Page 1

Alex Cousseau & Charles Dutertre

,L incredibile corsa dello sciroppo Traduzione dal francese di Federico Appel



La grande corsa sta per cominciare...



Quest’anno, all’Incredibile Corsa dello Sciroppo, si contano una decina di temerari partecipanti. Si sentono arrivare da lontano. I rami scrocchiano, le foglie fremono, i cespugli si scostano rivelando la profondità del bosco. Con le pellicce, le piume e anche in pigiama, dentro i gusci, con le bretelle, in giacca e cravatta, ecco tutti i partecipanti che si sistemano con i loro strani automezzi sulla linea di partenza.


Questi sono i fratelli Gluk ai comandi della loro Gru dalla vista acuta.

Anastasio Pepino e suo cugino Straub sono pronti a far partire il binario mobile di Spooky, il treno fantasma.

Ecco qui Marcel Tuk con il Petardo Bagnato, che è il razzo piÚ piccolo del mondo.


Poi c’è quello spilungone di Lolof, dentro la sua vasca da bagno a motore.

Questo è Jules d'Espinasse, con il suo equipaggio di mozzi in miniatura e il ragno Cristina. Jules comanda La Grande Baraberta, il piroscafo a elica che è anche il favorito di quest’anno.


E poi ci sono: Robarbo il Nero, che ha appena finito di dare le ultime regolazioni alla sua talpa meccanica.

ElioGabrielo, pronto a decollare con OxyGurt3, il suo vasetto di yogurt volante.

Nelide Bassotti al volante del trattore a molla di suo nonno.

Firminio e Basilio Coppini, due ciclisti con una sola bicicletta e una roulotte lumaca al traino.


Krakut con il suo assistente Furtzel e la loro impressionante Mongolfiera della Morte (a forza di soffiare, ci sono volute 130 notti per gonfiarla). Infine Antonia Spazzanevi che, nonostante un infortunio, ha deciso di affrontare quest’avventura con il suo piede di gesso.


È qui che sta per avere inizio la gara, ai piedi di Castelquercia. Ogni anno, dopo la terza pioggia, tutti si riuniscono qui sotto, a fine pomeriggio, poco prima che il sole tramonti. Castelquercia è l’albero più alto del bosco e ospita svariate colonie di insetti, pronti ad assistere alla corsa. Sulla cima, tre pipistrelli si apprestano a dare il via con le loro trombe. Nove, otto, sette...

Tutti quanti trattengono il fiato. Sei, cinque, quattro...

Sulla linea di partenza, i concorrenti scaldano i motori…

tre,

due,

uno...



Millions discover their favorite reads on issuu every month.

Give your content the digital home it deserves. Get it to any device in seconds.