Page 1

Anno 2 n°1 - In attesa di autorizzazione a.rainieri@comune.termini-imerese.pa.it pec: protocollo@pec.comuneterminiimerese.pa.it Piazza Duomo, 1 - 90018 Termini Imerese

Realizzazione grafica e concessionaria esclusiva di pubblicità Lime Edizioni srl - Tel. 02 36 767660 - info@limedizioni.com

Stampa: Monza Stampa srl Tiratura: 13.000 copie Città di Termini Imerese

GUARDIAMO AL FUTURO! Editoriale Il Sindaco Totò Burrafato

L’arrivo del 2016 ci impone di riflettere sul futuro della nostra Città. Analisi che per quanto mi riguarda deve essere portata avanti tenendo conto sia delle prospettive positive che si intravedono all'orizzonte, sia delle tante criticità che giorno per giorno viviamo per la crisi socio-economica che stiamo ancora attraversando e che, purtroppo, tarda ancora a lasciare il passo a quella "ripresa" che nel resto del Paese inizia a sentirsi. Questo possiamo affermare dopo i primi mesi di attività amministrativa svolta in questo anno nuovo. Il Paese sembra essersi messo in moto avviando a conclusione alcune opere da tempo in cantiere, adottando alcune riforme importanti e fondamentali, tentando anche la via dell'innovazione economica. E ancora ricercando quel cambiamento delle istituzioni che è passato, e che deve continuare, attraverso un ulteriore svecchiamento della classe politica. Il vento del cambiamento però deve fare i conti con le tanti e forti resistenze che si concretizzano in una cultura e in un malcostume comportamentale che rischia di tradursi in processi burocratici esasperati e lunghi, in una fitta rete di clientele, in una corruzione sistemica (soldi in cambio di favori), in una lunga serie di furbetterie di vario genere messe in campo per evadere un fisco ancora eccessivo. segue  a pagina 8

Firmato contratto di sviluppo Diventa realtà l’insediamento di Blutec IL COMMENTO DEL Importante passo in avanti verso il rilancio produttivo dell’area industriale di Termini Imerese CONSIGLIERE SACCO

segue a pagina 2

È finalmente esecutivo il Contratto di sviluppo tra Invitalia e Blutec. L'investimento complessivo è di 95,8 mln e garantirà il reimpiego di 700 lavoratori: 250 entro il 2016, 150 entro 2017 e ulteriori 300 entro il 2018. “E' un passo in avanti verso la riapertura dei cancelli verso il ritorno al lavoro degli operai ex-Fiat. Ma solo al termine del triennio e, a risultato raggiunto, potremo dire che la fiducia della nostra comunità è stata ripagata”. Così il sindaco Totò Burrafato ha salutato la notizia della firma tra Blutec ed Invitalia. “La speranza di veder ripartire un territorio messo in ginocchio dalla chiusura dello stabilimento ex Lingotto non ci ha mai abbandonato – ha precisato Burrafato -. Manteniamo alta l'attenzione in attesa dei provvedimenti autorizzativi per il prosieguo degli ammortizzatori sociali per il 2016, che dovrebbero giungere a giorni, sia per gli addetti di Blutec sia per gli operai dell'indotto. E' necessario infatti che il Ministero del Lavoro garantisca ciò per sostenere quanto avviato con la sottoscrizione del Contratto di Sviluppo e per dare continuità ad un programma di investimenti molto complesso. Solo con la sottoscrizione del Con-

“Avevamo ragione a scommettere diversi mesi addietro - seppur fra un largo scetticismo diffuso - sugli sviluppi positivi della vertenza ex-Fiat di Termini Imerese”. Questo il commento del consigliere comunale Carmelo Sacco a seguito della firma del contratto di sviluppo tra Invitalia e Blutec per la riconversione e riqualificazione dello stabilimento Termitano. La notizia della ratifica delle scorse settimane infatti – ha detto Sacco - non ne è che la conferma. I primi nuovi investimenti pari a circa 96 milioni potranno concretamente contribuire al rilancio del polo industriale consentendo, anche se a tappe, il reimpiego degli ex lavoratori Fiat. Adesso deve continuare la lotta per ridare un reale futuro produttivo ai lavoratori dell'indotto.

CARMELO SACCO carmelo.sacco@libero.it


IN PRIMO PIANO

segue da pagina 1 ro del Lavoro ha rinnovato semestralmente sulla base dell’esecutività del progetto. L’investimento previsto è poco meno di 96 milioni di euro. Di questi circa 71 saranno concessi dal Governo nazionale e dalla Regione Sicilia (67 milio-

tratto di Sviluppo, giunta nei gironi scorsi, poteva infatti essere data attuazione al piano di reimpiego delle tute blu prospettato da Blutec nel dicembre 2014”. La firma del contratto di Sviluppo e la conclusione del processo di ricapitalizzazione di Blutec sono tappe fondamentali per avviare il percorso di rinascita di Termini Imerese, fortemente voluti dal governo della Regione siciliana di Rosario Crocetta. Si tratta dei primi reali e concreti passaggi verso la riapertura del polo produttivo che fa seguito all'acquisizione dello stabilimento ex Fiat da parte della new-co del gruppo Metec, avvenuto due anni fa. Dal dicembre del 2011, il periodo di dismissione dello stabilimento da parte di Fiat, si sono succeduti numerosi pretendenti (alcuni invogliati dal consistente investimento pubblico previsto per l'area, complessivamente circa 150 milioni di euro) poi finiti nel nulla per assenza dei requisiti richiesti. Questa volta, così come confermato dal Mise, l’obiettivo sembra diventare finalmente raggiungibile. La firma del contratto ha por-

tato il ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, ad esprimere grande soddisfazione per il passo in avanti compiuto verso la riconversione e la riqualificazione del polo industriale ex Fiat di Termini Imerese. Una firma che conclude “una lunga e difficile operazione di salvataggio e di rilancio”, ha scritto il ministro in una nota. Per il Mise “Termini Imerese, sito industriale strategico per la Sicilia, torna ad essere un’area dove si parla di sviluppo e produzione e si accantonano i problemi occupazionali che finora si sono susseguiti”. L'accordo prevede il riassorbimento nell'arco di tre anni dei 700 dipendenti ex Fiat che hanno goduto negli anni scorsi di una cassa integrazione che il ministe-

ni sotto forma di finanziamento agevolato e 4 milioni come contributo in conto impianti) per dar vita ad uno stabilimento che dovrà produrre componenti automotive e allestimento di vetture ibride ed elettriche. L’incontro con i sindacati nazionali di Fim, Fiom e Uilm con Blutec al Mise ha confermato ulteriormente la concreta promessa di ricapitalizzazione. Tanto più perché il processo si è concluso con il versamento degli ultimi 24 milioni di euro. L'azienda ha inoltre fissato le tappe per il rientro degli operai in fabbrica. Saranno 40 i primi a subentrare già ad aprile mentre altri 30 sono previsti per la fine di settembre. Complessivamente saranno 300 entro la fine dell'anno, 50 in più

rispetto a quanto previsto quando era stato sottoscritto l'accordo con Invitalia. Cautela e soddisfazione da parte di Ludovico Guercio segretario Fim Cisl Palermo Trapani e Giovanni Scavuzzo segretario e rappresentante Fim Cisl in Blutec. “Pensare di rivedere nel giro di meno di due mesi le porte aperte della fabbrica è un grande sollievo. Intanto quest’anno – hanno precisato i due in una nota diffusa sul sito regionale della Cisl – si comincerà a parlare anche della fase B, del progetto che dopo la componentistica dovrebbe portare a Termini l’auto ibrida entro il 2018 con l’assunzione dei restanti 400 operai circa”. Il prossimo incontro presso il Dicastero di via Veneto con l'azienda è previsto per il 22 marzo. Per Roberto Mastrosimone della Fiom Sicilia “L’avvio di questa prima fase è un grande traguardo, ma chiediamo al più presto un confronto con Blutec per l’avvio del secondo modulo: 700 dipendenti ex Fiat devono tornare a lavoro insieme ai 350 lavoratori dell’indotto”. “Blutec ha garantito, ancora una volta, l'avvio del piano di reindustrializzazione di Termini Imerese e la procedura di fusione societaria e di trasferimento di azienda, che coinvolge stabilimenti presenti nelle province di Torino, Asti, Chieti e Potenza. Ma queste rassicurazioni non bastano. Attendiamo fatti concreti”. Questo il commento di Vincenzo Comella segretario provinciale della UILM Palermo.


Termini Imerese

SVILUPPO DEL TERRITORIO

MARZO 2016

3

Salvi i finanziamenti europei per la realizzazione dell’interporto di Termini Imerese Nella finanziaria regionale recentemente approvata dal Parlamento siciliano è stata finalmente affrontata e risolta (in parte) l'annosa vicenda della ricapitalizzazione della Società Interporti Siciliana: società a totale capitale pubblico che ha quale unica finalità la realizzazione delle due infrastrutture: quelle di Termini Imerese per la Sicilia occidentale e quella di Bicocca per la Sicilia orientale. Per ricapitalizzare la SIS è stata destinata una somma di 550 mila euro che è stata inserita nella finanziaria e permetterà di non perdere i finanziamenti europei per la realizzazione di queste importanti infrastrutture per la Sicilia. Il primo cittadino Burrafato ha commentato positivamente l'approvazione da parte dell'Ars: "sarebbe servita per dare continuità aziendale alla Società una somma ben più cospicua. È comunque un segno importante che - messo insieme ad altre iniziative collaterali quale la stipula di un contratto di servizio tra la Regione siciliana e la Società Interporti Siciliani - dovrebbe garantire l'avvio dei lavori della piattaforma logistica di Termini Imerese". Già negli scorsi anni Burrafato aveva, piu volte - anche d'intesa con l'organo consiliare - sollecitato gli organi competenti (Regione sicilia-

na e Strutture di coordinamento del Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica) affinché si provvedesse a mettere in atto tutte le iniziative necessarie ad assicurare l'avvio dei lavori già approvati e finanziati dal CIPE che prevedevano l'impiego anche di fondi regionali europei Po-Fers. La realizzazione dell’interporto a Termini Imerese è stata prevista ed è uno dei punti fondamentali dell’Accordo di Programma siglato nel 2011 che prevedeva il rilancio dell’aera industriale imerese. Area precipitata nella crisi a seguito della chiusura dello stabilimento Fiat, e che aveva determinato anche la chiusura delle aziende dell’indotto. Un’area di stoccaggio delle merci a Termini Imerese mirava infatti a soddisfare due esigenze: la creazione di un’area logistica integrata nella zona occidentale della Sicilia e l’incremento delle attività produttive e occupazionali nel territorio che ancora oggi attraversa una fase di profonda crisi ed è in attesa tuttavia dell’imminente subentro di Blutec nello stabilimento ex Fiat. Il rischio determinato dalla mancata ricapitalizzaizone era quello non solo di non realizzare un’opera importante per il nostro territorio e la Sicilia occidentale, ma anche di perdere definitivamente i finanziamenti europei.

a lato: un rendering del progetto

“L’incremento del capitale di 550 mila euro pertanto, non può che essere salutato con soddisfazione – ha detto il sindaco Totò Burrafato – attendiamo che presto vengano

avviati i lavori per la realizzazione di un’opera così importante”.


Termini Imerese

BILANCIO

MARZO 2016

4

Nominato il nuovo Collegio dei Revisori dei Conti Due riconferme e una new entry, Luigi Mortillaro Adesso al lavoro per approvare i primi documenti contabili per l’esercizio 2016

Nella foto da sinistra Mario Centineo, Burrafato, Domenico Camarda, Luigi Mortillaro, Maurizio Scimeca, Antonio Calandriello

È stato eletto il nuovo collegio dei Revisori dei Conti per il successivo triennio. I componenti, individuati tra i soggetti in possesso dei requisiti previsti dalla legge, sono Mario Centineo, Domenico Camarda e Luigi Mortillaro. Il Presidente, nominato dal Consiglio Comunale con apposita votazione tra i componenti precedentemente individuati, sarà Mario Centineo. L’organo di revisore contabile dura in carica tre anni ed i suoi componenti sono rieleggibili per una sola volta. Mario Centineo, nominato Presidente del Collegio è in possesso del titolo di Revisore legale, iscritto nel Registro dei Revisori Legali del Ministero dell’Economia e delle Finanze e, ancora, iscritto presso L’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Palermo. È in possesso di tutti i requisiti richiesti dal Comune di Termini Imerese. Domenico Camarda è Revisore Unico del Comune di Trabia, Revisore Unico del Comune di Montemaggiore Belsito, Componente del Collegio

dei Revisori del Comune di Isola delle Femmine, Responsabile del Settore Economico Finanziario del Comune di Altavilla Milicia, ha frequentato il corso del Centro Ricerche e Studi Direzionali Cerisdi-Sda. Luigi Mortillaro è in atto Dirigente Contabile presso il Comune di Palermo. E’ stato Revisore Contabile presso istituti comprensivi con incarichi conferiti dalla Regione Siciliana, Assessorato Regionale dell’Istruzione e della Formazione Professionale, ha svolto incarichi per i Comuni di Castelbuono, Corleone, Baucina. L’organo sarà in carica per tre anni (dal 26 febbraio 2016 al 25 febbraio 2019). Il consiglio comunale con un emendamento tecnico ha previsto un compenso lordo a base annua di 13.348,80 euro per il Presidente e di euro 8.899,20 per gli altri due componenti. Un compenso più basso rispetto a quello massimo previsto dal decreto del Ministero dell’Interno per i Comuni con fascia demografica 20.000/59.999 abitanti.

Vecchio stabilimento termale Avviati i lavori dello storico edificio in disuso di piazza Bagni Sono stati avviati nelle scorse settimane i lavori di recupero delle Vecchie Terme, edificio di tre piani adiacente al Grand Hotel delle Terme. Da molto tempo era intenzione dell’Amministrazione comunale, guidata da Totò Burrafato, avviare le operazioni di restauro dell’immobile inserite nell'ambito di una programma di interventi più ampio e ambizioso nel quale erano inseriti anche i lavori, già effettuati, che hanno interessato il recupero della via Bagni e della Serpentina. Il programma di riqualificazione urbana è legato fondamentalmente al rilancio del sistema termale e prevede non solo il recupero del Grand Hotel delle Terme (i cui lavori sono stati completati sul finire del 2015) ma anche per la riattivazione di questo immobile il cui prospetto è stato progettato da Emanuele Marvuglia nel 1820 in occasione della riforma dei bagni, inaugurata da Francesco I di Borbone. L’edificio è sede di alcune terme di epoca romana. L’obiettivo è quello di creare un contesto in grado di mettere in campo una nuova offerta termale per rilanciare questo settore di eccellenza nei mercati europei, restituendo a Termini Imerese una delle sue più antiche attrazioni e connotazioni territoriali che ne determi-

nano la vocazione turistica. Il recupero intende restituire il carattere di prezioso documento storico dell’edificio, assicurando anche interventi che garantiscano sia la funzione di centro benessere termale attivando nei due piani soprastanti una beauty farm, sia valorizzando le terme romane, rendendo quanto più accessibili le strutture archeologiche, scoperte di recente e renderle così patrimonio fruibile per tutti. L’elaborazione progettuale del restauro prevede la riattivazione dell’ingresso da piazza delle Terme. Spazio che sarà utilizzato come ingresso-reception, sia per coloro che vogliono visitare gli scavi archeologici, sia per i frequentatori del centro benessere. E’ previsto il rifacimento integrale dei prospetti e dei tetti, interventi di consolidamento statico delle strutture, murarie, delle volte reali e il rifacimento dei solai degli impalcati. La ditta che si è aggiudicata i lavori è l’ATI composta dall’impresa Spinosa Costruzioni Generali s.p.a. e D’Alberti Costruzioni s.a.s.. L’importo netto dei lavori è pari a euro 1.741.000,00. I lavori dureranno circa due anni, la conclusione è infatti prevista per il mese di dicembre 2018.


LAVORI E SERVIZI PUBBLICI

Termini Imerese

In corso i lavori di recupero degli archi di via Stesicoro Continua l’attività per il recupero di alcune aree del centro storico Sono in corso i lavori di recupero e di messa in sicurezza degli archi di Via Stesicoro e delle passerelle di transito sopraelevate adiacenti comprese nel tratto stradale tra Piazza San Carlo e la Via Demma. Gli interventi riguardano la bonifica e il recupero gli archi, delle murature in trincea, della passerella pedonale, di tutte le pavimentazioni e dei relativi sottoservizi. Il progetto è stato corredato del parere favorevole della Soprintendenza ai Beni culturali di Palermo e degli altri organi competenti. L’opera è stata ovviamente inserita nel Piano triennale delle opere pubbliche 2013/2015. "Si tratta di un intervento importante - ha precisato il primo cittadino di Termini Imerese, Toto Burrafato - dettato da esigenze di sicurezza, nell’ottica del miglioramento delle condizioni di accesso e di viabilità del quartiere. Intervento non più postergabile bisognava porre rimedio ai fenomeni di degrado dei manufatti”. In particolare gli interventi previsti riguardano: il risanamento conservativo di tutti gli archi e della passerella di collegamento esistente, la ripavimentazione e riqualificazione delle corsie laterali ed adiacenti gli archi stessi, previo inserimento nel sottosuolo delle nuove reti di adduzione idrica e fognaria. E’ previsto il rifacimento del fondo stradale e del tappetino d’usura dell’intero tratto rotabile. L'Assessore alla vivibilità, Lelio Minasola, d'intesa con i settori comunali interessati (lavori pubblici e polizia urbana) hanno prefigurato che il collegamento tra la parte bassa ed alta sarà assicurato - vista l'inibizione al traffico di Via Stesicoro, interessata dall'area di cantiere - dalla via Serpentina e dalla Via Consolare Valeria. La durata dei lavori è prevista fino al mese di giugno 2016. L’importo previsto per la realizzazione dei lavori è pari a 560.000,00 euro. La progettazione dei lavori è dell’ing. Antonino Piazza a dell’arch. Salvatore Aglieri Rinella. La direzione del lavori è stata affidata all’arch. Salvatore Aglieri Rinella. Sono state previste misure tali da garantire comunque l’accesso ai residenti del quartiere. Il sindaco Totò Burrafato si è scusato con i cittadini per il disagio che li riguarda ancora oggi e nei prossimi mesi, ha detto: “il quartiere di Santa Lucia attendeva da troppo tempo alcuni interventi manutentivi. Gratitudine sincera a quan-

via Stesicoro nei pressi di Piazza San Carlo ti - amministratori e funzionari comunali - si sono spesi nel recente passato per assicurare l'avvio di questo intervento che mira anche a determinare un aumento della fruizione dello spazio urbano o l’abbattimento delle barriere architettoniche esistenti. Interventi che - insieme alle opere sulla rete idrica, elettrica, fognaria - servono a migliorare la fruibilità dell'intero quartiere. Abbiamo chiaro il disagio che sta interessando gli esercizi commerciali della zona. Faremo di tutto per finire nel minor tempo possibile”.

MARZO 2016

5

Finanziati i lavori della scuola Gardenia. A breve l'inizio dei lavori “Un altro passo in avanti verso la riqualificazione delle scuole di Termini Imerese”. Così il primo cittadino, Totó Burrafato, ha commentato la notizia - già nell'aria da qualche tempo - del finanziamento dei lavori che interesseranno la scuola Gardenia del 1º Circolo didattico. “Da subito, ha precisato l'Assessore all'istruzione, Donatella Battaglia, bisogna ricercare ogni possibile soluzione, d'intesa con la dirigenza scolastica e con la direzione dei lavori, per ridurre al minimo i disagi per gli alunni e per le loro famiglie”. Il Decreto con il quale è stato approvato il finanziamento per i lavori della scuola elementare Gardenia porta la firma dell’Assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione, Bruno Marziano. Il progetto prevede “lavori di adeguamento degli edifici scolastici comunali alle normative antincendio e di sicurezza scuola elementare e materna “Gardenia” via del Mazziere". In buona sostanza con questi interventi si prevede la ristrutturazione dell’immobile e l’adeguamento alle norme di sicurezza. Nello specifico gli interventi da effettuare riguardano: il rifacimento del prospetto, le pavimentazioni esterne, gli infissi esterni e le porte interne, i controsoffitti, nuovi ingressi e vie di fuga, scala di emergenza in acciaio, impianto allarme incendi, impianto di riscaldamento e sistema di canali per ricambio dell’aria in tutti gli ambienti, abbattimento delle barriere architettoniche. L’importo complessivo dei lavori è di ben 1.370.000,00 euro di cui una parte a carico del bilancio comunale. Dopo questa prima fase si procederà all’affidamento dei lavori alla ditta che si aggiudicherà la gara che dovrà essere avviata dalla Centrale Unica di Committenza che dovrebbe essere operativa da qui a qualche settimana. Continua quindi il percorso avviato dall’Amministrazione comunale, guidata da Totò Burrafato, per rendere più sicure e più belle le scuole cittadine in piena sintonia con le linee guida del Governo nazionale e segnatamente del Sottosegretario, Davide Faraone. Già altri interventi di riqualificazione sono stati realizzati in alcuni plessi scolastici ed altri stanno per essere avviati da qui a qualche settimana. “Garantire le condizioni di sicurezza e vivibilità ai nostri ragazzi è per noi una priorità - ha dichiarato il sindaco Burrafato - pertanto ci adopereremo per assicurare che, in tempi brevi, siano avviate tutte le procedure per poter dare inizio ai lavori”.


Termini Imerese

SVILUPPO DEL TERRITORIO

MARZO 2016

6

Renzi vara la riforma delle Autorità Portuali Termini Imerese va con Palermo, Trapani e Porto Empedocle

E’ stato varato dal Consiglio dei Ministri guidato da Matteo Renzi il decreto attuativo della riforma delle Autorità Portuali. “Si tratta di un’alta riforma attesa da tempo e che finalmente assume concretezza”. Così il primo cittadino di Termini Imerese, Totò Burrafato ha commentato la notizia del riordino del sistema portuale italiano. La riforma prevede una riduzione dei confini delle Autorità Portuali oggi presenti che passeranno da 19

a 15. Tale riduzione sarà possibile grazie a un accorpamento che mira a dare nuovo impulso economico alle aree che ne fanno parte. Si tratta di una sorta di distretti per i trasporti marittimi. Mentre nell’area occidentale vengono accorpate Palermo, Termini Imerese, Porto Empedocle e Trapani. Le potenzialità di sviluppo possono giungere da un contestuale incremento delle infrastrutture, con porti, aeroporti e autostrade rimodernati, con un consolidamento del-

le strade ferrate. Un complesso di opere volte ad un incremento del trasporto di passeggeri e merci che partendo dal mare diviene risorsa e opportunità di crescita economica e sociale. Negli ultimi anni il porto di Termini Imerese è stato oggetto di interventi strutturali e forti investimenti nell’intento di potere rappresentare, in un futuro prossimo, un punto strategico nella costa tirrenica meridionale. In ordine alla riforma del sistema portuale varata dal governo nazionale, il sindaco di Termini Imerese Totò Burrafato ha dichiarato: “guardiamo con interesse e fiducia ai processi di riforma del governo Renzi. Speriamo che sia un’ulteriore opportunità per fare sistema. Già nel 2009 abbiamo fatto la scelta di confluire nell’Autorità Portuale di Palermo. E’ vero che sono stati assicurati importanti e significativi interventi di riqualificazione strutturale del nostro porto. Ma non posso non evidenziare, ad esempio, che nel 2016 ancora non è arrivata nessuna nave. Le avverse condizioni meteo non mi convincono affatto! Penso che si privilegi l’approdo a Palermo per favorire le maestranze portuali palermitane a scapito delle nostre. Nondimeno la creazione dell’Autorità della Sicilia occidentale - ha concluso Burrafato -

dentro la quale gravita Termini Imerese con Palermo, Porto Empedocle e Trapani può rappresentare una ulteriore opportunità per dar vita ad una nuova politica dei trasporti marittimi. Abbiamo bisogno di definire in tempi brevi, politiche di sviluppo che partono dal mare e restituiscono al nostro porto quel ruolo di risorsa e di sviluppo economico e sociale che in alcuni periodi del passato ha contribuito a fare di Termini Imerese un importante nodo nei traffici del Mediterraneo”.

CARTA D’IDENTITÀ Traffico commerciale Traffico turistico: traghetti lungo la tratta Sicilia-Centro Italia (Civitavecchia-Palermo) Collegamenti: ubicato a metà strada fra Catania e Palermo, è facilmente raggiungibile via treno (la stazione si trova a poche centinaia di metri) e dall’uscita dell’autostrada A 19 (Palermo-Catania)


Termini Imerese

BILANCIO

MARZO 2016

7

Burrafato: “Corte dei Conti continua monitoraggio sui conti del Comune” Anche nel 2015 la Corte dei Conti ha mosso rilievi sui rendiconti del Comune relativamente agli esercizi 2012 e 2013. In conseguenza di ciò i vertici burocratici del Comune di Termini Imerese - il Segretario Generale ed il Ragioniere Generale insieme al Sindaco Totò Burrafato - hanno esposto direttamente ai magistrati della Corte le dovute deduzioni al riguardo. L’esito dell’incontro è stato formalizzato con la deliberazione 6/2016 del 12 gennaio della Corte dei Conti. Il Comune sta lavorando, nei tempi previsti dalla legge, all’individuazione delle misure da adottare per rimuovere le irregolarità indicate. Misure che successivamente saranno eventualmente, adottate dal Consiglio comunale. Le criticità individuate riguardano più aspetti dei conti comunali. Il mancato rispetto del patto di stabilità interno del 2013. Sforamento che è stato motivato dall’Ente con l’elevato ammontare dei residui passivi e con la riduzione dei trasferimenti regionali ed erariali. Il disallineamento tra entrate e spese della stessa natura. E’ stato rilevato anche il mancato rispetto di alcuni parametri obiettivi di deficitarietà strutturale, anche se l’Ente non presenta gravi situazioni di squilibrio. E’ stata riscontrata anche la non adozione di misure idonee a

superare i debiti fuori bilancio pari a euro 149.767,01 e agli eventuali oneri derivati da “contenzioso” pari a euro 3.150,000. Relativamente al contenzioso l’Amministrazione comunale ha motivato il non accantonamento prudenziale a titolo di fondo rischi, in considerazione del fatto che lo stesso (in particolare quello con la società Ecologia e Ambiente) ha ottenuto un giudizio di primo grado favorevole all’Ente. Tuttavia si intende seguire la raccomandazione della Corte monitorando attentamente il contenzioso esistente. L’Ente - per la Corte dei Conti - non ha redatto la nota informativa richiesta per legge sulle reciproche posizioni debitorie/creditorie con gli organismi partecipati. In proposito la Corte ha sottolineato la necessità che la copertura di tali debiti debba essere garantita da fonti di finanziamento idonee. Infine è stato rilevato dai magistrati contabili l’irregolare utilizzo di capitoli afferenti conto terzi per lavori di manutenzione straordinaria impianto di depurazione e chiesa Santa Croce, motivate dal Comune con il carattere di urgenza degli stessi e il ritardo nell’approvazione del bilancio. “Di fatto la Corte - ha dichiarato il Sindaco, Totò Burrafato - in linea

con gli appunti mossi negli esercizi finanziari precedenti è tornata a fornire talune direttive e correzioni sulla tenuta finanziaria e contabile del nostro Comune che l’Amministrazione comunale intende far proprie adottando specifiche iniziative consequenziali. Il Comune di Termini Imerese non è stato oggetto di sanzioni da parte dell’organo di controllo ma destinatario di raccomandazioni per una migliore gestione contabile dell'Ente, con particolare riferimento alla capacità di riscossione delle entrate tributarie, al contenimento dei debiti fuori bilancio, al rispetto dei

parametri di deficitarietà e al rispett del rendiconto e del bilancio di previsione". È nostra intenzione - ha concluso il primo cittadino di Termini Imerese - nel bilancio 2017 che andremo ad approntare in tempi brevi, superare le “criticità” evidenziate dalla Corte che oltre alla funzione di controllo ben esercita anche un’azione di “collaborazione” con gli enti locali nella gestione economica finanziaria che si sostanzia nell'invito ad adottare le necessarie misure correttive”.


Termini Imerese

LAVORI AREA INDUSTRIALE

Irsap, Brandara:

Si è tenuto presso il Palazzo di Città a Termini Imerese un incontro per la stipula formale della convenzione tra il Comune di Termini Imerese ed il Consorzio per le aree di Sviluppo industriale della Provincia di Palermo in liquidazione – gestione separata IRSAP. Con la stipula della convenzione il Comune di Termini Imerese si farà carico con i proventi delle contravvenzioni a dare corso alla manutenzione della strada di collegamento tra lo svincolo autostradale A19 “Zona industriale ASI di Palermo” e il porto commerciale di Termini Imerese dal km 0 al km 9,500. La convenzione è stata siglata dal commissario straordinario Maria Grazia Brandara e dal sindaco di Termini Imerese Totò Burrafato. L’occasione è servita anche per fare il punto sui lavori di cui all’Accordo di Programma per la qualificazione infrastrutturale del polo industriale di Termini Imerese. “I lavori di riqualificazione infrastrutturali dell’area industriale - ha evidenziato il primo cittadino di Termini Imerese - sono attesi da tempo e si inseriscono tra le iniziative utili ad attrarre nuovi investimenti produttivi nella nostra area industriale. Soprattutto in ragione della chiusura di Fiat e dell’imminente insediamento di Blutec (previsto per aprile) dobbiamo assicurare vitalità a

quest’area compromessa dall’abbandono di Fiat e dal conseguente soccombere delle imprese dell’indotto”. “E’ innanzitutto un segno di rispetto verso il Comune di Termini Imerese - ha dichiarato il Commissario Brandara - essere presente qui oggi. Un territorio che vive delle criticità importanti ed ha bisogno di sostegno. Anche se da poco investita nel ruolo di commissario dell’Irsap, posso assicurare che quando mi prefiggo un obiettivo faccio di tutto per raggiungerlo”. Al tavolo erano presenti oltre ad una significativa delegazione di consiglieri comunali, anche i tecnici dell’ Irsap. La Brandara ha fatto tappa a Termini Imerese per stipulare una convenzione che interessa l’asse di collegamento tra la cittadina e l’agglomerato industriale che si trova in condizione di notevole degrado. Anche la segnaletica stradale (verticale e orizzontale) risulta inadeguata e insufficiente. Così come il manto stradale che allo stato attuale presenta irregolarità e buche. Il tratto stradale compreso tra lo svincolo autostradale A19 “Zona industriale ASI di Palermo” e il porto commerciale di Termini Imerese dal km 0 al km 9,500 è stato incluso inoltre dalla Prefettura di Palermo, tra le strade in cui possono essere installati dispositivi e mezzi tecnici di controllo del traffico per accertare eventuali violazio-

8

EDITORIALE

a breve via libera ai lavori di illuminazione dell’area industriale

Il commissario straordinario Irsap Maria Grazia Brandara

MARZO 2016

ni del codice stradale. Il Commissario dell’Irsap non dispone infatti, di adeguate risorse umane e finanziarie che consentano di intervenire tempestivamente per garantire la fruibilità della rete viaria in condizioni di sicurezza oltre che a garantirne la pulizia, che sarà invece di pertinenza del Comune. A margine della stipula della convenzione è stata anche affrontata la questione delle attività progettuali e degli appalti in itinere che l’Irsap porta avanti da tempo per realizzare quegli interventi volti al miglioramento dell’intero agglomerato industriale e previsti, oltretutto, nell’Accordo di Programma (AdP). Tale accordo stipulato tra la Regione siciliana e il Comune di Termini Imerese per un rilancio dell’area industriale termitana a seguito della chiusura di Fiat e delle aziende dell’indotto ha avuto un finanziamento di 150 milioni di euro. Esso prevede peraltro, altri interventi infrastrutturali volti all’ammodernamento dell’agglomerato. Nello specifico si tratta di: acquisizione di terreni e opifici da destinare a progetti di deindustrializzazione, opere di urbanizzazione primaria dell’area industriale; impianto di pubblica illuminazione delle strade a servizio dell’area industriale; completamento dell’impianto di distribuzione del gas metano; la realizzazione di un sistema di fibre ottiche; lavori di messa in sicurezza e di riqualificazione delle infrastrutture dell’area, il completamento delle opere viarie di urbanizzazione a servizio dell’area comprendenti anche la zona compresa tra contrada Molara e la stazione di Fiumetorto. Tutti gli interventi sono di competenza dell’Irsap che dispone complessivamente di circa 40 milioni di euro. I primi lavori che partiranno a breve (nel giro di qualche mese) sono quelli che riguardano l’illuminazione. La durata dei lavori è prevista in un anno. Gli iter procedurali per gli altri interventi previsti sono già in itinere.

segue da pagina 1

nostro territorio da anni martoriato dalla grave crisi generata dalla chiusura dello stabilimento Fiat. Ricca è l’agenda politica e numerose sono le sfide sul tappeto. Definire il capitolo delle riforme, assicurare il dovuto dinamismo dell’economia, garantire il completamento delle grandi opere, mettere in campo tutto ciò che può incoraggiare il tessuto imprenditoriale e fare ogni sforzo sul versante del lavoro e dell'occupazione. Sono tutte sfide che vanno di pari passo con il ripudio della corruzione, con l'affermazione della legalità e dell’onestà quale motore dell’agire civico, amministrativo e imprenditoriale. Questi sono i modelli che riguardano il Paese e che devono ispirare localmente la nostra attività amministrativa. A breve nella nostra area industriale si insedierà Blutec che recentemente ha siglato il contratto con Invitalia e che dovrebbe avviare al lavoro circa 250 ex lavoratori Fiat entro il 2016. Lavori saranno avviati per migliorare e rendere sicure le scuole cittadine, nuovi corsi di studio offriranno ai nostri giovani alternativi sbocchi lavorativi, il miglioramento del servizio di raccolta dei rifiuti, la riforma dell’Autorità Portuale che potrebbe incrementare i traffici nel nostro porto, non sono la panacea di tutti i mali, ma possono contribuire a farci vivere in una città migliore e guardare al futuro con sguardo più benevolo. "Credere in un sogno o tentare l’impossibile - per dirla col sociologo polacco Zygmunt Bauman - è un dovere per chi ha scelto di mettersi in gioco, in prima persona, dando il proprio contributo per un miglioramento complessivo della società che rappresenta e in cui opera". Ed io tenendo ben a mente questo fondamento e con questa consapevolezza opero ogni santo giorno. Da mane a sera. Tra riserve e pregiudizi che tento di superare con la forza dei fatti. Tra attese e speranze che non voglio in alcun modo tradire. E ciò lo faccio con impegno e generosità. Guardando sempre al bene comune. Il cambiamento verso cui continuiamo a proiettare la nostra azione amministrativa non è soltanto quello della crescita e dello sviluppo economico, bensì quello di estirpare ogni forma di corruzione o di illegalità, affermando una nuova cultura dell’onestà dell’agire politico e civico. In questi anni dopo la stagione delle "minacce" velate o palesi nessuno si è permesso di avanzare richieste illecite o richiedere favori o procedure agevolate in cambio di denaro o di altro. Penso che - a ragione - non perdono tempo a scalare un muro liscio, alto ed insuperabile. Però tutto questo (forse) non basta ed è giusto che ognuno faccia la sua parte! Attendiamo con fiducia e con responsabilità il corso delle cose continuando a garantire, con fiducia, il mio impegno quotidiano per Termini Imerese. Il Sindaco Totò Burrafato


Termini Imerese

MARZO 2016

9

Proposta del M5S: un referendum consultivo sulla destinazione dell’area industriale Burrafato: “No a blitz dell'ultima ora. Coerente con la ricetta del turismo integrato! “ Il Movimento 5 Stelle di Termini Imerese, proprio in prossimità dell'avvio delle attività aziendali di Blutec ci riprova e lancia l'idea un quesito referendario da aggiungere a quello sulle trivellazioni incentrato sulla gestione e sulla destinazione di parte dell’area industriale di Termini Imerese. Attualmente l’area è gestita dall’Irsap che ha anche l’incarico di avviare lavori di riqualificazione affinché l’area possa tornare ad essere attraente per nuovi insediamenti produttivi. Con il referendum il Movimento 5 Stelle intende sottoporre al voto popolare la scelta di destinare l’agglomerato industriale ad attività di tipo turistiche anziché ritornare ad essere una zona industriale produttiva, condizione in cui si trovava prima della chiusura di Fiat. La

riconversione turistica che punti ad uno sviluppo e ad una economia ecosostenibile è l’obiettivo che il Movimento 5 Stelle ha proposto con il referendum che necessita delle firme dei 2/3 dei 20 consiglieri comunali di Termini Imerese. A sostegno di questa iniziativa è stata anche indetta una manifestazione con la partecipazione dei vertici del Movimento pentastellato. Il sindaco Totò Burrafato - ancor prima di acquisire le valutazioni tecniche degli Uffici comunali sulla procedibilità del quesito referendario proposto - dalla sua pagina facebook ha preso posizione ed ha manifestato il suo pensiero: “Coerenti con il nostro programma elettorale diciamo: si ad un turismo integrato nella Città che valorizzi terme, risorse culturali, porto e mare.

No convinto alla possibile allocazione a Termini Imerese di uno dei 2 termovalorizzatori da realizzare in Sicilia annunziata, in modo maldestro, da alcuni media. La prospettiva del termovalorizzatore a Termini Imerese mi sorprende poiché non è mai stata concretamente presentata ne tanto meno discussa o sottoposta al Comune di Termini Imerese. Scelte così importanti ed impattanti per un territorio non vanno certamente calate dall'alto sulla testa di una comunità e di un territorio. E vi è di più! Non si può pensare, neppure lontanamente, di poterlo realizzare a Termini Imerese in un'area segnata da una grave crisi socio-economica sperando che ci siano disattenzioni o ancor peggio sconti accompagnati da possibili ricadute occupa-

zionali. Quindi stop alla propaganda di queste ore che vuol strumentalizzare le giuste preoccupazioni di una comunità che non vuole un termovalorizzatore per tentare di recuperare l'idea semplicistica della riconversione turistica dell'agglomerato industriale già bocciata nel maggio 2014. A poche settimane dalla possibile riapertura (seppur parziale) delle linee produttive dell'ex stabilimento Fiat diciamo di "no"a questo blitz che rischia di compromettere il futuro lavorativo di quelle “tute blu” che in questi anni non hanno perso la speranza di tornare al lavoro. Burrafato ha accompagnato il suo post con una vignetta che rappresenta la sua idea di turismo integrato.

PER GLI UFFICI COMUNALI IMPROCEDIBILE IL REFERENDUM PROPOSTO DAL MOVIMENTO 5 STELLE  Riguardo alla richiesta avanzata dal Movimento 5 Stelle di indire un referendum consultivo (previsto dall’art. 58 del vigente Statuto comunale) per sottoporre al voto dei termitani la scelta di destinare l’agglomerato industriale ad attività di tipo turistiche anziché ritornare ad essere una zona industriale produttiva, non sussistono i tempi e le condizioni per inserire tale consultazione nella prossima tornata elettorale del 17 aprile, quella prevista per le trivellazioni e che il M5 Stelle rite-

neva di poter utilizzare anche per il referendum comunale. L’art. 13 del Regolamento infatti prevede che “il provvedimento di indizione è adottato dal Sindaco almeno 60 giorni prima della data della votazione e che l’affissione del manifesto di indizione del referendum deve avvenire “entro il 45 giorno precedente la data della votazione”. La proposta avanzata non è stata accompagnata inoltre dalle firme necessarie di almeno 2/3 dei consiglieri comunali.

Attualmente non sussistono quindi i requisiti di tempo e le condizioni perchè si arrivi al voto referendario. Oltretutto, il quesito proposto riguarda la destinazione di aree ad attività produttive e tale materia è di pertinenza dei Consorzi ai sensi della L.R. n 8 del 2012. Tale normativa prevede che per istituire, modificare o sopprimere le aree destinate ad attività produttive occorre un decreto del Presidente della Regione, su proposta dell’assessore regionale alle Attività produttive.


VERDE E AMBIENTE

Termini Imerese

MARZO 2016

10

Distributore d’acqua !

Un’alternativa all’acqua nelle bottiglie di plastica E’ stato attivato nelle scorse settimane il distributore d’acqua a Termini Imerese nella parte bassa della città in piazza Vittoria, nei pressi dell’ufficio postale. L’iniziativa, voluta dall’Amministrazione comunale guidata da Totò Burrafato, ha avuto un iter complesso ed è stata curata dagli uffici del SUAP (Servizio Unico Attività Produttive del Comune). “Con soddisfazione – ha dichiarato il sindaco Totò Burrafato – salutiamo l’avvio di questa iniziativa innovativa che si realizza grazie alla positiva collaborazione pubblico-privato. Speriamo che incontri i favori della cittadinanza per poter ricercare nuove opportunità tese ad offrire servizi alla nostra comunità”. Statisticamente è acclarato che gli italiani sono i maggiori consumatori al mondo di acqua minerale confezionata. Tale consumo che è ingiustificato per le caratteristiche dell’acqua distribuita dagli enti pubblici che ne garantiscono la sicurezza igienicosanitaria attraverso numerosi controlli di laboratorio reca, peraltro, non pochi problemi all’ambiente. “La casa dell’acqua” è alimentata da acqua di acquedotto con caratteristiche di qualità che già all’origine devono essere conformi ai requisiti di legge. “Per il miglioramento delle caratteristiche organolettiche dell’acqua erogata, da questi distributori - ha precisato la dott.ssa Elisa Bonafede - vengono utilizzati sistemi di raffinamento, per esempio la “gasatura”, accompagnati da processi di filtrazione, assorbimento e disinfezione con raggi ultravioletti. Tutto ciò, anche al fine di verificare, nel tempo, la corretta funzionalità dell’impianto”. La consulenza HACCP (igiene e sicurezza alimentare) sarà espletata dalla ditta SEREX che ha analizzato i campionamenti dell’acqua direttamente dal distributore, preliminarmente all’attivazione dell’erogazione al pubblico.

Con la Casa dell'acqua risparmi e rispetti l'ambiente… Già 60 le tessere distribuite per oltre 5.000 i litri erogati, evitando l'emissione di 420 kg di anidride carbonica. Per produrre una bottiglia di PET da 1,5 litri si usano 35 g di plastica, pari a 100 cm³ di petrolio, e circa 36 litri di acqua, producendo 80 grammi di CO2. In più il trasporto ai supermercati richiede un consumo di circa 20 cm³ di petrolio con l'emissione di 48 grammi di CO2. Ed è acqua microbiologicamente pura… Il 3 febbraio è stato infatti effettuato un prelievo di un campione d'acqua e le analisi sono state condotte presso i laboratori dell'Università degli studi di Palermo. Dal rapporto è emersa la conformità dei parametri a quelli definiti nel D.Lgs. 31/01 che disciplina la qualità delle acque da destinarsi al consumo umano.

I risultati delle analisi microbiologiche effettuate hanno evidenziato che l’acqua esaminata è in possesso dei parametri conformi a quanto previsto dalle normative in materia di acque da destinarsi al consumo umano. Da ora in poi sarà possibile rifornirsi di acqua potabile utilizzando la macchina erogatrice di acqua (liscia o frizzante) con l’uso di una card prepagata. Le card da acquistare sono di 7 euro tranne per la prima che costerà 10 euro perché comprensiva di 3 euro a titolo di cauzione e possono essere acquistate presso il Ki Point in via E. Fermi e presso la Torrefazione Caruso in via Libertà, 95/A. Chiunque lo voglia munendosi di apposito contenitore (bottiglie in vetro, in plastica, bidoncini ecc.) può acquistare l’acqua. Il prezzo è fissato in 0,7 centesimi di euro al litro, mentre per l’acquisto di cinque litri il prezzo scende a 0,5 centesimi e per l’acquisto di 1,5 litri il prezzo è pari a 0,10 centesimi di euro. La ditta che si è aggiudicata la gara pubblica è la Service Express s.p.a. L’acqua erogata è quella dell’acquedotto comunale opportunamente depurata e sarà sottoposta a controlli periodici da parte dell’ASL. L’installazione dell’erogatore di acqua rientra nell’ottica di una politica ecologica che mira a una riduzione dell’inquinamento ambientale. Questo nuovo modo di acquistare l’acqua consente un ritorno dell’uso di bottiglie in vetro o comunque il riutilizzo di quelle in plastica che altrimenti andrebbero a sovraccaricare l’ambiente già saturo di materiale plastico. L’intento del Comune è di installare altri tre erogatori in diverse zone della città. In attesa tuttavia di un riscontro positivo da parte della cittadinanza che potrà sia risparmiare sull’acquisto dell’acqua, sia contribuire a rendere il nostro territorio meno inquinato.


Termini Imerese

MARZO 2016

11

Polizia Municipale più controlli per contrastare il conferimento dei rifiuti fuori orario A seguito della normalizzazione del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani a Termini Imerese, il Comando di Polizia Municipale ha avviato una intensa campagna di controllo e monitoraggio volta a disincentivare il “conferimento selvaggio” dei rifiuti nei cassonetti. Nell’ambito di questi controlli, effettuati da pattuglie sul posto sia di mattina che di pomeriggio, sono stati elevati, in soli 10 giorni, circa 15 verbali di illeciti amministrativi a cittadini che non hanno rispettato gli orari. In particolare i verbali elevati si riferiscono a postazioni che rappresentano dei luoghi “critici”, dove ancora i cittadini si ostinano a non rispettare le regole: Piazza Marina - sottopasso ferroviario, Via Beato Agostino Novello, Via Pietro Di Novo, Piazza Cosimo Cristina, Via Giuseppe Ciresi (adiacente Caserma VV.FF.), Via Piersanti Mattarella, Piazza Aldo Moro. Le sanzioni previste vanno da euro 25.00 a euro 155.00. “La finalità di questo servizio - ha sottolineato il Comandante della Polizia Municipale, Antonio Calandriello - non è la semplice repressione di un illecito amministrativo, o penale, come nel caso di abbandono di rifiuti sul suo-

lo pubblico, quanto quella di far crescere nella cittadinanza quel senso civico di responsabilità che porta ad una migliore qualità sia in termini di servizio erogato che di igiene pubblica e rispetto delle regole”. Il sindaco Totò Burrafato ha dichiarato: “oggi dopo un periodo critico di emergenza rifiuti l’attività di raccolta è tornata alla normalità. Pertanto, risulta assolutamente necessario che i cittadini rispettino le regole del conferimento, indicate chiaramente nelle ordinanze sindacali vigenti. I controlli della Polizia Municipale continueranno regolarmente per garantire pulizia e decoro alla città e per questo contiamo sulla sensibilità e sulla cooperazione di tutti”. Il conferimento dei rifiuti negli appositi cassonetti è consentito tutti i giorni, feriali e festivi, dalle ore 18 alle 22 ed è tassativamente vietato il sabato e nei giorni prefestivi. Si rammenta che è anche possibile utilizzare l'Isola Ecologica sita vicino al campo sportivo (da Lunedì a Sabato ore 7 - 17) per conferire rifiuti (ingombranti, differenziati, olio di cucina), oppure telefonare al n. 091 8128208 solo per gli ingombranti.

Servizio di Igiene Ambientale Il servizio attualmente è gestito direttamente dal Comune, attraverso l’apposito Ufficio ARO (Ambito di Raccolta Ottimale) a seguito dell’Ordinanza Sindacale n. 390 del 09 novembre 2015 Esso disimpegna la raccolta giornaliera dei rifiuti con un doppio sistema: • Il “porta a porta” nel centro storico.

Attraverso i punti di raccolta (cassonetti stradali, anche per la differenziata) nelle altre aree urbane ed extraurbane. Lo spazzamento avviene sia manualmente, con gli operatori, sia con una spazzatrice meccanica. E’ possibile conferire tutte le tipologie di rifiuti

presso il Centro Comunale di Raccolta (la così detta “Isola Ecologica”), sita in località Crisone, vicino allo stadio comunale. Infine è possibile richiedere il servizio gratuito di prelievo domiciliare di rifiuti ingombranti. Contrariamente a certe voci circolanti, si conferma l’impegno alla raccolta differenziata, obbligatoria per legge, e si invita la cittadinanza a praticarla al meglio. Solo con una elevata percentuale di raccolta differenziata sarà possibile conseguire una diminuzione dei costi e quindi della relativa tassa. Nei prossimi giorni si darà corso ad una campagna informativa direttamente presso le abitazioni, sulla raccolta “porta a porta” da parte di giovani del servizio civile.


MOBILITÀ SOSTENIBILE

Termini Imerese

MARZO 2016

12

Auto ibrida in comodato d’uso gratuito al sindaco E’ stata consegnata al sindaco di Termini Imerese, Totò Burrafato, una Toyota Auris Hibrid, presso la sede della Concessionaria Toyota R. Motors di Palermo. Si tratta di un’auto ibrida offerta in comodato d’uso gratuito per le esigenze istituzionali del comune termitano, nell’ambito della iniziativa in materia di mobilità sostenibile“Insieme per l’ambiente”. Il Sindaco Burrafato ha ricevuto le chiavi dell’auto da Ettore Balistreri, Direttore vendite della Toyota R. Motors, a suggello di una collaborazione tra la concessionaria palermitana, già sponsor tecnico del Carnevale Termitano 2016, ed il Comune di Termini Imerese. Attraverso l’utilizzo da parte del primo cittadino, nei suoi spostamenti istituzionali, di un’auto non inquinante, l’Amministrazione comunale intende contribuire alla sensibilizzazione ed alla diffusione di una coscienza ambientale nel territorio sponsorizzando, di fatto, una mobilità “pulita” ed il rispetto dell’ambiente. L’iniziativa, in linea con quanto già realizzato in vari comuni italiani, intende valorizzare una mobilità ecologica e sempre più sostenibile. Peraltro il Comune di Termini Imerese è da tempo in prima linea in materia di politiche ambientali ed, in particolare, di risparmio energetico e di uso di energie rinnovabili, avendo aderito al c.d. “Patto dei Sindaci” e predisposto un Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile. “Convinto del ruolo centrale delle istituzioni locali per la diffusione di una mobilità più sostenibile - ha sottolineato il Sindaco Burrafato - ho voluto con entusiasmo realizzare questa iniziativa, con la quale la mia amministrazione, grazie al prezioso contributo della Concessionaria Toyota R. Motors di Palermo, intende intrapren-

dere un percorso virtuoso per incentivare l’impiego di automobili a basso impatto ambientale nel territorio comunale, così da migliorare la qualità dell’aria e diminuire l’impatto economico legato all’elevato costo dei carburanti tradizionali”. La nuova Toyota Auris Hibrid è dotata di due motori, uno elettrico ed uno a benzina. In partenza e a bassa velocità la vettura è alimentata dal motore elettrico, quando c’è bisogno di ulteriore potenza il motore a benzina si combina con il motore elettrico per massimizzare le prestazioni. A velocità costante l’auto è alimentata sia dal motore elettrico che da quello a benzina, nella configurazione che consente di risparmiare più carburante. E’ comunque, possibile sceglie-

re il funzionamento soltanto elettrico, per una guida silenziosa a zero emissioni. La batteria ad alte prestazioni si ricarica ogni volta che si decelera o si frena, recuperando l’energia cinetica che si genera durante la frenata. In fermata i due motori si spengono automaticamente, con un notevole risparmio di carburante e con una assoluta riduzione dei gas di scarico. L’auto ibrida, quindi, è progettata per ridurre i consumi di carburante e le emissioni per una guida più efficiente ed ecologica. La Toyota Auris Hibrid rimarrà a disposizione dell’amministrazione comunale di Termini Imerese per quattro mesi, durante i quali sarà utilizzata per tutti gli spostamenti istituzionali del sindaco.


Termini Imerese

POLITICHE GIOVANILI

sotto: Giuseppe Coniglio apicoltore

Da sinistra Donatella Battaglia, Totò Burrafato, Loredana Bellavia e alcuni docenti

MARZO 2016

13

Burrafato :“Le scelte del Ministero dell’Istruzione e della Regione siciliana hanno premiato le prospettive di Termini Imerese che aveva bisogno di un nuovi indirizzi scolastici proiettati verso il futuro”

L’alberghiero diventa realtà “Le attese sono state ben ripagate” così il sindaco di Termini Imerese, Totò Burrafato ha commentato il decreto con il quale l’Assessore regionale all’istruzione, Bruno Marziano, ha autorizzato l’istituzione dell’indirizzo alberghiero a Termini Imerese. “Il sogno è divenuto realtà” così l’Assessore all’Istruzione, Donatella Battaglia ha salutato l’ufficialità della notizia relativa al decreto dell’Assessore regionale all’Istruzione (D.A. n. 289) che prevede appunto l’isti-

tuzione dell’Istituto Professionale ad indirizzo Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera, presso l’Istituto Stenio di Termini Imerese. “In questo particolare momento storico per la Città – ha commentato Burrafato – tale indirizzo di studi può essere davvero prezioso per la nostra comunità. L’Istituto Alberghiero di Termini Imerese avrà nelle sue disponibilità un padiglione della scuola Paolo Balsamo e potrà fruire, in regime di convenzione, dei

locali di una struttura ricettiva alberghiera per le attività didattiche di laboratorio”. “La nascita dell’Istituto Alberghiero a Termini Imerese è il punto d’arrivo di un dialogo continuo e produttivo intercorso tra scuola ed amministrazione comunale – ha dichiarato la dirigente scolastica Loredana Bellavia - frutto di una positiva cooperazione segnata da una particolare attenzione del primo cittadino di Termini Imerese verso le problematiche legate

all’istruzione. Abbiamo lavorato fianco a fianco con l’Amministrazione comunale per cogliere le specificità tecniche e le logiche interne al mondo della scuola. L’Alberghiero in questo momento storico è infatti un indirizzo prezioso per la comunità sia per i servizi al territorio che potenzialmente è in grado di offrire sia per le prospettive lavorative che apre ai giovani sia in funzione di un progetto di valorizzazione turistica dell’intero comprensorio”.

Una nuova realtà formativa: il Liceo Classico Europeo E’ stato attivato un nuovo indirizzo di studio denominato “Liceo classico europeo” presso l’I.I.S.S. G. Ugdulena di Termini Imerese. Si tratta del terzo liceo europeo in Sicilia. Grazie alla collaborazione tra il dirigente scolastico dell’Istituto Gregorio Ugdulena, Nella Viglianti, il personale scolastico e il sindaco del comune di Termini Imerese, Salvatore Burrafato, si è concluso il complesso iter per l’evoluzione in chiave sperimentale del tradizionale liceo classico. L’istituto pur mantenendo le sue caratteristiche curricolari, applicherà il nuovo indirizzo di liceo classico europeo. La nuova istituzione trova il fondamento normativo nella ormai superata spe-

rimentazione Brocca e fa evolvere il piano di studio tradizionale con una programmazione che implementa il curricolo attingendo dai programmi del liceo scientifico e del liceo linguistico. E’ una delle poche sperimentazioni sopravvissuta al giusto processo di semplificazione degli indirizzi liceali, operata dall’ex ministro Gelmini. Le nuove possibilità educative riguardano vari fattori e, in particolare, il duplice aspetto della didattica del liceo classico europeo, articolata in ore di lezione frontale e di laboratorio. Il curricolo diventa così di 38 ore settimanali, corredandosi di laboratori e pausa pranzo. L’offerta formativa del liceo classico europeo sarà articolata nel

seguente modo: Il greco e il latino vengono ridotti e compattati in un’unica materia, denominata “lingue e letterature classiche” (questo agevola l’Esame di stato, che non si sviluppa solo sulla traduzione del testo antico, ma è arricchito da riflessioni testuali su un percorso guidato); Lo studio quinquennale di due lingue straniere (inglese e spagnolo); Lo studio del diritto e dell’economia; lo studio triennale della fisica; un maggior numero di ore dedicate alla matematica; lo studio quinquennale dell’informatica integrata alla matematica; le due lingue straniere saranno insegnate anche con la presenza di esperti madrelingua; il curricolo è arricchito dall’insegnamento CLIL, di cui l’Ugdule-

na vanta un docente interno e cioè due discipline non linguistiche (ad es. storia dell’arte e geostoria) vengono impartite nelle lingue comunitarie. La presentazione del nuovo indirizzo scolastico si è tenuta il 1 marzo 2016 presso la Sala Picta del palazzo municipale di Termini Imerese, in presenza del sindaco Totò Burrafato, dell’Assessore all’Istruzione, Donatella Battaglia e della Dirigente Scolastica, Nella Viglianti. Il sindaco Burrafato nel dichiararsi soddisfatto di questo traguardo raggiunto, ha detto: “Grazie all’impegno messo in campo penso che, finalmente abbiamo assicurato un’offerta scolastica davvero eccezionale e completa”.


Termini Imerese

IN COMUNE

Tre nuovi vigili urbani al Comando di Polizia Sono tre i vincitori della selezione per mobilità interna scelti dal Comune per rimpinguare la dotazione organica del Corpo, da lungo tempo in carenza di personale.

Si tratta di Eugenio Coltelluccio, Riccardo Mantia, Giovanni Vassallo. Dipendenti che appartenenti ad altri profili professionali, ma di categoria C, hanno potuto optare per il profilo di agente di polizia municipale. La procedura di mobilità interna è stata concertata con le organizzazioni sindacali, naturalmente sono stati verificati i requisiti e i titoli posseduti dai dipendenti che ne hanno consentito la nomina, nonchè il superamento della visita di idoneità richiesto per il profilo di agente di polizia municipale. Tale passaggio di carica, di fatto, ha lasciato immutata la spesa del personale, d’altro canto l’Ente non avreb-

be potuto effettuare alcuna nuova assunzione a causa dei vincoli di spesa cui è sottoposto. Grande soddisfazione è stata espressa da sindaco Totò Burrafato che ha sottolineato come “Poter contare su un maggior numero di vigili urbani costituisca una grande opportunità per il nostro territorio. Alla Polizia Municipale vengono richiesti sempre nuovi compiti ed è fondamentale riuscire a garantire la presenza nelle nostre strade di più agenti per interpretare le aspettative che la città ripone nella Polizia Municipale. Anche grazie a questi nuovi vigili urbani lavoreremo con convinzione per migliorare la vivibilità e per garantire il

rispetto della legalità ne nostro territorio”. Soddisfatto anche il Comandante della Polizia Municipale Antonio Calandriello, il quale ha sottolineato come “il Corpo di Polizia Municipale di Termini Imerese non può che trarre grandi benefici dall’arrivo di forze fresche che con il loro entusiasmo e la loro voglia di fare daranno una grossa mano per risolvere i piccoli e grandi problemi da affrontare quotidianamente. Siamo in attesa di completare la procedura con l’arrivo di un’altra unità, in modo da poter programmare i servizi sapendo di poter contare su due nuove pattuglie operanti stabilmente nel territorio”.

MARZO 2016

14

Un solo rientro pomeridiano per i dipendenti comunali all’insegna dell’efficienza e del risparmio La Giunta Comunale, guidata da Totò Burrafato ha determinato il nuovo orario di servizio dei dipendenti del Comune di Imerese. L’attività lavorativa si svolgerà in cinque giorni settimanali e fino ad oggi erano previsti due rientri pomeridiani. A partire dal 29/2/2016, è stato effettuato un solo rientro settimanale, previsto nella giornata di mercoledì. Al riguardo il sindaco, Totò Burrafato ha evidenziato: “abbiamo deciso la condivisione delle parti sociali di concentrare le attività pomeridiane nella sola giornata di mercoledì. Questo ci aiuterà a garantire efficienza concentrando in un solo pomeriggio il ricevimento del pubblico e determinando anche qualche modesto contenimento delle spese di funzionamento che di questo tempi rappresenta certo un bene”. Il nuovo orario, frutto di una concertazione con le organizzazioni sindacali nasce principalmente da esigenze legate alla “spending rewiew” che attualmente indirizza le attività di tutte le amministrazioni locali. Già in passato l’Amministrazione Comunale aveva adottato l’orario di servizio prevedendo un solo rientro settimanale, in coincidenza con l’adozione dell’ora legale (cd. orario di lavoro estivo). D’ora in poi l’orario con un rientro viene adottato per tutto l’anno, per cui gli uffici comunali potranno essere aperti per l’utenza esclusivamente il mercoledì pomeriggio, secondo gli orari di apertura al pubblico previsti presso le varie strutture comunali. La nuova articolazione dell’orario di servizio dei dipendenti del Comune di Termini Imerese, tiene conto delle propostedei sindacati e prevede i seguenti orari: da lunedì a venerdì dalle ore 7,30 alle ore 14,00 con possibilità di flessibilità in entrata dalle ore 7,30 alle ore 8,30 e in uscita dalle ore 14,00 alle ore 15,00; mercoledì pomeriggio dalle ore 14,30 alle ore 18,00, con possibilità di flessibilità in entrata dalle ore 14,30 alle ore 15,30 e in uscita dalle ore 18,00 alle ore 19,00. Il nuovo orario modifica gli art. 34 e 34 bis del contratto di lavoro vigente presso il Comune di Termini Imerese.


Termini Imerese

COMMEMORAZIONI

MARZO 2016

16

Celebrato con una messa San Sebastiano, Patrono della Polizia Municipale

In occasione della festività di San Sebastiano, Patrono del Corpo di Polizia Municipale, che ricorre il 20 gennaio, è stata celebrata una messa presso la Parrocchia Maria SS. della Consolazione a Termini Imerese. La funzione eucaristica ha rappresentato un momento di aggregazione per i colleghi della Polizia Municipale, sia per quelli in servizio, sia per quelli ormai in pensione, sia per i familiari dei colleghi che nel tempo sono venuti a mancare e la cui attività ha lasciato un segno nella comunità termitana.

Alla cerimonia hanno partecipato le massime autorità civili e militari del territorio. Presenti il Sindaco Totò Burrafato, l’assessore al Turismo Paolo Cecchetti, il Dirigente del Commissariato della Polizia di Stato di Termini Imerese Francesco Cassataro, i Comandanti della Compagnia e della Stazione dell’Arma dei Carabinieri Luigi Filippo Visone e Marcello Di Stefano, il Comandante della Compagnia della Guardia di Finanza Beppe La Sala, il Comandante della Polizia Penitenziaria presso la casa circondariale Cavallaci Maria Pia Campanale e il vice Comandante Rosalia Salerno. Presente anche il Direttore Sanitario dell’ASP di Termini Imerese Gaetano Buccheri. San Sebastiano è stato un militare romano, martire per aver sostenuto la fede cristiana. Visse sotto l’impero di Diocleziano e divenne presto alto ufficiale dell’esercito imperiale. Grazie alla sua carica imperiale ebbe modo di sostenere i carcerati cristiani e diffondere il cristianesimo tra i funzionari e i militari di corte. Quando l’imperatore Diocleziano scoprì la sua fede cristiana lo condannò a morte. Esposto nudo sul monte Palatino venne trafitto da numerosissime frecce, ma ancora vivo venne salvato da Santa Irene. Sanato dalle ferite, Sebastiano tornò dall’imperatore Diocleziano per condannare la sua opera di persecuzione contro i cristiani. L’imperatore lo condannò al flagello che ne causò la morte nel 304. San Sebastiano è invocato come patrono della

Polizia Municipale per l'aspetto del soccorritore che interviene in favore dei martirizzati e dei sofferenti. “Proteggere e sorvegliare sull’incolumità dei cittadini - ha detto il sindaco Totò Burrafato - è proprio della Polizia Municipale insieme ad altri compiti istituzionali come il controllo sulla viabilità, sul commercio, sull’edilizia. La Polizia municipale sempre deve costituire un punto di riferimento per i cittadini nella soluzione dei piccoli problemi quotidiani. Spesso se ne invoca la presenza per sanzionare gli altri e poi si chiede la massima clemenza allorquando siamo noi ad incappare in qualche infrazione”. “La figura di San Sebastiano - ha sottolineato il Comandante della Polizia Municipale, Antonio Calandriello - militare coraggioso e cristiano fervente, ligio al dovere, ma anche caritatevole e persuasivo, è stata assimilata nei secoli a quella della polizia municipale, chiamata al difficile compito di coniugare il rispetto della legge con la tolleranza, l’attività di persuasione con quella di repressione, la prevenzione con le sanzioni. La Polizia Municipale di Termini Imerese costituisce ormai da tempo per questa comunità un costante punto di riferimento e assicura, giornalmente, pur con le difficoltà derivanti dalla carenza di organico, una serie di servizi ulteriori rispetto a quella che nel sentire comune è considerata l’attività primaria dei vigili urbani e cioè sanzionare i trasgressori del Codice della strada e dirigere il traffico”.

Filippo Fantauzzo, un politico di lungo corso è tornato alla Casa del Signore

Così il sindaco di Termini Imerese Totò Burrafato ha commentato la scomparsa di Fantauzzo. “Sapevamo che Filippo Fantauzzo stava passando giorni di lotta, fatica e speranza. Ha chiuso il suo faticoso cammino terreno. Si è spento oggi ed è ritornato nella casa del Signore. Con rammarico a nome mio personale di tutta la Giunta municipale, dei dipendenti comunali e dei funzionari, esprimo il dolore di una Città che perde un “politico” di lungo corso. Nel suo

lungo ed appassionato impegno è stato in grado di costruire un rapporto sincero e al tempo stesso vigoroso con tutti andando ben al di là delle appartenenze partitiche ed avendo ricoperto ruoli anche ben oltre i confini della nostra città. Non aveva perso il gusto di passare quasi quotidianamente per gli Uffici comunali per esprimere condivisione o per spronare tutti a fare di più e meglio per la nostra amata Termini Imerese. Esprimo con convinzione la vicinanza di tutta la comunità alla sua famiglia. Filippo Fantauzzo, a pieno titolo, ha rappresentato quell'impegno costante a fare politica attraverso un volto umano e generoso. Ogni sua iniziativa, ogni sua sollecitazione era sempre indirizzata alla risoluzione dei problemi concreti della città con un attenzione particolare dedicata ai cittadini più bisognosi. Con la sua scomparsa la nostra comunità perde un amministratore al servizio della gente ed un cittadino onesto e serio”.

Fantauzzo aveva 72 anni e la malattia improvvisa l’aveva colpito recentemente. Oltre all’impegno politico che lo ha caratterizzato per circa trent’anni, Filippo era un imprenditore, un pasticcere raffinato e tutti lo ricordano per la sua grande disponibilità e la capacità di mettere sempre una parola buona. Ha ricoperto a lungo il ruolo di amministratore in Comune. E' stato più volte Consigliere comunale, assessore e vicesindaco. Segretario cittadino del Psdi (Partito socialdemocratico), dopo Mani pulite e la fine della Prima Repubblica è approdato, come tanti, in Forza Italia dove si è distinto per la sua grande capacità di apportare voti. Filippo Fantauzzo è stato l’ultimo rappresentante di una classe politica che oggi non esiste più. Un uomo che veniva dal popolo e che aveva innata, quella specifica capacità in grado di interpretarne il sentire, le aspirazioni e le aspettative. Sapeva spendersi per i suoi elettori e per i cittadini con-

cretamente, sempre pronto ad ascoltare e soddisfare richieste e risolvere questioni. Tutti ricordano ancora il suo bar in piazza san Carlo, frequentatissimo dai termitani, una vera “sezione di partito”, da cui oltre che fornire cannoli e cassate, pizzette e arancine, riusciva ad accaparrarsi le numerose preferenze che ad ogni elezione non mancavano mai di arrivare, garantendogli più volte un seggio al palazzo comunale. E dopo il bar di piazza san Carlo, l'esperienza della pizzeria-ristorante Black Forest, la sala trattenimenti, entrambi frequentatissimi e popolari negli anni passati. Ci mancherà oggi la sua gentilezza, il suo modo accomodante di risolvere le questioni. Quello che era insomma, la politica di una volta, meno aggressiva e litigiosa di oggi, caratterizzata dalla ricerca di trovare sempre una mediazione, sostituita oggi da uno scontro galoppante, ma forse più di facciata che di sostanza.

Omaggio all’amico che si è spento il 3 marzo dopo una breve malattia Commento del consigliere Michele Longo per la scomparsa di Filippo “Sono vicino al dolore della famiglia a cui esprimo le mie più sentite condoglianze per la scomparsa dell’amico Filippo Fantauzzo. Figura di alto profilo politico ed umano, nel corso del suo lungo impegno all’interno del Consiglio Comunale ha manifestato ampie doti di correttezza, umiltà ed onesta. Un maestro di vita, un esempio per tutti e per le nuove generazioni, in particolare per coloro che si avvicinano alla vita amministrativa di una città. Una persona attenta, capace, legata inmodo indissolubile alla propria terra e alla propria comunità". La Parrocchia del SS. Salvatore, era divenuta per lui una seconda famiglia. Lo ricorderò con grande affetto come una persona sempre disponibile e di grande umanità”.

Michele Longo


Hai un figlio fuori casa ?

Chi non ha un figlio fuori casa alzi la mano! I dati parlano chiaro: su dieci ragazzi almeno la metà sceglie

ria e nel secondo caso andrebbero distrutti. Scegliere un corriere espresquale meta privilegiata, per studio o per lavoro, destinazioni diver- so competente e professionale risulta, a tale proposito, decisivo: se dalla propria terra natia. Questo nuovo trend, naturalmente, non scegliere MBE Termini Imerese rappresenta una garanzia. poteva lasciare immune dai suoi effetti anche il servizio di spedizio- L’affidabilità in questi casi è un must: conta tanto avere un team di ni, che vede protagonisti oggi sempre più genitori impegnati ad inol- esperti al tuo fianco, disposto ad offrirti una consulenza mirata, nonché un’assistenza personalizzata e completa a 360°. trare beni ed oggetti di ogni genere ai propri figli fuori casa. Sono davvero tanti e tali i beni che vengono inviati che il fenomeno in Occorre arte per portare a termine una spedizione puntuale ed effiquestione impone ai corrieri una rivisitazione del loro modus operan- ciente: MBE Termini Imerese ne è perfettamente in grado. di: si pensi all’importanza di portare a buon fine tutte le operazioni di Il merito è da attribuire alla sua capacità di individuare e prevenire inoltro di generi alimentari, ad esempio. Pensiamo ad alimenti quali le eventuale minacce che possono compromettere la buona riusciformaggi, salami, o, ancora, conserve, bottiglie con salsa, vino ed altro. ta della spedizione, avendo cura di mettere in atto tutte le operazioChe cosa ne sarebbe se la spedizione non avesse luogo rapidamente e ni che ragionevolmente si rendono opportune e/o necessarie affincon la massima cautela? Nel primo caso tutti i beni andrebbero ad ava- ché la spedizione vada a buon fine:

MINUZIOSA VERIFICA DEL PACCO PRIMA DELLA PARTENZA nel caso in cui l'imballaggio sia stato preparato dal cliente COMPILAZIONE DI TUTTI I DOCUMENTI necessari per far viaggiare il pacco MONITORAGGIO DEL PACCO tramite sistema ultra tecnologico MBE Termini Imerese parte da un assunto inviolabile: tutto quanto spedito da genitori ai propri figli è frutto d’amore. Si tratta di una sfumatura che il team di MBE Termini Imerese ha colto con grande sensibilità, facendo proprie le emozioni, le paure, le premure che tutti i genitori del mondo nutrono per i propri figli, sentimenti questi che assumono una connotazione di maggiore entità quando i figli non si trovano nelle proprie terre natie. Questa condizione alimenta la necessità di mandar loro della merce che, in verità, cela un messaggio molto più profondo, e che non è solo legato alla materia: il messaggio è “mi manchi, ti sono vicino,

e questo piccolo pensiero ne è la prova … anche se tu non sei qui accanto a me, come vedi, faccio quel che posso per aiutarti”. Come si intuisce, una spedizione puntuale, efficiente, che riesca nel più breve tempo possibile -e con la garanzia dell’ottima riuscita dell’inoltro- a portare a termine il proposito di una madre o di un padre non è cosa di poco conto.

MBE Termini Imerese ha fatto sua tutta sua questa responsabilità, abbracciandola con tenacia, garantendo risultati gratificanti, facendosi portavoce di tutti i genitori limitati nei propri affetti.

CHIAMA ADESSO al numero

091 8113757 o 391 4044839 oppure se ci vorrai conoscere di persona vienici a trovare nel nostro store di

Via G. Garibaldi 33/35 a Termini Imerese Siamo aperti dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9.00 alle ore 18.00 orario continuato e il Sabato dalle 9.00 alle 12.00

mbe750@mbe.it - www.mbeterminiimerese.it


Termini Imerese

EVENTI IN CITTÀ

MARZO 2016

18

Un altro meritato successo per la nona edizione del Presepe Vivente Si è svolta anche quest’anno la rappresentazione del Presepe Vivente a Termini Imerese, ormai giunto alla nona edizione. Organizzato dalla Comunità Ecclesiale Termitana anche questa edizione del Presepe Vivente che ha registrato un buon numero di presenze, (circa 13.000 presenze in quattro giornate) confermando anche per questa edizione, la grande capacità attrattiva dell’evento. A impreziosire l’edizione di quest’anno è stata la visita del neo vescovo di Palermo Corrado Lorefice che ha incontrato i figuranti e i tecnici del Presepe ed è rimasto favorevolmente colpito dal-

le immagini del video proiettato che raccoglie le scene più belle degli ultimi anni. Lorefice ha definito l’iniziativa lodevole per la città di Termini Imerese. Le rappresentazioni della durata di circa un’ora si sono susseguite, come ormai da copione, dalle ore 17 fino alle ore 21 consentendo l’entrata di gruppi di circa 100/120 persone per volta. La manifestazione si è svolta lungo le vie del centro storico, che dipartono da piazza Duomo e si trovano tra la Maggior Chiesa e l’Annunziata. Le scene salienti della natività sono state allestite anche quest’an-

Attori in scena nella “Reggia di Erode” - foto C. Chiavetta

no, rappresentando gli episodi raccontati dal Vangelo e ricorrendo alla partecipazione attiva ed impegnata di circa 250 figuranti. Dall’Annunciazione all’incontro tra i Magi e re Erode. Dal censimento alla locanda in cui Maria e Giuseppe furono scacciati perché non vi erano camere libere. Dall’annunzio dell’angelo ai pastori per guidarli alla grotta fino alla natività di Gesù. Lungo il percorso sono stati allestiti, sapientemente ricostruiti ed interpretati, spaccati di vita quotidiana che hanno riportato i visitatori a rivivere quell’atmosfera tipica dell’antica Palestina attraverso i vecchi mestieri, le antiche botteghe e altre caratteristiche peculiari che hanno fatto percorrere un vero e proprio viaggio all’indietro nel tempo. Il Presepe è anche una valida attrazione per visitare e conoscere alcuni luoghi della nostra Città spesso sconosciuti. Veri e propri gioielli del nostro patrimonio artistico monumentale come la chiesa di San Giacomo, la chiesa dell’Annunziata. Siti artistico culturali che meriterebbero ancor più di essere valorizzati come la scalinata di via Roma e i suoi vicoli storici. Una vera chicca è il presepe più antico di Sicilia (risalente al 1494), scolpito in marmo e ubicato proprio dentro la chiesa dell’Annunziata dove si conclude il percorso guidato del Presepe Vivente.


Termini Imerese

MARZO 2016

19

Festa della cioccolata per il protagonista indiscusso di San Valentino Per quattro giorni piazza Duomo ha ospitato la Festa del cioccolato (11-14 febbraio 2016)

Standard e ...strano, sempre cioccolato è!

“E’ stato di scena il cioccolato, prelibatezza raffinata che tiene insieme grandi e piccini” questo il sentire dell’Amministrazione comunale, guidata da Totò Burrafato, che ha ritenuto di dover promuovere l’evento. A partire dall’11 febbraio infatti, numerosi stand hanno occupato piazza Duomo per mettere in mostra i prodotti dei maestri cioccolatieri del nord Italia che hanno proposto le loro specialità tutte ovviamente, realizzate con cioccolato. L’Organizzazione è stata curata da Italian Chocolate, società da anni impegnata nell’organizzazione di feste, mostre e sagre incentrate sul cioccolato con il patrocinio del Comune di Termini Imerese. Oltre agli stand espositivi dove i prodotti erano in mostra per la vendita, sono stati allestiti due stand esclusivamente adibiti a laboratorio dove uno “sculto-

re del cioccolato” ha realizzato una scultura in cioccolato. La manifestazione è stata anche un’occasione per mostrare come si fa la cioccolata. Questo indiscusso oggetto di desiderio gastronomico, passione dei bambini che inevitabilmente ci accompagna per tutta la vita, è stato oggetto di studio durante le mattinate. Gruppi scolastici sono stati coinvolti infatti per assistere alle varie fasi di lavorazione del cioccolato. La cioccolata esposta in diverse forme, raffigurava oggetti della nostra quotidianità, ma anche per la gioia dei più piccoli, personaggi dei cartoni animati. Dalla tenaglia, al telefonino, dalla lampadina a Peppa Pig personaggio molto amato e seguito dai bambini. Naturalmente non sono mancate le specialità di cioccolato tipico italiano, famoso in tutto il mondo.

Appuntamento con la poesia di Nicola Lo Bianco al Museo Si è tenuto presso il Museo Civico B. Romano di Termini Imerese un incontro dedicato alla poesia con il poeta Nicola Lo Bianco. L’iniziativa, che ha avuto il patrocinio del Comune di Termini Imerese, è partita dal Parco Letterario Giuseppe Giovanni Battaglia di Aliminusa ed è stata curata da Vincenzo Ognibene. L’evento si è aperto con la mostra di disegni inediti di Nicolò D’Alessandro dedicati a Giuseppe G. Battaglia. Disegni scampati a un incendio che circa trent’anni fa si verificò in casa D’Alessandro. A seguire si è proceduti alla lettura di scritti poetici di Nicola Lo Bianco. La poesia di Lo Bianco si inserisce nello scambio intellettuale che Giuseppe Battaglia ha intessuto con il contesto culturale della città di Palermo negli anni ’70. Figure come Crescenzo Cane, Franco Scaldati, Michele Perriera erano gli

interlocutori del dibattito culturale e poetico di Lo Bianco che, attraverso la sua poesia di impegno civile, ha narrato la città di Palermo con le sue contraddizioni, le sue bellezze, il suo essere partecipe e indifferente, il suo essere città aperta e al contempo circoscritta nei limiti di un contesto mafioso territoriale che, di fatto, ha impedito nel tempo, quel salto verso una dimensione di superamento totale del proprio provincialismo. A moderare l’evento è stato Vincenzo Ognibene. I versi sono stati declamati dall’attore Mimmo Minà e da Nicola Lo Bianco. In ragione della data (19 febbraio 2016) che ha coinciso con la giornata dedicata al risparmio energetico “Mi illumino di meno” su iniziativa del gruppo scout Termini Imerese 3 il Comune di Termini Imerese ha aderito all’iniziativa con lo spegnimento delle luci nel Museo all’inizio della manifestazionee

In alto a destra: Mimmo Minà e Nicola Lo Bianco; In basso a destra: Nicola Lo Bianco, Vincenzo Ognibene, Angela Campagna Sopra: gruppo bambini Scout

lo spegnimento delle luci di piazza Duomo dalle ore 18,00 alle 18,30. se – ha concluso il sindaco Burrafato – non posso che ringraziare l’Associazione Amici della Musica per quanto sinora fatto. Sono certo

che la nuova Stagione concertistica 2015/2016 sarà in grado di soddisfare i gusti degli associati e di attirarne di nuovi perseguendo sempre l’obiettivo di diffondere la bellezza, l’arte e la cultura.


Termini Imerese

EVENTI IN CITTÀ

MARZO 2016

20

Una giornata dedicata ai più poveri nella ricorrenza di San Valentino La giornata è stata festeggiata all’insegna del volontariato lo scorso 14 febbraio Grazie al Progetto IPUMM (Insieme Per Un Mondo Migliore) creato nel 2014 da gruppi scout Masci e Clan K2 di Agesci una volta al mese viene offerto un pasto alle persone più indigenti della città. In genere i pranzi ospitano circa 200 persone. Durante il mese, diverse associazioni ma anche liberi cittadini raccolgono le risorse per potere realizzare il pranzo. In base alle risorse accumulate infatti a volte il pranzo viene offerto due volte al mese. In occasione di San Valentino agli scout si sono aggiunte altre associazioni: Anteas, La Goccia, la Loggia Giordano Bruno, la

Società Operaio del Mutuo Soccorso P. Balsamo, la Banca del Tempo Himerense, Leo club e i Lions Club cittadini, la Fidapa. Anche i ragazzi dell’AIPD (Associazione Italiana Persone Down) e il gruppo di preghiera del Crocefisso dei Pirreri hanno partecipato alla giornata collaborando attivamente a servire gli ospiti che sono stati 170. “L’obiettivo – ha detto il coordinatore del Progetto IPUMM Sebastiano Di Majo – è quello di potere aiutare sempre più persone che purtroppo si trovano in condizioni di precarietà”. Il pranzo si è svolto nella sede dell’associazione Anteas. Nel futuro prossimo il progetto di IPUMM è quello di realizzare una vera e propria Casa del Volontariato con cucina, mensa e laboratori per disabili.

foto di gruppo degli scout e dei volontari dell’AIPD

“Sconvolgimento climatico e dissesto idrogeologico” convegno della Fidapa al Museo Civico Il museo civico B. Romano di Termini Imerese ha ospitato un convegno a cura della Fidapa sezione di Termini Imerese che poneva l’attenzione su lo “Sconvolgimento climatico e dissesto idrogeologico”. I lavori del convegno hanno affrontato l’argomento da tre punti di vista: il clima, le caratteristiche delle precipitazioni piovose, il ruolo della Protezione civile. Su queste tematiche sono intervenuti esperti che con il loro contributo hanno smosso le coscienze della platea su un argomento di grande attualità. Goffredo la Loggia del DICAM (Dipartimento Ingegneria Civile Ambientale Aerospaziale dei Materiali) ha relazionato su “Cambiamento climatico, piogge siccità e inondazioni”. Calogero Foti, capo della Protezione Civile Regionale ha affrontato gli aspetti della “Prevenzione, del dissesto idrogeologico, della protezione

civile regionale”. Gianvito Graziano, Presidente Nazionale dei Geologi si è intrattenuto sulla “Responsabilità sociale della prevenzione”. Erano presenti la Past Presidente nazionale della Fidapa BPW Italy, Giuseppina Seidita, Maria La Scola, Presidente Fidapa Distretto Sicilia, Giusy Testa, Presidente Fidapa di Termini Imerese. A moderare il dibattito è stato Nicolò Lo Bue, geologo. Anche il sindaco Totò Burrafato ha partecipato all’evento portando i saluti dell’Amministrazione comunale. Il tema del cambiamento climatico affrontato recentemente dai capi dei più importanti stati del mondo, nel Summit di Parigi, è un argomento attualissimo e di vitale importanza. La Fidapa di Termini Imerese sulla scorta di tale recente summit – ha dichiarato la Presidente Giusy Testa – ha voluto affrontare questa tematica che riguarda tutti e quindi anche il nostro Paese e la nostra regione. Sono tanti purtroppo i fenomeni di inondazioni che negli ultimi anni hanno sconvolto vaste zone del Paese mettendoci di fronte a delle problematiche che ci trovano per lo più impreparati su come affrontarle. Il convegno ha avuto quindi la funzione di stimolare gli organi competenti a trovare soluzioni concrete per tenerci, per quanto possibi-

da sx Giuseppina Seidita, Rosa Maria La Scola, Calogero Foti, Giusy Testa, Lo Bue Nicolò, Gianvito Graziano, Goffredo La Loggia

le, al riparo da brutte sorprese”. Il convegno ha avuto il patrocinio del Comune di Termini Imerese. “Non potevamo non condividere con entusiasmo – ha detto Burrafato – questo momento di approfondimento che punta l’attenzione su una questione che sempre più è sotto i nostri occhi e che condiziona il nostro avvenire e quello dei nostri figli. Il cambiamento climatico è oggi una realtà e spetta a tutti noi fare in modo che esso non comprometta irrimediabilmente il futuro del pianeta”.


Termini Imerese

Insediato il nuovo Comitato tecnico-scientifico del Museo Civico Burrafato: “Spazio alle competenze” Si è insediato nei giorni scorsi il Comitato di consulenza tecnico-scientifica presso il Museo Civico Baldassarre Romano, nominato dal sindaco Totò Burrafato. È un organismo tecnico composto da cinque esperti studiosi del settore, che coadiuva l’attività del Direttore del Museo Civico, come previsto nel regolamento vigente. Le figure tecniche sono state scelte per le proprie professionalità o per gli studi e gli approfondimenti fatti in materie inerenti le attività del Museo Civico. L’organi-

ca quattro anni, sono rieleggibili e prestano la loro attività a titolo gratuito. Le professionalità dei componenti sono le seguenti: Arcodia è studiosa di storia dell’arte; Cristaudo è un esperto di restauro; Serio è un esperta di storia dell’arte. Antonio Callari è un architetto. Ha ricoperto diversi ruoli di responsabilità presso privati come la ditta Cascino ed ha svolto attività presso il Comune di Trabia, attualmente dirige i lavori di sistemazione degli spazi museali della chiesa di SS. Maria della Misericordia a

da sx Arianna Serio, Chiara Terranova, Valeria Arcodia, Marghertita Zaffuto, Totò Burrafato, Donatella Battaglia, Angelo Cristaudo, Antonio Callari, Fabio Lo Bono

smo è stato completamente rinnovato rispetto a quello precedente. “Spazio a nuove professionalità” così il sindaco di Termini Imerese, Totò Burrafato ha salutato le operazioni di insediamento in presenza dell’assessore alle Attività Culturali Donatella Battaglia e del direttore del Museo, Margherita Zaffuto. Il Comitato sarà così composto: Valeria Arcodia, Antonio Callari, Angelo Cristaudo, Arianna Serio, Chiara Terranova. Tali consulenti durano in cari-

Termini Imerese, è stato consulente specialistico per il restauro del campanile chiesa di San Giovanni sita presso la villa Palmeri di Termini Imerese. Chiara Terranova è laureata in lettere classiche con specializzazione in indirizzo storicoarcheologico. Attualmente è dottore di ricerca presso l’Università di Messina ed è specializzata in antichità greco-romana e nella tutela e valorizzazione dei Beni Culturali. Ha maturato una notevole esperienza nel settore dei Beni culturali

collaborando con diversi musei. Ha effettuato il primo studio scientifico sulla Cripta delle Repentite di Palermo. Valeria Arcodia, laureata in Lingua e Culture Moderne presso la facoltà di Lettere ha espletato un master su Management di strutture alberghiere, agenzia di viaggio e tour operator, è specializzata in lingua inglese, spagnolo e francese. Arianna Serio ha una laurea specialistica in Storia dell’Arte, diplomata all’Institut Francais di Palermo ha svolto attività di accoglienza e accompagnamento presso l’associazione Amici dei Musei a Palazzo Asmundo. Angelo Cristaudo è restauratore diplomato all’Istituto centrale del Restauro di Roma. È stato docente di restauro presso l’Accademia di belle arti di Catania. Ha restaurato pavimenti lastronati in marmo, ma anche tele presso la Cattedrale di Palermo e ancora a Castelbuono, Trapani, Pollina, Cefalù, Collesano. Ha restaurato affreschi di epoca romana e reperti in ceramica di epoca arcaica. L’Assessore alla Cultura Donatella Battaglia ha precisato che: “la selezione di queste figure è avvenuta tramite avviso pubblico. La presenza del Comitato tecnico-scientifico è prevista in tutte le strutture museali ed ha una funzione di garanzia, di tutela delle attività proprie del museo. Funzioni che nascono da un confronto cui gli esperti sono stati chiamati per dare pareri o suggerimenti, senza che questi siano tuttavia vincolanti”. A presiedere il Comitato sarà proprio l’assessore alla Cultura Donatella Battaglia.

MARZO 2016

21

Anusca: “La gestione dell’anagrafe ieri, oggi, domani” Giornata di aggiornamento al Museo di Termini Imerese

Si è tenuta presso la Pinacoteca del Museo Civico B. Romano, una giornata dedicata all’aggiornamento professionale degli operatori demografici della provincia di Palermo nell’ambito della creazione dell’ANPR (Anagrafe, Nazionale, Popolazione, Residente). L’evento ha avuto il patrocinio del Comune di Termini Imerese. L’istituzione di un’anagrafe nazionale in cui far confluire tutti i dati anagrafici forniti dai singoli comuni trova la sua fonte normativa nel D.L. n. 179/2012. L’obiettivo è quello di creare una anagrafe unica centralizzata che prenderà il posto delle 8000 e più anagrafi comunali, istituita con l’art. 62 del CAD (Codice dell’Amministrazione Digitale). Tale disposizione prevede che l’ANPR subentri gradualmente entro il 2016, alle anagrafi della popolazione residente e dei cittadini italiani residenti all’estero, ferme restando le attribuzioni del Sindaco, nella qualità di ufficiale di Governo, ai sensi dell’art. 54, comma 3, del testo unico degli enti locali. Oltre ad Anusca gli altri attori istituzionali sono il Ministero dell’interno, l’Agid, l’Anci e la Sogei. Anusca si è preparata a fornire un supporto operativo concreto agli operatori di anagrafe proprio per facilitare e sveltire i compiti a loro assegnati, legati alla individuazione e alla bonifica delle inevitabili criticità legate al subentro del sistema centralizzato alle anagrafi comunali. Tutte attività da intraprendere e portare a termine nei tempi previsti dalla legge. Con l’ANPR si intende accelerare il processo di automazione amministrativa, migliorare i servizi per i cittadini, le imprese e le Pubbliche Amministrazioni, riducendo i costi per l’intero sistema. A moderare il dibattito è stato Giuseppe Falgarini. Erano presenti il sindaco Totò Burrafato ed il vice Presidente Nazionale di Anusca, Corrado Zaccaria.


Termini Imerese

EVENTI IN CITTÀ

MARZO 2016

22

Giù il sipario sul Carnevale Confermato il grande successo dell’edizione 2016

http://www.carnevaletermitano.com

E’ andata oltre ogni aspettativa l’edizione del Carnevale Termitano 2016. Già nella prima giornata di domenica i numeri parlavano chiaro (circa 30.000 presenze). Dati confermati anche nella giornata di martedì grasso. Burrafato ha così commentato l’edizione 2016 del Carnevale termitano: “un successo! Frutto della positiva collaborazione dei tanti che hanno a cuore la promozione di Termini Imerese”. La sfilata dei carri allegorici ha preso il via come di consueto alle ore 16 per concludersi nel tardo pomeriggio con la premiazione nel palco di piazza Duomo dei gruppi appiedati e dei carri in cartapesta. Dove, come da tradizione, a seguito della lettura del testamento del Nannu (una delle maschere della tradizione del Carnevale termitano) si è chiusa ufficialmente la manifestazione carnascialesca. L’elaborazione e la lettura del documento sono stati affidati a Nando Cimino, in arte Notaio Menzapinna, storico del Carnevale e delle tradizioni locali. La scelta dei carri per la premiazione è stata affidata a una giuria che ha assegnato il primo premio a “Navigando con Chupa Chupa” di Salvatore Cirà e Salvatore Crivello; il secondo premio “Sono tra noi” di Mario Giuca; i carri “Il re del Carnevale” di Sansone Antonino e “Masha e orso per la pace” di Ros-

sella Musico Domenico hanno conseguito a pari merito il terzo premio. Migliaia di visitatori hanno letteralmente invaso le vie di Termini alta, confermando la capacità attrattiva del nostro Carnevale (il più antico di Sicilia) non solo per i paesi limitrofi ma anche per tutta l’isola. Lo spassoso cabaret di Massimo Spata e le musiche del gruppo Folk Malarazza 100% terrone, hanno contribuito a rendere ulteriormente festosa l’ultima giornata del Carnevale, che si è conclusa poi con i consueti giochi pirotecnici presso il Belvedere. “Il Carnevale 2016 – ha dichiarato l’Assessore al Turismo Paolo Cecchetti – ha lasciato tante certezze positive. I termitani e i tanti siciliani che hanno partecipato alla kermesse, hanno premiato lo sforzo fatto da tutta l’Amministrazione comunale e dalle tante Associazioni e realtà locali coinvolte. Vincente è stata certamente la scelta di puntare ancora sul Made in Sicily”. L’Amministrazione comunale ha espresso gratitudine a tutti gli uffici comunali che con impegno e sacrificio hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione. Analogo sentimento è stato rivolto agli sponsor Enel e Toyota, alle associazioni, alla famiglia La Rocca che ancora una volta ha messo a disposizione le maschere di “Nannu ca Nanna” ed hanno assicurato così la buona riuscita del Carnevale più antico di Sicilia.

Festa, Farina e Folk.. VI° Sagra “Maccarruna ‘nta Maidda” Si svolta nell’ambito del Carnevale Termitano 2016 la Sagra per eccellenza, i “Maccarruna ‘ntà Maidda”, giunta alla sua sesta edizione come modo di riscoprire la tradizione culinaria che diventa anche momento di festa e di “esagerazione”, d’incontro e di condivisione. COME VENIVA PREPARATA? Non molto tempo fa, quando non esistevano sofisticati robot da cucina e le donne erano delle massaie provette, questo piatto veniva preparato sempre a mano fatto in casa con "i busi”, e lasciati «sciariari», (asciugare lentamente) appesi alle canne. Le famiglie più ricche utilizzavano il cosiddetto

“arbitrio”, uno strumento in metallo che meccanizzando il processo di preparazione, permetteva di produrre grandi quantità di pasta in poco tempo. Quello che si otteneva in entrambi i casi era una pasta veramente eccellente, che una volta cotta, veniva condita con ragù di carne di maiale e poi servita in una particolare vasca di legno, la "maidda", dove era stato preparato I'impasto. Per tradizione tutti si sedevano per mangiare attingendo da questo unico piatto: una regola non scritta ma rispettata da tutti che valeva certamente per le famiglie più povere e per i contadini. Ed è così che il Re della tavola del Car-

nevale Termitano, “I maccarruna”, si poneva sul suo trono: “A maidda”. Questo pasto, “ i maccarruna cu sucu ‘nta maidda” oggi come ieri rappresenta il piatto tipico del carnevale termitano: il Giovedi e il Martedi grasso devono il loro nome a questo pasto che veniva consumato abbondantemente e in maniera esagerata particolarmente in questi due giorni. LA FARINA E LA PASTA La storia del grano di Sicilia, della pasta è strettamente legata alla storia della città di Termini Imerese. Fin dall’antichità i romani trasportavano il grano prodotto nella Sicilia centrale dal porto di Termini fornendo ricchez-

za e benessere per la popolazione. Vanto del territorio è l’avere dato i natali alla pasta: il suo luogo di origine infatti si trova tra Termini Imerese e l’attuale Trabia. I ricercatori ci danno notizie di questo prodotto unico nella storia della scienza alimentare, fin dal 1154, quando il geografo arabo Al Idrisi girò l'isola, scrivendo “Il Libro di Ruggero”, e narrò le meraviglie della terra del sole per conto del normanno Re Ruggero II di Sicilia. Di questo mito secolare è rimasto poco in città, mentre agli inizi del Novecento a Termini Imerese c'erano mulini e circa quarantacinque fabbriche che producevano pasta o macinavano il grano.


Termini Imerese

MARZO 2016

23

Un nuovo progetto all’Istituto Stenio di Termini Imerese con il cinema di Pasquale Scimeca All'IISS “Stenio” la tradizione culturale del cinema sposa la strategia dell'alternanza scuola lavoro e si trasforma in “scuola dei mestieri del cinema"! E’ partito nei giorni scorsi dal cinema Eden, il progetto di alternanza scuola-lavoro “noi "FACCIAMO" il cinema” realizzato in collaborazione tra l'IISS "Stenio" e la soc. coop. Arbash, del regista Pasquale Scimeca. Dall’incontro tra il Dirigente dello Stenio, Loredana Bellavia e il regista siciliano Pasquale Scimeca, è nata una progettualità per mettere insieme la tradizione della scuola, da anni ormai capofila del prestigioso Premio David Giovani e la consolidata professionalità del regista. Scimeca ha accettato di mettere a disposizione attrezzature, maestranze e la propria personale competenza, per la realizzazione di un progetto all'interno del quale i ragazzi possano sperimentare direttamente la dimensione lavorativa propria dell'industria cinematografica, ciascuno con un proprio profilo. Dopo il momento introduttivo presso il cinema Eden, la sala ospiterà tutti

gli incontri in cui gli studenti saranno formati ai mestieri del cinema. Gli studenti provenienti dalle sezioni AFM (ex ragioneria) sono stati indirizzati prevalentemente al settore della produzione e dell' amministrazione di set, quelli provenienti dalla sezione MAT (ex IPIA) e ITEE ( ex Industriale) alle luci, alla formazione di macchinisti e attrezzisti, fonici, per poi ritrovarsi con gli studenti della sez. SIA (ex programmatori) nel laboratorio del montaggio . Lo stesso regista Scimeca curerà le prime otto ore di sceneggiatura e le quattro ore finali di set. In queste occasioni i ragazzi, opportunamente preparati, metteranno in campo le loro competenze attraverso delle simulazioni. Il prodotto finale sarà uno spot. Il progetto coinvolge quest'anno le classi terze, ma è intenzione dei partner del progetto di proseguirlo e di approfondirlo negli anni successivi per formare professionalità mancanti in Sicilia, luogo spesso prescelto come set cinematografico, da molti registi. “Coniugare la tecnologia all'arte e

IL REGISTA NEGLI ANNI

scoprire nuove vocazioni è la sfida di questo progetto - ha affermato la Dirigente Bellavia - siamo particolarmente orgogliosi che il regista Pasquale Scimeca, la cui professionalità è nota a tutti, abbia accettato la nostra proposta, mettendo a disposizione la sua professionalità e i suoi mezzi, imperniati al rispetto dei valori della legalità e della solidarietà”.

Nato ad Aliminusa (Pa) l’1 febbraio 1956 Professioni: regista, attore, montatore, documentarista, sceneggiatore, produttore, direttore della fotografica, docente di l etteratura e storia. Titolo di studio: Laurea in Lettere con specializzazione in Storia contemporanea Firme su pellicola: 29 Premi e riconoscimenti: 23 (Alcuni) segni particolari (lasciati su pellicola): Nel 2000 presentata alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia la pellicola “Placido Rizzotto”, storia del sindacalista ucciso dalla mafia. Nel 2002 proiettato, al Festival internazionale del film di Locarno, il documentario “Sem terra”. Nel 2003 il film “Gli indesiderabili” presentato al Festival internazionale di Locarno. Nel 2005 proiettato alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia “La passione di Giosuè l’ebreo”. Nel 2010 il film Malavoglia, ispirato a Giovanni Verga, ottiene quattro candidature ai Nastri d’argento alla 67ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.


Termini Imerese

SPORT

MARZO 2016

24

Gestione degli impianti sportivi Via libera all'affidamento

Per rilanciare gli impianti sportivi del territorio il Comune si affida ai privati Sono cinque gli impianti sportivi presenti nel territorio e di proprietà del Comune di Termini Imerese. Nei giorni scorsi la Giunta comunale, presieduta da Toto Burrafato, ha assunto l'indirizzo per affidarne la gestione ai privati. L'affidamento della gestione degli impianti è stato ritenuto opportuno per evitare che gli stessi restino inutilizzati o ancor peggio cadano in uno stato di abbandono come, purtroppo, è accaduto nel recente passato per altre strutture sportive. L’affidamento a soggetti privati è previsto dall’art. 2 del Regolamento comunale per l’utilizzo e la gestione e/o custodia degli impianti sportivi comunali. L’Amministrazione comunale può procedere all’affidamento della gestione mediante espletamento di gara informale, approvando anche i criteri generali per l’individuazione del soggetto affidatario. Potrebbe essere opportuno affidare ogni impianto a soggetti singoli. Gli uffici competenti stanno attivando le procedure pubbliche per la ricerca dei sog-

Paolo Cecchetti Assessore allo Sport

getti che vogliono proporsi come gestori degli impianti sportivi comunali. I rapporti tra il Comune e l’eventuale gestore saranno regolati da specifica convenzione sottoscritta tra le parti. L’affidamento a terzi non modifica la natura del bene affidato, che resta accessibile e fruibile a tutte le attività e discipline praticate nel territorio, fermo restando la natura specifica di ogni singolo impianto. “L’intendimento è quello di uscire dal regime di “emergenza” garantendo continuità allo sviluppo dello sport nel nostro territorio – ha dichiarato l’assessore allo Sport, Paolo Cecchetti – pertanto, urgono interventi immediati per rendere pienamente fruibili e totalmente sicuri i nostri impianti sportivi così da renderli, come è giusto che sia, opportunamente utilizzabili per la collettività. Con questa iniziativa gli operatori economici del settore che hanno alle spalle un’esperienza specifica e qualificata potranno garantire un futuro ai nostri impianti sportivi”.

Chamizo: campione mondiale di lotta libera visita Termini È italiano ed è campione mondiale di lotta libera 65 Kg. In realtà ha origini cubane anche se recentemente, Frank Chamizo ha conquistato l’oro per l'Italia nella rassegna continentale di Riga. Un nuovo incredibile assolo dello Spartacus azzurro che ormai indossa il marchio dei grandi fuoriclasse

da sx Crisante e Carmelo Lumia, Michele Longo, Frank Chamizo, Burrafato, Salvatore Rinella, Antonio Urbano, Paolo Cecchetti

dello sport italiano. L’ultimo oro europeo nella lotta libera risaliva al 1992 con il trionfo di Giovanni Schillaci. Dopo il titolo mondiale Chamizo si è aggiudicato anche il titolo europeo in Lettonia confermando il suo essere un fuoriclasse della lotta italiana. In grado di segnare un’epoca e con lo sguardo già rivolto verso il grande obiettivo stagionale: i Giochi Olimpici di Rio 2016. Chamizo ha voluto visitare Termini Imerese grazie alla sua amicizia con il termitano Carmelo Lumia, campione delle Fiamme Oro della Nazionale Italiana. Ha così voluto rendere omaggio alla ormai consolidata tradizione della lotta libera termitana, che ha trovato la sue origini nella figura del compianto maestro Cristoforo Consales, il quale ha lasciato alla città di Termini Imerese una grande eredità: la pratica della lotta libera che riesce a regalare, ancora, sempre nuovi campioni. Per il sindaco, Toto Burrafato è stata “Una bella pagina di sport. Un lottatore già affermato e di grande talento sportivo ha fatto tappa a Termini Imerese per dare merito ai tanti atleti che nel recente passato hanno centrato importanti tra-

guardi ma anche per dare fiducia alle nuove generazioni che, ancor oggi, scelgono la lotta, uno sport carico di sudore e sacrifici che esalta l'agonismo senza mai imboccare la via della violenza”. Il campione mondiale è stato ospitato presso il palazzetto comunale “Club Atletico Termini Imerese” intitolato proprio a Cristoforo Consales, in presenza del sindaco Totò Burrafato, l’assessore allo Sport Paolo Cecchetti, i consiglieri comunali Antonio Urbano e Michele Longo. Erano presenti anche il Dirigente della Polizia Francesco Cassataro e l’ispettore Stefano Cugino. “Sono onorato della calorosa ospitalità ricevuta dalla città di Termini Imerese – ha detto il campione Frank Chamizo – da parte di tutti i lottatori, dagli allenatori e dalle Autorità presenti”. “È una grande impresa quella compiuta dal nostro campione mondiale ed europeo di lotta libera – ha dichiarato il consigliere Michele Longo - che ci fa sentire orgogliosi di essere italiani. Averlo nella nostra città è motivo di compiacimento per l’importanza storica di questa disciplina nella nostra città”.


Termini Imerese

DONNE E SOCIETÀ

MARZO 2016

25

8 marzo festa della donna Open Day all’insegna della prevenzione È stato realizzato proprio l’8 marzo il primo Open day del 2016 a cura dell’Asp n. 6 di Palermo Ad aprire i battenti sono stati ospedali ed ambulatori dove medici, tecnici e personale dedicato all’accoglienza dell’Azienda sanitaria provinciale hanno gratuitamente eseguito mammografia e pap-test alle donne rientranti nella fascia d’età individuata dai programmi di screening: 5069 anni per la prevenzione del tumore al seno e 25-64 anni per il carcinoma del collo dell’utero. Nell’ambito del progetto di prevenzione del tumore al colon-retto è stato distribuito il sof test (per la ricerca del sangue occulto nelle feci). “Il programma delle iniziative sulla prevenzione - ha spiegato il direttore generale dell’Asp di Palermo, Antonio Candela - prende il via quest’anno l’8 marzo perché vogliamo regalare a tutte le donne una festa all’insegna della prevenzione. Gli ambulatori sono

stati aperti dalle ore 9 alle 19 per offrire gratuitamente tutte quelle prestazioni che ci hanno consentito negli ultimi anni di salvare tante vite umane”. Dalle 9 alle 19 è stato possibile quin-

di recarsi presso l’ospedale Salvatore Cimino di Termini Imerese, per sottoporsi gratuitamente agli esami clinici previsti. L’unità operativa di “Educazione alla salute” aveva come responsabile il dott.

Integrazione possibile per i disabili: “Borsa lavoro” per Marino Cusimano

Marino durante il suo stage presso La Trattoria Himera di Termini

È stato Marino Cusimano ad aggiudicarsi la Borsa lavoro per poter svolgere uno stage lavorativo presso la trattoria Himera di Termini Imerese di Mario Genovese. Marino ha 20 anni ed è affetto da sindrome down. Il progetto della “borsa lavoro” è stato finanziato dalla Adecco. Grazie anche alla collaborazione di AIPD nazionale, Marino è riuscito a svolgere dapprima uno stage formativo a Roma e poi è stato prescelto per effettuare uno stage lavorativo a Termini Imerese. Agostino Moscato - responsabile AIPD Termini Imerese per il Servizio di Inserimento Lavorativo - in collaborazione con Ercole Piccione hanno verifi-

cato la disponibilità delle aziende del territorio, ad accogliere questi ragazzi disabili per un periodo di formazione lavorativa. La trattoria Himera si è resa disponibile e dal mese di dicembre, Marino presta la sua opera ed è contentissimo di questa esperienza che si concluderà ad aprile. Marino ha instaurato ottimi rapporti sia con i colleghi che con i datori di lavoro e spera naturalmente, di poter continuare a lavorare. A dimostrazione di quanto il “diverso” possa perfettamente integrarsi in una vita normale, non possiamo che augurare a Marino e anche ad altri ragazzi disabili di potere trovare un proprio posto nella società.

Antonino Artese, mentre il referente del progetto era Gloriana Solaro. Lo scopo di queste giornate dedicate alla salute è quello di individuare precocemente, laddove esistessero, segnali di patologie gravi in fase asintomatica (in particolare quelle tumorali) e agire così tempestivamente nei percorsi di cura. Per ogni utente che si sottoporrà allo screening, verrà redatta una cartella clinica. In caso di test positivo, l'utente sarà avviato ad un percorso programmato e pianificato di approfondimento diagnostico e terapeutico del tutto gratuito, nel rispetto di rigorosi indicatori di qualità previsti a livello nazionale e internazionale. Alla realizzazione dell’iniziativa hanno collaborato l’associazione Nuova Aurora, ADVS, l’associazione La Goccia, SPI- CGIL, la Banca del Tempo Himerense.

Burrafato si unisce al disappunto per la chiusura del punto nascita di Petralia Sottana e lancia una ricetta per riaprirlo Chiusura più volte L’arrivo del 2016 ha decretato la chiusura del punto nascita dell’ospedale Madonna dell’Alto di Petralia Sottana. Il reparto di Ostetricia e Ginecologia di Petralia Sottana infatti, con meno di 500 parti all’anno non rientra negli standard di sicurezza. Molti sindaci del comprensorio madonita hanno preso posizione contro la chiusura del reparto di Petralia Sottana. Anche il sindaco di Termini Imerese, Totò Burrafato ha condiviso la scelta di dire no alla chiusura del punto nascita. “Il silenzio non vuol dire assenso – ha dichiarato Burrafato - . Talvolta vuol dire rammarico e disappunto come nel caso della decisione del Ministero della Salute di chiudere il punto nascita di Petralia. Penso che oltre alla mobilitazione dei sindaci e dei cittadini sia necessario mettere in campo proposte puntuali e convincenti per superare la scelta del Ministero della Salute. Solidarietà non fine a se stessa e di circostanza, ma portatrice di una prospettiva di cittadinanza inclusiva da perseguire con convinzione”!


Termini Imerese

CHI CI AMMINISTRA

MARZO 2016

26

IL SINDACO GRUPPI CONSILIARI

SALVATORE BURRAFATO

CAMPAGNA ANGELA

sindaco@comune.termini-imerese.pa.it Ufficio Segreteria del Sindaco 091/8128401 - 091/8128400 - 091/8128445 gab@comune.termini-imerese.pa.it a.rainieri@comune.termini-imerese.pa.it

LA GIUNTA

Contatti: tel. 091/8128417 presidenteconsiglio@comune.termini-imerese.pa.it

Partito Democratico

Sicilia Si

Donatella Battaglia Deleghe: Assessore con delega alle giovani generazioni, alle politiche culturali, alla Pubblica Istruzione, alla comunicazione ed alla partecipazione civica; Contatti: 091/8128505 pubblicaistruzione@comune.termini-imerese.pa.it

Paolo Cecchetti, Deleghe: Assessore con delega al Turismo, allo sport, allo spettacolo, al patrimonio comunale;

Deleghe: Vice Sindaco, assessore con delega al Bilancio ed alla Programmazione finanziaria. Contatti: 091/8128202 rgen@comune.termini-imerese.pa.it

CORSO ANTONINO vice presidente

carmelo.sacco@libero.it

vpantoninocorso@hotmail.it

Longo Michele

Virzì Noemi capogruppo

michele.longo2008@hotmail.it

noemivz@libero.it

Popolari per Termini Urbano Antonio

Contatti: 091/8128505 turismo@comune.termini-imerese.pa.it

Vincenzo Ingrassia

SACCO CARMELO capogruppo

antoniourbano1@hotmail.it Taravella Vincenzo capogruppo

Y Polis

vtaravella@libero.it

Amoroso Anna capogruppo anna.amoroso2011@gmail.com

Lelio Minasola,

Deleghe: Assessore con delega alle Politiche per la Vivibilità ed il verde pubblico;

claudio-merlino@libero.it pa.cecchetti@hotmail.it

Raimondi Gianluca

La redazione di questo numero è stata chiusa il 17 marzo 2016

Inquadra QUI per scaricare il giornale comunale Taccuino d’Himera

Merlino Claudio capogruppo

Cecchetti Paolo

Contatti: 091/8128207 servizioambiente@comune.termini-imerese.pa.it

Il “Taccuino d’Himera” è il periodico ufficiale del Comune di Termini Imerese Anno 2 numero 1, Autorizzazione: in attesa di Autorizzazione Grafica, stampa e distribuzione: Lime Edizioni srl - Tel. 02 36767660 - www.limedizioni.com Commerciale: S. D’Apolito INFO 338 7516400 Redazione Ufficio Stampa: Piazza Duomo, 1 - a.rainieri@comune.termini-imerese.pa.it Direttore editoriale: Salvatore Burrafato Direttore responsabile: Aurora Rainieri Gli editoriali del Sindaco, del Presidente del Consiglio comunale sono di diretta responsabilità dei rispettivi autori.

Vivere Termini

gianlucarai@hotmail.it

Movimento 5 Stelle Sinatra Manuela capogruppo manuelasinatra@libero.it

Futura Termini Salemi Antonio Luca Sunseri Domenico capogruppo ing.sunseridomenico@libero.it

lucasalemi78@gmail.com

Gruppo Misto

Termini Insieme Fiorani Nives

D’Amico Pietro capogruppo

fioraninives@virgilio.it

damicopietro59@libero.it Gatto Antonio Abbruscato Lorenza

antoniogatto81@libero.it

lorellaabbruscato@libero.it Miccichè Carmelo

Minasola Lelio lelio.minasola@gmail.com

carmelo.micciche@cascino.it


6

AVVISO

Già dal periodo delle festività natalizie il Servizio di raccolta dei rifiuti ha ripreso a funzionare regolarmente. L'Amministrazione Comunale si è impegnata direttamente nella gestione del servizio. Si scusa per i disagi e i disservizi ultimamente verificati. Si invitano tutti i cittadini ad una sempre più crescente collaborazione. Va considerato che una più accurata selezione del rifiuto, oltre ad essere un segnale di senso civico diffuso, permetterà l'utilizzo ottimale delle risorse e minori conferimenti in discarica, questi ultimi particolarmente costosi per la comunità.

Città di TERMINI IMERESE

Raccolgo, riciclo ... e risparmio !!!

Piccoli accorgimenti per continuare ad aiutarci

Osservare scrupolosamente il calendario della raccolta porta a porta.

Depositare i rifiuti in sacchetti ben chiusi nei cassonetti dalle 18 alle 22 di tutti i giorni feriali e festivi, tranne il sabato e i prefestivi. Depositare i rifiuti differenziati (carta, plastica, vetro) negli appositi contenitori stradali in qualunque orario e tutti i giorni. Depositare i rifiuti minuti negli appositi cestini stradali. Usare l'Isola Ecologica vicino al campo sportivo (da Lunedì a Sabato ore 7.00-17.00) per conferire rifiuti (ingombranti, differenziati, olio di cucina). Oppure telefonare, per i soli ingombranti, al n. 091 8128208. Osservare i turni di spazzamento meccanizzato nelle strade ove è previsto un divieto di sosta periodico. Ultima raccomandazione: pagare nei termini la tassa sui rifiuti (TARI). Sono i proventi di tale tassa a finanziare il servizio di igiene ambientale. Il mancato o ritardato pagamento mette a rischio la pulizia della Città e lo stipendio degli operatori ecologici. Il nostro obiettivo, pur tra tante difficoltà, è quello di costruire con l'aiuto degli utenti un servizio efficiente e funzionale. Siamo certi che insieme si può raggiungere l’obiettivo. L’Amministrazione Comunale

Per qualunque problema telefonare al : 091 8128208


Profile for Lime Edizioni srl

Termini imerese marzo 2016  

Giornale Comunale di Termini Imerese, Taccuino d'Himera, edizione di marzo 2016 con tutte l einfo e le notizie utili sulla città siciliana f...

Termini imerese marzo 2016  

Giornale Comunale di Termini Imerese, Taccuino d'Himera, edizione di marzo 2016 con tutte l einfo e le notizie utili sulla città siciliana f...

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded