PROFONDA SUPERFICIALITÀ

Page 1

Profonda SuperficialitĂ mostra collettiva di arte contemporanea


IN COPERTINA: Henri Matisse, Fiori e ceramica PER INFORMAZIONI SULLE OPERE PUBBLICATE Cell. 331.566.45.54 - ossimoro.art@gmail.com - www. ossimoro-art.it Le immagini, i loghi e i testi, sono proprietà esclusiva dei rispettivi autori, ritenendo gli stessi legittimi proprietari e garanti dell’autenticità e provenienza delle opere e delle immagini pubblicate. Il possesso di questo catalogo non costituisce l’acquisizione dei diritti delle immagini pubblicate. Vietata la copia, la distribuzione e la diffusione non autorizzata. Ogni abuso sarà perseguito a norma delle leggi vigenti.


Profonda SuperficialitĂ mostra collettiva di arte contemporanea

OSSIMORO ART GALLERY Via Carlo Ignazio Giulio, 6 Torino Cell. 39 331.566.45.54 - Email ossimoro.art@gmail.com



TEMA DELLA COLLETTIVA “Non c’è niente di più profondo di ciò che appare in superficie”. (G. W. Friedrich Hegel) Superficie e profondità. Sopra e sotto. Davanti e Dietro. Matisse usava partire dalla raffigurazione della realtà, trasformandola poi in forme semplificate e appiattite attraverso l'accostamento di colori primari e secondari puri, accesi, luminosi, semplificando le forme portandole alla bidimensionalità. Portando, quindi: la profondità in superficie. Nella pittura, lo spazio pittorico è costantemente delimitato da una cornice già dal secolo scorso, dalla prospettiva di Piero della Francesca, al trompe l’oeil del Barocco, dall’anamorfosi a Velasquez de Las meninas, fino al gesto estremo, quanto impotente, del taglio di Fontana sulla tela, per riuscire a dare tridimensionalità all’opera, si è cercato di giocare fino ai limiti non solo dell’illusione ottica, ma anche del dialogo quasi fisico con l’osservatore. Quando osserviamo un dipinto, proviamo delle emozioni soggettive, probabilmente le stesse che l’artista voleva esprimere, ci sentiamo legati, partecipi, coinvolti, senza conoscerlo, senza sapere cosa lo ha spinto realmente a creare quell’opera, nè osserviamo la profondità.


Profonda SuperficialitĂ mostra collettiva di arte contemporanea dal 25 Maggio al 7 Giugno 2020

Alberto Ballocca Daniela De luca Ernesto Fava Cinzia Gennaro Tiziana Inversi Alex Kova Monica Pelizzari Gianni Pennisi Federica Scalafiotti Six Michael Stewart


Le opere selezionate per la mostra sono interpretazioni personali di ciò che PROFONDAMENTE l’artista vuole esprimere comunicare con propria essenza e la propria individualità, tramite la SUPERFICIE di una tela, di una fotografia o di una illustrazione.


Aberto BALLOCCA


Alberto BALLOCCA Maieutikos 50X70 Tecnica mista su vetro

Questo strano personaggio identifica in qualche modo la maieutica Socratica, L'ho identificato come un nuovo Dio, dedito ad aiutare gli uomini nel compito più arduo che la vita ci pone di fronte: la ricerca di se stessi, oltre alla natura della propria specie, ciò che da essa ci si è spinti ad essere.

Alberto BALLOCCA Prophetes 70X100 Tecnica mista tela

La forza del culto di Apollo tocca il suo apice con l'emanazione di profezie che riecheggiano in tutto il mondo antico fino a noi oggi, ciò che nel tempo ha viaggiato come profezia, nelle più disparate ma accurate interpretazioni, ha una costante cosmica, tra astri e stelle così lontane a noi, così vicine agli antichi Dèi.


Daniela DE LUCA

Daniela DE LUCA Deep Surface (serie) 70X50 – Tiratura Libera Fotografia digitale stampa su tela “C’è una maschera per la famiglia, una per la società, una per il lavoro, e quando stai solo resti nessuno.” (Luigi Pirandello)


Daniela DE LUCA Deep Surface (serie) 20X30 – Tiratura Libera Fotografia digitale su carta fotografica

“Quante maschere e sottomaschere noi indossiamo Sul nostro contenitore dell’anima, così quando, Se per un mero gioco, l’anima stessa si smaschera, Sa d’aver tolto l’ultima e aver mostrato il volto?” (Fernando Pessoa)


Ernesto FAVA


Ernesto FAVA Nova Cairo 140X70 Illustrazione Digitale (tiratura libera)

“Onore e Lode a Marte Dio della vittoria, la città che esplode luci insegne e gloria. Onore e protezione lei ci fa da guardia,___ monumenti alla nazione l’occhio che ti guarda. Flussi evoluzione l’uomo nuovo avanza, costruisce osserva la città che danza. Fumi rossi stelle pubblicità che incanta, in ogni direzione la città ti mangia. Nova Cairo splende madre in gravidanza, occhi di cemento guardano a distanza.”


Cinzia GENNARO


Cinzia GENNARO Hole n.1 30X40 Tecnica mista su tela

“C’è una crepa in ogni cosa, è così che entra la luce.” (Leonard Cohen)

Cinzia GENNARO La via della seta 30X40 Tecnica mista su tela

“Esplorare non significa tanto coprire una distanza in superficie, ma studiarla in profondità: un episodio fuggevole, un frammento di paesaggio o un’osservazione colta al volo potrebbero costituire l’unico mezzo per comprendere e interpretare delle zone che altrimenti resterebbero prive di significato.” (Claude Levi-Strauss)


Tiziana INVERSI


Tiziana INVERSI Metamorfosi 50X60 Acrilico su tela Trasformazione Corpi in movimento... in amalgama di terra Dal buio alla luce con un battito d'ali La vita continua nel suo ciclo nel suo divenire trasformandosi senza sosta.

Tiziana INVERSI Abissi 50X100 Acrilico su tela Nel profondo dell'anima il pensiero si nutre di inconsce paure riemergono mostri circondati da docile fauna che lambisce le acque profonde lontano dal pericolo


Alex KOVA Al di Fuori di Me 40X60 – 1/7 Fotografia digitale su Dibond

Profondità superficiale. La parola superficialità non ha un solo significato. Quello maggiormente compreso è di approssimatività,. Si parla di entità lieve. Quell’entità velata dalla prima osservazione. Quella tangibilità di linee definite o celate. Quel qualcosa da superare con gli occhi e l’anima. Leggere tra le righe ... tra le linee. Presenze fievoli, velature di una riflessione o di un desiderio. Parole trattenute dalla ragione. Impronte lasciate dal nostro passaggio sui muri della città , sul mondo esterno, dai nostri occhi - le porte dell’anima. Tra il movimento e la maschera indossata si cela il vero messaggio di forza, La nostra impronta eterea e spiccante in un bluff della fisicità

Alex KOVA


Alex KOVA Essenza 30X40 – 1/7 Fotografia digitale su Dibond

Alex KOVA Urban Ghost Rider 30X30 – 1/7 Fotografia digitale su Dibon

Alex KOVA Annegando la mente 30X30 – 1/7 Fotografia digitale su Dibond


Monica PELIZZARI


Monica PELIZZARI Phoenix 70X50 Acrilico su tela

“E guidi la vostra passione con la ragione, affinché la passione possa vivere ogni giorno la sua resurrezione e come la fenice risorgere dalle sue ceneri.” (Khalil Gibran)


Gianni PENNISI


Gianni PENNISI Fantasia n. 69 60X80 Acrilico su tela

“Chi ha guardato bene addentro nel mondo, indovina facilmente quanta saggezza emani dal fatto che gli uomini sono superficiali. L’istinto della conservazione apprende loro ad esser leggeri, volubili e falsi.” (Friedrich Nietzsche)

Gianni PENNISI Fantasia n. 55 60X90 Acrilico su tela

“Chi ha guardato bene addentro nel mondo, indovina facilmente quanta saggezza emani dal fatto che gli uomini sono superficiali. L’istinto della conservazione apprende loro ad esser leggeri, volubili e falsi.” (Friedrich Nietzsche)


Federica SCALAFIOTTI


Federica SCALAFIOTTI Bianco e Nero 50X70 Fotografia digitale su tela

BIANCO E NERO superficialmente opposti miscelati rivelano la profondità di intrecciate sfumature di cui tutto è composto


SIX


SIX Percorso 88X74 Tecnica mista su cartoncino

Colori che in superficie attraggono distraggono e nascondono ciò che nel profondo è anima imbrigliata in un corpo che affronta la vita


Michael STEWART


Michael STEWART Mother Nature 50X70 Acrilico su tela

“Guarda gli alberi, guarda gli uccelli, guarda le nuvole, le stelle… e se hai occhi potrai vedere che l’esistenza intera è ricolma di gioia. Ogni cosa è felicità pura. Gli alberi sono felici senza alcun motivo; non diventeranno primi ministri o presidenti e non diventeranno ricchi – non hanno nemmeno un conto in banca! Guarda i fiori. È incredibile come siano felici i fiori – e senza alcuna ragione. “ (Osho)

Michael STEWART Man from the Hills 50X70 Acrilico su tela

“Ero intero e tutte le cose erano per me naturali e confuse‚ stupide come l’aria; credevo di veder tutto e non era che la scorza. Se mai tu diventerai metà di te stesso‚ e te l’auguro‚ ragazzo‚ capirai cose al di là della comune intelligenza dei cervelli interi. Avrai perso metà di te e del mondo‚ ma la metà rimasta sarà mille volte più profonda e preziosa.” (Italo Calvino)