Page 1

Periodico edito dal "Centro Studi Officina Volturno"

ANNO XV - NUMERO 174 - OTTOBRE 2017

© Ph. Angelo Orefice

COPIA GRATUITA

Alessandro

SIANI

«Noi napoletani non siamo santi ma dobbiamo fare miracoli tutti i giorni»

MEDICINA

LEGALITÀ

CINEMA

EVENTI

Alfredo Bucciero, neurochirurgo d'eccellenza

Paolo Siani e i libri che cambiano la vita

Gatta Cenerentola, animazione made in Naples

V edizione del San Gennaro Day


L’UNICA ED ANTICA FAMIGLIA DI 21 FIGLI TUTTI PIZZAIOLI Via Tribunali, 32 - Centro Storico di Napoli Via Parthenope, 1 - Lungomare di Napoli

WWW.SORBILLO.IT SEGUICI SU


Editoriale

di Pietro Funaro - Direttore responsabile ARPA Campania Ambiente

ANNO XV - NUMERO 174 - OTTOBRE 2017 Periodico mensile fondato nel 2002

Napoli – La modernità è la convinzione che “il cambiamento è l’unica cosa permanente e che l’incertezza è l’unica certezza”: è il concetto espresso nei suoi ultimi lavori dal sociologo polacco Zygmund Bauman descrivendo l’attuale stato della società e definendola liquida. Di sicuro è, almeno parzialmente, lo status attuale del mondo globalizzato che mentre è capace di collegare gli estremi del Nord e del Sud, dell’Est e dell’Ovest della Terra, non genera valori, ma rapporti vacui. Anche l’Italia, ovviamente, non fa eccezione in questo quadro, ma ha una sua peculiarità. Agli inizi del Novecento il pensiero filosofico, politico e sociale sostenuto da movimenti, sia pur contrapposti, rappresentava comunque un mezzo per unire più parti del tessuto sociale che perseguivano obiettivi declarati. Poi c’è stata una “pausa” con la dittatura fascista ed una ripresa degli stessi valori e principi dell’inizio secolo subito dopo la Seconda Guerra Mondiale. Così il Bel Paese è cresciuto, tra alti e bassi, ma con un tessuto sociale netto, chiaro, con principi valoriali, anche in antitesi, ma in confini definiti. Dopo il periodo nomato Prima Repubblica è partita in Italia l’epoca del leaderismo sfrenato per cui la società italiana non discuteva e si confrontava più su valori ideologici, sia pure diversi, ma si legava a questo o a quel personaggio portatore d’interessi limitati. Il fenomeno ha interessato poco le generazioni più adulte, ha invece investito totalmente i giovani che sono stati avviluppati e sono finiti nella

MEDICINA

4

confusione più ampia. È mia convinzione che qualunque progetto di vita, in tutto lo scibile, abbia necessità di fondamenta sulle quali costruire. L’assoluta mancanza di modelli, sia pure essi perfettibili, genera caos. L’Italia è dunque immersa nella società liquida? È un Paese che si è abbandonato solamente alla protesta o alla difesa di benefici assunti? Non credo sia così irreversibilmente. Certo giocano in questo quadro la grave crisi economica e politica del Paese che non favorisce di sicuro sia il futuro individuale che quello collettivo. Non bisogna però dimenticare che la società italiana, anche odierna, ha una storia antica. È dunque necessario lavorare tutti insieme per rivalutare almeno ciò che di buono è appartenuto alla nostra storia politica e sociale più recente. Non certo per fare dell’amarcord ma per trarre da questo il positivo, sia pure con le necessarie modifiche e l’adeguamento all’era della globalità, per puntare ad una società migliore. Credo possa essere questo il compito delle nuove generazioni che, rifuggendo dalla sterile ed inutile protesta tout court, si ergano a protagonisti dell’edificazione del futuro e quindi di una società migliore e a misura d’uomo. A modesto mio avviso è infatti necessario riporre la persona al centro di ogni ipotesi di sviluppo sociale, politico ed economico per il futuro. Bisogna, insomma, abbandonare gli egoismi ed evitare che gli interessi di pochi sopraffacciano il bene del “tutti”!

Edito dal Centro Studi Officina Volturno

Presidente Tommaso Morlando

Sede Operativa Piazza delle Feste, 19 Pinetamare - 81030 - Castel Volturno (CE) Tel: 081 3356649 E-mail: redazione@informareonline.com IBAN: IT14R0101074870100000001835 Direttore Responsabile

Hanno Collaborato

Fabio Corsaro

Alessia Giocondo

Vicedirettore

Angelo Orefice

Fulvio Mele

Antonino Calopresti

Caporedattore

Savio De Marco Caposervizio

Alfredo Bucciero

Gatta Cenerentola

Chirurgo dalla pelle (non) dura

Alessandro Rak: «Una favola per tutti»

Antonio Ocone Barbara Giardiello Chiara Arciprete Flavia Trombetta

Annamaria La Penna

Francesco Catalano

ResponsabileScientifico

Giancarlo Chiavazzo

Angelo Morlando Responsabile Legale

Fabio Russo

Giovanni Iodice Jacopo Marchini Mara Parretta Maria Grazia Scrima

Grafica e Impaginazione

Paolo Chiariello

Gabriele Arenare Carmine Colurcio

Pietro Funaro

Web Master

Teresa Lanna

Vincenzo Lo Cascio

Vincenzo Russo Traetto

Raffaele Gala

© 2017. È vietata la riproduzione (anche parziale) di testi, grafica, foto, immagini e spazi pubblicitari realizzati all'interno del magazine.

Stampa: INKPRINT - Pozzuoli (NA) Chiuso il: 01.10.2017 - Tiratura: 5.000 copie

22

CINEMA

LEGALITÀ

8

EVENTI

Paolo Siani

6

Registrato al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere n° 678

San Gennaro Day 2017

«Con i libri cambiamo le traiettorie della vita»

La V edizione che consacra le eccellenze del Sud

LEGALITÀ

7

Per un futuro senza mafie

CINEMA

8

Italian Movie Award

ATTUALITÀ

13

E le donne?

23

24 MUSICA Dario e la sua "Foja"

27 AMBIENTE Rifiuti, cosa fare?

29 ATTUALITÀ Italferr, una porta nel Sud

www.informareonline.com

COPERTINA Alessandro Siani «Il mio prossimo film adda fa' ridere»


ALFREDO BUCCIERO Chirurgo dalla pelle (non) dura di Fabio Corsaro | Foto di Francesco Catalano

I

chirurghi sono uomini dalla pelle dura. Impassibili, tagliano, clampano, suturano. Operano sotto giuramento per salvare vite o per renderle migliori. Chi la pratica, definisce questa professione la più bella ed entusiasmante tra tutte. Sicuramente, tra quelle con un carico di responsabilità maggiore. La Campania è scuola e fucina di eccellenze mediche in termini di risorse umane. Tra quelle che operano in regione, figura il dott. Alfredo Bucciero, neurochirurgo della Clinica Pineta Grande di Castel Volturno. La sua formazione oscilla tra periodi di studio trascorsi a Napoli e a Lione: «Alla Federico II - ci racconta - mi è stata data la possibilità di imparare le tecniche di base di neurochirurgia, operando anche sul campo operatorio, che altrove non sempre permettono di fare. In Francia, invece, ho studiato l’approccio a determinate patologie, confrontandomi con nuove tecniche e arricchendomi con un’esperienza di studio internazionale, necessaria per approfondire la professione».

4

INFORMARE

|

Ottobre 2017

Dott. Alfredo Bucciero nel suo studio alla Clinica Pineta Grande (Foto di Gabriele Arenare)


M EDICINA MALASANITÀ - La sanità campana, nonostante medici di primordine, è ancora fortemente arretrata in termini strutturali ed organizzativi. La mancata efficienza del servizio va a discapito del paziente e della qualità operativa dei medici: «qui manca un’organizzazione definita, che invece si riscontra al Nord Italia o magari negli Stati Uniti d’America. Io ho la necessità di rapportarmi con ricercatori, immunologi e altri professionisti per dare una risposta ai pazienti e il deficit di questa sanità sta proprio nell’inefficienza del rapporto tra operatori, servizi e professioni. Servono, inoltre, maggiori investimenti e più cura dei cervelli che crescono. La Campania deve superare i suoi problemi che dipendono dalle individualità che esulano i problemi medici o chirurgici specifici. Credo che l’obiettivo non sia invertire i viaggi della speranza bensì trattenere qui i pazienti campani, onde evitare che vadano all’estero o altrove in Italia, aggravando comunque le spese regionali e della famiglia del paziente. Per quanto riguarda la questione ricerca e sviluppo, credo che siamo sempre un passo indietro alla ricerca, la quale ci fornisce metodologie sempre nuove e più efficienti». ÉQUIPE - Équipe giovane, qualificata e in continuo aggiornamento: Bucciero definisce «encomiabile» il lavoro dei suoi collaboratori, «con i quali sto crescendo e dai quali però dovrò svincolarmi anche per limiti fisici e biologici. Insieme, contribuiamo ulteriormente allo sviluppo della struttura nella quale operiamo e che ci garantisce la strumentazione necessaria per affrontare le emergenze quotidiane grazie ai numerosi investimenti fatti e a quelli che si faranno».

gono alla Pineta Grande pazienti di altre regioni e addirittura ho avuto un caso arrivato direttamente dall’Ucraina». In queste operazioni vengono utilizzati i cosiddetti potenziali evocati che servono a stimolare il paziente durante l’anestesia per capire se riesce a reagire a degli stimoli: in passato questi si provocavano svegliando il paziente con la schiena aperta e facendogli muovere le gambe. «Tanti bambini – continua Bucciero - vanno seguiti maggiormente evitando di trovarli da adulti con deformazioni importanti».

CASTEL VOLTURNO - Nonostante sia nato a Napoli, Bucciero ha trascorso la gioventù a Castel Volturno e opera attualmente nell’«oasi» Clinica Pineta Grande: «è per me un orgoglio partecipare alla crescita di questo territorio, che sta diventando qualcosa di importante e che ho vissuto nel cambiamento negativo e positivo. La gente sa che qui c’è una struttura di prim’ordine e medici molto in gamba. Io appartengo a questa terra. Trascorro più tempo a Castel Volturno che a Napoli. Sono qui da oltre 40 anni e questa struttura inizialmente era una catapecchia. Oggi, invece, è un polo di eccellenza che sta crescendo alla grande». NUMERO CHIUSO -

Dopo gli scandali scoppiati in occasione del test d’ingresso per accedere alla facoltà di Medina e Chirurgia dell’Università

Federico II di Napoli, per i quali sono in corso delle inchieste, Alfredo Bucciero si esprime in merito alla questione del numero chiuso, qualificandolo come «superato, perché si preclude la possibilità ai giovani, anche di qualità, di accedere al corso di laurea in medicina. Non sarebbe più giusto farli entrare e selezionarli durante gli anni in base a determinati criteri e sbarramenti? Oggi abbiamo bisogno di medici di base, specialisti, ricercatori e chirurghi. E non penso ci sia bisogno di andare all’estero se non per motivi di aggiornamento. Questa professione bisogna amarla. Al massimo può far diventare benestanti ma chi diventa ricco vorrà dire che sta facendo un altro mestiere e non più il medico».

FUTURO - Dopo 31 anni di attività, Bucciero continua a guardare al futuro e a sperare nella realizzazione di un sogno nel cassetto: «i progetti sono quelli di incrementare il numero di interventi tipo scoliosi e tumori cerebrali che danno qualità ad un reparto. Questo è compito mio e della mia équipe. Poi resta sempre il sogno nel cassetto di cominciare a lavorare con le cellule staminali. Ciò che è importante, a 31 anni dalla mia laurea, è che continuo ad emozionarmi ed entusiasmarmi quando porto a termine con successo una bella operazione, dando i benefici che si aspetta un mio paziente». In fondo, questa pelle dura i chirurghi non ce l’hanno.

EMERGENZA SCOLIOSI -

La scoliosi è una deformità della colonna vertebrale caratterizzata da una deviazione laterale della schiena, spesso con origini sconosciute, altre volte con cause neurologiche, genetiche, metaboliche, ecc. In Campania, non esistevano centri di riferimento finché il dott. Bucciero, colto l’“allarme” relativo a questa alterazione della colonna vertebrale, ha deciso di intervenire, nonostante non sia materia prettamente chirurgica: «è assurdo che un paziente vada al Nord, in Svizzera o negli USA per curarsi una scoliosi. Poiché già operavo casi simili (la neurochirurgia interviene sul cervello, sulla colonna vertebrale e sui nervi, ndr) ho avvertito la necessità di intervenire anche per le scoliosi. Oggi abbiamo una buona lista d’attesa e ne sono orgoglioso, anche perché ven-

ESCLUSIVA - Nella sala operatoria della Pineta Grande, durante un'operazione del Dott. Alfredo Bucciero

www.ortopediameridionale.it

info@ortopediameridionale.it PBX 16 LINEE

800 563816

PER URGENZE: 335 5341737

081 19306111

INDUSTRIA CONVENZIONATA PER LA COSTRUZIONE PERSONALIZZATA DI APPARECCHI TUTORI E CORRETTIVI CON ADDESTRAMENTO ALL’USO Napoli esclusivamente in:

Filiali provincia di Napoli e Salerno:

Via Costantinopoli, 21 | Tel. 081 19306111 (pbx 16 linee) Tel. 081 440796 - Fax 081 440273

CHIAIA: C.so V. Emanuele, 27 Tel./Fax 081 7614621

ACERRA (NA): Via F. Gioia, 15 Tel. 081 8850740 - Fax 081 19573036 - 081 19306111 int. 234

NOLA (NA): Via Seminario, 16 Tel./Fax 081 8239932 - 081 19306111 int. 237

ZONA OSPEDALIERA: Via A. D’Antona, 22 Tel. 081 5457186 - Fax 081 19575705 - 081 19306111 int. 232

FUORIGROTTA: c/o Clinic Center Tel 081 19306111 int. 223

VOLLA (NA): Via San Giorgio, 76 | Tel. 081 19183678

SOMMA VESUVIANA (NA): C/o Clinica S. M. del Pozzo Tel./Fax 081 5310111

VOMERO: Largo Celebrano, 20/21 (Spalle Santobono) Tel./Fax 081 5565779 - Tel. 081 19306111 int. 231

CASTELLAMMARE (NA): Via S. Allende, 29 Tel./Fax 081 8717070 - 081 19306111 int. 235 FRATTAMAGGIORE (NA): Via P. M. Vergara, 154 Tel./Fax 081 8341159 - 081 19306111 int. 236

EBOLI (SA): Via M. Ripa, 19 Tel./Fax 0828 363098 - 081 19306111 int. 238 AGROPOLI (SA): Via Flavio Gioia, 15 | Tel. 0974 846679

Altre Filiali: Avellino - Benevento - Lago Patria (NA) - Ischia (NA) - Salerno - Battipaglia (SA) - Nocera Inferiore (SA) - Pagani (SA)

Ottobre 2017

|

INFORMARE

5


L EGALITÀ

PAOLO SIANI «CON I LIBRI CAMBIAMO LE TRAIETTORIE DELLA VITA» di Savio De Marco | Foto di Francesco Catalano

Paolo Siani

Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso

Daniel Pennac

R

agazzi, tanti ragazzi raccolti nel Centro Europeo di studi “Nisida”, appartenente all’omonima struttura carceraria, per la consegna del premio Siani e l’inaugurazione della tenda di “Nati per leggere” e “leggendo cresceRAI”. Infondere nei bambini dai zero ai sei anni il piacere della lettura e la scoperta di un buon libro può sicuramente distoglierli dalla cruda realtà a cui appartengono. Dopo la presentazione a cura di Geppino Fioren-

6

INFORMARE

|

Ottobre 2017

za di Libera è stato proiettato il film d’animazione partenopeo “Gatta Cenerentola” in presenza di Alessandro Rak e Dario Sansone (frontman dei Foja, ndr), due dei quattro registi del lungometraggio. Alla proiezione hanno avuto il permesso di assistere alcuni giovani detenuti della struttura; ragazzi tra i ragazzi, mescolati nella folla di studenti. Presente all’inaugurazione e alla cerimonia c’era Paolo Siani, fratello di Giancarlo ucciso dalla criminalità organizzata il 23 settembre 1985. «I più piccoli devono capire che hanno altre chance e che la vita va vissuta in modo diverso» ha affermato Paolo Siani riguardo alla creazione del punto lettura nel carcere di Nisida per i figli dei giovani detenuti. «Vogliamo provarci recuperando bambini molto piccoli con un progetto di lettura particolare, dialogica. In questo modo possiamo riuscire a cambiare traiettorie di vita». Quando i delitti vengono commessi dagli adulti

ci si scandalizza dall’atrocità del fatto, non da chi l’ha commesso. Quando il protagonista, invece, è un giovane fa sicuramente più effetto, forse per questo Nisida è una struttura guardata sempre con una certa attenzione. A Nisida ci sono i giovani. «I giovani non hanno una funzione: devono studiare, divertirsi, fare sport, non hanno una funzione di lotta alla criminalità» ha affermato Siani parlando dei giovani e del ruolo che devono avere rispetto alla delinquenza. «Siamo noi che dobbiamo fargli scegliere la strada giusta, la più normale di tutti. Non una atipica, quella della criminalità». Sono tante le vittime della mafia, alcune più famose altre meno, ma Giancarlo Siani sembra quasi un giovane protettore, un esempio che i giovani, giornalisti e non, tengono a loro più vicino. «Noi proviamo a tener viva la memoria di tutte le vittime della criminalità, non solo Giancarlo, anche quelle meno ricordate. Giancarlo parla da sè, non so perché, forse perché lo vedono un ragazzo normale come tutti, con quella macchina così particolare, allegro». Paolo Siani è il presidente della fondazione Pol.i.s, costituita nel 2008, uno strumento della regione Campania per il controllo in materia di beni confiscati e di aiuto delle vittime innocenti della mafia. «Da Pol.i.s bisogna aspettarsi un’implementazione sempre più capillare e diffusa di punti lettura nella nostra regione» ci racconta Siani in merito ai progetti futuri. «Siamo attivi sull’app chiamata #Noninvano dove ricordiamo le foto e le storie di tutte le vittime di criminalità: tutti devono conoscerle. Abbiamo un piccolo sogno nel cassetto: realizzare un grande murales sulla facciata di un palazzo di Napoli vicino al tribunale che ricordi tutte, ma proprio tutte, le vittime innocenti. Dando un segnale di conquista della città e ricordando le vittime». Senza la memoria non c’è futuro. Questa può essere coltivata con i racconti, con le cerimonie e, soprattutto, con i libri che possono regalare esperienze di vita diverse a coloro che ne hanno bisogno. Un bambino che legge sarà un adulto che pensa.


PER UN FUTURO SENZA MAFIE Giuseppe Ayala: «Sono fiducioso nel cambiamento ma bisogna partire dai giovani» di Fabio Corsaro | corsarofabio@gmail.com

MAFIE IN CORSIA «La mafia è in corsia d’emergenza e non gode certo di piena salute»: l’ex magistrato Giuseppe Ayala, dopo anni di esperienza nei tribunali siciliani e tanti vis à vis con esponenti mafiosi, crede fortemente in un cambiamento civile molto prossimo. «I miglioramenti sono sotto gli occhi di tutti. Prima le mafie dominavano e condizionavano la quotidianità di tante persone». Inutile illudersi, però. Le mafie si nutrono di paura, corruttibilità e debolezze dell’uomo, ingozzandosi di denaro sporco, molto spesso di sangue. Non saranno immortali ma sono fenomeni che si evolvono e sopravvivono a grandi arresti e retate. Cambiano però anche la società, che maturano col tempo coscienze civili antimafiose. Tutto parte dai giovani, dal seme di legalità che determinerà il futuro di un Paese. L’educazione passa anche attraverso le testimonianze di chi la mafia la sbatte in galera o per la mafia ha perso amici come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Ayala è uno di questi. «I prezzi pagati, come gli omicidi e le stragi, sono stati salati ma non sono stati inutili. Non possiamo affermare che le mafie siano ricoverate in rianimazione ma sono fiducioso nel cambiamento, consapevole però che i tempi non saranno brevi. Bisogna partire dal basso, senza aspettare interventi miracolistici di qualcuno».

BENI CONFISCATI Che l’attuale sistema di gestione dei beni confiscati sia, se non fallimentare, quantomeno discutibile è

Giuseppe Ayala, ex magistrato risaputo. Lungaggini del procedimento penale rispetto a quello di prevenzione, anomalie e disfunzioni che caratterizzano il flusso informativo tra gli uffici giudiziari e l’Agenzia nazionale, criticità varie. Eppure la mafia la colpisci laddove riesce a fare soldi, anche quando si parla di sedi logistiche. Ayala, in merito, afferma: «c’è molto da fare sull’organizzazione dei beni confiscati ai criminali. Ricordo quando il 29 settembre 1982 entrò in vigore la famose legge “Rognoni-La Torre” che introdusse per la prima volta nel codice penale la previsione del reato di “associazione di tipo mafioso” (art. 416 bis) e la conseguente previsione di misure patrimoniali applicabili all’accumulazione illecita di capita-

Studio la Fenice Dott. Antonio Panice Fisioterapista e Posturologo

li. Se colpisci il mafioso nel suo core business lo freghi. Il problema oggi è cosa farne di questi beni, anche se il meccanismo è avviato. Non bisogna essere miopi ottimisti».

PROFESSIONE GIOVANE La gioventù è una professione. È un monito, quello di Ayala, ma anche la riconoscenza nei confronti dei più giovani di un ruolo sociale fatto di oneri e responsabilità. «Una delle cose che mi inquieta è che oggi il mestiere più difficile è quello del giovane, diverso da quello che era per la nostra generazione, soprattutto per quanto riguarda l’approccio al lavoro che per noi era molto più facile. Oggi è complicato: fare il giovane oggi è un mestiere difficile. Per questo, oggi i giovani non devo-

SERVIZI EROGATI L’attvità terapeutica dello studio prevede l’utilizzo di tecniche manuali quali: • TOP (terapia osteopatica posturale) • Metodo Mezieres • Trattamento ATM • Ginnastica posturale • Rieducazione motoria • Riabilitazione per l’atleta • Massoterapia • Linfodrenaggio • Kinesio-taping • Osteopatia viscerale secondo Barral

no perdere di vista che le coordinate fondamentali non sono quelle della sopraffazioni, dell’eludere le regole, ma andare avanti per la strada dritta. Le scorciatoie tentano ma la strada maestra prima o poi ti porta alla meta».

FALCONE E BORSELLINO Giuseppe Ayala si definisce un privilegiato per aver lavorato con Falcone e Borsellino: un magistrato che vive di una sorta di rendita umana. Il ricordo di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino è sempre acceso, più che mai, incancellabile nella memoria di un uomo, al quale se chiedi Quali sono i ricordi più belli legati a quei due uomini? ti risponde «quante ore abbiamo?».

TERAPIA FISICA E STRUMENTALE: • Tecarterapia • Onde d’urto • Laserterapia ad alta intensità • Magnetoterapia • Elettroterapia • Pressoterapia

APERTI DAL LUNEDI AL VENERDI 15.00 / 21.00 – SABATO 9.00 / 17.00

Viale Colli Aminei, 58/b 80131 Napoli (NA) - Cell. 389 8334025 email: antonio.panice@gmail.com WWW.STUDIOLAFENICE.EU

Ottobre 2017

|

INFORMARE

7


A POMPEI L'ITALIAN MOVIE AWARD di Paolo Chiariello - Caporedattore SkyTG24 | Foto di Jacopo Marchini

L

a partnership di Sky Arte HD quest’anno è stato un premio all’impegno che da nove anni Carlo Fumo, giovane presidente dell’Italian Movie Award, festival cinematografico di respiro internazionale, profonde a piene mani nella missione di far conoscere la nobile settima arte del cinema. Dal 10 al 17 settembre, nell’Arena del Centro Commerciale La Cartiera di Pompei, oltre 180 mila persone hanno potuto assistere alla proiezione di film, mostre, documentari, dibattiti e anche polemiche tra attori, registi, produttori, giornalisti sul futuro del cinema in Italia. A moderare sul palco dibattiti e a provocare gli ospiti, non solo Fumo, come padrone di casa, ma anche Luca Abete, irriverente e fustigatore inviato di Striscia la notizia. È un record di partecipazione popolare in nove anni ad una kermesse di cui, colpevolmente, non vi è traccia sui grandi quotidiani nazionali e regionali e manco in tv. Italian Movie Award, gemellato con due festival del cinema italiano, uno a Washington e uno a Mosca, non percepisce un solo centesimo di euro da istituzioni pubbliche. Tutto quello che fa è autofinanziato. È frutto della ricerca di fonti di finanziamento autonome che non pesano sui contribuenti. Non è così per altri festival, alcuni veri e propri carrozzoni, che vivono di contributi pubblici. All’Italian Movie Award si discute di cinema, una industria che un tempo navigava a gonfie vele, faceva fatturati importanti al botteghino, creava migliaia di posti di lavoro, produceva una immagine del Belpaese esportata in tutto il mondo con location che oggi sono attrazioni turistiche rilevanti anche solo per essere state viste in una scena di un film di successo o una fiction tv o un serial. Un tempo si diceva che il cinema italiano era il nostro ministero degli Esteri. Non c’è regista al mondo che non abbia tratto ispirazione dal neorealismo italiano, abbia attinto a piene mani da professionalità italiche in ogni campo del cinema, non necessariamente attoriale: registi, attori, costumisti, sceneggiatori, fotografi, troupe, attrezzisti, stunt-men, maghi della videografica, autori di colonne sonore memorabili di film pluripremiati agli Oscar di Los Angel come Piovani, Rota o l’immenso Morricone. Il cinema è un mondo e racchiude tutto il

8

INFORMARE

|

Ottobre 2017

mondo. All’Italian Movie Award ogni anno si punta su un tema, e quest’anno è toccato alle radici, in inglese “roots”. Non c’è Paese al mondo come l’Italia che possa vantare tradizioni storiche millenarie, radicate identità culturali, incredibili radici socio/culturali che si perdono nell’antichità dei tempi. Parlare di radici e di identità a Pompei, città magica, museo diffuso alla luce del sole, sito culturale e museale tra i più belli e visitati al mondo, fa dell’Italian Movie Award un unicum da questo punto di vista. Anche perché Pompei è al centro di quella terra meravigliosa e fertile che gli antichi romani chiamavamo Campania Felix e che le organizzazioni criminali hanno provato e provano a sporcare, stuprare per i loro loschi affari. Di identità, radici, futuro del cinema e del mercato cinematografico hanno dibattuto attori impegnati, registi che hanno o avranno un ruolo importante nel cinema, giornalisti, uomini e donne delle istituzioni, produttori coraggiosi che impegnano risorse (materiali e morali) e che hanno a cuore il destino di una industria nazionale in crisi. Dibattiti cui hanno preso parte in questa e altre edizioni della kermesse attori, registi e perfomer interessanti (mai banali) come Riccardo Scamarcio, Marco Bocci, Edoardo De Angelis, Laura Chiatti, Pierfrancesco Diliberto in arte Pif, Luca Argentero, Edoardo Leo, Valentina Lodovini, Giulia Michelini, Roaul Bova, Miriam Leone, Salvatore Esposito, Marco D’Amore, Cristina Donadio, Serena Rossi, Gianfelice Imparato, Cristiana Capotondi, Michele Placido, Alessio Boni, Paolo Genovese, Matilda Raffa Cuomo, Massimiliano Gallo, Carol Alt, Alessandro Siani, Sabrina Impacciatore, Luca Abete, Valerio Caprara. Molti i fiori all’occhiello della manifestazione di quest’anno. Un Italian Movie Master ovvero un percorso formativo gratuito per 100 studenti che sognano il grande cinema. Un dibattito con il direttore di Sky Arte Hd, Roberto Pisoni, sulla unicità di un canale che si occupa solo di Arte e Bellezza. Sembra strano ma in Italia, il paese della Grande Bellezza, il Bel Paese, non c’era un soggetto televisivo che si occupasse del bello e dell’arte, la mostrasse nelle sue mille sfaccettature, ne diventasse anche un luogo di discussione. Peraltro, è un caso ma è interessan-

te dirlo, Sky Arte Hd cominciò le sue trasmissioni a Napoli. A Napoli ha organizzato quest’anno il primo Festival di Sky Arte. E alla Campania, Sky Arte ha dedicato la parte più importante della sua produzione su luoghi incantati come gli Scavi di Pompei, la Reggia di Caserta, la Divina Costiera. Altre produzioni sono in cantiere. Per questa attenzione al Sud in un Paese dove l’informazione declina il meridione solo con parole come camorra, rifiuti o corruzione, il direttore Pisoni è stato premiato. Infine, ma non per ultimo, all’Italian Movie Award, anche quest’anno c’era una ricchissima sezione dedicata ai cortometraggi provenienti da ogni angolo del mondo. I temi della identità hanno consentito di visionare “corti” sulle atrocità della guerra civile in Siria, il dramma dei migranti che scappano da fame, carestia, genocidi dell’Africa Subsahariana, i progressi della tecnologia applicati ai social media network che rischiano di diventare una overdose di droga virtuale che ci fa perdere il senso della realtà, ci porta in un mondo apparente ed è capace di farci deragliare, portarci all’autodistruzione, al suicidio collettivo. Il mondo visto attraverso gli occhi puliti dei bambini che appare, e forse è, migliore di come lo conosciamo e lo descriviamo ogni giorno. I diritti naturali di tutti che diventano categorie in un mondo dove l’amore ancora non è un sentimento assoluto ma deve essere categorizzato in nome dell’ignoranza e del pregiudizio quando ad amarsi sono due donne o due uomini. E il terremoto che da anni, lungo la dorsale appenninica italiana, dall’Emilia all’Irpinia, miete vittime e devastazioni ad ogni scossa con le istituzioni che invece di fare prevenzione sembrano sempre inseguire le emergenze e gestire il post catastrofe e carneficine. La giuria dello “Short Social World Competition 2017”, presieduta dall’oncologo Antonio Giordano e dal sottoscritto, assieme ragazzi della Masterclass, hanno decretato Fabrice Bracq, vincitore della categoria “Cortometraggi” con il suo “Le monde du petit monde”, battendo gli altri quattro lavori in nomination, tutti di autori spagnoli. Prossimo anno il tema sarà il futuro. Una parola che in passato era sinonimo di gioia, voglia di scoprire mentre oggi incute paura.


C INEMA

ALESSANDRO RAK: «UNA FAVOLA PER TUTTI» di Savio De Marco | saldem4@gmail.com “Saperrite donca che era na vota no principe vidolo, lo quale aveva na figliola accossì cara che no vedeva ped autro uocchio”

la quale si accavallano punti di vista e prospettive narrative. «Secondo me, essendo una favola rimane più un senso di congettura sulla città che non la città stessa - ha affermato Alessandro Rak,

ne doveva offrire una possibilità realistica, così da dare un appiglio anche alle persone che non hanno una spiccata fantasia. In più ci permetteva la sfida tra passato e presente: l’ologramma è una

osì comincia la favola di Francesco Basile tratta da “Lo Cunto de li Cunti”, scritta tra il 1634 e il 1636. Pochi sanno che Cenerentola, quindi, è nata a Napoli. I napoletani lo sanno bene, per questo motivo la favola originale non si è mai affievolita, sia a teatro con la magistrale pièce di Beppe Barra, sia al cinema con l’ultimo capolavoro di animazione made in Naples. Alessandro Rak (in foto), Ivan Cappiello, Dario Sansone e Marino Guarnieri, sono i quattro registi di Gatta Cenerentola, il nuovo film d’animazione prodotto dalla Mad Entertainment di Luciano Stella, che rielabora la versione originale della nota fiaba seicentesca di Giambattista Basile, ambientandola nei giorni nostri. Un racconto che ha per scenografia una parallela/futuristica Napoli nel-

regista della pellicola - Chi ha più timore della propria città, o dell’immagine di questa, avrà un’altra percezione, chi è pieno di preconcetti la vedrà da un altro punto di vista, e così via. La sostanza del film è che è una favola all’interno della quale si accavallano due prospettive, descritte in due momenti storici diversi: un’età della cenere, quella descritta da questo armatore che cerca di aprire la città al futuro, l’altra quella di un criminale che vuole Napoli come l’immagine negativa che cercano di darle i media». Geniale la trovata dell’ologramma, la quale accompagna tutto il film regalandogli un’atmosfera underground e futuristica, quasi da fumetto. «Essendo una favola c’era la necessità di creare un elemento che desse il senso del magico» ha risposto Rak in merito, «visto che la contestualizzazio-

riproposizione, un rigurgito del passato che torna e si può confrontare col presente. Insieme possono determinare con questo incontro-scontro le sorti di una città». Se si dice favola si pensa, immediatamente, ai bambini ma, vedendo il film, ci si accorge del fatto che le tematiche trattate hanno ben altra profondità. «Se si legge la favola originale di Basile ci si rende conto che non c’è un aspetto così didattico, tale da dimostrare che la favola fosse rivolta ad un pubblico non adulto. La favola è un racconto che dentro di sè ha degli archetipi e cela dei misteri che riguardano gli uomini da sempre. Ogni racconto non è per adulti o per bambini, lo diventa nel momento in cui lo si edulcora. La nostra idea è quella di recuperare quest’aspetto della favola, un racconto che valga per tutti».

C

UN VIAGGIO AVVENIRISTICO NELLA NOSTRA NAPOLI di Teresa Lanna | amoreperlarte82@gmail.com Una pellicola concepita per un pubblico adulto, che affonda nei problemi del sociale: le sorti del personaggio principale viaggiano, infatti, in parallelo con quelle di una città: Napoli. In questo senso, la nave (Megaride) su cui viaggiano i personaggi del film è la metafora di una Partenope avveniristica che può rimanere ancorata al porto ma anche ripartire, aprendosi al resto del mondo e alle possibilità. La storia è quella di Mia, rimasta

orfana dopo che Salvatore ‘o Rre, capoclan del riciclaggio, ha ammazzato suo padre, don Vittorio Basile, uomo di grande ingegno, che aveva il progetto di trasformare Napoli in una virtuosa città della scienza. Costretta a vivere in una nave da crociera dismessa nel porto con la matrigna e le sorellastre, la sfortunata ragazza cova in silenzio la vendetta: uccidere Salvatore ‘o Rre e liberare per sempre se stessa e la sua città. Mia è l’unico personaggio che, pur non parlando mai per tutta

la durata del film, riuscirà ad esprimere più degli altri ciò che porta dentro di sé. Alla colonna sonora hanno collaborato Enzo Gragnaniello, gli stessi Foja (di cui il frotnman, Dario Sansone, è uno dei quattro registi del film), Francesco Di Bella, Daniele Sepe, I Virtuosi di San Martino, Guappecartò, Marlboro Recording Society, Ilaria Graziano e Francesco Forni. Le Musiche originali sono di Antonio Fresa e Luigi Scialdone. Le

voci-guida del fim sono quelle di Alessandro Gassmann, Maria Pia Calzone, Massimiliano Gallo, Mariano Rigillo e Renato Carpentieri. “Ritrovarsi insieme è un inizio, restare insieme è un progresso, ma riuscire a lavorare insieme è un successo”. Non c’è frase migliore di questa, attribuita ad Henry Ford, per descrivere ciò che lega i quattro giovani cineasti: la passione che, insieme all’armonia, è il requisito indispensabile per dar vita a film spettacolari come questo. Ottobre 2017

|

INFORMARE

9


Società Gestione Riscossione Tributi

Siamo oltre 25 sedi in Italia La SO.GE.R.T. S.p.A. opera in diversi comuni sul territorio nazionale. Informati sul sito www.sogertspa.it su come raggiungere la sede a te più vicina e su quali sono gli orari di sportello. La SO.GE.R.T. S.p.A. gestisce il servizio di tesoreria per i Comuni ed i Consorzi e la riscossione e l‘accertamento dei tributi degli enti locali. Da sempre al servizio delle amministrazioni comunali e dei contribuenti, grazie alla vasta esperienza maturata in anni di attività e al suo servizio informatico.

Tel: 0823 766004 | E-mail: sogert.presidente@libero.it Orari: Lun-Ven dalle 9:00 alle 13:00 Via S. Rocco, 17 - 81030 - Castel Volturno (CE)


S OCIALE

LAVORARE GRATIS, LAVORARE TUTTI di Giovanni Iodice | gio-vanni2016@libero.it

È

“Lavorare gratis, lavorare tutti. Perché il futuro è dei disoccupati”

questo il titolo del recente libro del sociologo Domenico De Masi (in foto), che rappresenta il lavoro finale di una ricerca sul futuro del mondo del lavoro. Tracciando un bilancio complessivo è emerso che in un’era in cui a prevalere è la tecnologia, diversi sono anche gli impieghi ad alto tasso di sostituzione da parte delle macchine. A tal proposito il sociologo si è così espresso: «Per dare lavoro ai disoccupati basterebbe ridurre un po’ l’orario di lavoro degli occupati, ma visto che questo non avverrà bisognerebbe che i disoccupati lavorino gratuitamente fino a quando non ci sarà una redistribuzione dei carichi di lavoro». Il Sociologo ha lanciato anche un monito ai giovani: siate più produttivi. Al termine del lavoro di ricerca, come vede la situazione in ambito lavorativo per giovani e meno giovani? «La velocità con cui i posti di lavoro sono erosi dalla globalizzazione e dal progresso tecnologico è nettamente superiore alla velocità con cui vengono creati i nuovi posti di lavoro necessari per assicurare un’occupazione stabile a quanti hanno bisogno di lavorare per vivere. Ne deriva che si può evitare la disoccupazione solo riducendo l’orario di lavoro man mano che si introducono nuove tecnologie». Per la scelta di un lavoro migliore, occorre anche l’istruzione. In un’ottica in cui i giovani spesso non sanno quale università intraprendere, quali

sono i consigli che Lei si sente di dare? «Il primo consiglio è di studiare e laurearsi, se le condizioni economiche lo consentono. In Italia studia una percentuale di giovani pari a un terzo di quelli che studiano in California. Un paese dove i laureati superano il 50% dei cittadini adulti funziona meglio, è più ricco, meno violento, con meno divorzi, con migliore qualità della vita. Poi consiglio di laurearsi nella disciplina che meglio corrisponde alla propria vocazione». Com’è giunto alla teoria del “Lavorare gratis, lavorare tutti”? «Io credo che non si può dare a tutti un’occupazione se non si ridistribuisce il lavoro esistente. Se in Italia si lavora 354 ore all’anno più di un tedesco è impossibile risolvere il problema della disoccupazione. Ma i lavoratori occupati non mollano neppure un’ora del loro lavoro, spalleggiati dai loro sindacati e dai loro imprenditori. Come possono fare i disoccupati per costringere gli occupati a cedere un poco del loro lavoro? Mentre gli occupati, per protestare, scioperano, cioè si astengono dal lavoro e dalla paga, i disoccupati, per protestare, non hanno altra possibilità che quella di lavorare gratuitamente. Naturalmente la protesta dura uno o più giorni, fin quando gli occupati, i loro sindacati e i loro imprenditori non scendono a patti». Ha ricevuto proposte dai giovani per combattere il fenomeno della disoccupazione? «I giovani sono quotidianamente disorientati da una famiglia assente, una scuola devastata ed una informazione mediatica truffaldina. Non propongono nulla, non lottano per nulla, non si aspettano

nulla da nessuno. Occorre ricominciare da zero con una contro-informazione capillare e totale». Il mondo del lavoro sta cambiando, grazie anche allo sviluppo tecnologico. Quanto ha influito ciò sulla disoccupazione? «In modo determinante. Abbiamo scoperto macchine meravigliose che ci consentono di produrre sempre più beni e servizi impiegando sempre meno lavoro umano. Invece di ricavarne motivo di serena felicità, lavorando tutti meno e meglio, il padre si ammazza di lavoro dieci ore al giorno e il figlio è completamente disoccupato». Quali, secondo Lei, i settori in cui si dovrebbe investire? «Il 21° secolo sarà segnato dall’ingegneria genetica con cui vinceremo molte malattie, dall’intelligenza artificiale con cui sostituiremo molto lavoro intellettuale, dalle nanotecnologie con cui gli oggetti si relazioneranno tra loro e con noi, dalle stampanti 3D con cui costruiremo in casa molti oggetti. L’invadenza delle tecnologie farà salva l’esigenza umana di creatività, estetica, etica, collaborazione, pensiero critico e problem solving. Solo in questi settori ci saranno buone possibilità di trovare un’occupazione decente. Tutti i lavori ripetitivi, proceduralizzati, sono destinati a sparire in pochi anni». Che monito e consiglio darebbe ai giovani a conclusione di questo suo studio? «Una frase di Bertrand Russell: “Abbiamo continuato a sprecare tanta energia quanta ne era necessaria prima dell’invenzione delle macchine; in ciò siamo stati idioti, ma non c’è ragione per continuare ad esserlo”».

PAPYRUS

CANCELLERIA- MODULISTICA - STAMPATI FISCALI ART. DA REGALO - CARTUCCE E TONER

PERSONALIZZAZIONE PER T-SHIRT - CAPPELLINI - TAZZE - GADGET

Rilegature - Timbri - Volantini - Biglietti da visita - Banner - Bandiere - Carte intestate TEL/FAX: 081 5094674 | E-mail: cart.papyrus@gmail.com Viale delle Acacie, 206 - Località Pinetamare - 81030 - Castel Volturno (CE)

Ottobre 2017

|

INFORMARE

11


A TTUALITÀ IL VESUVIO, I BALORDI ED I TERRONI (UNITI) di Vincenzo Russo Traetto | vyncenzorusso@gmail.com

I

l Vesuvio è un gigante grande che non farà mai male a Napoli e ai napoletani ed oggi svolge una funzione importante: aiuta gli stupidi a presentarsi. Ogni volta che sentirete cantare o gridare “Vesuvio lavali con il fuoco” ecco li avrete riconosciuti e non ci sarà torto a dire “Chist’è nu scemo!” o, in alternativa se è una moltitudine di persone, “Chiste song na banda ‘e scieme!”. Ed è risaputo che gli scemi sono tonti, stupidi, sciocchi ecco... balordi direbbero a Milano. Anzi è Napoli ed i napoletani che soffrono e si indignano quando altri balordi o, forse, sempre gli stessi appiccano i roghi che devastano il territorio campano ed italiano. ‘O Vesuvio (conosciuta anche con il titolo ‘O Gigante da Muntagna) è una canzone della tradizione classica composta da Gigli e dal grande Modugno presentata al XV Festival della canzone napoletana del 1967. In quella manifestazione i brani avevano i doppi interpreti. La canzone fu cantata dall’autore e dal maestro Sergio Bruni (la voce di Napoli) arrivando al secondo posto a pari merito con ‘A Prutesta (in quegli anni si protestava anche nella canzone napoletana) con la coppia Nino Taranto e Gloria Christian. La canzone vincitrice di quell’anno, un solo voto in più 28 rispetto ai 27 del secondo posto, fu ‘O Matusa sempre di Taranto con il gruppo milanese “I Balordi” in cui esordiva Marco Ferradini (quello di “prendi una donna trattala male...”). Questo gruppo sperimentava in anticipo il rock demenziale degli anni settanta con un linguaggio comico e surreale, avevano uno stile dissacrante ed, in modo analogo a Renato Zero, si esibivano in abiti femminili. Contestatori beat: “Puort ‘a bbarba sempe rasa. Che matusa! I capille curte curte. Che vergogna! Quanno vedi il capellone provi un po’ di sensazione eppoi sentite l’ultima chist’ata novità: tutt’e matine vai a faticà.” e poi il ritornello che è molto semplice e familiare “Ma tu, ma tu, matusa, ma tu, ma tu che vuo’? Ma tu, ma tu, matusa, matusa, no, nun so”. Possiamo dire una canzuncella che sarebbe passata inosservata se il periodo (è il ‘68 della contestazione giovanile) e la trovata (milanesi beat che cantano una classi-

ca macchietta napoletana). La canzone ‘O Vesuvio è ben altro. Trattava con rispetto il vulcano, un gigante buono, che piange e si rassegna a campicchiare (e mmo’ viv’appena) per rispettare la vita mentre prima facev’ammore con i napoletani con ardenti colate laviche di passione. Pur essendo un “vulcano esplosivo” - indice della sua grande emozione nel guardare il sole ed il golfo - nel corso dei millenni ha cominciato a comprendere e volere bene i napoletani ed i campani dando segnali di avvertimento quando si comincia “ad accendere di rabbia”. Effettivamente nel 79 aveva esagerato con Pompei ed Ercolano. È dall’ultima eruzione del 1944 che non si arraggia cchiù . Lo fa l’uomo. La furia di quando l’uomo mortifica l’uomo (vedi gli stupidi che lo incitano a vanvera) e di quando l’uomo mortifica la terra stessa (incendi, roghi, inquinamento falde). Si usano metafore attingendo dai mondi del glottoteta Tolkien – Terra dei fuochi – o un termine nuovo – Biocidio - che a me non piace

perché sposta l’attenzione come “femminicidio”. Un omicidio è un omicidio. Ciro Gaudino, camorrista pentito, qualche mese fa ha raccontato che in un processo: “al momento del mio arresto ho fatto fare anche ritrovamenti di rifiuti tossici interrati, quelli della camorra” nel Parco nazionale del Vesuvio, mentre nel 2016 vi è stato un sequestro di una cava nell’ercolanese dalla quale sono saltati fuori 400mila metri cubi di rifiuti tossici e pericolosi. “Pe’ stu gigante da’ muntagna, mo Napule chiagne, mo Napule chiagne” recita il testo. Da qui la scelta dei “TERRONI UNITI” di rivisitare con un nuovo arrangiamento ed un integrazione di testo rap (Oyoshe e PeppOh) il brano di Modugno e Bruni (la voce di Napoli) per testimoniare il dolore e l’indignazione degli incendi dolosi, ‘a raggia (la rabbia) e ‘a freva (la febbre) contro i balordi dei roghi. Il Vesuvio un gigante talmente buono che nel 1967 fece vincere il Festival di Napoli ai milanesi per cortesia di ospitalità.



 

Sistemi Digitali Monocromatici e Colore Plotter Cancelleria & Materiali di Consumo Arredo & Accessori per Ufficio Display per Videowall e Digital Signage Impianti Telefonici NON VENDIAMO PRODOTTI, OFFRIAMO SOLUZIONI EUROFFICE SRL

www.eurofficesrl.com - Tel 081 5768017 EUROFFICE S.r.l. è in Via del Mare, 55 - 80016 - Marano di Napoli (NA)

12

INFORMARE

|

Ottobre 2017

Tel. 081 414592 - Via Cavallerizza a Chiaia, 37 - 80121 - Napoli


E LE DONNE? di Barbara Giardiello | barbara.giardiello05@gmail.com

S

embra di assistere ad uno scontro tra tifoserie. Chi contro l’orda di immigrati che violano con la loro brutalità, la loro perversità ed il loro seme extracomunitario la nostra razza bianca, chi dubitando della veridicità di goliardiche ragazze americane, forse spinte dall’alcol e dalla droga o forse dalla stipula di una polizza, che infangano con testimonianze inquietanti la più amata Arma italiana. Fronti che addentano storie di donne e carnefici, gettate in pasto al dibattito pubblico con titoli appetitosi, in articoli ricchi di dettagli troppo crudi e dolorosi per farne argomento di narrativa e corretta informazione. Notizie diffuse secondo criteri che oggettivizzano ulteriormente le vittime, speculando su sofferenza e abusi. Nella raffica di stupri che incornicia questa società sessista e misogina, le donne diventano sovente le prime inquisite, provocatrici non sufficientemente prudenti, comunque colpevoli. «La donna porta con sè l’idea del corpo, l’idea della preda. Se si trova in una zona di periferia, sola in mezzo alla strada, può anche essere oggetto di un’aggressione». Così ha commentato il senatore di Ala, Vincenzo D’Anna, nel corso di un’intervista a radio Cusano lo scorso 15 settembre. «Io non sono un maschilista, ma il corpo della donna è oggetto e fonte di desiderio da parte dell’uomo. È un istinto, sarà primordiale, sarà ancestrale, quello che volete». E ha aggiunto: «Certe volte un tipo di abbigliamento, un tipo di contesto, fa pensare a dei soggetti che siano una manifestazione di disponibilità da parte della donna». In sintesi le donne sembra se la cerchino. Candidato alla presidenza dell’Ordine dei Biologi, D’Anna ha scatenato la

®

protesta delle biologhe, che costituiscono il 70% delle iscritte all’Ordine e che si sono dichiarate solidali alle vittime di stupro, respingendo la sua candidatura. Messaggi che, soprattutto se espressi da un rappresentante istituzionale, lanciano segnali inequivocabili: la implicita corresponsabilità delle vittime, l’allarmante impunità dei carnefici, l’incerta affidabilità della protezione delle Forze dell’Ordine, la carente assistenza psicologica e sanitaria. Consequenziali lo scoraggiamento, la vergogna, il timore, la solitudine delle donne violate: dai dati analizzati dall’Istat emerge difatti che soltanto il 7% degli abusi vengono denunciati. Il Viminale ha reso noto che nei primi 7 mesi del 2017 sono state compiute 2.333 violenze sessuali, contro le 2.345 dello stesso periodo del 2016. Il Ministero dell’Interno precisa pure che da gennaio a luglio 2017 gli italiani denunciati sono 1.534 (1.474 nel 2016) e gli stranieri 904 (909 nel 2016). Secondo un’indagine demoscopica, in 4 casi su 10 l’autore della violenza è straniero (61% italiani, 8,6% romeni, 6% marocchini), mentre le vittime sono per il 68% italiane, 9,3% romene, 2,7% marocchine. Ad ogni stupro parte l’ennesima gogna mediatica, con annesso accanimento ‘social’. Ai gruppi chiusi, in cui come sperma rancido gli iscritti continuano a vomitare indisturbati commenti disgustosi a foto di donne ignave, si oppongono le danze dei falsi moralisti, degli accusatori o dei buonisti che, in una sequela di giudizi e pareri, si esprimono sui perchè. Qualcuno si sorprende che le donne non ‘si ribellino’ a cotanta violenza, come se l’educazione sessuale, la parità di genere e la storia antropologica siano questioni femminili e non sociali. Capita pure di imbat-

tersi in paradossi come l’eclatante commento di Abid Jee all’articolo de ‘Il Resto del Carlino’ sullo stupro di Rimini, lo scorso 27 agosto. Il post è rimasto sulla pagina Facebook solo pochi minuti, sufficienti però a sollevare reazioni energiche degli account presenti e l’attenzione della stampa. Il 24enne, un immigrato collaboratore occasionale, poi sospeso, presso la cooperativa sociale bolognese Lai-momo, aveva definito la violenza sessuale “peggio ma solo all’inizio, poi la donna diventa calma ed è un rapporto normale”. Circa 11 donne al giorno, cioè 4.000 donne all’anno decidono di denunciare la violenza subita, ma assai di più sono le donne stuprate. Non sempre la violenza è di natura fisica, ne esiste una forma sottile e corrosiva della mente e dell’anima, persistente come una goccia che scava la roccia: la vessazione psicologica, che miete vittime soprattutto in ambito familiare con la svalorizzazione della vittima e il suo controllo psicologico, economico e fisico. Le donne, dunque, vittime di uomini possessivi e anaffettivi, violenti e instabili, incapaci di convivere con l’autonomia fisica e mentale di compagne o ex compagne. Ma pure vittime della società, nella curiosa bramosia di dettagli, di comportamenti irresponsabili, come se alla visione di una scollatura le menti si ottenebrassero e il pene agisse in modalità autonoma. Talvolta donne vittime di loro stesse, strette in mini abiti come scorciatoia verso auspicate vite di notorietà, in una società di corpi più che di persone. Il ruolo dell’educazione delle nuove generazioni è fondamentale, così come il ruolo dell’informazione. Si parla di castrazione chimica, sarebbe sufficiente accendere i cervelli.

S E R V I ZI E T E C N O L O G I E P E R L ’ A CQUA Viale Sardegna, 2 - 80059 - Torre del Greco (NA) | Tel 081 8475911 - Fax 081 8475940 - E-mail: info@rdr.it

www.rdr.it Divisione Service

Divisione Impianti

Officina

Centro Assistenza Autorizzato dei seguenti brand: FLYGT - ENDRESS HAUSER - ATURIA - POMPETRAVAINI WILO - SALMON. Servizi di manutenzione ordinaria programmata, preventiva e predittiva, reperibilità e pronto intervento, conduzione e gestione impianti di trattamento acque e complessi acquedottistici.

Progettazione e realizzazione di opere acquedottistiche depurative, lavori a reti idriche e fognarie, sistemi di sollevamento acque (impianti di pompaggio), impianti di potabilizzazione, impianti di trattamento acque reflue, cabine di trasformazione MT/BT, impianti elettrici, sistemi di automazione e telecontrollo, quadri di potenza e controllo.

Riparazione di motori elettrici, elettropompe sommerse, elettropompe sommergibili per acque reflue, elettropompe per liquidi speciali, elettropompe verticali, elettropompe centrifughe, elettropompe per vuoto, quadri elettrici.

Ottobre 2017

|

INFORMARE

13


M USICA

FRANCESCO GABBANI ALL'ARENILE DI NAPOLI di Rosario Maisto | rosariomaisto@virgilio.it

V

incitore del 67° Festival di Sanremo e certificato triplo platino con la canzone Occidentali’s Karma. Francesco Gabbani si è esibito a Napoli presso l’Arenile con numerose canzoni della sua carriera: mamme e papà, adolescenti, pensionati, coppiette innamorate, fan con le magliette di Gabbani e della scimmia, tutti riuniti in un pubblico vario e festoso. Sul palco ha cantato la nuova canzone “Software” tratta dal disco intitolato “Magellano”, eh sì, ovviamente si è sentita “Occidentali’s karma”, non una, ma due volte, a metà del concerto e poi come penultimo pezzo, un autentico bis, quando il pubblico stava quasi lasciando il teatro. Il concerto inizia con “Magellano” ed altre canzoni dell’ultimo album; Gabbani

corre da una parte all’altra del palco, salta, balla, intrattiene senza strafare, si percepisce uno stacco di resa ed entusiasmo fra i pezzi ritmati e tanto famosi omaggiando anche con la cover di “Susanna” il grande Adriano Celentano. Applauditissima. Francesco suona la chitarra, accompagnato dal fratello e co-autore Filippo (batteria), Davide Cipolini (chitarra), Lorenzo Bertelloni (tastiere e direzione musicale), Giacomo Spagnoli (basso). A metà concerto la band lascia il palco al cantante che suona da solo al pianoforte “Immenso” e “Maledetto amore”. Sono storie d’amore, è il momento romantico della serata. Insomma, sono tante le canzoni che si prestano a una doppia lettura, leggere, intrise

di valori e altre divertenti, se ascoltate con attenzione svelano un significato meno scontato. A lui sta bene anche così, c’è bisogno soprattutto di infondere nel cuore delle persone tanta energia. Dopo una versione rock di “Vengo anch’io, no tu no” di Enzo Jannacci, il concerto volge quasi al termine con il cantante che chiede al pubblico “Ma voi ci credete nei co-co-complotti?!”, introducendo così l’ultimo brano: “Pachidermi e pappagalli. Alla fine, ringrazia senza sosta tutto il pubblico di Napoli ripetendo «Grazie perché date senso a tutto questo», e nel suo modo umile di fare festeggia con noi anche il suo compleanno ricevendo regali dai fans, ringraziando ancora una volta timidamente il calore dimostratogli dai napoletani.

“25 ANNI E NON SENTIRLI”, IL RITORNO DEGLI AUDIO 2

D

di Giovanni Iodice | gio-vanni2016@libero.it opo anni di silenzio, tornano alla ribalta musicale gli Audio 2 con un album preceduto dal singolo “Un’onda nel bicchiere” e si apprestano a ce-

lebrare 25 anni di carriera. Tempo ne è passato da quando giovanissimi hanno cominciato la collaborazione con Mina, Mogol, Lucio Battisti ed Adriano Celentano. Diverse le canzoni che ancora oggi sono ascoltate e cantate. Tornate alla ribalta con un album imminente, preceduto da un singolo: “Un’onda nel bicchiere”. L’album che uscirà e il singolo godono di uno stile rinnovato della band degli Audio2? «Il nuovo album sarà l’espressione musicale con cui ci rapportiamo oggi e come ci ha sempre contraddistinto in passato ci confrontiamo con diversi stili musicali». L’album esce a otto anni di distanza dal precedente. A cosa si è dedicato il gruppo in questo periodo e in che modo ha lavorato all’album? Cosa canterà nel prossimo anno e come sono nate le canzoni che lo comporranno? «L’abbiamo continuato a scrivere e fare concerti e appena abbiamo avuto una proposta seria di pubblicare il nostro lavoro l’abbiamo fatto. Non ci andava di pubblicare senza un progetto convincente e cosi buttare al vento canzoni senza darle la giusta importanza. Nel mese di ottobre uscirà un nuovo singolo e prima che esca l’album (già pronto) ne pubblicheremo ancora alcuni e poi uscirà

il nuovo album, un po’ come si faceva una volta 3/4 singoli e poi album,in antitesi con l’usa e getta imperante in quest’epoca contraddistinta dalla velocità e dal tutto subito». Festeggiate anche 25 anni di carriera. Qual è la ricetta vincente che vi tiene ancora uniti? La soddisfazione maggiore dei 25 anni di carriera? «Siamo ancora uniti perché abbiamo ancora dentro l’entusiasmo “bambino” che ci ha portato al successo. La maggiore soddisfazione è stato di aver partecipato con tre canzoni all’album di Mina - Celentano (il primo) con “Acqua e sale”, “Specchi riflessi” e “Io ho te” battendo i record di vendita degli ultimi vent’anni». Avete cominciato da giovanissimi e subito avete composto canzoni per Mina. Com’è nata questa collaborazione e quanto dovete alla sua figura artistica? «Con Mina iniziammo nel 1992 quando decidemmo di mandare una “cassettina” a nastro con la canzone “Neve”, che lei l’ascoltò, e ci diede fiducia». Cosa pensate dei talent show e dell’attuale scena musicale delle giovani generazioni? «I talent show hanno cose positive e altre negative. Sicuramente hanno da migliorare nella qualità di proposta musicale dando spazio ai cantautori che poco vedo ad interpretare canzoni altrui per essere giudicati. Te lo immagini Battisti o de Andrè a cantare pezzi altrui per affermarsi? I nuovi artisti pagano lo scotto della crisi della musica in generale e si devono adeguare a un mercato che si livella verso il basso come qualità musicale pur di vendere qualche copia in più o di avere qualche like in più». Ottobre 2017

|

INFORMARE

15


CARCERI, UNIVERSITÀ DELLA DELINQUENZA Donato Capece, segretario SAPPE: «Le prigioni di oggi sono come degli alberghi» di Fabio Corsaro | corsarofabio@gmail.com

D

iscariche sociali o luoghi di rieducazione? Il dubbio è sempre lo stesso quando si parla di carceri e delinquenza. L’Italia è il Paese col sistema penitenziario più oneroso in Europa e, nonostante ciò, quello col tasso di recidiva maggiore. Affollamento, scarsa disponibilità di personale civile come insegnanti, medici, formatori e mediatori culturali e un nuovo sistema penitenziario che permette ai detenuti di circolare per le sezioni per dodici ore al giorno. «Con questa vigilanza attenuata abbiamo consegnato le carceri ai detenuti. Non c’è ordine né disciplina. All’interno degli istituti impera il caos» ci racconta Donato Capece, Segretario Generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria. La situazione sembra allarmante e le difficoltà che insorgono si aggravano alle già notevoli responsabilità degli agenti di custodia che, per compiti istituzionali, devono rappresentare i garanti della sicurezza all’interno delle carceri e dell’incolumità degli stessi ristretti. Sono in costante crescita il numero delle aggressioni, degli atti di autolesionismo, delle manifestazioni di protesta, dei suicidi e delle evasioni. A tal proposito, la polizia penitenziaria, che opera senza utilizzare alcun’arma, viene spesso coinvolta fisicamente, riportando grosse ferite a seguito di colluttazioni

con i detenuti. «Oggi le celle sono aperte e tutti i detenuti delle varie etnie gironzolano indisturbati per l’istituto e qualsiasi scintilla si può accendere facilmente. Il carcere di una volta era più efficace di quello di oggi, poiché ora è diventato un albergo dal quale si esce e si entra a piacimento». Il sistema penitenziario italiano sembra quindi al collasso e improduttivo: solo 4 detenuti su 100 accedono alla frequenza di corsi orientati alla qualificazione professionale di figure per le quali c’è maggiore richiesta dal mondo del lavoro. Insomma, la quasi totalità dei detenuti ozia tra una partita a carte e l’ideazione di sistemi per evadere. Inoltre, l’Italia è stata ulteriormente mortificata dalla Corte Europea per i Diritti dell’Uomo per il trattamento disumano e degradante a causa del sovraffollamento delle carceri: «Bisogna aprire le sezioni ai soggetti meritevoli per una vigilanza attenuta – afferma Capece – ed essere avviati al lavoro o alle attività trattamentali mentre bisogna lasciare nelle sezioni chiuse tutti i detenuti della criminalità organizzata e che non hanno mai dimostrato di meritarselo. Inoltre, la certezza della pena, e quindi senza sconti né anni in meno da trascorrere in cella, aiuta perché chi delinque, prima di commettere un reato, ci pensa due volte». I poliziotti penitenziari rappresentano oltre il 90% dei dipendenti all’interno delle carceri

italiane e solo il 10% sono altre figure professionali a fronte del 31% del sistema inglese, del 27,5% di quello spagnolo e del 15% di quello francese. A questo si aggiunge la cronica carenza di personale appartenente al Corpo di Polizia Penitenziaria che supera ben oltre il 20%, con circa 9.000 unità in meno rispetto a quelle previste dalle piante organiche fissate dal Ministero. La rabbia del SAPPE si trasforma in un appello deciso di Capece: «io voglio capire chi oggi gioca a depotenziare la polizia penitenziaria. Guai a toccare i nostri agenti. Siamo una forza di polizia e come tale abbiamo un compito istituzionale da rispettare. Dobbiamo dare sicurezza ai cittadini». Quali sono invece le differenze con i sistemi penitenziari europei? «Ho visitato un carcere a Berlino – ci dice Capece – dove i detenuti lavorano e percepiscono €0,87 all’ora e con quei soldi si pagano il mantenimento in carcere. In questo Paese, quei pochi che lavorano paga sempre Pantalone. In Europa e in Italia devono comprendere che nelle nostre carceri ci sono detenuti mafiosi, di stampo diverso da quelli comuni. Attenzione alla radicalizzazione in carcere: attualmente ci sono circa 400 detenuti che hanno avviato questo percorso. Noi li segnaliamo ma attenzione, perché le carceri sono l’università della delinquenza. Un piccolo soggetto esce dal carcere come un criminale incallito».

Hermes Consulting co. Società di Consulenza Aziendale

CF/P. Iva: 03733970614 Pec: hermesconsulting@legalmail.it E-mail: catiaarrichiello@libero.it Viale Darsena Orientale, 81 81030 - Castel Volturno (CE)

16

INFORMARE

|

Ottobre 2017

www.studiomercurio.it mercurio@studiomercurio.it

Tel. 0823 327002 - 081 5094238 Piazza Vanvitelli, 26 - 81100 - Caserta

Tel. 06 94379375

Via Piemonte, 26 - 00187 - Roma


S OCIALE

PUORTEME LÀ FORE La canzone dei detenuti di Airola scritta con Lucariello e Raiz di Savio De Marco | saldem4@gmail.com

S

iamo nel carcere minorile di Airola, in provincia di Benevento. È un carcere, lo si riconosce dall’esterno ma non ci sono quei criminali che stereotipiamo nella nostra mente. Sono ragazzi. Ragazzi che, molto probabilmente, sono nati nel posto sbagliato, oppure che non hanno saputo scegliere le giuste amicizie e sono stati divorati da famiglie nullatenenti in cerca di soldi facili. In ogni caso, sono ragazzi. In questi luoghi, che possono sembrare gabbie in cui rinchiudere malfattori, invece, ci si attiva per recuperare questi “orfani della società” avvicinandoli a mestieri e lavori che potranno occuparli una volta usciti fuori. Ad Airola, figuratevi, si scrive musica. Dopo un laboratorio durato quattro mesi, i giovani detenuti di Airola hanno concluso la canzone “Puorteme là fore” scritta con l’aiuto dei rapper Lucariello e Raiz. La musica, quindi, si trasforma in denuncia e libertà. «Non penso che siano due cose separate» ha affermato Lucariello alla presentazione del videoclip avvenuta nel carcere di Nisida, a Napoli. «Il lavoro fatto su questo brano ha cercato di tirare fuori le capacità dei ragazzi rispetto alla scrittura. Non ci interessava tirare fuori il fenomeno, l’artista, la prima donna che sta sul palco. In un primo momento ci interessava lavorare sui mestieri che stanno alle spalle del palco, quindi abbiamo lavorato prima col teatro e adesso, invece, con gli autori. I ragazzi che hanno scritto questa canzone adesso sono autori, iscritti alla SIAE, e sono bravi. Per loro, si spera, ci sarà anche una piccola forma di reddito sperando

che questa canzone abbia il suo seguito. La cantiamo io e Raiz, che abbiamo fatto il lavoro con loro, cercando di dargli gli strumenti per scrivere». Adesso immaginate il carcere di Airola e inseriteci una musica rap, quello vero, di denuncia sociale. Difficile immaginarlo, vero? Perché è difficile immaginare i detenuti come Ragazzi. «Loro rispondono bene, stanno lì fondamentalmente a non fare nulla. Se gli si dà uno stimolo e si fa capire che questo può offrire loro qualcosa sono favorevoli, ci mettono l’anima». La musica diventa, in questo caso, una chiave di liberazione, un occhio nuovo sul mondo, un’arma contro chi usa altre armi, quelle vere,

per comandare. «Io penso che tutto ciò che è cultura, che è altro, può dare una mano alla lotta alla criminalità - ha detto Lucariello - Io penso che la musica ha la capacità di sublimare certe cose: anche se tu stai raccontando un fatto negativo nel momento in cui diventa musica diventa un’emozione, diventa altro. Questo trasferimento per loro può trasformare una brutta esperienza in qualcosa di artistico». Luca Caiazzo, Lucariello, non si ferma. È uno di quei rapper che racconta ciò che ha dentro e ciò che lo circonda, senza alcun filtro, e l’impegno nel sociale lo dimostra. «Stiamo pensando a come sviluppare il percorso di questa canzone che non si fermerà semplicemente alla realizzazione del videoclip» ci ha spiegato parlandoci dei suoi progetti futuri. «Su altri fronti sto lavorando al mio disco che uscirà per i primi di novembre». Ascoltare “Puorteme là fore” vuol dire ascoltare il grido di speranza che parte dalle sbarre di un carcere minorile. Lucariello con i detenuti di Airola (Foto di Francesco Catalano) Dopotutto, sono solo ragazzi.

Cantina Vitematta Via Treviso I Traversa - 81033 Casal di Principe (CE)

www.vitematta.it Tel/Fax: 081 8923880 | Cell: 328 7949712 | E-mail: info.cooperative@libero.it

Ottobre 2017

|

INFORMARE

17


- dal 1950 -

MOZZARELLA DI BUFALA DA TRE GENERAZIONI Medaglia d’oro al Concorso Caseario “Mozzarella in Comune 2009” Seguici su CASEIFICIO LUISE

TEL. 0823 762040 - VIA DOMITIANA, KM 30.500 - CASTEL VOLTURNO (CE) TEL. 081 7628323 - VIA ACATE, 19/D - BAGNOLI (NA)


S OCIALE

UNA CATTEDRALE NEL DESERTO?

Il 21 ottobre la consacrazione della nuova Chiesa Santa Maria del Mare

fano e dedicarla all’uso religioso. La cerimonia avverrà, per opera del Monsignore Salvatore Visco, arcivescovo di Capua, alla presenza dei Vescovi della Campania e delle autorità amministrative locali. Nonostante ciò, la chiesa è operativa da un anno: una volta finita non c’era motivo di continuare a celebrare messa in un altro posto». Come si svolgerà la cerimonia? «La comunità di fedeli è in fermento e si attende il gran pienone. E se fosse necessario già si sta pensando all’allestimento di un maxi schermo esterno. Ci sarà la consegna della chiave della chiesa dal Vescovo al Parroco. Sull’altare spoglio ci sarà un braciere accesso con l’incenso e, durante il rito della dedicazione, verrà unto al pari delle 12 croci poste sulle pareti della chiesa. Ci sarà, inoltre, il coro della Parrocchia che preparerà dei canti insieme ad un cerimoniere, il quale si coordinerà anche con i ministranti che staranno sull’altare». Girava con insistenza voce della presenza del Papa per l’inaugurazione, era fondata? «Certo, c’era l’intenzione concreta. Già avevamo preso contatti con la Santa Sede e le autorità mandarono la gendarmeria di sicurezza per vede-

re se il posto fosse logisticamente fattibile, e diedero il loro assenso. Poi sono sorti tanti problemi che hanno fatto slittare l’inaugurazione e così non abbiamo più potuto organizzarci in merito». Lei rappresenta la comunità spirituale locale da tanti anni: come vede il territorio rispetto al passato? «Stiamo facendo passi indietro. Io penso che il territorio sia sempre più degradato. Finché avremo questa presenza massiccia di extracomunitari irregolari sul territorio non ci saranno prospettive. A momenti sono più numerosi di noi. Se almeno si integrassero e si comportassero bene… Noi abbiamo chiesto un incontro con il nuovo prefetto ad acta e mi piacerebbe chiedergli perché in tutti i comuni ci sono le quote di accoglienza e a Castel Volturno no!? In un paese del nord dovevano arrivarne 200 e ne arrivarono 205, i 5 in più non li accolsero. Pur volendo, aiutarne 20.000 non è possibile, ma forse 2.000 sì. Noi abbiamo fatto la nostra parte con l’edificazione della Chiesa, per migliorare la qualità della vita spirituale della comunità. Ma non possiamo cambiare il contesto sociale. Il nostro è stato solo un segnale, come una cattedrale nel deserto». Foto di Francesco Catalano

M

ezzo secolo di sacerdozio non hanno affievolito la passione con la quale Padre Antonio Palazzo (in foto) svolge la sua missione in un territorio difficile come Castel Volturno. Dopo un lungo percorso, fatto di pastoie burocratiche e lunghe attese, il parroco si appresta finalmente ad inaugurare la nuova chiesa di “Santa Maria del Mare” a Pinetamare, costruita grazie ai 3 milioni elargiti dalla CEI (Conferenza Episcopale Italiana) ed attinti dal fondo 8x1000. Con la compostezza che lo contraddistingue, padre Antonio ci illustra i momenti che suggelleranno la cerimonia di sabato 21 ottobre alle ore 17.00, quando il Vescovo di Capua consacrerà la struttura. Questa nuova chiesa risponde ad un’esigenza del territorio? «Certo, ma va fatta una valutazione in prospettiva perché abbiamo potuto constatare che nel corso degli anni la popolazione aumenta. Noi siamo stati fortunati perché le autorità ecclesiastiche hanno valutato la necessità di realizzare la nuova chiesa in proporzione al numero degli abitanti». I lavori sono tutti ultimati? «La struttura è finita, anche le aule e il teatro. Mancano solo i giardini che abbiamo ritenuto secondari e ce ne occuperemo per ultimo. I soldi della CEI coprivano solo la struttura mentre impianti ed arredi sono stati a carico della comunità. Abbiamo dovuto difatti provvedere ai riscaldamenti, all’arredamento, alla sacrestia, alle inferriate laterali ed ai cancelli in realizzazione. Manca solo la consacrazione per sottrarre la Chiesa all’uso pro-

di Fabio Russo | Foto di Antonio Ocone

Farmacia Coppola S.a.s

di dott. Passarelli Giuseppe & C.

Omeopatia - Erboristeria Esame per intolleranze alimentari Alimenti per diabetici e celiaci Consegna gratis a domicilio per i prodotti consentiti della legge

Tel. 0823 764909

Via Nuova, 25 - 81030 - Castel Voltuno (CE)

Ottobre 2017

|

INFORMARE

19


COPERTINA

Se Napoli avesse una faccia avrebbe quella di Alessandro Siani di Fabio Corsaro | Foto di Gabriele Arenare

U

omo del Sud, con gli occhi del mare e i riccioli di Maradona. Icona di Napoli, volto consacrato dalla sua città, di cui racconta porto e collina, luci ed ombre, bellezze e luoghi comuni. Lo fa con l’irriverenza e la comicità di chi è cresciuto nel cabaret napoletano ed è arrivato a recitare e a riempire i teatri d’Italia. Siani, anche in questo, riesce a rappresentare un intero popolo: l'autoironia. Essere così innamorati della propria terra, al punto di notarne i difetti e riderci su, è il segno di un attaccamento profondo, che non si rinchiude in una difesa disperata e, a tratti, ridicola. Poi la TV, il grande schermo, i ciak dietro una telecamera, i libri. La poliedricità di Alessandro Siani ha sempre però lo stesso volto allegro con cui diventa narratore di quotidianità di una Napoli teatro a cielo aperto. Vive perseguitato dall’ombra di Massimo Troisi ma preferisce tenersi lontano dalle responsabilità che comporta l’eredità di una leggenda della comicità partenopea e italiana. Eppure oggi sembra essere la voce e l’immagine più accreditata per chi associa Napoli moderna alla risata. La comicità è una dote. La puoi costruire, studiare, interpretare. Rimane però una dote la capacità di improvvisare o quantomeno indurre in uno specifico pubblico ciò che esiste di più spontaneo e impegnativo: ridere. Siani conosce chi lo ascolta, si interfaccia spesso con un suo pubblico ideale ma diventa contagioso anche quando è lontano da casa. L’umorismo esige tempi e linguaggio, verbale e del corpo, e a Siani non mancano. Chiosa i suoi monologhi con strofe di romanticismo, versi d’amore che contengono un messaggio. Ha la battuta sempre pronta e anche la frase che lascia riflettere. Alessandro Siani è a tratti un poeta contemporaneo, altre volte il comico di sempre, quello venuto alla ribalta con “Fiesta”, “Tienimi Presente” e “Più di prima”. Il lavoro, l’impegno e il sacrificio fanno di questo personaggio un vero esempio nella comicità odierna, fatta di battutacce, di personaggi costruiti e ripetitivi. Non dimentica mai quel “Tatore” che lo ha accompagnato per tutta la gavetta, caricatura di se stesso e di una giovane Napoli discotecara e superficiale. Trova sempre posto nei suoi spettacoli e nelle sue battute, come se ogni applauso fosse un “grazie” a questo storico personaggio che lo ha accompagnato prima nei laboratori della citta poi nelle tv private. Al cinema esordisce con “Ti lascio perché ti amo troppo” e in 10 anni registra grandi successi come “Benvenuti al Sud” e “Il Principe Abusivo”, sbancando il botteghino e diventando l’ottavo film di sempre col maggiore incasso in Italia, pari a circa 30 milioni di euro. Anche nel cinema, però, la strada è lunga e, dopo piccoli flop iniziali con i suoi primi lavori, decide di presentarsi al pubblico nazionale con i cinepanettoni dei fratelli Vanzina, ereditando il posto napoletano che prima fu di Nino D’Angelo e poi di Biagio Izzo. Sembra che Alessandro Siani abbia appreso dovunque sia sbarcato, dal proprio background popolare, quindi dalla tradizione della comicità napoletana, fino all’affrancamento di grandi personaggi come Claudio Bisio e Cristian De Sica, con i quali, ancora oggi, intrattiene forti sodalizi artistici. Un comico, un artista completo che ha lavorato sempre con grandi registi, Francesco Ranieri Martinotti, Neri Parenti, Luca Miniero e Alessandro Genovesi, fino ad affermarsi con 3 opere in regia. Si cimenta anche nella produzione e nel doppiaggio di alcune pellicole, ma sembra che sia maggiormente a suo agio su un palco, tra la sua gente, nella sua Napoli. Così com’è accaduto in occasione del San Gennaro Day, sul sagrato del Duomo di Napoli, premiato per essere un’eccellenza artistica della città, dove Alessandro Siani ci ha rilasciato qualche battuta in esclusiva. Alessandro, dopo quello di San Gennaro, qual è il vero miracolo di questa città e dei napoletani? «La verità è che noi napoletani non siamo santi ma dobbiamo fare miracoli tutti i giorni. Ogni mattina dobbiamo svegliarci sempre con la speranza di risolvere tanti piccoli problemi». Regista, attore e produttore: cosa dobbiamo aspettarci dal prossimo film? «No, che so sti cos? Una cosa è certa: il prossimo film, che sto scrivendo in questo periodo, adda fa’ ridere!». Simpatico, irriverente, giovane figlio di questo Meridione: e forse è vero, come dice Maurizio de Giovanni, che «se Napoli avesse una faccia avrebbe quella di Alessandro Siani». 22

INFORMARE

|

Ottobre 2017

«

Il prossimo film adda fa' ridere!


LA NAPOLI PIÙ BELLA di Fabio Corsaro | Foto di Gabriele Arenare

Giunto alla quinta edizione e svolto sul sagrato del Duomo di Napoli, il San Gennaro Day è un premio che riconosce i nomi dell'imprenditoria, della musica, della cultura e della meridionalità. Una vera e propria festa laica accanto alle celebrazioni religiose in onore del santo patrono, una kermesse che vede avvicendarsi ospiti che, ogni giorno, rappresentano la parte positiva e produttiva della città di Napoli.

«

Gianni Simioli Un’emozione è mettere sul palco tanti volti, tutte le Napoli che conosciamo. Un po’

«

Fiorella Mannoia

«

San Gennaro unisce. I napoletani sono cambiati: hanno riscoperto orgoglio,

«

Cristina Donadio

fierezza e appartenenza

«

Maurizio de Giovanni Il vero miracolo di Napoli è la conquista della consapevolezza di essere altro che una specie di

«

Io e la The Jackal non ci poniamo limiti. Raccontiamo storie e Napoli ci aiuta perchè

«

Napoli è unica, ha qualcosa di speciale nell’aria, nella gente e ha una magia come nessun’altra città

di vivere in una città fatta di eventi speciali. Servirebbe più

«

Deborah De Luca Quando atterro a Napoli tiro un sospiro di sollievo. Aspetto un evento importante per suonare nella mia città

«

Antonella Leardi

è un teatro a cielo aperto

Diego Armando Maradona JR

Amo Napoli ma sono stanca

normalità e ordinarietà

inferno. Siamo molto meglio

Ciro Priello

reciproco. Il ricordo più bello di Pino Daniele rimane Pino

troppo ma Napoli è cosi

Luigi de Magistris

Il rapporto d’amore con Napoli è

Vorrei che il popolo napoletano si stringesse al ricordo di mio figlio Ciro perchè solo uniti vinceremo contro l’ingiustizia

«

Andrea Sannino La musica a Napoli ha una marcia in più. Anche chi non fa teatro ha una certa teatralità che abbiamo nel quotidiano

Ottobre 2017

|

INFORMARE

23


DARIO E LA SUA "FOJA" di Savio De Marco | Foto di Francesco Catalano

A

Napoli l’arte non è una categoria, non è un lavoro concepito nel modo classico (infatti qui da noi si traduce “fatica”, ndr). L’arte è un modo di vivere: per questo motivo non deve impressionare o non bisogna scandalizzarsi quando si incontra un artista che è impegnato in più in settori che non sembrano collimare tra loro. È il caso Dario Sansone, frontman del gruppo musicale Foja, molto in vista nel panorama musicale partenopeo e, recentemente, regista del film d’animazione “Gatta Cenerentola”. L’incontro tra i Foja e, nella fattispecie, Dario Sansone con il cinema non è nuovo. Solo qualche mese fa i Foja sono stati partecipi della colonna sonora dell’ultimo film di Stefano Incerti “La parrucchiera” e oggi pongono la loro firma sotto il film d’animazione “Gatta Cenerentola”, di cui Sansone è anche regista. «Sono cose che accadono» ha affermato Sansone, parlando del rapporto tra la musica e il cinema. «Parte della mia vita è legata all’immagine e al disegno, porto con me queste due anime da che ero bambino: la musica, e quindi scrivere canzoni, e disegnare. Ho lavorato a livello professionale nei fumetti per tanti anni, poi ho preso una via comunicativamente più aperta. Disegnare fumetti è un lavoro molto solitario, mentre il cinema di animazione o il cartone animato o il corto o il videoclip sono lavori di staff che ti tengono più in vita. Sono cose che accadono e che confluisco-

«

Dario Sansone, frontman dei Foja

La musica è un veicolo di idee... che può cambiare il mondo

no: una buona canzone può infettare la scena di un film o viceversa. Quando coincidono in maniera sana e artisticamente valida possono creare qualcosa di più potente». Napoletani che vivono la propria città, rendendola una concreta musa ispiratrice per la propria musica. Non si parla solamente di radici, come fanno tanti altri che sono andati via. Loro sono qui e sono attivi sul loro territorio. Perché? «Per

me stare qui è una scelta naturale. In questa città puoi ammirare più facce di un essere umano, nei suoi lati più oscuri o nelle sue gesta nobili. Per un artista è fondamentale perché ti mette nella condizione di poter raccontare, di leggere storie di tutti: un continuo bacino di ispirazioni». Proiettato a Nisida, nel carcere minorile, il film “Gatta Cenerentola” ha rappresentato un momento di unione tra la scolaresca presente e

alcuni dei d et e n u t i . L’arte, rappresentata dalla musica e dall’animazione, è stato uno strumento di coesione sociale. «La musica è un grande veicolo» ha detto il frontman dei Foja, in quel caso presente in qualità di musicista per la colonna sonora e di regista per il film, «come ogni opera d’arte che riesce ad aprire le menti, a creare comunione. La musica anche attraverso i concerti riesce a fare uno scambio vivo e reale, un confronto all’interno di una comunità. Se fatta in modo sano e con il cuore aperto è sicuramente un veicolo di idee. Può essere una grandissima ancora di salvataggio per le persone, ci riesce persino con gli artisti che producono musica: è un autoterapia quando butti fuori le cose, quando hai bisogno di comunicare fuori i tuoi problemi, i tuoi pensieri. È un veicolo fortissimo e… può cambiare il mondo». Vivacità, grande talento e poliedricità, sono caratteristiche che ti permettono di spaziare, di essere libero nell’ambito artistico, riuscendo in ogni ambito nel quale ti cimenti. Per essere artisti, a Napoli, ce vo a “Foja”.

MP PORTIERATO E RECEPTION SRLS

P. IVA 04009610611 E-mail: mpportieratoerecepsion@gmail.com Tel. 0823 1502096 / 081 5097679 Team Manager: Franco Leone - Cell. 333 2376040 E-mail: francoleonempportierato@gmail.com Sede Legale: Via Darsena, 81 - 81030 - Castel Volturno (CE) Sede Operativa: Viale Rosemary, 18 - 81030 - Castel Volturno (CE)

24

INFORMARE

|

Ottobre 2017


M USICA

EDUARDO DE CRESCENZO MAESTRO DI JAZZ di Giovanni Iodice | gio-vanni2016@gmail.com

È

autore dei maggiori successi italiani. Un artista poliedrico che, a distanza di anni da “Ancora”, continua a tenere banco e riscuotere successi di pubblico in ogni live. Stiamo parlando di Eduardo De Crescenzo (in foto), che fin da giovanissimo ha incontrato il mondo della musica e si è fatto apprezzare per le sue qualità artistiche. Dalla partecipazione al festival di Sanremo, la strada è stata in ascesa. Album, live e tourneé. Di recente pubblica il lavoro discografico, dal titolo “Essenze Jazz” annunciato dallo stesso autore come «bisogno di ritrovare l’essenza dell’emozione, la ricerca di un suono che potesse rappresentarlo oggi e rappresentare il suo cammino artistico». De Crescenzo, un artista dalla personalità talentuosa ed eclettica, ha presentato in anteprima il progetto nel 2012, al “Blue Note” di Milano per poi spostarsi a Roma, alla “Casa del Jazz” e a Napoli al “Teatro San Carlo”. Ed è proprio dell’”Essenze Jazz”, del suo modo di concepire la musica jazz ed altro di cui il Maestro ci ha parlato. Maestro De Crescenzo quest’anno lei sarà nuovamente impegnato in Teatro con l’“Essenze Jazz”, che in questi anni ha riscosso consensi di

pubblico. “Essenze Jazz” è anche il titolo dell’album pubblicato nel 2013. Ce ne vuole parlare? «Essenze è una riflessione musicale, quasi una biografia del mio cammino artistico e della mia carriera. Un progetto che ripercorre i brani più significativi ma anche i passaggi musicali che hanno caratterizzato il mio suono, o la mia forma espressiva più vera che è “il concerto”». Nel corso del tempo, il tour “Essenze Jazz” è stato “ospite” in festival musicali e teatri importanti. Sembra che oggi il jazz venga sempre più apprezzato rispetto al passato anche dalle giovani generazioni. E nelle città d’Italia sempre più sono i festival che vengono promossi. Secondo lei perché si viene “attratti” da questo genere musicale? «Essenze racchiude tutti i miei percorsi musicali: la musica classica, il jazz, il mediterraneo. Non ho mai percepito la musica attraverso le “etichette” che significano poco per le orecchie di un musicista. La musica è un linguaggio in grado di esprimere la nostra personalità, i nostri sentimenti, la nostra cultura». Lei è un cantante, compositore, interprete e fisarmonicista. Viene descritto come un autore che non ama molto la luce dei riflettori. Qual è

la sua fonte di ispirazione musicale? «Io amo fare concerti, è la mia forma espressiva eletta. Se i riflettori sono quelli del palco allora posso dire che li amo molto. Se, invece, per “riflettori” si intendono le occasioni rosa o mondane o qualsiasi pretesto perchè il proprio nome appaia, allora mi sento di dire che non li amo affatto. La mia fonte di ispirazione è la vita di ogni giorno, la vita vera». I suoi sono successi musicali che ancora oggi vengono ascoltati e preferiti. Cosa pensa della scena musicale dei giovani d’oggi? E la sua opinione riguardo ai “Talent Show”? «La scena musicale ci offre poco di interessante da almeno 20 anni. Cover, imitazioni, déjà-vu ... imperversano ovunque, anche nei talent. Come tutti, aspetto di sentire nuove emozioni». Oltre a proseguire la tourneé con “Essenze Jazz”, sta già lavorando a qualche altro progetto? «Per un musicista la musica è un lavorio quotidiano. Ogni giorno c’è una nuova scoperta, una nuova conquista, una nuova meta da raggiungere. Poi, arriva il giorno in cui senti che ti farebbe piacere condividerle con il pubblico attraverso un disco, un concerto».

LAD

Laboratorio Analitico Domizio S.a.s. CHIMICA CLINICA - IMMUNOMETRIA ALLERGOLOGIA MICROBIOLOGIA MEDICINA DEL LAVORO

Via Domitiana, 634 81030 - Castel Volturno (CE) LOCALITÁ ISCHITELLA

TEL: 081 5099135 EMAIL: farmaciaischitella@virgilio.it FARMACIA ISCHITELLA DOTT. FULVIO TROVATO #CHIEDILOALTUOFARMACISTA

Tel/Fax: 0823 852796 E-mail: laboratoriolad@libero.it Via Domitiana km 32,400 81030 - Castel Voltuno (CE)

Ottobre 2017

|

INFORMARE

25


A favore della legalità e dell’ambiente Raccolta, trasporto e smaltimento/recupero di tutti i rifiuti speciali e pericolosi Gestione impianti trattamento rifiuti Disinfestazione, derattizzazione e disinfezione Sistema di videoispezione di condotte fognarie Bonifiche ambientali Intermediazioni Consulenza ambientale

Le aziende del Gruppo Ucciero sono certificate per la Qualità secondo ISO 9001:2008 e per la Gestione Ambientale ISO 14001:2004

www.gruppoucciero.com info@gruppoucciero.com

SP 333 ex SS 264 Km. 3.100 - 81030 - Castel Volturno (CE) Tel. 0823 764384 - 0823 766607 | Fax 0823 764412


A MBIENTE

RIFIUTI, CHE FARE? Gli indispensabili impianti di trattamento dei rifiuti organici di Giancarlo Chiavazzo | Responsabile Scientifico Legambiente Campania

S

emplicemente, sarebbe il caso di imitare quello che avviene in natura e cioè “non buttare via nulla”, riciclare ogni materiale in modo da poterlo rimetterlo in circolo, in cicli di utilizzo, dismissione, disgregazione, riorganizzazione e di nuovo utilizzo. Ecco perché da qualche anno la cosiddetta “economia circolare” è entrata a far parte a pieno titolo nelle agende della politica internazionale, comunitaria e nazionale. Presupposto indispensabile alla nostra sopravvivenza è dunque riuscire a rigenerare tutto o quasi ciò che non ci serve più, ciò che per noi ora costituisce un rifiuto. A tal riguardo, la Campania è in generale in ritardo nella realizzazione delle infrastrutture e cioè l’impiantistica per la gestione del ciclo dei rifiuti, come anche sul fronte organizzativo-gestionale riformato di recente (LR 14/2016), non si può dire le cose stiano messe meglio. Tra i ritardi, quello più critico riguarda il soddisfacimento del fabbisogno di impianti deputati al trattamento della più abbondante e reattiva delle componenti dei rifiuti che ogni giorno le famiglie producono: la cosiddetta “frazione organica” o “umido”, cioè i residui di cibo o preparazioni alimentari e le frazioni assimilabili, come la carta per alimenti sporca di residui alimentari. Un bel passo in avanti lo abbiamo fatto nel riuscire ad incrementare la capacità di raccogliere l’organico in maniera differenziata, cioè selezionato in modo che non contenga materiali di diversa natura (plastica, metallo, vetro, ecc). Tuttavia, senza disporre di impianti che possano trattarlo siamo costretti a mandarlo in altre regioni sobbarcandoci notevoli costi aggiuntivi, oltre che perdere notevoli opportunità di sviluppo economico e oc-

cupazionale. D’altra parte, uno dei tre capisaldi della condanna inflittaci dalla Corte di Giustizia Europea per il mancato rispetto della Direttiva Comunitaria sui Rifiuti, che ci costa ben 40.000€ al giorno, è proprio connesso alla mancanza degli impianti per il trattamento dell’organico proveniente dalla raccolta differenziata. Per colmare il deficit di impianti per l’organico non vi è dubbio dunque che si debba procedere nei tempi più brevi possibili e ricorrere alle migliori pratiche e tecnologie disponibili. “Non c’è bisogno di inventare”, basta guardarsi intorno ed è possibile individuare quello di più performante già disponibile e riproporlo. Una buona dose di semplice ragionevolezza è poi l’ultimo ingrediente necessario a controvertire le sorti. Riguardo alle migliori pratiche disponibili, un aspetto prioritario è sicuramente rappresentato dal prevedere la collocazione degli impianti in aree industriali, in quanto adeguatamente attrezzate per i processi tecnologici, in un sito la cui posizione rispetto ai vari comuni serviti è prossimale ai maggiori flussi di organico da trattare. Quanto invece alle migliori tecnologie e processi, è opportuno che si realizzino impianti di tipo combinato, che cioè utilizzino sia il processo

aerobico (più noto come compostaggio) che quello anaerobico, in modo da ottenere le migliori performance dal punto di vista del consumo energetico (produzione di energia elettrica, termica, biometano) e dei prodotti finali (ammendante compostato utile alla concimazione organica dei suoli). Sempre in merito, altro aspetto di primaria importanza strutturale è la previsione del totale confinamento dell’impianto al fine di garantire che tutte le fasi suscettibili di determinare la dispersione di miasmi avvengano in depressione e i flussi all’esterno siano preventivamente filtrati. Quello dei miasmi è purtroppo tra i più ricorrenti problemi percepiti nonché fonte di ricorrenti contrasti sociali. D’altra parte, si deve riconoscere che la diffusa diffidenza nei confronti di questi (ed altri impianti), pensando ai misfatti causati dalle Pubbliche Amministrazioni nell’emblematico quindicennio dell’emergenza rifiuti in Campania, non sia affatto infondata. Oggi, tuttavia, proprio noi cittadini abbiamo la possibilità di vincere la grande battaglia di civiltà che ci si prospetta dinanzi, agendo con responsabilità ed impegno civico al fine di assicurare che siano finalmente poste le condizioni per uno sviluppo del territorio che non pregiudichi la prospettiva di generare benessere e qualità ambientale. Lo potremo fare evitando di opporre preordinati “NO” alla realizzazione degli impianti che sono necessari, ma piuttosto, nel nostro interesse, monitorando e partecipando alle scelte in modo che le stesse siano in grado di assicurare la migliore realizzazione degli impianti. Alle Pubbliche Amministrazioni spetterà il compito di riguadagnarsi la credibilità persa, operando con trasparenza e coerenza per il benessere della comunità.

Edicola - Cartoleria - Libri scolastici di Piantadosi Grazia

Tel. 081 19841204 Cell. 366 4804401 | E-mail: piantadosi.1990@gmail.com Viale delle mimose, 50 - Località Pinetamare - Castel Volturno (CE)

Fotocopie - Fax - E-mail - Stampe Gadget - Auguri card - Ticket bus Money Transfer - Ricariche PostePay Ricariche Telefoniche - Pagamento Utenze Tel. 081 5094053 | E-mail: edicolerr@gmail.com Viale degli Oleandri, 59 - Pinetamare - 81030 - Castel Volturno (CE)

Ottobre 2017

|

INFORMARE

27


LA GIOVENTÙ AI GIOVANI Alessandra Clemente e i luoghi del recupero di Savio De Marco | saldem4@gmail.com

L

’assessore alle politiche giovanili del comune di Napoli è sicuramente uno dei volti più rappresentativi della valorizzazione culturale che sta investendo la nostra città. Sono tante le iniziative che vedono protagonista Alessandra Clemente (in foto), tutte incentrate sul recupero e sul positivo utilizzo di questa fascia cittadina: i giovani. Il più delle volte dimenticati, sfavoriti rispetto a fasce dirigenziali egoiste che temono l’energia derivante dalla vivacità e dalle nuove idee, i giovani napoletani sono pronti a ridisegnare il proprio riscatto.

LA QUESTIONE “PERIFERIE” Non sempre i giovani sono mossi da una coscienza sociale che li spinge ad attivarsi in favore della società civile. Talvolta devono affrontare limiti geografici e sociologici che attraversano il confine segnato dalle periferie/ghetto di cui la nostra città è tutt’altro che sprovvista. «Non c’è campagna elettorale che non si professi favorevole alla valorizzazione e alla ricostruzione delle periferie» ha affermato Alessandra Clemente, riferendosi ad uno dei punti forti della campagna elettorale DemA dello scorso anno. «Prima dell’ultima campagna abbiamo fatto in modo che ripartissero i servizi in aiuto delle periferie. Sono cose normali e noi non intendiamo farle passare per eccezionali, ma sono il punto di partenza dei lavori che stiamo attuando. Quando attiviamo i fondi per le universiadi

vuol dire che con questi lavoreremo sulle strutture di Fuorigrotta, Ponticelli. Grande esempio è senza dubbio l’abbattimento delle vele programmato dal Comune di Napoli e dal governo nazionale». Periferie, non solo geografiche ma sociali, che appartengono a tutte le metropoli, Napoli inclusa. «Le politiche giovanili ci hanno insegnato che i giovani non sono un problema, ma una risorsa. Anche qui, in queste zone, dobbiamo parlare di “nuove centralità”. Per quanto mi riguarda il momento dove combattere è quello dell’infanzia con l’arma della cultura. Questa ha bisogno di dipendenti pubblici, di strutture, luoghi che non siano progettati per pochi anni ma di investimenti coraggiosi».

NISIDA, LA RISCOPERTA DELLA GIOVENTÙ L’energia dei giovani arriva anche dalle fasi di recupero che avvengono in strutture che possono sembrare “isolanti”. Strutture come il carcere di Nisida. «Le condizioni di povertà culturale, ma anche materiale, in cui questi giovani vengono al mondo gli nega il diritto di essere bambini. Nisida è un luogo che con il suo percorso educativo fa scoprire a queste persone di essere in realtà dei ragazzi - ha affermato la Clemente - Per cui questo luogo che può sembrare così isolante in realtà li isola dalla negazione della loro gioventù. Sono ragazzi che hanno scoperto una propria attitudine all’interno

della condotta criminale, a Nisida, invece, scoprono di essere bravi anche in altro. Sono bravi a fare la pizza, per esempio, sono bravi a fare i muratori, perché si attivano all’interno dei laboratori di muratura che avvengono nel carcere. Il tempo, paradossalmente, è il migliore amico che hanno in quella struttura: più tempo si trovano lì, più tempo hanno per lavorare su se stessi. Ho il dovere di dire a questi ragazzi che ce la possono fare, perché li ho visti con i miei stessi occhi».

NUOVA VITA PER LA GALLERIA? La galleria Principe di Napoli è un tema caldo, sul quale, però, sembra ci siano novità importanti. «Abbiamo trovato una lettera del 1904 all’interno della quale si descriveva come un luogo di degrado. Siamo al 20% di un progetto di valorizzazione urbana di quel luogo Questo processo di rigenerazione si muove su tre assi principali: il primo infrastrutturale, in parte pubblica e in parte privato, il secondo di recupero dei locali della galleria, poichè il Comune di Napoli negli anni ‘90 aveva reso la galleria il proprio deposito, che riassegneremo con un bando per dare vita ad attività artigianali con un progetto di natura e valore culturale. Il terzo punto riguarda una rete di enti creata ad hoc così da non lasciare solo il comune: con questo collaborano l’Accademia di belle arti, il conservatorio di San Pietro a Majella, la facoltà di architettura e l’ANPI con cui abbiamo previsto un museo delle quattro giornate di Napoli».

Officina Meccanica

Bramauto

ASSISTENZA E MANUTENZIONE • Caldaie e Climatizzatori • Bruciatori Gas e Petrolio • Stufe a Pellet • Pannelli Solari

di Angelo Maione

VENDITA AUTO IMPIANTI GPL E METANO DIAGNOSI ELETTRONICA MONTAGGIO GANCI TRAINO

Tel. 081 5094016 | Cell. 347 5948266 Via Siracusa (in fondo al viale) - 81030 Castel Volturno (CE)

28

INFORMARE

|

Ottobre 2017

Azienda abilitata legge 37/08

www.royalimpianti.com

REALIZZAZIONE • Impianti Elettrici • Impianti Idraulici

Tel. 345 9606834 - Cell. 366 7057707 E-mail: info@royalimpianti.com Via Livorno, 31 - 81030 - Castel Volturno (CE)


A TTUALITÀ SVILUPPO DELL’INGEGNERIA FERROVIARIA L'Italferr apre una porta nel Sud Italia di Chiara Arciprete | chiara_arciprete@hotmail.it

Riccardo Maria Monti, presidente Italferr

I

talferr S.p.A., è una società d’ingegneria del Gruppo FS Ferrovie dello Stato Italiane, fondata a Roma il 25 ottobre del 1984 con la finalità di progettare, realizzare e coordinare interventi infrastrutturali e tecnologici di nuove linee ad alta velocità. Vanta un ruolo primario nel campo dell’ingegneria dei trasporti e da oltre trent’anni è diretta promotrice dell’eccellente ingegneria ferroviaria italiana sul mercato nazionale ed internazionale. Lo scorso 6 giugno è stata aperta una porta dell’alta velocità al Sud, precisamente ad Afragola che si candida ad essere il punto ferroviario di riferimento nella città metropolitana di Napoli con l’attivazione di moderni impianti tecnologici. Da agosto 2016, il Presidente di Italferr S.p.A è il dott. Riccardo Maria Monti che, per oltre un anno, è stato anche consigliere per l’Interna-

zionalizzazione del Ministro dello Sviluppo Economico, Infrastrutture e Trasporti Corrado Passera. Dopo una profonda esperienza in ambito manageriale, come si è preparato per prendere le redini della presidenza in Italferr? «Il ruolo di presidente di Italferr è molto orientato allo sviluppo internazionale. Direi che è stata un’evoluzione abbastanza naturale avendo svolto attività professionali in tutto il mondo per molti anni, ed inoltre per quattro anni sono stato il presidente dell’Istituto Commercio Estero. Italferr oggi è attiva in 25 paesi del mondo ed ha ambizione di continuare a crescere nei 5 continenti e quindi è evidente che è molto importante avere una conoscenza dei mercati, degli interlocutori e di come un’azienda deve crescere all’estero». Quali sono le previsioni di crescita dell’azienda? «Il trasporto ferroviario in questo

momento prevede una grande crescita: è trainato da fattori oggettivi megatrend, come ad esempio l’urbanizzazione che si diffonde in tutto il mondo con la creazione di poli urbani che impongono al loro interno di fluidificare i flussi di traffico e di ridurre l’inquinamento. L’azienda sta crescendo grazie alla tecnologia e alla disponibilità di risorse da parte della Finanziaria Internazionale. Tutto questo fa sì che il business di Italferr contribuisce alla crescita, sia come azienda, sia come testa di ponte di gruppo ferrovie in giro per il mondo». La realizzazione del nodo di Napoli ha promosso l’immagine infrastrutturale campana nel mondo? «Napoli sta rapidamente lanciando il porto e dal punto di vista ferroviario tra la stazione di Napoli e quella di Afragola ha avuto un importante miglioramento. Inoltre, con il potenziamento delle linee locali e con il lavoro realizzato in questi anni anche dalla Regione, possiamo dire che Napoli è un’eccellenza sotto il punto di vista per le infrastrutture dei trasporti». Qual è il suo concetto di imprenditoria? «L’imprenditore è una persona che ha coraggio ed ha una grande attenzione verso i suoi collaboratori perché l’occupazione e la ricchezza la creano le imprese e i grandi imprenditori. L’imprenditore è una persona che capisce il mondo circostante, e in questa epoca guarda oltre il proprio territorio, oltre il proprio paese, e soprattutto guarda oltre il proprio

prodotto». Come possono l’impresa e le politiche locali e di governo influire sull’imprenditoria del Sud? «Troppo spesso viene ignorato e sottaciuto l’elemento demografico: ci troviamo verso questa corsa contro il tempo con l’invecchiamento proporzionale e con la partenza di tantissimi giovani. Si rischia di arrivare ad un punto di non ritorno. Il Sud deve ripartire e creare opportunità di sviluppo e lavoro per i giovani prima che lo svuotamento di risorse diventi irreversibile. Credo che l’Italia stia drammaticamente sottovalutando a livello generale la situazione demografica e nel Sud la situazione è molto più critica essendoci poco opportunità di lavoro». Che rapporto la lega a Napoli? «Io pur avendo viaggiato tantissimo e vissuto per molto tempo all’estero, spesso dico che si può stare bene in tanti posti, ma ci si può sentire a casa solo a Napoli. Qui ho un legame fisico, affettivo e anche ideologico perché è una scelta profonda di rimanere radicato e ancorato a questa città». Quali saranno le novità per il 2018? «Le cose quasi sempre succedono in maniera del tutto estemporanea: le novità e le sorprese sono tali che uno non si riesce a prevederle. Nel 2018 vedo un Italia in accelerata e potremmo dare un’importantissima svolta di attenzione verso il sud e finalmente farla ritornare al centro dell’agenda. Infatti ci saranno progetti concreti che cominceranno anche a dare dei risultati».

CONVENZIONATO SERVIZIO SANITARIO

Presso il nostro store puoi trovare prodotti: PROTEICI A-PROTEICI BIO VEGAN INTEGRALI DIABETICI

Cell. 366 2652931 | Tel. 0823 1878451 E-mail msgcastelvolturno@libero.it | www.castelvolturno.mondosenzaglutine.it Viale degli Oleandri, 12 - Località Pinetamare - 81030 - Castel Volturno (CE)

Ottobre 2017

|

INFORMARE

29


E VENTI

C ULTURA

AMARE LE DIFFERENZE

IL SENTIERO DEGLI DEI Un viaggio attraverso la Costiera Amalfitana

Napoli incontra l’Oriente alla mostra d’Oltremare

di Alessia Giocondo | alessia.giocondo@gmail.com

di Mara Parretta | Foto di Carmine Colurcio

A

volte, per immergersi in un mondo completamente diverso e opposto rispetto al nostro, non servono aerei e lunghi viaggi. È il caso del Festival dell’Oriente, recente kermesse napoletana interamente incentrata sulla scoperta delle tradizioni dei Paesi orientali. Rispetto alle precedenti edizioni, maggiore spazio all’interattività. Non basta osservare, per incontrare e conoscere l’altra parte del mondo, bisogna interagire con essa. Così ogni visitatore può provare la meditazione, la cerimonia del tè, può essere seguito da esperti per la cura e la manutenzione di bonsai, può assaggiare prodotti, alimenti tipici, spezie e provare creme. Anche se i momenti che colpiscono di più sono gli spettacoli e le esibizioni. Tra questi, la “Danza Uighur” per noi “Danza delle Ciotole” caratterizzate da passi, salti e giravolte con ciotole sulla testa, oppure la “Danza Bhangra” che coinvolge per il ritmo vivace e di festa, tipica indiana e pakistana perché in questi luoghi i contadini festeggiano in questo modo l’arrivo della primavera e soprattutto il “contorsionismo mongolo” che impressiona e lascia davvero a bocca aperta. Così, per due week-end consecutivi, l’Oriente si è in parte trasfe-

rito a Napoli attirando ed attratto per culture e tradizioni. All’interno della mostra, il festival dei colori, l’HOLI, che ormai da qualche anno sta spopolando in Occidente; lo Schiuma Party, emblema del divertimento giovanile ed il Festival delle Arti Marziali che dimostra quanto le tradizioni orientali si stanno mescolando e integrando alle nostre. Dopo aver assistito a cerimonie e dimostrazioni tipiche orientali, praticato yoga, meditazione zen e provato gastronomia tipica dell’Oriente, ci si rende conto di come il Festival apra la mente a nuove prospettive. Non esistono culture giuste o sbagliate. Esistono culture e culture, risultato di tradizioni, storia e geografia completamente diverse. E se dell’Oriente noi Occidentali non potremmo mai accettare la cucina e la gastronomia, bisognerebbe guardare con occhi meno critici alle altre attività. Come lo yoga, la meditazione, i rimedi naturali. Lo scopo del festival è proprio questo. Quello di interagire sempre più con nuove culture, conoscerle per eliminare tutti i pregiudizi nei loro confronti. In tal modo non solo si ampliano le conoscenze, ma cesseranno l’odio, il razzismo e le discriminazioni verso il diverso. Insomma, si impara ad “amare le differenze” perché, si sa, l’Oriente non è più così lontano.

SUPERCARNI

I

l Sentiero degli Dei è il percorso trekking più famoso della Costiera Amalfitana. Si parte da Agerola per poi arrivare a Positano, passando per Nocelle, il piccolo e caratteristico borgo che accoglie e ristora gli avventurieri: qui vari acquafrescai, tra i mestieri più antichi di Napoli, mettono a disposizione granite al limone “sfusato”, tipico della Costa d’Amalfi. Si tratta di un piccolo viaggio attraverso i Monti Lattari che, come ogni viaggio che si rispetti, arricchisce l’animo e rende più leggere le menti. Il cammino è di circa 10 km: le sue viste mozzafiato regalano emozioni uniche. Italo Calvino lo descrive come “quella strada sospesa sul magico golfo della Sirene, solcato ancora oggi dalla memoria e dal mito”. Andando indietro nel tempo e ripercorrendo la storia, quello che oggi è uno dei paesaggi italiani più invidiati al mondo, un tempo rappresentava lo scenario di numerose battaglie navali tra gli antichi gruppi etnici di Greci e Romani, nonché zona di passaggio per i commercianti. «Si chiama Sentiero degli Dei spiega Paola, guida turistica dell’Associazione Culturale Archèia - perché le viste sono degne di questi ultimi. Sia gli dei che gli esseri umani,

VIVAI E PIANTE

da TONINO

di Franco Maddalena & Co.

Fornitura e manutenzione del verde pubblico; potatura e taglio piante alto fusto e bosco; trasporto e facchinaggio; diserbo chimico e tradizionale; ingegneria naturalistica; progettazione paesaggistica; impianti di irrigazione; impresa di pulizia; lavori edili.

TROVERAI CARNI A PREZZI VANTAGGIOSI

Tel: 0823 763911 E-mail: volturno.carni@libero.it Via Castrimaris, 17 81030 - Castel Volturno (CE) LOCALITÁ SCATOZZA

30

INFORMARE

|

Ottobre 2017

Tel. 081 7101493 | E-mail: interflora@tin.it Via 25 Aprile, 2 - 80017 - Melito (NA)


E VENTI

QUATTRO ZAMPE IN FIERA L'evento dedicato ai migliori amici dell'uomo

si racconta, erano soliti venire qui ad ascoltare il canto ammaliante delle Sirene». Un posto magico dove la fantasia prende il sopravvento, dove mare e cielo si fondono. Un luogo che rende fieri della propria terra e stupisce delle bellezze che può offrire. Giungere a Positano non solo è sentito come l’arrivo di Ulisse ad Itaca ma è anche un ritorno agli anni 50’. Ti senti a metà turista, a metà a casa: l’atmosfera è ancora quella associata agli anni della “dolce vita”. Una sensazione che non ha niente a che vedere con la fatica ed il sudore provati poco prima, che hanno fatto di te un viandante e, a tratti, un temerario, specie nei punti del percorso più critici. La difficoltà del sentiero non è infatti da sottovalutare: frequenti sono i dislivelli e le vertigini che potrebbero causare i panorami a picco sul mare. C’è da dire, tuttavia, che sono fattori secondari rispetto alla bellezza dalla quale si è circondati: Capri ed i suoi faraglioni accompagnano costantemente sullo sfondo, in lontananza. Anche le rocce che costituiscono la Costiera hanno una propria storia: racchiudono in sé le tracce di un mare che le ha corrose, dandogli forma ed aspetto come fossero state scolpite.

di Maria Grazia Scrima | scrima.mariagrazia@gmail.com

L

o scorso mese la Mostra d’Oltremare di Napoli ha ospitato “Quattro Zampe in Fiera” una manifestazione di settore dove sono ammessi cani e gatti. È impegnata a migliorare il rapporto uomo-animale domestico. Scegliere la razza del proprio animale a quattro zampe è importante, in base alla nostra personalità e al nostro stile di vita. Alla fiera abbiamo trovato esemplari di razze feline e canine, che sono stati impegnati con attività sportive e ricreative come: Dog Agility, Disc Dog, Acqua e Splash Dog, percorsi educativi, Attivazione mentale, Rally obedience, Socializzazione e molte altre. La manifestazione è nata cinque anni fa e, con l’organizzazione Tema Fiere, “Quattro Zampe in Fiera” è un grande evento che permette ai padroni di divertirsi e conoscere meglio i propri animali. Organizzatrici dell'evento sono Stefano Lamberti e Alessandra Aspesi, la quale ci ha raccontato la storia della manifestazione, nata a Milano nel 2013 e, successivamente, si è estesa in molte città d’Italia ed è presente a Napoli dal 2014. «La manifestazione è nata per avvicinare il pubblico proprietario di cani e gatti a un mondo che vive in casa abitualmente - ha affermato Alessandra Nel 2013 c’erano solo le esposizioni cinofile feline, quindi noi abbiamo aperto le porte a questo mon-

TABACCHI AVENIA

Dal 1955

do a chi ha un cane non di razza, infatti abbiamo organizzato una sfida amatoriale dove possono sfilare tutti, senza avere pedigree. Mettiamo a disposizione educatori, veterinari, comportamentalisti che aiutano i proprietari di cani a capire come vogliono vivere il loro rapporto». Presente alla fiera anche Adrian Stoica, campione europeo di Disc Dog. «La mia passione per il disc dog nasce per caso, quando facevo agility e lo pratico da otto anni. La relazione con il cane fa tutto, noi li educhiamo attraverso il gioco, che è la parte più importante». Testimonial della fiera è stato Luca Sepe, speaker radiofonico di KissKiss Napoli. «Tutto nasce dall’amore per gli amici pelosi. Da sempre ho avuto animali domestici in casa – ci dice Luca - credo sia opportuno sensibilizzare le persone alla conoscenza di cose che sembrano scontate ma non lo sono. Girando in questa fiera mi sono reso conto che il benessere dei nostri amici a quattro zampe è importante, acculturarsi in merito alla questione è un dovere per chi vuole adottare un animale, avvicinando anche i bambini a questa realtà per farne capire l’importanza». “La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui essa tratta gli animali” M.K. Mahatma Gandhi

SCATOLIFICIO

SERVIZIO BIGLIETTERIA SSC NAPOLI

seguici su Facebook “Tabacchi Avenia”

Tel / Fax: 0823 979201 E-mail: tabacchiavenia.1955@virgilio.it Via Gen. Giardini, 46 - 81034 - Mondragone (CE)

DI ARENELLA FRANCESCO imballaggi e scatole in cartone ondulato | scatole litografate e accoppiate nastro adesivo neutro e personalizzato | accessori per l’imballo

Tel. 0823 1460218 | Cell. 334 8278906 | E-Mail afimballaggi@libero.it Via Domitiana Km. 31.00, 237 - 81030 Castel Volturno (CE)

Ottobre 2017

|

INFORMARE

31


A RTE LA CARRIERA CREATIVA DI UN RETOUCHER di Maria Grazia Scrima | scrima.mariagrazia@gmail.com

M

artin Benes è un creative retoucher, un ritoccatore di fotografie commerciali che lavora al servizio di clienti internazionali come Samsung, Rai, Renault Sport e Sky. Freelance da più di 17 anni, Martin vive attualmente tra Roma e Cape Town in Sud Africa e parla 5 lingue in modo fluente. Da oltre 10 anni, è impegnato nella formazione del settore creativo con connotati di grande innovazione. Com’è nata la voglia di fare questo lavoro? «Fin da piccolo sognavo di diventare un disegnatore della Walt Disney. Pur coltivando la passione per il disegno, la tecnologia mi ha catturato e mi sono avvicinato al mondo del web e di programmi di grafica come Photoshop e After Effects, che mi permettevano di creare animazioni e dare vita alla mia creatività. Mi sono poi formato nell’ambito dell’architettura, precisamente in quello del disegno industriale, ma l’università che frequentavo non offriva agli studenti la strumentazione adeguata. Decisi di fare un corso di grafica 3D e le nozioni apprese mi diedero un vantaggio competitivo nella ricerca del lavoro. Con lo sviluppo delle tecnologie digitali, nel mio lavoro è subentrato negli anni il fotoritocco, che ho approfondito per la curiosità di poter dare espressione alle mie idee senza necessariamente saper disegnare. A seguito di questa mia esperienza, credo fortemente

che ognuno debba specializzarsi in un determinato settore». Cos’è che fa la differenza per un fotoritoccatore? «La cultura verso l’immagine e la comunicazione. Ci sono grafici che fanno immagini belle ma che non comunicano niente; quelli bravi creano immagini che comunicano e colpiscono le emozioni». Perché ritoccare un’immagine e non eseguirne nuovamente lo scatto? «Organizzare lo shooting ha dei costi elevati, per questo bisogna pensare bene alla pre-produzione. Oggi come oggi nessuna foto esce perfetta dalla macchina fotografica. Il ritocco fotografico è una sorta di sviluppo dell’immagine. Gli standard visivi a cui siamo abituati nel settore commerciale sono estremamente elevati e il fotoritocco è parte integrante di questo processo». Pensi che la grafica 3D supererà la fotografia? «Non credo, la fotografia non verrà sostituita anche se è già stata affiancata da altri settori come questo. Il 3D artist avrà sempre bisogno di reference fotografiche o illustrate. Sono due settori che possono esistere insieme e camminare uniti. È certo però che il 3D è sempre più diffuso e ha usi ben specifici che la fotografia difficilmente potrebbe ricoprire». Qual è il tuo sogno? «Il mio sogno è quello di riuscire rivoluzionare il campo della formazione accademica, in quanto

Martin Benes penso che quella attuale, sia superata e non delle migliori. Con circa 18 anni di esperienza nel mondo della comunicazione visiva, posso affermare che esistono giovani potenzialmente più in gamba di me e che, accedendo alla giusta formazione e avendo i giusti mentori, potrebbero davvero decollare in pochissimo tempo».

IL DEMONE DEL FRASTUONO Il caos esistenziale nell’opera di Umberto Riccelli

U

n urlo che sembra stagliarsi dal fondo della tela su cui è impresso e chiedere aiuto, nella sua forte violenza espressiva, denunciando ciò esso stesso rappresenta: quel rumore eccessivo che quotidianamente siamo costretti a subire in una routine caratterizzata da vocioni di prepotenza o da un’orchestra di clacson urbani sempre più assordanti. Si possono cogliere molte sfumature di disagio esistenziale nel Demone del frastuono di Umberto Riccelli, ed è questa la sua grandezza. Ce lo conferma l’artista, che definisce con chiarezza la propria opera: «È il fragore casuale che ti colpisce, è disperazione che aleggia. Il demone è il culmine. Del frastuono, è disperazione. È tormento, ma è soprattutto cognizione. Lo scorgi tra un rumore assordante ed uno sordo. Sento un gran chiasso. È la sindrome da frastuono, stato ipnotico di creature sintonizzate e marcianti. Non c’è pazzia né dolore, ma assenza. Una sorta di convalescenza perenne». Nato a Napoli nel 1980, Umberto è sostanzialmente autodidatta: «Ho sempre disegnato da bambino ispirandomi ai cartoni animati. Mi regalavano scatole di colori. Consumata tutta la gamma del rosso, ne pretendevo ed ottenevo subito un’altra. Anche i fumetti mi stimolavano nel disegno. Verso i 18 anni, poi, ho iniziato con la pittura. Ho frequentato per un anno l’Accademia di Belle

di Teresa Lanna | amoreperlarte82@gmail.com

"Il demone del frastuono" di Umberto Riccelli Arti, poi ho abbandonato gli studi per un po’ di tempo». Chiediamo a Riccelli se l’arte può essere un rifugio dal frastuono del mondo contemporaneo: «L’arte è come un’entità autoimmune; vive in te per se stessa. Noi siamo solo un centro di espressione, un filtro. È l’esigenza fisica di chi la intona». Viene

naturale accostare il Demone al celebre Urlo del pittore norvegese Edvard Munch, realizzato nel 1893. Ma l’artista ci tiene a smentire tale parallelismo: «In molti hanno percepito questa somiglianza, ma in realtà è casuale. Ho abbozzato lo schizzo durante un viaggio in treno - precisa - mi rendo conto che l’essere umano ha una certa smania d’imparentare tutto». Continua, poi, descrivendo il suo Demone: «La creatura umana è confusa, non sa quale sia il suo vero volto. Resta terrorizzata, e per esorcizzare il terrore, materializza le sue paure in ‘demoni’, che finiscono per annidarsi nell’infrasuono, ovvero la parte non udibile dall’orecchio, che, però, viene percepita inconsapevolmente». L’opera non è inserita in un ciclo di dipinti, ma è una creazione unica. «Venne fuori qualcosa del genere circa due anni fa, ma non è assimilabile a questa. La intitolai Conversazione con un demone. Il demone ci rivela a noi stessi, ha urgenza di sé, ma è inerme. Mi piace pensare che Il demone del frastuono si inserisca naturalmente in un ciclo che gli è proprio, e che io preferisco ignorare, perché forse così dev’essere», conclude. Per il futuro, ha le idee chiare: «Una personale mi piacerebbe», afferma. Nel frattempo, non ci resta che aspettare altre opere, augurando all’artista ch’esse nascano sempre in modo casuale, perché è la naturalezza della creazione a rendere l’arte universale. Ottobre 2017

|

INFORMARE

33


Ristorante

La Tortuga di Antonio Del Sole

SALE PER CERIMONIE matrimoni, comunioni, battesimi compleanni, cene aziendali

Via Torre, 2 - 81030 - Castel Volturno (CE) | Tel. 0823 765587 - Cell. 335424868

IRISH PUB STEAK HOUSE RESTAURANT PIZZA GOURMET WINE & AMERICAN BAR

Via Appia Antica, 39 Località Levagnole Mondragone (CE)

Tel. 0823 973332 Fax 0823 973332 Cell. 339 1991912

info@stjustin.it www.stjustin.it StJustin Irish

APERTO TUTTI I GIORNI DALLE ORE 20.00

Supermercato F.lli Quadrano

Viale degli Oleandri, 3 - Località Pinetamare 81030 - Castel Volturno (CE) Tel. 081 5093836

Qualità e cortesia al servizio dei nostri clienti


S TORIA DALL’ASSISTENZIALISMO ALLA PROPAGANDA Società, politica e cultura: la storia delle colonie di Raffaele Gala | raffaele.gala931@gmail.com

ESEMPI OGGI Migliaia sono stati gli esperimenti architettonici per tutta la penisola. Forse il più grande scheletro di cemento abbandonato è quello della “Colonia Marittima Costanzo Ciano”, costruita nel 1937 e progettata da Mario Loreti. Altri, invece, furono abbattuti. Per la mole e la superficie occupata alcune di queste strutture sono state convertite in strutture alberghiere come la “Colonia Marina Fiat Edoardo Agnelli”, progettata da Vittorio Bottino nel 1935. Altro sempio interessante può è la “Colonia Marina XXVIII ottobre” progettata da Clemente Busiri Vici nel 1932. Questa, ricevette enorme interesse da parte della critica; fu un primo esempio di Futurismo Italiano e negli anni 80 venne destinata al “Centro Internazionale Giovani”. La “Colonia Montana IX Maggio” di Torino invece, figlia di Gino levi Montalcini, prese vita nel 1938 ma nel 2006 fu trasformata nel “Villaggio Olimpico” per le olimpiadi invernali.

S

embra lontano il tempo in cui medici, insegnanti e religiosi, si cimentarono nella realizzazione del progetto “socio-sanitario” dedicato all’infanzia ed alla fanciullezza delle colonie ottocentesche. Nate nella prima metà dell’800, volevano essere il luogo in cui i fanciulli potessero sfuggire al caos dell’industrializzazione. In seguito al proliferare di malattie come la tubercolosi, molte colonie venivano definite con il nome di “ospizi curativi”, nei quali i bambini venivano sottoposti a trattamenti sanitari. Solo in Italia, nel 1919 congiuntamente dal Ministero dell’interno e dal Ministero dell’Istruzione, viene menzionata una distinzione definitiva tra la Colonia e l’Ospizio. La prima come luogo di prevenzione affidata ad uno stile di vita sano. Il secondo come luogo di cura. Durante il ventennio fascista la situazione mutò. È indubbio che il regime nei suoi primi anni abbia visto nelle colonie la vera prima forma di manipolazione delle masse. La gestione delle colonie passa dai privati nelle

Crostacei Rosticceria Pesce Verdure Frutti di mare Gelati E tanto altro ancora...

mani del fascio: non a caso si prediligevano l’educazione e la disciplina di tipo militare. Le strutture passarono da un centinaio nel 1926 a circa quattromila nel 1936. Gli ospiti aumentarono da decine di migliaia a centinaia di migliaia e furono divise tra “colonie montane e colonie marine. Si percepisce “lo scopo” oltre “la funzione”.

AL DI LÀ DELL’ARCHITETTURA Prima che agli educatori, per forgiare i giovani fascisti italiani, il compito più importante fu affidato agli architetti. L’architettura aveva il compito di plasmare il paesaggio urbano realizzando luoghi in cui in ogni angolo, in ogni dettaglio, in ogni ambiente si potesse percepire il sunto di un concetto politico-sociale-culturale. Dalle facciate agli ambienti interni, dalle cucine alle camerate per finire agli spazi aperti, ogni cosa era razionale, semplice e di tipico richiamo alla severità ed all’ordine. Per materiali, colori e motivi, qualunque sia l’edificio e se pur differente nella forma plastica, resta in ognuno identica ed indelebile la sua essenza.

CONCLUSIONI Quando ci si affaccia alla scoperta di un periodo storico, gli elementi che vengono fuori sono svariati. Quella Italiana è una delle storie più ricche del mondo. Dall’inizio dell’era industriale abbiamo assistito a trasformazioni in ogni campo e il tema delle colonie è un esempio lampante. Storia, cultura, società, politica, architettura, arte, sanità e psicologia tutte racchiuse in un unico elemento. Pensate con scopi nobili, trasformate in fabbriche di coscienze, abbandonate come materia senz’anima. Da quando lo Stato ha deciso di spogliarsi di quelli che erano i patrimoni inutili, molte di queste strutture sono finite nel dimenticatoio, trascinandosi dietro la storia loro e di chi le ha vissute. Dimenticare è impossibile ma ridestinare (ove possibile) è necessario. Abbattere per restituire alla natura lo spazio che le appartiene, ristrutturare gli edifici più moderni per scopi commerciali e sociali. Per case popolari, ospedali o scuole. Ridare vita ad architetture in letargo latente.

Surgelati & Congelati

Seguici su... Tel. 0823 853245 - E-mail: gamberoblu@alice.it - www.gamberoblu.it

Via Domitiana, 506 - 81030 - Castel Volturno (CE)

CARNI PREGIATE www.masseriapignata.it Tel. & Fax 081 8678979 Cell. 320 0446443 Via Domitiana - Giugliano in Campania (NA)

Ottobre 2017

|

INFORMARE

35


E NOGASTRONOMIA CULTURA E QUALITÀ PER L’OLIO CASERTANO di Antonino Calopresti | calopresti.antonino@libero.it

OLTRE L’AUTISMO Michele Pisano e l’Associazione “Bambini Speciali” di Teresa Lanna | amoreperlarte82@gmail.com

A

l Gran Caffè Margherita di Caserta, Agnese Ginocchio, del Movimento Internazionale della Pace, ha premiato Michele Pisano (in foto), presidente dell’associazione Bambini Speciali di Orta di Atella, “per l’impegno profuso nella promozione di una cultura della disabilità, per la difesa dei diritti dei bambini autistici, dei diversamente abili e l’abbattimento delle barriere architettoniche”. «I “Bambini Speciali” rappresentano per noi tutti un grande esempio di umanità e di speranza: ci insegnano la forza di resistenza che si deve affrontare lungo le intemperie della vita, il valore della solidarietà, della compassione e della condivisione nel portare l’uno il peso dell’altro. Un’importante causa che entra nelle tematiche della cultura della Pace», afferma la Ginocchio. Michele, papà di due bambini autistici, si racconta con gli occhi lucidi ed il coraggio di chi, nel dolore, ha trovato la forza di reagire: «All’inizio volevo scappare di casa, perché non accettavo il problema». Poi qualcosa è cambiato: «La fede mi ha tolto quel velo che mi copriva gli occhi, dandomi la carica per lottare ed andare avanti nel difendere i diritti, non solo dei miei figli, ma di tutti i bambini con disabilità. Padre Enzo, mi fece riflettere e da quel momento ho tirato fuori una forza che neanch’io pensavo di avere». L’associazione Bambini Speciali è nata circa sei anni fa ma i problemi non mancano ed il cammino è ancora lungo: «Nel mio paese mancano servizi per i disabili ed io faccio il possibile per circondarli d’affetto». “Tre cose ci sono rimaste del paradiso: le stelle, i fiori e i bambini”, cita Dante. E noi dobbiamo tutelarli

che tecniche di coltivazione dell’epoca come il “sovescio”, metodo efficace e naturale per fertilizzare il terreno tramite l’azoto di leguminose interrate, che permette di rispettare la filosofia consolidata di attenzione alla natura e all’ambiente nell’intera filiera dell’olio garantendo genuinità e freschezza al prodotto. Grazie al suo spirito e quello di alcuni suoi amici, tra medici e professionisti nati nella terra di Ruviano, è stato rivalorizzato il prodotto riuscendo a sfiorare la DOP ed ottenendo la denominazione di Presidio Slow Food per l’oliva caiazzana, passando da una produzione e lavorazione grossolana ad un livello più fine e salutare per il consumatore. «Seppure orgoglioso di aver ottenuto le due foglie d’oro dal Gambero Rosso, c’è Giovanni Petrazzuoli ancora poca cultura da parte di organismi istituzionali in modo particolare della Cameccellenza nelle Colline Caiatine per ra di Commercio che detiene tutti i dati per fare la produzione dell’olio extra-vergine cultura sull’olio e sulla produzione che esiste in d’oliva con l’Azienda Olivicola Petrazquesta Provincia. Basterebbe poco a preparare zuoli. Sui 70.000 mq coltivati esclupersone specializzate nell’assaggio dell’olio al consivamente ad ulivi, primeggia la qualità “caiaztrario di quanto accade nel mondo del vino - prezana”, che colora e profuma il paesaggio. La sua cisa Petrazzuoli - Inoltre occorre porre maggiore storia risale al 1200 quando il Principe di Capua attenzione sull’aspetto nutritivo e salutistico dello affidò la cura dei propri terreni ad alcuni compostesso, così come già discusso in una conferenza di nenti della famiglia Petra che, con riconosciuta pediatri dove ho riportato importanti dati frutto maestria, iniziò la produzione dell’olio d’oliva. della mia esperienza medica oltre che di produtL’olio dei Petra, rinomato già all’epoca, contritore». Entrato nel mondo Slow Food, ha deciso di buì alla modifica del nome della famiglia, da Pemettersi in gioco fino ad ottenere le due foglie tra in Petra-zzu-Oli, racchiudendo nel nome la del Gambero Rosso con l’inserimento nella guida tradizione olivicola della famiglia per sempre. 2017 degli oli extravergini di oliva d’Italia. Sogno Il dott. Giovanni Petrazzuoli, pediatra, discennel cassetto? «Portare l’azienda ad una buona dente della famiglia, ha recuperato e rilanciato produzione pur nel rispetto della qualità. Questa è la rinomata produzione olearia, adottando antila vera cultura, questa è la vera qualità».

E

CARTA PIÙ

CARTOLIBRERIA

CARTUCCE E INCHIOSTRI PER STAMPATI ORIGINALI E COMPATIBILI VOLANTINI - LOCANDINE MANIFESTI - STRISCIONI STAMPE PER AFFISSIONE

Tel. 081 5095598

Viale degli Oleandri 81030 - Castel Volturno (CE)

Via Rosmary, 5 81030 - Castel Volturno (CE) LOCALITÁ VILLAGGIO COPPOLA

Domenico 333 3427157 - Pasquale 339 7534090

LOCALITÁ PINETAMARE

FREE

VIA NUOVA, 40 - 81030 - CASTEL VOLTURNO (CE) TEL/FAX 0823 765131 - EMAIL carta_piu@alice.it

36

INFORMARE

|

Ottobre 2017


L’ARTE E LA PASSIONE PER LA PASTICCERIA

N

di Emilio Pagliaro | emiliopagliaro82@gmail.com

el tour delle aziende storiche e d’eccellenza, a 50 anni dalla nascita della Pasticceria Lisita, il proprietario, Alfredo Lisita, definisce il punto vendita di via Domiziana a Mondragone come “nave scuola” da cui tutto è partito. Ci può descrivere brevemente questi 50 anni di attività? «L’attività è nata nel 1967 da mio padre, giovane marinaio, che dopo lo sbarco decise di aprire una pasticceria a Mondragone. Spinto dall’arte e la passione pasticcera, creò un piccolo laboratorio sul viale principale con suo padre, i suoi fratelli e sorelle. Ma la crescita e l’evoluzione richiedevano spazi più grandi e nel 1978 creò un laboratorio sulla Domiziana dove ora ci troviamo. Venuto a Alfredo Lisita mancare mio padre, io ed i miei fratelli Alessandro e Carmela abbiamo ereditato la pasticceria e ci siamo ampliati con un nuovo punto vendita nella zona interna di Mondragone, oggi al suo 12° anno di attività. Quest’anno, al 50° di attività, mio figlio Salvatore, erede diretto della Pasticceria, è entrato anche in società Ma il merito del nostro successo è dato anche dai nostri collaboratori, ci sentiamo veramente in una famiglia allargata». In questi anni ha ricevuto riconoscimenti? «Diversi ma ricordo solo il “Premio Internazionale Ercole d’oro”, ossia l’oscar dell’alimentazione, il Diploma “Genuinità” ed il “Premio Progresso Italia – Regione Campania”, l’ultimo riconoscimento ricevuto è l’inserimento nella guida Gambero Rosso». Qual è il prodotto di punta della pasticceria? «Mi piace definire prodotto di punta tutti e nessuno. Cerchiamo di fare tutta la pasticceria classica

GYROTONIC Dalla ginnastica al benessere

di Flavia Trombetta | flaviajaja@virgilio.it

A

napoletana e italiana mettendo il giusto in tutto». Progetti futuri? «Esportare le nostre creazioni in tutta Italia spinto anche dalle richieste dei nostri clienti che vengono da fuori e vorrebbero i nostri prodotti anche nelle loro zone». Richiesta più bizzarra che ti è stata fatta? «Qualche anno fà, su richiesta di un cliente, abbiamo realizzato una torta a forma di bara. Li abbiamo un po’ giocato con il sacro e il profano e ci siamo riusciti, avendo anche un certo riscontro mediatico». La Domenica a pranzo nella casa di un pasticcere cosa si mangia come dolce? «Non c’è una cosa in particolare, personalmente mangio tantissimi dolci, scelgo al banco a caso in base ai tanti prodotti disponibili».

ntonella Iorio (in foto) è una trainer di Gyrotonic e lavora presso il Gyrotonic Regeneration Center di Castel Volturno. Dopo aver partecipato ad un corso durato più di un anno, in Germania consegue l’abilitazione alla pratica di questa nuova forma di ginnastica. «In Italia il Gyrotonic non è ancora molto conosciuto - ci spiega la trainer - mentre in altri paesi europei viene addrittura prescritto dai medici come riabilitazione dopo infortuni». Il Gyrotonic ha varie funzioni, dalla riabilitativa a quella di potenziamento: aiuta a creare spazio tra le articolazioni, permettendo al corpo di stare bene in generale e di riassestare la colonna vertebrale. «Ho fatto tanti anni di danza e grazie a questa disciplina mi sono avvicinata al Gyrotonic come potenziamento» ha raccontato Antonella. «Ho iniziato a praticarlo su me stessa accorgendomi dei benefici. Mi sentivo diversa, elastica e da quel momento ho deciso di insegnarlo per aiutare altre persone che siano atleti o persone affette da problematiche più serie!». Funziona sempre con i pesi, con un sistema di carrucole che permettono un lavoro in sospensione e si differenzia dai macchinari in palestra che, invece, funzionano a trazione. Questo sistema di cavi permette di lavorare esclusivamente sulla muscolatura, allungandola, senza sentire il peso del corpo. «Non va confuso con il pilates perché i movimenti che avvengono sono tridimensionali». Il Gyrotonic è un metodo di allenamento completo e può essere gestito secondo le esigenze. Il corpo lavora in allungamento, ma anche in simmetria e quindi si vanno a correggere gli squilibri posturali.

Siamo aperti dalle ore 8.30 alle 19.30 ORARIO CONTINUO

Seguici su...

Via Domitiana, 270 | Mondragone (CE) | Tel. 0823 973768 Via Vecchia Starza, 34/36 | Mondragone (CE) | Tel. 0823 973962

Cell. 393 4725298 Viale degli Oleandri, 22 - Località Pinetamare - 81030 - Castel Volturno (CE)

Ottobre 2017

|

INFORMARE

37


Dove trovi Informare Il magazine Informare ha una tiratura di 5.000 copie mensili. È possibile ritirarlo presso la nostra redazione in Piazza delle Feste, 19 - Località Pinetamare - Castel Volturno (CE), e nei seguenti punti di distribuzione. Se vuoi diventare un nostro punto di distribuzione puoi contattarci: Tel: 081 335 6649 E-mail: redazione@informareonline.com www.informareonline.com

TEATRO AUGUSTEO

PREMIÈRE CAFÈ

LEOPOLDO INFANTE

REGGIA DI CASERTA

PAN PALAZZO ARTI NAPOLI

PIZZERIA SORBILLO

PAUSA CAFFÈ STORE

CAFFÈ LETTERARI

CASA INFANTE

IL CHIOSCHETTO PIAZZA VANVITELLI

PONTE A MARE

ANTICA CANTINA SEPE

FARMACIA ISCHITELLA

EDICOLA MATACENA CICCARELLI

LIBRERIA IOCISTO

CASERTA

Marcianise

• Bookshop Reggia di Caserta - Viale Douhet

• Edicola Laurenza - Viale della Vittoria, 17

Castel Volturno

Mondragone

• Comune di Castel Volturno - Piazza Annunziata, 1

• Pasticceria Lisita - Via Domiziana, 270

• Biblioteca “Annalisa Durante” - Via Vicaria Vecchia, 23

• Caseificio Ponte a Mare - Via Domitiana, km. 34,070

• Antica Distilleria Petrone - Via Giardino, 49

• Antica Cantina Sepe - Via Vergini, 55 - Rione Sanità

• Ecoparco del Mediterraneo - Via Fiumitello, 2

• St Justin - Via Appia Antica, 39

• Il Chioschetto piante e fiori - Piazza Vanvitelli, 1

• Clinica Pineta Grande - Via Domitiana km 30

• Comune di Mondragone - Viale Margherita

• Bar Crema e Ciccolato - Via Mezzocannone, 13

• Edicola Edicolè - Via degli Oleandri, 59 località Pinetamare

• Tabacchi Avenia - Via Giardino

• Bar Madonna - Via Bartolomeo Caracciolo, 12 - Materdei

• Farmacia Coppola - Via Nuova, 55

• Cartolibreria SP. 2000 - Via Como, 40

• Edicola di Maione Ciro - Piazza dei Martiri

• Caseificio Luise - Via Domitiana KM, 30,500

San Cipriano d’Aversa

• Edicola di Luigi Pisa - Via degli Scipioni, 8

• Farmacia Ischitella - Via Domitiana, 634 • Gambero Blu - Via Domitiana, 506

• Laboratorio Fioravante - Corso Umberto I, 157

Aversa

Sant’Arpino

• Edicola Matacena Ciccarelli - Piazza Municipio - Via Seggio,40

Casal di Principe • Emilio il Pasticciere - Via S. Donato

Capodrise • Edicola Times - Via Retella, 38

Casaluce • Edicola Cartolandia - Via Provinciale, 151

Francolise • Pizzeria Bellavista - Via Vittorio Emanuele, 20

• Gino Ramaglia - Via Broggia, 9/10 • Pausa Caffè Store - Via Maurizio de Vito Piscicelli, 48 • Libreria Vitanova - Viale Gramsci, 19 • Caffè Letterari ABC - Piazza San Domenico Maggiore, 13

• Casa Infante - Via Toledo, 258 - Via Chiaia, 189 - P.zza degli Artisti, 4/5 - Piazza Vanvitelli - Via Benedetto Croce, 47 - Via Carducci, 39 - Via Torino 48, (Milano)

Teverola

• Leopoldo dal 1940 - P.zza degli Artisti 6/7 - Via Chiaia 258/259 - Via Scarlatti, 82 - Via Tribunali 49 - P.zza Carità Via Toledo, 371/372

• Edicola Mangiacapra - Via Saporito

• Caffè Nannì - Via Florimo, 6

Villa Literno

• Cartò System - Via delle Repubbliche Marinare, 329

• Tabaccheria Cimmino - Via martiri Atellani, 153

• Cartolibreria “L. Da Vinci” - Via Cavone Gallinelle, 1

NAPOLI • Pizzeria Sorbillo - Via Tribunali, 38 - Via Parthenope, 1 • Libreria IOCISTO - Via Cimarosa, 20

Casalnuovo di Napoli • Centro estetico benessere Venus - Corso Umberto I, 439

Giugliano in Campania • Première Cafè - Via Ripuaria, 320

• PAN Palazzo Arti Napoli - Via dei Mille, 60

Sant’Antimo

• Teatro Augusteo - Piazzetta Duca D’Aosta 263

• Centro Moscati - Via Galileo Galilei, 54


Unique Golf & Spa

CAMPO DA GOLF 18 BUCHE PAR 71 - CENTRO BENESSERE AMPIE SALE PER MEETING E CERIMONIE - SERVIZIO BANQUETING

WWW.GOLDENTULIPMARINADICASTELLO.COM info@marinadicastelloresort.com Tel. +39 081 5095150 - Fax. +39 081 0176962 Via Domitiana Km 35,300 - 81030 - Castel Volturno (CE)


Alessandro Siani: «Noi napoletani non siamo santi ma dobbiamo fare miracoli tutti i giorni»  

Uomo del Sud, con gli occhi del mare e i riccioli di Maradona. Icona di Napoli, volto consacrato dalla sua città, di cui racconta porto e co...