Page 1

ANNO XXIII - N. 1-2 12-14 GENNAIO 2011

PREZZO PER COPIA EURO 0,10

GIORNALE DI INTERESSE PROFESSIONALE PER IL TURISMO - POSTE ITALIANE SPA - SPED.

Il Sudan investe sul turismo

Il governo del Sudan spinge sul turismo e stanzia circa 6 milioni di euro per la promozione all’estero. A PAGINA 7

IN

ABB. POST. D.L. 353/2003 (CONV.

La nuova comunicazione di Frigerio

IN

L. 27.02.2004, N° 46), ART. 1,

Frigerio Viaggi, per affrontare il nuovo anno con energia, lancia la comunicazione emozionale. A PAGINA 10

Il sistema ricettivo deve ridisegnare i parametri e le strategie di vendita

Sfide del revenue alberghiero Entro due anni le prenotazioni su mobile cresceranno del 700% MILANO – Emirates rilancia l’impegno sulle sponsorizzazioni sportive e oltre alle iniziative in corso, dal Milan al Paris St. Germain, la compagnia pensa ad una «incursione nel mercato calcistico spagnolo» afferma Massimo Massini, direttore Italia, penisola Iberica e paesi ex Yugoslavia. Confermati gli obiettivi di sviluppo in Italia che puntano ai nove voli settimanali. A PAGINA 5

ROMA - Si aprono nuove strade per il revenue alberghiero. Strade legate in modo indissolubile con le nuove tecnologie. Uno dei punti fondamentali sarà l’utilizzazione del mobile. Le prenotazioni di viaggio attraverso il mobile cresceranno nei prossimi due anni del 700%. Secondo le nuove tendenze, fare revenue significa mettere sul campo offline e online strategie e tecniche per vendere la giusta camera, al giusto cliente, al giusto prezzo, nel giusto momento per massimizzare i ricavi. A PAGINA 2

Cimo Service: un Kenya da intenditori

Risultati positivi per Swiss

ROMA – Il Kenya da veri intenditori: così il sales manager di Cimo Service, Mario Cibrario, presenta la programmazione 2011 del t.o. Fra le novità, i safari a cavallo e l’arrampicata sul Kilimangiaro. A PAGINA 4

MILANO – Bilancio positivo per il 2010 di Swiss in Italia, ma «l’apertura di un nuovo scalo dipenderà dall’andamento dei prossimi mesi» dichiara Luca Graf country manager per il nostro Paese. A PAGINA 5

Emirates e lo sport

Festività: dati peggiori del 2009

MILANO - Secondo un’indagine Trademark i dati per le festività di fine anno sono stati peggiori rispetto al 2009. Sono diminuiti i viaggi intercontinentali, moltissimi i turisti accampati negli aeroporti, più passeggeri in giro per l'Europa che oltreoceano, un meno 20% di giro d'affari nel settore aviation.

COMMA

1, CNS/AC-ROMA

Silenzio turistico Anno nuovo, vita vecchia. Qualche giorno fa in uno studio televisivo c’era il ministro del turismo Brambilla, che parlava di animali. Sul turismo neanche una parola. Ma forse è meglio così.

Vocazione leisure per Hilton MILANO - «Vorremmo che la clientela internazionale ci scoprisse come una catena a cui rivolgersi per ogni tipo di soggiorno»: così Francesco Sostero, responsabile regionale marketing per l’Italia di Hilton. Non solo business dunque ma anche tanta offerta leisure. In Italia in particolare «il Centro-sud ci ha dato grandi opportunità di sviluppo del leisure. Il 2011 ci vedrà concentrati sul rafforzamento della nostra posizione di mercato piuttosto che sulle nuove aperture». In cantiere, comunque, il debutto del Siena Chianti Resort. A PAGINA 6

Luca Graf

1


Quotidiano

12-14 gennaio 2011

www.travelquotidiano.com

In primo piano Le prenotazioni di viaggio attraverso mobile cresceranno nei prossimi due anni del 700%

Scenari futuri

Revenue alberghiero: la sfida GLI HOTEL DEVONO ADEGUARSI E SFRUTTARE

80

I NUOVI STRUMENTI

70

di MONICA LISI

60

ROMA - Non c’è cosa peggiore che cercare sul web un hotel ed imbattersi in siti fatiscenti, che mostrano foto datate o immagini di dettagli irrilevanti. Tanto più, trovare una tariffa su un’Ota che non corrisponde a quella pubblicata sul sito web dell’hotel o scomodarsi per commentare un soggiorno su social media e non ricevere alcuna risposta dal management alberghiero. L’80% delle imprese turistiche sono online, lo dice l’Osservatorio nazionale del turismo, il 61% sui booking engine, un 20% non pubblica immagini sul sito web; Tripadvisor dichiara che su 41 milioni di recensioni, di cui il 60% potenzialmente negative, sono solo 250 mila le risposte degli albergatori. In un’epoca in cui le scelte d’acquisto sono influenzate dal passaparola online, è piuttosto incredibile. Nell’era 2.0, tutto questo non può esistere in un’ottica di revenue e brand reputation. Lo scenario è cambiato e lo sono anche i parametri per fare revenue. Più del 40% degli arrivi sui siti di viaggio parte da Google, poi s’indirizza verso le Ota, portali di destinazioni, social media e social network; di questi poi più della metà approda al sito web dell’ hotel che, solo se lavora con tariffe trasparenti, può sperare di ricevere prenotazioni dirette. La globalizzazione ha ampliato il benchmark, il concorrente potrebbe essere in un altro paese, visto il bacino di indecisi che prenota sotto data, in base al prezzo o allo specifico servizio indipendentemente dalla destinazione: il 30% della popolazione mondiale. «È lì che l’Ota può aiutare un hotel e fare la differenza – precisa Gianluca Piras, market manager di Expedia -. L’Ota crea richiesta su una destinazione, dà accesso ad una domanda diversificata e diffonde il brand di un hotel a livello mondiale. Sono 70 milioni gli utenti che utilizzano Expedia». Cambia il know how del cliente medio, «Si impone l’uomo sempre impegnato, esperto,

Quotidiano

TRAVEL AGENT BOOK S.r.l.

2

confronto 2008-2009-2010

2010 2009 2008

50 40

“aiutare L’Ota può l’albergo

30 20

e fare la differenza

10

Gianluca Piras

0

Gennaio Febbraio

2008 37,3 2009 36,6 2010 33,9

“importante E’ quasi più avere accesso wifi che mangiare

Giorgio Zavatti che fa vacanze mirate e brevi: il nuovo “divorattore”, che ha fame di esperienze nuove di cui vuole essere il protagonista principale e che ha bisogno di condividere in community, – commenta Enrico Bertoldo, direttore marketing Amadeus Italia –. L’utente vuole essere padrone del prezzo e percepire personalizzazione». Unanime la conclusione dei maggiori esperti del web marketing alberghiero sul futuro prossimo del revenue management accorsi alla seconda edizione del Web

37,9 37,3 34,6

Vacanze degli italiani: gennaio-ottobre In Italia 2008 61.773.000 2009 64.579.000 2010 67.569.000

All'estero

Totale

19.096.000 19.180.000 18.322.000

80.869.000 83.759.000 85.891.000 fonte: ISNART

Direttore responsabile GIUSEPPE ALOE

Autorizzazione del Tribunale di Milano 793 del 30.11.1991 Spedizione in abb. postale (Pubblicità 45%)

Marzo

37,4 37,4 36,9

Hotel Revenue (Whr). Fare revenue significa, mettere sul campo offline e online strategie e tecniche per vendere la giusta camera, al giusto cliente, al giusto prezzo, nel giusto momento per massimizzare i ricavi. Gli esperti di social network saranno i revenue manager del futuro, le prenotazioni giungeranno sempre più attraverso social network e social media tematici; nuovi e più semplici applicativi informatici, web based, per fare revenue che integrano gds, Pms, Channel Manager saranno un must per l’automazione operativa e il contenimento dei costi. Il mercato sarà sempre più allineato verso nuovi scenari e possibilità, come vendere camere ad ore o a “costo zero” lavorando sui servizi accessori, favorendo la fidelizzazione del cliente. Il mo-

ISNART – Osservatorio Nazionale del turismo

Direttore editoriale DANIELA BATTAGLIONI www.travelquotidiano.com

fonte: Osservatorio nazionale del turismo-dati

Occupazione camere nelle strutture ricettive

DIREZIONE E REDAZIONE Via Merlo 1 - 20122 MILANO tel. 02/76316846 (r.a.) fax 02/76013193 AMMINISTRAZIONE ABBONAMENTI, REDAZIONE ROMANA Via La Spezia, 35 - 00182 ROMA tel. 06/70476418 fax 06/77200983

Aprile

37,0 35,6 36,1

Maggio

Giugno

41,2 40,0 39,7

48,9 46,2 47,5

bile booking diventerà la naturale proceduta per la prenotazione. I siti web degli hotel non potranno esimersi dall’adattarsi alla versione mobile per non perdere enormi fette di mercato a livello internazionale: statistiche Google alla mano, le prenotazioni di viaggio attraverso il mobile cresceranno nei prossimi due anni del 700%. La brand reputation oggi viaggia insieme alla virtual reputation che si costruisce, presupponendo una buona qualità percepita, guadagnando ranking sui portali di recensioni e social media, stimolando un gran numero di buone e recenti recensioni, maggiore visibilità grazie ad attività Seo sui motori di ricerca, social network e sulle nuove realtà online di gruppi d’acquisto, come Groupon.it. Le parole d’ordine sono multi-canalità e multi-medialità. Dunque azioni sul territorio, sui tradizionali canali offline. Il passaparola virale non si genera più solo su forum e solo in modalità testuale, ma con foto e video. Ovviamente tutto questo non ha senso se il sito dell’hotel è scadente, non orientato alla conversione e slegato da un profilo su social network. E’ l’immagine dell’hotel, punto di partenza o d’arrivo che sia, che deve valorizzare la famosa “uni-

TARIFFE ABBONAMENTI ANNUALI: ITALIA 50,00 - ESTERO 90,00 EURO VERSAM. SU C/C POSTALE N. 85638005 - ROMA CAUSALE DEL VERSAMENTO: «ABBONAMENTO A TRAVEL QUOTIDIANO»

Stampa Comunicare Srl Piazza Dalmazia, 6 - 0511 Terni

Luglio

66,8 63,1 59,9

Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

76,2 75,0 69,0

49,5 50,6 -

40,8 41,7 -

34,8 30,3 -

37,1 36,7 -

“Cambiaviaggiatore il profilo del nuovo ” Enrico Bertoldo que selling proposition” della struttura, permettere la prenotazione di camere e servizi in ogni pagina web, avere contenuti aggiornati tramite Cms, usare un linguaggio “social”, non più “da brochure” e soprattutto dare importanza alle foto che devono essere veritiere, di buona qualità, specifiche. «Fare revenue significa anche investire nella formazione del personale, non essere schiavi del ricavo medio ma pensare all’occupazione, o vedere l’Ota come nemica perché chiede commissioni elevate – spiega Franco Grasso -. È vero che in certi casi le commissioni sono esagerate, ma al momento è lo strumento migliore che c’è per essere visibili a livello mondiale. I tour operator per competere dovranno diventare i canali di vendita più vantaggiosi sul mercato». La tariffa deve essere dinamica e modulata in base al budget di spesa del singolo target di clientela, al giorno della settimana, al periodo, alla durata del soggiorno, alla provenienza geografica, al clima, agli eventi, al nu-

Concessionaria di Pubblicità Network & Comunication srl via La Spezia 35 - 00182 ROMA Tel. +39 06.70476418 Fax +39 06.77200983 Area manager centro sud Italia: Olga Vaglio info@travelquotidiano.com Uffici Milano tel. +39 02.76316846 - fax +39 02.76013193 Direttore commerciale: Marco Ferri marco.ferri@travelquotidiano.com 334.6288424

mero di camere, ai servizi accessori. «Oggi in un hotel per certe categorie di clientela è quasi più importante avere accesso wifi che mangiare – Giorgio Zavatti, responsabile divisione Hotel-Lab.com di Gp Dati -. Gli albergatori si preoccupano più di non vendere una camera, piuttosto che la spa sia sempre vuota». Le nuove vie del revenue consentono all’albergatore l’upgrading, di allungare i soggiorni medi, riempire camere non standard che resterebbero invendute in periodi difficili, utilizzando ad esempio l’escamotage delle “tariffe opache” proposte dalle Ota: pacchetti volo più hotel che rendono invisibili al cliente le reali tariffe dei singoli servizi offerti. Una mossa, a dire delle Ota, che serve a fare revenue e a non screditare l’immagine dell’hotel agli occhi del cliente e del competitor e a nascondere ad altre agenzie online le strategie al ribasso adottate. Strategie che però secondo molti albergatori vanno un po’ a scapito della rate parity, difesa a spada tratta dalle agenzie online.

internet a questo indirizzo http ://www.travelquotidiano.com E-MAIL: info @travelquotidiano.com redazionemilano@travelquotidiano.com redazioneroma@travelquotidiano.com


Quotidiano www.travelquotidiano.com

12-14 gennaio 2011

Notizie Simone Frigerio: «Durante il 2010 abbiamo registrato un fatturato di 90 milioni di euro, +8% rispetto al 2009»

Comunicazione “emozionale” per Frigerio “adeguarsi Bisogna si

prevede fra l’altro royalties più alte a seconda del livello d’inesperienza, ma anche un sistema a premio

che abbatta i costi in funzione della maggior spinta su determinati fornitori indicati dal gruppo, oltre

alla creazione di un fondo salvadanaio. «Grazie a queste innovazioni – ha aggiunto Simone Frigerio,

“positivo Trend ” Simone Frigerio

direttore commerciale dell’operatore – il 2010 ha avuto un trend positivo, nonostante le forti difficoltà dovute alla crisi: il fatturato complessivo dell’annata si aggira attorno

ai 90 milioni di euro, dunque un +8% sul 2009, avendo fatto leva sulla movimentazione di 45 mila clienti business travel, 18 mila afferenti ai gruppi e 12 mila individuali. Per l’anno nuovo ci aspettiamo però un ulteriore balzo in avanti».

nuovi segnali del mercato

Paola Frigerio

di ALBERTO CASPANI

MILANO – Dalla cromoterapia alla cromofilosofia. Targata Frigerio Viaggi. Si prospetta un 2011 a forti tinte per l’operatore brianzolo, che intende scacciare il “grigiore” della crisi leggendo i gusti della clientela attraverso la reazione emotiva ai colori. Giallo, simbolo di movimento e ottimismo; rosso, come passione e dinamismo; e ancora blu, manifestazione d’affidabilità e lealtà, per arrivare alla perseveranza del verde e alla semplice completezza del bianco: cinque diversi approcci che assegnano ad ogni viaggio una sua tinta emozionale, grazie al comodo impiego di un faldone multiscelta, perfezionato da una serie di “sfumature” suppletive. «E’ questo lo strumento tecnico di cui ogni nostra agenzia dev’essere oggi fornita – ha spiegato Paola Frigerio, responsabile programmazione di Frigerio Viaggi Network – per meglio interpretare i gusti del cliente. Purtroppo il mondo dei viaggi si è fatto oggi molto rapido e veloce, ragion per cui anche gli strumenti di comunicazione devono adattarsi alle nuove modalità acquisite». Basta prezzi di facciata che celano spese suppletive; immediatezza imperativa nelle tabelle informative; siti internet “operativi” che consentano di conoscere in tempo reale costi e modalità di partenza, ma anche consulenza fiscale a favore delle nuove agenzie affiliate e “friends”, ovvero per quelle realtà già esperte che, pur senza porsi completamente sotto il cappello del network, desiderino collaborare in termini di knowhow: mosse strategiche che, nel giro di pochi mesi, hanno permesso al gruppo Frigerio di penetrare anche nel mercato centro-meridionale, con 12 nuove agenzie all’attivo (in futuro si cercherà di non superare le 8/10 aperture in franchising all’anno e le 20/30 in formula “friends”). Il programma d’incentivazione

3


Quotidiano

12-14 gennaio 2011

www.travelquotidiano.com

Operatori Passione e conoscenza del Continente Nero fanno del t.o. un vero specialista su quest’area

Cimo Service, Kenya da intenditori di MONICA LISI

ROMA - Una forte passione e conoscenza dei tesori del continente africano. Questo traspare dalle parole del sales manager Mario Cibrario, che ha raccontato cosa significa avventurarsi nell’Africa Nera con Cimo Service. «In primo luogo voglio sottolineare che la nostra programmazione mira a far vivere al viaggiatore l’essenza dell’Africa Nera a contatto con i gruppi etnici e a far conoscere gli angoli più interessanti del continente attraverso pacchetti di viaggio sicuri, garantiti e collaudati da noi stessi, distogliendo dall’idea comune che l’Africa sia poco sicura». Un esempio di vacanza in contatto con la popolazione locale? «Al Flamingo Villa’s Club, un boutique hotel di 16 camere tra Malindi e Watamu in località Mayungu di nostra esclusiva, tutte le sere viene organizzato uno spettacolo tipico e gli ospiti sono intrattenuti da un capo tribù. Organizziamo tour per i villaggi per scoprire come si costruiscono i tam-

4

60% Fatturato procurato dal Kenya sul totale

buri o per conoscere da vicino “l’uomo della medicina”; a questo si somma anche la possibilità per le coppie di celebrare matrimoni con rito africano». Sono 21 anni che Cimo Service programma il Kenya, core business dell’azienda. Quali sono le new entry sul fronte ricettivo e di programmazione? «Il Kenya resta il nostro prodotto principale, procurando il 60% del fatturato. Per Natale è stata lanciata la nuova brochure sul Royal Tulia a Malindi,

“vivono I nostri clienti l’essenza dell’Africa Nera in contatto con le popolazioni locali

Mario Cibrario

21 anni Programmazione del Kenya

una villa in stile liberty per far trascorrere alla clientela una vacanza Anni Trenta. Offriamo il volo più il soggiorno in appartamento con maggiordomo e autista. Tra le nuove proposte c’è poi il “Kenya magico”, un pacchetto che include due giorni di safari al parco Masai Mara, due giorni sull’isola di Lamu (la più antica città del Kenya con soggiorno al cinque stelle Lamu Palace) e tre giorni a Malindi/Watamu. E ancora, le proposte mare al Flamingo, con visita ai villaggi e safari blu, cioè una giornata intera in barca sulla barriera corallina con pranzo a base di aragosta o il safari Tsavo, un fotosafari di un giorno a contatto con i grandi animali (tour di nove giorni - partenze da Verona, Milano e Roma). A questi si aggiungono le proposte Kenya safari

academy (nove giorni di safari con corso di guida in fuoristrada)». Qualche altro dato sui combinati sport&avventura? «Abbiamo lanciato i safari a cavallo in Kenya per una clientela di alto livello e l’arrampicata sul Kilimangiaro (tour di sette giorni): ogni arrampicatore soggiornerà in rifugi e sarà dotato di due portatori con sacco a pelo, equipaggiamento, cibo e sarà seguito da un cuoco e da una guida professionale». Per molti adv e non solo, il sito web di Cimo Service è una grande fonte di

informazione. In quali altri modi formate gli agenti di viaggio? «Il sito Cimoservice.it è uno strumento pratico e informativo. Per ogni vacanza sono pubblicate informazioni a livello enciclopedico sulla storia dei Paesi, gli animali, i gruppi etnici e la gastronomia locale. Ogni agente può visionare tutti gli itinerari e stampare i documenti di viaggio necessari. Ma la formazione parte dal booking: chi risponde ai nostri telefoni conosce perfettamente il prodotto. A questo si aggiunge il nostro ormai ben conosciuto cd formativo»

Nuove società

International Travel t.o. si presenta OLBIA - Sardinia International Travel annuncia la nascita di International Travel t.o., società che nell’ambito di un’articolata ristrutturazione aziendale, ha come principale obiettivo quello di migliorare e razionalizzare le procedure e le performance delle mete finora programmate da Sardinia International Travel. Sardinia International, con sede a Olbia, si concentrerà sulla Sardegna, mentre International Travel t.o., negli uffici di Arzachena, proseguirà con la programmazione di oceano Indiano, Dubai, Abu Dhabi e Sudafrica. Booking, commerciale e amministrazione rimarranno invariati. «Da parte di Sardinia International Travel, la garanzia dei massimi impegno e professionalità nel supportare la nuova società conferma Gian Mario Pileri, titolare e direttore di Sardinia Int. Travel -. Sono già in distribuzione i cataloghi oceano Indiano, Dubai, Abu Dhabi e Honeymoon, a cui seguirà un programma di formazione per adv».


Quotidiano www.travelquotidiano.com

12-14 gennaio 2011

Compagnie aeree

Notizie

- Southwest Airlines

- Kenya Airways

Southwest Airlines lancerà a marzo un nuovo programma frequent-flyer, che elargirà punti premio in base all’ammontare della tariffa e consentirà agli iscritti di riscattare i punti in voli internazionali. Southwest eliminerà dal programma ogni restrizione su date e posti a sedere: i punti inoltre non scadranno fintanto che il passeggero avrà un’attività nell’arco di 24 mesi. Southwest, che punta ad acquisire la rivale AirTran per rafforzare la propria presenza sui mercati della costa est degli Stati Uniti, consentirà anche l’acquisto di punti premio.

In 10 righe

- Germanwings

I passeggeri trasportati da Kenya Airways sulle rotte domestiche sono cresciuti del 35% nella stagione turistica appena trascorsa, anche grazie all’incremento dell’offerta voli dall’hub di Nairobi a Mombasa e ad una nuova rotta aperta su Malindi. Kenya Airways, posseduta per il 26% da Air France-Klm, ha stimato di raggiungere nell’anno fiscale che terminerà il prossimo mese di marzo, i tre milioni di passeggeri contro i 2 milioni 700 mila trasportati durante l’esercizio precedente.

Il load factor di Germanwings nei primi giorni del 2011 ha superato il 90%. Il 2010 ha portato, inoltre, ad una serie di migliorie: ora è possibile prenotare anche la poltrona vicina alla propria; la nuova tariffa Best - che comprende il biglietto aereo, il trasporto del bagaglio e il servizio di snack a bordo si è rivelata la preferita dai passeggeri. Dal 1° settembre la collaborazione con Lufthansa permette anche ai passeggeri Germanwings l’accumulo di punti Miles&More, e una nuova iPhone-App rende più veloci le operazioni di chi viaggia.

Bilancio positivo per il 2010 del mercato italiano. Gli investimenti proseguono nel 2011

Swiss nel segno della crescita di ROBERTO SMANIO

ZURIGO - Dopo aver tirato le somme dell’anno appena chiuso, Swiss non può che rallegrarsi: «Il 2010 per noi è stato direi quasi fantastico, - afferma Luca Graf, country manager per l’Italia - soprattutto venendo dall’anno di crisi precedente. Ottobre è stato addirittura il nostro mese di migliore di sempre, dalla nascita di Swiss nel 2002». In quel mese, infatti, il vettore ha trasportato un milione 344 mila 099 passeggeri (+4,5% sull’ottobre 2009), e per di più ha festeggiato il centomilionesimo passeggero. Il load factor ha toccato il 90,2% per i voli intercontinentali e il 79,2% per quelli europei. Novembre è andato un po’ meno bene, ma in ogni caso meglio rispetto all’anno precedente. «I motivi per cui è stato possibile questo buon risultato - commenta Graf sono stati una certa ripresa dell’economia ma soprattutto gli investimenti che abbiamo operato negli ultimi anni sul nostro pro-

Notizie

In 10 righe - Etihad Airways Quest’anno, tra giugno e agosto, Etihad Airways incrementerà le frequenze dal suo hub di Abu Dhabi verso 5 destinazioni europee. Manchester passerà da sette a 10 voli a settimana, Parigi da 10 a 14 voli, Bruxelles da sei a otto, Ginevra e Milano entrambe da cinque a sette voli a settimana. Potenziate anche le frequenze da Abu Dhabi per Pechino e Bangalore.

- Ryanair

Ryanair annuncia che il volo da Pescara per Parigi (Beauvais) riprenderà in anticipo, e cioè il 1° marzo e non il 28 marzo. Fino al 26 marzo il collegamento sarà bisettimanale (martedì e sabato), mentre dal 28 marzo a ottobre i voli saranno operati tre volte a settimana.

dotto, sia in termini di nuove destinazioni sia per i servizi a bordo». A questo proposito vanno citate le nuove poltrone della business class lungo raggio, completamente reclinabili, lunghe 210 centimetri e con un cuscino speciale di durezza regolabile. Da metà 2011 saranno disponibili su tutti i voli intercontinentali. In first class, invece, Swiss conta di essere il primo vettore europeo a fornire, da metà 2011 questa tipologia di posti su tutte le rotte lungo raggio, con otto poltrone di nuovo design. Sul mercato italiano, sta andando bene il volo inau-

L’apertura di un nuovo scalo in Italia dipenderà dall’andamento dei prossimi dodici mesi

Luca Graf

gurato l’anno scorso da Bari con Helvetic, che consente dallo scalo pugliese ottime coincidenze su parecchie mete, da New York a Shanghai. Si tratta, negli intenti di Swiss, di un volo con la doppia valenza di outgoing e incoming. «Stiamo analizzando nuove opportunità in Italia, ma l’apertura di un quinto polo oltre a Milano, Roma, Firenze e Venezia, tralasciando Bari che è a responsabilità commerciale di Helvetic, dipenderà dall’andamento del mercato italiano in genere nei prossimi mesi». Dal 2012 entreranno in servizio 5 nuovi A330-300 con cui Swiss conta di aprire altre rotte. Intanto, il successo del volo per San Francisco, inaugurato a giugno, ha spinto a incrementare le frequenze da 6 a 7, da marzo prossimo, mentre anche i voli per Mumbai e Delhi diverranno giornalieri e quelli per Nairobi e Dar es Salaam passeranno da 5 a 6. In Europa, da fine anno sono state aggiunge frequenze per Valencia, Belgrado e Stoccolma.

10

Sales che coprono tutta Italia

2

Nuove gestioni 2010 in Puglia e Sardegna

Accordo

Blue Panorama: il nuovo handler è Aviapartner ROMA – Concluso l’accordo per la fornitura di servizi di handling tra Blue Panorama Airlines ed Aviapartner. Da quest’anno la multinazionale belga gestirà la movimentazione passeggeri ed equipaggi, servizi di check-in, lost&found, carico-scarico bagagli, trasporto merci, controllo voli e messaggistica operativa su circa 5 mila voli all’anno. Fiumicino si conferma il principale hub italiano per Aviapartner con circa 30 vettori gestiti, per un totale di circa 4 milioni di passeggeri e quasi 20 mila voli nei primi 10 mesi del 2010. «In un mercato dell’handling molto competitivo e sensibile al prezzo, Aviapartner continua ad investire in qualità dei servizi – ha dichiarato Patrizio Longo, country manager di Aviapartner –. L’accordo con Bpa rafforza la nostra quota su Fiumicino con un vettore che oggi detiene circa il 5% del mercato dello scalo».

Nei piani della compagnia di Dubai una prossima incursione nella “liga” calcistica spagnola

Emirates conferma la vocazione sportiva MILANO - (m.t.) Emirates Airlines è sempre più attiva nelle sponsorizzazioni sportive. «E’ un modo di essere presenti e attivi nel mondo dello sport funzionale al nostro dinamismo - ha spiegato Massimo Massini, direttore Italia, penisola Iberica e paesi ex Yugoslavia -, per dimostrare che siamo una compagnia lungimirante. In Italia miglioriamo i budget preventivi dal 2002 e contiamo su un +30% anche per il 2011. Tornando allo sport

l’Amburgo in Germania, il Paris St. Germain in Francia, l’Olimpiakos in Grecia l’Arsenal in Gran Bretagna (compreso lo stadio) sono solo quattro esempi che si affiancano al Milan nel panorama calcistico internazionale. E siamo anche partner della Fifa World Cup a livello planetario». «I nostri progetti - prosegue Massini - potrebbero vedere anche un’incursione nel mercato calcistico spagnolo per chiudere il cerchio e dare un imprimatur ancor più importante all’impegno nello sport europeo». Intanto Emirates cresce: la compagnia aerea di Dubai è protagonista di un trend che l’ha portata

+30%

Obiettivo crescita in Italia nel 2011

+351% Incremento profitti esercizio 2009-2010 nell’anno fiscale 2009 2010 ad aumentare del 351% il profitto, risultato cui ha contribuito anche il mercato italiano, cresciuto di circa il 40%. «Il nostro obiettivo resta

“resta Sull’Italia il nostro obiettivo quello di avere i nove voli settimanali ” Massimo Massini

quello di avere non i cinque voli quotidiani di oggi ma nove - conclude Massini -, con quattro collegamenti da Malpensa, tre da Fiumicino e due da Venezia. Con il traffico diviso al 55% leisure e al 45% business, abbiamo anche preso l’importante (e impegnativa) decisione di introdurre la first class sul Venezia, riconfigurando l’aeromobile in tre classi, cosa che ci sta

dando ragione secondo i livelli di riempimento (circa l’85%). Questa scelta ha riscosso il grande plauso dei passeggeri di Venezia». A livello globale gli investimenti proseguono con l’acquisto dei numerosi A380 e B777 che, sebbene in lieve ritardo di consegna da parte sia di Airbus che Boeing, ci faranno solo spostare, di qualche mese, i nostri piani».

5


Quotidiano

12-14 gennaio 2011

www.travelquotidiano.com

Alberghi La crescita dei soggiorni di “piacere” ha compensato il calo del mercato Mice. In apertura il Siena Chianti Resort

z i e Hilton in accelerata InNoti 10 righe sul segmento leisure - NH Hoteles

di MANUELA CUADRADO

MILANO - I momenti di crisi possono riservare sorprese e portare sviluppi inattesi. E’ quello che è accaduto ad Hilton: se è vero gli ultimi due anni hanno visto una diminuzione della clientela business, è altrettanto vero che hanno portato un significativo aumento di quella leisure. Francesco Sostero, responsabile regionale marketing per l’Italia di Hilton, ha dichiarato: «Il 2010 si sta chiudendo in maniera positiva, migliore delle aspettative. Abbiamo riscontrato un trend in crescita significativo, soprattutto sul segmento leisure. Possiamo dire che la forte crescita del leisure ci ha compensato del forte calo del Mice». Continua ancora Sostero: «Anche se la nostra storia ci caratterizza come hotel di fascia business, vorremmo che la clientela internazionale ci scoprisse per quello che siamo ora: una catena a cui rivolgersi per ogni tipo di soggiorno. Hilton significa anche 70 resort sparsi per il mondo, dai caraibi all’Egitto, sotto vari

6

brand». Attualmente, sono 20 le strutture a marchio Hilton in Italia. «Nel 2009 - continua Sostero - abbiamo aperto 4 nuovi alberghi in Italia, e altri 4 nel 2010: un secondo Hilton a Palermo, l’Hilton Giardini Naxos, u n nuovo hotel a Olbia e un al-

20 Strutture Hilton in Italia

tro a Lecce. Il Centro sud ci ha dato grandi opportunità di sviluppo sul leisure, abbiamo trovato ottime opportunità di dialogo con gli imprenditori locali. Il Nord è un territorio maggiormente legato la business, ma con forti aperture: la clientela di Venezia, ad esempio, è al 50% leisure. Nel 2011 ci concentreremo sul rafforzamento della nostra posizione di mercato piuttosto che su nuove aper-

4 Aperture in Italia nel 2010 ture, ma in realtà ne abbiamo già una prevista per la prima metà dell’anno: il Siena Chianti Resort». Dopo l’estate, comunque, c’è stata una forte ripresa del settore business e meeting. «Per l’incentive occorrerà aspettare ancora un po’commenta Sostero - ma la pianificazione in tal caso è più lunga e per il 2011 si aprono già interessanti prospettive. Il business traveller è molto cambiato, ha subito forti con-

“rafforzare Ci concentreremo per la nostra posizione di mercato ” Francesco Sostero

tenimenti a causa della crisi. Generalmente è un viaggiatore che si affida ancora molto all’agenzia, a differenza di quanto accade nel leisure, dove sta enormemente crescendo l’online». L’attenzione al leisure passa anche attraverso campagne di comunicazione mirate e di fidelizzazione come Hilton HHonors. Spiega Sostero: «Si tratta di un’attività di marketing e affiliazione attiva sia online che offline, che punta su tariffe promozionali e sconti ad hoc. Il 5 dicembre inoltre abbiamo lanciato la campagna “Saldi di Gennaio”: chiunque prenoti a gennaio un soggiorno in un qualunque Hilton del mondo avrà un 50% di sconto. La promozione vale per soggiorni prenotati a gennaio per qualsiasi data del 2011. Questo ci dà la possibilità di attrarre repeater e soprattutto famiglie, un target su cui puntiamo molto».

Continua l'espansione di Nh Hoteles su Torino: agli attuali tre alberghi (Nh Ambasciatori, Nh Ligure e Nh Santo Stefano) si sono infatti aggiunti gli hotel Nh Lingotto e Nh Lingotto Tech. L’integrazione arriva a seguito dell’accordo stipulato recentemente tra Lingotto Hotels srl, società del gruppo Ipi, nonché proprietaria e gestore dei due hotel (in precedenza a marchio Le Meridien) e il gruppo Nh Hoteles.

- Shangri-La Shangri-La Asia ha acquistato sei acri di terreno di fronte alla passeggiata di Galle Face a Colombo, Sri Lanka. Il progetto prevede la realizzazione di un complesso polifunzionale con negozi e appartamenti di lusso più un albergo di lusso da 500 camere, in apertura nel 2014. L’operazione segna il debutto della società in Sri Lanka, dove ShangriLa ha in programma nel 2013 l’apertura di un altro hotel da 300 camere vicino a Hambantota, sulla costa sud dell’isola.


Quotidiano www.travelquotidiano.com

12-14 gennaio 2011

Mondo I Viaggi di Maurizio Levi propone una destinazione insolita ma culturalmente affascinante

Il Sudan ancora da scoprire 3.000

Turisti annui in Sudan testi e foto di ALBERTO CASPANI

KHARTOUM - Il petrolio non è tutto. Benché la scoperta di ricchi giacimenti nel sud stia rigenerando l’economia del Sudan, la possibile scissione in due entità politiche distinte del più grande stato africano ha improvvisamente catapultato il turismo fra le voci prioritarie di bilancio. Se i territori meridionali puntano a reclamare l’indipendenza al termine del referendum di gennaio, il nord pensa invece di far leva sul fascino dei “faraoni neri” anziché su quello dell’“oro nero”. «La recente celebrazione della prima giornata del turismo nello stato del Nahral-Nile - ha spiegato Carla Piazza, product manager de I Viaggi di Maurizio Levi - è indice della forte volontà di investimento dell’attuale governo nelle risorse turistiche sudanesi, per anni all’ombra dell’Egitto e mortificate da un’immagine instabile del Paese. Quasi 20 milioni di

500

Arrivi a stagione con I Viaggi di Levi pound (6 milioni di euro circa) sono stati messi a bilancio per i progetti di potenziamento delle infrastrutture locali, con l’obiettivo di valorizzare almeno il circuito delle piramidi nubiane e del deserto del Bayuda, oggi in-

6 mln €

9-16 gg.

Stanziamenti per le infrastrutture

dubbiamente l’area più richiesta dai circa 3 mila visitatori annui». Attivo sulla destinazione dal lontano 1984, I viaggi di Maurizio Levi non solo ha svolto un ruolo pionieristico nell’apertura del mercato ai visitatori italiani e internazionali, ma da anni opera a stretto contatto con il ministero del turismo sudanese al fine di adeguare l’offerta del Paese ai migliori standard di servizio; non a caso esercita funzioni di ente di rappresentanza attraverso gli uffici in Khartoum dell’Italian Tourism co., da poco inclusa anche nell’associazione Atta (Advancing tourism to Africa, brand dei principali tour operator africani).

Durata variabile itinerari di Levi

«Siamo il nome di riferimento per il turismo in Sudan, tant’è che quest’anno abbiamo deciso di dedicare al Paese il nostro primo catalogo monotematico, gestendo un giro di arrivi di circa 500 unità a stagione e vendendo stagionalmente i nostri servizi a diversi operatori italiani quali Kuoni Discovery o Mistral, ma in passato anche Hotelplan e Best Tours. D’altra parte siamo gli unici titolari di alcune delle migliori strutture d’ospitalità in loco, fra cui la Nubian rest house di Karima (in tipico stile nubiano) e il Safari Camp di Meroe; organizziamo spedizioni in ogni parte del Sudan e siamo promotori di diversi progetti di sensibilizzazione locale verso il turismo». Una

“ Siamo il nome di riferimento per il turismo in Sudan

Carla Piazza

delle peculiarità dell’offerta consiste nella possibilità di alloggiare nelle case private dei sudanesi, soprattutto nell’area nubiana, famosa per le sue abitazioni dipinte a mano. Anzi, I Viaggi di Maurizio Levi si è impegnato a fornire ai residenti colori e attrezzature per accrescere l’appeal dei villaggi settentrionali, tanto che alcuni consigli locali sono ora disponibili a concedere spazi privati per allestire nuove strutture d’ospitalità. Gli hotel di taglio internazionale risultano invece concentrati a Khartoum, dove spiccano il coloniale Grand Holiday Villa, il moderno Burj Al-Fateh o l’Al Assah Village. I cinque itinerari in programma, che si articolano fra i 9 e i 16 giorni, possono giovarsi di nuove infrastrutture quali i quattro ponti d’attraversamento del Nilo, il tratto di strada asfaltata fra Atbara e Port Sudan, così come fra Karima ed El Debba, ma anche i moderni scali interni di Karima e Dongola.

Andrea Martinez commenta i dati

Investimenti costanti e promozione nel 2011 del Perù LIMA- (m.ca.) Storia, cultura e natura. Il Perù promuove l’offerta turistica e punta a coinvolgere gli operatori. Dopo un bilancio 2009 in leggero calo sul 2008, il 2010 ha mostrato segnali di ripresa. Per questo Promperù ha intensificato gli investimenti. «Trentamila italiani hanno visitato il Perù nel 2009 - commenta Andrea Martinez, incoming tourism coordinator Europe per Promperù - l’1% in meno sul 2008. I primi sei mesi del 2010 indicano un buon recupero (+1,8%). Prevediamo di chiudere l’anno con un incremento del 3%». Promperù ha messo in campo alcune strategie mirate al mercato italiano: in gennaio parte per esempio una gara tra gli operatori per l’e-learning e il comarketing. «La formazione è fondamentale per chi deve vendere la destinazione».

7


Travel Quotidiano 12-14/01/2011  

La nuova comunicazione di Frigerio Risultati positivi per Swiss Il Sudan investe sul turismo ANNO XXIII - N. 1-2 12-14 GENNAIO 2011 PREZZO P...