__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1


SOMMARIO 66A Centomiglia 10-11 Settembre

Il trofeo Conte Bettoni al primo sul traguardo Team Race 420 Telemedicina, Web, TV e Track Kwindoo Monoscafi I Trofei e i Premi di Gorla e Centomiglia Gli eventi di “Sognando Olympia” La telemedina di Xeos naviga con le vele della Centomiglia La vela nel cuore Ringraziamo chi è con noi a fianco delle nostre attività. Un record per una regata in Italia PUNTOBRESCIANO

n. 6 Settembre 2016 - Anno XIV Mensile di informazioni bresciane Aut. del Tribunale di Brescia N° 8/2003 - 24/02/2003 DIRETTORE RESPONSABILE Gianmario Baroni EDITRICE | REDAZIONE AMMINISTRAZIONE | PUBBLICITÀ Editrend - Via Fura, 48 - Brescia Tel. 030 3534392 - Fax 030 5234013 FOTOCOMPOSIZIONE e VIDEOIMPAGINAZIONE Editrend Grafica - Via Fura, 48 - Brescia Tel. 030 3534392 - Fax 030 5234013 STAMPA Pixartprinting L’Editore declina ogni responsabilità in ordine ad eventuali errori di stampa e o disguidi di altro genere relativi agli spazi pubblicati. È vietata la riproduzione totale o parziale di foto, marchi e testi, tutti i diritti sono riservati. Periodico mensile a diffusione gratuita in Brescia e Provincia.

Coperture

Ecobonus 2016 e Credito di Imposta

Autoscuole

Revisioni patenti, c’è la possibilità di fare esami più semplici

Viaggi

Ibiza e Formentera: la top list oltre la movida

Immobiliare

Andamento dei prezzi per gli immobili nella provincia di Brescia

4 6 8 14 20 24 28 30 32 34 15 12

16 36


IL TROFEO Conte BETTONI AL PRIMO SUL TRAGUARDO

E’ la prima importante novità, non assoluta visto che giù nel 1965 e nel 1969 i multiscafi figurano nell’ albo d’oro del Trofeo Assoluto della Centomiglia. I multiscafi, che sul traguardo di Gargnano hanno vinto fin dal 1965, propongono altre diavolerie. Quest’anno toccherà nuovamente al “Safram”, scafo della serie svizzera dei Ventilo M1, se ruscirà a riparare l’albero rotto durante la regata dell’isola di Wight delle passate settimane. A sfidare “Safram” che raggranella affermazioni sul Lemano a al Gorla 2015 ci saranno gli M 32 svedesi, in particolare “Hagar III” di Gregor Stmpfl dello Yc Bolzano, primo nelle ultime stagioni. Si parla anche un paio di X40, le barche che con Hagara e Smyth vinsero nel 2006-2008. La novità più attesa sembra sarà il catamarano “Fifty Fitfy”, un 15 metri di lunghezza, 9 di larghezza. Sul suo bacino ungherese ha frantumato tutti i vecchi primati. Spera, ovviamente, di ripetersi sul Benaco anche se le condizioni, da noi, sono spesso ben più dure. La particolarità di questo multiscafo è il piano

4 - 66A CENTOMIGLIA


velico, anzi il doppio piano velico montato sui due scafi. La superficie totale della velatura è di 288 metri quadrati, più 20 metri quadrati dei due alberi alari, i due profili sono uniti da delle maxi crocette. Tutto costruito in carbonio si presenta con un equipaggio di 8 persone per un dislocamento (peso totale) di circa 1500 chilo-

grammi. Il doppio rig non è una novità assoluta, visto che nel 1980 venne testato dal navigatore oceanico francese Bruno Peyron sul catamarano di 17 metri “Jazz”. Il traguardo per questa insolita quanto ricercata imbarcazione sarà nuovamente il Trofeo Giorgio Zuccoli della MultiCento oltre al Trofeo assoluto del Bettoni.

66A CENTOMIGLIA - 5


Team Race 420

IL MONDIALE 420 LA MEGLIO GIOVENTU’ DELLA VELA CAMPIONE - Appena prima di Gorla e Centomiglia la “vernice” degli eventi agonistici sarà il Campionato Mondiale a squadre della classe del doppio 420, con la meglio gioventù di tutto il Mondo. L’appuntamento è in calendario dal 30 agosto al 3 settembre alla base di Univela Campione di Tremosine, sede del Centro di Preparazione Olimpica di Italia e Repubblica di San Marino. Lo scorso anno si presentarono le nazionali di Germania, Inghilterra, Spagna, Portogallo e Italia. Il Mondiale a squadre 420 fa seguito al Mondiale dello scorso anno inserito da Regione Lombardia nei grandi Eventi sportivi durante il periodo di Expo. In quell’occasione le regate si disputarono a Gargnano e la vittoria andò alla Spagna, L’Italia era rappresentata da due squadre che erano composte dai giovani del Circolo 3V del lago di Bracciano e della squadra gardesana della Fraglia Vela Malcesine. Per il 3V c’erano Rocco Attili, Bianca Crugnola, Luca Camilli Meletani, Sebastiano Stipa, Sofia Carluccio e Filippo Iacchia. La Fraglia Malcesine aveva schierato Dimitri Peroni, Alexandra Stalder,

6 - 66A CENTOMIGLIA

Francesca Campri, Gianluca Mazzocchi, Silvia Speri e Maria Coluzzi. Gli stessi ragazzi italiani in questo mese di luglio stanno partecipando al Campionato Mondiale che si sta correndo nelle acque di Sanremo. Dopo il Mondiale molti equipaggi si trasferiranno proprio sul Garda per proseguire test ed allenamenti in vista del Mondiale a Squadra di fine agosto. Il Mondiale Team Race è una classica per il doppio 420, da sempre una delle classi più formative per gli equipaggi che


poi partecipano alle campagne olimpiche. Inutile sottolineare che a Univela Campione vedremo in gara skipper che nei prossimi anni saranno i

protagonisti assoluti delle Olimpiadi veliche. La manifestazione fa parte di Grandi Eventi Sportivi di Regione Lombardia per il 2016.

66A CENTOMIGLIA - 7


TELEMEDICINA, WEB, TV E TRACK KWINDOO PER GORLA E CENTOMIGLIA DEL GARDA

su tutte le boe, la diretta della Tv regionale “Teletutto”, il segnale via telemedicina per alcuni velisti che saranno monitorati grazie alla maglia Xeos, che con i suoi sensori terrà sotto osservazione vari equipaggi. La Centomiglia si candida ad essere, come avviene da tempo, il veicolo di promozione dell’immagine turistica e sportiva del Benaco, ma anche quello delle nuove tecnologie di trasmissione. Grazie al Web saranno sui Computer, Tablet e Telefonini di

La tecnologia sarà protagonista della gara del Circolo Vela Gargnano. http://www.kwindoo.com/ http://xeos.it/ http://www.onesails.com/ http://www.teletutto.it/in_diretta/ GARGNANO (Bs) – Le rotte che disegneranno la barche della Centomiglia arriveranno in tutto il mondo grazie al Web. Ci sarà una diretta Web Tv

8 - 66A CENTOMIGLIA


tutto il Mondo. Sarà l’oramai collaudato “Track”, che sarà proposto dalla società leader mondiale in questo campo, la ungherese Kwindoo. Sul Web ci saranno buona parte dei passaggi; su Teletutto la diretta della fase di partenza, poi tutto il pomeriggio con la sintesi dei passaggi sulle boe a nord, la diretta di quelle a sud, con Teletutto sempre visibile

medici. La Centomiglia diventerà così la prima diretta mondiale in “telemedicina” grazie al partner tecnologico della Xeos di Brescia. Gli altri partner che collaboreranno alle informazioni sono la Kwindoo (Track), la One Sail, il gruppo editoriale Teletutto. Lo scorso anno grazie alla Tv cinese “Travel China” la Centomiglia fu vista da circa 90 milioni di tele-

in Streaming. La novità delle informazioni riguarderà un gruppo di velisti che indosseranno la maglietta dotata di sensori e in grado di monitorare 9 parametri

spettatori, che per Gorla e Centomiglia ha realizzato, come ha fatto per la Mille Miglia delle auto, un vero e proprio Reality show.

10 - 66A CENTOMIGLIA


Revisioni patenti, c’è la possibilità di fare esami più semplici Dal 1 luglio, dando seguito al decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 15 febbraio 2016, chi deve sostenere gli esami di revisione della patente si trova faccia a faccia con un computer e con una nuova prova a quiz oggettiva ed imparziale, per la quale è necessario prepararsi a fondo. Mentre prima gli esami erano orali oppure informatizzati ma basati su di un listato esattamente identico alla patente corrispondente, ora gli esami sono tutti informatizzati in tutti gli UMC e basati su di un listato nuovo che raccoglie domande su tutte le categorie di patente possedute dal titolare. A differenza dell’esame di conseguimento della patente standard, ai conducenti sottoposti al procedimento di revisione è concessa una sola prova teorica seguita da una sola prova pratica. Le date delle prove non si possono scegliere ma sono stabilite dalla Motorizzazione. Il tempo per prepararsi è anch’esso stabilito dalla Motorizzazione, anzi viene stabilito solo un mese per presentare l’istanza a partire dal ricevimento della comunicazione ufficiale del provvedimento, pena la sospensione della patente stessa. Se il conducente non passa l’esame, sia esso teorico o pratico, gli viene revocata la patente, senza nessun’altra possibilità, e nel momento in cui vorrà rifarla di nuovo dovrà anche fare le guide obbligatorie in autoscuola. Insomma, il procedimento di revisione della patente non è una “passeggiata”, d’altro canto viene imposto ai conducenti che hanno commesso gravi infrazioni al codice della strada e funziona o dovrebbe funzionare come deterrente nell’adottare comportamenti gravemente scorretti e pericolosi. La circolare prot. 16729 emanata lo scorso venerdì 22 luglio 2016 chiarisce alcuni punti rimasti poco chiari nella circolare precedente del 18 maggio 2016, ovvero che: • nell’istanza da presentare per poter fare gli esami, il candidato può specificare la categoria di patente per la quale fare l’esame stesso – ad esempio, pur essendo titolare di patente CE, può decidere di sostenere l’esame solo per la patente B perchè più facile – naturalmente, una volta superato l’esame, la patente sarà declassata di conseguenza • al conducente che debba fare l’esame di pratica della revisione patente, è rilasciata un’autorizzazione per esercitarsi (foglio rosa) che comporta la presenza di una persona con funzione di istruttore in tutti i casi in cui debba esercitarsi • se il conducente è titolare di più patenti, l’esame di revisione si svolge secondo il programma previsto dal seguente schema: a) patente comprendente le categorie CE e DE: il titolare potrà optare di svolgere l’esame di revisione sulla base del programma stabilito per una di tali categorie. b)patente comprendente le categorie C (o C1) e DE:

12 - AUTOSCUOLE

l’esame di revisione è svolto sul programma d’esame stabilito per la categoria DE. c) patente comprendente le categorie CE e D (o D1): l’esame di revisione è svolto sul programma d’esame stabilito per la categoria CE. d) patente comprendente le categorie C1 (o C1E) e D: l’esame di revisione è svolto sul programma d’esame stabilito per la categoria D. e) patente comprendente le categorie C e D1 (o D1E): l’esame di revisione è svolto sul programma d’esame stabilito per la categoria C. f) patente comprendente le categorie C e D: il titolare potrà optare di svolgere l’esame di revisione sulla base del programma stabilito per una di tali categorie. g) Patente comprendente le categorie C1E e D1E: il titolare potrà optare di svolgere l’esame di revisione sulla base del programma stabilito per una di tali categorie. h) Patente comprendente le categorie C1E e D1: l’esame di revisione è svolto sul programma d’esame previsto per la categoria C1E. i) Patente comprendente le categorie C1 e D1E: l’esame di revisione è svolto sul programma d’esame previsto per la categoria D1E. l) patente comprendente la categoria B (o BE) e una delle seguenti categorie C1, C1E, C, CE, D1, D1E, D, DE: l’esame di revisione è svolto sul programma d’esame previsto per le categorie possedute diversa dalla categoria B (o BE). m) patente comprendente la categoria A (o A1 o A2) e B (o BE): il titolare potrà optare di svolgere l’esame di revisione sulla base del programma stabilito per una di dette categorie. n) patente comprendente le categorie A (o A1 o A2) e B1: il titolare potrà optare di svolgere l’esame sulla base del programma stabilito per una di dette categorie. o) patente comprendente le categorie AM e A (o A1 o A2): l’esame di revisione è svolto sul programma d’esame stabilito per la categoria A (o A1 o A2). p) patente comprendente le categorie AM e B (o B1 o BE): l’esame di revisione è svolto sul programma d’esame stabilito per la categoria B (o B1 o BE). Le nuove procedure descritte cominceranno ad essere applicate a partire del 3 novembre 2016.


MONOSCAFI Il Traguardo dei monoscafi sarà dedicato all’ing. Giacomo Garioni, colui che con un gruppo di amici prima fondò il CVGargnano (si chiamava anche Circolo Vela e Motore) e poi nel settembre del 1951 organizzò la prima Centomiglia.

Dall’Ungheria è confermata “Raffica” il Farr di 13 metri costruito dai gargnaesi Patucelli che in questo 2016 ha già vinto al Bol d’Or Mirabaud. Ci saranno gli Asso 99, Dolphin e Protagonist, Ufetti 22, Ufo 8.60, Fisrt 8, Fun, etc, i più grandi Melges 32 che, grazie al percorso ridotto alla Centomiglia, potrebbero diventare protagonisti di primo piano nel Trofeo conte Giacomo Gario-

14 - 66A CENTOMIGLIA

ni che andrà al primo monocarena che giungerà sul traguardo di Bogliaco, indipendentemente dalla flotta di appartenenza. Nel gruppo entrano anche gli One Off costruiti in piccola serie come Lb 10, la carena firmata da Luca Bovolato e condotta da suo padre Petro, grande genteleman della vela lacustre, il Farr 11 S costruito a Dubai, secondo nel 2015 dietro a “Clandesteam”, lo Psaros 33 dello svizzero Claude Fehlmann, il grande protagonista con i fratelli Pierre e Philippe del Giro del Mondo (con Merit) e della affermazioni alla Centomiglia del 1978 e del 1980 con i leggendari “Jeml’O” e “Albatros”. Da non dimenticare gli Orc più grandi come i due progetti di Felci “Bravissima” e “Black Arrow”.


ECOBONUS 2016 E CREDITO DI IMPOSTA

Per smaltimento amianto (eternit) - Guida ai nuovi incentivi della legge di stabilità Al via i nuovi incentivi per la bonifica dell’amianto previsti da DDL n. 2093-B recante “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali” approvato in via definitiva dalla Camera lo scorso 22 dicembre 2015. Il nuovo Disegno di legge, denominato anche Collegato Ambientale alla Legge di Stabilità 2016, stabilisce un pacchetto di misure destinate ad incidere in maniera significativa sulle diverse questioni della normativa ambientale. L’obiettivo consiste nel promuovere la sostenibilità e la corretta gestione delle risorse ambientali, attraverso incentivi che intendono premiare i comportamenti virtuosi di consumatori, produttori e istituzioni. Tra le diverse disposizioni rientrano anche i nuovi incentivi per la bonifica dell’amianto. La legge di stabilità 2016, infatti, modifica il vecchio regolamento estendendo l’Ecobonus del 50%, previsto per l’anno 2015, anche al nuovo anno e fino al 31 dicembre 2016. Come beneficiare del nuovo bonus per lo smaltimento dell’amianto Gli incentivi vengono di fatto confermati nella stessa formula utilizzata nel 2015, vale a dire attraverso un bonus, somministrato sotto forma di detrazioni fiscali che consentono di ammortizzare il 50% della spesa sostenuta e ripartito in dieci rate annuali entro un tetto massimo di 96mila euro. Tra le agevolazioni rientrano le spese di progettazione e le prestazioni professionali connesse con l’esecuzione degli interventi di bonifica dell’amianto nonché quelle per la messa a norma dell’intervento e dello smaltimento. Tale misura modifica la normativa precedente che prevedeva un dimezzamento del bonus a 48mila euro dal primo gennaio 2016. Credito di imposta bonifica amianto A questa importante novità si aggiunge, inoltre, un nuovo emendamento al Collegato Ambiente approvato dalla Commissione

Ambientale del Senato, il quale prevede un credito di imposta del 50% delle spese sostenute nel 2016 per interventi di bonifica dell’amianto anche su beni e strutture produttive. I fondi previsti per tale attività ammontano a 5,6 milioni di euro per il triennio 20172019. Per il presidente della Commissione ambiente della Camera, Ermete Realacci, si tratta di «una buona notizia per il Paese e per la nostra economia”, poiché “con questa legge si risponde ad alcune esigenze molto sentite dai cittadini, come il credito di imposta sugli interventi di bonifica dell’amianto per le imprese”. Chi può accedere al credito d’imposta Più precisamente il beneficio è riconosciuto ai titolari di reddito d’impresa che dal 2016 effettueranno interventi di bonifica dell’amianto su beni e strutture produttive, con costi superiori ai 20mila euro. Il credito di imposta verrà distribuito in tre quote annuali di pari importo. La prima sarà utilizzabile a decorrere dal 1° gennaio del periodo di imposta successivo a quello in cui sono stati effettuati gli interventi di bonifica. Le altre potranno essere utilizzate nelle dichiarazioni dei redditi dei periodi di imposta successivi. Dal momento che il beneficio è riconosciuto per gli interventi realizzati nel 2016, gli anni in cui utilizzare il credito d’imposta saranno il 2017, 2018 e 2019. Il credito di imposta non concorrerà alla formazione del reddito né della base imponibile Irap. Come accedere al credito d’imposta Per poter beneficiare del credito di imposta Le imprese che eseguono in intervento di bonifica dell’amianto nel 2016 potranno ottenere il credito d’imposta al 50% della spesa compilando il modello F24 online disponibile online. Ulteriori indicazioni operative saranno contenute in un decreto del Ministero dell’Ambiente, in collaborazione con il Ministero dell’economia e delle finanze.

COPERTURE - 15


IBIZA E FORMENTERA: LA TOP LIST OLTRE LA MOVIDA Tutto il mondo parla di loro. Come spesso accade quando un luogo è molto famoso, lo stereotipo di isole della movida rischia di cancellare un po’ la loro bellezza. Alla scoperta del volto meno scontato delle cosiddette Islas Pitiusas, le ‘isole dei pini’ delle Baleari. Parc Natural de ses Salines Riserva naturale protetta dal 1995, il Parc Natural de ses Salines costituisce l’ecosistema più ricco delle Islas Pitiusas e del suo litorale fanno parte alcune delle spiagge più famose e visitate di entrambe le isole. I suoi 2752 ettari di terra e i 14.028 ettari di mare si estendono dalla parte meridionale di Ibiza fino a quella settentrionale di Formentera, includendo il braccio di mare e gli isolotti che costellano lo stretto. Gli amanti della natura potranno godere dello splendido panorama offerto dai multicolori stagni di sale, testimonianza dell’industria delle saline, la più antica di Ibiza e Formentera. Ibiza occidentale Benvenuto nella zona più selvaggia dell’isola, da tutti i punti di vista. Qui si trovano innumerevoli bar e ristoranti, e la maggior parte delle discoteche che hanno reso famosa Ibiza nel mondo per la musica elettronica, così come alcune delle spiagge più belle. Nonostante ciò, continuano a esistere oasi di pace, come Santa Agnès, dove è possibile vivere l’Ibiza più autentica. La riserva naturale di des Vedrà i es Vedranell rappresenta una delle immagini simbolo di Ibiza. Gli isolotti situati nel sud-ovest dell’isola, hanno ispirato musicisti e cineasti con il loro magnetismo. Questo luogo affascinante ricorre inoltre in numerose leggende, dalle apparizioni mariane agli avvistamenti di ufo. Da un punto di vista più terreno, rappresenta la principale attrattiva

16 - SPECIALE VIAGGI

naturalistica di questo versante dell’isola; i tramonti qui sono semplicemente indimenticabili. Santa Agnès, idillio tutto l’anno All’estremità nord-occi- dentale dell’isola si trova il minuscolo villaggio di Santa Agnès de Corona: la parrocchia, un bar, un negozio e poco più. Questo posto attrae ogni inverno centinaia


di abitanti di Ibiza e di turisti che accorrono per contemplare lo spettacolo dei mandorli in fiore nel Pla de Corona, come viene chiamata questa zona. D’estate qui si può assaporare l’Ibiza rurale autentica.

si trovano bocadillos freschi, con insaccati e formaggio, sempre conditi con pomodoro, olio e sale. A chi vi si reca per la prima volta consigliamo di ordinare un desayuno complet, bocadillo farcito con jamón serrano e formaggio, scaldato nel tostapane.

Santa Gertrudis de Fruitera, capitale dell’interno Il cuore di Ibiza è costellato di comunità, dette parroquias, orga-

Platja de Migjorn: Formentera in solitudine Il tratto sud della costa di Formentera è la parte di litorale meno

nizzate attorno a una chiesa, la cui popolazione vive dispersa in mezzo alla campagna. Tra queste, Santa Gertrudis è diventata importante quanto le località costiere. I ristoranti lungo le vie, quasi tutte pedonali e l’originalità dei suoi negozi ne hanno fatto uno dei paesi preferiti da tutti coloro che cercano la fisionomia meno esplorata dell’isola. Inizia la giornata con una colazione da Can Costa, un locale frequentato dalla gente del posto. Qui

frequentata, per cui attrae chi preferisce la solitudine, l’intimità e la quiete che offre questa zona aperta ai naturisti. Nella stessa zona si trovano altre spiagge come Es Ca Marí e Ses Platgetes, tutte con le stesse caratteristiche: zone di sabbia intervallate da tratti rocciosi. Le onde trascinano fin qui strisce di posidonia morta che vengono accatastate in inverno per essere poi usate come un eccellente concime per le coltivazioni.

SPECIALE VIAGGI - 17


‘Peix sex’, appuntamento per i foodie La gastronomia di Formentera ha recuperato negli ultimi anni uno dei suoi ingredienti di punta, che riassume nella preparazione la sua grande tradizione di pesca. Si tratta del peix sec, una

nuzzate, suddivise in vasetti e ricoperte di olio d’oliva, l’unico conservante di questa delizia locale. Un buon modo per degustare il peix sec è ordinare un’ensalada payesa.

conserva di pesce che ha fatto irruzione con successo nell’ambito della gastronomia di alto livello e che può essere acquistata nei supermercati delll’isola. La consistenza della carne della razza è perfetta per questo tipo di preparazione. Dopo essere stata pescata, viene pulita subito, quindi congelata nel laboratorio sulla terraferma. Una volta concluso il procedimento, le razze vengono appese a dei rami e lasciate alle intemperie. Infine sono smi-

18 - SPECIALE VIAGGI

Archeologia misteriosa Le Islas Pitiusas abbondano di interessanti siti storici. Uno dei più celebri è senza dubbio l’insediamento fenicio di Sa Caleta, a Ibiza. Anche Formentera custodisce importanti ed enigmatiche vestigia. Il sepolcro megalitico di Ca na costa tramanda di secolo in secolo un’infinità di domande senza risposta. I resti archeologici suggeriscono che si tratti di una costruzione funeraria di carattere religioso, e indicano che Formentera era già popolata tra il 1900 e il 1600 a.C. È costituita da un corridoio d’accesso, una camera principale che veniva impiegata come sepolcro e un anello di contenimento, attorno al quale è disposto un altro cerchio di lastre simmetriche disposte a raggiera, che le hanno valso il nome di Es Rellotge, per la disposizione che somiglia a quella di un orologio solare. Dopo aver esaminato i resti umani riesumati, gli archeologi hanno stabilito che uno degli uomini lì sepolti era alto circa 1,90 m.


INFO UTILI E CONTATTI

Il Camping San Antonio è sulla strada che collega Ibiza a San Antonio al Km 14.8, 200 metri dalla baia di San Antonio. Nelle vicinanze si trovano le spiagge più belle dell’isola.

CAMPING SAN ANTONIO

TEMPO DI VACANZA IBIZA - SAN ANTONIO

Crta. Ibiza-San Antonio Km. 14,8 07820 San Antonio, Ibiza – Isole Baleari - Spagna Email: info@camping-sanantonio.com Tel: (+34) 656 568 636

Tutto nasce qualche anno fa in una giornata piovosa passata nel quartiere El Born di Barcellona, un quartiere dal passato aristocratico, oggi noto per la sua vena artistica. Inizia da lì quel viaggio che, per uno strano gioco del destino, mi porterà a Ibiza: da quelle atmosfere vivaci e irriverenti, ideali per rincorrere una bella avventura. Correva l’anno 2010 quando per la prima volta entrammo nel Camping San Antonio, o meglio di quel che restava del glorioso San Antonio, visto lo stato di abbandono e decadenza in cui versava. Ma la voglia di ristrutturare quello che era Un posto da sogno che una bellissima il più antico campeggio di Ibiza (fondato nel lontano poesia di Federico Garcia Lorca sem1961!), e uno dei più antichi d’Europa, era una bella bra immortalare per sempre: sfida che volevamo tanto vincere. Insieme alla mia squadra fissammo tre obiettivi: 1. Ristrutturare bungalow e servizi in linea con le nuove esigenze del viaggiatore 2. Riscattare il buon nome del campeggio con proposte di qualità per differenti tipologie di clienti 3. Sviluppare un piano marketing per presentare il nostro campeggio sul web e sui social network

Tempo di vacanza Agosto. Controluce a tramonti di pesca e zucchero E il sole dentro la sera come il nocciolo nel frutto. (Federico Garcìa Lorca)

Da allora molte cose sono cambiate. Il campeggio ha riacquistato una nuova vita, con dei bungalow molto accoglienti, servizio bar, ristorante, piscina e splendide terrazze. Oggi possiamo dire con orgoglio che, dopo diversi anni, tanto amore e tanto sudore, abbiamo riconquistato il calore e la fiducia dei numerosi ospiti che ci vengono a trovare su questa bellissima isola. Una grande soddisfazione è stata quella di vedere anche tante famiglie con bambini, testimonianza che il campeggio San Antonio è il posto ideale per passare una vacanza a Ibiza in tutta tranquillità. E non è meta esclusiva del popolo della notte, ma un posto meraviglioso che appartiene a tutti. Poi, con il nostro sito web, le recensioni positive su TripAdvisor, la nostra presenza su Facebook, Booking, e sulle prestigiose guide Routard, è arrivata anche la popolarità, testimoniata da migliaia di ospiti che vengono in vacanza nel nostro campeggio. Perché poi il segreto di tutto è chiuso nella bellezza misteriosa di Eivissa : l’intensità cromatica del paesaggio, le scogliere che s’innalzano da un mare color azzurro intenso, la terra rossa punteggiata di case cubiche e chiese bianche. Tutto sembra perfetto per uno scenario raccontato da poeti come Federico Garcìa Lorca, Dàmaso Alonso e Rafael Alberti, pittori come Salvador Dalì, Joan Mirò e grandi architetti come Le Corbusier.

SPECIALE VIAGGI - 19


I Trofei e i Premi di Gorla e Centomiglia TROFEO MULTICENTO – TROFEO GIORGIO ZUCCOLI: per la Centomiglia, al multiscafo primo in tempo reale sul traguardo. TROFEO BEPPE CROCE: per la Centomiglia al monoscafo, primo sul traguardo in tempo compensato secondo i parametri e le regole ORC, senza trapezi e senza terrazze. TROFEO STENO MARCHI: per la Centomiglia al monoscafo, primo sul traguardo in tempo compensato secondo i parametri e le regole ORC, con trapezi e/o con terrazze. TROFEO ALESSANDRO BETTONI: per la Centomiglia, al monoscafo o al pluriscafo primo in tempo reale sul traguardo TROFEO GIACOMO GARIONI: per la Centomiglia, al monoscafo primo in tempo reale sul traguardo TROFEO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA al timoniere dell’imbarcazione vincitrice del Trofeo Bettoni

20 - 66A CENTOMIGLIA

TRIBUTO A GIORGIO ZUCCOLI: all’imbarcazione che batterà il record della Centomiglia di 6 ore e 5 min. TROFEO GIORNALE DI BRESCIA al primo timoniere bresciano in tempo reale. TROFEO PROVINCIA DI BRESCIA al primo timoniere straniero in tempo reale. TROFEO CAV. DEL LAVORO PINO BERETTA al timoniere più giovane in tempo reale.


TROFEO COMUNE DI GARGNANO al primo timoniere femmina in tempo reale.

TROFEO 50MIGLIA: al multiscafo primo in tempo reale sul traguardo.

TROFEO GIOVANNI CANDIANI al vincitore della Classe J24 in tempo reale.

TROFEO GARDA LOMBARDIA: per il Gorla, al monoscafo primo sul traguardo in tempo compensato secondo i parametri e le regole ORC, senza trapezi e terrazze.

TROFEO RICCARDO GORLA: all’imbarcazione, monoscafo o multiscafo, prima in tempo reale sul traguardo della regata Gorla. TROFEO MEO OMBONI: al primo monoscafo in tempo reale sul traguardo.

TROFEO AVANZINI, per il Gorla, al monoscafo, primo sul traguardo in tempo compensato secondo i parametri e le regole ORC, con trapezi e/o con terrazze.

66A CENTOMIGLIA - 21


GLI EVENTI DI “SOGNANDO OLYMPIA” LA VELA CHE CHIUDERA’ A FINE ESTATE CON LA 10ª CHILDRENWINDCUP DEL GARDA LAGO DI GARDA - La fiaccola è in viaggio verso Rio. Così anche “Sognando Olympia”, progetto nato per unire nel nome dei valori umani e olimpici, continua il proprio percorso raccogliendo nuove adesioni. La conclusione, in verità, ci sarà un’appendice ad ottobre, si consumerà al porticciolo di Bogliaco, una delle piazze dove le vela da regata fanno parte dello scenario, dove da 66 anni scatta la Centomiglia Velica

e da 50° il Trofeo Riccardo Gorla, le due regate più belle e affascinanti che si corrono in acque interne. “Sognano Olympia” si chiuderà nel week end del 24 e 25 settembre quando a Bogliaco si correrà la seconda edizione del Miglio Olimpico e l’annuale festa della vela con i piccoli pazienti dell’Ospedale dei Bambini di Brescia e della Associazione Bambino Emopatico, la ChildrenWindCup che taglierà il ragguardevole

24 - 66A CENTOMIGLIA


[segue a pagina 28]


primato delle 10 edizioni. Nella giornata del sabato si disputerà la seconda edizione del Miglio Olimpico, inserita nel calendario Fidal, al via annunciate medaglie olimpiche e campioni mondiali come Alberto Juantorena, Alberto Cova, Franco Fava, i fratelli Damilano, Franco Arese, più i velisti olimpici con Angelo Glisoni, oggi allenatore della nazionale austriaca, quasi certamente Giulia Conti. Sognando Olimpia era il 13 al 22 maggio a Toscolano Maderno per le intense giornate della Bike Fest che hanno visto impegnati su due ruote numerosi appas-

26 - 66A CENTOMIGLIA

sionati e specialisti. Intenso il programma che ha proposto, tra l’altro, la spettacolare Urban Downhill con discesa da Montemaderno sino al lago, incontri culturali, escursioni in collina, il Campionato provinciale di ciclismo per la categoria Giovanissimi. Ma non è certo tutto. Da sottolineare è l’adesione del Comitato provinciale di Brescia della Fidal, cui i promotori dell’iniziativa, ideata e coordinata da Ottavio Castellini, giornalista in forza alla Iaaf, hanno consegnato nei giorni scorsi lo striscione “dedicato” che sarà esposto nelle gare di atletica leggera. I cui


risultati confluiranno poi in una particolare classifica, con premiazioni in programma il 24 e 25 settembre prossimi in occasione della Children e del Miglio Olimpico. Appuntamento in calendario per l’organizzazione del Circolo Vela Gargnano che, con il GS Montegargnano, è fra i sottoscrittori del pro-

trova ospitalità in via Monsignor Giacomo Tavernini 35, nei locali della Collezione stessa. Il sito Internet dell’Asai (www.asaibrunobonomelli.it), solo la stamattina, 12 maggio, alle 10.33 ha superato il significativo traguardo di 500 mila contatti. Non poco davvero nell’universo del web.

getto “Sognando Olympia”. “Sarà certamente una grande occasione di stare insieme” affermano gli organizzatori. Che hanno in riserbo grandi sorprese. Con la presenza di campioni dello sport di ieri e di oggi. Da ricordare, inoltre, che partner culturale del progetto è la Biblioteca internazionale dell’atletica che porta il nome di Ottavio Castellini, dislocata a Navazzo. Dove il 15 maggio scorso è stato reso ufficiale il trasferimento della sede sociale dell’Archivio Storico dell’Atletica Italiana Bruno Bonomelli. Che

66A CENTOMIGLIA - 27


LA TELEMEDINA DI XEOS NAVIGA CON LE VELE DELLA CENTOMIGLIA In occasione di Gorla e Centomiglia 2016 continuerà la sperimentazione della maglietta Xeos, un capo d’abbigliamento in grado di monitorare 9 parametri vitali di un atleta. L’esperimento, il primo in ambito mondiale, si è era svolto proprio con un equipaggio del Circolo Vela Gargnano con i ragazzi della classe Feva e poi con un Dolphin del team Aron con a bordo gli skipper del Cus Brescia. In quell’occasione al largo del Marina di Bogliaco, i sensori hanno trasmesso i parametri del giovane velista Mattia Belleri, prodiere sul doppio Rs Feva, dello skipper Giovannino Chimini. Alla Centomiglia sarà ripetuto con alcuni equipaggi. Il risultato sarà proposto durante le varie dirette via web e in Tv con il commento di un Medico specialista. La tecnologia è quella del Remote System Control, sistema costruito in maniera modulare, quindi facilmente personalizzabile. Si basa su tre componenti principali: una serie di uno o più sensori abbinati all’abbigliamento per il rilevamento di segnali biometrici; un dispositivo elettronico per l’elaborazione

28 - 66A CENTOMIGLIA


e la comunicazione dei dati; un sofisticato Software (il vero cuore) per la gestione e la visualizzazione dei dati. Per precauzione il test è iniziato con una fascia. I suoi tessuti conduttivi hanno subito acquisito gli impulsi elettrici generati dal cuore. Il tutto verificato tramite sensori interni il tutto si è arricchito della rilevazione di altri parametri. Tramite un dispositi-

vo il sistema ha iniziato a mostrare il video del Pc remoto l’ elettrocardiogramma, la posizione dell’equipaggio (grazie al Gps), altre informazioni e diagrammi come l’onda respiratoria; l’ accelerazione e la rotazione triassiale; la temperatura corporea. Questi dati tramite un sistema di comunicazione wireless dalle acque del lago sono stati inviati ad un software, subito visibile sul video di un computer collegato in rete. Lo sviluppo definitivo porterà dai 9 parametri vitali ad altri. Il progetto nasce dalla collaborazione tra Lab-CVG (le idee portate dal vento) ed è stato realizzato dalla Xeos di Roncadelle, Brescia, azienda leader nel settore della telemedicina, la collaborazione con la Clinica Universitaria di Brescia. Lab-CVG è un punto di incontro per progetti dedicati alla vela con importanti valenze in ambito del sociale.

66A CENTOMIGLIA - 29


LA VELA NEL CUORE PER VELISTI CON OGNI TIPO DI DISABILITà

Hyak Onlus alla Cento People con la sua nuova barca. L’associazione Hyak Onlus, che lavora con il Cps di Salò, è impegnata da molti anni nel sociale attraverso l’organizzazione di importanti eventi di carattere

30 - 66A CENTOMIGLIA

nazionale e internazionale rivolti a velisti con varie disabilità (motorie e mentali). Quest’anno dopo aver varato il nuovo “Rockford” avuto in dono dalla famiglia Saporiti di Como, sarà al via della Cento People, la gara che in occasione della Centomiglia raggruppa gli equipaggi formato famiglia, i dipor-


tisti, altri progetti attivi nel sociale. Nelle ultime stagioni agonistiche Hyak ha collaborato con il Circolo Vela Gargnano per l’organizzazione del primo Campionato Mondiale per velisti Non Vedenti in totale autonomia del progetto Homerus; nel 2011 ha dato vita al Campionato Europeo per velisti disabili

riabilitazione motoria). La manifestazione velica è stata propedeutica a tutta una serie di iniziative che sono state organizzate da Hyak Onlus con cadenza annuale, quali stage di avvicinamento/perfezionamento alla vela rivolti a velisti affetti da ogni tipo di disabilità motoria volti a favorire la partecipazio-

(10 nazioni presenti) e dal 2012 al 2015 ha organizzato la prima serie dei Campionati Nazionale Open (aperto a velisti stranieri) per velisti disabili (para e tetraplegici) L’iniziativa è stata co-promossa con il Circolo Vela Gargnano e con il Progetto Eos (che lavora con l’Opera Don Calabria di Verona nella

ne di quanti vivono in condizioni svantaggiate allo sport velico. In questo modo l’associazione Hyak Onlus intende rispondere al bisogno specifico di dare sollievo alle famiglie che hanno a carico una persona svantaggiata, permettendone la socializzazione e l’integrazione.

66A CENTOMIGLIA - 31


Gli atleti iscritti alla manifestazione sono stati ospitati presso strutture accessibili ai disabili con vitto a carico dell’organizzazione. Ogni giorno, nelle acque antistanti il Comune di Gargnano, sono state organizzate regate veliche e soci e volontari dell’associazione sono stati a disposizione degli atleti per qualsiasi necessità connessa alla pratica sportiva, ma anche a bisogni legati a problematiche quotidiane. Gli atleti sono stati adagiati nelle loro imbarcazioni per mezzo di apposite gru da un molo costruito appositamente per consentire l’accesso anche alle carrozzine.

RINGRAZIAMO CHI È CON NOI A FIANCO DELLE NOSTRE ATTIVITÀ. Partner: Banca del Territorio Lombardo, Argivit, Gaastra & Gaastra Shop Gargnano, Biscotti Lazzaroni-MiDi Gruppo Casalini, Xeos. it, Aron-Team Dolphin, Dap Brescia, Univela Campione di Tremosine, Hotel Bogliaco, Hotel Villa Sostaga, Marina di Bogliaco, Kalyos, Kwindoo, Garda Computers, My Sporting Cloud, One Sails, Centrale del latte di Brescia, Sciroppi Distilleria Valdoglio, Iab Brescia, Funivia Malcesine Monte Baldo, Società Auto-

32 - 66A CENTOMIGLIA

strade Centro Padane S.p.A., Consorzio Garda Lombardia, Brescia Tourism, Perla del Garda. Istitutional partner: XIV° Zona di Federvela, Comune Gargnano, Consiglio Regionale della Lombardia, Provincia di Brescia, Abe, Volontari del Garda. Project: Lab CVG (le idee portate dal vento) con i progetti Hyak Onlus, Abe BresciaChildrenwindcup, Cus Brescia, il gemellaggio sportivo con lo Y.C. Cortina d’Ampezzo.


UN RECORD PER UNA REGATA IN ITALIA Storia

La prima edizione della Centomiglia si disputa l’8 e il 9 settembre del 1951. Al via, dal porto di Gargnano in provincia di Brescia, ci sono 17 scafi. Vince, dopo 20 ore e 25 minuti di navigazione, il 6 Metri Stazza Internazionale “Airone” di Umberto Peretti Colò della Compagnia della Vela di Venezia. L’anno dopo arrivano i tedeschi. Trionfa il “30 metri quadri” “Manjana” dello skipper bavarese Martin Adolf. Per la Centomiglia è la consacrazione in ambito internazionale. Negli anni successivi si presentano all’appuntamento con le acque gardesane le più disparate e veloci imbarcazioni. Le gare vengono dominate da scafi olimpici come i “5.50 Stazza Internazionale”, le “Star”, il catamarano “Tornado”, veloci derive come le “Rennjollen” tedesche e gli scafi oceanici come il prima classe IOR “Guia” di Giorgio Falck, una barca di 13 metri, che si impose nel 1971 e che, nei due anni successivi, partecipò alla prima edizione del Giro del mondo. Dalla metà degli anni ‘70 è il trionfo della Classe Libera, una categoria nuova nata attorno alla filosofia della Centomiglia. Franco Nocivelli si fa costruire “Cassiopea”, che sarà prima in ben quattro edizioni, mentre i tedeschi rispondono con il “Quartas” affidato al campione del mondo F.D.

34 - 66A CENTOMIGLIA


Sepp Hoess e gli svizzeri con il Toucan dell’olimpionico Noverraz. Negli anni ‘80 approda sul Garda la moda del super leggero che ha come “capo storico” l’architetto neozelandese Bruce Farr, lo

stesso che firmerà le più veloci imbarcazioni marine a cominciare dal vincitore dell’ultimo Giro del mondo a vela e dell’altrettanto celebre “New Zealand” della Coppa America.

66A CENTOMIGLIA - 35


Andamento dei prezzi per gli immobili nella provincia di Brescia I grafici seguenti mostrano, ove disponibile, l’andamento nel tempo dei prezzi di richiesta di case, appartamenti e in generale degli immobili residenziali all’interno del territorio della provincia di Brescia, sia in vendita che in affitto. Per prezzi di richiesta si intendono i prezzi medi degli immobili localizzati nella provincia di Brescia pubblicati su Immobiliare.it nel corso del mese di riferimento. Su Immobiliare.it puoi anche vedere su mappa il prezzo per metro quadrato degli immobili in provincia di Brescia, per confrontare in modo semplice i prezzi a metro quadro dei diversi comuni. Andamento prezzo medio richiesto per immobili in vendita (€/m²) Nel corso del mese di Luglio 2016 gli immobili residenziali in vendita nella provincia di Brescia registrano un prezzo per metro quadro richiesto pari a € 1.872,

36 - MANIFESTAZIONI ESTIVE

a fronte dei € 1.934 richiesti nel mese di Luglio 2015 (con una diminuzione del 3,18% nell’ultimo anno). Negli ultimi 24 mesi, il prezzo richiesto degli immobili localizzati all’interno dei confini della provincia di Brescia ha toccato il valore massimo nel mese di Agosto 2014, con € 1.999 per metro quadro.


AFFITTASI UFFICI

MQ. 135 IN BRESCIA

RISCALDATO, IMPIANTO ELETTRICO A NORMA, PIAZZALE CINTATO Classe Energetica D ESENTE DA INTERMEDIARI

TEL. 335 6815560

IMMOBILIARE - 37


Profile for Puntobresciano

Nuovo PUNTO BRESCIANO di settembre 2016  

Speciale 66a CENTOMIGLIA del Garda - 10-11 Settembre... Speciali autoscuole, immobiliare, coperture e viaggi.

Nuovo PUNTO BRESCIANO di settembre 2016  

Speciale 66a CENTOMIGLIA del Garda - 10-11 Settembre... Speciali autoscuole, immobiliare, coperture e viaggi.

Advertisement