Page 1

Politecnico di Milano Facoltà di Architettura A.A. 2009/2010 Hong Kong Cina

Titolo “Alta Densità” Tesi di Laurea di

Enrico Pellegrini Corelatore Prof.

Relatore Prof.

Francesco Dolce Gennaro Postiglione

6,871,039,010

popolazione aggiornata al 09/07/2010- risorsa: www.xist.org


città nel mondo - città in cina - tipologie in hong kong

crescita demografica mondiale - crescita urbana - crescita dgli slum DATI ESEMPI URBANI E TIPOLOGICI


edificio come cittĂ

riferimenti e teorie architettoniche

PRINCIPI E INTENZIONI PROGETTO


vista notturna del mondo riealaborazione grafica risorsa: NASA


DATI


Popolazione mondiale

Svezia

Canada

Gran Bretagna

Danimarca

Olanda

Germania

Belgio

Svizzera Austria

Polonia Slovacchia

Rep. Ungheria Ceca Slovenia Croazia

Francia

USA

Finlandia

Romania

Messico

Ucraina

Bosnia Serbia Bulgaria

Italia

Grecia

Spagna

Azerbaigian

Turchia

Portogallo Cuba

Russia

Bielorussia

Siria

Repubblica Haiti Dominicana

Irak

Giordania

Guatemala El Salvador Honduras

Iran

Arabia Saudita

Israele

Yemen

Nicaragua

Venezuela

Colombia

Senegal

Ecuador

Guinea

Per첫 Bolivia Paraguay

Marocco

Brasile

Cile

Burkina Faso Ciad

Senegal

Mali

Algeria

Tunisia

Niger

Libia

Egitto

Benin Togo

Ghana

Sudan

Nigeria

Uganda

Congo Angola

Sud Africa

popolazione mondiale al 2002 di Paesi con oltre 5 milioni di abitanti risorsa: www.xist.org

Etiopia Somalia

Kenya

Camerun

Argentina

Tanzaniana Ruanda

Malawi

Botswana

Mozambico

Zimbabwe

Swaziland

Madagascar

Afghanistan

Pak


DATI Nord Korea

Sud Koea

Kazakistan Tagikistan

Giappone

Utzbekistan

Taiwan

Cina

kistan Nepal Laos

Cambogia

Vietnam

Bangladesh

Thailandia Myanmar

Malesia

Filippine

India

Papua Nuova Guinea

Sri Lanka

Indonesia Australia

5-10

10-20

20-30

30-40

40-50

>100 50-100 (milioni di persone)


Previsione crescita popolazione mondiale

10 miliardi 8

Paesi meno sviluppati 6

4

2

2150

2100

2050

2000

1950

1900

1850

1800

1750

Paesi pi첫 sviluppati

risorsa: Nazioni Unite

1970 3,70 miliardi

1960

1920

3,03 miliardi

2,54 miliardi

2,30 miliardi

2,07 miliardi

Africa Asia Europe Latin America Northern America

0,357 2,143 0,656 0,285 0,232

1,86 miliardi

0,277 1,674 0,601 0,209 0,204

0,133 0,947 0,408 0,074 0,082

1,65 miliardi

1,75 miliardi

1940

0,221 1,398 0,547 0,167 0,172

1910

1930

1950


2040

8,82 miliardi

1980

1,998 5,231 0,691 0,729 0,448

2030

1,770 5,125 0,708 0,718 0,431

1,524 4,917 0,723 0,690 0,410

1,276 4,596 0,733 0,646 0,383

1,033 4,167 0,733 0,589 0,352

0,796 3,680 0,728 0,520 0,316

0,622 3,168 0,721 0,441 0,283

0,470 2,632 0,692 0,361 0,256

10 miliardi

2050

9,19 miliardi

8,33 miliardi

8

2020

7,67 miliardi

2010

6,91 miliardi

2000 6

6,12 miliardi

1990

5,29 miliardi

4,45 miliardi 4

2

DATI


DensitĂ abitativa nel mondo 2008

risorsa: www.xist.org


DATI +1000 300-1000 150-300 100-150 75-100 25-75 0-25

(persone per kmq)


Crescita della popolazione urbana

Londra Shanghai Berlino Johannesburg Mexico City New York

milioni di abitanti

25 m

20 m

15 m

10 m

5m

0m 1900

1910

1920

1930

1940

1950

1960

1970

1980

1990

2000

2010

2020


DATI 1900

10% popolazione mondiale che vive nelle città

2009

50% popolazione mondiale che vive nelle città

2050

75% popolazione mondiale che si prevede viva in città nel 2050

Nel 2050 il 75% della popolazione globale sarà concentrato in città. Per lo più in megalopoli di svariati milioni di abitanti e in regioni ad intensa urbanizzazione.


Le città più popolose nel mondo

1950

1

New York - Newark

Stati Uniti d’America

12,338,000

2

Tokyo

Giappone

11,275,000

3

Londra

Gran Bretagna

8,361,000

4

Parigi

Francia

5,424,000

5

Mosca

U.R.S.S.

5,356,000

6

Shanghai

Cina

5,333,000

7

Nord della Ruhr-Area Reno

Germania

5,295,000

8

Buoenos Aires

Argentina

5,041,000

9

Chicago

Stati Uniti d’America

4,999,000

10

Kolkata (Calcutta)

India

4,446,000

11

Osaka-Kobe

Giappone

4,147,000

12

Los Angeles

Stati Uniti d’America

4,046,000

13

Beijing

Cina

3,913,000

14

Milano

Italia

3,633,000

15

Berlino

Germania

3,337,000

16

Philadelphia

Stati Uniti d’America

3,128,000

17

Mumbai

(Bombay)

India

2,981,000

18

Rio de Janeiro

Brasile

2,930,000

19

San Pietroburgo

U.R.S.S.

2,903,000

20

Città del Messico

Messico

2,883,000

3 9 16

12

4

1

20

18

8 risorsa: www.xist.org

15

714


5

DATI 19

5 13

6 10 17

11

2


1985 1

Tokyo

Giappone

30,304,000

2

New York - Newark

Stati Uniti d’America

15,827,000

3

Città del Messico

Messico

14,883,000

4

San Paolo

Brasile

13,395,000

5

Shanghai

Cina

12,395,000

6

Buoenos Aires

Argentina

10,538,000

7

Osaka-Kobe

Giappone

10,350,000

8

Mumbai

(Bombay)

India

10,341,000

9

Los Angeles

Stati Uniti d’America

10,181,000

10

Kolkata (Calcutta)

India

9,946,000

11

Beijing

Cina

9,797,000

12

Seul

Corea del Sud

9,549,000

13

Parigi

Francia

9,105,000

14

Rio de Janeiro

Brasile

9,086,000

15

Mosca

U.R.S.S.

8,580,000

16

Cairo

Egitto

8,326,000

17

Tianjn

Cina

8,132,000

18

Londra

Gran Bretagna

7,667,000

19

Chicago

Stati Uniti d’America

7,285,000

20

Manila

Filippine

6,888,000

18

13 19

2

9

3

4 6

risorsa: www.xist.org

14


15

11 17

16

10

8

5 20

12

7

1


2005

3 12

2 17

5 8

risorsa: www.xist.org

14


1

Tokyo

Giappone

35,327,000

2

Città del Messico

Messico

19,013,000

3

New York - Newark

Stati Uniti d’America

18,498,000

4

Mumbai (Bombay)

India

18,336,000

5

San Paolo

Brasile

18,333,000

6

Delhi

India

15,334,000

7

Kolkata (Calcutta)

India

14,229,000

8

Buoenos Aires

Argentina

13,349,000

9

Jakarta

Indonesia

13,194,000

10

Shanghai

Cina

12,665,000

11

Dacca

Bangladesh

12,560,000

12

Los Angeles

Stati Uniti d’America

12,146,000

13

Karachi

Pakistan

11,819,000

14

Rio de Janeiro

Brasile

11,469,000

15

Osaka-Kobe

Giappone

11,286,000

16

Cairo

Egitto

11,146,000

17

Lagos

Nigeria

11,135,000

18

Beijing

Cina

10,849,000

19

Manila

Filippine

10,677,000

20

Mosca

Russia

10,672,000

20

18

15

13 16

6 4

7

10

11

19

9

1


Numero di abitanti (in milioni) di alcune cittĂ del mondo 30 m

25 m

20 m

15 m

10 m

5m

risorsa: www.xist.org

Parigi

Amsterdam

Mosca

Helsinki

Buenos Aires

Santiago

Atene

Bogota

Mexico City

Los Angeles

New York

Toronto

0m


Tokyo

Manila

Shanghai

Beijing

Mumbai

Delhi

Teheran

Lagos

Kinshasa

Dakar

Il Cairo

Rabat

Tunisi

2015

1995

1975


risorsa: www.unhabitat.org


Previsione di crescita negli slum 1990-2020 34 milioni. 543 mila

73 milioni. 896 mila

DATI

Europe

Western Asia 393 milioni.405 mila

299 milioni. 150 mila

South-central Asia

Eastern Asia

73 milioni.279 mila

South-eastern Asia 162 milioni.626 mila

Latin America and the Carribean 393 milioni.104 mila

Sub-Saharan Africa 1990

2001

2005

2010

2015

2020


Velocità di crescita urbana

persone che si trasferiscono in città ogni ora

New York ha ricominciato a ricostruire abitazioni pubbliche a basso prezzo

+6 London

+12 New York

+23

Mexico City

+58 Lagos

+24

Sao Paulo

Il planisfero evidenzia con chiarezza le estese regioni metropolitane che si stanno rapidamente formando in asia meridionale e sulle coste della Cina e si prevede che nell’arco di un paio di decenni in queste zone si concentrerà quasi la metà della popolazione urbana globale


Londra ha dovuto reinventarsi come città pronta ad accettare l’aumento della propria densità erigendo edifici più alti e nuove strutture abitative capaci di offrire alloggio agli oltre ottocentomila abitanti nei prossimi anni

Shanghai è una delle città a più rapida crescita del mondo sia in altezza sia in ampiezza e ora conta quasi tremila edifici da più di dieci piani, fino a dieci anni fa ne poteva vantare non più di trecento.

+25 Beijing

+15

Baghdad

+24

+14

Cairo

Riyadh

+18

+14

Addis Ababa

Kinshasa

Shanghai

Kabul

+39

+42 +50 +42

+23

Delhi

Karachi

Guangzhou

Dhaka

Mumbai

Khartoum

+39

+32

+20

+16

Istanbul

+16

+17

Bangalore

+15

Nairobi

+4 Johannesburg

Secondo l’ONU Mumbai si sostituirà a Tokyo nel ruolo di città più grande del mondo entro il 2050, ma questa velocità di trasformazione è tangibile maggiormente nelle vaste conurbazioni cinesi.

+25

Ho Chi Minh City Manila

+39 Jakarta


Città nel mondo

Bangkok - Thailandia Superficie: 1.568,7 km² Abitanti : 9.100.000 (2010) Densità: 5.801 ab./km²


ESEMPI URBANI

Caracas - Venezuela Superficie: 1.930 km² Abitanti: 5.452.320 (2009) Densità: 2825 ab./km²


Dacca - Bangladesh Superficie: 304 km² Abitanti : 7.000.000 (2008) Densità: 23026 ab./km²


ESEMPI URBANI

Istambul - Turchia Superficie: 5.538,77 km² Abitanti : 12.573.836 (2007) Densità: 2.270,1 ab./km²


ESEMPI URBANI

Mumbai - India

Superficie: 437,71 km² Abitanti : 13.662.885 (2008) Densità: 27.220 ab./km²


Jakarta - Indonesia

Superficie: 740 km² Abitanti : 8.792.000 (2008) Densità: 12.957,3 ab./km²


ESEMPI URBANI

Lagos - Nigeria

Superficie: 8,7 km² Abitanti : 11.128.451 (2009) Densità: 1.279.132 ab./km²


San Paolo - Brasile

Superficie: 1.523 km² Abitanti : 11.037.672 (2009) Densità: 7.247,3 ab./km²


ESEMPI URBANI


Kinshasa - Congo

Superficie: 9.965 km² Abitanti : 10,076,099 (2009) Densità: 955 ab./km²


ESEMPI URBANI Kuala Lumpur - Malesia

Superficie: 263 km² Abitanti : 1.887.674 (2007) Densità: 7.388 ab./km²


Superficie: 623 km² Abitanti : 4.987.600 (2008) Densità: 9004 ab./km²

ESEMPI URBANI

Singapore


CittĂ in Cina


Superficie: 3.843,43 km² Abitanti: 7.841.695 Densità: 2040 ab./km²

ESEMPI URBANI

Guangzhou - Cina


Shanghai - Cina

Superficie: 6.340,5 km² Abitanti: 18.580.000 Densità: 2930 ab./km²


ESEMPI URBANI


Shenzen - Cina

Superficie: 2.020 km² Abitanti: 13.500.000 Densità: 6683 ab./km²


ESEMPI URBANI


Superficie: 1.104 km² Abitanti: 7.055.071 Densità: 6.390 ab./km²

ESEMPI URBANI

Hong Kong - Cina


Esempi tipologici


ESEMPI URBANI

Hong Kong ‘60

Sito: Hunghom Bulkeley St. - Hong Kong Anno costruzione: 1964 Area lotto: 500 metri quadri Superficie lorda : 5,000 metri quadri Numero piani: 10 fuori terra Numero alloggi: 100 Tipologia: stecca


ESEMPI URBANI

Hong Kong ‘60

Sito: Mong Kok Prince Edward Rd. - Hong Kong Anno costruzione: 1966 Area lotto: 230 metri quadri Superficie lorda : 2,450 metri quadri Numero piani: 14 fuori terra Numero alloggi: 42 Tipologia: cortina


Sito: Quarry Bay Taikoo Shing - Hong Kong Anno costruzione: 1978 Area lotto: 640,000 metri quadri Superficie lorda : 2,485,000 metri quadri Numero piani: 30 fuori terra Numero alloggi: 36480 Tipologia: 120 torri

ESEMPI URBANI

Hong Kong ‘70


Sito: Hunghom Shung King St. - Hong Kong Anno costruzione: 1986 Area lotto: 190,000 metri quadri Superficie lorda : 768000 metri quadri Numero piani: 16 fuori terra Numero alloggi: 10240 alloggi Tipologia: 80 torri

ESEMPI URBANI

Hong Kong ‘80


ESEMPI URBANI

Hong Kong ‘90

Sito: Taipo Chui Lock St. - Hong Kong Anno costruzione: 1992 Area lotto: 10000 metri quadri Superficie lorda : 54000 metri quadri Numero piani: 20 fuori terra Numero alloggi: 3200 alloggi Tipologia: 5 torri


ESEMPI URBANI

Hong Kong ‘00 Sorrento Tower 5 Sito: Jordan Rd - Kowloon Hong Kong Anno costruzione: 2003 Area lotto: 16.000 metri quadri Superficie lorda : 415,000 metri quadri Numero piani: 68 fuori terra Numero alloggi: 5800 alloggi Tipologia: 5 torri


Principi e teorie

Il diagramma mostra come nella cittĂ tradizionale sono contenuti i luoghi di lavoro e di residenza. Nella proposta a destra i luoghi di lavoro e di vita sono compresenti ma rimangono separati, considerando ragionevole la loro distanza. MobilitĂ  pedestre per la cittĂ  tradizionale, necessitĂ  di cavalli o auto per quella moderna. Leon Krier.


PRINCIPI E INTENZIONI

PROGETTO DI UNA CITTA’ complementarità e interdipendenza tra le parti

La città è il cuore della nostra cultura, è il motore che manda avanti la nostra economia. Per mantenere la qualità della vita la città deve essere inclusiva ben progettata ed efficace dal punto di vista ambientale. Dopo decenni di declino e di degrado, la densificazione può ridare vitalità alle aree urbane esistenti fornendo città compatte con più centri e ben collegate. Luoghi in cui le persone possano vivere, lavorare e disporre di attività per il tempo libero nelle immediate vicinanze, in un ambiente urbano sostenibile, integrato con il trasporto pubblico ed adattabile al cambiamento


Schema della crescita urbana di Chigago nel 1925. Park e Burgess.

Ganlan,edificio villaggio di una tribÚ dell’Amazzonia nella provincia dello Yunnam Spaccato assonometrico del Ganlan che evidenzia le funzioni dell’edificio villaggio.


PRINCIPI E INTENZIONI

OTTIMIZZAZIONE DI FUNZIONI uso estensivo del territorio uso intensivo della città

La zonizzazione funzionale è lo strumento di questa catastrofe mentale ed ambientale. Un’operazione che sotto la maschera della pianificazione letteralmente destruttura la società assicurando nello stesso tempo il massimo spreco di terra, di tempo, di energie negli adempimenti sociali quotidiani. (Leon Krier)


Inclusione compresenza dinamicità opportunità Esclusione separazione staticità privazione. (Leon Krier)

L’esploso assonometrico indica come varie funzioni possano essere combinate in una superstruttura costituita da un unico singolo edificio. La struttura occupa un intero isolato. Questo mix funzionale offre notevoli vantaggi animando e promovendo attività durante l’intera settimana ininterrottamente ventiquattro ore al giorno. Le diverse funzioni si sostengo vicendevolmente creando una struttura economicamente forte.

G

uffici

F

parcheggio

E

hotel

D

sala da ballo

C

ristorante

B A

grandi magazzini

galleria di negozi


Serve una revisione del concetto di “intensità urbana” che ci permetta di raggiungere una “massa critica”. Le densità urbane devono essere alte per sostenere funzioni multiple. (Rem Koolhaas) Serve un nuovo approccio di pianificazione in grado di valutare gli interscambi e i flussi sia materiali sia immateriali. Per questa “nuova urbanità” una produzione intensiva di alloggi sarebbe insufficiente se non fosse basata su uno spazio pubblico urbano qualificato e complesso capace di preservare l’identità e di accogliere nuovi flussi intellettuali e di proporre nuove forme di comunicazione ed espessione collettiva. La città come luogo di una “stratificazione sociale densa”, come espressione di “atmosfere” culturali specifiche e luogo dell’innovazione, come”grande infrastruttura colletiva” dello sviluppo economico come una sorta di “organizzazione cooperativa informale”. (Dematteis)

Carew Tower a Cincinnati in Ohio 1931 Walter Ahlschlager

COMPLESSITA’

PRINCIPI E INTENZIONI

COMPRESENZA E COMMISTIONE DIFUNZIONI complessità


Intenzioni

La città come contenitore di persone e funzioni in continua crescita e mutamento porta a indagare e a sovvertire le modalità progettuali. Interscambi e connessioni sempre più rapide e fitte necessitano di strutture dinamiche e complesse che possano supportarle. Le attività “emettono” onde di influenza che si intrecciano con altre dando origine a nuovi scambi e a nuove interconnessioni che creano a catena altre nuove attività. I grandi numeri delle città determinano l’esigenza di un “progetto della congestione” che porti ad un alto utilizzo delle reti infrastrutturali e alla salvaguardia di territorio. Compresenza e dinamicità diventano principi regolatori che garantiscono la sopravvivenza della città e delle sue parti. Nasce pertanto l’esigenza di considerare città ed edificio come elementi omologhi di scale diverse. L’intenzione progettuale è quella di comprimere una parte di città e farla vivere di proprie relazioni e sistemi, in connessione continua con l’esterno, ma in grado di autoalimentarsi ed autosostenersi. Edificio come città.

=


PRINCIPI E INTENZIONI Fotogrammi di una simulazione di oggetti in caduta in un liquido Software: Oe-cake


Pianta generatrice della propagazione di onde


PRINCIPI E INTENZIONI Modellazione tridimensionale della propagazione delle onde in un fluido


Riferimenti architettonici


Hakka è una tipologia di edificio residenziale rurale che si trova nel sud est della Cina. Questi edifici si presentano in tre dimensioni: piccoli, medi e grandi. Quelli piccoli sono alti 2 o 3 piani in un unico anello. I medi sono tendenzialmente di 3 o 4 livelli con un ampio spazio interno unico costituiti da un doppio anello. Gli edifici grandi sono alti 4 o 5 piani e composti da più anelli. I più piccoli hanno dalle 12 alle 18 stanze, la tipologia poco più grande contiene dalle 21 alle 28 stanze, gli edifici di scala media hanno al loro interno dalle 30 alle 40 stanze, quelli un po’ più grandi racchiudono dalle 42 alle 58 stanze e più grossi hanno dalle 60 alle 72 stanze. I due terzi degli edifici circolari sono alti 3 piani e contengono approssimativamente 20 famiglie o 100 persone. Questi edifici sono orientati preferenzialmente nella direzione dell’ingresso principale. Il muro perimetrale esterno circolare ha lo spessore di un metro. Il portone dell’ingresso principale è rinforzato con uno strato d’acciaio e chiuso da due travi orizzontali di legno. che rientrano nei muri all’aprire della porta. Dall’ingresso principale si accede al grande cortile centrale sul quale si aprono tutte le porte delle stanze e le finestre interne. Al piano terra, eccetto l’ingresso i locali sono adibiti a cucine e zona giorno. Le stanze al secondo piano vengono utilizzate come magazzino e quelle presenti al terzo piano sono adibite a zona notte . Ad ogni livello i locali sono identici e la distribuzione avviene attraverso un corridoio circolare. Vi son poi quattro scale che permettono di accedere agli altri livelli. In questo modo ogni famiglia occupa una unità che si sviluppa in verticale dal livello più basso della zona giorno, al secondo con il deposito o con uso misto al terzo e oltre dove si trova la zona notte. Ogni unità familiare ha una propria scala di accesso. Una stanza tipica occupa circa 10 - 13 mq e negli edifici più grandi le stanze possono arrivare a 15 mq La dimensione esterna delle finestre perimetrali tende ad essere più piccola del lato interno della stessa, per avere un maggior controllo visivo e per difficile l‘intrusione. Al piano terra invece non sono presenti finestre. E’ possibile riscontrare negli edifici di grandi dimensioni la presenza di un ulteriore anello interno. Nelle tipologie costruite nella prima metà del 15 secolo si trovano sofisticati sistemi di difesa per contrastare eventuali assedi. Difatti è risaputo che durante la dinastia Ming i pirati giapponesi che si addentravano nell’entroterra evitavano di attaccare gli Hakka talmente certa fosse la loro inespugnabilità.

PRINCIPI E INTENZIONI

Edifici circolari realizzati in mattoni di terra cruda - Hakka


piano terra


piano terzo

PRINCIPI E INTENZIONI


piano secondo zona notte

primo piano deposito

piano terra ingresso cucina zona giorno


PRINCIPI E INTENZIONI


Kowloon Walled City 1979

1989


PRINCIPI E INTENZIONI

Kowloon Walled City può essere considerata un fenomeno urbano unico per dimensioni e per numero di abitanti coinvolti. In uno spazio di circa 2.7 ettari di estensione sono stati costruiti più di 500 strutture illegali andando a saturare completamente lo spazio di un isolato urbano. Kowloon Walled City ha origine a metà del ‘600. Per la sua posizione strategica, sorgeva in questo luogo una città fortificata con un fossato pieno d’acqua al perimetro. Con la fondazione della Repubblica Popolare Cinese nel 1949 un grande numero di rifugiati si insediò in questo luogo costruendo abusivamente baracche provvisorie. In pochi anni Hong Kong crebbe da 1.680.000 abitanti a 2.500.000. Negli anni ‘50 e ’60 Kowloon Walled City divenne un punto strategico per il traffico di droga e per la prostituzione tanto da guadagnarsi il soprannome di “terra di nessuno” per i suoi cunicoli labitintici senza luce. Nel 1982 si contavano 12.000 famiglie e 40.000 abitanti circa. Dalle baracche in legno si passò a costruire palazzi in cemento di notevole altezza. Sorretta da una vita brulicante al suo interno era possibile incappare in decine di attivià. Dalla piccola azienda che produceva tessuti, a quella di giocattoli. Dalla lavorazione del metallo alla preparazione di cibi.Dai medici ai dentisti. La situazione completamente illegale e libera da tassazione spingeva Kowloon ad aumentare continuamente. Era possibile attraversare l‘intero isolato passando da edificio all’altro innumerevoli volte senza mai dover uscire all’esterno o scendere al piano terra. Nel 1984 la municpalità annunciò l’intenzione di demolire Kowloon. In tre fasi, 1991 nel 1993 e nel 1995 vennero evacuati gli abitanti e fu demolita. Attualmente il sito è occupato da un parco pubblico in ricordo di una straordinaria comunità che è sopravvissuta con grande tenacia e spirito umano alle difficoltà del dopoguerra.


tai cha

ng st.

sai shing road

alms h

g st.

pianta di Kowloon Walled City

tai chang st.

sz kun

lung

ou

chun

g


road long shing

g st. kwong min

lo ya n st.

d k roa g bac

ple st. tin hau tem

use ba

ck st.

PRINCIPI E INTENZIONI


Alta densitĂ

Kow

Alta DensitĂ 29400 mq (superficie lotto) 216633 mq (superficie lorda) 30937 abitanti / visitatori

Sorrento Tower 5 (2003) 16000 mq (superficie lotto) 415000 mq (superficie lorda) 29642 abitanti

Hong Kong Cina


PROGETTO

wloon Walled City (1950-1993) 30000 mq (superficie lotto) 273930 mq (superficie lorda) 33000 abitanti


PROGETTO planivolumetrico


PROGETTO pianta piano terra


CERAMICA - PENTOLE

POLLAME RISO

LEGUMI - SPEZIE

MAIALE- VITELLO FRUTTA

TE’ PESCE FIORI

VERDURA

GIOCATTOLI

SCARPE

GADJET

CD - DVD

BORSE - ACCESSORI VESTITI


PROGETTO pianta piano terra - mercato


PROGETTO calcolo superfici e abitanti

servizi


PROGETTO destinazioni funzionali


PROGETTO piano tipo


PROGETTO abaco appartamenti 1/2


PROGETTO abaco appartamenti 2/2


PROGETTO copertura


PROGETTO


sezione PROGETTO


PROGETTO vista prospettica


Internet www.nasa.gov www.xist.org www.un.org www.unhabitat.org


Bibliografia .”Silenzi eloquenti” Carlos Marì Arìs, Christian Marinotti Edizioni 2008 .”Città. Architettura e società” 10. Mostra Internazionale di Architettura Edizioni Marsilio 2006 .”The Endless City” Ricky Burdett e Deyan Sudijc, Phaidon 2007 .”Mutations” Stefano Boeri e Multiplicity, Rem Koolhaas and Harvard Design School Project on the City, Sandford Kwinter and Daniela Fabricius, Hans Ulrich Obrist, Nadia Tazi, ACTAR 2000 .”Delirious New York” Rem Koolhaas, Electa 2006 .”The New Civic Art - Elements of town planning” Andrés Duany, Elizabeth Plater-Zyberk, Robert Alminana, Rizzoli New York 2003 .”Project on the City 1” Harward Design School, ”Great Leap Forward” Chuihua Judy Chung, Jeffrey inaba, Rem Koolhaas, Sze Tsung Leong, Taschen .”Project on the City 2” Harward Design School, ”Guide to Shopping” Chuihua Judy Chung, Jeffrey inaba, Rem Koolhaas, Sze Tsung Leong, Taschen .”Encyclopedia of vernacular architecture of the world” by Paul Oliver 1998 .”Il secolo cinese. Storie di uomini, città e denaro dalla Fabbrica del mondo” Federico Rampini, Arnoldo Mondadori Editore 2006 .”L’impero di Cindia. Cina, India e dintorni:la superpotenza asiatica da tre miliardi e mezzo di persone, Arnoldo Mondadori Editore 2007 .”Over Hong Kong” Richard Branson, Nury Vittachi, Pacific Century Publishers LTD, Kowloon, Hong Kong .”Drawing for Achitecture” Léon Krier, foreword by James Howard Kunstler, Writing Architecture Series 2009 .”Hong Kong: front door/back door, Michael Wolf, Texts by Kenneth Baker and Douglas Young, Ed. Thames& Hudson 2005 .”La Cina del Novecento. Dalla fine dell’Impero a oggi”, Guido Samarani, Ed Einaudi 2007 .”My 32 mq apartment. A 30- year transformation”, Gary Chang, MCCM Creations, Hong Kong 2008 .”Cina. Carnet di viaggio”, Stefano Faravelli, EDT, Torino 2005 .”Kazuyo Sejima + Ryue Nishizawa Sanaa” Yuko Hasegawa, Documenti di Architettura, Mondadori Electa 2005 .”Junkspace. Per un ripensamento radicale dello spazio urbano” Rem Koolhaas, a cura di Gabriele Mastrigli, Quodlibet 2006 .”The Architecture of Community” Léon Krier,edited by Dhiru A. Thadani + Peter J. Hetzel, Island Press 2009 .”Kowloon Walled City” Ryuji Miyamoto, published by Naoto Shimonaka, Japan 1997 .”Kazujo Sejima + Ryue Nishizawa / SANAA Works 1995-2003” SANAA, published by Nobuyuki Endo, Toto, Tokio 2007 . “Houses” Kazuyo Sejima + Ryue Nishizawa SANAA, MUSAC SANAA ACTAR 2007 .”Hakka Earthen Buildings in China” photograph: Qu Liming, script: He Baoguo, published by Haichao Photography & Arts Press 2006 .”City of Darkness.Life in Kowloon Walled City” Greg Girard, Ian Lambot, Watermark Publications (UK) 1993 .”Kazuyo Sejima in Gifu” Autori vari, published by Actar, barcelona 2001

Riviste . “SANAA Kazuyo Sejima Ryue Nishizawa 2004-2008” Topologia Arquitectonica, El Croquis Books, n.139, 2008 . “Architecture in China” A+U Architecture and Urbanism, n.399, 2003/12, published by Nobuyuki Yoshida, Japan . “Città”, Clauster on innovation, n.05, 2005, Claustre Editrice, Torino . “Detail”, n.5, 1998

Alta Densità  

Enrico Pellegrini. Simulazione teorica per una proposta alternativa di densificazione edilizia ad Hong Kong, come prototipo nelle città a ra...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you