Issuu on Google+

ViviConsapevole, Macrolibrarsi, trimestrale, maggio/luglio 2014 n.37, Poste Italiane SPA, Sped. in Abb. Post. DL 353/2003 (Conv. in L. 27/02/04 art.1 Comma 1. DCB ForlĂŹ

Numero 37 - â‚Ź 2,50 Maggio/Luglio 2014

Consapevole 1


Sostieni Vivi Consapevole Se hai un punto vendita, uno studio, un centro, un’associazione, un gas, o altro e vorresti regalare anche tu la rivista contattaci per fare richiesta. Pagherai solo un piccolo contributo per la spedizione e diventerai un sostenitore di questo bellissimo progetto!!

I Sostenitori di Vivi Consapevole

Scrivi a • punti.vendita@viviconsapevole.it • Fax: c.a. Paolo 0547.345091

Dove trovi gratuitamente la rivista

Abruzzo

• BIOPOLIS Via europa 4-6 65010 Villa Raspa Di Spoltore (PE) Tel 085.4154561 • DOTT. DELLA TORRE MASSIMO Via Colle Innamorati 7 65125 Pescara (PE) Tel 085.414060 • VERDEBIOS DI TENACE STEFANIA Via Santa Caterina da Siena,8 66054 Vasto (CH) Tel 0873.610730 www.verdebios.it • IL FARO VERDE Via Masciangelo, 18 66034 Lanciano (CH) Tel 380.2641181 • LUCIO MORELLI - RAP. DI PRODOTTI BIOLOGICI E ECOBIOCOSMESI Via Mincio, 5 65010 Santa Teresa di Spoltore (PE) Tel 335.6095650 Uff. 08.54972051 • NATURALMENTE DI PAOLA D’ANCONA Loc. Giardino, 4 66016 Guardiagrele (CH) Tel 329.0641362 • SANAFARMA MED SRLVia Salara, 10 64026 Roseto degli Abruzzi (TE) Tel 0857.932204 • IL NUOVO SOLE DI VERROCCHI GIUSEPPINA Via Cornacchiola, 30 67037 Sulmona (AQ) Tel 0864.53970 • ERBORISTERIA HELIANTUS DI NADIA DIMICHELE Via g. Matteotti, 17 65020 Alanno (PE) tel. 085-8544175 • BIOSALUTE DI DI RENZO LUCA Via Picena, 224 - 66100 Chieti (CH) Tel 0871.270444

Basilicata • ART GEMINIS FOTO&VIDEO STUDIO Viale Italia, 8 75100 Matera (MT)  Tel 0835.044129 • PANIFICIO CIFARELLI Via la martella, 93 - 75100 Matera (MT)  Tel 0835.383099 Via Istria, 17 - 75100 Matera (MT)  Tel 0835.385630 Calabria

• B EAUTY MELY Corso G. Garibaldi 88040 Serrastretta (CZ) Tel 393.9053982

Emilia Romagna

• MACROLIBRARSI Via Emilia Ponente 1705 47522 Cesena (FC) Tel 0547.346317 • BOTTEGA DELLA CANAPA Via Cervese 1303 47521 Cesena (FC) Tel 0547.384886 • TERRA E SOLE Via Bramante 7A 47900 Rimini (RN) Tel 0541.902225 • ISTITUTO OLOSOPHICO Via Tommasetta 5 47921 Rimini (RN) Tel 366.2051742 • NOOI ECO&BIO Via Oberdan 33/A 40126 Bologna (BO) Tel 051.8491967 • STUDIO DENTISTICO MARCO BRICI Via Serpieri, 19 47921 Rimini Tel 0541.23994 • NATURESSENZA DI MARINO ANTONELLA Via dell’Arcoveggio, 114 - 40129 Bologna Tel 331.8596302 • MARIA LUISA VALENTINI Via Olaf Palme, 14 40054 Budrio Tel 051.803191 • REMEDIA Via Laghetti 38 - 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.95352 www.remediaerbe.it • EIFIS EDITORE SRL Via Malva Nord 28 48015 Cervia (RA) Tel. 0544 72215 • LA PIDA E COMPANATICO Via Cervese, 385 - 47521 Cesna (FC) Tel 335.8043676

Lazio

• ORA DR. AGOSTINO Via Radicondoli 25 00146 Roma Tel 06.55263968 • PIZZERIA MASTROTITTA Via Lazio 14 00053 Civitavecchia (RM) Tel 0766.581288 • &CO STORE BY SIS POWER GRID Via G. De Camillis, 14 00167 Roma (RM) Tel 06.66165871 • PIACERE BIO Via G. della Bella, 51 - 00162 Roma (RM) Tel 06.44230707 • PHOTOSERVICE Via XXIV Maggio, 4 - 00043 Ciampino (RM) - Tel 06.7913144 • VULVODINIA.INFO Via dei Frassini, 38 00172 Roma (RM) www.vulvodiniapuntoinfo.com • COLLE DELLE QUERCE Via Santa Lucia, 3733 - 00067 Morlupo (RM) - Tel 392.6701379 www.colledellequerce.it

Friuli-Venezia Giulia • NEWAGE CENTER DI ELISABETTA SULLI Via Nordio, 4/C 34125 Trieste (TS) Tel 04.03721479 • CENTRO STUDI MEDI SLIM Via della Pertica, 1 33050 Pertegada (UD) Tel 04.31558161 • AURORA SOC. COOP. ARL. Via bersaglio, 7 33100 Udine (UD) Tel 04.3226406 • BEAUTY CONSULTING DI LAURA COLOSIMO Via dei Gelsi, 16 - 33052 Cervignano del Friuli (UD) - Tel 338.3420589

• WORK IN PROGRESS PROGETTI DI MOVIMENTO Via G.B. Marchesi 2/A 24060 Torre De’ Roveri (BG) Tel 035.580731 • AZIENDA AGRICOLA LA NATURA IN CASA Via Garibaldi 4 20018 Sedriano (MI) Tel 339.6356419 • KARLIK ALIMENTI BIO DINAMICI Via Maurizio Quadrio 3 23037 Tirano (SO) Tel 0342.701529 • CENTRO MANIPURA DI GIUSEPPINA ALBANESE Via Roncello 4/B 20876 Ornago (MB) Tel 039.6010516 • BIO PROFUMERIA FLORI Via F. Faruffini 17 20149 Milano (MI) - Tel 392.8347597 • IL GRANAIO DI MILANI FILIPPO Via Martiri della Libertà, 36 - 21014 Laveno Mombello (VA) Tel 346.6118804 • ERBORISTERIA RIVOLA Via P. Castaldi, 38 20124 Milano (MI) Tel 02.29523988 • MARAMEO - PIZZERIA D’ASPORTO Via Roma, 4 23036 Teglio (SO) Tel 345.0356398

Piemonte

• LIBRERIA DEL BENESSERE Corso Giovanni Amendola, 8/A 60123 Ancona (AN) Tel 071.2071736 • JOYTINAT YOGA AYURVEDA A.S.D. Via Ripa, 24 - 60013 Ancona (AN) Tel 071.679032 • PHITO SALUS DI LISA BIAGIONI Via Roma, 2 61048 Sant’Angelo in Vado (PU) Tel 349.0721320

• AZ. AGRICOLA “I SEGRETI DELLE ERBE” Regione Arbonino 20/A13896 Netro (BI) Tel 015.639033 • NEL CUORE DEL SAPORE Corso Superga 6 10090 Buttigliera Alta (TO) Tel 011.19660115 • ESTETICA ARMONIA Via Pinerolo 12 10060 Pancalieri (TO)Tel 011.9734314 • IO&BIO DI FRANDINO MARINA Via Saletta 95 15033 Casale Monferrato (AL) Tel 347.2820278 • OSTERIA LA CENA COI FIOCCHI Via Giovanni Spano, 16 10134 Torino (TO) Tel 011.3187993 • STUDIO OLISTICO ALLA FONTE DEL BENESSERE Via Valbusaga, 35 13011 Borgosesia (VC) Tel. 0163 27431Puglia • GRUPPO DI LUCE - BELLE ARTI Regione Valle, 60 - 14033 Castell’Alfero (AT) - Tel 0141.405738 • IGEA SNC - CENTRO MEDICO POLIAMBULATORIO Via Tronzano, 19 - 10155 Torino (TO) Tel 011.2050175 - www.igeacentromedico.it

Liguria

Puglia

Umbria

• ERBORISTERIA L’EDERA Strada Ponte d’Oddi 51/l 06125 Perugia (PG) Tel 075.3721953 • MEETING POINT CAFFE Largo Ottaviani, 22 05100 Terni (TR) Tel 348.0869297

Marche

• VIVAIO LUCA SAVARESE Corso Europa 1899, 16167 Genova Nervi (GE) Tel 010.3202086 • ALTRO APPETITO Via Col. Aprosio 399 18019 Vallecrosia (IM) Tel 0184.999875 • I SAPORI DELLA TAVOLA DI ZIGNOLI AIDA Via cavour 58b 18039 Ventimiglia (IM) Tel 0184.351526 • IL RAGGIO VERDE Via XX Settembre 62/66 19038 Sarzana (SP) - Tel 0187.607200 • PETIT BIO Piazza Costituente, 7/B 18039 Ventimiglia (IM) Tel 0184.230259

Lombardia

• LIBERAMENTE LIBRERIA RAMINGA Corso Lepetit 43 25047 Darfo Boario Terme (BS) Tel 333.7851838 • PROGETTO 2000 Via Marco Polo 5 20124 Milano (MI) Tel 02.29000222 • LA CHIAVE DEL SOL Via Fiume 16, Fraz. Coarezza 21019 Somma Lombardo (VA) Tel 0331.290884

• ECOLOGICA FASANESE Via Roma 291 72015 Fasano (BR) Tel 080.4425546 • C.S.R. RIMEDI - Centro studio e ricerca di medicina integrata Piazzale Bologna 73100 Lecce (LE) Tel 083.21690578 • NATURE’S PATH Via Lissa, 25 76123 Andria (BT) Tel 329.8536198 • MARCELLA DI CRISTOFARO - ASL FG Via Orto Sdanga, 7 - 71043 Manfredonia (FG) - Tel 348.2782743

Toscana

• AMICI E NATURA DI POLI ANGELO Via De Barberi 108  58100 Grosseto (GR) Tel 0564.22553 • ERBORISTERIA LA MANNA Via Antonio Fratti 226 55049 Viareggio (LU) Tel 0584.32285 • GAS IL MELOGRANO Viale Toselli, 11 int 3   53100 Siena (SI) Tel 333.2861483 • ALTRE DIMENSIONI DI AGNOLUCCI PAOLA Via A. Burzagli 231/5 52025 Montevarchi (AR)

• RISTORANTE VEGETARIANO LA FONTE Via Lucignano 15 50025 Montespertoli (FI) Tel 0571.609514 • A.S.D. SHAKTI - CENTRO YOGA Via B. Cellini, 48/52 - 57025 Piombino (LI) - Tel 339.1122088

Trentino Alto-Adige

• BABY COMP Via Veneto 79 39042 Bressanone (BZ) Tel 0472.831010 • I PRODOTTI DEL CONTADINO Viale Venezia 36 38050 Castelnuovo (TN) Tel 0461.753465 • GERMOGLIANDO Via Dolomiti 25     38057 Pergine Valsugana (TN) Tel 348.7609650 • AMBULATORIO VETERINARIO • VIGOLANA Via alla Mandola, 13/C 38049 Bosentino (TN) Tel 0461.848596 • ERBORISTERIA LA SORGENTE Via Cesare Battisti, 35 - 38013 Fondo (TN) Tel 0463.830143 • HOTEL GLORIA Via Lungolago, 15 - 38018 Molveno (TN) Tel 0461.586962 - www.gloriahotel.it

Veneto

• POLIAMBULATORI SANTA SOFIA Via Puglie 24 37139 Loc. Chievo - Verona (VR) Tel 045.8104760 • LA’BIO SRL Via Venezia 136 36015 Schio (VI) Tel 0445.672408 • POLIAMBULATORIO SAN VITO Via Sottobroli 27 - 36030 San Vito di Leguzzano (VI) -Tel 044.5519634 • GAIA SNC Via San Giuliano 35 33170 Pordenone (PN) - Tel 0434.28043 • GAS LA COCCINELLA Via Delle Agostiniane, 29 - 37127 Verona • ERBORISTERIA NATURA Corso Mazzini, 38 - 36063 Marostica (VI) Tel 0424.472451 • STUDIO MEDICO E DENTISTICO ROSANDA - Dr. Giorgio Via A. De Gasperi, 48/D - 31020 San Vendemiano (TV) - Tel 0438.778220 • SPIGA D’ORO SOC. COOP. Viale della Repubblica, 193 - 31100 Trevisto (TV) - Tel 0422.308677

Sardegna

• IL PAESE DEL VENTO Via Cagliari, 255 09039 Villacidro (VS) - Tel 380.3751746 • ECOPHARM SRL Via Giaime Pintor, 17 - 09128 Cagliari (CA)

Sicilia

• CAFFE’ A. NANNINI Piazza Bagolino 30 91011 Alcamo (TP) Tel 0924.22043 • THE QUALITYBAR Via Salvatore Cimino (Chiosco) 90018 Termini Imerese (PA) Tel 091.8113365 • AGRITURISMO “CARBONA” Contrada Strasatto 91022 Castelvetrano (TP) Tel 0924.906919 • BIOLOGO NUTRIZIONISTA Dr. GUISI PREVITERA Via Bellini 11 95014 Giarre (CT) Tel 347.1358921 • ASS. DI VOLONTARIATO AZIONE X Via N. Fabrizi, 26 - 91100 Trapani (TP) Tel 339.8422304


Un evento

Editoriale

da ricordare

Grande successo di pubblico per la fiera @Vivi il Benessere in tutti i sensi di Rimini

3 giorni di fiera; 3.500 visitatori e spettatori alle conferenze e ai workshop; qualche migliaio nella zona espositori a ingresso gratuito; 20 relatori per un totale di 80 ore tra seminari, workshop e free class;

50 espositori.

I numeri di @Vivi, la fiera per il benessere di corpo mente e spirito che abbiamo organizzato al Palacongressi di Rimini dal 9 all’11 maggio, parlano di un grande successo. P er molti mesi abbiamo lavorato sodo per creare un evento coinvolgente, emozionante e capace di portare alle persone informazioni nuove e importanti per il loro benessere. Abbiamo impiegato tante energie per gestire una macchina organizzativa complessa. Abbiamo investito il nostro tempo e le nostre risorse per fare in modo che il pubblico, gli espositori e i relatori vedessero soddisfatte le loro esigenze. Con orgoglio possiamo dire che ci siamo riusciti e che i tre giorni dell’evento hanno ampiamente ripagato gli sforzi e le energie messe in campo. Siamo stati felici di incontrare così tante persone che seguono e sostengono i progetti di Macrolibrarsi e del Gruppo Editoriale Macro, c’era veramente una bella atmosfera e tutti sono

Gregg Braden durante la sua conferenza nella sala Plenaria del Palacongressi di Rimini

tornati a casa entuasiasti: organizzatori, visitatori, espositori, operatori, insomma un tripudio. L’obiettivo di riunire in unico evento tanti esperti, anche di fama mondiale, è stato raggiunto e il calore e l’affluenza di pubblico ce lo hanno inequivocabilmente dimostrato. Al @Vivi è stato possibile sperimentare tanto, in poco tempo: ascoltare la voce autorevole di tanti relatori; assapporare i benefici dei succhi preparati con gli estrattori, del cibo crudo, del forno biologico; annusare i profumi magici degli oli essenziali; regalarsi massaggi, trattamenti di auto-guarigione; sfogliare le pagine di libri appena stampati... È stata una bellissima festa, e quando una cosa riesce così bene è un vero

peccato non pensare a un seguito! Nel momento in cui scriviamo questi pensieri la fiera si è conclusa da soli tre giorni, eppure il nostro intento è quelo di iniziare a pensare sin da ora alla prossima edizione e a come dare seguito a questa iniziativa, in modo che possa divetare un appuntamento fisso di incontro e di scambio con il pubblico e gli operatori. Per rimanere sintonizzati sull’onda del benessere e non perdere tutti i prossimi eventi a cui parteciperemo e quelli da noi direttamente organizzati non vi resta che continuare a seguirci sul nostro sito Macrolibrarsi.it e sulle pagine di ViviConsapevole! Lo staff Macrolibrarsi


Macrolibrarsi e ViviConsapevole:

costruiamo insieme un futuro migliore Pensiamo che un mondo più consapevole, più etico, più sano sia la miglior strada per la felicità personale, per il benessere globale e per garantire il futuro di questa terra e dei suoi abitanti. Macrolibrarsi diffonde conoscenza e consapevolezza sotto forma di libri, riviste, dvd, prodotti naturali, corsi ed eventi: nel mondo che vogliamo vediamo persone più consapevoli, che amano se stesse e la natura, che vivono in armonia con il prossimo, che ricercano e divulgano con passione nuove idee per un avanzamento collettivo di stampo ecologico-spirituale. Per raggiungere gli obiettivi della nostra Mission, oltre all’e-commerce Macrolibrarsi.it, abbiamo deciso di intraprendere nuove strade e dare vita ad altri progetti: La Fattoria dell’Autosufficienza — il progetto di permacultura sull’Appennino Romagnolo, centro studi di ecologia applicata; Macrolibrarsi Store — il negozio con erboristeria, alimenti biologici e libreria; ViviConsapevole — la nostra rivista istituzionale gratuita. Dal 2012 ViviConsapevole è distribuita a tutti i clienti di Macrolibrarsi.it, nelle principali fiere di ecologia e benessere e sul territorio nazionale in diversi esercizi commerciali a tema (negozi di alimentazione biologica e naturale, ambulatori di medicina alternativa, centri olistici, agriturismi…). Inoltre è scaricabile gratuitamente attraverso il web e sull’Apple Store. Con ViviConsapevole vogliamo diffondere i contenuti in cui crediamo, contenuti di qualità sui temi dell’agricoltura naturale, dell’alimentazione biologica e vegetariana, dell’autoproduzione e del saper fare, delle energie rinnovabili

2 ViviConsapevole - Estate 2014

e del risparmio di risorse, della condivisione e della vita in comunità, della salute e del benessere, delle medicine alternative, del self help e della spiritualità. Per questo abbiamo deciso di creare una rivista gratuita stampata in 30.000 copie, in grado di raggiungere, sensibilizzare e appassionare un pubblico sempre più vasto. I riscontri positivi che riceviamo ogni giorno da voi lettori, le proposte di collaborazione e i contatti che arrivano sempre più numerosi ci fanno capire che siamo sulla giusta strada! Pensando di fare cosa gradita al nostro crescente pubblico abbiamo deciso di ampliare la rivista con un catalogo di libri e prodotti naturali dei migliori fornitori Macrolibrarsi: puoi trovare il catalogo sul retro della rivista. ViviConsapevole è sempre alla ricerca di nuovi spunti, di suggerimenti su possibili miglioramenti: non esitare a contattarci per proporre gli argomenti che vorresti vedere trattati sulla rivista e le tue personali esperienze di decrescita o di risparmio. Scrivici a redazione@viviconsapevole.it: ogni tuo suggerimento è prezioso! Buona Lettura Lo staff di Macrolibrarsi e ViviConsapevole

Vivi Consapevole maggio/luglio 2014 Anno X– numero 37 Editore Macrolibrarsi di Golden Books Ideatore Giorgio Gustavo Rosso Direttore Responsabile Marianna Gualazzi redazione@viviconsapevole.it Responsabile di Redazione Romina Rossi info@viviconsapevole.it In Redazione Angelo Francesco Rosso f.rosso@viviconsapevole.it Massimiliano Cirielli m.cirielli@viviconsapevole.it Grafica e Uff. Abbonamenti Editing , Casa Editrice & Servizi Editoriali - Cesena (FC) Tel. 0547 347627 abbonamenti@viviconsapevole.it Ufficio commerciale Francesco Rosso commerciale@viviconsapevole.it 3358137979 Hanno collaborato alla realizzazione di questo numero Grazia Cacciola Silvia Strozzi Tiziana Lugli Dealma Franceschetti Ilaria Bertini Ivy Moscucci Nicla Signorelli Valentina Scuteri Claudia Ceroni Andrea Degl’Innocenti Luigi Foschi, Nicola Foschi Valerio Pignatta Simona Oberhammer Claudia Mengoni Laura Gabrielli Giulia Sama Erica Gattamorta Francesca Rifici Immagini acquistate su www.sxc.hu www.shutterstock.com www.iphoto.it Stampa Grafica Editoriale Printing - BO Finito di stampare in maggio 2014 Tiratura: 30.000 copie


Entra e scopri... il mondo del Benessere

Macrolibrarsi Store

via Emilia Ponente 1705 Diegaro di Cesena Tel. 0547 346317 negozio@macrolibrarsi.it Orari di apertura: Lun. 15,00-20,00 e dal martedĂŹ al sabato dalle 9,00 alle 20,00. Chiusura il lunedi mattina.

ViviConsapevole.it 3


Indice

Crea e ricicla Casetta di cartone e set da spiaggia Giochi estivi sul balcone

I rimedi naturali per la colite

34 36

Viaggi consapevoli Sì, viaggiare... purché sia green

38

Terra Santa: viaggio dello spirito

42

Essicca, conserva e gusta!

13 14 16 18 20 22

Speciale Alimentazione e Salute Intervista a T. Colin Campbell autore di The China Study 24

Comunità consapevole Quando l’Islanda ha detto no La forza di un filo di paglia

Che cos’è il Feng Shui Shungite Élite, la pietra di protezione per eccellenza

Medicina olistica

7 regole per smettere di mangiare troppo

Ayurveda: fai il pieno di energia

30 32

4 ViviConsapevole - Estate 2014

44 46

66

Pianeta donna

67 68 70

Salviamo l’omeopatia

I benefici della Moxa

72

Odiosa cellulite

74 76

Tutti pronti per la prova costume?

78

Spiritualità I chakra, le ruote di luce Kriya Yoga

80 82

Self help

Bioarchitettura

Tiroide e diabete: curarsi con il cibo 28

I benefici del digiuno

Perché scegliere l’acqua alcalina ionizzata

Olio di cocco, elisir di bellezza

In Cucina

Barrette energetiche home made

64

Solari e dopo-sole fai da te

La fiera dell’agricoltura fai da te 12

Alghe: come usarle?

Bere acqua, purché alcalina

Bellezza naturale

Alla scoperta del lupo italiano 10

Tè Macha, un concentrato di energia

62

Pillola sì, pillola no

I mesi più produttivi nell’orto 8 e nel giardino

La cucina con i fiori

Le proprietà del sale rosa dell’Himalaya

Placenta, albero della vita

Permacultura, la mia fonte 6 di ispirazione

Vivi bene, mangia crudo

Benessere naturale

Vita prenatale

Natura

60

50 52 54 56 58

A tavola senza capricci

84

Leggere un libro può cambiarti la vita?

86

RQI, il segreto dell’auto-guarigione

88


GiĂ  oltre 20.000 copie scaricate!

ViviConsapevole.it 5


Permacultura, la mia fonte di ispirazione Intervista a Francesco Rosso, ideatore e amministratore della Fattoria dell’Autosufficienza

Abbiamo incontrato Francesco Rosso ideatore del progetto Fattoria dell’Autosufficienza che ci ha raccontato com’è nata l’idea di questo progetto di ecologia applicata e quali sono state le sue fonti, teoriche e pratiche, di ispirazione. Come è nata l’idea della Fattoria dell’Autosufficienza? Quando acquistai nel 2009 i terreni che sono diventati La Fattoria dell’Autosufficienza non avevo per nulla le idee chiare e soprattutto non sapevo neanche che esistesse qualcosa che potesse esprimere la mia idea di gestione del territorio. La mia attività principale consisteva, e tutt’ora consiste, nel vendere libri online. Nel mio magazzino ogni giorno passano migliaia di libri e un giorno mi capitò fra le mani Introduzione alla Permacultura di Bill Mollison. Il libro mi sembrava interessante così lo portai a casa e dopo aver letto le prime dieci pagine sapevo già che non avrei potuto fare a meno di terminarlo nel più breve tempo possibile. Nel libro trovai i riferimenti dell’Accademia Italiana di Permacultura e mi iscrissi al primo corso intensivo disponibile che si tenne in Piemonte a Berzano in una comunità. Ebbi la conferma che la Permacultura, ossia creare insediamenti umani sostenibili nel tempo, sarebbe stato il mio percorso. La formazione dell’Accademia Italiana di Permacultura prevede due anni di apprendistato attivo, la presentazione del progetto all’assemblea e il

6 ViviConsapevole - Estate 2014

Nel 2009 i terreni della Fattoria erano abbondonati da anni. Oggi coltiviamo grani antichi, abbiamo recintato gran parte dei terreni coltivabili, abbiamo diversi orti (alcuni sinergici) con patate e ortaggi, una serra, un frutteto di piante antiche, un po’ di animali da cortile e in questi giorni stiamo partendo con piante aromatiche e medicinali

Alcune foto scattate in Fattoria


Natura conseguimento del titolo di insegnante di progettazione in permacultura. Ho deciso di non seguire questo percorso perché ritengo che una lunga esperienza pratica sia indispensabile prima di poter insegnare e questi quattro anni ne sono stati la testimonianza: la natura non si lascia ingabbiare così facilmente nelle teorie. In seguito ho fatto diversi corsi e ho letto tanti testi al fine di ampliare le mie conoscenze. Quali corsi ti senti di consigliare? I corsi più memorabili sono stati quello fatto con l’Associazione PAEA all’EUZ in Germania (Centro per l’Energia e l’Ambiente di Springe); il Corso di Agricoltura Sinergica fatto con Alessio Mancini; l’Enertour organizzato dalla Provincia di Bolzano; una settimana a realizzare palline d’argilla (metodo Fukuoka) dal Panos Manikis in Grecia. Il più importante è stato un corso che abbiamo organizzato noi stessi come Fattoria dell’Autosufficienza da Sepp Holzer, al Krametherof in Austria, in assoluto il più bell’esempio di Permacultura che abbia mai visto. Quali libri ti hanno maggiormente ispirato? A parte Introduzione alla permacultura, che ho già menzionato, e ovviamente il libro di Sepp Holzer Guida pratica alla permacultura, mi sono piaciuti tantissimo anche i libri di Masanobu Fukuoka La rivoluzione del filo di paglia e La rivoluzione di Dio, della Natura e dell’Uomo. Poi ci sono anche bellissimi documentari come Home di Yann Arthus Bertrand e Una Fattoria per il futuro di Rebecca Hosking che inevitabilmente ti lasciano un segno. L’elenco potrebbe continuare e sarebbe molto lungo! A che punto è il progetto? Direi che siamo al cinque per cento del progetto. Come dicevo, la natura non

si lascia esprimere facilmente nelle teorie e imparare la natura è qualcosa di veramente complesso che richiede tantissimo tempo. In questi anni di “esperienza” ho fatto molti errori e da questi ho imparato tanto: l’apprendimento sul campo, facendo, con le mani non ha eguali ma richiede il rispetto dei propri ritmi suoi. Nel 2009 i terreni della Fattoria erano abbondonati da anni. Oggi coltiviamo grani antichi, abbiamo recintato gran parte dei terreni coltivabili, abbiamo diversi orti (alcuni sinergici) con patate e ortaggi, una serra, un frutteto di piante antiche, un po’ di animali da cortile e in questi giorni stiamo partendo con piante aromatiche e medicinali. Tutto con certificazione biologica. La parte sulla quale procediamo più a rilento è la ristrutturazione dei ruderi che richiede un grosso sforzo economico. Quest’anno abbiamo finalmente iniziato a ristrutturare la casa in sasso che sarà adibita ad Agriturismo Bioecologico. È possibile partecipare alle attività della Fattoria dell’Autosufficienza? Per partecipare alle attività della Fattoria ci vuole un po’ di spirito di adattamento, in quanto le strutture a disposizione sono provvisorie. Si vive sempre all’aperto e per questo facciamo attività solo in estate. È possibile partecipare ai nostri corsi. Quest’estate avremo solo tre corsi per via del cantiere in corso. A luglio un corso di Autocostruzione di pannelli fotovoltaici, ad agosto il corso di Progettazione in permacultura e a settembre il corso di Food Forest. Si può anche partecipare come Wwoofer, una formula di scambio culturale gestita dall’associazione Wwoof Italia in cui, in cambio di vitto e alloggio, si dedica il proprio tempo e il proprio lavoro all’attività agricola imparando quello che si fa in Fattoria.

Acquistalo su Macrolibrarsi.it Sepp Holzer Guida Pratica alla Permacultura Come coltivare in maniera naturale Giardini, Orti e Frutteti Il Filo Verde di Arianna, 2013 Bill Mollison, Reny Mia Slay Introduzione alla Permacultura Aam Terra Nuova, 2007 Michel e Jude Fanton Manuale per Salvare i Semi dell’Orto e la Biodiversità Scopri e difendi 117 ortaggi, erbe aromatiche e fiori alimentari Il Filo Verde di Arianna, 2013

La Fattoria dell’Autosufficienza

Per informazioni sui corsi estivi in fattoria e sul Wwoofing visita il nostro sito autosufficienza.com.

Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

ViviConsapevole.it 7


Una ricca

estate I mesi più produttivi nell’orto e nel giardino

E

lencare quali e quante leccornie e bellezze vegetali sono pronte nei nostri orti, giardini e aree selvatiche in questi mesi occuperebbe tutta la rubrica e forse qualche altra pagina della rivista. Sono i mesi che danno più lavoro e anche più soddisfazioni. E discussioni. Sì, perché a casa mia, dopo aver studiato per anni tutte le scuole di pensiero dell’agricoltura naturale, si è arrivati al dibattito orto-filosofico. Per esempio, io ritengo giusto diradare le albicocche per non appesantire l’albero, onde evitare cadute di rami giovani sovraccarichi come già capitato, ma lotto con un fermo sostenitore dell’albero che “si regola da sé” nonché attentissimo guardiano dei suoi alberi da frutto. Così si discute del perché andrebbero tolte e del perché no. La sto spuntando io – forse – ma la

lotta è in corso mentre scrivo. Le albicocche delle varietà precoci, in maggio, sono ormai grandi come datteri e sono tante, davvero troppe su alcuni rami. Vanno diradate a inizio maggio, o comunque non più di trequattro settimane dopo la fioritura, e il vantaggio non è solo evitare la spaccatura di rami giovani troppo carichi, ma anche l’aumento del sapore e della pezzatura per i frutti che restano sull’albero. Un discorso con cui un tempo non mi trovavo d’accordo, fresca di letture dei rivoluzionari del filo di paglia, ma che oggi con l’esperienza condivido. Per il mio giardino ho scelto la varietà antica Albicocco Reale di Imola, che fino a una ventina di anni fa veniva coltivato nelle pianure romagnole. Si è adattato bene anche sull’Appennino e resiste agli inverni rigidi. Questa

Grazia Cacciola

varietà, buonissima e con frutti a polpa molto dolce, è quasi del tutto abbandonata perché ha la particolarità di far maturare i frutti scalarmente e quindi richiede più di un passaggio di raccolta. Quel che per la grande distribuzione è uno svantaggio, per noi è un grande vantaggio: raccogliere i frutti e gustarli per più di un mese, invece che tutti insieme, una sola volta. L’altro problema a cui devo rimediare tutte le estati con gli alberi del genere Prunus (ciliegio, pesco, amarena, prugno), è la Taphrina deformans, comunemente conosciuta come “bolla del pesco”, un fungo che attacca non solo il pesco ma tutto il genere Prunus (e da me persino le rose!). Per contrastarlo faccio dei lavaggi fogliari a spruzzo diretto con macerato di ortica (vedi ricetta nel box). Avendo questo macerato un ottimo contenuto

IL MACERATO DI ORTICA L’ortica si raccoglie selvatica o si può coltivare, persino sul balcone in vaso, ed è utile anche per l’erboristeria e per la cucina. Si trova di solito dove c’è una certa attività di decomposizione naturale di materiale organico: limitare dei boschi, sponde di corsi d’acqua ecc. La sua presenza migliora i processi di formazione dell’humus nel suolo e sottrae l’eccesso di azoto e ferro. Il macerato si fa con le sole foglie di ortica, la cui raccolta è bene fare al mattino presto. Questo macerato è utile nebulizzato sulle piante per afidi, mosca bianca, cavolaia e per infezioni fungine come la bolla del pesco. Irrorato sul terreno è un ottimo fertilizzante perché contiene molto ferro,

8 ViviConsapevole - Estate 2014

azoto e acido formico. Esiste anche un altro tipo di macerato di ortica biodinamico ottenuto con le piante intere tagliate, che vengono lasciate ad appassire fino al pomeriggio e successivamente interrate in una buca intorno ai 30-40 cm. Dopo un anno viene prelevata l’ortica trasformata in una massa scura di humus e conservata in contenitori ermetici. Il preparato così ottenuto ha la capacità di ordinare i processi del compost, in particolare riguardo quelli dell’azoto, del ferro e del potassio e del calcio. Basta inserirne nel compost una piccola quantità per aiutarlo nell’attivazione.


*

Natura

La ricetta del macerato di ortica

Raccogliere 1 kg di foglie apicali di ortica. Immergerle in un secchio con 10 litri di acqua, coprire con un coperchio. Rimescolare di tanto in tanto e dopo circa 7 giorni (anche meno se la temperatura è alta) le erbe introdotte si macerano, fermentando leggermente. A questo punto il macerato è pronto: le foglie risultano sciolte, si intravedono appena le nervature e il colore è ancora verde. Si filtra e si diluisce con altra acqua ferma fino a 40 volte, ovvero 1 litro di macerato si diluisce in 40 litri di acqua. Per utilizzarlo, si dinamizza, ovvero si rimescola per una decina di minuti. Va usato per irrigare il piede della pianta. Per l’uso a spruzzo invece, è meglio diluirlo al massimo possibile, 40 volte. Si possono ridurre le dosi raccogliendo solo 100 gr di ortica e macerandola in 1 litro di acqua, seguendo il procedimento descritto e con l’accortezza di usare un contenitore più alto che largo. L’odore molto forte del macerato non permane su frutti e verdure che avranno il loro sapore al momento del consumo. In caso di pioggia nel periodo di virulenza, bisogna avere la pazienza di ripetere l’irrorazione.

di azoto, ferro e acido formico, contrasta bene la diffusione della bolla e, cadendo sul suolo, agisce anche come fertilizzante. Ai piedi di questi alberi semino delle misticanze da taglio per le insalate estive. Lattughini e radicchi giovani tengono fresco e sciolto il terreno in cui affondano le radici, mentre l’insalata cresce tenera

Grazia Cacciola

e ben idratata grazie all’ombreggiatura dei rami. Il macerato di ortica che man mano cade dai trattamenti dell’albero soprastante la fertilizza, su un terreno già arricchito con compost e macerato di equiseto (vedi ricetta nel numero precedente).

Grazia Cacciola (www.erbaviola.com), è specializzata in tecniche agronomiche ecosostenibili. È autrice di saggi professionali e manuali divulgativi sull’alimentazione consapevole e gli stili di vita etici, tra cui L’orto sul balcone. Coltivare naturale in spazi ristretti, FAG, e Scappo dalla città. Manuale pratico di downshifting, decrescita e autoproduzione, FAG. Ha strutturato e supervisionato progetti dell’Unione Europea per l’incentivazione delle coltivazioni con metodo biologico e biodinamico. È stata l’esperta di coltivazione naturale nella trasmissione Geo&Geo su Rai3. Collabora con il Movimento Decrescita Felice e diversi gruppi di transizione.

Cosa leggere Grazia Cacciola Orto sul balcone Edizioni Fag, Milano Enrico Accorsi, Francesco Beldì Il mio frutteto biologico Aam Terra Nuova Edizioni, 2011 John Seymour L’Orto e il Frutteto secondo Natura. Guida all’Autosufficienza Mondadori, 2012

Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

ViviConsapevole.it 9


Al lupo! Al lupo! Grazia Cacciola

Il lupo vive nuovamente nei nostri Appennini e nelle nostre Alpi: impariamo a conoscerlo e a rispettarlo Il lupo è tornato a popolare l’Appennino italiano, ridando vita a vecchie e nuove leggende sulla sua natura e i suoi comportamenti. Amichevole o pericoloso? Solitario o sociale? Possiamo passeggiare tranquilli in montagna? Ne parliamo con i biologi Marco Galaverni e Davide Palumbo dell’Università di Bologna, specializzati in grandi carnivori, che studiano i lupi dei nostri Appennini da anni. Le loro ricerche su questo grande carnivoro li hanno portati in giro per il mondo, fino a Yellowstone e oggi sono impegnati in prima persona nella diffusione di informazioni corrette per una pacifica convivenza tra uomini e lupi. Il lupo italiano è una specie particolare: è l’unica che c’è nel nostro paese? Il lupo che vive in Italia è una sottospecie unica, Canis lupus italicus, che si contraddistingue per una taglia minore rispetto ad altri lupi europei e per due bande nere evidenti sulle zampe anteriori. Questa particolarità è stata confermata anche da numerosi studi genetici. Tutti i lupi che vivono in Italia, anche quelli che hanno recentemente ricolonizzato le Alpi, appartengono alla stessa popolazione, con l’eccezione di un lupo proveniente dalla Slovenia, di nome Slavc, la cui presenza è stata accertata in Veneto.

10 ViviConsapevole - Estate 2014

Una rara foto del lupo italiano. Scatto di Davide Palumbo. 

I biologi Marco Galaverni e Davide Palumbo durante l’affollata conferenza sul lupo dell’Appennino nella sala comunale di Monghidoro (BO). Nel territorio di Monghidoro sono state più volte avvistate famiglie di lupi.

Quanti lupi ci sono oggi in Italia, più o meno? È difficile fare una stima, perché non è semplice studiare il lupo e in molte regioni mancano dati attendibili. Oggi possiamo parlare in ogni caso di un migliaio di individui, ben di più rispetto agli appena cento lupi sopravvissuti in tutta Italia negli anni ‘70 dopo una forte persecuzione. Il lupo è attualmente distribuito su tutto l’Appennino centro settentrionale e sulle Alpi occidentali, mentre la sua presenza è più esigua nel

sud, saltuaria nelle Alpi centro-orientali, ed è assente dalle Isole. I lupi vivono da soli o in branchi di diversi individui? Sono realistici gli avvistamenti di branchi di quaranta e più esemplari? Il lupo è un animale sociale che vive in gruppo. In Italia i branchi sono costituiti essenzialmente da gruppi familiari, ovvero i genitori, i nuovi nati e i figli dell’anno precedente, che ben presto si allontanano, anche da soli,


Natura

alla ricerca di nuovi territori, oppure aiutano i genitori nella cura della prole. Parliamo quindi di 5 o 6 individui, che possono diventare 10-12 in annate di particolare abbondanza, ma è senza dubbio una leggenda parlare di branchi di quaranta lupi. Il lupo nell’immaginario comune rappresenta l’animale cattivo e pericoloso, sebbene qualche film l’abbia riabilitato addirittura ad amico dell’uomo o a mito solitario. Da cosa dipendono secondo voi tutte queste leggende? Il lupo ha stimolato da sempre tante paure quanta attrazione sull’uomo, forse perché abbiamo diversi caratteri in comune: viviamo in gruppo, siamo monogami, abbiamo un ampio bagaglio di abilità comunicative. Basti pensare che il lupo è stata la prima specie al mondo a essere domesticata, dando vita, dopo anni e anni di selezione, a ogni cane che vive nei nostri salotti. Ma nel corso dei secoli l’idea di lupo è spesso cambiata, da un immaginario mitico-divino (si pensi ai miti fondatori di molte civiltà, come la stessa Roma) a un pregiudizio negativo molto diffuso. In ogni caso, il lupo non è né buono né cattivo: è semplicemente un animale carnivoro essenziale per l’ecosistema. Il lavoro che fate voi ricercatori è enorme, potete darci in breve un’idea di come studiate davvero i lupi, di quali mezzi usate? Proprio per l’elusività tipica della specie, che solitamente si muove di notte ed evita l’uomo, lo studio del lupo richiede uno sforzo notevole. Partiamo con il cercarne le tracce sul terreno o sulla neve (snow tracking) per capire se è presente in zona. Poi si può indurlo a rispondere a ululati registrati (wolf howling) per comprendere l’eventuale presenza di branchi con i cuccioli. Ma gran parte degli studi sono di tipo indiretto, senza contattare l’animale, e si basano sulla genetica: partendo da campioni biologici lasciati dai lupi sul

territorio, specialmente escrementi, ma anche peli o saliva, si estrae il DNA e si ricava il profilo genetico di ogni individuo. Quindi si possono contare quanti lupi sono presenti in zona e addirittura ricostruire le relazioni parentali tra gli individui, così come individuare le tracce di possibili incroci (ibridazione) con il cane domestico.

esempio gli ottimi maremmaniabruzzesi) è metodo di prevenzione più efficace, così come può essere importante l’utilizzo di ricoveri notturni per le greggi, specie nel periodo delle nascite. In ogni caso, le misure di prevenzione andrebbero tarate sui bisogni di ogni allevamento. Ovviamente, lasciare gli animali

La corretta informazione è il primo passo per favorire una convivenza pacifica tra uomini e lupi

Il lupo può attaccare chi fa trekking o passeggiate in montagna, o magari chi si addentra nei boschi e fuori dai sentieri? Come dicevamo, il lupo è un animale estremamente elusivo. Avvistarlo è un evento raro, anche per chi frequenta con regolarità boschi e montagne, e anche in questo caso non costituisce un pericolo statisticamente significativo: basti ricordare che in Europa non ci sono state vittime negli ultimi 150 anni, a fronte di milioni di persone che vivono stabilmente in aree frequentate dal lupo. Ciò non vuol dire che un attacco non avverrà mai, ma che è molto più probabile, purtroppo, essere vittima del cane del vicino, di una vespa, o di un fulmine, per non parlare di incidenti stradali o domestici.

non controllati al pascolo brado in zone di presenza del lupo sarebbe come coltivare ciliegie senza reti di protezione e pretendere di non subire danni dalle grandinate. Voi, oltre all’attività di ricerca, tenete anche degli incontri informativi sui lupi: un ente pubblico o un’associazione che volesse contattarvi per una conferenza come può farlo? Ci impegnamo anche in questo senso perché la corretta informazione è il primo passo per favorire una convivenza pacifica tra uomini e lupi. Gli enti pubblici e le associazioni che vogliono invitarci per un incontro o una conferenza sul lupo possono scriverci agli indirizzi: marcogalaverni@iol.it e palumbodavide@hotmail.com

Quali sono in dettaglio i metodi non cruenti che hanno gli allevatori per proteggere gli animali di allevamento dagli attacchi dei lupi? Senza dubbio l’uso di recinzioni (eventualmente elettrificate) combinate a cani da pastore ben addestrati (ad

ViviConsapevole.it 11


La fiera dell’agricoltura

fai da te

La redazione per Hobby Farmer

A Cesena, la rassegna dell’orto “fai da te” e quella dell’uso di Fonti Energetiche Rinnovabili hanno richiamato molti visitatori: Un concreto aiuto allo sviluppo di questi settori così importanti per il “viver bene”

«S

e in Italia gli orti urbani “coprono” cinquecentomila metri quadrati, vuol dire che non ci troviamo più di fronte a una moda, ma a un aspetto di quel vivere bene di cui Cesena è una della capitali» – sostiene Domenico Scarpellini, Presidente di Cesena Fiera, a consuntivo della rassegna che sabato 5 e domenica 6 aprile ha racchiuso Hobby Farmer, la seconda edizione della rassegna dell’agricoltura “fai da te”, e Agrofer, al suo nono anno, dedicato all’uso della fonti energetiche rinnovabili soprattutto sul versante agricolo e abitativo. Una rassegna che ha appassionato i visitatori che in tanti sono usciti con buste e carrelli pieni di piante e alberelli. Hobby Farmer si rivolge a chi ha un piccolo orto, e a chi lo vorrebbe, non solo con proposte di attrezzatura e piante, ma soprattutto con una serie di esperti e tecnici che nei due giorni di fiera illustrano, aiutano e consigliano, ad esempio, su come comportarsi nel vigneto o con le api, ma anche come filare la lana o come realizzare in terrazzo il proprio mini orto. «Abbiamo voluto che i nostri visitatori potessero “assaporare” tutto questo prosegue Scarpellini – con

12 ViviConsapevole - Estate 2014

la consapevolezza che una Fiera deve aiutare un settore, mettendo a confronto domanda e offerta, specializzazione e curiosità. Coltivare in prima persona ciò che poi si metterà nel piatto, è un aspetto che sta sempre più diventando protagonista della vita quotidiana e si coniuga con la tendenza a utilizzare sempre meno energia fossile (carbone, petrolio, uranio) affidandosi alle fonti rinnovabili (sole e vento in primis). Hobby Farmer e Agrofer sono state concepite come un importante workshop in cui favorire lo sviluppo di questi due grandi fronti del “wellness”. Questa “nuova frontiera” dell’orticoltura ha un concreto aggancio con la tradizione e sa proiettarsi nel futuro, attraverso il rapporto con la scuola». Già, perché accanto a frutti tradizionali (oggetto anche di un convegno sabato) e di razze di animali da cortile recuperate dall’ARVAR, c’erano le esperienze di Orti Didattici (a partire dalle Elementari Munari), Fattorie didattiche e dell’Istituto di Agraria di Cesena, con la sua

“specializzazione” in ricerca di peperoncini piccanti. Una sessantina di appuntamenti (dalla cucina di biscotti per i più piccoli ai consigli per l’orto in aprile, dal medico dei fiori all’uso di piante tintoree), quasi venti mostre e attività permanenti (bonsai e modellismo, tele stampate dei patriarchi arborei e irrigazione) e due convegni hanno punteggiato le due giornate di esposizione, organizzate da Cesena Fiera in collaborazione con Blu Nautilus.

Per informazioni: Cesena Fiera www.cesenafiera.com - tel. 0547317435 Ufficio stampa: Adalberto Erani: 335 5711478 – adalberto@erani.it


Vivi bene, mangia crudo Mettere nel piatto il 70% di cibo crudo è un toccasana per la nostra salute

Rosanna Gosamo per Edizioni Sonda

Il crudismo viene sempre più spesso definito come una dieta o come una delle tante mode alimentari del momento, ma per chi lo segue in prima persona il crudismo è, piuttosto, una “filosofia”, una scelta di vita. Raw life style

Lo stile di vita crudista più diffuso, quello vegano, comprende la scelta di rispettare se stessi, ma anche gli animali e l’ambiente, stando il più possibile nella natura, esponendosi regolarmente ai raggi benefici del sole (che ci consentono di sintetizzare la vitamina D, ma ci nutrono anche di radiazioni elettromagnetiche naturali, le stesse che fanno maturare la frutta e gli ortaggi) e facendo regolare esercizio fisico. Quest’ultimo ci aiuta a irrorare bene le estremità, portando il nutrimento e l’ossigeno anche nelle aree periferiche del corpo, e a eliminare le tossine con l’utile sudorazione. Con uno stile di vita simile, anche la psiche ne trae beneficio, ritrovandosi in armonia con il creato con un approccio più rilassato alla quotidianità.

Un pieno di nutrienti

Nel cibo crudo di origine vegetale ritroviamo integre tutte le sostanze nutritive e vitali, gli antiossidanti, le vitamine, i composti fitochimici, i sali minerali organicati che consentono al nostro corpo di mantenere o riconquistare la completa salute, preservando l’energia, il patrimonio enzimatico e un sano pH lievemente alcalino.

Tutte condizioni che prevengono l’invecchiamento precoce, mantengono il sistema immunitario in perfetta efficienza e il corpo in salute.

Arrivare al 70%

I benefici del crudo iniziano a manifestarsi in maniera consistente quando se ne assume almeno il 70% rispetto al totale quotidiano degli alimenti. Più la percentuale sale e ci si avvicina al 100%, maggiori sono i benefici che si ottengono in salute, energia e vitalità. Ho scritto Meglio crudo proprio per le persone che desiderano migliorare la loro alimentazione, proponendo delle tappe ragionate che aiutano ad aumentare progressivamente la quota di crudo in modo naturale e piacevole. Potete provare tante altre deliziose ricette ne L’essenza del crudo, forse il più bel libro sull’argomento.

Acquistalo su Macrolibrarsi.it Rosanna Gosamo Meglio crudo Scopri l’alimentazione crudista e naturale, per essere in forma e in salute Edizioni Sonda, 2014 David Côtè, Mathieu Gallant L’essenza del crudo Oltre 180 ricette crudiste, vegan e biologiche Edizioni Sonda, 2012

Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

ViviConsapevole.it 13


La cucina con i fiori L’estate offre l’opportunità di arricchire i nostri piatti con tanti colorati fiori, belli da vedere e buoni da mangiare Silvia Strozzi

L

a nuova cucina creativa riparte da fiori, radici ed erbe per comporre menù che combinano nel piatto forme, sapori, colori e antiche consistenze. Ma l’uso dei fiori in cucina risale a migliaia di anni fa: dalla civiltà cinese a quella romana fino alla greca, erano comuni ricette con l’uso di fiori. Molte culture usano queste meraviglie della natura nelle loro ricette tradizionali: primula e cioccolato, nasturzio e fiordaliso nell’insalata, una fucsia nella macedonia, calendule nel risotto, gerani e tagete nel cous cous. E che dire della fantastica focaccia con i fiori di sambuco? Una gioia per il palato. Nel mese di maggio il sambuco fa dei fiori bellissimi, bianchi e intensamente profumati che si prestano a varie preparazioni in cucina. Io li ho faccio seccare e li conservo in un vasetto di vetro per poi inserirli nella focaccia o nella torta e ottenere un sapore aromatico con un profumo molto intenso. La natura ci offre davvero un estimabile supermercato di colori per la nostra cucina: preparare un’insalata con gentilina, papavero, tarassaco, primula, pimpinella con cialde d’amaranto ad esempio, è un modo per regalarci la primavera nel piatto.

I fiori eduli

Ma quali sono i fiori che comunemente si usano? Via libera ai fiori di zucca, il garofano, il gelsomino, il geranio, il sambuco, l’iris, il girasole, la margherita, le dalie, le petunie, le viole, le violette, le rose, la boraggine, la camomilla, il glicine, la malva, il dente di leone, i piccolissimi fiori delle erbe aromatiche, i fiori di alcuni alberi fruttiferi come l’arancio e il pesco. Prima dell’uso vanno ovviamente ben lavati e fatti asciugare su un panno pulito. Usate dunque la vostra fantasia per inventare nuove ricette. Oltre ai fiori selvatici, non sono da trascurare nemmeno i fiori delle erbe aromatiche, come i fiori del timo, del rosmarino e dell’erba cipollina.

Pancakes con farina di ceci e crema di riso con erba cipollina

Ingredienti 350 ml di latte di avena 200 gr di farina di ceci per la farcitura: 50 gr di farina di riso, 250 ml di latte di avena 1 cucchiaio di olio di mais, 1 cucchiaino di erba cipollina, sale e pepe, fiori di erba cipollina per decorare

14 ViviConsapevole - Estate 2014

Ecco però alcune raccomandazioni: mangiate fiori che sapete essere commestibili, nel dubbio consultate un libro specializzato; • mangiate fiori che avete coltivato voi stessi. Quelli che provengono dal fiorista sono trattati con agenti chimici e pesticidi, dopotutto sono venduti come ornamento per finire in un vaso non in un piatto; • non utilizzate fiori colti per strada o nei giardini pubblici. Anche questi, molto probabilmente, sono stati trattati con sostanze per noi tossiche; • mangiate solo i petali: rimuovete pistilli e gambi; • se soffrite di allergie, utilizzate i fiori in cucina gradualmente.

Fiori di Iris

Amalgamate il latte di avena con la farina di ceci, salate e pepate. Preparate i pancakes utilizzando una padellina antiaderente. Nel frattempo preparate una besciamella vegetale con farina di riso, latte di avena e un cucchiaio di olio di mais. Tritate l’erba cipollina e aggiungetela alla besciamella. Farcite i pancakes salati e decorate con i fiori di erba cipollina freschissimi.


In cucina

Dall’allium alla viola: i fiori più usati in cucina

Allium – Tutti fiori della famiglia dell’Allium (porri, erba cipollina, aglio...) sono edibili e gustosi! Anzi, ogni parte di queste piante è commestibile. Aneto – Fiori gialli dal sapore molto simile all’erba. Angelica – A seconda della varietà, i fiori vanno dal lavanda/blu al rosa acceso. Il sapore ricorda la liquirizia. Basilico – I fiori di questa pianta sono disponibili in una varietà di colori. Il sapore è simile alle foglie, ma più debole. Borragine – Di una bella tonalità blu, il fiore sa di cetriolo! Calendula – Da utilizzare in cucina assolutamente. Il gusto è piccante, sapido, pepato. Il colore dorato aggiunge un tocco di lusso a qualsiasi piatto. Camomilla – Ricorda la margherita. I fiori hanno un sapore dolce. Cerfoglio – I fiori dal gusto delicato con una nota di anice. Citrus (arancio, limone, lime, pompelmo...) – I fiori sono dolci e molto profumati. Dente di leone – I boccioli si possono mettere sottaceto. La salsa di fiori di tarassaco (il nome meno comune di dente di leone) è ottima con la pasta. Finocchio – I fiori gialli sono una delizia per gli occhi con un sottile sapore di liquirizia. Fiordaliso – Erbaceo nel sapore, i petali sono commestibili. Da evitare il gambo amaro. Fiori di zucca – Gli utilizzi nella cucina italiana sono innumerevoli. Rimuovere sempre gli stami. Garofano – I petali sono dolci e hanno un aroma profumato. Gelsomino – Questi fiori superfragranti si possono usare nei dolci. Girasole – I petali sono commestibili e il germoglio può essere cotto a vapore, come il carciofo. Ibisco – Notoriamente utilizzato nel tè, il sapore è vivace. In una crostata di mirtilli può essere il tocco in più. Issopo anice – Sia il fiore che le foglie hanno un sottile gusto di anice o liquirizia.

Lavanda – Dolci, speziati e profumati, i fiori offrono un tocco in più in piatti salati e dolci. Fantastico il budino preparato con latte di riso a cui sono stati aggiunti in infusione alcuni fiori di lavanda. Lilla – Hanno un odore pungente, ma l’aroma agrumato è da sfruttare. Malvarosa – I fiori sono appariscenti, ottimi per una decorazione giocosa. Margherita – Da utilizzare come decorazione. Menta – I fiori, con il loro delicato sapore di menta, sono molto apprezzati nelle insalate. Nasturzio – Uno dei fiori commestibili più popolari. Brillantemente colorato con sapore dolce con una punta di peperoncino. Potete farcire i fiori, aggiungere nelle insalate ecc. Ravanello – Di diversi colori, i fiori hanno un distinto sapore pepato. Rosa – I petali hanno un sapore profumato ideale in bevande, dolci e marmellate. Il sapore è più pronunciato nelle varietà più scure. Rosmarino – I fiori sono di un sapore più moderato rispetto alla pianta; utilizzatelo per guarnire piatti. Salvia – Il sapore dei fiori è simile a quello delle foglie, ma più delicato. Trifoglio – La dolcezza dei fiori del trifoglio con note di liquirizia li rende adatti a essere utilizzati nelle insalate e nei biscotti dolci. Timo – I fiorellini rosa delicati, molto profumati, possono essere utilizzati per decorare e profumare cereali e legumi. Verbena odorosa – I fiori bianchi hanno sentore di limone. Ottimo il tè e nei dolci. Viola – Adorabile e deliziosa, ha un sapore delicato di menta. Ideale per insalate, pasta, piatti a base di frutta e bibite.

Silvia Strozzi Naturopata ed esperta di cucina naturale, giornalista pubblicista, Silvia Strozzi cura per Macro Edizioni la collana di cucina “Cucinare NaturalMente… per la salute”. Ha scritto sempre per Macro Edizioni i libri di cucina per bimbi 100 baby pappe e 100 baby ricette. Tiene con continuità conferenze e corsi di cucina naturale per la famiglia.

macro librarsi.it Libri

Musica

Video

Bio-Shop

Eventi

Ordinare è Facile, Comodo, Conveniente e Sicuro Numero Verde

www.macrolibrarsi.it

800 800 089 974 433 001 ordini@macrolibrarsi.it Lun / Ven 9:00 - 18:00 Fax: 0547 345091

Athena Swentzell Steen, Bill Steen, David Bainbridge, David Eisenberg

Le Case in Paglia

Come costruire edifici, uffici, capanne o cottage sostenibili, economici, efficienti e sicuri utilizzando le balle di paglia “Vuoi una casa economica? Vuoi una casa che duri a lungo? Vuoi una casa costruita con materiali naturali? Ecco la soluzione : una casa di paglia! Sia che si costruisca una casa intera, o qualcosa di più piccolo − un ufficio o studio, una capanna o un cottage per gli ospiti − gli edifici in balle di paglia intonacate rappresentano un’eccezionale alternativa sia per la durata che per i prezzi molto abbordabili rispetto ai tradizionali e meno naturali metodi. E non basta: costruire in balle di paglia è anche divertente e facile da imparare e da fare. I locali e gli spazi abitabili costruiti con questo materiale ispirano tranquillità e sono comodi da abitare. Libro – Pag. 368 – Prezzo € 18,90

ViviConsapevole.it 15


Tè Matcha:

un concentrato di energia Ricchissimo di vitamine, clorofilla, aminoacidi, catechine, polifenoli, il matcha è un potente antiossidante a portata di tazza

Tiziana Lugli per Erbavoglio

I

l tè verde più ricco di sostanze nutritive, il Matcha, si presenta in forma di polvere verde macinata a pietra. A differenza di molti altri tè verde, il Matcha contiene l’intera foglia della Camelia Sinensis (la specie di pianta utilizzata per fare il tè verde, il tè nero, il tè oolong e il tè bianco). Il tè verde Matcha contiene una maggiore quantità di vitamine, clorofilla, aminoacidi, catechine, polifenoli e altri antiossidanti rispetto agli altri tipi di tè. Alcuni studi hanno affermato che il valore nutritivo presente in un bicchiere di matcha equivale a 10 bicchieri di tè verde normale.

Come si produce

La produzione del matcha è quella più complicata nel mondo del tè e solo una ristretta èlite di coltivatori giapponesi può produrlo. Questo tè cresce solo in alcune piantagioni al riparo dal sole. Quattro settimane prima del raccolto, le piantagioni di matcha vengono coperte con reti scure e questa speciale tecnica di “ombreggiamento “ riduce del 90% la luce solare che giunge alla pianta. Così, nell’oscurità quasi totale, la pianta del tè compensa la carenza di luce solare con una produzione intensa di clorofilla; la foglia diventa ricca di aminoacidi e rilascia in seguito un sapore dolce e delicato tipico di questo tè. Ai primi giorni di maggio si inizia il raccolto delle giovani foglie fresche che ancor oggi viene fatto rigorosamente a mano. Successivamente le foglie

16 ViviConsapevole - Estate 2014

http://www.benh.vn

vengono cotte a vapore in modo da bloccarne la fermentazione e mantenerle fresche. Grazie a questo procedimento i componenti rimangono inalterati nel tempo. Infine le foglie vengono essicate. Il tè matcha era utilizzato oltre 800 anni fa dai monaci buddisti zen come bevanda per la meditazione; oggi è considerato la varietà di tè più salutare, pregiata e rara del Giappone.

Un toccasana per tanti disturbi

Il matcha è utile per favorire la perdita di peso, abbassare il colesterolo e i livelli di pressione sanguigna; è di supporto nella disintossicazione, migliora l’umore, riduce lo stress, aumenta l’energia e stimola il sistema immunitario. Il matcha aumenta il metabolismo

Come riconoscere il matcha di qualita Il matcha migliore, solo in polvere e di qualità più pregiata, proviene dalla regione dell’Ujitawara, che sembra abbia le condizioni di terreno e climatiche ottimali per la coltivazione di questo tè. Il matcha biologico di grado uno è di soli primi germogli, mentre nei matcha più economici sono impiegate le foglioline di seconda e terza raccolta.


In cucina incrementando l’ossidazione dei grassi, e, aumentando il dispendio energetico, ci permette di bruciare calorie durante la dieta attenuando anche l’appetito. Questo perché il matcha contiene teofillina e caffeina, due sostanze che aumentano il dispendio di energia a riposo e ha un elevato numero di catechine e polifenoli che accelerano il metabolismo. Il matcha è in grado di ridurre la sensazione di fame, per questo può essere utile in regimi ipocalorici, anche grazie al suo effetto diuretico. Uno dei principali benefici per la salute del tè matcha è l’alta concentrazione di antiossidanti. Recenti studi hanno infatti dimostrato che le foglie di tè matcha conterrebbero 137 volte il contenuto di antiossidanti del normale tè verde, polifenoli e diversi aminoacidi, che riducono lo stress fisico e psicologico, e l’acido glutammico che agisce sul sistema nervoso centrale. L’aminoacido teanina può contribuire a ridurre gli effetti negativi dello stress e indurre un rilassamento mentale (studio pubblicato su Biological Psycology nel 2007). Inoltre il Matcha calma le mucose dello stomaco e dell’intestino, ed è utile nelle malattie di origine nervosa o infiammatoria che riguardano l’apparato digerente e il fegato.

Tiziana Lugli (Erbavoglio) Erbavoglio progetta e formula fitopreparati di alta qualità, con l’uso esclusivo di materie prime naturali, altamente selezionate. Lo scopo principale di Erbavoglio è il desiderio di poter recuperare valori antichi e metodologie che hanno reso l’uomo capace di sentirsi in armonia con la Natura, creando un comportamento che dia un senso migliore alla vita.

http://www.benh.vn

macro librarsi.it Libri

Musica

Video

Bio-Shop

Eventi

Ordinare è Facile, Comodo, Conveniente e Sicuro Numero Verde

800 974 089 433 800 001 Lun / Ven 9:00 - 18:00

www.macrolibrarsi.it ordini@macrolibrarsi.it Fax: 0547 345091

La Cerimonia del Tè matcha Matcha è il tè della celebre cerimonia giapponese, fondata nell’anno 1570 dal maestro zen Sen-no-Rikyu. La cerimonia del tè è caratterizzata da quattro principi fondamentali: Armonia (wa) Rispetto (kei) Purezza (essere) Silenzio (Jaku) Nella cerimonia del tè ogni movimento, ogni passo, ogni momento è definito con precisione.  Nel centro della stanza c’è una piccola stufa, appesa al soffitto, una piccola caldaia (già spesso vere e proprie opere d’arte). La stanza è circondata da tazze da tè, scatole di tè (Natsume) una frusta matcha, un cucchiaio di matcha e un mestolo di bambù. La cerimonia si svolge secondo un rituale ben preciso e immutabile. Quando gli ospiti entrano nella stanza, l’ospite inizia la cerimonia con movimenti lenti ma sicuri. La cerimonia del tè è chiamato in giapponese Chado o Sado. Tradotto: la Via del Tè.

Alessio Roberti

Le Parole per crescere tuo Figlio Il Futuro di chi Ami è in ciò che dici Adesso.

Ogni parola che scegli di usare con tuo figlio, oltre a trasmettere informazioni, è un potente veicolo di emozioni, in grado di motivare o spegnere, rassicurare o ferire, aiutare o limitare. Per rendertene conto ti basterà pensare alle parole con cui i tuoi genitori o altri adulti hanno accompagnato la tua crescita. Oggi TU puoi scegliere come usare il potere positivo del tuo linguaggio per aiutare tuo figlio a crescere meglio. Come? • Prendendo maggiore consapevolezza di quello che dici e di come lo dici; • Evitando gli errori più diffusi nella comunicazione con i bambini; • Imparando a usare il potere della parole per aiutare tuo figlio a costruire un’immagine di sé positiva e brillante; • Le parole di un genitore sono i mattoni attraverso cui un figlio costruisce le basi della propria crescita. Per gli effetti che possono ottenere, è davvero importante maneggiarle con cura. Prezzo € 12,90 - pagine 240

ViviConsapevole.it 17


Alghe: come usarle? Le loro incredibili virtù nella cucina di tutti i giorni

L

e alghe sono presenti in tutti gli scaffali dei negozi di alimentazione biologica e naturale, eppure molte persone non ne contemplano l’utilizzo in cucina, pensando che si tratti di un alimento troppo lontano dalla nostra tradizione culturale e culinaria. Ma le alghe sono un cibo esotico? Affatto! Le alghe sono da sempre state utilizzate da tutti i popoli costieri del mondo, compresa l’Italia, ovviamente, ma, come molti altri alimenti, il loro uso è caduto nel dimenticatoio.

Valore nutrizionale e proprietà

Dal punto di vista nutrizionale, le alghe sono ricche di fibre, di proteine, di sali minerali, di vitamine, di omega 3, ma

hanno pochissimi grassi. Sono un’ottima fonte di clorofilla, che favorisce il metabolismo del ferro e l’assorbimento del calcio, ed è epatoprotettiva e cicatrizzante. Le alghe sono ricchissime di iodio (contenuto mediamente in quantità da cento a mille volte superiore rispetto a quella dei più comuni ortaggi), che favorisce l’attività tiroidea e il dimagrimento. Grazie alla presenza dell’acido alginico, le alghe possiedono proprietà chelanti sui metalli pesanti, permettono cioè al corpo di eliminarli. Sono quindi disintossicanti, ma anche decontaminanti, perchè consentono addirittura l’eliminazione degli ioni radioattivi.

Dealma Franceschetti Quest’ultima sorprendente qualità fa delle alghe un alimento indispensabile nella dieta di chi vive in ambienti particolarmente contaminati come le grandi città.

Le alghe hanno proprietà:

disintossicanti e decontaminanti dimagranti antiossidanti toniche e rigeneranti antiinfiammatorie fluidificanti del sangue regolatrici del metabolismo di zuccheri e grassi regolatrici e lubrificanti dell’intestino antivirali, antibiotiche, antimicotiche, immunostimolanti

Quali alghe utilizzare in cucina Le alghe vanno utilizzate in piccole quantità, aggiungendole ai vari piatti, alcune in cottura, altre a crudo. Esistono molti tipi di alghe, ma alcune sono di uso più comune di altre. •

• • •

L’alga Nori in fiocchi si può aggiungere cruda e senza ammollo a insalate, verdure cotte, cereali, legumi, minestre, ma anche a una pasta. Ne basta un pizzico. L’alga Nori in fogli si utilizza per il sushi. L’alga Kombu è indicata per la cottura dei legumi, per facilitarne la digestione e ridurre le fermentazioni. Basta aggiungerne 5 cm in cottura. L’alga Wakame è l’alga delle minestre e delle zuppe. Si aggiunge un pezzetto in cottura, per poi eliminarlo al momento di servire, oppure si ammolla qualche minuto e una volta tenera si taglia a pezzetti e si aggiunge in cottura, senza poi toglierla alla fine. Hiziki e Arame sono alghe dal sapore più intenso che possono essere utilizzate per preparare deliziosi contorni e salse.

In commercio esistono sia alghe giapponesi, sia francesi e la provenienza è sempre indicata sulla confezione.

18 ViviConsapevole - Estate 2014

Controindicazioni: le alghe non sono indicate in caso di ipertiroidismo.


In cucina

macro librarsi.it Libri

Musica

Video

Bio-Shop

Eventi

Ordinare è Facile, Comodo, Conveniente e Sicuro Numero Verde

www.macrolibrarsi.it

800 800 089 974 433 001 ordini@macrolibrarsi.it

Alghe Arame e verdure dolci

Lun / Ven 9:00 - 18:00 Fax: 0547 345091

(per 3-4 persone)

1 manciata di alghe Arame (15 gr circa) 2 cucchiai di salsa di soia 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva 1 cipolla 2 carote 1 manciata di pinoli 1 cucchiaio di aceto di riso o di mele

Metti in ammollo le alghe per 10 minuti, poi strizzale e saltale in padella per qualche minuto con l’olio. Aggiungi la cipolla affettata sottile, le carote a pezzetti, l’aceto, la salsa di soia e un po’ d’acqua per coprire. Cuoci coperto per 15-20 minuti circa, fino a parziale riassorbimento del liquido. A fine cottura aggiungi i pinoli, mescola e servi tiepido come contorno.

Patè d’alghe Hijiki (dette anche Hiziki) (per 3-4 persone)

20 gr circa di alghe Hiziki 3 cucchiai d’olio extravergine d’oliva 3-4 cucchiai di salsa di soia 2 cucchiai di aceto di mele 1 spicchio d’aglio tritato 1 cipolla tritata 700 ml circa d’acqua

Metti in ammollo le alghe per 15 minuti. Fai imbiondire aglio e cipolla nell’olio finché sono morbide, toglile dalla padella e mettile da parte. Nella stessa padella metti le alghe strizzate, l’acqua, l’aceto e la salsa di soia e porta a bollore. Cuoci scoperto a fiamma vivace per 20-30 minuti fino a completa evaporazione dell’acqua. Unisci le cipolle alle alghe e frulla bene nel mixer. Puoi spalmare il patè su crostini e decorare con semi di sesamo oppure usarlo per condire una pasta o ancora un cereale lessato.

Dealma Franceschetti Cuoca e terapista macrobiotica. Da diversi anni tiene corsi di cucina macrobiotica vegan, seminari di auto-cura e consulenze personalizzate per il recupero del benessere attraverso un’alimentazione consapevole. Fornisce consulenze via skype in tutta Italia attraverso il proprio sito. Attraverso il suo blog diffonde l’alimentazione macrobiotica vegana con ricette sane e gustose. È autrice dell’ebook L’alimentazione macrobiotica edito da Bruno Editore. Per contatti www.laviamacrobiotica.it www.laviamacrobiotica.it/blog

Fiamma Ferraro

La terapia chelante

Disintossicarsi dai Metalli Tossici Un metodo scientificamente provato per prevenire gli effetti nocivi dei metalli pesanti e delle tossine presenti nell’ambiente e curare i danni da essi provocati alla nostra salute Per la prima volta un libro che parla in maniera completa della Terapia Chelante. Questa efficace e scientificamente provata terapia ha la scopo di disintossicare il nostro organismo dall’accumulo di metalli pesanti e tossici. L’inquinamento di questo tipo è infatti sempre più profondo: dall’aria all’acqua, dai cibi alle otturazioni dentali, nell’ambiente in cui viviamo si trovano sempre più particelle per noi nocive. Le tossine che assimiliamo quotidianamente, e che si accumulano nel nostro corpo nel corso degli anni, possono scatenare o aggravare numerose malattie e accelerare il normale processo di invecchiamento. Libro – Pag. 224 – Prezzo € 13,50

ViviConsapevole.it 19


sa

Ba r r et ta g olo

siccati 30 gr lamponi es giato tu at gr o cc co 40 gr secche he cc 100 gr albico i di zucca m se di io hia cc un cu i di lino m se di un cucchiaio piccola lia nig va di a cc un ste rle do 20 gr di man 20 gr di nocciole

le albicocche in Tenete in ammollo ca 2 ore. Nel acqua tiepida per cir acinacaffè per frattempo usate il m secchi, i semi, la triturare i lamponi cca e il cocco vaniglia, la frutta se un po’ per – tenendone da parte alla fine. Quando decorare le barrette nno ammorbidite, le albicocche si sara llatele nel mixer. strizzatele bene e fru ite le albicocche In un recipiente un ienti triturati e al resto degli ingred . Vi dovrà risultare amalgamate il tutto icoso e compatto. un composto appicc , o poco amalgamato Se vi sembra tropp di germe di potete usare un po’ la consistenza. re grano per migliora di carta forno su Stendete un foglio e di circa 20x20 cm una teglia quadrata sto appiattendolo sistematevi il compo li uno spessore con le mani, dandog olverate con cocco di circa 2-3 cm. Sp durire in frigo grattugiato e fate in no successivo, per una notte. Il gior la per pizza per utilizzate una rotel delle dimensioni ricavare le barrette desiderate.

20 ViviConsapevole - Estate 2014

Barrette energetiche

home made Ilaria Bertini

Quante volte ci è capitato di desiderare uno snack, magari prima dell’attività sportiva o a metà mattinata? Peccato che in merendine, biscotti e barrette confezionate spesso si nascondono zuccheri, grassi idrogenati, olio di palma e altri ingredienti di dubbia provenienza. Tuttavia, realizzare in casa dei semplici e sani snack non è affatto difficile. Le ricette qui proposte sono tutte vegan – prive di ingredienti animali – e senza zucchero. Inoltre, vengono proposti solo ingredienti crudi per preservare al massimo le proprietà nutrizionali di ogni ingrediente. Per preparare le barrette vi occorreranno un macinacaffè (o un mixer in grado di tritare molto finemente), un robot frullatore da cucina e un essiccatore per disidratare la frutta. Se non avete quest’ultimo non preoccupatevi: potete usare il tradizionale metodo di essiccatura al sole tramite griglie e retine sottili, costruirne uno con pochi semplici materiali, grazie ai numerosi suggerimenti reperibili in rete. Se la stagione non lo permette, si può ricorrere al forno ventilato: la frutta, lavata e pulita dovrà essiccare per 8 ore circa in forno ventilato a 40-60 gradi. Le ricette qui elencate permettono di ricavare circa 6-7 barrette per tipo.


macro librarsi.it Libri

Ba r r et ta esot

l tamarindo Sgusciate i frutti de li contenuti io cc e rimuovete i no baccello. all’interno di ogni ingredienti nel Triturate i restanti li alla polpa macinacaffè e unite ete ricavato di tamarindo che av i di aver dai frutti (assicuratev ccia, i filamenti rimosso tutta la bu amate il tutto e i noccioli). Amalg ete il composto con le mani e stend erta di carta su una teglia ricop nella ricetta forno come spiegato osare una precedente. Fate rip te le barrette notte, quindi ritaglia come desiderate.

a pianta presente * Il tamarindo è un che produce dei in Africa e in Asia mati e appiccicosi, simpatici frutti agru arelle dei grandi reperibili sulle banc zi orientali. I mercati e nei nego l tamarindo sono frutti dell’albero de ina B, ferro e notevoli fonti vitam o utilizzati per le magnesio e vengon inali. loro proprietà medic

Ilaria Bertini Giornalista ambientale, vive tra il Regno Unito e l’Italia e scrive di ambiente, energia, sostenibilità e alimentazione vegan. Collabora con la Vegan Society e il magazine di investimenti sostenibili Blue&Green Tomorrow (twitter: ilaria_bertini).

Video

Bio-Shop

Eventi

Ordinare è Facile, Comodo, Conveniente e Sicuro

ica

marindo * 200 gr frutti di ta di ar ac an 20 gr 20 gr arachidi mi di canapa un cucchiaio di se i di sesamo m se di un cucchiaio ndente crudo fo to ola cc cio 50 gr cata sic es 40 gr banana

Musica

Numero Verde

www.macrolibrarsi.it

800 800 089 974 433 001 ordini@macrolibrarsi.it

Ba r r et ta e ne rg et ica

Lun / Ven 9:00 - 18:00 Fax: 0547 345091

Acquistali su Macrolibrarsi.it

cche 100 gr prugne se ta et 20 gr uv ne 20 gr noci brasilia e iol cc 20 gr no mi di canapa un cucchiaio di se i di girasole m un cucchiaio di se na 30 gr fiocchi d’ave ta ca sic es ela 50 gr m

secche, l’uvetta Frullate le prugne con il mixer. e la mela essiccata turate i restanti Nel macinacaffè, tri alle prugne. ingredienti e uniteli e stendetelo Amalgamate il tutto te riposare una sulla carta forno, fa rrette della notte e tagliate le ba ata. dimensione desider

Ba r r et ta sfiz io

sa

100 gr datteri 20 gr nocciole 20 gr cocco grat tugiato 20 gr noci un cucchiaio di se m un cucchiaio di se i di lino mi di girasole 20 gr germe di gr ano 40 gr cioccolato fondente crudo

Frullate i datteri co n il germe di grano e metteteli da parte. Triturate i restanti ingredienti nel macinacaffè e unite il composto ai datteri. Lavorate il composto fino a ottenere una palla compatta. Stendete il composto sulla solita teglia, spolverate co n una granella di nocciole e fate rip osare in frigo. Il giorno dopo, le ba rrette saranno pronte per essere tag liate.

Gene Stone La Rivoluzione della Forchetta Vegan Una dieta di cibi vegetali può salvarti la vita! Con 125 gustose ricette Macro Edizioni, 2013 Stefano Momentè Figli Vegan Nutrirsi naturalmente Creare insieme con i piccoli Intento, 2013 Tatiana Maselli

Saponi cosmetici ofai da te Ordina su e macrolibrarsi.it chiama Manuale completo di 800 formule, ricette e il numero verde 089 433 segreti per una bellezza facile e naturale Sei una consumatrice inconsapevole e vuoi diventare una maestra dell’autoproduzione? Con questo libro ci riuscirai in modo facile e con garanzia di soddisfazione. Le preparazioni industriali per la cura del corpo contengono spesso sostanze che, con il tempo, possono rivelarsi dannose per la salute. Inoltre sono in genere molto – troppo – care. L’amore per il fai da te e il «fatto in casa» conquista ogni giorno un numero crescente di persone. In grande crescita è il colorato e profumatissimo mondo della cosmesi naturale e della saponificazione casalinghe. Questo manuale svela i segreti per autoprodurre scrub, unguenti, balsami per il corpo, favolosi saponi e molto altro. Libro – Pag. 164 – Prezzo € 14,00

ViviConsapevole.it 21


Essicca, conserva e gusta! Tanti buoni motivi per iniziare a essiccare frutta e verdura La redazione per Tauro Essiccatori L’essiccazione è un metodo millenario che sfrutta tutta la naturalezza dell’aria tiepida per conservare gli alimenti, mantenendone inalterate proprietà organolettiche e componenti nutritive. I prodotti dell’orto e del frutteto, i funghi, le erbe aromatiche e i fiori, trattati nel periodo di maggior produzione e di migliore qualità, possono essere riposti in dispensa e riutilizzati lungo l’intero corso dell’anno, anche e soprattutto nelle stagioni fredde, senza perdere le proprie caratteristiche e anzi concentrando aromi, sapori e colori.

Perché essiccare i cibi?

Nata quindi in origine come metodo di conservazione, l’essiccazione ha conosciuto negli ultimi anni una graduale ma decisa riscoperta e un uso sempre più originale e variegato, che offre oggi nuovi vantaggi e possibilità sorprendenti, oltre a rispettare la rinnovata attenzione dei consumatori per la natura e i suoi tempi, per il rispetto dei prodotti di stagione, il chilometro zero, il fatto in casa e la fortissima esigenza di saperne di più su come ci alimentiamo. Dal crudismo ai grandi chef passando per il ritorno a uno stile di vita e di

I crackers di semi di lino di Sara Cargnello I crackers di semi di lino sono una delle ricette base nella cucina di chi sceglie un’alimentazione crudista, perfetti e gustosissimi anche per tutti gli altri. Esistono mille varianti per realizzarli, a seconda dei gusti personali e degli ingredienti a disposizione in quel momento nella dispensa. La ricetta seguente è frutto degli esperimenti di Sara “Miss Vanilla” Cargnello, che sceglie in questo caso una versione dal gusto piuttosto neutro, senza cipolla né peperoni, che ne permette il consumo in diverse modalità: neutri come snack, spalmati di succo di agave per dolcificarli, direttamente in tavola al posto del pane.

22 ViviConsapevole - Estate 2014

Ingredienti

250 gr di semi di lino lavati e lasciati in ammollo per qualche ora o anche per un giorno, aggiungendo acqua se tendono ad assorbirla tutta 3 o 4 manciate di mandorle pelate (messe in ammollo il giorno prima e poi pelate a crudo) 3 o 4 cucchiai di salsa tamari (o di più secondo i gusti) un bel pezzo di zenzero grattugiato (secondo i gusti) due cucchiai di capperi sotto sale (meglio i piccolini) tenuti a bagno per qualche ora un po’ di origano un pizzico di peperoncino (facoltativo) Per guarnire: semi di sesamo, semi di finocchio, anice, semi di papavero, ecc.


In Cucina alimentazione più sana, abbracciato da un numero sempre crescente di famiglie, l’essiccatore si rivela quindi un alleato vincente e prezioso nelle cucine e nelle scelte nutrizionistiche più diverse.

Tutto in un libro

Con il nuovo volume L’Essiccazione in Cucina, da oggi in vendita nelle migliori librerie fisiche e online, questa tecnica non avrà più segreti: attraverso le sue oltre 200 pagine, i capitoli e le sezioni, il libro vi guiderà attraverso un viaggio alla scoperta dei mille usi di un essiccatore. Imparerete come sfruttarlo al meglio, scoprendo trucchi, procedure, vantaggi e soprattutto mille metodi per riutilizzare i vostri prodotti evitando gli sprechi e con un bel risparmio anche per il portafogli. Il libro è arricchito da una sezione introduttiva che spiega passo passo tecniche e procedure, al cui interno troverete anche le comodissime tabelle d’essiccazione da consultare ogni volta che dovrete trattare un alimento nuovo, per verificare con precisione tempistiche e lavorazioni corrette di ciascun prodotto.

Tutte le sessantasei ricette sono corredate da splendide immagini a colori realizzate da prestigiosi food blogger e chef stellati. Anche tenere d’occhio gli ingredienti sarà semplicissimo grazie ai simboli inseriti in ogni ricetta, che vi aiuteranno a orientarvi attraverso proposte senza lattosio, gluten free, vegan e crudiste. Sfogliare le pagine sarà un’estasi per gli occhi, la fantasia e la creatività: tutte le ricette sono suddivise in capitoli che, partendo dai preparati di base, quelli antispreco tanto comodi nella cucina quotidiana, toccano i classici primi, secondi e dessert, senza tralasciare un’intera sezione dedicata agli spezzafame e una, prestigiosissima e davvero sfiziosa, con le idee innovative dei grandi chef stellati. Dai funghi secchi alle chips di mela, dalle polveri e le farine fino agli utilissimi (e sanissimi) preparati per soffritto, brodo e minestrone, senza dimenticare decorazioni, sali aromatici, i celeberrimi pomodorini sott’olio, perfino le meringhe, i prodotti essiccati sono una festa anche per le preparazioni più semplici: croccanti irrompono con note inaspettate, ridotti

in polvere regalano un tocco di colore e fragranze impreviste, sono decorazioni perfette e sanissimi spezzafame naturali. Che siate crudisti, vegetariani, intolleranti o semplicemente appassionati di uno stile di vita e di alimentazione sano e controllato, questo libro regalerà di sicuro una ventata di novità e di originalità alla vostra cucina! Un intero mondo di opportunità, colori e sapori resi ancor più intensi dall’essiccazione, che aggiungerà gusto e allegria a tutte le vostre preparazioni.

Cosa leggere Esecuzione In un barattolo di vetro con i bordi alti inserire le mandorle grossolanamente sminuzzate, lo zenzero, la salsa tamari, i capperi, l’origano e il peperoncino e frullare con il minipimer senza far surriscaldare il composto. Aggiungere solo a questo punto i semi di lino insieme alla mucillagine che avranno prodotto: se inseriti prima, la loro consistenza impedirebbe agli altri ingredienti di venire tritati adeguatamente. Frullare finemente l’impasto, che deve essere denso e rimanere attaccato al cucchiaio. Eventuali pezzetti di mandorla un po’ più grandi garantiranno una resa ancora migliore del cracker finito.

Assaggiare e aggiustare di tamari. Spalmare l’impasto su ogni ripiano dell’essiccatore, già ricoperto di carta da forno, stendendolo molto sottilmente: dovrebbero risultare sei cestelli di dimensioni standard. Azionare a meno di 40° l’essiccatore per 24 ore circa. Qualche ora prima della scadenza è possibile assaggiarli per controllarne il grado di essiccazione e, se si desidera, romperli perché diventino ancora più croccanti. I cracker saranno perfetti al naturale, ma se desiderate una soluzione più sfiziosa, ecco alcune varianti interessanti: al momento di inserirlo nell’essiccatore, spalmare sul composto semi di sesamo, semi di papavero, semi di anice o ancora semi di finocchio.

Scopri i segreti dell’essiccazione nel nuovo libro di Tauro Essiccatori! L’Essiccazione in Cucina 66 ricette Consigli e tecniche per conservare e gustare l’essenza degli alimenti Silvana Editoriale, 2014 Pag. 208 - € 16,00

Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

ViviConsapevole.it 23


Vegetale e Integrale The China Study ci insegna a mangiare bene per mantenerci in salute e vivere fino a 100 anni Intervista esclusiva a T. Colin Campbell per gentile concessione della rivista trimestrale Scienza e Conoscenza #48 Dopo il successo planetario di The China Study e alcune fortunatissime conferenze tenute in Italia, il dottor Colin T. Campbell – che ha avuto il merito di portare alla luce dei riflettori la prova scientifica del rapporto tra alimentazione e salute – torna alla ribalta con un dvd dal titolo Whole. Vegetale e Integrale: un video straordinario che illustra, dati alla mano, gli innuverevoli vantaggi, in termini di salute personale e globale, di un’alimentazione a base vegetale, integrale e biologica. Cosa accadrebbe se tutti cambiassimo la nostra alimentazione? Come sarebbe un mondo in cui tutti seguono una dieta a base vegetale? Ce lo racconta il dottor Campbell che ci ha concesso questa intervista in esclusiva.

Dottor Campbell, ci spiega che cos’è lo Studio China e come si è svolto? Il libro The China Study, pubblicato nel 2005, era un tentativo di riassumere il lavoro che avevo svolto come

24 ViviConsapevole - Estate 2014

professore e ricercatore nei precedenti 40 anni circa. È una ricerca sulla relazione tra cibo e salute. I cibi che abbiamo notato essere particolarmente dannosi sono i cibi a base animale e quelli che chiamiamo “cibi lavorati”. Dall’altro lato, ci sono i cibi naturali vegetali. Questi cibi sono i più salutari in assoluto. Hanno delle capacità straordinare di generare una buona salute. I cibi animali e i cibi lavorati

appartengono a una categoria diversa, non sono cibi naturali e vegetali, e causano problemi come l’aumento del rischio di cancro, malattie cardiache, diabete e altri. Quando cerchiamo le prove della relazione tra cibo e salute dobbiamo prendere in considerazione tanti elementi diversi. Nei miei studi di laboratorio, la prima cosa che abbiamo studiato sono state le proteine animali fornite in eccesso


Speciale Alimentazione e Salute

Molti pensano che dovremmo consumare più cibi animali perché sarebbero di qualità maggiore. Questo è un mito. Io la considero vera mitologia

rispetto al necessario. Le proteine sono necessarie, ma, secondo quanto sperimentato, se fornite in eccesso rispetto alla quantità necessaria attivavano il cancro. Questo ci ha portato ad altri studi per capire questa dinamica e come funziona. Abbiamo imparato molto. Ad esempio, questa dinamica vale sia per le proteine animali che per altri nutrienti. Invece, i nutrienti dei cibi vegetali riducono il cancro.

Qual è la dieta preventiva, della salute, che lei propone? Nel descrivere la dieta di cui parlo, la baso su cibi naturali vegetali. Non uso i termini “vegetariana” e non uso il termine “vegana”, perché il 98% dei vegetariani consuma latticini e spesso anche il pesce e le uova. In questo senso, non sono così diversi dai non vegetariani. I vegani, invece, non consumano cibi animali, ma spesso consumano cibi lavorati ricchi di grassi e di carboidrati raffinati, come lo zucchero. Oppure sono ricchi di sale. Parlo solo di cibi naturali e vegetali. È una strana definizione, ma è accurata dal punto di vista scientifico. Questa dieta è stata adottata anche da atleti di fama mondiale, da giovani e anziani, da donne e uomini.

Una dieta a base di cibi vegetali e naturali si adatta anche alle esigenze nutrizionali dei bambini? Questa dieta non ha mancanze di nutrienti di cui spesso si parla. È un mito. Se ci chiediamo chi dovrebbe seguire questo tipo di dieta, dalla ricerca scientifica e dalla mia esperienza personale emerge che un bambino dovrebbe adottarla appena finisce il periodo di allattamento. Ci tengo a dire che il latte materno è il cibo perfetto. I bambini devono essere allattati. Ma appena finito l’allattamento, devono mangiare cibi naturali vegetali come le verdure, la frutta e i legumi. All’inizio, si possono creare dei mix e delle puree per i bambini, ma questa dieta va adottata fin dai primi anni di età. Ed è fondamentale che ai bambini non vada dato il latte di mucca, cosa che invece molti fanno. Io non sono d’accordo con chi sostiene che se i bambini mangiassero questi tipi di cibi assumerebbero troppe fibre e non avrebbero abbastanza ferro, calcio o altri minerali. Non ci sono prove che sostengano questo argomento.

ViviConsapevole.it 25


Gli alimenti vegetali sono davvero nutrienti? Eccovi alcune informazioni a colpo d’occhio sul valore nutritivo delle otto categorie in cui si possono suddividere i vegetali (sette diverse parti di piante, più i funghi). I FRUTTI sono ricchi di vitamina C e di altre sostanze fitochimiche. Le GRANAGLIE abbondano di carboidrati, fibre, minerali e vitamine del gruppo B. Le FOGLIE sono ben provviste di vitamine antiossidanti, di fibre e di carboidrati complessi. Le RADICI contengono grandi quantità di carboidrati; alcune anche di carotenoidi. I LEGUMI sono una ricca fonte di proteine, fibre e ferro. I FIORI sono ricchi di antiossidanti e sostanze fitochimiche. La FRUTTA A GUSCIO è carica di acidi grassi omega-3, vitamina E e proteine. I FUNGHI offrono una buona scorta di selenio e altri antiossidanti.

Può farci un esempio di “piatto della salute”? Cosa dovrebbe contenere? Ogni piatto dovrebbe contenere cibi naturali vegetali, vale a dire verdure, frutta e legumi, tutti naturali, senza grassi aggiunti, né olio, né carboidrati raffinati, vale a dire lo zucchero. Dobbiamo consumare i cibi che la natura ci fornisce. Cucinarli va bene, certo, ma senza cuocerli troppo. Possiamo mangiare sia cibi cotti sia cibi crudi. Nella dieta ideale ci sono le insalate, le zuppe di verdure e molti altri tipi di piatti che combinino frutta, verdure e legumi per creare pietanze salutari e gustose. Se tutti adottassero questo tipo di dieta, cosa cambierebbe a livello di costi relativi alla salute, di inquinamento

26 ViviConsapevole - Estate 2014

ambientale, di condizioni generali di vita? Secondo prove scientifiche, se si adotta una dieta con cibi naturali vegetali, si genera una condizione di salute incredibile per le persone. Inoltre, se tutti la adottassero all’interno della società, si ridurrebbero i casi di malattie. Io credo che si possa ridurre l’incidenza di cancro, malattie cardiache e altre malattie del 80-90%. Questo ha un enorme impatto sui costi sanitari. Guarda caso, i costi sanitari sono molto alti negli Stati Uniti. Ma sono elevati anche in altri Paesi occidentali. Se si mangiassero i cibi giusti, potremmo ridurre sensibilmente la presenza di tantissime malattie. Se adottassimo la dieta a base di cibi naturali vegetali, ridurremmo ogni tipo di violenza

contro l’ambiente in molti modi, ridurremmo la violenza contro gli animali e contro le persone che combattono per avere l’opportunità di sfruttare la propria terra. Non riesco a pensare a niente di ciò che facciamo nella società che potrebbe creare tanti benefici quanti ne può creare una dieta naturale vegetale.

In definitiva, lei si sente di affermare che abbiamo una cura al cancro e che questa cura è l’alimentazione? Io credo che ci siano basi solide per far regredire, in molti casi, anche il cancro. Sicuramente possiamo prevenirlo. Non ci sono dubbi. Ci servono altri dati scientifici nell’ambito della regressione del cancro. Purtroppo, non possediamo


Speciale Alimentazione e Salute ancora questi dati, perché le istituzioni mediche non vogliono neanche provarci. Non sono in molti, anche tra i medici, a voler effettuare le ricerche giuste per vedere gli effetti della dieta. Ma le prove che ho raccolto con gli esperimenti in laboratorio e con studi approfonditi dimostrano che il cancro può reagire con le stesse modalità in molti casi. Questo lo sappiamo ormai da decenni, forse da più di un secolo. In alcuni casi, se i malati di cancro adottano questa dieta, spesso il loro cancro sparisce del tutto. Vorrei che gli scienziati dedicassero più tempo alla valutazione seria di questa possibilità, vorrei che la studiassero in maniera formale e organizzata, per farla conoscere al pubblico. Ma solitamente non lo fanno. Ho fatto lezioni anche a gruppi di oncologi, e di altri scienziati. Ne ho parlato con loro. Spesso sono d’accordo, ma

le Rivista trimestra

non vogliono consigliare questa dieta perché non sono mai stati preparati nel campo della nutrizione. Quindi sono reticenti, non vogliono sentirne parlare. Credo sia una delle più grandi tragedie della medicina moderna.

Come mai secondo lei la medicina moderna non è interessata alla nutrizione? Il concetto di nutrizione in cui credo fermamente riguarda ciò che avviene all’interno delle cellule. Tutto il corpo opera come una singola unità, in tanti modi. Tutto parte dalle cellule e si sviluppa in maniera olistica per generare la salute. Il corpo vuole sempre generare salute. Dobbiamo decidere di dare le risorse giuste al nostro corpo. Queste risorse sono i cibi naturali vegetali. Dobbiamo pensare alla nutrizione come a una disciplina olistica. Oggi, la nutrizione non viene insegnata nelle facoltà di

medicina. Il concetto della nutrizione è molto fumoso per il pubblico. Per entrambe le questioni, la ragione è la stessa: la scienza, in questo ambito, è diventata molto riduzionista, vale a dire che analizza un nutriente alla volta, indaga su un solo meccanismo di funzionamento e esamina un solo risultato. Come ho scritto in un articolo, io credo che il sistema medico così com’è ora si stia avvicinando all’autodistruzione: è troppo costoso, non guarisce i pazienti. Dobbiamo cambiare, non ho alcun dubbio su questo. Non mi importa quanto le persone si opporranno. Il mio lavoro è di raccontare ciò che so per certo. Fonte: Rivista Scienza e Conoscenza n. 48 Pubblicato per gentile concessione.

Scienza e Conoscenza ti aspetta! Abbonati ora a Scienza e Conoscenza e potrai usufruire di uno sconto speciale dedicato a te! Vai su www.scienzaeconoscenza.it, clicca su ABBONAMENTI e, nella pagina di acquisto, inserisci il codice: Consapevole2014 Si attiverà subito un buono sconto SPECIALE di € 5,00 sull’abbonamento annuale: • Abbonamento Cartaceo a soli € 20,00 (invece di 25,00) • Abbonamento Elettronico a soli € 10,00 (invece di 15,00)

Vuoi maggiori informazioni? Chiama lo 0547 347627 o scrivi a info@scienzaeconoscenza.it

Ma Affrettati! Il buono è valido solo per i primi 50 abbonamenti! ViviConsapevole.it 27


Curarsi con il cibo L’esperienza diretta di una coppia che ha radicalmente cambiato modo di mangiare, ottenendo maggiore benessere fisico

I

l cibo può guarire, può migliorare le nostre condizioni di salute? Mi sono posta questa domanda per la prima volta dopo l’estate del 2011. Mio marito soffre di diabete mellito di tipo 1 che gli è stato diagnosticato quando era appena adolescente, invece io, durante gli anni più intensi dell’università, ho scoperto di avere la tiroidite di Hashimoto, un’altra malattia autoimmune. Fino a quel momento la gestione delle nostre patologie era basata su un approccio sanitario: a ognuno il proprio medico aveva prescritto un farmaco per tutta la vita (a lui l’insulina sintetica e a me l’ormone sintetico) e finché prendevamo le nostre medicine non ci sarebbero stati dei problemi. La nostra alimentazione era basata sulla classica dieta moderna con cibi industriali, anche surgelati, precotti e il biologico era quasi inesistente; il primo pensiero era solo quello di accontentare le papille gustative, abituate a sapori finti e forti senza voler trascorrere del tempo in cucina. Nessuno dei due si era mai posto il problema di individuare la radice dei propri squilibri fisici e tantomeno di indagare sul complesso rapporto dei diversi fattori coinvolti in una malattia autoimmune.

Una nuova consapevolezza

Un giorno ho chiesto a mio marito: “Di quanto credi possiamo diminuire l’assunzione di insulina? Dimmi una cifra che per te sia credibile”. Lui: “Dalle 75 unità che prendo ora, penso, possiamo toglierne 10 in due mesi”. Detto fatto. Non sapevamo che quel risultato sarebbe stato solo l’inizio di un lungo viaggio fatto di salite e discese.

28 ViviConsapevole - Estate 2014

Ivy Moscucci

I “lavori” sono iniziati da subito: con grande entusiasmo abbiamo adottato un’alimentazione al 100% biologica e naturale, grazie alla scoperta per caso del sito di Michel Montignac dove ho imparato che cos’è l’indice glicemico, mai sentito nominare fino a quel momento. In pochissimo tempo ho “divorato” tutti i suoi libri, poi ho iniziato a leggere in inglese su vari siti e libri, sia di

Con grande entusiasmo abbiamo adottato un’alimentazione al 100% biologica e naturale, grazie alla scoperta per caso del sito di Michel Montignac dove ho imparato che cos’è l’indice glicemico, mai sentito nominare fino a quel momento medicina alternativa che di quella tradizionale, e ho capito velocemente che dovevo reinventare da capo una cucina con soli alimenti “permessi”: tutti ingredienti a basso indice glicemico, ma allo stesso tempo naturali, nutrienti e salutari. Di lì a poco, abbiamo eliminato tutti gli alimenti processati, industriali (anche se di produzione biologica) e soprattutto

abbiamo bandito lo zucchero bianco e le farine raffinate dalla nostra tavola. Fino a quel momento non c’eravamo mai resi conto di quanto lo zucchero bianco fosse presente quasi ovunque – anche nel dentifricio! Ed è così che ho scoperto come leggere le etichette: non c’era più nulla che acquistassi che conteneva alimenti dannosi. Dopo anni di vita stressante e


Speciale Alimentazione e Salute viaggi durante i quali mangiavo ciò che mi capitava a portata di mano, ho fatto tabula rasa: ho inserito tanti ingredienti freschissimi, integrali, vivi, di produzione locale e stagionale con cui creare da capo le ricette che dovevano non solo essere sane, con indice glicemico basso, piene di fibre ed equilibrate dal punto di vista nutrizionale, ma dovevano essere anche belle da vedere e golose. Il fattore emotivo non poteva mancare nei miei piatti: il piatto finale doveva coccolarmi e rientrare nella lista delle mie ricette approvate. Dovevamo avere un rapporto con il cibo basato sul totale abbandono: tutto ciò che mettevo in tavola, doveva essere adatto per due golosi come noi – senza farci penare né pensare. Nei quattro mesi successivi, mio marito si è liberato di tutti i chili di troppo che aveva ed è riuscito a ridurre l’assunzione di insulina a una media di 40-45 unità giornaliere (che equivale a circa 40-50% in meno di quanto aveva fatto per oltre vent’anni). La sua ultima vittoria sono state 20-25 unità al giorno, che anche oggi variano in base all’attività fisica e al livello di stress quotidiano. In un anno e mezzo io sono passata dall’assunzione dell’eutirox di 75 mcg a quello di 50 mcg e il mio umore è diventato più stabile, il peso ha iniziato a calare e ho finalmente scoperto la sensazione di sentirmi riposata al risveglio. E questi sono solo i risultati certi ottenuti finora. I miglioramenti ci sono ogni giorno e il nostro viaggio non è finito. Ogni giorno scopro nuove informazioni sulla proprietà degli alimenti, nuove combinazioni nutrizionali e nuovi approcci attingendo da diverse risorse di medicina olistica, alimentazione naturale e benessere psicofisico che cerco di integrare nel nostro modo di credere e vivere la vita. E faccio tutto questo con immensa passione, fortemente motivata ogni giorno.

Vedere il cibo con occhi diversi

Il mio approccio all’alimentazione naturale non è nato per gioco, ma per necessità: la necessità di realizzare ricette che potessero aiutare mio marito e me a vivere il nostro rapporto con il cibo e il quotidiano con serenità e abbandono

nonostante le nostre serie patologie. Dunque, la mia è ed era la necessità di reinventare un’alimentazione che potesse favorire la guarigione (nel mio caso) o anche solo il mantenimento di un equilibrio ottimale. Per mio marito, questo voleva dire mantenere il livello degli zuccheri nel sangue sempre (o più possibilmente) stabile per evitare ipoglicemie e iperglicemie e le relative conseguenze: come stanchezza, mal di testa e forte stress all’organismo e ulteriore indebolimento del sistema immunitario. Senza però rinunciare al gusto, ai valori nutrizionali, all’aspetto gradevole e alla gioia che il cibo ci regala. Fino a oggi, questa è l’unica cosa alla quale non ho mai rinunciato: mangiare e creare ricette con i migliori ingredienti naturali e biologici con indice glicemico basso, gustose, golose e belle da vedere; ricette che nutrono sia il corpo sia lo spirito. Cucinare in modo innovativo, sostituendo alimenti potenzialmente nocivi per la propria salute è divertente. Per me, è anche un modo di reinventare la “vecchia” cucina italiana della tradizione, sciupata con alimenti di nessun valore nutrizionale, come appunto, lo zucchero bianco e la farina raffinata. La mia cucina naturale è un viaggio, anche se sono contenta dell’isoletta felice sui cui siamo approdati. Ci siamo creati uno stile alimentare tutto nostro, sperimentando principi vecchi quanto l’uomo. Non sento la mancanza dei piatti “tradizionali”

realizzati con la farina bianca raffinata o lo zucchero raffinato. Credo fortemente in un’alimentazione naturale, biologica, consapevole ed equo solidale. Laddove possibile, utilizzo alimenti della mia terra ma non mi spaventa sperimentare cose nuove, e realizzare ricette creative e diverse. Il mio rapporto con la cucina naturale sarà per sempre basato sulla sperimentazione personale di nuove scoperte scientifiche, ricette innovative e golose e il parallelo monitoraggio del nostro stato di salute. Io la chiamerei una nutrizione olistica: l’armoniosa unione di fattori emotivi, fisici e nutrizionali. Ti è piaciuto questo articolo? Leggi la versione completa su: bit.ly/CurarsiCibo

Ivy Moscucci È curatrice del sito www.dolcesenzazucchero.com, il blog di ricette biologiche e naturali dove vengono pubblicate ricette creative, rigorosamente biologiche e naturali, senza zucchero bianco raffinato e farine raffinate con indice glicemico compreso fra 0 e 50 e carico glicemico basso (< = 10). Tutte le ricette sono state realizzate, testate e fotografate da Ivy e riflettono la sua idea della cucina naturale: un repertorio di ricette composte da ingredienti attentamente studiati per supportare al meglio le condizioni di salute della sua famiglia e di tutti coloro che hanno una qualche intolleranza o patologia.

ViviConsapevole.it 29


7

regole

per smettere di mangiare troppo ed essere felici

Nicla Signorelli

“L’importante è iniziare”. Mai verità fu più banale, specie se a dirla è l’autore del best seller sulla salute più venduto al mondo, The China Study. Eppure è così che T. Colin Campbell, per la seconda volta in Italia in un incontro ufficiale aperto al pubblico, ha salutato la sua platea lo scorso ottobre a Vicenza. Non importa infatti quanti dubbi, quanti “forse” e quanti “se” attanagliano la nostra scelta. La miglior prova del nove, sostiene il professore americano della Cornell University, è provare. E che la cosa funzioni non c’è dubbio. Per il ricercatore americano, a ragione considerato una tra le 25 persone più influenti al mondo nel campo della nutrizione, “ciò che conta davvero è fare sempre un passo alla volta”. “Anche in un cambiamento alimentare – spiega Campbell – la regola che è valsa per le mie ricerche vale anche per la pratica quotidiana. I miei studi hanno dimostrato come l’assunzione di proteine animali sia strettamente correlata all’insorgenza e allo sviluppo di molte delle patologie che caratterizzano il nostro secolo. Tuttavia, così come negli anni ho sempre camminato un passo dopo l’altro verso questa verità, anche nella scelta di ciò che è giusto o meno mangiare ogni giorno vige la regola del buon senso. Se è corretto avere sempre come obiettivo il 100%, è nella pratica quotidiana che ci si incammina gradualmente verso questa meta”.

Mangiare bene per vivere meglio

È da questa lezione di grande umiltà e semplicità che è nata l’idea dell’ e-book, Le 7 regole per smettere di mangiare troppo ed essere felici.

30 ViviConsapevole - Estate 2014

Personalmente posso infatti confermare la difficoltà che ognuno di noi prova nel “cominciare”. Quando ho telefonato al professor Campbell invitandolo in Italia a relazionare sulle sue scoperte scientifiche non avevo idea di quello che poi ne sarebbe nato. Il mio intento allora era capire perché mio figlio, l’ultimo di quattro piccole pesti, passava da un ricovero all’altro dall’età di 30 giorni senza mai, di fatto, ottenere alcun beneficio dalla terapia intraprese. Anzi. Il suo stato di salute peggiorava lentamente ma sensibilmente e così la mia apprensione materna.

passi necessari per una prevenzione reale. Cosa posso fare di concreto per proteggere i miei figli dalla tante malattie che sempre più li minacciano e che fanno paura? Tutto questo volevo allora, e oggi voglio ancora insieme alle tante persone che in tutta Italia seguono i passi di Be4eat. Da quella telefonata intercontinentale fatta con l’innocenza di madre, infatti, di strada oggi se ne è fatta. E molta. Be4eat, l’associazione fondata con lo scopo di portare in Italia la voce e gli studi di T. Colin Campbell, oggi coinvolge centinaia di specialisti

Perché ci ammaliamo così tanto? Perché i nostri cari, i nostri figli, passano il più della volte da un ricovero all’altro, da una cura all’altra, senza avere una vera e propria diagnosi o un beneficio reale?

È come mamma italiana che circa tre anni fa ho chiamato in America. Ed è a una mamma italiana che il professor Campbell ha risposto, accettando l’invito di parlare per la prima volta in Italia a un pubblico di persone che come me volevano capire. Perché ci ammaliamo così tanto? Perché i nostri cari, i nostri figli, passano il più delle volte da un ricovero all’altro, da una cura all’altra, senza avere una vera e propria diagnosi o un beneficio reale? Insieme a migliaia di altre persone, volevo sapere quali sono i

italiani in azioni volte alla formazione e all’informazione del pubblico sulla centralità dell’alimentazione nella prevenzione e nella cura di molte patologie. L’obiettivo è alto. E come mi ha insegnato Campbell, si cammina un passo alla volta. Ma la meta è ben tracciata e sono sicura che porterà del bene a molte persone.

Il buongiorno si vede dalla colazione Tuttavia, non ho mai dimenticato la fatica dell’inizio. In molti mi scrivono nel mio blog, www.niclapress.com,


Speciale Alimentazione e Salute cercando consigli e confidandomi le difficoltà legate a un cambio alimentare che come ogni svolta comporta una piccola o grande rivoluzione. Soprattutto nei dubbi più pratici le domande si fanno numerose: cosa devo mangiare? Con cosa faccio colazione? Cosa ordino quando sono fuori per pranzo o per cena? In questi anni mi sono sentita rivolgere queste domande un’infinità di volte, da qui l’idea di raccogliere tutte le regole o i trucchi pratici che in questi anni mi hanno aiutato nel mio personale cammino. Come ho affrontato i miei dubbi? Come ho convinto i miei figli a seguirmi? Cosa ordino per pranzo? Come condisco la mia insalata? Come sottolineo sempre, non sono un medico e non voglio in alcun modo sostituirmi a esso. Tuttavia, la praticità è la mia vita. La mattina ho un’ora di tempo per svegliare, vestire e preparare la colazione per sei persone affamate che mi richiedono il massimo dell’energia e della salute: come faccio? A quali principi mi attengo? Nella mia vita di tutti i giorni ho cercato di riunire in un unico e pratico compendio alcune regole di base che mi aiutano nella scelta della composizione dei miei piatti e delle mie ordinazioni al ristorante o al bar vicino all’ufficio. Ad esempio, con cosa iniziare la mattina? Leggendo e approfondendo più libri e autori diversi tra loro, ho realizzato che il modo migliore per iniziare la giornata depurando il mio organismo e sostenere le tante l’attività a venire, è fare colazione con la frutta. O ancora, le insalate: come condirle? Cosa si può ordinare al ristorante di sano ed energetico in modo da non alzarsi con la fame e riuscire a scegliere fra quello che c’è nel menù? La scelta di un’alimentazione equilibrata dev’essere anche pratica, ma l’obiettivo finale deve rimanere la salute. Da qui è nato il mio semaforo tutto personale sulle migliori combinazioni in vista di energia e vitalità. C’è un modo per evitare l’abbiocco del dopo pranzo? L’ abbinata di alimenti è sicuramente una risposta nella facilitazione della digestione e

La scelta di un’alimentazione equilibrata dev’essere anche pratica, ma l’obiettivo finale deve rimanere la salute

quindi della concentrazione al lavoro e dell’energia necessaria nel seguire i propri figli. E se nelle scelta della merenda per i tuoi figli hai qualche dubbio, la regola su cosa infilare in cartella è sicuramente ottimale: nessuno riporta indietro la

Cosa leggere

merenda, nessuno vorrà più succhi e merende spazzatura e a pranzo tutto ciò che cucini (buono o meno!!!) finisce spazzolato. Nella pratica funziona. E questo, sono convinta, è ciò che conta. Passo dopo passo ognuno di noi saprà cosa è meglio per sé e perché. Leggendo, approfondendo e imparando da chi ne sa sicuramente più di noi ( e di me) il cammino è tracciato. L’importante, tuttavia, è iniziare.

Nicla Signorelli Le 7 regole per smettere di mangiare troppo ed essere felici Un pratico compendio di regole per mangiare bene e sentirsi in forma Ebook Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

Nicla Signorelli È giornalista pubblicista freelance e copywriter per giornali, riviste e blog specializzati sul mondo della nutrizione e della sana alimentazione. È ideatrice di Be4eat (www.be4eat.com), un movimento spontaneo nato intorno agli studi realizzati da T. Colin Campbell. Il suo blog è www.niclapress.com.

ViviConsapevole.it 31


Felice digiuno! Una terapia facile ed economica che ci permette di ritrovare in breve tempo un ottimo stato di salute

S

e pensi che digiunare significhi mangiare per qualche giorno solo frutta e verdura, o adottare per breve tempo una dieta liquida esclusivamente a base di succhi, ti stai sbagliando di grosso. Anche se nell’era delle dispense stracolme, dei frigoriferi sempre pieni, dei carrelli della spesa traboccanti parlare di digiuno sembra una vera e propria eresia, questa pratica ha origini antiche ed è contemplata da millenni in molte tradizioni religiose e spirituali. In epoca moderna, la portata terapeutica del digiuno è stata riscoperta dall’igienismo, una pratica di vita e una corrente di pensiero naturopatica che vede nell’alimentazione lo strumento principale per mantenere e ritrovare un ottimale stato di salute, e nel digiuno la via per liberare il corpo dalle tossine e sconfiggere molte patologie. Secondo l’igienismo, quando si digiuna si innesca un meccanismo autolisi: è come se il corpo, non trovando più energia dal cibo introdotto dall’esterno, iniziasse a “mangiare se stesso” a partire da quei tessuti che non risultano essenziali alla sopravvivenza, ovvero dalle parti intossicate e malate. «Un digiuno, ossia un riposo fisiologico di 3 giorni, lo considero un fai-da-te, e va benissimo per tutti – scrive il noto igienista italiano Valdo Vaccaro. Il digiuno viene definito spesso come tavola operatoria della natura, senza bisturi e senza l’uso di alcun prodotto chimico-farmaceutico, e dunque priva di controindicazioni di sorta. Far sparire in pochi giorni lipomi, miomi e tumori al seno, mediante autolisi o auto-scioglimento,

32 ViviConsapevole - Estate 2014

senza orribili mutilazioni e senza l’uso di farmaci, è cosa normalissima per l’igienismo, anche se medici e medicalizzati rimangono spesso perplessi, sbalorditi e increduli».

Come si digiuna?

Come accennavamo all’inizio, il digiuno consiste nell’assunzione di sola acqua (per cui niente succhi, estratti e altre cose di questo tipo) per un periodo di tempo che può variare da persona a persona. Perché sia terapeutico, il digiuno dovrebbe coincidere anche con un periodo di riposo da qualsiasi tipo di attività: si può digiunare tranquillamente a letto, in una bella stanza luminosa e arieggiata, approfittare del riposo, dormire, leggere, meditare. Ma tutti possono digiunare? «Una persona sotto peso non può certo digiunare - spiega Sebastiano Magnano, medico chirurgo esperto di digiunoterapia in una bella intervista sul tema rilasciata a il Giornale.it. Anche chi assume farmaci è a rischio, perché i principi attivi sono dosati per funzionare in condizioni normali. Un diabetico in cura con l’insulina finirebbe in coma ipogligemico. Un’aspirina, presa a stomaco vuoto, potrebbe provocare un’ulcera». Il digiuno è una scelta salutare, terapeutica ed etica anche secondo il celebre oncologo Umberto Veronesi che nel suo libro La Dieta del Digiuno (Mondadori), racconta come egli stesso sia solito praticare un giorno di digiuno a settimana, esortando tutti ad

La Redazione

adottare questa buona abitudine, un valido strumento per combattere i rischi della sovralimentazione, la malattia del nostro tempo. Come si interrompe il digiuno? Certamente non buttandosi su un piatto di spaghetti alla carbonara, ma reintroducento il cibo in maniera graduale e leggera: si parte con qualche centrifugato, poi con passati e vellutate di verdura.

I benefici del digiuno

Nel libro Il Digiuno per la Propria Salute (Macro Edizioni), Nicole Boudreau elenca i molti benefici della pratica del digiuno. Fra questi: - la perdita di peso sicura e rapida; - il distacco dal cibo; - la decongestione e la purificazione dei tessuti; - l’acquisizione di un migliore tono del tessuto connettivo e di un colorito chiaro; - la prevenzione dell’invecchiamento prematuro; - u na terapia nel caso di malattie individuate a uno stadio precoce; - u na cura delle malattie metaboliche legate all’alimentazione; - u n mezzo per mantenersi sani in un ambiente sempre più alterato chimicamente; - il mantenimento della salute fisica e mentale, in particolare durante la menopausa per le donne e dopo la quarantina per gli uomini. «Il digiuno – continua la Boudreau – permette la rigenerazione anche dell’intestino. Dopo aver eliminato


Speciale Alimentazione e Salute

Digiunare... in vacanza Semi-Digiuno Veganic estivo: disintossicazione fisica e mentale Dal 02 al 17 Agosto 2014 in provincia di Aosta

le scorie che lo ostacolavano, esso riequilibra la sua flora batterica. I diverticoli si svuotano e si ritraggono. Le occlusioni si allentano e spariscono. La pigrizia intestinale si corregge. La pulizia della membrana intestinale genera una migliore assimilazione del cibo verso il sangue. Smettendo di introdurre cibo, al nostro corpo è risparmiata una delle principali vie attraverso cui penetrano le tossine: i prodotti chimici dell’industria alimentare, l’alcool e i residui della fermentazione digestiva non invadono più il corpo a digiuno. Invece di occuparsi della neutralizzazione di queste tossine, il nostro organismo può concentrarsi sulla caccia alle scorie già immagazzinate nei tessuti, o dedicarsi ad altri compiti, come la lotta alle malattie».

Il Semi-digiuno Veganic è il modo migliore e più veloce per disintossicare l’organismo e per rigenerarsi facendo una bellissima esperienza da provare assolutamente almeno una volta nella vita. Non è necessario essere in sovrappeso per scegliere di fare un semidigiuno dal momento che tutti siamo sottoposti agli agenti inquinanti dell’ambiente in cui viviamo e del cibo che ingeriamo, oltre agli effetti di farmaci, detersivi, cosmetici, radiazioni e stress. Il Semidigiuno Veganic coniuga i vantaggi della disintossicazione tipici del digiuno con quelli dell’educazione alimentare e del recupero dell’istinto naturale grazie al ripristino dei Campanelli d’Allarme dell’organismo. Per info: coscienzaesalute.it

Cosa leggere Massimo Melelli Roia Il Digiuno come Cura e Prevenzione Tecniche Nuove, 2013 Ruediger Dahlke I Benefici del Digiuno Un programma di sette giorni creato dal guru del digiuno per vivere più sani Armenia, 2012 Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

ViviConsapevole.it 33


Casetta di cartone e set da spiaggia Realizzali con materiali di riciclo insieme ai tuoi bambini, per un divertimento all’aria aperta assicurato Valentina Scutieri

A

rrivano le belle giornate e si sente il bisogno di stare all’aria aperta, un’esigenza per i nostri bimbi, ma anche per noi genitori. Sicuramente il parco giochi è il luogo per eccellenza e

a portata di mano, dove i bimbi si ritrovano e si organizzano da soli, divertendosi. Capita invece, con l’arrivo delle vacanze, che abbiano più tempo a disposizione per giocare e creare. Ecco due semplici

attività da realizzare insieme a loro, che gli permetteranno di rivalutare gli oggetti comuni, riciclarli e creare dei giochi divertenti.

Casetta di cartone super facile

34 ViviConsapevole - Estate 2014


Set da spiaggia riciclatissimo

Se abbiamo la fortuna di abitare vicino al mare o di andarci per qualche giornata di vacanza, possiamo attrezzarci con uno speciale set, tutto riciclato, per giocare con la sabbia e realizzare meravigliosi castelli o piste per le biglie. Basta semplicemente guardarsi intorno in casa e cercare contenitori che potrebbero essere utili per creare simpatiche forme. Per il secchiello si possono usare dei bidoncini della vernice, accuratamente lavati e puliti. Per le formine invece, ci si può sbizzarrire e recuperare moltissimi oggetti di scarto: vasetti dello yogurt, vaschette di plastica, coppette del gelato, bicchieri di plastica o di carta, confezioni dei succhi, tappi dei detersivi e altro ancora (foto 1). È possibile costruire una paletta da un flacone di detersivo vuoto, accuratamente lavato. Per prima cosa,

(foto 2)

(foto 3)

Crea e ricicla

(foto 1) occorre disegnare con un pennarello la sagoma della paletta sul flacone: partendo dal manico, allargare la sagoma scendendo verso il basso sui lati del flacone per circa 7-8 cm e chiudere con una linea orizzontale (foto 2). Con un taglierino o delle forbici tagliare la sagoma. Alcuni tipi di plastica possono risultare affilati,

La casetta può essere un luogo dove passare del tempo durante i caldi pomeriggi, da mettere all’ombra di un albero, oppure su un balcone. Per realizzarla bastano pochi elementi l’importante è non dover comprare nulla: dei cartoni grandi, nastro di carta taglierino o forbici, pennello, acrilico opaco verde, ritagli di stoffa e un cordino. La casetta che realizzeremo potrà essere utilizzata sia “chiusa” sui quattro lati, sia aperta, diventando una sorta di teatrino e permettendone l’utilizzo a più bambini. Cominciare unendo i cartoni con il nastro adesivo, creando quattro grandi lati consecutivi. Su ogni lato segnare con un pennarello le aperture che dovremo tagliare. Per esempio: la porta, la finestra, il rettangolo per il teatrino e alcuni spioncini. Tagliare le parti con il taglierino o le forbici. Colorare con pennello e acrilico verde l’intera superficie e lasciare asciugare bene. Il colore opaco non solo renderà più bella la casetta ma diventerà un fondo-lavagna, perfetto da utilizzare con i gessetti. Una volta asciutto, applicare nella parte interna del foro della porta, un rettangolo di tessuto e successivamente tagliarlo a strisce. Nel rettangolo più grande possiamo realizzare un teatrino applicando un nastrino con due tendine di tessuto, costruendo un vero sipario. È possibile dare più stabilità ai lati della casetta mettendo, sulle pieghe tra un lato e l’altro, dei lunghi rettangoli di cartone piegato, oppure dei bastoncini di legno, affrancati con nastro adesivo. Questo tipo di casetta è molto comoda perché si presta a diversi giochi, può essere decorata dai bimbi e poi piegata e messa in un angolo della casa, occupando pochissimo spazio.

quindi consiglio di utilizzare la lama del taglierino scaldata sulla fiamma, oppure rifinire la paletta con carta vetrata a grana grossa. Il coperchio del bidoncino può essere invece un bel setaccio (foto 1-3): è sufficiente praticare, nella parte centrale, dei tagli paralleli distanti 1 cm l’uno dall’altro, rifinendoli a caldo oppure con carta vetrata. Per utilizzarlo, raccogliere della sabbia e tirare leggermente verso l’esterno. In questo modo i tagli si apriranno, lasciando cadere la sabbia e trattenendo gli oggetti più grandi. Anche in questo caso il set occupa poco spazio, perché tutti i contenitori e le palette rimarranno all’interno del secchiello, chiuso dal setaccio!

Valentina Scutieri Valentina è mamma di Davide, 3 anni, grafica per lavoro e per scelta. Manualità e colori la accompagnano da quando era bambina: adora sperimentare e mettersi alla prova, la maggior parte delle volte come autodidatta. È autrice del blog Mami Chips and Crafts. Riciclo, giochi e attività per le mani di grandi e piccini http://mamichipscrafts.blogspot.it

Cosa leggere Lynn Gordon 52 Cose da Fare all’Aria Aperta (Carte) Magazzini Salani, 2005 Alexandra Schwarzer Giocare tra gli Alberi Attività nel bosco con le corde secondo la pedagogia della natura Leone Verde, 2013 Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

ViviConsapevole.it 35


Giochi estivi sul balcone Come rendere un piccolo spazio esterno un’area per il gioco sensoriale con acqua e sabbia

Claudia Ceroni

Passare all’aria aperta le lunghe giornate estive è un lusso che sempre meno bambini possono concedersi. La mancanza di spazi verdi nelle città e di giardini privati costringe i piccoli alla vita casalinga anche durante i mesi del solleone. Eppure se pochi possiedono un giardino dove giocare liberamente, molti hanno almeno un terrazzo, che con alcuni e semplici interventi può diventare uno spazio di gioco estivo in piena regola, in cui i piccoli possono divertirsi, giocando e sperimentando liberamente con acqua e sabbia. Ecco di seguito i tutorial per realizzare: una bella tenda parasole, un tavolo per l’acqua e una sabbiera.

Tenda da sole

Tavolo dell’acqua Materiali

foto 1

foto 2

36 ViviConsapevole - Estate 2014

un lenzuolo vecchio bianco avanzo di vernice un pezzo di spugna un foglio di acetato (quelli che si usavano per i proiettori) un pennarello indelebile sacchi da pattumiera grandi Disegnare con il pennarello indelebile un cerchio nel foglio di acetato e ritagliarlo, in modo da ottenere uno stencil. Stendere il lenzuolo sopra dei sacchi da pattumiera grandi, per non macchiare il pavimento, e applicare la vernice sullo stencil, appoggiato al lenzuolo. I pois avranno un bell’effetto se fatti in maniera casuale. Lasciare asciugare bene e appendere la tenda in maniera estemporanea a qualsiasi gancio, chiodo, bastone, filo stendipanni presente nel balcone: io l’ho attaccato alle canne che devono reggere i pomodori.

Per il contenitore in plastica

Il contenitore utilizzato è di dimensioni 56x76 cm, altezza 17 cm, è un portabiancheria da tenere sotto il letto, è stato acquistato presso un negozio di bricolage (12,99 €). Può essere utilizzato qualsiasi contenitore che abbia un bordo superiore che funga da appoggio. È importante che abbia un coperchio per evitare che si sporchi. Telaio (foro interno di 53x73 cm, dimensione esterna 59x79 cm) Il telaio dovrà esser realizzato con foro interno della dimensione del “sotto bordo” del contenitore in plastica (al netto della parte che appoggia sul legno). In questo caso, il contenitore ha dimensione “commerciale” di 56x76 cm, sottraendo


Crea e ricicla

Sabbiera 1,5 cm totali di bordo, per ogni lato, si ottiene la dimensione necessaria del foro del telaio di 53x73 cm. Il legno utilizzato può essere ricavato anche da scarti di precedenti lavoretti già realizzati in casa, occorre solo fare attenzione che le parti che compongono il telaio abbiano la stessa dimensione di sezione (quadrata), non inferiore a 3 cm, per avere sufficiente rigidezza.

Occorrente

un avvitatore o un cacciavite a stella 4 pezzi di legno lunghi 50 cm, con sezione quadrata di lato 3 cm (gambe) 2 pezzi lunghi 79 cm, con sezione quadrata di lato 3 cm(lati lunghi) 2 pezzi lunghi 53 cm, con sezione quadrata di lato 3 cm (lati corti) 12 squadrette angolari in ferro con lato 4x4 cm, larghe 1,5 cm 48 viti da legno con testa 6 mm, lunghe 1,5 cm 4 gommini da sedia da avvitare (non adesivi)

Per gli irrigidimenti 2 pezzi lunghi 79 cm, con sezione rettangolare 1x4 cm (lati lunghi) 2 pezzi lunghi 59 cm, con sezione rettangolare 1x4 cm (lati corti) 16 viti da legno con testa 6 mm, lunghe 1,5 cm Tutto il materiale per realizzare il telaio, può essere acquistato ex novo nei negozi di bricolage, con una spesa massima di 15 €.

Materiale

Procedimento

Creare a terra il telaio principale disponendo, in angolo, i lati corti interni ai lati lunghi (come si vede nella foto 7); collegarli tra loro utilizzando le squadrette. Appoggiare sul telaio posto a terra (ribaltato) le quattro gambe e collegarle sempre tramite le squadrette (come da foto 2). Avvitare sotto le gambe i gommini. Rigirare il tavolo sottosopra, verificare che il contenitore in plastica si incastri perfettamente e procedere con il fissaggio degli irrigidimenti. Suggerisco di fissarli abbastanza in alto (massimo 20 cm dal bordo superiore), in modo che i bambini non li trovino comodi come “scalini”. Si può trattare tutta la parte in legno con un impregnante all’acqua. Riempire d’acqua e lasciare che si scaldi al sole per qualche ora. Ricordarsi di svuotare sempre il contenitore alla fine dell’utilizzo.

contenitore in plastica uguale a quello utilizzato per realizzare il tavolo dell’acqua (può essere utilizzato lo stesso, avendo cura di smontarlo dal telaio, a causa del peso eccessivo) 25 kg di sabbia di fiume lavata (reperibile presso i magazzini edili, 2 €)

Porre il contenitore a terra e riempirlo con la sabbia, verificare che sia distribuita bene, in modo che non si ribalti: una sabbiera facilissima, comodissima e velocissima.

Cosa leggere Autori Vari Fare in Casa Bricolage, riparazioni ed altro per interni ed esterni Il Castello, 2011 Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

Claudia Ceroni Ingegnere dall’animo creativo, Claudia è eco-mamma di due bimbi. Tra le sue passioni sfrenate: il disegno, il cucito, il packaging creativo e ricicloso, la pasta madre. Realizza partecipazioni personalizzate per matrimoni o altre cerimonie e ricorrenze. Potete contattarla a claudiaceroni00@gmail.com

ViviConsapevole.it 37


Sì, viaggiare… purché sia green

Viaggi organizzati o liberi: ecco alcune proposte di vacanze nel rispetto della natura l

La Redazione

Camminando, camminando…

C’è un modo per viaggiare e avere un impatto minimo possibile sull’ambiente: sono i viaggi a piedi. Questo tipo di vacanza si è diffuso sempre più negli ultimi anni, tanto da essere diventato un vero e proprio viaggio organizzato. Le mete che si raggiungono con le proprie gambe permette di vederle e scoprirle con occhi diversi: il paesaggio si vive, si assapora, a volte si fatica un po’, ma alla fine regala emozioni indimenticabili. Sono tante le associazioni in Italia che organizzano viaggi a piedi, proponendo itinerari insoliti o conosciuti, con percorsi a vari livelli di difficoltà, molti dei quali adatti anche ai bambini. Vediamo nello specifico qualche proposta: 5 – 11 luglio: Croazia – Dubrovnik e le isole Elafiti (Associazione Tra Terra e Cielo: www.traterraecielo.it) Un’avventura via mare e via terra che origina da una perla del Mar Mediterraneo: Dubrovnik, l’antica città stato. Intorno ci sono isole dalla storia millenaria 6 – 12 luglio: In Salento con la fascia

(La Compagnia dei cammini: www.cammini.eu)

Per famiglie con bambini da 0-4 anni. Un cammino facile pensato per valorizzare il

38 ViviConsapevole - Estate 2014

rapporto tra genitore e figlio nei primi anni di vita con l’utilizzo della fascia porta bimbi. Portare i propri piccoli significa farsi carico del proprio bambino, tenerlo, sostenerlo e muoversi insieme a lui. Un’occasione per le famiglie di poter camminare con i propri figli dai 0-4 anni, coinvolgendo eventualmente anche i fratelli più grandi (4-8 anni) e far sì che questa esperienza di viaggio aiuti a crescere insieme più felici. Date libere: Regno Unito – Le coste selvagge della Cornovaglia (Verde Natura: www.verde-natura.it) Un percorso che si svolge quasi tutto sulla costa spettacolare dell’estrema punta della Cornovaglia, ultima propaggine dell’Inghilterra, punto in cui, una volta, si credeva che la terra finisse. L’ambiente e il paesaggio sono speciali:

rocce frastagliate sferzate dal vento dove dominano tutti i toni del lilla dell’erica; villaggi bianchi di pescatori, ville e castelli di pietra grigia e la brughiera dove una infinità di toni di verde si perdono in un orizzonte lontano.  1 – 8 settembre – Minorca e Camì de Cavalls (Walden Viaggi: www.waldenviaggiapiedi.it) Un sentiero dimenticato per secoli e riscoperto e voluto dai minorchini che hanno deciso di riappropriarsi della loro isola e della loro storia. Un cammino lungo un antico percorso utilizzato per difendere l’isola dalle innumerevoli incursioni che arrivavano dal mare. Un’occasione per conoscere un’isola del Mediterraneo, lontana dalle solite mete turistiche.


26 luglio – 2 agosto: Germania – Baviera Romantica e Ciclabile (Bici Viaggi FIAB: www.biciviaggi.it) Un viaggio nel regno del cicloturismo europeo, dove tutto quanto interessa a un cicloturista gli viene dato in abbondanza. Piste ciclabili ovunque e ben segnalate, accoglienza negli hotel calorosa ed efficiente, paesaggi da presepe, cucina saporita e abbondante e città incantevoli. Una vacanza difficile da dimenticare, che farà venir voglia di ritornare ben presto a pedalare in Germania. 3 – 10 agosto: Irlanda – Connemara e isole Aran

(Zeppelin, l’altro viaggiare: www.zeppelin.it)

Un viaggio indimenticabile per pedalare sotto il cielo più incredibile d’Europa, tra scogliere a strapiombo sul mare, natura incontaminata e paesaggi dai colori accesi.

l

Pedalando in bici

Per chi invece vuole dilettarsi in un viaggio sulle due ruote ecco qualche proposta ad hoc. Molti di loro noleggiano anche la bicicletta, per chi non ce l’ha, e per alcune mete sono disponibili anche quelle elettriche. Insomma, non ci sono scuse per non partire!

Date libere: Austria – Laghi di Salisburgo: tour per famiglie (Girolibero: www.girolibero.it) Un’incantevole regione di laghi, montagne e graziose cittadine, frequentate in passato anche dai reali austriaci. Annoiarsi qui è impossibile! Parchi giochi, zoo all’aperto, parchi divertimento, seggiovie, passeggiate, trenini a vapore! Un viaggio perfetto per una famiglia anche alle prime esperienze con le vacanze in bicicletta!

l

Campo Natura Morning Star

Per chi vuole una vacanza in pieno contatto con la natura e nel rispetto dell’ecologia, questo campo è quello che fa al caso. I Campi Natura nascono dalla visione dell’Ecologia Profonda, per vivere l’ambiente naturale nel massimo rispetto, preservando le sue risorse e con impatto zero sul territorio. Offrono spazi adeguati per le attività giornaliere e i soggiorni occasionali: zona prato con fuoco centrale, spazio giochi, angolo picnic e posti tenda. Il Campo Morning Star è situato in zona boschiva, a pochi km da Bagni di Lucca (loc. Il Tarrio) e in quanto ispirato all’Ecologia Profonda, non usufruisce di servizi fissi, non ha acqua corrente o servizi igienici, ma si approvvigiona da ciò che offre Madre Natura: due fonti di acqua sorgiva e un torrente, oltre a un bagno a secco. Per vivere a pieno gli spazi, l’accoglienza dei gruppi è di max. 15 persone. Durante la giornata vengono proposte molte attività, come giochi di ruolo, caccia al tesoro, escursioni, tecniche pionieristiche di scout e anche animazioni e percorsi musicali. La partecipazione al campo è a offerta libera, oppure in cambio di collaborazione per piccoli lavori di manutenzione del territorio, in modo da creare sinergie nel luogo e coltivare affinità fra gli ospiti. Per info e contatti: https://www.facebook.com/CampoNaturaMorningStar, 3402570321

ViviConsapevole.it 39


Viaggi Consapevoli

Un ostello in mezzo alla natura: Art Factory, Australia l

L’Art Factory a Byron Bay da 20 anni promuove l’ecoturismo sostenibile: immerso nella natura selvaggia e incontaminata dell’Australia a nord di Sidney, e a pochi minuti dalla spiaggia questo complesso – che si definisce, modestamente, ostello – cerca di sposare il turismo con la sostenibilità ambientale. Si può scegliere fra alloggi in dormitori misti o solo femminili, camere singole, doppie e triple sempre circondate dalla rigogliosa vegetazione, oppure i più “selvaggi” possono decidere di pernottare in campeggio o in teepee, le tipiche tende indiane, alcune delle quali possono ospitare fino a 10 letti. I prezzi per il pernottamento sono di vario tipo: dai 25 euro per il posto letto nel teepee, fino ai 90-100 euro per le camere. Con meno di un euro extra, che viene tassato per ogni visitatore, si contribuisce ai progetti “Eco Green” che il villaggio porta avanti dalla propria fondazione. Durante il giorno si può prendere parte alle mille attività organizzate dall’ostello: lezioni di didgeridoo – il tipico strumento aborigeno – ma anche terapia con i cristalli, reiki, massaggi, yoga e meditazione. Gli sportivi possono usufruire dei campi da tennis, basket, pallavolo oppure fare un salto in piscina o semplicemente rilassarsi sulle spiagge nei dintorni. E per gli amanti della musica, l’ostello mette a disposizione anche una sala di registrazione! Per info e contatti: http://nomadsworld.com/arts-factory/ (il sito è solo in inglese)

Vacanza per rigenerarsi: l

The Sanctuary, Tailandia

Situato sulla piccola e remota isola tropicale di Koh Phangan, nel golfo di Tailandia, il complesso The Sanctuary si trova nella Haad Tien Bay, raggiungibile in barca o in macchina, ma solo quando le onde sono troppo alte per viaggiare per mare. Sull’isola non ci sono telefoni né corrente elettrica, ma per chi vuole una vacanza rigenerante in un paradiso terrestre, questo è il posto giusto. Il resort offre sistemazioni in costruzioni sostenibili, le cui costruzioni sono pensate per avere un impatto minimo sull’ambiente: alcuni alloggi sono costruiti nella roccia, altri sono aperte, per dare agli ospiti la sensazione di vivere sotto le stelle. Il prezzo di queste camere varia da 40 a 130 euro. Per chi non vuole prenotare nulla in anticipo, c’è la possibilità di pernottare in alloggi più economici (dai 5 ai 20 euro a notte), in dormitori o bungalow: il giorno di arrivo si può scegliere fra gli alloggi liberi a disposizione. Per chi non si accontenta di una semplice vacanza rilassante, The Sanctuary mette a disposizione vacanze detox: un programma completo – con pernottamento in speciali camere ben equipaggiate – che prevede lavaggi intestinali, alimentazione vegana con supercibi, sessioni di yoga e accesso all’area Spa. Il villaggio offre comunque corsi e attività per tutti gli ospiti. Per info e contatti:http://www.thesanctuarythailand.com (il sito è solo in inglese)

40 ViviConsapevole - Estate 2014


Viaggi Consapevoli

macro librarsi.it Libri

Musica

Video

Bio-Shop

Eventi

Ordinare è Facile, Comodo, Conveniente e Sicuro Numero Verde

www.macrolibrarsi.it

800 800 089 974 433 001 ordini@macrolibrarsi.it Lun / Ven 9:00 - 18:00 Fax: 0547 345091

l

La fattoria felice, Costa Rica

Finca Feliz (fattoria felice) è il nome che Silvia e Toti – qualcuno li ricorderà per il loro “Gira e coltiva tour”, pubblicato su ViviConsapevole n. 32 – hanno scelto per il loro progetto, che ha sede nel Paese più felice del mondo, il Costa Rica, e dove è racchiuso il 2% della biodiversità dell’intero pianeta. Il Paese non è stata una scelta casuale, ma una decisione ponderata, dopo averlo viaggiato in lungo e in largo e aver conosciuto posti e persone meravigliose e riscoperto un modo di vivere e di prendere la vita che ha cambiato in meglio la loro. La loro fattoria è fuori dalle rotte turistiche di massa, ma ideale per il progetto di sviluppo di agricoltura che hanno in mente. È situata a Zapotal sulle alture che si affacciano sul Golfo di Nicoya, nell’entroterra di Puntarenas, in un territorio dove l’attività prevalente è l’allevamento di bovini da latte e da carne sugli ampi pascoli montani. Qui Silvia e Toti cercano di mettere insieme e applicare sul campo tutto quanto hanno imparato sull’agricoltura naturale, l’autoproduzione e l’autocostruzione. Finora hanno realizzato un piccolo orto sinergico in serra e altri piccoli orti per l’autoconsumo. Producono anche tantissimi formaggi, germogli per insalata, oli aromatizzati, kombucha (un tipo di tè) e molto altro. Ora hanno deciso di aprire la loro finca a ogni forma di condivisione, facendo ospitalità rurale e proponendo soggiorni a prezzi etici. Durante la permanenza si potrà conoscere la cultura locale, vivere completamente circondati da boschi e foresta umida tropicale e infine fare esperienza di uno stile di vita più semplice e lento, in armonia con la natura e connesso ai ritmi della terra. Per chi voglia condividere questa visione alternativa per ritrovarsi e stare bene, può avere maggiori informazioni visitando il sito www.love4globe.org o la pagina facebook di Love4Globe, o scrivendo a: fincafelizcr@gmail.com.

Padre Romano Zago

Aloe non è una Medicina, eppur... Guarisce

L’uso della pianta nella cura di più di 100 malattie

Aloe non è una medicina, eppur ...guarisce è il secondo testo scritto da Padre Romano Zago che, al pari Di cancro si può guarire, ha destato negli anni addietro grande scalpore per i temi di medicina alternativa affrontati. Vengono qui presentate le varie proprietà nutritive dell’aloe, indicate in forma semplice e pratica, l’utilizzo della pianta per la possibile cura e prevenzione di innumerevoli malattie, tra di esse obesità e depressione. Libro – Pag. 368 – Prezzo € 10,00

ViviConsapevole.it 41


Terra Santa:

viaggio dello spirito Un pellegrinaggio indimenticabile in Israele, la terra dove tutto ebbe inizio Fulvia D’Alessio per Ananda

A

rriva il momento in cui, dopo aver visitato tante mete turistiche, il mare più splendido e la neve più bianca, desideriamo andare oltre, fare un passo in più; una voce dentro di noi ci chiede di approfondire il viaggio andando alla ricerca di luoghi che possano appagare la nostra sete di ricerca interiore e di gioia, emozioni così essenziali per il nostro equilibrio e per il nostro più alto benessere. Visitare la Terra Santa, santa per ogni credo, è il sogno di ogni pellegrino e di ogni persona che ambisca vivere un’esperienza meravigliosa e arricchente sotto ogni punto di vista: Israele è un’antica terra tutta da scoprire, un “Santuario a cielo aperto” dove cultura, storia e bellezza hanno come sfondo i luoghi dove Dio si è mostrato e dove si sono compiute le antiche profezie. Certo non è la solita vacanza e non è facile scrivere di un tour così particolare, che trasforma, dona fiducia e colma di nuova energia chi ne ha fatto l’esperienza; così vi presentiamo due testimonianze, fatte da pellegrini nella Terra dove le pietre parlano di Gesù.

Io c’ero

“È stato un pellegrinaggio molto speciale – scrive Beatriz dalla Spagna. Poter approfondire la vita e il messaggio del Maestro Gesù con la guida e l’orientamento di Ananda e Schmuel, in compagnia di pellegrini che hanno mostrato cordialità, amicizia e allegria, è stata una grande benedizione. Ho sentito la presenza di Gesù nei

42 ViviConsapevole - Estate 2014

Monte Tabor

tanti luoghi sacri e nella bellezza della Natura, specialmente sul Monte delle Beatitudini. Ho toccato con mano il potere che i canti devozionali hanno di elevare e trasformare l’energia. Ho imparato ad aprirmi e ad apprezzare la diversità nella devozione dei tanti gruppi di persone incontrati. Ho riportato con me a casa, in famiglia, al lavoro e nella mia città, il profumo della calma, della gioia e dell’amore di Cristo che qui tutto pervade. Grazie Ananda!”. “L’esperienza che esprime meglio il valore di questo pellegrinaggio – scrive Osnat da Israele – è stata la visita al Muro Occidentale (Muro del Pianto) a Gerusalemme. A differenza di altri luoghi che abbiamo visitato durante il viaggio, questo era l’unico in cui ero già

stata prima, e molte volte, ma non ero mai riuscita a superare il risentimento sulla natura dogmatica della religione. La vivevo come un’imposizione. Ma quando ci siamo avvicinati al Muro Occidentale (Muro del Pianto), circondata da yogini di Ananda, ho avvertito un innalzamento di coscienza e ho cominciato a sentire solo l’amore per Dio e la devozione che le persone provavano in quel luogo. Poi mi sono detta: che grande lezione è per me imparare a vedere questo tutti i giorni, e non soltanto con i pellegrini. Ho avuto l’opportunità di unirmi ad Ananda in visita nella mia terra, permettendomi così di osservarla con una prospettiva più armoniosa. Una benedizione! Ho goduto di ogni parte del viaggio e mi è dispiaciuto giungere al suo termine, ma


Grotta di Qumran

Viaggi Consapevoli

Da non perdere Le Sacre Città di Nazareth, Cafarnao, Tabgha, Betlemme e Gerusalemme per essere passo dopo passo, sulle orme di Gesù e Qumran, dove furono scoperti, nel 1946, i rotoli del Mar Morto e dove si trovava la comunità spirituale degli Esseni. Monte delle Beatitudini

sono felicissima di sapere che presto tornate! Tengo care nel cuore le persone, i luoghi e la grande gioia che mi ha accompagnato nel viaggio. Benedizioni a tutti! Aum!”.

I Sacri Monti: il Monte Carmelo, dove Elia sfidò i sacerdoti di Baal, con una grotta dedicata alla memoria del Profeta e un Santuario Mariano dedicato alla Vergine del Carmelo, il Monte delle Beatitudini, dove Gesù ha tenuto il discorso della Montagna, il Monte Tabor, un luogo di ritiro e contemplazione, con la Basilica della Trasfigurazione di Gesù. Le Sacre Acque: il Mare di Galilea (Lago di Tiberiade) dove Gesù scelse alcuni dei suoi discepoli e parlò alla folla dalla barca, calmò la tempesta e dove apparve ai suoi discepoli dopo la resurrezione, il Mar Morto, a 416 metri sotto il livello del mare e il Fiume Giordano, dove Giovanni Battista battezzò Gesù.

La testimonianza di Yogananda

Infine, la testimonianza autorevole e ispirata di Paramhansa Yogananda, autore del premiato libro Autobiografia di uno Yogi, che descrive così il suo pellegrinaggio fatto nel 1935: “Viaggiando giorno dopo giorno in Terra Santa, mi convinsi più che mai del valore del pellegrinaggio. Lo spirito di Cristo pervade l’intera Palestina; camminai al Suo fianco, pieno di riverenza, a Betlemme, nel Getsemani, sul Calvario, sul sacro Monte degli Ulivi, sulle rive del Giordano e del Mare di Galilea. La nostra piccola comitiva visitò la stalla della natività, la bottega da falegname di San Giuseppe, la tomba di Lazzaro, la casa di Marta e Maria, la sala dell’Ultima cena. L’antico passato si dispiegò sotto ai miei occhi: una scena dopo l’altra, vidi il divino dramma un tempo interpretato da Cristo per tutti i secoli a venire.” Come resistere a questo Divino richiamo?

Cosa leggere Swami Kriyananda Le rivelazioni di Cristo Proclamate da Paramhansa Yogananda Ananda Edizioni euro 18,00 Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089

ViviConsapevole.it 43


Quando l’Islanda ha detto no Vi ricordate cosa è successo in Islanda nel 2008? Storia di un paese che è uscito dalla crisi rifiutando il gioco del debito Andrea Degl’Innocenti

P

rendete un paese piccolo e isolato, applicatevi una dose massiccia di neoliberismo, convertite i suoi abitanti in dei consumatori spensierati, privatizzate in blocco le banche evitando di regolamentare in alcun modo il settore finanziario. Ecco, avrete ottenuto il paese perfetto, almeno secondo i canoni del modello di sviluppo contemporaneo. E così era l’Islanda fino al 2008, il “paese più felice del mondo”, fiore all’occhiello dei teorici neoliberisti, portata in palmo di mano da economisti e analisti internazionali.

L’opportunità della crisi

Ora soffiate forte su questo castello di carte, spazzatelo via mostrando le sua fondamenta inesistenti. Rompete la bolla, lasciate che tutto crolli, che le persone si ritrovino improvvisamente povere e ricoperte di debiti, senza la più pallida idea di cosa sia successo. Rimarrete sorpresi da quello che vedrete accadere. Vedrete la rabbia riversarsi nelle strade, ma poi, pian piano, strutturarsi in un movimento. Vedrete questo movimento lottare contro un governo corrotto e l’élite finanziaria, contro il pagamento di un debito ingiusto contratto da banche private. E vincere. Vedrete la scrittura di una nuova costituzione in crowdsourcing, le leggi per la libertà d’informazione su internet e molto

44 ViviConsapevole - Estate 2014

Mount Kirkjufell - Islanda altro. Anche questo è successo in Islanda, a partire dalla fine del 2008, ovvero dalla keppra, termine islandese che indica la crisi. Prima laboratorio neoliberista, in seguito incubatrice di tendenze e modelli opposti. L’Islanda mi è apparsa fin da subito come una sorta di microcosmo che racchiudeva in sé, compresse nel tempo e nello spazio,

alcune dinamiche che si ritrovavano più diluite su scala globale. In Islanda è accaduto tutto più in fretta. Tuttavia, oggi, il benessere recuperato molto in fretta è forse il peggior nemico delle spinte di cambiamento emerse negli ultimi anni. Se da un lato sembra essersi affermata l’idea che il capitalismo finanziario è qualcosa di estremamente rischioso, dall’altro le


Comunità Consapevole

Esistono messaggi di portata generale che si possono trarre da questa storia del tutto particolare

politiche neoliberiste, pur in forma più soft, sono di nuovo portate avanti dal governo di centro-destra eletto l’anno passato. Oggi l’isola è in bilico fra tendenze e modelli opposti.

Islanda chiama Italia

Cosa può insegnarci tutto questo? Viste da lontano, l’Islanda e l’Italia hanno ben poco in comune. La prima è un’isoletta di appena 300mila anime sperduta nell’oceano e popolata da gente silenziosa ma cordiale, con un’economia relativamente marginale rispetto ai circuiti globali. La nostra Italia invece è un paesone grande e chiassoso coi suoi 60 milioni di abitanti, piazzata proprio nel mezzo del Mediterraneo, al centro di interessi economici e geopolitici internazionali. Ma al di là delle differenze, esistono messaggi di portata generale che si possono trarre da questa storia del tutto particolare: è possibile mettere in discussione alcuni dogmi della società contemporanea, in primis quel paradosso del mercato che vuole che i debiti privati – se i privati sono

Andrea Degl’Innocenti

di una certa dimensione – diventino pubblici quando il privato fallisce; è possibile costruire delle alternative dal basso a questo modello di sviluppo. È possibile, ma il tempo stringe. La vicenda islandese ci insegna anche che quella finestra di potenziale cambiamento che stiamo vivendo, che si apre quando finisce un ciclo dell’economia capitalista, è destinata a chiudersi quando un nuovo ciclo prende il via: dunque le alternative costruite all’interno di questa finestra devono sedimentare e andare a sistema prima della “ripresa”, se il cambiamento intravisto ambisce ad affermarsi come nuovo modello.

Cosa leggere Andrea Degl’Innocenti Islanda Chiama Italia Storia di un Paese che è uscito dalla Crisi rifiutando il Debito Arianna Editrice, 2013 Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

Ha 29 anni e fa il giornalista. Negli ultimi anni ha collaborato con varie testate fra cui Terranauta e il Cambiamento ed è uno dei fondatori di Italia che Cambia. Da qualche anno si è appassionato dei cambiamenti sociali, politici ed economici a livello internazionale. Un giorno si è imbattuto in una storia che lo ha rapito più delle altre: quella di un’isoletta sperduta nel mare del Nord, l’Islanda, e della sua “rivoluzione silenziosa”.

Dal libro al documentario: aiutaci a finanziarlo! Andrea Degl’Innocenti e il documentarista Davide Scalisi vogliono che la storia dell’Islanda sia conoscuta da un pubblico sempre più vaso, per questo hanno pensato alla realizzazione di un documentario. Ma fare documentari costa un bel po’. Andrea e Davide ci metteranno la laro professionalità, impegno e passione gratuitamente, ma non è sufficiente. Ci sono i costi della trasferta, gli operatori, il doppiaggio, la produzione. 50mila euro in tutto, euro più euro meno. Una bella cifra. Andrea e Davide hanno deciso di finanziarlo con un crowdfunding, una raccolta fondi fatta attraverso una piattaforma online. Funziona così: tu puoi mettere una quota a tua scelta; se l’obiettivo dei 50mila euro viene raggiunto ottieni una ricompensa in base alla quota messa; se invece non viene raggiunto la tua quota ti torna indietro. È un modo per garantire che i soldi vengano accreditati solo se si raggiunge la cifra necessaria a realizzare il documentario. Contribuire a finanziare questo documentario è semplice: basta cliccare questo link: https://www. indiegogo.com/projects/a-tiny-knollon-the-lawn-of-the-world/x/6389621 e cliccare su “contribute now” in alto a destra.

ViviConsapevole.it 45


La forza di un filo di paglia Il Gruppo Editoriale Macro realizzerĂ  i suoi nuovi uffici in bioedilizia, dando vita al piĂš grande edificio in balle di paglia mai costruito in Italia Francesco Rosso, Nicola Foschi, Luigi Foschi

46 ViviConsapevole - Estate 2014


Azienda Etica

N

el 2013 è nata nel Gruppo Macro l’esigenza di avere nuovi uffici per poter sviluppare la propria attività. Una sempre maggiore sensibilità e attenzione alla salute naturale della persona e alle tematiche legate all’ecologia ha fatto si che la casa editrice abbia registrato nel 2013 una forte crescita e che le prospettive per il 2014 siano ancora superiori, in controtendenza con il mercato dell’editoria tradizionale. Avendo in proprietà un terreno commerciale edificabile a fianco dell’attuale magazzino, il Gruppo Macro ha deciso di utilizzare questo lotto per costruire nuovi uffici e una sala convegni, ideata con lo scopo di coinvolgere la cittadinanza con iniziative legate alle proprie pubblicazioni.

La casa editrice promuove da sempre i temi della salvaguardia dell’ambiente, del rispetto delle risorse, del risparmio energetico, e a novembre 2013 ha pubblicato il bellissimo libro Le case in Paglia di Athena Swentzell. Per essere al cento per cento coerente con le proprie pubblicazioni, Macro realizzerà

Altro aspetto molto importante di questo progetto è l’autocostruzione; una volta realizzate le fondazioni e la struttura portante in legno da una impresa costruttrice specializzata, la realizzazione dei muri in balle di paglia, gli intonaci e la copertura verranno realizzati da persone comuni,

Riproducendo quanto fa la Natura, realizzeremo, nella nostra corte esterna, un giardino autosufficiente, produttivo ed estremamente bello

i nuovi 560 mq fra uffici e sala convegni con materiali ecologici e ad altissimo risparmio energetico, dando vita al più grande edificio in balle di paglia mai costruito in Italia.

Come saranno i nuovi uffici

L’idea progettuale è quella di ampliare il capannone esistente con uno nuovo, interamente destinato a uffici e sala conferenza. L’obiettivo è quello di sperimentare un nuovo modo di abitare e lavorare all’interno della città: oggi non si tratta di proporsi diversi, ma semplicemente più attenti. Punto fondamentale di questo progetto sono i materiali utilizzati, la paglia e la terra, eco-compatibili e a km zero, sicuramente quelli giusti per realizzare l’edificio green che, sia il committente sia lo studio, si erano immaginati. Il progetto prevede una struttura portante in legno, come chiede l’attuale normativa sismica, tamponatura esterna con balle di paglia, finitura a intonaco naturale (argilla e calce) e copertura a tetto verde.

per lo più volontari, rese capaci di costruire. È una tecnica semplice, leggera e aperta a tutti, stimola la cooperazione, la personalizzazione e la creatività del “fai da te”: chi partecipa diventa orgoglioso di quel particolare pezzo di città alla cui nascita ha contribuito con l’impegno a formarsi e con il lavoro delle proprie mani. Perché una costruzione in paglia? Una casa di paglia è la miglior alternativa alle tradizionali tecniche da costruzione, anche se, nella cultura occidentale, i materiali naturali vengono visti con molto scetticismo, per questo è doveroso ricordare che l’industria del cemento produce grosse quantità di gas dannosi per l’atmosfera, responsabili dell’effetto serra. Un edificio in balle di paglia è composto da una struttura portante in legno, priva di piastre di acciaio e viti (si utilizzano solo incastri legno-legno) e da una finitura di intonaco naturale, preferibilmente terra cruda (argilla) interna e calce esterna, tutti materiali che, a differenza dei tradizionali, non

ViviConsapevole.it 47


Il progetto prevede una struttura portante in legno, come chiede l’attuale normativa sismica, tamponatura esterna con balle di paglia, finitura a intonaco naturale (argilla e calce) e copertura a tetto verde emettono sostanze nocive, creando i presupposti per un microclima interno ottimale. Le balle di paglia hanno un ottimo potere isolante: grazie a una bassa trasmittanza è facile raggiungere standard energetici elevati, consentendo così un forte risparmio in termini di riscaldamento invernale e raffrescamento estivo. Una costruzione di questo tipo risparmia il 75% di energia rispetto a un edificio con le stesse caratteristiche realizzato in maniera tradizionale. Una parete di questo tipo risulta altamente traspirante: essa regola in maniera naturale l’umidità interna dell’edificio, facilitando il passaggio del vapore dall’interno all’esterno, mantenendo un ambiente sano, ed evitando il problema della condensa e delle muffe. Gli edifici in legno e paglia hanno un ottimo comportamento alle azioni sismiche: essendo più leggeri rispetto a un edificio in cemento, la sollecitazione che ricevono è minore; inoltre il materiale più flessibile consente l’assorbimento delle vibrazioni, evitando le rotture. Contrariamente a quanto si possa pensare, la paglia ha una buona resistenza al fuoco: essendo pressata

48 ViviConsapevole - Estate 2014

Come verrà finanziato il progetto Il progetto sarà finanziato grazie a Macrocredit, la sezione della Cooperativa Macro che gestisce la raccolta del Prestito Sociale, ovvero il risparmio equo e consapevole col quale il Gruppo finanzia le proprie iniziative e le proprie attività di produzione e distribuzione libri, riviste e dvd. Per maggiori informazioni visita macrocredit.it contiene una bassa percentuale di ossigeno e quindi risulta poco infiammabile. A livello acustico ha un ottimo potere fonoassorbente e viene già utilizzata come isolante in svariati campi (per esempio nelle barriere acustiche autostradali). Ecosostenibilità del materiale, rapidità nell’esecuzione e bassi costi di realizzazione fanno sì che, anche in Italia, ci sia un crescente numero di persone interessate alla costruzione di edifici in paglia.

Un prato sul tetto

La copertura dell’edificio sarà a verde, del tipo estensivo, non solo per una ragione estetica, ma soprattutto per i vantaggi economici, costruttivi e ambientali che comporta.

)

L’acqua accomulata e trattenuta dalla copertura viene in parte assorbita dalla vegetazione esistente, e in parte evapora, contribuendo ad abbassare i picchi di temperatura dell’ambiente circostante, portando concreti vantaggi a livello locale. In presenza di una copertura a verde raramente le temperture massime estive superano i 25°C, contro gli oltre 80°C di una copertura tradizionale, ciò significa una protezione ulteriore contro gli sbalzi termici che determina l’aumento della vita media degli strati di impermeabilizzazione sottostanti. Queste coperture rappresentano un fattore di isolamento termico aggiuntivo sulle coperture: diminuiscono la dispersione termica verso l’esterno in inverno, e limitano,


Azienda Etica come già accennaeto, il riscaldamento della copertura in estate.

Argilla e terra cruda: l’intonaco lo faremo così!

Cosa offre di speciale un intonaco in argilla? Sicuramente la salubrità dell’ambiente! L’argilla ha il potere di assorbire e trattenere i batteri presenti nell’aria, ostacola la formazione di polvere e la dispersione di odori, per questi motivi risulta essere un valido strumento di prevenzione per allergie e raffreddori. Un intonaco in argilla contribuisce a mantenere l’umidità costante, accumulando quella in eccesso per poi cederla nuovamente. È un materiale che richiede bassissimi consumi energetici per la produzione, viene usata principalmente per superfici interne in spessore che varia da 2 a 5 centimetri.

Raffreddare con l’aria del sottosuolo Sulla base dei presupposti precedentemente elencati, ci troviamo di fronte a un involucro dalle alte prestazioni termiche, ciò si tramuta in un utilizzo quasi esclusivo della bioclimatica per raffrescare e riscaldare l’edificio. Fin dall’antichità l’uomo ha utilizzato cavità sotterranee, le “camere dello scirocco” siciliane ad esempio, per il raffrescamento delle abitazioni. Si tratta di ambienti ipogei posti in comunicazione con i vani superiori dell’edificio tramite apposite aperture, nei quali la temperatura si mantiene costante tutto l’anno; la differenza di temperatura tra la parte superiore scaldata dal sole e quella inferiore, comporta uno scambio di flussi aerei, determinando una significativa ventilazione interna. Nel nostro caso specifico, mantenendo l’idea, andremo a utilizzare un pozzo esterno all’edificio, nel quale convogliare l’aria esterna e, attraverso una rete di tubi sotterranei posti a una profondità di 1,50 mt, immetterla all’interno per creare un costante ricambio di aria

naturale e ossigenata agli ambienti. Questo sistema consentirà in estate un naturale raffrescamento mediante l’immissione di aria di ventilazione raffreddata dallo scambio termico con le masse presenti nel sottosuolo, e sarà l’unico sistema di raffrescamento estivo.

Riscaldare con il sole

Il riscaldamento invernale, invece, viene affidato in gran parte al sole: le ampie vetrate dell’edificio sono poste prevalentemente a Sud, in modo tale da consentire in inverno il riscaldamento del pavimento, il quale accumulerà calore cedendolo per tutta la giornata. In estate le vetrate saranno opportunamente schermate per evitare il riscaldamento della struttura. In aiuto a questo sistema, potendo sfruttare l’energia elettrica prodotta dall’impianto fotovoltaico esistente, verrà predisposto un impianto con pompa di calore collegata a ventilconvettori, che producono aria calda d’inverno e fresca d’estate.

Prato inglese? No, foresta commestibile

La sistemazione esterna della corte sarà caratterizzata da due elementi molto importanti: l’utilizzo di piante stagionali autoctone, che creano ombra d’estate e lasciano filtrare il sole nel periodo invernale; e di piante

Cosa leggere A. Swentzell Steen, B.Steen, D. Bainbridge, D. Eisenberg

Le Case in Paglia Come costruire edifici, uffici, capanne o cottage sostenibili, economici, efficienti e sicuri utilizzando le balle di paglia Il Filo Verde di Arianna, 2013 Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

che producono frutti. Quello che si vuole creare è la cosidetta “foresta commestibile”: alberi, arbusti, cespugli, rampicanti, piante erbacee e funghi, che producano frutti dimenticati e frutti antichi. Tutti potranno accedere alla produzione del giardino e godere dei prodotti della terra utilizzabili in cucina, in erboristeria o come alimento per i nostri animali. Riproducendo quanto fa la Natura, realizzeremo un giardino autosufficiente, produttivo ed estremamente bello. Nella corte interna, creata fra l’edificio esistente e l’ampliamento, verrà realizzato un piccolo stagno, un bacino per raccogliere e filtrare l’acqua piovana, poi utilizzata per l’irrigazione dello stesso giardino. Il tutto pensato per creare un microclima ottimale, valorizzando al massimo gli spazi in cui viviamo e lavoriamo.

I progettisti Lo Studio Foschi è composto dai fratelli Luigi e Nicola, geometra e architetto appassionati di costruzioni in legno, grazie a un’infanzia vissuta fra le creazioni del padre falegname. Presente da oltre 15 anni nel settore dell’edilizia, lo studio è specializzato nella progettazione e realizzazione di edifici ad alta efficienza energetica. Nicola è architetto e Luigi, geometra e designer d’interni, è esperto certificato CasaClima J. (Bolzano). Entrambi appassionati di bioedilizia e architettura bioclimatica, propongono ai loro attenti clienti soluzioni innovative per abitare in modo sostenibile e in armonia con la natura. Ricevono su appuntamento a Cesena (FC). Per informazioni: studiofoschi.eco@gmail.com - Cell. 3395733261

ViviConsapevole.it 49


Che cos’è il Feng Shui? Questa antica scienza ci insegna a riconoscere e indirizzare l’energia degli ambienti in cui viviamo Loretta Zanuccoli per Eifis

I

Chakra sono sette centri di energia presenti nel corpo umano, essi assorbono Prana (Energia Vitale) dall’ambiente circostante, lo assimilano, lo “digeriscono”, lo trasmutano e lo inviano, attraverso le Nadi o Meridiani, a ogni singola parte del nostro corpo e della psiche, mantenendo il nostro corpo vivo e in salute. Anche i pensieri e le emozioni sono composti di energia, con densità e frequenza differente a seconda della qualità del pensiero e dell’emozione formulata. Tutto ciò che ci circonda è composto di Prana o Energia Vitale in forme e frequenze energetiche differenti.

Comprendere l’energia dell’ambiente

Comprendiamo quindi l’importanza del Feng Shui, ovvero l’antica Arte in grado di interpretare l’energia dell’ambiente in cui viviamo e di verificarne la salubrità. Il Feng Shui, attraverso regole energetiche ben precise, analizza la quantità e la qualità dell’Energia, o Prana, che ci circonda, valutando per esempio la qualità dell’energia del terreno su cui abitiamo o lavoriamo; ne valuta anche il movimento, la direzione, la possibilità di convogliarlo, incanalarlo o condizionarlo per

50 ViviConsapevole - Estate 2014

migliorare la qualità di uno o più ambienti. Seguendo le regole del Feng Shui possiamo determinare se in una certa zona vi sono energie telluriche adatte alla nostra vita, oppure energie non positive, magari più facilmente gestibili dalle api, dalle formiche, dai serpenti e dai gatti, ma che per gli esseri umani non sono vitali e non producono benessere. Secondo questa antichissima disciplina, anche la forma delle nostre abitazioni, la forma degli arredi e dei differenti complementi d’arredamento emettono energie benefiche, oppure emettono energie a cui non dovrebbero essere sottoposti esseri umani, o che non dovrebbero essere dirette verso organismi vivi. Per esempio, in Cina le energie prodotte da forme non salubri vengono chiamate “energie perverse”, poiché a lungo andare la loro azione sull’energia della nostra aura, e in seguito anche sul corpo e sulla psiche, produce diversi effetti nocivi: svuotare di energia alcune parti dell’aura, isolare troppo l’aura dall’azione nutriente dell’energia della Terra, spostare prevalentemente l’energia o verso la parte inferiore del corpo, oppure verso quella superiore, e molte altre situazioni non propriamente positive o vitali. La forma e il colore degli oggetti hanno un’azione

energetica indiretta, condizionandoci psicologicamente a un determinato modo di percezione del mondo che ci circonda. Un esempio: se per passare da una stanza all’altra, nonostante i due ambienti in comunicazione ci piacciano molto e ci facciano sentire a nostro agio, ci sono delle difficoltà anche lievi, ad esempio se l’apertura è troppo stretta o peggio la porta è troppo bassa in confronto alle nostre dimensioni, oppure se per superare l’apertura dobbiamo evitare, anche se per pochi centimetri, un ostacolo di qualsiasi natura, lentamente, ma gradualmente, si genererà una resistenza a passare attraverso questa porta. Ovviamente se dall’altra parte c’è qualche cosa di


Bio Architettura interessante o indispensabile per noi, troveremo la giusta carica per superare l’ostacolo, ma quando siamo stanchi o stressati e abbiamo meno risorse energetiche per superare gli ostacoli, anche un piccolo intralcio acquisisce la sua importanza e inconsapevolmente cambieremo il nostro comportamento cercando giustificazioni per non superare quell’apertura, oppure lo faremo portando oltre la porta del malumore, giustificandolo con elementi che altrimenti non avremmo nemmeno notato.

Consigli pratici per la propria abitazione

Nel Feng Shui tutto deve essere fluido e l’energia deve scorrere facilmente, esattamente come nel nostro corpo i diversi fluidi devono poter scorrere facilmente senza intoppi o rallentamenti. L’ambiente deve avere giuste energie dentro e fuori, e nonostante questo obiettivo uguale per tutti, deve potersi adattare alle differenti esigenze abitative che ognuno di noi ha, sia in termini economici sia architettonici. Meglio se intorno all’abitazione ci sono alberi, e anche all’interno trovare spazio per una pianta viva, anche se piccola, ci porterà energie vitali e ci “ricorderà” il nostro rapporto con la madre Terra e con tutti gli esseri senzienti. Se la pianta non si manterrà in salute vi rivelerà che nel posto in cui l’avete posizionata non vi sono sufficienti energie vitali per lei, forse è stata posta su di una zona tellurica non positiva, se spostandola anche di poche decine di centimetri non migliora vi sta segnalando che in tutta la stanza non vi sono sufficienti energie vitali. Nel Feng Shui molta attenzione viene data all’ingresso, sia dell’abitazione, sia del luogo di lavoro. Le energie che entrano in casa sono

Corso di Feng Shui con Loretta Zanuccoli 14 e 15 giugno 2014 Cervia (RA) Presso Hotel Universal Info: 0544 72215 – info@eifis.it

paragonate alle energie nutritive che facciamo entrare nel nostro corpo quando mangiamo. Così come dovremmo curarci del cibo che mangiamo per valore nutritivo e per purezza biochimica, allo stesso modo dovremmo curarci della qualità energetica che entra in casa nostra e viceversa, avendo l’ingresso posto in direzioni o luoghi sbagliati, di quali e quante energie fuoriescono senza controllo dalla nostra abitazione sottraendoci linfa vitale, per il corpo, la mente e per le relazioni. Il Feng Shui si occupa anche, pur avendo a disposizione un luogo positivamente energizzato, di come queste energie vengono gestite dai vari componenti della famiglia o del team di lavoro. A volte il luogo è sostanzialmente adatto, ma l’attitudine emozionale o mentale di chi lo occupa non è proficua e all’interno dei vari ambienti si generano stress, competizione ed energie negative che male interagiscono con l’energia dell’ambiente e con le esigenze energetiche delle nostre relazioni e della nostra aura. Il Feng Shui prevede tecniche di risanamento, fin dove ció è possibile, per trasformare un luogo inadatto in un luogo di pace, di prosperità e di benessere.

Acquistalo su Macrolibrarsi.it Mary Lambert Feng Shui. Per Vivere in Armonia nella Propria Casa 50 modi per trasformare velocemente la vostra abitazione, apportandovi salute, fortuna e ricchezza Armenia, 2007 Eva Wong Il Grande Libro del Feng Shui Mondadori, 2006

Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

ViviConsapevole.it 51


Shungite Élite:

la pietra di protezione per eccellenza Arcangelo Miranda per Gruppo Indivisibile

Portarla al collo, tenerla in casa e informare l’acqua: un minerale straodinario per riarmonizzare corpo e ambienti su frequenze di salute e guarigione

P

arlare di Shungite Élite, una speciale qualità di questa pietra portentosa, è affascinante quasi come averla tra le mani e toccarla. Il suo fascino proviene non solo dalla sua energia e dal suo speciale colore, ma anche dalle incredibile forme di taglio che essa possiede. Ciò che è fondamentale sapere è che quando si parla di Élite stiamo parlando del minerale praticamente puro, cioè contenente il 98-99% di carbonio-fullerene mentre il tipo immediatamente successivo (il Tipo2) ne contiene una quantità minore (intorno al 32-34%). La differenza fondamentale tra i due tipi è che, a livello di lavorazione, la Élite non può affatto essere lavorata in quanto è costituita di carbonio stratificato: ciò significa che se dovesse essere lavorata al tornio o con altri macchinari, si sbriciolerebbe (sfalderebbe) all’istante. L’unico oggetto che, in pratica, abbiamo disponibile è il pendente per il collo essendo solamente possibile poterla bucare per infilarle un anello di passaggio per un cordino. Inoltre mentre la Tipo-2 è comunque un materiale “raro” in quanto esistente in una specifica area intorno al lago Onega in Carelia (Russia), la Élite è ancora più rara perché esiste solo in un piccolo paesino del lago chiamato Shunga, proprio il posto che dà il nome alla shungite.

Perché e come usare la Élite?

Da quando l’uomo è sulla terra, che abbia abitato nelle caverne o sulle

52 ViviConsapevole - Estate 2014

palafitte, ha sempre perseguito lo scopo di migliorare la qualità della propria vita secondo una formula che potrebbe matematicamente essere espressa come: armonia + protezione = vivibilità (qualità della vita) Di fatto egli si è sempre dedicato alla salute e alla cura del proprio habitat, soffermandosi su armonia e protezione ambientale che sono due

sezione aurea, fino ad arrivare all’uso personale di strumenti che agissero direttamente sulla persona. Ecco che la Élite, come tutta la shungite, ha una caratteristica unica al mondo: è forse l’unica sostanza di cui non è possibile alterare la vibrazione naturale. È proprio grazie a questa caratteristica che si ritiene che essa abbia delle qualità terapeutiche. Molti di noi già sanno che oltre al corpo

La Shungite Élite è forse l’unica sostanza di cui non è possibile alterare la vibrazione naturale. È proprio grazie a questa caratteristica che si ritiene che essa abbia delle qualità terapeutiche

elementi imprescindibili tra loro, un po’ come nel Tao, poiché uno comprende sempre anche l’altro. Il Feng-Shui si occupa proprio di ottimizzare questa combinazione di fattori, cioè di mettere al posto giusto le cose giuste, considerando non solo l’estetica visiva, ma anche ciò che non è immediatamente percepibile dai sensi fisici: l’energia, quella vitale. Per i nostri progenitori era sì necessario cautelarsi dagli attacchi dei leoni e dei lupi per mezzo di semplici soluzioni meccaniche, ma senza mai trascurare le energie dell’ambiente, armonizzate per mezzo di potenti simboli di geometria sacra o di costruzioni rispondenti alla

fisico che vediamo, agiscono su di noi forze ed energie e il fatto di intervenire su queste energie consente al corpo fisico di ricevere benefici. Non solo l’organismo vivente ma qualsiasi cosa che esiste soffre, data la propria componente vibrazionale-energetica, di ciò che accade intorno, nel senso che gli eventi si imprimono nel campo energetico alterando la propria vibrazione naturale. Ma la Shungite ha questa abilità: la sua vibrazione naturale non si altera. Quindi proprio perché vibra in maniera originaria, il fatto di averla indosso tende a risuonare con le vibrazioni naturali dell’individuo rendendole


Bio Architettura nuovamente forti e forzando quindi la frequenza di malattia per riportarla in frequenza originaria, cioè quella di guarigione. Dopo 14 giorni che si indossa un pendente di Shungite si cominciano ad avere effetti di risonanza positiva sul corpo che lo ospita. Inoltre, l’avere una o più pietre di Shungite in casa porterà a una armonizzazione perenne.

La Élite per informare l’acqua

Informare l’acqua con la Shungite nera Tipo-2 potrebbe essere pericoloso a causa del contenuto di ossido di alluminio (Al2O3) che nella Tipo-2 arriva al 4%, quindi noi consigliamo l’uso della Shungite Élite per energizzare e informare l’acqua e di non usare la Tipo-2. La pratica di riporre pietre nell’acqua è antica quanto il mondo; tormalina, quarzo, pietra focaia, charoite e altre infinite pietre sono da sempre usate per attivare l’acqua per “risolvere” specifici problemi. Infatti ogni pietra è collegata a una caratteristica per cui ogni pietra “serve” a una determinata cosa. Ma la Shungite Élite è diversa: magari non servirà per tutti gli squilibri energetici, ma essa ha uno spettro d’azione che, mi azzarderei ad affermare, ricopre il 99% delle caratteristiche di tutte le altre pietre esistenti, nel senso che non ha una specificità.

Modalità di preparazione dell’acqua informata di Shungite Élite

La cosa è molto semplice: le proporzioni sono di 100 grammi di pietra per trattare un litro d’acqua. Quindi: - procurarsi 100 grammi di Shungite Élite per ogni litro d’acqua da trattare; - lavare le pietre al fine di eliminare eventuali residui; - riporre le pietre sul fondo di una caraffa secondo le proporzioni indicate; - versare la propria acqua preferita: acqua di sorgente, minerale o anche del rubinetto e lasciar agire la shungite per almeno 48 ore;

Per approfondimenti sulla Shungite

http://www.macrolibrarsi.it/ speciali/la-shungite-una-pietradi-vita.php http://www.macrolibrarsi.it/ speciali/dati-storici-sulleproprieta-della-shungite.php

- riporre l’acqua “informata” in recipiente adatto alla sua conservazione; - a questo punto si può ripetere la procedura in altre 48 ore. Cosa importante da dire è che, mentre alcune aziende venditrici consigliano di sostituire periodicamente le pietre di Shungite, noi possiamo serenamente affermare che fare ciò non serve affatto in quanto il minerale non perde mai le sue caratteristiche vibratorie. Tuttavia è necessario procedere a una corretta pulizia mediante spazzolamento con acqua e sapone almeno una volta al mese proprio per ripulire le pietre dai classici depositi melmosi che tenderanno a formarsi.

http://www.macrolibrarsi.it/ speciali/come-utilizzare-almeglio-la-shungite.php

Arcangelo Miranda Titolare del Gruppo Indivisibile che distribuisce sul mercato europeo prodotti in shungite col marchio Shungite International; il Gruppo Indivisibile è anche proprietario della IO SONO Edizioni, casa editrice che ha stampato il primo libro in italiano sulla Shungite dal titolo Shungite, pietra di protezione per eccellenza.

ViviConsapevole.it 53


Salviamo

l’Omeopatia In che modo il Ministero della Salute e l’Aifa stanno sabotando la circolazione dei rimedi Omeopatici nel nostro Paese: intervista al dottor Paolo Mosconi Valerio Pignatta

L’Omeopatia sta correndo oggi in Italia un pericolo consistente: la parificazione dei controlli tra farmaci allopatici e omeopatici portata avanti a livello istituzionale, con le conseguenti spese di registrazione, mette in serie difficoltà le case produttrici (specie se di piccole o medie dimensioni) e allo stesso tempo rende più complicato per i pazienti poter recuperare i rimedi e utilizzarli. Ne parliamo con il dottor Paolo Mosconi, Omeopata. Dottor Mosconi, lei suggerisce che la posizione di medici Omeopati e aziende produttrici è errata in partenza, ossia che sarebbe più opportuno affrontare la questione dal punto di vista della rivendicazione della libertà di scelta terapeutica che non perdere tempo in trattative sui costi di “legalizzazione” del rimedio omeopatico. Ci potrebbe illustrare meglio come si potrebbe agire nel senso da lei auspicato? Che la libertà di scelta terapeutica sia un diritto non c’è dubbio, ma non è questa la materia. Che l’Italia sia una volta di più in coda in Europa in materia sanitaria è un dato di fatto, che ci porta al nocciolo della questione. Il problema è che le leggi e le norme

54 ViviConsapevole - Estate 2014

Shutterstock: Copyright filmfoto

che governano e regolamentano la disciplina Omeopatica in Italia e anche in Europa sono prodotte da individui (conseguentemente da organismi di cui ricoprono funzioni) incompetenti a gestire la materia, per l’ignoranza completa della stessa sia dal punto di vista teorico sia dal punto di vista della pratica industriale, cioè della produzione. Incompetenza e superficialità sono la regola nella gestione istituzionale dell’Omeopatia. La confusione che ne deriva è ovvia conseguenza e il danno prodotto alla popolazione che utilizza

l’Omeopatia, ai professionisti che la praticano, alle aziende produttrici è gravissimo e ingiustificato. Si configura, per ignoranza e conseguente incompetenza, un danno alla salute pubblica gestito con colpevole superficialità dagli organismi che questa salute dovrebbero controllare e tutelare, partendo dal Ministero della Salute per arrivare al suo braccio esecutivo che è l’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). Nessuno, ho controllato personalmente, dei componenti delle commissioni sanità e dei funzionari


Medicina Olistica AIFA che si occupano della gestione dell’Omeopatia in Italia (anche in Europa c’è la stessa situazione) ha la minima conoscenza teorica e pratica della Materia Omeopatica né, nel corso di questi anni ho potuto verificare, si è preoccupato di procurarsela o quanto meno di utilizzare consiglieri competenti. Ad esempio, gli ispettori AIFA che effettuano controlli presso le aziende produttrici non hanno nemmeno una conoscenza di base minima di ciò che stanno ispezionando. Ciò che sto accennando è solo la punta dell’iceberg della mala gestione sanitaria in materia di Omeopatia. Io ho intrapreso un’azione legale contro il ministero della sanità e AIFA per ottenere soddisfazione e interrompere questa ingiustificata spirale asfissiante per pazienti, professionisti e produttori. L’obiettivo è quello di far gestire questo ambito sanitario da personale di provata competenza, ripristinando la disponibilità al paziente e al prescrittore della totalità della Materia Medica Omeopatica cioè della Farmacopea omeopatica (significa che in Italia attualmente è improbabile riuscire a trovare i rimedi Omeopatici di prima necessità e questa situazione deve essere rapidissimamente sanata). Quando è iniziato questo processo di svilimento e impoverimento dell’Omeopatia, e perché secondo lei? Ci sono opinioni diverse, ma possiamo datare l’inizio a quattro anni fa con la ratifica europea delle nuove normative sulla costruzione dei farmaci, che parificano gli Omeopatici e gli allopatici come procedura costruttiva. Un’altra corrente di opinione identifica l’inizio dell’attuale situazione critica nel momento in cui le grandi multinazionali hanno constatato il trend crescente del business Omeopatico. Una della argomentazioni preferite dai detrattori dell’Omeopatia è la cosiddetta mancanza di prove scientifiche che ne confermino l’efficacia.

Come si potrebbe obiettare a una posizione di questo tipo? Rispondere a questa domanda è veramente difficoltoso perché presuppone il colloquio con qualcuno che non ha la minima idea dell’argomento, perché nel caso contrario non porrebbe il problema. Accennerò solamente all’utilizzo dei rimedi Omeopatici in veterinaria e botanica, ai milioni di persone che utilizzano i rimedi omeopatici, alle migliaia di medici che li prescrivono, alle aziende, multinazionali e non, che li producono. Il punto di vista della classe medica sui rimedi Omeopatici è palesemente diviso. Da una parte ci sono sempre più medici che la abbracciano e dall’altra altrettanti che la ridicolizzano o la snobbano. Come tutte le “scienze”, anche la medicina in realtà non ha poi molti punti fermi e l’indottrinamento omologante trova fortunatamente un ostacolo nella libera espressione dell’intelligenza umana. Dove affondano le radici del monopolio dell’esercizio della professione medica? È possibile scardinarlo o indebolirlo? Ho da sempre sostenuto che la formazione universitaria sia il vero cardine della preparazione del medico. È facilmente deducibile che l’insegnante insegna ciò che sa, né potrebbe essere diversamente. È opportuno che l’università si apra all’insegnamento di tutte le metodiche mediche e che questo insegnamento sia gestito da docenti qualificati e non da millantatori approssimativi. Qual è la situazione dell’Omeopatia nel resto d’Europa? Esiste un “paradiso Omeopatico”? È sufficiente documentarsi sugli insegnamenti universitari nel resto d’Europa e sulla distribuzione dei praticanti nei vari Stati componenti, nonché sulle statistiche di utilizzo dei rimedi Omeopatici da parte delle varie popolazioni, per avere un quadro chiaro

della situazione nei vari Stati. Certamente, con queste poche righe, non si può considerare esaurito il filone: mi auguro costituiscano spunto per ulteriore informazione e approfondimento per chi diffonde e per chi legge. L’argomento è di interesse comune e le azioni che lo riguardano ci toccano tutti fino nell’intimo della salute del nostro nucleo familiare, baluardo di una società sana.

È possibile seguire il dottor Mosconi su Facebook https://www.facebook.com/paolo. mosconi.39 Cosa leggere Nicola Del Giudice, Marta Del Giudice Omeopatia La magia dell’acqua che cura Tecniche Nuove, 2014 Roberto Gava Approccio Metodologico all’Omeopatia Un Farmacologo risponde a 400 domande sull’Omeopatia spiegando come quando e perché rivolgersi a questa tecnica terapeutica e in quale modo risolvere tanti quesiti che possono sorgere durante la terapia. Salus Infirmorum, 2003

Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

ViviConsapevole.it 55


Fai il pieno di

energia

L’Ayurveda ci suggerisce buone abitudini quotidiane che possono aiutarci a ritrovare e aumentare la nostra energia Sebastian Pole per Pukka Erbs

L’

energia è la fonte della vita, ma dobbiamo essere in grado di alimentarla costantemente e di mantenerla a un alto livello. Ecco perché tutti noi amiamo vedere il sole che sorge, fare pasti regolari e frequenti pause, perché tutte queste cose ci aiutano ad avere più energia. Secondo l’Ayurveda l’energia proviene da cinque fonti principali: dal potere digestivo, dai livelli nutrizionali, dal respiro, dalla vitalità genetica personale e dal nostro stato d’animo. L’energia è influenzata anche da: età, sesso, tipo di esercizio, qualità del sonno, clima e periodo dell’anno; poiché i nostri livelli di energia sono determinati da tutti questi fattori, stiamo parlando di un aspetto davvero complesso della nostra vita per cui non può esistere un solo rimedio capace di aiutare tutti. Quello che possiamo fare è includere nella nostra routine giornaliera alcune abitudini in grado di aumentare il nostro livello energetico: buon riposo, buona digestione, buona alimentazione, buona respirazione, giusto esercizio e pensiero positivo.

Le abitudini che fanno la differenza

Anche alcune buone abitudini quotidiane possono aiutarci ad aumentare la nostra energia, ad esempio: • alzarsi presto la mattina (a meno che non siate ammalati o deboli); rimanere sdraiati a letto aumenta kapha, la qualità della “pigrizia”;

56 ViviConsapevole - Estate 2014

• fare una doccia calda frizionando la pelle con una spugna o una spazzola da bagno per stimolare la circolazione;

• fare un po’ di stretching o di yoga per favorire il libero fluire dell’energia (anche gli Esercizi di ricarica di Yogananda sono un’ottima pratica); fare qualche pratica di respirazione (pranayama) per portare più prana vitale in tutto il vostro sistema; • evacuare! Un intestino pulito vi aiuterà ad avere una mente chiara e a stimolare la digestione. Se il vostro intestino non è regolare potete prendere alcune erbe (come

ad esempio la Triphala) in grado di aiutare l’intestino senza creare dipendenza;

• mangiare un pasto caldo e nutriente che mantenga i livelli di zucchero nel sangue e vi garantisca energia per tutta la mattinata. Provate, ad esempio, il porridge biologico con mandorle a pezzetti, miele e olio di semi di canapa: un vero paradiso (ottimo il Chufli Yoga di Govinda);

• utilizzare un integratore digestivo prima di mangiare specie se avete una digestione lenta (la miscela Seven Seeds di Pukka è perfetta); • utilizzare un famoso rimedio ayurvedico chiamato Chywanaprash


Medicina Olistica

• andare a letto presto, preferibilmente prima delle 11 di sera. Questo vi consentirà di avere un’intera notte di riposo. Per avere un sonno profondo potete aiutarvi con un po’ di valeriana o con ashwagandha poco prima di coricarvi.

per garantirvi una meravigliosa energia e avere tutti i benefici di un tonico immunitario: un cucchiaino due volte al giorno con una bevanda calda nutre tutti i tessuti, rafforza il cuore e i polmoni, rinnova il sangue, protegge dai raffreddori e ha un sapore delizioso. Prendetelo a colazione oppure tra i pasti come delizioso energizzante;

• cercare di bere bevande calde e tisane a base di erbe durante il giorno: le bevande calde migliorano la digestione. Evitate troppa caffeina: essa, come tutti gli stimolanti, crea un picco immediato di energia che è però sempre seguito da una rapida diminuzione del livello energetico;

• mangiare durante la giornata includendo alimenti prevalentemente caldi. Se il cibo è caldo sarà più facile da assorbire e richiederà quindi meno energia al vostro corpo. Se vi sentite assonnati dopo aver mangiato, il cibo caldo è d’obbligo; • fare regolarmente un massaggio. L’olio nutre la pelle, elimina le tossine e rilassa profondamente. Una buona energia richiede anche un buon riposo e il massaggio aiuta moltissimo. Utilizzate un buon olio biologico di qualità; • prendere un integratore tonico soprattutto se avete una vita molto impegnativa dal punto di vista

energetico. Ashwagandha e Shatavari sono ottimi integratori ayurvedici “a tutto tondo” che vi aiuteranno a mantenere in salute l’intero sistema vitale e a tonificarlo. Questi rimedi contengono erbe che aiutano a ridurre gli effetti negativi dello stress, aiutano a liberarsi dalle tossine e a rafforzarvi ed energizzarvi; • trovare la serenità. Alcune pratiche vi saranno di aiuto: la meditazione può aiutarvi a raggiungere la pace della mente; ascoltare musica rilassante vi farà sperimentare un senso di pace interiore; condividere un’esperienza d’amore genererà un grande appagamento;

• divertirsi: non c’è niente come una bella risata e alcuni buoni momenti con gli amici per tenere alta la vostra energia;

Sebastian Pole È medico ayurvedico e direttore erborista di Pukka Herbs, che offre una linea ayurvedica e biologica al 100% di erbe, tè, tisane, oli, integratori alimentari. Tutte le erbe di questi prodotti vengono coltivate in piantagioni biologiche certificate gestite in modo equo e sostenibile, il meglio che la natura può offrire. Per ulteriori informazioni visita: www.innerlife.it.

L’energia vitale, proprio come il sole, va e viene. Il modo migliore per avere energia è quello di entrare in sintonia con le vostre esigenze quotidiane: dove utilizzate tanta energia di solito? Forse nel digerire il cibo? Oppure nella battaglia mentale per trovare appagamento? O forse non dormite correttamente? Qualunque cosa sia, cercate di aggiungere nella vostra vita quotidiana alcuni dei suggerimenti elencati qui sopra: sono sicuro che vi saranno di grande aiuto per ottenere l’energia e la salute che vi meritate!

Cosa leggere Gli esercizi di ricarica di Paramhansa Yogananda Libro + DVD Ananda Edizioni euro 18,00 Jayadev Jaerschky Respira che ti passa! Tecniche di respirazione per l’autoguarigione Libro + CD Ananda Edizioni euro 15,00

Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

ViviConsapevole.it 57


Moxa: tutti i benefici

dell’erba che brucia

La pratica antica a base di foglie di artemisia che cura diversi disturbi Romina Rossi

L

a moxibustione, o moxa, o moxaterapia, è una pratica millenaria non invasiva, caposaldo della Medicina Tradizionale Cinese, che permette di curare attraverso il calore: l’applicazione si basa infatti sugli stessi principi fondamentali e sugli stessi punti dell’agopuntura, sebbene la moxa sia addirittura più antica. Una nota curiosa riguarda l’origine del nome: sebbene sia di origine cinese, moxa è il nome che deriva dal giapponese Moe (bruciare) Kusa (erba), per cui, erba che brucia. In Occidente la moxa è praticata solo da qualche decina di anni – anche se la si conosce fin dal 700, “importata” da alcuni commercianti olandesi che avevano scambi con l’Oriente – ma in Cina testimonianze di questa pratica risalgono al II e I secolo a.C.: sono dell’epoca alcune descrizioni di questa tecnica, rinvenute in un libro di seta di materia medica. In altri libri successivi la pratica della moxibustione è indicata come terapia efficace soprattutto nelle fasi croniche della malattia e laddove altri trattamenti hanno fallito. Sappiamo da ritrovamenti archeologici che in passato la moxibustione veniva fatta con l’uso di ramoscelli e foglie secche, carbone di legna, zolfo o bastoncini di avorio. Oggi invece la cura a base di calore viene fatta esclusivamente per mezzo dell’Artemisia vulgaris (Assenzio cinese), una pianta arbustiva della famiglia delle Composite che cresce e si sviluppa nella maggior parte dei paesi dell’emisfero boreale.

58 ViviConsapevole - Estate 2014

In Italia ne esistono circa 20 specie, crescono nei terreni incolti e sul ciglio delle strade. Per la moxa ci si avvale del calore sprigionato dalle foglie della pianta essiccate e invecchiate per almeno 2 anni. Le foglie secche e triturate hanno una consistenza lanuginosa, motivo per cui assumono il nome di “lana di moxa”.

La moxa si può praticare con l’uso di: sigari di artemisia, lunghi circa 20 cm e con un diametro di 1-2 cm. Le foglie intere sono avvolte in carta di gelso imbibita di albume d’uovo, ricoperto da un involucro di carta. I sigari vengono usati tenendo la brace della punta a 2-3 cm di

l

La pratica della moxibustione è indicata come terapia efficace soprattutto nelle fasi croniche della malattia e laddove altri trattamenti hanno fallito


distanza dalla zona da trattare, senza arrecare bruciature; coni di artemisia, che impiegano la “lana” di artemisia, usata per il trattamento di moxa diretta, sempre meno diffusa, se non in casi eccezionali, che prevede di lasciare bruciare la lana fino a provocare piccole ustioni, e di moxa indiretta, in cui cioè la lana non viene messa a diretto contatto con la cute, ma accesa sopra a una fettina di zenzero, aglio o uno strato di sale, che aumentano l’azione riscaldante della moxa. La dimensione dei coni varia da quella di un grosso fagiolo a quella di un chicco di grano;

l

Sia che la usi da sola o insieme alla cristalloterapia o all’agopuntura, si sono riscontrati risultati positivi nei trattamenti di depressione, ansia, insonnia, mal di testa, raffreddore, asma, diarrea, emorroidi, cistite, faringiti, laringiti e flebiti

aghi dotati di piccole else che contengono la lana di moxa. Una volta incendiata la lana, il calore si propaga lungo l’ago fino ad arrivare agli strati cutanei.

l

Indipendentemente dalla tecnica usata, l’azione della moxa è simile: bruciando a una temperatura di 800°, le sostanze dell’artemisia, liberate durante la combustione, penetrano nella pelle e si diffondono in tutto il corpo, attraverso i meridiani – la rete di canali energetici che si diramano per tutto il corpo e sono collegati a organi e visceri – e i vasi sanguigni. Un recente studio su pezzi di carne morta – dove quindi meridiani e vasi non sono più attivi – ha evidenziato la presenza dei componenti dell’artemisia fino a 3 cm di profondità.

Cosa curare con il calore

La moxa – che è un trattamento indolore e non ha controindicazioni – è utile per curare una serie di disturbi, grandi o piccoli che siano, che possono compromettere il nostro benessere quotidiano. Sia che la usi da sola o insieme alla cristalloterapia o all’agopuntura, si sono riscontrati risultati positivi nei trattamenti di depressione, ansia, insonnia, mal di testa, raffreddore, asma, diarrea, emorroidi, cistite, faringiti, laringiti

e flebiti. Può essere usata come prevenzione nelle malattie influenzali, ma anche per tonificare e aumentare l’energia del nostro corpo. È un ottimo strumento terapeutico nei casi in cui si verifichino dolori articolari, in presenza di fratture e microfratture, cervicalgia, lombalgia, e le zone articolari in cui si è persa la sensibilità. In presenza di morsi di vipera, il calore della moxa riesce a denaturare la struttura molecolare del veleno, che diventa inefficace all’interno del nostro organismo. La moxa è efficace anche nelle donne incinte, laddove si riscontrano posizioni anomale del feto: in questo caso la pratica andrebbe effettuata alla 32ª o 34ª settimana di gestazione e non oltre. Non avendo controindicazioni, si può fare anche nei bambini. Attenzione però a non praticare la moxa in presenza di cisti, nei, verruche, vene varicose, aree infiammate e calde al tatto, in presenza di febbre o di tumori. Durante il trattamento, il terapeuta deve individuare i punti dei

meridiani da trattare e anche fare attenzione al modo in cui eseguirla: la moxa infatti può sia disperdere un punto – che risulta carico di energia bloccata che va liberata, ed è quindi in “pieno” – che per tonificarlo – in questo caso il punto ha bisogno di energia perché ne ha poca cioè è in “vuoto”. Generalmente, nel caso in cui un punto vada disperso il calore deve essere più intenso e la rotazione è in senso antiorario se si usano i sigari, mentre i coni devono essere pochi e di medie dimensioni in modo da bruciare più velocemente. Se il punto è da tonificare il calore sarà più moderato, il sigaro va ruotato in senso orario e i coni saranno più alti e stretti per bruciare più lentamente. Di solito, è preferibile praticare la moxa al mattino e non più di 3 volte a settimana: il sigaro o i coni vengono lasciati per un massimo di 5-10 minuti. Le persone con allergia alle Composite dovrebbero fare attenzione, poiché potrebbe creare reazioni allergiche.

ViviConsapevole.it 59


Colite

i rimedi naturali I consigli della naturopatia per la sindrome del colon irritabile Simona Oberhammer

P

ancia dolente, gonfia e tesa, periodi di stitichezza seguiti da giorni di diarrea, piccole fitte dolorose all’addome, gonfiore dopo i pasti (la pancia diventa come un “palloncino”): sono alcuni dei sintomi più comuni della colite spastica, detta anche sindrome del colon irritabile, un disturbo fastidioso e oggi in costante aumento, e le donne ne soffrono in misura doppia rispetto agli uomini. La sindrome del colon irritabile viene generalmente controllata con i farmaci antispastici che, se utilizzati in modo continuativo, possono allentare il tono muscolare e aumentare la tendenza alla stitichezza e all’accumulo di aria nell’addome. Inoltre, sebbene possano risolvere il sintomo, non guariscono la colite. La naturopatia offre rimedi molto efficaci per il colon irritabile: sono dolci, naturali e vantano l’assenza di tossicità.

Cosa mangiare quando il colon è irritato

L’alimentazione è molto utile per calmare il colon infiammato. Nel mio metodo di Naturopatia Oberhammer considero la dieta il passo fondamentale per risolvere il problema. Ecco alcuni consigli, da seguire fino a quando la mucosa del colon non sarà guarita. - Attenzione alle fibre! Quando il colon è irritato vanno utilizzate con attenzione: devono essere presenti nella dieta perché permettono una buona peristalsi intestinale e agiscono come spazzini, ma non bisogna eccedere

60 ViviConsapevole - Estate 2014

perché possono irritare l’intestino e peggiorare i sintomi. Evitare i cereali integrali (meglio il semi-integrale), gli alimenti addizionati di fibra, come certi biscotti o preparati per la colazione, e soprattutto gli integratori a base di fibra.

l Non eccedere con le verdure. La verdura va mangiata con moderazione, cioè evitando le insalatone miste. È utile anche limitare i vegetali molto ricchi di fibra grezza come carciofi, insalate coriacee, bietole in foglia o quelli che provocano fermentazioni intestinali come cavoli e cavolfiori.

Disintossica l’intestino per risolvere la colite e le intolleranze alimentari

In caso di colite è importante fare attenzione alle intolleranze alimentari, per esempio al lattosio, la più frequente. Però come naturopata voglio sottolineare che, se è vero che le intolleranze possono essere una causa del colon irritabile, spesso l’incapacità di tollerare certi cibi è collegata a un colon intossicato, pieno di scorie e rifiuti. Se l’intestino è carico di tossine queste agiscono “irritando” e congestionando la mucosa intestinale: la colite peggiora e molti cibi si digeriscono male. Nella mia esperienza ho constatato più volte che quando l’intestino viene purificato, molte intolleranze scompaiono, cioè si riescono a digerire bene alimenti che prima causavano disagi (sulla Disintossicazione Intestinale ho scritto un articolo su Vivi Consapevole n.32).


Medicina Olistica

La naturopatia offre rimedi molto efficaci per il colon irritabile: sono dolci, naturali e vantano l’assenza di tossicità

Cibi per la colite

Zenzero: carminativo, spasmolitico, calmante intestinale Carota: disinfettante e calmante intestinale Latte di mandorle: emolliente e calmante Mela: emolliente grazie alla pectina Bisogna anche fare attenzione agli ortaggi “pesanti” come i peperoni e i cetrioli. l Il lattosio può essere la causa. Uno degli alimenti a rischio per chi soffre di colite è il latte. Molte persone che pensano di avere il colon irritabile in realtà sono intolleranti al lattosio. I latticini freschi e lo yogurt invece sono meno pericolosi, perché il lattosio non è presente in gran quantità nei derivati. Se togliendo il latte la colite non migliora, si può passare alla fase successiva che prevede l’eliminazione di tutti i latticini per un certo periodo. Se non ci sono ancora miglioramenti, in linea di massima non è il lattosio la causa del colon irritabile.

l I legumi irritano il colon. Consiglio di ridurre i legumi (fagioli, ceci, lenticchie, piselli) in caso di colite: tendono a fermentare, causando la produzione di gas e la dilatazione delle pareti intestinali e quindi il dolore. Molte persone li consumano passati e in questo modo sono più tollerati. Però nella mia pratica di naturopata ho notato che i legumi causano problemi in qualsiasi modo vengono consumati. lNon fare pasti troppo abbondanti. Se l’organismo deve digerire una grossa quantità di cibo, il sistema digestivo viene iperstimolato e la colite peggiora: meglio fare pasti più piccoli e più frequenti, piuttosto che pasti importanti, molto distanti l’uno dall’altro. lMangiare lentamente. Inghiottire i bocconi poco masticati e mangiare velocemente peggiora la colite. l Ridurre caffè, te e altri irritanti: tutti gli alimenti con azione irritante come il caffè, il té nero, la cioccolata, gli alcolici vanno limitati quando il colon è irritabile.

Un aiuto dalle piante e dagli integratori

I rimedi naturali più utili in caso di colite sono le piante ad azione antispasmodica, antinfiammatoria e quelle ricche in mucillagine. Ecco alcuni esempi che utilizzo nella mia pratica di naturopata. l Boswellia serrata: è antinfiammatoria. Gli studi scientifici riportano che il suo principio attivo, l’acido boswellico, inibisce la

biosintesi delle molecole infiammatorie sia in caso di problemi articolari sia di infiammazioni di vario tipo, come la colite. Consiglio però di scegliere prodotti titolati, cioè con la presenza del principio attivo garantita. l Tisana di semi di lino: emolliente, sfiammante e regolarizzatrice dell’intestino. Preparazione: semi di lino dorati (non quelli marroni) 1 cucchiaino, acqua 250 ml; versarli in acqua e far bollire 3-4 minuti. Filtrare subito e bere tiepida. l Angelica archangelica T.M. (Tintura Madre): è ricca in allicina ed è distensiva sulle pareti dell’intestino e calmante degli spasmi dolorosi. Assumere 40 gocce, diluite in un poca d’acqua, prima dei pasti. l Vitamina C: è necessaria per la guarigione delle mucose.

Simona Oberhammer Naturopata, specializzata in nutrizione e idrocolonterapia (USA). Ha ideato diversi metodi. Tra i principali: Naturopatia Oberhammer®, naturalmente sani, La Via Femminile®, un percorso per le donne. È autrice di diversi libri. Per maggiori informazioni: www.simonaoberhammer.com www.facebook.com/ naturopatiaoberhammer

ViviConsapevole.it 61


Oro Rosa Proprietà e benefici del sale rosa dell’Himalaya Claudia Mengoni

I

l sale rosa viene estratto dalle pendici del massiccio montuoso himalayano, dove è rimasto intrappolato dopo il prosciugamento del mare primordiale. Questo tipo di sale è l’unico ad avere in natura un contenuto di cloruro di sodio superiore al 90%, inoltre è ricco di tutti gli 84 oligoelementi di cui il nostro corpo ha bisogno, nelle giuste proporzioni e in forma biodisponibile. Non solo, il momento in cui si è formato il sale himalayano (oltre 250 milioni di anni fa) garantisce la totale assenza di elementi inquinanti. Questo sale si distingue anche all’aspetto fisico: il suo colore può andare dall’arancione al rosa pallido, fino a raggiungere un bianco brillante e naturale nella sua qualità più pregiata: il sale Halithe. Il colore dipende proprio dagli oligoelementi ivi presenti, e in particolare da ferro, iodio e rame. Il sale himalayano può essere utilizzato in diversi modi: quello più semplice è per cucinare, in sostituzione del normale sale marino che siamo abituati

62 ViviConsapevole - Estate 2014

a utilizzare tutti i giorni. 
Infatti insaporisce di più rispetto al sale comune ed è velocemente assimilabile dall’intestino, inoltre limita la ritenzione idrica e l’ipertensione. Ma perché limitarsi a questo?

Bagni di sale per la bellezza della pelle

Il sale himalayano offre le sue qualità migliori nella vasca da bagno: prova a effettuare un bagno in una soluzione salina all’1% (1 kg di sale in 100 litri d’acqua). Fai attenzione a utilizzare acqua il più possibile vicina ai 37° del corpo umano: il sale ha la capacità di mantenere la temperatura costante a lungo. Durante il bagno non utilizzare saponi, o bagnoschiuma, e dopo il bagno non sciacquare la pelle, ma limitati ad asciugarla con delicatezza. Durante il bagno il sale si deposita sullo strato più esterno della pelle: in questo modo la pelle non si inaridisce, per questo motivo il bagno salino è

molto indicato anche a coloro che hanno la cute secca. Ma soprattutto la pelle riesce a reintegrare i minerali persi nella vita di tutti i giorni, mentre le tossine accumulate vengono espulse per osmosi. Un bagno salino di 30 minuti equivale all’azione disintossicante di una dieta di 3 giorni. Inoltre la luna nuova intensifica l’effetto disintossicante mentre la luna piena aumenta l’assimilazione delle sostanze nutritive e dell’energia del sale.

Saponette di sale per un peeling profondo

Esistono anche saponette di sale, utili per esercitare un’azione più vigorosa sulla pelle. Possono essere utilizzate sulla pelle umida per l’igiene quotidiana grazie alle proprietà disinfettanti del sale, ma non aspettarti la schiuma: solitamente si tratta di sale puro al 100%. Anzi, queste saponette vanno utilizzate con delicatezza: i granelli di sale strofinati direttamente


Salute Naturale

Consigli per l’acquisto Sale Halite dell’Himalaya. Diamante di Sale Disponibile in pietre e fino Ananda Inner life Saponetta Barra Rettangolare ai Cristalli di Sale Himalayano Bio Luce

Inalatore Salitair con Sale Himalayano Aiuto naturale in caso di asma, allergie e altri disordini respiratori Ananda Inner Life

Sali da Bagno Himalayano. Purezza Senza coloranti e senza profumi Ananda Inner Life

Lampada di Sale Himalayano Disponibile in diverse misure Herboris Orientis

Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

sulla pelle esercitano una profonda azione di peeling, eliminando le cellule morte e stimolando la circolazione sanguigna.

Cuscini per i dolori articolari e i traumi

I cuscini riempiti di sale rosa dell’Himalaya possono essere raffreddati in freezer e appoggiati sulla parte dolorante per alleviare traumi, infiammazioni o febbre, o riscaldati nel forno per contrastare i dolori articolari. Il sale ha la capacità di mantenere la temperatura a lungo, quindi si potrà trattare la zona interessata per tutto il tempo necessario. Inoltre l’utilizzo del cuscino lascia una piacevole sensazione di benessere.

Lampade di sale per contrastare l’inquinamento elettromagnetico

Il sale himalayano può anche essere utilizzato per contrastare l’inquinamento elettromagnetico, a questo scopo le lastre di sale estratte sulle pendici dell’Himalaya vengono scheggiate e intagliate a mano per realizzare lampade.

Queste lampade, quando sono in funzione, rilasciano ioni negativi, che purificano l’aria e contrastano gli ioni positivi emanati dagli elettrodomestici. Per questo motivo spesso vengono collocate vicino a televisori e PC. Oltre a ciò queste lampade offrono una luce bellissima, calda e avvolgente, che stimola il rilassamento e la gioia di vivere. Un effetto benefico sia a livello materiale sia emozionale!

Claudia Mengoni Prima ha preso una laurea in Archeologia, che riteneva indispensabile per comprendere quale fosse stato il percorso dell’uomo del passato e come si fosse arrivati all’uomo moderno. Poi si è avvicinata al mondo dell’autoproduzione e della decrescita per capire dove andrà a finire l’umanità. Lavora in Macrolibrarsi da quasi un anno: si occupa della presentazione dei prodotti sul sito internet. Continua a vedere il futuro come un posto bellissimo...

ViviConsapevole.it 63


Bere acqua…

purché alcalina La salute dipende anche dal tipo di acqua che beviamo

La redazione

E

ssendo fatti di acqua, bere è molto importante per noi. Diversi studi hanno dimostrato che un apporto giornaliero insufficiente di acqua è causa di malattie e disturbi. Un’idratazione adeguata mantiene idratate le cellule e il pH del sangue in equilibrio. È la base, in sostanza, del buon funzionamento del nostro organismo. L’acqua a però non è tutta uguale, e a seconda del suo pH può avere effetti diversi sul fisico: per una corretta salute dovremmo bere acqua alcalina.

Il giusto pH del nostro sangue

Il nostro sangue ha un equilibrio acido base, cioè un livello di acidità compatibile con lo svolgimento delle principali funzioni metaboliche, fra i 7,35 e i 7,45. Purtroppo gran parte della nostra alimentazione – carne, pesce, uova, latte e derivati, zucchero bianco, cereali raffinati – sono acidificanti; mentre frutta e verdura sono alcalini. Oltre al cibo anche farmaci, fumo, inquinamento, ansia, stress, emozioni forti (rabbia, paura…) contribuiscono ad aumentare l’acidità. Di conseguenza l’organismo genera maggiore acido (acido lattico, acetico, carbonico, grasso, urico) che danneggia le cellule, che invece sono leggermente alcaline. Di fronte a questo aumento di acidità il nostro organismo ricorre a dei “meccanismi tampone”, prelevando i minerali dalle nostre riserve, con il conseguente indebolimento degli organi, la demineralizzazione delle ossa e l’indebolimento delle difese immunitarie. Gli organi più colpiti dall’acidità sono infatti i più attaccati dalle infezioni. A lungo andare ciò crea dei veri e propri disturbi alla salute, fra cui acidità di

64 ViviConsapevole - Estate 2014

L’acqua dovrebbe essere nostra alleata per mantenere un corretto equilibrio acido-basico, evitando che il nostro organismo debba ricorrere ai “meccanismi tampone”

stomaco, difficoltà a digerire, stitichezza, colesterolo, grasso corporeo, cellulite, disturbi cardiovascolari, infiammazioni, osteoporosi e persino l’infarto. Se il livello di acidità scende sotto il pH 7, si possono manifestare il coma e la morte. Oltre a correggere l’alimentazione il più possibile e curare le emozioni, l’acqua dovrebbe essere nostra alleata per mantenere un corretto equilibrio acido-

basico, evitando che il nostro organismo debba ricorrere ai “meccanismi tampone”, che se da un lato ci salvano la vita, dall’altro creano gli effetti collaterali che abbiamo menzionato. Bisogna però fare attenzione al suo valore di pH.

Cos’è l’acqua alcalina

Al fine di essere buona e salubre, l’acqua che beviamo dovrebbe avere un pH


Salute Naturale superiore a 7 (9 è valore ottimale); in questo caso si dice che l’acqua è alcalina. Le acque del rubinetto contengono cloro e a volte anche agenti inquinanti; quelle in bottiglia sono acque “morte” e talvolta addirittura acide. Un pH dell’acqua troppo basso danneggia il nostro corpo, perché concorre a creare acidità. L’acqua alcalina invece contiene minerali – calcio, magnesio e potassio – che servono al nostro corpo, quindi funge da rifornimento ideale, poiché essendo disciolti in acqua sono meglio assimilabili. In sostanza, l’acqua alcalina aiuta a depurare il corpo, ristabilisce l’equilibrio acido-base del sangue e degli organi e a restare in salute. L’acqua alcalina si ottiene attraverso il processo della elettrolisi oppure anche con metodologia naturale: in entrambi i casi viene innalzato il pH, si inverte la carica dell’acqua da positiva a negativa e vengono rotti i legami dei cluster – l’insieme delle molecole – che, anziché raggruppare fino a 20 molecole o oltre, vengono ridotti a 6 o a 4. L’acqua così microstrutturata è in grado di idratare, apportare ossigeno e sali minerali necessari alle nostre esigenze. Oltre a essere buona da bere, l’acqua alcalina è ottima anche per cucinare.

Acqua ionizzata e acqua alcalina

Spesso si sente parlare di acqua ionizzata e alcalinizzata: i due concetti, pur essendo complementari, sono però distinti. L’acqua può essere alcalina ma non ionizzata: lo è solo se si usa uno ionizzatore, che la rende antiossidante, cioè con un orp negativo. Ionizzare l’acqua è molto importante perché gli antiossidanti combattono l’azione negativa dei radicali liberi; un’azione quindi ancora più importante del pH basico dell’acqua. Ribadiamo che esistono due sistemi per ionizzare l’acqua: l’elettrolisi e la ionizzazione naturale. È bene inoltre specificare che né il processo di alcalinizzazione né di ionizzazione purificano l’acqua, quindi nella scelta di uno ionizzatore – elettrico o naturale – andrebbe fatta molta attenzione a come viene purificata l’acqua.

Cosa leggere Ben Johnson I benefici dell’acqua alcalina L’importanza dell’equilibrio acido-basico per la nostra salute Punto d’Incontro, 2013 Robert O. Young, Shelley R. Young Il miracolo del pH alcalino Bilanciate la vostra dieta, recuperate la vostra salute Bis Edizioni, 2010 Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

Vediamo i più comuni metodi per ionizzare e alcalinizzare l’acqua. l I onizzatori. In commercio ne esistono di diversi tipi per depurare l’acqua e renderla alcalina. Si collegano direttamente al rubinetto e non richiedono grande manutenzione, se non la sostituzione del filtro periodicamente. Negli ionizzatori con elettrolisi, l’acqua viene prima depurata attraverso dei filtri con carboni attivi che neutralizzano i metalli pesanti e le sostanze tossiche e allo stesso tempo, la arricchiscono di calcio. A questo punto l’acqua viene divisa in due componenti: acqua ionizzata alcalina ottima per bere e cucinare, e acqua ossidata a basso pH, che può essere utilizzata per lavare i pavimenti o per le stoviglie. Nella ionizzazione naturale, invece, non abbiamo acqua acida perché la ionizzazione avviene “per contatto” con minerali e tormaline: in pratica viene riprodotto “in piccolo” ciò che avviene in natura. lF  iltri ionizzatori. È un filtro trasportabile e più economico dello ionizzatore, con un funzionamento simile a quello di un normale filtro. Versata l’acqua attraverso il filtro, si attende qualche minuto prima di berla. È meno completo ed efficace però dello ionizzatore. lG  occe di pH alcalino concentrato Aiutano a equilibrare il fisiologico rapporto acido-base. Si possono usare con tutte le acque minerali (ma non quelle gassate) e di rubinetto normale e filtrata, purché con poco bicarbonato. In genere bastano 5-6 gocce per alcalinizzare 1,5 l di acqua. Le gocce però non ionizzano l’acqua.

ViviConsapevole.it 65


Perché scegliere

l’acqua alcalina ionizzata? La redazione per Hydro Filter

Abbiamo scambiato con Roberto Ancarani (risparmioesalute.it), responsabile comunicazione Hydro Filter, alcune battute sull’informazione dell’acqua alcalina ionizzata in Italia. Hydro Filter

L’

acqua alcalina ionizzata, grazie soprattutto al passaparola, si sta indubbiamente diffondendo, eppure l’informazione sui mezzi di comunicazione tradizionale è lacunosa o addirittura assente... La ionizzazione dell’acqua ha una durata molto limitata, due o tre giorni al massimo, per cui non è possibile imbottigliare l’acqua alcalina: no business (in bottiglia), no informazioni. Per fortuna allora esiste la risorsa del web! Magari fosse così: in realtà, in questo settore, esiste una vera e propria “babele del web”. Cosa intende dire? L’acqua alcalina ionizzata porta indubbi benefici, ma non può essere propagandata quasi come “miracolosa”, come invece fanno diversi distributori, non si è credibili. Dall’altro lato, personaggi che pure sembrerebbero a prima vista autorevoli parlano di “bufala”, con argomentazioni che però li rendono ancora meno credibili. Ci può fare un esempio? Una argomentazione comune dei detrattori, in sintesi, è questa: il nostro sangue ha un pH 7,35/7,45 e

66 ViviConsapevole - Estate 2014

non può discostarsi da questo range, quindi pretendere di alcalinizzare il sangue con l’acqua alcalina non solo è impossibile, ma risulterebbe pure pericoloso. In realtà l’acqua alcalina non va assolutamente a incidere sul pH del sangue, ma concorre (assieme ad alimentazione e stile di vita corretti) a mantenere un buon equilibrio acido-basico nel nostro organismo, condizione basilare per ridurre il ricorso ai cosiddetti “meccanismi tampone” (messi in atto proprio per evitare l’acidificazione del sangue) che possono causare effetti collaterali (colesterolo, acido urico, osteoporosi. etc). Sembrerebbe quindi impossibile, per chi si sta avvicinando alla conoscenza dell’acqua alcalina ionizzata, poter attingere a informazioni corrette. Non è così, basta prendere le informazioni dalle persone giuste. Vale a dire? Cercate due, tre, dieci persone che possiedono uno ionizzatore e bevono acqua alcalina, chiedete se sono soddisfatti. Quando ascolterete due, tre, dieci volte la stessa risposta, allora comprenderete bene che scelta effettuare per il vostro benessere. Come diceva Galileo Galilei, in certi casi “un’esperienza vera vale più di mille ragioni”.

Hydro Filter è un prodotto Made in Italy, progettato e costruito per garantire funzionalità, sicurezza e qualità. I purificatori d’acqua Hydro Filter erogano acqua batteriologicamente pura e priva di inquinamenti chimici grazie alla cartucce chimiche Pasteur-Chamberland che filtrano l’acqua come avviene in natura. Questo sistema di filtrazione brevettato e approvato dal Ministero della Sanità non modifica le proprietà naturali dell’acqua, mantenendo inalterati i sali minerali, assolutamente necessari all’organismo.

Cosa leggere Sang Whang Invertire l’Invecchiamento Macro Edizioni, 2006

Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433


Educazione

prenatale Come la madre può incidere positivamente sul bambino sin dalla gravidanza Bianca Buchal per Uno Editori

L

a gravidanza è il periodo dei nove mesi di formazione del bambino, che può essere determinante per il resto della sua vita. Infatti, se cosciente delle doti che la Natura le ha dato, con le sue manifestazioni di amore, di dolcezza e di tenerezza verso il piccino che tiene in grembo, la mamma può trasmettergli numerose impronte molto importanti, tutte positive, che gli potranno servire tutta la vita. La madre è colei che ha la possibilità di fare del suo bambino una persona equilibrata, dotata di tutte quelle caratteristiche che faranno di lui un uomo buono, bravo, socievole e amante della Pace. Caratteristiche che, se sommate a quelle di infinite altre creature educate nello stesso modo da madri altrettanto consapevoli delle loro doti e delle loro capacità, potranno portarci verso un mondo migliore. Sarà bene parlare al bambino, cantare per lui, fargli ascoltare musiche, preferibilmente di Mozart e Vivaldi, leggere favole e poesie facili. Potrà collaborare in questo senso anche il papà, per farsi conoscere. Espressioni e manifestazioni amorevoli da parte di entrambi i genitori saranno sempre gradite e apprezzate, ben sapendo che il bambino assorbe e registra nella sua memoria cellulare tutto quello la mamma fa, pensa e prova, come sensazioni e sentimenti, nonché ciò che avviene nell’ambiente circostante.

Sarà bene, comunque, fare in modo che al bambino non giunga mai nulla di negativo. l periodo prenatale può avere enormi ripercussioni sull’esistenza di un individuo: tutto dipende dalla Donna. Se ella è consapevole del compito che la Natura ha dato solo a lei – la Maternità – può fare miracoli. Infatti, durante la gestazione, il legame fra madre e nascituro è così forte e diretto che la trasmissione dell’attività mentale, spirituale ed emotiva della madre, che dovrebbe essere sempre di alta qualità, può determinare sia la salute che l’equilibrio psico-fisico del bambino. Il ruolo dell’Educazione prenatale nello sviluppo delle società umane è quello di imprimere nella psiche del futuro individuo, sin dal periodo prenatale, la capacità di mettere a frutto tutte quelle caratteristiche e quelle doti che gli verranno insegnate durante la gestazione e che faranno di lui una persona rispettabile, sensibile, pronta a vivere in seno all’umanità nel rispetto di tutto e di tutti, dotata di quei sentimenti che faranno di lui un esempio per le generazioni successive e della propria vita un periodo positivo, esemplare, basato sulla chiarezza, sull’amore, sull’onestà e la sincerità, degno di essere vissuto.

Bianca Buchal si definisce così: “Sono un’anziana signora milanese e mi occupo da molti anni della vita prenatale”. Negli ultimi decenni ha tradotto dal francese, dal tedesco e dall’inglese libri e testi di conferenze e ha partecipato a seminari e iniziative didattiche. Ha dato lo spunto per parlare agli studenti delle scuole medie e superiori della “Procreazione consapevole” con l’approvazione del Ministero della Salute. Per alcuni anni ha rivestito la carica di Delegata per l’Italia dell’O.M.A.E.P. (Organisation Mondiale des Associations pour l’Education Prénatale) con sede in Francia”

Cosa leggere Bianca Buchal Gravidanza Consapevole Il compito della donna: costruire un mondo migliore Uno Editori, 2014

Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

ViviConsapevole.it 67


Placenta, albero della vita

Marianna Gualazzi

L’ostetrica Linda Manduchi ci spiega che cos’è la placenta, quali sono le sue funzioni e il profondo legame tra mamma e bambino da essa rappresentato

«E

cco, questa è la placenta, guarda com’è bella!»: le parole dell’ostetrica Monica risuonano ancora precise nella mia mente. Avevo da poco dato alla luce mia figlia, quando Monica mi mise tra le braccia, in un catino che era stato preparato apposta per contenerla, la placenta che per nove mesi aveva fatto da tramite tra me e Ginevra. Era in effetti bellissima: un albero, un fungo, una medusa, assomigliava a tante cose eppure aveva il fascino dell’ingoto, dell’incredibile e del soprannaturale. Pochi giorni dopo la placenta di Ginevra è stata seppellita nel giardino della casa dei miei genitori, in un rituale casalingo che ha coinvolto nonni, bisnonni e zii. Sopra di essa abbiamo piantato un arbusto di mirto, che ora, a cinque anni di distanza è diventato forte e rigoglioso e dalle cui bacche abbiamo ricavato un ottimo liquorino! Di fianco al mirto, da due anni, cresce un alberello di ibisco: è la pianta del mio secondo figlio Francesco, sotto la quale abbiamo seppellito la sua placenta. Questo ibisco ha una storia particolare perché è una pianta nata da una talea che aveva fatto mio nonno, scomparso due mesi prima della nascita di Francesco: il fatto che bisnonno e pronipote non si siano conosciuti in vita è per me fonte di grande tristezza, eppure so per certo che quell’albero li lega in qualche modo. Prima di lasciarvi alla bella intervista all’ostetrica Linda Manduchi, che ha assistito il mio secondo parto, voglio raccontarvi di quanto i miei bimbi siano legati alle loro piante: quando li porto dai nonni le vanno sempre a visitare, le toccano e ne sono in qualche modo

68 ViviConsapevole - Estate 2014

attratti. Se ne prendono cura innaffiandole, guidati dalla bisnonna. Mi piace pensare che la loro placenta viva ancora in questi alberi, che li nutra e che sia un tramite non dimenticato, ma anzi venerato e rispettato, tra questo mondo e un altro, di cui non abbiamo più memoria e nel quale, forse, siamo destinati a ritornare.

La nascita Lotus

Per Lotus Birth si intende la nascita in cui il cordone ombelicale non viene reciso, ma rimane attaccato alla placenta fino a quando non si stacca spontaneamente dall’ombelico del bambino.

Che cos’è la placenta e come si forma? Definire la placenta è molto semplice se ci soffermiamo alla definizione scientifica: si tratta di un organo altamente differenziato che svolge numerose e importanti funzioni. Fa parte degli annessi embrio-fetali insieme alle membrana, al liquido amniotico e al funicolo (cordone ombelicale). La placenta si forma dalle stesse cellule dalle quali deriva l’embrione: possiamo dire che embrione e placenta hanno la stessa derivazione genetica. Dopo la fecondazione dell’ovulo da parte dello spermatozoo, iniziano una serie di moltiplicazioni e divisioni cellulari complesse, atte a differenziare parte delle stesse cellule in placenta e altre in feto. Questo processo crea allo stesso tempo una struttura di collegamento, il cordone ombelicale. La placenta è un vero e proprio organo che completa la sua formazione nei primi 3-4 mesi di gravidanza, tiene separato il sangue

materno da quello fetale anche se permette lo scambio tra i due attraverso la barriera placentare. La placenta crea un rapporto intimo tra mamma e bambino, fatto di scambi. A fine gravidanza arriva a pesare 500-600 gr, ha forma discoide e la parte rivolta verso il bambino può assomigliare per chi osserva d un bellissimo albero dai numerosi rami. Quali sono le sue funzioni? Attraverso la placenta si crea un passaggio continuo e ininterrotto di ossigeno, sostanze nutritive, anticorpi e ormoni e allo stesso tempo viene allontanata


Pianeta Donna l’anidride carbonica e le sostanze di “rifiuto”. Da questo si può capire come la placenta svolga tante funzioni: diventa polmone, fegato, rene, sistema ormonale, stomaco. Cosa possiamo fare per contribuire al buon funzionamento della placenta durante la gravidanza? Durante la gravidanza, sin dalle primissime settimane è necessario assecondare ciò che gli ormoni (progesterone) determinano. Fondamentalmente è sufficiente cogliere gli stati fisici ed emotivi: la grande stanchezza data dall’azione di alte concentrazioni di progesterone, la necessità di aumentare le ore di sonno, la necessità di rallentare i ritmi di vita per dare la possibilità alla placenta di mettere “radici profonde” all’interno della parete dell’utero. Se la placenta è unita saldamente all’utero quindi alla madre, si creano delle buone basi per la gravidanza. Uno stile di vita sano è l’altro elemento che può aiutare il buon funzionamento della placenta in quanto lo stress cronico è un nemico della gravidanza. Lo stress cronico stimola l’asse ipotalamo-ipofisisurrene con l’aumento della secrezione di cortisolo, sia da parte della mamma, sia da parte del feto-bambino, con effetti negativi. Tutto ciò si potrebbe tradurre in un parto prematuro o nella nascita di bimbi a basso peso; oppure tanto cortisolo potrebbe portare alla nascita di bambini molto agitati perché il loro imprinting prenatale è stato caratterizzato da alti livelli di questo ormone. Quindi cosa può aiutare la mamma durante la gravidanza? Sicuramente il rispetto dei suoi tempi, l’ascolto di se stessa e del bambino, il rilassamento, la meditazione, lo yoga, l’esercizio fisico e non ultima l’alimentazione sana. Che cosa accade alla placenta a parto concluso? Quando il bambino nasce in ospedale, avvenuto il secondamento (ovvero il

distacco della placenta dall’utero e la sua fuoriuscita dai genitali esterni) la placenta viene smaltita nel rifiuti organici in quanto materiale organico di rifiuto. Quando la nascita avviene a casa, la placenta si riappropria del suo valore in quanto organo della stessa derivazione genetica del feto/bambino e come tale non viene cestinata: spesso i neo genitori la sotterranno e sopra di essa piantano un albero.

macro librarsi.it Libri

Musica

Video

Bio-Shop

Eventi

Ordinare è Facile, Comodo, Conveniente e Sicuro Numero Verde

www.macrolibrarsi.it

800 800 089 974 433 001 ordini@macrolibrarsi.it Lun / Ven 9:00 - 18:00 Fax: 0547 345091

Cosa leggere Ibu Robin Lim Il Chakra Dimenticato. Il Libro della Placenta Come far nascere senza traumi e in salute il proprio bambino Macro Edizioni & Uno Editori, 2013 Simona Oberhammer

Shivam Rachana Lotus Birth: il Parto Integrale Nati con la Placenta! Amrita, 2005

Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

Intervista a Linda Manduchi Abbiamo intervistato Linda Manduchi Ostetrica libera professionista con alle spalle vent’anni di esperienza. Si occupa di sostegno alla mamma e alla coppia in gravidanza, assiste il travaglio in casa e il parto a domicilio. Opera in Romagna e zone limitrone. Per contatti: ostetricalindamanduchi.it

Ginnastica intima per le donne Riscopri la tua femminilità con il Metodo Gymintima®

Cos’è la ginnastica intima? È un tipo di movimento che si indirizza alle parti più nascoste del corpo femminile, non visibili ma percepibili da ogni donna. Un insieme di tecniche piacevoli e rilassanti, e anche divertenti. Richiedono poco tempo. Alcuni esercizi, detti “invisibili”, puoi addirittura eseguirli mentre stai facendo altro, ovunque sei. I benefici sono davvero tanti. Concepito dalla dottoressa Simona Oberhammer, il programma è stato elaborato attraverso la sua esperienza di naturopata e ricercatrice ed stato sperimentato con tantissime donne che hanno imparato il metodo.

Libro – Pag. 180 – Prezzo € 16,50

ViviConsapevole.it 69


Pillola sì,

pillola no

Quali esami pianificare e cosa sapere prima di assumere un contraccettivo ormonale

V

ista la disinformazione fornita dai media sui contraccettivi ormonali, abbiamo pensato di interpellare la dottoressa Marialessandra Panozzo, ginecologa omeopata e psicoterapeuta, per rivolgerle alcune domande relative all’opportunità, in caso di assunzione di un farmaco anticoncezionale (pillola, ecc.), di dover effettuare alcuni esami clinici preliminari, utili al fine di ridurre le possibili controindicazioni. La dottoressa Panozzo ci spiega l’azione di questo farmaco e le precauzioni da adottare prima di assumerlo. Dottoressa Panozzo, esistono degli esami clinici a cui le donne dovrebbero sottoporsi prima di iniziare ad assumere un contraccettivo ormonale come la pillola anticoncezionale? Sì, ci sono degli esami di routine che devono essere prescritti a qualsiasi persona voglia iniziare a prendere la pillola, per controllare che non abbia dei deficit di partenza. Vanno effettuati, sostanzialmente, il controllo del fegato, della funzionalità renale e, soprattutto, della coagulazione del sangue che è quella che viene alterata più facilmente, quindi l’omocisteina,

70 ViviConsapevole - Estate 2014

la proteina c e la proteina s, l’esame del colesterolo e dei trigliceridi e deve essere accertato che la persona non soffra di ipertensione. Questi sono gli esami essenziali che devono essere fatti prima che la persona inizi a prendere la pillola e che andranno poi ripetuti dopo 3-4 mesi di assunzione, per controllare che i valori non siano stati alterati dalla pillola stessa.

Laura Gabrielli

Per essere considerati dei soggetti a rischio, alla familiarità di quali malattie o disturbi bisognerebbe fare attenzione? Sicuramente ai tumori al seno, in primis. L’aumento di incidenza di tumori al seno, in donne che utilizzano la pillola per più di 4-6 anni, è stata dimostrata da svariate ricerche. Inoltre, va considerata la familiarità per le

Chi è Marialessandra Panozzo Ginecologa, omeopata e psicoterapeuta vive e lavora a Prato come libera professionista. È responsabile dal 2003 dell’ambulatorio di omeopatia per la donna della ASL 2 dell’Ospedale di Lucca. Si occupa da anni della salute della donna dalla maternità alla menopausa attraverso l’omeopatia, l’alimentazione e lo stile di vita; convinta che la vita sia un continuo processo di crescita e cambiamento segue le donne nelle fasi delicate accompagnandole con le terapie complementari. Ha scritto tre libri: Osteoporosi e Menopausa (entrambi Giunti Demetra) e Candida: cure naturali e alimentazione per AAM Terra Nuova (www.ginecologiaomeopatica.it). Da anni organizza con il gruppo Condividendo (www.condividendo.it) la festa del Ben-essere a Villa Montalvo (Campi Bisenzio, Firenze): anche quest’anno il 31 maggio e 1 giugno nella villa ci saranno conferenze sul tema del benessere, mercato biologico, ristorante, trattamenti olistici di prova, attività da sperimentare.


Shutterstock Copyright: Pressmaster

Pianeta Donna

Acquistalo su Macrolibrarsi.it Jane Bennett, Alexandra Pope ABC per la Donna in Piena Salute La pillola nuoce gravemente alla salute Macro Edizioni, 2013 Miranda Gray Luna Rossa Capire e usare i doni del ciclo mestruale Macro Edizioni, 2011 Loredana Lipperini Ancora dalla Parte delle Bambine Feltrinelli, 2010 Alexandra Pope

vene varicose e la trombosi (in quanto l’assunzione della pillola ne aumenta il rischio) e, con il passare dell’età, la familiarità a ipertensione o ictus. Quali ripercussioni potrebbe avere, anche a livello energetico, e quindi di benessere generale, sospendere per un lungo periodo (a volte anni) l’ovulazione e, quindi, il ciclo naturale della donna? A parte i danni fisici di cui si è già parlato (l’aumento di rischio di tumori, pressione alta, malattie metaboliche, alterazioni della glicemia ecc.) il problema più i portante è che, quando una persona smette la pillola, se l’ha usata per molti anni, le ovaie fanno molta fatica a ricominciare ad ovulare regolarmente, portando, ad esempio, difficoltà nel caso di desiderio di una gravidanza. Ci sono persino donne che smettono di prendere la pillola a 45 anni e poi entrano in menopausa direttamente, perchè le ovaie non riescono più a riprendersi. Per noi omeopati la pillola cambia lo stato energetico della persona (questo

accade con molti altri farmaci) per cui si sviluppano facilmente dei sintomi emotivi che, peraltro, sono riportati nel foglietto illustrativo: diminuzione del desiderio, irritabilità, depressione. Questo cambiamento energetico porta la donna ad ammalarsi più spesso delle sue malattie, cioè di quelle che, per lei, sono le malattie più frequenti, quelle che dipendono dai suoi organi più deboli. Chi si ammalava spesso di tonsilliti, ad esempio, se prende la pillola si ammala ancor di più. Chi, prima, soffriva di mal di testa, potrebbe manifestare episodi di mal di testa più intensi e frequenti. Anche le vaginiti molto spesso aumentano. Questo perchè il blocco di una funzione fisiologica, come quella delle mestruazioni e dell’ovulazione, blocca a livello energetico tutto l’organismo. Per cui, molte patologie diventano, poi, croniche proprio per un problema di energia dell’organismo a livello profondo.

Alexandra Pope Mestruazioni La forza di guarigione del ciclo mestruale dal menarca alla menopausa Aam Terra Nuova, 2007

Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

Laura Gabriellli Da circa 25 anni si occupa di pianficazione familiare naturale, con l’ausilio degli apparecchi BabyComp per il controllo della fertilità della donna. Questo lavoro le permette di essere in continuo dialogo con medici, naturopati, ostetriche e operatori del benessere, in un percorso di continua formazione sul campo. Dal 2010 è parte attiva nella redazione del blog babycompitalia.blogspot.it in cui vengono raccolti articoli, interviste e testimonianze sul benessere naturale femminile. L’obiettivo finale è quello di permettere alle donne di vivere in modo più sereno la femminilità, la sessualità, la gravidanza e il parto.

ViviConsapevole.it 71


Erboristeria casalinga,

solari e dopo-sole Preparare prodotti semplici e salutari per proteggere e nutrire la pelle esposta al sole

S

e per prendere il sole vi piace affidarvi alle ricette “della nonna”, dovete fare molta attenzione: non tutto quello che è naturale è anche sano, e alcuni “intrugli” fatti in casa possono essere decisamente pericolosi. In primo luogo durante l’esposizione al sole non bisogna usare prodotti che contengono oli essenziali di agrumi come arancio, limone, mandarino e in

72 ViviConsapevole - Estate 2014

particolare quello di bergamotto perché sono foto sensibilizzanti. Alcune piante particolarmente rischiose sono la ruta, il fico e il prezzemolo, che non vanno mai usate in ricette per cosmetici solari. Anche il succo di limone va evitato, così come la birra. Un altro punto importantissimo è la conservabilità: l’olio solare fatto in casa, privo di conservanti, va tenuto in un contenitore ermetico di vetro

Giulia Sama

scurissimo o meglio opaco, e non va lasciato a lungo al sole o aperto. Questo per evitare contaminazioni, ma anche per proteggere i grassi dall’ossidazione: un olio solare, per quanto “naturale”, se irrancidisce invece di proteggere la pelle potrebbe irritarla e innescare una reazione a catena di formazione di radicali liberi. La regola è: mai usare l’olio solare fatto in casa dell’anno prima!


Bellezza Naturale

Olio solare abbronzante

Ingredienti per 500 ml di olio solare 500 ml (2 tazze circa) di olio di sesamo spremuto a freddo 2 cucchiai di curcuma in polvere 1 cucchiaio di mallo di noce in polvere.

Versate l’olio in un barattolo con coperchio ermetico e mescolatevi la curcuma e il mallo di noce. Chiudete e lasciate a macerare per una settimana, agitando il barattolo una volta al giorno. Travasate l’olio in una bottiglia di vetro scuro, avendo cura di non smuovere la polvere che si sarà depositata sul fondo del barattolo, e tappate la bottiglia.

Come si usa

Si usa come un comune olio solare, stendendolo sulla pelle in piccola quantità prima di esporsi al sole. Per renderlo ancora più emolliente e per non lasciare la pelle unta va applicato sulla pelle bagnata.

L’olio di sesamo contiene un filtro solare naturale mediamente protettivo, sufficiente per le pelli scure o già leggermente abbronzate. Inoltre è ricco di grassi benefìci e sostanze nutrienti e restitutive. La curcuma aumenta l’effetto protettivo ed è ricchissima di curcumina antiossidante che evita l’irrancidimento dell’olio. Il mallo di noce fornisce un’ulteriore protezione contro le radiazioni solari e dona alla pelle una leggerissima sfumatura ambrata già prima che ci si abbronzi “sul serio”. Essendo un olio vegetale è sempre bene usarlo negli orari consigliati per l’abbronzatura, sapendo che può donarci un’abbronzatura da urlo, ma anche, col tempo, rovinare la pelle.

Impacco rinfrescante al cetriolo

Ingredienti per una applicazione: uno o più cetrioli

Sbucciate il cetriolo, frullate la polpa e filtratela attraverso un colino fitto, raccogliendo il succo in una terrina. Come si usa Immergete un pezzo di ovatta nel succo di cetriolo, appoggiatela sulla zona da trattare e lasciate agire per una decina di minuti, quindi sciacquate con acqua fredda e asciugate tamponando delicatamente, senza strofinare. Si usa per gli occhi gonfi e arrossati, per la pelle irritata dal vento e dallo smog, per rinfrescare la pelle che scotta per il troppo sole. Il cetriolo è una delle piante più note per il loro effetto delicatamente astringente e lenitivo. L’impacco si può ripetere anche più volte al giorno, secondo le necessità.

Gel doposole ai semi di lino

Ingredienti per circa 250 ml di gel

250 millilitri di acqua 1 cucchiaio colmo di semi di lino 1 cucchiaio di oleolito di iperico 1 cucchiaio di oleolito di calendula 15 gocce di olio essenziale di finocchio. La sera mettete a bagno i semi di lino nell’acqua, coperti. Il giorno dopo mettete al fuoco i semi con la loro acqua, portate a ebollizione, abbassate il fuoco e fate cuocere per cinque minuti. Spegnete, coprite e lasciate intiepidire.

Aggiungete l’olio e frullate il tutto alla massima velocità per un paio di minuti. Aggiungete l’olio essenziale e frullate ancora. Filtrate il composto passandolo attraverso una garza e spremendo bene il residuo. Versate in una vaschetta per fare i cubetti di ghiaccio, coprite con della pellicola per alimenti e mettete nel congelatore. Quando i cubetti sono solidi chiudeteli in un sacchetto di plastica. Si conserva nel congelatore per 5 o 6 mesi. Se non volete congelare il gel, potete conservarlo per 3 o 4 giorni in frigorifero, in un barattolo chiuso. Come si usa Fate scongelare un cubetto, quindi applicate il gel ancora freddo sulla pelle massaggiando delicatamente. Lenitivo e rinfrescante, si applica alla sera, dopo la doccia o il bagno.

Lozione rinfrescante all’aloe vera Ingredienti

½ tazza di gel di aloe vera bio 1 cucchiaio di infuso di camomilla 1 cucchiaio di vitamine E (tocoferolo) 2 gocce di olio essenziale di menta. Mescolare gel di aloe vera e camomilla. Scaldare dolcemente a bagnomaria, senza portare a ebollizione per un minuto. Raffreddare completamente. Aggiungere la vitamina E, l’olio essenziale e mescolare. Versare in una bottiglia pulita con un coperchio a chiusura ermetica. Per un effetto di raffreddamento, posizionare la bottiglia in frigorifero per raffreddare la lozione prima dell’uso. Come si usa: Applicare con un bel massaggio su tutto il corpo o nelle zone desiderate.

Giulia Sama Sin da piccola è sempre stata attratta dai fiori e dagli alberi, passione che l’ha portata a iscriversi alla facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali, laureandosi in Scienze naturali con il massimo dei voti. È referente naturalistica del Club Alpino Italiano, sezione di Cesena, con il quale svolge corsi di escursioni e fotografia naturalistica (altra sua passione). Ha studiato da autodidatta la fitoterapia e le più svariate discipline olistiche ,approfondendo così le proprie conoscenze naturalistiche. Attualmente presso il Macrolibrarsi Store di Cesena, e nel tempo libero fa lunghe passeggiate in montagna e cucina deliziosi piatti vegan.

ViviConsapevole.it 73


Olio di cocco,

elisir di bellezza

Come usare questo magnifico olio, vegetale al 100%, per la tua cura personale

l Come maschera nutriente per i capelli e sostituto del balsamo

Applica l’olio di cocco partendo dal cuoio cappelluto con un leggero massaggio di qualche minuto e prosegui su tutta la lunghezza del capello, ti consiglio di inumidire leggermente il cappello così da far assorbire il prodotto e ottenere un’idratazione migliore. L’impacco con

74 ViviConsapevole - Estate 2014

l’olio di cocco va tenuto in posa almeno 30 minuti, una o due volte a settimana: io lo faccio due volte a settimana prima di lavarmi i capelli. Torno a casa alla sera, mi vesto comoda e mi faccio l’impacco ai capelli, dopodiché inizio a preparare la cena così, nel frattempo, mi occupo anche della cura dei miei capelli (a noi donne piace fare più cose contemporaneamente). Quando tutto è sistemato, dedico il resto della serata a una calda e rigenerante doccia e lavo i capelli ormai ultra nutriti e lucenti. Se non hai voglia di lavarti i capelli la sera puoi tenere l’impacco per tutta la notte e lavarli la mattina seguente, in questo caso ti consiglio però di avvolgere la testa in una cuffietta da bagno o in un asciugamano di cotone per evitare di maccchiare/ungere il cuscino. I capelli sono una parte del nostro corpo molto delicata che andrebbe curata più spesso e con prodotti di qualità: questo potrebbe essere il modo migliore per iniziare a farlo. Lo consiglio sopratttutto a tutti coloro che hanno problemi di forfora. Il risultato è miracoloso anche per i capelli secchi o danneggiati da tinture, riflessanti, per i pidocchi e altri parassiti. l Al posto della crema corpo, prima e dopo il bagno

Diversi studi e ricerche hanno confermato che l’olio di cocco è un ottimo idratante per la nostra pelle. Distribuito su viso e corpo prima o

Nei bambini, per calmare le irritazioni da pannolino e dermatiti si può aggiungere qualche goccia di olio di cocco nella vasca del bagnetto

Le proprietà dell’olio di cocco

Diverse ricerche hanno dimostrato che l’uso regolare di olio di cocco può aiutare a prevenire e diminuire anche la comparsa di macchie dell’età, rughe, psioriasi, eczema, dermatiti e smagliature. Questo risultato è ottenuto grazie alle proprietà antiossidanti dell’olio di cocco e del suo ingrediente chiave l’acido laurico. L’acido laurico combatte l’ossidazione dei grassi polinsaturi e delle proteine dall’attività dei radicali liberi che proliferano con l’invecchiamento e con l’esposizione ai raggi solari.

S

e ti dico olio di cocco a cosa pensi? Ti dico a cosa ho pensato io: sole, caldo, mare, palme da cocco... e una pubblicità degli anni Ottanta che sponsorizzava un abbronzante miracoloso a base di questo ingrediente. Devo ammettere che in questi anni ho avuto una visione limitata di questo olio magico e ho scoperto con grande sorpresa, grazie alle tante informazioni che si trovano in internet e alla saggezza di una cara amica, le sue tantissime applicazioni per la bellezza naturale. L’olio di cocco è magico perché si tratta un unico prodotto, per di più naturale, che va a sostituire tanti prodotti specifici per la cura del corpo: è pratico (tanti prodotti in uno) ed economico. Ora voglio raccontarti come utilizzo l’olio di cocco, che è diventato un ingrediente fondamentale delle mie giornate. È importantissimo sottolineare che per essere utilizzato come prodotto di bellezza questo olio deve essere puro al 100%, pressato a freddo e possibilmente biologico.

Erica Gattamorta


Bellezza naturale dopo il bagno e la doccia, in piccole quantità, si assorbe magnificamente e la rende elastica, senza ungere troppo, lasciandoti una sensazione di morbidezza e un gradevole profumo di sole sulla pelle. l Prima della doccia, concediti un leggero massaggio con olio di cocco prima del bagno o della doccia, per rilassare mente, corpo e spirito. Questo massaggio consentirà all’olio di penetrare in profondità e proteggere la pelle. Dopo il bagno è importante asciugarsi tamponando leggermente la pelle, senza strofinare. Il risultato è sensazionale, credimi, la pelle avrà preso nuova vita e risulterà piacevolmente vellutata, idratata ed elastica. Se preferisci un bagno rilassante, aggiungi poche gocce d’olio nell’acqua per coccolarti e immergiti in una fragranza tropicale: manterrai la pelle elastica e riuscirai a prevenire la comparsa di smagliature l Dopo il bagno o la doccia coccolati con un leggero massaggio su viso e corpo (se la pelle rimane leggermente umida si ottiene un miglior risultato) usando l’olio di cocco al posto della crema idratante.

l Per idratare il viso Al mattino, appena svegli, non è male lavarsi il viso con un tocco esotico, no? Ti assicuro che è un ottimo inizio. Spalmati sul viso un bell’impacco di olio di cocco e risciacqua con abbondante acqua tiepida, tampona per asciugare, non strofinare (mi raccomando) e continua a massaggiare per qualche secondo il viso: effetto lifting, provalo subito! Ottimo anche per le labbra screpolate, basta applicare un leggero strato di olio di cocco sulle labbra ogni volta che si ha quella sensazione di secchezza.

Medicina Olistica

macro librarsi.it Libri

Musica

Video

Bio-Shop

Eventi

Ordinare è Facile, Comodo, Conveniente e Sicuro Numero Verde

800 800 089 974433 001 Lun / Ven 9:00 - 18:00

www.macrolibrarsi.it ordini@macrolibrarsi.it Fax: 0547 345091

l Come struccante:

delicato ma infallibile!

Inoltre l’olio di cocco rimuove perfettamente il trucco, anche quello più resistente. Usalo su un batuffolo di cotone e con movimenti delicati porta via ogni traccia di trucco. È infallibile anche con il mascara waterproof. Quando la pelle sarà ben pulità, lava il viso con acqua tiepida e applica nuovamente l’olio: avrai un risultato sorprendente in termini di pulizia e idratazione. È stato bello condividere in questo articolo la mia esperienza con voi, ora non vi resta che acquistare subito questo elisir di bellezza! Buona estate e un abbraccio a tutti.

Kokosol Nativ. Olio di Cocco Barattolo 200 g Rapunzel

Olio di Cocco Vergine Barattolo 300 g Pukka l’Ayurveda Biologico

Come conservare l’olio di cocco Sotto i 20 gradi l’olio di cocco tende a indurire, prendendo la consistenza di un burro. In inverno l’olio di cocco, che si trova in commercio solitamente in barattolo di vetro, può essere conservato fuori frigo, purché in un luogo abbastanza fresco. In estate è meglio conservarlo in frigorifero, per evitare che irrancidisca. Per portarlo alla consistenza liquida basta scioglierne una una noce sfregandola tra le mani. Per utilizzarne quantità più considerevoli, si può sciogliere l’olio a bagno maria.

Olio di Cocco bio Barattolo 340 ml Panela

Erica Gattamorta Grafica di ViviConsapevole, da sempre appassionata di fitness, salute naturale e bellezza, ama realizzare da sé prodotti per l’igiene della casa e della persona. Adora la cucina naturale e i viaggi.

ViviConsapevole.it 75


Odiosa

cellulite

Alimentazione, movimento e rimedi naturali: un mix di successo per prevenire e ridurre gli inestetismi della cellulite Francesca Rifici

Quando si parla di cellulite, tutti sappiamo a cosa si fa riferimento. Gli inestetismi della cellulite sono fonte di disagio per molte donne, le quali risultano più colpite rispetto agli uomini. Perché colpisce di più le donne?

La cellulite è un fenomeno che implica un alterato ricambio del tessuto sottocutaneo e si forma con l’accumulo di grasso, acqua e scorie di rifiuto, ovvero tossine. Il tessuto connettivo direttamente coinvolto non drena correttamente queste sostanze al suo interno; queste, accumulandosi, si comportano come spugne che assorbono acqua e scorie in maggiori quantità. Per questo si creano i gonfiori e la caratteristica pelle “a buccia d’arancia” di cui molte donne hanno diretta esperienza. Nella donna le riserve adipose sono pari al 24%, mentre quelle maschili si aggirano attorno al 10-11%. Un altro fattore di predisposizione, oltre alla maggiore percentuale di grasso, è dato nella donna dalla presenza determinante degli estrogeni, gli ormoni femminili per eccellenza, direttamente implicati nell’aumento di grasso sottocutaneo. Le cause eziologiche che portano allo sviluppo della cellulite sono, inoltre,

76 ViviConsapevole - Estate 2014

Alimenti SI

Verdura in quantità; Pesce, soprattutto quello azzurro; Cereali in chicco

Alimenti NO

Cibi raffinati; Caffè e cioccolato; Alcol e fumo di sigaretta; Carboidrati (pane bianco, pasta, biscotti, cracker). da ricercarsi in quegli organi che si occupano del metabolismo degli zuccheri (la milza in primis) e della depurazione dalle tossine, primo fra tutti, il fegato. L’asse milza-fegato governa il nostro apparato digerente e per questo il suo funzionamento dev’essere quanto più efficiente possibile. Importanti sono, infine, i canali che trasportano linfa e sangue che devono essere anch’essi depurati e ripuliti.

Camminare, la prima medicina

Tutti noi sappiamo che un’alimentazione corretta e del sano esercizio fisico sono sinonimo di buona salute. Si deve però tener presente che esistono persone il cui terreno risulta più fertile alla cellulite e che, a parità di buona condotta, sussistono differenze nei risultati. Questo non deve far demordere chi la cellulite la conosce e la vive

direttamente, anzi, a maggior ragione dev’essere uno stimolo ad applicarsi maggiormente per prevenire e curare questo tipo di disturbo. Un importante rimedio per contrastare l’insorgenza della cellulite è senza dubbio il movimento: il fenomeno della stasi infatti, lo stare fermi o in una medesima posizione per lungo tempo (in piedi o seduti), favorisce nettamente il ristagno di liquidi. Non tutte le attività fisiche però sono consigliate per drenare gli accumuli di cellulite in eccesso. La più indicata è senza dubbio la più semplice e istintiva che conosciamo: camminare. Quando camminiamo ogni muscolo del nostro corpo si attiva, il ritmo è regolare e non ci sono sforzi violenti o impatti forti sul terreno, come nel caso della corsa. Il corpo è in posizione verticale e questo permette un maggior fluire di sangue dall’alto


Bellezza Naturale verso il basso e viceversa, a differenza di una corsa in bici in cui il corpo è seduto e il sangue circola con maggior sforzo nel corpo.

Cosa sono i drenaggi Il drenaggio è un metodo terapeutico studiato e praticato dal medico Antoine Nebel. Si tratta di preparati liquidi a base di fitoterapici. Si utilizzano rimedi vegetali definiti canalizzatori che agiscono sugli organi intasati da tossine e residui metabolici. La loro azione è quella di attivare quelle funzioni che “eliminano”, per creare vie d’uscita dall’interno verso l’esterno di tossine e metaboliti, stimolando l’attività sia degli emuntori principali (reni, fegato, colecisti, intestino, pelle, polmoni) sia degli altri organi (pancreas, arterie, cuore, vene). L’attività di questi rimedi è in perfetta sintonia con il principio universale dell’arte di Guarire: curare dal profondo verso la superficie.

Camminando si attiva direttamente quello che viene definito microcircolo venoso, poiché i piedi svolgono la funzione di un secondo cuore presente nell’organismo: ogni qualvolta viene effettuato un passo, la spinta propulsiva rilasciata fa sì che il piede-cuore pompi il sangue verso l’alto più velocemente e con più forza.

Mangia che ti passa

È poi senz’altro indispensabile seguire uno stile alimentare sano, con il giusto apporto di sostanze nutritive. Per contrastare la cellulite è sicuramente consigliato non consumare cibi che favoriscano l’accumulo di grasso corporeo o il ristagno di liquidi e tantomeno cibi che contengono tossine per il nostro corpo. È bene evitare cibi raffinati, sostanze acidificanti quali caffè, alcolici, cioccolato e fumo e limitare al minimo il consumo di carboidrati, preferendo il consumo del cereale in chicco, biologico e non raffinato chimicamente. A questo si aggiunge un consumo costante e quotidiano di verdura, con un rapporto tre volte superiore rispetto agli altri cibi (proteine o carboidrati). Gli acidi grassi non devono mancare nella dieta: è consigliato consumare pesce, specie quello azzurro perché ricco di omega 3 che contrasta gli stati infiammatori presenti nei tessuti del corpo.

I rimedi naturali Piante officinali abbinate fra loro quali il carciofo, il tarassaco, la betulla, il vaccinium myrtillus, la centella asiatica svolgono triplice azione depurativa del fegato, favorendo l’eliminazione di tossine in eccesso e drenando i canali sanguigni e linfatici. Tutte queste azioni, fra loro abbinate, permettono di ottenere il risultato prefissato: contrastare la cellulite e prevenirne la formazione. Il quadro si completa effettuando almeno una volta l’anno (preferibilmente in primavera) un drenaggio del tessuto connettivo seguito poi da un drenaggio più mirato del microcircolo venoso.

Acquistalo su Macrolibrarsi.it Emanuela Sacconago Cellulite Addio Red Edizioni, 2011 euro 9,90

Biosnel 100% Naturale Integratore Contrasta efficacemente gli inestetismi della cellulite Salugea - euro 19

Decotto di Betulla Estratto di foglie di bettulla e succo di limone senza zucchero per purificare l’organismo Weleda - euro 13,20 Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

Francesca Rifici Laureata in scienze politiche a indirizzo sociologico, è studiosa e appassionata di naturopatia da anni. Attualmente iscritta all’ultimo anno dell’istituto di Medicina Naturale di Rimini, ha scritto articoli per il web su portali che si occupano di benessere e salute, ed è operatrice olistica durante l’annuale fiera BioSalus a Urbino, in cui ha presentato e praticato riflessologia plantare e iridologia, di cui tutt’ora si occupa. Per contatti: francesca.rifici@yahoo.it

ViviConsapevole.it 77


Tutti pronti

per la prova costume? Disintossica l’organismo e combatti la ritenzione idrica con gli estratti secchi di Betulla, Ortica, Ananas, Garcinia, Salsapariglia, Vite Rossa e Goji La redazione per Salugea

P

elle a buccia d’arancia, ritenzione idrica e cellulite sono gli storici nemici della nostra bellezza fisica. È necessario innanzitutto comprendere la natura della comparsa di questi aspetti per affrontarli e sconfiggerli definitivamente. Ecco un percorso a tre step per sconfiggere queste problematiche e rifiorire nella forma desiderata.

Attenzione allo stile di vita

Eccessi alimentari, stress, fumo, cattive abitudini nutrizionali e sedentarietà sono alcuni dei fattori alla base dello squilibrio che causa ritenzione idrica e cellulite. Le cellule adipose del derma, ingrossandosi, compromettono la funzionalità della rete vascolare e linfatica, e rendono sempre più difficoltoso lo scambio di nutrienti e scarti metabolici nei tessuti. Questo rallentamento procura gonfiore e infiammazione. Rifletti sul tuo stile di vita, poni fine alle cattive abitudini, arricchisci la tua alimentazione di frutta e verdura freschi, riduci al minimo il consumo di cibi raffinati e preconfezionati. Premesso ciò, ecco come procedere per “smaltire il traffico”, drenare i liquidi in eccesso, sfiammare e riportare equilibrio nel derma, per ridare alla pelle un aspetto sano.

78 ViviConsapevole - Estate 2014

Rifletti sul tuo stile di vita, poni fine alle cattive abitudini, arricchisci la tua alimentazione di frutta e verdura freschi, riduci al minimo il consumo di cibi raffinati e preconfezionati


Acquistalo su Macrolibrarsi.it

Secondo Step: combattiamo l’infiammazione

l

La cellulite è innanzitutto uno stato infiammatorio. L’infiammazione può essere affrontata in modo completamente naturale, e gli estratti secchi di Ananas e Vite Rossa ci aiutano in questo senso. L’Ananas in particolare migliora la circolazione e lo scambio vascolare e linfatico. L’estratto secco di Vite Rossa, oltre ad essere un eccellente antinfiammatorio naturale, ha effetto tonico e vasoprotettore sul sistema circolatorio. l l

Primo Step: diuresi e depurazione

La cellulite è paragonabile a una circostanza di traffico intenso e bloccato. La rete vascolare e linfatica è congestionata. Gli scambi non avvengono in modo fluido e regolare. Il primo passo è quindi assumere estratti vegetali con proprietà diuretiche, in grado di favorire la circolazione, drenare e depurare. Betulla, Ortica e Salsapariglia sono preziose in questa fase per l’incremento della diuresi e dell’allontanamento delle tossine. Drenare i liquidi e depurare l’organismo in profondità costituiscono infatti il primo indispensabile passo per aiutare il nostro organismo a ritrovare il suo naturale equilibrio.

Terzo Step: segreti brucia-grassi

Antico segreto fitoterapico bruciagrassi è la Garcinia che, grazie all’acido idrossicitrico naturalmente contenuto, riduce l’accumulo adiposo e stimola il senso di sazietà. Il Goji, antico frutto tibetano dalla potente azione antiossidante e dermoprotettiva, è l’ultimo alleato che chiamiamo in causa nella terza fase. Ha un basso indice glicemico, e si caratterizza anch’esso per il suo eccellente effetto saziante. È ricco di antocianine, che contrastano gli accumuli di grasso nell’organismo. È l’alleato di bellezza numero uno, poiché, grazie al suo articolato e inimitabile complesso nutrizionale, non solo migliora l’aspetto della pelle, ma rinforza anche le unghie e i capelli.

Cellulite e Ritenzione Idrica BIOSNEL Salugea Fitoterapico 100% naturale a base di estratti vegetali di Ananas, Garcinia, Salsapariglia, Vite Rossa e Goji. € 19,00 - 62 capsule vegetali (1-2 mesi di trattamento)

Diuresi e Depurazione DIURESAN Salugea Fitoterapico 100% naturale a base di estratti vegetali di Verga d’Oro, Ortica, Betulla e Frassino. € 19,00 - 62 capsule vegetali (1-2 mesi di trattamento)

Segreto brucia-grassi ESTRATTO DI GOJI Prima Qualità Salugea Multivitaminico energizzante 100% naturale, favorisce la perdita di peso. € 24,00 - 62 capsule vegetali (1-2 mesi di trattamento) Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

ViviConsapevole.it 79


I chakra: le ruote di luce Riequilibrare queste fonti di energia fa bene a corpo, mente e spirito Romina Rossi

C

hakra è una parola sanscrita che significa “ruota di luce”. Il termine si trova per la prima volta descritto nelle Upanishad, i testi sacri della religione vedica indiana del II secolo a.C.; riferimenti ai chakra si trovano tuttavia anche nelle altre culture millenarie orientali e occidentali, comprese quelle dell’America precolombiana. I chakra sono dei veri e propri centri energetici che guidano le energie sottili verso il raggiungimento del benessere fisico e spirituale: grazie a specifici canali, le nadi, da più parti paragonate ai meridiani, la potenza dei chakra influisce sul corpo a livello cellulare, arrivando persino a operare un mutamento ormonale o fisiologico. Storicamente i chakra sono sette (anche qualche studioso ne ha individuati

80 ViviConsapevole - Estate 2014

altri) e sono distribuiti lungo il nostro corpo – dall’area coccigea fino alla parte superiore della testa – in corrispondenza delle diramazioni del sistema nervoso. Da un punto di vista più strettamente religioso e spirituale, compito di queste sette ruote di energia è di risvegliare la kundalini, l’energia vitale, che giace dormiente nel primo chakra e permetterle di risalire fino al settimo. Quando la kundalini entea nel settimo chakra, la persona raggiunge l’illuminazione, la totale consapevolezza, la liberazione dai confini del corpo fisico e dal ciclo della morte e della reincarnazione. Vediamo brevemente le caratteristiche principali di ognuno dei sette chakra. Muladhara o Adhara, primo chakra o chakra della radice o della base – si trova in corrispondenza

dell’area coccigea, collegato alle ghiandole surrenali. È la base del sistema dei chakra ed è di colore rosso: simboleggia infatti la fonte dell’energia vitale, la forza e la passione. Se Muladhara è in equilibrio la persona è in grado di sviluppare la propria personalità e la voglia di vivere, mostrando fermezza, calma e fiducia al contrario, si sentirà debole, insicura e senza energie né stimoli, con un conseguente distacco dalle proprie origini naturali (è infatti legato all’elemento terra). Svadhisthana, il secondo chakra o chakra sacrale – è il centro energetico della sessualità e della gioia di vivere e si trova nella parte superiore degli organi genitali, in corrispondenza dell’osso sacro. Di colore arancione, è legato alla riproduzione e alla nascita.


Spiritualità

I chakra sono di veri e propri centri energetici che guidano le energie sottili verso il raggiungimento del benessere fisico e spirituale

È qui che si sviluppa l’energia vitale: se il chakra è in equilibrio, la persona vive un rapporto sano con la propria sessualità, e passioni ed emozioni sono libere. Anche la creatività ne beneficia, diventando una spiccata dote. Se invece il chakra non è in equilibrio emergono insoddisfazione (anche dal punto di vista sessuale), paure e gelosie. Manipura, il terzo chakra o del plesso solare – di colore giallo come il sole lucente, si trova nella parte superiore dell’ombelico; interessa gli organi deputati alla digestione (la ghiandola corrispondente è il pancreas) ma influenza anche il sistema nervoso e quello immunitario. È la forza motrice dei pensieri, dei sentimenti e dei desideri di ognuno di noi. Se ben sviluppato permette la creazione di un Io forte e sano, consapevole e volto alla realizzazione dei propri obiettivi. Se è carente di energia la persona si “lascia vivere”, è priva di orientamento e indugia nell’autocommiserazione. Anahata, quarto chakra o chakra del cuore – è il chakra centrale, di colore verde, situato al centro del petto, che congiunge i tre chakra inferiori con quelli superiori. È il centro energetico dell’amore, della compassione e dell’umanità. Se il chakra è ben equilibrato, il Tu diventa

Noi: si stabilisce il contatto con il prossimo senza secondi fini, ma pieno di affetto e fiducia. Allo stesso tempo, la persona impara ad amare e accettare se stessa. Per contro, se il chakra non è equilibrato, la persona tende a manifestare eccessivo egoismo, isolamento e una forte disparità fra “dare” e “prendere”. Vishuddha, quinto chakra o chakra della gola – è il mezzo con il quale comunicare al mondo il proprio punto di vista. Situato nella zona della laringe, controlla la tiroide e rappresenta il “suono” e la parola. Di colore azzurro, se il chakra è ben funzionante, la persona è in grado di esprimere i propri pensieri e di confidarsi con gli altri, di concentrarsi e apprendere senza difficoltà così come essere aperta alle opinioni altrui. Dal chakra della gola dipende anche la qualità dei pensieri. Se invece non è ben funzionante crea timidezza, inibizioni e paura del conflitto; la persona non è in grado di sostenere le proprie idee compromettendo anche l’autenticità della propria personalità. La voce è una spia del funzionamento di questo chakra: se non lo è, si manifestano raucedine, abbassamento e anche esaurimento della voce. Ajna, sesto chakra o chakra del terzo occhio – situato tra le sopracciglia,

in mezzo alla fronte sopra la radice del naso, Ajna favorisce l’attenzione e la consapevolezza. È il chakra di collegamento con il mondo spirituale: si lasciano i pensieri terreni per formularne altri molto più alti e nobili. Se ben funzionante il sesto chakra è in grado mettere in contatto con il mondo della fantasia, delle immagini interiori e delle visioni: se il terzo occhio si apre, la persona è finalmente in grado di conoscersi profondamente. Favorisce il bilanciamento fra intelletto e intuizione, fino al raggiungimento della pace e della consapevolezza. Di colore indaco o blu scuro, se non è ben funzionante può causare paura, sentimenti di insensatezza o inutilità. Sahasrara, il settimo chakra o il chakra della corona – situato sulla sommità del capo, è di colore bianco, violetto o oro ed è legato alla pineale. È il chakra della spiritualità e dell’illuminazione. Dovrebbe essere attivato per ultimo, dopo aver attivato prima tutti gli altri sei: questo permette di raggiungere una profonda felicità, calma e soddisfazione. La persona che ha raggiunto questo stadio è fonte di forza e ispirazione per gli altri. Se però il chakra non è ben sviluppato, si potrebbe generare una situazione di estremo isolamento, fino a un’aperta ostilità per il mondo.

ViviConsapevole.it 81


Kriya Yoga L’antica scienza della realizzazione del Sé

I

Jayadev Jaerschky per Ananda Edizioni

l Kriya Yoga è una tecnica di liberazione interiore. È una pratica antica e sacra, insegnata dai più grandi yogi nel corso della Storia. Nei tempi moderni, il Kriya è stato donato nuovamente al mondo da una discendenza di giganti spirituali: il Mahavatar Babaji, Lahiri Mahasaya, Sri Yukteswar e Paramhansa Yogananda, le cui vite straordinarie sono descritte approfonditamente nel famoso classico spirituale Autobiografia di uno Yogi. L’antica scienza dello Yoga si occupa delle tre dimensioni dell’essere umano: la dimensione fisica a cui porta salute e vitalità. La sfera mentale e psicologica a cui porta benessere, equilibrio e pace. La realtà spirituale a cui porta un’espansione di coscienza e una comprensione profonda di noi stessi e della creazione. Il Kriya Yoga agisce soprattutto in quest’ultima categoria: è una tecnica dell’anima per la realizzazione del Sé.

La natura divina dell’essere umano

Il mondo attorno a noi è molto più sottile e affascinante di ciò che i nostri occhi fisici possono percepire. La moderna fisica quantistica ci rivela delle realtà mai sospettate prima. La materia è solo la “crosta” della creazione, dietro alla quale si nasconde una verità luminosa e vasta. Lo stesso vale per il nostro Sé, che è molto più vasto e profondo di ciò che normalmente si percepisce. In verità siamo tutti esseri straordinari, anzi… divini! Tutti siamo essenzialmente esseri celesti, persino la persona più meschina o crudele. Il nostro stesso Sé contiene già tutto ciò che abbiamo mai desiderato: l’amore infinito, la pace interiore, la saggezza cosmica, il potere invincibile, la gioia

82 ViviConsapevole - Estate 2014

«Lo yogi che segue fedelmente tale tecnica viene gradualmente liberato dal karma, la catena universale di causalità» Autobiografia di uno yogi


Spiritualità

assoluta, le esperienze d’immensità. Allora come mai noi esseri umani sperimentiamo così poco della nostra natura divina? Perché non ci percepiamo come “dei”? Perché siamo afflitti da un incessante mare di sofferenza, di dolore, di turbolenze emotive, paure, ansie? Perché soffriamo di vuoti interiori, di desideri insoddisfatti, di mancanza d’amore? La risposta è che viviamo troppo sulla superficie del nostro essere, in una dimensione esteriore che necessariamente ci porterà sofferenza. Più siamo superficiali ed esteriorizzati, più siamo separati l’uno dall’altro, in conflitto, lontani. Più invece siamo profondi, più troviamo una naturale unione con il mondo, un senso di pace e armonia. Per questo motivo ciascuno di noi dovrebbe imparare delle tecniche per interiorizzare la propria energia. Non c’è alternativa: se vogliamo vivere una vita felice, ci occorrono pratiche meditative scientifiche che funzionino, che ci aiutino ad andare dentro, verso il paradiso dell’anima. Ecco cosa fa il Kriya Yoga: ci porta Dentro e in Alto.

Come lavora il Kriya Yoga

Lo scopo del Kriya Yoga è di accelerare lo sviluppo interiore verso la realizzazione del nostro più alto Sé. Attraverso un lavoro energetico, lavorando con i flussi del prana (l’energia vitale), il Kriya ci porta su un’autostrada segreta verso la libertà del Sé: questa “autostrada” è la spina dorsale astrale (sottile, energetica) con i relativi chakra, che sono come “tabernacoli” interiori. Paramhansa Yogananda, autore di Autobiografia di uno Yogi, ha portato il Kriya Yoga in Occidente, a partire del 1920. Egli scrive: “Sappiamo che l’uomo è generalmente inerme di fronte all’impeto indomabile delle passioni malvagie, ma queste sono ridotte all’impotenza e l’uomo non trova alcun motivo per indulgere in

esse quando sorge in lui la coscienza di una beatitudine superiore e duratura attraverso il Kriya”. Il Kriya Yoga non ci porta solo dentro, ma, come abbiamo detto, anche in Alto: come una scala ci porta verso l’elevazione della coscienza, verso il cielo della consapevolezza. Il Kriya Yoga, infatti, distoglie scientificamente la nostra consapevolezza dall’esperienza esteriore, focalizzandola sul mondo interiore, sulla spina dorsale profonda. La spina dorsale è molto più di ciò che pensa la maggior parte delle persone: è l’altare di Dio dentro di noi, dove sentiamo un flusso di grazia interiore e, come disse Yogananda, «la gloria dell’universo». È qui che si trova il nostro paradiso, dove dovremmo cercare di sentire l’ispirazione e dove possiamo trovare una beatitudine superiore e duratura. Lo Yoga si è specializzato da secoli in questa scienza interiore, esplorando i mondi che si manifestano quando l’attenzione si rivolge verso il nostro interno, mondi di unione, fratellanza, armonia. Non c’è altro modo per trovare la felicità personale: essa deve essere trovata dentro, nel profondo del nostro essere. In breve, il Kriya Yoga è una tecnica potente per chi desidera entrare nel mondo interiore, che funziona come le ali per l’anima. Yogananda ha definito il Kriya Yoga come “la rotta aerea” verso la realizzazione interiore. Per chi non ha ancora letto la sua Autobiografia di uno Yogi troverà in essa una miniera d’ispirazione. Chi desidera invece approfondire il discorso del Kriya Yoga troverà tante informazioni e approfondimenti nel libro Kriya Yoga. Il manuale completo per la libertà interiore (Ananda Edizioni). Si tratta di una tecnica antica e allo stesso tempo moderna, sottile e potente. Vuole portarci a una sola meta: la felicità vera e duratura. Buon percorso!

Cosa leggere Paramhansa Yogananda Autobiografia di uno Yogi Edizione originale del 1946 Ananda Edizioni, euro 18,00

Jayadev Jaerschky Kriya Yoga Il manuale per la libertà interiore Ananda Edizioni, euro 22,00

Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

Jayadev Jaerschky Discepolo di Paramhansa Yogananda attraverso Swami Kriyananda, è uno dei principali insegnanti di yoga, meditazione e filosofia del centro Ananda, nei pressi di Assisi. Pratica lo Yoga e la meditazione dall’età di 15 anni, è direttore dell’Accademia Europea di Ananda Yoga per la formazione di nuovi insegnanti. È autore di sei libri sullo yoga e la spiritualità. E’ Kriyacharya, ovvero autorizzato a dare l’iniziazione al sacro Kriya Yoga.

ViviConsapevole.it 83


A tavola senza capricci 6 strategie vincenti per migliorare il rapporto di tuo figlio con il cibo Antonio Panarese e Roberta Cavallo per Bimbi Veri

S

e il momento del pasto è un a vera e propria lotta all’ultimo boccone, se i capricci a tavola sono infiniti e diventano il centro dell’attenzione di tutta la famiglia, se una sola merenda non basta mai, se le richieste di patatine e merendine sono continue, se mangiare da soli è un traguardo non ancora raggiunto in età scolare, è davvero giunto il momento di chiedersi che cos’è che non va nel rapporto tra nostro figlio e il cibo. O meglio, la domanda da farsi è quale partita genitori e figli stanno giocando tramite il cibo. Finché il cibo si porterà al collo l’etichetta con scritto “Vieni che ti appago, prendimi che ti soddisfo, masticami che ti tolgo lo stress, ingurgitami che ti tolgo la malinconia”, che possibilità abbiamo di creare le basi per una sana educazione alimentare per i nostri figli? È bene riflettere seriamente sul ruolo affettivo e di compensazione che diamo al cibo e prenderci del tempo per rivalutarlo. Che cosa puoi fare se desideri che i tuoi figli abbiano un buon rapporto con il cibo e che amino i cibi salutari? Ecco qui di seguito sei indicazioni che possono aiutarti da subito nella relazione con tuo figlio e nel suo rapporto con il cibo.

1) Evita da subito o limita il più possibile il cibo manipolato industrialmente e tutto ciò che è

pieno di sostanze di sintesi come i conservanti chimici, perché alterano il senso del gusto e non fanno più

84 ViviConsapevole - Estate 2014

percepire il reale sapore del cibo vegetale e salutare. Ecco perché sempre più bambini rifiutano frutta e verdura: non ne sentono più il vero sapore. Ricordati sempre che è l’esempio dei genitori quello che prevarrà sul bambino negli anni successivi, se il rapporto con i genitori è armonico.

2) Abituiamoci noi stessi per primi ad avere un buon rapporto con il cibo, neutrale e disidentificato da

valori affettivi e di compensazione. Solo così potremo trasmettere un buon messaggio a nostro figlio, che, come sai, impara imitandoci.

attivare nell’immediato i recettori del piacere e quindi facendoci venire subito il languorino, sono piene di messaggi subliminali che si fissano nel subconscio del bambino e che continuamente cercano di venire a galla modificando la reale sensazione di fame e filtrandola attraverso l’immagine della pubblicità.

5) Cerca il più possibile di cucinare cibi gustosi e semplici, in modo da ripristinare il senso originario del gusto, troppo spesso alterato dagli ingredienti artificiali del cibo spazzatura.

Con le mani in pasta è più facile rendersi conto di che cosa è il cibo, da dove arriva e che profumo ha

3) Riempi di coccole, amore, attenzioni, affetto, ogni istante che puoi passare con tuo figlio.

Se questi momenti sono pieni e di alta qualità, non avrà bisogno di chiedere merendine e “pasticci” dolci a pasto o fuori pasto per compensare la mancanza d’amore e dolcezza (perché di questo si tratta).

4) Evita di accendere troppo la tv

e soprattutto evita di sintonizzarti su canali dove pullulano le pubblicità di giocattoli e merendine. Oltre che

Solo così tuo figlio potrà tornare o iniziare ad apprezzare i sapori sottili dalle sfumature delicate, tipici degli alimenti vegetali e in generale di un cibo salutare.

6) Coinvolgi spesso i tuoi figli nella preparazione del cibo e della tavola.

Con le mani in pasta è più facile rendersi conto di che cosa è il cibo, da dove arriva e che profumo ha: tutti i sensi vengono coinvolti e si riattivano giorno dopo giorno. Altrimenti assistiamo (arrabbiandoci con torto)


Self Help

a un atto passivo dell’alimentarsi in cui nostro figlio passa dai compiti o dal divano alla tavola, nutrendosi di un qualcosa con cui non ha instaurato nessun tipo di legame, verso il quale non ha conoscenza e familiarità. Si trascorrono piacevoli e divertenti ore a preparare tutti insieme la pizza per esempio, il pane, i dolci, a preparare piatti di verdura e frutta colorati e invitanti. Inoltre l’arte culinaria possiede un meraviglioso effetto calmante sui bollenti spiriti di bimbi

e dei ragazzi arrabbiati e tristi, ed è anche una forma di espressione artistica e creativa che, se coltivata da subito, aiuterà il bambino/ragazzo a esprimersi.

Un ultimo segreto

Ti lasciamo un altro “piccolo segreto” a cui devi badare se con tuo figlio a tavola fai scintille: osserva con attenzione il vostro rapporto nel profondo e valuta se il tuo cucciolo potrebbe avere motivi di rancore nei tuoi confronti, se può essersi sentito

Antonio Panarese, Roberta Cavallo Antonio Panarese e Roberta Cavallo sono autori di Smettila di Reprimere tuo Figlio, il libro bestseller che ha venduto 10.000 copie in 60 giorni dall’uscita e raggiunto il primo posto in classifica su Macrolibrarsi.it. Formatori specializzati nell’infanzia secondo natura, consulenti genitoriali. Fondatori di Bimbiveri, la società per la crescita felice dei bambini, hanno gestito per cinque anni un centro di affido familiare per minori disagiati, collaborando con i servizi sociali di Torino, Casale Monferrato, Leinì e Viterbo. Hanno condotto all’interno del centro di affido un’esperienza triennale di istruzione familiare. Ideatori di Come crescere tuo figlio secondo natura, il programma formativo completo per padroneggiare la Mappa per la crescita felice dei bambini da 0 a 21 anni.

non amato per qualche motivo, se è bisognoso di attenzioni. Sapendo quanto ci teniamo al fatto che mangino, spesso i bambini utilizzano il momento del pasto e la relazione con il cibo per esprimere un disagio e per mandarci un segnale inequivocabile. Cogliamolo!

Cosa leggere Antonio Panarese, Roberta Cavallo Smettila di Reprimere tuo figlio Uno Editori, 2013 Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

ViviConsapevole.it 85


Leggere un libro può

cambiarti la vita? Sì, quando parla di scelte, di relazioni, di partecipazione, delle conseguenze delle nostre azioni, come Cross Roads di Paul Young Paola Giovetti per Verdechiaro

W

. Paul Young, autore del libro Cross Raods – che è già un best-seller negli Stati Uniti e sta per uscire in Italia presso le Edizioni Verdechiaro – è un uomo estremamente semplice e disponibile, al quale il grande successo delle sue pubblicazioni non ha certamente dato alla testa. Il suo primo libro, Il rifugio, del quale solo negli USA sono state vendute 18 milioni di copie, arrivò quasi per caso, e il primo a stupirsene fu proprio lui, che inizialmente ne aveva stampate appena 15 copie per i familiari e gli amici più cari. Approfittando della sua gentilezza, gli abbiamo chiesto un’intervista che ci ha subito concesso Nei suoi libri i personaggi sembrano reali e vivi al punto che ci si affeziona a loro e si percepisce chiaramente l’amore che esprimono: come riesce a trasferire tutte queste sensazioni nelle pagine dei suoi libri? Paul Young: Forse in me c’è qualcosa di italiano. Il vostro è un paese di artisti, poeti, cantanti e musicisti che trasformano le emozioni in arte, parole e musica. Io credo di essere per natura un traduttore, ovvero qualcuno che interpreta le idee e le emozioni in modo da renderle accessibli agli altri. E queste caratteristiche di cui scrivo sono rappresentate da persone reali che vivono e sognano, eccetto il personaggio di Cabby in Cross Roads che è reale al cento per cento.

86 ViviConsapevole - Estate 2014

È un ragazzo reale (affetto dalla sindrome di Down, N.d.R.) che io colloco all’interno di una fiction e che si ispira a un ragazzo che realmente esiste e che si chiama Nathan Vredevelt. Come è cambiata la sua vita dopo il grande successo del suo primo libro Il rifugio? Non è cambiato niente di veramente importante, tipo la mia famiglia, gli amici, i significati e gli scopi della vita. Adesso abbiamo una Fondazione con la quale aiutare gli altri, viviamo in una casa che abbiamo acquistato invece che in una casa in affitto. Io viaggio di più e parlo, questi sono

i cambiamenti. La benedizione più grande è stata avere accesso al terreno sacro delle storie di vita altrui. Questo è un grande onore.   Il suo rapporto con Dio così confidenziale e affettuoso è un dono che le viene dalla sua famiglia? Questa è una domanda importante. Per molti di noi la famiglia è il crogiuolo all’interno del quale noi sperimentiamo la trasformazione. La mia infanzia non si è svolta all’interno di una famiglia che sapeva veramente amare. Ognuno dà il contributo che è capace di dare e i miei non avevano molto da portare. Non possiamo donare quello che ci


Self Help è stato rubato. Sposarsi, avere figli e ora nipoti, essere coinvolto in una grande amorevole famiglia… tutto questo ha cambiato la mia vita. Io credo che gran parte della nostra visione di Dio derivi dai rapporti familiari e culturali nei quali siamo cresciuti. I nostri guai vengono dalle relazioni, ma anche i processi di guarigione e trasformazione vengono dalle relazioni. Cosa crede che ognuno di noi possa fare per dare un contributo al ritorno della pace e della collaborazione sulla terra? Nessuno di noi individualmente ha il potere di risolvere problemi di portata mondiale, ma non credo neppure che nessuno di noi sia chiamato a farlo. Quello che possiamo fare è contribuire e partecipare. Io credo che ogni essere umano abbia un valore, io credo che “tu” valga e che le scelte che fai ogni giorno all’interno della tua abituale routine cambino il cosmo, o a livello dannoso, o a livello positivo praticando il perdono, l’integrità, l’onestà, l’amore oblativo; gradualmente tutto questo diventerà una sinfonia di trasformazione sia per noi individualmente sia per la comunità. Ama Dio, ama tua moglie, ama tuo marito, ama i tuoi figli e i tuoi vicini e ama anche il tuo nemico. Abbandoniamo le nostre divisioni religiose e il nostro senso di superiorità e mettiamoci a disposizione del prossimo. Fai le cose giuste e belle. Perdona e chiedi di essere perdonato. Smetti di agire in segreto. Rifiuta di maltrattare le donne e i bambini. Ognuna di queste scelte cambia il cosmo. Cosa ama di più della vita? Se mi chiedessi quale dei miei sei figli amo di più, risponderei: “Quello al quale sto pensando in questo momento”. Nella vita ci sono molte cose da amare e molte cose che fanno soffrire. Dobbiamo imparare a celebrare il miracolo e la bellezza della creazione. Io credo che Dio

abbia un alto concetto dell’umanità e io sto imparando a partecipare a questa comprensione della Verità di cui siamo parte. Il mio rapporto con Gesù è il centro della mia vita. Da questo punto centrale ho imparato ad amare in modo migliore e più profondo. Come vede il futuro dell’umanità e del pianeta? È tempo di riconoscere che non siamo in grado di capire, ma che siamo desiderosi di imparare, di aprire le nostre mani invece di chiuderle, di abbandonare ogni gerarchia di valori che cataloga le nostre differenze come base del rispetto. È tempo di trasformare le armi in strumenti utili, è tempo che la giustizia conforti e guarisca invece di punire ed emarginare. È tempo che i poteri si esprimano in semplici e individuali atti di umiltà e gentilezza. È tempo di rispettare la storia e la civiltà altrui come qualcosa da proteggere e di cui si deve far tesoro. È tempo di porre fine alla violenza del cuore e della mente, al pari di quella delle mani. È tempo di cominciare a sognare… insieme!   Cosa vorrebbe che si portassero dentro al cuore le persone che leggeranno Cross Roads? Non dico mai a nessuno quello che “dovrebbe” fare. Invito soltanto a leggere la storia e a discuterne con le persone che hanno letto il libro. Cross Roads è una storia che suscita molte domande. Non amo parlare di “lezioni di vita”, piuttosto desidero ampliare gli orizzonti e insegnare a cercare di capire che cosa Dio vuole comunicarci. Detto questo, nel libro ci sono temi importanti, come il valore dell’esistenza individuale, di un Dio che è sempre buono indipendentemente da come noi lo percepiamo, di un Dio che è partecipe con grande rispetto e amore di ogni dettaglio della nostra vita indipendentemente dalla nostra capacità di aderire a un credo

religioso. Vorrei che divenissimo tutti persone che credono che la vita è più grande della morte!   Leggere un libro può cambiare una vita? I libri possono certamente essere parte di un processo di cambiamento e possono realizzare una trasformazione del cuore della gente, e poi la gente cambia il mondo, anche se in maniera minima. Nessun passo avanti verso Dio, verso il bene, la giustizia, la bellezza, il perdono e la grazia è insignificante. Ognuno di noi è importante per Dio, per i propri simili, per me.   Grazie Mr. Young, adesso la conosciamo meglio e siamo più pronti a immergerci nella lettura del suo nuovo libro!

Cosa leggere W. Paul Young Cross Roads Verdechiaro Edizioni, 2014

Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

Paola Giovetti Paola Giovetti è nata a Firenze e risiede a Modena. Laureata in Lettere, scrittrice e giornalista specializzata nel campo della ricerca di confine, della parapsicologia, della mistica, della spiritualità. Ha pubblicato una trentina di saggi, dei quali parecchi sono stati tradotti anche all’estero. Con Verdechiaro ha pubblicato due romanzi In viaggio con Michele e I misteri di Glastonbury.

ViviConsapevole.it 87


RQI: scoperto in Italia

il segreto dell’autoguarigione Un metodo semplice e alla portata di tutti che unisce le antiche filosofie orientali, la fisica quantistica e la nuova biologia La Redazione per Q Institute

S

ono ormai migliaia le autoguarigioni e le testimonianze su questo metodo rivoluzionario, alcune delle quali raccolte anche nel libro RQI. Il Segreto dell’Auto-StarBene: miopi che recuperano diottrie e smettono di portare gli occhiali, donne che perdono 15 chili e diabetici non più dipendenti dall’insulina grazie ad acqua informazionale e alimentazione vibrazionale, malattie croniche e degenerative risolte con le biotecnologie olistiche. Laddove la medicina ufficiale non è riuscita a fare granché lavorando solo a livello biochimico, sembra siano le soluzioni innovative raccolte e insegnate da Marco Fincati ad avere la meglio. Il Metodo RQI sta cominciando a svelare quello che della Natura ancora non conoscevamo, aprendoci al nostro incredibile potenziale di autoguarigione.

“Spero che presto qualcuno in ogni famiglia conosca il Metodo RQI, perché benessere, indipendenza e auto-realizzazione possano diventare le condizioni di vita normali per tutti”. Marco Fincati

Come è nato l’RQI?

Tutto è nato dall’estro di un geniale e dibattuto 35enne veneto, Marco Fincati, già informatore scientifico per importanti aziende di prodotti fisioterapici e integratori, che un giorno, a causa di due ernie che lo affliggevano, ha cominciato a studiare e sperimentare decine e decine di tecniche, attingendo a più campi del sapere: dalle antiche filosofie orientali alla fisica quantistica, fino alla nuova biologia. La bravura di Marco Fincati è stata quella di unire ciò che gli altri dividevano, sintetizzare ciò che altri disperdevano, semplificare ciò che altri rendevano accessibile a pochi,

88 ViviConsapevole - Estate 2014

mettere in pratica ciò che altri avevano teorizzato: Bruce Lipton, Emilio Del Giudice, Vittorio Marchi, Salvatore Brizzi, Gregg Braden e tanti altri sono stati i suoi ispiratori. Così è nato il Metodo RQI, acronimo di “Riequilibrio Quantico Integrato”.

Cos’è?

«Il Metodo RQI®  – ci spiega Fincati – è uno strumento pratico, semplice e alla portata di tutti, per individuare le vere

cause di stress e le migliori soluzioni per risolverle. Dato che lo stress è alla base della maggior parte dei problemi umani (come sostengono Bruce Lipton e l’epigenetica, nonché svariate ricerche ufficiali), è importante che ciascuno di noi, nel momento in cui si trova di fronte a un problema, capisca quale ne sia la vera causa. Agendo solo sui sintomi (come spesso si limitano a fare i farmaci), la guarigione non è affatto assicurata». E aggiunge: «Prima di


Self Help presentare il Metodo RQI al pubblico, l’ho testato su centinaia di persone e ho capito che se dieci persone avevano lo stesso problema, non sempre per tutti e dieci la soluzione era la stessa, perché alla base di un medesimo problema ci potevano essere cause diverse. Prendiamo l’esempio di un comune mal di testa: per due persone la causa potrebbe essere una cattiva alimentazione o scarsa idratazione, per altre tre potrebbe essere uno squilibrio energetico o vibrazionale, per altre cinque potrebbe essere uno stress di origine emotiva causato da situazioni del tutto diverse tra loro».

Come funziona?

E allora come fare per capire quale sia la vera causa? «Il 95% della nostra vita – continua Fincati – è gestita dal nostro inconscio. È la mente inconscia che si prende cura di tutte le nostre funzioni vitali, come respirare, digerire, rigenerare le cellule o rimarginare le ferite. È la nostra mente inconscia che conosce tutto ciò che riguarda la nostra salute, fisica e mentale. E allora è ovvio che dobbiamo interrogare lei per capire qualcosa di più riguardo a noi stessi». Ecco quindi che Marco Fincati ha affinato un auto-test muscolare e delle procedure semplici da imparare, per comunicare con il proprio inconscio. Comunicando con l’inconscio, possiamo riconoscere le vere cause dei nostri problemi e, allo stesso tempo, comprendere le migliori soluzioni per risolverli. Ai suoi corsi l’hanno imparato a fare professionisti e gente comune, bambini, adulti e anziani.

Le Soluzioni per Auto-Guarire

«La mia esperienza – aggiunge – mi ha portato a capire che le soluzioni, sebbene molteplici, possono essere classificate entro uno dei tre livelli di cui siamo costituiti: corpo fisico, flussi energetici, e vita interiore, che nel Metodo RQI corrispondono alle tre soluzioni: Materia, Energia e Spirito». Prendiamo ancora l’esempio del mal di testa: se scopriamo che la sua causa è l’elettrosmog, sarà inutile

assumere un farmaco che agisce a livello biochimico (quindi al livello della materia), mentre potrebbe essere molto più indicato cambiare semplicemente ambiente di lavoro oppure schermarsi dall’elettrosmog con delle tecniche RQI. La soluzione sarà immediata, priva di effetti collaterali e anche più economica. «Il vero scopo del Metodo RQI – conclude Fincati – è quello di rendere le persone indipendenti. Dico sempre ai partecipanti ai miei corsi: ciascuno di voi ha dentro di sé il potenziale necessario per Auto-Star-Bene, deve solo capire come accedervi. E non sono io il primo a dirlo. Le antiche filosofie orientali e le nuove scoperte della scienza supportano il mio pensiero.»

Cosa leggere Marco Fincati RQI. Il Segreto dell’Auto-Star-Bene Q Institute, 2014 Oltre ai corsi in aula, tutti sold-out prima delle date fissate, con citazioni e ringraziamenti sulla TV nazionale, milioni di click su Youtube e oltre 50mila fan in Italia, il Metodo RQI è diventato anche un libro RQI: il segreto dell’Auto-StarBene (edito da Q Institute), che è già andato in ristampa dopo poche settimane dalla sua pubblicazione. Il libro è uno strumento utile non solo per medici e terapisti che intendono rendere più efficace il loro lavoro, ma per chiunque voglia cominciare ad ascoltare sé stesso e a non delegare agli altri le questioni di salute.

Ordina su macrolibrarsi.it o chiama il numero verde 800 089 433

ViviConsapevole.it 89


Calendario degli Eventi estate 2014

Medicina Olistica

GIUGNO

13 – 15 giugno VEGinROME, il Festival Vegano a Roma Roma, ex mattatoio di Testaccio www.veginrome.org; info@veginrome.org 21 – 22 giugno Corso di Shiroabhyangam e Mukhabhyangam. Trattamento auyrvedico della testa e del viso, secondo natura Docente: Umberto Carmignani Turbigo (MI), www.lacittadellaluce.org 21 – 22 giugno EcoCompatibilmente Fest Castell’Azzara (GR), Villa Sforzesca, www.ecocompatibilmente.it 22 giugno Corso Le piante per favorire la concentrazione e per ben riposare - Docente: Laura Dell’Aquila Fattoria didattica Il Giadino di Pimpinella, Luminasio (BO) – www.pimpinella.it; info@pimpinella.it 24 – 29 giugno Festambiente Vicenza XII manifestazione Parco fluviale del Retrone (VI) – www. festambientevicenza.org 28 – 29 giugno Aromaterapia e distillazione degli oli essenziali Docente: Laura Dell’Aquila Fattoria didattica Il Giadino di Pimpinella, Luminasio (BO) – www.pimpinella.it; info@pimpinella.it

90 ViviConsapevole - Estate 2014

LUGLIO

11 – 13 luglio Corso – Autocostruzione di un pannello fotovoltaico Docente: Luigi Lisi Bagno di Romagna (FC) – Fattoria dell’Autosufficienza, www.autosufficienza.it, tel. 800089433 11 – 13 luglio Laboratorio di autocostruzione con balle di paglia Docente: Stefano Soldati Cascina Santa Brera, San Giuliano Milanese (MI), www.scuoladipratichesostenibili.org; info@cascinasantabrera.it

10 – 17 agosto Settimana selvatica al Giardino di Pimpinella Docente: Laura Dell’Aquila Fattoria didattica Il Giadino di Pimpinella, Luminasio (BO) – www.pimpinella.it; info@pimpinella.it 10 – 22 agosto Corso di progettazione in permacultura 72 h Docenti: Elena Parmiggiani e Anna Bartoli - Bagno di Romagna (FC) – Fattoria dell’Autosufficienza, www.autosufficienza.it, tel. 800089433

18 – 19 luglio Open day: Conoscere la città della luce Con Giovanna Bellini Ripe (AN); www.lacittadellaluce.org

22 – 24 agosto Corso Intensivo di Gioielli Energetici con Pietre, Cristalli e metalli riciclati Docente: Giovanna Bellini Ripe (AN); www.lacittadellaluce.org

19 – 26 luglio Corso Le spettacolari fioriture alpine. Soggiorno in Val Pusteria Azienda erboristica Bergila, Val Pusteria – www.pimpinella.it; info@ pimpinella.it

23 – 29 agosto Corso di orticoltura pratica e trasformazione prodotti Cascina Santa Brera, San Giuliano Milanese (MI), www.scuoladipratichesostenibili.org; info@cascinasantabrera.it

23 – 27 luglio Corso Immersione nell’universo della voce Docente: Claudia Bombardella Case MonteRosi – Anghiari (AR); associazione@1virgola618.it; www.1virgola618.it; Gianna 349 4248355

SETTEMBRE

6 – 9 settembre Sana. 26° Salone Internazionale del Biologico e del Naturale Bologna, Quartiere fieristico www.sana.it

AGOSTO

12 – 14 settembre Corso Come realizzare un food forest Docente: Elena Parmiggiani Bagno di Romagna (FC) – Fattoria dell’Autosufficienza, www.autosufficienza.it, tel. 800089433

8 – 17 agosto Festambiente Maremma Ripescia (GR) – www.festambiente.it

4 – 5 ottobre Biosalus – Festival nazionale del biologico e del benessere olistico Urbino (PU) – www.biosalusfestival.it

2 agosto Cena Indiana Con Andrés Gisolf Ripe (AN); www.lacittadellaluce.org


Medicina Olistica

RIVISTA TRIMESTRALE la trovi in tutta Italia in Edicola, Libreria o su Abbonamento Scopri anche i nostri Numeri Speciali in formato digitale

Leggi nuovi contenuti inediti sulla Rivista Digitale scienzaeconoscenza.it Seguici sui principali social network e non perdere le newsletters dedicate ai lettori

Visita scienzaeconoscenza.it

Per informazioni e abbonamenti: info@scienzaeconoscenza.it - tel. 0547347627

ViviConsapevole.it 91


92 ViviConsapevole - Estate 2014


ViviConsapevole.it 93


94 ViviConsapevole - Estate 2014


ViviConsapevole.it 95


96 ViviConsapevole - Estate 2014


ViviConsapevole.it 97


Vivi Consapevole 37 - Lato rivista