Page 1

14 LUGLIO 2000

n° 87/2000

5

Editors: Domenico Cilenti email: nicocilenti@gmail.com/Joan Nickles email: joannickles@gmail.com

The

TRAVEL LER

Which way next for tourism in Turkey? English/Italiano

ASSOCIATE PROFESSOR NEVZAT SAYGILIOGLU,

Undersecretary of the Ministry of Tourism.

“TURKEY IS AN OPEN-AIR MUSEUM. Here you can see so many civilizations all together, because Turkey provides the bridge from one to the other,” commented Mr. Erkan Mumcu, Minister of Tourism at the opening of the 3rd Handicrafts Festival of the Eastern Anatolian Region at Erzurum.

T

valled open air museum for the monuments of more than a dozen distinct civilizations. Mankind is what it is because of his magnificent past. We are proud to be the custodian of an important part of this rich past and extremely happy to share its beauties with the people of yet other and creative and art loving countries.” Heralding the Minister’s arrival at the Festival - the exotic sounds of cymbals, drums, flutes and trumpets of the military band of the former Ottoman Empire, impeccably adorned in predominant reds, greens and gold, and topped off with red and white turbans, yellow and red patin leather shoes, and full moustaches. “We have many traditions, treasures of the past to offer the world”, the Minister continued. “Turkey is an open-air museum. Here you can see so many civilizations all together, because Turkey provides the bridge from one to the other.” Forty journalists from 43 countries were present at the Festival, which presented original products from 14 neighboring provinces of eastern Turkey with TURKEY’S MINISTER OF TOURISM MR. ERKAN such exotic names as Ardahan, MUMCU opened the 3rd Handicrafts Festival of the Malatya, Bitlis, Elazig, Kayseri, Eastern Anatolian Region at Erzurum. Previous Agri, Bingol, Tunceli, Erzincan, festivals were held in Capodoccia and Mardin. Mus, Van, Kars, Igdir, Hakkari. On view were the traditional handicrafts of eastern Turkey: “We don’t have only one type of tourism carpets, kilims, hand-carved silver belts, oltu product, not only sun, sand and sea,” commen- (black amber) necklaces and bracelets adorned ted Mr. Erkan Mumcu, Minister of Tourism at with silver or gold, mosaics, pottery, copper sathe official opening of the Handicrafts Festival movars, lace and bead work, hand knitting, wicof the Eastern Anatolian Region, held this year ker work, silks... not to mention provinces rewithin the 13th century Double Minaret Ma- nown for cheese, honey and apricots. “These products will be promoted throudrasa of Erzurum. “Modern Turkey has inherited an historical and cultural tradition impressi- ghout other Turkish cities and the world,” noted ve in its richness and vitality. Since 9.000 B.C. a Associated Professor Nevzat Saygilioglu, Unsuccession of races of diverse cultures and reli- dersecretary of the Ministry of Tourism. “This is gions have inhabited Anatolia, whose varied and beautiful landscape today serves as an unriour operators, skilled in beavering out “new” destinations, will be probing deeper into eastern Turkey and the once rich cities along the ancient Silk Route and upper Mesopotamia. To date, there are still countries - Turkey being the prime example where the artistic heritage is largely ignored in the tourist rush for the beach.

MUSICIANS of the military band

of the former Ottoman Empire.

HERALDING THE ARRIVAL

of Turkey’s Minister of Tourism the music of the military band of the former Ottoman Empire. tourism: genuine hospitality, which along with the secret of the region’s fascination - the rhythms of life and traditions lost elsewhere make Eastern Turkey a necessary destination for connoisseur travellers.

A

natolia, the “Land of the East”, with its 14 different dialects and 50 different ethnic groups, united in dance, song, javelin horseback riding games, a culinary tradition based on genuine ingredients - from baklava (a sweet dessert of nuts and honeyed syrup) to kebabs and turkish coffee and raki. Mountains, coastlines, large towns such as Erzurum or Gaziantep, small villages, and natural uncontaminated lakes and countryside. Castles, minarets, ancient cities... many of which are only being brought to light in this century. Erzurum is the largest city of eastern Turkey that once saw caravans on route from Europe and Costantinopoli (Istanbul today) to Russia and Persia. Nestled on a high plaON VIEW IN ERZURUM, traditional handicrafts of teau (1853 meters), Ereastern Turkey: from carpets and kilims to hand-carved zurum today is a lively silver belts, oltu necklaces and bracelets and renown modern university and edible products such as apricots from Malatya. congress center, and a winter sports area which can be reached the beginning of an important project - added Mr. Osman Derya Kadioglu, Governor of Erzu- by train, car and air. The new Tour Inn Palan Otel with a breathrum - to show the riches of the Anatolian region in order to improve the economies of these ea- taking view of Erzurum and the expansive view of the countryside is only 300 meters from the stern provinces.” Indirectly, and more importantly, the Festi- gondola and chair lifts to the magnificent Paval promoted the prime ingredient of quality landoken Mountain. Extremely comfortable,

MR. OSMAN DERYA KADIOGLU,

Governor of Erzurum. from baby sitters to saunas, indoor swimming pool and disco. For further information on the Tour Inn Palan Otel, tel. 90 442 317 07 07 or fax 90 442 317 07 00, e-mail: tourinn@superonline.com; www.tourinn.com. Lunch or dinner at Casa Erzurum is a must. And not only for its traditional cooking. It is a living museum. Very old traditional wooden homes in the historic center of Erzurum have been restored and connected with each other to form an interesting labyrinth of rooms now adorned with tapestries, pottery, wooden ornaments... all for the enjoyment of tasting the succulent dishes of eastern Turkey. It’s interesting to note that Casa Erzurum is a restaurant in which all profits are used for improvements to the historic sites. Do ask about special events at the new university auditorium, such as the incredibly talented student performances of original Turkish music with the university choral group and orchestra. And while in Erzurum don’t miss the javelin horseback riding games, called Cirit, a sport followed as passionately as the national soccer teams in Turkey. And rightly so! The horses used for this sport are extremely agile and energetic, moving full-circle at the command of the rider. And then, the riders! Oh, they are competition for the best of any rodeo ever seen! And all in Erzurum! With a leisurely two-hour drive eastward towards Iran one reaches Mount Ararat (5,137 m), believed to have been the highest point of land where, according to the ancient poem “Gilgamesh”, Noah and his Ark landed after the great flood. An expedition was made in 1955 claiming to

have found wooden remnants of the Ark, dating from a former glacial period. Then, in 1982 another expedition conducted by ex-astronaut James Irwin could not substantiate any corresponding proof of the Ark’s former existence on Mount Ararat. The last known expedition, in 1985, made by American-born David Fusold, claims to have discovered the cypress wooden Ark at Musa Dagi, near the village of Uzengili east of Dogubeyazit. French documents confirm this to be, in fact, Noah’s Ark. To believe or not believe? Travellers to Eastern Turkey still have the chance to lead their own expeditions and claim new findings, or substantiate those of previous epochs. The greater part of southeast Anatolia is hot and arid with huge plateaus: from 500 meters at Sanliurfa to 1725 meters at Van. The inhabitants of this area are predominantly Kurds, whose primary activity is agriculture. With the opening in 1982 of the gigantic Ataturk dam, which is part of the Gap project, this formerly poor but rich land has already become one of the most productive agricultural areas due to irrigation of former desert land. About half an hour from the main road overlooking Mount Ararat is the overwhelming castle that blossoms out from the mountain. The castle Ishak Pasa Sarayi was begun in 1685, and finished in 1784 by Ishak (Isaac). The castle dominated the entire region, a biblical landscape even today... even though deserts are being replaced today with irrigated lands and poplar trees due to the Cermek dam. Outstanding are the combined architectural elements of the Seleucids, Ottomans, Georgians, Persians and Armenians. The enormous powerful portal

continued

“MODERN TURKEY HAS INHERITED AN HISTORICAL AND CULTURAL TRADITION impressive in its richness and vitality. Since 9.000 B.C. a succession

of races of diverse cultures and religions have inhabited Anatolia, whose varied and beautiful landscape today serves as an unrivalled open air museum for the monuments of more than a dozen distinct civilizations,” commented Mr. Erkan Mumcu, Minister of Tourism at the Handicrafts Festival of the Eastern Anatolian Region.


6

MR. ERKAN MUMCU, MINISTER OF TOURISM.

continued from page 5 entrance leads to an open air court, and, unfortunately for those who visit the castle, the former gold-plated doors are now to be found at the Hermitage Museum in St. Petersburg. The castle’s 336 rooms provided welcome repose along the Silk Route for those moving in caravans. Interesting is the toilet room, one of the earliest of its kind at that time; not even Europe could claim to possess such a WC. And the Turkish bath room with heating under the marble floors! There were 24 rooms for the concubines, who came from Eastern Europe, Persia and the Caucasian region. It was a privilege to be a concubine to a Sultan; they were well educated, played instruments, and while in Istanbul, learned other languages. The Sultan’s favorite concubines were awarded the second floor of the castle... only the better to look down upon... and dominate! Travelling south from Ishak Pasa, one reaches Van whose lake is larger than any in Europe. The city Van, in the Bible called Ararat, was the Urartian capital which flourished from the 13th-7th century B.C.. The Urartians were merchants and farmers and worked extremely well metals and the cutting of stones. After the Urartians, then came, among so many, the Assyrians, Hittites, Mittanians, Armenians, Romans, Arabs, Byzantines, Seleucids and, last but not least, Russians, who occupied Van from 1915 to 1917. Van Lake, 200 km from one end to another with a depth of 420 meters, is so strongly alkaline that clothes can be washed in its waters without the need of soap. While the composition of its waters is interesting to note, what is worth seeing is Akdamar Island on Van Lake and its Armenian Church of the Holy Cross,

dating from 921 A.D., full of relief sculptures and predominantly blue frescoes within dating from the 17th century. A single dome dominates the church with side chapels built in the 17th century. There was once a staircase leading to the balcony, later replaced with a bell tower. The church, which will soon be put under restoration, was in reality a monastery used until the early 20th century. A curious note about the legend of the lion headed fish (like the Loch Ness legend), in relief sculpture on the facade of the church. A year ago, journalists were flown to Van in order to be living witnesses to the spectacle of the Van Lake lion-fish monster. Needless to say... journalists present had a wonderful time! Sunset from the Castle ruins overlooking Van Lake is luscious and worth the short climb up, especially after a leisure browse around the shops in Castle side park, and a savory taste of gozleme (crepes with delicious local cheese and meat fried in sunflower oil), and a glass of ayran (yoghurt with water and salt), prepared by Nedim Sahin. A delicious end to a stay around Van Lake is an evening of dancing to popular Turkish music, to which the Mayor of Van, Mr. Sahabettin Ozarslaner, joined in. While enjoying ancient traditions and culinary experiences, Mr. Ozarslaner talked about the new congress hall under construction in Van, coinciding with the opening of tourism is eastern Turkey. Not to be forgotten are the beautiful cats of Van... in fact, the symbol of Van. It has thick white fur and one blue and one yellow eye.

Turchia da “Mille e una notte” Lasciatevi conquistare da una terra ricca di tesori, in cui arte e cultura si sposano in un paesaggio meraviglioso e dove si respira ancora il fascino di antiche civiltà

The Traveller Special Turkey Text by Joan Nickles Photos by Domenico Cilenti

“I came, I saw, I conquered”. No visitor, returning home after travelling through Asia Minor, would feel himself to exagerate while repeating in a slightly modified version this famous phrase of Cesare about one’s voyage... “I came, I saw, I was conquered”, conquered by the countryside, by the monuments and by the people of this marvelous country called Turkey.

H. Öznur Cilingiroglu

A SCENE FROM CASA ERZURUM, a living museum of the 1500s.

HERALDING THE OPENING

of the 3rd Handicrafts Festival of the Eastern Anatolian Region at Erzurum the music of the military band of the former Ottoman Empire.

Gap - Progetto Anatolia Meridionale Da anni segna la crescita dell’Anatolia e del paese

L

WHAT IS WORTH SEEING ON VAN LAKE is Akdamar

Island and its Armenian Church of the Holy Cross, dating from 921 A.D., full of relief sculptures and predominantly blue frescoes within dating from the 17th century.

A DELICIOUS END TO A STAY AROUND VAN LAKE IS AN EVENING OF DANCING TO POPULAR TURKISH MUSIC,

to which the Mayor of Van, Mr. Sahabettin Ozarslaner (above), joined in. While enjoying ancient traditions and culinary experiences, Mr. Ozarslaner talked about the new congress hall under construction in Van, coinciding with the opening of tourism is eastern Turkey.

a Turchia è un paese emergente, ricco di potenzialità ancora non pienamente sfruttate e secondo l’OECD (Organization for Economic Cooperation and Development) si classifica al 19° posto nella scala delle economie mondiali. Ogni regione del paese è tesa all’analisi e allo sfruttamento del proprio patrimonio e l’Anatolia non è certo da meno. A sostenere lo sforzo della regione, contribuisce il Gap (Progetto Anatolia Meridionale). Un’attività che si sta sviluppando da 30 anni e che fra le altre iniziative, sta sostenendo il settore tessile e tutta una serie di interventi che riguardano l’area del Tigri e dell’Eufrate. Sui due fiumi sono state costruite rispettivamente 8 e 14 dighe, che hanno la funzione di generare corrente elettrica per tutto il paese e di fornire acqua corrente, che viene anche esportata. L’esportazione dell’acqua è un punto estremamente significativo nell’ambito dei rapporti mediorientali, tant’è che la Turchia ha raggiunto un accordo per la fornitura ad Israele delle acque del fiume Manavgat, attraverso l’im-

pianto che sorge nella regione della città di Antalya. Un accordo che per Israele riveste una grande importanza, alla luce dei suoi bisogni e della scarsità di piogge che sta registrando, che nel 2001 potrebbe portare ad un razionamento. Dopo anni di lavoro, si cominciano a vedere i risultati del Gap, cui si sta affiancando il completamento dell’oleodotto Baku-Ceyhan (da 2,7 miliardi di dollari) che collega la Turchia all’Azerbaijan via Georgia e delle forniture di gas naturale sempre da parte dell’Azerbaijan. Operazioni rese necessarie dal fabbisogno nazionale, che viene soddisfatto dall’industria estrattive del paese solo nella misura del 25%. Elemento importante in Anatolia è anche il settore agricolo, supportato dal Gap con tale efficacia da rappresentare una voce molto importante nell’ambito della produzione industriale turca. Infatti, la crescita registrata dal paese del 2-4%, è dovuta in buona parte al successo in Anatolia dei metodi di irrigazione meccanica, che hanno consentito un aumento della

produzione pari al 60%. Una volta era un deserto, ora, grazie ai sistemi di irrigazione, si ottengono otto raccolti l’anno. Fra i prodotti più importanti l’olio d’oliva, i pistacchi, la frutta e le nocciole. Segni incoraggianti giungono anche dall’estero. Basti pensare ai 4,4 milioni di dollari che la Svizzera metterà a disposizione della Turchia, perchè siano impiegati nel Gap con lo scopo principale di aiutare i giovani e per dare un input allo stato sociale delle donne. Altro episodio incoraggiante è la decisione della UE di aprire un centro d’Affari a Gaziantep, nel cuore dell’area interessata dal Gap. Ciò che appare comunque chiaro, è la ricerca della regione di nuovi investitori, che operino fra l’altro nel settore delle infrastrutture turistiche per le quali sono previste incentivazioni, come d’altronde per l’impianto di nuove industrie nel territorio. Un nuovo stabilimento che venisse avviato in Anatolia, ad esempio, godrebbe di tutta una serie di vantaggi, tra cui un certo periodo di esenzione dalle tasse, oppure l’erogazione gratuita dell’energia elettrica.


7

14 LUGLIO 2000

I

I tour operator, abili nello scovare nuove destinazioni, staranno sondando più a fondo nella Turchia orientale e nelle città, una volta ricche, che costellano l’antica Via della Seta e l’Alta Mesopotamia. Ci sono ancora paesi, e la Turchia ne è un chiaro esempio, dove il patrimonio artistico viene ampiamente ignorato nella corsa turistica alla spiaggia esotica. “Non abbiamo soltanto un tipo di prodotto turistico, non soltanto sole, sabbia e mare”, ha commentato Erkan Mumcu, Ministro del Turismo, all’apertura ufficiale del Festival dell’Artigianato dell’Anatolia Orientale, tenuto quest’anno nel minareto Madrasa di Erzurum, datato al XIII secolo. “La moderna Turchia ha ereditato un’impressionante tradizione storica e culturale nella sua ricchezza e vitalità. Dal 9000 a.C., popoli di diverse culture e religioni hanno abitato l’Anatolia, il cui vario e meraviglioso paesaggio funge oggi da museo all’aria aperta, che non teme rivali per la presenza di monumenti lasciati da più di una dozzina di distinte civiltà. L’umanità è quella che è per il suo grandioso passato. Siamo orgogliosi di essere i custodi di una parte importante di questo ricco passato ed estremamente felici di condividere le sue meraviglie con i popoli degli altri paesi che amano l’arte”. L’arrivo del Ministro al Festival è stato annunciato dai suoni esotici dei cimbali, dei tamburi, dei flauti e dagli squilli di tromba della banda militare dell’ex Impero Ottomano. I componenti della banda erano impeccabilmente abbigliati con i colori del rosso, del verde, dell’oro, con turbanti rossi e bianchi e le scarpe di pelle rosse e gialle e sfoggiavano imponenti baffi. “Abbiamo molte tradizioni, tesori del passato da offrire al mondo”, ha aggiunto il Ministro. “La Turchia è un museo all’aria aperta. Qui si possono osservare le vestigia di diverse civiltà, tutte assieme, perché la Turchia è stata il ponte che le ha unite”. Quaranta giornalisti di 43 paesi erano presenti al Festival, dove sono stati presentati prodotti originali di 14 province vicine della Turchia Orientale, con nomi esotici come Ardahan, Malatya, Bitlis, Elazig, Kayseri, Agri, Bingol, Tunceli, Erzincan, Mus, Van, Kars, Igdir e Hakkari. Sono stati esposti oggetti tradizionali della regione come: tappeti, “kilim”, cinture in argento fatte a mano, collane e braccialetti in ambra nera adornati con oro ed argento, mosaici, ceramica, “samovar” in rame, merletti e perle, lavori a maglia, oggetti in vimini, sete … per non citare le province conosciute per il formaggio, il miele e le albicocche. “Questi prodotti saranno promossi in altre città turche e nel mondo”, ha detto Nevzat Saygilioglu, professore associato e sottosegretario al Ministero del Turismo. “Questo è l’inizio di un’importante progetto - ha aggiunto Osman Derya Kadioglu, governatore di Erzurum - per mostrare le ricchezze dell’Anatolia e migliorare le economie di queste province orientali”. Indirettamente, e in modo meno evidente, il Festival ha promosso il primo elemento del turismo di qualità: l’ospitalità genuina, che insieme al segreto del fascino della regione - i ritmi di vita e le tradizioni perdute altrove - fa della Turchia Orientale una destinazione da non mancare per gli intenditori dei viaggi. L’Anatolia, “Terra dell’est”, con i suoi 14 dialetti e 50 diversi gruppi etnici, uniti nella danza, nelle canzoni, nei giochi con i cavalli e in una tradizione culinaria basata su cibi genuini - dal baklava (dolce di nocciole e sciroppo al miele) ai kebab al caffè turco e al raki. Montagne, coste, grandi cittadine come Erzurum o Gaziantep, campagne che ospitano piccoli villaggi e laghi naturali incontaminati.

Castelli, minareti, antiche città … molte delle quali sono state portate alla luce in questo secolo. Erzurum è la più grande città della Turchia Orientale, una volta attraversata dalle carovane in viaggio dall’Europa e da Costantinopoli (l’attuale Istanbul) verso la Russia e la Persia. Situata su di un altopiano (1832 metri), oggi Erzurum è un moderno centro universitario e congressuale e una zona dove si svolgono gli sport invernali; può essere raggiunta con il treno, l’auto e l’aereo. Il nuovo Tour Inn Palan Otel, con una vista mozzafiato su Erzurum e sulla campagna circostante, è a soli 300 metri dalla seggiovia e dalla funivia che portano alle magnifiche montagne Palandoken. L’hotel è estremamente confortevole, con servizi che vanno dalle babysitter alla sauna, alle piscine e alla discoteca. Per informazioni sul Tour Inn Palan Otel, tel. 90 442 317 07 07, fax. 90 442 317 07 00, email: tourinn@superonline.com; www.tourinn.com. Il pranzo o la cena da “Casa Erzurum” è d’obbligo. E non solo per la sua cucina tradizionale. Si tratta di un museo vivente da 1500. Antiche case di legno tradizionali sono state ristrutturate e collegate le une alle altre per formare un originale labirinto di stanze ornate con arazzi, ceramica e oggetti in legno … tutto per godersi il gusto delle succulenti pietanze della regione. È interessante notare che “Casa Erzurum” è un ristorante in cui tutti i profitti vengono impiegati per migliorare i siti storici. Chiedete di assistere agli eventi speciali organizzati dall’Università, come le performance del coro e dell’orchestra, composti di studenti con incredibile talento che suonano musica turca tradizionale. E mentre siete ad Erzurum non perdetevi il gioco con i cavalli chiamato “Cirit”, uno sport seguito appassionatamente in Turchia al pari della nazionale di calcio. Ed hanno ragione! I cavalli usati per questi giochi sono estremamente agili ed energici e si muovono in cerchio al comando del cavaliere. E i cavalieri sono i migliori mai visti! E tutti ad Erzurum! Con due ore di piacevole guida verso l’Iran, si raggiunge il Monte Ararat (5.137 metri) che, secondo l’antico poema mitologico “Gilgamesh”, è il punto più alto in cui l’Arca di Noè approdò dopo il Diluvio Universale. Nel 1955, i membri di una spedizione sostennero di aver rinvenuto i frammenti in legno appartenuti all’Arca, datati ad un’antica era glaciale. In seguito, nel 1982, un’altra spedizione condotta dall’ex-astronauta James Irwin non poté convalidare alcuna prova della presenza dell’Arca sul Monte Ararat. L’ultima spedizione nella zona fu compiuta nel 1985 dall’americano David Fusold, che rivendicò di aver scoperto l’Arca in legno di cipresso a Musa Dagi, vicino al villaggio di Uzengili, a est di Dogubeyazit. Secondo alcuni esperti francesi, si tratta proprio dell’ Arca di Noè. Crederci o no? I viaggiatori che si recano nella regione hanno ancora la possibilità di condurre le loro spedizioni e rivendicare nuove scoperte o convalidare quelle di epoche precedenti. La maggior parte dell’Anatolia sud orientale è calda e arida con enormi altipiani: dai 500 metri di Sanliurfa ai 1725 metri di Van. Gli abitanti di questa zona sono soprattutto curdi e la loro attività primaria è l’agricoltura. Con l’apertura, nel 1982, della gigantesca diga di Ataturk, che è parte del progetto Gap, questa regione, una volta povera, è diventata una delle aree più ricche, grazie all’irrigazione, che ha reso coltivabile il deserto. A circa un’ora e mezza dalla strada principale che sovrasta il Monte Ararat, c’è l’imponente castello chiamato Ishak Pasa Sarayi. Iniziato nel 1685 da Colak Abdi Pasa, venne

portato a termine nel 1784 da un capitano curdo, Ishak Pasa Sarayi. Il castello dominava l’intera regione, che resta ancor oggi un paesaggio “biblico”… sebbene i deserti siano stati sostituiti da terre irrigate e da pioppi, grazie alla diga di Cermek. Nel castello si mescolano elementi architettonici dei seleucidi, degli ottomani, dei giorgiani, dei persiani e degli armeni. L’enorme ingresso conduce ad un cortile aperto e, sfortunatamente per quelli che visitano il castello, le antiche porte rivestite d’oro si trovano al museo Hermitage di San Pietroburgo. Le 336 stanze del castello accoglievano i mercanti in viaggio lungo la Via della Seta. È interessate la toilette, una delle prime di questo genere costruite a quel tempo; nemmeno l’Europa potrebbe rivendicare di possedere un WC simile a questo. E le sale del bagno turco con i vapori che salgono dal pavimento in marmo. C’erano 24 stanze per le concubine, che provenivano dall’Europa Orientale, dalla Persia e dal Caucaso. Era un privilegio essere la concubina di un sultano: venivano educate, imparavano a suonare gli strumenti musicali e, mentre erano ad Istanbul, studiavano le lingue straniere. Le favorite del Sultano abitavano il secondo piano del castello … il punto ideale per guardare giù … e dominare! Viaggiando verso sud da Ishak Pasa, si raggiunge Van, il cui lago è più grande di qualsiasi altro in Europa. La città era la capitale urartea che fiorì dal XIII al XVII secolo a.C., chiamata dalla Bibbia Ararat. Gli Urartei erano mercanti e contadini, lavoravano i metalli e tagliavano le pietre. Dopo di loro, giunsero gli Assiri, gli Ittiti, i Medi, gli Armeni, i Romani, gli Arabi, i Bizantini, i Seleucidi e i Russi, che occuparono Van dal 1915 al 1917. Il lago di Van, 200 km da una sponda all’altra e 420 metri di profondità, è così alcalino che nelle sue acque si possono lavare gli abiti senza sapone. Mentre è interessante notare la sua composizione, ciò che risulta incredibilmente interessante da visitare è l’isola lacustre di Akdamar e la sua chiesa armena della Santa Croce, risalente al 921 d.C., ricca di rilievi e di affreschi di colore blu datati al XVII secolo. Una sola cupola domina la chiesa, con cappelle laterali costruite nel 1600. C’era una volta una scala che conduceva alla balconata, poi sostituita da una torre campanaria. La chiesa, che sarà presto restaurata, era in realtà un monastero utilizzato fino all’inizio del XX secolo. È interessante notare che la leggenda di un pesce con la testa di leone (come il mostro di Loch Ness), riportata dai rilievi sulla facciata della chiesa, non ha trovato riscontro un anno fa, quando dei giornalisti sono stati invitati sul lago per assistere allo spettacolo. Nell’occasione, nessuno ha visto la creatura leggendaria, ma tutti si sono divertiti molto! Il tramonto, dalle rovine del castello che sovrastano il lago di Van, è meraviglioso e vale la breve scalata per arrivare fin lassù. Soprattutto dopo un giro nei negozi che si trovano nel parco del castello e dopo aver assaggiato le “gozleme” (crèpes con un delizioso formaggio locale e carne fritta in olio di girasole) e aver bevuto un bicchiere di “ayran” (yogurt con acqua e sale) preparato da Nedim Sahin. Una fine deliziosa per un soggiorno intorno al lago di Van è una serata di danze al ritmo della musica popolare turca, a cui ha partecipato anche il sindaco di Van, Sahabettin Ozarslaner. Il sindaco ha anche parlato della costruzione del nuovo congress hall, decisa dopo l’apertura del turismo nella Turchia orientale. Da non perdere i bellissimi gatti di Van … infatti, questi animali sono il simbolo della città. Hanno il pelo bianco e folto e sono noti per avere un occhio blu e uno giallo.

CASTLE ISHAK PASA SARAYI blossoming out

from the mountain.

YOUNG TURKISH CHILDREN

dancing to popular Turkish music

MOUNT ARARAT (5,137 m), believed to have been the highest point of land where, according to the ancient poem “Gilgamesh”, Noah and his Ark landed after the great flood.

ORIGINAL TURKISH MUSIC presented at the

new university auditorium in Erzurum.

“Venni, vidi, conquistai”. Nessun visitatore, rientrando a casa dopo aver viaggiato attraverso l’Asia Minore, sentirebbe di esagerare ripetendo, in una versione leggermente modificata, la celebre frase pronunciata da Cesare … “Venni, vidi, victus sum”, ossia “venni, vidi e fui conquistato”, conquistato dal paesaggio, dai monumenti e dalla gente di quel paese meraviglioso che è la Turchia.

H. Öznur Cilingiroglu

ENJOY A SAVORY TASTE OF GOZLEME

THE SYMBOL OF VAN.

(crepes with delicious local cheese and meat fried in sunflower oil), and a glass of ayran (yoghurt with water and salt), prepared by Nedim Sahin (above) at Van Castle Park.

INTERNO DEL CASTLE ISHAK PASA SARAYI.

JOURNALISTS FROM 43 COUNTRIES plus their Turkish colleagues “on tour”.

IN ERZURUM DON’T MISS THE JAVELIN HORSEBACK RIDING GAMES, called Cirit, a sport followed as passionately as the national soccer teams in Turkey.

OLCAY YILMAZ while kissing “with love”

the Turkish flag.


8

TURCHIA: ARTE CULTURA SPORT

14 LUGLIO 2000

Zeugma diventerà un museo a cielo aperto

ARCHEOLOGI ESAMINANO UNA STATUA IN BRONZO DI MARTE

alta quasi un metro e mezzo, che è stata giudicata una delle più belle del mondo, estratta dalle rovine di un'antica città che sorgeva sulle rive dell'Eufrate. La coppia di ville dove sono stati scoperti dei veri tesori, stanno scomparendo sotto le acque del bacino idroelettrico di Birecik, progettato per aumentare la produzione di elettricità nella regione.

La costruzione della diga di Birecik ha risparmiato la parte più importante dell’antica città di Zeugma

T

recento anni prima di Cristo, Zeugma , che in greco antico significa “ponte”, divenne il quartier generale di Seleuco I, luogotenenete di Alessandro Magno, che avrebbe dato origine alla dinastia Seleucide. Da allora la città è stata dapprima in mano ai Selgiuchidi, poi ai Romani e da qui partì la sfortunata campagna di M. Licino Crasso contro i Parti. La sconfitta, ad opera di Mitridate VI, costò ai romani e agli alleati 20.000 uomini, fra cui anche il triumviro, ucciso durante il tentativo di

ritirata verso la Siria. In questi luoghi morì anche l’imperatore romano Caracalla, che rientrava a palazzo dopo una visita al tempio di Sin. Ad ucciderlo i suoi stessi pretoriani. In seguito passò in mano ai Sassanidi, al nobile crociato Baldovino di Fiandra, a Saladino e infine agli Ottomani. Nell’antichità fu un importante centro commerciale, raggiungendo dimensioni ragguardevoli per l’epoca. Si stima che ospitasse circa 60.000 persone, compresa un’intera legione romana.

Lo sport nazionale, seguito e praticato con grande passione, sta raccogliendo ora i primi frutti di un lungo lavoro

Una successione di dominazioni che ha lasciato segni importanti nel tessuto urbano della città. E quando nel 1992 vennero accertate le prime scoperte, alcuni archeologi dissero che questi ritrovamenti rappresentavano il sogno che culla ogni studioso di antichità, senza dimenticare che in Turchia sono stati censiti oltre 40.000 antichi centri abitati ancora sepolti nel terreno. Destino di questi luoghi, come è accaduto a Zeugma, è di essere obbiettivo dei ladri, anche se a volte la fortuna è dalla parte degli studiosi. La prima grande scoperta avvenuta in questo luogo, infatti, è il mosaico che rappresenta il matrimonio di Dioniso e Arianna, che i ladri avevano tentato di trafugare senza successo. “Quando sono venuto qui per la prima volta - ha detto l’archeologo Mehmet Onal - nel 1993, abbiamo scoperto che i ladri stavano cercando di portare via un mosaico. E mi si sono rizzati i capelli sulla testa, quando mi sono reso conto di essere davanti a qualcosa che avevo visto solo sui libri. Un preziosissimo esempio dei vertici della civiltà Romana”. Contemporaneamente all’inizio dei lavori per la diga, si misero all’opera archeologi francesi e australiani e fu un gruppo proveniente dall’università di Nantes che nel settembre del ‘99, due giorni prima di partire, scoprì due ville romane. Fra i ritrovamenti più importanti, i mosaici che le decoravano e che sono stati considerati i più begli esempi al mondo del periodo romano. Questa città, visitata recentemente dal primo ministro turco Bulent Ecevit, e i suoi tesori, era al centro di un dibattito internazionale, perché la necessità di costruire una diga nei pressi del sito archeologico, avrebbe portato alla scomparsa di una parte della città. Da una parte c’era il consesso mondiale, che condannava la realizzazione del progetto, dall’altra il governo turco, che spiegava come fossero state prese le misure per consentire un efficacie lavoro agli archeologi. Da non dimenticare che gli iniziali dieci giorni concessi per concludere le attività di recupero, erano stati protratti a sei settimane in seguito ad un accordo firmato dal ministro turco della cultura. È una disputa antica, fra la fame di conoscenza degli studiosi e la necessità di sopravvivenza e di sviluppo di uno Stato. Era già accaduto con Abu Simbel e la diga sul Nilo che originò il lago Nasser, ora si è ripetuto qui, a Zeugma, con la diga di Birecik sull’Eufrate. Un progetto,

A

ALCUNI GIOCATORI DEL GALATASARAY, VINCITORE DELLA COPPA UEFA, a bordo

Taffarel, festeggia la conquista della Coppa UEFA a spese dell'Arsenal nello stadio Parken di Copenhagen, il 17 maggio scorso. Il Galatasary ha vinto 4-1 ai rigori.

del loro pulman, mentre vengono accolti come eroi da migliaia di tifosi al loro ritorno ad Istanbul. Da sinistra a destra: Hakan Unsal, Emre Belozoglu, Hasan Sas, Umit Davala, Okan Buruk e Hakan Sukur.

GHEORGE POPESCU

del Galatasaray esulta dopo la realizzazione del rigore della vittoria contro l'Arsenal, nella finale di Coppa UEFA.

Va infatti ricordato come nella regione siano estremamente necessarie queste opere idriche, che consentono di aumentare la produzione di energia elettrica, l’erogazione di acqua potabile e soprattutto di sostenere l’agricoltura con nuovi impianti di irrigazione. Secondo alcuni esperti, ritardare ancora l’esecuzione del progetto avrebbe significato per la produzione una perdita economica di tre mesi. Alcune stime parlano addirittura di una perdita di 30 milioni di dollari. Che il governo non si sia dimostrato insensibile all’importanza dell’argomento, lo dimostrano in primo luogo i rinvii cui il progetto era stato sottoposto e la decisione di trasformare la parte della città che è rimasta emersa, in un museo a cielo aperto. Quanto finora recuperato è stato esposto nel museo di Gaziantep, dove sono ospitati i mosaici, gli affreschi, una statua del dio Marte alta un metro e trenta e il Dexiosi raffigurante Antioco I che porge la mano ad Ercole.

ARCHEOLOGI TURCHI ammirano il mosaico di un pavimento all'ingresso di una lussuosa villa che si affaccia sull'Eufrate, tra le rovine dell'antica Zeugma, nei pressi del villaggio di Belkis, a sudest della città turca di Birecik. Si ritiene che l'immagine di Arestelos, presente nel mosaico, si trovi davanti ad una villa appartenuta ad un comandante romano. ville romane, quelle con i reperti più preziosi, non furono certo costruite nella parte bassa, tutt’altro, quindi “niente di catastrofico”, come affermava l’archeologo David Kennedy. Perciò, pur comprendendo il naturale rammarico degli archeologi, bisogna riconoscere al governo turco l’attenzione alla storia, alla cultura e all’arte.

LE ROVINE DI EPOCA ROMANA DELL'ANTICA ZEUGMA, che

si affaccia sull'Eufrate nei pressi del villaggio di Belkis, a sudest della città turca di Birecik.

tutto calcio

sostenere la crescita del calcio turco è la situazione demografica del paese. La Turchia ha una popolazione di circa 62 milioni di abitanti che è in crescita, di questi circa il 35% ha meno di 14 anni e più della metà non arriva a 30.

IL PORTIERE BRASILIANO DEL GALATASARAY, Claudio

parte del Gap (Progetto Anatolia Meridionale), finanziato da un consorzio di 40 banche, fra cui la Chase Manhattan Bank, la Kwf Bank e la Bayerische Landesbank. Non si può nascondere che la formazione del bacino artificiale ha portato alla scomparsa di una parte della città, 700 ettari su una superficie complessiva di 2.000 e non tutta la città come veniva detto da alcune parti, ma questo è stato un danno minimo e il motivo va ricercato nella collocazione dell’abitato. La città è infatti addossata alla collina e le

Questi giovani sono stati spettatori delle imprese delle loro squadre, con la vittoria del Galatasaray di Istanbul nella Coppa UEFA e l’accesso della nazionale turca ai quarti di finale del Campionato d’Europa 2000. Per i giovani turchi, il calcio è l’unico sport e i bambini, dal confine greco a quello iraniano, giocano con palloni di plastica ovunque sia possibile. I campi di calcio in erba regolamentari sono pochi e lontani, ma in ogni paese o città si trovano dei campetti, costantemente affollati di gente che gioca anche di notte con la luce artificiale. Gli spazi così ristretti hanno sviluppato una generazione di abili calciatori.

I calciatori nazionali rappresentano un modello di vita e le loro automobili sono oggetto dell’attenzione dei media. “In un paese come la Turchia, rappresentano per molti giovani non solo un’opportunità di diventare ricchi, ma anche di raggiungere la fama”, dice Murat Agca, giornalista sportivo del quotidiano Milliyet. Sostenuti da una tale passione, i maggiori club turchi hanno impostato un programma di infrastrutture e investimenti, particolarmente nel settore giovanile. Grandi società come il Besiktas, il Fenerbahce e il Galatasaray hanno sempre avuto forti legami con la comunità, collegamenti con scuole, collegi e altri club HAKAN SUKUR, KORKMAZ BULENT, minori. Negli anni ‘80 questi collegamen- ERDEM ARIF, KAYA SUAT E HASAN SAS ti sono stati formalizzati sotto forma di del Galatasaray (da sinistra a destra) aumento degli aiuti ai club, miglioramen- mentre festeggiano la conquista to dei campi e di una filosofia di sviluppo della Coppa UEFA contro l'Arsenal. del settore giovanile. I fondi sono stati forniti dalla nascita di ghe Hagi, che ha giocato nel Galatasaray per emittenti televisive private, che sono entrate quattro anni, a fianco del difensore Gheorghe con forza nella guerra dei diritti per la trasmis- Popescu. La loro bravura e la loro esperienza hanno aiutato a nascere una generazione di giosione del campionato nazionale. Più o meno nello stesso tempo, la nazionale vani calciatori del club. e i giganti di Istanbul sono stati presi in mano da allenatori stranieri, che sono andati a sostituire i loro colleghi turchi. Il tedesco Jupp Derwall al Galatasaray e il suo connazionale Sepp Piontek alla guida della nazionale turca. L’attuale generazione di allenatori turchi di successo è cresciuta sotto gli insegnamenti dei due tedeschi, come Mustafa Denizli che ha guidato la nazionale turca agli ultimi Europei e Fatih Terim che è diventato l’allenatore della Fiorentina. “Quello a cui assistiamo ora è veTIFOSI TURCHI SVENTOLANO ramente il risultato del lavoro di PionLE BANDIERE GIALLOROSSE tek e di quelli che hanno imparato da lui, Terim e Denizli”, ha aggiunto Ag- DEL GALATASARAY nel centro di Copenhagen il giorno precedente ca. Gli effetti dell’esperienza interna- la finale di Coppa UEFA. Migliaia zionale sono stati rinforzati dall’acqui- di turchi sono affluiti nella capitale sto indovinato di alcuni giocatori stra- danese per sostenere la propria squadra durante l'incontro di finale nieri. Il centrocampista rumeno Gheor- con l'Arsenal.


DNT n° 87/2000 by Cilenti/Nickles The Traveller Special TURKEY  

The Traveller-Special TURKEY-English-Italiano-Photographer Domenico Cilenti-Tourism-Erkan Mumcu-Minister of Tourism-Culture-Erzurum-Handicra...

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you