Issuu on Google+

31 MARZO 1-2 APRILE 2000

n° 44-45-46/2000

Editors: Domenico Cilenti email: nicocilenti@gmail.com/Joan Nickles email: joannickles@gmail.com

The

5

TRAVEL LER

Australia

900 boe alla scoperta dell’Oceano Meridionale Un nuovo progetto australiano per conoscere meglio le acque attorno all’Antartico e avere più informazioni sul clima del paese

G

L’EQUIPAGGIO DELLA “SURFBOAT” MOLLYMOOK DURANTE LA COMPETIZIONE “MASTERS SURFBOAT” A SYDNEY, IN AUSTRALIA. Le “surfboat” australiane sono

lunghe 26 piedi, fatte di lana di vetro e di compensato; il loro equipaggio è composto da quattro uomini che si confrontano con gli avversari per circa un km.

Information Tour Operators Acentro, Club Med, Hotelplan, I Viaggi del Bassotto, I Viaggi del Ventaglio, Nouvelles Frontieres, Turisanda Travelnet Compagnie aeree Ansett Australia Via Bissolati, 54 - 00187 Roma tel. 06/42012273

Qantas Biglietteria Via Bissolati, 54 -00187 Roma tel. 06/65010468

Ambasciata Australiana in Italia Via Alessandria, 215 - 00198 Roma tel. 06/852721

LA REGINA ELISABETTA TIENE TRA LE MANI IL SACCHETTO CONTENENTE LO SHAMPOO PER CANI CHE LE È STATO REGALATO A BALLARAT. Gli abitanti della cittadina australiana

si sono abbigliati in costumi del 1850 per mostrare quella che era la vita dei pionieri nel XIX secolo. Ballarat si trova a 100 km a nord di Melbourne.

Festa in costume per la regina Elisabetta I residenti di Ballarat, Australia, hanno accolto la monarca in abiti d’epoca Il “corgis” reale sarà sorpreso quando la Regina Elisabetta tornerà a casa dal suo viaggio in Australia. Per accogliere la regina in visita alla città mineraria di Ballarat, i suoi abitanti si sono abbigliati in costume d’epoca, recitando la parte di personaggi storici della città del 1800. La donna che impersonava Mrs Clarke, la proprietaria del grande magazzino locale, ha offerto alla regina il celebre sapone “Timid Joe

Dog Soap”. Il sapone per cani veniva utilizzato dagli scavatori d’oro alla metà del 1800. I cani dormivano nelle tende per fare la guardia e dovevano essere lavati spesso per tenere lontane le pulci. Ora, anche il “corgis” e gli altri cani della regina potranno provare il celebre sapone che lascia “la pelle morbida e sana”. La monarca è stata accolta dai residenti di Ballarat con musica, fiori e grande entusiasmo.

li scienziati australiani sperano di usare centinaia di “occhi” galleggianti per misurare le temperature, le correnti e la salinità del grande Oceano Meridionale che circonda l’Antartico. L’enorme oceano, che copre un quarto della superficie della Terra, è uno degli ultimi luoghi rimasti da esplorare tra i mari del mondo. Ha un importante effetto sulle condizioni meteorologiche globali, in particolar modo sulle precipitazioni negli stati meridionali dell’Australia. Ma fino ad ora le misurazioni sono state raccolte sporadicamente da imbarcazioni appoggio, trasporti mercantili e attraverso qualche osservazione satellitare. Gli oceanografi del Commonwealth Scientific and Industrial Research Organization (CSIRO) vogliono cambiare questo atteggiamento e intendono mettere in azione 900 sofisticate boe di profondità nei mari a sud dell’Australia. Questi strumenti verranno collocati alla profondità di 2.000 metri per raccogliere informazioni sull’oceano, prima di ritornare in superficie ogni 10 giorni per trasmettere le informazioni via satellite. “Questo è il più eccitante sviluppo nel modo di studiare l’oceano che abbiamo mai avuto”, dice il Dr. Steve Rintoul, capo della squadra di ricerca per l’Oceano Meridionale che fa capo al dipartimento statale di Ricerca Marina del CSIRO. Lo scienziato rivela che le boe, che sono già state impiegate in molti mari settentrionali, renderanno possibile esaminare i collegamenti fra le correnti dell’Oceano Meridionale e il clima. Gli scienziati hanno anche presentato il progetto al governo e si dichiarano fiduciosi di ricevere i fondi per questo programma multi-milionario. L’Oceano Meridionale circonda l’Antartico, si estende a nord dell’estremità meridionale dell’Africa e a sud delle coste dell’Australia, dove i suoi confini sono segnati da un cambiamento della temperatura e della salinità dell’acqua. Rintoul ha detto che obbiettivo del programma, è avere più notizie sulla più grande corrente marina del mondo, la Corrente Antartica Circumpolare, che porta lembi di acqua calda e fredda attorno l’Antartico. “Le recenti scoperte, come la corrente circumpolare, sono importanti perchè ci danno l’opportunità di fare previsioni a lunga scadenza sulle precipitazioni in Australia”, afferma Rintoul. L’Australia è il continente più asciutto del mondo e migliori previsioni meteo, per un paese famoso per le sue siccità e inondazioni, sarebbe un grande beneficio per gli agricoltori e l’industria mineraria.

Fiaccola impermeabile per le olimpiadi australiane WENDY CRAIG DUNCAN PROVA LA NUOVA VERSIONE DELLA FIACCOLA OLIMPICA IMPERMEABILE che sarà

portata sott’acqua, attraverso la Grande Barriera corallina di Sydney, durante lo svolgimento dei giochi olimpici. Grazie ad una nuova tecnologia, la fiaccola olimpica passerà sott’acqua senza spegnersi e continuerà a bruciare. Le Olimpiadi avranno inizio in Australia il prossimo 8 giugno.

Creata una fiamma resistente all’acqua per portare la fiaccola olimpica in mare Quest’anno, la fiaccola che segna l’inizio dei giochi olimpici di Sydney sarà portata per la prima volta sott’acqua, attraverso la grande barriera corallina del Queensland. Gli scienziati hanno messo a punto una nuova tecnologia per consentire la tappa in mare. Per tre o quattro minuti, un biologo pratico di immersioni porterà sott’acqua la fiaccola olimpica, che brucia a 2000 gradi. La fiamma sarà così intensa e potente da non poter essere spenta dall’acqua e sarà in grado di attraversare la splendida barriera corallina, una delle principali attrazioni di Sydney.


6

6 7 5

L’Occidente

4

incontra l’Oriente

3

“Svegliatevi, donne della mia terra” Con questo canto, le donne del Rajastan hanno accolto il presidente Clinton, chiedendo maggiori diritti per le donne nelle aree rurali dell’India Il presidente americano Clinton si è preso un momento di pausa dagli impegni diplomatici ed ha compiuto un viaggio nell’hinterland indiano, per conoscere la situazione di povertà delle donne nelle campagne. In mezzo ad un gruppo di elefanti vivacemente decorati, Clinton ha messo da parte per un giorno la questione nucleare e le ostilità tra India e Pakistan. Più tardi, nella stessa giornata, il presidente e i suoi assistenti si sono recati in safari nel parco nazionale di Ranthambhore, in cerca della tigre del Bengala. La Casa Bianca ha garantito all’India fondi per 250.000 dollari a sostegno dei progetti di conservazione delle tigri e degli elefanti in via d’estinzione. Clinton ha trascorso due notti in un lussuoso hotel a Jaipur, la capitale del Rajasthan, conosciuta come la “città rosa”, per il colore rosa dei palazzi dei “maharaja”. La mattina dopo, il presidente ha visitato il villaggio di Nayla, fuori Jaipur, per saperne di più sui progetti finalizzati a migliorare le condizioni economiche e sociali delle donne

che vivono nelle aree rurali. Le donne di Nayla hanno accolto Clinton con una pioggia di petali e gli hanno cinto il collo con una ghirlanda di fiori, cantando in Hindi: “Svegliatevi, donne della mia terra. È giunto il tempo di ottenere maggiore potere”. Clinton si è seduto in una sala in cerchio con 15 donne vestite in vivaci abiti tradizionali e con il capo coperto. I suoi ospiti erano i leader dei gruppi creati per aiutare le donne dello Stato, che fino a poco tempo fa erano relegate nelle case, non potevano parlare con gli uomini ed erano costrette a indossare un velo. Le donne del Rajasthan lottano ancora per l’uguaglianza. Secondo le Nazioni Unite, ci vorranno ancora 44 anni per alfabetizzare la popolazione maschile del paese e 124 anni per quella femminile. Tra le iniziative dei gruppi che hanno ricevuto Clinton, c’era una cooperativa gestita da donne che raccolgono e vendono il latte direttamente ad un caseificio. “Mi sono spo-

sata a 17 anni. A 21 ero già vedova. Ho dovuto sopportare un’estrema umiliazione. Non so come sono riuscita a sopravvivere”, dice Santosh Chaudhary, 49 anni, impiegata nella cooperativa. “Oggi, io dico alle donne nella stessa situazione che non devono soffrire. Possono lottare per i loro diritti”. Ora, le donne richiedono la stessa paga degli uomini, migliori scuole per le ragazze, uno status sociale più alto, la prevenzione del matrimonio delle bambine e della violenza domestica contro di loro. In un incontro a parte con gli anziani del villaggio, Clinton ha detto: “Ci sono molte persone povere qui, ma voi state dimostrando che la democrazia può essere usata per allontanare la povertà. Dovete rendervi conto che i vostri problemi sono stati affrontati dai popoli di tutto il mondo”. Dopo aver visitato Nayla, Clinton si è recato ad Amber, capitale di una dinastia guerriera fino al 1727. Oggi, è un villaggio tra le colline, sovrastato dalle rovine di un’antica fortezza.

Information Tour Operators Aliviaggi, Brevitours, Chiariva, Explorando, Fiorenza Tour, Francorosso, I Grandi Viaggi, Il Tucano, Intertravel, I Viaggi del Bassotto, I Viaggi del Drago, Kel 12 Dune, Kele & Teo, Les Bonnes Vacances, Lombard Gate, Mappatour, Mikrotour, Mistral, Nervia Viaggi, Nouvelles Frontieres, Pandani Viaggi, Rive Gauche

2

2

Compagnie aeree Air India Via Barberini, 11 - 00187 Roma tel. 06/4871403 Ente nazionale del turismo indiano Via Albricci, 9 - 20122 Milano tel. 02/72021681 Ambasciata Indiana in Italia Via XX Settembre, 5 - 00187 Roma tel. 06/4884642

Tiger safari per Clinton Il presidente ha visitato il parco nazionale del Rajasthan, per osservare da vicino le tigri del Bengala

1

Il presidente Clinton si è trovato faccia a faccia con due selvagge tigri del Bengala. Il presidente era eccitato, le tigri annoiate. Durante il suo soggiorno in India, Clinton ha visitato Ranthambhore, parco nazionale del Rajasthan, estesa di foreste e canyons rocciosi che ospita tre dozzine delle tigri indiane. Viaggiando in un bus aperto con la figlia e la suocera, il presidente ha attraversato il parco per due ore, osservando scimmie, cin-

ghiali, daini, cicogne e pavoni. Il gruppo è giunto alla base di una gola dove le tigri usano riposare, approfittando dell’ombra degli alberi e dell’acqua di un ruscello. Lì, una grande tigre maschio dormiva sull’erba con aria di assoluto disinteresse. Trenta metri più avanti, una tigre femmina si rilassava accanto al ruscello. Entrambi gli animali non si sono lasciati spaventare dai visitatori e si sono esibiti in uno sbadiglio che ha

mostrato l’imponenza delle loro mandibole. Il safari è stato l’ultimo di una serie di giri turistici compiuti da Clinton durante il suo viaggio in Bangladesh e in India, terminato con una visita in Pakistan. Durante la sua permanenza, il presidente ha visitato lo splendido mausoleo di Taj Mahal e i maestosi bastioni della fortezza di Amber, a Jaipur.


7

31 MARZO 1-2 APRILE 2000

Clinton in visita a Taj Mahal Il presidente americano conferma l’impegno degli USA nell’aiutare l’India a salvare le sue bellezze storiche e ambientali

14

IL SOLE TRAMONTA DIETRO IL MAUSOLEO DI TAJ MAHAL, nella città indiana di Agra. Il monumento è stato una delle tappe di Clinton durante la sua visita in India.

“D

esideravo venire qui da tutta la vita”, ha detto il presidente Clinton in visita al mausoleo di Taj Mahal, esprimendo rammarico per i danni provocati dall’inquinamento alle sue mura di marmo bianco. Passeggiando con sua figlia Chelsea, Clinton si è recato nel mausoleo seicentesco eretto dall’imperatore Shah Jahan in onore di sua moglie Mumtaz Mahal, morta dando alla luce il loro 14° figlio. Il monumento composto da quattro minareti angolari e da una grande cupola centrale è intarsiato con arabeschi di giada, turchese, lapislazzuli e dozzine di altre pietre. Ci vollero 22 anni per costruirlo e 20.000 uomini provenienti dall’Europa e dall’Asia Centrale. Intorno al mausoleo ci sono molte leggende. Una racconta che l’imperatore committente, venne deposto e imprigionato da suo figlio Aurangzeb nella fortezza di Agra e finì i suoi giorni fissando intensamente la sua

creazione. “L’inquinamento ha fatto quello che 350 anni di guerre, invasioni e disastri naturali non erano riusciti a provocare. Ha cominciato a sfigurare le magnifiche mura di Taj Mahal”, ha detto Clinton in un discorso su di una collina che sovrasta il monumento. “È necessario uno sforzo costante per salvare Taj Mahal dalla degradazione ambientale, da ciò che gli scienziati chiamano il ‘cancro del marmo’. Se una pietra può contrarre il cancro, non oso immaginare che cosa questo inquinamento può fare ai bambini”, ha aggiunto il presidente. Per la prima volta dal 1991, le autorità locali hanno aperto la camera sotterranea del mausoleo dove sono conservati i resti di Mumtaz Mahal. La visita al monumento è stato il primo giro turistico che Clinton si è concesso da quando è arrivato in Sud Asia. Una volta lì, il presidente non ha potuto

fare a meno di dare un risvolto politico alla sua gita turistica, annunciando un accordo tra l’India e gli USA per cooperare nel settore dell’ambiente e dell’energia nucleare. Un argomento primario di fronte al più celebrato monumento indiano, avvolto dalla polvere e dallo smog. Delle misure restrittive sull’emissione di gas dannosi per l’atmosfera di Agra e per Taj Mahal sono già state prese dal governo locale. Inoltre, gli accordi con gli USA prevedono finanziamenti per trovare fonti d’energia pulita, promuovere le nuove tecnologie antiinquinamento e ridurre ulteriormente le emissioni dannose. Clinton ha anche alleggerito le sanzioni imposte all’India dopo i test nucleari del 1998, per permettere agli Stati Uniti di attivare il programma ambientale concordato con il governo indiano.

13

1 Il presidente americano Bill Clinton ascolta i membri del consiglio del villaggio di Nayala, in India. La visita di Clinton è la prima di un capo di stato americano nell'arco di 22 anni nel paese democratico più popoloso del 11 mondo. 2 Clinton viene sommerso da una pioggia di petali dalle donne del villaggio di Nayla, in India. 3 Clinton aiuta a versare dell'acqua su di un alberello che è appena stato piantato a Rajghat, memoriale eretto in onore di Mahatma Gandhi, padre della nazione indiana. Il memoriale si trova a Nuova Delhi. 4 Clinton somministra un vaccino anti-polio ad una bimba di nove mesi, durante la sua visita all'ospedale di Mahavir. In un discorso agli impiegati dell'ospedale, Clinton ha detto che 10 le malattie che ancora affliggono l'India portano “tragedie umane e calamità economiche” ai suoi abitanti. 5 Clinton tiene in mano un libro mentre, con sua figlia Chelsea, si prepara a partire dall'aeroporto di Nuova Delhi. Clinton ha sollecitato l'India a prendere l'iniziativa di un dialogo con il Pakistan. 6 Clinton durante un discorso sui problemi ambientali dell'India, all'ombra del Taj Mahal, nella città di Agra. Gli USA e l'India hanno firmato un accordo di cooperazione per proteggere l'ambiente, in cui Clinton ha citato lo stato precario del Taj Mahal come esempio di ciò che le generazioni future potrebbero perdere a causa dell'inquinamento. 7 Clinton incontra i cittadini del villaggio di Joypura, in Bangladesh, mentre il Primo Ministro Sheikh Hasina sorregge un bambino. Clinton si è recato in Bangladesh per una visita di 12 ore, accorciata per motivi di sicurezza. 8 Clinton accompagnato dal Ministro del turismo indiano, Bina Kak, viene accolto da una fila di elefanti decorati, durante il tour della Fortezza di Amber. “È simpatico girare tra elefanti amichevoli”, ha commentato ironicamente Clinton, riferendosi al simbolo del partito repubblicano degli USA. 9 Clinton fa un cenno di saluto dal jeep che lo ha portato in safari nel parco nazionale di Ranthambhore, insieme al suo direttore Fateh Singh Rathore. L'India sta cercando di proteggere la popolazione delle tigri, che è a rischio d'’estinzione e gli USA hanno promesso di aiutarla. Nel 9 parco vivono, oggi, 36 tigri. 10 Studentesse indiane sventolano le loro bandiere mentre attendono l'arrivo di Clinton a Hyderabad. 11 Clinton in un negozio di tappeti nell'hotel che l'ha ospitato a Nuova Delhi. 12 Clinton scortato dal Ministro indiano del Turismo tra gli elefanti che gli hanno dato il benvenuto alla Fortezza di Amber, in Rajasthan. 13 Clinton circondato dalle donne di Nayla con cui si è incontrato durante la visita al consiglio del villaggio indiano. 14 Clinton unisce le mani nel modo tradizionale indiano, mentre ringrazia gli abitanti di Nayla per la loro accoglienza. 12

8


8

31 MARZO 1-2 APRILE 2000

La città di Lenin impoverita dal rigido controllo statale dell’economia

Q

uasi dieci anni dopo la caduta dell’Unione Sovietica, Vladimir Lenin, il padre dello Stato Sovietico, resta il figlio favorito della sua città, Ulyanovsk. Dai ritratti sulle tazze da tè in un tranquillo caffè del centro, al museo a lui dedicato sulla collina che sovrasta il Volga, Lenin è presente ovunque in questa città di 750.000 persone. Ma l’economia ristagna nell’antica Ulyanovsk, 700 km ad est di Mosca, e i residenti guardano con invidia alle regioni vicine, dove le riforme di mercato sono perseguite più liberamente. I cittadini di Ulyanovsk dicono di aspettarsi poco dal sistema politico e che il loro voto non porterà eroi che li salveranno. “I comunisti sono incapaci di costruire un mondo nuovo e quello vecchio è caduto senza il loro aiuto”. Ulyanovsk e la regione circostante sono parte tradizionale della “fascia rossa”, quella zona centrale della Russia dove il sostegno a Lenin è durato nel tempo. In anni più recenti, migliaia di turisti si sono recati in pellegrinaggio estivo alla città della gioventù di Lenin. Ma la crisi economica ha colpito le esportazioni industriali e i turisti che una volta viaggiavano sul Volga, ora vanno in vacanza sulle spiagge europee. I leaders della regione hanno cercato di frenare il declino, ma preferiscono il rigido controllo in stile sovietico piuttosto che la liberalizzazione economica. Questi controlli hanno fatto poco per l’economia e hanno tassato ulteriormente le magre casse pubbliche. Sostenuto dal governo locale, il prezzo del pane e del latte è la metà di quello delle regioni vicine ma il salario medio non raggiunge i 20 dollari al mese. Il governo regionale si rende conto che le riforme sono necessarie per attirare gli investitori stranieri in progetti come la costruzione di un ponte sul Volga. Ma insiste che le riforme devono essere adottate con attenzione e sperano che il nuovo presidente sarà un uomo d’azione e uno che valuta ogni passo con prudenza. La popolazione non sembra esserne molto convinta. “Negli ultimi dieci anni, abbiamo avuto comunisti, democratici e Dio sa cos’altro. Nessuno ha fatto qualcosa di diverso dagli altri. I nostri problemi non sono stati risolti. Ma i giovani sembrano essere più ottimisti. “Non sono se Putin può far cambiare qualcosa intorno a noi. Forse non può. Ma ciò che è importante, è non mollare e continuare a lottare. Una cosa che la gente di questa città ha imparato a fare molto bene”.

Information Tour Operators Boscolo Tour, Costa Crociere, Cristiano Viaggi, Elitour, Le Vie dell'Est, Nouvelles Frontieres Compagnie aeree Aeroflot Russian International Airlines Via Bissolati, 76 - 00187 Roma Biglietteria: 06/42903841 Ufficio Turismo p. zza Buenos Aires, 6/7 00198 Roma tel. 06/8553892 Ambasciata Federazione Russa Via Gaeta, 5 - 00185 Roma tel. 06/4941649

Ulyanovsk, dove il comunismo sovietico sopravvive LA STATUA DEL FONDATORE DELLO STATO SOVIETICO VLADIMIR LENIN, A ULYANOVSK, IN RUSSIA. Quasi dieci

anni dopo il collasso dell'Unione Sovietica, Lenin resta il figlio favorito della città di Ulyanovsk.


DNT n° 44/45/46/2000 by Cilenti/Nickles The Traveller - Clinton in India-Olympics Australia