Koma vol.1 - La Voce dei Camini

Page 1



Pierre Wazem Pierre Wazem (1970), sceneggiatore e disegnatore svizzero, ha debuttato nel 1998 con la storia Verde Vietnam. Nel 1999 realizza lo splendido volume su tematiche pacifiste Bretagna (In Italia edito da Lizard), e nel 2003 lancia Koma presso gli Umanoidi Associati, con Frederik Peeters ai disegni. Nel 2005 ha concluso la storia degli Scorpioni del deserto creata e lasciata incompleta da Hugo Pratt.

Frederik Peeters Frederik Peeters (1974), nato a Ginevra, si mette per la prima volta in luce nel 1997 con le storie tragicomiche del volume Confiture. Nel 2001 vince il premio Città di Ginevra per il volume Pillole Blu (edito in italia da Kappa Edizioni) e, dopo la creazione di Koma nel 2003 insieme a Pierre Wazem, inizia a scrivere e disegnare Lupus per l’editore francese Atrabile.

KOMA Vol 1. LA VOCE DEI CAMINI Sceneggiatura PIERRE WAZEM Disegni FREDERIK PEETERS Colori ALBERTINE RALENTI Traduzione MICHELE FOSCHINI Lettering e grafica dell’edizione italiana GiEFFE RENOIR SAS Corso Monforte 45 20122 Milano tel. +39 02 76 01 16 41 fax +39 02 76 00 97 18 info@renoircomics.it www.renoircomics.it ISBN: 978-88-95261-01-0 Koma Tome 1 - La Voix des Cheminées Koma Tome 2 - Le Grand Trou © Les Humanoïdes Associés, SAS, Paris © 2007 - RENOIR SAS per la versione italiana Stampato in Italia nel febbraio 2007 presso Ancora Srl - Milano 1 - La voce dei camini

2 - Il grande buco



?!?


Ti sEI sentita male ?

?

Sei caduta all’improvviso ! Paf ! Rigida !

ornitorinco !

?


« Mammifero australiano, anfibio e oviparo… di tredici lettere… »

No, no… pochi secondi.

Sono rimasta per terra a lungo?

E questa è yogurt. «Specie di latte cagliato di sei lettere...»

Va tutto bene?

Ogni tanto mi succede… non è niente…

Ma guarda! Tieni conto delle volte che ti succede? … di fare le parole crociate?

È il secondo quaderno.

Si’… e anche di cadere.


E comunque non mi devi niente per le fettuccine… … e ti offro una bibita!

Poi penserete che io faccia la stessa scena in tutti i ristoranti per non pagare…

No! No, grazie!

Perché?

… niente affatto, proprio no! Si vede che sei una…

E comunque ti offro una bibita! Non dire di no, per favore!

Alzati, Jules, con te non funziona! E poi non devi inventarti niente per non pagare, lo sai!


Come ti chiami ?

Addidas…

? … ma non come le scarpe!

Ah ! Facile ! Vedovo…

Secondo voi cos’è « … non ha più la moglie » di sei lettere ?


Ah, certo, ci sta… vedovo…

Proprio come papà…

Avrei dovuto pensarci.

Vieni, Addidas ! Andiamo !


10


Dov’è la campagna ? la campagna ?

Ah, be’… è un po’ lontana, la campagna… non è alla porta accanto…

11


Ma certo che esiste !

Ma esiste ?

È tutto intorno…

Mmm…

Tutto intorno alle città !

Papà ?

Cosa c’è ? Mi deconcentri... Già che non ci si vede, qui !

Volevo solo dire…

Perché costruiscono sempre delle città, nella campagna ?

Perché ? Cosa vuoi che ne sappia ! Non c’è più posto !

12


Ah !

È come qua dentro… è tutto intasato !

Fa’ una cosa alla buona. Se vai di fino, ci starai delle settimane…

13


Perché ? Non lo so mica, io, il perché !

14


grrr

15


Santo cielo, Addidas, non possiamo andare avanti cosi’ ! Per oggi hai fatto abbastanza ! Andro’ da solo allo Spencer’s Trade…

Me la cavero’ anche senza di te, e poi andremo dal medico, te lo prometto !

Credevo che non saresti uscita più…

16


Ma dopo, se tu non riesci a fare tutto, McMullan ci prenderà il lavoro…

McMullan ! McMullan !

Al diavolo quel McMullan ! Io lo prendo, lo torco cosi’ e lo infilo nel camino, McMullan !

Non sarà uno stronzetto come lui che mi dirà come pulire i camini !

Non mi lascero’ pestare i piedi solo perché il signore è un ufficiale !

Ah ! Ah ! Deve solo venire a cercarmi, McMullan ! Lo butto cosi’ in fondo che non uscirà mai più !

17


Ci siamo già andati… Come ?

… dal medico.

Ah, ma aspetta ! Questa volta andremo da uno specialista !

Uno specialista di cosa ?

Vedremo, vedremo ! Uno specialista sa un sacco di cose in più, altrimenti non è uno specialista !

Non è grave... È già successo… Sei rimasta laggiù per mezz’ora !

Non potevo venirti a cercare ! Stavo impazzendo !

18


Non voglio perderti come…

Come la mamma ?

Eh ? Come la mamma ?

Si’ ! Come la mamma !

Aveva anche lei la stessa cosa ?

Non lo so…

Un po’…

19

… non proprio…


Buon Dio, guarda quanti ce ne sono !

Cos’è questa porcheria, eh ?

No, dico, guarda quanti sono !

20