Page 1

S C U O L A

D I

P A L L A V O L O

ANDERLINI NEWS

XVI TROFEO P. BUSSINELLO: IL VOLLEY EUROPEO GIOVANILE SBARCA A MODENA.

VII EDIZONE ANDERLINI SPRING CUP SI FA IN QUATTRO

febbraio_marzo 2017_BIMESTRALE

ANNO 19_N° 97

ANDERLINI VOLLEY CAMP: PREPARATE LE VALIGE


SCUOLA DI PALLAVOLO E BPER VI REGALANO UNA CARTA PREPAGATA La Scuola di Pallavolo Anderlini, grazie alla collaborazione con Bper Banca, quest'anno intende rendere omaggio ai propri atleti e atlete, compresi i loro famigliari, attraverso il rilascio di una Carta Prepagata "We Love Sport Scuola di Pallavolo Anderlini" che vuole rappresentare un ricordo originale e tecnologico nello stesso tempo.


S C U O L A

D I

P A L L A V O L O

ANDERLINI

SOMMARIO

NEWS

XVI EDIZIONE FINALI NAZIONALI UNDER 18 FEMMINILE a cura dell'Ufficio Stampa S.di P.

SAVE THE DATE

a cura dell'Ufficio Stampa di AGIDI

ALBO D’ORO

MIGLIOR MIGLIOR MIGLIOR MIGLIOR MIGLIOR MIGLIOR GIOCATORE ATTACCANTE PALLEGGIATORE GIOCATRICE ATTACCANTE PALLEGGIATRICE GRETA CONTI Teodora Ravenna

2002

Save the date Primo Volley in Maschera

19

5 12 Children’s Tour 17-19

Volley in Maschera

Friendly Tour U11F

Friendly Tour U12F Trofeo Classi V Bussinello + Spring Meeting E4S

Educational Base Final 6 U16M + F Workshop CEA

Finali Nazionali U18F a Modena

2 9 13-15 18-21

5-7 7 15

6-11

al 29

FEB MAR APR MAG GIU LUG

26

19 26

Workshop CEA Finale Provinciale U16F a Serramazzoni Friendly Tour U13F

23-25 Young Volley Final 4 U19M 25 30 Final 4 U14M + F

2003

GABRIELE MARUOTTI Pallavolo Velletri

2004

GIACOMO BELLEI Scuola di Pallavolo Anderlini

ANTONIO DE PAOLA Pallavolo Velletri

CLAUDIO REGGIANI Scuola di Pallavolo Anderlini

DOROTHE MAYER Arge Baden Wurttenberg

JANINE SAUTER Arge Baden Wurttenberg

2005

SEBASTIAN KRAUSE Ssc Berlin

LUDOVICO DOLFO Sisley Treviso

JOHANNES STORN Scc Berlin

YVONNE LANZERATH Bayer Leverkusen

NANCY GLANDER Schweriner Sc

MARIA VOLKER Schweriner Sc

2006

DENNIS KALIBERTA Scc Berlin

CHRISTIAN FROMM Berliner Tsc

JUHO TOIVOLA Kuortane

ALESSIA GENNARI Scuola di Pallavolo Anderlini

JERALA URSA OK Bled

PETRA DEZMAN OK Bled

2007

DAMIAN PILICHOWSKI Kedzierzynie Kozlu

OSKAR KLINGNER Volley Club Dresden

MICHAL STOGNEIEW Kedzierzynie Kozlu

CHIARA TENZA Scuola di Pallavolo Anderlini

GIULIA SAGUATTI Scuola di Pallavolo Anderlini

ANNA FERRARI Selezione Emilia Romagna

2008

KSIEZAREK BARTOSK Kedzierzynie Kozlu

TOBIAS ZEHLIKE Berliner Tcs

PIER PAOLO PARTENIO Lube Macerata

SOFIA DEVETAG Selezione Emilia Romagna

GIULIA ROCCAFORTE Anderlini & Sassuolo Volley

TANJA JOACHIM Schweriner Sc

2009

VLADIMIR MARENOV Moscow Selection

NIKLAS SEPPANEN Kuortane

MATTIA RUARO Schio Sport

CHIARA ALUIGI Anderlini & Sassuolo Volley

SARA ALBERTI Foppapedretti

2010

EDOARDO PICCO Piemonte Volley

LORENZO MESSORI S.di P. Anderlini Trenkwalder

ALEKSI KOSSI Kuortane

KARLA KLASI Zagreb Selection

VALERIA BIANCHI Yamamay Futura Giovani Busto

CHIARA SCACCHETTI Anderlini Unicom Starker

2011

DENIS ALIKAJ Selezione Emilia Romagna

MIKA MANTYLA Kuortane

MATTEO MANZINI Scuola di Pallavolo Anderlini

CHIARA FERRARI Anderlini Unicom Starker

GIULIA VISINTINI Libertas Fiume Veneto

ILARIA FUSARI Norda Foppapedretti BG

2012

MIRCO CRISTOFALETTI Trentino Volley

SIMONE TESTALEPRE MRoma Volley

FRANCESCO ZOPPELLANI Selezione Allievi Italia

ELISA ZANETTE VolleyRò

ANASTASIA GUERRA Brunopremi.com

CARLOTTA CAMBI VolleyRò

LORENZO CODARIN Trentino Volley

RICCARDO SBERTOLI Selezione Allievi Italia

CAMILLA MINGARDI Foppapedretti

CHANTAL LABOUREUR Arge Baden Wurttenberg

2013

ALEXEY CHANCHIKOV Dynamo Mosca ALESSANDRO MARTA Selezione Allievi Italia

MORITZ RAUBER Baden Wurttenberg

SACHA LALECK Baden Wurttenberg

AURORA POSER Itasteel Fiume Veneto

ALESSIA VIT Istasteel Fiume Veneto

2015

STAWOHIR BUSCH Poland National Team

PAOLO LUIGI DI SILVESTRE Lube Macerata

YAKUB RYBICKI Poland National Team

AURORA PISTOLESI Anderlini Unicom Starker

NWAKALOR SILVIA CHINELO VolleyRò

FRANCESCA SCOLA Anderlini Unicom Starker

2016

MATEUSZ JANIKOWSKI Club Poland

JOSHUA PASCON Volley Treviso

VIRGINIA PERUZZO UYBA

SOFIA RAMPAZZO Le Ali Padova

GABRIELA MAKAROWSNA Club Poland

20-21 Festa dello Sport 21 Final 4 U18M + F

DELIBERA CONI quali L'ARTICOLAZIONE Delibera CONI 1566/2016: conseguenze per associazioni e DEL GINOCCHIO 1566/2016: società sportive? Come verificare di di Christian "essere inCinelli regola"? QUALI La fine del 2016 ha innescato una bomba che è esplosa non appena gli operatori del settore CONSEGUENZE sportivo sono venuti a conoscenza PER delle possibili implicazioni della delibera CONI 1566, a firma del Presidente Malagò e del ASSOCIAZIONI E Segretario Generale Fabbricini, della fine del dicembre scorso. Per tutti coloro che solo ora ne sentissero parlare (strano ...) vediamo che è successo. SOCIETÀ SPORTIVE? Preso atto del VERIFICARE proliferarsi di discipline sportive (o presunte tali) che nel tempo hanno potuto COME beneficiare dell'iscrizione al CONI attraverso un Ente di Promozione Sportiva o una DI "ESSERE IN e pertanto delle relative agevolazioni fiscali connesse a Federazione Sportiva Nazionale, questo riconoscimento, il CONI ha giustamente, a parere di chi scrive, cercato di "stringere le REGOLA"? maglie", allo scopo di scremare gli "sport veri" da quelli che scientificamente avevano deciso

HANNA KLEMM Rotation Berlin

2014

LUKASZ RAJCHELT Club Poland

ILARIA BALENA Itasteel Fiume Veneto

BOJKO HALGORZATA Mosm Tychy

GIORGIA CAMBI Anderlini Unicom Starker FEDERICA SACCANI Anderlini Unicom Starker

EDUCATIONAL 2017

dal 18

a cura dell'Ufficio Stampa S.diP.

EDUCATIONAL 2017 Anno IX

5-6-7 maggio 2017 Fanano e Sestola (MO) SCARICA LA NOSTRA APP!

5

7

9

Invito di PARTECIPAZIONE GRATUITA per due persone

10

22

23

24

L’altro modo di 27 29 “fare” Società Sportiva

25

La rottura dei Paradigmi

ALBO D’ORO Programma

ANDERLINI VOLLEY CAMP

Scopo dell’Educational è quello di riunire persone che amano la pallavolo indipendentemente dal ruolo e dal livello, di trascorrere tre giorni all’insegna dello star bene insieme con ampi spazi dedicati alla conoscenza del territorio delle Valli del Cimone con la visita guidata al Castello di Sestola, all’enogastronomia locale e i sapori tipici del territorio unitamente a momenti di confronto con il mondo “Scuola di Pallavolo Anderlini”, in uno scambio di idee tra Società, Organizzazioni ed Enti che condividono gli stessi valori ed obiettivi.

di Daniele Soragni

Il Presidente della Scuola di Pallavolo Anderlini

Marco Neviani

il Sindaco di Fanano

Stefano Muzzarelli il Sindaco di Sestola

Marco Bonucchi

il Consorzio

Valli del Cimone Hanno il piacere di invitarla all’Educational 2017 che si terrà nei giorni 5-6-7 maggio 2017 A Sestola e Fanano di Modena

under 13 femminile

2011

ANDERLINI UNICOM STARKER

under 13/14 maschile

under 12 femm/masch

Venerdì 5 maggio 2017

VOLLEY LUBE MACERATA

Ore 18,00 Arrivo V O L L E Y dei partecipanti a Fanano (MO), accoglienza e VOLANO CLUB definire V O L L da EY LE SIGNE 2012 sistemazione Ore 19,00 Briefing A N D E R L I N I di presentazione SCUOLA DI UNICOM PALLAVOLO Ore 20,00 Cena A N Ddelle E R L I N I Valli del Cimone, Rist. Gabriella, Via Pian 2013 S T A R K E R tipica del Falco, 15 41029 Canevare di Fanano (MO) ITAS FOPPA ASSICURAZIONI PEDRETTI Ore 21,30 del “Alla Scoperta del Futuro. La questione T R Evideo: NTINO ERGAMO 2014 BVisione Adei N D E Rparadigmi” LINI AMIS CHIAVARI

2015

UNICOM STARKER

2016

VOLLETY BERGAMO AERTI E FOPPAPEDRETTI M E S T I E R I

Sabato 6 maggio 2017 COLOMBO GENOVA

Ore 9,00 Visita guidata al Castello di Sestola Ore 11,00 Rifugio Lago della Ninfa - A passeggio tra il faggio e l’abete. Ore 12.30 Pranzo tipico c/o Agriturismo del Cimone - La PALAZZA, Via Calvanella, 710 - 41020 Canevare di Fanano MO Ore 14.30 Workshop: La filosofia, il social marketing, la gestione e il modello Scuola di Pallavolo Anderlini. Ore 20.00 Cena c/o Agriturismo del Cimone - La PALAZZA Menù a base di prodotti biologici abbinati a vini locali. Ore 21,30 Testimonianze e Question Time di confronto. Domenica 7 maggio 2017 Ore 9.00 Workshop: Progetto “Anderlini Volley Community”, Progetto “In Viaggio” e Progetto CEA (Carta Etica Anderlini) Ore 10,30 Opinioni a confronto. Ore 12,00 Conclusioni e chiusura lavori. Ore 13.00 Pranzo con gnocco e tigelle presso: Ristorante “Pane Vino e Maialino”, Piazzale Cà Dante, 96 Fanano Ore 14,00 Saluti e partenza dei partecipanti. L’adesione all’Educational deve pervenire, tramite la cedola d’iscrizione scaricabile sul sito www.scuoladipallavolo.it entro il 1 maggio 2017.

Scuola di Pallavolo Anderlini C/O Pala Anderlini Via Mario Vellani Marchi, 106 - 41124 Modena Per informazioni: Rodolfo”Giobbe” Giovenzana 3388952927 r.giobbe@libero.it - www.scuoladipallavolo.it

UNA CANZONE PER IL VOLLEY!

31

di indossare l'abito sportivo al solo fine di godere delle agevolazioni di legge. L'intento è dunque evidentemente lodevole, perché troppo spesso avevamo dovuto assistere ad ASD/SSD “di comodo” il cui unico vero obiettivo era quello di poter compensare i propri collaboratori (magari anche “in barba” al divieto di distribuzione diretta/indiretta di utili …) in forza della famosa legge 342/2000 (recentemente oggetto di chiarimenti da parte dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro con la sua circolare 1/2016), ma il risultato lascia (non poco) a desiderare ... Già perché per 102 sport inseriti (che diventano 396 discipline sportive 33 36 38 altrettante (alcune 41 delle quali ben 44più note di riconosciute dal CONI), ne potremmo citare qualche disciplina sportiva "riconosciuta") che non sono state degne di menzione (basti pensare al pilates, al crossfit, al krav maga, …). Se poi si legge che il CONI ha fissato al 1 marzo 2017 “il termine ultimo … per le attività di bonifica conseguenti alla presente deliberazione, sulle attuali iscrizioni al Registro, dando mandato al Segretario Generale … di cancellare le iscrizioni non supportate dallo svolgimento delle discipline sportive in elenco“, i timori sull’effettiva portata della delibera aumentano esponenzialmente …

IMMAGINARE UN DOMANI DIVERSO: Di fronte a tutto questo gli Enti di Promozione non potevano restare indifferenti (e vogliamo credere non solo per interessi bottega ...), motivo per cui è stata richiesta una riunione CHIdi CI RIESCE?

urgente presso il CONI con la quale richiedere: Andrea "1. slittamento al 2018 delditermine utileStrozzi per l'entrata in vigore del nuovo sistema di Registro, con riassestamento delle discipline sportive dilettantistiche; LLHT.org 2. approvazione di un elenco di discipline sportive dilettantistiche di base che il Coordinamento ha presentato al Segretario Generale del CONI: tali discipline tengono conto delle istanze provenienti dalla base associativa; 3. creazione immediata di un tavolo tecnico permanente CONI/EPS, per lo studio e l'approfondimento della valenza delle nuove discipline sportive". Alle proposte avanzate dal Coordinamento Nazionale degli Enti di Promozione Sportiva, rese

note con il Comunicato stampa pubblicato in esito all'incontro dello scorso primo febbraio, la RUBRICA reazione del Segretario Generale Fabbricini è stata per così dire "tiepida", rinviando eventuali TECNICA: modifiche "per una disamina complessiva della situazione". L'ALLENAMENTO In attesa dunque di una comunicazione ufficiale che possa mettere la parola "fine" alla A STAZIONI querelle su quali siano gli sport degni di riconoscimento e quali invece no, alcune domande ancora non trovano risposta: di Andrea Fortunati 1

GALVANI FOR ANDERLINI

di Fabio Galvani

VII EDIZIONE

di Daniele Soragni

3


#COMUNICARE ÈCOMEVIAGGIARE #BUSINESSTRIP Navighiamo al fianco della tua attività attraverso il mare del marketing e della comunicazione, e mettiamo

in risalto i tuoi valori affinché i destinatari del messaggio non solo ti riconoscano all’orizzonte, ma ti seguano a vele spiegate ovunque deciderai di andare.

#AROUNDTHEWORLDADVERTISING Individuiamo le migliori rotte per far acquisire

visibilità al tuo brand e trasportare la tua immagine in prima classe su tutti i mezzi di comunicazione più adatti alle tue precise esigenze.

#PLANYOURTRIPCOMUNICAZIONESTRATEGICA A volte senti chiaro il bisogno di partire, ma non sai da che parte cominciare per organizzare la tua avventura. Siamo qui per questo. Pianifichiamo insieme a te la tua intera strategia di comunicazione, indicandoti passo dopo passo le coordinate nella giusta direzione verso i tuoi obiettivi.

059 343707 - www.stsitaliana.it


S C U O L A

D I

P A L L A V O L O

ANDERLINI

EDITORIALE

NEWS

Una canzone per il volley... Carissime lettrici e cari lettori e amici della nostra Scuola di Pallavolo. Curiosamente mi trovo a scrivere questo mio saluto a cadenze temporali particolari facendovi di volta in volta gli auguri di una buona estate, di un buon Natale, di un buon Anno nuovo… e adesso ve li faccio di cuore di una Buona Pasqua. E prepariamoci all’estate che arriverà con la presentazione del nostro «Camp Estivo» al quale, ne siamo sicuri, i nostri allievi arrriveranno a frotte. Un altro importate avvenimento che fa parte della storia della nostra scuola è il Trofeo dedicato all’amico Paolo Bussinello e ne approfitto per salutare sua moglie Chicca, le figlie Ludovica e Caterina e il grandisssimo Eddy. Infine voglio condividere con voi una strana idea che mi è balenata al Fe-

di Daniele Soragni

stiva di Sanremo che seguo ormai per lavoro, e per piacere, da oltre trent’anni. Mi piacerebbe che, come accade alle squadre di calcio, ci fosse un inno anche per quelle di pallavolo da cantare in coro nei palasport.

così per via della maglia gialla. E nel 1990 anche i comici Zuzzurro e Gaspare con il cast della trasmissione di Italia 1 «Emilio» cantarono la squadra «emiliana» con «Salve, sono l’inno del Modena».

Vi lancio una proposta: mi piacerebbe che qualche concittadino amante della musica si divertisse a comporre un inno per la nostra Scuola e, perché, no anche per la squadra dell’Azimut. E nel salutarvi, sempre a proposito di inni ecco unadoppia curiosità sulla squadra di calcio del Modena, oggi purtroppo in brutte acque. Nel 1963, quando il Modena era in serie A in acque ben più limpide, l’Equipe 84 primo gruppo beat italiano fece il suo esordio nella discografia con «Vola canarino», inno alla squadra e ai suoi giocatori da sempre chiamati

Ps. Nel coro c’ero anch’io. Buone schiacciate a tutti.

DIRETTORE RESPONSABILE: Daniele Soragni ASSISTENTE RESPONSABILE: Lori Pagliari REDAZIONE: Federica Stradi, Marcello Galli, Marco Neviani. DIRETTORE EDITORIALE: Rodolfo Giovenzana COLLABORATORI: Andrea Strozzi, Dott. Claudia Fiorini, Movida Studio, Davide Soattini e Roberta Maioli. FOTOGRAFIA: www.fotomodena.it PROGETTAZIONE CREATIVA E IMPAGINAZIONE: STS ITALIANA SEDE SOCIALE e REDAZIONE: Pala Anderlini - Via Mario Vellani Marchi, 106 - Modena - 41124 - Tel. 059/4821526

5


Trasformatori di potenza sino a 400MVA - 400kV Trasformatori da distribuzione Trasformatori per trazione Trasformatori speciali Unità regolatrici Reattori fissi e mobili

ELETTROMECCANICA TIRONI S.r.l. Headquarters • Via Emilia Est, 1303 • 41122 Modena (I) Registered Address • Via degli Scarlatti, 85 • 41122 Modena (I) Ph. +39 059 282282 • Fax +39 059 282281 6info@tironi.com • www.tironi.com


Save the date Primo Volley in Maschera

19

5 Friendly Tour U11F 12 Children’s Tour 17-19

Volley in Maschera

Friendly Tour U12F Trofeo Classi V Bussinello + Spring Meeting E4S

Educational Base Final 6 U16M + F Workshop CEA

Finali Nazionali U18F a Modena

2 9 13-15 18-21

5-7 7 15

6-11

al 29

FEB 26 MAR APR MAG GIU LUG 19 26

Workshop CEA Finale Provinciale U16F a Serramazzoni Friendly Tour U13F

23-25 Young Volley Final 4 U19M 25 30 Final 4 U14M + F

20-21 Festa dello Sport 21 Final 4 U18M + F

dal 18

7


8


! P P A A R T S O N A L A SCARIC

9


10


Anderlini Volley Camp

Dal 18 al 24 Giugno 2017

Volley, beach volley, mare, animazione, parchi acquatici! Questo e molto altro all’Anderlini Volley Camp di Riccione.

proporrà attività serali, che potranno consistere in passeggiate per i viali del centro di Riccione o giochi con animazione. A metà settimana è prevista una giornata intera Per il terzo anno il camp di trasferisce nella patria di relax presso il parco acquatico Aquafan, dove del divertimento. La settimana è dedicata a i ragazzi potranno liberamente divertirsi con gli ragazzi e ragazze da 11 a 17 anni. scivoli, sempre seguiti dallo staff del parco e dal Dopo un’abbondante colazione, i ragazzi nostro team. andranno ai campi da  beach volley, dove faranno allenamento con i nostri istruttori per due ore. Prima di pranzo, un meritato bagno aiuterà a premiarsi delle fatiche fatte. Nel pomeriggio, i ragazzi si alterneranno tra  allenamenti indoor e tornei sulla sabbia, prima di qualche momento di relax in compagnia degli istruttori, in spiaggia. Dopo cena, lo staff

11


Anderlini Volley Camp

Dal 25 Giugno al 1 Luglio 2017

Volley, beach volley, animazione e albering! avranno diritto a un po’ di relax in spiaggia. Questo e molto altro all’Anderlini Volley Camp Nel pomeriggio, i ragazzi si alterneranno di Marina di Grosseto. tra allenamenti sui campi all’aperto e tornei sulla sabbia, prima di qualche momento di relax Per il secondo  anno il camp invade le spiagge in compagnia degli istruttori, in riva al mare. dorate della Toscana. La settimana è dedicata a Dopo cena, lo staff proporrà attività serali, che ragazzi e ragazze da 11 a 17 anni. potranno consistere in giochi con animazione o Dopo un’abbondante colazione, i ragazzi partecipazione alle serate del Camping. andranno al campo da  beach volley in riva al Quella di Marina di Grosseto sarà una settimana mare  e o nei  campi all’aperto  del Camping fuori dalle righe in un  camping a 4 stelle, per Cieloverde, dove faranno allenamento con i riprendere contatto con la natura e divertirsi nostri istruttori per due ore. Tutti, prima di pranzo all’aria aperta, tra beach volley e mare.

MARINA DI 12


Anderlini Volley Camp Volley, beach volley, canoa e vela! Questo e molto altro all’Anderlini Volley Camp di Chiavari. Per il quinto anno consecutivo l’Anderlini Volley Camp va sulla Riviera di Levante, per una settimana dedicata a ragazzi e ragazze da 11 a 17 anni. Dopo un’abbondante colazione, i ragazzi andranno  ai  campi di  beach volley di Chiavari e Sestri Levante  dove faranno allenamento coi nostri istruttori per un paio di ore.

Dal 2 all'8 Luglio 2017 Nel pomeriggio, i ragazzi si alterneranno tra allenamenti e tornei. Dopo cena, lo staff proporrà attività serali, che potranno consistere in giochi con animazione e passeggiate per le vie del centro e il lungomare. Durante la settimana i ragazzi avranno la possibilità di partecipare a lezioni di  vela, escursioni in  canoa  alla scoperta del litorale, pizzate in spiaggia e uno Zumba Party.

13


#ESUQUESTONONCIPIOVE

www.canovi.it info@canovi.it

14

059 281316


Anderlini Volley Camp Volley, beach volley, animazione ed escursioni! Questo e molto altro all’Anderlini Volley Camp di Molveno. Per il terzo anno il camp di piazza  ai piedi dell’Adamello Brenta. La settimana è dedicata a ragazzi e ragazze da 11 a 17 anni. Dopo un’abbondante colazione, i ragazzi andranno al campo da  beach volley in riva al lago e in palestra presso il Palazzetto dello Sport di Molveno, dove faranno allenamento con i nostri istruttori per due ore. 

Dal 16 al 22 Luglio 2017 Per i più coraggiosi, ci sarà il tempo per un bagno nelle acque del lago, prima di pranzo. Nel pomeriggio, i ragazzi si alterneranno tra allenamenti indoor e tornei sulla sabbia, prima di qualche momento di relax in compagnia degli istruttori, in riva al lago. Dopo cena, lo staff proporrà attività serali, che potranno consistere in giochi con animazione o passeggiate in paese. Durante la settimana sono previste escursioni alla scoperta del territorio: leggeri trekking intorno al lago, ai fortini napoleonici e nei boschi, oltre che escursioni in mountain bike e un po’ di relax nell’incantevole lungo lago.

15


Anderlini Volley Camp Volley, beach volley, mare, animazione, parchi acquatici! Questo e molto altro all’Anderlini Volley Camp di Riccione. Per il terzo anno il camp di trasferisce nella patria del divertimento. La settimana è dedicata a ragazzi e ragazze da 11 a 17 anni. Dopo un’abbondante colazione, i ragazzi andranno ai campi da  beach volley, dove faranno allenamento con i nostri istruttori per due ore. Prima di pranzo, un meritato bagno aiuterà a premiarsi delle fatiche fatte. Nel pomeriggio, i ragazzi si alterneranno tra  allenamenti indoor e tornei sulla sabbia,

16

Dal 23 al 29 Luglio 2017 prima di qualche momento di relax in compagnia degli istruttori, in spiaggia. Dopo cena, lo staff proporrà attività serali, che potranno consistere in passeggiate per i viali del centro di Riccione o giochi con animazione. A metà settimana è prevista una giornata intera di relax presso il parco acquatico Aquafan, dove i ragazzi potranno liberamente divertirsi con gli scivoli, sempre seguiti dallo staff del parco e dal nostro team. Special Guest: Andrea Raffaelli, campione di beach volley!

Special beach


Anderlini Volley Camp Volley, beach volley, inglese, mare e turismo per le strade di Malta! La settimana è dedicata a ragazzi e ragazze da 13 a 17 anni. Dopo colazione, i ragazzi andranno  alla  scuola di inglese  per seguire  le lezioni con insegnanti madrelingua.  Nel pomeriggio, i ragazzi  si sposteranno sui campi da  pallavolo indoor, per un paio di ore di allenamento e torneo, rigorosamente in inglese.

Dal 9 al 19 Luglio 2017 La dieci giorni maltese sarà animata da gite turistiche in giro per gli splendidi panorami dell’isola. I ragazzi avranno la possibilità di visitare le città storiche di Medina e La Valletta, oltre che goderli le spiagge di  Golden Bay e Ghadira Bay sull’isola di Malta. Una giornata sarà interamente dedicata alla visita dell’Isola di Gozo, dalla capitale Victoria alla Azur Window, per poi prendere un po’ di sole a Ramla Bay.

17


Anderlini Volley Camp Volley, beach volley, mare e turismo per le strade di Barcellona! Per il terzo anno il camp vola in Spagna. La settimana è dedicata a ragazzi e ragazze da 13 a 17 anni. Dopo un’abbondante colazione, i ragazzi andranno ai campi di pallavolo indoor per seguire gli allenamenti e le lezioni tecniche con i nostri istruttori.

18

Dal 16 al 22 Luglio 2017 Nel pomeriggio, i ragazzi si sposteranno sui campi da beach volley della Beach Volleyball Academy di Montgat presso La Platja dels Pescadors. Quella di Barcellona sarà una settimana fuori dal comune, con lunghi pomeriggi passati a scoprire le meraviglie della città, dalla Rambla alla Sagrada Familia, dal Barrio Gotico alle Case di Gaudì, fino a un po’ di shopping al Maremagnum.


Anderlini Volley Camp Dal 2 al 8 luglio 2017 per ragazzi e ragazze dai 13 ai 18 anni e dal 9 al 15 luglio  2017 solo per ragazze dai 13 ai 18 anni allenamenti intensivi di pallavolo, riunioni tecniche e specializzazione per ruoli! Questo e molto altro all’Anderlini Special Camp di Sestola. Come da tradizione, tutto il know how tecnico targato Anderlini si trasferisce sull’Appennino ToscoEmiliano per una settimana di pallavolo pura, insieme a grandi allenatori e giocatori.

Luglio 2017 I ragazzi, divisi per genere, età, capacità e ruoli, seguiranno un denso programma di allenamenti, dalle 5 alle 6 ore al giorno, divise tra mattina e pomeriggio. Insieme ai direttori tecnici saranno coinvolti in sessioni video e tornei. Non mancheranno i momenti di relax, in piscina, e al  Lago della Ninfa, dove per un pomeriggio interno potranno divertirsi nell’Adventure Park  e scatenarsi nel party di chiusura.

19


stonewave collection unicomstarker.com +39 (0)536 926011

20


Anderlini Volley Camp Dal 25 giugno al 1 luglio 2017 per i bimbi del  minivolley dai 6 ai 9 anni e dal 25 giugno  al 1 luglio  2017 per ragazzi dagli 11 ai 15 anni volley, escursioni, animazione e  albering! Questo e molto altro all’Anderlini Volleu Camp di Fanano.  Dopo un’abbondante colazione, i ragazzi andranno ai campi di pallavolo, presso la palestra della Scuola Elementare di Fanano, dove faranno

Giugno-Luglio 2017 allenamento coi nostri istruttori per un paio di ore. Nel pomeriggio, i ragazzi si alterneranno tra allenamenti, ghiochi e tornei. Dopo cena, lo staff proporrà attività serali, che potranno consistere in giochi con animazione. Questa settimana si chiuderà con una grande festa in baita al Lago della Ninfa, ai piedi del Monte Cimone, dopo una giornata di giochi liberi su alberi, scivoli e tappeti elastici, immersi nel verde.

21


Il Trofeo P. Bussinello raduna a Modena il meglio della pallavolo italiana ed europea Venerdì 14 e sabato 15 aprile la Scuola di Pallavolo Anderlini ospiterà le migliori formazioni del panorama italiano ed europeo, per la XVI edizione del Trofeo Internazionale “Paolo Bussinello”. Appuntamento immancabile nella programmazione dei top team, grazie all’altissimo livello di gioco, la manifestazione è riservata alla categoria Under 16. Al momento sono in via di definizione gli ultimi posti per le 24 partecipanti, equamente divise tra maschile e femminile, ma sono già sicure di calcare i parquet di Modena formazioni del calibro di Foppapedretti Bergamo, Chions, Selezione Emilia Romagna, Zagabria, Baden Wurttemberg, Lubiana e Volley Treviso. Numerosi sono i giocatori e le giocatrici che, splendide realtà oggi del panorama nazionale ed internazionale, hanno calcato il palcoscenico del Trofeo Bussinello durante i suoi quindici anni di vita. Basti pensare a Denis Kaliberda e Christian Fromm, Gabriele Maruotti e Ludovico Dolfo, per passare, tra le femmine, ad Alessia Gennari, Martina Balboni, Anastasia Guerra e Carlotta Cambi.

22

a cura dell'ufficio stampa S.diP.


ALBO D’ORO

MIGLIOR MIGLIOR MIGLIOR MIGLIOR MIGLIOR MIGLIOR GIOCATORE ATTACCANTE PALLEGGIATORE GIOCATRICE ATTACCANTE PALLEGGIATRICE GRETA CONTI Teodora Ravenna

2002 2003

GABRIELE MARUOTTI Pallavolo Velletri

YVONNE LANZERATH Bayer Leverkusen

2004

GIACOMO BELLEI Scuola di Pallavolo Anderlini

ANTONIO DE PAOLA Pallavolo Velletri

CLAUDIO REGGIANI Scuola di Pallavolo Anderlini

DOROTHE MAYER Arge Baden Wurttenberg

JANINE SAUTER Arge Baden Wurttenberg

BOJKO HALGORZATA Mosm Tychy

2005

SEBASTIAN KRAUSE Ssc Berlin

LUDOVICO DOLFO Sisley Treviso

JOHANNES STORN Scc Berlin

NANCY GLANDER Schweriner Sc

MARIA VOLKER Schweriner Sc

CHANTAL LABOUREUR Arge Baden Wurttenberg

2006

DENNIS KALIBERTA Scc Berlin

CHRISTIAN FROMM Berliner Tsc

JUHO TOIVOLA Kuortane

ALESSIA GENNARI Scuola di Pallavolo Anderlini

JERALA URSA OK Bled

PETRA DEZMAN OK Bled

2007

DAMIAN PILICHOWSKI Kedzierzynie Kozlu

OSKAR KLINGNER Volley Club Dresden

MICHAL STOGNEIEW Kedzierzynie Kozlu

CHIARA TENZA Scuola di Pallavolo Anderlini

GIULIA SAGUATTI Scuola di Pallavolo Anderlini

ANNA FERRARI Selezione Emilia Romagna

2008

KSIEZAREK BARTOSK Kedzierzynie Kozlu

TOBIAS ZEHLIKE Berliner Tcs

PIER PAOLO PARTENIO Lube Macerata

SOFIA DEVETAG Selezione Emilia Romagna

GIULIA ROCCAFORTE Anderlini & Sassuolo Volley

TANJA JOACHIM Schweriner Sc

2009

VLADIMIR MARENOV Moscow Selection

NIKLAS SEPPANEN Kuortane

MATTIA RUARO Schio Sport

CHIARA ALUIGI Anderlini & Sassuolo Volley

SARA ALBERTI Foppapedretti

HANNA KLEMM Rotation Berlin

2010

EDOARDO PICCO Piemonte Volley

LORENZO MESSORI S.di P. Anderlini Trenkwalder

ALEKSI KOSSI Kuortane

KARLA KLASI Zagreb Selection

VALERIA BIANCHI Yamamay Futura Giovani Busto

CHIARA SCACCHETTI Anderlini Unicom Starker

2011

DENIS ALIKAJ Selezione Emilia Romagna

MIKA MANTYLA Kuortane

MATTEO MANZINI Scuola di Pallavolo Anderlini

CHIARA FERRARI Anderlini Unicom Starker

GIULIA VISINTINI Libertas Fiume Veneto

ILARIA FUSARI Norda Foppapedretti BG

2012

MIRCO CRISTOFALETTI Trentino Volley

SIMONE TESTALEPRE MRoma Volley

FRANCESCO ZOPPELLANI Selezione Allievi Italia

ELISA ZANETTE VolleyRò

ANASTASIA GUERRA Brunopremi.com

CARLOTTA CAMBI VolleyRò

2013

ALEXEY CHANCHIKOV Dynamo Mosca

LORENZO CODARIN Trentino Volley

RICCARDO SBERTOLI Selezione Allievi Italia

ILARIA BALENA Itasteel Fiume Veneto

CAMILLA MINGARDI Foppapedretti

GIORGIA CAMBI Anderlini Unicom Starker

2014

ALESSANDRO MARTA Selezione Allievi Italia

MORITZ RAUBER Baden Wurttenberg

SACHA LALECK Baden Wurttenberg

AURORA POSER Itasteel Fiume Veneto

ALESSIA VIT Istasteel Fiume Veneto

FEDERICA SACCANI Anderlini Unicom Starker

2015

STAWOHIR BUSCH Poland National Team

PAOLO LUIGI DI SILVESTRE Lube Macerata

YAKUB RYBICKI Poland National Team

AURORA PISTOLESI Anderlini Unicom Starker

NWAKALOR SILVIA CHINELO VolleyRò

FRANCESCA SCOLA Anderlini Unicom Starker

2016

MATEUSZ JANIKOWSKI Club Poland

JOSHUA PASCON Volley Treviso

VIRGINIA PERUZZO UYBA

SOFIA RAMPAZZO Le Ali Padova

GABRIELA 23 MAKAROWSNA Club Poland

LUKASZ RAJCHELT Club Poland


La VII edizione dell’Anderlini Spring Cup si fa in quattro e promette grande pallavolo e divertimento.

a cura dell'ufficio stampa S.diP.

Come da tradizione ormai, nei giorni che precedono Pasqua, i campi di Modena e provincia si riempiranno per far entrare in scena l’Anderlini Spring Cup che, affiancata alla Fase Finale del Trofeo Internazionale “Paolo Bussinello”, è diventata appuntamento fisso nel panorama pallavolistico. Da quest’anno la manifestazione si farà in quattro, coinvolgendo la categoria Under 12, che disputerà un torneo

24

unico tra maschi e femmine, la categoria Under 13 femminile, quella Under 14 maschile e, new entry, la categoria Under 13 maschile. Tutti i tornei, eccezion fatta per quello Under 13 femminile che prenderà il via nel pomeriggio di giovedì 13 aprile, inizieranno nella mattinata di venerdì 14 aprile per concludersi sabato 15 con le Finalissime nella splendida cornice del Pala Paganelli di Sassuolo.

Come ogni torneo che si rispetti non mancherà il momento di svago da battute e schiacciate: l’Anderlini Spring Party sarà come di consueto l’occasione per fare festa fuori dal rettangolo di gioco e a suon di musica! Non resta dunque che attendere il fischio d’inizio per vivere ancora assieme una tre giorni di pallavolo e divertimento.


ALBO D’ORO under 13 femminile

under 13/14 maschile

under 12 femm/masch

2011

ANDERLINI UNICOM STARKER

VOLLEY LUBE MACERATA

2012

VOLLEY CLUB LE SIGNE

VOLANO VOLLEY

2013

ANDERLINI UNICOM STARKER

SCUOLA DI PALLAVOLO ANDERLINI

2014

FOPPA PEDRETTI BERGAMO

ITAS ASSICURAZIONI TRENTINO

2015

ANDERLINI UNICOM STARKER

AMIS CHIAVARI

2016

VOLLETY BERGAMO AERTI E FOPPAPEDRETTI M E S T I E R I

COLOMBO GENOVA 25


Parmareggio.

Fatevi guidare dal buon gusto.

Dall’eccellenza italiana e da una sapiente stagionatura nasce Parmareggio 30 mesi. Un sapore deciso ed equilibrato, un profumo intenso e stuzzicante, dedicato ai palati più esigenti. E per chi cerca la qualità in ogni cosa, ci sono anche gli altri prodotti Parmareggio: tante bontà ideali per grandi e piccini, e un gusto unico. Quello preferito dai veri intenditori.

Parmareggio. Una scelta da intenditori. www.parmareggio.it 26

seguici su

www.facebook.com/Topolini.Parmareggio


EDUCATIONAL 2017 Anno IX

12-13-14 maggio 2017 Fanano e Sestola (MO) Invito di PARTECIPAZIONE GRATUITA per due persone

L’altro modo di “fare” Società Sportiva La rottura dei Paradigmi Programma Scopo dell’Educational è quello di riunire persone che amano la pallavolo indipendentemente dal ruolo e dal livello, di trascorrere tre giorni all’insegna dello star bene insieme con ampi spazi dedicati alla conoscenza del territorio delle Valli del Cimone con la visita guidata al Castello di Sestola, all’enogastronomia locale e i sapori tipici del territorio unitamente a momenti di confronto con il mondo “Scuola di Pallavolo Anderlini”, in uno scambio di idee tra Società, Organizzazioni ed Enti che condividono gli stessi valori ed obiettivi. Il Presidente della Scuola di Pallavolo Anderlini

Marco Neviani

il Sindaco di Fanano

Stefano Muzzarelli il Sindaco di Sestola

Marco Bonucchi

il Consorzio

Valli del Cimone Hanno il piacere di invitarla all’Educational 2017 che si terrà nei giorni 12-13-14 maggio 2017 A Sestola e Fanano di Modena

Venerdì 12 maggio 2017 Ore 18,00 Arrivo dei partecipanti a Fanano (MO), accoglienza e sistemazione da definire Ore 19,00 Briefing di presentazione Ore 20,00 Cena tipica delle Valli del Cimone, Rist. Gabriella, Via Pian del Falco, 15 - 41029 Canevare di Fanano (MO) Ore 21,30 Visione del video: “Alla Scoperta del Futuro. La questione dei paradigmi” Sabato 13 maggio 2017 Ore 9,00 Visita guidata al Castello di Sestola Ore 11,00 Rifugio Lago della Ninfa - A passeggio tra il faggio e l’abete. Ore 12.30 Pranzo tipico c/o Agriturismo del Cimone - La PALAZZA, Via Calvanella, 710 - 41020 Canevare di Fanano MO Ore 14.30 Workshop: La filosofia, il social marketing, la gestione e il modello Scuola di Pallavolo Anderlini. Ore 20.00 Cena c/o Agriturismo del Cimone - La PALAZZA Menù a base di prodotti biologici abbinati a vini locali. Ore 21,30 Testimonianze e Question Time di confronto. Domenica 14 maggio 2017 Ore 9.00 Workshop: Progetto “Anderlini Volley Community”, Progetto “In Viaggio” e Progetto CEA (Carta Etica Anderlini) Ore 10,30 Opinioni a confronto. Ore 12,00 Conclusioni e chiusura lavori. Ore 13.00 Pranzo con gnocco e tigelle presso: Ristorante “Pane Vino e Maialino”, Piazzale Cà Dante, 96 Fanano Ore 14,00 Saluti e partenza dei partecipanti. L’adesione all’Educational deve pervenire, tramite la cedola d’iscrizione scaricabile sul sito www.scuoladipallavolo.it entro il 1 maggio 2017.

Scuola di Pallavolo Anderlini C/O Pala Anderlini Via Mario Vellani Marchi, 106 - 41124 Modena Per informazioni: Rodolfo”Giobbe” Giovenzana 3388952927 r.giobbe@libero.it - www.scuoladipallavolo.it


AZIENDA EUROPEA di ABBIGLIAMENTEO TECNICO SPORTIVO PERSONALIZZATO AL 100% GEFF è garanzia di prodotti personalizzati e di qualità, servizio clienti puntale e preciso pensato per adattarsi alle necessità delle società sportive. Utilizziamo le migliori tecnologie per la stampa per sublimazione presenti sul mercato, produciamo in Spagna con materie prima made in Europe con tecnologie e macchinari made in Italy.

Servizio di design grafico completamente libero Personalizzazioni tutte incluse nel prezzo Riassortimento permanente Nessun minimo di ordine Produzione in soli 15 giorni lavorativi

Pensiamo che il nostro modo di lavorare sia innovativo, facile ed economico. Con GEFF avrete sempre un prezzo certo, costante nel tempo e comprensivo di personalizzazione e servizio clienti

28

CONTATTACI italia@geff.eu Paolo Conti responsabile GEFF per l’Italia +39 3489022060

VISITA IL NOSTRO SITO WWW.GEFF.EU facebook.com/geffitalia twitter.com/GeffSport1


29


COMMERCIO E LAVORAZIONE ROTTAMI FERROSI

30

tel. (0039) 059 28 14 88 / 059 28 17 61 fax (0039) 059 28 06 79 41122 MODENA, ITALY - Via Respighi, 190 info@fantonarrigo.it www.fantonarrigo.it


FINALI NAZIONALI UNDER 18 FEMMINILI

Tornano a Modena le Finali Nazionali Under 18 Femminili

a cura dell'ufficio stampa S.diP.

Modena si dimostra ancora una volta la "Città del Volley“

Il Consiglio Federale accetta ufficialmente la candidatura di Modena per l'organizzazione dell'evento, dal 6 all'11 giugno 2017, che vedrà le migliori formazioni nazionali under 18 femminili che hanno conquistato l'accesso alla fase finale. Il Presidente Scuola di Pallavolo Anderlini, Marco Neviani, ha accolto la notizia con molto orgoglio, e ritiene un onore essere i padroni di casa di una kermesse di così alto livello, un evento che torna, dopo quelle del 2014, e darà lustro a tutto il nostro territorio e al movimento giovanile. Anche per il Direttore Generale Volley Academy Modena, Carmelo Borruto, c'è grande soddisfazione e ringrazia la Fe-

derazione per aver dato questa opportunità al progetto Volley Academy Anderlini. Le finali nazionali U18 sono tra le più importanti manifestazioni giovanili in Italia. Sarà un duro banco di prova, ma Modena vive di questi eventi di pallavolo e tutti sono già all'opera per renderlo ancora una

volta impeccabile. Elenco completo delle sedi di tutte le categorie: • FINALE UNDER 19 MASCHILE dall’11 al 14 maggio a Bormio. • FINALE UNDER 18 MASCHILE dal 7 al 12 giugno a Fano. • FINALE UNDER 16 MASCHILE dal 30 maggio al 5 giugno a Latina. • FINALE UNDER 14 MASCHILE dal 16 al 21 maggio a Rossano Calabro. • FINALE UNDER 18 FEMMINILE dal 6 all’11 giugno a Modena. • FINALE UNDER 16 FEMMINILE dal 30 maggio al 4 giugno a Matera. • FINALE UNDER 14 FEMMINILE dal 16 al 21 maggio a Treviso.

31


32


S C U O L A

D I

P A L L A V O L O

ANDERLINI

RUBRICA TECNICA

NEWS

L’ allenamento a stazioni

Quante volte vi è capitato di entrare in palestra ed affrontare un numero elevato di atleti da allenare, pochi palloni disponibili, materiale insufficiente, spazi palestra ridotti, ecc? Tutte queste problematiche sono abbastanza frequenti nell’allenamento di una squadra giovanile ma non devono compromettere, se non parzialmente, la qualità della proposta tecnica. Se nell’ambito del lavoro prettamente fisico, l’approccio a stazioni o a circuito ha già ampiamente dimostrato la sua efficacia in termini di organizzazione e di risultati, in ambito tecnico questo approccio risulta strategico proprio per risolvere le problematiche sopra citate e per ottimizzare alcuni parametri decisivi quali il volume di ripetizioni svolte e il controllo dell’allenamento stesso.

LE VARIABILI

I. Numero di atleti: condiziona in maniera sensibile il numero di stazioni del nostro allenamento e quindi il numero di gruppi che si alleneranno contemporaneamente. I. Tasso tecnico degli atleti: la disomogeneità di livello degli atleti richiede attenzione nel modulare obiettivi, stimolo e parametri degli esercizi (ES: altezza della rete), per rendere il tutto allenante. II. Ridondanza del materiale: più materiale è presente (palloni, canestri, elastici, …) più saranno le stazione a poterlo utilizzare. Costituisce quindi un vincolo importante nell’organizzazione dei contenuti di ogni singola stazione. III. Spazi utilizzabili: se lo spazio rete è limitato ad un campo, diventa-

di Andrea Fortunati

no strategici gli spazi di fuga esterni al campo stesso, all’interno dei quali possiamo organizzare stazioni di lavoro, selezionandone accuratamente i contenuti e utilizzando attrezzature ausiliarie. IV. Lo staff: più allenatori sono disponibili e meglio sarà articolato il lavoro. Il numero di tecnici condiziona in maniera decisiva le tipologie di stazioni che formeranno il circuito. V. I contenuti: le esercitazioni possono essere di natura atletica oppure tecnica. Va posta molta attenzione ai contenuti tecnici che necessitano del campo e della rete, perché questi ultimi costituiscono frequentemente il vincolo principale. I. Il tempo: la durata del circuito va ad incidere in maniera diretta sulla durata delle singole stazioni, una volta fissa-

33


to il numero di queste ultime. Vanno inseriti, nel calcolo complessivo della durata del circuito, i tempi di riposo e di set-up delle stazioni al termine di ciascuna rotazione dei gruppi.

L’ORGANIZZAZIONE DEI GRUPPI La suddivisione in gruppi degli atleti si può fare seguendo diversi criteri, in base alle necessità: • per ruoli: garantisce specificità nell’esecuzione degli esercizi tecnici; • per tasso tecnico o per età: age-

vola la modulazione della difficoltà degli esercizi che non avviene nell’ambito di un gruppo, ma di gruppo in gruppo; • casuale: se i contenuti del circuito sono particolarmente generici e una suddivisione casuale non comporta problemi nell’esecuzione, possiamo adottare questo criterio. In generale la suddivisione deve orientarsi verso la facilitazione dell’esecuzione dei singoli esercizi e nella gestione ottimizzata del circuito stesso. E’ quindi importante che i gruppi non siano troppo numerosi (4-6 atleti per gruppo) e troppo disomogenei per la tipologia di esercizi proposti.

In alcuni casi può accadere che parte degli atleti non percorrano il circuito di lavoro di stazione in stazione, ma restino localizzati in una singola stazione nella quale sono impegnati in esercizi differenti a seconda del gruppo coinvolto. Tipicamente gli alzatori sono i candidati a questo tipo di ruolo.

L’ORGANIZZAZIONE DELLE STAZIONI Fissati i gruppi in cui suddividere gli atleti, occorre creare un numero di stazioni pari al numero di gruppi scelto. A questo punto cominciano ad incidere in maniera decisiva le variabili sopra citate. In primo luogo distinguiamo due grandi famiglie di stazioni: quelle a contenuto tecnico e quelle a contenuto fisico. Vediamo quindi le tipologie di stazioni e le loro prerogative principali: I. STAZIONI TECNICHE / FISICHE A INTERVENTO DIRETTO: tipologia che richiede l’intervento diretto dell’allenatore in termini di utilizzo degli attrezzi, pallone compreso. E’ evidente che il loro numero non può mai essere superiore al numero di tecnici presenti in palestra. II. STAZIONI TECNICHE / FISICHE AUTONOME: lo svolgimento degli esercizi previsti non necessita dell’intervento dell’allenatore, il quale può controllare l’operato senza intervenire direttamente se non per effettuare le correzioni dovute. Fissate le tipologie di stazioni ed il loro numero, dobbiamo articolarle per contenuti e anche in questo caso abbiamo due possibili categorie: I. STAZIONI A CONTENUTO SPECIFICO: l’esercitazione proposta cambia (contenuto o caratteristiche di esecuzione) in maniera camaleontica in funzione del gruppo presente, per rispettarne le esigenze specifiche (ruolo, lateralità, capacità tecniche, …). II. STAZIONE A CONTENUTO GENERICO: la tipologia di lavoro svolto è indipendente dal gruppo presente. Da questa classificazione scaturiscono alcune considerazioni importanti: • un allenatore con ottime doti di con-

34


RUBRICA TECNICA

trollo del pallone andrà inserito nelle stazioni tecniche ad intervento diretto; • un allenatore può controllare più stazioni autonome e gestire anche il funzionamento coordinato di tutto il circuito, in termini di tempistiche ed effetti collaterali (circolazione dei palloni, problemi con il materiale, ed eccezioni varie); Resta ora da organizzare l’intero circuito ed il suo funzionamento, per rendere il tutto efficiente e con pochi effetti collaterali i quali sono, nella maggioranza dei casi, dipendenti dal tempo, dal recupero dei palloni e dalle interferenze tra le singole stazioni nella gestione degli spazi.

STRUTTURA DEL CIRCUITO Abbiamo stabilito come suddividere i nostri atleti, come selezionare le stazioni e i loro contenuti ed infine come assegnare i tecnici alle relative stazioni. Resta da definire il funzionamento dell’intero sistema in termini di tempo e organizzazione. Vediamo alcuni punti essenziali: I. Posizionare ogni singola stazione nella miglior zona possibile per evitare interferenze tra le stazioni stesse (palloni e quant’altro), rispettarne i contenuti ed avvicinarla ad eventuali attrezzature fisse. Qualora due stazioni fossero affini per contenuti (una il naturale prosieguo dell’altra) meglio disporle consecutivamente. II. Stabilire un verso di rotazione delle stazioni che rispetti il più possibile i contenuti e gli eventuali lavori di trasformazione. III. Stabilire i tempi di riposo dopo un certo numero di stazioni (2, metà circuito, …). IV. Ricordare agli atleti di ripristinare il materiale nelle condizioni iniziali, al completamento della stazione. V. Fissare il tempo massimo (soglia) di esecuzione di ciascuna stazione, pari al tempo totale dell’intero circuito diviso il numero di stazioni. VI. Ogni stazione è rappresentata schematicamente su di un foglio, il quale verrà collocato nell’area dove la stazione si svolgerà. Oltre alla descrizione verbale, la rappresentazione vi-

siva aiuta gli atleti nella comprensione dei contenuti e nella corretta esecuzione degli stessi. Distinguiamo due tipologie di circuiti: I. CIRCUITO SINCRONO: ciascuna stazione organizza i propri esercizi sapendo che allo scadere del tempo (segnale acustico), si dovranno ruotare i gruppi. La durata di ogni stazione è deterministica e l’organizzazione degli esercizi deve tenere conto di questo, controllando il volume di ripetizioni con precisione. II. CIRCUITO ASINCRONO: le stazioni hanno durata variabile (Es: esercizi con obiettivi di punteggio), ma in ogni caso non oltrepassa la soglia stabilita per ciascuna rotazione. I contenuti possono quindi essere ad obiettivo e non necessariamente a ripetizioni fissate. Nell’ambito dei circuiti asincroni, ogni stazione presenterà un esercizio che chiameremo “Jolly”. Gli atleti eseguiranno quest’ultimo al completamento della stazione, qualora gli altri gruppi debbano ancora terminare. L’esercizio Jolly ha una doppia funzione: sincronizzare l’intero sistema senza lasciare gli atleti fermi in attesa e preparare gli atleti alla stazione successiva. Ecco che l’esercizio Jolly dovrebbe richiamare i contenuti del lavoro successivo previsto dalla rotazione.

rata massima). Poi vengono inseriti: l’oggetto dell’esercizio, il numero di giocatori impiegato ed il materiale occorrente. Una descrizione verbale ed un insieme di figure spiegano la corretta esecuzione dell’esercizio. Nell’ultima riga l’esercizio Jolly.

Infine, nel riquadro in basso a destra, la collocazione spaziale della stazione all’interno del circuito. Possiamo classificare questa stazione come fisico - tecnica / autonoma / sincrona (non c’è obiettivo di punteggio) / a contenuto generico (muro per tutti). Qui sopra un esempio di circuito sincrono organizzato con 3 stazioni delle quali una specifica.

UN ESEMPIO DI STAZIONE Vediamo ora uno schema di stazione da inserire in un circuito e le singole voci che la costituiscono: la stazione è identificata da un numero (3) e dai parametri di esecuzione (serie, ripetizioni, eventuale obiettivo, la du-

Suddivisione dei giocatori in 3 gruppi (indicati con colori diversi) organizzati per lateralità. Tutti i parametri sono indicati nella figura. Grazie per l’attenzione e buon allenamento a tutti!

35


Delibera CONI 1566/2016: q

Delibera CONI 1566/2016: società sportive? Come verif quali conseguenze per fine del 2016 ha innescato una bomb associazioni e società sportive? La sportivo sono venuti a conoscenza delle firma del Presidente Malagò e del Seg Come verificare di "essere in regola"?

scorso. Per tutti coloro che solo ora ne se

La fine del 2016 ha innescato una bomba che è esplosa non appena gli del operatori Preso atto proliferarsi di discipline s del settore sportivo sono venuti a conoscenza delle possibili implicazioni beneficiare dell'iscrizione al CONI at della delibera CONI 1566, a firma del Presidente Malagò e del Federazione Segretario Generale Sportiva Nazionale, e per Fabbricini, della fine del dicembre scorso. Per tutti coloro chequesto solo ora riconoscimento, il CONI ha giusta ne sentissero parlare (strano ...) vediamo che è successo. maglie", allo scopo di scremare gli "spor di indossare l'abito sportivo al solo fin dunque evidentemente lodevole, perc febbraio, “di la reazione Preso atto del proliferarsi di discipline bonifica conseguenti alla presente ASD/SSD comodo”delil Segretario cui unico vero Generale Fabbricini è stata per così dire sportive (o presunte tali) che nel deliberazione, sulle attuali iscrizioni al collaboratori (magari anche “in barba” a "tiepida", rinviando eventuali modifiche tempo hanno potuto beneficiare Registro, dando mandato al Segretario forzaunadella famosa legge della 342/200 disamina complessiva dell'iscrizione al CONI attraverso Generale … di cancellare le iscrizioni in "per situazione". un Ente di Promozione Sportiva non supportate dallo svolgimento delle dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro co In attesa dunque di una comunicazione o una Federazione Sportiva discipline sportive in elenco“, i timori poco) a desiderare ... Già perché per 102 ufficiale che possa mettere la parola Nazionale, e pertanto delle relative sull’effettiva portata della delibera riconosciute dal CONI), nesiano potremmo c "fine" alla querelle su quali gli agevolazioni fiscali connesse a aumentano esponenzialmente … sport degni di riconoscimento quali disciplina sportiva e"riconosciu questo riconoscimento, il CONI ha Di fronte a tutto questo gli Enti di qualche invece alno, alcunealdomande giustamente, a parere di chi scrive, Promozione non potevano restare pensare pilates, crossfit,ancora al krav mag non trovano risposta: cercato di "stringere le maglie", allo indifferenti (e vogliamo credere non 2017 “il termine ultimo … per • tutti gli attestati/diplomi che i le variattivit scopo di scremare gli "sport veri" da solo per interessi di bottega ...), motivo attuali (anche iscrizioni al Registro, EPS/FSN avvallati dal CONI) dand quelli che scientificamente avevano per cui è stata richiesta una riunione sulle hanno concesso sino ad oggi deciso di indossare l'abito sportivo al urgente presso il CONI con la quale iscrizioni non supportate dallopersvolgim attività ritenute sportive ma che aume solo fine di godere delle agevolazioni richiedere: sull’effettiva portata della delibera di legge. L'intento è dunque evidentemente lodevole, perché troppo spesso avevamo dovuto assistere ad ASD/SSD “di comodo” il cui unico vero obiettivo era quello di poter compensare i propri collaboratori (magari anche “in barba” al divieto di distribuzione diretta/indiretta di utili …) in forza della famosa legge 342/2000 (recentemente oggetto di chiarimenti da parte dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro con la sua circolare 1/2016), ma il risultato lascia (non poco) a desiderare ... Già perché per 102 sport inseriti (che diventano 396 discipline sportive riconosciute dal CONI), ne potremmo citare altrettante (alcune delle quali ben più note di qualche disciplina sportiva "riconosciuta") che non sono state degne di menzione (basti pensare al pilates, al crossfit, al krav maga, …). Se poi si legge che il CONI ha fissato al 1 marzo 2017 “il termine ultimo … per le attività di

36

1.slittamento al 2018 del termine utile per l'entrata in vigore del nuovo sistema di Registro, con riassestamento delle discipline sportive dilettantistiche;

2.approvazione di un elenco di discipline sportive dilettantistiche di base che il Coordinamento ha presentato al Segretario Generale del CONI: tali discipline tengono conto delle istanze provenienti dalla base associativa; 3.creazione immediata di un tavolo tecnico permanente CONI/EPS, per lo studio e l'approfondimento della valenza delle nuove discipline sportive. Alle proposte avanzate dal Coordinamento Nazionale degli Enti di Promozione Sportiva, rese note con il Comunicato stampa pubblicato in esito all'incontro dello scorso primo

ora non lo sono più (?!), che valore avevano/avranno? Di fronte a tutto gli Enti • a che titolo questo il CONI, che di ha Prom concesso riconoscimento ai di fini botte credere non ilsolo per interessi sportivi ad un Ente in quanto "unico urgente presso il CONI con la quale richi organismo certificatore dell'effettiva "1. attività slittamento 2018 dalle del termine sportivaal svolta società utile dalle associazioni sportivesportiv coneriassestamento delle discipline dilettantistiche" può ex di officio 2. approvazione di un elenco discipline revocarne l'iscrizione? ha •presentato al Segretario Generale d la cancellazione dal Registro provenienti dalla base associativa; CONI comporta la decadenza dalle da quel momento 3. agevolazioni creazione fiscali immediata di un intavolo avanti: e per le annualità precedenti...?

l'approfondimento della valenza delle nuo In ogni caso non è ancora il momento

disperare. Prendete il Vostro statuto: Allediproposte avanzate dal Coordinamen analizzatelo nel suo complesso note con il Comunicato stampa pubblica (magari aiutandovi con questo nostro reazione del Segretario Fabbric approfondimento) e Generale soffermatevi modifiche "per una (fine disamina sull’oggetto sociale ideale).complessiva Fatto?

Bene. Se tra gli scopi ritrovate le discipline sportive già riconosciute dal attesa dunque di una comunicazion CONI potete tirare un bel sospiro di

In querelle su quali siano gli sport degni d ancora non trovano risposta:


RUBRICA MOVIDA

sollievo; se invece non le ritrovate, in assenza di nuove ed ufficiali prese di posizione del CONI, l’unica possibilità per poter con ragione richiedere l’iscrizione al Registro (indispensabile per gli Enti Sportivi al fine di poter godere delle agevolazioni fiscali riservate al settore) è modificare lo statuto sociale della Vostra Associazione/Società Sportiva, ovviamente a condizione che le attività proposte dall’Ente siano effettivamente sportive, poichè diversamente “le chiacchiere stanno a zero”.

Per ulteriori richieste specifiche e/o di approfondimento, si precisa che il presente articolo è stato predisposto a cura di: Dott. Stefano Bertoletti Dott. Alberto Gambone In un mondo sempre più “social” MOVIDA resta al passo con i tempi, motivo per cui ci potete seguire su tutti i social network ad oggi maggiormente utilizzati. In particolare, accanto al sito web istituzionale www.movidastudio. it ed al blog di approfondimento www.tuttononprofit.com, potete trovaci su Facebook (con l’account Equipe Movida e la pagina Tutto Non Profit), su Twitter (con l’account @ EquipeMovida), su Google+ (con la pagina Tutto Non Profit) e su Linkedin (con l’account Equipe Movida).

Delibera CONI 1566/2016: quali conseguenze per associazioni e

37


S C U O L A

D I

P A L L A V O L O

ANDERLINI NEWS

Immaginare un domani diverso: chi ci riesce? di Andrea Strozzi – LLHT.org

Negli ormai numerosi interventi che ho tenuto pubblicamente negli ultimi diciotto mesi (conferenze, presentazioni, workshop, eccetera…) c’è una sezione che non faccio mai mancare, perché riscuote regolarmente un interesse molto acceso. Si tratta di una rappresentazione in cui 8 bisogni fondamentali dell’essere umano, di cui 3 fisiologici (necessari cioè per la sopravvivenza) e 5 accessori (comunque fondamentali per condurre un’esistenza gradevole), vengono incrociati da un lato con le prassi consolidate negli ultimi decenni e, dall’altro lato, con le tendenze che ci sono in atto nella società e che vengono scientificamente ignorate dai grandi circuiti informativi mainstream. Circuiti informativi che – mi si con-

senta questa amara ma necessaria parentesi – hanno recentemente dimostrato al mondo intero la loro strutturale inadeguatezza nell’intercettare i grandi cambiamenti del presente, non essendo stati capaci di anticipare (ex ante) o di interpretare (ex post) né la Brexit, né l’elezione di Donald Trump. Preso quindi atto che non potremo aspettarci da televisioni e giornali di massa chiavi di lettura per il futuro che ci aspetta, diventa quindi necessario affidarsi a chi ha dato prova di lungimiranza sociologica ed economica. Ed è forse questo il motivo per cui, quando mostro questa slide a studenti, sindaci, amministratori o persone comuni, tutti sembrano fermarsi un attimo e fioccano le domande:

Per ognuna delle voci che compaiono nei riquadri della colonna di destra si potrebbe (anzi: si dovrebbe) tenere un seminario di mezza giornata. Ma non lo si fa. Perché la colonna di destra è… pericolosa. A volte la faccio precedere dal simbolo VM18. E’ infatti una colonna con tendenze… vietate ai minori! Perché preannuncia – o in qualche caso già consuntiva – i nuovi stili di vita che contraddistingueranno la popolazione occidentale, ormai sempre più disillusa dagli schemi mentali e dalle logiche comportamentali del secolo scorso, univocamente orientate alla crescita e all’espansione indiscriminate. In una parola: al delirio accrescitivo umano. Una follia a cui ormai nessuno crede più, ma che ci fa comodo continuare ad accarezza-


RUBRICA LLHT re a livello inconscio, se non altro per un fenomeno noto in psicologia come “dissonanza cognitiva”: anche se le evidenze contraddicono le nostre convinzioni (come quella che potremo continuare a crescere all’infinito in un pianeta dalle risorse finite), noi ci ostiniamo a credere a delle assurdità, pur di non scalfire le nostre credenze. Bene, al di là di questa lunga premessa, ho scelto di scrivere questo articolo per preannunciare un evento a cui parteciperò a Modena il prossimo 7 marzo, proprio perché esso si colloca alla perfezione nell’incrocio tra la colonna del “Nuovo Mondo” e quella del bisogno di “istruirsi”. L’evento sarà la proiezione in prima nazionale assoluta di “Figli della Libertà”, il nuovo film realizzato dai ragazzi del progetto Unlearning, un documentario del 2015 che ha riscosso un successo sensazionale in tutta la penisola, illustrando come sia possibile educare un figlio anche al di fuori dei circuiti pedagogici istituzionali. In parole più semplici: non mandandoli a scuola. Sembra una provocazione, ma non la è. Diversamente dalla legislazione di altri Paesi (come ad esempio la Germania e la Svezia), in Italia la Costituzione recita che ad essere obbligatoria sia l’istruzione, ma non la scolarizzazione. Di conseguenza, lo Stato ammette che possano essere le famiglie ad educare autonomamente i propri figli, purché siano in grado di fornire ad essi tutti i precetti per condurre una vita sana e in armonia con la natura o, più in generale, con il contesto che andranno ad abitare. Stiamo parlando di scelte forti. Più o meno come quella di chi, esattamente tre anni fa, ha deciso di ripudiare di punto in bianco il mondo del lavoro stipendiato, per orientare la propria esistenza all’insegna della sufficienza e del minor impatto ambientale possibile: ne conoscete qualcuno? ;-) Esistono due forme di educazione parentale: la prima è quella che viene definita “home-schooling” e che prevede che siano appunto le famiglie – magari consorziandosi – a impartire

l’educazione necessaria ai propri figli, sottraendoli così agli standard educativi tradizionali di scuole elementari, medie e superiori, spesso orientate non a crescere dei cittadini coscienziosi, ma dei consumatori ubbidienti. In questa variante, la famiglia si impegna a concordare con l’istituzione scolastica obbligatoria un esame di fine anno, che consenta la reciproca verifica dell’ottenimento di risultati non dissimili da quelli che avrebbe previsto la regolare iscrizione alla scuola. La seconda versione, definita “un-schooling” è ancora più estrema e prevede che la famiglia, non riconoscendo all’istituzione scolastica alcuna facoltà educativa, non si preoccupi nemmeno di condividere una verifica annuale dei risultati raggiunti. Qualcuno penserà a questo punto che si tratti di scelte folli e scriteriate. A questo qualcuno lascio che a rispondere siano le oltre settecento persone che da tutta Italia si sono radunate anche l’anno scorso, per la quarta volta, a Rimini, dove ho avuto il piacere di tenere una conferenza sui nuovi modelli culturali in atto. “Figli della libertà” parlerà proprio di questo. Avvalendosi delle testimonianze e delle intuizioni di tanti home-schoolers, dei loro genitori, di pedagogisti, scrittori, registi e altri personaggi della cultura, tenterà di illustrare alla società civile la legittimità di questa scelta, i rischi che si corrono e le opportunità a cui si va incontro. La formula adottata dai registi per la promozione è molto interessante: il film verrà trasmesso in simultanea nelle principali città italiane, facendo precedere la proiezione da una breve conferenza (con dibattito finale) tenuta da un relatore locale. Che, per Modena, sarò appunto io. Vi aspetto quindi la sera del prossimo martedì 7 marzo alla Sala Truffaut (via degli Adelardi 4, in centro storico) per guardare insieme questo film, per parlare di stili di vita alternativi e, forse, anche per darci una mano a vicenda nell’immaginare meglio il futuro che ci aspetta…

HIGHLIGHTS

D

Chi è Andrea Strozzi

opo una carriera di quindici anni nella governance di alcuni gruppi bancari nazionali, in cui si è occupato di sviluppo del Personale, performance-management, pianificazione strategica e M&A, oggi Andrea Strozzi ha scelto di dare priorità ai Valori in cui crede: oltre a gestire il suo blog e a a scrivere su “Il Fatto Quotidiano”, Andrea Strozzi collabora attualmente con PAEA – Progetti Alternativi per l’Energia e l’Ambiente e con il PER – Parco dell’Energia Rinnovabile, una struttura ricettiva unica in Italia (situata sulle colline umbre), esclusivamente alimentata da fonti energetiche rinnovabili ed espressamente concepita per l’ospitalità e la didattica ricreativa sui temi dell’ecosostenibilità e del risparmio energetico.

Evento facebook: https://www.facebook. com/events/1618079311835170/?active_ tab=about Elenco dei relatori: http://www.unlearning.it/relatori.pdf Trailer: https://www.youtube.com/ watch?v=90DCDPZi3T8


SANAMED SRL - VIA ISAAC NEWTON, 15, 41015 NONANTOLA (MO) - TELEFONO: 059 544511

www.sana-med.it

40

#SANAMEDforanderlini


L' articolazione del ginocchio l ginocchio è un articolazione molto sollecitata durante l'attivita sportiva e la vita di relazione. Ogni volta che mettiamo in carico l'arto inferiore al suo interno si sviluppano forze di carico che risultano molto elevate (anche nel semplice cammino) a causa delle forze prodotte al suo interno, queste vengono aumentate dalla presenza di leve svantaggiose (di 3 grado) che aumentano le sollecitazioni nelle zone inserzionali tendinee (sottorotuleo) o all'interno dell'articolazione stessa creando così iperpressioni rotulee che causano l'usura della cartilagine intraarticolare (femoro-rotulea).

MUSCOLI E FASCIE Il muscolo piu interessato è il quadricipite che come si puo capire dal nome stesso è composto da 4 capi, quelli che causano i problemi sono i due vasti (esterno-interno o mediale). L'errato utilizzo di questi 2 muscoli crea un disallineamento (tilt) che fa si che la rotula lavori in modo errato (come accade per le ruote della macchina con problemi di convergenza).

ORIGINE Spesso le cause non sono da ricercare nel ginocchio ma nelle articolazioni a monte (anca e rachide in toto) o a valle (piede e caviglia). Limitazioni del range of motion (rom) delle articolazioni sopra citate porta agli atteggiamenti di carico errato. La situazione più comune si manifesta con la presenza di un piede piatto e con limitazione della rotazione interna dell'anca ,questa situazione porta al cedimento del ginocchio verso la linea mediale del corpo( gamba ad X) e a una difficolta di estensione del ginocchio causando una tensio-

di Christian Cinelli, Fisioterapista S.di P.

ne fasciale posteriore che viene generata da questi "vizi" posturali.

CONSEGUENZE il ginocchio trovandosi in atteggiamento di leggera flessione fa si che durante le fasi di carico ( anche il cammino) porta le porzioni inserzionali (sottorotuleo) ad una situazione di stress ,questa continua sollecitazione è la causa di irritazione che provoca il dolore che può essere discontinuo(1 fase) o porta a infiammazioni persistenti con dolore continuo (2 fase). Durante la fase di cresita questo eccessivo carico risulta essere molto problrmatico a causa della presenza di una cartilagine di accrescimento (punto debole) nella parte inserzionale tibiale del tendine rotuleo (conosciuto come morbo di osgood sclatter). Di solito questa fase infiammatoria non porta mai al gonfiore dell'articolazione del ginocchio ma solo della porzione sottostante il legamento sottorotuleo irritando oltre al tendine la parte adiposa sottostante (corpo di hoffa) creando ispessimento del tessuto (leggero gonfiore sotto-rotuleo). Nella prima fase i dolori sono presenti solo durante l'attivita sportiva o dopo sollecitazioni prolungate, come cammino o corsa soprattutto in discesa. Se i sovraccarichi non vengono modificati l'infiammazione puo diventare piu importante e perdurare anche i giorni seguenti l'attivita e soprattutto alla notte (fase 2)!

EVOLUZIONE Nella prima fase il dolore si risolve spontaneamente e difficilmente si corre "ai ripari".

Il perdurare di queste anomalie di carico fa si che componenti piu "nobili" continuino a subire sollecitazioni portando la cartilagine femoro-rotulea a deteriorarsi, la situazione evolve in fenomeni infiammatori intraarticolari persistenti (il ginocchio si gonfia) costringendo alla sospensione dell'attività e conseguente richiesta di "aiuto".

CONSIDERAZIONI Nella prima fase (infiammazione sotto-rotulea) quasi mai si sospende l'attività e quasi mai si interviene per correggere la situazione in quanto il dolore non è continuo e il ginocchio non presenta segni di gonfiore visto che la parte tendinea risulta anatomicamente esterna alla capsula articolare del ginocchio. Questo risulta essere un errore di valutazione importante perche si continua a mantenere una situazione di stress e di sovraccarico e quindi di usura! Quasi sempre (e questo è il motivo per cui si sottovalutano i primi sintomi) il dolore si manifesta senza una diretta causa (trauma) ma insorge in maniera subdola, addirittura nella seconda fase il ginocchio si gonfia a volte anche in modo importante senza una causa apparente.

CAUSE Eccezione viene fatta per i problemi strutturali congeniti (piattismo-ginocchia ad X) che solitmente però vengono compensate dalla natura e quindi dal corpo stesso!! L'origine è quasi sempre da ricercare in vecchi traumi di piccola o grande importanza che hanno lasciato sulla nostra struttura "segni" (limtazione del rom articolare) del loro passaggio. La necessita di ritornare alle proprie attivita (sportive e sociali) ci porta

41


42


RUBRICA SANAMED

a chiudere anticipatamente la fase di recupero con la fine del dolore e quindi a non proseguire con gli allenamenti specifici per lungo tempo, è chiaro che piu i traumi sono importsnti piu bisogna continuare a lavorare in modo specifico anche quando le attivita sono riprese al 100%.

CONCLUSIONI

AFFONDO SCORRETTO

AFFONDO CORRETTO

Risulta essere molto importante non sottovalutare le prime isorgenze di dolori e sopratutto riconoscerle (spesso i ragazzi non riferiscono di avere avuto un leggero dolore al ginocchio) in quanto in questo momento la correzzione risulta essere piu facile ed immediata non portando a nessuna sospensione delle attivitĂ sportive.

Durante questa fase il carico si centralizza, rispetto alla linea mediana del corpo, e si lavora maggiormente con la componente muscolare laterale del dell arto-interiore generando lo stress del comparto femoro-rotuleo.

AFFONDO MONO-PODALICO SCORRETTO

AFFONDO MONO-PODALICO CORRETTO

43


Galvani for Anderlini

di Fabio Galvani

Prevenzione e condivisione il nostro presente per un futuro insieme.

Il progetto legato alla partenrship con la Scuola di Pallavolo Anderlini si basa sulla prevenzione visiva. Abbiamo inziato da metà febbraio ad effettuare all'interno dei nostri punti vendita screening visivi ad atleti e dirigenti per: scoprire, segnalare, ed aiutare a gestire eventuali ametropie visive cercando così di dare un concreto contributo alla crescita dei bambini prima, adolescenti ed adulti poi. Prevenire è importante a tutte le età, sapere e conoscere la salute dei propri occhi spesso permette di evitare problematiche spesso asintomatiche irreversibili se scoperte quando già manifestate.

Alcuni esempi: I glaucomi  sono un gruppo molto diversificato di malattie oculari, accomunate dalla presenza di un danno cronico e progressivo del  nervo ottico, con alterazioni caratteristiche dell'aspetto della sua "testa" (che si può osservare con esame del fondo oculare) e dello strato delle fibre nervose retiniche. Il glaucoma può provocare lesioni irreversibili: se non diagnosticato in tempo può causare gravi danni alla vista e, in alcuni casi, ipovisione o  cecità. Negli stadi più avanzati si ha una visione cosiddetta "tubulare", poiché si è persa la  visione periferica  mentre si vede ancora al centro del campo visivo. L'anisometropia  (dal greco "non uguale misura di vista") è la condizio-

ne in cui i due occhi hanno una rifrazione diversa: un occhio è emmetrope  (normale) e l'altro  ametrope  (con un vizio di refrazione), oppure il tipo o il grado di ametropia sono diversi nei due occhi. Se un occhio è ipermetrope e l'altro miope si utilizza talora il termine "antimetropia". In genere è importante quando la differenza supera le 2 diottrie. Infine, la  cataratta  è un processo di progressiva perdita di trasparenza del  cristallino  nell'occhio  che comporta una diminuzione della  vista. Può interessare uno o entrambi gli occhi. Spesso si sviluppa lentamente e si verifica soprattutto con l'aumentare dell'età. I  sintomi  possono includere colori percepiti sbiaditi, visione offuscata, aloni intorno alle luci, problemi con luci e difficoltà


RUBRICA GALVANI

a vedere di notte. Ciò può portare difficoltà nella guida di autoveicoli, nella lettura o nel riconoscere i volti. Una vista scarsa può anche tradursi in un aumento del rischio di cadute e di depressione.  La cataratta è la causa di metà dei casi di cecità e del 33% delle disabilità visive in tutto il mondo. Galvani è un'azienda con 8 punti vendita: • 4 a Modena e 3 in provincia, Scandiano, Formigine e Castelfranco, a insegna fabbrica galvani; • 1 a insegna Galvani in via emilia centro sempre a modena. I nostri riferimenti: www.galvanishop.com  sito di riferirmento per il nostro punto vendita sito al centro di modena fabbricagalvani.com invece è il riferimento per gli altri punti vendita, con store locator e orari di ogni singolo negozio. fabiogalvani.me  invece è il legame diretto con il titolare raggiungible anche su whataspp sul 3482419490.

45

S.di P. Anderlini News n.97  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you