Page 1

ies Industria e Sviluppo

DALLE TERRITORIALI Firenze ............................................. Confindustria Toscana Sud ... Livorno ............................................ Lucca, Pistoia, Prato ................. Massa Carrara ..............................

48 52 56 58 61

ANNO VII - N. 2 aprile-giugno 2015

trimestrale di informazione, opinione, economia, impresa Confindustria Arezzo, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa Carrara, Prato, Siena

ENERGIA CARLO BECATTI Energia, superare i vecchi modelli ANDREA SUSI

Green economy, la sfida della Toscana TIZIANO PIERETTI Energia e ambiente, industria in pool position


Comunicazione & PubblicitĂ info@mgacomunicazione.it Consulta on-line la rivista, sui siti: www.mgacomunicazione.it www.leatherluxury.it


Wooden Boats srl Unipersonale Via Marco Polo 127/12 - 55049 Viareggio (Lu) - Tel: +39 0584 407057 - Fax. +39 0584 407058 - info@woodenboats.it


Direttore responsabile: Annarosa Pacini apacini@iesindustriaesviluppo.com

SOMMARIO

EDITORIALE

7

Comitato di redazione: Andrea Balestri, Sandro Bonaceto, Antonio Capone, Marcello Gozzi, Massimiliano Musmeci, Umberto Paoletti, Piero Ricci, Claudio Romiti

Conservare l’energia, la sfida del futuro COVER STORY

Coordinatore editoriale: Furio Massi

12 Risorse energetiche: l’Italia punta sui servizi

Redazione: Luisa Angioloni (Arezzo), Simona Bandino (Firenze), Lodovica Lazzerini (Massa Carrara), Ilaria Maraviglia (Lucca), Franco Passarini (Grosseto), Saida Petrelli (Prato), Elena Pozzoli (Livorno)

16 Energia, meno consumi, più risparmio

Hanno collaborato a questo numero: Maurizio Abbati, Mattia Cialini, Nadia Frulli, Giulia Maestrini, Paolo Vannini

20 Energia, superare i vecchi modelli

Impaginazione, grafica e foto: Franco Passarini

24 Green economy, la sfida della Toscana

Direzione e redazione: Confindustria Grosseto, viale Monterosa 196, 58100 Grosseto, redazione@ iesindustriaesviluppo.com

28 Energia e imprese, un rapporto strettissimo

Editore: Assoservizi Toscana Sud Rete d’Imprese. Via Roma, 18 - 52100 Arezzo Stampa: Soluzioni per la Stampa Srl, Corso Carducci 34, Grosseto

32 Energia e ambiente, industria in pool position

Registrazione: Tribunale di Grosseto n. 1/2009 del 26.03.2009 • Gli articoli possono non rispecchiare le posizioni delle Associazioni Industriali e dell’Editore, che li ritengono in ogni caso un contributo sul piano dell’informazione e dell’opinione. Dei contenuti sono responsabili i singoli autori. L’Editore non dovrà essere ritenuto responsabile per errori, omissioni, interruzioni o ritardi legati ai contenuti pubblicati nè per eventuali danni provocati dagli stessi. • È consentita la riproduzione purchè espressamente autorizzata dall’Editore, e con la citazione della fonte. • Non vengono trattati dati personali. L’uso dei dati, temporaneo, è solo a fini giornalistici. • Foto © Assoservizi Toscana Sud Rete d’Imprese. E’ vietato qualunque utilizzo e/o riproduzione, anche parziale, del materiale fotografico contenuto in questa rivista.

PUBBLICITÀ: la raccolta pubblicitaria su tutto il territorio della Toscana per “IES - Industria e Sviluppo” è a cura di: MGA Comunicazione & Pubblicità srl - Via Aretina 167/M Firenze Tel. 055/5275595 - Cel. 349/5941620 e-mail: info@mgacomunicazione.it

36 Energia, un futuro ancora da trovare

40 Vincere la sfida dell’energia

44 Consorzi per l’energia al servizio delle imprese

TERRITORIALI FIRENZE

48

EureKa! Funziona!

52 CONFINDUSTRIA TOSCANA SUD

Servono azioni rivoluzionarie per agganciare la ripresa

LIVORNO

56

Behavior Based Safety

LUCCA PISTOIA PRATO

58

Lucca, Pistoia e Prato: quando l’industria diventa patrimonio di tutti

MASSA CARRARA

61

Un nuovo capitolo per l’economia di Massa Carrara


Bagno a Ripoli - Firenze www.santacaterinaevents.com


EDITORIALE

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 7

Conservare l’energia, la sfida del futuro Dall’energia solare all’eolica, molte le strade aperte ma anche i nodi ancora da sciogliere di Mattia Cialini, giornalista “Arezzonotizie.it”

“H

o assistito a cinque colpi di stato, ma non ho mai avuto realmente paura”. Raffaello Zeghini aveva poco più di vent’anni quando partì la prima volta da Bibbiena (Arezzo), nel 1968. Lasciò il suo Casentino diventando un avventuriero dell’energia: Africa, Oriente, Centro e Nord America. Quarant’anni di peregrinazioni quando il mondo era un posto un po’ più grande: prima che social e voli low cost accorciassero le distanze tra i continenti. “Sono stato quattro decenni fuori dall’Italia e, se potessi – racconta oggi –, partirei di nuovo, all’istante”. Adesso siede dietro una scrivania, quella di Gener-

gy Spa. Una società con sede ad Arezzo che si occupa principalmente di energie rinnovabili. E’ l’ultima sfida di Zeghini, dopo una vita trascorsa al servizio di colossi quali Abb, General Electric, Techint e Alstom. Come si colloca l’Italia nel panorama delle rinnovabili? “Bene, è tra le prime realtà al mondo per produzione di energia solare. Ha anche un grande potenziale, ben sviluppato, per quanto riguarda l’energia idroelettrica. I grandi fiumi sono tutti adeguatamente sfruttati. Sul fronte eolico, invece, sono state perse delle occasioni”. Perché? “L’Italia non è riuscita ad agganciare l’industrializzazione

legata ai campi eolici, altri paesi l’hanno fatto, come la Spagna, ad esempio. I nostri impianti sono un po’ troppo fini a loro stessi. Producono energia senza alimentare direttamente un sito produttivo”. L’Italia potrebbe essere autosufficiente energeticamente? Se sì, perché fette consistenti di energia sono acquistate dall’estero? “L’Italia ha un grande potenziale. Tuttavia quote di energia vengono dall’estero per ragioni economiche: costa meno, specialmente quella di origine nucleare. Molta dell’energia presa dall’estero arriva dalla Francia. Frazioni arrivano anche da Slovacchia o Romania”.

L’Italia ha un tesoro: l’energia solare. Ci sono problemi connessi agli impianti fotovoltaici? “Rispetto alle fonti tradizionali, ma anche quelle idriche, quelle solari o eoliche sono legate al meteo. Il problema principale è quello dell’imprevedibilità delle condizioni. Per chi produce energia, come Enel, il problema principale legato agli impianti fotovoltaici è l’abbassamento di produttività, specialmente nei periodi estivi, quando cala la notte. Per recuperare il picco di energia, dato dalla presenza del sole, devono essere attivate fonti tradizionali. Per il distributore Terna ci sono invece problemi legati all’energia eolica: le produzioni dei


EDITORIALE

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 8

campi eolici sono poco stabili”. In futuro si potranno limare questi problemi? “Non solo in Italia, ma nel mondo, il grande tema è: come conservare l’energia. Ovvero, creare super batterie in cui stoccare e utilizzare l’energia alla bisogna. L’idrogeno potrebbe essere una risposta, ma siamo ancora a una fase di studio”. Che cos’è Genergy esattamente? “La società, originariamente una Srl, è nata in seno all’Associazione degli Industriali della provincia di Arezzo, con l’obiettivo di realizzare investimenti nel settore della produzione di energia elettrica, prevalentemente da fonti energetiche rinnovabili. Progettiamo e realizziamo impianti elettrici, appoggiandoci a imprese esterne, curiamo gli impianti di nostra proprietà. L’energia prodotta viene venduta interamente al gruppo Gse, Gestore per i servizi energetici. Le azioni della società possono essere acquistate da tutti i soci di Confindustria”. Quanti sono gli impianti di Genergy? “Al momento sono cinque: uno fotovoltaico in provincia di Livorno da 1.300 kilowatt e quattro idroelettrici. Di questi ne abbiamo uno in Toscana, in provincia di Arezzo, e tre nelle Marche. Ce ne sono altri due, sempre idroelettrici, in via di completamento in Emilia-Romagna: precisamente a Pianoro, in provincia di Bologna, entrambi con una

potenza 250 kilowatt. Nelle Marche abbiamo un impianto da 400 kilowatt e uno da 50 in provincia di Macerata; un altro da 100 kilowatt è in provincia di Ancona. L’impianto di Arezzo è il primo entrato in funzione, nel 2010. E’ da 50 kilowatt. Infine Genergy ha il 75 per cento di Genergy Sicilia, che dispone di un impianto fotovoltaico da 1 megawatt nell’isola. All’estero ha il 25 per cento di una società egiziana, che si chiama Genergypt”. Un impianto del tutto particolare. “Esatto, si trova in una zona di grande pregio storico e paesaggistico, profondamente legato alla tradizione cristiana: non lontano c’è l’eremo di Camaldoli, la cui comunità monastica, appena tre anni fa, ha celebrato il millenario della fondazione. In questo contesto, tra Soci e Partina, si inserisce l’impianto idroelettrico: sorge in località Villa La Mausolea, legata ai monaci di Camaldoli. Sul versante energetico, c’è anche da registrare la presenza di un piccolo impianto fotovoltaico, di cui Genergy, un tempo, era comproprietaria. La zona di Villa La Mausolea è anche una terra di vino, oltre che di riflessione, preghiera ed energia”. Prima di Genergy c’è stata un’altra vita, durata quasi quarant’anni: dal 1968 al 2007. Una vita lontana dalla sua Bibbiena. Lontana dall’Italia. “Tutto è iniziato nel 1968. Quella di trasferirmi è stata un’opportunità che ho deciso di

Energie rinnovabili: un potenziale per l’Italia che può ancora crescere cogliere al volo. A me, giovane studente, non piaceva il clima di conflitto che si respirava in quegli anni in Italia. Mi offrirono la possibilità di andare a lavorare per un certo periodo in Africa e accettai”. Non è più tornato indietro? “A dire il vero tornai indietro dopo il primo viaggio. Mi ero sposato a Bibbiena e dovevo scegliere: o abbandonare il lavoro, o portare mia moglie con me. Siamo partiti e lei mi ha seguito. E’ sempre stata con me, a parte una breve parentesi. Mio figlio è nato in Costa d’Avorio, mia figlia non è nata in Africa per puro caso”. Quante esperienze diverse ha fatto? “Tante. Principalmente Africa Nera nei primi anni. Poi mi sono spostato nel nord del continente, in Egitto. Da qui è stata la volta degli Emirati Arabi. Negli

L’energia eolica ha perso il treno per l’industrializzazione

ultimi anni mi sono trasferito in America. Ho lavorato molto in Centro e Sud America: Messico e Venezuela. Quindi gli Stati Uniti”. All’epoca non si occupava di energie da fonti rinnovabili? “Lavoravo soprattutto con impianti convenzionali, a vapore o gas. In Africa ho avuto esperienze con impianti idroelettrici. Sono partito come project manager residente, poi sono diventato responsabile di area, incarico che mi ha spinto a viaggiare molto anche all’interno della mia regione di competenza, avendo responsabilità di più impianti. Ho lavorato con compagnie come Abb, General Electric, Techint e Alstom”. Quando è finita la vita da giramondo? “Sono andato in pensione nel 2004, ma ho continuato a fare il consulente. Ho proseguito con gli spostamenti all’estero fino al 2007. Tra tutti i Paesi che ho vissuto ho un ottimo ricordo dell’Iran: fu una bellissima esperienza. Credo che ora sarebbe impossibile vivere lì con la sicurezza di cui ho goduto all’epoca”. Non ha mai dovuto affrontare situazioni critiche nei Paesi che l’hanno ospitata? “Più di una. Sono stato testimone di cinque colpi di stato in Africa, ma non ho mai realmente temuto per la mia incolumità”.


            

     

&RPH )LUHQ]H &DSLWDOH TXHVW·DQQR DQFKH O·$QWLFR)DWWRUHWUDWWRULDVWRULFDLQYLD/DP EHUWHVFDQHOSLHQRFXRUHGL)LUHQ]HFRPSLH  DQQL ,PPDJLQDWHYL QHO  L YLFROL GHO FHQWUR FRVWHOODWL GL WDYHUQH H RVWHULH XQD GL TXHVWH HUD DSSXQWR O·$QWLFR )DWWRUH GL SUR SULHWjWXWW·RUDGDOODVWHVVDIDPLJOLD /·$QWLFR)DWWRUHRͿUHDQFRUDRJJLO·DWPRVIHUD GHOO·DQWLFDWUDWWRULDÀRUHQWLQDFKHÀQGDO IHFHULXQLUHLQWRUQRDOOHVXHWDYRODWHOHIRU]H YLYHGHOOHDUWLHGHOOHOHWWHUH&RPLQFLzDOORUD XQRVWUDRUGLQDULRVRGDOL]LRPHVFRODWRGLOHW WHUDWXUDDUWHSLDWWLJKLRWWLYLQLGHO&KLDQWLH PXVLFD1HOODVWRULDGHOODOHWWHUDWXUDÀRUHQWL QD O·$QWLFR )DWWRUH q VWDWR XQ YHUR FHQDFROR GL ULIHULPHQWR H SURSULR TXL SHU YROHUH GL XQDYRQHOQDFTXHLO3UHPLR/HWWHUDULR $QWLFR )DWWRUH DWWLYR DQFRUD RJJL )LO URXJH GHO3UHPLRqORVYLOXSSRHFRQRPLFRHVRFLDOH GHOWHVVXWRSURGXWWLYRWRVFDQRLQDPELWRHQR JDVWURQRPLFR$GLVSRVL]LRQHGHJOLDYYHQWRUL FLVRQROHRSHUHGHLYLQFLWRULGHO3UHPLRGHJOL XOWLPLDQQLTXHOOHSUHFHGHQWLVRQRFRQVHU YDWHQHOO·$UFKLYLRGHOO·$FFDGHPLDGHL*HUJR ÀOL$OOHSDUHWLFKHSULPDGHOODVWUDJHGL9LD GHL*HUJRÀOLFRQVHUYDYDQRJOLDͿUHVFKLGHJOL DUWLVWL RVSLWL GHOOD WUDWWRULD GHOOH IRWRJUDÀH DQWLFKH YL DLXWHUDQQR D LPPDJLQDUH O·DWPR VIHUD FKH VL UHVSLUDYD DOO·$QWLFR )DWWRUH QHL SULPLGHO1RYHFHQWR /DFHOHEULWjFKHO·$QWLFR)DWWRUHUDJJLXQJHLQ TXHJOL DQQL QRQ IX VROWDQWR SHU OD ULOHYDQ]D

DUWLVWLFD GHO OXRJR  FKH DWWLUz SUHPL 1REHO FRPH(XJHQLR0RQWDOHH6DOYDWRUH4XDVLPR GR  PD DQFKH SHU OH SUHOLEDWH]]H FXOLQDULH FKH SURSRQHYD H SURSRQH DQFRUD OLJLH DOOD WUDGL]LRQHGHOOHDQWLFKHULFHWWHÀRUHQWLQH4XL WURYHUHWHVRORFLERWLSLFRÀRUHQWLQRVRORSUR GRWWLGHOOXRJRHYLQLHVFOXVLYDPHQWHWRVFDQL 6L LQL]LD FRQ JOL DQWLSDVWL IHJDWLQL FURVWRQH GLFDYRORQHURVDOXPLWRVFDQLDFFXUDWDPHQWH VHOH]LRQDWLHIRUPDJJLVHUYLWLFRQPLHOHWDUWX IDWRGL6DQ0LQLDWR7UDLSULPLSLDWWLQRQSR WHYDQR PDQFDUH OH ]XSSH FRPH 5LEROOLWD OD 3DSSDDOSRPRGRURROD&DUDEDFFLD]XSSDGL FLSROOH ÀRUHQWLQD GL RULJLQH ULQDVFLPHQWDOH PDDQFKHODSDVWDULJRURVDPHQWHIUHVFDIDWWD GDOODFXFLQD0HULWDQRXQDPHQ]LRQHVSHFLD OL L 7RUWHOOL 0XJHOODQL L SLFL DOOD %XWWHUD H L VXJKLGHLVHFRQGLXPLGLGLFDFFLDJLRQH´(V VHUHXQDWUDWWRULDVLJQLÀFDDYHUHPDHVWUDQ]D GL FXFLQD VRSUDWWXWWR QHL VHFRQGL XPLGLµ FL VSLHJDQR LO SURSULHWDULR$QJHOR H LO ÀJOLR $OHVVLR4XLQGLHFFRO·RVVREXFRDOOD)LRUHQWL QDOHIUDWWDJOLHLOFLQJKLDOHVWXIDWRDO&KLDQWL LO3HSRVRDOO·,PSUXQHWLQDFRQSROHQWD7XWWH OHULFHWWHVRQRSUHSDUDWHFRQROLRGHO&KLDQWL H WXWWH VL EDVDQR VX ULFHWWH RULJLQDOL WUDPDQ GDWH QHO WHPSR 6DSSLDWH LQROWUH FKH DOO·$Q WLFR )DWWRUH WURYHUHWH VHPSUH OH SULPL]LH GL VWDJLRQHGDOWDUWXIRIUHVFRDLIXQJKLSRUFLQL 8Q GROFH SUHSDUDWR VHFRQGR OD YHUD ULFHWWD FKHWURYHUHWHVRORTXLqOR=XFFRWWRDOOD)LR UHQWLQDSDQGLVSDJQDEDJQDWRGL$OFKHUPHV  QRWR FRPH LO ´OLTXRUH GHL 0HGLFLµ SHUFKp

DPDWLVVLPR GD /RUHQ]R LO 0DJQLÀFR  FRQ ULSLHQR GL FUHPD GL ULFRWWD IUHVFD H SUDOLQH GL FLRFFRODWR 7XWWL L GROFL GHOO·$QWLFR )DWWR UH VRQR IDWWL LQWHUDPHQWH GDOOD FXFLQD FRPH DQFKHL&DQWXFFLQLFRQOHPDQGRUOHSHULO9LQ 6DQWR ,QTXHVWROXRJRFKHQRQKDSHUVRODVXDQDWX UDQHOWHPSRVLSRVVRQRULWURYDUHVDSRULFKH FUHGHYDPR SHUVL R FKH VHPSOLFHPHQWH QRQ DYHYDPRPDLJXVWDWR,OVHUYL]LRG·HVSHULHQ ]DUHQGHUjLOYRVWURSUDQ]RRFHQDFKHVLDGL SLDFHUHRGLODYRURXQPRPHQWRXQLFR9DU FDWDODVRJOLDVHQWLUHWHJLjQRVWDOJLDGHOO·$Q WLFR)DWWRUH

- //+-' */'"+ //+-$ '  )!$-/$."  '-$*4$ $(   222 */'"+% //+-$'/

  


 

    

     ! ! /D PDWHULD GHOOH DQRPDOLH EDQFDULH SLXWWR VWR FRPSOLFDWD H LQ FRQWLQXD HYROX]LRQH VWD DFTXLVHQGR VHPSUH SL DWWHQ]LRQH 6LDPR DQGDWL D FHUFDUH FKL QHO FDPSR FL ODYRUD FR VWDQWHPHQWH H TXRWLGLDQDPHQWH GD DQQL SHU SRUJHUJOL DOFXQH GRPDQGH WHFQLFKH H OHJDOL IRQGDPHQWDOLSHUFRQVHQWLUHDFKLQHFHVVLWDGL FRQWUROODUHLSURSULFRQWUDWWLEDQFDULGLVDSHUH TXDOLVRQRLSULPLSDVVLGDPXRYHUH/·$YYR FDWR(OHQD%DOGLHLO&RPPHUFLDOLVWD)UDQFH VFR&HUULHQWUDPELFRQVWXGLLQSURYLQFLDGL 3LVWRLDSXUWUDWWDQGRLORURULVSHWWLYLVHWWRUL ODYRUDQRGDWHPSRLQVLQHUJLDVXGHWHUPLQDWL DUJRPHQWLWUDFXLOHDQRPDOLHEDQFDULH $YY%DOGLH'RWW&HUULFRVDYLKDVSLQWRDG XQLUHOHYRVWUHSURIHVVLRQLLQTXHVWRFDPSR" ,QTXHVWRSHULRGRGLFULVLVHPSUHSLD]LHQGH RSULYDWLKDQQRELVRJQRGLIDUHGHLFRQWUROOL VXOOR VWDWR GHL SURSUL PXWL ÀQDQ]LDPHQWL R FRQWL FRUUHQWL &L VRQR VWDWH DQFKH WUDVPLV VLRQL WHOHYLVLYH FKH QH KDQQR SDUODWR LQIDWWL VHPSUH SL SHUVRQH VL ULYROJRQR D QRL SHU HVVHUHVLFXULGHOODFRUUHWWH]]DGHLORURDFFRU GLFRQJOLLVWLWXWLEDQFDUL3HUXQDYHULÀFDDF FXUDWD LO FRQVXOHQWH FRPPHUFLDOH q SHUIHWWR O·DYYRFDWRSRLWURYDODVWUDGDOHJDOHPLJOLRUH SHUVRGGLVIDUHLOFOLHQWH 'RWW&HUULTXDOLVRQROHDQRPDOLHEDQFDULH

+//$--'

FKHULVFRQWUDPDJJLRUPHQWH" /H DQRPDOLH EDQFDULH SL JURVVH VL KDQQR VXL FRQWL FRUUHQWL PXWXL R ÀQDQ]LDPHQWL 6HQ]D HQWUDUH WURSSR QHL WHFQLFLVPL DEELD PR ULVFRQWUDWR QXPHURVH VLWXD]LRQL LQ FXL L WDVVLDSSOLFDWLVXLFRQWUDWWLEDQFDULVXSHUDQR L OLPLWL FRQVHQWLWL GDOOD OHJJH 1HO FDVR GHL PXWXLDGHVHPSLRYDULHVHQWHQ]HKDQQRGH FUHWDWR FKH QHO FDOFROR GHOOH VRJOLH GL XVXUD YDQQR FRQVLGHUDWL QRQ VROR L WDVVL G·LQWHUHV VHPDDQFKHWXWWLLFRVWLFRQQHVVLWUDFXLJOL HYHQWXDOL LQWHUHVVL GL PRUD 4XLQGL VH WXWWH OH FRQGL]LRQL GHO PXWXR VXSHUDQR OD VRJOLD GL ULIHULPHQWR LO PXWXR q XVXUDLR H GLYHQWD JUDWXLWR QRQ VL SDJDQR JOL LQWHUHVVL H DOOD VFDGHQ]D SDJKL VROR OD TXRWD FDSLWDOH &RQ XQ·DFFXUDWDSHUL]LDHFRQRPHWULFDqSRVVLELOH YHULÀFDUH VH F·q R PHQR O·XVXUD VXL PXWXL H VXLFRQWLFRUUHQWL $YY%DOGLFRPHFLVLGHYHPXRYHUH" ,QQDQ]LWXWWR ULFKLHGHUH WXWWD OD GRFXPHQ WD]LRQH DOOD EDQFD OD TXDOH q REEOLJDWD D IRUQLUOD HQWUR  JLRUQL D FRVWR IRWRFRSLD 'RSRGLFKp VL SURFHGH FRQ O·DQDOLVL GHL FRQWL FRUUHQWL GHL PXWXL R ÀQDQ]LDPHQWL *UD]LH DOOD UHOD]LRQH FKH ULDVVXPH WXWWD OD SHUL]LD HFRQRPHWULFD GHO 'RWW&HUUL SRVVLDPR IDU SDUWLUHO·D]LRQHOHJDOHFRQREEOLJRGLFRQFLOLD ]LRQH DQGDQGR GDYDQWL D XQ PHGLDWRUH SHU

WURYDUHXQDFFRUGR5DUDPHQWHVLUDJJLXQJH HPDLFRQULFRQRVFLPHQWLGLUHVSRQVDELOLWjGD SDUWHGHOO·LVWLWXWR1HOGHLFDVLODEDQFD QRQDGHULVFHVHDPPHWWHVVHGLDYHUVEDJOLDWR FLz FRVWLWXLUHEEH XQ SUHFHGHQWH LPSRUWDQWH HVVHQGRODQRUPDWLYDDQFRUDVRJJHWWDDLQWHU SUHWD]LRQH&RQLOYHUEDOHGLPDQFDWRDFFRU GRqSRVVLELOHSRLLQWHQWDUHXQDFDXVDOHJDOH &LVRQRGHOOHSUHFDX]LRQLGDRVVHUYDUH" %LVRJQDLQL]LDUHTXHVWRSHUFRUVRFRQJUDQGH FDXWHOD /H YDOXWD]LRQL YDQQR IDWWH QRQ VROR VXL FRQWUDWWL EDQFDUL PD DQFKH VXOOD VLWXD ]LRQH GHOO·D]LHQGD LQ JHQHUDOH q QHFHVVDULR VLVWHPDUH OD TXHVWLRQH ÀQDQ]LDULD FRQ DOWUL LVWLWXWL EDQFDUL SHU HVVHUH WUDQTXLOOL LQ IXWX UR VHQ]D ULVFKLDUH GL EORFFDUH LO FUHGLWR H TXLQGL O·RSHUDWLYLWj GHOO·D]LHQGD ,O QRVWUR q SURSULR XQ ODYRUR FKLUXUJLFR FDSLOODUH FL VL PXRYHQHLPHDQGULGHOO·D]LHQGDFHUFDQGRGL WLUDUIXRULTXHOORGLEXRQRFKHF·qHQRQFUH DUH GHL GDQQL 3HU TXHVWR q LPSRUWDQWLVVLPR YHULÀFDUH GDO SULQFLSLR FRQ FKL VL VFHJOLH GL LQL]LDUHLOSHUFRUVRFLVRQRWDQWLFLDUODWDQLD JLURFKHULVFKLDQRGLSHJJLRUDUHODVLWXD]LRQH 1RLVLDPRSURIHVVLRQLVWLDOVHUYL]LRGHOQRVWUL FOLHQWLLULVXOWDWLFKHDEELDPRRWWHQXWRÀQRUD QHVRQRODFRQIHUPD ./0#'+%- *"$."+"$--'&) '("+)

11 (#'   


        

/R6WXGLR/HJDOH/DVWUXFFLQDVFHQHOVX LQL]LDWLYDGHOO·$YY0DUFHOOR/DVWUXFFL'RSR XQD LQL]LDOH SUHYDOHQWH DWWLYLWj LQHUHQWH DL YDUL WLSL GL FRQWHQ]LRVR OHJDWL DO VHWWRUH WHV VLOHPDQWHQXWDVLQHOWHPSRO·LQGLUL]]RGHOOR VWXGLR VL q SRL HVWHVR ² FRQ LO VXR DPSOLDU VL  DOO·DVVLVWHQ]D QHOOD FRQWUDWWXDOLVWLFD DOOH YLFHQGHOHJDWHDOGLULWWRVRFLHWDULRDOODPDWH ULD XUEDQLVWLFRHGLOL]LD DOOH FRQWURYHUVLH GHO FRQWHQ]LRVRWULEXWDULRHGRJDQDOHGHOGLULWWR GHOODYRURGHOGLULWWRGLIDPLJOLDHGLTXHOOD SDUWH GHO GLULWWR SHQDOH SUHYDOHQWHPHQWH OH JDWDDOO·DWWLYLWjGHOOHLPSUHVHQHOOHVXHYDULH IRUPH 0ROWH D]LHQGH YHGRQR QHOOD OHQWH]]D GHO VLVWHPDJLXGL]LDULRLWDOLDQRXQRVWDFRORLP SRUWDQWHDOORVYLOXSSRLPSUHQGLWRULDOH$YY /DVWUXFFLTXDOHqODVXDRSLQLRQH" 9H[DWDTXHVWLRqSHUOH,PSUHVHLWDOLDQHHSHU JOLLQYHVWLWRULVWUDQLHULFKHVL´DͿDFFLDQRµQHO QRVWUR 3DHVH OD SUREOHPDWLFD GHOOD FURQLFD OHQWH]]DGHOODQRVWUD*LXVWL]LD3HUVRQDOPHQ WH GR DWWR FKH QHOO·LQWHQWR GL GHÁD]LRQDUH LO QXPHUR GHOOH FDXVH FLYLOL SHQGHQWL VLDQR VWDWL LQWURGRWWL UHFHQWHPHQWH LVWLWXWL TXDOL OD ´PHGLD]LRQH REEOLJDWRULDµ H OD ´QHJR]LD]LR QHDVVLVWLWDµROWUHDGLQWHUYHQWLGLLQQHVWRGL QRUPHQHOQRVWURFRGLFHGLULWRWHVHDOODFRQ FLOLD]LRQH FUHD]LRQH GL 6H]LRQL VSHFLDOL]]DWH GHL7ULEXQDOLSHUOH,PSUHVHHWFPDWXWWRFLz qLQVX΀ FLHQWHDGDVVLFXUDUHXQUDSLGRVYROJL

PHQWRGHLJLXGL]L1RQqUDURYHGHUHLQIDWWL FKHXQDFDXVDRUGLQDULDVLSURWUDJJD²IUDLO SULPR HG LO VHFRQGR JUDGR  EHQ SL GL XQ GHFHQQLRYDOHDGLUHPROWRGLSLGHOODYLWD PHGLDGLXQ·,PSUHVD ËTXLQGLOHFLWRGRPDQGDUVLVHTXHVWDVLDOD YLDJLXVWDGDVHJXLUHRVHLQYHFHVLDQHFHVVD ULRULFRUUHUHDTXDOFRVDGLGLYHUVR" $OOR VWDWR GHL IDWWL PHPRUL GHOOH QXPHURVH SUHFHGHQWLHVSHULHQ]HDGRWWDWHGDO/HJLVODWR UHWXWWHULYHODWHVLSUHVVRFKpIDOOLPHQWDULQRQ SXzFKHULVSRQGHUVLDWDOHGRPDQGDLQGLFDQ GRFRPHULPHGLRLJLXGL]LDUELWUDOLXWLOL]]DWL UHFHQWHPHQWHGDOQV/HJLVODWRUHSHUGHÀQLUH RYHYLVLDO·DFFRUGRGLHQWUDPEHOHSDUWL O·DU UHWUDWRGHLJLXGL]LRUGLQDULSHQGHQWLLQJUDGR GLDSSHOOR(·QRWRGHOSDULFKHWDOLJLXGL]L DEELDQR O·LQGXEELR VYDQWDJJLR GL ULVXOWDUH PROWRFRVWRVLSHUOHSDUWL VSHFLHRYHLO&ROOH JLRVLDFRPSRVWRGDWUHPHPEUL HFKHTXLQ GLLOULFRUVRDWDOHVWUXPHQWR SUHYLVWRGDJOL DUWWHVVFSF VLDGLVDWWHVRGDOODPDJJLRU SDUWHGHOOH,PSUHVHPHGLRSLFFROH $OODOXFHGLTXHVWRF·qXQRVWUXPHQWRSUR FHVVXDOHSLDFFHVVLELOH" 3RWUHEEH HVVHUH TXHOOR GHO FRVLGGHWWR ´DU ELWUDWR DPPLQLVWUDWRµ 6RQR LQIDWWL UHFHQ WHPHQWH VRUWL YDUL 2UJDQLVPL PROWH YROWH JHVWLWLGDL&RQVLJOLGHJOL2UGLQL)RUHQVLFKH SUHYHGRQR OD QRPLQD XQ XQLFR DUELWUR FKH

SXzHYHQWXDOPHQWHIDUULFRUVRDGHVSHUWLRYH LO SDUWLFRODUH WHFQLFLVPR GHOOD PDWHULD VRWWR SRVWD DO VXR YDJOLR OR LPSRQJD H VHPSUH D FRVWL ´DPPLQLVWUDWLµ  FKH HVSOHWD LO SURSULR LQFDULFRQHOODSLDPSLDJDUDQ]LDGLLPSDU ]LDOLWj D FRPSHQVL SUHGHWHUPLQDWL QHWWD PHQWHLQIHULRULSHULYDULVFDJOLRQLGLYDORUH DTXDQWRULVXOWHUHEEHGDOO·DSSOLFD]LRQHGHOOH RUGLQDULHWDULͿH /·DUELWUDWRDPPLQLVWUDWRSHUPHWWHXQDULGX ]LRQHGHLFRVWL" 6HFRQVLGHULDPRFKHLFRQWULEXWLXQLÀFDWLQH FHVVDULSHUDYYLDUHOHFRQWURYHUVLHGLFRPSH WHQ]DGHL7ULEXQDOLSHUOH,PSUHVHVRQRUDG GRSSLDWLULVSHWWRDTXHOOLRUGLQDULVHQ]DFKH FLz FRPSRUWL XQD UDJLRQHYROH PLQRU GXUDWD GLWDOLJLXGL]LFHUWRqFKHLOULFRUVRDOVXLQGL FDWRVWUXPHQWRULVXOWLEHQSLIDYRUHYROHSHU OH,PSUHVHWXWHODQGRDGXQWHPSRHVLJHQ]H GLFRQWHQLPHQWRGHLFRVWLHUDSLGLWjGHOSUR FHVVR3HUIDUFLzRFFRUUHFKHVHPSUHSLFRQ O·LQVHULPHQWR GL XQD FODXVROD FRPSURPLVVR ULDQHLFRQWUDWWLIUDOH,PSUHVHRVXFFHVVLYD PHQWH DOO·LQVRUJHUH GL XQD FRQWURYHUVLDFRQ OD VRWWRVFUL]LRQH GL XQ FRPSURPHVVR YHQJD GDWDODSRVVLELOLWjGLULFRUUHUHDWDOHIRUPDGL *LXVWL]LDSULYDWD

'*%+./0#'+( ./-0""''/ 222./0#'+( ./-0""''/   


COVER STORY / ENERGIA - CONFINDUSTRIA FIRENZE

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 12

Risorse energetiche: l’Italia punta sui servizi E’ la qualità della distribuzione che può fare la differenza, in un paese che consuma molto, ma produce poco di Mattia Cialini, giornalista “Arezzonotizie.it”

L

a produzione nazionale è quasi irrilevante nel panorama mondiale, ma l’Italia è il decimo Paese al mondo per consumi. Il gas metano, risorsa energetica basilare, il Belpaese va a prenderselo all’estero. I dati relativi al 2013 dicono che l’Italia ha importato, nell’arco di dodici mesi, 62 miliardi di metri cubi di metano: per numeri, il nostro Paese è il quarto importatore mondiale dietro Giappone, Germania e Stati Uniti. “Ma l’Italia è una nazione ben posizionata per quanto riguarda gli approvvigionamenti”, assicura Eduardo Di Benedetto, che di gas metano se ne intende, essendo amministrato-

re delegato di Toscana Energia, realtà che si occupa della distribuzione del 50 per cento del gas naturale in Toscana. Di Benedetto, ingegnere elettronico, con una lunga esperienza alle spalle nel settore, è amministratore delegato di Toscana Energia dal 2012. “Toscana Energia – spiega Di Benedetto – è il primo operatore della regione nella distribuzione del gas. Al momento serviamo 102 comuni in Toscana, per un totale di 710mila contatori attivi e investiamo annualmente 50 milioni sul territorio servito. Abbiamo vinto una gara per la gestione del servizio nel Comune di Prato, che ci porterà a breve altre 80mila utenze.

La società, nata dalla fusione di Fiorentinagas e Toscana Gas, conta oggi 91 Comuni soci e il partner industriale Italgas del Gruppo Snam”. Toscana Energia rappresenta una delle molte realtà che vedono la collaborazione tra pubblico e privato sul territorio. Le principali attività della società sono la distribuzione del gas naturale come servizio pubblico, la distribuzione diretta ai clienti che hanno capacità autonoma di acquisto gas, la costruzione e la gestione delle tubazioni, la gestione dei rapporti con gli operatori di trasporto e i grossisti. Toscana Energia, come molte altre realtà del settore, è

stata, negli ultimi anni, protagonista di un processo di fusione che ha accorpato tante realtà dalle dimensioni minori. “La tendenza è diffusa – spiega Di Benedetto –. Basti pensare che negli ultimi anni in Italia c’è stata una concentrazione che ha visto passare il numero delle società dalle 800 del passato alle 200 di oggi”. Il motivo di questa tendenza è duplice. “Da una parte – prosegue l’amministratore delegato di Toscana Energia – c’è la possibilità di abbattere i costi attraverso le economie di scala, così importanti nel settore della distribuzione. Inoltre le società del gas del territorio si preparano ad un periodo molto intenso per


COVER STORY / ENERGIA - CONFINDUSTRIA FIRENZE

quanto riguarda le gare d’ambito per l’affidamento del servizio di distribuzione”. Dall’estate 2015, per un paio di anni, ci saranno decine e decine gare di appalto in tutta la Penisola. Anche Toscana Energia sta scaldando i motori. “In tutta Italia – precisa Di Benedetto – si dovrebbero tenere 177 gare di ambito. Toscana Energia parteciperà a tutte le gare della regione, che sono undici”. Nello scenario internazionale il gas naturale che l’Italia utilizza arriva, per gran parte, dall’estero. La sostanziosa fetta è di circa il 90 per cento. “Ma siamo un Paese ben posizionato per l’approvvigionamento – rassicura Di Benedetto –, abbiamo rifornimenti dal Nord Europa, dalla Russia e un terzo importante approvvigionamento arriva da Algeria e Libia”. In particolare, più del 30 per cento del gas naturale dell’Italia arriva da Russia e altri paesi dell’Est ex sovietico; il 5,4 per cento dall’Egitto e dal Qatar; il 12,7 per cento dall’Algeria; il 5,7 per cento dalla Libia; il 7,5 per cento dalla Norvegia, dall’Olanda e da altri paesi del Nord. “Siamo in una posizione centrale in Europa e la dipendenza dall’estero per questa fonte di energia non può spaventare. Tanto più che abbiamo alcuni rigassificatori che consentono di importare il metano via mare. In più c’è un progetto importante che è quello del nuovo metanodotto Tap, che

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 13

Eduardo Di Benedetto

collegherà la Puglia alla Grecia e permetterà l’arrivo di gas dall’Azerbaigian”. Insomma, l’Italia non deve temere per gli approvvigionamenti futuri, nonostante l’instabilità del quadro politico di alcuni dei Paesi fornitori. “Non c’è assolutamente nulla da temere. Abbiamo ottimi margini di sicurezza. In passato abbiamo avuto qualche problema con i rifornimenti che arrivavano dalla Libia, ma niente che abbia potuto destabilizzare la distribuzione in Italia. Non solo ci sono accordi solidi con le altre nazioni esportatrici, ma l’Italia, nel tempo, grazie agli stoccaggi, è riuscita a costruire delle riserve importanti. Infine – chiude Di Benedetto – c’è anche una frazione di gas naturale che l’Italia è in grado di estrarre e che viene usata in ambito nazionale. Copre circa il 10 per cento del nostro fabbisogno”. Anche se le zone di estrazione sul suolo italiano non sono molte.

Gas naturale, nessun rischio per gli approvvigionamenti Infine, ma non ultimo, il rapporto dell’azienda con il territorio, che va dall’ottimizzazione del servizio agli investimenti per la promozione della cultura. “Il servizio che Toscana Energia gestisce sul territorio si caratterizza per una massima attenzione rivolta all’ammodernamento della rete di distribuzione che si estende per oltre 12.000 km in circa la metà dei Comuni toscani. E’ un impegno quotidiano che si pone l’obiettivo di mantenere i più elevati standard di sicurezza, efficienza e innovazione. Ma non solo. La politica perseguita dalla società è infatti orientata anche a sviluppare il servizio sul territorio toscano attraverso la realizzazione di nuovi tratti e connessioni per raggiungere e servire clienti sia di natura civile che industriale. Per andare incontro a

Energia e ambiente: fondamentale educare le nuove generazioni

queste richieste abbiamo introdotto recentemente anche delle agevolazioni rivolte ad ridurre i costi che tali pratiche comportano per l’utente finale. Inoltre, nonostante il difficile momento per l’economia e il lavoro, Toscana Energia ha continuato a fare consistenti investimenti che nel 2014, raggiungendo i 50 milioni, sono stati addirittura superiori agli anni precedenti. Un importante segnale e un impegno che si traduce in un forte sostegno a favore dell’economia locale. Altra espressione di questo legame è rappresentata dal sostegno a cultura, arte e iniziative che valorizzano il territorio in cui operiamo e al nostro impegno che ormai da anni rivolgiamo al mondo della scuola. Tanti progetti realizzati con i quali la società vuole contribuire alla diffusione della cultura dell’energia per sviluppare una ‘coscienza energetica’ in modo particolare nelle nuove generazioni. Lezioni in classe alla scoperta del percorso che fa il gas prima di arrivare nelle nostre case, video educational ed un laboratorio didattico per capire l’importanza dell’energia e come viene trasformata ed utilizzata quella solare sono le iniziative che anche quest’anno abbiamo messo a disposizione delle scuole toscane”.


IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 15

  

"##

     

"# # ,O 5LFDPLÀFLR 0HG\ /LQH D]LHQGD OHDGHU QHO VHWWRUH GHO ULFDPR D PDFFKLQD YDQWD GL XQ·HVSHULHQ]D WUHQWHQQDOH QHO OD UHDOL]]D]LRQH GL ULFDPL VLD LQ FRQWR ODYRUD]LRQH FKH LQ SURSULR 2OWUH DOOD SURGX]LRQH GL ULFDPL LQ JHQHUH O·D]LHQGD GL 0DVVLPLOLDQR &DSSHOOLQL HͿHWWXD DQFKH ODYRUD]LRQL FRQ DSSOLFD]LRQL SDUWLFRODUL FRPH VWUDVVERUFKLHSDLOOHWWHVHSHU OH/RVWDͿWHFQLFRHRSHUDWLYR qFRPSRVWRGDDGGHWWLTXD OLÀFDWL GRWDWL GHOOD PDVVLPD SURIHVVLRQDOLWjQHOVHWWRUH  " " #!  "# $EELDPRDFKHIDUHFRQD]LHQ GHFKHODYRUDQRQHLFDPSLSL YDULELDQFKHULDSHUODFDVDDE ELJOLDPHQWR SHU GRQQD XRPR H EDPELQR SHOOHWWHULD VFDUSH H DFFHVVRULVWLFD YDULD /·DOWD TXDOLWj GHL PDFFKLQDUL LQ QR VWUR SRVVHVVR H OD FRPSHWHQ]D GHOSHUVRQDOHLPSLHJDWRFLSHU PHWWRQR GL JDUDQWLUH DL QRVWUL FOLHQWLSURGRWWLGLVXFFHVVRHLQ WHPSLFHOHULVLDQHOODSURJHWWD ]LRQHVYLOXSSRHUHDOL]]D]LRQH GHO FDPSLRQDULR ² JUD]LH D VL VWHPLVRIWZDUHDOO·DYDQJXDUGLD VLDQHOODFRQVHJQDGHOODPHUFH FRPPLVVLRQDWD FKH SRVVLDPR SURGXUUHDQFKHLQJURVVLTXDQ WLWDWLYL     "  #! " 'LVSRQLDPR GL  PDFFKLQH

PXOWLWHVWHGLFXLVHWWH´VSHFLD OLµDWHVWHFRQFDPSRGL ODYRUR GL  FP [  FP H DQQHVVR WULSOR GLVSRVLWLYR GL SDLOOHWWHV GD PP  H GLVSRVLWLYR SHU OD ODYRUD]LRQH GLFRUGHOHIHWWXFFLD,QROWUHDE ELDPRGXHPDFFKLQHDWHVWH SHUULFDPRDFDSRFRQIH]LRQD WR H FDSSHOOLQL FRQ GLVSRVLWLYR SDLOOHWWHV,OUHVWRGHOOHPDFFKL QHVRQRWUDGL]LRQDOLFRQGLVSR VLWLYLSDLOOHWWHVGDWH VWHHYDULFDPSLGLODYRUD]LRQH  "  % !      ! $  "  "# ##  &      ! ' ## 5HFHQWHPHQWH DEELDPR RSH UDWR XOWHULRUL LQYHVWLPHQWL SHU SRWHU RͿULUH DOOD FOLHQWHOD XQ YHQWDJOLR VHPSUH PDJJLRUH GL VHUYL]L6RQRVWDWHLQWHJUDWHQHO FRUSR SURGXWWLYR GXH PDFFKL QHSHULOULFDPRLQSH]]DFRQOH TXDOL q SRVVLELOH HVHJXLUH DQ FKH ODYRUD]LRQL GL DJXJOLHULD ,QROWUH TXHVW·DQQR DEELDPR FUHDWR H EUHYHWWDWR LO PDUFKLR /$&( 75(1' SHU WXWHODUH O·HFFHOOHQ]D GHOOH QRVWUH SUR GX]LRQL

      

)UDQFHVFD %DOGL KD VHPSUH DYXWR XQD SDVVLRQH SHU OH OLQ JXH H FLQTXH DQQL ID KD VFHOWR GLVHJXLUHOHRUPHGHOODPDGUH IRQGDWULFH GHOOR 6WXGLR %OLW] FKHGDOVLRFFXSDGLVHUYL]L GLWUDGX]LRQHHLQWHUSUHWDULDWR )RUWH GHOO·HVSHULHQ]D WUHQWHQ QDOH PDWXUDWD GDOOR 6WXGLR H VRVWHQXWDGDOODVXDIRUPD]LRQH OLQJXLVWLFDHXQPDVWHULQPDU NHWLQJ)UDQFHVFDKDGDVXELWR SRVWR DO FHQWUR GHOO·DWWHQ]LRQH OD 3HUVRQD&OLHQWH VWDELOHQGR UDSSRUWL GLUHWWL SHU FDSLUQH OH HVLJHQ]HLELVRJQLSHUDLXWDUOD DULVROYHUH´SUREOHPLµ ´1R /LPLWV WR \RXU %XVLQHVVµ UDFFKLXGH OD ÀORVRÀD GHOOR 6WXGLR%OLW]LQJUDGRFRQXQD UHWH GL ROWUH  WUDGXWWRUL SURIHVVLRQLVWL PDGUHOLQJXD IUHHODQFH  FRQ FRPSHWHQ]H GL WUDGX]LRQH LQ ROWUH  OLQJXH GL ULVSRQGHUH LQ WHPSR UHDOH DOOH ULFKLHVWH GHO PHUFDWR GHO ODYRUR7UDGX]LRQLHVHJXLWHSHU VHWWRULGLFRPSHWHQ]DHVSHFLD OL]]D]LRQH LQWHUSUHWDULDWL GL WUDWWDWLYD FRQVHFXWLYD VLPXO WDQHD FKXFKRWDJH VRQR LO FRUH EXVLQHVV GHOOR 6WXGLR %OLW] GL

FXLVLDYYDOJRQR$]LHQGH(QWL GHOOD3XEEOLFD$PPLQLVWUD]LR QH3URIHVVLRQLVWL 2ELHWWLYR GHOOR 6WXGLR %OLW] q UHDOL]]DUH XQ ÁXVVR FRQWLQXR GL VFDPEL LQIRUPD]LRQL H LQ WHUD]LRQLIUDLWUDGXWWRULLQWHU SUHWLHOR6WXGLRVWHVVRQRQFKp IUD &OLHQWH H 6WXGLR DO ÀQH GL UHDOL]]DUH XQ ´SURGRWWRµ FRP SOHWR H ULVSRQGHQWH DL UHTXLVL WL GL TXDOLWj H SURIHVVLRQDOLWj FRPH ULFKLHVWL GDOOD 1RUPDWL YD (XURSHD FXL OR 6WXGLR VL q XQLIRUPDWR FRQVHJXHQGR VLD OD&HUWLÀFD]LRQH,62 FKH OD 81, (1  QRUPD HXURSHDVSHFLÀFDSHUOH$JHQ ]LHGLWUDGX]LRQH /DFDSDFLWjGLVWDELOLUHUDSSRUWL SRVLWLYL H UHFLSURFDPHQWH SUR ÀFXL q UDSSUHVHQWDWD GDO WDVVR GL ÀGHOL]]D]LRQH UDJJLXQWR H PDQWHQXWR QHO WHPSR GDOOR 6WXGLR%OLW]FKHqRUJRJOLRVRGL FROODERUDUHFRQJOLVWHVVL&OLHQ WLHLQEXRQDSDUWHFRQJOLVWHV VLWUDGXWWRULGDDQQL«       


COVER STORY / ENERGIA - CONFINDUSTRIA TOSCANA SUD - GROSSETO

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 16

Energia, meno consumi, più risparmio Riduzione degli sprechi e interventi legislativi ad hoc: la strada per il futuro passa dall’efficienza energetica di Paolo Vannini, giornalista freelance

L

e difficoltà di approvvigionamento e la povertà di fonti energetiche del nostro Paese. Le potenzialità delle rinnovabili e gli errori commessi sugli incentivi. L’efficienza energetica e la riduzione degli sprechi come risorsa per il futuro. E’ lungo questa direttrice che si sviluppa il ragionamento di Stefano Sgherri sul tema dell’energia. Laureato a Pisa in ingegneria elettrotecnica opera nel settore della progettazione degli impianti elettrici, civili ed industriali. Dal 2000 si occupa di energy management, recentemente certificato Esperto in Gestione Energia UNI CEI 11339. Collabora con varie strutture confindustriali sin dall’anno 2001 sulle tematiche energetiche ed è responsabile della società Econpower Srl che opera a favore delle strutture confindustriali di Grosseto, Prato, Lucca e Pistoia nell’ambito della gestione

dei consorzi - gruppi di acquisto di energia e della consulenza energetica.

euro contro i 40 della Francia, i 30 della Germania e i 25 della Scandinavia”.

Ingegner Sgherri, quella sull’energia per il nostro Paese sembra una gara con un handicap di partenza: da un raffronto con altri Paesi emerge che l’Italia paga mediamente di più il costo dell’energia. E’ davvero così? “In Italia storicamente si sono sempre avute quotazioni più alte rispetto al mercato estero, con spread molto consistenti in particolare nel mercato all’ingrosso. La bolletta che paghiamo, però, non è solo composta dalla fornitura di energia ma anche dai costi di sistema e dagli oneri parafiscali, oltre alle accise. E’ un po’ lo stesso discorso che vale per i carburanti, che costano al consumatore molto di più del loro costo reale. Gli ultimi valori di aprile di quest’anno vedono l’Italia pagare il Megawattora (1000 kWh) 48

Esistono ragioni precise che spiegano questo squilibrio e come è possibile limitarlo se non proprio superarlo? “Anzitutto c’è una grande diversità nell’approvvigionamento alle fonti energetiche. Noi non abbiamo disponibilità di fonti primarie come carbone, gas, petrolio, nucleare. Dovendole acquistare all’estero siamo condizionati nei costi di approvvigionamento. Nel settore del gas, in particolare, a volte pesano anche le ‘code’ di vecchi contratti sottoscritti anni prima. Aver aumentato l’energia prodotta da fonti rinnovabili ha fatto ottenere i primi risultati ma la differenza con altri Paesi rimane; in Italia il costo dell’energia resta molto alto”. Le rinnovabili appunto.

Quanto si è puntato davvero su queste fonti e dove, eventualmente, si è sbagliato? “I risultati ci sono anche se da un punto di vista prettamente tecnologico sono stati fatti pochi passi avanti. Negli ultimi anni c’è stata troppa spinta all’incentivazione, soprattutto nel fotovoltaico, con un vero e proprio boom, a scapito di altre fonti. Sono stati realizzati troppi impianti in troppo poco tempo, senza che la tecnologia progredisse di pari passo e così anche le reti e le infrastrutture. Il volano economico poteva diventare un ‘driver’ eccezionale ma sarebbe stato necessario più tempo. In 4/5 anni si è registrata una crescita enorme. Adesso accade che molti fra coloro che hanno investito in questo settore si trovano con impianti già in parte superati. E ancora: dopo il boom iniziale c’è stata una grande proliferazione di


COVER STORY / ENERGIA - CONFINDUSTRIA TOSCANA SUD - GROSSETO

aziende, a volte anche molto piccole, che nell’arco di qualche anno hanno cessato l’attività. Così per gli utenti non esiste più un referente per l’assistenza. Inoltre aver destinato grandi incentivi al fotovoltaico ha comportato una crescita generale degli oneri finanziari nel settore della fornitura di energia. Insomma, questa incentivazione è stata praticamente finanziata da tutti i consumatori. Il legislatore ha operato agevolazioni in un settore che poi si è visto costretto a riequilibrare, intervenendo sia sulla ridistribuzione degli oneri di rete che rivedendo i contratti ventennali, allungandone la durata, fino a 24 anni, e riducendone gli incentivi. Inoltre è stata cambiata anche la fiscalità sul settore”. Luci e ombre, insomma. Le rinnovabili si inseriscono a pieno diritto nel tema della cosiddetta economia verde o “green economy”. A che punto siamo? “C’è stata la speranza che la ‘Green economy’ si sviluppasse in modo consistente ma dopo che è stato rivisto retroattivamente il conto energia è accaduto che gli investitori esteri hanno visto una grande instabilità dovuta all’incertezza dei contratti a cui si aggiungono le ormai note difficoltà, per aspetti autorizzativi, a realizzare impianti come gassificatori, biomasse o fotovoltaici. Sono personalmente favorevole a questo tipo di investimenti, in Italia avremmo buone potenzialità nel settore agricolo o nei riutilizzo dei rifiuti, ma conosco anche le difficoltà che

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 17

Stefano Sgherri

accompagnano le realizzazioni di questi impianti”. Spesso difficoltà dei cittadini ad accettare queste strutture vicino a casa propria ma non solo. Com’è la situazione nella nostra regione e dove sono stati ottenuti ad oggi i risultati migliori? “Certo ci sono i problemi logistici ma vi sono anche complicazioni autorizzative e normative. Ovviamente esempi di impianti finiti esistono, anche qui in Toscana, ma c’è poco di nuovo. Inoltre non si può pensare in alcun modo di tenere in equilibrio un sistema elettrico con le fonti rinnovabili. Per esempio il fotovoltaico e l’eolico sono instabili, l’idroelettrico è più regolare ed è anche utilizzato come riserva. Fra le regioni la Puglia sembra essere quella con la maggiore produttività da fotovoltaico e anche eolico. Un aiuto ci sarà fornito dai sistemi di accumulo, materia di grande attualità”.

E dell’eterno dilemma, il nucleare, cosa pensa? “Sulla scelta del nucleare il ragionamento si fa più politico se non ideologico. Prendiamo atto della scelta fatta dall’Italia e andiamo avanti. Sicuramente il nostro Paese è anche sfortunato per la sua conformazione territoriale di penisola, uno scheletro allungato che certo non favorisce la rete elettrica. E poi non abbiamo fonti primarie. Quindi direi quasi che è inutile accanirsi sul problema dell’energia. Poi, certo, sono state fatte scelte opinabili”. Nel settore rinnovabili la Toscana si caratterizza particolarmente per qualche aspetto? “La Toscana è nella media nazionale, non si distingue per particolari meriti o demeriti relativamente alla gestione dell’energia. Ci sono anche dei parametri precisi che confermano questo dato. In passato era più il nord a costare di meno e molto di più costavano invece le isole, per motivi anche facilmente comprensibili. Da qualche tempo la situazione generale si sta riequilibrando. Inoltre la Toscana fornisce un importante contributo con l’energia prodotta fonte geotermica”. Cosa prevede per il futuro dell’approvvigionamento energetico del nostro Paese? “Bisogna puntare al massimo sull’efficienza. Non si parla più tanto di far pagare poco la produzione di energia quanto di

consumarne meno per spendere meno. Le centrali che entrano in produzione e immettono energia in rete sono a minor costo, a partire dalle rinnovabili. Anche i produttori stanno vendendo l’efficienza energetica. Più tecnologia e un uso diverso possono far risparmiare in modo consistente. Efficienza vuol dire apparecchiature più efficaci e riduzione degli sprechi con l’ottimizzazione delle risorse. A parità di lavoro svolto si consuma meno. Lo si può ottenere con gli elettrodomestici e con tutte le fonti energetiche interne alle abitazioni. In ambito industriale c’è molto da fare, sia nel recupero delle energie termiche disperse che nel miglioramento delle prestazioni energetiche dei motori ed del loro uso, con il ricorso anche all’elettronica di potenza (Inverter), illuminazione led ecc., il miglioramento tecologico è molto orientato all’efficienza energetica. Su questo sono stati fatti significativi interventi legislativi. E’ una direzione importante per il futuro che può far guardare in avanti con un po’di ottimismo in più. Ci sono segnali in tal senso che vengono dall’Europa ma anche da noi la strada imboccata è buona e l’Enea sta svolgendo un ruolo trainante. Di grande attualità ora è il Decreto Legislativo 102 del luglio 2014, che pone l’obbligo di eseguire una diagnosi energetica, per il settore della grande industria, che sebbene rappresenti un onere, se ben interpretato potrà risultare una risorsa per tutto il settore ”.


            

            /R 6WXGLR ´0$6,$1,  3$571(56µ YLHQH IRQGDWR GD *DEULHOH 0DVLDQL FKH VYROJH OD SURIHVVLRQH GL FRPPHUFLDOLVWD GDO  ,O SULPRVWXGLRYLHQHDSHUWRD&HUUHWR*XLGLLO VHFRQGRQHOO·DQQRD)XFHFFKLRHVXELWR GRSR TXHOOR GL (PSROL LQ FROODERUD]LRQH FRQ XQR VWXGLR OHJDOH$WWXDOPHQWH 0DVLDQL 3DUWQHUVFRQWDXQRUJDQLFRGLSHUVRQH 2OWUH DG HVVHUH FRPPHUFLDOLVWD UHYLVRUH OHJDOH FXUDWRUH IDOOLPHQWDUH PHGLDWRUH FLYLOH H FRPPHUFLDOH LO 'RWW 0DVLDQL q XQ FRQVXOHQWH WHFQLFR GHO 7ULEXQDOH GL )LUHQ]H Ë LVFULWWR DOO·$662&78 $VVRFLD]LRQH 1D]LRQDOH GHL &RQVXOHQWL 7HFQLFL GHO 7ULEXQDOH LQ 0DWHULD %DQFDULD H )LQDQ]LDULD SUHVLHGXWD GDO GRWW 5REHUWR 0DUFHOOL XQR GHL PDVVLPL HVSHUWL LQ ,WDOLD LQ GLULWWR EDQFDULR/·$VVR&78KDDWWULEXLWRD0DVLDQL  3DUWQHUV O·HVFOXVLYD GHOO·RUJDQLVPR GL PHGLD]LRQHSHUODFLUFRVFUL]LRQHGHO7ULEXQDOH GL )LUHQ]H 5HFHQWHPHQWH ROWUH DOOD FODVVLFD DWWLYLWjGLFRPPHUFLDOLVWDORVWXGLRKDVFHOWR GL VSHFLDOL]]DUVL SURSULR LQ DVVLVWHQ]D DOOH LPSUHVH LQ PDWHULD GL FRQVXOHQ]D EDQFDULD SHUODYHULÀFDGHLUDSSRUWLGLFRQWRFRUUHQWH PXWXL ÀQDQ]LDPHQWL H FRQWHQ]LRVL EDQFDUL HG DWWXDOPHQWH RSHUD FRQ VXFFHVVR LQ WXWWD ,WDOLD FRQ LPSRUWDQWL FROODERUD]LRQL FRQ SURIHVVLRQLVWL FRQ HVSHULHQ]D WUHQWHQQDOH QHOORVSHFLÀFRVHWWRUH                       1HOODFRQJLXQWXUDHFRQRPLFDLQFXLVLWURYD LO 3DHVH LO UDSSRUWR FRQ JOL LVWLWXWL EDQFDUL GLYHQWD XQ SUREOHPD PROWR DWWXDOH SHU OH QRVWUH D]LHQGH ,QIDWWL VHPSUH SL FOLHQWL VL ULYROJRQR D QRL SHUFKp VSHVVR q LQ JLRFR OD ORUR HÍ¿HWWLYD VRSUDYYLYHQ]D ,Q PRPHQWL GL GL΀FROWj FRPH TXHVWR DLXWD PROWR VDSHUH VH LO UDSSRUWR FRQ OD EDQFD q VWDWR VYROWR LQ PDQLHUDWUDVSDUHQWH6LWUDWWDGLVDSHUWURYDUH L JLXVWL WHPL GL PLVXUD]LRQH FRQ JOL LVWLWXWL EDQFDUL FKH VH YRJOLRQR ULFRQRVFRQR VH VL VRQR DGRSHUDWL LQ PDQLHUD FRUUHWWD R PHQR UHQGHQGRVL SRL GLVSRQLELOL D ULPHGLDUH DL SURSULHUURUL  #  #       !      ,O QRVWUR EDFLQR GL LQWHUYHQWR q DEEDVWDQ]D DPSLRSURSULRSHUGDUHXQDLXWRFRQFUHWRDOOH D]LHQGH3HUSULPDFRVDYDOXWLDPRLUDSSRUWL EDQFDUL SHU YHULÀFDUH VH FL VRQR VWDWH GHOOH LOOHJLWWLPLWj GL QDWXUD FRQWUDWWXDOH FLYLOH R SHQDOH PROWR VSHVVR DG HVHPSLR WURYLDPR   


O·XVXUD  6LDPR SRL XQ DXVLOLR FRQFUHWR SHU GLDORJDUHFRQODEDQFDSHUWURYDUHVROX]LRQL GLULVWUXWWXUD]LRQHGHOGHELWRVLDSHUFKLXGHUH SRVL]LRQL LQ VRͿHUHQ]D PHGLDQWH WUDWWDWLYH VDOGR H VWUDOFLR DG HVHPSLR ,O QRVWUR VHUYL]LR q H΀FDFH VLD SHU WURYDUH ULVRUVH FKH GLYHUVDPHQWH QRQ VL VDUHEEHUR WURYDWH VLD SHU ULDOODFFLDUH LQ PDQLHUD GLYHUVD L UDSSRUWLGHOOHLPSUHVHFRQJOLLVWLWXWLEDQFDUL ULVWDELOHQGR XQ HTXLOLEULR IDFHQGR OHYD VXO IDWWR FKH QRQ KDQQR ODYRUDWR QHOOH JLXVWH FRQGL]LRQL /D FRVD QHFHVVDULD q SRUWDUH OD EDQFD D XQ UDJLRQDPHQWR FKH SHUPHWWD GL FRQFHGHUHDOO·D]LHQGDFLzGLFXLKDELVRJQR &RPH q SRVVLELOH ULGXUUH OD VR;HUHQ]D

      ,QQDQ]LWXWWR q QHFHVVDULD XQ·DQDOLVL DSSURIRQGLWD VHFRQGR OD QRVWUD HVSHULHQ]D LOGHLFRQWLFRUUHQWLULSRUWDLOOHJLWWLPLWj PROWR VSHVVR GL QDWXUD FRQWUDWWXDOH H RSHUDWLYD GD SDUWH GHOOH EDQFKH 8Q DOWUR DVSHWWR GD YDOXWDUH q VH OD EDQFD KD DGGHELWDWRGHOOHFRPSHWHQ]HLOOHJLWWLPHFKH OH D]LHQGH SRVVRQR ULFKLHGHUH RWWHQHQGR OLTXLGLWj2SSXUHVHqVWDWDIDWWDXQ·DEXVLYD FRQFHVVLRQH GL FUHGLWR 3HU HVHPSLR FL VRQR D]LHQGH RUPDL GHFRWWH FKH VL WHQJRQR LQ SLHGL IDFHQGR D΀GDPHQWR VXOOH ÀGHLXVVLRQL GHL VRFL TXDQGR LQYHFH O·RUGLQDPHQWR SUHYHGHUHEEH FKH OD EDQFD TXDOH VRJJHWWR SURIHVVLRQDOH GRYUHEEH FRQFHGHUH LO FUHGLWR D FKL OR PHULWD H QRQ SHUFKp F·q XQD ÀGHLXVVLRQH &RQFHGHQGR FUHGLWR DOOH D]LHQGHFRQSUREOHPLÀQDQ]LDULYLHQHPHQR OD EXRQD IHGH FRQWUDWWXDOH FKH GRYUHEEH FDUDWWHUL]]DUH LO UDSSRUWR FRQ JOL LVWLWXWL GL FUHGLWRHTXLQGLYLHQHPHQRDQFKHODYDOLGLWj GHOOHÀGHLXVVLRQLULODVFLDWH

                               RYYHUROHEDQFKH &HUWDPHQWH H DEELD PRQRWDWRFKHQRQVLD PR LQ PROWL D VYROJHUH TXHVWR WLSR GL DWWLYLWj 3HU IDUOR LQ PDQLHUD SURIHVVLRQDOH D PRQWH F·q FKLDUDPHQWH XQ SH ULRGRLQWHQVRGLVWXGLR H IRUPD]LRQH FRQ VRJ JHWWL DOWDPHQWH TXDOL ÀFDWL FKH FL KD GDWR OD SRVVLELOLWjGLLQVWDXUDUH FROODERUD]LRQL FRQ VWX GL LPSRUWDQWL D OLYHOOR QD]LRQDOHFKHVYROJRQR ORVWHVVRWLSRGLDWWLYLWj 9D DJJLXQWR FKH QRQ EDVWD VROR XQ EDJDJOLR WHFQLFR DOO·DOWH]]D OD PLVVLRQH GHO QRVWUR VWXGLR q DÍ¿URQWDUH OD VLWXD]LRQHFRQDOWDSUR IHVVLRQDOLWj SDUWHQGR VHPSUHGDOODFRPSUHQ VLRQH GHOOH HÍ¿HWWLYH H UHDOLHVLJHQ]HGHOFOLHQ WHQHOVXRFRQFUHWRLQWH UHVVH

          

  


COVER STORY / ENERGIA - CONFINDUSTRIA TOSCANA SUD - SIENA

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 20

Energia, superare i vecchi modelli Dalla decarbonizzazione al potenziamento delle rinnovabili alle consulenze energetiche per l’ottimizzazione degli acquisti. Work in progress per un diverso futuro energetico di Paolo Vannini, giornalista freelance

È

un’analisi a tutto tondo ma con un punto centrale inevitabile, la realtà senese e toscana, quella di Carlo Becatti, 37 anni, responsabile del settore“Sviluppo strategie e innovazioni” di Sienambiente. Nell’intervista concessa a “IES”, l’imprenditore specializzato nel settore delle energie rinnovabili, membro del consiglio di amministrazione del Consorzio Siena energia, si sofferma soprattutto sul modello di sviluppo energetico senese dei piccoli e medi impianti, sulla necessità di potenziare le energie rinnovabili nel nostro Paese, sui piani per l’energia e i rifiuti della Regione Toscana che

hanno bisogno di tempi ragionevoli, sul servizio di consulenza energetica “Service Energia”. Dottor Becatti, quali sono le attività di Sienambiente nell’ambito della produzione di energia? “La principale attività di Sienambiente è quella della gestione degli impianti a servizio del ciclo integrato dei rifiuti. Da qualche anno, inoltre, in considerazione delle opportunità offerte da un mercato dell’energia in continuo mutamento, abbiamo allargato il nostro raggio di azione, direttamente o attraverso numerose partnership, al settore della green economy, delle energie rinnovabili e alla pro-

duzione di energia da fonti non convenzionali. La strada sulla quale ci siamo avviati è quella di un modello di sviluppo energetico non centralizzato, ma sorretto da una rete di impianti di media e piccola taglia che si inseriscono armoniosamente nel contesto paesaggistico della provincia di Siena. Siamo infatti convinti che la strategia della decarbonizzazione e il potenziamento delle rinnovabili così come deciso dal recente G7, sia non solo necessario per non oltrepassare il tetto dei 2°C di innalzamento della temperatura terrestre, ma sia anche determinante per garantire un futuro al nostro Pianeta”.

Eppure l’Italia è ancora molto legata alla produzione di energia da fonti fossili con conseguenze che si ripercuotono sull’ambiente e sul costo dell’energia. Come è possibile uscire da questo meccanismo? “Negli ultimi anni abbiamo fatto grandi passi avanti per incrementare la produzione di energia pulita, ma rimane ancora molto da fare. Per svincolarsi dall’utilizzo del petrolio, dalle altre fonti fossili e dalle speculazioni finanziarie connesse a queste fonti energetiche, il nostro Paese deve proseguire nel cammino di crescita delle rinnovabili e adottare tutta una serie di misure finalizzate alla


COVER STORY / ENERGIA - CONFINDUSTRIA TOSCANA SUD - SIENA

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 21

riduzione dei consumi. Con una politica mirata, si devono quindi potenziare gli interventi di riqualificazione dell’illuminazione pubblica, implementare le reti smart e valorizzazione, anche attraverso incentivi economici o detrazioni fiscali, la riqualificazione energetica degli edifici, sia pubblici o che privati”. La Regione Toscana sembra puntare molto sull’economia verde e la produzione di energia da fonti rinnovabili. Quali i risultati a oggi e le concrete aspettative per il futuro? “Attraverso il Piano ambientale ed energetico e il Piano dei rifiuti, la Regione Toscana ha pianificato e dettato gli indirizzi strategici per lo sviluppo del nostro territorio. Tali strumenti sono un punto di partenza fondamentale per ogni genere di programmazione, ma non sono sufficienti da soli a rendere concreto quel cambiamento a favore dello sviluppo sostenibile nel quale operiamo. Le aspettative quindi ci sono, vogliamo sfruttare le possibilità che nasceranno, ma occorre che al contesto nel quale lavoriamo vengano apportate alcune modifiche”. Si spieghi meglio, a che cosa si riferisce? “A tutt’oggi esistono alcune criticità che possono mettere

Carlo Becatti

a rischio la realizzazione di iniziative nel campo dell’economia verde e la conseguente creazione dei cosiddetti green jobs. Mi riferisco, in particolare, ai tempi della fase autorizzativa dei nuovi impianti e a norme che molto spesso sono poco chiare. Con l’obiettivo di dare continuità e un’ulteriore prospettiva alla green economy, la pianificazione approvata dal governo regionale deve quindi essere supportata dal rispetto dei tempi previsti dalla legge per l’avvio di nuovi impianti, ovviamente sempre nel rispetto delle regole e delle procedure. Ai fini del buon esito di un progetto, è inoltre necessario avere quella certezza normativa che consenta una pianificazione economica e industriale a medio e lungo termine”. Come si è strutturata Sienambiente per affronta-

re i cambiamenti in atto e la liberalizzazione del mercato dell’energia? “L’avvento delle rinnovabili è stato ed è il vero motore del cambiamento, con effetti ben superiori ai processi di liberalizzazione degli anni ‘90. Ma molto ancora si modificherà nei prossimi anni e gli scenari energetici futuri avranno al centro l’innovazione tecnologica, le rinnovabili e l’efficienza. Sienambiente ha risposto da subito a queste sollecitazioni realizzando impianti alimentati a fonti rinnovabili, ma anche rendendo più efficienti gli impianti per la gestione dei rifiuti. Una strategia che ha permesso, come riconosciuto dal protocollo di ‘Siena Carbon free’, di abbattere del 20 per cento l’immissione in atmosfera di emissioni climalteranti. Sul fronte del mutamento del mercato

Green economy e green jobs, opportunità da cogliere per nuove prospettive di sviluppo

concretizzatosi nell’aumento del numero dei produttori, nella riduzione della dimensione degli impianti e nel mutamento del ruolo delle reti, siamo inoltre attivi dal 2014 con un nuovo servizio”. Di che cosa si tratta? “E’ il ‘Service Energia’, un servizio di consulenza energetica realizzato in collaborazione con Società Toscana Ambiente, che affianca nell’ottimizzazione dell’acquisto di energia elettrica le sedici aziende del ‘Gruppo Sta’, la maggior parte delle quali con una sede operativa in Toscana. In pratica, fornendo gli elementi necessari a valutare il contesto di mercato, guidiamo e assistiamo le imprese nella scelta dell’offerta economica migliore. L’idea di creare il ‘Service Energia’, per il quale ci avvaliamo della consulenza tecnica del Consorzio Siena Energia, nasce in seguito alla liberalizzazione del mercato dell’energia e alle opportunità legate ai vantaggi di natura economica scaturite dalla contrattazione di forniture energetiche. Un servizio che in virtù delle nuove dinamiche del mercato elettrico affermatesi con l’avvento delle rinnovabili, va nella direzione del risparmio energetico, della corretta gestione delle fonti energetiche e della razionalizzazione delle risorse”.


      )DEUL]LR%HUQDUGLQLGRWWRUHFRPPHUFLDOLVWDH UHYLVRUHOHJDOHWLWRODUHGDOGHOO·RPRQLPR VWXGLR FRPPHUFLDOH FRQ VHGH LQ $OWRSDVFLR /8  IRUPDWR GD GLHFL FROODERUDWRUL FUHD QHO  OD )RQGD]LRQH %HUQDUGLQL ,PSUHVD H 6YLOXSSR SHU VRVWHQHUH O·LGHD]LRQH O·HYROX]LRQHHODIRUPD]LRQHLPSUHQGLWRULDOH 3DUWHQGR GDOOD FRQYLQ]LRQH FKH YLYLDPR LQ PRQGR HFRQRPLFR FKH HYROYH YHORFHPHQWH GRYH VSHVVR OD SLFFROD LPSUHVD IHWWD SUHYDOHQWH GHOO·LPSUHQGLWRULD IDWLFD D ULPDQHUH DO SDVVR LO 'RWW %HUQDUGLQL KD FRVWLWXLWR QHO  LQVLHPH D XQ HVSHUWR YHQWHQQDOHGLVWDUWXSLOSULPRLQFXEDWRUH DFFHOHUDWRUH VSHFLÀFR SHU 0LFUR H 3LFFROH ,PSUHVH6WDUWXS *R6UO 'RWW%HUQDUGLQLTXDO·qO·RELHWWLYRGL6WDUW XS *R" &UHDUHXQYHURHSURSULRHFRVLVWHPDSHUPLFUR H SLFFROH LPSUHVH GRYH VL SRVVD DWWLQJHUH SHUIRUPDUVLDOÀQHGLHYROYHUVLLQQRYDUVLH FRQWDPLQDUVL FRQ UHDOWj SURGXWWLYH YLQFHQWL H SURIHVVLRQLVWL FRPSHWHQWL QHOOH YDULH GLVFLSOLQH VRSUDWWXWWR LQ TXHOOH SL HYROXWH 6WDUWXS  *R RͿUH DO SLFFROR LPSUHQGLWRUH ODSRVVLELOLWjGLLQVHULUVLLQTXHOOHSLHJKHQRQ VIUXWWDWHGHOO·HFRQRPLD

3HU IDU FUHVFHUH XQD VWDUWXS R LQQRYDUH XQD VWDUW EDFN VRQR QHFHVVDULH VSHFLÀFKH FRPSHWHQ]HWHFQLFKHHSURIHVVLRQDOL" 2FFRUUH VDSHU DOOLQHDUH WXWWL L SDUDPHWUL SHU DYHUH VXFFHVVR LO PRPHQWR OD ]RQD JHRJUDÀFD OD EXRQD SURJHWWD]LRQH H UHDOL]]D]LRQHXQWHDPD΀DWDWRHPRWLYDWRL FRQWDWWLLOFDSLWDOHHLONQRZKRZ ,O QRVWUR HFRVLVWHPD IRUQLVFH ULVXOWDWL SULPD DQFRUD GHJOL VWUXPHQWL SHU TXHVWR DSSOLFD OD IRUPXOD GHO ZLQ WR ZLQ GRSR DYHU DFFXUDWDPHQWH VHOH]LRQDWR LO SURJHWWR HG LO VRJJHWWR 3HU OD SDUWH ÀQDQ]LDULD DEELDPR ULWHQXWR XWLOH ULFRUUHUH DQFKH D IRUPH DOWHUQDWLYH DO FUHGLWR EDQFDULR FRPH LO PLFURFUHGLWR H LO SULYDWH YHQWXUH FDSLWDO FRO FRLQYROJLPHQWR GL FDSLWDOH SULYDWR QHOOH LQL]LDWLYH GD QRL ´JXLGDWHµ H ´FHUWLÀFDWHµ SHU DXPHQWDUH DO PDVVLPR OD SRVVLELOLWj GL VXFFHVVR ,QÀQH

FRORUR FKH FH OD IDUDQQR D WUDFFLDUH XQ SHUFRUVR FRO QRVWUR VRVWHJQR IDUDQQR SDUWH GHOOD FRPPXQLW\ GL 6WDUW8S  *R SHU FRQWLQXDUHDIRUPDUVLHYROYHUVLFRQIURQWDUVL H FRJOLHUH QXRYH RSSRUWXQLWj ,QVRPPD SRWUDQQR HPDQFLSDUVL SURSULR FRPH OR ULFKLHGRQRLWHPSLDWWXDOL

./0#'+!$-* -#'*'% !-'4'+&) '("+) 222%+*# 4'+*$'),-$. $.1'(0,,++-&

4XDO·q OD ULFHWWD SHU VWDUH ´D JDOODµ LQ XQ PHUFDWRFRVuFRPSHWLWLYR" )DUH DO PHJOLR FLz FKH VL ID DWWUDYHUVR WXWWL JOL VWUXPHQWL SRVVLELOL PD FRQ OH JLXVWH FRPSHWHQ]H,QQRYDUVLSHULSLFFROLVLJQLÀFD DWWLQJHUH D QXRYH IRUPH GL YHQGLWD GL FRPXQLFD]LRQHHGLVHUYL]LRTXLQGLRSHUDUH LQQRYD]LRQH GL SURFHVVR SULPD DQFRUD GL TXHOODGLSURGRWWR '·DOWUD SDUWH GDUH YRFH D FKL KD LGHH H FRUDJJLR q XQ·RSSRUWXQLWj SHU WXWWL 3HU TXHVWR OD )RQGD]LRQH H O·,QFXEDWRUH VL ULSURSRQJRQR DQFKH GL VHQVLELOL]]DUH OH JUDQGLD]LHQGHD΀QFKpFRQRVFDQRPHJOLROH VWDUWXSHOHSUHQGDQRLQFRQVLGHUD]LRQH /H VWDUWXS SRWUHEEHUR HVVHUH XQD ULVRUVD SUH]LRVDSHUOHJUDQGLD]LHQGH" &HUWDPHQWH 0D SHU HYLWDUH ULVFKL q PHJOLR FKH OH JUDQGL D]LHQGH VL FRQFHQWULQR VXOOR VFRXWLQJ GL VWDUWXS JLj PDWXUH LQ FUHVFLWD H FHUWLÀFDWH GD FHQWUL FRPSHWHQWL FRPH TXHOOR GL 6WDUW8S  *R 6UO SHU DFTXLVLUOH HG LQWHJUDUOH QHL SURSUL SURFHVVL D΀QFKp SRVVDQR FRQWULEXLUH D PLJOLRUDUQH OD FRPSHWLWLYLWjHGLQFUHPHQWDUQHLIDWWXUDWLHG LPDUJLQL 8QD GHOOH ULVSRVWH SL FRQYHQLHQWL SHU DXPHQWDUH OD SHUIRUPDQFH GHOOD JUDQGH LPSUHVD QRQ SXz FKH DUULYDUH GDOOD 2SHQ ,QQRYDWLRQ   


   !" 

6L VSHQGRQR ÀXPL GL SDUROH VXO IDPRVR GL VWUHWWR GHOOD SHOOHWWHULD D 6FDQGLFFL GRYH OH HFFHOOHQ]HSURGXWWLYH VRQR WXWWH FRQFHQWUDWH LQXQID]]ROHWWRGLWHUULWRULRFKHUDSSUHVHQWD LO FHQWUR PRQGLDOH GHO VHWWRUH$]LHQGH DUWL JLDQH PHGLRSLFFROH FRQ VWRULH SOXULHQQDOL DOOHVSDOOHIDPLJOLHFKHKDQQRLQYHVWLWRULVRU VHHYLWHLQWHUHSHUODVFLDUHXQVHJQRWDQJLELOH LQ XQ VHWWRUH FKH DGHVVR ID GD WUDLQR D WXWWD O·HFRQRPLDLWDOLDQD 'L EHOOH VWRULH FRVu FH QH VRQR WDQWH GD UDF FRQWDUHXQDVXWXWWHqTXHOODGL&DUPHQ3D URQLWLWRODUHHVRFLDGLPDJJLRUDQ]DGL&) 3 D]LHQGDGL6FDQGLFFLDFRQGX]LRQHIDPLOLDUH QDWD YHQWL DQQL ID 3DUWLWD GDO QXOOD LQVLHPH DLVXRLIDPLOLDUL&DUPHQ3DURQLDGHVVRSXz YDQWDUH XQ·D]LHQGD GDL QXPHUL LPSRUWDQWL FHQWR GLSHQGHQWL VX GXHPLOD PHWUL TXDGUD WL GL VWDELOLPHQWR XQD VWUXWWXUD PRGHUQD H IXQ]LRQDOHSHUORVYLOXSSRHODSURGX]LRQHGL ERUVHGHVWLQDWHDOPHUFDWRGHOOXVVR)LQGDO OD&) 3FROODERUDSHUDOFXQLGHLPDUFKL SL SUHVWLJLRVL GHOOD PRGD JXDGDJQDQGRVL FRVWDQWHPHQWH FUHGLELOLWj H VSD]LR VXO PHU FDWR ´1RQ q VWDWR IDFLOH SDUWLUH GD ]HUR H DFTXL VWDUHFUHGLWRQHLFRQIURQWLGHLFOLHQWLPDQHO FRUVRGLTXHVWLDQQLFLVLDPRULXVFLWL²FLFRQ ÀGD SURSULR &DUPHQ FKH SRL FRQWLQXD  /D GL΀ FROWjPDJJLRUH")DUVLODUJRLQXQPRQGR PDVFKLOH FRPH TXHOOR GHOOD SHOOHWWHULD$UUL YDUH D JXLGDUH XQ·D]LHQGD GL TXHVWR OLYHOOR SHUXQDGRQQDQRQqEDQDOH,QRVWULFOLHQWL KDQQRFUHGXWRLQQRLHQHOOHQRVWUHFDSDFLWj HVRQRVWDWLULSDJDWLGDXQ·D]LHQGDFKHqFR VWDQWHPHQWHLQFUHVFLWDµ $SSHQD HQWUDWL GD &) 3 FROSLVFH TXDQWR O·D]LHQGD DVVRPLJOL D FKL O·KD SODVPDWD GL QDPLFLWj JLRYHQW H WDQWH GRQQH DOO·RSHUD 8QDIUHQHVLDSURGXWWLYDFKHVLUHVSLUDQHOO·D ULD ´$EELDPR ULFUHDWR QHOOD QRVWUD D]LHQGD XQDPELHQWHIDPLOLDUHGRYHODFUHDWLYLWjHOD SDVVLRQH GHYRQR HVVHUH VWLPRODWHµ FL LQWUR GXFH&DUPHQ3DURQL4XLVLFRVWUXLVFRQRERU VHVHQ]DOLPLWLGLPDWHULDOLRIRUPHHLOYHUR JLRLHOOR GHOO·D]LHQGD q LO UHSDUWR PRGHOOHULD VROR TXL RSHUDQR EHQ VHVVDQWD DGGHWWL DOOR VYLOXSSR GHO SURGRWWR , PRGHOOLVWL JXLGDWL GDLEUDQGPDQDJHUVVLRFFXSDQRGLSURGXUUH

LOFDUWDPRGHOORFKHSRLSDVVDDOUHSDUWRGLWD JOLRHPRQWDJJLRSHUODUHDOL]]D]LRQHGHOSUR WRWLSR ,O VHUYL]LR GL FDPSLRQDWXUD LQWHUQD q FHUWDPHQWHXQSXQWRGLIRU]DGL&) 3HSHU PHWWHDJOLVWLOLVWLFKHVLULYROJRQRDOO·D]LHQGD GLDYHUHDGLVSRVL]LRQHWHFQLFDHUDSLGLWjSHU SURYDUH LQ WHPSR UHDOH WXWWH OH PRGLÀFKH DL ORURSURWRWLSLÀQRDGDUULYDUHDOULVXOWDWRYR OXWR$OO·LQWHUQRGHOO·D]LHQGDVRQRHVHJXLWHOH IDVLSLGHOLFDWHGHOSURFHVVRSURGXWWLYRRO WUHDOODPRGHOOHULDLOFRQWUROORTXDOLWjGLDOWR OLYHOORHODODYRUD]LRQHGHOSHOODPHSUHJLDWR FRPHSHOOLGLFRFFRGULOORSLWRQHUD]]HLJXD QH H VWUX]]L 8QD JUDQGH DWWHQ]LRQH DQFKH

SHU OD ORJLVWLFD LQWHUQD DOO·D]LHQGD FKH SHU PHWWH GL HͿHWWXDUH VSHGL]LRQL QD]LRQDOL HG LQWHUQD]LRQDOLYLDPDUHWHUUDHDULD ´/D QRVWUD PLVVLRQ ² FRQFOXGH &DUPHQ 3D URQL ² q OD ULFHUFD LQFHVVDQWH GL SUHFHGHUH LO IXWXURµ7XWWRTXHVWRq&) 3XQ·D]LHQGD´LQ URVDµEHQLQVHULWDVXOWHUULWRULRHQHOWHVVXWR SURGXWWLYRLQFXLQLHQWHqODVFLDWRLQGLHWUR  ' #$(($+*/' " *#'""' $(     '*%+"%$,.-("+) 222"%$,.-("+)

  


COVER STORY / ENERGIA - CONFINDUSTRIA TOSCANA SUD - AREZZO

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 24

Green economy, la sfida della Toscana Importanti investimenti e ambiziosi progetti fanno della Toscana una regione all’avanguardia nella green economy , ma la vera partita si gioca sull’uso efficiente dell’energia di Paolo Vannini, giornalista freelance

D

a giugno 2015 per il gas, da giugno 2016 per l’elettricità. Dopo tanti annunci è davvero arrivata la fine per i contratti che riproducono le vecchie tariffe amministrate ante-liberalizzazione per le famiglie e le piccole medie imprese che non se la sentono di affidarsi al mercato degli operatori in concorrenza. Cosa potrà cambiare? Quali benefici? E quali rischi di minori tutele per i consumatori? “Con la fine del ‘regime

di maggior tutela’ sicuramente si apre una nuova era in tema di liberalizzazione, ma soprattutto, di scelta delle tariffe da parte del consumatore. Naturalmente, ciò potrà avvenire nell’ipotesi in cui ci sia realmente piena consapevolezza delle condizioni del mercato e piena capacità di scelta, cosa che ritengo ancora prematura. Persiste ancora una sorta di ‘asimmetria informativa’ circa le condizioni del mercato energetico e, a mio modesto parere, sarebbe opportuno un graduale

percorso di accompagnamento verso questo nuovo regime. Ci sono ancora opinioni contrastanti circa la reale convenienza delle tariffe del mercato libero rispetto a quelle del mercato tutelato. E per finire, credo che sarebbe comunque auspicabile un rigoroso accompagnamento verso il mercato da parte dell’Autorità Antitrust quale supremo garante della concorrenza e delle regole del libero mercato dell’energia”. Dal raffronto con altri

Paesi emerge un dato costante: l’Italia paga mediamente di più il costo dell’energia. Quali sono i motivi di questo squilibrio e come è possibile superarlo? “L’Italia è notoriamente povera di risorse energetiche e ha fatto una precisa scelta per quanto attiene l’energia nucleare. Ciò premesso, partiamo da un costo di base dell’energia che non può che essere maggiore rispetto agli altri paesi Europei, dato che siamo costretti ad importare


COVER STORY / ENERGIA - CONFINDUSTRIA TOSCANA SUD - AREZZO

la maggior parte dell’energia che consumiamo; per di più, il peso delle tasse e imposte applicate in bolletta è notevolmente più elevato rispetto a quello di Francia, Germania, Gran Bretagna e Spagna. Tutto ciò naturalmente si ripercuote sulla spesa delle famiglie Italiane per energia e gas, e genera un posizione di scarsa competitività per le imprese nazionali le quali sono costrette a sostenere un costo, che soprattutto nelle aziende manifatturiere è un vero e proprio costo della materia prima, notevolmente maggiore in confronto agli altri paese Europei”. Come si presenta nello specifico la situazione in Toscana? Esistono particolari vantaggi o svantaggi per gli utenti, e per le imprese in particolare? “Ritengo che la realtà Toscana non si discosti molto da quella delle altre Regioni Italiane. Nel nostro caso, quale azienda di produzione con elevati consumi sia dei energia elettrica che di metano, siamo parte ormai da quindici anni del Consorzio Arezzo Energia, attraverso il quale abbiamo gestito in modo direi ottimale la negoziazione delle condizioni contrattuali e tariffarie sul libero mercato. Credo che l’aggregazione di imprese, quale gruppo di acquisto nella forma consortile, sia un importante

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 25

Andrea Susi

strumento di negoziazione delle tariffe energetiche, ma deve comunque essere gestito e coadiuvato da un adeguato staff di professionisti che abbia una conoscenza approfondita delle condizioni di mercato, delle normative di riferimento e dei gestori”. In Toscana si parla molto di “Green economy”. La Regione sembra puntare molto sulla valorizzazione dell’economia verde e dunque sulle modalità di trasformazione delle materie prime in energia. Con quali risultati ad oggi e con quali concrete aspettative per il futuro? “Credo che la Toscana sia all’avanguardia per quanto concerne la ‘Green Economy’ con importanti investimenti già ultimati e con altrettanti ambiziosi progetti da realizzare: mi riferisco in particolare al setto-

re idroelettrico, alla geotermia, alle biomasse, al fotovoltaico e all’eolico. La Toscana, in base a specifici indicatori di sostenibilità ambientale, è una fra le regioni Italiane più virtuose sotto il profilo dell’energia verde, si è dotata di un’apposita disciplina di riferimento per le ‘aree produttive ecologicamente attrezzate’ e ha finanziato la formazione del Distretto delle Energie Rinnovabili, luogo di incontro fra le aziende interessate alla green economy. Da un recente studio emerge che investire il 2 per cento del PIL Toscano per la riconversione ecologica del sistema produttivo implicherebbe la creazione di 15000 nuovi posti di lavoro, attraverso l’innovazione dei piani industriali, logiche di processo, risparmiando energia e riducendo i gas-serra”. Le società Esco (Energy

Tasse e imposte appesantiscono la bolletta energetica per imprese e privati

service companies) possono essere individuate come figure chiave negli interventi di green economy? E’ così e che ruolo possono svolgere? “Certo, le ESCO forniscono servizi volti alla realizzazione di interventi di razionalizzazione degli usi e di generazione locale dell’energia, per garantire un uso efficiente dell’energia e di conseguenza ridurre i consumi e i costi della bolletta; in più, tali società si occupano anche del finanziamento degli interventi anzidetti e recuperano l’investimento effettuato tramite i risparmi conseguiti nei costi di esercizio. I risparmi economici ottenuti vengono quindi condivisi fra la ESCO e il cliente finale con diversi tipi di accordi commerciali. Data la loro precipua specializzazione e professionalità in ambito di efficientamento energetico, sia sotto il profilo impiantistico che in termini di finanziamento per progetti di intervento, le ESCO potranno e dovranno sicuramente giocare un ruolo determinante nell’ambito della green economy; ciò perché presumo che non sia sempre facile e immediato individuare, all’interno delle aziende, risorse umane e soprattutto tempo da dedicare alla progettazione di sistemi di razionalizzazione degli usi energetici”.


     /DXUHDWR SUHVVR OD )DFROWj GL (FRQRPLD H &RPPHUFLR GL )LUHQ]H FRQ LO PDVVLPR GHL YRWLHORGHGRSRXQDEHOODHIRUPDWLYDHVSH ULHQ]D QHOOD VRFLHWj GL UHYLVLRQH FRQWDELOH .30* 3HDW 0DUZLFN  )DXVWR 1HGLDQL KD FROODERUDWRSHUROWUHTXDWWURDQQLFRQOR6WX GLR%RPSDQL $VVRFLDWLQHJOLDQQL1RYDQWD XQRGHJOLVWXGLGLGRWWRULFRPPHUFLDOLVWLSL SUHVWLJLRVLLQ)LUHQ]H $O WHUPLQH GL TXHVWD HVSHULHQ]D GRSR DYHU FRQVHJXLWRO·DELOLWD]LRQHD'RWWRUH&RPPHU FLDOLVWDH5HYLVRUHFRQWDELOHQDVFHOR6WXGLR 1HGLDQL LQ )LUHQ]H FRQ FRPSHWHQ]H LQ PD WHULD GL FRQVXOHQ]D VRFLHWDULD  WULEXWDULD HG D]LHQGDOHHFRQXQDVSHFLDOL]]D]LRQHULYROWD DOOH LPSUHVH HVWHUH LQWHUHVVDWH D VYLOXSSDUH LQYHVWLPHQWLRSURJHWWLLQ7RVFDQDHLQ,WDOLD $WWXDOPHQWHWUDJOLDOWULLQFDULFKLYHVWHODFD ULFD GL 3UHVLGHQWH GHO &ROOHJLR VLQGDFDOH GL VRFLHWj PXOWLQD]LRQDOL RSHUDQWL LQ ,WDOLD QHO VHWWRUH IDUPDFHXWLFR FRPH *UXSSR (OL /LOO\ H 1RYDUWLV H VLQGDFR HͿHWWLYR LQ VRFLHWj GHO *UXSSR7HUQD TXRWDWDLQ%RUVD 

4XDOL VRQR DOWUH DUHH GL FRQVXOHQ]D H DVVL VWHQ]D FKH DYUDQQR XQ IXWXUR H FKH R;ULWH DOODYRVWUDFOLHQWHOD 1HJOL XOWLPL DQQL DEELDPR VYLOXSSDWR XQD FHUWD HVSHULHQ]D QHOOD LPSOHPHQWD]LRQH GHL 0RGHOOL GL 2UJDQL]]D]LRQH JHVWLRQH H FRQ WUROOR SUHYLVWL GDO ' /JV  FKH FR VWLWXLVFRQRXQLQVLHPHGLSURFHGXUHHUHJROH UHDOL]]DWH VXOOD EDVH GL XQ·DQDOLVL SXQWXDOH GHOO·D]LHQGDHGHOULVFKLRFRQFUHWRGHOODFRP PLVVLRQH GD SDUWH GHL VRJJHWWL FKH RSHUDQR QHOO·D]LHQGD GHL UHDWL SUHYLVWL GDO 'OJV  /·DWWLYD]LRQH GL PRGHOOL GL RUJDQL]]D]LRQH JHVWLRQH H FRQWUROOR DWWL D SUHYHQLUH OD UHD OL]]D]LRQHGHJOLLOOHFLWLSHQDOLSUHYLVWLGDO'

/JVSXzSRUWDUHLVHJXHQWLHͿHWWL JLXULGLFLO·HVRQHURGLUHVSRQVDELOLWjGHOO·LP SUHVDODULGX]LRQHGHOODSHQDSHFXQLDULDOD GHURJDGDOO·DSSOLFD]LRQHGHOOHVDQ]LRQLLQWHU GLWWLYHHODVRVSHQVLRQHGHOOHPLVXUHFDXWHOD UL,QDOWULWHUPLQLO·DGR]LRQHGLXQPRGHOOR RUJDQL]]D]LRQH JHVWLRQH H FRQWUROOR HVFOXGH OD FROSD GHOOD VRFLHWj SHU LO FRPSLPHQWR GHL UHDWL GD SDUWH GHL SURSUL GLSHQGHQWL R FROOD ERUDWRUL SXU QRQ WUDWWDQGRVL GL XQD PLVXUD REEOLJDWRULDULVXOWDVHQ]DGXEELRO·XQLFDIRU PDGLGLIHVDSHUO·D]LHQGD 9LDOH%HOÀRUH)LUHQ]H    *$#' *'%# # '/

'RWW1HGLDQLTXDOHGHYHHVVHUHLOUDSSRUWR FRQLOFOLHQWH" +R VHPSUH SHQVDWR FKH TXHVWD SURIHVVLRQH GHYHIRQGDUVLLQSULPROXRJRVXOODFHQWUDOLWj GHOUDSSRUWRFRVWDQWHHGLUHWWRFRQLOFOLHQWH FKHGHYHHVVHUHFHUWRGLDYHUHXQSURIHVVLRQL VWDVHPSUHDWWHQWRHSURQWRQHOGDUHULVSRVWH DOOHYDULHSUREOHPDWLFKHD]LHQGDOL 2JJL LO FOLHQWH FRLQYROJH LO GRWWRUH FRPPHU FLDOLVWD VX WHPDWLFKH  FKH QRQ VRQR VROR GL QDWXUD VWUHWWDPHQWH ÀVFDOH R FRQWDELOH PD ULJXDUGDQR O·RUJDQL]]D]LRQH D]LHQGDOH  OH VFHOWHVWUDWHJLFKHHO·DQDOLVLSUHYHQWLYDGHJOL LQYHVWLPHQWL FRQ L ULVYROWL ÀQDQ]LDUL FKH WDOL VFHOWHD]LHQGDOLLPSOLFDQR 3HU IDUH XQ HVHPSLR  QHJOL XOWLPL DQQL LO PLR 6WXGLR KD IRUQLWR DVVLVWHQ]D DG D]LHQGH LQGXVWULDOL OHDGHU QHO ORUR VHWWRUH VSHFLÀFR  FKH YDOXWDQGR OD FRQWUD]LRQH GHO FRPSDUWR LPPRELOLDUH  KDQQR GLYHUVLÀFDWR L SURSUL DVVHWVSDWULPRQLDOLHGKDQQRHͿHWWXDWRLSL FRQVLVWHQWL LQYHVWLPHQWL LPPRELOLDUL UHWDLO QHOFHQWURGL)LUHQ]H ,OVXR6WXGLRKDVYLOXSSDWRDQFKHUDSSRUWL FRQVRFLHWjHVWHUH 1HO FRUVR GHJOL DQQL VRQR GLYHQWDWH VHPSUH SLSUHVVDQWLOHULFKLHVWHGLDVVLVWHQ]DVLDGL D]LHQGH LWDOLDQH GHVLGHURVH GL VYLOXSSDUH LQYHVWLPHQWL DOO· (VWHUR  VLD GL VRFLHWj HVWH UH LQWHUHVVDWH D VYLOXSSDUH LQYHVWLPHQWL HG RUJDQL]]DUH VHGL RSHUDWLYH VXO WHUULWRULR QD ]LRQDOH 5LWHQJR RUDPDL IRQGDPHQWDOH SHU QRL SUR IHVVLRQLVWL ULYROJHUH OD QRVWUD DWWHQ]LRQH HG HVVHUHDSHUWLDOOHUHOD]LRQLGDHYHUVRO·(VWHUR H VYLOXSSDUH DOO·LQWHUQR GHOOR 6WXGLR SURIHV VLRQDOLWj VSHFLDOL]]DWH LQ TXHVWR VHWWRUH FRQ SDGURQDQ]DDOPHQRGHOODOLQJXDLQJOHVH   


  

     !     4XDOLVRQRLYDQWDJJLFKHO·LPSUHVDRWWLHQH FRQO·DVVHYHUD]LRQH" ,QQDQ]LWXWWRO·LPSUHVDRWWLHQHODSXEEOLFD]LR QHVXOVLWRGHO0LQLVWHURGHO/DYRURHGHO&RQ VLJOLR1D]LRQDOHGHL&RQVXOHQWLGHO/DYRURH TXHVWRqJLjXQSULPRVHJQDOHGLGLVWLQ]LRQH DIDYRUHGHOO·D]LHQGD8QDOWURYDQWDJJLRqVL FXUDPHQWHGHWHUPLQDWRGDOIDWWRFKHO·DWWLYLWj LVSHWWLYDGDSDUWHGHOOD'LUH]LRQHJHQHUDOHVL RULHQWHUj SULRULWDULDPHQWH YHUVR OH LPSUHVH SULYHGHOO·DVVHYHUD]LRQH,QWHU]ROXRJRQRQ YD GLPHQWLFDWD OD YDOXWD]LRQH SRVLWLYD GD SDUWH GL XQ·LPSUHVD DSSDOWDWULFH LQ FDVR GL JDUDPDDQFKHQHLFRQIURQWLGLFRPPLWWHQWL HGHQWLSXEEOLFLËXQRVWUXPHQWRLQSLSHU DWWHVWDUHODSURSULDUHJRODULWjGDXQSXQWRGL YLVWDHWLFRHSURIHVVLRQDOH /HD]LHQGH´LUUHJRODULµLQWHQ]LRQDWHDFDP ELDUHFRUVRSRVVRQRULFKLHGHUHXQ·DVVHFR" &HUWDPHQWHOHD]LHQGHFKHLQWHQGRQRDYYLD UH XQ SHUFRUVR GL UHJRODULWj SRWUDQQR IDUOR /D UHJROD q OR VWDWR GL UHJRODULWj GHOO·DQQR SUHFHGHQWHPDSHUFKLSUHVHQWDODSULPDYRO WD O·LVWDQ]D YRORQWDULD O·DPELWR GL RVVHUYD ]LRQHqLOJLRUQRGLSUHVWD]LRQHGHOO·LVWDQ]D

,O'RWW5REHUWR%HFRQFLQLDSUHLOVXRVWXGLR D(PSROLQHOGDDOORUDVLRFFXSDGLFRQ VXOHQ]D GHO ODYRUR FRQWHQ]LRVR YHUWHQ]H GL ODYRURHFRQWUDWWD]LRQHVLDDOLYHOORD]LHQGDOH FKHLQGLYLGXDOHFRQO·REELHWWLYRGLVRGGLVID UHLOFOLHQWHLQWHPSLFHOHUL2SHUDVXOWHUULWR ULRWRVFDQRPDDQFKHQD]LRQDOHDYYDOHQGRVL GLXQDVHGHD%RORJQDGRYHFROODERUDFRQXQ QHWZRUNGLSURIHVVLRQLVWLGHOVHWWRUH2OWUHDG HVVHUH PHGLDWRUH FLYLOH H &78 GHO 7ULEXQD OHGL)LUHQ]HLO'RWW%HFRQFLQLVLqDELOLWDWR FRPH DVVHYHUDWRUH SHU RÍ¿ULUH DL VXL FOLHQWL H QRQ VROR O·RSSRUWXQLWj GL RWWHQHUH O·$VVHYH UD]LRQHGLFRQIRUPLWjGHLUDSSRUWLGLODYRUR $VVH&R   'RWW %HFRQFLQL O·$VVH&R q XQ·LQL]LDWLYD VSHULPHQWDOH SURPRVVD GDO 0LQLVWHUR GHO /DYRUR GL FRQFHUWR FRQ O·2UGLQH 1D]LRQD OH GHL &RQVXOHQWL GHO /DYRUR TXDO·q LO VXR RELHWWLYR" /·$VVH&RqXQDWWRYRORQWDULRDGLVSRVL]LR QHGHLGDWRULGLODYRURSHUFHUWLÀFDUHODUHJR ODULWjGHOODSURSULDLPSUHVDQHOODJHVWLRQHGHL UDSSRUWL GL ODYRUR /·RELHWWLYR GL TXHVWD LQL

]LDWLYDqORGHYROHSHUFKpPLUDDGLQQHVFDUH XQ FLUFROR YLUWXRVR FKH YDORUL]]L OH LPSUHVH UHJRODULFKHVLYRJOLRQRGLVWLQJXHUHVXOPHU FDWRGHOODYRURSHUODSURSULDFRUUHWWH]]D &LSXzVSLHJDUHGLFRVDVLWUDWWDQHOFRQFUHWR ODSURFHGXUD" ,GDWRULGLODYRURLQWHUHVVDWLYRORQWDULDPHQWH SRVVRQR ULFKLHGHUH O·DVVHYHUD]LRQH WUDPLWH LOFRQVXOHQWHGHOODYRUR$WDOÀQHGRYUDQQR SUHVHQWDUH XQD GLFKLDUD]LRQH GL UHVSRQVDEL OLWjFKHGLFKLDULGLQRQFRPPHWWHUHLOOHFLWLLQ PDWHULDGLODYRURPLQRULOHWHPSLGLODYRUR ODYRUR QHUR H VLFXUH]]D VXO ODYRUR 'LFKLD UD]LRQH FKH GRYUj HVVHUH DOOHJDWD LQVLHPH D TXHOODGHOFRQVXOHQWHGHOODYRURFKHUHGLJHUj SURSULR JUD]LH DOOH FRQRVFHQ]H DPPLQLVWUD WLYH  H JLXULGLFKH GHOO·LPSUHVD FKH DVVLVWH H GRSRDYHUYHULÀFDWRODSUHVHQ]DGLHOHPHQWL RJJHWWLYL VXOOD EDVH GHOOH SURSULH HYLGHQ]H FRQWDELOL ,Q VLQWHVL VL WUDWWD GL XQ·DVVXQ]LR QH GL UHVSRQVDELOLWj GHOOH SDUWL FRLQYROWH VX HOHPHQWLRJJHWWLYLHQRQVXVFHWWLELOLGLDOFXQD LQWHUSUHWD]LRQH

3HUFKqXQ·D]LHQGDFKHKDJLjXQ&RQVXOHQWH GHO /DYRUR GRYUHEEH FKLDPDUOD SHU TXHVWR WLSRGLVHUYL]LR" 3HUFKq L GXH UDSSRUWL VRQR VRYUDSSRQLELOL H SRVVRQRWUDQTXLOODPHQWHFRHVLVWHUHDQ]LFRO ODERUDUH GDO PRPHQWR FKH QRQ WXWWL L &RQ VXOHQWL GHO /DYRUR VRQR R YRJOLRQR HVVHUH DVVHYHUDWRUL YLVWH DQFKH OH QRWHYROL UHVSRQ VDELOLWjFKHVRQRFKLDPDWLDGDVVXPHUVL 222!$"+*"'*''/

  


COVER STORY / ENERGIA - CONFINDUSTRIA PRATO

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 28

Energia e imprese, un rapporto strettissimo Ad analizzarlo nel dettaglio ci pensa Franco Ciampolini, vicepresidente dell’Unione industriale Pratese. Ombre e luci di un settore vitale per le imprese di Mattia Cialini, giornalista “Arezzonotizie.it”

A

chi dovrebbe rivolgersi un’impresa giovane per avere una dettagliata panoramica sulle possibilità in ambito energetico? “Se un’impresa avvia la propria attività proponendosi di ottimizzare i propri costi energetici è già a metà dell’opera: la sensibilità per il problema è un presupposto essenziale ma non scontato. Le opportunità per effettuare scelte vantaggiose non mancano. Ci sono società specializzate ma soprattutto esistono strutture come le associazioni di categoria ed i consorzi, spesso promossi dalle associazioni stesse, che possono fornire indicazioni oggettive, nell’esclusivo

interesse delle imprese. Sia il fornitore che il tipo di contratto possono fare la differenza. Ma non basta. Bisogna anche prestare attenzione alle modalità di fatturazione, al rispetto dei termini del contratto e, naturalmente, a scadenze e rinnovi. In caso di imprese di dimensioni ridotte è particolarmente importante valutare le opportunità offerte dai consorzi: le condizioni contrattuali che si riescono a spuntare disponendo di una ‘massa critica’ significativa come quella di un consorzio sono nettamente migliori di quelle a portata di una piccola azienda. A Prato abbiamo una doppia possibilità sia per l’energia elettrica che per il gas metano: i consorzi

Prato Energia e Prato Gas per le imprese di dimensioni maggiori e due rispettivi gruppi di acquisto per quelle più piccole. Un altro fattore da tenere d’occhio è l’efficientamento”. Da imprenditore del settore, quale consiglio darebbe ad un’azienda tessile per l’efficientamento, e magari il risparmio, energetico? “Più che un consiglio è un invito che vale per tutti noi tessili ma non solo per noi. Fra i tessili, peraltro, ci sono situazioni ben diverse a seconda della tipologia produttiva, che può avere una maggiore o minore intensità di consumi energetici. I costi di energia elettrica e gas metano sono così elevati

da compromettere per alcune aziende gli equilibri di bilancio, anche oggi che pure è un momento non troppo negativo da questo punto di vista. In questo contesto il miglior consiglio può essere solo uno: non rassegniamoci, cerchiamo tutti i percorsi possibili per contenere gli oneri delle nostre bollette. Qualcosa si può fare. Come Unione Industriale Pratese e come società di servizi Saperi, controllata dalla stessa associazione, forniamo ad esempio il servizio ‘Efficientamento & Risparmio’. Potenziali interessate tutte le imprese del manifatturiero e dei trasporti; il servizio riguarda infatti elettricità, gas metano ed altri combustibili. Quello che proponiamo è


COVER STORY / ENERGIA - CONFINDUSTRIA PRATO

un percorso in due tappe, anche indipendenti fra di loro. La prima tappa è il check up energetico: accade che in questa fase si evidenzino diseconomie fino al 20% dei consumi totali. Grazie alla collaborazione dei colleghi della sezione Terziario Innovativo dell’Unione Industriale Pratese, questa prima fase è gratuita. Non è cosa da poco: parliamo di una consulenza qualificata che consiste in una visita di mezza giornata e che serve a far emergere le linee generali degli interventi da effettuare. Poi, dopo una attenta valutazione del rapporto costi/benefici, si può passare alla fase due. Se si stabilisce di effettuare un intervento per il miglioramento dell’efficienza energetica, è molto probabile che si diano le condizioni per avere diritto al pagamento di un credito da parte di Gse - Gestore dei servizi energetici. Sono i certificati bianchi, in pratica denaro: un incentivo che la legge attribuisce a chi effettua interventi rilevanti per l’ottimizzazione dei consumi energetici”. Energie rinnovabili: quali sono le possibilità di investimento più interessanti in questo momento? “La novità è la concreta possibilità di realizzare investimenti nell’ambito della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili (di qualsiasi tipo: fotovoltaico, che si presta particolarmente, ma anche idroelettrico, biomasse o eolico) in pro-

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 29

Franco Ciampolini

miscuità con unità di consumo. In sostanza, le recenti normative sui SEU, i Sistemi Efficienti di Utenza, consentono di installare, in un sito nella disponibilità del consumatore, un impianto di produzione alimentato da fonti rinnovabili anche da parte di un soggetto diverso dal titolare dell’impianto di utilizzazione. La cosa interessante è che questa transazione per così dire a chilometro zero, che non necessita della rete di trasporto e distribuzione nazionale, è gravata solo in minima parte dagli oneri diversi dalla componente energia, che ammontano anche a più del 60 per cento del totale del costo di fornitura. I minori oneri possono essere ripartiti tra produttore e consumatore, a vantaggio di entrambi”. L’energia è vita per le aziende ed è quindi una spia delle attività di un’industria. Attraverso i consumi energeti-

ci è possibile ricostruire il numero di occupati di un’impresa e contrastare così l’illegalità “Vero, è così. I consumi di energia elettrica e gas, ma anche di acqua, possono costituire indicatori della congruità complessiva del rapporto costi-ricavi di un’impresa e dell’attendibilità della composizione ed entità stessa delle diverse voci di costo. Se ad esempio i costi energetici di un’azienda sono sovradimensionati rispetto ai costi del personale, è possibile immaginare che vi siano delle irregolarità nell’ambito dei rapporti di lavoro. Intendiamoci: non si possono stabilire in tutti i casi delle relazioni fisse e perentorie fra dati di questo genere ma di certo si possono individuare parametri generali utilizzabili per, se non altro, andare a verificare situazioni che appaiono sbilanciate. E’ un problema molto sentito a Prato ma non solo: l’illegalità va

Costi dell’energia più equi un obiettivo fondamentale per la crescita

combattuta con determinazione e questi indicatori possono essere di grande utilità”. Qual è il futuro dell’energia per le aziende tessili? Ci sono cambiamenti all’orizzonte? “Potrebbe esserci un cambiamento positivo, cioè uno sgravio di parte degli oneri fiscali per le aziende, tessili ma non solo, inserite in strutture consortili. Parliamo di un tema annoso, sul quale la nostra associazione si è molto battuta. Provo a riassumerlo in poche parole: l’importo complessivo che le aziende si trovano in bolletta è composto in misura rilevante da accise ed oneri fiscali vari. Parte di questi oneri sono però ridotti per le aziende energivore, che in Italia sono identificate come tali essenzialmente in base ai volumi di consumo in termini assoluti. In pratica, imprese che in proporzione ai loro costi consumano molta energia e gas ma che non sono classificate come energivore (è il caso di alcune tipologie di lavorazioni tessili) pagano l’energia più delle grandi imprese. Una evidente iniquità che potrebbe essere sanata facendo valere i consorzi, ai fini fiscali, come un’impresa unica. Una breccia è stata introdotta con la legge di stabilità del 2014: ora siamo alla stesura dei decreti attuativi, sui quali si gioca l’efficacia del provvedimento”.


          

/R 6WXGLR 6LVL QDVFH  DQQL ID IRQGDWR GD *LXOLDQR6LVL2JJLORJXLGDLOÀJOLR)HGHULFR 6LVL'RWW5DJ&RPPHUFLDOLVWDH5HYLVRUH/H JDOHFKHROWUHDFRQVROLGDUHLWUDGL]LRQDOLVHW WRULGLDWWLYLWjLQPDWHULDÀVFDOHDPPLQLVWUD WLYDVRFLHWDULDHGHOODYRURKDDPSOLDWRYLD YLDOHPDWHULHWUDWWDWHFRVuFKHRJJLOR6WXGLR q LQ JUDGR GL IRUQLUH DVVLVWHQ]D SHU OD TXDVL WRWDOLWjGHOOHQHFHVVLWjD]LHQGDOLHODYRUDWLYH H SHU RJQL WLSR GL FOLHQWH /D PLVVLRQH GHOOR 6WXGLR6LVLULPDQHVHPSUHXQDVRODRͿULUHDO FOLHQWH XQ·DVVLVWHQ]D SXQWXDOH FRPSHWHQWH HG H΀FDFH SHU OR VYLOXSSR GHOOD SURSULD DW WLYLWj 'RWW6LVLDYHQGRDFKHIDUHFRQOHD]LHQGH TXRWLGLDQDPHQWHHSRWHQGRXQLUHOHFRPSH WHQ]HLQPDWHULDÀVFDOHHGHOODYRURFLVRQR GHOOHVWUDWHJLHGLULVSDUPLRSHUFRUULELOL" $WWXDOPHQWHFLVWLDPRRFFXSDQGRPROWRGHO ODSRVVLELOLIRUPHGLULVSDUPLRGHLFRVWL,QDLO FKHOHD]LHQGHQRQFRQVLGHUDQRÀQRLQIRQGR ,QIDWWL LO WDVVR SRQGHUDWR GHOO·,QDLO SHUPHWWH GL SRWHU PRGXODUH LO WDVVR GL LQIRUWXQL VXO ODYRURULVSHWWRDOOHWLSRORJLHGLODYRURFKHVL VYROJRQR&RPHWXWWHOHDVVLFXUD]LRQLDQFKH O·DVVLFXUD]LRQHREEOLJDWRULD,QDLOSHULODYRUD

WRUL IXQ]LRQD FRQ OH FODVVL GL ULVFKLR 6SHVVR SHUz QHOOH D]LHQGH YHQJRQR HVHUFLWDWL YDUL WLSLDWWLYLWjHQRQWXWWHKDQQRODVWHVVDFODVVH GLULVFKLRDGHVHPSLRXQ·D]LHQGDSXzDYHUH XQFHUWRQXPHURGLDGGHWWLDLPDFFKLQDULDW WLYLWj SL ULVFKLRVD PD DQFKH DOWUL DGGHWWL D RSHUD]LRQLPHQRLQYDVLYHRULVFKLRVH &RPHVLWURYDXQDVROX]LRQH" &L VRQR GLYHUVL DFFRUJLPHQWL GD YDOXWDUH H SRUUH LQ HVVHUH FRQ LO FOLHQWH GD TXHOOL SL VHPSOLFL DG LQWHUYHQWL SL FRPSOHVVL FKH VSHVVRPLJOLRUDQRDQFKHOHFRQGL]LRQLGLOD YRURLQD]LHQGD0DFRPHLQVHJQDQRLIDPRVL FKHI«QRQ VL SRVVRQR VYHODUH WXWWL L VHJUHWL GHOOHULFHWWHDOWULPHQWLQRQFLVDUHEEHURGLI IHUHQ]H ,OYRVWUR6WXGLRR;UHVHUYL]LSHUVRQDOL]]DWL SHUYHQLUHLQFRQWURDOOHULFKLHVWHHDOOHSHFX OLDULWjGHOFOLHQWH&RPHULXVFLWHDR;ULUHOD PDVVLPDTXDOLWjGHLVHUYL]L" ,QQDQ]LWXWWRVLDPRVWDWLWUDLSULPLGHOQRVWUR VHWWRUHDFRQVHJXLUHODFHUWLÀFD]LRQH,62 HGqXQQRVWURJUDQGHÀRUHDOO·RFFKLHOORTXHO ORGLDYHURWWHQXWRODFHUWLÀFD]LRQHGLTXDOLWj UHODWLYDDOOHSURFHGXUHRSHUDWLYHFKHVYROJLD

PR$EELDPRPROWLFOLHQWLHVWHULLOSLORQWD QRLQ6XG$IULFDFRQLTXDOLVLDPRLQJUDGR GLVYLOXSSDUHHJHVWLUHUDSSRUWLLQOLQJXDLQ JOHVHHRIUDQFHVH ,O QRVWUR LQROWUH q XQR 6WXGLR FKH JXDUGD DOIXWXURVRQRVHPSUHVWDWRFRQYLQWRFKHq SURSULRQHLPRPHQWLGLFULVLFKHELVRJQDLQ YHVWLUH 3HU TXHVWR DEELDPR SXQWDWR PROWR VXOOHWHFQRORJLHPHWWHQGRDGLVSRVL]LRQHGHL FOLHQWL WXWWD XQD VHULH GL VWUXPHQWL FKH SHU PHWWRQRYHUDPHQWHGL´VHQWLUHµOR6WXGLRDO SURSULR ÀDQFR H LQWHUIDFFLDUVL FRQ WHPSHVWL YLWjHGH΀FDFLD&RPHSXzYHGHUHGDOVLWR RͿULDPR DL QRVWUL FOLHQWL DQFKH XQ SRUWDOH ULVHUYDWR GRYH WURYDUH OD GRFXPHQWD]LRQH D]LHQGDOHSLLPSRUWDQWHVHPSUHGLVSRQLELOH RQOLQHRUHVXLQIRUPDWRFRQVXOWDELOH DQFKHVXWDEOHW/R6WXGLR6LVLVLFRPSRQHGL GLHFL SHUVRQH PROWR SURLHWWDWH QHOO·XWLOL]]R GHOOHWHFQRORJLHSURSULRSHUYHORFL]]DUHHRW WLPL]]DUHO·DVVLVWHQ]DDLFOLHQWLFRQODSURIHV VLRQDOLWjULFKLHVWDGDTXHVWLWLSLGLLQFDULFKL

222./0#'+.'.''/   


 

     !   /RVWXGLROHJDOH6WULQJDULqSUHVHQWHD/XFFD GDO  1HO FRUVR GL TXHVWL DQQL O·DWWLYLWj HVHUFLWDWDVLqLQGLUL]]DWDYHUVRLOGLULWWRFRP PHUFLDOH FRPPHUFLDOH SHQDOH PD QRQ VROR ,Q SDUWLFRODUH OR VWXGLR VL RFFXSD GL YDULH D]LHQGHSUHVHQWLVXOWHUULWRULRWRVFDQR DOFX QH DQFKH H[WUDUHJLRQH  SHU OH TXDOL HVHJXH DWWLYLWj OHJDOH D  JUDGL GDOOD SUHGLVSRVL ]LRQHGHOODFRQWUDWWXDOLVWLFDDOODSUHGLVSRVL ]LRQHGHOOHSURFHGXUHDLFRQWHQ]LRVLGLODYR URDOUHFXSHURFUHGLWL VYROWRDQFKHDOO·HVWHUR VLDLQWHUULWRULRHXURSHRFKHH[WUDHXURSHR DL UHDWL FRQQHVVL DOO·DWWLYLWj HVHUFLWDWD DYYDOHQ GRVLGLXQDUHWHGLÀGDWLHFRPSHWHQWLFROOD ERUDWRUL VSDUVD SHU O·,WDOLD PD DQFKH SUHVVR SDHVLGHOO8QLRQH(XURSHDHG([WUDHXURSHD $YY *LRYDQQL 6WULQJDUL LO YRVWUR FDPSR G·D]LRQHqPROWRDPSLR4XDOLVROX]LRQLRI IULWHDOOHLPSUHVHLWDOLDQHQHOODPRUVDGHOOH FULVLHFRQRPLFD" ,QQDQ]LWXWWR FHUFKLDPR GL VYROJHUH DO PH JOLRODQRVWUDDWWLYLWjFHUFDQGRVLDGLDLXWDUH OH D]LHQGH D UHFXSHUDUH O·HYHQWXDOH GRYXWR VLD IDYRUHQGR OD SHUPDQHQ]D H OR VYLOXSSR GHOOHVWHVVHQHOWHUULWRULRLWDOLDQRLQVHFRQGR OXRJR FHUFKLDPR DQFKH TXDORUD YHQJD PR VWUDWRLQWHUHVVHLQWDOVHQVRGLRͿULUHQXRYH SURVSHWWLYH GL SURGX]LRQH LQ SDHVL LQ YLD GL VYLOXSSR,QSDUWLFRODUHLO0DURFFRSXUWURS SRGLYHUVDPHQWHGDOO·,WDOLDYLYHXQSHULRGR GLHQWXVLDVPRHGLLQWHQVRVYLOXSSRHFRQRPL FRLQJUDGRGLJHQHUDUHPROWHSOLFLSRVVLELOLWj GLLQYHVWLPHQWRHGLUHGGLWRQHLSLGLVSDUDWL VHWWRUL HFRQRPLFL GDL SURGRWWL LQGXVWULDOL DL

SURGRWWL DUWLJLDQDOL GL SUHJLR ,Q SDUWLFRODUH XQVHWWRUHGLJUDQGHVYLOXSSRqUDSSUHVHQWD WRGDOO·DWWLYLWjHGLOL]LDFRVWUX]LRQLHOHDWWLYL WjFRUUHODWHFRPHLQÀVVLYHWULDFFHVVRULSHU DELWD]LRQLPDDQFKHYLDELOLWjHORWWL]]D]LRQL ,Q0DURFFRVLVWDQQRLQIDWWLFRVWUXHQGRFRQ GRPLQLVWUDGHHLQIUDVWUXWWXUHYDULHFKHVWDQ QRDWWLUDQGRYDULHLPSUHVHQRQVRORLWDOLDQH PDDQFKHHXURSHHDWWUDWWHGDHQRUPLSRVVL ELOLWjRSHUDWLYHSXUWURSSRDGRJJLODWHQWLQHO QRVWURSDHVH 4XDOLVRQROHSURVSHWWLYHGLVXFFHVVRSHUOH D]LHQGH LWDOLDQH FKH VFHOJRQR O·LQWHUQD]LR QDOL]]D]LRQHDGHVHPSLRLQ0DURFFR" /HD]LHQGHFKHORKDQQRIDWWRVWDQQRULVFXR WHQGRQRWHYROHVXFFHVVRLQTXDQWRLQJUDGR GLPHWWHUHDGLVSRVL]LRQHGHOOHHVLJHQ]HORFDOL ODORURSOXULDQQXDOHHVSHULHQ]DODORURFDSD FLWj ODYRUDWLYD H QRQ GD XOWLPR OD ORUR SUR IHVVLRQDOLWj7UDWWDQGRVLGLSDHVLLQYLDGLVYL OXSSRTXHVWHSUHURJDWLYHIDQQRPROWDSUHVD VXL FRPPLWWHQWL ORFDOL FKH SURJUHVVLYDPHQWH KDQQR SUHVR FRQVDSHYROH]]D GHOOD QHFHVVLWj GLULYROJHUVLDYHULHSURSULSURIHVVLRQLVWLGHO VHWWRUHLQJUDGRGLJDUDQWLUHORURULVXOWDWLFKH VDUHEEHUR LQYHFH LPSHQVDELOL VH OH SUHVWD ]LRQL IRVVHUR LQYHFH HVHJXLWH GD D]LHQGH GHO SRVWR7XWWRqEHQHHYLGHQ]LDUORVRVWHQHQGR

FRVWLGLSURGX]LRQHHGLLPSRVL]LRQHÀVFDOH LQÀQLWDPHQWHSLEDVVLULVSHWWRDTXHOOLSUDWL FDWLQHOQRVWURSDHVH &RPH OR 6WXGLR /HJDOH 6WULQJDUL DVVLVWH OH D]LHQGH FKH VFHOJRQR GL PHWWHUVL LQ JLRFR DWWLUDWH  GDOOH SRVVLELOLWj GL LQWURLWR HFRQR PLFRLQTXHVWRSDHVHLQYLDGLVYLOXSSR" $YYDOHQGRVLGLÀGDWLHFRPSHWHQWLFROODERUD WRULLQORFRFLVLDPRRFFXSDWLGHOO·DSHUWXUDGL DOFXQHD]LHQGHYLVLWDELOL2Í¿ULDPRDOOHD]LHQ GHWXWWDO·DVVLVWHQ]DQHFHVVDULDGDOODFRVWLWX ]LRQHVRFLHWDULDDOORVWXGLRGLIDWWLELOLWjDOOR VEULJR GHOOH SUDWLFKH QHFHVVDULH SHU O·DSHU WXUD GHOO·DWWLYLWj R SHU LO WUDVIHULPHQWR GHOOD VRFLHWj LWDOLDQD VH LQ 0DURFFR YLHQH DSHUWD VROR XQ VHGH RSHUDWLYD  DOO·LQGLYLGXD]LRQH GHOODVWUXWWXUDHGHJOLX΀FLDOODVHOH]LRQHGL RSHUDL VSHFLDOL]]DWL DO ORUR LQTXDGUDPHQWR FRQWUDWWXDOHDJOLDOORJJLGHOSHUVRQDOHHVWHU QR DO UHSHULPHQWR GHL PDFFKLQDUL QHFHVVDUL SHUORVYROJLPHQWRGHOO·DWWLYLWjHGLQÀQHDOOD VWLSXOD GHL UDSSRUWL FRQ JOL ,VWLWXWL EDQFDUL SUHVHQWLLQORFR 9LDOH3XFFLQL/XFFD 7HOID[ ./0#'+($& ($./-'*& -'3,+./ '/ ,$"&'+1 **'./-'*& -',$" 11+" /'(0"" '/   


COVER STORY / ENERGIA - CONFINDUSTRIA LUCCA

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 32

Energia e ambiente, industria in pool position

Tiziano Pieretti

Riduzione dei costi occulti e degli sprechi, rispetto dell’ambiente perché i giovani abbiano un futuro da scegliere. A partire da una gestione avveduta delle risorse disponibili di Maurizio Abbati, giornalista freelance

L

a gestione dell’energia e lo sfruttamento oculato delle fonti disponibili sono oggi un nodo importante da sciogliere, quando si intende parlare di sviluppo dell’industria. Appare essenziale ottimizzare i consumi, secondo quanto ci chiede la comunità internazionale, anche se in questi ultimi anni questa esigenza si è attenuata a causa di una fase recessiva che ha determinato un calo di erogazione elettrica. Secondo i dati Terna, nel 2013 in Italia il comparto industriale ha consumato 124.870 milioni di KWh, con una diminuzione del 4,5 per cento rispetto al 2012. Ma ora che la produzione industriale torna a salire, ecco che il problema si

ripropone. Su questo tema ci siamo confrontati con Tiziano Pieretti, vicepresidente di Confindustria Lucca con delega ad Ambiente ed Energia. Coniugare sviluppo economico e ambiente è diventata una esigenza fondamentale, anche in termini produttivi. Dottor Pieretti, come è possibile questo sotto il fronte dell’energia? “Il rispetto dell’ambiente è necessario per far sì che le future generazioni possano avere le stesse opportunità che noi, dandole un po’ troppo per scontato, abbiamo avuto. Ovvio che lo sviluppo economico ha portato a saturare le aree industrializzate e creare situazioni

ambientali difficili. L’energia in questo senso non è esclusa, ma negli ultimi anni grandi passi avanti sono stati fatti proprio nella direzione della sostenibilità e dell’ambiente. Non mi riferisco solo alle energie rinnovabili, ma a quelle fonti energetiche convenzionali e maggioritarie che utilizzano i fossili come principale fonte di approvvigionamento. Mi riferisco a un ‘processo’ di efficienza energetica che in origine è stato necessario nel nostro paese per cercare di abbattere i costi proibitivi dell’energia e che ha portato gli impianti italiani ad essere fra i più efficienti in Europa. Nel settore cartario ad esempio la cogenerazione a gas (produzione combinata di va-

pore ed energia elettrica) è diventata una tecnica largamente applicata e i benefici in termine di ambiente sono elevatissimi. Tanto che i moderni impianti sono quasi tutti stati riconosciuti ad alta efficienza energetica”. Sono ormai anni che si lavora per ridurre le emissioni in atmosfera. Come è cambiato l’atteggiamento della nostra industria? “Oggi tutte le fonti di emissione di aria di un certo livello devono essere autorizzate, censite e analizzate. Questi servizi sono ritenuti strategici per il controllo del territorio, quindi vengono puntualmente verificati dagli organi di vigilanza. In molti altri casi vengono richiesti


COVER STORY / ENERGIA - CONFINDUSTRIA LUCCA

anche campionatori e analisi in continuo che garantiscono la registrazione dei valori di emissione e scrittura di appositi registri dei valori registrati. Credo si possa affermare che oggi in Italia le industrie rispettano l’ambiente”. L’energia ha un peso economico cospicuo per le nostre imprese, che può renderle meno competitive rispetto ad altri Paesi. E’ possibile contenere questo costo? “L’Italia dei record negli ultimi anni ha portato il costo dell’energia sul gradino più alto d’Europa. Se consideriamo che per alcune aziende manifatturiere (orgoglio italiano) l’incidenza dei costi energetici rappresenta anche il 50 per cento dei costi di produzione, si comprende bene che questo record negativo non aiuta la ripresa. Analizzando i costi energetici, si può dire che mediamente i costi della molecola (gas, petrolio, energia elettrica ecc. ecc.) sono comparabili ai medi europei. Quello che non è comparabile sono tutti gli altri oneri, la tassazione e anche gli sgravi. Nelle nostre bollette abbiamo i più alti costi di rete, per non parlare della tassazione, più una serie di costi cosiddetti occulti legati a terremoti, alluvioni, denuclearizzazione e chi più ne ha più ne metta. Non ultimo il costo delle fonti rinnovabili (in particolare il fotovoltaico) che hanno decretato fino al 2025 oneri A3 che portano ad esempio il costo dell’energia elettrica per un utente industriale in Italia a circa 140 €/MWH contro i 50 €/ MWH della Germania. Cosa si può fare per comprimere questi costi? Sicuramente, vedendo quanto la riduzione del costo del petrolio ha ridato ossigeno a un economia malandata come la nostra, si dovrebbe intraprendere una seria politica di riduzione del costo dell’energia per gli ‘energy

intensive’, aiutandoli con misure di esenzione degli oneri. Cercare di rendere più efficiente il sistema energetico nazionale al fine di ridurre i costi generali di sistema”. Noi siamo ancora in gran parte dipendenti da petrolio e fonti fossili, ma quale ruolo possono assumere le rinnovabili? “Le fonti rinnovabili sono una risorsa importante per un piano energetico nazionale che di fatto non è stato attuato; gli incentivi necessari in una prima fase di installazioni dovevano essere monitorati e resi fruibili con gradualità per permettere al sistema di sviluppare tecnologie nuove in grado di competere senza incentivi (che poi sono ricaduti in bolletta), seguendo un piano che prevedeva di arrivare al 2020 ad 8.000 mw installati. Purtroppo la storia è un’altra e siamo arrivati a saturare il mercato italiano finanziando impianti obsoleti e poco efficienti che non permetteranno a nuove tecnologie di essere sviluppate avendo creato il costo certo in bolletta fino al 2025. Oggi, di fatto, chi volesse fare un impianto fotovoltaico non riuscirebbe a pagare nemmeno i pannelli, quando altri hanno una rendita esorbitante. Tutte le fonti rinnovabili hanno senso se il regolatore del mercato non dà incentivi abnormi ed è inoltre necessario distinguere se l’energia prodotta si consuma sul posto o si immette in rete. Nel caso di consumo sul posto tutte le forme di energia da fonti rinnovabili sono da plaudire. Nel caso invece di energia immessa in rete bisogna fare attenzione, in quanto spesso il bisogno di energia non è corrispondente alla produzione e non potendo al momento stoccare energia si possono avere fenomeni rischiosi di sbilanciamento, in grado di creare costosissimi black out che metterebbero a repentaglio la sicu-

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 33

rezza elettrica nazionale”. Parliamo di Toscana. Qual’è la situazione energetica in regione? E quali impianti potrebbero rivelarsi essenziali per lo sviluppo? “Nell’ambito delle fonti credo che in Toscana geotermia e idroelettrico siano quelle

che danno maggiori risultati, ma la più interessante sono le biomasse. Per sviluppare questi business sarà necessario un riferimento normativo più elastico, comprensivo delle tecnologie moderne senza pregiudizi e leggi certe. Serve la volontà di inspirarci a modelli noti senza fare voli liberi senza senso”.

Tabella dei consumi di energia in Toscana di Energia (Consumi GW totali)

La crescita delle rinnovabili (MW)

Trend della potenza efficiente lorda (MW) per tipologia di impianto


    #         &DUUDUD JXDUGD DO IXWXUR FRQ QXPHURVL SUR JHWWLGLFUHVFLWDHVYLOXSSRHFRQRPLFR1HDE ELDPRSDUODWRFRO6LQGDFR$QJHOR=XEEDQL 0DUEOH:HHNVO·HYHQWRDUWLVWLFRHVWLYRGHO ODFLWWjGL&DUUDUDqJLXQWRDOOD9HGL]LRQH 3URPRVVRHRUJDQL]]DWRGD&RPXQH&DUUD UD)LHUH )RQGD]LRQH GHOOD &DVVD GL 5LVSDU PLR H &DPHUD GL &RPPHUFLR H VL VYROJHUj GDOODPHWjGLJLXJQRÀQRDLSULPLGLVHWWHP EUH6LQGDFR=XEEDQLFLUDFFRQWLGHOO·HYHQ WR 0DUEOH:HHNVqXQYHVWLWRFKHRJQLDQQROD FLWWj LQGRVVD QHOOH VXH VWUDGH SLD]]H H VD ORWWLSLEHOOLHWUDWWDGLGHVLJQPRGDHDUWH 4XHVW·DQQRLOFRQWHQLWRUHDEEUDFFHUjLQL]LDWL YHDUWLVWLFKHGLOLYHOORXQDPRVWUDGL$JXVWLQ &DUGHQDV  OXJOLR VHWWHPEUH  XQD PR VWUD GL SLWWRUL GHO  D 3DOD]]R %LQHOOL SHU WXWWR LO PHVH GL OXJOLR  H LQÀQH XQD JUDQGH PRVWUDD3DOD]]R&XFFKLDUL JLXQRRWWR EUH GLRSHUHGHO0XVHR+HUPLWDJHUHDOL]]DWH GDDUWLVWLFDUUDUHVL0DUEOH:HHNVqXQDVFR SHUWDFRQWLQXDROWUHDHVSRVL]LRQLHLQVWDOOD ]LRQLVLVXVVHJXLUDQQRGLEDWWLWLFRQIHUHQ]HH VSHWWDFROL PXVLFDOL ,QVRPPD VDUj XQ·HVWDWH PROWRLQWHUHVVDQWH $ ÀQH PDJJLR DYHWH ÀUPDWR LO SURWRFROOR G·LQWHVD VXOO·$FFRUGR GL 3URJUDPPD SHU OR 6YLOXSSRFRVDSUHYHGH" /·$FFRUGR GL 3URJUDPPD SHU OR 6YLOXSSR UDFFKLXGH YDULH DUHH GL LQWHUYHQWR 8Q·DVVH DPELHQWDOH  SUHYHGH OH ERQLÀFKH GHOOD IDOGD GHOOD ]RQD LQGXVWULDOH H OD ULTXDOLÀFD]LRQH GHOZDWHUIURQWGHOSRUWRJUD]LHDXQÀQDQ]LD PHQWRGLPLOLRQLGLHXUR6HPSUHLQWHPD

GL SRUWXDOLWj FL VDUj XQ XOWHULRUH SRWHQ]LD PHQWRGHOODUHWHIHUURYLDULDFKHFROOHJDLOSRU WRFRQOHD]LHQGHGHOOD]RQDLQGXVWULDOHGHOOH $SXDQHHODPHVVDLQVLFXUH]]DGHLGXHFRUVL G·DFTXD&·qSRLWXWWDXQ·DVVHGHGLFDWDDOO·DW WUD]LRQHGLLQYHVWLPHQWLSHUOHQXRYHLPSUHVH H DJOL DPPRUWL]]DWRUL VRFLDOL 1HO SDFFKHWWR GLULODQFLRGHOO·RFFXSD]LRQHQHOO·DUHDSRUWXD OH ULHQWUD XQ VHFRQGR SURJHWWR FRQ *HQHUDO (OHFWULFGHQRPLQDWR´=$'&2µFKHGRSRLO VXFFHVVR GHO 3URJHWWR *RUJRQ ULJXDUGHUj OD FRVWUX]LRQHGLPHJDPDQXIDWWLSHUO·HVWUD]LR QHGHOJDVQDWXUDOHQHL3DHVL$UDEL 6DSSLDPRFKHOD%UXQHOOR&XFLQHOOLVLqLQ WHUHVVDWDDOWHUULWRULR&LSXzGLUHTXDOFRVD" 5HFHQWHPHQWH OD %UXQHOOR &XFLQHOOL 6SD KD ULOHYDWR XQ·D]LHQGD VWRULFD GL &DUUDUD GL DO WLVVLPD VDUWRULD PDVFKLOH OD ´'·$YHQ]Dµ $ VHWWHPEUHLQL]LHUjODULTXDOLÀFD]LRQHGLWXWWD O·DUHD H GHJOL HGLÀFL GDQGR SRL LO YLD DG XQ SLDQR LQGXVWULDOH FKH SUHYHGH LO UDGGRSSLR GHOODPDQRGRSHUDVRSUDWWXWWRIHPPLQLOH

7DQWLVVLPL SURJHWWL GL ULODQFLR TXLQGL PD FRPHVDSSLDPR´,OPDUPRq&DUUDUDH&DU UDUDqLOPDUPRµ&LSDUOLGLTXHVWROHJDPH LQGLVVROXELOH &DUUDUDqLOFHQWURGHOODODYRUD]LRQHGHOPDU PR GL TXDOLWj LO SXQWR GL IRU]D q OD WUDVIRU PD]LRQHGLTXDOLWjËXQWHUULWRULRFKHKDXQ PL[ XQLFR LO PDUPR LO VDSHU WUDVIRUPDUH OD PDWHULD SULPD H OD WHFQRORJLD DYDQ]DWD SHU HVWUDUOR H WUDVIRUPDUOR FKH YLHQH HVSRUWDWD LQWXWWRLOPRQGR8QDOWURHOHPHQWRGLFRP SHWLWLYLWj q VLFXUDPHQWH OD WUDVPLVVLRQH GHL VDSHUL,OPDUPRqXQVHWWRUHHFRQRPLFRWUDL QDQWHDQFRUDRJJLHFKHIRUWXQDWDPHQWHQRQ KDVXELWRVFRVVRQLGDOODFULVL

&LVRQRGHOOHSURVSHWWLYHGLVYLOXSSRLQDP ELWRWXULVWLFR" &RQ LO QXRYR SLDQR UHJRODWRUH SRUWXDOH FKH VWLDPRDGRWWDQGRqSUHYLVWDODUHDOL]]D]LRQH GL XQ WHUPLQDO FURFLHULVWLFR SHU FUHDUH XQD SRUWD GL LQJUHVVR GHL WXULVWL YLD PDUH /H JUDQGL FRPSDJQLH JXDUGDQR FRQ LQWHUHVVH O·DͿDFFLRVXOODFLWWj6LWUDWWHUHEEHGL´SLFFR OH QDYLµ PD FRQ YLVLWDWRUL GDOO·DOWD FDSDFLWj GLVSHVDFKHGHVLGHUDQRIDUHYLVLWHGHGLFDWH DOOH FDYH XQ QXRYR LQJUHVVR GDO PDUH DOOD FLWWjHDOUHVWRGHOOD7RVFDQDSHUXQWXULVPR GLTXDOLWj   


           *LRYDQQL 3DQFHWWL q VWDWR SHU FLQTXH DQQL 3UHVLGHQWH GHOOH IDUPDFLH FRPXQDOL GL 3LH WUDVDQWD ,O VXR ODYRUR QRQ q VWDWR VHPSOLFH QHO  TXDQGR VL q LQVHGLDWR LO &G$ O·D ]LHQGDUHJLVWUDYDPLODHXURGLSDVVLYLWj,O ELODQFLRFRQVXQWLYRGHOLQYHFHVLqFKLX VRDPLODHXUR´,QFLQTXHDQQLDEELDPR IDWWR XQ UHFXSHUR HQRUPH 8Q ULVXOWDWR FKH FRPH 3UHVLGHQWH PL ULHPSLH GL VRGGLVID]LR QHFRQVLGHULFKHVHO·DYHVVLPRSUHVDD]HUR O·DYUHPPRSRUWDWDDPLODHXURµUDFFRQWD 3DQFHWWL

VRORXQSXQWRGLYHQGLWDGLIDUPDFLPDGHYH GDUHXQVHUYL]LRLQSLGHYHDYHUHXQUXROR SLLPSRUWDQWHSHUFKpKDOHSRWHQ]LDOLWjSHU DYHUOR 1RQ VROR q XWLOH SHU OH SHUVRQH PD TXHVWRTXHVWRSURJHWWRGLRSHQGD\FRQVFUH HQLQJGjULVDOWRDQFKHDOOHD]LHQGHFKHYHQ GRQRDOO·LQWHUQRGHOOHIDUPDFLH1RQGLPHQ WLFKLDPRFL DQFKH OH RSSRUWXQLWj GL LPSLHJR ODYRUDWLYRFKHVLVRQRFUHDWHLQTXHVWRPRGR

'DOPRPHQWRFKHVRQRVWDWR3UHVLGHQWHGHO OHIDUPDFLHGLXQ&RPXQHLPSRUWDQWHLOPLR VFRSRROWUHFKHVLVWHPDUOHHFRQRPLFDPHQWH ULXVFHQGRFLHUDVRSUDWWXWWRTXHOORGLIDUHGHL SURJHWWLFRPHORVFUHHQLQJJUDWXLWRSHUIDYR ULUHODSUHYHQ]LRQHGHOFLWWDGLQRHFKHLQTXH VWLSHULRGLGLFULVLVRSUDWWXWWRGDQQRODYRUR

*LRYDQQL3DQFHWWLTXDO·qVWDWDODULFHWWDSHU UDJJLXQJHUHTXHVWRULVXOWDWR" 6LDPRULXVFLWLDWDJOLDUHOHVSHVH6HSRVVRIDU OHTXDOFKHHVHPSLRO·D΀WWRqVFHVRGDPLOD DPLODHXURLFRPPHUFLDOLVWLDGHVVRFLFR VWDQRPLODHXURO·DQQRHQRQSLPLODHL UHYLVRULGHLFRQWLVRQRSDVVDWLGDWUHDXQRUL VSDUPLDQGRFRVuDOWULPLODHXURGLVSH VD/DFRVDSLLPSRUWDQWHSHUzqFKHQRQDE ELDPRPDLVPHVVRGLGDUHVHUYL]LDLFLWWDGLQL VRSUDWWXWWRDJOLDQ]LDQLHDLPHQRDEELHQWL &·q VWDWR LQIDWWL XQ LQFUHPHQWR GHL VHUYL]L DOODFLWWDGLQDQ]DFLSXzIDUHTXDOFKHHVHP SLR" $EELDPR GDWR LO YLD D XQ VHUYL]LR PROWR DSSUH]]DWR GDL FLWWDGLQL VL WUDWWD GL XQ SUR JHWWR GL 2SHQ 'D\ QHOOH IDUPDFLH FRPXQDOL GRYH q SRVVLELOH HͿHWWXDUH GHJOL VFUHHQLQJ GLSUHYHQ]LRQHRYYLDPHQWHLQPDQLHUDJUD WXLWD 4XLQGL RJJL DOO·LQWHUQR GHOOH IDUPDFLH SRVVLDPR WURYDUH VSHFLDOLVWL LQ RGRQWRLDWULD GHUPDWRORJLD RWRULQRODULQJRLDWULD FKH FROOD ERUDQR HͿHWWXDQGR VFUHHQLQJ VXOOH SHUVRQH 6RQRVHUYL]LPLUDWLFKHKRSUHGLVSRVWRDQFKH DOO·LQWHUQR GL DOWUH IDUPDFLH FRPXQDOL GHOOD 9HUVLOLD 'DWR LO VXFFHVVR ULVFRVVR GDO VHUYL ]LR LQROWUH KR ULFHYXWR O·LQFDULFR GD )DUPD /XFFDGLRUJDQL]]DUHTXHVWLVFUHHQLQJDQFKH QHOOD IDUPDFLH SULYDWH GHOOH /XFFKHVLD /D SUHYHQ]LRQHDFRVWR]HURqXQOXVVRDOJLRUQR G·RJJL $WWXDOPHQWH SURYYHGHUHPR D HVWHQ GHUH TXHVWR VHUYL]LR DQFKH D &DUUDUD GRYH GDO 6LQGDFR =XEEDQL H GDOO·$PPLQLVWUDWR UH XQLFR GL $SXDIDUPD )DEUL]LR 9ROSL DYUz O·LQFDULFRGDFRRUGLQDWRUHSHUODSURPR]LRQH OR VYLOXSSR FRPPHUFLDOH H RUJDQL]]D]LRQH HYHQWLLQIDUPDFLD 1RQ VL VWHQWD D FUHGHUH TXDQWR TXHVWR VHU YL]LR SRVVD HVVHUH VWDWR DSSUH]]DWR GDL FLW WDGLQL +DUDJLRQH2JJLODIDUPDFLDQRQGHYHHVVHUH   


COVER STORY / ENERGIA - CONFINDUSTRIA PISTOIA

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 36

Energia, un futuro ancora da trovare Contenere i costi energetici, creare le condizioni per la competitività, sfruttare i mercati di nicchia: la “questione energia” è ancora da risolvere di Nadia Frulli, giornalista “Arezzonotizie.it”

P

istoia; un territorio in gran parte montuoso, dove il carbone vegetale e la forza dell’acqua sospingevano le antiche industrie: chi vede oggi dove erano collocati gli opifici si può dare una risposta su cosa fosse essenziale per produrre. Non strade, non ferrovie, non materie prime: ma la capacità di alimentare le macchine e farle muovere. La centralità del tema non è cambiata; sono ovviamente mutati i sistemi di produzione dell’energia, che hanno consentito una diversa diffusione

di industrie sul territorio. Ed hanno anche posto domande nuove, dall’impatto ambientale alla convivenza fra industrie e centri urbani, dalla regolazione dell’immissioni in ambiente ai costi, in Italia esageratamente alti, dell’energia; e tanti altri aspetti, focali per l’industria . Dalle biomasse all’eolico, fino al fotovoltaico: la parola energia indica ormai una intera gamma di realtà produttive. Opportunità più o meno concrete di investimento che possono essere colte al volo dagli imprenditori toscani e non

solo. Opportunità che spesso però sono vanificate da burocrazia, mancanza di supporto da parte delle istituzioni e difficoltà dovute all’impatto, a volte ritenuto troppo invasivo, con il terriorio. Di questi temi Marco Carrara, imprenditore pistoiese del settore della carta – nel quale la sua famiglia opera da ben 140 anni – si occupa costantemente. Carrara, vicepresidente di Confindustria Pistoia, è infatti delegato nazionale nel comitato nazionale “Energia”. Oggi parlare di energia

significa parlare di tanti argomenti diversi, che vanno dalla sensibilità verso le problematiche ambientali alla legislazione. E significa anche parlare di un futuro per quegli imprenditori che, nonostante mille difficoltà, vogliono investire in questo settore in continuo divenire. Cosa possono fare le istituzioni per sostenere gli sforzi fatti dalle imprese che vogliono convertirsi alle energie alternative? “Alle istituzioni chiediamo di essere materialmente


COVER STORY / ENERGIA - CONFINDUSTRIA PISTOIA

vicine alle imprese che vogliono convertirsi alle energie alternative. I modi per farlo sono molteplici. Si possono ad esempio creare sgravi fiscali, promuovere incentivi e studiare agevolazioni specifiche per chi intraprende questo percorso. Si deve però tenere in considerazione il fatto che tutti gli incentivi delle alternative pesano in maniera consistente sulle bollette dell’industria”. Quanto gravano sulle aziende i costi per l’energia? “Ad oggi il costo dell’energia in Italia è di circa il 2530 per cento superiore che nel resto d’Europa. Questo ha conseguenze drammatiche: da un lato allontana dal nostro territorio gli investimenti stranieri, dall’altro rende più difficile agli imprenditori italiani realizzare un guadagno da queste attività”. Tra le tante opportunità offerte dall’universo delle energie alternative c’è quella dell’eolico. In molte zone d’Italia si sono aperti dibattiti ed elaborati progetti su questi impianti. Nella stessa Pistoia c’era un progetto che è poi naufragato. Ma perché è così difficile far decollare questi progetti? L’eolico prospetta un risparmio reale? “L’eolico è sicuramente

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 37

Marco Carrara

un’opportunità, ma si deve tenere conto anche delle caratteristiche naturali del territorio per ridimensionare gli entusiasmi. Nell’80 per cento del territorio italiano, purtroppo, non c’è vento a sufficienza per garantire una produzione costante nel tempo. Detto questo, è importante continuare a fare ricerca anche in questo settore: perché con mezzi di produzione più efficienti potrebbe anch’esso guadagnarsi una nicchia di mercato economicamente conveniente”. In molte aree della Toscana si parla di centrali a biomasse. Se da un lato queste centrali rappresentano un’occasione di crescita e di sviluppo, dall’altro sono spesso osteggiate da comitati di cittadini che esprimono

la loro contrarietà. Può trasformarsi questa situazione in un deterrente per gli investimenti? “Purtroppo è una storia che si ripete. In Italia si contesta di tutto, salvo poi pretendere di avere luce e corrente a disposizione in ogni momento della propria vita. In realtà, le centrali a biomasse hanno avuto un forte sviluppo nei paesi Nordeuropei, i quali non sono famosi per voler avvelenare la propria popolazione. Anzi vengono portati ad esempio in termini di rispetto ambientale”. Quali prospettive ci sono dunque? “Questo tipo di centrali non può, da solo, rappresentare il futuro della produzione di energia ma, se ben gestito, può occupare uno spazio che può

essere di lungo termine. Anche se è necessario tenere presente un aspetto di non poco conto: ovvero capire quanto queste centrali potranno continuare ad essere competitive una volta cessati gli incentivi statali”. A livello regionale, quali potrebbero essere gli interventi di enti come Regioni e Comuni per incentivare l’investimento in energie alternative? “La Regione deve sovrintendere allo sforzo delle aziende che investono in energie alternative”. Come? “Creando cluster merceologici regionali per poter affrontare al meglio le esigenze di ciascun settore. Un obiettivo da non sottovalutare”.

ENERGIA: GLI STRUMENTI PER GESTIRLA Fin dai tempi delle prime liberalizzazioni del mercato elettrico, avvenuta nel 2000, gli industriali di Pistoia crearono presso la loro associazione due strumenti estremamente flessibili per affrontare la gestione del complesso mercato dell’energia, fino ad allora connotato da un unico venditore: nacquero allora il Consorzio Pistoiese per l’Energia ed il Gruppo di acquisto. Rivolgersi al servizio energia ancora oggi significa avere una consulenza terza, non di parte, che può, con professionalità riconosciuta e competenza, indirizzare verso le formule più vantaggiose di acquisto. La scelta dei migliori contratti per le aziende associate si è basata sul principio della maggior convenienza senza privilegiare rendite di posizione di fornitori elettrici anche storici, ma adottando anzi una politica di estrema mobilità sul mercato al fine di cogliere sempre le migliori opportunità. Oggi non solo di risparmio si tratta, ma anche di offrire consulenze qualificate su diagnosi energetiche e studi di fattibilità per l’ottimizzazione dei consumi e la loro riduzione. Con ciò rispondendo, fra l’altro, ai recenti obblighi normativi, che impongono a tutte le aziende energivore di effettuare una diagnosi di consumi con personale qualificato


   

               &H60H/ q XQD VRFLHWj QDWD QHO  SHU RI IULUH WXWWL L VHUYL]L OHJDWL DOOD 0HGLFLQD GHO /DYRUR DVVLFXUDQGR XQD FRPSOHWD JHVWLRQH GHOOD 6RUYHJOLDQ]D 6DQLWDULD DWWLYLWj REEOL JDWRULD DL VHQVL GHO '/JV  SHU WXWWH OH UHDOWjD]LHQGDOLLQFXLVLDQRSUHVHQWLODYRUDWR ULHVSRVWLDULVFKLSHUODVDOXWH HJDUDQWHQGR VXSSRUWR SHU WXWWL JOL DGHPSLPHQWL GL OHJJH DGHVVDFRUUHODWL&RQVHUYL]LGHGLFDWLLQSDU WLFRODUH DOOH JUDQGL D]LHQGH H JUD]LH DO SUR SULRVWDͿGLROWUH¶PHGLFLFRPSHWHQWL·O·DW WLYLWjKDULVFRQWUDWRLQTXHVWLDQQLXQRWWLPR VXFFHVVR FUHVFHQGR UDSLGDPHQWH H RͿUHQGR DGRJJLLOSURSULRVXSSRUWRDQXPHURVHJUDQ GLUHDOWjGHOWHUULWRULRWRVFDQRHQD]LRQDOH $WWUDYHUVR O·HTXLSH GL PHGLFL VSHFLDOLVWL LQ 0HGLFLQDGHO/DYRURFRRUGLQDWLGDO'U5DI IDHOH3HOXVRO·D]LHQGD&H60H/qLQJUDGRGL IRUQLUHXQVHUYL]LRDƒYROWRDJDUDQWLUHLO SLHQRDVVROYLPHQWRGHJOLREEOLJKLQRUPDWLYL SHULO'DWRUHGL/DYRURHDWXWHODUHODVDOXWH GHLODYRUDWRUL 'RWW5D;DHOH3HOXVRIRQGDWRUHGL&HVPHO OD 6RUYHJOLDQ]D 6DQLWDULD q XQ REEOLJR GL OHJJH FKH JUDYD VXOOH D]LHQGH LQ FRVD FRQ

VLVWH" /D6RUYHJOLDQ]D6DQLWDULDqVHFRQGRO·DUWLFR ORGHO'HFUHWR/HJLVODWLYRO·LQVLHPH GHJOL DWWL PHGLFL ÀQDOL]]DWL DOOD WXWHOD GHOOR VWDWR GL VDOXWH H VLFXUH]]D GHL ODYRUDWRUL LQ UHOD]LRQHDOO·DPELHQWHGLODYRURDLIDWWRULGL ULVFKLR SURIHVVLRQDOL H DOOH PRGDOLWj GL VYRO JLPHQWR GHOO·DWWLYLWj ODYRUDWLYD ,Q SUDWLFD FRQVLVWH QHOO·RUJDQL]]D]LRQH GL YLVLWH PHGL FKH GL LQGDJLQL VSHFLDOLVWLFKH H GL ODERUDWR ULRQHOODHͿHWWXD]LRQHGLVRSUDOOXRJKLGHJOL DPELHQWLGLODYRURHQHOODFROODERUD]LRQHFRQ 'DWRUHGL/DYRURH5633 5HVSOHGHO6HUYL]LR GL3UHYHQ]LRQHH3URWH]LRQH SHUXQDFRUUHWWD YDOXWD]LRQH GHL ULVFKL GD SDUWH GHO ¶PHGLFR FRPSHWHQWH·6LWUDWWDGLXQ·DWWLYLWjPROWRDU WLFRODWDYROWDDWXWHODUHQHOFRPSOHVVRODVDOX WHGHLODYRUDWRULHDSUHYHQLUHO·LQVRUJHQ]DGL PDODWWLHSURIHVVLRQDOL

ULVSHWWRGLWXWWLJOLDGHPSLPHQWLQRUPDWLYLH GHOOHQXPHURVHVFDGHQ]HFKHOHD]LHQGHKDQ QRULVSHWWRDOOD6RUYHJOLDQ]D6DQLWDULDYLHQH JDUDQWLWRGDOO·DWWLYLWjGLRUJDQL]]D]LRQHSUR JUDPPDWLFD FKH VWD DOOD EDVH GHOOD &H60H/ DQFKH JUD]LH DO VXSSRUWR GL XQ PRGHUQR DUFKLYLR LQIRUPDWL]]DWR XWLOL]]DWR GD WXWWL L PHGLFLGHOODYRURGHOORVWDͿ/DJHVWLRQHLQ IRUPDWL]]DWDSHUPHWWHXQDUDSLGDFRPXQLFD ]LRQHIUDPHGLFLHD]LHQGHRͿUHQGRDGHVHP SLRODSRVVLELOLWjGLLQYLDUHYLDPDLOLQWHPSL UDSLGLVVLPL GRFXPHQWL FHUWLÀFDWL H YHUEDOL GL VRSUDOOXRJR &H60H/ SURYYHGH DQFKH DG RUJDQL]]DUHWXWWLJOLHVDPLHYHQWXDOPHQWHQH FHVVDULDOODHPDQD]LRQHGHOFHUWLÀFDWRPHGL FRGLLGRQHLWj TXDOLDGHVHPSLRVSLURPHWULD DXGLRPHWULD(&*HVDPLHPDWRFKLPLFLRWHVW DOFROGURJDRYHREEOLJDWRULLQEDVHDOODQRU PDWLYDYLJHQWH 

4XDOLYDQWDJJLR;ULWHDOOHD]LHQGHFRQLYR VWULVHUYL]L" /HD]LHQGHFKHVLULYROJRQRD&HVPHOKDQQR LO YDQWDJJLR GL RWWLPL]]DUH O·RUJDQL]]D]LR QH GHOOD 6RUYHJOLDQ]D 6DQLWDULD DWWUDYHUVR O·LQWHUD]LRQH FRQ XQ XQLFR LQWHUORFXWRUH ,O

,QDPELWRGHOODVDOXWHHVLFXUH]]DVXLOXRJKL GLODYRURO·HUJRQRPLDVWDRWWHQHQGRVHPSUH SLDWWHQ]LRQH4XDO·qLOYRVWURDSSURFFLRDO WHPD" /·LQVRUJHQ]DGLPDODWWLHSURIHVVLRQDOLqRJJL PROWR FRPXQH QHL ODYRUDWRUL HVSRVWL DL FR VLGGHWWL ´ULVFKL GL QDWXUD HUJRQRPLFDµ LQ SDUWLFRODUPRGRDPRYLPHQWD]LRQHPDQXDOH GL FDULFKL H PRYLPHQWL ULSHWLWLYL SHU JOL DUWL VXSHULRUL$EELDPRFUHDWRXQYHURHSURSULR VHWWRUHHUJRQRPLDFRQXQWHDPGLHVSHUWLHU JRQRPL LQ JUDGR GL VXSSRUWDUH DO PHJOLR OH D]LHQGHSHUODJHVWLRQHGHOULVFKLRGDVRYUDF FDULFRELRPHFFDQLFR /H PDODWWLH SURIHVVLRQDOL VL WUDVIRUPDQRLQ XQFRVWRSHUO·D]LHQGDqSRVVLELOHSUHYHQLU OH" &HUWDPHQWH EDVWD FUHDUH XQ DPELHQWH GL OD YRURFKHULVSHWWLOHQRUPHUHODWLYHDOO·HUJRQR PLD /·LQWHUYHQWR GHL QRVWUL WHFQLFL FRQVLVWH LQ XQD SULPD IDVH QHOO·DQDOLVL HUJRQRPLFD GHOOHSRVWD]LRQLGLODYRURIRUQHQGRXQDSUL PDPDSSDWXUDGHOULVFKLR6XFFHVVLYDPHQWH RYH QHFHVVDULR YHQJRQR VXJJHULWH VHPSOLFL VROX]LRQLGLPLJOLRUDPHQWRYROWHDULGXUUHLO ULVFKLRGLGDQQRELRPHFFDQLFRSHULODYRUDWR ULSUHYHQHQGRLQWDOPRGRO·LQVRUJHQ]DGHOOH PDODWWLHSURIHVVLRQDOL

'*%+"$.)$('/ 222"$.)$('/   


IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 39

     &RQVXOHQ]D ÀQDQ]LDULD H EDQFDULD SHU XQ     /R 6WXGLR 0DQFLDQWL VL SRVL ]LRQD QHO YDVWR PRQGR GHO OD FRQVXOHQ]D GLUH]LRQDOH HG D]LHQGDOH FRPH LQWHUORFXWRUH XQLFR GHOO·LPSUHQGLWRUH H GHO PDQDJHPHQW JUD]LH DOO·HVSH ULHQ]DFRQVROLGDWD GHL SURIHVVLRQLVWL FKH OR FRP SRQJRQR H GHO QHWZRUN GL UHOD]LRQL SURIHVVLRQDOL DOWD PHQWH TXDOLÀFDWH DOOR VFRSR GL RÍ¿ULUH VHUYL]L LQWHJUDWL DOOH LPSUHVH,OWHDPGHOOR6WXGLRq LQIDWWL LQ JUDGR GL IRUQLUH XQD YDVWLVVLPD JDPPD GL VHUYL]L DL SURSUL FOLHQWL FKH VSD]LDQR GDOOD FRQVXOHQ]D GLUH]LRQDOH ÀQDQ]LDULD H OHJDOH /R 6WXGLR 0DQFLDQWLVLSUHÀJJHGLRÍ¿ULUH DOODFOLHQWHODOHPLJOLRULSURIHV VLRQDOLWj SUHVHQWL VXO PHUFDWR GHOODFRQVXOHQ]DSHUVRGGLVID UHRJQLWLSRGLHVLJHQ]H ,QXQFRQWHVWRVHPSUHSLJOR EDOL]]DWRGRYHLFLFOLHFRQRPLFL VL VXVVHJXRQR LQ DUFKL WHPSR UDOL VHPSUH SL ULVWUHWWL GRYH OR VYLOXSSR GHOOD WHFQRORJLD OD FRPSHWLWLYLWj H OH VWUDWHJLH FRPPHUFLDOL LPSRQJRQR D WXWWHOHLPSUHVHFRQWLQXLLQYH VWLPHQWL ÀVVL VLD PDWHULDOL FKH LPPDWHULDOL GRYH OD FRSHUWX UD GHJOL LQYHVWLPHQWL ULFKLHGH VHPSUHSLÀQDQ]DVWUDRUGLQD ULDGRYHJOLLQWHUYHQWLEDQFDUL VLD GL EUHYH FKH GL PHGLRWHU PLQH QRQ VRQR SL VX΀FLHQWL GDVROLDIRUQLUHDGHJXDWRVXS SRUWRDOORVYLOXSSRHTXLOLEUDWR

GHO FDSLWDOH GL ULVFKLR ULVXOWD RJJL HG LQ SURVSHWWLYD VHP SUH SL HVVHQ]LDOH SHU DFFRP SDJQDUH JOL LPSUHQGLWRUL QHO SHUFRUVR GL FUHVFLWD GHOOH ORUR D]LHQGH 2OWUH D XQ·DGHJXDWD DVVLVWHQ ]D DOOH D]LHQGH QHL FRQIURQWL GHJOLLVWLWXWLEDQFDULOR6WXGLR VYROJH DWWLYLWj GL DGYLVRU\ SHU RSHUD]LRQL GL SULYDWH HTXLW\ H YHQWXUH FDSLWDO RͿUHQGR DOOD FOLHQWHOD XQ VHUYL]LR GL FRQ VXOHQ]D HG DVVLVWHQ]D SHU OD ULFHUFD GL SDUWQHU ÀQDQ]LDUL D VXSSRUWRGHOORVYLOXSSRD]LHQ GDOH /H DWWLYLWj SUHVWDWH GDOOD 6WXGLR SRVVRQR ULJXDUGDUH $QDOLVL3UHOLPLQDUHÀQDOL]]DWD DOOD GHOLQHD]LRQH GHOO·LSRWHVL G·LQWHUYHQWR SL FRHUHQWH FRQ LO SLDQR G·LPSUHVD LQGLYL GXDQGRORVFKHPDGLPDVVLPD GHOO·LQWHUYHQWR GD VRWWRSRUUH DLSRWHQ]LDOLSDUWQHUÀQDQ]LDUL HRLQGXVWULDOLULFHUFDGLLQYH VWLWRUL ÀQDQ]LDUL TXDOL )RQGL GL 3ULYDWH (TXLW\ QD]LRQDOL HG LQWHUQD]LRQDOL  R LQGXVWULDOL DVVLVWHQ]D QHOOD QHJR]LD]LRQH FRQJOLLQYHVWLWRUL/RVWUXPHQ WR GHO SULYDWH HTXLW\ IRUQLVFH XQDGHJXDWRVXSSRUWRDOORVYL OXSSR HTXLOLEUDWR GHO FDSLWDOH GL ULVFKLR SHU DFFRPSDJQDUH JOL LPSUHQGLWRUL QHO SHUFRUVR GLFUHVFLWDGHOOHORURD]LHQGH

       

  

        

             

/R 6WXGLR 6DQWDQJHOR D 3UDWR q DWWLYR GD YHQW·DQQL ,O WLWROD UH 3DROR 6DQWDQJHOR GRWWRUH FRPPHUFLDOLVWD H UHYLVRUH FRQ WDELOH KD QHO WHPSR DPSOLDWR LO SURSULR VWDÍ¿ DUULFFKHQGRVL GHOOH FRPSHWHQ]H SURIHVVLRQD OL GL DYYRFDWL H DOWUL FRQVXOHQ WL G·LPSUHVD *UD]LH DOOD VXD VWUXWWXUD PXOWLGLVFLSOLQDUH OR 6WXGLRD΀DQFDOHSLFFROHHPH GLHLPSUHVHLWDOLDQHHVWUDQLHUH RSHUDQWL LQ ,WDOLD QHOOD VROX ]LRQH GL PROWHSOLFL  HVLJHQ]H JHVWLRQDOL       GLR SRWUHEEH GHÀQLUVL XQD EXVVROD VWUDWHJLFD SHU OH LP SUHVHLQEDOLDGHLFDPELDPHQ       9HGH LO FUROOR GL XQ VLVWHPD EDVDWR VXOOD FUHVFLWD HVSRQHQ ]LDOHGHOO·HFRQRPLDKDODVFLDWR OH LPSUHVH VSHVVR GLVRULHQWDWH FLUFD LO PXWDPHQWR GHOOH SUR SULHVWUDWHJLH/RVWXGLRDVSLUD DSRUVLFRPHJXLGDHVXSSRUWR SHU TXHOOH LPSUHVH VSHFLDO PHQWHOHPHGLRSLFFROHLQTXH VWRGHOLFDWRSDVVDJJLR               /D ULFHUFD GL QXRYL VERFFKL

FRPPHUFLDOL OD JHVWLRQH GHL UDSSRUWL EDQFDUL H OD ULVWUXW WXUD]LRQH RUJDQL]]DWLYD UDS SUHVHQWDQR OH DUHH VX FXL OR 6WXGLRKDLQFHQWUDWRODSURSULD PLVVLRQ RSHUDWLYD /·DSHUWXUD GL QXRYL VERFFKL FRPPHUFLDOL UDSSUHVHQWD VLFXUDPHQWH XQ HOHPHQWR IRQGDPHQWDOH SHU OH LPSUHVH LQ SDUWLFRODUH SHU OH 30, LWDOLDQH FKH QRQ KDQQR ODSRVVLELOLWjGLFRJOLHUHOHRS SRUWXQLWj ULVHUYDWH GD QXRYL HGLYHUVLPHUFDWLLQYLDGLVYL OXSSRËGDOFKHOR6WXGLR VLRFFXSDGLLQWHUQD]LRQDOL]]D ]LRQHGHOOHLPSUHVHHGXUDQWH TXHVWR WHPSR KD FRQVROLGDWR UDSSRUWL GL SDUWHQDULDWR FRQ VWXGL SURIHVVLRQDOL LQ *HUPD QLD 5XVVLD &LQD H 0DOWD 6LD PRTXLQGLLQJUDGRGLRͿULUHDL QRVWULFOLHQWLFRQVXOHQ]DOHJDOH ÀVFDOH ÀQDQ]LDULD H ORJLVWLFD SHUJDUDQWLUHORURODSRVVLELOLWj GLRSHUDUHFRQWDOL3DHVLVHQ]D EDUULHUHRUJDQL]]DWLYHHJHVWLR QDOL3UHVVRODQRVWUDVHGHRSH UDSHUVRQDOHTXDOLÀFDWRPDGUH OLQJXDFLQHVHHUXVVRLQJUDGR GL VXSSRUWDUH TXDOVLDVL WLSR GL HVLJHQ]D GL FRPXQLFD]LRQH DWWLQHQWH DL UDSSRUWL FRPPHU FLDOL

              


COVER STORY / ENERGIA - CONFINDUSTRIA LIVORNO

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 40

Vincere la sfida dell’energia Sviluppo dell’impresa e sostenibilità ambientale, un obiettivo possibile su un percorso ancora impervio di Maurizio Abbati, giornalista freelance

S

ostenibilità ambientale, ma anche riduzione dei costi a carico delle imprese e ricerca, per una società che dovrà diventare in prospettiva low carbon, cioè sempre meno dipendente dalle fonti fossili. Quella dell’energia è una delle sfide più importanti che l’industria dovrà raccogliere, tenendo presente il fatto che difficilmente l’Europa potrà essere competitiva in quanto a politiche mirate solo ai bassi costi. Di questo abbiamo parlato con l’ingegner Luigi Giuliano, presidente del Consorzio Energia Libera Livorno e condirettore di Confindustria Livorno, per capire come sia possibile co-

niugare lo sviluppo economico con la tutela dell’ecosistema e con la salute. “Le azioni virtuose di miglioramento nel settore industriale e nel manifatturiero in particolare sono già una realtà. Oramai – spiega l’ingegner Giuliano – è patrimonio comune del comparto industriale, e manifatturiero in particolare, la valutazione e selezione dei processi produttivi attraverso la loro sostenibilità a 360 gradi, ovvero una valutazione che riguardi non solo la sostenibilità economica, ma anche e soprattutto quella ambientale e sociale. Gli stessi analisti finanziari non si accontentano più di misurare le potenzialità di svi-

luppo economico dell’impresa, senza che questo sia associato alla sostenibilità ambientale. E’ su questo concetto di sostenibilità che si fonda lo sviluppo economico moderno”. Quanto è cambiato nel controllo delle emissioni da parte della nostra industria? “Oggi non solo si è in grado di controllare le emissioni, ma anche di valutare, attraverso un indicatore che mi sembra particolarmente interessante, i ‘costi esterni per danni ambientali e sanitari associati alle emissioni’ (fonte studio Ecba Project). Si tratta di un indicatore, rapportabile al Pil, che misura l’impatto in termini di liability delle attività economiche di

imprese e famiglie. Questi costi ammontano a circa 50 miliardi di euro all’anno (dato 2012 rapportato a un Pil di 1.566 miliardi). E’ interessante notare che nel 2012 le attività economiche che più hanno contribuito a questo costo sono quelle imputabili alle famiglie (trasporti, riscaldamento etc.), mentre chi ha dato il contributo più sensibile in termini di riduzione del costo è l’industria manifatturiera, con -7,1 miliardi, pari al 15 per cento”. Sotto il profilo economico l’energia è una voce importante di costo per le nostre imprese, è possibile comprimerla?


COVER STORY / ENERGIA - CONFINDUSTRIA LIVORNO

Quando si parla di costo dell’energia è necessario distinguere bene tra quanto costa produrla (costo ai morsetti della Centrale) e quanto costa metterla in rete (dispacciamento), trasportarla e renderla disponibile all’utente finale. Purtroppo il nostro Paese è penalizzato su entrambe queste voci, ma la penalizzazione direi quasi intollerabile è quella sui costi di dispacciamento e trasporto, con differenziali rispetto agli altri paesi europei che superano i 50 €/Mwh; si tratta tra l’altro di un costo non comprimibile e indipendente dal fornitore. Paradossalmente, le forme di incentivazione a pioggia sulle rinnovabili e che si sono scaricate in termini di costo su quest’ultima componente, hanno aggravato la situazione. La riduzione dei costi di produzione determinata dalle Fer, infatti, è stata ampiamente annullata e superata dagli extra costi, con un risultato finale negativo per l’utente finale. Gli ingredienti necessari per comporre una ricetta tale da incidere positivamente sulla riduzione del costo dell’energia non sono molti, ma tra questi va incluso l’investire sulle infrastrutture in modo da favorire la liberalizzazione del mercato, eliminando i vincoli strutturali (sia interni al Paese che verso i nostri partners europei e non solo) che limitano la circolazio-

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 41

Luigi Giuliano

ne dell’energia a basso costo. Penso non solo alla rete elettrica ma anche al sistema di distribuzione e stoccaggio del gas. E ancora incentivare l’efficienza energetica. Il primo strumento per spendere meno è consumare meno. Su questo punto deve dare il suo contributo il sistema del credito, che tutt’oggi fa fatica a finanziare investimenti in questo settore. Infine favorire l’implementazione della produzione da Fer laddove porta oggettive ottimizzazioni in termini di riduzione dei costi ed efficienza. Penso, in questo caso, al cosiddetto ‘scambio sul posto’, ma anche ai Seu (Sistemi efficienti di utenza) e, perché no, alle Riu”. In questi anni si continua a discutere dell’uso di fonti rinnovabili da affiancare a quelle tradizionali. Quali

sono le fonti rinnovabili che possono essere valorizzate? “Non esiste, a mio avviso, una classifica tra le Fer che ne renda una preferibile all’altra. Ogni intervento va esaminato nel contesto in cui lo si vuole realizzare e sempre in una logica di valutazione costi/benefici e rischio industriale legato alla tecnologia. Certo è che sole e vento sono sempre disponibili; diverso è il discorso delle biomasse, che richiedono l’implementazione di filiere produttive di non sempre facile realizzazione e determinano un’emissione in termini di particolato e polveri fini da valutare”. Qual’è la situazione della produzione di energia nella nostra regione. Quanto dipendiamo da quella che arriva da fuori? E di quali impianti avremmo realmente bisogno?

Investire sulle infrastrutture ed eliminare i vincoli strutturali per favorire la circolazione dell’energia

“La situazione nella nostra regione, come per le altre regioni italiane, risente pesantemente delle conseguenze della crisi con un marcato crollo dei consumi, in particolare per il settore industriale. Nel solo biennio 2005-2007, dopo anni di trend di crescita, il livello dei consumi elettrici è tornato a quello della fine del secolo scorso e si è stabilizzato sui 20.000 Gwh/anno. La fonte energetica più consistente tra quelle utilizzate per rispondere al fabbisogno regionale è riconducibile ai combustibili di origine fossile liquidi e gassosi, quindi di importazione extra regionale. Si è modificata, di conseguenza, anche la geografia industriale degli impianti di produzione, in particolare per le vicende che riguardano la costa, dove fino al 2011 si produceva il 50 per cento del fabbisogno di energia elettrica regionale. Più che di nuovi impianti avremmo bisogno di una razionalizzazione degli esistenti e di un recupero di competitività che, cogliendo le opportunità normative che potrebbero scaturire dagli accordi di programma per la costa, faccia leva anche sulla razionalizzazione ed efficientamento del sistema di trasmissione e collegamento delle grandi utenze industriali. Un’esigenza ineluttabile, che ha come alternativa un aggravamento della crisi con ulteriori perdite occupazionali”.


IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 42

    4XDOLWjLPSUHVFLQGLELOHLQXQDFRUQLFHXQLFD

+DDSSHQDFRPSLXWRWUHDQQLGL DWWLYLWjHSXzÀHUDPHQWHFRQVL GHUDUVLXQULVWRUDQWHDOO·DOWH]]D GHOOD ORFDWLRQ G·HFFH]LRQH LQ FXL q VLWXDWR 6WLDPR SDUODQGR GHO 5LVWRUDQWH &LUFXV LQ 3LD] ]DGHOOD6LJQRULDD)LUHQ]H/D SRVL]LRQH SRWUHEEH IDU HUURQH DPHQWH SHQVDUH DO FODVVLFR UL VWRUDQWH SHU WXULVWL PD &LUFXV qQDWRSURSULRSHUWUDVPHWWHUH XQ PHVVDJJLR GLYHUVR ´4XD OLWj SULPD GL TXDQWLWjµ q OD YLVLRQ GL *LDFRPR *LDQQHWWL SURSULHWDULRGL&LUFXV´/·HVSH ULHQ]DGDUDSSUHVHQWDWHGLYLQL PLKDSRUWDWRDSHQVDUHFKHOD TXDOLWj VLD O·XQLFR ÀOR FRQGXW WRUHFKHDFFRPXQDOD PDJJLRU SDUWHGHOOHSHUVRQH3HUUDJLR QLIRQGDWHLOÀRUHQWLQRVQREED LORFDOLFRQYRFD]LRQHWXULVWLFD SHUFKp VSHVVR VL LQWHUSUHWD XQD FXFLQD H XQ VHUYL]LR SRFR DWWHQWR %HQH &LUFXV YXROH SURSRUUH TXDOFRVD FKH YDGD FRQWURFRUUHQWHDWXWWRFLzSUR SRQHQGR DL SURSUL RVSLWL QRQ

VROR XQ DPELHQWH FRQIRUWHYR OH SXOLWR HG DFFRJOLHQWH PD VRSUDWWXWWR FXUD H VHOH]LRQH GHO SURGRWWR FRQ DWWHQ]LRQH H TXDOLWjµ ,O PHQX UDFFKLX GH XQ·DPSLD VFHOWD FKH YD GD DQWLSDVWL WLSLFL D SULPL SLDWWL GL SDVWD IUHVFD DFFXUDWDPHQWH SUHSDUDWD GDJOL FKHI H XQ·RW WLPD VHOH]LRQH GL VHFRQGL GL FDUQH 1RQ SRWHYDQR PDQFDUH ELVWHFFDRÀOHWWLDOODEUDFHVHOH ]LRQDWL FRQ JUDQGH DWWHQ]LRQH DOODIUROODWXUDFKHQHJDUDQWLVFH PRUELGH]]D H O·LQFRQIRQGLELOH VDSRUH'DQRQGLPHQWLFDUHJOL KDPEXUJHUGL&KLDQLQDVHUYLWL FRQ NHWFKXS H PDLRQHVH IDWWL LQ FDVD H XQ·DPSLD YDULHWj GL SL]]HHIRFDFFHFRWWHQHOO·XQLFR IRUQRDOHJQDGHOODSLD]]DSUH SDUDWHFRQXQLPSDVWRDOXQJD OLHYLWD]LRQH FKH QH SHUPHWWH XQD SL IDFLOH GLJHULELOLWj H OHJJHUH]]D'DWDODVWRULDODYR UDWLYD GL *LDFRPR OD FDUWD GHL YLQL q DFFXUDWD H EHQ IRUQLWD 'DOOH FROD]LRQL ÀQR DOOD FHQD XQR VWDͿ SUHSDUDWR DFFRJOLH L FOLHQWLQHOOHDPSLHHEHQFXUD WH VDOH LQWHUQH R QHOOD WHUUD] ]D DͿDFFLDWD VXOOD VSOHQGLGD 3LD]]DGHOOD6LJQRULD$OSLDQR VXSHULRUH LQÀQH F·q LO SULYp D GLVSRVL]LRQHGLFKLYRJOLDFRQ GLYLGHUH LO SDVWR FRQ L SURSUL FRPPHQVDOLLQWRWDOHSULYDF\

                

  

 

            ÀRUHQWLQH

6·LPPDJLQD FKH SURSULR LQ TXHVWLORFDOLVLIHUPDVVHLOQRWR VFXOWRUH %HUQDUGR 5RVVHOOLQR SHU XQD VRVWD GL ULWRUQR D 9LO OD *DPEHUDLD UHVLGHQ]D GHL IUDWHOOL 5RVVHOOLQR QHO ¶ 'D TXLLOQRPH/D6RVWDGHO5RV VHOOLQR ULVWRUDQWH HQRWHFD QHO FXRUHGHOSLFFRORERUJRGL6HW WLJQDQR'DPLDQR0LQLHUDDSUu O·HQRWHFD FRQ GHJXVWD]LRQH H PHVFLWD QHO  ´(UDYDPR SLRQLHUL QHO SURSRUUH DL QRVWUL FOLHQWLLJUDQGLYLQLDOELFFKLHUH DOORUD LQXVXDOHµ VSLHJD OD À JOLD6LOYLDFXRFDGHOULVWRUDQWH DSHUWRSRLQHO6XELWRGXH SLDWWL FRQTXLVWDURQR LO SDODWR GHLFOLHQWLHGDDOORUDQRQVRQR PDL XVFLWL GDO PHQX JOL JQRF FKLGLSDWDWHVHQ]DXRYDHVHQ ]DIDULQDFRQFUHPDGL&DVWHO PDJQRIRUPDJJLRSLHPRQWHVH GHOOD9DOOH*UDQDHOHWDJOLDWHO OH VDOWDWH DO 6DXWHUQHV FHOHEUH YLQR IUDQFHVH GDO UHWURJXVWR PXͿDWR,QYHQ]LRQHPDDQFKH WUDGL]LRQHFRPHOD&DSRQDWLQD 6LFLOLDQD FRQ ULFHWWD RULJLQDOH GHOOD QRQQD GL 6LOYLD *OL LQ JUHGLHQWL GHL SLDWWL UDFFRQWDQR WHUULWRULLWDOLDQLODWHQHULVVLPD FDUQH GL UD]]D SLHPRQWHVH XVDWD VLD SHU OD %LVWHFFD DOOD )LRUHQWLQDFKHSHUOD7DUWDUHGL PDQ]RLFDSSHULGL3DQWHOOHULD L SLVWDFFKL GL %URQWH GHOOD ID PLJOLD&LPEDOLRLVDOXPLGHOOD PDFHOOHULD )ULWWHOOL ,O YLQR UL PDQHFRPXQTXHSURWDJRQLVWD SRWUHWHVFHJOLHUORGLUHWWDPHQWH GDOOD FDUWD GLJLWDOH VX ,SDG R IDUYL JXLGDUH GD 'DPLDQR LQ

XQ SHUFRUVR GL GHJXVWD]LRQH SHQVDWR VXL SLDWWL FKH DYHWH VFHOWR7XWWLLURVVLVRQRVHUYLWL DO ELFFKLHUH XVDQGR LO 9HUVR YLQR GHFDQWHU GD SRU]LRQH LQYHQWDWR H EUHYHWWDWR GD 'D PLDQRQHO7URYHUHWHYLQL UD΀QDWL FRPH LO *DWWLQDUD GL *LDQFDUOR 7UDYDJOLQL FODVVLFL WRVFDQL SLHPRQWHVL H VLFLOLDQL PD DQFKH ELRORJLFL H ELRGLQD PLFL FRPH TXHOOL SURYHQLHQWL GDLYLJQDLROLGHOOHGRORPLWLHD NP]HURGDOOD)DWWRULD3RJJLR SLDQRGL)LHVROH4XHVW·DQQROD 6RVWDGHO5RVVHOOLQRIHVWHJJLDL VXRLDQQLGLDWWLYLWjFRQXQ UHJDORVSHFLDOHDLSURSULFOLHQWL GDO  PDJJLR DO  VHWWHPEUH FKLXQTXH YHQJD D PDQJLDUH DYUjODSRVVLELOLWjGLLPEXFDUH LO SURSULR QRPH LQ XQD JUDQ GHERWWH,GRGLFLQRPLHVWUDWWL DYUDQQRODIRUWXQDGLSRWHULQ YLWDUHXQ·DOWUDSHUVRQDDGXQD FHQD VSHFLDOH LO  RWWREUH H JXVWDUHEHQSLDWWLFKHKDQQR IDWWRODVWRULDGHOO·HQRWHFD  

         

  


 

    

        

-00',+#-#/)!2!'+0'1/*+""%# +#/4',+'+#))$*'%)''++,+''/(,!&#$ HSURSULHWDULRGHO5LVWRUDQWH3HSHQHURÀQGD -'!!,), ,00#/33 '+!+11, )# -/#-/4',+' "#'!2,!&'+#)/'01,/+1#"#)-"/#!/#0!#+", '+'4'80-#/'*#+1/#,%+'/'!#110,11,)%2' "0#3#/"#))*"/#,11'*!2,!!0)'+% ,' )<'+!,+1/, -/,$#00',+)# !,) %#+', !2)'+ /',+%#),/+'!,+!2'&!,)) ,/1,-#/  ++'!!+1,)2'&-/#0,-/1#))-/#- /4',+#"'#3#+1'!,*#)!#+"#'!-'"'011, "#)    ')) ) '#1/ , ) !#+ "#%)' 0!/ "', #/1,#+'%+')2'&--/#0,)<'*-,/ 1+4"#))*1#/'-/'*+#))/#)'444',+# "' 2+ -'11, 2+'1  !/#1'3'15 * 0#+4 *' )),+1+/0' 1/,--, ")) 1/"'4',+# ,' ') 0)1,+#)!,+)<-#/12/"#)-/,-/',/'01, /+1#')#-#+#/,ËLQXQDPELHQWHUD΀QDWR PLQLPDOLVWDHGLQWLPRLQFXLORVWDͿDFFRJOLHL VXRLFOLHQWL3HSHQHURRͿUHWXWWLLWLSLGLFXFLQD

")) !/+# ) -#0!# $/#0!,"#)/#"' 1#//+#, #) /'0-#1 1, "#)) 01%',+)'15 "#))# *1#/'# -/'*# ') *#+2 !* ' 1211' ' *#0' = 11/3#/0, '+%/#"'#+1'/'!#/!1'# (*4#/,!&#)!2!' +0'-/#+"#!2/"#) -/,-/',!)'#+1#/# 1'3'15 !,*# ) $*, 0 1#//'+ "' $#%1'+' !,+ !/#*# /2)6# "' !'-,)),11' * +!&# 1/"'4',+# "#) 1#//' 1,/', !,*# ') /'0,11, )-'!!',+#,'0#"+' )) -/1#0# ,+ 0' -28 !,+!)2"#/# +,+ 00%%'+", 2+, "#' !3))' "' 11%)' "#)) -01'!!#/' "' 3HSHQHURLOÁDQSLF FRORVRX΁pGDOFXRUH !)", " 0!#%)'#/# '+ 3/' %201'  !/1 "#'3'+'70#)#4',+1 !,+ #01/#* -00', +# $/211, "' !,)) , /4',+'!,+!+1'+#"' -'!!,)#-/,"24',+'"' %/+"#3),/##.2 )'15+!&#'3'+'/2, 1+,-#/',"'!*#+1# !,+ 2+ /'!#/! !&# 0' $,!)'44 -/'+!' -)*#+1# 02 3'%+# "' 1#//'1,/' #01/#*' !,*# ) ,01'#/ $PDOÀWDQD,VFKLDROD9DOOHG·$RVWD6DUDOD !,*-%+"''/(,0-/5%2'"/3'+#))0!#) 1"#)) ,11'%)'-#/$#11 'DO OXQHGu DO YHQHUGu GD VHWWHPEUH ÀQR DO 0 1, ') /'01,/+1# #-#+#/, 7 -#/1, +!&# D SUDQ]R PD QLHQWH PHQX ÀVVR ,O EXVLQHVV )2+!& -/,-,+# 2+ !/1 0#*-)'!# ") -/#44, FRQWHQXWR /D VFHOWD q FRPXQTXH DPSLD SUL *'0#!,+"'1%)'1#'+0)1##",)!'+<11#+ ]LRQHSDUWLFRODUHDOFOLHQWHYLHQHRͿHUWDDQFKH 11/3#/0, ) 301 -/,-,01 "' -'11' %)21#+ $/##:<'"#7+1"2+*'#0'%#+4-#/ VRQDOH VSLHJD 6DUD GD FHOLDFD FDSLVFR L SUR )#*'!&#0'&++,.2+",0'"#!'"#"'+"/# !#+$2,/'#/.2#01,"+,'%/+-/1#"#) *#+2))!/17"'0-,+' ')#-#/'!)'#+1''+1,) )#/+1')%)21'+#; ,O 5LVWRUDQWH 3HSHQHUR KD SHQVDWR DQFKH DJOL --00',+1'"'!2!'+!&#+,+3#",+,)<,/"' 0-#/'*#+1/0'-#/)-/'*3,)1'$,/+#))',"'

*'%)',//0''*-/+",1#!+'!&#+2,3# 8QD YROWD O·DQQR LQIDWWL RͿUH OD SRVVLELOLWj GL IUHTXHQWDUH XQ FRUVR GL FXFLQD 6L WUDWWD "' .211/, --2+1*#+1' "#"'!1' /'0-#11' 3*#+1# " +1'-01' -/'*' 0#!,+"' # ",)!' ",3#!2!'+/#'+0'#*#)),!&#$"'3#/1'/0'#'+ ÀQHDSSUH]]DUHOHSURSULHFUHD]LRQLVDSHQGR FRPXQTXHFKHGL΀FLOPHQWHVLSRWUjUHSOLFDUH )<#0-#/'#+4 # )<#01/, !&# '/(, !!,*-%+ ",%+'02,-'11,

      '/'+' /1, #) 

 

           &HQDOXQVDE² 3UDQ]ROXQYHQ² GDVHWWHPEUHDQFKHVDEDWR

  


COVER STORY / ENERGIA - MASSA CARRARA

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 44

Consorzi per l’energia al servizio delle imprese Le aggregazioni garantiscono ottimizzazione e tutela. L’importanza di favorire lo scambio di competenze e la crescita specialistica di Mattia Cialini, giornalista “Arezzonotizie.it”

C

ome nasce l’esigenza di creare un consorzio per l’energia? “Con notevole lungimiranza il Decreto Bersani, con cui è stato avviato il processo di liberalizzazione dei mercati energetici in Italia, ha previsto che l’accesso ai mercati potesse avvenire direttamente per soggetti grandi consumatori, soglia minima iniziale 20 GWh poi ridotta a 10 GWh, oppure tramite consorzi con connotazione territoriale. Questo vincolo avrebbe dovuto garantire, come in gran parte accaduto, la crescita di competenze specifiche nell’ambito del mercato libero, a tutela dei consumatori industriali di media taglia. Nel periodo tra il 1999, avvio del mercato elettrico, ed il 2005, avvio della borsa elettrica, Con-

findustria ha avviato oltre cento consorzi territoriali che rappresentano tuttora il veicolo ottimale di accesso all’approvvigionamento elettrico per le Pmi”. Quali sono i vantaggi di chi entra nel consorzio? “Quasi tutti i consorzi di Confindustria hanno maturato una lunga esperienza nel mercato elettrico e stanno cominciando ad accumularne anche nel mercato gas. I consorzi sono quindi in grado di garantire un acquisto ottimale per tutte le aziende, piccole e medio-grandi. Per le piccole aziende è certamente importante un acquisto in linea con l’andamento del mercato all’ingrosso ma è maggiormente necessaria una grande attenzione alla tutela contrattuale, quella che chiamiamo deontologia con-

trattuale. Per le aziende da consumi medio-grandi è necessario anche l’attenzione per la dinamica del mercato, quindi una corretta impostazione del prezzo che sia in grado di seguire in modo ottimale l’evoluzione della commodity. In questi ultimi anni il mercato ha evidenziato una forte tendenza al ribasso, a cui i consorzi più attenti hanno reagito con formule di prezzo variabile. Certamente questo approccio richiede una grande attenzione per evitare sorprese che potrebbero annullare i benefici attesi. Queste competenze sono difficilmente disponibili alle singole aziende, anche in virtù di una complessità sempre crescente dei mercati, ormai maturi. Oltre ai vantaggi di acquisti economicamente efficaci protetti

da sorprese contrattuali, i consorzi sono in grado di supportare le aziende con molti altri servizi nell’ambito energetico, quali i rapporti con il Distributore (basta pensare alle criticità sempre crescenti connesse a micro-interruzioni e disturbi di rete), i rapporti con l’Agenzia delle Dogane in presenza di auto-produzione o di specifiche misure quali ad esempio esenzioni di accise (nel nostro territorio per i processi mineralogici), applicazione di benefici per processi energivori, etc. Lo sviluppo di specifiche competenze sui temi energetici diventa sempre più il vero valore aggiunto per le aziende consortili. Il tema dell’efficienza energetica sarà uno dei temi fondamentali per il prossimo periodo ed i consorzi saranno in grado di gio-


COVER STORY / ENERGIA - MASSA CARRARA

care un ruolo fondamentale per le aziende consortili”. C’è un impegno da parte dei consorzi per l’energia sul fronte delle rinnovabili? “Rinnovabili ed efficienza energetica rappresentano il futuro strategico per le aziende italiane. Certamente nel passato le rinnovabili, in particolar modo il fotovoltaico, hanno contribuito non poco a destabilizzare la bolletta elettrica: ormai gli oneri per gli incentivi garantiti allo sviluppo delle rinnovabili superano abbondantemente il costo dell’energia elettrica, senza peraltro aver creato una vera filiera italiana, filiera che forse sta iniziando a costituirsi in quest’ultimo periodo. Altrettanto vero però che il corretto ed equilibrato sviluppo delle rinnovabili e della ricerca sui sistemi di accumulo rappresentano il vero futuro del Paese, vista la peculiare connotazione e la intensa insolazione. I consorzi stanno quindi maturando in questi settori specifiche competenze per poter supportare le aziende nello sviluppo efficiente delle modalità di consumo e di approvvigionamento dell’energia: ridurre i consumi a parità di produzione e diversificazione in acquisto tramite una attenta analisi delle possibilità di installazione di fonti di produzione rinnovabili e/o cogenerative ad alto rendimento”. Chi può entrare a far parte dei consorzi per l’energia? “Molti consorzi sono aperti al territorio, superando la logica di appartenenza alle associazioni.

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 45

Gregorio Job

Per questo rappresentano un ottimo veicolo per garantire competenze alle aziende e contemporaneamente un veicolo di marketing associativo. L’energia sta dimostrando che il vero plus è rappresentato dall’elemento aggregativo, che garantisce ottimizzazione e tutela. Concludendo si può affermare che in genere tutte le aziende industriali possono far parte dei consorzi”. Qual è l’attività del Consorzio Apuania Energia? “Il Consorzio Apuania Energia (CAE) è nato nella primissima fase di avvio del processo di liberalizzazione. Caratterizzato da aziende di fatto energivore, segherie di marmo e granito e cartiere, ha dovuto affrontare da subito il mercato utilizzando completamente le leve del trading diretto. Ha maturato quindi esperienza sui mercati delle interconnessioni con l’estero ed ha partecipato sin dall’avvio alla Borsa

Elettrica. Rappresenta quindi per le aziende consorziate un asset del mercato elettrico, in grado di utilizzare tutte le leve che il mercato rende disponibili agli operatori. Supporta le aziende consortili per tutte le esigenze energetiche, inclusa l’analisi impiantistica laddove necessario, ad esempio per il rifasamento ed il controllo dei carichi, segue le aziende per le comunicazioni agli enti istituzionali, ad esempio le dichiarazioni UTF, le dichiarazioni CAR, l’attuazione dei regimi di esenzioni dalle accise. Supporta le aziende per le scelte di efficienza energetica e, dove opportuno, di autoproduzione”. Come si muove il coordinamento dei consorzi per l’energia? “Dal 2013 è attivo il Coordinamento dei consorzi a livello nazionale. Il Coordinamento è promosso da Confindustria e sta

Un consumo più efficiente aiuta le imprese ad abbattere i costi energetici

progressivamente aumentando le adesioni con l’obbiettivo di rappresentare a breve la maggior parte dei Consorzi di Confindustria, in totale oltre 90 consorzi su tutto il territorio nazionale con copertura pressoché totale della realtà industriale ed un consumo complessivo che rappresenta oltre 30 TWh annui, oltre il 10 per cento del consumo nazionale e una importante frazione del consumo industriale. La richiesta di specifico supporto nel settore energetico per le aziende industriali rende i consorzi uno strumento indispensabile ed il Coordinamento il momento di sintesi per affrontare le specificità a livello nazionale. Obbiettivo è quello di portare avanti i temi più vicini all’industria medio piccola: qualità del servizio elettrico, deontologia contrattuale, sviluppo del mercato che integri le fonti rinnovabili con le fonti tradizionali in una evoluzione che garantisca ottimizzazione e corretta allocazione dei costi. Il Coordinamento rappresenta anche il veicolo per favorire lo scambio di competenze e garantire la crescita specialistica dei consorzi. I consorzi sono nati per una brillante intuizione del Decreto Bersani che voleva così garantire le necessarie competenze per l’accesso al mercato. Proprio la crescita di competenze rappresenta ora l’elemento di consolidamento dell’esperienza consortile a favore delle aziende industriali”.


                     

    /R6WXGLR&LDUOHJOLRRSHUDGDOVLDLQDP ELWR QD]LRQDOH FKH LQWHUQD]LRQDOH RͿUHQGR OH SURSULH FRPSHWHQ]H LQ PDWHULD WULEXWDULD VRFLHWDULD OHJDOH ÀQDQ]LDULD H GHO ODYRUR 6SHFLDOL]]D]LRQH LQ FRQWHQ]LRVR WULEXWDULR H FRQVXOHQ]D PDQDJHULDOH /H GLYHUVH FRPSH WHQ]HJDUDQWLVFRQRXQ·DVVLVWHQ]DDƒJUDGL DOFOLHQWHFKHSRWHQGRVLD΀GDUHDGXQXQLFR VWXGLRSHUWXWWLJOLDGHPSLPHQWLHSUREOHPD WLFKH LQHUHQWL OD SURSULD DWWLYLWj RWWLHQH XQ QRWHYROH ULVSDUPLR VLD LQ WHUPLQL GL WHPSR FKHGLFRVWL  7LWRODUH GHOOR 6WXGLR q LO 'RWW *LDPSLHUR &LDUOHJOLR DO TXDOH DEELDPR ULYROWR DOFXQH GRPDQGH

QXPHURGHJOLDGHPSLPHQWLÀVFDOLRVFLOODWUD HRJQLDQQRLQDOFXQLFDVLTXLQGLVX SHUDDGGLULWWXUDLOQXPHURGHOOHJLRUQDWHOD YRUDWLYH LQXQDQQRVRODUH 7XWWHULVRUVH FKHQHOOHD]LHQGHYHQJRQRGLVWROWHGDXQXVR SL H΀FDFH FKH GRYUHEEH HVVHUH ULYROWR DOOD FUHVFLWD DOOR VYLOXSSR DOOD FRPSHWLWLYLWj ,O SHVR GHL YDUL DGHPSLPHQWL GL QDWXUD ÀVFDOH GLYHQWD LQVRSSRUWDELOH SRL FRQ ULIHULPHQWR DOVLVWHPDVDQ]LRQDWRULRSUHYLVWRSHUFKLQRQ OLRVVHUYDFKHSHQDOL]]DSHUÀQRFRQLOFDUFH UH JOL LPSUHQGLWRUL FKH LQ WDOH JLXQJOD UHVD DQFRUDSLLPSUDWLFDELOHGDOOHVDEELHPRELOL GHOODEXURFUD]LDÀQLVFRQRSHUGLPHQWLFDUVH QHTXDOFXQR

*OL DGHPSLHQWL ÀVFDOL VSHVVR VL WUDGXFRQR                6RQR FLUFD  LO QXPHUR GHL WULEXWL FKH RJJL JUDYDQR VXOOH LPSUHVH LQGXVWULDOL LWDOLDQH ,O

       ELOHFRPHGLFHTXDOFXQRGDJLXVWLÀFDUHO·H   9HGHLQ,WDOLDqGLͿXVDODFRQYLQ]LRQHSLFKH JLXVWLÀFDWDDPLRSDUHUHFKHLOJHWWLWRGHOOH

LPSRVWHSDJDWH GDLFLWWDGLQLHGDOOHLPSUHVH VLD LQ JUDQ SDUWH VSUHFDWR GD XQD SXEEOLFD DPPLQLVWUD]LRQH SLJUD HG LQH΀FLHQWH  H GD XQDFODVVHSROLWLFDFKHXVDODVSHVDSXEEOLFD SHUSDVWXUDUHDPLFLHFOLHQWLHPDQWHQHUVLDO SRWHUH/HDOLTXRWHG·LPSRVWDLQ,WDOLDVRQR WUDOHSLDOWHGHOPRQGRHO·LQLTXLWjGHOVLVWH PD ÀVFDOH Ij LO UHVWR ,O UDSSRUWR FRQ O·$P PLQLVWUD]LRQH)LQDQ]LDULDHFRQJOL(QWLGHOOD 5LVFRVVLRQHqSUHJLXGLFDWRGDOSDOHVHFRQÁLW WR GL LQWHUHVVL WUD LO PRQGR LPSUHQGLWRULDOH H OD SDUWH SXEEOLFD GHOHJDWD TXHVW·XOWLPD D JDUDQWLUHDOOR6WDWRLOJHWWLWRQHFHVVDULRDQFKH D SDJDUH L ORUR VWLSHQGL H ERQXV /D FRQVH JXHQ]DORJLFDDTXHVWRVWDWRGLFRVHqFKHLQ ,WDOLDLOFRQWULEXHQWHFHUFDGLIUHJDUHLOÀVFRH LOÀVFRIjORVWHVVRFRQLOFRQWULEXHQWH3HQRVR PDLQHOXGLELOH (· GDYYHUR FRVu VELODQFLDWR D VIDYRUH GHO FRQWULEXHQWHLOVLVWHPDÀVFDOHLQ,WDOLD"   


3HUULVSRQGHUOHOHIDFFLRXQHVHPSLRXQLP SUHQGLWRUH LQ ,WDOLD DQFKH VH QRQ JXDGDJQD QXOODGHYHFRPXQTXHSDJDUHOHWDVVHODSUH VXQ]LRQHGLUHGGLWRDLÃ&#x20AC;QLGHOO·DFFHUWDPHQWR q GLYHQWDWD XQ GRJPD O·DQWLHFRQRPLFLWj LO SULQFLSLRLQEDVHFRQLOTXDOHVLOHJLWWLPDXQ DFFHUWDPHQWR LQGXWWLYR FKH SUHVFLQGH GDOOD WHQXWD GHOOH VFULWWXUH FRQWDELOL WHQXWH GDOO·D ]LHQGDFRPXQTXHREEOLJDWRULHH´ULFRVWUXL VFHµLULFDYL,OUDJLRQDPHQWRVHPEUDFRPSOL FDWRPDWUDGRWWRVLJQLÃ&#x20AC;FDVHPSOLFHPHQWHFKH VHKDLXQ·D]LHQGDGHYLJXDGDJQDUHSHUIRU]D QRQ LPSRUWD VH F·q XQD FULVL PRQGLDOH VH L FOLHQWLQRQWLSDJDQRVHOHEDQFKHWLUHYRFD QRJOLDÎ&#x20AC;GDPHQWL6HXQ·D]LHQGDqJHVWLWDLQ PRGR´DQWLHFRQRPLFRµFLRqQRQJXDGDJQDH QRQSDJDOHWDVVHGHYHFKLXGHUHVHFRQWLQXD DODYRUDUHF·qVRWWRTXDOFRVD

9HGHGHLULPHGLSRVVLELOLDOVLVWHPDDFFHUWD   &RQVWDWDWR LFWX RFXOL O·HVSHULPHQWR IDOOLWR GHOO·DFFRSSLDWD$JHQ]LDGHOOH(QWUDWH(TXL WDOLD q FKLDUR FKH VL UHQGH QHFHVVDULR XQ LQ WHUYHQWR OHJLVODWLYR FKH ULGHÃ&#x20AC;QLVFD OLPLWL HG LQJHUHQ]H GHL PHGHVLPL QHOOD YLWD GHL FRQ WULEXHQWLPDqVRSUDWXWWRVXOIURQWHGHOSUR FHVVRWULEXWDULRFRPHTXHOORGHOODULVFRVVLR QHFKHVLJLRFDODSDUWLWDSHUSULPDFRVDYD GHWHUPLQDWRXQWHUPLQHFHUWRGLSUHVFUL]LRQH LQGLSHQGHQWHGDJOLDWWLLQWHUUXWWLYLFKHGHYH RSHUDUH LQ IDYRUH GHO FLWWDGLQR YHUD SDUWH GHEROH QHO FRQIURQWR , WHUPLQL GHO JLXGL]LR FRPH TXHOOL GHOOD ULVFRVVLRQH GHYRQR HVVHUH FHUWLHGHWHUPLQDWLVXSHUDWLLTXDOLLOFUHGLWR QRQqSLHVLJLELOHHODSHQDQRQSXzSLHV VHUHFRPPLQDWD

          ,Q XQ PRPHQWR GL FULVL HFRQRPLFD ODVFLDUH OD JHVWLRQH GHOOH ULVFRVVLRQL DG XQ PRVWUR EXURFUDWLFRFRPH(TXLWDOLDODGLFHOXQJDVXO UDSSRUWRWUDFRQWULEXHQWHHG,VWLWX]LRQL,OVL VWHPDYLJHQWHQRQFRQVHQWHQHDQFKHGLIURQ WH D VLWXD]LRQL EL]DQWLQLVWH SRVVLELOLWj UHDOL GLGLIHVDVHQRQTXHOODGHOWLSRSULPDSDJKL SRLIRUVHWUDVYDULDWLDQQLDWWUDYHUVRXQDVH ULHGLULFRUVLYHGUHPRVHKDLUDJLRQHRWRUWR ,Q,WDOLDLOÃ&#x20AC;VFRXVDDUPLLPSURSULH%DVWDFKH SDUWDXQDFFHUWDPHQWRHVHYXRLIDUHULFRUVR VHL FRVWUHWWR D SDJDUH XQ WHU]R GHOOD VRPPD DFFHUWDWD 6H SRL LO FRQWULEXHQWH YLQFH H LQ ,WDOLDFDSLWDLQFDVLVXFRQWURLVX DGHVHPSLRGHOOD)UDQFLD LULPERUVLDUULYDQR LQPHGLDGRSRDQQL

   VLVWHPDJLXGL]LDULRHÃ&#x20AC;VFDOH" /HSULPHGXHFRVHGDIDUHVRQRXQDVDQDWRULD Ã&#x20AC;VFDOHHGXQDDPQLVWLDJLXGL]LDULDHQWUDPEH QHFHVVDULH SHU DOOHJJHULUH OD SUHVVLRQH D FXL VRQR VRWWRSRVWH OH IDVFH PHQR SURWHWWH GHOOD VRFLHWj LWDOLDQD /D VDQDWRULD Ã&#x20AC;VFDOH GRYUHE EH SUHYHGHUH SHU L UXROL VXSHULRUL D PLOD HXURO·D]]HUDPHQWRGHOOHVDQ]LRQLLQWHUHVVL DJJLHWFHSHUTXHOOLGLLPSRUWRLQIHULRUHDO Ã&#x20AC;QHGHOORURVWUDOFLRXQDSHUFHQWXDOHSURSRU ]LRQDOH DOO·LPSRUWR GHOOD FDUWHOOD GD SDJDUH /·DPQLVWLDJLXGL]LDULDLQYHFHGRYUHEEHVFDW WDUH SHU L UHDWL FRVL GHWWL ´PLQRULµ FKH FRP SRUWDQR SHQH LQIHULRUL DL WUH DQQL FKH XQ HFFHVVRGLOHJLVOD]LRQHLVSLUDWDDGXQRWWXVR JLXVWL]LDOLVPRKDPROWLSOLFDWRROWUHRJQLPL VXUD8QDYROWDIDWWDSXOL]LDVXOIURQWHÃ&#x20AC;VFDOH

VDUHEEHVXÎ&#x20AC;FLHQWHULGXUUHOHDOLTXRWHÃ&#x20AC;VFDOL VFULYHUH XQ FRGLFH GHRQWRORJLFR FKH UHJROD PHQWLFRQODIRU]DGLXQDOHJJHFRVWLWX]LRQD OHODFRUUHWWH]]DGHLUDSSRUWLWUDÃ&#x20AC;VFRHFRQ WULEXHQWHHVRSUDWXWWRDGRWWDUHGHLWHVWLXQLFL SHULYDULUHJLPLGLWDVVD]LRQHFKHGXULQRQHO WHPSRHFKHJDUDQWLVFDQRODFHUWH]]DGHOGL ULWWRHGHOOHQRUPHVHQ]DGRYHUVRWWRVWDUHDOOD ORWWHULD GHOOH LQWHUSUHWD]LRQL GHO IXQ]LRQDULR RJLXGLFHGLWXUQR6XOIURQWHJLXGL]LDULRLQ YHFHLOSUREOHPDqFKHLOVLVWHPDqVTXLOLEUDWR GDOOD QRQ HTXLGLVWDQ]D WUD DFFXVD H GLIHVD /DPDODJLXVWL]LDVSHVVRFROSLVFHSHUVRQHLQ QRFHQWL FRQ HUURUL JLXGL]LDUL FKH VROR GRSR DQQL GL FDOYDULR VL ULVROYRQR LQ DVVROX]LRQL SLHQH /D WXWHOD GHL GLULWWL q DÎ&#x20AC;GDWD DG XQD EXURFUD]LDFKHQRQIXQ]LRQD3HUSRUUHULPH GLRDTXHVWRVWDWRGLFRVHRFFRUUHXQDULIRUPD HSRFDOH FKH GRYUHEEH FRQVLVWHUH QHOO· DSULUH DG DOWUL O·DFFHVVR DOOD PDJLVWUDWXUD FRUSRUD ]LRQHFKLXVDHGDXWRUHIHUHQ]LDOHTXDOLSUR IHVVRUL DYYRFDWL FKH SRWUHEEHUR IDUH OD ORUR SDUWH$QFKH LO SHUFRUVR GL VWXGLR GRYUHEEH HVVHUHULIRUPDWRSHUFKqWURSSRVSHVVRWLWUR YLGLIURQWHDPDJLVWUDWLFKLDPDWLDGHFLGHUH VX GLVSDUDWL DUJRPHQWL GL FXL VDQQR SRFR R QXOOD YHGLFDPSRSHQDOHWULEXWDULR 'RSR OD ODXUHD XQD VFXROD VXSHULRUH GL VSHFLDOL] ]D]LRQH GHOOH WUH SURIHVVLRQL JLXGL]LDULH SRL VL VFHJOLH FKL DYYRFDWR FKL JLXGLFH FKL 30 3HU TXHVW·XOWLPL GD XOWLPR SULPD GL LQL]LD UH OD SURIHVVLRQH XQD TXLQGLFLQD GL JLRUQL GLFDUFHUH3DQHHDFTXDLVSH]LRQLFRUSRUDOL LVRODPHQWRWDQWRSHUFDSLUHFRVDVLSURYD

    

  


CONFINDUSTRIA FIRENZE

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 48

EureKa! Funziona! Ingegnosi, giovanissimi e inventori: sono i vincitori della sfida lanciata da Federmeccanica e Confindustria Firenze “Realizza il tuo giocattolo con molle e tondini”

S

ono stati più di 140 i piccoli inventori che a Firenze si sono cimentati nella sfida: ideare e costruire un giocattolo mobile, avendo a disposizione solo molle, tondini di legno e di ferro, rotelline di legno, elastici e tutta l’inventiva della loro giovanissima età. Nove classi di quattro scuole elementari fiorentine hanno partecipato a “EureKa! Funziona!” il progetto promosso da Federmeccanica e Confindustria Firenze, che si è concluso con la proclamazione della classe vincitrice: la classe V di I.C. Carducci di Firenze, con il gioco Baby Camper; la classe IV di I.C. Castelfiorentino Scuola Primaria di Castelfiorentino con il gioco Fortuna contro Sfortuna e infine, la classe III sempre di Castelfiorentino con il gioco Sfad.

Gli istituti partecipanti sono stati: Istituto Comprensivo “Giorgio La Pira” di Campi Bisenzio I.C. Carducci di Firenze I.C. Castelfiorentino Scuola Primaria di Castelfiorentino Istituto Comprensivo Scandicci 1 “Rossella Casini” di Scandicci. Per continuare a coltivare la propensione all’invenzione la classe V vincitrice ha avuto in premio una visita al Museo “da Vinci” a Vinci. A tutte le classi partecipanti gli omaggi e premi delle imprese che hanno supportato l’iniziativa su territorio fiorentino: La Florens, Mandragora, Jumbo Office, FILA, Sammontana. Le classi che hanno scelto di partecipare al progetto sono state divise in gruppi (ciascun gruppo doveva prevedere uguale numero di bambine e bambini) e

all’interno di ciascun gruppo ogni bambino doveva avere un ruolo stabilito (disegnatore tecnico, estensore del diario di bordo, costruttore, disegnatore artistico e pubblicitario), a disposizione avevano un kit di materiale da costruzione e il gruppo doveva accordarsi su quale giocattolo costruire e poi realizzarlo. Le uniche due regole da rispettare erano: che il giocattolo fosse mobile almeno in alcune delle sue parti (aprire, saltare, ruotare, alzare) e che le idee non fossero proposte dagli insegnanti, ma nate dal lavoro di gruppo dei bambini. Per realizzare il giocattolo avevano a disposizione almeno 20 ore (nell’arco di 6/8 settimane) e dovevano tenere un “diario di bordo” in cui annotare tutti i passaggi di costruzio-

ne. A giocattolo realizzato, la classe, o la scuola (per chi partecipava con più classi), ha deciso quali lavori far partecipare alla sfida: dove sono stati gli stessi giovanissimi inventori a presentare i propri capolavori! Arrivato al suo secondo anno consecutivo su territorio nazionale e al suo primo anno fra le scuole di Firenze il progetto, promosso da Federmeccanica in collaborazione – sul territorio – con Confindustria Firenze, si propone, investendo in creatività, di coltivare il desiderio di costruire e creare dei bambini, fornendo loro l’opportunità di applicare conoscenze acquisite, sviluppare competenze di lavoro di gruppo, ma anche di conoscere mestieri (ingegneria, ad esempio) tradizionalmente lontani dalle loro fantasia.


CONFINDUSTRIA FIRENZE

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 49

Social media: conoscere le inside della rete per navigare sicuri “Navigare sicuri”, imprenditori ed esperti a scuola per aiutare i ragazzi a conoscere le insidie del world wide web

P

otenzialità e rischi dei social media spiegati ai ragazzi. Gli imprenditori della Sezione Servizi Innovativi e Tecnologici di Confindustria Firenze, insegnanti per un giorno, hanno impartito lezioni di navigazione sicura nelle scuole medie fiorentine. Più di 800 i ragazzi coinvolti (quasi tutti di prima media), sei scuole, circa trenta ore di lezione con l’obiettivo di contribuire alla sensibilizzazione all’uso sicuro e consapevole dei social media: il

progetto dal titolo“Navigare Sicuri” ha avuto il supporto della Polizia Postale e dell’Ufficio Scolastico Regionale. Gli imprenditori, affiancati dai referenti della polizia postale del territorio, hanno incontrato i ragazzi e spiegato loro i rischi connessi all’utilizzo degli strumenti di social network e ma anche come possono utilizzarli in modo efficace. Il 56 per cento dei ragazzi dai 12 ai 17 anni naviga tra le 2 e le 4 ore giornaliere: i social media e la rete possono essere fonti di rischi e

pericoli ma anche di conoscenze e informazioni se usati consapevolmente. Così gli imprenditori della Sezione Servizi Innovativi e Tecnologici, insieme agli esperti della Polizia Postale, hanno messo in guardia i ragazzi dai pericoli virtuali, dai comportamenti illeciti, e illustrato i sistemi per utilizzare più efficacemente i diversi tipi di social. “E’ stata una bellissima esperienza per i ragazzi ma anche per noi e, lo dico con un po’ di rammarico, abbiamo sperimentato di persona quanto i nostri giovanissimi siano maestri

nell’usare social e internet, senza però la giusta consapevolezza delle pericolosissime insidie in cui possono cadere – sottolinea Matteo Grossi, presidente della Sezione Servizi Innovativi e Tecnologici di Confindustria Firenze - spetta anche a noi imprenditori aiutarli a crescere anche nel mondo virtuale. Il successo ottenuto dalle lezioni nelle sei scuole fiorentine coinvolte ci fornisce tutto l’entusiasmo per ripetere l’esperienza anche il prossimo anno ed estenderla anche alle famiglie dei ragazzi”.

INTERNAZIONALIZZAZIONE, ACCORDO FRA SIMEST E CONFINDUSTRIA FIRENZE Sostenere l’internazionalizzazione delle imprese del territorio di Firenze, la loro presenza sui mercati internazionali e incrementare la realizzazione di investimenti imprenditoriali: siglato un accordo fra SIMEST e Confindustria Firenze. L’accordo consentirà di valorizzare le specifiche competenze di SIMEST a vantaggio delle aziende della provincia di Firenze. Finora SIMEST ha approvato 66 progetti di investimento per 1 miliardo e 800 milioni di euro di investimenti in partnership con aziende toscane, in 31 diversi Paesi, in vari settori tra i quali prevalgono: tessile/abbigliamento, agroalimentare, elettromeccanico/meccanico, legno/arredamento. A questi si aggiungono altri 20 progetti con il Fondo di Venture Capital. I finanziamenti hanno supportato 427 imprese toscane che hanno ricevuto il sostegno pubblico per 840 milioni di euro. Per maggiori informazioni sull’accordo www.confindustriafirenze.it




      +L7HFK5HVRXUFHJUD]LHDOODSOXULHQQDOHHVSHULHQ]D*20(DLXWDOHD]LHQGHDULVSDUPLDUHSLDQLÀFDUH HGRWWLPL]]DUHLOSURSULRELODQFLRHQHUJHWLFRFRQLPSLDQWLDOWDPHQWHWHFQRORJLFLHVRYYHQ]LRQDWL +L7HFK 5HVRXUFH q XQD VRFLHWj WRVFDQD JLRYDQHHGLQDPLFDRSHUDWLYDDQFKHDOLYHOOR LQWHUQD]LRQDOH FKH QHO  ULOHYD OR VWRULFR PDUFKLR *20(  GD ROWUH  DQQL VLQRQLPR GLPHFFDQL]]D]LRQHDJULFRODGLTXDOLWjFRQOD SURGX]LRQHGLJHQHUDWRULGLFDORUHSHUFROWXUH SURWHWWH VLVWHPL GL HVVLFFD]LRQH GL WDEDFFR OHJQDPLHSURGRWWLDJURDOLPHQWDUL 'D VHPSUH O·LPSHJQR SURJHWWXDOH H WHFQRORJLFRGL*20(qGHGLFDWRDOO·H΀ FLHQ]D HQHUJHWLFD HG L ULVXOWDWL VRQR GLͿXVDPHQWH ULFRQRVFLXWL FRPH WHVWLPRQLDQR OH FLUFD XQLWjGLPDFFKLQHYHQGXWHGDJOLDQQL ¶ DG RJJL /D ´FHQWUDOL]]D]LRQHµ FRQ LO ´FRQWUROORHODJHVWLRQHDXWRPDWL]]DWLµGHJOL LPSLDQWL GL ULVFDOGDPHQWR KDQQR SHUPHVVR GL RWWLPL]]DUH FRVWDQWHPHQWH L FRQVXPL SHU FHQWUL GL SURGX]LRQH RUWRÁRURYLYDLVWLFD H GL HVVLFFD]LRQH GHO WDEDFFR SLXWWRVWR FKH GL DJURDOLPHQWL 0D OD YHUD JUDQGH RFFDVLRQH SHU GDUH DOO·H΀ FLHQ]D XQ VRVWDQ]LDOH YDORUH GL ULVSDUPLR HQHUJHWLFR VL q SUHVHQWDWD FRQ O·DYYHQWRGHOOHIRQWLULQQRYDELOLGHLWUDJXDUGL WHFQRORJLFLUDJJLXQWLSHULOORURVIUXWWDPHQWRH VRSUDWWXWWRGHLVLVWHPLLQFHQWLYDQWLFKHKDQQR SHUPHVVR OD VRVWHQLELOLWj ÀQDQ]LDULD GHOOD ORUR LQWURGX]LRQH /D QDWXUDOH SURVVLPLWj GHOO·DJURLQGXVWULD DOOH HQHUJLH DJURIRUHVWDOL KD SHUPHVVR D *20( GL VSHULPHQWDUH H PHWWHUHDSXQWRVLVWHPLLQWHJUDWLDOLPHQWDWLD ELRPDVVHOHJQRVHGLJUDQGHSRWHQ]DWHUPLFD H D FRVWL FRQWHQXWL SHU JHVWLUH SURFHVVL LQGXVWULDOL DG DOWD H΀ FLHQ]D H DO FRQWHPSR

OHJDWLDOOHGL΀ FLOLUHJROHHFRQRPLFKHSURSULH GHOFRPSDUWRDJULFROR &RQ O·DYYHQWR GL +L7HFK 5HVRXUFH LO QXRYR PDQDJHPHQW KD GHOLQHDWR XQ·H΀ FDFH VWUDWHJLD GL YDORUL]]D]LRQH GHOOD SUH]LRVD HVSHULHQ]D *20(  DWWUDYHUVR XQ·DFFXUDWD HODERUD]LRQH LQJHJQHULVWLFD HG LQIRUPDWLFD SHU WUDVIHULUQH L EHQHÀFL D WXWWR LO PRQGR LQGXVWULDOHGRYHOHDSSOLFD]LRQLSRVVLELOLVRQR LQQXPHUHYROL FRQFHULHODYDQGHULHFDVHLÀFL ELUULÀFL H PDOWLÀFL LPSLDQWL GL HVVLFFD]LRQH VWHULOL]]D]LRQHSDVWRUL]]D]LRQHFRWWXUD GHJOL DOLPHQWL SHU FLWDUH DOFXQL HVHPSL  LQ SUDWLFDRYXQTXHVLXWLOL]]LFDORUHGLSURFHVVR FRQDOWDVSHFLÀFLWjGLSHUVRQDOL]]D]LRQH *UD]LHDOODGHÀQL]LRQHGLVWDQGDUGWHFQRORJLFL DGHJXDWL +L7HFK 5HVRXUFH q ULXVFLWD D FRQVROLGDUH SDUWQHUVKLS FRQ LPSRUWDQWL VRFLHWj GL FDSLWDO YHQWXUH RͿUHQGR DL SURSUL FOLHQWL L VHJXHQWL EHQHÀFL LQYHVWLPHQWR LQL]LDOH SURVVLPR DOOR ]HUR DEEDWWLPHQWR LPPHGLDWRGHOODVSHVDHQHUJHWLFDIUDLOHG LOHGXQ5LWRUQRVXOO·,QYHVWLPHQWR 52,  PROWRHOHYDWR ,Q TXHVWR ULVLHGH LO YHUR SXQWR GL IRU]D H O·DWWXDOH VXFFHVVR GHO PRGHOOR GL EXVLQHVV LPSOHPHQWDWR

'*%+&+)$'/ 222&+)$'/   


        !

  /D 'LWWD 3HJDVR 6UO q QDWD QHO  GDOO·HVL JHQ]DGLFUHDUHXQ·DJHQ]LDGRJDQDOHHVWHUQD DOODGLWWDGLVSHGL]LRQLQHOODTXDOHODYRUDYD QR L GXH DPPLQLVWUDWRUL HG DOFXQL LPSLHJD WL SHU DVVLVWHUH OH LPSUHVH QHOOH RSHUD]LRQL GRJDQDOL FRQ SURIHVVLRQDOLWj H FRPSHWHQ]D 2JJLO·D]LHQGDFRQWDGLSHQGHQWLGLVORFDWL WUDODVHGHGL3UDWRODÃ&#x20AC;OLDOHGL9LJQDWH 0, H O·XÎ&#x20AC; FLRRSHUDWLYRGL)LUHQ]H 6LJ '·DQJHOR GL FRVD VL RFFXSD OD YRVWUD D]LHQGD" /D QRVWUD DWWLYLWj q Ã&#x20AC;QDOL]]DWD DOOD FRPSH WHQWH H SURIHVVLRQDOH DVVLVWHQ]D DOOH D]LHQGH QHOO·HVSOHWDPHQWR GL WXWWH OH IRUPDOLWj GR JDQDOL GL LPSRUW²H[SRUW LYL FRPSUHVH DQ FKH OH SURFHGXUH LQWUDFRPXQLWDULH  HG DOOD FRQVXOHQ]D LQ PDWHULD PHUFHRORJLFD Ã&#x20AC;VFDOH WHFQLFD GRJDQDOH WULEXWDULD HG LQ TXDOVLDVL DOWURDPELWRVWUHWWDPHQWHFRQQHVVRDOVHWWRUH GRJDQDOH &KLVRQRLYRVWULSULQFLSDOLFOLHQWL" ,OQRVWURSRUWDIRJOLRFOLHQWLqSLXWWRVWRDPSLR DQFKHJUD]LHDOODFROODERUD]LRQHFRQODGLWWD $OELQLH3LWLJOLDQLFRQODTXDOHVLDPROHJDWL GDOSXQWRGLYLVWDVRFLHWDULRFKHDYHQGRÃ&#x20AC;OLD OLLQTXDVLWXWWLLSDHVLGHOPRQGRFLSHUPHWWH GL RSHUDUH DOO·LQWHUQR GL YDULH H GLYHUVH SR OLWLFKHHFRQRPLFKHHFRPPHUFLDOLLQWHUQD]LR QDOL&RQLQRVWULVHUYL]LFRSULDPRWXWWLLVHW

WRULLQGXVWULDOLGDOWHVVLOHDOFDO]DWXULHURÃ&#x20AC;QR DOO·DWWLYLWjPHFFDQLFD6LDPRVSHFLDOL]]DWLQHO VHWWRUH ROHDULR ROWUH D SRWHU  DQQRYHUDUH WUD L QRVWUL PLJOLRUL FOLHQWL DOFXQL IUD L PDJJLRUL EUDQGLWDOLDQLGHOOXVVR 4XDOL VRQR L SXQWL GL IRU]D GHOOD YRVWUD D]LHQGD" 3URIHVVLRQDOLWj H GHGL]LRQH DO FOLHQWH VRQR LO QRVWURSXQWRGLIRU]DXQLWDPHQWHDGXQRVWDÍ¿ JLRYDQHHGLQDPLFRVHPSUHDWWHQWRHGLQIRU PDWRVXOOHQXRYHQRUPDWLYHGRJDQDOLOHJJLH UHJRODPHQWLLQFRQWLQXDHYROX]LRQH

9LqPDLVXFFHVVRGLDYHUHDFKHIDUHFRQVHW WRUL PHUFHRORJLFL R SDHVL QXRYL DOOD YRVWUD HVSHULHQ]D" Ã&#x2039;UDURPDSXzVXFFHGHUH3HUTXHVWRDEELD PRGHLFRQWDWWLGLUHWWLFRQXQXÎ&#x20AC; FLRGLFRQ VXOHQ]DD%UX[HOOHVFRQLOTXDOHFROODERULDPR H FL FRQIURQWLDPR SHU ULVSRQGHUH D TXHVLWL QXRYLGHOPHUFDWRHSRWHUVRGGLVIDUHVHPSUH LOFOLHQWH 222,$& .+".#'/

4XDQWR q LPSRUWDQWH O·DJJLRUQDPHQWR WHF QRORJLFRQHOYRVWURODYRUR" /·DJJLRUQDPHQWR WHFQRORJLFR q HVVHQ]LDOH SHU VRGGLVIDUH DO PHJOLR L GXH ELVRJQL SUL PDUL GHOOH D]LHQGH ULVSDUPLR HFRQRPLFR H RWWLPL]]D]LRQH GHL WHPSL 3HU TXHVWR RͿULD PRXQVHUYL]LRGLLQYLRWHOHPDWLFRGHOOHGR FXPHQWD]LRQL GRJDQDOH H PRGHOOL ,QWUDVWDW HG L QRVWUL FOLHQWL ULFHYRQR JLRUQDOPHQWH OD GRFXPHQWD]LRQH HODERUDWD LQROWUH SRVVRQR FROOHJDUVLFRQLOQRVWURVLWRZHEHWUDPLWHSDV VZRUGVFDULFDUHGLUHWWDPHQWHLGRFXPHQWLGL ORURSHUWLQHQ]D4XHVWDSURFHGXUDVSHULPHQ WDWDFRQLQRVWULPDJJLRULFOLHQWLKDULVFRVVR PROWL FRQVHQVL WDQWR FKH RJJL q HVWHVD DOOD TXDVLWRWDOLWjGHLVRJJHWWLGDQRLDVVLVWLWL

  


CONFINDUSTRIA TOSCANA SUD

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 52

Servono azioni rivoluzionarie per agganciare la ripresa Lo scenario industriale della Toscana sud, la mancanza di infrastrutture che penalizzano l’attrattività del territorio. Semplificazione amministrativa, finanza, lavoro e produttività le risposte contro la crisi di Giulia Maestrini

S

iamo alla canna del gas”. Non usa mezzi termini, il presidente della delegazione senese di Confindustria Toscana Sud, Paolo Campinoti, per delineare lo scenario industriale del proprio distretto. Perché nonostante i dati incoraggianti che arrivano a livello nazionale – tanto dall’Istat che vede segnali di ripresa, quanto dagli effetti del ‘Jobs Act’ che fanno segnare, a fine aprile, 159mila nuovi occupati – nelle terre di Siena

ancora soffia una brezza gelida. Colpa della decennale e incancrenita assenza di infrastrutture che limitano l’attrattività del territorio nei confronti, soprattutto, degli investimenti stranieri e colpa di una crisi locale che si è sommata a quella nazionale, generando un mix soffocante. E’ il momento, dunque, di guardare avanti. Non soltanto a parole, ma con azioni innovative e condivise, allo scopo di attrarre investimenti e fre-

nare il processo di deindustrializzazione del territorio. In questa direzione si è già mossa la delegazione senese di Confindustria, individuando tre tematiche principali su cui vale la pena attivare una riflessione: semplificazione amministrativa, finanza, lavoro e produttività. Il primo passo è stato tracciato lo scorso 20 maggio, nel corso di un convegno cui hanno partecipato anche i vertici confederali nazionali di Cgil e Cisl. Perché al centro di tutto

c’era la principale proposta che Confindustria sta mettendo sul tavolo: l’applicazione della contrattazione di secondo livello che potrebbe rappresentare uno strumento in grado di favorire maggiormente la tenuta e lo sviluppo del sistema, individuando nuove forme organizzative e consentendo le deroghe sugli aspetti gestionali del rapporto di lavoro. La realizzazione di un accordo quadro – che soddisfi le esigenze di efficienza e


CONFINDUSTRIA TOSCANA SUD competitività delle imprese senza tralasciare, al contempo, le aspettative dei lavoratori riguardo ai livelli retributivi – potrebbe intervenire con particolare efficacia in un contesto produttivo come quello senese, caratterizzato principalmente dalla presenza di piccole e medie imprese che sentono l’esigenza di recuperare adeguati livelli di produttività per far fronte alla crisi prolungata e alle ostiche condizioni di mercato. E potrebbe tracciare linee guida comuni, definendo una ‘cornice’ per la realizzazione dei singoli accordi aziendali. Presidente Campinoti, insomma il quadro senese non è roseo… “In tutta Italia, ma principalmente a Siena, ci servono azioni rivoluzionarie: senza scelte coraggiose rischiamo davvero di ritrovarci senza un futuro”. Siena sta pagando il proprio passato? “Quello che negli anni è stato l’effetto positivo del Monte dei Paschi, oggi al contrario può essere dirompente: il territorio non è abituato a vivere all’interno di una logica di mercato perché è sem-

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 53

pre cresciuto e si è sviluppato in una condizione ‘drogata’ dal benessere e dal flusso di finanziamenti. Ne abbiamo goduto fino a poco tempo fa, ma oggi quell’impostazione mentale può essere un limite: ci ritroviamo in una realtà cui non siamo abituati”. Qual è la soluzione? “Per ora non l’abbiamo trovata, non abbiamo ancora trovato la forza di reagire. Forse perché una parte della società e della classe dirigente pensa ancora che ci sarà un miracolo e che tutto tornerà come prima. Non siamo ‘mentalizzati’ a cambiare passo; probabilmente ci sarà bisogno di un forte choc”. Eppure i dati nazionali iniziano a delineare uno scenario più ottimista… “A Siena esistono situazioni ormai croniche – penso all’assenza di infrastrutture – o che nel tempo si sono aggravate. Quindi, se anche inizia ad affacciarsi una ripresa, è ancora molto difficile che qualcuno scelga Siena per venire a investire, soprattutto dall’estero. Questo mi rende pessimista. Nessuno può farcela da solo, ecco perché è fondamentale attuare strate-

È il momento di scelte coraggiose solo così sarà possibile avviare nuovi percorsi gie di sistema”. A quali strategie si riferisce? “A quelle linee guida che abbiamo individuato anche nell’ultimo convegno. Un progetto reale di rilancio del nostro territorio deve fondarsi su un mix di interventi, in particolare produttività e lavoro, semplificazione amministrativa e finanza. Non è solo un punto che ci permette di essere competitivi, ognuno deve fare la propria parte. Credo che certe aperture, certe azioni, certi cambiamenti per noi siano ancora abbor-

Per un progetto reale di rilancio occorre un cambio di mentalità, che porti a superare gli ostacoli

dabili. E, in ogni caso, uno sforzo va fatto, quanto meno per non lasciare niente di intentato”. Una delle azioni individuate da Confindustria è proprio l’apertura di un tavolo con le parti sindacali – ma aperto anche ad altri attori del territorio, come università e amministrazioni locali – finalizzato al raggiungimento di un accordo quadro nella contrattazione di secondo livello. Perché è così importante? “Perché ci permette di risolvere problemi diversi e specifici per ogni azienda senza generalizzare. Al contempo, possiamo legare l’aumento della produttività e dei risultati a un corrispettivo aumento di retribuzione dei lavoratori. Capisco che da qualcuno può essere visto come un concetto ‘forte’, ma è l’unico modo per uscire dalla crisi e attirare capitali e investimenti. E’ impossibile parlare di aumenti di retribuzione in aziende che non fanno bene o che non presentano risultati. E’ difficile, è vero, ma è uno sforzo comune che dobbiamo fare tutti quanti”.


            

  /HRPDVWHU SHU L WHVVXWL GL DEELJOLDPHQWR 8RPR H 1DO\D SHU O·DEELJOLDPHQWR 'RQQD IRUQLVFRQR GD WHPSR OH SL SUHVWLJLRVH PDL VRQVGHOVHWWRUHGHOODPRGDHLSLTXDOLÃ&#x20AC;FDWL RSHUDWRULGHOODFRQIH]LRQHLQ,WDOLDHDOO·HVWH UR /D ORUR VWRULD GLPRVWUD FRPH VLD SRVVLELOH YLQFHUHOHVÃ&#x20AC;GHLPSRVWHGDOODJOREDOL]]D]LRQH VRSUDWWXWWRLQXQVHWWRUHFRPSHWLWLYRFRPHLO WHVVLOH ,QVHULWH DOO·LQWHUQR GHO GLVWUHWWR SUR GXWWLYR GHO WHVVLOH D 3UDWR HQWUDPEH VRQR VSHFLDOL]]DWHQHOODSURGX]LRQHGLWHVVXWLSHU O·DEELJOLDPHQWR UHDOL]]DWL FRQ Ã&#x20AC;EUH QDWXUDOL VLQWHWLFKHHDUWLÃ&#x20AC;FLDOLLQYDULDFRPSRVL]LRQH PRQRÃ&#x20AC;EUDRPLVWL 1HOSURSULRDJOLLQL]LGHOODFULVLHFRQR PLFDOHGXHD]LHQGHKDQQRVFHOWRGLDYYLDUH LQVLHPHLOORURSHUFRUVRGLFUHVFLWDSHUFRQVR OLGDUH OD ORUR FRPSHWLWLYLWj ,Q TXHVWR PRGR LO VHJPHQWR SURGXWWLYR VL q DOODUJDWR GDOOD OLQHD PDVFKLOH FRUH EXVLQHVV GL /HRPDVWHU

DTXHOODIHPPLQLOHUDSSUHVHQWDWDGD1DO\D *UD]LH D TXHVWD LQWHJUD]LRQH OH GXH D]LHQGH VRQRFUHVFLXWHHDGHVVRSXQWDQRWXWWRVXLQ QRYD]LRQH FUHDWLYLWj H ULFHUFD 4XLQGL LQYH VWLPHQWL FRQWLQXL LQ QXRYL PDWHULDOL QXRYH WHFQRORJLH H QXRYL SURFHVVL LQ SDUWQHUVKLS FRQFOLHQWLHIRUQLWRULGLSULPROLYHOOR /·HOHPHQWRFRPSHWLWLYRGL/HRPDVWHUH1DO\D VL IRQGD VXOOD FUHD]LRQH GL SURGRWWL VHPSUH QXRYLHULFFKLGLYDORULDJJLXQWLGDSURSRUUH DOOHIDVFHSLDOWHHGHYROXWHGLXQPHUFDWRLQ JUDQ SDUWH DJJUHGLWR GDL SDHVL LQ YLD GL VYL OXSSR$QFKHSHUTXHVWROHGXHVRFLHWjUHDOL] ]DQR L ORUR WHVVXWL DWWUDYHUVR O·XWLOL]]R GHOOD 2UGLWXUDH7HVVLWXUDGHOJUXSSRLQWHJUDWHSRL GDOOH FDSDFLWj SURGXWWLYH IRUQLWH GDL WHU]LVWL GHOVLVWHPDGHOGLVWUHWWRSHUOHIDVLGLWLQWRULD Ã&#x20AC;VVDJJLRHQRELOLWD]LRQHGHLWHVVXWL 'D XQD SDUWH TXLQGL F·q /HRPDVWHU FKH FRQ OHVXH&ROOH]LRQLRJJLqXQSURGXWWRUHGLUL IHULPHQWRVRSUDWWXWWRSHUTXHOOHWLSRORJLHGL

SURGRWWR FRPH L WHVVXWL GL OLQR H FRWRQH SHU DEELJOLDPHQWRPDVFKLOH,QTXHVWRVHJPHQWR TXHVWD6RFLHWjKDFRQVROLGDWRLOPDUFKLR&D SULWH[VWRULFDGHQRPLQD]LRQHGLXQDVHULHGL SURGRWWLGLPHGLRDOWDJDPPDLQÃ&#x20AC;EUHQDWX UDOLDÎ&#x20AC; DQFDQGRDQFKHLOEUDQG)OD[DUW &R LGHDWRSHUORVSHFLÃ&#x20AC;FRVHWWRUHGHOOLQR 'DOO·DOWUD 1DO\D FKH SHU O·DEELJOLDPHQWR IHPPLQLOH KD VHPSUH IDWWR GHO GLQDPLVPR FRPPHUFLDOHHGHOODYLYDFHIDQWDVLDQHOODFUH D]LRQH GHOOH FROOH]LRQL L VXRL SXQWL GL IRU]D 3DUWLFRODUPHQWHDOWRqLOJUDGRGLLQWHUD]LRQH H VFDPELR DOO·LQWHUQR GHO QXFOHR WHFQLFR GHL GLVHJQDWRUL FKH VYLOXSSDQR H IRQGRQR WHPL VWLOLVWLFL H FRQWHQXWL PHUFHRORJLFL SHU L TXD OL q LQGLVSHQVDELOH OD FRPELQD]LRQH GL YDUL HOHPHQWL FRPH O·HVSHULHQ]D H OD PRGHUQLWj O·LQIRUPD]LRQHFRQODULFHWWLYLWjFRQFHWWXDOHH GHOOHWHQGHQ]HPRGD1DO\DODYRUDRJQLWLSR GLÃ&#x20AC;ODWLOLQRVHWDFDFKHPHUHODQDFRWRQHH Ã&#x20AC;EUHPLVWHFRQFRQFHWWLLQQRYDWLYLHGLPRGD   


SHURWWHQHUHSURGRWWLLQJUDGRGLFDWDOL]]DUH VHPSUH SL OH DWWHQ]LRQL GHJOL VWLOLVWL FKH UL VFRQWUDQR QHO GHVLJQ H QHL Ã&#x20AC;VVDJJL SURSRVWL GDOO·D]LHQGD TXHOOD FUHDWLYLWj FKH LO PHUFDWR ULFKLHGH ,QHQWUDPEHWXWWLLWHVVXWLSUHVHQWDQRVHPSUH XQD FRPSRQHQWH PHUFHRORJLFD PROWR VROLGD GL ULIHULPHQWR DOOD TXDOLWj GHO PDWHULDOH QD WXUDOHGLEDVH&LzVLFRPELQDFRQODFRPSR QHQWH FUHDWLYD GHOOD FRVWUX]LRQH GHO WHVVXWR GHÃ&#x20AC;QLWDLQIDVHGLSURJHWWD]LRQHQHOFDVRGHO WHVVXWR WLQWR LQ Ã&#x20AC;OR RSSXUH FRQ LO SURFHGL PHQWRFUHDWLYRGHOOHWLQWXUHHGHLWUDWWDPHQWL Ã&#x20AC;VLFRFKLPLFL GL QRELOLWD]LRQH QHOOD IDVH GL Ã&#x20AC;VVDJJLR 'HODYDJJL LQYHFFKLDWXUH GHFROR UD]LRQLVWDPSHDHÍ¿HWWLPRGDYHQJRQRSUR SRVWLSHUODFRQIH]LRQHGLFDSLDOSDVVRFRQOH

XOWLPHWHQGHQ]HGLQXRYDYHVWLELOLWjGLYHUVR XWLOL]]RPLJOLRUHFRPIRUWFDSLIDFLOPHQWHOD YDELOLGHVWUXWWXUDWLHGLLPSLHJRGLVLQYROWRH PRGHUQR 1RQqXQFDVRTXLQGLFKH1DO\DH/HRPDVWHU ULHVFDQRDGLPSRUVLSHULOGHOORURIDW WXUDWR VXO PHUFDWR HVWHUR 6H OD SURSRVWD GL DOWDJDPPDGL/HRPDVWHUqOHJDWDVRSUDWWXWWR DOSDQRUDPDGHOODPRGDPDVFKLOHTXHOODGL 1DO\DVLFDUDWWHUL]]DSHUXQDFROOH]LRQHGRQ QD FRQWHPSRUDQHD UHDOL]]DWD FRQ WLSRORJLH LQQRYDWLYH H FRQWLQXH VSHULPHQWD]LRQL FKH IDQQRFRPXQTXHWHVRURGHOODWUDGL]LRQHHGHO NQRZKRZ D]LHQGDOH SL WUDGL]LRQDOH SXU HVSULPHQGRXQDJUDQGHOLEHUWjFUHDWLYD ,OVXFFHVVRGLTXHVWDEHQULXVFLWDVLQHUJLDGHO GLVWUHWWRWHVVLOHSUDWHVHqFRQIHUPDWRGDLQX

PHUL ROWUH  DGGHWWL FRPSOHVVLYDPHQWH XQ IDWWXUDWR GL  PLOLRQL GL HXUR LQ FRVWDQWH FUHVFLWDHFRQJUDQGLSURVSHWWLYHGLVYLOXSSR QHOIXWXUR /DVWRULDGL/HRPDVWHUH1DO\DGLPRVWUDFKH QRQRVWDQWHODFULVLGHOVHWWRUHHODSUHVHQ]DGL XQHFRQRPLDJOREDOHFRPSHWLWLYDVRSUDWWXW WRQHLEDVVLFRVWLGLSURGX]LRQHODYRJOLDGL LQQRYDUVL H PLJOLRUDUVL H OD ULFHUFD FRQWLQXD SHUVYLOXSSDUHHGDUHIRUPDDSURGRWWLGLDOWD TXDOLWjVRQRJOLLQJUHGLHQWLJLXVWLSHUXQDUL FHWWDD]LHQGDOHYLQFHQWH

   

  


CONFINDUSTRIA LIVORNO

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 56

Behavior Based Safety La sicurezza basata sui comportamenti: un approccio alla prevenzione basato su una “crescita culturale condivisa”. Un seminario organizzato da Confindustria Livorno mette in luce le “Best Practice”, messe in pratica da alcune aziende della provincia

L

a Behavior Based Safety trova le sue origini nella «Behavior Analysis», una branca della psicologia che, analizzando il comportamento umano, cerca di trovare delle soluzioni ad alcuni problemi reali e, in particolare, a quelli legati alla sicurezza sul lavoro. Secondo la definizione, la metodologia BBS, acronimo di Behavior Based Safety, osserva e misura il comportamento dei lavoratori potenzialmente non sicuro, individuando le attività da monitorare all’interno dei principali processi gestionali di un’azienda e focalizzandosi sulle possibilità di migliorare quelli più critici. Già dagli anni ’30, le statistiche dimostrano che circa il 90 per cento degli incidenti, verificatisi sul posto di lavoro, sono causati da una serie di comportamenti errati, posti in essere dal lavoratore stesso. I principi fondamentali della BBS “catalogano” i comportamenti in tre gruppi: COMPORTAMENTO CRITICO: atteggiamento mentale tale da esporre il lavoratore al rischio di infortuni; C O M P O RTA M E N T O A RISCHIO: qualsiasi attività che, in relazione a come viene svolta, espone al rischio di infortunio; COMPORTAMENTO SICURO: operare nel rispetto del-

le procedure, socialmente e aziendalmente accettate per agire in sicurezza. L’approccio innovativo della BBS è quello di lavorare sull’osservazione della modalità con cui viene svolta un’attività. Differentemente dai sistemi tradizionali, non agisce su condizioni strutturali o organizzative ma su ciò che è la causa reale dell’incidente, e cioè il comportamento umano. L’osservazione del comportamento viene analizzata dai lavoratori dello stesso livello, stimolati così a confrontarsi, e non rilevata dai Responsabili della Sicurezza, secondo gerarchie aziendali, con un collaterale miglioramento del clima aziendale, della produttività e dei rapporti interpersonali. Il processo BBS è costituito dalle seguenti tappe fondamentali: 1. identificazione, elenco e classificazione di comportamenti a rischio: tale attività porta alla definizione della specifica check-list basata sui dati storici dell’azienda; 2. rilevazione dei comportamenti sul posto di lavoro SICURI ed A RISCHIO, svolta da risorse interne appositamente formate al fine di osservare le attività lavorative e favorire il loro svolgimento in accordo con gli standard di sicurezza;

3. identificazione del comportamento critico da affrontare, analisi delle cause e definizione delle azioni correttive; 4. applicazione delle azioni correttive per migliorare il comportamento. E’ il comportamento umano il fattore ultimo che può sensibilmente ridurre, se non azzerare, gli incidenti sul lavoro: riconoscere i comportamenti sicuri, eleggerli ad esempio ed incoraggiarli è uno degli aspetti fondamentali del processo. I comportamenti a rischio non devono essere repressi bensì analizzati per indagarne le cause e trovare delle soluzioni di miglioramento. Il ruolo dell’Azienda è decisivo in quest’ultima fase, la quale deve fortemente promuovere l’adozione di comportamenti sicuri nel quotidiano, fondamentali per lo sviluppo di cultura della sicurezza e la diffusione delle buone pratiche di prevenzione e riduzione dei rischi. Il 24 marzo u.s. Confindustria Livorno, in collaborazione con le aziende associate Eni, Solvay e Termisol Termica, ha organizzato un seminario, con l’obiettivo di divulgare la cultura della Sicurezza basata sui comportamenti come forma di eccellenza e come elemento aggiuntivo di crescita

culturale e di miglioramento continuo nell’ambito. Lucia Ginocchi, responsabile dell’area sicurezza ed ambiente di Confindustria Livorno, ha aperto i lavori illustrando i principi generali e i fondamenti del metodo. A testimonianza del proprio impegno ed dell’interesse su questi temi, sono successivamente intervenuti Mariam Massri, RSPP di Solvay Rosignano, Iacopo Rainaldi, RSPP di ENI Livorno ed Emanuele Aliotta, RSPP di Termisol Termica. Elemento comune dei tre interventi è stato quello di dimostrare l’efficacia del metodo BBS: la riduzione del numero di infortuni a mediolungo termine è il risultato più evidente dell’applicazione di questo metodo. “La crescita culturale condivisa” nell’ambito della Sicurezza è l’obiettivo ultimo dell’approccio BBS. E affinché ciò avvenga, l’Azienda in primis deve agire prontamente investendo su un’intensa attività formativa e stimolando la consultazione e la partecipazione di tutti gli “attori della Sicurezza”. Per informazioni contattare l’Area Sicurezza ed Ambiente di Confindustria Livorno: Ing. Lucia Ginocchi, tel 0586/263023; email: ginocchi@confindustrialivorno.it.


IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 58

CONFINDUSTRIA LUCCA, PISTOIA, PRATO

Lucca, Pistoia e Prato: quando l’industria diventa patrimonio di tutti Tre esperienze in cui le vocazioni produttive si diffondono fuori dalla fabbrica

(Lucca) “Il seme dell’Altissimo” a Expo 2015

U

n connubio inscindibile del fare industria e arte. Una capacità continua di rinnovamento, un legame strettissimo con il suo territorio e l’unicità dei suoi giacimenti, nel monte Altissimo, e della sua storia. Dalla sua costituzione, nel 1821, ad oggi, Henraux ha tracciato nel settore del marmo un percorso di sola eccellenza. La bellezza, la preziosità e l’alto valore intrinseco, artistico e culturale del marmo sono rappresentati all’Expo2015 da “Il Seme dell’Altissimo” di Emilio Isgrò, realizzato con marmo bianco del

Monte Altissimo. E’ un seme maestoso quello di Isgrò, sviluppato per un miliardo e cinquecento milioni di volte rispetto alla sua misura in origine, una scultura di sette metri d’altezza realizzata in marmo bianco, prezioso lapideo frutto delle Apuane. E’il simbolo con cui Henraux, sponsor ufficiale di Expo2015, intende dialogare con il mondo intero tramite la bellezza, l’arte e la sua poesia. L’opera, realizzata con l’ausilio delle maestranze dell’azienda e l’utilizzo dei sistemi di produzione più avanzati, è installata nell’accesso principale, Gate Ovest, dell’Expo Center e, in questa posizione privilegiata, accoglierà i milioni di visitatori che giungeranno a Milano da tutte le parti del mondo. “Il nostro fare impresa è fare cultura”. Dichiara Paolo Carli,

Presidente di Henraux Spa. “Desideriamo, nel segno del passato, contribuire alla storia. Per questo, in arte, in architettura e nel design diamo vita ad un’attività imprenditoriale di respiro internazionale. Il senso più alto del nostro lavoro è la ricerca delle espressioni creative maggiormente rispondenti al marmo, materiale scultoreo per eccellenza. Il Monte

Altissimo è un importante comprimario di quel genio dell’uomo che costruisce bellezza. Da qui inizia la nostra storia, da qui nascono le storie delle opere che parlano di noi. E oggi con“Il Seme dell’Altissimo” è germinata, dal genio di Emilio Isgrò, una nuova straordinaria scultura in marmo che presentiamo al mondo intero ad Expo2015”.


CONFINDUSTRIA LUCCA, PISTOIA, PRATO

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 59

(Prato) Expo 2015, il tessile di Prato per la solidarietà

A

(Pistoia) Un filo di pasta: anche così si narra un territorio

O

ccupa 400 addetti, con un valore aggiunto di 30 milioni di euro e ricavi per 156; è il comparto pistoiese della fornitura di tecnologie e materiali per il processing e il packaging. Settore produttivo fortemente orientato al futuro, ma decisamente legato anche alla tradizione produttiva locale; e con l’intenzione di far conoscere una filiera unica al mondo. E’ in omaggio ad essa che un gruppo di queste imprese pistoiese, dedite alla produzione di trafile per pasta e macchinari di packaging, oltre ad un pastificio, hanno

dato luogo ad un concorso con le scuole: Anico, Landucci, e Ricciarelli, ed il Pastificio Chelucci hanno permesso agli studenti pistoiesi di ideare trafile, packaging ed innovativa comunicazione, facendoli accedere nei loro stabilimenti e realizzare, affiancati dai tecnici delle aziende, originali prototipi. Il territorio ha fortemente influenzato le giovani menti: e se è uscita la “Pasta San Giovanni” (la cui forma richiama i motivi della romanica chiesa pistoiese), sono state prodotte trafile – e pasta – riferite a Pinocchio ed agli altri personaggi della fiaba. E le bugie diventano cibo; premiato lo slogan “Non dire le bugie: mangiale!” Forte quindi il richiamo a Pinocchio, nell’anno in cui ad Expo il burattino è testimonial della Toscana.

d Expo 2015 c’è anche il tessile di Prato: l’Unione Industriale Pratese è infatti sponsor tecnico del progetto Patch for Future promosso da Symbola – Fondazione per le qualità italiane in collaborazione con la KIP International School e veicolato dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca. Patch for Future ha ottenuto anche il patrocinio della stessa Expo 2015 e del Ministero dell’ambiente. L’iniziativa si definisce “un’opera collettiva di immaginazione del futuro” rivolta ai cittadini ed in particolare alle giovani generazioni. Sui ritagli di tessuto pratese saranno scritte frasi o disegnate immagini che rimandano ad idee, sogni e ambizioni riguardanti il

futuro. Sono chiamati a partecipare 6 milioni di studenti della scuola dell’obbligo, coinvolti dal Ministero dell’istruzione, e tutti i visitatori di Expo, dove Kip International School ha un suo stand. I ritagli, divenuti così messaggi per la costruzione di un futuro migliore, serviranno ad acquisire, attraverso il sito del progetto, contributi per le attività di Kip International School. Questa organizzazione promuove la diffusione delle conoscenze, delle innovazioni, delle politiche e delle pratiche territoriali coerenti con la Piattaforma del Millennio delle Nazioni Unite, in collaborazione con alcune delle principali organizzazioni delle Nazioni Unite fra cui FAO, ILO, UNHCR, UNICEF e UNESCO. Una selezione dei messaggi andrà invece a costituire, al termine di Expo, un’installazione dell’artista italo-iraniano Howtan Re, ideatore dell’iniziativa. Per saperne di più: www.patchforfuture.com

PINOCCHIO AMBASCIATORE AD EXPO DEL BUON VIVERE TOSCANO Pinocchio è legato a quel lembo di territorio che unisce le province di Pistoia e di Lucca; a Collodi infatti l’autore del famoso libro per bambini passò la sua infanzia e nel parco di “Pinocchio” gestito dalla Fondazione Nazionale Carlo Collodi sono raccontate le vicende dello scanzonato burattini. Oggi Pinocchio ha un compito importante: a lui l’onore e l’onere di rappresentare la Toscana nel Padiglione Italia di Milano Expo 2015, evocando il buon vivere della Toscana tra enogastronomia, storia, cultura, paesaggio e creatività. Un ambasciatore ideale, noto nel mondo forse più di quanto non riusciamo ad immaginare. «Ero più famosissimo anche di Pinocchio!» con questa frase Forrest Gump definisce se stesso, nel film cult che ha affascinato milioni di spettatori. E che la dice lunga sulla fama del nostro amico di legno.


Via Mantellini, 2/b - Fiesole Tel. 055/599595


CONFINDUSTRIA MASSA CARRARA

IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 61

Un nuovo capitolo per l’economia di Massa Carrara Un accordo di programma per superare conflittualità e chiusure, e costruire nuove prospettive tangibili

M

assa Carrara si prepara ad una svolta: da qualche tempo il clima che si respira nelle associazioni e negli incontri tra operatori e amministratori è diverso; non si recitano più soltanto litanie sulla crisi e sulla difficile situazione economica, non ci si piange addosso, ma si mettono a fuoco progetti che prefigurano un’inversione di rotta. Pur persistendo sacche di crisi (artigianato, edilizia, piccola distribuzione…), si avverte uno spirito nuovo, è tangibile la voglia di scrollarsi di dosso la rassegnazione alle vecchie politiche assistenziali. L’Associazione Industriali sta concentrando i propri sforzi per assecondare quello che si annuncia come un nuovo capitolo della storia locale. I progetti di cui si parla con crescente insistenza sono legati alle competenze professionali e alle caratteristiche distintive della nostra area e questo “ancoraggio” accresce la fiducia nella scommessa collettiva. C’è di più, ci sono impren-

ditori di altre zone che guardano con interesse alla zona industriale e vogliono trasferire/realizzare qui le proprie attività attirati dall’originale combinazione di dotazioni logistiche: una maglia di strade molto ampie, accesso diretto al porto, scalo merci e collegamento alla rete autostradale. Negli ultimi anni la reindustrializzazione aveva come protagonisti la nautica e le attività di supporto alle commesse di Nuovo Pignone, le nuove manifestazioni di interesse vengono ora da settori complementari. Le aree disponibili non sono molte e su una parte di queste gravano ancora i vincoli delle bonifiche, ma qualcosa si sta muovendo. Oltre ai già svelati progetti della cantieristica e della moda, al dinamismo imprenditoriale che traspare dal recupero delle aree ex Eaton, le novità più interessanti riguardano il settore lapideo che – sebbene stia vivendo un duro confronto con la Regione a tutela di legittimi interessi – mostra segni di grande vitalità e dove si stanno realizzando importanti

investimenti per il rilancio delle fasi di lavorazione dei marmi locali. I piazzali una volta dedicati esclusivamente alla commercializzazione dei blocchi lasciano il posto a moderni show room nei quali architetti e progettisti selezionano le lastre una per una, sbocciano laboratori dove schiere di giovani manovrano scanner e robot per realizzare oggetti di design valorizzando il marmo e declinandolo in molteplici forme. Tutto questo sicuramente è favorito dalla spinta dei mercati esteri che le imprese di Massa Carrara affrontano con particolare caparbietà, e dall’allentamento di alcuni vincoli sul fronte del credito e del lavoro mentre restano da sciogliere, a livello locale, i nodi più stretti:“liberazione”delle aree per insediamenti produttivi, decoro della zona industriale, certezza amministrativa, conflittualità negli atteggiamenti collettivi. La sfibrante lentezza delle procedure per la definizione dei piani urbanistici ingessa il territorio e blocca incomprensibilmente

progetti ambiziosi e non soltanto nel settore manifatturiero, un esempio per tutti il recupero delle colonie marine. La sottoscrizione di un apposito Accordo di programma tra Mise, Regione, Autorità Portuale ed Enti Locali offre strumenti e risorse per la prevenzione del dissesto idrogeologico e per le bonifiche delle aree dai vincoli Sin; interventi specifici sono previsti anche per migliorare l’accesso al porto (binari direttamente sulle banchine, rivitalizzazione trasporto merci su ferro, e dragaggio dei fondali). E’ molto importante che tutti gli attori locali siano convinti dell’importanza di questi progetti e che si faccia tutto il possibile per non strocare la ripresa sul nascere. E’ presto per affermare che è iniziato un nuovo capitolo dello sviluppo locale ma se si vuole davvero scriverlo, Massa Carrara dovrà mettere da parte la conflittualità interna e scrollarsi di dosso le chiusure amministrative per utilizzare al meglio bene le risorse dell’AdP.


IES | aprile-giugno 2015 | Pagina 62

    6SHFLDOL]]D]LRQHULFHUFDHÁHVVLELOLWj

     !#  #    ]LD]LRQHGLÁRWWHHSHUVRQH 3HUUHDOL]]DUHSURGRWWLLQQRYD WLYL VHUYRQR SHUVRQH DQLPDWH GD XQD IRUWH SDVVLRQH SHU OD WHFQRORJLD4XHVWRqLOWHDPGL 6WDUWLW 1HW 6ROXWLRQV FKH GDO  RSHUD TXRWLGLDQDPHQWH QHOODULFHUFDGHOOHVROX]LRQLSL LGRQHH SHU JDUDQWLUH DO FOLHQWH OR VWUXPHQWR SL DGDWWR DOOH SURSULH HVLJHQ]H 8QD GL TXH VWH q )OHHW7UDFN OD SLDWWDIRU PD GL FRQWUROOR VDWHOOLWDUH FKH DWWXDOPHQWHFRQWDXQLQVWDOODWR GLROWUHPH]]LVXWXWWRLO WHUULWRULR QD]LRQDOH HG HVWHUR &RQJOLDQQLVLqHYROXWD VHP SUH SL FRQTXLVWDQGR IHWWH GL PHUFDWRHDGRJJLULVXOWDHVVHUH XQD WUD JOL VWDQGDUG QD]LRQDOL QHOVXRVHWWRUH

    LQVLHPHD)DEUL]LR'RPLQLFL    !% &$  )OHHW7UDFN q XQD SLDWWDIRUPD ZHE FKH SHUPHWWH GL JHVWLUH H FRQWUROODUH L GDWL SURYHQLHQWL GDLPH]]LFKHVLDQRTXHVWLDX WRYHWWXUH YHLFROL FRPPHUFLDOL PH]]LSHVDQWLÀQRDGDUULYDUH DO FRQWUROOR SHU OD VLFXUH]]D SHUVRQDOH  3HUFKp XQ·D]LHQGD GRYUHEEH       SULDÁRWWD" , YDQWDJJL FKH QH ULFDYD VRQR PROWLVVLPL ,QQDQ]LWXWWR RW WLPL]]D]LRQH )OHHW7UDFN YLVXDOL]]D LQ WHPSR UHDOH OD SRVL]LRQHGHLYHLFROLGHOODÁRW WD D]LHQGDOH SLDQLÀFD OH SHU FRUUHQ]HOHRUHGLJXLGDGHJOL DXWLVWL H OD GLVWULEX]LRQH GHOOD

DWWLYLWj$QDOL]]DQGR L WUDFFLD WL GHL YHLFROL LGHQWLÀFD FRVu OH FULWLFLWj HG RWWLPL]]D L SHUFRU VL DXPHQWDQGR OD FXVWRPHU VDWLVIDFWLRQ GHL SURSUL FOLHQWL /D VHQVRULVWLFD GL ERUGR SRL q H΀FDFH QHOOD SUHYHQ]LRQH G·LQFLGHQWL SHU OD VWDQFKH]]D GLJXLGDRDOWUHFDXVH,QROWUHL UHSRUWIRUQLWLHODJHVWLRQHGHO OHQRWLÀFKHGLDOODUPLUHQGRQR SRVVLELOHLOFRQWUROORVXLFRQVX PL H OR VWLOH GL JXLGD IDFHQGR ULVSDUPLDUHDOO·D]LHQGDVSUHFKL GL FDUEXUDQWH H PDQXWHQ]LRQL HFFHVVLYH 1RQ GLPHQWLFKLDPR OD VRVWHQLELOLWj H ULVSHWWR GHOOH QRUPDWLYH JUD]LH DOOD GLUHW WD ULOHYD]LRQH H UDFFROWD GDWL GHOO·LQTXLQDPHQWR SURGRWWR GDO PH]]R ,QÀQH OD SUHVHQ]D GLXQVLVWHPDGLORFDOL]]D]LRQH VXLPH]]LSHUPHWWHODULGX]LR QHGHOSUHPLRDVVLFXUDWLYRFRQ XQFRQVHJXHQWHULVSDUPLR

/·D]LHQGD $XURJDOYDQLFD GL )DQWHFKL5 &FRQVHGHD)L UHQ]H q SUHVHQWH VXO PHUFDWR GDROWUHDQQLQHOVHWWRUHGHO OH ODYRUD]LRQL JDOYDQLFKH SX OLPHQWDWXUD H YHUQLFLDWXUD GL FRPSOHPHQWL G·DUUHGR LOOXPL QD]LRQH H DFFHVVRUL EDJQR SHU FRQWR WHU]L 7UH JHQHUD]LRQL VL VRQR VXVVHJXLWH DOOD GLUH]LRQH GHOODGLWWDHGRJJLSLFKHPDL q IRUWH O·LPSHJQR GL ULFHUFDUH FRQWLQXDPHQWH WHFQRORJLH LQ QRYDWLYHSHUHVVHUHDOSDVVRFRL WHPSLFRVuGDSRWHUDFFRQWHQWD UH WXWWH OH ULFKLHVWH GHL FOLHQWL $EELDPRSDUODWRFRQ5LFFDUGR )DQWHFKLXQRGHLWUHVRFLDWWXD OL FKH LQVLHPH DOOD VRUHOOD H DO FRJQDWRSRUWDDYDQWLO·D]LHQGD IRQGDWDGDOQRQQR  "#$! # #     "# " &RPH VL GL;HUHQ]H $XURJDO "# 1HOOD ]RQD VL q VYLOXSSDWR XQ GLVWUHWWR LQGXVWULDOH PROWR OHJDWR DOOH JULͿHV GL PRGD H SHOOHWWHULD SHU OD UHDOL]]D]LRQH GL ÀEELH H DFFHVVRUL ,O VHWWRUH GHOOHFHUDPLFKHHGHLFRPSOH PHQWL G·DUUHGR FKH XQD YROWD HUD LO VHWWRUH WUDGL]LRQDOH DW WXDOPHQWH q ULPDVWR PDUJLQD OH 1RL RSHULDPR SURSULR LQ TXHVWR DPELWR FRQ SHUVRQDOH HVSHUWR H TXDOLÀFDWRVLDPR O·DOWHUQDWLYD D FKL FHUFD ODYR UD]LRQLJDOYDQLFKHFKHHVXOLQR GDOO·DFFHVVRULR PRGD /D SUR

GX]LRQH GHOOD QRVWUD D]LHQGD VSD]LDTXLQGLGDLFRPSOHPHQWL G·DUUHGR O·DUUHGREDJQR O·LOOX PLQRWHFQLFD SDVVDQGR GDOO·H OHWWURPHGLFDOH DL VHWWRUL GHOOD PHFFDQLFD SL YDULD SHU ÀQLUH FRQ LO UHVWDXUR GHOOH DXWR H PRWRG·HSRFD

!   "  !   # (VVHQGR XQD VWUXWWXUD SLFFROD VLDPR LQ JUDGR GL RͿULUH HOD VWLFLWjQHOO·DQGDUHLQFRQWURDOOH SDUWLFRODULWj GHO FOLHQWH /·LQ WHUPHGLDWH]]D QHOO·DUULYDUH D FDSLUH OH HVLJHQ]H GHO FOLHQWH qIRQGDPHQWDOHFRVDFKHQHOOH JURVVH VWUXWWXUH SXz ULVXOWDUH SL GL΀FLOH SURSULR SHUFKp LO FOLHQWH VL GHYH ULYROJHUH D SL SHUVRQHHGLYHUVLX΀FL1RLFL PHWWLDPR D GLVSRVL]LRQH FRQ SURIHVVLRQDOLWjHÁHVVLELOLWjSHU DFFRJOLHUH RJQL WLSR GL ULFKLH VWD GDL SURGRWWL DOOH TXDQWLWj GDODYRUDUHËLQROWUHSRVVLELOH UHDOL]]DUHFDPSLRQDWXUHRPHW WHUHDSXQWRÀQLWXUHVXVSHFLÀ FKHULFKLHVWHGHOFOLHQWH 3RVVLDPR HVHJXLUH ODYRUD]LRQL JDOYDQLFKH ROWUH FKH VXL FODV VLFL IHUUR RWWRQH UDPH DQFKH VX DOOXPLQLR FRVD FKH SRFKH D]LHQGH GHO VHWWRUH IDQQR VR SUDWWXWWRQHOODQRVWUDSURYLQFLD PDDQFKHQHOODVWHVVDUHJLRQH 7HO

   

      

 

   ZZZÁHHWWUDFNLW   

  


IES | luglio-settembre 2014 | Pagina 27

VIA SAN GALLO, 31 - 50129 FIRENZE, ITALIA www.loggiafiorentina.com - hotel@loggiafiorentina.com - +39 055/4625016 - +39 333/788 3488 - P.IVA 06450490484


        

Il nuovo Centro Congressi "Il Globo", completamente ristrutturato, dotato di tutte le nuove WHFQRORJLHRIIUHXQ·DPSLDJDPPDGL6DOH5LXQLRQLWXWWHFRQOXFHQDWXUDOH 7UH6DOH3ULQFLSDOLXQDGLPTXQDGLPTHXQDGLPTGLYLVLELOLLQVRWWRVDOHVL aggiungono alla vasta disponibilità di altre sale più piccole fino a raggiungere 18 sale di sottocommissione. 3RVVLELOLWjGL9LGHRFRQIHUHQ]HHYHQWLILQRDSHUVRQH 6DOH3OHQDULHFRQ3ULQFLSDOHH 6HFRQGDULH  6LVWHPDGL%LODQFLDPHQWRGL%DQGD,QWHUQHWFKHGLVWULEXLVFHOD)LEUD2WWLFDILQRDPEELODQFLDWL /·LQWHUDFRSHUWXUDGHO6LVWHPD:L)LFRQVHQWHFROOHJDPHQWRILQRD8WHQWLFRPSOHVVLYLH contemporanei. Per informazioni e Prenotazioni : Ilaria Tarch Event Coordinator Meeting & Congress Dept. events@hotelmediterraneo.com

Adele Varrecchio Event Coordinator Meeting & Congress Dept. mice@hotelmediterraneo.com

Grand Hotel Mediterraneo 4**** Centro Congressi "Il Globo" Lungarno del Tempio, 44 - 50121 Firenze â&#x20AC;&#x201C; Italy Tel +39 055660241- int 3 - Fax +39 055679560 www.hotelmediterraneo.com â&#x20AC;&#x201C; www.fhhotelgroup.it

members of

FLORENCEHOTEL

Ies Industria e Sviluppo n.2 2015 - Energia  
Ies Industria e Sviluppo n.2 2015 - Energia  
Advertisement