Page 1

DAMIANO VISENTIN

In gropa ae stee de Van Gogh Poesie


Questo libro viene rilasciato con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate Italia 2.5. Tu sei quindi libero di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare quest’opera alle seguenti condizioni. Attribuzione: devi attribuire la paternità dell’opera nei modi indicati dall’autore o da chi ti ha dato l’opera in licenza. Non commerciale: non puoi usare quest’opera per fini commerciali. Non opere derivate: non puoi alterare o trasformare quest’opera, né usarla per crearne un’altra. Ogni volta che usi o distribuisci quest’opera, devi farlo secondo i termini di questa licenza, che va comunicata con chiarezza. In ogni caso, puoi concordare col titolare dei diritti d’autore utilizzi di quest’opera non consentiti da questa licenza. http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it

© 2009 Damiano Visentin – 349 6850234 – superbis@gmail.com © 2010 MiMiSol Edizioni di Mirko Visentin – www.mimisol.it Prima edizione, autoprodotta: febbraio 2009 Prodotto da Spazio Sputnik Redazione, grafica e impaginazione: Mirko Visentin Illustrazione di copertina: Nicola Ferrarese www.spaziosputnik.it – 0422 703987 PRINTED IN ITALY – Stampato in Italia ISBN: 978-88-89981-05-4


DAMIANO VISENTIN

In gropa ae stee de Van Gogh Poesie


Prefazione di Mirko Visentin

Cosa può portare un pizzaiolo di ventiquattro anni, per di più allergico alla farina, a mettersi a scrivere poesie in dialetto? Di sicuro non la frequentazione letteraria dei pur famosi conterranei Giacomo Noventa e Romano Pascutto, o degli altri “classici” del Novecento veneto: Biagio Marin, Virgilio Giotti, Ernesto Calzavara. Piuttosto l’ispirazione arriva dall’umanità varia ma genuina, fatta di personaggi così reali da sembrare fantastici («Cicio el ga pi forsa de un cavaeo / Cicio el ga e man che xe tute quante un caeo»), che fin da piccolo Damiano ha il privilegio di osservare e ascoltare appollaiato dietro il bancone delle osterie gestite dai genitori: prima a Torre di Fine, vicino a Eraclea, poi a San Donà, infine a Jesolo – dove nel 2005 decide di aprire un locale tutto suo. Gente «del basso Piave», quindi, segnata anche linguisticamente da una terra difficile, in eterna lotta con l’acqua, ora del fiume, ora del mare («E s-ciopa improvisa / l’isterica furia del mar / Cerbero che fraca / e teste tra i pontii»). Ma la poesia di Damiano si muove all’interno di un triangolo emotivo ai vertici del quale trovia-

5


6

mo, oltre all’osteria, altri due luoghi cardine della sua vita: l’intimità amorosa della sua casa, della sua stanza, del suo letto, della – non solo – sua pelle («Dorso che strussa a majeta par soto / el peto impinisse i palmi dee man»), e lo spazio aperto del cielo e dell’universo, fatto di nuvole, sole, stelle visti attraverso gli occhi di chi non vuole ancora cedere alla disillusione dell’età adulta («Poesia de chi che varda a luna / disendo che’l podarie / però no’l vol»), e sotto i quali si apre quella terra-prigione intrisa d’acque che sembra rappresentare il suo unico orizzonte geografico («Poesia del me mar e del me campo / parché da eóri no go scampo»). In mezzo avanza lo spazio per un ricordo d’infanzia (Jere), per una dedica ad un autore amato (El Sergente, Paroe ciave) o a un amico scomparso prematuramente (Tre secondi); o ancora per la satira sociale (In Got We Trust) e per il divertisment grafico-linguistico (Brusa tempo brusà), dove il dialetto convive con elementi di altre lingue o di gerghi specialistici. Perché è così che succede nella testa e nella bocca di chi il dialetto lo usa tutti i giorni. E se questi elementi si pronunciano «alcoltest», «happy hour», «special guest», «gigabyte» non è solo una questione generazionale ma di aderenza ad una lingua ancora viva: la lingua di un pizzaiolo di ventiquattro anni, per di più allergico alla farina...


In gropa ae stee de Van Gogh


Nota linguistica Sono state tradotte a piè di pagina solamente le espressioni o le parole non immediatamente riconoscibili dal lettore veneto medio, o perché appartenenti alla ristretta area idiomatica dell’autore (es. gardea, inzabotai, pest, trodi), o perché non più di uso comune (es. spagna, pùpoe, zanco). Allo stesso modo, gli accenti sulla vocale tonica sono stati usati solo per distinguere parole omografe (es. àvari = “labbra” da avari = “avari”; varìe = “avrei” da varie = “varie”) o omofone (a e o pronomi da à e ò verbi), oppure nei casi in cui il contesto non riesca a risolvere da sé eventuali ambiguità o difficoltà di pronuncia, specie in presenza di “elle evanescente” (es. eóri = “loro”; mòeo = “mollo”; tòea = “tavola”, eóra = “allora”).


Poesianatomia

Poesia de asfalto de tera batua de profumi de piova e de spagna passua Poesia del me mar e del me campo parchÊ da eóri no go scampo poesia de monti e de santi sua me scachiera tochi mancanti Poesia de passion e giuramenti de amori longhi come i lampi de nizioi stonfi e intorcoeai impetai sui tradimenti Poesia de lamenti del no essar mai contenti del sentirse un pass pi vanti poesia de steche ciapae sui denti Poesia de sucessi de faimenti del tornar indrio co’ i me dise de ndar vanti spagna passua erba sazia

9


10

Poesia de sudor de lavoro e besteme al vento poesia del No varìe pi debiti se a monea fosse el talento Poesia de ciche stuae de goti svodai de noti spendue a domandarse Par cossa, par come e risponderse Ormai... Poesia de oci massa pigri par metarse contar tuti i ragi che l’à el sol Poesia de chi che varda a luna disendo che’l podarie però no’l vol


Cicio’s Blues

Cicio el ga pi forsa de un cavaeo Cicio el ga e man che e xe tute quante un caeo Cicio el se alsa presto ogni matina Cicio dopo sena el ciapa sono sentà in cusina Cicio el te soride, testa alta e man in scarsea Cicio co’ ghe gira el ciapa e’l buta su a gardea Cicio da che o conosso el xe sempre de bon umor Ma Cicio stamatina el fa i conti co un tumor I oci de to fia co’ li vardo i te someja Cicio, ti te o sa, te me ga dato na fameja Àreo! Xe domenega, porta a bestia a pascoear Cicio no a xe questa ncora l’ora de moear

gardea graticola | àreo hei, tu!

11


12

Sogni in cusina

Ò mess un sogno su sul fogo e me son distrat un atimin L’à ancora da ciapar el bojo ma sinte za da brustoin

sinte sento


Martel coe recie

El reojo dea cusina ziga zinque dea matina Doman mi ò da menar tecie ma par s-ciodarme dai to basi ghe vorie el martel coe recie

13


14

El Sergente A Mario Rigoni Stern

Un fil de vose che’l va in zerca de na sfesa inte’e recie dei sordi Un fil de vose tien ligae paroe sofegae come mine sua neve zo pa’a strada dei ricordi Sergent Majur, da che parte xea l’Italia? Irrilevante Joanin, irrilevante! E score lente rento a so mente come l’acqua del Don co’ taca el disgeo Face de zente morta maeamente al fredo tachente par un deficiente che’l s’à credù un Dio

rento dentro


15

Caveve el capel co’ passa el Sergente superstite de na Russia che no’l ne o manda pi indrio


16

Metamorphoesia

Dorso che strussa a majeta par soto el peto impinisse i palmi dee man co’ a to lengua se incrosa coa mia i to oci se sera sempre pin pian el me amor cambia in calamajo el to corpo deventa el me fojo el divano l’é a me scrivania tuta a voja trasforma in poesia a me boca vol essar na pena pena che tocia su l’inchiostro ross no me resta pi tant da far no me resta che scriverte doss

2a classificata al Premio Vigonza 2008 – Sezione poesia in dialetto.


Impinisseme el bicier

Impinisseme el bicier dai! che ò premura l’Ê a vita fora che me tende e mi more de paura Impinissi sto bicier a me nasa come un can ma se me ciavo naltra ombra scampo, mòeo el fren a man

17


18

De voerte

De voerte me son incorto tra’l basarte e un aborto


Bon de luna

Speto el bon de luna parchÊ voria vangarte el cuor tera suta, aspra, cruda ghe sarà da bestemar Ma se’l badil riva in fondo te pol ncora inamorarte tera nera, bomba, nuda tera bona da fecondar

19


20

Àvari avari

Àvari avari sguardi poeari A vose s’incamina lenta su un fil de poca voja e casca i oci inzabotai girandoghe torno al fastidio i se puza sul vodo Àvari avari sguardi poeari man ligae drio a na schena ncora piena dee me onge imobie come na sfinge mi te onze ma ti te respinze Àvari avari sguardi poeari

inzabotai che balbettano


21

te me par restaa a scuro ò fat quel che poee te asse sua tòea un per de candee


22

Tempo

Tempo scaltro un pie sorpassa staltro Massa lento par desmentegar un doeor massa svelto pa rissoevarme l’umor


Maestro corniser

Vàrdeo ben, l’omo dea cornise par che prima de tajar l’albero el se scuse coe radise Maestro corniser umie e passionae el s’imbriaga d’arte ma’l ghe lavora ae spae In pie davanti a un quadro el peto s’impinisse volta el sguardo varda el legno e za el se o vede a strisse Confina meraveje scudiero dea poesia cussì el sguardo no se perde e a to emozion deventa mia

23


24

Brosa

Brosa spaséma co’l to abito da sposa sta tera impestada de reigioni de paroni Incioda anca quel che no se pol pi movar frena l’omo in frana che no’l gusta ma’l guasta Sbianca sta erba rosso sangue, ormai a é stanca coèrzea e tègnea sconta dai so fioi sperdui Brusa de fredo chi che no domanda scusa. Se schifa el sol se’l tira i oci e el varda sta merda


Maratona scavazacampi

Co’l fià del sol me scalda e pùpoe son secondo dadrio de un’ombra èsie

pùpoe polpacci

25


26

Tre secondi A Giuliano

Ocio vispo, scato pronto tre secondi da zero a zento su che’l campo de cemento te parea na s-ciopetada Ocio stanco, riflesso lento tre secondi Giuli, sta’ tento! Distrazion de un sol momento giovineza soterada Santi che dorme inte’a note bagnada pianze a to ultima luna za vedova del sol Santi distanti inte’a note sbajada a cana del fusil no a jera un campo ma na strada Se stua a to luce contro quea de un lampion: finisse presto a partia se Dio sbusa el baeon


Pianze un vecio

E vien bass impinindo i trodi che’l tempo t’à scavà inte’l muso dal piedistaeo dei giorni brusai te e sinte destacarse dal mento te e vede cascar pi infondo dei pie e maciarà zéneri de ani sbrissai dai dei no se tratien né ore, né agreme eóra pianzi pur vecio

trodi sentieri

27


28

In Got We Trust

Semo zente del nordest che no salta mai un past ogni fine setimana femo su un Oktoberfest Semo zente del nordest limitai da l’alcoltest voemo far i americani ma tien lontan da qua el forest Semo zente del nordest putantour sÏ, ma co sest se xe sciopero de figa col BMW miremo l’est Semo zente del nordest l’happy hour el nostro must e dopo zena tuti in tiro in disco ghe xe el special guest Semo gente del nordest no te o vesse mai savest nialtri no se divertimo se no femo sempre el pest co sest con stile | (far el) pest esagerare


Te prego

Trema a vose e sanguina i zenoci co’ m’imbriaghe del scuro distià dai to oci

29


30

Libero de amarte

Come un fiume sgorgĂ daea font col sudor picĂ  sua front no son rivĂ  fin qua par vardarte scont Te dise Ti amo ti no te ziga ma te me basa sora a na diga che trasfigura in pont


El let desmentegà dal Signor

Tira el vento, se alza a bufera ma a vita a é bea basta ver un’ombrea Tony Rossi

Ò man grande che basta par coerzar a distanza tra a me rabia e a to soferenza Posse percorarla ma no tocarla posse vardar ma no capir Chissà se l’ombra dei me dei a te regàea un riparo confortante o a te separa soeamente da sto deboe fass de luce che se no fosse pa’a polvare no’l pararie gnanca entrar gnanca esistar come ti

31


32

Ae man, ai àvari

Ae man che par prime e à sfiorà i me pensieri Ai àvari che par primi i à basà e me paroe Oncuo ancora me toca vardarte coa pena tra i dei


S.S. 14

Sfregio de sfalto e guardarai de ojo, fumera coertoni brusai Statae quatordese un colpo de forbese su na tea de aguaz e matina che’l penel nuvoeoso de un april lutuoso anca oncuo ritoca coa china

guardarai guard rail | aguaz umiditĂ

33


34

Jere

Spericoeai zenoci nudi sua carega de legno e paja. Comi inciodai sul davanzal de l’infanzia Sporgendome verso el mezojorno ofrie a un reame de nuvoe e ultime perle de che’l sudor amniotico che ga dat da bevar al me germojar Jere ncora sol che i oci de me mare jere ncora sol che e gambe de me pare A l’ombria dea quotidiana tregua dee sonoente palpebre passue, acudio dae amorevoi zeje de na sentinea paziente, sbiancaa dae ventere ingeae e contrarie del passà vardee senza poerghe far gnent na piova de frece de istà inzenerir pin pianet a linea del tempo de un pomerijo de zioghi comi gomiti | zeje ciglia


35

Dadrio ae sbare del divieto adulto torturà da piume de premura parecee a me fuga co lime de desideri ingropando nizioi de fantasia Jere l’incant de na tenzion ribee jere el sgrìsoeo che inonda a pee jere l’essenza pi pura de un istinto mat jere el bocia che no sarie pi stat

sgrìsoeo brivido


DE MIRE CATODI C H E PECÀ

CIÀCOEA FRENETICHE

FEMENE CIBERNETI C H E CAMINA NEVROTI C H E

ZOVANI M A Z A

BRUSA T E M P O BRUSÀ


Teenager

Ogni pass el par fat sua strada pa’l Calvario Tanti prematuri Gesù Cristo incurvai ognun soto a so crose inte un sol sest dea testa i comprime gigabyte de giovineza El ciuf se sposta e finalmente co’ i te parla i te varda co do oci

sest gesto


38

A bataja del primo baso

E mine sotopee parea che te vesse co’ a diserzion dei me dei à tentà na careza sua guera dee to ganasse Chea volta che co un movimento zanco corendo in biico sul confin dea to schena t’ò rubà na sbrancaa de sgrìsoi injazai inte na trincea de imbarazo me son sentà vizin de ti li ò strenzui tra’l caeor dei me oci par squajar e to paure missiarle coe mie e poer pianzar agreme e semenze de amor da sparpajar sul campo de bataja del nostro primo baso zanco sinistro


Mar Cerbero

Un’astrae riconoscenza stanot premierà a fedeltà de l’acqua. Vedarò incontentai stanot istinti animaeschi sconti sul fondal Su l’altar del bagnassuga stanot a luna ofre a un Cerbero mar un banchet de spiaja Sensuai e contropel e careze del vento sgarufa e parecia a schena dea fiera, un pugno sadico de nuvoe ghin sodisfa a perversion preiminare co un gat a nove cóe de piova sbiega

sgarufa arruffano | ghin sodisfa ne soddisfano

39


40

Trema l’ecatombe de granei streti a brazocol coi oci serai inte l’umida, reciproca compata soidarietà del martirio Cinico el lamp scata na foto ricordo Mistico el ton averte che l’é pront in tòea. Dentro al cascar de un brandel de sienzio sinte el sussulto dea spiaja ... E s-ciopa improvisa l’isterica furia del mar Cerbero che fraca e teste tra i pontii


41

Ondae de morsegae sbrana a carcassa sabiosa tra’l delirio dee sbaiae e’l rigurgito infernae de saiva rabiosa ... El guinzajo dee corenti tegnù stret da l’orizonte frena el diagar de na ferocia letae Co’l can perde a vose puze un fior par tera e m’incamine verso casa coe gadice sbavae

sbaiae badilate | gadice caviglie


42

Dame do minuti

Par na poesia sta sterie preghiera mia scrita sul bombaso de un fojo che assorbe lamenti ma no tampona na moragia dei cuori scandii dal reojo dei ritardi al passo coi tempi

bombaso cotone


Virgoea

T’ò ciavà dae scarsee de fustagno a gramatica del ndarghe incontro ae robe e farle acomodar ò spià de scondion a to facia par capir se in mezo aea barba ghe fosse sta’ na logica a tegner su e do estremità del fil dei to àvari Sol che dess a puntegiatura dei eventi m’insegna che el ricordo de ti l’à da essar na virgoea e no un punto a capo

de scondion di nascosto

43


44

Mezo pomo

No sta’ assar che un sconforto de carta stagnoea el posse sofegar a metà ncora fresca e nua del to essar del to amar assete respirar assa che i semeti dea to gentieza casaina i continue fiorir inte i sorisi de chi che à ncora a fortuna de verte vizina e magari cussì inte naltra primavera te vegnerà voja de butarte soto naltro pomer che’l ghe fae ombrìa al to desiderio de inebriarte

casaina fatta in casa | ombrìa ombra


Passato imperfeto

Na carega val chealtra se me a trove soto el cul dopo verme assà cascar par ver fat l’equiibrista sue sgarpie del rivangar Na carega val chealtra no é nissuna diferenza Me trovarò risprofondà mastegà ancora vivo da un ricordo indicativo imperfeto del passà che sul legno dea cossienza come un ciodo el s’à impiantà

sgarpie ragnatele

45


46

L’ultima cica de ti Ad Helen, Eliseo, e tutti i fautori della famigerata “storia”

Me sente fae sivoear tabaco e magon sul palmo dea me man derubaa dea richeza del parché la torne impinir co quel che ò vanzà chee quatro chègoe restae de ti che me sponcia dae scarsee rovesse tut inte a trasparenza de na cartina de sielte ghe frache dentro un filtro che trategne e busìe fae su lecando par longo l’amaro dee ferìe fisse inte’l muso el fogo ndandoghe incontro chègoe briciole | sielte sciolte, vendute separatamente


47

par impizar el corajo de ridurte in zenere e par l’ultima volta m’impinisse i polmoni col fumo dei to veeni par poerte sofiar via par poerte vardar svanir inte che’l vento spietà che ò savù girar a me favor Un deo stuarà l’ultima cica de ti e proprio su de ti me pontarò par alzarme in pie caminar coe gambe mie par ndar fin soto a casa del perdono e vardar se e luci e é tacae


48

Paroea ciave Ad Alda Merini

Umana o universae a é stata l’ombra del giudizio sconta tra’l paeor de un muro e na porta de fazii corenti? Chea ombra né ciaro né scuro soeamente ombra colpevoe de verghe assà a cigoii suponenti e ojai maeamente de s-ciopar in spuaciae sentenze de prisonia spaventose e gravi come el rimbombo de na porta che serandosse a spaeanca do vodi Ma mi varìe vossuo scoltarte de not inte una de chee not coeor dea luna ndove che gnent à confini trane a paroea


49

Paroea... Ormai ciave desmentegaa par casse toraciche intasae da sentimenti internai minaciai da siringhe risoeutrici


50

Onoranze funebar

Li ò rancurai lavai sugai sistemai come se i fosse stati mii mieri de bicieri sbecai co dentro cadaveri de pensieri negai


L’anestetista

Se a fosse esistia, cari amighi persi o forse mai vui, a varìe possuo trucar a parte a valtri sconossua dee me palpebre coi coeori primari che inpizea el sentimento missià inte i budei pena prima de essar fià quando mi ncora savee tremar al fredo e al caldo de chee not apanae come veri de machine parchejae tra confession e nudità rivestie oncuo dae vostre memorie massa curte Se a fosse esistia varìe vossuo che a imbeisse cussì el sono de sti me oci obligai a indormezarse a l’ombra dei feri

51


52

E proprio su sti speci me piasaria vedar rifless el pi sincero tra i vostri sguardi prima de rinunciar acetandove sordi e orbi difronte a paroe fracae fora dal cuor a vose e sesti prima de afidarme aea clemenza dea cort


Elogio della solitudine

Assiste soitario al parto dei me ricordi e son a levatrice segreta del me pensar Arti imparae pena prima che a ment s’abituesse a disconossar fioi negandoi prematuri Ciape el tempo che no ò par seguir stradee de montagna mai batue. Camine senza sbregarme daea tera e radise Ogni pass l’é un acordo ciapà col circostante ogni sospiro aenta el càpio de l’orizont Da qua de sora sbaeordisse ncora

negandoi annegandoli

53


54

se varde e ore sprecae dae formighe a far scorta par l’eterno Reste mi mi sol e imagine che se i me rubesse i vestii me coerzaria de sinceritĂ


Opinion publica

Impensabie ver sconti de sti tempi impossibie star sconti soto i ponti partii da sti campi e rivai voltra i me orizonti Me toca partir come minimo rivar possibilmente tornar co qualcossa da tocar sinò cossa dÏsea a zent?

voltra oltre

55


56

Spini

Me despiase no la é bastaa sta camisa inamidaa de certo gnanca ste bee braghesse coa piega stiraa a coerza quel che me manca quel che no te riesse quel che te te si desmentegaa Mi ormai l’é un toc che son vestio ma i grisoeoni che ò patio i é i spini de oncuo par difendarme da ti.

grisoeoni brividi


Mas-cio

Svejarse ae sie far a vose grossa mai vardarse ae spae Questi i costi par ver vu el priviegio de pissar in pie

57


58

Necessaire

Crisi economica: spetando a ripresina compro sóeo che queo che ocore pa’a rima acqua&farina ciche&benzina


Old Red Alligators

59

A “Davidone” Drusian, voce del Blues

Noaltri veci aigatori rossi coa vose secaa daea gaera conservaren forti i brazi e caeorose e strete de man par verzar e porte ndove che voltra savaren de catarte calpestaren ncora toe vecie pur de sentir cascar sul bancon iluminà poc e mal i pochi franchi dee nostre vite stonae Varen in cambio el to incantevoe fair inte’l tentar de scondar l’amor pa’a luna dadrio a do lenti scure intanto che a to man destra a stuzega el riverbero de na chitara dae corde impregnae de anima

catarte trovarti


60

El Blues no l’à premura stanot ncora el ne spetarà e sua sponda est del Mississipi baearen a pie descalzi in mezo al fumo dei Cohiba imbrazando a corent e el Calvados Noaltri veci aigatori rossi stonfaren e nostre goe e inte’l Golfo del Messico cantaren co ti aea vanità dea luna che desfandosse inte na agrema a increspa quel che basta chii sogni ndove che se credea de poer piroetar


Amor col scotch

Ndando in zerca de un amor da incornisar massa volte ò sbatÚ sua cornise Sora el me let massa foto tacae col scotch

61


62

Amsterdamiano

Cafè foje seche caparioe notambue in gropa ae stee de Van Gogh Stanot son l’acqua e core sue fughe de ste matonee rivando da ti bagnandote a pee Par sora de un materass butà par tera instaeazion da museo Esiste na vita dopo i vinti ani?


Nuvoe&Radise

Bisogna ver mastegĂ radise da soto tera e respirĂ  nuvoe stando in quatro gambe par essar boni de stravacarse su un fil de erba e assaporar el ciel tociando col deo pi curt

63


Indice

Prefazione Poesianatomia Cicio’s Blues Sogni in cusina Martel coe recie El Sergente Metamorphoesia Impinisseme el bicier De voerte Bon de luna Àvari avari Tempo Maestro corniser Brosa Maratona scavazacampi Tre secondi Pianze un vecio In Got We Trust Te prego Libero de amarte El let desmentegà dal Signor Ae man, ai àvari S.S. 14

5 9 11 12 13 14 16 17 18 19 20 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33


Jere Brusa tempo brusà Teenager A bataja del primo baso Mar Cerbero Dame do minuti Virgoea Mezo pomo Passato imperfeto L’ultima cica de ti Paroea ciave Onoranze funebar L’anestetista Elogio della solitudine Opinion publica Spini Mas-cio Necessaire Old Red Alligators Amor col scotch Amsterdamiano Nuvoe&Radise

34

♁ ♂ 38 39 42 43 44 45 46 48 50 51 53 55 56 57 58 59 61 62 63


¨ Questo libro è stato composto in carattere Gill Sans (10 punti su 13 per i testi in versi), disegnato dallo scultore, incisore e artista inglese Eric Gill nel 1927 sviluppando il carattere progettato nel 1916 da Edward Johnston (in collaborazione con lo stesso Gill) per la segnaletica della metropolitana di Londra. Pur trattandosi di un “bastone”, è un carattere che ben si adatta alla poesia per la morbidezza calligrafica del suo tratto. ¨


Ò mess un sogno su sul fogo e me son distrat un atimin L’à ancora da ciapar el bojo ma sinte za da brustoin

Damiano Visentin (1984) vive e lavora a Jesolo. Con le sue poesie ha ottenuto riconoscimenti al Premio Vigonza, al Premio De Palchi-Raiziss e al Premio Alicante. È autore della prefazione al libro Tanto per cambiare (Asylums, 2009) e con i suoi versi collabora a progetti di vari musicisti e cantautori. In gropa ae stee de Van Gogh è la sua prima pubblicazione, uscita nel febbraio 2009 sotto forma di autopubblicazione e ora riproposta da MiMiSol Edizioni.

ISBN Finito di stampare nel mese di gennaio 2010978-8889981054 presso Laser Copy Center di Peschiera Borromeo (MI) per conto di MiMiSol Edizioni Quarto d’Altino (VE)

€ 6,00

9 788889 981054

IN GROPA AE STEE DE VAN GOGH  

DAMIANO VISENTIN Poesie © 2009 Damiano Visentin – 349 6850234 – superbis@gmail.com © 2010 MiMiSol Edizioni di Mirko Visentin – www.mimisol.i...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you