Page 1

SLOVENIA

La

vi invita!

Agli ospiti italiani delle terme slovene piace combinare le coccole e una vacanza attiva 4-8


Orhidelia odorosa Welln est

s es

B

Wellness hotel sotelIas

/15

2 mezze pensioni - 3 giorni bagno nelle piscine termali con ingresso libero al Wellness Orhidelia 284 € prezzo regolare

– sconto del 20% = 227,20 € per persona in una camera doppia

Validità: 01/11 – 24/12/2015 | l’offerta non è cumulabile con altri sconti. | Ci riversiamo il diritto di modificare i prezzi e le altre condizioni di vendita.

Informazioni e prenotazioni: T: 00386 (0)3 829 78 36 | info@terme-olimia.com | www.terme-olimia.com


Repubblica di Slovenia Capitale: Lubiana Abitanti: 2 milioni Superficie: 20.273 km2 Lunghezza della costa marina: 46 km

Valuta: Euro Membro: EU, NATO, OECD

Gli italiani si sono fermati con piacere a Milano presso i loro vicini sloveni

I

n un anno e mezzo più di mezzo milione d’italiani si è fermato al padiglione sloveno dell’esposizione mondiale Expo Milano 2015. Complessivamente gli avvenimenti davanti al padiglione sloveno di legno dalla forma piramidale hanno attirato circa un milione di persone. Per un paese con circa due milioni di abitanti sono entrambi numeri impressionanti. L’esposizione mondiale EXPO Milano 2015 è stata memorabile per la Slovenia. Si svolgeva, infatti, molto vicino alla Slovenia e in un paese che è particolarmente importante per la Slovenia in termini economici. Non sorprende che uno degli obiettivi prioritari dell’esposizione della Slovenia all’EXPO 2015 sia proprio stato quello di rafforzare la cooperazione economica con l’Italia. Nella prima meta di quest’anno gli esportatori sloveni hanno esportato in Italia 1,42 miliardi di euro di merci, quindi il 9 per cento in più dello stesso periodo nell’anno scorso. Nella prima meta dell’anno le aziende slovene hanno importato 1,77 miliardi di euro di merci, un po’ meno

L’esposizione mondiale EXPO Milano 2015 è stata memorabile per la Slovenia.

Redattrice: Sabina Petrov

dell’anno scorso, indicano i dati dell’Ufficio statistico sloveno. Lo scorso anno gli scambi tra i due paesi hanno superato i 6,4 miliardi di euro, avvicinandosi alle cifre record del 2008. L’export sloveno in Italia con una crescita del 9,5 per cento l’anno scorso ha superato i 2,73 miliardi di euro. L’Italia continua ad essere il terzo investitore in Slovenia e il primo nel campo dei turisti stranieri in Slovenia. Di questi in Slovenia ce ne sono stati poco più di 2,4 milioni, dall’Italia ne sono arrivati 443 mila, il che è il numero più alto tra gli ospiti stranieri. Come sottolineato dal Ministero degli Esteri sloveno, allo scambio commerciale tra la Slovenia e l’Italia contribuirà certamente l’anno prossimo la partecipazione della Slovenia al EXPO. Questo non solo ha aumentato la visibilità della Slovenia tra le aziende italiane e i potenziali turisti provenienti dall’Italia, bensì ha consentito anche alle aziende slovene di comprendere l’importanza del mercato italiano con 60 milioni di consumatori.  Sabina Petrov

Redattore tecnico: Maša Marolt, Tina Malovrh

Responsabile del progetto: Miroslav Pejić; Telefono: +386 (1) 30 91 550 E-Mail: miroslav.pejic@finance.si

Editore: Časnik Finance, d. o. o., Bleiweisova cesta 30, 1000 Ljubljana, Slovenia

In copertina: Le Rimske Terme

Elaborazione delle immagini digitali: Sandi Baumkirher

Pubblicità: Telefono: +386 (1) 30 91 590 E-Mail: oglasi@finance.si

Direttore e caporedattore: Peter Frankl

Foto: Aleš Beno

Traduzioni: PSD, d. o. o.

Tiratura: 30.300 copie

Ottobre 2015

La Slovenia vi invita! 3


INTERVISTA Iztok Altbauer, direttore dell’Associazione delle terme naturali slovene

Agli ospiti italiani piace combinare le coccole e le vacanze attive

Signor Altbauer, quali sono le caratteristiche naturali delle terme naturali slovene che gli ospiti italiani 6 La Slovenia vi invita!

ALEŠ BENO

L

o scorso anno la Slovenia è stata visitata da oltre 443 mila visitatori provenienti dall’Italia, il che è la maggioranza tra gli ospiti stranieri. L’anno scorso il numero di questi è ammontato complessivamente a poco più di 2,4 milioni. Al secondo posto dopo gli italiani ci sono gli austriaci, al terzo e quarto posto invece gli ospiti provenienti da Germania e Croazia. Tra i visitatori stranieri in Slovenia un po’ più del 18 per cento viene dall’Italia. Circa un quinto degli ospiti italiani l’anno scorso ha visitato le terme naturali slovene. Tra gli ospiti delle terme lo scorso anno troviamo gli italiani al secondo posto, davanti a loro ci sono solo gli austriaci. Al terzo posto si sono piazzati gli ospiti provenienti dalla Federazione Russa. Nei primi otto mesi di quest’anno le terme naturali slovene sono state visitate da quasi 50 mila ospiti italiani, il che è il cinque per cento in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Iztok Altbauer, direttore dell’Associazione delle terme naturali slovene dal 2008, uno dei fondamenti del turismo sloveno, dice che gli ospiti provenienti dall’Italia sono molto desiderati, vengono principalmente a livello individuale e tra di loro arrivano sempre di più le giovani coppie che si vogliono semplicemente coccolare.

˝Alle terme naturali slovene arrivano sempre più coppie giovani dall’Italia che vogliono semplicemente essere coccolate˝, afferma il direttore dell’Associazione delle terme naturali slovene Iztok Altbauer.

considerano come il più grande valore aggiunto? L’ospite italiano da noi apprezza specialmente i fattori curativi naturali, la varietà dell’offerta, i dintorni con la natura incontaminata, la pace e la sicurezza. Tutti questi sono beni di cui in Italia se ne sente un po’ la mancanza. Siamo molto orgogliosi delle terme dell’Oltremura con l’eccezionale nera acqua nera a Moravske Toplice, che è unica, così come l’acqua termale con paraffina a Lenda-


va, senza dimenticarci dell’acqua potabile Radenska e della nostra risorsa maggiore tra le acque potabili minerali, la Donat MG di Rogaška che anche in Italia è un’acqua ben nota e sinonimo di salute. Il nostro più grande vantaggio competitivo è dato sicuramente dalle terme sul mare. La talassoterapia è sempre associata con il mare e con il sale marino. Penso che abbiamo saputo unire in modo straordinario le nostre risorse naturali utilizzando le saline, il loro fango e il sale marino. Per esempio a Strugnano e nella straordinaria Lepa Vida a Sicciole, che rientra nella categoria di ‘day spa’, ed è molto apprezzata dagli americani e naturalmente dai tanti ospiti a Portorose e sull’intera costa slovena. Puntiamo anche sulla conoscenza e la tradizione. I primi documenti testimoniano che già nel 1403 venivano tenuti registri scientifici da cui risultava che nel nostro paese esistevano acque naturali curative. Dapprima venne effettuato, ovviamente, a Dobrna, il più antico centro termale in Slovenia. Una tradizione così ricca ha permesso alla conoscenza di svilupparsi a lungo. Siamo stati in grado di collegare la tradizione con i fattori curativi aggiungendo i comfort moderni che vanno al passo con i tempi. Ad esempio, anche nel campo della riabilitazione, fisioterapia, fisiatria, cardiologia e altre aree

terapeutiche. Tutto però in collegamento con i fattori curativi naturali.

Per esempio? A Pohorje, a 1.500 metri sul livello del mare, raccogliamo la torba che viene mescolata con l’acqua termale per ottenere il bagno di torba. Simili sono gli impacchi di fango per le malattie reumatiche. Circa vent’anni la medicina ha spostato la fisioterapia dagli ambulatori ai centri termali. Così è iniziato un profondo sviluppo professionale delle terme.

Come arrivano gli ospiti italiani da noi? Sono gli ospiti più individuali tra tutti quelli che vengono alle nostre terme. A causa dell’assenza di collegamenti aerei con l’Italia, la maggior parte di loro viene in auto, alcuni gruppi organizzati vengono anche con gli autobus. Sempre più frequenti sono le richieste on-line e le prenotazioni portate a termine. Cresce anche la quota di prenotazioni attraverso vari sistemi di prenotazione. Gli ospiti italiani sono molto attivi sui social network, per questo è ancora più importante un’esperienza positiva che sono lieti di condividere con i loro amici.

Qual è il profilo dell’ospite italiano? Già in passato l’ospite italiano era considerato come uno degli ospiti più desiderati in tut-

Eurotek Trebnje, d.o.o. Bič 11, 8213 Veliki Gaber, Slovenia Telefono : +386 7 34 88 200 Fax: +386 7 34 88 222

Trasporto terrestre della merce import – export per italia, Slovenia, Francia Germania ed altri paesi EU.

• Trasporto per l ‘industria automobilistica con mezzi

centinati (bilici e autotreni), trasporti speciali di bobine di acciaio e per l ‘industria cartiera (Joloda).

info@eurotek.si

www.eurotek.si

• Trasporto di materiali isolanti, arredamenti interni ed elettrodomestici, e di tutta la merce in generale.

• Trasporti speciali di materiali chimici e carburante.


Circa un quinto degli ospiti italiani l‘anno scorso ha visitato le terme naturali slovene.

to il turismo sloveno e allo stesso modo anche nei centri termali. È un’ospite che si sente e si nota! Anche se negli ultimi anni è stato molto evidente il peggioramento del quadro economico in Italia e il correlato riflesso sul calo degli ospiti italiani, in particolare sulle loro spese, dallo scorso autunno abbiamo registrato una significativa crescita e l’interesse dei visitatori provenienti dalle nostre vicinanze occidentali. Da noi arrivano per lo più coppie di mezza età, negli ultimi tempi ci sono anche abbastanza coppie giovani, (ancora) senza figli che vogliono semplicemente essere coccolate. L’offerta più cercata e prenotata prevede appunto una combinazione di coccole e la possibilità di trascorrere delle ferie attive per le quali ci sono opportunità ideali tutti i centri termali naturali sloveni.

Gli italiani sono dei buongustai, sono soddisfatti dall’offerta nei centri termali naturali sloveni? Il fatto che gli italiani siano realmente dei veri buongustai, è una sfida speciale per i nostri chef, e di questo ne sono consapevoli soprattutto nei centri che ospitano un numero più alto di italiani. Per questo sono molto popolari i cosiddetti ‘show-cooking’ dove gli chef escono dalla cucina e creano bontà davanti agli ospiti. È certamente difficile confrontarsi con la pasta, per questo motivo scommettiamo sulle bontà dei dintorni e i sapori che sono, però, diversi da quelli conosciuti dagli ospiti. E se si mostra un po’ d’ingegnosità e autenticità, tutto questo viene molto ben accolto. Inoltre, agli ospiti italiani piace molto cercare in giro e non c’è una buona trattoria o ristorante dove non si trovi parcheggiata davanti un’automobile con la targa italiana. A volte la loro conoscenza su cosa e dove

Meeting e congressi a Kranjska Gora, Slovenija

5 alberghi

16 sale convegni

4 centri benessere

2 Casinò

INFO: +386 4 588 44 77 info@hitholidays-kg.si www.hitholidays.si


trovare qualcosa di veramente buono è anche migliore della nostra.

A livello di prezzo le terme naturali slovene che posto occupano in Europa? Basandoci sulla fascia di prezzo delle terme naturali slovene direi che si trovano tra l’Austria e l’Ungheria. Abbiamo standard e qualità che sono molto simili a quelli austriaci. Il nostro prezzo garantisce un’adeguata offerta, il servizio vale il prezzo. Lavoriamo sulla qualità e desideriamo anche metterla in pratica. Ogni dipendente è veramente importante perché il turismo è una delle attività più sensibili, visto che i dipendenti si prendono cura del benessere delle persone. La gente paga per passare un tempo libero di qualità, si tratta quasi di un approccio terapeutico, perché siamo sempre disponibili verso le persone. La particolare sensibilità delle terme riguarda anche la fiducia nella gente, nelle mani delle persone che effettuano le terapie e, di conseguenza, toccano l’ospite. Per poter sfruttare la conoscenza del terapeuta, l’ospite deve lasciarsi andare e confidarsi in essa. In quest’ambito abbiamo investito di più negli ultimi dieci anni - in aggiunta ai 270 milioni di euro d’investimenti in infrastrutture. Vogliamo ospiti con un grande potere di acquisto, ma questo lo vogliono in tutto il mondo. Pertanto, in questo settore competiamo con le cliniche private svizzere, spagnole, portoghesi, tedesche e gli eccellenti centri turistici scandinavi. Questi

fanno pagare un prezzo che è due volte più alto del nostro ma è probabile che abbiano la possibilità di dedicarsi all’ospite in modo ancora più personale rispetto a noi.

In che modo le terme naturali slovene si presentano in Italia? Se ne occupa l’Associazione delle terme naturali slovene? L’Organizzazione turistica slovena (Slovenska turistična organizacija - STO) nel 2016 e 2017 presenterà come tema portante le acque curative, così che avremo ancora più attività concentrate nelle fiere e nelle campagne promozionali e visite organizzate di giornalisti stranieri e blogger nei nostri centri termali. Qui collaboriamo intensamente. In autunno continueremo a promuoverci all’esposizione mondiale Expo Milano dove sono state presentate le acque termali e minerali slovene e in cui ogni settimana si presentano altri centri termali. Con la STO abbiamo preparato una vasta campagna sui social network che si è svolta dalla fine di settembre a ottobre.

Come vede il turismo sloveno nel contesto dell’intera economia slovena? Come ogni settore il turismo ha le proprie specificità, come ad esempio l’industria farmaceutica o automobilistica, generando il 12,5 per cento del PIL sloveno. Il turismo è quindi uno dei settori economici più importanti della Slovenia.


ALEŠ BENO

Il vantaggio competitivo delle terme naturali slovene consiste nella diversità geografica della Slovenia e nelle sue specifiche condizioni naturali, sottolinea il direttore dell’Associazione delle terme naturali slovene Iztok Altbauer.

Penso che sia uno dei settori economici più belli, ma, naturalmente, non è immune dalla crescente crisi economica. È specifico in quanto realizza un valore aggiunto relativamente basso. È una corsa a lunga distanza, quindi si deve pensare saggiamente e strategicamente. Un’espansione troppo veloce del turismo non è sensata perché la scadenza dei prestiti è di 15 o anche 20 anni. Senza investimenti nel settore del turismo si può rapidamente smettere di essere competitivi e diventare il brutto anatroccolo che nessuno vuole più vedere. Il tempo richiede anche azioni e cambiamenti coraggiosi e qui abbiamo alcuni casi di grande successo. Nell’ambito dell’intero turi-

smo sloveno le terme naturali rappresentano un terzo di tutti i pernottamenti. Abbiamo la media dei soggiorni più lunghi di un giorno e una media del 60 per cento di utilizzo delle capacità. Poiché la media del turismo sloveno è del 40 per cento di occupazione, creiamo un valore aggiunto relativamente elevato. Eppure sono davanti a noi nuove sfide, in particolare per migliorare i risultati degli affari e proprio gli ospiti italiani, che una volta erano al primo posto nel creare i pernottamenti e nel consumo, possono contribuire significativamente a migliorare l’immagine complessiva delle terme naturali slovene. Jaka Lucu

EFFETTUIAMO TRASPORTI SUL TRAGITTO SLOVENIA-ITALIA-SLOVENIA. AMIGOS transport d.o.o. Dolenjska cesta 318, Lavrica 1291 ŠKOFLJICA, Slovenia

Tel.: +386 1 360 21 22 fax: +386 1 360 21 20 +386 41 622 495

Amigos.transport@siol.net www.amigos-transport.si


Imprenditori, rigeneratevi in un modo straordinario! Concedetevi le coccole alla birra al Thermana Laško! Laško è la città della birra con ben 190 anni di tradizione. È anche la città delle fonti termali che contribuiscono alla salute e al benessere da oltre 160 anni. Quando si è alla ricerca di una destinazione in cui si desidera riposarsi dalle fatiche quotidiane, mettere da parte le preoccupazioni, i faticosi incontri di lavoro e trovare la pace - allora siete benvenuti a Laško.

Si tratta di trattamenti nei quali si usano ingredienti di prima qualità che si trovano anche nella birra Laško. Questi hanno effetti benefici per la pelle e per il benessere generale. Al Thermana Laško hanno sviluppato una propria storia della birra che oltre ai trattamenti wellness include anche la gastronomia, il programma di attività per il tempo libero ...

Il Thermana Laško è una località di villeggiatura, conosciuta per la sua spettacolare cupola di vetro. Le loro offerte wellness sono straordinarie perché sono state create sulla base del patrimonio locale in cui spicca la tradizione birraia. Desiderando che gli ospiti possano conoscere la birra in un modo diverso hanno sviluppato delle particolari coccole wellness alla birra.

All’interno del Thermana trovate anche un moderno e lussuoso Centro Congressi. Quando cercherete la destinazione giusta per i vostri incontri di lavoro, eventi congressuali o incontri di lavoro, controllate la loro offerta congressuale su www.thermana.si. A Laško gli affari e il relax si completano perfettamente.


In Slovenia per la salute e il riposo Il paese è estremamente ricco di terme naturali che includono per lo più anche un’offerta di programmi wellness

G

Parte integrante delle terme naturali sono anche i centri di benessere (wellness) in cui i servizi sono eseguiti solo da professionisti qualificati muniti di certificazione.

offrire rimedi naturali verificati, oltre a medici specialisti per la relativa area indicata e anche altro personale medico, compresi i terapeuti, spiegano nella comunità delle terme naturali slovene. Come da loro affermato, devono avere anche le strutture adeguate per ospitare i pazienti ed effettuare la riabilitazione, se necessario anche con un servizio medico presente nelle 24 ore in caso di pazienti con forti difficoltà motorie e pazienti con problemi cardiovascolari.

Gruppi e ospiti singoli Il segmento dei visitatori che arriva alle terme naturali slovene è molto

THERMANA LAŠKO

razie alle caratteristiche climatiche varie della Slovenia, che sono il risultato di un intreccio tra clima mediterraneo, alpino e continentale e i principi attivi delle acque termali e minerali, i centri termali sloveni offrono una vasta gamma di possibilità, dalla risoluzione di problemi di salute ai programmi di prevenzione o semplicemente il relax, l’attività ricreativa e il tempo libero di qualità. In Slovenia, su una zona di circa ventimila chilometri quadrati di superficie, troviamo ben 14 centri termali verificati dallo stato. Ciò significa che hanno da

12 La Slovenia vi invita!


PRESS

ampio. Si tratta di gruppi che arrivano in autobus per un programma da tre a quattro giorni che comprende sia l’utilizzo del complesso delle piscine che alcuni programmi preventivi. Tali visitatori combinano il soggiorno nei centri termali con le visite alle attrazioni culturali slovene, ai dintorni e altri punti di escursione. Molto importante è anche il segmento degli ospiti individuali che arrivano intenzionalmente nel centro termale per sfruttare tutte le potenzialità mediche e sanitarie che sono a disposizione degli ospiti nelle località termali naturali slovene. Di grande importanza sono la conoscenza, la tradizione e la qualità, ma soprattutto la ricchezza dei fattori curativi naturali che sono alla base dei trattamenti termali e dei programmi correlati, sottolineano nella comunità delle terme slovene naturali.

La fonte curativa a Radenci ha un effetto benefico sul trattamento delle malattie cardiovascolari, renali, delle vie urinarie, della tiroide, le malattie metaboliche e il diabete.

190 ANNI DI ECCELLENZA

Impol, Partizanska 38, 2310 Slovenska Bistrica, Slovenia +386 2 845 31 00; www.impol.si

barre

tubi

profilati

lamine

lamiere

cerchi

nastri colorati


SAVA TURIZEM

Le Terme di Ptuj si trovano a Ptuj, la più antica città documentata della Slovenia; è stata menzionata la prima volta per iscritto nell’anno 69.

AURORA VIAGGI DI TRIESTE SPECIALISTI PER LA SLOVENIA Allettanti proposte per soggiorni in montagna, al mare e “pacchetti benessere” alle terme slovene. L’Aurora viaggi è un’agenzia storica nel centro di Trieste, una tra le più importanti del capoluogo del Friuli Venezia Giulia, specializzata in viaggi di gruppo e individuali prevalentemente per l’Europa centrale e meridionale (Slovenia, Croazia, Montenegro, Serbia, Bosnia) e nei paesi del Mediterraneo (Grecia e Turchia). Il personale, preparato e qualificato, è a disposizione con consigli e suggerimenti necessari per far intraprendere ad ognuno il viaggio più appropriato. L’agenzia offre anche il servizio di biglietteria aerea e marittima sia nazionale che internazionale. AURORA VIAGGI SRL – Via Milano, 20 Trieste – www.auroraviaggi.com – 040 631300


TERME DOBRNA

Le acque termali e minerali curative Gli agenti curativi naturali hanno consentito alle terme slovene di specializzarsi in malattie specifiche, anomalie e disabilità, numerosi tra loro possono vantare una tradizione plurisecolare. La terapia e la prevenzione avvengono in diversi modi – bevendo le acque curative, con bagni minerali e termali, impacchi di fango, acqua di mare, bagni con ossido di carbonio e terapie a base di erbe. I centri termali hanno parimenti sviluppato la maggior parte dei trattamenti termali conosciuti nel campo della medicina fisica e della riabilitazione, supportati dall’esperienza, dalla pratica e dai risultati della ricerca empirica sugli effetti benefici degli agenti curativi naturali. Dalla tabella si evince quali sono i centri termali specializzati per una specifica indicazione medica.

Due acque minerali con effetti curativi per gli organi interni Bisogna accennare anche a due acque minerali che hanno effetti curativi dimostrati per gli organi interni. Si tratta della Donat Mg di Rogaška e di quella della fonte curativa di Radenci. L’acqua Donat Mg ha un effetto benefico sul tratto gastrointestinale ed è anche

Tutti i centri termali sloveni verificati sono idonei e qualificati per il trattamento delle malattie reumatiche e delle lesioni dell’apparato locomotore.

efficace contro l’obesità e l’eccessiva secrezione di acido gastrico. L’altra è la Fonte curativa che nasce a Radenci e ha un effetto benefico sul trattamento delle malattie cardiovascolari, renali, delle vie urinarie, della tiroide, le malattie metaboliche e il diabete.

Nei centri di benessere (wellness) soltanto esperti muniti di certificazione Costituiscono parte integrante delle terme naturali anche i centri di benessere (wellness) in cui i servizi vengono effettuati solo da professionisti qualificati muniti di certificazione. Saune, idromassaggi, vari bagni e massaggi - massaggio classico manuale, riflessologia plantare, linfodrenaggio, in alcune località anche shiatsu, reiki, ayurveda, Sawadee, Watsu e molti altri. Un’area specifica è il wellness medico che unisce i servizi medici tradizionali con le tipiche coccole, sottolineando il mantenimento e la promozione della salute che si basano su un controllo preventivo con metodi diagnostici medici. Oltre alla dieta personalizzata sono incluse anche le offerte dei centri di bellezza, massaggi cosmetici, pedicure e altro. Stela Mihajlović La Slovenia vi invita! 15


IL MIGLIOR WELLNESS GIÀ SEI VOLTE DI FILA IL WELLNESS ORHIDELIA DELLE TERME OLIMIA Nella selezione dei migliori centri di benessere in Slovenia, preparata dai creatori della trasmissione radio Dobro jutro, Slovenija (Buongiorno, Slovenia), nella categoria del turismo - il gran premio Miglior Wellness è stato per la sesta volta di fila vinto dal Wellness Orhidelia che si trova all’interno delle Terme Olimia a Podčetrtek. La selezione dei migliori wellness sloveni si svolge sulla base delle schede ricevute che quest’anno sono state 11.000 e dei voti della redazione della trasmissione sul benessere in Slovenia, a cura dei creatori della trasmissione radiofonica Dobro jutro, Slovenija (Buongiorno, Slovenia) e della giuria. Quest’ultima valuta la pulizia, la corretta esecuzione dei programmi di sauna, le possibilità di coccole, la temperatura adeguata dei locali e la luce, ulteriori possibilità offerte dai wellness - massaggi, aree di riposo, letti ad acqua, la possibilità di bevande salutari, cibo sano e vitale, personale professionale, gentilezza, accuratezza, odore dei locali, impressione, benessere, esperienza ... “Il premio Miglior Wellness in Slovenia significa per noi la conferma che siamo sulla strada giusta, un passo avanti a tutti. Il titolo lusinghiero è il risultato degli sforzi di tutta la squadra di Terme Olimia, dal

momento che si tende ad arricchire costantemente l’esperienza dei nostri ospiti. Ma questo non è il nostro unico premio quest’anno. Nella campagna della rivista In Your Pocket abbiamo vinto anche il 1° posto nella categoria dei migliori centri termali 2015. I premi certamente costituiscono una garanzia di qualità che gli ospiti notano prima ancora di decidere se venire o meno, ma, naturalmente, sono le esperienze quelle che sono confermate dai premi,” afferma il Direttore Marketing di Terme Olimia Jasmina Mlakar. Aggiunge anche che negli ultimi anni molte conoscenze ed energia sono state concentrate nel diventare il primo fornitore di servizi completi di selfness in Slovenia. “L’idea del selfness, una nuova tendenza nel mondo, viene sviluppata in modo da offrire agli ospiti più delle stesse coccole. Vogliamo presentare a loro possibili percorsi – dall’auto-realizzazione, al raggiungimento di un equilibrio a livello fisico e spirituale che porta ad una migliore qualità della vita. Non solo quando gli ospiti soggiornano da noi ma anche quando sono a casa, al lavoro. Abbiamo a cuore la soddisfazione degli ospiti”, conclude l’interlocutrice. Sabina Petrov


Palmieri - Un intreccio tra tradizione nobile e innovazione culinaria L’azienda di famiglia Palmieri è già da 500 anni impegnata nella produzione di un olio di oliva di qualità eccellente. L’esperienza, la conoscenza e il senso raffinato per la coltivazione delle olive e la spremitura dei loro frutti si trasmette di generazione in generazione.

Nel 2011 hanno intrapreso una nuova avventura. Dopo diversi anni di vendita di successo, in collaborazione con esperti e chef di fama, hanno deciso di aggiungere gusti di prima classe al vino da dessert Refosco creando così un’esperienza sensoriale indimenticabile. Hanno sviluppato il vino da dessert con miele, vaniglia e tartufo bianco. Quest’ultimo, da straordinaria combinazione di sapori, è diventato non solo una novità slovena ma anche mondiale.

L’avventura culinaria continua. La Palmieri farà felici i buongustai e gli amanti dell’alta estetica con una nuova collezione di olio d’oliva vergine di alta qualità che è stato arricchito con quattro ingredienti di prestigio - oro commestibile da 24 carati, argento, tartufi bianchi e una combinazione di tartufo bianco e oro. Le affascinanti bottiglie, confezionate in scatole regalo di legno dal design straordinario, lasceranno un’impronta indimenticabile su chiunque le riceverà in dono.

Ognuna delle eccezionali collezioni incarna il valore principale della Palmieri – la ricerca di un consolidamento completo tra rispetto per la tradizione e arricchimento delle conoscenze secolari con le innovazioni culinarie.

Contatti: Matjaž Zorman, direttore, Barbara Bešter, responsabile vendite, Telefono: +386 (0)41 826 220, www.palmieri.si


La Slovenia all’EXPO Milano 2015

Più di mezzo milione d’italiani son ospitati nel padiglione della Slove

I

n un anno e mezzo circa un milione di visitatori ha fatto sosta presso il padiglione sloveno all’Expo Milano 2015, hanno valutato all’agenzia pubblica slovena SPIRIT, che ha provveduto alla presentazione della Slovenia e dell’economia slovena all’esposizione EXPO. Poiché i dati ufficiali indicano che circa il 60 per cento dei visitatori dell’EXPO proviene dal paese ospitante, si può supporre che lo stesso vale per la composizione dei visitatori del padiglione sloveno. Alla fine, quindi, il padiglione sloveno è stato visitato da più di mezzo milione d’italiani. A titolo di confronto, l’anno scorso la Slovenia, che si trova a est dell’Italia, è stata visitata da più di 443 mila ospiti italiani. Complessivamente la Slovenia, che ha circa due milioni di abitanti e 20,737 chilometri quadrati di estensione, è stata visitata lo scorso anno da oltre 2,4 milioni di turisti stranieri.

L’EXPO 2015 è stato memorabile per la Slovenia L’esposizione mondiale di quest’anno è stata memorabile per la Slovenia. Si è svolta, infatti, molto vicino alla Slovenia e in un paese che è particolarmente importante per la Slovenia in termini economici. Non sorprende che degli obiettivi prioritari dell’esibizione della Slovenia all’EXPO 2015 sia stato proprio quello di rafforzare la cooperazione economica con l’Italia. Naturalmente anche con gli altri paesi che partecipano all’esposizione mondiale che erano 145. Gli altri due obiettivi che si è posta la Slovenia prima dell’inizio dell’esposizione 18 La Slovenia vi invita!


no enia

Il padiglione sloveno, che è stato visitato da circa un milione di persone, è stato uno dei più vivaci e più accesi all’EXPO Milano 2015.

mondiale sono stati quelli di aumentare la visibilità e la reputazione della Slovenia come paese e di aumentare la visibilità della Slovenia come destinazione turistica verde orientata al turismo sostenibile. Allo stesso tempo, la visibilità del marchio sloveno “I feel Slovenia” che è l’unico paese al mondo che nel suo nome porta la parola love (amore - in inglese).

La Slovenia ha avuto un successo straordinario all’EXPO E in che misura la Slovenia è riuscita a raggiungere gli obiettivi prefissati? Il Commissario generale della Slovenia presso l’EXPO Milano 2015, Jerneja Lampret: “La Slovenia ha avuto un successo straordinario all’EXPO. Per tutta la durata dell’esibizione il nostro padiglione è stato visitato da circa un milione di visitatori. Così, con il padiglione e con gli eventi la Slovenia si è mostrata in una luce molto buona e si è collocata con successo fianco a fianco con gli altri paesi. Posso dire che siamo stati del tutto equivalenti a loro. Non solo con paesi che sono molto più grandi della Slovenia, ma anche con quelli che si presentano all’esposizione EXPO con budget molto più grandi del nostro, anche centinaia di milioni di euro in più.”

Il padiglione di legno di forma piramidale e movimentata è stato azzeccato in pieno Per la sua partecipazione all’EXPO Milano 2015 la Slovenia ha stanziato cinque milioni di euro. La maggior parte per il padiglione di legno dalla forma piramidale e movimentata che con la sua forma insolita e i materiali ha suscitato attenzione sia da parte dei visitatori dell’esposizione mondiale che degli architetti. Il padiglione ha simboleggiato il passaggio dalle Alpi alla pianura della Pannonia e alle superfici coltivate delle colline mediterranee sotto le quali si nasconde uno straordinario mondo sotterraneo. La Slovenia vi invita! 19


Così hanno tagliato il nastro davanti al padiglione sloveno prima dell’inizio dell’esposizione mondiale il ministro dell’economia slovena Zdravko Počivalšek (a sinistra), il commissario generale di Slovenia all’EXPO Milano 2015, Jerneja Lampret, e l’ambasciatore sloveno in Italia Iztok Mirošič.

Più di 30 media nel mondo, specializzati in architettura, hanno parlato del padiglione sloveno che è stato progettato dagli architetti SoNo e costruito dall’azienda Lumar di Maribor a conduzione familiare. Il gran numero di visitatori è stato favorito anche dal fatto che il padiglione sloveno si trovava al centro della mostra, nel crocevia delle vie principali più frequentate (Cardo e Decumana) e nelle immediate vicinanze del padiglione italiano. Vicino al padiglione sloveno c’era anche il teatro di molti eventi, l’“Open Air Theater”.

Uno dei padiglioni più vivaci e più accesi Ma il padiglione sloveno non avrebbe attirato un tale numero di visitatori, se davanti e dentro ad esso non ci fossero stati costantemente degli eventi. “Abbiamo avuto uno dei padiglioni più vivaci e più accesi, il che è stato riconosciuto anche dagli organizzatori dell’esposizione mondiale”, ha detto Jerneja Lampret.

20 La Slovenia vi invita!

STA

STA

Anche i visitatori più giovani dell’esposizione EXPO si sono divertiti a camminare sul sale, il che ha attirato molti visitatori nel padiglione sloveno.

Davanti e all’interno del padiglione sloveno si è svolta una serie di eventi. Dieci regioni slovene hanno presentato per 14 giorni la ricca offerta turistica, la gastronomia e il patrimonio culturale, le società i loro prodotti e soluzioni innovative; nel centro commerciale, che è stato attivo durante tutta l’esibizione, c’erano un sacco di possibilità per contatti commerciali diretti, le terme naturali slovene hanno presentato le possibilità offerte da una vacanza all’insegna delle coccole. Davanti al padiglione i visitatori sono stati intrattenuti ogni pomeriggio dal famoso showman e animatore italiano di


STA

La presentazione della società Varis di Lendava, che ha 40 anni di esperienza nella progettazione e produzione di bagni prefabbricati in calcestruzzo, radiatori, parchi skate e pump tracks in calcestruzzo è stata animata da un ospite che non si vede molto spesso sullo skateboard, il sacerdote cattolico Lendvai Zoltan.

STA

Il padiglione con la sua forma movimentata simboleggiava il passaggio dalle Alpi alla pianura della Pannonia e alle superfici coltivate delle colline mediterranee sotto le quali si nasconde lo straordinario mondo sotterraneo della Slovenia.

origine slovena Evgen Ban, il sabato sera i giovani visitatori sono stati attirati dalle performance dei DJ.

La Slovenia ha puntato sul calore e il contatto umano Anche il fatto che prima di visitare il padiglione, i visitatori sono stati accolti dai membri del team sloveno, che in due minuti hanno spiegato brevemente che cosa

rappresentava la Slovenia nel padiglione, si è rivelato essere stata una buona mossa. “Questo contatto umano che i visitatori non hanno ricevuto in altri padiglioni è stato ben accolto. Così come gli adesivi verdi a forma di cuore con la scritta I Feel Slovenia (Sento la Slovenia) che abbiamo incollato ad ogni visitatore al cuore, molti hanno continuato a portarli anche dopo il loro ritorno dall’EXPO a Milano”, ha detto l’intervistata. La Slovenia vi invita! 21


STA

La società slovena di mobili d’arredamento Lina Design ha preparato all’EXPO una presentazione dei suoi prodotti che ha avuto molto successo. Tra l’altro, vengono fabbricati anche per le società italiane Natuzzi e Futur. Con il suo interessante programma di intrattenimento davanti al padiglione sloveno ha attirato molti visitatori.

STA

Gli chef sloveni con i loro spettacoli culinari hanno provveduto alle esperienze culinarie nello spazio espositivo sloveno all’Expo.

Un grande interesse ed entusiasmo tra i visitatori del padiglione sloveno è stato suscitato anche dall’esperienza di camminare a piedi nudi sul sale. Per poter sentire il sale delle saline slovene sotto i piedi, molti visitatori sono stati disposti ad aspettare pazientemente in fila. Il sale, ovvero le saline, è stato uno dei cinque contenuti principali dell’esposizione slovena all’EXPO. In aggiunta a questi anche le api, l’acqua termale e minerale, il trekking e l’escursionismo e la misurazione di carbonio nero. Tutto è stato collegato dalla storia dei cinque grani di grano saraceno, una metafora per i cinque sensi (vista, udito, tatto, olfatto e gusto). Sabina Petrov 22 La Slovenia vi invita!

STA

Per l’esperienza di camminare sul sale hanno aspettato pazientemente in fila

Alla Giornata Nazionale della Slovenia ha partecipato anche il Primo Ministro sloveno dr. Miro Cerar (a sinistra). Nella fotografia in compagnia della campionessa mondiale e olimpica, la slovena Tina Maze e il suo allenatore e compagno Andrea Massi.


Il prossimo anno continuano le buone relazioni commerciali

N

ella prima metà di quest’anno gli esportatori sloveni hanno esportato in Italia per 1,42 miliardi di euro di merci, quindi il 9 per cento in più dello stesso periodo dell’anno scorso. Nella prima meta dell’anno le aziende slovene hanno importato per 1,77 miliardi di euro di merci, un po’ meno dell’anno scorso, indicano i dati dell’Ufficio statistico sloveno.

Vicino alle cifre record del 2008 Al Ministero degli affari esteri sloveno sottolineano che lo scorso anno gli scambi commerciali tra i due paesi hanno superato i 6,4 miliardi di euro, avvicinandosi alle cifre record del 2008. “L’export sloveno in Italia con il 9,5 per cento di crescita ha superato l’anno scorso i 2,73 miliardi di euro. L’Italia continua ad essere il terzo investitore in Slovenia e il primo nel settore dei turisti stranieri in Slovenia,” sottolineano.

Aleš Beno

Numerose delegazioni e la presenza di aziende slovene a Milano hanno contribuito a una maggiore visibilità della Slovenia e dell’economia slovena in Italia

L’anno prossimo lo scambio tra Italia e Slovenia raggiungerà almeno il livello di quest’anno, ritiene Mojca Osojnik dalla Camera di Commercio della Slovenia.

Il commercio sloveno con l’Italia è ancora in gran parte limitato alle sue regioni del nord. “L’ambasciata slovena a Roma, con le sue attività e con l’aiuto dei nuovi consoli onorari (Firenze, Bari e Palermo) si sta sforzando ad espandere il commercio estero tra i due paesi anche sulle regioni del centro e sud Italia”, sottolineano al Ministero degli affari esteri sloveno.

Già da dieci anni al secondo posto tra i partner d’export “L’export della Slovenia verso l’Italia, secondo le statistiche ufficiali, è aumentato leggermente negli ultimi tre anni raggiungendo una quota stabile del 12 per cento sul totale dell’export sloveno in Italia e tra i partner commerciali della Slovenia è da più di dieci anni al secondo posto tra i paesi d’export”, afferma la responsabile del settore nel centro per il commercio internazionale presso la Camera di Commercio della Slovenia, Mojca Osojnik.

} Legna da ardere di faggio:

• I tagli secchi di legna da ardere di faggio possono essere più sottili o più spessi • Lunghezza: 25 cm; 33 cm o 50 cm • Strettamene impilate su palette di carico: 1m x 1m x 1,8 m (1,8m3)

} Pellet di legno:

• Materiale: 100 % pino • Diametro: 6 mm • Confezionato in sacchetti – 15 kg

} OPZIONI DI CONSEGNA CON I PROPRI VEICOLI Ob železnici 14, 1000 Ljubljana, Slovenia Cellulare: 00 386 41/634 270, E-mail: info@bomag.si


Gli scambi commerciali tra Slovenia e Italia di quest'anno

germente inferiore l’export di legname per il riscaldamento, il latte, la panna e i filati sintetici “, aggiunge l’interlocutrice. In Italia, dopo anni di crisi, alla fine dello scorso anno si sono visti i primi segni di una leggera ripresa e un cambio nel trend di rallentamento della crescita economica. Con la fiducia dei consumatori e delle imprese si è rafforzata in particolare la richiesta interna che secondo il Ministero degli affari esteri sloveno è una delle principali ragioni della forte crescita dell’export sloveno dell’anno scorso e di quest’anno.

in migliaia di euro 350.000

300.000

L'export sloveno in Italia

250.000

329.370

L'import sloveno dall'Italia 223.118

200.000 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno

Risorse: Surs

Maggiore esportazione tra i primi dieci prodotti più importanti

La vicinanza della forte industria automobilistica L’importazione dall’Italia che, secondo l’Ufficio statistico sloveno rappresenta il 16 per cento del totale dell’import sloveno, nella prima metà dell’anno è stato leggermente inferiore rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Complessivamente ammonta a poco più di 1,7 miliardi di euro. È leggermente diminuito l’import di oli minerali bituminosi che costituisce il 19 per cento dell’import sloveno proveniente dall’Italia, spiega Mojca Osojnik. Come afferma, è stato invece leggermente più elevato l’import di autoveicoli per il traspor-

STA

Le esportazioni sono in aumento soprattutto tra i primi dieci gruppi di prodotti, che insieme rappresentano il 37 per cento del totale dell’export delle aziende slovene in Italia. “Maggiore è stato l’export di automobili e di autoveicoli per il trasporto di persone, che rappresenta complessivamente un decimo del totale delle esportazioni slovene in Italia, l’export dell’elettricità, petrolio, derivati da prodotti petroliferi, laminati di acciaio inossidabile, carta e cartone. Nel gruppo dei primi dieci prodotti è stato leg-

L’EXPO Milano 2015 non ha solo accresciuto la visibilità della Slovenia tra le aziende italiane e i potenziali turisti provenienti dall’Italia, bensì ha anche consentito alle aziende slovene di comprendere l’importanza del mercato italiano con 60 milioni di consumatori.

24 La Slovenia vi invita!


to delle merci e per il trasporto di persone, nonché l’import della maggior parte dei principali prodotti d’import in cui prevalgono i semilavorati metallici. Negli scambi tra Italia e Slovenia, sia per l’export che l’import di prodotti finiti, nonché semilavorati e materie prime, si riflette la vicinanza di una forte industria automobilistica, sottolinea l’interlocutrice. E aggiunge: “Anche se l’Italia si trova nel settore dei prodotti alimentari per i mercati più esigenti, comunque i prodotti sloveni riescono ad inserirsi con successo sugli scaffali dei negozi italiani. Qui ci aspettiamo molto soprattutto nel prossimo anno, se cominceranno a realizzarsi gli accordi con importanti aziende italiane. Nel settore delle costruzioni di edifici prefabbricati forse riusciremo già quest’anno ad aumentare l’export sloveno in Italia.”

Prospettive favorevoli per lo scambio del prossimo anno E quali sono le prospettive di cooperazione economica tra l’Italia e la Slovenia per il 2016? Anche alla luce di tutte le attività della Slovenia, che hanno avuto luogo all’esposizione mondiale EXPO 2015 a Milano? La responsabile del Centro per gli affari internazionali presso la Camera di Commercio della Slovenia, Mojca Osojnik, ritiene che lo scambio tra i due paesi sarà almeno al livello di quest’anno. Se si tiene conto della stima economica favorevole in Italia per il prossimo anno, che prevede una crescita dell’1,5 per cento del PIL, ci si può aspettare buoni risultati anche per gli esportatori sloveni, dicono al Ministero degli affari esteri sloveno. “Si prevede che il consumo delle famiglie italiane aumenterà quest’anno dello 0,6 per cento e il prossimo anno dell’1,1 per cento. Dopo la crisi del 2008 sono già in vista i primi segnali positivi per le società d’investimento. Secondo recenti valutazioni dell’Istat la crescita econo-

I contatti delle istituzioni slovene in Italia

Ambasciata della Repubblica di Slovenia a Roma E-mail: vri@gov.si I www.rim.veleposlanistvo.si Consolato Generale della Repubblica di Slovenia a Trieste E-mail: kts@gov.si I www.trst.konzulat.si Consolato Generale della Repubblica di Slovenia Ufficio Economico di Milano E-mail: ufficio.milano@sloveniaeconomia.it Ufficio del Turismo Sloveno - Milano E-mail: italia@slovenia.info I www.slovenia.info Unione Regionale Economica Slovena E-mail: info@sdgz.it I www.sdgz.it

mica in Italia è stata nel primo semestre di quest’anno del 0,7 per cento a livello annuale. Per la prima volta dopo il 2013 si è ridotto il numero dei disoccupati. La Slovenia deve sfruttare ancora di più il cuneo fiscale in Italia e attirare gli imprenditori a investire al di là del confine”, sottolineano al Ministero degli affari esteri sloveno.

L’EXPO ha aumentato la visibilità su entrambe le parti del confine L’anno prossimo il commercio tra la Slovenia e l’Italia beneficerà sicuramente della presentazione indipendente della Slovenia all’EXPO. “L’EXPO Milano 2015 non ha soltanto aumentato la visibilità della Slovenia tra le aziende italiane e potenziali turisti provenienti dall’Italia, bensì ha consentito anche alle aziende slovene di comprendere l’importanza del mercato italiano con 60 milioni di consumatori. Tra le attività intraprese dalla Slovenia nel settore economico ai margini dell’EXPO, che hanno consentito alle aziende slovene di sfruttare al massimo il potenziale della manifestazione globale, possiamo citare un certo numero di delegazioni settoriali, la partecipazione a eventi del B2B dell’Unione europea, la piattaforma digitale per le imprese, un centro business e la cooperazione di successo con l’associazione degli agenti di vendita in Italia”, elencano al Ministero degli affari esteri sloveno. Sabina Petrov La Slovenia vi invita! 25


Gli esportatori sloveni verso l’Italia

Le aziende slovene tendono a rafforzare gli affari sul mercato italiano

Le fabbriche di birra Laško e Union: In autunno inizio della vendita di birre speciali Il mercato italiano è per la Pivovarna Laško e la Pivovarna Union il mercato di esportazione più importante. “In 26 La Slovenia vi invita!

Aleš Beno

L

’Italia è già da diversi anni la seconda partner commerciale più importante della Slovenia con cui genera un decimo del suo export e poco più del 15 per cento delle importazioni. Gli altri partner commerciali importanti per la Slovenia sono la Germania, l’Austria, la Croazia e la Francia. Nella prima meta di quest’anno gli esportatori sloveni hanno esportato in Italia per 1,42 miliardi di euro di merci, quindi il 9 per cento in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Nel primo semestre le aziende slovene hanno importato per 1,77 miliardi di euro di merci, un po’ meno dell’anno scorso. Nel primo semestre circa ventimila esportatori sloveni hanno esportato complessivamente poco meno di dodici miliardi di euro di merci, quindi il 5,8 per cento in più del primo semestre dell’anno scorso. Si prevede un aumento dell’export sloveno del quattro o del cinque per cento quest’anno rispetto all’anno scorso, quando è stato pari a 23 miliardi di euro. Ad alcune aziende slovene che esportano nel mercato italiano abbiamo chiesto l’estensione e il movimento dei loro affari in Italia e gli approcci con cui cercano di rafforzare la concorrenzialità a livello internazionale.

Dušan Zorko, Pivovarna Laško: “In autunno introdurremo una linea di birre speciali Laško Special. Il mercato italiano sarà il primo vero esperimento di vendita al di fuori del confine sloveno.

autunno introdurremo una linea di birre speciali Laško Special. Il mercato italiano sarà il primo vero esperimento di vendita al di là del confine sloveno,” ha detto Dušan Zorko, presidente della Pivovarna Laško. In Italia sono rappresentati già da molti anni dalle marche di birra Laško Zlatorog, Laško Club, Union Chiaro, Union Pils in diverse confezioni. “Un importante segmento di vendita è costituito anche dalla Union Radler che si è visibilmente sviluppata in Italia negli ultimi due anni anche se la offrivamo già da diverso tempo,” ha detto il nostro interlocutore. Sinora il 2015 è stato un anno di successo, almeno quanto lo è stato il 2014. Anche per il mercato italiano si prevede uno sviluppo simile. Lì si stanno comunque consolidando i sistemi commerciali, il che influisce a breve termine sulla gestione e l’offerta. “La ricetta per rafforzare la concorrenzialità consiste nella comprensione e nell’adeguamento al mercato. Facciamo in modo di essere presenti nei media, acceleriamo le vendite nell’ambito dei sistemi commerciali e del canale HO.RE. CA. Il tipico consumatore italiano apprezza la qualità, il bell’aspetto ed un prezzo interessante, ed è questo quello che gli offriamo,” ha detto Dušan Zorko.

Žito: Si prevedono buoni affari e una crescita L’azienda alimentare e di prodotti da forno Žito vende sul mercato italiano caramelle,


L’albergo Delfin il più amato dai pensionati sloveni Visitatelo anche voi

I nostri preggi: • a soli 28 km da Trieste, vicino a Portorose • l’albergo si contraddistingue per la sua esposizione sul mare • circa 500 metri fino al centro storico di Isola • piscine con acqua marina riscaldata, a soli 100metri dalla spiaggia • attività giornaliere per non annoiarsi (ginnastica, passegiate, serate culturali, serate da ballo il venerdì e il sabato)

HOTEL IN VENDITA

Rogaška Slatina, Slovenia Villa Ana dispone di un hotel di 31 letti a 3 stelle. L’edificio è stato costruito nel 1876 e beneficia di molte delle caratteristiche originali. Rogaška Slatina è una delle terme più importanti nell’Europa centrale grazie alle risorse di acque minerali ricche di magnesio. La città è visitata dal 57 % di russi e italiani. Villa Anna è l’unica proprietà a 3 stelle a Rogaška Slatina e non ha alcun concorrente diretto. Sono accettate offerte per la proprietà esclusiva. Il prezzo orientativo è di 500,000 €. Le offerte non vincolanti si accettano fino al 20 ottobre 2015. Contattateci per ulteriori informazioni.

Novità 2015: il giardino di Kneipp-1500m² DELFIN HOTEL Tomažičeva ulica 10, 6310 Izola, Slovenija, T: +386 (0)5 660 74 00, E: rezervacije@hotel-delfin-si, www.hotel-delfin.si

HOTEL


pane, fette biscottate e cioccolata. Esportando in particolare diversi tipi di pane per la cottura finale, tra i quali registra un vero successo di vendite il loro pane di grano saraceno con noci, hanno generato sui mercati esteri un quinto del loro reddito che ha superato i 107,8 milioni di euro. “Sui mercati dell’Europa centrale generiamo l’undici per cento delle entrate nel quadro del nostro export,” ha detto la direttrice vendite del mercato interno e dell’export della Žito, Karmen Pangos. Ha aggiunto che le loro linee guida sono qualità, coerenza e adattamento e questo gli viene riconosciuto anche dagli acquirenti. “Quest’anno ci aspettiamo dei buoni affari con una crescita pianificata,” preannuncia l’intervistata.

Karmen Pangos, Žito: “Le nostre linee guida sono la qualità, la coerenza e l’adattamento, e questo ci viene riconosciuto anche dagli acquirenti.”

L’azienda alimentare Eta Kamnik è presente da più di trent’anni in Italia, dove genera il due per cento delle entrate ottenute con l’export. “Sul mercato italiano siamo presenti con più di 40 prodotti, tra i quali i più venduti sono l’ajvar, il nuovo ajvar verde, 5 diverse confezioni di senape, anche la nuova senape integrale, i peperoncini, le conserve e i piatti pronti, come il prebranec, la jota ...,” ha elencato la direttrice dell’azienda Ksenija Jankovič Banovšek. E ha continuato: “Il marchio commerciale Natureta di Eta si trova sugli scaffali dei supermercati Coop Triestine e Coop Nord Est, Metro, Aspiag (Spar, Despar, Eurospar), Iper, Dado Eurospesa, Vega, Careffour, Conad ... e anche nei negozi tradizionali più piccoli. Possiamo pertanto affermare con orgoglio che siamo una marca radicata sul territorio, tradizionalmente presente nella regione Friuli Venezia Giulia, e che stiamo aumentando la nostra presenza nel Veneto e Trentino Alto Adige.” Per i commercianti Natureta è un partner invitante perché tendono a ridurre il numero di fornitori, noi invece offriamo una 28 La Slovenia vi invita!

Irena Herak

Eta Kamnik: La marca Natureta con un’ampia scelta di prodotti

Ksenija Jankovič Banovšek, Eta Kamnik: “Con il marchio commerciale Natureta siamo ben radicati nella regione Friuli Venezia Giulia, nel Veneto e Trentino Alto Adige stiamo aumentando la nostra presenza.”

vasta serie di più di 330 prodotti e possiamo aiutarli a seguire i trend e le esigenze dei consumatori, spiega l’intervistata. A causa di due cambiamenti strategici: il cambio del distributore e del design grafico di Natureta, l’azienda era preparata quest’anno ad un risultato peggiore rispetto all’anno scorso ma per ora i segnali sono positivi e sono molto ottimisti per l’autunno. “Il calo complessivo del potere d’acquisto di qualche anno fa l’ha subito in misura minore anche il marchio Natureta, allo stesso tempo si sono ristrutturati i commercianti importanti, sugli scaffali è entrata l’offerta di prodotti provenienti dall’Europa occidentale e tutto questo ha contribuito a modificare il mercato. Ora il mercato si sta rivolgendo sempre più ai prodotti tradizionali con un valore aggiunto. Natureta continua così la sua storia di successo,” afferma l’agente di vendite per l’Italia Fabio Corte. “Gli italiani apprezzano il buon cibo e distinguono rapidamente la produzione industriale dalla cucina tradizionale con ingredienti complessi, l’apporto di materie prime di qualità e ricette e procedimenti ‘come fatti in casa’, oltre a questo Natureta ha anche un buon rapporto tra qualità e prezzo. È interessante il fatto che i commercianti e gli acquirenti siano pronti a provare ricette nuove e questo ci favorisce perché sviluppiamo in fretta nuovi prodotti di tendenza,” aggiunge il presidente dell’Eta Kamnik Marko Konič.

Porto di Capodistria: I clienti dall’Italia specialmente per i container Il mercato italiano non è tra i mercati prioritari dell’unico porto commerciale sloveno del Porto di Capodistria (Luka Koper) perché la vicina Italia ne ha più di venti. “Tuttavia, alcuni clienti italiani, soprattutto nel settore dei container, scelgono Capodistria per via delle procedure burocratiche più rapide e semplici e per i vantaggi competitivi di Capodistria che è il primo porto di arrivo delle navi nel Mare


Jelovica: Se necessario, l’assemblaggio delle case é assistito da un elicottero Jelovica vende sul mercato italiano edifici 30 La Slovenia vi invita!

Irena Herak

Drago Matič, Luka Koper: “Vediamo il potenziale nell’area del Nord Italia, e oltre ai container anche nelle merci varie (prodotti siderurgici, carichi di progetto).”

Aleš Beno

Adriatico per il collegamento diretto dei container con l’Estremo Oriente “, afferma il presidente del consiglio di amministrazione del Porto di Capodistria (Luka Koper) Drago Matić. Per il mercato italiano, ovvero per i suoi clienti, oltre ai container, effettuano nel Porto di Capodistria (Luka Koper) il trasbordo dei carichi sfusi e alla rinfusa che rappresentano complessivamente circa il nove per cento del trasbordo annuale del porto. “Vediamo il potenziale soprattutto nell’area del Nord Italia, e oltre ai container, anche nel segmento di merci varie (prodotti siderurgici, carichi di progetto). Un determinato ostacolo è rappresentanto dalla portata massima dei camion che in Italia è di 44 tonnellate lorde, mentre in Slovenia è di appena 40 tonnellate,” avverte Matič. Secondo l’interlocutore il vantaggio principale del Porto di Capodistria sono le navi container che arrivano ogni settimana dall’Estremo Oriente e che si fermano prima a Capodistria e poi negli altri porti vicini. “Oltre a questo abbiamo un ottimo collegamento di navigazione all’interno del bacino del Mediterraneo. Lavoriamo ininterrottamente, se necessario anche durante le feste. Grazie ad un’organizzazione diversa (un operatore che gestisce l’intero porto ossia tutti i terminali) possiamo offrire servizi più flessibili e ci adattiamo alle esigenze e ai requisiti dei clienti. Il vantaggio competitivo di Capodistria rispetto ai porti italiani sulla costa adriatica è anche la profondità del mare presso il Terminale Europeo dell’energia presso il quale possono attraccare anche le navi più grandi, le cosiddette Capesize,” sottolinea Drago Matič.

Gregor Benčina, Jelovica: Le nostre case hanno i certificati necessari per i mercati esteri con i quali assicuriamo il risparmio energetico.

in legno a risparmio energetico per diversi scopi: case unifamiliari e familiari, duplex, condomini o edifici commerciali. “Operiamo in tutta Italia e le nostre referenze sono svariate. Anni fa abbiamo realizzato a Milano il primo condominio in legno. Interessanti sono anche gli annessi alle case, abbiamo effettuato, per esempio, un edificio annesso per un hotel nelle Dolomiti. Siamo uno dei pochi fornitori di costruzione prefabbricata in legno che realizza interventi complessi negli edifici,” ha detto il presidente del consiglio di amministrazione e comproprietario di Jelovica Gregor Benčina. Per collocare una casa nel centro storico di una città nel nord dell’Italia ci siamo serviti di un elicottero perché non era stato possibile accedere con un camion. In Toscana hanno realizzato un insediamento di case moderne, sul Mar Tirreno una casa mediterranea più grande, e anche una stazione di servizio per la compagnia petrolifera Q8. In Italia Jelovica genera il quinto delle proprie entrate provenienti dall’export e per quest’anno pianifica un risultato simile. La loro ricetta per il rafforzamento della concorrenza sui mercati esteri consiste nella conoscenza ed esperienza, collaborano anche con studi di architettura esteri del posto in cui sottolineano i vantaggi della costruzione prefabbricata in legno e dell’efficienza energetica. “Le competenze le abbiamo acquisite con più di 12 mila edifici posizionati. Le nostre case hanno i certificati necessari per i mercati esteri con i quali assicuriamo il risparmio energetico delle case. L’innovazione nella ricerca di soluzioni per le varie sfide costruttive è per Jelovica d’importanza chiave. I clienti apprezzano la nostra affidabilità, la vasta offerta di prodotti e il livello di conoscenza,” aggiunge l’interlocutore. Mateja Bertoncelj, Sabina Petrov


Entrando sui mercati esteri si ha bisogno di un partner affidabile Sempre più aziende vedono le loro opportunità nei mercati esteri. I motivi per un eventuale fallimento sul mercato internazionale sono sicuramente la conoscenza insufficiente dei clienti, la diffidenza e la mancanza di disciplina di pagamento. Tutti sono consapevoli che il pagamento è cruciale per un business di successo, il che significa che, oltre a reperire le commesse ed portare a compimento l’affare, l’assicurazione dei pagamenti è un elemento importante. Evitate il rischio, non le opportunità All’UniCredit Bank aiutiamo gli esportatori nella pianificazione delle operazioni e consentiamo loro una maggiore flessibilità nei momenti in cui si deve reagire alle mutevoli condizioni dei mercati. Le aziende si possono proteggere contro i rischi collegati agli affari sui mercati esteri con una gestione efficiente dei rischi dei singoli clienti, delle banche e del governo. Nella nostra banca possiamo offrire informazioni sulla stabilità, il potere d’acquisto e la disciplina di pagamento, nonché le conoscenze nell’ambito della strutturazione degli affari e la copertura dai rischi commerciali. Ben preparati per gli affari con l’estero Quando si fanno affari all’estero, la nostra banca può aiutare con l’acquisizione di crediti, l’assicurazione dei pagamenti dei clienti, con il post finanziamento degli accrediti, con i prestiti ad acquirenti stranieri acquistando gli accrediti o un finanziamento di pre-esportazione. All’UniCredit Banka Slovenija d.d. abbiamo anche sviluppato una soluzione che, oltre a garantire il pagamento delle merci esportate, consente il finanziamento dell’acquirente ovvero del capitale circolante della società. La cosiddetta acquisizione dei crediti con gli accrediti permette agli esportatori un finanziamento del capitale circolante più economico, d’altra parte, alle aziende che non hanno problemi di garantire i fondi per finanziare il capitale circolante, offre un vantaggio competitivo in quanto attraverso queste soluzioni possono offrire ai propri clienti una sorta di prestito del fornitore. Le finanze internazionali organizzate sono un vantaggio competitivo per le aziende internazionali Ècomprensibile che le aziende si devono intanto occupare della produzione, della vendita dei loro prodotti e dei servizi attraverso l’innovazione e il marketing. Tuttavia, è ora estremamente importante ottimizzare la liquidità in un gruppo di società collegate, allo stesso tempo le aziende sono fortemente consapevoli del fatto che la revisione e la gestione delle finanze al di là dei confini del paese è diventata una necessità. All’UniCredit Bank aiutiamo le aziende con soluzioni innovative nel campo della gestione dei soldi a trovare riserve interne per la liquidità, accelerare la rotazione dei crediti tra società collegate, allo stesso tempo permettiamo una visione più ampia dei flussi di cassa con cui si possono definire le priorità per estinguere le obbligazioni. L’UniCredit è una delle principali banche commerciali europee con una rete internazionale che copre 50 mercati, con oltre 8.400 filiali e oltre 146.000 1 2 dipendenti. Il Gruppo opera in 17 paesi europei. UniCredit vanta una forte identità europea, un’estesa presenza internazionale e un’ampia base di clientela. Il Gruppo opera nei seguenti paesi: Austria, Azerbaigian, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Germania, Italia, Polonia, Romania, Russia, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Turchia, Ucraina e Ungheria.

Nataša Markov, Responsabile del Centro Internazionale di UniCredit Slovenia: La presenza a lungo termine della Banca nell’area slovena e la particolare cura delle aziende di proprietà straniera ci distingue e ci rende una delle maggiori banche in Slovenia nel settore dell’assistenza alle società estere. Al centro Internazionale di Unicredit Slovenia opera un gruppo di esperti bancari che si prende cura delle aziende straniere fin da quando sono entrate nel mercato sloveno e le aiuta a sviluppare un modello di business. Offriamo una serie di servizi e prodotti che sono necessari per un business internazionale di successo.˝

Matej Čebohin Krt, consulente nel reparto delle aziende internazionali, responsabile per le aziende italian: La

UniCredit Group ha costituito centri internazionali nei mercati in cui opera. La collaborazione a stretto contatto quotidiana con i colleghi del Centro Internazionale di UniCredit Italia ci permette di essere estremamente efficienti ed efficaci nell’aiutare i nostri clienti. Nel Centro Internazionale di UniCredit Slovenia parliamo fluentemente italiano e abbiamo a disposizione un supporto professionale per i clienti internazionali nella loro lingua che si riflette nel tasso di soddisfazione elevato dei nostri clienti.

Contatto: ince@unicreditgroup.si www.unicredit.si


Il vino da dessert Refosco con il tartufo bianco e un diamante da mezzo milione di euro L’eccentrica bottiglia è stata commissionata da un acquirente russo che aveva visto la campagna dell’azienda slovena Palmieri sulla piattaforma Indiegogo

N

ella microimpresa Palmieri, la filiale slovena dell’azienda italiana a conduzione familiare, con una tradizione di 500 anni, che è di proprietà dell’italiana Sabina Palmieri, su richiesta dell’acquirente russo, la bottiglia del vino da dessert Refosco con il tartufo bianco è stata arricchita con un diamante da 5,25 carati. Il valore della bottiglia del vino da dessert è così aumentato di più di mezzo milione di euro.

La sicurezza è stata un osso duro; ha entusiasmato anche l’oro alimentare da 24 carati Qual è stato l’osso più duro nella produzione di una bottiglia che vale mezzo milione di euro? “Si trattava di un esempio di diamante molto caro con il quale ci siamo incontrati per la prima volta, e l’osso più duro è stata la sicurezza,” spiega il direttore dell’azienda Palmieri di Trzin nei pressi di Lubiana, Matjaž Zorman. E il ricco acquirente russo è rimasto affascinato da altre specialità della Palmieri? “In quell’occasione è stato informato della nostra ultima novità, l’olio extra vergine d’oliva con oro alimentare da 24 carati. Una cosa speciale per persone dal gusto raffinato. È rimasto affascinato dalla combinazione che ha subito portato con sé i regali di Capodanno per i suoi partner,” ha detto Zorman.


La campagna sulla piattaforma di crowdfunding Indiegogo

tartufo bianco, al prezzo di 25 dollari, a ottenere 260 acquirenti.

Primož Bric

L’acquirente russo ha ordinato l’eccentrica bottiglia del vino da dessert Refosco con il tartufo bianco e il diamante dopo aver notato la campagna della Palmieri sulla piattaforma di crowdfunding Indiegogo. Come ha spiegato il direttore dell’aziMatjaž Zorman, enda, l’obiettivo della campagna è stato Palmieri: “La nostra quello di presentare la linea di vini da novità è stata presentata la prima dessert pregiati ai buongustai esteri che volta sul mercato hanno potuto acquistare ad un particolare italiano all’Expo prezzo promozionale il vino da dessert ed ora il nostro Refosco con miele, vaniglia Bourbon e il obbiettivo è di primo vino da dessert con il tartufo bianco trovare un canale di distribuzione.” al mondo. Con la campagna cercavano specialmente i distributori per i loro vini sui singoli mercati esteri. Con l’aiuto della campagna sulla piattaforma di crowdfunding Indiegogo sono riusciti per i dessert di miele e vaniglia, che erano in vendita ad un prezzo di 20 dollari, e per il prestigioso dessert con il

Il vino da dessert Refosco con il tartufo bianco è una novità mondiale Il vino da dessert Refosco con il tartufo bianco della Palmieri è, comunque, una novità mondiale. L’hanno sviluppato da azienda start-up con l’aiuto di esperti di gastronomia, la Facoltà di Biotecnica di Lubiana e la Facoltà per il design dell’Università del Litorale. Nella produzione dei vini da dessert della Palmieri non si usano additivi o estratti, ma solo ingredienti naturali, per lo più prodotti localmente. Dall’estero s’importano soltanto le stecche di vaniglia Bourbon e i tuberi del tartufo bianco poiché la Slovenia non produce vaniglia, troppo poco invece anche il tartufo bianco. “Con il liquore o il vino da dessert di Refosco, prodotto in Slovenia con ingredienti unicamente sloveni - Refosco,

Bioterme Mala Nedelja - un’oasi di pace e relax in mezzo alla natura incontaminata

Le Bioterme Mala Nedelja si trovano nel cuore della Prlekija, nel comune di Ljutomer. L’Hotel Bioterme **** è l’unico hotel ecocompatibile nella parte nord-orientale della Slovenia. È costruito secondo gli standard dell’Ecolabel europeo, con la sua offerta e orientamento segue i trend dello sviluppo sostenibile del turismo. La specialità delle Bioterme è l’acqua termale minerale di alta qualità, calda (tra 27 e 38° C) e adatta per scopi ricreativi e in particolare medici poiché ha un effetto benefico sul mantenimento della funzionalità dell’apparato locomotore e della colonna vertebrale. È una delle

MALA NEDELJA

LJUTOMER SLOVENIJA

poche acque termali ad essere potabile e adatta per alleviare i problemi di stomaco, quelli alle vie biliari e al tratto urinario, promuovendo il benessere. Per il relax e lo svago dei nostri ospiti sono a disposizione nove piscine all’aperto e cinque coperte. Gli amanti delle saune si possono coccolare in cinque diversi tipi di sauna – la finlandese all’aperto e al coperto, turca, ad infrarossi e sauna alle erbe. Al completo rilassamento del corpo e della mente provvederanno le mani esperte dei nostri massaggiatori. Offriamo vari tipi di massaggi, scrub e trattamenti per il corpo. Bisogna segnalare la novità all’hotel

Bioterme **** Mala Nedelja – due nuovissime piscine, riservate esclusivamente agli ospiti dell’hotel, nonché un’area nudisti per tutti coloro che vogliono rimanere a contatto diretto con la natura. Tra i prati rigogliosi, boschi sterminati, viti curate e la vista sulla nuova piscina l’angolo naturista rappresenta il rifugio idilliaco dalle preoccupazioni della vita quotidiana. Alle Bioterme Mala Nedelja siamo sicuri di essere in grado di offrire ai nostri ospiti un’oasi di pace e relax in mezzo alla natura incontaminata.

Vi aspettiamo!

Ulteriori informazioni: Hotel Bioterme**** Mala Nedelja, Telefono: 02 565 2000, E-mail: hotel@bioterme.si, Sito web: www.bioterme.si


miele, rum, mirtilli di bosco -, creiamo la maggior parte del reddito,” ha detto Matjaž Zorman. In Italia, da dove l’azienda Palmieri proviene, sono conosciuti in particolare per l’olio d’oliva.

Con i vini da dessert Refosco sui mercati europei, anche in Germania, e nel mondo La Palmieri vorrebbe espandere la vendita dei vini da dessert Refosco sia nei paesi dell’Unione Europea che in altri paesi del mondo, per questo motivo a marzo hanno presentato il vino da dessert Refosco con il tartufo bianco alla Fiera del vino Prowein 2015 Düsseldorf. “La nostra novità mondiale ha suscitato molto interesse in fiera, anche per i vini da dessert Refosco con miele e vaniglia.« Sul mercato tedesco non sono ancora presenti con i propri prodotti. “Vorremo entrare nel mercato tedesco e offrire ai

consumatori tedeschi la nostra specialità. Stiamo ancora cercando il canale di distribuzione che includerebbe sia i vini da dessert classici nelle catene di distribuzione sia una selezione speciale nel programma regali. Quest’anno entreranno con i propri prodotti sul mercato cinese. Stanno concordando anche per poter accedere al mercato austriaco e italiano tramite le catene di distribuzione. I vini da dessert Refosco sono stati presentati anche all’esposizione mondiale Expo Milano 2015. “All’esposizione Expo abbiamo presentato per la prima volta la nostra novità sul mercato italiano, ora il nostro obiettivo è trovare un canale di distribuzione,” dice Matjaž Zorman circa i piani per il mercato italiano.

Petra Šubic, Sabina Petrov

Ci prendiamo carico della vostra merce.

tel:

+386 5 630 6000 | fax: +386 5 630 6001 | email: transport@tintter.si | web: www.tintter.si


TOP OF THE ADRIATIC

Bernardin Group – con prestigiose località a

,

e

.

congressuali sulla costa slovena.

Hoteli Bernardin d.d., Obala 2, SI-6320 Portorož-Portorose, Slovenia

Tel . +386 5 690 70 00 booking@bernardingroup.si

www.bernardingroup.si


www.slovenia.info

#ifeelsLOVEnia

SLOVENIA

Verde. Attiva. Sana. Terme Slovene, luogo perfetto per rinvigorire l’anima.

La SLOVENIA vi invita!  

http://izvozniki.finance.si/slovenija

La SLOVENIA vi invita!  

http://izvozniki.finance.si/slovenija

Advertisement