ha presentato alla Regione Basilicata in data 10/09/06 la proposta progettuale a valere su Modele sottoprogetti approvato dalla Regione Basilicata in data 11/12/2006. Sviluppo Italia Basilicata è stata incaricata dalla CCIAA di predisporre 2 studi di fattibilità.

nuova metodologia di attrazione degli investimenti, con l'obiettivo di individuare strumenti innovativi e politiche da applicare in futuro. Obiettivi specifici Identificazione e individualizzazione degli agenti (agenzie di sviluppo, enti di promozione, ecc) direttamente coinvolti in processi di attrazione investimenti nei territori; Analizzare la loro evoluzione nel corso degli ultimi anni (successo e fallimento) attraverso una analisi comparativa; Identificazione delle migliori pratiche suscettibili di essere trasferite tra le regioni partecipanti. Compilazione delle migliori pratiche; Proposta di una nuova metodologia di attrazione degli investimenti a partire da diverse metodologie ed esperienze in materia di scambio di attrazione degli investimenti; Prove pratiche di tale comune metodologia proposta al fine di definire un futuro modo di sostenere gli investimenti tra le regioni; Incoraggiare la cooperazione interregionale e transnazionale in materia di attrazione investimenti, focalizzata sulla internazionalizzazione, attraverso lo sviluppo di cambio stabili e l'esperienza di trasferimento reti. Favorire la massima diffusione dei risultati del progetto a 3 diversi livelli: regionale, nazionale ed europeo. Workpackage » Project management, network implementation e coordinamento » Scambio di esperienze e trasferimento delle Best Practices » Sviluppo di una metodologia condivisa » Verifica della metodologia » Definizione finale della metodologia e diffusione dei risultati.

FATTI SALIENTI

Convenzione del 25/05/07

ATTI

Risultati Predisposizione di 2 studi di fattibilità sul tema del Venture Capitale e il Micro Credito nei quali sono state definite le modalità di funzionamento dei due strumenti di ingegneria finanziaria, la fattibilità, le procedure e le modalità di funzionamento degli strumenti finanziari tali da essere applicabili al contesto produttivo della regione Basilicata.

DATI

2007 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


156 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Master Multimedia Management realizzazione di un intervento didattico di 5 ore su tematiche imprenditoriali. Risultati L’ITC, nell’ambito delle sperimentazioni didattiche ed ordinamentali per l’ampliamento dell’offerta formativa e per l’avvio dell’autonomia scolastica ha promosso il progetto sperimentale “Imprenditoria giovanile”, richiedendo alla società un intervento formativo della durata di 25 ore sul tema della creazione di impresa e dell’autoimpiego rivolto agli alunni della ultime sezioni dell’istituto. Risultati Realizzati: Studio “Metodology for rational strategic planning and evaluation of territorial schemes environmental resources management” comprendente un’attività di analisi dei territori target (Regione Basilicata, Regione Attika. Prefettura di Grevena) finalizzata all’individuazione degli aspetti più significativi legati all’ambiente, alla gestione delle risorse ambientali,

Contratto prestazione d’opera del 21/04/2007

Joint Convention del 14/05/07

ITC ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER PROGRAMMATORI F. NITTI POTENZA – DOCENZE

GREEN ENTERPRISE PROJECT PROGRAMMA DI INIZIATIVA COMUNITARIA INTERREG III B ARCHIMED 2000/2006 - FESR - ASSE 1 MISURA 1 Piattaforma per la pianificazione e l'attuazione a livello locale di strategie a supporto dello sviluppo socio economico sostenibile. Progetto pilota e creazione di reti per lo scambio di migliori pratiche con l'obiettivo di diffondere le procedure di Agenda 21 locale e gli strumenti ambientali verso le imprese.

Istituti periferici e siti archeologici interessati dal programma Soprintendenza BAS per la Basilicata Palazzo Lanfranchi - Matera Archivio di Stato - Potenza Soprintendenza Archivistica - Potenza Biblioteca Nazionale - Potenza Soprintendenza BAS per la Basilicata Lab. Restauro – Matera Soprintendenza BAAPAS - Potenza Chiesa dell’Annunziata Vietri di Potenza- Potenza Parco Archeologico Metaponto - Bernalda Chiesa dell’Annunziata - Picerno Convento Cappuccini – Chiesa Madre - Vietri di Potenza Soprintendenza BAS per la Basilicata Palazzo Lanfranchi - Matera Soprintendenza BAS per la Basilicata Sede Centrale - Matera Soprintendenza Archeologica - Potenza.

Risultati Attività realizzate » n. 35 visite presso Istituti periferici e i siti archeologici interessati » redazione di 2 Report comprendenti: › lo stato di avanzamento dei progetti › la valutazione degli effetti apportati dagli stessi a livello istituzionale › il livello di soddisfazione raggiunto circa i servizi goduti da parte dei Soggetti beneficiari.

DATI

Incarico del 24/04/07

Atto ricognitivo di contratto d’appalto del 27/08/2007 (n. d’ordine QA000383/20070 0251)

Atto ricognitivo di contratto d’appalto del 13/03/2007 (n. d’ordine QA000383/20060 1087)

ATTI

DOCENZE Incarico da parte di società locale.

SVILUPPO ITALIA SPA – PROGRAMMA DI INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE NELLE AREE SOTTOUTILIZZATE ATTRAVERSO SPECIFICI PROGETTI IMPRENDITORIALI Sintesi in data 17 maggio 2005 i Ministeri per i Beni e le attività Culturali (MIBAC) e Sviluppo Italia hanno concluso una Convenzione per l’attuazione della parte operativa del Programma. Il programma è stato approvato con delibera CIPE n. 20 del 29/09/2004. Sviluppo Italia è incaricata delle attività di accompagnamento e supporto per l’attivazione, la realizzazione, il monitoraggio e la diffusione dei risultati del Programma. Ruolo di Sviluppo Italia Basilicata La società è stata incaricata delle attività di monitoraggio sul campo presso gli Istituti periferici del MIBAC o presso altri siti.

FATTI SALIENTI

2007 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 157

IMPORTO PROGETTO: € 654.500 Sintesi Il progetto Green Enterprise è stato selezionato nell’ambito del Programma INTERREG IIIB Archimed – Asse 1 Misura 1. Focus del progetto è la gestione razionale del territorio. Assumendo l'impresa come importante attore per lo sviluppo sostenibile della comunità e, allo stesso tempo, riconoscendo la gestione efficace delle risorse ambientali come fattore critico per la sostenibilità, il progetto è stato mirato a sviluppare e testare un contesto, coerente e integrato, per la pianificazione razionale e l’implementazione di strategie di promozione e sostegno dello sviluppo di imprese "rispettose dell’ambiente" e "socialmente responsabili". Assi di Intervento » Costruzione di un contesto coerente concettualmente che fornisca un approccio sintetico, sistemico e sistematico nella pianificazione, implementazione e gestione degli interventi a livello regionale e transregionale per la conservazione e gestione delle risorse ambientali » Focus sulle Imprese "a comportamento sociale", considerato prioritario per l'attuazione efficace di strategie, politiche e misure a favore dell’ambiente e, in generale, dello sviluppo sostenibile a livello locale / regionale » Integrazione nel quadro di Agenda 21 locale di obiettivi e opportunità (raggiungimento di uno sviluppo sostenibile attraverso lo sviluppo sociale ed economico, la conservazione e gestione delle risorse, il rafforzamento della partecipazione, ecc…) » Animazione e coinvolgimento attivo degli stakeholders locali di riferimento » Produzione e sperimentazione di efficaci e applicabili strumenti di sostegno alle imprese per orientarle verso lo status di "impresa verde" » Sviluppo di una cooperazione transnazionale e transterritoriale nel quadro di un network efficace che fornisca ampio know-how ed expertise. Partnership » Camera di Commercio di Grevena (Capofila) » Politecnico di Atene » BIC Attika » Università del Pireo » Camera di Commercio di Potenza » Sviluppo Italia Basilicata.

FATTI SALIENTI

ATTI

alle strategie, policy e misure adottate a livello locale/regionale volte alla promozione dello sviluppo sostenibile. Organizzazione di un evento dedicato all'impresa verde, il giorno 24 settembre 2008 presso la Camera di Commercio di Potenza, sul tema Condizioni di contesto necessarie ad uno sviluppo produttivo ecosostenibile. Scambio di esperienze e migliori pratiche sviluppate nei territori del Progetto Green Enterprise INTERREG IIIB Archimed Target di tipo specialistico/tecnico: responsabili/dirigenti/tecnici di organismi intermedi quali: » le amministrazioni comunali ricadenti nelle 15 aree industriali della Basilicata » le associazioni di categoria e ambientaliste » l’Università della Basilicata » i Consorzi di sviluppo industriale della provincia di Potenza e di Matera » i Centri di ricerca (Enea e Metapontum Agrobios) » i dipartimenti della regione Basilicata (ARPAB e ALSIA. Strumenti di comunicazione realizzati: » Invito/programma formato web » Poster gadget » Manifesto workshop » Brochure bilingue » Media e presenze stampa presenza RAI TRE locale e passaggio del servizio nella fascia oraria delle 19,20 - annuncio stampa su Basilicatanet portale della regione Basilicata » Mailing invito format web » Slides di presentazione del programma.

DATI

2007 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


158 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

TWINNING LIGHT ROMANIA RO 2004/IB/SPP-03 REGIONAL LEVEL TWINNING LIGHT FOR DEVELOPING THE INSTITUTIONAL AND ADMINISTRATIVE CAPACITY OF SOUTH MUNTENIA REGIONAL DEVELOPMENT AGENCY TO MANAGE AND IMPLEMENT STRUCTURAL FUNDS AFTER ACCESSION VALORE PROGETTO: € 150.000 Partnership di sviluppo Regione Basilicata (lead partner) Regione Emilia Romagna Regione Lazio Regione Sicilia Regione Veneto Sviluppo Italia Basilicata Territori coinvolti: Romania (Sud Muntenia) – Italia Ruolo di Sviluppo Italia Basilicata: Mandated Body della Regione Basilicata. Training e assistenza tecnica attraverso i propri esperti di breve periodo. Sintesi Il programma comunitario Phare/89 relativo all’assistenza in favore degli stati candidati all’adesione all’Unione Europea, prevede l’assistenza ai paesi dell’Europa centrale e orientale candidati all’adesione all’unione medesima ed in particolare la realizzazione di progetti di gemellaggio – finanziati dal programma – finalizzati all’adeguamento alle normative e agli standard comunitari delle Pubbliche Amministrazioni. Nell’ambito del programma Phare per l’anno 2004 è stato pubblicato il bando per l’attuazione in Romania di un progetto di gemellaggio sul quale congiuntamente la partnership di progetto ha presentato un’offerta approvata in seguito dalle autorità rumene e dalla Delegazione dell’Unione Europea a Bucarest. Il progetto si è realizzato attraverso attività di assistenza tecnica e training sulle tematiche relative alla programmazione e gestione dei Fondi Strutturali. Fasi Consolidamento delle strutture interne dell’Agenzia Rumena Supporto all’elaborazione di una pipeline regionale Incremento della conoscenza delle strutture regionali e locali sui progetti e programmi a valere sui Fondi Strutturali Obiettivo Miglioramento della capacità di utilizzo dei fondi strutturali da parte delle autorità rumene Target In particolare personale dell’Agenzia di Sviluppo Regionale della Sud Muntenia.

FATTI SALIENTI

Durata: 8 mesi dal 27/11/2006

Contratto generale del 09/11/2006 Convenzione partnership del 15/05/2007

ATTI

Risultati La società ha realizzato: » gg/uomo tra attività di assistenza tecnica e training ai destinatari finali del progetto » la Segreteria Tecnica per i gemellaggi con funzioni di assistenza ai partner nell’adempimento dei compiti assicurando la corretta gestione tecnica del progetto(predisposizione del budget di progetto, predisposizione del calendario attività, procedure di coordinamento, monitoraggio stato di avanzamento, convocazioni del Comitato esecutivo » la gestione finanziaria (tenuta della contabilità dell’intero progetto, rendicontazione, redazione procedure, rapporti e comunicazioni con autorità rumene e delegazione europea, pagamento spese, modifiche al budget) » l’organizzazione delle missioni (gestione centralizzata).

DATI

2007 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 159

PROVINCIA DI MATERA MEDI CUBE PIC INTERREG IIIB ARCHIMED - WP 7.1 Sintesi Nell’ambito del progetto MEDI CUBE la Provincia di Matera deve realizzare attività volte alla mappatura e messa in rete degli incubatori esistenti non solo nel proprio territorio ma anche in altri territori compresi quelli fuori dall’ambito geografico previsto da Archimed e pertanto affida alla società alcuni servizi professionali collegati.

PROVINCIA DI MATERA MEDI CUBE PIC INTERREG IIIB ARCHIMED - WP 3.2 Sintesi Il progetto è stato approvato il 12/09/2006. La partnership è costituita dall’Aristotele University of Thessaloniki di Salonicco (Grecia) Lead Partner e dalla Provincia di Matera partner. L’Obiettivo è di creare un ambiente fertile nell’ambito del Gruppo trasnazionale finalizzato al potenziamento dell’innovazione tra le piccole e medie imprese dell’Europa Sud-Orientale con la creazione di una rete di incubatori in grado di sviluppare alleanze strategiche e facilitare il trasferimento di tecnologie. La Provincia di Matera deve realizzare attività volte all’agevolazione della messa in rete di PMI del proprio territorio con quelle degli altri territori partner mediante la realizzazione di una fase di incubazione volta a favorire la capacità di auto costruzione di potenzialità innovativa delle imprese locali. La provincia affida alla società l’incarico con particolare riferimento alla fase di animazione territoriale ed incubazione di impresa (WP 3.2).

* Incluse domande pervenute l’anno precedente ** Incluse risorse anno precedente

AGENZIA NAZIONALE PER L’ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO D’IMPRESA SPA Procura speciale conferita dall’Agenzia a Ricciuti per la sottoscrizione di contratti per la concessione delle agevolazioni D.Lgs. 185/2000 Tit. II Lavoro Autonomo Microimpresa Franchising, nel limite di € 300.000 per operazione.

FATTI SALIENTI

MICROIMPRESA Domande pervenute n. 46 Domande istruite n. 63 * Domande ammesse ai finanziamenti n. 31 Risorse impegnate € 3.451.595 Risorse erogate € 4.371.541 ** SETTORI n. Produzione di beni 10 Fornitura di servizi 21 Turismo

Risultati Mappatura di 3 incubatori presenti in Sicilia (la rilevazione è stata realizzata mediante il Questionario tipo di rilevazione elaborato dal progetto); Assistenza tecnica durante la visita e la presentazione sul campo degli incubatori presenti in Sicilia.

Risultati Attività realizzate: » Sviluppo della fase di animazione territoriale presso aziende della provincia di Matera attive nel settore delle Energie rinnovabili e nello sfruttamento di biomasse a fini energetici » Predisposizione di tutti i documenti necessari alla redazione dei deliverables curando la fase della selezione delle applicazioni pilota previste nel territorio di Matera con riferimento alle attività di PMI » Implementazione piattaforma tecnologica con n. 6 applicazioni pilota (business plan).

OCCUPAZIONE STIMATA COMPLESSIVAMENTE N. 267

LAVORO AUTONOMO Domande pervenute n. 154 Domande istruite n. 193 * Domande ammesse ai finanziamenti n. 112 Risorse impegnate € 3.456.380 Risorse erogate € 2.053.635 SETTORI n. Artigianato 25 Commercio 33 Servizi 54

Risultati conseguiti da Sviluppo Italia Basilicata nell’anno 2008 in relazione alle attività di cui al D.Lgs 185/2000 Tit.II

DATI

Determinazione Provincia di Matera n. 3186 del 22/10/2008

Incarico del 22/01/2008

Procura del 15/01/08 – Notaio Castellini rep.72706

ATTI

Processo di cessione delle società territoriali alle Regioni da parte di Invitalia in corso di attuazione. Amministratore Unico Raffaele Ricciuti

2008 » SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


160 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Risultati Attività di formazione del personale individuato dall’Amministrazione (trasferimento della conoscenza tecnica dei diversi strumenti agevolativi, formazione sulla redazione del documento di presentazione dell’idea di impresa) Training on the job presso lo sportello informativo Attività di supporto allo sportello informativo attraverso l’assistenza diretta ai potenziali proponenti presso lo sportello informativo Implementazione di un sistema di assistenza on-line Fornitura di materiale informativo Attività di animazione imprenditoriale (seminari di approfondimento). Risultati Elaborazione di 2 Bandi: 1. Bando “sviluppo e consolidamento di iniziative imprenditoriali nel campo della produzione, artigianato, del commercio, dei servizi e delle attività professionali” finalizzato a promuovere lo sviluppo e il consolidamento di iniziative imprenditoriali di piccola dimensione operanti nel settore della produzione, dell’artigianato, del commercio, dei servizi e dell’attività professionale. 2. Bando “investimenti nelle aziende agricole” finalizzato a sviluppare il sostegno alle imprese agricole di produzione del comune. Elaborazione del Modello di Domanda Elaborazione del contratto di finanziamento Selezione e valutazione delle domande di agevolazione e predisposizione della graduatoria finale

Delibera di CM del 22/02/08 Protocollo di intesa del 05/05/2008

Convenzione del 10/10/2008

COMUNE DI PISTICCI – SPORTELLO INFORMATIVO Sintesi Il comune di Pisticci ha avviato uno sportello informativo su opportunità di inserimento nel mondo del lavoro e di promozione delle opportunità offerte dalla legislazione per la promozione del lavoro autonomo e dell’autoimprenditorialità e richiede alla società l’assistenza tecnica alla realizzazione di un’attività di promozione tesa a favorire la diffusione di forme di autoimpiego.

COMUNE DI GRUMENTO NOVA – BANDO IMPRESE Sintesi Il Comune di Grumento ha richiesto la collaborazione della società per la redazione ed esecuzione di Bandi volti al sostegno delle attività economiche – artigianali, commerciali, di servizi, professionali ed agricole – presenti sul territorio comunale al fine di favorirne lo sviluppo.

Obiettivi 1° BANDO nel settore della produzione, dell’artigianato, del commercio, dei servizi e dell’attività professionale.

Fonte finanziaria fondi comunali (royalties provenienti dallo sfruttamento dei giacimenti petroliferi della Val d’Agri).

Risultati Realizzato un intervento didattico di 5 ore mirato alle opportunità di finanziamento nel settore dell’imprenditoria giovanile.

Incarico del 24/04/2008

DOCENZE Incarico da parte di società locale attuatrice di un progetto di Alta Formazione denominato Multimedia Management.

Durata: dal 10/10/2008 fino al completamento del piano degli investimenti delle imprese finanziate variabile tra min 6 mesi max di 24 mesi

Risultati » Organizzazione delle attività amministrativa e finanziaria e responsabilità » Assistenza alla tenuta della contabilità e controllo degli adempimenti fiscali e del lavoro » Certificazione dell’impiego delle risorse POR e partecipazione ai CdA » Rendicontazione Progetto Misura IV. 14 A » Collaborazione al Monitoraggio secondo il sistema definito dalla regione Basilicata » Assistenza al coordinatore di progetto per le operazioni di rendicontazione » Partecipazione ai Consigli di Amministrazione.

DATI

Convenzione del 01/02/2008

ATTI

GAL LE MACINE ACCETTURA – RESPONSABILE AMM. VO E FINANZIARIO DEL PROGETTO DENOMINATO “NATURA E CULTURA: VIAGGIO NELLE TERRE DEI LUCANI” PORB 2000-2006 ASSE IV SISTEMI LOCALI

FATTI SALIENTI

2008 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 161

Partnership: Sviluppo Italia Basilicata S.p.A. – Servizi alle Imprese S.r.l. – Agenzia Regionale per lo sviluppo socio economico – Banato (Vojvodina - Serbia).

Fonte finanziaria: Contributi della Central European Initiative (50%) e, per la parte restante, cofinanziamento dell’ente che gestisce il progetto, degli altri partner di progetto e dei beneficiari dell’intervento (Municipalità di Coka).

CEI PS - CENTRAL EUROPEAN INITIATIVE Project Secreteriat KEP SERBIA - Trasferimento della Best Practice rappresentata dall’esperienza del primo Macrolotto di Prato nella gestione di aree industriali ecologicamente attrezzate. KEP - Know-How Exchange Programme.

Beneficiari: aziende che hanno sede legale e/o operativa nel Comune di Grumento Nova.

Agevolazioni previste 1° BANDO 60% a fondo perduto su un investimento di max € 80,000 + contributo in c/interessi su mutui stipulati a copertura della restante quota di investimento pari ad un tasso max del 7%. 2° BANDO 50/60% a fondo perduto su un investimento di max € 80,000 + contributo in c/interessi su mutui stipulati a copertura della restante quota di investimento pari ad un tasso max del 7%.

favorire la creazione e/o lo sviluppo di nuova imprenditorialità; favorire l’inserimento nel mondo del lavoro e l’autoimprenditorialità; favorire il riposizionamento strategico delle imprese sul mercato; sostenere l’adeguamento dei prodotti/servizi offerti e dei processi produttivi/lavorativi alle più avanzate normative nazionali e comunitarie in materia di tutela dell’ambiente, di risparmio energetico e sicurezza. 2° BANDO per imprese agricole: » ridurre i costi di produzione; » migliorare qualitativamente le produzioni; » aumentare la sicurezza alimentare e dei luoghi di lavoro; » migliorare il benessere degli animali, il risparmi idrico ed energetico e la tutela alimentare.

» » » »

FATTI SALIENTI

Durata: 2/10/2008 al 30/04/2010

Memorandum of Understanding del 18/11/2008

KEP Application Form del 2/10/2008

ATTI

Risultati Responsabile della gestione del progetto e impegnato nelle fasi di definizione dei pacchetti localizzativi, individuazione di potenziali investitori, verifica della sostenibilità economico e finanziaria e ricerca di finanziatori. Risultati di progetto Il progetto è stato avviato da circa 3 mesi. È stata effettuata una prima missione in Vojvodina per incontrare i referenti locali del progetto e per un primo sopralluogo nell’area oggetto di intervento; sono stati definiti i successi step e ci si è raccordati sul lavoro di recupero delle informazioni necessarie per l’analisi di contesto. Risultati di commessa I risultati ottenuti in questi primi due mesi sono relativi all’acquisizione della documentazione necessaria per conoscere la situazione socio

È stata espletata l’attività istruttoria e l’assistenza legale nella definizione dei ricorsi. Sono stati predisposti i contratti di finanziamento. È in corso l’attività di assistenza per la stipula dei contratti stessi. Seguiranno le attività di monitoraggio delle iniziative finanziate.

Sono state presentate: 1)n. 37 domande sul Bando sviluppo e consolidamento di iniziative imprenditoriali nel campo della produzione, artigianato, del commercio, dei servizi e delle attività professionali; 2)n. 50 domande sul Bando “investimenti nelle aziende agricole”

2 Seminari informativi sul programma e sulle iniziative rivolti a imprenditori, professionisti, artigiani, commercianti e agricoltori.

DATI

2008 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


162 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Fasi Il progetto si sviluppa secondo le seguenti fasi: » analisi dell’area di intervento; » identificazione e animazione degli stakeholders; » fattibilità tecnico economica; » definizione di pacchetti localizzativi;

Territorio Territorio della Municipalità di Coka.

Target Municipalità di Coka e, indirettamente, le Piccole e medie imprese interessate ad insediarsi nell’area.

Obiettivi Risultati a breve termine: 1)analisi dello stato dell’arte per definire gli interventi da attuare; 2)individuare i settori produttivi su cui puntare; 3)individuare le infrastrutture e i servizi con cui attrezzare l’area industriale; 4)individuare le imprese interessate ad insediarsi nell’area di Coka; 5)studio di prefattibilità e predisposizione di un documento in cui vengano evidenziati i vantaggi competitivi dell’area. Risultati a medio termine: 1)definizione di un modello di gestione dell’area industriale secondo i principi della sostenibilità ambientale 2)Individuazione di imprese potenzialmente interessate sia alla realizzazione dell’area industriale sia ad insediarsi con i propri opifici. Risultati a lungo termine: Verifica della sostenibilità finanziaria ed economica del modello di gestione individuato per l’area industriale e ricerca di fondi pubblici e privati per la realizzazione e gestione dell’area, nel caso in cui lo studio di fattibilità abbia dato esito positivo.

Sintesi La finalità del progetto è quella di trasferire in un’area della Vojvodina, (Municipalità di Coka) un modello di gestione delle aree industriali già sperimentata con ottimi risultati nel Primo Macrolotto di Prato e riconosciuta come Best Practice dalla Unione europea. Si vuole in sostanza di far acquisire metodi, criteri e procedure necessarie per realizzare e gestire le aree produttive secondo logiche di sostenibilità ambientale. L’area attrezzata in questo modo potrebbe offrire vantaggi economici alle aziende che si insedieranno e contribuire a migliorare la qualità della vita delle popolazioni circostanti.

FATTI SALIENTI

ATTI

Attività in corso.

economico dell’area e la dotazione strutturale ed infrastrutturale dell’area, in modo da poter conoscere i fabbisogni e studiare le relative azioni.

DATI

2008 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 163

promozione e scouting di investitori straneri attività di promozione verso i potenziali investitori stranieri sostenibilità del progetto; diffusione dei risultati del progetto.

Finalità » Promuovere la cultura di impresa all’interno del territorio del Parco del Pollino ponendo basi di informazione e di conoscenza utili a favorire la nascita e la crescita di imprese nella filiera turistica che vadano ad arricchire l’offerta dei servizi turistici esistente per assicurare uno sviluppo duraturo del settore turismo nell’area » Supportare l’individuazione e l’attivazione di iniziative imprenditoriali che valorizzino le emergenze turistiche territoriali.

ENTE PARCO NAZIONALE DEL POLLINO ROTONDA – REALIZZAZIONE DI UN’ATTIVITÀ DI ANIMAZIONE IMPRENDITORIALE SUL VERSANTE LUCANO DEL PARCO DEL POLLINO FINALIZZATA ALLA CREAZIONE DI NUOVA IMPRENDITORIALITÀ DELLA FILIERA TURISTICA (RICETTIVITÀ A BASSO COSTO, SERVIZI AL TURISTA, ORGANIZZAZIONE DI EVENTI, ARTIGIANATO TIPICO, PRODUZIONI TIPICHE) Sintesi L’Ente Parco ha tra le proprie finalità la promozione, valorizzazione, riorganizzazione ed ottimizzazione delle attività economiche compatibili con la tutela e la valorizzazione del territorio del Parco. Tra i suoi obiettivi prioritari rientra l’individuazione di forme di agevolazione a favore di privati singoli e associati che intendano realizzare iniziative produttive o di servizio compatibili con le finalità istitutive del Parco e dare impulso ad un’attività di animazione territoriale e di promozione delle opportunità offerte dalla legislazione vigente per lo sviluppo di forme di lavoro autonomo e di autoimprenditorialità. L’ente Parco pertanto affida alla società la realizzazione delle attività promozionali.

Ruolo dei partner La società Servizi alle imprese S.r.l., società di gestione del primo Macrolotto di Prato, è il partner tecnico, portatrice del Know how necessario per la realizzazione del progetto, e si occuperà della fattibilità tecnico economica, ricerca di investitori, animazione territoriale. L’agenzia regionale di sviluppo socio economico del Banato contribuirà alla fase di analisi dell’area di intervento, nella divulgazione dei risultati. Essa assicurerà inoltre il necessario supporto nei rapporti con le istituzioni locali.

» » » »

FATTI SALIENTI

Convenzione del 30/12/2008

ATTI

Risultati Ruolo di Sviluppo Italia Basilicata Attività di animazione imprenditoriale e di orientamento presso i 24 comuni del versante lucano del Parco Pollino mediante l’organizzazione di seminari/incontri per l’illustrazione delle principali opportunità ed agevolazioni a favore della creazione di impresa Il supporto alle amministrazioni locali nella individuazione di impieghi produttivi del patrimonio ambientale e naturalistico Il supporto alle amministrazioni nella verifica dei requisiti di soggetti imprenditoriali potenzialmente interessati La realizzazione di incontri mirati con soggetti interessati ad intraprendere percorsi di autoimprenditorialità.

DATI

2008 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


164 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

PROGETTO KNOWSHYCLES – KNOWLEDGE ED INNOVATION CYCLES: (a framework supporting knowledge and innovation management and transfer in the wider Agro-food sector) PROGRAMMA INTERREG IIIB ARCHIMED (2000 2006) Asse Prioritario 1 - Misura 4 Valore Progetto: € 455.400,00 Il Progetto KNOWSHYCLES è stato approvato nell’ambito del Programma Interreg III B ARCHIMED 20002006, iniziativa comunitaria del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) per la cooperazione tra regioni dell'Unione europea, il cui obiettivo generale è quello di migliorare l’integrazione dell’area Sud-est europea e del Mediterraneo. Sintesi Il progetto mira a facilitare l'innovazione e la gestione della conoscenza ed il relativo trasferimento ad uno dei settori più importanti per lo sviluppo socio- economico dei territori dell’area ARCHIMED, quello agroalimentare comprendendo una vasta gamma di "attività adiacenti", strettamente correlate e interdipendenti come ad esempio le imprese del settore primario, le aziende produttrici di alimenti, i ristoranti, le società di distribuzione, ecc, a copertura dell'intera catena agro-alimentare, con riguardo particolare alle PMI. In sostanza, il progetto si concentra sulla necessità di sostenere l'evoluzione della moderna impresa trasformandola in una organizzazione basata sulla conoscenza in grado non solo di rispondere alle richieste di adeguamento costante della società stessa e dei suoi dipendenti, ma anche di partecipare attivamente nella formazione e trasmissione di conoscenze per il suo ambiente più ampio, adottando questa filosofia come parte integrante della sua corporate "cultura", incorporandone i processi nella sua strategia, nelle politiche e nelle tattiche. Obiettivi formazione e diffusione di un meccanismo integrato per sostenere efficacemente l’innovazione e la gestione della conoscenza nelle imprese del settore agroalimentare (il c.d. Territorial Collaborative Sharing Cycles – Ciclo di condivisione della conoscenza). Partnership GRECIA: Food Industrial Research and Technological Development Company (ETAT S.A.) - EC BUSINESS INNOVATION CENTRE OF ATTIKA - UNIVERSITY OF PATRAS – DEPARTMENT OF BUSINESS ADMINISTRATION ITALIA: SVILUPPO ITALIA BASILICATA spa - Camera di Commercio Industria Agricoltura e Artigianato di Potenza. Attività Il progetto si sviluppa su quattro principali macro attività: » Identificazione e analisi dei gruppi target su progetti già realizzati nei territori di destinazione » Organizzazione e attuazione della piattaforma pilota Knowledge Sharing Cycles » Diffusione e mainstreaming » Project management. Target imprenditori/datori di lavoro/quadri/responsabili/funzionari, consulenti, esperti di knowledge management di imprese del settore agro-alimentare – centri di ricerca – centri di servizi alle imprese – associazioni di categorie – enti locali – università - organismi di formazione – istituzioni - camere di commercio; autorità locali, organizzazioni professionali e ambienti economici, parti economiche e sociali, capaci di agevolare la collaborazione territoriale ed il funzionamento dei cicli di condivisione della conoscenza. Territorio di applicazione: Grecia/Italia.

FATTI SALIENTI Durata progetto: Settembre 2008 – Marzo 2009

Joint Convention del 1/11/2008

ATTI

Risultati Redazione del piano di comunicazione di progetto Organizzazione di n. 3 Workshop (training experts) sotto forma di laboratori/sessioni tematiche mirati per settore Comunicati Stampa e presenze stampa su media locali e nazionali, anche telematici Pubblicità su testate locali e nazionali.

Ruolo di Sviluppo Italia Basilicata » Presentazione del progetto ai target specifici. » Divulgazione delle informazione quantitative e qualitative sviluppate nel corso delle indagini di progetto » Animazione dei target per la partecipazione attiva alle attività del progetto » Promozione del dialogo sociale sulle tematiche di progetto » Impulso alla creazione di reti regionali per lo sviluppo sostenibile di imprese e la condivisione di conoscenze e innovazione. » Diffusione dei risultati del progetto.

DATI

2008 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 165

INVITALIA Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa SpA – ASSISTENZA TECNICA E GESTIONALE Contratto per la fornitura del servizio di assistenza ai progetti e alle iniziative di lavoro autonomo e di microimpresa presentati ai fini della concessione delle agevolazioni previste dal Tit. II D.LGS 185/2000 Sintesi Il D.LGS 185/2000, in attuazione del 1° comma della L. 144/99, ha previsto incentivi per promuovere l’autoimprenditorialità e l’autoimpiego nelle aree economicamente svantaggiate d’Italia. In particolare il Tit. II del Decreto contiene norme che hanno lo scopo di favorire l’inserimento nel mondo del lavoro di persone prive di occupazione, promuovendo la cultura di impresa e incentivando iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo e di franchising nei settori della produzione dei beni, della fornitura di servizi e del commercio, nonché della microimpresa nei settori della produzione di beni e della fornitura di servizi. Il Decreto prevede l’assistenza tecnica dei progetti e delle iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo, microimpresa, franchising e la concessione ed erogazione delle agevolazioni economico-finanziarie previste dal decreto stesso. INVITALIA affida in appalto a Sviluppo Italia Basilicata le attività di organizzazione, gestione e fornitura del servizio di assistenza in favore di tutti i soggetti, persone fisiche, imprese individuali o società, residenti o aventi sede in Basilicata o fuori regione così come indicato da SI L’assistenza è di natura tecnica e gestionale e viene prestata sia nella fase di realizzazione degli investimenti, sia in quella di avvio dell’iniziativa in modo da orientare e sostenere i beneficiari delle agevolazioni a realizzare ed avviare l’attività in conformità al progetto presentato e del contratto di concessione delle agevolazioni da essi sottoscritto e nel rispetto delle condizioni soggettive ed oggettive stabilite dal D.LGS. 185/2000. Il servizio di assistenza ha la durata massima di 12 mesi. Viene erogato attraverso 3 incontri programmati, 2 seminari e attività continuativa non programmata costituita da ulteriori incontri e da servizi a sportello, utilizzo del gestionale ATG. Il servizio di assistenza tecnica comprende: » l’assistenza alla soluzione di problemi di carattere generale e tecnici specifici posti da ciascun beneficiario » l’assistenza alla corretta esecuzione degli adempimenti amministrativi in fase di avvio » l’assistenza durante la realizzazione degli investimenti e la predisposizione della richiesta di agevolazioni » l’assistenza alla predisposizione della documentazione relativa alla destinazione delle agevolazioni erogate » l’assistenza alla predisposizione della documentazione necessaria alla richiesta di erogazione dei contributi in c/gestione e per le verifiche in sede di monitoraggio » l’assistenza nell’accesso e utilizzo del sito web dell’assistenza tecnica e gestionale ATG. Il servizio di assistenza gestionale è finalizzato a favorire l’apprendimento delle più adeguate tecniche gestionali da parte dei beneficiari al fine di favorire un efficace avvio e una buona conduzione delle nuove iniziative imprenditoriali. Comprende:

FATTI SALIENTI

Amministratore Unico Raffaele Ricciuti.

Contratto n. d’ordine KRC00/309/200900014

ATTI

Il 23 settembre 2009, Sviluppo Italia Basilicata SpA (società territoriale di Invitalia - Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa SpA), diventa “società in house” della Regione Basilicata al termine di un complesso processo di dismissione delle partecipazioni avviato da Invitalia sulla base della Finanziaria 2007 e delle Direttive del Ministero dello Sviluppo Economico. La Regione Basilicata, dopo la firma del protocollo di intesa con Invitalia e Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e Coesione del Ministero dello Sviluppo Economico, rileva l’intero pacchetto azionario. La società continuerà nell’azione di promozione dello sviluppo economico e imprenditoriale locale, implementando nuove funzioni e strumenti. La Regione Basilicata e Invitalia collaboreranno per rafforzare l’impatto sul territorio di progetti e iniziative di sviluppo.

2009 » SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


166 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

INVITALIA Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa SpA – ISTRUTTORIA EROGAZIONI MONITORAGGIO Contratto d’appalto di servizi per l’attuazione del Tit. II del D.LGS. 185/2000 Sintesi Il D.LGS 185/2000, in attuazione del 1° comma della L. 144/99, ha previsto incentivi per promuovere l’autoimprenditorialità e l’autoimpiego nelle aree economicamente svantaggiate d’Italia. In particolare il Tit. II del Decreto contiene norme che hanno lo scopo di favorire l’inserimento nel mondo del lavoro di persone prive di occupazione, promuovendo la cultura di impresa e incentivando iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo e di franchising nei settori della produzione dei beni, della fornitura di servizi e del commercio, nonché della microimpresa nei settori della produzione di beni e della fornitura di servizi. Il Decreto prevede l’assistenza tecnica dei progetti e delle iniziative di autoimpiego in forma di lavoro autonomo, microimpresa, franchising e la concessione ed erogazione delle agevolazioni economico-finanziarie previste dal decreto stesso. Sviluppo Italia affida in appalto a Sviluppo Italia Basilicata la fornitura dei servizi di: Informazione e Comunicazione » gestione dei punti informativi territoriali comprendente l’informazione sulle agevolazioni incluso il franchising e sulle condizioni e modalità per ottenerle, l’organizzazione di seminari informativi/formativi (prenotazioni e iscrizioni) » organizzazione e gestione dei seminari informativi/formativi (min. 1 al mese) per le iniziative di lavoro autonomo microimpresa e franchising finalizzati all’orientamento al mettersi in proprio e di informazione sulle modalità di presentazione delle domande » la promozione degli strumenti Autoimpiego incluso il Franchising mediante la partecipazione ad eventi/fiere e la realizzazione di seminari/convegni a carattere regionale » la presentazione di relazioni illustrative semestrali da trasmettere a SI. Valutazione Istruttoria » esaminabilità delle domande di agevolazione e comunicazioni ai proponenti » istruttoria preliminare delle domande di ammissione alle agevolazioni e registrazione sul sistema informatico autoimpiego, e comunicazione ai beneficiari degli esiti » a seguito della sottoscrizione dei contratti di concessione delle agevolazioni, l’aggiornamento informatico dell’archivio antiriclaggio, la trasmissione ad INVITALIA di richieste di proroga di sottoscrizione contratti e di comunicazioni di rinuncia. Erogazione delle agevolazioni » Monitoraggio finale delle spese ammesse alle agevolazioni in c/gestione e registrazione sul sistema informatico autoimpiego » Monitoraggio del rispetto degli obblighi contrattuali e registrazione sul sistema informatico autoimpiego. Controllo dei requisiti Visite ispettive finalizzate ad accertare la persistenza dei requisiti che hanno determinato la concessione delle agevolazioni e registrazione sul sistema informatico autoimpiego.

» la fornitura di cognizioni e la consulenza e formazione in aula in ordine alle tematiche relative alla pianificazione e realizzazione degli investimenti e alla gestione degli ordini, alla pianificazione delle spese di avvio e all’accesso ai servizi bancari per le iniziative di lavoro autonomo e microimpresa » la fornitura di cognizioni e la consulenza e formazione in aula in ordine alle tematiche relative alla pianificazione commerciale e di marketing dell’attività e circa le modalità di approccio al mercato e di definizione degli obiettivi di vendita » la fornitura di cognizioni e la consulenza e formazione in aula in ordine a tematiche relative al controllo degli obiettivi economici e finanziarie » la consulenza per l’utilizzazione e la fornitura dei moduli formativi, disponibili sul sito » l’assistenza ai beneficiari nella redazione dei documenti gestionali inerenti all’iniziativa.

FATTI SALIENTI

Contratto n. d’ordine KRC00/309/200900 022

ATTI

2009 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 167

38 72

Iniziative ammesse alle agevolazioni

Occupazione creata

62

32

94 134

70

160

POTENZA BASILICATA

SVILUPPO ITALIA ENGINEERING SPA TITOLO I D.LGS. 185/2000 Conferimento di 3 incarichi professionali di consulenza ed assistenza specialistica per l’attività di MONITORAGGIO AMMINISTRATIVO SAL per 3 società di capitali beneficiarie delle agevolazioni. Sintesi SIE per l’elevato numero di progetti da istruire e monitorare a livello nazionale richiede alla società il supporto per l’espletamento delle attività di consulenza ed assistenza relative all’accertamento degli investimenti indicati nel SAL della società beneficiaria delle agevolazioni Tit. I del D.LGS 185/2000. Le attività riguardano: Monitoraggio amministrativo SAL » Corretta tenuta dei libri contabili e societari » Corretta contabilizzazione delle fatture rendicontate a SAL per l’acquisto di beni e servizi » Corretta contabilizzazione dei pagamenti effettuati a fronte delle fatture rendicontate ed oggetto di contributo agevolato nel SAL precedente » Congruità delle coperture assicurative ed il regolare pagamento dei relativi premi assicurativi » Permanenza dei requisiti soggettivi ed oggettivi necessari per l’ottenimento delle agevolazioni.

Le attività riguardano: » l’accertamento delle permanenza dei requisiti soggettivi ed oggettivi che hanno determinato la concessione delle agevolazioni, la completezza e la regolarità della documentazione di spesa fornita dalla società, l’attinenza rispetto all’attività di progetto delle spese chieste a rimborso, l’avvenuto integrale pagamento dei documenti giustificativi di spesa, il regolare pagamento dei premi relativi sulle polizze assicurative in essere vincolate a favore di Invitalia, la completezza e la regolarità di permessi e autorizzazioni necessari allo svolgimento delle attività di progetto » la redazione del verbale di accertamento delle spese di gestione rendicontate dalle società beneficiarie.

SVILUPPO ITALIA ENGINEERING SPA TITOLO I D.LGS. 185/2000 Conferimento di incarico professionale di consulenza ed assistenza specialistica per l’accertamento delle SPESE DI GESTIONE di una società di capitali beneficiaria delle agevolazioni. Sintesi SIE per l’elevato numero di progetti da istruire e monitorare a livello nazionale richiede il supporto alla società per l’espletamento delle attività di consulenza ed assistenza per le società beneficiarie delle agevolazioni previste nel Tit. I del D.LGS 185/2000.

66

Domande presentate

MATERA

Risultati conseguiti da Sviluppo Italia Basilicata in relazione alle attività di cui al D.Lgs. 185/2000 Tit. II Autoimpiego (periodo gennaio - settembre 2009)

FATTI SALIENTI

Incarico del 10/02/2009 Incarico del 13/02/2009 Incarico del 31/03/09

Incarico del 29/01/09

ATTI

2009 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


168 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

PROVINCIA DI POTENZA SETTORE LAVORO FORMAZIONE CONVENZIONE PER PARTENARIATO DI PROGETTO: CREAZIONE DI IMPRESA ED ORIENTAMENTO ALL’AUTOIMPIEGO ATTRAVERSO IL MENTORING (ex art. 26 L. 845/78) Sintesi Il progetto “Creazione di impresa ed orientamento all’autoimpiego attraverso il Mentoring”, promosso dalla Provincia di Potenza – Assessorato al Lavoro e Formazione – Ufficio O.M.L., in partnership con Sviluppo Italia Basilicata, si propone, attraverso il mentoring, di

REGIONE BASILICATA – MODELE (MODEL OF DEVELOPMENT OF LOCAL SYSTEM TO SUPPORT ENTERPRISES) – INTERREG IIIC SUD Ruolo di Sviluppo Italia Basilicata La società è stata individuata originariamente (2005-2007) quale Responsabile Amministrativo del progetto mediante bando di Gara della Regione Basilicata fino alla scadenza naturale del progetto. Successivamente, a seguito di proroga concessa alla Regione Basilicata per l’effettuazione dei pagamenti, è stata riconfermata nell’incarico per ulteriori 12 mesi a far data dal 22/01/2009.

FATTI SALIENTI

Durata: 12 mesi dalla data di avvio

Convenzione del 30/03/2009

Durata della commessa: dal 22/01/2009 a gennaio 2010

DGR n. 2115 del 29/12/2008 Convenzione con Regione Basilicata del 22/01/2009 per la prosecuzione della funzione di Resp. Amm. Vo

ATTI

Attività in corso. La società ha il compito di curare i seguenti interventi: Formazione del personale interno sulle attività del progetto mentoring Assistenza alla Provincia di Potenza per la selezione delle imprese ospitanti Individuazione e gestione dei tutor aziendali e di progetto, dei consulenti esperti e docenti Predisposizione dei seminari e stage presso gli organismi ospitanti Attività di standardizzazione del modello presso i Centri per l’Impiego con attività di formazione e assistenza ai CPI per l’implementazione del servizio di orientamento all’autoimpiego attraverso il mentoring Assistenza alla selezione degli stagisti.

Risultati Attività in corso di espletamento In quanto responsabile amministrativo deve: assicurare alla Regione Basilicata il completamento della rendicontazione delle spese assicurare il rientro delle quote FESR ai partner ed ai partecipanti di progetto garantire il rientro delle quote FESR e della contropartita nazionale ai partner e ai partecipanti italiani curare la predisposizione delle comunicazioni finali, dei previsti documenti e report interloquire con il segretariato tecnico e l’autorità di gestione Interreg III C riguardo agli aspetti tecnici ed amministrativi assicurare le verifiche di II livello. In particolare assicura le seguenti attività: » predisposizione della rendicontazione delle spese sostenute dalla regione Basilicata nel periodo gennaio marzo 2008 » Trasmettere al Valutatore di I livello, al fine della certificazione, della rendicontazione di spesa della Regione Basilicata » Trasmissione al Valutatore di I livello, al fine della certificazione, della rendicontazione di spesa presentata dai partecipanti locali ai sottoprogetti » Acquisizione dei rapporti e delle rendicontazione dei partners del progetto al fine della predisposizione dell’VIII rapporto di attività da inviare all’autorità di gestione » Predisposizione del rapporto finale da inviare all’autorità di gestione del progetto » Rimborso delle quote FESR ai partner e ai partecipanti del progetto » Rimborso delle quote FESR e della contropartita nazionale ai partner e ai partecipanti italiani del progetto » Assistenza alle verifiche interne ed ai controlli e all’audit di secondo livello.

DATI

2009 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 169

Idea imprenditoriale L’idea imprenditoriale oggetto di candidatura deve rientrare in una delle seguenti tipologie di attività: » produzioni alimentari tipiche lucane » turismo » artigianato artistico.

orientare all’autoimpiego 30 giovani disoccupati/inoccupati, residenti nella provincia di Potenza, accompagnandoli nell’avvio di nuove iniziative imprenditoriali e di lavoro autonomo da realizzare preferibilmente in quattro aree della provincia di Potenza: Potenza ed entroterra, Val D’Agri, Maratea, Vulture. Il progetto è cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo. Obiettivo » stimolare la propensione al lavoro autonomo e all’autoimprenditorialità come risposta alla domanda di occupazione e di sviluppo locale, attraverso la valorizzazione e l’orientamento delle capacità imprenditoriale e di mestiere presenti in Basilicata » sviluppare una metodologia innovativa in Basilicata, il mentoring » consolidare presso i Centri per l’Impiego il Servizio creazione d’impresa e orientamento all’autoimpiego, trasferendo agli operatori dei Centri il modello, così come implementato dal progetto. Attività formativa L’attività formativa, oltre ad un periodo iniziale di orientamento in aula (1 settimana), prevede uno stage (6 mesi) presso un’azienda del settore scelto, una fase d’aula (3 settimane) diretta ad analizzare i diversi aspetti di un business plan e una fase finale in cui i destinatari della formazione elaboreranno il project work con il supporto di Sviluppo Italia Basilicata (1 mese). Quindi si prevede un processo composito, costituito dall’accompagnamento alla progettazione secondo la metodologia del mentoring, dall’opportunità di un’esperienza di lavoro e dalla formazione”. Sede dell’attività didattica: Potenza c/o Sviluppo Italia Basilicata. Stage c/o aziende del territorio regionale e/o nazionale. Destinatari del percorso formativo soggetti di età compresa tra i 18 e i 45 anni, intenzionati ad avviare un’attività in proprio, disoccupati/inoccupati, residenti nella provincia di Potenza.

FATTI SALIENTI

ATTI DATI

2009 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


170 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

I.C.E. – INCUBATORS FOR CULTURAL ENTERPRISES MED PROGRAMME ASSE IV/OB. 2 Fonte finanziaria: FESR + Contributo Nazionale Committente: EC MED JTS Valore progetto: € 1.170.000,00 Partnership AMDE - Associazione delle Municipalità della Provincia di Evora (PT); Malaga Business Innovative Centre (SP); BIC Attika (GR); Temi Zammit Foundation (Malta); Regione Lazio Dip. Cultura (I); Sviluppo Italia Basilicata (I). Il partenariato è stato identificato sulla base di obiettivi culturali del progetto e dalla presenza di Siti UNESCO nelle regioni per facilitare la creazione di una rete di itinerari e anche di prodotti e servizi da parte di imprese culturali. Sintesi L’attuale crisi dei settori tradizionali, mostra come per l’economia europea sia necessaria l’individuazione di nuovi settori strategici al fine di permettere lo sviluppo e la nascita di nuove imprese. Il progetto consente di sviluppare un enorme potenziale a livello europeo che non viene normalmente considerato come un propulsore di sviluppo. L’arte e la cultura diventano gli elementi e le risorse su cui far crescere iniziative economiche rilevanti. L’arte è infatti capace di generare ricavi ed occupazione con il vantaggio di essere eco-compatibile rispetto al territorio. Il territorio è infatti al tempo stesso ispirazione, teatro e cliente delle manifestazioni artistiche. Il rapporto tra cultura, imprenditoria e territorio è un valido strumento per la produzione di valore aggiunto, relazioni, conoscenze e ricchezza. I territori coinvolti hanno comuni elementi di storia e tradizione artistica con un potenziale di attività legate all’arte enorme. Obiettivi Con riferimento ai territori partner (Portogallo, Spagna, Italia, Grecia e Malta), il progetto è finalizzato a: 1. creazione e promozione di un network tra i siti UNESCO (presenti in tutti i territori partner) e le imprese al fine di produrre uno scambio di esperienze e know-how, la promozione di iniziative economiche, la realizzazione di un nuovo e innovativo sistema di management dell’impresa culturale; la creazione di partnership commerciali, la promozione dei prodotti culturali 2. rafforzare le capacità e le competenze delle imprese nel campo dell’IC&C (industria creativa e culturale) 3. creazione e supporto di attrattori culturali (Incubatori) innovativi. 4. migliorare la condizione generale dell’occupazione

FATTI SALIENTI Durata: 30 mesi dal 01/04/2009 al 01/10/2011

Contratto in corso di formalizzazione

ATTI

Risultati attesi di progetto » 1 PIANO DI COMUNICAZIONE » 1 PIANO DI MKTG TERRITORIALE » 1 WEB SITE (area privata e pubblica) » 6 NEWSLETTER » 6 SEMINARI DIVULGATIVI » 6 SEMINARI DI MKTG TERRITORIALE » 1 FORUM D’AFFAIRE ITINERANTE » 1 CONVEGNO FINALE » BROCHURES/LEAFLET per progetto, seminari – eventi - itinerari, incubatori » 1 GUIDELINES PER LA CREAZIONE DI IMPRESE CULTURALI » ANALISI TERRITORIALI: 6 REPORT relativi a GUIDELINES E STRUMENTI della politica adottata per l’efficienza dell’incubatore » REPORT dello STUDIO DI FATTIBILITÀ Attrattori culturali e delle GUIDELINES formazione politiche » 8 DATABASE (1 per stakeholders, 6 per esperti, 1 per analisi territoriale) di cui 1 posizionato permanentemente sul sito anche dopo la fine del progetto » CD/DVD dei documenti prodotti. PER LE IMPRESE » STRUMENTI SPECIFICI PER LE IMPRESE CULTURALI » LINEE DIRETTRICI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DELLE RISORSE LOCALI » Anali e identificazione imprese atte ad essere incubate » Bandi » Assistenza.

Progetto in corso di attuazione Ruolo SIB La società è responsabile della fase “Creazione di un Rete”, in particolare del processo di selezione PMI da includere nella rete, dell’assistenza alle PMI attraverso la rete, dell’organizzazione di azioni culturali innovative. Partecipa all’attuazione di tutte le altre fasi sul proprio territorio.

DATI

2009 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 171

Con riferimento alle priorità individuate che sono fondamentalmente la creazione di nuova impresa ed occupazione, si favorirà il sostegno all’internazionalizzazione delle PMI coinvolte. Target Imprese esistenti e nuove, potenziali imprenditori nel settore dell’Industria Culturale & della Creatività Autorità e Amministrazioni locali e pubbliche competenti; Organizzazioni professionali; Parti economiche e sociali; Organizzazioni No Profit (organismi per la promozione della parità tra uomini e donne, associazioni culturali ed ambientaliste); Opinione pubblica; Mass media. Fasi Informazione e Comunicazione Analisi territoriale, attivazione team esperti, elaborazione di strategie innovative Creazione di una rete (selezione pmi, insediamento, assistenza, organizzazione di eventi culturali) Promozione dell’offerta culturale Promozione degli incubatori Pianificazione di itinerari culturali integrati Costruzione di una strategia comune Gestione attuativa e finanziaria. Ruolo Partner Evora: Lead partner, Responsabile della fasi Comunicazione, gestione attuativa e finanziaria, sostenibilità del progetto Bic Attika responsabile della strategia di sostegno alle imprese culturali - Malaga: responsabile della sottofase costruzione di una strategia comune - Tutti i partner partecipano all’attuazione di tutte le fasi sui propri territori. Territorio La copertura geografica è l'area del Mediterraneo: Portogallo - Alentejo regione; Italia - Lazio e Regione Basilicata; Grecia - Attica regione; Spagna - Andalusia regione; Malta - Valletta regione. Tutti i territori hanno similitudini e sinergie da un punto di vista storico, culturale e sociale e presenza di Siti UNESCO.

FATTI SALIENTI

ATTI DATI

2009 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


172 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Principali output e risultati I principali output e risultati saranno: » la realizzazione di un Manuale del Business Park innovativo, che potrà essere utilizzato sia come guida per la creazione di nuovi parchi che per l'ampliamento di parchi già esistenti, » le analisi regionali e gli studi di fattibilità relativi alla costituzione di nuovi parchi o al miglioramento di quelli già esistenti, » l'individuazione dei bisogni delle PMI innovative dell'area target, » i forum per lo scambio delle buone pratiche, della conoscenza e dell'esperienza nell'ambito della formazione degli specialisti, degli study tour, dei seminari internazionali e della conferenza finale. La partnership di progetto utilizzerà una ampia gamma di strumenti di comunicazione (Internet, brochure, media, eventi regionali e internazionali) e la disseminazione dei risultati di progetto non solo nell'area SEE ma in tutta l'U.E. Lo scopo è di assicurare la sostenibilità e la capitalizzazione dei risultati e degli output durante il ciclo di vita del progetto e, in particolare, in seguito alla sua conclusione.

Gli obiettivi specifici del progetto sono: » creare strutture operative che implementino la cooperazione transnazionale tra business park innovativi già esistenti o di nuova realizzazione nell'area SEE; » realizzare un network che permetta la condivisione e disseminazione di modelli di sviluppo di business park innovativi per una migliore erogazione dei servizi di supporto alle imprese innovative (secondo livello di clusterizzazione); » sviluppare un Manuale operativo che preveda standard e requisiti per la location dei business park innovativi nell'area di programma con lo scopo di creare un ambiente favorevole in termini di siti fisici e di servizi di supporto alle PMI innovative; » trasferire buone pratiche e lo scambio di conoscenze per incoraggiare la costituzione di nuovi business park innovativi e favorire lo sviluppo di quelli esistenti; » capitalizzare i risultati, influenzare a livello politico e ricercare finanziamenti al fine di costituire o ampliare i parchi con l'ausilio dei fondi europei o nazionali e il coinvolgimento dei principali attori politici e degli stakeholder nazionali e regionali.

Gli obiettivi I principali obiettivi sono: sviluppare standard, fornire meccanismi di cooperazione e scambio di esperienze, mettere in atto best practice per lo sviluppo di Business Park.

Lo scopo principale del progetto FIDIBE è di accrescere il potenziale innovativo e la competitività dell'area SEE attraverso lo sviluppo e il supporto alle PMI innovative, facilitare l'innovazione, promuovere l'imprenditorialità, sviluppare una economia della conoscenza e ridurre la grande disparità di sviluppo economico nell'area coinvolta. Gli obiettivi saranno raggiunti sviluppando e migliorando le reti di supporto e i servizi per l'innovazione verso le PMI.

PROGETTO FIDIBE SVILUPPO DI BUSINESS PARK INNOVATIVI PER FAVORIRE L'INNOVAZIONE E L'IMPRENDITORIALITÀ L'area del Sud Est Europa (SEE) evidenzia scarse performance in materia di Ricerca e Sviluppo. La maggior parte delle Nazioni dell'area si attesta su bassi livelli di attività innovative e di competitività. Pertanto, risulta cruciale sviluppare strutture in grado di motivare le piccole e medie imprese (PMI) nelle attività di innovazione, accompagnandole nelle attività di Ricerca e Sviluppo e costruendo un ambiente a loro favorevole. Al fine di perseguire tale obiettivo, molte linee di azione innovative sia nazionali che regionali rientranti nell'area SEE mirano a sviluppare Parchi Tecnologici, Incubatori, Centri di Ricerca, ecc., ossia, business park innovativi. Ciononostante, l'efficacia dei tentativi messi in atto per creare o sviluppare questi parchi è variabile: esistono istituzioni affermate, buone pratiche, ma anche iniziative deboli in cerca di ulteriore assistenza. Vi è, nel concreto, un forte bisogno di meccanismi transnazionali, di modelli e materiali di riferimento, di condivisione di buone pratiche per promuovere e coordinare lo sviluppo di business park.

FATTI SALIENTI In corso di attuazione.

DATI

2009 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 173

Partnership Il progetto è attuato da 9 partners di 7 differenti nazioni costituiti da Parchi scientifici e Incubatori, Centri di Ricerca e Università, Agenzie di sviluppo e Amministrazioni locali » Mid-Pannon Regional Development Company (Ungheria) Lead Partner » Sviluppo Italia Basilicata SpA (Italia) » VEGA Venice Gateway for Science and Technology (Italia) » Centre for Research and Technology Hellas (Grecia) » Alexander Dubcek University of Trencin (Slovacchia) » Harghita County Council (Romania) » West-Pannon Regional Development Company (Ungheria) » Technology Park Ljubljana Ltd. (Slovenia) » Business Innovation Centre of Croatia BICRO Ltd (Croazia).

L’area SEE comprende 16 paesi: Albania, Austria, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Romania, Croazia, ex Repubblica iugoslava di Macedonia, Grecia, Ungheria, Serbia, Montenegro, Slovacchia, Slovenia e Moldova, Italia, Ucraina. In Italia sono ammissibili solo le regioni: Lombardia, Bolzano/Bozen, Trento, Veneto, Friuli-Venezia-Giulia, Emilia Romagna, Umbria, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, e in Ucraina: Cjermovestka Oblast, Ivano-Frankiviska Oblast, Zakarpatska Oblast e Odessa Oblast.

Il progetto FIDIBE è stato selezionato nell’ambito di SEE - Sud Est Europa, programma di cooperazione transnazionale finalizzato a migliorare il processo di integrazione territoriale, economica e sociale dei Paesi coinvolti contribuendo alla competitività dell’area attraverso lo sviluppo di partnership transnazionali ed azioni congiunte su questioni strategiche. Il Progetto è co-finanziato dall’UNIONE EUROPEA.

Valore del Progetto € 2.220.000,00

Durata del Progetto 01/04/2009 - 31/08/2011

L'azione si colloca in coerenza con la Strategia Regionale per la ricerca e l'innovazione per il periodo di programmazione 2007-2013 che mira a "migliorare le condizioni di contesto" promuovendo azioni volte a sostenere progetti di ricerca ed iniziative innovative svolte, anche congiuntamente, da imprese e dagli attori della ricerca (Università, enti di ricerca, centri per l'innovazione, centri per il trasferimento tecnologico) verso i quali Sviluppo Basilicata avrà particolare attenzione all'attivazione di partnership con riferimento anche alla possibilità di realizzazione di un distretto energetico per lo sviluppo di imprese innovative.

In tale quadro di elevata cooperazione istituzionale e internazionale, l'azione del progetto FIDIBE in Basilicata, in particolare, verrà espletata attraverso Sviluppo Basilicata nel territorio target del Comprensorio della Val D'Agri dove è prevista la realizzazione di un'analisi territoriale relativa al potenziale innovativo per la creazione di business park e lo start up dell'Incubatore di imprese gestito da Sviluppo Basilicata la cui presenza consentirà di interpretare al meglio le esigenze del territorio oggetto di analisi, individuando best practice che, per le loro caratteristiche, possano essere riproposte in contesti diversi da quello nel quale sono state concepite e attuate e in cui lo sviluppo dell'attività di networking verrà, dunque, particolarmente sollecitata. La società opererà per l'attivazione di partnership sinergiche con i Centri di Ricerca e l'Università della Basilicata.

Il Progetto FIDIBE in Basilicata (Val d'Agri) Il progetto FIDIBE è stato selezionato dal Comitato di Sorveglianza europea, per l'alta qualità, l'innovatività e la concretezza delle azioni di cooperazione trasnazionale previsti in coerenza con gli obiettivi della Strategia di Lisbona e Goteborg.

FATTI SALIENTI

DATI

2009 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


174 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Amministratore Unico Raffaele Ricciuti.

EVOLUZIONI SOCIETARIE L’art. 23 del Decreto Legge n. 78 del 31 luglio 2009, ha stabilito la proroga al 30 giugno 2010 dei termini per l'attuazione del piano di riordino e di dismissione di Invitalia, l’Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa, in riferimento alle società regionali, al fine di consentire il completamento delle attività connesse alla loro cessione alle Regioni. Il 23 settembre 2009, Sviluppo Italia Basilicata SpA (società territoriale di Invitalia), diventa “società in house” della Regione Basilicata al termine di un complesso processo di dismissione delle partecipazioni avviato da Invitalia sulla base della Finanziaria 2007 e delle Direttive del Ministero dello Sviluppo Economico. Tale fase è stata preceduta dall’acquisto da parte di Invitalia del pacchetto azionario detenuto dai soci CCIAA, Banca Intesa, BPM, PROSER ad eccezione delle azioni attestate alla Regione Basilicata.

PROGRAMMA LIFE+ “FACTOR20 – Forwarding ACTions On a Regional and Local scale to reach the EU targets of the European Climate Action Plan ”20-20 by 2020”, è finanziato nell’ambito del Programma Comunitario LIFE+ che mira a promuovere azioni nel campo della conservazione della natura e dell’ambiente, oltre che azioni di informazione e comunicazione in materia ambientale. Il progetto FACTOR concerne in particolare lo sviluppo dei piani di azione locale e costituisce un’opportunità strategica per condividere le esperienze e gli obiettivi tesi a supportare lo sviluppo di piani locali per ridurre le emissioni GHG e dare un effettivo contributo al raggiungimento dei target europei correlati. Beneficiario: Regione Lombardia. Beneficiari associati: Regione Sicilia, Regione Basilicata. Assistenza Tecnica: CESTEC SpA - CEntro lombardo per lo Sviluppo TECnologico e produttivo delle piccole e medie imprese e Sviluppo Italia Basilicata. Co-finanziamento: Ministero dell’Ambiente. Stakeholder: Ministero per lo Sviluppo Economico - Gestore servizi elettrici - ENEA - Comuni e Province Ruolo Sviluppo Italia Basilicata: assistenza tecnica, animazione territoriale, verifica fattibilità, supporto alla definizione delle strategie, valutazione ex-ante delle politiche locali, focus su riqualificazione eco-compatibile delle aree e dei distretti produttivi sul territorio della Basilicata.

La partecipazione di Sviluppo Italia Basilicata in qualità di partner del progetto, attraverso le azioni congiunte previste, concentrerà progettualità e risorse finalizzata all’elaborazione di linee guida strategiche per la redazione e gestione delle aree SEPA in Basilicata e nei territori del progetto e la realizzazione di una piattaforma e-learning ad hoc condivisa fra i partner. Partendo dalla best practice del 'Macrolotto di Prato', un distretto tessile in cui sono state attuate diverse iniziative per migliorare l'impatto ambientale e sociale della zona creando un Consorzio di gestione del sito, Sviluppo Italia Basilicata, in Basilicata, orienterà la sua azione, in collaborazione con il Dipartimento regionale per le Attività Produttive nella localizzazione dell’area industriale compatibile con la definizione di progetto di area produttiva sostenibile dove possano essere implementate aree ecologicamente attrezzate in coerenza con la programmazione regionale POR Basilicata 2007-2013 Asse III competitività produttiva.

La partnership di progetto è costituita per l’Italia da Sviluppo Italia Basilicata SpA e Informest – Centro di Servizi e Documentazione per la Cooperazione Economica Internazionale; per la Romania da Municipality di Baia Mare; per la Grecia da EC Business and Innovation Centre di Attika; per l’Ungheria da Central Transdanubian Non profit Company; per la Slovenia da Business Inkubator Sezana; per la Bulgaria da Varna Economic Development Agency; per la Serbia da Innovative Centre for Development of the Municipality of Temerin.

PROGETTO SEPA – SUSTAINABLE EQUIPPED PRODUCTIVE AREA Il progetto SEPA ha per oggetto l’individuazione di un modello da utilizzare per la realizzazione di una area attrezzata produttiva sostenibile. Il principale obiettivo di SEPA è di promuovere il concetto di area produttiva sostenibile definita come “una comunità di imprese manifatturiere e di servizi che, all’interno di un’area funzionale e grazie alla cooperazione comune, si propongono di implementare le performance ambientali, economiche e sociali, attraverso l’acquisizione di specifici strumenti organizzativi, di management e di infrastrutture idonee”. L’area “SEPA” nasce in accordo col principio di sostenibilità ambientale e dovrà possedere i seguenti requisiti: servizi e infrastrutture comuni per la protezione dell’ambiente, un “area manager”, standard di qualità ambientali più elevati e in conformità agli standard EMS (EN ISO 14001) e EMAS.

FATTI SALIENTI

In corso di formalizzazione.

In corso di attuazione.

DATI

2009 | SVILUPPO ITALIA BASILICATA SPA


Incubatori dÂ’Impresa in Basilicata

SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 175


176 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 177

Settori di intervento Le iniziative potranno riguardare la produzione di beni e servizi nelle seguenti categorie: » Settori culturali di base (arti visive, arti performative, patrimonio)

Protagonisti L’Amministrazione comunale di Matera è concessionaria degli immobili di proprietà dello Stato e ha deliberato la sub-concessione gratuita degli stessi per un periodo di trent’anni. Sviluppo Italia Basilicata SpA ne curerà la gestione. L’Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa SpA (già Sviluppo Italia) è sub concessionaria degli immobili. Sviluppo Italia Engineering, società strumentale dell’Agenzia Nazionale, ha eseguito tutte le opere di messa in sicurezza, restauro superficiale e architettonico, tinteggiatura, infrastrutturazione e impiantistica.

INCUBATORE DI MATERA RIONI SASSI Sintesi L’incubatore di imprese è stato promosso da Sviluppo Italia Basilicata SpA e realizzato con i fondi resisi disponibili sulla legge 208/98, assegnati all’attuale Agenzia per l’Attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa (già Sviluppo Italia SpA) che ha sottoscritto un accordo con il Comune di Matera, formalizzato con specifico atto notarile di sub-concessione trentennale gratuita di immobili situati nei Rioni Sassi di Matera. Si tratta di un Incubatore di imprese cosiddetto “diffuso” che, a differenza di incubatori situati in aree industriali e concepiti come stabilimenti a moduli, interviene sugli edifici già esistenti mediante il restauro architettonico, l’utilizzazione e rivitalizzazione dei complessi monumentali attraverso l’insediamento di imprese.

FATTI SALIENTI

Riferimenti amministrativi e normativi » Finanziamento del Ministero delle Attività produttive in attuazione della delibera CIPE dell’11 novembre 1998 di un programma finalizzato alla creazione di imprese ed in fase di start up attraverso Sviluppo Italia SpA dotandola di incubatori e di strumenti finanziari dedicati » L. 208/98 - fonte di finanziamento dell’incubatore di Matera » L. 771/86 - norme in materia di conservazione e di recupero architettonico, urbanistico, ambientale ed economico dei Rioni Sassi di Matera » 13 Marzo 2003 - Delibera della Giunta Comunale di Matera n. 66 avente ad oggetto: L. 771/86-Approvazione schema protocollo d’intesa fra Comune di Matera e Sviluppo Italia SpA (attuale Agenzia Nazionale per l’attrazione di investimenti e lo sviluppo di impresa) per la realizzazione di un incubatore di imprese » 17 aprile 2003 prot. 16612 inoltro da parte di Sviluppo Italia SpA al Ministero delle Attività Produttive di motivata Proposta di localizzazione dell’incubatore a Matera » 30 giugno 2003 - sottoscrizione Protocollo d’intesa tra il Comune di Matera e Sviluppo Italia SpA » 3 dicembre 2003 - Delibera di Giunta Comunale di Matera n. 413 per la sostituzione degli immobili con un comparto alternativo » 19 dicembre 2003 - Delibera Consiglio Comunale di Matera n. 89 » avente ad oggetto ratifica del protocollo d’intesa tra il Comune di Matera e Sviluppo Italia SpA del 20 giugno 2006 come modificato nell’indicazione degli immobili con provvedimento di Giunta Comunale n. 413/2003 in variante al 1° programma biennale ed approvazione

DATI

INCUBATORI D’IMPRESA IN BASILICATA Sintesi Il Ministero delle Attività Produttive ha finanziato, in attuazione della delibera CIPE dell’11 novembre 1998, un programma finalizzato alla creazione di nuove imprese ed al sostegno di aziende in fase di start up, attraverso il network di Sviluppo Italia (ora Invitalia), dotandola di incubatori di imprese e di strumenti finanziari dedicati. Tale programma, originariamente gestito dalla SPI-IRI, è oggi attuato da Invitalia (già Sviluppo Italia) attraverso la rete delle società regionali controllate, e prevede la realizzazione di 30 incubatori. L’incubatore è una struttura finalizzata alla nascita e all’innovazione di piccole e medie imprese. Ha la funzione di accogliere imprese e di assisterle fornendo moduli/laboratori capaci di ospitare nuove iniziative alle quali viene erogata una serie di servizi tecnici, logistici ed amministrativi. Gli incubatori offrono spazi attrezzati mediante contratti per facilitare l’insediamento e l’”uscita” delle imprese, una volta superata la fase di start up. L’incubatore di impresa è uno strumento con cui promuovere creazione di occupazione attraverso la creazione di impresa e lo sviluppo di imprese in fase di start up. Gli incubatori possono essere affiancati da strumenti finanziari (garanzie, fondi per l’assunzione di partecipazioni, D. Lgs. 185/2000). Incubatori in Basilicata Il programma prevedeva la realizzazione di 4 incubatori (Viggiano, Potenza, Matera, Rionero) privilegiando l’utilizzo, tramite ristrutturazione funzionale, di immobili pubblici inutilizzati, da prendere in concessione per un periodo minimo di trenta anni, accollandosi gli oneri di ristrutturazione, ed assicurando la gestione e la manutenzione. La somma prevista per la realizzazione di incubatori in Basilicata inizialmente era pari a 4.131.655 Euro. Attualmente sono in fase di start up gli incubatori di Matera e della Val D’Agri.

INCUBATORI D’IMPRESA IN BASILICATA


178 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Destinatari finali Aspiranti imprenditori: » Persone fisiche non occupate: giovani e adulti, studenti, universitari, ricercatori di settore, che vogliano costituire una nuova impresa (nella forma di società di persone o società cooperativa o società a responsabilità limitata o ditte individuali). Imprenditori: » Imprese in start up (le imprese si considerano in start up fino al terzo anno di vita) per sviluppare un progetto di investimento che persegua le finalità di innovazione di prodotto, di processo e organizzativa dell’azienda. In ogni caso coloro che vogliano candidarsi devono rientrare nella categoria delle “microimprese” o in quella delle “piccole imprese” così come definita dalla normativa nazionale e comunitaria.

Obiettivi » Proporre l’incubatore Sassi come progetto di funzioni strategiche dedicate alla cultura » Favorire processi culturali intesi come risorsa strategica in grado di contribuire al rafforzamento della competitività » Realizzare un supporto di servizi qualificati centralizzati per le imprese insediate come produttrici di beni culturali » Sostenere i produttori di beni di qualità aprendo l’accesso al mercato esterno » Sostenere la produzione culturale come risorsa dello sviluppo locale e regionale » Mettere in rete le aziende insediate con l’esterno: Università, Associazioni non profit, Ateliers, Fondazioni, Banche e Imprese che investono in cultura, operatori nazionali ed internazionali » Contribuire alla formazione degli operatori insediati attraverso la qualificazione dell’offerta culturale e della sua circolazione verso nuovi mercati on line » Diffondere e rafforzare la cultura di impresa nei settori di riferimento » Favorire la nascita di ‘’nuove imprese’’ e lo sviluppo di aziende in start up nel settore individuato » Creare le condizioni per la reciproca fecondazione di soggetti imprenditoriali, amministrazioni, organizzazioni culturali, per costruire un ‘’nuovo sviluppo’’ del territorio, basato sulla qualità, l’innovatività, l’arte e la conoscenza, quale principale fattore produttivo » Rafforzare sinergie con iniziative già presenti nel campo sviluppando alleanze con stakeholders di riferimento » Promuovere la creatività giovanile sul territorio cercando di cogliere tendenze, e nuove esigenze espressive » Accompagnare i giovani imprenditori nel loro percorso imprenditoriale, fornendo tutoraggio ed assistenza tecnica.

» Industrie culturali (film e video, televisione e radio, videogiochi, musica, editoria) » Industrie creative (design, architettura, pubblicità e comunicazione).

FATTI SALIENTI

mq 719 mq 656 mq 63 mq 18/89 1,5 (milioni di euro) n. 12/13 imprese mq 30

Superfici Totale aree coperte Aree a disposizione delle imprese Servizi comuni Ampiezza moduli Investimenti Insediamenti previsti Ampliamento n. civico 13

»

»

»

»

»

»

dello schema di convenzione per l’affidamento in sub concessione gratuita a Sviluppo Italia SpA degli immobili suddetti 19 dicembre 2003 - Nota di approvazione del Ministero delle attività produttive della proposta di realizzazione dell’incubatore a Matera 27 dicembre 2004 prot. n. 67655 presentazione da parte di Sviluppo Italia al Comune di Matera del Progetto definitivo di recupero, restauro e adattamento degli immobili individuati nei Rioni Sassi di proprietà dello Stato trasferiti al Comune di Matera in concessione gratuita novantanovennale con decreto ministeriale di approvazione del 26.09.95 n. 91722 23 marzo 2005 - Delibera di Giunta Comunale di Matera n. 87 di approvazione del progetto di risanamento conservativo con destinazione incubatore di imprese e di affidamento in sub concessione degli immobili 28 luglio 2005 - Delibera del Consiglio Comunale di Matera n. 63 di modifica dello schema di convenzione approvato con delibera n. 89/2003 18 ottobre 2005 Rep. N. 330 Comune di Matera Atto notarile di sub concessione in uso gratuito di immobili demaniali siti nei Rioni Sassi di Matera a Sviluppo Italia SpA ai sensi e per gli effetti dell’art. 4 comma 2 della L. 771/86, registrato a Matera il 31 ottobre 2005 al n. 1934 16 giugno 2008 Rep. N. 681 Comune di Matera Atto notarile di sub concessione in uso gratuito di immobile, ubicato in Recinto S. Nicola del Sole n°13 - Rioni Sassi di Matera, a Agenzia Nazionale per l’Attrazione degli Investimenti e lo Sviluppo di impresa SpA (già Sviluppo Italia SpA) ai sensi e per gli effetti dell’art. 4 comma 7 della L. 771/86, registrato a Matera il 29 giugno 2008 al n. 163.

DATI

INCUBATORI D’IMPRESA IN BASILICATA


SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 179

Descrizione Il complesso oggetto di ristrutturazione è costituito da un corpo principale a capannone in cui sono stati previsti 9 “laboratori industriali” e le centrali tecnologiche e di un corpo annesso all’edificio principale, in unica entità edilizia sviluppatesi su tre livelli, destinato a contenere 6“laboratori high-tech” ed il “centro servizi” per l’intero complesso. Le differenti soluzioni di superfici e di funzionalità delle aree deriva dalla volontà di offrire ai futuri utenti differenti opzioni di utilizzazione in funzione delle singole specifiche esigenze. Il complesso industriale prevede percorsi carrabili interni e parcheggi, aree pedonali, zone a verde sia lungo il perimetro del lotto, sia in zone interne in prossimità dell’edificio destinato a centro servizi e laboratori high-tech.

INCUBATORE D’IMPRESA DELLA VAL D’AGRI L’incubatore sito in Grumento Nova Area industriale Alta Val D’Agri di Viggiano, rappresenta una sintesi delle esigenze imprenditoriali dell’area e si propone come spazio per ospitare imprese fortemente innovative offrendo laboratori industriali e hi-tech. I lavori finanziati dalla Legge 208/98 per interventi di promozione di occupazione e d’impresa nelle aree depresse, sono realizzati da Invitalia in un capannone industriale concesso dal Consorzio per lo sviluppo industriale della provincia di Potenza all’interno dell’area industriale Alta Val D’Agri. Sviluppo Basilicata ha il compito di attuare la mission, promuovere e gestire l’Incubatore.

Descrizione L’incubatore di imprese è ubicato a Matera, nei Rioni Sassi, nel cuore dell’antica area della Civita, tra la via S. Nicola del Sole, di accesso pedonale, a monte, e via Madonna delle Virtù, carrabile, a valle verso la Gravina. L’area recuperata, già destinata a Museo dell’habitat rupestre, è inserita all’interno del Comparto 18 costituito da 14 Unità edilizie (contrassegnati dai vari numeri civici) a cui di recente si è aggiunto un ulteriore ampliamento corrispondente al n. civico 13 in fase di restauro architettonico. Le Unità mostrano tutta la suggestività dell’habitat dei Sassi con ampie camere centrali, camerette secondarie laterali per i servizi, zone spesso sagomate nel masso tufaceo, aperte su percorsi pedonali e aree di sosta che costituiscono lo spazio di relazione sociale. Le tecnologie che verranno messe a disposizione permetteranno di soddisfare tutte le necessità di esercizio e contemporaneamente presteranno una flessibilità a ogni futura tecnologia innovativa in piena sicurezza delle persone, con elevata qualità dei servizi, alimentazioni alternative, economicità d’esercizio e facilità di manutenzione. Sono previsti: » Uffici di contatto » Cultural Facilitator office » Area della comunicazione » Laboratorio delle idee ed agorà del pensiero » Officina dei prototipi » Laboratori di progetto e produzione.

FATTI SALIENTI

mq 395 mq 18/89 mq 2.268 per laboratori industriali mq 416 per laboratori hi-tech mq 69/330 1,6 (milioni di euro) n. 15 imprese

mq 3.079

SERVIZI E DOTAZIONI COMUNI Sala convegni, Sala riunioni, Reception, collegamento HDSL, Parcheggio, Vigilanza.

Ampiezza moduli Investimenti Insediamenti previsti

Servizi comuni Ampiezza moduli Aree a disposizione delle imprese

Superfici Totale aree coperte

DATI DI SINTESI

DATI

INCUBATORI D’IMPRESA IN BASILICATA


180 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata

Come accedere La selezione dei candidati viene operata tramite annunci pubblici, secondo la disponibilità di posti liberi all’interno della struttura, a fronte di validi progetti di creazione e sviluppo di iniziative imprenditoriali.

I vantaggi L’imprenditore ha l’opportunità di trovare in un’unica sede tutto ciò di cui ha bisogno: spazi, servizi, finanziamenti, ma soprattutto un’agorà in cui sviluppare le proprie idee ed i propri progetti innovativi, grazie alle collaborazioni che Sviluppo Basilicata può attivare con Università e Centri di Ricerca, coerentemente con la Strategia Regionale per la ricerca e l’innovazione.

L’offerta L’offerta comprende: » spazi fisici attrezzati da utilizzare quali sedi operative: 9 moduli “laboratori industriali” completi di ufficio; 6 “laboratori high-tech”, strutture ad ufficio, comprensivi di spazi comuni. » un pacchetto logistico comprendente spazi e servizi comuni, in particolare una zona destinata a “centro servizi” costituita da spazi destinati ad uffici, direzione, sala meeting/formazione, centralino, reception, posteggi auto, vigilanza ecc. » la consulenza di esperti sulle necessità specifiche della piccola impresa (affiancamento allo start up, assistenza tecnica, tutoraggio). » un mix di strumenti finanziari (auto imprenditorialità, garanzie, capitale di rischio) in base alla tipologia dell’iniziativa imprenditoriale. » networking possibilità di sviluppare relazioni e condividere conoscenze all’interno dell’incubatore e dei network e sportelli di cui fa parte Sviluppo Basilicata (Rete incubatori Invitalia, BIC ITALIA NET, EBN European Business and Innovation Centre Network, SPRINT Sportello Regionale per l’internazionalizzazione delle Imprese).

Cosa si può fare Si possono realizzare o sviluppare iniziative nei settori della produzione e commercializzazione di beni e della fornitura di servizi.

I destinatari L’incubatore si rivolge a potenziali imprenditrici/imprenditori e alle piccole e medie imprese. L’accesso nell’incubatore è garantito nella fase di start up.

FATTI SALIENTI

DATI

INCUBATORI D’IMPRESA IN BASILICATA


Schede di sintesi

SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 181


182 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata


Scheda di sintesi delle principali evoluzioni societarie ANNO 1986

1 settembre Nasce Systema Srl - Società consortile per la Gestione integrata di servizi nel Mezzogiorno, senza scopi di lucro.

ANNO 1991

14 ottobre Trasformazione statutaria in vista della gestione delle nuove funzioni di BIC e nuova denominazione: CEII Systema SCRL - Centro Europeo di Impresa e Innovazione Systema Società Consortile a rl. La vita aziendale da questo momento in poi sarà caratterizzata da vari aumenti di capitale sociale (fino a 2 mld di vecchie lire) e da vari ampliamenti della compagine societaria (fino a 30 soci) annoverando, tra gli altri, Istituti di Credito, Enti locali, Camera di Commercio, Università Bocconi.

ANNO 1992

18 novembre Riconoscimento da parte dell'Unione Europea e della Regione Basilicata e costituzione del BIC Business Innovation Centre centro europeo per l'assistenza globale alle piccole e medie imprese locali. 9 marzo Riconoscimento da parte dell'Unione Europea e della Regione Basilicata di Organismo intermediario per la gestione di Sovvenzioni Globali FESR.

ANNO 1997

22 dicembre Nasce IG Lucana SpA per la gestione di strumenti legislativi finalizzati alla creazione di impresa e alla promozione del lavoro autonomo in Basilicata. Capitale sociale detenuto da IG SpA per il 51% e Regione Basilicata per il 49%.

ANNO 1999

27 luglio Atto di scissione della società CEII Systema SCRL e costituzione di Systema BIC Basilicata SCPA che incorpora tutte le attività ad eccezione delle attività di formazione lasciate alla società scissa. Ingresso del nuovo socio SPI - Società per la Promozione e Sviluppo Imprenditoriale SpA (in seguito Sviluppo Italia SpA).

ANNO 2000

30 maggio Fusione per incorporazione in Sviluppo Italia del socio SPI. Systema diventa società del Gruppo Sviluppo Italia.

ANNO 2000

28 settembre Costituzione di Sviluppo Italia Basilicata Srl con socio unico (Sviluppo Italia SpA) in ottemperanza al piano di riordino ex art. 3 D.Lgs 9 gennaio 1999 n. 1 e successivi DPCM (del 26/1/99 e del 9/6/99) istitutivi di Sviluppo Italia SpA (ora Invitalia - Agenzia Nazionale per l'attrazione di investimenti e lo sviluppo di impresa SpA) facente capo al Ministero dell'Economia unico azionista.

SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 183


Scheda di sintesi delle principali evoluzioni societarie

14 dicembre La società si trasforma in SpA. Ha per oggetto la promozione della nascita di nuove imprese e lo sviluppo delle imprese esistenti, la fornitura di servizi alla Regione Basilicata ed alle amministrazioni pubbliche in generale; la consulenza in materia di gestione degli incentivi regionali, nazionali e comunitari; l'erogazione di contributi a fondo perduto e mutui agevolati avvalendosi di risorse messe a disposizione dall'UE, dallo Stato, dalla Regione Basilicata o da altre Amministrazioni pubbliche. La società è controllata da Sviluppo Italia SpA unico azionista. In seguito, per effetto delle incorporazioni delle società IG Lucana e Systema BIC Basilicata, al capitale sociale parteciperanno la Regione Basilicata, alcune Banche, Enti ed Organismi privati. ANNO 2001

17 dicembre Fusione per incorporazione in Sviluppo Italia Basilicata della IG Lucana SpA.

ANNO 2002

6 settembre Fusione per incorporazione in Sviluppo Italia Basilicata di Systema BIC Basilicata SCPA.

ANNO 2007

Piano di riordino A seguito della L. Finanziaria 2007 e della Direttiva del Ministro dello Sviluppo Economico del 27 marzo 2007, Sviluppo Italia SpA ha avviato il riordino complessivo del Gruppo Sviluppo Italia che prevede la cessione delle società territoriali alle amministrazioni regionali inizialmente entro il 31/12/2007. Con successivi decreti il termine slitterà al 30/06/2010. Il 18 luglio 2007, il socio Sviluppo Italia modifica la propria denominazione sociale in Agenzia Nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa SpA. La sua missione diventa l'attrazione degli investimenti, prevalentemente esteri, il sostegno alla creazione di impresa e lo sviluppo dei territori. Nel luglio del 2008, l’Agenzia assume il nuovo marchio di Invitalia.

ANNO 2009

23 settembre Si conclude la cessione di Sviluppo Italia Basilicata: la Regione Basilicata sottoscrive il Protocollo d’intesa con Invitalia e Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione del Ministero dello Sviluppo Economico, e rileva la partecipazione detenuta nella società da Invitalia, pari al 95,23% del capitale sociale. Sviluppo Italia Basilicata, come società in house della Regione, continuerà nell’azione di promozione dello sviluppo economico e imprenditoriale locale, implementando nuove funzioni e strumenti. La Regione Basilicata e Invitalia, collaboreranno per rafforzare l’impatto sul territorio di progetti e iniziative di sviluppo.

184 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata


Scheda di sintesi dei principali risultati e attività Oltre 60 milioni di euro di investimenti Oltre 3.000 imprese supportate Oltre 4.500 posti di lavoro Nel corso di tutti questi anni la società, attraverso la propria expertise ed un sistema di strumenti normativi e finanziari, ha operato ed opera per la creazione e lo sviluppo delle imprese presenti sul territorio che vogliano rinnovare i processi produttivi, ampliare l’attività o espandersi sul mercato attraverso la gestione di fondi di capitale di rischio, la partecipazione a network europei per l’innovazione e il trasferimento tecnologico, la disponibilità di incubatori di impresa; ha sostenuto e sostiene la creazione di impresa gestendo agevolazioni finanziarie e servizi reali gratuiti per favorire la nascita d’iniziative di lavoro autonomo, di microimpresa, di attività in franchising e di imprese giovanili; ha favorito e favorisce azioni volte a definire e qualificare l’offerta territoriale per facilitare l’insediamento di nuove imprese nella Regione attraverso l’attuazione di azioni e di programmi operativi di attrazione investimenti e di marketing territoriale; ha favorito e favorisce lo sviluppo dell’internazionalizzazione

Occupazione creata (al 31.12.2008) Nuova occupazione per oltre 4.500 soggetti (sia disoccupati che giovani imprenditori) di cui: » 62% in provincia di Potenza » 38% in provincia di Matera Creazione/Sviluppo imprese Iniziative di lavoro autonomo, microimpresa, franchising (Tit. II D.Lgs. 185/00 e Sovvenzione Globale Piccoli Sussidi): » Progetti finanziati nuove Pmi 3.154 » Progetti finanziati sviluppo Pmi n. 167 » Investimenti finanziati/realizzati oltre € 60 milioni Imprese giovani (Tit. I D.Lgs. 185/00): » Progetti ammessi n. 81 » Monitoraggi n. 173 Settori finanziati: commercio, produzione di beni, servizi. Creazione/Sviluppo di impresa in logica integrata Fondi di capitale di rischio: » Partecipazioni in 22 aziende locali » Investimenti per oltre 6.7 milioni di euro Gestione Incubatori d’Impresa: » Incubatore culturale nei Rioni Sassi di Matera » Incubatore nella Zona Industriale Alta Val D’Agri (Grumento - Viggiano) Adesioni a Network e Sportelli per l’internazionalizzazione e l’innovazione delle PMI: » AIFI – Associazione Italiana delle Finanziarie di Investimento nel Capitale di Rischio » EURADA – Associazione Europea delle Agenzie di Sviluppo » IBAN – Italian Business Angels Network Association » BRE – Bureau de Rapprochement des Enterprises » EBN – European BIC Network » CNI EBN – Comitato Nazionale Italiano EBN » BIC Italia Net sportello dei BIC italiani • www.bic-italia.net » SPRINT BASILICATA Sportello regionale per l’internazionalizzazione delle imprese • www.sprint.basilicatanet.it » IRC IRIDE • www.centroiride.it » RETE INCUBATORI di Invitalia

SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 185


Scheda di sintesi dei principali risultati e attività

delle imprese e della regione nel suo complesso partecipando a programmi di cooperazione interregionale mirati al trasferimento di buone pratiche.

Assistenza tecnica all’Amministrazione regionale e agli enti locali per la definizione, gestione e implementazione di piani, programmi, progetti Rientrano in questo ambito le attività di supporto tecnicoprogettuale svolte in favore della Regione Basilicata per conto di Invitalia relative a: » Programma Operativo pluriennale Marketing territoriale per l’attrazione di investimenti in Basilicata » Programma Operativo Supporto alle Regioni Committenza Pubblica per la definizione di APQ locali » Programma Operativo Advisoring Studi di fattibilità » Attuazione, implementazione e sviluppo del Distretto Tecnologico Tutela Rischi Idrogeologici » Programma per la valorizzazione del Patrimonio Culturale. La predisposizione e gestione di Misure Agevolative (es. L.R. 1/98 – Fondi di capitali di Rischio - Piccoli Sussidi). L’Assistenza tecnica al Contratto d’Area della Provincia di Potenza e la redazione del Piano Turistico Regionale. Le partnership tecniche e promozionali su progetti di tutela ambientale (Azioni Innovative Territorio di Eccellenza, Agenda 21, Life+). Le adesioni a partenariati di sviluppo locale per la progettazione e attuazione di progetti di ambito locale, di cooperazione interregionale e trasnazionale, di innovazione e trasferimento tecnologico, per la lotta contro le discriminazioni sul mercato del lavoro (ADAPT II, RECITE II, IV e V PROGRAMMA QUADRO PER RS&T, IRC IRIDE, PIC PMI, INTERREG, LEADER, EQUAL, MED, SOUTH EAST EUROPE, ART. 6 FSE, POM, PON, PO, SOVVENZIONI GLOBALI FESR/FSE, PARCHI LETTERARI). Le attività di assistenza tecnica svolte per gli enti locali (Piani quadriennali di sviluppo, Programmi di intervento nel settore ricettivo, redazione dei documenti programmatici, Studi di Fattibilità, Piani Operativi per amministrazioni comunali). Assistenza Tecnica alle Pubbliche Amministrazioni centrali e regionali estere Assistenza tecnica, formazione e training per la programmazione e gestione dei Fondi Strutturali in favore delle Pubbliche Amministrazioni centrali e regionali degli stati dell’Europa centrale e orientale di nuova adesione all’Unione Europea (Ungheria, Polonia, Bulgaria, Romania, Turchia). Rientrano in questo ambito le attività di gemellaggio amministrativo (Programma PHARE TWINNING) svolte di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, con la Regione Basilicata in qualità di mandated body, con vari Ministeri, Amministrazioni, Municipalità e Agenzie di sviluppo estere.

186 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata


Scheda di sintesi dei principali riconoscimenti La scheda riporta alcuni principali riconoscimenti ottenuti dalla società

» Riconoscimento come BIC della Basilicata (Business Innovation Centre), centro europeo per l’assistenza globale alle piccole e medie imprese locali » Riconoscimento come Organismo Intermediario dell’Unione Europea per l’attivazione di Sovvenzioni Globali comunitarie per la capitalizzazione, il sostegno ai servizi delle imprese lucane e la promozione del territorio regionale » Riconoscimento quale Agenzia per la Promozione del Lavoro e dell’Impresa ai sensi della legge 196/97 da parte del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale » Riconoscimento quale esperta per l’attuazione di incarichi di assistenza tecnica alla realizzazione di BIC in base all’accordo tra UE DG XVI e EBN e per il tutoraggio di alcuni già esistenti da parte dell’EBN » Mandated Body della Regione Basilicata per progetti di gemellaggio Phare Twinning (organismo operativo per il supporto all’attuazione del progetto, previo accreditamento presso la Commissione Europea ai sensi del regolamento Phare) » Premio Award EBN-UNDP: con il progetto comunitario ICE - Incubators for Cultural Enterprises, l’Incubatore culturale di imprese in gestione a Sviluppo Italia Basilicata, ospitato nel sito UNESCO dei Rioni Sassi di Matera, ha vinto il concorso internazionale EBN-UNDP Award, conquistando l’attenzione dell’Organizzazione Internazionale delle Nazioni Unite - Programma Sviluppo (UNDP) e di EBN, il network dei Centri Europei di Impresa e Innovazione/BIC. Il progetto è stato selezionato tra le best practice riconosciute nell'ambito del programma IDEASS delle Nazioni Unite (sistema internazionale di cooperazione nord-sud per promuovere un maggiore uso delle innovazioni per lo sviluppo umano), rientrando tra i vincitori della categoria “Governance, Sviluppo economico locale, Sviluppo sostenibile del patrimonio”.

SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 187


188 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata


Evoluzione dei logotipi aziendali

SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 189


190 | Fatti, atti, dati | SviluppoBasilicata


Evoluzione dei logotipi aziendali Anno 1986

Anno 1992

Anno 1998

Anno 1999

Anno 2000

Anno 2001

Anno 2009

SviluppoBasilicata | Fatti, atti, dati | 191



Fatti, Atti e Dati