Issuu on Google+

lettere grosse aperiodico, visibile, n.zero, draft 03, dicembre 010

Âť

d i y f f e r x


lettere grosse. assemblaggio, lettera, successione. http://letteregrosse.blogspot.com http://issuu.com/letteregrosse per la proprietĂ  di tutti i testi e delle immagini: (C) delle autrici. digicicl.in.prop. dicembre 2010


numero zero, draft #03


silvia molesini da nascita e morte

Appariva congruo e coerente suddividere il mondo in piani. Uno di questi avrebbe potuto rappresentare il primo, fosse possibile, pensiero e procedere per familiari gialline, incontri che confondono, gatti e cene con telegiornale. Uno di questi invece il luogo della perdita inspiegabile che appartiene certo al primo pensiero ma va a sollecitare una biforcazione e quindi uno spostamento di asse. Uno di questi ancora un tempo astratto, immobile, in secondo piano, una sfocatura sospesa immanente; ne ricevi dal viaggio notturno di dormire o nei lunghi percorsi per mare quando tieni il


timone sulla nera e per aiuto due luci la verde la rossa. Uno il piano degli altri, ecco, comunque, o meglio il frattale degli altri, disposti certo su differenti multipli quasipiani. Ma uno, il bastardo, il figlio di troia è il piano inventato. E' la storia, ed il ruolo, che delineano questa ambigua ma stringente superficie. Non deriva necessariamente da alcuno dei piani sin qui elencati, casomai li occupa goffamente. Ha vita propria, come una geografia, e non è in fatti molto diverso da una geografia, si svolge banalmente lungo una linea sincronica e utilizza le età come un fiume taglia la montagna e le forme come il ghiacciaio scava la morena e le forze come l'acqua scaraventa a salto. Non ci appartiene primamente, come una geografia. Appare mascherato


di un linguaggio che si può solo imparare, che non si informa, che non si deriva, che non viene mai capito, che ci ostacola, che ci sposta, che ci sotterra, che ci brucia e che ci alluvia e incenerisce, come una geologia. Non spiega nulla ma affastella. Dal suo accatastamento nascono inventari mostruosi e sottolinguaggi criptici dalle classificazioni che ne conseguono e non possiamo che puntellarci al carnevale magro pietrificati scanocchiati coralli. PerchÊ niente, tranne questo, ha struttura autonoma. E' l'invenzione dell'eterno, in sÊ conchiusa, come una geografia.


tracciamenti

layered dress (“è una scena”)


rossella bonfatti da diario algebrico

Sotto la moneta tutto si qualifica Rue Armant, numero 19. Non riesco a ricordare l’interno dell’appartamento... mi avevano scaricato davanti alla porta e nossignore no, io potevo passare perché munita di biglietto (quello del reparto bagagli della stazione). La mia amica era molto agitata e non rispondeva alle domande dei militari. Confidavo nella noia degli ultimi vacanzieri per rimanere lì. Anche a Vichy si saranno pur seduti senza rispondere alle domande del presidente caduto in disgrazia! Nulla è perduto. Gli indirizzi sono qui e per arrivarvi servono


alcuni sistemi di sperimentata efficacia: 1. una semplice conoscenza dei luoghi 2. un’avventura d’amore 3. una visita a domicilio con relativo scasso 4. una permuta 5. denaro (ultimo, il più sicuro, ma quello che maggiormente, allo stato attuale, ci manca). Ecco nove. Interno nove. Lì accanto abitano i tartari. Sopra le madri sfrattate. La sedia l’ho portata io. Era proprio quella del mobilificio La Mondine, con la stoffa a fioroni un po’annerita dalle bufere passate e le gambe ricurve. Poi siamo andati a piedi fino al mercato settimanale per rivenderla.


Aveva scelto con cura dalla volpina lingua francese alcune espressioni che potessero fare al caso suo: 1. dite sciocchezze 2. che meraviglia! 3. teatro (si applica a tutto, come qualificazione) 4. tenebre

5. merde!

6. moccoloso 7. non insegnatemi a vivere ! 8. ma prego! 9. prendiamo un tassì (si dice all’amante) 10. prendiamo il metrò (si dice all’amica) 11. prendiamo una carrozza (si dice al marito) 12. avete tutta la schiena bianca 13. credi? 14. scherzate 15. Oho oho! (sarcasmo, diminutivo, spregio o compiacimento)


16. 17. 18. 19. 20.

poema elettrico lode alla santa guarigione portatemi il pugno amico viva l’internazionale tesoro


tracciamenti

ghost dress - pattern #6 (“esaudire i sogni / esaurire i segni�)


mariangela guatteri da metodi del ricupero

caso di studio #5 corpo: dirige il suono sino a quando si ritrova imprigionato dal suono (per cui) I. è costretto a movimenti A. convulsi B. disumani II. è diventato una macchina A. con le scarpe dalla punta di metallo (e) B. B. con un cono dietro la nuca al posto di un chignon III. tra il primitivo e il sado/maso. . . . . . . . . . . . . . . . . .


:-|mi emoziona questa tua possibilità di scrivere e di trovare spazio e attenzione in qualche ambito corretto :-|ho una sorta di ossessione per le porte regali di pavel florenskij :-|il tuo sguardo fissa prospettive incompatibili con i codici correnti :-|le vasche del pesce a cannes. e bisanzio.

dal ricupero (anche):

multivasca or

schädel or

semicolon;


per generose donazioni (tramite paypal) o info & submissions mg_img@yahoo.it


lettere grosse 03