Al Suo Grande Maestro Ennio De Giorgi - Livio Clemente Piccinini

Page 1




© 2016, Edizioni Milella di Lecce Spazio Vivo s.r.l. – Lecce

ISBN 978-88-7048-626-1

Edizioni Milella di Lecce Spazio Vivo s.r.l http://www.milellalecce.it leccespaziovivo@tiscali.it Copertina e impaginazione: Emanuele Augieri

In Copertina Ennio De Giorgi, Alpi Apuane 1968 Foto inedita del prof. Giovanni Moruzzi (Archivio prof. Livio C. Piccinini)


Indice

Prefazione delle curatrici Gli amici di Lecce in ricordo di Ennio De Giorgi Il Comune di Lizzanello al suo illustre Figlio Un omaggio di artisti salentini ad un volto dalle molteplici espressioni Introduzione dell’autore

pag. » »

7 9 11

» »

13 19

Trilogia di Ennio De Giorgi 1 Il Maestro 2 Alle radici della Scuola Superiore di Udine 3 La breve fuga di Ennio De Giorgi La Normale e i suoi luoghi Parlando di numeri Esplorando la Toscana Economia o pace A tavola e dintorni Dalla scacchiera alla G-convergenza Altri luoghi, altri mari Dalla misura alla dimensione Sport e montagne Il grande problema

» » » » » » » » » » » » » »

23 23 26 29 37 51 63 71 79 87 95 105 117 127

Il Manoscritto inedito di Ennio De Giorgi sul XIX problema di Hilbert

»

135

Il Dattiloscritto inedito di Ennio De Giorgi sul XIX problema di Hilbert

»

171



Prefazione

Ennio De Giorgi è uno dei più geniali matematici del Novecento, che ha dato lustro al Paese ed a tutti i luoghi, da lui scelti come ambienti di lavoro e di vita. Il passare del tempo ha favorito una sempre più ampia ed approfondita conoscenza di questa persona straordinaria, celebrata, via via, attraverso contributi preziosi, come grande matematico e, al contempo, come uomo eccezionale, sostenitore dell’amicizia, della libertà e della dignità umana. Il professor Livio Clemente Piccinini si è perfettamente inserito nel progetto di celebrazione del suo illustre Maestro con un libro a Lui dedicato. Al suo interno, emerge un legame importante, quello del Maestro con basato su varie esperienze condivise, vissute in vari ambienti, con un’umanità molteplice, costituita da illustri scienziati, da allievi devoti e premurosi e mille esperienze. Con il rigore di Matematico, con la sensibilità di Poeta e con la ricchezza cromatica, con la quale, come Pittore, si é sempre espresso, l’Autore del libro, già con le prime narrazioni, riesce a regalare al lettore curioso la freschezza di tante esperienze preziose, contributo ulteriore nel completare il “ritratto”: anche le parole hanno i colori! Con la giovane “capogita” narrante, mette ancor più in risalto, in modo divertente, la grande ammirazione e devozione degli allievi per il “sommo matematico”, che consentono alla ragazza di elaborare, senza grande disagio, ma con ironia, l’atteggiamento maschilista tipico dell’epoca: prevale l’orgoglio di appartenenza a quella Scuola. All’interno dell’opera, sono pubblicate alcune foto inedite di De Giorgi, poesie dell’Autore, intense e delicate come la poesia “Il Maestro”, e immagini di alcuni dipinti, ispirati ad eventi condivisi. Le opere pittoriche interpretano il paesaggio con l’esaltazione delle forme, rappresentano Giorgi ricordava tanto il suo Salento.

7


In appendice, il manoscritto di Ennio De Giorgi sul XIX problema di Hilbert, rompe ancor più l’incantesimo del silenzio, preziosa testimonianza stima che legava i due matematici. e amici salentini del grande Maestro, il contributo di Lizzanello, paese di origine della sua famiglia, e l’omaggio del CEIT con il coinvolgimento di artisti e allievi della Scuola di 3D, che hanno contribuito, con la creatività artistica e la tecnologia, alla realizzazione di un busto, anche in 3D, di De Giorgi. Il testo, quindi, si connota per una ricchezza inedita di contributi. conoscere alle nuove generazioni un personaggio di così grande levatura e l’importanza che un legame allievo-maestro può avere, da cui poter prendere stimolo per l’amore alla conoscenza e per la crescita personale. La registrazione audio del testo, in particolare, di uno dei capitoli più accattivanti, la “Trilogia su Ennio De Giorgi”, si propone di agevolare, attraverso il piacevole ascolto, la più ampia conoscenza di questo grande matematico e uomo straordinario. Virginia Valzano Biliotti Gabriella Sartor Zanzotto

8


Gli amici di Lecce in ricordo di Ennio De Giorgi

Il volume di Livio Clemente Piccinini, dedicato a Ennio De Giorgi, Maestro i suoi allievi. Ennio De Giorgi nacque a Lecce l’8 febbraio del 1928 e per tutta la vita volle conservare la cittadinanza leccese. Il legame affettivo con la terra natale si è manifestato anche con un costante impegno per la sua crescita Ordinatore della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali di Lecce e si è adoperato intensamente per il suo buon avvio. tutti i matematici leccesi ed anche con studiosi di altre discipline, offrendo generosamente il suo contributo in tante iniziative culturali, in ambiti dell’Università di Lecce, a testimonianza dell’ampiezza degli orizzonti culturali di Ennio De Giorgi e del suo impegno in difesa dei diritti umani, Subito dopo la sua scomparsa i matematici salentini hanno intitolato a Lui il Dipartimento di Matematica, poi diventato Dipartimento di Matematica e Fisica “Ennio De Giorgi” dell’Università del Salento. A Lui sono state intitolate anche l’Aula delle Lauree della Facoltà di Economia, “Cosimo De Giorgi”. L’iniziativa di ricordare Ennio De Giorgi, nel Comune di Lizzanello, nell’occasione del ventennale della sua scomparsa, consolida l’antico legame con il paese d’origine della sua famiglia e con la sua terra. In questo anniversario le profonde testimonianze di stima e di ammirazione per lo Scienziato e di affetto per l’Uomo sono state numerose e sentite. Ne è un esempio di particolare rilievo il convegno tenutosi a Pisa dal 19 al 23 settembre che ha visto la partecipazione di oltre 400 matematici da ogni parte del mondo, di tanti coetanei ed amici e di tanti giovani che non hanno avuto la fortuna di conoscerlo direttamente ma si sono giovati nelle loro ricerche delle straordinarie idee di De Giorgi.

9


In coloro che, come noi, hanno avuto il privilegio di godere della sua amicizia e dei suoi alti insegnamenti di Maestro di vita e di scienza, questi sentimenti si fondono nella profonda riconoscenza verso di Lui, ricordando i tanti dialoghi durante i quali Egli ha donato generosamente e ha condiviso la profondità del suo pensiero matematico e le iniziative di impegno umanitario a favore dei deboli e perseguitati. La sua naturale semplicità e l’attivo impegno, di cui siamo stati testimoni, anche nell’affrontare i problemi della vita quotidiana sia personali sia delle persone a Lui care, di persone sconosciute o addirittura lontane, è stato un insegnamento di vita, sempre discreto e mai esibito, che ognuno di noi custodisce nel cuore. Noi, qui a Lecce, non possiamo dimenticare i momenti di vacanza, condivisi con Lui soprattutto negli anni ’80 e ’90, a contatto con la Natura e in particolare con il mare e le coste salentine. Questi sentimenti sono condivisi da tutti i suoi allievi ed amici e siamo molto lieti che siano stati così bene espressi da Livio Clemente Piccinini. Egli è stato uno dei primi allievi e poi collaboratore ed amico di Ennio De Giorgi. Nel 1972 De Giorgi e Piccinini, insieme a Ferruccio Colombini, hanno pubblicato un volume dal titolo “Frontiere orientate di misura minima fondamentale per numerose ulteriori ricerche nel campo del Calcolo delle Variazioni e della Teoria Geometrica della Misura. Il fortunato ritrovamento da parte di Piccinini del manoscritto di De Giorgi sulla soluzione del XIX Problema di Hilbert, pietra miliare nella teoria delle Equazioni alle Derivate Parziali, inserito in Appendice, arricchisce ulteriormente questo volume di una preziosa testimonianza documentale di forte impatto. matematico ampi interessi artistici, per cui ha ricevuto vari riconoscimenti. Il lettore certamente apprezzerà in questo volume entrambi gli aspetti della personalità dell’Autore, a cui siamo particolarmente grati per essersi impegnato a presentare a un vasto pubblico in modo sentito e originale,

Michele Carriero, Antonio Leaci, Diego Pallara, Eduardo Pascali

10


Il Comune di Lizzanello al suo illustre Figlio

Il libro del prof. Livio Clemente Piccinini, dedicato al grande Maestro Ennio De Giorgi, rende omaggio ad un uomo eccezionale, genio della Matematica, spirito puro, amato dai suoi allievi e dai suoi concittadini. Mette in luce il legame profondo di Ennio De Giorgi con i suoi allievi, con la sua terra ed il suo paese di origine. La famiglia De Giorgi è originaria di Lizzanello, in provincia di Lecce, dove nacquero sia il nonno Salvatore De Giorgi, famoso ed apprezzato notaio, sia il prozio Cosimo De Giorgi, illustre scienziato dai molteplici interessi. All’inizio del ’900 il notaio si trasferì con i suoi cari a Lecce, ma rimasero saldi i legami con il Comune d’origine. Negli anni della Seconda Guerra Mondiale la famiglia De Giorgi soggiornò a lungo in Lizzanello; negli anni ’60, il fratello di Ennio, l’avvocato Mario, fu anche sindaco della cittadina. A distanza di venti anni dalla scomparsa di Ennio De Giorgi, il Comune di Lizzanello dedica a Lui una serie di iniziative ricche ed articolate, coordinate dalla Consulente in Valorizzazione del Patrimonio Culturale, dott.ssa Lory Larva, per celebrare un Figlio così illustre, di grande spessore In particolare, l’Amministrazione Comunale, in collaborazione con il CEIT - Centro Euromediterraneo di Innovazione Tecnologica per i Beni Culturali e la Biomedicina, diretto dalla professoressa Virginia Valzano, ha avviato il progetto “Alle radici di un Genio”, che mira ad una più ampia e profonda conoscenza del celebre matematico, non solo da un punto di vista connesse a Lizzanello, dove in parte ha vissuto, imprimendo un segno indelebile nella mente e nel cuore di quanti lo hanno conosciuto e apprezzato. Al progetto, di rilevanza nazionale, hanno aderito illustri esponenti del mondo accademico, tra cui allievi del prof. De Giorgi, docenti della Scuola Normale Superiore di Pisa, dell’Università del Salento e del CEIT, docenti e studenti dell’Istituto Comprensivo “Cosimo De Giorgi” ed esponenti del mondo politico ed istituzionale. In questo modo si mira a tramandare, come esempio, la memoria di un genio universale con l’obiettivo di infondere alle giovani generazioni

11


l’amore per la matematica e la gioia della conoscenza, punto di arrivo e di grande Maestro, lustro e vanto non solo per un paese e una nazione, ma anche per il mondo intero. L’iniziativa di ricordare Ennio De Giorgi nel Comune di Lizzanello consolida l’antico legame tra la famiglia De Giorgi e la città, inserendosi in una linea di continuità in cui altri momenti importanti sono stati l’intitolazione del Centro Polifunzionale Comunale e l’istituzione di una borsa di studio annuale presso il Centro di Ricerca Matematica “Ennio De Giorgi” della Scuola Normale Superiore di Pisa, dal 2004 al 2009. Lizzanello commemora il suo genio in prospettiva di divenire culla di eccellenze che coltivano la passione per la Matematica e tutte quelle discipline che contribuiscono all’elevazione spirituale, favorendo la diffusione della conoscenza, sulla scia dell’insegnamento trasmesso da uno straordinario Maestro che risponde al nome di Ennio de Giorgi. Quale sindaco di Lizzanello esprimo gratitudine innanzitutto all’autore, Livio Clemente Piccinini, ed alle curatrici, Virginia Valzano Biliotti e Gabriella Sartor Zanzotto, della preziosa opera dedicata al grande Maestro Ennio De Giorgi e ringrazio, inoltre, i docenti e matematici salentini, gli amministratori, l’Università del Salento, la Regione Puglia, la Provincia di Lecce e i Comuni che hanno aderito alla splendida iniziativa “Alle radici di un Genio” con il conferimento del patrocinio. Avv. Fulvio Pedone Sindaco del Comune di Lizzanello

12






Finito di stampare nel mese di novembre 2016 da Editrice Salentina - Galatina per conto delle Edizioni Milella di Lecce Spazio Vivo s.r.l.