Page 1

SMG Info

ANNO 6 | NUMERO 1 Gennaio | Febbraio 2010

L’importanza di essere visibili di REINHOLD MARSONER I Direttore L’anno turistico 2009 – in senso globale

le offerte migliori, e per far sì che l’Alto

– passerà alla storia come uno degli anni

Adige diventi una meta ricercata, con un

marchiati dalla crisi economica. Cionono-

carattere ben definito. Troppo spesso

stante l’Alto Adige è riuscito ad ottenere

però ci dimentichiamo dell’ultimo anello

cifre record: 17 milioni di pernottamenti

della catena del valore: la distribuzione.

solo nella stagione estiva e 28 milioni

Per ripetere le cifre del 2009, abbiamo

nell’intero anno turistico.

bisogno di una proficua collaborazione

Numeri mai visti prima, che infondono

con gli intermediari turistici. La nostra

fiducia ed una buona dose di orgoglio.

offerta deve poter raggiungere i clienti

Ma al contempo dobbiamo pensare al fu-

al pari di un qualsiasi prodotto che in

turo, e domandarci: come possiamo man-

un supermercato attira l’attenzione,

tenere l’alto tasso di occupazione delle

e pertanto deve essere presente nelle

nostre strutture ricettive? Noi stiamo

agenzie di viaggio, sui portali Internet o

già lavorando con successo per proporre

nei cataloghi dei tour operator. «

SOMMARIO 2 | Chi prima arriva, meglio alloggia 4 | L’Alto Adige su iPhone 9 | Pubblico e giuria concordi 10 | “Un’isola felice” Rubriche 5 | Ricerche SMG: Viva il turismo di prossimità 12 | Sui mercati

www.smg.bz.it


Pagina 2

Chi prima arriva, meglio alloggia Il fattore “Distribuzione”: perché il suo ruolo è fondamentale nel marketing

Mediamente il 50% dei turisti provenienti da Gran Bretagna, Benelux, Polonia e Repubblica Ceca prenota la vacanza presso un ufÞcio viaggi

(at) Nemmeno il tempo per l’Astat

l’offerta, ma “l’ultimo anello della catena

e Pubblici Esercenti) e tramite l’istituto

di fornire le cifre relative alla passata

del valore”, ossia la vendita, viene troppo

di ricerche di mercato Apollis, SMG ha

stagione turistica, e subito la stampa

spesso trascurato. Un esempio arriva dal

condotto una ricerca approfondita.

locale e nazionale è andata a caccia di

settore alimentare: i produttori di yogurt

Dallo studio è emerso che tutti gli

commenti sull’annata record vista dalla

altoatesini sanno molto bene che, senza

albergatori interpellati sono coscienti del

parte altoatesina. Quasi nessuno però

un partner che si occupi della distribuzio-

fatto che la permanenza dei turisti sarà

ha chiesto cosa bisogna fare afìnché

ne, sarebbe impossibile lavorare. Se infat-

sempre più corta ed i costi di conseguen-

anche il futuro sia roseo.

ti le industrie casearie dovessero vendere

za aumenteranno, cresceranno anche le

Un ruolo chiave lo avrà sicuramente la

i prodotti solo nei propri shop, prima

oscillazioni stagionali, gli ospiti abituali

distribuzione. “Distribuzione” è un ter-

o poi sarebbero costretti a chiudere

saranno sempre meno, i turisti prove-

mine che, malgrado la sua importanza

questi negozi. Gran parte delle strutture

nienti da Paesi che non siano

ed a causa della sua astrattezza, viene

alberghiere nostrane dimentica quanto

Germania e Italia saranno sempre di più

spesso messo in secondo piano.

sia importante poter contare su una rete

e noi saremo ancora costretti a rincor-

di distribuzione solida, che poggi su più

rere le destinazioni vicine a causa della

Vediamo come la deÞnisce Wikipedia:

pilastri, uno dei quali è il rapporto con gli

nostra raggiungibilità. Se infatti la durata

“La distribuzione rappresenta l’ulti-

intermediari turistici. Appena il 17 per

del soggiorno si abbassa, la composizio-

mo anello della catena del valore di

cento degli albergatori altoatesini lavora

ne della clientela cambia e

un’azienda nonché l’attività di vendita in

con tour operator,

l’Alto Adige in confronto alle altre de-

generale”. La parola in questione insom-

ufÞci viaggi o agenzie di incoming,

stinazioni è più difÞcile da raggiungere,

ma ha poco a che fare con la “distribu-

malgrado essi sappiano molto bene quali

ecco che ci vorrebbero più ospiti per

zione” e molto di più con la “vendita”.

sÞde li attendono negli anni a venire,

garantire agli alberghi lo stesso

Attualmente l’Alto Adige sta lavorando

come dimostra un recente studio.

riempimento che hanno oggi. E chi

per farsi un buon nome e ampliare

Assieme all’HGV (Unione Albergatori

vuole più arrivi, deve rivolgersi a nuove

SMG Info


Pagina 3

I canali di vendita sono diventati tanti: le vacanze oggi si possono prenotare nelle agenzie di viaggio, su internet, al supermercato…

fasce di clientela ed a nuovi mercati. Ma

11° Workshop Südtirol

attenzione: è pressoché impossibile rag-

Workshop Südtirol 2010

giungere nuovi potenziali clienti o nuovi

Per conoscere a fondo il mondo

mercati senza l’aiuto degli intermediari

dell’intermediazione turistica,

turistici.

anche nel 2010 – precisamente il 2 febbraio in occasione del Workshop

C’è anche da dire che i canali di vendita

Südtirol – SMG offre alle strutture

sono aumentati: oggi il cliente – a suo

ricettive la possibilità di incontrare

piacimento – prenota la vacanza una vol-

40 operatori turistici selezionati,

ta su Internet, un’altra volta in un’agen-

per allacciare nuovi rapporti o

zia di viaggi oppure direttamente in

rafforzare quelli esistenti (vedi box).

albergo. Da alcuni sondaggi risulta che

Inoltre l’SMG potenzierà

il 23% dei turisti provenienti dai mercati

il proprio reparto Distribuzione,

consolidati prenota la vacanza altoatesi-

creando un punto d’incontro tra

na in agenzia, il 12% direttamente presso

domanda e offerta.

la struttura ed il due per cento tramite i portali turistici. Nei nuovi mercati invece

La responsabilità della vendita è

il numero di turisti che si afÞda ad un

a carico delle singole strutture

ufÞcio viaggi è nettamente superiore

alberghiere, che decidono sul prodotto

e tocca il 50%. Le svariate modalità di

e sul prezzo, ma per agevolarle l’SMG

prenotazione dimostrano quindi che

si occuperà in maniera ancora più

gli alberghi necessitano di più canali di

energica del reperimento di nuovi

vendita.

canali di vendita. «

L’incontro specializzato rivolto a tutti gli albergatori altoatesini si svolgerà martedì 2 febbraio presso l’Hotel & Conference Center Four Points by Sheraton di Bolzano, con inizio alle ore 13:45. Il costo di partecipazione è di 100 euro. Le iscrizioni sono possibili Þno a venerdì 22 gennaio. Il modulo di iscrizione si può scaricare dal sito www.smg.bz.it. Per eventuali domande contattare Cornelia Kupa: tel. 0471 999 888, smg.distribution@suedtirol.info.

www.smg.bz.it


Pagina 4

L’Alto Adige su iPhone La guida mobile disponibile nell’App Store

Ecco cosa può fare: “Alto Adige Mobile Guide” è la guida mobile per iPhone e iPod Touch. L’applicazione consente di localizzare la propria posizione su Google Maps e di trovare al contempo indirizzi utili, numeri telefonici, indirizzi e-mail o siti web di alberghi e ristoranti altoatesini. La mappa segnala ad esempio i ristoranti nelle immediate vicinanze ed il tempo necessario per arrivarci a piedi.

Ecco i vantaggi:

Ecco i dati: Si tratta della prima applicazione iTunes dedicata ad una destinazione turistica italiana. Con il proprio iPhone si potrà accedere ad informazioni riguardanti 9.650 esercizi ricettivi, 1.400 ristoranti, condizioni meteo e manifestazioni nonché scaricare splendide immagini dell’Alto Adige. “Alto Adige Mobile Guide” è disponibile in italiano, inglese e tedesco.

Ed ecco come averla: La guida mobile dell’Alto Adige può essere scaricata gratuitamente dall’iTunes store di Apple. È sufÞciente inserire il termine “Alto Adige” nella stringa di ricerca in alto a destra e poco dopo apparirà la guida mobile, caratterizzata dal panorama colorato che richiama il Marchio Ombrello dell’Alto Adige. Cliccando su “download” si potrà scaricare sull’apparecchio mobile la leggera applicazione (solo 2,1 MB), pronta all’uso dopo averla sincronizzata.

SMG Info

La guida mobile si avvale della “Banca dati sul turismo in Alto Adige”, che rappresenta anche il “cuore” del portale www.suedtirol.info. Proprio l’interfaccia con la banca dati dell’Alto Adige fa sì che l’applicazione possa fornire tutti quei dati presenti anche sul sito ufÞciale dell’Alto Adige.


SMG forscht | Seite 5

Viva il turismo di prossimità Intervista a Rolf Freitag, presidente di IPK International (mdp) Da 20 anni IPK International

Cambierà poco o niente, e questo può

rileva i dati sui comportamenti di viag-

senz’altro essere una chance per l’Alto

gio in Europa. Ma non solo: l’istituto

Adige. La vacanza è diventata una com-

di ricerche di mercato di Monaco sta

ponente essenziale della vita di molti

attualmente conducendo un sondaggio

consumatori, che malgrado la crisi non

su viaggiatori che si trovano in 60 Paesi

ne vogliono fare a meno. Però devono

in tutto il mondo, ed è pertanto in

adeguarsi alla nuova situazione, e la

grado di fornire un quadro preciso del

conseguenza è un aumento dei viaggi

nelle cooperazioni o ad altri particolari

mercato turistico globale. Ecco un’in-

nel proprio Paese e verso località meno

impulsi. Sarebbe pure utile guardare

tervista al fondatore e presidente Rolf

care. Inoltre parecchie famiglie tendo-

cosa fa la concorrenza, in quanto impa-

Freitag, che parla dell’andamento del

no ad evitare i periodi di alta stagione,

rare da altre aziende o settori può anche

2009 e delle previsioni per il 2010.

ripiegando sulle più economiche basse

essere una forma di innovazione.

Freitag: “I soggetti perdenti sono quelli troppo cari, mentre vincerà chi propone un buon rapporto qualità-prezzo”

stagioni. E questo è un fenomeno che Rolf Freitag, il trend negativo del 2009

abbiamo già avuto modo di osservare.

proseguirà nel 2010? Quanto è grave la crisi del mercato turistico mondiale? Rolf Freitag: il nostro ultimo rilevamento dell’ottobre 2009 ha accertato che anche

Lei sostiene che la crisi sia un’opportunità per attuare cambiamenti attesi da

“Non è il caso di parlare di fine della crisi, ma piuttosto di una stagnazione”.

nei prossimi mesi l’economia turistica

tempo. “Misery is the mother of innovation”, ovvero la miseria è la madre dell’innovazione. Proprio nei momenti difficili,

mondiale dovrà fare i conti con la reces-

Nelle situazioni difficili non ci sono però

chi ha potere decisionale è più disposto

sione, che noi stimiamo in circa un punto

solo perdenti. Quali destinazioni e quali

ai cambiamenti. Inoltre si dovrebbe

percentuale negativo. Non è il caso

operatori usciranno vincitori dalla crisi?

sfruttare il periodo di ristagno per un

quindi di parlare di fine della crisi, ma

I soggetti perdenti sono quelli troppo

risanamento strutturale, che consenta

piuttosto di una stagnazione. In febbraio,

cari, mentre vincerà chi propone un buon

l’abbattimento della sovraccapacità.

poco prima dell’ITB (Borsa Internazionale

rapporto qualità-prezzo o ragiona in

Certo si tratta di un’operazione crudele,

del Turismo ndr) di Berlino, sonderemo

maniera critica sulla propria politica dei

ma è necessaria.

nuovamente il settore, sperando di poter

prezzi. In Europa l’introduzione dell’euro

portare dati diversi. Quello che si può

ha comportato una generale esplosione

già dire oggi, è che probabilmente nel

dei prezzi, malgrado gli stipendi siano

terzo quadrimestre del 2010 i prezzi degli

rimasti gli stessi. E questo non è stato

alberghi riprenderanno lentamente a

certo un bene. Nella fase di boom i rinca-

Nel 2009 IPK International ha previ-

salire, dopo essere scesi mediamente

ri sono stati in qualche maniera contenu-

sto una leggera ripresa del mercato a

del 20 per cento dall’inizio della crisi, con

ti, oggi questo non è più possibile.

partire dal 2011. Lei è ancora di questa

punte del 25% in Asia e del 15% in Europa.

“La miseria è la madre dell’innovazione”.

opinione?

Una delle cause principali è da ricercare

La concorrenza del futuro sarà quindi

Dal punto di vista quantitativo, il merca-

nel fatto che, malgrado la domanda sia

incentrata solo sul fattore prezzo?

to turistico dello scorso anno è tornato ai

calata, l’offerta di posti letto è cresciuta.

Non solo; anche l’innovazione giocherà

livelli del 2006, ed in termini di fatturato

un ruolo importante. Questo però non

addirittura al 2004. Non riusciremo ad

Vicina a casa, più breve, meno dispen-

significa che in futuro gli alberghi saran-

uscire dalla crisi così velocemente come

diosa: ecco com’è stata la vacanza nel

no rotondi invece che quadrati, o che

ci siamo entrati; ciononostante crediamo

2009. Sarà così anche nel 2010, o ci

tutti dovranno fare esperimenti. Io pen-

che nel 2011 torneremo a vedere dei dati

saranno cambiamenti?

so piuttosto a innovazioni nel servizio,

positivi. «

www.smg.bz.it


Pagina 6 | Ricerche SMG

L’anno dei record Il turismo dell’Alto Adige in cifre Il 2009 passerà alla storia come l’anno

Solo in primavera, secondo l’Istituto

dei record dell’economia turistica

provinciale di statistica, il numero dei

altoatesina. Con diciassette milioni di

pernottamenti è leggermente calato,

pernottamenti solo nella stagione estiva

per poi comunque risalire in fretta.

è stato battuto, dopo quattordici anni,

Un risultato che conferma non solo l’at-

il precedente record che risaliva al

trattività del nostro territorio ma anche

lontano 1995. Ma non solo: secondo

le previsioni fatte da diversi analisti:

l’ASTAT dal novembre del 2008

come sottolinea il presidente di IPK Rolf

all’ottobre del 2009 – il calendario

Freitag, in futuro proprio le destinazioni

turistico come noto si discosta legger-

turistiche di prossimità come l’Alto

mente da quello solare – cinque milioni

Adige potrebbero essere avvantaggiate

e mezzo di persone, con 28 milioni di

rispetto alle località più lontane (vedi

pernottamenti, hanno trascorso una

intervista al proposito a pagina 5).

vacanza in Alto Adige. Numeri mai

D’altronde basta dare un’occhiata

visti prima.

alle statistiche per constatare che il considerevole aumento dell’estate del

5,5 milioni di arrivi 28 milioni di pernottamenti

2009 è da imputare ai mercati principali di Germania, Italia, Svizzera, Austria e Paesi del Benelux, mentre in inverno il

Una cifra record, raggiunta grazie

forte segno positivo è da attribuire alla

alle eccezionali precipitazioni nevose

clientela italiana nonché agli ospiti pro-

dello scorso inverno ma anche ad

venienti da Repubblica Ceca, Polonia,

un’estate calda e ad un autunno mite.

Svizzera e Olanda. «

Nel 2009 ben 5,5 milioni di persone hanno visitato l’Alto Adige

Andamento dei pernottamenti

Pernottamenti anno turistico

Pernottamenti Estate

30.000

25.000

26

25 23

23

23,4

23,5

24,6

25

25,5

26

26

26,3

27

27,6

20.000

15.000

17

15,7

14,4

14,5

14,6

14,8

1998

1999

2000

15,2

15,9

15,8

2002

2003

15,5

15,8

16

16,6

16,5

17

2005

2006

2007

2008

2009

10.000

5.000

0 1995

1996

1997

2001

2004

Fonte: ASTAT

SMG Info


Ricerche SMG | Pagina 7

Tanti segni meno, solo pochi più Il mercato turistico in Europa

Nei primi otto mesi del 2009 in Europa le vacanze brevi sono diminuite del 6%

La crisi economica non ha solo diminui-

-12%, mentre quello del raggio breve si

to la voglia di spendere dei consumato-

è attestato sul -6%. Le perdite maggio-

ri, ma ha anche ampiamente smorzato

ri, all’interno dei mercati europei più

la loro gioia di viaggiare. Secondo

importanti, le hanno fatto registrare la

quanto affermato dal 50% dei vacanzieri

Gran Bretagna (-15%) e la Russia (-12%);

europei, la recessione ha modificato il

in Germania il calo dei viaggi è stato

loro comportamento turistico. Chi va

del 5%, in Italia del 4% ed in Francia

in ferie in questo momento, soggiorna

del 3%. Solo gli austriaci hanno fatto

mediamente di meno, preferisce locali-

registrare un segno positivo, con un

tà più vicine e spende di meno rispetto

+2%. In tutta Europa nel 2009 sono

ad un anno fa. Non c’è da stupirsi

diminuiti soprattutto i giri turistici e le

quindi che i ricercatori di IPK Interna-

vacanze in campagna (il 20% in meno

tional, nella loro relazione per il periodo

a testa), seguiti dalla montagna che ha

gennaio-agosto 2009, abbiano dovuto

attirato il 15 per cento in meno di ospiti

utilizzare soprattutto il segno meno.

rispetto all’anno precedente. E se la

Ecco allora che in Europa, nei primi otto

voglia di sole, spiaggia e mare è rimasta

mesi dell’anno scorso, gli arrivi sono ca-

quasi immutata (-3%), l’unica vacanza

lati dell’8 per cento. E nello stesso arco

a uscire vincitrice da questa situazione

di tempo gli europei hanno diminuito i

difficile è stata quella sulla neve, con un

loro viaggi all’estero del sette per cento,

+11%. Anche le compagnie aeree hanno

con un calo delle spese per il viaggio ed

incassato perdite importanti, con i voli

il soggiorno pari al 15%. Nello specifico,

low cost che comunque hanno retto

il calo relativo al lungo raggio è stato del

meglio (-5%) delle compagnie tradizionali (-10%); una crescita del 2 per cento hanno invece fatto registrare gli

L’andamento europeo degli arrivi internazionali nel 2009

L’anno scorso l’industria turistica incertezza che regna tra i consumatori;

Francia -3%

Austria +2% 2% 2%

una cautela che si nota anche nel modo

0% % Danimarca ±0%

FFinlandia -3%

Italia -4%

B Belgio -4%

G Germania -5%

Norvegia -8%

europea ha potuto avvertire la grande

Spagna -9%

Svezia -10%

Russia -12%

Inghilterra -15%

rispetto al 2008

spostamenti in auto.

di effettuare le prenotazioni. Sempre più persone infatti usano Internet non solo per avere informazioni, ma anche per la vera e propria organizzazione della vacanza (+5%). Inoltre, secondo i ricercatori, il 2009 ha fatto registrare una quantità di prenotazioni dell’ultimo minuto mai vista prima. “Il turista diventerà sempre più imprevedibile”, dichiara in un comunicato Martin Buck,

Fonte: European Travel Monitor - IPK International

direttore del Centro di competenza Travel & Logistics della Fiera di Berlino. «

www.smg.bz.it


Pagina 8 | Ricerche SMG

Le perdite in Nordamerica e Asia Per la prima volta dopo 50 anni il turismo vive un periodo di stagnazione Negli USA il trend negativo è iniziato già nel 2008 ed è proseguito nel 2009, raggiungendo il picco negativo nella scorsa primavera: nel solo mese di marzo del 2009, infatti, i cittadini statuni-

L’andamento dei viaggi all’estero degli asiatici negli ultimi anni 75 Mio. ± 0% 70 Mio.

tensi diretti all’estero sono stati il 12% in meno rispetto al marzo 2008.

+ 6%

- 7%

+ 6% 65 Mio.

A partire da luglio la situazione – almeno per quanto riguarda i viaggi fuori dai confini nazionali – si è rimessa in sesto,

60 Mio. 2005

2006

2007

2008

2009 Fonte: IPK International

facendo segnare un +1%. Ciononostante i ricercatori non prevedono grossi cambiamenti nell’anno in corso; la situazio-

sia in entrata che in uscita. I canadesi

ne del mercato del lavoro e la fiducia

diretti all’estero sono diminuiti del 5,2%,

dei consumatori rimangono fosche.

e c’è stato un calo anche degli stranieri

Con una quota del 18% del mercato

in vacanza tra Montreal e Vancouver.

livello globale la peggiore crisi dopo

turistico mondiale, l’Asia si piazza

Tra questi ultimi c’è da segnalare il -6,8%

la seconda guerra mondiale.

subito dopo l’Europa e davanti agli Stati

di ospiti statunitensi, che costituiscono

» La tendenza chiara e generale è

Uniti. Fino al 2007 l’area comprendente

la gran parte del mercato turistico cana-

Giappone, Cina e Corea è cresciuta ra-

dese, mentre i visitatori provenienti

pidamente portandosi ai vertici, ma già

da altri mercati importanti hanno

nel 2008 gli analisti avevano constatato

accusato un vistoso -14%.

una volta, e tende sempre più a

una stagnazione e nel 2009 è arrivata

Argentina, Brasile e Colombia,

prenotare all’ultimo momento.

la recessione. Nel primo semestre

ma anche Cile, Peru, Uruguay e

dello scorso anno, il mercato turistico

Paraguay sono i principali mercati1

dell’Estremo Oriente è diminuito del

turistici del Sudamerica. Nel 2008

» Proprio in tempi di crisi le nuove

sette per cento; da giugno la tendenza

da questi Paesi sono andati in vacanza,

idee trovano terreno fertile e chi

è leggermente rallentata e nell’arco dei

fuori dai confini nazionali, comples-

decide è più aperto ai cambiamenti.

dodici mesi si prevede un calo comples-

sivamente 14 milioni di persone. La

sivo di cinque punti percentuali. Consi-

gran parte di loro (tra il 60 ed il 70 per

ra parte di quelle vincenti. Per man-

derando solo i turisti asiatici recatisi in

cento) è rimasta, secondo i ricercatori

tenere questa posizione però sono

Europa, si è passati da 11 a 10 milioni,

di IPK International, in Sudamerica ed

necessari un positivo sviluppo del

e per il 2010 gli esperti del settore

in America centrale. Il resto si è diretto

prodotto ed un servizio eccellente.

prevedono un’ulteriore stagnazione.

principalmente verso il Nordamerica e

» I ricercatori di mercato consigliano

Una situazione simile a quella asiatica si

l’Europa, con la Spagna a fare la parte del

creatività, coraggio e soprattutto

è verificata l’anno scorso in Canada,

leone. Per argentini e brasiliani, comun-

una strategia mirata nonché la valo-

dove il mercato turistico ha subito un

que, anche l’Italia figura ai primi posti

rizzazione dei propri punti di forza.

forte calo nel periodo gennaio-agosto,

nella classifica delle mete preferite. «

In breve » Nel 2009 il turismo ha vissuto a

quella di fare vacanze più brevi, più economiche e più vicine a casa. » Il turista non è più prevedibile come

» L’alternativa alla lotta dei prezzi può essere solo l’innovazione.

» La destinazione Alto Adige fa anco-

» Nel prossimo Ricerche SMG parleremo di esercizi ricettivi altoatesini e tour operator.

SMG Info


Pagina 9 Pagi

Pubblico e giuria concordi Lo spot sull’Alto Adige vince per la prima volta il Key Award (at) Se nel cinema ci sono gli Oscar, nel

ed il premio della giuria è l’ulteriore

mondo pubblicitario il top è rappre-

conferma che siamo sulla strada giusta”.

sentato dai Key Awards: il nuovo spot

Nello spot premiato i protagonisti sono

televisivo sull’Alto Adige ha vinto

il paesaggio altoatesino e le attività del

recentemente la 41ª edizione del Key

tempo libero: “Volevamo realizzare un

Award, il premio italiano più ambito nel

filmato che dimostrasse come l’Alto

settore dei filmati pubblicitari.

Adige sia una meta turistica per tutte le stagioni. Lo spot comincia con branchi

Il Key più K Award A d è il premio i italiano it li iù ambito nel settore dei filmati pubblicitari

L’atto conclusivo del concorso è andato

di animali in movimento e continua

fare dell’Alto Adige una destinazione

in scena al Cinema Orfeo di Milano,

mostrando persone che sciano, nuotano

turistica molto attrattiva”.

dove lo spot sull’Alto Adige si è imposto

o vanno a cavallo. Il messaggio del film

Oltre alla categoria “Tempo libero e

nella categoria “Tempo libero e campa-

quindi è che tutte le forme di vita si

campagne pubblicitarie”, il Key Award ne

gne pubblicitarie”, superando tra l’altro

muovono per cercare il posto migliore

propone altre 15, tra cui Alimentazione,

la concorrenza di Lottomatica – vincitore

per loro; e questo posto è l’Alto Adige”.

Moda e Finanza. Nell’edizione 2009 gli

nel 2008 – presente con due nomina-

Secondo Roberto Albano, direttore del

spot in lizza sono stati circa 200. Il diffici-

tion: “Better” e “Gratta e vinci”.

gruppo editoriale Media Key,

le compito di scegliere i migliori filmati

“Il nostro spot – ha dichiarato dopo la

lo spot sull’Alto Adige ha vinto perché

era affidato ad una giuria composta da

premiazione Christoph Engl, direttore

possiede tutti i requisiti richiesti ovvero

30 esperti, tra cui capiredattori e giorna-

di Alto Adige Marketing (SMG) – era già

“da una parte ha una grande forza

listi nonché registi e docenti universitari

stato valutato molto positivamente in

comunicativa e dall’altra, grazie alle sue

provenienti dai settori media e comuni-

occasione di alcuni test con il pubblico,

spettacolari immagini, contribuisce a

cazione. «

Il Key Award è stato ritirato a Milano da Christoph Engl e Greti Ladurner (2° e 4a da sinistra) di Alto Adige Marketing (SMG)

www.smg.bz.it


Pagina Seite 1010

“Un’isola felice”

rant steriei, antine

Pubblicate le Guide gastronomiche 2010 sull’Alto Adige

Vini Risto& dell’Aranti Südtir lto Adige ol 2010

01V0ini o detto zare e so nei zione

(at) Tra i critici gastronomici ed i

settore dell’alta gastronomia.

cuochi, come noto, c’è un rapporto

ne Non conosco nessun altra regione

di amore-odio, in quanto le recensio-

con una simile densità di ristoranti

ni dei primi possono decidere sulla

con cappelli”.

salita o sulla discesa dei secondi

asi o, e

Ristor anti L’esLe Guide d pres e so

dall’Olimpo dei gourmet. Recente-

Entrambe le guide segnalano - oltre ai

mente i critici delle guide gastrono-

ristoranti - i migliori vini, e come negli

miche dedicate all’Alto Adige

anni scorsi il giudizio di “Gault Millau

Il premio per il miglior servizio è

“Gault Millau” e “Le Guide de

Südtirol” riprende quello della pubbli-

ndato al team del ristorante Schöneck

L’espresso” hanno espresso i

cazione italiana. Quattro vini sono stati

a Falzes per la sua professionalità e

loro giudizi, ed i nostri cuochi

premiati con 18,5 punti sui 20 possibili:

competenza, mentre miglior ambiente

se la sono cavata egregiamente.

“L’Alto Adige vanta degli ottimi vini ed

è stato giudicato quello del ristorante

i nostri rilevatori sono sempre compia-

Sissi di Merano. Entrambi i riconosci-

“Gault Millau” ha assegnato a tre

ciuti delle loro qualità. Nella valutazione

menti sono stati assegnati per

ristoranti 3 “cappelli” sui 4 possibili,

Þnale tengono conto soprattutto di

la quarta volta.

mentre “L’espresso” ha conferito a

tre aspetti: lo sviluppo della qualità, i

quattro ristoranti 2 “cappelli” sui 3

risultati ottenuti nel corso degli anni ed

“Le Guide de L’espresso Alto Adige-

a disposizione, inserendoli quindi

il livello qualitativo dell’intera azienda”,

Südtirol 2010” viene distribuita in Italia

nell’alta gastronomia.

spiega Luigi Costa, responsabile delle

dal gruppo editoriale “L’Espresso” e si

Ad inizio novembre gli editori delle

“Guide de L’espresso”.

trova in libreria e in edicola al prezzo di 6,20 euro. “Gault Millau Südtirol 2010”

due guide hanno presentato alla stampa le pubblicazioni dedicate all’Alto

“Gault Millau Südtirol” ha assegnato

viene invece distribuito dalla casa

Adige. Per Karl Hohenlohe, editore

anche quest’anno un riconoscimento a

editrice Athesia ed è reperibile anche

di Gault Millau, non c’è dubbio:

due ristoranti altoatesini per il migliore

nelle librerie in Germania, Austria e

“L’Alto Adige è un’isola felice nel

servizio ed il miglior ambiente.

Svizzera al prezzo di 6,50 euro. «

SMG Info 1


Pagina 11

5

1

2

3

4

5

1 | La presentazione delle guide gastronomiche si è svolta presso l’atelier di cucina “condito” (da sx): Helmuth Köcher (Merano WineFestival & Gourmet), Luigi Costa (responsabile “Le Guide de L’espresso”), Christoph Engl (direttore di SMG), Martina Hohenlohe (caporedattore “Gault Millau”) 2 | Numerosi rappresentanti della stampa e delle associazioni economiche hanno partecipato alla presentazione delle guide 3 | Le due new entries del 2010 hanno proposto alcuni assaggi: Michael Prader, chef dell’Hotel Engel di Nova Levante e… 4 | Alessio Brusadin, cuoco del ristorante Ritterhof di Caldaro 5 | Due ristoranti sono stati premiati rispettivamente per il miglior servizio ed il miglior ambiente (da sx): Othmar Leitner (ristorante Schöneck, Falzes) e Andrea Fenoglio (ristorante Sissi, Merano)

www.smg.bz.it


A Varsavia e Praga cade neve altoatesina. Lo scorso novembre, all’apertura della stagione invernale, Alto Adige Marketing (SMG) ha organizzato in Polonia e nella Repubblica Ceca due incontri con la stampa. Con la collaborazione di Techno Alpin, azienda leader nel mondo nella produzione di impianti di innevamento, quest’anno in primo piano è stata posta la competenza dell’Alto Adige nella produzione di neve. La qualità della neve - e la garanzia di trovarla sempre - sono argomenti molto sentiti dagli sciatori: “Polonia e Repubblica Ceca danno grande importanza alla perfetta preparazione delle piste”, spiega il direttore di SMG Christoph Engl. Nell’occasione Georg Eisath, amministratore delegato di Techno Alpin, ha presentato alla stampa il T60, l’ultimo modello di cannone da neve realizzato dall’azienda altoatesina.

Alto Adige Marketing S.c.p.a. Piazza della Parrocchia, 11 - I-39100 Bolzano Direttore responsabile: Reinhold Marsoner Redazione: Martin Bertagnolli, Maria C. De Paoli, Alexandra Tancevski Layout: Lukas Nagler Traduzioni: Paolo Florio Foto: Shutterstock, Lukas Nagler, Consorzio turistico Alta Pusteria/Helmuth Rier, Alexandra Tancevski, Oliver Oppitz Stampa: Karo Druck sas, Pillhof 25, 39057 Frangarto Se non desidera ricevere più questa rivista è sufÞciente inviare una disdetta contenente il proprio indirizzo a smg.communication@suedtirol.info Registrazione presso il Tribunale di Bolzano n. 7/2005 del 9 maggio 2005

SMG Info

In caso di mancato recapito restituire al CPO di Bolzano. Bei nicht erfolgter Zustellung wird die Zeitschrift an das OZP Bozen geliefert.

Poste Italiane S.P.A. - Spedizione in A.B. - D.L. 353/2003 (conv. in legge 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, DCB. Bolzano, Tassa Pagata/Taxe Perçue

Pagina 12 | Sui mercati

SMG Info Gennaio/Febbraio 2010  

Informationsmagazin SMG

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you