Page 1

Con l’aiuto dei ragni tessitori Loredana Galante


Copertina: Ragni Tessitori Loredana Galante Š 2014 - Loredana Galante Comune di Genova


NaturaConTemporanea Rassegna d’arti 2013-2014

Con l’aiuto dei ragni tessitori Mostra a cura di Fortunato D’amico e Maria Flora Giubilei

Progetto grafico Artbook Realizzazione allestimento Operatori dei Musei di Nervi Sindaco Marco Doria Assessore Cultura e Turismo Carla Sibilla Direttore Cultura e Turismo Guido Gandino Dirigente Settore Musei e Biblioteche Laura Malfatto

Trasporti Squadra mostre, Settore Musei e Biblioteche Assicurazione Hugo Trumpy & Co., Genova Fotografie: Giovanni Baj, Domenico Buzzetti, Marco Curatolo, Laura D’Astolto, Davide Dell’ Angelo, Silvio Discuola, Michele Fiore, Jessica Galante, Gigi Maida, Davide Ragazzi, Fulvio Valgoglio Traduzioni Clare Spicer Ringraziamenti Valentina Cinotti, Maria Grazia Del Monte, Ludovica Ivaldi, Marco Pomati, Annamaria Pretelli, Chiara Crosti, scuola di formazione Manage your life

m u s e idi

Direttore dei Musei di Nervi Maria Flora Giubilei

Ufficio Prestiti e Assicurazioni Maria Luisa Crovetto

Segreteria Organizzativa Musei di Nervi Maria Assunta Morando

Coordinamento Amministrativo Riccardo Cavanna, responsabile

Mostra a cura di Fortunato D’Amico e Maria Flora Giubilei Testi di Fortunato D’Amico, Maria Flora Giubilei e Chiara Canali

Ufficio Stampa Massimo Sorci Marketing e Comunicazione Tina Russo, responsabile Attività didattiche Simonetta Maione, Responsabile Servizi Educativi e Didattici del Settore Musei Paolo Scacchetti Museo di Arte Contemporanea di Villa Croce Après la nuit

Sponsor istituzionali Comune di Genova

Sponsor tecnici


Cornucopia 2013

2


Compie dieci anni, nel 2014, la nuova Galleria d’Arte Moderna di Genova e celebra la ricorrenza con una mostra, atto istituzionalmente tra i più corretti nel contesto della valorizzazione delle collezioni. E’ il quinto appuntamento di “NaturaConTemporanea”, una rassegna che ha rimescolato le raccolte permanenti della Galleria d’Arte Moderna e delle Raccolte Frugone e restituito al pubblico, di volta in volta, nuovi allestimenti e la possibilità di dialoghi contaminati. Loredana Galante, nostra concittadina, da alcuni anni trasferita a Milano, ritorna a Nervi dopo una lontana precedente esperienza e vi torna madrina di questo decennale. Dieci anni, per la GAM, ricchi di attività, di conferenze, di concerti, di teatro e di danza, di visite guidate, di progetti di mostre realizzate in collaborazione con musei italiani e stranieri, di prestiti di opere concessi e ottenuti, di laboratori didattici, di corsi e di pubblicazioni per bambini e adulti, incluso un premio. Scorretto negare le difficoltà di questo polo museale collocato in un Levante che, mutati radicalmente gli scenari e i mercati turistici, da tempo cerca di riscattarsi in modo significativo; altrettanto improprio negare, sia le frammentazioni gestionali in un ambito territoriale che dovrebbe procedere compatto e unito, sia le incertezze economiche che la situazione nazionale impone. Ma egualmente sbagliato sarebbe non sottolineare lo sforzo, pieno di entusiasmo, passione e competenza, di tutti quelli che in questo lungo periodo di tempo, hanno creduto nel progetto di un polo dei Musei di Nervi, GAM in testa, e vi hanno lavorato con capacità, caparbietà e profondo senso del dovere. Ancora una volta dunque grazie a chi oggi, curatori e artista, ha di nuovo messo a disposizione il suo operato per accendere nuove luci sulla Galleria d’Arte Moderna. Carla Sibilla Assessore Cultura e Turismo del Comune di Genova

The Gallery of Modern Art in Genoa Nervi celebrates its 10th anniversary with an exhibition, a most appropriate institutional act with which to commend its collections. We are at the 5th round of “NaturaConTemporanea”, an event that has reshuffled the permanent collections of the Gallery of Modern Art and the Frugone Collections and that has restored to the public, from time to time, new designs and an opportunity for contaminated dialogue. Loredana Galante is our fellow citizen who moved to Milan several years ago. Given her previous experience, albeit some time ago, she now returns to Nervi as sponsor of this tenth anniversary. The Gallery of Modern Art has seen a rich ten year period - activities, conferences, concerts, theater and dance performances, guided tours, exhibitions, projects carried out in collaboration with Italian and foreign museums, artwork loans either granted or obtained, workshops, courses and publications for children and adults, including a reward. It would be unfair to deny the difficulties of this museum’s complex, located in the Levante (the east side of Liguria) that has been trying to redeem itself for a long time as tourism markets have dramatically changed; equally unfair to deny the management fragmentations, in a territory which should act compact and united, and the economic uncertainties dictated by the general circumstances nationwide. But it would be wrong as well not to point out the efforts of those who, full of enthusiasm, passion and expertise have been believing in the Nervi Museums pole project, GAM on their mind, and have been working with talent, stubbornness and a deep sense of duty throughout this long period. So thanks once again to curators and artist, who have dedicated their time and energy to turn new lights on in the Gallery of Modern Art. Carla Sibilla Head of Culture and Tourism Genoa Town Council

3


Galante Gallery Maria Flora Giubilei

T

en years ago, Loredana Galante entered the Frugone Collections to lull the children shaped and painted by the nineteenth century artists, who had taken the most humble and ordinary elements and turned them into sparkling subjects for precious paintings and small bronzes. In 2003, during the events of “ Printemps des musées “, bedside-tables and lamps, flickering to gentle lullaby rhythms, had filled the hall decorated with the works of Giuseppe and Filippo Palizzi, Francesco Paolo Michetti, Antonio Mancini and Vincenzo Gemito. An enchanting experience of delicate interaction between past and present, greatly much appreciated by children and grownups and immediately grasped in its essence. Years later Loredana reworked the experience with some jailed women in Genoa Pontedecimo prison, in an exchange of creativity full of emotional compensation. Today, this multifaceted artist, always willing to look inwardly and to share energizing group dynamics, is back in our Gallery, to mix up the cards of high art cultural tradition, of a nature apparently well-known. She will do it with a roundup of objects that are “survivors” from events, installations and performances that have marked her creative path: and you won’t miss the paintings that are decorative panels of tangled fantasies bubbling over colorful vitality and happy abstract from trips both near and far, amongst Oriental dreams, household objects, birds and foliage, arabesque calligraphic signs of a non-existent fairy tale language, and in watermark, the strict spatial-chromatic articulation that curbs, orders and limits the chromatic magma released on the canvas by Loredana’s brushes. Once again vegetable and feminine natures are inextricably weaved together: it had already happened with Marica Moro and Pina Inferrera, but now, once sedmented the fertility and violence leit–motif, Loredana Galante, contemporary art volcanic salonnière, with her evocative and self-referred performances, offers alternative and joyful readings of everyday feminine life, pictured at times with passion, at times with a biting and mordacious attitude, that the aura of a childish game used to tell the story can not completely hide. Galante is “gallant” by name and by nature. With cultured politeness she conceals her strong infusions of irony and cunning that characterize her outlook on the fallacies and commonplaces of life that occur from birth to death. A special piece by Loredana, a plastic fountain, is two rooms away from the museum’s bay window, at the center of an atrium enriched by brick bourgeois portraits. It evokes an ancient marble basin that adorned the bay window when the villa was a private residence: bloomy with popular positive artificiality, that colorful note challenges vulgarity by riding it and governing it - under the cartoonist Gandolin’s watchful eye. A woolly flowering heart-shaped flowerbed echoes the fountain on the top floor; a “ Loredana - Alice - in - Wonderland “ without the Mad Hatter preparing the tea party (“heartbreak” an old advertising memory ), flowers with corollas made of cups take the place of Issel living room, sent to Forlì for the “Liberty Exhibition”. And in the Gallery of Modern Art Loredana finds food for her thoughts - and her cornucopia - and place for her works: the nature of nineteenth-century landscapes, among whose “fronds” she installs the macroscopic reproduction of a fantastic nest / uterus, hers “Ninho Gracia”, with gigantic eggs, and she hangs up the fashion version of a cuckoo cottage “Oiseau chantant en promenade” a prêt-à -porter accessory that is nicely mocking. The “Galante Stylist” is back in the pretentious acceptance of graceful hats of old bourgeois taste, embellished, so to say, by floral miniatures from Guido Gozzano Style markets, in Storie vere di Paese (Countryside True Stories),” strapaesano “ - and “ stragigante “ dress dangling, with Lomellina’s patches, in the midst of folk costumes and painted ladies in Milan, Verona, Turin and Naples; in the toy version of a wooden wardrobe full of micro handcrafted clothes, elegant out-fits ready for a Barbie- doll woman, far from the genuine Olympia beauty of the beautiful terracotta creation by Giulio Monteverde . And, again, between tradition and fashion, facing the “ Pixide “ bronze symbol of strong marital bond celebrated on a board painted in 1923 by Ferruccio Ferrazzi painter who portrays him-self with his partner Horitia Randone, in a restless atmosphere of symbolist “ joy and love “ is Loredana Galante’s five tier wedding cake decorated with ribbons, fabric transposition of what she used in a special en plein air performance The wedding show, wedding party sur l’ herbe -, with the bride and groom as statuettes on the top and with two paintings of it, impressive and elaborate versions. The cake is once again an object in perfect harmony with the cultural anesthetic climate of our time and the reverential media attention for the wind-chime art of pastry chefs and confectioners. Great cake and food, the latest food-textile creation signed by Galante, a great mythological cornucopia lavish with bread in a schizophrenic society that wastes and starves, that squanders precious resources and without batting an eyelid denies these resources to those who have nothing. At the center of the room with the wedding cake, the great-grandchildren of Arachne imprisoned in their work of patience, infuse new life into the Convalescent Arturo Martini, a beautiful terracotta from 1932 that portrays Mary, the daughter of the sculptor who is tested and weakened by illness. The piece has just been rearranged to this position after the original monographic exhibition in Bologna, a real scientific union of exceptional masterpieces from Antwerp, back in Italy after more than half a century of absence. The blanket woven of contemporaneity of the “ weaver spiders “ partially envelops the young and almost protects the island from the outside world, its adversities. It looks like magic and perhaps it is so, because the bedspread is from far away, from Bulgaria, a land of roses and cheap labor. Who knows? Maybe the “weaver spiders” are illegal African immigrants, and not even Bulgarians. It does not matter. The art and the complex thought that sustains it certainly did not need a residence permit for the museum.

4


Galante Galleria Maria Flora Giubilei

D

ieci anni fa, Loredana Galante era entrata alle Raccolte Frugone per ninnare i bambini dipinti e modellati dagli artisti che, al vero, quello più quotidiano e umile, tanto avevano concesso nella seconda metà dell’Ottocento fino a trasformarlo in brillanti soggetti per tele preziose e piccoli bronzi. Comodini, abat-jours, che si accendevano e spegnevano al ritmo di dolci nenie, avevano per qualche tempo, durante gli eventi di “Printemps des musées” del 2003, popolato la sala delle bellissime opere realizzate da Giuseppe e Filippo Palizzi, Francesco Paolo Michetti, Antonio Mancini e Vincenzo Gemito. Un’esperienza coinvolgente, di delicata interazione tra passato e presente che il pubblico adulto e infantile del museo aveva molto apprezzato e colto subito nella sua intima essenza e che Loredana aveva poi rielaborato, in uno scambio di creatività ricca di risarcimenti emotivi, con le detenute del carcere femminile genovese. Oggi quest’artista così poliedrica, immaginosa, pronta all’ introspezione e a energetiche azioni collettive torna a Nervi, in Galleria d’Arte Moderna, per scompigliare le carte di una tradizione culturale data, di un’arte alta, di una natura in apparenza già nota con una carrellata di oggetti “superstiti” di eventi, installazioni e performance che hanno costellato il suo percorso creativo. E non mancano i dipinti, pannelli decorativi d’ingarbugliate fantasie grondanti di vitalità colorata e felici abstract di viaggi lontanissimi e vicinissimi, tra sogni d’Oriente, oggetti di casa e del suo repertorio, volatili e racemi, arabeggianti segni calligrafici di una lingua di fiaba inesistente e, in filigrana, la rigorosa scansione spaziale-cromatica che imbriglia, ordina e contiene il magma cromatico rilasciato sulle tele dai pennelli di Loredana. Ancora una volta natura vegetale e natura femminile si intrecciano indissolubilmente: era già accaduto con Marica Moro e con Pina Inferrera, ma ora, sedimentati i leit-motif della fecondità e della violenza, Loredana Galante, vulcanica salonnière della contemporaneità con le sue suggestive e autoreferenziali performance, propone letture gioiose e alternative di una quotidianità al femminile per nulla scontata, restituita a tratti con passione, a tratti con piglio graffiante e caustico che l’aura di gioco infantile con cui sciorina il racconto non riesce a mascherare del tutto. Lei, artista “galante”, di nome e di fatto, in virtù di un colto garbo con cui cela robuste infusioni di sorridente ironia e di smaliziato sguardo sui luoghi comuni e rassicuranti della vita, dalla nascita alla morte. A due sale dal bovindo del museo, per evocare un antico bacile in marmo che lo ornava quando la villa era una residenza privata, entra, al centro di un atrio arricchito di saldi ritratti borghesi, un arredo speciale di Loredana, una fontana in plastica, fiorita di positiva artificialità popolare, esuberante nota colorata - che sfida la volgarità cavalcandola e governandola - sotto lo sguardo lontano del caricaturista Gandolin. Fa eco alla fontana, al piano superiore del museo, una lanosa e fiorita aiuola a cuore dove una “Loredana-Alice-nel-paese-delle-meraviglie”, senza il Cappellaio matto, ha apparecchiato, per l’ora del thè (“pausa del cuore” di lontana memoria pubblicitaria), fiori con corolle di tazzine al posto del salotto di Issel, destinato a far bella mostra di sé nella mostra forlivese sul Liberty. E in Galleria d’Arte Moderna Loredana trova pane per i suoi pensieri - e per la sua cornucopia - e posto per le sue opere: trova la natura dei paesaggi ottocenteschi, tra le cui “fronde” installa la macroscopica riproduzione di un fantastico nido/ utero di rami, il suo Ninho Gracia, con gigantesche uova, e appende la versione fashion di una casetta per cucù – Oiseau chantant en promenade -, accessorio prêt-à-porter simpaticamente beffardo. La moda femminile della “galante stilista” torna nell’accezione pretenziosa di eleganti cappelli, dall’ antico gusto borghese, impreziositi, si fa per dire, con fiorite miniature da mercatini gozzaniani; in Storie vere di paese, vestito “strapaesano” - e “stragigante” - che penzola, con le sue pezze di Lomellina, in mezzo ai costumi di popolane e signore dipinte tra Milano, Verona, Torino e Napoli; nella versione giocattolo di un armadio in legno pieno di abiti in miniatura realizzati con dimestichezza artigianale, eleganti out-fit pronti per una donna-Barbie - ben lontana dalla bellezza genuina di Olimpia, splendida creatura modellata in terracotta da Giulio Monteverde -, per dirla coi pretenziosi ed esterofili linguaggi televisivi di recenti programmi. E, ancora, tra moda e tradizione, a fronteggiare la “pixide”, simbolo bronzeo del forte legame coniugale celebrato su una tavola dipinta nel 1923 dal pittore Ferruccio Ferrazzi che si ritrae insieme alla compagna Horitia Randone in un’inquieta atmosfera simbolista di “gioia e amore”, ecco la torta nuziale di Loredana infiocchettata a dovere, con cinque piani - trasposizione in stoffa di quella usata nella speciale performance en plein air di The wedding show, festa di nozze sur l’herbe -, con le immarcescibili figurine degli sposi sull’ultimo strato e con due dipinti che ne propongono suggestive ed elaborate versioni. Oggetto, la torta, ancora una volta in perfetta sintonia con il clima di anestesia culturale del nostro tempo e di reverenziale attenzione dei media per l’arte scacciapensieri di chef e pasticceri. Grande torta e, ultima creazione tessil-alimentare firmata da Galante, grande cornucopia mitologica prodiga di pane in una società schizofrenica che spreca e affama, che dilapida risorse preziose negandole senza batter ciglio a chi nulla ha. Al centro della sala con torta nuziale, i pronipoti di Aracne imprigionati al loro paziente lavoro, infondono nuova vita alla Convalescente di Arturo Martini, splendida terracotta del 1932 in cui è ritratta Maria, figlia dello scultore, indebolita e provata dalla malattia, appena riallestita al suo posto dopo l’esemplare mostra monografica di Bologna, vera rimpatriata scientifica di eccezionali capolavori tornati in Italia da Anversa dopo più di mezzo secolo di assenza. La coperta intessuta di contemporaneità dei “ragni tessitori” avvolge in parte la giovane e quasi la protegge, la isola dal mondo esterno, dalle sue avversità. Pare una magia e forse è così, perché quel copriletto viene da lontano, dalla Bulgaria, terra di rose e di manodopera a basso costo. Chissà, magari i “ragni tessitori” sono clandestini africani, e neanche bulgari. Poco importa. L’arte e il pensiero complesso che la sorregge non hanno certo bisogno di un permesso di soggiorno museale.

5


Gestures of gallantry Chiara Canali

A

n all-round artist in both life and art, Loredana Galante has always struck me for the number of ideas, workshops and creative processes that she meshes together day after day by herself or “with the help of weaver spiders”. Striking too, is the agility and intensity with which she is able to deliver epic performances with an expression in her strokes that varies from the unperceivable to the exasperated. The peculiar characteristic of all her performances (both those that are more extreme and those that are more sfumato) lies in the relational quality that she establishes, previously accomplished by artists such as Vito Acconci, Yoko Ono and Marina Abramovic within an artistic framework. Galante’s research falls within the lines of the Performance Art tradition - from New Dada to Fluxus - which, through the presentation of actions, materials and events usually considered ordinary, part of the daily routine, aspire to superimpose the concepts of art and life and to establish ever more frequent relations and exchanges with people. In this sense her path reconnects with that of artists coming from very different places and pathways such as Yoko Ono, Charlotte Moorman and Alison Knowles, interweaving itself with persons that intersected with Fluxus, such as the feminist and activist Kate Millet, Simone Forti and Carolee Schneemann, to today’s use of the body as a performance - Abramovic, Nezaket Ekici or the younger Mary Sue. Even when the most exhibitionist and eccentric side of Gallante’s character emerges with playwright theatrics and expressive exuberance, it is the relationship with her “neighbor”, the other who is different from herself, and with the public that she is in front of in that moment in time. In this sense the artist’s ability to relate is fundamental not only with others but also within the context of the performance, which is mostly determined by the type of relationship one can establish in public or private places. For this reason, over recent years I have often involved Galante in performing gestures from time to time, depending on the theme and type of exhibition. An example is Letto di Latte (Bed of Milk - 2010), conceived for the Turin project The White Cellar. As white was the dominant color of the exhibition, Galante filled a child’s bed with milk on which personal desires were written, white on white, to put a palingenesis on the stage that portrayed its star-author in her primordial state of saving naturalness and purity. Suited to the exhibition and convivial context of Arte Accessibile Milano, Loredana Galante formulated the project Nice to meet you (2011) using the simple tool of the entrance badge that identifies the visitor to the trade-fair, all the participants become an active part of the artist’s performance and the unusual means of communication to give life to a type of collective voice-bearer of an extended artistic dimension. On the subject of participation and community, our artist participated in the sixth edition of Fotografia Europea both in the photography exhibition with Dalla parte delle donne. Tra azione e partecipazione and in the performances with L’importante è partecipare under the external portico of the Galleria Parmeggiani in a sitting-room en plein air where the passers-by are accommodated so they can glance through the albums containing vintage photographs of the city of Reggio Emilia and its inhabitants extracted from the photographic archive of the local Municipality. Originating from the Turin exhibition 012 Profetica, Poetica, Proetica, and subsequently fine tuned during a 46-day trip to Mexico, between shamans, legends, testimonies, dances and rites of passage, the Vita morte vita. Viaggio dalla materia inerte alla vita takes place in a small camping tent, where a Donna Scheletro (Skeletal Woman) lies pregnant (her Vulva is open and filled with pinto beans), dressed in black, the symbol of rebirth from the remains of death. Whoever enters the tent can lie down with the Donna Scheletro, can hear and watch the video footage taken in Mexico, which reminds us of the unavoidable encounter with Mr. Death, and is free to take away a bean, if so wishing. Even though her performances mainly have an ephemeral nature, destined to create meaning and extended significances to the existential sphere of humankind, often objects, drawings, words, stickers, videos, memories, finds remain that lead the spectator back to taste those moments once again with both playful insight and cathartic emphasis. That is indeed how Loredana Galante wishes her performances to be interpreted, as she repeated in an interview granted to Chiara Crosti for the blog Culturanatura of Lastampa.it: “As promoter of the game, I capitalize my performance on an existential level, however acquiring the energy and accomplishments of others. Events and experiences, observed and filtered and transformed and re-proposed through different forms of media (performance, paintings, video, workshops…). It is a process that can be similar to catharsis, facilitating transformation, a constructive reformulation, or it can bring focus on symbols that contain meaning, that can be shared that not only belong to my personal story, but to everyone’s.


Gesti di galanteria Chiara Canali

A

rtista a tutto tondo, nella vita e nell’arte, Loredana Galante mi ha sempre colpito non solo per la quantità di idee, progetti e processi creativi che sa tessere giorno dopo giorno da sola o “con l’aiuto dei ragni tessitori”, ma per l’inconsapevole levità e, al contempo, intensità con la quale è in grado di mettere in scena epiche performance con un’espressività dai tratti, di volta in volta, impercepibili o esasperati. La caratteristica peculiare di tutte le sue performance (sia quelle più estreme che quelle più sfumate) consiste nell’aspetto relazionale, che è stato anticipato da artisti come Vito Acconci, Yoko Ono, Marina Abramovic, sempre e comunque all’interno di una cornice artistica. La ricerca della Galante si inserisce nel solco della tradizione della Performance Art - dal New Dada a Fluxus - che, attraverso la presentazione di azioni, materiali ed eventi normalmente considerati comuni, banali, di routine quotidiana, aspira a sovrapporre i concetti di arte e vita e a instaurare sempre più frequentemente relazione e scambi con la gente. In questo senso il suo percorso si ricollega a quello di artiste provenienti da luoghi e percorsi disparati, come Yoko Ono, Charlotte Moorman, Alison Knowles, intrecciandosi a figure che incrociarono Fluxus, come la femminista ed attivista Kate Millet, Simone Forti e Carolee Schneemann, per arrivare oggi all’uso performativo del corpo di Marina Abramovic, Nezaket Ekici o della più giovane Mary Sue. Anche quando l’aspetto più esibizionista ed eccentrico della Galante emerge con teatralità drammaturgica ed esuberanza espressiva, rimane predominante il rapporto con il prossimo, con il diverso da sé, con il pubblico che si trova, in quel momento, di fronte a lei. In questo senso è fondamentale anche la capacità dell’artista di relazionarsi non solo con l’altro ma anche con il contesto in cui si rapporta la sua performance, che è fortemente determinato dal tipo di relazioni che si possono instaurare nei luoghi pubblici o privati con cui si confronta. Per questo motivo, in questi anni ho spesso coinvolto la Galante in gesti performativi determinati di volta in volta dalla circostanza espositiva e tematica. Così è stato per l’azione Letto di Latte (2010), ideata per il progetto torinese The White Cellar. Se il bianco era il tema dominante della mostra, la Galante ha riempito di latte un lettino per bimbi in cui riversare i propri desideri iscritti bianco su bianco, per inscenare una palingenesi che intendesse riportare il protagoinista-autore al suo stato primordiale di salvifica naturalità e purezza. Adatto al contesto fieristico e conviviale di Arte Accessibile Milano, Loredana Galante formula il progetto Nice to meet you (2011) dove, attraverso l’utilizzo di uno strumento veloce come l’adesivo di ingresso che identifica il visitatore della fiera, tutti i fruitori sono diventati parte attiva dell’atto performativo dell’artista e veicolo inconsueto di comunicazione per dar vita a una sorta di azione collettiva portavoce di una dimensione artistica allargata. Sul tema della partecipazione e della comunità si è giocata la sesta edizione di Fotografia Europea dove l’artista ha partecipato sia alla mostra fotografica Dalla parte delle donne. Tra azione e partecipazione sia agli appuntamenti performativi collaterali con l’azione L’importante è partecipare allestendo sotto i portici esterni della Galleria Parmeggiani un salottino en plein air dove i passanti si sono accomodati per sfogliare con lei album riportanti foto d’epoca della città di Reggio Emilia e dei suoi abitanti reperite dall’archivio fotografico del Comune. Scaturita dalla mostra torinese 012 Profetica, Poetica, Proetica, e successivamente messa a punto durante un viaggio di 46 giorni in Messico, tra sciamani, leggende, testimonianze, danze e rituali di passaggio, la performance Vita morte vita. Viaggio dalla materia inerte alla vita si svolge in una piccola tenda da campeggio, dove giace sdraiata una Donna Scheletro incinta (con la Vulva aperta piena di fagioli borlotti) vestita di nero, quale simbolo di rinascita dalle spoglie della morte. Chi entra nella tenda può coricarsi con la Donna Scheletro, può ascoltare e vedere il video realizzato in Messico, che ricorda l’appuntamento irrevocabile con la Signora Morte, e può prendere con sé uno dei suoi fagioli. Benché le sue performance abbiano perlopiù un carattere effimero, destinate a creare senso e significati allargati alla sfera esistenziale dell’uomo, spesso rimangono oggetti, disegni, parole, adesivi, video, memorie, reperti che riconducono di volta in volta lo spettatore ad assaporare quei momenti con giocosità ludica e al contempo con enfasi catartica. Così infatti Loredana Galante desidera siano interpretate le sue performance, come ribadisce in un’intervista concessa a Chiara Crosti per il blog Culturanatura de Lastampa.it: “In quanto promotrice del gioco, io capitalizzo le mie perfomance a livello esistenziale, comunque acquisisco le energie e l’esperire degli altri. Accadimenti ed esperienze, osservate e filtrate, vengono trasformate e riproposte in più media (performance, dipinti, video, installazioni…). E’ un processo che può assomigliare alla catarsi, agevola la trasformazione, la riformulazione costruttiva, oppure può portare a focalizzare dei simboli che contengono il significato, simboli condivisibili che non appartengono solo alla mia storia, ma alla storia di tutti”.


With the weaver spider’s help Fortunato D’Amico

L

oredana Galante is certainly not one to be intimidated by academic orthodoxy, with its strict selection of which documents should be shown to the public and which should be kept in the archives, resolute in discarding researches, materials and instruments not considered suitable to feed the stereotype cliché adopted by the rhetoric of the cultural system. She is not even in compliance with the behavior of many Italian artists, who are often identified in an ascetic role, indeed seriously paranormal, this is because Loredana’s artistic career is closely connected to her expression of being a woman and her experience of real life, with a hint of genuine madness. Her costumes and masquerades, the andante allegro pace with which she walks, her garments and ornaments, used and routinely organized in the happenings of every-day life, are the materials of her art. There are no other terms to describe the phenomenon that is Loredana Galante: lively, active, resourceful, shy, sassy, thoughtful, determined, insecure and addictive to the point that you believe the states of mind, caused by the tale of her stories, are yours as well. It’s true indeed that her aesthetic research investigates formalities, bon-ton, “fin de siècle” good manners portrayed in the Georges Seurat, Edgar Degas, Claude Monet, Pierre- Auguste Renoir, Edouard Manet paintings, from which Loredana seems to have stepped out, appropriately decorated and dressed up. There is really nothing retro in her thoughts or in her attitudes that are exhibited during the short performances she usually couples with her artworks exhibitions. Every single artwork has a translatable expressive reason only if traced back to the dramatized episodes ensemble which it refers to, where poetry is the real clue to reconstruct the roadmap traced by the loving female character played with gracious spirit. The actions of contact with the spectators are therefore an essential part of Loredana Galante’s artistic work, functional to create interest and entertain the viewer while looking, thoughtful, at the scene of monologues and questioning the effects arising from interaction between gestures and objects, elaborated with obsessive abundance. The relationship with nature is projected into a magical world where the dream exercises the imagined ideal and where harmony reigns among people entering the frame and undertaking the role of co-stars. The performing recital, therefore, communicates the parody of a woman struggling with personal desires, looking for a formula to balance her own expectations with those of others. The story is processed as a divertissement, suited to her ironic and restless nature, in search of a virtuous background, that enhances the feminine condition and recovers convivial tools, in order to relieve the dreariness of everyday life. The socialization of these sketches often develops within prosperous spaces, made sensitive by flowers, plants, animals, equipment for open-air life and picnics, in a festive atmosphere of gatherings, projected in a mimetic conception of space-time, optimum for the fulfillment of the desires of the observer. Even when the action context is the domestic one, characterized by the presence of objects reinvented by the artist and placed in spaces designed to give a sense of hospitality to the guests, the tendency is always to foster a friendly setting. An artistic initiative focused on the ability to start a close dialogue with the public, obtained by enlarging the empathic processes between the participants through the activation of some issues through dramatization, which can facilitate the symbiosis role paths; a liberating dream on stage which becomes reality, generated by an initial mythical image, becomes the fiction of a convivial ceremony. This world of elaborated signs has also been defined by her interest in psychology, as a therapeutic practice to probe aspects of one’s personality that are kept secret or protected due to the fear of them being seen by others. You are driven by the need to remove the idea of the impossible and to share the unlocking of the imagination, confined by inner complexes. With a playful approach to inhibitions and a constraint free imagination, everyone can rewrite their own history, inventing a better world, accepting themselves, as well as fantasizing about the possibilities of transformation, rewriting the past from the present to design the future. In one of her recent workshops - I redraw your life - Loredana interacts with the story lived and told by the participants and, together, mark a new starting point, that gives rise to unpredictable paths, respecting the wishes that the participants expressed. This interest in human affairs is added to by her knowledge acquired from the school of counseling. Rewriting the world is redrawing the objects that surround us, to see them with different eyes, partaking in a pleasurable and healing animistic process. Taking care of objects means declaring them as part of ourselves, extensions of our senses that inspire individual and social behavior. Redeveloping this awareness means changing systems that are prone towards consumerism, a carrier of unhealthy practices that has marred and polluted the planet, compromising the planetary resources cycle, unable to recognize a spatial extension of both senses and bodies in the objects produced. Loredana Galante iconography, consistent with this philosophy, reinvents design, recovering and updating things and objects lost in the oblivion of women’s magazine illustrations. Wedding Cakes, tights, flowered dresses, lost birds’ nests, cuckoo clocks, wardrobes, tea cups, cornucopias, swinging chairs, and many other items are related to the dense network of artifacts composing the phenomenological whole. Their personal history is covered in a “thought-forms” broad spectrum, tied together by the network’s invisible filament deployed by an industrious plots weaver spider. He is the spokesman for the artist, who knows the art of weaving and knitting, the the heart of the matter”. matter . one who is able to find “the

8


Con l’aiuto dei ragni tessitori Fortunato D’Amico

C

ertamente Loredana Galante non appartiene a quella sfera di persone che s’intimidiscono davanti all’ortodossia dell’arte accademica, severa nella selezione dei documenti da mostrare al pubblico o da conservare negli archivi, risoluta nello scartare ricerche, materiali, strumenti, non ritenuti idonei ad alimentare il cliché degli stereotipi adottati dalla retorica del sistema culturale. Lei non è conforme nemmeno ai comportamenti di molti artisti italiani, sovente calati in un ruolo ascetico, seriamente paranormale, perché la sua attività artistica è strettamente congiunta al suo modo di essere donna e di sentire la vita reale, con un pizzico di genuina follia. I travestimenti, le mascherate, il ritmo andante allegro della sua camminata, gli indumenti e gli ornamenti utilizzati negli happening, che organizza abitudinariamente, sono i materiali della sua arte. Non ci sono altre condizioni per descrivere il fenomeno Loredana Galante: briosa, attiva, intraprendente, timida, sfacciata, riflessiva, amletica, decisa, insicura, coinvolgente fino al punto da ritenere che gli stati d’animo, provocati dal racconto delle sue storie, siano in parte anche i tuoi. E’ vero invece che la sua ricerca estetica indaga tra le formalità, il bon ton, il galateo “fin de siècle” ritratto nei quadri di Georges Seurat, Edgar Degas, Claude Monet, Pierre-Auguste Renoir, Édouard Manet, da cui sembra uscita opportunamente vestita e adornata a festa. In realtà non c’è nulla di retrò nei suoi pensieri, negli atteggiamenti esibiti in pubblico durante le brevi performance teatrali che lei abbina abitualmente alle mostre dei suoi artworks. Ogni singola opera realizzata ha una ragione espressiva traducibile solo se ricondotta al complesso degli episodi sceneggiati cui fa riferimento, dove la poesia è il vero filo di Arianna per ricomporre l’itinerario tracciato dall’amabile personaggio femminile interpretato con spirito cortese. Le azioni di contatto con il pubblico sono quindi una parte fondamentale del lavoro artistico di Loredana Galante, funzionali a suscitare interesse e a divertire lo spettatore mentre osserva, riflessivo, la scena dei monologhi e si interroga sugli effetti scaturiti dall’interazione tra i gesti e gli oggetti elaborati con dovizia maniacale. Il rapporto con la natura è proiettato in un mondo magico, dove il sogno esercita l’ideale immaginato e l’armonia regna tra le persone che entrano nella cornice e assumono il ruolo di coprotagonisti. La recita performativa, quindi, comunica la parodia di una donna alle prese con i desideri individuali, alla ricerca di una formula per equilibrare le proprie aspettative con quelle degli altri. Il filone narrativo è elaborato in forma di divertissement, congeniale alla sua natura ironica e irrequieta, in cerca di un background virtuoso che esalti la condizione femminile e recuperi gli strumenti conviviali per allontanare lo squallore della quotidianità. La socializzazione di questi sketch si sviluppa spesso nell’ambito di spazi prosperosi, resi sensibili da fiori, piante, animali, equipaggiamenti per la vita open air e il pic-nic, in un clima da raduni festosi, proiettati dentro una concezione dello spazio tempo mimetica, ottimale alla realizzazione dei desideri dell’osservatore. Anche quando il contesto prospettato per l’azione è quello domestico, caratterizzato dalla presenza di oggetti reinventati dall’artista e inseriti in quadri abitativi studiati per dare accoglienza agli ospiti, la tendenza è sempre quella di favorire un ambiente amichevole e socializzante. Un’operazione artistica incentrata sull’abilità di avviare un dialogo serrato con il pubblico, ottenuto dilatando i processi empatici tra i partecipanti attraverso l’attivazione della teatralizzazione di alcune tematiche che permettono di facilitare i percorsi di simbiosi dei ruoli gli uni con gli altri; messa in scena di un sogno liberatorio diventato realtà, partorito da un’immagine iniziale miticizzata, passata attraverso il filtro della fantasia narrativa, diventata la fiction di una cerimonia conviviale. L’universo dei segni elaborati è definito anche dall’interesse verso la psicologia, intesa come pratica terapeutica per sondare ambiti della propria personalità tenuti segreti o protetti dal timore che possano essere resi visibili all’esterno. Si è spinti dall’esigenza di rimuovere l’idea dell’impossibile e di condividere con i propri simili le pratiche per sbloccare l’immaginazione, resa rigida dai complessi interiori. Con un approccio all’immaginazione ludica privo d’inibizioni e condizionamenti. Ognuno può riscrivere la sua storia, inventarsi un mondo migliore, accettandosi così come siamo ma fantasticando sulle possibilità di trasformazione, riscrivendo il passato, passando dal presente per ideare il futuro. In uno dei suoi workshop recenti - I redraw your life - Loredana interagisce con la storia vissuta e raccontata da ciascuno dei partecipanti e, insieme, contrassegnano un nuovo punto di partenza che origina possibili e imprevedibili percorsi rispettando i desideri espressi da entrambi. L’interesse per le vicende umane è integrato alle conoscenze acquisite dalla scuola di counseling. Riscrivere il mondo è ridisegnare gli oggetti che ci circondano, vederli con occhi diversi, partecipi di un’attività animistica piacevole e sanatoria. Avere cura degli oggetti è dichiararli come parte di se stessi, estensione dei propri sensi e ispiratori di comportamenti individuali e sociali. Recuperare questa cognizione vuol dire cambiare verso schemi propinati dal consumismo, portatore di pratiche malsane che hanno deturpato il pianeta e inquinato la natura, intromettendosi rovinosamente nel ciclo delle risorse planetarie, incapace di riconoscere nei prodotti realizzati un prolungamento spaziale dei sensi e dei corpi. L’iconografia di Loredana Galante, coerente a questa filosofia, reinventa il design recuperando e rendendo attuali cose e oggetti tralasciati nel dimenticatoio delle illustrazioni pubblicate dalle riviste femminili. Torte nuziali, collant, vestiti fiorati, nidi per uccelli smarriti, cucù, armadi guardaroba, tazzine del caffè, cornucopie, sedie a dondolo, e tantissimi altri oggetti sono collegati alla densa rete di artefatti che compongono l’insieme fenomenologico. La loro storia individuale è contemplata all’interno di un ampio spettro di “forme-pensiero” legate tra di loro dall’invisibile filamento della rete dispiegata da un laborioso ragno tessitore di trame. Egli è il portavoce di chi conosce l’arte di intrecciare fili e sferruzzare la maglia, di colei che è capace di ritrovare il bandolo della matassa.

9


Legenda “tracce� di performance opere videoproiettate

10


Opere

11


Incontri in 73 movimenti 2013

12


Incontri in 73 movimenti 2013

13


< Donna scheletro 2011

Tenda 2012

15


Storie vere di paese 2010

16


Storie vere di paese 2010

17


A due generazioni di distanza: toujour la mĂŞme feuille 2011

18


A due generazioni di distanza: toujour la mĂŞme feuille 2011

19


Blue 2013

20


Verde frangia 2011

21


Ë&#x2020; Alba dorata 2011 Ninho Gracia 2011

22


Alba dorata 2011

Ë&#x2020;

Ninho Gracia 2010

23


24


< Oiseau chantant en promenade 2008 Cappelli da signora 2008

25


26


< Torta 2010 Torte 2007

27


28


< Made of...your tangible affective contributions 2008 The wedding show 2008

29


Guardaroba 2008 Punti a vista > 2007

30


31


32


Letto di latte 2010

33


Riflessi Vaghi grande: 2004 piccola: 2003

34


35


Blu e uccelli 2009 Custodi 2009

36


Calza 2011 Palazzo Ducale, Sala Dogana Luna 2013

37


Il bosco in tazza 2012

38


La pausa del Cuore 2005

39


Fontana 2013

40


Rosso cervo 2011

41


42


Iâ&#x20AC;&#x2122;m very WELL 2005

43


Biography

L

oredana Galante was born in Genoa in 1970 and currently lives in Milan. A versatile artist, she studied at the Paul Klee School of Arts in Genoa and graduated from the “Accademia Ligustica di Belle Arti”. She won a scholarship to the TAM center directed by Arnaldo Pomodoro.

Loredana has participated in dance and theatre courses and workshops such as the “Master IAT Gong in theater, dance and music of the peoples” by Echo Art and “Theatre school Quelli di Grock” in Milan. Her performance work focuses on socializing and interaction rituals with and between people. Food is one of the means used to ease personal contact as well aid novices who are approaching contemporary art. Workshops and projects like “Le cose che non ho mai detto” (Things I never said), “C’era una volta” (Once upon a time), and “Friederick e l’arpa dell’amore” (Friederick and the harp of love) are focused on vulnerable groups such as children and the elderly. In “Se ci sei batti un colpo: segni e linguaggi della comunicazione” (Knock if you’re in: communication signs and languages ), “L’oggetto perfetto” (The perfect object), “Natale da buttare” (Throw away Christmas) the artist involves some schools in the issues of solidarity and recycle. Loredana develops and promotes trust and intimacy to facilitate people’s expression of themselves, as in the performance “La maga delle spezie” (The spices witch). Through meditation and introspection her work deepens understanding and intimacy, pointing to the dramas and passions not only in her own life, but also in that of in the life of others. These human “recurrences” are shown in grotesque forms of redemption, acceptance and deep compassion. The project “abat-jours” is performed with some women jailed in the prison of Genoa Pontedecimo, which achieved moments of creativity free from feelings of discomfort and oppression. Expressing herself through paintings and installations, but crossing the border into performance, Loredana approaches the central themes of humanity: love, family, emotional dependency and abandonment “Il mio castello” (My castle) is a castle of playing cards with pictures of old family photos, including ancestors and recently deceased relatives. In some works about memory and “grief related anxiety” she collects, sews together and casts memories and emotions. In “Nove borsette in viaggio” (Nine traveling bags), “The wedding show e Storie vere di paese” (True stories from the countryside) she tells us stories using tissues as fragments of memory. A textural work that is rooted in concern for human needs, defying common enemies such as isolation and loneliness by bringing them to light through the language of the arts. Her works have been exhibited in public museums and art galleries in Italy and abroad in Tokyo, Dubai, Hannover, Strasbourg, Nice and New York. Loredana has received several awards and has spent several months in residences including The Cill Rialaig Project, Ballins Kelly Co. - Kerry ( IRL); eProjeckt “ Ar . Toll - Labor Sommer - Bedburg -Hau (D); Neerwaya in Burkina Faso. One of her traveling projects of particular note is Rooms, photo and video footage from inside hotel rooms (Barcelona, Dubai, Istanbul, Bangkok, Venice, Siem Reap, Trani, Ouagadadougou, London...) and the text is by Angela Madesani. In 2013, she worked on the project “Vita morte vita: dalla materia inerte all’anima” (Life death life: from inert material to the soul), during a two-month stay in Mexico in collaboration with the Museo Nacional de la Muerte Aguascalientes. Then she performs “Incontri in 73 movimenti” (Encounters/Meetings in 73 movements) for Mazda and “Appuntamento Galante” (Elegant Date) for Silhouette, of which she is ambassador, both in Milan. Recent exhibitions and performances include: 2012- “Nice to meet you How to say you are pleased to meet people” performance curated by Olivia Spatola, Bologna artefiera and off events, Music Museum, Celebrations Theater, Bevilacqua Ariosti palace, Gnudi palace, spazio Poltrona Frau 2011- 012 “pro etica profetica p o etica” curated by Chiara Canali e Fortunato D’ Amico, Turin Porta Nuova Station; “Sebben che siano donne”, Libera Palace, Villa Lagarina, Trento, curated by Angela Madesani;210,So exotic, performances exhibition series curated by Chiara Vigliotti, Reload Ex Car Factories, Rome 2010- “White Cellar”, Turin ex Fiat palace, curated by Chiara Canali; “Lafie du monde”, La maison des jeunes de la culture de Zorgho, Residence international artistique,UNESCO Project,Neerwaya, Zorgho, Burkina Faso; “Mood Traveller”, galleria Costantini, Il torchio, Milano (only) 2009-“DA CAPO in Genua” IKG - International Artists Forum, by Galleria 44, Palazzo Ducale, Genoa; “The precious gift”, curated by Chiara Canali, Dubai; “Prima O Poi si cambia”, 26 minutes tv show, on Telegenova, Teleliguria, Teletoscana, Telereporter, www.canale10, projected and hosted by Michele Serrano 2008 – “Se ci sei batti un colpo, segni e linguaggi della comunicazione”, Loggia dei Mercanti, Genoa, text by Achille Bonito Oliva (solo) “Una question(e) pubblica”, is the book edited by De Ferrari, with a presentation by Achille Bonito Oliva, a collection of works from recent years. The following have written about her: Vera Agosti, Luca Beatrice, Germano Beringheli, Achille Bonito Oliva, Chiara Canali, Marco Canepa, Luciano Caprile, Viana Conti, Miriam Cristaldi, Chiara Crosti, Fortunato D’ Amico, Genni Di Bert, Kaiser, Manuela Gandini, Milly Gandini, Angela Madesani, Emilia Marasco, Franco Ragazzi, Alessandro Riva, Elisabetta Rota, Laura Safred, Sandra Solimano,Olivia Spatola, Paola Valenti, Stefano Verri,Chiara Vigliotti.

44


Biografia

L

oredana Galante è nata a Genova nel 1970 e vive a Milano. Gli studi, presso il liceo artistico Paul Klee e l’Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova, costituiscono una solida base di partenza che l’aiuterà in seguito a sviluppare una personale visione dell’arte, accentuatamente poliedrica e creativa. Successivamente vince la borsa di studio del centro T.A.M. diretto da Arnaldo Pomodoro. La ricerca continua e la necessità di interagire con discipline diverse e linguaggi di comunicazione, capaci di coinvolgere nella pratica artistica oltre a se stessa le altre persone, la spingono a frequentare diversi stage di danza e corsi di teatro. All’interesse per il percorso attoriale faranno seguito le esperienze del “Master Iat Gong di teatro, danza e musica dei popoli”, di Echo Art, e della Scuola di Teatro Quelli di Grock. È l’inizio di un’attività performativa, concentrata sempre di più sui rituali di socializzazione ed interazione con il pubblico. Il cibo è uno degli elementi ricorrenti delle sue performances, usato allo scopo di facilitare il contatto e la fruizione dell’evento artistico anche ad un pubblico di non addetti ai lavori. L’attenzione alle fasce deboli della popolazione, in particolare bambini e anziani, la vede impegnata in workshop e progetti come Le cose che non ho mai detto, C’era una volta, Friederick e L’arpa dell’amore. In Se ci sei batti un colpo: segni e linguaggi della comunicazione, L’oggetto perfetto, Natale da buttare Loredana Galante coinvolge le scolaresche nelle tematiche del riciclo e della solidarietà.

Le pratiche di meditazione e d’introspezione l’aiutano ad avvicinarsi con consapevolezza ai drammi della vita, e ad approfondire il filone delle passioni e dell’intimità, con un’attenzione particolare al vissuto proprio e degli altri. Abat-Jours, è un progetto svolto con le detenute del carcere femminile di Genova Pontedecimo, con l’obiettivo di dar vita a momenti di creatività immuni da disagi e sentimenti d’oppressione. Esprimendosi con la pittura e l’installazione, ma sconfinando nella performance, affronta i temi centrali dell’umano: l’amore, la famiglia, la dipendenza emotiva, l’abbandono. Il mio castello è un castello di carte da gioco con le immagini di vecchie foto di famiglia e affetti scomparsi, un modo per costruire la roccaforte di riferimento emotivo ma anche la precarietà e la difficoltà delle relazioni affettive. In Nove borsette in viaggio, The wedding show e Storie vere di paese, raccoglie storie e testimonianze per mezzo di scritti ma anche di tessuti, di frammenti materici di memoria. La memoria e l’ansia della perdita sono i motori azionati per collezionare, cucire, catalogare ricordi ed emozioni. Quello di Loredana Galante è un viaggio alle radici delle inquietudini e dei bisogni umani, affrontando i nemici comuni dell’isolamento e della solitudine, portati alla luce utilizzando i linguaggi dell’arte. Nel corso della sua attività artistica ha esposto in Italia e all’estero, tra cui a Tokyo, Dubai, Hannover, Strasburgo, Nizza, New York. Ha vinto premi e partecipato a residence tra cui il The Cill Rialaig Project Ballins Kelly Co. - Kerry (IRL); eProjeckt “Ar. Toll – Sommer Labor- Bedburg-Hau (D); Neerwaya (BURKINA FASO). Tra i progetti itineranti da ricordare Rooms, foto e video, che si svolge all’interno di stanze d’albergo (Barcellona, Dubai, Istanbul, Bangkok, Venezia, Siem Reap, Trani, Ouagadougou, Londra...) con il testo di Angela Madesani. Nel 2013 lavora al progetto Vita morte vita: dalla materia inerte all’anima, durante due mesi di soggiorno in Messico e con la collaborazione del Museo Nacional de la Muerte di Aguascalientes. Esegue poi Incontri in 73 movimenti per la Mazda e Appuntamento galante per Silhouette, di cui è ambassador, entrambi a Milano. Tra le recenti esposizioni e performance si ricordano: 2012 - Nice to meet you How to say you are pleased to meet people performance a cura di Olivia Spatola, artefiera di Bologna ed eventi arte fiera off: Museo della Musica, teatro delle Celebrazioni, palazzo Bevilacqua Ariosti, Palazzo Gnudi, spazio Poltrona Frau, 2011- 012 pro etica profetica p o etica a cura di Chiara Canali e Fortunato D’ Amico, Torino Stazione Porta Nuova; Sebben che siamo donne, Palazzo Libera, Villa Lagarina, Trento, a cura di Angela Madesani;210,So exotic,performances exibition series a cura di Chiara Vigliotti, Reload Ex Officine Automobilistiche, Roma 2010- White Cellar, ex Palazzo Fiat, Torino a cura di Chiara Canali; Lafie du monde, La maison des jeunes de la culture de Zorgho, Residence international artistique, progetto UNESCO,Neerwaya, Zorgho, Burkina Faso; Mood Traveller, galleria Costantini, Il torchio, Milano (pers) 2009-DA CAPO in Genua IKG - International Artists Forum, a cura della Galleria 44 Palazzo Ducale, Genova, The precious gift, a cura di Chiara Canali, Dubai; Prima O Poi si cambia, 26 minuti di puntata televisiva, su Telegenova, Teleliguria, Teletoscana, Telereporter, www.canale10, progetto e conduzione di Michele Serrano 2008 - Se ci sei batti un colpo, segni e linguaggi della comunicazione, Loggia dei Mercanti, Genova, presentazione in catalogo di Achille Bonito Oliva (pers) Una Question(e) pubblica, è il libro edito da De Ferrari con la presentazione di Achille Bonito Oliva, che raccoglie i lavori realizzati da Loredana Galante negli ultimi anni. Hanno scritto di lei: Vera Agosti, Luca Beatrice, Germano Beringheli, Achille Bonito Oliva, Chiara Canali, Marco Canepa, Luciano Caprile, Viana Conti, Miriam Cristaldi, Chiara Crosti, Fortunato D’ Amico, Genni Di Bert, Kaiser, Manuela Gandini, Milly Gandini, Angela Madesani, Emilia Marasco, Franco Ragazzi,Alessandro Riva, Elisabetta Rota, Laura Safred, Sandra Solimano,Olivia Spatola, Paola Valenti, Stefano Verri,Chiara Vigliotti.

45


Con l’aiuto dei ragni tessitori

Il laboratorio didattico al museo di Arte Contemporanea di Villa Croce The educational workshop at the Museum of Contemporary Art Villa Croce Paolo Scacchetti

Il progetto di realizzare un laboratorio sul lavoro di un artista contemporaneo nasce in alcuni casi dal tentativo di riprodurre le opere dell’artista stesso. Gli incontri realizzati dalla Sezione Didattica del Museo di Arte Contemporanea di Villa Croce sul lavoro di Loredana Galante superano questo concetto per divenire un’occasione di “gestalt relazionale” tra i soggetti che partecipano al workshop. La possibilità così ampia data dal lavoro della Galante si manifesta nelle forme laboratoriali del coloriage piuttosto che di trascrizione della memoria famigliare, generando una modalità di partecipazione assolutamente trans generazionale che non richiede nessun prerequisito particolare se non la volontà di comprendere se stessi attraverso gli altri. Una proposta di laboratorio che oltre a vedere l’artista impegnata in prima persona possa far comprendere le profonde ed affascinanti dinamiche dell’arte contemporanea. The project of building a laboratory based on the work of a contemporary artist in some cases starts by attempting to reproduce the works of the artist himself . The meetings held by the Education Department of the Museum of Contemporary Art Villa Croce on the work of Loredana Galante exceed this concept to become an occasion of “relational gestalt” among the subjects participating in the workshop . Galante’s work offers such wide possibilities which are manifested in the forms of coloriage workshops or the transcription of family memory that generate transgenerational participation that has no prerequisite other than the willingness to understand one’s self through others. A proposal for a laboratory that in addition to engaging the artist in first person can also reveal the deep and fascinating dynamics of contemporary art.

46


Didascalie Cornucopia, 2013, rete metallica, broccato, raso e pane,150x60cm Incontri in 73 movimenti, 2013, performance, MACS, “BE ON THE MOVE. Il movimento del corpo e della mente” Mazda Con-Temporary Space, Milano, a cura di Fortunato D’ Amico, Borli, 2011, acrilico su tela, 150x280 cm I desideri sono illuminazione, 2012, disegno su carta per il libro di coloriage Rebirth: the second life, 2012 Donna scheletro, 2011, velluto, cotone, 195x60 cm Tenda, 2012, tessuto, 210x185 cm 210, 2011, performance, So exotic,performances exibition series, Reload ex officine automobilistiche, Roma progetto a cura di Chiara Vigliotti con la collaborazione di Chiara Canali, Micol di Veroli, Francesco Lucifora, Claudio Libero Pisano, Marta Ferretti. Storie vere di paese, 2010, stoffa di abiti di signore della Lomellina, 120x210 cm A due generazioni di distanza: toujour la même feuille, 2011, tessuto, bordo all’uncinetto, velluto, terra e pianta, 80x 280cm, disegno su carta per il libro di coloriage Rebirth: the second life, 2012 Blue, 2013, acrilico su tela e stoffa, 300x200 cm Verde frangia, acrilico su tela e passamaneria, 2011, 150x100 cm, collezione privata Alba dorata, 2011, performance a cura di Stefano

Verri/ CS Castello 10 e lode, rassegna di arti visive Frontone (PU) organizzata dal Comune di Frontone e dall’Associazione Culturale Sponge ArteContemporanea, a cura di: Simonetta Angelini, Chiara Canali, Francesco Paolo Del Re, Susanna Ferretti, Massimo Guastella, Carolina Lio, Cristina Petrelli, Massimo Raffaeli, Carlo Sala, Viviana Siviero, Stefano Verri Ninho Gracia,2010, nido di rami, 156x156x36 cm Ninho gracia, 2011, disegno su carta per il libro di coloriage Rebirth: the second life, 2012 Oiseau chantant en promenade, 2008, legno, pelle, 15x26x9 cm Cappelli da signora, 2008, cappelli, dipinti floreali con inserti materici, cornici dorate, 34x37x7,5cm, 33x37x5 cm, 39x39x5 cm Torta,2010, pizzo e tessuto, 86x180 cm Torte, 2007, acrilico su tela e fiori di stoffa, 80x80 cm, 70x100 cm Made of your tangible affective contributions, 2008, lamda print, 100x150 cm The wedding show, 2008, Sassello (SV), a cura di arte comunicazione Guardaroba,2008, legno, stoffa, 31.5x31x12.5 cm Punti a vista, 2007, fotomontaggio con il dipinto Le cucitrici di camicie rosse di Odoardo Borrani, collezione privata, stampa fotografica, 77x61cm Letto di latte, 2010, bozzetto su carta, 25x36 cm, Installazione e performance, 2010, lettino a sponde,100 litri di latte, bottiglie, bustine e biglietti di carta traforata di pizzo, gessetti bianchi, fisarmonica Alessandra Osella, White

Performance, White Cellar ex uffici Fiat, Torino a cura di Chiara Canali Riflessi Vaghi, - grande: 2004, gabbia metallica dorata, consolle con specchio e sedia, due foto, diametro 120x190 cm, stampa fotografica 50x70 cm, collezione privata - piccola 2003, ferro e plexiglas con miniature in specchio e legno, 46x177 cm Blu e uccelli, 2009, acrilico su tela,150x100 cm, collezione privata Custodi, 2009, acrilico su tela, 150x100 cm, collezione privata Luna, 2013, acrilico su tela, 170x260 cm Il bosco in tazza, 2012, disegno su carta per il libro di coloriage Rebirth: the second life, 2012 La pausa del Cuore, 2005, aiuola a forma di cuore: tappeto di erba lanosa, tazzine come corolle, teiere dorate, porcellane bianche, cuscini ricamati Fontana, 2013, vasi e sottovasi di plastica, fiori di stoffa, impianto idraulico, diametro 90x175 cm Rosso cervo, 2011, acrilico su tela, 180x180 cm I’m very WELL, 2005, ferro, legno, plastica,76x200 cm Storie vere di paese, 2013, di coloriage Rebirth: the second life, 2012,100x200 cm Birds family, di Gracien Deseri, 2013, tecniche miste Birds family, di Gracien Deseri, 2013, tecniche miste

47


Captions Cornucopia, 2013, wire mesh, brocade, satin and bread, 150x60 cm Incontri in 73 movimenti, 2013, performance, MACS, “BE ON THE MOVE body and mind movements” Mazda Con-Temporary Space, Milano, curated by Fortunato D’ Amico Borli, 2011, acrylic on canvas, 150x280 cm I desideri sono illuminazione, 2012, drawing on paper for the book of coloriage Rebirth: the second life, 2012 Donna scheletro, 2011, cotton, velvet, 195x 60 cm Tenda, 2012, fabric, 210x185 cm 210, 2011, performance, So exotic, performances exibition series, Reload automotive repair shop, Roma ; curated by Chiara Vigliotti with the collaboration of Chiara Canali, Micol di Veroli, Francesco Lucifora, Claudio Libero Pisano, Marta Ferretti. Storie vere di paese, 2010, Lomellina’s women dresses patchwork,120 x 210 cm A due generazioni di distanza: toujour la même feuille, 2011, textile, crochet border, velvet, earth and plant, 80x 280cm, drawing on paper for the book of coloriage Rebirth: the second life, 2012 Blue, 2013, acrylic on canvas and fabric, 300x200 cm Verde frangia, acrylic on canvas and trimming, 2011, 150x 100 cm, private collection Alba dorata, 2011, performance curated by Stefano Verri/ CS Castello 10 e lode, visual art festival, Frontone (PU) organized by Comune di

Frontone and Associazione Culturale Sponge ArteContemporanea, curated by: Simonetta Angelini, Chiara Canali, Francesco Paolo Del Re, Susanna Ferretti, Massimo Guastella, Carolina Lio, Cristina Petrelli, Massimo Raffaeli, Carlo Sala, Viviana Siviero, Stefano Verri Ninho Gracia, 2010, nest of branches, 156x156x36 cm Ninho Gracia, 2011, drawing on paper for the book of coloriage Rebirth: the second life, 2012 Oiseau chantant en promenade, 2008, wood, leather, 15x26x9 cm Cappelli da signora, 2008, hats, flowered painting with materical inserts, golden frames, 34x37x7,5cm, 33x37x5 cm, 39x39x5 cm Torta, 2010, lace and fabric, 86x180 cm Torte, 2007, acrylic on canvas and fabric’s flowers, 80x80 cm, 70x100 cm Made of your tangible affective contributions, 2008, lamda print, 100x150 cm The wedding show, 2008, Sassello(SV), curated by arte comunicazione Guardaroba, 2008, wood, fabric, 31.5x31x12.5 cm Punti a vista, 2007, photomontage with the painting Le cucitrici di camicie rosse of Odoardo Borrani, private collection, photoprint, 77x61cm Letto di latte, 2010, sketch on paper, 25x36 cm, Installation and performance, 2010, small bed with banks,100 liters of milk, bottles,

envelopes and traforated cards, white chalks, accordion Alessandra Osella,White Performance, White Cellar ex uffici Fiat, Torino curated by Chiara Canali Riflessi Vaghi, - the big one: 2004, gold metal cage, consolle with mirror and chair, two pictures, 120x190 cm, photoprints, 50 x70 cm, privat collection - the little one 2003, iron e plexiglas with miniatures on mirror and wood, 46 x177cm Blu e uccelli, 2009, acrylic on canvas, 150x100 cm, privat collection Custodi, 2009, acrylic on canvas, 150x100 cm, privat collection Luna, 2013, acrylic on canvas, 170x260 cm Il bosco in tazza, 2012, drawing on paper for the book of coloriage Rebirth: the second life, 2012 La pausa del Cuore, 2005, heartshaped flowerbed: grass wolling carpet, golden tea cups, white porcelaine, embroided pillows Fontana, 2013, plastic vases and saucers, fabric flowers, idraulic system, 90x175cm Rosso cervo, 2011, acrylic on canvas, 180x180 cm I’m very WELL, 2005, iron, wood, plastic, 76x200 cm Storie vere di paese, 2013, drawing on paper for the book of coloriage Rebirth: the second life, 2012, 100x200 cm Birds family by Gracien Deseri, 2013, mixed media


15,00 Euro Finito di stampare nel mese di febbraio 2014

Profile for loredana galante

Con l' aiuto dei Ragni Tessitori  

catalogo mostra personale alla GAM ( galleria di arte moderna) di Genova

Con l' aiuto dei Ragni Tessitori  

catalogo mostra personale alla GAM ( galleria di arte moderna) di Genova

Advertisement