Paolo Borsellino - Una storia da raccontare

Page 1

Paolo Borsellino

Un fumetto per ricordare uno dei più grandi uomini dell’Italia Repubblicana, morto servendo lo Stato mentre cercava di far trionfare la legge sull’ingiustizia.

sonseri - doretto

Un graphic novel che esplora i lati meno noti della vicenda di Paolo Borsellino, come la militanza politica giovanile, l’amicizia con i colleghi e gli ostacoli che la sua opera di giustizia si è trovato più volte sul cammino.

e 19,90

www.renoircomics.it

marco sonseri

gian luca doretto

Paolo Borsellino Una storia da raccontare


PAOLO BORSELLINO – UNA STORIA DA RACCONTARE Sceneggiatura: Marco Sonseri Disegni: Gian Luca Doretto Lettering: Simone Campisano Editing: Giulia Beffa e Alberto Brambilla Art director: Giovanni Ferrario Copertina Disegno: Gian Luca Doretto

Renoir Sas Corso Monforte 45 20122 Milano Tel 02 76011641 Fax 02 76009718 info@renoircomics.it www. renoircomics.it ISBN 978-88-6567-242-6 © 2020 - RENOIR Sas Stampato in UE È assolutamente vietata la riproduzione totale o parziale di questo libro, così come l’inserimento in circuiti informatici, la trasmissione sotto qualsiasi forma e con qualunque mezzo elettronico, meccanico, attraverso fotocopie, registrazione o altri metodi, senza il permesso scritto dei titolari del copyright.


Zona del trapanese…

“È bello morire per ciò in cui si crede. Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una sola volta.” Paolo Borsellino

5


Settembre 1991.

Vincenzo… benvenuto. Ho pensato molto a te in questo periodo, sai? Davvero molto.

io so tutto di te. So fin dove vorresti spingerti. So dove vorresti arrivare…

io sono uno che guarda. guardo e ascolto. è una delle mie attività preferite. Non mi sfugge nulla. Dei miei uomini, per esempio, io so tutto.

…e posso aiutarti. Accarezzi un grande sogno di affermazione nel mondo malavitoso.

La volontà di Francesco Messina Denaro è anche la mia.

Sono pronto a eseguire ogni suo ordine.

Bene! E allora preparati. Perché io voglio che sia tu a togliere di mezzo Paolo Borsellino, il magistrato. Di lui non devono rimanere neanche le idee! Non ora, però. i tempi sono quasi maturi. Manca poco.

6


Sono onorato.

Devi esserlo. Un fucile di precisione o un'autobomba. sarà uno di questi il tuo strumento di morte. ti verrà comunicato al momento giusto.

Vincenzo Calcara… bene… bravo!

Non vedo l’ora!

“È la mia strada. Cosa Nostra è il mio credo.” “il mio capo assoluto, francesco messina denaro, e la mia famiglia di trapani...”

“…mi stanno dando fiducia. Non li deluderò.”

“Scalerò i vertici. Diventerò qualcuno. Un grande uomo d’onore. Già…”

7


Novembre 1991. Due mesi dopo… …Calcara, dopo essere stato catturato, ha rivelato quasi subito le intenzioni di Cosa Nostra nei confronti del giudice Borsellino.

…picciotto di Castelvetrano, appartenente al mandamento di Francesco Messina Denaro. Latitante da diversi mesi…

Da parte del magistrato, però… Stai tranquilla, Agnese. Ora fammi sentire… che tra un po’ devo andare.

8

…ancora nessuna risposta.


“Dalle stelle alle stalle. Per un attimo mi era parso di toccare il cielo con un dito.”

“se la situazione non fosse così seria, quasi quasi mi metterei a ridere.”

“Ma il mio inferno è appena iniziato. ho soltanto una possibilità…”

“…un nome che mi frulla nella testa da quando ho messo piede in questo schifo di carcere.”

Vincenzo Calcara… ci sono visite!

Buongiorno, Calcara. Ho saputo che voleva incontrarmi. Eccomi qui, sono tutto suo.

9


Non ha idea che piacere ho di vederla, dottor Borsellino.

Un mafioso che mi abbraccia! Se me l’avessero detto…

10


“E pensi che io sono l’uomo che doveva ucciderla. Ero la sua condanna a morte, il suo boia.”

“...e devo dirle in tutta onestà che ero ben felice di eseguirli.”

“Gli ordini erano chiari, precisi…”

“Togliendola di mezzo, avrei, per così dire, fatto carriera e Cosa Nostra avrebbe sicuramente chiuso un occhio per ciò che avevo fatto.”

Buona giornata.

e sarebbe? cosa la preoccupava?

11


“‘mi preoccupava’?... ‘mi preoccupa’, vorrà dire! Parli al presente.” “Deve sapere che tra le famiglie vige una regola ferrea. Non si può amoreggiare, diciamo così… con le figlie degli uomini d’onore.”

È una cosa estremamente seria, ne va della propria vita! Ma, pur sapendolo, ho trasgredito al comandamento.

Se io avessi ucciso il dottor Borsellino…

Ero il suo asso nella manica, giusto?

“Ci accomuna una condanna a morte, dottore. Se lei si salva, forse…”

“Esattamente. Ora, invece… sa bene quanto me il rischio che corro in carcere.”

12


…forse anche io avrò una possibilità.

Non mi sembra tanto disinteressato.

Mi creda quando le dico che dentro ho un grande travaglio legato a quello che avrei dovuto farle.

Posso immaginare. E… e in fondo è vero… in un certo senso… sì, siamo legati dallo stesso lazo. Ma non si deve preoccupare per me, Vincenzo, Perché…

Dalla mia posizione… le cose si guardano da un’altra prospettiva.

“…se anche dovessi morire, lo farei da uomo. Da uomo libero!”

13


Paolo Borsellino

Un fumetto per ricordare uno dei più grandi uomini dell’Italia Repubblicana, morto servendo lo Stato mentre cercava di far trionfare la legge sull’ingiustizia.

sonseri - doretto

Un graphic novel che esplora i lati meno noti della vicenda di Paolo Borsellino, come la militanza politica giovanile, l’amicizia con i colleghi e gli ostacoli che la sua opera di giustizia si è trovato più volte sul cammino.

e 19,90

www.renoircomics.it

marco sonseri

gian luca doretto

Paolo Borsellino Una storia da raccontare


Issuu converts static files into: digital portfolios, online yearbooks, online catalogs, digital photo albums and more. Sign up and create your flipbook.