BARCHE - January 2022

Page 1

FULL ENGLISH TEXT

Cover

Sirena Yachts 68 Superyacht • Victorious by Burgess • EIV by Rossinavi

People • Federico Ferrante • Enrico Chieffi

The Idea Factory ADI Design Museum Boat Gourmet Paolo Brunelli

1993-2022

Years

29

BARCHE

®

Companies • Quick • Boero

Postale - D.L. 353/2003 (convertito in Legge 27/02/2004 n° 4 6) art. 1, comma 1, LO/MI

Engines Mercury V12 Verado 600

2022 - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento

MONTHLY INTERNATIONAL YACHTING MAGAZINE

In edicola dal 27 Dicembre - JANUARY

BARCHE

®

Boats • Sessa

C3X • Rio Daytona 46 • Pardo GT52 • Joker Boat Coaster 650 Plus ANNO//year 29 • N° 1 • AUT 9,00 € • BE 9,00 € • Côte d’Azur 10,60 € • F 10,50 € • D 11,50 € • PTE CONT. 8,00 € • E 8,00 € • CH 10,50 Chf • CH CT 10,00 Chf

Gennaio//January 2022

Italy only

6€










8

EDITORIAL

PANICO ed

euforia

PANIC AND

EUPHORIA I NUMERI DELL’INDUSTRIA NAUTICA ITALIANA INDUCONO ALL’EUFORIA, MA ALCUNI FATTORI DI INCERTEZZA PAVENTANO IL PANICO. È IL MOMENTO DELLA LUCIDITÀ E DELLE SCELTE RAZIONALI THE LATEST FIGURES FROM THE ITALIAN NAUTICAL INDUSTRY INSPIRE EUPHORIA, BUT SOME MORE UNCERTAIN FACTORS ARE FUELLING FEAR OF PANIC. THIS IS A TIME FOR CLARITY OF MIND AND RATIONAL DECISIONS

by Francesco Michienzi

Q

Q

uante volte ci siamo trovati ad un bivio nella nostra vita? Quante volte abbiamo dovuto prendere decisioni, effettuare scelte, sostenere il nostro pensiero anche se in controtendenza? Direi quotidianamente. Scegliere per fare la cosa giusta è complicatissimo se si ha paura di sbagliare. Ma anche dare i consigli giusti presenta un certo grado di difficolt . i sono anche quelli che si fanno pagare per dare i consigli migliori, tanto se le cose vanno male si sono gi dileguati e loro non perdono nulla. Ultimamente sto ricevendo moltissime richieste di valutare cosa accadr nel medio termine nel mondo nautico. Qualche idea l’avrei, ma non sono così saccente e presuntuoso per esprimerle con leggere a. chi promette guadagni sicuri sui mercati assicurando che il numero di barche vendute crescer ancora a lungo. Ma adesso l’incertezza generale sta alimentando la paura per quello che potrebbe accadere. Un sentimento che quando prende piede si autoalimenta con conseguenze imprevedibili. Prendete il Mets di Amsterdam, il più importante salone al mondo



10

EDITORIAL

“LA PERSEVERANZA È CIÒ CHE RENDE L’IMPOSSIBILE POSSIBILE, IL POSSIBILE PROBABILE, E IL PROBABILE CERTO”. “PERSEVERANCE IS WHAT MAKES THE IMPOSSIBLE POSSIBLE, THE PROBABLE POSSIBLE, AND THE PROBABLE CERTAIN”. ROBERT HALF

dedicato alla componentistica e ai servizi per la nautica. A due giorni dall’apertura, la paura ha prodotto un rallentamento generale. La manifestazione si è svolta regolarmente grazie alle nuove misure di sicurezza che sono state messe in campo. Io sono andato personalmente al Mets e sono stato molto felice di aver visitato il salone olandese. Secondo il ciclo delle emozioni, dopo la paura c’è la disperazione, il panico, la depressione. In economia la depressione dell’imprenditore è quanto di peggio possa accadere. In due anni abbiamo avuto tutto il tempo per organizzarci e convivere con questa situazione, siamo perfettamente attrezzati per gestirla al meglio e se tutti si vaccinassero non avremmo così tanti problemi. Angela Merkel, in uno dei suoi ultimi discorsi, ha detto che vorrebbe trovarsi nelle condizioni dell’Italia. Sembra un paradosso, eppure possiamo dire Italiani Uber Alles. Siamo alla vigilia del salone nautico internazionale di Düsseldorf e si comincia a sentire parlare di rinunce, ma uesto sarebbe uanto di pi sbagliato e figlio di un pensiero pessimista che dobbiamo rifuggire con tutte le nostre energie, idee e soluzioni. Nel mese di dicembre, dopo 20 anni, per la prima volta Fitch ha alzato il rating dell’Italia a BBB con outlook stabile. L’agenzia prevede una crescita del Pil del 6,2% nel 2021, e ritiene che l’economia raggiungerà i livelli prepandemia già nel primo quarto del prossimo anno. Nonostante questo, il mercato Cinese crolla a vista d’occhio, le materie prime non ce la fanno e il mercato automobilistico (pilastro di ogni economia industriale) vive una crisi mai vista e ha portato aziende come FCA a perdere quasi il 10% del loro valore. Per fortuna l’industria nautica italiana continua a crescere in doppia cifra, ma il tema della mancanza di materie prime si farà sentire nel medio termine. Molti analisti hanno affermato che il profilo attuale degli investitori presenti sui mercati, è di completo panico. Tuttavia, penso che la coerenza delle scelte e delle azioni dovrebbe consentire a ogni azienda di essere in grado di correre i rischi tipici del fare impresa. L’imprenditore è un essere umano che può soccombere al sovraccarico di stimoli ed informazioni, vuole e deve prendere una decisione e si fa aiutare da scorciatoie mentali per arrivare a un risultato che scientificamente inferiore a quello che avrebbe ottenuto in assenza di emozioni. Coraggio, cuore, costanza, coerenza non sono solo parole, sono il motore di noi stessi, di quello che dovremmo essere tutte le volte che siamo tentati dal non decidere. Smettiamo di chiudere la nostra volontà in un rifugio immaginario in attesa di qualcuno che decida per noi. La gabbia fatta dai paletti eretti nella nostra mente, lasciapassare di una vita vissuta nel conformismo, fa dimenticare i valori e impedisce la forza di tramandarli alle nuove generazioni. Serve il coraggio delle proprie idee, dei propri ideali, delle proprie azioni. Siamo certamente in grado di dare fondatezza alle nostre scelte, alle nostre responsabilità, nonostante ci siano codici che ci impongono canoni già decisi per noi. Questi codici si chiamano convenzioni, consuetudini, modi di comportamento. Sono tutte quelle maschere che indossiamo per proteggerci e mostrarci. Essere sé stessi o apparire agli altri nel momento di decidere? Siamo tutti parte di un sistema che impera sulle nostre scelte saliamo sul palco della vita e recitiamo la nostra parte fino al bivio ed è lì che avviene la scelta. Come in ogni cambiamento scegliere, decidere in prima persona, richiede una forte dose di coraggio, ma è l’unico modo di stare al mondo come dovremmo essere: liberi e unici. Se guardiamo al bivio, non c’è più.

H

ow many times have we found ourselves at a crossroads in our lives? How many times have we had to take decisions, make choices and back up our thinking even if it goes against the grain? On a daily basis I’d say. Choosing the right thing to do is extremely complicated if you’re afraid of making a mistake. But giving the right advice also entails a certain degree of difficulty. There are also those who get paid for giving the best advice and if things go wrong, they’ve already left the scene, losing nothing. Recently I’ve been receiving lots of requests to evaluate what will happen in the nautical world in the medium term. I’ve got a few ideas, but I’m not conceited and presumptuous enough to express them lightly. Some promise certain gains on the markets, guaranteeing that the number of boats sold will continue to rise in the long term. But now, general uncertainty is fuelling fear about what might happen. When this kind of feeling takes hold, it feeds on itself with unexpected consequences. Take the Mets in Amsterdam, the world’s largest nautical components and services trade fair. Two days before opening, fear led to a general slowdown. The event took place as normal thanks to the new safety measures that were put in place. I went to the Mets myself and am very happy to have visited the Dutch show. In keeping with the cycle of emotions, after fear comes desperation, panic and depression. In



12

EDITORIAL

CORAGGIO, CUORE, COSTANZA, COERENZA NON SONO SOLO PAROLE, SONO IL MOTORE DI NOI STESSI, DI QUELLO CHE DOVREMMO ESSERE, TUTTE LE VOLTE CHE SIAMO TENTATI DAL NON DECIDERE. COURAGE, HEART, CONSTANCY AND CONSISTENCY ARE NOT JUST WORDS, THEY’RE OUR DRIVING FORCE AND WHAT WE SHOULD DISPLAY WHENEVER WE’RE TEMPTED NOT TO DECIDE.

economics, entrepreneurial depression is the worst thing that can happen. In two years, we have had plenty of time to organise ourselves and live with this situation. We’re perfectly equipped to handle it and if everyone got vaccinated, we wouldn’t have so many problems. In one of her most recent speeches, Angela Merkel said she would like Germany to be in the same condition as Italy. It seems a paradox, yet we can say Italians Uber Alles. We’ve reached the eve of boot Düsseldorf and we’re starting to hear talk of withdrawals, but this would be a great mistake and the result of pessimistic thinking that we have to shun with all our energy, ideas and solutions. In December, after twenty years, Fitch raised Italy’s rating to BBB with a stable outlook for the first time. The agency predicts growth of . in and expects the economy to reach pre-pandemic levels by the first uarter of next year. Despite this, the Chinese market is visibly collapsing, raw materials are failing, and the car market (the pillar of every industrial economy) is experiencing an unprecedented crisis that has led companies such as A to lose almost of their value. ortunately, the talian nautical industry is continuing its two-figure growth, but the shortage of raw materials will make itself felt in the medium term. any analysts have stated that the current profile of market investors is one of complete panic. However, I think that coherent choices and actions should allow every company to be able to run the risks typical of doing business. Entrepreneurs are ultimately human beings who can succumb to an overload of stimuli and information, who want and have to make decisions, and who are helped by mental shortcuts to arrive at results that are scientifically inferior to what would have been achieved in the absence of emotions. Courage, heart, constancy and consistency are not just words, they’re our driving force and what we should display whenever we’re tempted not to decide. Let’s stop shutting our will away in an imaginary refuge while waiting for someone to decide for us. The cage made by stakes erected in our minds, the passport to a life lived in conformity, makes us forget values and stops us from being strong enough to pass them on to new generations. We need the courage of our ideas, ideals and actions. We’re certainly able to give substance to our choices and our responsibilities, despite the fact that there are codes in place that impose standards on us that have already been decided. These codes are called conventions, customs, ways of behaving. These are all masks that we wear to protect ourselves and show off. We climb onto the stage of life and perform our part all the way through to the crossroads, and it is there that the decision is made. As in the case of every change, choosing and deciding in first person re uires a hefty dose of courage, but it s the only way to be what we ought to be in the world – free and unique. If we look at the crossroads, we realise there is no more.













24

CONTENTS

barchemagazine.com

CONTENTS Indice

COVER

Gennaio/January 2022

SIRENA YACHTS 68

photo by ©Pozitif Studyo

38 90

038 082 090 098 078

070 072 074

82

78 98

70

COLUMNS

News Lawyer on Board – Avvocato a bordo Supercar Ford Mustang Mach 1 Boat Gourmet Paolo Brunelli Brokerage Burgess

BOATS

Sessa C3X Rio Daytona 46 Pardo GT52



26

CONTENTS

Super 148 VICTORIOUS

112

Yacht

by Burgess

212

194

128

138 220

164 112

128 138

148 164

178 194

202

THE IDEA FACTORY

ADI Design Museum

PEOPLE

nrico C ie Federico Ferrante

SUPERYACHT

Victorious by Burgess EIV by Rossinavi

TEST

Sirena Yachts 68 Joker Boat Coaster 650 Plus

202

212 220

228

ENGINES

Mercury V12 Verado 600

COMPANIES Quick Boero

TRADE

Brokerage Section


SUNSEEKER ALL NEW PREDATOR 65

N E W L AU N C H AT B O O T D Ü S S E L D O R F 2 2 -3 0 J A N UA R Y 2 0 2 2

Italy HALL 6 STAND B61

SALES

• CHARTER • BROKERAGE • CO-OWNERSHIP

APRILIA MARITTIMA

SUNSEEKER ITALY S.R.L .

RIMINI

Piazzetta dell’Imbarcadero, 33

Porto Turistico 52, 16033 Lavagna (GE), Italy

Via Ortigara 80, 47921 – Rimini

33053 località Aprilia Marittima,

Tel: +39 0185 30 53 17

Latisana (UD)

Mob: +39 366 144 0325 Email: info@sunseeker-italy.com www.sunseeker-italy.com

Sunseeker P65 - Italy - Barche - 230x297_FP.indd 1

30/11/2021 14:29






32

barchemagazine.com

BARCHE

®

FULL ENGLISH TEXT

MONTHLY INTERNATIONAL YACHTING MAGAZINE

DIRETTORE RESPONSABILE//Editor in chief

CONCESSIONARIA PUBBLICITÀ//Advertising

Francesco Michienzi f.michienzi@barcheisp.it

International Sea Press Srl, Viale Brianza, 17/A - 20821 Meda T. + 39 0362 344140 b.borgonovo@barcheisp.it, a.tonelli@barcheisp.it

DIRETTORE EDITORIALE//Editorial director Barbara Borgonovo b.borgonovo@barcheisp.it

Gian Marco Lari T. +39 0773 742260 M. +39 335 6268932 m.lari@barcheisp.it

ART DIRECTOR rancesca Villirillo grafici barc eisp.it

Anna Tonelli a.tonelli@barcheisp.it

Giovanni Berruti M. +39 337 254344 g.berruti@barcheisp.it

FOTOGRAFO//Photographer

Concessionaria per il Principato di Monaco e la Costa Azzurra

SEGRETERIA DI DIREZIONE//Chief assistant

Andrea Muscatello redazione@barcheisp.it

//Advertising for Principality of Monaco and Côte d’Azur

CORRISPONDENTE DAGLI STATI UNITI D’AMERICA//US correspondent

INVESTOR MEDIA MONACO Sarl Andrea Dini a.dini@barcheisp.it

Fabio Massimo Bonini fabio@fabiobonini.net

DISTRIBUZIONE//Distribution

HANNO COLLABORATO A QUESTO NUMERO //Contributing editors/writers

Press-di Distribuzione Stampa e Multimedia S.r.l. Via Cassanese 224, 20090 Segrate (MI)

Fabio Massimo Bonini, Marco Camagni, Mariateresa Campolongo, Alberto Mario Capelli, Francesca Ciancio, Claudia Giulia Ferrauto, Massimo Longoni, Marco Mariani, Carla Pagani, Francesca Portoghese, Federico Santini, Luca Sordelli, Niccolò Volpati

DISTRIBUZIONE ESTERO//Sole Agent for Distribution Abroad

SEGRETERIA DI REDAZIONE//Editorial assistant redazione@barcheisp.it

EDITORE//Publisher International Sea Press Srl, Viale Brianza, 17/A - 20821 Meda, T. + 39 0362 344140, F. + 39 0362 73790 redazione@barcheisp.it

STAMPA//Printing TIBER SpA Via Della Volta, 179 – 25124 Brescia

JOHNSONS INTERNATIONAL NEWS ITALIA srl Via Valparaiso, 4 - 20144 MILANO

UFFICIO ABBONAMENTI Viale Brianza, 17/A - 20821 Meda, tel. +39 0362 344140 Abbonamento annuo € 60; abbonamento estero € 150 Europa; € 180 resto del mondo; un numero € 6,00; arretrati € 10. Pubblicazione mensile registrata al Tribunale di Milano in data 05/04/2004 al n. 233/2004. Tutti i diritti sono riservati. Vietata la riproduzione se non autorizzata per iscritto. Printed in Italy. Iscrizione ROC 34967 del 17/09/2020. How to subscribe Subscription: International Sea Press Srl, Viale Brianza, 17 - 20821 Meda, tel. +39 0362 344140. Subscription rates (one year): Italy € 60,00 - Europe € 150,00 - all over the world € 180,00. Published monthly. All rights reserved: reproduction in whole or in a part of any article without prior written permission from the publisher is strictly prohibited. Printed in Italy.

ON LINE App Store - Barche www.barchemagazine.com

CONFINDUSTRIA

MEDIA PARTNER YACHT CLUB PORTO ROTONDO

Questo numero è stato chiuso in Redazione il 9 dicembre 2021. This issue ended on 9th December 2021.

anoscritti e fotogra e, anche se non pubblicati, non si restituiscono. li articoli rmati sono la libera espressione degli utori e non rispecchiano necessariamente la linea editoriale del giornale. en if not published, handwritten manuscripts and pictures cannot be returned. he signed articles are the free e pression of the writers and do not necessarily reflect the editorial policy of the maga ine.

www.facebook.com/BarcheMagazine

App Store - Barche

@francescobarche

#francescobarche

ISSUU.COM







38

NEWS NEXT YACHTING

Anissa Mediouni e Sebastiano Pitasi hanno annunciato il rebranding di Edison Yachting Monaco in NEXT Yachting. La società è specializzata nella gestione di yacht di lusso da 20-50 metri, oltre a offrire vari servi i tra cui vendita e ac uisto di yacht, il noleggio, la gestione di charter, la costruzione di yacht su misura e il refit.

Fino al 20 febbraio 2022, il Salone degli Incamminati del museo statale di via delle Belle Arti di Bologna sarà allestito con un percorso espositivo che vuole approfondire il tema dei rapporti tra Antonio Canova (1757-1822) e la città di Bologna, le sue istituzioni ed i suoi artisti, evidenziando inoltre il ruolo dello scultore nella storia della collezione della Pinacoteca. Until 20 February 2022, the Salone degli Incamminati of the State Museum in Via delle Belle Arti in Bologna will host an exhibition that explores the theme of the relationship between Antonio Canova (1757-1822) and the city of Bologna, its institutions and its artists, while also highlighting the sculptor’s role in the history of the Pinacoteca’s collection.

EXO BY LEIBOWITZ DESIGN

L’explorer Yacht di EXO disegnato da Leibowitz & Partners è una nave dislocante costruita con scafo in acciaio e sovrastruttura in alluminio. Lunga 63,6 metri e larga 12,2, ha un dislocamento di circa 1.300 tonnellate. EXO’s Explorer Yacht designed by Leibowitz & Partners is a displacement vessel built with a steel hull and aluminium superstructure. It is 63.6 metres long and 12.2 metres wide and has a displacement of approximately 1,300 tonnes.

NEXT YACHTING

Anissa Mediouni and Sebastiano itasi have announced the rebranding of Edison Yachting Monaco to NEXT Yachting. The company specialises in the management of luxury yachts from - metres, as well as offering various services including yacht sales and purchases, charter, charter management, custom yacht building and refit.

SAUDI ARABIA

NEW JYC MARINA

SELA, LA COMPAGNIA NAZIONALE CHE GESTISCE ALCUNI DEI PIÙ IMPORTANTI PROGETTI DI SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE IN TUTTA L’ARABIA SAUDITA, HA INAUGURATO LO JYC MARINA CON L’ARRIVO DEI PRIMI YACHT ORMEGGIATI IN OCCASIONE DEL GRAN PREMIO DI F1 DELL’ARABIA SAUDITA. SELA, THE NATIONAL COMPANY THAT MANAGES SOME OF THE MOST IMPORTANT INFRASTRUCTURE DEVELOPMENT PROJECTS THROUGHOUT SAUDI ARABIA, HAS INAUGURATED THE JYC MARINA WITH THE ARRIVAL OF THE FIRST YACHTS MOORED DURING THE SAUDI ARABIA F1 GRAND PRIX.


ALIMAR - Fiumicino (Roma) - Tel 06 6582868 - info@alimar.it | ARCAN - Monte Argentario (GR) - Tel 0564 818310 - info@arcanyachts.com | BASE NAUTICA - Latina Tel 0773 250411 | Marina di Nettuno (Roma) - Tel 335 7638172 - info@basenautica.it | CALA DE’ MEDICI CANTIERE - Rosignano Solvay (LI) - Tel 335 5681036 mazzieri@calademedicicantiere.net | CANTIERE DEL LAGO D’ISEO BELLINI - Clusane d’Iseo (BS) - Tel 030 9829170 - info@bellininautica.it | CENTRO NAUTICO IDEA VERDE - Mesagne (BR) - Tel 0831 738637 - info@nauticaideaverde.it | BELLINI NAUTICA - Marina di Varazze (SV) - Tel 030 989016 - info@bellininautica.it NAUTICA CONDIPODERO - Brolo (ME) - Tel 0941 561951 - info@nauticacondipodero.it | NAUTICABEGO - Verbania (VB) - Tel 0323 404544 - info@nauticabego.com | NAUTICA SUD - Castellammare di Stabia (NA) - Tel 081 8717166 - info@nauticasud.it | NS NAUTICARAVANS - Vadue di Carolei (CS) - Tel 0984 624398 info@nsnauticaravans.com | ORAM - Catania - Tel 095 7122383 - info@nauticaoram.it | PAGLIARINI INTERNATIONAL BOATS - Cremona - Tel 0372 432548 | La Spezia Tel 329 2143643/42 - info@pagliarini.it | RIMINI SERVICE YACHT & SAIL - Rimini - Tel 335 1626600 - info@riminiserviceyacht.it


40

NEWS

DUBAI D

IGN

Abwab in lingua araba significa porte. ono state proprio le porte la caratteristica della ubai esign Week, dedicata ai lavori presentati negli mirati Arabi Uniti da tutto il edio riente, il ord Africa e l Asia meridionale con l obiettivo di promuovere il talento della regione e stimolare lo scambio culturale. remiato l architetto Ahmed l- harabassy per il suo progetto Nature in Motion.

Abwab means doors in Arabic. oors were the hallmark of ubai esign Week, dedicated to works presented in the United Arab mirates from all over the iddle ast, orth Africa, and outh Asia to promote the regions talent and stimulate cultural exchange. The award went to architect Ahmed l- harabassy for his Nature in Motion pro ect.

PRINCESS X80

Al Salone nautico di Düsseldorf, Princess Yachts presenterà anche l’X80 della gamma Class uper y . Dotato di un ybridge esteso, il pi piccolo della serie. Definito da op ioni di layout inusuali, con una serie di aree ben definite, l X80 dispone di uno spa io c iuso, kylounge sul ponte superiore e una cabina armatoriale op ionale a prua sul ponte principale. In collabora ione con Olesinski e Pinin arina, Princess a reali ato uno yac t allavanguardia con un design evoluto pensato per lung i periodi in mare. Princess Yachts will also display the X80 from the lass uperfly range at the sseldorf oat how. eaturing an e tended flybridge, the X80 is the smallest of the series. e ned by unusual layout options with a range of clearly de ned areas, the X80 includes an enclosed dec , ylounge on the upper dec , and an optional forward-owner cabin on the main dec . or ing with lesins i and ininfarina, rincess has created a stateof-the-art yacht with an e ol ed design intended for extended periods at sea.



42

NEWS Y7 BY MICHAEL SCHMIDT

Il proprietario della barca a vela Y7, appena varata, che viene dalla California, è designer di fama mondiale. Grande navigatore, fa viaggi molto lunghi con la sua famiglia e ha dato al cantiere un prezioso contributo nella defini ione di moltissimi dettagli del progetto di questo yacht a vela costruito dai cantieri fondati da Michael Schmidt.

Grant Hooper è il nuovo Ceo di Zeelander Yachts dopo aver lavorato con Princess Yachts come direttore degli acquisti e membro del consiglio di amministrazione prima di essere il direttore commerciale di Fairline Yachts. La mission di Hooper è quella di garantire che i risultati finan iari siano coerenti con gli obiettivi aziendali. Grant Hooper is the new CEO of Zeelander Yachts after working with Princess Yachts as purchasing director and board member before being the commercial director of Fairline Yachts. Hooper’s mission is to ensure that nancial results are consistent with corporate objectives.

The owner of the newly launched Y7 sailing yacht, who hails from California, is a world-renowned designer. A great yachtsman, he goes on long trips with his family and has given the yard valuable input in defining many of the details of the design of this sailing yacht built in the shipyards founded by Michael Schmidt.

SHINKAI 55 METERS

VITRUVIUS YACHTS

SHINKAI, L’EXPLORER YACHT DI 55 METRI DI LUNGHEZZA, PROGETTATO DA PHILIPPE BRIAND DI VITRUVIUS YACHTS, STA PER ESSERE CONSEGNATO AL SUO ARMATORE PRESSO IL CANTIERE NAVALE AALSMEER DI FEADSHIP, DOPO AVER COMPLETATO LE PROVE NELLE ACQUE DEL MARE DEL NORD AL LARGO DEI PAESI BASSI SHINKAI, THE 55-METRE EXPLORER YACHT, DESIGNED BY PHILIPPE BRIAND OF VITRUVIUS YACHTS, IS ABOUT TO BE HANDED OVER TO HER OWNER AT FEADSHIP’S AALSMEER SHIPYARD, AFTER COMPLETING SEA TRIALS IN THE WATERS OF THE NORTH SEA OFF THE NETHERLANDS.



44

NEWS

AHPO BY LÜRSSEN Il superyacht di 115,1 metri di lunghezza Ahpo (ex progetto Enzo) ha lasciato il cantiere Lürssen e ha intrapreso il suo viaggio inaugurale. Per il design degli esterni e degli interni, l armatore si affidato allo studio uvolari enard. Moran Yacht & Ship ha gestito e supervisionato il progetto, portando con sé il proprio ampio spettro di esperienze e conoscenze consolidate.

The 115.1-metre long superyacht Ahpo (formerly known as Project Enzo) has left the Lürssen shipyard and embarked on her maiden voyage. For the design of the exterior and interior, the owner entrusted the uvolari- enard studio. Moran Yacht & Ship managed and supervised the project, bringing with it its wide range of experience and expertise.

Volvo Penta presenta una soluzione ibrida avanzata per la nuova nave turistica di Hurtigruten Svalbard, che inizierà un test pilota alle Svalbard nel maggio 2022. La nave potrà consentire agli ospiti di sperimentare le meraviglie delle Svalbard senza disturbare la natura e l’habitat che li circonda.

L’ORTO A BORDO

Dedicato agli amanti del gusto, della tecnologia e dell’estetica, La Grangette è l’esclusivo orto da interni che porta nella casa, o nello yacht, un’innovativa esperienza di agricoltura idroponica dotata di intelligen a artificiale: un modo nuovo e interattivo per scoprire il piacere di coltivare prodotti freschi direttamente nella propria cucina.

THE VEGETABLE GARDEN

Dedicated to lovers of style, technology and aesthetics, La Grangette is the exclusive indoor vegetable garden that brings an innovative hydroponic farming experience with arti cial intelligence into the home or yacht: a new and interactive way to discover the pleasure of growing fresh produce directly in your own kitchen.

Volvo Penta announces an advanced, hybrid solution for Hurtigruten Svalbard’s new sightseeing vessel, which will begin a pilot test in Svalbardin in May 2022. The near-silent vessel has the potential to transform the sustainable tourism industry, allowing guests to experience the wonders of Svalbard without disturbing its nature and habitat.



46

NEWS FAIRLINE F/LINE 33

Fairline Yachts presenta il suo F/Line 33 nella versione con T-Top in carbonio. Si tratta di un day cruiser disegnato da Alberto Mancini. Uno yacht proporzionato con un look da barca veloce e performante, indicato per week end in famiglia o per un’uscita in mare di un giorno. Lo scafo è lungo 9,99 metri e a secco pesa circa 6.700 kg.

L’RSC 1900 semi-custom è un’imbarcazione a vela adatta alla navigazione avventurosa e divertente. Il layout del ponte, con il profilo del salone rial ato, o re unottima vista e un ambiente particolarmente luminoso. Sono disponibili quattro opzioni interne, con sistemazione per sei ospiti in tre cabine. The semi-custom RSC 1900 is a sailing yacht suitable for adventurous and fun sailing. The deck layout, with its raised saloon pro le, o ers e cellent iews and a particularly bright environment. Four interior options are available, with accommodation for si guests in three cabins.

BINION AND SANLORENZO

In occasione di Art Basel, Binion ha concepito lopera site-specific Cobalto , presentata all’interno della Sanlorenzo Lounge. L’opera di Binion unisce collage, disegno e pittura per creare astra ioni autobiografic e. Especially for Art Basel, Binion created the site-speci c wor obalt , presented in the Sanlorenzo Lounge. Binion’s work combines collage, drawing and painting to create autobiographical abstractions.

FAIRLINE F/LINE 33

Fairline Yachts presents its F/Line 33 in the carbon T-Top version. This is a day cruiser designed by Alberto Mancini. A well-proportioned yacht with the look of a fast, high-performance boat, suitable for family weekends or day trips out at sea. The hull is 9.99 metres long and weighs approximately 6,700 kg dry.

VECOHUB IL VECOHUB PERMETTE DI INTEGRARE

IN MODO SEMPLICE ED INTUITIVO TUTTI I SISTEMI VECO DI BORDO, TRAMITE UN’UNICA INTERFACCIA DI CONTROLLO. DAGLI IMPIANTI DI ARIA CONDIZIONATA CLIMMA AI SISTEMI DI REFRIGERAZIONE FRIGOBOAT, È ORA POSSIBILE CONTROLLARE TUTTO TRAMITE TOUCH SCREEN, MFD/ CHARTPLOTTER O CELLULARE. THE VECOHUB MAKES IT POSSIBLE TO INTEGRATE ALL THE VECO SYSTEMS ONBOARD IN A SIMPLE AND INTUITIVE WAY, THROUGH A SINGLE CONTROL INTERFACE. FROM AIR-CONDITIONING CLIMMA SYSTEMS TO REFRIGERATION FRIGOBOAT SYSTEMS, IT IS NOW POSSIBLE TO CONTROL EVERYTHING VIA TOUCH SCREEN, MFD/CHARTPLOTTER OR MOBILE PHONE.



48

NEWS

COSMOS BY HEESEN

Heesen ha varato Cosmos dagli scali del cantiere navale di Oss. Con i suoi 80 metri di lunghezza, una stazza lorda di 1.700 GT e una velocità massima di quasi 30 nodi, è uno degli yacht interamente in alluminio più grande e veloce mai costruito. Cosmos è la massima espressione della capacità di Heesen di realizzare progetti audaci che estendono l’immaginazione dei suoi ingegneri e artigiani.

Heesen has launched Cosmos from the ship yard in Oss. At 80 metres long, with a gross tonnage of 1,700 GT and a top speed of almost 30 knots, she is one of the largest and fastest all-aluminium yachts ever built. Cosmos is the ultimate expression of Heesen’s ability to build bold designs, which stretch the imagination of its engineers and craftsmen.

FERRETTI YACHTS 860

Il Ferretti Yachts 860 il ter o yac t firmato dall’architetto Filippo Salvetti per il design degli esterni e dallo studio ideaeITALIA per la progettazione degli interni. Sarà equipaggiato con una coppia di Man V12 dalla potenza di 2.000 cavalli ciascuno che consentiranno una velocit massima di 32 nodi e una di crociera di 27. A richiesta sono disponibili gli stabilizzatori Seakeeper. The Ferretti Yachts 860 is the third yacht designed by architect Filippo Salvetti for the exterior styling and by ideaeITALIA for the interior design. She will be equipped with a pair of Man V12s, of 2,000 horsepower each, which will allow a top speed of 32 knots and a cruising speed of 27. Seakeeper stabilisers are available as an option.

Il Gruppo Molteni apre a Napoli un nuovo Flaghip Store a testimonian a della centralit del brand nello scenario globale del design contemporaneo, con ermando un posi ionamento sempre pi significativo del marc io nella regione. La prestigiosa location si posiziona all’interno dello storico palazzo Ravaschieri di Satriano in Via Riviera di Chiaia.

The Molteni Group has opened a new flagship store in aples, testifying to the centrality of the brand in the global scenario of contemporary design, con rming its increasingly signi cant positioning in the region. The prestigious location is set in the historic Palazzo Ravaschieri di Satriano in Via Riviera di Chiaia.



50

NEWS BAGLIETTO T52

Si è svolta presso il cantiere Baglietto, alla presen a dei suoi fieri armatori, la tradi ionale cerimonia di posa della chiglia del nuovo scafo T52. Si tratta del secondo modello di uesta linea venduto uest anno. l progetto porta la firma di rancesco as kowski esign sia per gli esterni, sia per gli interni, uesti ultimi in collabora ione con Margherita Casprini.

Suzuki Italia ha nominato Vice Presidente, Toru Oyama, che dirigerà la divisione Moto e Marine. Toru Oyama, 52 anni, sposato con 1 figlio, nato a Kumamoto in Giappone, è entrato nel gruppo Suzuki nel 1992. Suzuki Italia has appointed Toru Oyama as Vice President, to head the Motorcycle and Marine division. Toru Oyama, 52 years old, married with 1 child, born in Kumamoto, Japan, joined the Suzuki group in 1992.

TEAM Italia presenta I-Bridge Dharma Next, che trasforma la plancia in un’area più conviviale. Per ottenere questo risultato sono state studiate soluzioni di meccatronica per poter adattare la fisionomia della plancia ai diversi contesti in cui la nave si troverà ad operare. TEAM Italia presents I-Bridge Dharma Next, which transforms the bridge into a more convivial area. To achieve this, mechatronic solutions have been developed to adapt the physiognomy of the bridge to the di erent conte ts in which the ship will be operating.

The traditional keel-laying ceremony of the new T52 hull took place at the Baglietto shipyard, in the presence of its proud owners. This is the second model of this line sold this year. The pro ect bears the signature of rancesco as kowski esign for both exteriors and interiors, the latter in collaboration with argherita asprini.

SUPERYACHT PHI

BY ROYAL HUISMAN

IL SUPERYACHT A MOTORE PHI, DI 58,5 METRI DI LUNGHEZZA FUORI TUTTO, HA EFFETTUATO LUNGHI TEST NELLE ACQUE DEL MARE DEL NORD CON RAFFICHE DI VENTO MOLTO FORTI E ONDE DI ALTEZZA FINO A 140 CENTIMETRI. È STATO SVILUPPATO E COSTRUITO PER RIMANERE AL DI SOTTO DELLE 500 GT DI STAZZA INTERNAZIONALE. THE 58.5-METRE-LONG MOTOR SUPERYACHT PHI HAS UNDERGONE EXTENSIVE TESTING IN NORTH SEA WATERS WITH VERY STRONG WIND GUSTS AND WAVES OF UP TO 140 CENTIMETRES IN HEIGHT. IT HAS BEEN DEVELOPED AND BUILT TO STAY UNDER 500 GT INTERNATIONAL TONNAGE.



52

NEWS

FLEXPLORER 1 6

Cantiere delle Marche annuncia la vendita di un altro Flexplorer 146. Le linee esterne sono state disegnate da ergio utolo ydro Tec, mentre gli interni sono firmati Nauta Design. Lungo 44,33 metri, il Flexplorer 146 ha una stazza lorda inferiore a 500 GT. Due motori Caterpillar C32 Acert di 746 kW ciascuno e 60.000 litri di gasolio, garantiscono un’autonomia di circa 5.000 miglia nautiche.

Cantiere delle Marche announces the sale of another Flexplorer 146. The design of the exterior lines is by Sergio Cutolo/Hydro Tec, while the interior is by Nauta Design. At 44.33 metres long, the Flexplorer 146 has a gross tonnage of less than 500 GT. Two Caterpillar C32 Acert engines of 746 kW each and 60,000 litres of diesel fuel guarantee a range of approximately 5,000 nautical miles.

Negli spa i del Gaggenau Design lementi ub di Milano, fino al 25 ebbraio, sar possibile ammirare gli inediti quadriscultura c e compongono Pars Construens , con cui ulvio Morella o re unoriginale ri essione sul concetto di progresso e su come lumanit evolva in modo corale.

GREEN YARD KLEVEN & YIP

L’azienda norvegese Green Yard Kleven a firmato un accordo con la societ di brokeraggio e gestione Yac ting Partners International, YPI. Green Yard leven a gi consegnato due ecce ionali superyac t, Andromeda di 107, metri di lung e a nel 2016 e Ulysses di 116 metri di lung e a nel 2018 e, gra ie allesperien a di vendita e marketing di YPI, proporr progetti per la nuova reali a ione di super e gigayac t con una lung e a superiore a 80 metri, con slot di costru ione disponibili immediatamente.

GREEN YARD KLEVEN & YIP

The Norwegian company Green Yard Kleven has signed an agreement with the international yacht brokerage and management company Yachting Partners International, YPI. Green Yard Kleven has already delivered two exceptional superyachts, the 107.4-metre long Andromeda in 2016 and the 116-metre long Ulysses in 2018 and thanks to YPI’s sales and marketing expertise, will propose projects for new build super and gigayachts, with a length of more than 80 metres, with construction slots available immediately.

In the exhibition area of the Gaggenau DesignElementi Hub in Milan, until 25 February, it will be possible to admire the unprecedented sculpture-paintings that make up “Pars Construens”, with which ul io orella o ers an original reflection on the concept of progress and on how humanity evolves as a whole.



54

NEWS ROBERTO CAVALLI HOME

Esuberante, Glamour, Rock. La nuova proposta di Roberto Cavalli Home Interiors si inserisce a pieno titolo nella nuova direzione stilistica di Fausto Puglisi, Creative Consultant della Maison. La collezione si contraddistingue per l’uso delle stampe animalier, con un focus particolare sui toni naturali e soft della terra.

Il GT320S, disegnato da Christian Grande, è il nuovo modello fuoribordo di Invictus Yacht ed è pronto al debutto mondiale al Boot 2022. Il nuovo Invictus viene proposto con due motori Yamaha di 300 cavalli e può supportare una potenza massima di 900 cavalli. Gli interni mantengono le caratteristiche estetiche e funzionali della versione entrofuoribordo. The GT320S, designed by Christian Grande, is the new outboard model by Invictus Yacht, set to make its world debut at Boot 2022. The new Invictus is o ered with two hp amaha engines and can support a ma imum power output of hp. he interior maintains the aesthetic and functional characteristics of the sterndri e version.

PRINCESS V50

Il Princess V50, disponibile nella versione deck saloon o open con hard top, è stato completamente riprogettato e ha una carena tutta nuova per migliorare la manovrabilità, le performance e la tenuta di mare. The Princess V50, available in a deck saloon or open hardtop ersion, has been completely redesigned with an allnew hull for impro ed manoeu rability, performance and sea eeping.

ROBERTO CAVALLI HOME

Exuberant, Glamour, Rock. The new Roberto Cavalli Home Interiors proposal is fully in line with the new stylistic direction of Fausto Puglisi, Creative Consultant of the Maison. The collection stands out for its use of animal prints, with a particular focus on natural, soft earth tones.

SUNBRELLA

ON LAGOON

LAGOON HA SCELTO SUNBRELLA PER ARREDARE IL SUO NUOVO CATAMARANO DI 55 PIEDI A VELA. GLI SPAZI SONO IMPREZIOSITI DA TONALITÀ PASTELLO CONTRASTATE DA TOCCHI DI COLORE DECISO. IN ALTERNATIVA, I TESSUTI IKEBANA, CON IL LORO DELICATO MOTIVO A FOGLIAME, TRASPORTANO I DIPORTISTI ALL’OMBRA DEGLI ULIVI. LAGOON HAS CHOSEN SUNBRELLA TO FURNISH ITS NEW 55-FOOT SAILING CATAMARAN. THE SPACES ARE EMBELLISHED WITH PASTEL SHADES CONTRASTED BY TOUCHES OF BOLD COLOUR. ALTERNATIVELY, THE IKEBANA FABRICS, WITH THEIR DELICATE FOLIAGE PATTERN, TRANSPORT BOATERS TO THE SHADE OF OLIVE TREES.



56

NEWS

FLOATING LIFE Floating Life ha presentato il modello del nuovo FL 42 e la FL Series, una linea di imbarcazioni totalmente customizzabili, che si basa su una piattaforma tecnica ideata da Andrea Pezzini con la collaborazione di Satura Studio. L’FL 42, in particolare, è studiato per essere adibito a Fractional Ownership o Timesharing, due particolari tipi di multiproprietà ideati da Floating Life.

Floating Life has presented the model of the new FL 42 and the FL Series, a line of boats that can be totally customised, based on a technical platform designed by Andrea Pezzini with the collaboration of Satura Studio. The FL 42, in particular, is designed to be used for Fractional Ownership or Timesharing, two particular types of timeshare created by Floating Life.

ADI DESIGN MUSEUM

ADI Design Museum presenta un’esposizione a cura dellAssocia ione Culturale Gillo Dor es, c e espone un abbecedario unico, reali ato negli anni 50 per i nipoti Piero e Giorgetta. uarantadue disegni c e rivelano un Gillo pedagogico, divertente, ironico, ma anc e sorprendente. LAssocia ione Culturale Gillo Dor es stata ondata per volont dei nipoti Piero e Giorgetta. ADI Design Museum presents an exhibition curated by the ssocia ione ulturale illo orfles, displaying a uni ue primer created in the 1950s for his grandchildren Piero and iorgetta. orty-two drawings re eal a pedagogical, amusing, ironic, but also surprising illo. he illo orfles Cultural Association was founded by his grandchildren Piero and Giorgetta.

Baker’s Cay Resort di Key Largo in lorida a ospitato ledi ione americana del ventunesimo Benetti Yac tmaster, tradi ionale evento riservato a capitani ed equipaggi. Fil rouge della mani esta ione stata la sostenibilit , non solo nei orks op, ma anc e nella scelta della location e delle attivit di team building. I partecipanti sono stati 70, tra cui 3 comandanti.

a ers ay esort in ey argo, lorida, hosted the merican edition of the twenty- rst enetti achtmaster, a traditional event reserved for captains and crews. he common thread running through the event was sustainability, not only in the workshops but also in the choice of location and teambuilding acti ities. here were participants, including captains.



58

NEWS ALCANTARA AND MAXXI

Compie 10 anni il sodalizio creativo tra Alcantara e MAXXI, il Museo nazionale delle arti del XXI secolo. ino alla fine di febbraio, designer da tutto il mondo presenteranno al museo le loro installazioni in Alcantara, sperimentando la versatilità e le potenzialità del materiale in linea con la mission di ricerca del MAXXI.

Fino al 20 febbraio 2022, Firenze accoglierà una delle più grandi pittrici viventi, Jenny Saville, che sarà oggetto di un progetto espositivo ideato e curato da Sergio Risaliti, Direttore del Museo Novecento, in collaborazione con alcuni dei musei della città. Up until February 20, 2022, Florence will host one of the greatest contemporary painters, Jenny Saville, who will be the subject of an exhibition project conceived and curated by Sergio Risaliti, Director of the Museo Novecento, in collaboration with several of the city’s museums.

The creative partnership between Alcantara and MAXXI, the National useum of entury Arts, is celebrating its th anniversary. Until the end of ebruary, designers from all over the world will be presenting their installations in Alcantara at the museum, experimenting with the versatility and potential of the material following A s research mission.

50SD BY ZF TORQEEDO CON IL DEEP BLUE 50 SD,

ZF E TORQEEDO HANNO COLLABORATO CON SUCCESSO A UNA NUOVA GAMMA DI SISTEMI DI PROPULSIONE A EMISSIONI ZERO. COME DIMOSTRATO DURANTE LA SUA PRIMA APPLICAZIONE NEL CATAMARANO DA CROCIERA EXCESS 15 DI GROUP BENETEAU DURANTE I TEST IN ACQUA. WITH THE DEEP BLUE 50 SD, ZF AND TORQEEDO HAVE SUCCESSFULLY COLLABORATED ON A NEW RANGE OF ZERO-EMISSION PROPULSION SYSTEMS. AS DEMONSTRATED DURING ITS FIRST APPLICATION IN THE EXCESS 15 CRUISING CATAMARAN OF GROUP BENETEAU DURING IN-WATER TESTING.

NUMARINE 37XP

Venduto il quinto esemplare del Numarine 37XP. Il superyacht, con scafo dislocante in acciaio e una sovrastruttura in composito, è stato progettato per lunghe navigazioni grazie a un’autonomia di 5.000 miglia nautiche alla velocità di 8,5 nodi. Umberto Tagliavini è responsabile dell’architettura navale, mentre gli esterni sono di Can Yalman. Il decor degli interni è stato realizzato da Hot Lab. he fth unit of the Numarine 37XP has been sold. The superyacht, with a steel displacement hull and a composite superstructure, has been designed for long navigation thanks to a range of 5,000 nautical miles at a speed of 8.5 knots. Umberto Tagliavini is responsible for the naval architecture, while the exteriors were designed by Can Yalman and the interior decoration by Hot Lab. Credits Kerem Sanliman






O F F I C I A L

D E A L E R

GPY MARINE Exclusive dealer for Italy Marina Cala dè Medici (LI) Maurizio Granai T > + 393356113832 W> www.gpylongrange.it

FUTURA YACHT NORD-EST DISTRIBUTOR sales@futurayacht.com San Giorgio di Nogaro (UD) T > +390432667242

COUPE

gpylongrange

RPH

gpylongrange

www.sirenayachts.com



O F F I C I A L

D E A L E R

GPY MARINE Exclusive dealer for Italy Marina Cala dè Medici (LI) Maurizio Granai T > + 393356113832 W> www.gpylongrange.it

FUTURA YACHT NORD-EST DISTRIBUTOR sales@futurayacht.com San Giorgio di Nogaro (UD) T > +390432667242

COUPE gpylongrange

RPH gpylongrange

www.sirenayachts.com






70

NEWS

Q

uesto progetto, sviluppato dal cantiere nautico Sessa, si caratterizza per la possibilità di essere realizzato in 3 diversi modelli, ciascuno con una personalità ben precisa e definita. Un modello cruiser, uno open e uno con T-Top nelle versioni con motori fuoribordo, oppure con propulsori entrofuoribordo. a versione open presenta un parabrezza frontale panoramico ed un T-Top con tendalino elettrico di poppa che permette di proteggere l area dal sole. Il design del pozzetto, completamente rivisitato, presenta uno schienale modulare che dà la possibilità di creare un prendisole con tavolo abbattibile. a plancetta di poppa delle versioni entrofuoribordo ha la possibilità di lift idraulico. ella versione fuoribordo un bracket motori integrato funge anche da plancetta laterale per facilitare l’accesso in mare e per avere più spazio durante le soste.

SESSA C3X BARCA IDEALE PER LE CROCIERE SOTTOCOSTA, HA 4 POSTI LETTO, UN BAGNO, UNA PICCOLA CUCINA E PUÒ ESSERE MOTORIZZATA CON VARIE SOLUZIONI THE IDEAL BOAT FOR CRUISING ALONG THE COAST, IT HAS 4 BEDS, A BATHROOM, A SMALL GALLEY AND CAN BE POWERED WITH VARIOUS SOLUTIONS

by Marco Mariani

T

his project, developed by the Sessa shipyard, is characterised by the possibility of being built in different models, each with a precise and defined personality. There is a cruiser model, an open model and a model with a T-Top in versions with outboard or sterndrive engines. The open version features a panoramic front windscreen and a T-Top with an electric awning at the stern to protect the area from the

sun. The design of the cockpit has been completely redesigned and features a modular backrest which makes it possible to create a sundeck with folding table. The stern platform on the sterndrive versions has the option of a hydraulic lifter. n the outboard version, an integrated engine bracket also acts as a side platform to facilitate access to the sea and for more space when at anchor or moored.


GUARDA OLTRE L’ORIZZONTE IL MEGLIO DELLA TECNOLOGIA RADAR IL NUOVO RAYMARINE

CYCLONE® Massima espressione di design, prestazioni robuste e impareggiabile percezione di ciò che ti circonda, i radar open-array allo stato solido Cyclone danno ai comandanti tranquillità nell’affrontare le condizioni più difficili e permettono di navigare in sicurezza nelle tratte nautiche più trafficate. La nuova evoluzione del radar di alta gamma.

#findyoursea Foto: Riviera


NEWS

72

I

l Daytona 46, walkaround e central consolle, è un’imbarcazione di 15 metri votata alla convivialità dalle prestazioni brillanti e divertenti con una velocità massima superiore ai 40 nodi. È stata disegnata da Marino Alfani in collabora ione con l ufficio tecnico del cantiere. e linee sono filanti e simmetriche. Il parabrezza, dalle spalle laterali avvolgenti, permette una visibilità adeguata. La prua slanciata riflette un design dalla marcata personalità. La cucina, che divide il pozzetto dalla zona di guida, è protetta da un bimini leggero. Ha 4 posti letto e il bagno in un locale separato. Gli interni prevedono un open space che, all’occorrenza, può essere diviso in due cabine da una parete mobile. The interiors feature open space, which, when needed, can be divided into two cabins thanks to a movable wall.

RIO YACHTS

DAYTONA 46 VARATO PER CELEBRARE I SESSANT’ANNI DI ATTIVITÀ DI RIO YACHTS, È UNA BARCA CHE PUÒ ESSERE DOTATA DI 3 MOTORI ENTROFUORIBORDO OPPURE DUE ENTROBORDO DIESEL LAUNCHED TO CELEBRATE THE SIXTIETH ANNIVERSARY OF RIO YACHTS, IT IS A BOAT, WHICH CAN BE POWERED WITH THREE STERNDRIVE ENGINES OR TWO DIESEL INBOARDS

by Marco Camagni

T

he Daytona 46, walkaround and central console, is a 15-meter long boat dedicated to conviviality with funny yet brilliant performances and a maximum speed exceeding 40 knots. It was designed by Marino Alfani together with the shipyard’s technical department. The lines are sleek and

symmetrical. The windscreen, with the enveloping lateral frames, allows you good visibility. The sleek bow reflects a design with a strong personality. The galley, which divides the cockpit from the dashboard, is protected with a soft bimini. It has four berths and a separate bathroom.



74

NEWS

PARDO GT52 CANTIERE DEL PARDO PRESENTA LO YACHT A MOTORE GT52. SI TRATTA DI UN IBRIDO TIPOLOGICO CHE SI POSIZIONA TRA LA GAMMA WALKAROUND E QUELLA ENDURANCE CANTIERE DEL PARDO PRESENTS THE GT52 MOTOR YACHT. IT’S POSITIONED BETWEEN THE WALKAROUND AND THE ENDURANCE RANGE

by Massimo Longoni

I

l Pardo GT52 si rivolge a quegli armatori che sono alla ricerca di volumi ancora più vivibili e confortevoli rispetto agli attuali modelli walkaround, ma senza rinunciare alle performance. Il design è caratterizzato dalla continuità spaziale tra interni ed esterni, come già proposto a bordo dell ndurance con finestrature laterali di poppa che si alzano verso l’alto, porta di poppa completamente apribile e tetto in modalità semiopen. La riorganizzazione degli spazi offre anche una fruibilit del po etto più ampia, con zona dinner e aree prendisole estese. L’abitabilità più generosa e flessibile sottocoperta, grazie alla possibilità del doppio layout degli interni, galley up o galley down, trasforma la percezione degli spazi, valorizzando il tempo trascorso a bordo soprattutto durante le lunghe crociere. La motorizzazione prevede due Volvo Penta Ips 650 nella versione standard, oppure due 700/800 come optional.

Le linee dello scafo evidenziano la prua rovescia, tipica della famiglia Pardo Yachts. Sono opera dello studio Zuccheri Yacht Design che ha curato anche l’architettura navale. The hull lines enhance the inverted bow, typical of the Pardo Yachts family. They are by Zuccheri Yacht Design studio, which was responsible for the naval architecture too.



76

NEWS Gli interni sono opera di Massimo Gino di Nauta Design e prevedono due opzioni di layout con cucina sul ponte inferiore o su quello superiore. The interiors are by Massimo Gino of Nauta Design and feature two possible layouts, with the galley on the lower deck or on the upper deck.

T

he Pardo GT52 is intended for those owners who are looking for even more spacious and comfortable volumes than the current walkaround models but without sacrificing performance. The design is characterized by the continuity between interiors and exteriors, as already seen onboard the Endurance 60, with side stern windows, which rise upwards, the stern door which can be opened completely, and the roof in semi-open mode. The complete

reorgani ation of the spaces also offers wider usability of the cockpit, with a dining area and extended sunbathing areas. The more generous and flexible liveability below deck, thanks to the double interior layout, with galley up or galley down, transforms the perception of space, enhancing the time spent on board especially during long distant cruising. The power has been entrusted to two Volvo Penta IPS 650 as standard or two 700/800 as optional.



78

BROKERAGE

L

Burgess

e vendite di questi yacht rappresentano la natura di Burgess effettuate gra ie ai suoi team in Asia, a alma, a ew ork e a onaco. Ad aprire le dan e stata ime , una nave di supporto costruita da amen, lunga , metri, venduta dall ufficio di alma. l superyacht ha una larghe a di , metri, un pescaggio di , e un volume di T. oi stata la volta della nave da diporto di metri di lunghe a, Arete di Bloemsma an Breemen. stata la prima unit venduta con il team di Burgess iami. uccessivamente Burgess Asia ha venduto Moon Sand Too, costruito da eadship, lungo , metri, con un baglio di , , un pescaggio di , metri e un volume di T. Moon Sand Too entrata a far parte della flotta di Burgess nell agosto ed stata venduta tre mesi dopo. l gran finale stato con Ribelle lungo , metri e largo , ,

RECORD SALES BURGESS HA VENDUTO QUATTRO YACHT IN SETTE GIORNI, PER UN TOTALE DI OLTRE 166 METRI DI LUNGHEZZA CON UN VALORE COMPLESSIVO DI CIRCA 65 MILIONI DI EURO BURGESS SOLD FOUR YACHTS IN SEVEN DAYS, WITH A TOTAL LENGTH OF OVER 166 METERS AND A TOTAL VALUE OF JUST UNDER 65 MILLION EUR

by Massimo Longoni uno yacht a vela ad alte presta ioni costruito in fibra di carbonio dal cantiere olandese Vitters su progetto di alcolm ckeon con interni di mi Tessier. onathan Beckett, eo di Burgess, ha commentato «Gli ultimi 13/14 mesi sono stati piuttosto straordinari. Gli yacht sono stati venduti a prezzi davvero buoni e parlare di “accordi Covid” era onestamente un’eresia».

T

he sales of these yachts represent the real essence of Burgess and have been made thanks to its teams in Asia, alma, ew ork, and onaco. icking off the uartet was ime , a support vessel built by amen, with a length of , meters, sold by the office in alma. The superyacht has a beam of . meters, a draft of . and T. ext up was the -meter long pleasure ship



80

BROKERAGE

Burgess Ribelle è una barca che ha nel titanio e nel carbonio gli elementi fondamentali per essere uno scafo performante e leggero. Ha un peso complessivo di solo 84 tonnellate. Ribelle is a yacht, which has its basic elements in titanium and carbon to be a light and performant hull. The total weight is 84 tons.

Arete by Bloemsma & Van Breemen. t was the first unit sold by the Burgess team in iami. Then Burgess Asia sold Moon Sand Too, built by eadship, with a length of , meters, a beam of . , a draft of . meters, and T. Moon Sand Too oined the Burgess fleet in August and was sold three months later. The grand final was the sale of Ribelle, . meters long and . meters wide, it is a high-performance sail yacht made of carbon fiber by the utch itters yard, following the pro ect of alcom ckeon and interiors by mi Tessier. onathan Beckett, of Burgess, said «The past 13/14 months have been pretty extraordinary Yachts have been selling at really good prices and talks of ‘COVID deals’ was quite honestly a myth».

ime , di 55 metri, è stato varato presso il cantiere Damen di Antalya. Ha un grande hangar multiuso sul ponte principale. Rispetto ai modelli precedenti è stato migliorato il comfort a bordo e aggiornati tutti gli apparati di navigazione. The 55-meter long ime O was launched at the Damen yard in Antalya. It has a large multipurpose hangar on the main deck. Compared to the previous models, the comfort onboard has been improved and all the sailing devices updated.



82

LAWYER on BOARD

La temporanea

importazione TEMPORARY

IMPORT

VEDIAMO QUALI SONO LE CONDIZIONI PER APPLICARE IL REGIME DI TEMPORANEA IMPORTAZIONE DI YACHT DA DIPORTO EXTRA UE IN ITALIA WE TAKE A LOOK AT THE CONDITIONS FOR GRANTING TEMPORARY IMPORT TAX STATUS IN ITALY TO YACHTS FROM OUTSIDE THE EU

by Federico Santini*

I

n base al Regolamento EU n. 952/2013 contenente il Codice Doganale dell’Unione (“CDU”) – che a decorrere dal 1 maggio 2016 ha sostituito il Codice Doganale Comunitario di cui al Regolamento CE n. 2913/92 – gli yacht da diporto immatricolati in un paese fuori dall’Unione Europea sono liberi di navigare e permanere nelle acque territoriali comunitarie in esenzione integrale dal pagamento dell’IVA e dei dazi di importazione, in

regime di “temporanea importazione”, per un periodo massimo di 18 mesi, a condizione che siano soddisfatte le seguenti condizioni: 1) che lo yacht sia registrato fuori dall’Unione Europea; 2) che lo yacht sia registrato a nome di una persona, sia essa persona fisica o giuridica, non residente nell’Unione Europea; 3) che lo yacht sia utilizzato per finalit esclusivamente da diporto da individui residenti fuori dal territorio doganale comunitario.


Vijonara © StuartPearce.

barchemagazine.com

NON ESISTE UN LIMITE AL NUMERO DI PERIODI DI TEMPORANEA IMPORTAZIONE CHE LO YACHT PUÒ EFFETTUARE. THERE IS NO LIMIT TO THE NUMBER OF PERIODS OF TEMPORARY ADMISSION FOR A YACHT.

83


84

LAWYER on BOARD Il regime di ammissione temporanea è limitato, come detto, ad un periodo massimo di 18 mesi – cosiddetto periodo di “appuramento” – ed occorre sottolineare come il nuovo CDU abbia cancellato la possibilit prima prevista di sospendere tale periodo durante la sosta a terra in rimessaggio, prevedendo solo la possibilit di ottenere una proroga per un periodo ragionevole nel caso di programmi di manutenzione e refit. Prima della scadenza del periodo di appuramento lo yacht deve uscire dalle acque comunitarie e raggiungere un porto extra U, con la possibilit poi di rientrare nuovamente nelle acque comunitarie in regime di importazione temporanea per un uguale periodo di tempo. Non esiste un limite al numero di

periodi di temporanea importazione che lo yacht pu effettuare. ccorre tuttavia che gli armatori siano estremamente attenti a rispettare il termine di appuramento ed a mantenere a bordo documentazione idonea a dimostrare la data di inizio di tale termine. Trascorsi infatti i 18 mesi di importazione temporanea sorge l’obbligo di provvedere all importa ione definitiva del bene (con conseguente pagamento dei diritti doganali e dell’IVA) oppure di attribuire al bene un diverso regime doganale. Se entro il termine di appuramento l unit da diporto non trasferita fuori del territorio doganale o il mezzo di trasporto non è vincolato a un altro regime doganale, si determina una fattispecie di contrabbando

L’Agenzia delle Dogane Italiana ha chiarito che “per un pleasure yacht, registrato in un paese terzo, la richiesta della dichiarazione verbale debba considerarsi una “facoltà” e non un obbligo, tenuto conto che già il semplice passaggio della frontiera dell’Unione comporta il vincolo al regime di ammissione temporanea”.

The Italian Customs Agency has established that “for a pleasure yacht flagged in a noncountry, a re uest to make an oral declaration is to be considered an “option” rather than an obligation given that simply crossing the borders triggers the start of the temporary admission regime”.

penalmente rilevante, ai sensi dell’art. 216, comma 2, del CDU. In altre parole, la violazione del termine di appuramento (salvo che l’IVA evasa non superi determinate soglie) integra gli estremi del reato di “contrabbando”, per il quale, almeno in Italia, è previsto un regime particolarmente punitivo ed a ittivo a danno dell armatore che esamineremo in dettaglio nel prossimo numero. In questa sede è utile soffermarsi sulla documenta ione atta a dimostrare l’inizio del periodo di ammissione temporanea. Al riguardo, il documento principale è costituito dalla dichiarazione verbale di ammissione temporanea da presentare presso l ufficio doganale nel primo porto di arrivo nel territorio dell’UE. L’Agenzia delle Dogane Italiana ha chiarito che per un pleasure yac t, registrato in un paese ter o, la ric iesta della dic iara ione erbale pre ista dall art del al fine di attestare il momento di ingresso nel territorio doganale dell nione debba considerarsi una facolt e non un obbligo, tenuto conto c e gi il semplice passaggio della frontiera dell nione in uesto caso l ingresso nelle ac ue territoriali comporta il incolo al regime di ammissione temporanea Laddove l’armatore decida comunque di presentare la dichiarazione verbale per farsi attestare dall ufficio doganale il momento di ingresso dello yacht nel territorio



86

LAWYER on BOARD comunitario ed il conseguente inizio del periodo di appuramento, lo stesso potrà utilizzare l’allegato 71-01 del CDU, che è un modulo composto da una prima parte da compilare a cura dell’armatore stesso con i propri dati, quelli dello yacht (descrizione dello yacht, modello e lunghezza, valore, bandiera e numero di registra ione, eventuale identificativo , dell utili o per finalit esclusive di diporto e del periodo di 18 mesi di appuramento con indicazione della relativa scadenza, e di una seconda parte riservata all’Agenzia delle Dogane. In assenza o in alternativa alla dichiarazione doganale verbale per l’ammissione temporanea, il momento di arrivo nel territorio doganale di uno yacht extracomunitario può essere dimostrato con il cd. “costituto d’arrivo”, rilasciato dall’autorità

marittima (Capitaneria di Porto) del primo porto di approdo nazionale. Tale documento ha tuttavia una durata di soli 12 mesi, inferiore alla durata del regime di ammissione temporanea (18 mesi), per cui laddove la permanenza dello yacht extra UE in territorio comunitario dovesse eccedere tale periodo, l’armatore dovrà chiedere il rilascio di un nuovo costituto d’arrivo in sostituzione di quello in scadenza. Il costituto d’arrivo, eventualmente rinnovato, dovrà essere restituito al momento dell’uscita dal territorio comunitario all’autorità marittima dell’ultimo porto di approdo. Nel caso in cui l’armatore non presenti né la dichiarazione verbale in dogana né richieda il rilascio del costituto d’arrivo alla capitaneria di porto, l’onere della prova circa il rispetto del

TRASCORSI I 18 MESI DI IMPORTAZIONE TEMPORANEA SORGE L’OBBLIGO DI PROVVEDERE ALL’IMPORTAZIONE DEFINITIVA DEL BENE, CON CONSEGUENTE PAGAMENTO DEI DIRITTI DOGANALI E DELL’IVA, OPPURE DI ATTRIBUIRE AL BENE UN DIVERSO REGIME DOGANALE. ONCE THE 18-MONTH PERIOD HAS ELAPSED, THE OWNER IS OBLIGED TO DEFINITIVELY IMPORT THE YACHT (AND CONSEQUENTLY PAY VAT AND CUSTOMS DUTIES) OR TO APPLY FOR A DIFFERENT CUSTOMS REGIME.

©Guillaume Plisson.

regime di ammissione temporanea incomberà sull’armatore e l’unica prova atta a dimostrare il rispetto del termine di appuramento sarà costituita da documenta ione ufficiale (documentazione doganale, fatture di bunkeraggio, fatture di ormeggio) attestante il più recente approdo dello yacht in un porto extra-comunitario.

A

ccording to EU Regulation 952/2013 which contains the Union Customs Code (“UCC”) and which replaced the European Customs Code (EU Regulation 2913/92) on May 1st 2016, pleasure yachts registered outside the EU are free to sail and remain in EU territorial waters under the a “temporary admission” procedure. This gives full relief from VAT and customs duties, for a maximum of 18 months, provided that the following conditions are satisfied the yacht is flagged in a country outside the European Union; 2) the yacht is registered in the name of either a person or company that is not EU resident; 3) the yacht is exclusively used for leisure by individuals residing outside the Union’s customs border. As already noted, the temporary admission regime is limited to a maximum of 18 months, known as the “period of discharge” and it is worth mentioning that the new UCC has removed the option of suspending the period while yachts are stored on shore, and only provides for a temporary extension for maintenance or refitting programmes. achts must leave EU territorial waters and reach a port outside the Union before the 18-month period expires, although they can return and again benefit from temporary admission for a further 18 months. There is no limit to the number of periods of temporary admission from which the yacht can benefit. owever, owners should be extremely careful to respect the 18-month limit, and to keep sufficient documentation on board to show when temporary admission began. wners are obliged to definitively import the yacht once the 18 months have elapsed (and consequently pay VAT and customs duties), or to apply for a different customs regime. f the yacht has not exited EU territory or a different customs regime is not applied for by the end of the period of discharge, the owner is automatically guilty of smuggling, which is a criminal offence under art. , paragraph , of the UCC. In other words, violating the



88

LAWYER on BOARD

Santini & Partners Studio Legale 25, Via Tommaso Salvini Rome - 00197 info@santinipartners.it www.santinipartners.it Tel: +39 06 97886-598/599 Mob.: +39 335 8118884 Fax: +39 06 97886606 L’avvocato Federico Santini è managing partner dello Studio Legale Santini & Partners di Roma. È specializzato in diritto internazionale ed in diritto marittimo, ha una consolidata esperienza nel settore dello yachting, con particolare riguardo a transazioni relative a super yacht, nuove costruzioni navali, finan iamento per la costru ione di navi, registrazione di yacht, arbitrati internazionali, questioni assicurative e fiscali connesse. membro dell’Associazione Italiana di Diritto Marittimo ed è consulente di primari studi legali, di istituzioni ed associazioni internazionali nel settore dello yachting. Per qualsiasi richiesta di chiarimenti e/o assistenza scrivere a: f.santini@santinipartners.it The lawyer Federico Santini is a managing partner of Santini & Parterns La o ce in Rome. e is speciali ed in international law and maritime law and has a consolidated experience in t e yac ting field especially in terms of super yacht transactions, the registration of yachts, international arbitration, insurance issues and related tax. e is a member o t e Italian Association of Maritime law and advisor o t e most important la o ces and o the international yachting associations. For any requirement or information, please write to: f.santini@santinipartners.it

18-months term (unless the unpaid VAT is below certain amounts) is considered a criminal offence and - in taly at least - extremely harsh penalties are incurred by yacht owners we shall look at these penalties in the next issue . n this article we will focus on the documentation which proves the date when temporary admission begins. The main document is the oral statement of temporary admission to be filed with the customs office of the first port of call upon arrival in the European Union. The talian ustoms Agency specifies that for a pleasure yacht flagged in a nonU country, a re uest to make an oral declaration under art. of the U to prove the date of entry into the Unions customs Territory is to be considered an “option” rather than an obligation given that simply crossing into the U in this case into the Unions territorial waters triggers the start of the temporary admission regime . f however, the owner choses to file an oral statement in order to obtain confirmation of the date of yacht s entry into the U and the conse uent start of the temporary admission period, they can use Annex - to the U . This is a form whose first section re uires information to be filled in by the owner information about the owner and the yacht, including the yacht s description, listing the name of the model and its length, value, flag

and official number, identification number if it has one, a statement that the yacht is used for leisure only, and the 18-month period for discharge and its expiry date. The second section is reserved for the ustoms Agency. n the absence of - or as an alternative to - the oral customs declaration, the date of entry into the Union territory of a non- U yacht can be proved with the so called ostituto d arrivo official arrival form issued by the maritime authority arbour aster s ffice at the first port of call in taly. owever, the validity of this document is limited to months, so less than the validity of the temporary admission regime (18 months). onse uently, when a non- U yacht in present in U territory any longer, the owner should apply for a new ostituto d arrivo to replace the one which is going to expire. A ostituto d arrivo , and any replacement, shall be returned to the maritime authority at the last port of call when leaving EU territory. f the owner neither files the oral customs declaration nor applies for a ostituto d arrivo , the burden of proving compliance with the temporary admission regime lies with the owner, and the only evidence admissible will be official documentation custom clearance, bunker or berth invoices proving the yacht s latest arrival in a non-EU port.



90 90

Ford Mustang MachFord 1 Mustang Mach 1 SUPERCAR

Supercar

Thrill on the


barchemagazine.com barchemagazine.com

track

LA MUSTANG È UN’ICONA AMERICANA. NON È SEMPLICEMENTE UN’AUTOMOBILE, RAPPRESENTA UNO STILE DI VITA, UN MODO DI ESSERE GRAZIE ANCHE A UNO STRAORDINARIO MOTORE V8 DI 5.000 CENTIMETRI CUBICI THE MUSTANG IS AN AMERICAN ICON. IT IS NOT JUST A CAR IT REPRESENTS A LIFESTYLE, A WAY OF BEING, THANKS ALSO TO AN EXTRAORDINARY 5,000 CUBIC CENTIMETRE V8 ENGINE

by Francesco Michienzi

91 91


92

SUPERCAR

Ford Mustang Mach 1

M

Il design esterno rispecchia la sportività di Ford che negli interni è valorizzata da molti dettagli in alluminio, dedicati all’allestimento Mach 1. L’infotainment con sistema di connettività SYNC 3 ha un impianto stereo di alto livello con 12 altoparlanti. he e terior design reflects ords sportiness, which in the interior is enhanced by many aluminium details, dedicated to the Mach 1 trim. The infotainment with SYNC 3 connectivity system has a top-notch stereo system with 12 speakers.

atthias Tonn, ingegnere capo del programma Mustang Mach 1 per l’Europa, ha detto che la Mach 1 è la Mustang migliore mai arrivata in Europa, con eccellenti capacità di correre in pista e uno stile unico, più che degno di rappresentare un marchio leggendario. La Mustang Mach 1 è un modello realizzato in edizione limitata con specifiche e dettagli di ispira ione racing per gli appassionati di auto high performance. Il motore V8 5.0 è interamente in alluminio e combina un Open Air Induction System a un collettore di aspirazione con corpi farfallati da 87 mm con un duplice sistema di iniezione del carburante ad alta e bassa pressione per erogare una potenza di 460 cavalli e una coppia di 529 Nm. La vettura ha un carico aerodinamico maggiorato del 22 per cento rispetto alla Mustang GT per una maggiore aderenza in curva e stabilità anche alle alte velocità. Si può scegliere tra due cambi differenti, manuale a sei rapporti Tremec, oppure, automatico a 10 rapporti, con un software che consente, rispettivamente, performance 0-100 km/h in 4,8 e 4,4 secondi per una velocità massima di 267 e 249 chilometri orari. Sia la versione manuale sia quella automatica

offrono un sistema di raffreddamento aggiuntivo dell’assale posteriore e sono entrambe equipaggiate di serie con un differen iale a slittamento limitato per un maggiore grip in rettilineo come in uscita dalle curve. La Mustang Mach 1 beneficia di alcune modifiche aerodinamiche che ne migliorano le performance come la rivisitazione della griglia anteriore, divisa in due parti, e di quelle inferiore e laterali abbinate a un nuovo spoiler, mentre il sottoscocca più lungo incorpora alettoni progettati per dirigere i flussi aerodinamici dell aria direttamente sui freni con pinze Brembo a sei pistoncini. L’architettura delle sospensioni configurata per mantenere l’assetto in condizioni di forte accelerazione e frenata e include sottotelai e componenti collaudati sui modelli di Mustang Shelby GT350 e GT500. Gli ammortizzatori MagneRide, le molle, le barre antirollio e le specifiche delle boccole, consentono un controllo e una risposta eccellente. Il software dello sterzo Epas permette alla Mach 1 di offrire pi precisione di qualsiasi altra Mustang. Per migliorare ulteriormente il divertimento di guida la vettura dispone di Drive Modes con le modalità Sport e Track, abbinati al Track Apps per monitorare MOTORE: V8 5.000 cm3 POTENZA MASSIMA: 460 cv a 7250 giri/minuto COPPIA: 529 Nm a 4900 giri/minuto CAMBIO: Automatico/Manuale VELOCITÀ MASSIMA: 267 km/h MAIN PROPULSION: V8 5,000 cm3 MAXIMUM POWER: 460 hp at 7250/min TORQUE: 529 Nm at 4900/min GEAR: Automatic transmission Manual gearbox MAXIMUM SPEED: 267 km/h


barchemagazine.com barchemagazine.com

L’abitacolo, impreziosito dal badge sul cruscotto con il logo Mach 1, si distingue per una combinazione di colori Ebony e dettagli in alluminio tornito Dark Engine. Numerosi i miglioramenti aerodinamici.

The cabin, embellished with the Mach 1 logo badge on the dashboard, features an Ebony color scheme and Dark Engine turned aluminium details. The model features numerous aerodynamic enhancements.

93 93


94

SUPERCAR

Ford Mustang Mach 1

M

Il motore in alluminio V8 5.0 litri è capace di erogare 460 cavalli e 529 Nm di coppia massima, scaricati a terra alternativamente dal cambio manuale Tremec a sei marce oppure dal cambio automatico a dieci rapporti. The 5.0-liter V8 aluminium engine is capable of producing 460 horsepower and 529 Nm of maximum torque, delivered to the ground by either a six-speed Tremec manual or ten-speed automatic transmission.

atthias Tonn, the chief engineer of the Mustang Mach 1 program for Europe, said the Mach 1 is the best Mustang ever to arrive in Europe, with outstanding track racing capabilities and unique PREZZO styling - more than (indicativo): worthy of representing a 64.650 € legendary brand. IVA esclusa The Mustang Mach 1 is PRICE a limited-edition model (approximative): with racing-inspired 64,650 € specifications and details Excl. VAT for high-performance car enthusiasts. The 5.0 V8 engine is all-aluminium and combines an Open Air Induction System with an intake manifold and 87 mm throttle bodies with a dual high and low-pressure fuel injection system to deliver 460 horsepower and 529 Nm of torque. The car has 22 per cent more aerodynamic load than the Mustang GT for greater cornering grip and stability even at high speeds. There is a choice of two different gearboxes, either a six-speed Tremec manual or a -speed automatic, with software that allows l’accelerometro, velocità e funzioni 0-100 km/h performance in 4.8 and 4.4 Launch Control, nel quadro strumenti seconds respectively and a top speed digitale da 12”. Per i clienti italiani è of 267 and 249 kilometres per hour. prevista un’esclusiva edizione limitata Both manual and automatic versions da 57 esemplari nella livrea Fighter Jet offer additional rear axle cooling and Grey con hood stripes sul cofano e side both come standard with a limitedstripes sulle portiere che ne completano slip differential for greater grip on the lo stile racing. Le griglie anteriori sono straight and out of corners. rifinite in nero lucido mentre l iconico The Mustang Mach 1 benefits from many logo Mach 1 spicca sul posteriore e performance-enhancing aerodynamic lateralmente. I cerchi in lega da 19” a modifications such as a revised two-part 10 razze, sono più larghi di 0.5 pollici front grille, lower grille, and side grille e sono equipaggiati con pneumatici combined with a new spoiler, while the Michelin Pilot Sport 4 già predisposti longer underbody incorporates wings per la pista. designed to direct aerodynamic airflow



96

SUPERCAR

Ford Mustang Mach 1 directly to the brakes with six-piston Brembo calipers. The suspension architecture is configured to maintain stance under hard acceleration and braking and includes subframes and components proven on the ustang Shelby GT350 and GT500 models. agne ide dampers, springs, anti-roll bars and bushing specifications provide excellent control and response. The pas steering software makes Mach 1 more precise than any other ustang. To further enhance driving fun, the car features rive odes with port and Track modes, combined with Track Apps to monitor the accelerometer, speed and aunch ontrol functions, in the digital instrument cluster. or talian customers, there is an exclusive -piece limited edition in ighter et rey livery with hood stripes on the hood and side stripes on the doors to complete the racing style. The front grilles are finished in gloss black, while the iconic Mach 1 logo stands out at the rear and sides. The 19-inch 10-spoke alloy wheels are 0.5 inches wider and are fitted with trackready Michelin Pilot Sport 4 tyres.

LA FORD MUSTANG MACH 1 È IN GRADO DI RAGGIUNGERE I 267 KM/H DI VELOCITÀ MASSIMA (249 KM/H CON IL CAMBIO AUTOMATICO) E DI ACCELERARE DA ZERO A 100 KM/H IN 4,8 SECONDI THE FORD MUSTANG MACH 1 REACHES A TOP SPEED OF 267 KM/H (249 KM/H WITH AUTOMATIC GEAR SHIFT) AND GOES FROM ZERO TO 100 KM/H IN 4.8 SECONDS



98

Paolo Brunelli BOAT GOURMET

Paolo Brunelli

Boat Gourmet

I’M

NOT

a

gelato

IL LIBRO I’M NOT A GELATO HA ISPIRATO LA COSTRUZIONE DI UN DIALOGO TRA IL GELATIERE PAOLO BRUNELLI, IL FOTOGRAFO LIDO VANNUCCHI, L’ARCHITETTO E DESIGNER FRANCO DRIUSSO E LAURA CARBONI DI INFINITO DESIGN. THE BOOK I’M NOT A GELATO ESTABLISHES A DIALOGUE BETWEEN ICE CREAM MAKER PAOLO BRUNELLI, PHOTOGRAPHER LIDO VANNUCCHI, ARCHITECT AND DESIGNER FRANCO DRIUSSO, AND LAURA CARBONI OF INFINITO DESIGN.

by Francesca Portoghese photo by Lido Vannucchi


barchemagazine.com barchemagazine.com

IL LIBRO È STATO PRESENTATO CON UNA PERFORMANCE ARTISTICA. CONSEGNATO AI PRESENTI IN UNA BUSTA SOTTOVUOTO, ERA COMPLETAMENTE CONGELATO. THE BOOK WAS PRESENTED WITH AN ARTISTIC PERFORMANCE. IT WAS HANDED OUT TO THE ATTENDEES IN A VACUUM BAG, COMPLETELY FROZEN.

99 99


100

BOAT GOURMET

Paolo Brunelli

S

i sa, la voglia di gelato arriva sempre senza chiedere permesso. Profondamente democratico, è il cibo consolatorio per eccellenza che appaga anima e palato, regala un’emozione e non fa distin ioni anagrafiche, ma spesso anche la tela bianca per arditi giochi d’autore, il foglio sul quale scrivere nuove pagine della gastronomia, con innovazioni e ricerche che lambiscono i confini spa io-temporali di una ricetta che si presta ad eclettiche interpretazioni. Quella del gelato è una storia che risale alla notte dei tempi. È vero, infatti, che l’antenato di tutti i gelati del mondo, come raccontano le Sacre Scritture, altro non è che la mistura di latte di capra e ghiaccio che Abramo, camminando nel caldo del deserto, offr a suo figlio sacco. Sarà poi Bernardo Buontalenti, genio rinascimentale presso il Granducato fiorentino, a voler offrire ai commensali, durante le nozze tra Maria de’ Medici ed nrico di rancia, un composto di sostanze dolci e cremose con ghiaccio. Alla fine del , il siciliano rancesco rocopio arriv a arigi, apr il suo café e fece fortuna vendendo ai parigini, che ne andavano ghiotti, una crema di gelato sistemata tra due cialde. Giovanni Bosio, che sbarcò a New York un quarto d ora prima dell ndipendence ay, produsse l il suo gelato. sempre a ew ork, il dicembre del , talo Marchioni depositò il brevetto del cono, costretto ad inventare l’inconfondibile cialda dopo che non si vedeva mai restituiti i bellissimi bicchieri di vetro soffiato in cui serviva il gelato. on solo, dunque, una coccola da concedersi senza troppi sensi di colpa, un fulmineo ritorno all’infanzia attraverso sapori e profumi, ma il gelato è anche simbolo di scambi che riecheggiano nei secoli, attraverso l’idea del cibo che da sempre Paolo Brunelli ha scritto due libri, che sono due vere pietre miliari: Avanguardia Gelato, in collaborazione con i maestri gelatieri Alberto Marchetti, Gianfrancesco Cutelli e Andrea Soban, e Gelateria per tutte le stagioni, il suo primo volume in assolo. Paolo Brunelli has written two books, which have become true milestones: Avanguardia Gelato (Ice Cream Avant-garde), in collaboration with ice cream masters Alberto Marchetti, Gianfrancesco Cutelli, and Andrea Soban, and Gelateria per tutte le Stagioni (Ice Cream Making for all easons , his rst solo olume.


barchemagazine.com barchemagazine.com

«Vivo un’età di passaggio, non credo più agli scontri generazionali, mi impegno a fare cose buone. Un gelato che rilancia ricordi, un cioccolato di soddisfa ione. l mio lavoro sta cambiando e non ci sono paternit da ri endicare. una storia, c sperimenta ione, c oglia di esplora ione, c un passato che fatto di tante esperienze, di tanti aiuti, di tanti riconoscimenti, di tanti supporti. c un futuro, che gi ora . «I live in an age of transition, I no longer believe in generational clashes, I am committed to doing good things. n ice cream that triggers memories, a bar of satisfying chocolate. y job is changing and there is no authorship to claim. There is a story, there is experimentation, there is a desire for exploration, there is a past that is made up of many experiences, a lot of help, many acknowledgments, a lot of support. nd there is a future, which is happening now . Paolo Brunelli

101 101


102

BOAT GOURMET

Paolo Brunelli il filo conduttore sul uale si sono andati costruendo cambiamenti e commistioni socioculturali, stimolo oggi per contemplare il bello in tutte le sue forme. Ed è ciò che accade nel libro I’m not a gelato, oltre pagine che raccontano della vita e del lavoro di uno dei più famosi gelatieri del nostro tempo, aolo Brunelli. imenticate una biografia condita con innumerevoli ricette di gelato perché questo libro è pi un viatico che racconta la filosofia di un grande artista che, in tutta la sua vita, non si è mai limitato a produrre gelato, ma ha voluto osare, inventare ed esplorare. l libro ispira un concerto a quattro strumenti in cui le note rimbalzano dall’estro del fotografo ido annucchi, al genio creativo dell architetto e designer ranco riusso, al gusto del bello di aura arboni, eo del uxury Brand nfinito esign, perch stavolta, inglobare la storia di un gelatiere e del suo gelato in un libro non è stato un mero esperimento di letteratura gastronomica, bens l intento di creare un percorso da tracciare sulla via dell’arte, della bellezza e del design, tutto declinato nella sapienza del mestiere di chi si racconta.

«L’ARTE CHE ADORO E CHE RIPORTIAMO NELLE COLLEZIONI DI INFINITO DESIGN È QUELLA CHE SA TOGLIERE ESALTANDO L’ESSENZA E I SUOI DETTAGLI. INFATTI, È ATTRAVERSO I DETTAGLI CHE RIUSCIAMO A RACCONTARE LA NOSTRA STORIA E LA PASSIONE PER L’ARTE». «THE ART THAT I ADORE AND THAT WE BRING BACK TO THE INFINITO DESIGN COLLECTIONS IS THE ONE THAT KNOWS HOW TO SUBTRACT AND ENHANCE . IT IS THROUGH THE DETAILS THAT WE CAN CONVEY OUR . LAURA CARBONI


barchemagazine.com barchemagazine.com

103 103


104

BOAT GOURMET

Paolo Brunelli

A partire dal titolo del libro, volutamente evocativo di una delle opere più celebri del pittore belga René Magritte, Ceci n’est pas une pipe, si intuisce come l’arte si possa esprimere in forme sempre diverse, lontane tra loro ma in qualche modo prossime negli intenti, strettamente attinenti al pensiero che ognuno ha sulla realtà e non alla realtà tout court. La storia del gelatiere più bravo del mondo, Paolo Brunelli, si snoda attraverso innovative rappresentazioni dei suoi piatti che tendono alla provocazione e che sono

il risultato di una folgorazione da parte del fotografo annucchi che ricerca la bellezza nelle tracce che gliene consentono una subitanea intuizione. n tutto uesto, ben si inserisce l amore per la musica, per la pittura e per il teatro di Paolo Brunelli, che non perde l’occasione per sottolineare che la contaminazione artistica, resa perfettamente in queste pagine dagli scatti di ido annucchi, fa parte della sua vita e, inevitabilmente, anche del suo lavoro. Perché l’arte è belle a e, come dice ranco riusso,

la bellezza è alla base del benessere perché appaga l’animo attraverso i sensi. Le quattro voci che dialogano provengono da quattro campi d’azione diversi, ugualmente influen ati dai cambiamenti e dagli stravolgimenti che il mondo del design ha apportato negli ultimi anni, soprattutto con le nuove tecnologie e l’uso di materiali nuovi. Macchine altamente performanti e metodi di conservazione innovativi hanno sicuramente contribuito ad amplificare e fissare al meglio la ualit e il gusto del gelato.


barchemagazine.com Nel 2017 Paolo Brunelli ha ottenuto i Tre Coni dal Gambero Rosso con la menzione speciale per il migliore gelato al cioccolato d’Italia. Nel 2018 e nel 2019 i Tre coni sono stati confermati. In 2017 Paolo Brunelli obtained the Tre Coni from Gambero Rosso with a special mention for the best chocolate ice cream in taly. n and the Tre Coni award was recon rmed.

«IL DESIGN INDUSTRIALE CERCA DI RENDERE L’ARTE RIPRODUCIBILE E QUINDI ACCESSIBILE A TUTTI NEL MODO PIÙ SEMPLICE POSSIBILE». «INDUSTRIAL DESIGN SEEKS TO MAKE ART REPLICABLE AND THEREFORE ACCESSIBLE TO EVERYONE IN THE SIMPLEST . FRANCO DRIUSSO

105


106

BOAT GOURMET

Paolo Brunelli

os come la continua ricerca tecnologica, mirata alla produzione di prodotti sempre più sostenibili, caratterizza il processo creativo di ogni nuovo progetto” dice ranco riusso, “e consente di evolvere spesso settori legati a tradizionali materiali o tecniche produttive, riservando emozionanti risultati e performanti nuove caratteristiche, sempre più sostenibili”. Gli fa eco il pensiero di Laura Carboni, il cui lavoro attiene fortemente al design in tutte le sue sfaccettature e che lei definisce “l’insieme di regole e di equilibri che riescono a trasformare oggetti di uso

comune, come un piatto, in qualcosa che è molto di più”, avvicinandosi anche a ci che afferma annucchi uando dice che “il design dovrebbe creare nuove prospettive di utilizzo e indagare nuove forme di bellezza, aprire dei varchi nel pensiero”. Sono molti gli spunti che il libro dedicato a Paolo Brunelli regala, suscitando poliedriche riflessioni che fluiscono in tutti i campi dell arte e della vita e che diventano contenitori culturali dell’ampia visione di un equilibrio che si va delineando sull’impronta della bellezza e dell’arte.

W

e all know that the appetite for ice cream creeps up on you suddenly, without asking for permission. eeply democratic, it is the comfort food by excellence that fully satisfies both the soul and the palate, triggers emotions, and makes no age distinctions. On the other hand, it is also a blank canvas for bold creative experiments, an empty page on which to write new gastronomic chapters, with innovations and research that reach beyond the spatial and temporal boundaries of a recipe that becomes the fertile ground for eclectic interpretations. The history of ice cream is as old as time. The ancestor of all the ice creams, as the oly criptures tell us, is none other than the mixture of goat’s milk and ice that Abraham offered his son saac as they crossed the desert in the burning heat. Later, it was the talented Bernardo Buontalenti from the rand uchy of lorence during the enaissance who offered the guests at the wedding of Maria de edici and enry of rance a mixture of sweet creamy substances and ice. n the late s, the icilian rancesco rocopio arrived in aris to open his caf and make a fortune by selling an iced cream placed between

«LA BELLEZZA, DI BELLEZZA MI NUTRO, E NE SONO OBESO, LA CERCO, LA RICERCO IN TUTTE QUELLE TRACCE CHE ME LA FANNO INTUIRE, POI È CHIARO CHE IL MIO OCCHIO È SUCCUBE DEL MIO PENSIERO, ANALIZZO, CONFRONTO, AGISCO E SE SEI ALLENATO IL TUTTO FRUISCE IN UN ATTIMO IN UN CLICK». «BEAUTY, I FEED ON BEAUTY, AND I STUFF MYSELF WITH IT, I SEARCH FOR IT, I LOOK FOR IT IN EVERY LITTLE CLUE WHERE I CAN PERCEIVE IT, THEN, OF COURSE, MY GAZE IS DOMINATED BY MY THOUGHTS, I ANALYSE, COMPARE, ACT AND IF YOU ARE TRAINED, EVERYTHING CAN BE ENJOYED . LIDO VANNUCCHI



108

BOAT GOURMET

Paolo Brunelli

two wa es to arisians who developed a profound liking for it. iovanni Bosio, who landed in ew ork a uarter of an hour before ndependence ay, started to produce his ice cream there. And again in ew ork, on ecember , talo archioni filed the patent for the ice cream cone, since he was forced to invent the distinctive wafer because of the beautiful hand-blown glasses in which he served his ice cream never got returned. o, ice cream is not only a treat to be en oyed without feeling guilty, a sudden flash black to our childhood through flavours and

aromas, it is also a symbol of exchanges that resound over the centuries, through the perception of food that has always been the red thread on which social and cultural changes and exchanges have been built and an invitation today to contemplate beauty in all its forms. This is also what happens in the book I’m not a gelato, over pages that tell the life and work of one of the most famous gelato makers of our time, aolo Brunelli. ery different from a typical biography full of ice cream recipes, this book is a sort of viaticum that illustrates the philosophy of a great artist who

never limited himself to producing ice cream, but throughout his life sought to dare, invent, and explore. The book is an inspiration for a four-instrument concert in which the notes spring from the inventiveness of photographer ido annucchi to the creative genius of architect and designer ranco riusso, to the aesthetic taste of aura arboni, of the uxury Brand nfinito esign, because this time, putting the story of an ice cream maker and his ice cream into a book was not a mere production of gastronomic literature, but rather an intent to trace a path towards art, beauty, and design, all declined through each of their crafts. tarting from the title of the book, deliberately evocative of one of the most famous works by the Belgian painter en agritte, Ceci n’est pas une pipe, it is clear how art can always be expressed in different forms, distant from each other but in some way close in purpose, strictly related to the thought that everyone has about reality and not to reality tout court. The story of the best ice cream maker in the world, aolo Brunelli, unfolds through innovative representations of his dishes that tend to provocation and which are the result of a shock by the photographer annucchi who seeks beauty in the traces that allow him a sudden intuition. aolo Brunelli s passion for music, painting and theatre perfectly fits into this framework, and he never misses an opportunity to highlight that artistic contamination, which is perfectly represented throughout the book through ido annucchi s images, is part of his life and, inevitably, also of his work. Because art means beauty and, as ranco riusso says, beauty is the foundation of our well-being because it pleases the soul through the senses. The four voices that interact in this book come from four different fields, which are all e ually influenced by the changes and upheavals that the world

Dopo le storiche sedi di Agugliano e Senigallia, ad agosto 2020 Brunelli ne ha aperta una terza, Combo, a Marzocca di Senigallia, una combinazione di pasticceria e gelateria. Following the historic shops in Agugliano and Senigallia, in August 2020 Brunelli opened a third one, Combo, in Marzocca di Senigallia, a combination of a pastry and ice cream shop.



110

BOAT GOURMET

Paolo Brunelli

LA CONTINUA RICERCA TECNOLOGICA, MIRATA ALLA PRODUZIONE DI PRODOTTI SEMPRE PIÙ SOSTENIBILI, CARATTERIZZA IL PROCESSO CREATIVO DI OGNI NUOVO PROGETTO. THE CONTINUOUS TECHNOLOGICAL RESEARCH, ORIENTED TOWARDS THE PRODUCTION OF INCREASINGLY SUSTAINABLE PRODUCTS, CHARACTERISES THE CREATIVE. PROCESS OF EACH NEW PROJECT.

of design has brought about in recent years, especially with the development of new technologies and the use of new materials. High-performance machines and innovative methods of food preservation have certainly contributed to amplifying and consolidating the uality and flavour of ice cream. Also, the “continuous technological research, oriented towards the production of increasingly sustainable products, characterises the creative process of each new project”, as Franco Driusso explains, “and often allows sectors that are bound to traditional materials or manufacturing techniques to evolve and yield exciting results and high performing new qualities that are increasingly sustainable”. is thoughts are confirmed by aura Carboni, whose work strongly relates to design in all its forms, which she defines as “the set of rules and balances that manages to transform everyday objects, such as a plate, into much more than they are”, a concept that resounds with Vannucchi’s thought when he declares that “design should create new ways of usage and investigate new forms of beauty, open gaps in the ways of thinking”. Paolo Brunelli s book offers many ideas and inspires multifaceted reflections that pervade all fields of art and life and that become wide cultural pools balancing the heritage of beauty and art.



D 112 112

ADI Design THE ideaMuseum FACTORY

ADI Design Museum

The idea factory

L’ADI DESIGN MUSEUM, INAUGURATO A MILANO, CUSTODISCE LA STORIA DEL DESIGN ITALIANO, UNA GALLERIA DI OGGETTI ICONICI CHE VANNO DAL 1954 AI GIORNI NOSTRI THE ADI DESIGN MUSEUM, INAUGURATED IN MILAN, HOUSES THE HISTORY OF ITALIAN DESIGN, A COLLECTION OF ICONIC OBJECTS DATING FROM 1954 TO THE PRESENT DAY

by Francesca Ciancio


barchemagazine.com barchemagazine.com

La

del

casa

Design

Home of Design

113 113


114

THE idea FACTORY

ADI Design Museum

L’

Modulor by Rimadesio - Design: G. Bavuso.

Presso il Museo è possibile scegliere il manifesto dei maestri del Compasso d’Oro che si preferisce per abbellire la propria casa. You can choose your favourite poster at the museum designed by the masters of the Compasso d’Oro to decorate your home.

Kore by Arblu Design: A. Collovati.

TXT by Gibus - Design: Meneghello Paolelli Associati.

apertura di un nuovo museo è sempre una buona notizia. Se questo è anche un luogo dedicato alle glorie italiane del passato e alle nuove che hanno voglia di emergere, allora possiamo parlare di un’ottima notizia. Aperto nel maggio scorso, l’ADI - Design Museum Compasso d’Oro aggiunge un altro spazio di avanguardia artistica in un quartiere, quello della zona Sarpi di Milano, che vuole affermarsi come luogo di conoscen a e sperimentazione. L’elegante palazzina gialla, in passato rimessa per i tram a cavallo e poi centrale elettrica dedicata all’illuminazione del Duomo, è museo ma funge anche da passaggio tra due lati del quartiere: via Bramante e piazza del Compasso d’Oro. L’intenzione è quella di non chiudere questo spazio, ma farne al contrario un corridoio che metta in contatto i due lati dell opificio, una sorta di piccola agorà dove persone amanti o curiose del design possano scambiarsi idee, pareri e, perché no, un caff o l ac uisto di un libro. on ha pareti divisorie fisse n una sola mostra permanente: tutto può essere arricchito o modificato, andando di pari passo al respiro di una città come Milano che sembra voler recuperare il tempo “perso” durante la fase più dura dell’emergenza sanitaria.


barchemagazine.com barchemagazine.com

Art-U Colour by Galletti - Design: Daniele Baratta.

115 115


116

THE idea FACTORY

ADI Design Museum

1. Janeiro by Lago - Design: Bartoli Design 2. Time by Alias - Design: Alfredo Häberli Design Development 3. Eve by Tubes Radiatori - Design: Ludovica + Roberto Palomba 4. Greene by Living Divani - Design: David Lopez Quincoces.

1

4

2

3


barchemagazine.com 5. Graft by Kalon (Giove Group) Design: Lorenzo Damiani 6. Sula by Danese Milano (Artemide) - Design: Giulio Iacchetti 7. E la nave va by Alias - Design: Atelier Oï 8. Boomerang by Frascio - Design: Maurizio Duranti 9. Dove by Natuzzi - Design: Marcel Wanders.

6 5

7

9

8

117


118

THE idea FACTORY

ADI Design Museum E allora anche i musei si arricchiscono prima di tutto di luce e di aria, di materiali leggeri, ecologici, facilmente riciclabili. La parte più importante dell’ADI sta nella collezione di design italiano, che mostra una galleria di oggetti iconici che vanno dal 1954 ai giorni nostri, ovvero dall’inizio dell’esperienza del Compasso d’Oro, il premio dedicato ai migliori oggetti italiani e ai loro disegnatori, riconosciuta dal Ministero della cultura come “bene di eccezionale interesse storico e artistico”. Una sorta di macchina del tempo che porta quelli nati dagli anni in gi a soffermarsi su cose dalla romantica, e talvolta nostalgica, familiarità. Che sia uno spremiagrumi, un vassoio di acciaio, una lampada da comodino, poco importa: erano oggetti esteticamente gradevoli e funzionali. Qui sta la grande rivoluzione del design di quegli anni: far sì che la riproduzione in serie di qualità desse godimento estetico e al contempo piacere tecnico. Per la prima volta la bellezza si mostrava in oggetti utili e accessibili e, per questo, democratici. I progettisti erano celebrità già allora - Gio Ponti, Achille Castiglioni, Ettore Sottsass - eppure misero le loro abilità e maestria a servizio di oggetti di uso quotidiano.

A Leonardo onnoli, vincitore del Compasso d Oro nel 2011, a data la progettazione di una collezione di merchandising in vendita presso lo shop del museo.

Fuggo by Ceramica Incontro - Design: ebastiano Can ano Arc itects.

All interno del Museo, il progetto O cina Design ospita il books op O cina Design op gestito in partners ip con lecta, e la ca etteria O cina Design Ca gestita dal partner Chic Charming. Junior Design Lab è invece il laboratorio per i bambini in età scolare (6-14 anni) gestito da PACO Design Collaborative. he cina esign project hosts the boo shop cina Design Shop inside the museum, which is managed in partnership with lecta and the cina esign af managed by the partner Chic Charming. The Junior Design ab, on the other hand, is the museums wor shop for school children between the ages of 6 and 14, which is managed by PACO Design Collaborative.

Leonardo Sonnoli, the winner of the 2011 Compasso d’Oro, was commissioned with the design of a merchandise collection for the museum shop.


barchemagazine.com

L’ADI PUÒ CONTARE SU 5.000 METRI QUADRATI RISERVATI A UNA COLLEZIONE PERMANENTE, DEDICATA AI PREMIATI CON IL COMPASSO D’ORO, E SU DIVERSE MOSTRE TEMPORANEE. THE ADI SPREADS OVER 5,000 SQUARE METERS DEDICATED TO A PERMANENT COLLECTION, WHICH SHOWCASES THE WORKS OF ALL WINNERS OF THE COMPASSO D’ORO AS WELL AS VARIOUS TEMPORARY EXHIBITIONS.

Mogu Acoustic by Mogu - Design: Mogu.

119


THE idea FACTORY

120

ADI Design Museum

1

2

5

6

7

9

10

11


barchemagazine.com

3

4

1. Bloom technology for FENIX NTM® and Arpa HPL by Arpa Industriale - Design: Arpa Industriale 2. Armonia by Vetreria Vistosi Design: Francesco Lucchese 3. Bloom Star by FAP Ceramiche - Design: FAP Ceramiche 4. ØG Zero Gravity by ecco istemi - Design: ecco istemi 5. Tracing Vitruvio. Viaggio onirico nel De Architectura. Committente/Client: Comune di Pesaro – istema Musei Design: Agostino Iacurci 6. Intondo by Pavimenti ansone - Design: Viviana Maggiolini 7. Ohm by Davide Groppi - Design: Davide Groppi 8. Diva by Fontanot - Design: Michele Giacomelli 9. Mist by Mosaico+ - Design: Kensaku Oshiro 10. bjad cuola / c ool: Universit degli tudi della Campania Luigi Vanvitelli - tudente: Ibtissam Jayed 11. Memo / mart Companion cuola / c ool: Politecnico di Milano tudente: Martina Curcio 12. P-saico by Mosaico+ Design: tudio Irvine 13. P’tit by Rexa Design Design: Monica Gra eo. 8

12

13

121


122

THE idea FACTORY

ADI Design Museum L’ADI racconta questa “rivoluzione” in maniera cronologica e stupisce accorgersi di come pezzi di diverse decadi fa siano non solo attuali, ma spesso più moderni di quelli della produzione corrente. È anche il racconto di un periodo magico per Milano e per il Paese, dove una convergenza tra investitori, creativi e aziende diede vita a oggetti che oggi sono esposti nei più importanti musei di arte contemporanea del mondo.

T La parte più importante dell’ADI sta nella collezione di design italiano, che mostra una galleria di oggetti iconici che vanno dal 1954 ai giorni nostri.

Il alto, Karma Pininfarina GT by Karma Automotive disegnata da Pininfarina. opra, la moto MV Agusta Brutale 1000 RR disegnata da Adrian Morton.

At the top, Karma Pininfarina GT by Karma Automotive, designed by Pininfarina. Above, The MV Agusta Brutale 1000 RR bi e, designed by Adrian Morton.

Bluegame BGX70. Concept Luca antella, Design uccon International Project.

The most important part of the ADI is the Italian design collection which stages a gallery of iconic objects dating from 1954 to the present day.

he opening of a new museum is always good news. And if it is a place bringing the Italian icons of the past together with new emerging ones, then it is brilliant news. Inaugurated last May, the ADI - Compasso d’Oro Design Museum - adds another avantgarde artistic space to a neighborhood, the area around Sarpi street in Milan, which seeks to establish itself as a place of knowledge and experimentation. The elegant yellow building, a former depot for horse-drawn trams, and later a power station supplying the lighting of the Duomo cathedral is housing the museum but it also functions as a passage between the two sides of the neighborhood: Bramante street and Compasso d’Oro square. The idea is to leave the space open as a corridor, which connects the two sides of the factory, a sort of small agora where people interested in design can exchange


barchemagazine.com 1. LAMBROgio, LAMBROgino by Repower - Design: Makio Hasuike & Co. 2. King Zydeco by Gruppo - Design: U cio ecnico Cinelli, Dra tudio 3. Concept Fiat 120 - by FCA Italy - Design: Klaus Busse (Head of Emea design), Olivier François (Head of Fiat Brand) 4. Issimo by Fantic Motor - Design: Fantic Motor 5. Aedra Glider by coprega - Design: Artemio A aticati, rancesco Noli, Giris Gopalakrishnan, Fouad Ould.

2

1

3

4

5

123


124

THE idea FACTORY

ADI Design Museum

Sei Uno - 61 elementi per il tuo essere unico cuola / c ool: NABA, Nuova Accademia di Belle Arti tudente: Alice Andrea Cappelli.

Pixy - The Living Robot by Clementoni - Design: Clementoni.

Peculiarità del Museo, il primo in Italia, di non avere una biglietteria fisica: l’acquisto dei biglietti potrà essere fatto attraverso l’App sviluppata con la partnership tecnica di Orbital Cultura - Gruppo Nexi, tramite sito e, infine, direttamente in loco tramite i mediatori culturali che utilizzeranno degli appositi PO .

An interesting fact about the Museum - the rst of its ind in taly - is that it does not ha e a physical tic et o ce tic ets can be purchased through the app developed in technical partnership with Orbital Cultura - Nexi Group, on the museum’s website, or through the cultural intermediaries who will use dedicated POS.

ideas, opinions and - why not - have a coffee or buy a book. t has no fixed partition walls nor a single permanent exhibition: everything can be upgraded or modified in keeping with the spirit of a city like Milan that seems to want to make up for the time ‘lost’ during the toughest phase of the health emergency. And so, museums are enriched, first and foremost, with light and air and with light-weight, green, and easily recyclable materials. The most important part of the ADI is the Italian design collection which stages a gallery of iconic objects dating from 1954 to the present day, that is, from the beginning of the Compasso d’Oro experience, the award dedicated to the best Italian objects and their designers, which has been acknowledged by the Italian Ministry of Culture as “an asset of exceptional historical and artistic value”.

Velvet/Shape by Costan/Bonnet Névé by pta - Design: Giorgio De Ponti - pta, tudio Volpi.



126

THE idea FACTORY

ADI Design Museum

Sopra, Bespoke Romance | Kale Cersaie 2019 - Design: Paolo Cesaretti. Sotto, 50 years of Commitment to Architecture - Design: Ron Gilad. In basso a destra, Please Sit - Design: Denise Bonapace.

Above, Bespoke Romance | Kale Cersaie 2019 - Design: Paolo Cesaretti. Below, 50 years of Commitment to Architecture - Design: Ron Gilad. Bottom right, Please Sit - Design: Denise Bonapace.

A sort of time machine that brings people born in the ‘80s and earlier to observe these items with a romantic, and at times nostalgic, familiarity. Whether it’s a juicer, a steel tray, a bedside lamp, no matter: they were all aesthetically pleasing and functional objects. Here lies the great design revolution of those years: making sure that quality serial production could provide aesthetic enjoyment as well as technical satisfaction. or the first time, beauty was part of the creation of useful and accessible mass-market items which, for this reason, were also democratic. The designers were celebrities even at that time - Gio Ponti, Achille Castiglioni, Ettore Sottsass - yet they put their skills and mastery at the service of everyday objects. ADI provides a chronological narrative of this ‘revolution’ and it is surprising to discover that objects created several decades ago are not only still contemporary, but often more modern than the ones produced today. It also tells the story of a magical period for ilan and for taly, which was defined by a convergence between investors, creative people, and companies and gave birth to objects exhibited in some of the world’s most important contemporary art museums.



P 128 128

Enrico Chieffi Enrico Chieffi PEOPLE

People

ENRICO CHIEFFI, AMMINISTRATORE DELEGATO DI SLAM, HA LA VELA NEL DNA. LA SUA MISSION È SUPPORTATA DA UNA LUNGA ESPERIENZA MANAGERIALE, SPORTIVA E UMANA ENRICO CHIEFFI, CEO AT SLAM, HAS SAILING IN HIS BLOOD. HIS MISSION IS BACKED UP BY EXTENSIVE MANAGERIAL, SPORTING, AND PERSONAL EXPERIENCE

by F. Michienzi and C. Pagani photo by A. Muscatello and M. Rovatti

The

value

of a METHODICAL

approach


barchemagazine.com barchemagazine.com

129 129


130

PEOPLE

«R

Enrico Chieffi

icordo ancora lo stupore immenso mio e di mio fratello Tommaso quando da bambini andavamo in barca con nostro padre. Ci portava in giro, vicino Marina di Carrara. Poi una volta l’anno arrivavamo fino all isola d lba ra una mini crociera, ma per noi era qualcosa di incredibile». Parte da lontano la passione per il mare del grande velista nrico hieffi, oggi amministratore delegato di lam, azienda storica del mondo della vela. hieffi olimpionico nella classe con il fratello Tommaso a Los Angeles nel . anno successivo vince il titolo mondiale nella stessa classe nelle ac ue di arina di arrara. il tattico del Moro di Venezia nella ventottesima edi ione dell Americas up a an iego nel , vincendo la ouis uitton up. el vince il titolo mondiale nella classe Star a Rio de Janeiro in Brasile, con oberto inibaldi a prua, e prende parte alle Olimpiadi di Atlanta. ggi eo di lam, storico marchio italiano di abbigliamento per la vela fondato nel a enova. lam stata ac uisita da pochi mesi dalla holding di investimenti am nvestment, controllata da rancesco Trapani e guidata da arco iana. A hieffi viene affidato il ruolo di amministratore delegato con l obiettivo di rilanciare l a ienda. l campione olimpionico della partita anche come investitore. l brand, famoso in tutto il mondo, ha sub to i contraccolpi della crisi del prima e di uella pandemica poi. ggi arriva un investitore giusto per rilanciarla e un eo fuori classe con le idee molto chiare su

cosa fare. alla sua esperien a di velista hieffi si porta dietro molto. Un bagaglio pre ioso che ancora oggi d i suoi frutti. «La vela in quanto tale è stata una scuola di vita professionale pazzesca», dice. «Mi ha insegnato moltissimo in termini di metodologia per arrivare a determinati risultati». i , perch la barca un sistema complesso. «Per vincere bisogna pianificare tutto a ela uno sport c e ti insegna metodo». per hieffi il metodo tutto. ale in barca come in a ienda. cco allora che la scelta di hieffi come eo di lam non affatto casuale. «Si tratta di rilanciare un’azienda che ha un grande potenziale». on un gioco da ragazzi. Ecco allora che il metodo e il rigore, in mare come sulla terraferma, diventano la chiave di volta per dare il via al nuovo corso. «L’obiettivo è mettere a punto, riorganizzare e razionalizzare tutto il sistema produttivo. Ogni singolo pezzo del puzzle deve andare al suo posto». a c spa io per l intui ione «Sicuramente sì, eccome, anche se gli spazi della creatività si vanno sempre più riducendo man mano che la tecnologia o re un supporto sempre pi ampio su tutti i fronti». a in barca non possibile controllare davvero sempre tutto. Una grande intui ione hieffi sicuramente ce l ha uando decide di entrare nella autor s wan di eonardo erragamo e ridurre l attivit agonistica professionale. «Non mi vedevo, in prospettiva, ad andare in barca a sessant’anni. Ma furono in tanti a dirmi che ero matto». i , hieffi era uno dei migliori velisti al mondo. a ebbe coraggio e non sbagli . ra il .


barchemagazine.com

Partnerships

Partnerships

Slam vanta una partnership storica con lo Yacht Club De Monaco ed i progetti della Monaco Sport Academy. Collabora da anni con lo Yacht Club Italiano, il club più antico d’Italia fondato nel 1879 a Genova, come partner tecnico della Rolex Giraglia, la regina delle regate del Mediterraneo e di Millevele, la veleggiata che si svolge in concomitanza e con il supporto del alone Nautico di Genova. o cial licensee delle prestigiose regate Maxi Yacht e Swan Cup dello Yacht Club Costa Smeralda e supporta il progetto Young Azzurra dedicato ai giovani talenti della vela italiana. È inoltre partner tecnico della Veleziana organizzata dalla Compagnia della Vela di Venezia e del circuito di regate dello Yacht Club Adriaco. Sostiene il progetto internazionale Equal Sailing, voluto dalle campionesse del mondo Giulia Conti e Francesca Clapcich per promuovere le pari opportunità di genere nel mondo della vela e dal 2016 al fianco del Fast and Furio Sailing Team con cui ha condiviso tante vittorie in Barcolana.

Slam boasts a memorable partnership with the Yacht Club de Monaco and it is involved in the projects of the Monaco Sport Academy. For several years now it has collaborated with the Italian Yacht Club, the oldest club in Italy, founded in Genoa in 1879, as technical partner of the Rolex Giraglia, the leading regatta on the Mediterranean, and Millevele, the sailing event that takes place during and with the support of the Genoa Boat Show. It is the o cial licensee of both the prestigious Maxi Yacht and Swan Club races of the Yacht Club Costa Smeralda and supports the Young Azzurra project dedicated to the young Italian sailors. It is also a technical partner of the Veleziana race organized by the Compagnia della Vela of Venice, and the Yacht Club Adriaco racetrack. It supports the global Equal Sailing project set up by the Olympic athletes and world champions Giulia Conti and Francesca Clapcich to reduce the gender gap in the world of sailing, and it has also supported the Fast and Furio Sailing Team, with which it won many Barcolana races, since 2016.

131


132

PEOPLE

Enrico Chieffi ontribu a rinnovare un a ienda e a lanciarla nel futuro. ggi wan uno dei brand pi famosi e riconosciuti al mondo. hieffi ha lasciato da poco la vicepresiden a ma senior advisor. «Ora sentivo il bisogno di diventare imprenditore». er uesto ha accettato la sfida di lam. a facciamo un passo indietro. Tutti conosciamo lam. ale per la pena ripercorrere rapidamente le tappe della sua gloriosa storia. lam veste odo orla e Alfio eraboni alle limpiadi di osca del . egli anni ovanta ini ia la collabora ione con lo acht lub osta meralda. el ai giochi olimpici di ydney. el arriva la vittoria dell Americas up con Bmw Oracle Racing. ue anni dopo raggiunge un altro successo interna ionale con roupama di ranck ammas alla olvo cean ace. n poche parole, lam la vela. «Noi velisti di mezza età siamo cresciuti con il marchio Slam», dice hieffi.

Un po’ di storia

A short history

Alle Olimpiadi di Mosca del 1980 Slam veste Dodo Gorla e Alfio Peraboni, vincitori della medaglia di bron o nella classe Star. Negli anni Novanta nasce la collaborazione con lo Yacht Club Costa Smeralda. Nel 2000 è la volta dei Gioc i di ydney: lam ornitore u ciale della edera ione Italiana Vela, condivide il successo degli atleti italiani e l’Oro di Alessandra Sensini nel windsurf. Nel 2005 Russell Coutts, velista neozelandese olimpionico della classe Finn nel 1984 e vincitore di cinque edizioni dell’America’s Cup, diventa testimonial di Slam e consulente nello sviluppo di nuovi capi tecnici. Nel 2010 arriva la vittoria dell’America’s Cup con Bmw Oracle Racing. Due anni dopo un altro successo internazionale con Groupama di Franck Cammas alla Volvo Ocean Race.

lam dressed odo orla and l o eraboni, the bron e medal winners in the Star class, at the 1980 Moscow Olympics. In the 1990s it began a partnership with the Yacht Club Costa Smeralda. In 2000 it was the turn of the Sydney Olympic Games: Slam was the o cial supplier of the talian ailing ederation, and shared in the Italian athletes’ success, including Alessandra Sensini’s gold in the windsur ng. n ussell outts, the sailor from ew Zealand who competed in the Finn class in the 1984 Olympics and won e mericas ups, became one of the o cial faces of Slam and an advisor for the development of new technical garments. In 2010 it scored a victory at America’s Cup with BMW Oracle Racing. Two years later it achieved another global success in the Volvo Ocean Race with Franck Cammas’s Groupama.

«QUELLO DI SLAM È UN MONDO CHE APPARTIENE ALLA VELA. TUTTI I PIÙ GRANDI VELISTI CONOSCONO SLAM, RICONOSCONO E APPREZZANO DA SEMPRE IL MARCHIO». «SLAM’S WORLD IS EMBEDDED .

. ENRICO CHIEFFI



134

PEOPLE

Enrico Chieffi

«Ed è anche per questo che intorno alla nostra operazione di rilancio c’è tanta solidarietà e vicinanza anche da parte di grandi velisti che ricordano sempre il brand con entusiasmo, dall’Australia all’America, all’Inghilterra». Quali sono i progetti in campo per l’immediato futuro? «Abbiamo fatto subito un piano strategico e abbiamo deciso di la orare su uattro filoni principali». Il primo è quello del rilancio di prodotti tecnici di prima qualità per velisti. «Vogliamo che sia un marchio di prima scelta per chi fa vela. Vogliamo fare un prodotto di eccellenza assoluta». Ma questo non vuol dire cancellare gli altri prodotti che già esistono, né ritagliarsi uno spazio esclusivamente in un mercato di nicchia. Vuol dire invece aggiungere una linea top di gamma. «E nel top di gamma faremo anche dei pezzi custom, su misura per gli atleti ogliamo tornare a essere al fianco dei velisti». er farlo hieffi ha in mente una nuova rete di sponsorizzazioni, partnership, testimonial. «Vogliamo essere nel mondo della vela a tutti i livelli». Ma c’è anche un altro campo d’azione del rilancio Slam, ed è quello commerciale. a sfida su uesto fronte passa anche per l’e-commerce. «Stiamo lavorando a una nuova rete di vendita on line. E più

Slam è un brand conosciuto e rispettato in tutto il mondo che a vestito gli atleti nelle sfide pi importanti della storia della vela come Olimpiadi, America’s Cup e giro del mondo. The Slam brand is known and respected all over the world and has dressed athletes for the most important events in sailing history, including Olympics, America’s Cups, and roundthe-world races.

in generale l’obiettivo è produrre solo ciò che si può vendere». Questo rappresenta sicuramente uno dei più importanti cambi di passo del nuovo corso dell’azienda genovese. L’obiettivo è riportare Slam ai livelli di fatturato del passato. «È un obiettivo ambizioso ma assolutamente realistico». Basta mettersi al lavoro. Con metodo e rigore. Sempre. E di sicuro il coraggio e la capacità di visione di un grande campione faranno la differen a.

«I

still remember the absolute amazement my brother Tommaso and I felt when our father took us out in a boat. He would take us on trips around Marina di Carrara, then once a year we would go all the way to the island of Elba. It was only a short cruise, but for us it was incredible». The great sailor nrico hieffi now at lam, a legendary firm in the sailing world has a passion for the sea that goes back a long way. hieffi competed in the class with his brother Tommaso at the 1984 Los Angeles lympics, then won the world title in the same class at Marina di arrara the following year. e called the tactics for Moro di Venezia at the 28th

America’s Cup in San Diego in 1992, winning the ouis uitton up. n he won the world title in the tar class in io de aneiro in Bra il with oberto inibaldi at the bow, and he also competed in the Atlanta Olympic ames. ow he is the of lam, the historic Italian sailing clothing brand founded in enoa in , which was ac uired a few months ago by the private equity holding company Vam Investments, chaired by Francesco Trapani and run by Marco Piana. hieffi s ob as is to relaunch the company, and the Olympic champion is also involved as an investor. The worldfamous brand, which was hit first by the crisis of 2008 and then the pandemic, now has the perfect investor to revitalise it and an exceptional with very clear ideas on what to do. hieffi draws heavily on his sailing experience: a valuable asset that still bears fruit today. «Sailing was an incredibly good business school», he says. «It taught me a lot about the approach you need to take to achieve your targets». This makes sense: after all, a boat is a complex system. «To win you need to plan everything. Sailing is a sport that teaches you to have a method». And for hieffi, the method is everything, whether in a yacht or the world of business. t was these attributes that led hieffi to be chosen to head lam. «We are relaunching a business with a lot of potentials», he says: certainly not child’s play. A methodical and meticulous approach, both at sea and on dry land, will therefore underpin the new course the firm is taking. «The aim is to systematise, reorganise and rationalise the entire manufacturing system. Every single piece of the puzzle needs to be in the right place». But is there any room for intuition? ost definitely, yes, alt oug the scope for creativity is gradually reducing as tec nology o ers e er more support in all areas». But you can t always control absolutely everything on a boat. hieffi certainly showed plenty of intuition when he decided to oin autor s wan the firm led by eonardo erragamo and reduce the amount of professional competitive sailing he was doing. «I couldn’t see myself still going out on a boat at the age of 60. But lots of people told me I was mad». No surprise really; after all, hieffi was one of the best sailors in the world. But he was brave, and it turned out to be a good decision. t was , and he helped to relaunch and futureproof wan, which has since become



136

PEOPLE

Enrico Chieffi

«IL RILANCIO DI SLAM PREVEDE PRODOTTI DI ECCELLENZA ASSOLUTA E ANCHE PRODOTTI CUSTOM PER GLI ATLETI». «SLAM’S RELAUNCH WILL INCLUDE PRODUCTS OF THE ABSOLUTE HIGHEST QUALITY, AS WELL AS CUSTOM ITEMS FOR ATHLETES». ENRICO CHIEFFI

one of the most famous and well-known brands in the world. hieffi recently gave up his role of vice-chairman, although he remains a senior advisor. «I felt the need to become an entrepreneur». That’s why he accepted the challenge from lam. But first, let s take a step back. veryone knows about lam. But it s still worth uickly running through the various milestones in its glorious history. lam dressed odo orla and Alfio eraboni at the oscow lympics. n the s it began a partnership with the acht lub osta meralda. n it was at the lympic ames in ydney. n it scored a victory at Americas Cup with BMW Oracle Racing. Then two years later it achieved another global success in the olvo cean ace with ranck ammas s roupama. lam is synonymous with sailing. «Middle-aged sailors like me grew up with the Slam brand», hieffi says. «And that is one reason why there is a lot of support for our relaunch and affinity from top sailors e eryw ere from Australia and America to the UK: they still recall the brand with enthusiasm». What are his immediate plans for the business? «We drew up a strategic plan straight away, and decided to work on four main areas». The first of these is reintroducing top- uality technical products for sailors. «We want to be a go-to brand for sailors. We want to make a product of the absolute highest quality». But this doesn t mean scrapping the existing products or solely carving out a space in a niche market. They are simply adding a top-of-the-range line. «And the premium range will also include custom items, tailormade for athletes. We want to go work alongside sailors again». To achieve this, hieffi plans to create a new network of sponsorships, partnerships, and endorsements. e want to be present at all le els in t e world of sailing». But lams relaunch also includes another area the business side. ne of the challenges here is e-commerce. e are de eloping a new online sales network. More generally, the aim is only to produce things we can sell». This represents one of the most significant changes in direction for the enoese company. The goal is to bring the lams turnover back up to the levels of the past. «It’s an ambitious aim, but it is realistic». All it takes is hard work, with a methodical and meticulous approach. And the courage and vision of this great champion will undoubtedly make all the difference.


Fabiani Yacht

My 101’ Ibrida

www.fabianiyacht.it


P 138

Federico Ferrante PEOPLE Federico Ferrante

People

FEDERICO FERRANTE, PRESIDENTE DI AZIMUT BENETTI AMERICAS, CI PARLA DELL’AZIMUT VERVE 42, PRESENTATO AL FORT LAUDERDALE BOAT SHOW FEDERICO FERRANTE, THE PRESIDENT AT AZIMUT BENETTI AMERICAS, TALKED TO US ABOUT THE AZIMUT VERVE 42, WHICH MADE ITS DEBUT AT THE FORT LAUDERDALE BOAT SHOW

by Fabio Massimo Bonini

Azimut USA

O

gni volta che penso ad Azimut Benetti mi vengono in mente alcuni passi della mission aziendale a disposizione dei visitatori del sito web del cantiere: “Primi al mondo nella costruzione di megayacht. Numeri uno per ampiezza della gamma. Il più grande gruppo privato nel settore grazie alla passione per il mare, per la navigazione, per il la oro e le sfide er e è il risultato di una di queste.

Al FLIBS 2021 incontro Federico Ferrante, Presidente di Azimut Benetti Americas. Non posso iniziare l’intervista senza chiedergli dei risultati delle vendite del 47 che avevo provato al Boat Show di Miami nel 2020. «Innanzitutto dobbiamo contestualizzare l’evento. Il lancio è avvenuto nel Febbraio 2020, quando il mondo era ancora normale, a marzo, un mese dopo, il mondo è collassato. Nonostante la situazione, il mercato ha


barchemagazine.com barchemagazine.com

139 139


140

PEOPLE

Federico Ferrante

Il Fort Lauderdale Boat Show è stato scelto per l’anteprima mondiale di Verve 42. Il modello precedente, Verve 47, progettato appositamente per il mercato americano, aveva riscosso un grande successo con 50 unità vendute di cui 30 solo nell’ultimo anno. The Fort Lauderdale Boat Show was chosen for the worldwide debut of the Verve 42. The previous model, the Verve 47, had been specially designed for the American mar et and became incredibly successful, with fty boats sold, including thirty in the past year alone.

dato una risposta pazzesca. Dopo una prima fase di timori, la nautica ha virato in positivo grazie soprattutto alla sensazione di sicurezza che dà l’essere in mare lontano da tutto , in particolare, er e a superato ogni aspettativa. Oggi, a 18 mesi dal lancio, abbiamo venduto 56 Verve 47, che di per sé sarebbe già un risultato entusiasmante, ma la vera straordinarietà arriva dal fatto che sono state vendite retail, ovvero barche vendute direttamente ai clienti e non ai concessionari». Quasi sempre i cantieri partono dal piccolo per poi ingrandirsi. Invece oggi siamo ua per un altra grande sfida, passare dal 47 al 42. Possiamo infatti ammirare in anteprima mondiale il er e 42. «Proprio così, anche in questo caso credo che la strategia abbia premiato. Abbiamo voluto iniziare con il 47 vicino alla classe più alta, quella degli oltre 50 piedi, dove troviamo cantieri di nicchia, ma senza per ora entrarci. Un segmento piccolo da valutare con molta attenzione. Il 42 invece nasce come una logica conseguenza della reazione del mercato. Innanzitutto ha lo stesso Dna del 47 a partire dai designer, gli interni e gli esterni sono anche in questo caso di Francesco Struglia, la carena di Michael Peters, la propulsione è ercury con i acing, con la di eren a che ne ha 3 anziché 4. Quindi un prodotto molto simile che si posiziona sul mercato con un prezzo inferiore del 30% rispetto al 47. Inferiore ovviamente anche in peso e dimensioni, un fattore molto importante soprattutto qua in Florida dove usa molto tenere le barche su quelli che vengono chiamati lift. Solitamente le abitazioni sull’acqua hanno questi lift che permettono di tenere la barca fuori dall’acqua, utilissimi per una lunga vita di scafo e motori, ma che hanno delle limitazioni per quanto riguarda il peso e le dimensioni. Il risultato è che abbiamo avuto moltissime richieste per un prodotto più piccolo e agevole, richieste che ora possiamo soddisfare. Il 42 rispetto al 47

è certamente più facile da utilizzare e, oltre al risparmio sull’acquisto, costa anche il 25% in meno da un punto di vista della gestione in generale, a partire dai consumi, pur garantendo una velocità massima di 47 nodi e 33,35 nodi di crociera. Quindi credo che con il 42 andremo ad abbracciare una fascia di mercato ancora più ampia». Come ha detto, i progettisti sono gli stessi. Hanno dovuto rinunciare a qualcosa lavorando su una carena più piccola? «Con Michael, Francesco e il nostro ufficio tecnico siamo riusciti a fare un miracolo e cioè includere nel 42 tutte le caratteristiche vincenti del 47 sen a sacrificare nulla bbiamo in ece aggiunto qualcosa; il tetto apribile in vetro incorporato nell’hard top, oltre naturalmente all’oblò apribile elettricamente che già troviamo sul 47 che ha una funzione molto pratica, ossia di dare ventilazione sul viso quando fa molto caldo. Ovviamente, per motivi di spazio, il 42 non ha due cabine nel senso lato della parola. Una certamente lo è. Un po’ più piccola di quella del 47, ma dotata di tutto, dall’audio video all’aria condizionata. oi abbiamo la tipica dinette a con ta olo abbattibile elettrificato c e si con erte in letto trasformando l’ambiente nella seconda cabina. Ho voluto, e lo dico con orgoglio, mantenere la stessa dimensione del bagno del 47, quindi un ambiente oversize. Abbiamo il bagno migliore della categoria, elemento estremamente apprezzato dalla clientela. Per quanto riguarda la carena, invece, è molto importante sottolineare che le sue caratteristiche e il disegno non sono una riduzione in scala di quelle del 47, ma è una carena nuova, totalmente ridisegnata da Michael esclusivamente per il 42 abitudine di usa in ece uella di parametrizzare le carene grazie a formule matematiche per ottenere dallo stesso disegno adattamenti per altri scafi con il fine unico di risparmiare».

La seconda anteprima americana è stata Azimut 53, il cui design porta la firma di Alberto Mancini per gli esterni mentre gli interni sono progettati dallU cio tile A imut. un y per le famiglie che vogliono trascorrere lung i soggiorni a bordo in spa i confortevoli, lontani da frenesia e confusione. The second US debut was for the Azimut 53, with exteriors by Alberto Mancini and interiors from the Azimut styling department. t is a flybridge for families who want to spend a long time on board in comfortable areas, far from the hustle and bustle.


barchemagazine.com

A imut 53 ly.

141


142

PEOPLE

Federico Ferrante

Sappiamo che in Florida ogni casa sull’acqua ha una barca sul lift come dicevi prima, ma non solo. Le marine sono superaffollate e la barca è un mezzo molto utilizzato, quindi certamente parliamo di un mercato importante. Per il 42 quali altri mercati si apriranno? «Di fatto si sono già aperti; certamente gli Stati Uniti in generale dove ne abbiamo vendute parecchie, almeno una dozzina nel nord est, New York, New Jersey, Connecticut, Rhode Island e dove sono state molto apprezzate, ma anche nella costa ovest della Florida che, può suonare strano, è un altro pianeta paragonata alla costa est, soprattutto da un punto di vista di demografia nautica e dei profili del cliente. Ragione di più per essere orgogliosi

empre al boat s o americano era presente Azimut Grande Trideck, il più grande modello mai costruito dal cantiere. uno yac t di tre ponti, lungo 38 metri, disegnato da Alberto Mancini per gli esterni, da Achille Salvagni per gli interni e da Pierluigi Ausonio per l’architettura navale.

Azimut Grande Trideck.

di un prodotto che funziona in entrambe le coste, cosa per niente scontata. Spostandoci poi dagli Stati Uniti continentali, abbiamo unità a Porto Rico, in Repubblica Dominicana, Messico e ancora ai Caraibi, a Saint Martin e Saint Barth. Il 42 è la barca perfetta per quel contesto poiché ha poco pescaggio e grande velocità. Alcune unità sono state vendute anche nel Middle East. Unico problema, se proprio ne vogliamo trovare uno, è la fatica a stare al passo con la domanda». C’è qualche anticipazione sul futuro o dobbiamo aspettare? «Sì, c’è qualcosa di nuovo a cui stiamo lavorando per la stagione isto c e non siamo contenti di avere 6 collezioni e 26 modelli in gamma, come sa Azimut non si ferma

Also present in Fort Lauderdale was the Azimut Grande Trideck, the largest boat ever built by the yard. It is a 38-meter yacht with three decks and exteriors by Alberto Mancini, interior by Achille Salvagni, while the naval architecture was by Pierluigi Ausonio.

mai e neppure io, col cervello sempre in movimento anche quando dormo, confermo ci saranno novità». Mi congedo da Federico con una stretta di mano e con l’appuntamento per la prova a mare del er e , presto sul nostro giornale.

E

ach time that I think of Azimut Benetti, lines from the company mission statement – which visitors to the yard’s website can see – come to mind: “Number one in the world for building megayachts. Number one for the breadth of the range. The largest private group in the sector thanks to our passion for the sea, for sailing, for wor , and c allenges er e is the product of this. I met Federico Ferrante, President of



144

PEOPLE

Federico Ferrante Azimut Benetti Americas at FLIBS 2021. I couldn’t start the interview without asking him about sales figures for the 47, which I tried out at the Miami Boat Show in 2020. «First of all, I have to put it into context. The launch took place in February 2020, when the world was still normal. In March, one month later, it fell apart. Despite the situation, the market reacted cra ily fter a first stage w en we were concerned, yac ting too a real upturn, abo e all because of t e feeling of safety t at comes from being on t e sea and far from e eryt ing er e in particular has exceeded every expectation. Thus far, eig teen mont s after t e launc , we a e sold 56 units of the Verve 47 which is in itself a ery encouraging number, but t e e traordinary t ing comes from t e fact that these were retail sales, so boats sold directly to the client, rather than dealers». Yards nearly always start small and then get bigger. Whereas we are here today because of another big challenge, going down from 47 to 42. We can admire the worldwide debut of the er e . «Indeed, and once again we t in t at our strategy paid o e wanted to start wit t e 47, w ic was close to t e ig est le el class, t e one for o er fifty footers, w ere we find nic e yards but t at is an area t at we haven’t taken part in for the moment.

t s a small segment t at we s ould loo at very carefully. The 42 is the natural answer to the market’s reaction. Above all it has the same DNA as the 47, starting from t e designers t e interiors and e terior are again done by rancesco truglia, wit t e hull by Michael Peters, while the power is provided by Mercury with their 450 acing engines t e di erence being t at it as t ree rat er t an four o, it is a ery similar product, which holds a position in the market with a price that is 30% less than the 47 t is also lig ter and smaller, of course, which is a very important factor especially here in Florida where a lot of people often put boats on what they call lifts aterfront ouses normally a e t ese lifts that mean they can keep the boat out of the water. They are extremely useful in prolonging t e life of t e ull and engines but a e limitations in terms of weig t and size. The outcome is that we have had a lot of demand for a smaller and more agile product, a demand that we can now satisfy. Compared with the 47, the 42 is definitely easier to use, and in addition to t e sa ings on the sale price, it also costs 25% less in terms of general andling, starting from fuel consumption w ile producing a top speed of nots, and cruising at nots nd so, I believe that with the 42 we will embrace an e en larger mar et segment Al Fort Lauderdale Boat Show c’erano anche Grande 27 Metri e 32 Metri, altri quattro esemplari della Collezione Fly, Azimut 50, 60, 62 e 78, due della Collezione S6 e S8 e il Magellano 25 Metri. Also at the Fort Lauderdale Boat Show were the Grande 27 Metri and the 32 Metri, a further four members of the Fly Collection (the Azimut 50, 60, 62, and 78), two from the S6 and S8 Collection, and the Magellano 25 Metri.

Magellano 25 Metri.



146

PEOPLE

Federico Ferrante

As you have just said, the design team is the same. But have they had to turn something down by working on a smaller hull? «With Michael, Francesco, and our technical department we managed to perform miracles and so we were able to get all of the winning features from the 47 into the 42 wit out a ing to sacrifice anything. But we have added something; the glass roof that can be opened is incorporated in the hardtop, as well as of course the electrically-operated porthole that we already have on the 47 and which has the very practical function of giving you a breeze on your face when it is very hot. Because of space restrictions, the 42 doesn’t have two cabins in the normal sense of the term. There is certainly one. It’s a bit smaller than the one on the 47, but it’s got everything, from an audiovideo system to air conditioning. And then we have the typical V-shaped dinette, with an electronically-driven fold-down table that converts into a bed, meaning the room becomes a second cabin. I am proud that we have kept the bathroom with the same measurements as on the 47, so it’s an oversize room. We wanted the best bathroom in the category, something that is appreciated by owners. But as far as the hull is concerned it is very important to stress that its characteristics

Azimut Yachts S8.

LEADER MONDIALE PER LA COSTRUZIONE DEI MEGAYACHT, IL GRUPPO AZIMUT BENETTI ESPORTA IN SETTANTA PAESI DEL MONDO E FATTURA CIRCA UN MILIARDO DI EURO. AN INTERNATIONAL LEADER IN MEGAYACHT CONSTRUCTION, THE AZIMUT BENETTI GROUP EXPORTS TO SEVENTY COUNTRIES AND TURNS OF AROUND ONE BILLION EUROS. and design are not a scaled-down version of the 47. It is a new hull, completely redesigned by Michael exclusively for the 42. There is a widespread practice of parametrising hulls using mathematical formulae to adapt an existing design for other hulls, and the only reason for that is saving money». As we said earlier, we know that in Florida every waterfront house has a boat on a lift. The marinas are very crowded and people use boats a lot, so we are talking about an important market. What other markets will open up to the 42? «Actually, they already are many certainly, t e nited tates in general, where we have sold a lot, at least a dozen in the North East. New York, New Jersey, Connecticut, and Rhode Island where they are very much appreciated. But also, on the West Coast of Florida which, and this might sound odd, is a di erent planet from the east coast, especially in terms of yachting

demograp ics and t e client profiles at s another reason to be proud of a product that works on both coasts, something that is certainly not a given. Then if we go o from t e continental nited tates, we have sold boats in Puerto Rico, the Dominican Republic, Mexico, and also in t e aribbean, at aint artin and aint Barth. The 42 is the perfect boat for those conditions because it doesn’t have much draught and is very quick. We have also sold boats in the Middle East. The only problem, if we ad to find one, is managing to keep up with the demand». Can you give us an idea of what you are planning to do, or will we have to wait? «Yes, there is something new that we are working on for the 2023/24 season. Given that we are not happy having six collections and 26 models in the range. As you know, Azimut never sits still, and neither do I, with my head working even when I am asleep can confirm t at t ere will be new additions». I leave Federico with a handshake and with a date for trying out the Verve 42 on the sea; my report will feature in a forthcoming edition.



148

SUPERYACHT

Victorious

Built for pleasure VICTORIOUS, COSTRUITO DAI CANTIERI AK YACHTS, È UN SUPERYACHT DI 85 METRI DI LUNGHEZZA PROPOSTO DA BURGESS PER IL CHARTER O LA VENDITA VICTORIOUS, BUILT BY AK YACHTS, IS AN 85-METRE SUPERYACHT AVAILABLE TO CHARTER OR BUY FROM BURGESS

by Claudia Giulia Ferrauto


barchemagazine.com

149


SUPERYACHT

150

Victorious

I

l giro del mondo in barca può essere un’esperienza indimenticabile. Grazie a Burgess si possono vedere mete da sogno, essere coccolati dall’alta cucina di bordo, e avere servizi personalizzati su misura. Il superyacht Victorious è un explorer con scafo in acciaio e sovrastruttura in alluminio, costruito secondo la classifica ione loyd s e la conformit A , in grado di fare il giro del mondo. a prua dal profilo slanciato e le proporzioni d’insieme, grazie a una lunghezza di 85 metri e un baglio massimo Esterior di 14, conferiscono al Designer superyacht una linea Michael Leach snella e affusolata. Si sviluppa su cinque ponti e mezzo, collegati tra loro tramite un ascensore interno e un doppio sistema di scale, uno per l’armatore e i suoi ospiti, l altro per l e uipaggio, al fine di garantire la massima privacy durante tutto il soggiorno a bordo. Gli spazi interni lasciano trapelare il gusto

BURGESS

Monte Carlo Londra enquiries burgessyac ts.com ttps:// .burgessyac ts.com PROJECT Ak Yac ts s ipyard (2021) Mic ael Leac Design (naval arc itecture and exterior design) 2 Yac t Design (interior design) HULL Lengt 85m Minimum beam 1 .2m Dra t . m 2.291G MAIN PROPULSION 2 1, 75 p Caterpillar Maximum speed 17 knots Cruising speed 13.3 knots Range 1 ,000 nautical miles uel tanks volume 258,000 l Class Lloyds 100 A1 C Yac t (p) Mono G6, LMC, UM , LY2 lag Cayman Island Bert site est Mediterranean PRICE or t e c arter in t e summer season 800,000 (lo ) / 8 0,000 ( ig ) per eek in t e inter season 950,000 U D (lo ) / 1.000.000 U D ( ig ). elling price 125 millions uro.

Michael Leach Design ha firmato le linee esterne di Victorius conferendogli un carattere deciso. Michael Leach Design created the exterior lines of Victorious, giving them a strong trait.


barchemagazine.com

151


152

SUPERYACHT

Victorious

marcato per quel tipo di bellezza sussurrata e senza tempo che parla con eleganza usando la grammatica di scelte stilistiche raffinate e l uso di elementi preziosi, tra cui vari tipi di marmo, alabastro, tessuti, pellami e un mix giustapposto di essenze pregiate, utilizzati in un progetto d’insieme ricercato e funzionale in cui anche l’illuminazione ha un ruolo essenziale a sottolineare la grazia degli ambienti. spita fino a un massimo di persone, pi l e uipaggio, e, gra ie agli stabilizzatori di elevata qualità, è in grado di garantire un comfort unico durante tutte le soste. Firmano il progetto ichael each esign, per gli esterni, e acht esign, per l interior design. Presentato da Burgess durante lo Nel design degli interni torna orte il ric iamo alla semplicit e alla piacevole a di unelegan a orte ma sussurrata, e quindi un mix di essen e ra nate, tessuti morbidi e luminosi e pavimenti in vari tipi di marmo. The interior design is simple and agreeable in its clear yet understated elegance, with a mix of sophisticated timbers, soft, bright fabrics and floors made of various types of marble.


barchemagazine.com

153


154

SUPERYACHT

Victorious

Cielini in pelle, lastre di alabastro retroilluminate e arredi scelti con cura, sottolineano con garbo un design sen a tempo e molto esclusivo. Il tavolo da pran o esterno pu accogliere comodamente 12 persone.

Leather ceilings, backlit alabaster slabs and carefully chosen furnishings gracefully highlight the timeless and highly exclusive design. The outdoor dining table comfortably seats twelve people.

scorso onaco acht how, Victorious ha subito riscontrato un interesse diffuso per le sue caratteristiche distintive che lo rendono perfetto per crociere lussuose, come per lunghe traversate con tutta la famiglia. Chi noleggia un explorer in grado di circumnavigare il globo, vuole ualcosa di pi del solito yacht. Per questo Burgess ha dotato Victorious di infinite accorte e con cui coccolare gli ospiti. e offerte presenti a bordo permettono infatti di godere appieno ogni momento della vacanza, spa iando dal relax pi assoluto a momenti di convivialità e sport, passando poi attraverso esperienze esclusive e ricercate, riuscendo contemporaneamente a soddisfare ogni esigen a anche dei pi piccoli, che hanno aree e personale dedicati. a uantit di dota ioni e servi i offerti magistrale, per dare solo uno sguardo d’insieme agli spazi comuni presenti lungo i vari ponti, a bordo troviamo una vera sala cinema, due living room, di cui una con vista a perdifiato sul mare dotata anche di un pianoforte a coda, e una pi raccolta e riservata fornita di un ricercato angolo bar. Ci sono poi una sofisticata sala da pran o, la cigar


barchemagazine.com

Layout

Victorious dispone, oltre alla master per larmatore, di altre 11 cabine ospiti, alcune doppie dedicate ai bambini, suite e cabine Vip, o rendo la possibilit di accogliere a bordo fino a 2 persone. Lequipaggio di 25 persone dispone di 12 cabine.

Layout

In addition to the master suite for the owner, Victorious has another eleven guest cabins, including some double cabins for children, suites and VIP cabins, meaning up to 24 people can be welcomed on board. There are also 12 cabins for the 25-person crew.

155


156

SUPERYACHT

Victorious

IL BEACH CLUB DI 200 METRI QUADRATI, POSTO NEL LOWER DECK, È DOTATO DI UNA PISCINA CHE PUÒ ESSERE USATA SIA AL CHIUSO, SIA IN UNA VERSIONE ESTIVA OPEN, ABBATTENDO LA PIATTAFORMA DI POPPA E APRENDO LE DUE ALI LATERALI. 200 UAR M R B AC CLUB ON LO R D C A A POOL A CAN I R B U D COV R D OR A AN OP N UMM R POOL BY LO RING RN PLA ORM AND O ID ING .


barchemagazine.com

club room dotata di camino, un ampio salone a tutto baglio, comprensiva di area living, zona dining e angolo bar, che si affaccia a gradi sul mare, ma non finita. Burgess non trascura nessun dettaglio e dalla degustazione di vini, a piatti ricercati, al barman specializzato in drink e cocktail magistrali, ogni attimo è disegnato per rendere felici i suoi armatori e regalare momenti da ricordare e raccontare al ritorno. Tra i servizi presenti a bordo occupa un posto di rilievo la presenza del beach club di metri uadrati, posto nel lower deck, dotato di una piscina che può essere usata sia in versione estiva open, abbattendo la piattaforma di poppa e le due ali laterali, sia coperta. Ci sono poi ampie

zone prendisole e aree living all’aperto, lungo tutti i ponti, e ben due jacuzzi, una in uso esclusivo all’armatore, dove rilassarsi di giorno o guardare le stelle durante una calda notte estiva. Burgess offre anche la possibilit di tenersi in forma con metodo, grazie alla supervisione professionale dei personal trainer che seguono gli ospiti nella palestra, dotata di una terrazza a picco sul mare, e del personale nel salone di bellezza che attende l’armatore e la sua famiglia per prendersene cura e soddisfare ogni desiderio tra sala massaggi, SPA e Hammam. Ma le sorprese a bordo non sono finite, con Burgess sul Victorious non c’è modo di annoiarsi, e così, mentre c’è chi vuole fermarsi a prendere il sole sorseggiando

vini pregiati consigliato dal mixologist, c’è chi desidera sperimentare qualcosa di pi dinamico. erci a bordo ci sono anche un pilota di droni, per chi vuole imparare a filmare momenti indimenticabili da una vista unica, nonché un team di professionisti pronti ad accogliere gli ospiti nel centro di addestramento A. e a uesto punto ualcuno pensasse che l offerta di servizi sia conclusa, poiché già incredibilmente vasta, dovrà ricredersi. Burgess ha ancora delle sorprese in riserva per l’armatore. A bordo sono presenti ben 4 tender, di cui un catamarano limousine completamente custom, un tender per la pesca sportiva, uno dedicato agli sport acquatici, moto e scooter d’acqua, e poi paddle

157


158

SUPERYACHT

Victorious

boards, jetsurf e foilboard e almeno quattro diverse modalità per fare sci d ac ua. a la cosa pi bella che gli ospiti possono usarli, o farli usare ai propri ragazzi, in totale serenità e sicurezza grazie a un personale di bordo accuratamente formato da Burgess. on finita, c poi anche una piscina naturale che può essere creata immergendo la struttura in rete leggera che permette ai bambini di godere il

Gli spa i esterni o rono agli ospiti la possibilit di raccogliersi in diverse one, al punto c e c solo l imbara o della scelta tra are una nuotata nella piscina del beac club, godersi il panorama dal sun deck gustandosi uno dei cocktail o un vino pregiato consigliati dal mixologist sele ionato da Burgess, o rilassarsi nella jacu i allaperto nellupper deck.

mare al riparo da eventuali meduse. E se all’improvviso fosse necessario raggiungere fisicamente un meeting d affari o accogliere amici che si trovino lontano, nessun problema. Grazie alla piattaforma elicottero touch & go, sul Victorious può atterrare o decollare un AC145. Se circumnavigare il globo è già un’esperienza unica, con Burgess sarà una vacan a memorabile difficile da eguagliare.

The outdoor spaces allow guests to meet in di erent areas, lea ing them spoilt for choice: do they go for a swim in the beach club pool, enjoy the panorama from the sundeck while tasting a coc tail or ne wine recommended by the Burgessapproved mixologist, or relax in the open-air jacuzzi on the upper deck.

T

ravelling the world by boat can be an unforgettable experience. With Burgess, however, you can visit dream destinations while being pampered with fine cuisine onboard and enjoying services tailored to your demands. The superyacht Victorious is an explorer with a steel hull and an aluminium superstructure, built to loyd s classification and with A compliance, and capable of travelling all around the world. The slender profile of the bow and its overall proportions 85 m long and a maximum beam of 14 m give the superyacht a sleek, tapered look. t has five and a half decks, connected by an internal lift and a double staircase, one for the owner and his guests and the other for the crew, ensuring the utmost privacy throughout one’s stay on board. The indoor spaces reveal a clear taste for understated, timeless beauty, elegantly combining refined stylistic choices with precious materials including various types of marble, alabaster, fabrics, leather and various contrasting fine timbers.


barchemagazine.com

PER RAGGIUNGERE IL VICTORIOUS, BURGESS OFFRE UN EFFICIENTE SERVIZIO AEREO CON UN AC145 IN GRADO DI ATTERRARE SULLA PIATTAFORMA TOUCH & GO DEL PONTE SUPERIORE. TO REACH VICTORIOUS, BURGESS OFFERS AN EFFICIENT AIR SERVICE IN AN AC145 THAT CAN LAND ON THE TOUCH & GO PLATFORM ON THE UPPER DECK.

159


160

SUPERYACHT

Victorious

Per coloro c e desiderano are una pausa da tutto, c una PA dotata di sala massaggi, attre ato salone di belle a e ammam. A PA it a massage room, beauty salon and ammam is per ect or t ose anting to get a ay rom it all.

work of ichael each esign, while acht esign produced the interior design. Presented by Burgess at the most recent onaco acht how, Victorious immediately received widespread Tariffa charter interest as a result of its distinctive a partire da characteristics that 800.000 €/950.000 make it perfect for luxury cruises USD a settimana. and long voyages with the whole The charter family. price If you are renting an starts from explorer that is capable of 800,000€/950,000 circumnavigating the USD per week. globe, you want something more than a standard yacht, and Burgess has equipped Victorious with countless special features to treat guests. The facilities onboard allow guests to make the most of every minute of every day, ranging These come together in a sophisticated from total relaxation and socialising and functional overall design, with to fitness, not to mention exclusive, the lighting also playing a vital role, refined experiences, while satisfying highlighting the refinement of the the needs of everyone, including various rooms. The boat can house children, who have their dedicated up to people, plus the crew and areas and staff. The number of options the high-quality stabilisers ensure and services on offer is immense. ust unparalleled comfort whenever the to give you an idea, the communal boat is at anchor. The exterior is the spaces on the various decks include



162

SUPERYACHT

Victorious

Engine room

In sala macchine ci sono due motori Caterpillar di 1.475 cavalli ciascuno. La nave ha una velocità massima di 17 nodi. A 13,3 nodi ha un’autonomia di 14 mila miglia nautiche. The engine room features two Caterpillar engines developing 1,475 hp each. The ship can reach a maximum speed of 17 knots. At a speed of 13.3 knots, the range is 14,000 nautical miles.

a proper cinema room and two living rooms, one with a breathtaking view across the sea and a baby grand piano, and one that is cosier and more private, with a luxurious sit-up bar. Then there is a sophisticated dining room, a cigar club room with a fireplace, and an extensive full-beam saloon, including a living area, dining area and sit-up bar, with a 180° sea view. And that’s just for starters! No detail has been overlooked by Burges from wine tasting and fine cuisine to a barman who specialises in incredible drinks and cocktails,

everything is designed to make the owners happy and provide plenty of moments to remember and describe when they return home. One major amenity onboard is the 200 m² beach club on the lower deck, with a pool that can be used either covered or in an open summer version by lowering the stern platform and the two side wings. There are large sunbathing areas and open-air living spaces along with all decks, and not one, but two jacuzzis, one for the exclusive use of the owner, to relax in by day or to look up at the stars during warm summer nights. Burgess also offers the opportunity to stay on track with your fitness, with professional supervision from personal trainers for guests in the gym, which has a terrace overlooking the sea, and with staff in the beauty salon available to look after the owner and their family and satisfy their every desire, from massages to a SPA and a hammam. With Burgess, there is no risk of getting bored on Victorious. While some may wish to bask in the sun while sipping fine wines recommended by the mixologist, others may want to try out something more dynamic. There is even a drone pilot available for anyone who wants to learn how to film unforgettable moments from a unique viewpoint, as well as a team of professionals ready to welcome guests to the RYA training centre. And if you think that vast array of options might be all, think again! Burgess has yet more surprises in store for the owner. There are four tenders on board, including a fully customised limousine catamaran, a tender designed for recreational fishing, one dedicated to water sports, a jet ski and a water scooter, plus paddleboards, jet surf and foil boards and at least four different ways of water skiing. All the water toys can be used under the close supervision of the on-board staff, who are trained to a high standard by Burgess. You can also create a natural pool by immersing a lightweight mesh structure in the water, allowing children to enjoy the sea safe from any ellyfish. And if you suddenly need to get to a business meeting or welcome friends from a long way away, no problem: the Touch & Go helipad on Victorious can be used for take-offs and landings in an A . ircumnavigating the globe is already a unique experience, but with Burgess, it will be a memorable holiday that will prove hard to beat.



164

Rossinavi EIV SUPERYACHT

Rossinavi EIV

Superyacht

Dynamic

charm


barchemagazine.com

EIV, UN’ECCELLENZA ITALIANA PER IL MERCATO AMERICANO, È UN SUPERYACHT DI 48,80 METRI DI LUNGHEZZA, FULL CUSTOM, PRECEDENTEMENTE CONOSCIUTO COME PROJECT VECTOR 50, REALIZZATO DAI CANTIERI VIAREGGINI ROSSINAVI SU PROGETTO DELLO STUDIO VENEZIANO TEAM FOR DESIGN EIV, A FINE QUALITY ITALIAN PRODUCT DESIGNED FOR THE AMERICAN MARKET, IS A 48.80-METRE FULL CUSTOM SUPERYACHT, PREVIOUSLY KNOWN AS PROJECT VECTOR 50, MADE BY THE VIAREGGIO-BASED YARD ROSSINAVI, ON A DESIGN BY THE TEAM FOR DESIGN STUDIO IN VENICE

by Mariateresa Campolongo photo by Michele Chiroli

165


166

SUPERYACHT

E

Rossinavi EIV

IV è la sorella più piccola del megayacht Utopia IV da cui sono stati ripresi i colori e le linee principali della sovrastruttura bianca e dello scafo grigio caldo, entrambi costruiti in alluminio. 13,8 metri di lunghezza in meno comportano certamente un profilo un po meno filante, ma che risulta sapientemente ben proporzionato e complessivamente molto garbato alla vista. EIV è una perfetta sintesi tra il car design, lo yacht design e la progettazione residenziale. Per il progetto degli esterni Enrico Gobbi di Team for Design ha preso ispirazione dal settore automobilistico; EIV, infatti, ha tutte le caratteristiche

di una coupé di grandi dimensioni: sportiva, elegante e performante. Continui rimandi, come le griglie delle bocchette di ventilazione a prua, enfatizzano la stretta connessione con l industria automobilistica. e linee curve della sovrastruttura conferiscono un fascino dinamico e senza tempo al superyacht. exterior design vede una grande predominanza di vetrate a tutta altezza che inondano gli spazi abitativi di luce naturale e mettono in stretta connessione gli interni con gli esterni. Quando aperte, le due terrazze speculari abbattibili in corrispondenza della dining room creano un vuoto che dà la sensazione di essere in perfetta

simbiosi con l ambiente naturale circostante. «EIV non è una barca con un singolo e fondamentale concetto dove tutto ruota intorno a esso afferma Federico Rossi, Coo di Rossinavi – ma è una combinazione di diverse richieste dell’armatore che hanno dato vita allo sviluppo del progetto. Nel dettaglio, la scelta della grande piscina sul ybridge, l’integrazione di un ascensore all’interno di una barca così sportiva, un beach club con SPA, la zona pranzo con doppie porte scorrevoli e terrazze apribili e il bar al centro del pozzetto, sono tutte scelte progettuali scaturite dalla volontà dell’armatore». EIV è un superyacht realizzato completamente su misura per un cliente americano, per Gli interni sono un equilibrato mix di dettagli di ebanisteria progettati da Gobbi, opere d’arte nate in collaborazione tra Team for Design e importanti artisti veneziani, elementi di arredo europei, opere decorative illuminanti personalizzate e tessuti esclusivi di produzione italiana. The interiors are a balanced mix of details of cabinet-making designed by Gobbi, works of art from the partnership between Team for Design and important Venetian artists, European furnishings, customised illuminated decorative works and exclusive, Italianmade fabrics.


barchemagazine.com

167


168

SUPERYACHT

Rossinavi EIV

La suite armatoriale a tutto baglio a prua del ponte principale include una terrazza privata sul lato di dritta integrata nella struttura. Il bagno doppio della suite armatoriale ha sul piano diametrale una doccia trasparente in condivisione. L’utilizzo delle superfici retro-illuminate in onice rende questo ambiente molto sofisticato.

The owner suite is full beam, forward of the main deck and includes an en suite private terrace on the starboard side. The double bathroom in the owner’s suite has a shared, transparent shower located on the boat’s longitudinal axis. The use of a back-lit onyx surface gives this room a very sophisticated feel.

tale motivo tutti gli apparecchi presenti a bordo sono basati sugli standard U A cos come l impianto luci, uello elettrico e per l intrattenimento sono al 100% americani. Considerando che la barca naviga in un area geografica specifica, ovvero uella degli tati Uniti e dei Caraibi, durante la progettazione è stato necessario tenere conto di alcuni fattori per realizzare un superyacht con re uisiti particolari come un impianto di condizionamento potenziato e vetri con filtri U per ridurre la temperatura del sole. EIV si articola su uattro ponti l interior design contemporaneo e moderno ed è giocato prevalentemente sul bianco e su nuance molto chiare che rendono l ambiente decisamente luminoso e fresco ma anche fortemente rilassante. I diversi tocchi di colore azzurro chiaro presenti a bordo ricordano le sfumature del mare, come richiesto dall armatore. onostante l anima sportiva degli esterni, gli interni, che possono ospitare fino a dieci persone in cin ue cabine, sono concepiti come una lussuosa e moderna residenza. Qui il lusso si manifesta nella ualit progettuale e costruttiva del manufatto.


barchemagazine.com

«Su EIV il progetto illuminotecnico è parte integrante dell’interior design, non solo per lo studio della posizione delle luci ma anche per il controllo Lutron che permette di avere diversi scenari. Ogni luce degli esterni è caratterizzata in RGB, anche quelle subacquee. La griglia in acciaio inox a prua in puro stile Bentley, che contraddistingue la barca, ha anche essa illuminazione RGB integrata», Federico Rossi, Coo Rossinavi.

«On the EIV the lighting has been created to be an integral part of the interior design, and not just because we have looked at how the lights are positioned, but also because the Lutron control panel means you can ha e di erent set-ups. ery light on the exterior features RGB, even the underwater ones. The stainless steel grille on the bow, in perfect Bentley style, also has integrated RGB lighting, and sets the boat apart.», Federico Rossi, Rossinavi COO.

169


170

SUPERYACHT

Rossinavi EIV

GLI INTERNI DI EIV, FRESCHI E RILASSANTI, TRASMETTONO LA SENSAZIONE DI UNA VILLA PANORAMICA SUL MARE MENTRE GLI ESTERNI, DALLE FORME FILANTI E SENZA TEMPO, HANNO DIVERSI RIFERIMENTI PROVENIENTI DAL MONDO AUTOMOBILISTICO. NONOSTANTE LE CONTAMINAZIONI PROVENIENTI DA ALTRI SETTORI, EIV È UNA BARCA MOLTO MARINA. THE INTERIORS OF THE EIV ARE FRESH AND RELAXING, AND CONVEY THE SENSE OF A PANORAMIC, SEASIDE VILLA, WHILE THE EXTERIOR – WHICH HAS A STREAMLINED, TIMELESS LOOK – HAS MANY REFERENCES FROM THE AUTOMOBILE SECTOR. BUT DESPITE THIS INFLUENCE FROM OTHER AREAS, THE EIV STILL VERY MUCH HAS A MARITIME FEEL.


barchemagazine.com

I materiali utilizzati a bordo di EIV sono stati sapientemente combinati tra di loro, come il legno Tay, gli intarsi in tessuto di vetro, i dettagli in onice e le pelli intrecciate nei toni del greige. Una delle aree pi formali e scenografiche del superyacht è sicuramente la zona pranzo, completamente aperta sul mare. Il tavolo in legno è arricchito da preziosi intarsi in tessuto-vetro e dettagli in ottone bronzato; il pavimento sottostante, interamente rivestito in pregiate lastre di onice totalmente retro-illuminate, contribuisce a rendere uesto ambiente esclusivo. Qui, e in tutta la barca, ogni dettaglio è curato nei minimi particolari: risultato di un connubio perfetto tra un accurata progetta ione e una

magistrale realizzazione ad opera delle maestran e del cantiere. a suite armatoriale, in continuità stilistica con il resto dello yacht, è collocata a prua del main deck ed è anticipata dallo studio dell armatore con la cantina dei vini pregiati. ttima l idea di avere sul lato di dritta un terrazzino incorporato nella struttura, che può essere utilizzato in ogni momento sen a l ausilio dell e uipaggio che invece fondamentale per usufruire dei balconcini abbattibili. Seppur le nuance della cabina virano su tonalità molto simili, è molto interessante vedere l effetto visivo delle diverse texture dei vari materiali utili ati che invitano all esperire tattile ed evitano l appiattimento dello spa io.

Il risultato è un ambiente molto elegante e sofisticato. e superfici retro-illuminate in onice sono state inserite anche all interno del doppio bagno armatoriale, per rendere l ambiente pi suggestivo. Tutte le uattro cabine ospiti del lower deck sono state personalizzate e sono state diversificate con sete e velluti di varie tonalità, che spaziano tra le gradazioni dell a urro e del blu. e due cabine gemelle di poppa sono trasformabili tramite una paratia scorrevole con la uale possibile ottenere, a seconda delle esigenze, una singola Vip con doppio bagno, oppure due cabine ospiti separate. Tutti gli interni sono stati ulteriormente customizzati con opere esclusive,

171


172

SUPERYACHT

Rossinavi EIV

sviluppate in collaborazione con importanti artisti veneziani, collocate in zone focali dello yacht, enfatizzate da un illumina ione dedicata. A bordo di EIV si trovano diverse aree per l intrattenimento, come la sun area con vasca idromassaggio a prua, la ona cinema sull upper deck e la grande piscina con cascata e nuoto controcorrente sul fly deck nascosta dietro le ali del roll-bar, e uindi molto intima e non visibile dall esterno. egno di nota l incredibile studio del lighting design che negli interni sottolinea cielino e paratie con tagli di luce mentre negli esterni accentua i dettagli di derivazione automobilistica e le forme filanti del superyacht. sistemi di controllo utron permettono di avere diversi scenari, mentre le luci subac uee colorate contribuiscono a creare effetti divertenti e suggestivi.

E

IV is the little sister of the Utopia IV megayacht, also made in aluminium, and echoes its colours and the overall lines of the white superstructure and

warm grey hull. Being shorter by . metres means that its profile is less streamlined, but the skilful design makes it well-proportioned and goodlooking. The EIV is the perfect coming together of car design, yacht design and residential design. or the exteriors, Enrico Gobbi at Team for Design drew inspiration from the automobile sector and EIV is reminiscent of a large coupé: sporty, elegant and high performance. Many features, such as the air vent grilles in the bow, emphasise the close connection with the automobile industry. The rounded lines of the superstructure give this superyacht timeless, dynamic appeal. The exterior features a predominance of full-height windows that flood the living spaces with natural light and create a link between the inside and the outside. When open, the fold-down terraces on either side of the dining room create a space that makes one feel one is perfectly in tune with the natural surroundings. «EIV isn’t a boat wit a single, fundamental concept at

t e centre of e eryt ing , said Federico Rossi, the COO of Rossinavi, «but rather a combination of the various requests made by t e owner t at a e s aped t e de elopment of t e pro ect pecifically, t e large swimming pool on t e ybridge, adding a lift despite t e sporty nature of t e boat, a beac club wit a SPA, the dining area wit double sliding doors and fold down terraces and t e bar in t e middle of the cockpit – these are all design decisions t at emanated from owner s re uests The EIV is a superyacht that has been completely made to measure for an American client, and that s why all of the e uipment on board follows U standards; such as the lighting, electrical and entertainment systems, which are American. Because the boat will be sailing in a specific geographic area, the aribbean and U waters, there were additional factors to be considered during the superyacht s design stage, such as the need for a powerful air conditioning system and U -filtered windows to reduce the heat of the sun. The EIV is laid out across four decks; the interior design is modern and contemporary and is mainly based on white and very pale colours that create a decidedly luminous and fresh feel, but also one that is extremely relaxing. The various touches of light blue onboard reflect the shades of the sea, as re uested by the owner.

«TRA I PRINCIPALI PUNTI DI FORZA DEL PROGETTO CI SONO LE GRANDI FINESTRATURE CHE ATTRAVERSANO LA SOVRASTRUTTURA DI EIV ED ENFATIZZANO LO STRETTO CONTATTO TRA INTERNI ED ESTERNI». «AMONGST THE PROJECT’S STRONG POINTS ARE THE LARGE WINDOWS THAT RUN THE LENGTH OF THE EIV’S SUPERSTRUCTURE AND EMPHASISE THE CLOSE CONTACT BETWEEN INSIDE AND OUT», ENRICO GOBBI, TEAM FOR DESIGN


barchemagazine.com

Le due terrazze speculari in corrispondenza della dining room o rono una vista straordinaria e permettono agli interni di fondersi con la natura circostante. The dining room has two terraces facing each other which give an extraordinary view and mean the interior can blend into the natural surroundings.

173


174

SUPERYACHT

Rossinavi EIV

espite the sporty feel of the exterior, the interior, which can host up to ten people in five cabins, is designed like a luxury modern home. The uality of the yacht s design and finishing is luxurious. The materials used onboard the EIV have been cleverly combined the Tay wood, the fibreglass inlays, the onyx detailing and the woven greige-coloured leather. One of the most formal and visually striking parts of the yacht is the dining area, which is completely open to the sea. The wooden table is embellished with beautiful fibreglass inlays and details in bron ed brass the floor below it, which is completely covered in wonderful back-lit onyx slabs, helps to give the room a very exclusive feel. ere, and indeed throughout the entire boat, great attention has been paid to every detail: that is the result of a perfect blend between careful planning and masterful execution from the yard s shipwrights. The master suite follows the style of the rest of the yacht and is located forward of the main deck. Before

it, there is the owner s office with a fine wine cellar area. The decision to have a small terrace incorporated into the boat structure on the starboard side is a success. This terrace can be enjoyed at any time and without the help of the crew, who are needed to deploy folddown balconies. ven though the shades in the cabin work on a similar range of hues, it is interesting to see the visual effect of the various textures of the materials that have been used: these are very tactile and add a third dimension to the space. Overall, it is a very elegant and sophisticated environment. nyx back-lit surfaces also feature in the double master bathroom, creating a very appealing room.

Il beach club è una zona molto importante della barca, con sauna, bar e vasca a immersione con acqua fredda. The beach club is a very important area on the boat, with a sauna, bar and a cold water plunge pool.

ROSSINAVI

Via Marina di Levante, 4/B I- 550 9 Viareggio (LU) . 39 058 38 227 www.rossinavi.it info@rossinavi.it EXTERIOR DESIGN: Enrico Gobbi – Team for Design INTERIOR DESIGN: Enrico Gobbi – Team for Design NAVAL ARCHITECTURE: Arrabito Naval Architects LENGTH OVERALL: 8.80 m – 160 t 1 in MOULDED BEAM: 8.90 m – 29 t 2 in DRAUGHT: 2.29 m – 7 t 6 in OWNERS + GUESTS: 2 8 CAPTAIN + CREW MEMBERS: 1 8 SUPERSTRUCTURE MATERIAL: aluminium HULL MATERIAL: aluminium HULL CONFIGURATION: ast-displacement MAIN ENGINES: 2x M U 16V 2000 M96L – 1,939 kW 2 50 rpm MAXIMUM SPEED: 19 kn CRUISING SPEED: 17.5 kn RANGE: 3,600 NM GROSS TONNAGE: 500 G CLASS: Lloyd’s



176

SUPERYACHT

Rossinavi EIV

Grazie allo scafo in alluminio fast displacement, EIV può raggiungere una velocità massima prossima ai 20 nodi. Il superyacht è in grado di attraversare gli oceani e di navigare in zone caratterizzate da bassi fondali. Thanks to the aluminium fastdisplacement hull, EIV can reach a top speed of nearly twenty knots. It can cross oceans and sail in areas with shallow water.

All of the four guest cabins on the lower deck have been customised differently with silks and velvet in varying colours, ranging through the entire spectrum of aquamarine and dark blue hues. The two twin rooms in the stern can be converted using a sliding wall, that produces – according to requirements – either one VIP room with a double bathroom, or two separate guest rooms. All of the interiors have been further customised with exclusive works of art, created in partnership with important enetian artists, and placed in key areas of the yacht, highlighted with special lighting. There are many entertainment areas onboard the EIV, such as the sun area with a acu i in the bow, the cinema area on the upper deck and the large pool with waterfall and resistance swimming ets on the fly deck, which is hidden behind the wings of the roll bar, and thus very private and not visible from the outside. The design of the lighting is impressive. Interior ceiling and walls are highlighted with shafts of light, while the exterior lighting accentuates the yacht s streamlined shape and details drawn from the world of cars. The utron control systems mean that you have various possibilities, while the coloured underwater lighting helps to create amusing and evocative effects.



178

TEST

Sirena Yachts 68

21.4m


barchemagazine.com

Prua al

LARGO

TOWARD the

HORIZON UNA BARCA CHE INVOGLIA A NAVIGARE TANTO. CARENA SEMIDISLOCANTE, COMFORT ASSOLUTO, LINEE ELEGANTI. PER ARMATORI EVOLUTI A BOAT WITH A SEMI-DISPLACEMENT HULL AND STYLISH DESIGN THAT OFFERS TOTAL COMFORT AND INSPIRES YOU TO SAIL AGAIN AND AGAIN. DESIGNED FOR EXPERIENCED OWNERS

by Luca Sordelli photo by ©Pozitif Studyo

179


180

TEST

L

Sirena Yachts 68

a formula piace, piace molto. Sirena Yachts nasce non molto tempo fa, nel 2017, ma da subito ha mostrato di avere le idee molto chiare su quello che voleva fare: barche eleganti, con carene semidislocanti, per armatori esperti, che hanno già avuto più imbarcazioni o magari vengono dalla vela. La recente data di nascita non deve però trarre in inganno. Il cantiere turco arriva da una collaudata e apprezzata storia di collaborazioni con grandi nomi della cantieristica mondiale. Obiettivo ultimo dei progetti Interior Sirena Yachts? Il Designer piacere di stare a Cor D.Rover bordo, di navigare. Poca esibizione, tanta sostan a. Una filosofia che si è dimostrata vincente: la sua crescita in questi anni è stata costante, la gamma ora va dai 58 agli 88 piedi di lunghezza. All’ultimo Salone di Cannes è stato presentato il quinto modello in listino, Sirena 68, la naturale evoluzione del 64. I padri di questo ventun metri sono l’argentino German Frers, per le linee esterne e carena, e l’olandese Cor D.Rover, per gli interni. Entrambi hanno lavorato di cesello per rendere una barca già vincente ancora più intrigante ed attuale. La piattaforma è la stessa del 64, la carena è uguale, variano 70 cm di lunghezza fuori tutto. «I cambiamenti sono molti, ma i più evidenti riguardano il main deck che guadagna centimetri e che pu contare su finestrature a tutta alte a e impavesate ora anche loro trasparenti

in più punti», racconta German Frers. Il risultato, evidente non appena si sale a bordo, è che, oltre ai centimetri calpestabili, sono stati guadagnati molti “metri cubi percepiti”. La luce è l’assoluta padrona di casa. Nel salone principale, la vista sul paesaggio marino è quasi ininterrotta, grazie proprio alla parte alta delle murate in gran parte attraversabile dallo sguardo. Altro importante Il design segno distintivo di degli interni di Cor D.Rover questo ambiente è la è disponibile in grande cucina a vista tre combinazioni di che, come racconta colori e materiali. Cor D.Rover: «Sta The interior design diventando un luogo by Cor D.Rover is sempre più centrale available in three a bordo. Abbiamo color and material portato agli estremi combinations. questo concetto, la nostra cooking area aperta coniuga la fun ionalit alla capacit di essere un rilassante luogo conviviale per gli armatori, la loro famiglia, gli ospiti». Un approccio che mostra come il Sirena 68 voglia essere una barca contemporanea, restando fermamente

Per gli interni sono disponibili tre possibili decor che abbinano di erenti legni e tessuti. La barca della prova, sulla base di legni c iari color miele con laccature semilucide, alternava inserti in legni scuri e tessuti c iari. There are three options for the decor, each combining various woods and fabrics. The test boat alternated dark wood and light-colored fabrics against a background of honey-colored timber with translucent varnish.


barchemagazine.com

181


182

TEST

Sirena Yachts 68 La cabina armatoriale a centro nave e s rutta al meglio i quasi sei metri di baglio massimo. Anc e qui, come nel salone, le grandi finestrature garantiscono lingresso di molta luce naturale e limmersione totale nel paesaggio marino. The amidships owner cabin stretches across the full almost-six-meter beam. Here too, like in the saloon, the large windows admit a lot of natural light and provide total immersion in the marine landscape.

fedele al suo Dna di imbarcazione vera e per armatori evoluti, abituati al bello e attenti ai dettagli. Vivere la barca infatti un piacere. flussi a bordo sono studiati con precisione, e questo lo abbiamo sperimentato durante il nostro test. Nonostante fossimo in 17 a bordo, ci muovevamo con facilità. Inoltre i gradini sono pochi, i passavanti larghi, tutti gli angoli sono smussati, così come deve essere a bordo di una barca che, per quanto comoda e domestica, non è una casa. Molto bene i punti “operativi”: le due postazioni di pilotaggio sono ben studiate, lo stesso vale per l’accesso alla sala macchine e


barchemagazine.com

Layout

Il layout del ponte notte prevede, oltre all’armatoriale a centro barca, anche la Vip a prua e una cabina doppia a letti separati, entrambe con bagno dedicato. Optional il locale equipaggio a poppa con ingresso separato e una ter a cabina con cuccette sovrapposte. As well as the owner cabin amidships, the under deck also features a VIP cabin at the bow and a double cabin with twin beds, both with their private head. Optional crew quarters can be installed at the stern, featuring a separate entrance and a third cabin with upper and lower bunks.

183


184

TEST

Sirena Yachts 68


barchemagazine.com

Il nuovo Sirena 68 si basa su una piatta orma di ingegneria navale ben collaudata con una orma dello sca o decisamente marina. La possibilit del cantiere di costruire imbarca ioni di serie altamente personabili abili continua a riscuotere successo tra gli armatori nel mercato delle barche a motore di medie dimensioni. The new Sirena 68 is based on tried-andtested naval engineering and has a hull that undoubtedly looks built for the sea. The shipyard’s ability to build highly customizable production boats continues to be popular with owners in the market for a medium-sized motorboat.

185


186

TEST

Sirena Yachts 68


barchemagazine.com

alle “isole” per l’ormeggio, sia a prua sia a poppa. Portare la barca, oltre che viverla, è molto semplice. Anche i dati rilevati durante la prova nel Golfo di Cannes non hanno tradito le aspettative, a bordo erano installati due Volvo Penta D13 da 1.000 cavalli ciascuno, la versione base prevede quelli da 900, con una classica trasmissione V-Drive. Va sottolineato che abbiamo navigato in un giorno di onda non molto alta, ma fastidiosa, e che eravamo a pieno carico sia di equipaggio sia di liquidi. Il valore relativo alla velocità massima è stato di 26 nodi, un buon dato, in linea con le previsioni di progetto, ma ul ponte principale il triangolo di prua occupato da un grande prendisole e da una ona conviviale con divano a U e tavolino. prevista una versione “enclosed” con accesso diretto al ponte inferiore, per chi naviga in climi freddi.

che poco racconta di questa barca e della sua carena semidislocante. Molto più interessante sottolineare che in dislocamento, alla velocità da lunghe percorrenze di 10 nodi, si consumano 49 litri/ora e si hanno 1.100 miglia di autonomia. eograficamente parlando significa che, partendo da annes, si può girare lo stretto di Messina e arrivare fino ad Ancona. Altrettanto importante è evidenziare la velocità di crociera una volta entrati in planata: 16 nodi con 160 litri/ora di consumi e circa 500 miglia di autonomia. Qui il comfort è ancora assoluto. Zero vibrazioni, nessuno scricchiolio molesto. The bow triangle on the main deck features a large sun lounger and a sitting area with a U-shaped sofa and co ee table. n enclosed ersion is also available with direct access to the lower deck, for those traveling in colder climates.

187


188

TEST

Sirena Yachts 68

Come tutti i irena, il 68 costruito con uno sca o c e coniuga per ettamente e cien a e presta ioni gra ie alle linee di carena semidislocanti di German rers c e o rono una crociera con ortevole e una autonomia di oltre 1.100 miglia nautic e a velocit di dislocamento di 10 nodi.

Like all Sirenas, the 68 is built on a hull that seamlessly marries e ciency and performance thanks to the innovative semi-displacement hull lines by German Frers that delivers comfortable cruising and a range of more than 1,100 nautical miles at the displacement speed of 10 knots.

Se l’obiettivo era accontentare gli armatori più esperti, quelli che sanno quello che vogliono, possiamo garantire che è stato raggiunto. Viaggiare a bordo del Sirena 68 è un’esperienza per palati fini.

S

irena Yachts has come up with a formula that is proving popular. ery popular. The firm was founded not long ago, in 2017, but it immediately proved to have very clear ideas on what it wanted to produce: stylish boats with semi-displacement hulls for expert owners who have already owned several boats, or perhaps migrated from the world of sailing. Don’t let the company’s recent birth date deceive you, however. The Turkish shipyard has a tried and tested – and much-lauded – history of partnerships with big names in global boat building. The ultimate aim of Sirena Yachts’ designs is to make being on board and traveling a pleasure, putting substance over style. And this philosophy has proved to be successful: the company has grown consistently over the years, and the range now includes boats from 58 to 88 feet long.


barchemagazine.com

VELOCITÀ MAX NODI TOP SPEED KNOTS

CONDIZIONI DELLA PROVA CONDITIONS ON TEST

SIRENA YACHTS 3 367 Ni anta , Istanbul sales@sirenayachts.com www.sirenayachts.com

26

PROGETTO Grerman Frers (design esterni) Cor D.Rover (design interni)

AUTONOMIA MN RANGE NM

1,100

SCAFO Lung e a .t. 21, m Lung e a sca o 19,9 m Larg e a massima 5,9 m Immersione 1,3 m Dislocamento a vuoto 39.500 kg Dislocamento a pieno carico 7.000 kg Capacit serbatoio carburante 5.250 l Capacit serbatoio acqua 1.400 l

Località//Place Cannes Mare//Sea state Poco mosso//Little moved Vento forza//Wind speed 5 nodi//knots Direzione vento//Wind direction NE Altezza onda//Wave height 30/40 cm Persone a bordo//People on board 17 Combustibile imbarcato uel volume on board 90% Acqua imbarcata ater volume on board 90% Eliche//Propellers 34’’ Motore//Main propulsion 2 x D 13 Volvo Penta Stabilizzatori//Stabilizers Seakeeper 600

MOTORE 2 Volvo Penta D13 Poten a 735 kW (1.000 cv) Numero di cilindri 6 Alesaggio per corsa 131mm x 158mm Cilindrata 12,78 l Rapporto di ridu ione 1,96 :1 Regime di rota ione massimo 2300 giri/min Peso 1.635 kg

VELOCITÀ IN NODI SPEED IN KNOTS CONSUMI L/H FUEL CONSUMPTION L/H

CERTIFICAZIONE CE CAT A

Rpm

kn

RAPPORTO PESO POTENZA MASS OUTLET POWER

31.9 RAPPORTO LUNG./LARG. L/W

3.62

PREZZO A partire da 1.900.000 €

kg kw

47

291

22.2

14.8

PROJECT German Frers (exterior design) Cor D.Rover (interior design)

Giri/min Engine rotational speed 1/min

1500 1250

49

9

1000

40 0

EC CERTIFICATION CAT A

1750

101

10.2

MAIN PROPULSION 2 Volvo Penta D13 Outlet mec anical po er 735 kW (1,000 p) 6 cylinders Bore troke 131mm x 158mm ept volume 12.78 l Compression ratio 1.96 :1 Maximal rotational speed 2300/min eig t 1,635 kg

2000

145

12

HULL LOA 21. m Lengt 19.9m Maximum beam 5.9m Dra t 1.3m Lig t mass displacement 39,500 kg ull mass displacement 7,000 kg uel tank volume 5,250 l ater tank volume 1,400 l

2250

210

18.5

PRICE Starting from 1,900,000 €

PESO FULL MASS DISPLACEMENT

375 2350

26

50

100

150

200

250

300

350

Velocit minima di planata 13,0 nodi a 1600 giri e minimum gliding speed is 13 knots at 1600 rpm

LITRO MIGLIO (VELOCITÀ DI CROCIERA) L/ NA MI (CRUISING SPEED)

9.8

Velocità kn

Consumi totali l/h

Consumi litro miglio

Autonomia mn

Boat

Total Fuel consumption

Total Fuel consumption

Range na mi

speed in knots

(as volume flow) l/h

(as volume hanging) l/ na mi

1000

9

40

4.44

1.181

1250

10.2

49

4.80

1.093

1500

12

101

8.42

624

1750

14.8

145

9.80

536

2000

18.5

210

11.35

463

2250

22.2

291

13.11

401

2350

26

375

14.42

364

189


190

TEST

Sirena Yachts 68

Engine room

In sala macc ine, sul modello della prova, era installata una coppia di D13 Volvo Penta da 1.000 cv e trasmissione V-Drive. La configura ione base prevede due D13 da 900 cv. On the test model, a pair of 1,000 hp D13 Volvo Penta engines were installed in the engine room, with V-Drive transmission. he basic con guration has two 900 hp D13s.

The fifth model in the fleet, Sirena 68, the natural evolution of the 64, was presented at the most recent Cannes Boat Show. This 21-meter boat is the work of the Argentinian naval architect German Frers, who devised the external design and the hull, and the Dutch designer Cor D.Rover, who created the interiors. Both worked meticulously to make an already excellent boat even more interesting and up-to-date. The platform is the same as the 64, and the hull is identical, with a cm difference in the overall length.

«We made lots of changes, but the most obvious involve the main deck, which has gained several inches and now has fullheight windows and bulwarks that are also transparent in several places», German Frers notes. The result, apparent as soon as you set foot on board, is that the extra space feels much bigger than the few inches that have been added. Light dominates the boat. In the main saloon, the predominantly see-through upper sections of the walls provide an almost uninterrupted view over the marine landscape. Another major distinctive feature of this space is the large open galley which, as Cor D.Rover notes, «is becoming an increasingly key feature of boats. We have taken this concept to the extreme: our open cooking area is designed to be both functional and a relaxing, sociable place for boat owners and their families and guests». This approach reveals the Sirena 68’s aim for modernity, without straying at all from its DNA as a ‘real’ boat, designed for advanced owners who pay attention to details and who are used to beautiful objects. Traveling on this craft is a true joy. A lot of thought has gone into how people move around the space, and it showed during our test run: getting around was easy, despite there being 17 of us on board. There are few steps, the walkways are wide, and all corners are rounded, just like it should be on



192

TEST

Sirena Yachts 68 Il ponte superiore è caratterizzato dalla seconda stazione di governo e da numerose sedute per gli ospiti. Particolarmente e cace il top in carbonio. The upper deck comprises a second helmsman’s station and numerous seats for guests. he carbon- ber top is particularly e ecti e.

board a vessel that, for all its comfort and homely feel, is a boat, not a house. The ‘operational’ areas are excellent: the two helmsman’s stations are well designed, as is the access to the engine compartment and the mooring ‘islands’ at both the bow and the stern. Driving the boat is as simple as getting around on board. The stats we racked up during our test in the Gulf of Cannes did not disappoint: there were two 1,000 hp

Frers ha curato l’architettura navale di tutti i modelli a motore di Sirena Marine.

Exterior Designer

German Frers

rers has de ised the na al architecture for all of Sirena Marine’s motor-powered models.

Volvo Penta D13 engines installed on board, while the basic version uses 900 hp engines, with classic V-Drive transmission. It should be noted that we sailed on a day with taxing, albeit not overly high waves, and that we were fully stocked in terms of both crew and liquids. We achieved a maximum speed of 26 knots, a good result, in line with the designer’s predictions, but which doesn’t tell you much about this boat

and its semi-displacement hull. Much more interesting is the fuel consumption of 49 liters/hour, with a 1,100-mile range, at the displacement speed of 10 knots, designed for long journeys. Geographically speaking, this means you could set off from annes, travel through the Strait of Messina past Sicily, and get all the way to Ancona. The cruising speed once the boat is planning is also impressive: 16 knots at 160 liters/ hour, with a range of approximately 500 miles. Even at this speed, there is no reduction in comfort levels, with zero vibrations and no irritating creaks. If the aim was to satisfy the most advanced boat owners – people who know exactly what they want – there is no doubt this has been achieved. Traveling aboard the Sirena 68 is an experience for connoisseurs.



194

TEST

Joker Boat Coaster 650 PLUS

Quando il nuovo

sposa

When the new marries


a

barchemagazine.com

la

195

tradizione

tradition

SI RINNOVA UNO DEI BATTELLI PIÙ NOTI NEL MERCATO DEI GOMMONI. CAMBIA IL LOOK, MA RIMANGONO FUNZIONALITÀ E PRESTAZIONI. OTTIMA L’ABBINATA CON IL QUATTRO CILINDRI YAMAHA DA 200 CV ONE OF THE BEST-KNOWN INFLATABLES ON THE MARKET HAS BEEN UPDATED. ITS LOOK HAS CHANGED, BUT THE FUNCTIONALITY AND PERFORMANCE REMAIN. IT COMBINES SUPERBLY WITH THE FOUR-CYLINDER YAMAHA 200 HP

by Luca Sordelli

6.9m


196

TEST

Joker Boat Coaster 650 PLUS

R

innovare quella che è senza ombra di dubbio un’icona nel mondo dei gommoni non è impresa facile, per farlo Joker Boat si è mossa da equilibrista, camminando sul filo tra innova ione e tradi ione. i affidata ad un certosino lavoro di restyling da parte di Federico Gerna e alla sua talentuosa mano di designer, ma è anche restata ben salda sulle fondamenta che negli anni hanno reso il Coaster 650 tanto gettonato nella comunità degli appassionati di rib. Alla base di tutto rimangono quindi la bella carena disegnata anni fa da Franco onno, per l occasione affinata per adattarsi alle richieste dei fuoribordo di ultima generazione, e la proverbiale robustezza costruttiva del cantiere di Cologno Monzese. A guidare questo processo è stata una sola parola d’ordine, funzionalità. Lavorando su una consolidata base di partenza l’obiettivo era rendere ancora più piacevole l’esperienza di navigazione intervenendo su una serie di elementi, alcuni minori, altri fondamentali. La lunghezza di omologazione rimane la stessa, 6,57 metri, ma nella versione Plus il Coaster 650 guadagna 30 cm in più fuori tutto. A prua aumenta la larghezza, 15 cm, il che ha portato ad avere un prendisole più grande rispetto al vecchio 650. Completamente ridisegnata la sezione centrale: il divano

è a tutto baglio, può ospitare tre persone, si può trasformare in un secondo grande prendisole e si allunga fino alle pedane laterali in vetroresina sopra i tubolari. Nuovo anche il design della consolle centrale che può contare su più volumi per i gavoni, compreso lo spazio per un frigo, assente sulla versione precedente. Il processo di perfezionamento continua fino all estrema poppa di uesto sette metri, dove anche il pozzetto motore e le plancette sono stati rinnovati. Il primo è ora piano e più facilmente calpestabile, le seconde si allungano

ben oltre le code dei tubolari. In termini di tecnica costruttiva si è poi lavorato sull’unione tra scafo e coperta per un migliore sfruttamento degli spazi e per ottimizzare i processi di assemblaggio. Del precedente modello rimane invece la carrellabilit da gonfio, altro fattore che mostra la versatilità di questo battello. E in navigazione? Nessuna sorpresa. Il long seller di Joker conferma tutte le sue qualità anche nella versione Plus. Come dicevo il disegno della carena di Franco Donno è stato rivisto, ma le qualità marine Per migliorare la vita in crociera sono stati messi a punto numerosi dettagli tra i quali spiccano le maggiori dimensioni dei prendisole, sia a prua, sia a poppa. Amongst the numerous details that have been worked on to improve the onboard experience while cruising, the one that stands out is the larger size of the sun pad, both in the hull and the stern.


barchemagazine.com

VELOCITÀ MAX NODI TOP SPEED KNOTS

36

CONDIZIONI DELLA PROVA CONDITIONS ON TEST

JOKER BOAT Via S. Maria, 98 I-20093 Cologno Monzese (MI) T. +39 02 2540681 info@jokerboat.it www.jokerboat.it PROGETTO Federico Gerna (design) U . tecnico del cantiere (arc itettura navale) SCAFO Lunghezza f.t. 6,9m • Larghezza massima 2,5m Lunghezza interna 5,75m • Larghezza interna 1,43m Immersione 0,83m • Dislocamento a vuoto 780 kg Tubolari 6 • Diametro tubolari 46/54 cm Capacità serbatoio carburante 170 l Capacità serbatoio acqua 50 l

AUTONOMIA MN RANGE NM

179

MOTORE 1 Yamaha D200F/G • Potenza 147 kW (200 cv) Numero di cilindri 4 in linea • Alesaggio per corsa 96mm x 96,2mm • Cilindrata 2,7 l • Rapporto di trasmissione 1.86 • Regime di rotazione massimo 5000-6000 giri/min • Peso 226 kg

Località//Place Genova Mare//Sea state Poco mosso//Little moved Vento forza//Wind speed 18 nodi//knots Direzione vento//Wind direction N Altezza onda//Wave height 50 cm Persone a bordo//People on board 2 Combustibile imbarcato //Fuel volume on board 40% Motore//Main propulsion 1 x Yamaha 200

VELOCITÀ IN NODI SPEED IN KNOTS CONSUMI L/H FUEL CONSUMPTION L/H Rpm

kn

36

61 39

32

8.1

RAPPORTO LUNG./LARG. L/W

2.76

kg kw

CERTIFICAZIONE CAT C 10

MAIN PROPULSION 1 Yamaha D200F/G • Outlet mechanical power 147 kW (200 hp) • 4 cylinders in line • Bore&Stroke 96mm x 96.2mm • Swept volume 2.7 l • Transmission ratio 1.86 • Maximal rotational speed 5000-6000/min Weight 226 kg EC CERTIFICATION CAT C 10

780

3500 3000

19

13

HULL LOA 6.9m • Maximum beam 2.5m • Length 5.75m Beam 1.43m • Draft 0.83m • Light mass displacement 780 kg • 6 tubes • Tube diameter 46/54 cm Fuel tank volume 170 l • Water tank volume 50 l

4000

27

20

PROJECT Federico Gerna (design) Shipyard technical department (naval architecture)

Giri/min

PESO DISPLACEMENT

24

2500

13

9.2

2000

10

6.5

1500

5.5 0

5000 4500

33

28

RAPPORTO PESO POTENZA MASS OUTLET POWER

197

10

20

30

40

50

60

Velocità minima di planata 2200 giri, 12 nodi. The minimum gliding speed is 12 knots at 2200/min.

LITRO MIGLIO (VELOCITÀ DI CROCIERA) L/ NA MI (CRUISING SPEED)

0.95

Velocità kn

Consumi totali l/h

Consumi litro miglio

Autonomia mn

Boat

Total Fuel consumption

Total Fuel consumption

Range

speed in knots

(as volume flow) l/h

(as volume hanging) l/ na mi

na mi

1500

6.5

5.5

0.85

201

2000

9.2

10

1.09

156

Engine rotational speed 1/min

2500

13

13

1.00

170

3000

20

19

0.95

179

3500

24

27

1.13

151

4000

28

33

1.18

144

4500

32

39

1.22

139

5000

36

61

1.69

100


198

TEST

Joker Boat Coaster 650 PLUS

restano immutate. o potuto verificarlo nel Golfo di Genova in una giornata di onda non particolarmente alta, ma incrociata e insidiosa, risultato dello scontrarsi degli ultimi sussulti di una potente mareggiata da Libeccio, e di un nuovo vento teso che entrava da Nord. Con a poppa la massima potenza installabile, 200 cv, dati da uno Yamaha D200F, mi sono divertito parecchio andando anche un po’ oltre ad una guida “giudiziosa”. La sensazione è sempre stata di sicurezza e assoluto controllo del battello, operazione non facile considerando le condizioni del mare. L’interazione tra carena e tubolari è perfetta. Ho avvertito una bella stabilità in accostata, e poi una piacevole leggerezza sul dritto, dove in acqua rimane solo l’ultima sezione della carena. Elica e piede (ora XL, sulla versione precedente era L) lavorano in maniera ideale. A manette tutte abbassate la velocità massima che ho toccato, per pochi istanti, ha di poco superato i 36 nodi, risultato a cui sinceramente non avrei mai ambito visto lo stato del mare. Ma, a parte questo exploit, ben più degna di nota è la tranquillità con cui riuscivo a viaggiare a ritmo di crociera veloce, 28 nodi, con consumi più che ragionevoli, 33 litri/ ora, ben assettato su una postazione

di pilotaggio asciutta e tracciando traiettorie sempre precise. Da segnalare infine anche l andatura di crociera economica, quella che racconta il punto di massima efficien a, a nodi. ui il consumo che ho misurato è stato solo di 0,95 litri/miglio: valore notevole, considerando soprattutto mare e vento non certo benevoli.

U

pdating what is without question an icon in the inflatable sector is no easy matter, but to do that Joker Boat has pulled off a balancing act, walking on a knife-edge between innovation and tradition. A painstaking restyling was requested from the talented designer Federico Gerna, but the boat has also remained firmly based upon the foundations which over the years have made the Coaster 650 so popular amongst RIB fans. The foundation for all of this is still the beautiful hull designed some years back by Franco Donno, which in this case has been refined to conform to the needs of carrying a latest-generation outboard, and the famously tough build delivered by the yard based in Cologno Monzese. The watchword in this process was functionality. Working from a solid starting point, the aim was to make using the boat still more pleasant by

IL NUOVO COASTER 650 PLUS EREDITA LA CELEBRE CARENA DEL SUO PREDECESSORE, ORA OTTIMIZZATA PER VENIRE INCONTRO ALLE PERFORMANCE DEI MODERNI FB. THE NEW COASTER 650 PLUS HAS INHERITED THE CELEBRATED HULL FROM ITS PREDECESSOR, WHICH HAS NOW BEEN OPTIMISED TO COME INTO LINE WITH THE PERFORMANCE OF MODERN OUTBOARDS.

working on a series of elements, some of them minor, some fundamental. The certified length is unchanged at 6.57 metres, but the Plus version of the Coaster 650 is a further 30 centimetres longer overall. The beam in the bow has increased by 15 cm so the sun pad is larger than on the old 650. The central section has been completely redesigned: the sofa is full beam, it can take three people, and can be transformed into a second large sun pad, which stretches as far as the fibreglass side platforms above the tubes. The design of the central console is new, and it also benefits from more space for the lockers, including room for a fridge, which was missing from the previous version. The process of perfecting it continues deep into the stern of this seven-metre boat, and both the engine well and the swimming platforms have been updated. The well can now easily be walked over, whereas the platforms have been extended beyond the ends of the tubes. In terms of construction technique, they have also worked on the joint between the hull and the deck to get the best out of the spaces and to optimise the assembly processes. et the inflatable is as easy as the previous model to transport on a trailer, another factor that shows how versatile this boat is.



200

TEST

Joker Boat Coaster 650 PLUS

Engine data

Ottima l’intesa del oaster lus con il 200 cv di Yamaha: da segnalare, oltre ad una notevole brillantezza, anche consumi decisamente contenuti. The Coaster Plus combines ery well with amahas hp engine as well as showing e cellent performance, it also uses ery little fuel.

the transom, horsepower, coming in this case from a amaha , and even went a bit beyond what might have been considered prudent. The feeling was always one of PREZZO: safety and being in complete 35.000control € of the boat, something + IVA, SOLO that wasn’t easy given the sea SCAFO conditions. The interaction PRICE: 35.000 €, between the hull and the tubes was Excl.VAT, perfect. Bare I noticed that it was very boat stable when turning, and then a pleasant lightness when going straight ahead, where only the very end of the hull stays in the water. The propeller and gearcase (now in si e, whereas on the previous version it was an work perfectly. With the throttle right open, the top speed reached, though ust for a moment, was ust over knots. That was something hadn t expected, given the state of the What about when underway? There sea. But besides that feat, what is much weren’t any surprises – Joker’s best seller more worth noting is how easy it was to confirmed all of its ualities, in its lus do a fast cruising speed of knots, with version as well. As said, ranco onnos more than reasonable fuel consumption hull design has been revisited, but its figures, of litres per hour, while nicely seafaring uality is unchanged. had settled in the steering position and the chance to check that in the ulf of carving out some very precise lines. Genoa on a day with waves that were not And finally, should mention that the especially high, but they were crossed economy cruising speed, which reflects and tricky because they originated the point of maximum efficiency, was from the coming together of the last at knots. ere the consumption level gasps of a strong ibeccio swell and a that measured was ust . litres per stiff new wind that was arriving from nautical mile that was a notable figure, the orth. had a lot of fun with the above all if we consider that the sea and maximum amount that can be fitted on wind certainly weren’t on our side. Come il suo predecessore, anche il nuovo Coaster 650 ha confermato ottime doti di navigazione mettendo in mostra traiettorie precise e un impatto morbido sulle onde anche in una giornata dalle condizioni meteo complicate. Like its predecessor, the new Coaster 650 has con rmed itself as performing ery well when underway, e hibiting its ability to hold a course precisely and not su er from wa e impact, e en on days with complicated weather conditions.



202 202

Mercury V12 Verado 600 V12 Verado 600 ENGINES Mercury

Engines

Primus


barchemagazine.com barchemagazine.com

Inter

Pares

È IL PIÙ POTENTE, IL PRIMO FUORIBORDO CON DUE MARCE E IL PIEDE STERZANTE: PER CAPIRE QUALI VANTAGGI OFFRE E A CHI SI RIVOLGE, ABBIAMO INCONTRATO ALESSANDRO CONTI, COUNTRY MANAGER DI MERCURY ITALIA IT IS THE MOST POWERFUL OUTBOARD, AND THE FIRST WITH TWO GEARS AND A STEERABLE GEARCASE: TO UNDERSTAND THE ADVANTAGES IT OFFERS AND WHO IT IS AIMED AT, WE MET WITH ALESSANDRO CONTI, COUNTRY MANAGER AT MERCURY ITALIA

by Niccolò Volpati -photo by Andrea Muscatello

203 203


204

ENGINES

Mercury V12 Verado 600

«I

Stefano Arrigoni.

«Non siamo preoccupati dal punto di vista tecnico perché quell’esperienza non ci manca di certo, ma abbiamo dovuto fare un salto di qualità per quanto concerne l’assistenza. Con il V12 non si tratta solo di installare, trovare la giusta altezza sullo specchio, scegliere l’elica e tarare il motore. La vendita avviene soprattutto ai cantieri per barche nuove e, infatti, già sono all’opera per un 55’ e un 58’, e l’assistenza è a 360°. Mercury di enta a tutti gli e etti un consulente globale per il cantiere. Si tratta di scegliere le batterie, il caricabatterie, il partitore di carica, come e cosa montare in plancia, se utilizzare il VesselView oppure rimandare tutto al plotter principale».

«We are not concerned on a technical level, because we certainly don’t have a lack of that kind of experience, but we have had to move up a step in terms of customer help. With the V12 it is more than just a matter of installing, nding the right height on the transom, choosing the propeller, and adjusting the motor. We are making sales above all to yards for new boats, and indeed they are already wor ing on tting them to a -footer and a 58. And this is comprehensive customer care - ercury has started pro iding all-around consulting services for yards. You have to choose the batteries, the rechargers, and the battery separator, as well as how to do the ttings on the bridge, and decide whether to use VesselView or have all the information sent to the main plotter».

o l’ho saputo due anni prima del lancio che Mercury stava lavorando al Verado 600, quindi è ragionevole immaginare che ci siano voluti almeno tre o quattro anni di lavoro per arrivare al risultato finale Un nuovo motore fuoribordo non si realizza dalla sera alla mattina, è ovvio, e Mercury ha l’abitudine di realizzare dei focus group per decidere quale direzione prendere. Sfrutta la sua grande rete di concessionari a livello mondiale e la notevole quantità di clienti per capire cosa hanno bisogno gli armatori. Bisogna saper prevedere, con molto anticipo, dove andrà il mercato e sviluppare di conseguenza il prodotto più confacente alle future esigenze. E da uno di questi focus group dev’essere emerso con forza che ci sono molti armatori che avrebbero voluto un fuoribordo per la loro barca, ma che non potevano sceglierlo perché non ne esistevano di abbastanza potenti. Il V12 600 hp nasce proprio per questo, ma attenzione, al di là delle apparenze, racchiude una quantità di innovazioni destinate a modificare la nautica da diporto, perlomeno quella da 40 a 70 piedi. «All’inizio tutti sono rimasti ammaliati dal numero 600, poi hanno compreso tutte le altre caratteristiche e forse oggi pi corretto identificare uesto nuo o fuoribordo come il di ercury , afferma onti. forse, potremmo aggiungere noi, il primo V12 di Mercury. Il progetto ha un obiettivo preciso: offrire la possibilit a barche da a piedi di utilizzare il fuoribordo. È un motore fatto per aprirsi a una nuova fetta di mercato molto attiva. Infatti sono tanti, in Europa così come Oltreoceano, i walkaround di 50 o 60 piedi. Fino a ieri, i cantieri avevano la possibilità di scegliere tra piedi poppieri, linea d’asse o pod azimutali come gli Ips di Volvo. Da oggi esiste anche l’opzione fuoribordo. Lo abbiamo capito anche dalle impressioni che abbiamo ricavato dai test. In poche settimane, tra il Salone di Genova e i trials organizzati da Mercury sul Lago di Garda, abbiamo avuto modo di provare la coppia di V12 Verado 600 hp su due gommoni, il ar o e il Nuova Jolly rince , oltre al Key Largo 40 di Sessa Marine. E la sensazione è proprio quella di un fuoribordo nato per una barca pesante, non tanto per un gommone leggero che sfreccia alla massima velocità. Per questi, la cosa migliore è probabilmente un’installazione multipla con i 450R.


barchemagazine.com barchemagazine.com

LA PRESENZA DI PIEDI STERZANTI CON LE CALANDRE FISSE, CONSENTONO DI COLLOCARE I MOTORI A POCHISSIMI CENTIMETRI DI DISTANZA UNO DALL’ALTRO. ANCHE SE LO SPECCHIO NON È LARGHISSIMO, NON È DIFFICILE IMMAGINARE TRIPLE O QUADRUPLE INSTALLAZIONI. HAVING STEERABLE GEARCASES WITH FIXED RADIATOR GRILLES MEANS YOU CAN INSTALL ENGINES PRACTICALLY NEXT TO ONE ANOTHER. EVEN WITH A TRANSOM THAT IS NOT ESPECIALLY WIDE, YOU CAN QUITE EASILY ENVISAGE HAVING THREE OR FOUR FITTED.

205 205


206

ENGINES

Mercury V12 Verado 600

Paolo Gornati.

«Brunswick fornisce un’assistenza specializzata per questo motore nata anche dal feedback dei primi armatori e da uno studio di Mercury per la corretta installazione in base alle caratteristiche della barca. Inoltre, nonostante Mercury Italia possa contare su una vastissima rete di concessionari e o cine autori ate, in programma anche un’assistenza itinerante in grado di rispondere a qualsiasi richiesta, ovunque ci si trovi, in pochissimo tempo. Quando ci si rivolge ad armatori che hanno barche più grandi, costose e complesse, anche l’asticella della qualità dell’assistenza, deve crescere di conseguenza».

«Brunswick provides specialised assistance for this engine, that is also the product of the feedback from the rst owners and from research done by Mercury to ensure the engines are tted correctly according to the boats characteristics. And although Mercury Italia has a very extensive network of dealers and authorised repair shops, they have also made a mobile assistance service available which can meet any demand, wherever you are, in a very short time. When you go to owners who have larger boats, ones that are complicated and expensive, the quality bar should also be raised in line with that».

Intendiamoci, non è che il Verado 600 vada male, ma la caratteristica che più mi ha colpito non è la velocità di punta. Per prima cosa è un motore che ha tanta coppia. È una coppia fatta per spostare pesi, non tanto per accelerazioni brucianti. Una cosa non esclude l’altra, ma la sensazione è che sia stato progettato proprio per far uscire il più in fretta possibile lo scafo dall’acqua, anche se la barca è relativamente pesante. È il primo fuoribordo con due marce e mi hanno spiegato che il passaggio tra la prima e la seconda non si sente. E posso confermare che davvero cos . i siamo messi in quattro con l’orecchio teso e concentrati per cercare di avvertire uno “strappo”, ma niente. Eppure Andrea arniti di ercury che ci accompagnava durante la prova ci aveva anche detto più o meno a quanti giri motore ci sarebbe stato il passaggio tra la prima e la seconda. Niente, tutto davvero fluido, uasi inavvertibile. orse ce ne si accorge un po’ di più quando decelera, passando dalla seconda alla prima. In ogni caso, la mia auto che ha il cambio automatico, dà dei colpi che il Verado non si sogna nemmeno quando abbassi la manetta fino a fine corsa. poi c la silenziosità. Rumore praticamente nullo e soprattutto niente vibrazioni. Merito anche dell’architettura, perché, come sappiamo, i multipli di sei tendono ad abbattere rumore e vibrazioni e anche se non sono mai stato forte in matematica, riesco a capire che 12 cilindri significa per . atematica a parte, quello che colpisce è che si può chiacchierare amabilmente a 50 nodi e se corro indietro con la memoria, parecchio indietro, cioè a circa 40 anni fa quando andavo in gommone con mio padre, ricordo che bastava un 25 cv due tempi per impedirci di comunicare. Nonostante fossimo uno davanti all’altro su un battello di 4 metri e 20 di lunghezza, si doveva urlare o comunicare a gesti. Oggi, invece, con 1.200 cv attaccati allo specchio di poppa, si parla come se fossimo in salotto. Ovviamente si tratta di un salotto protetto da un robusto parabrezza, come mi è capitato a bordo del Prince di Nuova Jolly, ma V12 Verado 600 è primus inter pares anche perché è il primo fuoribordo ad avere il piede ster ante. he significa he la calandra rimane lì dov’è e infatti si possono anche montare due propulsori a pochissimi centimetri uno dall’altro. Quello che ruota è la parte immersa nell’acqua, e,


barchemagazine.com

inoltre, i piedi non ruotano nemmeno simmetricamente, ma possono avere angolature differenti. n uesto modo, la manovrabilità ai bassi regimi con il joystick è incredibile, del tutto simile a quella che si ha con una coppia di Ips. Angolo diverso dei piedi significa che anche la virata è ottimizzata perché il piede esterno ha un angolo maggiore rispetto a quello più interno, e così la barca vira strettissimo, anche a velocità sostenuta. Si vira in pochi metri, anzi, se devo dirla tutta, per i miei gusti, perfino troppo. È consigliabile lavorare su una sorta di autolimitazione perché una virata strettissima a 50 nodi rischia di far decollare fuori dal pozzetto anche tutti i passeggeri. nfine, ci sono i consumi. La logica vorrebbe che a tanta potenza corrispondessero consumi elevati e invece è il contrario. Tutti i nuovi fuoribordo hanno consumi ridotti, ma se ci soffermiamo a pensare uale sia stata l’evoluzione nel giro di pochi anni, il paragone è incredibile. Una decina di anni fa, se spingevi al massimo un 250 cv superavi in scioltezza i cento litri/ora. Oggi lo stesso consumo si ha con un

motore da cv. n definitiva, uesto fuoribordo più che “primus inter pares” mi sembra “primus super pares” perché è arrivato lì dove altri ancora non si sono nemmeno affacciati. omfort di guida, facilità di conduzione e manovra, tanta spinta per planare facilmente, bassi consumi, pochissime vibrazioni e rumore; V12 Verado 600 hp è un motore ideale per barche da 40 a 70 piedi che fino a ieri dovevano rinunciare ad avere una motorizzazione fuoribordo.

«T

wo years before the launch I heard that Mercury was working on the Verado 600, so it is reasonable to assume that at least three or four years were re uired to get to t e outcome Of course, you can’t just create a new outboard engine overnight, and Mercury normally uses focus groups to decide which direction to take. They use their extensive dealer network around the world and their significant client base to understand what owners need. You have to be able to predict where the market is heading some time in advance, and from there develop the most suitable product

La manutenzione ordinaria è estremamente facile perché non serve alare la barca. Lo sportello sopra la calandra permette di accedere a tutto ciò che va periodicamente controllato. Standard maintenance is extremely easy because you don’t have to haul out t e boat. e ap above t e radiator grille allows you to get to everything that has to be checked regularly.

207


208

ENGINES

Mercury V12 Verado 600

for future needs. And obviously what must have come out from one of these focus groups is that there are a lot of owners who would have liked to have an outboard on their boat, but who weren’t able to because there weren’t any that were powerful enough. The V12 600hp was created precisely because of that. But we should not overlook the fact that it also includes many innovations that are set to change yachting, at least in the 40 to 70-foot range. «Initially everybody became fi ated wit t e figure, but then they realised that it had a lot of other features, and perhaps it makes more sense at this point to talk about it as the Mercury , says onti. And, we could perhaps add, it is ercury s first-ever . The pro ect has a very specific goal allowing 40 to 70-foot boats to use outboards. It is an engine that has been made to open up a very active segment. There are a lot of 50 to 60-foot walkarounds in both Europe and America. Until now, constructors could choose between stern drives, straight-shaft configurations, or azimuth pod drives like Volvo’s IPS line. But there is now also an outboard option available. That was something we also gathered from trying the engine out. In the space of just a few weeks, at the Genoa Boat Show and the testing trials Mercury organised on Lake Garda, we were able to try out a pair of V12 Verado 600 hp engines on two RIBs – the ar o and Jolly’s new rince , as well as the Key Largo 40 made by Sessa Marine. It feels like an outboard that has been created for a heavy boat, rather than a light inflatable, which shoots off at high speed. For a RIB the best thing would probably be to fit a series of s. ust to be clear, it isn’t that the Verado 600 isn’t any good, but the thing that struck me most about it wasn’t the top speed

that is generated. First of all, it’s an engine with a lot of torque. The kind of torque that is made to move weights, rather than for blistering acceleration. They aren’t mutually exclusive, but it gives the feeling that it was developed to get the hull out of the water as soon as possible, even with a fairly heavy boat. t is the first outboard with two gears, and I was told that you don’t feel it when you change up. And can confirm that

it’s exactly how it is. Four of us were listening carefully, concentrating to hear a jolt, but there was nothing. And that was even though Andrea arniti from ercury who accompanied us during the trial) had told us more or less at how many rpm the change would occur. But there was nothing, everything was fluid and almost unnoticeable. Perhaps you notice it a bit as you get slower and move down from second to first. But in any case, my car, which is an automatic, shudders in a way that would be unthinkable for the Verado, even when you open the throttle right up. And then there is how silent it is. There is practically no noise and above all no vibration. That is also thanks to the engine architecture because, as we already know, multiples of six tend to reduce noise and vibrations, and even though I was never much good at maths, 12 cylinders equal 6 times 2 is something I can manage. Leaving calculations aside, what strikes me is that you can happily chat away at fifty knots. Whereas if look back, a long way back, to around forty years ago

VERADO 600 HP CILINDRATA 7,6 l

CILINDRI 12 a V REGIME DI ROTAZIONE 5600-6400 giri/minuto RAPPORTO DI RIDUZIONE 2,50:1 PESO A SECCO 572 kg SWEPT VOLUME 7.6 l CYLINDERS 12 V-shaped MAXIMAL ROTATIONAL SPEED 5600-6400/min COMPRESSION RATIO 2.50:1 DRY WEIGHT 572 kg



210

ENGINES

Mercury V12 Verado 600

Si aggiornano anche gli strumenti che si montano in plancia. Le nuove manette elettroniche avranno anche un display digitale da 4 pollici con le informazioni come regolazione del trim o angolo di barra. Così sul plotter principale si potranno rimandare tutti gli altri dati del motore. Il vantaggio è che si potrà evitare l’ingombro di un display apposta per il motore.

he instruments that get tted on the bridge ha e also been updated. he new electronic throttles will also ha e a four-inch digital display, with information li e trim settings or tiller angle. nd so, all of the other engine data can be sent up to the main plotter. hat has the ad antage of a oiding the clutter of ha ing a special display for the engine.

when I used to go out on a dinghy with my father, I remember that a two-stroke 25 hp engine was enough to stop you talking. Even though we were one ahead of the other on a boat that was twenty meters long and four wide, we had to shout or use sign language. But now, with 1,200 horsepower on the transom, you can talk as if you were in a lounge. This particular lounge is, of course, one that is protected by a tough windscreen, which is what we had on board the Nuova Jolly Prince 43, but the V12 Verado 600 is the first among e uals, not least because it is the first boat to have a steerable gearcase. So, what does that mean? It means that the radiator grille stays where it is, and so you can fit two engines practically next to each other. What moves is the underwater section, and the propellers can have different pitches and don t even move symmetrically. That produces an incredible degree of maneuverability with the joystick at low rev levels, similar to what you get with a pair of IPS units. ifferent propeller pitches mean that turning is optimised because the outer propeller is set at a greater angle than the inner one, and that means that the boat can do very tight turns, even at high speed. You need just a few meters to turn, and if I have to come clean, it was a bit too tight for my liking. It would be a good idea to work on some kind of self-limiting device because you run the risk of having all the passengers thrown out of the cockpit by doing tight turns at fifty knots. ogic suggests that so much power brings correspondingly high fuel consumption. But it is the opposite. All the new outboards use less fuel, but if we stop to think how they have evolved in just a few years, the comparison is incredible. A decade ago, if you pushed a 250 hp engine you easily exceeded 100 liters per hour. Nowadays, you get the same consumption level if you have a 600 horsepower engine. So, it seems to me that this outboard is definitively more than ust first among e uals, it is first above e uals because it has arrived at a point that the others haven t even seen. It is easy to use and it makes steering and maneuvering comfortable. It has plenty of thrusts to get planing easily, it doesn t use much fuel, and vibrations and noise are minimal; the V12 Verado 600 hp is an ideal engine for boats from 40 to 70 feet, which until just recently had to do without having outboard engines.



C 212 212

Quick COMPANIES

Quick

Companies

NEW

QUICK PRESENTA UNA GAMMA DI ELICHE DI MANOVRA, UNA LINEA DI LUCI FIRMATE DALLO STUDIO PARISOTTO+FORMENTON E IL PIÙ GRANDE STABILIZZATORE CHE ABBIANO MAI REALIZZATO QUICK HAS ANNOUNCED A RANGE OF MANOEUVRING THRUSTERS, A SERIES OF LIGHTS DESIGNED BY STUDIO PARISOTTO+FORMENTON AND THE MOST POWERFUL STABILISER THEY HAVE EVER PRODUCED

by Niccolò Volpati

Technologies


barchemagazine.com barchemagazine.com

213 213


214

COMPANIES

Quick

Q

uick ha presentato novità importanti. Si tratta di una nuova gamma di eliche di manovra brushless, con l’aggiunta del motore sincrono, del più potente stabilizzatore della gamma Quick Gyro, l’X75, e della Capsule Collection. Andiamo con ordine e cominciamo dalle eliche di manovra BT QSY. Sono di derivazione automotive, perché dispongono di una tecnologia mai impiegata finora nella nautica. I motori sono brushless, cioè senza spazzole Michele, Carlo e Chiara e quindi con Marzucco hanno portato la loro azienda manutenzione a una crescita record quasi azzerata. di fatturato con Questa è una un più 45 per tecnologia ormai cento. diffusa, ma, in pi , la gamma QSY ha motori sincroni. Qual è il vantaggio? Meno peso e minori ingombri, tanto per cominciare, perché tutto il motore riesce a rimanere all’interno del cilindro che è stagno secondo lo standard IP68. Pesi e ingombri ridotti e un involucro stagno per evitare qualsiasi problema in sala macchine o nei vani di prua. Nel cilindro c’è sia il motore sincrono, sia un inverter di potenza integrato. Niente rimane all’esterno dell’involucro e la comunicazione passa via CANBus, quindi facile da mettere in sinergia con tutta l’elettronica di bordo, benché il sistema resti comunque compatibile anche con altri protocolli. Anche con questa nuova gamma, le eliche smettono di essere un impianto separato dal resto della strumentazione di bordo e sono in grado di dialogare con tutta l’elettronica della barca. Infatti, anche le eliche QSY possono interfacciarsi con il QNN, Quick Nautical Network, il sistema che integra gli apparati Quick con quelli di La gamma di eliche di manovra QSY sfrutta la tecnologia automotive che consente di avere ingombri e pesi ridotti a parità di potenza. The QSY range of manoeuvring thrusters takes advantage of automotive technology and boasts reduced size and weight with no reduction in power.

naviga ione. motori sincroni offrono anche altri vantaggi come la ridotta manutenzione e una capacità di operare in condizioni estreme. Sono stati testati e certificati per fun ionare fino a dieci minuti in modalità continua. È un tempo decisamente abbondante perché stiamo parlando di yacht e non di traghetti e quindi è assai improbabile che si utilizzi senza sosta un’elica di manovra per più di dieci minuti. In più, la riduzione di pesi e di Michele, Carlo and Chiara ingombri Marzucco have overseen a 45% increase in non significa turnover, achieving riduzione della a new company potenza di spinta, record. ma, al contrario, questi modelli sono più performanti. Quella dei motori sincroni è una tecnologia che permette di avere solo vantaggi, senza problemi. L’attuale gamma contempla modelli a elica singola o doppia con tunnel dal diametro da 140, 185, 250 e 300 mm. Sono eliche di manovra in grado di soddisfare le esigenze di yacht fino a piedi di lunghe a. «Il nostro programma è quello di crescere ancora – afferma hiara ar ucco – per essere in grado di soddisfare le esigenze dei mega

yacht e credo che presto lo faremo. Abbiamo appena ultimato il modello retrattile, indicato in particolare per le barche a vela. Inoltre, abbiamo intenzione di utilizzare questa tecnologia anche per i motori dei verricelli salpancora». A parità di potenza, avere un prodotto più piccolo, più leggero, con minore manutenzione e in grado di interfacciarsi con l’elettronica di bordo, è un vantaggio che può essere sfruttato per molti altri impianti. La seconda novità per la prossima stagione riguarda gli stabilizzatori. Quick ha presentato il modello più potente della sua gamma, l’X75. La prima particolarità è che l’ingombro non cambia. Aumenta la potenza, aumentano i giri, ma non le dimensioni. «Abbiamo fatto delle ricerche di mercato – racconta Michele Marzucco – ed è emerso che sarebbe stato strategico mantenere gli stessi ingombri. I cantieri sono alla ricerca di stabilizzatori potenti, efficienti, ma sen a aumentare i volumi perché in sala macchine lo spazio è limitato». in effetti, i risultati sembrano confermare questo interesse dato che,

BT QSY

Singola o doppia elica DIAMETRO DEL TUNNEL 140, 185, 250 e 300 mm

VOLTAGGIO 12, 24, 48 V POTENZA 2,5, 4, 8, 12 e 16 kW PESI DA 14,5 a 62 kg PER BARCHE DA 7 a 30 metri di lunghezza

Single or double propellers TUNNEL’S DIAMETER 140, 185, 250, and 300 mm VOLTAGE 12, 24, 48 V POWER 2.5, 4, 8, 12 and 16 kW WEIGHTS FROM 14.5 to 62 kg FOR BOATS FROM 7 to 30-meters of length


barchemagazine.com barchemagazine.com

Arcipelago, è la Capsule Collection, firmata Parisotto ormenton, ideata per portare sulle imbarcazioni un’illuminazione nuova, rigorosa, dalle linee nette e pulite nel segno della contemporaneità. Arcipelago is a Capsule Collection designed by Parisotto+Formenton that aims to give boats new, wellde ned lighting with a clean, clear and contemporary style.

215 215


216

COMPANIES

Quick

dopo la sua presentazione, sono stati nate principalmente per gli ambienti venduti 5 esemplari. X75 è sempre ad indoor e composte da downlights asse orizzontale e in grado di erogare di dimensioni contenute e corpi una coppia di 75.000 Nm, cioè quasi il illuminanti da parete e da lettura. doppio del modello X40 che ha I corpi illuminanti di questa gli stessi ingombri. Una cosa prima “release” indoor però è diversa da tutti sono caratterizzati da un gli altri stabilizzatori grado di protezione La Capsule Collection della Quick. X75 IP 40 e da uno Arcipelago ha tre famiglie di ha un sistema di speciale trattamento lampade, Gea, Nausicaa e Penelope, raffreddamento a superficiale composte da downlights di dimensioni liquido. Non ha la dell’alluminio contenute. massa sottovuoto, altamente The Arcipelago Capsule Collection ma il raffreddamento customizzabile currently comprises three ranges of sì. «I nostri ingegneri adatto a molteplici small downlights, Gea, Nausicaa – racconta Carlo finiture e testato and Penelope. Marzucco – hanno in camera climatica valutato strategico nei laboratori Quick ra reddare spalle e cuscinetti che riproducono agenti per mantenere dimensioni contenute atmosferici tipici dell’ambiente e non incorrere in alti costi di manutenzione marino. e finiture che ad oggi tipici dei sistemi sottovuoto ad esse accomunano le tre famiglie variano da verticale». Per avere uno stabilizzatore anodizzato spazzolato nero, brunito così compatto, ma comunque in grado assoluto fino al bianco. a sorgente di offrire una coppia di . m, luminosa è proposta sia in versione il raffreddamento una precau ione warm white con una temperatura colore indispensabile per avere uno strumento di 3.000 K sia in versione daylight con in grado di durare a lungo senza una temperatura colore di 4.000 K. troppi problemi di manutenzione. Un’attenzione particolare è stata rivolta La terza novità è Arcipelago, la all’aspetto dimensionale dei prodotti Capsule Collection composta da che raggiungono performance lumen/ diverse famiglie di lampade per watt elevate pur essendo caratterizzati l’illuminazione di interni nautici da minimi ingombri. Come tutti i disegnata da Parisotto+Formenton prodotti della linea Quick Marine Architetti per Quick Marine Lighting. Lighting, le sorgenti led proprietarie Arcipelago consiste oggi di tre famiglie garantiscono stabilit di flusso e di resa di lampade Gea, Nausicaa e Penelope, cromatica (CRI > 90).

Q

uick has unveiled some major new releases: a new range of brushless manoeuvring thrusters, with the addition of a synchronous motor; the most powerful stabiliser in the Quick Gyro range, the X75; and a lighting capsule collection. Let’s go through them in order, starting with the BT QSY manoeuvring thrusters, which have their origins in the automotive world, using technology never previously employed in a boat. The engines are brushless and therefore require almost zero maintenance. This technology is now relatively widespread, but the QSY range also comes with synchronous motors. The advantages this offers include reduced size and weight: the entire engine fits within the watertight cylinder required by the IP68 standard, avoiding any space issues in the engine room or compartments at the bow. Both the synchronous motor and integrated power inverter are contained within the waterproof cylinder, and the communication is handled via CANBus (as well as being compatible with other protocols), making it easy to sync with all the on-board electronics. With this new range, the thrusters can therefore enter into dialogue with all the boat’s electronics, instead of being a separate entity. The QSY thrusters can be linked up with the Quick Nautical Network, or QNN, the system that pairs Quick equipment with the navigation technology. The synchronous motors



218

COMPANIES

Quick

offer other advantages too, including reduced maintenance and an ability to function in extreme conditions. They have been tested and certified to function for up to ten minutes non-stop this is a very long time, as we are talking about yachts, not ferries, so it is highly unlikely that a manoeuvring thruster would be used for longer than this. oreover, the reduced si e and weight do not mean reduced thrust on the contrary, these models offer improved performance. The synchronous motor technology, therefore, offers nothing but upsides. The current range comprises models with single or double propellers with , , or mm tunnels, suitable for yachts up to feet long. «We plan to keep on getting bigger», hiara ar ucco, uick s vice president and marketing director notes, «so we can meet the needs of megayachts, and I think we’ll get there soon. We have just completed a retractable model designed specifically for sailing boats. We also plan to use this technology for windlass motors». A smaller and lighter product with no reduction in power, less maintenance and able to communicate with the onboard electronics will also be useful in countless other systems. The second piece of news for the upcoming season involves stabilisers. uick has unveiled the X75, the most powerful model in its range. The first detail to note is that although the power and revs have increased, the dimensions remain the same. «We did some market research, and it turned out that maintaining the same size would be a strategic choice». ichele ar ucco, uick s president and said. «Shipyards are looking for powerful and efficient stabilisers, but without any increase in volumes, as they have limited engine room space». This interest seems to be proved by the fact that five have already sold since the thruster was first unveiled. The X75 still revolves on a hori ontal axis and can achieve a tor ue of , m, almost double the X40 model s performance with the same dimensions. owever, one thing sets it apart from all other X75 è lo stabilizzatore più potente della gamma MC2 Gyro pur mantenendo gli stessi ingombri dei modelli più piccoli. The X75 is the most powerful stabiliser in the MC2 Gyro range but retains the same dimensions as the less powerful models.

uick stabilisers its li uid cooling system. The stabilisers are not vacuum sealed, but the cooling system is. «Our engineers decided it was best to only cool the bearings to keep the size down and not end up with the high maintenance costs typical of vertical-axis vacuum-sealed systems», notes arlo ar ucco, vice president and production manager at uick. or a stabiliser that is so compact yet able to produce a tor ue of , m, cooling is an essential precaution to ensure it lasts a long time without too many maintenance issues. The third new release is the Arcipelago Capsule Collection, comprising various families of interior marine lights designed by arisotto ormenton Architetti for uick arine ighting. Arcipelago currently comprises three lighting ranges Gea, Nausicaa and Penelope designed predominantly for indoor areas and including small downlights and wall and reading lights. The lighting fixtures in this initial indoor release have protection and special treatment on the highly customisable aluminium surface, suitable for numerous finishes and tested in an environmental chamber in uick s laboratories, which reproduces atmospheric conditions similar to the marine environment. The finishes available on all three families range from brushed anodised black and absolute brown to white. The light source is available in both warm white, with a colour temperature of , , and , daylight.

«IL NOSTRO PROGRAMMA DI SVILUPPO È QUELLO DI CRESCERE ANCORA PER ESSERE IN GRADO DI SODDISFARE LE ESIGENZE PECULIARI DEI COSTRUTTORI DI MEGA YACHT E CREDO CHE PRESTO LO FAREMO». «OUR DEVELOPMENT PLAN IS TO KEEP ON GROWING TO MEET THE NEEDS OF THE MEGAYACHTS, AND I THINK WE’LL GET THERE SOON». CHIARA MARZUCCO

articular attention has been paid to the si e of the products, which manage to achieve high lumen watt performance despite their minimal dimensions. ike all products in the uick arine ighting range, the proprietary light sources to ensure a stable luminous flux and colour rendering .

MC2 QUICK GYRO MODELLO X75 DIMENSIONI 950x950x1.035 mm REGIME DI ROTAZIONE 4000 rpm POTENZA 75.000 Nm

MODEL X75 SIZE 950x950x1,035 mm ROTATIONAL SPEED 4000 rpm POWER 75,000 Nm Quick Spa Via Piangipane 120/A I-48124 Piangipane (RA) T. +39 0544 415061 www.quickitaly.com



C 220

Boero/Aeffe COMPANIES

Boero/Aeffe

Companies

BOAT

Wash

DUE AZIENDE ITALIANE UNISCONO GLI SFORZI PER COMBATTERE IL FOULING. È NATA LA SINERGIA TRA BOERO, CHE PRODUCE ANTIVEGETATIVE, E AEFFE, CHE REALIZZA I ROBOT SOTTOMARINI KEELCRAB PER LA PULIZIA DELLO SCAFO TWO ITALIAN FIRMS HAVE JOINED FORCES AGAINST FOULING. THERE IS A SYNERGY BETWEEN BOERO, WHICH PRODUCES ANTI-FOULING PRODUCTS, AND AEFFE, WHICH MAKES UNDERWATER KEELCRAB ROBOTS USED TO CLEAN HULLS

by Nicco Niccolò lò Volpati


barchemagazine.com

221


222

COMPANIES

C

Boero/Aeffe

ominciamo dalle basi. Il fouling è dato da incrostazioni biologiche, vegetali o animali, che attaccano la carena delle barche. Lo fanno appena lo scafo tocca l’acqua, non c’è scampo. Trascorso poco tempo dal varo si forma una pellicola di batteri e di altri microrganismi che costituiscono la base fertile per le incrostazioni biologiche. Prima arrivano le alghe, poi si forma la classica barbetta e infine i denti di cane. Più la barca rimane ferma, più è probabile che questo processo sia veloce. Qual è il sistema per proteggere lo scafo? La vernice antivegetativa. Fino a pochi anni fa era composta da resine, solventi, pigmenti e biocidi. Il biocida però non è eco sostenibile. Serve per contrastare il fouling, ma ha degli

effetti collaterali. tossico sia per chi lo applica, sia per l’ambiente marino. Per questo l’Unione Europea, già da dieci anni, ha introdotto normative che hanno l’obiettivo di limitare il più possibile i biocidi. el veniva definitivamente bandito lo stagno e il 31 dicembre del 2017 entrava in vigore la normativa BPR, acronimo di Biocidal Product Regulation, con lo scopo di ridurre al minimo l’impatto ambientale e i rischi per l’uomo. Ma questa è storia passata. I biocidi sono praticamente spariti e le aziende che producono antivegetative si sono dovute adeguare realizzando altri prodotti. Quello che non era così prevedibile è stato l’aumento della temperatura del mare. Negli ultimi anni, anche il Mediterraneo ha avuto

un surriscaldamento decisamente elevato. Tanto per farsi un’idea, basti citare il fatto che l’estate scorsa, nel mese di luglio, le acque all’interno del porto di Imperia hanno raggiunto la temperatura record di 27 °C. E con una temperatura dell’acqua così alta, il fouling ci va a nozze. Boero, azienda italiana che produce antivegetative, e Aeffe, una societ comasca che ha realizzato Keelcrab che è un ROV per la pulizia dello scafo, hanno stipulato una partnership per offrire un servi io in package. Di cosa si tratta? Ai prodotti Boero, tutti perfettamente a norma, anche perché l’azienda ha sempre investito in anticipo con il suo settore Ricerca&Sviluppo, si aggiunge un robot sottomarino controllato da remoto. ualcuno lo definisce “drone subacqueo”, ma il termine corretto è ROV, acronimo di Remotely Operated Vehicle, ben conosciuto da sommozzatori e subacquei in tutto il mondo. I ROV possono avere telecamere e macchine fotografiche che servono per il monitoraggio e si usano sotto le piattaforme petrolifere, così come in campo industriale o negli impianti di acquacoltura. Keelcrab, invece, è stato realizzato appositamente per la pulizia delle carene delle barche. alimentato da un cavo, che oltre a fornire corrente, avendo un’anima in Kevlar, è molto resistente e può essere utilizzato anche per movimentare il ROV. Ha un motore elettrico con un’elica intubata, una specie di idrogetto sottomarino. In più ci sono cingoli, spugne e corpo spazzola. Avete presente il car wash? Questo è simile, ma è il ROV a muoversi, non la barca. Keelcrab sviluppa una forza di suzione e aspirazione verso lo scafo che gli permette di aderire perfettamente alla superficie della carena e di avan are lentamente. A differen a del car wash, non fa tutto da solo, serve un operatore che lo guidi. un opera ione semplice che può compiere chiunque: un membro dell’equipaggio, l’armatore o un dipendente del cantiere che si occupa del rimessaggio. anche piuttosto veloce perché per una barca a vela di piedi sono sufficienti circa minuti di lavoro. Fabio Terzaghi è Ceo e amministratore delegato di Ae e rl c e produce i ROV eelcrab. Fabio Terzaghi is the CEO and managing director of e e rl, which ma es the eelcrab .


barchemagazine.com barchemagazine.com

IL ROV HA CONTROLLO REMOTO E PERMETTE DI RIMUOVERE LE ALGHE DALLO SCAFO. IN ESTATE SI RACCOMANDA UNA PULIZIA AL MESE, IN INVERNO È SUFFICIENTE UNA VOLTA OGNI DUE MESI. THE ROV IS CONTROLLED REMOTELY AND MEANS ALGAE CAN BE REMOVED FROM HULLS. IN SUMMER CLEANING SHOULD BE DONE ONCE A MONTH, IN WINTER ONCE EVERY TWO MONTHS IS RECOMMENDED AS BEING SUFFICIENT.

223 223


224

COMPANIES

Boero/Aeffe

Quello che non è in grado di fare è togliere incrostazioni profonde e sedimentate. Una macchina da utilizzare una volta al mese durante l’estate o ogni due mesi in inverno. Si può anche utilizzare il giorno prima che si mollino gli ormeggi per una crociera. Insomma, è simile ai robot raccogli polvere che si usano negli appartamenti o a quelli tagliaerba. Se vi ritrovate una giungla in giardino, non potete aspettarvi che il robot riesca a farvi avere un prato all’inglese, così come i robot aspirapolvere sono efficaci se li si usa quotidianamente e non su un pavimento molto sporco. Lo stesso vale per Keelcrab. Funziona per rimuovere le alghe, non i denti di cane. Per questo

nata la sinergia tra Boero e Aeffe, perch l offerta uella di un prodotto (l’antivegetativa) e un servizio (il ROV). A chi si rivolgono? Ai cantieri che fanno carena perché in questo modo saranno in grado di proporre qualcosa di più a un armatore. Si ala la barca, si fa carena, si dà l’antivegetativa e poi si programma una pulizia al mese in modo da avere uno scafo sempre perfetto. offerta valida anche per i privati, soprattutto se si tratta di un mega o un gigayacht, che possono acquistare il proprio ROV da usare ogni volta che serve. Una carena sempre in ordine significa minor consumo di carburante e più velocità. Inoltre, Keelcrab ha un sacchetto filtrante che raccoglie tutto

ciò che gratta dallo scafo, senza versare “scarti” sul fondo del mare. Insomma, l’antivegetativa Boero senza biocidi e il ROV per la pulizia dello scafo sono la risposta al surriscaldamento dell’acqua di mare, senza l’impiego di prodotti nocivi per l’ambiente.

L

et’s start from the beginning. Fouling is created by biological - plant or animal - incrustations that build upon boat hulls. They do so as soon as the hull touches the water, and there is no avoiding this. Not long after launch, a film of bacteria and other micro-organisms is formed and this constitutes a fertile base for organic build-up. First, come the algae, then the classic “beard algae” appears, and finally barnacle incrustation. The longer the boat remains in the same place, the more probable it is that the process is quick. So how can one protect the hull? With anti-fouling paint. Up until a few years ago, it was made from resins, solvents, pigments, and biocidal products. However, biocides are not environmentally sustainable. They are used to prevent fouling, but they have collateral effects. They are toxic both for the people who apply them and for the maritime environment. That is why the European Union, starting ten years ago, has introduced regulations to limit biocides as much as possible. Tin was definitively banned in , and on 31st December 2017, the BPR (Biocidal Product Regulation) came into force, intending to reduce environmental impact and risk to humans as much as possible. But that is in the past. Biocides have practically disappeared, and the companies that produce anti-fouling products have had to adjust to this by making other products. But what hadn t been expected was the rise in sea temperatures. Over the past few years, even the Mediterranean has become markedly warmer. or example, in uly this summer, the water in the harbour at Imperia reached a record temperature of 27 °C. And with temperatures that high, fouling bacteria have a field day. Boero, an Italian company that manufactures anti-fouling products, and Aeffe, a firm Luca erventi il ales Manager della divisione yac ting del Gruppo Boero. uca er enti is the ales anager of the yachting di ision of the oero roup.



226

COMPANIES

Boero/Aeffe

from Como which produces an ROV for cleaning hulls called Keelcrab, have signed a partnership to provide a packaged service. What exactly does it involve? The products developed by Boero, which are all perfectly in line with regulations, not least because the firm has always looked ahead by investing in its R&D department, are joined by a remote-control underwater robotic device. Some people might call it an “underwater drone”, but the right term is ROV (which stands for “Remotely Operated Vehicle”), which is well known by divers around the world. ROVs can carry video and still cameras that help to monitor what they do and are used under oil platforms and also in industry and fish-farming facilities. But Keelcrab has been specially created to clean boat hulls. It is powered by a cable, which provides electric current, and which, thanks to its Kevlar core, is very strong and can also be used to control where the ROV goes. It has an electric motor and a ducted propeller, a kind of underwater water jet. There are

also the tracks, sponges, and brushes. Do you know how a car wash works? It’s a bit like that, but it is the ROV that does the moving instead of the boat. Using suction and a vacuum effect, the Keelcrab adheres closely to the hull and moves slowly across it. Unlike a car wash, it doesn’t do everything on its own and needs somebody to operate it. It is a simple operation that anybody can do: a member of the crew, the owner, or a yard employee who handles maintenance work. And it is also pretty fast, given that for a fortyfoot sailing boat around 45 minutes are sufficient. What it is not able to do is remove deep and sedimented encrustations. It is a machine that should be used once a month over the summer, and once every two months during the winter months. You can also use it the day before setting out on a cruise. Essentially it is similar to robotic vacuum cleaners that are used in apartments or automatic lawnmowers. But if you have a jungle in the garden, you can’t expect an automatic

PER PULIRE UNO SCAFO DI 24 METRI DI LUNGHEZZA PER OTTO DI LARGHEZZA SERVONO CIRCA 90 MINUTI. AROUND 90 MINUTES IS REQUIRED TO CLEAN A HULL OF TWELVE METERS BY EIGHT.

lawnmower to deliver a carefully-mown English lawn. Similarly, robotic vacuum cleaners are very effective if you use them every day rather than on a floor that has become filthy. And the same is true for the Keelcrab. It does get rid of algae, but not barnacles. That is how the synergy between Boero and Aeffe began because what is provided is a product (anti-fouling) and a service (the ROV). Who is it aimed at? Yards that do maintenance, since that way they will be able to offer something extra to an owner. You haul out the boat, you do the hull and add the anti-fouling paint and then you schedule a cleaning session every month so you can get a hull that is always in perfect condition. The offer is also good for individuals, especially if we are talking about a mega or Giga yacht that can buy their own ROV to be used each time they need it. A hull that is always in good condition means going faster and using less fuel. Keelcrab also has a filter bag that collects everything that is scratched off the hull, without dropping any waste down to the seabed. So essentially Boero’s biocide-free anti-fouling product and the ROV which cleans the hull are the answer to the warmer seawater, without using products that are bad for the environment. www.keelcrab.com www.boeroyachtcoatings.com



228

BROKERAGE section HEESEN 154’

Length 154’, Beam 29’, Draft 9’6’’, 5 Staterooms, Engines MTU 1398 hp. € 21,900,000. u Denison Yachting +1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

FERRETTI CL 28 Anno 2017, LOA 28,31m., 2 X V8-1200 MAN, 5 cabine ospiti + zona equipaggio. Stabilizzatori. Prezzo € 5.500.000 + Iva. u Forwardyachts S.r.l. Porto Mirabello La Spezia. t. 0187934692 - 924685455 info@forwardyachts.com www.forwardyachts.com

AICON 85 Anno 2010, lunghezza 23,98 m, 2 X 1800 Hp CAT, 4 cabine ospiti. Stabilizzatori. Prezzo di richiesta € 1.500.000. u Forwardyachts S.r.l. Porto Mirabello La Spezia. t. 0187934692 - 924685455 info@forwardyachts.com www.forwardyachts.com

MORGAN 70 Year: 2018, Loa: 21.21m, Beam: 5,23 m, Draft: 1,37 m, Engines: 1018 hp, twin, Inboard, Diesel, Caterpillar, Maximum speed: Approx. 31 knots. Price: € 1,100,000 VAT paid. u Infinite Yachts +33 493 952 994 info@in niteyachts.com www.in niteyachts.com

MAGNUM 70 Anno 2000, trattativa riservata (Boat in excellent conditions, otal refitting with new layout, 3 cabins- 3 toilets plus crew, Scrupulous and careful maintenance). u CMM Yacht Service sales@cmmyachtservice.com www.cmmyachtservice.com

CRANCHI ZAFFIRO 29 Year 2010, Lago Maggiore. Usato solo lago, pochissime ore di moto.1x 320 Hp Volvo Penta 5.7 Gxi, V8 benzina. € 67.500. u Valbroker tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

FALCON 80’ S Anno 1995, 23.95m, 2 Man da 1100 hp, ore moto 1300, bowthruster, aria cond., full optional, 4 cabine, unico proprietario dal 2001. € 530.000 + 5%. u Florio Yacht tel. +39 0184 532626 www.florioyacht.it, info@florioyacht.it

BAVARIA 37 Year 2005, Liguria. Unico proprietario. 2 x 310hp Volvo Penta D6, Turbo diesel duo prop Generatore, aria condizionata,garage. € 109.000. u Valbroker tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

CIGARETTE 30 VICE Year 2006, Lombardia. Natante o s ore non targato. 2x 425 hp Mercruiser MAG 496 V8 solo 339 ore di moto!!! € 102.500. u Valbroker tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

CANADOS 58 Year: 1992, Loa: 16,83 M Beam: 5,04 M, Draft: 1,81 M Engines: Man D2840 2 X 820 Hp, Maximum Speed: Approx. 25 Knots, Fuel Capacity: 1 600 l, Water Capacity: 1 000 l, Price: € 198,000 Vat Paid u Infinite Yachts +33 493 952 994 info@in niteyachts.com www.in niteyachts.com

AZIMUT MAGELLANO 66 2018, varato 2019: 4 cabine oltre equipaggio, cabina armatoriale a tutto baglio, generatore 20kW, aria condizionata 92.000BTU, Seakeeper gyroscopic stabiliser, visibile Spagna, € 1.850.000 Iva assolta. u Grabau International lucio@grabauinternational. com

LOMAC AIRONE 2000 Lago di Como. Pozzetto autosvuotante, pochissime ore di moto, solo acqua dolce. 2x320 hp Mercruiser V8 MX 6.2 mpi trasmissioni BRAVO I. € 86.000. u Valbroker tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

DP 56’ ASTERION FLY Year 2001. Engines: Man 8V 2x800 HP – 1430 hours. Double Master cabin with bathroom. 1 Guest cabin with 2 beds and bathroom; no. 1 Guest cabin Crew. LOA: 17,80m BEAM: 4,96m. € 330.000 u Archipelago Cell +39 333 7886745 info@archipelagodp.it, www.archipelagodp.it

AZIMUT 72 Year 2019, LOA 22,60 m, Guest Cabins 4, Cruising Speed 26 kn, Beam 5,60 m Engines 2xMAN 1400hp Heads 4, Max Speed 32 kn Hull Material Fiberglass, Asking Price €2,550,000 VAT not paid. u Idea Yachting Limited +377 99901094 +33 640623795, info@ideayachting.com

FAIRLINE TARGA 48 GT Year 2015, Liguria. Tre cabine, full optional: Joystick, pilota automatico, aria condizionata,generatore. 2x435 HP Volvo Penta D6 € 510.000 leasing in corso, chiama per info. u Valbroker tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

PRINCESS V65 Anno 2007, Lunghezza 19,90 m, 2 x 1360 Hp MTU, 1300 ore, 3 cabine ospiti + equipaggio. Prezzo di richiesta € 720.000. u Forwardyachts S.r.l. Porto Mirabello La Spezia. t. 0187934692 - 924685455 info@forwardyachts.com www.forwardyachts.com

AMER 92 Anno 2008, Lunghezza 28 m (23,90), 2 x 1925 Hp CAT C32, 1050 ore, 4 cabine ospiti equipaggio. Refitting completo 2020/2021. € 1.799.000. u Forwardyachts S.r.l. Porto Mirabello - La Spezia. t. 0187934692 - 924685455 info@forwardyachts.com www.forwardyachts.com



230

BROKERAGE section OCEANFAST 185’

Year: 2004, Length 185’, Beam 33’ 10’’, Draft 10’ 6’’, 6 Staterooms, Engines Caterpillar 1750 hp, $ 19,950,000. u Denison Yachting +1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

SUNSEEKER MANHATTAN 70 Year: 2008, Loa: 22.66 m, Beam: 5.60 m, Draft: 1.65 m, Engines: 2 X 1360 hp V12 Man, Maximum speed: 28 kn, Price: € 960.000 EU VAT PAID. u Infinite Yachts +33 493 952 994 info@in niteyachts.com www.in niteyachts.com

WAUQUIEZ PILOT 55 Anno 2009, Lunghezza 16.76m, Carburante Diesel, € 380,000 ex VAT. u Aqua Marina Yachts +972507644436

RIVA 88 DOMINO SUPER 2016: due 16V 2000 2,435hp diesels, 38 nodi di velocità massima potenziale, eliche di manovra a prua e poppa, Seakeeper zero-speed stabilisers, Visibile Spagna. € 4.300.000 oltre IVA. u Grabau International lucio@grabauinternational. com

AMER 94 Anno 2015, lunghezza 29 m., larghezza 6,30 m., 2x Volvo Penta IPS D13. 4 cabine + 5 bagni + 2 cabine equipaggio. Prezzo € 3.200.000 + Iva se dovuta. u Forwardyachts S.r.l. orto irabello - a pe ia. t. info@forwardyachts.com www.forwardyachts.com

M/Y IXIA - AKHIR 35S Year 1990, LOA 34.72 m, Beam 7.56 m, Guest Cabins 4, Engines 2xMTU 2575hp, Heads 5, Max Speed 28 kn Hull Material GRP, € 2,000,000 VAT Paid . u Idea Yachting Limited +377 99901094 info@ideayachting.com

BAGLIETTO MV19 Year 2017, LOA 19.50, Beam 5.10 m, Guest Cabins 3, Cruising Speed 30kn, Engines 2xMAN 1800hp Heads 3, Max Speed 39kn, € 2,800,000 VAT Paid. u Idea Yachting Limited +377 99901094 info@ideayachting.com

M/Y SEVEN Ferretti Custom Line Navetta, Loa: 28M, Year: 2016, 10 guests in 5 cabins, € 5,250,000 (VAT excl.). u Althaus Luxury Yachting +377 92 00 01 60, info@althauslu uryyachting. com, althauslu uryyachting.com

CAPRICORN 1 Classic Bodrum Gulet, Loa: 27M, Year 2008 / 2018, 11 guests in 5 cabins, € 1,480,000. u Althaus Luxury Yachting +377 92 00 01 60, info@althauslu uryyachting. com, althauslu uryyachting.com

SEA RAY 58’ Year 2006, LOA 58.58, Beam 16, Cruising Speed 24 Kn, Engine MAN T-800, Price € 699,000 USD. u Florida Yachts International sales@fyiyachts.com floridayachtsinternational. com

PRIVILEGE 74’ Year 2010, LOA 74, Beam 35.66, Engine Yanmar, City Fort Lauderdale, Price € 2,890,000 USD. u Florida Yachts International sales@fyiyachts.com floridayachtsinternational. com

NAMI 86’ AZIMUT Year built 2006, Length 26.49 M, Beam 5.83 M, Draft 1.35 M, Crew 4, Construction carbon fiber, Cruising speed 35 knots. Asking price € 1,290,000. u Northrop & Johnson www.northropandjohnson.com

BOOK ENDS Cruising Speed: 20 kn, Length 112’, Beam: 23’ 9’’, Hull Material: Fiberglass, Max Draft: 6’, Passengers: 8, Cabins: 4, Heads: 5, $15,500,000. u Denison Yachting +1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

LEOPARD 112’ Year 2008, LOA 112, Engine MTU, $4,300,000 USD. u Florida Yachts International sales@fyiyachts.com floridayachtsinternational. com

FERRETTI 57’ Year 2011, LOA 57, Beam 15, Engine MAN 900 cv $899,000 USD. u Florida Yachts International sales@fyiyachts.com floridayachtsinternational. com



232

BROKERAGE section LEGACY YACHTS 135’

Year 2022, Length 135’ Beam 25’, Draft 7’, 5 Staterooms, Engines MTU 3560 hp $17,895,000. u Denison Yachting +1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

COLOMBO ALLDAYS 39 2011, revisionato completamente. 2 Volvo IPS 500, ore moto 300 circa , Joystick di manovra, Aria Condizionata, Teak in coperta, Pilota automatico, Chart Plotter 7012. € 275.000 + Iva. u Yacht Service Rapallo +393358263146, commerciale@ yachtservicerapallo.it

MENORQUIN 120 Anno 2001 – 2 x 260 Volvo Penta KAD44. Scafo bianco – Ben accessoriata. Imbarcazione in ottime condizioni € 120.000. u AC Yacht Broker di Vittori Tel. 0773/520047, www.acyachtbroker.it, info@acyachtbroker.it

AZIMUT 60’ Length 60’, Beam16’ 7’’, Draft 4’ 9’’, Staterooms 3, Engine(S) Volvo Penta, $2,150,000. u Denison Yachting +1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

PATRIOT 116’ - BURGER Year Built 2005, Length 35.38 M, Beam 7.32 M, Draft 1.83 M, Gross Tonnage 226 Ton, Guests 8, Crew 5, Construction Aluminum, Cruising Speed 16. Asking Price $ 9,600,000. u Northrop & Johnson www.northropandjohnson.com

AZIMUT 55’ Year 2017, Length 55’, Beam15’ 7’’, Staterooms 3, Engines Volvo Penta 435 hp. $1,125,000. u Denison Yachting +1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

MILLENNIUM 118’ Year 2003, Length 118’, Beam 24’ 11’’, Draft 6’ 6’’, 4 Staterooms, Engines MTU 1826 hp, $3,990,000. u Denison Yachting +1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

VISMARA V62 2008: Refit completo 3 o 4 cabine più equipaggio, boma avvolgibile. Pronta per uso privato o charter. Palma di Mallorca. € 750.000 Vat paid. u Grabau International 3337489281, michele@ grabauinternational.com

SARNICO 60’ Anno costr. 2008 Imm 2009, 2x1100 Man, 1225 h di moto, 3 cabine con bagno ensuite + cabina marinaio con bagno, elettronica aggiornata, ottime condizioni richiesta € 580.000. u Yacht Service Rapallo +393358263146, commerciale@ yachtservicerapallo.it

SUPERBIGOU Type: Open IMOCA 60 Year: 2000 | Refit : 2020 LOA: 18.28 m, Beam: 5.60 m Draft: 4.50 m, Flag: Estonia Location: Caen, France, Price: € 245,000. u Bernard Gallay +33 467 66 39 93 info@bernard-gallay.com, www.bernard-gallay.com

OUTER REEF YACHTS 86’ Year: 2018, Length 86’, Beam 20’ 6’’, Draft 5’ 6’’, 4 Staterooms, Engines Caterpillar 1600 hp. $5,850,000. u Denison Yachting +1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

SAVANNAH 118 Year Built 2001, Length 35.97 M, Beam 7.01 M, Draft 1.83 M, Gross Tonnage 230 Ton, Guests 10, Crew 6, Builder Intermarine, Construction Fiberglass Cruising Speed 13 knots. Asking Price $ 4,249,000. u Northrop & Johnson www.northropandjohnson.com

SENSATION YACHTS 147’ Year: 2006, Length 147’, Beam s28’ 9’’, Draft 6’ 11’’, 6 Staterooms, Engines Caterpillar 3000 hp. $8,195,000. u Denison Yachting +1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

FERRETTI YACHTS 72’ Anno 2000, Length 72’, Beam 18’, Draft 5’ 6’’, 4 Staterooms, Engines MTU 1150 hp. $859,000. u Denison Yachting +1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

JOMAR Length 39.63 M, Beam 7.76 M, Draft 1.35 M, Gross Tonnage 265 Ton, Guests 11, Crew 6, Cruising Speed 23 Knots, Asking Price € 6,700,000. u Northrop & Johnson www.northropandjohnson.com



Centro assistenza e ricambi Allestimenti personalizzati Riparazione gommoni (vetroresina, PVC, hipalon) Riparazioni e diagnostica di tutte le marche

in

Le as co ing rso

BROKERAGE section

Cranchi Turchese 24 - Anno 1994 1 x 270 hp Volvo Penta EFB B - € 19.000

Sweden Yachts 390 - Anno 2002 1 x 40 hp EB D - € 150.000

Jeanneau Merry Fisher 1095 - Anno 2019 2 x 300 hp Suzuki FB - € 189.000

Sea Best srl via Giacosa, 6 - 20093 Cologno Monzese MI T. 02 25 39 11 34 - F. 02 27 30 45 42 info@seabestsrl.it - www.seabestsrl.it

NA TA NT E

NA TA NT E

Gobbi 425 SC - Anno 2006 2 x 350 hp Volvo Penta EFB TD - € 169.000

Sciallino 19 - NUOVO 1 x 30 hp Volvo Penta EB D - € 59.000

Affidaci la vendita della tua imbarcazione usata. Chiama subito! +393357112251

CRANCHI ZAFFIRO 28 2005, Lago Maggiore. Usato solo lago, motori 2X 225 Hp Volvo Penta 4,3 GXi V6 Benzina. € 55.000. u Valbroker tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

INNOVAZIONE E P. MIRA 37 2004, Lago Maggiore. 2x 285 Hp Volvo Penta Kad 300, diesel. Full optional, molti lavori eseguiti negli ultimi anni. € 99.000. u Valbroker tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

PERSHING 70 Anno 2016, trattativa riservata (Dark Grey paint, Equipped with Seakeeper 9, 3 cabins 3 toilets plus crew). u CMM Yacht Service sales@cmmyachtservice.com www.cmmyachtservice.com

AZ 50 FLY Year 2005. LOA m. 16,02 Beam m. 4,72. 2x Cat C12 669HP. Price € 290.000. u Inmar snc 329.0907407 - 348.1250078 info.inmar@gmail.com www.inmar.it

SUNSEEKER 68’ Year: 2017, Length: 68 ft, Beam: 16 ft 9 in, Cabins: 3, Berths:6, Max Draft: 5 ft 2 in, Max Speed: 36 kn. US$1,890,000. u Florida Yachts International floridayachtsinternational.com

DALLA PIETÀ 59’ Year 2007 - 2x900 Hp MAN - LOA: m 18,30 - Beam: 4,94 m - Price: € 420.000. u Inmar snc 329.0907407 - 348.1250078 info.inmar@gmail.com www.inmar.it

CARPE DIEM Year Built 2008, Length 21.95 M, Beam 6.15 M, Draft 1.63 M, Guests 7, Crew 2, Cruising Speed 23 Knots, Asking Price $ 2,249,000. u Northrop & Johnson www.northropandjohnson.com

AUSTIN P. SPEEDSTER 37 Anno 2003 – 2 x 315 Yanmar (Rifatti a 0 ore nel 2020). Ben accessoriata e in perfette condizioni, € 140.000. u AC Yacht Broker di Vittori Tel. 0773/520047, www.acyachtbroker.it, info@acyachtbroker.it

RIVA 56 RIVALE Anno 2019, €2.350.000 IVA pagata (Interior in polished mahogany, Equipped with 2 x 1200 MAN, 3 cabins layout). u CMM Yacht Service sales@cmmyachtservice.com www.cmmyachtservice.com

COLOMBO 35 VIRAGE Anno 2002, motori 2x 496 mercruiser benzina, ore moto 375, impeccabili condizioni, usata solo su lago, richiesta € 210.000. u Yacht Service Rapallo +393358263146 commerciale@ yachtservicerapallo.it


barchemagazine.com

ROYAL FALCON ONE

Year 2019, Length 135’, Beam 41’, Draft 6’ 4’’, 5 Staterooms, Engines MTU, Power 4615 hp, Top Speed 37 Knot, $ 31,487,500 u Denison Yachting +1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

SHALIMAR Year 1994, Length 118’, Beam 24’, Draft 5’ 5’’ Staterooms 5, Heads: 6, Maximum Speed: 17 kn, $3,500,000. u Denison Yachting +1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

JFA YACHTS 85’ Year 2018, Length 85’, Beam 51’ 3’’, Draft 7’ 3’’, 4 Staterooms. Fuel Tank: 1 x 1003 gallon, Engines Yanmar 380 hp. $9,500,000. u Denison Yachting +1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

PENDENNIS WALLY 106 1998:costruita con ABS Classification, carbonio e kevlar, refit 2019 – 2020, cabina armatoriale a tutto baglio. Visibile Grecia. € 3.500.000 Iva assolta. u Grabau International 3337489281, michele@ grabauinternational.com

HALLBERG RASSY 64 2012: due cabine più equipaggio, randa, fiocco, trinchetta avvolgibili, passerella e spiaggetta di poppa idrauliche, dissalatore, generatore. € 1.420.000 Excl. VAT. u Grabau International 3337489281, michele@ grabauinternational.com

235


236

BROKERAGE section C² LOA: 85.6m, BUILD: 2009 (refit 2019), Abeking & Rasmussen, Germany, EXTERIOR: Raymond Langton Design. INTERIOR: Raymond Langton Design/Brian Callahan, GUESTS: 31 in 15 cabins ASKING PRICE: € 90,000,000. u Burgess Tel: +44 20 7766 4300 www.burgessyachts.com

MAGNUM 53 1982, 2x1150 Mtu, Refit, interni custom con tre cabine. € 425.000. u Santa Marina Yachts +39 335 334 192 info@smy.it

CAYMAN 43 HT Year: 2004, Lenght: 13,24 mt, Beam: 4,24 mt, Engines 2x480 hp Volvo Penta, Location: Italy, € 160.000. u Santa Marina Yachts +39 335 334 192 info@smy.it

MAGNUM 44 Year: 2000, Lenght: 13,45 mt, Beam: 3,85 mt, Engines 2x660 hp Caterpillar, Location: Italy, € 495.000. u Santa Marina Yachts +39 335 334 192 info@smy.it SUNSEEKER 80’ Year 2010, LOA 80.16, Beam 19.75, Engine MAN D2862LE433, Price € 2,290,000 USD. u Florida Yachts International sales@fyiyachts.com floridayachtsinternational.com

OTAM 45 S Year: 1998, Lenght: 13,45 mt, Beam: 2,80 mt, Engines 2x800 hp Caterpillar, Location: Italy, € 345.000. u Santa Marina Yachts +39 335 334 192 info@smy.it

BLUEGAME 60 Year: 2010, Length: 17,63 mt, Beam: 5,38 mt, Engines 2x1100 hp MAN, Location: Italy, € 690.000. u Santa Marina Yachts +39 335 334 192 info@smy.it

MASTER YACHT 52 Anno 2009, €390.000 IVA pagata (Equipped with 3 x 600 VOLVO, Refitting 2021| Trade-ins are considered). u CMM Yacht Service sales@cmmyachtservice.com www.cmmyachtservice.com EXTREME 40 M Year 2008, LOA 27 m, Beam 6.72 m, Cabins - 4 cabins for 10 guests, Engine 2 X 2000 hp MTU, Engine Hours 1600 hrs. € 2,350,000 VAT PAID. u YMB Yachting Ltd +905439538678, www.yacht-marinebrokerage.com


barchemagazine.com

FAIRLINE TARGA 62’ HT Year 2005. Engines: Man D2840LE403 2x1050 HP – 875 hours. LOA: 19,08m, Beam: 4,76m. € 440.000. u Giorgio Dalla Pietà – Archipelago Cell +39 333 7886745 info@archipelagodp.it, www.archipelagodp.it

CAYMAN 43 WA 2003, Veneto. Motori 2x 425 Hp Caterpillar 3126. 2 cabine, 2 bagni. Cucina interna e angolo cottura con fornello e lavello in pozzetto. € 148.000. u Valbroker tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

COASTAL 10 Anno 2020, m. 9,99, Mercury 2x300 hp, ore moto 50 circa, leasing in corso, € 155.000 + 5%, leasing in corso. u Florio Yacht tel. +39 0184 532626 www.florioyacht.it, info@florioyacht.it

SANLORENZO 82 Anno 2000, m.23.95, Caterpillar 2x1400 hp, bowthruster, aria cond., full optional, 4 cabine, plancetta poppiera idraulica. € 800.000. u Florio Yacht tel. +39 0184 532626 www.florioyacht.it, info@florioyacht.it

GALAXY 24 M Year / Refit 2001 / 2018 LOA - 23.6 m, Beam 6.06 m Hull - GRP. Cabins: 4. Cruising Speed 12 Knots. Main Engines 2 x 1260 hp MAN, Price € 890,000. u YMB Yachting eliad@yacht-marine.com www.yacht-marinebrokerage.com

AB YACHTS 100 Year 2016. Engines: MAN V-12 - 3 x 1900 HP– 730 hours. Boat in excellent conditions. Loa: 30.50 m, Beam: 6.80 m. Price € 4.980.000. u Giorgio Dalla Pietà – Archipelago Cell +39 333 7886745 info@archipelagodp.it, www.archipelagodp.it

JOUR DE FETE Year Refit : 1930 / 2007, Length 15,80 M, Beam 2,80 M, Draft 2,13 M, Cabins: 2, Guests: 4, Cruising Speed 7 knots, Price € 480 000. u Bernard Gallay +33 467 66 39 93 www.bernard-gallay.com

FEADSHIP 137’ Year: 1986, Length 137’, Beam 25’ 6’’, 5 Staterooms, Engines Caterpillar 660 hp, $9,499,000. u Denison Yachting +1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

ADAMARIS Year Built 2010, Length 43 M, Beam 8.41 M, Draft 2.26 M, Gross Tonnage 382 Ton Guests 12, Crew 8, Cruising Speed 16knots. Asking Price € 9,500,000. u Northrop & Johnson northropandjohnson.com

QING Year Built 2012, Length 45.72 M, Beam 8.99 M, Draft 2.9 M, Gross Tonnage 485 Ton, Guests 9, Crew 11, Cruising Speed 10knots. Asking Price $ 14,950,000. u Northrop & Johnson northropandjohnson.com

237


238

BROKERAGE section TATOOSH LOA: 92.4m (303.2ft), BUILD: 2000 (refit 2021), Nobiskrug, Germany EXTERIOR: Claus Kusch INTERIOR: Terence Disdale GUESTS: 19 in 11 cabins ASKING PRICE: € 90,000,000. u Burgess Tel: +44 20 7766 4300 www.burgessyachts.com

AF_Layout 1 30/01/20 09:10 Pagina 1 DALLA PIETÀ 58 HT Del 2006, 18,67 mt. x 5,00, 2x1100 Man, ore moto 800, velocità 30 kt. crociera 35 di massima, gruppo da 13 KW, aria condizionata, perfetta in ogni sua parte meccanica, elettrica, idraulica. Prezzo € 380.000. u Fabio 338.4531398

DALLA PIETÀ 72 HT Del 2012, 23,02 mt. per 5,81, ore moto 450, 2x1650 Cat, velocità crociera 27Kt max 33Kt, versione 3 cabine, 4 bagni imbarcazione come nuova, tenuta al coperto di inverno e da due marinai in estate. Prezzo € 1.300.000. u Fabio 338.4531398

CIGARETTE BULLIT 31 Anno 1990, Mercruiser 454 MAG MPI 7.4/8V Bravo, buonissime condizioni. Richiesta € 50.000 - Iva assolta. u Yacht Service Rapallo +393358263146, commerciale@ yachtservicerapallo.it

CANTIERI DI SARNICO SPIDER Anno 2008; 13,40 mt; 2x435 hp Volvo Penta; ore moto 755 ca; ottime condizioni; Visibile Sud Tirreno; € 235.000 iva pagata (+ comm.). u Yacht Service Rapallo +393358263146, commerciale@ yachtservicerapallo.it

HYLAS H60 2018 (2019 launched), from US$ 1,700,000 ex Vat, available for inspection East Coast USA. Designed by German Frers. u Grabau International 3337489281, michele@ grabauinternational.com

WELLCRAFT SCARAB 35 S Anno 2007 – 3 x 300 Mercury. Scafo bianco – Ottime condizioni € 95.000. u AC Yacht Broker di Vittori Tel. 0773/520047, www.acyachtbroker.it, info@acyachtbroker.it

SUNSEEKER 111’ Year: 2012, LOA: 111 ft 3 in, Beam: 24’ 3”, Water Capacity: 1057 gals, Fuel Capacity: 5625 gals, Engine Details: MTU 16V 2000 M94, Price USD: $ 5,600,000. u UNITED YACHT SALES v: 772.463.3131 www.unitedyacht.com

BROWARD 110’ Year 2004, Length 110’, Beam 20’, Draft 6’ 5’’, 4 Staterooms, Engines Caterpillar, Power 1350 hp, $2,299,000. u Denison Yachting +1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

WEST BAY 95’ Length 95’, Beam 20’, Draft 5’ 4’’, Staterooms 3, Engines Caterpillar, Power 1400 hp, $1,750,000. u Denison Yachting +1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

AZIMUT 100’ Year 1994, Length 100’, Beam 21’ 9’’, Draft 6’ 3’’ Staterooms 5, Engine(S) MTU 1800 hp, $899,000. u Denison Yachting +1 954.763.3971 sales@denisonyachting.com www.denisonyachtsales.com

s.r.l. Servizi Assicurativi e Finanziari s.r.l.

Choose a specialist to insure your boat

A

U

Via Balduzzi, 26 - 27036 Mortara (PV), Mobile +39 329 4790656 / +39 335 8182838 Office +39 0384 93295, Fax +39 0384 93297, E-mail: info@safsrl.org - p.farina@safsrl.org


barchemagazine.com

STAMA 37 OPEN Del 2006 imm. 2008. 2X VOLVO D6-310/PPH ore moto 485 – 2 cabine – 2 bagni- dinette trasformabile – angolo cottura- GPS del 2020 . € 120.000 Iva assolta. u Yacht Service Rapallo +393358263146 commerciale@ yachtservicerapallo.it

VAN DAM NORDIA PC 70 2017, usata con cura, scafo e strutture in alluminio, ponte in teak, aria condizionata, generatore 17kw, motore Volvo 265hp,. € 1.700.000 + IVA. u Grabau International 3337489281, michele@ grabauinternational.com

DALLA PIETÀ DP 48’ ALTAIR Year 2001. 2 x CAT 3196 DITA 660 HP – 1600 hours. LH: 15.35m, Beam: 4.15m. Price € 165.000. u Giorgio Dalla Pietà – Archipelago Cell +39 333 7886745 info@archipelagodp.it, www.archipelagodp.it

RIZZARDI CR 63 TOPLINE HT Year 2005. Engines: Man V10 - 2 X 1100 HP - 1516 hours. Full optional. 19,10 mt, Beam: 4,70 mt, Price € 295.000. u Giorgio Dalla Pietà – Archipelago Cell +39 333 7886745 info@archipelagodp.it, www.archipelagodp.it

MONTEFINO 78 2008: 2x Catepillar C32 1,550hp, due generatori, watermaker, gru per tender, pronta per charter. Palma de Mallorca.£850,000 tax not paid. u Grabau International 3337489281, michele@ grabauinternational.com

GIANETTI STAR 64 2011, € 630.000 Tax not paid. Twin Yanmar 100hp engines. 2.60m draft keel. 3-bladed folding prop. 4 cabins 3 heads layout. Electric winches. u Grabau International 3337489281 michele@ grabauinternational.com

ARREEE! Year/Refit 2007/2020, Length 32m, Beam 7.32m, Draft 2.13m, Cruising Speed 24 Kts, Hull Material Fiberglass, $4,950,000. u FGI YACHT GROUP M: 954 830 4867, fng@fgiyachtgroup.com www.fgiyachtgroup.com

AZIMUT YACHTS 80 Year 2003, LOA 80’, Beam 19’, Engine Twin Caterpillar V-12, Price 1,250,000 USD. u Florida Yachts International sales@fyiyachts.com floridayachtsinternational. com

GITANA Year Built 1997, Length 48.15 M, Gross Tonnage 499 Ton, Guests 12, Crew 10 Builder Feadship Construction Steel Cruising Speed 12knots, Asking Price $ 14,900,000. u Northrop & Johnson northropandjohnson.com

KELLY ANN - BENETTI Year Built 2015, Length 32.99 M, Beam 7.32 M, Draft 2.13 M, Gross Tonnage 210 Ton, Guests 10, Crew 6, Construction Fiberglass, Cruising Speed 11 Knots, Asking Price € 7,500,000. u Northrop & Johnson northropandjohnson.com

La Marina del Lago Maggiore

APERTI ANCHE I FESTIVI E LA DOMENICA - GIORNO DI CHIUSURA MERCOLEDÌ

Unica MARINA dei Laghi, Certificata Ri.Na. Dealer

Via delle Ferriere, 15 - tel. +39 0331/92.11.08 21018 Sesto Calende (VA) Lago Maggiore www.verbella.it

239


BROKERAGE section

AQA 38X Anno 2020 – 2 x 320 Volvo Penta D4. Scafo grigio –Ben accessoriata. Possibile Leasing € 270.000. u AC Yacht Broker di Vittori Tel. 0773/520047, www.acyachtbroker.it, info@acyachtbroker.it

SARNICO 50 Anno 2007 – 2 x 800 Man Imbarcazione ben accessoriata e in perfette condizioni € 320.000. u AC Yacht Broker di Vittori Tel. 0773/520047, www.acyachtbroker.it, info@acyachtbroker.it

RIVA 76 PERSEO Anno 2017, trattativa riservata (Boat like new, Built 2017- Launched 2019, Uninterrupted maintenance). u CMM Yacht Service sales@cmmyachtservice.com www.cmmyachtservice.com

CUSTOM LINE NAVETTA 33 Anno 2013, € 5.400.000 IVA pagata (Layout 5 cabins, Very good condition, Fullbeam Owner suite). u CMM Yacht Service sales@cmmyachtservice.com www.cmmyachtservice.com

PERSHING 82 Anno 2018, € 3.980.000 IVA pagata (Only private use, General good condition, Several improvements). u CMM Yacht Service sales@cmmyachtservice.com www.cmmyachtservice.com

CUSTOM LINE NAVETTA 30 Anno 2003, € 2.900.000 IVA pagata (Zuccon Design Project firm, Refit 2015-2016, 4 cabins plus crew). u CMM Yacht Service sales@cmmyachtservice.com www.cmmyachtservice.com

RAFFAELLI MELTEMI 65 Anno 2008, m.18,60, Caterpillar 2x870 hp, bowthruster, aria cond., full optional. Ottime condizioni. € 450.000 + 5%. u Florio Yacht tel. +39 0184 532626 www.florioyacht.it, info@florioyacht.it

SANLORENZO SL 62 Anno 2007, m.19,00, Mtu 2x1100 hp, ore 980, aria cond., bowthruster, 3 cabine + crew, eccellenti condizioni. € 600.000. u Florio Yacht tel. +39 0184 532626 www.florioyacht.it, info@florioyacht.it

DIANO 22 S Anno 1998, m.23.95, Cat 2x1360 hp, ore 1600, stern+bowthruster, aria cond., dissalatore, tre cabine + crew. € 340.000. u Florio Yacht tel. +39 0184 532626 www.florioyacht.it, info@florioyacht.it

PERSHING 50.1 Year 2012, Lago di Garda. Full optional. Eliche di superficie Arneson. 2x900 HP MAN con poche ore di moto. € 590.000. u Valbroker tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

SEALINE F 42/5 2006, Liguria. 3 cabine con servizi. Massima motorizzazione. Full optional. Già tagliandata. € 185.000. u Valbroker tel. 0039 3475006999 info@valbroker.com, www.valbroker.com

SILANDRA V Year: 2007, LOA: 23.20 m Beam: 5.63 m, Draft: 2.65 m / 4.47 m, Flag: UK Location: Imperia, Italy, Asking Price: € 3,500,000 VAT Paid. u Bernard Gallay +33 467 66 39 93 www.bernard-gallay.com

SOLARIS ONE 48 Year 1987. LOA: m 14,60 Beam: m 4,19 - Max draft: m 2,50 - Price: € 90.000. u Inmar snc 329.0907407 - 348.1250078 info.inmar@gmail.com www.inmar.it

C&C 51.8 Year: 1984. LOA: m 15,75 Beam: m 4,75 - Max draft: m 3,40 - Price € 120.000. u Inmar snc 329.0907407 - 348.1250078 info.inmar@gmail.com www.inmar.it

EVOMARINE DOUVILLE 76’ Year 2006. 2x1675 Hp CAT C32 - LOA: m 17,71 - Beam: m 5,52 - Price:€ 639.000. u Inmar snc 329.0907407 - 348.1250078 info.inmar@gmail.com www.inmar.it



© Giulia Iacolutti

‘Migliore Distilleria del Mondo’ ANTICO SIMBOLO DEGLI ALCOLI

by Wine Enthusiast

SPIRIT BRAND / DISTILLER OF THE YEAR 2019

BEVI RESPONSABILMENTE

È la prima volta per l’Italia e per la Grappa

COCKTAIL

G IANNOLA 38 by Monica Berg & Alex Kratena

#GrappaNonino

#TheGrappaEvolution

www.grappanonino.it


Issuu converts static files into: digital portfolios, online yearbooks, online catalogs, digital photo albums and more. Sign up and create your flipbook.