Page 1


LAMPADE LED, UN MONDO CON PIÙ LUCE E PIÙ COLORE Disponibili in tantissime sfumature cromatiche, dalle tonalità più fredde a quelle più calde, i led consumano meno, durano molto più a lungo e possono essere sostituiti alle lampadine tradizionali perché hanno lo stesso attacco. Non hanno bisogno di alcuna manutenzione, sono eco compatibili e si accendono immediatamente. Provale a casa o a lavoro, noterai la differenza.

LIFEXPO

3


Partire dalla Terra: la nostra attività trova le sue fondamenta nella parte agricola. Operiamo per costruire rapporti in linea diretta con gli agricoltori, con le loro cooperative e con i progetti di innalzamento della qualità; li sosteniamo con tecnici perché possano migliorarsi e certificarsi al biologico, consolidiamo i rapporti agendo sull’equità dei patti d’acquisto. Investiamo per diffondere speranza, conoscenza e informazione. Siamo sostenitori e promotori di ACE, COE, SCAE e soprattutto della certificazione biologica. Ci adoperiamo per creare una nuova tendenza di consumo e di conoscenza delle differenze tra le varie qualità. L'espresso è il sistema di trasformazione del caffè più diffuso in Italia e l'italiano non ama raffrontare e testare sistemi differenti, ma solo la conoscenza permette di evolversi, per questo utilizziamo sistemi alternativi di estrazione che esaltano la qualità delle singole origini e delle nostre miscele.

4

LIFEXPO

caffe pascucci

milano . corso europa 22


Editoriale

Q

uando Emmanuele Perone e Stefano Marangoni, gli editori di LIFEXPO, mi hanno chiesto di occuparmi di questo giornale, ho accettato subito con grande entusiasmo. Mi son detto: è una grande occasione per tutti, e può esserla anche per te. Non avrei mai pensato di innamorarmi di un progetto giorno per giorno, come in questo caso. Lo ammetto: subito dopo aver detto “si”, ho esitato. I timori della “prima volta” c’erano tutti: casa editrice nuova, nuovi grafici, nuovi collaboratori e nuova mission. Eppure con la grande forza di volontà che da sempre mi contraddistingue, mi sono dato da fare. Oggi sono fiero e orgoglioso di questo risultato, perché non era facile individuare un linguaggio e gli argomenti da proporre a un focus target ad ampio spettro. Il nostro lettore tipico è il visitatore, lo standista, il manager, il giornalista, il commerciante, il semplice cittadino: chiunque può usufruire del nostro magazine, che è stato concepito proprio per accontentare tutti. Però, permettetemi di dirlo, e ne converrete con me una volta sfogliato, abbiamo raggiunto il nostro obbiettivo. Ed eccolo qui, Lifexpo, che racconta tutto quello che di Expo già si sa, approfondendolo ma anche tutto quello che ancora non si sapeva. Il mio augurio è di potervi permettere di vivere questa grande manifestazione, attraverso le nostre rubriche, le nostre interviste, le nostre inchieste e i nostri reportage. Un giornale semplice, molto patinato ma utilissimo. Un grazie particolare a Renzo Arbore, Vittorio Brumotti e Alessandro Cecchi Paone che hanno voluto accordarci la loro fiducia già in fase di lavorazione, così come un grazie va anche all’ufficio stampa di Expo, ai padiglioni in cui siamo distribuiti, agli sponsor, e a tutti coloro, collaboratori in testa, che, ognuno a proprio modo, ci ha messo del suo. Non mi resta che augurarvi buona lettura e… buon Expo!

di Andrea Iannuzzi Direttore Responsabile

W

hen Emmanuele Perone and Stefano Marangoni, the LIFEXPO publishers asked me to get involved in the newspaper, I immediately accepted with great enthusiasm. And I told myself: “ It is a great opportunity for all, and maybe for me too”. I never thought I’d fall in love with this project day by day, but it happened. I must admit: I hesitated shortly after saying “Yes”. The “first time” fears were all there: new publisher, new graphic designers, new coworkers and new mission. But with the great will power that marks me aside, I undertook the job. Today I am proud of this result, because it was not easy to identify a language and topics to propose to a broad range of newsreaders. Our typical reader is the visitor, the stand assistant, the manager, the journalist, the merchant, the ordinary citizen: anyone can take advantage of our magazine, which has been conceived to be enjoyed by a wide clientele. However, let me say, we achieved our goal and I’m sure you will agree with me. Lifexpo talks of Expo news you already know in a deeper way. But It will also give you updates and special news. My wish is to guide you through the experience thanks to our columns, our interviews, our investigations and our reportage. Lifexpo is a glossy but useful magazine. Special thanks to Renzo Arbore, Vittorio Brumotti and Alessandro Cecchi Paone who gave us their trust since the start. Also... I would like to thanks the Expo’s Press Office, the pavilions where you’ll find the magazine, the sponsors, and all the Staff involved in the project. So I hope you will enjoy the reading and ....have a good Expo!

LIFEXPO

5


LIFEIndex

INDEX 19

40 6

La popolare “bike star” è stata scelta come uno degli Ambassador di Expo 2015

LIFEXPO

09 14 17 30 34 52 62 65 70

Pronto Expo? Risponde l’Italia

WELCOME EXPO Milano al centro del Mondo

ABOUT EXPO Tanti souvenir a Expo

EXPO VIP Alessandro Cecchi Paone

EXPO SHOCK Un Muffin di insetti

EXPO FACTORY Loriblu EXPO ECCELLENZE EU Monaco: politiche sostenibili TRENDS I colori dell’Expo CHEF & CHEF Expo in cucina? “Detto fatto” EXPO SVAGO Cirque Du Soleil


LIFEColophon

Expo Regioni: Il capitale umano delle Marche

73 74 78 80 46 90 92 96

Edito da: TECMEP Srl

CULTURA & LIBRI

Direttore Responsabile ANDREA IANNUZZI (direzione@lifexpo.it)

Ex..po di cucina

GIROVAGANDO Eventi in città

HIGH SOCIETY Il concerto di Andrea Bocelli

Hanno collaborato: Silvia Santori, Talita Frezzi, Nives Coccolino, Leonardo Militi, Carola Mocada, Grazia Pitorri, Federico Zanoli, Stella Fioretti Traduzioni Nadia Marrone

ORIENT EXPO Cina e Italia

Grafica e impaginazione Claudio Sperindei (grafica@lifexpo.it)

EXPO IN NUMERI Expo batte la crisi

Direttore Commerciale Stefano Marangoni (info@lifexpo.it)

EXTRAEXPO Notizie dal mondo

Testata iscritta al Tribunale di Milano: n° 93 del 27/3/15

FIT & FOOD Mangiare sano e tenersi in forma

Direzione e Redazione Via Ennio 6/a 20137 Milano +39 02.54122801 Editing Tecmep Srl Via Asimov 6/8 Marotta PU +39 0721.967599

Renzo Arbore “L’italia è un Paese che tutti dovrebbero visitare”

Concessionaria pubblicità Edizioni Adesso Srl Via Garibaldi 88 00153 Roma info@edizioniadesso.com

24

Raccolta pubblicitaria Centro Italia Marangoni Servizi +39 348.8552098 Rimini - San Marino Pubblimedia +39 332.6418336 Nord Italia Alterego Servizi +39 366.5977076 Stampa Sofincom SpA

Anton Giulio Grande illumina l’Expo

58 84

Expo: un evento green che guarda al futuro

58

Lifexpo è un periodico di proprietà della Tecmep Srl Via Ennio 6/a - 20137 Milano Ceo Emmanuele Perone

LIFEXPO

7


®

Gruppo Euromobil official furniture partner Expo Village Cascina Merlata

scopri i contenuti extra con l’app Gruppo Euromobil

gruppoeuromobil.com

100% Made in Italy TECNOLOGIA E TRADIZIONE. Cucina FiloAntis33 design R&S Euromobil e Roberto Gobbo. Ecomalta di Oltremateria colore fumo di Londra e rovere materia carbone.

LIVINGANDCOOKING


WELCOME Expo

Finalmente ha aperto i battenti l’Esposizione Universale sull’Alimentazione e la Nutrizione

EXPO 2015, MILANO

AL CENTRO DEL MONDO Più di 140 Paesi espositori in un’area da 1,1 milioni di mq e 20 milioni di visitatori attesi nel capoluogo lombardo di Federico Zanoli

N

ella storia dell’Expo, quella dell’edizione italiana sarà ricordata per essere quella dell’ultimo minuto. Non è un segreto che durante il count down finale, la preoccupazione più grande degli organizzatori, ma anche dei milanesi, era il tempo. I lavori sembravano non finire mai, partiti in ritardo, e bloccati per diversi mesi dalla bufera giudiziaria ormai nota a tutti. In molti scommettevano che il nostro Paese avrebbe bucato la data del 1 maggio, e probabilmente l’Esposizione avrebbe aperto i battenti più tardi. E invece il “tintinnio delle manette”, i faraonici contrattempi burocratici, la mala gestione politica (nazionale e locale) dell’evento sono stati scongiurati. Merito anche dell’AD di Expo, Giuseppe Sala, che da top manager quale lui è, ha utilizzato le cosiddette

I

n the history of the Expo, the Italian Exhibition 2015 will be remembered as the last minute edition. It is no secret that during the final countdown, the biggest concern of the organizers and of the Milanese, was the time. The work seemed to never end, It started late and It came to a grinding halt for several months after the Judicial storm, known to all. Many were betting that the country wouldn’t get it done in time for the date of May 1 and that more likely the Exhibition would have opened its doors later. The detentions, the bureaucratic delays, the political mismanagement (local and national) have been averted. Thanks to the Expo CEO Giuseppe Sala, the top manager started doing strong-arm work and saved Italy from an embarrassed epic fai-

LIFEXPO

9


maniere forti per risparmiare all’Italia quella che sarebbe stata una pessima e irreparabile figuraccia. E così, da quel lontano 2008, quando Letizia Moratti, allora Sindaco di Milano, e Romano Prodi, allora Presidente del Consiglio, vinsero la gara per aggiudicarsi Expo 2015, siamo arrivati finalmente al semestre dedicato all’alimentazione e alla nutrizione. Eppure in molti ancora non hanno ben capito di che cosa si tratta esattamente. Se ne è parlato tanto per fatti di cronaca, per opportunità di lavoro, per un’economia nazionale che grazie a questa fiera potrebbe risollevarsi dopo anni di crisi, ma non tutti sanno bene cosa succederà a Milano da qui fino a ottobre. L’Esposizione Universale che l’Italia ospita dal 1 maggio fino al 31 ottobre è il più grande evento sull’alimentazione e la nutrizione mai realizzato. I Paesi che partecipano sono 145, più le organizzazioni internazionali, quelle della società civile e le aziende private. Il tema scelto è “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”. lure. From the far 2008 when Letizia Moratti - Mayor of Milan, and Romano Prodi - Prime Minister, won the bidding war for Expo 2015, We finally arrived at the Exposition dedicated to Nutrition and Sustainability. Many people haven’t quite figured out exactly what Expo is. Although It was spoken about the importance of the Exhibition relating to current affairs, job opportunities and the recovery of national economy, not so many people know exactly what is going to happen in Milan from now until October. From May 1 to October 31, Italy will host the Universal Esposition: the biggest event on the issues related to food and sustainability . The Expo involves 140 participating countries, international organizations, civil society and private companies. The central theme is “Feeding the Planet, Energy for Life”. Milan expects to welcome over 20 million visitors to its 1.1 million square meters of the exhibition area. During these 180 days there will be conferences, events, parties and meetings

10

LIFEXPO

> piantina area EXPO 2015


WELCOME Expo

Nel sito espositivo di Expo (1,1 milioni di metri quadri), ma anche in tutta la città di Milano, durante questi 180 giorni ci saranno conferenze, eventi, feste e incontri dove tutti i soggetti che hanno deciso di partecipare mostreranno il meglio delle proprie capacità per un confronto concreto sul tema dell’alimentazione. In totale sono attesi oltre 20 milioni di visitatori. Il focus vero è la minaccia, ormai non più probabile, che riguarda il 2030, quando le nostre risorse alimentari cominceranno a scarseggiare, e quindi la fame nel mondo, che oggi colpisce solo una parte della popolazione, potrebbe divenire un problema di tutto il pianeta. Come prevenire questa catastrofe? Che tipo di alimentazione potrebbe salvarci da una strage sicura? Expo tenterà di mettere a confronto più culture, per discutere di questo importante tema della sostenibilità: ridurre lo spreco, ridurre gli agenti chimici, riportare sulla tavola la naturalezza dei prodotti è la mission della Fiera.

where all the international players can show the best of their capacity and can dialogue on these major challenge : nutrition and sustainability,. Expo will provide an opportunity to reflect apon and seek solutions to the world hunger related to sustainability. It is estimated that in the 2030, our food resources will be in short supply. Global hunger, which now affects a part of the population, would become a problem for the entire planet . How to prevent this catastrophe? Is it possible to ensure sufficient , good, healthy and sustainable food for all mankind? How can we use resources in an environmentally sustainable way?

L’Esposizione Universale che l’Italia ospita dal 1 maggio fino al 31 ottobre è il più grande evento sull’alimentazione e la nutrizione mai realizzato

Tuttavia non è un evento per addetti ai lavori, al contrario l’Esposizione vuole anche stimolare una sensibilità diffusa tra tutti i cittadini che - attraverso un’esperienza unica - potranno capire meglio che cosa rappresenta concretamente il diritto a un’alimentazione sana, sicura e in armonia con l’ambiente. Ecco perché sono previsti molti eventi artistici e musicali, convegni e spettacoli, laboratori creativi e mostre. Lo scopo finale è raggiungere una migliore sostenibilità sociale ed economica a livello globale.

Anche per questo è stato creato Foody, la mascotte di Expo che racchiude i temi fondanti della manifestazione proponendoli in una chiave positiva, originale, empatica. Rappresenta la comunità, la diversità e il cibo inteso nella sua accezione più estesa, fonte di vita ed energia. Per questo è costituito da una famiglia di undici elementi, ognuno con caratteristiche e personalità diverse, che agiscono come veri e propri personaggi. Riuniti in un volto unico, rappresentano l’ideale sinergia tra i Paesi del mondo chiamati a rispondere con energia e positività alle sfide del nostro Pianeta sull’alimentazione presentandosi come una vera famiglia, unica, simpatica e dinamica. Il biglietto per Expo può essere a data fissa o aperta, serale, per una singola giornata oppure per più visite. Per quanto riguarda la data aperta, il biglietto è valido per un giorno a scelta e per tutta la giornata, fino al 31 ottobre. Per chi sceglie di acquistare un biglietto per una data fissa, dovrà visitare la fiera in una data specifica e per tutta la giornata.

Expo will provide responses to these themes. It will be an occasion for a dialogue between the stakeholders in the international comunity, also a collaboration through different cultures, to discuss this important issue of sustainability: to reduce waste, to reduce pesticide use, and to have a safe and healthy eating for all. Expo 2015 will also provide an opportunity for visitors to reflect on the history of mankind and food production, both in terms of sustainability, environmental protection, natural resources and healthy food.

Reflection on the Expo theme becomes a time of sharing and celebration, involving conferences, events and performances, enhanced by the presence of the mascot Foody, that embodies the key themes of the event in a way that’s upbeat, original and powerful. Foody also stands for community, diversity and food in the broadest sense, as a source of life and energy. So it makes sense that the Expo mascot be a family of eleven members, each having their own unique personalities: real characters in their own right, and expressed as a single face. They represent an ideal synergy between those countries in the world who must address the planet’s food challenges, positively and energetically, and united as a true family. There are different type of tickets: open date or fixed date, for the night, for a single visit or multiple-entry. An open date ticket may be used on any day from May 1 to October 31. A fixed date ticket may only be used on that date and is valid from 10:00 to 23:00.

LIFEXPO

11


Lo shopping on-line firmato CartaBCC

• ClubCartaBcc

Cerchi Cerchi una carta di una carta di Cerchi pagamento? pagamento? una carta di Cerchi pagamento? una carta di pagamento?

Il circuito dei vantaggi e degli sconti

• Servizio Clienti 800.99.13.41 Attivo 24 ore su 24 - 7 giorni su 7

CartaBCC è accettata ovun E’ la compagna ideale per Puoi pagare con sicurezza di punti vendita che espon Puoi effettuare prelievi di che espongono il marchio

quellaC’è g quella iusta gp

mato CartaBCC

degli sconti

00.99.13.41 12 LIFEXPO

giorni su 7

C’è quella g C’è quella g

• Scontiriservati.it • Lo Scontiriservati.it shopping on-line firmato CartaBCC • • • • • • • • •

Lo shopping on-line firmato CartaBCC

Scopri il mondo su www.cartabc

Scontiriservati.it ClubCartaBcc Lo shopping on-line firmato CartaBCC IlClubCartaBcc circuito dei vantaggi e degli sconti IlScontiriservati.it circuito dei vantaggi e degli sconti ClubCartaBcc Lo shopping on-line firmato CartaBCC Servizio IlServizio circuito deiClienti vantaggi 800.99.13.41 e degli sconti Clienti Attivo 24 ore su 24 - 7800.99.13.41 giorni su 7 Attivo 24 ore su 24 7 ClubCartaBcc giorni su 7 IlServizio circuito deiClienti vantaggi 800.99.13.41 e degli sconti

La mia Carta è


su www.cartabcc.it

La mia Carta è differente

nque, è sicura e ricca di vantaggi e servizi. r le spese di ogni giorno. a, per qualunque acquisto, in oltre 30 milioni ngono il marchio MasterCard e Visa in Italia e nel Mondo. è accettata è sicura e ricca di vantaggi e servizi. contante daCartaBCC più di un milioneovunque, di sportelli automatici CartaBCC è accettata ovunque, è sicura e ricca di vantaggi e servizi. E’ la compagna ideale per le spese di ogni giorno. o Visa e MasterCard. E’ la compagna ideale per le spese di ogni giorno.

Puoi pagare con sicurezza, per qualunque acquisto, in oltre 30 milioni Puoi pagare conche sicurezza, per qualunque acquisto, in e oltre 30 di punti vendita espongono marchio MasterCard Visa in milioni Italia e nel Mondo. CartaBCC è accettata ovunque, èil sicura e ricca di vantaggi e servizi. di punti vendita che espongono il marchio MasterCard e Visa in Italiaautomatici e nel Mondo. Puoi effettuare prelievi di contante da più di un milione di sportelli E’ la compagna ideale per le spese di ogni giorno. Puoi effettuare prelievi di contante da più di un milione di sportelli automatici che marchio Visa e MasterCard. Puoiespongono pagare conilsicurezza, per qualunque acquisto, in oltre 30 milioni che espongono il marchio Visa e MasterCard. di punti vendita che espongono il marchio MasterCard e Visa in Italia e nel Mondo. CartaBCC è accettata ovunque, è sicura e ricca di vantaggi e servizi. Puoi effettuare prelievi di contante più di un milione di sportelli automatici E’ la compagna ideale per le spese da di ogni giorno. che espongono marchio Visa e MasterCard. Puoi pagare conilsicurezza, per qualunque acquisto, in oltre 30 milioni di punti vendita che espongono il marchio MasterCard e Visa in Italia e nel Mondo. Puoi effettuare prelievi di contante da più di un milione di sportelli automatici che espongono il marchio Visa e MasterCard.

per te! iusta per te! iusta per te! iusta per te!

Scopri il mondo CartaBCC o CartaBCC seguici su Scopri il mondo CartaBCC su www.cartabcc.it su www.cartabcc.it cc.it Scopri il mondo CartaBCC

è differente

su www.cartabcc.it Scopri il mondo CartaBCC su www.cartabcc.it La mia Carta è differente

seguici su seguici su seguici su

seguici su

La mia Carta è differente

LIFEXPO

La mia Carta è differente

13


ABOUTExpo

Nell’area espositiva i Paesi stranieri ne approfittano per proporre anche le proprie culture, arte e artigianato

TANTI SOUVENIR DA TUTTO IL PIANETA Oggetti di ogni tipo raccontano la storia delle Nazioni che partecipano al grande evento milanese

A

ggirandovi tra un padiglione e l’altro di Expo, potreste notare qualche turista passeggiare con un cappello di paglia come quello dei coltivatori di riso dei Paesi asiatici. Sicuramente lo avrà acquistato al padiglione della Thailandia. Un souvenir provvidenziale soprattutto nei giorni di pioggia, quando si trasforma in un vero e proprio ombrello per tanti visitatori. Questo è solo uno dei numerosi oggetti che si possono comprare all’esposizione milanese. Perché, se il cibo è il tema dominante, i Paesi ospiti ne approfittano per mostrare la propria cultura, arte e artigianato. Per gli appassionati di shopping non mancheranno le occasioni di fare acquisti, dal merchandising alle creazioni tipiche dei Paesi più lontani. Restando in tema di copricapi, dal padiglione della Colombia si può uscire indossando un sombrero cucito a mano, in fibra di canna, tipico della zona di Zenù, nel nord del Paese. Oppure si può acquistare

14

LIFEXPO

S

trolling along the Expo pavilion you might notice some tourists with a straw hat matches the one of the Asian rice-growers. Surely they bought it at the Thailand Pavilion. It is a providential souvenir to be used as an umbrella especially on rainy days.

This is just one of the many items you can buy at the Milan Exhibition. Even if the main key issue is the food, many countries take this opportunity to show their culture, art and handicraft. Shopping addicts will not miss the opportunity to buy merchandising and typical local arts and crafts from all over the world. Still on the subject of hats, in the Colombia Pavilion you can buy a hand-sewn Sombrero, made of reed fiber. A typical hat from the Zenù area (north of the country).You can buy also a cotton and wool handmade bag, from the indigenous population Wayúu de La Guajira. The United States Pavilion has something for everyone: kitchen


> Colombia

> Colombia

> Thailandia

> USA

> USA > Corea

> Marocco

> Belgio

> Marocco


> Souvenir dal Padiglione Italia

una borsa fatta a mano, con cotone e lana vergine, dalla popolazione indigena Wayúu de La Guajira. Nel padiglione degli Stati Uniti si trova di tutto: utensili da cucina e borse, t-shirt e cravatte. Attenzione, però: i souvenir sono decorati con la versione della bandiera americana in chiave Expo. I colori sono gli stessi, le strisce anche, ma le stelle sono state sostituite da un piatto con coltello e forchetta.

utensils and bags, t-shirts and ties. Beware: the souvenirs are dePadiglione Italia Shop è l’area dedicata agli acquisti targati “Orcorated with the American flag declined in an expo version . Same goglio Italia”, il marchio ufficiale del padiglione italiano: tutti gli colors, same strips, but stars are replaced by a plate with knife articoli, dall’inconfondibile “Italian Style”, sono realizzati in coland fork. laborazione con famosi brand, tra cui Alessi, Bialetti, Breil, Guzzini, Geox, solo per ciThe Italia Shop Pavilion is the “Orgoglio DIECI CADEAUX DA tarne alcuni. I prodotti di punta di ogni marItalia” dedicated area. This is the Italian chio indossano il logo Orgoglio Italia, con i Official brand selling “Italian Style” items COMPRARE A EXPO colori della nostra bandiera, ed un vestito ad made in collaboration with famous italian hoc, a volte in edizione limitata. brands (Alessi, Bialetti, Breil , Guzzini, Moka Bialetti in versione Geox to name just a few). The leading protricolore (Italia) Al padiglione Illy Caffè sono in vendita le ducts of each brand that bear the “Orgoglio tazze mug con la mascotte Foody. Italia” logo (with the colors of the italian Tshirt con la bandiera americana La Corea espone nel suo shop un’infinità di flag) are limited editions. rivista in stile Expo (Usa) oggetti: stoviglie e servizi da tè firmati da designer locali, foulard, accessori per la perIn Illy Coffee Pavilion you can buy the Orecchini in osso (Sudan) sona e perfino attrezzi in legno per il masmugs with the Foody mascot. saggio del corpo. Olio d’argan (Marocco) Korea sells a multitude of traditional craft creations: dishes and tea sets of local branStatua del Dio induista Ganesh Anche nel padiglione-kasbah del Marocco ds, scarves and even wooden tools for body in argento (Cluster del riso) lo shopping si rivolge alla bellezza e alla massage. cura di sé: olio di argan e altri olii essenziaBorsa fatta a mano dalla li, acque floreali e cosmetici, oltre a candele The Kasbah Pavilion (Morocco) is dedipopolazione indigena profumate e tessuti. cated to the beauty and self-care: essential (Colombia) oils, argan oil, floreal waters and cosmetics, Nel piccolo mercato tipico allestito dal Suscented candles and fabrics. Cappello da coltivatore dan, invece, si possono acquistare orecchini, di riso (Thailandia) braccialetti e collane in osso, corno e pietra. In the typical small market set up by Sudan, you can buy earrings, necklaces and braceUn braccialetto stretch in oro e Prodotti tipici di artigianato locale, come solets made of bone, horn and stones. diamantini firmato Hulchi Belluni prammobili intrecciati in paglia, cristallerie (Belgio) e tessuti damascati, sono in vendita nel padiIn the Belarus Pavilion you can purchaglione della Bielorussia. se typical local handcraft products such as Soprammobile intrecciato woven braided ornaments, crystal and dain paglia (Bielorussia) Nel cluster del riso, all’interno dello spazio mask fabrics. dedicato al riso basmati, ricchissima è l’ofServizio da tè di design (Corea) ferta di oggetti di artigiano indiano, tra cui In the Rice cluster, in the basmati rice area, le classiche riproduzioni di Ganesh, il dio you can find a rich range of Indian items , elefante, e di altre divinità induiste: ce ne sono di ogni dimensione including classic reproductions of Ganesh, the elephant god and e materiale, dalla pietra al legno ai metalli preziosi. other Hindu divinities in different sizes and materials (from stone to wood to precious metals). Infine, un acquisto decisamente molto prezioso: nel padiglione del Belgio, accanto al cioccolato, si possono acquistare lussuosi gioielFinally, in the Belgian pavilion, near the chocolate you can purli in oro e diamanti di Anversa, tutti certificati dal marchio Hulchi chase considerable value products: Antwerp luxury jewelry made Belluni. of gold and diamonds (certified by Hulchi Belluni Brand).

1 3 5 7 9

16

LIFEXPO

2 4 6 8 10


LIFE Ambassador

Parliamone con...

EXPOVip

ALESSANDRO

CECCHI PAONE

A

lessandro Cecchi Paone, conduttore televisivo, giornalista e docente universitario si è fatto molto apprezzare negli anni per le sue qualità di divulgatore scientifico e culturale. Lifexpo lo ha incontrato in occasione dell’Esposizione Universale di Milano. Che cosa rappresenta per lei Expo? E’ un’occasione per fare il punto della situazione dello stato di tutto il Pianeta, dove ci sono 1 miliardo di persone che muoiono di fame e 1 miliardo di persone che muoiono a causa delle conseguenze dell’eccessiva alimentazione. Bisogna trovare un punto di equilibrio tra queste due grandi disparità. Cibo e sostenibilità, cosa possiamo e dobbiamo fare? Serve un impegno concreto dei Paesi partecipanti che non sia solamente di facciata. In questo senso ci aiuteranno quegli Stati che riusciranno a desalare l’acqua del mare, come fa da tempo Israele, oppure quei Paesi che riusciranno a rendere feritili i deserti. O, ancora, quei team che attraverso la ricerca genetica - riusciranno a dare un contributo all’agricoltura. Ma non serve partecipare per fare solo vetrina, anche perché la situazione, secondo tutte le stime, è destinata a peggiore se non si fa subito qualcosa. E’ importante in questo che anche gli operatori dell’informazione riescano a fare passare il messaggio dei veri  obiettivi di Expo. Quale è la migliore Italia da mettere in mostra approfittando di questa straordinaria occasione? Storicamente le esposizioni universali hanno rappresentato un momento in cui i Paesi ospitanti mettevano in mostra la propria grandezza raggiunta. E’ stato così anche per Shanghai dove la Cina ha voluto far vedere al mondo la propria potenza e grandezza. Nel caso dell’Italia noi possiamo usare l’Expo come appuntamento in cui diciamo che vogliamo tornare a contare come Nazione. Ma questo  può avvenire solo investendo in innovazione, scienza e tecnologia.

A

lessandro Cecchi Paone, anchorman, journalist and university professor, has gained over the years recognition for his qualities as a science communicator and cultural writer. Lifexpo met him at the Universal Exhibition in Milan.

What does Expo mean to you? It’s an opportunity to take stock of the situation as regards the state of the entire planet, where there are 1 billion people starving and 1 billion people dying for the consequences of the excess of food. We must find a balance between these two great disparities. Food and sustainability. What can we do? What should we do? We need a real commitment from the participating countries not a mere cosmetic action. The states that will succeed to desalinate the seawater - the way Israeli does for quite some time- or the countries that will be able to make deserts fertile - will help with the cause. Or, again, those teams who - through genetic research – will be able to make a contribution to agriculture. It’s not just about participating to be part of a large showcase because it is estimated that the situation is serious and yet it is going to get worse in future. At once something must be done. It is very important to spread to people the true objectives of Expo through media operators. Which is the best Italy to show taking advantage of such an extraordinary opportunity? Historically, the world exhibitions have been showcasing the greatness of the host country .The same was for Shanghai where China proved to the world its power and greatness. Italy should use the Expo to be perceived as a prominent Nation . But this can only happen by investing in innovation, science and technology.

LIFEXPO

17


LOGO FONT TRACCIATI

18

LIFEXPO IL GIOIELLO DELL’AMORE


ITALY Expo

Il nostro Paese accoglierà milioni di visitatori all’interno di un Padiglione di oltre 14 mila metri quadri

PRONTO EXPO? RISPONDE L’ITALIA E’ l’unica struttura che, finita l’Esposizione, sarà riutilizzata per ospitare eventi e manifestazioni

di Federico Zanoli

I

l Padiglione Italia, composto dal Palazzo Italia, dei quattro edifici sul Cardo e della Lake Arena, per un totale di 14.000 metri quadri, ha lo scopo di mettere in mostra le eccellenze del nostro Paese: la cultura e le tradizioni legate al cibo e all’alimentazione, caratterizzate dall’alta qualità delle materie prime e dei prodotti finali.

Il cuore del complesso è Palazzo Italia, che rimarrà anche dopo la fine dell’Expo come polo dell’innovazione tecnologica al servizio della città. Cardine espositivo è la mostra dell’Identità Italiana, dedicata ai territori che hanno partecipato al progetto culturale e artistico e che racconta le quattro “Potenze Italiane” attraverso il contributo delle 21 Regioni e Province autonome.

T

he Italian Pavilion consists of the Palazzo Italia, the four buildings along the Cardo and the Lake Arena ( 14,000 square meters area). It is designed to showcase the excellence of our country: the culture and the traditions related to food and nutrition whose distinctiveness is the very high quality of raw materials and final products. Palazzo Italia constitutes the very heart of the Expo site, and will remain, post-event, as a center for technological innovation for the city of Milan.The exhibition entitled “Identità Italiana” is the key exhibition in the Italian Pavilion, and tells the story of the Italian Powers, with the assistance of the country’s 21 Regions and Autonomous Provinces.

LIFEXPO

19


> Il Padiglione Italia

20

LIFEXPO


ITALY Expo

La Potenza del Saper Fare: il racconto di 21 personaggi che, attraverso le loro esperienze professionali hanno trovato soluzioni per fare impresa. La Potenza della Bellezza, che descrive la bellezza dell’Italia attraverso 21 panorami e 21 capolavori architettonici. La Potenza del Limite, che stupisce con 21 storie di impresa agricola, agroalimentare e artigianale che racconteranno la più specifica delle grandezze italiane: la capacità di esprimere il meglio nelle circostanze più proibitive. Un percorso che finisce con la Potenza del Futuro, che rappresenta anche un nuovo inizio e viene raccontata attraverso un Vivaio di 21 piante rappresentative delle Regioni. Nel Palazzo Italia troviamo anche sei opere d’arte per raccontare l’Italia del passato e del futuro: All’inizio del percorso ci sono due sculture, la Hora, una statua in marmo conservata dalla Galleria degli Uffizi a Firenze risalente al primo secolo d.C. e “Jennifer Statuario” una scultura realizzata appositamente per Expo dall’artista italiana Vanessa Beecroft. Tra le opere scelte c’è anche “La Vucciria”, di Renato Guttuso, un olio su tela che proviene dal Complesso Monumentale dello Steri a Palermo e che offre un’intensa rappresentazione del mercato palermitano. Si prosegue con il “Genio futurista”, arazzo di Giacomo Balla del 1925 proveniente dalla collezione di Laura Biagiotti e con   “Scherzo di ortaggi” (L’Ortolano) di Giuseppe Arcimboldo. Per finire sarà possibile ammirare il Trapezophoros, sostegno di mensa in marThe Power of Expertise: 21 people tell of the Italians’ professional qualities, in terms of their artistic and manual skills, and how they found success by thinking in business terms. The Power of Beauty: Here we see 21 landscapes and the same number of architectural masterpieces that express the beauty of Italy. The Power of the Challenge: these are 21 stories of farms, agri-food, and craftspeople who illustrate the specific area in which Italians distinguish themselves: their ability to give the best of themselves in the most challenging circumstances. A path that ends with the Power of the Future, narrated by a Nursery of 21 plants, each of which represents one of the country’s Regions or Autonomous Provinces. In the set up exhibition at Palazzo Italia you will find six masterpieces to narrate the past and future Italy to present our Country to the Universal Exposition’s visitors At the beginning of the route there are two sculptures, the Hora, a roman masterpiece statue preserved in the Uffizi Gallery in Florence of the first century AD and “Jennifer the Sanctuary” a sculpture specially made by the artist Vanessa Beecroft. “The Vucciria” by Renato Guttuso, a huge painting that comes from the Complesso Monumentale dello Steri in Palermo that rapresents Palermo’s market. Another masterpiece put on show is the “Futurist genius” tapestry by Giacomo Balla dated 1925 from Laura Biagiotti’s collection. It continues with the “Joke of the vegetables” (the Gardner) by Arcimboldo. Last art work is the Trapezhoporos, a fourth

LIFEXPO

21


ITALY Expo

> Una facciata del Padiglione Italia mo dipinto del quarto secolo a.C. che rappresenta uno dei simboli dell’attività di recupero dei capolavori dell’arte trafugati e ritrovati dal Comando dei carabinieri per la Tutela del Patrimonio culturale. Ma il simbolo per eccellenza del Padiglione Italia è l’Albero della Vita, una struttura di acciaio e legno, alta 37 metri con 25 metri di apertura, pensata dal designer e creativo Marco Balich e collocata al centro della Lake Arena. Questa particolare macchina scenica offrirà 1260 spettacoli nei sei mesi di Expo. Ogni ora ci saranno spettacoli di cinque minuti di giorno e di 15 la notte, con musica, giochi d’acqua ed effetti speciali. I ventagli dell’albero si apriranno come fiori, con intrecci di luci e show pirotecnici; tutto ammirabile da fuori, poichè all’interno della struttura potranno entrare solo gli under 25, che saranno invitati a lasciare sui tablet dentro l’albero un messaggio di quindici secondi per spiegare l’Italia che vogliono.

22

LIFEXPO

century meal support in painted marble BC. The history of this masterpiece is symbolic. A stolen archaeological evidence recovered thanks to the job of the Carabinieri Command for the protection of the heritage and the Ministry of cultural heritage. The reference point of the exhibition will be the Tree of Life, a steel and wood framework. The structure is 37 meters hight and 25 meters width, designed by Marco Balich and placed in the middle of Lake Arena. This extraordinary scenic machinery will offer 1,260 performances during the six-month Expo. Artistic water-play and sound-light shows will take place every hour. The daytime show lasts just 5 minutes while the evening event lasts 15 minutes. Performances on floating platforms will go on till night with music, water games, fire-works and special effects. The under 25 visitors will be invited inside the Tree of Life to leave a wish about the subject “the Italy that I want”.


daVidecontideSiGn.it

paViMenti e riVeStiMenti, Superfici continue oltreMateria, paViMenti in leGno, pietre naturali, propoSte e coMpoSizioni teSSili, arredaMenti, cucine, baGni e acceSSori, arredi da eSterno, Soluzioni illuMinotecniche, realizzazione centri beneSSere, SerVizi di poSa e tante altre idee.

AmiAmo il DettAglio in ogni suA formA

materiali innovativi a basso impatto ambientale

Via al Mare, 14 - 47842 San GioVanni in M. (rn) - tel. 0541 957697 - www.centrodellaceraMica.it


EXPO Ambassador

Il popolare cantautore e conduttore napoletano Renzo Arbore scelto come Ambassador di Expo 2015

“L’ITALIA È UN PAESE CHE TUTTI DOVREBBERO VISITARE” Questa occasione è fondamentale per farci conoscere meglio da tutto il mondo. La mia ricetta? Pancotto, rucola e patate, con foglie di lauro di Federico Zanoli

R

R

Che cosa rappresenta per lei Expo? E’ una grande chance per noi. Non solo per l’indotto che crea, ma anche per l’eredità che lascia. Io sono stato a Shanghai e in altre città che avevano ospitato questa manifestazione in giro per il mondo: rimangono spazi, edifici, luoghi che possono essere utilizzati per tanti usi importanti. E’ un’occasione, soprattutto per l’Italia che merita di essere visitata e che si fonda, e sempre di più si dovrà fondare, sul turismo. Anche se sei nato a Melbourne, in Australia, non puoi non vedere una volta nella vita Roma, Firenze, Milano o Napoli. Dobbiamo fare in modo che vedere le nostre città, il nostro mare, diventi “obbligatorio”, per questo spero che l’opportunità di Expo venga sfruttata per far conoscere un’Italia bella, moderna, efficiente e che funziona.

What does Expo mean to you? It’s a great chance for the Nation and It generates important legacies with enduring benefits for future generations. When I visited Shanghai and other Expo host cities around the world , I noticed that this exhibition made a social tranformation with new infrastructure and buildings, that can be use for many important purpose. It’s an opportunity, especially for Italy . The Country deserves to be visited. Tourism should be developed and increased as It’s an important part of the italian economy. . Even if You are born in Melbourne-Australia, once in a lifetime You would love to see Rome, Florence, Milan or Naples. We must ensure that everyone wants to visit our cities and our seaside. We need it becomes “mandatory”! So I hope that Expo will be an opportunity to show a

enzo Arbore, classe 1937, è uno dei simboli dell’Italia nel mondo. Disc jockey, cantautore, conduttore radiofonico, clarinettista e showman, ha saputo interpretare più di ogni altro lo spirito profondo della musica e dell’italianità ben prima che il made in Italy diventasse una moda. Non ha sorpreso quindi la scelta del cantante come ‘Ambassador’ di Expo Milano 2015. Per questo, noi di Lifexpo, l’abbiamo incontrato alla vigilia dell’inaugurazione dell’Esposizione Universale.

24

LIFEXPO

enzo Arbore, born in 1937, is one of the symbols of Italy in the world. Disc jockey, songwriter, radio host, clarinetist and showman, He has enacted the deep spirit of the music and the quality of being italian. More than any other and well before the Made in Italy became fashionable.It cames as no surprise that Expo Milano 2015 elected the singer as ‘Ambassador’ . That’s way, Lifexpo met him on the eve of the Universal Exhibition opening ceremony.


> Renzo Arbore (78 anni)

LIFEXPO

25


EXPO Ambassador

Il tema al centro dell’Expo è “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”, lei ha sottolineato che la mancanza di cibo è una delle cause principali delle guerre. Che cosa bisogna fare? Si deve lanciare questo slogan, uno slogan più alimentare che gastronomico: “Nutrire il pianeta”. Credo sia alla base della nostra civiltà, dare modo a tutti di mangiare. E’ il bisogno primario di tutta l’umanità, è un messaggio molto nobile. Poi certo noi italiani abbiamo un gusto particolare per il nutrimento, siamo il Paese del grano e dell’olio, due alimenti vitali per l’uomo. Spero che questo concetto venga interpretato così anche dai visitatori.

beautiful, modern, efficient and well-functioning Italy. The main Expo topic is “Feeding the Planet, Energy for Life”. You’ve pointed out that the major cause of wars is the lack of food. What should we do? We should advertise the slogan: “Feeding the planet” as a food slogan rather than a culinary motto.I think that in our human society the nourishment of the population should be guaranteed . It is the basic need of all humanity, so this message is very noble. Then of course Italians have a particular taste for food. We are the country of wheat and olive oil, two vital foods for humans. I hope the visitors will very much understand this concept.

“Noi italiani siamo messi meglio sull’alimentazione rispetto agli altri paesi del mondo”

Lei parlava della tradizione gastronomica italiana. In che modo si coniuga con la sostenibilità? Girando il mondo e assaporando molte cucine mi sono reso conto che la dieta mediterranea è effettivamente l’ideale. Diciamo la verità, gli italiani sono messi meglio per quanto riguarda l’alimentazione rispetto a società come, per esempio, quella americana, dove l’obesità è un vero e proprio problema sociale. Oppure, all’opposto, nei miei viaggi africani mi sono accorto che cosa significa essere denutriti, patire la fame. La nostra dieta è sana ed è tra le meno sofisticate, stando ovviamente sempre attenti alle contraffazioni.

L’Esposizione Universale rilancerà l’immagine dell’Italia? Sì, credo che il vero scopo di questa manifestazione debba essere quello di farci conoscere ancora di più, di incrementare il nostro turismo. E visto che siamo un concentrato di bellezze naturali, ma anche acquisite nel tempo attraverso i nostri artisti e scienziati, è

You’ve mentioned the Italian culinary tradition. How can this be combined with sustainability? Traveling the world and enjoying many culinary food I realized that the Mediterranean diet is actually the ideal food. Let’s face it, Italians are better placed with regard to the diet than the American people, where obesity is a real social problem. On the contrary, during my travels in Africa, I realized what being malnourished and starved means. Our diet is healthy and It isn’t too sophisticated. But of course, we must also pay attention to the counterfeiting of food. Will The Universal Exposition revive the image of Italy? Yes, I believe that the real purpose of this event is to get some exposure to advertise ourselves even more, in order to reinvigorate our tourism.Since we are a mix of natural beauty, over time ac-

LIFEXPO

27


EXPO Ambassador

> Napoli by night

importante ritornare a essere una nazione al primo posto nella scelta dei turisti. Un grandissimo errore fu abolire a mezzo referendum il ministero del Turismo e dello Spettacolo. Ma i cittadini votarono contro il dicastero perché veniva visto (grazie a coloro che proposero la consultazione popolare ndr) come un carrozzone di sprechi, non contro la struttura statale in se, utilissima. Ne parlo da uomo di spettacolo che ha raccontato l’Italia all’estero. Noi artisti abbiamo portato e portiamo avanti un’immagine nazionale positiva, un modo per portare gli stranieri da noi. Ma non siamo appoggiati in questo dalle Istituzioni. Abbiamo prodotto canzoni straordinarie, da Carosone a Battisti, da Dalla a Baglioni, ed è un peccato che la canzone non sia mai stata usata come biglietto da visita.

quired through our artists and scientists, It is important to go back to being the number one tourist destination in the world. It was a big mistake to abolish the Ministry of Tourism and Entertainment by national referendum. The State Istitution itself was very useful but citizens voted against the Ministry because It was seen as a wastefulness, thanks to those who proposed the referendum. I’m speaking from my point of view as a showman who promote Italy abroad. We, as artists, have spread a positive national image across the world. It’s a way to bring foreigners in our country although Institutions don’t support us. We have produced extraordinary songs, from Carosone to Battisti, from Dalla to Baglioni. It’s a shame that the Italian ballads were never used as a calling card.

Come legherebbe la musica all’Expo? Mi piacerebbe che alcuni dei locali realizzati per la fiera potessero poi essere utilizzati come museo della canzone e della nostra musica. Noi siamo i secondi a livello mondiale, dopo gli americani, per la qualità del nostro jazz. E per alcuni aspetti anche i primi. Io sono presidente di “Umbria Jazz”, il festival più importante al mondo insieme a quello di Montreal, in Canada. Abbiamo tanti jazzisti bravissimi, da Bollani a Fresu, ma non vengono sostenuti. Per fortuna l’attuale ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, ha capito tutto questo, anche se c’è ancora molto da fare.

How would You combine the music to the Expo? I wish that some of the new buildings and infrastuctures could then be used as a museum of music and italian treasury of songs. We are the second-Best high quality jazz country in the world , only behind the Americans. For some aspects maybe the first. I am the “Umbria Jazz” President. This is the most important jazz festival along with the Montreal Festival- Canada. We have so many talented jazz musicians, from Bollani to Fresu, however we are not supported.Fortunately, the current Minister of Culture Dario Franceschini, understand the issue, although there is still much to do.

Lei è in prima linea anche come volto della Lega del Filo d’oro. Come nasce questo impegno sociale? L’Italia è al primo posto anche nel campo del volontariato e credo che noi artisti - che siamo fortunati perché facciamo il lavoro che ci piace - dobbiamo aiutare chi è in difficoltà. Da sempre il mondo dell’arte quando può, come è giusto, aiuta chi soffre.

You are the face of the Lega del Filo d’oro and always in the forefront of voluntary activities. Where does this social commitment come from? In the field of volunteering Italy is the number one. We, as artists, are lucky because we do a job that we like so we want to help those most in need. Since forever, the art world helps the needy people.

Tornando all’alimentazione, una sua ricetta particolare per i nostri lettori? Mi viene in mente un piatto contadino: pancotto, rucola e patate, con foglie di lauro. E’ elementare e molto facile, perché si fa con il pane avanzato che, messo nell’acqua salata, prende sapore. Si aggiungono le foglie di lauro e si condisce tutto con patate bollite, rughetta e olio extravergine d’oliva. Diventa un cibo straordinario che si ottiene con poco. Ma penso anche alla pizza, il successo e la sua bontà sono nel pomodoro, nella mozzarella, nell’olio e nell’origano. Si è sempre avuto paura della retorica, dell’accostamento pizza, spaghetti e mandolino. Però la pizza può essere un nostro simbolo, un cibo sano e gradito in tutto il mondo. Non a caso spesso i nostri piatti, senza troppo successo, vengono rielaborati negli altri Paesi.

Going back to the food , do you have a peculiar recipe for our readers? I can think of a rural traditional dish: bread soup, rocket and potatoes, with laurel leaves. It is elementary and very easy, because you do it with the leftover bread that you put in salt water and it takes flavor. Then you add the laurel leaves and boiled potatoes, rocket and olive oil. It becomes an amazing food you get with little. But I also think of pizza. The success and goodness are in the tomato, the mozzarella, the oil and the oregano .We’ve always been afraid of the rhetorical combination of pizza, spaghetti and mandolin. But the pizza can be our symbol. It’s a healthy food also appreciated worldwide. Not by chance overseas our traditional recipes are often revised, with no success.

“Mi piacerebbe che alcuni dei locali dell’Expo potessero essere utilizzati come museo della canzone, anche della nostra musica”

28

LIFEXPO


1936

Oscalito Flagship Store - Torino, Via Amendola 10 D Oscalito Showroom - Milano, Via Stendhal 36 www.oscalito.it -

Oscalito1936


EXPO Shock

Nei padiglioni della Cina e del Vietnam per i visitatori un menù a base di ragni fritti e spiedini di cavallette

PER MERENDA? UN MUFFIN DI INSETTI Anche la FAO da molto tempo sostiene un “nuovo atteggiamento” verso questi cibi alternativi di Federico Zanoli

R

agni, serpenti, meduse. Ma anche api, cavallette, grilli. Un menù che sicuramente può essere considerato “sorprendente” per chi a Expo 2015 si aspetta di vedere solo pasta, verdure o carne. Perché Expo 2015 è anche stravaganza. Un mix culturale che coinvolgendo 194 paesi del mondo (il 94 per cento) non poteva esimersi dal mettere l’accento su quei cibi considerati “tabù” per la stragrande maggioranza degli europei. Dalla Cina, al Giappone passando per Vietnam. Tutte nazioni dove le usanze in ambito culinario di certo sono lontane quanto le distanze geografiche che le separano da Milano. E allora ecco che le proteine di cavallette, grilli, coleotteri e formiche diventano protagoniste di un evento tutto dedicato all’alimentazione. Sotto forma di muffin o in una omelette, sbriciolati fino a formare farina o fritti. Le variante sono diverse come diversi sono questi “ingredienti speciali”. Ma dopo una scorpacciata stravagante di certo non può mancare un accompagnamento all’altezza: ecco quindi il vino di serpente. Per chi ha già visitato Cina o Vietnam (dove questa bevanda è con-

30

LIFEXPO

S

piders, snakes, jellyfish, bees, grasshoppers and crickets. A surprising menu for those expecting to find pasta, vegetables or meat only. Expo 2015 is also extravagance. A cultural mix involving 194 countries of the world (94 %). The exhibition is placing greater emphasis on these taboo foods regarded as such by the vast majority of Europeans. From China, to Japan via Vietnam... these geographically distant countries have very different alimentary and culinary traditions from Milan customs. So the proteins of grasshoppers, crickets, beetles and ants become protagonists of this biggest event wholly dedicated to food. These special ingredients will be served in different versions as muffins or omelettes or crumbled as flour or fried. After an extravagant blowout meal do not miss the snake wine. Not new to see a snake in a bottle for those who have already visited China or Vietnam (where this drink is con-


> Alcuni esempi di icbi alternativi

LIFEXPO

31


EXPO Shock

> La Cina, uno dei paesi in cui è possibile “gustare” queste pietanze stravaganti

siderata un ottimo ricostituente) non sarà quindi una novità vedere rettili attraverso il vetro di una bottiglia pronta per essere stappata. Se poi il tour dei padiglioni dovesse suscitare ulteriori appetiti non si può certo rinunciare ad uno dei piatti più amati in Cambogia. Si tratta dei ragni fritti. Le uniche avvertenze possono riguardare gli aracnofobici che forse eviteranno questa specialità asiatica oppure chiuderanno gli occhi e spalancheranno le fauci (chissà se qualche buontempone non ne approfitterà per preparare uno scherzo a ignare vittime). Eppure, insetti, serpenti o meduse, sono considerati i cibi del futuro. Infatti il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) li sta studiando proprio perché, a differenza degli allevamenti tradizionali (ovini, suini o bovini) hanno un impatto decisamente inferiore e una resa che, rapportata alle dimensioni, è a dir poco eccezionale. Anche la Fao (l’organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa di cibo ed agricoltura) già da qualche anno incoraggia ad un “nuovo atteggiamento” nei confronti di questi cibi “particolari” per superare la repulsione “per il bene del pianeta”. I più ostici? Neanche a dirlo: Americani e Italiani. Chissà quindi quanti temerari oseranno provare una tipica ricetta asiatica come a esempio un bel piatto di tagliatelle alle microalghe oppure una frittura tipica giapponese (Tempura) a base di meduse. Se invece voleste imitare una ricetta semplicissima e molto leggera basterà munirvi di qualche cavalletta, dell’olio, aglio, rosmarino, sale e degli spiedini di legno o metallo. Poi, come per l’agnello, sarà sufficiente lasciarle macerare anche pochissimo e poi passarle sulla brace o in padella. Et voilà. Ecco servito il vostro spiedino di locuste. Ad Expo 2015 insetti, meduse e serpenti saranno solo minoritari pur essendo già inseriti nel programma alimentare dell’80% della popolazione mondiale. Bistecca di manzo o muffin di insetti per cena? A voi la sentenza.

sidered an excellent tonic). If you are still hungry you can’t give up one of the most popular dishes in Cambodia: fried spiders. Arachnophobics should be warned to avoid this Asian specialty or to close their eyes and to open their mouth (a funny chop could play a joke on unaware victims). Nevertheless insects, snakes and jellyfish are considered as the future food. In fact, the National Research Council is making a study of it because the rearing of this specific food have less environmental impact than the traditional livestock farming(sheep, pigs or cattle) and a bumper harvest in relation to the size. For many years now, even the FAO (the Food and Agricolture Organization of the United Nations) is encouraging a new attitude towards this “special” food, for the sake of the planet. The most reluctant to overcome the repulsion? Needless to say: Americans and Italians. How many fearless people will dare to try a typical Asian recipe such as microalgae noodles or Jellyfish Tempura (a typical fried Japanese dish)? Do you want to try a new dish at home? I am glad to give you a very light recipe: the grasshopper skewer! All ingredients are : few grasshoppers, oil, garlic, rosemary, salt and wooden/metal skewers. Just let the insects marinate in the sauce and then put them on the grill or pan-fried them. Et voilà... your locusts skewer is ready. 80% of the world population have already included Insects, jellyfish and snakes in his food program . At Expo 2015 you got just a glimpse of it. Beef steak or insects muffin for dinner? The tough decision is up to you!

Eppure insetti, serpenti o meduse, sono considerati i cibi del futuro

32

LIFEXPO


LIFEXPO

33


LIFEEXPO Ambassador Factory

Un’eccellenza marchigiana della moda italiana dedica una linea all’Esposizione Universale di Milano

LORIBLU CALZA I COLORI DELL’EXPO 2015 Ispirandosi ai colori del logo ufficiale dell’evento, è stata concepita una collezione di scarpe pregiatissima

di Stella Fiorenti

34

LIFEXPO


> La nuova struttura a forma di diamante di Loriblu, a Porto Sant’Elpidio (Marche)

U

na capsule collection che riprende i colori del logo Expo e trasforma le scarpe in opere d’arte dallo stile pop. Questa la collezione disegnata da Loriblu per Expo Milano 2015. Il marchio marchigiano, che ha sede a Porto Sant’Elpidio, è tra gli official licensee dell’esposizione milanese per rappresentare lo stile e la qualità dei prodotti italiani. Leader nel settore delle calzature di lusso per donna e uomo, Loriblu ha festeggiato il quarantesimo anniversario nel 2014. Fondata da Graziano Cuccù, attuale designer, responsabile di tutte le collezioni e Presidente, l’azienda è guidata anche dalla moglie Annarita Pilotti, che ricopre il ruolo di CEO. “Così come Expo Milano 2015 sarà vetrina delle eccellenze a livello mondiale, con questa capsule collection abbiamo voluto celebrare il Made in Italy, la tradizione, la professionalità e l’artigianalità del nostro Paese nella moda e, in particolare, nel settore delle calzature”, spiegano Cuccù e Pilotti. La linea di calzature da donna prevede una décolleté in vernice a punta con tacco stiletto, una sneaker con zeppa interna e dettagli in metallo e oro, una ballerina a sacchetto in vernice e una ciabattina flat in nappa. Per l’uomo, invece, un mocassino stile navy in cervo bianco.

F

or the upcoming inauguration of Expo Milano 2015, the World Fair, LORIBLU presents a capsule collection of shoes dedicated to Expo. The company from the Marcheswhich is one of the Official Licensee representing italian style and quality, is located in Porto Sant’Elpidio.

Loriblu is a brand leader in Italy and in the world in the field of luxury shoes for women and men. It celebrated 40 years of experience in 2014. Founded by Graziano Cuccù, President and current designer, the company is guided by his wife Annarita Pilotti, covering the role of CEO. “Milan Expo 2015 will show excellence in the world, so with this capsule collection we wanted to celebrate the Made in Italy, tradition, professionalism and craftsmanship of our country in fashion and, in particular, in the footwear industry” claim the holders Cuccù and Pilotti. The capsule collection dedicated to Women consists of a patent décolleté with stiletto heel, a sneaker with a wedge on the inside and metal and gold detail, a ballerina in patent leather and a slipper flat in nappa. For men, however, a white deer moccasin in navy style. “We wanted to recall the logo colors of Expo, through the lette-

LIFEXPO

35


LIFEEXPO Ambassador Factory

“Abbiamo voluto riprendere i colori del logo di Expo, attraverso una stampa lettering che caratterizza i modelli proposti” spiegano ancora i titolari. “La collezione che abbiamo realizzato vuole essere pertanto simbolo di ottimismo e di buon auspicio, affinché questo evento internazionale possa mostrare al mondo il meglio del made in Italy”. Avanguardia e attenzione ai dettagli sono aspetti che caratterizzano da sempre il brand Loriblu, il cui fil rouge unisce seduzione, eleganza ed esclusività da un lato, artigianalità, alta manifattura made in Italy e ricerca costante di qualità dall’altro. “Le scarpe Loriblu sono come diamanti. Luminose, pure e immutabili. Simboli di solidità, perfezione e incorruttibilità, legate indissolubilmente a lusso e bellezza”. Una filosofia che si incarna alla perfezione nella collezione “Loriblu Wedding Shoes” dedicata alla sposa, con creazioni caratterizzate da un divertissement di pregiati materiali impreziositi da costellazioni di Swarovski Elements. I modelli più esclusivi sono quelli limited edition, realizzati solo su ordinazione, che possono essere personalizzati con il nome della sposa scritto nel sottopiede con piccolissimi strass luminescenti.

ring details that characterizes the models” Mr. Cuccù explains. “The collection represents the symbol of optimism and Good Luck. We hope that this international event will show the best “Made in Italy” to the world.” Avant-garde and attention to details are the mark of the brand Loriblu.

“La collezione che abbiamo realizzato vuole essere simbolo di ottimismo e di buon auspicio, affinché questo evento internazionale possa mostrare al mondo il meglio del made in Italy”

Lusso sì, ma anche attenzione all’ambiente e alla sostenibilità, attraverso una particolare linea di calzature di ispirazione “eco”, che nasce dal recupero e dal riciclo di pietre preziose e accessori di varie forme, grandezze e materiali.

Creativity and craftsmanship mix in shoes where class meets design. Women shoes, jewel and limited collections stand out for their Elegance, Technology and Luxury. The most refined, essential and flawless design, joins first quality materials, thanks to manifacturing and stylistic technologies which let the Loriblu collections be on the cutting edge. The collection “Loriblu Wedding Shoes” dedicated to the bride, embodies the thread of seduction, elegance and exclusiveness, featuring combinations of precious materials beautifully embellished with contellations of Swarovski Elements. The most exclusive models are those limited edition, personalized with the bride’s name written with luminescent rhinestones.

Luxury but also attention to the environment and the sustainability. The “eco” shoes are manufactored thanks to recovery and recycling of stones, accessories and materials. Loriblu Company has a staff of 200 employees, 38 flagship stores worldwide and a turnover of 43 million euro in 2014. It is now in the final stage of building the Diamond Palace near the corporate headquarter with an investment of around 8 million euro. A structure designed and built according to the most contemporary bioclimatic architecture. It will be the reference point to gree all customers and buyers from all over the world to Porto Sant’Elpidio

{

36

LIFEXPO

Collezione per EXPO 2015


Sandalo gioiello in nappa oro con tacco a spillo. Risplende l’essenziale motivo di listini ton sur ton alla caviglia completamente ricoperti da SWAROVSKI ELEMENTS applicati a mano.

{ {

Scarpa gioiello in camoscio latte. Una cascata di SWAROVSKI ELEMENTS, dalle sfumature d’oro e d’argento, riveste interamente questo bijoux.

Loriblu, che conta 200 dipendenti, 38 negozi monomarca nel mondo e un fatturato 2014 di 43 milioni di euro, sta inoltre ultimando la costruzione, accanto alla propria sede aziendale, del Diamond Palace, per un investimento di circa 8 milioni di euro. Una struttura progettata e realizzata secondo le regole della più contemporanea architettura bioclimatica, che sarà punto di riferimento per poter accogliere tutti i clienti, buyer e professionisti che da ogni parte del mondo arrivano a Porto Sant’Elpidio.

Sandalo gioiello in nappa oro con tacco a stiletto. Una preziosa broche di cristalli impreziosisce e illumina il modello.

{ LIFEXPO

37


38

LIFEXPO


Cosa nasce quando si incontrano per la prima volta un uomo pieno di conoscenze ed esperienza ed un giovane con un’idea, che hanno in comune la stessa passione???

Una sera di agosto in riva al mare sorseggiando una birra si sono fusi insieme il desiderio di creare qualcosa di proprio con la voglia di vendere finalmente qualcosa di proprio..... Kuka’ rappresenta la nostra visione dell’universo birra oggi. Lo scopo di questo progetto e’ unire il consumatore attento e appassionato, sempre alla ricerca di sensazione ampie e complesse, con tutti coloro che hanno un approccio piu’ easy con il mondo delle birre artigianali che invece cercano sensazioni e piaceri diretti e ben definiti!!!! Kuka’ e’ un progetto che ha avuto come startup una bier blanche reinterpretata all’italiana e prodotta con una tecnica “singolare” Alla blanche si sono aggiunte poi altre tre birre, una I.P.A., Una Strong e la rosa, tutte nate da una base tradizionale ma come nella blanche reinterpretate a nostro modo. Oggi la gamma KUKA’ e’ composta da quattro birre in due formati: 0,75 lt piu’ orientato alla ristorazione, 0,50 lt e 20 lt pet adatti sia alla ristorazione che al consumo serale in pub e birrerie. Le tipologie birrarie da abbracciare sono ancora moltissime......

.........TO BE CONTINUED.........


EXPO LIFE Ambassador Ambassador

Anche la popolare “bike star”, volto di “Striscia la Notizia”, è stata scelta come uno degli Ambassador di Expo 2015

“PAPERISSIMA SPRINT” IN ONDA QUESTA ESTATE DAL SITO ESPOSITIVO Vittorio Brumotti e Giorgia Palmas stanno registrando in questi giorni le puntate del celebre programma di Canale 5 di Nives Concolino

V

ittorio Brumotti (Finale Ligure, 14 giugno 1980), campione di bike trial, detentore di dieci record mondiali Guinnes, nonché inviato biker-reporter di “Striscia la notizia”, si lancia nel web. All’Expò di Milano, che l’ha prescelto come Ambassador, sta registrando 100 puntate di Paperissima sprint. In previsione anche la presentazione del nuovo video da lanciare su You Tube. Ha creduto subito nell’Expo, perché? Ci ho creduto perché faccio l’inviato di “Striscia la notizia”, perché conduco “Paperissima” e registro record mondiali. Giro tutto il mondo e mi piace gustare e vedere tutto, cucina di strada e posti raffinati. Qua c’è l’intero pacchetto che Brumotti ha visto in 23 anni di carriera. I giorni scorsi ho preso il the con il principe del Qatar, poi sono stato in Russia e nell’Azerbaigian. Chi non ha la possibilità di girare il mondo, qui può conoscere da vicino tutti i Paesi. Fino a ora l’affluenza è stata grandissima, ma continuo a dire venite, venite, venite.

40

LIFEXPO

V

ittorio Brumotti (Finale Ligure, June 14, 1980), bike trial champion, holder of ten Guinness world records and biker-reporter of “Striscia la Notizia”. The Milan Expo chose him as Ambassador. Now He is recording 100 episodes of Paperissima Sprint. His new clip will be soon launched on You Tube. Since the beginning you have believed in the potential of the event Expo. Why? I believed it because I’m a reporter of Striscia la Notizia and I’m hosting “Paperissima Sprint Show”. I’m a Guinnes world man. I travel around the world and I like to enjoy and see everything, street food and refined locations. In Expo there is the whole package that I saw in 23 years of career. The last few days I had tea with The Prince of Qatar, then I went to Russia and Azerbaijan. People who can not travel the world can have the opportunity to know all the countries. So far the turnout was great, but I still say come, come, come!


> Vittorio Brumotti (35 anni il 14 giugno)

LIFEXPO

41


EXPO LIFE Ambassador Ambassador

L’Expo, insomma è una grande emozione! Il giorno dell’inaugurazione, arrivato qui con la mia ragazza, ero come un bimbo in mezzo a tanti politici. Per me è stata proprio una magia! Che fa, quando scende dalla bici? Amo cucinare. Sono per metà ligure e per metà calabrese per cui posso comunicare sia con quelli del nord che con quelli del sud. Amo l’Italia e sono italiano al 100 per cento. Sul mio Instagram tutti si aspettano foto delle mie evoluzioni con la bici, invece trovano immagini in cui cucino. Ed è cucinando che mi appassiono all’Expo. Quali sono i suoi piatti preferiti? Ho una dieta ferrea, quindi per me preparo petto di pollo, bresaola, riso, verdure bollite, bianco d’uovo, ma per gli altri cucino di tutto, ogni tipo di pastasciutta, amo anche la cucina indiana… Per me fare free styling ai fornelli è il top. Così ho preso per la gola anche la mia fidanzata, Giorgia Palmas. L’Esposizione di Milano contribuirà a cambiare un po’ di cose? Non so se quest’Expo risolverà la crisi. Come dico a tutti, se pensi positivo trovi anche una filosofia di vita. Mal che vada, anche se questa è la parte più piccola, qua vedo molte persone che hanno trovato lavoro. Nell’area espositiva di Rho fa incursioni in bici e anche una trasmissione? Stiamo registrando “Paperissima sprint”, in onda dal 7 di giugno al 20 settembre. In questi tre mesi, tutte le sere su Canale5 dall’Expo, andranno in onda cento puntate”. Com’è Brumotti in privato? Non ho una maschera, gli italiani ormai mi conoscono, mi vedono tutte le sere in tv e tutti i giorni sui social, dove di recente ho postato anche una foto nella quale saltello con la bici in casa. Per il resto sono contro l’alcol, non bevo e non fumo. Ho la mia linea di guida, mi piace allenarmi tutto il giorno. Accade anche qui? Certo, fra una ripresa e l’altra mi butto per terra e faccio flessioni, mi piace sentirmi il linea. Se ti senti in forma, sei più invogliato a mangiare sano a vestirti bene e a prendere il sole per abbronzarti. Sentirsi belli e sani è il mio messaggio, parte tutto anche dal lato estetico. Così fai muovere perfino l’economia. Potrebbe fare a meno della sua bici? No, per me è come la coperta di Linus. Posso parlare e presentare, ma quando ho la bici tra le mani cambio e divento uno showman. L’atleta è in me al 99 per cento E questo ha dato ottimi frutti? Svolgo questa professione da 23 anni, ho vinto il mondiale ed ho stabilito dieci Guinnes word record. Ho iniziato a fare trick con una semplice bici da corsa, ho pubblicato il video in rete e con quello ho spopolato. Ora mi chiamano a fare show con la bici da corsa in tutto il globo. Sono entrato in una squadra di ciclisti professionisti su strada, un russo mi ha voluto per fare esibizioni ed eventi in tutto il mondo. Pazzesco! Sono diventato anche il testimonial del giro di

Expo is a great feeling? On the opening day, I came here with my girlfriend, and I was like a child in the midst of so many politicians. For me it was just magic! What do you do when you get off the bike? I love cooking. I’m half Ligurian and half Calabrian so I can communicate with both the North and the South. I love Italy and I’m Italian 100 percent. On my Instagram everyone is expecting to see photos of my bike performances instead it is plenty of my cooking experiments . And it is thanks to cooking that I am passionate for Expo. What are your favorite dishes? I have a strict diet, so for me I cook chicken breast, dried beef, rice, boiled vegetables, egg white, but for others I cook everything, all kind of pasta, I also love Indian food ... For me the top is to do free styling while cooking. This is the way I ‘ve seduced my girlfriend Giorgia Palmas. Will the exhibition change things? I do not know if Expo will solve the crisis. But I tell everyone, if you think positive you will also find a philosophy of life. At worst , many people found a job in the Exposition at least. You are recording the “Paperissima Sprint show” but also you are raiding with your bike in the Expo area. Yes we are recording “Paperissima Sprint” in the Expo Area. It will be broadcasted on Canale5 , every evening from 7 June to 20 September. (100 episodes). Brumotti in his private life? I do not have a mask, Italians know me by now. They see me on TV every night and on social networks every day. I recently posted a picture where even at home I jig about on my bike. I’m against alcohol, I do not drink and do not smoke. I have my guideline, I enjoy training all day. Can this happen also here? For sure, in between takes I do pushups. I like to feel in shape. If you are feeling good , you are more likely to eat healthy, to dress well and to sunbath to get a tan. Feeling beautiful and healthy is my message. A lot depends on aesthetic. You can even get this economy moving. Could you get along without your bike? No, for me it’s like a security blanket. I can speak and host a show , but when I’m with my bike I become a showman. I’m an athlete at 99 percent. And this paid off? I’m in this business for 23 years, I won the world record and ten Guinness world records. I started doing bike tricks with a simple racing bike, I became famous by posting a video of my performances on the net. Now They call me to do my racing bike show all over the world . I joined a Road elite cyclists team. A Russian man wanted me

“Il giorno inaugurale, arrivato qui con la mia ragazza, ero come un bimbo in mezzo a tanti politici. Per me è stata proprio una magia!”

42

LIFEXPO


> Vittorio Brumotti durante una esibizione in bicicletta

LIFEXPO

43


EXPO LIFE Ambassador Ambassador

Dubai, del giro di California e del giro d’Italia. Vederla saltellare in bici disinvolto da un cornicione all’altro fa venire i brividi, ha mai avuto paura nel lanciarsi? In quei momenti mi concentro e basta, per il resto mi alimento bene e bevo tanto. Cos’altro l’aiuta? Sono molto credente e questo ritengo sia un aspetto importante. E’ ancora intenzionato a sfidare l’Everest? L’Everest me l’hanno blindato. Dopo aver pagato, ottenuti tutti le autorizzazioni, siamo andati a fare il Guinnes, ma dopo quattro spedizioni a piedi, mi hanno tolto il permesso. Qual è ora la sua meta? Il mio obbiettivo ora è spopolare su You Tube. Il 30 di giugno uscirà un video, che molto probabilmente verrà presentato qui a Expo. Sarà una specie di Brumotti Day. In una settimana intendiamo raggiungere 20milioni di cliccate. Questa è la mia nuova frontiera, che è come un Guinnes. Al centro della sua professione ci saranno altre inchieste? Sempre, abbasso l’omertà soprattutto per quanto riguarda il sud. Bisogna denunciare sempre e aver voglia di creare, come ha fatto l’Expo. Il pubblico potrà seguirla sui social? Si, lì c’è la mia vera vita privata e quello che combino. Seguo maggiormente Brumottistar per Instagramm (centopercento@brumotti. com), 100% brumotti abbombazza su Facebook e il sito Brumotti.com. Consiglio di seguirmi anche su YouTube. Qual è il servizio che l’ha maggiormente scosso? > Vittorio Brumotti Le mie indagini sull’acqua quest’anno mi hanno portato in Sicilia. Nel triangolo degli agrumeti ho trovato Eternit, amianto buttato ovunque. Come italiano questo mi fa sentire sporco, perché la gente sta male e muore. La cosa più brutta è che le Istituzioni non sono ancora state in grado di processare e incolpare chi ha prodotto questo materiale. Pare che già trent’anni fa se ne conoscesse la pericolosità. Chi ne era a conoscenza è stato zitto, ma ora deve pagare. Quali sono le cose che l’accomunano alla sua dolce metà? La più importante è la vicendevole sopportazione. Sopportare me che vado in bici tutto il giorno, come un perenne Peter Pan, che vuole fare mille esperienze in giro per il mondo non è facile, anche perché abbiamo una bimba. Da parte mia devo riuscire a capire il mondo della donna, che ha i suoi tempi, quelli della famiglia. La chiave di tutto, quello che ci accomuna, è proprio la voglia di scoprire, di viaggiare nel mondo. Ci sentiamo sempre “ignoranti” e quindi ci piace assorbire. Ci chiediamo sempre cos’è questo e che cos’è quello. Ci lasciamoci con il suo saluto: “abbombazza”, ma prima, ci svela il senso? Questa parola è venuta fuori per caso. Dopo tanto che la dicevo, anche il regista Antonio Ricci mi ha chiesto il suo significato. E io gli ho risposto: ci vediamo alla prossima puntata. Lascio il mistero.

44

LIFEXPO

to do performances and events worldwide. Crazy! I became testimonial of the Tour of Dubai, the Tour of California and the Tour of Italy. We saw you jump back and forth the ledge with nonchalance. Have you ever been afraid to launch? No.In those moments I ‘m focused, otherwise I eat and drink well. What else helps it? I am very religious and I think this is an important aspect. How far are you willing to challenge the Everest? I’ve abandoned the idea. We paid to obtain all the permissions, we went for the Guinness, but after four expeditions on foot, I got my permission revoked. What is now your goal? My goal now is to make the rounds on You Tube. On June 30 I will release a new video which I will present at Expo. It will be a kind of Brumotti Day. In a week we intend to reach 20 millions of hits. This is my new frontier, like a new Guinness. Are you starting other investigations for “Striscia la Notizia”? For sure. Stop the code of silence especially with regard to the south. We must denounce and We really gotta be in the mood to create new projects like the Expo did. Can we follow you on social networks ? Yes, in my real private life and in my professional role. On Instagramm: Brumottistar (centopercento@brumotti.com), “100% Brumotti Abbombazza” on Facebook and the site Brumotti.com. Follow me on YouTube too. Which report impressed you most? My investigation on the water in Sicily. In the triangle of citrus groves I found Eternit, asbestos thrown everywhere. As italian it makes me feel dirty. Because of it lot of people are sick and are dying. The worst thing is that the institutions haven’t processed and haven’t blamed the criminals. It seems that thirty years ago someone knew the danger but didn’t denounce it. Now he has to pay for it. In what way are you like your girlfriend? The most important is mutual tolerance. It isn’t easy to bear my all day rides. Like an everlasting Peter Pan, who wants to do a thousand experiences around the world. It’s not easy because we have a child. But I have to be able to understand the world of women, which has its times, those of the family. The key to it all, what we have in common, is the desire to explore, to travel the world. We always feel “ignorant” and then we like to absorb all new things we see.. We always wonder: what is this? and what is that? So we greet you with “Abbombazza” , but what does it mean? This word came out by accident. I used to say it all the time and even the director Antonio Ricci asked me its meaning. But I said to him: I’ll leave the mystery. See you next episode.


LIFEXPO

45


E’ la regione più “matura” del nostro Paese, le cui tradizioni e peculiarità sono indiscutibili eccellenze

EXPO REGIONI

CREATIVITÀ, INNOVAZIONE E LONGEVITÀ. IL CAPITALE UMANO DELLE MARCHE Dall’enogastronomia, alla cultura, all’ambiente. Conosciamo meglio questa realtà del centro Italia

di Talita Frezzi

46

LIFEXPO


ECCELLENZE Italiane

L

e Marche ci sanno fare. Creatività senza clamori, tenacia negli obiettivi, innovazione e accoglienza, longevità e qualità della vita. Ecco il capitale umano della regione al plurale, ecco come le Marche si presentano alla più grande vetrina mondiale che è l’Expo di Milano. Grandi aspettative (e grandi investimenti economici) da parte della Regione per questa esposizione universale che per sei mesi, dal 1° maggio al 31 ottobre, ha acceso i riflettori a Milano sul tema “Nutrire il pianeta, energia per la vita” e che vede la presenza di 144 Paesi, 3 organizzazioni internazionali e 13 organizzazioni della società civile. Proprio con una grande e rinnovata speranza le Marche guardano a Expo, offrendo nel suo grande Padiglione il meglio del nostro capitale umano nell’imprenditoria, nello sport, nell’artigianato, nella ricettività. Centododici produttori, ma anche i testimonial a raccontare, attraverso i loro volti ormai noti nel panorama nazionale e mondiale, tutto il bagaglio di questa grande Regione, tutto il saper fare made in Marche nel mondo: Adolfo Guzzini de “IGuzzini Illuminazione”; Gennaro Pieralisi del “Gruppo Pieralisi”; Vittorio Livi della “Fiam” (azienda pesarese di elementi d’arredo in vetro curvato) e Paolo Marzialetti > Serra S.Abbondio Fonte Avellana della “Paimar” (produzione cappellidistretto di Montappone). E poi Moreno Cedroni, chef stellato; Diego Della Valle, moda; Silvano Lattanzi, calzature e pelletterie; Enrico Loccioni, domotica; Francesca Petrini, olio; Vincenzo Spinosi, pasta; Iginio Straffi, cartoons; Orietta Varnelli, distilleria e liquori; Angela Velenosi, vino; Piero Guidi, moda e Roberta Fileni, agroalimentare-carni. “Esempi di un modello diffuso e integrato allo stesso tempo - spiega il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca - che rendono orgogliosa tutta la comunità marchigiana e le cui storie di successo sono l’esempio del saper fare con cura, innovazione, rispetto della tradizione e creatività. Vogliamo trasmettere il mes-

M

arche knows how. Creativity with no fanfare, tenacity in pursuing the aims, innovation and hospitality, longevity and quality of life. It is with this human and social capital that Marche region presents his value at the global Milan Expo showcase. The Marche region has great expectations and has made large economic investments to be a player in Expo2015. The Universal Exhibition will start on May and last for six months till the end of October. The spotlights are focused on the Expo theme : “Feeding the Planet, Energy for Life”. Expo will see the presence of 144 countries, three international organizations and 13 civil society organizations. It is with great and renewed hope that the Marche looks to Expo, offering the best of his human capital in business, sports, handicraft and high-quality hospitality and accommodation. In the Pavillon there will be 110 producers and many leading Marche’s entrepreneurs, as testimonials of the best Made in Marche know-how: Adolfo Guzzini for “IGuzzini Illuminazione”; Gennaro Pieralisi for “Gruppo Pieralisi”; Vittorio Livi for “Fiam” (Curved glass Interior design Pesaro company) and Paul Marzialetti for “Paimar” (hatsproduction – Montappone District). Also Moreno Cedroni - Starred Chef; Diego Della Valle - fashion; Silvano Lattanzi - shoes and leather goods; Enrico Loccioni - home automation; Francesca Petrini- olive oil; Vincenzo Spinosi - pasta; Iginio Straffi - cartoons; Orietta Varnelli – distilled products and liquors; Angela Velenosi - wine; Piero Guidi -fashion; Roberta Fileni - agri-food industry. “Examples of a widespread and integrated model at the same time - says the President of the Marche Region - Gian Mario Spacca that makes all the community proud of it. These success stories are the example of our “being able to make” with meticulous care,

LIFEXPO

47


ECCELLENZE Italiane

> Alcuni esempi di culture e tipicità delle Marche

saggio che nelle Marche ogni attività, da quella culturale a quella strettamente economica, è ispirata da amore, attenzione al dettaglio, autenticità e passione che si riassume in un concetto: alta qualità. La stessa che vogliamo offrire al turista. Il profumo che oggi emana dallo stand regionale si chiama l’Infinito, come la poesia più amata del nostro Leopardi ed è una delle tante suggestioni profonde che si possono vivere nella nostra regione, dall’arte al paesaggio inconfondibile, all’accoglienza fatta da persone straordinarie. Un invito, dunque, a godere la grande bellezza che possediamo”. Ogni esigenza di vacanza ha una risposta nei sei cluster (dal mare all’enogastronomia, passando per la cultura e il turismo religioso: Mare. Le Marche in blu; Cultura. The Genius of Marche; Dolci colline e antichi borghi; Parchi e natura attiva; Made in Marche. Gusto a km. 0 e shopping di qualità; Spiritualità e meditazione) e nei sette network di prodotto. Poi ci sono gli “ambassador” dell’Expo, personaggi importanti nei loro settori di provenienza che sono gli illustri portavoce del messaggio dell’evento “Nutrire il Pianeta”: lo chef stellato Moreno Cedroni, la campionessa mondiale di fioretto Elisa Di Francisca e il cantante Raphael Gualazzi. A Milano, nel quartiere Brera, uno spazio di 300 mq diventerà una vetrina per le Marche e le sue eccellenze. Tante le iniziative del Padiglione Marche e tante le sfumature, dalle prospettive di vita, all’Appennino, la dieta mediterranea, il rapporto con la natura, ma anche l’imprenditoria, l’ambiente, le città d’arte e il Mediterraneo. E poi naturalmente, il vino con circa 200 etichette presenti grazie all’Istituto Marchigiano di Tutela Vini e il Consorzio dei Vini Piceni in mostra nel Padiglione

48

LIFEXPO

innovation, respect for tradition and our creativity. We want to send a message: in the Marche every activity - from the cultural to the strictly economic - is inspired by love, attention to details, authenticity and passion. All that means high quality. The same that we want to offer to the tourists. The Marche stand spreads the scent called Infinito (as the poetry of our most beloved Leopardi). It is one of the many awesomeness that you may live in our region, from the art to the unique landscape, to the welcoming attitude of extraordinary people. An invitation, therefore, to enjoy the great beauty which surround us.” To meet every holiday requirements you will find six areas of activity ( from the sea, to the enogastronomy, from the culture to the religious tourism). The clusters are: Sea. Le Marche in blue; Culture. The Genius of Marche; Gentle hills and ancient villages; Parks and nature ; Made in Marche. The Taste of zero kilometre products and quality shopping; Spirituality and Meditation. The Marche Region will be represented by high level personages from different sectors of origin : the “Ambassadors” will be the spokespeople for the Expo message “Feeding the Planet”. So, there will be the Starred Chef Moreno Cedroni, the Foil World Champion Elisa Di Francisca and the Singer Raphael Gualazzi. In Milan, in the Brera district, an area of ​​300 square meters will become a showcase of Marche brands and its excellences. The Marche Pavilion will host many initiatives from the Quality of life, the Apennines, the Mediterranean diet, the relationship with nature but also the Entrepreneurship, the Environment, Cities of Art.


LIFEXPO

49


Vino - A Taste of Italy, per un “brindisi pieno di fiducia”, come lo ha definito lo stesso Governatore Spacca. Al Padiglione Italia, nella “Casa dell’identità italiana”, mostravetrina sulle eccellenze del Paese, a rappresentare le Marche sono stati selezionati tre percorsi. Per la “Potenza del Saper Fare” la Fattoria Petrini; per la “Potenza della Bellezza” la Riviera del Conero (per i paesaggi), Piazza del Popolo di Ascoli Piceno (per le facciate), Santa Casa di Loreto (per gli interni); per la “Potenza del Limite” Loccioni - 2km di Futuro. Nel “Giardino della Biodiversità Italiana” (dove ogni Regione sarà rappresentata da una pianta tipica del proprio territorio) le Marche saranno rappresentate dalla roverella (quecus pubescens willd). Dal 29 maggio all’11 giugno prossimi, il Padiglione Italia ospiterà un’esposizione curata dallo scenografo Giancarlo Basili, dal sociologo Aldo Bonomi e dal geriatra Roberto Bernabei sul tema della nutrigenomica, la scienza che mette in correlazione alimentazione, qualità della vita e longevità attiva. In particolare, le Marche hanno promosso e coordineranno due importanti forum internazionali su “L’alimentazione, la qualità della vita e la longevità attiva” in programma l’11 giugno in collaborazione con il Ministero della Salute, l’Agenzia nazionale “Italia Longeva” e altri istituti di ricerca italiani ed esteri.

50

LIFEXPO

You cannot miss another point of excellence: the fine Marche wine will be present at the Wine Pavilion with about 200 labels thanks to the Istituto Marchigiano di Tutela Vini and the Consorzio di Vini Piceni. “A Taste of Italy. A welcome toast full of confidence,” in the words of the Marche’s Governor Mr. Spacca. At the Italian Pavilion (the “House of the Italian identity”) the Marche excellence will be represented by the Fattoria Petrini - for the “Power of Know-How”; the Conero Riviera for the “Power of Beauty”( landscapes); Piazza del Popolo in Ascoli Piceno for the most beautiful city squares; the Santa Casa of Loreto (ancient shrine building); Loccioni - 2km Future - for the “Power of Limits”. In the “Italian Biodiversity Garden” (where each region will be represented by a typical plant of its territory) the Marche will be represented by the “Roverella” oak (quercus pubescens). From 29 May to 11 June , the Italian Pavilion will host an exhibition curated by the designer Giancarlo Basili, the sociologist Aldo Bonomi and geriatrician Dr. Roberto Bernabei . The topic is Nutrigenomics, the study of interactions between nutrition quality of life and longevity. The Marche Region in collaboration with the Ministry of Health and the National Agency “Italia Longeva” recently promoted two international forum about “Nutrition, quality of life and longevity” scheduled on June 11.


“L’ESPOSIZIONE UNIVERSALE, UN NUOVO RINASCIMENTO”. PAROLA DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE MARCHE GIAN MARIO SPACCA

E

> Sala I Biblioteca Leopardi

xpo 2015 è una straordinaria opportunità: rappresenta la definitiva consacrazione della strategia di internazionalizzazione attuata dalla Regione Marche in questi anni”. Parola del Presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca, che vede nell’Esposizione Universale “una grande occasione per far conoscere le Marche a una parte degli oltre 20 milioni di visitatori attesi a Milano. L’auspicio è che segni un cambio di paradigma per l’Italia, un nuovo Rinascimento di cui le Marche, culla del ‘primo’ Rinascimento, ambiscono a essere protagoniste”. Il racconto dell’eccellenza della nostra regione avverrà attraverso un palinsesto ricco di iniziative, eventi e appuntamenti, in programma sia a Milano (fuori e dentro Expo), sia sul territorio regionale: mostre, forum, incontri, presidi e vetrine reali e virtuali, eventi tematici dedicati alle eccellenze agroalimentari e artigianali illustreranno e sottolineeranno i motivi per i quali, nelle Marche, “l’Italia è più Italia che altrove”. “Le Marche, terra ricca di storia e di bellezze naturali, culla di artisti e di personaggi celebri, è anche la regione più longeva d’Italia e d’Europa - conclude Spacca - in linea con i temi di Expo Milano 2015, le Marche sveleranno al mondo l’elisir di lunga vita. La Regione Marche presenterà nel Padiglione Italia dal 29 maggio all’11 giugno l’esposizione “La prospettiva di vita”. Nella “Casa dell’Identità italiana” invece - il percorso espositivo che offrirà ai visitatori di Palazzo Italia la possibilità di esplorare l’essenza e la potenza dell’identità italiana - troveranno spazio le diverse anime, le realtà e le imprese che fanno la ricchezza della Regione Marche, dall’agroalimentare all’innovazione tecnologica passando per turismo, cultura e ambiente”.

E

xpo 2015 is an extraordinary opportunity. It is the final consecration of the internationalization strategy implemented by the Marche Region in recent years.” This are the words of the President of the Marche Region Gian Mario Spacca, which considers the Universal Exposition a great chance to make the 20 millions visitors expected in Milan, aware of the Marche Region . “The hope is that this event will mark a paradigm shift for Italy, a new Renaissance where the Marche (the cradle of the ‘first’ Renaissance) aspire to be leader. “ The tale of our region’s excellence will be through different initiatives programme scheduled in Milan (outside and inside Expo) and in the Marche region: exhibitions, forums, meetings, conferences, real and virtual showcases. Thematic events will see protagonists the excellence of agri-food industry and craftsmanship to illustrate and underline the reasons why, in the Marche, “Italy is more Italian than elsewhere”. “The Marche region is a land rich in history and natural beauty, the birthplace of famous artists and celebrities. It is also the longest-lived region of Italy and Europe” concludes Spacca. In line with the themes of Expo Milano 2015, the Marche reveal to the world the elixir of life. From 29 May to 11 June in the Italian Pavilion the Marche region will present “The life-cycle perspective”. In “The House of Italian Identity “ the exhibition will offer the opportunity to explore the essence and power of Italian identity . It will host the Marche major players in agrifood industry, technological innovation sector, tourism, culture and environment.

Luca Dalmasso

> Palazzo Buonaccorsi Galleria Eneide

> Studiolo di Federico daLIFEXPO Montefeltro51


EXPOEccellenzeEU LIFE Ambassador

> La famiglia Grimaldi, al centro il Principe Alberto con la moglie Charlene

Regalità alla corte della manifestazione fieristica mondiale

“IL PRINCIPE ALBERTO DI MONACO SARÀ A EXPO 2015” Lo annuncia il Conte Caisotti di Chiusano, presidente dell’AIIM, Associazione di Imprenditori Italiani a Montecarlo di Grazia Pittorri

L

’elegante Principato di Monaco si prepara a vivere una grande emozione e vuole essere una vetrina importante durante l’Expo di Milano. Infatti una delegazione monegasca sarà presente in un padiglione proprio per dare un contributo attivo. Gli italiani, e sono tanti, presenti a Montecarlo, che vi operano e vi lavorano, hanno già da tempo costituito un’associazione, la AIIM, che è nata con lo scopo di voler meglio affrontare le tematiche economiche e sociali legate alla imprenditoria della Penisola, al grande operato dei nostri imprenditori e ancora per dare il giusto sviluppo e valore al Made in Italy. Ne abbiamo parlato con il conte Caisotti di Chiusano, presidente della Associazione Imprenditori

52

LIFEXPO

T

he elegant Principality of Monaco is preparing to live a great emotion. The Milan Expo will be an important showcase for which reason a Monegasque delegation will be present in the Expo stand to make an active contribution. For some time now the many Italian entrepreneurs who live and work in Montecarlo created an association : the AIIM, with the aim of improving and promoting the economic and cultural presence of the Made in Italy in the Principality of Monaco. The AIIM helps his members to better address the economic and social issues related to the Italian entrepreneurship. We talked about the matter with the Count Caisotti di Chiusano,


> Principato di Monaco

Italiani Monaco, durante una delle riunioni presso la sala superiore del Café de Paris dove ci ha spiegato il forte legame tra il ricco Principato e l’Italia.

President of the Association of Italian Entrepreneurs Monaco (AIIM), which We met at the Cafè de Paris during an AIIM Assembly. He helped us better understand the strong link between the rich Principality and Italy.

Dott. Caisotti, quando è nata questa vostra associazione, la Dr. Caisotti, when did you found the AIIM? AIIM? About ten years ago, We felt the need to set up this associaCirca dieci anni fa abbiamo sentito il bisogno di costituire questa tion in order to create a reference point for Italian businesses associazione al fine di poter creare un punto di riferimento dell’imin Monaco. Here in the Principality, Italians produce and conprenditoria italiana a Monaco. Qui nel Principato gli italiani produsume. They are an important part of the small State and the cono e consumano, e sono una parte importante del piccolo Stato, local Government takes this issue into spee la cosa è stata recepita molto bene dal Gocial account. The AIIM is now considered verno locale. Ormai siamo considerati come as the official representative of the Italian i rappresentanti ufficiali del mondo imprenbusiness world. ditoriale italiano. How often does the Association meet? Vi riunite spesso? At least six or seven times a year. We orAlmeno sei, sette volte durante l’anno, orgaganize dinners with the participation of nizziamo cene alle quali partecipano persoItalian and Monegasche business personaggi noti del mondo dell’impresa sia di casa nalities. Those business gatherings creanostra che monegasca, e nei vari dibattiti si tes important synergies, opportunities and creano delle sinergie davvero forti ed imporpartnership. tanti. What did you do over the years to proCosa avete fatto negli anni per promuovemote the Made in Italy? re il Made in Italy fuori dai confini? > Conte Caisotti di Chiusano Last year We held a special event related Lo scorso anno è nato appunto un evento to the Italian market. Thanks to the Italian legato al mercato italiano che, anche grazie Ambassador Antonio Morabito, this event was very successful. all’Ambasciatore del Belpaese Antonio Morabito, ha avuto un The opening of the second edition will be inaugurated – not by grande successo ed ora la seconda edizione verrà inaugurata in chance - at the same time as the Milan Expo. We hope that this concomitanza con l’Expo di Milano. Speriamo che questa nostra initiative will become like a little Forum in Davos. iniziativa diventi un po’ come un piccolo Forum di Davos. Which role will Monaco play at the Milan Expo? Che ruolo avrà il Principato di Monaco durante l’Expo 2015? The Principality of Monaco will have an important role. MonaImportante, infatti Monaco avrà un suo paglione. Il principe reco will be present at his own Pavillon in the Exposition Area. gnante Alberto sarà il testimonial di questa grandiosa iniziativa Prince Albert is the testimonial of this great initiative. The Moanche perché il governo monegasco è da sempre, non solo da ora, negasque Government has always been very attentive to intermolto attento alle tematiche internazionali legate al buon manteninational issues related to environmental protection. mento dell’ambiente.

LIFEXPO

53


> Lo stand del Principato di Monaco a EXPO 2015

EXPOEccellenzeEU LIFE Ambassador

DALMASSO, IL PIU’ GIOVANE IMPRENDITORE DELL’AIIM

L

T

Membro della nota associazione, fa l’avvocato e rende lustro al nostro Paese

l più giovane imprenditore italiano a Montecarlo è he youngest Italian businessman in Monte Carlo is l’avvocato di origini cuneesi Luca Dalmasso. Dopo the lawyer Luca Dalmasso from Cuneo. aver conseguito ben tre lauree, il nostro connazionale After achieving three degrees, our compatriot deciha deciso di aprire nel Principato di Monaco uno studed to open a Forensis Consulting & Capital Stradio di Forensis Consulting & Capital Strategy dove è tegy Office in the Principality of Monaco providing possibile avere consigli e ottime indicazioni per una visione e diconsulting and assistance services and advices on new business verse opportunità su nuove situazioni imprenditoriali and economic opportunities, not only in the Euroed economiche, non solo del mercato europeo. pean market. Che effetto fa essere il più giovane membro di How does It feel to be the youngest member of AIIM, l’Associazione Imprenditori Italiani MoAIIM, the Association of Italian Entrepreneurs naco? Monaco? Piacere, un gran piacere sapere di essere accolto in It’s a pleasure, a great pleasure to be accepted into questa prestigiosa associazione perché noi giovani this prestigious association because young people, siamo il futuro del Paese. like I am, are the future of the Country. Lei, rispetto a tanti suoi coetanei ha avuto la forYou were lucky to be born in an international tuna di nascere in un contesto internazionale, che context, which school did you attend? scuole ha frequentato? Yes, I must admit that Monte Carlo has always been Luca Dalmasso Sì, devo ammettere che Montecarlo è da sempre un an international point of reference for schools and punto di riferimento a livello internazionale sia per le scuole che economy. I attended the International School then I graduated per l’economia. Io ho frequentato prima la scuola internazionale in law in the UK. I earned a second degree in Spain and then I poi mi sono laureato in giurisprudenza nel Regno Unito per poi came back in the Principality. conseguire una seconda laurea in Spagna e infine sono tornato nel With respect to the lifting of banking secrecy and to the new Principato. agreements between the Italian State and some economic A fronte dei nuovi accordi tra lo Stato italiano e alcune realtà realities such as Switzerland, how Monte Carlo has aligned economiche quali la Svizzera che da poco ha abolito il segreto itself? bancario, Montecarlo come si è allineata? On 2 March, also in Monte Carlo the banking secrecy decayed, Il due marzo scorso proprio alla presenza del nostro ambasciatore at the presence of our Italian Ambassador in Monaco Dott.Anitaliano a Monaco, il Dott.Antonio Morabito, anche qui è decaduto tonio Morabito. The fact remains that there are no taxes on inil segreto bancario. Rimane sempre il fatto che non vi siano tasse dividuals and on legal entities. This is really important for those sia sulle persone fisiche sia su quelle giuridiche, e questo mi sembra who want to establish their own company in The Principality of davvero importante per chi voglia venire a stabilire qui la propria Monaco. società. What advice would you give to an investor at this time of Che consiglio darebbe in questo momento di crisi a un investitore? crisis? Non me la sento di consigliare investimenti in titoli azionari anche I cannot recommend investments in equities because these comperché queste sono valutazioni complesse, da fare con molta accuplex assessments must be carefully evalueted. Definitely I do ratezza, ma certamente non consiglio l’acquisto di un immobile in suggest a real-estate purchase in Monte Carlo where the revaterritorio italiano o francese, ma da noi a Montecarlo dove nonolutation of properties remains considerably higher then in Italy stante tutto la rivalutazione è sempre molto alta. or France.

54

LIFEXPO


Italenergia progetta e realizza per te, interventi e tecnologie che migliorano la qualitĂ degli ambienti domestici e lavorativi, della salute, aumentando il tuo benessere e riducendo i consumi.

LA TUA VITA MIGLIORE, IL TUO LAVORO MIGLIORE...

CHE ASPETTI? Via Canonica 18 - Pesaro (PU) 61121 | Uff. Amministrativo +39 328 0497660 | Uff. Tecnico + 39 349 3318400 | P.I. 02457470413

55 LIFEXPO www.italenergiasrl.it


EXPOEccellenzeEU LIFE Ambassador

Il Principato di Monaco sposa la causa ambientale, e si presenta a Milano con un Padiglione dai materiali riciclabili, fatto da container e legno coltivato

“IL NOSTRO IMPEGNO PER AIUTARE IL BURKINA FASO” L’Ambasciatore monegasco in Italia, Robert Fillon, ci apre le porte della struttura che in seguito a Expo sarà donata al poverissimo Stato Africano

L

’Expo di Milano in qualche modo si tinge di “sangue blu” grazie al Principato di Monaco, che ha allestito un Padiglione eco sostenibile e si prepara a un semestre importante come quello sull’Alimentazione, investendo molto nel campo marittimo (eccellenza da sempre nella terra dei Grimaldi). E per dimostrare che a Montecarlo il cuore della solidarietà non cessa mai di battere, è stato deciso di donare la struttura realizzata per Expo 2015 a una causa importante, attraverso il Burkina Faso. Il 9 giugno Sua Altezza Serenissima il Principe Alberto farà visita all’Esposizione. Di questo, e di altro, ne parliamo con l’Ambasciatore di Monaco in Italia, sua Eccellenza Robert Fillon, in questa intervista esclusiva. L’Expo è una grande opportunità di dialogo fra i popoli sul tema alimentare, il Principato di Monaco come si è organizzato per questo semestre milanese? Abbiamo costruito un padiglione di 500 metri quadrati e proponiamo un circuito pedagogico e anche ludico per i visitatori di tutte le età sul tema del cibo e dello sviluppo sostenibile. Inoltre abbiamo posto un’attenzione particolare all’oceanica, poiché come Principato di Monaco siamo da sempre impegnati sul campo marittimo, e abbiamo una lunga tradizione nella ricerca scientifica grazie al nostro museo oceanografico. Il mare è veramente il futuro alimentare del mondo, per cui occorre massima attenzione alla pesca scellerata e al poco rispetto verso i litorali. Dopo Expo continueranno le iniziative per sostenere questo progetto? Noi ci aspettiamo che Expo sia un punto di riferimento per il futuro, poi con il nostro padiglione abbiamo fatto qualche cosa di originale. Una volta terminato il semestre lo doneremo al Burkina Faso, con un’azione di cooperazione internazionale, per farlo diventare un centro di formazione in uno dei villaggi di quoto poverissimo stato africano.Tutto ciò sarà possibile anche grazie all’aiuto della

56

LIFEXPO

T

di Andrea Iannuzzi

he Milan Expo is tinged with “blue-blood”, thanks to the Principality of Monaco, which has set up an eco-sustainable Pavilion around the thems of the nutrition and the safeguard of protected marine areas. Excellence and Solidarity are the main guidelines in every Monte Carlo activity so at the end of Expo, the Monaco Pavilion will be dismantled and sent to an aid project of the Red Cross in Burkina Faso. On June 9, His Serene Highness Prince Albert will visit the Exhibition. We meet the Monaco Ambassador to Italy, His Excellency Robert Fillon, for an exclusive interview. Expo is a great opportunity to promote people-to-people dialogue on the theme of food and sustainability. How has the Principality of Monaco organized its participation at Expo? We have built a 500 square meters pavilion and we propose a learning and pedagogic pathway on the theme of solidarity, environmental protection and the growth of a green economy. We also paid special attention to the oceanography because we have always been concerned with the maritime field, and we have a long tradition in scientific research with our Oceanographic Museum. The Sea is the key resource to feed the planet in the future. We need to concentrate on themes like coastal defense and protection of the marine environment. How will you support this project at the end of Expo? We hope that Expo will be a landmark for the future. Also we did something original with our pavilion. the Monaco Pavilion will be dismantled and sent to an aid project of the Red Cross in Burkina Faso with an international cooperation action. It will become a training center in one of the villages of this african state. The Pavilion message is environmental protection, but


Croce Rossa Monegasca. Il vostro Padiglione è stato costruito con un messaggio di salvaguardia ambientale, ma Montecarlo è anche conosciuta per essere molto cementificata, Come mai questa contraddizione? Il Padiglione di Monaco qui a Expo è il frutto del nostro impegno sull’ambiente, voluto fortemente dal Principe Alberto che da sempre sostiene tutte le iniziative di sviluppo sostenibile. E’ un impegno molto importante, perché abbiamo investito tanto su questa fantastica struttura, e sulle iniziative internazionali che ne scaturiranno, per cui ci teniamo a farle conoscere il più possibile. Verrà smantellato quindi dopo l’Esposizione? Verrà smontato e trasportato via terra e via mare per essere rimontato, come dicevamo, in Burkina Faso. Solo il tetto verrà ricostruirò con pannelli solari. Quali sono oggi i rapporti tra l’Italia e il Principato? I rapporti sono sempre stati molti stretti. Recentemente abbiamo firmato un accordo fiscale e pensiamo di fare ancora di più nel campo culturale e nella relazione tra i popoli. Anche Montecarlo ha deciso di abolire il segreto bancario seguendo le normative europee. Non pensa che ci sarà una fuga di investitori e imprenditori? Penso al contrario che ci sarà una riorganizzazione dell’economia. Noi dobbiamo essere sullo stesso livello degli altri Paesi e dobbiamo dimostrare la nostra eccellenza in quello che facciamo. Anche se il Principato non fa parte dell’Unione Europea c’è una negoziazione in corso con la Ue. Fra pochi giorni il Principe Alberto sarà in visita all’Expo. Secondo lei cosa dirà sui temi dell’Esposizione Universale? Il Principe sarà presente per la nostra giornata nazionale il 9 giugno. I suoi messaggi sono già contenuti nel percorso tematico del nostro padiglione. In generale credo che farà riferimento allo sviluppo sostenibile nel campo del cibo, in proiezione della conferenza sul clima che si terrà a Parigi alla fine dell’anno. Sarà per noi una tappa importante nel campo dello sviluppo e dell’alimentazione. Montecarlo è conosciuta anche per il suo impegno nel campo della beneficenza. Per la tragedia in Nepal come vi siete mossi? Il Governo Monegasco ha subito donato una somma importante dopo il terremoto. Poi sul posto c’era una squadra di Monaco che ha fatto tutto il possibile per dare sostegno alla popolazione locale. Tornando a Expo cosa vi aspettate in termini di visitatori? Expo in generale prevede 20 milioni di visitatori, noi ce ne aspettiamo almeno un milione. Per noi sarebbe un successo e credo che ce la faremo. Lei è ambasciatore in Italia da diverso tempo, che rapporto ha con Roma e con la nostra Nazione? Amo l’Italia in tutti i campi. Roma in particolare è un luogo eccezionale e unico al mondo, sono felice di poterla frequentare quotidianamente. Anche Milano è interessante ed è stata una buona idea aver scelto per l’Expo la capitale economica d’Italia.

Monte Carlo is known to be a very cemented city. Why this contradiction? The Monaco Pavilion is the result of our commitment to the environment, strongly desired by Prince Albert who since forever supports all the eco-sustainable development initiatives. It is a very important commitment, because we have invested a great deal of effort on this amazing structure and on the resulting international initiatives, so we want let you know about it as much as possible. So the Pavilion will be dismantled. Yes, as we said. It will be disassembled and transported by land and sea and it will be rebuilt in Burkina Faso. Only the roof will be replaced with solar panels. What are today the relations between Italy and the Principality? We have always been in a close relationship. We recently signed a tax agreement. We plan to do even more in the cultural field and in the relationship between peoples and nations. Montecarlo decided to abolish banking secrecy following the European standards. Do you think there will be an investors and business fled? On the contrary I think that there will be an economic reorganization. We must be at the same level as other countries and we have to prove our excellence. Although the Principality is not part of the European Union, there is an ongoing negotiation with the EU. In a few days Prince Albert will be visiting the Expo. In your opinion, what will he say on the issues of the Universal Exposition? The Prince will be present on June 9 for our National Day. His message is already included in the thematic area of our pavilion. In general I think he will speak about sustainable development in the nutrition field, in view of the climate conference to be held in Paris at the end of the year. For us it will be an important step in the development and the nutrition. Monte Carlo is known for its commitment in charity. What have you done for the tragedy in Nepal? The Government of Monaco donated a substantial sum after the earthquake. Then we supported the local people through the deployment of an expert team on site. What do you expect in terms of visitors? Over 20 million visitors are expected at Expo Milano. We expect at least one million visitors in our pavilion. For us it would be a success and I believe that we will succeed. You are Ambassador to Italy for some considerable time. Which is your relationship with Rome and with our nation? I love Italy in all areas. Roma is a great city and a unique place in the world. I’m very happy to experience it daily. Milan is also an interesting city. It was a great idea to held the Expo in the economic capital of Italy.

“Verrà smontato e trasportato via terra e via mare per essere rimontato in Burkina Faso. Solo il tetto verrà ricostruirò con pannelli solari”

Padiglione del principato di Monaco

LIFEXPO

57


LIFE GREEN Ambassador Economy

L’esposizione universale di Milano passerà alla storia anche per essere la prima con certificazione di sostenibilità energetica e ambientale

EXPO, UN EVENTO IN SALSA GREEN CHE GUARDA AL FUTURO Un esempio? I padiglioni saranno tutti smontati e riutilizzati. Un’iniziativa a cui hanno aderito tutti i Paesi partecipanti alla fiera di Leonardo Militi

S

arà la parola “sostenibilità” che ritroveremo in ogni luogo e azione di questa esposizione universale. Un vocabolo entrato ormai nel dizionario comune, sinonimo di scelte compatibili con i valori dell’ambiente e di una gestione più intelligente e responsabile delle risorse a disposizione. Non si tratta di “risparmiare” (è proprio dando un significato superficiale a questa parola che spesso si conducono azioni “insostenibili”) ma di intraprendere scelte più “smart” per il nostro avvenire, spostando in alto gli obiettivi di benessere e qualità della vita; pensando soprattutto alle future generazioni. Riuscirà allora l’Expo a “frenare” l’avvento di quel fatidico 2030 quando (e non si tratta ormai più di teorie apocalittiche) avremo bisogno dell’equivalente di due pianeti come la Terra per sostenere lo sviluppo umano e fornire acqua e cibo all’intera popolazione mondiale? Le premesse per farcela ci sono tutte perché, ed è questa la prima buona notizia, “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” sarà la prima esposizione universale a poter esibire una certificazione per la sostenibilità. Questo perché un autorevole ente come la norvegese DNV GL (fondazione indipendente fondata a Oslo) ha riconosciuto l’evento dotato dei requisiti necessari per aggiudicarsi tale attestato, basandosi su un sistema formalizzato e riconoscibile di analisi e gestione dei temi che ruotano attorno al concetto di sostenibilità. Non era mai successo prima d’ora, se non alle recenti Olimpiadi di Londra del 2012. Ma cosa significa in concreto? Stiamo infatti parlando di un’operazione colossale, molto energivora: un sito espositivo grande come 150 campi da calcio messi assieme, aperto al pubblico tutti i giorni, con 29 milioni di persone attese, 1200 aziende impegnate nella fornitura di

58

LIFEXPO

S

ustainability: this word will be the core theme. It runs through all the events and actions organized within the Universal Exhibition. A word, by now, used in the common language. Synonymous with values and choices compatible with the sustainable and responsible management of natural resources. Saving is just a summary meaning that often leads unsustainable actions. We need to make conscious political choices, develop sustainable lifestyles and use the best technology to create a balance between the availability and the consumption of resources to guarantee a future for the generations to come. Will then Expo win the challenge to generate a real and effective changeon this major issue which impact everyone? Will the desired awarenessstop the advent of the apocalyptic theories predicting that if current consumption trends continue, by the 2030s, we will need the equivalent of two Earths to support human development and provide food and water to the population? The premises to succeed are there. The first good news is that “Feeding the Planet, Energy for Life” is the first Universal exposition with a certification for Sustainability. The certification was issued to Expo 2015 by the third party certification entity DNV GL , a Norwegian indipendent leading global provider of services certification and verification that enables organizations to enhance the security and sustainability of its activities. It is the first time that a Universal Exposition Organisation has developed a formalized and recognizable system for analysis and management of sustainability issues. Only the London Olympics of 2012 achieved it first. But what does this actually mean? We are speaking about a huge task , very energy-consuming: an exhibition site as large as 150 football fields, open to the public every day, 29 million people expected, 1200

Non si tratta di “risparmiare”, ma di intraprendere scelte più “smart” per il nostro avvenire


> Il Padiglione Austria a Expo 2015

LIFEXPO

59


LIFE GREEN Ambassador Economy beni e servizi e ben 53 padiglioni costruiti dai paesi partecipanti. E sta proprio nella caratteristica comune a tutti i padiglioni, parlando di sostenibilità, la chiave di svolta di Expo2015! A eccezione del padiglione Italia (edificio comunque ad alta efficienza energetica) saranno tutti smantellati e riciclati! Il settore delle costruzioni nel mondo assorbe dal 30 al 40 per cento dell’energia prodotta. Esso si serve proprio delle più importanti materie prime come l’acqua, la terra, il legno: generando un numero impressionante di rifiuti e contribuendo fino al 35% alle emissioni di CO2 a livello globale. Ecco perché l’organizzazione di Expo2015 ha posto come vincolo ai paesi partecipanti per il proprio ingresso alla kermesse, che gli edifici espositivi avessero un ciclo di vita sostenibile: ciclo che dopo la progettazione e la costruzione, prevede lo smantellamento e il riutilizzo dell’intera struttura. Progettare un edificio avendo in mente il suo “smontaggio”, minimizzando il rischio di impatto sull’ambiente (come l’interramento dei rifiuti) è stata una delle più grandi sfide di sostenibilità che l’esposizione ha dovuto affrontare. La visita ai diversi padiglioni potrà essere fatta anche in quest’ottica: andando a caccia e apprezzando le scelte architettoniche e a impatto zero più furbe e originali. Per godersi la festa, ma cercare anche di fare tornare tutto come prima e… meglio di prima.

companies engaged in the supply of goods and services and 53 pavilions built by the participating countries. Talking about sustainability, the key point of Milan Expo project has been the sustainable solutions aim for all the self-built participants spaces. A common feature for all the pavilions that will be dismantled and reused after the Exhibition. With the exception of the Italian building - an energy-efficient construction. Today the building sector accounts for 30 to 40 percent of the world’s energy consumption. It uses raw materials, water, land and generates waste, contributing to current world CO2 emissions for 25 to 35 percent. That’s why Expo General Rules for the realisation of Universal Expositions include dismantling of the temporary buildings and restoring the site to its original state at the end of the Exhibition. The Participants were required to design and realise buildings that are temporary but all sustainable with regard to the principles of low environmental impact and to the life-cycle of materials and components. This is one of the greatest challenges the Universal Exhibition has faced. In this unique context it is a great educational opportunity to increase awareness about the issue of sustainable and recyclable materials and low-impact energy sources. So enjoy the party: visit this sought-after futuristic architecture area to the discovery of the best, clevere and original contruction solutions.

AUSTRIA, IL PADIGLIONE VERRÀ “MANGIATO”

Il padiglione austriaco progettato da Penda e Alexander Daxböck sarà “costruito e mangiato” dai visitatori

U

che pianteranno e raccoglieranno il cibo utilizzato nel ristorante interno

n padiglione in continua trasformazione, come un grande organismo vivente, quello preparato dall’Austria per l’Expo2015. L’edificio cambierà infatti forma e contenuto durante tutti i sei mesi di apertura. I designers di questa opera, dichiara lo studio di architettura che lo ha ideato (Penda, in collaborazione con Alex Daxböck) saranno gli stessi visitatori: invitati all’ingresso a interrare piante aromatiche biologiche di alta qualità (l’Austria ne detiene il mercato mondiale in proporzione alle sue ridotte dimensioni) che diventeranno, trascorsa qualche settimana, i freschissimi ingredienti del ristorante posto termine del percorso. La struttura, intitolata “Naturalmente vostro”, è in definitiva una rappresentazione del ciclo vegetale: con le sue fasi di semina, crescita, raccolto e consumo, agite e vissute dagli stessi visitatori.

60

LIFEXPO

T

he Austrian Pavilion is like a beautiful living organism in constant transformation. It will change scenery and content during the six months Exposition.

The pavilion inventor Penda Achitecture Studio (in collaboration with Alex Daxböck) explains that the designers of this installation will be the visitors. At the main entrance, guests are invited to plant organic aromatic herbs which will become the freshest ingredients of the Austrian restaurant. The structure, entitled “Naturally yours”, is a representation of the vegetative cycle. The planting, the growing, the harvesting and the consumption will be experienced by the visitors.


LIFEXPO

61


di Carola Moncada

trends

I colori di Expo Milano 2015, dal giallo al blu, dal magenta al verde, esplodono per le strade di Milano come le tendenze legate a questo evento. Scopriamole insieme

MASCOTTE

Infine la Mascotte di Expo Milano 2015, disegnata da Disney Italia, chiamata Foody. Il nome è stato scelto dai bambini che hanno partecipato al concorso per le scuole nel 2013. Un unico personaggio composto da frutta e verdura a cui si affiancheranno 12 elementi: Josephine la Banana, Piera la Pera, Rodolfo il Fico, Gury l’Anguria, Manghy il Mango, Pomina la Mela, i Rap Brothers, Guagliò l’Aglio, Arabella l’Arancia, Max Mais, Chicca la Melagrana e Juliennela Zucchina, che faranno da guida a tutte le attività rivolte ai più piccoli durante il salone. Ognuno con caratteristiche e personalità diverse, agiscono come veri e propri personaggi. Essi rappresentano i vari paesi presenti a Expo 2015 e nello stesso tempo racchiudono il significato intrinseco della manifestazione: il cibo, fonte di vita ed energia. La notorietà di Foody e dei suoi amici ha dato vita nei canali Disney a una divertente serie animata in cui Foody, a cui Claudio Bisio presta la voce, e i suoi amici raccontano storie divertenti incentrate su temi alimentari di Expo 2015. Finally, the Mascot of Expo Milano 2015 has been designed by Disney Italy. His name is Foody. Children participating in a 2013 school contest named it. Foody is a family of 12 elements (fruits and vegetables): Guagliò, the Garlic - Arabella, the Orange - Josephine, the Banana - Gury, the Watermelon - Pomina, the Apple - Max Maize, the Blue Corn - Manghy, the Mango - Rodolfo, the Fig - Piera, the Pear - Rap Brothers, the Radishes - Chicca, the Pomegranate, who will guide you to all the children activities during the Exhibition. Each having their own unique personalities: real characters in their own right. Foody also stands for community, diversity and food in the broadest sense, as a source of life and energy . Foody and his friends will be part of a Disney animated series. Claudio Bisio will be the voice actor for Foody. Discover their extraordinary adventures for a real feast of fun on Disney Channel. The show presents funny and unexpected stories that convey important messages related to the theme of Expo Milano 2015

Special Ambassador di Expo Milano 2015 è Giorgio Armani, Presidente e Consigliere delegato del Gruppo Armani, azienda leader moda e lusso. Il 30 aprile 2015 ha celebrato i 40 anni di attività della Maison con un grande evento, in cui è stato inaugurato il nuovo spazio espositivo Armani/Silos. The Special Ambassador of Expo Milano 2015 is Giorgio Armani. President and Chief Executive of the Armani Group - the fashion and luxury leading company. On April 30, He celebrated a 40-years career with a big event: the opening of the new exhibition space Armani / Silos.

Mentre Cruciani C, sponsor ufficiale di Expo Milano 2015, celebra l'evento italiano più importante dell'anno con un esclusivo braccialetto con il logo e i colori ufficiali della manifestazione. While the official sponsor of Expo Milano 2015 Cruciani C, celebrates the most important Italian event of the year with a unique bracelet with the colors and logo of the event.

62

LIFEXPO

MODA


ARTE Arts & Foods. Rituali dal 1851, a cura di Germano Celant, si terrà alla Triennale di Milano dal 9 aprile al 1 novembre 2015. Grazie a questa mostra, il cui allestimento è stato curato dallo Studio Italo Rota, si cercherà di documentare gli sviluppi e le soluzioni adottate per relazionarsi al cibo, dagli utensili di cucina ai rituali del cibo, dalla tavola imbandita al pic-nic, dai bar e ristoranti agli edifici adibiti alla produzione del cibo. Arts & Foods. “Rituali dal 1851”, a cura di Germano Celant, si terrà alla Triennale di Milano fino al 1 novembre 2015. Grazie a questa mostra, il cui allestimento è stato curato dallo Studio Italo Rota, si cerca di documentare gli sviluppi e le soluzioni adottate per relazionarsi al cibo, dagli utensili di cucina ai rituali del piatto, alla tavola imbandita a pic-nic, dai bar, ai ristoranti e agli edifici adibiti alla produzione alimentare.

Come nelle migliori favole, la svizzera ha creato un Padiglione da mangiare e saranno proprio i visitatori a decretarne la durata. Si accede al padiglione mediante ascensori, che lasceranno i visitatori in una grande piattaforma aperta con quattro torri visibili da lontano, riempite di alimenti. I visitatori, una volta arrivati in cima, possono servirsi dei generi alimentari presenti. I quattro prodotti selezionati per le torri sono: l’acqua, il sale, il caffè e le mele, che simboleggiano rispettivamente 4 aspetti della Svizzera: sostenibilità, responsabilità, innovazione e fedeltà alle proprie tradizioni. Le piattaforme si abbassano con lo svuotarsi delle torri, modificando così la struttura del Padiglione. Quanto rimarrà da vedere al visitatore successivo e per quanto tempo, sarà quindi determinato dal consumo e dalla responsabilità personale di ogni singola persona.

PADIGLIONE

As in the best fairy tales, the Switzerland created a "food" pavilion ( very different from the Austrian focusing on the same topic) . The duration of the pavilion will depend on visitors. Elevators will lift the visitors in a large open platform with four towers plenty of food. Once at the top the foodstuffs can be eaten . The selected products are: water, salt, coffee and apples. They symbolize four aspects of Switzerland: sustainability, liability, innovation and fidelity to their traditions. The platforms are lowered with the emptying of the towers, changing the structure of the Pavilion. What will be left to see and for how long? It will depend on the consumers and their personal responsibility.

INTERNET

@AskExpo, il “Social info point” nato dalla collaborazione tra Twitter Italia ed Expo Milano 2015. Il servizio fornisce in tempo reale, in lingua italiana e inglese, le informazioni utili e le soluzioni più pratiche dai luoghi di interesse ai servizi per i visitatori, dall’offerta turistica della città ai servizi di pubblica utilità. Sarà disponibile 7 giorni su 7, dal lunedì al giovedì dalle ore 9.00 alle ore 20.00; venerdì, sabato e domenica dalle ore 9.00 alle ore 23.00 un servizio che in tempo reale, risponderà a tutte le vostre domande in 140 caratteri. @AskExpo is a "Social info point", a collaboration between Twitter Italy and Expo Milano 2015. The service will offer practical information and useful tips to visitors to the Universal Exhibition. Operating in English and Italian, the service will answer visitor question on twitter about places of interest, services for visitors, as well as information on Milan's tourist offer and public service. It will operate seven days a week, from Monday to Thursday from 9.00 am To 8.00 pm and Friday, Saturday and Sunday from 9:00 am to 11:00 pm.

LIFEXPO

63


64

LIFEXPO


CHEF&Chef

> Lo chef Franco Aliberti (28 anni) e la conduttrice Caterina Balivo (35 anni)

Gli importanti temi dell’Esposizione di Milano entrano a gamba tesa nelle ricette dei migliori chef stellati del nostro Paese

L’EXPO IN CUCINA? “DETTO FATTO”

Il popolare Franco Aliberti, cuoco televisivo alla corte di Raidue, ci racconta come interpreta ai fornelli l’appuntamento Internazionale di Nives Concolino

H

a fatto della cucina a scarto zero il suo vessillo, anticipando i principi dell’Expo 2015. Franco Aliberti (30anni), rinomato chef e pasticcere, già protagonista del programma cult Master Chef su Sky e tuttora punta di diamante di Detto Fatto, condotto su Raidue da Caterina Balivo, svela segreti e specialità della sua arte culinaria, quest’anno proiettata sull’evento milanese. A Lifexpo ripropone anche una delle sue esclusive ricette, il cake di banane. Maestro, cosa vuol dire “scarto zero”? Significa saper utilizzare e trasformare il più possibile anche quelle parti del prodotto, che di solito scartiamo. Bisogna imparare a spre-

T

he symbol of his cuisine is Zero Waste. Franco Alimberti (30 year old) anticipated the key trends of Expo 2015. He is a renowned chef and pastry cook, former star of the cult Master Chef Show on Sky . The star of “Detto Fatto” Show hosted by Caterina Balivo, reveals secrets and specialties of its culinary art. On this page Lifexpo also recommend to you an Alimberti’s Banana Cake recipe. What does “zero waste” mean? It means being able to use and transform, as much as possible , also those parts of the product we usually discard. We

LIFEXPO

65


care il meno possibile, usando ogni alimento, non solo nella sua parte più nobile, ma nella sua interezza. E’ una filosofia che va oltre le mode? Si, sta alla base della mia cucina, tant’è che dietro a ogni ingrediente c’è uno studio approfondito! Prendiamo per esempio il pomodoro. Io uso tutto, anche i semi che di solito la gente butta via. Asciugati, si sottopongono a sabbiatura, tecnica da pasticcere, per poi usarli come un croccantino amarognolo-acidulo nel dolce, in particolare sul gelato fatto con il basilico. Con la foglia si fa invece un infuso alcolico che, unito a uno sciroppo di zucchero, serve a fare una sorta di limoncello, ma al pomodoro. Niente sperperi e cibo sano nel rispetto del pianeta e dei suoi equilibri? Certo. E questo avviene con tutto, anche con le bucce di patata usate in tempo di guerra. Lavate e fritte sono buonissime, si possono tostare in forno, messe in acqua se ne può fare un estratto da usare per la pasta e le patate stesse. Il discorso vale anche per alcune lische del pesce, non molto grosse. Ripulite si mettono in forno, si friggono e diventano delle patatine. Io le uso per fare il dolce Alice nel Paese delle meraviglie. Volendo si utilizzano anche la teste per aromatizzare l’olio che serve a fare la maionese di pesce. In linea con l’Expo, basta sprechi anche per garantire cibo a tutti i popoli! Senza dubbio. Una ricerca, effettuata in Italia negli anni del consumismo, ci dice che sono state buttate via tante tonnellate di cibo, da sfamare il terzo mondo. Un’incoerenza inconcepibile.

“Una ricerca, effettuata in Italia negli anni del consumismo, ci dice che sono state buttate via tante tonnellate di cibo, da sfamare il terzo mondo. Un’incoerenza inconcepibile”

have to learn to waste as little as possible, using each food entirely not only its fine part. Is this a philosophy that goes beyond fashion? It is the basis of my cooking, each ingredient is the result of a detailed study! For example the tomato. I use the whole fruit, even the seeds that usually people throw away. Dried, They undergo a sandblasting ( pastry technique) and then I used them on desserts as a bitter-sweet crunchy, especially on the ice cream made with basil. An alcoholic infusion is obtained from the leaves. The leaves combined with sugar syrup are used to make a sort of limoncello. No more waste and healthy food respecting the planet and his balance? Sure. And It happens with everything, even with the potato skins used in war-time. They are very good washed and fried, or roasted in the oven. If you put them in the water you can have an extract for pasta and potatoes. With the fishbones (the small one) you can have chips. Clean them up and put them in the oven. I use them to make the dessert Alice in Wonderland. If you want you can also use the fish head to flavor the oil used to make mayonnaise. No more waste also to ensure food to all the world! No doubt. According to a research carried out in Italy during the consumerism years. tons of food discarded could have fed the Third World. Inconceivable inconsistency! When did you start the cooking adventure?

66

LIFEXPO

> Lo chef stellato Franco Aliberti


> Lo chef stellato Franco Aliberti

LIFEXPO

67


Cake alle banane Ingredienti

250 g di polpa di banane (3 banane) 150 g di zucchero di canna 125 g di latte intero 60 g di burro 1 uovo intero 250 g di farina 00 12 g di lievito chimico Un pizzico di sale 3 bacche di cardamomo

Preparazione:

Riporre le banane intere nel forno a 90° per circa 30 minuti. In questo modo la polpa interna pastorizza e resta morbida e perfettamente matura, e non ha più l’effetto pastoso. Scaldare il latte con lo zucchero di canna e le bacche di cardamomo, lasciar raffreddare e filtrare. Frullare le banane con lo zucchero ed il latte. Unire le uova intere, il burro fuso tiepido e, quindi, la farina setacciata con il lievito. Miscelare brevemente, unire il pizzico di sale. Versare il composto in una tortiera quadrata ad un’altezza di 3 cm. Infornare a 170°C fino a completa cottura 25 min.

Quando è cominciata la sua avventura ai fornelli? Conseguito il diploma all’Istituto alberghiero, sono andato a Parigi da Alain Ducasse (primo chef dell’Hotel de Paris di Montecarlo) per apprendere l’arte e forgiarmi con il rigore della scuola francese. Di seguito, in Italia, ho collaborato con Gualtiero Marchesi all’Alma, per poi trascorrere quattro anni nelle cucine di Massimiliano Alajmo a Le Calandre. Nel 2012 sono poi stato all’Osteria Francescana di Massimo Bottura e ora mi trovo all’Evviva a Riccione. Lei è nato pasticcere? Si, sono diventato cuoco in un secondo momento. Ritengo questo passaggio fondamentale, basti pensare che i più grandi chef del mondo sono stati prima pasticceri, arte che impone specifiche regole ed etica. Dal 2013 in Rai è ospite della Balivo, è stata mai la sua musa ispiratrice? E’ la mia consigliera segreta. Conosce molto bene il suo pubblico per cui spesso le chiedo dei consigli sulle ricette. Lavorando con rigore professionale, umiltà ha conquistato anche dei premi. Ne citiamo alcuni? Ho ricevuto due volte il Premio Identità Golose, nel 2010 come “Miglior Chef pasticcere d’Italia” e due anni dopo come “Miglior chef Vent’anni 2012”. Ho poi ricevuto il premio Sole 24 ore “Il miglior chef pasticciere” d’italia 2011.

68

LIFEXPO

I attended the Istituto Alberghiero then I went to Paris to Alain Ducasse (head chef of the Hotel de Paris in Monte Carlo) to learn and train the French school rigour. In Italy, I worked with Gualtiero Marchesi at Alma, then I spent four years working for Massimiliano Alajmo at Le Calandre restaurant . In 2012 I worked at the Osteria Francescana of Massimo Bottura and now I’m working at the Evviva Restaurant in Riccione. Do you start as a pastry cook? Yes, I became chef at a later stage. I believe this is a key passage considering that the greatest chefs in the world were first pastry chefs. An art imposing specific rules and ethics. From 2013 you are guest at the Balivo Show. Is she your inspirer muse?? She is my secret counselor. She is very familiar with her audience so often I ask her advice on the recipes. High professional standard and humility won you some prizes. Just to name a few? I received twice the Identità Golose Award in 2010 as “Best Pastry Chef of Italy” and two years later for “Best chef Vent’anni 2012”. In 2011 I received the Sole 24 ore Award “The best pastry chef of Italy” .


EVENTIOutExpo

PARTY LUCA PAOLOROSSI & NEW OPENING SHOW ROOM DRH FASHION New showroom, Via Ennio 6/A Milan

LIFEXPO

69


LIFE EXPOSvago Ambassador

In scena all’Open Air Theatre, uno degli show collaterali più amati dal pubblico

IL CIRQUE DU SOLEIL CONQUISTA ANCHE L’EXPO CON LO SPETTACOLO “ALLA VITA!” Sarà possibile assistere a questo evento solo nel semestre dell’Esposizione, in seguito non sarà replicato

di Federico Zanoli

A

Alla Vita!”, lo spettacolo del Cirque du Soleil creato appositamente per l’Expo di Milano ha già incantato tutti. La storia si articola in 14 atti che combinano l’arte del circo contemporaneo con il teatro, la danza e le esibizioni dei pagliacci. La trama, su specifica indicazione degli organizzatori, è stata ispirata dal tema dell’Esposizione Universale, “Nutrire il pianeta, energia per la vita” e narra di un ragazzino che riceve in dono un seme magico dalla nonna, dal quale appare un amico immaginario che lo guida in un viaggio favoloso. Lo spettacolo, come ha spiegato il presidente eventi e progetti speciali del gruppo Cirque du Soleil, Yasmine Khalil, sarà visibile unicamente durante l’Expo: “Finita la permanenza all’evento non verrà mai più replicato da nessuna parte”. Questa fiaba dallo sfondo italiano unita allo stile del Cirque sta affascinando tutti gli spettatori che hanno già assistito all’esibizione, come del resto ci si aspettava visti i successi inanellati dalla compagnia in questi ultimi anni. “Uno show straordinario, ancora più bello di quanto potessi immaginare”, è stato il commento del commissario di Expo, Giuseppe Sala.

70

LIFEXPO

T

he Cirque du Soleil created a show exclusively for the Expo site. The show has already charmed all. Combining theater, dance, clowing and humor , the Cirque du Soleil has created an exciting event involving the company in fourteen acts. The story is keyed on the themes addressed by Expo Milan, “Feed the planet, Energy for life”. “ALLAVITA!” tells the story of a child who is given a magic seed by his grandmother, from which an imaginary guide appears and takes him on a magical journey. The show - said Yasmine Khalil, President of Events and Special Projects, Cirque du Soleil Group, will be visible only during the Expo: “The show will never be performed anywhere.” This tale combine the Italian style with the creativity of Cirque du Soleil enchanting the spectators , thanks to the huge successess they clinched through the years. “Such an extraordinary show, even more beautiful than I’d imagined,” said Giuseppe Sala, CEO Expo 2015. The choise of Cirque du Soleil seems to be an excellent decision to wipe out the controversy asking to offer a Made in Italy show.


Visto il successo già ottenuto dalla compagnia circense canadese, la scelta di allearsi con un partner che fosse noto al pubblico straniero e che fosse capace di tenere il palco per quattro mesi, sembra essere stata una decisione azzeccata che spazza via le polemiche di chi avrebbe preferito uno spettacolo made in Italy. Anche se, va precisato, sono stati utilizzati, per quanto possibile, tecnici italiani. Non a caso 23 dei 48 artisti sono “tricolore”. “Allavita!” è in scena dal mercoledì alla domenica all’Open Air Theatre, all’interno del sito espositivo, fino al 30 agosto. I biglietti vanno da 25 a 35 euro a seconda del posto scelto. The Cirque du Soleil is one of the most famous artistic companies on an international level producing shows that are disegned to be unique. It will collaborate with italian technical experts and highly specialized logistics, including artist. Italy will play a fundamental part within the show. In fact, a large part of the artists are italians (23 in a total of 48). “ALLAVITA” will be performed at the Open Air Theatre San Carlo , on the exposition site, every Wednesday through Sunday, until August 30. Tickets range from 25 to 35 euro depending on the seats.

LIFEXPO

71


72

LIFEXPO


EX...PO DI CUCINA

Tanti libri per stare ai fornelli in modo semplice e nel rispetto dell’ambiente, con cibi sani e nutrienti

D

a Expo alla cucina. Sono sempre più numerosi in libreria i volumi dedicati al mangiare bene e sano, a partire dal momento della spesa. Per capire bene che cosa nascondono le etichette dei prodotti c’è “Le bugie nel carrello” (ed. Chiarelettere) di Dario Bressanone, autore anche di “Pane e bugie”, libro di grande successo sulla disinformazione alimentare. Dal Kamut alle patate al selenio, passando per la mortadella naturale, lo scrittore smaschera i luoghi comuni che si possono incontrare al supermercato. Una volta fatta la spesa in modo consapevole, non resta che creare “Alchimie in cucina”. Questo il titolo del libro (ed. Ponte alle Grazie) di cui è autrice la giovane chef Shamira Gatta, che svela procedimenti e tecniche per ottenere il meglio dai cibi e dalle cotture. In cucina la fantasia ha bisogno della scienza, e chi impara a dosarle perfettamente può fare delle autentiche magie. Sempre a proposito di mangiare bene, dal 21 maggio arriva in libreria “#STAIVEGANO” (ed. Corbaccio) di Áine Carlin: cento ricette per scoprire la dieta vegana, prestando attenzione alla salute, al controllo del peso e al rispetto dell’ambiente.

F

rom Expo to the kitchen. A growing number of books are dedicated to healty eating and cooking , from the time of grocery shopping. To Learn to read and fully understand the food labels you can read “Lies in the Cart” (ed. Chiarelettere) by Dario Bressanone. He also wrote “Bread and lies,” a bestseller about misinformation of foodstuff. From Kamut to selenium potatoes and natural mortadella, the writer unmasks supermarket clichés. Once you learned how to do shopping, you just have to create an “Alchemy in the kitchen.” This is the title of the book written by a young Chef Shamira Gatta (ed. Ponte alle Grazie). She reveals practices and techniques to get the best from food and cooking. In the kitchen, the imagination needs science, and those who learn to get the perfect dose can make real magic. On the subject of eating well, “#STAIVEGANO” (ed. Corbaccio) by Áine Carlin will be published on May 21. The book contains one hundred recipes to discover the vegan diet, paying attention to health, weight control and environmental protection.

LIFEXPO

73


g

irovagando

D

urante i sei mesi di Expo nell’area dell’Esposizione Universale sono previsti decine di eventi divisi in quattro filoni: “Le giornate nazionali di Expo 2015”, “Le giornate internazionali di Expo 2015 verso la Carta di Milano”, “Women for Expo” e “Le feste di Expo 2015”. Si tratta di momenti in cui i Paesi partecipanti celebrano la loro presenza all’Esposizione, con autorità e personalità ufficiali, ma anche con tutti i visitatori per condividere tradizioni, saperi e cibi. Ancora top secret le partecipazioni dei Capi di Stato e di Governo ma, intanto, sono state fissate le date delle varie giornate. Il 10 giugno in primo piano sarà la Russia, a questa giornata dovrebbe partecipare Vladimir Putin. Il 4 luglio, l’Indipendence Day, saranno di scena gli Stati Uniti e si prevede che possa partecipare Michelle Obama, mentre il 21 giugno Francois Hollande dovrebbe intervenire alla Giornata nazionale della Francia. Si parte con la Giornata dell’Europa il 9 maggio, passando per la giornata internazionale delle famiglie, il convegno dell’organizzazione mondiale degli agricoltori il 3 giugno, e gli appuntamenti sulla lotta al lavoro minorile, la giornata mondiale degli indigeni, il forum dei ministri della Cultura e il Nelson Mandela International Day. Dal 13 maggio fino al 30 agosto sarà anche possibile assistere allo spettacolo che il Cirque Du Soleil ha realizzato in esclusiva per l’Esposizione Universale, da mercoledì a domenica nell’affascinante cornice dell’Open Air Theatre. Tutti gli appuntamenti mirano a conoscere la storia degli alimenti, delle eccellenze gastronomiche italiane e dei paesi partecipanti, attraverso un viaggio non solo del palato. Assolutamente imperdibile il 29 maggio la Festa del latte, poi ci sarà la Festa del Pane il 15 giugno, per finire il 20 giugno con “la Notte Bianca del cinema e del teatro” e il 21 con la Festa della Pizza. Fino a ottobre è tutta Milano ad essere coinvolta in un palinsesto di eventi a 360 gradi. Innanzitutto attraverso il progetto “Expo in città”, voluto dal Comune e dalla Camera di Commercio di Milano, ma anche tramite i mille eventi organizzati in locali privati, gallerie d’arte, sale da concerto e piazze cittadine.

74

LIFEXPO

di Federico Zanoli

L

odern typefaces, characterized by consistently horizontal stress, flat and unbracketed serifs, and a high contrast between thin and thick strokes, were the final step in typography’s two-hundred-year journey away from calligraphy. In the late eighteenth century the style was perfected, and became forever associated with two typographic giants: in Parma, Giambattista Bodoni (1740-1813), and in Paris, Firmin Didot (17641836). Didot was a member of the Parisian dynasty that dominated French typefounding for two centuries, and he’s remembered today as the namesake of a series of Neoclassical typefaces that exquisitely captured the Modern style. It is these typefaces that HTF Didot revives. raphic giants: in Parma, Giambattista Bodoni (1740-1813), and in Paris, Firmin Didot (1764-1836). Didot was a member of the Parisian dynasty that dominated French typefounding for two centuries, and he’s remembered today as the namesake of a series of Neoclassical typefaces that exquisitely captured the Modern style. It is these typefaces that HTF Didot revives.raphic giants: in Parma, Giambat tista Bodoni (1740-1813), and in Paris, Firmin Didot (1764-1836). Didot was a member of the Parisian dynasty that dominated French typefounding for two centuries, and he’s remembered today as the namesake of a series of Neoclassical typefaces that exquisitely captured the Modern style. It is these typefaces that HTF Didot revives. raphic giants: in Parma, Giambattista Bodoni (17401813), and in Paris, Firmin Didot (1764-1836). Didot was a member of the Parisian dynasty that dominated French typefounding for two centuries, and he’s remembered today as the namesake of a series of Neoclassical typefaces that exquisitely captured the Modern style. It is these typefaces that HTF Didot revives. raphic giants: in Parma, Giambattista Bodoni (1740-1813), and in Paris, Firmin Didot (1764-1836). Didot was a member of the Parisian dynasty that dominated French typefounding for two centuries, and he’s remembered today as the namesake of a series of Neoclassical typefaces that exquisitely captured the Modern style. It is these typefaces that HTF Didot revives.


anche attraverso il nutrimento dello spirito. Cinque scultori italiani saranno chiamati a interpretare questa tematica con le loro opere: Gianni Caravaggio, Loris Cecchini, Pino Deodato, Chiara Dynys e Giuseppina Giordano (fino al 17 luglio).

LE GIORNATE INTERNAZIONALI Le Giornate internazionali iniziano il 3 maggio con il Turkmenistan per passare alla Svizzera il 18 e al Montenegro il 21. Fissata per il 9 maggio, in occasione della Festa dell’Europa, la giornata dedicata al Vecchio Continente nell’ambito delle giornate internazionali. Il 4 e 5 giugno si terrà il Forum Agricolo Internazionale e l’8 giugno il “World Oceans Day”.

CHILDREN PARK Uno dei padiglioni dell’Expo è dedicato ai bambini. Uno spazio speciale, tra natura, sperimentazione e, ovviamente, tanto gioco. Esseri umani, piante, animali, ognuno in relazione con l’altro, ognuno corresponsabile del destino dell’altro per far capire anche ai più piccoli come si relazionano gli esseri viventi e scoprire giocando il concetto della sostenibilità del Pianeta.

CIRQUE DU SOLEIL Colori, acrobazie, trucchi, danza e costumi. E poi tanta musica, teatro, giocoleria. Le serate di Expo saranno animate dallo spettacolo ALLAVITA!, realizzato in esclusiva dal Cirque du Soleil, che andrà in scena da maggio ad agosto nell’Open Air Theater. Sin dai suoi esordi, nel 1984, circa 150 milioni di spettatori in oltre 300 città di sei continenti si sono lasciati emozionare dal Cirque du Soleil: ora i visitatori di Expo Milano 2015 avranno a disposizione uno spettacolo unico, emozionante e avvincente.

EXPO GATE

PAC PAD. ARTE CONTEMPORANEA Una storica mostra sul lavoro di David Bailey, uno dei fotografi più illustri al mondo, che ha dato un contributo eccezionale alle arti visive, creando ritratti fantasiosi e sempre stimolanti di soggetti e gruppi, catturati nel corso degli ultimi cinque decenni: molti di loro famosi, alcuni sconosciuti, tutti coinvolgenti e memorabili. Oltre ad includere nuovi lavori, la mostra conterrà una grande varietà di fotografie di Bailey, frutto di una carriera che ha attraversato più dimezzo secolo.

Dal 19 giugno ogni giovedì, dalle 19.00 alle 22.00, giovani talenti della console dello Spazio Sforza saranno coinvolti dallo storico dj milanese Stefano Fontana in un luogo di contaminazione e scoperta musicale. Sempre all’Expo Gate anche il Festival MITOFringe con il concerto dei Colpi Repentini il 7 giugno, il 14 la Chorus Band e il 21 il quartetto Quattrottave

DUOMO TRIENNALE Mostra ‘Arts & Foods’, curata da Germano Celant, costituisce l’unico padiglione di Expo fuori dall’area dell’Esposizione universale. Settemila metri quadrati con 2 mila opere provenienti da musei e collezioni di tutto il mondo. La mostra disegna un percorso attraverso le arti che hanno trattato il cibo. Ad Arts & Foods si affianca la rassegna Cucine & ultracorpi , dedicata all’ambiente in cui viene preparato il cibo nelle case di tutto il mondo.

FONDAZIONE A.POMODORO “Il pane e le rose”, mostra a cura di Marco Meneguzzo, puntando sulla peculiarità tutta italiana di un’attitudine artistica capace di trasformare l’idea in metafora visiva, METTE in evidenza la necessità di “nutrire il pianeta”, tema di Expo2015,

Sculture d’arte contemporanea fra le guglie millenarie. La Veneranda Fabbrica del Duomo ha messo a punto una serie di eventi ed attività culturali fra cui la mostra Paradosso con l’installazione delle opere dello scultore inglese Tony Cragg sulle Terrazze del Duomo di Milano. È la prima volta che le Terrazze del Duomo di Milano ospitano un evento di arte contemporanea e le sculture dal movimento ascensionale di Tony Cragg si ispirano alle guglie e si inseriscono perfettamente nel contesto architettonico spettacolare del simbolo per eccellenza di Milano

LIFEXPO

75


76

LIFEXPO


Da vedere per coloro che vogliono sapere tutto su Expo, è la mostra “EXPONENDO. Prima, dopo, sotto, sopra Expo 2015” al Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia. Ma gli appuntamenti sono tantissimi, dalla mostre su Leonardo e Giotto a Palazzo Reale ai concerti di Piano City fino all’arrivo del Giro d’Italia 2015. Per non parlare della settimana del commercio equo, i concerti in piazza Duomo, le visite guidate tra i gioielli architettonici della città, la Fashion Week, la rassegna MiTo e gli appuntamenti di Cascine Aperte. In particolare, per gli amanti della fotografia da non perdere - tutti i week-end fino al 26 ottobre - gli scatti di sei fotografi selezionati da Giovanni Gastel per la mostra “Gli Ambasciatori del Gusto”, che può essere visitata gratuitamente nel contesto di “Good Food in Good Expo - Ambasciata del Gusto”, il fuoriExpo dedicato al territorio e alla cucina d’autore nell’ex convento dell’Annunciata di Abbiategrasso, nel cuore del Parco del Ticino a 20 minuti da Milano. Dal 19 giugno ogni giovedì, dalle 19.00 alle 22.00, lo spazio Sforza di Expo Gate si trasforma in un luogo di contaminazione e scoperta musicale, una vetrina per giovani talenti della console coinvolti dallo storico dj milanese Stefano Fontana che, col suo progetto Scrunch, sarà headliner delle serate. Ma Milano è prima di ogni altra cosa la città della moda. E anche l’Associazione Montenapoleone, la via dove si concentrano le grandi maison mondiali, non poteva non farsi vetrina. Ecco che da giugno sarà aperta una speciale Vip Lounge su due livelli all’incrocio con via Manzoni, uno dei “lati” più importanti del quadrilatero della moda milanese. Gli amanti del settore non perderanno certo gli appuntamenti fashion in concomitanza con Milano Moda Uomo (16-2 3 giugno), con mostre fotografiche in tema curate dal grande Oliviero Toscani.

raphic giants: in Parma, Giambattista Bodoni (1740-1813), and in Paris, Firmin Didot (1764-1836). Didot was a member of the Parisian dynasty that dominated French typefounding for two centuries, and he’s remembered today as the namesake of a series of Neoclassical typefaces that exquisitely captured the Modern style. It is these typefaces that HTF Didot revives. raphic giants: in Parma, Giambattista Bodoni (1740-1813), and in Paris, Firmin Didot (1764-1836). Didot was a member of the Parisian dynasty that dominated French typefounding for two centuries, and he’s remembered today as the namesake of a series of Neoclassical typefaces that exquisitely captured the Modern style. It is these typefaces that HTF Didot revives. raphic giants: in Parma, Giambattista Bodoni (1740-1813), and in Paris, Firmin Didot (1764-1836). Didot was a member of the Parisian dynasty that dominated French typefounding for two centuries, and he’s remembered today as the namesake of a series of Neoclassical typefaces that exquisitely captured the Modern style. It is these typefaces that HTF Didot revives. raphic giants: in Parma, Giambattista Bodoni (1740-1813), and in Paris, Firmin Didot (1764-1836). Didot was a member of the Parisian dynasty that dominated French typefounding for two centuries, and he’s remembered today as the namesake of a series of Neoclassical typefaces that exquisitely captured the Modern style. It is these typefaces that HTF Didot revives. raphic giants: in Parma, Giambattista Bodoni (1740-1813), and in Paris, Firmin Didot (1764-1836). Didot was a member of the Parisian dynasty that dominated French typefounding for two centuries, and he’s remembered today as the namesake of a series of Neoclassical typefaces that exquisitely captured the Modern style. It is these typefaces that HTF Didot revives. pefounding for two centuries, and he’s remembered today as the namesake of a series of Neoclassical typefaces that exquisitely captured the Modern style. It is these typefaces that HTF Didot revives.

LIFEXPO

77


high society > Andrea Bocelli ha incantato Milano in occasione dell’apertura di Expo 2015

S

arà ricordata come una delle serate più magiche degli ultimi anni. Piazza Duomo, per l’inaugurazione dell’Expo 2015, si è completamente rivestita “da capo a piede” per ospitare uno show da mille e una notte. Paolo Bonolis e Antonella Clerici, perfetti padroni di casa, hanno dato il via ufficiale alle celebrazioni dell’Esposizione Universale sull’Alimentazione con una serie di interventi musicali di Andrea Bocelli (applauditissimo), diversi contributi video per mostrare al mondo intero in anteprima i Padiglioni di tutti i Paesi partecipanti all’evento fieristico, e diverse gag fra i due che sono sfociate anche in polemiche considerando alcune battute poco carine del volto di “Avanti un’altro” verso la primadonna de “La Prova del Cuoco”. Una festa terminata poco dopo la mezzanotte, con l’immagine dell’Albero della Vita illuminato e scroscianti applausi del pubblico. Successo per Raiuno che ha trasmesso in prima serata, e in mondovisione, lo spettacolo con un bel 27% di share. Ottimo risultato per un evento firmato Sandra Bemporad, già capo progetto e produttore esecutivo di tanti Festival di Sanremo rimasti nella storia.

78

LIFEXPO

D

efinitely the Opening of Expo will be remembered as one of the most magical nights in recent years. Piazza Duomo evokated the atmosphere of “A thousand and one nights”. Paolo Bonolis and Antonella Clerici, perfect hosts, gave the official start to the celebrations of the Universal Exposition. Andrea Bocelli successfully performed on stage. Videos showned the preview of the Pavilions of all the participating countries. It was a very pleasant and enjoyable evening with funny jokes and gag between Paolo Bonolis and Antonella Clerici. Although some sarcastic remarks on the presenter of “La Prova del Cuoco” generated a controversy. The party ended shortly after midnight, with the show of the Tree of Life. The event has been a great success for Raiuno. It was broadcasted worldwide, with a 27% of share. An excellent result for Sandra Bemporad ( project manager and executive producer of famous editions of Sanremo Festival) who signed the event.


LIFEXPO

79


LIFEORIENT Ambassador Expo

Da anni il Paese orientale esportava nella Penisola, e in tutto il mondo, i propri prodotti agroalimentari e la sua cucina tipica. Ma ora...

LA CINA APRE LE PORTE AL MERCATO ITALIANO Nascerà ad Hangzhou il Parco delle Eccellenze del Made in Italy, che darà nuova linfa alla Strada della Seta decantata da Marco Polo

di Silvia Santori

S

pesso, tra i popoli, esistono connessioni potenti. Legami impalpabili eppure reali, che avvicinano persone, culture, storie di vita e, il più delle volte, interessi economici. Sono fili sottili che, comunque, resistono al tempo. Esattamente come accade ai fili di seta: apparentemente molto fragili, in realtà quasi indistruttibili. Ed è proprio la cosiddetta Strada della Seta, quel groviglio di percorsi, itinerari e interconnessioni raccontato da Marco Polo, che oggi rivive attraverso un progetto ambizioso,

80

LIFEXPO

O

ften, among the peoples, there are powerful connections. Impalpable bonds that bring people together, and create points of contact in cultures, life stories and economic interests. They are frigile links, however, resisting the time. Just like the silk threads: seemingly very fragile, but almost indestructible. And it is the so-called Silk Road ( tangled paths, routes and interconnections told by Marco Polo), who now lives through an ambi-


il Parco delle Eccellenze Italiane in Cina, che nasce allo scopo di valorizzare il Made in Italy, favorendo l’accesso delle Piccole e Medie Imprese nostrane al vivace mercato cinese. Dopo aver dimostrato a Expo la sua grande e indiscussa capacità di offerta, quindi, il nostro settore agroalimentare (e non solo quello!) va alla conquista del Sol Levante.

tious project, the Park of Italian Excellence in China. It was founded in order to promote the Made in Italy, by promoting Italian Small and Medium entreprises(SMEs) access to the vibrant Chinese market. Our agri-food sector sets out to conquer the Land of the Rising Sun proving its great and undisputed range of products.

La fama dei nostri prodotti ha portato negli anni a fenomeni di emulazione e contraffazione sempre più frequenti

Cos’è il Parco delle Eccellenze Italiane in Cina Il Parco delle Eccellenze Italiane sorgerà su un’area espositiva e commerciale di oltre 87.000 mq ad Hangzhou, snodo commerciale e destinazione turistica del sud est della Cina, distante circa un’ora da Shanghai. Nato dalla collaborazione tra Confimprese NordOvest e la municipalità di Hangzhou, questo centro commerciale squisitamente italiano in territorio cinese, sarà un’importante vetrina per la vendita di prodotti e servizi esclusivamente nostrani. “I prodotti italiani, soprattutto quelli del settore agroalimentare, sono rinomati in tutto il mondo – ha detto l’ambasciatore Umberto Vattani, intervenuto al convegno di presentazione del progetto che si è tenuto a Roma al CNR - E proprio la fama dei nostri prodotti ha portato negli anni a fenomeni di emulazione e contraffazione sempre più frequenti. È nata così un’economia parallela che sottrae quote di mercato ai prodotti genuini italiani, arrecando serio danno alle nostre imprese e

What is the Park of the Italian Excellence in China? The Park of the Italian Excellence will be built on an exhibition area of over 87,000 square meters in Hangzhou (the commercial hub and tourist destination in the southeast of China, about an hour from Shanghai). A collaboration between Confimprese Northwest- Italy and the Hangzhou Municipality. This big Italian shopping centre in the chinese territory, will be an important showcase for the sale of typical italian products and services. “Italian products, especially those in the food industry, are world renowned - said the Ambassador Umberto Vattani, at the conference presenting the project held in Rome at the CNR – In the last years the reputation of our products generated a growing number of counterfeiting and commercial piracy. This parallel economy diverts market shares away from the genuine Italian products, causing serious damage to the italian businesses and deceiving the final consumer (did you hear about the Danish mozzarella or about the Pesto pro-

> Una veduta di Hangzhou (Cina) in cui nascerà il Parco delle eccellenze Made in Italy

LIFEXPO

81


ORIENT Expo

ingannando il consumatore finale (molti avranno sentito parlare, tra gli altri, della mozzarella danese o del pesto prodotto negli Usa)”. Il ruolo del CNR (Centro Nazionale delle Ricerche) … Tutti i prodotti venduti nel Parco delle Eccellenze saranno etichettati, sarà questa una garanzia di autenticità conferita dal CNR che partecipa al progetto, svolgendo una funzione di affiancamento alle aziende italiane. La partecipazione del CNR dà la certezza che quanto commercializzato al Parco delle Eccellenze sia stato effettivamente prodotto nel nostro Paese. Il CNR ha un database con la lista di tutto quello che viene prodotto in Italia: in questo modo si può dare un’immagine vera del nostro Paese e assicurare la qualità dei prodotti esportati. … e quello della Sapienza “Verrà offerto un percorso formativo a 40 italiani e a 40 cinesi, attraverso tirocini e stage organizzati anche dalla Sapienza di Roma – ci ha spiegato il Dottor Roberto Pasca Di Magliano, Presidente Fondazione La Sapienza – I corsi di formazione verteranno su tutte le competenze che rendono nota l’Italia a livello internazionale per le sue eccellenze. Il prodotto italiano, infatti, è legato a cultura e tradizione che ne valorizzano la peculiarità”.

The role of the CNR (National Research Center) ... All products sold in the Park of Excellence will be labeled with The Sigillo Inforamtico. The CNR, involved in the project, will guarantee the authenticity of the products, with the aim to assist companies. Every product sold in the Park will be a 100% Made in Italy. Thanks to the collaboration with local and national authorities the CNR has created The Sigillo Informatico database able to certificate the quality and the origin of local typical italian products in a unique and secure way. The role of Fondazione La Sapienza of Rome “Training programmes organized by the University La Sapienza of Rome will be offered to 40 Italians and 40 Chinese students, through apprenticeships and internships - explained Dr. Roberto Pasca Di Magliano, President of the Fondazione La Sapienza - The training courses will focus on all the skills and expertise for which Italy is well-known and appreciated throughout the world. Italian products are related to the culture and traditions which enhance the value of its peculiarities “.

L’Unione Europea finanzia le imprese italiane

T

The European Union is funding Italian companies

utte le Piccole e Medie Imprese che volessero percorrere questa via della seta fino al Sol Levante e ad Hangzhou, potrebbero ottenere dei finanziamenti dall’Unione Europea. Esistono infatti dei fondi destinati alle imprese che intendano aprire un’attività all’estero. Ne abbiamo parlato con il Dott. Santi Tomaselli, Euro Progettista e responsabile ai bandi di internazionalizzazione di questo progetto, che ci ha spiegato: “Nella Programmazione 2014-2020 viene dedicata molta attenzione in termini di risorse erogate per supportare le PMI nell’Export verso i Paesi Extra Comunitari. Solo il Fondo cosiddetto COSME, infatti, ha destinato circa 2,5 Miliardi di Euro allo scopo di supportare l’Export delle PMI, quindi del Made in Italy, all’estero”. Ma come fa la singola impresa a richiedere i finanziamenti dell’Unione? “Per concorrere ai Bandi Europei, particolarmente complessi sia in termini di redazione che di successiva rendicontazione, bisogna affidarsi a Euro Progettisti come il sottoscritto. In Italia, purtroppo, non siamo in tanti, pertanto le PMI italiane, specie quelle del Sud, si trovano in grande difficoltà nel riuscire a partecipare”. Ottenere un aiuto dall’Europa per allargare il proprio business, dunque, è possibile. Per saperne di più, il contatto di Tomaselli è: tomaselli73@yahoo.it.

82

duced in the US?). “

LIFEXPO

A

ll the Italian Small and Medium enterprises who want to get involved in the Hangzhou project, could obtain funding from the European Union. There are funds targeting companies that intend to expand its activities abroad. We talked with Dr. Santi Tomaselli, European funding and project Designer and in charge of the calls for internationalization, who explained: “In the 2014-2020 programme the SMEs will receive significant resources to support them in the Extra UE Export. The so-called COSMEFund, in fact, has allocated about 2.5 billion euros in order to support the Made in Italy abroad. “ But how to apply successfully for EU funding? “To compete for the European Tenders, a complex procedure, SMEs should rely on Euro designers like me. Unfortunately, in Italy there are not many of us so the Italian SMEs, especially in the South, have great difficulties to participate.” so now It is possible to receive support from Europe to expand businesses. To learn more about it, contact Mr. Tomaselli at : tomaselli73@ yahoo.it.


LIFEXPO

83


Dall’Esposizione mondiale di Shangai nel 2010 a quella di Milano, da poco inaugurata

ANTON GIULIO GRANDE ILLUMINA L’EXPO Il famoso couturier calabrese fra le preferenze di molte signore dell’alta società, presenti agli eventi della fiera

di Grazia Pittorri > Una creazione di AGG. Photo by Massimiliano Boni

84

LIFEXPO


EXPOFashion

I

l Il recupero delle antiche tecniche del ricamo per esprimere il concetto dell’haute couture: questo è il punto fermo delle creazioni in edizione limitata che lo stilista calabrese Anton Giulio Grande ha realizzato in questi anni della sua inarrestabile carriera, che hanno fatto di lui un maestro del Made in Italy. In apertura dell’Expo, il dottor Grande, già presente come ospite d’onore nella passata edizione di Shanghai, ha realizzato alcuni abiti molto particolari che uniscono sia la sartorialità del capo che l’inserimento di alcuni ricami tipici della sua regione d’origine, quale l’antico punto del chiacchierino. Lo abbiamo incontrato in esclusiva per Lifexpo di rientro da una fashion week all’estero e gli abbiamo domandato come sia possibile in questa nostra era della globalizzazione, dei grandi brand fabbricati in serie, riuscire a far emergere il nostro marchio doc. Maestro Grande, lei, oltre a essere uno stilista, è stato anche un professore universitario, nello specifico nella materia di Storia del Costume. Lei conosce le origini dei nostra moda. La storia del vestire non è frutto di improvvisazioni o mere operazioni di marketing, ma come è possibile oggi sopravvivere in questa giungla delle confezioni a poco prezzo e realizzare e vendere capi unici come i suoi? L’amore e la passione che ho per questo lavoro sono il motivo trainante, sono un cultore del bello e dello charme, amo vedere le donne vestite con cura, con capi di alta sartoria e quindi quando creo, non penso al resto, mi concentro solo affinché le mie clienti una volta indossato l’abito siano felici. Lei ha rispolverato alcune antiche tecniche del ricamo, perché? Sono antiche tradizioni che io, da uomo del sud, ho avuto modo di osservare sin da piccolo e fanno parte del mio excursus. Queste tecniche erano usate per lo più per i corredi e sono rinate in alcuni dei miei capi, trasformandoli in abiti preziosi unici e sensuali. Lei è stato più volte paragonato a due grandi nomi della moda italiana e internazionale, Gianni Versace e Valentino, come vive

T

he recovery of ancient embroidery techniques to express the concept of haute couture: this is the mainstay of the limited edition clothing designs made by the Calabrian fashion designer Anton Giulio Grande over the years of his unstoppable career. This made him a Master of the Made in Italy. On the occasion of the Italian Expo, after his attendance at the last Shanghai edition as guest of honor, Dr. Grande has made some very special clothes combining the high-class tailoring with traditional Calabrian embroidery , as such as the ancient stitch called “Chiacchierino”.Exclusively for Lifexpo We met him just back from a fashion week offshore.Wondering how to do to expose our high quality brand in this age of globalization, where the big brands mass–manufacture in series. We asked him few questions. Master Grande is a fashion designer but was also a university professor of History of Costume.He knows the roots of Italian fashion. His Fashion Creations are not based on improvisation or mere marketing operations. Its collections are unique. Master Grande Do you have a formula to survive in this jungle of cheap and low quality clothes? The love and the passion for my job is the driving force. I love beauty and charming, I love smartly dressed women wearing haute couture clothes . When creating I’m focused on my clients. I can’t think of nothing else. My goal is to make them happy when they wear my clothes. You rediscovered some of the old embroidery techniques. Why? I’m a man of the South and since chilhood I watched closely those ancient traditions and They became a part of my cultural background. These techniques were mostly used for brides trousseau and revived in some of my clothes turned into a precious, unique and sensual collection.

LIFEXPO

85


EXPOFashion

questi confronti? Quando nel 1997 iniziai la mia carriera sfilando a Roma molte giornaliste mi paragonarono a Gianni (Versace), calabrese come me, forse per le origini comuni, ma anche perché abbiamo sempre amato entrambi le donne avvolgendole in capi sexy e glamour. Un grande onore per me questo riferimento come quello a Valentino che credo sia per la nostra somiglianza fisica forse. Garavani è il simbolo dell’eleganza mondiale, un’icona internazionale di grande spessore. Lei durante la sua carriera ha ricevuto innumerevoli riconoscimenti, non ultimo il Premio Mediterraneo a Roma presso Villa Miani, ma ha anche consegnato dei sigilli molto particolari come quello alla nota attrice Claudia Cardinale, che emozione ha provato? Un bellissimo ricordo, durante un Festival del Cinema le feci omaggio di un mio scialle interamente ricamato a mano che la signora Cardinale ha indossato con lo charme e la classe che le è propria. Una grande personalità la sua, che ha dato tanto al nostro Paese. Very often You have been compared to Gianni Versace and Valentino - two big names of Italian and International fashion, . What do you think about this comparison? It was a great honor for me. In 1997 when I began my career in Rome many journalists linked me to Gianni (Versace), Calabrian like me, for the common origins but also for the same love we had for sexy and glamorous women. The reference to Valentino was related to our physical resemblance perhaps. Garavani is an international icon, the symbol of feminine elegance worldwide. During your career You have earned many international awards, last but not least the Premio Mediterraneo in Rome at Villa Miani. During the Calabrian Film Festival You awarded the Lifetime Achievement Prize to actress Claudia Cardinale, how did it feel? A wonderful memory, I gifted her a hand- embroidered shawl. Mrs Cardinale wore it with charm and elegance. She is a great personality, who has given so much to our country.

86

LIFEXPO


> Un’altra creazione di AGG

LIFEXPO

87


88


Tutela dell’ambiente Sin dalla sua nascita la STEREOFLEX ha considerato che il tema della gestione corretta dei rifiuti fosse intimamente legato a quello della tutela dell’ambiente e che fosse necessario studiare, con l’evolversi delle forme di consumo, anche soluzioni adatte a ridurre al minimo il loro impatto ambientale. L’azienda collabora da più di 15 anni con la Novamont SpA, azienda produttrice del Mater-Bi, nel promuovere una coscienza ambientale e fornisce da questo punto di vista prodotti sempre all’avanguardia: è stata tra le prime aziende in Italia ad ottimizzare l’utilizzo di plastiche biodegradabili facendolo conoscere a tutta l’Europa.

VILLANOVA D’ALBENGA (SV) - Via Roma 201 Tel. +39 0182 582524 - Fax +39 0182 582525 www.stereoflex.it - info@stereoflex.it

LIFEXPO

89


EXPOIn numeri

Numeri incoraggianti riguardano l’indotto dell’Esposizione Universale per Milano e per tutta l’Italia

LA CRISI ECONOMICA SARA’ SCONFITTA DALL’EXPO 2015 Ci sarebbero addirittura ricadute positive fino al 2020. Snoccioliamo i dati economici che non tutti conoscono di Federico Zanoli

E

E

Basti pensare che solo il primo weekend di Expo è stato valutato in quasi 30 milioni di euro di indotto aggiuntivo per i settori dell’acco-

It was valued that the first weekend of Expo generated a turnover of almost 30 million euro of induced economic activity in hospitality and accommodation in Milan, Brianza and Lake of Como. According to the Monza and Brianza Chamber of Com

xpo non è solo una grande occasione di sensibilizzazione sul tema del cibo e della sostenibilità, è anche una irripetibile opportunità di crescita per l’economia italiana in generale e per quella lombarda in particolare. Non è un mistero per nessuno che per realizzare l’Esposizione Universale abbiano lavorato quasi 7mila operai, e che il sito alle porte di Milano sia stato messo in piedi grazie al contributo di 5mila aziende. Secondo stime riportate dal Sole24ore le società in questione hanno impiegato mediamente 35mila persone (anche se alcuni, più ottimisti, parlano di 50mila).

90

LIFEXPO

xpo is a great opportunity to raise awareness about food and sustainability. It is also a unique opportunity for the italian economic growth and the Lombardia Region growth. To carry out the Expo project almost 7 thousand workers were needed.The site near Milan has been set up thanks to the contribution of 5 thousand companies. According to “IlSole24Ore” valuation 35 thousand people were recruited by the firms.


glienza e della ricettività a Milano, in Brianza e sul lago di Como. Più precisamente, secondo l’ufficio studi della Camera di commercio di Monza e Brianza, è di oltre 12 milioni di euro il valore stimato in più per l’effetto Expo che riguarda bar e ristoranti, compresi quelli all’interno del sito espositivo, mentre ad alberghi e simili vanno 1,6 milioni di euro. Lo shopping vale 7,5 milioni di euro e i trasporti 2,2 milioni. E se gli imprenditori comaschi sono i più fiduciosi, stimando un incremento del giro d’affari del 3,6% dovuto all’esposizione universale, quelli di Pavia e Varese sono più prudenti, valutando la crescita attorno all’1,4%. Focalizzando l’attenzione sul tema di questa grande fiera, l’alimentazione, va subito detto che – secondo un primo studio della Coldiretti - all’interno dell’Expo saranno distribuiti 26 milioni di pasti per un valore complessivo, nei sei mesi, che si aggira sui 320 milioni di euro per un totale di circa 450 mila tonnellate di cibo (alla faccia della fame nel mondo ndr). A cui va aggiunto anche il miliardo di euro che gli stranieri spenderanno in ristoranti, pizzerie, bar e caffè. Inoltre, sempre gli stranieri, grandi estimatori del made in Italy, acquisteranno prodotti agroalimentari per 750 milioni di euro.

merce, bars and restaurants (in and out the Expo site) generated 12 million euro turnover, while hotels generated 1.6 million euro turnover. Shopping sector is valued 7.5 million euros and the transport sector 2.2 million euros.

In totale Expo Milano 2015 genererà un giro d’affari di 23,6 miliardi di euro

Per il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo: “L’Expo avrà veramente successo solo se sapremo creare le condizioni per prolungare il soggiorno dei visitatori che arriveranno dall’estero al di fuori dell’area espositiva di Milano, con nuove attrazioni lungo tutta la Penisola, nelle città e nelle campagne. L’Italia può contare su un sistema di quasi ventunmila agriturismi, quasi diecimila fattorie e mercati degli agricoltori”. Insomma, business chiama business e l’importante sembra essere non lasciare andar via i turisti dall’Italia una volta venuti per Expo, magari cercando di allettarli con una delle tante attrattive che il nostro paesi offre. In totale Expo Milano 2015 genererà un giro d’affari di 23,6 miliardi, con conseguenze che arriveranno sino al 2020. I settori maggiormente coinvolti sono l’industria (che dovrebbe produrre un valore di quasi 6 miliardi di euro), il turismo e la ristorazione. Se si considera anche l’indotto, l’impatto dovrebbe generare un Pil di 10 miliardi di euro, (6,1 miliardi), gli impatti diretti (1,4) e la legacy (2,5).

The Como’s entrepreneurs are confident and estimate a turnover increase of 3,6% due to Expo; those of Pavia and Varese have a conservative estimate of 1.4% growth.

At Expo - according to Coldiretti and focusing on food- 26 million meals will be provided ( generating a 320 million euro turnover).During the Exhibition the consumed food amount will be of 450,000 tons (so much for the world hunger). The tourists will spend 1 billion euros eating in restaurants, pizzerias, bars and cafes. Furthermore, foreigners are great fans of the Made in Italy and they will buy agri-food products for 750 million euro. For the president of Coldiretti, Roberto Moncalvo: “The Expo will only be successful if we create the conditions to extend the stay of the foreign visitors attending the fair. The many beauty attractions along the entire Italian Peninsula (cities and countryside) can attract tourists. Italy can count on a system of almost 21 thousand of farm houses, nearly 10 thousand farms and farmers’ markets. “ In short, business beckon business. We need to develop our potential offering cultural and landscape attractions to attract international tourists all around the Peninsula. Expo Milano 2015 will generate a turnover of 23.6 billion, with a lasting benefit until 2020. The sectors concerned are the industry (which would produce an added value of almost 6 billion euro), tourism and Food Services. The Expo will generates a 10 billion euro GDP.

LIFEXPO

91


XTRAEXPO E News dall’Italia e dal mondo

GIORNATA DELL’IGIENE, LAVARSI LE MANI SALVA DAL 40% DELLE MALATTIE

I

l ministro della Salute Beatrice Lorenzin, in occasione della Giornata mondiale per l’igiene delle mani, ha spiegato sull’importanza di una corretta pulizia. La giusta procedura prevede: l’immersione sotto il gettito d’acqua calda e l’utilizzo di un sapone liquido; la durata dello sfregamento fra gli interstizi e nella zona sotto le unghie deve durare fra i 40 – 60 secondi; risciacquare con abbondante acqua e asciugarsi con carta usa e getta oppure utilizzare un asciugamano proprio; a mani umide evitare di toccare le superfici (specialmente nei luoghi pubblici). In presenza di ferite e arrossamenti, si consiglia di ricorrere a una lozione idratante.

92

LIFEXPO

O

n the occasion of “The hand hygiene World Day “, the Health Minister Beatrice Lorenzin, explained the importance of a proper cleaning. The right procedure involves: the dive under the hot water tap and the use of a liquid soap; the duration of handwashing and cleaning of fingernails should last between 40-60 seconds. Then rinse your hands with water and dry with a paper towel or a bath towel ;don’t touch the surface with clammy hands (especially in public places). In the presence of wounds and rashes, use a moisturizing lotion.

RISARCIMENTO DI 100 EURO AL GIORNO PER GLI INSULTI SU FACEBOOK

D

a oggi bisognerà stare molto attenti alle offese gratuite sui Social Network. A seguito di una sentenza emessa a favore di una giovane parrucchiera emiliana che più volte si era rivolta in Tribunale per far rimuovere delle ingiurie a proprio danno, la giudice Chiara Zompi ha deciso di adottare la linea dura con il pagamento di una multa da cento euro per ogni giorno in cui gli insulti sono lasciati online, e in più, la rimozione forzata dei messaggi incriminati. Un provvedimento che certamente porterà a riflettere sull’importanza della buona etica sul web.

F

rom now we must be very attentive to the cheap insults on social network. You might be sentenced to pay a 100 euros fine for each day the insults posted online will stay visible. We refer to a judgment given in favour of a young Emilian hairdresser - who repeatedly applied to the Court for the removal of the injuries against her posted on Facebook. The Judge Chiara Zompi took a hard measure by imposing a financial penalty with the payment of one hundred euros for each day that the insults are posted online and the forced removal of the offending messages. A measure that makes us reflect on the importance of good ethics on the web.


LA FIGLIA DEL PRINCIPE WILLIAMS E IL GIALLO DELLA SILHOUETTE DI KATE

K

LO STRANO CASO DI FABIO E MINGO DI STRISCIA LA NOTIZIA

D

opo quasi 20 anni di onorata carriera al servizio di Striscia la Notizia, i noti volti della TV acchiappa truffe Mingo e Fabio, sono stati liquidati con una email corredata di un allegato su carta intestata di RTI con cui si “licenzia” formalmente i due inviati. Quasi increduli i due ormai sono sprofondati nel calderone delle ipotesi ed i social costruiscono attorno ai due malcapitati nefandezze di ogni genere. La verità, però sembra emergere in modo centellinato. SI presume che i due ex-strisciolini abbiano realizzato servizi “artefatti” con lo scopo di acquistare credibilità o rimpolpare il tubo catodico di fatti palesemente non veri. Il Gabibbo riferisce infatti di una maga sudamericana inesistente ed il caso di un falso avvocato, che sarebbe stato attore in una maldestra ricostruzione di mise en scene.

A

fter nearly 20 years as reporters for The Striscia la Notizia News, the familiar faces of Mingo and Fabio, were dismissed via email by RTI . Almost incredulous, the two now have been the subject of malice and disinformation of all kinds on the social network. The truth, however, seems to slowly emerge. The two reporters built false news in order to gain credibility and raise the audience telling invented stories. The Gabibbo commenting on the news of their dismiss refers about the nonexistent South American sorceress and the case of a fake lawyer, acting in false reconstruction.

ate Middleton si è mostrata al mondo intero con la piccola Charlotte Diana in una forma particolarmente smagliante, ad appena dieci ore dal parto. Un dettaglio che non è sfuggito certamente ai giornali scandalistici, dando spunto a delle vere e proprie teorie complottistiche: Kate avrebbe indossato una protesi per simulare una finta gravidanza, mentre altri più razionali, asseriscono che la data del parto risalirebbe a tempi ben più lontani. Ma allora c’è un segreto “reale”che ci nasconde la bella Kate? Ma certo. Uno staff super organizzato di parrucchieri, estetisti e consulenti d’immagine sono la soluzione di questo complicato Rebus, così difficile quanto semplice, ma che ha fatto da rompicapo a migliaia di fan appassionati delle vicende reali, proprio come si voleva accadesse.

K

ate Middleton showned the world the new born daughter Charlotte Diana. She was in a perfect shape, just ten hours after childbirth. Tabloids inspired by this detail produced conspiracy theories: Kate would wear a prosthesis to simulate a fake pregnancy, or her child was born few days before the announcement. Does the beautiful Kate hide a “royal” secret? Of course. Staff super organized hairdressers, cosmeticians and image consultants are solving this complicated rebus, as difficult as it is simple, but that was the puzzle to thousands of passionate fans of royal family, just like it wanted to happen.

LIFEXPO

93


CHE NE SARÀ DI NOI? DAL PORCELLUM ALL’ITALICUM

C

MULTE PER ECCESSO DI VELOCITÀ CON GLI AUTOVELOX: COSÌ SI “ANNULLANO” CON GOOGLE MAPS

G

oogle Maps potrebbe aiutare gli automobilisti a farsi annullare le multe per eccesso di velocità con gli autovelox. Il tribunale di Savona ha infatti annullato una multa a un’automobilista che viaggiava a 70 km/h in un tratto di strada definito urbano, dove quindi il limite era di 50 km/h. La donna è riuscita a dimostrare, grazie appunto a Google Maps, che in quel tratto di strada in realtà non c’era un centro abitato, ma era immerso nella campagna. E così è stata annullata la sanzione di 150 euro e i tre punti di detrazione sulla patente. “Dall’immagine, relativa allo stato dei luoghi, emerge che quello fotografato non può in nessun modo assurgere al rango di centro abitato – ha scritto il giudice - Non si scorge la presenza di almeno 25 fabbricati continui quanto piuttosto di ampie zone di campagna, al più intervallate qua e là dà episodi cedilizi isolati”. Non è possibile, quindi, classificarla come strada urbana: multa annullata.

94

LIFEXPO

G

oogle Maps could help drivers to cancel the fines for speeding. The court of Savona has canceled a fine to a rider traveling at 70 km / h in a city road, where the limit was 50 km / h. The woman was able to prove, thanks to Google Maps, that the road wasn’t in the city but in the countryside. So the 150 euro fine was canceled. “From what we see in the picture, We cannot affirm that the road is in a village – the judge wrote- We cannot see the presence of at least 25 continuous buildings but rather a large area of landscape interspersed with some building. You can not, therefore, classify it as a city street: fine canceled”.

on latinismi politically correct il sistema elettorale italiano si spazio nel teatro dei sogni con un salatissimo biglietto che paga come al solito il cittadino. L’Italicum è il discepolo del Porcellum, il risultato di un’altra mala gestio all’italiana. Con il Porcellum, la coalizione che otteneva maggiori voti, prescindendo dalle percentuali, si vedeva assegnata la maggioranza dei seggi, con la legge elettorale Italicum invece il numero dei seggi viene assegnato in base alla quantità di voti ricevuti sulla teoria dei sistemi proporzionali. I partiti più piccoli con questa legge in pratica “sono fatti fuori” se non raggiungono almeno una soglia di sbarramento fissata in base ad alcuni parametri. Come al solito gira che ti rigira l’Italia va sotto scacco, ed il cittadino medio, che in materia elettorale non mai stato un grande saggio, vota senza sapere che fine faranno i suoi numeri.

T

he Italicum is the disciple of the Porcellum, the result of another Italian mismanagement. As usual the citizens are paying the price. With the Porcellum, the coalition who obtained the majority of the votes , regardless of the percentage, would receive the majority of seats. With the Italicum (the new Electoral Low) the number of seats will be assigned based on the amount of votes received, in accordance to the theory of proportional representation. Smaller parties will be taken out if they do not reach a minimum threshold , determined on the basis of certain parameters. Once again citizens are kept in check by the politicians. The ordinary citizens have never been great wise persons in electoral matters. They will vote without knowing who their vote go to.


Via Ennio 6/a 20137 Milano - Tel 025412280

LIFEXPO

95


fit & food di Marco Cartoni

IMPARIAMO A MANGIARE SANO E A TENERCI IN FORMA CON EXPO Un’alimentazione controllata è alla base del benessere fisico

U

na nutrizione corretta, per il nostro fisico, è importante. Spesso alla base dei problemi di sovrappeso, per non dire di obesità, vi è proprio un’alimentazione sconsiderata e scorretta. Grassi in eccesso, mix di valori energetici, zuccheri in grande quantità. Certo, l’attività fisica può migliorare la situazione, quanto meno contribuendo a bruciare le calorie in eccesso. Ma se dopo la palestra, ci si consola con il contenuto del frigo o con faraonici aperitivi, si tratta di tempo perso a faticare inutilmente. Per riuscire a regalare al nostro corpo il giusto benessere, è necessario prestare la dovuta attenzione a pranzi, cene e, soprattutto, pasti fuori orario. Questo comporta necessariamente una scelta consapevole di quegli alimenti utili alla crescita e al mantenimento armonioso del corpo, al fine di condurre una vita all’insegna

96

LIFEXPO

A

proper nutrition is important for our body. Often behind the problems of overweight and obesity, there is just unhealthy diet (excess fat, immoderate consumption of sugar). Of course, a regular physical activity is necessary for maintaining vigorous health and to burn out extra calories at least . After gym classes bingeing is banned. Seeking consolation eating the entire content of the fridge or having pharaonic happy hour cocktails makes the exercises useless. For our physical well-being, you need to pay due attention to lunch, dinner, and especially snack time. You need to make conscious choices to eat healthy and nutritious foodstuffs in order to have a good shape, and a mental


{

L’attività fisica può migliorare la situazione, quanto meno contribuendo a bruciare le calorie in eccesso. Ma se dopo la palestra, ci si consola con il contenuto del frigo, si tratta di tempo perso a faticare inutilmente

della salute e del benessere psico-fisico. L’Expo, oggi, ci consente di conoscere in maniera più approfondita alcuni temi legati a un corretto stile alimentare. Esistono “prodotti a Km zero”, per esempio, venduti nelle vicinanze dei luoghi di produzione, che evitano una serie di costi inutili e di inquinamento ambientale derivante da imballaggi, plastiche e quant’altro. Come prendere spunto da questo semestre milanese dedicato alla sana alimentazione? Per cominciare con il piede giusto, sarebbe utile preferire una dieta equilibrata con un giusto apporto di frutta e verdura fresca, ricche di proprietà nutritive senza conservanti con un importante apporto vitaminico e di sali minerali. Le vitamine presenti della frutta, come la A e la C, sono forti antiossidanti che combattono i radicali liberi responsabili di processi generativi di invecchiamento cellulare. Inoltre, l’alta alcalinità contribuisce ad abbassare il pH dell’organismo, contrastando le acidità responsabili di condizioni sistemiche quali l’osteoporosi e il deterioramento delle articolazioni. Infine, frutta e verdura rappresentano una fonte importante di acido folico e vitamina B9, quest’ultima particolarmente presente in banane, arance, asparagi e piselli, e fondamentale per ridurre i livelli di omocisteina, aminoacido considerato come fattore di rischio per lo sviluppo di malattie cardiovascolari. Vivendo in una società che impone ed espone standard estetici e prestativi sempre più alti non è possibile farsi trovare impreparati. Indispensabile è una scelta alimentare che migliori notevolmente lo stile di vita. E non solo per quanto riguarda l’estetica. Mangiare sano porta a dei miglioramenti della qualità della pelle e dei capelli, certo. Ma rappresenta anche un fondamentale punto di partenza per la salute in generale, soprattutto se abbinata a una giusta dose di attività fisica. Parola d’ordine? Moderazione. Senza mai strafare.

and physical wellbeing. The Expo, today, allows us to know some issues concerning healthy eating and habits. There is locally-sourced food, for example, which avoid a number of unnecessary costs and environmental pollution resulting from packaging and shipping. We can get some tips from the Milan Expo dedicated to the Nutrition. It would be useful to have a balanced diet ensuring the right contribution of fresh fruit and vegetables (rich in nutrients, vitamins and minerals). The vitamins contained in the fruit, such as A and C, are strong antioxidants that fight free radicals responsible for cellular aging. In addition, the high alkalinity helps to lower the body’s pH, contrasting the acidity responsible for systemic conditions such as the osteoporosis and the deterioration of the joints. Fruits and vegetables are a major source of folic acid and vitamin B9. The B9 vitamin is found in adbundance in bananas, oranges, asparagus and peas, It is essencial for reducing the homocysteine levels considered as a risk factor for cardiovascular disease. The society imposes and sets aesthetic and high performance standards. And we do not want to be caught unprepared. Our lifestyle will improve by essential food choices. Healthy eating improves the aesthetic aspect (skin and hair) but it also represents a fundamental starting point for health in general, especially if It is combined with the physical activity. Password? Moderation and self-control. Never overdo it.

LIFEXPO

97


EXPONewOpening

DRH FASHION & PVM ONE LUXURY New showroom, Via Ennio 6/A Milan

98

LIFEXPO


Lifexpo International - giugno 2015  

Milano al centro del Mondo, Ambassador Expo, Expo in numeri, Padiglione Italia, Regione Marche, Principato di Monaco, il cibo del futuro?

Lifexpo International - giugno 2015  

Milano al centro del Mondo, Ambassador Expo, Expo in numeri, Padiglione Italia, Regione Marche, Principato di Monaco, il cibo del futuro?

Advertisement